Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Storia della decadenza e rovina dell'impero romano, volume 2 (of 13)
Author: Gibbon, Edward, 1737-1794
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Storia della decadenza e rovina dell'impero romano, volume 2 (of 13)" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                               STORIA

                       DELLA DECADENZA E ROVINA

                          DELL'IMPERO ROMANO


                                 DI
                           EDOARDO GIBBON


                       TRADUZIONE DALL'INGLESE


                           VOLUME SECONDO



                               MILANO
                         PER NICOLÒ BETTONI
                             M.DCCC.XX



STORIA DELLA DECADENZA E ROVINA DELL'IMPERO ROMANO



CAPITOLO XI.

      _Regno di Claudio. Disfatta dei Goti. Vittorie, trionfo e morte
      di Aureliano._


Sotto i deplorabili regni di Valeriano e di Gallieno, l'Impero fu
oppresso e quasi distrutto dai Soldati, dai Tiranni e dai Barbari. Lo
salvò una serie di gran Principi, che traevano un'oscura origine dalle
marziali province dell'Illirico. Nel giro di quasi trenta anni Claudio,
Aureliano, Probo, Diocleziano, ed i suoi colleghi trionfarono degli
stranieri e de' domestici nemici dello Stato; ristabilirono la militar
disciplina, la forza delle frontiere, e meritarono il glorioso titolo di
Ristauratori del Mondo Romano.

La caduta di un effemminato tiranno aprì la strada ad una successione di
Eroi. L'indignazione del popolo imputava a Gallieno tutte le sue
calamità; e la maggior parte, invero, erano conseguenze de' suoi costumi
e della indolente sua condotta nel governo. Era privo perfino del
sentimento di onore, che supplisce sì spesso alla mancanza della
pubblica virtù; e finchè potè godere il possesso dell'Italia, una
vittoria riportata dai Barbari, la perdita di una provincia, o la
ribellione di un Generale, raramente disturbò il tranquillo corso de'
suoi piaceri. Finalmente un esercito considerabile, accampato sul
Danubio superiore, rivestì della porpora Imperiale il suo condottiero
Aureolo, che sdegnando un angusto ed infecondo regno sulle montagne
della Rezia, passò le Alpi, occupò Milano, minacciò Roma, e sfidò
Gallieno a disputare in campo la sovranità dell'Italia. Provocato
dall'insulto l'Imperatore, ed intimorito dall'imminente pericolo,
subitamente mostrò quell'ascoso vigore, che qualche volta si manifestava
a traverso l'indolenza del suo carattere. Staccatosi con violenza dagli
agi del palazzo, comparve armato in fronte alle sue legioni, e si avanzò
ad incontrare di là dal Po il suo competitore. Il corrotto nome di
Pontirolo[1] conserva ancora la memoria di un ponte sull'Adda, che,
durante l'azione, debbe essere stato un oggetto della maggiore
importanza per ambo gli eserciti. Il Retico usurpatore, dopo aver
ricevuto una totale disfatta ed una pericolosa ferita, si ritirò in
Milano. Ne fu immediatamente formato l'assedio; furon le mura battute
con ogni macchina dagli antichi usata; ed Aureolo, incerto della interna
sua forza, e senza speranza di straniero soccorso, si presagì fin
d'allora le funeste conseguenze di una inutile ribellione.

[A. D. 268]

L'ultimo suo espediente fu un tentativo di sedurre la lealtà degli
assediatori. Sparse pel loro campo de' libelli, ne' quali invitava le
truppe ad abbandonare un indegno Sovrano, che sacrificava al suo lusso
la pubblica felicità, e le vite dei suoi più stimabili sudditi ai più
leggieri sospetti. Gli artifizj di Aureolo diffusero i timori, gli
scontenti tra i principali Uffiziali del suo rivale. Una cospirazione fu
tramata da Eracliano Prefetto del Pretorio, da Marciano Generale di alto
grado e di riputazione, e da Cecrope, che comandava un numeroso corpo di
guardie dalmatine. La morte di Gallieno fu risoluta, e non ostante il
lor desiderio di prima terminare l'assedio di Milano, l'estremo
pericolo, che accompagnava ogni momento d'indugio, gli obbligò ad
affrettare l'esecuzione del loro ardito disegno. Sull'ultim'ora della
notte, mentre l'Imperatore tuttavia prolungava i piaceri della tavola,
gli fu portata improvvisamente la nuova, che Aureolo, alla testa di
tutte le sue forze, avea fatta dalla città una disperata sortita;
Gallieno, che non mancò mai di valor personale, balzò dal suo serico
letto, e senza frappor dimora per armarsi o per adunar le sue guardie,
montò a cavallo, e corse veloce al luogo del supposto assalto.
Circondato dai suoi dichiarati o nascosti nemici, in mezzo al tumulto
notturno ricevè ben presto un colpo mortale da incerta mano. Prima di
spirare, un sentimento di patriottismo, risvegliatosi nell'animo di
Gallieno, lo indusse a nominare un degno successore, e l'ultima sua
domanda fu che si dessero gli ornamenti imperiali a Claudio, che allora
comandava un corpo staccato d'armata nelle vicinanze di Pavia. Almeno
questa voce fu diligentemente propagata, e l'ordine con piacere eseguito
dai congiurati, i quali avevan di già convenuto di metter Claudio sul
trono. Alla prima nuova della morte dell'Imperatore, mostrarono le
truppe qualche sospetto e risentimento, finchè l'uno fu dissipato, e
l'altro addolcito con un donativo di venti monete d'oro ad ogni soldato.
Ratificarono essi allora l'elezione, e riconobbero il merito del loro
nuovo Sovrano[2].

L'oscurità, che ricopriva l'origine di Claudio, benchè fosse di poi
abbellita da alcune adulatrici finzioni[3], manifesta abbastanza la
bassezza della sua nascita. Questo solamente si può sapere, ch'egli era
nativo di una delle Province confinanti col Danubio; che la sua gioventù
fu consumata tra l'armi, e che il suo modesto valore meritò il favore e
la confidenza di Decio. Il Senato ed il Popolo già lo consideravano come
un eccellente Uffiziale, degno dei più importanti impieghi; e
censurarono la disattenzione di Valeriano, che lo teneva nel posto
subordinato di Tribuno. Ma distinse non molto dopo quell'Imperatore il
merito di Claudio, dichiarandolo primo Generale della frontiera Illirica
col comando di tutte le truppe nella Tracia, nella Mesia, nella Dacia,
nella Pannonia e nella Dalmazia, collo stipendio del Prefetto
dell'Egitto, con gli onori del Proconsole dell'Affrica, e con la sicura
speranza del Consolato. Per le sue vittorie sopra i Goti egli meritò dal
Senato l'onore di una statua, ed eccitò i gelosi timori di Gallieno. Era
impossibile che un soldato stimar potesse un Sovrano così dissoluto, ed
un giusto disprezzo si può difficilmente celare. Alcune imprudenti
espressioni proferite da Claudio, furono officiosamente riportate a
Gallieno. La risposta dell'Imperatore ad un Uffiziale di confidenza,
dipinge al vivo il carattere di lui e quello dei tempi. «Niente vi è che
dar mi possa un più serio disgusto che la notizia contenuta nell'ultimo
vostro dispaccio[4]; che alcune maligne suggestioni abbiano indisposto
contro noi l'animo del nostro amico e _Padre_ Claudio. Per quella
fedeltà che ci dovete, usate ogni mezzo per quietare il suo
risentimento, ma conducete l'affare con secretezza; non venga questo a
notizia dei soldati della Dacia; sono essi già provocati, e ciò potrebbe
infiammare il loro furore. Io stesso ho mandati a lui alcuni doni; sia
vostra cura ch'egli con piacere li accetti. Sopra tutto fate ch'ei non
sospetti ch'io sono informato della sua imprudenza. Il timor del mio
sdegno potrebbe indurlo a disperate risoluzioni»[5]. I doni che
accompagnavano questa umile lettera, colla quale il Monarca, procurava
di riconciliare a sè il malcontento suo suddito, consistevano in una
considerabil somma di danaro, in abiti magnifici ed in un ricco
vasellame d'oro e d'argento. Con tali arti Gallieno addolcì lo sdegno, e
dissipò i timori del suo illirico Generale; ed in tutto il rimanente di
quel regno fu la formidabile spada di Claudio sempre sguainata per la
causa di un Sovrano da lui disprezzato. Vero è, ch'egli ricevè
finalmente dai congiurati l'insanguinata porpora di Gallieno; ma egli
era stato lontano dal loro campo e dai loro consigli; e benchè forse
lodasse il fatto, possiamo francamente presumere, ch'egli non fosse reo
di alcuna antecedente notizia[6]. Quando Claudio salì sul trono, era
quasi nell'età di cinquantaquattr'anni.

L'assedio di Milano fu tuttavia continuato, ed Aureolo presto si avvide,
che i suoi artifizj non avevano avuto altro successo che di suscitargli
un più risoluto avversario. Tentò egli di aprire con Claudio un trattato
di alleanza e di divisione. «Ditegli» (replicò l'intrepido Imperatore)
«che se tali proposizioni fossero state fatte a Gallieno, _egli_ forse
le avrebbe pazientemente ascoltate, ed avrebbe accettato un collega
disprezzabile al pari di lui[7].» Questo duro rifiuto, ed un ultimo
infelice sforzo obbligarono Aureole a rendersi con la città alla
discrezione del vincitore. Il giudizio dell'esercito lo dichiarò degno
di morte, e Claudio, dopo una debole resistenza, consentì che fosse la
sentenza eseguita. Nè lo zelo dei Senatori fu meno ardente per la causa
del loro nuovo Sovrano. Ratificarono forse con un sincero trasporto
d'animo l'elezione di Claudio, e siccome il Predecessore si era mostrato
personal nemico del loro ordine, così esercitarono sotto il velo della
giustizia una severa vendetta contro gli amici o la famiglia di lui. Fu
permesso al Senato di addossarsi l'odioso uffizio del castigo, e
l'Imperatore si riservò il piacere ed il merito di ottener con la sua
intercessione un atto di generale perdono[8].

Questa ostentata clemenza mostra meno il vero carattere di Claudio di
quel che il faccia una frivola circostanza, nella qual sembra ch'egli
abbia obbedito ai dettami del suo cuore. Le frequenti ribellioni delle
province avevano involto quasi ogni persona nel reato di tradimento,
quasi ogni patrimonio nel caso di confiscazione, e Gallieno spesso
mostrava la sua liberalità distribuendo tra i suoi uffiziali i beni dei
sudditi. All'avvenimento di Claudio, una vecchia donna si gettò a' suoi
piedi, lagnandosi che ad un Generale dell'ultimo Imperatore era stato
arbitrariamente donato il di lei patrimonio. Questo Generale era Claudio
stesso, che non era rimasto interamente illeso dalla corruzione dei
tempi. Arrossì l'Imperatore a questo rimprovero, ma si mostrò degno
della confidenza che quella avea avuta nella sua giustizia. La
confessione del suo fallo fu accompagnata da una subita ed ampia
restituzione[9].

Nell'arduo impegno, che Claudio aveva preso di ristabilire l'Impero nel
suo antico splendore, era prima necessario di ravvivare tra le sue
truppe un sentimento d'ordine e di obbedienza. Con l'autorità di un
veterano Comandante, rappresentò loro, che il rilassamento della
disciplina avea introdotta una lunga serie di disordini, dei quali
finalmente i soldati stessi provavan gli effetti; che un popolo rovinato
dall'oppressione, e indolente per la disperazione, non potea più
lungamente somministrare ad un numeroso esercito il mantenimento non che
le spese di lusso; che il pericolo di ogni individuo era cresciuto col
dispotismo dell'ordine militare, poichè i Sovrani, che tremavan sul
trono, provvedevano alla loro salvezza col pronto sacrifizio di ogni
suddito colpevole. L'Imperatore si estese su i mali di uno sregolato
capriccio, che i soldati potean soddisfare soltanto a spese del proprio
sangue; giacchè le sediziose loro elezioni eran così spesso state
accompagnate dalle guerre civili, che consumavano il fiore delle legioni
o sul campo di battaglia o nel crudele abuso della vittoria. Dipinse
egli coi più vivi colori lo stato dell'esausto tesoro, la desolazione
delle province, il disonore del nome Romano, e l'insolente trionfo dei
rapaci Barbari. Contro questi Barbari adunque egli dichiarò di voler
dirigere il primo sforzo delle loro armi. Regnasse pur Tetrico per
qualche tempo in Occidente, e conservasse pure Zenobia il dominio
dell'Oriente[10]; questi usurpatori erano suoi personali nemici: nè
potea egli pensare a soddisfare alcun privato risentimento, finchè
salvato non avesse un Impero, la cui imminente rovina avrebbe (non
essendo a tempo prevenuta) oppresso e l'esercito e il popolo.

[A. D. 269]

Le varie nazioni della Germania e della Sarmazia, che combattevano sotto
le gotiche insegne, avevan già raccolta un'armata più formidabile di
qualunque altra che mai fosse uscita dall'Eusino. Sulle rive del
Niester, uno dei gran fiumi che sboccano in quel mare, essi costruirono
una flotta di duemila o veramente di seimila vascelli[11], numero, che
per incredibil che possa sembrare, non sarebbe stato bastante a
trasportare la loro pretesa armata di trecentoventimila Barbari.
Qualunque esser potesse la forza reale dei Goti, il vigore ed il
successo della spedizione non furono adeguati alla grandezza dei
preparativi. Nel loro passaggio pel Bosforo gl'inesperti piloti furon
vinti dalla violenza della corrente; e mentre la moltitudine dei loro
vascelli era ristretta in un angusto canale, molti si ruppero urtando
l'uno contro l'altro o contro la terra. Fecero i Barbari alcune discese
sopra varie coste dell'Europa e dell'Asia, ma l'aperto paese era stato
già devastato, ed essi furono con vergogna e perdita rispinti da molte
fortificate città. Si sparse nella flotta lo sbigottimento e la
divisione, e molti dei loro capi fecero vela verso l'isole di Creta e di
Cipro; ma il grosso dell'armata, seguitando un corso più costante, si
ancorò finalmente vicino alle falde del monte Atos, ed assalì la città
di Tessalonica, opulenta capitale di tutte le province della Macedonia.
I loro assalti, nei quali mostravano un feroce ma sregolato valore,
furono presto interrotti dal rapido avvicinarsi di Claudio, che si
affrettava ad una scena d'azione degna della presenza di un Principe
bellicoso, alla testa di tutte le rimanenti forze dell'Impero. Non
volendo sopportar la battaglia, i Goti levarono subito il campo,
abbandonarono l'assedio di Tessalonica; e lasciando le loro navi al
piede del monte Atos, traversarono le colline della Macedonia, e si
spinsero avanti ad assalire l'ultima difesa dell'Italia.

Abbiamo ancora una lettera originale scritta da Claudio in questa
memorabile occasione al Senato ed al Popolo. «Padri coscritti (scrive
l'Imperatore) sappiate che trecentoventimila Goti hanno invaso il
territorio romano. Se io vinco, la vostra gratitudine ricompenserà i
miei servigi. Se cado, rammentatevi che sono successor di Gallieno.
L'intera Repubblica è affaticata ed esausta di forze. Combatteremo dopo
Valeriano, dopo Ingenuo, Regilliano, Lolliano, Postumo, Gelso, e mille
altri che un giusto disprezzo per Gallieno spinse alla sedizione. Noi
manchiamo di dardi, di lance e di scudi. La forza dell'Impero, la Gallia
e la Spagna sono usurpate da Tetrico, e con rossore confessiamo che gli
arcieri dell'Oriente servono sotto le insegne di Zenobia. Qualunque
impresa facciamo, sarà questa grande abbastanza[12].» Lo stile
malinconico e risoluto di questa lettera annunzia un Eroe che non cura
il suo fato, conosce il pericolo, ma ricava però dai suoi propri talenti
una ben fondata speranza.

[A. D. 270]

L'evento superò l'espettazione di lui e quella del Mondo. Colle più
segnalate vittorie liberò l'Impero da quell'esercito di Barbari, e fu
distinto dalla posterità colla gloriosa denominazione di Claudio Gotico.
Le storie imperfette di una guerra irregolare[13] non ci forniscono
materiali bastanti per descrivere l'ordine e le circostanze delle
imprese di lui; ma se ci fosse permessa una somigliante espressione,
distribuir potremmo in tre atti questa memorabil tragedia. I. La
decisiva battaglia fu data vicino a Naisso, città della Dardania. A
principio le legioni diedero in volta, oppresse dal numero, e disanimate
dalle loro sventure. Inevitabile era la rovina loro, se non avesse
l'abilità dell'Imperatore preparato un opportuno soccorso. Un grosso
distaccamento di soldati, uscendo dai secreti e difficili passi delle
montagne, che per ordine di lui avevan occupati, assalì improvvisamente
la retroguardia dei vittoriosi Goti. L'attività di Claudio profittò del
favorevol momento. Rianimò egli il coraggio delle sue truppe, riordinò
le lor file, ed incalzò i Barbari da ogni parte. Narrasi che fossero
cinquantamila uomini uccisi nella battaglia di Naisso. Vari numerosi
corpi di Barbari, coprendo la loro ritirata con una mobile
fortificazione di carriaggi, si ritirarono, o piuttosto fuggirono da
quel campo di strage. II. Possiamo presumere che qualche insuperabile
difficoltà, forse la stanchezza, forse la disubbidienza dei vincitori,
non permettesse a Claudio di compire in un giorno la distruzione dei
Goti. La guerra si sparse per le province della Mesia, della Tracia e
della Macedonia, e le sue operazioni si ridussero a varie mosse, e
sorprese, e tumultuari combattimenti sì per mare che per terra. Quando i
Romani soffrirono qualche perdita, ordinariamente ciò avvenne o per la
loro codardia o per la loro temerità; ma i superiori talenti
dell'Imperatore, la sua perfetta pratica dei paesi, e la giudiziosa sua
scelta de' provvedimenti e degli Uffiziali, assicurarono in moltissime
occasioni il buon successo delle sue armi. L'immenso bottino, frutto di
tante vittorie, consisteva la maggior parte in bestiami e schiavi. Uno
scelto corpo della gotica gioventù venne ricevuto nelle truppe
Imperiali; fu il rimanente venduto in ischiavitù; e fu il numero delle
donne prigioniere tanto considerabile, che n'ebbe ogni soldato due o tre
per sua parte: circostanza dalla quale si può concludere, che
gl'invasori aveano qualche disegno di stabilirsi, non meno che di
saccheggiare; giacchè in una navale spedizione ancora erano accompagnati
dalle loro famiglie. III. La perdita della lor flotta, che fu o presa o
sommersa, aveva impedita la ritirata dei Goti. I Romani avendo formato
un vasto cerchio di posti, distribuiti con arte, sostenuti con coraggio,
e che si ristringevano a poco a poco verso un centro comune, forzarono i
Barbari a ritirarsi nelle più inaccessibili parti del monte Emo, dove
trovarono un sicuro rifugio, ma una sussistenza assai scarsa. Nel corso
di un rigoroso verno, nel quale furono assediati dalle truppe
dell'Imperatore, la fame e la peste, la diserzione e la spada
continuamente diminuirono quella imprigionata moltitudine. Al ritorno
della primavera, non comparve in arme che una feroce e disperata truppa,
residuo di quell'oste possente, che si era imbarcata alla foce del
Niester.

La peste, che tanti Barbari uccise, divenne finalmente fatale al lor
vincitore. Dopo un breve ma glorioso regno di due anni, Claudio morì in
Sirmio, in mezzo alle lagrime ed alle acclamazioni de' sudditi.
Nell'ultima sua malattia convocò i principali Ministri dello Stato e
dell'esercito, e in lor presenza raccomandò Aureliano, uno dei suoi
Generali, come il più degno del trono, ed il più atto ad eseguir il gran
disegno, ch'egli stesso avea potuto soltanto intraprendere. Le virtù di
Claudio, il suo valore, l'affabilità[14], la giustizia e la temperanza,
il suo amor per la gloria e per la patria lo pongono nel piccol numero
di quegl'Imperatori, che aggiunsero lustro alla Romana porpora. Queste
virtù per altro furono celebrate con particolar zelo e compiacenza dai
cortigiani Scrittori del secolo di Costantino, il quale era bisnipote di
Crispo, fratello maggiore di Claudio. La voce dell'adulazione imparò
presto a ripetere, che gli Dei, i quali avean così frettolosamente tolto
Claudio alla terra, ricompensarono il suo merito e la sua pietà
perpetuando l'Impero nella sua famiglia[15].

Non ostante questi oracoli, la grandezza dei Flavj (nome che a loro
piacque di assumere) fu differita per più di vent'anni, e lo stesso
innalzamento di Claudio cagionò l'immediata rovina del suo fratello
Quintilio, il quale non ebbe moderazione o coraggio bastante per
discendere nella privata condizione, a cui lo avea condannato il
patriottismo dell'ultimo Imperatore. Senza indugio o riflessione egli
prese la porpora in Aquileia, dove comandava forze considerabili; e
benchè il suo regno durasse diciassette giorni soltanto, egli ebbe tempo
di ottenere la sanzione del Senato, e di provare una sedizion delle
truppe. Appena egli seppe che la grande armata del Danubio avea
conferita l'autorità Imperiale al ben conosciuto valor di Aureliano, si
sentì vinto dalla gloria e dal merito del suo rivale, e facendosi aprire
le vene, prudentemente si ritirò dalla ineguale contesa[16].

Il general disegno di quest'opera non ci permette di minutamente
riferire le azioni di ogni Imperatore dopo il suo avvenimento al trono,
molto meno di rintracciare le varie fortune della sua vita privata.
Osserveremo soltanto che il padre di Aureliano era un contadino del
territorio di Sirmio, il quale occupava una piccola tenuta appartenente
ad Aurelio, ricco Senatore. Il bellicoso suo figlio, arrolato nelle
truppe come soldato comune, divenne successivamente centurione, tribuno,
prefetto di una legione, ispettore del campo, generale, ovvero (come
allor si chiamava) duce di una frontiera; e finalmente nella guerra
Gotica esercitò l'importante uffizio di primo comandante della
cavalleria. In ogni grado si distinse per l'impareggiabil valore[17],
per la rigida disciplina, e per una fortunata condotta. Fu egli
rivestito del Consolato dall'Imperator Valeriano, che lo chiama, nel
pomposo linguaggio di quel secolo, il liberatore dell'Illirico, il
ristauratore della Gallia, ed il rivale degli Scipioni. Per la
raccomandazione di Valeriano, un Senatore del grado e del merito più
cospicuo, Ulpio Crinito, il cui sangue derivava dalla stessa sorgente di
quel di Traiano, adottò il contadino della Pannonia, diedegli in
matrimonio la sua figlia, e sollevò con l'ampio suo patrimonio l'onorata
povertà, che Aureliano avea mantenuta inviolata[18].

Il regno di Aureliano durò solamente quattr'anni e quasi nove mesi; ma
ogni momento di quel corto periodo fu illustrato da qualche memorabil
prodezza. Egli terminò la guerra Gotica, castigò i Germani che
invadevano l'Italia, ricuperò la Gallia, la Spagna, la Britannia dalle
mani di Tetrico, e distrusse la superba monarchia, che Zenobia avea
nell'Oriente innalzata sulle rovine dell'afflitto Impero.

Dovè Aureliano la continua fortuna delle sue armi alla rigorosa
attenzione posta agli articoli anche più minuti della disciplina. I suoi
militari regolamenti sono contenuti in una lettera assai concisa ad un
subalterno Uffiziale, al quale comanda di porli in vigore, se desidera
di divenir tribuno, o se gli è cara la vita. Il giuoco, il bere, e le
arti della divinazione erano severamente proibite. Aureliano pretendeva
che i suoi soldati fossero modesti, frugali e laboriosi; che sempre si
mantenesser lucenti le loro armi, aguzze le spade, pronti i vestiti e i
cavalli all'immediato servizio; che vivessero nei loro quartieri con
castità e sobrietà, senza danneggiare i campi di grano, senza rubare
neppure una pecora, un volatile, un grappolo di uva, senza esigere dai
loro ospiti nè sale, nè olio, nè legna. «La pubblica paga (continua
l'Imperatore) è bastante al loro sostentamento; le ricchezze debbono
ricavarsi dalle spoglie de' nemici e non dal pianto dei
Provinciali[19].» Un solo esempio servirà a mostrare il rigore, anzi la
crudeltà di Aureliano. Un soldato avea sedotta la moglie del proprio
ospite. Fu il misero colpevole legato a due alberi, che piegati a forza
l'uno con l'altro, e di poi violentemente separandosi, stracciarono le
di lui membra. Pochi consimili esempi impressero una salutevol
costernazione. I castighi di Aureliano eran terribili, ma raramente ebbe
occasione di punire due volte uno stesso delitto. La sua propria
condotta dava la sanzione alle sue leggi, e le sediziose legioni
temevano un Capo, che aveva imparato ad ubbidire, ed era degno di
comandare.

La morte di Claudio avea rianimato il languente spirito dei Goti. Le
truppe, che difendevano i passi del monte Emo e le rive del Danubio,
erano state richiamate pel timore di una guerra civile, e sembra
probabile, che il rimanente corpo delle Tribù Gotiche e Vandaliche,
abbracciando la favorevole occasione, abbandonasse i suoi stabilimenti
dell'Ucrania, attraversasse i fiumi, ed accrescesse con nuova
moltitudine la devastatrice armata de' suoi concittadini. Le loro
truppe, riunite, furono alfine incontrate da Aureliano, ed il sanguinoso
e dubbio conflitto finì solamente col venir della notte[20]. Spossati
per tante calamità da loro vicendevolmente date e sofferte in una guerra
di vent'anni, i Goti ed i Romani acconsentirono ad un durevole ed util
trattato. Fu questo premurosamente richiesto dai Barbari, e con piacere
ratificato dalle legioni, al voto delle quali il prudente Aureliano
commise lo scioglimento di quella importante questione. Si obbligarono i
Goti a fornire agli eserciti Romani un corpo di cavalleria di duemila
ausiliari, e stipularono in contraccambio una sicura e tranquilla
ritirata con un regolare mandato fino al Danubio, provveduto dalla cura
dell'Imperatore, ma a lor proprie spese. Fu il trattato osservato con
tanta religiosità, che quando una truppa di cinquecento uomini si staccò
dal campo per far delle prede, il Re, ovvero il Generale dei Barbari,
domandò che fosse il colpevole condottiero preso e saettato a morte,
come vittima consacrata alla santità de' loro trattati. È per altro
verosimile, che la precauzione di Aureliano, il quale aveva ritenuto
come ostaggi i figli e le figlie dei Gotici condottieri, contribuisse in
qualche parte a questa pacifica disposizione. Egli educò i giovani
all'esercizio dell'armi, e vicino alla sua propria persona; alle
donzelle diede una liberale e romana educazione, e concedendole in
matrimonio ad alcuni dei suoi principali Uffiziali, strinse a poco a
poco le due nazioni coi più tenaci e cari legami[21].

Ma la più importante condizione della pace fu piuttosto supposta che
espressa nel trattato. Ritirò Aureliano le forze Romane dalla Dacia, e
tacitamente abbandonò quella gran Provincia ai Goti ed ai Vandali[22].
Il suo maschio discernimento gli fe' conoscere i vantaggi reali, e
gl'insegnò a disprezzare il disonore apparente del ristringere in tal
guisa le frontiere della Monarchia. I sudditi Daci, rimossi da quelle
terre lontane, ch'essi non sapean nè coltivar nè difendere, aggiunsero
forza e popolazione alla parte meridionale del Danubio. Un fertile
territorio, cangiato in deserto dalle replicate scorrerie dei Barbari,
fu ceduto alla loro industria; ed una nuova provincia della Dacia
conservò sempre la memoria delle conquiste di Traiano. Nella Dacia
antica, per altro, rimase un considerabil numero di abitatori, ai quali
più che un Goto Sovrano fece orrore l'esilio[23]. Questi degenerati
Romani continuarono ad essere utili all'Impero, introducendo tra i lor
vincitori le prime idee dell'agricoltura, le arti utili, ed i comodi
della vita civile. Si stabilì a poco a poco una comunicazione di
commercio e di lingua tra le opposte rive del Danubio; e la Dacia,
divenuta indipendente, fu spesso l'argine più saldo dell'Impero contro
le invasioni dei selvaggi del Settentrione. Un sentimento d'interesse
legava all'alleanza di Roma questi Barbari inciviliti; ed un interesse
costante si converte bene spesso in sincera ed utile amicizia. Questa
mista colonia, che occupava l'antica provincia, e si era insensibilmente
confusa in un popolo numeroso, riconosceva tuttavia il superior nome, o
l'autorità della Gotica Tribù, e pretendeva l'immaginario onore di
trarre dalla Scandinavia l'origine. Nel tempo stesso la fortunata,
benchè casuale somiglianza del nome di Geti, infuse tra i creduli Goti
una vana credenza, che nei tempi remoti i loro antenati, già stabiliti
nelle province della Dacia, avessero ricevute le istruzioni di Zamolsi e
represse le vittoriose armi di Sesostri e di Dario[24].

Mentre la vigorosa e moderata condotta di Aureliano ristabiliva la
frontiera dell'Illirico, gli Alemanni[25] violarono le condizioni della
pace o comprate da Gallieno o imposte da Claudio, ed animati dalla
impaziente lor gioventù, corsero improvvisamente alle armi. Quarantamila
cavalli[26] e un doppio numero di fanti[27] apparvero in campo. I primi
oggetti della loro avarizia furono alcune poche città della Retica
frontiera; ma presto crescendo col buon successo le loro speranze,
sparsero gli Alemanni con rapida mossa la devastazione dalle rive del
Danubio a quelle del Po[28].

[A. D. 270]

L'Imperatore seppe quasi nel tempo stesso l'irruzione e la ritirata dei
Barbari. Radunato un attivo corpo di truppe, marciò con silenzio e
prestezza lungo l'Ercinia Foresta; e gli Alemanni, carichi delle spoglie
dell'Italia, arrivarono al Danubio, non sospettando, che sull'opposta
riva ed in un posto vantaggioso stesse celato un esercito Romano,
disposto ad impedire il loro ritorno. Aureliano favorì la fatal
confidenza dei Barbari, e lasciò che quasi metà delle lor forze passasse
il fiume senza precauzione veruna. La situazione e la sorpresa loro gli
procuravano una facil vittoria; e la sua ferma condotta ne accrebbe il
vantaggio. Disponendo le legioni in forma di semicerchio, avanzò i due
corni verso il Danubio, e volgendoli a un tratto verso il centro,
circondò la retroguardia dei Germani. I Barbari smarriti, dovunque
gettasser lo sguardo, vedevano con disperazione un paese deserto, un
fiume rapido e profondo, ed un vittorioso ed implacabil nemico.

Ridotti a questa infelice condizione, non isdegnarono gli Alemanni di
presto implorare la pace. Aureliano ricevè i loro Ambasciatori alla
testa del suo campo, e con tutta la pompa marziale, che potesse mostrare
la grandezza e la disciplina romana. Erano le legioni sulle armi in bene
ordinate schiere ed in profondo silenzio. I principali Comandanti,
distinti colle insegne del loro grado, stavano a cavallo dall'uno e
dall'altro lato del trono Imperiale. Dietro al trono s'innalzavano sopra
lunghe picche, coperte d'argento, le sacre immagini dell'Imperatore e
de' suoi Predecessori[29], le Aquile d'oro, ed i vari titoli delle
legioni, a lettere d'oro scolpiti. Quando prese Aureliano il suo posto,
il suo nobile portamento e la sua maestosa figura[30] insegnarono ai
Barbari a venerare la persona non meno che la porpora del lor vincitore.
Caddero in silenzio gli ambasciatori al suolo prostesi. Fu ad essi
ordinato di alzarsi e permesso di favellare. Coll'assistenza
degl'interpreti estenuarono eglino la loro perfidia, ma giustificarono
le loro imprese, si estesero sulle vicende della fortuna e su i vantaggi
della pace, e con inopportuna confidenza richiesero un abbondante
sussidio, quasi prezzo dell'alleanza, ch'essi offrivano ai Romani.

Fu la risposta dell'Imperatore aspra ed imperiosa. Trattò la loro
offerta con disprezzo, e con indignazione la loro richiesta; rimproverò
ai Barbari la loro ignoranza nelle arti della guerra e nelle leggi della
pace, e finalmente li licenziò colla sola scelta di rendersi a
discrezione, o di aspettare la maggior severità dal suo
risentimento[31]. Aveva Aureliano restituita ai Goti una remota
provincia; ma era pericoloso il fidarsi o il perdonare a que' perfidi
Barbari, la cui formidabil potenza teneva l'Italia stessa in continui
timori.

Pare che immediatamente dopo questo congresso, qualche improvviso evento
richiedesse la presenza dell'Imperatore nella Pannonia. Lasciò egli a'
suoi Generali la cura di compiere la distruzione degli Alemanni o col
ferro, o col più sicuro mezzo della fame. Ma l'attiva disperazione ha
spesso trionfato dell'indolente confidenza nella fortuna. Vedendo i
Barbari ch'era impossibile traversare il Danubio ed il campo Romano,
ruppero i posti della retroguardia, ch'erano, o più debolmente, o meno
diligentemente difesi, e con incredibil prestezza, ma per diverso
cammino, ritornarono verso i monti dell'Italia[32]. Aureliano, che
riguardava la guerra come affatto finita, ricevè la mortificante notizia
della fuga degli Alemanni e della devastazione da essi fatta nel
territorio di Milano. Fu alle legioni ordinato di seguitare con tutta la
speditezza, di cui erano capaci quei gravi corpi, la rapida fuga di un
nemico, l'infanteria e la cavalleria del quale si muovevano quasi con
egual celerità. Pochi giorni dopo, l'Imperatore istesso mosse al
soccorso dell'Italia conducendo uno scelto corpo di ausiliari (fra i
quali vi erano gli ostaggi e la cavalleria dei Vandali) e tutte le
guardie Pretoriane, che avevano servito nelle guerre fatte già sul
Danubio[33].

Essendosi le truppe leggiere degli Alemanni sparse dalle Alpi agli
Appennini, la continua vigilanza di Aureliano e dei suoi Uffiziali fu
occupata in discoprire, assaltare e perseguitare i numerosi loro
distaccamenti. Non ostante l'irregolarità di questa guerra, vengono
menzionate tre considerabili battaglie, nelle quali le forze principali
delle due armate si azzuffarono ostinatamente[34]. Fu vario il successo.
Nel primo combattimento vicino a Piacenza, i Romani riceverono un colpo
sì forte, che, secondo l'espressione di uno scrittore parzialissimo di
Aureliano, si temè l'immediata ruina dell'Impero[35]. Gli accorti
Barbari, che aveano circondati i boschi, assalirono improvvisamente le
legioni nell'oscurità della sera, e (come è molto probabile) dopo la
fatica e il disordine di una lunga marcia. Non poterono i Romani
resistere alla furia del loro assalto, ma finalmente, dopo una terribile
strage, la paziente costanza dell'Imperatore riordinò le suo truppe, e
ristabilì in qualche modo l'onore delle armi sue. La seconda battaglia
s'ingaggiò vicino a Fano nell'Umbria, sul terreno, che cinquecento anni
avanti era stato fatale al fratello di Annibale[36]. Cotanto i fortunati
Germani si erano avanzati lungo la via Emilia e Flaminia, con idea di
saccheggiare la mal difesa padrona del Mondo! Ma Aureliano, che
vigilando alla salvezza di Roma, era sempre loro alle spalle, trovò
quivi il decisivo momento di dar loro una totale ed irreparabil
disfatta[37]. Il fuggitivo residuo del loro esercito venne esterminato
in una terza ed ultima battaglia vicino a Pavia; e fu l'Italia liberata
dalle irruzioni degli Alemanni.

La paura è stata la prima madre della superstizione, ed ogni nuova
calamità induce i tremanti mortali a scongiurar lo sdegno dei loro
invisibili nemici. Benchè la migliore speranza della Repubblica fosse
nel valore e nella condotta di Aureliano, pure fu tale la pubblica
costernazione, quando i Barbari erano a momenti aspettati alle porte di
Roma, che per decreto del Senato si consultarono i libri Sibillini. Lo
stesso Imperatore, per religione o per politica, raccomandò questo
salutevole provvedimento, biasimò la lentezza del Senato[38], e si esibì
di supplire a qualunque spesa, e di dare qualunque animale e qualunque
schiavo d'ogni nazione che gli Dei richiedessero. Non ostante questa
liberale offerta, non sembra che alcuna vittima umana espiasse col suo
sangue i peccati del popol Romano. I libri Sibillini imposero cerimonie
più miti: processioni di Sacerdoti in bianche vesti, accompagnati da un
coro di giovani e di vergini; lustrazioni della città e dell'adiacente
campagna, e sacrifizi la cui potente influenza impedisse ai Barbari il
passo nella mistica terra, sulla quale si erano celebrati. Queste
superstizioni, benchè puerili in se stesse, servirono al buon esito
della guerra; e se nella decisiva battaglia di Fano, gli Alemanni
sognarono di vedere un'armata di spettri, combattenti in favor
d'Aureliano, egli ricevè un vero ed effettivo aiuto da questo
immaginario rinforzo[39].

Ma non ostante qualunque fidanza aver si potesse negl'ideali ripari,
pure l'esperienza del passato e il timor del futuro, indussero i Romani
a costruire fortificazioni di un genere più saldo e più sostanziale. I
successori di Romolo aveano circondato i Sette Colli di Roma con un
antico muro di più di tredici miglia[40]. Un recinto sì vasto può
sembrare sproporzionato alla forza ed alla popolazione di quello Stato
nascente. Ma era necessario di assicurare una vasta estensione di
pascoli e di terreno dalle frequenti ed improvvise incursioni dei popoli
del Lazio, perpetui nemici della Repubblica. Crescendo la Romana
grandezza, si accrebbe a poco a poco la città, e la sua popolazione
occupò tutto lo spazio voto, aprì le inutili mura, coprì il campo
Marzio, e da ogni parte seguitò le pubbliche strade maestre con lunghi e
bei sobborghi[41]. L'estensione delle nuove mura, erette da Aureliano e
terminate sotto il regno di Probo, era magnificato dall'opinione
popolare quasi a cinquanta miglia[42], ma le accurate misure la
ridussero intorno a ventuno[43]. Era questo un grande, ma tristo lavoro,
giacchè i ripari della Capitale svelavano la decadenza della Monarchia.
I Romani dei secoli più felici, che affidarono alle armi delle legioni
la sicurezza dei campi delle frontiere[44], erano ben lontani dal
sospettare in alcun modo, che si dovesse mai per necessità fortificare
la sede dell'Impero contro le irruzioni dei Barbari[45].

La vittoria di Claudio su i Goti, e il fortunato successo di Aureliano
contro gli Alemanni aveano già restituito alle armi Romane l'antica lor
superiorità sopra le Barbare nazioni del Settentrione. Il punire i
domestici tiranni, e riunire le smembrate parti dell'Impero era
un'impresa riservata all'ultimo di questi bellicosi Imperatori.
Quantunque fosse stato riconosciuto dal Senato e dal Popolo, le
frontiere dell'Italia, dell'Africa, dell'Illirico e della Tracia
ristringevano i confini del suo dominio. La Gallia, la Spagna e la
Britannia, l'Egitto, la Siria e l'Asia minore erano tuttavia possedute
da due ribelli, che soli di una lista sì numerosa, erano sino allora
andati esenti dai pericoli della lor condizione; e per render compita
l'ignominia Romana, due donne erano le usurpatrici di quei troni rivali.

S'era veduta nella Gallia una rapida successione di Monarchi, innalzati
e caduti. La rigida virtù di Postumo non servì che ad accelerare la sua
rovina. Egli dopo d'aver oppresso un competitore, ch'aveva presa in
Magonza la porpora ricusò di concedere alle sue truppe il sacco di
quella ribelle città; e nel settimo anno del regno suo divenne la
vittima della loro delusa avarizia[46]. La morte di Vittorino, amico e
collega di Postumo, fu prodotta la più piccola causa. Le luminose
qualità[47] di questo Principe erano oscurate da una licenziosa
passione, ch'egli soddisfaceva con atti di violenza, senza aver quasi
riguardo alle leggi della società, o a quelle ancor dell'amore[48]. Egli
fu trucidato a Colonia da una congiura di gelosi mariti, la cui vendetta
potrebbe sembrare più giustificabile, se risparmiato avessero
l'innocente suo figlio. Dopo la strage di tanti Principi valorosi, è in
certo modo mirabile, che una donna contenesse per lungo tempo le feroci
legioni della Gallia, ed è cosa più singolare, che questa donna fosse la
madre dell'infelice Vittorino. Coi suoi artifizi e colle sue ricchezze
potè Vittoria collocar successivamente sul trono Mario e Tetrico, e
regnare con maschio vigore sotto il nome di questi dipendenti
Imperatori. La moneta di rame, di argento, e di oro si coniava in suo
nome; essa prese i titoli di Augusta e di Madre degli eserciti: il suo
potere finì solamente colla sua vita; ma fu questa forse accorciata
dalla ingratitudine di Tetrico[49].

[A. D. 271]

Quando ad istigazione dell'ambiziosa sua protettrice assunse Tetrico le
regie insegne, egli era Governatore della tranquilla provincia
dell'Aquitania, impiego convenevole al suo carattere ed alla sua
educazione. Egli regnò per quattro o cinque anni sulla Gallia, sulla
Spagna e sulla Britannia, schiavo e Sovrano di un licenzioso esercito,
ch'egli temeva, e dal quale era sprezzato. Il valore e la fortuna di
Aureliano gli aprirono finalmente la strada alla libertà. Egli si
arrischiò a svelare la trista sua situazione, e scongiurò l'Imperatore
di affrettarsi a soccorrere il suo infelice rivale. Questa segreta
corrispondenza, se fosse giunta all'orecchie dei soldati, molto
probabilmente avrebbe costato a Tetrico la vita; nè poteva egli deporre
lo scettro dell'Occidente senza commettere un atto di tradimento contro
se stesso. Egli finse che vi fosse apparenza di una guerra civile,
condusse in campo le sue forze contro Aureliano, le ordinò nella maniera
più svantaggiosa, svelò i suoi propri consigli al nemico, e con pochi
scelti amici disertò sul principio dell'azione. Le ribelli legioni,
benchè disordinate e sconcertate dall'inaspettato tradimento del loro
Capo, si difesero però con disperato valore, finchè furono quasi tutte
tagliate a pezzi in quella sanguinosa e memorabil battaglia, che seguì
vicino a Chalons nella Sciampagna[50]. La ritirata degli ausiliari
irregolari Franchi e Batavi[51], che il vincitore presto costrinse o
persuase a ripassare il Reno, ristabilì l'universale tranquillità, e
l'autorità di Aureliano fu riconosciuta dalla muraglia d'Antonino alle
colonne d'Ercole.

Fino dal regno di Claudio la Città di Autun, sola e senza soccorso, avea
osato dichiararsi contro le legioni della Gallia. Dopo un assedio di
setto mesi esse rovinarono e saccheggiarono quella sfortunata città già
desolata dalla fame[52]. Lione, al contrario, avea resistito con
ostinata avversione alle armi di Aureliano. Si legge il castigo di
Lione[53], ma non si trovano mentovate le ricompense di Autun. Tale in
verità è la politica della guerra civile, ricordarsi severamente delle
ingiurie, ed obbliare i più importanti servigi. La vendetta è proficua,
la gratitudine è dispendiosa.

[A. D. 272]

Appena Aureliano si fu assicurato della persona e delle province di
Tetrico, rivolse le sue armi contro Zenobia, quella celebre Regina di
Palmira e dell'Oriente. L'Europa moderna ha prodotte varie femmine
illustri, che hanno sostenuto con gloria il peso del regno; nè il nostro
secolo è privo di sì distinti caratteri. Ma, eccettuando le dubbie
imprese di Semiramide, Zenobia è forse l'unica donna, il cui genio
superiore si sia sollevato dalla servile indolenza, imposta al suo sesso
dal clima e dai costumi dell'Asia[54]. Essa vantava la sua origine dai
Re Macedoni dell'Egitto, uguagliava in bellezza la sua antenata
Cleopatra, e superava d'assai questa Principessa nella castità[55] e nel
valore. Era Zenobia stimata la più amabile e la più eroica del suo
sesso. Era di carnagione bruna (giacchè parlando di una Signora queste
piccole cose divengono importanti); i suoi denti erano di una bianchezza
di perla, e ne' suoi grandi e neri occhi scintillava un insolito fuoco,
temperato dalla più lusinghiera dolcezza. Forte ed armoniosa aveva la
voce. Il suo maschio intelletto era rinvigorito ed adornato dallo
studio. Non era ella ignara della lingua Latina, e possedeva con ugual
perfezione il linguaggio Greco, l'Egiziano e il Siriaco. Avea disteso
per suo proprio uso un Epitome della Storia Orientale, e familiarmente
paragonava le bellezze di Omero e di Platone dietro la scorta del
sublime Longino.

Questa perfetta donna sposò Odenato, che dalla condizione di privato
s'innalzò alla Sovranità dell'Oriente. Divenne essa ben tosto amica e
compagna di quest'Eroe. Negl'intervalli della guerra si dilettava
Odenato estremamente della caccia; egli inseguiva con ardore le fiere
dei deserti, leoni, pantere ed orsi; e l'ardor di Zenobia in quel
pericoloso divertimento non era punto inferiore. Avea essa avvezzato il
suo temperamento alla fatica, sdegnava l'uso di un cocchio coperto,
compariva ordinariamente a cavallo in abito militare, e marciava
talvolta per molte miglia a piedi alla testa delle sue truppe. I felici
successi di Odenato furono attribuiti in gran parte all'incomparabile di
lei prudenza e valore. Le illustri loro vittorie sopra il gran Re, che
per due volte perseguitarono fino alle porte di Ctesifone, gettarono i
fondamenti della comune lor fama e potenza. Le armate, ch'essi
comandavano, e le Province ch'aveano salvate, non riconoscevano per
Sovrani che i due lor Capi invincibili. Il Senato e il popolo Romano
riverivano uno straniero, che vendicato avea il prigioniero loro
Imperatore, e l'insensibil figlio di Valeriane riconobbe perfino Odenato
come suo collega legittimo.

[A. D. 267]

Dopo una felice spedizione contro i Goti, devastatori dell'Asia, il
Principe di Palmira ritornò alla Città di Emesa nella Siria. Invincibile
nella guerra, fu ivi ucciso per domestico tradimento, ed il suo favorito
divertimento della caccia fu la cagione, o l'occasione almeno della sua
morte[56]. Il suo nipote Meonio pretese di lanciare il suo dardo prima
di quel dello zio; e benchè avvertito del fallo, ripetè la medesima
insolenza. Fu Odenato irritato come Monarca e come cacciatore: tolse
egli al temerario giovane il cavallo, segno d'ignominia tra i Barbari, e
lo castigò con un breve confine. Fu presto dimenticata l'offesa, ma non
il castigo; e Meonio con pochi arditi congiurati in mezzo ad una gran
festa assassinò il suo zio. Erode, figlio di Odenato, benchè non di
Zenobia, giovane di carattere dolce ed effemminato[57] fu ucciso col
padre. Ma Meonio altro non ottenne con questo sanguinoso misfatto, che
il piacere di vendicarsi. Ebbe appena tempo di prendere il nome di
Augusto, avanti che lo sacrificasse Zenobia alla memoria del suo
consorte[58].

Con l'assistenza de' suoi più fidi amici essa occupò immediatamente il
trono vacante, e governò per più di cinque anni coi suoi virili consigli
Palmira, la Siria e l'Oriente. Colla morte di Odenato spirava
quell'autorità, che il Senato avea ad esso conceduta soltanto come una
personal distinzione; ma la guerriera sua Vedova, disprezzando il Senato
e Gallieno, costrinse uno de' Generali Romani, mandato contro di lei, a
ritirarsi nell'Europa con la perdita dell'esercito e della sua fama[59].
In vece di piccole passioni, che agitano così spesso un regno femminile,
la salda amministrazione di Zenobia era regolata dalle più giudiziose
massime di politica: se era espediente il perdonare, sapeva essa colmare
il suo risentimento: se necessario era punire sapeva impor silenzio alle
voci della pietà. L'esatta sua economia tacciata fu di avarizia; pure in
ogni conveniente occasione si mostrava e magnifica e liberale. I vicini
Stati dell'Arabia, dell'Armenia e della Persia temerono la sua
inimicizia, e domandarono la sua alleanza. Ai dominj di Odenato, che si
estendevano dall'Eufrate alle frontiere della Bitinia, la di lui Vedova
aggiunse l'eredità de' suoi antenati, il popolato e fertil regno
d'Egitto. L'Imperator Claudio riconobbe il merito di lei, e si contentò,
che mentre egli continuava la guerra Gotica, _ella_ sostenesse l'onor
dell'Impero in Oriente[60]. La condotta però di Zenobia fu accompagnata
da qualche ambiguità; e non è improbabile, che concepito avesse il
disegno di erigere una Monarchia indipendente e nemica. Ella unì alle
popolari maniere dei Principi Romani la splendida pompa delle Corti
dell'Asia, e pretese da' suoi sudditi le medesime adorazioni, che si
prestavano ai successori di Ciro. Dette essa ai suoi figli[61]
un'educazione Latina, e spesso li presentò alle truppe ornati della
Porpora Imperiale. Riservò per se stessa il diadema col magnifico, ma
incerto, titolo di Regina dell'Oriente.

[A. D. 272]

Quando passò Aureliano nell'Asia contro un'avversaria, cui non altro che
il sesso render poteva un oggetto di disprezzo, la sua presenza ridusse
all'ubbidienza la provincia della Bitinia, già vacillante per le armi e
per gl'intrighi di Zenobia[62]. Avanzandosi alla testa delle legioni
egli ricevè la sommissione di Ancira, e pel tradimento di un perfido
cittadino fu ammesso in Tiana dopo un assedio ostinato. Il generoso,
benchè fiero carattere di Aureliano, abbandonò il traditore al furor dei
soldati: una superstiziosa venerazione lo indusse a trattar con clemenza
i concittadini del filosofo Apollonio[63]. Rimase Antiochia deserta al
suo avvicinarsi, finchè l'Imperatore con salutevoli editti richiamò i
fuggitivi, ed accordò un general perdono a tutti quelli, che per
necessità piuttosto che per elezione si erano impegnati al servizio
della Regina di Palmira. L'inaspettata moderazione di una tal condotta
riconciliò gli animi dei Sirj, e fino alle porte di Emesa i voti dei
popoli secondarono il terrore delle armi Imperiali[64].

Sarebbe stata Zenobia indegna della sua rinomanza, se avesse
indolentemente permesso all'Imperator d'Occidente di avvicinarsi dentro
le cento miglia verso la sua Capitale. Il destino dell'Oriente fu deciso
in due gran battaglie, tanto simili in quasi tutte le circostanze, che
possiamo appena distinguere l'una dall'altra, fuorchè osservando, che la
prima seguì vicino ad Antiochia[65], e la seconda vicino ad Emesa[66].
In ambedue, la Regina di Palmira animò gli eserciti con la sua presenza,
ed affidò l'esecuzione degli ordini suoi a Zabdas, che già segnalato
avea i suoi talenti militari, con la conquista dell'Egitto. Le numerose
forze di Zenobia consistevano per la maggior parte in arcieri leggieri
ed in cavalleria grave, tutta armata di ferro. I cavalli Mori ed
Illirici di Aureliano non poterono resistere all'urto gravissimo dei
loro antagonisti. Fuggirono in un vero o simulato disordine; impegnarono
i Palmireni in un faticoso inseguimento; gli stancarono con varie
piccole scaramucce; e finalmente sconfissero quell'impenetrabile, ma
poco agil corpo di cavalleria. L'infanteria leggiera frattanto, quando
vote ebbe le faretre, restando senza difesa contro un più stretto
assalto, espose i nudi fianchi alle spade delle legioni. Aureliano avea
scelto queste truppe veterane ch'erano ordinariamente accampate sulle
rive del Danubio superiore, ed il valor delle quali era stato
severamente provato nella guerra Alemannica[67]. Fu impossibile a
Zenobia, dopo la disfatta di Emesa, di radunare una terza armata. Fino
alle frontiere dell'Egitto le nazioni soggette al suo Impero si erano
poste sotto l'insegna del vincitore, che mandò Probo, il più valoroso
dei suoi Generali, ad impadronirsi delle province egiziane. Palmira fu
l'ultimo asilo della vedova di Odenato. Ritiratasi dentro le mura della
sua Capitale, fece ogni preparativo per una vigorosa resistenza, e
dichiarò con l'intrepidezza di una Eroina, che l'ultimo momento del suo
regno lo sarebbe ancora della sua vita.

In mezzo agli sterili deserti dell'Arabia s'innalzano alcuni pochi pezzi
di coltivati terreni, quasi isole di quell'Oceano arenoso. Il nome
stesso di Tadmor, o Palmira, nella lingua siriaca e nella latina
denotava una moltitudine di palme, che davano ombra e verdura a quella
temperata regione. Pura era l'aria; ed il suolo, irrigato da alcuni
piccoli ruscelli, era capace di produrre frutti e grano. Un luogo,
fornito di vantaggi tanto singolari, e situato in giusta distanza[68]
tra il golfo Persico ed il Mediterraneo, fu presto frequentato dalle
carovane, che portavano alle nazioni Europee una considerabil porzione
delle ricche merci dell'India. Palmira divenne insensibilmente una
doviziosa ed indipendente città, ed unendo le Monarchie dei Romani e dei
Parti cogli scambievoli vantaggi del commercio, potè conservare un'umile
indipendenza, finchè alla fine dopo le vittorie di Traiano cadde quella
piccola Repubblica in poter di Roma, e fiorì per più di centocinquanta
anni nell'onorifico, ma subordinato grado di colonia. Durante questo
pacifico periodo, se giudicar si può da poche iscrizioni rimasteci, gli
opulenti Palmireni costruirono quei tempj, quei palazzi, quei portici di
greca architettura, le cui rovine, sparse per l'estensione di varie
miglia, hanno meritata la curiosità dei nostri viaggiatori. Parve che
l'esaltazione di Odenato e di Zenobia aggiungesse nuovo splendore alla
sua patria, e Palmira per un tempo stette rivale di Roma: ma fu la gara
fatale, e molti secoli di prosperità furono sacrificati ad un momento di
gloria[69].

Nella sua marcia sull'arenoso deserto tra Emesa e Palmira fu Aureliano
continuamente infestato dagli Arabi, nè potè sempre difendere il suo
esercito, e specialmente il suo bagaglio da quelle volanti truppe di
ladri attivi ed arditi, i quali aspettavano il momento della sorpresa, e
deludevano il lento perseguire delle legioni. L'assedio di Palmira fu un
oggetto assai più pericoloso ed importante, e l'Imperatore istesso, che
con continuo vigore animava in persona gli assalti, venne ferito da un
dardo. «Il popolo Romano» (dice Aureliano in una lettera originale)
«parla con disprezzo della guerra, che io sostengo contro una donna.
Egli non conosce il carattere, nè la potenza di Zenobia. È impossibile
di enumerare i suoi bellici preparativi di pietre, di dardi, e di ogni
sorta di armi lanciabili. Ogni parte delle mura è munita di due o tre
baliste, e dalle sue macchine militari escono fuochi artificiali. Il
timor del castigo l'ha armata di un disperato coraggio. Pure io confido
tuttavia nelle Deità protettrici di Roma, che sono finora state
favorevoli ad ogni mia impresa[70]». Incerto però della protezione degli
Dei e dell'esito dell'assedio, Aureliano stimò più prudente consiglio di
offerire articoli di una vantaggiosa capitolazione; alla Regina, un
magnifico ritiro; ai Cittadini, i loro antichi privilegi. Furono
rigettate ostinatamente le sue offerte, e dall'insulto fu accompagnato
il rifiuto.

La costanza di Zenobia era sostenuta dalla speranza, che in breve la
fame costringerebbe l'esercito Romano a ripassare il deserto; e dalla
ragionevole aspettativa, che i Re dell'Oriente, e specialmente il
Monarca Persiano, si armerebbero in difesa della loro più naturale
alleata. Ma la fortuna e la perseveranza di Aureliano superarono ogni
ostacolo. La morte di Sapore, che accadde verso quel tempo[71], divise i
Consigli della Persia, ed i piccoli soccorsi, co' quali si tentò di
sollevare Palmira, furono facilmente intercetti o dalle armi, o dalla
liberalità dell'Imperatore. Da ogni parte della Siria, una regolar
successione di convogli arrivava sicuramente al campo, che fu aumentato
pel ritorno di Probo colle vittoriose sue truppe dalla conquista
dell'Egitto. Allora fu che Zenobia risolvè di fuggire. Montò essa sul
più veloce de' suoi dromedari[72], ed era ormai giunta alle rive
dell'Eufrate, quasi sessanta miglia da Palmira, quando fu sopraggiunta
dai cavalli leggieri di Aureliano, che l'inseguivano, e presa e
ricondotta indietro cattiva ai piedi dell'Imperatore. Subito dopo si
arrese la sua Capitale, e fu trattata con inaspettata dolcezza. Le armi,
i cavalli e i cammelli, con un immenso tesoro di oro, di argento, di
seta e di pietre preziose, tutto fu dato al vincitore, che lasciando
solamente una guarnigione di seicento arcieri, ritornò ad Emesa, ed
impiegò qualche tempo in distribuire e premj e castighi nel fine di una
guerra sì memorabile, la quale restituiva all'ubbidienza di Roma quelle
Province, che fino dalla prigionia di Valeriano se n'eran sottratte.

Quando la Regina della Siria fu condotta alla presenza di Aureliano,
questi le domandò fieramente, come avesse preteso di armarsi contro
gl'Imperatori di Roma? La risposta di Zenobia fu una prudente mescolanza
di rispetto e di fermezza. «Perché io sdegnava di riguardare un Aureolo,
ed un Gallieno come Imperatori Romani. Riconosco voi solo per mio
vincitore e Sovrano[73]». Ma siccome la fortezza nelle femmine è
comunemente artificiale, così rare volte è stabile e consistente. Il
coraggio di Zenobia la abbandonò nell'ora del cimento, ella tremò ai
rabbiosi clamori de' soldati, che alto chiedevan l'immediata sua morte,
obbliò la generosa disperazione di Cleopatra, che si era proposta per
suo modello, ed ignominiosamente comprò la vita col sacrifizio della sua
fama e dei suoi amici. Ai loro consigli, che governavano la debolezza
del suo sesso, essa imputò la colpa dell'ostinata sua resistenza, e
sopra le loro teste cader fece la vendetta del crudele Aureliano. La
fama di Longino, che fu incluso tra le numerose, e forse innocenti
vittime del di lei timore, sopravviverà a quella della Regina, che lo
tradì, o del tiranno che lo condannò. La dottrina e l'ingegno erano
incapaci di muovere un feroce ed ignorante soldato, ma aveano servito ad
elevare ed armonizzare l'animo di Longino. Senza mandare un gemito,
seguì egli tranquillamente il carnefice, compiangendo la sua infelice
Sovrana, e consolando gli afflitti suoi amici[74].

Nel ritornare dalla conquista dell'Oriente, avea Aureliano già
attraversato lo Stretto che divide l'Europa dall'Asia, quando fu
irritato dalla notizia che i cittadini di Palmira aveano trucidato il
Governatore e la guarnigione da esso ivi lasciata, ed inalberata di
nuovo l'insegna della ribellione. Senza deliberare un momento egli volse
un'altra volta la faccia verso la Siria. Antiochia fu spaventata dalla
rapida di lui marcia, e la misera città di Palmira provò l'irresistibile
peso del suo risentimento. Abbiamo una lettera di Aureliano medesimo,
nella quale egli confessa[75], che i vecchi, le donne, i fanciulli e gli
agricoltori furono involti in quella terribile esecuzione, la quale
avrebbe dovuto ristringersi ai soli armati ribelli; e benchè il suo
principale interesse sembri diretto al ristauramento di un tempio del
Sole, egli mostra qualche compassione pel rimanente dei Palmireni, ai
quali concede la permissione di rifabbricare ed abitare la loro città.
Ma è più facile distruggere che ristaurare. La sede del commercio, delle
arti, e di Zenobia, divenne a poco a poco un'oscura città, una Fortezza
di niun conto, e finalmente un miserabil villaggio. Gli attuali
cittadini di Palmira, consistenti in trenta o quaranta famiglie, hanno
eretto le fangose loro capanne dentro lo spazioso recinto di un
magnifico Tempio.

Un'altra ed ultima fatica si preparava all'instancabile Aureliano, di
opprimer cioè un pericoloso, benchè oscuro ribelle, che, durante la
sollevazion di Palmira, era insorto sulle rive del Nilo. Fermo, amico ed
alleato, com'egli stesso superbamente s'intitolava, di Odenato e
Zenobia, altro non era che un ricco mercante dell'Egitto. Nel corso del
suo commercio nell'India, egli avea stretto amicizia coi Saraceni e coi
Blemmi, la cui situazione sull'una e l'altra costa del mar Rosso porgeva
loro una facile introduzione nell'Egitto superiore. Egli infiammò gli
Egiziani con la speranza della libertà; ed alla testa di quella furiosa
moltitudine entrò a forza nella città di Alessandria, dove prese la
Porpora Imperiale, fece batter moneta, pubblicò editti, e levò
un'armata, che com'egli vanamente vantavasi, potea mantenere col solo
profitto del commercio della carta. Tali truppe furono una debol difesa
contro Aureliano; e sembra quasi inutile di riferire che Fermo fu
sconfitto, preso, tormentato e posto a morte. Poteva allora Aureliano
rallegrarsi col Senato, col popolo e con sè stesso, che in poco più di
tre anni avea restituito la pace e l'ordine universale al mondo
Romano[76].

[A. D. 274]

Dalla fondazione di Roma in poi, niun Generale avea più degnamente di
Aureliano meritato un trionfo; nè mai trionfo alcuno fu celebrato con
maggior fasto e magnificenza[77]. Cominciava la pompa con venti
elefanti, quattro tigri reali e più di dugento de' più curiosi animali
di ogni clima del Settentrione, dell'Oriente e del Mezzogiorno. Erano
questi seguitati da milleseicento gladiatori, destinati al crudel
divertimento dell'anfiteatro. Le ricchezze dell'Asia, le armi e le
insegne di tante vinte nazioni, e la magnifica argenteria e guardaroba
della Regina della Siria eran disposte in esatta simmetria o con
artificioso disordine. Gli Ambasciatori delle più lontane parti della
terra, dell'Etiopia, dell'Arabia, della Persia, della Battriana,
dell'India e della China, tutti riguardevoli per i loro ricchi o
singolari vestimenti, mostravano la fama e la potenza del Romano
Imperatore, che espose parimente alla pubblica vista i doni da lui
ricevuti, e particolarmente un gran numero di corone d'oro, offerte
dalle riconoscenti città. Le vittorie di Aureliano erano attestate dal
lungo treno di schiavi Goti, Vandali, Sarmati, Alemanni, Franchi, Galli,
Sirj ed Egizj, che lor malgrado ne seguitavano il trionfo. Ogni popolo
era distinto colla sua particolare iscrizione, ed il titolo di Amazzoni
fu dato a dieci marziali Eroine della nazione Gotica, che prese furon
con le armi in mano[78]. Ma tutti gli occhi, senza curare la moltitudine
dei prigionieri, erano fissi sull'Imperator Tetrico, e sulla Regina
dell'Oriente. Il primo, insieme col suo figliuolo da lui creato Augusto,
portava delle _bracche_ all'uso dei Galli[79], una tunica gialla ed una
veste di porpora. La bella Zenobia era avvinta da ceppi d'oro; una
schiava sosteneva l'aurea catena, che circondava il di lei collo, ed
ella quasi sveniva sotto l'intollerabil peso dei gioielli. Essa
precedeva a piedi il magnifico cocchio, sul quale aveva sperato una
volta di entrare nelle porte di Roma. Era questo seguito da due altri
cocchi, ancor più magnifici, di Odenato e del Monarca Persiano. Il carro
trionfale di Aureliano (avea questo per l'avanti servito ad un Re Goto)
era tirato in quella memorabile occasione o da quattro cervi o da
quattro elefanti[80]. I più illustri fra i Senatori, il popolo e
l'esercito chiudevano la processione solenne. Una sincera gioia, la
maraviglia e la gratitudine aumentavano le acclamazioni della
moltitudine; ma la soddisfazione dei Senatori era amareggiata della
comparsa di Tetrico; nè poterono impedire un mormorio, in vedere che il
superbo Imperatore esponesse così alla pubblica ignominia la persona di
un Romano e di un Magistrato[81].

Ma benchè, nel trattamento de' suoi infelici rivali, soddisfacesse
Aureliano la propria superbia, mostrò per essi tuttavia una generosa
clemenza, raramente esercitata dagli antichi vincitori. I Principi, che
con infelice successo aveano difeso il lor trono, o la lor libertà,
erano sovente strangolati in prigione, subito che la pompa trionfale
saliva sul Campidoglio. A questi usurpatori, la cui disfatta gli avea
convinti del delitto di tradimento, fu permesso di passare la vita
nell'opulenza, ed in un onorevol riposo. L'Imperatore regalò a Zenobia
una bellissima villa a Tibure ovvero Tivoli, lontana quasi venti miglia
dalla Capitale; la Regina della Siria divenne a poco a poco una Matrona
Romana; le figliuole di lei si maritarono con persone di famiglie
nobili, e la sua discendenza non era ancora estinta nel quinto
secolo[82]. Tetrico ed il suo figliuolo furono ristabiliti nel loro
grado e nei loro beni. Eressero sul Monte Celio un magnifico palazzo, ed
appena fu terminato, invitarono a cena Aureliano. Fu egli al suo
ingresso dilettevolmente sorpreso da un quadro rappresentante la loro
singolare istoria. Erano essi dipinti, prima in atto di offrire
all'Imperatore una corona civica e lo scettro della Gallia, e di poi in
atto di ricever dalle mani di lui gli ornamenti della Dignità Senatoria.
Ebbe quindi il padre il governo della Lucania[83], ed Aureliano, che
presto ammesse il deposto Monarca alla sua amicizia e conversazione,
familiarmente gli domandò, se non era più desiderabile l'amministrare
una Provincia dell'Italia, che il regnare di là dall'Alpi? Il figliuolo
continuò lungamente ad essere un rispettabil membro del Senato; nè vi fu
alcuno tra la Nobiltà Romana più stimato da Aureliano, e dai successori
di lui[84].

La pompa del trionfo di Aureliano fu così lunga e sì varia, che
quantunque cominciasse all'alba, pure la lenta maestà della processione
non salì sul Campidoglio prima dell'ora nona; ed era ormai sera quando
tornò l'Imperatore al palazzo. La festa fu allungata con teatrali
rappresentanze, i giuochi del Circo, la caccia delle fiere, i
combattimenti dei gladiatori, e le battaglie navali. Furono all'esercito
ed al popolo distribuiti liberali donativi; e varie istituzioni, o grate
o utili alla città, contribuirono a perpetuare la gloria di Aureliano.
Una considerabil porzione delle sue spoglie Orientali fu consacrata agli
Dei di Roma; il Campidoglio, ed ogni altro tempio rilucevano per le
offerte della sua fastosa pietà; e il solo tempio del Sole ricevè quasi
quindicimila libbre di oro[85]. Quest'ultimo era d'una magnifica
struttura, eretto dall'Imperatore sulla falda del Monte Quirinale, e
dedicato, subito dopo il trionfo, a quel Nume, che Aureliano adorava
come padre della sua vita e delle sue fortune. La madre di lui era stata
una sacerdotessa inferiore in una cappella del Sole: una particolar
devozione al Dio della Luce era un sentimento imbevuto, fin
dall'infanzia, dal fortunato Agricoltore; ed ogni passo della sua
elevazione, ogni vittoria del suo regno avvalorava la superstizione con
la gratitudine[86].

Le armi di Aureliano aveano vinto gli stranieri e i domestici nemici
della Repubblica. Siamo assicurati, che con il suo salutevol rigore, i
misfatti e le fazioni, le male arti e la perniciosa connivenza, fecondi
germogli di un debole ed oppressivo governo, furono estirpati da tutto
il mondo Romano[87]. Ma se riflettiamo attentamente quanto più pronto è
il progresso della corruzione, che la guarigione di essa, e se
rammentiamo che il numero degli anni, abbandonati ai pubblici disordini,
superava quello dei mesi destinati al marzial regno di Aureliano,
dobbiam confessare che non bastavano pochi corti intervalli di pace per
l'arduo lavoro di una riforma. Il suo tentativo, perfino di ristabilire
la bontà della moneta, fu traversato da una formidabile sollevazione. Si
scopre l'angustia dell'Imperatore in una delle sue private lettere.
«Certamente» (dic'egli) «gli Dei han decretato che la mia vita sia una
guerra continua. Una sedizione dentro le mura ha fatto nascere appunto
adesso una guerra civile molto seria. Gli artefici della zecca, ad
istigazione di Felicissimo, schiavo a cui ho affidato un impiego nelle
Finanze, si mossero a ribellione. Son finalmente sedati: ma caddero
uccisi nei conflitto settemila dei miei soldati, di quelle truppe, che
stanno ordinariamente a quartiere nella Dacia, ed accampate lungo il
Danubio[88].» Altri Scrittori, i quali confermano il medesimo fatto,
aggiungono altresì che questo accadde subito dopo il trionfo di
Aureliano; che la decisiva zuffa seguì sul Monte Celio; che i lavoranti
della zecca aveano adulterata la moneta; che l'Imperatore ristabilì la
pubblica fede, col dare moneta buona in cambio della cattiva, cui il
popolo fu obbligato di portar al tesoro[89].

Potremmo contentarci di riferire questo straordinario fatto, ma non
possiamo dissimulare quanto nella presente sua forma ci sembra
insussistente e incredibile; La deteriorazione della moneta è, per vero
dire, convenientissima all'amministrazione di Gallieno, nè improbabile
sembra che gli strumenti della corruzione paventassero l'inflessibil
giustizia di Aureliano. Ma la colpa, come il profitto, dovea
restringersi a pochi, nè facile è il concepire con quali arti potevano
armare un popolo da loro offeso, contro un Monarca da loro tradito.
Dovrebbe naturalmente aspettarsi che questi traditori incorressero la
pubblica detestazione, come i delatori e gli altri ministri della
oppressione; e che la riforma della moneta fosse un'azione ugualmente
popolare che la distruzione di quegli antichi conti, che furono per
ordine dell'Imperatore bruciati nel Foro di Traiano[90]. In un secolo,
nel quale i principj del commercio erano così imperfettamente
conosciuti, il fine più desiderabile potea forse ottenersi con mezzi
rigorosi e imprudenti; ma un passeggiero gravame di tal natura può
appena eccitare e mantenere una seria guerra civile. Il rinnovamento di
tasse insopportabili, imposte o su i terreni o su i generi necessari
alla vita, può finalmente concitare quelli che o non vogliono o non
possono abbandonare la patria. Ma il caso è molto diverso in ogni
operazione, che per qualsivoglia mezzo ristabilisce il giusto valore
della moneta. Il male passeggiero è presto dimenticato per l'utile
permanente, lo scapito va diviso fra molti; e se pochi opulenti
individui soffrono una sensibil diminuzione di ricchezze, perdono
insieme con queste quel grado di peso e d'importanza, che traevano dal
possedimento delle medesime. In qualunque maniera volesse Aureliano
nascondere la vera causa della ribellione, la sua riforma della moneta
poteva fornire solamente un debol pretesto ad un già potente e
malcontento partito. Roma, benchè priva della libertà, era lacerata
dalle fazioni. Il popolo, per cui l'Imperatore, plebeo egli stesso,
sempre professava una particolar tenerezza, viveva in continue
dissensioni col Senato, coll'Ordine Equestre, e coi Pretoriani[91].
Niente meno che la ferma, benchè segreta congiura di questi ordini,
dell'autorità del primo, dell'opulenza del secondo, e delle armi dei
terzi, avrebbe potuto spiegare una forza bastante per contendere in
battaglia con le veterane legioni del Danubio, che sotto la condotta di
un Sovrano guerriero aveano compita la conquista dell'Oriente e
dell'Occidente.

Qualunque fosse il motivo o l'oggetto di questa sollevazione, imputata
con tanto poca probabilità ai lavoranti della zecca, Aureliano usò della
sua vittoria con implacabil rigore[92]. Egli era naturalmente di
temperamento severo. Le fibre di un contadino o d'un soldato non cedeano
facilmente alle impressioni della pietà, ed egli potea senza commuoversi
sostenere la vista dei tormenti e della morte. Allevato dalla prima sua
gioventù nell'esercizio delle armi, egli valutava troppo poco la vita di
un cittadino, castigava con militari esecuzioni le più leggiere offese,
e portava la rigida disciplina del campo nella civile amministrazione
delle leggi. Il suo amore della giustizia divenne sovente una cieca e
furiosa passione; ed ogni volta ch'egli credè in pericolo la pubblica o
la propria salvezza, non ebbe riguardo alle regole delle prove, ed alla
proporzion delle pene. La non meritata ribellione, con la quale i Romani
ricompensavano i di lui servigi, esacerbò l'altero suo animo. Le più
nobili famiglie della Capitale furono involte nella colpa o nel sospetto
di quella oscura cospirazione. Un precipitoso spirito di vendetta
affrettò la sanguinosa persecuzione, e divenne fatale ad uno dei nipoti
dell'Imperatore medesimo. Gli esecutori (per adoprare l'espressione di
un contemporaneo Poeta) erano stanchi, i prigionieri affollati dentro le
carceri, e l'infelice Senato deplorava la morte o l'assenza dei suoi
membri più riguardevoli[93]. Nè la superbia di Aureliano fu meno dannosa
della sua crudeltà per quella assemblea. Non conoscendo o non soffrendo
il freno delle civili instituzioni, sdegnò di dovere la sua autorità ad
alcun altro titolo che a quello della spada, e governò col diritto di
conquista un Impero da lui salvato e soggiogato[94].

[A. D. 274]

Osservò uno dei più sagaci Principi di Roma, che i talenti del suo
predecessore Aureliano erano più atti al comando di un esercito che al
governo di un Impero[95]. Conoscendo il carattere nel quale la natura e
l'esperienza lo avean renduto eccellente, escì in campo di nuovo, pochi
mesi dopo il suo trionfo. Era espediente di occupare gli animi inquieti
delle legioni in qualche guerra straniera, ed il persiano Monarca,
esultando nella vergogna di Valeriano, insultava tuttavia impunemente
l'offesa maestà di Roma. Alla testa di un esercito, meno formidabile pel
suo numero che per la disciplina e pel valore, si avanzò Aureliano fino
allo Stretto, che divide l'Europa dall'Asia. Egli colà provò che il più
assoluto potere è una debol difesa contro gli effetti della
disperazione. Avea minacciato uno dei suoi segretari, accusato di
estorsione; e già si sapeva che di rado egli minacciava invano. L'ultima
speranza, che rimase al colpevole, fu di avvolgere alcuni dei principali
Uffiziali dell'esercito nel suo pericolo, o almeno ne' suoi timori.
Artificiosamente contraffacendo lo scritto del suo Sovrano, mostrò loro
in una lunga e sanguinosa lista i loro nomi consacrati alla morte. Senza
sospettare o esaminare la frode, eglino risolverono di assicurar le loro
vite con l'uccisione dell'Imperatore. Nella sua marcia, tra Bisanzio ed
Eraclea, fu Aureliano improvvisamente assalito dai congiurati, l'impiego
dei quali dava loro il diritto di circondare la persona di lui; e dopo
una breve resistenza cadde per le mani di Mucapore, Generale ch'egli
avea sempre amato e riputato fedele. Egli morì pianto dall'esercito,
detestato dal Senato, ma universalmente riconosciuto come un Principe
guerriero e fortunato, e come il salutevole, benchè severo, riformatore
di un degenerato impero[96].

FOOTNOTES:

[1] _Pons Aureoli_, tredici miglia distante da Bergamo, e trentadue da
Milano. Vedi Cluver. Italia antic. tom. I. p. 245. Nel 1703 seguì vicino
a questo luogo l'ostinata battaglia di Cassano tra i Francesi e gli
Austriaci. L'eccellente relazione del Cavalier Folard, che vi era
presente, dà una distintissima idea del terreno. Vedi il Polibio di
Folard, tom. III, p. 223, 248.

[2] Sulla morte di Gallieno vedi Trebellio Pollione nella Stor. Aug. p.
181. Zosimo, l. 1. p. 37. Zonara, l. XII, p. 634. Eutropio, IX. 11.
Aurelio Vittore in _Epitom._ Vittore _in Caesarib._ Io gli ho
confrontati, ed ho fatt'uso di tutti, ma ho principalmente seguitato
Aurelio Vittore, il quale par che abbia avute le memorie migliori.

[3] Alcuni molto capricciosamente lo supponevan bastardo del più giovane
dei Gordiani. Altri profittavano della Provincia della Dardania per
dedurre l'origine di lui da Dardano, e dagli antichi re di Troia.

[4] _Notoria_, dispaccio periodico e ministeriale, che gl'Imperatori
ricevevano dai _Frumentarj_ o sieno Agenti sparsi per le Province.
Parleremo di questi più sotto.

[5] Stor. Aug. p. 208. Gallieno descrive l'argenteria, le vesti ec. come
amatore e intendente di queste magnifiche bagatelle.

[6] Giuliano (Orazione I. p. 6) afferma che Claudio acquistò l'Impero in
una maniera legittima ed anzi sacra. Ma noi possiam diffidare della
parzialità di un congiunto.

[7] Stor. Aug. p. 203. Sonovi alcune piccole differenze riguardo alle
circostanze dell'ultima disfatta e morte di Aureolo.

[8] Aurelio Vittore in Gallieno. Il popolo altamente chiedeva la
condanna di Gallieno. Il Senato decretò che i suoi parenti e domestici
fossero precipitati dalle scale Gemonie. Ad un colpevol ministro delle
pubbliche entrate furon cavati gli occhi, mentre era sotto l'esame.

[9] Zonara l. XII. p. 137.

[10] Zonara in questa occasione fa menzione di Postumo; ma i registri
del Senato (Stor. Aug. p. 203) provano che Tetrico era già Imperatore
delle Province occidentali.

[11] La Storia Augusta fa menzione del minor numero e Zonara del
maggiore; la vivace fantasia di Montesquieu l'indusse a preferire
quest'ultimo.

[12] Trebell. Pollione nella Stor. Aug. p. 204.

[13] Stor. Aug, in Claud. Aurelian. e Prob. Zosimo, l. 1. p. 38, 42
Zonara, l. XII. p. 638. Aurel. Vittore _in Epitom._ Vittor. Junior. _in
Caesarib._ Eutrop. IX 11. Euseb. _in Chron._

[14] Secondo Zonara (l. XII. p. 638.) Claudio avanti la sua morte lo
rivestì della porpora; ma questo fatto singolare vien piuttosto
contraddetto che confermato dagli Scrittori.

[15] Vedi la vita di Claudio scritta da Pollione, e le orazion di
Mamertino, Eumenio e Giuliano. Vedi parimente i Cesari di Giuliano p.
313. In Giuliano non era adulazione, ma superstizione e vanità.

[16] Zosimo, l. I p. 42. Pollione (Stor. Aug. p. 207) gli accorda alcune
virtù, e dice che fu, come Pertinace, ucciso dagli sfrenati soldati.
Secondo Dexippo, egli morì di malattia.

[17] Teoclio (come vien citato nella Stor. Aug. p. 211) afferma che in
un giorno egli uccise con le sue proprie mani quarantotto Sarmati, ed in
diverse susseguenti battaglie novecento cinquanta. Questo eroico valore
fu ammirato dai soldati, e celebrato nelle rozze loro canzoni,
l'intercalare delle quali era _mille, mille, mille, occidit_.

[18] Acolio (appresso la Stor. Aug. p. 213) descrive la cerimonia della
adozione come fu celebrata in Bisanzio alla presenza dell'Imperatore e
de' suoi principali Ministri.

[19] Stor. Aug. p. 211. Questa laconica lettera è veramente lavoro di un
soldato; è piena di frasi e di voci militari, alcune delle quali non
possono intendersi senza difficoltà. _Ferramenta Samiata_ sono bene
spiegati da Salmasio. La prima di queste voci significa ogni arme
offensiva, ed è opposta ad _Arma_, arme difensiva. L'ultimo significa
bene affilate e bene appuntate.

[20] Zosimo l. I. p. 45.

[21] Dexippo (nell'_Excerpta Legat._ p. 12) riferisce tutto il trattato
sotto il nome dei Vandali. Aureliano maritò una delle Dame Gote al suo
Generale Borioso, ch'era capace di bevere coi Goti e scoprire i loro
segreti. Stor. Aug. p. 147.

[22] Stor. Aug. p. 222. Eutrop. IX. 15. Sesto Rufo. c. 9 Lattanzio _de
mortibus Persecutorum_, c. 9.

[23] I Valacchi conservano ancora molte tracce della lingua Latina, e si
sono sempre gloriati di discendere dai Romani. Sono circondati dai
Barbari, ma non mescolati con essi. Vedi una Memoria del Sig. D'Anville
sulla Dacia antica nell'Accademia delle iscrizioni, tom. XXX.

[24] Vedi il primo Capitolo di Giornandes. I Vandali però (c. 22)
conservarono una certa indipendenza tra i fiumi Marisia e Crissia (Maros
e Keres) che sboccano nel Tibisco.

[25] Dexippo, p. 7, 22. Zosimo l. I. p. 43. Vopisco in Aureliano nella
Stor. Aug. Per quanto questi Storici differiscano nei nomi (Alemanni,
Jutungi e Marcomanni) egli è evidente che indicano la stessa nazione e
la stessa guerra, ma conviene usar molta cura nel conciliarli e
spiegarli.

[26] Cantoclaro, con la solita sua accuratezza, preferisce di tradurre
trecentomila: la sua versione ripugna ugualmente al senso e alla
grammatica.

[27] Possiamo osservare come un esempio di cattivo gusto, che Dexippo
applica all'infanteria leggera degli Alemanni i termini tecnici, propri
solamente della Greca falange.

[28] In Dexippo si legge adesso _Rhodanus_. Il Sig. di Valois molto
giudiziosamente cambia la parola in _Eridanus_.

[29] L'Imperatore Claudio era certamente in quel numero; ma non sappiamo
fin dove si estendesse questo segno di rispetto: se fino a Cesare ed
Augusto, deve aver prodotto un superbo formidabile spettacolo quella
lunga serie di padroni del mondo.

[30] Vopisco nella Stor. Aug. p. 210.

[31] Dexippo mette in lor bocca una prolissa orazione, degna di un Greco
sofista.

[32] Stor. Aug. p. 215.

[33] Dexippo p. 12.

[34] Vittore Juniore in Aureliano.

[35] Vopisco nelle Stor. Aug. p. 216.

[36] Il piccol fiume o piuttosto torrente del Metauro, vicino a Fano, è
divenuto immortale per uno Storico, quale è Livio, ed un poeta, quale è
Orazio.

[37] Se ne fa menzione in una iscrizione trovata in Pesaro. Vedi Gruter.
CCLXXVI. 3.

[38] Alcun penserebbe, dic'egli, che voi foste radunati in una Chiesa
Cristiana, e non nel tempio di tutti gli Dei.

[39] Vopisco nella Stor. Aug. p. 215, 216 fa una lunga descrizione di
queste cerimonie, estratta dai Registri del Senato.

[40] Plinio Stor. nat. III. 5. Per confermare la nostra idea, è da
osservarsi, che per lungo tempo il monte Celio fu un bosco di quercie,
ed il monte Viminale fu coperto di salci; che nel quarto secolo
l'Aventino era un disabitato e solitario ritiro; che fino al tempo di
Augusto l'Esquilino rimase un insalubre cimitero; e che le numerose
ineguaglianze, osservate dagli antichi nel Quirinale, provano
sufficientemente, che non era coperto di fabbriche. Dei Sette Colli, il
Capitolino ed il Palatino solamente, con la valli adiacenti, furono la
primiera abitazione del popolo Romano. Ma questo soggetto richiederebbe
una dissertazione.

[41] _Exspatiantia tecta multas addidere urbes_, è l'espressione di
Plinio.

[42] Stor. Aug. p. 222. Lipsio, ed Isacco Vossio hanno di buona voglia
adottata questa misura.

[43] Ved. Nardini Roma antica, l. I. c. 8.

[44] Tacito Stor. IV. 23.

[45] Intorno alla muraglia di Aureliano, vedi Vopisco nella Stor. Aug.
p. 216, 222. Zosimo, l. I. p. 43. Eutrop. IX 15. Aurel. Vittore in
_Aureliano_, Vittore Juniore in _Aureliano_, Euseb. Hieronym. e Idazio
in _Chronic._

[46] Il suo competitore fu Lolliano o Eliano, se veramente questi due
nomi indicano la stessa persona. Ved. Tillemont, tom. III. p. 1177.

[47] Il carattere che fa di questo Principe Giulio Ateriano (appresso la
Stor. Aug. p. 187) merita di esser trascritto, giacchè sembra bello ed
imparziale: «Victorino qui post Junium Posthumium Gallias rexit, neminem
existimo praeferendum; non in virtute Traianum; non Antoninum in
clementia; non in gravitate Nervam; non in gubernando aerario
Vespasianum, non in censura totius vitae ac severitate militari
Pertinacum vel Severum. Sed omnia haec libido et cupiditas voluptatis
mulierariae sic perdidit, ut nemo audeat virtute ejus in litteras
mittere, quem constat omnium judicio meruisse puniri».

[48] Egli rapì la moglie di Attiziano, _attuario_, o agente
dell'esercito. Stor. Aug. p. 186. Aurel. Vittore in Aureliano.

[49] Pollione assegna ad essa un articolo fra i trenta Tiranni. Stor.
Aug. p. 206.

[50] Pollione nella Stor. Aug. p. 196. Vopisco nella Stor. Aug. p. 220.
I due Vittori nelle vite di Gallieno e di Aureliano; Eutropio, IX. 13.
Euseb. _in Chron._ Di tutti questi Scrittori solamente i due ultimi (ma
con gran probabilità) pongono la caduta di Tetrico innanzi a quella di
Zenobia. Il Sig. di Boze (nell'Accademia delle _Iscrizioni_ tom. XXX)
non vorrebbe, e Tillemont (tom. III. p. 1189) non ardisce seguitarli. Io
sono stato più sincero dell'uno, e più ardito dell'altro.

[51] Vittore Juniore in Aurel. Eumenio nomina queste truppe _Batavicae_;
alcuni critici senza alcuna ragione vorrebbero cambiar quella voce in
_Bagaudicae_.

[52] Eumen. in vel. Panegir. IV. 8.

[53] Vopisco nella Stor. Aug. p. 246. Autun non fu ristaurata fino al
regno di Diocleziano: Ved. Eumenio _de restaurandis scholis_.

[54] Quasi tutto quel che si dice dei costumi di Odenato e di Zenobia, è
preso dalle loro vite nella Stor. Aug. di Trebellio Pollione. Vedi p.
192, 198.

[55] Essa non riceveva mai gli abbracciamenti del suo marito che per
l'oggetto di aver prole. Se le sue speranze restavan deluse, reiterava
il tentativo nel susseguente mese.

[56] Stor. Aug. p. 192, 193. Zosimo l. I. p. 36. Zonara, l. XII. p. 633.
L'ultimo è chiaro e probabile; sono gli altri confusi e inconsistenti.
Il testo di Sincello, se non è coretto, è assolutamente inintelligibile.

[57] Odenato e Zenobia spesso gli mandavano doni di gemme e gioielli,
scelte tra le spoglie del nemico, ed esso li riceveva con infinito
piacere.

[58] Sono stati promossi alcuni ingiustissimi sospetti sopra Zenobia,
come se stata fosse complice dell'uccisione del marito.

[59] Stor. Aug. p. 180, 181.

[60] Vedi nella Stor. Aug. p. 198 la testimonianza che rende Aureliano
al di lei merito; e per la conquista dell'Egitto Zosimo l. I, p. 39, 40.

[61] Timolao, Erenniano e Vaballato. Si suppone che i due primi fosser
già morti avanti la guerra. Aureliano concesse all'ultimo di questi una
piccola Provincia dell'Armenia col titolo di Re. Esistono tuttora
diverse medaglie di lui. Vedi Tillemont, tom. III. p. 1190.

[62] Zosimo l. I, p. 44.

[63] Vopisco (nella Stor. Aug. p. 217) ci dà una lettera autentica, ed
una dubbia visione di Aureliano. Apollonio di Tiana era nato quasi
contemporaneamente a Gesù Cristo. La vita del primo vien riferita dai
suoi discepoli in un modo tanto favoloso, che non si può conoscere se
fosse un savio, un impostore, od un fanatico.

[64] Zosimo, l. I. p. 46.

[65] In un luogo chiamato _Immoe_, Eutropio, Sesto Ruffo e S. Girolamo
fanno solamente menzione di questa prima battaglia.

[66] Vopisco nella Stor. Aug. p. 217 fa solamente menzione della
seconda.

[67] Zosimo l. I. p. 44, 48. La sua descrizione delle due battaglie è
chiara e circostanziata.

[68] Era 537 miglia distante da Seleucia, e dugentotre dalla più vicina
costa della Siria, secondo la relazione di Plinio, che in poche parole
(Stor. nat. V. 21) ne porge una eccellente descrizione di Palmira.

[69] Alcuni viaggiatori Inglesi che partirono da Aleppo, scoprirono le
rovine di Palmira verso il fine dell'ultimo secolo. La nostra curiosità
è stata poi soddisfatta più splendidamente dai Signori Wood e Dawkins.
Per la Storia di Palmira possiam consultare la magistrale dissertazione
del Dottor Halley nelle Transazioni Filosofiche, compendio di Lowthorp.
vol. III. p. 528.

[70] Vopisco nella Stor. Aug. p. 218.

[71] Da una incertissima Cronologia ho procurato di estrarre la data più
probabile.

[72] Stor. Aug. p. 218. Zosimo, l. I. p. 50. Benchè il cammello sia una
grave bestia da soma, pure il dromedario, che è della stessa specie o di
una specie affine, vien usato dai natii dell'Asia e dell'Affrica in
tutte le occasioni che richieggono celerità. Affermano gli Arabi che il
dromedario può far tanto cammino in un giorno, quanto ne fanno in otto o
dieci giorni i loro cavalli più corridori. Vedi Buffon. Storia nat. tom.
XI. p. 122, ed i Viaggi di Shaw, p. 167.

[73] Pollione nella Stor. Aug. p. 299.

[74] Vopisco nella Stor. Aug. p. 219. Zosimo, l. I. p. 51.

[75] Stor. Aug. p. 219.

[76] Vedi Vopisco nella Stor. Aug. p. 220, 242. Viene osservato, come
esempio di lusso, ch'egli avea le finestre di vetro. Era famoso per la
forza e per l'appetito, pel coraggio e per la destrezza. Dalla lettera
di Aureliano si può giustamente inferire, che Fermo fu l'ultimo dei
ribelli, e conseguentemente che Tetrico era già sottomesso.

[77] Vedi il trionfo di Aureliano descritto da Vopisco. Egli riferisce
le particolarità colla sua solita esattezza, ed in questa occasione sono
fortunatamente interessanti. Stor. Aug. p. 220.

[78] Fra le barbare nazioni, le donne hanno spesso combattuto ai fianchi
dei loro mariti. Ma è _quasi_ impossibile, che una società di Amazzoni
sia mai esistita o nel vecchio o nel nuovo mondo.

[79] L'uno delle _braccae_ o calzoni era tuttavia considerato in Italia
come una gallica e barbara moda. I Romani per altro vi si erano molto
avvicinati. Il cingersi le gambe e cosce con fasce o strisce, si
prendeva ai tempi di Pompeo e di Orazio, come una prova di malattia, o
di effemminatezza. Nel secolo di Traiano l'uso di queste era limitato
alle persone ricche e di lusso. Fu a poco a poco adottato dai più vili
del popolo. Vedi una curiosa nota del Casaubono, _ad Sveton. in August._
c. 82.

[80] Erano i primi, assai probabilmente; i secondi nelle medaglie di
Aureliano non indicano (come giudica il dotto Cardinal Noris) che una
vittoria orientale.

[81] L'espressione di Calfurnio (Eglog. l. 50.) «Nullos ducet _captiva_
triumphos» come applicata a Roma, contiene una manifestissima allusione
e censura.

[82] Vopisco nella Stor. Aug. p. 199. _Hieronym. in Chron._ _Prosper. in
Chron._ Baronio suppone che Zenobio, vescovo di Firenze ai tempi di S.
Ambrogio, fosse della famiglia di lei.

[83] Vopisco nella Stor. Aug. p. 222. Eutropio, IX. 13. Vittore Juniore.
Ma Pollione nella Stor. Aug. p. 196 dice che Tetrico fu fatto Censore di
tutta l'Italia.

[84] Stor. Aug. p. 197.

[85] Vopisco nella Stor. Aug. 222. Zosimo l. I. p. 156. Egli vi collocò
le immagini di Belo e del Sole, che portate avea da Palmira. Fu questo
dedicato nel quarto anno del suo regno (_Euseb. in Chron._), ma fu
sicurissimamente cominciato dopo il suo avvenimento al trono.

[86] Vedi nella Stor. Aug, p. 210. i presagi della fortuna di lui. La
sua devozione al Sole apparisce nelle sue lettere, nelle sue medaglie,
ed è riferita nei Cesari di Giuliano. Vedi Comment. di Spanemio, p. 109.

[87] Vopisco nella Stor. Aug. p. 221.

[88] Stor. Aug. p. 222. Aureliano nomina quei soldati, _Hiberi,
Riparienses, Castriari, et Dacisci_.

[89] Zosimo, l. I. p. 56. Eutropio IX. 14. Aurel. Vittore.

[90] Stor. Aug. p. 223. Aurel. Vittore.

[91] Infierì già prima del ritorno di Aureliano dall'Egitto. Vedi
Vopisco, che cita una lettera originale. Stor. Aug. p. 244.

[92] Vopisco nella Stor. Aug. p. 222. I due Vittori. Eutropio 9, 14.
Zosimo (l. I. p. 43) fa menzione di soli tre Senatori, e pone la lor
morte avanti la guerra d'Oriente.

[93]

    «Nulla catenati feralis pompa Senatus
      Carnificum lassabit opus: nec carcere pleno
      Infelix ruros numerabit curia Patres.»

                     _Calfurn, Eclog. I. 60._

[94] Secondo Vittore Juniore egli portò qualche volta il Diadema. Si
legge sulle di lui medaglie _Deus_ e _Dominus_.

[95] Era questa osservazione di Diocleziano. Vedi Vopisco nella Stor.
Aug. p. 224.



CAPITOLO XII.

      _Condotta dell'esercito e del Senato dopo la morte di Aureliano.
      Regni di Tacito, di Probo, di Caro e dei suoi figli._


La condizione degl'Imperatori Romani era tanto infelice, che qualunque
si fosse la loro condotta, incontravano ordinariamente il medesimo fato.
La vita dissoluta o virtuosa, severa o indulgente, indolente o gloriosa,
menava egualmente ad un intempestivo sepolcro; e quasi ogni regno
finisce con la stessa disgustosa ripetizione di tradimenti e di stragi.
La morte di Aureliano, per altro, è considerabile per le straordinarie
sue conseguenze. Le legioni ammirarono, piansero, e vendicarono il
vittorioso lor condottiere. L'artifizio del perfido di lui segretario fu
discoperto e punito. I cospiratori delusi seguirono le funerali esequie
del loro oltraggiato Sovrano con sincero, o ben simulato pentimento, e
si sottomisero all'unanime risoluzione dell'ordine militare, la quale fu
significata con la seguente lettera. «I valorosi e felici eserciti al
Senato ed al Popolo di Roma. Il delitto di un solo e il fallo di molti
ci hanno privato dell'ultimo Imperatore Aureliano. Compiacetevi,
venerabili Signori e Padri, di collocarlo nel numero degli Dei, e
d'indicarci quel successore, che voi giudicherete degno della Porpora
Imperiale. Niuno di quelli, che, o per colpa o per caso, hanno
contribuito alla nostra perdita, regnerà mai sopra di noi[97].» I
Senatori Romani udirono senza sorpresa, che un altro Imperatore era
stato assassinato nel suo campo; si rallegrarono internamente della
caduta di Aureliano; ma la modesta e rispettosa lettera delle legioni,
quando fu dal Console comunicata alla piena assemblea, riempì tutti
della più grata sorpresa. Essi liberamente largirono alla memoria del
loro estinto Sovrano quegli onori, che il timore e forse la stima
avrebbero estorti. Renderono alle fedeli armate della Repubblica, che
conservavano un sentimento sì giusto della legittima autorità del Senato
nella scelta d'un Imperatore, quei ringraziamenti, che la gratitudine
potea inspirare. Ma non ostante questo invito sì lusinghiero, i più savj
dell'assemblea evitarono di esporre al capriccio di una moltitudine
armata la lor salvezza e la lor dignità. La forza delle legioni era, per
vero dire, un pegno della loro sincerità, perchè quelli che possono
comandare, di rado sono ridotti alla necessità d'infingere; ma poteva
egli naturalmente sperarsi, che un improvviso pentimento correggesse
l'inveterato costume d'interi ottant'anni? Se fossero ricaduti i soldati
nelle loro solite sedizioni, la loro insolenza poteva disonorare la
maestà del Senato, e divenir fatale alla scelta di lui. Simili motivi
dettarono un decreto, col quale l'elezione del nuovo Imperatore si
rimetteva ai suffragi dell'ordine militare.

La contesa, che quindi nacque, è uno dei più attestati, ma meno
verisimili, eventi della storia del Genere Umano[98]. Le truppe, quasi
fossero stanche di esercitare la lor forza, fecero nuovamente le loro
istanze al Senato, perchè rivestisse della Porpora Imperiale uno del suo
proprio corpo. Il Senato persistè sempre nel suo rifiuto, e l'esercito
nella sua richiesta. La proposizione fu almen per tre volte
scambievolmente offerta e ricusata, e mentre l'ostinata modestia di
ciascheduna delle due parti era risoluta di ricevere un Sovrano dalle
mani dell'altra, passarono insensibilmente otto mesi: mirabil periodo di
tranquilla anarchia, durante il quale il mondo Romano rimase senza un
sovrano, senza un usurpatore, e senza pure una sedizione. I Generali ed
i Magistrati eletti da Aureliano continuarono ad esercitare le ordinarie
loro funzioni, e si osserva che un Proconsole dell'Asia fu la sola
riguardevol persona, rimossa dalla sua carica in tutto il corso
dell'interregno.

Un quasi simile, ma molto meno autentico, avvenimento si suppone
accaduto dopo la morte di Romolo, nella vita e nel carattere del quale
si ritrova qualche somiglianza con Aureliano. Il trono restò vacante per
dodici mesi, sino all'elezione di un filosofo Sabino; e la pubblica
tranquillità si mantenne nel modo istesso, per l'unione dei diversi
ordini dello Stato. Ma nei tempi di Numa e di Romolo, l'autorità dei
Patrizj teneva a freno le armi del popolo; e facilmente si conservava in
una società virtuosa e ristretta la bilancia della libertà[99]. L'Impero
Romano nella sua declinazione, molto diverso dalla sua infanzia, si
trovava in tutte quelle circostanze, che potevano allontanare da un
interregno la speranza dell'ubbidienza e dell'armonia; e queste
circostanze erano una Capitale immensa e tumultuosa, una vasta
estensione di dominio, la servile eguaglianza del dispotismo, un'armata
di quattrocentomila mercenari, e l'esperienza delle frequenti
rivoluzioni. Ma non ostanti tutti questi incentivi, la disciplina e la
memoria di Aureliano contennero tuttavia la sediziosa indole delle
truppe, non meno che la dannosa ambizione de' lor condottieri. Il fiore
delle legioni rimase accampato sulle rive del Bosforo, e l'insegna
Imperiale mettea rispetto ai meno potenti campi di Roma e delle
Province. L'ordine militare parve animato da un generoso benchè
passeggiero entusiasmo; ed è credibile che i pochi veri patriotti
coltivassero la rinascente amicizia tra l'esercito ed il Senato, come
l'unico espediente capace di ristabilir la Repubblica nella sua primiera
bellezza e nell'antico vigore.

Ai venticinque di Settembre, quasi otto mesi dopo l'uccisione di
Aureliano, il Console adunò il Senato, e riferì l'incerta e pericolosa
situazione dell'Impero. Insinuò leggiermente, che la precaria fedeltà
dei soldati dipendeva da un solo istante e dal minimo accidente; ma
rappresentò con la più convincente eloquenza i vari pericoli che
seguitar potevano ogni ulterior dilazione nella scelta di un Imperatore.
Si erano, diceva egli, già ricevute notizie, che i Germani aveano
passato il Reno, ed occupate alcune delle più forti e più opulente città
della Gallia. L'ambizione del Monarca Persiano teneva l'Oriente in
continui timori: l'Egitto, l'Affrica e l'Illirico erano esposti all'armi
straniere e domestiche, e la Siria incostante avrebbe fin preferito lo
scettro di una femmina alla santità delle leggi Romane. Rivoltosi quindi
il Console a Tacito, il primo tra i Senatori[100], richiese il parere di
lui sull'importante oggetto di un candidato degno del trono vacante.

Se il merito personale è da preferirsi ad una casuale grandezza,
stimeremo l'origine di Tacito più nobile veramente di quella dei Re.
Vantava egli la sua discendenza da quello Storico filosofico, i cui
scritti istruiranno ancora le ultime generazioni degli uomini[101]. Il
Senatore Tacito era nell'età di settantacinque anni[102]. Le ricchezze e
gli onori adornavano il lungo corso della innocente sua vita. Avea due
volte occupata la dignità consolare[103], e godeva con eleganza e
sobrietà l'ampio suo patrimonio fra i quattro e i sei milioni di
zecchini[104]. L'esempio di tanti Principi da lui o stimati o sofferti,
dalle vane follie di Elagabalo fino all'utile rigore di Aureliano, lo
aveano ammaestrato a valutar giustamente i doveri, i pericoli, e le
tentazioni di quel sublime lor grado. All'assiduo studio del suo
immortale antenato egli doveva la conoscenza della Romana costituzione e
dell'umana natura. La voce del popolo avea già nominato Tacito come il
cittadino più degno dell'Impero[105]. Giunto ai suoi orecchi questo
ingrato rumore, lo indusse a ritirarsi in una delle sue ville nella
Campania. Avea egli passato a Baia due mesi in una tranquillità
deliziosa, quando con ripugnanza ubbidì ai comandi del Console di
riprendere l'onorevol suo posto nel Senato, e di assistere co' suoi
consigli la Repubblica in tale importante occasione.

Si alzò Tacito per parlare, quando da ogni lato dell'assemblea fu
salutato coi nomi di Augusto e d'Imperatore. «Tacito Augusto, gli Dei ti
conservino: noi ti eleggiamo per nostro Sovrano, affidando alla tua cura
la Repubblica, e il Mondo. Accetta l'Impero dall'autorità del Senato.
Esso è dovuto al tuo grado, alla tua condotta, ai tuoi costumi.» Calmato
appena il tumulto delle acclamazioni, Tacito tentò di evitare il
pericoloso onore, e di esprimere la sua sorpresa, che si eleggesse un
uomo vecchio ed infermo per succedere al marzial vigore di Aureliano.
«Sono elleno membra queste, Padri coscritti, atte a sostener il peso
dell'armi, o ad eseguire gli esercizi del campo? La varietà dei climi, e
le asprezze della vita militare presto opprimerebbero un debol
temperamento, che si mantien solamente col più delicato riguardo.
Bastano appena l'esauste mie forze a soddisfare ai doveri di Senatore:
quanto insufficienti sarebbero per le ardue fatiche della guerra e del
governo! Potete voi sperare che le legioni rispettino un debol vecchio,
che ha passati i suoi giorni all'ombra della pace e del ritiro? Vorreste
voi ch'io dovessi una volta piangere la favorevole opinion del
Senato?[106]»

La ripugnanza di Tacito, che forse era ingenua, fu combattuta dalla
affettuosa ostinazione del Senato. Cinquecento voci ripeterono unite con
eloquente confusione, che i Principi più grandi di Roma, Numa, Traiano,
Adriano, e gli Antonini, erano ascesi al trono in età molto avanzata,
che l'oggetto della loro scelta era lo spirito, non il corpo, il
Sovrano, non il soldato, e solamente esigevano da lui, che con la sua
prudenza regolasse il valore delle legioni. Queste pressanti e
tumultuose istanze furono secondate da un più regolar discorso di Mezio
Falconio, che accanto a Tacito sedeva tra i Consolari. Egli rammentò
all'assemblea i mali, che Roma avea sofferti dai vizi degl'indocili e
capricciosi giovani Principi, si congratulò col Senato per l'elezione di
un virtuoso e sperimentato Senatore, e con maschia, ma forse
interessata, libertà esortò Tacito a rammentarsi i motivi del suo
innalzamento, ed a scegliersi un successore non nella sua propria
famiglia, ma nella Repubblica. Fu il discorso di Falconio avvalorato da
una generale acclamazione. L'eletto Imperatore si sottomise all'autorità
della sua patria, e ricevè il volontario omaggio de' suoi compagni. La
condotta del Senato fu confermata dal consenso del Popolo Romano e dei
Pretoriani[107].

Il governo di Tacito non fu diverso dalla passata sua vita e da' suoi
principj. Creatura riconoscente del Senato, egli considerò quel Concilio
della Nazione come autore delle leggi, e sè medesimo come soggetto
all'autorità di quelle[108]. Procurò di saldare le molte ferite, che
l'orgoglio Imperiale, la discordia civile e la violenza militare aveano
portate alla costituzione, e di ristabilire almeno l'immagine
dell'antica Repubblica, com'era stata conservata dalla politica di
Augusto, e dalle virtù di Traiano e degli Antonini. Non sarà inutile di
enumerare alcune delle più importanti prerogative, che parve aver
ricuperate il Senato per l'elezione di Tacito[109]. I. Di affidare ad
uno dei suoi membri, sotto il titolo d'Imperatore, il general comando
degli eserciti, ed il governo delle Province di frontiera. II. Di
fissare la lista o, come allor si chiamava, il Collegio dei Consoli.
Questi erano dodici, che, succedentisi a due a due per ogni bimestre,
rappresentavano per tutto l'anno la dignità di quell'antica
magistratura. Esercitava il Senato nella scelta dei Consoli la sua
autorità con una libertà così indipendente, che non ebbe alcun riguardo
ad una irregolar istanza dell'Imperatore pel suo fratello Floriano. «Il
Senato» (esclamò Tacito con un nobil trasporto da cittadino) «conosce il
carattere di quel Principe, ch'egli ha scelto.» III. Di destinare i
Proconsoli ed i Presidenti delle Province, e di conferire a tutti i
Magistrati la loro civile giurisdizione. IV. Di ricever gli appelli per
l'uffizio intermedio del Prefetto della Città da tutti i tribunali
dell'Impero. V. Di dar forza e validità coi suoi decreti agli editti
Imperiali ch'esso approvava. VI. A questi diversi rami di autorità si
può aggiungere qualche sopraintendenza alle finanze, giacchè anche sotto
la severa dominazion di Aureliano aveva il Senato la facoltà d'impiegare
in altr'uso una parte dell'entrate, destinate al servizio pubblico[110].

Furono immediatamente spedite lettere circolari a tutte le principali
città dell'Impero, Treveri, Milano, Aquileia, Tessalonica, Corinto,
Atene, Antiochia, Alessandria, e Cartagine, per esigere la loro
ubbidienza, ed informarle della felice rivoluzione, che avea restituita
al Senato Romano l'antica sua dignità. Due di queste lettere si
conservano ancora. Abbiamo altresì due ben singolari frammenti della
privata corrispondenza dei Senatori in questa occasione. Mostrano la più
eccessiva gioia, e le più illimitate speranze. «Ponete giù la vostra
indolenza» (così scrive uno dei Senatori al suo amico) «ed uscite dal
vostro ritiro di Baia e di Pozzuolo. Restituitevi alla Città ed al
Senato. Roma fiorisce, e tutta insieme fiorisce la Repubblica. Grazie al
romano esercito, veramente Romano, abbiam finalmente ricuperata la
nostra giusta autorità, lo scopo di tutti i nostri desiderj. Noi
riceviamo gli appelli, destiniamo i Proconsoli, facciamo gl'Imperatori;
forse ancora noi li potremo tenere in freno: all'uomo saggio una parola
è bastante.[111]» Restarono per altro sconcertate ben presto queste alte
speranze, nè di fatto era possibile, che le armate, e le province
lungamente ubbidissero all'imbelle ed effeminata nobiltà romana. Al più
leggiero urto rimase atterrato il mal sostenuto edifizio della loro
ambizione e del loro potere. La spirante autorità del Senato mandò una
subita luce, balenò per un momento, e si estinse per sempre.

Ma tutto ciò ch'era accaduto in Roma, non sarebbe stato che una
rappresentazione teatrale, se non veniva ratificato dalla forza più
reale delle legioni. Lasciando godere ai Senatori il loro fantasma di
libertà e di ambizione, andò Tacito al campo di Tracia, ed ivi fu dal
Prefetto del Pretorio presentato alle truppe adunate, come il Principe
da loro richiesto, e dal Senato concesso. Appena tacque il Prefetto, che
l'Imperatore parlò ai soldati con eloquenza e con dignità. Soddisfece
alla loro avarizia con una liberale distribuzion di danaro, sotto nome
di paga e di donativo. Egli acquistò la stima loro con un'animosa
dichiarazione che sebbene la sua età lo rendesse inabile alle imprese
militari, pure i suoi consigli non sarebbero indegni di un Generale
Romano, del successore del valoroso Aureliano[112].

Nel tempo che quest'Imperatore faceva preparativi per una seconda
spedizione in Oriente, egli aveva trattato con gli Alani, popoli della
Scizia, i quali avevano piantate le loro tende nelle vicinanze della
Palude Meotide. Quei Barbari, allettati con promesse di doni e di
sussidj, si erano obbligati d'invadere la Persia con un numeroso corpo
di cavalleria leggiera. Furono essi fedeli al loro impegno; ma quando
giunsero alla frontiera Romana, era già morto Aureliano, il progetto
della guerra Persiana era almeno sospeso, ed i Generali, che, durante
l'interregno, esercitavano un incerto potere, non erano preparati nè a
riceverli, nè ad arrestarli. Provocati da un tal contegno, ch'essi
riguardavano come perfido e vile, ricorsero gli Alani al loro proprio
valore per avere e paga e vendetta; e marciando con la solita celerità
dei Tartari, presto si sparsero per le Province del Ponto, della
Cappadocia, della Cilicia, e della Galazia. Le legioni, che dalle
opposta rive del Bosforo potevan quasi discernere le fiamme delle città
e dei villaggi, stimolavan con impazienza il lor Generale a condurle
contro quegli invasori. Tacito si diportò convenientemente alla sua età
ed alla sua posizione. Mostrò chiaramente ai Barbari la fedeltà e la
potenza dell'Impero. Gran parte degli Alani, pacificati dalla puntuale
soddisfazione degl'impegni, che avea con essi contratti Aureliano,
renderono il loro bottino ed i prigionieri, e quietamente si ritirarono
nei loro deserti di là dal Fasi. Agli altri, che ricusarono la pace,
fece il Romano Imperatore in persona con buon successo la guerra.
Secondato da un esercito di valorosi ed esperti veterani, ei liberò in
poche settimane le Province dell'Asia dal terrore della invasion degli
Sciti[113].

[A. D. 276]

Ma la gloria e la vita di Tacito furono di poca durata. Trasportato nel
colmo del verno dalla dolce solitudine della Campania ai piedi del monte
Caucaso, fu egli oppresso dagl'insoliti travagli di una vita militare.
Le cure dell'animo aggravarono le fatiche del corpo. L'entusiasmo della
pubblica virtù avea per un tempo sedate le feroci ed interessate
passioni dei soldati. Scoppiarono queste ben presto con raddoppiata
violenza, ed infuriarono nel campo e nella tenda perfino del vecchio
Imperatore. Il suo dolce e moderato carattere non serviva che ad
inspirare disprezzo, ed egli era continuamente tormentato dalle fazioni,
che sedar non poteva, e da richieste impossibili a soddisfarsi. Non
ostanti le lusinghiere speranze che Tacito avea concepite di rimediare
ai pubblici disordini, egli fu presto convinto, che la sfrenatezza
dell'esercito deprezzava il debol ritegno delle leggi; e il dolore di
veder volti in male i suoi disegni, unito all'altre angustie, affrettò
gli ultimi suoi momenti. Si dubita se i soldati imbrattassero le loro
mani nel sangue di questo innocente Principe[114]; ma è certo però, che
la loro insolenza cagionò la morte di lui. Egli spirò a Tiana nella
Cappadocia, dopo un regno di soli sei mesi e quasi venti giorni[115].

Tacito avea chiusi appena gli occhi, che il suo fratello Floriano si
mostrò indegno del trono colla frettolosa usurpazione della Porpora,
senza aspettare l'approvazion del Senato. Il rispetto per la Romana
costituzione, che tuttavia influiva nelle armate o nelle Province, era
abbastanza forte per disporle a biasimare la precipitosa ambizione di
Floriano, ma non per incitarle ad opporvisi. Sarebbe il disgusto svanito
in vani susurri, se il General dell'Oriente, l'eroico Probo, non si
fosse arditamente dichiarato vendicator del Senato. Era per altro sempre
la contesa ineguale, nè potea il più abile Generale alla testa delle
effemminate truppe dell'Egitto e della Siria, combattere con alcuna
speranza di vittoria, contro le legioni dell'Europa, che con
irresistibil valore sembravano sostenere il fratello di Tacito. Ma la
fortuna e l'attività di Probo superarono ogni ostacolo. I robusti
veterani del suo rivale, avvezzi ai climi più freddi, illanguidivano e
venivano meno agli eccessivi calori della Cilicia, dove l'aria nella
state era molto malsana. Le frequenti diserzioni diminuivano il loro
numero: i passi delle montagne erano debolmente difesi. Tarso aprì le
sue porte, ed i soldati di Floriano, dopo avergli lasciato godere per
tre mesi il titolo Imperiale, liberarono l'Impero da una guerra civile
col facile sacrifizio di un Principe da loro sprezzato[116].

Le continue rivoluzioni del trono aveano sì bene sbandita ogni idea di
ereditario diritto, che la famiglia di un Imperatore sfortunato era
incapace di eccitare la gelosia dei suoi successori. Fu ai figli di
Tacito e di Floriano permesso di scendere allo stato privato, e di
restar confusi nella generale massa del popolo. La loro povertà
veramente servì d'un'altra difesa alla loro innocenza. Quando fu Tacito
eletto dal Senato, egli consacrò al pubblico servizio l'ampio suo
patrimonio[117], atto di speciosa generosità in apparenza, ma che
evidentemente svelava la sua intenzione di trasmettere l'Impero ai suoi
discendenti. L'unica consolazione del loro caduto stato fu la memoria di
una passeggiera grandezza, e la lontana speranza, figlia di una profezia
lusinghiera, che sorgerebbe dopo mille anni dalla stirpe di Tacito un
Monarca protettor del Senato, ristauratore di Roma, e conquistatore di
tutta la terra[118].

I contadini dell'Illirico, che già dato aveano al cadente Impero e
Claudio e Aureliano, poterono con egual diritto gloriarsi
dell'innalzamento di Probo[119]. Quasi venti anni avanti, l'Imperator
Valeriano, con la solita sua penetrazione, avea conosciuto il nascente
merito di quel giovane soldato, al quale conferì il posto di Tribuno
molto innanzi all'età prescritta dalle regole militari. Il Tribuno
giustificò ben presto la di lui scelta con una vittoria sopra un gran
corpo di Sarmati, nella quale salvò la vita ad uno stretto parente di
Valeriano, e meritò di ricevere dalle mani dell'Imperatore le collane, i
monili, le lance e le insegne, la corona murale e la civica, e tutte le
onorevoli ricompense destinate dall'antica Roma ad un fortunato valore.
La terza legione, e quindi la decima furono affidate al comando di
Probo, che ad ogni passo della sua promozione si mostrò superiore al
posto ch'egli occupava. L'Affrica ed il Ponto, il Reno, il Danubio,
l'Eufrate ed il Nilo gli porsero a vicenda le più luminose occasioni di
mostrare il suo valor personale e la sua scienza nell'arte della guerra.
A lui fu debitore Aureliano della conquista dell'Egitto, e molto più per
l'onesto coraggio, col quale si oppose sovente alla crudeltà del suo
Sovrano. Tacito, che desiderava di supplire alla sua propria mancanza di
militari talenti con l'abilità de' suoi Generali, lo nominò primo
Comandante di tutte le Orientali Province col quintuplo della solita
paga, colla promessa del Consolato, e colla speranza del trionfo. Quando
Probo salì sul Trono Imperiale era nell'età di quasi[120]
quarantaquattr'anni, nel pieno possesso della sua gloria, dell'amor
dell'esercito, e di un maturo vigore di corpo e di spirito.

[A. D. 276]

Il riconosciuto suo merito ed il buon successo delle sue armi contro
Floriano, lo lasciarono senza un nemico, o senza un competitore. Pure,
se creder si debbono le sue proprie proteste, ben lungi dal desiderare
l'Impero, egli lo aveva accettato con sincerissima ripugnanza. «Ma non è
più in mio potere (dice Probo in una sua privata lettera) di deporre un
titolo così invidiato e pericoloso. Mi è forza di continuare a
rappresentare il carattere, di cui mi hanno rivestito i soldati[121].»
La rispettosa sua lettera al Senato mostrava i sentimenti, o almeno il
linguaggio di un cittadino Romano. «Quando voi eleggeste, o Padri
coscritti, uno del vostro Ordine per succedere all'Imperatore Aureliano,
operaste secondo la vostra giustizia e la vostra prudenza. Imperocchè
voi siete i Sovrani legittimi del mondo, ed il potere, trasmessovi dai
vostri antenati, passerà nella vostra posterità. Felice Floriano! Se
invece di usurpar la porpora del suo fratello, come una privata eredità,
egli avesse aspettato che la vostra maestà si fosse determinata in
favore o di lui, o di alcun'altra persona. I prudenti soldati hanno
punita la temerità di lui, ed a me hanno offerto il titolo di Augusto.
Ma io sottopongo alla vostra clemenza i miei diritti ed i meriti
miei[122].» Quando fu letta dal Console questa rispettosa lettera, non
poterono i Senatori nascondere il loro contento, che Probo
condescendesse a domandare così umilmente uno scettro che già possedeva.
Celebrarono essi con la più viva gratitudine le virtù, le imprese, e
soprattutto la moderazione di lui. Fu immediatamente fatto un decreto,
senza pure un voto contrario, per ratificare l'elezione degli eserciti
d'Oriente e per conferire al lor capo tutti i diversi rami della
Imperial Dignità, i nomi di Cesare e di Augusto, il titolo di Padre
della Patria, il diritto di fare al Senato in un giorno tre diverse
proposizioni[123], l'uffizio di Pontefice Massimo, la potestà tribunizia
e l'autorità proconsolare; formula d'investitura, che benchè sembrasse
moltiplicare l'autorità dell'Imperatore, non faceva ch'esprimere la
costituzione dell'antica Repubblica. Corrispose tutto il Regno di Probo
alla sua bella aurora. Fu rilasciata al Senato la civile amministrazione
dell'Impero. Il fido suo Generale sostenne l'onore dell'armi Romane, e
spesso pose ai piedi di quell'assemblea corone d'oro e barbarici trofei,
frutti delle sue numerose vittorie[124]. Pure, mentr'egli contentava la
vanità dei Senatori, ne deve in secreto aver disprezzata l'indolenza e
la debolezza. Benchè potessero ad ogni momento abolire il disonorevole
editto di Gallieno, i superbi successori degli Scipioni pazientemente
soffrirono di essere esclusi da tutti gl'impieghi militari. Conobbero
ben presto, che chi ricusa la spada, deve ancora rinunziare allo
scettro.

[A. D. 277]

La forza di Aureliano avea per ogni parte oppressi i nemici di Roma.
Parve che dopo la morte di lui risuscitassero più fieri e più numerosi.
Furono essi vinti di nuovo dalla vigorosa attività di Probo, che nel
corto regno di quasi sei anni[125] agguagliò la fama degli antichi Eroi,
e ristabilì la pace e l'ordine in ogni Provincia del Mondo Romano. Così
saldamente assicurò la pericolosa frontiera della Rezia, che la lasciò
senza il sospetto neppur di un nemico. Egli abbattè l'erranti forze
delle Tribù de' Sarmati, e col terror delle armi sue costrinse que'
Barbari a desistere dalle rapine. Chiesero ardentemente i Goti
l'alleanza di un Imperatore così bellicoso[126]. Egli assalì gl'Isaurici
nelle loro montagne, assediò e prese vari de' loro più forti
castelli[127], e si lusingò di aver soggiogato per sempre un domestico
nemico, la cui indipendenza portava così profonde ferite alla maestà
dell'Impero. I torbidi, eccitati nel superiore Egitto dell'usurpator
Fermo, non eran mai stati perfettamente sedati, e le città di Tolemaide
e di Copto, sostenute dall'alleanza dei Blemmi, mantenevano tuttavia una
ribellione oscura. Il castigo di queste e de' loro ausiliari selvaggi
del Mezzogiorno si dice che spaventasse la Corte di Persia[128], ed il
Gran Re supplicò invano per ottenere l'amicizia di Probo. La maggior
parte delle imprese, che ne illustrarono il regno, debbonsi al valor
personale, ed alla condotta dell'Imperatore, talchè lo Scrittore della
vita di lui manifesta qualche maraviglia, come in sì breve tempo potesse
un sol uomo esser presente a tante guerre lontane. Egli affidò le altre
imprese alla cura de' suoi Generali, la giudiziosa scelta de' quali
forma una parte considerabile della sua gloria. Caro, Diocleziano,
Massimiano, Costanzo, Galerio, Asclepiodoto, Annibaliano, ed un numero
di altri Capi, i quali di poi occuparono o sostennero il trono, furono
educati nell'armi, e nella severa scuola di Aureliano e di Probo[129].

[A. D. 277]

Ma il più importante servigio, che Probo rendesse alla Repubblica, fu di
aver liberata la Gallia, e ricuperate settanta floride città oppresse
dai Barbari della Germania, i quali dopo la morte di Aureliano aveano
impunemente desolata quella vasta Provincia[130]. Tra la varia
moltitudine di quei feroci invasori si possono con qualche chiarezza
distinguere tre grandi armate, o piuttosto nazioni successivamente vinte
dal valore di Probo. Egli rispinse i Franchi nelle loro paludi;
circostanza dimostrativa, dalla quale possiamo inferire, che la
confederazione, conosciuta sotto il generoso nome di _liberi_, già
occupava il basso paese marittimo diviso e quasi coperto dalle stagnanti
acque del Reno; e che diverse Tribù dei Frisi e dei Batavi si erano
unite alla loro alleanza. Egli vinse i Borgognoni, considerabil nazione
della razza dei Vandali. Erano essi andati vagando in traccia di bottino
dalle rive dell'Oder a quelle della Senna. Si stimarono assai felici di
comprare con la restituzione di tutte le loro prede la permissione di un
sicuro ritorno. Tentarono essi di eludere quell'articolo del trattato.
Il loro castigo fu immediato e terribile[131]. Ma di tutti gl'invasori
della Gallia, i più formidabili erano i Ligj, nazione lontana, che
possedeva un vasto dominio sulle frontiere della Polonia e della
Slesia[132]. Tra questi gli Arj tenevano il primo posto pel loro numero
e per la loro fierezza. «Gli Arj» (così sono essi descritti dall'energia
di Tacito) procurano di accrescere con l'arte e colle circostanze del
tempo il natural terrore della loro fierezza. Neri sono gli scudi loro,
e tinti di nero i lor corpi. Scelgono per combattere l'ora più oscura
della notte. Il lor esercito si avanza coperto quasi da un'ombra
funerea[133]; e trova di rado un nemico capace di sostenere un sì strano
aspetto ed infernale. Gli occhi sono i primi di tutti i sensi ad esser
vinti in battaglia[134].» Pure le armi e la disciplina dei Romani
facilmente sconfissero quegli orridi spettri. I Ligj furon disfatti in
un generale combattimento, e Sennone, il più rinomato dei loro capi,
cadde vivo nelle mani di Probo. Questo prudente Imperatore non volendo
ridurre un popolo coraggioso alla disperazione, gli accordò una
capitolazione onorevole, e gli permise di ritornar sicuramente al suo
nativo paese. Ma le perdite, che i Ligj soffersero nella marcia, nella
battaglia e nella ritirata abbatterono il potere della nazione; nè il
nome loro si trova più ripetuto nella storia della Germania o
dell'Impero. Si racconta che la liberazione della Gallia costasse la
vita a quattrocentomila degl'invasori; impresa faticosa per li Romani, e
dispendiosa per l'Imperatore, che donò una moneta d'oro per ogni Barbaro
ucciso[135]. Ma siccome la fama de' guerrieri si fabbrica sopra la
distruzione dell'uman genere, si può naturalmente sospettare che quel sì
sanguinoso calcolo fosse moltiplicato dall'avarizia dei soldati, ed
accettato senza alcun severo esame dalla liberale vanità di Probo.

Dopo la spedizione di Massimino, i Generali Romani aveano limitata la
loro ambizione ad una guerra difensiva contro le nazioni della Germania,
che perpetuamente tribolavano le frontiere dell'Impero. Il più ardito
Probo proseguì le sue vittorie, passò il Reno, e portò le sue
invincibili aquile sulle rive dell'Elba e del Necker. Era egli
pienamente convinto, che niente poteva indurre l'animo dei Barbari alla
pace, se non provavano nel proprio lor paese le calamità della guerra.
La Germania spossata dal cattivo successo dell'ultima emigrazione,
rimase sbigottita alla presenza di Probo. Nove de' più considerabili
Principi si portarono al di lui campo, e se gli gettarono ai piedi.
Accettarono umilmente i Germani le condizioni che piacque di dettare al
vincitore. Volle egli una esatta restituzione delle spoglie e dei
prigionieri levati alle Province; ed obbligò i loro magistrati a punire
i predatori più ostinati, che pretendevano di ritenere qualche parte del
bottino. Un considerabil tributo di grano, di armenti e di cavalli, sole
ricchezze dei Barbari, fu riservato per l'uso delle guarnigioni, che
Probo stabilì sulle frontiere del lor territorio. Avea egli altresì
qualche pensiero di costringere i Germani ad abbandonare l'esercizio
delle armi, ed a rimettere le loro contese e la loro sicurezza alla
giustizia ed alla potenza di Roma. Per eseguire questi salutevoli
progetti era indispensabilmente necessaria la residenza perpetua di un
Governatore Imperiale, sostenuto da numerosa armata. Probo pertanto
credè più espediente di differire l'esecuzione di un disegno sì grande,
ch'era per vero dire di utilità più apparente che solida[136]. Riducendo
la Germania alla condizione di Provincia, avrebbero i Romani con fatiche
e spese immense acquistato soltanto un circondario più esteso da potersi
difendere contro i più feroci o più attivi Barbari della Scizia.

In vece di ridurre i bellicosi Germani allo stato di sudditi, Probo si
contentò dell'umile espediente d'innalzare un baluardo contro le loro
incursioni. Il paese, che forma adesso il circolo della Svevia, era
stato lasciato deserto nel secolo di Augusto per l'emigrazione degli
antichi suoi abitatori[137]. La fertilità del suolo presto vi trasse una
nuova colonia dalle adiacenti province della Gallia. Varie trame di
venturieri di un rapace carattere e di disperate fortune, occuparono
quella incerta possessione, e riconobbero col pagamento della decima la
maestà dell'Impero[138]. Per proteggere questi nuovi sudditi, fu a poco
a poco tirata una linea di guarnigioni, che dovea servir di frontiera
dal Reno al Danubio. Verso il regno di Adriano, quando cominciò a
praticarsi quella maniera di difese, furono queste guarnigioni tra loro
connesse, e coperte da una forte trinciera di alberi e di palizzate. In
vece di quel rozzo baluardo, vi costruì l'Imperator Probo un muro di
pietra di considerabile altezza, e fortificato con torri a convenienti
distanze. Dalle vicinanze di Newstadt e di Ratisbona sul Danubio si
stendeva a traverso i monti, le valli, i fiumi e le paludi fino a
Wimpfen sul Necker, e terminava finalmente sulle rive del Reno, dopo un
tortuoso corso di quasi dugento miglia[139]. Questa importante barriera,
congiungendo i due gran fiumi, che difendevano le province dell'Europa,
pareva occupare lo spazio voto, pel quale poteano i Barbari, e
specialmente gli Alemanni, penetrare con la maggior facilità nel cuor
dell'Impero. Ma l'esperienza del mondo, dalla China alla Britannia, ha
mostrato inutile il tentativo di fortificare un esteso tratto di
paese[140]. Un attivo nemico che può scegliere e variare i punti di
attacco, dee finalmente scoprire un luogo debole, e profittare d'un
momento d'innavvertenza. La forza non meno che l'attenzione dei
difensori è divisa; e tali son gli effetti di un cieco terrore sulle
truppe più salde, che una linea rotta in un sol posto è quasi in un
istante tutta abbandonata. Il destino del muro eretto da Probo può
confermare l'osservazion generale. Pochi anni dopo la morte di lui, esso
fu rovesciato dagli Alemanni. Le sparse rovine, universalmente
attribuite alla potenza del Demonio, servono adesso soltanto ad eccitare
la maraviglia del contadino della Svevia.

Tra le utili condizioni di pace, imposte da Probo alle vinte nazioni
della Germania, vi era l'obbligazione di somministrare all'esercito
Romano sedicimila uomini, scelti dalla gioventù più valorosa e robusta.
L'Imperatore li disperse per tutte le Province, e distribuì questo
pericoloso rinforzo in piccole bande, ciascuna di cinquanta o sessanta
uomini fra le truppe nazionali; procurando giudiziosamente che fosse
sensibile, ma non visibile l'aiuto, che la Repubblica traeva dai
Barbari[141]. Era questo divenuto ormai necessario. I molli abitatori
dell'Italia e delle Province interne non potevano più sostenere il peso
delle armi. Le robuste nazioni situate sulle frontiere del Reno e del
Danubio davano ancora animi e corpi adattati alle fatiche del campo; ma
una continua serie di guerre avea a poco a poco diminuito il lor numero.
La rarità dei matrimonj, o la rovina dell'agricoltura, s'opponevano ai
principj della popolazione, e distruggevano non solo la forza delle
generazioni presenti, ma toglievano la speranza ancora delle future. La
sapienza di Probo abbracciò il vasto ed utile disegno di ripopolare
l'esauste frontiere con nuove colonie di Barbari schiavi o fuggitivi, ai
quali egli diede e terreno e bestiami, ed istrumenti di agricoltura, ed
ogni incoraggiamento che potesse impegnarli ad allevare una razza di
soldati pel servizio della Repubblica. Egli trasferì un considerabil
corpo di Vandali nella Britannia, e probabilmente nella Provincia di
Cambridge[142]. L'impossibilità della fuga fece che si adattassero alla
loro situazione, e nelle susseguenti turbolenze di quell'isola si
mostrarono fedelissimi sudditi dello Stato[143]. Un gran numero di
Franchi e di Gepidi fu stabilito sulle rive del Danubio e del Reno.
Centomila Bastarni, cacciati dalla lor patria, accettarono allegramente
uno stabilimento nella Tracia, e presto contrassero i costumi ed i
sentimenti di sudditi romani[144]. Ma troppo spesso furono deluse le
speranze di Probo. L'impazienza e la pigrizia dei Barbari mal poteano
sopportare le lente fatiche dell'agricoltura. Il loro indomabile spirito
di libertà sollevandosi contro il dispotismo, li eccitò a precipitose
ribellioni, ugualmente fatali ad essi, che alle Province[145]; nè
poterono questi artificiali rinforzi, benchè replicati dai successivi
Imperatori, rendere all'importante frontiera della Gallia e
dell'Illirico l'antico suo nativo vigore.

Di tutti i Barbari, che abbandonarono i nuovi loro stabilimenti, e
disturbarono la pubblica tranquillità, un piccolissimo numero ritornò al
suo nativo paese. Poterono per breve tempo vagare armati per l'Impero;
ma furono al fine sicuramente distrutti dalla potenza di un Imperator
bellicoso. La fortunata temerità di una truppa di Franchi fu
accompagnata da conseguenze sì memorabili da non doversi passare in
silenzio. Probo gli avea stabiliti sulle coste del Ponto, colla mira di
rinforzare quella frontiera contro lo irruzioni degli Alani. Una flotta,
che fissa stava nei porti dell'Eusino, cadde nelle mani dei Franchi; ed
essi risolverono di cercare una strada per mari incogniti dalla foce del
Fasi a quella del Reno. Fuggirono essi facilmente a traverso il Bosforo
e l'Ellesponto, ed incrociando lungo il Mediterraneo, la loro sete di
vendetta e di rapina con frequenti sbarchi su i lidi dell'Asia, della
Grecia o dell'Affrica, che non sospettavano una incursione. La ricca
città di Siracusa, nel cui porto erano state una volta calate a fondo le
flotte di Atene e Cartagine, fu saccheggiata da un pugno di Barbari, che
trucidarono la maggior parte de' tremanti abitatori. Dalle isole della
Sicilia si avanzarono i Franchi alle Colonne di Ercole, e fidandosi
all'Oceano costeggiarono la Spagna e la Gallia, e dirigendo trionfanti
il loro corso pel canale Britannico, terminarono finalmente il
sorprendente loro viaggio, approdando sicuri ai lidi della Batavia o
della Frisia[146]. L'esempio del loro felice successo, insegnando ai
loro concittadini a concepire i vantaggi, e a disprezzare i pericoli del
mare, additò al loro spirito intraprendente una nuova strada alla
ricchezza e alla gloria.

Non ostante la vigilanza e l'attività di Probo, era quasi impossibile
ch'egli potesse nel tempo stesso contenere nell'ubbidienza ogni parte
del suo tanto esteso dominio. I Barbari, che ruppero le loro catene,
presa aveano la favorevole occasione di una guerra domestica. Quando
mosse l'Imperatore al soccorso della Gallia, affidò a Saturnino il
comando dell'Oriente. Questo Generale, uomo di merito e di esperienza,
fu indotto a ribellarsi dalla lontananza del suo Sovrano, dalla
leggierezza degli Alessandrini, dalle premurose istanze degli amici, e
dai suoi propri timori; ma dal primo momento della sua elevazione non
mantenne mai alcuna speranza di conservarsi l'Impero, oppure la vita.
«Ah!» diss'egli, «la Repubblica ha perduto un util suddito, e la
temerità di un momento ha distrutto i servigi di molt'anni. Voi non
conoscete (egli continuò) le angustie del sovrano potere; sta sempre
sospesa sul nostro capo una spada; paventiamo le stesse nostre guardie,
e diffidiamo dei nostri compagni. Non è più in nostro arbitrio l'operare
o stare in riposo, nè vi è età, carattere, o condotta veruna, che ci
metta al coperto della censura dell'invidia. Innalzandomi in tal guisa
al trono, condannato mi avete a una vita angustiosa, e ad un fine
immaturo. L'unica consolazione che mi resta, è la sicurezza che non
caderò solo[147].» Ma come la prima parte della sua predizione fu
verificata dalla vittoria, così fu la seconda smentita dalla clemenza di
Probo. Questo buon Principe tentò persino di salvare l'infelice
Saturnino dal furor dei soldati. Avea egli più di una volta pregato
l'usurpatore istesso a riporre qualche fiducia nella clemenza di un
Sovrano, il quale tanto stimava il carattere di lui, che avea punito,
qual maligno delatore, il primo che riferì l'improbabil nuova della sua
ribellione[148]. Avrebbe forse Saturnino accettata la generosa offerta,
se non fosse stato ritenuto dall'ostinata diffidenza dei suoi aderenti.
Il loro delitto era più grave, e le loro speranze più ardenti di quelle
dello sperimentato lor condottiere.

[A. D. 289]

Era appena nell'Oriente estinta la ribellione di Saturnino, che si
suscitarono nuove turbolenze nell'Occidente, per la sollevazione di
Bonoso e di Proculo nella Gallia. Il maggior merito di questi due
Uffiziali era la prodezza dell'uno nelle battaglie di Bacco, dell'altro
in quelle di Venere[149]; non mancava però nè l'uno nè l'altro di
coraggio e di capacità, ed ambi sostennero con onore l'augusto carattere
che il timor del castigo gli aveva impegnati ad assumere, finchè
cederono in ultimo al genio superiore di Probo. Egli usò della vittoria
con la solita sua moderazione, e risparmiò i beni non men che le vite
delle innocenti loro famiglie[150].

[A. D. 281]

Aveano ormai le armi di Probo oppressi tutti gli stranieri e domestici
nemici dello Stato. Il suo dolce, ma fermo governo assicurava il
ristabilimento della pubblica tranquillità; nè vi era rimasto nelle
province un barbaro nemico, un tiranno o un masnadiere pur anco, che
risvegliasse la memoria dei passati disordini. Tempo era che
l'Imperatore rivedesse Roma, e celebrasse la propria sua gloria e
l'universale felicità. Il trionfo, dovuto al valore di Probo, fu
regolato con una magnificenza conveniente alla sua fortuna, ed il
popolo, che avea sì di recente ammirati i trofei di Aureliano, rimase
con eguale piacere attonito alla vista di quelli dell'Eroe
successore[151]. Non possiamo in questa occasione tralasciare di
riferire il coraggio di circa ottanta gladiatori, riservati con quasi
seicento altri per l'inumano spettacolo dell'anfiteatro. Sdegnando essi
di spargere il sangue per dilettare la moltitudine, uccisero i loro
custodi, ruppero la loro prigione, ed empirono le contrade di Roma di
sangue e di confusione. Dopo una ostinata resistenza furono superati, e
tagliati a pezzi dalle truppe regolari; ma ottennero almeno una morte
onorevole, e la soddisfazione di una giusta vendetta[152].

La militar disciplina, che regnava nei campi di Probo, era meno crudele
di quella di Aureliano, ma non men rigida ed esatta. Il secondo puniva
le irregolarità dei soldati con inflessibile severità; il primo le
preveniva, occupando le legioni in continue ed utili fatiche. Quando
Probo comandava nell'Egitto, fece molte opere considerabili per lo
splendore e per l'utile di quel ricco paese. La navigazione del Nilo,
così importante a Roma medesima, fu migliorata; e tempj, ponti, portici
e palazzi furono costruiti dalle mani de' soldati, che servivano a
vicenda come architetti, come ingegneri e come operai[153]. Vien
riferito di Annibale, che per preservare le sue truppe dalle pericolose
tentazioni dell'ozio, le avea obbligate a fare vaste piantazioni di
ulivi lungo la costa dell'Affrica[154]. Per un simil principio, Probo
esercitò le sue legioni a coprire di ricche vigne le colline della
Gallia e della Pannonia, e ci vengono descritti due considerabili
terreni, che furono interamente lavorati o piantati dalle braccia dei
soldati[155]. Uno di questi, conosciuto sotto il nome di Monte Almo, era
situato vicino a Sirmio, paese nativo di Probo, per cui egli sempre
conservò un affetto parziale, e la cui gratitudine procurò
d'assicurarsi, convertendo in terreno lavorabile un vasto ed insalubre
tratto di suol paludoso. Un esercito così impiegato componeva forse la
più utile e la più coraggiosa porzione dei sudditi Romani.

[A. D. 282]

Ma nel proseguimento di un disegno favorito i migliori degli uomini,
soddisfatti della rettitudine delle loro intenzioni, sono soggetti ad
obbliare i limiti della moderazione; e Probo istesso non consultò
abbastanza la pazienza e la disposizione dei feroci suoi legionari[156].
Sembra che solamente una vita piacevole ed oziosa possa compensare i
pericoli della professione militare; ma se i doveri del soldato sono
continuamente aggravati dalle fatiche dell'agricoltore, egli caderà
finalmente sotto l'intollerabil peso, o lo scuoterà con isdegno. Si
pretende che l'imprudenza di Probo provocasse lo scontento delle sue
truppe. Più attento agl'interessi del Genere Umano che a quelli
dell'esercito, egli manifestò la vana speranza di presto abolire, collo
stabilimento della pace universale, la necessità delle truppe permanenti
e mercenarie[157]. Questa poco misurata espressione gli divenne fatale.
In uno dei più caldi giorni di estate, mentre egli severamente
affrettava l'insalubre lavoro di seccare le paludi di Sirmio, i soldati,
impazienti della fatica, gettaron via subitamente i loro strumenti,
afferraron l'armi, e proruppero in una furiosa sollevazione.
L'Imperatore, conoscendo il suo pericolo, si rifuggì in un'alta torre,
eretta a fine di osservare il progresso di quel lavoro[158]. Fu la torre
in un momento forzata, e mille spade in un punto immerse furono in seno
all'infelice Probo. Appena saziato, cessò il furor delle truppe.
Deplorarono allora la funesta loro temerità, obbliarono la severità
dell'Imperatore che avean trucidato, e si affrettarono a perpetuare con
un onorifico monumento la memoria delle virtù e delle vittorie di
lui[159].

Quando ebbero le legioni soddisfatto al loro dolore e pentimento per la
morte di Probo, con unanime consenso dichiararono Caro Prefetto del
Pretorio, come il più degno del trono imperiale. Ogni circostanza
relativa a questo Principe comparisce d'una varia ed incerta natura. Ei
si gloriava del titolo di cittadino Romano, ed affettava di paragonare
la purità del suo sangue colla straniera e perfino barbara origine dei
precedenti Imperatori, ma i più curiosi indagatori fra i suoi
contemporanei, ben lungi dall'ammettere questa pretensione, hanno
variamente dedotta l'origine di lui, o quella dei suoi genitori,
dall'Illirico, dalla Gallia o dall'Affrica[160]. Benchè soldato, egli
ebbe una culta educazione; e benchè Senatore, gli fu conferita la prima
dignità dell'esercito; ed in un secolo, in cui le professioni civile e
militare cominciarono ad essere stabilmente separate l'una dall'altra,
esse furono unite nella persona di Caro. Non ostante la severa giustizia
da lui esercitata contro gli assassini di Probo, al favore e alla stima
del quale egli era altamente obbligato, non potè evitare il sospetto di
esser complice di un misfatto, da cui ricavò il principale vantaggio.
Egli godeva (almeno avanti il suo innalzamento) la riputazione d'uomo
abile e virtuoso[161]; ma l'austero suo naturale si cangiò
insensibilmente in fastidioso e crudele, e gl'imperfetti Scrittori della
sua vita non sanno se devono porlo nel numero dei Tiranni di Roma[162].
Quando Caro prese la porpora, era nell'età di circa sessant'anni, ed i
due suoi figli Carino e Numeriano erano ormai giunti alla virilità[163].

L'autorità del Senato morì con Probo, nè i soldati dimostrarono il loro
pentimento con quel rispettoso riguardo per la potenza civile, che
aveano palesato dopo l'infelice morte di Aureliano. Fu l'elezione di
Caro decisa senza aspettare l'approvazione del Senato; ed il nuovo
Imperatore si contentò di notificare con una fredda ed altiera lettera,
ch'era salito sul trono vacante[164]. Una condotta tanto opposta a
quella dell'amabile suo predecessore, non recò alcun favorevol presagio
del nuovo Regno, ed i Romani, privi di potere e di libertà, usarono del
privilegio rimasto loro di mormorare[165]. Non si mancò per altro di
congratularsi con lui e di adularlo; e possiam tuttavia leggere con
piacere e disprezzo un'egloga, che fu composta per l'avvenimento
dell'Imperator Caro. Due pastori per evitare il calore del mezzogiorno
si ritirano nella grotta di Fauno. Sulla scorza d'un ombroso faggio
vedono alcuni freschi caratteri. La rustica Deità avea descritta in
versi profetici la felicità promessa all'Impero sotto il Regno di sì
gran Principe. Fauno saluta l'Eroe, che ricevendo sulle sue spalle il
cadente peso del mondo Romano, estinguerà le guerre e le fazioni, e farà
risorgere l'innocenza e la tranquillità del secol d'oro[166].

È più che probabile che queste eleganti inezie non giungessero mai alle
orecchie di un Generale veterano, che con il consenso delle legioni si
preparava ad eseguire il lungamente sospeso disegno della guerra
Persiana. Avanti la sua partenza per questa remota spedizione, Caro
conferì ai due suoi figli, Carino, e Numeriano, il titolo di Cesare, e
rivestendo il primo di una quasi ugual porzione d'imperial potere,
ordinò al giovane Principe di prima sedare alcune perturbazioni insorte
nella Gallia, e di poi stabilire la sua residenza in Roma, ed assumere
il governo delle Province Occidentali[167]. Fu la salvezza dell'Illirico
assicurata con una memorabil disfatta dei Sarmati. Sedicimila di quei
Barbari restarono sul campo di battaglia, e montò a ventimila il numero
dei prigionieri. Il vecchio Imperatore, animato dalla fama e
dall'aspetto della vittoria, continuò la sua marcia di mezzo verno per
le campagne della Tracia e dell'Asia Minore, ed arrivò finalmente col
suo più giovane figliuolo Numeriano ai confini della Monarchia Persiana.
Là accampato sulla cima di un'alta montagna, mostrò alle truppe
l'opulenza ed il lusso dei nemici che andavano ad assalire.

[A. D. 283]

Il successore di Artaserse, Varane o Bahram, benchè avesse soggiogati i
Segesti, una delle più bellicose nazioni dell'Asia superiore[168], fu
atterrito dalla venuta dei Romani, e procurò di arrestarli con un
trattato di pace. I suoi ambasciatori entrarono nel campo verso il cader
del Sole, mentre le truppe si ristoravano con un pasto frugale. I
Persiani manifestarono il loro desiderio di essere introdotti alla
presenza dell'Imperator Romano. Furono essi finalmente condotti dinanzi
ad un soldato assiso sull'erba. Un pezzo di lardo vieto, e pochi secchi
piselli componean la cena di quello. Un rozzo manto di porpora era
l'unico indizio della sua dignità. Si fece l'abboccamento collo stesso
disprezzo della cortigiana eleganza. Caro levandosi un berretto, che
portava per nascondere la sua calvezza, assicurò gli Ambasciatori, che
se il loro Sovrano non avesse riconosciuta la superiorità di Roma, egli
avrebbe subitamente ridotta la Persia così nuda di alberi, come era la
testa sua di capelli[169]. Malgrado le tracce di una studiata
ostentazione possiamo da questa scena conoscere i costumi di Caro, e la
severa semplicità, che i marziali successori di Gallieno aveano già
ristabilita nei campi Romani. I ministri del gran Re tremarono e si
ritirarono.

Non furono senza effetto le minacce di Caro. Egli devastò la
Mesopotamia, tagliò a pezzi tutto quello, che si oppose al suo
passaggio, s'impadronì delle grandi Città di Seleucia e di Tesifonte
(che sembra essersi rese senza resistenza) e portò le armi sue
vittoriose di là dal Tigri[170]. Egli avea preso il favorevol momento
per una invasione. I Consigli Persiani erano divisi dalle fazioni
domestiche, e la maggior parte delle lor forze era ritenuta sulle
frontiere dell'India. Roma e l'Oriente ricevean con trasporto le nuove
di vantaggi così rilevanti. L'adulazione e la speranza dipingevano coi
più vivi colori la caduta della Persia,[171] la conquista dell'Arabia,
la soggezione dell'Egitto, ed una durevole sicurezza dalle incursioni
degli Sciti. Ma il Regno di Caro era destinato a dimostrare la vanità
delle predizioni. Queste appena pubblicate, furono deluse dalla morte di
lui; avvenimento accompagnato da tali ambigue circostanze, che non può
riferirsi meglio che con una lettera del Segretario di esso al Prefetto
della Città. «Caro (dic'egli), nostro dilettissimo Imperatore, era dalla
malattia confinato nel letto, quando scoppiò sul campo una furiosa
tempesta. Le tenebre, che coprivano il cielo, erano così dense, che ne
impedivano il vederci l'un l'altro, ed i continui lampi dei fulmini ci
toglievano la cognizione di tutto ciò che seguiva nella general
confusione. Immediatamente dopo un violentissimo scoppio di tuono,
udimmo un grido improvviso ch'era morto l'Imperatore; e subito videsi
che i suoi Cortigiani aveano in un trasporto di dolore messo fuoco alla
tenda Reale; circostanza per cui si disse che Caro fu ucciso dal
fulmine. Ma per quanto possiamo investigar la verità, la sua morte fu il
naturale effetto della sua malattia[172].»

La vacanza del trono non produsse sconcerto veruno. L'ambizione dei
Generali fu repressa dai loro vicendevoli timori, ed il giovane
Numeriano, ed il suo fratello assente, Carino, furono di comun consenso
riconosciuti Imperatori di Roma. Il Pubblico sperava che il successore
di Caro seguitasse le vestigia del padre, e senza lasciar che i Persiani
si riavessero dalla loro costernazione, entrasse colla spada alla mano
nei palazzi di Susa e di Ecbatana[173]. Ma le legioni, benchè numerose e
disciplinate, furono atterrite dalla più vile superstizione. Non ostanti
tutti gli artifizi posti in uso per nascondere qual fosse stata la morte
dell'ultimo Imperatore, fu impossibile di distruggere l'opinione della
moltitudine, ed è insuperabile la forza della opinione. I luoghi o le
persone colpite dal fulmine erano riguardate dagli antichi con religioso
orrore, come singolarmente consacrate all'ira del cielo[174]. Fu allora
rammentato un oracolo, che indicava il fiume Tigri, come il confine
fatale delle armi Romane. Le truppe, atterrite dal destino di Caro e dal
lor proprio pericolo, altamente gridarono al giovane Numeriano, che
ubbidisse al voler degli Dei, e le conducesse fuori di quell'infausto
teatro di guerra. Non seppe il debole Imperatore vincere l'ostinato lor
pregiudizio, ed i Persiani videro con stupore l'improvvisa ritirata di
un vittorioso nemico[175].

[A. D. 284]

La nuova della misteriosa morte dell'ultimo Imperatore fu presto portata
dalle frontiere della Persia a Roma; ed il Senato non meno che le
Province si congratularono co' figliuoli di Caro del loro avvenimento al
trono. Mancava per altro a questi giovani fortunati quella nota
superiorità o di nascita o di merito, che sola può render facile il
possesso di un trono, come se fosse naturale. Nati ed educati in
condizione privata, furono per l'elezione del padre innalzati in un
momento alla dignità di Principi; e la morte di lui, seguita quasi
sedici mesi dopo, lasciò ad essi l'inaspettata eredità di un vasto
Impero. Si richiedeva una virtù e prudenza non ordinaria per sostener
con moderazione questo rapido innalzamento; e Carino, il maggiore de'
fratelli, era più che all'ordinario privo di queste due qualità. Aveva
egli nella guerra della Gallia mostrato qualche grado di valor
personale[176], ma dal momento del suo arrivo in Roma si abbandonò al
lusso della Capitale, ed all'abuso della sua fortuna. Egli era
effemminato e ad un tempo crudele; dedito al piacere, ma privo di buon
gusto; e benchè vano all'estremo, non curante della pubblica stima. Nel
corso di pochi mesi successivamente sposò o ripudiò nove mogli, molto
delle quali lasciò gravide; e nonostante questa incostanza, autorizzata
dalle leggi, trovò tempo di soddisfare tanti irregolari appetiti, che
disonorò se stesso e le più nobili famiglie di Roma. Egli riguardava con
odio implacabile tutti coloro, che potean rammentarsi l'antica sua
oscurità, o censurare la sua presente condotta. Condannò all'esilio o
alla morte gli amici ed i consiglieri, che il padre gli avea posti
attorno per guidare l'inesperta sua giovinezza; e perseguitò colla più
vile vendetta i suoi condiscepoli e compagni, che non aveano abbastanza
rispettata la nascosta maestà dell'Imperatore. Coi Senatori, Carino
affettava un superbo e regio contegno, frequentemente dichiarando che
aveva idea di distribuire i loro beni alla plebaglia di Roma. Dalla
feccia della medesima scelse i suoi favoriti, e fino i suoi ministri. Il
palazzo e la tavola stessa Imperiale era piena di musici, di ballerini,
di donne prostituite, e di tutto il vario corteggio del vizio e della
follìa. Ad uno dei suoi Portieri[177] affidò il governo della Città. Al
Prefetto del Pretorio, da lui messo a morte, Carino sostituì uno de'
ministri de' suoi più vili piaceri. Un altro, che possedeva l'istesso, o
ancora un più infame diritto al favore di lui, fu rivestito del
Consolato. Un Segretario di confidenza, che avea acquistata la rara
abilità di contraffare lo scritto, liberò l'indolente Imperatore, col
consenso di lui, dal molesto dovere di segnare il suo nome.

Quando l'Imperator Caro cominciò la guerra di Persia, fu indotto da
motivi di affetto, non meno che di politica, ad assicurare la sorte
della sua famiglia, lasciando nelle mani del suo maggior figliuolo le
armate e le Province dell'Occidente. La notizia, ch'egli ricevè ben
tosto della condotta di Carino, lo ricolmò di vergogna e di dolore; nè
avea egli celata la sua risoluzione di soddisfare la Repubblica con un
severo atto di giustizia, o di adottare in luogo di un indegno
figliuolo, il valoroso e virtuoso Costanzo, ch'era allora Governatore
della Dalmazia. Ma l'innalzamento di questo fu per un tempo differito,
ed appena che la morte di un Padre ebbe liberato Carino dal freno del
timore o del rispetto, egli mostrò ai Romani le stravaganze di
Elagabalo, accompagnate dalla crudeltà di Domiziano[178].

Il solo merito del Regno di Carino, che la storia possa ricordare, e la
poesia celebrare, fu l'insolito splendore, col quale in nome suo e del
fratello egli festeggiò i giuochi Romani del teatro, del circo e
dell'anfiteatro. Più di venti anni dopo, quando i cortigiani di
Diocleziano rappresentavano al loro frugal Sovrano lo splendore e la
popolarità del magnifico suo predecessore, egli confessò, che il regno
di Carino era veramente stato un regno di piacere[179]. Ma il Popolo
Romano godeva con sorpresa e con trasporto di questa vana prodigalità,
che la prudenza di Diocleziano poteva giustamente disprezzare. I più
vecchi cittadini, rammentandosi gli spettacoli dei tempi andati, la
pompa trionfale di Probo o di Aureliano, ed i giuochi secolari
dell'Imperatore Filippo, confessavano che tutti erano oscurati dalla
superiore magnificenza di Carino[180].

Gli spettacoli pertanto di Carino non possono esser meglio illustrati
che coll'osservazione di alcune particolarità, che la storia si è
degnata di riferire, concernenti quelli dei suoi predecessori. Se ci
limitiamo solamente alla caccia delle fiere, benchè criticar si possa la
vanità dell'idea o la crudeltà dell'esecuzione, siamo costretti a
confessare, che nè avanti nè dopo il tempo dei Romani tant'arte o spesa
non è mai stata profusa pe' divertimenti del popolo[181]. D'ordine di
Probo fu trapiantata nel mezzo del circo una considerabil quantità di
grand'alberi, svelti dalle radici. Fu questa spaziosa e ombrosa foresta
immediatamente ripiena di mille struzzi, di mille cervi, di mille daini
e di mille cignali; e tutta questa varietà di selvaggiume fu abbandonata
allo sfrenato impeto della moltitudine. La tragedia del giorno
susseguente consistè nella strage di cento leoni, di cento leonesse, di
dugento leopardi e di trecento orsi[182]. Gli animali raccolti e
preparati dal più giovane Gordiano pel suo trionfo, e che il suo
successore fece vedere nei giuochi secolari, erano meno ragguardevoli
pel loro numero, che per la loro singolarità. Venti zebre mostrarono le
loro eleganti forme e le belle liste del lor mantello agli occhi del
Popolo Romano[183]. Dieci alci ed altrettante giraffe, i più alti e i
più mansueti animali, ch'errino per le pianure della Sarmazia e
dell'Etiopia, fecero un bel contrasto con trenta jene affricane, e dieci
tigri dell'India, le più implacabili belve della Zona torrida. Nel
rinoceronte, nell'ippopotamo del Nilo[184] ed in una maestosa truppa di
trentadue elefanti[185] si ammirò l'innocente forza, di cui la natura ha
dotato i più grandi tra i quadrupedi. Mentre la plebe guardava con
attonita maraviglia quella splendida mostra, il naturalista potea invero
osservare la figura e la proprietà di tante specie diverse, trasportate
da ogni parte dell'antico mondo nell'anfiteatro di Roma. Ma questo
accidental benefizio, che la scienza ricavar potea dalla follìa, non è
certamente bastante a giustificare un così smoderato abuso delle
pubbliche ricchezze. Si trova per altro un solo esempio nella prima
guerra Punica, in cui il Senato combinò saggiamente questo divertimento
della moltitudine coll'interesse dello Stato. Un numero considerabile di
elefanti fu preso nella disfatta dell'armata Cartaginese, e condotto per
uso del circo da pochi schiavi armati soltanto di dardi spuntati[186].
Servì quest'utile spettacolo ad imprimere nell'animo del soldato Romano
un giusto disprezzo per quegli enormi animali, ed egli più non ne
paventò l'incontro nelle battaglie.

La caccia o la mostra delle fiere era regolata con una magnificenza
conveniente ad un popolo, che s'intitolava padrone del mondo; ed era
l'edifizio, destinato a questo divertimento, una prova non meno
evidente della romana grandezza. La posterità ammira e lungamente
ammirerà i magnifici avanzi dell'anfiteatro di Tito, che tanto
bene meritò il titolo di Colossale[187]. Era questo un edifizio
di figura ellittica, lungo cinquecentosessantaquattro piedi, e largo
quattrocentosessantasette, fabbricato sopra ottanta archi, e che si
ergeva con quattro successivi ordini di architettura all'altezza di
centoquaranta piedi[188]. Questo edificio era al di fuori incrostato di
marmo, e adorno di statue. Il recinto di quella vasta concavità era
ripieno e circondato da sessanta o ottanta ordini di sedili parimente di
marmo coperti di cuscini, e capaci di contenere comodamente più di
ottantamila spettatori[189]. Da sessantaquattro _vomitatorj_ (giacchè
con questo adattato vocabolo erano distinte le porte) usciva l'immensa
moltitudine; e gli ingressi, i corridori, e le scale erano con tal
disegno disposte, che qualunque persona dell'ordine o Senatorio o
Equestre o Plebeo, giungeva al suo destinato luogo senza disturbo o
confusione[190]. Niente era stato omesso di ciò che in qualche modo
potesse servire al comodo, ed al piacere degli spettatori. Li difendea
dal Sole e dall'acqua un'ampia tenda, che si tirava, richiedendolo il
bisogno, sopra i loro capi. Veniva continuamente rinfrescata l'aria dai
getti delle fontane, e profusamente impregnata del grato odore di
aromati. Nel centro dell'edifizio, _l'arena_, o il teatro, era coperto
della più fina sabbia, e prendea successivamente le più diverse forme.
Ora poteva sorgere dalla terra come il giardino dell'Esperidi, e dopo
era rotto in rupi e caverne simili a quelle della Tracia. I sotterranei
canali conducevano una quantità inesauribile di acqua; e quel che un
momento avanti sembrava un piano ben livellato, poteva improvvisamente
cangiarsi in un vasto lago coperto di armate navi, e ripieno dei mostri
dell'Oceano[191]. Nella decorazione di queste scene gl'Imperatori Romani
facevano pompa delle loro ricchezze e della lor liberalità, e noi
leggiamo che in diverse occasioni tutti gli ornamenti dell'anfiteatro
erano o di argento o di oro o di ambra[192]. Il poeta, che descrive i
giuochi di Carino, sotto il carattere di un pastore tratto alla Capitale
dalla fama della loro magnificenza, afferma che le reti destinate, come
per difesa, contro le fiere, erano di filo d'oro; che i portici erano
dorati; e che il _balteo_ o cerchio, che divideva i diversi ordini degli
spettatori gli uni dagli altri, era adornato con un prezioso mosaico di
bellissime pietre[193].

[A. D. 284]

In mezzo a questa splendida pompa l'Imperatore Carino, sicuro della sua
fortuna, godeva delle acclamazioni del popolo, dell'adulazione dei
cortigiani e dei canti dei poeti, che in mancanza di un merito più
essenziale, eran ridotti a celebrare le grazie divine della persona di
lui[194]. Nell'ora stessa, ma in distanza di novecento miglia da Roma,
il suo fratello rendeva lo spirito; ed una subita rivoluzione facea
passare nelle mani di uno straniero lo scettro della famiglia di
Caro[195].

I Figli di Caro non si videro mai fra loro dopo la morte del padre. Le
disposizioni, ch'esigeva la loro nuova posizione, erano probabilmente
differite fino al ritorno del minor fratello a Roma, dov'era destinato
un trionfo ai giovani Imperatori pel glorioso esito della guerra
Persiana[196]. È incerto se avessero idea di divider tra loro il
governo, o le province dell'Impero; ma è molto inverisimile che la loro
unione dovesse lungamente durare. La gelosia della sovranità sarebbe
stata infiammata dalla diversità dei caratteri. Carino era indegno di
vivere anche nei tempi più corrotti; Numeriano meritava di regnare in un
secolo più felice. Le affabili sue maniere e le sue mansuete virtù gli
procacciarono, appena furono conosciute, il rispetto e gli affetti del
Pubblico. Egli possedeva le belle doti di poeta e di oratore, che
illustrano e adornano la più umile o la più elevata condizione. La sua
eloquenza, benchè applaudita dal Senato, era formata più sul modello dei
moderni declamatori, che su quello di Cicerone; ma in un secolo molto
lontano dall'esser privo del merito poetico, egli ne disputò la palma
coi più celebri suoi contemporanei, e rimase tuttavia amico dei suoi
rivali; circostanza che dimostra o la bontà del suo cuore, o la
superiorità del suo ingegno.[197] Ma erano i talenti di Numeriano di un
genere più contemplativo che attivo, quando l'innalzamento del padre lo
estrasse a forza dall'ombra del suo ritiro; nè il suo carattere, nè i
suoi studi lo avean renduto atto a comandare gli eserciti. La sua
complessione fu rovinata dalle fatiche della guerra Persiana; ed egli
avea contratto pel calore del clima[198] una debolezza tale negli occhi,
che fu costretto, nel corso di una lunga ritirata, a confinarsi nella
solitudine; e nell'oscurità di una tenda o di una lettiga.
L'amministrazione di tutti gli affari e militari e civili fu conferita
ad Arrio Apro, Prefetto del Pretorio, che alla potenza dell'importante
sua carica univa l'onore di esser suocero di Numeriano. Era strettamente
guardato il padiglione Imperiale dai suoi più fedeli aderenti, e per
molti giorni Apro diede all'armata i supposti ordini dell'invisibile
Sovrano[199].

[A. D. 284]

Non erano scorsi ancora otto mesi dalla morte di Caro, quando l'esercito
Romano, ritornando a lunghe giornate dalle rive del Tigri, arrivò a
quelle del Bosforo Tracio. Le legioni fecero alto a Calcedonia
nell'Asia, mentre la Corte passava sopra Eraclea sulla costa Europea
della Propontide[200]. Ma si sparse improvvisamente nel campo, prima con
segreti bisbigli e finalmente con alti clamori, la voce della morte
dell'Imperatore, e della presunzione del suo ambizioso ministro,
ch'esercitava tuttavia il potere sovrano in nome di un principe estinto.
Non potè l'impazienza dei soldati sopportare più lungamente uno stato
d'incertezza. Con insolente curiosità entrarono a forza nella Tenda
Imperiale, e vi ritrovarono soltanto il cadavere di Numeriano[201]. La
continua decadenza della salute di lui avrebbe potuto indurli a crederne
naturale la morte; ma l'averla celata fu riguardato come una prova di
delitto, e le provvisioni, prese da Apro per assicurare la propria
elezione, divennero la cagione immediata della sua rovina. Pure, nel
trasporto ancora della lor rabbia e del loro dolore, tennero le truppe
una regolare condotta, che prova quanto sodamente era stata ristabilita
la disciplina dei guerrieri successori di Gallieno. Fu intimata una
generale assemblea dell'esercito da tenersi in Calcedonia, dove Apro fu
condotto tra i ceppi come prigioniero e delinquente. Fu eretto in mezzo
al campo un vuoto tribunale, ed i Generali ed i Tribuni tennero un gran
consiglio di guerra. Essi annunziarono ben presto alla moltitudine, che
la scelta loro era caduta sopra Diocleziano, comandante delle guardie
domestiche, o sia del corpo, come il soggetto più capace di vendicare il
loro amato Imperatore, e di succedergli. Dipendeva la futura sorte del
Candidato dal caso, o dalla condotta di quel momento. Conoscendo
Diocleziano che il grado, ch'egli avea occupato, lo esponeva a qualche
sospetto, montò sul tribunale, ed alzando gli occhi al Sole, fece una
solenne protesta sulla propria innocenza dinanzi a quel Nume, che tutto
vede[202]. Prendendo di poi i modi di Sovrano o di Giudice, comandò che
Apro, incatenato, fosse condotto a piè del tribunale. «Costui
(diss'egli) è l'assassino di Numeriano»; e senza dargli tempo di entrare
in una pericolosa giustificazione, snudò il ferro, e l'immerse in seno
all'infelice Prefetto. Un'accusa sostenuta da una prova così decisiva,
fu ammessa senza contraddizione, e le legioni riconobbero con ripetute
acclamazioni la giustizia e l'autorità dell'Imperator Diocleziano[203].

Prima di entrare nel memorabil regno di questo Principe, sarà
conveniente cosa il punire e tor di mezzo l'indegno fratello di
Numeriano. Carino aveva armi e ricchezze bastanti a sostenere il suo
legittimo diritto all'Impero. Ma i suoi vizi personali preponderavano
tutti i vantaggi della nascita e dell'attual situazione. I più fedeli
ministri del padre disprezzavano l'incapacità, e paventavano la crudele
arroganza del figliuolo. Eran gli affetti del popolo impegnati in favore
del rivale, ed il Senato istesso inclinava a preferire un usurpatore a
un tiranno. Gli artifizi di Diocleziano infiammarono la generale
scontentezza, e fu il verno consumato in segreti intrighi, ed in aperti
preparativi per una guerra civile. S'incontrarono a primavera le forze
dell'Oriente e dell'Occidente nelle pianure di Margo, piccola città
della Mesia, nelle vicinanze del Danubio[204]. Le truppe tornate così
recentemente dalla guerra Persiana, aveano acquistata la loro gloria a
spese della loro salute e del lor numero, nè erano esse in istato di
contrastare con l'inesausto vigore delle legioni Europee. Furono rotte
le loro file, e per un momento Diocleziano disperò della porpora e della
vita. Ma perdè Carino in un punto, per l'infedeltà de' suoi uffiziali,
il vantaggio riportato dal valore de' suoi soldati. Un Tribuno, di cui
egli avea sedotta la moglie, prese l'opportunità di vendicarsi, e con un
colpo solo spense la discordia civile col sangue dell'adultero[205].

FOOTNOTES:

[96] Vopisco nella Stor. Aug. p. 221. Zosimo l. I, p. 57. Eutrop. IX.
15. I due Vittori.

[97] Vopisco Stor. Aug. p. 222. Aurelio Vittore fa menzione, di una
formal deputazione fatta dalla truppe al Senato.

[98] Vopisco, nostra principale autorità, scriveva in Roma solamente
sedici anni dopo la morte di Aureliano; ed oltre alla recente notizia
dei fatti, trae costantemente i suoi materiali dai giornali del Senato,
e dagli scritti originali della libreria Ulpiana. Zosimo e Zonara
compariscono così ignoranti di questo trattato, come lo erano
generalmente della costituzione Romana.

[99] Livio l. 17. Dionisio Alicarnas. l. II. p. 115. Plutarco in Numa,
p. 60. Il primo di questi Scrittori riferisce la storia come un oratore,
il secondo come un legista ed il terzo come un moralista, e niuno
probabilmente senza qualche mescuglio di favola.

[100] Vopisco (nella Stor. Aug. p. 227) lo chiama _primae sententiae
consularis_, e subito dopo, _Princeps Senatus_. È naturale il supporre,
che i Monarchi di Roma sdegnando quell'umil titolo, lo cedessero al più
antico fra i Senatori.

[101] L'unica obbiezione a questa genealogia è che lo Storico si
nominava Cornelio, l'Imperatore Claudio. Ma sotto il basso Impero, i
soprannomi erano estremamente vari ed incerti.

[102] Zonara, l. XII, p. 637. La Cronica Alessandrina, per un facile
errore, trasferisce quell'età ad Aureliano.

[103] Nell'anno 273 egli fu Console ordinario, ma debbe essere stato
_suffetto_ molti anni avanti, e probabilmente sotto Valeriano.

[104] _Bis millies octingenties._ Vopisco nella Stor. Aug. p. 229.
Questa somma, secondo l'antica misura, equivaleva ad ottocento
quarantamila libbre Romane di argento, ciascuna della valuta di sei
zecchini. Ma nel secolo di Tacito il conio avea perduto molto nel peso e
nella purità.

[105] Dopo il suo avvenimento, ordinò che si facessero annualmente dieci
copie dello Storico, e si collocassero nelle pubbliche librerie. Le
librerie Romane sono da gran tempo perite, e la più stimabil parte di
Tacito fu conservata in un solo MS. e scoperta in un Monastero della
Vestfalia. Vedi Bayle, Dizionario. Art. _Tacito_, e Lipsio ad _Annal._
II. 9.

[106] Vopisco nella Stor. Aug. p. 227.

[107] Stor. Aug. p. 228. Tacito indirizzandosi ai Pretoriani, li
nominava _sanctissimi milites_, ed il popolo, _sacratissimi Quirites_.

[108] Nelle sue manumissioni non eccedè mai il numero di cento, come
limitato dalla legge Caninia promulgata sotto Augusto, e finalmente
abolita da Giustiniano. Vedi Casaubono _ad locum Vopisci_.

[109] Vedi le vita di Tacito, di Floriano, e di Probo nella Stor. Aug.
Possiamo assicurarci che tutto ciò che diede il Soldato, lo avea già
dato il Senatore.

[110] Vopisco nella Stor. Aug. p. 236: il passo è chiarissimo, ma
Casaubono e Salmasio vorrebbero correggerlo.

[111] Vopisco nella Stor. Aug. p. 230, 232, 233. I Senatori celebrarono
quel felice ristabilimento con ecatombi e con pubbliche allegrezze.

[112] Stor. Aug. p. 228.

[113] Vopisco nella Stor. Aug. p. 230. Zosimo l. I. p. 57. Zonara, l.
XII. p. 637. Due passi della vita di Probo (p. 236 238.) mi persuadono
che questi Sciti, invasori del Ponto, fossero Alani. Se dar possiam fede
a Zosimo (l. I. 58.) Floriano li perseguitò fino al Bosforo Cimmerio. Ma
egli ebbe appena tempo per una spedizione tanto lunga e difficile.

[114] Eutropio ed Aurelio Vittore dicon solamente ch'egli morì. Vittore
Giuniore aggiunge, ch'egli morì di febbre. Zosimo e Zonara affermano,
ch'egli fu ucciso dai soldati. Vopisco riferisce le due relazioni, e
sembra incerto. Sono per altro facilmente conciliabili queste diverse
opinioni.

[115] Secondo i due Vittori egli regnò precisamente dugento giorni.

[116] Stor. Aug. 231. Zosimo, l. I. p. 58, 59. Zonara, l. XII. p. 637.
Aurelio Vittore dice che Probo assunse l'Impero nell'Illirico; opinione
la quale (benchè adottata da un uomo dottissimo) getterebbe una
insuperabile confusione in quel periodo di storia.

[117] Stor. Aug. p. 229.

[118] Egli dovea inviare dei Giudici ai Parti, ai Persiani, ed ai
Sarmati, un Presidente alla Taprobana, ed un Proconsole nell'Isola
Romana, supposta dal Casaubono e da Salmasio essere la Britannia. Una
storia quale è la mia (dice Vopisco con giusta modestia) non sussisterà
mille anni per potere esporre o giustificare la predizione.

[119] Per la vita privata di Probo, vedi Vopisco nella Stor. Aug. p.
234, 237.

[120] Secondo la Cronaca Alessandrina egli era nell'età di cinquant'anni
quando morì.

[121] La lettera era indirizzata al Prefetto del Pretorio, il quale
(supposta la di lui buona condotta) egli promise di mantenere
nell'importante sua carica. Vedi Stor. Aug. p. 237.

[122] Vopisco nella Stor. Aug. p. 237. La data della lettera è
certamente erronea. In vece di _Non. Februar._ si può leggere _Non.
Augusti._

[123] Stor. Aug. p. 238. È cosa strana che il Senato trattasse Probo men
favorevolmente di Marco Antonino. Avea quel Principe ricevuto, anche
prima della morte di Pio, il _Jus quintae relationis_. Vedi Capitolin.
nella Stor. Aug. p. 24.

[124] Vedi la rispettosa lettera di Probo al Senato dopo le sue vittorie
Germaniche Stor. Aug. p. 239.

[125] La data e la durata del Regno di Probo sono esattamente fissate
dal Cardinal Noris nella sua dotta opera, _De Epochis Siro-Macedonum_,
p. 96, 105. Un passo di Eusebio congiunge il secondo anno di Probo con
le Ere di diverse città della Siria.

[126] Vopisco nella Stor. Aug. p. 239.

[127] Zosimo (l. I, p. 62-65) racconta una lunghissima e frivolissima
istoria di Licio, masnadiere Isaurico.

[128] Zosimo l. I, p. 65. Vopisco nella Stor. Aug. p. 239, 240. Ma
sembra incredibile, che la disfatta dei selvaggi della Etiopia potesse
interessare il Monarca Persiano.

[129] Oltre a questi capi ben cogniti, fa Vopisco menzione di vari
altri, le azioni dei quali non sono venute a nostra notizia.

[130] Vedi i Cesari di Giuliano e la Stor. Aug. p. 238, 240, 241.

[131] Zosimo, l. I. p. 62. Stor. Aug. p. 240. Ma l'ultima suppone che
fosse dato ad essi il castigo col consenso dei loro Re: se ciò è vero,
fu parziale come l'offesa.

[132] Vedi Cluver. Germania antica l. III. Tolomeo pone nel loro paese
la città di Calisia, che è forse Calish nella Slesia.

[133] _Feralis umbra_, tale è l'espressione di Tacito: è veramente molto
ardita.

[134] Tacit. Germania (c. 43.).

[135] Vopisco nella Stor. Aug. p. 238.

[136] Stor. Aug. p. 238, 239. Vopisco cita una lettera dell'Imperatore
al Senato, nella quale egli fa menzione del suo disegno di ridurre la
Germania in Provincia.

[137] Strabone l. VII. Secondo Velleio Patercolo (II. 108.) Maroboduo
condusse i suoi Marcomanni nella Boemia. Cluverio (German. antic. III.
8.) prova che vennero dalla Svevia.

[138] Questi Regolatori del pagamento delle Decime furono detti
_Decumates_; Tacit. Germania, c. 29.

[139] Vedi le note dell'Abate de la Bleterie alla Germania di Tacito, p.
183. La sua descrizione della muraglia è presa principalmente (come
dic'egli stesso) dall'Alsazia illustrata di Schoeflin.

[140] Vedi ricerche sopra i Chinesi e gli Egiziani, tom. II, p. 81, 202.
L'anonimo Autore è bene istruito del globo in generale e della Germania
in particolare: riguardo alla seconda, egli cita un'Opera del sig.
Hanselman; ma pare ch'egli confonda la muraglia di Probo, destinata
contro gli Alemanni, con la fortificazione dei Mattiaci, costruita nelle
vicinanze di Francfort contro i Catti.

[141] Egli distribuì quasi cinquanta o sessanta Barbari in circa per
_numero_; come allor si chiamava un corpo, che non sappiamo precisamente
da quanti individui fosse composto.

[142] _Cambden, in Britannia_, introduzione, p. 136; ma egli parla sopra
un'incertissima congettura.

[143] Zosimo, l. 1, p. 62. Secondo Vopisco, un altro corpo di Vandali fu
meno fedele.

[144] Stor. Aug. p. 240. Furono probabilmente discacciati dai Goti.
Zosimo l. I. p. 66.

[145] Stor. Aug. p. 240.

[146] Panegir. antic. V. 18. Zosimo, l. I. p. 66.

[147] Vopisco nella Stor. Aug. p. 245, 246. L'infelice Oratore avea
studiata la retorica a Cartagine, e perciò era probabilmente Mauro
(Zosimo l. I, p. 60) anzichè Gallo, come lo dice Vopisco.

[148] Zonara, l. XII. p. 638.

[149] Si racconta un esempio assai sorprendente della prodezza di
Proculo. Egli avea preso cento vergini Sarmate. Il resto della storia
egli stesso lo riferisca nella sua propria lingua; «Ex his una nocte
decem inivi: omnes tamen, quod in me erat, mulieres intra dies quindecim
reddidi». Vopisco nella Stor. Aug. p. 247.

[150] Proculo, ch'era nativo di Albenga nella riviera di Genova, armò
duemila dei suoi schiavi. Grandi erano la sue ricchezze, ma acquistate
per mezzo di ladronecci. Fu poi un detto della sua famiglia, _nec
latrones esse, nec principes sibi placere_. Vopisco Stor. Aug. p. 247.

[151] Stor. Aug. p. 240.

[152] Zosimo l. I. p. 66.

[153] Stor. Aug. p. 236.

[154] Aurelio Vittore in Probo; ma la politica di Annibale, non
ricordata da alcun altro più antico Scrittore, è inconciliabile con la
storia della sua vita. Egli lasciò l'Affrica in età di nove anni, vi
ritornò di quarantacinque ed immediatamente perdè la sua armata nella
decisiva battaglia di Zama: Livio, XXX. 37.

[155] Stor. Aug. p. 240. Eutrop. IX, 17. Aurelio Vittore in Probo.
Vittore Juniore. Egli rivocò la proibizione di Domiziano, ed accordò ai
Galli, ai Brettoni, ed ai Pannonj la general permissione di piantar
viti.

[156] Giuliano fa una severa, e veramente eccessiva censura del rigore
di Probo, il quale, come egli pensa, meritò quasi il suo destino.

[157] Vopisco nella Stor. Aug. p. 24. Egli profonde su questa vana
speranza un lungo squarcio d'insulsa eloquenza.

[158] _Turris ferrata._ Sembra che fosse una torre mobile e fasciata di
ferro.

[159] «Probus et vere Probus situs est: victor omnium gentium
barbararum: Victor etiam Tyrannorum».

[160] Tutto questo per altro può conciliarsi. Egli era nato a Narbona
nell'Illirico, confusa da Eutropio colla più famosa città di quel nome
nelle Gallie. Suo Padre potea essere un Affricano, e sua madre una Dama
Romana. Caro fu educato egli stesso nella Capitale. Vedi Scaligero,
_animadv. ad Euseb. Chron._ p. 241.

[161] Probo aveva richiesto al Senato una statua equestre, ed un palazzo
di marmo a pubbliche spese, come ricompense dovute al merito singolare
di Caro. Vopisco nella Stor. Aug. p. 249.

[162] Vopisco nella Stor. Aug. p. 242,249. Giuliano esclude l'Imperator
Caro, ed ambi i figliuoli di lui dal convito dei Cesari.

[163] Giovanni Malela, tom. I. p. 401. Ma l'autorità di quel Greco
ignorante è molto leggiera. Egli ridicolosamente fa venire da Caro la
città di _Carre_, la Provincia di Caria, l'ultima delle quali è
menzionata da Omero.

[164] Stor. Aug. p. 249. Caro si congratulò coi Senatori perchè uno del
loro Ordine era stato fatto Imperatore.

[165] Stor. Aug. p. 242.

[166] Vedi la prima egloga di Calfurnio. Fontenelle ne preferisce il
disegno a quello del _Pollione_ di Virgilio. Vedi tom. III. pag. 148.

[167] Stor. Aug. p. 353. Eutropio, IX. 18. _Pagi annal._

[168] Agatia l. IV. p. 135. Si trova una delle sue sentenze nella
Bibliot. Orient. del Sig. d'Herbelot. «La definizione dell'umanità
contiene tutte le virtù».

[169] Sinesio attribuisce questo fatto a Carino, ed è molto più naturale
di riferirlo a Caro, che a Probo, come vorrebbero il Petavio ed il
Tillemont.

[170] Vopisco nella Stor. Aug. p. 250. Eutropio IX. 18. I due Vittori.

[171] Alla vittoria Persiana di Caro io riferisco il dialogo del
_Filopatride_, ch'è stato per tanto tempo un soggetto di disputa tra i
letterati. Ma sarebbe necessaria una dissertazione per ischiarire e
giustificare la mia opinione.

[172] Stor. Aug. p. 250. Ma Eutropio, Festo, Rufo, i duo Vittori,
Girolamo, Sidonio Apollinare, Sincello e Zonara, tutti attribuiscono ad
un fulmine la morte di Caro.

[173] Vedi _Nemesian. Cynegeticon._ V. I. ec.

[174] Vedi Festo ed i suoi comentatori sulla parola _Scribonianum_. I
_Luoghi_ percossi dal fulmine venivan circondati con un muro; le cose
eran bruciate con misteriose cerimonie.

[175] Vopisco nella Stor. Aug. p. 250. Aurelio Vittore sembra che presti
fede alla predizione, ed approvi la ritirata.

[176] _Nemesian. Cynegiticon_, V. 69. Egli era contemporaneo, ma poeta.

[177] _Cancellarius._ Questa parola, così umile nella sua origine, è per
una singolar fortuna divenuta il titolo della prima gran carica di Stato
nelle monarchie dell'Europa. Vedi Casaubono e Salmasio, _ad Histor.
August._ p. 253.

[178] Vopisco nella Stor. Aug. p. 253, 254. Eutropio, IX. 19. Vittore
Juniore. Il regno di Diocleziano, per vero dire, fu così lungo e
prospero, che dovè esser molto favorevole alla reputazione di Carino.

[179] Vopisco nella Stor. Aug. p. 254. Egli lo nomina Caro, ma il senso
è naturale abbastanza, e le parole furono spesso confuse.

[180] Vedi Calfurnio egloga VII. 43. È da osservarsi che gli spettacoli
di Probo erano tuttavia recenti, e che il poeta vien secondato dallo
Storico.

[181] Il filosofo Montaigne (Saggi. L. III. 6.) fa un molto giusto e
vivace quadro della magnificenza romana in questi spettacoli.

[182] Vopisco nella Stor. Aug. p. 240.

[183] Vengono nominati _Onagri_: ma il numero n'è troppo piccolo per
semplici asini selvaggi. Cuper (de _Elephant. exercitat._ II. 7) ha
provocato con le autorità di Oppiano, di Dione e di un Anonimo Greco,
che si erano in Roma viste le zebre. Vi furono portate da qualche isola
dell'Oceano, forse dal Madagascar.

[184] Carino presentò un ippopotamo (Vedi Calf. Eglog. VII. 66.) Negli
ultimi spettacoli io non ritrovo coccodrilli, dei quali una volta
Augusto ne fece vedere trentasei. Dione Cassio, l. LV. p. 781.

[185] Capitolin. nella Stor. Aug. p. 164, 165. Noi non conosciamo gli
animali, ch'egli nomina _archeleontes_: alcuni leggono _argoleontes_,
altri _agrioleontes_; ambedue queste correzioni sono molto puerili.

[186] Plinio Stor. Nat. VIII. 6. Dagli annali di Pisone.

[187] Vedi Maffei Verona illustr. P. IV. l. I. c. 2.

[188] Maffei l. II. c. 7. L'altezza fu molto più esagerata dagli
antichi. S'innalzava quasi al Cielo, secondo Calfurnio (Eglog. VII. 23),
ed oltrepassava il termine della vista umana secondo Ammiano Marcellino
(XVI. 10.) Contuttociò quanto era piccola cosa riguardo alla gran
Piramide dell'Egitto, che ha cinquecento piedi di perpendicolo!

[189] Secondo diverse copie di Vitruvio, si legge 77000, o 87000
spettatori; ma il Maffei (l. II. c. 12) su i sedili scoperti non trova
luogo che per 34000. Il rimanente entrava nelle superiori gallerie
coperte.

[190] Vedi Maffei l. II. c. 5-11. Egli tratta questo difficilissimo
soggetto con tutta la possibil chiarezza, e come architetto non meno che
come antiquario.

[191] Calfurnio Egloga VII. 64, 73. Curiosi sono questi versi; e tutta
l'Egloga è stata di un uso infinito al Maffei. Calfurnio non men che
Marziale, (vedi il suo I. libro) era poeta, ma quando essi ritrassero
l'anfiteatro, scrissero ambidue secondo i propri lor sentimenti, e quei
dei Romani.

[192] Vedi Plin. Stor. nat. XXXIII. 16. XXXVII. 11.

[193]

    _Balteus en gemmis, en inclita porticus auro_
      _Certatim radiant ec._
                                  Calfurn. VII.

[194] _Et Martis vultus et Apollinis esse putavi_, dice Calfurnio; ma
Giovanni Malela, che avea forse veduto qualche ritratto di Carino, lo
rappresenta come grosso, piccolo e bianco, tomo I. p. 403.

[195] Riguardo al tempo in cui questi giuochi romani furono celebrati,
Scaligero, Salmasio e Cuper si sono dati gran pena per oscurare un
soggetto chiarissimo.

[196] Nemesiano, nei Cinegetici, sembra che anticipi colla sua
immaginazione quel fausto giorno.

[197] Vinse tutte le corone a Nemesiano, col quale contendeva nella
poesia didattica. Il Senato eresse una statua al figliuolo di Caro, con
una iscrizione molto ambigua. «Al più potente degli Oratori». Vedi
Vopisco nella Stor. Aug. p. 251.

[198] Cagione almeno più naturale di quella che assegna Vopisco (Stor.
Aug. p. 251.) cioè il continuo piangere per la morte di suo padre.

[199] Nella guerra Persiana, Apro fu sospettato di aver disegno di
tradir Caro. Stor. Aug. p. 250.

[200] Noi dobbiamo alla Cronica Alessandrina (p. 274) la notizia del
tempo e del luogo, dove Diocleziano fu eletto Imperatore.

[201] Stor. Aug. p. 251. Eutrop. IX. 18. _Hieronym. in Chron._ Secondo
questi _giudiziosi_ Scrittori, la morte di Numeriano si scoprì pel
fetore del suo cadavere. Non si potevano forse trovare aromati nella
Tenda Imperiale?

[202] Aurelio Vittore. Eutropio, IX. 20. _Hieronym. in Chron._

[203] Vopisco nella Stor. Aug. p. 252. La ragione, por cui Diocleziano
uccise _Apro_ (cinghiale) era fondata sopra una predizione e sopra un
giuoco di parole egualmente ridicoli che conosciuti.

[204] Eutropio ne segna il sito molto accuratamente; questo fu tra il
Monte Aureo ed il Viminiaco. Il Sig. Danville (Geograf. antica tom. I.
p. 304) pone Margo a Kastolatz nella Servia, un poco sotto Belgrado e
Semendria.

[205] Stor. Aug. p. 254. Eutrop. IX. 20. Aurelio Vittore. Vittore in
_Epitom._



CAPITOLO XIII.

      _Regno di Diocleziano e dei suoi tre colleghi, Massimiano,
      Galerio e Costanzo. Ristabilimento generale dell'ordine e della
      tranquillità. Guerra Persiana; vittoria e trionfo. Nuova forma
      di governo. Rinunzia e ritiro di Diocleziano e di Massimiano._


Come fu il regno di Diocleziano più illustre di quello di qualunque suo
predecessore, così fu la sua nascita più vile e più oscura. L'efficace
ragione del merito e della forza avea spesso superate le immaginarie
prerogative della nobiltà; ma si era tuttavia mantenuta una distinta
linea di separazione tra i liberi e tra gli schiavi. I genitori di
Diocleziano erano stati schiavi nella casa di Anulino Senatore Romano; e
Diocleziano medesimo non aveva altro nome che quello derivatogli da una
piccola città della Dalmazia, donde sua madre traeva l'origine[206]. È
per altro probabile che il padre di lui ottenesse la libertà della
famiglia, e che egli presto acquistasse l'uffizio di scrivano,
esercitato comunemente da quelli della sua condizione[207]. I favorevoli
oracoli, o piuttosto la consapevolezza di un eminente merito, spinsero
l'ambizioso suo figliuolo a seguitare la professione delle armi e le
speranze della fortuna; e sarebbe cosa estremamente curiosa l'osservare
la serie degli artifizi e degli accidenti, che lo condussero finalmente
all'adempimento di quegli oracoli, ed a mostrare al mondo il suo merito.
Fu Diocleziano successivamente promosso al governo della Mesia; alla
dignità di Console, ed all'importante comando delle guardie del palazzo.
Egli fece conoscere i suoi talenti nella guerra Persiana; e dopo la
morte di Numeriano, lo schiavo fu, per confessione e giudizio de' suoi
rivali, dichiarato il più degno del trono Imperiale. La malizia di un
religioso zelo, mentre taccia la selvaggia ferocia del suo collega
Massimiano, ha affettato di gettare sospetti sul personal coraggio
dell'Imperator Diocleziano[208]. Non è però facile il persuaderci della
codardia di un soldato di fortuna, che si conciliò e conservò la stima
delle legioni, ed il favore di tanti Principi bellicosi. Contuttociò la
calunnia è sagace abbastanza per iscoprire, ed attaccare la parte più
debole. Il valore di Diocleziano si trovò sempre proporzionato al suo
dovere o alle circostanze; ma non sembra che egli avesse il prode, e
generoso spirito di un Eroe, che avido di pericoli e di gloria sdegna
l'artifizio, e arditamente pretende di assoggettarsi gli uguali. Erano i
suoi talenti più utili che illustri; una mente vigorosa e perfezionata
dall'esperienza e dallo studio degli uomini; destrezza ed applicazione
negli affari; una giudiziosa mescolanza di liberalità e di economia, di
dolcezza e di rigore; una profonda dissimulazione sotto la maschera di
militar franchezza; costanza nel seguitare i suoi disegni; flessibilità
nel variarne i mezzi; e sopra tutto la grand'arte di sottomettere le sue
passioni, e quelle ancora degli altri, all'interesse della propria
ambizione, e di colorire l'ambizione istessa coi più speciosi pretesti
della giustizia e del pubblico bene. Può Diocleziano, al pari di
Augusto, considerarsi come il fondatore di un nuovo Impero. Simile al
figliuolo adottivo di Cesare, egli si distinse, più come politico che
come guerriero; nè mai questi due Principi impiegarono la forza,
dovunque poterono ottenere l'intento colla politica.

La vittoria di Diocleziano fu riguardevole per la sua singolare
dolcezza. Un popolo avvezzo ad applaudire alla clemenza del vincitore,
quando i soliti castighi di morte, di esilio, e di confiscazione
venivano inflitti con qualche grado di moderatezza e di equità, vide col
più gradito stupore una guerra civile, le cui fiamme rimasero estinte
nel campo della battaglia. Diocleziano ammise alla sua confidenza
Aristobolo, principal ministro della famiglia di Caro, rispettò le vite,
i beni, e le dignità dei suoi nemici, e conservò pur anche nei loro
respettivi posti la maggior parte delle creature di Carino[209]. Non è
improbabile che motivi di prudenza avvalorassero l'umanità
dell'artificioso Dalmatino; molte di quelle creature aveano comprato il
favore di lui con segreti tradimenti, e nell'altre egli pregiò la grata
lor fedeltà per un infelice Sovrano. Il giudizioso discernimento di
Aureliano, di Probo, e di Caro avea collocati nei vari dipartimenti
dello Stato e dell'esercito Uffiziali di un merito riconosciuto,
l'allontanamento dei quali avrebbe nociuto al pubblico servigio, senza
giovare all'interesse del successore. Tal condotta, per altro,
presentava al Mondo Romano la più bella apparenza del nuovo Regno e
l'Imperatore affettò di confermare questa favorevole prevenzione,
dichiarandosi che tra tutte le virtù dei suoi predecessori, l'umana
filosofia di Marco Antonino era quella che egli più ambiva
d'imitare[210].

La prima azione considerabile del suo Regno sembrò una prova evidente
della sua sincerità e moderazione. Ad esempio di Marco si scelse un
Collega nella persona di Massimiano, a cui conferì prima il titolo di
Cesare, e di poi quello di Augusto[211]. Ma i motivi della sua condotta,
egualmente che quelli della sua scelta, erano ben diversi da quelli del
suo ammirato predecessore. Accordando ad un giovane dissoluto gli onori
della porpora, avea Marco Antonino soddisfatto a un debito di privata
gratitudine, a spese veramente della pubblica felicità. Diocleziano,
associando in un tempo di pubblico pericolo alle fatiche del governo un
amico ed un compagno nell'armi, provvide alla difesa dell'Oriente e
dell'Occidente. Massimiano era nato agricoltore, e come Aureliano, nel
territorio di Sirmio. Incolto era nelle lettere[212], e sprezzatore
delle leggi; e la rozzezza del suo aspetto o dei suoi modi scopriva nel
più alto stato di fortuna la bassezza della sua estrazione. Era la
guerra la sola arte da lui professata. In un lungo corso di servigio
militare egli si era segnalato sopra ogni frontiera dell'Impero; e
benchè fossero i suoi talenti guerrieri più propri per l'ubbidienza che
pel comando; e benchè forse mai non acquistasse l'abilità di un Generale
sperimentato, fu però capace col valore, colla costanza, e
coll'esperienza di eseguire le più difficili imprese. Nè meno utili
furono i vizi di Massimiano al suo benefattore. Insensibile alla pietà,
e senza timore delle conseguenze, egli era il pronto strumento di ogni
atto di crudeltà, che la politica di quel Principe artificioso poteva
suggerire e discolparsene insieme. Appena che si era offerto alla
prudenza o alla vendetta un sanguinoso sacrifizio, Diocleziano
coll'opportuna sua intercessione salvava il piccolo resto, che non avea
mai disegnato di punire, riprendeva dolcemente la severità del suo
austero collega, e godeva del paragone di un secolo d'oro con un secol
di ferro, che veniva generalmente applicato alle loro opposte massime di
governo. Non ostante la differenza dei loro caratteri, conservarono i
due Imperatori sul trono quell'amicizia da loro già contratta in una
condizione privata. Il superbo e turbolento spirito di Massimiano, tanto
fatale dipoi a lui stesso ed alla pubblica pace, era avvezzo a
rispettare il genio di Diocleziano, e riconosceva la superiorità della
ragione sulla brutale violenza[213]. Per un motivo o di orgoglio o di
superstizione, i due Imperatori presero i titoli, uno di Giovio e
l'altro di Erculio. Mentre il moto del Mondo (tale era il linguaggio de'
lor venali oratori) era regolato dalla sapienza di Giove che tutto vede,
l'invincibil braccio di Ercole purgava la terra dai tiranni e dai
mostri[214].

Ma l'onnipotenza di Giovio e di Erculio era incapace di sostenere il
peso del pubblico governo. La prudenza di Diocleziano conobbe, che
l'Impero, assalito per ogni parte dai Barbari, richiedeva in ogni parte
la presenza di un grande esercito e di un Imperatore. Con questa mira si
risolvè di dividere un'altra volta il suo pesante potere, e di conferire
a due Generali di merito riconosciuto una egual parte della Sovrana
autorità, col titolo inferiore di Cesari[215]. Galerio, soprannominato
Armentario dall'originaria sua professione di pastore, e Costanzo, che
dalla pallidezza del suo colore ebbe il soprannome di Cloro[216], furono
i due soggetti rivestiti degli onori secondi della porpora Imperiale.
Descrivendo la patria, l'estrazione ed i costumi di Erculio, abbiam già
descritti quelli di Galerio, che spesso fu non impropriamente chiamato
il giovane Massimiano, benchè da molti tratti e di virtù e di abilità
sembri, che egli avesse una manifesta superiorità sul meno giovane. Era
la nascita di Costanzo meno oscura di quella dei suoi Colleghi. Eutropio
suo padre era uno dei più considerabili nobili della Dardania, e la sua
madre era nipote dell'Imperator Claudio[217]. Benchè avesse Costanzo
passata la sua gioventù nelle armi, era di carattere dolce ed amabile, e
la voce popolare lo avea da lungo tempo riconosciuto degno del posto, a
cui venne finalmente innalzato. Per rinforzare i legami della politica
unione con quelli della domestica, ciascuno degli Imperatori prese il
carattere di Padre per uno dei Cesari, Diocleziano per Galerio, e
Massimiano per Costanzo, e ciascuno, obbligandoli a repudiare le prime
lor mogli, fece sposar la propria figliuola al suo figliuolo
adottivo[218]. Questi quattro Principi si diviser tra loro la vasta
estensione dell'Impero Romano. La difesa della Gallia, della Spagna[219]
e della Britannia fu affidata a Costanzo; e Galerio fu posto sulle rive
del Danubio, a difesa delle Province Illiriche. L'Italia e l'Affrica si
considerarono come dipartimento di Massimiano: e Diocleziano si riserbò
per sua particolar porzione la Tracia, l'Egitto e le ricche contrade
dell'Asia. Era sovrano ognuno nella sua giurisdizione; ma la loro
autorità riunita si estendeva sopra tutta la Monarchia; ed era ciascun
di essi pronto ad assistere i suoi Colleghi coi consigli o colla
presenza. I Cesari nel sublime lor posto, rispettavano la Maestà
degl'Imperatori, ed i tre più giovani Principi invariabilmente
riconobbero colla loro gratitudine ed ubbidienza il comun padre delle
loro fortune. La sospettosa gelosia della potenza non trovò luogo fra
loro, e la singolar felicità della loro unione è stata paragonata ad un
coro di musici, la cui armonia era regolata e conservata dall'abil mano
del primo Artista[220].

Questo importante progetto non fu posto in esecuzione se non sei anni in
circa dopo l'associazione di Massimiano, e non era stato
quell'intervallo di tempo mancante di memorabili avvenimenti. Ma noi
abbiamo preferito, in grazia della chiarezza, di prima descrivere la
perfetta forma del governo di Diocleziano, e dopo di riferire le azioni
del suo Regno, seguitando piuttosto il naturale ordine degli eventi, che
le date di una incertissima cronologia.

La prima impresa di Massimiano, benchè sia brevemente riferita dai
nostri imperfetti Scrittori, merita per la sua singolarità di esser
rammentata in una storia dei costumi degli uomini. Egli soggiogò i
contadini della Gallia, i quali sotto la denominazione di Bagaudi[221],
eransi sollevati in una general sedizione, molto simile a quelle, che
nel quartodecimo secolo afflissero successivamente la Francia e
l'Inghilterra[222]. Sembra, che molte di quelle istituzioni, che
facilmente si riferiscono al sistema feudale, sieno derivate dai barbari
Celti. Quando Cesare soggiogò i Galli, era già quella numerosa nazione
divisa in tre ordini di persone, clero, nobiltà e plebe. Il primo
governava colla superstizione, il secondo colle armi, ma il terzo ed
ultimo non aveva influenza o parte veruna nei pubblici loro consigli.
Era naturalissimo che i plebei, oppressi dai debiti, o paventando le
ingiurie, implorassero la protezione di qualche potente Capo, il quale
acquistasse sopra le loro persone ed il lor patrimonio quei medesimi
assoluti diritti, che tra i Greci e i Romani un padrone esercitava su i
propri schiavi[223]. Fu a poco a poco la maggior parte della nazione
ridotta allo stato di servitù, astretta alla perpetua coltivazione dei
terreni appartenenti ai nobili Galli, e addetta al suolo o col peso
reale delle catene, o col non meno crudele e possente vincolo delle
leggi. Durante la lunga serie delle turbolenze, che agitarono la Gallia,
dal Regno di Gallieno a quello di Diocleziano, la condizione di questi
servili contadini fu in ispecial modo meschina, e soffrirono ad un tempo
stesso la complicata tirannia dei loro padroni, dei Barbari, dei
soldati, e dei ministri dell'entrate[224].

Cangiossi finalmente la sofferenza loro in disperazione. Si sollevarono
essi a turme per ogni parte, armati di rustici strumenti con
irresistibil furore. Divenne l'agricoltore soldato a piedi, montò a
cavallo il pastore, i deserti villaggi, e le aperte indifese città
furono abbandonate alle fiamme, e le devastazioni dei contadini
eguagliarono quelle dei Barbari più feroci[225]. Sostenevano essi i
naturali diritti degli uomini, ma li sostenevan per altro colla più
selvaggia crudeltà. I nobili Galli, giustamente paventando la loro
vendetta, si ricovrarono nelle città fortificate, o fuggirono dalla
feroce scena dell'anarchia. Regnarono i contadini senza alcun freno; e
due dei lor più arditi condottieri ebber la folle temerità di assumer
gli ornamenti Imperiali[226]. Svanì ben presto la loro potenza
all'arrivo delle legioni. La forza dell'unione e della disciplina
riportò una facil vittoria contro una sfrenata e disunita
moltitudine[227]. Furono severamente puniti i contadini presi colle armi
in mano; ritornarono gli altri spaventati alle respettive loro
abitazioni, e l'inutile loro sforzo per la libertà servì solamente a
confermare la loro schiavitù. Così forte ed uniforme è la corrente delle
popolari passioni, che possiam quasi arrischiarci con scarsissimi
materiali a riferire le particolarità di questa guerra. Non siamo però
disposti a credere che i principali Capi, Eliano ed Amando, fosser
cristiani[228], o a supporre che la ribellione, come accadde al tempo di
Lutero, fosse suscitata dall'abuso di quegli umani principj della
Religione Cristiana, che inculcano la natural libertà degli uomini.

Appena ebbe Massimiano ricuperato la Gallia dalle mani dei contadini,
ch'egli perdè la Britannia per l'usurpazione di Carausio. Dopo l'ardita
ma fortunata impresa dei Franchi sotto il Regno di Probo, aveano i loro
arditi concittadini costruite armate di leggieri brigantini, su i quali
andavano continuamente a devastare le Province adiacenti
all'Oceano[229]. Fu necessario creare una forza navale per reprimere le
irregolari loro incursioni; e se ne proseguì il giudizioso progetto con
prudenza e vigore. Gessoriaco, o sia Bologna, negli Stretti del canale
Britannico, fu dall'Imperatore scelto per essere stazione della flotta
Romana; e ne fu il comando affidato a Carausio, di vilissima origine,
cittadino di Menapia[230]; ma che lungamente segnalata avea la sua
abilità nella marina, ed il suo valore nell'armi. Non corrispose
l'integrità di questo nuovo ammiraglio ai suoi talenti. Quando i Pirati
della Germania fecero vela dai loro porti, lasciò loro libero il
passaggio, ma ne impedì con gran diligenza il ritorno, e si appropriò
un'ampia porzione del bottino da essi acquistato. La ricchezza di
Carausio fu in quella congiuntura molto giustamente considerata come una
prova del suo delitto, e Massimiano già ne avea ordinata la morte. Ma
l'accorto Menapio previde, e prevenne la severità dell'Imperatore. Colla
sua liberalità egli si era affezionata la flotta che comandava, e tirati
i Barbari nei suoi interessi. Fece egli vela dal porto di Bologna verso
la Britannia, indusse la legione e gli ausiliari, che difendevano
quell'Isola ad abbracciare il suo partito, e arditamente assumendo,
insieme colla porpora, il titolo di Augusto, disfidò la giustizia e le
armi del suo offeso Sovrano[231].

Quando la Britannia fu così smembrata dall'Impero, ne fu sensibilmente
riconosciuta l'importanza, e sinceramente deplorata la perdita. I Romani
celebrarono, e forse magnificarono l'estensione di quell'Isola illustre,
provveduta per ogni parte di comodi porti; la temperie del clima, e la
fertilità del suolo, egualmente atte alla produzione di grano e del
vino; i ricchi minerali, ond'ella abbondava; gli ubertosi prati coperti
d'innumerabili greggi; ed i suoi boschi privi di bestie feroci o di
velenosi serpenti. Deploravano essi specialmente la perdita delle
considerabili entrate della Britannia, confessando nel tempo stesso che
meritava quella Provincia d'esser la sede d'una monarchia
indipendente[232]. La possedè Carausio per lo spazio di sette anni, e la
fortuna si mantenne propizia ad una ribellione sostenuta dal coraggio e
dall'abilità. Difese l'Imperatore Britannico le frontiere de' suoi
dominj contro i Caledonj del Settentrione; invitò dal continente un gran
numero di abili artefici; ed in una varia quantità di medaglie, tutt'ora
esistenti, fece pompa del suo buon gusto e della sua opulenza[233]. Nato
su i confini dei Franchi, egli si procacciò l'amicizia di quella
formidabil nazione coll'adulatrice imitazione delle lor vesti e de' lor
costumi. Arrolò la più valorosa lor gioventù nelle sue truppe di terra o
di mare, ed in contraccambio dell'utile lor alleanza, comunicò a quei
Barbari la pericolosa scienza dell'arte militare e navale. Possedeva
Carausio tuttavia Bologna ed il paese adiacente. Le trionfanti sue
flotte veleggiavano nel canale, comandavano alle foci della Senna e del
Reno, devastavano le coste dell'Oceano, e spandevano oltre le Colonne
d'Ercole il terrore del nome di lui. Sotto il suo governo la Britannia,
destinata nei secoli futuri all'impero del mare, avea già preso il suo
naturale e rispettabil grado di potenza marittima.

Avea Carausio, coll'impadronirsi della flotta di Bologna, tolti al suo
Sovrano i mezzi di perseguitarlo e di vendicarsi. E quando, dopo una
gran perdita di tempo e di fatica, fu lanciato in mare un nuovo
armamento[234], le truppe imperiali, non avvezze a quell'elemento furono
facilmente aggirate e disfatte dai vecchi marinari dell'Usurpatore.
Questo inutile sforzo produsse ben presto un trattato di pace.
Diocleziano ed il suo collega, giustamente paventando lo spirito
intraprendente di Carausio, cederono ad esso la sovranità della
Britannia, e con ripugnanza ammisero il loro perfido suddito a parte
degli onori imperiali[235]. Ma l'adozione dei due Cesari diede un nuovo
vigore alle armi Romane; e mentre che il Reno era difeso dalla presenza
di Massimiano, il valoroso suo collega Costanzo assunse la direzione
della guerra Britannica. La sua prima impresa fu contro l'importante
piazza di Bologna. Un superbo molo, innalzato a traverso l'ingresso del
porto, tolse ogni speranza di soccorso. La città si rendè dopo
un'ostinata difesa; ed una parte considerabile delle forze navali di
Carausio cadde in potere degli assedianti. Nel corso de' tre anni, che
Costanzo impiegò a preparare una flotta adeguata alla conquista della
Britannia, egli assicurò la costa della Gallia, fece irruzione nel paese
dei Franchi, e privò l'Usurpatore dell'aiuto di quei possenti alleati.

Prima che fossero finiti i preparativi, Costanzo ricevè la notizia della
morte del Tiranno, che fu considerata come un sicuro presagio della
vicina vittoria. I ministri di Carausio imitarono l'esempio di
tradimento dato da lui. Fu egli ucciso dal suo primo ministro Aletto, e
l'assassino gli succedè nella potenza e nel pericolo. Ma non aveva egli
abilità conveniente per esercitare la prima, od allontanare il secondo.
Egli vedeva con angustioso terrore le opposte rive del continente già
piene d'armi, di truppe e di navi, perchè Costanzo avea molto
prudentemente diviso le sue forze, per dividere parimente l'attenzione e
la resistenza del nemico. L'assalto fu finalmente dato dal principale
squadrone, ch'era stato adunato alla foce della Senna, sotto il comando
del Prefetto Asclepidoto, Uffiziale di merito singolare. Tanto
imperfetta era in quei tempi l'arte della navigazione, che gli oratori
hanno celebrato l'ardito coraggio dei Romani, i quali si arrischiarono a
far vela con un vento di fianco, ed in un giorno burrascoso. Divenne il
tempo favorevole alla loro impresa. Coperti da una densa nebbia,
scamparono dalla flotta, che Aletto avea posta all'isola di Wight per
riceverli, scesero con sicurezza sulla costa occidentale, e dimostrarono
ai Britanni, che la superiorità delle forze navali non sempre avrebbe
difesa la patria loro contro una straniera invasione. Appena ebbe
Asclepiodoto sbarcate le truppe Imperiali, che incendiò le proprie navi;
e siccome felice fu la spedizione, così fu universalmente ammirata la
sua eroica condotta. L'Usurpatore si era posto vicino a Londra per ivi
ricevere il formidabile assalto di Costanzo, che comandava in persona la
flotta di Bologna; ma la discesa di un nuovo nemico richiedeva
immediatamente la sua presenza nell'Occidente. Fece egli quella lunga
marcia tanto precipitosamente, che incontrò tutte le forze del Prefetto
con un piccol numero di stracche e scoraggiate truppe. Presto terminò il
combattimento colla total disfatta e morte di Aletto: una sola
battaglia, come spesso è seguito, decise il fato di quella grand'Isola;
e quando Costanzo sbarcò su i lidi di Kent, li ritrovò coperti di
sudditi ubbidienti. Alte ed unanimi furono le loro acclamazioni; e le
virtù del vincitore possono indurci a credere, ch'ei si rallegrassero
sinceramente di una rivoluzione, la quale, dopo una separazione di dieci
anni, riuniva la Britannia al corpo dell'Impero di Roma[236].

Non avea la Britannia da temere altri nemici che gl'interni; e finchè i
suoi Governatori conservarono la loro fedeltà, e le truppe la lor
disciplina, le incursioni dei nudi selvaggi della Scozia o dell'Irlanda
non poterono mai grandemente nuocere alla sicurezza della Provincia. La
pace del continente, e la difesa dei gran fiumi, che servivano di
confini all'Impero, erano molto più importanti e difficili oggetti. La
politica di Diocleziano, la quale presedeva ai consigli dei suoi
Colleghi, provvide alla pubblica tranquillità, fomentando lo spirito di
dissensione fra i Barbari, ed accrescendo le fortificazioni dei Romani
confini. Egli stabilì nell'Oriente una linea di campi militari
dall'Egitto ai dominj Persiani, ed acquartierò in ogni campo un adeguato
numero di truppe, comandate dai rispettivi loro Uffiziali, e fornite di
ogni sorta di armi tratte dai nuovi arsenali, che avea eretti in
Antiochia, in Emesa, ed in Damasco[237]. Nè fu l'Imperatore meno
vigilante a cautelarsi contro il ben noto valore dei Barbari
dell'Europa. Dalla foce del Reno a quella del Danubio furono
diligentemente ristabiliti gli antichi accampamenti, le città, e le
fortezze, e ne furono molto abilmente costruite altre nuove nei luoghi
più esposti: fu introdotta la più esatta vigilanza tra le guarnigioni
della frontiera, e fu posto in uso ogni espediente che render potesse
salda ed impenetrabile la lunga catena delle fortificazioni[238]. Fu
raramente violata una così rispettabil barriera, e spesso i Barbari tra
loro gli uni contro gli altri rivolsero il lor deluso furore. I Goti, i
Vandali, i Gepidi, i Borgognoni, gli Alemanni dissiparono
scambievolmente le proprie forze con distruggitrici ostilità, e chiunque
vincesse, vinceva i nemici di Roma. I sudditi di Diocleziano, godendo di
quel sanguinoso spettacolo, si rallegravan tra loro che solamente i
Barbari provassero allora le miserie della guerra civile[239].

Malgrado la politica di Diocleziano fu impossibile di conservare
un'uguale e non interrotta tranquillità, durante un regno di vent'anni,
e lungo una frontiera di più centinaia di miglia. Sospesero talora i
Barbari le domestiche loro animosità, e la rilassata vigilanza delle
guarnigioni lasciò talvolta un adito alla loro forza o alla loro
destrezza. Ogni qualvolta furono le Province invase, Diocleziano si
comportò con quella calma e dignità da lui sempre affettata o posseduta,
riservò la sua presenza per quelle occasioni che meritassero
d'interporvela, nè mai espose senza necessità la sua persona o la sua
riputazione a pericolo alcuno. Si assicurò il buon successo con tutti
quei mezzi, che la prudenza potea suggerire, e manifestò con
ostentazione le conseguenze della sua vittoria. Nelle guerre di più
difficil natura, e di più incerto evento, egli impiegò il feroce valore
di Massimiano; e questo fido soldato si contentò di attribuire le
proprie vittorie ai saggi consigli ed alla fausta influenza del suo
benefattore. Ma dopo l'adozione dei due Cesari, gl'Imperatori stessi
ritirandosi in un teatro di meno faticose azioni, affidarono ai loro
figli adottivi la difesa del Danubio e del Reno. Non fu mai il vigilante
Galerio ridotto alla necessità di vincere un'armata di Barbari sul
territorio Romano[240]. Il valoroso ed attivo Costanzo liberò la Gallia
da una furiosissima irruzione degli Alemanni; e le sue vittorie di
Langres e di Vindonissa sembrano essere state azioni di notabil pericolo
e di merito non volgare. Mentre egli traversava l'aperta campagna con
poca gente, fu all'improvviso circondato da una superior moltitudine di
nemici. Egli si ritirò con difficoltà verso Langres, ma nella
costernazion generale ricusarono i cittadini di aprir le porte: ed il
ferito Principe fu con una corda tirato su dalle mura. Ma alla nuova del
suo pericolo corsero le truppe Romane da ogni parte a soccorrerlo, e
prima della sera egli aveva soddisfatto al suo onore, ed alla sua
vendetta colla strage di seimila Alemanni[241]. Si potrebbero forse
raccogliere dai monumenti di quei tempi le oscure tracce di molte altre
vittorie riportate su i Barbari della Sarmazia e della Germania; ma non
sarebbe questa tediosa ricerca ricompensata da diletto o da istruzione
veruna.

La regola che avea l'Imperator Probo adotta nel disporre dei vinti, fu
imitata da Diocleziano e dai suoi colleghi. I Barbari prigionieri,
cambiando la morte in ischiavitù, furono distribuiti tra i Provinciali,
ed assegnati a quei distretti (nella Gallia sono specialmente indicati i
territorj di Amiens, di Beauvais, di Cambrai, di Treveri, di Langres, e
di Troyes[242]), i quali erano stati spopolati dalle calamità della
guerra. Furono essi utilmente impiegali come pastori ed agricoltori; ma
non fu ad essi permesso l'esercizio dell'armi, se non quando fu creduto
espediente di arrolarli nelle milizie. Nè ricusarono gli Imperatori di
dare, con un titolo meno servile, delle terre in proprietà a quelli tra
i Barbari, che domandarono la protezione di Roma. Essi accordarono uno
stabilimento a diverse colonie dei Carpi, dei Bastarni e dei Sarmati; e
con pericolosa compiacenza permisero loro in qualche modo di conservare
i nazionali costumi e l'indipendenza[243]. Fu per li Provinciali un
soggetto di lusinghiera letizia, che i Barbari, recentissimi oggetti di
terrore, coltivassero allora i loro terreni, conducessero il lor
bestiame alla vicina fiera, e contribuissero colle loro fatiche alla
pubblica abbondanza. Si rallegrarono essi coi loro Sovrani del possente
accrescimento di sudditi e dei soldati, ma si scordarono di osservare,
che si introduceva nel cuor dell'Impero[244] una moltitudine di secreti
nemici, cui rendeva il favore insolenti, o l'oppressione disperati.

Mentre i Cesari esercitavano il loro valore sulle rive del Reno o del
Danubio, la presenza degl'Imperatori era necessaria ai meridionali
confini del mondo Romano. Dal Nilo fino al monte Atlante era l'Affrica
in armi. Cinque nazioni Maure confederate escirono da' loro deserti per
invadere le tranquille Province[245]. Giuliano avea presa la porpora in
Cartagine[246], Achilleo in Alessandria, e perfino i Blemmi rinnovavano,
o piuttosto continuavano le loro incursioni nell'Egitto superiore. Sono
appena state a noi trasmesse alcune circostanze delle imprese di
Massimiano nelle parti occidentali dell'Affrica, ma dall'evento si vede
che rapido e decisivo fu il progresso delle armi sue, che egli vinse i
Barbari più feroci della Mauritania; e che gli allontanò da quei monti,
l'inaccessibil riparo dei quali avea inspirato ai loro abitatori una
ingiusta confidenza, e gli avea accostumati a vivere di violenze e di
rapine[247]. Diocleziano, dal canto suo, aprì la campagna nell'Egitto
coll'assedio di Alessandria, tagliò gli acquedotti, che portavano le
acque del Nilo in ogni quartiere di quella immensa città[248], e
assicurato il suo campo dalle sortite dell'assediata moltitudine,
continuò i suoi reiterati assalti con prudenza e con vigore. Dopo un
assedio di otto mesi, Alessandria, devastata dal ferro e dal fuoco,
implorò la clemenza del vincitore; ma ne provò tutta la severità. Molte
migliaia di cittadini perirono in una confusa strage, e pochi colpevoli
vi furono nell'Egitto, che evitassero la sentenza di morte o almeno di
esilio[249]. Fu il fato di Busiri e di Copto più lacrimevole ancora di
quel d'Alessandria. Quelle superbe città, la prima illustre per la sua
antichità, la seconda arricchita dal passaggio del commercio dell'India,
furono affatto distrutte dalle armi e dai severi ordini di
Diocleziano[250]. Il solo carattere della nazione Egiziana, insensibile
alla dolcezza, ma suscettivo di timore oltremodo, potea giustificare
questo rigore eccessivo. Aveano sovente le sedizioni di Alessandria
messa in pericolo la tranquillità e la sussistenza di Roma medesima.
Dalla usurpazione di Fermo in poi, la Provincia dell'Egitto superiore,
ricadendo sempre in nuove ribellioni, avea abbracciata l'alleanza dei
selvaggi dell'Etiopia. Era poco considerabile il numero dei Blemmi,
sparsi tra l'Isola di Meroe od il Mar Rosso: non guerriere erano le loro
inclinazioni; e rozze, e non offensive le armi[251]. Pure nelle
pubbliche turbolenze quei Barbari, che l'antichità per la deforme loro
figura avea esclusi dalla specie umana, presunsero di entrare nel numero
dei nemici di Roma[252]. Tali erano stati gl'indegni alleati degli
Egiziani; e mentre era l'attenzione dello Stato rivolta a guerre più
serie, avrebbero le inquiete loro incursioni potuto di nuovo turbare il
riposo della Provincia. Colla mira di opporre ai Blemmi un avversario
degno di loro, Diocleziano indusse i Nubati, o sia gli abitanti della
Nubia, ad abbandonare le antiche loro abitazioni nei deserti della
Libia, o cedè ad essi un vasto ma infruttifero territorio al di là di
Siene e delle cateratte del Nilo, col patto che essi avrebber sempre
rispettata e difesa la frontiera dell'Impero. Sussistè lungamente il
trattato; e finchè lo stabilimento del Cristianesimo non introdusse più
giuste idee di culto religioso, fu annualmente ratificato con un solenne
sacrifizio nell'Isola di Elefantina, nella quale i Romani, non meno che
i Barbari, adoravano le stesse visibili o invisibili potenze
dell'Universo[253].

Mentre Diocleziano puniva i passati delitti degli Egiziani, egli
provvedeva alla futura loro sicurezza e felicità con molti savj
regolamenti, che furono confermati ed invigoriti sotto i Regni
successivi[254]. Un molto osservabile editto da lui pubblicato, in vece
di condannarsi come parto di una gelosa tirannia, merita di essere
applaudito come un atto di prudenza e di umanità. Egli volle che si
facesse una diligente ricerca «di tutti gli antichi libri, i quali
trattavano della mirabil arte di far l'oro e l'argento, e li condannò
senza pietà alle fiamme; temendo (come ci assicurano) che l'opulenza
degli Egiziani non inspirasse loro l'ardire di ribellarsi contro
l'Impero[255].» Ma se Diocleziano fosse stato convinto della realtà di
quest'arte importante, ben lungi dallo spegnerne la memoria, ne avrebbe
rivolta l'operazione in benefizio delle pubbliche entrate. È più
verisimile che il suo buon senso gli discoprisse la follia di così
magnifiche pretensioni, e che desiderasse preservare la ragione ed i
beni dei sudditi da questa pregiudiciale ricerca. È da osservarsi, che
quegli antichi libri, così liberalmente attribuiti a Pitagora, a
Salomone, o ad Ermete, erano pie fraudi di più moderni alchimisti. I
Greci trascurarono l'uso o l'abuso della chimica. In quell'immenso
registro, dove Plinio ha depositato le scoperte, le arti, o gli errori
dello spirito umano, non si fa la minima menzione della transmutazione
dei metalli; e la persecuzione di Diocleziano è il primo autentico fatto
della storia dell'alchimia. La conquista dell'Egitto, fatta dagli Arabi,
diffuse quella vana scienza sul globo. Favorevole all'avarizia del cuore
umano, fu essa studiata nella China, come nell'Europa, con pari ardore e
successo. L'oscurità dei secoli di mezzo assicurava di un favorevole
ricevimento ogni maravigliosa novella, ed il rinascimento delle scienze
aggiunse nuovo vigore alla speranza, e suggerì più fini artifizi alla
frode. La filosofia, assecondata dall'esperienza, ha finalmente bandito
lo studio dell'alchimia, ed il secolo presente, benchè avido di
ricchezze, si contenta di cercarle per le più umili vie del commercio e
dell'industria[256].

Alla soggezione dell'Egitto immediatamente successe la guerra contro i
Persiani. Era al Regno di Diocleziano riservato il vincere quella
possente nazione, ed astringere i successori di Artaserse a riconoscere
la superiore maestà dell'Impero di Roma.

Abbiamo osservato, che sotto il Regno di Valeriano, fu l'Armenia
soggiogata dalla perfidia e dalle armi dei Persiani, e che dopo
l'assassinio di Cosroe, il suo figliuolo Tiridate, ancor fanciullo,
erede della monarchia, fu salvato dalla fedeltà dei suoi amici, ed
educato sotto la protezione degl'Imperatori. Tiridate ricavò dal suo
esilio vantaggi tali, che non gli avrebbe mai conseguiti sul trono
dell'Armenia; cioè la sollecita cognizione delle avversità, degli
uomini, o della Romana disciplina. Egli segnalò la sua gioventù con
valorose azioni, e mostrò incomparabil forza e destrezza in ogni
esercizio marziale, ed ancora nelle meno gloriose contese dei giuochi
Olimpici[257]. Queste qualità furono più nobilmente impiegate nella
difesa del suo benefattore Licinio[258]. Questo Uffiziale, nella
sedizione che cagionò la morte di Probo, fu esposto al più imminente
pericolo; e gl'inferociti soldati si aprivano a forza la strada nella
sua tenda, quando furono repressi dal solo braccio del Principe Armeno.
La gratitudine di Tiridate contribuì subito dopo al ristabilimento di
lui. Fu Licinio in ogni posto l'amico ed il compagno di Galerio, ed il
merito di Galerio, molto prima che fosse innalzato alla dignità di
Cesare, era stato conosciuto e stimato da Diocleziano. Nel terz'anno del
regno di questo Imperatore, fu a Tiridate conferito il reame
dell'Armenia. Erano la giustizia e l'opportunità di tal progetto
ugualmente evidenti. Era ormai tempo di liberare dalla usurpazione del
Monarca Persiano un territorio importante, che dal Regno di Nerone in
poi era sempre stato concesso sotto la protezione dell'Impero al più
giovane ramo degli Arsaci[259].

Quando comparve Tiridate sulle frontiere dell'Armenia, fu ricevuto con
sincero trasporto di allegrezza e di fedeltà. Soffriva quel paese da
trentasei anni le reali e le immaginarie angustie di un giogo straniero.
I Monarchi Persiani aveano adornata la loro nuova conquista con
magnifici edifizi; ma questi monumenti erano eretti a spese della
nazione, ed abborriti come segni di schiavitù. Avea il timore di una
ribellione suggerite le più rigorose precauzioni: era stata
l'oppressione aggravata dagl'insulti, e la certezza dell'odio pubblico
avea fatto prender tutte quelle provvisioni che render lo poteano ancor
più implacabile. Abbiam già notato l'intollerante spirito della
religione dei Magi.

Le statue dei divinizzati Re dell'Armenia, e le sacre immagini del Sole
e della Luna furono ridotte in pezzi dallo zelo del vincitore; ed il
fuoco perpetuo di Ormuz fu acceso e conservato sopra un'ara eretta sulla
sommità del monte Bagavo[260]. Era ben naturale che un popolo, da tante
offese inasprito, si armasse di zelo per la causa della sua
indipendenza, della sua religione, e del suo legittimo Sovrano; il
torrente abbattè ogni ostacolo, e pose in fuga la guarnigione Persiana.
Corsero i nobili Armeni sotto lo stendardo di Tiridate, tutti allegando
i loro passati meriti, offrendo i loro futuri servigi, e domandando al
nuovo Re quelle cariche e quelle ricompense, dalle quali erano stati con
dispregio esclusi sotto lo straniero governo[261]. Il comando
dell'armata fu conferito ad Artavasde, il cui padre avea salvato
Tiridate nella sua infanzia, e la cui famiglia era stata trucidata per
quell'azion generosa. Ottenne il fratello di Artavasde il governo di una
Provincia. Una delle prime cariche militari fu conferita al Satrapo
Otas, uomo di singolar temperanza e fortezza, che presentò al Re la
sorella di lui[262], ed un considerabil tesoro, che aveva ambedue
conservati inviolati in una rimota fortezza. Comparve tra i nobili
Armeni un alleato, le cui vicende sono troppo considerabili per non
farne menzione. Egli avea nome Mamgo; era Scita d'origine; e la Tribù,
che da lui dipendeva, si era pochi anni avanti accampata su i confini
dell'Impero Chinese[263], che si estendeva allora fino alle vicinanze
della Sogdiana[264]. Essendo Mamgo incorso nello sdegno del suo Sovrano,
si ritirò coi suoi seguaci verso le rive dell'Oxo, ed implorò la
protezione di Sapore. L'Imperatore della China richiese il fuggitivo,
allegando i diritti della Sovranità. Il Monarca Persiano oppose le leggi
dell'ospitalità; e non senza difficoltà evitò una guerra, colla promessa
di confinar Mamgo nelle più lontane parti dell'Occidente; pena, com'egli
la descriveva, non meno terribile della morte. L'Armenia fu scelta pel
luogo dell'esilio, e fu alla Scitica Tribù assegnato un vasto distretto,
sul quale potesse pascolare i suoi greggi ed armenti, e trasportare le
sue tende da un luogo all'altro, secondo le diverse stagioni dell'anno.
Furono quelle genti impiegate a respingere l'invasione di Tiridate: ma
il lor condottiero, dopo aver bilanciato i benefizi e le offese, che
avea ricevuto dal Monarca Persiano, risolvè di abbandonare il partito.
Il Principe Armeno, cui bene era noto il merito e la potenza di Mamgo,
lo trattò con rispettosa distinzione; ed ammettendolo alla sua
confidenza, acquistò un suddito coraggioso e fedele, che molto
efficacemente contribuì a ristabilirlo sul trono[265].

Si mostrò per un tempo propizia la fortuna dell'intraprendente valore di
Tiridate. Egli non solo discacciò i nemici della sua famiglia o della
sua patria da tutta l'estensione dell'Armenia, ma continuando la sua
vendetta, portò le armi, o almeno le scorrerie, fino nel cuor
dell'Assiria. Lo storico, che ha tolto il nome di Tiridate all'obblìo,
celebra con un grado di nazionale entusiasmo il personal valore di lui;
e col vero spirito di un oriental romanzista descrive i giganti e gli
elefanti che caddero sotto l'invincibil suo braccio. Da altre
informazioni rileviamo le divisioni della monarchia Persiana, alle quali
il Re dell'Armenia fu in parte debitore dei suoi vantaggi. Era il trono
disputato dall'ambizione di due rivali fratelli; ed Ormuz, dopo aver
inutilmente impiegate le forze del suo partito, ricorse alla pericolosa
assistenza dei Barbari, che abitavano lungo la spiaggia del Caspio[266].
Fu però la guerra civile presto terminata o con una vittoria o con una
riconciliazione; e Narsete, universalmente riconosciuto Re della Persia,
rivolse tutte le sue forze contro il nemico straniero. La contesa si
fece allora troppo ineguale, nè il valor dell'Eroe poteva resistere alla
possanza del Monarca. Tiridate, scacciato per la seconda volta dal trono
dell'Armenia, si rifuggì di nuovo nella Corte degl'Imperatori. Narsete
ristabilì ben tosto la sua autorità nella ribellata Provincia, ed
altamente lagnandosi della protezione largita dai Romani ai ribelli ed
ai fuggitivi, aspirò alla conquista dell'Oriente[267].

Nè la prudenza nè l'onore permettevano agli Imperatori di abbandonare la
causa del Re dell'Armenia e fu risoluto di mostrare la forza dell'Impero
nella guerra Persiana. Diocleziano con quella ferma dignità, che egli
costantemente assumeva, piantò la sua sede in Antiochia, donde preparava
o dirigeva le militari operazioni[268]. Fu il comando delle legioni
affidato all'intrepido valore di Galerio, il quale per quell'importante
disegno fu richiamato dalle rive del Danubio a quelle dell'Eufrate.
S'incontrarono ben tosto gli eserciti nelle pianure della Mesopotamia, e
due battaglie seguirono con vario e dubbio successo, ma più decisivo fu
il terzo combattimento; e l'esercito Romano ebbe un'intera disfatta,
attribuita alla temerità di Galerio, che con un piccolo corpo di truppe
assalì l'innumerabile esercito dei Persiani[269]. Ma la considerazione
del paese, che fu il teatro di questa azione, può suggerirci un'altra
ragione della sconfitta di lui. Il terreno stesso, nel quale fu vinto
Galerio, era divenuto fumoso per la morte di Crasso e per la strage di
dieci legioni. Era questo una pianura di più di sessanta miglia, che si
stendeva dai monti di Carre all'Eufrate; un raso, sterile ed arenoso
deserto, senza una collina, senza un albero, o senza una sorgente di
acqua dolce[270]. La grave infanteria dei Romani, oppressa dal caldo e
dalla sete, non potea sperar la vittoria mantenendosi in ordinanza, nè
disunirsi senza esporsi al più imminente pericolo. In questa situazione
fu a poco a poco circondata dal numero superiore, affaticata dalle
rapide evoluzioni, e distrutta dagli strali della nemica cavalleria.
Avea il Re d'Armenia segnalato il suo valore nella battaglia e ricavata
una gloria personale dalla pubblica calamità. Egli venne perseguitato
fino all'Eufrate; era il suo cavallo ferito, e sembrava impossibile che
fuggir potesse al vittorioso nemico. In questa estremità, Tiridate
abbracciò l'unico scampo che si vide d'avanti, smontò e si lanciò nel
fiume. La sua armatura era grave, molto profondo il fiume, e in quelle
parti largo almeno mezzo miglio[271]: pure fu tal la forza e la
destrezza di lui, che arrivò salvo all'opposta riva[272]. Riguardo al
Generale Romano, noi non sappiamo le circostanze della sua fuga; ma
quando egli ritornò in Antiochia, Diocleziano lo ricevè non colla
tenerezza di un amico e di un collega, ma collo sdegno di un offeso
Sovrano. Il più altero degli uomini, vestito di porpora, ma umiliato dal
sentimento del suo fallo e della sua sventura, fu obbligato a seguitare
a piedi per più di un miglio il cocchio dell'Imperatore, e dare a tutta
la Corte lo spettacolo del suo disonore[273].

Appena ebbe Diocleziano soddisfatto il suo privato risentimento, e
sostenuta la maestà dei sovrano potere, cedè alle umili preci del
Cesare, e gli permise di ricuperare il suo onore e quello delle armi
Romane. In vece delle imbelli truppe dell'Asia, le quali molto
probabilmente avean servito nella prima spedizione, fu composto un nuovo
esercito di veterani e di nuove reclute della frontiera Illirica; ed un
corpo considerabile di Goti ausiliari fu preso al soldo imperiale[274].
Galerio passò di nuovo l'Eufrate alla testa di una scelta armata di
venticinquemila uomini, ma in vece di esporre le sue legioni nelle
aperte pianure della Mesopotamia, si avanzò per le montagne
dell'Armenia, ove trovò gli abitatori zelanti per la sua causa, ed il
territorio favorevole alle operazioni dell'infanteria, ed altrettanto
disadatto ai movimenti della cavalleria[275]. Avea l'avversità assodata
la disciplina dei Romani, mentre che i Barbari, insuperbiti del buon
successo, erano divenuti così trascurati e negligenti, che nel momento
in cui meno se l'aspettavano, furono sorpresi dall'attiva condotta di
Galerio, il quale accompagnato solamente da due uomini a cavallo, avea
co' suoi propri occhi segretamente esaminata la situazione e lo stato
del loro campo. Una sorpresa, specialmente di notte, era il più delle
volte fatale all'armata Persiana. «I loro cavalli erano legati, e
generalmente impastoiati per prevenirne la fuga; e ad un assalto
improvviso dovea ogni Persiano legar la gualdrappa, imbrigliare il
cavallo, e vestir la corazza avanti che salir potesse a cavallo[276].»
In quella occasione l'impetuoso assalto di Galerio sparse il disordine
ed il terrore nel campo dei Barbari. Ad una piccola resistenza successe
una spaventevole strage, e nella general confusione il ferito Monarca
(perchè Narsete comandava l'armata in persona) fuggì verso i deserti
della Media. Le sue magnifiche tende, e quelle dei suoi Satrapi diedero
un immenso bottino al vincitore, e vien riferito un incidente, che prova
la rozza, ma marziale ignoranza delle legioni riguardo alle eleganti
superfluità della vita. Cadde nelle mani di un privato soldato una borsa
di cuoio lucente, ripiena di perle. Egli conservò diligentemente la
borsa, ma gettò via il contenuto, giudicando, che tutto ciò, che non
serviva ad alcun uso, aver non potesse valore alcuno[277]. La perdita
principale di Narsete fu di un genere ben più interessante. Diverse
delle sue mogli, e le sue sorelle ed i piccioli suoi figliuoli, che
aveano seguitato il campo, furono fatti prigionieri nella sconfitta. Ma
benchè il carattere di Galerio in generale avesse pochissima affinità
con quello di Alessandro, egli imitò dopo la sua vittoria la benigna
condotta del Macedone verso la famiglia di Dario. Le mogli ed i figli di
Narsete furono protetti contro la violenza, e la rapina, condotti in
luogo di sicurezza e trattati con ogni segno di rispetto e di tenerezza
dovuta da un generoso nemico alla loro età, al lor sesso, ed alla reale
lor condizione[278].

Mentre l'Oriente attendeva con ansietà la decisione di questa gran
contesa, l'Imperator Diocleziano avendo raccolto nella Siria un forte
esercito di osservazione spiegava in mostra da lungi i ripieghi della
Romana potenza, e si riserbava per ogni futuro emergente della guerra.
Alla nuova della vittoria condiscese ad avanzarsi verso la frontiera,
coll'idea di moderare colla presenza e coi consigli l'ambizione di
Galerio. L'abboccamento dei Principi Romani a Nisibi fu accompagnato da
ogni espressione di rispetto da una parte, e di stima dall'altra. In
quella città essi dettero subito dopo udienza all'Ambasciatore del gran
Re[279]. Questa ultima disfatta avea atterrato la potenza o almeno il
coraggio di Narsete; ed egli riguardava una pace immediata, come l'unico
mezzo di arrestare il progresso delle armi Romane. Egli spedì Afarbane,
suddito suo favorito e confidente, colla commissione di negoziare un
trattato, o piuttosto di accettare quelle condizioni che impor volesse
il vincitore. Afarbane aprì la conferenza, testimoniando la gratitudine
del suo Sovrano pel generoso trattamento fatto alla sua famiglia, e
domandando la libertà di quegli illustri prigionieri. Egli celebrò il
valore di Galerio senza diminuire la riputazione di Narsete, e non credè
disonore il riconoscere la superiorità del vittorioso Cesare sopra un
Monarca che avea superata la gloria di tutti i principi della sua
stirpe. Non ostante la giustizia della causa Persiana, egli era
autorizzato a sottoporre le attuali pendenze alla decisione degli
Imperatori medesimi; persuaso, che in mezzo alle prosperità non si
scorderebbero delle vicende della fortuna. Concluse Afarbane il suo
discorso collo stile delle orientali allegorie, osservando che le
Monarchie Romana e Persiana erano i due occhi del mondo, il quale
rimarrebbe imperfetto e mutilato, se l'uno o l'altro gli fosse tolto.

«Ben conviene ai Persiani» replicò Galerio con un trasporto di furore,
che parve mettere in convulsione tutta la sua macchina «ben conviene ai
Persiani l'estendersi sulle vicende della fortuna, e farci
tranquillamente delle lezioni sulla virtù della moderazione. Si
rammentino essi la propria loro _moderazione_ verso l'infelice
Valeriano. Essi lo vinsero con frode, lo trattarono con indegnità. Lo
ritennero fino all'ultimo momento della sua vita in vergognosa
prigionia, e dopo la sua morte ne esposero il corpo ad una perpetua
ignominia.» Raddolcito però il suo stile, Galerio fece intendere
all'Ambasciatore, che non erano mai stati usati i Romani a calpestare un
nemico umiliato, e che in quell'occasione avrebbero consultato la
propria loro dignità anzi che il merito dei Persiani. Licenziò Afarbane
colla speranza, che presto sarebbe Narsete informato a qual condizione
ottener poteva dalla clemenza degli Imperatori una pace durevole, e la
restituzione delle sue mogli e de' suoi figliuoli. Da questo
abboccamento possiamo rilevare le feroci passioni di Galerio, non meno
che la sua deferenza al superior consiglio ed all'autorità di
Diocleziano. L'ambizione del primo abbracciava la conquista
dell'Oriente, ed avea proposta di ridurre la Persia in provincia. La
prudenza del secondo, che aderiva alla moderata politica di Augusto o
degli Antonini, profittò della favorevole occasione di terminare una
guerra fortunata con una pace onorevole e vantaggiosa[280].

In conseguenza delle loro promesse gl'Imperatori subito dopo destinarono
Sicorio Probo, uno de' loro segretari, a notificare alla Corte Persiana
l'ultima loro risoluzione. Come ministro di pace fu egli ricevuto con
ogni contrassegno di cortesia e di amicizia; ma sotto il pretesto di
accordargli il necessario riposo dopo un viaggio sì lungo, fu l'udienza
di Probo differita di giorno in giorno; ed egli attese i lenti movimenti
del Re, sino a che in fine fu ammesso alla presenza di lui vicino al
fiume Asprudo nella Media. Il secreto motivo di Narsete in questo
indugio era stato di adunare tali forze militari, che potessero metterlo
in istato, benchè sinceramente bramoso della pace, di trattarla con
maggior peso e colla maggiore dignità. Tre sole persone assisterono a
questa conferenza importante, il ministro Afarbane, il Prefetto delle
guardie, ed un Uffiziale, che avea comandato sulla frontiera
dell'Armenia[281]. Poco intelligibile per noi è al presente la prima
condizione proposta dall'Ambasciatore: che si destinerebbe, cioè, la
città di Nisibi ad essere il luogo dello scambievol traffico, ovvero
(come noi avremmo detto una volta) la piazza di commercio, tra i due
Imperi. Non vi è difficoltà in concepire l'intenzione che aveano i
Principi Romani di aumentare le loro entrate con alcune imposizioni
sopra il commercio; ma siccome Nisibi era situata nei loro propri
dominj, ed essi eran padroni delle _importazioni_ e delle
_esportazioni_, parrebbe che tali restrizioni fossero gli oggetti di una
legge interna anzichè di un estraneo trattato. Per renderle più
efficaci, si pretese probabilmente che il Re di Persia convenisse in
alcune stipulazioni, le quali sembrarono così ripugnanti o all'interesse
o alla dignità del medesimo, che egli non si potè indurre a
sottoscriverle. Essendo questo l'unico articolo, al quale ei negò il suo
consenso, non vi fu più lungamente insistito; e gl'Imperatori soffrirono
che il commercio passasse pe' suoi naturali canali, o si contentarono di
alcune restrizioni, il cui stabilimento dipendea dalla loro autorità.

Rimossa appena questa difficoltà, fu solennemente conclusa e ratificata
la pace tra le due nazioni. Le condizioni di un trattato, tanto glorioso
all'Impero e necessario alla Persia, possono meritare una più
particolare attenzione, giacchè la storia di Roma presenta molto pochi
trattati di simil natura; essendo state la maggior parte delle sue
guerre o terminate coll'intera conquista, o fatte contro i Barbari
ignoranti dell'uso delle lettere. I. L'Abora, o come vien detto da
Senofonte, l'Arasse fu stabilito per confine delle due Monarchie[282].
Questo fiume, che nasceva vicino al Tigri, veniva accresciuto poche
miglia sotto Nisibi dal piccolo torrente di Migdonio, scorreva lungo le
mura di Singara, e aboccava nell'Eufrate a Circessio, città di
frontiera, che fu dalla cura di Diocleziano molto validamente
fortificata[283]. La Mesopotamia, oggetto di tante guerre, fu ceduta
all'Impero; ed i Persiani rinunziarono con questo trattato a tutte le
pretensioni su quella vasta Provincia. II. Essi abbandonarono ai Romani
cinque Province di là dal Tigri[284]. La situazione di queste formava
una molto vantaggiosa barriera, e fu la loro forza naturale ben presto
accresciuta dall'arte e dalla scienza militare. Quattro di esse, al
Settentrione del fiume, erano distretti di oscura fama e di poca
estensione, Intiline, Zadicene, Arzanene, e Moxoene: ma all'Oriente del
Tigri l'Impero acquistò il vasto e montagnoso territorio di Carduene,
antica sede dei Carduchj, i quali conservarono per molti secoli la
generosa lor libertà nel centro delle dispotiche monarchie dell'Asia. I
diecimila Greci traversarono il loro paese, dopo una penosa marcia, o
piuttosto battaglia, di sette giorni; e confessa il lor condottiero
nella sua incomparabile relazione della ritirata, che essi soffrirono
più danno dai dardi dei Carduchj, che dalle forze del gran Re[285]. I
Curdi, loro posteri, con piccolissima alterazione e di nome e di
costumi, riconoscono di puro nome la sovranità del gran Signore. III. È
quasi inutile osservare, che Tiridate, il fido alleato di Roma, fu
ristabilito sul trono dei suoi antenati, e che furono pienamente
sostenuti ed assicurati i diritti dell'Imperiale preeminenza. Furono i
confini dell'Armenia estesi fino alla fortezza di Sinta nella Media, e
questo accrescimento di dominio fu un atto più di giustizia che di
liberalità. Delle già nominate Province di là dal Tigri, le quattro
prime aveano i Parti smembrate dalla corona dell'Armenia[286], e quando
i Romani ne acquistarono il possesso, essi stipularono, a spese degli
Usurpatori, un'ampia compensazione, per cui ebbe il loro alleato il
vasto e fertile paese di Atropatene. La sua principal città, situata
forse dov'è la moderna Tauris, fu spesso onorata dalla residenza di
Tiridate; e siccome ebbe talvolta il nome di Ecbatana, egli imitò negli
edifizi e nelle fortificazioni la magnifica capitale dei Medi[287]. IV.
Il paese dell'Iberia era sterile; rozzi e selvaggi n'erano gli abitanti.
Ma essi erano avvezzi all'uso delle armi, e separavano dall'Impero altri
Barbari, più di loro feroci e più formidabili. Padroni delle anguste
foci del monte Caucaso, poteano essi introdurre o escludere le erranti
turme dei Sarmati, ogni qual volta lo spirito di rapina le portava ad
inoltrarsi nelle più opulenti contrade del mezzogiorno[288]. La
nominazione dei Re dell'Iberia, che fu agl'Imperatori ceduta dal Monarca
Persiano, contribuì al vigore ed alla stabilità della Romana potenza
nell'Asia[289]. Godè l'Oriente per quarant'anni una profonda
tranquillità: e fu il trattato tra le due Monarchie strettamente
osservato fino alla morte di Tiridate; quando una nuova generazione,
animata da mire e da passioni diverse, successe al governo del mondo; ed
il nipote di Narsete intraprese una lunga e memorabil guerra contro i
Principi della famiglia di Costantino.

[A. D. 303]

L'ardua impresa di liberare l'angustiato Impero dai Tiranni e dai
Barbari era stata interamente compita da una successione d'Illirici
agricoltori. Subito che Diocleziano entrò nel ventesimo anno del suo
regno, celebrò quell'epoca memorabile, e la fortuna insieme delle sue
armi colla pompa di un Romano trionfo[290]. Massimiano, compagno a lui
eguale nel potere, fu l'unico suo compagno nella gloria di quel giorno.
Aveano i due Cesari combattuto e vinto; ma il merito delle loro geste
veniva attribuito, secondo il rigore delle massime antiche, alla fausta
influenza dei loro Padri ed Imperatori[291]. Il trionfo di Diocleziano e
di Massimiano fu forse meno magnifico di quelli di Aureliano e di Probo,
ma fu decorato da varie circostanze di maggior gloria e felicità.
L'Affrica e la Britannia, il Reno, il Danubio ed il Nilo, gli
somministrarono i loro rispettivi trofei; ma l'ornamento più illustre
era di una specie più singolare, cioè una vittoria Persiana,
accompagnata da una conquista importante. Furono pertanto dinanzi al
carro Imperiale portate le rappresentazioni dei fiumi, dei monti, e
delle Province. Le immagini delle mogli, delle sorelle e dei figliuoli
del Gran Re, presentavano un nuovo e gradito spettacolo alla vanità del
popolo[292]. È questo trionfo ragguardevole agli occhi della posterità,
per una distinzione di un genere meno onorevole. Fu l'ultimo trionfo che
mai più Roma vedesse. Tosto dopo quest'epoca gl'Imperatori cessarono di
vincere, e Roma cessò di essere la Capitale dell'Impero.

Il suolo, sul quale fu Roma fabbricata, era stato consacrato con antiche
cerimonie e con immaginari miracoli. Ogni parte della città sembrava
animata dalla presenza di qualche nume, o dalla memoria di qualche Eroe,
e l'Impero del mondo era stato promesso al Campidoglio[293]. I nativi
Romani sentivano e riconoscevano la forza di questa dolce illusione.
Procedeva essa dai loro antenati, era cresciuta coll'educazione, ed in
parte avvalorata dall'opinione della pubblica utilità. La forma e la
sede del Governo eran tra loro intimamente connesse, e si credeva
impossibile il trasferir l'una senza distruggere l'altra[294]. Ma la
sovranità della Capitale rimase a poco a poco annullata nell'estensione
delle conquiste; s'innalzarono le Province allo stesso livello, e le
vinte nazioni acquistarono il nome ed i privilegi dei Romani, senza
adottarne i parziali interessi. Per un lungo tempo però gli avanzi della
antica costituzione, e l'influenza del costume conservarono la dignità
di Roma. Gl'Imperatori, benchè forse di Affricana o Illirica estrazione,
rispettarono la patria da loro adottata, come sede della loro potenza e
centro dei loro estesi dominj. L'emergenze della guerra rendevano
sovente necessaria la loro presenza sulle frontiere; ma Diocleziano e
Massimiano furono i primi Principi Romani i quali stabilissero, in tempo
di pace, l'ordinaria loro residenza nelle Province, e la loro condotta,
benchè derivar potesse da privati motivi, fu giustificata da mire di
politica molto speciose.

La Corte dell'Impero di Occidente risedeva per lo più in Milano, la cui
situazione al piè dell'Alpi sembrava assai più di quella di Roma
favorevole all'importante oggetto di vegliare su i movimenti dei Barbari
della Germania. Acquistò ben tosto Milano lo splendore di una città
Imperiale. Gli Storici ne descrivon le case come numerose, e ben
fabbricate, e come culti e liberali i costumi del popolo. Un circo, un
teatro, una zecca, un palazzo, i bagni che portavano il nome del loro
fondator Massimiano; i portici adorni di statue, e un doppio recinto di
mura contribuivano alla bellezza della nuova Capitale, che non sembrava
abbattuta dalla vicinanza di Roma[295]. Fu pure ambizione di Diocleziano
l'emulare la maestà di Roma; ed egli impiegò il suo ozio e le ricchezze
dell'Oriente nell'abbellimento di Nicomedia, città posta sul confine
dell'Europa e dell'Asia, quasi ad ugual distanza fra il Danubio e
l'Eufrate. Il buon gusto del Monarca e la spesa del popolo diedero in
pochi anni a Nicomedia un grado di magnificenza, che sembrava frutto
della fatica di molti secoli, e la renderono inferiore solamente a Roma,
ad Alessandria e ad Antiochia nell'ampiezza e nella popolazione[296]. Fu
la vita di Diocleziano e di Massimiano una vita attiva, e ne consumarono
essi gran parte nei campi o nelle loro lunghe e frequenti marce; ma
sembra che ogniqualvolta aveano qualche riposo dai pubblici affari, si
ritirassero con piacere nelle loro favorite residenze di Nicomedia e di
Milano. È cosa molto dubbiosa se Diocleziano visitasse l'antica Capitale
dell'Impero, prima del ventesimo anno del suo Regno, in cui celebrò il
suo trionfo Romano. In quella memorabile occasione ancora, la sua
permanenza non oltrepassò i due mesi. Disgustato dalla licenziosa
famigliarità del popolo, egli si partì precipitosamente da Roma, tredici
giorni prima del tempo che si aspettava di vederlo comparire in Senato,
rivestito colle insegne della dignità Consolare[297].

L'avversione mostrata da Diocleziano per Roma e per la Romana libertà,
non era l'effetto di un momentaneo capriccio, ma conseguenza della più
artificiosa politica. Avea quell'accorto Principe abbozzato un nuovo
sistema d'Imperial governo, che fu di poi perfezionato dalla famiglia di
Costantino; e siccome nel Senato si conservava religiosamente l'immagine
dell'antica costituzione, egli risolvè di spogliare quell'ordine de'
suoi piccoli avanzi di potenza e di considerazione. Possiamo rammentarci
quali fossero, quasi otto anni avanti l'innalzamento di Diocleziano, la
passeggiera grandezza e le ambiziose speranze del Senato Romano. Finchè
prevalse l'entusiasmo, molti dei Nobili fecero imprudente mostra del
loro zelo per la causa della libertà; e quando ebbero i successori di
Probo cessato di proteggere il partito Repubblicano, non seppero i
Senatori nascondere l'impotente loro risentimento. Fu affidata a
Massimiano, come Sovrano dell'Italia, la cura di estinguere questo più
incomodo che pericoloso spirito d'indipendenza, e tale incarico
conveniva perfettamente al crudele carattere di lui. I più illustri
membri del Senato, pe' quali sempre mostrò Diocleziano un'affettata
stima, furono dal Collega di lui involti nella accusa di immaginarie
congiure, e la possessione di una magnifica villa o di un ben coltivato
territorio era interpretata come una convincente prova di colpa[298]. Il
campo dei Pretoriani, che avea sì lungamente oppressa la Maestà di Roma,
cominciò a proteggerla, e siccome quelle altere truppe conoscevano la
decadenza del loro potere, eran naturalmente disposte a congiunger la
loro forza coll'autorità del Senato, Fu per le savie misure di
Diocleziano insensibilmente diminuito il numero dei Pretoriani, furono i
loro privilegi aboliti[299], e nel posto loro subentrarono due fedeli
legioni dell'Illirico, che sotto i nuovi nomi di Gioviani e di Erculiani
furono destinate a fare il servizio delle guardie Imperiali[300]. Ma la
più fatale, benchè segreta ferita, che ricevesse il Senato dalle mani di
Diocleziano e di Massimiano, fu l'inevitabil fatto della lunga lor
lontananza. Finchè gli Imperatori risederono in Roma, poteva il Senato
essere oppresso, ma difficilmente poteva esser negletto. I successori di
Augusto usavano del potere di dettare tutte quelle leggi, che loro
suggerir poteva la prudenza o il capriccio; ma queste leggi venivano
ratificate dalla sanzione del Senato. Si conservava nelle sue
deliberazioni e ne' suoi decreti l'immagine dell'antica libertà; ed i
savi principi, che rispettavano i pregiudizi del popolo Romano, erano in
qualche modo obbligati a tenere il linguaggio e la condotta conveniente
al Generale ed al primo Magistrato della Repubblica. Ne' campi e nelle
Province spiegavano la dignità di Monarchi, e quando essi posero ferma
residenza lungi dalla Capitale, abbandonarono per sempre la
dissimulazione, da Augusto raccomandata ai suoi successori.
Nell'esercizio della potenza legislativa e dell'esecutiva, il Sovrano
deliberava coi suoi Ministri, in vece di consultare il gran Consiglio
della nazione. Il nome del Senato si rammentò con onore fino all'ultimo
periodo dell'Impero. La vanità de' suoi membri[301] era sempre lusingata
con onorifiche distinzioni, ma l'assemblea, che per tanto tempo era
stata e la sorgente, e l'istrumento della potenza, fu rispettosamente
lasciata cadere in obblìo. Il Senato di Roma, perdendo ogni connessione
colla Corte Imperiale e coll'attual costituzione, fu lasciato come un
venerabile ma inutile monumento di antichità sul colle Capitolino.

Quando i Principi Romani ebber perduto di vista il Senato e l'antica lor
Capitale, facilmente obbliarono l'origine e la natura del loro legittimo
potere. Le cariche civili di Console, di Proconsole, di Censore e di
Tribuno, dall'unione delle quali quel potere era stato formato, ne
mostravano al popolo la repubblicana origine. Questi modesti titoli[302]
furono tralasciati, e se quei Principi tuttavia distinguevano l'alta lor
dignità col nome d'Imperatore, si prendeva quella voce in un senso nuovo
e più nobile, nè più denotava il Generale de' Romani eserciti, ma il
Sovrano del mondo Romano. Il nome d'Imperatore, che a principio era
d'instituzione militare, fu unito ad un altro di genere più servile.
L'epiteto di _Dominus_, o di Signore, nella significazione sua
primitiva, esprimeva non l'autorità di un Principe sopra i sudditi o di
un comandante sopra i soldati, ma il dispotico potere di un Padrone
sopra i domestici schiavi[303]. Riguardandolo in questo odioso aspetto,
lo aveano rigettato con orrore i primi Cesari. Divenne insensibilmente
più debole la loro resistenza, e meno odioso il nome, finchè in ultimo
il titolo di _nostro Signore e Imperatore_ fu non solamente accordato
dalla adulazione, ma regolarmente inserito nella legge e nei pubblici
monumenti. Questi cotanto superbi epiteti erano sufficienti ad innalzare
o contentare la vanità più esorbitante, e se i successori di Diocleziano
ricusavano tuttavia il nome di Re, ciò sembra essere stato l'effetto non
tanto della loro moderazione, quanto della loro delicatezza. Dovunque
era in uso la lingua latina, ed essa era il linguaggio del governo per
tutto l'Impero, il titolo Imperiale, come particolare ad essi, spiegava
un'idea più rispettabile del nome di Re, che avrebbero avuto comune con
cento Barbari capitani, o che al più poteano derivar solamente da Romolo
o da Tarquinio. Ma i sentimenti dell'Oriente erano assai diversi da
quelli dell'Occidente. Fino dai più rimoti tempi della Storia, i Sovrani
dell'Asia erano stati celebrati nel greco linguaggio col titolo di
_Basileus_ o di Re; e poichè questo si riguardava come la prima
distinzione fra gli uomini, fu ben tosto usato dai servili Provinciali
dell'Oriente nelle loro umili suppliche al trono Romano[304]. Anche gli
attributi o almeno i titoli della _Divinità_ furono usurpati da
Diocleziano e da Massimiano, che li trasmisero ad una successione
d'Imperatori cristiani[305]. Queste stravaganti formole di rispetto
perdono però ben presto la loro empietà, perdendo il loro significato; e
quando l'orecchio è una volta avvezzo a quel suono, si ascoltano con
indifferenza come vaghe, benchè eccessive espressioni di ossequio.

Dal tempo di Augusto a quello di Diocleziano i Principi Romani,
conversando famigliarmente tra i loro concittadini, erano salutati
solamente con quello stesso rispetto che era solito usarsi coi Senatori
e coi Magistrati. Il loro principal distintivo era la Imperiale, o
militare veste di porpora; mentre l'abito Senatorio era distinto con una
larga, o l'equestre con una stretta fascia o lista del medesimo
onorifico colore. La superbia, o piuttosto la politica di Diocleziano,
indusse quel Principe artifizioso a introdurre la splendida magnificenza
della Corte di Persia[306]. Egli si arrischiò ad assumere il Diadema,
ornamento detestato dai Romani come odiosa insegna della dignità Reale,
ed il cui uso era stato considerato come l'atto più disperato della
follìa di Caligola. Altro non era il diadema che una larga e bianca
fascia, adorna di perle, che cingeva la testa dell'Imperatore. Le
sontuose vesti di Diocleziano e de' suoi successori erano di seta e di
oro; e vien con indignazione osservato che fino le loro scarpe erano
guarnite delle gemme più preziose. L'accesso alla lor sacra persona si
rendeva ogni dì più difficile per l'istituzione di nuove formalità e
cerimonie. Gli aditi del palazzo erano diligentemente custoditi dalle
diverse _scuole_, come cominciarono allora a chiamarsi, di Uffiziali
domestici. Gli appartamenti interiori furono affidati alla gelosa
vigilanza degli Eunuchi, la moltiplicazione ed influenza dei quali era
il più infallibile indizio del progresso del dispotismo. Quando un
suddito veniva finalmente ammesso all'Imperial presenza, era obbligato,
qualunque fosse la sua condizione, al prostrarsi al suol, e di adorare,
secondo il costume orientale, la divinità del suo Signore e
Padrone[307]. Diocleziano era un uomo sensato, che nel corso di una vita
e privata e pubblica avea concepito il giusto valore e di se stesso e
del genere umano: e non è facile l'immaginare, che nel sostituire i
costumi della Persia a quelli di Roma egli fosse seriamente animato da
così basso principio, quale è quello della vanità. Egli si lusingò, che
una ostentazione di splendore e di lusso soggiogherebbe l'immaginazione
della moltitudine; che il Monarca sarebbe meno esposto alla rozza
licenza dei popolo e dei soldati, a misura che la sua persona fosse meno
esposta alla pubblica vista; e che le abitudini di sommissione
insensibilmente produrrebbero sentimenti di venerazione. L'alterigia
usata da Diocleziano era, egualmente che l'affettata modestia di
Augusto, una teatrale rappresentazione; ma si dee confessare, che delle
due commedie, la seconda era di un carattere molto più nobile e generoso
della prima. La mira dell'uno era di nascondere l'infinito potere che
aveano gl'Imperatori sul mondo Romano: l'oggetto dell'altro era di farne
pompa.

L'ostentazione era il primo principio del nuovo sistema istituito da
Diocleziano; e la divisione, il secondo. Egli divise l'Impero, le
Province, ed ogni ramo della civile, e della militar amministrazione.
Egli moltiplicò le ruote della macchina del Governo e ne rendè meno
rapide ma più sicure le operazioni. Tutti quei vantaggi e quei difetti,
che poterono accompagnare queste innovazioni, doverono in gran parte
attribuirsi al primo inventore; ma siccome il nuovo edifizio di politica
fu a poco a poco perfezionato e compito dai Principi successori, sarà
ben fatto differire a considerarlo al tempo della sua piena maturità e
perfezione[308]. Riserbando pertanto al regno di Costantino un più
esatto quadro del nuovo Impero, ci contenteremo di descriverne il
principale e decisivo contorno, come fu disegnato dalla mano di
Diocleziano. Egli aveva associato tre colleghi all'esercizio del sapremo
potere; e giudicando che i talenti di un solo erano inadeguati alla
pubblica difesa, considerò la congiunta amministrazione di quattro
Principi non come temporario espediente, ma come legge fondamentale
della costituzione. Volle che il distintivo dei due più vecchi Principi
fossero il diadema e il titolo di _Augusto_; che questi (secondo che
l'affetto o la stima dirigesse la loro scelta) regolarmente chiamassero
in loro aiuto due subordinati colleghi; e che i _Cesari_, innalzati a
vicenda al primo posto, dessero una successione non interrotta
d'Imperatori. L'Impero fu diviso in quattro parti. L'Oriente e l'Italia
erano le più onorevoli; il Danubio ed il Reno, le più faticose. Le prime
esigevano la presenza degli _Augusti_; le seconde erano affidate al
Governo dei _Cesari_. La forza delle legioni era nelle mani dei quattro
Soci della sovranità, e la disperazione di vincer successivamente
quattro formidabili rivali, poteva intimorire l'ambizione di un
intraprendente Generale. Nel governo civile gl'Imperatori supponevansi
esercitare l'indiviso potere della Monarchia, ed i loro editti,
autenticati coi loro nomi uniti, erano ricevuti in tutte le Province
come promulgati dai loro scambievoli consigli e dalle loro autorità.
Nonostante queste precauzioni, la politica unione del Mondo Romano fu a
poco a poco disciolta, e si introdusse un principio di divisione, che
nel corso di pochi anni cagionò la perpetua separazione degl'Imperi
Orientale ed Occidentale.

Il sistema di Diocleziano fu accompagnato da un altro molto sostanziale
svantaggio, che merita ancora adesso la nostra attenzione, ed è uno
stabilimento più dispendioso e conseguentemente un aumento di tasse, e
l'oppressione del popolo. Invece di una modesta famiglia di schiavi e di
liberti, quale era bastata alla semplice grandezza di Augusto e di
Traiano, furono stabilite tre o quattro magnifiche Corti nelle varie
parti dell'Impero, ed altrettanti _Re_ Romani gareggiarono l'uno
coll'altro e col Monarca Persiano per la vana superiorità della pompa e
del lusso. Il numero dei Ministri, dei Magistrati, degli Uffiziali, e
dei servitori, che occupavano i diversi dipartimenti dello Stato, si
moltiplicò oltre l'esempio dei primi tempi; e (se noi possiamo usare la
robusta, espressione di un contemporaneo) «quando la proporzione di
quelli che ricevevano, eccedè la proporzione di quelli che
contribuivano, le Province furono oppresse dal peso dei tributi[309].»
Da questa epoca fino all'estinzione dell'Impero, sarebbe facile il
dedurre una continua serie di clamori e di lagnanze. Ogni scrittore,
secondo la sua religione e la sua situazione, prende o Diocleziano, o
Costantino, o Valente o Teodosio per l'oggetto delle sue invettive: ma
si accordano tutti unanimemente a rappresentare il peso delle pubbliche
imposizioni e particolarmente la tassa prediale e l'imposizion sulle
teste, come l'intollerabile e sempre crescente gravame dei loro tempi.
Da tale uniformità di lagnanze uno Storico imparziale, ch'è obbligato di
ricavare la verità dalla satira non meno che dal panegirico, sarà
disposto a dividere il biasimo tra i Principi, che ne sono accusati, ed
attribuire le loro esazioni assai meno ai loro vizi personali, che
all'uniforme sistema del loro governo. L'Imperator Diocleziano fu
veramente l'autore di questo sistema, ma durante il suo regno il male
crescente fu ristretto entro i confini della modestia e della
discrezione; ed egli piuttosto che il rimprovero di avere esercitata
l'oppressione, merita quello di averne stabiliti i perniciosi principj.
Si può aggiungere che erano le sue entrate amministrate con prudente
economia; e che dopo esser tutte le spese correnti pagate, vi rimaneva
tuttavia nel tesoro Imperiale un'ampia provvisione o per la giudiziosa
liberalità o per qualche emergenza dello Stato.

Nell'anno ventunesimo del suo regno, Diocleziano effettuò la sua
memorabile risoluzione di rinunziare all'Impero; azione che più
naturalmente poteva aspettarsi dal più vecchio, o dal più giovane degli
Antonini, che da un Principe, il quale non avea mai praticate le lezioni
della filosofia o nell'acquisto o nell'esercizio del supremo potere.
Diocleziano ebbe la gloria di dare al mondo il primo esempio di una
rinuncia[310], che non è stata molto frequentemente imitata dai
posteriori Monarchi. Il paralello di Carlo Quinto per altro si
presenterà naturalmente da se stesso alla nostra mente non solo perchè
l'eloquenza di uno Storico moderno ha renduto quel nome tanto famigliare
ad un Inglese lettore, ma per la molto viva rassomiglianza fra i
caratteri de' due Imperatori, i cui talenti politici furono superiori al
loro genio militare, e le cui speziose virtù furono effetto molto più
dell'arte, che della natura. Sembra che la rinunzia di Carlo fosse
affrettata dalle vicende della fortuna; e che lo sconcerto dei suoi
favoriti disegni lo sforzasse ad abbandonare un potere, ch'egli non
ritrovava proporzionato alla propria ambizione. Ma il Regno di
Diocleziano era stato agitato da flutti di continue vicende, e non
sembra che egli cominciasse a nutrire alcuna seria idea di rinunziare
l'Impero, se non dopo aver vinti tutti i suoi nemici, e compiti tutti i
suoi disegni. Nè Carlo, nè Diocleziano erano giunti ad un periodo di
vita molto avanzato; giacchè l'uno avea soltanto cinquantacinque anni, e
l'altro non più di cinquantanove; ma la vita attiva di questi Principi,
le loro guerre ed i loro viaggi, le cure del trono, e la loro
applicazione agli affari, aveano di già alterato il loro temperamento e
prodotte le infermità di una anticipata vecchiezza[311].

[A. D. 304]

Malgrado la crudezza d'un freddissimo e piovoso inverno, Diocleziano
lasciò l'Italia subito dopo la cerimonia del suo trionfo, e cominciò il
suo viaggio verso l'Oriente per le Province Illiriche. Egli contrasse
ben tosto dall'inclemenza dei tempi e dalla fatica del viaggio una lenta
malattia, e benchè facesse comode marce, e fosse ordinariamente portato
in una chiusa lettiga, era il suo male divenuto molto serio e
pericoloso, avanti che egli arrivasse a Nicomedia, verso il fin della
state. Rimase per tutto l'inverno confinato nel suo palazzo: il suo
pericolo eccitava un generale e sincero cordoglio; ma il popolo poteva
giudicare del vario stato della salute di lui solamente dalla gioia o
dalla costernazione che egli vedea nell'aspetto e nel portamento dei
Ministri. Fu per qualche tempo generalmente creduto al rumore della sua
morte, e fu supposto che si tenesse celata onde prevenire le commozioni
che potevano insorgere nell'assenza del Cesare Galerio. Finalmente però,
il primo di marzo, Diocleziano comparve un'altra volta in pubblico, ma
così pallido ed emaciato, che poteva esser appena riconosciuto da
quelli, ai quali era più famigliare la sua persona. Era ormai tempo di
por fine al penoso contrasto che egli avea sostenuto per più di un anno
fra le cure della sua salute e della sua dignità. La prima esigeva gran
riguardi e quiete, e l'ultima lo astringeva a dirigere dal letto, ove
giacea infermo, il Governo di un vasto impero. Egli si risolvè a passare
il resto de' suoi giorni in un onorevol riposo, di porre la sua gloria
al coperto dei colpi di fortuna, e di abbandonare il teatro del mondo ai
suoi più giovani e più operosi Colleghi[312].

Fu la cerimonia della sua rinuncia celebrata in una spaziosa pianura,
distante tre miglia in circa da Nicomedia. Montò l'Imperatore sopra un
elevato trono, ed in un discorso, pieno di buon senso e di maestà,
dichiarò la sua intenzione al popolo insieme ed ai soldati, adunatisi in
quella straordinaria occasione.

[A. D. 305]

Appena si fu egli spogliato della porpora, che si allontanò
dall'attonita moltitudine; e traversando la città, in un cocchio coperto
se n'andò senza indugio al favorito ritiro che scelto si era nel suo
nativo paese della Dalmazia. Nello stesso giorno, che era il primo di
maggio[313], Massimiano (secondo che avea antecedentemente concertato)
fece in Milano la sua rinunzia della Imperiale dignità. In mezzo ancora
allo splendore del trionfo Romano, Diocleziano avea meditato il mio
disegno di rinunziare il Governo. Siccome egli desiderava di accertarsi
dell'ubbidienza di Massimiano, esigè da esso o una general sicurezza di
sottoporre le sue azioni all'autorità del suo benefattore, o una
promessa particolare di discendere dal Trono ogni volta che ne ricevesse
l'avviso e l'esempio. Questa obbligazione, benchè confermata colla
solennità di un giuramento dinanzi all'altare di Giove Capitolino[314],
sarebbe stata un debole freno al feroce carattere di Massimiano, la cui
passione era l'amor del potere, e che nulla curava o la presente
tranquillità, o la riputazione futura. Ma egli cede, benchè con
ripugnanza, all'autorità che sopra di lui aveva acquistata il suo più
saggio collega, e si ritirò, immediatamente dopo la sua rinunzia, in una
villa nella Lucania, dove era quasi impossibile che un animo tanto
impaziente trovar potesse alcuna durevole tranquillità.

Diocleziano che si era da una servile origine innalzato al Trono, passò
in una privata condizione gli ultimi nove anni della sua vita. La
ragione avea a lui suggerito il ritiro, e sembra che ve lo accompagnasse
la contentezza. In esso egli godè per lungo tempo il rispetto di quei
Principi, ai quali ceduto aveva il dominio del Mondo[315].

È raro che gli animi, lungamente esercitati negli affari, abbiano mai
formato alcun abito di conversar con se stessi; e nella perdita della
potenza deplorano principalmente la mancanza di occupazione. I
trattenimenti delle lettere e della devozione, che sono di tanto
compenso nella solitudine, erano incapaci di fissare l'attenzione di
Diocleziano; ma egli avea conservato, o almeno presto ricuperò il gusto
per li più innocenti e più naturali piaceri, e le sue ore di ozio erano
sufficientemente impiegate in fabbricare, in piantare, e in coltivare un
giardino. Vien meritamente celebrata la sua risposta a Massimiano.
Veniva egli sollecitato da quell'inquieto Vecchio a riassumere le redini
del Governo e la porpora Imperiale. Rigettò esso la tentazione con un
sorriso di compassione, tranquillamente osservando che se egli potesse
mostrare a Massimiano i cavoli da se piantati colle sue proprie mani in
Salona, non sarebbe più stimolato ad abbandonare il godimento della
felicità per andare in traccia della potenza[316]. Ne' suoi discorsi
cogli amici confessava sovente che di tutte le arti la più difficile era
quella di regnare, e si esprimeva su questo favorito argomento con tal
calore, che potea essere solamente l'effetto dell'esperienza. «Quante
volte (soleva egli dire) è interesse di quattro, o cinque ministri di
accordarsi insieme ad ingannare il loro Sovrano. Separato dal Genere
Umano per la sublime sua dignità, la verità gli è sempre nascosta; egli
non può vedere che per gli occhi di quelli, ed altro non ode che le loro
false rappresentanze. Conferisce le cariche più importanti al vizio ed
alla debolezza, e trascura i più virtuosi e più meritevoli tra i suoi
sudditi. Con questi infami artifizi (soggiungea Diocleziano) i migliori
e più savi Principi sono venduti alla venal corruzione dei loro
Cortigiani[317].» Una giusta stima della grandezza, o la sicurezza di
una immortale riputazione accrescono il nostro gusto per li piaceri
della solitudine, ma il Romano Imperatore avea occupato un posto troppo
importante nel mondo, per godere senza mescolanza di dispiacere i
contenti e la sicurezza di una condizione privata. Era impossibile che
egli ignorasse le turbolenze, dalle quali fu dopo la sua rinunzia
travagliato l'Impero. Era impossibile che ne fossero per lui
indifferenti le conseguenze. Il timore, il cordoglio e il disgusto lo
perseguitarono talora nella solitudine di Salona. La sua tenerezza, o
almeno il suo orgoglio fu sensibilmente ferito dalle sventure della
consorte e della figlia, e gli ultimi momenti di Diocleziano furono
amareggiati da alcuni affronti, che Licinio e Costantino avrebber potuto
risparmiare al Padre di tanti Imperatori, ed al primo autore della loro
fortuna. Una fama, benchè molto dubbia, è arrivata a' nostri tempi, che
egli prudentemente si sottraesse dal loro potere con una volontaria
morte[318].

[A. D. 313]

Prima di tralasciare l'esame della vita e del carattere di Diocleziano,
possiamo per un momento rivolgere lo sguardo al luogo del suo ritiro.
Salona, città principale della sua nativa Provincia della Dalmazia, era
lontana (secondo la misura delle pubbliche strade) quasi dugento miglia
Romane da Aquileia, e dai confini dell'Italia; e quasi dugentosettanta
da Sirmio, solita residenza degli Imperatori, ogni qualvolta visitavano
l'Illirica frontiera[319]. Un miserabil villaggio conserva tuttora il
nome di Salona, ma fino nel sedicesimo secolo gli avanzi di un teatro,
ed il confuso prospetto di archi rotti, e di colonne di marmo
attestavano tuttavia il suo antico splendore[320]. In distanza di sei o
sette miglia in circa dalla città, Diocleziano costruì un magnifico
palazzo; e si può dalla grandezza di quella fabbrica inferire da quanto
tempo egli avea meditato il suo disegno di rinunziare l'Impero. La
scelta di un sito, che riunisse tutto ciò che potesse contribuire o alla
salute o al lusso, non richiedeva la parzialità di un natio del paese.
«Era asciutto e fertile il suolo, l'aria pura e salubre, e benchè
eccessivamente calda nei mesi estivi, quel paese prova di rado quei
venti caldi e nocivi, ai quali sono esposte le coste dell'Istria ed
alcune parti dell'Italia. Le vedute dal palazzo non eran men belle, di
quello che fosse allettante il suolo ed il clima. Giace all'occidente il
fertil lido, che si stende lungo l'Adriatico, nel quale sono sparse
molte isolette in tal guisa, che danno a questa parte del mare
l'apparenza di un vasto lago. Vi è dalla parte di settentrione la baia
che conduceva all'antica città di Salona; il prospetto e la campagna,
che si vede al di là della stessa, forma un bel contrapposto a quella
più estesa veduta di acqua, che l'Adriatico presenta al mezzogiorno ed
all'oriente. Verso il Settentrione è chiusa la scena da alte e
irregolari montagne, situate in giusta distanza, e coperte in molti
luoghi di villaggi, di boschi, e di vigne[321].»

Benchè Costantino, per un pregiudizio assai ovvio, parli del palazzo di
Diocleziano con un affettato disprezzo[322], pure uno dei suoi
successori, che potè solamente vederlo in uno stato mutilato e negletto,
ne celebra la magnificenza con termini della più alta ammirazione[323].
Occupava questo un'estensione di terreno tra i nove o dieci jugeri
inglesi. Era di forma quadrangolare, fiancheggiato da sedici torri. Due
dei lati erano lunghi quasi seicento piedi, e gli altri due, quasi
settecento. Era tutto costruito di bella pietra viva, tratta dalle
vicine cave di Trau o Traguzio, molto poco inferiore al marmo stesso.
Quattro strade, intersecate ad angoli retti, dividevano le diverse parti
di questo grand'edifizio, e introduceva al principale appartamento un
magnifico ingresso, che tuttavia si nomina la Porta d'oro. L'accesso era
terminato da un peristilio di colonne di granito, da un lato del quale
si scopriva il Tempio quadrato di Esculapio, e dall'altro il Tempio
ottangolare di Giove. Diocleziano venerava il secondo di questi numi
come protettore della sua fortuna, e il primo come custode della sua
salute. Combinando i presenti avanzi colle regole di Vitruvio, le
diverse parti di quell'edifizio, i bagni, la camera da letto, l'atrio,
la Basilica, e le sale Cizicena, Corintia ed Egizia sono state descritte
con qualche grado di precisione o almeno di probabilità. Le loro forme
erano varie, giuste le loro proporzioni, ma erano tutte accompagnate da
due difetti molto contrari alle nostre moderne idee di gusto, e di
comodo. Queste magnifiche stanze non avevano nè finestre nè cammini.
Ricevevano la luce dall'alto (giacchè non pare che l'edifizio avesse più
di un solo piano) ed erano riscaldate per mezzo di tubi condotti lungo
le mura. La fila dei principali appartamenti era difesa verso libeccio
da un portico lungo 517 piedi che deve aver formato un assai nobile e
dilettoso passeggio, quando alle bellezze della vista erano aggiunte
quelle della pittura o della scoltura.

Se fosse questo magnifico edifizio rimasto in una solitaria contrada,
sarebbe stato esposto all'ingiurie del tempo; ma avrebbe potuto forse
sfuggire alla rapace industria degli uomini. Il villaggio di
Aspalato,[324] e molto dopo la città provinciale di Spalatro,
s'innalzarono sulle rovine di quello. La porta d'oro introduce adesso al
mercato. S. Gio. Battista ha usurpato gli occhi di Esculapio: ed il
Tempio di Giove è divenuto la Chiesa Cattedrale, sotto la protezione
della Vergine. Siamo particolarmente debitori di questa descrizione del
palazzo di Diocleziano ad un ingegnoso artefice dei nostri tempi e del
nostro paese, che una molto nobil curiosità condusse nel cuore della
Dalmazia[325]. Ma vi è luogo di sospettare che l'eleganza dei suoi
disegni e dell'incisione abbia alquanto adornati gli oggetti che copiar
si dovevano. Sappiamo da un più recente e molto giudizioso viaggiatore,
che le maestose rovine di Spalatro mostrano non meno la decadenza delle
arti, che la grandezza dell'Impero Romano al tempo di Diocleziano[326].
Se tale era veramente lo stato dell'architettura, dobbiamo naturalmente
credere che la pittura, e la scoltura avessero sofferto un
deterioramento ancor più sensibile. La pratica dell'architettura è
diretta da poche generali, anzi meccaniche regole. Ma la scoltura,
e la pittura specialmente si propongono l'imitazione non solo delle
forme del corpo, ma ancora dei caratteri e delle passioni dell'animo.
Poco vale in queste arti sublimi la destrezza della mano, se non viene
animata dall'immaginazione, e guidata dal più corretto gusto e
dall'osservazione.

È quasi inutile di osservare che le civili discordie dell'Impero, la
licenza de' soldati, le irruzioni dei Barbari, ed il progresso del
dispotismo divennero fatali al genio, ed anche al sapere. La successione
dei Principi Illirici ristabilì l'Impero, senza ristabilire le scienze.
La militare loro educazione non era diretta ad inspirare ad essi l'amor
delle lettere; e lo spirito stesso di Diocleziano benchè attivo, e abile
negli affari non era niente instruito dello studio, o dalla
speculazione. Le professioni della legge, e della medicina sono di un
uso così comune, o di un profitto così certo che sempre avranno un
sufficiente numero di artisti, forniti di ragionevole abilità e sapere.
Ma non sembra che gli studenti di quelle due facoltà citino alcun
celebre maestro che fiorisse in quel secolo. Non si udiva lo voce della
poesia. La Storia era ridotta a sterili o confusi compendi, privi
egualmente di allettamento è d'istruzione. Una languida ed affettata
eloquenza era tuttavia pensionata ed al servizio degl'Imperatori, i
quali non incoraggiavano altre arti che quelle che contribuivano a
soddisfare la loro superbia, o a difendere il loro potere[327].

Il secolo della decadenza del sapere e del Genere Umano è nondimeno
famoso per l'origine od il progresso dei nuovi Platonici. La scuola di
Alessandria impose silenzio a quella d'Atene; e le antiche Sette si
arrolarono sotto le insegne dei Maestri i più alla moda, che
raccomandavano il loro sistema colla novità del lor metodo e
coll'austerità dei loro costumi. Diversi di questi Maestri, Ammonio,
Plotino, Amelio, e Porfirio[328], erano uomini di un pensar profondo e
di una intensa applicazione: ma errando nel vero oggetto della
filosofia, le loro fatiche contribuivano molto meno a migliorare che a
corrompere l'umano intendimento. I nuovi Platonici trascuravano le
cognizioni convenienti alla nostra situazione, ed alle nostre facoltà,
l'intero circolo delle scienze morali, naturali, e matematiche, mentre
spendevano tutto il loro vigore in dispute verbali di metafisica,
tentavano di esplorare i secreti del Mondo invisibile, e procuravano di
conciliare Aristotile con Platone sopra soggetti ignoti a quei due
filosofi, ugualmente che al resto del Genere Umano. Consumando la loro
ragione in queste profonde ma vane meditazioni, esponevano le loro menti
alle illusioni dell'immaginazione. Si lusingavano di possedere il
segreto di liberare lo spirito dalla sua corporea prigione; vantavano un
famigliar commercio coi demoni e cogli spiriti, e convenivano (con
singolarissima rivoluzione) lo studio della filosofia in quello
dell'arte magica. Gli antichi Savi avevano derisa la popolar
superstizione: i discepoli di Plotino e di Porfirio, dopo averne coperta
la stravaganza col sottile pretesto dell'allegoria, ne divennero i più
zelanti difensori. Convenendo coi Cristiani in alcuni pochi misteriosi
punti di fede, combattevano il resto del loro teologico sistema con
tutto il furore di una guerra civile. I nuovi Platonici appena
meriterebbero un posto nella Storia delle scienze, ma in quella della
Chiesa accaderà spesso far menzione di loro.

FOOTNOTES:

[206] Eutropio IX. 19. Vittore in Epitom. Sembra che la città fosse
propriamente detta Daclia da una piccola tribù d'Illirici. (Vedi
Cellario, Geograf. antic. tom. I. p. 393). Probabilmente il primo nome
del felice schiavo fu _Docles_, che allungò dopo per servire alla greca
armonia in quel di _Diocles_, e che finalmente convertì in quello di
_Diocletianus_, come più proprio della maestà Romana. Prese parimente il
nome patrizio di Valerio, che gli viene ordinariamente dato da Aurelio
Vittore.

[207] Vedi Dacier sulla sesta satira del secondo libro di Orazio,
Cornel. Nip. nella vita di Eumene. c. I.

[208] Lattanzio (o chiunque fu l'autore del piccol trattato _de mortibus
persecutorum_) accusa in due luoghi Diocleziano di _timidità_ c. 7, 8.
Nel cap. 9, dice di lui «erat in omni tumultu meticulosus et animi
disiectus».

[209] In questo elogio sembra che Aurelio Vittore insinui una giusta,
benchè indiretta censura, della crudeltà di Costanzo. Apparisce dai
fasti, che Aristobolo rimase Prefetto della città, e che terminò con
Diocleziano il Consolato ch'egli avea cominciato con Carino.

[210] Aurel. Vittore nomina Diocleziano «Parentem potius quam Dominum».
Vedi Stor. Aug. p. 30.

[211] La questione del tempo, in cui Massimiano ricevesse la dignità di
Cesare e di Augusto, avea divisi i critici moderni, e data occasione ad
un gran numero di dotte dispute. Io ho seguitato il Tillemont, (Stor.
degl'Imperat. t. IV. p. 500-505) che ha bilanciato le diverse difficoltà
e ragioni colla solita sua scrupolosa esattezza.

[212] In una orazione recitata dinanzi a lui (Panegir. vet. II. 8.)
Mamertino dubita se il suo Eroe, imitando la condotta di Annibale e di
Scipione, ne avesse mai udito i nomi. Possiamo quindi benissimo
inferire, che Massimiano ambiva più di essere stimato come soldato che
come uomo di lettere: ed in tal guisa si può spesso saper la verità dal
linguaggio medesimo dell'adulazione.

[213] Lattanzio _de M. P._ c. 8 Aurel. Vittore. Siccome tra i Panegirici
si trovano orazioni recitate in lode di Massimiano, ed altre che adulano
i di lui avversarj a sue spese, si ricava qualche verità da questo
contrasto.

[214] Vedi i Panegir. 2 e 3, e particolarmente III. 3, 10, 14, ma
sarebbe cosa tediosa il copiare le prolisse ed affettate espressioni
della falsa loro eloquenza. Riguardo ai titoli si consulti Aurel.
Vittore, Lattanzio _de M. P._ c. 52. Spanhemio _de usu Numism._ etc.
Dissert. XII. 8.

[215] Aurel. Vittore, _in Epitom._ Eutrop. IX. 22. Lattanzio _de M. P._
c. 8. _Hieronym. in Chron._

[216] Il Tillemont non ha potuto rinvenire che tra i Greci moderni il
soprannome di Chlore. Verun notabile grado di pallidezza non sembra
potersi combinare col _rubor_ menzionato nel Panegir. V. 19.

[217] Giuliano, nipote di Costanzo, vanta la discendenza della sua
famiglia dai bellicosi Mesj (_Misopogon_, p. 348.) I Dardani abitavano
all'estremità della Mesia.

[218] Galerio sposò Valeria, figlia di Diocleziano. Se si parla con
precisione, Teodora, moglie di Costanzo, era soltanto figlia della
moglie di Massimiano. Spanhem. Dissertat. XI. 2.

[219] Questa divisione combina con quella delle quattro Prefetture: vi è
però qualche ragione di dubitare che fosse la Spagna Provincia di
Massimiano. Vedi Tillemont, tom. IV. p. 517.

[220] Giuliano _in Caesarib._ p. 315 note di Spanhem. alla traduzione
Francese, p. 122.

[221] Il nome generico di _Bagaudae_ (nel significato di ribelli)
continuò fino al quinto secolo nella Gallia. Alcuni critici lo fanno
venire dalla parola Celtica _Bagad_, assemblea tumultuosa. Scaliger. _ad
Euseb._ Du Cange _Glossar._

[222] Cronica di Froissart vol. I. p. 182. II. 73-79. La semplicità di
questa Storia non è stata imitata dai nostri moderni scrittori.

[223] Caesar. _De Bell. Gallic._ VI. 13. Orgetorige, di nazione
Svizzero, potè armare in sua difesa un corpo di diecimila schiavi.

[224] L'oppressione e miseria loro vien confermata da Eumenio, (Panegir.
VI. 8.) _Gallias efferatas iniuriis_.

[225] Panegyr. Vet. II. 4. Aurel. Vitt.

[226] Eliano ed Amando. Noi abbiamo delle medaglie da loro coniate.
Goltzio in Thes. R. A. p. 117-121.

[227] _Levibus proeliis domuit_, Eutrop. IX. 20.

[228] Questo fatto per vero dire si fonda sopra un'autorità ben
leggiera, ch'è la vita di S. Babolino scritta probabilmente nel VII
secolo. Vedi Duchesne _Scriptores rerum Francicar._ tom. I. p. 662.

[229] Aurelio Vittore li nomina Germani, Eutropio (IX. 21) li nomina
Sassoni. Ma Eutropio viveva nel secolo seguente, e sembra far uso del
linguaggio del suo tempo.

[230] Le tre espressioni di Eutropio, di Aurelio Vittore, e di Eumenio
_vilissime natus, Bataviae alumnus, et Menapiae civis_ ci danno una
incerta notizia della nascita di Carausio. Il Dott. Stukely però (Stor.
di Carausio, p. 62) lo fa nativo di S. David, e Principe del sangue
Reale della Britannia. Egli ne trovò la prima idea in Riccardo di
_Cirencester_, pag. 44.

[231] Panegyr. V. 12. Era in quel tempo la Britannia sicura e poco
difesa.

[232] Panegyr, Vet. V. 11. VII. 9. L'oratore Eumenio desiderava esaltar
la gloria del suo Eroe (Costanzo), vantando l'importanza di quella
conquista. Nonostante la nostra lodevol parzialità per la patria, è
difficile di concepire, che al principio del quarto secolo meritasse
l'Inghilterra tutte queste lodi. Un secolo e mezzo avanti somministrava
appena il necessario per pagar le truppe, che vi stavano di guarnigione.
Vedi Appiano nel proemio.

[233] Siccome si conserva tuttavia un gran numero di medaglie di
Carausio, egli è divenuto un oggetto favorito della curiosità degli
antiquarj; e sono state con sagace accuratezza investigate tutte le
particolarità della sua vita e delle sue azioni. Il Dottore Stukely
specialmente ha consacrato un grosso volume all'Imperatore Britannico.
Io ho fatto uso dei suoi materiali, ed ho rigettate molte delle
immaginarie sue congetture.

[234] Quando Mamertino recitò il suo primo panegirico, erano terminati i
preparativi navali di Massimiano, e l'oratore presagiva una sicura
vittoria. Il solo suo silenzio nel secondo panegirico servirebbe a
mostrarci che la spedizione non ebbe un felice successo.

[235] Aurel. Vittore, Eutropio, e le medaglie (Pax Augg.) c'informano di
questa temporanea riconciliazione: ma io non presumerò (come ha fatto il
Dott. Stukely, Storia metallica di Carausio, p. 86. etc.) di riferire
gli articoli medesimi del trattato.

[236] Si trovano in Aurelio Vittore ed in Eutropio pochi squarci
concernenti la conquista della Britannia.

[237] Giovanni Malela, nella Cron. Antiochen. tom. I p. 408, 409.

[238] Zosim. l. I. p. 3. Questo Storico parziale sembra che celebri la
vigilanza di Diocleziano colla mira di far vedere la negligenza di
Costantino. Sentiamo l'espressioni d'un oratore: «nam quid ego alarum et
cohortium castra percenseam, toto Rheni et Istri et Euphratis limite
restituta» _Panegyr. vet._ IV. 18.

[239] _Ruunt omnes in sanguinem suum populi, quibus non contigit esse
Romanis, obstinataeque feritatis poenas nunc sponte persolvunt. Panegyr.
Vet._ III. 16. Mamertino illustra il fatto coll'esempio di quasi tutte
le nazioni del mondo.

[240] Egli si lamentava, benchè non con esatta verità. «Jam fluxisse
annos quindecim, in quibus in Illyrico, ad ripam Danubii relegatus, cum
gentibus barbaris luctaret». Lattanzio _de M. P._ c. 18.

[241] Nel testo Greco di Eusebio, si legge seimila, numero che io ho
preferito al sessantamila di Girolamo, di Orosio, di Eutropio, e del suo
Greco traduttore Peanio.

[242] _Panegyr. vet._ VII. 21.

[243] Eravi uno stabilimento di Sarmati nelle vicinanze di Treveri, che
sembra essere stato abbandonato da quei neghittosi Barbari. Auson. ne
parla _in Mosel._

    _Unde iter ingredieus nemorosa per avia solum,_
    _Et nulla humani spectans vestigia, cultus_
    . . . . . . . . . . . . . . . . . .
    _Arvaque Sauromatum nuper metata colonis_

Vi era una città dei Carpi nella Mesia inferiore.

[244] Vedi le congratulazioni di Eumenio, scritte in istile di Retore.
Panegyr. VII. 9.

[245] Scaligero (_Animadvers. ad Euseb._ p. 243.) decide al suo solito,
che i _Quinquegenziani_, o sia le cinque nazioni Affricane, erano le
cinque grandi città, la Pentapoli della pacifica Provincia di Cirene.

[246] Dopo la sua disfatta, Giuliano si trapassò il petto con una spada,
e si lanciò immediatamente nelle fiamme, Vittor. _in Epitom._

[247] «Tu ferocissimos Mauritaniae populos, inaccessis montium jugis et
naturali munitione fidentes, expugnasti, recepisti, transtulisti.»
_Panegyr. Vet._ VI. 8.

[248] Vedi la descrizione di Alessandria in _Hirtius de Bello
Alexandria_. c. 5.

[249] Eutrop. IX. 24. Orosio, VII. 25. Giovanni Malela nella Cron.
Antioch. p. 409, 410. Eumenio, però ci assicura, che fu l'Egitto
pacificato dalla clemenza di Diocleziano.

[250] Eusebio (_in Chron._) fissa la loro distruzione alcuni anni
avanti, ed in un tempo in cui l'Egitto istesso erasi ribellato dai
Romani.

[251] Strabone, l. XVII. p. 1. 172. Pomponio Mela l. I. c. 4: sono
curiose le parole: «Intra si credere libet, vix homines magisque
semiferi; Ægipanes, et _Blemmyes_ et Satyri.»

[252] «Ausus sese inserere fortunae et provocare arma Romana.»

[253] Ved. Procopio _De Bell. Persic._ l. I. c. 19.

[254] Egli fissò il pubblico mantenimento di grano pel popolo di
Alessandria a due milioni di _medimni_, quattrocentomila sacca in circa,
_Chron._ Paschal. p. 176. Procop. _Hist. Arcan._ c. 26.

[255] Giovanni di Antiochia _in Excerpt. Valerian._ p. 834. Suida in
Diocleziano.

[256] Vedi una breve storia e confutazione dell'alchimia nelle opere di
un filosofo compilatore, la Mothe le Vayer, tom. 1, p. 327-353.

[257] Vedi l'educazione e la forza di Tiridate nella storia Armena di
Mosè di Corene, l. II. c. 76. Egli potea prendere due tori selvaggi per
le corna e romperle colle sue mani.

[258] Se prestiamo fede al più giovine Vittore, il quale suppone che
nell'anno 323 Licinio avesse solamente sessant'anni, egli appena
potrebbe esser la stessa persona del protettor di Tiridate; ma noi
sappiamo da molto miglior autorità (Eusebio Stor. Ecclesiast. l. X. cap.
8.) che Licinio era allora nell'ultimo periodo della vecchiezza: sedici
anni avanti, vien rappresentato con capelli canuti, e come contemporaneo
di Galerio. Vedi Lattanz. c. 31. Licinio era nato probabilmente verso
l'anno 250.

[259] Vedi i libri 62 e 63 di Dione Cassio.

[260] Mosè di Corene, Stor. Armen. l. II. c. 74. Le statue erano state
erette da Valarsace, che regnava nell'Armenia circa 130 anni avanti
Cristo, e fu il primo Re della famiglia di Arsace (Vedi Mosè, Stor.
Armen. l. II. 2, 3). La deificazione degli Arsaci vien menzionata da
Giustino (XLI. 5.) e da Ammiano Marcellino. (XXIII. 6.)

[261] La nobiltà Armena era numerosa e potente. Mosè fa menzione di
molte famiglie, le quali erano illustri sotto il regno di Valarsace (l.
II. 7.) e le quali sussistevano ancora al suo tempo verso la metà del
quinto secolo. Vedi la Prefaz. dei suoi editori.

[262] Si chiamava Chosroi-duchta, e non avea l'_or patulum_ come le
altre donne. (Stor. Armen. l. II. c. 79.) Io non intendo tal frase.

[263] Nella Storia Armena (l. II. 78) come ancora nella Geografia, (p.
367) la China trovasi nominata Zenia, o Zenastan. Vien distinta dalla
seta, dalla opulenza degli abitanti, e dal loro amore per la pace sopra
tutte le altre nazioni del mondo.

[264] Vou-ti, il primo Imperatore della settima Dinastia, che allora
regnava nella China, ebbe dei trattati politici colla Fergana, provincia
della Sogdiana, e si dice che ricevesse un'ambasceria Romana. (Stor.
degli Unni, tom. I. pag. 38.) In quei secoli i Chinesi teneano una
guarnigione in Kashgar, ed uno dei lor Generali, verso i tempi di
Traiano, si avanzò fino al mar Caspio. Riguardo al commercio tra la
China ed i paesi occidentali, si può consultare una interessante memoria
del sig. de Guignes nell'Accademia delle Iscriz. tom. XXXII. pag. 355.

[265] Vedi Stor. Armen. l. II. c. 81.

[266] _Ipsos Persas ipsumque Regem, ascitis Saccis et Ruffis et Gellis,
petit frater Ormies._ Panegyr. Vet. III. I Saci erano una nazione di
Sciti erranti, accampati verso la sorgente dell'Oxo e del Jaxarte. I
Gelli erano gli abitatori del Ghilan lungo il mar Caspio, che sotto nome
di Dilemiti, infestarono per tanto tempo la Monarchia Persiana. Vedi
D'Herbelot, Bibliot. Orient.

[267] Mosè di Corene tralascia affatto questa seconda rivoluzione che io
sono stato costretto a ricavare da un passo di Ammiano Marcellino (l.
XXIII. 5). Lattanzio parla dell'ambizione di Narsete «Concitatus
domesticis exemplis avi sui Saporis ad occupandum Orientem magnis copiis
inhiabat». _De Mort. Persecut._ c. 9.

[268] Possiamo fermamente credere, che Lattanzio ascrive a codardia la
condotta di Diocleziano. Giuliano nella sua orazione dice, che egli
rimase con tutte le forze dell'Impero; frase molto iperbolica.

[269] I nostri cinque compendiatori, Eutropio, Festo, i due Vittori, ed
Orosio, tutti riferiscono l'ultima e gran battaglia; ma Orosio è il solo
che parla delle due prime.

[270] La natura del paese è benissimo descritta da Plutarco nella vita
di Crasso, e da Senofonte nel primo libro dell'Anabasi.

[271] Vedi la Dissertazione di Foster nel secondo volume della
traduzione dell'Anabasi di Spelman, che ardisco raccomandare come una
delle migliori traduzioni che abbiamo.

[272] Stor. Armen. l. II. c. 76. Io ho trasferito questa impresa di
Tiridate da una disfatta immaginaria a quella reale di Galerio.

[273] Ammian. Marcell. l. XIV. Il miglio, nelle mani di Eutropio (IX.
24.) di Festo (c. 2.) e di Orosio (VIII. 25.) facilmente si estendeva a
diverse miglia.

[274] Aurel. Vittore. Giornandes _de rebus Geticis_ c. 21.

[275] Aurelio Vittore dice «Per Armeniam in hostes contendit, quae ferme
sola, seu facilior vincendi via est». Egli seguitò la condotta di
Traiano, e l'idea di Giulio Cesare.

[276] Senofonte, Anabasi, l. III. Per questa ragione la cavalleria
Persiana si accampava a sessanta stadi dal nemico.

[277] Il fatto vien riferito da Ammiano, l. XXII. Invece di _Saccum_,
alcuni leggono _Scutum_.

[278] I Persiani riconoscevano la superiorità dei Romani nel morale e
nella milizia. Eutrop. IX. 24. Ma questo rispetto e gratitudine per i
nemici raramente si trovava nelle proprie loro relazioni.

[279] Il ragguaglio del trattato è preso dai frammenti di Patrizio
nell'_Excerpta Legationum_ pubblicato nella collezione Bizantina.
Patrizio vivea sotto Giustiniano; ma è evidente dalla natura dei suoi
materiali, ch'ei gli avea ricavati da Scrittori più autentici e
rispettabili.

[280] «Adeo Victor» (dice Aurelio) «ut ni Valerius, cujas nudi omnia
gerebantur, abnuisset, Romani fasces in provinciam novam ferrentur.
Verum pars terrarum tamen nobis utilior quaesita».

[281] Egli era stato Governatore di Sumio. (Pietro Patrizio _in Excerpt.
Legat._ p. 30.) Pare che Mosè di Corene (_Geograph._ p. 360.) faccia
menzione di questa Provincia che giace all'Oriente del monte Ararat.

[282] Per un errore del geografo Tolomeo, la situazione di Singara è
trasferita dall'Abora al Tigri, il che può aver cagionato l'abbaglio di
Patrizio in fissar per limite l'ultimo fiume invece del primo. La linea
della frontiera Romana traversava il corso del Tigri senza mai
seguitarlo.

[283] Procopio _de Aedificiis_. I. II. c. 6.

[284] Si conviene da tutti di tre di quelle Province, Zadicene,
Arzanene, e Carduene. Ma invece delle altre due, Patrizio (_in Excerpt.
Leg._ p. 30.) inserisce Rehimene e Sofene. Io ho preferito Ammiano, (l.
XXV. 7.) perchè si potrebbe provare che la Sofene non fu mai nelle mani
dei Persiani nè avanti il Regno di Diocleziano, nè dopo quel di
Gioviano. Per mancanza di carte esatte, come quelle del Sig. Danville,
quasi tutti i moderni, dietro la scorta di Tillemont e di Valesio, hanno
immaginato che le cinque Province erano situate di là dal Tigri
relativamente alla Persia e non a Roma.

[285] Senofon. Anabasis l. IV. I loro archi erano lunghi tre cubiti, ed
i loro dardi due; essi rotolavano pietre, ciascuna delle quali era il
carico solito d'un carro. Trovarono i Greci moltissimi villaggi in quel
rozzo paese.

[286] Al dir di Eutropio (VI. 9 come il testo è rappresentato dai
migliori Mss.) la città di Tigranocerta era nell'Arzanene. I nomi e la
situazione delle altre tre non possono con certezza indicarsi.

[287] Si confronti Erodoto, l. I. pag. 27 con Mosè di Corene. Stor. Arm.
l. II. p. 84, e la carta dell'Armenia pubblicata dai suoi Editori.

[288] _Hiberi, locorum potentes, Caspia via Sarmatam in Armenios raptim
effundunt_. (Tacit. Annal. VI. 34). Vedi Strabone Geograf. l. XI. p.
764.

[289] Pietro Patrizio (_in Excerpt. Legat_. p. 30.) è il solo scrittore
che faccia menzione dell'articolo dell'Iberia in quel trattato.

[290] Eusebio _in Chron_. Pagi _ad annum._ Fino al ritrovamento del
trattato de _Mortibus Persecutorum_, era incerto se il trionfo, ed i
Vicennali erano stati celebrati nel tempo stesso.

[291] Sembra che Galerio in tempo dei Vicennali rimanesse nel suo campo
sul Danubio. Vedi Lattanzio _de M. P._ c. 38.

[292] Eutropio (IX. 27.) ne fa menzione come di parte del trionfo,
siccome le _Persone_ erano state restituite a Narsete, non si potè far
vedere che le loro _Immagini_.

[293] Livio ci dà una parlata di Camillo su questo soggetto (V. 51-55.)
piena di eloquenza e di affetto in opposizione al disegno di trasferire
la sede del Governo da Roma alla vicina Città di Veji.

[294] Fu a Giulio Cesare rimproverata l'intenzione di trasportare
l'Impero in Ilio o in Alessandria. Vedi Svetonio nei Cesari, c. 79.
Secondo l'ingegnosa congettura di Lefevre e di Dacier, la terza ode del
terzo libro di Orazio fu destinata a distogliere Augusto dall'esecuzione
di un simil disegno.

[295] Vedi Aurelio Vittore, che fa parimente menzione degli edifizi da
Massimiano eretti in Cartagine, probabilmente in tempo della guerra
contro i Mori. Noi inseriremo alcuni versi di Ausonio de Clar. Urb. V.

    «Et Mediolani mira omnia: copia rerum;
    Innumerae cultaeque domus; facunda virorum
    Ingenia, et mores laeti, tum duplice muro
    Amplificata loci species; populique voluptas
    Circus, et inclusi moles cuneata Theatri,
    Templa, Palatinaque arces, opulensque Moneta,
    Et regio _Herculei_ Celebris sub honore lavacri.
    Cunctaque marmoreis ornata Perystyla signis;
    Maeniaque in valli formam circumdata labro,
    Omnia, quae magnis operum velut aemula formis
    Excellunt: nec juncta premit vicinia Romae.»

[296] Lattanzio _de M. P._ c. 7. Libanio, Orazion. VIII. p. 203.

[297] Lattanzio _de M. P._ c. 17. In una simile congiuntura Ammiano
riferisce la _dicacità della plebe_, come non molto gradevole ad un
orecchio Imperiale. Ved. I. XVI. p. 10.

[298] Lattanzio accusa Massimiano di aver distrutto _fictis
criminationibus lumina Senatus_ (_de M. P._ c. 8.) Aurelio Vittore parla
molto dubbiosamente della fede di Diocleziano verso i suoi amici.

[299] «Truncatae vires urbis, imminuto Praetoriarum cohortium atque in
armis vulgi numero». Aurel. Vittore. Lattanzio attribuisce a Galerio la
continuazione del medesimo disegno. (c. 26.)

[300] Questi erano corpi veterani acquartierati nell'Illirico; e secondo
l'antico stabilimento, ciascuno era di seimila uomini. Essi aveano
acquistata molta riputazione per l'uso delle _plumbatae_ o dardi carichi
di piombo. Ogni soldato ne portava cinque, ch'egli lanciava a una
distanza considerabile con gran forza e destrezza. Vedi Vegezio, l. 17.

[301] Vedi il Codice Teodos. l. VI. Tit. II. col commentario del
Gotofredo.

[302] Vedi la XII. Dissertazione nell'eccellente opera dello Spanemio
_De usu Numismatum_. Dalle medaglie, dalle iscrizioni e dagli Storici
egli esamina ogni titolo separatamente, e lo rintraccia da Augusto fino
alla sua soppressione.

[303] Plinio (nel Panegir. c. 3-55. etc. ) parla del titolo di _Dominus_
con esecrazione, come sinonimo di _Tiranno_, ed opposto al _Principe_. E
lo stesso Plinio dà regolarmente quel titolo (nel decimo libro delle
lettere) al suo amico più che padrone, al virtuoso Traiano. Questa
strana contraddizione imbroglia i commentatori che pensano, ed i
traduttori che possono scrivere.

[304] Sinesio _de Regno_, Ediz. del Petav. p. 15. Io sono obbligato di
questa citazione all'Abate _de la Bleterie_.

[305] Vedi Vendale _De consecratione_, p. 354. etc. Era costume
degl'Imperatori di far menzione (nel preambolo delle leggi) della loro
_Divinità_, della _Sacra Maestà_, degli _Oracoli Divini_ etc... Secondo
Tillemont, Gregorio Nazianzeno si lamenta molto amaramente di una tale
profanazione, specialmente quando era usata da un Imperatore Ariano.

[306] Vedi Spanem. _de usu Numismat._ Dissert. XII.

[307] Aurel. Vittore. Eutropio, IX. 26. Apparisce dai Panegiristi, che i
Romani si riconciliarono ben tosto col nome e colla cerimonia
dell'adorazione.

[308] Le novità, introdotte Diocleziano, sono principalmente dedotte, I.
da alcuni passi molto forti di Lattanzio, e II. dai nuovi e vari
impieghi, che nel Codice Teodosiano compariscono già stabiliti nel
principio del regno di Costantino.

[309] Lattanzio _de M. P._ c. 7.

[310] «Indicta lex nova quae sane illorum temporum modestia tolerabilis,
in perniciem processit.» Aurelio Vittore, il quale ha delineato il
carattere di Diocleziano con buon senso, ma in cattivo latino. «Solus
omnium post conditum Romanum Imperium, qui ex tanto fastigio sponte ad
privatae vitae statum civitatemque remearet.» Eutrop. IX. 28.

[311] Le particolarità del viaggio, e della malattia sono prese da
Lattanzio (c. 17.) che può _talvolta_ fare autorità per i fatti
pubblici, benchè raramente per gli aneddoti particolari.

[312] Aurelio Vittore attribuisce la rinunzia, di cui si eran fatti
tanti vari giudizi, primo al disprezzo che avea Diocleziano per
l'ambizione; e secondariamente, al suo timore delle soprastanti
turbolenze. Uno dei Panegiristi (VI. 9.) assegna l'età e le infermità di
Diocleziano come naturale cagione del suo ritiro.

[313] Le difficoltà non meno che gli sbagli che accompagnano le date
dell'anno e del giorno della rinunzia di Diocleziano, sono perfettamente
schiarite da Tillemont, Stor. degli Imperatori, tom. IV. Pag. 525. Nota
19. e dal Pagi _ad annum_.

[314] Vedi Panegyr. Veter. VI. 9. L'orazione fu recitata dopo che
Massimiano ebbe ripresa la porpora.

[315] Eumenio gli fa un bellissimo elogio. «At enim divinum illum virum,
qui primus Imperium et participavit et posuit, consilii et facti sui non
paenitet; nec amisisse se putat quod sponte transcripsit. Felix
beatusque vere quem vestra tantorum Principum colunt obsequia privatum!»
Panegyr. Vet. VII, 15.

[316] Siamo debitori al più giovine Vittore di questo celebre motto.
Eutropio ne fa la relazione in un modo più generale.

[317] Stor. Aug. p. 123-124. Vopisco avea sentito questo discorso da suo
padre.

[318] Il più giovane Vittore accenna questa voce. Ma siccome Diocleziano
avea disgustato un potente e fortunato partito, la sua memoria è stata
caricata di ogni delitto e di ogni infortunio. Fu affermato che egli
morisse arrabbiato, che fosse condannato come reo dal Senato Romano, ec.

[319] Vedi gli Itinerarj, p. 269-272. Ediz. Wesseling.

[320] L'Abate Fortis nel suo Viaggio in Dalmazia, p. 43 (stampato a
Venezia nell'anno 1774 in due volumetti in quarto) cita una descrizione
MS. delle antichità di Salona, composta da Giambattista Giustiniani
verso la metà del XVI secolo.

[321] Adams, Antichità del palazzo di Diocleziano in Spalatro, p. 6.
Possiamo aggiungervi una circostanza o due, tratte dall'Abate Fortis. Il
piccolo fiume Hyader, menzionato da Lucano, produce le più eccellenti
trote, il che un sagace Scrittore, forse un monaco, suppone essere stato
uno dei principali motivi che determinarono Diocleziano nella scelta del
suo ritiro. Fortis. p. 45. Lo stesso autore (p. 38) osserva, che rinasce
in Spalatro il gusto per l'agricoltura; e che da una società di signori
è stato assegnato un campo vicino alla città per farvi sperienze intorno
alla medesima.

[322] Costantin. _Orat. ad caetum._ Sanct. c. 25. In questa orazione,
l'Imperatore, o il Vescovo che per lui la compose, affetta di riportare
il miserabil fine di tutti i persecutori della Chiesa.

[323] Constantin. Porphyr. _de Statu Imper._ p. 86.

[324] Danville, Geograf. Ant. tom. I. p. 162.

[325] I Sigg. Adams e Clerisseau, accompagnati da due Dragomanni,
visitarono Spalatro nel mese di Luglio 1757. La magnifica opera, frutto
del lor viaggio, fu pubblicata in Londra sette anni dopo.

[326] Io citerò le parole dell'Abate Fortis. «È bastevolmente nota agli
amatori dell'architettura, e dell'antichità l'opera del Sig. Adams, che
ha donato molto a quei superbi vestigi coll'abituale eleganza del suo
toccalapis, e del suo bulino. In generale la rozzezza dello scalpello, e
il cattivo gusto del secolo vi gareggiano colla magnificenza del
fabbricato.» Vedi Viaggio nella Dalmazia, p. 40.

[327] L'oratore Eumenio fu segretario degli Imperatori, Massimiano e
Costanzo, e Professore di Rettorica nel Collegio di Autun. Il suo
salario era di seicentomila sesterzi che, secondo il più basso computo
di quel secolo, doveano essere più di seimila zecchini. Egli chiese
generosamente la permissione d'impiegarli in riedificare il Collegio.
Vedi la sua orazione _de restaurandis scholis_; la quale, benchè non
esente di vanità, può fargli perdonare i suoi Panegirici.

[328] Porfirio morì verso il tempo della rinunzia di Diocleziano. La
vita del suo maestro Plotino, da lui composta, ci dà la più compiuta
idea del genio di quella Setta e dei costumi di quelli che la
professavano. Questo molto curioso opuscolo è inserito in Fabricio,
_Bibliotheca Graeca_, tom. IV. p. 88-148.



CAPITOLO XIV.

      _Turbolenze dopo la rinunzia di Diocleziano: morte di Costanzo.
      Innalzamento di Costantino e di Massenzio. Sei Imperatori ad un
      tempo. Morte di Massimiano e di Galerio. Vittoria di Costantino
      contro Massenzio e Licinio. Riunione dell'Impero sotto
      l'autorità di Costantino._


[A. D. 305-323]

La bilancia della potenza, da Diocleziano stabilita, si mantenne finchè
fu sostenuta dalla ferma ed esperta mano del suo fondatore. Esigeva
quella una tal fortunata combinazione di caratteri e di talenti diversi,
che si poteva difficilmente trovare od anche sperare una seconda volta,
due Imperatori senza gelosia, due Cesari senza ambizione, ed il medesimo
generale interesse invariabilmente seguitato da quattro Principi
indipendenti. Alla rinunzia di Diocleziano e di Massimiano succedettero
diciotto anni di discordia e di confusione. Fu l'Impero afflitto da
cinque guerre civili; ed il rimanente del tempo, anzi che uno stato di
tranquillità, fu una sospensione di armi tra diversi nemici monarchi,
che riguardandosi l'un l'altro con occhio di timore e di avversione,
procacciavano di aumentare le loro rispettive forze a spese dei loro
sudditi.

Appena che Diocleziano e Massimiano ebber rinunziato alla porpora, fu il
lor posto (secondo le regole della nuova costituzione) occupato dai due
Cesari Costanzo e Galerio, i quali presero immediatamente il titolo di
Augusto[329]. Furono gli onori dell'anzianità e della precedenza
accordati al primo di questi Principi, ed egli sotto un nuovo titolo
continuò ad amministrare il suo antico dipartimento della Gallia, della
Spagna e della Britannia. Il governo di quelle ampie Province era
sufficiente ad occupare i talenti, ed a soddisfare l'ambizione di lui.
La clemenza, la temperanza e la moderazione distinguevano il dolce
carattere di Costanzo, ed i felici suoi sudditi ebber sovente occasione
di paragonare le virtù del loro Sovrano coi trasporti di Massimiano, e
fino cogli artifizi di Diocleziano[330]. In luogo d'imitare il lor fasto
e la loro magnificenza orientale, conservò Costanzo la modestia di un
Principe Romano. Egli dichiarava con non affettata sincerità, che il suo
più stimato tesoro era nei cuori del suo popolo, e che qualunque volta
la dignità del trono o il pericolo dello Stato esigesse qualche
straordinario sussidio, egli poteva sicuramente contare sulla loro
gratitudine e liberalità[331]. I provinciali della Gallia, e della
Spagna e della Britannia, conoscendo il merito di lui e la propria loro
felicità, riflettevano con inquietudine alla decadente salute
dell'Imperatore Costanzo, ed alla tenera età della numerosa famiglia,
che nata era dal secondo matrimonio di lui colla figlia di Massimiano.

Il crudo carattere di Galerio era di una tempra affatto diversa; e
mentre costringeva i suoi sudditi a stimarlo, rare volte ebbe la
compiacenza di procurarsene l'affetto. La sua fama nelle armi, e
soprattutto il buon successo della guerra Persiana, aveano fatto
insuperbire il suo animo altiero, incapace naturalmente di soffrire un
superiore e per fino un uguale. Se dar potessimo fede alla parziale
testimonianza di uno scrittore non giudizioso, potremmo attribuire la
rinuncia di Diocleziano alle minacce di Galerio, e riferire le
particolarità di un _privato_ colloquio tra questi due Principi, nel
quale il primo mostrò tanta pusillanimità, quanta ingratitudine ed
arroganza dimostrò l'altro[332]. Ma questi oscuri aneddoti vengono
bastantemente confutati da un imparziale esame del carattere e della
condotta di Diocleziano. Per diverse che esser potessero le sue
intenzioni, se egli temuto avesse qualche pericolo dalla violenza di
Galerio, il suo discernimento lo avrebbe indotto a prevenire il
vergognoso contrasto, ed avendo tenuto lo scettro con gloria, lo avrebbe
ceduto senza disonore.

Dopo l'innalzamento di Costanzo e di Galerio al posto di _Augusti_,
erano necessari due _Cesari_ per occupare il lor luogo, e compire il
sistema del governo Imperiale. Diocleziano desiderava sinceramente di
ritirarsi dal Mondo; egli considerava Galerio, che avea sposata la sua
figliuola, come il più saldo sostegno della sua famiglia e dell'Impero;
ed egli consentì senza ripugnanza che il suo successore si assumesse il
merito e l'odiosità di quella nomina importante. Stabilita fu questa
senza consultar l'interesse o l'inclinazione dei Principi d'Occidente.
Ciaschedun di loro avea un figliuolo già pervenuto all'età virile, e
ognun di questi poteva sembrare il più legittimo candidato per la
vacante dignità. Ma più non era da paventarsi l'impotente risentimento
di Massimiano; ed il moderato Costanzo, benchè disprezzasse i pericoli
di una guerra civile, ne temeva giustamente le calamità. I due soggetti,
da Galerio innalzati al posto di Cesare, erano molto più convenienti a
servire alle ambiziose mire di lui; e sembra che la mancanza di merito o
di personale importanza fosse la principal loro raccomandazione. Il
primo di essi fu Daza, o come fu di poi chiamato, Massimino, la cui
madre era sorella di Galerio. L'inesperto giovane manifestava tuttavia
coi modi e col linguaggio la rustica sua educazione, quando con suo ed
universale stupore, fu da Diocleziano rivestito della porpora, innalzato
alla dignità di Cesare ed incaricato del supremo comando dell'Egitto e
della Siria[333]. Nel tempo istesso Severo, ministro fedele, addetto ai
piaceri, ma non incapace degli affari, fu mandato a Milano, per ricevere
dalle ripugnanti mani di Massimiano gli ornamenti Cesarei, ed il
possesso dell'Italia e dell'Affrica[334]. Secondo la forma della
costituzione, Severo riconosceva il primato dell'occidentale Imperatore;
ma era assolutamente addetto ai comandi del suo benefattore Galerio, che
riservandosi i paesi intermedj tra i confini dell'Italia e quelli della
Siria, stabilì saldamente la sua potenza sopra tre quarti della
Monarchia. Nella piena fiducia, che la vicina morte di Costanzo lo
lascerebbe solo padrone del Mondo Romano, siamo assicurati ch'egli si
era formata nella sua mente una lunga serie di futuri Principi, e che
meditava di ritirarsi dalla pubblica vita, dopo di aver compito un
glorioso regno di quasi vent'anni[335].

Ma in meno di diciotto mesi due inaspettate rivoluzioni rovesciarono gli
ambiziosi disegni di Galerio. Le speranze di unire al suo impero le
occidentali Province rimasero deluse per l'innalzamento di Costantino,
mentre l'Italia e l'Affrica si eran perdute per la fortunata ribellione
di Massenzio.

[A. D. 274]

I. La fama di Costantino ha richiamato l'attenzione della posterità alle
più minute circostanze della vita, e dell'azioni di lui. Il luogo della
sua nascita, e la condizione della sua madre Elena, furono il soggetto
non solo di letterarie, ma ancora di nazionali dispute. Malgrado la
recente tradizione che le assegna per genitore un Re Britanno, siamo
obbligati a confessare che Elena era figlia di un locandiere[336]. Ma
possiamo nel tempo stesso difendere la legittimità del suo matrimonio,
contro coloro che l'hanno rappresentata come concubina di Costanzo[337].
È molto probabile che Costantino il Grande nascesse in Naisso città
della Dacia;[338] e non è da maravigliarsi, che in una famiglia, e in
una Provincia illustre soltanto per la professione dell'armi, il giovane
mostrasse così poca inclinazione a coltivare il suo spirito
coll'acquisto delle scienze[339]. Egli avea quasi 18 anni quando il
padre di lui fu promosso al posto di Cesare: ma questo fortunato evento
fu seguitato dal divorzio della madre: e lo splendore di una imperiale
parentela ridusse il figliuolo di Elena ad uno stato di disonore o di
umiliazione. Invece di seguitare Costanzo in Occidente, egli rimase al
servizio di Diocleziano; si segnalò col valore nelle guerre dell'Egitto
e della Persia, e s'innalzò a poco a poco all'onorevol grado di tribuno
del prim'ordine. Era Costantino di alta e maestosa statura, destro in
tutti i suoi esercizi, intrepido in guerra, ed affabile in pace. In
tutta la sua condotta l'ardente spirito della gioventù veniva moderato
da un'abitual prudenza, ed avendo l'animo gonfio d'ambizione, sembrava
freddo ed insensibile agli allettamenti del piacere. Il favore del
popolo e dei soldati, che lo avevano nominato come un meritevole
candidato per la dignità di Cesare, servì soltanto ad inasprire la
gelosia di Galerio; e benchè la prudenza lo trattenesse dall'usare
alcuna violenza aperta, tuttavia ad un assoluto Monarca rade volta
mancano i mezzi di eseguire una sicura e segreta vendetta[340].
Crescevano ad ogni momento il pericolo di Costantino, ed il timor di suo
padre, che con replicate lettere esprimeva il più ardente desiderio
d'abbracciare il figliuolo. La politica di Galerio lo tenne a bada per
qualche tempo con dilazioni o con iscuse, ma era impossibile il resister
per lungo tempo ad una natural dimanda del suo collega senza sostenere
coll'armi il rifiuto. Fu con ripugnanza accordata la permissione del
viaggio, e tutte quelle precauzioni che prender potè l'Imperatore per
impedire un ritorno, di cui egli temeva con tanta ragione le
conseguenze, vennero felicemente deluse dall'incredibile diligenza di
Costantino[341]. Lasciando di notte il palazzo di Nicomedia, egli corse
la posta per la Bitinia, per la Tracia, per la Dacia, per la Pannonia,
per l'Italia, e per la Gallia, e in mezzo alle giulive acclamazioni del
popolo arrivò al porto di Bologna nel momento stesso che il padre si
preparava l'imbarco per la Britannia[342].

[A. D. 306]

La Britannica spedizione, ed una facil vittoria sopra i Barbari della
Caledonia furono l'ultime imprese del Regno di Costanzo. Egli cessò di
vivere nell'Imperial palazzo di Jorck 15 mesi dopo aver assunto il
titolo di Augusto, e quasi quattordici anni e mezzo dopo essere stato
promosso al posto di Cesare. La morte di lui fu seguitata immediatamente
dall'innalzamento di Costantino. Le idee di eredità e di successione
sono sì famigliari, che la maggior parte del genere umano le considera
come fondate non solamente sulla ragione, ma fino sulla stessa natura.
La nostra immaginazione trasferisce con facilità i medesimi principi dal
privato patrimonio al pubblico dominio; e qualunque volta un virtuoso
padre lascia dopo di se un figliuolo, il cui merito sembra giustificare
la stima, anzi le speranze del popolo, la doppia influenza del
pregiudizio e dell'affetto opera con una forza invincibile. Il fiore
degli eserciti occidentali avea seguito Costanzo nella Britannia, e le
truppe nazionali erano rinforzate da un numeroso corpo di Alemanni, i
quali obbedivano agli ordini di Croco, uno de' loro ereditarj
condottieri[343]. Gli aderenti di Costantino con gran diligenza
inculcavano alle legioni l'idea della loro importanza, e la sicurezza
che la Britannia, la Gallia e la Spagna acconsentirebbero alla loro
elevazione. Fu domandato ai soldati, se potevano esitare un momento tra
l'onore di mettere alla lor testa il degno figliuolo del loro diletto
Imperatore, e l'ignominia di vilmente aspettare l'arrivo di qualche
oscuro straniero, al quale si fosse il Sovrano dell'Asia compiaciuto di
donare le armate e le province dell'Occidente. Fu ad essi insinuato che
la gratitudine e la liberalità erano le distinte virtù di Costantino: e
questo Principe artificioso non si presentò alle truppe finchè non
furono disposte a salutarlo coi nomi di Augusto e d'Imperatore. Il trono
era l'oggetto delle sue brame: e quando ancora fosse stato meno animato
dall'ambizione, era il trono per lui l'unico mezzo di salvezza. Egli ben
conosceva il carattere ed i sentimenti di Galerio, e sapeva
bastantemente che se desiderava di vivere, doveva determinarsi a
regnare. La decente, anzi ostinata resistenza che egli volle
affettare[344], era destinata a giustificare la sua usurpazione; nè egli
cedè alle acclamazioni dell'esercito finchè preparati non ebbe i
materiali propri per una lettera, che immediatamente spedì
all'Imperatore d'Oriente. Costantino gli faceva noto il tristo evento
della morte del padre; modestamente sosteneva il suo natural diritto
alla successione, e rispettosamente si lagnava che l'affettuosa violenza
delle sue truppe non gli avesse permesso di procurarsi l'Imperial
porpora coi metodi regolari e legali. I primi moti di Galerio furono di
sorpresa, di sconcerto, e di rabbia; e siccome egli poteva rare volte
frenare le sue passioni, altamente minacciò di dare alle fiamme e la
lettera ed il messaggero. Ma il suo risentimento si calmò a poco a poco;
e quando egli riflettè ai dubbi eventi della guerra, quando ebbe
bilanciato il carattere e la forza del suo avversario, consentì ad
abbracciare l'onorevole accomodamento, che la prudenza di Costantino gli
avea lasciato aperto. Senza condannare o ratificare la scelta
dell'esercito Britannico, Galerio riconobbe il figliuolo del suo defunto
collega, come sovrano delle Transalpine Province; ma solamente gli dette
il titolo di Cesare, ed il quarto posto tra i Principi Romani, mentre
conferiva il posto vacante di Augusto al suo favorito Severo. Fu
conservata l'apparente armonia dell'Impero, e Costantino, che già
possedeva la sostanza del supremo potere, aspettò senza impazienza
l'opportunità di conseguirne gli onori[345].

Ebbe Costanzo dal secondo suo matrimonio sei figliuoli, tre maschi, e
tre femmine; e la loro Imperial discendenza avrebbe potuto procurar ai
medesimi la preferenza sopra la più bassa estrazione del figliuolo di
Elena. Ma Costantino era in età di trentadue anni, nel pieno vigore di
spirito e di corpo, quando il maggiore dei suoi fratelli non potea
oltrepassar tredici anni. Il diritto del superiore suo merito era stato
riconosciuto e ratificato dal moribondo Imperatore[346]. Negli ultimi
suoi momenti, Costanzo raccomandò alla cura del suo maggior figliuolo la
salvezza e la grandezza della famiglia, scongiurandolo a prendere
l'autorità ed i sentimenti di padre verso i figliuoli di Teodora. La
liberale loro educazione, i vantaggiosi matrimonj, la sicurezza e lo
splendore della lor vita, e le prime cariche dello Stato, delle quali
furono rivestiti, attestano il fraterno amore di Costantino; ed essendo
quei Principi di animo dolce e grato, cederono senza ripugnanza alla
superiorità del genio, e della fortuna[347].

II. L'ambizioso animo di Galerio si era appena acquietato per le deluse
sue mire sulle Galliche Province, che l'inaspettata perdita dell'Italia
ne ferì l'orgoglio e l'autorità in una parte ancor più sensibile. Avea
la lunga assenza degl'Imperatori ripiena Roma di disgusto e di rancore;
ed il popolo a poco a poco s'avvide, che la preferenza data a Nicomedia
ed a Milano non dovea attribuirsi alla inclinazione di Diocleziano, ma
al permanente sistema del Governo da lui stabilito. In vano, pochi mesi
dopo la rinunzia di lui, i successori fecero (in nome del medesimo) la
dedica di quei magnifici bagni, le cui rovine forniscono tutt'ora e
suolo e materiali per tante Chiese, e Conventi[348]. La tranquillità di
quegli eleganti recessi di comodo e di lusso fu disturbata dalle
impazienti mormorazioni dei Romani; e a poco a poco si sparse un rumore,
che le somme spese in erigere quegli edifizi si trarrebbero ben tosto
dalle lor mani. Verso quel tempo l'avarizia di Galerio, o forse i
bisogni dello Stato lo avevano indotto a fare un esatto, e rigoroso
esame delle possessioni dei sudditi per l'oggetto di una tassa generale
su i terreni, e sulle persone. Sembra che si prendesse un minutissimo
registro dei loro beni effettivi; e dovunque era il minimo sospetto di
nascondiglio, si adoperava francamente la tortura per ottenere una
sincera dichiarazione delle loro personali ricchezze[349]. Più non si
aveva riguardo a quei privilegi, che avevano innalzata l'Italia sopra la
condizione delle Province; e già i ministri delle pubbliche entrate
cominciavano a numerare il popolo Romano, ed a determinare la
proporzione delle nuove tasse. Anche dopo la totale estinzione dello
spirito di libertà, hanno talvolta i sudditi più avviliti osato di
resistere ad una inaspettata invasione del lor patrimonio; ma in questa
occasione fu l'ingiuria aggravata dall'insulto, ed il sentimento del
privato interesse fu ravvivato da quello dell'onor nazionale. La
conquista della Macedonia (come già abbiamo osservato) aveva liberato i
Romani dal peso delle tasse personali. Benchè avessero provato ogni
forma di dispotismo, avevano ornai goduto di quella esenzione per quasi
500 anni; nè potevano essi pazientemente soffrire l'insolenza di un
Illirico contadino che dalla sua lontana residenza nell'Asia, pretendeva
di annoverar Roma tra le tributarie città del suo Impero. Il nascente
furor del popolo fu incoraggiato dall'autorità, o almeno dalla
connivenza del Senato, e i deboli avanzi dei Pretoriani, che aveano
ragione di temere la propria abolizione, abbracciarono un sì onorevole
pretesto, e si dichiararono pronti a trar fuori le spade in servizio
dell'oppressa lor patria. Era desiderio, e presto divenne speranza
d'ogni cittadino, che dopo avere scacciato dall'Italia i loro stranieri
tiranni, si eleggesse un principe, il quale, e pel luogo della sua
residenza e per le sue massime di governo, meritasse un'altra volta il
titolo d'Imperatore di Roma. Il nome non meno che la situazione di
Massenzio determinarono in suo favore il popolare entusiasmo.

[A. D. 306]

Massenzio era figliuolo dell'Imperatore Massimiano, ad avea sposata la
figliuola di Galerio. La sua nascita, ed il suo matrimonio sembravano
offrirgli la più bella speranza di succedergli nell'Impero. Ma i suoi
vizi e la sua incapacità lo esclusero dalla dignità di Cesare, che
Costantino aveva meritato per una pericolosa superiorità di merito. La
politica di Galerio preferiva quei colleghi, che non potessero nè
disonorare la scelta, nè disubbidire ai comandi del loro benefattore. Fu
perciò un oscuro straniero innalzato al trono d'Italia, ed al figliuolo
dell'ultimo Imperatore d'Occidente fu lasciato godere il lusso di una
privata fortuna in una villa poche miglia lontana dalla capitale. Le
nere passioni dell'anima di Massenzio, la sua vergogna, l'agitazione, e
la rabbia vennero infiammate dall'invidia alle nuove della fortuna di
Costantino, ma le speranze di lui furono ravvivate dal pubblico
disgusto, ed egli facilmente fu persuaso ad unire le sue personali
ingiurie e pretensioni alla causa del popolo Romano. Due Tribuni
Pretoriani, ed un Commissario delle provvisioni si addossarono il
regolamento della congiura, ed essendo ogni ordine dei cittadini animato
dal medesimo spirito, l'immediato successo non era nè dubbioso, nè
difficile. Il Prefetto della città, e pochi magistrati, che si
mantennero fedeli a Severo, furono trucidati dalle guardie; e Massenzio,
rivestito degl'Imperiali ornamenti, fu con applausi riconosciuto dal
Senato, e dal Popolo come protettore della libertà e dell'onore di Roma.
È incerto se fosse Massimiano precedentemente informato della
cospirazione; ma tosto che lo stendardo della ribellione fu alzato in
Roma, il vecchio Imperatore uscì dal ritiro, dove l'autorità di
Diocleziano lo aveva condannato a passare la vita in una malinconica
solitudine, e coprì la sua nuova ambizione col velo di tenerezza
paterna. A richiesta del figliuolo e del Senato egli condiscese a
riprender la porpora. Il suo antico splendore, la sua esperienza ed il
suo nome nelle armi aggiunsero forza e riputazione al partito di
Massenzio[350].

Secondo l'avviso, o piuttosto gli ordini del suo collega, l'Imperator
Severo si affrettò immediatamente verso Roma, nella piena lusinga di
sopprimer facilmente coll'inaspettata sua celerità il tumulto di una
imbelle plebaglia, comandata da un giovane licenzioso. Ma trovò al suo
arrivo chiuse le porte della città, ripiene le mura di armi e di armati,
un Generale sperimentato alla testa dei ribelli, e scoraggiate e
malcontente le sue proprie truppe. Un numeroso corpo di Mori disertò,
passando al nemico, allettati dalla promessa d'un largo donativo, e (se
vero è che fossero stati arrolati da Massimiano per la sua guerra
affricana) anteponendo i naturali sentimenti della gratitudine agli
artificiali legami della fedeltà. Anulino, Prefetto dei Pretoriani, si
dichiarò in favore di Massenzio, seco traendo la più considerabil parte
delle truppe, avvezze ad obbedire al suo comando. Roma, secondo
l'espressione di un oratore, richiamò le sue armate, e l'infelice
Severo, privo di forza e di consiglio, si ritirò, anzi fuggì
precipitosamente a Ravenna. Ivi egli avrebbe potuto esser sicuro per
qualche tempo. Le fortificazioni di Ravenna eran capaci di resistere
agli sforzi dell'esercito Italiano, e le paludi, che circondavano la
città, erano sufficienti ad impedirne l'accesso. Il mare, che Severo
dominava con una possente flotta, lo assicurava di un incessato soccorso
di provvisioni, e dava un libero ingresso alle legioni, che al ritorno
della primavera s'avanzassero dall'Illirico e dall'Oriente in suo
soccorso, Massimiano, che dirigeva in persona l'assedio, fu ben tosto
convinto, che potrebbe perdere inutilmente il tempo e l'esercito in
quella infruttuosa impresa, e che niente sperar poteva dalla forza o
dalla fame. Con arte più conveniente al carattere di Diocleziano, che al
suo proprio, egli diresse l'attacco più contro lo spirito di Severo, che
contro le mura di Ravenna. I tradimenti, già provati, avean disposto
quel Principe sventurato a diffidare degli amici, e degli aderenti più
sinceri. Gli emissari di Massimiano facilmente persuasero alla sua
credulità, che si era formata una congiura per tradir la città; e
profittando dei suoi timori, lo indussero a non esporsi alla discrezione
di un vincitore irritato, ma ad accettare la sicurezza d'una onorevole
capitolazione. Egli fu da prima ricevuto con umanità e trattato con
rispetto. Massimiano condusse a Roma il prigioniero Imperatore, e lo
accertò colle più solenni proteste, che egli cedendo la porpora si
sarebbe assicurata la vita. Ma Severo altro non potè ottenere che una
piacevol morte e le esequie Imperiali.

[A. D. 307]

Fu ad esso significata la sua sentenza, e lasciato alla sua scelta il
modo di eseguirla. Egli preferì il metodo favorito degli antichi, quello
cioè di aprirsi le vene; ed appena spirato, fu il suo corpo riposto nel
sepolcro, già costruito per la famiglia di Gallieno[351].

Benchè il carattere di Costantino pochissima somiglianza avesse con
quello di Massenzio, uguali erano la loro situazione ed il loro
interesse; e sembrava che la prudenza esigesse l'unione delle loro forze
contro il comune nemico. Nonostante la superiorità dell'età e del grado,
l'infaticabil Massimiano passò le Alpi, e sollecitando una personal
conferenza col Sovrano della Gallia, seco condusse la sua figliuola
Fausta come pegno della nuova alleanza. Fu il matrimonio celebrato in
Arles con ogni magnifico apparato, e l'antico collega di Diocleziano,
che sosteneva di nuovo la sua pretensione all'Impero Occidentale,
conferì al suo genero ed alleato il titolo d'Augusto. Piegandosi
Costantino a ricevere quella dignità dalle mani di Massimiano, sembrava
che abbracciasse la causa di Roma e del Senato; ma ambigue furono le sue
proteste, lenta ed infruttuosa la sua assistenza. Egli considerava con
attenzione l'imminente contesa tra i Sovrani dell'Italia e l'Imperatore
dell'Oriente, ed era preparato a consultare o la propria sicurezza o la
propria ambizione, secondo l'evento della guerra[352].

L'importanza della occasione richiedeva la presenza ed i talenti di
Galerio. Alla testa di un possente esercito, raccolto dall'Illirico e
dall'Oriente, egli entrò nell'Italia, risoluto di vendicare la morte di
Severo, e di punire i ribelli Romani, o secondo che egli esprimeva le
sue intenzioni nel furioso linguaggio di un Barbaro, di estirpare col
ferro il Senato, e distruggere il popolo. Ma la perizia di Massimiano
avea concertato un prudente sistema di difesa. L'invasore trovò i nemici
fortificati, ed inaccessibili tutti i posti, e benchè si avanzasse sino
a Narni, a sessanta miglia da Roma, il suo dominio nell'Italia era
ristretto negli angusti confini del suo campo. Avvedutosi che si rendeva
la sua impresa ognor più difficile, il superbo Galerio fece i suoi primi
passi per una riconciliazione, e spedì due dei suoi più ragguardevoli
Uffiziali a tentare i Principi Romani coll'offerta di una conferenza, e
colla dichiarazione del suo paterno riguardo per Massenzio, il quale
potrebbe ottenere assai più dalla sua generosità, che sperar potesse dal
dubbio evento della guerra[353]. Furono costantemente rigettate le
offerte di Galerio, ricusata con disprezzo la sua perfida amicizia; ed
egli poco dopo scoprì che se, opportunamente ritirandosi, non provvedeva
alla sua salvezza, avea qualche ragion di temere la sorte di Severo. I
Romani liberamente contribuirono alla distruzione di lui con quelle
ricchezze, che difendevano dalla rapace tirannia del medesimo. Il nome
di Massimiano, le popolari maniere del figliuolo di lui, la segreta
distribuzione di larghe somme, e la promessa di ricompense ancor più
liberali arrestarono l'ardore, e corruppero la fedeltà delle Illiriche
legioni; e quando Galerio dette finalmente il segno della ritirata, non
potè senza qualche difficoltà indurre i suoi veterani a non abbandonare
quell'insegna che gli avea al sovente guidati alla vittoria ed
all'onore. Uno scrittore contemporaneo assegna due altre cagioni al
cattivo successo della spedizione; ma sono ambedue di tal natura, che
difficilmente un cauto Storico s'indurrebbe ad adottarle. Ci vien detto
che Galerio, il quale si era formato una idea molto imperfetta della
grandezza di Roma dalle città dell'Oriente a lui note, trovò le proprie
forze inadeguate all'assedio di quella immensa capitale. Ma l'estensione
di una città serve solamente a renderla più accessibile al nemico. Roma
era da lungo tempo avvezza a sottomettersi all'avvicinarsi d'un
conquistatore, nè avrebbe potuto il passeggiero entusiasmo del popolo
lungamente contendere contro la disciplina ed il valore delle legioni.
Siamo parimente informati, che le legioni medesime furono colpite
dall'orrore e dal rimorso, e che quei pietosi figliuoli della Repubblica
ricusarono di violare la santità della lor venerabile madre[354]. Ma
rammentandoci quanto facilmente nelle più antiche guerre civili, lo zelo
di partito, e l'uso della militare ubbidienza avea trasformati i nativi
cittadini di Roma nei più implacabili suoi nemici, saremo disposti a
diffidarci di questa estrema delicatezza dei Barbari e stranieri, i
quali non aveano mai veduta l'Italia finchè non vi entrarono in una
ostile maniera. Se non fossero stati ritenuti da motivi d'interessante
natura, avrebbero forse risposto a Galerio colle stesse parole dei
veterani di Cesare: «Se desidera il nostro Generale di condurci alle
rive del Tevere, siamo disposti a seguitare il suo campo. Qualunque muro
egli sia risoluto di atterrare, sono le nostre mani pronte a mettere in
opra le macchine; nè punto esiteremo, ancorchè la città destinata alla
strage fosse Roma medesima.» Sono queste per vero dire le espressioni di
un poeta, ma di un poeta che è stato distinto ed ancor censurato pel suo
rigoroso aderimento alla verità della Storia[355].

Le legioni di Galerio mostrarono una funestissima prova della loro
disposizione, colle devastazioni che commisero nella loro ritirata.
Uccisero, rapirono, saccheggiarono, menarono via gli armenti e le gregge
degli Italiani, incendiarono i villaggi pe' quali passarono, e
procurarono di distruggere quel paese, che non aveano potuto soggiogare.
Per tutta la marcia Massenzio inquietò la loro retroguardia, ma molto
saggiamente evitò una general battaglia con quei valorosi e disperati
veterani. Il padre di lui avea intrapreso un secondo viaggio nella
Gallia colla speranza d'indurre Costantino, che adunato aveva un
esercito sulla frontiera, ad unirsi a perseguitare Galerio, e a compir
la vittoria. Ma le azioni di Costantino erano guidate dalla ragione e
non dal risentimento. Egli persistè nella saggia risoluzione di
mantenere la bilancia della potenza nel diviso Impero, e più non odiava
Galerio, quando quest'ambizioso Principe più non era un oggetto di
terrore[356].

[A. D. 307]

L'animo di Galerio era al tutto suscettivo delle più feroci passioni, ma
non era però incapace di una sincera e durevole amicizia. Licinio, non
dissimile da lui per carattere e per costumi, sembra che ne ottenesse
l'affetto e la stima. La lor familiarità era cominciata nel periodo
forse più felice della loro gioventù ed oscurità; ed assodata l'aveano
la libertà ed i pericoli di una vita militare. Si erano essi avanzati
quasi con passi uguali per le successive cariche della guerra, e sembra
che Galerio, appena rivestito della porpora, concepisse il disegno
d'innalzare il compagno ad un posto uguale al suo proprio. Nel breve
corso della sua prosperità egli considerò il grado di Cesare come
inferiore all'età ed al merito di Licinio, e volle piuttosto riserbargli
il posto di Costanzo e l'Impero dell'Occidente. Mentre era l'Imperatore
occupato nella guerra dell'Italia, affidò al suo amico la difesa del
Danubio; ed immediatamente dopo il suo ritorno da quella infelice
spedizione, rivestì Licinio della vacante porpora di Severo, cedendo
all'immediato comando di lui le Province dell'Illirico[357]. Portata che
fu nell'Oriente la nuova della sua promozione, Massimino governatore,
anzi oppressore dell'Egitto e della Siria, svelando la sua invidia ed il
suo disgusto, sdegnò l'inferiore nome di Cesare, e malgrado i preghi non
meno che gli argomenti di Galerio, esigè quasi a forza il titolo uguale
di Augusto[358]. Per la prima ed anche ultima volta fu il mondo Romano
governato da sei Imperatori. Nell'Occidente Costantino e Massenzio
affettavano di venerare il loro padre Massimiano. Nell'Oriente Licinio e
Massimino onoravano con più reale considerazione il loro benefattore
Galerio. La diversità di interessi e la memoria di una guerra recente
divideva l'Impero in due grandi e nemiche potenze; ma i loro timori
scambievoli produssero un'apparente tranquillità, anzi una finta
riconciliazione, finchè la morte dei principi più vecchi di Massimiano,
e particolarmente di Galerio, diede una nuova direzione alle mire ed
alle passioni dei loro sopravviventi colleghi.

Quando Massimiano ebbe con ripugnanza ceduto l'Impero, i venali
contemporanei oratori applaudirono alla filosofica sua moderazione.
Quando la sua ambizione eccitò o almeno animò una guerra civile, essi
rendettero grazie al generoso suo patriottismo, e delicatamente
criticarono quell'amore dell'ozio o della solitudine, che lo avea
allontanato dal pubblico servizio[359]. Ma era impossibile che animi
simili a quelli di Massimiano e del suo figliuolo, possedessero
lungamente d'accordo una indivisa potenza. Massenzio si considerava come
il legittimo Sovrano dell'Italia eletto dal Senato e dal popolo Romano;
nè soffrir voleva il freno del suo genitore, il quale arrogantemente si
dichiarava, che pel suo nome e pe' suoi talenti era stato quel temerario
giovine stabilito sul trono. Fu la causa solennemente agitata dinanzi ai
Pretoriani e quelle truppe che temevano la severità del vecchio
Imperatore, sposarono il partito di Massenzio[360]. Fu però rispettata
la vita e la libertà di Massimiano, ed egli si ritirò dall'Italia
nell'Illirico, affettando di pentirsi della sua passata condotta, e
secretamente macchinando nuovi mali. Ma Galerio, che ben conosceva il
carattere di lui, l'obbligò bentosto ad allontanarsi dai suoi dominj, e
l'ultimo refugio del deluso Massimiano fu la Corte del suo genero
Costantino[361] Egli fu ricevuto con rispetto da quel Principe
artificioso, e coll'apparenza di figlial tenerezza dalla Imperatrice
Fausta. Esso, per allontanare ogni sospetto, depose una seconda volta la
porpora Imperiale[362], dichiarandosi finalmente convinto della vanità
delle grandezze e dell'ambizione. Se perseverato egli avesse in questa
risoluzione, avrebbe potuto terminare la sua vita con quiete e
riputazione, benchè meno decorosamente che nel suo primo ritiro. Ma il
vicino aspetto di un trono gli rammemorò il grado dal quale egli era
caduto, e deliberò di fare un disperato sforzo per regnare o perire. Una
incursione dei Franchi avea richiamato Costantino con una parte del suo
esercito alle rive del Reno. Il resto delle truppe era accampato nelle
meridionali province della Gallia, che giacevano esposte alle imprese
dell'Imperatore Italiano, ed era depositato nella città di Arles un
considerabil tesoro. Massimiano o artificiosamente inventò, o
frettolosamente accreditò un vano rumore della morte di Costantino.
Senza esitazione egli montò sul trono, s'impadronì del tesoro, e
spargendolo coll'usata sua profusione tra i sudditi, procurò di
risvegliare nelle loro menti la memoria del suo antico splendore e delle
antiche sue imprese. Prima ch'egli potesse assodar la sua autorità, o
terminare il trattato, cui sembra ch'egli avesse cominciato col suo
figliuolo Massenzio, la celerità di Costantino abbattè tutte le sue
speranze. Al primo avviso della perfidia e dell'ingratitudine di lui,
ritornò quel Principe con rapida marcia dal Reno alle rive della Saona,
s'imbarcò su questo ultimo fiume a Chalons; ed a Lione affidandosi alla
rapidità del Rodano, arrivò alle porte di Arles con una forza militare,
a cui era impossibile per Massimiano il resistere, e che appena gli
permise di ripararsi nella vicina città di Marsiglia. L'angusta lingua
di terra, che univa quella piazza al continente, era fortificata contro
gli assedianti, mentre il mare era aperto o alla fuga di Massimiano, o
ai soccorsi di Massenzio, se voleva quest'ultimo coprire una sua
invasione nella Gallia col decoroso pretesto di difendere un angustiato,
o come avrebbe potuto allegare, un offeso genitore. Temendo le funeste
conseguenze di un indugio, Costantino dette ordini per un immediato
assalto, ma si trovarono le scale troppo corte per l'altezza delle mura,
e Marsiglia avrebbe potuto sostenere un lungo assedio, come anticamente
fece contro le armi di Cesare, se la guarnigione, conoscendo il suo
fallo o il suo pericolo, non avesse comprato il perdono colla consegna
della città e della persona di Massimiano. Fu contro l'usurpatore
pronunziata una secreta ma irrevocabil sentenza di morte; egli ottenne
solamente lo stesso favore, che fu accordato a Severo, e fu sparsa la
voce, che oppresso dal rimorso dei suoi replicati delitti, si era
strangolato colle proprie sue mani. Dopo ch'egli ebbe perduta
l'assistenza, e disprezzati i moderati consigli di Diocleziano, il
secondo periodo dell'attiva sua vita fu una serie di pubbliche calamità
e di personali mortificazioni, che terminarono quasi in tre anni con una
morte ignominiosa. Egli meritò il suo fato; ma si sarebbe con più
ragione applaudita l'umanità di Costantino, se egli avesse avuto
riguardo per un vecchio uomo, benefattore di suo padre, e padre della
sua moglie. In tutto questo funesto affare, sembra che Fausta
sacrificasse i sentimenti della natura ai suoi conjugali doveri[363].

[A. D. 311]

Gli ultimi anni di Galerio furono meno vergognosi e meno infelici; e
benchè avesse occupato il subordinato grado di Cesare più gloriosamente
che la superior dignità di Augusto, egli conservò fino al punto della
sua morte il primo posto tra i Principi del Mondo Romano. Egli
sopravvisse alla sua ritirata dall'Italia quasi quattr'anni, e
saggiamente abbandonando le sue mire di monarchia universale, consacrò
il resto della sua vita al godimento dei piaceri, ed alla esecuzione di
alcune opere di pubblica utilità, tra le quali è da distinguersi quella
di avere scaricate nel Danubio le acque superflue del lago Pelso, e di
aver tagliate le immense foreste che lo circondavano; operazione degna
di un Monarca, giacchè donò un esteso paese all'agricoltura de' suoi
sudditi della Pannonia[364]. Fu la sua morte cagionata da un lungo e
penosissimo male. Il suo corpo, per un intemperato sistema di vita,
crebbe ad un estremo grado di gonfiezza, fu coperto di ulceri, e
divorato da innumerabili sciami di quegli insetti, che han dato il nome
ad una schifosissima malattia[365]: ma siccome avea Galerio oltraggiato
un zelantissimo e possente partito tra i suoi sudditi, i patimenti di
lui, in vece di eccitare la lor compassione, sono stati celebrati come
visibili effetti della divina giustizia[366]. Appena che egli fu spirato
nel suo palazzo di Nicomedia, i due Imperatori che al suo favore dovevan
la porpora, cominciarono a radunar le loro forze, con intenzione o di
disputare, o di dividere fra loro i dominj da lui lasciati senza
padrone. S'indussero per altro a desistere dal primo disegno, e ad
accordarsi nel secondo. Massimino ebbe in sorte le province dell'Asia; e
quelle dell'Europa aumentarono la parte di Licinio. L'Ellesponto ed il
Bosforo Tracio formarono i loro scambievoli confini; ed i lidi di quegli
angusti mari, che scorrevano nel mezzo del Mondo Romano, furono coperti
di soldati, d'armi e di fortificazioni. Le morti di Massimiano e di
Galerio ridussero a quattro il numero degl'Imperatori. Il sentimento del
vero loro interesse unì ben tosto Licinio e Costantino; fu tra Massimino
e Massenzio conclusa una secreta alleanza, ed i loro infelici sudditi
attesero con terrore le sanguinose conseguenze delle inevitabili loro
dissensioni, le quali più non eran frenate dal timore o dal rispetto,
che essi avevano conservato per Galerio[367].

Fra tanti delitti ed infortunj, cagionati dalle passioni dei principi
Romani, si scopre con qualche piacere una sola azione, che può
attribuirsi alla loro virtù. Nel sesto anno del suo regno, Costantino
visitò la città di Autun, e generosamente condonò i tributi arretrati,
riducendo nel tempo stesso la proporzione della tassa, da venticinque a
diciottomila teste, soggette alla reale e personale capitazione[368].
Pure questa clemenza istessa è una indubitata prova della pubblica
miseria. Questa tassa era tanto gravosa, o per se stessa o per la
maniera di esigerla, che mentre l'estorsione aumentava l'entrata, la
disperazione la diminuiva: una parte considerabile del territorio di
Autun fu lasciata inculta; ed un gran numero di provinciali scelsero di
viver come esuli e proscritti, piuttosto che sostenere il peso della
civil società. È ancora molto probabile che il clemente Imperatore
sollevasse con un atto particolare di generosità uno di quei tanti mali,
che egli avea cagionati con le sue generali massime di governo. Ma
quelle massime ancora erano piuttosto effetti della necessità che della
scelta. Ed ove si eccettui la morte di Massimiano, sembra che il regno
di Costantino nella Gallia fosse l'epoca più innocente e più virtuosa
ancora della sua vita. Furono le province dalla sua presenza difese
contro le irruzioni dei Barbari, i quali o ne temerono o ne provarono
l'attivo valore. Dopo una segnalata vittoria riportata contro i Franchi
e gli Alemanni, furono molti dei loro Principi per suo ordine esposti
alle fiere nell'anfiteatro di Treveri; e pare che il popolo godesse
dello spettacolo, senza trovare in quel trattamento dei prigionieri
reali cosa alcuna che ripugnasse alle leggi delle nazioni o
dell'umanità[369].

I vizi di Massenzio rendevano più illustri le virtù di Costantino.
Mentre le Galliche Province godevano tutta quella felicità che
permettevano le circostanze di quei tempi, l'Italia e l'Affrica gemevano
sotto il dominio di un dispregevole non men che odioso Tiranno. L'amor
dell'adulazione e del partito ha per dir vero troppo sovente sacrificata
la riputazione dei vinti alla gloria dei loro fortunati rivali; ma
quegli scrittori ancora, i quali hanno svelato colla maggior libertà e
col maggior piacere i difetti di Costantino, unanimemente confessano,
che Massenzio era crudele, rapace, e scellerato[370]. Egli ebbe la buona
sorte di sedare una leggiera ribellione nell'Affrica. Il Governatore e
pochi suoi aderenti erano stati i colpevoli; la Provincia fu punita del
loro delitto. Le floride città di Cirta e di Cartagine, e tutta
l'estensione di quella fertil campagna furon devastate dal ferro e dal
fuoco. All'abuso della vittoria succedè l'abuso delle leggi e della
giustizia. Una formidabile armata di Sicofanti, e di delatori invase
l'Affrica: i ricchi ed i nobili furono facilmente convinti
d'intelligenza co' ribelli; e quelli tra loro, che provarono la clemenza
dell'Imperatore, furono solamente puniti colla confiscazione dei loro
beni[371] . Una così segnalata vittoria venne celebrata con trionfo
magnifico, e Massenzio espose agli occhi del popolo le spoglie ed i
prigionieri di una Provincia Romana. Lo stato della Capitale non era
meno compassionevole di quello dell'Affrica. L'opulenza di Roma forniva
un impensato fondo per le vane e prodighe spese di Massenzio, ed i
ministri delle sue entrate erano eccellenti nell'arte della rapina.
Sotto il regno di lui fu per la prima volta inventato il metodo di
esigere dai Senatori un _libero donativo_; e siccome ne fu
insensibilmente aumentata la somma, così i pretesti di esigerlo, vale a
dire una vittoria, una nascita, un matrimonio, un consolato imperiale,
furono a proporzione moltiplicati[372]. Era Massenzio imbevuto di quella
stessa implacabile avversione verso il Senato, che avea contraddistinto
la maggior parte dei primi tiranni di Roma: nè era possibile, che il suo
ingrato carattere perdonasse alla generosa fedeltà, che lo aveva
innalzato al trono, e sostenuto contro tutti i suoi nemici. Erano le
vite dei Senatori esposte ai suoi gelosi sospetti, e il disonore delle
loro consorti e delle figlie loro aumentava la soddisfazione dei suoi
sensuali piaceri. È presumibile che un amante imperiale rare volte fosse
ridotto a sospirare invano; ma qualunque volta era inutile la
persuasione, egli ricorreva alla violenza; ed è rimasto un memorabile
esempio di una nobil Matrona, che conservò la sua castità con una
volontaria morte[373]. I soldati erano il solo ordine di persone, per
cui sembrasse avere qualche rispetto, od a cui cercasse di piacere.
Riempì Roma e l'Italia di truppe armate; dissimulò i loro tumulti:
lasciò che impunemente saccheggiassero e trucidassero ancora l'inerme
popolo[374]; e permettendo ad esse la stessa licenza, della quale godeva
il loro Imperatore, Massenzio concesse sovente a' suoi militari favoriti
la superba villa o la bella moglie di un Senatore. Un Principe di tal
indole, ugualmente incapace di governare o in pace o in guerra, potea
ben comprare l'appoggio dell'esercito, ma non mai ottenerne la stima.
Pure era la sua superbia uguale agli altri suoi vizi. Mentre egli
passava l'indolente sua vita o dentro le mura del suo palazzo, o nei
vicini giardini di Sallustio, si udiva ripetutamente vantarsi, che _egli
solo_ era Imperatore, e che gli altri Principi non erano che suoi
luogotenenti, ai quali affidata avea la difesa delle province di
frontiera, per poter godere senza interrompimento l'elegante lusso della
Capitale. Roma, che sì lungamente avea pianta l'assenza del suo Sovrano,
ne deplorò la presenza ne' sei anni del regno di lui[375].

[A. D. 312]

Benchè Costantino vedesse con abborrimento la condotta di Massenzio, e
con pietà la situazione dei Romani, non vi è ragion di presumere che
volesse prender l'armi per punir l'uno e per sollevar gli altri. Ma il
tiranno dell'Italia osò temerariamente di provocare un formidabil
nemico, la cui ambizione era fino allora stata raffrenata da
considerazioni di prudenza, piuttosto che da massime di giustizia[376].
Dopo la morte di Massimiano ne furono con ignominia, secondo lo
stabilito costume, cancellati i titoli, ed atterrate le statue. Il
figliuolo di lui, che lo aveva perseguitato e abbandonato in vita, fece
affettata mostra del più religioso rispetto per la sua memoria, ed
ordinò che un simil trattamento fosse fatto a tutte le statue, che si
erano erette nell'Italia e nell'Affrica in onore di Costantino. Questo
savio Principe, il quale desiderava sinceramente di evitare una guerra,
della quale egli bastantemente vedeva la difficoltà e l'importanza,
dissimulò a principio l'insulto, e cercò i rimedi per la via più mite
dei trattati, finchè non fu convinto, che gli ostili ed ambiziosi
disegni dell'Imperatore italiano lo ponevano nella necessità di armarsi
per la propria difesa. Massenzio, che apertamente dichiarava le sue
pretensioni a tutta la monarchia dell'Occidente, aveva di già preparate
forze considerabili per invader le Galliche province dalla parte della
Rezia, e benchè non potesse promettersi alcun aiuto da Licinio, si
lusingò colla speranza, che le legioni Illiriche, allettate dai suoi
doni e dalle sue promesse, abbandonerebbero l'insegna di quel Principe,
e si dichiarerebbero unanimemente suoi soldati e suoi sudditi[377].
Costantino non esitò più lungamente. Avea deliberato con cautela, ed
operò con vigore. Diede privata udienza agli Ambasciatori, che a nome
del Senato e del Popolo lo supplicavano a liberar Roma da un detestato
tiranno; e senza curare le timide rimostranze del suo Consiglio,
risolvette di prevenire il nemico, e portar la guerra nel cuor
dell'Italia[378].

Piena ugualmente di pericolo e di gloria era l'impresa; e l'infelice
successo delle due antecedenti invasioni bastavano ad inspirare i più
serj timori. Le truppe dei veterani, che veneravano tuttavia il nome di
Massimiano, avevano in ambidue quelle guerre abbracciato il partito del
suo figliuolo, ed erano allora ritenute per un sentimento di onore non
meno che d'interesse dal nutrire un'idea di una seconda diserzione.
Massenzio, che riguardava i Pretoriani siccome il più saldo sostegno del
suo trono, gli aveva accresciuti fino all'antico lor numero: ed essi
componevano, col resto degl'Italiani arrolati al servizio di lui, un
formidabil corpo di ottantamila uomini. Quarantamila Mori e Cartaginesi
erano stati reclutati dopo la riduzione dell'Affrica. La Sicilia ancora
diede la sua porzione di truppe e l'esercito di Massenzio non ascendeva
a meno di centosettantamila pedoni e diciottomila cavalli. Le ricchezze
dell'Italia servirono alle spese della guerra; e le adiacenti province
vennero esauste, per formare immensi magazzini di grano e di ogni altra
sorta di provvisioni. Tutte le forze di Costantino consistevano in
novantamila pedoni ed ottomila cavalli[379]; e siccome la difesa del
Reno esigeva una straordinaria attenzione nell'assenza dell'Imperatore,
non poteva impiegare più della metà delle sue truppe per la guerra
d'Italia, senza sacrificare la pubblica salvezza alla sua privata
contesa[380]. Egli marciò alla testa di quarantamila uomini, ad
incontrar un nemico, le cui truppe erano per lo meno quattro volte più
numerose delle sue. Ma gli eserciti Italiani, posti a una sicura
distanza dal pericolo, erano snervati dalla licenza e dal lusso. Avvezzi
ai bagni ed ai teatri di Roma, vennero in campo con ripugnanza, ed erano
composti principalmente di veterani, quasi dimentichi dell'armi e della
guerra, o di nuove ed inesperte reclute. Le robuste legioni della Gallia
aveano lungamente difese le frontiere dell'Impero contro i Barbari del
Settentrione; e nell'adempimento di quel faticoso servizio si era
esercitato il loro valore, ed assodata la lor disciplina. Erano i
condottieri ugualmente diversi che gli eserciti. Il capriccio o
l'adulazione aveano tentato Massenzio colle speranze della vittoria; ma
queste ambiziose speranze cederono presto agli abiti del piacere ed alla
cognizione della propria inesperienza. L'intrepido spirito di Costantino
era stato dalla prima sua gioventù educato per la guerra, per l'azione,
e pel militare comando.

Quando Annibale passò dalla Gallia nell'Italia, fu obbligato prima a
scoprire, e dopo ad aprirsi una strada sopra monti, e tra selvagge
nazioni che non avean mai dato il passo ad un esercito regolare[381].
Erano allora le Alpi difese dalla natura, e sono adesso fortificate
dall'arte. Varie cittadelle costruite con uguale abilità, fatica e
spesa, dominano ogni ingresso nella pianura, e rendono da quella parte
l'Italia quasi inaccessibile ai nemici del Re di Sardegna[382]. Ma nel
corso dell'età di mezzo i Generali, che hanno tentato il passo, han
raramente trovata alcuna difficoltà o resistenza. Nel secolo di
Costantino, gli abitatori di quei monti erano sudditi inciviliti ed
ubbidienti; il paese era abbondantemente fornito di provvisioni, e le
superbe strade, che i Romani avevano condotte sopra le Alpi, aprivano
diverse comunicazioni tra la Gallia e l'Italia[383]. Costantino preferì
quella delle Alpi Cozie, o come si dice presentemente, del monte
_Cenisio_, e condusse le sue truppe con tal diligenza, che discese nella
pianura del Piemonte avanti che la Corte di Massenzio avesse ricevuto
alcun certo avviso della partenza di lui dalle rive del Reno. La città
di Susa però, che giace a piè del monte Cenisio, era circondata di mura,
e provveduta di una guarnigione sufficiente ad arrestare i progressi di
un invasore; ma l'impazienza delle truppe di Costantino sdegnava le
noiose operazioni di un assedio regolare. Il giorno stesso, in cui si
presentarono avanti a Susa, applicarono il fuoco alle porte, e le scale
alle mura della città; quindi salendo, in mezzo ad una pioggia di pietre
e di dardi, all'assalto, colla spada in mano entrarono nella piazza, e
tagliarono a pezzi la maggior parte della guarnigione. Costantino ebbe
cura di far estinguere le fiamme, e di preservare dalla total
distruzione gli avanzi di Susa. Alla distanza per altro di circa
quaranta miglia da questo luogo lo aspettava un incontro più arduo. I
Generali di Massenzio avevano adunato nello pianure di Torino un
numeroso campo d'Italiani, di cui la principal forza consisteva in una
specie di grave cavalleria, che i Romani, dopo la decadenza della lor
disciplina, avevan preso dalle nazioni dell'Oriente. I cavalli, non meno
che gli uomini, erano interamente coperti di un'armatura fatta di vari
pezzi, con tal arte congiunti fra loro, che corrispondevano a' moti de'
loro corpi. N'era formidabil l'aspetto, e poco meno che irresistibil la
forza; e siccome in quest'occasione i condottieri l'avevan disposta in
forma di stretta colonna con aguzza punta e con larghi fianchi, si
lusingavano, che avrebbero facilmente rotto ed oppresso l'esercito di
Costantino. Avrebbero forse potuto riuscire in questo disegno, se il
loro sperimentato nemico non avesse fatt'uso dell'istesso metodo di
difesa, che Aureliano avea praticato in simili circostanze. Le
giudizioso evoluzioni di Costantino divisero e rendettero inutile questa
solida colonna di cavalleria. Le truppe di Massenzio disordinate
fuggirono verso Torino; e siccome furono loro chiuse in faccia le porte
della città, così ben pochi poterono evitare la spada de' vittoriosi,
che gl'inseguivano. Torino, per quest'importante servigio, meritò di
sperimentar la clemenza, ed anche il favore del vincitore. Egli fece il
suo ingresso nell'Imperial palazzo di Milano, e quasi tutte le città
d'Italia, fra le Alpi ed il Po, non solamente riconobbero la potenza, ma
con fervore ancora abbracciarono il partito di Costantino[384].

Le vie, Flaminia ed Emilia, presentavano un facil cammino di circa
quattrocento miglia per passar da Milano a Roma; ma sebbene Costantino
fosse impaziente di andare incontro al tiranno, pure volle piuttosto
diriger prudentemente le sue operazioni contro un altro esercito
d'Italiani, che mediante la forza e situazione che aveva, o poteva
opporsi a' progressi di lui, o in caso di una disgrazia poteva
impedirgli la ritirata. Ruricio Pompeiano, Generale distinto pel suo
valore e per la sua abilità, aveva il comando della città di Verona e di
tutte le truppe, che si trovavano nella Provincia di Venezia. Appena fu
egli informato, che si avanzava Costantino verso di lui, distaccò un
grosso corpo di cavalleria, che fu disfatto in un incontro vicino a
Brescia, ed inseguito dalle legioni della Gallia fino alle porte di
Verona. Si presentaron subito alla sagace mente di Costantino la
necessità, l'importanza, e le difficoltà dell'assedio di questa
piazza[385]. La città era solamente accessibile per mezzo di una stretta
penisola verso ponente; gli altri tre lati eran circondati dall'Adige,
fiume rapido, che copriva la Provincia di Venezia, da cui potevan gli
assediati ricevere una copia inesauribile d'uomini e di provvisioni. Non
senza gran difficoltà, e dopo molti inutili tentativi, Costantino trovò
la maniera di passare il fiume a qualche distanza dalla città, in un
luogo dove la corrente era meno violenta. Circondò allora Verona con
forti trinciere, continuò con prudente vigore i suoi attacchi, e
rispinse una disperata sortita di Pompeiano. Quest'intrepido Generale
dopo di avere usato ogni mezzo di difesa, che potea somministrargli la
forza della piazza e della guarnigione, segretamente fuggì da Verona,
desideroso non già della propria, ma della pubblica sicurezza. Con
instancabile diligenza esso prestamente raccolse un esercito sufficiente
o ad incontrare in campo aperto Costantino, o ad attaccarlo, qualora si
fosse ostinato a restare dentro le sue trinciere. L'Imperatore, attento
a' movimenti, ed informato dell'avvicinarsi di sì formidabil nemico,
lasciò una parte delle sue legioni per continuare le operazioni
dell'assedio, nel tempo che alla testa di quelle truppe, nel valore e
nella fedeltà delle quali più specialmente confidava, si avanzò a
combattere in persona il General di Massenzio. L'esercito della Gallia
era disposto in due linee secondo l'uso ordinario di guerra; ma lo
sperimentato condottiero, vedendo che il numero degl'Italiani era molto
maggiore del suo, in un istante cangiò tal disposizione, e diminuendo la
seconda, estese la fronte della sua prima linea, finchè fosse in una
giusta proporzione con quella dell'avversario. Tali evoluzioni, che in
un momento di pericolo si possono eseguir senza confusione, solamente da
truppe veterane, comunemente riescono decisive: ma poichè questa
battaglia incominciò verso il finire del giorno, e si combattè con
grande ostinazione per tutta la notte, meno vi ebbe luogo la condotta
de' Generali, che il coraggio dei soldati. Il nuovo giorno scoprì la
vittoria di Costantino, e si vide il campo della strage coperto di molte
migliaia di vinti Italiani. Fra gli uccisi fu trovato anche il lor
General Pompeiano; e Verona immediatamente rendettesi a discrezione,
essendo la guarnigione restata prigioniera di guerra[386]. Gli Uffiziali
dell'esercito vittorioso, nell'atto di congratularsi col lor Principe a
motivo di quest'importante successo, si avventurarono a fargli qualche
rispettoso lamento, di tal natura però da non dispiacere anche ai più
gelosi Monarchi. Rappresentarono essi a Costantino, che non contento di
eseguir tutti i doveri di un Comandante, egli aveva esposta la propria
persona con un eccesso di valore, che quasi degenerava in temerità; e lo
scongiurarono ad aver più riguardo in avvenire alla conservazione di una
vita, da cui dipendeva la salute di Roma e dell'Impero[387].

Mentre Costantino segnalava la sua condotta e il suo valore nel campo,
il Sovrano d'Italia pareva insensibile alle calamità ed ai pericoli di
una guerra civile, che infuriava nel cuore de' suoi dominj. L'unica
occupazione di Massenzio era sempre il piacere. Celando, e tentando
almeno di celare alla cognizione del pubblico le disgrazie delle sue
armi[388], si lusingava con una vana fiducia, la quale differiva i
rimedi del male che si avvicinava, senza differire il male
medesimo[389]. Appena i rapidi progressi di Costantino giugnevano a
risvegliarlo da questa fatal sicurezza[390]; egli si dava a credere, che
la sua ben nota liberalità, e la maestà del nome Romano, che l'aveva già
liberato da due altre invasioni, coll'istessa facilità dissiperebbe
anche la ribelle armata della Gallia. Gli Uffiziali di esperienza e di
abilità, che avevan servito sotto il comando di Massimiano, furon
finalmente costretti di far sapere all'effeminato figliuolo di lui
l'imminente pericolo, a cui si era egli ridotto, e di mostrargli con una
libertà, che lo sorprese nel tempo stesso e lo convinse, la necessità di
prevenire la sua rovina, usando con vigoroso sforzo il potere che gli
restava. Massenzio avea tuttora molti considerabili compensi tanto in
uomini che in danaro. Le guardie Pretoriane sentivan bene quanto era
fortemente connessa la causa di lui col loro interesse e colla lor
sicurezza; e fu presto raccolto un terzo esercito più numeroso di
quelli, ch'erano stati vinti nelle battaglie di Torino e di Verona.
L'Imperatore era ben lontano dal pensar di condurre in persona le
proprie truppe: non esercitato nell'arte della guerra, tremava per
l'apprensione di un azzuffamento tanto pericoloso; e come il timore trae
comunemente alla superstizione, con malinconica attenzione prestava
orecchio ai rumori degli augurj e dei presagi, che sembravano minacciare
la sua vita e il suo Impero. La vergogna supplì finalmente al coraggio,
e lo forzò a scendere in campo, non potendo soffrire il disprezzo del
popolo Romano. Faceva questo nel Circo risuonare con isdegno i suoi
clamori, e tumultuariamente assediava le porte del palazzo,
rimproverando la pusillanimità del suo indolente Sovrano, e celebrando
lo spirito eroico di Costantino[391]. Prima di partir di Roma, consultò
Massenzio i libri Sibillini. I custodi di questi antichi oracoli, quanto
erano ignoranti de' segreti del fato, altrettanto eran bene informati
negli artifizi del mondo; e gli diedero una risposta molto prudente, che
poteva acconciarsi a qualunque evento, ed assicurar la loro riputazione,
comunque avesse deciso la sorte delle armi[392].

[A. D. 312]

Sì è paragonata la celerità della marcia di Costantino a quella della
conquista, che fece dell'Italia il primo de' Cesari; nè per quanto sia
lusinghevole tal paralello, ripugna alla verità dell'Istoria, mentre non
passarono più di cinquant'otto giorni dalla resa di Verona alla final
decisione della guerra. Costantino avea sempre sospettato, che il
tiranno avrebbe eseguito ciò che gl'inspirava il timore, e forse anche
la prudenza, e che invece di arrischiar le ultime sue speranze in un
general combattimento si sarebbe piuttosto rinchiuso dentro le mura di
Roma. I gran magazzini lo assicuravano dal pericolo della fame; e
siccome la situazione di Costantino non soffriva dilazione alcuna, egli
avrebbe potuto esser ridotto alla dura necessità di distruggere col
ferro e col fuoco la città Imperiale, che doveva essere il premio più
nobile della sua vittoria, e la cui liberazione era stato il motivo, o
piuttosto realmente il pretesto della guerra civile[393]. Con sorpresa
pertanto non meno che con piacere, arrivato che fu ad un luogo detto
_Saxa Rubra_ circa nove miglia distante da Roma[394], scoprì l'armata di
Massenzio pronta a dargli la battaglia[395]. La lunga fronte della
medesima occupava una pianura molto spaziosa, e la profondità arrivava
fino alle rive del Tevere, che ne copriva la retroguardia, ed impediva
la ritirata. Si narra, e vi è tutto il motivo di crederlo, che
Costantino disponesse le sue truppe con somma perizia, e scegliesse per
se il posto più pericoloso ed onorevole. Distinto per lo splendore delle
sue armi, attaccò in persona la cavalleria del suo rivale: e l'urto
irresistibile, ch'ei le diede, determinò la fortuna della giornata. La
cavalleria di Massenzio era principalmente composta di corazze di grave
armatura, o di leggieri Mori e Numidi. Essi cederono al vigore della
cavalleria Gallicana, che aveva maggiore attività de' primi, e più
fermezza degli altri. La disfatta delle due ali lasciò scoperti i
fianchi dell'infanteria, e gl'indisciplinati Italiani fuggirono senza
ritegno dalle bandiere di un tiranno, ch'essi avevano sempre odiato, e
che più non temevano. I Pretoriani, sapendo che per le loro mancanze non
potevano sperar perdono, erano animati dalla vendetta e dalla
disperazione. Non ostanti i replicati loro sforzi non furon capaci que'
bravi veterani di acquistar la vittoria: ottennero per altro una morte
onorevole; e fu osservato, che i loro corpi coprivano il terreno
medesimo, ch'era già stato occupato dalle lor file[396]. Divenne allora
generale la confusione, e le truppe di Massenzio, disordinate ed
inseguite da un implacabil nemico, traboccarono a migliaia ne' profondi
e rapidi gorghi del Tevere. L'Imperatore stesso tentò di rientrare
fuggendo nella città per mezzo del ponte Milvio; ma la folla che si
trovò insieme a quello stretto passo, lo fece balzare nel fiume,
dov'egli fu immediatamente sommerso dal peso delle sue armi[397]. Il
corpo di lui, essendosi affondato molto nel fango, fu ritrovato con
qualche difficoltà il giorno seguente. Restò il popolo convinto della
propria liberazione quando vide il capo di lui esposto avanti a' propri
occhi; e allora fu, che non dubitò di ricevere con acclamazioni di
fedeltà e di gratitudine il fortunato Costantino, che in tal modo
condusse a termine col suo valore e colla sua abilità la più splendida
impresa della sua vita[398]. Nel far uso della vittoria non meritò
Costantino la lode di clemente, nè incorse le censura di smoderato
rigore[399]. Tenne verso il tiranno quel medesimo contegno, che poteva
aspettarsi nella propria persona e famiglia, se fosse stato ei medesimo
disfatto: fece morire i due figli di Massenzio, ed ebbe tutta la cura
d'intieramente estirparne la razza. I più riguardevoli aderenti di
Massenzio era da presumersi, che avrebbero avuto parte nella disgrazia
di lui, come l'avevano avuta nella prosperità e ne' delitti, ma nel
tempo che il popolo Romano ad alta voce chiedeva un maggior numero di
vittime, il vincitore con fermezza ed umanità resistè a que' servili
clamori, dettati dall'adulazione egualmente che dallo sdegno. Furon
puniti ed avviliti i delatori; e gl'innocenti, che a torto avevan
sofferto nella passata tirannia, richiamati furono dall'esilio, e
rimessi al possesso dei loro beni. Un atto di generale obblivione del
passato servì a quietare gli spiriti, ed a stabilire la proprietà di
ciascheduno tanto nell'Italia quanto nell'Affrica[400]. La prima volta
che Costantino colla sua presenza onorò il Senato, egli ricapitolò in un
modesto discorso i servigi, che gli aveva prestati, e le proprie
imprese; assicurò quell'illustre Ordine della sincera sua stima; e
promise di ristabilirne l'antica dignità, e gli antichi privilegi. Il
Senato, per gratitudine a queste non sincere proteste, corrispose co'
vani titoli d'onore, ch'era tuttavia in suo potere di conferire; e senza
presumere di ratificare l'autorità di Costantino, decretò di assegnare
ad esso il primo posto fra i tre Augusti, che governavano in quel tempo
il mondo Romano[401]. S'instituirono feste e giuochi per conservar la
fama della sua vittoria, e vari edifizi, eretti a spese di Massenzio,
furon dedicati all'onore del fortunato rivale. Rimane tuttavia in piedi
l'arco trionfale di Costantino, come una trista prova dalla decadenza
delle arti, ed un singolar testimonio della più vil vanità. Siccome non
potea trovarsi uno scultore nella Capitale dell'Impero, che fosse capace
di adornar quel pubblico monumento, venne spogliato delle sue più
eleganti figure l'arco di Traiano, senz'alcun riguardo nè per la memoria
di lui, nè per le regole della decenza. Fu totalmente posta in
dimenticanza la diversità de' tempi, e delle persone, ugualmente che
quella delle azioni, e de' caratteri. Si vedono i Parti come schiavi
prostrati a' piedi di un Principe, che non portò mai le sue armi di là
dall'Eufrate; ed i curiosi antiquari possono ravvisare fra i trofei di
Costantino il capo ancor di Traiano. Son eseguiti poi nella maniera più
rozza e grossolana i nuovi ornamenti, che bisognò frapporre ne' vuoti,
che restavano fra le antiche sculture[402].

L'abolimento totale delle guardie Pretoriane fu un atto di prudenza non
meno che di vendetta. Quelle truppe superbe, delle quali aveva Massenzio
restituito, ed anche aumentato il numero ed i privilegi, furon soppresse
per sempre da Costantino. Il loro fortificato campo restò distrutto, ed
i pochi Pretoriani, avanzati alla furia della strage, vennero dispersi
fra le legioni, e confinati alle frontiere dell'Impero, dove potevano
esser utili senza divenir nuovamente pericolosi[403]. Col sopprimer le
truppe, che ordinariamente stavano alla difesa di Roma, Costantino diede
il colpo fatale alla dignità del Senato e del Popolo; e la Capitale
disarmata restò senza difesa, esposta agl'insulti e al disprezzo del suo
lontano padrone. Noi possiamo osservare che i Romani in quest'ultimo
sforzo che fecero, per conservare la spirante lor libertà, avevano
innalzato al Trono Massenzio pel timore di un tributo. Egli però non
lasciò di esigerlo dal Senato sotto nome di libero donativo. Implorarono
quindi l'aiuto di Costantino, che vinse il tiranno, e converti il libero
donativo in una tassa perpetua. I Senatori furon distribuiti, secondo la
dichiarazione, che doveron fare di lor sostanze, in varie classi. I più
ricchi pagavano otto libbre d'oro l'anno; quattro quelli della seconda
classe, quelli della terza due; e quelli che per la lor povertà potevano
aver diritto ad un'esenzione, furon ciò nonostante tassati a sette
monete d'oro per ciascheduno. Oltre i membri regolari del Senato,
godevano ancora i vani privilegi dell'Ordine senatorio e ne sostenevano
i gravi pesi, i loro figliuoli, i discendenti, e fin anche i congiunti;
nè ci sorprenderà più da ora in poi, che Costantino fosse tanto
premuroso di accrescere il numero delle persone comprese in una sì utile
descrizione[404]. Dopo la disfatta di Massenzio l'Imperator vittorioso
non passò più di due o tre mesi in Roma, che due altre volte fu da lui
visitata in tutto il resto della sua vita per celebrare la solennità del
decimo e del ventesimo anno del suo regno. Costantino era quasi sempre
in moto per esercitar le legioni, o per esaminar lo stato delle
province. I luoghi occidentali di sua residenza furono Treveri, Milano,
Aquileia, Sirmio, Naisso e Tessalonica, finchè fondò nei confini
dell'Europa o dell'Asia una nuova Roma[405].

[A. D. 313]

Costantino, avanti di passare in Italia, s'era assicurato dell'amicizia,
o almeno della neutralità di Licinio, Imperatore dell'Illirico. Aveva
egli promesso in matrimonio a quel Principe la sua sorella Costanza; ma
era stata differita la celebrazione delle nozze, finchè fosse finita la
guerra; e l'incontro, de' due Imperatori a Milano, stabilito a tal uopo,
parve che stringesse l'unione delle lor famiglie e de' loro
interessi[406]. In mezzo alle pubbliche feste furono ad un tratto
costretti a separarsi; perchè l'invasione dei Franchi richiamò
Costantino verso il Reno, e l'avvicinarsi che faceva in aria di nemico
il Sovrano dell'Asia, richiedeva l'immediata presenza di Licinio.
Massimino era stato in segreta confederazione con Massenzio, e senza
scoraggiarsi per la disgrazia di lui, risolvè di tentar la fortuna di
una guerra civile. Nel colmo dell'inverno si mosse dalla Siria verso le
frontiere della Bitinia. La stagione era rigida e tempestosa; perì gran
numero d'uomini e di cavalli nella neve, e siccome dalle piogge continue
si eran rotte le strade, fu costretto a lasciarsi dietro una parte
considerabile del pesante bagaglio, che non poteva seguire la rapidità
delle sue marcie forzate. Mediante questo sforzo straordinario di
diligenza, egli arrivò con una stanca ma formidabil armata alle rive del
Bosforo Tracio, avanti che i capitani di Licinio fossero neppure
informati della sua ostile intenzione. Bisanzio, dopo un assedio di
undici giorni, si rendè alla forza di Massimino; esso fu trattenuto
qualche giorno sotto le mura di Eraclea, ma ebbe appena preso possesso
di quella città, che fu sorpreso dalla notizia, che Licinio erasi
accampato alla distanza di sole diciotto miglia. Dopo inutili pratiche,
nelle quali i due Principi tentarono di sedurre scambievolmente la
fedeltà de' loro aderenti, ricorsero alla decisione delle armi.
L'Imperatore d'Oriente comandava una truppa disciplinata e veterana di
sopra settantamila uomini, e Licinio, che aveva raccolto circa
trentamila Illirici, a principio fu oppresso dalla superiorità del
numero; ma la sua militar perizia e la fermezza de' suoi soldati
rinnovarono la battaglia, ed ottennero una decisiva vittoria.
L'incredibil prestezza che usò Massimino in fuggire, è molto più celebre
della sua bravura in combattere. Fu egli veduto, ventiquattr'ore dopo,
tremante, pallido, e senza gli ornamenti Imperiali a Nicomedia, distante
centosessanta miglia dal luogo della sua rotta. Non erano ancora esauste
le ricchezze dell'Asia; e sebbene avesse perduto il fiore de' suoi
veterani nell'ultim'azione, pure, se avesse avuto tempo, poteva trarre
un gran numero di soldati dalla Siria e dall'Egitto. Ma egli sopravvisse
solamente tre o quattro mesi alla sua disgrazia. La morte di lui, che
seguì a Tarso, fu da varie persone attribuita alla disperazione, al
veleno, ed alla Divina Giustizia. Siccome però Massimino era egualmente
privo di abilità e di virtù, esso non fu compianto nè dal popolo nè da'
soldati, e le Province orientali, libere dal terrore di una guerra
civile, riconobbero ben volentieri l'autorità di Licinio[407].

Restaron due figli del vinto Imperatore; un maschio di circa otto anni,
ed una femmina di circa sette. Avrebbe l'innocente loro età potuto
eccitar compassione; ma la compassione di Licinio era un molto debole
appoggio, nè lo ritenne dall'estinguere il nome e la memoria del suo
avversario. Meno ancora può scusarsi la morte di Severiano, che non fu
dettata nè dalla vendetta, nè dalla politica. Il vincitore non avea mai
ricevuto alcuna ingiuria dal padre di quel disgraziato giovane, ed era
già dimenticato il breve ed oscuro regno, che Severo ebbe in una parte
lontana dell'Impero. Ma l'esecuzione di Candidiano fu un atto della più
nera crudeltà ed ingratitudine; egli era figlio naturale di Galerio,
amico e benefattor di Licinio. Il padre prudentemente l'avea creduto
troppo giovane per sostenere il peso di una corona; ma sperava, che
sotto la protezione di Principi, che al favore di lui dovevan la
porpora, Candidiano avrebbe potuto passare una vita sicura ed onorevole.
Esso era giunto all'età di circa venti anni, e la regale sua nascita,
quantunque non sostenuta nè dal merito nè dall'ambizione, era
sufficiente ad inasprire lo spirito geloso di Licinio[408]. A queste
innocenti ed illustri vittime della sua tirannia conviene aggiunger la
moglie e la figlia dell'Imperator Diocleziano. Allorchè questo Principe
conferì a Galerio il titolo di Cesare, gli diede per moglie la propria
figlia Valeria, le cui triste avventure potrebber somministrare un
soggetto molto singolare di tragedia. Aveva essa adempito, ed anche
superato i doveri di una moglie; e poichè non avea figli, si contentò di
adottare il figlio illegittimo del suo marito, ed ebbe costantemente per
l'infelice Candidiano la tenerezza e la cura di vera madre. Dopo la
morte di Galerio le vaste possessioni di lei eccitarono l'avarizia, e le
personali attrattive i desiderj del successor Massimino[409]. Egli aveva
una moglie vivente, ma dalle leggi Romane si permetteva il divorzio; e
la fiera passion del Tiranno lo spingeva ad una immediata soddisfazione.
La risposta di Valeria fu quale si conveniva ad una figlia e vedova
d'Imperatori: ma fu temperata dalla prudenza, di cui la sua situazione
senza difesa l'obbligava a far uso. Rappresentò alle persone, da
Massimino impiegate in tal affare, che «quando ancora l'onore potesse
permettere ad una donna del suo carattere e della sua dignità di pensare
alle seconde nozze, la decenza almeno doveva impedirle di prestar
orecchio alle proposte di lui in un tempo, in cui erano tuttor calde le
ceneri del marito di lei e benefattore di Massimino, ed in cui gli abiti
di lutto esprimevano ancora la mestizia del proprio animo. Si avventurò
a dichiarare in oltre ch'essa poteva dare ben poco peso alle proteste di
un uomo, la crudele incostanza del quale era capace di repudiare una
fedele ed affezionata consorte». A questo rifiuto l'amore di Massimino
si mutò in furore, e come poteva disporre a suo piacimento di testimoni
e di giudici, gli riuscì facilmente di coprir la sua rabbia con un
apparenza di processura legale, e di perseguitare nel tempo stesso la
riputazione e la felicità di Valeria. Furono confiscati i beni di lei; i
suoi eunuchi e domestici sottoposti ai più crudeli tormenti; e diverse
innocenti rispettabili matrone, onorate dell'amicizia di lei, falsamente
accusate d'adulterio, soffriron la morte. L'Imperatrice medesima,
insieme con Prisca sua madre, fu condannata all'esilio: e poichè avanti
di esser confinate in un remoto villaggio ne' deserti della Siria,
furono ignominiosamente balzate di luogo in luogo, si mostrò manifesta
la loro vergogna e miseria alle province dell'Oriente, che per
trent'anni aveano rispettato l'augusta lor dignità. Diocleziano fece
molti inutili sforzi per sollevar le disgrazie della sua figliuola, e
chiedeva per ultima ricompensa della porpora imperiale, ch'egli avea
dato a Massimino, che fosse permesso a Valeria di seco ritirarsi a
Salona per chiuder gli occhi all'afflitto suo padre[410]. Egli non
cessava di chiedere, ma siccome non poteva più minacciare, le sue
preghiere furono ricevute con freddezza e disprezzo, ed era una
soddisfazione per l'orgoglio di Massimino il trattar Diocleziano da
supplicante, e la figliuola di lui da delinquente. Sembrava, che la
morte di Massimino assicurasse una favorevole mutazione alla fortuna
delle Imperatrici. Il pubblico disordine assopì la vigilanza delle lor
guardie, ed esse trovaron facilmente la maniera di fuggire dal luogo del
loro esilio, e di condursi, quantunque con cautela e travestite, alla
Corte di Licinio. La condotta di lui ne' primi giorni del suo regno, e
l'onorevole accoglienza che fece al giovane Candidiano, posero in cuore
a Valeria una segreta speranza, tanto relativamente a se stessa, che al
suo figliuolo adottivo. Ma succederon ben presto lo spavento e l'orrore
a queste grate apparenze, e le sanguinose esecuzioni, che macchiarono il
palazzo di Nicomedia, la convinsero a sufficienza, che il trono di
Massimino era occupato da un tiranno più inumano di lui. Valeria
provvide alla propria sicurezza, mediante una precipitosa fuga, e sempre
accompagnata da Prisca sua madre, andò vagando più di quindici mesi[411]
per varie province, sconosciuta, sotto povere vesti. Furono finalmente
scoperte a Tessalonica, e siccome era già stata pronunziata contro di
loro la sentenza di morte, vennero immediatamente decapitate, ed i loro
corpi gettati nel mare. Il popolo stupì a questo funesto spettacolo; ma
ne fu soppresso il cordoglio e lo sdegno dal timor de' soldati. Tal fu
l'indegno destino della moglie e della figliuola di Diocleziano. Noi
deploriamo le loro disgrazie, noi non possiamo scoprirne i delitti, e
per quanto possiam giustamente credere che grande fosse la crudeltà di
Licinio, fa sempre maraviglia, che egli non si contentasse di una più
segreta e decente maniera di vendicarsi[412].

Il Mondo Romano restava diviso fra Costantino e Licinio, il primo de'
quali dominava nell'Occidente, e l'altro nell'Oriente. Si avrebbe avuto
forse motivo di presumere, che i vincitori, stanchi di tante guerre
civili, e legati fra loro con vincoli sì pubblici che privati, dovessero
abbandonare o almeno sospendere ogni ulteriore disegno di ambizione;
eppure non fu appena passato un anno dopo la morte di Massimino, che i
vittoriosi Imperatori voltarono le armi l'uno contro dell'altro. Il
genio, la fortuna, e l'indole ambiziosa di Costantino potrebbero farlo
risguardare come aggressore; ma il perfido carattere di Licinio
giustifica qualunque strano sospetto contro di lui, e colla debole luce,
che somministra l'istoria su questo fatto[413] possiamo scoprire ch'egli
fomentò co' proprj artifizi una conspirazione contro l'autorità del suo
collega. Costantino aveva ultimamente unito in matrimonio la sua sorella
Anastasia con Bassiano, persona di famiglia e di fortuna considerabile,
innalzando il suo nuovo congiunto al grado di Cesare. Secondo il sistema
di governo istituito da Diocleziano, ad esso toccavano per sua parte
nell'Impero l'Italia, e forse l'Affrica. Ma l'esecuzione della promessa
fu, o differita tant'oltre, o accompagnata da condizioni così
svantaggiose, che l'onorevole distinzione, ottenuta da Bassiano, servì
ad alienare piuttosto che ad assicurar la sua fedeltà a Costantino.
L'elezione di lui era stata ratificata dal consenso di Licinio; e
quest'artifizioso Principe per mezzo de' suoi emissarj ben presto
procurò di entrare in una segreta e pericolosa corrispondenza col nuovo
Cesare, per irritarne il disgusto, e stimolarlo alla temeraria impresa
di estorcere per forza quello, che non poteva ottenere dalla giustizia
di Costantino. Ma il vigilante Imperatore scoprì la cospirazione avanti
che fosse giunta alla sua maturità, e dopo di aver solennemente
rinunziata l'alleanza di Bassiano, lo spogliò della porpora, e gli diede
la pena che meritava il tradimento e l'ingratitudine di un tal uomo. Il
superbo rifiuto di Licinio, allorchè fu ricercato di rendere i
delinquenti, che si eran rifuggiti ne' suoi dominj, confermò il sospetto
che già si aveva della sua perfidia; e gl'indegni trattamenti fatti in
Emona, sulle frontiere dell'Italia, alle statue di Costantino, furono il
segno della discordia fra questi due Principi[414].

[A. D. 314]

Seguì la prima battaglia presso Cibali, città della Pannonia sul fiume
Savo intorno a cinquanta miglia sopra Sirmio[415]. Dalle piccole forze
che in tale importante incontro due sì potenti Monarchi posero in campo,
si può dedurre, che l'uno fu irritato subitaneamente, e l'altro sorpreso
all'improvviso. L'Imperator d'Occidente aveva solo ventimila, e quello d
Oriente non più di trentacinquemila uomini; era però il minor numero
compensato dal vantaggio del luogo. Costantino avea preso posto in un
passo largo circa mezzo miglio, fra una scoscesa rupe ed una profonda
palude; in tal situazione aspettò con fermezza, e rispinse il primo
attacco dell'avversario. Quindi seguitò la sua fortuna, e si avanzò nel
piano; ma le legioni veterane dell'Illirico si riunirono sotto il
comando di un Capitano, che aveva imparata la milizia nella scuola di
Probo e di Diocleziano. I dardi finirono presto da ambe le parti; i due
eserciti attaccarono con ugual valore una pugna più stretta di lance e
spade, ed il contrasto era durato dubbioso dal far del giorno fino
all'ultim'ora della sera, quando l'ala destra, che Costantino comandava
in persona, diede un assalto vigoroso e decisivo. La giudiziosa ritirata
di Licinio salvò il resto delle sue truppe da una totale disfatta; ma
quando egli vide la sua perdita, che ascendeva a più di ventimila
uomini, non credè sicuro di passar la notte a fronte di un attivo e
vittorioso nemico. Abbandonato il campo ed i magazzini, marciò con
diligenza e segretamente alla testa della maggior parte della sua
cavalleria, e fu presto liberato dal pericolo di essere inseguito. La
sua diligenza salvò la sua moglie, il suo figliuolo, ed i tesori che
aveva depositati A Sirmio. Licinio passò per quella città, e, rotto il
ponto sul Savo, si affrettò a raccogliere un nuovo esercito nella Dacia
e nella Tracia. Nell'atto della sua fuga, diede il titolo precario di
Cesare a Valente, suo Generale nella frontiera dell'Illirico[416].

Il piano di Mardia nella Tracia fu il teatro di una seconda battaglia,
non meno ostinata e sanguinosa della prima. Le truppe mostrarono da ambe
le parti l'istesso valore e la stessa disciplina; ed anche questa volta
fu decisa la vittoria dalla superiore abilità di Costantino, che diresse
un corpo di cinquemila uomini ad occupare un'altezza vantaggiosa, da cui
mentre più ardeva l'azione attaccarono la retroguardia del nemico, e ne
fecero considerabile strage. Ciò nonostante le truppe di Licinio,
presentando la fronte in due luoghi, mantennero sempre il lor posto,
finchè l'approssimarsi della notte pose fine al combattimento, ed
assicurò la lor ritirata verso i monti della Macedonia[417]. La perdita
di due battaglie e de' suoi più valorosi veterani ridusse il fiero
spirito di Licinio a domandar la pace. Fu ammesso all'udienza di
Costantino l'Ambasciatore Mistriano, che spaziò ne' comuni argomenti di
moderazione e di umanità, sì famigliari all'eloquenza de' vinti;
rappresentò nella maniera la più insinuante, ch'era sempre dubbioso
l'esito della guerra, mentre le inevitabili calamità della medesima
erano dannose del pari ad ambe le parti che contendevano; e dichiarò di
essere autorizzato a proporre in nome de' _due_ Imperatori suoi Signori
una stabile ed onorevole pace. Il nome di Valente non incontrò appresso
Costantino che sdegno e disprezzo. «Non per questo fine (replicò egli
burberamente) ci siamo avanzati dai lidi dell'Oceano occidentale con un
corso non interrotto di battaglie e di vittorie, ad oggetto cioè di
accettar per nostro collega un miserabile schiavo dopo d'aver rigettato
un ingrato congiunto. Il primo articolo del trattato dev'essere
l'abdicazione di Valente[418].» Bisognò adattarsi a questa condizione
umiliante, e l'infelice Valente, dopo un regno di pochi giorni, fu
spogliato della porpora e della vita. Tosto che quest'ostacolo fu tolto
di mezzo, si restituì facilmente la tranquillità al Mondo Romano. Le
successive disfatte di Licinio avevan rovinate le forze di lui, ma nel
tempo stesso ne avevan dimostrato il coraggio ed i talenti. La sua
situazione era quasi senza speranza, ma qualche volta gli sforzi della
disperazione riescono formidabili; ed il buon senso di Costantino
preferì un vantaggio grande e sicuro ad un terzo esperimento della sorte
dell'armi. Consentì egli di lasciar al suo rivale, o com'esso chiamava
nuovamente Licinio, al suo amico e fratello, il possesso della Tracia,
dell'Asia minore, della Siria, e dell'Egitto; ma le Province della
Pannonia, della Dalmazia, della Dacia, della Macedonia, e della Grecia
furon cedute all'Impero d'Occidente, ed il dominio di Costantino si
estese in quest'occasione da' confini della Caledonia fino all'estremità
del Peloponneso. Nel medesimo trattato si convenne che i tre giovani
reali, figli degl'Imperatori, fosser chiamati alla speranza della
successione. Crispo e Costantino il Giovane furono poco dopo dichiarati
Cesari nell'Occidente, mentre nell'Oriente Licinio il Giovane fu
decorato della medesima dignità. In questa doppia proporzione di onori
dimostrò il vincitore la superiorità delle sue armi e della sua
potenza[419].

Quantunque la riconciliazione fra Costantino e Licinio amareggiata fosse
dal risentimento e dalla gelosia, dalla rimembranza delle recenti
ingiurie e dal timore de' futuri pericoli, pure si mantenne per più di
ott'anni la pace del Mondo Romano. Siccome incomincia intorno a questo
tempo una serie molto regolare di leggi Imperiali, non sarà difficile di
enunciare i regolamenti civili, che occuparono la vita tranquilla di
Costantino. Ma le più importanti fra le sue costituzioni sono
intimamente connesse col nuovo sistema di politica e di religione, che
non fu stabilito perfettamente che negli ultimi pacifici anni del regno
di lui. Vi sono molte delle sue leggi, che interessando i diritti ed i
beni degl'individui non meno che la pratica del foro, posson riferirsi
più propriamente alla privata che alla pubblica Giurisprudenza
dell'impero; ed egli pubblicò molti editti così locali e temporarj, che
non meritano che se ne faccia parola in un Istoria generale. Due però ne
vogliamo scegliere fra gli altri; l'uno per l'importanza, l'altro per la
singolarità. La prima legge dimostra la notabile umanità di Costantino,
la seconda poi l'eccessiva severità del medesimo. I. L'orribil costume,
sì frequente fra gli antichi, di esporre o di uccidere i figli nati di
fresco, si era sempre più esteso nelle Province, e specialmente
nell'Italia. Questo era l'effetto della miseria, la quale principalmente
proveniva dal peso intollerabile de' tributi, e dalle moleste e crudeli
persecuzioni degli Uffiziali del Fisco contro i debitori insolventi. La
parte più povera o meno industriosa dell'uman genere invece di gradire
l'aumento della famiglia, giudicava un atto di tenerezza paterna quello
di liberare i propri figli dalle imminenti miserie di una vita, che non
potevano sostenere. L'umanità di Costantino, forse mossa da alcuni
recenti e straordinari esempi di disperazione, lo indusse a pubblicare
un editto in tutte le città dell'Italia, e dopo dell'Affrica, diretto a
somministrare immediati, e sufficienti soccorsi a que' padri, che
avesser presentato ai Magistrati i figliuoli, che la povertà non
permetteva lor di educare. Ma la promessa era troppo liberale, e la
provvisione troppo incerta per produrre un benefizio generale e
durevole[420]. Sebbene la legge meriti lode, pure servì piuttosto a
scoprire che a sollevar la pubblica calamità. Questo è un autentico
documento, che sempre sussiste, per contraddire e confonder quegli
oratori venali, che troppo eran soddisfatti della lor situazione per
manifestare il vizio e la miseria sotto il governo d'un generoso
Sovrano[421].

II. Le leggi di Costantino contro i ratti dimostrano ben poca indulgenza
per le più lusinghevoli debolezze della natura umana; giacchè si applicò
la denominazione di quel delitto non solamente alla violenza brutale che
sforza, ma anche all'insinuante seduzione, che può persuadere una donna
non maritata, minore di venticinque anni, a lasciar la casa dei suoi
genitori. «Chi aveva eseguito il ratto era punito colla morte; e come se
la semplice morte non fosse corrispondente all'enormità del misfatto,
egli doveva o esser bruciato vivo, o fatto in pezzi dalle fiere
nell'anfiteatro. La dichiarazione che potea far la rapita, che ciò era
seguito col consenso di lei, invece di salvare l'amante, esponeva lei
medesima ad esser partecipe della pena. Ai genitori della colpevole, o
disgraziata fanciulla era ingiunto il dovere di pubblicamente accusarla;
e se mai prevaleva in essi il sentimento naturale in maniera da far loro
dissimulare l'ingiuria, e riparare, mediante il successivo matrimonio,
l'onore della famiglia, eran puniti colla confiscazione e coll'esilio.
Gli schiavi dell'uno e dell'altro sesso, convinti di aver dato mano al
ratto o alla seduzione, erano bruciati vivi, o posti a morte
coll'ingegnoso tormento di versare loro in gola una quantità di piombo
liquefatto. Poichè il delitto era pubblico, n'era permessa l'accusa
eziandio agli stranieri. La facoltà di agire non si limitava ad alcun
termine di anni e si estendevano le conseguenze della sentenza anche
alla prole innocente che nasceva da tale irregolar congiunzione[422].»
Ma quando il castigo eccita più orrore, che il delitto, il rigor della
legge penale dee cedere ai comuni sentimenti dell'umanità. Furono dunque
mitigate ne' regni seguenti, o revocate le parti più odiose di tal
editto[423]; e Costantino medesimo con atti speciali di clemenza bene
spesso ammollì la durezza delle sue generali costituzioni. Così era
infatti singolarmente disposto quell'Imperatore, che tanto si dimostrava
indulgente, ed anche trascurato nell'esecuzione delle sue leggi, quanto
era severo anzi crudele nel farle. Difficilmente però può vedersi un
segno di debolezza più decisivo di questo o nel carattere del Principe,
o nella costituzione del Governo[424].

L'amministrazione civile fu qualche volta interrotta dalla militar
difesa dell'Impero. Crispo, giovane di amabilissima indole, che insieme
col titolo di Cesare avea ricevuto il comando del Reno, segnalò la sua
condotta ed il suo valore in diverse vittorie riportate sopra i Franchi
e gli Alemanni: ed insegnò a' Barbari di quella frontiera a temere il
primogenito di Costantino ed il nipote di Costanzo[425]. L'Imperatore
avea preso per se la provincia più difficile ed importante del Danubio.
I Goti, che al tempo di Claudio o di Aurelio, avevan sentito il peso
delle armi Romane, rispettarono il poter dell'Impero anche in mezzo alle
interne divisioni del medesimo. Ma in una pace di quasi cinquant'anni
erasi ristabilita la forza di quella guerriera nazione; si era formata
una nuova generazione, che non rammentava più le passate disgrazie: i
Sarmati della palude Meotide seguitarono le bandiere dei Goti, o come
sudditi o come alleati, o le lor forze unite invasero le regioni
dell'Illirico. Sembra che Campona, Margo e Bologna fossero le scene di
vari memorabili assedj e combattimenti[426]; e quantunque Costantino
incontrasse una resistenza molto ostinata, finalmente prevalse nella
guerra, ed i Goti furono costretti a procurarsi una vergognosa ritirata
con restituire la preda ed i prigionieri che avevan fatto. Nè tal
vantaggio servì a soddisfare lo sdegno dell'Imperatore. Egli risolvè di
castigare non men che rispingere l'insolenza dei Barbari, che avevano
ardito d'invadere il paese Romano. Alla testa delle sue legioni passò il
Danubio sopra un ponte, ch'era stato costrutto da Traiano, e ch'egli fè
ristorare, penetrò ne' più forti nascondigli della Dacia[427], e quando
gli ebbe severamente puniti, condiscese a conceder la pace ai Goti
supplichevoli, a condizione, che ogni volta che fosser richiesti, gli
somministrassero un corpo di quarantamila soldati[428]. Imprese di
questa sorta facevano senza dubbio grand'onore a Costantino, e vantaggio
allo Stato, ma si ha giusto motivo di dubitare, se provar si possa
l'esagerata asserzione di Eusebio, che tutta la Scizia fino
all'estremità del Settentrione, divisa com'era in tanti Popoli di
costumi i più selvaggi ed i più differenti fra loro, per mezzo delle
vittoriose sue armi erasi aggiunta all'Imperio Romano[429].

[A. D. 323]

Era impossibile che in questo sublime stato di gloria Costantino potesse
più lungamente soffrire un collega nell'Impero. Confidando nella
superiorità del suo genio, e della sua forza militare, si determinò,
senza alcuna precedente ingiuria, di farne uso per la distruzion di
Licinio, di cui l'età ormai avanzata, od i vizi odiosi al popolo pareva
che gli presentassero una ben facil conquista[430]. Ma il vecchio
Imperatore, eccitato dall'imminente pericolo, deluse l'aspettazione sia
degli amici, che de' nemici. Richiamando quello spirito, e que' talenti,
per mezzo di cui s'era meritata l'amicizia di Galerio, e la porpora
Imperiale, preparossi alla guerra, unì le forze dell'Oriente, e in poco
tempo coprì le pianure di Adrianopoli colle sue truppe, e lo stretto
dell'Ellesponto colla sua flotta. L'esercito era composto di
centocinquantamila fanti, e di quindicimila cavalli; e siccome la
cavalleria per la maggior parte era presa dalla Frigia e dalla
Cappadocia, possiamo formare un'idea più favorevole della bellezza de'
cavalli, che del coraggio e della destrezza de' cavalieri. La flotta
consisteva in trecentocinquanta galere di tre ordini di remi.
Centotrenta di queste furon somministrate dall'Egitto, e dalle adiacenti
coste dell'Affrica; centodieci da' porti della Fenicia e dell'Isola di
Cipro, e le altre centodieci dalle parti marittime della Bitinia, della
Jonia e della Caria. Le truppe di Costantino si dovevan riunire a
Tessalonica; ed ascendevano a sopra centoventimila fra cavalli e
fanti[431]. Esso fu soddisfatto del lor marziale aspetto, ed il suo
esercito realmente conteneva più soldati, quantunque minore nel numero
degli uomini, che quello del suo competitore orientale. Le legioni di
Costantino eran formate nelle più guerriere Province dell'Europa;
l'esercizio ne aveva invigorita la disciplina, la vittoria innalzate le
speranze, e trovavasi fra loro un gran numero di veterani, che dopo
diciassette gloriose campagne sotto il medesimo condottiero, si
preparavano a meritare un'onorevol dimissione coll'ultimo sforzo del lor
valore[432]. Ma i preparativi navali di Costantino erano per ogni capo
molto inferiori a quelli di Licinio. Le città marittime della Grecia
mandarono le rispettive lor quote d'uomini e di navi al porto famoso di
Pireo, e tutte le lor forze, prese insieme, non sorpassarono il numero
di dugento piccoli vascelli: assai debole armamento, se voglia
paragonarsi con quelle formidabili flotte messe in mare, e mantenute
dalla Repubblica d'Atene al tempo della guerra del Peloponneso[433]. Non
essendo l'Italia più da gran tempo la sede del Governo, gli stabilimenti
navali di Miseno e di Ravenna si erano o poco a poco trascurati; e
siccome la navigazione e la marineria dell'Impero venivano sostenute dal
commercio anzi che dalla guerra, era naturale che dovessero abbondare
più nelle industriose province dell'Egitto e dell'Asia. Solamente fa
meraviglia che l'Imperatore dell'Oriente, che aveva in mare una
superiorità così grande, trascurasse l'occasione di portare una guerra
offensiva nel contro de' dominj del suo rivale.

[A. D. 323]

Invece di prendere tale attiva risoluzione, che avrebbe potuto far mutar
faccia a tutta la guerra, il prudente Licinio aspettò l'avvicinamento
del suo rivale presso Adrianopoli in un campo da esso fortificato con sì
premurosa diligenza, che ben dimostrava il timor ch'egli aveva
dell'evento. Costantino diresse la sua marcia da Tessalonica verso
quella parte della Tracia, sinchè si trovò arrestato dall'ampio rapido
corso dell'Ebro, e scoprì il numeroso esercito di Licinio, che occupava
il ripido declive del monte, dal fiume alla città di Adrianopoli.
Passarono vari giorni in dubbiose e lontane scaramucce; ma furon tolti
finalmente gli ostacoli del passaggio e dell'attacco dall'intrepida
condotta di Costantino. Qui non possiamo a meno di riferire un fatto
maraviglioso di esso, a cui sebbene possa difficilmente trovarsi
l'uguale nella poesia o ne' romanzi, pure si trova celebrato non già da
un venale oratore addetto alla fortuna di lui, ma da un Istorico,
special nemico della famiglia del medesimo. Si assicura che il valoroso
Imperatore gettossi nell'Ebro accompagnato solo da dodici cavalieri, e
che per lo sforzo delle sue invincibili armi, ruppe, disordinò, e pose
in fuga un esercito di cinquantamila uomini. La credulità di Zosimo
prevalse in tal modo alla sua passione, che sembra che fra gli eventi
della memorabil battaglia di Adrianopoli scegliesse e adornasse non già
il più importante, ma il più maraviglioso. Conferma il valore ed il
pericolo di Costantino una leggiera ferita, ch'esso ricevè nella coscia,
ma può rilevarsi anche da un'imperfetta narrazione, e forse da un testo
corrotto, che fu cagione della vittoria non meno la condotta del
Generale, che il coraggio dell'Eroe: che un corpo di cinquemila arcieri
girò ad occupare un folto bosco nella retroguardia del nemico, la cui
attenzione era impegnata nella costruzione di un ponte; e che Licinio,
confuso per tante artificiose evoluzioni, fu contro sua voglia tirato
dal suo vantaggioso posto a combattere nella pianura. Il combattimento
allora non fu più uguale; la confusa moltitudine delle nuove reclute di
lui restò facilmente vinta dagli sperimentati veterani dell'Occidente.
Si dice che trentaquattromila uomini vi fossero uccisi. Il campo
fortificato di Licinio fu preso per assalto la sera della battaglia; la
maggior parte de' fuggitivi, che si erano ritirati alle montagne, si
renderono il giorno dopo alla discrezione del vincitore; ed il suo
rivale, che non potè più tenersi in campagna aperta, si chiuse dentro le
mura di Bisanzio[434].

L'assedio di questa città, che fu immediatamente intrapreso da
Costantino, era molto laborioso ed incerto. Le fortificazioni di quella
piazza, che si risguardava con tanta ragione, come la chiave dell'Europa
e dell'Asia, erano state riparate ed accresciute nelle ultime guerre
civili; e finchè Licinio fu padrone del mare, la guarnigione era molto
meno esposta al pericolo della fame, che l'armata degli assedianti.
Furon chiamati al campo da Costantino i comandanti di mare, ed ebbero
positivi ordini di forzare il passo dell'Ellesponto nel tempo che la
flotta di Licinio, invece di cercare, e di distruggere il debole nemico,
restava inoperosa in quell'angusto stretto, dove la superiorità nel
numero era di poco uso, o vantaggio. A Crispo, figliuol maggiore di
Costantino, fu affidata l'esecuzione di quest'ardita impresa, ch'egli
condusse con tal coraggio e buon successo, che meritò la stima, ed
eccitò probabilissimamente la gelosia di suo padre. L'attacco durò due
giorni, e nella sera del primo le flotte, dopo una considerabil perdita
da ambe le parti, si ritirarono ne' lor rispettivi porti dell'Europa e
dell'Asia. Il secondo giorno, verso il mezzodì, levossi un forte vento
meridionale, che trasportò i vascelli di Crispo incontro al nemico[435],
ed avendo egli con avveduta intrepidezza profittato di questo casual
vantaggio, ben presto conseguì una piena vittoria. Cento trenta vascelli
restaron distrutti, cinquemila uomini uccisi, ed Amando, Ammiraglio
della flotta asiatica, colla maggior difficoltà si rifuggì ai lidi di
Calcedonia. Tosto che fu aperto l'Ellesponto, entrò nel campo di
Costantino, che aveva già avanzate le operazioni dell'assedio, un
abbondante convoglio di provvisioni. Egli formò dei mucchi artificiali
di terra ugualmente elevati che le mura di Bisanzio. Le alte torri, che
furono alzate su que' fondamenti, infestavano gli assediati con grosse
pietre e con dardi scagliati dalle macchine militari; e gli arieti, che
percuotevan le mura, le avevano rotte in vari luoghi. Se Licinio
persisteva più lungamente nella difesa, si esponeva ad esser involto
egli stesso nella rovina della piazza; avanti però che gli fosse chiusa
l'uscita, esso prudentemente trasferì a Calcedonia nell'Asia la sua
persona, ed i suoi tesori; e siccome bramò sempre di associar compagni
alle speranze ed ai rischi della sua fortuna, diede in quell'occasione
il titolo di Cesare a Martiniano, ch'esercitava uno degli Uffizj più
importanti dell'Impero[436].

Tali erano i ripieghi e tale l'abilità di Licinio, che dopo tante
successive disfatte raccolse di nuovo nella Bitinia un esercito di
cinquanta o sessantamila uomini, mentre l'attività di Costantino era
impiegata nell'assedio di Bisanzio. Il vigilante Imperatore nondimeno
non trascurò gli ultimi sforzi del suo antagonista. Fu trasportata in
piccoli legni una parte considerabile del suo vittorioso esercito sul
Bosforo, e subito ch'ebbe posto i piedi a terra sulle altezze di
Crisopoli, o come si dice adesso, di Scutari, fu attaccata la decisiva
battaglia. Le truppe di Licinio, quantunque levate di fresco, male
armate, e peggio disciplinate, resisterono ai vincitori con infruttuoso
ma disperato valore, finchè una total disfatta, e la strage di
venticinquemila uomini determinò irrevocabilmente il destino del loro
Capo[437]. Ritirossi egli a Nicomedia col fine di guadagnar tempo, e
colla mira piuttosto di entrare in trattato, che colla speranza di
un'efficace difesa. Costanza, moglie di lui e sorella di Costantino,
intercedè appresso il fratello in favor del marito, ed ottenne dalla
politica piuttosto che dalla compassione di questo una solenne promessa,
confermata con giuramento, che dopo il sacrificio di Martiniano, e la
rinunzia della porpora, sarebbe stato permesso a Licinio di passare il
rimanente della sua vita in pace, e nell'abbondanza. La condotta di
Costanza, e la parentela, che aveva colle parti che combattevano,
richiama naturalmente allo spirito la memoria di quella virtuosa
matrona, ch'era sorella di Augusto, e moglie di Antonio. Ma la maniera
di pensare degli uomini era mutata, e non si stimava più un'infamia per
un Romano il sopravvivere al proprio onore ed alla propria indipendenza.
Licinio chiese, ed accettò il perdono delle sue mancanze; si prostrò
colla porpora ai piedi del suo Signore e Padrone; con insultante pietà
fu sollevato da terra; nel medesimo giorno ammesso alla mensa Imperiale,
e poco dopo mandato a Tessalonica, ch'era stata scelta per luogo del suo
confino[438]. Questo per altro fu terminato in breve dalla morte; ed è
posto in dubbio se un tumulto de' soldati o un decreto del Senato servì
di pretesto all'esecuzione. Secondo le regole della tirannia fu accusato
di tentare una cospirazione, e di mantenere una perfida corrispondenza
co' Barbari; ma poichè non ne fa mai convinto nè dalla sua condotta, nè
da alcuna legittima prova, è permesso per avventura di presumerne
l'innocenza dalla sua debolezza[439]. Fu disonorata la memoria di
Licinio coll'infamia; ne furono gettate a terra le statue, ed abolite
tutte in un tratto le leggi ed i processi giudiziali del regno di lui
con un editto fatto con tale precipitazione, e di conseguenze tanto
cattive, che fu quasi subito dopo corretto[440].

[A. D. 324]

Con questa vittoria di Costantino, il Mondo Romano trovossi di nuovo
unito sotto l'autorità di un solo Imperatore, trentasette anni dopo che
Diocleziano ne avea diviso la potenza e le province con Massimiano suo
collega.

I gradi successivi dell'innalzamento di Costantino, dal tempo in cui
prese la porpora a York fino alla rinunzia di Licinio a Nicomedia, si
son riferiti minutamente e con precisione, non solo perchè i fatti per
se stessi interessano, ma molto più anche perchè i medesimi
contribuirono alla decadenza dell'Impero per cagione della gran perdita
di sangue e di danaro, e pel continuo accrescimento de' tributi non meno
che del corpo militare. Le immediate memorabili conseguenze di questa
rivoluzione furono la fondazione di Costantinopoli, e lo stabilimento
della Religione Cristiana.

FOOTNOTES:

[329] Il Sig. di Montesquien (Considerations sur la grandeur et la
decadence des Romains, c. 17.) suppone sull'autorità di Orosio e di
Eusebio, che in quella occasione l'Impero per la prima volta fu
_realmente_ diviso in due parti. È difficile però di rinvenire in qual
parte il sistema di Galerio differisse da quello di Diocleziano.

[330] _Hic non modo amabilis, sed etiam venerabilis Gallis fuit,
praecipue quod Diocletiani suspectam prudentiam, et Maximiani
sanguinariam violentiam Imperio ejus evaserant: Eutrop. Breviar. X. I._

[331] _Divitiis Provincialium (vel Provinciarum) ac privatorum studens,
fisci commoda non admodum affectans; ducensque melius publicas opes a
privatis haberi, quam intra unum claustrum reservari. Id. ibid._ Egli
portò questa massima tanto innanzi, che ogni qualvolta facea
trattamento, era obbligato a prendere in prestito un servito di
argenteria.

[332] Lattanzio _de Mort. Persecutor._ c. 16. Se fossero le
particolarità di questa conferenza più conformi alla verità ed al
decoro, si potrebbe sempre dimandare, come vennero a notizia di un
oscuro Retore? Ma vi sono vari Storici che ci fanno ricordare
l'ammirabile eletto del gran Condè al Cardinale di Retz. «Ces coquins
nous font parler et agir, come ils auroient fait eux mêmes à notre
place».

[333] _Sublatus nuper a pecoribus et silvis_ (dice Lattanzio, _de M. P._
c. 19.) _statim scutarius, continuo Protector, mox Tribunus, postridie
Caesar, accepit Orientem_, Aurel. Vittore è troppo liberale in dargli
tutta la porzione di Diocleziano.

[334] La sua esattezza e la sua fedeltà sono riconosciute eziandio da
Lattanzio. (_de M. P._ c. 18.)

[335] Questi divisamenti per altro si fondano sulla dubbiosa autorità di
Lattanzio (_de M. P._ c. 20.)

[336] Questa tradizione, ignota ai contemporanei di Costantino, fu
inventata tra l'oscurità dei monasteri; abbellita da Geoffrey di
Monmouth e dagli Scrittori del XII secolo, è stata sostenuta dai nostri
antiquari dell'ultimo secolo, e vien seriamente riferita nella pesante
storia d'Inghilterra, compilata dal Sig. Carte. (_vol. I. p. 147_) Egli
trasporta però il regno di Coil, immaginario padre di Elena, da Essex
alla muraglia di Antonino.

[337] Eutropio (X. 2.) indica in poche parole la verità, e quello che ha
dato luogo all'errore. _Ex obscuriori matrimonio ejus filius._ Zosimo
(1. II. p. 78.) si è attenuto all'opinione la più sfavorevole, ed è
stato in ciò seguitato da Orosio. (VII, 25.) Fa maraviglia che
Tillemont, Autore instancabile, ma parziale, non abbia fatta attenzione
all'autorità di lui. Insistendo sul divorzio di Costanzo, Diocleziano
veniva a conoscere la legittimità del matrimonio di Elena.

[338] Tre sono le opinioni sul luogo della nascita di Costantino. I. Gli
antiquari Inglesi eran soliti di fermarsi con compiacenza sopra queste
parole del Panegirista di lui: _Britannias illic oriendo nobiles
fecisti_; ma questo celebre passo si applica egualmente bene
all'avvenimento di Costantino, che alla nascita del medesimo. II. Alcuni
moderni Greci fan nascere questo Principe in Drepano, città situata sul
golfo di Nicomedia (Cellario T. II. p. 174), a cui Costantino dette
l'onorevol nome di Elenopoli, e che Giustiniano abbellì di superbi
edifizi. (_Procop. de aedific. V. 2._) Per vero dire è molto probabile,
che il padre di Elena avesse un albergo in Drepano, e che Costanzo vi
alloggiasse, quando ritornò dalla sua ambasceria in Persia sotto il
Regno di Aureliano. Ma nella vita errante d'un soldato, il luogo del suo
matrimonio e quello della nascita de' suoi figliuoli hanno pochissimo
rapporto l'un con l'altro. III. La pretensione di Naisso è fondata
sull'autorità d'uno Scrittore anonimo, l'opera di cui è stata pubblicata
alla fine della Storia di Ammiano p. 710, e che faceva generalmente uso
di buonissimi materiali. Questa terza opinione è altresì confermata da
Giulio Firmico (_de Astrologia_ 1. I. c. 4) che fioriva sotto
Costantino. Si son mossi dubbi sulla sincerità, e sull'intelligenza del
testo di Firmico, ma l'una di queste due cose è appoggiata ai migliori
manoscritti; e l'altra è stata bravamente difesa da Giusto Lipsio _de
magnitudine Rom._ l. IV. c. 11 e _Supplimento_.

[339] _Litteris minus instructus_; l'Anonimo _ad Ammian._ p. 710.

[340] Galerio, e forse il suo proprio coraggio, l'espose a gran
pericolo. In una disfida si mise sotto i piedi un Sarmata (Anonimo 710)
vinse un leone di smisurata grandezza. (Vedi Praxagor. presso Fozio p.
63.) Prassagora filosofo Ateniese avea scritta la vita di Costantino in
due libri che ora si son perduti. Egli era contemporaneo di questo
Principe.

[341] Zosimo l. II. p. 78, 79. Lattanzio _de Mort. Pers._ c. 24.
Rapporta il primo una ridicolosissima storia dicendo, che Costantino
fece tagliare i piedi a tutti i cavalli di cui s'era servito. Da un
procedere sì stravagante, inutile ad impedire che lo inseguissero,
sarebbero certamente nati sospetti, che avrebbero potuto arrestarlo nel
suo viaggio.

[342] Anonimo p. 710. _Panegir. Vet._ VII. 4. Ma Zosimo (l. II. p. 79)
Eusebio (_de vita Const._ l. I. c. 21) e Lattanzio (_de mort. Persec._
c. 24.) suppongono con minor fondamento, ch'ei trovasse suo padre nel
letto della morte.

[343] _Cunctis, qui aderant, annitentibus, sed praecipue Croco_ (alii
Eroco) _Alamannorum Rege, auxilii gratia Constantium comitato, imperium
capit._ Vittore il Giovane, cap. 41. Questo forse è il primo esempio
d'un Barbaro, che abbia servito ne' campi Romani con un corpo
indipendente de' suoi propri sudditi. Tale uso divenne famigliare, e
finì con esser funesto.

[344] Eumene, il suo panegirista (VII. 8.) ardì di asserire in presenza
di Costantino, che questi avea dato di sprone al suo cavallo e tentato,
ma in vano, di fuggire dalle mani de' suoi soldati.

[345] Lattanzio _de mort. Persec._ c. 25. Eumene (VII. 8) descrive tutte
queste circostanze collo stile d'un Retore.

[346] Egli è naturale d'immaginare, e pare che Eusebio lo indichi, cioè
che Costanzo morendo nominasse Costantino per suo successore. Questa
scelta sembra confermata dall'autorità la più sicura, che è il consenso
di Lattanzio (_de mort. Persecut._ c. 24.) e di Libanio (Orat. 1.); di
Eusebio (_Vit. Const._ l. 1. c. 18, 14), e di Giuliano (Orat. I.).

[347] Delle tre sorelle di Costantino, Costanza sposò l'Imperatore
Lacinio; Anastasia il Cesare Bassiano, ed Eutropia, il Console
Nepoziano. I suoi tre fratelli erano Dalmazio, Giulio Costanzo, e
Anniballiano, de' quali avremo in appresso occasion di parlare.

[348] Vedi Grutero (_inscript._ p. 178.) I sei Principi sono tutti
nominati: Diocleziano e Massimiano, come i più antichi Augusti, e come
Padri degli Imperatori. Essi unitamente dedicano questo magnifico
edifizio per l'uso dei _loro cari_ Romani. Gli architetti han disegnato
le rovine di queste Terme, e gli antiquari, particolarmente Donato e
Nardini, hanno determinato lo spazio che esse occupavano. Una delle gran
sale è ora la chiesa dei Certosini; ed è bastato un sol calidario per
un'altra chiesa, che appartiene ai Bernardoni.

[349] Lattanzio _de M. P._ c. 26, 31.

[350] Il sesto Panegirico mette nel più favorevol aspetto la condotta di
Massimiano; e l'espressione equivoca di Aurelio Vittore, _retractante
diu_, può significare egualmente che ei tramò la congiura, o che vi si
oppose. Si veda Zosimo l. II. p. 79, e Latt. _de M. P._ c. 26.

[351] Le circostanze di questa guerra e la morte di Severo son
raccontate diversissimamente, e con una maniera molto incerta ne' nostri
antichi frammenti. Vedi Tillem. _Hist. des Emp._ T. IV. p. 555. Io ho
procurato di cavarne un racconto conseguente e verisimile.

[352] Il sesto Panegirico fu recitato per celebrare l'innalzamento di
Costantino, ma il prudente Oratore evita di parlar di Galerio o di
Massenzio. Non fa che una leggiera allusione alle attuali turbolenze ed
alla Maestà di Roma.

[353] Vedi al proposito di questo trattato i frammenti d'un istorico
anonimo, che il Sig. di Valois ha pubblicato alla fine della sua
edizione di Ammiano Marcellino, pag. 711. Questi frammenti ci hanno
somministrato molti aneddoti curiosi, e per quanto apparisce, autentici.

[354] Lattanzio _de M. P._ c. 20. La prima di queste ragioni è presa da
Virgilio, quando fa dire ad uno de' suoi pastori:

    _Illam ego huic nostrae similem, Meliboee, putavi etc._

Lattanzio ama queste poetiche allusioni.

[355]

    _Castra super Tusci si ponere Tybridis undas; (Jubeus)_
    _Hesperios audax veniam metator in agros_
    _Tu quoscumque voles in planum effundere muros,_
    _His aries actus disperget saxa lacertis,_
    _Illu licet, penitus tolli quam jusseris urbem,_
    _Roma sit._

Lucan. Phars. 381.

[356] Lattanzio _de M. P._ c. 27. Zosimo l. II p. 82. Questi ci fa
sapere, che Costantino, nel suo abboccamento con Massimiano, avea
promesso di dichiarare la guerra a Galerio.

[357] Tillemont (_Hist. des Emp._ T. IV. P. I. p, 559.) ha provato che
Licinio, senza passare pel grado intermedio di Cesare, fu dichiarato
Augusto gli 11. Novembre dell'anno 307 dopo il ritorno di Galerio
dall'Italia.

[358] Lattanzio _de M. P._ c. 32. Quando Galerio innalzò Licinio alla
medesima dignità della sua, e lo dichiarò Augusto, credè di poter
contentare il suo giovane collega, immaginando per Costantino e
_Massimino_ (e non _Massenzio_, Vedi Baluzio p. 81.) il nuovo titolo _di
figli degli Augusti_. Ma Massimino gli fece sapere, ch'egli era già
stato salutato Augusto dall'esercito; o allora Galerio fu obbligato di
riconoscere questo Principe non altrimenti che Costantino, come eguali
associati alla dignità Imperiale.

[359] Vedi _Panegyr. Vet._ VI. 9. _Audi doloris nostri liberam vocem
etc._ Tutto questo passo è dettato dalla più fina e accorta adulazione,
ed è espresso con un'eloquenza facile e piacevole.

[360] Lattanzio _de M. P._ c. 28. Zosimo l. II. p. 82. Si fece correre
il rumore, che Massenzio era figlio di qualche oscuro Siriano, e che la
moglie di Massimiano l'avea sostituito al suo proprio figliuolo, V.
Aurelio Vittore, Anonim. Val. _Panegyr._ Vet. IX. 3. 4.

[361] _Ab urbe pulsum, ab Italia fugatum, ab Illyrica repudiatum, tuis
provinciis, tuis copiis, tuo palatio recepisti._ Eumen. _Panegyr. Vet._
VII. 14.

[362] Lattanzio _de Mort. Persec._ c. 39. Ciò nonostante quando
Massimiano ebbe deposta la porpora, Costantino gli conservò sempre la
pompa e gli onori della dignità Imperiale, e in tutte le pubbliche
occasioni dava la dritta al suo suocero. _Panegyr. Vet._ VII. 15.

[363] Zosimo L. II. p. 82. Eumen. _Panegyr. Veter._ VII 16-21.
Quest'ultimo ha rappresentato, senza dubbio, tutto l'affare nell'aspetto
più vantaggioso pel suo Sovrano; pure anche dalla parziale di lui
narrazione possiam concludere, che la ripetuta clemenza di Costantino,
ed i reiterati tradimenti di Massimiano, nella maniera in cui vengono
descritti da Lattanzio (_de M. P._ c. 29 30) e copiati da' moderni, non
son sostenuti da alcun istorico fondamento.

[364] Aurel. Vittor. c. 40. Ma quel lago era situato nella Pannonia
superiore vicino alle frontiere del Norico; e la Provincia di Valeria
(nome che ricevè dalla moglie di Galerio il territorio seccato) è senza
dubbio fra il Dravo e il Danubio (Sest. Rufo c. 9.) Io sospetterei
dunque che Vittore avesse confuso il lago Pelso con le paludi Volocee,
che hanno adesso il nome di lago Sabaton o Balaton. Questo è nel cuore
della Valeria, e l'estensione, che ha presentemente, non è minore di 12
miglia d'Ungheria (che sono circa 70 Inglesi) di lunghezza, e due di
larghezza. Vedi Severio. Pannonia lib. 1. c. 9.

[365] Lattanzio (_de M. P._ c. 33.) ed Eusebio (l. VIII. c. 16.)
descrivono gli accidenti ed il progresso di questa infermità con
singolare accuratezza, e, per quanto sembra, con piacere.

[366] Se alcuno tuttavia si dilettasse, come ultimamente fece il Dottor
Jortin (Osservazioni sull'Istoria Ecclesiastica vol. II. p. 307-356) di
far menzione delle morti maravigliose de' persecutori, io gli
raccomanderei di leggere un ammirabil passo di Grozio (Istor. l. VII. p.
332) rispetto all'ultima malattia di Filippo II Re di Spagna.

[367] Vedi Euseb. l. IX. 6. 10. Lattanz. _de M. P._ c. 36. Zosimo è meno
esatto, ed evidentemente confonde Massimiano con Massimino.

[368] Vedi il Panegirico VIII, nel quale Eumene alla presenza di
Costantino espone la miseria, e la gratitudine della Città di Autun.

[369] Eutrop. X. 3. _Paneg. Vet._ VII. 10, 11, 12. Furono in simil guisa
esposti molti giovani Franchi alla stessa crudele ed ignominiosa morte.

[370] Giuliano esclude Massenzio dal banchetto de' Cesari con
abborrimento e disprezzo, e Zosimo (l. II. p. 85) l'accusa di ogni
specie di crudeltà e di scelleratezza.

[371] Zosimo l. II. p. 83-85. Aurelio Vittore.

[372] Si dovrebbe leggere il passo di Aurelio Vittore nel seguente modo:
«Primus instituto pessimo, _munerum_ specie, Patres _oratoresque_
pecuniam conferre prodigenti sibi cogeret.»

[373] _Paneg. Vet._ IX. 3. Euseb. _Hist. Ecl._ VIII. 14. _et in vit.
Constant._ l. 33. 34. Rufin. c. 17. La virtuosa Matrona, la quale si
uccise per evitar la violenza di Massenzio, era Cristiana, e moglie del
Prefetto di Roma, chiamata Sofronia. Resta sempre in dubbio fra'
Casisti, se il suicidio in simili casi possa giustificarsi.

[374] L'indeterminata espressione di Aurelio Vittore è questa:
_Praetorianis caedem vulgi quondam annueret_. Vedasi un più
circostanziato, sebbene alquanto diverso racconto di un tumulto ed
uccisione, che avvenne a Roma, in Eusebio 1. VIII. c. 14, ed in Zosimo
lib. II. p. 84.

[375] Vedi ne' Panegirici (IX. 14) una viva descrizione della indolenza,
e del vano orgoglio di Massenzio. Osserva l'oratore in un altro luogo,
che le ricchezze accumulate in Roma nel corso di 1060 anni, furon
concesse dal Tiranno alle mercenarie sue truppe; _redemptis ad civile
latrocinium manibus ingesserat_.

[376] Dopo la vittoria di Costantino si conveniva generalmente, che il
motivo di liberar la Repubblica da un detestabil tiranno avrebbe in
qualunque tempo giustificato la di lui spedizione in Italia. Euseb. _in
vit. Constant. l. I. c. 26. Paneg. Vet. IX. 2_.

[377] Zosim. lib. II. 84-85. Nazar. in Panegyr. X. 7-13.

[378] Vedi _Paneg. Vet. IX. Omnibus fere tuis Comitibus et Ducibus non
solum tacite mussantibus, sed etiam aperte timentibus, contra consilia
hominum, contra Haruspicem monita ipse per temet liberandae Urbis tempus
venisse sentires_. Si fa menzione dell'ambasciata de' Romani solo da
Zonara (l. XIII) e da Cedrano (_Compend. Histor._ p. 270); ma questi
moderni Greci ebbero la comodità di consultare molte Opere, che dopo si
son perdute, fra le quali si dee contare la Vita di Costantino scritta
da Prassagora. Fozio (p. 63) fece un brev'estratto di quell'opera
istorica.

[379] Zosimo (l. II. p. 86) ci ha lasciato questo curioso ragguaglio
delle forze, che si trovavano da ambe le parti. Egli non fa menzione di
alcun armamento navale, quantunque sia sicuro (_Paneg. Vet. IX. 25_) che
fu attaccata la guerra per mare non meno, che per terra, e che la flotta
di Costantino prese possesso della Sardegna, della Corsica, e de' porti
dell'Italia.

[380] _Paneg. Vet. IX. 3._ Non dee far maraviglia, che l'oratore
diminuisse il numero dello truppe, con le quali il suo Sovrano condusse
a fine la conquista dell'Italia; ma sembra un poco singolare, ch'egli
non valutasse l'esercito del tiranno a più di 100000 uomini.

[381] I tre passi principali delle Alpi fra la Gallia e l'Italia son
quelli del monte di S. Bernardo, del monte Cenisio, e del monte Ginevro.
La tradizione e certa somiglianza di nomi (_Alpes penninae_) han fatto
sì, che il primo di questi si assegni alla marcia d'Annibale (Vedi
Simler _de Alpibus_). Il Cavalier di Folard (Polib. tom. IV.) e il
Danville l'han condotto pel monte Ginevro. Ma nonostante l'autorità di
un esperto Uffiziale, e di un erudito Geografo, le pretensioni del monte
Cenisio vengono sostenute in una plausibile, per non dir convincente
maniera dal Sig. Grosley, _Observations sur l'Italie_, Tom I. p. 40.

(_Nelle_ Mescolanze _di Gibbon si trova un passo in cui egli discute più
a lungo questa spinosa quistione, e rimansi indeciso tra Tito Livio e
Polibio, tra il monte Ginevro e il Gran-S. Bernardo. Ma dopo di lui il
generale inglese Melville e Deluc, figlio, hanno scoperto e dimostrato
che Annibale passò in Italia per l'Alpe greca, ossia del Piccolo San
Bernardo, passaggio de' più frequentati abantiquo, ed il più comodo,
secondo Ebel, che in tutta la giogaia delle Alpi vi sia. Vedi parimente
una bella dissertazione del Rezzonico, Tom. I. delle sue Opere._)

[382] La Brunetta vicino a Susa, Demont, Exiles, Fenestrelle, Coni, ec.

[383] Vedi Ammian. Marcellin. XV. 10. La descrizione, che egli fa delle
strade sulle Alpi, è chiara, vivace ed esatta.

[384] Zosimo ugualmente ch'Eusebio trascorrono dal passaggio delle Alpi
alla decisiva battaglia vicino a Roma. Dobbiamo riportarci a due
Panegirici per le azioni che fece Costantino nel tempo di mezzo.

[385] Il Marchese Maffei ha esaminato l'assedio e la battaglia di Verona
con quella dose di attenzione e di accuratezza, che meritava un'azione
memorabile successa nel di lui paese nativo. Le fortificazioni di quella
città, costruite da Gallieno, erano meno estese delle moderne mura, nè
l'anfiteatro si trovava dentro il recinto di quelle. Vedi Verona
illustrata: Part. I. p. 142-150.

[386] Mancavano le catene per tanta moltitudine di schiavi, nè sapevasi
qual partito prendere nel consiglio; ma il sagace conquistatore
felicemente immaginò l'espediente di convertire in ferri lo spade de'
vinti. _Paneg. Vet. XI. 11._

[387] _Paneg. Vet. IX. 10._

[388] _Literas calamitatum suarum indices supprimebat. Panegyr. Vet. IX.
15._

[389] _Remedia malorum potius quam mala differebat_; così censura Tacito
acutamente la supina indolenza di Vitellio.

[390] Il Marchese Maffei ha ridotto all'ultima probabilità che
Costantino fosse per anco a Verona il primo di settembre dell'anno 312 e
che la memorabil Era delle indizioni avesse principio dalla conquista
ch'ei fece della Gallia Cisalpina.

[391] Vedi _Paneg. Vet. IX. 16_. Lattanz. _de M. P._ 6. 44.

[392] _Illo die hostem Romanorum esse periturum._ Il Principe vinto
divenne, secondo il solito, nemico di Roma.

[393] Vedi _Paneg. Vet. IX. 16. X. 27_. Il primo di questi oratori
magnifica la quantità del grano, che Massenzio avea raccolto
dall'Affrica e dalle Isole: eppure se qualche fede si dee prestare alla
scarsità di cui si fa menzione da Eusebio (_in vit. Constant. l. I. c.
36._) gl'Imperiali granai non erano aperti che per li soldati.

[394] _Maxentius... tandem urbe in Saxa Rubra millia ferme novem
aegerrime progressus. Aurel. Victor_. Vedi Cellar. Geograph. Aut. Tom.
I. p. 463. Questo luogo chiamato _Saxa Rubra_ si trovava in vicinanza
della Cremera, piccolo ruscello, illustrato dal valore, e dalla morte
gloriosa de' 300. Fabj.

[395] Il posto che avea preso Massenzio, avendo il Tevere alle spalle,
vien con molta chiarezza descritto da due Panegiristi IX. 16. X. 28.

[396] _Exceptis latrocinii illius primis auctoribus, qui desperata venia
locum, quem pugnae sumpserant, texere corporibus. Paneg. Vet. IX. 17_.

[397] Ben tosto promulgossi un rumore assai vano, che Massenzio, il
quale non avea presa precauzione veruna per la sua ritirata, avesse teso
un artificiosissimo laccio per distrugger l'armata di chi l'inseguiva;
ma che il ponte di legno, che dovea sciogliersi all'arrivo di
Costantino, disgraziatamente si ruppe sotto il peso de' fuggitivi
Italiani. Tillemont (_Hist. des Empereurs_ T. IV. Part. I. 657) esamina
molto seriamente, se la testimonianza di Eusebio, e di Zosimo contro il
senso comune debba prevalere al silenzio di Lattanzio, di Nazario, e
dell'Anonimo contemporaneo, che compose il nono Panegirico.

[398] Zosimo (l. II, p. 86, 88), ed i due Panegirici, il primo de' quali
fu recitato pochi mesi dopo, ci danno una chiarissima idea di questa
gran battaglia: e se ne cava ancora qualche util notizia da Eusebio, da
Lattanzio, e dall'Epitome.

[399] Zosimo, il nemico di Costantino, confessa (l. II. p. 88) che solo
pochi amici di Massenzio furon posti a morte; ma è da notarsi quel passo
espressivo di Nazario (_Paneg. Vet. X. 6._) _Omnibus, qui labefactari
statum ejus poterant, cum stirpe deletis._ L'altro Oratore (_Paneg. Vet.
IX. 20, 21_) si contenta d'osservare, che Costantino, quando entrò in
Roma, non imitò i crudeli macelli di Cinna, di Mario, o di Silla.

[400] Vedi i due Panegirici, e nel Codice Teodosiano le leggi, fatte a
tal proposito nell'anno seguente.

[401] _Paneg. Vet. IX_. 20. Lattanz. _de M. P._ c. 44. Massimino, che
senza dubbio era il più antico fra i Cesari, pretendeva con qualche
apparenza di ragione il primo posto fra gli Augusti.

[402] _Adhuc cuncta opera, quae magnifice construxerat. Urbis fanum
atque Basilicam Flavii meritis Patres sacravere. Aurel. Victor_.
Rispetto al furto dei trofei di Traiano vedasi Flaminio Vacca appresso
il Montfaucon (Diar. Ital. p. 250) e _l'Antiquité expliquée_ di
quest'ultimo: (Tom. IV. p. 171.)

[403] _Praetoriae legiones, ac subsidia, factionibus aptiora quam Urbi
Romae, sublata penitus, simul arma atque usus indumenti militaris.
Aurel. Victor. Zosimo_ (lib. II. p. 89) rammenta questo fatto da
Istorico, ed è molto solennemente celebrato nel Panegirico IX.

[404] _Ex omnibus provinciis optimates viros curiae tuae pigneraveris,
ut Senatus dignitas... ex totius Orbis flore consisteret. Nazar. Paneg.
Vet. IX. 35_. Potrebbe quasi parere adoprata maliziosamente quella
parola _pigneraveris_. Intorno alla tassa de' Senatori vedi Zosimo (l.
II. p. 115), il Codice Teodosiano (lib. VI. Tit. 2.) col Cemento del
Gottofredo, e le Memorie dell'Accademia delle Iscrizioni (Tom. XXVIII.
p. 726.)

[405] Possiamo adesso incominciare a descrivere le gite degli Imperatori
mediante l'uso del Codice Teodosiano; ma le date sì del tempo, che de'
luoghi sono state frequentemente alterate dalla negligenza de' Copisti.

[406] Zosimo (l. II. p. 89.) osserva, che la sorella di Costantino era
stata promessa in isposa a Licinio avanti la guerra. Secondo Vittore il
Giovane, Diocleziano fu invitato alle nozze: ma avendo egli addotto in
iscusa per non andarvi, la sua età e le sue malattie, ricevè una seconda
lettera piena di rimproveri per la supposta di lui parzialità in favor
di Massenzio e di Massimino.

[407] Zosimo racconta come fatti ordinari la disfatta e la morte di
Massimino; ma Lattanzio (_de M. P._ c. 45-50) si diffonde su quelli,
attribuendoli ad una miracolosa disposizione del Cielo. Licinio era in
quel tempo uno de' protettori della Chiesa.

[408] Lattanzio _de M. P._ c. 50. Aurelio Vittore indica la diversa
condotta di Licinio e di Costantino in far uso della vittoria.

[409] Si soddisfacevano le sensuali passioni di Massimino a spese de'
propri sudditi. Gli Eunuchi di esso, che rapivano a forza le spose e le
vergini, con scrupolosa curiosità ne esaminavano le nude bellezze,
affinchè non si trovasse parte veruna del loro corpo indegna degli
abbracciamenti reali. La ripugnanza e il rifiuto si riguardava come un
tradimento, e qualunque bella, che si ostinasse ad esser ritrosa,
condannavasi ad esser annegata. Fu appoco appoco introdotto l'uso, che
nessuno potesse prender moglie senza la permissione dell'Imperatore «_ut
in omnibus nuptiis praegustator esset_». Lactant. _de M. P._ c. 38.

[410] Diocleziano finalmente mandò _cognatum suum quemdam militarem ac
potentem virum_ per intercedere a favore della sua figlia (Lattanz. _de
M. P._ c. 31). Noi non siamo abbastanza informati dell'istoria di questi
tempi per determinar la persona, ch'ebbe tal incumbenza.

[411] _Valeria quoque per varias provincias quindecim mensibus plebeio
cultu pervagata. Lactant. de M. P._ c. 51. Vi è qualche dubbio, se i
quindici mesi debban contarsi dal tempo dell'esilio, o della fuga di
essa. L'espressione _pervagata_ sembra indicare, che si contino dalla
fuga; ma in tal caso bisogna supporre, che il trattato di Lattanzio
fosse scritto dopo la prima guerra civile tra Licinio, e Costantino.
Vedi Cuper p. 254.

[412] _Ita illis pudicitia et conditio fuit._ Lactant. _de M. P._ c. 51.
Questi riferisce le disgrazie delle innocenti moglie e figlia di
Diocleziano con una molto natural mescolanza di compassione e di
letizia.

[413] Il curioso lettore, che voglia consultare il frammento Valesiano
(p. 713) mi accuserà forse di darne un'ardita e licenziosa parafrasi; ma
se lo considera con attenzione, conoscerà, che la mia interpretazione è
probabile e coerente.

[414] La situazione di Emona, o come si chiama presentemente, Laybach
nella Carniola (Danville, _Geog. Anc._ T. I. p. 187) può suggerire una
congettura. Essendo ella posta al nord-est delle alpi Giulie,
quell'importante Territorio divenne un soggetto naturale di controversia
fra' Sovrani dell'Italia e dell'Illirico.

[415] _Cibalis_, o _Cibalae_ (di cui conservasi ancora il nome nelle
oscure rovine di Swilei) era intorno a cinquanta miglia lontana da
Sirmio, capitale dell'Illirico; e circa cento da _Taurunum_ o Belgrado,
e dall'unione del Danubio col Savo. Le guarnigioni Romane, e le città
poste su que' fiumi sono eccellentemente illustrate dal Danville in una
memoria inserita nell'Accademia delle Iscrizioni Tom. 28.

[416] Zosimo (l. II, p. 90, 91) descrive minutamente questa battaglia,
ma più da retore, che da soldato.

[417] Zosimo (l. II. p. 92-93) l'Anonimo Valesiano (p. 713) e l'Epitome
ci fan note alcune circostanze; ma confondono spesso le due guerre fra
Licinio e Costantino.

[418] _Petr. Patricius in Excerpt. Legat. p. 27_. Se volesse credersi,
che γαμβρος più propriamente significasse un genero, che un
congiunto, si potrebbe congetturare, che Costantino, assumendo il nome
insieme co' doveri di padre, avesse adottato i figli di Teodora suoi
fratelli e sorelle minori.

[419] Zosimo l. II p. 93. Anon. Valesiano p. 713. Eutrop. X. 5. Aurel.
Vittore. Euseb. _in Chron. Sozomen._ l. I. c. 2. Quattro di questi
scrittori affermano, che la promozione dei Cesari fu un articolo del
Trattato. Egli è però certo che Costantino e Licinio i Giovani per anche
non erano nati: ed è molto probabile, che tal promozione si facesse il
primo di Marzo dell'anno 317. Si Era verisimilmente convenuto, che
l'Imperator d'Occidente creasse due Cesari, ed uno quello di Oriente; ma
ciascheduno di loro si riservò la scelta delle persone.

[420] _Cod. Theodos._ lib. XI. Tit. 27. Tom. IV. p. 188 con le
osservazioni del Gottofredo. Vedi anche lib. V. Tit. 7. 8.

[421] _Omnia foris placita, domi prospera, annonae ubertate, fructuum
copia_ (_Paneg. Vet. X. 58_). Quest'orazione di Nazario fu pronunziata
il giorno de' Quinquennali de Cesari, cioè il primo di Marzo dell'anno
321.

[422] Vedasi l'editto di Costantino indirizzato al popolo Romano nel
Cod. Teodosiano lib. IX. Tit. 24. Tom. 3. p. 189.

[423] Il figliuolo di Costantino assegna molto a proposito la vera causa
di questa revocazione «_ne sub specie atrocioris judicii aliqua in
ulciscendo crimine dilatio nasceretur_». Cod. Theodos. Tom. III. p. 193.

[424] Eusebio (_in vit. Const._ l. III. c. 1.) osa affermare che durante
il regno del suo Eroe la spada della giustizia restò oziosa nelle mani
de' Magistrati. Eusebio stesso però (lib. IV. c. 29-54) ed il Codice
Teodosiano ci fan conoscere, che quest'eccessiva dolcezza non era dovuta
alla mancanza nè di atroci delinquenti, nè di leggi penali.

[425] Nazario _Paneg. Vet._ IX. Si trova espressa in alcune medaglie la
vittoria di Crispo sugli Alemanni.

[426] Vedi Zosimo l. II. p. 93, 94, quantunque non sia la narrazione di
quell'Istorico nè coerente, nè chiara. Il panegirico di Optaziuno (c.
13.) rammenta l'alleanza de' Sarmati co' Carpi e coi Goti, e indica i
diversi campi di battaglia. Si suppone che i giuochi Sarmatici, che si
celebravano nel mese di Novembre, avessero avuto origine dal buon
successo di questa guerra.

[427] Ne' Cesari di Giuliano (p. 329, Comment. di Spanemio p. 252.)
Costantino si vanta d'aver ricuperato la provincia della Dacia,
soggiogata già da Traiano; ma soggiunge Sileno, che le conquiste di
Costantino erano come i giardini d'Adone, che languiscono e si seccano
quasi nel momento stesso che nascono.

[428] Giornand. _de reb. Getic._ c. 21. Io non so quanto possiam fidarci
della sua autorità. Un'alleanza di questa sorta ha un'aria molto
recente, e difficilmente si può applicare alle massime, elle si avevano
al principio del quarto secolo.

[429] Eusebio _in vit. Constant._ l. 1. c. 8. Questo passo però è preso
da una generale declamazione sulla grandezza di Costantino, ma da alcun
racconto speciale della guerra Gotica.

[430] _Constantinus tamen, vir ingens, et omnia efficera nitens, quae
animo preparasset, simul Principatum totius orbis affectans, Licinio
bellum intulit._ Eutrop. X. 5, Zosimo l. II. p. 89. Le ragioni, ch'essi
hanno addotto per la prima guerra civile, possono applicarsi piuttosto
alla seconda.

[431] Zosimo l. II. p. 94, 95

[432] Costantino avea gran cura di concedere privilegi e sollievi a'
suoi veterani compagni (conveterani) com'egli comincia in questo tempo a
chiamarli (Vedi il Codi. Teodosian. lib. VII. Tit. 20. Tom. II. p. 419,
429.).

[433] Quando gli Ateniesi avevan l'impero del mare, la loro flotta era
composta di trecento, e dopo di quattrocento galere a tre ordini di
remi, tutte ben allestite, e pronte all'immediato servizio. L'arsenale,
fatto nel porto di Pireo, costò alla Repubblica mille talenti, che sono
quattrocentoquarantamila zecchini. Vedi Tucidide _de bell. Pelloponnes._
lib. II. c. 13 e Meursio _de fortificat. Attica_, c. 19.

[434] L. II. p. 95, 96. Nel frammento Valesiano descrivesi tal battaglia
brevemente, ma con chiarezza: _Licinius vero circa Hadrianopolim maximo
exercitu latera ardui montis impleverat: illuc toto agmine Constantinus
inflexit. Cum bellum terra marique traheretur, quamvis per arduum suis
nitentibus, attamen disciplina militari et felicitate, Constantinus,
Licinii confusum, et sine ordine agentem vicit exercitum, leviter femore
sauciatus_.

[435] Zosimo l. II. p. 97-98. La corrente sempre viene dalla parte
dell'Ellesponto, e quando è aiutata da un vento settentrionale, nessun
vascello può arrischiarsi a passare, ma un vento meridionale rende la
corrente quasi insensibile. Vedi il Viaggio di Tournefort in Levante.
Let. XI.

[436] Aurelio Vittore, Zosimo l. II p. 98. Secondo quest'ultimo, era
Martiniano _Magister officiorum_, usando egli la frase latina in greco.
Sembra che alcune medaglie indichino, che durante il suo breve regno
ricevesse il titolo d'Augusto.

[437] Eusebio (_in vit. Constant._ l. II. c. 16. 17.) attribuisce tal
decisiva vittoria alle devote preci dell'Imperatore. Il frammento
Valesiano (p. 714.) fa menzione d'un corpo di Goti ausiliari sotto il
loro Capo Aliquaca, ch'erano del partito di Licinio.

[438] Zosimo l. II. p. 102. Vittore il Giovane nell'Epitome. Anon.
Valesiano p. 714.

[439] _Contra religionem sacramenti Thessalonicae privatus occisus est._
Eutropio (X); e la sua testimonianza vien confermata da S. Gerolamo (in
_Chronic._) e da Zosimo (l. II p. 102.) Lo scrittore Valesiano è il
solo, che faccia menzione de' soldati, e Zonara solamente chiama in
aiuto il Senato. Eusebio salta prudentemente questo passo delicato; ma
Sozomeno, cento anni dopo, incomincia ad asserire che Licinio tentava
tradimenti.

[440] Vedi il Codice Teodosiano lib. XV. Tit. 15. Tom. V. p. 404-405.
Questi editti di Costantino dimostrano una dose di passione, ed una
precipitazione che molto poco si convengono al carattere di Legislatore.



CAPITOLO XV.

      _Progresso della Religione Cristiana, e sentimenti, costumi,
      numero e condizione de' primitivi Fedeli._


Una ricerca intorno al progresso e stabilimento del Cristianesimo, che
abbia semplicemente per guida la ragione e il candore, può considerarsi
come una parte molto essenziale dell'Istoria dell'Impero Romano. Mentre
quel gran corpo veniva attaccato dalla forza aperta, o con occulte mine
condotto appoco appoco alla distruzione, una Religione umile e pura
s'andò insensibilmente insinuando nelle menti degli uomini; s'accrebbe
nell'oscurità e nel silenzio, acquistò nuova forza dalle opposizioni
medesime, che le furon fatte, ed innalzò finalmente lo stendardo
vittorioso della Croce sulle rovine del Campidoglio. Nè l'influenza del
Cristianesimo si limitò solamente alla durata, o ai confini del Romano
Impero: questa Religione dopo un corso di tredici, o quattordici secoli
si professa tuttora dalle nazioni dell'Europa, che nell'arti e nelle
scienze, non men che nelle armi, formano la parte più distinta dell'uman
genere. Mediante l'industria a lo zelo degli Europei, essa largamente si
è diffusa fino a' lidi più lontani dell'Asia, e dell'Affrica; e per
mezzo delle loro colonie si è stabilito solidamente dal Canadà fino al
Chili; in un mondo dagli antichi non conosciuto.

Ma per quanto sia vantaggioso o piacevole tal esame, contiene due
principali difficoltà. Gli scarsi e dubbiosi materiali della Storia
Ecclesiastica rade volte ci pongono in istato di sgombrare la folta
nebbia, che oscura i primi secoli della Chiesa. E la gran legge
dell'imparzialità ci costringe troppo spesso a scoprire le imperfezioni
dei non inspirati dottori, e credenti dell'Evangelio; onde può sembrare
a chi non usa molta attenzione, che le lor mancanze gettino qualche
ombra sulla fede che professarono. Ma dovrebbe cessare lo scandalo de'
pii credenti, ugualmente che il falso trionfo degl'infedeli, se
riflettessero non alla qualità solamente di chi fu l'autore della divina
rivelazione, ma di quelli eziandio, ai quali fu questa comunicata. Il
teologo può gustare il dolce piacere di rappresentare la religione,
quale ci venne dal cielo, ammantata della nativa sua purità; ma un più
dispiacevol dovere s'impone all'Istorico, il quale non può non iscoprire
l'inevitabil miscuglio di corruzione e d'errore, ch'ella contrasse nel
dimorar che fece lungamente sopra la Terra, in mezzo ad enti di una
debole e degenerata natura.

La nostra curiosità ci porta naturalmente a cercare per quali mezzi la
fede Cristiana ottenne sì riguardevol vittoria sulle religioni già
stabilite sopra la terra. Potrebbe darsi a tal domanda una facile, ma
soddisfacente risposta, dicendo che attribuir ciò si deve alla
convincente evidenza della dottrina, ed alla regolatrice Provvidenza del
grand'Autore della medesima. Ma siccome la verità, e la ragione di rado
sono così favorevolmente accolte nel mondo, e siccome si compiace bene
spesso la saggia Provvidenza di far uso delle passioni del cuore umano,
e delle generali circostanze, nelle quali ritrovansi gli uomini, come
d'istrumenti per eseguire i propri disegni; così ci si permetterà
d'investigare, quantunque colla sommissione dovuta, non già qual fu la
prima, ma bensì quali furon le secondarie cagioni del rapido progresso
della Chiesa di Cristo. Si farà chiaro per avventura da tal esame,
ch'essa fu con la massima efficacia favorita e sostenuta dalle cinque
cagioni che seguono: I. Dall'inflessibile, e s'è lecito così dire,
intollerante zelo de' Cristiani, proveniente in vero dalla religione
Giudaica, ma spogliato di quello spirito ritroso ed insociabile, che in
luogo d'invitare avea allontanato i Gentili dall'abbracciar la legge di
Mosè. II. Dalla dottrina di una vita futura, avvalorata da ogni special
circostanza, che potesse dar peso ed efficacia a quell'importante
verità. III. Dal poter de' miracoli, attribuito alla Chiesa primitiva.
IV. Dalla pura, ed austera morale de' Cristiani. V. Dalla disciplina, ed
unione della Cristiana repubblica, che appoco appoco formò uno stato
indipendente, il quale sempre più andò crescendo nel cuore del Romano
Impero.

I. Noi abbiamo già descritto l'armonia dell'antico mondo in materia di
religione, e con quanta facilità le più differenti ed anche nemiche
nazioni abbracciavano, o almen rispettavano le superstizioni l'una
dell'altra. Un solo popolo ricusava di unirsi a questo comune commercio
dell'uman genere. I Giudei, che sotto le monarchie degli Assirj e de'
Persiani avevan languito per molti secoli come la parte più disprezzata
de' loro schiavi[441], si sollevarono dall'oscurità sotto successori di
Alessandro; ed essendo sorprendentemente moltiplicati prima in Oriente
poi in Occidente, ben presto eccitarono la curiosità e la maraviglia
delle altre nazioni[442]. La burbera ostinazione, con cui mantenevano le
loro speciali cerimonie ed insocievoli usanze, pareva indicare in essi
una specie d'uomini distinta dagli altri, che audacemente professavano,
o che mal celavano l'odio implacabile, che portavano al resto del genere
umano[443]. Nè la violenza d'Antioco, nè le arti di Erode, nè l'esempio
delle nazioni circonvicine poterono mai persuadere i Giudei ad unire con
le instituzioni di Mosè l'elegante mitologia de' Greci[444]. Seguendo le
massime di una general tolleranza, i Romani proteggevano anche quelle
superstizioni, che disprezzavano[445]. Augusto, pieno d'indulgenza,
condiscese fino a dar ordini, che si offerissero sacrifizi per la sua
prosperità nel tempio di Gerusalemme[446], laddove se l'infimo della
stirpe d'Abramo avesse prestato simile omaggio al Giove del Campidoglio,
sarebbe divenuto un oggetto di esecrazione a se stesso, ed a' propri
fratelli. Ma la moderazione de' Conquistatori non fu sufficiente a
quietare i gelosi pregiudizi de' loro sudditi, che si misero in
agitazione e si scandalizzarono, allorchè introdur si dovettero le
insegne del Paganesimo nel lor paese, divenuto Provincia Romana[447]. Il
folle attentato di Caligola di porre la propria statua nel tempio di
Gerusalemme, andò a voto per l'unanime risoluzione di un popolo, che
temeva molto meno la morte, che tale idolatrica profanazione[448]. Il
loro attacco alla legge di Mosè uguagliava l'abborrimento, che avevano
per le religioni straniere. Poichè il corso della devozione e dello zelo
si trovava riunito in un angusto canale, esso acquistava la forza, ed
alle volte ancora il furor di un torrente.

Quest'inflessibile perseveranza, che agli antichi sembrava così odiosa o
così ridicola, prende un assai terribil carattere, dacchè si è degnata
la Provvidenza di rivelarci la misteriosa istoria del Popolo eletto. Ma
diviene sempre più sorprendente il devoto ed anche scrupoloso
attaccamento alla religione Mosaica, tanto singolare ne' Giudei, che
vissero dopo l'edificazione del secondo tempio, se paragonar si voglia
colla pertinace incredulità de' loro maggiori. Quando la legge fu
dettata tra i folgori dal monte Sinai; quando furon sospesi i flutti del
mare e il corso de' pianeti pel comodo degl'Israeliti; o quando i premj
e le pene temporali erano le conseguenze immediate della lor osservanza
o disubbidienza, essi continuamente si ribellavano contro la visibile
maestà del divino loro Sovrano, collocavano gl'idoli delle genti nel
Santuario di _Jeovà_, ed imitavano qualunque capricciosa ceremonia, che
si praticasse nelle tende degli Arabi, o nelle città della Fenicia[449].
A misura che quella stirpe ingrata restò meritamente priva della
protezione del Cielo, andò la lor fede acquistando un corrispondente
grado di purità e di vigore. I contemporanei di Mosè e di Giosuè con non
curante indifferenza erano stati spettatori de' più sorprendenti
miracoli. Sotto il peso poi d'ogni genere di calamità, la fede di tanti
miracoli ha preservato gli Ebrei de' tempi posteriori dall'universal
contagio della idolatria, e contro tutti i comuni principj dello spirito
umano, sembra che questo popolo singolare abbia accordato un più forte e
più facile assenso alla tradizione de' suoi remoti antenati, che
all'evidenza de' propri sensi.

La religione Giudaica era mirabilmente atta per la difesa, ma per nulla
accomodata alle conquiste, e par verisimile che il numero de' proseliti
non fosse mai molto maggiore di quel degli apostati. In principio, furon
fatte le divine promesse, ed ingiunto il rito della circoncisione, a
distinzione degli altri, ad una sola famiglia. Allorchè fu moltiplicata
la posterità d'Abramo come le arene del mare, la divinità, che colla
propria bocca le aveva dato un sistema di leggi o di cerimonie, si
dichiarò il proprio o quasi nazionale Dio d'Israele, e separò colla più
gelosa cura il suo popolo favorito dal resto del genere umano. La
conquista della terra di Canaan fu accompagnata da tante mirabili, e
sanguinose circostanze, che i vittoriosi Giudei restarono in uno stato
d'irreconciliabile ostilità con tutti i loro vicini. Era stato comandato
loro di estirpare alcune delle più idolatre tribù, e l'esecuzione della
volontà divina rare volte fu ritardata dalla debolezza della umana
compassione. Ad essi era proibito di contrarre matrimonio o affinità
veruna colle altre nazioni, e la proibizione di ammetterle nel loro
ceto, che in alcuni casi era perpetuo, si estendeva quasi sempre alla
terza, alla settima, ed anche alla decima generazione. Non s'inculcò mai
come un precetto della legge l'obbligo di predicare a' Gentili la fede
di Mosè; nè gli Ebrei si trovavano disposti ad incaricarsene come d'un
volontario dovere. Quest'insocievole popolo nell'ammissione di nuovi
cittadini seguitava piuttosto la vanità propria de' Greci, che la
politica generosa di Roma. I discendenti d'Abramo eran lusingati
dall'opinione di essere i soli eredi dell'alleanza, e temevano di
scemare il valore della loro eredità, se la dividevano troppo facilmente
con gli stranieri della terra. Una comunicazione più estesa coll'uman
genere dilatò le loro cognizioni senza correggere i loro pregiudizi, e
se il Dio d'Israele acquistava qualche nuovo devoto, ciò era dovuto al
genio incostante del politeismo, piuttosto che allo zelo attivo de' suoi
missionari[450]. Sembra, che la religione Mosaica sia stata instituita
per un paese particolare, e per una sola nazione; e se rigorosamente si
fosse osservato il precetto, che ogni maschio tre volte l'anno si
presentasse avanti il Signore Dio, sarebbe stato impossibile che i
Giudei si fossero estesi oltre gli angusti limiti della Terra
Promessa[451]. Si tolse in vero di mezzo simil ostacolo mediante la
distruzione del tempio di Gerusalemme; ma in tal distruzione restò
involta la parte più riguardevole della religione Giudaica; ed i Pagani,
che avevano sempre udito con maraviglia la straordinaria descrizione di
un santuario voto di numi[452], non sapevano immaginare qual esser
potesse l'oggetto, e quali gl'istrumenti di un culto privo di tempj e di
altari, di sacerdoti e di sacrifizi. Pure anche nel loro stato
d'abbassamento, i Giudei, vantando sempre i sublimi ed esclusivi lor
privilegi, evitavano, invece di apprezzare, la società degli stranieri.
Sempre insistevano con inflessibil rigore su quelle parti della legge,
ch'era in lor facoltà di osservare. Le particolari lor distinzioni di
giorni, di cibi, ed una varietà di triviali, quantunque incomode
cerimonie, formavano altrettanti oggetti di avversione e di disgusto per
le altre nazioni, alle abitudini, ed ai pregiudizi delle quali erano
quelle diametralmente contrarie. Il solo penoso, ed anche pericoloso
rito della circoncisione serviva a rimuovere un volenteroso proselito
dalle porte della Sinagoga[453].

In queste circostanze comparve nel mondo il Cristianesimo, armato colla
forza della legge Mosaica, e libero dal peso dei ceppi della medesima.
Fu con ugual premura inculcato nel nuovo non men che nel vecchio sistema
uno zelo esclusivo per la verità della religione e per l'unità di Dio; e
tutto ciò, che di nuovo intorno alla natura ed ai disegni dell'Ente
supremo fu rivelato al genere umano, era adattato a far crescere la
riverenza per quella misteriosa dottrina. Fu ammessa la divina autorità
di Mosè e de' Profeti, ed anche stabilita come la base più stabile del
Cristianesimo. Fin dal principio del mondo erasi annunziata e preparata,
con una serie non interrotta di predizioni, la venuta per lungo tempo
attesa del Messia, il quale, per condiscendere alla grossolana
immaginazione de' Giudei, era stato più frequentemente rappresentato
sotto la figura di Re e di Conquistatore, che sotto quella di Profeta,
di Martire, e di Figlio di Dio. Mediante l'espiatorio sacrifizio di lui,
furono tutti in una volta consumati ed aboliti gl'imperfetti sacrifizi
del Tempio. Alle leggi ceremoniali, che consistevano solamente in segni
e figure, successe un culto spirituale e puro, adattato a tutti i climi
ugualmente che ad ogni condizione di persone; ed al sangue, collo
spargimento del quale s'iniziavano gli uomini, fu sostituita la più
innocente iniziazione dell'acqua. La promessa del favor divino, invece
di essere parzialmente ristretta alla discendenza d'Abramo, fu proposta
universalmente a' liberi ed a' servi, a' Greci ed a' Barbari, agli
Ebrei, ed a' Gentili. Fu sempre riservato per i soli membri della Chiesa
Cristiana qualunque privilegio che dalla Terra sollevar potesse il
proselito al cielo, rinvigorirne la devozione, assicurarne la felicità,
o anche soddisfar quel segreto orgoglio, che sotto l'apparenza di
devozione s'insinua nel cuore umano; ma nel tempo stesso permettevasi,
anzi cercavasi di persuadere ad ognuno di accettare il glorioso
distintivo, che non solamente si offeriva come un favore, ma imponevasi
eziandio come un obbligo. Per un nuovo convertito era un dovere il più
sacro quello di spargere fra' propri amici e parenti l'inestimabil
benefizio, ch'esso avea ricevuto, e di ammonirli che il rifiuto, che ne
avesser fatto, sarebbe stato severamente punito, come una peccaminosa
disubbidienza al volere di una benigna, ma onnipotente Divinità.

La liberazione però della Chiesa da' vincoli della Sinagoga fu un'opera
alquanto lunga e difficile. I Giudei convertiti, che ravvisavano in Gesù
il carattere del Messia predetto da' loro antichi oracoli, lo
rispettavano come un Profeta, che insegnava la virtù e la religione; ma
stavan ostinatamente attaccali alle cerimonie dei loro maggiori, e
desideravano di soggettarvi anche i Gentili, che continuamente
accrescevano il numero dei credenti. Sembra che questi giudaizzanti
Cristiani traessero con qualche plausibilità i loro argomenti dalla
origine divina della legge di Mosè, e dalle immutabili perfezioni del
grande Autore di essa. Sostenevano questi che se l'Ente, il quale è
sempre il medesimo per tutta l'eternità, avesse disegnalo di abolire
que' sacri riti, ch'eran serviti per distinguere il suo Popolo eletto,
sarebbe stata la rivocazione di quelli non meno chiara e solenne, che la
prima loro promulgazione: che invece di quelle frequenti dichiarazioni,
che o suppongono, o assicurano la perpetuità della religione Mosaica, si
sarebbe questa rappresentata, come un piano provvisionale, che doveva
durar solamente fino alla venuta del Messia, il quale avrebbe dimostrato
agli uomini una forma più perfetta di culto e di fede[454]: che il
Messia medesimo, ed i suoi discepoli, i quali conversarono con lui sulla
terra, piuttosto che autorizzare col loro esempio la più minuta
osservanza della Mosaica legge[455], avrebbero pubblicato al mondo
l'abolizione di quelle inutili ed antiquate ceremonie, senza permettere
che il Cristianesimo per tanti anni restasse oscuramente confuso tra le
Sette della Chiesa Giudaica. Simili argomenti pare, che sieno stati
usati in difesa della causa della legge Mosaica spirante; ma l'industria
de' nostri dotti Teologi ha largamente spiegato l'ambiguo linguaggio del
Testamento vecchio, e la dubbiosa condotta dei predicatori apostolici.
Egli era conveniente di sviluppare a grado a grado il sistema
dell'Evangelio, e di pronunziare, colla massima cautela e riservatezza,
una sentenza di condanna, ch'era tanto ripugnante alle inclinazioni, ed
ai pregiudizi degli Ebrei convertiti.

L'Istoria della Chiesa Gerosolimitana somministra una forte prova della
necessità di tali cautele, e della profonda impressione che avea fatto
la Religion Giudaica nelle menti de' suoi seguaci. I primi quindici
Vescovi di Gerusalemme furon tutti Giudei circoncisi; e la
congregazione, a cui presedevano, univa la legge di Mosè colla dottrina
di Cristo[456]. Era naturale, che la primitiva tradizione di una Chiesa,
ch'era stata fondata solo quaranta giorni dopo la morte di Cristo, e
governata quasi altrettanti anni sotto l'immediata inspezione degli
Apostoli, si ricevesse come il modello della retta fede[457]. Le Chiese
lontane si rimettevano assai spesso all'autorità della venerabile loro
madre, e sollevavano con una generosa contribuzione di elemosine le
angustie di essa. Ma quando si stabilirono società numerose ed opulente
nella gran città dell'Impero, come in Antiochia, in Alessandria, in
Efeso, in Corinto, ed in Roma, appoco appoco diminuì la riverenza, che
Gerusalemme aveva inspirato a tutte le colonie Cristiani. I Giudei
convertiti o i Nazareni, come furon chiamati dopo, che avevan gettati i
fondamenti della Chiesa, in breve si trovaron sopraffatti dalla
moltitudine, che sempre cresceva, e che da tutte le diverse religioni
del politeismo arrolavasi alla milizia di Cristo; ed i Gentili, che
avevano, coll'approvazione del loro particolare Apostolo, scosso
l'intollerabil peso delle cerimonie Mosaiche, ricusarono finalmente ai
loro più scrupolosi fratelli quella medesima tolleranza, ch'essi a
principio avevano umilmente implorata per le lor proprie usanze. La
rovina del tempio, della città, della pubblica religione degli Ebrei fu
gravemente sensibile ai Nazareni, come a quelli, che nelle costumanze,
se non nella fede, conservavano un'intima connessione cogli empj lor
nazionali, le disgrazie de' quali, si attribuivano da' Gentili al
disprezzo e da' Cristiani con più ragione allo sdegno del sommo Dio. I
Nazareni si ritirarono dalle rovine di Gerusalemme alla piccola città di
Pella di là dal Giordano, dove languì nella solitudine e nell'oscurità
quell'antica Chiesa più di sessant'anni[458]. Essi avevan sempre la
consolazione di fare frequenti e devote visite alla _Città santa_, e la
speranza di essere un giorno ristabiliti in que' luoghi, che per natura
e per religione eran portati ad amare, non meno che a rispettare. Ma
finalmente, sotto il regno di Adriano, il disperato fanatismo degli
Ebrei pose il colmo alle loro calamità, ed i Romani, esacerbati dalle
ripetute lor ribellioni, esercitarono con insolito rigore i diritti
della vittoria. L'Imperatore fondò una nuova città col nome d'Elia
Capitolina sul monte Sion[459], alla quale concesse i privilegi delle
colonie; ed avendo stabilite le più severe pene contro qualunque Giudeo,
che avesse ardito di accostarsi a' recinti di quella, vi pose la guardia
di una coorte Romana per invigilare all'esecuzione de' suoi comandi. A'
Nazareni restava un solo mezzo di evitare la comun proscrizione, e fu in
quest'occasione assistita la forza della verità dall'influenza di
temporali vantaggi: i medesimi dessero per loro Vescovo Marco, ch'era
Gentile d'origine, e molto probabilmente nativo o dell'Italia o di
qualche provincia Latina. Alle persuasive di lui la maggior parte della
congregazione rinunziò alla legge Mosaica, nella pratica di cui avevano
essi perseverato sopra cent'anni; e mediante questo sacrificio de' loro
usi e pregiudizi furono liberamente ammessi nella colonia d'Adriano, e
si strinse più fortemente la loro unione nella Chiesa Cattolica[460].

Quando gli onori, ed il nome della Chiesa di Gerusalemme si restituirono
al monte Sion, furono imputati agli oscuri avanzi de' Nazareni, che
ricusarono di accompagnare il loro Vescovo Latino, i delitti di eresia e
di scisma. Essi conservaron sempre l'antica loro abitazione di Pella; si
sparsero per i villaggi vicini a Damasco; e formarono una piccola chiesa
nella Città di Berea, o come si dice adesso, d'Aleppo nella Siria[461].
Fu creduto il nome di Nazareno troppo onorevole per que' Cristiani
giudaizzanti, ed in breve, a cagione della supposta povertà del loro
intelletto, non meno che della lor condizione, riceverono il
dispregevole titolo di Ebioniti[462]. Pochi anni dopo il ritorno della
Chiesa di Gerusalemme, s'incominciò a dubitare, se un uomo, che
sinceramente riconoscesse Gesù per Messia, ma continuasse ad osservare
la legge Mosaica, potesse sperar di salvarsi. La dolce indole di
Giustino martire lo faceva inclinare a scioglier tal questione
affermativamente; e quantunque si esprimesse colla più riservata
diffidenza, osò tuttavia di determinarsi a favore di tale imperfetto
Cristiano, qualora fosse contento di praticare in privato le cerimonie
Mosaiche senza pretendere di sostenerne generalmente l'uso, o la
necessità. Ma quando Giustino fu pressato a dichiarare il sentimento
della Chiesa, confessò che vi erano molti fra gli ortodossi Cristiani,
che non solo escludevano i lor giudaizzanti fratelli dalla speranza di
salvazione, ma evitavano ancora ogni commercio con loro ne' comuni
officj di amicizia, di ospitalità, e di vita sociale[463]. La opinione
più rigorosa prevalse, com'era natural di supporre, alla più dolce, e si
alzò una muraglia di separazione per sempre fra i discepoli di Mosè e
quelli di Cristo. Gl'infelici Ebioniti, rigettati da una delle due
religioni come apostati, dall'altra come eretici, si trovaron costretti
ad assumere un carattere più determinato; e sebbene si scoprano fino al
quarto secolo alcune tracce di quella vecchia setta, pure
insensibilmente andarono ad incorporarsi o nella Chiesa o nella
Sinagoga[464].

Mentre la Chiesa ortodossa teneva un giusto mezzo fra l'eccessiva
reverenza, e l'inconveniente disprezzo per la legge di Mosè, diversi
cretini deviarono ugualmente agli opposti estremi della stravaganza, e
dell'errore. Gli Ebioniti avevan concluso dalla riconosciuta verità
della religione Giudaica, ch'essa non poteva esser abolita giammai; ed i
Gnostici dalle supposte imperfezioni della medesima con ugual
precipitazione inferirono che quella non era stata mai instituita dalla
sapienza divina. Vi sono alcune obbiezioni contro l'autorità di Mosè e
de' Profeti, che si presentano troppo facilmente ad uno scettico,
quantunque possan derivare solamente dall'ignoranza, in cui siamo della
remota antichità, e dalla nostra incapacità di formare un adeguato
giudizio della divina economia. Queste obbiezioni furono con impegno
abbracciate, e con ugual protervia sostenute dalla vana scienza dei
Gnostici[465]. Poichè questi eretici erano per la maggior parte alieni
dai piaceri del senso, bruscamente attaccavano la poligamia de'
Patriarchi, le galanterie di David, ed il serraglio di Salomone. Non
sapevano come poter conciliar la conquista della terra di Canaan, e
l'inesorata estirpazione de' nativi abitanti di quella, colle nozioni
comuni di umanità e di giustizia. Ma quando poi esaminavano la
sanguinosa lista dell'uccisioni, dell'esecuzioni e delle stragi, che
macchiano quasi ogni pagina degli annali Giudaici, venivano in
cognizione, che i Barbari della Palestina dimostrato avevano anche verso
i loro nazionali ed amici tanta compassione, quanta ne avevano
esercitata verso i loro idolatri nemici[466]. Da' settarj della legge
passando alla legge medesima, asserivano esser impossibile, che una
religione consistente solo in sanguinosi sacrifizi ed in vane cerimonie,
della quale i premj ed i gastighi eran tutti di una natura carnale e
temporale, inspirasse l'amore della virtù, o raffrenasse l'impeto delle
passioni. Il racconto, che fa Mosè della creazione e della caduta
dell'uomo, trattavasi con profana derisione dai Gnostici, che non
volevano sentir con pazienza parlare del riposo della Divinità dopo
l'opera di sei giorni, nè della costa d'Adamo, del giardino d'Eden,
degli alberi della vita e della scienza, del serpente che parla, del
frutto vietato, e della condanna eterna, pronunziata contro la specie
umana per la venial colpa de' primi progenitori[467]. I Gnostici
empiamente rappresentavano il Dio d'Israele come un ente sottoposto alla
passione ed all'errore, capriccioso ne' suoi favori, implacabile nello
sdegno, e bassamente geloso del superstizioso suo culto, e che limitava
la sua parzial providenza ad un solo popolo, ed alla transitoria vita
presente. In tal carattere non potevano essi ravvisare alcun distintivo
del saggio ed onnipotente Padre dell'Universo[468]. Accordavano che la
religion de' Giudei era alquanto meno empia che l'idolatria de' Gentili;
ma la dottrina loro fondamentale era, che Cristo da essi adorato, come
la prima e più luminosa emanazione della Divinità, comparve sopra la
terra per liberare il genere umano da' vari errori e per rivelare un
_nuovo_ sistema di verità o di perfezione. I più dotti fra' Padri, per
una ben singolare condiscendenza, hanno imprudentemente ammesso le
sofistiche sottigliezze dei Gnostici. Riconoscendo che il senso
letterale ripugna ad ogni principio di ragione e di fede, si son creduti
sicuri ed invulnerabili dietro all'ampio velo dell'allegoria, ch'essi
hanno avuta la cura di stendere sopra qualunque minima parte della
narrazione Mosaica[469].

Con maggior ingegno che verità è stato notato, che la virginal purità
della Chiesa non fu mai violata da scisma o da eresia veruna, prima del
regno di Traiano o d'Adriano, che fioriron circa cent'anni dopo la morte
di Cristo[470]. Noi possiamo assai più propriamente osservare, che in
quel tratto di tempo a' seguaci del Messia fu accordato un campo più
libero sì nella fede che nella pratica, di quel che fosse loro permesso
in alcuno de' seguenti secoli. Siccome s'andarono appoco appoco
ristringendo i limiti della comunione, e si esercitava con sempre
maggior rigore la spirituale autorità del partito che prevaleva, molti
de' principali membri della Chiesa, a' quali fu intimato di rinunziare
alle private loro opinioni, s'impegnarono a sostenerle, a tirar delle
conseguenze da' falsi loro principj, e ad alzare apertamente bandiera di
ribellione contro l'unità della Chiesa. I Gnostici si distinguevano come
la parte più culta, più dotta, e più facoltosa del Cristianesimo, e tal
generale denominazione, che indica una superiorità di cognizioni, o ebbe
origine dal lor proprio orgoglio, o ad essi fu ironicamente applicata
dall'invidia de' loro avversari. Essi erano quasi tutti Gentili di
nascita, e sembra, che i primi lor fondatori fosser nativi della Siria o
dell'Egitto, dove il calore del clima disponeva tanto la mente che il
corpo all'indolente contemplativa devozione. I Gnostici mescolavano alla
fede di Cristo molte sublimi ma oscure opinioni, che avevano tratte
dalla filosofia orientale, ed eziandio dalla religione di Zoroastro,
intorno all'eternità della materia, all'esistenza de' due principj, ed
alla misteriosa gerarchia del mondo invisibile[471]. Ingolfati che
furono in quel vasto abisso, lasciaronsi trasportare da una
immaginazione disordinata; e come vari ed infiniti sono i sentieri
dell'errore, i Gnostici si trovarono insensibilmente divisi in più di
cinquanta Sette particolari[472], fra le quali par che le più celebri
siano state quelle de' Basilidiani, de' Valentiniani, de' Marcioniti, e
qualche tempo dopo de' Manichei. Ciascheduna di queste Sette vantava i
propri Vescovi, le proprie Assemblee, i suoi Dottori, e Martiri
particolari[473], ed in luogo de' quattro Evangeli ammessi dalla Chiesa,
gli Eretici allegavano una moltitudine d'istorie, nelle quali si
adattavano le azioni, ed i discorsi di Cristo e degli Apostoli, alle
rispettive loro opinioni[474]. Il progresso dei Gnostici fu rapido ed
esteso[475]: occuparono essi l'Asia e l'Egitto, si stabilirono in Roma,
e penetrarono fin qualche volta nelle province dell'Occidente. Per la
maggior parte insorsero nel secondo secolo; fiorirono durante il terzo;
e furon soppressi nel quarto, o quinto per cagione delle controversie
più moderne, che prevalsero, e del superiore ascendente della potestà
Imperiale. Quantunque però disturbassero continuamente la pace della
Chiesa, e spesso degradassero l'onor della religione, contribuirono ciò
nonostante a promuovere piuttosto che a ritardare il progresso del
Cristianesimo. I convertiti Gentili, i più forti pregiudizi ed
obbiezioni de' quali dirigevansi contro la legge di Mosè, potevano
essere ammessi in molte società Cristiane, che non esigevano dalle loro
non istruite menti alcuna credenza di antecedenti rivelazioni. La loro
fede appoco appoco si fortificava e si estendeva, e la Chiesa in ultimo
veniva a far la conquista de' suoi più inveterati nemici[476].

Ma per quanto diverse fossero le opinioni tra gli Ortodossi, gli
Ebioniti ed i Gnostici rispetto alla divinità, o all'obbligazione della
legge Mosaica, essi erano però tutti ugualmente animati dall'istesso
zelo esclusivo, e dall'istesso abborrimento per l'idolatria, che aveano
distinto i Giudei dalle altre nazioni dell'antichità. Un filosofo, che
risguardava il sistema del politeismo come una mera composizione
dell'umana frode e dell'errore, poteva coprire un sorriso di sprezzo
sotto la maschera della devozione, senza temere che la condiscendenza, o
lo scherno esporre lo potesse allo sdegno di alcun invisibile, o
com'egli supponeva, immaginario potere. Ma da' primitivi Cristiani si
riguardavano le già stabilite religioni del Paganesimo in un aspetto
molto più odioso e formidabile. Era sentimento universale sì della
Chiesa che degli Eretici, che i demonj fosser gli autori, i
patrocinatori, e gli oggetti dell'idolatria[477]. Era sempre permesso a
quegli spiriti ribelli, ch'erano stati deposti dallo stato d'angeli, e
precipitati nel baratro infernale, di vagare sopra la terra per
tormentare i corpi, e sedurre le menti de' malvagi. I demonj conobbero
tosto la natural propensione del cuore umano verso la devozione, e ne
abusarono, artificiosamente alienando gli uomini dall'adorazione del
loro Creatore, ed usurpando il luogo e gli onori dovuti al sommo Dio.
Mediante l'effetto delle maliziose loro arti, soddisfecero la propria
lor vanità e vendetta, ed ottennero nel tempo stesso il solo conforto,
di cui essi erano ancor suscettivi, cioè la speranza di render partecipe
la specie umana della lor colpa e miseria. Si asseriva, o almeno si
supponeva, che si fossero distribuiti fra loro i più importanti
caratteri del politeismo, avendo l'uno assunto il nome e gli attributi
di Giove; un altro di Esculapio, un terzo di Venere, ed un quarto forse
d'Apollo[478]; e che mediante la lunga loro esperienza ed aerea natura,
fosser capaci di eseguire con sufficiente perizia e dignità le parti,
che avevan preso a rappresentare. Si celavano essi ne' tempj;
instituivano feste e sacrifizi; inventavano favole; pronunziavan
oracoli; e spesso credevasi, che facessero de' miracoli. I Cristiani,
che per mezzo degli spiriti maligni potevano così facilmente spiegare
ogni sovrannaturale apparenza, eran disposti, ed anche desideravan
d'ammettere le più stravaganti finzioni della pagana mitologia. Ma la
professione di Cristiano le facea risguardar con orrore; si ravvisava il
più tenue segno di rispetto pel culto nazionale come un omaggio
direttamente prestato al demonio, e come un atto di ribellione contro la
maestà di Dio.

In conseguenza di tal opinione il primo e più difficil dovere per un
Cristiano era quello di mantenersi puro ed intatto da ogni pratica
d'idolatria. La religione delle nazioni non era solamente una dottrina
speculativa, che si professasse nelle scuole, o si predicasse ne' tempj:
le innumerabili divinità e cerimonie del politeismo erano strettamente
frammischiate con ogni genere di affari o di piaceri, sì della vita
privata che della pubblica; e sembrava impossibile d'evitarne
l'osservanza, senza rinunciare nel tempo stesso al commercio dell'uman
genere, ed a tutti gli uffizi e divertimenti della società[479].
Gl'importanti trattati di pace e di guerra eran preparati o conclusi con
solenni sacrifizi, a' quali il Magistrato, il Senatore, e il soldato
dovevan presedere, o aver parte[480]. I pubblici spettacoli formavano
una parte essenziale della gioconda devozione de' Pagani, e supponevasi
che gli Dei accettassero col maggior gradimento i giuochi, che dal
Principe e dal Popolo si celebravano in onore delle particolari lor
feste[481]. I Cristiani, che con pio orrore sfuggivano l'abominazione
del circo o del teatro, trovavansi circondati da lacci infernali, ogni
volta che in un geniale trattenimento i loro nemici, nell'atto di
invocare gli Dei ospitali, facevano libazioni alla salute l'uno
dell'altro[482]. Quando nella pompa dell'imeneo, la sposa, resistendo
con affettata ripugnanza, veniva forzata ad entrar nella soglia della
sua nuova abitazione[483], o quando lentamente muovevasi la trista
processione di un cadavere verso il funereo rogo[484]; in queste
interessanti occasioni era costretto il Cristiano ad abbandonar le
persone più care che avesse, piuttosto che rendersi reo della colpa,
inerente a quegli empi riti. Qualunque arte e commercio, che avesse il
minimo legame colla formazione, o coll'adornamento degl'Idoli,
contaminavasi dalla macchia dell'idolatria[485]; sentenza ben rigida,
mentre condannava la massima parte del popolo, che s'impiega
nell'esercizio delle arti liberali e meccaniche, ad un'eterna miseria.
Se gettiamo gli occhi sopra i copiosi avanzi dell'antichità,
osserveremo, che oltre le immediate rappresentazioni degli Dei, e
gl'istrumenti sacri del loro culto, s'introdussero l'eleganti figure, e
le piacevoli finzioni, consacrate dall'immaginazione de' Greci, come i
più ricchi ornamenti delle case, degli abiti, e delle masserizie de'
Pagani[486]. Fino le arti della musica, della pittura, dell'eloquenza e
della poesia riconoscevano la medesima origine impura. Secondo il
linguaggio de' Padri, Apollo e le Muse erano gli organi dello spirito
infernale; Omero e Virgilio i primi fra i servi di lui; e la bella
mitologia, che penetra ed anima le composizioni de' loro ingegni, è
destinata a celebrar la gloria dei demonj. Il comune idioma stesso della
Grecia e di Roma abbondava di empie famigliari espressioni, le quali era
facile che dall'inavvertito Cristiano o fosser con troppa negligenza
adoperate, o udite troppo parzialmente[487].

Le pericolose tentazioni, che da ogni parte stavano in agguato per
sorprender l'incauto credente, l'assalivano con doppia violenza ne'
giorni di solenni festività. Questi erano immaginati e disposti nel
corso dell'anno con tale artifizio, che la superstizione portava sempre
seco l'apparenza del piacere; e spesso quella della virtù[488]. Varie
fra le più sacre solennità del Rituale Romano eran destinate a salutare
con voti di pubblica e di privata felicità le nuove calende di Gennaio,
a risvegliare la pia rimembranza dei morti e dei vivi, e sempre più
stringere i vincoli inviolabili della proprietà, ed applaudire nel
ritorno della primavera alla genial potenza della fecondità, a
perpetuare le due più memorabili epoche di Roma, la fondazione della
città, e quella della repubblica, ed a restituire nel tempo della
piacevole licenza de' Saturnali la primitiva uguaglianza dell'uman
genere. Può concepirsi una idea dell'abborrimento de' Cristiani per tali
empie cerimonie da quella scrupolosa delicatezza, ch'essi dimostravano
in ogni anche più leggiera occasione. Era costume degli antichi, ne'
giorni di generale festività, di adornare le loro porte con lampadi e
rami di lauro, e di coronarsi il capo con ghirlande di fiori. Si poteva
forse tollerare quest'elegante ed innocente usanza, come una pura
instituzione civile. Ma disgraziatamente accadde, che le porte delle
case trovavansi protette dagli Dei domestici, che il lauro era
consacrato all'amante di Dafne, e che le ghirlande di fiori, quantunque
spesso adoperate come un segno di letizia o di duolo, nella lor prima
origine si eran destinate all'uso della superstizione. I timorosi
Cristiani, che si lasciavan persuadere in tali casi a condiscendere al
costume del lor paese, ed a' comandi de' Magistrati, soggiacevano alle
più tetre apprensioni, che provenivano da' rimproveri della lor propria
coscienza, dalle censure della Chiesa e dall'annunzio della divina
vendetta[489].

Tal era la premurosa diligenza, che richiedevasi per guardare la purità
del Vangelo dall'infetto alito dell'idolatria. I seguaci della religion
dominante eran trascurati, per educazione e per abito, nel praticar le
superstiziose osservanze de' pubblici e privati riti; ma ogni volta, che
questi si facevano, somministravano a' Cristiani l'opportunità di
dichiarare e di confermare la zelante loro opposizione. Per mezzo di
tali frequenti proteste, di continuo si fortificava il loro attaccamento
alla fede, ed a misura che cresceva lo zelo, essi combattevano con più
ardore e successo nella santa guerra, che avevano intrapreso a fare
contro l'impero de' demonj.

II. Le opere di Cicerone[490] rappresentano co' colori più vivi
l'ignoranza, gli errori e l'incertezza degli antichi filosofi rispetto
all'immortalità dell'anima. Quando essi vogliono armare i lor discepoli
contro il timor della morte, inculcano loro come un'ovvia e malinconica
tesi, che il fatal colpo del nostro discioglimento ci libera dalle
calamità della vita, e che più non soffre chi più non esiste.
Contuttocciò v'erano alcuni pochi Saggi della Grecia e di Roma, che
avevan concepito un'idea più nobile, ed in qualche modo più giusta della
natura dell'uomo; quantunque bisogna confessare, che in tal sublime
ricerca il lor raziocinio era spesso guidato dall'immaginazione, e
questa eccitata dalla lor vanità. Allorchè si compiacevano in osservar
l'estensione delle proprie intellettuali potenze, allorchè esercitavano
le diverse facoltà della memoria, della fantasia, del giudizio nelle
speculazioni le più profonde, o ne' lavori di maggior importanza, e
quando riflettevano al desiderio della fama, che li trasportava ne'
futuri secoli molto al di là de' confini della morte e del sepolcro, non
eran inclinati a confonder se stessi colle bestie del campo, o a
supporre che un ente, per la dignità del quale nutrivano la più sincera
ammirazione, dovesse limitarsi ad un punto della superficie terrestre o
ad una durata di pochi anni. Con questa favorevole prevenzione
chiamavano anche in lor soccorso la scienza, o piuttosto il linguaggio
de' metafisici. Essi ben presto scoprirono, che, siccome niuna delle
proprietà della materia può applicarsi alle operazioni della mente,
l'anima umana per conseguenza debb'essere una sostanza distinta dal
corpo, pura, semplice e spirituale, incapace di scioglimento e
suscettibile del più alto grado di virtù e di felicità, subito che si
trovi libera dalla corporea prigione. Da questi nobili e speciosi
principj, i filosofi, che seguitavano le tracce di Platone, dedussero
una conseguenza non giusta nel sostenere che fecero l'immortalità non
solo in futuro, ma anche l'antecedente eternità dello spirito umano,
ch'essi erano troppo propensi a risguardare come una parte dell'ente
infinito ed esistente per se medesimo, il quale penetra e sostien
l'Universo[491]. Una dottrina tanto superiore ai sensi ed all'esperienza
dell'uman genere, poteva servire ad occupare piacevolmente l'ozio di una
mente filosofica, o a dare nel silenzio della solitudine un raggio di
conforto alla scoraggiata virtù; ma la debole impressione, ricevuta
nelle scuole, veniva in breve cancellata dal commercio e da negozi della
vita civile. Noi abbiam sufficiente notizia delle persone più eminenti,
che fiorirono al tempo di Cicerone e de' primi Cesari, delle loro
azioni, de' loro caratteri o de' loro motivi d'operare, per assicurarci
che la lor condotta in questa vita non fu mai regolata da una seria
persuasione dei premj o delle pene di uno stato futuro. Nel Foro e nel
Senato di Roma gli oratori più abili non temevano di offendere i loro
uditori con rappresentare quella dottrina come un'oziosa e stravagante
opinione, che rigettavasi con disprezzo da qualunque persona di culta
educazione e d'ingegno[492].

Poichè dunque i più alti sforzi della filosofia non possono estendersi
ad altro, che ad indicar debolmente il desiderio, la speranza, o al più
la probabilità di una vita futura, non v'è che una rivelazione divina
che assicurar possa l'esistenza, e descriver la natura di
quell'invisibil paese, ch'è destinato a ricever gli spiriti umani dopo
la lor separazione da' corpi. Ma facilmente si ravvisano molti difetti
inerenti alle comuni religioni della Grecia e di Roma, che le rendevano
molto inadeguate ad una sì difficile impresa. I. Il general sistema
della lor mitologia non era sostenuto da alcuna solida prova, ed i più
saggi fra' Pagani avevano già rinunziato alla mal usurpata autorità di
essa. II. Erasi abbandonata la descrizione delle infernali regioni alla
fantasia de' pittori e de' poeti, che le avevano popolate di tanti
mostri e fantasmi, i quali distribuivano con sì poca equità i premj e le
pene, che tal solenne verità, la più coerente al cuore umano, restava
oppressa e posta in cattivo aspetto dall'assurdo miscuglio delle più
strane finzioni[493]. III. La dottrina di uno stato avvenire appena
risguardavasi, fra' devoti politeisti della Grecia e di Roma, come un
articolo fondamentale di fede. Siccome la previdenza degli Dei
riferivasi alle pubbliche società, piuttosto che agli individui privati,
essa principalmente si spiegava sul visibil teatro del mondo presente.
Le preghiere, che si facevano agli altari di Giove e di Apollo,
esprimevano l'ansietà de' loro adoratori per la felicità temporale, e la
loro ignoranza, o indifferenza per la vita futura[494]. Inculcavasi
l'importante verità dell'immortalità dell'anima con maggior premura, e
successo nell'India, nell'Assiria, nell'Egitto e nella Gallia; e poichè
non possiamo attribuire tal differenza alle superiori cognizioni de'
Barbari, la dobbiamo ascrivere all'influenza dello stabilimento di un
sacerdozio, che impiegava i motivi della virtù, come istrumenti
dell'ambizione[495].

Potrebbe naturalmente aspettarsi, che un principio, così essenziale alla
religione, stato fosse ne' più chiari termini rivelato al popolo eletto
della Palestina, e sicuramente affidato all'ereditario sacerdozio di
Aronne. Noi dobbiamo adorare le misteriose disposizioni della
Providenza[496], osservando, che la dottrina dell'immortalità dell'anima
si omette nella legge di Mosè, viene oscuramente indicata da' Profeti, e
pel lungo tratto di tempo, che passò fra la schiavitù dell'Egitto, e
quella di Babilonia, sembra, che i timori e le speranze de' Giudei
limitate fossero agli angusti confini della vita presente[497]. Dopo che
Ciro ebbe permesso all'esiliata nazione di ritornar nella Terra
Promessa, e che Esdra ebbe ristaurato le antiche memorie della sua
religione, appoco appoco si formarono in Gerusalemme due celebri Sette,
quella cioè de' Farisei, e quella de' Sadducei[498]. Questi, che
facevano la parte più ricca e distinta della società, erano strettamente
attaccati al letteral senso della legge Mosaica, e scrupolosamente
rigettavano l'immortalità dell'anima, come un'opinione non autorizzata
dal libro divino, ch'essi veneravano, come l'unica regola della lor
fede. I Farisei poi combinavano l'autorità della tradizione con quella
della scrittura, e sotto nome di tradizione ammettevano molte massime
speculative, tratte dalla filosofia o dalla religione delle nazioni
orientali. Le dottrine del fato o della predestinazione, degli angeli o
spiriti, o di uno stato futuro di premj e di pene entraron nel numero di
questi nuovi articoli di fede; e siccome i Farisei per l'austerità de'
loro costumi avevan tirato al lor partito il corpo del popolo Ebraico,
il sentimento dell'immortalità dell'anima prevalse nella Sinagoga sotto
il regno de' Principi e Pontefici Asmonei. L'indole de' Giudei non era
capace di contentarsi di quel freddo e languido assenso, che avrebbe
potuto soddisfar la mente d'un politeista; e subito che ammisero l'idea
d'uno stato futuro, l'abbracciarono con quello zelo, che ha sempre
formato il carattere della nazione. Questo però niente aggiungeva
all'evidenza, o anche alla probabilità della vita immortale, ed era
tuttavia necessario, che tal dottrina, dettata dalla natura, approvata
dalla ragione, e dalla superstizione ricevuta, ottenesse la sanzione di
verità divina dall'autorità e dall'esempio di Cristo.

Quando si propose agli uomini la promessa di una eterna felicità a
condizione di adottar la fede e di osservare i precetti dell'Evangelio,
non è maraviglia che venisse accettata un'offerta sì vantaggiosa da un
gran numero di persone di ogni religione, di ogni condizione, e di ogni
provincia nell'Impero Romano. I primi Cristiani erano animati da tal
disprezzo per la loro esistenza attuale, e da tal giusta fiducia
dell'immortalità, che la dubbiosa ed imperfetta fede de' moderni tempi
non ce ne può dare alcun adeguata nozione. L'influsso della verità nella
primitiva Chiesa veniva molto efficacemente avvalorato da un'opinione,
che per quanto possa meritar rispetto a motivo della sua antichità e
utilità, non si è trovata conforme all'esperienza. Si credeva
universalmente che fosse vicina la fine del mondo ed il regno del Cielo.
L'approssimazione di questo mirabil evento era stata predetta dagli
Apostoli; se n'era conservata la tradizione da' loro più antichi
discepoli; e quelli, che intendevano i discorsi di Cristo medesimo nel
puro senso letterale, eran costretti ad aspettar la seconda gloriosa
venuta del Figliuol dell'uomo nelle nuvole, prima che fosse totalmente
estinta quella generazione, che aveva veduto l'umile condizione di lui
sopra la terra, e che potè anche veder la calamità de' Giudei sotto
Vespasiano o Adriano. Il giro di diciassette secoli ci ha insegnato a
non prender troppo strettamente il misterioso linguaggio della profezia
e della rivelazione. Ma fintantochè per saggi fini quest'errore si
lasciò sussistere nella Chiesa, esso produsse gli effetti più salutari
nella fede e nella pratica de' Cristiani, che vivevano nella terribile
aspettazione di quel momento, nel quale il globo medesimo, e tutte le
varie nazioni avrebber tremato all'apparire del Divino lor Giudice[499].

Colla seconda venuta di Cristo era intimamente connessa l'antica e
popolar dottrina de' Millenarj. Siccome si eran terminate in sei giorni
le opere della creazione, così la lor durata nello stato presente,
secondo una tradizione attribuita al profeta Elia, fissavasi al corso di
seimila anni[500]. S'inferiva dall'analogia medesima, che a questo lungo
tratto di travaglio e di contenzione, ch'allora trovavasi quasi al
termine[501], sarebbe succeduto un lieto sabbato di mille anni; e che
Cristo, colla schiera trionfante de' santi e degli eletti che avevano
evitato la morte o erano miracolosamente risuscitati, regnerebbe sopra
la terra fino al tempo determinato per l'ultima e generale risurrezione.
Tale speranza riusciva così lusinghiera pe' credenti, che la _Nuova
Gerusalemme_, che doveva esser la sede di questo beato regno, era
vivamente adornata co' più brillanti colori dell'immaginazione. Una
felicità, consistente solamente in puri e spirituali piaceri, sarebbe
paruta troppo raffinata per gli abitatori di quella, i quali si
supponevano tuttavia forniti della natura e de' sensi umani. Un giardino
d'Eden, co' diletti della vita pastorale, non era più conforme ai
progressi che si eran fatti nello stato di società sotto il Romano
Impero. Fu dunque immaginata una città tutta d'oro e di pietre preziose
con una soprannaturale abbondanza di uva e di grano nel territorio
adiacente; i quali spontanei prodotti si sarebber liberamente goduti da
quel felice e buon popolo senz'esser giammai molestato da veruna gelosa
legge di esclusivo dominio[502]. Si ebbe tutta la premura di assicurar
l'esistenza di questo millenario periodo da una serie di Padri,
incominciando da Giustino martire[503] e da Ireneo, che conversarono
cogl'immediati discepoli degli Apostoli, fino a Lattanzio, che fu
maestro del figliuolo di Costantino[504]. Sostengono tutti, e descrivono
tal sistema come ricevuto dal consenso generale de' Cristiani de' loro
tempi; e sembra così bene adattato a' desiderj ed alle apprensioni degli
uomini, che deve in grandissima parte aver contribuito ai progressi
della fede Cristiana. Ma quando l'edifizio della Chiesa fu quasi al
termine, si tolse di mezzo il sostegno ch'era servito un tempo per
comodo della fabbrica. La dottrina dal regno di Cristo sopra la terra
s'incominciò a risguardare come una profonda allegoria, quindi a grado a
grado come una dubbiosa ed inutile opinione, e finalmente fu rigettata
come un'assurda invenzione dell'eresia e del fanatismo[505]. Una
profezia misteriosa, che tuttavia forma una parte del canone sacro, ma
che si credea favorevole alla condannata opinione, potè appena scansare
la proscrizione della Chiesa[506].

Nel tempo che promettevasi a' discepoli di Cristo la felicità, e la
gloria d'un Regno temporale, si annunziavano contro il mondo infedele le
più terribili calamità. L'edificazione della nuova Gerusalemme dovevasi
avanzare con ugual passo, che la distruzione della mistica Babilonia; e
finchè gl'Imperatori, che regnarono avanti Costantino, continuarono a
professare l'idolatria, s'applicava il nome di Babilonia alla città ed
all'impero di Roma. Era già preparata una regolar serie di tutte le
fisiche e morali sciagure, che possono affliggere una florida nazione,
vale a dire l'interna discordia, e l'invasione delle più fiere barbare
genti dalle incognite regioni del Norte, la peste e la fame, le comete e
l'ecclissi, le inondazioni ed i terremoti[507]. Tutti questi non erano
che tanti preparatorj e spaventevoli segni della gran catastrofe di
Roma, allorchè la patria degli Scipioni, e de' Cesari doveva esser
consumata da una fiamma celeste, e la città de' Sette Colli co' suoi
palazzi, tempj, ed archi trionfali restar sommersa in un ampio lago di
fuoco e di zolfo. Poteva però servire di qualche consolazione alla
vanità Romana il riflettere, che il termine del proprio Impero sarebbe
stato anche quello del mondo stesso, il quale come una volta era perito
per mezzo dell'elemento dell'acqua, così era destinato a soffrire una
seconda subitanea distruzione mediante quello del fuoco. In tale
opinione di un generale incendio la fede Cristiana molto felicemente si
conciliava colla tradizione orientale, colla filosofia degli Stoici, e
coll'analogia della natura; ed il paese medesimo, che per motivi
religiosi era stato scelto per esser l'origine e la principale scena
dell'incendio, era il più a proposito per tal disegno, attese le cagioni
fisiche e naturali di profonde caverne, che vi si trovano, di strati di
zolfo e di numerosi vulcani, de' quali non sono che una molto imperfetta
immagine quelli dell'Etna, del Vesuvio e di Lipari. Il più tranquillo ed
intrepido scettico non poteva esimersi dall'accordare, che la
distruzione del presente sistema del mondo per mezzo del fuoco era in se
stessa probabilissima. Il Cristiano, che fondava la propria fede molto
meno su' fallaci argomenti della ragione, che sull'autorità della
tradizione, e sulla interpretazione della Scrittura, l'aspettava con
terrore e fiducia come un evento certo e vicino; ed avendo la mente
continuamente occupata da tal solenne idea, considerava ogni disastro, a
cui soggiaceva l'Impero, come un infallibil sintomo del mondo
spirante[508].

Sembra che la condanna de' più saggi e virtuosi Pagani per cagione della
loro ignoranza o miscredenza della verità divina, offenda l'umanità e la
ragione del presente secolo[509]. Ma la primitiva Chiesa, la cui fede
era di una molto stabile tempra, condannò senza esitare ai tormenti
eterni la massima parte della specie umana. Poteva per avventura
concedersi una caritatevole speranza in favore di Socrate, o di alcuni
altri Savi dell'Antichità, che avevan consultato il lume della ragione,
avanti che sorgesse quello dell'Evangelio[510]. Ma di comun consenso
asserivasi, che quelli, i quali dopo la nascita o la morte di Cristo
avevan ostinatamente perseverato nel culto de' demonj, non meritavano, e
non potevano aspettare il perdono dell'irata giustizia di Dio. Questi
rigidi sentimenti, ch'erano incogniti agli antichi, par che abbiano
sparso un certo spirito di amarezza in un sistema di amore e di armonia.
Spesse volte si rompevano i vincoli del sangue e dell'amicizia dalla
differenza di religione, ed i Cristiani, che in questo mondo trovavansi
oppressi dal poter de' Pagani, erano qualche volta dal risentimento, e
dallo spirituale orgoglio portati a dilettarsi nel prospetto del futuro
loro trionfo. «Voi che siete appassionati per gli spettacoli (esclama
con forza Tertulliano) attendete lo spettacolo più grande di tutti,
l'ultimo ed eterno giudizio dell'universo. Come sarò sorpreso, come
riderò, esulterò, e sarò lieto allor che vedrò tanti orgogliosi Monarchi
ed immaginati Dei gementi nel più profondo abisso dell'oscurità! tanti
Magistrati, che perseguitarono il nome del Signore, penetrati da fuochi
molto più veementi di quelli, ch'essi mai adoperaron contro i Cristiani!
tanti saggi filosofi arroventarsi nelle vive fiamme insieme co' delusi
loro scolari! tanti celebri poeti tremare avanti al tribunale non giù di
Minosse, ma di Cristo! tanti tragici, più risuonanti nell'espressione
de' lor tormenti! tanti danzatori....» Ma l'umanità del lettore mi
permetterà di tirare un velo sul rimanente di questa infernal
descrizione, che lo zelante Affricano prosegue con una lunga serie di
affettati e spiritosi concetti[511].

V'erano senza dubbio molti fra' primi Cristiani di un carattere più
conforme alla dolcezza e carità della lor professione. V'erano molti,
che sentivano una sincera compassione pel pericolo de' lor amici e
nazionali, e che usavano il più amorevole zelo per salvarli
dall'imminente rovina. Il trascurato politeista, assalito da nuovi ed
inaspettati terrori, contro i quali nè i suoi Sacerdoti, nè i suoi
Filosofi potevan dargli alcuna protezione sicura, era bene spesso
spaventato e vinto dalla minaccia degli eterni tormenti. I timori di lui
servivan facilmente di aiuto ai progressi della fede e della ragione; e
se una volta inducevasi a sospettare, che potesse la religion Cristiana
esser vera, diveniva facile il convincerlo, che la professione di questa
era il più sicuro e prudente consiglio a cui si potesse appigliare.

III. I doni soprannaturali, che anche in questa vita si attribuivano a'
Cristiani sopra il resto del genere umano, debbono aver molto
contribuito alla propria loro consolazione, ed assai frequentemente alla
persuasione degl'Infedeli. Oltre i prodigi accidentali, che potevano
qualche volta effettuarsi dall'immediata operazione di Dio, allorchè
sospendeva le leggi della natura per servigio della religione, la Chiesa
Cristiana fin dal tempo degli Apostoli e de' primi loro discepoli[512]
si è arrogata una successione non interrotta di facoltà miracolose, come
il dono delle lingue, delle visioni, e della profezia, il potere di
scacciare i demonj, di sanare gli ammalati, e di risuscitare i morti. Si
comunicava frequentemente a' contemporanei d'Ireneo la cognizione delle
lingue straniere, quantunque Ireneo medesimo dovesse contrastare colle
difficoltà di un dialetto barbaro, quando predicava il Vangelo ai popoli
della Gallia[513]. Si rappresenta l'inspirazion divina, o fosse questa
comunicata per via di visione, in sogno o in vigilia, come un favore
assai liberamente concesso ad ogni classe di fedeli, alle donne
ugualmente che a' vecchi, a' fanciulli non meno che a' Vescovi. Quando
le devote lor menti eran preparate abbastanza da una quantità di
preghiere, di digiuni, e di vigilie a ricever l'impulso straordinario,
venivan trasportati fuor de' lor sensi, ed, assorti in estasi,
esponevano ciò ch'era loro inspirato, essendo puri organi dello Spirito
Santo, appunto come lo è una canna o un flauto, rispetto a quello che vi
soffia dentro[514]. Si può aggiungere che lo scopo di queste visioni era
quello per la massima parte o di svelare i futuri eventi, o di regolare
l'attuale amministrazion della Chiesa. L'espulsione de' demonj da' corpi
di quegl'infelici, ch'essi avevano avuto la permissione di tormentare,
si risguardava come un segnalato, quantunque ordinario, trionfo della
religione, ed è più volte allegato dagli antichi Apologisti come la
prova più convincente della verità del Cristianesimo. Per ordinario
questa terribile cerimonia si faceva in pubblico ed in presenza di un
gran numero di spettatori; veniva liberato il paziente dal potere e
dall'arte dell'esorcista, ed il demonio, superato, si udiva confessare,
ch'esso era uno de' favolosi Dei dell'antichità, che aveva empiamente
usurpato le adorazioni dell'uman genere[515]. Ma la cura miracolosa
delle più inveterate ed anche non naturali malattie non può cagionarci
sorpresa veruna, se riflettiamo che al tempo d'Ireneo, cioè verso il
fine del secondo secolo, il risuscitare un morto era ben lontano dal
risguardarsi come un evento straordinario, che tal miracolo
frequentemente facevasi nelle necessarie occasioni per mezzo di gran
digiuni, e delle preghiere insieme unite della Chiesa del luogo, dove
occorreva di farsi; e che le persone, in tal modo restituite in vita per
le loro preci, vivevano dopo quel tempo fra loro molt'anni[516]. In un
tempo, in cui la fede poteva vantare tante maravigliose vittorie sopra
la morte, sembra difficile a render ragione dello scetticismo di que'
filosofi, che tuttavia rigettavano e deridevano la dottrina della
risurrezione. Un nobile Greco aveva ridotto a questo punto importante
tutta la controversia, ed avea promesso a Teofilo, Vescovo d'Antiochia,
che se poteva esser soddisfatto colla vista di una sola persona, che si
fosse attualmente fatta risorgere da morte a vita, immediatamente
avrebbe abbracciato la religione di Cristo. Egli è un poco
straordinario, che un Prelato della prima Chiesa Orientale, per quanto
bramoso fosse della conversione del suo amico, stimasse proprio di
evitare una sì bella, e ragionevol disfida[517].

I miracoli della primitiva Chiesa, dopo d'aver ottenuta l'approvazione
di più secoli, sono stati ultimamente attaccati da una molto libera ed
ingegnosa opera[518], la quale, sebbene abbia incontralo la più
favorevole accoglienza dal pubblico, par che abbia eccitato un generale
scandalo fra i Teologi della nostra, non meno che delle altre Chiese
protestanti d'Europa[519]. Sulle diverse nostre opinioni rispetto a
quest'articolo potrà molto meno influire alcun particolare argomento,
che l'abitudine de' nostri studi e delle nostre riflessioni, e sopra
tutto quel grado d'evidenza che noi medesimi siamo soliti di esigere per
provare un fatto miracoloso. Il dovere d'uno storico non è d'interporre
il suo privato giudizio in questa delicata ed importante controversia;
ma egli non deve dissimular la difficoltà di adottare una teoria, che
possa conciliar l'interesse della religione con quello della ragione, di
farne un'applicazione giusta, e di definire con precisione i limiti di
quel fortunato periodo, libero dall'errore e dall'inganno, fino al quale
possiamo estendere il dono delle facoltà soprannaturali. Dal primo de'
Padri fino all'ultimo de' Papi, si trova continuata senza
interrompimento una successione di Vescovi, di Santi, di Martiri, e di
miracoli; ed il progresso della superstizione arrivò di grado in grado
quasi insensibilmente a tal segno, che non sappiamo a quale particolar
anello si debba rompere la catena della tradizione. Ogni secolo attesta
fatti maravigliosi, co' quali si distinse, e tal testimonianza non
sembra meno grave e rispettabile di quella della generazion precedente,
in maniera che senz'accorgercene veniamo ad accusar noi medesimi
d'incoerenza, se neghiamo nell'ottavo o nel decimo secolo al venerabile
Beda o a S. Bernardo quella fede, che abbiamo con tanta generosità
accordata nel secondo a Giustino e ad Ireneo[520]. Se apprezzata venga
la verità di alcuno di quei miracoli dall'apparente loro vantaggio ed
opportunità, ogni secolo ha alcuni miscredenti da convincere, alcuni
eretici da confutare, alcune idolatriche nazioni da convertire; e
possono sempre allegarsi motivi sufficienti per giustificare
l'interposizione del cielo. Eppure, poichè ogni amico della rivelazione
è persuaso della realtà, ed ogni uomo ragionevole è convinto della
cessazione de' miracoli, egli è chiaro, che debb'esservi stata un'epoca,
nella quale o tutto ad un tratto, o gradatamente siasi tolto questo
potere alla Chiesa Cristiana. Qualunque sia quella, che scelgasi per tal
evento, vale a dire, o la morte degli Apostoli, o la conversione del
Romano Impero, o l'estinzione dell'eresia d'Arrio[521], l'insensibilità
de' Cristiani, che viveano in quel tempo, somministrerà ugualmente un
giusto motivo di maraviglia. Sostenevano essi tuttavia le loro
pretensioni dopo di aver perduta la loro potenza. Teneva luogo di fede
la credulità; permettevasi al fanatismo di usare il linguaggio
dell'inspirazione, ed attribuivasi a cagioni soprannaturali gli effetti
del caso o dell'astuzia. La moderna esperienza de' veri miracoli
dovrebbe aver istruito il mondo Cristiano rispetto alle operazioni della
Providenza, ed abituata la vista d'ognuno (s'è lecito di servirci di
questa molto inadeguata espressione) alla maniera del divino artefice.
Se il più abile moderno pittore dell'Italia pretendesse di decorar le
sue deboli imitazioni col nome di Raffaello o del Correggio, l'insolente
sua frode sarebbe presto scoperta e rigettata con isdegno.

Qualunque opinione si abbia de' miracoli della primitiva Chiesa dopo il
tempo degli Apostoli, quell'irresistibil docilità di carattere, tanto
notabile fra' credenti del secondo e del terzo secolo, riuscì di qualche
accidental vantaggio alla causa della verità e della Religione. Ne'
moderni tempi si trova un segreto e quasi involontario scetticismo anche
nelle più divote menti. L'ammetter ch'esse fanno le verità
soprannaturali, è molto meno l'effetto di un consenso attivo, che di una
fredda e passiva condiscendenza. Da gran tempo essendo assuefatti ad
osservare, ed a rispettare l'ordine invariabile della natura, la nostra
ragione, o almeno la nostra fantasia, non è preparata sufficientemente a
sostenere l'azione visibile della divinità. Ma ne' primi secoli del
Cristianesimo era differentissima la situazione del genere umano. I più
curiosi ed i più creduli fra' Pagani s'inducevano spesse volte ad
entrare in una società, che si attribuiva un attual diritto alla potestà
di far miracoli. I primitivi Cristiani battevan continuamente una strada
mistica, ed i loro spiriti erano esercitati nell'abitudine di credere i
fatti più straordinari; sentivano o immaginavano di sentire, che da ogni
parte venivano di continuo assaliti da' demonj, confortati dalle
visioni, instruiti dalle profezie, e mirabilmente liberati dalle
malattie, da' pericoli, e dalla morte medesima per le preghiere della
Chiesa. I reali o immaginari prodigi, de' quali credevano di esser così
spesso gli oggetti, gl'istrumenti, o gli spettatori, molto felicemente
li disponevano ad ammettere colla medesima facilità, ma con molto
maggior ragione, le autentiche maraviglie dell'istoria evangelica; ed in
tal modo i miracoli, che non eccedevano i limiti della lor propria
esperienza, inspiravano loro la più viva sicurezza de' misteri, ch'essi
riconoscevano sorpassar le forze del loro intelletto. Questa profonda
impressione delle verità soprannaturali è quel che tanto si è celebrato
sotto il nome di fede: disposizione d'animo rappresentata come il più
sicuro pegno del favor divino, e della futura felicità, e raccomandata
come il principale e forse l'unico merito d'un Cristiano, giacchè
secondo i Dottori più rigorosi, le virtù morali, che si posson praticare
ugualmente dagl'infedeli, son prive di ogni valore o efficacia per
operar la nostra giustificazione.

IV. Ma i primitivi Cristiani dimostravano la lor fede per mezzo delle
loro virtù; e supponevasi molto giustamente, che la divina persuasione,
la quale illuminava, o convinceva l'intelletto, dovesse nel tempo stesso
purificare il cuore, e diriger le azioni del fedele. I primi apologisti
del Cristianesimo, che giustificano l'innocenza de' loro fratelli, ed i
successivi scrittori, che celebrano la santità de' loro padri,
rappresentano coi più vivi colori la riforma de' costumi, che
s'introdusse nel mondo, mediante la predicazione del Vangelo. Poichè mio
disegno è di notare solamente quelle cagioni umane, che furono scelte
per secondar l'efficacia della rivelazione, io esporrò in breve due
motivi, che naturalmente rendettero la vita de' primitivi Cristiani più
pura ed austera di quella de' Pagani loro contemporanei, o de' loro
degenerati successori, vale a dire il pentimento delle lor colpe
passate, ed il lodevole desiderio di sostener la riputazione della
società, nella quale s'erano impegnati.

È un'accusa molto antica, suggerita dall'ignoranza, e dalla malizia
degl'Infedeli, che i Cristiani attirassero al loro partito i delinquenti
più scellerati, che appena mossi da un sentimento di rimorso facilmente
si persuadevano di lavare nell'acqua del Battesimo le colpe della
passata lor vita, per le quali da' tempj degli Dei ricusavasi loro
qualunque espiazione. Ma questo rimprovero, purgato che sia da tutto ciò
che v'è di falso, contribuisce all'onor della Chiesa, non meno di quel
che favorisse l'accrescimento della medesima[522]. Gli amici del
Cristianesimo posson confessare senza rossore, che molti de' più
eminenti santi erano stati prima del lor battesimo i peccatori più
disperati. Quelli, che nel mondo avean seguitato, sebbene
imperfettamente, i dettami della benevolenza e del decoro, traevano
dalla opinione della propria rettitudine una sì tranquilla
soddisfazione, che li rendeva molto men suscettibili di que' subiti
movimenti di vergogna, di cordoglio, e di terrore, che avevano fatto
nascere tante maravigliose conversioni. Seguitando l'esempio del divino
lor Maestro, i missionari dell'Evangelio s'indirizzavano agli uomini, e
specialmente alle donne oppresse dalla coscienza, e bene spesso dagli
effetti de' loro vizi. Siccome poi questi da' peccati e dalla
superstizione innalzavansi alla gloriosa speranza dell'immortalità,
risolvevano di darsi ad una vita, non solo virtuosa ma eziandio
penitente. La brama della perfezione diveniva la passion dominante
dell'animo loro; ed è ben noto, che mentre la ragione si contiene dentro
i limiti d'una fredda mediocrità, le nostre passioni con una rapida
violenza ci spingono oltre lo spazio, che trovasi fra estremità le più
opposte fra loro.

Quando i novelli convertiti s'erano arrolati al numero de' Fedeli,
ammessi a' Sacramenti della Chiesa, li riteneva dal cader nuovamente ne'
lor passati disordini un'altra considerazione di una specie meno
spirituale, ma molto innocente e lodevole. Ogni particolar società, che
si è staccata dal corpo di una nazione, o dalla religione alla quale
apparteneva, diviene immediatamente l'oggetto dell'universale ed
invidiosa osservazione. A misura che n'è piccolo il numero, possono
influire sul carattere della società le virtù od i vizi delle persone,
che la compongono; ed ogni membro si trova impegnato ad invigilare colla
più premurosa attenzione sulla propria condotta, e su quella de' suoi
fratelli, mentre siccome deve aspettarsi di esser partecipe delle comuni
disgrazie, così può sperar di godere una parte della comune riputazione.
Quando furono condotti i Cristiani della Bitinia avanti al tribunale di
Plinio il Giovane, assicurarono il Proconsole, che lungi dall'intignere
in alcuna cospirazione illegittima, essi con una solenne obbligazione
astringevansi ad astenersi da qualunque delitto che potesse disturbar la
privata o pubblica pace della società, da' furti, dalle ruberie, dagli
adulterj, dagli spergiuri e dalle frodi[523]. Quasi un secolo dopo,
Tertulliano con onesto orgoglio poteva vantare, che ben pochi Cristiani
erano stati giustiziati per mano del carnefice, eccettuati quelli, che
avean sofferto a motivo della lor religione[524]. La vita seria e
ritirata, che facevano, contraria alle tumultuarie costumanze di quel
tempo, gli assuefaceva alla castità, alla temperanza, all'economia, ed a
tutte le sobrie e domestiche virtù. Comechè per la maggior parte si
esercitavano in qualche negozio, o professione, vi attendevano usando la
massima integrità, ed il più onesto contegno, per togliere ogni
sospetto, che i profani son troppo disposti a concepire contro le
apparente di santità. Il disprezzo del mondo gli abituava negli esercizi
di umiltà, di mansuetudine e di pazienza. Quanto più erano perseguitati,
tanto più strettamente si univano fra loro. La mutua lor carità, e non
sospetta confidenza aveva dato nell'occhio agl'infedeli, e bene spesso
ne abusarono i loro perfidi amici[525].

Una circostanza, che fa molto onore alla morale de' primi Cristiani, è
che le stesse mancanze loro, anzi gli errori, nascevano da un eccesso di
virtù. I Vescovi e Dottori della Chiesa, che fanno testimonianza delle
professioni, de' principj, ed anche della pratica de' loro
contemporanei, sopra i quali esercitava grand'influenza la loro
autorità, avevano studiate lo scritture con meno perizia, che devozione,
e spesso prendevano nel senso il più letterale que' rigidi precetti di
Cristo e degli Apostoli, a' quali ha la prudenza de' più moderni
commentatori applicato una più libera o figurata maniera
d'interpretamento. Ambizioni d'esaltare la perfezione dell'Evangelio
sopra la saviezza della filosofia, gli zelanti Padri hanno spinto i
doveri della mortificazione di se stesso, della purità e della pazienza
fino ad un grado, al quale appena è possibile di giungere, e molto meno
di perseverarvi nel presente stato di debolezza e di corruzione in cui
siamo. Una dottrina così straordinaria e sublime si dee render senza
dubbio venerabile al popolo; ma era mal acconcia ad ottener
l'approvazione di que' mondani filosofi, che nella condotta di questa
vita passeggera consultano i sentimenti della natura e l'interesse della
società[526].

Vi sono due propensioni naturali, che noi possiam ravvisare nelle più
virtuose ed ingenue indoli, l'amor del piacere e quello di agire. Se il
primo sia coltivato dalle arti e dalle scienze, promosso da' vincoli del
commercio sociale, e corretto da un giusto riguardo all'economia, alla
salute, ed alla riputazione, produce la maggior parte della felicità di
una vita privata. L'amore poi dell'azione è un principio di un carattere
più forte o più dubbioso: conduce spesse volte alla collera,
all'ambizione, ed alla vendetta; ma qualora sia guidato da un sentimento
di decenza e di bontà, divien la sorgente di ogni virtù; e se queste
virtù sono accompagnate da egual capacità, può anche una famiglia, uno
Stato, o un Impero riconoscer la sua prosperità e sicurezza dal coraggio
intrepido di un solo uomo. All'amor del piacere dunque imputar si
possono le più dilettevoli, ed a quel dell'azione le più utili e stabili
qualità umane. Quell'individuo, nel quale si trovasse unito con
bell'armonia l'uno all'altro, ci darebbe per avventura la più perfetta
idea della natura dell'uomo. Un'indole inattiva, ed insensibile, che si
supponesse del tutto priva di ambidue gli amori, si rigetterebbe
d'unanime accordo dagli uomini come affatto incapace di procurare
all'individuo veruna felicità, o alcun pubblico vantaggio al genere
umano. Ma non era questo mondo il luogo, dove i primitivi Cristiani
bramavano di rendersi o piacevoli, o vantaggiosi.

L'acquisto di cognizioni, l'esercizio della nostra ragione ed
immaginativa, ed il lieto corso di una libera conversazione occupar
possono il tempo di un animo culto. Queste ricreazioni però si
rigettavano con orrore, o ammettevansi con estrema cautela dalla
severità de' Padri, che disprezzavano qualunque cognizione, che non
fosse utile alla salute spirituale, e riguardavan ogni leggerezza di
discorso, come un colpevole abuso del dono della parola. Nello stato in
cui siamo presentemente, il corpo è tanto inseparabilmente connesso
coll'anima, che sembra nostro interesse di gustare innocentemente, e con
moderazione i piaceri, de' quali è suscettibile quel fedele compagno.
Assai diverso era il ragionamento de' nostri devoti predecessori, che
vanamente aspirando ad imitare la perfezione degli Angeli, sdegnavano, o
affettavano di sdegnare ogni terreno e corporale diletto[527]. Alcuni
de' nostri sensi veramente son necessari per la conservazione, altri per
la sussistenza, ed altri finalmente per l'instruzione dell'uomo, e così
era impossibile affatto di non ammetterne l'uso. Ma la prima sensazion
di piacere notavasi come il primo momento del loro abuso. L'insensibile
candidato del Cielo era preparato non solo a resistere a' più grossolani
allettamenti dell'odorato o del gusto, ma anche a chiuder gli orecchi
all'armonia profana de' suoni, ed a rimirar con indifferenza le più
finite produzioni dell'arte umana. Supponevasi, che l'uso di
abbigliamenti galanti, di case magnifiche e di eleganti suppellettili
riunisse il doppio vizio d'orgoglio e di sensualità: una semplice e
mortificata apparenza era più conforme al Cristiano, il quale era certo
delle proprie colpe, ed incerto della sua salvezza. I Padri nel
censurare la voluttà son minuti e circostanziati all'estremo[528]; e fra
vari articoli, ch'eccitano la pietosa loro indignazione, possiam contare
la chioma finta, gli ornamenti di ogni colore, eccettuato il bianco,
gl'istrumenti di Musica, i vasi d'oro e d'argento, i guanciali molli
(poichè Giacobbe avea posato il suo capo sopra una pietra,) il pane
bianco, i vini forestieri, le pubbliche salutazioni, l'uso de' bagni
caldi, e quello di radersi la barba, che secondo l'espressione di
Tertulliano è una bugia contro i nostri propri volti, ed un empio
tentativo di migliorar le opere del Creatore[529]. Quando il
Cristianesimo si diffuse fra la gente ricca e pulita, l'osservanza di
queste leggi singolari fu abbandonata, come si farebbe presentemente, a
que' pochi che aspiravano ad una santità superiore. Ma egli è sempre
facile non meno che soddisfacente per i ceti più bassi degli uomini di
farsi un merito col disprezzo di quelle pompe e di quei piaceri, che la
fortuna pose al di là della loro portata. La virtù dei primitivi
Cristiani era molto spesso difesa, come quella de' Romani antichi, dalla
povertà, e dall'ignoranza.

La casta severità de' Padri in tutto ciò, che risguardava il commercio
de' due sessi, nasceva dall'istesso principio, cioè dall'abborrimento
che avevano per ogni diletto, che soddisfar potesse la natura sensuale
dell'uomo, e degradarne la spirituale. Era opinione lor favorita, che se
Adamo conservato si fosse obbediente al Creatore, avrebbe vissuto per
sempre in uno stato di virginal purità, ed in qualche innocente maniera
di vegetazione sarebbesi popolato il Paradiso di una razza di esseri
puri, ed immortali[530]. Solo permettevasi l'uso del matrimonio alla
decaduta posterità come un espediente necessario per continuare la
specie umana, e come un freno, quantunque imperfetto, alla natural
licenza dei desiderj. La dubbiezza de' casisti ortodossi rispetto a
quest'interessante soggetto, scuopre l'imbarazzo di quelli che non
vogliono approvare un instituto, che son costretti a tollerare[531].
L'enumerazione delle più capricciose leggi, ch'essi con la massima
minutezza imposero al letto maritale, farebbe sorridere i giovani, ed
arrossire le belle. Era concorde lor sentimento, che il primo unico
matrimonio fosse conforme a tutti i fini della natura e della società.
La sensual congiunzione innalzavasi a rappresentar la mistica unione di
Cristo colla sua Chiesa, e si pronunziava indissolubile tanto pel
divorzio, che per la morte. L'uso delle seconde nozze era diffamato col
nome di legale adulterio; e le persone, colpevoli di tale scandalosa
mancanza contro la purità Cristiana, venivano spesso escluse dagli
onori, e fino dallo limosine della Chiesa[532]. Poichè si risguardava il
desiderio come un delitto, ed il matrimonio si tollerava come un
difetto, era ben coerente a questi principj di considerar lo stato del
celibato, come il più prossimo alla perfezione Divina. Con la massima
difficoltà potea soffrire l'antica Roma l'instituzione di sei
Vestali[533], ma la primitiva Chiesa era piena di un gran numero di
persone dell'uno e dell'altro sesso, che si eran obbligate a professare
una perpetua castità[534]. Alcune poche di queste, fra le quali numerar
possiamo il dotto Origene, crederono prudentissimo consiglio quello di
disarmare il tentatore[535]. Alcuni erano insensibili, altri invincibili
agli assalti della carne. Sdegnando un'ignominiosa fuga, le vergini del
caldo clima dell'Affrica affrontavano il nemico nella più stretta
battaglia; esse permettevano a' Preti ed a' Diaconi di aver luogo ne'
loro letti, e gloriavansi fra le fiamme dell'intatta lor purità. La
natura insultata vendicava qualche volta i propri diritti, e questa
nuova specie di martirio serviva soltanto ad introdurre un nuovo
scandalo nella Chiesa[536]. Molti però fra gli Ascetici (nome che presto
acquistarono a motivo de' lor penosi esercizj) essendo meno presuntuosi,
ebbero probabilmente miglior successo. La mancanza de' sensuali piaceri
si compensava, e si suppliva dall'orgoglio spirituale. Anche la
moltitudine de' Pagani era disposta a stimare il merito del sacrifizio
per la sua apparente difficoltà; ed in lode di queste caste spose di
Cristo i Padri hanno versato il torbido fiume della loro eloquenza[537].
Tali sono le antiche tracce de' principj, e degli instituti monastici,
che ne' posteriori tempi hanno bilanciato tutti i vantaggi temporali del
Cristianesimo[538].

Non erano i Cristiani meno alieni dagli affari, che da' piaceri di
questo mondo. Essi non sapevano come conciliar la difesa delle proprie
persone e sostanze con la tollerante dottrina, che ordinava loro
un'illimitata dimenticanza delle passate ingiurie, e il domandarne delle
nuove. Offendevasi la loro semplicità dall'uso de' giuramenti, dalla
pompa delle magistrature e dall'attiva contenzione della vita pubblica,
nè la loro mite ignoranza potea convincersi, che in qualche occasione si
potesse legittimamente spargere il sangue de' nostri prossimi con la
spada o della giustizia, o della guerra; quantunque anche i lor ostili,
o criminali attentati minacciasser la pace, e la sicurezza dell'intera
Repubblica[539]. Si confessava, che sotto una legge meno perfetta si
esercitava la potestà nel Governo Giudaico da inspirati Profeti, e da Re
unti coll'approvazione del Cielo. I Cristiani sentivano, ed accordavano,
ch'eran necessari pel presente sistema del mondo tali instituti, e
sottoponevansi di buona voglia all'autorità de' loro Pagani Governatori.
Ma nel tempo che inculcavano le massime d'un'ubbidienza passiva,
ricusavano di prender attivamente alcuna parte nella civile
amministrazione, o militar difesa dell'Impero. Poteva per avventura
concedersi qualche dispensa per quelle persone, che avanti di convenirsi
erano già impegnate in tali violente, e sanguinarie occupazioni[540]; ma
era impossibile, che i Cristiani, senza rinunciare a' più sacri doveri,
potessero assumere il carattere di soldati, di magistrati, o di
Principi[541]. Questa indolente, o anche colpevole noncuranza della
pubblica salute gli esponeva al disprezzo, ed a' rimproveri de' Pagani,
che bene spesso dimandavano quale mai sarebbe stato il destino
dell'Impero attaccato per ogni parte da' Barbari, se tutti adottato
avessero i pusillanimi sentimenti della nuova setta?[542] A tale
insultante questione gli Apologisti Cristiani rendevan oscure ed ambigue
risposte, non volendo manifestar la secreta opinione della lor
sicurezza, vale a dire l'opinione in cui erano, che avanti l'intera
conversione dell'uman genere, la guerra, il Governo, il Romano Impero,
ed il Mondo stesso non sarebbero più. È da notarsi, che anche in questo
caso la situazione de' primi Cristiani molto felicemente coinciderà co'
loro scrupoli religiosi, e che la loro avversione ad una vita attiva
contribuiva piuttosto a scusarli dal servizio, che ad escluderli dagli
onori dello Stato, e dell'esercito.

V. Ma per quanto il carattere degli uomini possa venir innalzato, o
depresso da un passeggiero entusiasmo, tornerà poi a grado a grado al
suo proprio, e naturale livello, e riprenderà quelle passioni, che
sembrano le più adattate alla sua presente condizione. I primitivi
Cristiani eran morti agli affari, ed a' piaceri del Mondo; ma l'amor
dell'azione, che non può mai estinguersi totalmente, presto risorse in
loro, e trovarono un'occupazione novella nel governo della Chiesa. Una
società a parte, che attaccava la religione dominante dell'Impero,
doveva prescriversi qualche forma di regolamento interno, e deputare un
sufficiente numero di ministri, a' quali affidasse non solo le funzioni
spirituali, ma ancora la temporale direzione della Cristiana Repubblica.
La sicurezza di tal società, l'onore, e l'ingrandimento della medesima
producevano eziandio negli animi più devoti uno spirito di patriottismo,
simile a quello, che i primi Romani avevan sentito per la Repubblica, ed
alle volte anche una simile indifferenza rispetto all'uso di qualunque
sorta di mezzi, che potessero probabilmente condurre a sì desiderabile
fine. L'ambizione d'innalzar se stessi, o i loro amici agli onori ed
agli uffizi della Chiesa, coprivasi con la lodevole intenzione di
sacrificare al pubblico vantaggio il potere e la stima, che solo per tal
oggetto erano essi in dovere di procacciarsi. Nell'esercizio delle lor
funzioni molto frequentemente occorreva di scoprire gli errori
dell'eresia, o gli artifizi della fazione, di opporsi a' disegni de'
malvagi fratelli, di mostrarne le persone colla meritata infamia, e di
escluderli dal seno di una società, la cui pace e felicità tentato
avevano di turbare. Gli Ecclesiastici direttori de' Cristiani dovevano
unire la prudenza del serpente coll'innocenza della colomba; ma come la
prima si andò raffinando, così la seconda insensibilmente corruppesi per
l'abitudine del Governo. Nella Chiesa ugualmente che nel Mondo, le
persone, costituite in qualche pubblico impiego, si rendevan
considerabili per la loro eloquenza e fermezza, per la cognizione degli
uomini, e per la destrezza negli affari, e mentre nascondevano agli
altri, e forse a se medesimi i segreti motivi della lor condotta,
ricadevano troppo frequentemente in tutte le tumultuarie passioni della
vita attiva, le quali avevano acquistata la tintura di un maggior grado
di amarezza, e di ostinazione per l'infusione dello spirituale.

Il Governo della Chiesa spesso è stato il soggetto non meno che il
guiderdone di religiose contese. Gli ostinati disputanti di Roma, di
Parigi, di Oxford, e di Ginevra si sono sforzati ugualmente per ridurre
ciascuno la prima ed apostolica forma di governo[543] alla propria
costituzione. Que' pochi, i quali hanno discusso tale articolo con più
candore ed imparzialità, son d'opinione[544], che gli Apostoli
evitassero l'uffizio di legislatori, e piuttosto volessero soffrire
alcuni scandali, e divisioni particolari, che togliere ai futuri
Cristiani la libertà di variar le forme del loro ecclesiastico
regolamento, secondo le variazioni de' tempi, e delle circostanze. Può
vedersi qual sistema di governo fosse colla loro approvazione adottato
per l'uso del primo secolo nella pratica delle Chiese di Gerusalemme,
d'Efeso, e di Corinto. Le società, erette nelle città dell'Impero, erano
soltanto unite fra loro co' vincoli della carità e della fede.
L'indipendenza, e l'uguaglianza formavano la base dell'interna loro
costituzione. Supplivasi alla mancanza di cultura e di sapere umano,
secondo le occasioni, mediante l'aiuto de' _Profeti_[545], ch'eran
chiamati a tale uffizio, senza distinzione alcuna d'età, di sesso, o di
naturali talenti, e che ogni qual volta sentivano il divino impulso,
mandavano fuori le effusioni dello spirito nell'assemblea de' fedeli. Ma
i Profetici Dottori spesso abusarono o fecero cattive applicazioni di
questi doni straordinari. Essi ne facevan pompa fuor di tempo,
presumevano d'interrompere le sacre funzioni dell'assemblea, e col loro
orgoglio o falso zelo indussero specialmente nella Chiesa Apostolica di
Corinto una lunga e trista serie di disordini[546]. Siccome l'instituto
de' Profeti divenne inutile, ed anche dannoso, ne fu tolta di mezzo la
potestà, ed abolito l'uffizio. Le pubbliche funzioni della Religione
furono solamente affidate a ministri già stabiliti nella Chiesa, vale a
dire a Vescovi, ed a Preti: nomi, che nella lor prima origine sembra,
che indicassero lo stesso ministero, ed ordine di persone. Quello di
Prete esprimeva la loro età, o piuttosto la lor gravità e saviezza;
quello poi di Vescovo denotava l'ispezione che avevano sopra la fede, ed
i costumi de' Cristiani, commessi alla pastorale lor cura.
Proporzionatamente al numero de' fedeli, una maggiore o minor quantità
di questi _Preti Episcopali_ governava ogni nascente congregazione con
uguale autorità, e con union di consigli[547].

Ma la più perfetta uguaglianza di libertà esige la direzione di un
Magistrato superiore; e l'ordine delle pubbliche deliberazioni, ben
presto introduce l'uffizio d'un Presidente, che almeno abbia l'autorità
di raccogliere le opinioni, e di eseguire i decreti dell'assemblea. Un
riguardo alla pubblica tranquillità, che sarebbe stata frequentemente
interrotta dalle annuali, o accidentali elezioni, mosse i primitivi
Cristiani a stabilire una perpetua, ed onorevole magistratura, ed a
scegliere uno de' più prudenti e santi fra' loro Preti per eseguire,
finchè viveva, i doveri di loro ecclesiastico direttore. In
quest'occasione fu che il sublime titolo di Vescovo s'incominciò ad
innalzare sopra l'umile denominazione di Prete; e mentre quest'ultima
continuò ad indicare la più natural distinzione fra' membri di ogni
Senato Cristiano, quello fu appropriato alla dignità del nuovo
Presidente di esso[548]. I vantaggi di questa forma di Governo
Episcopale, che sembra essere stato introdotto avanti il fine del
primo secolo[549], erano tant'ovvj, ed importanti per la futura
grandezza, ugualmente che per la pace attuale del Cristianesimo, che
fu adottato senza dilazione da tutte le società, ch'erano già sparse
per l'Impero. Aveva esso molto per tempo acquistato l'approvazione
dell'antichità[550], ed è stato sempre rispettato dalle Chiese più
potenti, sì Orientali che Occidentali, come un primitivo, ed anche
Divino stabilimento[551]. È superfluo di osservare, che i devoti ed
umili Preti, che a principio insigniti furono del titolo Episcopale, non
potevan avere, e probabilmente ricusato avrebbero la potenza e la pompa,
che adesso circonda la tiara del Romano Pontefice, o la mitria di un
Prelato Alemanno; ma possiam definire in poche parole gli stretti limiti
della primiera loro giurisdizione, ch'era principalmente spirituale,
sebbene in qualche caso riguardasse anche le cose temporali[552].
Riducevasi questa all'amministrazione de' sacramenti, alla disciplina
Ecclesiastica, alla sopraintendenza de' riti sacri, che insensibilmente
crescevano in numero e in verità, alla consacrazione dei ministri
ecclesiastici, a' quali si assegnavan dal Vescovo le rispettive
funzioni, al maneggio del pubblico tesoro, ed alla decisione di tutte
quelle controversie, che i Fedeli non volevano esporre avanti al
tribunale di un Giudice idolatra. Queste facoltà per breve tempo si
esercitarono secondo il consiglio del collegio presbiterale, e col
consenso e coll'approvazione dell'assemblea de' Cristiani. Gli antichi
Vescovi si risguardavan soltanto come i primi fra' loro uguali, e gli
onorevoli servi di un popolo libero. Quando vacava per la morte del
Vescovo la cattedra Episcopale, si eleggeva fra i Preti un nuovo
Presidente per mezzo de' voti di tutta la congregazione, ogni cui membro
si stimava investito di un carattere sacro e sacerdotale[553].

Questo fu il dolce, ed uguale regolamento, con cui si governavano i
Cristiani più di cento anni dopo la morte degli Apostoli. Ogni società
formava da se una separata e indipendente Repubblica; e quantunque i più
distanti fra questi piccoli Stati mantenessero un reciproco, ed
amichevol commercio di deputazioni e di lettere, pure non era il Mondo
Cristiano ancora congiunto mercè di alcuna suprema autorità, o
legislativa assemblea. Siccome il numero de' Fedeli appoco appoco s'era
moltiplicato, si videro i vantaggi, che provenir potevano da una più
stretta unione d'interessi, e di disegni. Verso il finire del secondo
secolo le Chiese della Grecia e dell'Asia adottarono le vantaggiose
instituzioni de' sinodi provinciali, e può giustamente supporsi, che
prendessero il modello de' Concilj rappresentativi da celebri esempi del
lor Paese, quali sono quello degli Anfizioni, la lega Achea, o le
assemblee delle Città della Jonia. Tosto fu stabilito come un costume,
ed una legge, che i Vescovi delle Chiese indipendenti si trovassero, ne'
tempi determinati della primavera e dell'autunno, insieme nella capitale
della Provincia. Le loro deliberazioni erano assistite dal consiglio di
pochi Preti distinti, e moderate dalla presenza di una moltitudine di
uditori[554]. I loro decreti, che si chiamavano Canoni, regolavano
qualunque importante questione di fede, e di disciplina: ed era naturale
di credere, che nella riunione de' delegati del popolo Cristiano si
sarebbe sparsa un'abbondante effusione dello Spirito Santo.
L'instituzione de' sinodi era così confacente all'ambizione privata, ed
all'interesse pubblico, che nello spazio di pochi anni fu ricevuta per
tutto l'Impero. Si stabilì una regolare corrispondenza fra' Concilj
provinciali, che reciprocamente si comunicavano, ed approvavano i
rispettivi loro atti; e la Chiesa cattolica prese in breve la forma, ed
acquistò la forza di una gran Repubblica federativa[555].

Siccome restò insensibilmente sospesa per l'uso dei concilj l'autorità
legislativa delle Chiese particolari, così ottennero i Vescovi, mediante
la loro confederazione, una porzione molto maggiore di potestà esecutiva
ed arbitraria; e tosto che si trovarono uniti da un sentimento di comune
interesse, furono in istato di attaccare con unito vigore gli originarj
diritti del Clero e del popolo. I Prelati del terzo secolo mutarono
appoco appoco il linguaggio d'esortazione in quel di comando; sparsero i
semi delle future usurpazioni; e supplirono con allegorie scritturali, e
con declamazioni rettoriche alla mancanza di forza e di ragione. Essi
esaltavano l'unità ed il poter della Chiesa, quale rappresentavasi
nell'_Uffizio Episcopale_, di cui godeva ogni Vescovo un'uguale ed
indivisa porzione[556]. Si andava spesso ripetendo, che i Principi, ed i
Magistrati vantar potevano un terreno diritto, ed un passaggiero
dominio, ma l'Episcopale autorità era la sola che derivasse da Dio, e si
estendesse a questo, ed all'altro mondo. I Vescovi erano i vicari di
Cristo, i successori degli Apostoli, e quelli che furono misticamente
sostituiti al sommo Sacerdozio della legge Mosaica. Il privilegio
esclusivo che avevano di conferire il carattere sacerdotale, invase la
libertà dell'elezioni del Clero e del Popolo, e se nell'amministrazione
della Chiesa qualche volta consultavano il giudizio de' Preti, o
l'inclinazione popolare, avevan grandissima cura d'inculcare il merito
di tal volontaria condiscendenza. I Vescovi riconoscevano l'autorità
suprema, che risedeva nell'assemblea de' loro fratelli; ma nel governo
delle particolari lor Diocesi, ciascheduno di essi dal proprio _Gregge_
esigeva l'istessa implicita obbedienza, come se quella favorita metafora
fosse stata letteralmente giusta, ed il Pastore fosse stato di una più
sublime natura che le sue pecore[557]. Questa obbedienza però non fu
imposta senza qualche sforzo per una parte, e senza qualche resistenza
per l'altra. La parte democratica della costituzione fu in molti luoghi
con gran calore sostenuta dalla zelante, od interessata opposizione del
Clero inferiore. Ma si diedero al loro patriottismo gl'ignominiosi nomi
di fazione, e di scisma; e la causa Episcopale dovè il suo rapido
progresso alle fatiche di molti attivi Prelati, che riunivano in se
stessi, come Cipriano di Cartagine, le arti del più ambizioso uomo di
Stato colle virtù Cristiane, che sembrano attagliarsi al carattere di un
santo, e di un martire[558].

Le medesime cagioni, che avevan distrutto a principio l'uguaglianza de'
Preti, introdussero una preeminenza di grado fra' Vescovi, e quindi una
superiorità di giurisdizione. Ogni volta che nella primavera, e
nell'autunno adunavansi nel Concilio provinciale, sentivasi molto
notabilmente la differenza del merito e della riputazion personale fra i
membri dell'assemblea, ed era governata la moltitudine dalla dottrina, e
dall'eloquenza dei pochi. Ma l'ordine degli atti pubblici richiedeva una
distinzione più regolare e meno invidiosa; fu conferito l'uffizio di
presedere in perpetuo ai Concilj di ogni Provincia a' Vescovi della
città principale, e questi ambiziosi Prelati, che tosto acquistarono i
titoli eminenti di Metropolitani e di Primati, si preparavan
segretamente ad usurpare sopra i loro episcopali fratelli quell'autorità
istessa, che i Vescovi avevano ultimamente assunta sopra il collegio de'
Prelati[559]. Nè passò molto tempo, che s'introdusse una emulazione di
preeminenza, e di potere fra' Metropolitani medesimi, affettando
ciascheduno di essi di mostrare ne' termini più fastosi gli onori e i
vantaggi temporali della Città, a cui presedeva, il numero e l'opulenza
de' Cristiani sottoposti alla pastorale sua cura, i Santi ed i Martiri,
ch'erano sorti fra loro, e la purità con cui mantenevasi la tradizione
della fede, qual era stata trasmessa per una serie di Vescovi ortodossi
dagli Apostoli, o da' lor Discepoli, a' quali attribuivasi la fondazione
di quella Chiesa[560]. Per ogni motivo, sì Ecclesiastico che civile, era
facile a prevedersi che Roma avrebbe goduto il rispetto, ed in breve
pretesa l'obbedienza delle Province. Ivi la società dei Fedeli era in
una giusta proporzione colla Capitale dell'Impero; la Chiesa Romana era
il più grande, il più numeroso, e nell'Occidente il più antico di tutti
gli stabilimenti Cristiani, molti de' quali avevano ricevuta la
religione dalle pie fatiche de' Missionari della medesima. Supponevasi,
che avesse onorato le rive del Tevere non già un solo fondatore
Apostolico, al che si riduceva il più alto vanto di Antiochia, d'Efeso,
o di Corinto, ma la predicazione, ed il martirio de' due più eminenti
fra gli Apostoli[561]; e molto prudentemente i Vescovi di Roma
pretendevano d'essere eredi di qualsivoglia prerogativa, che attribuita
fosse alla persona, o all'uffizio di S. Pietro[562]. I Vescovi della
Italia, e delle Province eran disposti ad accordar loro un primato
d'ordine, e d'associazione (come molto accuratamente si esprimevano)
nella Cristiana aristocrazia[563]. Ma la potestà di Monarca rigettavasi
con orrore, e l'ambizioso genio di Roma trovò nelle nazioni dell'Asia, e
dell'Affrica una resistenza contro lo spirituale di lei dominio, più
vigorosa di quella che anticamente aveva sperimentato contro il
temporale. Il patriottico Cipriano, che regolava, col più assoluto
potere la Chiesa di Cartagine, ed i sinodi Provinciali, si oppose
risolutamente, e con successo, all'ambizione del Romano Pontefice;
artificiosamente unì la propria causa con quella de' Vescovi Orientali,
e, come Annibale, cercò nuovi alleati nel cuore dell'Asia[564]. Se
questa guerra Punica si fece senz'alcuna effusione di sangue, ciò debbe
molto meno attribuirsi alla moderazione, che alla debolezza de'
combattenti Prelati. Le sole armi, che usarono, furono invettive e
scomuniche: e queste, nel corso di tutta la disputa, eglino si
scagliarono un contro l'altro con ugual furia e devozione. I moderni
cattolici si trovano angustiati dalla dura necessità di censurare la
condotta, o di un Papa, o di un Santo e d'un Martire, quando son
costretti a riferire le particolarità di una disputa, nella quale i
Campioni della Religione secondarono quelle passioni, che sembravano
meglio adattate al Senato, od al Campo[565].

L'avanzamento dell'autorità Ecclesiastica fece nascere la memorabile
distinzione fra lo stato laicale e clericale, che non era stato in uso
nè fra' Greci, nè fra' Romani[566]. Il primo comprendeva il corpo del
popolo Cristiano; l'altro, secondo il significato di quella voce, la
parte scelta, ch'era stata destinata pel servizio della Religione;
celebre ordine di persone, che ha somministrato i più importanti,
quantunque non sempre i più edificanti soggetti all'Istoria moderna. Le
lor vicendevoli ostilità qualche volta disturbarono la pace della Chiesa
nascente, ma si univan lo zelo e l'attività loro nella causa comune, e
l'amor della potenza, che (sotto i più artificiosi colori) s'insinuava
nei petti de' Vescovi e de' Martiri, gli animava ad accrescere il numero
de' loro sudditi, e ad estendere i limiti dell'Impero Cristiano. Essi
eran privi di ogni forza temporale, e per lungo tempo furono scoraggiati
ed oppressi, anzichè assistiti, dal Magistrato civile: avevano però in
mano, ed esercitavano nell'interno regolamento delle lor società i due
più efficaci strumenti del governo, i premj e le pene; traevano i primi
dalla pia liberalità, e le seconde dalla devota apprensione de' Fedeli.

I. La comunione de' beni, che aveva tanto piacevolmente occupato
l'immaginativa di Platone[567], e che sussisteva in qualche modo
nell'austera setta degli Essenj[568], fu per breve tempo adottata nella
primitiva Chiesa. Il fervore de' primi proseliti gl'indusse a vendere
quelle mondane possessioni, che disprezzavano, a portarne il prezzo a'
piedi degli Apostoli, ed a contentarsi di riceverne una parte uguale
agli altri nella generale distribuzione[569]. L'accrescimento de'
Cristiani fece che si rilassasse, ed a grado a grado restasse abolito
questo generoso instituto, che in mani meno pure di quelle degli
Apostoli si sarebbe troppo presto corrotto, e convertito in abuso dal
proprio interesse, a cui la natura umana è sempre condotta; e fu
permesso a' convertiti, che abbracciavan la nuova religione, di ritenere
il possesso del lor patrimonio, di ricever legati ed eredità, e di
accrescere ciascheduno i propri averi per tutti i mezzi legittimi del
commercio e dell'industria. Invece di un intero sagrifizio de' beni di
ognuno, da' ministri dell'Evangelio ne fu accettata una moderata
porzione, e nelle loro eddomadali, o mensuali adunanze ogni fedele,
secondo che esigeva l'occasione, ed a misura della propria ricchezza e
pietà, presentava la sua volontaria offerta per uso della società
comune[570]. Nessuna cosa, quantunque tenue si ricusava; ma
premurosamente inculcavasi che rispetto alle decime la legge Mosaica era
sempre di obbligazione divina; che essendo stato comandato agli Ebrei,
sotto una disciplina meno perfetta, di pagare la decima parte di tutto
ciò che possedevano, era ben conveniente che i discepoli di Cristo si
distinguessero con una maggior liberalità[571], ed acquistassero qualche
merito col privarsi di un bene superfluo, che sì presto dovevasi
annichilare insieme col mondo[572]. Egli è quasi superfluo l'osservare,
ch'essendo l'entrata d ogni Chiesa particolare così fluttuante ed
incerta, debb'essere stata varia secondo la povertà, o l'opulenza de
fedeli, e secondo che si trovavano dispersi in oscuri villaggi, od uniti
nelle grandi Città dell'Impero. Nel tempo dell'Imperator Decio era
opinione de' Magistrati, che i Cristiani di Roma, possedessero grandi
ricchezze, che si usassero nel loro culto religioso vasi d'oro o
d'argento, e che molti fra' proseliti avessero vendute le proprie terre
e case per accrescere le pubbliche sostanze della comunità, a spese in
vero degl'infelici lor figli, che si trovavan mendichi, perchè i loro
padri erano stati santi[573]. Dovremmo con diffidenza prestare orecchio
ai sospetti degli stranieri e nemici: in quest'occasione però acquistano
un colore molto specioso o probabile dalle seguenti due circostanze, le
sole giunte a nostra notizia, che diffiniscano una somma precisa, o
dieno una idea distinta. Quasi nel medesimo tempo il Vescovo di
Cartagine da una società men opulenta di quella di Roma raccolse
centomila sesterzi (sopra mille settecento zecchini) in una subitanea
questua por redimere i fratelli della Numidia, ch'erano stati fatti
schiavi dai Barbari del deserto[574]. Circa cent'anni avanti al regno di
Decio, la Chiesa Romana in una sola donazione avea ricevuto la somma di
dugentomila sesterzi da uno straniero del Ponto, che avea determinato di
stabilirsi nella Capitale[575]. Si facevan queste oblazioni per la
massima parte in moneta; nè la società de' Cristiani era bramosa, o
capace di acquistare l'imbarazzo de' beni stabili in grande estensione.
Era stato provvisto da varie leggi, promulgate col medesimo spirito dei
nostri statuti delle mani morte, che non si donassero, nè si lasciassero
fondi reali ad alcun corpo collegiato, senza un privilegio speciale, o
una particolar dispensa dell'Imperatore, o del Senato[576], i quali rare
volte eran disposti a concederla in favor d'una setta, che fu a
principio l'oggetto del lor disprezzo, e finalmente de' lor timori, e
della lor gelosia. Si riferisce però un atto sotto il regno d'Alessandro
Severo, il quale dimostra, che tal proibizione qualche volta restava
elusa o sospesa, e che si permetteva a' Cristiani di reclamare, e di
posseder terre dentro i confini dell'istessa Roma[577]. Il progresso del
Cristianesimo, e le civili turbolenze dell'Impero contribuirono a
rilassare la severità delle leggi, ed avanti la fine del terzo secolo
molti fondi considerabili si acquistarono dalle opulente Chiese di Roma,
di Milano, di Cartagine, di Antiochia, di Alessandria, e delle altre
grandi Città dell'Italia e delle Province.

Il natural Tesoriere della Chiesa era il Vescovo; il comun fondo
affidavasi alla cura di lui senza che fosse soggetto a rendimento di
conti o a revisione; i Preti si limitavano alle funzioni loro
spirituali, e soltanto impiegavasi l'inferiore nome de' Diaconi pel
maneggio, e per la distribuzione dell'Ecclesiastiche rendite[578]. Se
può darsi fede alle veementi declamazioni di Cipriano, v'erano
moltissimi fra' suoi Affricani fratelli, che nell'esercizio del loro
impiego violavano ogni precetto, non solo di evangelica perfezione, ma
anche di virtù morale. Alcuni di quest'infedeli dispensatori
scialacquavano i beni della Chiesa in sensuali piaceri, altri
gl'impiegavano in negozi di privato guadagno, di fraudolenti acquisti, e
di rapace usura[579]. Ma finchè le contribuzioni del Popolo Cristiano
furono libere e volontarie, l'abuso della fiducia di lui non poteva
essere molto frequente, e gli usi a' quali tal liberalità in generale
applicavasi, facevan onore alla società religiosa. Se ne riservava una
conveniente porzione pel mantenimento del Vescovo, e del suo Clero;
un'altra sufficiente somma era destinata per le spese del Culto
pubblico, di cui formavan la parte più essenziale e piacevole i
banchetti di carità, o come allora dicevansi, le _agape_; e tutto il
resto era patrimonio sacro de' poveri. Secondo la discrezione del
Vescovo si impiegava in alimentare le vedove e gli orfani, gli
storpiati, gl'infermi, ed i vecchi della società, in aiutar gli
stranieri e pellegrini, ed in sollevare le angustie dei carcerati e
degli schiavi, specialmente se i lor patimenti erano cagionati da un
forte amore alla causa della religione[580]. Un generoso commercio di
carità univa le più distanti Province, e le più povere congregazioni
venivano di buona voglia assistite dalle elemosine de' loro più opulenti
fratelli[581]. Tale instituto, che risguardava meno il merito, che la
miseria delle persone, molto materialmente favoriva l'accrescimento del
Cristianesimo. I Gentili i quali erano animati da un sentimento
d'umanità, nel tempo che deridevano le dottrine, confessavano la
beneficenza della nuova setta[582]. La vista dell'immediato sollievo, e
della protezione futura, invitava al seno ospitale di lei molte di
quelle infelici persone, che la trascuratezza del mondo avrebbe
abbandonate alle miserie dell'indigenza, della malattia e dell'età. Vi è
qualche ragione ancora di credere, che un gran numero di fanciulli,
secondo la crudel pratica di que' tempi, esposti da' loro genitori,
fossero frequentemente preservati dalla morte, battezzati, educati e
mantenuti dalla pietà de' Cristiani, ed a spese del pubblico
Tesoro[583].

II. Ogni società senza dubbio ha diritto di escludere dalla sua
comunione e dai suoi benefizi que' membri, che rigettano o
trasgrediscono le regole stabilite di comune condenso. Nell'esercizio di
tal potestà le censure della Chiesa Cristiana eran principalmente
dirette contro i peccatori scandalosi, ed in ispecie contro i rei
d'omicidio, di frode o d'incontinenza, contro gli autori o seguaci di
qualunque eretica opinione, che fosse stata condannata dal giudizio de'
Vescovi, e contro quelle infelici persone, che, o liberamente o per
forza, si eran macchiate, dopo il battesimo, con qualche atto di culto
idolatrico. Le conseguenze della scomunica risguardavano il temporale
non meno che lo spirituale. Il Cristiano, contro di cui pronunciavasi,
era privato di qualunque parte nelle oblazioni de' fedeli. Si
scioglievano i legami di ogni religiosa e privata amicizia. Diveniva
egli un oggetto profano d'abborrimento per le persone, ch'ei più
stimava, o dalle quali amavasi prima con la maggior tenerezza; e per
quanto l'espulsione da una società rispettabile potea imprimere nel
carattere di lui un contrassegno d'ignominia, era generalmente sfuggito,
o tenevasi per sospetto da tutti. La situazione di questi esuli
disgraziati era molto penosa e trista in se stessa, ma i lor timori,
come suole avvenire, sopravanzavano anche molto i loro tormenti. I beni
della comunion Cristiana eran quelli dell'eterna vita, nè potevano essi
cancellare da' loro spiriti la terribile opinione, che Dio aveva date le
chiavi dell'Inferno e del Paradiso a quegli Ecclesiastici direttori, da'
quali ricevuto avevano la condanna. Gli Eretici, in vero, che potevano
sostenersi colla coscienza delle loro intenzioni, e colla lusinghiera
speranza di aver essi soli scoperta la vera strada della salute,
procuravano di riacquistare nelle separate loro assemblee quelle
temporali e spirituali consolazioni, che non potevano più ritrarre dalla
gran società de' Cristiani. Ma quasi tutti coloro, che avevano con
ripugnanza ceduto alla forza del vizio o dell'idolatria, sentivano
l'umiliazione del loro stato, ed ansiosamente desideravano di essere
ristabiliti ne' diritti della comunione Cristiana.

Quanto al trattamento di questi penitenti, la primitiva Chiesa era
divisa fra due opinioni, l'una di giustizia, l'altra di misericordia. I
più rigorosi ed inflessibili casisti negavan per sempre e senz'eccezione
il più basso luogo nella santa comunione a coloro, che essi avevano
condannati o abbandonati, e lasciandoli in preda a' rimorsi di una
colpevol coscienza, accordavan loro soltanto un debole raggio di
speranza, che la compunzione loro, in vita ed in morte, potrebbe forse
esser gradita all'Ente supremo[584]. Ma un sentimento più mite fu
abbracciato in pratica ed in teorica dalle più rispettabili, e pure
Chiese Cristiane[585]. Rare volte si chiusero al convertito penitente le
porte della riconciliazione e del Cielo; ma fu instituita una severa e
solenne forma di disciplina, la quale nell'atto medesimo, che serviva ad
espiarne il delitto, con efficacia potesse allontanare gli spettatori
dall'imitarne l'esempio. Umiliato da una pubblica confessione, emaciato
dal digiuno, e vestito di sacco, stava il penitente prostrato alla porta
dell'assemblea, chiedendo con lacrime il perdono delle sue colpe, ed
implorando in suo favore le preghiere de' fedeli[586]. Se il peccato era
molto grave, interi anni di penitenza non si credevano sufficienti a
soddisfare adequatamente la divina giustizia; e sempre per mezzo di
lenti e penosi gradi il peccatore, l'eretico o l'apostata restituivasi
al seno della Chiesa. La sentenza però di scomunica perpetua si
riservava per alcuni delitti di straordinaria enormità, e specialmente
per le inescusabili ricadute di que' penitenti, che avevano già fatta
prova, ed abusato della clemenza degli Ecclesiastici lor superiori.
L'esercizio della disciplina Cristiana era vario secondo le circostanze
o il numero delle colpe, a giudizio de' Vescovi. Furon celebrati verso
il medesimo tempo i Concilj d'Ancira e d'Elvira, l'uno nella Galazia,
l'altro nella Spagna, ma sembra che i rispettivi lor canoni, che tuttora
esistono, abbiano uno spirito assai diverso. Il Galata, che dopo il
Battesimo avea più volte sacrificato agl'idoli, poteva ottenere il
perdono mediante una penitenza di sette anni, e se aveva sedotto altri
ad imitare il suo esempio, tre soli anni di più erano aggiunti al
termine del suo esilio. Ma l'infelice Spagnuolo, che avea commosso la
medesima colpa, rimaneva privo della speranza di riconciliazione, anche
in punto di morte: la sua idolatria stava alla testa di altri
diciassette delitti, contro i quali fu pronunziata una non meno terribil
sentenza; fra' quali si può distinguere l'inespiabil reato di calunniare
un Vescovo, un Prete, od anche un Diacono[587].

La ben temperata unione di liberalità e di rigore, la distribuzion
giudiziosa de' premj e delle pene secondo le massime della politica e
della giustizia, formarono la forza _umana_ della Chiesa. I Vescovi, la
cui paterna cura estendevasi al governo del mondo spirituale e corporeo,
sentivan bene l'importanza di queste prerogative, e coprendo la loro
ambizione col bel pretesto dell'amore dell'ordine, eran gelosi di ogni
rivale nell'esercizio di una disciplina tanto necessaria per prevenire
la diserzione di quelle truppe, che si erano arrolate sotto lo stendardo
della Croce, ed il numero delle quali ogni giorno diveniva maggiore.
Dalle imperiose declamazioni di Cipriano dovremmo naturalmente
concludere, che le dottrine della scomunica, e della penitenza, formavan
la parte più essenziale della religione; ed era molto meno pericoloso ai
discepoli di Cristo il trascurar l'osservanza de' morali doveri, che il
disprezzar le censure e l'autorità de' lor Vescovi. Alle volte
c'immagineremmo d'udire la voce di Mosè, quando comandò alla terra di
aprirsi per inghiottir nelle fiamme consumatrici que' ribelli, che
ricusavano ubbidienza al Sacerdozio d'Aronne; ed alle volte ci parrebbe
di ascoltare un Console Romano, che sostenendo la maestà della
Repubblica, dichiarasse la sua risoluzione inflessibile di mantenere il
rigore delle leggi.

«Se impunemente si soffrono irregolarità di tal sorta» (così riprende il
Vescovo di Cartagine la dolcezza del suo collega) «finisce il vigor
Episcopale[588], finisce la divina sublime potestà di governare la
Chiesa; finisce il Cristianesimo stesso.» Cipriano avea rinunziato
quegli onori temporali, che probabilmente non avrebbe ottenuti giammai;
l'acquisto però di tale assoluto comando sulle coscienze e
sull'intelletto di una congregazione, sia quanto si voglia oscura o
disprezzabile dal mondo, è veramente più grato all'orgoglio del cuore
umano, che il possesso della più dispotica potenza, acquistata, per
mezzo delle armi e della conquista, sopra un popolo ricalcitrante.

Nel corso di questa importante, quantunque forse tediosa ricerca, ho
tentato di esporre le secondarie cagioni, che tanto efficacemente
assisterono la verità della religione Cristiana. Se fra quelle cagioni
ho scoperto qualche artificiale ornamento, qualche accidental
circostanza, o qualche mistura d'errore e di passione, non deve parer
sorprendente che sugli uomini abbiano sensibilmente influito que'
motivi, ch'eran conformi all'imperfetta loro natura. Coll'aiuto di tali
cagioni, vale a dire dello zelo esclusivo, dell'aspettazione immediata
di un altro mondo, della pretension de' miracoli, della pratica di
rigorosa virtù, e della costituzione della primitiva Chiesa, il
Cristianesimo si sparse con tanto successo nell'Impero Romano. Alla
prima di queste dovevano i Cristiani quell'invincibil valore, per cui
sdegnavano di capitolar col nemico, ch'essi eran risoluti di vincere. Le
tre seguenti porgevano al lor valore le armi più formidabili. L'ultima
ne riuniva il coraggio, ne dirigeva le armi, ed a' loro sforzi dava
quell'irresistibil peso, che sì frequentemente ha renduto anche una
piccola truppa di ben agguerriti ed intrepidi volontarj superiore ad una
moltitudine indisciplinata, ignorante del soggetto, e non curante
l'esito della guerra. Fra le diverse religioni del Politeismo, alcuni
vagabondi fanatici dell'Egitto, e della Siria, che dirigevansi alla
credula superstizione del volgo, formavano forse l'unico ordine di
Sacerdoti[589], che traessero tutto il proprio mantenimento e credito
dalla professione sacerdotale, e che fossero molto efficacemente
impegnati da un personale interesse per la sicurezza o prosperità de'
tutelari lor Numi. Tanto in Roma, quanto nelle principali Province i
ministri del politeismo erano per la maggior parte uomini di nobil
estrazione e di abbondante ricchezza, che ricevevan come una distinzione
onorevole la cura di un celebre tempio, o di un pubblico sacrifizio;
molto spesso rappresentavano a loro spese i giuochi sacri[590], e con
fredda indifferenza eseguivano gli antichi riti secondo le leggi, e
l'usanze del lor paese. Siccome occupavansi negli affari comuni della
vita, rare volte, il loro zelo e la lor divozione erano animati da un
sentimento d'interesse o dalle abitudini di un carattere sacerdotale.
Limitati a' rispettivi lor tempj ed alle loro rispettive città,
restavano senza connessione alcuna di governo o di disciplina; e
riconoscendo essi la suprema giurisdizione del Senato, del Collegio de'
Pontefici e dell'Imperatore, que' magistrati civili si contentavano
della facile cura di mantenere in pace, e con dignità, il culto già
stabilito fra gli uomini. Abbiam veduto poi quanto varie, quanto libere,
ed incerte fossero le religiose opinioni de' Politeisti. Si abbandonavan
quasi senza ritegno alle naturali operazioni di una superstiziosa
fantasia. Le accidentali circostanze della vita, e della situazione loro
determinavan l'oggetto, ed il grado della lor divozione, e poichè la
loro adorazione successivamente prostituivasi a mille Divinità, egli era
appena possibile, che i loro cuori potessero essere capaci di una molto
sincera, e viva passione per alcuna di quelle.

Quando comparve nel mondo il Cristianesimo, anche queste deboli, ed
imperfette impressioni eransi appoco appoco ridotte a nulla. La ragione
umana, che mediante la propria forza, non aiutata dalla rivelazione, non
è capace d'intendere i misteri della fede, aveva già ottenuto un facil
trionfo sopra la follìa del Paganesimo; e quando Tertulliano o Lattanzio
si affaticano in esporne la stravaganza e la falsità, son costretti a
far uso dell'eloquenza di Cicerone, o dell'ingegno di Luciano. Si era
diffuso il contagio di questi scettici scritti molto al di là del numero
de' lor lettori. Era passata la moda dell'incredulità, dal Filosofo
all'uomo di piacere o di affari, dal nobile al plebeo, e dal padrone al
domestico schiavo, che serviva alla tavola di lui, e che attentamente ne
ascoltava la libertà de' discorsi. Nelle pubbliche occasioni la parte
filosofica del genere umano affettava di trattar con decenza e con
rispetto le religiose instituzioni della loro patria; ma traspariva il
lor segreto disprezzo a traverso la debole mal coperta finzione, ed
anche la plebe, scuoprendo che i propri Numi venivan rigettati e derisi
da quelli, de' quali era solita di rispettare il posto o la scienza, si
trovava piena di dubbj e di apprensioni circa la verità di quelle
dottrine, alle quali accordato aveva la più implicita fede. La rovina
degli antichi pregiudizi lasciava moltissimi in una penosa situazione,
priva d'ogni conforto. Uno stato di scetticismo, e di sospensione può
piacere a ben pochi spiriti investigatori; ma la pratica della
superstizione è sì naturale alla moltitudine degli uomini, che qualora
vengano per forza illuminati, compiangon sempre la perdita del lor
piacevole inganno. Il loro amore del maraviglioso, e del soprannaturale,
la lor curiosità intorno al futuro, e la forte inclinazione ad estendere
le speranze e i timori oltre i limiti del monito visibile, furon le
principali cagioni che favorirono lo stabilimento del Politeismo. È così
urgente nel volgo la necessità di credere, che alla caduta d'un sistema
di mitologia è probabilissimo abbia da succedere sempre qualche altro
genere di superstizione di nuovo introdotta. Alcune deità, di forma più
nuova e alla moda, presto avrebbero occupato gli abbandonati tempj di
Giove e d'Apollo, se in quel decisivo istante la saggia Providenza non
avesse interposta una genuina rivelazione, atta ad inspirare la stima e
la persuasione più ragionevole, nel tempo stesso che godeva di tutti gli
adornamenti, che attrar potevano la curiosità, lo stupore, e la
reverenza del popolo. Nell'attual disposizione, in cui trovavansi gli
uomini, siccome quasi erano affatto staccati dagli artificiosi lor
pregiudizi, ma suscettibili, e bramosi ugualmente di qualche religioso
attaccamento, anche un oggetto di merito molto minore sarebbe stato
capace di riempiere il posto vacante ne' loro cuori, e soddisfar
l'incerto fervore delle loro passioni. Quelli che sono disposti ad
analizzare tali riflessioni, lungi dall'osservare con meraviglia il
rapido avanzamento del Cristianesimo, saranno forse sorpresi che non
fosse anche più rapido, e più generale.

È stato con non minor verità che naturalezza osservato, che le conquiste
di Roma prepararono, e facilitaron quelle del Cristianesimo. Nel secondo
capitolo di quest'opera si è procurato di spiegare in qual modo le più
culte province dell'Europa, dell'Asia, e dell'Affrica si riunirono sotto
il dominio di un sol Sovrano, ed appoco appoco si collegarono co' più
forti vincoli delle leggi, de' costumi, e del linguaggio. Gli Ebrei
della Palestina, che avevano ansiosamente aspettato un liberator
temporale, riceverono sì freddamente i miracoli del divino Profeta, che
si stimò superfluo di pubblicare, o almeno di conservare alcun Evangelio
Ebraico[591]. Le storie autentiche delle azioni di Cristo si scrissero
in Greco ad una considerabil distanza da Gerusalemme, e dopo che fu
sommamente cresciuto il numero de' Gentili convertiti alla fede[592].
Appena tali storie furono tradotto in Latino, divennero perfettamente
intelligibili a tutti i sudditi di Roma, eccettuati solamente i
contadini della Siria e dell'Egitto, per comodità de' quali si fecero
dopo particolari versioni. Le pubbliche strade ch'erano state fatte per
uso delle legioni, aprivano un facil passaggio a' missionari Cristiani
da Damaso a Corinto, e dall'Italia fino all'estremità della Spagna o
della Britannia; nè incontravano quegli spirituali conquistatori alcuno
degli ostacoli, che, ordinariamente ritardano, o impediscon
l'introduzione di una religione straniera in lontani paesi. Vi sono le
più forti ragioni di credere, che avanti l'Impero di Diocleziano e di
Costantino, si fosse predicata la fede di Cristo in ogni Provincia, ed
in tutte le principali Città dell'Impero; ma lo stabilimento delle
diverse congregazioni, il numero de' fedeli che le componevano, e la
proporzione, in cui erano cogl'infedeli, sono cose presentemente sepolte
nell'oscurità, o colorite dalle favole e dalla declamazione. Noi ciò
nonostante proseguiremo adesso ad esporre quelle imperfette notizie, che
giunte son fino a noi rispetto all'accrescimento del nome Cristiano
nell'Asia e nella Grecia, nell'Egitto, nell'Italia, e nell'Occidente,
senza trascurare i veri o immaginarj acquisti fatti oltre le frontiere
dei Romano Impero.

Le ricche Province, che si estendono dall'Eufrate al mare Jonio, furono
il principal teatro, in cui l'Apostolo delle Genti spiegò la sua pietà
ed il suo zelo. I semi dell'Evangelio, che aveva egli sparso in un
fertil terreno, furon coltivati con diligenza da' suoi discepoli; e
parrebbe che pei primi due secoli si contenesse il più considerabil
corpo di Cristiani dentro que' limiti. Fra le società che si eressero
nella Siria non ve ne fu alcuna più antica, o più illustre di quelle di
Damasco, di Berea o d'Aleppo, e d'Antiochia. La profetica introduzione
dell'Apocalisse ha descritte ed immortalale le sette Chiese dell'Asia,
Efeso, Smirne, Pergamo, Tiatira[593], Sardi, Laodicea, e Filadelfia; e
tosto si sparsero le lor colonie per quel popolato paese. Le isole di
Cipro e di Creta, e le Province della Tracia e della Macedonia, fecer
molto per tempo una grata accoglienza alla nuova religione; e presto si
formaron Cristiane Repubbliche nelle città di Corinto, di Sparta, e
d'Atene[594]. L'antichità delle chiese Greca, ed Asiatica somministra un
sufficiente spazio di tempo per l'accrescimento, o per la
moltiplicazione loro, e gli sciami stessi dei Gnostici, e di altri
eretici, servono a dimostrare il florido stato della Chiesa ortodossa,
mentre si è sempre applicato il nome di eretici al partito men numeroso.
A queste domestiche testimonianze possiamo aggiunger la confessione, i
lamenti, e le apprensioni de' Gentili medesimi. Dagli scritti di
Luciano, filosofo che aveva studiato gli uomini, e che descrive i loro
costumi co' più vivaci colori, possiam rilevare, che sotto il regno di
Commodo, il suo paese nativo del Ponto era pieno d'Epicurei, e di
_Cristiani_[595]. Dentro il corso di ottant'anni dopo la morte di
Cristo[596] l'umano Plinio si lamenta della grandezza del male, ch'egli
procurava invano di sradicare. Nella sua molto curiosa epistola
all'Imperatore Traiano asserisce, che i tempj erano quasi deserti, che
le sacre vittime appena trovavano compratori, e che la superstizione
aveva non solo infettate le città, ma erasi anche sparsa per i villaggi,
e nell'aperta campagna del Ponto, e della Bitinia[597].

Senza discendere ad un minuto esame dell'espressioni, o de' motivi di
quegli scrittori, che o celebrano o deplorano il progresso del
Cristianesimo nell'Oriente, può in generale osservarsi, che nessun di
loro ci ha lasciato alcun fondamento, su cui formar si possa una giusta
stima del vero numero de' fedeli in quelle Province. Si è conservata
però fortunatamente una circostanza, che sembra spargere una luce più
chiara su quest'oscuro, ma interessante soggetto. Nel regno di Teodosio,
dopo che il Cristianesimo avea goduto per più di sessant'anni l'influsso
del favore Imperiale, l'antica ed illustre Chiesa d'Antiochia consisteva
in centomila persone, tremila delle quali erano alimentate con le
pubbliche oblazioni[598]. Lo splendore, e la dignità della Regina
dell'Oriente, la nota popolazione di Cesarea, di Seleucia, e
d'Alessandria, e la distruzione di dugento cinquantamila anime nel
terremoto, che afflisse Antiochia sotto Giustino il Vecchio[599], sono
altrettante convincenti prove, che tutto il numero degli abitanti non
era meno di mezzo milione, e che i Cristiani, per quanto moltiplicati
fossero dallo zelo, e dalla potenza, non eccedevano la quinta parte di
quella grande Città. Quanto diversa dovrà essere la proporzione, se
paragoniamo la Chiesa perseguitata colla medesima trionfante,
l'Occidente coll'Oriente, remoti villaggi con popolate città, e paesi di
fresco convertiti alla fede con luoghi dove i credenti riceverono la
prima volta la denominazione di Cristiani? Non bisogna per altro
dissimulare, che in un altro luogo Grisostomo, al quale noi dobbiamo
quest'util notizia, conta la moltitudine de' fedeli, come anche
superiore a quella de' Giudei o de' Pagani[600]. Ma facile e naturale è
la soluzione di quest'apparente difficoltà. L'eloquente predicatore fa
un paralello fra la civile, ed ecclesiastica costituzione d'Antiochia,
fra il catalogo de' Cristiani che avevano acquistato il Paradiso
mediante il Battesimo e quello de' Cittadini, che avevano un diritto di
partecipare della pubblica libertà. Nel primo si comprendevano schiavi,
forestieri, e fanciulli, ch'erano esclusi dal secondo.

L'esteso commercio d'Alessandria, e la sua vicinanza alla Palestina
diede un facile ingresso alla nuova Religione. Fu primieramente
abbracciata da un gran numero di Terapeuti, o di Essenj della palude
Mareotide, setta Ebraica, la quale avea perduto una gran parte della sua
venerazione per le cerimonie di Mosè. L'austera vita degli Essenj, i
loro digiuni, e le scomuniche, la comunione de' beni, l'amor del
celibato, il loro zelo pel martirio, ed il fervore, benchè non la purità
della loro fede, presentava già una vivissima immagine della primitiva
disciplina[601]. Sembra che nella scuola di Alessandria la teologia
Cristiana prendesse una forma regolare, e scientifica: e quando Adriano
visitò l'Egitto, vi trovò una Chiesa composta di Greci e di Ebrei,
abbastanza riguardevole per meritar la notizia di quel Principe
investigatore[602]. Ma il progresso del Cristianesimo fu per lungo tempo
ristretto dentro i limiti di una sola Città, ch'era ella stessa una
colonia straniera, e fino al termine del secondo secolo i predecessori
di Demetrio furono i soli Prelati della Chiesa d'Egitto. Si consacrarono
tre Vescovi per le mani di Demetrio medesimo, e ne fu accresciuto il
numero fino a venti da Eracla successore di lui[603]. Il corpo de'
nazionali, popolo distinto per un'ostinata inflessibilità di
carattere[604] riceveva la nuova dottrina con ripugnanza e freddezza; ed
anche al tempo d'Origene, gli era ben raro d'incontrare un Egiziano, che
avesse vinto gli antichi suoi pregiudizi a favore degli animali sacri
del suo Paese[605]. Ma tosto che la religione Cristiana occupò il trono,
lo zelo di que' Barbari obbedì alla forza che prevalse; le città
dell'Egitto si riempirono di Vescovi e i deserti della Tebaide si
popolarono d'Eremiti.

Un fiume perpetuo di stranieri e di provinciali scorreva nell'ampio seno
di Roma. Tutto ciò ch'era odioso o stravagante, chiunque fosse colpevole
o sospetto, nell'oscurità di quell'immensa Capitale sperar poteva
d'eludere la vigilanza delle leggi. In un miscuglio di sì diverse
nazioni ogni predicatore o di verità, o di falsità, ogni fondatore di
qualunque o virtuosa o viziosa assemblea, poteva facilmente moltiplicare
i propri discepoli o complici. I Cristiani di Roma, nel tempo
dell'accidentale persecuzion di Nerone, si rappresentano da Tacito come
ascendenti già ad una moltitudine assai numerosa[606], ed il linguaggio
di quel grande Istorico è quasi simile allo stile che adopera Livio,
quando riferisce l'introduzione e la soppressione de' riti di Bacco.
Dopo che i Baccanali ebbero eccitata la severità del Senato, temevasi
ancora che una grandissima moltitudine, quasi fosse un _altro Popolo_,
si fosse iniziata in quegli abborriti misteri. Mediante una più
diligente ricerca, tosto si venne in chiaro che i colpevoli non
passavano il numero di settemila; numero in vero che dà sufficiente
apprensione, quando riguardasi come l'oggetto della pubblica
giustizia[607]. Dovremmo candidamente far l'istessa diminuzione
interpretando le incerte espressioni di Tacito, ed in un caso più
antico, di Plinio, nell'esagerar ch'essi fanno la moltitudine de'
fanatici delusi, che abbandonato avevano il culto stabilito de' Numi. La
Chiesa di Roma era senza dubbio la prima e la più numerosa dell'Impero;
ed abbiamo ancora un autentico monumento, che dimostra lo stato della
Religione in quella città verso la metà del terzo secolo, e dopo una
pace di trent'otto anni. Il Clero, in quel tempo, era composto di un
Vescovo, di quarantasei Preti, di sette Diaconi, di altrettanti
Suddiaconi, di quarantadue Accoliti, e di cinquanta Lettori, Esorcisti,
ed Ostiarj. Il numero delle vedove, degl'infermi, e de' poveri, che si
mantenevano con le oblazioni de' Fedeli, ascendeva a mille
cinquecento[608]. Fondati sulla ragione, ugualmente che sull'analogia
d'Antiochia, possiam valutare per avventura il numero de' Cristiani di
Roma a circa cinquantamila. Non si può forse determinare con esattezza
la popolazione di questa gran Capitale; ma il più moderato calcolo non
la ridurrà certo a meno di un milione d'abitanti, de' quali i Cristiani
potevan formare al più la ventesima parte[609].

Sembra che i Provinciali d'Occidente ricevesser la cognizione del
Cristianesimo per la medesima via, per cui si erano sparsi fra loro la
lingua, i sentimenti, ed i costumi di Roma. In questa più importante
occasione, l'Affrica e la Gallia si conformarono a grado a grado al
gusto della Capitale. Pure nonostanti le molte favorevoli congiunture,
che invitar potevano i Missionari di Roma a visitare le lor Province
Latine, essi non passaron che tardi le alpi ed il mare[610]; nè possiam
ravvisare in que' vasti paesi alcun certo vestigio di fede o di
persecuzione che sia anteriore al Regno degli Antonini[611]. Il lento
progresso dell'Evangelio nel freddo clima della Gallia fu sommamente
diverso dal fervore, con cui par che fosse ricevuto nelle ardenti arene
dell'Affrica. I fedeli Affricani presto formarono una delle principali
parti della primitiva Chiesa. Il costume, introdotto in quella
Provincia, di assegnar Vescovi alle più piccole città, e bene spesso a'
più oscuri villaggi, contribuì ad estendere lo splendore, o l'importanza
delle lor società religiose, che nel corso del terzo secolo animate
furono dallo zelo di Tertulliano, dirette dai talenti di Cipriano, e
adornate dall'eloquenza di Lattanzio. Laddove, se noi volgiamo gli occhi
verso la Gallia, non si potranno scuoprire, al tempo di Marco Antonino,
che le deboli ed unite congregazioni di Lione e di Vienna; e fino anche
al Regno di Decio, sappiam di certo che solo in poche città, come Arles,
Narbona, Tolosa, Limoges, Clermont, Tours, e Parigi, si sostenevano
alcune sparse Chiese dalla devozione di un piccol numero di
Cristiani[612]. Il silenzio in vero è molto coerente alla devozione, ma
siccome rare volte è compatibile collo zelo, noi possiam rilevare e
compiangere il languido stato del Cristianesimo in quelle Province, che
avevan mutato la lingua Celtica nella Latina; mentre ne' primi tre
secoli non han prodotto neppure un solo scrittore ecclesiastico. Dalla
Gallia, che giustamente pretendeva d'avere una preeminenza di autorità e
di dottrina sopra tutti gli altri paesi da questa parte delle alpi, la
luce dell'Evangelio fu più debolmente riflessa nelle rimote Province
della Spagna e della Britannia; e se può darsi fede alle veementi
asserzioni di Tertulliano, esse avevan già ricevuti i primi raggi della
Fede, quando egli mandò la sua apologia a' magistrati dell'Imperator
Severo[613]. Ma si è fatta sì negligentemente menzione dell'oscura ed
imperfetta origine delle Chiese occidentali dell'Europa, che volendo
riferire il tempo ed il modo della lor fondazione, bisognerebbe supplire
al silenzio dell'Antichità con quelle leggende, che lungo tempo dopo,
l'avarizia o la superstizione dettò a' Monaci fra le neghittose tenebre
de' lor Conventi[614]. Fra questi santi romanzi, quello solo
dell'Apostolo S. Giacomo per la singolar di lui stravaganza può meritare
che se ne prenda notizia. Di un pacifico pescatore del lago di
Gennesaret egli fu trasformato in un valoroso guerriero, che combatteva
alla testa della cavalleria Spagnuola nelle battaglie contro de' Mori. I
più gravi Storici ne han celebrate le imprese; il miracoloso reliquiario
di Compostella ne dimostrava il potere; e la spada d'un ordine militare,
assistita da' terrori dell'Inquisizione, fu sufficiente a toglier di
mezzo qualunque obbiezione della profana critica[615].

Il progresso del Cristianesimo non si limitò all'Impero di Roma, e
secondo gli antichi Padri, che interpretano i fatti con le profezie, la
nuova religione aveva già visitato qualunque parte del globo dentro un
secolo dalla morte del suo divino Autore. «Non v'è popolo (dice Giustino
martire) o Greco, o Barbaro, o di qualunque altra nazione, distinto con
nomi o costumi di qualunque sorta, ignorante quanto si vuole
dell'agricoltura e delle arti, o abiti sotto le tende, o vada vagando in
carri coperti, appresso di cui non s'offrano in nome di Gesù Cristo
Crocifisso delle preghiere al Padre e Creatore di tutte le cose»[616].
Ma questa splendida esagerazione, che anche presentemente sarebbe assai
difficile di conciliare con lo stato reale dell'uman genere, può solo
considerarsi come lo smoderato trasporto di un devoto, ma negligente
scrittore, la misura della cui Fede si regolava da quella de' suoi
desiderj. Ma nè la Fede, nè le brame de' Padri possono alterar la verità
dell'istoria. Sarà sempre un fatto indubitato, che i Barbari della
Scizia e della Germania, i quali rovesciaron la Romana Monarchia, erano
involti nelle tenebre del Paganesimo; e che anche la conversione
dell'Iberia, dell'Armenia, o dell'Etiopia non fu tentata con qualche
successo, finchè lo scettro non fu nelle mani d'un Imperatore
Ortodosso[617]. Avanti quel tempo i varj accidenti della guerra e del
commercio non poterono spargere che un'imperfetta cognizione del Vangelo
fra le tribù della Caledonia[618] e fra gli abitanti delle rive del
Reno, del Danubio, e dell'Eufrate[619]. Al di là di quest'ultimo fiume,
Edessa si distingueva mediante un fermo ed antico attaccamento alla
Fede[620]. Da Edessa furono facilmente introdotti i principj del
Cristianesimo nelle città Greche e Siriache, le quali obbedivano a'
successori di Artaserse; ma non par che facessero alcuna profonda
impressione sulle menti de' Persiani; il cui religioso sistema, per
opera di un ordine ben disciplinato di sacerdoti, era stato costruito
con arte e solidità molto maggiore, che l'incerta mitologia della Grecia
e di Roma[621].

Da questa imparziale, quantunque imperfetta veduta del progresso del
Cristianesimo può rendersi per avventura probabile, che il numero de'
suoi proseliti sia stato magnificato all'eccesso, da una parte per
timore, e per devozione dall'altra. Secondo l'irrefragabil testimonianza
d'Origene[622], era molto piccolo il numero de' credenti, paragonati
alla moltitudine del mondo infedele. Ma siccome non abbiamo su questo
alcuna distinta notizia, è impossibile lo stabilire, ed anche difficile
il congetturare il vero numero de' primitivi Cristiani. Il calcolo, per
altro, più favorevole che dedurre si possa dagli esempi d'Antiochia e di
Roma, non ci permette di supporre che più della ventesima parte de'
sudditi dell'Impero si fosse arrolata sotto l'insegna della Croce, prima
dell'importante conversione di Costantino. Ma i loro abiti di fede, di
unione e di zelo, parevano moltiplicare il lor numero, e le medesime
cagioni, che contribuirono al futuro loro accrescimento, servirono anche
a render più apparente e più formidabile la lor forza attuale.

La costituzione della civil società è tale, che mentre pochi son
distinti per ricchezze, onori, e cognizioni, il grosso del popolo è
condannato all'oscurità, alla povertà e all'ignoranza. La Religion
cristiana, che dirigevasi a tutta la specie umana, dovè per conseguenza
raccogliere un molto maggior numero di proseliti da' ceti più bassi
degli uomini che da' superiori. Si è convertita questa innocente e
natural circostanza in una imputazione ben odiosa, che sembra esser meno
vigorosamente negata dagli apologisti, di quel che sia sostenuta da'
nemici della Fede, cioè che la nuova setta de' Cristiani era quasi del
tutto composta della feccia del popolo, di contadini ed artisti, di
fanciulli e di donne, di mendichi e di schiavi, gli ultimi de' quali
potevan qualche volta introdurre i Missionari nelle nobili e ricche
famiglie, alle quali appartenevano. Questi oscuri maestri (tal era
l'accusa della malizia e dell'infedeltà) sono altrettanto muti in
pubblico, quanto loquaci e dommatici in privato. Mentr'essi cautamente
sfuggono il pericoloso incontro de' filosofi, si mescolano con la rozza
ed ignorante turba, e vanno insinuandosi in quegli spiriti, che l'età,
il sesso e l'educazione ha meglio disposti a ricevere la impressione de'
superstiziosi terrori[623].

Questa svantaggiosa pittura, quantunque non affatto priva di una debole
somiglianza, fa conoscere coll'oscuro suo colorito e con le contraffatte
figure un pennello nemico. A misura che l'umile fede di Cristo
diffondevasi pel mondo, fu abbracciata da varie persone, che si
conciliavano qualche riguardo pei vantaggi della natura e della fortuna.
Aristide, che presentò un'eloquente apologia all'Imperatore Adriano, era
un filosofo d'Atene[624]. Giustino martire avea cercato la cognizione di
Dio nelle scuole di Zenone, di Aristotile, di Pitagora e di Platone,
avanti che fortunatamente gli si accostasse un vecchio, o piuttosto un
Angelo, che rivolse l'attenzione di lui allo studio de' Profeti
Giudei[625]. Clemente Alessandrino aveva fatto acquisto di una molto
estesa letteratura nella Greca lingua, e Tertulliano nella Latina.
Giulio Affricano ed Origene, possedevano una parte assai considerabile
del sapere de' loro tempi, e quantunque lo stile di Cipriano sia molto
diverso da quello di Lattanzio, se ne può quasi dedurre che ambidue
quegli scrittori fossero maestri pubblici di rettorica. Finalmente anche
lo studio della filosofia s'introdusse fra' Cristiani, ma non produceva
sempre i più salutevoli effetti; la scienza dava spesse volte origine
all'eresia, come alla devozione, e può con ugual proprietà applicarsi
alle varie Sette, che resisterono a' successori degli Apostoli, la
descrizione, con cui si rappresentarono i seguaci d Artemone. «Presumono
d'alterar le sante Scritture, di abbandonare l'antica regola di fede, e
di formare le loro opinioni secondo i sottili precetti della logica.
Trascurano la scienza della Chiesa per lo studio della geometria e
perdono di vista il cielo, mentre s'impiegano a misurare la terra. Hanno
continuamente in mano Euclide. Aristotele e Teofrasto sono gli oggetti
della lor ammirazione; e dimostrano una straordinaria venerazione per le
opere di Galeno. I loro errori son derivati dall'abuso delle arti e
delle scienze degl'Infedeli, ed essi corrompono la semplicità del
Vangelo co' raffinamenti della umana ragione[626].»

Neppure si può asserire con verità, che sempre i vantaggi della nascita
e della fortuna separati fossero dalla professione del Cristianesimo.
Molti cittadini Romani furon condotti avanti al tribunale di Plinio, ed
egli presto scuoprì che un gran numero di persone di _ogni ordine_
avevano abbandonato nella Bitinia la religione de' lor maggiori[627].
Alla non sospetta testimonianza di lui può in questo caso prestarsi più
fede, che all'audace disfida di Tertulliano, allorchè si rivolge al
timore non meno che all'umanità del Proconsole dell'Affrica,
assicurandolo, che se persiste nelle sue crudeli intenzioni, dovrà
decimar Cartagine, e che troverà fra' colpevoli molti del suo proprio
grado, Senatori e Matrone dell'estrazione più nobile, e gli amici o i
parenti de' suoi più intimi amici[628]. Sembra però che circa
quarant'anni dopo, l'Imperator Valeriano fosse persuaso della verità di
quest'asserzione, mentre in uno de' suoi rescritti evidentemente
suppone, che Senatori, Cavalieri Romani e Dame di qualità fossero
impegnate nella setta Cristiana[629]. La Chiesa continuava sempre ad
accrescere il proprio esterno splendore, a misura che andava perdendo
l'interna sua purità, e nel Regno di Diocleziano, il Palazzo, le Corti
di Giustizia, ed anche l'esercito ricettavano una moltitudine di
Cristiani, che procuravan di conciliar gl'interessi della vita presente
con quelli della futura.

Contuttocciò tali eccezioni o son troppo poche in numero o troppo
recenti in tempo per togliere intieramente di mezzo l'imputazione
d'ignoranza e d'oscurità, che tanto arrogantemente fa attribuita a'
primi proseliti del Cristianesimo. Invece di servirci per nostra difesa
delle finzioni de' passati secoli, sarà più prudente partito quello di
convenire in soggetto d'edificazione ciò che diede motivo di scandalo.
Le serie nostre considerazioni ci suggeriranno, che dalla Previdenza si
scelsero gli stessi Apostoli fra' pescatori della Galilea, e che quanto
più abbassiamo la temporal condizione de' primi Cristiani, tanto più
avrem ragione di ammirarne il merito ed il buon successo. A noi tocca di
rammentarci accuratamente, che il Regno de' Cieli fu promesso al povero
di spirito, e che gli animi afflitti dalla calamità e dal disprezzo
degli uomini, lietamente ascoltano la divina promessa della futura
felicità, mentre i fortunati vivono soddisfatti col possesso de' beni di
questo mondo, ed i sapienti malamente impiegano in dubbi e dispute la
vana superiorità della loro ragione e della loro dottrina.

Abbiam bisogno di tali riflessioni per consolarci della perdita di vari
illustri soggetti, che a' nostri occhi parrebbe, che fossero stati
degnissimi del dono celeste. I nomi di Seneca, de' due Plinj, il Vecchio
ed il Giovane, di Tacito, di Plutarco, di Galeno, dello schiavo Epiteto,
e dell'Imperatore Marc'Antonino adornano il secolo, in cui fiorirono, ed
esaltano la dignità della natura umana. Ciascheduno di loro riempì di
gloria la respettiva sua condizione, sì nella vita contemplativa che
nell'operativa; migliorarono essi collo studio il lor sublime
intelletto, purgarono colla filosofia le loro menti da' pregiudizi della
superstizion popolare; e passarono i loro giorni nella ricerca della
verità e nella pratica della virtù. Eppure tutti questi saggi (è questo
un oggetto di sorpresa non meno che di dolore) perderono di vista, o
rigettarono la perfezione del sistema Cristiano. Il loro linguaggio od
il loro silenzio discuopre ugualmente il disprezzo che avevano per la
crescente setta, che ne' loro tempi erasi diffusa per l'Impero Romano.
Quelli fra loro, che hanno la condiscendenza di rammentare i Cristiani,
li consideran solo come ostinati e perversi entusiasti, ch'esigevano una
tacita sommissione alle lor misteriose dottrine, senza esser capaci di
produrre un solo argomento, che potesse trarre a se l'attenzione degli
uomini dotti e sensati[630].

Può dubitarsi almeno, se alcuno di questi filosofi leggesse le apologie,
che i primitivi Cristiani pubblicaron più volte in difesa di se
medesimi, e della lor religione; ma v'è molto da dolersi che simil causa
non fosse difesa da più abili avvocati. Espongono essi con superfluo
spirito ed eloquenza la stravaganza del Politeismo; muovono la nostra
compassione con esporre l'innocenza ed i patimenti de' loro ingiuriati
fratelli; ma quando voglion dimostrare l'origine divina del
Cristianesimo, insistono molto più fortemente sulle predizioni che
l'annunciarono, che su' miracoli che accompagnarono la venuta del
Messia. Il favorito loro argomento potea servire a edificare un
Cristiano, o a convertire un Giudeo, mentre ambidue riconoscono
l'autorità di quelle profezie, e son obbligati ad investigarne con
devota riverenza il senso ed il compimento. Ma questa maniera di
persuadere perde molto del suo peso e della sua forza, quando si dirige
a quelli, che nè intendono nè rispettano la legge Mosaica ed il
profetico stile[631]. Nelle imperite mani di Giustino e de' successivi
Apologisti, la sublime intelligenza degli oracoli Ebrei svanisce in
lontane figure, in affettati concetti, ed in fredde allegorie; e la loro
autenticità rendevasi anche sospetta ad un Gentile non illuminato per la
mescolanza di pie falsità, che sotto i nomi di Orfeo, di Ermete e delle
Sibille[632] gli si volevan far credere di ugual valore, che le genuine
inspirazioni del Cielo. I sofismi, e le frodi, che si usano in difesa
della Rivelazione, ci rammentano bene spesso la poco giudiziosa condotta
di que' poeti, che caricano i loro _invulnerabili_ Eroi con un peso
inutile d'incomode o fragili armi.

Ma come potrem noi scusare la supina disattenzione de' Pagani e Filosofi
a quelle prove, che si presentavano dalla mano dell'Onnipotenza, non
alla loro ragione, ma a' loro sensi? Durante la vita di Cristo, degli
Apostoli e de' primi loro Discepoli, la dottrina, che predicavano,
veniva confermata da innumerabili prodigi. Camminavano gli storpiati,
vedevano i ciechi, eran sanati gl'infermi, risorgevan i morti, eran
cacciati i demonj, e continuamente si sospendevan le leggi della natura
in favor della Chiesa. Ma i Savj della Grecia e di Roma volgevano
altrove gli occhi dal tremendo spettacolo, e pare che attenti alle
occupazioni ordinarie della vita e dello studio, ignorassero qualunque
alterazione accadesse nel governo del mondo sì morale che fisico. Sotto
il regno di Tiberio tutta la Terra[633], o almeno una celebre Provincia
del Romano Impero[634], si trovò involta in una naturale oscurità di tre
ore. Anche questo fatto miracoloso, che avrebbe dovuto eccitar la
maraviglia, la curiosità e la devozione dell'uman genere, passò senza
che se ne facesse menzione in un secolo della scienza e della
Istoria[635]. Esso accadde nel tempo che vivevan Seneca e Plinio il
Vecchio, i quali debbono aver sentiti gl'immediati effetti, o ricevuta
prestissimo notizia di quel prodigio. Ciascheduno di questi filosofi ha
rammentato in una laboriosa opera tutti i grandi fenomeni della natura,
terremoti, meteore, comete ed ecclissi, che l'instancabile curiosità
loro potè raccogliere[636]. Ma tanto l'uno che l'altro han trascurato di
far parola del più gran fenomeno, di cui l'occhio mortale sia stato mai
testimonio dalla creazione del mondo. Plinio destinò un capitolo apposta
per gli ecclissi di straordinaria natura e d'insolita durata[637]; ma si
contenta solo di descrivere la singolar mancanza di luce, che seguì dopo
la morte di Cesare, allorchè per la massima parte di un anno il disco
solare comparve pallido e senza splendore. Questo tempo d'oscurità, che
non può sicuramente paragonarsi con la non naturale oscurità della
Passione, fu celebrato dalla maggior parte dei poeti[638] o degli
Istorici di quel secolo memorabile[639].

FOOTNOTES:

[441] _Dum Assyrios penes, Medosque, et Persas oriens fuit,
despectissima pars servientium_, Tacit. _Hist._ V. 8. Erodoto, che
visitò l'Asia, quand'era soggetta all'ultimo di questi Imperj, fa
superficial menzione de' Sirj della Palestina, che, secondo la propria
lor confessione, avevan ricevuto il rito della circoncisione
dall'Egitto. Vedi l. II. c. 104.

[442] Diodoro Siculo, l. XI. Dion. Cassio l. XXXVII. p. 121. Tacit.,
_Hist._ V. 1-9 Giustin. XXXVI. 2, 3.

[443]

    _Tradidit arcano quaecumque volumine Moses,_
    _Non mostrare vias eadem nisi sacra colenti,_
    _Quaesitos ad fontes solos deducere verpos._

Le parole di questa legge non si trovano presentemente ne' libri di
Mosè. Ma il _saggio_, l'_umano_ Maimonide apertamente insegna, che se un
idolatra cade nell'acqua, non deve il Giudeo soccorrerlo per salvarlo
dalla morte imminente. Vedi Basnag. _Hist. des Juifs_ l. VI. c. 28.

[444] Alcuni Giudei, chiamati Erodiani da Erode, per l'esempio ed
autorità del quale erano stati sedotti, formarono una setta, la quale
adattavasi ad una specie di conformità accidentale; ma il loro numero fu
così piccolo, e così breve la loro durata, che Gioseffo non gli ha
neppure creduti degni di farne menzione. Vedi Prideaux Vol. II. p. 285.

[445] _Cicer. pro Flacco_ c. 23.

[446] _Philo de legatione._ Augusto lasciò un fondo per un sacrifizio
perpetuo. Ciò nonostante approvò il disprezzo che verso il Tempio di
Gerusalemme dimostrava Caio di lui nipote. Vedi Svetonio (_in Aug._ c.
93) e le note del Casaubono a quel luogo.

[447] Vedi specialmente Gioseffo (_Antiq._ XVII. 6. XVIII. 3 _de bell.
Judaic._ I 33. II. 9. Ediz. Havercamp.)

[448] _Jussi a Cajo Caesare effigiem ejus in Templo locare, arma potius
sumpsere._ Tacit. _Hist._ V. 9. Filone, e Gioseffo danno una ben
circostanziata, ma molto retorica narrazione di questo fatto, che pone
in un'estrema perplessità il Governatore della Siria. Alla prima
proposta di tal atto idolatrico il Re Agrippa restò privo di sensi, nè
potè ricuperarne l'uso che dopo tre giorni.

[449] Quanto al numero delle Deità Siriache ed Arabiche è da osservarsi,
che Milton in centotrenta bellissimi versi ha compreso le due vaste ed
erudite raccolte, che ha fatte il Seldeno su tal astruso argomento.

[450] Tutto ciò che appartiene ai proseliti degli Ebrei, è stato molto
eruditamente trattato dal Basnagio (_Hist. des Juifs_ l. VI, c. 6, 7).

[451] _Vedi Exod._ XXIV. 23. _Deuter._ XVI. 16, i Commentatori ed una
nota molto considerabile nell'Istoria universale. Vol. I. p. 603 ediz.
in fol.

[452] Quando Pompeo, servendosi, o abusando piuttosto del diritto di
conquistatore, entrò nel _Sancta Sanctorum_, fu osservato con istupore
_nulla intus Deum effigie vacuam sedem et inania arcana_. Tacit.
_Histor._ V. 9. Relativamente a' Giudei questo era un detto popolare,
che

    _Nil praeter nubes, et coeli numen adorant._

[453] I proseliti Samaritani, o Egizj erano sottoposti ad una seconda
specie di circoncisione. Può vedersi un'ostinata indifferenza de'
Talmudisti rispetto alla conversione degli stranieri appresso Basnagio
(_Hist. des Juifs_ l. VI c. 6.)

[454] Questi argomenti furono con grand'ingenuità sostenuti dall'Ebreo
Orobio, e confutati con ugual candore dal Cristiano Limborchio. Vedi
l'_Amica Collatio_ (merita essa ben questo nome) ovvero il ragguaglio
della disputa, che si fece tra loro.

[455] _Jesus... circumcisus erat; cibis utebatur Judaicis, vestitu
simili; purgatos scabie mittebat ad sacerdotes: Paschata et alios dies
festos religiose observabat: si quos sanavit sabatho, ostendit non
tantum ex lege, sed et exceptis sententiis talia opera sabatho non
interdicta. Grotius de verit. Relig. Christ._ l. V. c. 7. Poco dopo (c.
12.) egli si diffonde sulla condiscendenza degli Apostoli.

[456] _Pene omnes Christum Deum sub legis observatione credebant_
Sulpic. Sever. II. 31. Vedi Euseb. _Hist. Eccl._ l. IV. c. 5.

[457] _Mosheim. de rebus Christ. ante Constantinum_ M. p. 153. In
quest'opera magistrale, ch'io avrò occasione di citare frequentemente,
egli parla con molta maggior estensione dello stato della primitiva
Chiesa, di quel che abbia luogo di farlo nella sua Storia generale.

[458] Euseb. (l. III. c. 5.) Le Clerc. (_Hist. Eccl._ p. 605.) Nel tempo
di quest'accidentale assenza la Chiesa di Pella col proprio Vescovo
ritenne sempre il nome di Gerusalemme. Nella istessa guisa i Pontefici
Romani risederono per settant'anni in Avignone, ed i Patriarchi
d'Alessandria da gran tempo han trasferito al Cairo la sede loro
Episcopale.

[459] Dion. Cassio (l. LXIX). Attesta l'esilio della nazione Giudaica da
Gerusalemme Aristone di Pella (_ap. Enseb._ l. IV. c. 6) e ne fanno
menzione molti scrittori ecclesiastici: sebbene alcuni di loro estendano
troppo incautamente questa proibizione a tutta la Palestina.

[460] Euseb. (l. IV. c. 6). Sulpic. Severo. II. 31. Mosemio confrontando
insieme i loro imperfetti racconti (p. 327) ha formata una ben distinta
istoria delle circostanze, e de' motivi di questa rivoluzione.

[461] Sembra che le Clerc (_Hist. Eccl._ p. 477, 535.) abbia raccolto da
Eusebio, Girolamo, Epifanio, ed altri scrittori, tutte le principali
circostanze relative a' Nazareni o Ebioniti. Per la natura stessa delle
lor opinioni si divisero ben presto in due Sette, una più rigorosa,
l'altra più dolce; e v'è qualche motivo di congetturare, che la famiglia
di Gesù Cristo si trovasse fra' membri almeno del secondo più moderato
partito.

[462] Alcuni scrittori han voluto creare un Ebione, immaginario autore
della Setta, e del nome di essi: ma con maggior sicurezza può credersi
all'erudito Eusebio che al veemente Tertulliano, o al credulo Epifanio.
Secondo le Clerc, la parola Ebraica _Ebionim_ corrisponde alla Latina
_Paupares_. Vedi (_Hist. Eccl._ p. 477.)

[463] Vedi il Dialogo molto curioso di Giustino martire con Trifone
giudeo. Seguì conferenza fra loro in Efeso al tempo di Antonino Pio, a
circa venti anni dopo il ritorno della Chiesa di Pella in Gerusalemme.
Per questa data si consulti ciò che nota diligentemente il Tillemont
(_Memoir. Eccles._ Tom. II. p. 54).

[464] Fra tutte le Sette Cristiane quella dell'Abissinia è la sola, che
sempre osserva i riti Mosaici (Ist. Ecclesiast. di Etiopia di Geddes, e
dissertazione di le Grand sulla relazione del P. Lobo). L'eunuco della
Regina Candace potrebbe somministrare qualche sospetto; ma siccome siam
certi (Socrat. I. 19; Sozomen. II. 24. _Ludolph._ p. 281) che gli Etiopi
non furon convertiti prima del quarto secolo, è più ragionevol di
credere ch'essi venerassero il sabbato, e distinguessero i cibi vietati
ad imitazione de' Giudei, che molto per tempo si erano stabiliti sopra
ambe le rive del Mar Rosso. Era stata praticata la circoncisione da' più
antichi Etiopi per motivi di pulizia e di salute, come sembra esser
dimostrato nelle Ricerche filosofiche su gli Americani. (Tom. II. p.
117).

[465] Beausobre (_Hist. du Manicheisme_ l. I. c. 3) ha determinato le
lor' obbiezioni, specialmente quelle di Fausto, avversario di Agostino,
colla più dotta imparzialità.

[466] _Apud ipsos fides obstinata, misericordia in promptu: adversus
omnes alios hostile odium._ Tacit. (_Hist._ V. 5). Sicuramente avea
Tacito riguardato gli Ebrei con occhio troppo favorevole. La lettura di
Gioseffo avrebbe potuto distrugger l'antitesi.

[467] Il Dottore Burnet (_Archaeolog._ l. II. c. 7) ha discusso i primi
capitoli della Genesi con troppa libertà ed acutezza.

[468] I Gnostici più moderati risguardavano Jeova, il Creatore, come un
ente di una natura di mezzo fra quella di Dio, e del Demonio. Altri lo
confondevano col principio cattivo. Si consulti il secondo secolo
dell'Istoria generale di Mosemio, che fa una breve ma assai distinta
narrazione degli strani lor pensamenti su tal soggetto.

[469] Vedi Beausobre _Histoire du Manicheisme_ (_liv._ I. c. 4.) Origene
e S. Agostino si contano fra gli allegoristi.

[470] Hegesipp. presso Eusebio (l. III. 32. IV. 22.) Clement. Aless.
Strom. VII. 17.

[471] Relativamente ai Gnostici del secondo e del terzo secolo, Mosemio
è ingegnoso ed ingenuo; le Clerc pesante, ma esatto; Beausobre quasi
sempre apologista; e v'è gran motivo di temere, che i primitivi Padri
siano bene spesso calunniatori.

[472] Vedi i cataloghi d'Ireneo e d'Epifanio. Bisogna confessare però,
che questi Scrittori erano inclinati a moltiplicare il numero delle
Sette, che opponevansi all'_unità_ della Chiesa.

[473] Eusebio (l. IV. c. 15, ) Sozomeno (lib. II. c. 32). Vedasi
appresso Bayle, nell'articolo _Marcione_, un curioso ragguaglio di una
disputa su tal articolo. Parrebbe, che alcuni fra i Gnostici (vale a
dire i Basilidiani) evitassero, ed anche ricusassero l'onor del
martirio. Le lor ragioni erano singolari ed astruse. Vedi Mosem. p. 359.

[474] Vedasi un passo molto considerabile di Origene (_Proem. ad
Lucam._). Quest'istancabile scrittore, che avea consumata la propria
vita nello studio delle Scritture, per la loro autenticità si riferisce
all'inspirata autorità della Chiesa. Egli era impossibile, che i
Gnostici potessero ammettere i presenti nostri Evangeli, una gran parte
dei quali (specialmente rispetto alla Risurrezione di Cristo) è
direttamente, e come può sembrare, a bella posta formata contro le
opinioni lor favorite. Ond'è alquanto singolare che Ignazio (_Epist. ad
Smirn. Patr. Apost._ Tom. II. p. 34) volesse far uso di una dubbiosa ed
incerta tradizione, piuttosto che citare la sicura testimonianza degli
Evangelisti.

[475] _Faciunt favos et vespae; faciunt ecclesias et Marcionitae._
Questa è la forte espressione di Tertulliano, che io son costretto di
citare a memoria. Al tempo di Epifanio (_adv. Haeres._ p. 302) i
Marcioniti eran molto numerosi nell'Italia, nella Siria, nell'Egitto,
nell'Arabia, e nella Persia.

[476] Agostino somministra un memorabil esempio di questo successivo
progresso dalla ragione alla fede. Esso fu per molti anni impugnato
nella setta de' Manichei.

[477] L'unanime sentimento della primitiva Chiesa è molto chiaramente
spiegato da Giustino martire (_Apolog. Major._), da Atenagora (_Legat._
c. 22. ec.), da Lattanzio (_Inst. Divin._ II. 14-19).

[478] Tertulliano (_Apol._ c. 23) allega la confessione degli stessi
Demonj, ogni volta che venivano tormentati dagli Esorcisti Cristiani.

[479] Tertulliano ha composto un rigidissimo trattato contro l'idolatria
per cautelare i suoi fratelli dal continuo pencolo di cadervi. _Recogita
sylvam, et quantae latitant spinae. De Corona Militis_ c. 10.

[480] Il Senato Romano si adunava sempre in un Tempio o in altro luogo
consacrato (Aul. Gellio XIV). Avanti di entrare in materia, ogni
Senatore versava una porzione di vino e d'incenso sopra l'altare.
Sueton. _in August._ c. 35.

[481] Vedi Tertulliano _De spectaculis_. Questo rigoroso riformatore non
si dimostra più indulgente per una tragedia d'Euripide, che per un
combattimento di gladiatori. L'offende specialmente la maniera di vestir
degli attori; questi coll'uso di alti coturni tentavano _empiamente_ di
accrescere un cubito alla loro statura (c. 23).

[482] Si può trovare appresso tutti i Classici l'antica usanza di
chiudere i conviti con libazioni. Socrate e Seneca diedero negli ultimi
loro momenti un nobil esempio di tal costume. _Postquam stagnum calidae
aquae introiit, respergens proximos servorum, addicta voce, libare se
liquorem illum Jovi liberatori._ Tacit. _Annal._ XV. 64.

[483] Vedi l'elegante ma idolatrico inno di Catullo sopra le nozze di
Manlio, o di Giulia. _O Hymen, Hymenaee Io! quis huic Deo comparariet
ausit?_

[484] Virgilio descrive ne' funerali di Miseno e di Pallante le antiche
usanze con esattezza non minore di quella, con cui sono illustrati dal
di lui commentatore Servio. Il rogo medesimo era un altare; si nutrivano
le fiamme col sangue delle vittime; e tutti gli assistenti erano aspersi
d'acqua lustrale.

[485] Tertullian. _de Idol._ c. 11.

[486] Vedi le Antichità di Montfaucon in ogni parte. Fino i rovesci
delle monete Greche e Romane spesso erano idolatrici, ma in
quest'occasione gli scrupoli de' Cristiani eran sospesi da una passione
più forte.

[487] (Tertullian. _de Idol._ c. 20, 21, 22.) Se un amico Pagano (nello
starnutar per esempio d'alcuno) usava la famigliar espressione, _Giove
ti salvi_, era obbligato il Cristiano a protestar contro la divinità di
Giove.

[488] Si consulti l'opera la più elaborata ma la più imperfetta di
Ovidio, vale a dire i Fausti. Egli non oltrepassò i primi sei mesi
dell'anno. La compilazione di Macrobio, che porta il nome di
_Saturnali_, non è che una piccola parte del primo libro, che ha qualche
rapporto a quel titolo.

[489] Tertulliano ha composto una difesa, o piuttosto un panegirico
della troppo ardita azione di un soldato cristiano, che gettando via la
sua corona di lauro, aveva esposto se medesimo ed i suoi fratelli al più
imminente pericolo. Dalla menzione, ch'ei fa degl'_Imperatori_ Severo e
Caracalla, egli è chiaro, non ostante la brama del Tillemont, che
Tertulliano compose il suo trattato _de Corona_ molto tempo avanti che
si impegnasse negli errori de' Montanisti. Vedi Memor. Eccl. (Tom. III.
p. 384).

[490] Il primo libro delle Quistioni Tusculane in ispecie, il trattato
_De Senectute_ ed il Sogno di Scipione contengono nel più bello stile
tutto ciò, che la Greca Filosofia, o il buon senso Romano potea
suggerire in quest'oscuro, ed importante soggetto.

[491] La preesistenza delle anime umane, in quanto almeno tal dottrina è
conciliabile con la religione, fu adottata da molti de' Padri Greci e
Latini. Vedi Beausobre _Hist. du Manicheisme_ (l. VI. c. 4).

[492] Vedi Cicerone _pro Cluentio_ c. 61. Cesare _ap. Sallust. de bello
Catil._ c. 50. Giovenale Sat. II. 149, ove così si esprime.

    Esse aliquos manes et subterranea regna,
    . . . . . . . . . . . . .
    Nec pueri credunt, nisi qui nondum aere lavantur.

[493] L'undecimo libro dell'Odissea dà la più terribile ed incoerente
idea delle ombre infernali. Tal pittura è stata molto abbellita da
Pindaro e da Virgilio; ma anche questi Poeti, quantunque siano più
corretti del grande loro maestro, sono ciò nonostante caduti in molte
stravaganti incoerenze. Vedi Bayle _Reponse aux questions d'un
Provincial_ P. III. c. 22.

[494] Vedi l'Epistola 16 del primo libro d'Orazio, la Satira 13 di
Giovenale, e la seconda Satira di Persio. Questi discorsi popolari
esprimono il sentimento e il linguaggio della moltitudine.

[495] Se vogliam limitarci ai popoli Galli, si può osservare ch'essi non
solo affidavano le loro vite, ma anche la lor moneta alla sicurezza
dell'altro mondo. _Vetus ille mos Gallorum occurrit_ (dice Valerio
Massimo lib. II. c. 6. p. 10) _quod memoria proditum est, pecunias
mutuas, quae his apud inferos redderentur, dare solitos_. La medesima
usanza è più oscuramente indicata da Mela (l. III. c. 2). Egli è quasi
inutile d'aggiungere, che i profitti di tal commercio eran sempre in una
proporzione corrispondente al credito del mercante, e che i Druidi eran
quelli, che dalla santa lor professione traevano un carattere di
credibilità, che difficilmente si potrebbe assumere da qualunque altra
classe di uomini.

[496] L'Autore della Divina Legazione di Mosè adduce un motivo assai
curioso di tal omissione, o molto ingegnosamente la ritorce contro i
miscredenti.

[497] Vedi Le Clerc. _Prolegom. ad hist. Ecle._ c. I. Sect. 8. Sembra,
che l'autorità di lui sia di grandissimo peso, avendo egli scritto un
dotto e giudizioso Comentario su' libri del vecchio Testamento.

[498] _Josephus Antiq._ l. XIII. c. 18. Secondo l'interpretazione più
naturale delle sue parole, i Sadducei non ammettevano che il Pentateuco;
ma è piaciuto ad alcuni moderni critici di aggiungere al loro _Credo_
anche i Profeti, o di supporre che si contentassero solo di rigettar le
tradizioni de' Farisei. Il Dottore Jortin ha discusso tal articolo nelle
sue Osservazioni sopra l'Istoria Ecclesiastica, vol. II. p. 103.

[499] Tale aspettativa era sostenuta dal capo 24. di S. Matteo, e dalla
prima lettera di S. Paolo a' Tessalonicensi. Erasmo toglie la difficoltà
coll'aiuto dell'allegoria e della metafora, e l'erudito Grozio cerca di
persuadere che per providi fini fu permesso, che si stabilisse quella
pia illusione.

[500] Vedi la Teoria sacra di Burnet P. III. c. 5. Questa tradizione si
trova già stabilita fino al tempo dell'Autore dell'Epistola di Barnaba,
che scrisse nel primo secolo, e che sembra essere stato mezzo Giudeo.

[501] La chiesa primitiva d'Antiochia contava quasi 6000 anni dalla
creazion del mondo alla nascita di Cristo. Africano, Lattanzio, e la
Chiesa Greca avean ridotto quel numero a 5500, ed Eusebio si è
contentato di 5200 anni. Questi calcoli eran fondati sulla version de'
Settanta, ch'era universalmente ricevuta ne' primi sei secoli.
L'autorità della Volgata, e del testo Ebraico ha determinato i moderni,
sì Cattolici che Protestanti a preferire un periodo di circa 4000 anni;
quantunque nello studio dell'antichità profana, spesse volte si trovino
essi angustiati da così stretti confini.

[502] Furon prese moltissime di queste pitture dalla falsa
interpretazione d'Isaia, di Daniele, e dell'Apocalisse. Può trovarsene
una delle più grossolane immagini appresso Ireneo (l. V. p. 455)
discepolo di Papia, che aveva veduto l'Apostolo S. Giovanni.

[503] La testimonianza di Giustino, e la fede con cui egli ed i suoi
fratelli ortodossi credevano alla dottrina del Millenio si chiariscono
nel modo più lucido o solenne (_Dial. cum Tryph. Jud._ p. 177, 178 ed.
Benedit.). Se nel principio di quest'importante passaggio si scopre
qualche cosa che sembra incoerente, noi possiamo accusarne, come più ci
piacerà, o l'autore, o il suo traduttore.

[504] Vedi il secondo Dialogo di Giustino con Trifone, ed il libro
settimo di Lattanzio. Poichè il fatto è fuor di dubbio, non è necessario
enumerare tutti i Padri di mezzo. Il lettore curioso può consultare
Daille _de Usu Patrum_, (l. II, c. 4)

[505] Dupin (_Biblioth. Eccles._ Tom. I. p. 223. Tom. II. p. 366) e
Mosemio (p. 720) quantunque l'ultimo di questi dotti Teologi non sia
totalmente ingenuo in quest'occasione.

[506] Nel Concilio di Laodicea, tenuto circa l'anno 360, l'Apocalisse fu
tacitamente esclusa dal Canone de' libri sacri per decreto di quelle
medesime Chiese Asiatiche, alle quali essa era indirizzata, e possiam
rilevare da' lamenti di Sulpizio Severo, che la lor sentenza era stata
confermata dalla maggior parte de' Cristiani del suo tempo. Per quali
cagioni dunque l'Apocalisse al presente vien così generalmente ammessa
dalle Chiese, Greca, Romana e Protestante? Possono assegnarsene le
seguenti: I. I Greci restaron vinti dall'autorità di un impostore che
nel sesto secolo usurpò il carattere di Dionisio Areopagita; II. Un
giusto timore, che i Grammatici non divenissero più importanti de'
Teologi, impegnò il Concilio di Trento ad apporre il sigillo della
propria infallibilità a tutti i libri della Scrittura contenuti nella
Volgata Latina, nel numero de' quali entrava per buona ventura
l'Apocalisse (Fra Paolo Istor. del Concil. Triden. l. II.) III. Il
vantaggio di rivolger quelle misteriose profezie contro la sede Romana,
inspirò ai Protestanti una singolar venerazione per un alleato sì
comodo. Vedi gl'ingegnosi ed eleganti discorsi del presente Vescovo di
Litchfield su questo spinoso soggetto.

[507] Lattanzio (_Instit. Div._ VII. 15. ec.) riferisce l'orribile
istoria di quel che dovea seguire con grand'eloquenza e vivezza.

[508] Ogni lettore di buon gusto potrà consultare su questo articolo la
terza parte della Teoria sacra di Burnet. Egli unisce insieme con un
magnifico sistema la filosofia, la Scrittura e la tradizione; e nel
descriverlo mostra una forza di fantasia non inferiore a quella di
Milton medesimo.

[509] Eppure, qualunque siasi l'espressione de' particolari, questa è
sempre la pubblica dottrina di tutte le Chiese Cristiane; nè la stessa
Chiesa Anglicana può rifiutare di ammettere le conchiusioni che si
debbono trarre da' suoi articoli 8.º e 18.º I Giansenisti, che hanno sì
diligentemente studiate le opere de' Padri, sostengono con distinto zelo
questa sentenza, e l'erudito Tillemont non lascia mai di parlare di un
virtuoso Imperatore senza pronunziarne la condanna. Zuinglio è forse il
solo Capo di un partito, che ha sempre adottato l'opinione più dolce, e
questi ha dato non minore scandalo ai Laterani che ai Cattolici. Vedi
Bossuet. _Hist. des variat. des Eglises Protest._ (l. II. c. 19, 22.)

[510] Giustino e Clemente d'Alessandria confessano, che alcuni filosofi
furono istruiti dal _Logos_, confondendo il doppio significato, che ha
questa parola, della ragione umana, e del Divin Verbo.

[511] Tertullian. _De Spectac._ c. 30. Per mettere in mostra il grado di
autorità che lo zelante Affricano aveva acquistato, basterà citare la
testimonianza di Cipriano, dottore e guida di tutte le chiese
occidentali. (Vedi Prud. Inno XIII. 100.) Ogni volta ch'egli applicavasi
al giornaliero suo studio delle Opere di Tertulliano, soleva dire, «_Da
mihi magistrum_» Datemi il mio maestro. (_Hyeronym. de Viris
Illustribus_, tomo I. p. 284).

[512] I sotterfugi del Dottor Middleton non possono servire a far
perdere di vista i chiari vestigi delle visioni, e dell'inspirazione che
si vedono appresso i Padri Apostolici.

[513] Il Dottor Middleton (Ricerca libera p. 96. ec.) osserva,
ch'essendo tal pretensione più difficile di tutte le altre a sostenersi
per mezzo dell'arte, fu la più pronta a cedere. L'osservazione s'accorda
colla sua ipotesi.

[514] Atenagora _in Legation_. Giustino Mart. _Cohort. ad gentes_,
Tertull. _adversus Marcion._ l. IV. Queste descrizioni non son molto
dissimili da quel furore profetico, pel quale Cicerone (_De Divinat._
II. 54.) mostra così poco rispetto.

[515] Tertulliano (_apolog._ c. 23 ) arditamente sfida i Magistrati
Pagani su questo punto. Fra' primitivi miracoli il potere di esorcizzare
è l'unico che sia stato ammesso da' Protestanti.

[516] Ireneo _adv. Haeres._ (l. II. 56, 57, l. V. c. 6.) Dodwell
(_Dissert. ad Iraeneum_ II. 42.) stabilisce, che il secondo secolo fu
anche più abbondante del primo in miracoli.

[517] Theophil. _ad Antolycum_ l. II. p. 77.

[518] Il Dottore Middleton diede alla luce la sua Introduzione l'anno
1747; pubblicò la sua _Libera Ricerca_ nel 1749 ed avanti la sua morte,
che avvenne nel 1750, aveva preparato una difesa della medesima contro i
suoi numerosi avversari.

[519] L'università d'Oxford conferì i gradi agli oppositori di lui.
Dall'amarezza di Mosemio (p. 221.) possiamo dedurre i sentimenti de'
teologi Luterani.

[520] Può sembrare alquanto notabile, che Bernardo di Chiaravalle, il
quale racconta tanti miracoli del suo amico S. Malachia, non faccia mai
veruna menzione de' propri, che però vengono diligentemente riferiti da'
compagni e discepoli di lui. Nel lungo corso dell'Istoria Ecclesiastica
si trova egli mai un solo esempio di un Santo, che affermi di aver egli
posseduto il dono de' miracoli?

[521] La conversione di Costantino è l'Era più comunemente fissata da'
Protestanti. I Teologi più ragionevoli non son disposti ad ammettere i
miracoli del quarto secolo, mentre i più creduli non vogliono rigettar
quelli del quinto.

[522] Si rappresentano molto chiaramente le imputazioni di Celso e di
Giuliano insieme colla difesa de' Padri da Spaurmio (_Commentaire sur
les Césars de Julien_ p. 468.)

[523] Plinio Epist. X. 97.

[524] Tertullian. Apolog. c. 44. Egli soggiunge però con qualche
dubbiezza, «_aut si aliud, jam non Christianus_».

[525] Il filosofo Pellegrino (della vita, e morte del quale ci ha
lasciato Luciano un piacevol racconto) imposturò per lungo tempo la
credula semplicità de' Cristiani dell'Asia.

[526] Vedi un molto giudizioso trattato di Barboyrac _sur la Morale dei
Pères_.

[527] _Lactant. Divin. Institut._ l. VI. c. 20, 21, 22.

[528] Vedasi l'opera di Clemente Alessandrino intitolata _Il Pedagogo_,
che contiene gli elementi d'Etica, quali insegnavansi nelle più celebri
scuole Cristiane.

[529] Tertulliano _de Spectacul._ c. 23. Clemente Alessandrino
_Pedagog._ (lib. III. c. 8.)

[530] Beausobre (_Hist. Critiq. du Manicheisme_ l. VII. c. 3.) Giustino,
Gregorio, Nisseno, Agostino ec. erano fortemente inclinati a
quest'opinione.

[531] Alcuni fra gli eretici Gnostici erano più coerenti: essi
rigettavano l'uso del matrimonio.

[532] Vedasi una serie continuata di tradizioni, da Giustino Martire
sino a Girolamo nella Morale de' Padri (c. IV. 6-26.)

[533] Vedi una molto curiosa dissertazione sulle Vestali nelle Memorie
dell'Accademia delle Iscrizioni (Tom. II. p. 161-227.) Nonostanti gli
onori, ed i privilegi concessi a quelle vergini, era difficile di
trovarne un numero sufficiente; nè il timore della morte più orribile
potè sempre tenere in freno la loro incontinenza.

[534] _Cupiditatem procreandi aut unam scimus aut nullam. Minucius Felix
c. 21, Justin. Apolog. Major. Athenagor. in Legat. c. 28, Tertull. de
cult. foeminar._ l. 2.

[535] Euseb. l. VI 8. Avanti che la fama d'Origene avesse risvegliato
l'invidia, e la persecuzione, quest'azione straordinaria era piuttosto
ammirata, che censurata. Siccome aveva egli generalmente l'uso
d'interpretare allegoricamente la Scrittura, sembra una disgrazia, che
in questo sol caso dovesse adottare il senso letterale.

[536] Cipriano, _Ep._ 4, e Dodwell, _Dissert. Cyprian._ III. Qualche
cosa di simile a questo temerario tentativo, fu lungo tempo dopo,
attribuite al fondatore dell'ordine di Fontevrault. Bayle ha divertito
se, ed i suoi lettori intorno a questo assai delicato soggetto.

[537] Dupin (_Bibl. Eccles._ Tom. I. p. 195.) fa un particolar racconto
del dialogo delle dieci vergini, quale fu composto da Metodio Vescovo di
Tiro. Le lodi della verginità sono eccessive.

[538] Gli Ascetici fin dal secondo secolo incominciarono a far pubblica
professione di mortificare i lor corpi, e di astenersi dall'uso della
carne e del vino. Mosemio p. 310.

[539] Vedi la Morale de' Padri. Furono dopo la Riforma rinnovati gli
stessi pazienti principj da' Sociniani, da' moderni Anabattisti, e da'
Quaccheri. Barclai, ch'è l'apologista di questi ultimi, ha patrocinato i
propri fratelli coll'autorità de' primitivi Cristiani p. 542-549.

[540] Tertull. _Apolog._ c. 21. _De Idol._ c. 17. 18. Origene _contra
Celsum_ (l. V. p. 253. l. VII. p. 348. lib. VIII. p. 423-428.)

[541] Tertulliano (_De corona Milit._ c. 11.) suggerisce loro
l'espediente di disertare: consiglio, che se fosse stato generalmente
noto, non era molto a proposito per conciliare alla Religione Cristiana
il favore degl'Imperatori.

[542] Per quanto noi possiam giudicare dalla mutilata rappresentazione
d'Origene (l. VIII. p. 423), Gelso, di lui avversario, avea sostenuto la
sua obbiezione con gran forza, e candore.

[543] Il partito aristocratico in Francia, ed in Inghilterra ha
fortemente sostenuto l'origine divina de' Vescovi; ma i Preti calvinisti
non han voluto soffrire un superiore, ed il Romano Pontefice ha ricusato
di riconoscere un uguale. Vedi Fra Paolo.

[544] Nell'istoria della Gerarchia Cristiana ho per lo più seguitato il
dotto ed ingenuo Mosemio.

[545] Quanto a' Profeti della primitiva Chiesa vedi Mosem. _Dissert. ad
Hist. Ecles. pertinentes_ Tom. II. p. 132-208

[546] Vedi le Epistole di S. Paolo, e di Clemente a' Corintj.

[547] Hooker Ecclesiast. Polizia. l. VII.

[548] Vedi Girolamo _ad Titum_ c. 1. ed _Epist. 85._ (nell'Ediz.
Benedettin. 101.) e l'elaborata apologia di Blondello _pro sententia
Hieronymi_. L'antico stato del Vescovo, e de' Preti d'Alessandria, qual
è descritto da Girolamo riceve una considerabil conferma dal Patriarca
Eutichio (_Annal_. Tom. I. p. 330. _vers. Pocock_), di cui non so come
possa rigettarsi la testimonianza malgrado tutte le obbiezioni del dotto
Pearson nelle sue _Vindiciae Ignatianae_ Part. I. c. II.

[549] Vedasi l'introduzione all'Apocalisse. I Vescovi sotto il nome di
Angeli erano già instituiti in sette Città dell'Asia. Eppure l'Epistola
di Clemente (ch'è probabilmente di uguale antichità) non ci conduce a
scoprire alcuna traccia d'Episcopato nè a Corinto, nè a Roma.

[550] _Nulla Ecclesia sine Episcopo_, è stato un fatto non meno che una
massima, fin dal tempo di Tertulliano e d'Ireneo.

[551] Superate le difficoltà del primo Secolo, troviamo il governo
Episcopale universalmente stabilito, finchè restò interrotto dal genio
repubblicano de' riformatori Svizzeri e della Germania.

[552] Vedi Mosemio nel primo e secondo secolo. Ignazio (_ad Smyrnaeos_
c. 3. ec.) esalta con trasporto la dignità Episcopale. Le Clerc (_Hist.
Eccles_. p. 569) censura molto arditamente la di lui condotta. Mosemio
con un giudizio più critico (p. 161) sospetta della genuinità eziandio
delle più brevi Epistole.

[553] _Nonne et Laici sacerdotes sumus?_ Tertull. _Exhor. ad castitat_.
c. 7. Siccome il cuore umano è sempre il medesimo, così molte
osservazioni, che Hume ha fatto sull'entusiasmo (Saggi vol. l. p. 76
dell'Edizione in 4) possono applicarsi anche alla reale inspirazione.

[554] _Acta Concil. Carthag. apud Cyprian. Edit. Fell._ p. 158. Questo
Concilio era composto di ottantasette Vescovi delle Province di
Mauritania, Numidia ed Affrica; ed alcuni Preti, e Diaconi assisterono
all'assemblea,_ praesente plebis maxima parte_.

[555] _Aguntur praeterea per Graecias illas certis in locis concilia
ec._ Tertullian. _de Jejun_ c. 13. L'Affricano scrittore ne fa menzione
come di un'istituzione recente e straniera. L'alleanza dello Chiese
Cristiane spiegasi molto giudiziosamente da Mosemio p. 164-170.

[556] Cipriano nel suo ammirato libro _de unitate Ecclesiae_ p. 75-86.

[557] Noi possiam in tutto e per tutto riferirci al contegno, alla
dottrina ed alle lettere di Cipriano. Le Clerc in una breve vita, che ne
ha fatto (_Biblioth. Univers._ tom. XII. p 307-378.) l'ha rappresentato
con gran libertà, ed esattezza.

[558] _Se Novato, Felicissimo,_ ec. che il Vescovo di Cartagine scacciò
dalla sua Chiesa e dall'Affrica, non erano veramente i mostri più
detestabili d'empietà, lo zelo di Cipriano in tali occasioni dovrà
prevalere alla sua veracità. Bramando un giusto ragguaglio di tali
oscure querele vedi Mosemio p. 497-512.

[559] Mosemio pag. 269-274. Dupin _Antiq. Eccles. Discipl._ p. 19-20.

[560] Tertulliano in un Trattato a parte ha difeso contro gli Eretici il
diritto della prescrizione come proprio delle Chiese Apostoliche.

[561] Si fa menzione del viaggio di S. Pietro a Roma dalla maggior parte
degli antichi scrittori (Vedi Euseb. II. 25.). Il medesimo è sostenuto
da tutti i Cattolici, ed accordato da alcuni Protestanti (Vedi Pearson e
Dodwell _de succ. Episc. Rom._) ma è stato vigorosamente attaccato dallo
Spanemio (_Miscell. Sacra_ III. 3.). Secondo il P. Arduino i Monaci del
Secolo XII che composero l'Eneide, rappresentarono S. Pietro sotto
l'allegorico carattere dell'Eroe Troiano.

[562] Non è che in Francese che sia esatta quella famosa allusione al
nome di S. Pietro: Tu es _Pierre_, et sur cette _pierre_ ec. Essa è
imperfetta in Greco, in Latino, in Italiano ec. e totalmente
inintelligibile ne' nostri linguaggi Teutonici.

[563] _Irenaeus adv. Haeres._ III. 3. Tertullian. _de praescript._ c. 36
e Ciprian. _ep._ 27, 55, 71, 75. Le Clerc (_Hist. Eccl._ p. 764) e
Mosemio (p. 258, 578) difficilmente interpretano questi passi. Ma il
libero ed oratorio stile de' Padri spesso par favorevole alle
pretensioni di Roma.

[564] Vedasi la pungente lettera scritta da Firmiliano, Vescovo di
Cesarea, a Stefano, Vescovo di Roma, appresso Cipriano _Epist._ 75.

[565] Intorno a questa disputa di ribattezzare gli Eretici, vedi le
lettere di Cipriano, ed il libro settimo di Eusebio.

[566] Quanto all'origine di quelle parole vedi Mosemio p. 141, e
Spanemio _Hist. Eccl._ p. 633. La distinzione fra i _Cherici_, ed i
_Laici_ era già stabilita prima del tempo di Tertulliano.

[567] La comunione instituita da Platone è più perfetta di quella, che
aveva immaginato per la sua Utopia il cav. Tommaso Moro. La comunione
delle donne, e quella de' beni temporali, possono considerarsi come
parti inseparabili dell'istesso sistema.

[568] _Joseph Antiquit._ XVIII. 2. _Philo de vit. contemplativ._

[569] Vedi gli Atti degli Apostoli c. 2. 4. 5. co' comentari di Grozio.
Mosemio, in una Dissertazione particolare, attacca la comune opinione
con molto inconcludenti argomenti.

[570] Giustino Mart. _Apolog. Magg._ c. 89. Tertull. _Apol._ c. 39.

[571] Iren. _adv. haereses_ l. IV. c. 27, 34, Origen. _in Num. hom._ II.
Ciprian. _de unitat. Ecles. Constitut. Apostol._ (l. II. c. 34, 35)
colle note del Cotelerio. Dalle Costituzioni s'introduce questo precetto
divino, dichiarando, che i Preti son tanto superiori ai Re, quanto
l'anima è più eccellente del corpo. Fra i generi sottoposti alla decima,
esse contano il grano, il vino, l'olio, e la lana. Si consulti su questo
interessante soggetto l'Istoria delle Decime di Prideaux, e Fra Paolo
delle materie Beneficiarie, scrittori di carattere molto diverso fra
loro.

[572] La medesima opinione, la quale prevalse anche verso l'anno mille,
produsse i medesimi effetti. Molte donazioni portano espresso questo
loro motivo »_appropinquante mundi fine_». Vedi Mosem. Istor. Generale
della Chiesa vol. I. p. 457.

[573]

    _Tam summa cura est fratribus_
      _(Ut sermo testatur loquax)_
      _Offerre, fundis venditis_
      _Sestertiorum millia._
      _Addicta avorum praedia_
      _Foedis sub auctionibus,_
      _Successor exhaeres gemit_
      _Sunctis egens parentibus._
      _Haec occulantur abditis_
      _Ecclesiarum in angulis,_
      _Et summa pietas creditur_
      _Nudare dulces liberos._

            _Prudent_ πἐρι στεφανων _Hymn. 2._

La susseguente condotta del Diacono Lorenzo prova solo qual uso
propriamente si facesse della ricchezza nella Chiesa Romana: questa era
senza dubbio molto considerabile; ma Fra Paolo (c. 3.) pare, ch'esageri
quando suppone, che i successori di Commodo furono mossi a perseguitare
i Cristiani per l'avarizia di loro medesimi, e de' lor Prefetti del
Pretorio.

[574] Ciprian. _Epist._, 62.

[575] Tertullian. _de praescript._ c. 30.

[576] Diocleziano fece un rescritto, che non è che una dichiarazione
dell'antica legge. »_Collegium, si nullo speciali privilegio subnixum
sit, haereditatem capere non posse dubium non est._» Fra Paolo (c. 4.)
crede che questi regolamenti dopo il regno di Valeriano fossero molto
trascurati.

[577] _Hist. August._ p. 131. Il fondo era stato pubblico, ed allora si
disputava fra la società de' Cristiani e quella de' macellai.

[578] _Constit. Apostol._ II 35.

[579] Ciprian. _de Laps._ p. 89. _Epist._ 65. L'accusa vien confermata
da' canoni 19 e 20 del Concilio Eliberino.

[580] Vedi le Apologie di Giustino e di Tertulliano.

[581] La dovizia e la liberalità dei Romani verso i lor più distanti
fratelli si celebra con gratitudine da Dionisio di Corinto presso
Eusebio (l. IV. c. 23.)

[582] Vedi Luciano _in Peregrin._ Giuliano (_Epi._ 49) sembra
mortificato, perchè la carità de' Cristiani sostentava non solo i lor
propri poveri, ma anche i Pagani.

[583] Tale almeno fu la lodevole condotta di molti missionari moderni,
posti nelle medesime circostanze. Si espongono annualmente più di
tremila bambini di fresco nati nelle strade di Pechino. Vedi _Le Comte
Memoir. sur la Chine_, e le _Recherches sur les Chinois et les
Egyptiens_ (Tom. I. p. 61.)

[584] I Montanisti ed i Novaziani, che ostinatamente, e col massimo
rigore sostenevano quest'opinione, si trovarono alfine essi medesimi
posti nel numero degli Eretici scomunicati. Vedi il dotto, ed abbondante
Mosemio _sect._ II e III.

[585] Dionisio appresso Eusebio IV. 23. Ciprian. _de Lapsis_

[586] Cristianesimo primitivo di Cavo Part. III. c. 5. Gli ammiratori
dell'Antichità compiangono il disuso delle pubbliche penitenze.

[587] Vedasi, appresso Dupin (_Biblioth. Ecclesiast._, Tom. II. p.
304-313), una breve ma ragionata esposizione de' canoni di que' Concilj,
che furon convocati ne' primi momenti di tranquillità dopo la
persecuzione di Diocleziano. Questa si era sentita con severità molto
minore in Ispagna, che in Galazia: differenza, per cui si può in qualche
modo render ragione del contrasto fra i regolamenti di quelle Province.

[588] Ciprian. _Epist._ 69.

[589] Le arti, i costumi, ed i vizi de' Sacerdoti della Dea Siria sono
molto capricciosamente descritti da Apuleio nell'ottavo libro delle sue
Metamorfosi.

[590] L'uffizio di Asiarca era di questa specie, e se ne trova frequente
menzione in Aristide, nelle inscrizioni ec. Era esso annuale ed
elettivo. Non potevan desiderar tale onore, che i più vani fra'
Cittadini, nè sopportarne la spesa, che i più doviziosi. Vedi ap.
_Patres Apostol._ Tom. II. p. 200, con quanta indifferenza l'Asiarca
Filippo si condusse nel martirio di Policarpo. V'erano in simil guisa i
Bitiniarchi, i Liciarchi ec.

[591] I moderni critici non sono disposti a credere quel che i Padri
quasi concordemente asseriscono, che S. Matteo componesse un Evangelio
Ebraico, di cui ci sia restata solamente la traduzione Greca. Ma sembra
pericoloso rigettare la loro testimonianza.

[592] Sotto il regno di Nerone, e di Domiziano, e nelle Città
d'Alessandria, d'Antiochia, di Roma e d'Efeso. Vedi Mill. _Prolegom. ad
nov. Testam._ e la bella, ed estesa collezione del Dottor Lardner vol.
XV.

[593] Gli Alogi (_Epifan. de Haeres._ 51.) contrastavano l'autenticità
dell'Apocalisse, perchè la Chiesa di Tiatira non era per anche fondata.
Epifanio, che accorda il fatto, si libera dalla difficoltà col supporre
ingegnosamente, che S. Giovanni scrivesse con spirito di profezia. Vedi
Abauzit _Discours sur l'Apocalypse_.

[594] L'epistole d'Ignazio e di Dionisio (_ap. Euseb._ IV. 23), indicano
molte Chiese in Asia ed in Grecia. Quella d'Atene par che fosse una
delle meno floride.

[595] Luciano in _Alexan._ c. 25. Bisogna però, che il Cristianesimo
fosse molto inegualmente sparso pel Ponto; mentre alla metà del terzo
secolo non si trovavan più che 17 credenti nell'estesa diocesi di
Neocesarea. Vedi Tillemont (_Memoir. Ecclesiast._ Tom. IV. p. 675) che
cita Basilio, e Gregorio Nisseno, i quali erano pure nativi di
Cappadocia.

[596] Secondo gli Antichi, Gesù Cristo patì sotto il Consolato de' due
Gemini l'anno 29 dell'Era nostra presente. Plinio fu mandato in Bitinia
(secondo il Pagi) nell'anno 110.

[597] Plin. _Epist._ X. 97.

[598] Chrysostom. _Oper._ Tom. VII. p. 658-810. _Edit. Savil_

[599] Gio. Malela, Tom. II. p. 144. Egli tira la medesima conseguenza
rispetto alla popolazione d'Antiochia.

[600] Chrysostom. (Tom. I. p. 144.) Io son debitore di questi passi, ma
non della mia illazione, all'erudito Dott. Lardner. Credibilità
dell'istoria Evangelica vol. XII. p. 370.

[601] Basnage (_Hist. des Juifs_ l. II. c. 20, 21, 22, 23) ha esaminato
con la più critica esattezza il curioso trattato di Filone, che descrive
i Terapeuti. Provando ch'esso fu composto fin dal tempo d'Augusto,
Basnage ha dimostrato a dispetto d'Eusebio (1. II. c. 17) e di una folla
di moderni Cattolici, che i Terapeuti non erano, nè Cristiani nè monaci.
Riman sempre verisimile, che essi cangiassero il nome, conservassero le
loro usanze adottando alcuni nuovi articoli di fede, ed appoco appoco
divenissero i padri degli Ascetici Egizj.

[602] Vedi una lettera d'Adriano nell'Istoria Augusta p. 245.

[603] Quanto alla successione de' Vescovi d'Alessandria si consulti
l'Istoria di Renaudot, p. 24 ec. Questo curioso fatto ci è stato
conservato dal Patriarca Eutichio (_Annal._ Tom. I. p. 334 _vers.
Pocock_) e la sua sola testimonianza risguardante la propria Chiesa
sarebbe una risposta sufficiente a tutte le obbiezioni, che il Vescovo
Pearson ha fatte nelle Vindicie Ignaziane.

[604] Ammian. Marcellin. XXII. 16.

[605] Origen. contr. Celsum l. I. p. 40.

[606] _Ingens multitudo_ è l'espressione di Tacito XV. 44.

[607] T. Liv. XXXIX. 13, 15, 16, 17. Fu eccessivo l'orrore e la
costernazion del Senato alla scoperta de Baccanalisti, la depravazione
de' quali è descritta, e forse anche esagerata da Livio.

[608] Euseb. l. VI. c. 43. Il Traduttore Latino (di Valois) ha stimato
proprio di ridurre il numero de' Preti a quarantaquattro.

[609] Questa proporzione de' Preti e de' poveri col resto del popolo, fu
per la prima volta fissata dal Burnet (Viaggi in Ital. p. 168) e
confermata da Moyle (vol. II. p. 151). Nessuno de' due avea cognizione
del passo di Grisostomo, che riduce la lor congettura quasi ad un fatto.

[610] _Serius trans alpes, religione Dei suscepta._ Sulpic. Sever. l.
II. Questi furono i celebri martiri di Lione. Vedi Euseb. V. I.
Tillemont _Mem. Eccles._ Tom. II. p. 316. Secondo i Donatisti,
l'asserzione de' quali vien confermata dalla tacita confessione
d'Agostino, l'Affrica fu l'ultima fra le Province, che ricevè
l'Evangelio (Tillemont _Mem. Eccles._ Tom. I. p. 754.)

[611] _Tum primum intra Gallias Martyria visa._ Sulp. Sever. l. II.
Rispetto all'Affrica vedi Tertulliano. _ad Scapulam._ c. 3. Si suppone,
che i primi fossero i martiri Scillitani (_Acta sincera_ Ruinart. p.
34.) Pare che uno degli avversari d'Apuleio fosse Cristiano. _Apolog._
p. 496, 497, _Edit. Delphin._

[612] _Rarae in aliquibus civitatibus Ecclesiae paucorum Christianorum
devotione resurgerent._ Acta sincera p. 130. Gregor. di Tours l. I. c.
28. Mosem. p. 207. 449. V'è qualche ragione di credere, che al principio
del quarto secolo le vaste Diocesi di Liegi, di Treveri, e di Colonia
formassero un sol Vescovato, ch'era stato eretto molto recentemente.
Vedi le Memorie di Tillemont Tom. VI. part. I. p. 43, 411.

[613] In una dissertazione di Mosemio si fissa la data dell'apologia di
Tertulliano all'anno 198.

[614] Nel decimoquinto secolo si trovavan poche persone che avessero la
disposizione o il coraggio di porre in dubbio, se Giuseppe d'Arimatea
fondato avesse il monastero di Glastonbury, e se Dionisio Areopagita
preferito avesse la residenza di Parigi a quella d'Atene.

[615] Tale stupenda metamorfosi fu fatta nel nono secolo. Vedi Mariana
(_Hist. Hispan._ V. 10. 13) che in ogni senso imita Livio, e l'ingenuo
scuoprimento fatto della leggenda di S. Giacomo dal Dott. Geddes
(_Miscell._ Vol. 4. p. 221.)

[616] Giustin. mart. _Dial. cum Tryphone_ p. 341. Iren. _adv. haeres._
l. I. c. 10. Tertullian. _adv. Jud._ c. 7. Vedi Mosemio p. 203.

[617] Vedi il quarto secolo dell'Istoria Eccles. di Mosemio. Posson
trovarsi molte, quantunque assai confuse circostanze relative alla
conversion dell'Iberia e dell'Armenia appresso Mosè di Corene l. II. c.
78, 79.

[618] Secondo Tertulliano, Cristo e la Fede avevano penetrato nelle
parti della Gran-Brettagna, inaccessibili alle armi Romane. Circa un
secolo dopo _si dice_, che Ossian figlio di Fingal, nella sua estrema
vecchiezza disputasse con un Missionario straniero, e la disputa
sussiste ancora in versi, ed in lingua Ersa. Vedasi la Dissertazione
sull'antichità de' Poemi d'Ossian di Macpherson p. 10.

[619] I Goti, che devastarono l'Asia nel regno di Gallieno, portaron via
gran numero di schiavi, alcuni de' quali eran Cristiani, e divennero
Missionari. Vedi Tillemont _Memoir. Eccles._ Tom. IV. p. 44.

[620] La leggenda d'Abgaro, favolosa com'è, somministra una decisiva
prova, che molti anni prima ch'Eusebio scrivesse la sua storia, la
massima parte degli abitanti d'Edessa aveva abbracciato il
Cristianesimo. I cittadini di Carre, al contrario, loro rivali,
restarono attaccati alla causa del Paganesimo fino al sesto secolo.

[621] Secondo Bardesane appresso Eusebio (_Praepar. Evang._) nella
Persia trovavansi alcuni Cristiani avanti la fine del secondo secolo. Al
tempo di Costantino (Vedi la di lui Epistola a Sapore Vit. l. IV c. 13)
formavano essi una florida Chiesa. Si consulti Beausobre _Hist. critique
du Manicheisme_. Tom. I. p. 180. e la Biblioteca Orientale
dell'Assemani.

[622] _Origen. contra Cels. l. VIII. p. 424._

[623] _Minuc. Felix_ c. 8 con le note di Wovvero. _Cels. ap. Origen._ l.
III. p. 138, 142. _Julian. ap. Cyril._, l. VI. p. 206. _Edit. Spanheim_.

[624] _Euseb. Hist. Eccl._ IV. 3. _Hieron. Epist._ 83.

[625] Così prettamente si racconta l'istoria ne' Dialoghi di Giustino.
Tillemont (_Mem. Eccles._ Tom. II. p. 334) che la riferisce, assicura,
che il vecchio era un Angelo sotto quella figura.

[626] Euseb. V. 28. Si può sperare, che nessuno, eccettuati gli Eretici,
desse giusto motivo alla querela di Celso (_ap. Origen._ l. II. p. 77)
che i Cristiani continuamente correggevano ed alteravano i loro
Evangeli.

[627] Plin. _Epist._ X. 97. _Fuerunt alii similis amentiae cives
Romani.... Multi enim omnis aetatis, omnis ordinis, utriusque sexus
etiam vocantur in periculum et vocabuntur._

[628] Tertullian. _ad Scapulam_. Eppure tutta la sua rettorica non
s'estende a pretendere più che la _decima_ parte di Cartagine.

[629] Ciprian. _Epist._ 79.

[630] Il Dottor Lardner, nel suo primo e secondo volume delle
testimonianze Giudaiche e Cristiane, raccoglie ed illustra quelle di
Plinio il Giovane, di Tacito, di Galeno, di Marco Antonio e forse
d'Epiteto (essendo dubbioso se quel filosofo intende parlar de'
Cristiani). Della nuova setta non si fa menzione veruna da Seneca, da
Plinio il Vecchio, nè da Plutarco.

[631] Se allegata si fosse la famosa Profezia delle settanta settimane
ad un filosofo di Roma, non avrebb'egli risposto con le parole di
Cicerone «_Quae tandem ista auguratio est, annorum potius quam aut
mensium aut dierum?_» _de Divinit._ II 30. Si osservi con qual
irreverenza Luciano (_in Alexandro_ c. 13,) ed il suo amico Gelso (_ap.
Origen. l. VII. p. 327._) si esprimono rispetto a' Profeti Ebrei.

[632] I filosofi, che deridevano le più antiche predizioni delle
Sibille, avrebbero facilmente scoperto le falsità degli Ebrei e de'
Cristiani, che i Padri hanno citato con tanta pompa, da Giustino Martire
fino a Lattanzio. Quando i versi Sibillini ebbero eseguilo l'uffizio
loro assegnato, essi, come il sistema dei millenarj, furono quietamente
posti in obblio. La Sibilla Cristiana disgraziatamente aveva fissata la
rovina di Roma nell'anno 195. II. C. 948.

[633] I Padri, che son disposti come in linea di battaglia dal Calmet
(Dissertazione sulla Bibbia Tom. III. p. 295-308.) par che voglian
cuoprire tutta la terra di oscurità, nel che vengon seguitati dai più
fra' moderni.

[634] Origen. _ad Matth._ c. 27. e pochi moderni critici, Beza, Le
Clerc, Lardner ecc. desiderano di restringerla alla sola Terra della
Giudea.

[635] Il celebre passo di Flegone ora si è saviamente abbandonato.
Quando Tertulliano assicura i Pagani, che si trova fatta menzione di tal
prodigio, _in Arcanis_, non già _in archivio vestris_ (vedi la sua
apolog. c. 21), egli probabilmente intende di parlare de' versi
Sibillini, che lo riferiscono esattamente con le stesse parole
dell'Evangelio.

[636] Seneca _Quaest. nat._ l. I. 15. VI. I. VII. 17. Plinio _Hist.
nat._ l. II.

[637] _Plin. Hist. nat._ II. 30.

[638] _Virgil. Georg._ l. 1. 466. _Tibull._ l. II. _Eleg. V._ v. 75.
_Ovid. Metam._ XV. 782. _Lucan._ I. 540. L'ultimo pone questo prodigio
avanti la guerra civile.

[639] Vedi una pubblica epistola di Marc'Anton. _ap. Josepho Antiq._
XII. 12. _Plutarc. in. Caesar._ p. 471. _Appian. Bell. civ._ l. IV.
_Dion. Cass._ l. XLV. p. 431. _Jul. Obseq._ c. 128. Questo piccol
trattato è un estratto de' prodigi di Livio.


FINE DEL VOLUME SECONDO.



INDICE DEI CAPITOLI E DELLE MATERIE CHE SI CONTENGONO NEL SECONDO VOLUME


  CAPITOLO XI. _Regno di Claudio. Disfatta dei Goti. Vittorie,
  trionfo e morte di Aureliano._

  A.D.
          Aureolo invade l'Italia; è disfatto ed
            assediato in Milano                           _pag._6
      268 Morte di Gallieno                                     7
          Carattere, elevazione dell'imperatore Claudio         8
          Morte di Aureolo                                     10
          Clemenza e giustizia di Claudio                      11
          Esso intraprende la riforma dell'esercito            12
      269 I Goti invadono l'impero                             13
          Angustie e costanza di Claudio                       14
          Vittoria riportata dal medesimo contro i Goti        14
      270 Morte dell'imperatore Claudio, che raccomanda
            Aureliano per suo successore                       16
          Tentativo e caduta di Quintilio                      17
          Origine di Aureliano. Servigi da lui prestati        18
          Regno fortunato di Aureliano                         19
          Severità di disciplina da esso mantenuta             19
          Trattato conchiuso coi Goti                          21
          La Dacia abbandonata ai medesimi                     22
          Guerra Alemannica                                    23
          Gli Alemanni invadono l'Italia                       24
          Vinti finalmente da Aureliano                        24
      271 Cerimonie superstiziose                              27
          Fortificazioni di Roma                               28
          Aureliano acquista all'Impero la Gallia, la
            Spagna, la Britannia, l'Egitto, la Siria
            e l'Asia Minore                                    30
          Successione degli usurpatori nella Gallia            30
          Regno e sconfitta di Tetrico                         32
      272 Carattere di Zenobia                                 33
          Sua beltà e dottrina                                 34
          Vendetta ch'ella fa del marito ucciso da Meonio      35
          Aggiunge ai suoi regni l'Oriente e l'Egitto          36
          Spedizione di Aureliano                              37
          Rotta data ai Palmireni nelle giornate di
            Antiochia e d'Emesa                                38
          Stato di Palmira                                     39
          Assedio di questa città, operato da Aureliano        41
          Resa della medesima e cattività di Zenobia           42
          Condotta tenuta dipoi da questa regina               43
          Ribellione mossa in Egitto da Fermo, e compressa
            da Aureliano                                       44
      274 Trionfo di Aureliano                                 45
          Clemenza di esso imperatore per riguardo a
            Tetrico ed a Zenobia                               47
          Fastosa pietà dello stesso principe                  49
          Ribellione sedata in Roma                            50
          Corretta l'alterazione delle monete e
            osservazioni a tale proposito                      51
          Atti crudeli esercitati dallo stesso Aureliano       53
          Spedizione da esso impresa nell'Oriente              54
      275 Sua morte dovuta ad un tradimento                    54

  CAPITOLO XII. _Condotta dell'esercito e del senato
  dopo la morte di Aureliano. Regni di Tacito, di Probo,
  di Caro e dei suoi figli._

      275 Contesa straordinaria fra l'esercito ed il
            senato intorno la scelta d'un imperatore           57
          Pacifico interregno di otto mesi                     58
          Il console aduna il senato                           58
          Carattere del novello imperatore Tacito              59
          Autorità del senato rilevata dal predetto imperatore 62
          Gioia e confidenza nata ne' senatori                 64
      276 Tacito viene riconosciuto dall'esercito              64
          Alani che invadono l'Asia, rispinti da Tacito        65
          Morte di esso                                        66
          Trono usurpato da Floriano, fratello del defunto     67
          Morte dell'usurpatore dopo tre mesi                  68
          I discendenti di Tacito e di Floriano rimangono
            nell'oscurità                                      68
          Carattere, innalzamento dell'imperatore Probo        69
          Condotta rispettosa da esso tenuta verso il senato   70
      277 Vittorie riportate da Probo contro i Barbari         72
          La Gallia liberata dall'invasione dei Germani        73
          Probo porta le armi nella Germania                   75
          Muraglia fabbricata dal Reno al Danubio              76
          Probo incorpora i Barbari fra le milizie Romane      78
          Ardita impresa de' Franchi                           80
          Ribellione di Saturnino nell'Oriente                 81
          Sollevazione di Bonoso e Proculo nella Gallia        82
      281 Ingresso trionfale di Probo in Roma                  83
          Paralello tra la severa disciplina voluta da
            Aureliano e la più mite abbracciata da Probo       84
      282 Morte di Probo                                       85
          Elezione di Caro e carattere di questo imperatore    86
          Autorità del senato perita con Probo                 87
          Caro batte i Sarmati e marcia in Oriente             88
      283 Dà udienza agli ambasciatori Persiani                89
          Vittorie e morte straordinaria di Caro               90
          Carino e Numeriano figli di lui gli succedono        91
      284 Vizi e sregolatezze di Carino                        93
          Splendore dei giochi Romani ordinati da Carino       95
          Spettacoli di Roma                                   95
          Anfiteatro                                           97
          Numeriano ritorna col suo esercito dalla Persia     101
          Morte di Numeriano                                  102
          Elezione di Diocleziano                             102
          Sconfitta e morte di Carino                         104

  CAPITOLO XIII. _Regno di Diocleziano e de' suoi tre
  colleghi, Massimiano, Galerio e Costanzo. Ristabilimento
  generale dell'ordine e della tranquillità. Guerra
  Persiana; vittoria e trionfo. Nuova forma di governo.
  Rinunzia e ritiro di Diocleziano e di Massimiano._

      284 Innalzamento e carattere di Diocleziano             106
          Guerra civile da lui estinta sul campo della
            battaglia. Atti di clemenza esercitati            107
          Associazione de' due Cesari, Galerio e Costanzo     110
          Impero scompartito fra quattro principi.
            Loro concordia                                    111
          Stato dei contadini della Gallia                    113
          Loro ribellione                                     114
          Ribellione di Carausio nella Britannia              115
          Importanza della Britannia                          117
          Carausio riconosciuto dagl'imperatori sovrano
            di quella contrada                                118
          Morte di Carausio                                   119
      286 Costanzo ricupera la Britannia                      120
          In qual modo le frontiere Britanniche fossero
            difese                                            120
          Dissensioni dei Barbari                             122
          Condotta tenuta verso di loro dagl'imperatori       122
          Diocleziano imita Probo nel distribuire i Barbari
            vinti tra i Provinciali                           123
          Guerra d'Affrica e dell'Egitto                      124
          Condotta tenuta in Egitto da Diocleziano            125
          Diocleziano sopprime tutti i libri d'Alchimia       127
          Novità e progressi di quest'arte                    128
          Guerra Persiana                                     129
          Tiridate Armeno, e geste di sua gioventù            129
          Suoi vincoli con Licinio                            129
          Esso ritoglie l'Armenia ai Persiani                 130
          Stato in cui trovavasi questo paese                 130
          Sollevazione del popolo e de' nobili                131
          Storia di Mamgo                                     132
          L'Armenia nuovamente occupata dai Persi             133
      296 Guerra fra i Persiani ed i Romani                   134
          Sconfitta sofferta da Galerio                       135
          Ricevimento che gli fa Diocleziano                  136
          Vittoria riportata dipoi dallo stesso Galerio       136
          Condotta tenuta dal vincitore verso la famiglia
            del debellato Narsete                             137
          Negoziazioni di pace                                138
          Discorso tenuto dall'ambasciatore persiano          139
          Risposta di Galerio                                 139
          Moderazione di Diocleziano                          140
          Conclusione della pace                              142
          Condizioni della medesima                           142
          L'Arasse assegnato al confine ai due imperi         142
          Cessione di cinque province di là dal Tigri         142
          Tiridate tornato al trono d'Armenia                 143
          Stato dell'Iberia                                   144
      303 Trionfo di Diocleziano e Massimiano                 145
          Lunga assenza degl'imperatori da Roma               146
          Loro residenza in Milano                            147
          Indi in Nicomedia                                   148
          Abbassamento di Roma e del Senato                   149
          Nuovi corpi di guardie nominati Gioviani
            ed Erculiani                                      150
          Magistrature civili omesse                          150
          Dignità e titoli imperiali                          151
          Diocleziano cinge il diadema ed introduce il
            cerimoniale persiano                              153
          Nuovo sistema di Governo. Due Augusti e due Cesari  156
          Aumento delle tasse                                 156
          Rinunzia di Diocleziano                             158
          Paralello fra Diocleziano e Carlo V                 158
      304 Lunga malattia di Diocleziano                       159
          Rinunzia di Massimiano contemporanea a quella
            di Diocleziano                                    161
          Prudenza di Diocleziano                             161
      305 Si ritira in Salona                                 161
          Filosofia di cui diede prove                        162
          Descrizione di Salona e del paese circonvicino      164
          Palazzo di Diocleziano                              165
          Decadenza dell'arti                                 167
          Stato in cui vennero le Lettere                     168
          Nuovi Platonici                                     169

  CAPITOLO XIV. _Turbolenze dopo la rinunzia di
  Diocleziano. Morte di Costanzo. Innalzamento di
  Costantino e di Massenzio. Sei Imperatori ad un
  tempo. Morte di Massimiano e di Galerio. Vittorie
  di Costantino contro Massenzio e Licinio. Riunione
  dell'Impero sotto l'autorità di Costantino._

  205-323 Periodo di guerre civili e disordini                171
          Carattere di Costanzo e circostanze in cui
            si trova                                          172
          Carattere di Galerio                                173
          I due Cesari, Severo e Massimino                    174
          Ambizione di Galerio sconcertata da due
            rivoluzioni                                       175
          Nascita, educazione e fuga di Costantino            175
          Viene riconosciuto de Galerio, che conferisce
            a lui il titolo di Cesare, e quello di
            Augusto a Severo                                  181
          Veri motivi della trasportata sede dell'Impero      182
          Timori di nuove tasse nati nei Romani               183
      306 Massenzio dichiarato imperatore in Roma             184
          Massimiano riveste la porpora                       185
          Sconfitta e morte di Severo                         186
          Galerio invade l'Italia                             188
          Sua ritirata                                        189
      307 Licinio innalzato alla dignità di Augusto           191
          Massimino si arroga titolo eguale                   192
      308 Sei imperatori                                      192
          Sventure di Massimiano                              193
      310 Sua morte                                           195
      311 Morte di Galerio                                    197
          Massimino e Licinio si dividono i dominj
            di Galerio                                        198
  306-312 Governo di Costantino nella Gallia                  199
          Tirannide di Massenzio nell'Affrica e nell'Italia   199
          Guerra civile tra Costantino e Massenzio            202
          Preparamenti di guerra da entrambe le parti         203
          Costantino passa le Alpi                            206
          Battaglia di Torino                                 207
          Assedio e battaglia di Verona                       209
          Indolenza e timori di Massenzio                     211
          Vittoria di Costantino dinanzi a Roma               213
          Ricevimento avuto da Costantino e condotta
            da lui tenuta                                     215
      313 Si collega con Licinio                              219
          Guerra fra Massimino e Licinio                      221
          Sconfitta sofferta da Massimino                     221
          Muore di lì a quattro mesi                          221
          Crudeltà di Licinio                                 222
          Sventure dell'imperatrice Valeria e della
            madre di questa                                   222
          Contesa fra Costantino e Licinio                    226
      314 Prima guerra civile fra i medesimi                  227
          Giornata di Cibali                                  227
          Battaglia di Mardia                                 229
          Trattato di pace                                    230
  315-325 Pace generale e leggi di Costantino                 231
      322 Guerra Gotica                                       235
      323 Seconda guerra civile fra Costantino e Licinio      236
          Giornata d'Adrianopoli                              239
          Assedio di Bisanzio e vittoria navale di Crispo     240
          Sommissione e morte di Licinio                      243
      324 Riunione dell'Impero                                244

  CAPITOLO XV. _Progresso della Religione Cristiana
  e sentimenti, costumi, numero e condizione de' primitivi
  fedeli._

          Importanza di tale ricerca                          245
          Cinque cagioni dell'accrescimento del
            Cristianesimo                                     247
          I. Intolleranza dei primitivi Cristiani
            provenuta dalla religione Giudaica                247
          Rapidità dei progressi della religione Ebraica      247
          Più opportuna alla difesa che alla conquista        251
          Zelo del Cristianesimo più liberale                 253
          Ostinazione degli Ebrei convertiti, e ragioni
            della medesima                                    254
          Chiesa Nazarena di Gerusalemme                      256
          Ebioniti                                            259
          Gnostici                                            261
          Loro Sette, progressi, ed effetti che
            produssero nel Mondo                              264
          Demonj considerati dall'Antichità siccome Dei       266
          Abborrimento in cui i Cristiani ebbero l'idolatria  268
          Esteso anche agli uffizj e pratiche del civil
            vivere                                            268
          Alle arti                                           270
          Alle pubbliche feste                                271
          Zelo dei medesimi                                   272
          II. La dottrina dell'immortalità dell'anima         272
          Opinioni che ne portarono i filosofi                272
          I Pagani della Grecia e di Roma                     275
          I Giudei                                            276
          I Cristiani                                         278
          Prossima fine del mondo                             279
          Dottrina de' Millenarj                              279
          Pronosticato incendio di Roma e del mondo           282
          Tanti timori utili ai progressi del Cristianesimo   283
          III. Forza de' miracoli ne' primi tempi
            della Chiesa                                      286
          Dubbi mossi sulla loro veracità                     289
          Presente incertezza nel determinare l'epoca
            de' miracoli                                      291
          Utilità de' primi miracoli                          291
          IV. Virtù de' primitivi Cristiani                   293
          Pentimento delle colpe                              293
          Cura che i primi Cristiani ebbero della
            propria fama                                      295
          Morale de' Padri                                    296
          Amor del dilettarsi, e dell'operare insiti
            nella umana natura                                297
          Gli antichi Cristiani avversi al piacere ed
            alla voluttà                                      298
          Opinioni de' medesimi circa la castità ed
            il matrimonio                                     299
          Loro avversione agli affari della guerra e
            del governo                                       302
          V. Solerzia dei Cristiani, tutta intesa al
            governo della Chiesa                              304
          Primiera loro libertà ed uguaglianza                306
          Istituzione de' Vescovi come presidenti del
            collegio della Chiesa                             307
          Concilj Provinciali                                 310
          Unione della Chiesa                                 311
          Progresso dell'autorità episcopale                  312
          Preminenza delle chiese metropolitane               313
          Ambizione de' romani pontefici                      315
          Oblazioni e rendite della Chiesa                    317
          Distribuzione delle rendite                         321
          Scomuniche                                          323
          Penitenza pubblica                                  324
          Dignità del governo episcopale                      326
          Recapitolazione delle cinque cagioni                327
          Debolezza del politeismo                            329
          Lo scetticismo del mondo Pagano riuscì favorevole
            alla nuova religione                              329
          Come pure la pace ed unione dell'impero Romano      331
          Prospetto istorico de' progressi del Cristianesimo  332
          Oriente                                             332
          Chiesa d'Antiochia                                  334
          Egitto                                              336
          Roma                                                337
          Affrica e province occidentali                      339
          Paesi posti oltre i limiti dell'imperio romano      341
          Generale proporzione de' Cristiani ai Pagani        344
          Se i primi Cristiani fossero ignoranti e di
            vil condizione                                    344
          Alcune eccezioni rispetto alla dottrina             345
          Rispetto alla condizione ed alle ricchezze          346
          Sprezzo che ebbero pel Cristianesimo alcuni
            uomini, per altra parte celebri, del primo
            e secondo secolo                                  348
          Profezie                                            349
          Miracoli                                            351
          Generale silenzio intorno le tenebre
            della Passione                                    352

FINE DELL'INDICE.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, così come le
grafie alternative (obblio/obblìo e simili), correggendo senza
annotazione minimi errori tipografici. Le citazioni in greco sono
state trascritte integralmente, senza apportare alcuna
correzione per eventuali inesattezze ortografiche o grammaticali.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Storia della decadenza e rovina dell'impero romano, volume 2 (of 13)" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home