Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Donne e fanciulle
Author: Zùccoli, Luciano
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Donne e fanciulle" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                          LUCIANO ZÙCCOLI


                               DONNE
                            E FANCIULLE


                            La marmotta
          Il dialogo delle bambole — La filosofia di Minni
              L'amore degli altri — Ninnì non è gelosa
                La signorina Empiastro — Ada e Fosca
                      Giorgina e i suoi uomini
          Piccolo «Skating» — La moglie innamorata — Colmàr



                              MILANO
                     FRATELLI TREVES, EDITORI
                        =12.º migliaio.=



                       PROPRIETÀ LETTERARIA.

     _I diritti di riproduzione e di traduzione sono riservati per
      tutti i paesi, compresi la Svezia, la Norvegia e l'Olanda._

      Si riterrà contraffatto qualunque esemplare di quest'opera,
     dal 10.º migliaio in avanti, che non porti il timbro a secco
                della Società Italiana degli Autori.

                    Milano, Tip. Treves — 1920.



PREFAZIONE.


Già il titolo del volume spiega che di ciascuna delle novelle qui
raccolte è protagonista una donna o una fanciulla, dell'aristocrazia,
della borghesia ricca, delle classi medie, del popolo. Ma non dice, il
titolo, che il libro è molto indulgente, e devo dirlo io. Quando non
sian buone e ingenue, queste mie donne, sono colpevoli per colpa degli
altri, come avvien quasi sempre nella vita; perchè io credo che la
responsabilità della donna si sia esagerata sempre, e in questi ultimi
tempi sia stata portata alle stelle da alcuni scrittori, i quali voglion
vedere nella donna La Nemica, per antonomasia, con iniziali maiuscole.

Di maiuscolo, a mio credere, non v'è il più delle volte che l'asinità
dell'uomo; epperò il mio libro è indulgente, e raffigura la donna come
una creatura di grazia, che gli uomini possono condurre a perdizione più
presto e più sovente di quel che la donna non conduca a perdizione gli
uomini; e dà alla donna una responsabilità ben piccola dei malanni che
può commettere, e a cui gli uomini la incitano per il loro interesse
egoistico, o l'incoraggiano storditamente con l'esempio.

E se vogliamo a una semplice raccolta di novelle dare un senso riposto e
un significato che sconfini dalla letteratura, diciamo che il libro è
antifemminista. Antifemminista, perchè annulla quasi la responsabilità
della donna, strumento duttile di gioia o di dolore nelle mani dell'uomo
savio o malvagio o sciocco. Ma sia detto questo incidentalmente, perchè
voglio tenermi lontano da discussioni, le quali sono inutili e uggiose,
e desidero piuttosto chiarire, con la brevità che è necessaria, il
concetto al quale mi sono ispirato, e non in questo libro soltanto, per
vedere e giudicare la vita femminile.

In verità, la donna, che è da alcuni considerata come una creatura
malefica, «instrumentum diaboli», non diventa pericolosa se non quando è
mal conosciuta e mal trattata; e io conservo l'illusione che, salvo casi
patologici i quali non ci riguardano e sono oggetto di studii speciali,
la donna sia capace di molto bene, purchè l'uomo che le è al fianco
sappia incuorarla.

Creatura delicata per la sua impressionabilità viva e profonda, non
appena l'uomo sopraggiunge nella sua vita, ella gli si volge per
interrogarlo. Senonchè, il più delle volte egli non risponde, perchè non
sa; o risponde il falso, ora dipingendole la vita come un chiostro in
cui ella sarà avvinta per adorare il suo padrone e signore, ora
facendole credere che la vita è una cosa leggera, arguta, piacevole,
tutta spumante di capricci e di soddisfazioni. Comunque la donna agisca
poi, l'uomo è il solo responsabile delle azioni di lei. Molti uomini i
quali si lagnano dell'infedeltà della donna, non si lagnano, chi ben
veda, che di se stessi, come i genitori i quali lamentano la mala
riuscita dei figli, danno una cattiva idea dell'ambiente in cui li
allevarono e dell'educazione che hanno loro impartita.

La donna è fatalmente infedele all'uomo che non la comprende, non la
cura, non la educa, perchè la donna ha in sè un fermento di ribellione
istintiva, che solo un'attenzione assidua e generosa può distruggere.
Direi per ciò che nel campo sentimentale non è tradito se non l'uomo che
vuol esserlo. Perchè la donna non chiede di meglio che di essere fedele,
anche per la naturale sua inclinazione, la quale la consiglia a tenersi
lontana dalle ansie, dai pericoli, dalle fatiche dell'inganno. Non
chiede di meglio, ma essendo per natura sua oscuramente e infantilmente
vendicativa, le asprezze e le volgarità, le offese e le negligenze
dell'uomo cadono in un terreno che produrrà i frutti più tossici non
appena l'occasione se ne presenti.

Contrariamente a quel che si pensa in generale, l'adulterio femminile
non è già la rivelazione d'un «punctum minoris resistentiae» della
donna, ma d'un «punctum minoris resistentiae» dell'uomo a cui ella
appartiene; o piuttosto l'effetto delle deficienze del marito che delle
deficienze della moglie.

È raro l'uomo il quale dia all'amore tutta l'importanza a cui questo
sentimento ha diritto: siamo in tempi gravi, il rispetto umano ci
obbliga a sogghignare di ciò che noi chiamiamo sentimentalismi, e per
far più presto, molti uomini giungono al matrimonio dopo una lunga
esperienza della donna da trivio, la sola esperienza rapida e poco
dispendiosa che la fretta degli affari conceda. Alla vigilia di legarsi
per tutta la vita a una donna, non hanno della donna che un concetto
fisico e dell'amore un sorridente disdegno.

Ed è doloroso che di questa ignoranza oggi si faccia pompa come di
squisita saviezza e ci si avvicini al matrimonio come ad una vettura di
piazza, trascinata da un cavallino qualunque, che è la donna, il quale
correrà certamente per il solo fatto che c'è un cocchiere. Qualche volta
il cavallino s'impenna, rovescia cocchiere e carrozza....

E allora l'uomo ricorre al codice o al colpo di rivoltella, perchè ha
ragione lui, e il cavallino doveva correre.

Eppure, di ben poco si nutre la scienza dell'amore: di bontà e di
apparenze gentili. Gli uomini non sanno che bene spesso tutto dipende da
una parola. Alle parole la donna dà gran peso: un uomo avveduto con una
frase opportuna, con una piccola garbata parola può vincere
l'irritazione della sua compagna. La donna ha sete di parole buone e
affettuose e le preferisce talora a un regalo; in generale gli uomini
ignorano questa ingenua virtù femminile che si accosta per essere
accarezzata con una frase; e in una discussione non sanno aver pazienza,
trascuran l'arte di tacere, trattano la donna come un avversario
temibile armato di terribili argomentazioni alle quali altre bisogna
opporne senza pietà per debellarlo. Se sapessero indulgere alla mancanza
di logica, che sovente è la caratteristica delle argomentazioni
femminili, e, non volendo stravincere, se sapessero spiare il momento
per quella parola buona e tenera, che la donna desidera sempre, le
discussioni terminerebbero presto senza lasciare strascichi, senza
giungere a violenze, che si possono perdonare, ma che non si dimenticano
più.

Ho detto che la donna è una creatura delicata; prima di me un classico,
il Michelet, l'ha definita «un être malade». Per quella sua delicatezza,
ella non tollera la volgarità, e l'uomo è sopra tutto e prima di tutto
una creatura contesta di volgarità.

Egli parla dei suoi amori con cruda spavalderia; e la donna per
abitudine e per prudenza non ne parla mai in alcun modo. Egli si vanta
delle sue conquiste o, quando è discreto, le lascia indovinare. Ci son
degli uomini, — e mi dispiace dirlo, son la maggioranza, — i quali
preferiscono al possedere una donna il comprometterla. La donna ha
l'abitudine del silenzio e del segreto in tutto quello che si riferisce
all'amore; — l'uomo è, per quel che si riferisce all'amore, assai
loquace.

Il suo linguaggio del resto, è in generale, largo e sbracato: un
vocabolario da taverna non è affatto eccezionale in bocca a un uomo che
parla con altri uomini familiarmente, ma è lontano dalle abitudini
mentali della donna, la quale non se ne servirà se non il giorno in cui
avrà disceso tutta la scala della perdizione.

È dunque assai facile, per questa diversità di costume, di vita,
d'abitudine, che l'uomo offenda la naturale suscettibilità della donna,
credendo che perchè egli l'ha avuta, tutto gli sia permesso; e molte
ferite son fatte nei primi tempi d'intimità piuttosto con le parole che
con le azioni.

Una donna veramente appassionata può prestarsi a tutti i capricci e i
desiderii dell'uomo che ama e che ha scelto; ma difficilmente perdona
all'uomo che le rammenti con parole volgari le voluttà segrete a cui
egli ha saputo persuaderla in nome della passione. Ella ben comprende
che la soglia dell'alcova non dev'essere profanata, che l'amore perde il
suo fascino quando lo si descriva troppo, che l'uomo ha l'obbligo della
discrezione anche di fronte alla donna da lui posseduta, se non vuole
abituarla alla fredda impudicizia, la quale toglie ogni attrattiva e
ogni merito alla voluttà.

L'uomo che non tien conto di queste sottili accortezze e di questi
pudori tenaci, arrischia di vedersi tradito presto; l'allieva della sua
depravazione verbosa, avvezza a non arrossir più dei vocaboli che
offendono peggio degli atti e che non hanno scusa, sarà assai mal
preparata a difendersi dagli assalti che una donna giovane e bella deve
sostenere.

                                 *

Noi usiamo essere severi con la donna che cade; sia essa fanciulla
libera di sè, sia legata già a un uomo col vincolo del matrimonio.

Fingiamo d'ignorare quali battaglie deve affrontare una donna per
conservarsi onesta; dimentichiamo quali tentazioni la circondino, in
alto e in basso della scala sociale, e quali avvedute insidie spiino la
sua debolezza, la sua impressionabilità, il suo bisogno d'amore e di
protezione. «Le donne sono deboli, — ha detto Pitagora, — perchè non
sono sostenute che dal cuore.»

E male sostenute, possiamo aggiungere, e mal difese dal cuore che
consiglia loro la pietà. Il più gran numero di donne non cadono già per
un traviamento dei sensi, contro i quali hanno freni più forti dei
nostri, perchè non illanguiditi dall'abitudine del piacere; ma per un
consiglio di pietà. Esse non sanno resistere allo spettacolo dell'uomo
che soffre per averle, nè sanno distinguere il vero innamorato capace di
esser loro vicino non solo nell'ora del godimento ma pur nell'ora del
pericolo, dal seduttore professionale che recita con sapiente ipocrisia
una sua vecchia commedia, e ha già deciso d'abbandonarle non appena le
avrà avute.

Le tentazioni sono innumerevoli intorno alla donna, fatte di lusinghe e
di adulazioni, d'insistenza e d'audacia; ora esaltata, ora intimorita,
ora impietosita, deve combattere una battaglia diuturna per difendersi,
e passa ogni giorno attraverso un'atmosfera di desiderio e di libidine,
che le soffia in faccia il suo alito bruciante.

Se resiste, l'uomo non gliene dà merito; è una insensibile, una frigida,
non ha nervi. Se cede, tutti la condannano; è una sensuale, una
depravata, una incosciente.

Caratteristica mi è sempre parsa la frase di Giorgio Byron: «Un passo di
là dal decoro è per la donna un passo verso il precipizio.» Questo
medesimo Giorgio Byron confessa nel suo giornale d'avere sedotte almeno
cinquanta donne, d'averle persuase a far con lui il passo di là dal
decoro verso il precipizio. Ciò non gli impedì di scrivere la sua
sentenza generale per le donne che hanno ascoltato lui, per le donne che
ascolteranno gli altri.

È molto maschile questa disinvoltura, e Giorgio Byron, il quale fu
cavalleresco per l'indipendenza dei popoli, si dimenticò spesso di
essere cavalleresco per le donne che non avevano saputo resistergli. Fu,
insomma, un uomo, ampiamente, e diede ragione ad Helvetius, il quale
scriveva essere la donna come una tavola imbandita, che si guarda con
occhio cupido prima del pranzo e annoiato dopo pranzo.

Noi vogliamo che la donna sia onesta; ma ciascuno di noi ha lavorato più
volte e con entusiastico accanimento a debellare o a mettere in pericolo
quella onestà che sbarrava il cammino ai nostri desiderii. Sempre pronti
a dettar norme di ben vivere e a creare eccezioni per il nostro piacere,
non teniamo poi conto alcuno delle lotte che la donna ha dovuto
sostenere per osservar quelle norme e per respingere quelle eccezioni.
L'onestà ci pare una cosa facile ed ovvia, quantunque abbiam passato
molto tempo della nostra vita a studiare agguati e a tendere lacciuoli
per farvi incappare la donna che voleva essere onesta.

Una certa equità nel giudicare la donna caduta è necessaria.

Alla nostra onestà di uomini, la quale consiste, poco su poco giù, nel
non violare il codice, non si oppongono tanti accorgimenti nemici quanti
vengono preparati alla onestà femminile, che è di natura ben più
difficile.

Un cassiere mal pagato che maneggia ogni giorno centinaia di migliaia di
lire, è assai meno meritevole di stima che una donna maltrattata dal
marito, la quale non cede alle lusinghe dei corteggiatori. Il primo può
anche avere innanzi agli occhi la visione del carcere, sufficiente a
trattenerlo da un'appropriazione indebita; l'altra non ha che la visione
d'una felicità luminosa e infinita, che ogni giorno il corteggiatore le
descrive.

In basso la donna è insidiata dalla povertà. Nulla mi par così pietoso
nel mondo come lo spettacolo d'una fanciulla povera; a lei negate non
soltanto le soddisfazioni della vanità, pur forte in ogni cuore di
donna, ma gli agi, le comodità, le cure, che al suo corpo gentile e
fragile sarebbero necessari. E intorno le stanno uomini, i quali pongono
tutto lo sforzo dell'ingegno e dell'eloquenza nel dimostrarle che se
cederà ai loro desiderii e si toglierà dal cammino diritto, potrà
adornarsi e curare la sua persona e la sua eleganza, ed essere
invidiata, e vivere in un perpetuo gaudio. Il lavoro l'intristisce, il
timore del domani la sciupa, i cattivi alimenti e la cattiva abitazione
la fan deperire. E lavora. Lavora fin che trovi un uomo della sua
condizione che voglia sposarla. Egli la sposa, ma non la toglie alla
fatica quotidiana perchè non può; e un giorno s'ubbriaca e la batte.

Più su, le tentazioni che serrano tutt'intorno la donna non sono meno
terribili. Se in basso la mancanza degli agi può tradirla, in alto sono
gli agi che la insidiano, è il suo fascino medesimo che fa pullulare i
desiderosi, è talvolta la mancanza dei figli, è la maggior coltura che
le dà maggiori bisogni sentimentali, è la vita stessa con le sue
convenienze, i suoi divertimenti, le visite, i teatri, le feste, che le
moltiplica intorno le seduzioni, è la trascurataggine del marito, che
non sa difenderla e proteggerla, e si fa vivo il giorno in cui l'accusa
e la giudica....

La nostra povera onestà maschile, la quale, ripeto, è sufficientemente
solida quando non incappi nel codice, ignora questa via crucis di
tentazioni. Noi non siamo tutti i giorni pregati e supplicati di rubare
o di apporre firme false a una cambiale, come una donna giovane e bella
è tutti i giorni supplicata di darsi all'uno e di mancar fede all'altro.
E se fossimo con tanta insistenza pregati di commettere il male, non so
quanti di noi non lo commetterebbero, salvochè non avessimo gli occhi
sempre intenti al codice.

Come possiamo essere severi con la donna caduta, se teniam conto di
tutte le trappole che furon poste attraverso alla sua strada? Dobbiamo
noi farla responsabile delle adulazioni che han trovato la via del suo
cuore, delle minacce che l'hanno impaurita, delle insistenze che l'hanno
avvinta, delle abili finzioni che l'hanno illusa?

I veri responsabili, gli uomini, scompaiono nell'ombra.

Quando tornate a casa di tarda notte e v'imbattete in una donna da
trivio che vi sorride e vi chiama, non pensate mai che un giorno ella fu
vergine, che deve aver amato, che si è data a qualcuno, il quale l'ha
abbandonata poi sul lastrico, e non vi chiedete dov'è questo «qualcuno»
mentre la donna segue la sua via d'abiezione e di morte?... Quel
«qualcuno» può essere il medesimo uomo, il quale vi ha testè accolto
nella sua casa ospitale, dove tutto sorrideva e tutto era bello.... Non
vogliamo condannarlo? Ma bisognerebbe essere ingiusti fino alla
bestialità per condannare in sua vece la donna, che vent'anni addietro
gli ha creduto ed è rotolata giù per la scala del vizio fino alla
prostituzione.

                                 *

Che la donna sia irresponsabile socialmente parlando, è dimostrato da un
fatto a tutti noto: non sente l'amicizia. È rarissimo il caso che vi fa
incontrare due donne le quali siano legate da una amicizia
disinteressata e sincera.

La donna odia la donna. Somiglia in questo alla gallina. In un pollaio,
guai alla gallina che si ferisce e perde sangue! Tutte le altre le si
precipitano addosso, e a colpi di becco e di zampe la fanno a brani. È
la loro solidarietà, il loro sentimento d'amicizia.

La donna non è diversa; odia la sua compagna segretamente fin che l'odio
non possa manifestarsi ed erompere con gioia selvaggia. E quando mai
sarà il giorno in cui l'odio avrà questa soddisfazione? Quando,
naturalmente, la donna sia caduta e in pericolo.

In occasione di due processi celebri, Steinheil e Tarnowsky, io mi son
piaciuto a interrogar molte donne sulla sorte che avrebbero riservata
alle imputate. E ricordiamo che le imputate eran dipinte come donne
affascinanti, quale per bellezza, quale per grazia femminile. Nessuna
delle signore che io interrogai espresse un pensiero d'indulgenza,
nessuna avrebbe accordato le attenuanti; tutte augurarono la pena di
morte, e qualcuna, — piccola gallina feroce, — si rammaricò che la morte
non si potesse dare con lunga e squisita tortura.

La donna odia la donna, e non ha dunque il ristoro di quel sentimento
che è tra gli uomini assai forte. Gli esempii classici dell'amicizia
sono nella letteratura attinti alla vita maschile, da Patroclo e Achille
a Damone e Pizia. Non si ricordano coppie di amiche le quali sian
passate attraverso i secoli con l'aureola del sentimento nobilissimo.

Sappiamo che cosa sono le amicizie femminili di collegio, traviamenti
della pubertà inquieta; più avanti la lotta per la vita, quell'implacato
spirito di gelosia che è così acceso tra le donne, schiera le une contro
le altre. Esse rinunziano alla terribil forza della solidarietà sociale
e sessuale con una incoscienza maravigliosa, per procedere sole nella
loro via; rinunziano all'amicizia per l'amore.

Dall'amore, cioè dall'uomo, la donna si aspetta tutto, gioia, tutela,
famiglia, aiuto morale e materiale, soddisfazione alle piccole vanità e
ai mille desiderii che da fanciulla è andata maturando. Per ciò la sposa
è superba e invidiata; per ciò, spietate nel loro odio, le une sorridono
delle altre, che abbian vista andar fallita una promessa o una speranza
di fidanzamento.

Ma comunque l'uomo si presenti, sotto le spoglie d'un marito o quale un
amante, egli sarà la guida e il maestro. La fanciulla è stata educata in
un collegio, nel quale le hanno insegnato molte cose inutili o sciocche
o contrarie al vero; poi dalla madre, che ha continuato quella
educazione lontana da ogni soffio vitale, quella educazione che in certi
casi può riassumersi nella raccomandazione di abbassar gli occhi quanto
più è possibile, e di vedere e capire quanto meno è possibile.
Fortunatamente l'una e l'altra educazione s'accordano anche in un punto,
in un solo punto che abbia valore sociale e potenza di difesa:
nell'insegnare e sviluppare il pudore della fanciulla. È questo il solo
presidio di molte donne.

La bella candida oca è consegnata dall'amore, dunque, nelle mani
dell'uomo, il quale dovrebbe plasmarla e avviarla alle prove
dell'esistenza, perchè egli è forte, ed essa debole.

                                 *

Egli è forte.

Tra le menzogne convenzionali della nostra società, una sopra tutte mi
sembra patente: quella che riguarda la forza morale dell'uomo.

Chiunque abbia vissuto con qualche intensità e abbia avuto maniera
d'osservare uomini di diverse classi sociali, sa che l'uomo forte è un
esemplare tutt'altro che comune. Quando non ondeggino tra una timidezza
e un'audacia irragionevoli, passando come tutti i deboli da un
abbattimento eccessivo a un'insensata e inopportuna arditezza, gli
uomini al cospetto delle avversità trovano difficilmente l'energia per
fronteggiare gli ostacoli e gli avvedimenti per superarli.

La bella serenità risoluta, indice della vera forza morale, è rara; più
rara l'intelligenza pacata che giova a preparare tutto un piano di
difesa e ad attuarlo con sagacia.

In verità quella prima menzogna della forza maschile non è se non la
conseguenza d'un'altra menzogna: l'ipotesi della lotta per la vita.

Mentre ovunque si parla di lotta e di lotte, molte esistenze crescono,
fioriscono e si spengono senza conoscer da vicino nè la lotta, nè le
lotte, molte esistenze si svolgono con un meccanismo sicuro, e giungono
pacificamente alla loro meta.

Considerate, ad esempio, l'enorme numero di professioni regolate da
leggi di gerarchia e di anzianità, la professione degli impieghi, la
professione delle armi, le altre innumerevoli in cui basta uno spirito
mediocre per avere una mediocre agiatezza; aggiungete da una parte il
rispettabile numero dei ricchi, e dall'altra le organizzazioni che han
tolto la combattività all'individuo, lo hanno ridotto a gregario e lo
fanno obbedire a una disciplina bassa e stupida; non dimenticate tutti
quelli che non tendono ad alte vette, non pensano a grandi mutamenti,
non conducono vita intensa di piaceri e di commozioni, e tutti quelli i
quali non abbiano una personalità tanto spiccata da crearsi intorno
ostacoli e nemici.... E poi dite quanti davvero lottano nella vita,
quanti ne conoscono le ore torbide, le ingiustizie amare, i giorni
pànici, gli istanti delle grandi risoluzioni.... Quanti?... Io ho dovuto
sorridere più d'una volta, vedendomi innanzi qualche piccolo uomo, che
mi parlava di lotte sostenute, di guerre e di patèmi, come avesse dovuto
respingere da solo un intero esercito. E sapevo benissimo che tutta la
sua attività era rivolta ad ottenere la croce di cavaliere della Corona
d'Italia. Avuta la quale, non si sarebbe più udito parlare dell'atleta.

Molti son foggiati a questa maniera. A sentirli, si scambierebbero per
cacciatori di tigri; poi la citazione d'un giudice conciliatore o
l'obbligo di testimoniare in un processo li fa sbiancar di terrore.

La mancanza di lotta fa la mancanza di forza. La vita degli uomini
comuni ha questi due segni: pace e debolezza; e fin che la pace dura, i
deboli e i forti si somigliano, e si può lasciare che quelli menino
vanto delle virtù di questi, augurando ai primi di non imbattersi mai
nei secondi.

La lotta è rara, e perciò la forza è rara; il caratterisma principale
della vita è la mediocrità delle gioie e dei dolori, la volgarità del
meccanismo. Pochi uomini hanno il diritto di parlar delle lotte della
vita come le avessero viste da vicino, ma tutti ne parlano con gravità
sapiente, cosicchè a un giovane credulo la vita dovrebbe apparire come
una mischia furiosa in cui migliaia sono i caduti, pochi i vincitori.

Manca invece alla grande maggioranza il maestro, il dolore; quel dolore
che noi fuggiamo per istinto e che è fonte d'esperienza, che nei cuori
ben fatti consiglia pietà e simpatia invece che odio e sfiducia.

La vita dei più si svolge senza dolore. Messi al riparo da ogni colpo
perchè non hanno grandi ambizioni, non mirano in alto, non risvegliano
inimicizie, non si presentano con una personalità temibile, gli uomini
comuni procedono per una marcia regolare in terreno piano, e nel loro
bilancio morale l'attivo e il passivo hanno proporzioni sufficientemente
eque.

È dunque ingiusto guardar la vita e parlarne con espressione di
corruccio.

Singolarmente avversa e dura per taluni pochi, è onesta per la grande
maggioranza alla quale non chiede sforzi eccessivi, e dà un profitto
adeguato allo sforzo. Non tutti quelli che declamano contro la vita,
hanno lo scrupolo di coscienza di chiedersi che cosa han fatto per
meritare meglio di quanto hanno avuto.

Se si conviene, — e bisogna convenire, — che per tre quarti dell'umanità
la lotta e il dolore non sono se non imagini retoriche, si deve pur
convenire che l'uomo è un debole, il quale mangia, beve, procrea, e fa
correre la voce che l'uomo è forte. Quando parla di energie e di
battaglie, sembra uno di quei guerrieri giapponesi d'or sono
cinquant'anni, che si coprivano il volto con mostruose maschere;
volevano incutere paura, e cadevano a centinaia sotto i proiettili degli
uomini senza maschera.

                                 *

L'infinita quantità di donne insignificanti che s'incontrano in tutti i
paesi è pullulata dall'insipienza dell'uomo, il quale non s'è avvisto
che la sua donna non aveva carattere e non ne aveva egli stesso tanto da
foggiar quello della donna che gli apparteneva. L'ha lasciata poltrire e
disfarsi nello stagno della sua impersonalità.

E non intendo con questo rilievo pronunziare alcun anatema, bensì notare
appena una necessità sociale; la massa è naturalmente sfornita di
qualità d'ordine superiore, e maschi e femmine si confondono in una
folla grigia che occupa molto spazio e forma l'opinione pubblica.

Ma di certo, se in quella folla che passa e s'avvia alla morte come al
coronamento d'una vita tutta animale, noi ci facessimo a ricercar
qualche tipo che avrebbe potuto salire alla classe intellettualmente più
alta e moralmente più sensibile, staccandosi in qualche maniera dalla
massa grigia, lo troveremmo con maggior facilità tra le donne che tra
gli uomini.

L'impressionabilità femminile non è che il germe; s'atrofizza e muore se
non gelosamente custodito e pazientemente sviluppato; dà frutti copiosi,
mortali o salutari, se l'uomo accorto lo coltiva. E qualche altra virtù
è nella donna, che può formarne la personalità; come lo spirito di
sacrificio, che gli uomini apprezzano solo egoisticamente, e la tendenza
ad affezionarsi a idee, cose e persone, della quale gli uomini
approfittano per tramutar la devozione in servitù.

Perchè un'anima femminile si apra con fiducia e prenda quella forma che
diciamo carattere, dev'essere trattata con dignità. La donna ha bisogno
di sentire bensì che chi le sta al fianco è più forte di lei, ma che non
ha nulla da temerne; e lo comprenderà quando vedrà che l'uomo, il quale
rivolge tutta la sua forza morale contro le avversità del destino, è
sereno con lei e indulgente, e se la corregge non la umilia, e se può
vincerla in logica e in fermezza e in coraggio, non ne ride e non ne
mena vanto. La donna ha bisogno, in altri termini, di sentire che è
diversa dal suo compagno, ma non inferiore. La scienza dice che questo
non è vero, che l'inferiorità della donna è manifesta; ma socialmente è
necessario che non si abusi di queste verità scientifiche, perchè
l'alcova non è il laboratorio, e la famiglia non è una società
d'antropologia: e la scienza facile in mano degli imbecilli è assai più
dannosa dell'ignoranza.

Fra tanti orgogli che si son voluti riconoscere alla donna, uno è stato
negletto; l'orgoglio d'essere stimata. Nulla meglio avvilisce una donna
e alla lunga ce la rende nemica, che il tenerla lontana da ogni nostro
pensiero, l'ascoltarla con distrazione, il tacerle cose le quali si
potrebbero narrarle senza danno, l'appartarla e il richiuderla in una
cerchia d'indifferenza sdegnosa, il farle sentire ch'ella è, sopra
tutto, uno strumento pel nostro piacere.

                                 *

Ma io mi avvedo che se mi abbandonassi a notar qui le riflessioni che ho
potuto raccogliere in una vita d'esperienza, scriverei un proemio
sproporzionato al libro e alla sua indole. Non dimenticherò che questa
raccolta di novelle appartiene, vuole appartenere semplicemente alla
letteratura, e quanto sono andato esponendo, lungi dall'avere
un'intenzione polemica, non ha che il fine di spiegare a qual concetto
mi sono attenuto, creando questa collezione di tipi femminili.

Che se mi si opponesse essere il mio concetto, indulgente e generoso
verso la donna, il frutto d'un'esperienza tutta personale, che non prova
nulla, potrei anche concedere; quantunque e la filosofia e l'arte e le
opinioni non siano mai altro che il frutto d'esperienze personali. E per
ciò il mondo è divertente, e nulla è definitivo e assoluto.

Per conto mio, potrò mutare d'idea sulla donna il giorno in cui ne avrò
trovata una capace di condurre a perdizione me; allora dirò anch'io
ch'ella non è se non una creatura malefica, «instrumentum diaboli», La
Nemica con le iniziali maiuscole....

Ma mi sembra tardi....

  Febbraio 1911.

                                                            L. Z.



LA MARMOTTA.


I.

Che freddo, che freddo, faceva a Como, in gennaio!

Del Bisbino non era possibile scorgere la vetta, incappucciata in una
nuvola grigiastra; e sotto la nuvola s'ampliava una larga distesa di
neve; l'aria gelida soffiava di là, movendo le acque del primo bacino,
che s'accartocciavano per il brividìo.

Col bavero della pelliccia alzato fino alle orecchie, gli occhi bassi a
schivar certi mucchi di neve giallastra ond'era disseminata piazza
Cavour, Tullio Sciara accompagnava Estella in quella inutile
passeggiata; e correvano ambedue.

Estella gli lanciò un'occhiata di traverso, e disse a un tratto:

— Ha il naso rosso!

Tullio si toccò il naso istintivamente, e la sua amica diede in una
risata.

— Anche lei ha il naso rosso, — rispose Tullio per vendicarsi, — e le
gote rosse, e il mento rosso. Mi sembra una bambola di legno, da un
soldo. È tutta rossa!

— Io sono tutta rosa, — ella osservò pacatamente. — Sono sempre tutta
rosa. Mi vedrà all'albergo, quando rientreremo.

— Ma potevamo rimanerci! — protestò l'altro. — Che gusto c'è a
intirizzire per le strade?

— No; voglio vedere le mode, le mode di Como.... Quando fa freddo,
allora, non si uscirà più?

L'uomo tacque, e seguitò ad accompagnarla, correndo al suo fianco.

Bisognava farle la guardia; ordine di sua zia; e proprio a Tullio doveva
toccare di far la guardia a una ragazza di diciassette anni!

Era andato, nel pomeriggio stesso, a Milano, a trovare quella zia
d'Estella; una signora alta, capelli nerissimi, labbro superiore
ombreggiato da una forte lanugine, occhi neri dallo sguardo imperioso.

E aveva trovato la signora Anna Arrigoni in grande scompiglio, ed
Estella sbalordita, umiliata, perchè sentiva d'essere impacciosa.

Estella presso Anna sembrava più fragile e gentile; la giovinetta bionda
presso la scura matrona pareva d'un'altra razza, per le forme esili, per
le rose delicate del volto, per gli occhi azzurri senz'ombra. E perchè
la zia era inquieta e perplessa, Estella, seduta al suo fianco, rimaneva
muta, guardandosi intorno come a cercare un rifugio.

— Che me ne faccio, che me ne faccio, ora, di questa bambina? — andava
ripetendo la signora.

Parlava a Tullio? Parlava all'aria, o a sè stessa? Egli non avrebbe
saputo dire; ma notò che chiamava bambina sua nipote: abitualmente la
chiamava marmotta; e quando la rampognava, in giorni comuni, cominciava
sempre così: “Tu che sei una donna, oramai....„

— Ma che cosa è avvenuto? — disse lo Sciara.

— È avvenuto che mia figlia sta male, — rispose la signora. — Sa, mia
figlia maritata, Francesca? Veda qui: mi hanno telegrafato, e devo
partire per Brescia.... E che me ne faccio, che me ne faccio, ora, di
questa bambina?

— Non può telegrafare a suo padre, che venga a riprendersela? — domandò
Tullio.

La signora Arrigoni fece con la mano un gesto brusco, subito vinto, e
addolcita la voce, rispose:

— L'avevo pensato, naturalmente; ma, nel più fortunato dei casi, mio
cognato non può esser qui prima di domani, forse domani sera. Sta a
Bellagio, è medico; e non ci sono i forestieri che si pagano il
capriccio di svernare a Bellagio, come fosse la Riviera? Se ha qualche
malato di conto, non può allontanarsi....

Estella osò interloquire.

— Sì, zia, — disse, — ha proprio un malato inglese, un vecchio che deve
visitare tre volte al giorno. Me lo ha scritto, papà....

— Vede? — incalzò la signora. — E che me ne faccio, di questa bambina?

— Non ha un'amica alla quale confidarla? Un'amica, la quale possa
riaccompagnarla da suo padre?

Tullio aveva il dono d'irritare, quel giorno, la signora Arrigoni, e lo
comprese a un altro gesto di lei, non finito.

— Andare in cerca dell'amica, ora! — esclamò. — Mentre il terreno mi
scotta sotto i piedi.... Pensi che mia figlia sta malissimo, e vorrei
già essere al suo capezzale.... La mia Francesca!

Si alzò d'un tratto, e soggiunse, rivolta allo Sciara:

— Favorisca un istante.

Egli la seguì; entrarono in un altro salotto, sprofondato in tale
oscurità che Tullio inciampò prima in una poltrona, poi nel tappeto, e
da ultimo in un tavolino, sul quale si produsse un tintinnio che gli
fece comprendere che i ninnoli si baciavano.

Ma la signora non vi badò; ritta in mezzo alla camera, ritta e nera nel
nero, gli disse con voce solenne:

— Febbre puerperale!...

Lo Sciara non capì, e stette muto.

— Febbre puerperale! — ripetè la signora Arrigoni. — Ci son delle cose
che non posso dire davanti a Estella. Ma lei comprende l'importanza di
questa notizia; le ore sono preziose; mia figlia è in pericolo, devo
correre a Brescia.... Qualche volta una mamma, con una occhiata.... E
che me ne faccio di quella bambina?...

La voce della signora tremava ed era velata: la povera donna, in
procinto di dare in uno scoppio di lagrime, vibrava di sgomento e
d'impazienza.

Tullio si decise: le disse:

— Vuole che la prenda io, Estella, e la riaccompagni da suo padre?

Evidentemente, ella non aveva mai voluto, non aveva mai pensato altro.
Gli serrò le mani con forza, quasi con violenza:

— Grazie! — esclamò. — Non le disturba? Può partire subito?... Estella è
una bambina, tutti lo vedono; lei è un uomo maturo; nessuno potrà
giudicar male....

Lo Sciara aveva trent'anni, tredici più di Estella; a lui, veramente, la
differenza non sembrava così notevole da non sollevare mormorazioni per
un viaggio in quella compagnia; ma forse era acciecato dalla vanità
maschile, e non osò ribattere. Del resto, la signora aggiunse qualche
cosa, che gli dispiacque meno dell'“uomo maturo„.

— Dopo tutto, — ella disse, — una fanciulla si può sempre affidare a un
gentiluomo, qualunque sia la sua età.... Vogliamo combinare subito e
vedere l'orario?

Tornarono nella camera dov'era Estella, la quale non s'era mossa dalla
sua poltroncina, e con la testa reclinata sul petto meditava o piangeva
in silenzio.

— Tu va a vestirti, subito, a preparar le tue robe, — disse la signora
Anna.

La fanciulla uscì senza far motto; e appena ella fu scomparsa, la
signora Anna, dimentica di guardare l'orario, cominciò a parlare di sua
figlia Francesca e del matrimonio di lei, e di Brescia e di Milano, e
delle speranze ch'ella aveva in una pronta guarigione.

— Permetta, — interruppe Tullio. — Io faccio una corsa a casa e allo
studio, per avvertire gli impiegati della mia assenza; poi torno qui a
prendere Estella.

— Vada, vada. Anch'io devo prepararmi a partire. Ah, come le sono grata!
Ah, quanto le devo! Stasera sarò da Francesca, e potrò passare la notte
al suo capezzale.... Io le devo forse la vita di mia figlia.

E in questo modo e per questa ragione, Tullio Sciara si mise in viaggio
con Estella e si trovò a far da guardiano a una fanciulla di diciassette
anni.


II.

Ma subito s'accorse che la marmotta era un demonio.

Voltate le spalle alla zia, uscita di casa, Estella cominciò a ridere.

Dovevano caricare il suo piccolo baule sulla carrozza, e la fanciulla si
divertiva, accorgendosi che il bauletto impacciava il vetturale.

— A metà strada, — ella disse, — o va in aria il baule, o va in aria il
cocchiere!... Quanto mi piace!

Tullio le lanciò un'occhiata.

— Salga, — ordinò brevemente. — Arrischiamo di perdere la corsa....

— Ah, ne sarei felice! — ella esclamò. — Perdiamo la corsa, e così
stasera andiamo a teatro.

— Alla stazione, a galoppo! — disse Tullio al cocchiere.

Sedette a fianco d'Estella, e non aperse bocca.

Egli era pentito della sua generosità. Perchè sobbarcarsi a un'impresa
di quel genere? Perchè arrischiare d'imbattersi in un amico, il quale
non avrebbe mai creduto all'innocenza d'un simile viaggio? E se, invece
d'un amico, avesse trovato qualche cliente, di quei burberi moralisti
che vedono il male, soltanto il male, sempre il male?

— Accidenti alle donne! — pensava Tullio. — Ma la signora Anna era
disperata; avrebbe finito col darmi lei stessa l'incarico di portar via
la marmotta. È stato meglio offrirsi.... E poi, si tratta d'un male
tanto pericoloso. Febbre puerperale.... Già, io temo che non serva a
nulla; ma non potevo mica dirlo a una madre.... Come spiattellarle che
il viaggio sarà inutile, che sua figlia morirà lo stesso?... E se anche
morisse, la signora Anna avrebbe la consolazione d'abbracciare Francesca
un'ultima volta, di parlarle....

Lo scosse una risata d'Estella. La carrozza aveva traballato, passando
sulle rotaie del tram, e più aveva traballato il bauletto....

— Lo dicevo io, — osservò la fanciulla. — Il baule se ne va! Non
arriviamo alla stazione col cocchiere e col baule. O l'uno o l'altro lo
lasciamo per istrada!

E scoppiò nuovamente a ridere. Lo Sciara s'irritò.

— Perchè ride? — egli chiese ruvidamente. — Mi meraviglio: sua cugina è
ammalata, e lei non fa che ridere....

— Ha ragione, — rispose Estella abbassando gli occhi e mordendosi le
labbra. — Mi dispiace molto per Francesca; ma guarirà, non ne dubiti!
Deve avere un raffreddore....

— Un raffreddore! Che ne sa lei? — osservò Tullio.

— So che mia zia esagera sempre; quando uno s'ammala, deve morire; se
non muore, si tratta d'un caso straordinario. Ragiona così, la zia....
Del resto, non sapeva come sbarazzarsi di me, e ha colto questa
occasione.

— Lei è ingiusta e ingrata con sua zia! — dichiarò Tullio recisamente.

La carrozza ebbe un nuovo sobbalzo.

— Il cocchiere, il cocchiere! — gridò Estella ridendo. — Stavolta è il
cocchiere che va a capitombolo!

Tullio non potè nascondere un sorriso.

— La prego, — disse poi. — A me non piace scherzare, e ho altre cose per
la testa....

Infilate le mani nel manicotto, Estella si rannicchiò nel suo cantuccio,
e non disse più parola; ma sulle labbra porpuree le andava errando un
sorriso, e la fanciulla se le mordeva ad ogni trabalzo del legno per non
prorompere in una risata schietta.

Lo Sciara, guardandola di tanto in tanto, s'accorse che il suo viso era
tutto lievemente velato da una pelurie aurea appena percettibile, e notò
le ciglia d'oro ipocritamente abbassate, i capelli d'oro che sfuggivano
a ciocche ribelli di sotto al cappellino bigio.

Venne voglia di ridere anche a lui, vedendola così compunta, così
studiosa di mostrarsi grave.

— Quant'è carina! — pensò.

Ma non sapendo come trattarla, temendone l'audacia irriflessiva,
l'innocenza procace, la civetteria inconscia, aveva deciso di essere
burbero per tenerla a distanza e impedirle di commettere sciocchezze.
Non gli era mai avvenuto di osservarla da vicino e a lungo; l'aveva
vista parecchie volte in casa della signora Arrigoni, presso la quale
Estella fungeva da marmotta, e Tullio non se n'era mai occupato.

La grazia di lei gli pareva una rivelazione tutta nuova, e se ne sentiva
impacciato più che sorpreso, non avendo pensato mai che la marmotta di
casa Arrigoni era una giovinetta, e una giovinetta bella.

D'un tratto, ella alzò il capo e guardò in faccia il suo compagno.

— Che cosa ha per la testa? — domandò.

Tullio la fissò interrogativamente.

— Ma sì. Ha detto poco fa che ha altre cose per la testa, — riprese
Estella. — Quali cose?

— Ciò non la riguarda, — rispose lo Sciara, secco.

E pensò: — Che sfacciata!

Ella pensò: — Che asino!


III.

Alla stazione fu un grosso guaio.

Tullio era corso a prendere i biglietti, lasciando Estella innanzi al
banco dei giornali; e proprio dopo pochi passi lo Sciara s'era imbattuto
in un amico, in quell'Ernesto Giuliani, che tutti conoscevano per uomo
maligno e incredulo.

Il Giuliani era alto, smilzo, la pelle giallognola; e di fronte a lui,
Tullio Sciara, più basso, robustamente piantato, col volto dal colorito
acceso e la bella barba nera a punta, figurava benissimo.

Il Giuliani l'aveva visto discendere dalla carrozza con la fanciulla, e
gli aveva tenuto dietro fino allo sportello dei biglietti, ove
s'incontrarono.

— Parti? — domandò Ernesto Giuliani.

— Sì, una breve scappata, — mormorò Tullio.

— Ti ho visto in buona compagnia, con una ragazza magnifica.

— Mia nipote, — disse Tullio per troncare ogni investigazione.

— È una bellissima fanciulla, — insistette il Giuliani. — Non me ne
avevi mai parlato.

— Può darsi; la ritorno ai suoi parenti, a Bellagio.

— Ah, vai a Bellagio! Io vi farò compagnia fino a Como, perchè di là
devo procedere per la linea del Gottardo. Vado in Isvizzera per affari.

Tullio si morse le labbra. Non appena fu in possesso dei biglietti,
corse presso Estella, che teneva nelle mani un fascicolo illustrato.

— Quanti bei libri! — ella gli disse, accennando al banco ov'eran
disposti in ordine i volumi e i giornali.

— Sì, andiamo; non si tratta di questo, ora, — rispose Tullio
frettolosamente.

— Ne ho comperato uno, perchè aveva una copertina così elegante! —
seguitò Estella. — L'ho pagato una lira. È troppo?

E ciò dicendo. Estella gli porse il fascicolo. Tullio vi gettò
un'occhiata.

— Mio Dio! — esclamò. — Che cosa le viene in mente? _L'Almanach des
cocottes!_

E si mise il fascicolo in tasca, guatando Estella con un'occhiata irosa.

— Mi ascolti, — soggiunse, poco curandosi dell'espressione di stupore e
di malcontento ch'era sul viso della giovinetta. — Ho trovato un amico,
un seccatore. Gli ho detto che lei è mia nipote. Se quello sciocco ci
raggiunge, bisogna che ci diamo del tu; io farò da zio, e lei mi
chiamerà zio. Ha capito? Non mi chiami Sciara. Quello è un maligno, e
potrebbe pensar male.... Io non imaginava che ci avrebbe seguiti in
treno.... Speriamo che non ci veda; corra, corra....

Tutto questo era detto tra il frastuono della folla, dei fischi, tra il
fumo delle vaporiere, mentre si spediva il baule e poi correndo lungo il
binario per giungere al treno.... Estella rideva, e si volgeva ogni
tanto a guardare se il facchino la seguiva con le valigie....

Non avrebbe mai sognato nulla di più divertente; l'avventura aveva del
romanzesco; dar del tu allo Sciara, e fingersi sua nipote! Che
complicazione! Se almeno quel seccatore li avesse raggiunti davvero,
obbligandoli alla commedia! Ma chi era, ma dov'era? Come si poteva
dargli nell'occhio?

— Qua, — disse Tullio. — Salga! E tu, fa presto, metti giù la roba;
questa valigia nella rete; va, chiudi lo sportello.

Congedato così il facchino, Tullio esalò un grande sospiro di sollievo:
Estella si sporse dal finestrino a guardare.

— _Sapristi_! — esclamò lo Sciara. — Non si metta in mostra!... Il
Giuliani può vederla e salire.

Era precisamente ciò che Estella desiderava; ma obbedì e si ritrasse,
mettendosi a sedere di fronte a Tullio.

— Allora, — ella disse, — mi restituisca il mio libro.

— Che, che! — egli rispose. — Non è un libro per lei! Sono sciocchezze
da bambini, racconti noiosi....

— Non è vero niente affatto! — dichiarò la giovinetta con fermezza. — Io
voglio sapere che cosa sono queste _cocottes_ e voglio veder le
incisioni. Mi dia il libro!

— È inutile che lei insista. Il libro lo tengo io.

— Mi dia il libro, o mi metto a gridare! — minacciò Estella.

— Ma sì, ma benone, ma non mancherebbe altro! — esclamò Tullio
disperato. — Si metta a gridare, e così crederanno che.... Mi
arresteranno per ratto....

— Io voglio il mio libro....

— La finisca, la finisca. Ci vorrebbe suo padre qui!

— Col papà, io grido quando non mi obbedisce, — annunziò Estella.

Tullio stava per rispondere: “Suo papà è un imbecille„, ma si trattenne
in tempo. Rispose invece:

— Io non sono suo padre, l'avverto. Io non ho tenerezze paterne. Lei
gridi pure, e nascerà uno scandalo nel quale il suo buon nome....
Insomma, la prego di finirla.... Ha diciassette anni, non uno!...

Egli avrebbe continuato ancora a lungo, se in quell'istante lo sportello
non si fosse aperto, ed Ernesto Giuliani non fosse salito col più lieto
sorriso sulle labbra.

— Ti ho trovato! — egli disse. — Ho visto tua nipote affacciata....
Speravo che tu mi aspettassi....

Tullio scambiò uno sguardo d'intesa con la giovinetta e fece la
presentazione:

— Il mio amico Ernesto Giuliani; mia nipote Estella....

— Accidenti alle donne! — pensò poi, mentre il treno usciva dalla
stazione e ciascuna vettura passava sulla piattaforma, mandando uno
strepito sordo di ferramenta traballanti.


IV.

Se fosse stata veramente nipote di Tullio Sciara, Estella non avrebbe
fatto meglio.

Era una nipote birichina e civettuola, affettuosa e impertinente, che
dava del tu allo Sciara con una franchezza mirabile.

— Mio zio, — ella diceva al Giuliani, — mio zio è molto severo con me.
Anche ora, alla stazione, mi ha strappato di mano un libro che avevo
comperato col mio denaro....

— Ti prego di non ricominciare, — interruppe Tullio, il quale si sentiva
a disagio in quella commedia, e temeva sempre di commettere qualche
imprudenza che rivelasse al Giuliani la verità delle cose, o lo facesse
pensar male della fanciulla affidatagli.

— Insomma, — dichiarò Estella, — io voglio sapere che cosa sono le
_cocottes_. Lei, signor Giuliani, sa che cosa sono le _cocottes_?

Per prima risposta, Ernesto diede in una risata sonora, che fece
oscurare il viso della giovinetta.

— Mi perdoni, — disse poi, — mi perdoni, signorina; ma la domanda è così
impreveduta!... Le _cocottes_? Certamente, so che cosa sono; sono certi
cavallucci che si fanno con la carta. Ma non capisco....

— Capirà subito, — spiegò Estella. — Io ho comperato _l'Almanach des
cocottes_, e mio zio me l'ha tolto di mano, dicendo che non è una
lettura per me....

S'arrestò, al vedere il Giuliani che si smascellava dalle risa, tanto da
dover curvarsi e piegarsi, e da aver gli occhi pieni di lagrime.

— L'_Almanach des cocottes!_ — andava ripetendo. — Ah, ma che bella
idea! E dove l'ha scovato? Guarda se deve andare a pescare l'_Almanach
des cocottes!..._ Certo, è una lettura.... Ah, ma che bella idea, che
bella idea!

Estella ne fu indignata: fissava stupefatta il Giuliani, fissava Tullio,
il quale rideva a sua volta, trascinato dall'impeto allegro dell'amico;
e il viso della fanciulla si coperse d'ombra, mentre le sopracciglia le
si aggrottarono:

— Tu e lui, — disse allo Sciara, — siete d'accordo per prendervi beffe
di me; ma io voglio il mio almanacco.

— Le assicuro, — rispose il Giuliani, asciugandosi gli occhi, — le
assicuro, signorina, che nessuno si beffa di lei. Io non mi farei lecito
simile contegno; ma si ride per il caso; il caso d'una signorina, che
vuol leggere un almanacco in cui si parla di cavallucci di carta....

— Cavallucci, cavallucci! — ella borbottò. — Ma se sulla copertina c'era
una donna in camicia?...

Il Giuliani ricominciò a ridere; ma il volto mortificato d'Estella e il
broncio a cui s'erano raccolte le sue labbra lo persuasero a smettere.
Dovette pensare alle più paurose vicende, a uno scontro ferroviario, a
un'inondazione, alle ultime disgrazie lette nei giornali, per tornare
serio; e finalmente vi riuscì.

— Che vita si fa a Bellagio? — egli disse per sviare la conversazione. —
In questi mesi non dev'essere troppo piacevole il soggiorno.

Allora Estella raccontò la sua vita. Lei faceva la padrona di casa,
perchè il babbo era medico e la mamma sua era morta da anni. Vigilava
che tutto andasse bene, che l'appartamento fosse in ordine perfetto, che
la colazione e il pranzo fossero in tavola all'ora stabilita, e così
scorreva il giorno senz'avvedersene; e quando le rimaneva un po' di
tempo, leggeva i libri che le aveva regalato il papà, certi vecchi
libri, che ormai sapeva quasi a memoria. La primavera e l'estate erano
molto divertenti, perchè arrivavano i forestieri, e lei aveva alcune
amiche tra le villeggianti; ma in casa sua non veniva nessuno perchè suo
padre non voleva impacciarsi di visite; e l'inverno e l'autunno, la
povera Estella rimaneva tutta sola.

— Qualche volta, — proseguì, — la zia Anna viene a prendermi e mi
conduce a Milano; ma non vado d'accordo con la zia; è troppo pedante; e
dopo otto giorni ch'io sono da lei, io penso ad andarmene, e lei pensa a
sbarazzarsi di me....

Stette un momento in silenzio, poi, rammentando la sua parte, si volse a
Tullio, e aggiunse con perfetta sicurezza:

— Per ciò, zietto, quando vieni tu a trovarci è una gran festa; non è
vero? Lo zio mi porta sempre molti regali, molta roba bella di Milano, e
io gli voglio un gran bene. Non pei regali, s'intende, ma pel suo garbo,
perchè ci tiene compagnia, e sa fare certe conversazioni interessanti
con papà....

Tullio era scandalizzato. Ascoltava il racconto, dissimulando a fatica
la maraviglia per la fantasia della giovinetta, la quale descriveva
minutamente la vita con quello zio da commedia e inventava espressioni
di squisita tenerezza per lui. Egli pensava intanto che a Bellagio non
aveva messo piede da almeno dieci anni e non sapeva neppure dove stesse
di casa sua nipote.

Ma Estella insisteva con una volubilità d'imagini, con una padronanza
dell'argomento, con tal verosimiglianza di aneddoti e di particolari,
che Ernesto Giuliani fu tutto preso dal quadro di quella semplice vita
di famiglia, e non potè celare il suo entusiasmo.

— Hai un tesoro, — disse a Tullio, — un tesoro in tua nipote! Tienla
cara; ti vuol tanto bene!

— Che bestia! — pensò Tullio.

E rispose ad alta voce:

— Ma sì, ne sono orgoglioso.... Del resto, hai udito: io sono gentile,
io le porto i regali.... Faccio quel che posso, insomma....

Estella non battè ciglia, e la sua bocca non ebbe il minimo fremito di
riso; forse ella cominciava davvero a credere d'essere nipote di Tullio
Sciara....

Quando il treno rallentò, entrando nella stazione di Como, Ernesto
Giuliani ripetè alla giovinetta la sua ammirazione, e di nuovo la
raccomandò all'affetto dello zio. Estella accolse le lodi con modestia,
a occhi bassi, ma sicura e tranquilla.


V.

Il vetturale al quale Tullio aveva dato ordine di condurli all'imbarco
del battello, osservò che non v'erano battelli in partenza a quell'ora.
Tullio rimbeccò che v'era un battello diretto a Bellagio. Il vetturale
gli rispose sorridendo che la corsa era “facoltativa„, e che quel
giorno, non essendovi mercati, la corsa non si effettuava. Tullio
sfogliò l'orario, guardò, rilevò l'errore commesso.

Ne fu sbalordito e spaventato.

— Non c'è il battello, — egli disse alla ragazza con voce tremante. —
Come fare? Bisogna passar la notte insieme.

— Meglio, — rispose Estella, ridendo. — Andremo a teatro!

— Che teatro, che teatro! — esclamò Tullio sbuffando. — Io la condurrò
in un albergo, e quanto a me, dormirò in un altro....

Estella giunse le mani con atto di repentino terrore.

— No, — disse, — per carità, non mi abbandoni!...

Non voleva: aveva paura di rimanere sola all'albergo; che cosa avrebbero
pensato di lei? come avrebbe potuto dormire? chiudersi a chiave, stava
bene; ma chi assicurava che nella camera attigua non vi fosse un ladro?
Sarebbe morta per l'orrore soltanto a pensarvi....

Ella s'era tutta sbiancata in volto, e tremava davvero in tal modo, che
Tullio non potè nemmen tentare di persuaderla, non si sarebbe mai detto
fosse la medesima, che poco prima rappresentava la commedia con sì
astuta perizia.

Lo Sciara non insistette; salì in carrozza, diede l'indirizzo
dell'albergo, e si rassegnò, mentre Estella racconsolata rideva, gli
stringeva le mani in un impeto di gratitudine.

All'albergo offersero dapprima una camera con letto matrimoniale, poi
due camere comunicanti. Tullio dovette dire che la ragazza era sua
nipote, e chiedere due camere contigue, ma separate; e volgendosi,
s'accorse che il viso d'Estella, alle prime offerte del direttore
dell'albergo, s'era fatto di porpora.

— Finalmente, — pensò, — capisce qualche cosa; capisce l'impaccio di
questa situazione.... Accidenti alla signora Anna e a tutte le femmine!

Ma il turbamento d'Estella scomparve subito, e salendo le scale, ella
s'avvicinò allo Sciara, e gli disse sottovoce:

— Ancora nipote? Quanto mi piace!

Tullio chiuse fuggevolmente gli occhi. Era agitato lui, ora: la
freddezza, il dominio dei nervi lo abbandonavano d'un tratto; l'intimità
imprevista di quelle scene gli intorbidava il pensiero; e non poteva dir
nulla alla giovinetta, ch'era superba di sentirsi in mano di lui, sotto
la sua protezione.

Le camere belle, nitide, luminose, eran tappezzate con carta chiara; e
ciascuna aveva un camino nell'angolo, una tavola nel mezzo, un letto
tutto bianco; l'impiantito era lucido, quasi sdrucciolevole.

Estella fece portare subito le legna pei caminetti, e rimandò la
cameriera. Volle accendere ella stessa il camino nella camera di Tullio.

E deposto il cappello, gettati i guanti, inginocchiata, dispose le legna
sottili e poi le grosse, vi diede fuoco, e rimase a guardare la fiamma
che andava allargandosi tra le legna che crepitavano.

Tullio, seduto in una poltrona, fissava la figurina, così gentile con la
selva di capelli d'oro accendentisi ai riflessi del fuoco. Nulla di più
soave che la linea di quel corpo ancora un po' magro e aspro nei
contorni; nulla di più grazioso che i movimenti della giovinetta
inginocchiata, la quale seguiva con gli occhi le fiamme azzurrastre e
gialle, e andava perdendosi a poco a poco in qualche sogno....

Ma d'un tratto si riscosse, e balzò in piedi.

— Fra cinque minuti, — disse, — la camera sarà riscaldata.

Tullio sorrise senza rispondere.

— Sono contenta, — seguitò Estella. — Qui si sta molto bene. Non le pare
che si stia molto bene? Nessuno sa che noi siamo qui: è una vera fuga.
La zia ci crede a Bellagio, o in via di arrivarvi. Che mistero, che
segreto!

Lo Sciara interruppe:

— Ascolti. Nessuno deve sapere mai che abbiam passato la notte
all'albergo. Mai, ha capito? Noi partiremo domani in modo che suo padre
ci creda provenienti da Milano, e lei non dirà mai a nessuno quello che
ci è toccato stasera. Me lo promette?

— Glielo prometto, — rispose Estella.

— Forse lei non comprende, — soggiunse Tullio, notando un certo dubbio
nella giovinetta. — Ma comprenderà più tardi, quando conoscerà il mondo
e le sue cattiverie. Mi obbedisca senza discutere, se ha fiducia in me.

Ella rispose:

— Ma obbedirò certo, senza discutere. Io ho molta fiducia in lei!

Tullio sorrise di nuovo, guardandola. Ella era tanto placida, tanto
ingenua, ch'egli sentì quasi vergogna del turbamento ond'era stato colto
poco innanzi, e si rinfrancò d'un subito, come uscisse da un incubo.

— Suvvia, nipotina, — disse ridendo, — vuole che scendiamo a pranzare?

— Non osavo dirglielo, — rispose Estella con un breve rossore alla
fronte. — Ma io ho una fame da lupo, anzi da lupa.

— Andiamo, allora, lupetta!

E Tullio si credette così padrone di sè, che passò un braccio attorno al
busto della fanciulla, e, appoggiandosela al fianco, l'accompagnò per le
scale fino alla sala da pranzo.


VI.

Non c'era nessuno, nella sala ampia, illuminata a luce elettrica;
l'impressione del vasto locale, coi tavolini pronti e non occupati,
sarebbe stata malinconica, se la gaiezza d'Estella non vi avesse diffuso
immediatamente calore e simpatia.

Il pranzo fu allegro; Tullio e la fanciulla mangiarono con appetito e
chiacchierarono con vivacità, quasi con entusiasmo. Estella non beveva
vino, abitualmente, ma non disse nulla al suo compagno, e lasciò ch'egli
facesse recare una bottiglia di vino valtellinese, infocato e piacevole,
che le diede, con un'ardenza insolita, una instancabile vivacità.

Ella rideva e raccontava; raccontava certi piccoli episodii della sua
piccola vita, certe scappatelle con le amiche di Bellagio, e Tullio
notava il candore di quelle bricconerie, la purezza di ciò che la
fanciulla credeva tanto furbesco e malizioso. Egli si vedeva di fronte a
Estella, in quell'albergo di Como, in pieno gennaio, e si stupiva pel
primo dell'avventura impreveduta e innocua.

— Io non ho mai bevuto lo sciampagna, — ella disse a un tratto.

— Ebbene? — domandò Tullio sorpreso.

— Ebbene.... vorrei berlo! — dichiarò Estella sorridendo.

— Questo poi, no, — rispose lo Sciara. — Uno zio non offre lo sciampagna
alla nipote; lo sciampagna è un vino sospetto, e non si usa in
famiglia....

— Me lo faccia assaggiare, — pregò la giovinetta con voce carezzevole. —
Se non mi prendo un po' di spasso oggi, in questa serata misteriosa,
quando me lo prenderò, dunque?

— Ahimè, che logica infelice! — mormorò Tullio.

— Io non devo dire mai che ho passato la notte all'albergo con lei; e
non dirò nemmeno che ho bevuto lo sciampagna. Sarà un segreto che mi
farà tanto, tanto piacere....

Ella s'era sporta innanzi, implorando con gli occhi ceruli, e mostrando
col suo sorriso i piccoli denti nella bocca pura e fresca. Tullio
s'accarezzò la barba, pensieroso.

— Temo che le faccia male, — obiettò. — Non è abituata a bere più
vini....

Estella diede in una risata; se Tullio avesse saputo che non era
abituata a berne neppure uno!

— E se si ubbriacasse, — continuò lo Sciara, — quale scandalo, quale
vergogna!

— Mi faccia assaggiare; bagnerò appena la punta della lingua, —
insistette la fanciulla. — È un capriccio. Non farò altri capricci,
glielo prometto; dopo, sarò molto buona.

— Mi aveva promesso d'obbedire senza discutere, — osservò Tullio.

— Ha ragione; le chiedo scusa....

Allora, vedendola pentita, non sapendo egli stesso perchè, Tullio ordinò
lo sciampagna.

Quando l'udì crepitar nelle coppe, gorgogliante nel suo bel colore di
topazio, Estella diede in esclamazioni di gioia. Era uno sciampagna un
po' dolce, e invece di bagnarvi la lingua, la fanciulla ne bevve una
coppa intera.

— È delizioso, sa? — disse poi. — Le sono molto grata. Volevo bere lo
sciampagna, perchè le mie amiche non l'hanno bevuto mai; ora so qualche
cosa più di loro.

— Ma non può dirlo, — rispose Tullio sorridendo.

— Che importa? Quando si sa, si sa: io voglio sapere per me; e se le
amiche parleranno ancora di sciampagna, io sorriderò, e nessuno capirà
nulla....

— Bel gusto! — esclamò Tullio ridendo.

Dopo pranzo, Estella risalì nella sua camera a mettersi il cappello.
Voleva uscire a veder le mode di Como; aveva pensato alle mode di Como,
tanto per trovare un pretesto a fare una passeggiata sotto i portici e
pel Lungolario. Nel frattempo, Tullio studiò le partenze dei battelli;
fingendo d'arrivar da Milano alle nove, si poteva partire la mattina
alle nove e mezzo, e diede gli ordini all'ufficio dell'albergo.

Estella ricomparve: aveva al collo una stola di pelo nero.

— Ho scovato nel baule il mio gatto, — disse. — Questo è un gatto che
veniva sempre a miagolare nel mio giardino; poi l'ho trovato da un
pellicciaio in forma di stola e l'ho comperato. Costa quindici lire, ma
tiene caldo.

Sorrideva, accarezzando la stola, che le cingeva il collo come una
leggiadra gorgiera e le allargava le spalle. E uscirono.

Che freddo, che freddo, faceva a Como, in gennaio!

Del Bisbino non era possibile scorgere la vetta, incappucciata in una
nuvola grigiastra; e sotto la nuvola s'ampliava una larga distesa di
neve; l'aria gelida soffiava di là, movendo le acque del primo bacino,
che s'accartocciavano per il brividìo.

Col bavero della pelliccia alzato fino alle orecchie, gli occhi bassi a
schivar certi mucchi di neve giallastra ond'era disseminata piazza
Cavour, Tullio Sciara accompagnava Estella in quella inutile
passeggiata, e correvano ambedue.

Videro le mode, nei negozii sotto i portici, ed Estella svelò che ella
si vestiva sempre a Milano, dove si pagava più caro, ma si era veramente
a ragguaglio delle novità.

— Non è vero ch'io vesto bene? — chiese a Tullio. — Non sono sempre
elegante?

— È un gioiello, — rispose Tullio, squadrandola da capo a piedi, con
attenzione. — Anche il gatto le si addice molto, perchè è scuro e dà
rilievo ai capelli e al colorito....

S'inoltrarono per la strada lungo il lago, ma era tutta buia, e soffiava
un rovaio pungentissimo. Estella procedeva a capo basso, con le gonne
appiccicate al corpo, battendo le palpebre per la polvere e pel vento;
Tullio s'era tirato il cappello fin sugli occhi e andava alla ventura,
senza rispondere ai frizzi della fanciulla, che lo beffava pel suo modo
di camminare.

— Badi a non cader nel lago! — gli diceva di tanto in tanto. — Occhio ai
pesci!... Il vento le porterà via la barba!...

Il vento gli portò via il cappello, ed egli dovette correre perchè non
andasse a finir nell'acqua; e la fanciulla assistette alla corsa,
ridendo a voce alta, con un riso squillante e sonoro che veniva da
un'anima senza sospetto.

— Ora torniamo, — ella disse, quando Tullio fu di nuovo al suo fianco. —
Lei ha troppo freddo, e non voglio farle male. Io mi sono tutta
rinfrescata.

— Rinfrescata? — ripetè lo Sciara. — Aveva caldo?

— Un poco, — mormorò Estella impacciata.

— Quel Valtellina e quello sciampagna bruciano come il fuoco, e io sono
astemia, non ho mai bevuto una goccia di vino in tutta la vita....

L'espressione del viso di Tullio, il suo stupore e il suo sdegno furono
così comici, che Estella, invece d'impaurirsene, diede nuovamente in una
risata chiarissima.

— Non è cortese ciò che lei fa, — disse Tullio con voce severa. — Non
deve prendersi giuoco d'un amico e rischiare di sentirsi male per un
piacere così sciocco.

Estella abbassò il capo e non rispose. Il rimprovero diritto e rude
l'aveva percossa duramente.


VII.

La cameriera aveva alimentato il fuoco nei caminetti, e le camere erano
caldissime.

Quando furono sulla soglia, Estella domandò con voce malsicura:

— Non viene a farmi compagnia?

Tullio, al suono della voce velata, alzò gli occhi, vide che la
fanciulla aveva pianto.

— Che cosa c'è? — disse. — Ha il viso bagnato di lagrime.

— Non viene a farmi compagnia? — ripetè Estella.

Lo Sciara la seguì nella sua camera, di cui la fanciulla richiuse la
porta. E nuovamente egli chiese:

— Perchè piange?

— Mi ha tanto, tanto rimproverata, — ella mormorò. — E ho sentito che ha
ragione di chiamarmi sciocca.... Ma nessuno mi rimprovera mai.... Il
papà dice che sono buona e faccio tutto bene.... Per ciò un rimprovero
mi fa più effetto....

Lo Sciara si smarrì; dovette resistere all'impeto subitaneo di
stringersi la fanciulla tra le braccia, di baciarla e d'accarezzarla
come una bambina; trasse dalla tasca il fazzoletto e le asciugò gli
occhi, mentre Estella riprendeva a sorridere.

— Le domando perdono, — disse Tullio. — Sono stato villano, lo
riconosco, ma io non ho abitudine di trattare con le signorine.... E
poi, me le fa così grosse!.... Sua zia diceva ch'è una marmotta; io
pensava che fosse una marmotta davvero.... E invece mi fa queste
bricconate.... Le domando perdono, sono confuso, riconosco d'essere
stato villano... Ma che vuole? Non sono abituato a trattare con le
signorine....

Egli andava ripetendo queste frasi, dritto innanzi a Estella, con la
bocca a un dito dalla bocca di lei; ed ella sorrideva, lasciando che
egli le asciugasse gli occhi e le sfiorasse i capelli con la mano.

Tullio si rannuvolò e s'allontanò di qualche passo.

— È finita, non ci penso più, — annunziò Estella. — Guardi che
disordine: il baule aperto! Si sieda: là, nella poltrona, presso il
fuoco; lei ha tanto freddo.... Del resto, aveva ragione, sa? Il vino non
mi ha fatto nulla, ma se fossi caduta ubbriaca, col cappellino sul naso,
per le vie di Como?... A pensarci, mi viene un brivido.... Perchè non
risponde? Mi tiene ancora il broncio?

Tullio, seduto nella poltrona presso il fuoco, come aveva ordinato
Estella, volse il capo e disse:

— No, cara. Sono contento che non pianga più.

— Le piacciono i profumi? — domandò Estella.

Era inginocchiata e frugava nel fondo del suo piccolo baule; ne tolse
una bottiglia sottile, la stappò, si drizzò in piedi.

— Questo, — disse, — l'ho comperato a Milano, all'insaputa della zia,
perchè la zia dice che le signorine non devono profumarsi, come se la
nostra pelle fosse diversa dalla sua. È _Houbigant_ e costa
orribilmente, ma a me piace molto.

Così dicendo, gettò alcune gocce sul guanciale, se ne versò altre sulle
mani, si avvicinò a Tullio, e prima ch'egli pensasse a difendersi, gli
tolse il fazzoletto dalla tasca e glielo profumò.

— Ci sono le mie lagrime stupide, — ella disse, — qua dentro, e ora ci
metto un po' del mio profumo. In questo modo si ricorderà di me....

Parve sbalordita per le sue stesse parole e rimase con la mano alzata e
il fazzoletto nell'altra.

— Le sue lagrime mi sono molto care, — rispose Tullio, chinandosi a
raccogliere un fumacchio con le molle, ed evitando di guardare la
fanciulla. — E io mi ricorderò di lei anche quando il profumo sarà
svanito, anche quando lei mi avrà dimenticato....

Estella gli restituì il fazzoletto prestamente con un gesto quasi
sgarbato.

— Io non dimentico, — ella disse. — Io non dimentico nulla!

Il tono con cui le parole furon pronunziate era insolitamente netto ed
energico, e squillò nella piccola camera. Tullio alzò lo sguardo; gli
parve che l'anima vera della fanciulla vibrasse, facendo intravedere la
donna di domani.

— La ringrazio, — egli rispose. — Ma è troppo giovine per ricordarmi a
lungo. Avverranno altri casi nella sua vita, avrà altre gioie, troverà
persone che le saranno più care, e io a poco a poco scomparirò
nell'ombra....

Estella crollò il capo; avvicinata un'altra poltroncina, vi sedette e
allungò i piedi sul bordo del camino. Tullio guardò quei piccoli piedi
arcuati, chiusi nelle scarpe di vernice nera.

Nessuno parlò per lungo tempo. Ambedue fissavano il fuoco, la brage, i
disegni che l'arsione aveva inciso lungo i ceppetti e i tizzoni. Pareva
un mondo quel focolare, nel quale i più sapienti edifici si corrodevano
lentamente, crollavano, si disperdevano in cenere; e ogni tanto risonava
un gemito lungo delle legna più umide, e si sarebbe detto il gemito di
quel povero mondo che rovinava.

Tullio pensava alla cara personcina che gli sedeva allato e ch'egli
avrebbe potuto stringersi al petto, solo stendendo un braccio; e la cara
personcina pensava a lui, stupita ella stessa di quel pensiero
insistente.

— Vede ch'io sono tutta rosa? — disse a un tratto. — Lei mi ha chiamata
bambola di legno, io sono rosa, invece, tutta rosa.

— A questo pensava con tanta gravità? — chiese Tullio sorridendo.

Una fiamma vermiglia le si diffuse repentinamente pel volto.

— No, — rispose.

— E a che cosa pensava, allora?

— No, — ripetè Estella seccamente.

Vi fu un'altra pausa. Un tizzone crollò, trascinando quelli che lo
premevano; Tullio riprese le molle, accomodò il rogo sul quale Estella
gettò qualche altro legno.

— Vuole prendere il tè? — chiese lo Sciara. — Anche per il tè è astemia?

— Non c'è bisogno di rimproverarmi! — osservò bruscamente la fanciulla.

Si fissarono in viso; sentivano l'uno per l'altra un rancore sordo,
improvviso, come, avvertendo la stranezza del loro contegno, fossero
stati malcontenti delle parole e degli atti, e avessero voluto liberarsi
da quella onda di sentimento da cui erano a poco a poco insidiati.

Tullio resistette al corruccio che lo invadeva.

— Vogliamo essere gentili ancora? — egli disse.

Suonò il campanello elettrico, e fece recare il tè.

— Mi aiuti, — pregò Estella, scuotendosi a sua volta. — Portiamo questa
piccola tavola innanzi al fuoco, e prendiamo il tè da buoni amici. Sono
molto rozza, non è vero? Qualche volta io penso che la vita continua in
quel paese perduto mi fa diventare selvatica. A essere gentile, faccio
uno sforzo....

— È sincera, — osservò Tullio. — Io posso leggerle nell'anima.

— Spero di no, — ella interruppe prestamente, mentre di nuovo le si
diffondeva pel volto un rossore vivo.

— La sua anima è così nera?

La giovinetta scosse la testa, angustiata, e non rispose.


VIII.

Innanzi alla piccola tavola, su cui era il servizio da tè, con le
ginocchia che quasi toccavano le ginocchia, scaldati dal buon fuoco
borbottante, ritrovarono l'allegria e l'intimità.

Tullio chiese alla fanciulla se Ernesto Giuliani le fosse piaciuto; ed
ella ne fu inorridita. Era brutto, smunto, smilzo, e rideva troppo,
dimenandosi come avesse avuto qualche malanno indosso. Non le piaceva;
non doveva essere buono; i suoi occhi lampeggiavano pieni di malignità e
guardavano obliquamente, sfuggendo lo sguardo degli altri.

— Dunque, non lo sposerebbe? — domandò Tullio.

— Ma io non sposerei nessuno! — esclamò la giovinetta indignata. — Non
ho mai pensato a sposarmi: che me ne faccio d'un marito? Io sono molto
utile al mio papà, e non voglio lasciarlo. Tutte le mie amiche pensano
al marito per uscir di casa; ma io sto bene, a casa mia, sono la
padrona, e il mio papà è tanto contento di me, che non saprebbe vivere
se io lo abbandonassi!... E sposare il Giuliani, poi! Che le viene in
mente? Neppure se mi offrisse un trono! Io voglio vivere quieta e
libera.... Forse sono stata sconveniente col suo amico? Forse ho parlato
troppo, e lei ha creduto che mi piacesse?

Tullio dovette rassicurarla. Ma quando fu sicura, ella lo aggredì a sua
volta:

— Lei, invece, perchè non si sposa? — disse. — Non ha trovato nessuna
che le piaccia?

Lo Sciara tacque, guardandola.

— Ha capito? — riprese la giovinetta. — Le ho chiesto perchè non si
sposa? Quanti anni ha?

— Trenta.

— A trent'anni, un uomo deve prender moglie, — dichiarò gravemente
Estella. — Può sposare una ragazza giovane; dicono che tra marito e
moglie deve esserci una differenza di quattordici anni....

Si fermò di repente, e sentì che le saliva alla faccia una vampa; cercò
di dominarsi, rovesciò il bricco dell'acqua, si confuse.

— Che sciocca! — ella disse. — Io faccio degli sproloqui inutili, e poi
ne arrossisco. Lei deve avere un'idea ben meschina di me.

— No, cara, — rispose Tullio. — Mi ha chiesto perchè non mi sposo, e
glielo dico subito: perchè le mie condizioni finanziarie non me lo
permettono ancora. Io devo pensare a mia madre e a due sorelle più
giovani di me. Forse, un giorno, lavorando, lavorando molto, riuscirò a
migliorare la mia situazione, e allora potrò avere una famiglia mia....

Estella congiunse le mani impetuosamente, con espressione di preghiera.

— Per carità! — disse. — Sono stata molto indiscreta; e l'ho obbligato a
dirmi cose che forse le dispiacciono. Sono una selvaggia, non capisco
nulla, non so trattenermi.... Che opinione si farà di me, lei?... Ma è
la prima volta che mi trovo sola con un uomo, e non so come si deve
fare....

Tullio diede in una risata.

— Cara innocente! — egli esclamò. — Lo credo, che è la prima volta che
si trova sola con un uomo! Ma non mi ha dato nessun dispiacere. Si
confessano a malincuore i segreti delle colpe e dei vizii; dire che si
vive del proprio lavoro non è doloroso; il fatto non è umiliante....

— Anzi, è bellissimo.... Io ho sognato sempre di sposare un uomo che
vivesse del proprio la....

Si morse la lingua. Ormai era fatta, s'era tradita, e la sua confusione
fu tanta, che gli occhi le si velarono di lagrime. Guardò Tullio, il
quale giocherellava con un coltellino e pareva non aver udito, ma egli
alzò il capo, e disse:

— Anche il suo papà vive del proprio lavoro....

— Sì anche il mio papà, — esclamò Estella, felice ch'egli le avesse
gettata quell'ancora. — Anche il papà lavora molto, e studia sempre, e
basta a tutto.

Lo Sciara guardò l'orologio.

— È tardi, — osservò. — Domattina partiremo col battello delle nove e
mezzo. Lei è stanca, e ha bisogno di riposare....

Estella voleva negare e trattenerlo, ma non osò.

Riattizzarono il fuoco, rimisero a posto la piccola tavola, e si
salutarono.

La giovinetta diede la mano a Tullio. Dopo un attimo di esitazione, egli
si chinò, impresse un bacio lungo sulla mano dalle dita sottili, mentre
Estella impallidiva sorridendo.


IX.

Fu un viaggio triste. Splendeva il sole, ma ancora sibilava il vento
gelido.

Ricoverati nella sala sottocoperta del battello, per lungo tratto
viaggiarono in silenzio; poi Tullio domandò:

— Ha dormito bene?

— Non ho chiuso occhio l'intera notte, — rispose Estella. — E lei?

— Neppure io....

Seguì una pausa. La giovinetta riprese:

— Sarà stato il tè.

Lo Sciara non disse parola, e allora Estella soggiunse, dubitosa:

— Ascolti.... Mi ascolta?... Io ho pensato stanotte che sono stata
insoffribilmente cattiva con lei, e l'ho fatto ammattire tutto il
giorno. Ne ho un vero rimorso, e temo che lei mi lasci con una pessima
impressione. Non so come farmi perdonare; non ho più tempo per
dimostrarle che sono buona....

Tullio interruppe:

— La giornata che abbiamo passato insieme è stata un raggio di felicità
per me.

— Anche per me, — disse Estella, respirando come liberata da un peso. —
Ero felice; non avrei mai voluto che apparisse l'alba. Se mi si
concedesse ancora un giorno così bello....

Tacque; s'accorse di dire troppo. Ma Tullio volle udire e incalzò:

— Che cosa farebbe?

— Qualunque sacrificio, — confermò Estella incoraggiata. — Ho pensato
stanotte che mi taglierei tutti i capelli, per ottenere questa grazia;
poi ho riso da sola, perchè sarei orribile, e lei si vergognerebbe di
una ragazza tanto brutta, e non mi condurrebbe in viaggio e all'albergo.

— Io, — disse Tullio, — mi lascerei tagliare la mano sinistra, per
riavere, non un giorno, ma molti giorni come quello che abbiam passato
insieme.

— Che bella coppia! — esclamò la giovinetta. — Lei senza mano, e io
senza capelli!

Risero, e fu l'ultimo lampo di gioia. Poi a poco a poco, la malinconia
li vinse, il silenzio li riprese; squadrarono con rancore, quasi con
odio, i viaggiatori che di stazione in stazione andavano prendendo posto
nella sala e disturbavano il muto dialogo delle loro anime. Estella
sentiva un amaro nodo alla gola, un desiderio di piangere, come se
ciascuna toccata del battello l'avvicinasse a un destino triste; e per
trovare forza, dovette dirsi che suo padre l'aspettava.

— Sente il suo profumo? — chiese Tullio. — È nel mio fazzoletto, con le
sue care lagrime....

Ella non rispose; volse il capo, guardando fuori, perchè l'amico non
vedesse che nuove lagrime le facevano velo agli occhi.

Tullio riprese:

— Ricordi la promessa. Nessuno deve sapere mai che noi abbiam passato
insieme un'intera giornata.

— _Mai!_ — ripetè la fanciulla. — Mai, nessuno al mondo. Sarà il nostro
segreto.

E non dissero più altro. Solo, quando il battello toccò Bellagio ed
Estella s'avviava all'approdo, ella mormorò ancora con voce addolorata:

— Ahimè, come tutto finisce!


X.

La signora Anna Arrigoni, giunta a Brescia, trovò la figlia Francesca
aggravatissima; e pochi giorni di poi, la giovane sposa moriva. Fu per
tale ragione che la signora Anna si stabilì a Brescia; volle allevare
ella stessa il bimbo della figlia sua e dar mano alla casa, poichè il
genero non poteva togliersi ai suoi affari.

Estella e Tullio furono rapidamente ripresi dalla vita d'ogni giorno.
Tullio si gettò al lavoro con rabbia, tentando di obliare e illudendosi
in pari tempo che con una volontà sovrumana, con uno sforzo tenace
avrebbe raggiunto la ricchezza di cui aveva bisogno per tornare a
Bellagio, ripresentarsi a Estella e ricondurla seco per sempre; ma a
mano a mano ch'egli procedeva, il tempo affievoliva il ricordo, la
volontà declinava, lo sforzo si faceva ordinario.

E passarono dieci anni, senza che Estella e Tullio si vedessero; dieci
anni, lunghi nei giorni di patimento, fugaci nelle poche ore di gaudio e
di piacere.

Un giorno a Firenze, mentre una giovane signora bionda stava affacciata
alla finestra dell'albergo e guardava in giardino, un uomo passeggiava
pei viali, fumando e fermandosi qua e là a osservare i cespi di rose e
sul prato una tempesta di margherite gialle.

Era, sì, mutato; alla barba e ai capelli si mescolavano numerosi fili
argentei; rughe precoci gli solcavano la fronte, e un'espressione strana
animava il suo volto. Ma la signora lo riconobbe alla prima occhiata; e
senza riflettere, discese, entrò in giardino, andò incontro all'uomo,
che s'era chinato a raccogliere qualche margheritella.

Egli alzò il capo, udendo il fruscìo della veste sulla ghiaia; e d'un
subito, alla sveltezza della figura, alla luce che veniva da quegli
occhi ceruli, anch'egli riconobbe la signora.

Un largo sedile era a ridosso d'una magnolia lussuosa. Essi presero
posto e parlarono.

La signora bionda s'era fatta incontro all'uomo con un subitaneo tumulto
nel cuore, il volto imporporato da una fiamma di verecondia quasi
timorosa. Nulla aveva essa perduto del riserbo e della grazia d'un
giorno. Era diventata più bella, ma l'anima rimaneva sempre chiarissima
e dolce.

L'uomo era sorridente e freddo. La sua parola incalzava, facile ai
madrigali, ricca di adulazioni e di lusinghe, accorta e calcolatrice,
tanto che la donna lo interruppe.

— E lei, — disse, — non ha preso moglie?

— Io? — egli rispose ridendo. — Ah no! Ho rinunziato al matrimonio,
perchè diffido di tutti e non ho alcuna inclinazione alla famiglia, che
è una noia e un impaccio. Meglio vivere divertendomi e lasciando che si
sposino gli amici....

Rise ancora, con un riso sinistro. Allora la donna capì l'espressione
del volto, che le era parsa strana: libertinaggio; e chinati gli occhi
perchè egli non potesse leggerle nello sguardo lo spavento per la cruda
rivelazione, stette ad ascoltarlo, notando che anche la voce di lui era
diversa da quella d'un giorno, divenuta rauca e mordace.

— Lei ha fatto bene a maritarsi, — egli diceva. — Ma noi uomini possiamo
sfuggire agevolmente a questa sorte e io tento sfuggirla con la cura più
meticolosa.... Del resto, alla mia età, pochi pericoli mi insidiano
ormai, in questo campo.... Ma lei è felice; i suoi magnifici occhi hanno
uno sguardo tanto calmo, che dicono la pace e la soddisfazione.... Io
l'ammiro molto.... La sua bellezza è nobile e squisita....

Mentr'egli parlava, la signora andava osservando che una mano di lui,
posata sopra un ginocchio e guantata, rimaneva sempre immobile, come
inerte, come lignea. Egli s'accorse di quello sguardo insistente, quasi
interrogativo, e disse, con accento breve d'indifferenza:

— Mi guarda? Ho perduto la mano, in rissa, una notte....

Fu stupito vedendo che la signora impallidiva.

— Ebbene, — soggiunse, — che c'è? _À la guerre comme à la guerre...._

— La mano sinistra! — esclamò la donna quasi con un grido. — Non ricorda
più nulla?

— Che cosa devo ricordare? — egli domandò ancora sorpreso.

— Nulla, ha ragione! — ripetè la donna con voce spenta.

— Lei si ferma a lungo qui? — egli continuò. — Permetterà che ci
vediamo?

I suoi occhi acuti circondavano e cinghiavano il bel corpo agile della
signora.

Ma questa si alzò di scatto.

— No, — rispose. — Non mi fermo; dovevo partire stasera, ma partirò
subito.... Raggiungo mio marito a Londra.

Gli tese la mano; egli la strinse, freddo, perduta ormai ogni speranza
di seduzione.

Così si lasciarono, e nella vita non s'incontrarono mai più.



IL DIALOGO DELLE BAMBOLE.


È venuto il cronista a dirmi:

— Si rammenta, direttore, di quella giovane bionda, che alcune sere fa,
a teatro, era in un palco di fronte al nostro?... L'hanno trovata morta,
a letto.... Si è uccisa iersera. Ascolti.

Ascolto. Risuonano le voci rauche degli strilloni, che gridano per
_calli_ e per _campi_, lontano e vicino: _Il supplimento! Il
supplimento!_

Supplemento di non si sa che cosa, è un foglietto a due centesimi, che
si pubblica in occasione d'avvenimenti drammatici, e che il popolino
compera e legge con avidità. Il supplemento narra oggi la morte della
giovane bionda, che ho visto a teatro.

Non era sola a teatro. Dirimpetto a lei sedeva un uomo sulla trentina,
il cui volto bruno, e l'espressione decisa risaltavan nettamente sul
fondo d'oro opaco del palchetto.

La sua compagna aveva annodati i capelli in trecce strettissime attorno
alla testa, quasi per costringere l'impeto e nasconder l'opulenza della
chioma, che sotto i raggi della luce elettrica mandava bagliori aurei.
Era assai giovane, la sconosciuta; e a quando a quando posava le mani
sul parapetto del palco, mani guantate di bianco, lunghe e sottili.

— Vuol venire a vederla? — mi chiede il cronista.

— Che? A vedere il cadavere? La ringrazio!

Il giovanotto sorride; ha visto tanti cadaveri, tanti spettacoli di
lutto con l'occhio indifferente, che la mia avversione gli pare
bizzarra.

— Perchè si è uccisa? — domando.

— Per il silenzio.

Guardo il cronista che non batte ciglio.

— Per il silenzio di chi? — interrogo.

— Per il silenzio della città, pel silenzio di Venezia....

— Il silenzio uccide?

— Pare....

— Ci sarà un'altra ragione, via! Quel giovanotto che l'accompagnava era
suo marito?

— No, signore. Era il suo amante....

— Allora l'amante l'avrà tradita, abbandonata.... Di silenzio non si
muore....

Ma non ho ancora affermato questo principio, che già ne dubito....
Perchè non si muore di silenzio? Perchè il silenzio non deve uccidere?
Che sappiamo noi di ciò che sente l'anima d'un altro?

Vado alla finestra, scosto la cortina, e guardo. Piove; piove da
stamane, lentamente, lentamente, e tutto il _campo_ sul quale
prospettano le finestre del giornale luccica d'acqua. Laggiù, a
sinistra, rade figurette nere salgono e scendono il ponte; un bambino
col cappotto bigio e il berretto rosso torna dalla scuola, e tiene in
mano un piccolo paniere.... Poi il ponte resta qualche minuto deserto, e
tutto il _campo_ è deserto.... Le finestre delle case di fronte son
chiuse e dentro non vi si vede che nero.... Ah questa Venezia immobile e
taciturna, come è diversa da quella che conoscono gli stranieri,
tripudiante nelle luci primaverili, calda e sensuale!... Eppure qui
nascono, in questo silenzio, le più gaie e le più voluttuose donne del
mondo....

— Io ho interrogati tutti, il portiere, il direttore dell'albergo, la
cameriera che la serviva abitualmente, e tutti mi han detto che si
lagnava d'una cosa sola, del silenzio.... _Ce silence, ce maudit
silence!_

— Han trovato danaro?

— Sì; milleduecento lire.

— E l'amante?

— L'amante è partito da tre giorni, ma deve tornare domani....

— Lei è molto ingenuo, — osservo al cronista. — L'amante non tornerà nè
domani nè doman l'altro: la ragazza lo sapeva, e si è uccisa....

— Scusi, direttore, — mi rimbecca il giovanotto. — Con quelle
milleduecento lire poteva raggiungerlo.

— Se avesse saputo dov'era, naturalmente....

— E allora? Ci son tanti uomini, tanti giovani.... — mormora il
cronista.

— Lei pensa che la ragazza doveva darsi a lei? Avrebbe fatto un buon
negozio, disgraziata!... Non ci sono tanti uomini, come non ci sono
tante donne; qualche volta, c'è un uomo solo, c'è una donna sola; ed è
la volta in cui ci si uccide....

— Talchè, lei crede, direttore, che si sia uccisa perchè l'amico l'ha
abbandonata?

— Non credo nulla....

— E tutti dicono invece che si è uccisa pel silenzio, — insiste il
giovanotto.

Io non rispondo e ascolto. Ascolto, — cosa strana, — il silenzio, che è
quasi materiale, quasi tangibile, che si può ascoltare come uno
strepito.... È il silenzio delle campagne sepolte sotto la neve, quel
silenzio che disperderebbe senza eco la voce più forte.... Ecco d'un
tratto, di lontano, vien l'onda metallica d'uno scampanìo affievolito,
velato, sordo; poi cessa, a poco a poco, e il silenzio si stende di
nuovo, implacabile, senza confine.... Ecco ancora: il grido gutturale
d'un gondoliere, che gira con la sua gondola l'angolo d'un palazzo:
_Sta....i!_ E null'altro, per un quarto d'ora, per un'ora, forse fino a
domani.... L'acqua cade monotona e sul ponte passano adagio adagio,
guardando i gradini lubrici, le figurette nere.... Perchè non si sarebbe
uccisa, abbandonata e sola in questo insopportabile manto di silenzio,
straniera fra stranieri?

— Come si chiamava?

— Wanda, era polacca; diciannove anni; fuggita di casa con quel signore
che lei ha visto a teatro.... Ha lasciato una lettera per la sua
famiglia, e si è tirata un colpo di rivoltella al cuore....

— Male; si sbaglia quasi sempre; meglio in bocca o alla tempia; meglio
di tutto, una rivoltella per ciascuna tempia....

— Direttore, lei ha fatto studi speciali? — mi chiede il cronista
esitando.

— Non si sa mai....

— Con una rivoltella sola, Wanda non ha sbagliato! — dichiara il
giovanotto trionfalmente.

— L'ammiro. Aveva il polso fermo.

— Le polacche non ischerzano! — dichiara di nuovo il giovanotto.

E la frase mi fa ridere. Se ben mi ricordo, deve avere avuto un'amante
polacca, l'anno scorso, incontrata a una pensione di Lido. Egli parla da
conoscitore....

— Non si è mai lagnata della partenza del suo amico, Wanda Zablinsky, —
insiste. — Ma sempre del silenzio, della malinconia, della pioggia....
Diceva d'avere imaginata una Venezia tutta diversa, tutta diversa.

— Voleva il caldo in dicembre? Fa caldo a Varsavia, in dicembre?...
Perchè l'ha condotta a Venezia, quell'imbecille? Doveva condurla al
Cairo....

— Ma il silenzio? A Varsavia questo silenzio non c'è!

— E se il silenzio le faceva tanto male, perchè non è partita? A Londra,
a Parigi, a Roma, a Napoli, c'è il rumore, il bel rumore che vi fa
vivere della vita altrui, e vi fa dimenticar la vostra....

— S'è perduta, s'è smarrita, è rimasta, ed è morta, — dice il cronista.

— Lei parla come una pietra tombale.

Ma non parliamo più, nè io, nè lui. L'ombra è discesa repentinamente dal
cielo bigio, e nell'ombra splendono sul campo i fanali a gas,
illuminando il lastrico bagnato; qua e là, dentro le finestre, rilucono
le lampade a petrolio....

— Viene a vederla? — riprende il giovane.

— Andiamo.

Il cronista m'accompagna per le _calli_ dove non sempre si può tener
l'ombrello aperto, in causa della strettezza; e incontriamo pochi
viandanti, appena riconoscibili alla fioca luce del gas. In verità, per
godere questa ombra e questo silenzio, occorre un'anima temprata alla
solitudine e sicura di sè; per non soffrirne, un'anima indifferente e
molle.... Che importano il silenzio e l'ombra a questi veneziani miei
amici, che hanno qui le case, la famiglia, la gioia?... La loro gioia è
sepolta nell'ombra e nel silenzio, come lo scrigno dell'avaro in un
sotterraneo misterioso.

Ma Wanda Zablinsky non aveva più nulla: fuggita di casa per un uomo, e
abbandonata dall'uomo pel quale era fuggita, la famiglia lontana, la
gioia perduta.... E il silenzio l'ha presa tutta e l'ha schiacciata.

Mi fermo. Il cronista è innanzi all'albergo; parla col portiere, poi col
direttore. Quest'ultimo mi viene incontro, e mi saluta.

— Non lascio passare nessuno, — dice. — Ma lei, la stampa non ha
barriere.... Abbiamo telegrafato alla famiglia.... Se ne parlerà ancora
molto? Queste chiacchiere ci recano danno.... Io avrei piacere che la si
finisse.... Fortunatamente abbiamo pochi forestieri, in questa
stagione.... Che caso! È dispiaciuto a tutti.... Un caso di nevrastenia;
non poteva sopportare il silenzio. Povera bambina! Le signore hanno
mandato fiori, molti fiori.... Vedrà.... È al numero trentaquattro,
secondo piano....

Salgo. La porta del numero trentaquattro è vigilata da una guardia di
città, che mi lascia passare, riconoscendo il cronista.

E varcata appena la soglia, un profumo denso mi si precipita incontro,
un profumo di violette, di tante violette, che la stanza illuminata ha
preso il colore d'ametista carico. Violette dovunque, sciolte sul
cassettone, sul tavolino, sparse a terra, annodate a guisa di ghirlanda
intorno allo specchio, il quale rifletteva ieri l'imagine della
fanciulla e rifletterà domani l'imagine d'un passante annoiato.

E che silenzio! Veramente il silenzio è assai greve in questa camera.
_Ce silence, ce maudit silence!_ Le finestre guardano sul Canalazzo, che
una bruma pesante ha invaso; non si vede più nulla, e la notte è calata
prima del tempo. S'ode battere ritmicamente una goccia dalla grondaia
sulla tettoia che ripara l'entrata dell'albergo: è un colpo isocrono,
esatto, che segna il tempo come un pendolo, e dice che piove, che
continua a piovere.... E null'altro. Ho guardato ogni cosa: c'è sul
cassettone un pettine di tartaruga chiara costellato di _strass_, che
scintillano tra le violette; più qua un nodo di velluto nero, disposto
forse per esser messo tra i capelli, e un piccolo specchio da mano,
chiuso in una cornicetta d'avorio.

Ho guardato ogni cosa; all'altro lato della camera è il letto col
cadavere, ma non ho ancora osato gettarvi lo sguardo, e sento gli occhi
del cronista che immobile nel mezzo della camera deve fissarmi con
curiosità, non comprendendo la mia ripugnanza.

E infatti, ho torto.

Non c'è nulla di ripugnante nello spettacolo che mi si para innanzi,
quando a capo scoperto mi avvicino al lettuccio d'ottone rilucente.
Wanda è distesa, le mani lungo i fianchi, i capelli lunghissimi tutti
sciolti; indossa un abito di velluto nero, che dà un risalto terribile
al pallore del volto, e tramuta i capelli in un vero fiume d'oro lucido.
Ha gli occhi chiusi, cerchiati d'azzurro, e le labbra bianche.

E le donne, dopo averla composta, l'hanno quasi sepolta sotto le viole,
cosicchè il letto e i guanciali paiono una distesa di fiori su cui la
giovane si sia adagiata per riposare.

— Ma che cosa è? — dico stupito, sottovoce.

Presso il volto della morta vedo un altro visetto con gli occhi aperti,
sorridente, un visetto da bimba, che il cumulo delle viole m'aveva di
prim'acchito nascosto.

— È la sua bambola, — mi risponde il cronista sottovoce. — L'hanno
trovata al suo fianco e ve l'hanno lasciata.

La bambola! È una bambola bionda, vestita di velluto nero, come la
fanciulla; e ride con gli occhi aperti, mettendo in quel muto spettacolo
ferale una nota di vita, un'espressione ribelle di vivacità, che fa
pensare alla bambola come a persona vera.... Era la sua amica, e le si è
stesa al fianco, e sarà seppellita con lei. Gli occhioni azzurri mi
fissano allegri e ingenui, quasi dicessero: — Non rattristarti: io e
Wanda stiamo bene, riposiamo tra queste viole belle; è molto piacevole
riposare così.... Io l'ho vista piangere ed ora dorme tranquilla; io so
tutti i suoi segreti, e so che ha fatto bene a morire.... Non
risvegliarla: lasciala passare!... —

La bambola sembra veramente felice di trovarsi con la padroncina, con
tanti fiori, e i suoi occhi ridono e il suo visetto roseo ha un
significato di soddisfazione quasi comica.

— Non ha lasciato lettere? — chiedo sottovoce.

— Una lettera, che fu sequestrata, alla famiglia. Mi pare d'averglielo
detto.

— E all'amante, nulla?

— Nulla.

— Bene. Il disprezzo!

E non so perchè, questo mi fa tanto piacere che m'accorgo di parlare ad
alta voce.

— È tornata alla bambola! — concludo con voce più sommessa.

A vederla così bianca, così bionda, così giovane, composta nell'abito di
velluto nero, chiuso al collo severamente, si pensa che l'amore sia un
frutto ancora acerbo per lei, e che la bambola le convenga meglio.

La straniera abbandonata nella città del silenzio è tornata alla
bambola, come alla sola amica verace.

Ieri sera, hanno avuto un colloquio: tutt'e due bionde e vestite di
velluto, tutt'e due smarrite e ingenue hanno scambiato i loro piccoli
pensieri.

— Io sono sola, — ha detto la fanciulla. — E soffro, soffro molto. Che
devo fare?

— Io non soffro, — ha risposto la bamboletta di cera e legno. — Sono
allegra perchè non ho cuore che batta. Senti che rido?

— Il mio cuore batte troppo, batte orribilmente, e mi fa male.... Non
posso ridere.... Vedi che piango?

— Perchè non lo fermi, il tuo cuore? Fermalo, se ti fa male, e potrai
ridere, dopo.

— Tu credi?

— Sì: io ho visto una volta un orologiaio, presso la vetrina in cui
vivevo prima che tu mi comprassi, ho visto un orologiaio il quale ha
fermato il suo orologio, che avanzava e correva disperatamente, che
batteva come il tuo cuore.... Il cuore non è il tuo orologio? E se è
pazzo e ti fa male, tu devi fermarlo.

Allora la fanciulla ha adagiata la bambola sul letto, e ha preso l'arma.

— Aspettami. Ora lo fermo.

E posando il capo sul guanciale presso il capo della bambola, ha
lasciato partire il colpo.

— Ecco, il cuore è fermo! — ha detto la bambola. — È fermo, e non ti fa
più male. Dormiamo.

La fanciulla s'è addormentata per sempre, e la bambola, con quel suo
lieve riso, con gli occhi azzurri sbarrati, ne vigila il sonno e mi
guarda per dirmi che tutto va bene.

— Usciamo! — mormoro sottovoce. — Lasciamole stare!...

Raggiungiamo la soglia e apriamo cautamente la porta; ma prima
d'abbandonare la camera color d'ametista, spengo la luce elettrica.

— Così dormiranno meglio, — osservo al mio compagno.

Egli annuisce con un cenno del capo, senza comprendere; e usciti
dall'albergo, riprendiamo in silenzio la via, per le _calli_ taciturne e
oscure....



LA FILOSOFIA DI MINNI.


Minni tornò a casa verso le cinque d'una pesante giornata sciroccale.
Aveva fatto gli acquisti pel pranzo e recava un paio d'involtini con la
carta rosea, tenendoli nella piegatura delle braccia. Senza curarsi
della folla che si stendeva da piazza Colonna a piazza Barberini, aveva
percorso tutta la strada col passo svelto e leggiero, temendo d'essere
soprappresa dalla penombra del crepuscolo.

E giunta a casa, in quella strana via Campania, che, a un passo da Villa
Umberto e da via Veneto, sembra ancora la strada d'un villaggio, non
selciata, deserta, popolata la sera dai gatti, Minni salì una scala ed
entrò nella sua camera al primo piano.

Ella abitava da lunghi mesi col marito quella vasta camera mobigliata in
via Campania. Nel mezzo era il letto di ferro, assai largo; a destra,
Minni aveva improvvisato un gabinetto da toeletta con un bel lavabo e
mille piccole cose per l'abbigliamento; a sinistra, un'agrippina, sulla
quale Minni aveva drappeggiato una stoffa di seta a colori vivaci; e
v'era la tavola da pranzo, che si trasformava poi in tavola da lavoro, e
disposte ai capi, due poltroncine. Così in quell'angolo, la sala da
pranzo succedeva al salottino, secondo le ore; e una grande lampada a
petrolio illuminava e riscaldava il luogo, poichè non v'era stufa.

Minni, bionda e graziosa, una di quelle donne il cui corpo stupisce per
l'esatta perfezione delle linee e la cui anima chiude insospettati
tesori d'energia, stese la tovaglia, mise sulla tavola due piatti, due
posate, due bicchieri; e sopra un piatto più grande espose tutto il
pranzo: salame, formaggio, ulive, una scatola di sardine. Poi v'erano
una bottiglia d'acqua, un fiaschetto di vino, il pane.

Minni guardò un istante quei poveri preparativi, e per renderli meno
tristi, piantò in mezzo alla tavola un vasetto di vetro con un mazzolino
di fiori. Accese la grande lampada a petrolio, che doveva riscaldar la
camera, e aspettando l'ora che il marito facesse ritorno, sedette
sull'agrippina a leggere.

Leggeva un romanzo nel quale i milioni danzavano una ridda vertiginosa
con le avventure più gaie. Da tempo, Minni leggeva soltanto per non
pensare, per non sentire la miseria immeritata, e appena la distraevano
dalla lettura le grida e gli schiamazzi dei monelli, i quali verso
l'imbrunire s'impadronivano delle strade circostanti e facevano chiasso
sino a sera.

Alle sette, ella udì aprir l'uscio nel corridoio, e indi a poco s'aperse
la porta della camera, ed entrò Giorgio.

— Buona sera, _Blì_! — egli disse.

Dacchè l'aveva sposata, Giorgio s'era fatta l'abitudine di chiamar
Minni, con i vezzeggiativi più curiosi. Il nome di lei, Emma, era
diventato Minni, e le era rimasto; ma ogni poco, Giorgio glielo mutava
con voci monosillabiche, nelle quali egli metteva un senso d'amore e di
protezione come per un bambino.

— Quante belle cose avete comperato! — disse Giorgio, gettando
un'occhiata alla tavola, mentre si levava il cappello e il soprabito.

Minni sorrise debolmente.

— Hai fame? — ella chiese.

— No, niente, sono stanco! — rispose Giorgio, avvicinandosi e baciandola
sulla bocca. — Una noia spaventevole, tutto il giorno. E tu?

— Io ho fame. Ora preparo il caffè, e poi mangiamo.

Ella andò ad accendere la macchinetta pel caffè, e Giorgio sedendo
sull'agrippina diede un'occhiata al libro che Minni aveva deposto sulla
tavola.

— “Sì principe, — lesse Giorgio ad alta voce — il mio banchiere è pronto
a rilasciarvi subito uno _chèque_ di trecentomila franchi. Non avete che
da dare un ordine„.

— Ma quanto è stupido, _Mì_, questo vostro libro! — disse Giorgio
chiudendolo.

— Son tutti lo stesso, — osservò Minni.

— Io credo che gli _chèques_ non esistano! Sono esistiti mai, al mondo,
i banchieri e i principi?... Ne ho perduta l'abitudine....

— Anch'io! — disse Minni. — Non credo più al danaro.

— Il male si è che ci credono gli altri! — mormorò Giorgio.

Minni sedette a tavola, e l'uomo guardò la sua piccola moglie nella
quale egli aveva riposto tanta tenerezza, alla quale egli si sentiva
invincibilmente legato da un'affezione e da una gratitudine senza
limiti.

La giovane apparteneva a famiglia già ricca e aveva conosciuto con
Giorgio e gustato gli agi della vita; poi una serie di rovesci, alcune
speculazioni infelici, una causa civile promossa da alcuni parenti,
avevano piombato l'una e l'altro nelle più crudeli strettezze, quasi
nella miseria.

E Minni era rimasta ferma, aspettando con coraggio il ritorno alla
ricchezza, obbedendo alle necessità di quel periodo di sventure,
lavorando d'ago con le piccole mani che in altri tempi eran cariche di
gioielli, dimenticando tutte le cure, tutte le mollezze, tutte le
superfluità in mezzo alle quali e per le quali sembrava vivere un
giorno.

Ella mangiava ora con Giorgio il misero pranzo, ed era tranquilla.
Giorgio si levò a darle un bacio.

— Sei molto carina! — egli disse. — Ti voglio molto bene, lo sai?

Ella alzò le sopracciglia con un significato di dubbio.

— Non far la scettica, suvvia! — esclamò Giorgio, il quale non perdeva
la calma se non quando si dubitava della sua parola. — Sai che ti voglio
bene; molto, troppo!...

Giorgio era di giusta statura, un po' pallido, con occhi chiari, dallo
sguardo mobile e vivace. I capelli e i baffi aveva neri, la fronte alta,
il mento breve. Vestiva un abito scuro, lucido nei gomiti, opera di un
modesto sarto, che aveva la botteguccia in via Sardegna; ma Giorgio
indossava fieramente il suo abito invecchiato, come un giorno aveva
indossato la marsina con la gardenia all'occhiello in casa della
duchessa di Monfalcone.

— E voi siete mia, tutta mia? — egli riprese, — siete tutta mia?

— Che meraviglia, — disse Minni pacatamente. — Non sai come io ti amo?

— Sta bene, sono soddisfatto, — dichiarò Giorgio, con un'affermativa
della testa e uno schioccar della lingua, che fecero ridere Minni.

Ella era veramente tutta sua, quantunque sdegnasse o non osasse
dirglielo sempre. Innanzi a quell'uomo che toccava la trentina, e dopo
sei anni di matrimonio, ella sentiva ancora una specie di soggezione
delicata; orgogliosa e timida, sapeva amare pertinacemente e conservar
tuttavia qualche cosa di quella verecondia, che acuisce la compiacenza
dell'uomo e non gli permette di giungere rapidamente alla sazietà.

Minni era innamorata di Giorgio e non glielo aveva mai detto, non aveva
forse mai trovato il coraggio di dirglielo; quand'egli la interrogava,
ella gli rispondeva con una frase indiretta. Egli sentiva l'amore nei
suoi baci, nel suo gesto, fors'anco nei capricci non infrequenti, coi
quali ella si divertiva a irritarlo, per giungere poi a una
riconciliazione tumultuosa e piena di voluttà.

E dentro all'anima, vigile e inquieta, Minni serrava anche una gelosia
sfrenata per Giorgio, del quale non era sicura, conoscendone le
abitudini giovanili, lo scetticismo allegro, il gusto per l'avventura
difficile e intricata.

Non aveva a lodarsi niente, niente, di lui. Egli pareva un sentimentale,
e ingannando involontariamente sè stesso e gli altri con quella maschera
di sensibilità gentile e delicata, riusciva a piacere; piaceva in modo
speciale “a quelle oche di ragazze„, come diceva Minni nelle sue ore di
gelosia; le quali oche lo sapevano pure ammogliato, ma gli sfarfallavano
intorno, per curiosità o per civetteria, non imaginando a qual brutto
giuoco giuocassero.

Tutto il periodo d'agiatezza trascorso con Giorgio era stato per Minni
una strada seminata di triboli e d'inquietudini. Aveva sorpreso e
interrotto parecchi idillii, che Giorgio aveva annodato qua e là, con
una scaltrezza acuta e irritante; non era arrivata ad assodar nulla di
grave, ma era uscita da quella sorda lotta con tanto timore, che i primi
rovesci finanziarii, in grazia dei quali Giorgio aveva dovuto rinunziare
alla sua futile e piacevole vita, erano stati accolti da Minni con una
rassegnazione, che somigliava a un compiacimento.

Nella tristezza, nel disagio, nel dubbio dell'avvenire, Giorgio era
almeno interamente e veramente suo; viveva al suo fianco, la confortava,
sentiva il dovere di non darle altri crucci, il bisogno di proteggerla;
e in questa certezza, Minni trovava molta consolazione.

Mentre prendevano il caffè, Giorgio disse:

— Domani, gran pranzo al _restaurant_! Mi sono fatto anticipare metà
dello stipendio: cento lire. —

Minni non parve molto sollecita di accettare.

— Abbiamo bisogno di tante cose, caro, — ella osservò. — Tu devi farti
accomodare il soprabito, che ha la fodera strappata.

— È bellissimo, di fuori! — esclamò Giorgio, alzando le spalle, e
gettando un'occhiata al soprabito, che pendeva dall'attaccapanni.

— E io devo farmi qualche cosa per l'inverno, una giacca e un cappello,
— seguitò Minni, sicura di vincerlo.

— Allora, niente pranzo? — disse Giorgio rattristato. — Ancora
formaggio, salame e ulive? E pensare che io non ho alcuna vocazione per
imitar gli anacoreti della Tebaide!... Andremo a pranzo al _restaurant_:
una rondine non fa primavera. Tanto più poi, ora che....

Si morse le labbra e tacque, accese una sigaretta, e incominciò la sua
passeggiata, tra il letto e il cassettone, dalla finestra alla porta.

— Ora che cosa? — incalzò Minni, guardandolo.

— Nulla: sciocchezze.

— Hai qualche notizia che non vuoi dirmi. Perchè non vuoi dirmi?... È
una bella notizia? indovino?

E Minni gli andò incontro, lo fermò, lo fissò negli occhi.

— Siete una bambina. _Scì!_ — egli disse chinandosi a baciarla sulle
labbra. — Volete sapere tutto, tutto, anche quello che non esiste....

Minni tornò tristemente alla tavola, sparecchiò, chiamò la servetta
della casa perchè lavasse i piatti e le posate. Per piegar la tovaglia,
Minni si faceva aiutare da Giorgio, e l'uno a un capo, l'altra
all'altro, tiravano, stendevano, se la strappavano di mano: qualche
volta, Giorgio la buttava addosso a Minni, e afferrata la donna, se la
portava tra le braccia ridendo, così avvolta nel manto bianco.

Ma quella sera, ella non chiamò Giorgio: fece da sola, e poi riprese il
libro, si stese sull'agrippina, e cominciò a leggere la storia del
principe e dei suoi milioni.

Giorgio seguitava a passeggiare e a fumare, sogguardando d'ora in ora il
viso rannuvolato di Minni; prevedeva una gragnuola di rimproveri.

— Dimmi, — egli si decise finalmente, sedendo ai piedi dell'agrippina
sopra un piccolo sgabello e carezzando le ginocchia della donna — dimmi,
vuoi sapere?...

— Oh no, non me l'hai confidato subito, e ora non m'importa più! — ella
rispose, fingendo di continuar la lettura.

— Ascoltami dunque, — seguitò Giorgio, mentre le toglieva il libro dalle
mani. — Ma devi promettermi di non credere una parola.

— Come?

— Sì, non voglio che tu t'illuda con delle speranze. Non v'è ancor nulla
di certo, e tutto può sfumar da un giorno all'altro. Sarebbe troppo
bello, troppo bello, se le cose avvenissero come io spero. Dunque, non
crederai, non galopperai con la fantasia, non ti tormenterai coi
progetti.... È inteso?

— È inteso, — ripetè Minni, che vibrava già di speranze, e sentiva già
la fantasia accendersi e partire.

Allora Giorgio raccontò che Riccardo Pizzi, il proprietario della
cartiera presso la quale egli era impiegato, l'aveva proposto a un
gruppo di azionisti come direttore d'una grande casa editrice, che si
voleva fondare a Milano e che avrebbe assunto proporzioni colossali. Le
trattative erano avviate bene; duravano da più che quindici giorni e si
sarebbero concluse fra breve; ma v'erano parecchi altri candidati a quel
posto, alcuni fortemente protetti da raccomandazioni cospicue, altri da
parentele e da simpatie.

— Insomma, — concluse Giorgio, — non c'è da sperare nulla, capisci?

— E ti darebbero un grosso, grosso stipendio? — interrogò Minni, che
sperava già tutto.

— Così! — disse Giorgio, aprendo le braccia quant'erano lunghe. — Uno
stipendio principesco. Non so ancora, ma un grosso stipendio c'è, e la
partecipazione agli utili, e mille vantaggi.... Partiremmo subito....

— E che bravo, quel tuo Pizzi! — esclamò Minni.

Giorgio rise.

— Povero Riccardo, tanto buono! — disse poi. — Non lo lascio mai
tranquillo, non passa giorno senza una baruffa, ma mi vuol bene, e
vorrebbe vedermi più su, più in alto, felice, allegro.... E tu, non
soffrirai a lasciar Roma per Milano?

— Mi comprerai una bella pelliccia! Non avrò freddo. E in casa, un bel
fuoco; e andremo a teatro, e io potrò mangiare i _marrons glacés_.

Giorgio si alzò d'un tratto, e riprese a passeggiare, accendendo
un'altra sigaretta. Scosse bruscamente la testa, per cacciar la
tentazione di sognare, di lasciarsi travolgere dalle illusioni, che lo
avevano già tante volte ingannato.

— Ora non parliamone più, — disse, tornando alla donna. — Vedi che
domani potremo uscire a pranzo.

— Sì, e dirai a Pizzi che io sono molto, molto contenta, e che gli
voglio proprio bene!

— Oh là, là! — esclamò Giorgio ridendo. — Non faccio, io, queste
ambasciate!

Ma ormai l'abbrivo era preso, e mentre Giorgio ascoltava il miagolìo dei
gatti di via Campania, Minni snocciolò tutti i suoi progetti, e come
avrebbe addobbata la casa, e dove avrebbe passate le vacanze estive, e
in qual maniera avrebbe rifatto la sua guardaroba....

— Ma tu, — s'interruppe — tu avrai molto da lavorare, di'?

Più tardi, in letto, presso la cara donna bionda che s'era addormentata
cingendogli il collo con le braccia, Giorgio pensò che quella vita
umile, quella povertà fieramente sopportata, avevano un senso di poesia
forse indimenticabile.

E sentendo il cuore di Minni battere tranquillo, sciolse adagio le
braccia della donna, dispose meglio sotto la testa di lei il
guancialetto di seta azzurra, e la baciò piano piano sulle labbra e
sugli occhi.

                                 *

Ma per più d'un mese, non si ebbero altre notizie. Le trattative con
Riccardo Pizzi e con Giorgio Spinarosa furono interrotte, perchè
sembrava che a Milano non fossero tutti d'accordo sulle proporzioni,
sullo scopo, sui particolari della impresa che volevasi tentare.

L'inverno calò a Roma abbastanza rigido: vi fu perfino una nevicata di
ventiquattr'ore, e Minni stette molto in casa, a leggere, ad agucchiare.
Non appena v'era un po' di sole, ella andava a Villa Umberto col suo
libro, sedeva su una gradinata in Piazza di Siena, e vi rimaneva fino al
tramonto, allorchè il parco meraviglioso cominciava a diventare umido.

E allora Minni correva in qualche negozio a far le provviste, o passava
da una rosticceria di via del Tritone a comperare un pollo allo spiedo e
certi involtini di carne e di riso, che si chiamavano “supplì„, e che
facevano ridere Giorgio a vederli.

— _Supplì, supplì_, supplizio davvero! — esclamava. — Te l'avevo detto,
_Mì_, di non sperare! Non ne azzecchiamo una, piccoletta mia! I milanesi
ci hanno abbandonato anche loro, e bisognerà pensare ad altro: scommetto
che il direttore è stato scelto, la Casa fondata, e intanto non ci levan
di pena, e ci menano garbatamente pel naso. —

Minni piangeva. Era stanca di quella lotta contro la miseria, che non
aveva nemmeno il diritto d'andar per le strade con gli abiti a
brandelli, e che doveva ostentare un sorriso, nel timore d'incontrare
occhi indiscreti. Minni vestiva ancora con eleganza, grazie a un
risparmio rigoroso, e benchè schivasse gli incontri, era tuttavia così
accurata nell'abbigliamento, in ogni minuzia della sua eterna toilette
grigia, da potere sfidare la curiosità crudele delle amiche e degli
indifferenti.

La sua figurina aggraziata dava risalto a ciò che indossava, e la vanità
femminile era salva, quantunque sempre sospettosa.

Ma la monotonia di quella vita senza mai un piacere, senza mai un'ora di
distrazione, pesava sul cuore della donna giovane e ne irritava i nervi.
La sua compagnia in casa eran le grida, gli schiamazzi, la musica
selvaggia dei monelli di via Campania; e fuori di casa, un libro
qualunque preso a prestito in una biblioteca circolante.

A poco a poco, ella aveva conosciuto tutti i passeggiatori abituali di
Villa Umberto: coppie d'amanti, vecchi e signore col cagnolino, damine
accompagnate da una serqua di marmocchi e di bambinaie, pensionati
meditabondi, ricche annoiate che passavan pei viali in carrozza,
sognando probabilmente i sogni più vacui.

Qualche volta entrava al giardino del lago, e stava a guardare le anitre
e le oche, invidiando la loro vita incosciente. Pel giardino del lago i
passanti erano radi, e in quelle giornate d'inverno si diffondeva una
malinconia tenue, fatta quasi sacra dal silenzio prolungato; il libro
posava sulle ginocchia di Minni, ed ella si perdeva a fantasticare,
mentre le anitre diguazzavano nel laghetto e si rizzavano a batter
l'ali.

Se le veniva il pensiero di Giorgio, ella si confortava un poco; perchè
Giorgio non mutava d'umore, non perdeva speranza, non dubitava mai. Egli
aspettava qualche cosa, e sarebbe stato impacciato a dire che cosa
fosse, ma aspettava con una fiducia tanto strana, tanto ostinata, da
snebbiar le paurose apprensioni della donna.

— Siamo troppo giovani per andare a fondo! — egli diceva.

No, non voleva andare a fondo, Giorgio Spinarosa. La sua anima ricca
d'orgoglio, il suo corpo robusto, si ribellavano all'idea che la vita
dovesse oscuramente naufragare in quella miseria. Egli voleva, egli
doveva fare. Fare; fare qualche cosa di bello, di grande, qualche cosa
difficile, da lasciare Minni intontita per la meraviglia.

Per questo, la presenza di Giorgio era tanto cara a Minni; e quand'egli
tornava a casa per la colazione e pel desinare, la fronte della moglie
si spianava; egli chiacchierava, rideva, raccontava aneddoti, e non
parlava quasi mai dell'avvenire, così esso gli sembrava certo e vicino.

— Coraggio, _Mì_! Ancora un poco. I milanesi ci aiuteranno.

— Ma dicevi, l'altro giorno, che ci hanno abbandonati!...

— No; malinconie del quarto d'ora. Io li conosco: prima di gettarsi a
una impresa, ci riflettono; e poi vi si mettono con l'unghie e con i
denti, e giungono dove vogliono.

— E Pizzi come la pensa? — domandava Minni.

— Pizzi lavora per me; tutte le sue conoscenze di Milano sono ai miei
ordini. Anche ieri, il conte Virgili, che sarebbe il più forte
azionista, gli ha scritto di pazientare; la cosa si farà, e io non sarò
dimenticato. Voglio regalarti una pelliccia così grande, da formarti uno
strascico, e tutti chiederanno per le strade: “Chi è quella pelliccia
che cammina?„ Del resto, amica mia, se questo progetto dovesse fallire,
verrà dell'altro....

— Che cosa?...

— Dell'altro, dell'altro! Non so.... —

E Giorgio faceva in aria un gesto largo, che riassumeva tutte le
possibilità, tutte le aspettazioni, tutto l'avvenire.

Ma la donna era rimasta silenziosa, meditando.

Il conte Virgili! Ella lo aveva conosciuto a Roma, o a Firenze, non
ricordava più; ricordava però ch'egli era vedovo, con una figliuola di
ventidue anni, Virgilia Virgili, che poteva piacere; era alta e diritta.
“È un bel pioppo!„ aveva detto una volta Giorgio, parlando di lei. E
aveva una selva di capelli bruni, che le piovevan sugli occhi glauchi.
Male avvezzata dal padre, ricca, capricciosa, educata all'americana,
audace e scaltra, s'era messa a scherzare con Giorgio, e scherzava
troppo, orribilmente, non come una fanciulla vereconda, ma come una
donna procace.

Poi era venuta la povertà, e Giorgio aveva sfuggito la giovane, per
superbia.

Ora eccola ricomparir nella loro vita; quel demonio era ben capace di
persuadere suo padre a favore di Giorgio e di far cadere su di lui la
scelta, per richiamarlo a Milano e tornare alle schermaglie d'una volta.

Minni ricordava con terrore segreto la bocca della fanciulla, una bocca
grande con labbra tumide color di corallo, una bocca fatta apposta per
mordere e per divorare.

                                 *

Ma i giorni passavano; qualche volta, la lampada a petrolio non era
sufficiente a riscaldar la camera, e Minni stava sull'agrippina, avvolta
in uno scialle, freddolosa e triste; oppure si coricava presto, subito
dopo cena, e dormiva, faceva la cura del sonno, a pugni stretti.

Dormire era tutta la felicità concessa dalla sorte; dormire significava
riposar dai pensieri, arrestar la fantasia, non precorrere il tempo e
non ricordare il passato; ma quando il giorno grigio entrava dalla
finestra, pareva recare sul guancialetto di Minni una tediosa baraonda
di cure e di spaventi.

E si alzava piano, piano, per non destare Giorgio; occupava un'ora ad
assettarsi, e raccolti i capelli con un nastro azzurro, preparava il
caffè, poi svegliava Giorgio, il quale aveva l'abitudine d'aspettare ad
occhi chiusi ch'ella lo chiamasse, perchè lei era il suo orologio.

Egli non era mai stato così buono come in quel tempo; le altre donne non
esistevano per lui. Gli si era piantata nel cervello l'idea fissa di
strappare Minni a quelle sofferenze, e l'idea gli bastava, gli riempiva
la vita, lo faceva austero. Nascondeva le ansie più crudeli e cominciava
a dubitare a sua volta del trionfo imaginato. Ogni giorno, appena
arrivato alla cartiera, andava da Riccardo.

Riccardo Pizzi, un giovane di ventisei anni, dalle forme erculee e dal
placido volto, aveva da solo aiutato Giorgio, dandogli un impiego
nell'amministrazione della cartiera; ma i caratteri dei due uomini
parevano fatti apposta per non andar d'accordo.

Riccardo nervoso e pigro; Giorgio, nervoso e veemente; Riccardo ideava
gli affari che Giorgio criticava spesso e tentava qualche volta
d'impedire, parendogli che l'amico s'ispirasse a un ottimismo
pericoloso.

In due anni di vita comune, Giorgio aveva dato tante prove di
sollecitudine e di perizia a Riccardo, che questi se n'era fatto il
consigliere, pure arrabattandosi per difendere i propri disegni, e
strillando contro Giorgio, che voleva persuaderlo d'aver torto. La loro
amicizia era una continua guerra, ma si volevano molto bene, e Riccardo
si rammaricava di non poter offrire a Giorgio un lauto stipendio e di
vederlo ridotto a un impiego di tanto inferiore alla sua capacità e al
suo ardire.

— Ebbene, niente? — chiedeva Giorgio, ogni mattina, appena giunto alla
cartiera fuor di Porta Salaria.

Riccardo si stringeva nelle spalle, dolente di non poter dare la più
piccola notizia.

E il silenzio ostinato di quegli azionisti, il tempo che passava, la
melanconia di Minni, cominciavano a scuotere anche la fede di Giorgio.

Ma egli aveva in cuore una forza quasi mostruosa: non credeva alla
sventura, nè al pericolo, nè alla morte. Dopo un istante di dubbio,
l'animo gli si spalancava non alla speranza, ma alla certezza; e
Riccardo l'aveva udito più volte canterellar le romanze delle opere in
voga, stonando insolentemente.

Era allegro e diffondeva intorno l'allegria, cosicchè Riccardo Pizzi
stava ad ascoltarlo stupito, credendo che Giorgio avesse ricevuta la
notizia lungamente attesa.

— Perbacco, io t'invidio! — diceva Riccardo.

— Hai ragione, — rispondeva Giorgio. — Hai ragione d'invidiarmi, perchè
vedrai....

— Vedrò?

— Vedrai, vedrai! La vita non è che una cosa, e io sento che riuscirò ad
afferrarla e a tenerla. Vedrai che io saprò impadronirmene!

                                 *

Un giorno, un tepido giorno di febbraio, mentre col libro sulle
ginocchia stava guardando le ochette che guazzavano nel lago di Villa
Umberto, Minni vide comparirle innanzi Giorgio, tranquillo come di
solito, la sigaretta fra le labbra.

— Addio, _Trill_! — egli disse sorridendo. — Vieni: voglio condurti a
fare una passeggiata in carrozza: e poi andremo all'Aragno e ti comprerò
molti dolci....

— Che cosa c'è? — esclamò Minni, alzandosi dal sedile di pietra.

— Nulla: non c'è nulla, — rispose Giorgio. — Vieni: troveremo una
carrozza fuori del giardino!

— Ma tu sei pazzo, caro! — osservò la donna. — Sai che non possiamo far
queste spese....

Giorgio passò il braccio sotto il braccio della moglie, e così
s'avviarono.

— È una mia idea, — egli rispose. — Credo che mi porterà fortuna: una
bella passeggiata, e poi molti dolci! Sono stufo di tante privazioni e
di tanta economia: voglio cambiar metodo, e spendere tutto ciò che ho in
tasca.... Vedrai che le cose andranno meglio!

Ma la donna sentiva ch'egli non era sincero, e quando furono in
carrozza, cominciò a tempestarlo di domande: era seguita qualche novità?
avevano scritto? c'erano almeno speranze?

Giorgio sorrideva, negando. Nulla!

— Va alla Banca d'Italia! — ordinò al cocchiere, appena la carrozza ebbe
oltrepassato i cancelli del parco.

Minni battè le mani, trattenendo un grido.

— Oh Giorgio, — esclamò. — Come sei cattivo! Perchè non vuoi dirmi?...

— Non voglio dirti che cosa? Vado alla Banca d'Italia a trovare un mio
amico cassiere.... Te lo presenterò: è un giovanotto simpaticissimo.

La donna scosse il capo.

— No, no, — disse. — Non è vero! Tu mi nascondi qualche cosa, e io
voglio sapere. Voglio sapere, o piango!

Giorgio diede in una risata, accarezzando le mani della moglie.

— Ebbene, — dichiarò, — vado a riscuotere un vaglia di duemila lire per
Riccardo....

Ma vedendo Minni rabbuiarsi e il caro volto coprirsi della solita
espressione di tristezza, Giorgio non ebbe il coraggio di prolungare lo
scherzo.

— Suvvia, hai indovinato! Le duemila lire sono per me!

Questa volta, egli temette che Minni gli svenisse tra le braccia.

— Coraggio! — disse con accento tra serio e scherzoso. — Son duemila
lire che la Società mi manda pel viaggio e pel trasporto....

— Oh Giorgio, com'è bello! — esclamò la donna con voce soffocata.

— Pel trasporto del mobiglio che non abbiamo! — seguitò Giorgio ridendo.
— Te l'avevo detto, _Mì_?... Ero sicuro di riuscire.... Lo sapevo da tre
giorni, del resto, e aspettavo che il denaro fosse giunto per dirti ogni
cosa....

Tacque; gli occhi della donna s'erano inumiditi dalla gioia: il suo
pensiero galoppava, il cuore le batteva veloce, ed ella avrebbe voluto
baciare subito Giorgio, ma erano in carrozza scoperta e il Corso
formicolava di uomini e di vetture.

Minni guardò attentamente il marito.

— Da tre giorni? — ella ripetè. — Da tre giorni sapevi tutto?

— Sì, non v'è nulla di strano! Attendevo il denaro per farti questa
sorpresa. —

Minni fissò nuovamente Giorgio. Qualche volta l'anima di lui le faceva
paura, e quella padronanza di sè medesimo la stupiva. Egli era potuto
rimaner tranquillo per tre giorni, senza che il suo viso lo tradisse,
senza che una parola, un accenno, un'esclamazione gli sfuggissero dalle
labbra; impassibile e sicuro, aveva taciuto...!

— E non eri contento, non eri felice? — chiese Minni.

— Contento senza dubbio; ma d'altra parte, non meravigliato affatto,
perchè io sapevo che avrei vinto.... E se non avessi vinto ora, avrei
vinto più tardi!... Noi non dobbiamo colare a picco. —

E quasi involontariamente, canterellò piano, a fior di labbra:

    “Io son Titania, la bionda....„

— Che pazzo! — disse Minni con un sorriso. — E quando partiremo?

— Fra otto giorni. Addio, Roma; addio, bella Roma! Ti dispiace, _Mì_, di
lasciare Roma?

— No, abbiamo tanto sofferto!... —

Giorgio non aggiunse parola. Avevano molto sofferto a Roma, e a lungo;
ma che cosa li attendeva a Milano? soltanto una larga agiatezza era
certa; al di là non si vedeva, non si sapeva nulla. Un turbinìo di
lavoro e di battaglie, forse un turbinìo di gioie e di dolori, fors'anco
un cumulo di delusioni....

Giorgio si scosse quando la carrozza si fermò innanzi al palazzo scialbo
e massiccio della Banca d'Italia, e lasciando Minni in vettura, egli
scese.

La donna, rimasta sola, s'abbandonò interamente al sogno; ideò
l'avvenire in mille modi, e a un tratto le venne il pensiero che Giorgio
avrebbe conosciuto molte donne, avrebbe rivisto Virgilia, sarebbe stato
accolto in tutte le case, ricominciando la vita d'avventure, che la
povertà e la disgrazia avevano interrotto.

Minni sentì nel cuore un turbamento crudele. Quali donne avrebbe egli
conosciuto? L'ospitalità lombarda, così pronta e cordiale, gli si
sarebbe subito offerta, e lo spirito alacre e animoso di lui avrebbe
subito creato intorno a Giorgio molte amicizie....

Fra quelle donne ancora ignote, egli avrebbe forse incontrato colei che
doveva piacergli ed amarlo; sul volto impassibile, nessuno avrebbe
potuto leggere l'ansia della conquista, la gioia del trionfo, gli
spasimi della gelosia.... Oh Giorgio sapeva ingannare, come sapeva
essere audace e leale! E lei, Minni, sarebbe vissuta fra le torture del
dubbio....

— Avrai molto, molto da lavorare? — ella chiese, mentre Giorgio risaliva
in carrozza e sedeva al suo fianco.

— Va all'Aragno! — disse Giorgio al cocchiere; poi volgendosi a Minni,
rispose: — Sì, molto, specialmente sui primi tempi, giorno e notte,
finchè tutto sia ben disposto....

Dal petto di Minni sfuggì un tale sospiro di soddisfazione, che il
marito la guardò con meraviglia.

— Sei contenta ch'io abbia da lavorare? — egli domandò.

— Sono felice: vorrei che tu non avessi nemmeno un'ora di riposo....

Ma appena pronunziate queste parole, si morse le labbra, e guardò
Giorgio con lo sguardo turbato.

— Io non amo che te, e amerò te sola, sempre! — egli disse,
accarezzandole le mani.

Poi, volendo egli stesso sfuggire alla visione dell'ignoto, cominciò a
parlare di ciò che avrebbe fatto a Milano, dell'opera vasta e difficile
che lo aspettava. E così discorrendo, i suoi occhi si oscuravano, quasi
tutta l'energia dell'anima vi si raccogliesse in una torbida potenza....
La cosa, quella cosa vile e infida ch'è la vita, egli la teneva in pugno
e l'avrebbe foggiata a suo piacere, usando la forza e la lusinga, la
dolcezza e la violenza. Udiva nelle orecchie risonare un canto di gioia.

Parlava ancora e ancora Minni stava ad ascoltarlo con voluttà, quando la
carrozza giunse sul Corso e si fermò innanzi all'Aragno.

La notizia della prossima partenza di Giorgio Spinarosa s'era propagata
in quei giorni tra i suoi amici; e non appena egli fu seduto, molti
vennero a complimentare lui e Minni.

Giorgio non aveva ancor potuto misurare tutta la viltà dell'anima umana,
e fu sbalordito. C'era della gente ch'egli salutava appena con un cenno
del capo, e che gli si protestava d'un tratto devota e obbediente;
altri, i quali avevan temuto nei giorni della sventura, ch'egli li
richiedesse d'un favore e perciò evitavan di salutarlo o almeno di
fermarsi, gli si precipitavano ora incontro, adulandolo con
un'insistenza fastidiosa.

— Era giusto, era giusto, — diceva qualcuno. — Ti si doveva una
riparazione, il riconoscimento del tuoi meriti.... Bravo! sai, volevo
raccomandarti mio fratello, ma ne parleremo domani....

— Oh, caro Spinarosa! Io cercavo di lei per presentarle le mie
felicitazioni. Conosce mio cugino? Credo che mio cugino, pratico di cose
commerciali, potrebbe essere utilissimo!... Se non la disturba, lo
manderò da lei prima ch'ella parta....

— Di', Giorgio! Ricordati che ti sono stato sempre amico.... Mi
contenterei di tanto poco! Un posticino piccino, piccino....

Minni, che assisteva a quella sfilata e mangiava intanto certi dolci con
la crema, insudiciandosi le mani come un bamberottolo, finì per
nausearsene; per nausearsi degli uomini e dei dolci.

— Andiamo, — ella mormorò sottovoce a Giorgio. — Sono molto stanca!

— Hai visto? — disse Giorgio, quand'ebbero ripreso posto in carrozza. —
Hai visto quelle canaglie, come strisciano? E una settimana fa, avremmo
potuto morir di fame e di freddo, senza ch'essi stendessero la mano....
Ah no, rimanete qui, perdio! Io vi dimenticherò; è tutto quello che
posso fare per voi....

Minni tacque. Ella era molto stanca davvero, e ripercorrendo in carrozza
le strade note, Via Mercede, Capo le Case, Porta Pinciana, e ricordando
i giorni in cui andava a comperar da cena, un po' di sardine e un po' di
ulive, fu presa da una nera melanconia.

Che cosa li attendeva a Milano? Quali donne avrebbe Giorgio conosciuto?
Sarebbe stato sempre così buono come in quel tempo?

Rivide la bocca ardente e vorace di Virgilia Virgili, e sentì un
brivido.

Rientrando in casa, i suoi occhi caddero sulla cara lampada a petrolio
che illuminava e riscaldava la camera; salutò il letto nitido ed ampio,
e l'agrippina, e la piccola tavola su cui si stendeva la tovaglia, che
Giorgio qualche volta gettava indosso alla sua donna, come un manto....
Avvertì che il dolore e la povertà avevano strette le loro anime con un
nodo tenace, cui l'agiatezza e il godimento avrebbero allentato o
sciolto per sempre.

— _Mì_, quanti dolci avete mangiato oggi! — disse Giorgio sorridendo, e
togliendo a Minni il cappello, per baciarla sulla chioma bionda.

Minni girò l'occhio intorno, smarrita; e sentendo un'angoscia nuova
salirle alla gola, nascose il volto nel petto di Giorgio, e mormorò con
uno scoppio di lagrime:

— Ahi, Giorgio, come si stava bene, come si stava bene, qui! —



L'AMORE DEGLI ALTRI.


Iginio Malaspina, detto Gin dagli amici, accavallò una gamba sull'altra,
soffiò dalle nari il fumo della sigaretta e lanciò a Silvio Baldeschi
una sguardata velatamente ironica.

— Laura sarà qui tra breve, — disse. — È uscita da poco tempo con la
carrozza, e non può tardare. Mi dispiace che tu aspetti.

Nella voce di Gin si sarebbe potuto rintracciare quello stesso lieve
sarcasmo che gli si leggeva nell'occhio. Era sui cinquant'anni, alto e
contesto di nervi, i capelli fulvi, i baffi tagliati all'americana, la
mandibola inferiore sporgente. Innanzi a lui, Silvio pareva un
fanciullo, pallido, nel cui sguardo passava un'onda di sentimento
piuttosto che di volontà.

— Sono lietissimo di barattare quattro parole con te, — rispose, non
curandosi nemmeno di dare un'espressione sincera a quella bugia
d'obbligo.

— Fuma! — disse Gin, avvicinandogli sulla tavola, intorno a cui stavano
seduti, il barattolo delle sigarette. — Mia moglie sapeva che saresti
venuto a farle visita?

E pensò nel medesimo tempo:

— Anche lui! A qual punto è arrivato?

— La contessa? — rispose Silvio, con lo stesso fare distratto. — Mio
Dio, sì, credo di averle detto iersera a teatro....

— Ed è uscita! — interruppe Gin. — Ma stamane ci hanno avvertito che la
zia Lorenza è indisposta, e Laura è dovuta andare a trovarla....

Da otto anni, da quando aveva sposato Laura, Gin s'era visto passare
innanzi una sfilata di giovani, d'uomini maturi, anche di vecchi, i
quali tutti, l'un dopo l'altro, avevano tentato di portargli via la
moglie. Li conosceva benissimo; i più volevano Laura per vanità, perchè
aveva fama di virtù quasi selvatica; altri per provare, per il romanzo;
pochi per amor vero, quantunque non tenace nè profondo. Cominciavano
scherzando, spiegavano le stesse arti, s'accaldavano vie più, eran messi
a dovere e se ne partivano, o s'acconciavano a diventare amici. “Vengono
grassi e se ne vanno magri„, pensava Gin, accarezzandosi i baffi
rossastri per nascondere la bocca che sorrideva. Tutti quei postulanti
ignoravano l'orgoglio senza freno di Laura, la quale avrebbe dato odio
invece d'amore all'uomo che fosse stato capace d'impossessarsene.

Silvio Baldeschi era diverso. Gin non avrebbe potuto dirne la ragione,
ma lo sentiva.

E aspettando Laura, lo intratteneva quel pomeriggio con una discorsa
politica, in cui spiegava una facondia inutile, perchè Silvio la pensava
come lui.

L'impazienza del giovane non si tradiva che al movimento continuo con
cui batteva del piede sinistro sotto la tavola il tempo d'un galop
impercettibile. Il tumulto intimo ond'era travagliato da più mesi e il
contegno di Gin, la squisita cortesia del quale lasciava capir tuttavia
ch'era uomo con cui bisognava fare i conti, lo turbavano sempre,
serrandolo alla gola. E a un tratto il volto di lui s'illuminò per una
gioia, che non gli era stato possibile dissimulare.

Un domestico, apparso sul limitare del salotto, annunziava:

— La signora contessa avverte che sarà qui tra pochi istanti.

Le labbra dell'uomo rosso e beffardo si schiusero a un sorriso fugace.
Egli s'aspettava che Silvio balbettasse.

Ma il giovane, il quale aveva cominciato a rispondere a Gin, chiuse
forte nella destra il sigillo con cui si spegnevano gli avanzi delle
sigarette, e sfilò la sua tesi sui partiti politici, senza balbettare,
ritoccando qua e là gli argomenti di Gin. Il piede aveva cessato di
battere il galop; un lieve pallore si era dipinto in volto a Silvio
Baldeschi.

— È diverso! — pensò Gin.

E si alzò per andare incontro a Laura che entrava.

— L'amico Baldeschi ti aspettava pazientemente, — egli disse.

Laura sorrise al giovane, che divenuto tranquillo, era balzato in piedi
prima di Gin, al fruscìo delle gonne.

Laura non contava trent'anni ancora; dritta come il suo orgoglio.

— Ti chiedo scusa, Baldeschi! — disse Gin, salutando Silvio con un gesto
familiare della mano. — Arrivederci, Laura!

E uscì.

Era piuttosto irritato che triste. L'amore di Silvio, un vero amore
quale Gin non aveva mai supposto, un amore disperato che aveva preso il
giovane, squassandolo come una pianta indifesa sotto la tempesta,
irritava l'uomo rosso e beffardo. Egli non amava la moglie; il suo
carattere, aspro nel fondo e ignaro di tenerezza, gli concedeva soltanto
d'essere superbo e soddisfatto di Laura. L'amore degli altri, di tutti
gli altri, giovani, maturi e vecchi, per la donna che gli apparteneva,
gli era sembrato, fino a quel giorno, strano e ridicolo. Da quel giorno,
cominciava a sembrargli minaccioso, lo turbava nei suoi facili giudizi,
lo costringeva a pensare a Laura in maniera nuova, a guardarla con una
curiosità inquieta. Ella sapeva gli spasimi di tutti quegli uomini, la
disperazione di Silvio, e non aveva mai detto parola. S'erano
intrecciate e snodate intorno a lei le vicende di più drammi intimi, e
non aveva mai detto parola. Il marito non poteva chiedere che la fedeltà
di lei.

Quando Gin tornò a casa dalla sua passeggiata, Laura gli disse:

— Abbiamo a pranzo Silvio Baldeschi, stasera.

— Va bene.

— E il Della Torre, Enrico Landi, il Mapelli e il Castiglioni.

— E signore? Neppur una?

— Neppur una! — ripetè Laura ridendo. — Signore più di rado che sia
possibile. Non mi fido che degli uomini.

— Mi dispiace di non poter dire altrettanto! — mormorò Gin.

— E che puoi dire? — interrogò Laura, andandogli incontro.

— Nulla. Tu sai che non ho mai dubitato. Ma non è merito degli uomini
che vengono qui.

Laura avanzò e lo guardò negli occhi.

— Non ti sono stata sempre fedele? — chiese dolcemente.

— Sì, bella! — rispose Gin, sfiorandole con una mano i capelli bruni e
lucidi, una foresta domata. — Sempre bella e sempre fedele.

Tacque un istante, poi fu ripreso dal suo bisogno di sarcasmo.

— Non so se a buon mercato, — soggiunse.

Laura gli gettò uno sguardo lungo, e non rispose. Allora Gin fu stupito
di sè stesso, perchè improvvisamente, impensatamente, quasi con un
tremito nella voce, riprese:

— Non ti piacerebbe che viaggiassimo un poco! Un poco, lontano, in
Oriente, a capriccio, dove tu vorrai?

Laura inarcò le sopracciglia, attonita, e rise:

— Oh, oh! — disse. — Che cosa pensi. Gin?... Vado a vestirmi. Metterò un
abito rosso, tutto rosso di fiamma. Ti piacerò?

— Va, fiamma rossa! — fece Gin, accomiatandola con un'altra carezza sui
capelli. — Ma quel viaggio avrebbe del buono; un bel viaggio lungo....

La donna scosse il capo, e uscì ridendo.

A pranzo fu veramente la fiamma rossa, la bella fiamma costante, che
scalda o brucia il cuore. Inguainata nell'abito amaranto dolcemente
scollato, Laura si sentiva molto lontana da quegli uomini, i quali
tutti, l'un dopo l'altro, le avevano offerto il loro amore. E l'eleganza
della fiamma rossa, che imprigionando la bianca venustà delle linee,
avvivava il carnato del volto e del petto, turbò gli invitati. Si
punzecchiarono un poco, illudendosi di poter essere amati da Laura non
appena avessero tolto di mezzo i rivali.

Silvio Baldeschi era allegro: entrando, non aveva detto parola a Laura
del suo abbigliamento, quasi non l'avesse notato; rideva e parlava con
disinvoltura, guardava indifferentemente la giovane, suo marito, gli
amici, tra cui non pareva degnarsi di temere avversarî. Ma di tanto in
tanto, col piede sinistro batteva il ritmo del galop impercettibile,
sotto la tavola, e qualche gesto si mutava bruscamente in uno scatto.

Quattro degli invitati giuocarono a _bridge_ dopo pranzo. Laura stette a
conversare con Silvio Baldeschi, seduta al suo fianco, sul medesimo
divano; e perchè i giuocatori parlavano alto negli intervalli e
ridevano, Laura e Silvio s'arrischiavano a parlare essi pure quasi alto.

Silvio le disse:

— Parole d'un morente. La mia vita, per ventiquattr'ore, sarà nelle
vostre mani.

Gin udì. In piedi, fingendo seguire le vicende del giuoco, volgeva le
spalle. La voce secca e breve di Silvio che giuocava un più formidabile
giuoco, lo penetrò a fondo. Laura aveva forse risposto con un gesto o
con gli occhi. Gin non udì che questo di lei, detto leggermente:

— È mai stato al Cairo, Baldeschi? Noi ci andremo, Gin e io, quest'anno.

— Buon viaggio! — rispose Silvio ridendo.

Gin si volse e, avvicinatosi ai due, parlò d'un'escursione ch'egli aveva
compiuto venti anni prima in Egitto.

— Vent'anni! — esclamò Laura, alzandosi per servire il tè. — Mio marito
parla di venti e trent'anni or sono con un coraggio invidiabile.

— Venti e trenta e quaranta! — insistette Gin. — È la civetteria dei
vecchi; ricordare meglio dei giovani, e vivere come i giovani.

Silvio si morse le labbra per non rispondere una frase insolente.

La serata non ebbe altro di notevole; forse, verso l'ultimo, Silvio
trovò maniera di dir qualche parola minacciosa a Laura, perchè la donna
sembrò un istante turbata a Gin. Ma più tardi la udì nella sua camera da
letto cantare graziosamente a mezza voce un'aria dell'_Histoire d'un
Pierrot_.

L'indomani ella non uscì di casa tutto il giorno; nel pomeriggio fu
singolarmente irrequieta.

— Io vado al Circolo, — le disse Gin, passando dal suo salottino.

La giovane stese una mano per trattenerlo.

— No! — interruppe. — Non uscire, Gin. Tienmi compagnia....

— Come? — esclamò Gin sorpreso. — Non devo uscire? Sai che ci son le
elezioni al Circolo....

— Esci, allora, se vuoi! — rispose Laura bruscamente.

Gin si volse al domestico, il quale gli teneva il soprabito, e ordinò:

— Avverti Giacomo che stacchi. Non esco.

— Ti ringrazio, Gin, — mormorò Laura. — Puoi uscire dopo le sei e
giungere ancora in tempo al Circolo per le tue elezioni; non è vero?
Adesso fammi compagnia. Non vi piace la presidenza del Circolo e volete
mutarla; me lo ha detto iersera il Della Torre; e per chi voterai, Gin?

Gin parlò del Circolo, della presidenza vecchia e della nuova, poi di
_Turchetto_, un baio irlandese da sella, che zoppicava, e di altre
piccole cose. Fu più del consueto attento e gentile con sua moglie, si
trattenne a prendere il tè nel salottino, il che non avveniva da anni; e
verso le sei, invece di uscire, discese con Laura in giardino e andò a
trovare di nuovo _Turchetto_, il quale aveva ricevuto la visita del
veterinario.

Dopo pranzo, tra le nove e le dieci, venne la notizia. La portò un
servo, il quale, essendo stato mandato a impostare delle lettere, s'era
imbattuto nel cocchiere di Enrico Landi e aveva udito da lui i
particolari del fatto. Il servo sentì il dovere d'avvertirne
rispettosamente Gin.

— Che cosa c'è? — disse Laura, vedendo che alle prime parole del
domestico, Gin era impallidito e aveva fatto cenno di tacere.

— C'è che.... Silvio s'è ferito, stasera, maneggiando la rivoltella....
Non è vero, Antonio?

Laura si drizzò in piedi, aggrappata alla tavola, e fece alcuni passi
vacillando....

— Esco, Laura, — soggiunse Gin, — vado a prendere notizie.

Laura si fermò e ricadde sulla poltrona in cui stava prima seduta. Non
vedeva bene, non sapeva dire se Gin e il domestico fossero tuttavia sul
limitare; una nebbia nerastra invadeva il salotto, le luci delle lampade
illanguidivano, s'udiva un tintinnìo lontano, insistente. L'odore d'un
fascio di rose traboccanti da una catinella argentea sulla caminiera,
era insopportabile; morivano!...

Quando fu per istrada, Gin si domandò perchè fosse uscito; poteva
tornarsene e dar la notizia a Laura senz'altro, poichè Antonio aveva
parlato chiaro, era informato bene. Tuttavia fermò una vettura, vi salì,
si fece condurre a casa di Silvio.

Potè passare, quantunque tra i parenti e i curiosi che ingombravano la
palazzina Baldeschi un personaggio che rappresentava l'autorità
giudiziaria si mostrasse assai severo nel concedere il passo fino alla
camera di Silvio.

— Conte Iginio Malaspina, — dichiarò Gin. — Non vorrà respingere il
migliore amico del defunto?

Il funzionario s'inchinò, e Gin, preso animo, soggiunse, prima
d'entrare:

— Si sa il motivo?... Ha lasciato lettere?

L'altro si strinse nelle spalle.

— Non una parola, signor conte. Qualcuno ha detto nevrastenia
acutissima.

— Acutissima, — ripetè Gin confermando. — È naturale.

E varcò la soglia, si diresse al letto su cui era composto il cadavere.
Rimase immobile a guardarlo, col cappello tra le mani, senza riconoscere
quelli che stavano in un angolo della camera a singhiozzare.

Per Laura, per la sua donna, per la fiamma rossa, per l'orgoglio!...

Aveva la fronte spaccata e la ferita diventava enorme, prolungata da una
riga di sangue che filava giù per la tempia destra, giù per la guancia,
fino all'angolo delle labbra. Era placido, ma bianco, interamente bianco
nel volto.

Per Laura, una giovinezza florida spezzata a ventisei anni, come se
Laura fosse stata la gioia, l'ebbrezza, tutta la vita medesima, tutto un
avvenire impareggiabile! Egli, Gin, aveva preso il tè con lei poche ore
prima, e assai quietamente le aveva fatto qualche carezza; e poteva
quando voleva, farle indossare o farle togliere l'abito rosso con cui
era apparsa l'ultima volta agli occhi di Silvio; ed era sua, come una
cosa bella, da otto lunghi anni, e per altri anni, per sempre, sarebbe
stata sua, a suo capriccio, a suo gusto.... Silvio Baldeschi n'era
morto.

Gin si scosse e andò con un turbamento sincero a baciar la mano alle
signore che singhiozzavano, a condolersi con gli uomini.

— È terribile, è terribile! — egli disse, gettando ancora uno sguardo
alla fronte bianca spaccata.

Quindi uscì, riprese la vettura e tornò a casa. In verità, non sentiva
più nulla; un prepotente, con la minaccia della morte, aveva voluto
rubargli l'amore di Laura; poi si era ucciso, mantenendo la parola.

— Era un buon giuocatore! — pensò Gin.

Non sentiva più nulla, se non il desiderio di rivedere Laura subito,
d'assicurarsi che era a casa, scombuiato puerilmente dal pensiero
assurdo che potesse non esservi più. E non trattenne un largo respiro di
sollievo quando la trovò nella sua camera, distesa a metà sul letto, gli
occhi chiusi.

Gin s'avvicinò cautamente, e s'indugiò a guardarla come capisse infine
tutta la malinconia leggiadra di quel volto, che per lui non aveva
maschera d'orgoglio ed era dolcemente femmineo. La chiamò sottovoce.
Ella sbarrò gli occhi senza muoversi, glieli fissò in volto senza
parlare, poi li richiuse.

— Ebbene, Laura, — disse Gin, chinandosi fin quasi a metter la testa
presso la testa della giovane. — Si giuocava un giuoco d'inferno intorno
a noi, la vita di qualcuno, la mia, forse la tua. E una vita è
scomparsa....

Tacque; percorse di nuovo con lo sguardo tutta la bella persona agile e
forte.

Di sotto le palpebre chiuse di Laura sfuggivano le lagrime e scendevano
lungo la guancia. Gin aveva visto poco prima filare il sangue giù per la
guancia di Silvio. Lagrime e sangue per lui, per il suo amore e per il
suo diritto. L'uomo aspro e beffardo, che non aveva detto quasi mai
parole care alla sua donna, sentì una vampa di gelosia ardergli il
cuore, e le sue labbra si dissuggellarono.

— Ti amo, Laura, — disse con un'esitanza timorosa. — Mi ami, tu?

E aspettò la risposta trepidando, come avesse chiesto l'amore a una
donna nuova, che non aveva mai conosciuta prima di quel giorno.

Laura stette con gli occhi chiusi e la testa reclinata sul letto, ma
allungò un braccio, ne ricinse il collo di Gin, trasse questi a sè, e
gli mise la bocca sulla bocca, in silenzio.



NINNÌ NON È GELOSA.


In piedi innanzi al grande specchio, nella sua camera da letto, ha tolto
i pettini dai capelli che sono balzati giù, neri e violenti, per le
spalle; poi li ha raccolti, li ha fermati ancora in una massa scomposta;
e di nuovo li ha liberati, lasciandoli fluire da tutte le bande.

Siccome questo giuoco ha il potere d'irritare sordamente suo marito,
Ninnì lo ha fatto tre volte, ed è in via di farlo la quarta. È vestita,
o meglio è avvolta in una vestaglia della quale poco si capisce;
un'ondata, una spuma di merletti la circonda intera, e le braccia un po'
magre sbucano da quella groviglia di trine, alzandosi ora a sciogliere i
capelli, ed ora a riappuntarli. Mentre lavora così assiduamente, finisce
un lungo discorso:

— Potevi dirmelo, vedi? Potevi dirmelo che andavi da quella scempia; ci
sarei venuta anch'io! Non indovino perchè tu vi sia andato solo, o
indovino troppo.... Già, è una stupidina; e per ciò ti piace.... Basta
che una donna sia stupida perchè tu le faccia la corte.... Sei un
sentimentale.... Mi rincresce dirtelo; con quelle tue arie da
moschettiere, non sei che un sentimentale, e di quindici in quindici
giorni mi tiri fuori un'amicizia nuova; naturalmente per una donna....
Adesso tocca alla Marnoldi.... Non so intendere, poi, come tu vada a
perderti colla Marnoldi. Una volta non potevi soffrire le bionde, e
questa è così bionda che pare si sia messa in testa una parrucca di
stoppa....

— Ninnì — interrompe Giorgio con voce calma. — Non farmi una delle
solite scene!...

Giorgio è seduto in una poltroncina, le mani nelle tasche, le gambe
distese. La poltrona è, come la tappezzeria della camera, bianca a
triplici righe d'incarnato, e il sole che entra da una bifora, inonda
gaiamente tutta la stanza.

L'uomo è vestito con un abito di mattina color d'avorio; i suoi occhi
seguono l'instancabile ginnastica di Ninnì, la quale ha annodato la
quarta volta i capelli, e sta per liberarli di nuovo. Dal battere delle
palpebre e da un certo moto delle labbra, si intuisce che lo sforzo di
Giorgio per padroneggiarsi è grande.

— Lascia stare Ninnì ti prego! — dice la signora bella. — Quando ne hai
fatta qualcuna o mediti di farla, mi contorni di Ninnì, e siamo pari. È
ridicolo! Anche ieri a tavola, davanti al duca di Telmi e alla
Gualchieri mi hai regalato tre o quattro Ninnì, dei quali non sentivo
alcun bisogno.

Tace; i capelli sono scappati per la quinta volta. Giorgio ha acceso una
sigaretta e guarda con attenzione il soffitto dove, tra nuvole pallide,
è dipinta una pioggia di fiori, che un putto ridanciano butta all'aria
da un gran canestro. Dal mezzo pende un grappolo di lampadine
elettriche, il cui raggio è velato la notte con una fitta frangia d'oro
e rosa.

— Scene? — esclama Ninnì di repente, come si ricordasse. — Scene di che?

— Scene di gelosia, — spiega Giorgio pacatamente.

Ninnì s'è rivolta con un balzo; anzi ha fatto un giro su sè stessa....

Ha il viso bianco, capriccioso, ardito, che può piacere e non piacere;
ma la linea dall'omero al fianco, dal fianco al ginocchio, dal ginocchio
al piedino s'intravede, ed è stupenda. Giorgio l'ha sposata per la linea
e centomila lire di rendita.

— Gelosa? Gelosa io?... T'inganni, Cocco! — ella esclama, con uno
sfavillìo nello sguardo.

C'è questa differenza tra marito e moglie. Il marito dice Ninnì alla
moglie quando vuol quietarla e blandirla; la moglie dice Cocco al marito
quando è furiosa e ogni altra maniera d'aizzarlo, compresa la cascata
dei capelli, non ha sortito alcun esito.

Infatti a sentirsi chiamar Cocco, come un pappagallo, Giorgio ha dato un
guizzo e le sue mani hanno stretto nervosamente i bracciuoli della
poltrona; ma è riuscito a vincersi ancora. Così, dritta, gli occhi
luccicanti d'ira, le narici frementi, i capelli abbandonati a fiotti,
vestita e non vestita, Ninnì è veramente bella; Giorgio non ha alcuna
voglia d'attaccar briga, perchè Ninnì è veramente bella.

— Ah tu credi ch'io sia gelosa? — ella esclama con una risata un po'
stridula. — Ma no, caro, t'inganni! Gelosa della Marnoldi! Non mi degno!
Ho troppo orgoglio, io, troppa dignità, per discendere a queste
bassezze. Non ti piaccio, non ti garbo, ne preferisci un'altra? E sta
bene. Come dite voi? _De gustis e coloris_....

Giorgio interrompe con un gesto, quasi volesse cacciarsi le mani nei
capelli.

— _Non est disputando_, — conclude imperterrita Ninnì. — Gelosa no,
davvero! Soltanto, questo voglio ed esigo: che se hai una favorita, non
me la metta sotto il naso; che tu non vada a trovarla, solo, in giorni
in cui non riceve, e poi venga a dirmelo. Se godi le _petites entrées_
della Marnoldi o di qualunque altra sciocca, sii discreto anche con me,
sopratutto con me!... Non mi pare di domandar troppo! Ma gelosa no,
gelosa no davvero! Non sono stata mai gelosa di alcuna, se pure mille
volte più bella di me. Io sono corazzata dal mio orgoglio, e mi
vergognerei d'un sentimento così volgare.

Giorgio accende un'altra sigaretta.

— Oh, io sarei gelosa! — prosegue Ninnì, avvicinandosi al marito. — Come
puoi tu pensare questo? Mi conosci ben poco, se supponi che io mi pieghi
fino a contrastarti a un'altra. Ti piglino pure, ti rapiscano anche:
s'accorgeranno presto che non metteva conto di portarti via alla tua
povera moglie!... Gelosa!... E così mi conosci? Già, bisogna
confessarlo; a conoscere una donna, tutti, presto o tardi, arrivano,
fuor che il marito. Il duca di Telmi mi conosce meglio di te; se
dicessero al duca di Telmi che io sono gelosa....

Giorgio s'è alzato di scatto; e frenandosi immediatamente, affondate le
mani nelle tasche della giacca, è uscito senza volgersi. Poi ha dato
ordine di sellare ed è andato a fare la sua passeggiata a cavallo.

Ninnì non è gelosa. Il più spesso ha torto, ma quando dice che non è
gelosa, non le si potrebbe negar ragione.

Basta che Giorgio faccia l'elogio non di una donna, ma d'un
abbigliamento femminile, perchè il cuore di Ninnì sanguini in silenzio;
e non dice verbo, la giovane, e non si spiega. Ma alzando gli occhi,
Giorgio vede un piccolo muso e una piccola fronte corrugata.

— Che hai?

— Niente.

— Non vai a vestirti?

— No: grazie.

— Come, non usciamo? Non volevi fare una trottata?

— No; va tu. Io ho un po' d'emicrania.

Non si esce. Allora, pazientemente, lentamente, con un lungo lavorìo
d'inquisizione, Giorgio comincia a indagar la causa dell'emicrania, che
è cattivo umore, che è dispetto. E Ninnì tace. Tace una, due, dieci
volte, fin che Giorgio trova la via, e con accorta sbadataggine ritorna
al discorso di prima:

— Sicuro; la Palmieri sta benissimo con quel suo abito grigio tutto
attillato.... È una figuretta, come dire? una figuretta elastica, magra,
ma gentile; e quel suo abito grigio.... Che hai? Ti senti poco bene?

Ninnì, sdraiata sul divano, col capo all'indietro, ha dato un sobbalzo;
le sue piccole mani si son chiuse a pugno. Sembra che le tanaglino le
carni, e Giorgio sorride leggermente.

— Giorgio, te ne prego, finiscila! — grida Ninnì quasi implorando. —
Finiscila con quella tua Palmieri, con quella tua figuretta elastica e
gentile!... Ho capito, ho capito: l'abito grigio è una meraviglia.... Tu
non hai occhi che per le altre; se l'avessi indossato io, quell'abito
grigio, non te ne saresti neanche accorto.... Ma io non ho la figuretta
elastica, si sa, la figuretta gentile....

— Tu sei tutta adorabile, — dice Giorgio, chinandosi per baciarla.

— Tutta adorabile! — ripete Ninnì, respingendolo bruscamente. — E quando
vede le altre, lui, saltella come una cavalletta.... E per chi, poi? Per
quella Palmieri che ha due piedi i quali mi rammentano gli _sky_ e due
orecchie a ventola.... Che orecchie!... Non sono gelosa, sai? Non mi
degno....

Ninnì non è gelosa; non si degna.

Una volta ha fatto una cosa molto semplice. Era a pranzo con Giorgio,
sola; non c'erano invitati; e Giorgio tornato dal tè della principessa
Gualchieri, s'era messo a lodarne la bocca, soltanto la bocca dalla
linea sinuosa, dalle labbra vive e lievemente ombrate per una
impercettibile pelurie....

Ninnì ha fatto allora una cosa semplice: afferrato un lembo della
tovaglia, ha rovesciato a terra piatti, bottiglie, bicchieri, posate,
salierine, vasetti da fiori, quanto v'era sulla tavola, mentre il
domestico che serviva, restava duro e impassibile ad attendere gli
ordini.

— Non sono gelosa! — ha dichiarato poi. — Ma che tu, anche davanti ai
domestici, senta il bisogno di mostrarti quale sei, un libertino, è cosa
veramente insopportabile!

Per Ninnì, tutto è insopportabile. Sfugge i convegni mondani quanto le è
possibile, perchè l'esperienza le ha insegnato che un marito e una
moglie per bene son come due estranei in società e non devono mai
trovarsi insieme, se non vogliono essere uccisi dal ridicolo. Il marito
si occupa delle signore, mentre gli uomini gli corteggiano la moglie. E
ne viene per Ninnì un martirio atroce; deve difendersi da molti esperti
ganzerini che la circuiscono con madrigali e con dichiarazioni, e deve
aver l'occhio a Giorgio; ma il più spesso Giorgio è in una sala e Ninnì
in un'altra; la giovane non può correre a cercarlo, nè svelare
l'angoscia che la rode, e le leggi mondane le impongono di star ferma,
di sorridere e di rispondere e di dare il braccio al duca di Telmi e di
ballare col principe Gualchieri e di farsi accompagnare al buffet da un
terzo (mio Dio, Giorgio è con la Marnoldi!), e di essere gaia,
spensierata, amabile, un po' civetta, un tantino scettica. Che cosa le
manca?

Le manca Giorgio, ai balli e ovunque. Vorrebbe essere il bicchiere
ch'egli reca alle labbra, il libro che tien fra le mani, il lastrico su
cui posa il piede, e vorrebbe nello stesso tempo ch'egli fosse libero e
potesse vivere con piacere.... Vorrebbe molte cose contradditorie, e un
bel giorno arrischia di perdere interamente la testa.

Durante una passeggiata a cavallo ha notato che la premura di Giorgio
per la marchesa Rusticucci oltrepassa il segno della convenienza, e che
tra l'uno e l'altra si scambiano occhiate e sorrisi, che Ninnì definisce
per “terribili„. Fa tutta la sua cavalcata senza schiudere labbro, non
badando affatto al duca di Telmi, il quale s'affretta a essere con lei
così premuroso come Giorgio è con la marchesa, ma non gli toccano, al
più, che sorrisi gelidi, e Ninnì si dimentica anche di ringraziarlo.

All'indomani piomba dalla marchesa Rusticucci. Questa non riceve ed è
anzi per uscire, ma udendo il nome di Ninnì, le va incontro, le tende le
mani amichevolmente: e Ninnì le dice con voce rauca:

— Ti piace Giorgio? Ti piace mio marito? Vuoi portarmelo via?

Al veder la faccia scombuiata dell'altra, capisce lo sproposito che ha
commesso, e aggiunge subito:

— Oh te ne supplico, perdonami!... Non sono gelosa; ma gli voglio tanto
bene!... Sono venuta in casa tua a offenderti.... Ti domando perdono....

La marchesa che ha dieci anni più di Ninnì, i capelli biondi un po'
tinti e un po' finti, e parecchie date fatali nel suo calendario,
sorride, se la stringe al petto e la racconsola; anzi la conduce a
passeggio in carrozza perchè si distragga, ed è molto buona con lei....
Ma avverte Giorgio, più tardi:

— Quella vostra pupa bisognerà educarla, se non volete che un giorno o
l'altro vi dia qualche seccatura. Non è ancora _dressée_....

Per _dresser_ la piccola tigre, Giorgio fa sforzi sovrumani, e non vi
riesce.

Egli era sincero, in principio, raccontava tutto: “La tale mi piace;
Tizia si veste bene; Sempronia riceve con molto garbo„. Ma non è stato
possibile seguitar per la via. Agli occhi di Ninnì, ogni donna
menzionata da Giorgio con parole lusinghiere era un'amante, cosicchè si
sarebbe detto che egli ne seducesse una la mattina e una la sera. Allora
Giorgio non ha più aperto bocca, e si è guardato accuratamente
dall'esprimere un'opinione intorno alle amiche di sua moglie; e questa
cautela ha dato per frutto che ogni qualvolta Ninnì ha scoperto che
Giorgio è andato a trovare la Marnoldi o la Palmieri ed è stato zitto,
il silenzio del marito le è parso indizio certissimo di tradimento.

Giorgio s'è anche provato a discutere, dimostrando a Ninnì ch'egli
l'adora ed è fedele; che se non fosse fedele, non sarebbe tanto sciocco
da additar con espressioni ammirative proprio quelle che non dovrebbe
mettere in troppa luce; che un po' di galanteria, d'innocuo
corteggiamento, è necessario al ben vivere....

— È necessario? — ha osservato Ninnì. — E allora, te la troverò io, la
donna da corteggiare per il ben vivere.... Deve essere simpatica a
me.... Te la troverò io....

E l'ha trovata, con immenso stupore di Giorgio.

Egli credeva che sua moglie dovesse comparirgli innanzi un giorno con
qualche amica gobba o guercia o almeno sessantenne; e non è a dirsi la
meraviglia di lui allorchè dalle preferenze concesse, dalle espressioni
di simpatia, dall'intimità ostentata, ha potuto comprendere che Ninnì si
fida di Tatiana Cordiglieri.

Tatiana Cordiglieri è un'importazione; figlia del principe Sebastow, —
al Caucaso i grandi proprietari hanno tutti il titolo di principe, o se
lo prendono, insieme col treno che li conduce all'estero, — Tatiana ha
ventitrè anni, e da due è sposa al vecchio conte Cordiglieri, deputato
al Parlamento.

Si sa che l'on. Cordiglieri ha fatto enormi sacrifici pecuniari per il
partito liberale-conservatore, il quale lo rimerita chiamandolo
“l'illustre Uomo„ con l'U maiuscola; i partiti restituiscono sempre i
quattrini a questa maniera. E l'illustre Uomo se n'è compensato,
sposando Tatiana Sebastow, della quale erano assai più tangibili e
sicuri i milioni che il titolo di principessa.

— Corteggiala pure, — ha detto Ninnì a Giorgio quasi sfidandolo. — È una
slava; carattere fiero, dritto, leale.... Le slave son meglio delle
italiane; non si lascian pigliare all'amo del sentimentalismo; poi sono
fredde e logiche, e non mancano ai loro doveri....

Giorgio si è chiesto invano quando e come sua moglie abbia appreso tanta
scienza etnografica; ma ha visto che Tatiana è molto graziosa: carnato
scuro con occhi cilestrissimi; capelli castani a riflessi dorati;
statura al disotto della media, per le quali stature sono state scoperte
apposta le statuette di Tanagra. E gode una libertà sconfinata, perchè
l'onorevole Cordiglieri deve aver delle slave la stessa opinione che
Ninnì.

Tatiana ride spesso, di tutti e di tutto; ma nervosamente, con qualche
improvviso sprazzo di malinconia, che indica una lacuna nel suo
sentimento, un dubbio nella sua vita, una volontà oscura e inquieta, che
potrebbe chiarirsi domani. Le piace molto l'Italia, e in un anno ne ha
imparato la lingua, che parla con lieve accento esotico, dimenticando
spesso gli articoli e le doppie, e moltiplicando le dentali, ma
piacevolmente.

— Caro Giorgio Nicolajevic, — dice talora sorridendo. — Io farò qualche
follia per il vostro magnifico paese....

— Speriamo, speriamo! — risponde Giorgio con umiltà.

E a Ninnì rende conto delle sue impressioni.

— Hai ragione; è un carattere di ferro. Come vuol bene a suo marito! Non
vede altri al mondo, e sarebbe ridicolo corteggiarla.

— Sarebbe ridicolo anche perchè è brutta, — risponde Ninnì. — Non mi
dirai che quella pelle di rame con quegli occhi di porcellana e i
capelli di tutti i colori siano gli attributi d'una bella donna. Ma è
tanto buona e tanto seria, poveretta, che io le voglio bene come a una
sorella....

L'on. Cordiglieri è a Roma, in procinto di fare altri sacrifici pel
partito liberale-conservatore; l'illustre Uomo sta guadagnandosi anche
l'I maiuscola. Ha lasciato Tatiana in provincia, perchè la sua giovane
moglie, dopo averla sognata da lontano, ha sentito d'un tratto una certa
avversione per la capitale, e teme che l'aria non le convenga.... Sta
benissimo dov'è, tra Ninnì e Giorgio che le tengono una così bella
compagnia.

Giorgio, specialmente, le tien compagnia. Da quando per imprevisto
decreto di Ninnì, Tatiana è diventata sua sorella, Giorgio s'è fatto più
assiduo e audace, ne parla senza timore, si abitua al suo tè troppo
aromatico e alla sua automobile troppo veloce; non fa una gita con Ninnì
se non abbia al fianco Tatiana, rassegnandosi a far qualche gita con
Tatiana anche se non ha al fianco Ninnì.

— È peccato, — osserva questa un giorno,-è peccato che non sia felice.
Si capisce che non è felice, non è vero? perchè muta così bizzarramente
d'umore....! Io so; le manca un bimbo, un piccolo bambino che dia uno
scopo alla sua vita.... Se avesse un bambino, sarebbe felice....

Giorgio non risponde, e accende una sigaretta.

La Marnoldi, la Rusticucci, la Palmieri, tutte quelle che Ninnì chiamava
con pochissimo rispetto “le favorite„, non dicono mai parola di Tatiana
Cordiglieri; hanno il silenzio ironico e si divertono a chiedere a
Giorgio se veramente il tè si dice _ciai_ in russo e se “ti amo„ si
traduce proprio _Ya lublù tibià_.... Giorgio sta duro ed evita
d'incontrarle.

Il duca di Telmi serra più dappresso Ninnì, che si stupisce della sua
costanza quasi rabbiosa. Egli è attento, ostinato, longanime; ma quando
gli viene alle labbra una insinuazione sulla condotta di Giorgio, se la
ringóia, lisciandosi la barba stupenda.

Poi, d'un tratto, passa un'ombra di malinconia nella vita di Ninnì.

— Sai? — annunzia a Giorgio. — Perdiamo Tatiana!... Va a Roma, a
raggiungere suo marito. Così, improvvisamente, bruscamente; non è più
d'un mese, mi diceva che non avrebbe messo piede a Roma fin che suo
marito non fosse venuto a prenderla; aveva paura delle febbri, come
tutti gli stranieri che non ci sono mai stati.... E ora, eccola che
parte!... Mi dispiace molto, molto; le volevo bene, te l'ho detto, come
a una sorella.... E non tornerà, vedrai; si abituerà a Roma....

— Tornerà, — dichiara Giorgio pacatamente. — Non trovo affatto strano
che una moglie raggiunga il marito. Avrà qualche cosa da dirgli....

Segue un breve silenzio; Ninnì si raccoglie a meditare, aggrondata la
fronte e riunite le labbra a un piccolo muso.

— Giorgio!...

— Che hai?

— Non l'avrai mica disgustata con la tua corte? Non le avrai snocciolato
le solite sciocchezze della figuretta gentile ed elastica? Con le slave
non si possono dire queste cose.... Mi dispiacerebbe per lei,
intendiamoci; parlo per lei, non per me. Io non sono gelosa....

— Non sei gelosa, lo so, non ti degni!... Ma ti pare, Ninnì? Corteggiare
una tua sorella? E poi così fredda e logica, così diversa dalle
italiane, così nemica del sentimentalismo?... Ah, bisogna dirlo alto: le
slave non mancano ai loro doveri....

E perchè Ninnì non gli veda gli occhi che ridono, Giorgio s'inchina ad
accendere la sigaretta, tenendo il cerino tra le mani chiuse a coppa,
come se nel salotto soffiasse un vento infernale....



LA SIGNORINA EMPIASTRO.


Pochi giorni prima di prendere congedo dalla famiglia Grifi,
l'istitutrice si degnò di confidarsi con la cameriera. Era
un'istitutrice francese, la quale parlava l'italiano con sufficiente
esattezza; e doveva essere sostituita da un'istitutrice inglese, la
quale parlasse il francese con sufficiente esattezza.

— Io sono contenta d'andarmene, — disse Mademoiselle. — Non posso
lagnarmi della signora e del signore, che mi han trattato sempre bene.
Ma la signorina! Come fate voi a resistere? Come si può starle vicino
senza impazzire? In un anno, ho percorso tutta una _Via Crucis_ che non
dimenticherò più. Me ne vado, e sono contenta. Sono contenta di lasciar
la casa e la signorina Empiastro....

La cameriera, stupefatta a udir così definita brutalmente la piccola
Nora Grifi, non trovò risposta; ma il soprannome di signorina Empiastro
per la fanciulla di sedici anni tutta gentile, le parve disgraziato e
ingiusto.... E quando Mademoiselle se ne fu andata coi molti bei regali
che i signori Grifi non mancarono di farle, la cameriera osò aprirsene
con Nora.

Andò una mattina, come di solito, a svegliarla assai presto; e mentre la
giovinetta, appoggiata ai guanciali, i capelli bruni sparsi sugli omeri,
centellava la sua cioccolata, e guardando fuor dalla finestra aperta a
piè del letto, sorrideva al bel sole e al cinguettìo insolente dei
passeri in giardino, la cameriera le chiese se non le dispiaceva che
Mademoiselle avesse lasciata la casa.

— No, vedi, non me ne importa nulla! — rispose Nora scuotendo il capo. —
Non me ne importa nulla, perchè non potevo volerle bene.... Avevo
provato a volerle bene, ma mi sono accorta che la infastidivo, che non
intendeva rinunziare per me alla sua poca libertà, che mi guardava come
avessi voluto incatenarla.... E allora, non le ho voluto bene....

Restituì il vassoio alla ragazza e gettate le coltri, infilati i piedini
nelle pianelle, avvoltasi nell'accappatoio color di fiamma viva, s'avviò
per correre al suo bagno.... Ma si fermò di repente, come pensierosa,
mentre la cameriera la guardava nella dorata luce solare, dritta e
fresca a guisa d'un fiore porpureo.

— La colpa è mia! — disse Nora a mo' di conclusione. — Io non so voler
bere. Stanco tutti. Ho stancato la mamma e il papà e Mademoiselle e le
mie amiche.... Mi chiamano la signorina Empiastro....

— Come, lei sa?... — esclamò la ragazza sbalordita.

— Lo sai tu pure, mi sembra?

— Me lo ha detto Mademoiselle ieri l'altro.... — balbettò la cameriera.

— Vedi? Lo sanno e lo dicono tutti!... La signorina Empiastro significa
una fanciulla che ha bisogno di voler bene, e non sa voler bene coi
dovuti riguardi, e si attacca troppo, e annoia e infastidisce e
irrita.... Io sono la signorina Empiastro....

Spiccò un salto, a pie' pari, come un puledro che caracollasse, e prima
d'entrare nell'alcova, si affacciò alla finestra, guardò i cimi degli
alberi agitati dallo svolazzare dei passeri, li salutò con molti cenni
del capo e rise; poi scomparve. La cameriera udì il tuffo nell'acqua, e
corse a deporre il vassoio per tornar nell'alcova ad asciugare la
fanciulla.

In casa, Nora Grifi comandava; le mettevano al fianco una istitutrice
d'un qualunque paese che non fosse italiano, e la lasciavano
sbizzarrire. La mamma e il papà non la vedevano che all'ora della
colazione e del pranzo, e perchè v'eran quasi sempre invitati, si
scambiavano anche in quell'ora poche parole. Tutto il resto della
giornata era libera; studiava il piano, faceva molti sgorbi
all'acquerello o col lapis, andava a passeggio con l'istitutrice,
s'indugiava in giardino, ch'era la sua più cara proprietà e veniva
coltivato da lei, leggeva i romanzi permessi, sbrigava la corrispondenza
con qualche amica lontana, e si comprava tutto ciò che le aveva destato
una curiosità, la quale non durava più di ventiquattr'ore. Aveva
comperato un grammofono, una bicicletta, una macchina per proiezioni,
una gelatiera istantanea, gli oggetti più strani dei quali aveva appreso
le virtù e le meraviglie dagli avvisi delle riviste; poi li aveva
regalati per far posto ad altre compere....

Non comperava se non per andar nei magazzini e nei negozi a vedere molta
roba accatastata; era il suo divertimento del pomeriggio; le piaceva
l'odor del cuoio, delle stoffe seriche, delle confetterie, e ne
inventava ella stessa, sentendo l'odore dell'argento e dei merletti e
dei gioielli. Qualche volta in un negozio s'imbatteva nella mamma, che
dopo averle detto una parola garbata, raggiungeva la sua carrozza e la
lasciava con l'istitutrice.

Nora non ricordava d'aver mai fatto una passeggiata lunga con sua madre.
Quanto al papà, era giusto; aveva la Banca, la Borsa, e non poteva
sciupar tempo con la signorina Empiastro, che gli si sarebbe appesa al
braccio e avrebbe ciangottato una infinità di piccole sciocchezze per
tutta la durata del passeggio.

I signori Grifi avevano lungamente sognato d'avere un erede; dopo
quattro anni di matrimonio, era nata una femmina, Nora, e la delusione
era stata cocente. La trattavan bene, le concedevano tutto, la
guardavano con indulgenza; ma non si curavano di capirla, nè di farsi
capire. Ella, del resto, aveva già le sue afflizioni: le istitutrici e i
fidanzamenti. La casa era frequentata da gentiluomini brillanti,
ufficiali di cavalleria e aristocratici che avevan vissuto. Di tanto in
tanto, benchè Nora non avesse più di sedici anni, qualcuno si faceva
innanzi, tastava terreno con la mamma e il papà, e si ritirava.

Piaceva, Nora. Era savia, nonostante la sua sventataggine; era bella,
allegra, ricca, seducente per mille inconscie seduzioni femminili. E sua
madre non per altro, se non per obbligo di coscienza, l'avvertiva ch'era
stata chiesta la sua mano.

— Non per oggi, nè per domani, intendiamoci! — soggiungeva. — Sono
disposti ad attendere un anno, due, tre....

— Ho capito! — esclamò una volta la fanciulla con inconsapevole cinismo.
— Cominciano le prenotazioni, come per una _première_.

Toniolo Montalba, che aveva portato quel giorno un cartoccio di _silene
pendula_, diede in una risata.

— Ha detto una cosa grande! — egli esclamò, accompagnandola poco dopo in
giardino.

Per Toniolo Montalba, tutte eran grandi le cose che diceva Nora. Egli
contava ventisei anni; era medico; alto, magro, pallido, intristito da
una specie di pigrizia sentimentale, che pareva averlo addormentato
innanzi tempo. Il destino gli si era messo contro, da un pezzo. Non ne
indovinava una, quantunque, presa la laurea già da cinque anni, avesse
una coltura e un'intelligenza eccezionali. Non aveva clientela; le donne
lo guardavano ironicamente; gli uomini non lo consideravano per nulla.
Guarita Nora da una bronchite minacciosa, era diventato amico di casa;
lo si dimenticava un po', come un mobile; era inutile e necessario a un
tempo. Aiutava Nora nei suoi esperimenti di giardinaggio, parlava poco e
stava molto con le mani in mano, a meditare non si sapeva che cosa.

Nora era spesso accompagnata da lui, dall'istitutrice e da _Trust_, un
barbone simile a un batuffolo di seta bianca. Toniolo aveva suggerito di
far tutto un corredo a _Trust_, e Nora gli aveva fatto un corredo di
nastri e di collaretti e di musoliere e di soprabiti per l'inverno; lo
aveva calzato con quattro piccoli stivali a stringhe perchè potesse
comparire degnamente in salotto e non insudiciasse i tappeti. Lo si
udiva galoppare pei corridoi con quei quattro stivali, che facevano
pensare all'avvicinarsi d'un elefante; e quando s'affacciava, era tale
una risata, che _Trust_ si metteva subito a sedere, guardandosi intorno
stupefatto.

Venne l'istitutrice inglese, e venne insieme una proposta di
fidanzamento del dottor Guidelli.

L'istitutrice, miss Evelina Towsend, era peggio di quell'altra: fredda,
stecchita, meticolosa, si stupiva di tutto, voleva insegnare il
risparmio alla fanciulla, deplorava che avesse tanto danaro, e coglieva
ogni occasione per farle una lezione di morale.

Il dottor Guidelli, giovane e ricco, guardava molto la fanciulla e amava
ascoltarne il chiacchierio; era per lei rispettoso, attento, sollecito,
qualche volta improvvisamente timido.

— Che cosa pensi del dottor Guidelli? — le chiese la mamma, tanto per
chiedere.

— Io? Proprio niente! Voglio comperarmi un paio di guanti bianchi
filettati di rosso, che ho visto ieri. Ti pare che mi staranno bene?

— Ti staranno bene. E allora, il dottor Guidelli?

— Ma che devo farmene? Non ci ho già il dottor Montalba che mi aiuta a
curare le aiuole? Tu vedessi quella sassifraga, com'è riuscita!

Dell'istitutrice si sbarazzò in maniera semplice. Litigò con lei perchè
non le permetteva la sera di fare i “salti mortali„ sul letto, prima di
coricarsi. Nora affermava che tutte le altre istitutrici glielo avevano
permesso.

— Facevamo le capriole insieme. Se lei non sa farle, almeno le lasci
fare a me!

Miss Evelina Towsend non rispose. Nora s'arrampicò sul letto.

— Ha capito? — disse. — Voglio fare i salti mortali, perchè sono una
buonissima ginnastica....

E puntò la testolina sul piano del letto, arcuandosi per darsi la spinta
e rotolare dall'altra par....

— Signorina! — interruppe miss Evelina Towsend. — Io la prego di
trovarsi una nuova istitutrice, perchè non posso assistere a simili
follie scandalose.

Nora abbandonò subito la sua posa preparatoria e si mise a sedere sul
letto. Era tutta chiusa dal collo fin oltre i piedini in una
interminabile camicia da notte, che Nora chiamava la _Transiberiana_ per
la sua lunghezza, e che la faceva parere più bambina. Ma abbozzò un
gesto solenne, dicendo come un Re:

— Accetto le sue dimissioni!

— Ha fatto una cosa grande! — commentò il dottor Montalba quando seppe
di quel congedo. — L'inglese io non lo capisco....

— Bella ragione, che sciocco! — esclamò Nora. — Non l'ho mica mandata
via per questo!

— In ogni modo, ha fatto una cosa grande! — ripetè Toniolo, mettendo la
mano destra nella sinistra.

Miss Evelina Towsend fu sostituita da una istitutrice tedesca, Fräulein
Dorotea Schönberg, una grossa barbabietola di trent'anni, con gli occhi
immobili. Fräulein non faceva mai osservazioni. Fiutata la casa ricca,
vi si piantò, per impinguare tranquillamente il borsellino fin che fosse
venuto il momento di sposare un impiegato della Banca di Frankfurt am
Mein, il quale cantava e beveva divinamente.

— Lei mi piace, perchè non si stupisce di nulla! — disse Nora un giorno.

— No, in verità.

— Io le vorrò bene! — promise la fanciulla, credendo di offrirle un gran
regalo.

— Non troppo! — rispose Dorotea. — Non bisogna amare troppo le persone
che si devono perdere!

La fanciulla rimase intontita; non aveva mai pensato all'economia della
tenerezza.

— Se lei non si stupisce di niente — riprese — io domani andrò a
passeggio vestita da uomo!

— Io credo che lei farà una bellissima figura, — replicò Dorotea
placidamente.

Nora, che aveva contato sulle dimissioni di Fräulein, come gaio
riscontro alle dimissioni di miss Evelina Towsend per “follia
scandalosa„, rinunciò subito all'idea, e si rassegnò a tenersi
l'istitutrice.

Ma non ebbe tempo nè a curarsene, nè a volerle bene, perchè la mamma in
quei giorni fece un lungo discorso a Nora, un discorso prudente che
concludeva con l'avvertirla come il conte Longari avesse posto gli occhi
sulla fanciulla, e, da quanto se ne capiva, intendesse chiederne la
mano.

— Longari! — esclamò Nora. — Io non so perchè tu voglia fidanzarmi con
un uomo che ha un'orecchia più lunga dell'altra.

— Via, Nora, sono fantasie!

— Eh, no, non sono fantasie! E poi è calvo, ossia ha pochi capelli
biondastri. E ci ho già il dottor Montalba che perde i suoi con una
rapidità spaventevole. Tutto questo mi affligge!...

Nonostante quelle osservazioni, lasciò fare: giuocò per un anno alla
fidanzata e ascoltò i discorsi del conte come aveva ascoltato le
cantatine del grammofono, solo dolendosi di non poterlo far cessare a
suo talento.

Ma il conte Silvio Longari guastò tutto, classificando il dottor Toniolo
Montalba quale una persona che si doveva allontanare. La sua frequenza
in casa, le sue funzioni di cane in soprannumero, l'intimità di cui
godeva presso la famiglia Grifi, che lo reputava uno zero utile,
infastidirono il conte; il quale, non per sè, ma per il mondo, espresse
il desiderio che il dottor Montalba diradasse le sue visite.

— Bravo, proprio adesso che stiamo provando una coltura nuova per le
gardenie grandifiore! — esclamò Nora. — Perchè non mi si mette a fare il
geloso anche di Fräulein Dorotea? Eppoi, già, devo dirgliela, conte; io
mi son fidanzata con lei per far piacere a mamma, e avevo osservato, fin
da un anno fa, che ha pochi capelli.... In un anno, è stato un disastro:
si guardi allo specchio, La prego!

Quando si seppe che il conte Silvio Longari s'era ritirato, le zitelle
più anziane di Nora ebbero un brivido di gioia:

— È veramente la signorina Empiastro! — dicevano. — Li fa scappare
tutti! Sì, bella, intelligente, fresca, ingenua, quel che si vuole, ma
uggiosa, piena di capricci e di manie. Vedremo dove andrà a finire....

Anche la mamma s'infastidì per quel brusco scioglimento, dopo un intero
anno di speranze. Il conte Silvio Longari meritava molti riguardi.

— Non ti confondere! — le disse Nora. — Sposerò quell'altro....

— Quell'altro? Quale altro? — chiese la signora Grifi atterrita all'idea
che la figliuola avesse qualche simpatia di cui nessuno sapeva nulla.

— L'altro, quello che verrà.... Non ne salta fuori uno ogni sei mesi?...
Pare che tutti pensino a sposarmi.... Ma che abbia molti capelli, sai, e
mi lasci _Trust_ e Montalba, perchè non voglio mica incomodarmi per i
fidanzati!

L'altro tardò qualche tempo a saltar fuori. I fidanzamenti sfumati avean
recato danno alla fanciulla e giovato alle amiche di lei, che si
ripagavan delle passate ore d'invidia, illustrando il suo soprannome.

Toniolo Montalba diede una conferenza in quei giorni, sulla _semeiologia
dell'apparato respiratorio_. Nora volle andare ad ascoltarlo, per
divertirsi; s'era imaginata che la _semeiologia_ avesse qualche
attinenza col giardinaggio e l'orticoltura. La conferenza fu un fiasco:
pochissimi ascoltatori, sparsi in una sala immensa e male illuminata,
tra i quali Nora e Fräulein avevan destata una curiosità chiacchierona e
irriverente. Nora aveva un cappello smisurato che distraeva l'oratore
già intimidito dalla mancanza del pubblico. Il Montalba parlò male, si
confuse, incespicò, trattenne l'uditorio per un'ora e un quarto senza
mai animarlo; e nessuno si ricordò, a conferenza finita, di tributare a
Toniolo i soliti quattro applausi.

Nora tornò a casa e pianse.

— L'ho rovinato io col mio cappello! — disse alla cameriera. — Ho sul
cappello un maledetto _esprit_, che cava gli occhi e non sta mai fermo.
È impossibile parlar bene di.... di.... quella cosa, davanti al mio
cappello!

Toniolo non parve addarsi dell'insuccesso; tacque, meditò come al
solito, con le mani in mano, e non disse neppure d'aver visto Nora e
Fräulein alla conferenza. Diventato più pigro e trasognato, obbediva
alla fanciulla con la docilità irragionevole di _Trust_.

Ma gli avvenimenti stringevano. La bellezza di Nora, che aveva ormai
diciassette anni compiuti, era delicata e soave: la luce calda che ne
illuminava gli occhi, era addolcita dall'ombra azzurrina delle ciglia, e
un sorriso calmo, ingenuo, puro, attenuava la vivezza quasi procace
delle labbra rosse. Snella e pieghevole, ardita e forte, si conservava
tutta candida nel pensiero, diceva ancora sventatamente ciò che le
passava pel capo, ignorando la civetteria e la doppiezza cortese.

Gli uomini cominciavano a guardarsi in cagnesco per lei. Il dottor
Montalba aveva capito la necessità di farsi meno assiduo e men
familiare. Tra il capitano Demarchi e il conte Sciffi, ambedue
desiderosi di guadagnar le simpatie della fanciulla e di chiederne la
mano, eran corse parole agre, e s'era accomodata la cosa a stento, per
un riguardo a Nora e alla sua famiglia. La signorina Empiastro trionfava
senza avvedersene; pericolosa senza pensarlo; tanto più invidiata e
desiderata quanto meno s'occupava di uomini e di matrimonio.

— State attente, — si dicevan le amiche di lei. — Sposerà un principe,
quella stupida!

La mamma cominciava a riflettere ella pure; qualche candidato lo
rabboniva e lo licenziava da sola, alla lesta, come il professor
Castelli, che aveva trent'anni più di Nora e farneticava di sposarsela,
o il marchese di Serrati, il quale fabbricava il cognac italiano e si
ubbriacava col cognac francese.

Ma di taluni altri bisognava pur parlare con la fanciulla, perchè eran
candidati serii e desiderabili. E occorreva decidersi, per finir quella
processione di spasimanti che ingombravan la casa e obbligavan la mamma
a tener gli occhi sbarrati. A furia d'attendere e di procrastinare, ella
si trovò ad averne tre in un colpo; uno aveva avanzato la sua domanda
regolare; gli altri due, poichè la signora Grifi li fiutava ormai da
lontano, la meditavano.

Nora ne fu costernata. Il tenente Gigino Corrieri aveva i capelli rossi.

— Digli che si tinga! — esclamò la fanciulla con un'irritazione
subitanea. — Si tinga i capelli e i baffi e poi parleremo....

— Nora! — interruppe la madre. — Tu mi diventi tutti i giorni più
bambina. Sei presso a diciott'anni, oramai, e devi pensare
seriamente....

— Ma se non mi piacciono? Il tenente Corrieri, no. L'ingegnere Nicoletti
è un giuocatore. Lo sai anche tu e si profuma come una donna.... Dove va
a pescare i profumi, poi!... L'altro giorno sapeva d'albicocco. Il conte
Gani vuole stabilirsi in campagna. Figurati: a diciotto o diciannove
anni cominciare a vivere a Colombano sul Naviglio o ad Acquanegra sul
Chiese!... Mandali via, mamma, non li voglio vedere! Non mi lasciano
tranquilla, non mi permettono d'essere libera.... È una persecuzione!...
Ci sono tante ragazze, e tutti corrono da me, come non ci fossi che io
al mondo!

E Nora proruppe in un pianto così alto e così pieno, che _Trust_, il
quale assisteva al colloquio coi quattro stivali d'obbligo, fece un
piccolo galoppo e scomparve spaventato sotto il divano.

— Il fidanzato me lo sceglierò io! — riprese la fanciulla. — Brutto,
sciocco e buono. Ecco il mio ideale.

— C'era un altro del quale volevo parlarti, — disse la mamma. — Il
mar....

— Per carità! — interruppe Nora. — Un quarto?... Non voglio udire;
mandalo via anche lui....

— Ma se non sai nemmeno chi sia!

— Me lo immagino. Il marchese Lombardi o il marchese Stagi.... Ce n'è
una collezione, e io non posso più nè muovermi nè parlare, perchè non si
dica che preferisco l'uno all'altro.... No, mamma, non ne facciamo
nulla!... Andiamo, _Trust_!...

Trust sbucò da sotto il divano e seguì Nora che uscita dalla camera,
s'avviava in giardino; l'istitutrice sbucò dalla sua stanza e seguì Nora
e _Trust_. Tutti e tre giunsero in giardino silenziosamente, ciascuno
pensando ai propri casi. I casi di _Trust_ erano i più disperati, perchè
non poteva galoppar bene sulla ghiaia con gli stivali, e nessuno si
ricordava di levarglieli.

Nora si volse a Fräulein:

— Io mi taglierò il naso, un giorno o l'altro! — disse rabbiosamente.

— Ma si farà molto male! — rispose placida l'istitutrice.

— Così non piacerò più a quella caterva d'imbecilli!

Era irritatissima e guardava con rancore anche la bella sassifraga delle
aiuole, ascoltando il galoppo zoppicante di Trust, che cercava il
terreno più adatto ai suoi stivali.

Ma il volto di Nora si rasserenò d'un tratto, e un sorriso le comparve
sulle labbra.

— Da dieci giorni! — ella disse, andando incontro a Toniolo Montalba, il
quale, scortala in giardino, era entrato pel cancello semiaperto. — È
stato dieci giorni senza farsi vedere.

— Ho.... ho avuto.... — balbettò il Montalba sorpreso dall'osservazione
della fanciulla. — Ho avuto molta gente....

— Molti ammalati?

— No, molta gente. Dicevo che c'è molta gente per le strade....

Nora tacque, lo squadrò, lo vide con un cartoccio in mano.

— Che cosa mi ha portato? — disse.

— Sono i bulbi dei giacinti Pompon.

E tacque anche il Montalba a sua volta.

— Ora verrò più di rado, — egli riprese improvvisamente. — Lei si fa
così.... così.... che la mia compagnia non è più adatta.... Si fa
così....

Nora gli voltò le spalle e guardò _Trust_, che sedeva ai suoi piedi.
Fräulein era ferma a pochi passi e leggeva un canto del Klopstock.

— È perchè mi faccio così.... e così.... non verrà più a trovarmi, che
sciocco? — ripetè Nora, squadrandolo un'altra volta. — Io non sento mica
soggezione per Lei, sa?

— Me ne accorgo! — rispose Toniolo ridendo.

La fanciulla tacque di nuovo; poi risolutamente gli si avvicinò.

— Lei potrebbe farmi un favore? — chiese.

— Ma certo; sarei felice, — rispose il Montalba stupito da quella
domanda e dallo sguardo della fanciulla che pareva scrutarlo.

— Potrebbe farmi il favore di sposarmi? — domandò Nora con tranquillità.

Toniolo Montalba impallidì e diede un passo indietro.

— Signorina, — disse gravemente, — questo è un cattivo scherzo, non
degno di lei!

— Non è uno scherzo, — ribattè Nora con la sua solita voce. — Se non le
dispiaccio, faccia la domanda al miei genitori. Io sono torturata,
assediata, perseguitata dai fidanzamenti: oggi se ne sono scoperti tre o
quattro in una volta.... non mi è più possibile dire di no, non mi è più
possibile vivere in casa mia.... Bisogna che mi sposi.... E nessuno mi
piace. Non vorrei bene a nessuno, ne sono certa.... E io voglio poter
voler bene....

Toniolo Montalba sedette sopra un ceppo adattato a seggiola rustica. Era
ancora pallidissimo e guardava Nora con una specie di adorazione negli
occhi, la quale gli illuminava tutto il viso.

— Ma.... — balbettò. — Io credeva che la mia conferenza sulla
_Semeiologia_ le avesse dato una cattiva idea di me....

— Non ha altro da dirmi? — esclamò Nora corrugando le sopracciglia....

— Sì, sì, ho molte cose da dirle! — esclamò Toniolo, saltando in piedi.

E impallidì nuovamente.

— Non va! — riprese. — Io non sono mai stato fortunato. La sua mamma non
mi vuole....

— Non è mai stato fortunato perchè era solo, — osservò Nora. — Crede che
io le avrei lasciato fare quella conferenza così sconclusionata
sull'apparecchio respiratorio?

Toniolo Montalba rise, prese le mani sottili di Nora e le baciò ambedue,
mentre Fräulein si avvicinava a grandi passi, con l'indice destro fra le
pagine della _Messiade_.

— E se i suoi mi cacciano via? — domandò Toniolo, afferrato di nuovo da
un'angoscia che gli mozzava il respiro.

— Mamma fa quel che vuole la signorina Empiastro! — dichiarò Nora
solennemente.

Il Montalba le afferrò daccapo le mani e gliele baciò ancora, una dopo
l'altra.

— Ma, signore! Ma, signorina! — esclamò Fräulein sbalordita.

— A domani! — disse Nora, salutando Toniolo e avviandosi per risalire in
casa. — Venga domani, e combineremo tutto.

Poi si volse a Fräulein che le stava alle calcagna.

— Che cosa ha, Fräulein Dorotea? — chiese. — Non mi aveva detto che Lei
non si stupisce di niente?



ADA E FOSCA.


Si somigliavano; ambedue eran magre, alte, coi capelli castani che si
potevan dire quasi biondi; Ada aveva pure castani gli occhi, e Fosca li
aveva grigi; ambedue ridevano volontieri, studiavano senza fatica e
senza passione, andavano alla medesima scuola, e si mettevano accanto
l'una all'altra, nello stesso banco. Parlavan poco, non disturbavano
mai, erano sempre un po' trasognate, rispondevano alle interrogazioni
meccanicamente, guardando il soffitto, come vi avessero letto ciò che
dovevano dire.

Dolci e mediocri in ogni cosa, Fosca Giuntini e Ada Crivelli
appartenevano a famiglie della borghesia milanese e avevan quanto
bastava a far buona figura in ogni occasione, senza esser ricche. La
direttrice dell'Istituto non se ne occupava mai, tanto la loro
personalità era nulla e fuggevole; due ombre che si volevan bene, si
confidavano i loro piccoli segreti, ridevano spesso e non destavan nelle
altre allieve nè simpatia, nè avversione.

Ada Crivelli si sposò a diciannove anni con Vittorio Carminati, un
giovane robusto, largo di spalle e di faccia, precocemente amico della
tavola imbandita. Vittorio aveva due mani smisurate che ne dicevan
l'anima e i gusti; non poteva con quelle mani tener nulla di fragile, nè
fare una carezza leggera; una sola bastava a coprire tutto il pallido
viso magro di Ada. Eran mani foggiate per calar come artigli, stringere,
ghermire; e veramente il giorno in cui la famiglia di Ada aveva accolto
la domanda di Vittorio, questi, afferrata la fanciulla alla cintola e
levatala da terra, le aveva stampato in viso un bacio sonoro, ch'era
parso il suggello d'un possesso ingordo.

Dovevano andare, nel loro viaggio di nozze, lontano, all'estero; ma
Vittorio s'era fermato a Como per tre giorni con Ada, e il viaggio aveva
ripreso poi. Vittorio ne rideva come d'una superba gherminella a parenti
e ad amici, e, per farla più graziosa, proibì ad Ada di dar notizie di
sè durante quei tre giorni. Ada obbedì, provandosi a ridere ella pure
dell'intermezzo non preveduto; e cercava di ridere così sgangheratamente
come lo sposo, il quale voleva che mangiasse molto, che bevesse molto,
che non istesse a guardare i monti e il lago e il sole e le ombre, tutte
cose stupide, di cui una donna maritata doveva non far più caso, come
delle passate malinconie da ragazza.

— Mangiare, bere, e divertirsi. Ecco la vita! — dichiarava Vittorio che
aveva ereditato dal padre una grossa fortuna, e ne sentiva la gioia ogni
giorno.

Egli amava tanto i biglietti da mille, che quando il suo amministratore
gli portava il prezzo dei fitti o il ricavato dei tagliandi o le somme
delle uve e dei bozzoli e del grano, Vittorio si recava da Ada a farle
vedere i “volumetti„; volumetti di carte da cento e da cinquecento,
ch'egli lasciava cascar dall'alto sopra la tavola dello studio, perchè
se ne sentisse meglio il peso.

E Ada guardava e s'interessava, prendendo tra le mani ancor gentili quei
pacchetti, e lentamente sfogliandoli come fossero stati davvero volumi
dalle pagine immortali.

— Ti piacciono, eh? — diceva Vittorio, ridendo. — Quanto bel mangiare,
qua dentro!

E rideva anche Ada, già più accesa in volto e più pesante di forme.
Dacchè era andata sposa non aveva sfogliato altri libri nè toccato il
piano.

La casa dei coniugi Carminati era lucida, piena di roba; mobilia
nuovissima nella quale i visitatori potevano specchiarsi; cantina zeppa
di bottiglie e di fiaschi e di barili; dispensa capace, che aveva di
tutto, in gran copia.

— Crepa di salute la casa, come noi! — dichiarava Vittorio ai suoi
amici.

In quattro anni di matrimonio, Ada regalò a Vittorio tre figli, due
maschi e una femmina, e perdette interamente la sua linea aggraziata; si
fece larga di fianchi, rossa di viso, con un seno abbondante e molle che
nessun busto poteva costringere; e diventò pigra, rimanendo a letto fin
tardi, appisolandosi qualche volta dopo i pasti doviziosi. Amava poco i
suoi bambini, ch'eran confidati alle cure delle persone di servizio; non
si curava che di Vittorio, e si sforzava d'imitarlo nella gaiezza
rumorosa e nell'inclinazione al ben vivere materiale.

I bambini giravano per casa, vestiti alla meglio, poco vigilati; non
sapevan parlare che il loro dialetto e preferivan la cucina al salotto.
Il maggiore, Pieruccio, s'intendeva già di pietanze e d'intingoli,
diventava di mese in mese più rubicondo e mangiava tutto il giorno. Gli
altri due, Claudino e Marietta, studiavan del loro meglio per tenergli
dietro, e sovente erano inchiodati a letto tutti e tre da una potente
indigestione.

Ada ne rideva. Si sa, golosi erano; somigliavano a papà e a mamma;
ognuno faceva a gara a rimpinzarli, la cuoca, la serva, la servetta, i
bottegai da cui si recavano con la cuoca a far le spese.... Forti e ben
piantati, dovevan mangiare. E guariti appena da una gastrica,
ripigliavano a diluviare fino alla gastrica successiva.

Marietta, la più piccola, ne morì un giorno, dopo una scorpacciata di
crema, castagne, biscotti e frutta candite. Fu un gran dolore in casa,
per più d'una settimana; in capo alla quale, avendo visto che Ada
seguitava a piangere, specialmente dopo pranzo, Vittorio le battè su una
spalla e le disse gravemente:

— Ora basta, non è vero? Non bisogna esagerare!

Per non esagerare, Ada si asciugò gli occhi, e di Marietta non si parlò
più. Gli altri due, Pieruccio e Claudino, seguitarono a mangiare.

Un nuovo gran dolore provò Ada quando s'accorse che Giannina, la
cameriera, era incinta. Giannina, piccola bruna di diciott'anni, credeva
a tutto ciò che le dicevano, e non era stato difficile ingannarla
promettendole un bel matrimonio.

Ada non volle ascoltar giustificazioni. Ella era onesta e adorava il
marito, non vedeva uomini al mondo fuori del suo Vittorio. Per tagliar
corto coi pianti e le suppliche e le genuflessioni di Giannina, le fece
gettar le sue robe sulla strada, quantunque nevicasse. Lo scandalo era
già durato troppo a sua insaputa e bisognava finirla con quella
ragazzaccia senza pudore. Un po' di neve le avrebbe rinfrescata la
fantasia.

Messa Giannina alla porta, Ada dovette bere tre bicchieri di Marsala,
tanto era agitata; e Vittorio, tornato a casa, la compianse molto, la
costrinse a mangiare un po' più del solito per riacquistar le forze, e
la lodò per il suo sentimento morale.

Egli era felice perchè Ada ingrassava, si faceva rossa e tonda, rideva
con la gola ampia e bianca, e dava la giusta importanza al buon cibo e
al buon vino. Anche i bimbi, Pieruccio e Claudino, stupidi come tronchi
e maleducati come scozzoni, s'allungavano e s'allargavano. C'era posto
per tutti; onde, a distanza d'un anno dalla morte di Marietta, Ada
regalò il marito d'un quarto bimbo, al quale fu posto il nome di Mario,
per ricordo dell'altra.

Dopo quel parto, Ada, la quale non aveva più di venticinque anni, sembrò
sfasciarsi: perduta ogni ambizione, si vestì alla meglio, rinunziò al
busto, traboccò di grascia e s'ubbriacò di pigrizia. Aveva la casa piena
di gente che veniva a gustar la sua buona tavola, ed ella non si
pigliava nemmen la noia di render le visite, sapendo che i suoi amici,
foggiati alla maniera di lei e di Vittorio, non avrebbero mancato, per
quelle inezie di convenienze, ai succolenti banchetti.

Nella sua vita calma, uguale, monotona e lenta, fu un gran giorno quello
in cui s'imbattè in una signora alta e sottile, pallidetta e fine, che
comperava in un magazzino come Ada, una stoffa per abito da passeggio.

Ada andò scrutando e squadrando la signora, la quale s'appoggiava allo
stesso banco e teneva nelle mani guantate un capo della stoffa, che il
commesso le sciorinava innanzi. Andò scrutando e squadrando, Ada, poi si
fece coraggio, s'avvicinò meglio alla signora, e le disse:

— Ma io non m'inganno. Tu sei Fosca Giuntini, non è vero?

La signora le lanciò un'occhiata rapida, dalla testa ai piedi, piuttosto
sdegnosa; e l'altra comprendendo di non esser ravvisata, soggiunse:

— Io sono Ada Crivelli, oggi Ada Carminati. Ora ti ricordi?

Un lieve sorriso schiuse le labbra della signora, che offerse la mano
all'amica. Fosca pareva ancor fanciulla, tanto era flessibile e fresca;
i suoi capelli s'eran fatti un po' più oscuri e n'aveva guadagnato la
luce limpida e pacata degli occhi grigi. Solo, quel suo piccolo sorriso,
un sorriso breve e freddo, metteva una gran distanza tra lei e coloro ai
quali ella sorrideva così.

— Mi ricordo, — ella disse. — Ma ti sei fatta maestosa, forte, e non
potevo riconoscerti. Ho piacere d'averti incontrata.

— Ed io? — esclamò Ada. — Quante volte ho pensato a te, quante, quante!
E non ti vedevo mai....

— Ho passato questi anni sempre in campagna, con mio marito, il conte
Gino Fássini.... Siam tornati da poco a stabilirci in città.

— Maritata anche tu! E hai bambini? E sei felice?... E il conte?...

Fosca interruppe gentilmente, col piccolo sorriso breve:

— Vieni a trovarmi. Abito in via Cappuccio.

Tese la mano all'amica, e uscì svelta, leggera, preceduta da un
commesso, che l'accompagnò fino alla sua carrozza.

Ada la seguì con gli occhi, attentamente. Era sbalordita. Che signora!
Pareva nata principessa; e s'era fatta bella, bella davvero. Ada si
sarebbe guardata dal dirlo ad alta voce, ma non poteva negarlo a sè
stessa, e per la prima volta l'adipe, la mancanza del busto, il passo
troppo greve per la sua età, le rincrebbero.... Cinque o sei anni
addietro, ella e Fosca si somigliavano, facevan la stessa vita, ambedue
alte, magre, un po' trasognate. E Fosca era tuttora agile, elegante, e
aveva aggiunto alla grazia giovanile un'espressione di nobiltà semplice,
che bisognava ammirare.

Ada ne fece un cenno quello stesso giorno a Vittorio, il quale scoppiò
in una risata fragorosa:

— Magra? Agile? — disse. — Patirà la fame. Ci son delle signore che per
avere la vita stretta non mangiano abbastanza. Le donne sottili, io non
le posso vedere.... Tu sei perfetta.

Quando Ada, spinta da una curiosità invincibile, si recò a trovar Fosca,
i suoi occhi si sbarrarono per veder bene, per veder tutto. Fosca
abitava il palazzo Fássini, una casa tetra, che sapeva di vecchio; e
ogni cosa sapeva di vecchio, dalla scalea di marmo con le balaustrate in
ferro battuto, all'anticamera dal soffitto a cassettoni pallidamente
dorati, ai mobili che avevan le spalliere rôse dai tarli e la stoffa
serica sdrucita, agli specchi di grandezza mediocre la cui luce spenta
pareva arrugginita dal tempo.

— Che trappola! — pensò Ada, mentre aspettava nel salotto penombroso. —
Io non ci starei nemmeno dipinta.

E guardò Fosca, la quale entrava. Era vestita con un abito semplice di
color rosa sbiadito, con la gonna corta; e del medesimo colore era il
nastro con cui aveva leggiadramente raccolti i capelli in due bande;
svelta, leggera, una fanciulla.

— Io me ne vado! — pensò Ada nuovamente, soffocata da quel senso di
nobiltà schietta, che non sapeva definire e le pesava addosso.

Ma si trattenne, invece, per il garbo di Fosca, che le fece subito
un'accoglienza molto gentile.

— Forse non ti piace la mia casa, — ella disse, indovinando l'angustia
dell'altra. — È il vecchio palazzo Fássini, e Gino aveva qui tutte le
memorie di sua famiglia. Era ipotecato, e per riscattarlo abbiamo
condotto questi anni, sempre in campagna, una vita quasi di stenti. Ma
ora siamo felici, perchè ci siam tornati e abbiamo ritrovato le cose
vecchie, le buone cose che parlano al cuore.... Così, vedi, soltanto ora
ci è stato possibile ricomperare cavalli e carrozze, e soltanto ora
potrò andare a qualche ballo e a qualche teatro. Sono molto contenta.
Ero contenta sempre, a dir vero, perchè Gino mi vuol molto bene, e
abbiamo un bambino.

— Uno solo? — interruppe Ada. — Io ne ho avuti quattro, e tre son vivi.

— Uno solo, — ripetè Fosca.

— E ti sei acconciata a stentare in campagna? — soggiunse Ada. — Che
idea!... Io ho sposato il mio Vittorio che è ricchissimo, e viviamo a
modo suo. Egli mi ha detto fin dai primi giorni che bisogna mangiare,
bere, divertirsi e ingrassare, e ho fatto del mio meglio.

Rise, con la gola ampia.

— Ah non ci son malinconie nè ipoteche in casa nostra! — riprese. —
Buoni pranzi e buone bottiglie. Il cuoco è il personaggio principale, e
abbiamo sempre amici, che chiacchierano e ridono. Verrai anche tu,
spero, col conte? Mio marito se ti vedesse, direbbe che sei troppo
magra....

— Ma io non devo piacere a tuo marito — osservò Fosca, tranquilla.

— Hai ragione! Del resto, hai conservato l'aspetto d'una signorina;
sembra che tu abbia ancora diciannove anni. Non devi pesar più di
cinquanta chili; io ne peso settantasei. Vittorio mi ha sottoposta a una
cura di supernutrizione.

Rise di nuovo; ma sentì che Fosca era diventata fredda, e quantunque le
sedesse al fianco sullo stesso divano, s'era come allontanata,
guardandola con ingenuo stupore.

— Tuo marito non la pensa come il mio? — domandò Ada.

— Oh, no!

— È stato lui a foggiarti così fine, così delicata, così amica delle
buone cose vecchie.

— Lo credo! — rispose Fosca con un sorriso aperto di compiacenza.

— Sei veramente una contessa, — osservò Ada — e stai bene in questo
palazzo.

Fosca sorrise di nuovo senza rispondere.

E mentre Ada s'alzava, entrò correndo un bambino di quattro anni, biondo
ed esile con un giro di bel merletto intorno al collo e tutto vestito di
bianco. I suoi grandi occhi tra il grigio e il cilestre rispecchiavano
un lembo di cielo placido. Stringeva sotto un braccio un orsacchiotto
irto di pelo.

— Valfredo, — disse Fosca, — non vedi la signora?

— Guarda che bel pupo! — disse il piccolo ad Ada, stendendole una mano e
piantandole con l'altra l'orsacchiotto sotto il naso.

— Valfredo! — ripetè Ada, mentre carezzava distrattamente il bambino. —
È un bel nome.

— Sì, ricorre spesso nella famiglia Fássini. Valfredo IV. È per lui che
abbiamo fatto tante economie, tante grosse, dure economie! — esclamò
Fosca, attirandosi il bambino al petto e baciandolo.

— Arrivederci, cara, — disse Ada. — Devo fare ancora qualche visita.

Le due signore si abbracciarono. Avevano compreso che in quei brevi
istanti un abisso s'era scavato tra di loro, e che mai più non si
sarebbero cercate.

Ada uscì. Ma nell'anticamera sostò meravigliata.

Già arrivando aveva creduto d'intravedere; ormai vedeva, vedeva bene, e
non s'ingannava.

La ragazza tutta linda, col grembialino candido, che le apriva la porta,
era Giannina, la cameriera ch'ella aveva cacciato di casa.

— Aspetta, — disse. — Ho dimenticato....

E tornò indietro, raggiunse di nuovo il limitare del salotto.

Fosca, sdraiata sul tappeto, giuocava col bambino, che nascondeva
l'orsacchiotto e poi glielo gettava e rideva così forte, che per meglio
esprimere la gioia, si rotolava a terra.

— Fosca! — chiamò l'altra.

La giovane balzò in piedi, e andò incontro all'amica.

— Hai dimenticato qualche cosa? — domandò.

Ada le fe' cenno di parlar più cauta e la trasse in un angolo.

— Devo avvertirti, — disse sottovoce. — Bada che quella cameriera che tu
hai, non è una ragazza onesta.

— Onestissima, t'inganni! — rispose Fosca pacatamente.

— Ti dico di no, — insistette Ada. — Io ne so qualche cosa: ha avuto un
amante e deve aver avuto anche un figlio. Lo so, perchè mi è toccato
cacciarla di casa.

Fosca sorrise.

— Ah, — fece, squadrando Ada, — sei stata tu a metterla sul lastrico, di
pieno inverno, mentre era incinta?

— E che potevo farne? Dunque sai, allora?

— Sì; la poveretta venne al suo paese, dov'ero io con mio marito. La
famiglia di lei la cacciò a sua volta. Noi l'abbiamo raccattata sulla
strada, le abbiamo prestato assistenza, abbiamo pensato al suo bambino;
l'abbiamo salvata, insomma. Ora è savia, buona, onesta, e si farebbe
uccidere per me.

Ada stette un istante in silenzio, poi riprese:

— Non darle retta; alla prima occasione, tornerà daccapo.

— Tu non fai una bella azione, Ada! — osservò Fosca freddamente.

— Credo mio dovere avvertirti. Non è onesta, non può essere onesta!

— Ma perchè insisti, Ada? — chiese Fosca, ancor più fredda.

— Perchè? Perchè voglio renderti un servizio, e toglierti di casa una
persona che non è degna di rimanervi.

— E toglier di bocca a una povera donna e al suo bambino un tozzo di
pane, — seguitò Fosca sorridendo sdegnosamente.

— Ma no, — interruppe Ada, accaldata, ostinata a vincere quella
resistenza. — Vedo che ti sei conservata fanciulla non soltanto
all'aspetto, ma pur nel modo di giudicare.

— Tu mi dai della sciocca, — osservò Fosca tranquillamente.

— No; ma sei ingenua, inesperta, inconsapevole. Bada a quello che fai...
Credi a me, che conosco le cose del mondo....

Fosca sfavillò dagli occhi grigi un lampo di sdegno, e parve quasi
gettarsi all'indietro con un moto superbo del capo.

— Io so vivere, — disse. — Tu sai mangiare!

Ada si volse e uscì.



GIORGINA E I SUOI UOMINI.


I.

Avevano finito di pranzare, con una serata calma e afosa, sulla spiaggia
di Lido.

Intorno ai due amici, sedute ad altri tavolini, eran donne in gran
parte, vestite elegantemente con abiti leggeri i quali lasciavan
trasparire le rosee carni delle braccia e della gola.

Venivano a quando a quando da quei gruppi femminili ondate di profumi e
a quando a quando un fruscio di sottane. Allorchè furono accesi i globi
della luce elettrica, una tinta violacea si distese sui volti, sui
capelli, sulle vesti; ma le cene volgevano al termine e i raggi
illuminavano le coppe e le bottiglie; l'allegria si diffondeva tra
quella sinistra luce.

Il mare era tranquillo; un minuscolo lume rosso si moveva sulla linea
dell'orizzonte, assai lentamente.

— È una nave, — disse Aurelio Sangiorgi, il quale osservava il viaggio
silenzioso del piccolo lume. — E va, va, si perde lontano. Vedi?...

Dal mare spirò una brezza soave, che faceva pensare a una fanciulla, la
quale accarezzasse la fronte degli spettatori, camminando in punta di
piedi.

— Ora è scomparso, — disse Ladislao Bariola.

Aurelio Sangiorgi sospirò. Si sarebbe detto ch'egli fosse tutto preso
dallo spettacolo del mare e della sua nave impercettibile, se poco prima
non avesse fissato con la stessa intensità le lampade elettriche e poi
le coppie che cenavano ai tavolini più prossimi, e infine il lume
vagabondo.

In verità il suo sguardo voleva fuggir la vista di Giorgina Sangiorgi,
che poco discosto, elegantissima e gaia, cenava con alcuni giovanotti
forestieri.

E mentre Aurelio e Ladislao discorrevano distrattamente, la moglie
d'Aurelio versava qualche goccia di sciampagna sopra un piattino di
fragole inzuccherate, e rideva con terribile naturalezza.

Alla scena, molti fra i gruppi di commensali sparsi qua e là si
divertivano crudelmente.

Era notorio che due anni prima, Aurelio s'era diviso da Giorgina per
colpa di lei; e che Giorgina pur non dandosi ad alcuno, si prendeva il
gusto di recarsi nei luoghi frequentati da Aurelio per farlo testimonio
della vita ambigua, che le aveva allontanato le donne caute, e raccolti
intorno i gaudenti.

Quella sera, la femmina graziosa, al cospetto del mare ampio, innanzi
alla tavola sulla quale troneggiavano ancora i trionfi delle frutta e le
coppe umide, attraeva invincibilmente gli sguardi.

Il cappello bianco dalla tesa amplissima gettava sul suo viso un solco
livido come una cicatrice; ma quando Giorgina alzava il capo e si
buttava un poco indietro per ridere, il volto era battuto dalla luce
piena e apparivano i denti piccoli e aguzzi. Non era bella; era giovane
e procace; le poppe costrette nel busto francese s'indovinavano sotto la
batista del corpetto traforato.

Aurelio pareva inchiodato sulla seggiola; gli amici avevan pagato e
fumavano la decima sigaretta; avevan fatto portare il caffè, e poi i
liquori e poi un altro caffè diacciato. Ma Aurelio non accennava ad
andarsene; lo strazio che i maldicenti facevano in quell'ora del suo
nome, e ch'egli indovinava, quasi l'aria gliene portasse l'eco, doveva
inebbriarlo d'una ebbrezza malsana.

— Io partirei pure, — egli disse a un tratto, — e me ne andrei lontano,
con tanta gioia!...

— Basterebbe, per il momento, andarcene lontano di qui, — osservò
Ladislao.

Aurelio si decise.

I due amici si alzarono e si avviarono, girando fra i tavolini.

Giorgina chiacchierava, i suoi compagni ridevano e interloquivano a voce
alta. Quando Aurelio passò, immediatamente tutti tacquero, quasi colti
da una stupida prudenza.

Aurelio rasentò la tavola, la sigaretta tra le labbra, con una finzione
perfetta d'indifferenza, sotto gli sguardi ironici dei mille curiosi.
Trovò un gatto bianco accosciato pigramente sopra una seggiola di ferro,
poco lungi dalla tavola di Giorgina, e si fermò ad accarezzarne il bel
mantello:

— Tutù, fannullone incorreggibile!...

Tutù si drizzò, inarcando la schiena e strofinandosi ai calzoni chiari
d'Aurelio, che sorrise e uscì.

Ma non appena furono nel viale, egli afferrò Ladislao per un braccio.

La luce elettrica sul viale si diffondeva con minor violenza che sulla
terrazza dei bagni, e lasciava qua e là il dominio alla bella ombra dei
platani e delle acacie.

Qualche brigata di maschi e di femmine si dirigeva alla spiaggia, in
attesa della luna, che già all'orizzonte s'affacciava rossa e tonda fra
le nuvole.

— Hai visto? — disse Aurelio con voce rauca. — Hai visto? Con un branco
di libertini si mostra in pubblico! E vestita che pare seminuda! E beve
sciampagna, e fuma sigarette e ride chiassosamente e fa smorfie e
strizza l'occhio a quei quattro farabutti che l'accompagnano! E
profumata fin nei capelli!...

L'altro non rispose, e i due amici procedettero qualche tratto senza
parlare.

Ladislao guardava l'ombra del suo compagno, che si disegnava a terra in
obliquo, larga e tozza accanto alla sua, lunga e sottile; e scoperse
così che Aurelio doveva aver le gambe un poco storte.

Questo rilievo inaspettato lo fece ridere.

— Rido di me, sai? — disse immediatamente. — Io credeva che tu guardassi
il mare e la nave e il cielo, e tu guardavi invece tua moglie! E come;
ne hai visto perfino le smorfie!

— Non era possibile resistere! — confessò Aurelio. — Non era possibile
ch'io non mi domandassi quale di quei quattro imbecilli dormirà stasera
con Giorgina.

— E che t'importa? — osservò Ladislao rudemente. — Essa non ti
appartiene più. Tu l'hai cacciata di casa perchè aveva un amante, ed
ella si tiene l'amante. Non puoi chiedere che ti sia fedele oggi, libera
e abbandonata, se non ti è stata fedele ieri, amata e protetta.

Aurelio Sangiorgi borbottò qualche frase che Ladislao non riuscì a
capire; quella logica brutale non gli garbava.

Ladislao ascoltò lo scricchiolìo della ghiaia sotto i loro piedi, e si
mise a ridere di nuovo.

— Che hai? — disse Aurelio infastidito.

— Pensavo che tu ti lagni delle minuzie più trascurabili, e perchè beve
sciampagna e perchè fuma sigarette e perchè ride. E non dici nulla delle
noie che ti dà questa donna, ostentando lo spettacolo della sua
perdizione e facendo sogghignare tutta Venezia a tue spese!

— La sua perdizione, la sua perdizione! — mormorò Aurelio. — Che ne
sappiamo noi?

L'altro si fermò di botto.

— Ma lo dicevi tu stesso, un momento fa! — esclamò sbalordito.

— Io diceva che commette delle leggerezze! — dichiarò seccamente
Aurelio. — Quanto ai ghigni di Venezia, questo è proprio l'ultimo dei
miei pensieri, anzi non ci ho pensato mai. Della opinione pubblica io
non mi curo; dirò meglio, l'opinione pubblica per me non esiste.
L'opinione pubblica è rappresentata da un pugno di malfattori fortunati
o di sciocchi paurosi.

Egli parlava, fermo presso il tronco d'un platano, i cui rami lo
avvolgevan d'ombra; e Ladislao lo ascoltava stupito per tanta sincerità.

Aurelio Sangiorgi doveva infatti la sua fortuna a una singolarità
morale, alla incredibile noncuranza della stima altrui, al disprezzo
largo e sicuro della pubblica opinione.

Egli aveva voluto essere ricco, e s'era arricchito tenendo d'occhio il
Codice, a schivar le trappole del quale non solo gli giovava la furberia
innata, ma lavorava una schiera d'avvocati che studiavan per lui e
ch'egli pagava bene.

Ardito e tenace, pronto e inflessibile, prodigiosamente attivo, faceva
paura; il suo nome figurava in parecchi aneddoti di rapacità sfrenata
ch'egli non curava di smentire, che anzi lo divertivano e gli erano
utili perchè gli creavano una leggenda per la quale in breve non avrebbe
trovato chi osasse stargli di fronte.

Aveva accumulato un patrimonio in dieci anni, e travolto ormai dalla
passione del danaro e dal bisogno d'attività, seguitava la sua vita
febbrile d'affarista. Egli poteva dar principio a una dinastia di
plutocrati; se in altri tempi si diceva che avrebbe potuto finire in
carcere, ormai per la sua esperienza e più ancora per la somma di
segreti e d'interessi che stringeva in pugno, quel pericolo era svanito.

— Dove andiamo? — chiese Ladislao, mentre Aurelio ripiombato nel
silenzio s'incamminava nuovamente al suo fianco. — Vuoi che andiamo a
teatro?

Eran giunti alla fine del gran viale, e per recarsi a teatro dovettero
tornare indietro. Nessuno aggiunse più parola; Ladislao squadrò due o
tre volte il suo compagno, tozzo, biondo, rubizzo, che dava imagine d'un
campagnuolo credenzone piuttosto che d'un affarista pericoloso.

— Che c'è a teatro? — domandò Aurelio, come scuotendosi.

C'eran quattro o cinque canzonettiste, le quali, in gonnelle corte dai
colori chiassosi, dimenavan le braccia biaccate e le gambe serrate nelle
maglie; il pubblico si divertiva alla vista delle ragazze e ne guardava
avidamente le ascelle e i ginocchi.

Ladislao disse questo ad Aurelio, che non trovò nulla da osservare; ma
quando furono innanzi al teatro, pregò l'amico:

— Fammi un favore; entra pel primo, e vedi se ci fosse Giorgina. Io ti
aspetto qui.

La precauzione era troppo naturale perchè Ladislao si rifiutasse al
lieve servigio; un altro incontro con la moglie impudica, sotto gli
occhi del pubblico numeroso e pettegolo, avrebbe dato ad Aurelio una
nuova tortura.

Ladislao entrò in platea, guardò attentamente le signore che avevan
posto nelle poltrone, e uscì subito ad avvertire Aurelio.

— Non c'è Giorgina!

— Ah! — mormorò l'altro. — Sei ben sicuro?

— Sicurissimo; puoi star tranquillo.

Egli credeva di vedere Aurelio avviarsi al teatro; ma questi invece gli
voltò le spalle.

— Allora, — disse, — è inutile!

E tornò sul viale, incamminandosi di nuovo verso la terrazza dei bagni.


II.

Giorgina stava sdraiata sul letto, interamente nuda.

Ladislao, dritto in piedi, le era a fianco e ne ammirava il bel corpo
bruno, aspettando ch'ella si alzasse e si riabbigliasse per chiudere
l'appartamento e andarsene.

Ma la donna, vinta dal torpore sciroccale che pesava quel giorno più del
consueto, pareva meglio disposta ad assopirsi che a togliersi di là; e
spiava il giovane di sotto le palpebre socchiuse, mentre lievemente
sorrideva.

— Per questo, Ladis, sei tornato? — ella mormorò, stringendo fra le dita
gli ùveri dei seni rigogliosi. — Era difficile imaginarlo, e se avessi
saputo prima, ti avrei detto di no.

— Avresti fatto malissimo, — rispose Ladis vivamente. — Non bisogna mai
perdere un'occasione, e del resto spero che tu non sia pentita del tuo
sì.

Un fremito allegro le fece sobbalzare il petto e i fianchi, ed ella
diede in una risata.

— Dunque è vero? — riprese. — Perchè Aurelio mi desidera, tu mi hai
voluta ancora? È la logica degli uomini....

— Ma no, cara, — interruppe Ladislao. — La vigliaccheria di tuo marito è
così grande, ch'io sarei uno sciocco a rinunziare, per uno scrupolo
d'amicizia, al piacere che tu puoi darmi.

— Mio marito è in ogni cosa un briccone, — dichiarò pacatamente
Giorgina, levando alte le braccia per farsene corona intorno al capo. —
Mi maraviglio che tu te ne maravigli!

— Sapevo che è un affarista, — rispose il giovane, — e ciò non mi
riguarda; ma credevo avesse almeno quella dignità, la dignità del
maschio, che c'ispirano l'amore e la gelosia per una donna. Non ti ha
amata quand'eri sua; adesso che sei di altri, ti rivuole; adesso si
accorge che sei desiderabile....

Di nuovo Giorgina vibrò da capo a piedi, ridendo a gola spiegata.

— Egli non aveva capito nulla, — seguitò Ladislao. — Ha aspettato che ti
pigliassero gli altri, e allora si è acceso per te. Insomma, egli vede
il mondo intero sotto forma d'una società per azioni, e ormai non
avrebbe alcun ribrezzo a godere in società anche il tuo amore....

Giorgina balzò agilmente dal letto.

— Che imbecille! — disse, stirandosi e protendendo il seno. — E perchè
allora ha cominciato col fare uno scandalo e col mettermi alla porta?

Così eretta, i capelli sciolti, ombreggiato il volto dalla luce discreta
della camera, ella rammentava un famoso disegno a penna d'Alberto
Martini, un disegno lascivo e audace, nel quale è raffigurata la bella
veneziana, che accoglie, col volto coperto dalla maschera e tutta nuda,
l'amante dell'ultimo quarto d'ora.

Piena di voluttà e d'insidie. Giorgina Sangiorgi somigliava, per
carnalità inquietante, alla femmina sbocciata dalla ricca fantasia
dell'artista.

— Due anni or sono, — ella seguitò, — quando s'avvide che io mi lasciava
corteggiare da quel tenente di vascello....

E cominciò a riabbigliarsi innanzi a un vetusto specchio, il quale ne
rifletteva l'imagine incorniciata nella sagoma del legno dorato, che i
tarli avevan trafitto.

— Due anni or sono mise sossopra tutta Venezia per quella sciocchezza;
io l'aveva consigliato a darsi pace; ma egli parlava d'onore, di buon
nome, d'altre cose stupide.... Saresti molto gentile, Ladis, se tu mi
allacciassi le stringhe.... E dovetti andarmene.... Già, egli è di
quegli uomini che la maledizione dell'antipatia generale perseguita, e
così non c'è stato un cane che gli abbia dato ragione. Poteva risparmiar
la fatica di ricordarsi dell'onore!... Le giarrettiere, te ne prego!...

Parlava e si vestiva con rapidità, gettando appena un'occhiata allo
specchio. Ladis credeva d'essere nel camerino d'un'attrice che si
acconciasse prestamente per non fare attendere il suo pubblico.

L'eleganza semplice e fresca dell'abbigliamento estivo si sovrappose in
un attimo alla bellezza temeraria del giovane corpo. E d'un tratto la
donna si rivolse a Ladislao che le stava alle spalle, gli piantò in
faccia gli occhi dalla fiamma inquieta, e gli chiese:

— Tu, che cosa mi consigli?

— Io? — esclamò Ladis. — Niente!

— E perchè? — fece Giorgina in tono di dolce rimprovero. — Temi che un
giorno ti rinfacci il tuo parere?

L'amante si morse le labbra; voleva dirle che non la consigliava, perchè
all'infuori dell'aspra concupiscenza non gli ispirava nè un sentimento
nè un pensiero; ma rispose invece sorridendo:

— Via, una donna come te deve avere già il suo piano; e il mio consiglio
non arriverebbe a mutarlo.

— È vero, — mormorò Giorgina. — L'assegno che Aurelio mi ha fissato non
basta.

Era pronta; abbassato il veletto sul viso, impugnato l'ombrellino nella
destra guantata, spenta la torbida fiamma dello sguardo, ella era ormai
una dama severa e innocente.

— Sei ben certo, — disse a mo' di conclusione, offrendo per l'addio la
bocca al giovane, — sei ben certo di non ingannarti? Davvero Aurelio mi
ricerca? Perchè è necessario ch'io ceda e mi riunisca a lui.

— L'altra sera, al Lido, era sulle spine, a quanto ho potuto capirne, —
rispose Ladis, baciando la bocca. — Non per l'onore, ah no! Se ne
infischia, lui! Ma per l'amore. Avrebbe voluto strapparti a quei
giovanotti che ti accompagnavano.

La donna ebbe un guizzo di piacere.

— Come ho fatto bene a non andarmene da Venezia! — disse allegramente.

— Oh benissimo! — confermò Ladis.

Risero insieme; poi Giorgina s'abbuiò in volto, e osservò:

— Vorrebbe riprendermi, Aurelio, ma non richiamarmi. Hai capito? Non osa
fare il primo passo, temendo che io gli costi troppo. E io pure, non so
come agire....

— E allora, starete a guardarvi?

— No; avrei bisogno d'un amico, — mormorò la donna esitando. — Un amico,
il quale spianasse la via a me e a lui....

Ladis non rispose.


III.

Ladislao Bariola, chiamato Ladis dagli amici e dalle amanti, era un
giovane tranquillo; a ventisei anni, per non si sapeva quali vicende e
per un misterioso sistema di ragionare, s'era persuaso d'una verità
semplicissima: “nella vita non avviene mai niente„.

Egli aveva scelto questo motto; un altro avrebbe confessato di non
credere a nulla, nè al male nè al bene, nè al brutto nè al bello, e
sarebbe parso un cinico. Egli aveva scelto invece per motto: “nella vita
non avviene mai niente„, e così era cinico e non pareva. Faceva il bene
e faceva il male senza molte distinzioni, perchè l'uno e l'altro non
avevan conseguenze; non s'entusiasmava per le belle cose e non
s'indignava per le brutte. Egli guardava, e agiva poi secondo la
convenienza sua propria.

Con quella lucidità che gli aveva conquistata l'amicizia di Aurelio
Sangiorgi, non appena Ladis udì che Giorgina contava su di lui per
riunirsi al marito, vide ciò che sarebbe avvenuto; e volgendosi alla
donna pronta ad andarsene, egli la rattenne con un gesto, e dopo un
istante si decise a parlare.

— Scusami, — disse.

Era seduto, una gamba accavallata sull'altra, la sigaretta in bocca; i
capelli ben ravviati; elegante e, come al solito, calmo. Giorgina
aspettava, in piedi.

— Vuoi ch'io faccia da mediatore tra te e Aurelio? — egli riprese. — È
possibile e non è possibile. Ciò dipende da te.

— Come? — esclamò Giorgina ridendo. — Io non c'entro per nulla; io devo
solo pregarti....

— No. Ora, ad esempio, io non voglio che tu ti riunisca a tuo marito,
perchè mi piaci troppo.

— Ma è difficile comprendere, è davvero molto difficile comprendere ciò
che tu vuoi! — mormorò l'amante fissandolo.

— Se m'interrompi, io non mi spiego e tu non mi capisci, — osservò
Ladis, alzando leggermente le spalle. — Ti dico: tu mi piaci troppo,
ora; riunendoti a tuo marito, resterai a Venezia, io continuerò a
volerti, sarò innamorato e geloso, e sciuperò tutto il mio tempo per te,
senza lavorare, mentre io devo lavorare molto.... In questo stato
d'animo, io mi auguro che tuo marito non ti voglia più, che il tuo
assegno non ti basti, e che per orgoglio o per amore del nuovo tu ti
decida a lasciar Venezia; così io sarò libero....

Giorgina fece un gesto di stupore, Ladis non le badò affatto, e seguitò:

— Ma nella vita non avviene mai niente. Questo piacere che tu mi dai e
che io cerco con avidità, deve finire a poco a poco; tu devi essermi
indifferente; e allora, in compenso e perchè io sono giusto, agirò come
tu vorrai, farò che tu ti riunisca ad Aurelio. Che cosa importerà a me,
allora, che tu viva a Venezia o a Calcutta? Io non ti cercherò,
apprenderò con indifferenza ragionevole che tu sei felice, e vivrò
benissimo, lavorando, senza passione....

Stette un poco in silenzio, poi si alzò e disse con rapida sintesi:

— Dunque, bisogna saziarmi!

La donna, che mentr'egli parlava secco ed esatto, era andata guardandolo
e ascoltandolo quasi con raccoglimento, gli si avvicinò e gli stese la
mano:

— Sei molto forte! — esclamò.

— Suvvia, — disse Ladis ridendo, — non merito la tua ammirazione. Ti ho
spiegato ciò che penso. La verità per voi donne è sempre una cosa nuova.

— Sì, — mormorò Giorgina, dominata. — Tutto questo è nuovo, e mi pare
così strano, così strano...!

Ella s'interruppe, fissò il giovane, che era impassibile; e quasi per
scuotersi e per riprendersi, disse:

— Ma quando tutto questo avrà avuto fine, potrai convincere Aurelio?

Il giovane sorrise.

— Tu sai che mi ascolta, — rispose, — benchè non mi comprenda
interamente e benchè abbia quasi vent'anni più di me. Poi è innamorato,
oggi peggio di ieri, e domani sarà peggio di oggi.... Infine, Aurelio ha
la debolezza degli uomini che disprezzano gli uomini; non li sa
giudicare e li adopera come strumenti; non pensa ch'egli può essere
strumento a sua volta di chi sia più abile di lui.

— È giusto, — disse Giorgina,

— E allora, siamo d'accordo? — riprese Ladis gentilmente. — Ti darai
tutta a me?

— Tutta.

— Senza tradimenti?

— Non ti tradirò mai.

— E quando vorrò, sarai mia?

— Sempre; domani e doman l'altro, e poi ancora e ancora e ancora, fin
che tu non ti stanchi!

— Va bene, — disse Ladis brevemente. — Addio.

— Addio! A domani!


IV.

Era un giuoco per lei. Ella tutta sensuale, nella linea del corpo e
nella qualità dell'intelligenza, vi si abbandonò con gioia impetuosa.

Non ebbe mai esitazioni o smarrimenti, non trovò mai l'ora per chiedersi
quale risveglio avrebbe avuto quella follìa. Recava con la mente chiusa
e il cuore atono, il bel corpo all'amante assetato perchè se ne
abbeverasse; e Ladis dalla febbre carnale risorgeva ogni volta più
eccitato e voglioso, ed ella si concedeva intera ogni volta.

Bel giuoco. Il desiderio di Ladis, corrotto da precoci abitudini
libertine, moltiplicava fantasie e capricci sul corpo ardente della
femmina, che si offriva a tutti i baci; e gli amanti si separavano alla
fine d'ogni convegno stanchi e non sazii, dopo aver disperso in veementi
spasimi un tesoro d'energia.

Ladis trattava la sua donna con una brutalità imperturbabile, che la
domava facendola fremere di rabbia, perchè era in quel delirio sordo una
specie di grandezza; e Giorgina se ne sentiva ammirata e offesa a un
tempo, deliziandovisi con paura.

Ella, che aveva pensato dall'inizio di poter essere la dominatrice, era
stata subito presa e soggiogata da quella rude volontà, infinitamente
più decisa della sua.

Ma Ladis pareva egli stesso sdegnato e sorpreso che la sensualità
insidiosa della donna non gli avesse detto ancora l'ultimo segreto; e
quasi per ira se ne lasciava possedere, e quasi per vendetta la
possedeva.

Di sè e di lei, non una parola; non cercava e non faceva confidenze, non
ricordava nè il passato nè il domani, come se egli e Giorgina fossero
diventati due forme di godimento corporeo, prive di cuore, di pensiero,
di sentimento.

Egli l'afferrava, la spogliava, la teneva, perchè desse il piacere,
tutte le espressioni di piacere di cui era capace, e qualche volta
sembrava che dalla bocca di lei volesse con la bocca carpir la vita.

Bel giuoco. Gli amanti eran chiusi in un cerchio di fiamme; Venezia
flagellata dal sole estivo o coperta dallo scirocco umido e bruciante
metteva nelle vene dei giovani un ardore insaziabile donde germinava
veleno di nuovi desiderii. I freschi abiti tutti bianchi, che davano a
Giorgina un'eleganza non priva di candore, il bisogno di far lunghe
sieste voluttuosamente torpide, la libertà completa di cui godevano
Ladis e la donna, che nessuno vigilava, che nessuno attendeva, eran
continui stimolanti alla gioia.

Giorgina non aveva mai sentito il tempo così dolcemente leggero, quasi
fluido, nè mai aveva avuta l'anima più obliosa e fidente; le pareva di
navigare a occhi chiusi per un gran fiume tranquillo, in un'aria nè
calda nè fredda, che addormentava pensiero e coscienza. A poco a poco
ella pure aveva dimenticato lo scopo di quel viaggio, l'approdo
imminente, la fine, come sempre fosse vissuta e sempre avesse dovuto
vivere, nuda sotto una gaia tempesta di baci, in un'estate perenne.

Di tratto in tratto ella avvertiva un rivolgimento nel suo animo, un
rapido impulso di gratitudine per Ladis, che le aveva dato così profondo
gaudio; forse ella lo amava ormai sfrenatamente; non si chiedeva nulla,
non voleva nulla sapere; e la sua anima si riaddormentava placida nella
voluttà.

Un giorno, mentre passeggiava per la camera annodandosi la cravatta,
Ladis annunziò d'improvviso:

— Ho parlato con Aurelio. È combinato tutto.

Giorgina alzò disperatamente le braccia; si curvò muta sotto il colpo,
si sentì come vuotar le vene e chiuse per un attimo gli occhi.

Ladis non poteva vederla bene, perchè essa, interamente vestita, volgeva
le spalle alle finestre, la cui luce era smorzata dalle tende.

— Ha detto, — seguitò, — che la sua casa è sempre tua, e puoi andarvi
anche subito. Io gli ho fatto capire che tu devi avere qualche imbarazzo
finanziario, ma egli sarà lieto di accomodare ogni cosa. È un buon
diavolo; ti desidera molto. La sua ricchezza, il suo lavoro, la sua vita
senza una donna, mi ha confessato, son troppo tristi... Quanto
all'opinione pubblica, come tu sai....

A denti stretti, livida in viso, fredda per tutto il corpo, Giorgina
ascoltava. Si vide in un grande specchio, il quale qualche volta aveva
riflesso abbracciamenti strani e complicati, ed ebbe orrore, non sapeva
di chi o di che cosa; un'acqua amara le veniva alla gola, e dentro
sentiva una voce gridarle: “Non parlare; è finita; non parlare!...„ E
non parlò; guardò Ladis con occhi spaventati e supplici; sì, veramente
era finita, egli non avrebbe compreso.

La mano della donna serrò con tal forza l'impugnatura dell'ombrellino,
che la spezzò.

— Brava! — disse Ladis ridendo. — Aurelio può cominciare col dono d'un
parasole.... E così, quando andrai?...

Giorgina stentò a muovere le labbra bianche; lentamente, con pena,
mormorò:

— Domattina....

— Ci vedremo. Aurelio m'ha invitato a colazione; sarò testimonio della
vostra pace....

Stupita, la donna sentì di poter ridere; e rise, rauca un poco, non
sapendo ciò che si facesse. Il suo sguardo vagava intanto per la camera,
per il nido, per il covo, dov'era stata così lietamente belva, così
avidamente femmina; e quando le parve d'aver bevuto abbastanza con gli
occhi quel tesoro d'imagini familiari ch'era un tesoro di ricordi
intimi, si mosse per andare.

— Non te l'avevo detto io, — osservò Ladis, mentre spazzolava la giacca,
— non te l'avevo detto che Aurelio ascolta e obbedisce?

— Sì; arrivederci! — mormorò Giorgina.

— Arrivederci, — rispose Ladis, un po' sorpreso di tanta fretta. — Hai
furia?

— Ho molte cose da fare, — disse Giorgina. — Non sapevo che questo fosse
l'ultimo....

Si diede un morso feroce alle labbra per non rompere in uno scoppio di
lagrime.

— .... l'ultimo appuntamento, e sono impreparata, ho molte cose da
ordinare....

— È giusto: arrivederci domattina, a casa tua! — disse Ladis
cortesemente.

Ella non gli rispose, evitò di dargli la mano, gli voltò le spalle.

— Bel modo di ringraziare! — mormorò Ladis quando si trovò solo. — Poco
incoraggiante per un gentiluomo!


V.

Aurelio si mostrò molto affabile.

La moglie lo aveva preavvisato del suo ritorno con un biglietto, e gli
era capitata in casa la mattina, pochi minuti prima di sedere a tavola
per la colazione.

Vestiva una sottana rossa di fiamma e una camicetta così trasparente,
che le spalle e il petto fino al cominciar dei seni parevan nudi,
soffusi appena da una polvere diafana; calzava stivaletti alti di pelle
rossa.

Aurelio l'ammirò; gli piacque in modo singolare, dentro la guaina
fiammante, il corpo bruno e odoroso, ch'egli ricordava; ma parlò
d'affari; apprese con soddisfazione che i debiti di Giorgina non
superavano la cifra da lui prevista; e in un medesimo discorso trattò
dell'assegno, della bellezza, d'una società per azioni e dell'eleganza
di sua moglie, terminando con un sorriso indulgente e una piccola fugace
carezza sui capelli di Giorgina.

Questa non dava segno nè di annoiarsi, nè di divertirsi; non la scosse
nemmeno lo spettacolo delle sue camere, che ritrovava dopo due anni non
tocche in alcun particolare. Mentre essa si toglieva il cappello,
Aurelio andò a una finestra e guardò nella via; e tra il brulicar dei
passanti, riconobbe un medico, una dama, due avvocati, il negoziante di
legna che aveva bottega nella casa, e parecchie serve che tornavan dal
mercato di Rialto.

Era l'opinione pubblica che passava, la quale doveva pronunziare il suo
giudizio su Aurelio Sangiorgi, che aveva riaperto la casa alla moglie
colpevole.

Aurelio fece un sibilo tra i denti, per allegria e per disprezzo, e si
mise a ridere.

Giorgina lo guardò attonita, non chiese perchè ridesse, e tornò nella
sala da pranzo.

Osservò sulla tavola la cristalleria multicolore e scintillante, e il
vasellame antico, prezioso, ch'ella non aveva mai visto.

— Sono compere nuove? — domandò al marito.

— No; li ho avuti dalla famiglia Badoèr, — rispose Aurelio, — in seguito
a un affare disgraziato....

— .... per la famiglia Badoèr, — interruppe Giorgina, torcendo la bocca
disdegnosa.

Ladislao sopravvenne in quel momento; al vederlo, la donna ebbe un
sussulto, e una maschera d'angoscia le si stese sul volto; ma fu cosa
rapidissima. Ladis era allegro e chiassoso; i molti fiori porpurei,
distribuiti qua e là per la sala e sulla tavola, gli piacquero.

— Fior di passione! — disse ridendo a Giorgina e ad Aurelio. — Color di
fiamma come la sottana della sposa.

Giorgina lo guardò negli occhi: non v'era ironia, non v'era cinismo, non
v'era nulla.

Ladis aveva dimenticato il loro amore, con una semplicità, con una
naturalezza, incredibili; fior di passione doveva essere per lui
veramente il matrimonio rinverdito e ripreso di Giorgina e d'Aurelio.

Allora la donna si fece allegra ella pure, follemente, ferocemente
allegra, ridendo di tutto; e dentro, a cuor morto, rideva di sè e della
propria stupidaggine.

S'era vestita così per piacergli ancora; aveva pensato che la visione
delle sue carni brune appena velate dalla camicetta, dovesse risvegliare
in lui un brivido dell'antico desiderio selvaggio; e un solo sguardo
sarebbe bastato a richiamarla, a farle abbandonare gli agi e la casa.

Egli non aveva veduto nulla. L'abbigliamento procace andava risvegliando
invece la concupiscenza di suo marito, che le sarebbe balzato sopra, non
appena l'amico si fosse accomiatato.

Il contrasto non poteva essere più comicamente malinconico.

Proprio quella stessa mattina, mentre faceva il bagno, la giovane aveva
scoperto sotto la mammella sinistra una chiazza rotonda, l'ultimo bacio,
il morso ancora dolente di Ladis, il suggello dell'amore finito.

Ella pensava a questo, guardando i bicchieri postile innanzi; e si fece
versare dal servo una coppa di sciampagna, e bevve, e poi un'altra, e
una terza, ridendo. Le frullava per la testa il capriccio, il bisogno,
di stracciarsi il velo che le copriva il seno, e di mostrare il torso
nudo, con quel vivido sigillo della sua passione, perchè Ladis lo
riconoscesse, perchè Aurelio ne fosse sgomento.

Che smorfie avrebbero fatto i suoi uomini allo spettacolo imprevisto?

— Sciampagna! — ella ordinò di nuovo al servo.

— Giorgina! — mormorò Aurelio, in tono di velato rimprovero.

— Una baccante! — disse Ladis, ridendo. — Una baccante superba!

Aurelio la guardò con cupidigia; ma le parole di Ladis avevano avuto un
effetto strano; il volto della giovane s'era sbiancato e la fronte s'era
corrugata per qualche ricordo improvviso, che Ladis aveva sbadatamente
evocato.

Giorgina si alzò: disse:

— Voi dovete parlar d'affari, credo. Io sono stanca: vado a riposare un
poco.

Si volse a Ladis, il quale s'era alzato egli pure.

— La ringrazio, — soggiunse stendendogli la mano.

— Spero di rivederla, prima ch'io me ne vada, — rispose Ladis.

Giorgina lo guardò con un sorriso enigmatico; Ladis non aggiunse parola
e s'inchinò stringendole la mano.

Seguì un istante di silenzio; Ladis riprese il suo posto, e Aurelio non
appena la giovane ebbe varcato il limitare, disse contento:

— Che donnina! Bella, bella, bella!...

L'altro gli fissò in faccia gli occhi, nei quali luceva una acuta
ironia. Il terribile uomo d'affari, Aurelio Sangiorgi il pirata, non
sospettava pur lontanamente che Ladis conoscesse la donnina assai meglio
di lui, e le dovesse una pagina della sua gagliarda vita di scapolo.

Giorgina entrò nella camera da letto, chiuse le persiane e le imposte, e
nella quieta ombra così creata si strappò di dosso la camicetta, il
copribusto, il busto; aperse una valigia che le avevan portato la
mattina stessa e ne levò un tagliacarte con l'impugnatura dorata e la
lama affilatissima.

Si guardò nello specchio. Il torso vibrante, dalle mammelle rigide,
sorgeva come un fiore da quella coppa rovesciata ch'era la sottana
fiammea stretta intorno alle anche.

— Dunque, io non ho disponibili che ottanta azioni, e le riserbo per te,
— diceva Aurelio in quell'istante a Ladis. — A questo proposito, devo
dirti che il valore nominale....

Ladis ascoltava con piacere.

Giorgina si gettò sul letto, impugnò il tagliacarte, affondò due volte
duramente la lama nel polso, due volte nella piegatura del braccio
sinistro; guardò l'immane fiotto di sangue che si precipitava fuori con
violenza, inondando il letto; e rovesciò la testa sul guanciale.

— Ora posso lavorare, lavorare molto! — dichiarava Ladis con un sorriso
calmo. — Devo confessartelo: temevo d'innamorarmi come un poeta e di
sciupare il mio tempo con le donne; ma ho fatto una cura energica.... E
nella vita non avviene mai niente!...

Giorgina rantolava, gli occhi velati, tutto il corpo scosso da fremiti
spaventosi. L'amplesso di Ladis non l'aveva mai fatta vibrare così a
lungo....



PICCOLO “SKATING„.


Tutto il giorno, dalla mattina alla sera profonda, era quel rumore come
d'un vento che sibilasse, e quando intenso e quando fievole, lontano,
rotto e soverchiato a sua volta dallo stridìo dei pattini, che
strisciavan di fianco per arrestar la corsa.

Nel rettangolo chiuso da sbarre, sul pavimento di marmo grigio, uomini e
donne e fanciulle correvano, dritto il busto, piegando lievemente i
ginocchi per arrotondare gli angoli alle svolte, la testa bassa, gli
occhi rivolti a terra. Scivolavan via così lunghe ore, sui pattini a
ruote, dalla mattina alla sera profonda; e una folla intorno alle sbarre
li guardava, intontita e quasi addormentata da quel variare isocrono di
figure che si rincorrevano e tornavano; dimentichi e la folla e i
pattinatori del tempo e del luogo.

Di là dalla vetrata si scorgeva la distesa verdognola del mare mosso, e
di qui la striscia gialla del viale pulito e spazzato dalla pioggia
fitta di più giorni.

Verso le cinque del pomeriggio cominciava il concerto, un piano, un
flauto, un violino e un contrabbasso, che suonavano ballabili lenti, sui
quali pareva cader la gragnuola minuta di quel rumore come d'un vento,
che si faceva più forte. A quell'ora tra il pubblico apparivan le
eleganti, e nel rettangolo del pattinaggio i maestri, quelli che
delineavano le piroette, e correvano all'indietro, con le braccia
conserte.

La musica dava un pensiero a tutta quella gente ch'era pigra a pensare,
ma accompagnati e presi nella dolce spirale d'un valzer, non correvan
dietro che a pensieri in forma di scene e a sentimenti in forma di
pensieri. I più si dolevano, — donne e fanciulle, — che tra il pubblico
non si vedesse la persona che avrebbe meglio ammirata la loro grazia.

E di qui e di là, e sul ginocchio destro e sul sinistro, e di là e di
qui, e un passo stretto dietro un passo stretto, e la spinta misurata e
la svolta lunga per inerzia, e di qui e di là, oscillando come per una
composta ebbrezza, come piegandosi ad ascoltare or di qui or di là....

Nella corsa liscia e voluttuosa ve n'eran di instancabili,
deliziosamente rinfrescati dal ritmo della musica; e seguitavano a
correre, a svoltar gli angoli, a tagliar per la diagonale, a ondulare di
qui e di là, abbozzando in testa un romanzo, che rimutavano,
allungavano, abbellivano, e che non ricordavano più quando s'eran levati
i pattini. Per riprendere il romanzo, bisognava rimettere le viti,
riallacciare i lacci ai piedi, volare tra quel sibilo di vento e udir la
musica, il doppio ritmo delle note e delle ruote.

Allora veniva bene il dialogo segreto, mille volte rifatto, che poteva
esser questo:

— Mi ami?

— Non so chi sei.

— Non senti che t'amo, non senti che muoio, non bruciano le mie mani,
non sono un tormento e una gioia che mi avvicinano a te?

— Mi parli, e non comprendo.

— Vieni; ti passo il braccio intorno al busto. Sei mia. Vola con me,
piègati sul mio fianco, abbandònati alla mia stretta.

— Tutti ci guardano.

— Nessuno ci vede; la vertigine è troppo forte. Altri son passati prima
di noi così avvinti, altri passano dopo di noi. Tutti ci guardano,
nessuno ci vede....

— Non m'ingannare.

— Ti amo. Non ti piace così?

— Mi piace così. Fin quando?

— Per sempre, per sempre....

E di qui e di là, sul ginocchio destro e sul sinistro, tra quel sibilo
di vento, tra le spirali del valzer.

La linea del mare verdastro di là dalla vetrata s'illuminava d'una luce
di fuoco sotto gli strati delle nuvole scintillanti d'oro, e si faceva
d'oro il rettangolo sul quale svolazzavano tante sottane e correvano
tanti piccoli piedi ruotati.

Fu così, in un tramonto igneo, che apparve un giorno tra il pubblico
tranquillo degli spettatori una giovane signora, o una signorina, e vi
gettò uno sgomento indimenticabile. Chi era? Che cosa aveva di più o di
meno, di meglio o di peggio che le altre?

Era sottile come quella giovinetta che sapeva far gli svolazzi coi
pattini a guisa d'un calligrafo con la penna; non più bruna di capelli
nè bianca di carnato che quelle due fanciulle, le quali correvano e
ondulavan sui fianchi sempre l'una avvinta all'altra; non più elegante
della piccola bionda, ch'era elegantissima. Bella, fresca, audace,
sdegnosa, come quasi tutte le pattinatrici che le mamme, sedute torno
torno al rettangolo, si vedevan correre sotto il naso da un paio di
settimane.

E tuttavia la sua apparizione sollevò uno scompiglio indimenticabile tra
quel pubblico pacifico, al quale si frammischiavano volontieri i giovani
e gli uomini maturi in cerca di sensazioni estetiche e di visioni
rapide.

Ella aveva un abito bianco tutto liscio, corto, serrato in basso da tre
lacci, secondo le ultime leggi; una cintura rossa alla vita e un paio di
stivaletti rossi compivano, coi guanti bianchi e un enorme cappello, il
suo abbigliamento.... Ma gli stivaletti rossi dispiacquero subito alle
osservatrici. Se ne vedevan di rado, da quelle parti, e avevano un
significato di provocazione, che non si spiegava, si sentiva per aria, e
che scatenò un rumoroso bisbiglio.

La nuova venuta girò gli occhi intorno, con quell'espressione, la quale
vi dice insolentemente: Vi guardo, ma non vi vedo. E anche questo
dispiacque alle osservatrici, che la fissavano con l'occhialino e non ne
perdevano un gesto, nè un movimento, addosso, a un passo, quasi
studiassero al microscopio una vita misteriosa e inquietante.

Era accompagnata.... Ma era veramente accompagnata?... Nessuno l'aveva
vista entrare.... Però donna Eufrasia Ricciardi assicurò che doveva
essere accompagnata dal signore che le era alle spalle; uno di quei
temibili uomini, i quali sono stati ripetutamente a Parigi, possiedono
un'automobile con cui scarrozzano le più belle ragazze del mondo,
tengono tra le labbra la sigaretta spenta e nelle mani l'onore di più
donne; e un giorno si scopre che sono ammogliati e non se ne ricordano
più.

Non si sapeva veramente se quel terribile signore, con un certo cappello
bigio molle piantato di sbieco e tirato sugli occhi, accompagnasse la
ragazza. Di chiaro non si vedeva se non sulla faccia d'ambedue, l'uomo e
la ragazza, l'espressione della stanchezza; e si vedevano anche sotto
gli occhi dell'uomo certe sottili lineette che si sarebbero chiamate
rughe.

Le notò per prima Virginia Giordani, che lo guardava avidamente, di
sfuggita; ella aveva diciott'anni e andava pazza per gli uomini
sciupati, stanchi, col viso “ricamato„ dai giorni e dalle notti e da
molte cose di cui non aveva alcuna idea.

L'altra intanto s'era allontanata tra il bisbigliare continuo delle
buone dame sedute, e s'era fatto mettere i pattini dall'inserviente.
Entrava nel rettangolo, sul marmo grigio. Fu un momento d'aspettazione
silenziosa, un solo momento, perchè quella si lanciò subito sul
ginocchio destro e sul sinistro, si curvò un poco, prese l'aire, fece
una svolta stupenda, passò tra le coppie, raggiunse una velocità alla
quale nessuno si arrischiava pur tra i più audaci.

E rise da sola, pensando che le spettatrici l'avevano forse creduta
tanto sciocca da arrischiarsi al giuoco senza conoscerlo bene e da
cadere goffamente pel loro spasso.

Andava, volava, batteva l'aria in faccia agli uomini che la scrutavano
immobili di là dalla sbarra, e sfiorava del gomito le fanciulle, che
sentivano ch'ella era diversa, e ne avevano timore ed invidia,
maraviglia e soggezione.

Veniva non si sapeva donde, non aveva detto parola, non aveva sguardo
per alcuno, e scivolava mirabilmente, pensando a non si sapeva che
cosa.... Era il personaggio del romanzo, di tutti i romanzi pullulati
nell'ozio di quel passatempo, una fantasia incarnata in una bella
persona, venuta su improvvisamente dall'ignoto.

— Bisogna richiamarle, queste ragazze, e condurle a casa! — osservò
donna Eufrasia ad alta voce. — Chiamate Lidia; fate segno a Paolina....

Ma le ragazze filavan via, e di qui e di là, e sul ginocchio destro e
sul sinistro, mentre l'insidia del valzer torpido le avvolgeva.

Parevano capitanate da quella svelta figurina; le si eran messe tutte
dietro, una schiera lunga di paperi, e si facevano sfiorar del gomito a
bella posta per sentire che la donna del loro romanzo, la parvenza della
loro fantasia viveva, e tentavan d'imitarla quando si curvava un poco
per goder meglio della corsa. Nella schiera ve n'eran di men giovani che
lei, ed ella sembrava una sorella candida tornata fra le sorelle al
giuoco; e senza parere, aveva allentato un poco il suo impeto per non
compier troppo presto il giro e non passar dalla testa alla coda. Tutte
le altre regolavan la spinta e il ritmo sul ritmo della sorella
sconosciuta.

— Chiamate dunque Lidia! — ripetè ad alta voce donna Eufrasia. — E lei
lascia sua figlia in quella compagnia?

Non vi fu bisogno di chiamar Lidia. Fatto un ultimo giro, la sconosciuta
si fece togliere i pattini e rimase qualche tempo fuor del rettangolo a
guardare le compagne d'un'ora che correvan tuttavia: ciascuna passando
le gettava un'occhiata interrogativa e timorosa, ed ella le seguiva con
un'occhiata lunga e meditabonda. Non si capivano ancora, ma si
parlavano.

Poi la giovane sentì l'alito ardente degli uomini intorno, l'urgere d'un
desiderio sfrontato, e dovette allontanarsi.

Parecchie signore s'alzarono con un pretesto a seguirla e a veder dove
andava; gli uomini senza alcun pretesto le si precipitarono innanzi per
farle ala e squadrarla ancora da capo a piedi.

Ma a fianco di lei si mise il signore dal cappello bigio e molle tirato
sugli occhi, il terribile signore che doveva essere stato più volte a
Parigi, e teneva tra le labbra la sigaretta spenta.

Virginia Giordani osò spingersi tra gli uomini, senza levarsi i pattini,
abbrancandosi al primo venuto, per veder passare il signore che le
piaceva tanto quanto le pareva sciupato.

C'era l'automobile fuori ad attenderli, rombante. Non mancava nulla al
loro prestigio d'un attimo.

Vi salirono la giovane e l'amico, senza dir parola; non avevano ancora
scambiato una parola dacchè eran comparsi. Un domestico moro chiuse lo
sportello. Lo _chauffeur_ lanciò la macchina con un balzo pel viale
pulito e spazzato dalla pioggia fitta di più giorni.

E con la rapidità del lampo, cantando su tre toni dolci e petulanti,
l'automobile scomparve in capo al viale, verso la pineta.

— Gente felice! — disse qualcuno.

— Non farti sentire da queste dame! — interruppe un altro. — Muoiono
d'invidia e di morale.

— È finita; non si potrà venir più qui a passare un'ora. Io le ho fatto
comprendere il mio risentimento; ho parlato forte, mi pare? — osservò
donna Eufrasia.

— Come pattinava bene! — esclamò Lidia la bionda. — Era una delizia
seguirla! Dove avrà imparato a pattinare così?

— Oh, ha imparato tante altre cose! — rimbeccò un giovanotto beffardo.

— Ma dove? — insistette Lidia.

— Quali cose? — incalzò Paolina.

— A Parigi, a Parigi! — concluse l'altro, rientrando e rimettendosi i
pattini. — A Parigi s'impara tutto; ma non ci vada con la zia, o non
imparerà nulla....

E rise.

— Ecco, incomincia lo scandalo! I giovani perdono la testa e fanno
discorsi che non dovrebbero! — constatò donna Eufrasia.

— Quali discorsi? Ma se parlano di Parigi! — osservò una signora
pacifica, la quale, perchè da trent'anni udiva parlar di Parigi e non
riusciva mai ad andarvi, si sentiva commossa dalle voci d'un sogno
lontano.

— Io, intanto, domani non vengo! — dichiarò solennemente donna Eufrasia.
— Ho in custodia mia nipote, e queste son cose gravi.

Ma l'indomani fu un gran giorno. Il piccolo “skating„ rigurgitava di
gente, e nel rettangolo e fuori, e tra i pattinatori e tra il pubblico
era un'attesa inquieta. Le fanciulle l'avevan detto alle amiche, gli
uomini agli uomini, le signore alle signore, e tutti aspettavano il
ritorno.

Con quale abito sarebbe comparsa? Queste donne non indossano mai due
volte lo stesso abito in una settimana, tanto più quando hanno un amico
e un'automobile col moro. Era fin di stagione, principio d'autunno,
temperatura variabile, quel periodo in cui si può vestire un abito
leggerissimo o tapparsi in una pelliccia, a piacere, secondo il pretesto
del momento.

Piero Sanna, il beffardo, aveva sparso la voce che la giovane avrebbe
indossato un abito Direttorio, tagliato sul fianco in modo che si
vedesse e non si vedesse una gamba.

— Ma si vede o non si vede? — chiese, strabuzzando gli occhi, il dottor
Giulio Lastrelli, che aveva sessant'anni.

— La mamma ha un bel dire, ma io la trovo molto carina, — confessava
Lidia a Paolina, correndo con lei sul pattinatoio e serrandola con un
braccio intorno al busto. — Ha una cert'aria come a dire: “non ho
bisogno di voi„, che mi piace.

— Sì, — rispose Paolina, ondulando sui fianchi per darsi una nuova
spinta. — Ci ho pensato stanotte, e l'ho invidiata, che vuoi? Abiti,
automobili, divertimenti, e quel bel signore. Non fa male a nessuno, e
può essere così amata, così felice!

— Così amata! — ripetè Lidia pensierosa.

Tutti correvano e di qui e di là, e sul ginocchio destro e sul sinistro,
e di là e di qui, oscillando come per una composta ebbrezza, come
piegandosi ad ascoltare or di qui or di là.... Ma gli occhi si volgevan
di tanto in tanto all'entrata e si sforzavan di veder fuori, sul viale.

Virginia s'arrestò di repente e s'abbrancò alla sbarra.

— Che fai? — le domandarono Lidia e Paolina, le quali scivolavan dietro
lei, e per quella brusca fermata avevan corso rischio di cadere.

— Mi è parso d'udir la tromba d'un'automobile.

Si fermarono anche le altre e ascoltarono ansiosamente, la bocca
socchiusa, gli occhi rivolti all'ingresso.

— È qui! — disse giocondamente Lidia.

— Ora vediamo la gamba! — susurrò Paolo Sanna al dottor Lastrelli.

— Una soltanto? — domandò Giulio strabuzzando gli occhi.

Non apparve nessuno. Le fanciulle ripresero l'aire, Paolo Sanna, Giulio
Lastrelll, tutti gli altri che s'erano ammucchiati in un angolo,
sfilarono a corsa e ricominciò lo stridìo, il rumore come d'un vento che
sibilasse.

La piccola orchestra attaccò una marcia, _Il Ruwenzori_; e fu tra le
note della marcia, al ritmo fiero e guerresco della vittoria ch'entrò
soffiando donna Eufrasia Ricciardi. Era d'amaranto in viso, gesticolava,
aveva qualche grande cosa da dire. Le ragazze che passavano a corsa
videro le mamme avvicinarsi e circondar donna Eufrasia, e ripetere i
gesti, gli uomini guardarsi in volto e inarcar le sopracciglia.

— Che c'è? Diventano matti? — domandò Paolo Sanna.

Ma il susurro cresceva, soverchiava lo stridìo dei pattini, il ritmo
della vittoria, e una voce dominò e si diffuse:

— È morta!

— Chi, morta?

Lidia e Paolina si lanciaron fuori a farsi togliere i pattini, per
ascoltare: il dottor Lastrelli, che faceva in quel punto un geroglifico,
perdette l'equilibrio e ruzzolò per terra, interrogando:

— Chi, morta?... Ma chi?...

Intorno a donna Eufrasia faceva ressa tutto il pubblico, una platea
d'ascoltatori, mentre sul pattinatoio non correva più nessuno.

— Cinque pastiglie di sublimato! — narrava la dama soffiando. —
Stanotte, all'Hôtel de Russie.... Povera figliola!... E ieri, a
quest'ora, pattinava così bene, con quegli stivaletti rossi, che saranno
di moda, ma a me, già, non piacciono.... Avvelenata! Che coraggio!...
Chi l'avrebbe detto?

— È morta! — ripeterono le ragazze desolate, sottovoce.

— E tu la dicevi felice! — mormorò Lidia a Paolina.

— Ma sicuro, ammogliato! — spiegava intanto donna Eufrasia. — Bastava
guardarlo per capire. Non poteva più tenerla con sè, naturalmente.
Queste cose durano fin che durano. E lei gli voleva bene, si vede, e si
è avvelenata.... Cinque pastiglie.... Se ne sono accorti troppo tardi, e
stamane all'alba è morta....

— È morta stamane all'alba, — ripetè con un sospiro Lidia la bionda.

— Si vedeva che c'era qualche cosa, — osservò Virginia gravemente. — Non
si son mai detta una parola.

— È vero, — confermò Paolina. — Non pareva nemmeno che lui
l'accompagnasse.

— Ma che cosa fanno qui tutte queste ragazze? — osservò una mamma,
vedendo il gruppo delle fanciulle che ascoltavano a bocca aperta. —
Andate a pattinare, su, andate via! Non si può neanche discorrere?

— Addio gambe! — mormorò Paolo Sanna, battendo con la mano su una spalla
di Giulio.

E per dare il buon esempio, s'avviò a rimettersi i pattini. Le fanciulle
lo seguirono; Lidia strinse ancora intorno al busto Paolina, e si lanciò
con lei; Virginia volle pattinar da sola per pensare a quell'uomo
ammogliato che faceva morir le amanti; Giulio sopraggiunse e riprese i
suoi geroglifici; e gli altri tutti, uomini e donne e fanciulle, dietro,
la testa bassa, gli occhi rivolti a terra.

Ma parecchi giovanotti uscirono per andare all'Hôtel de Russie a vedere
non sapevano essi medesimi che cosa.

— Certo, uno scandalo! — disse donna Eufrasia, mettendosi infine a
sedere per vigilar la nipote che pattinava. — Qualche cosa me lo faceva
presentire quando li ho visti ieri.... Oh per lui, se lo merita! Lei,
poverina, non ha colpa, se lo amava.... È sempre così; non si amano che
codesti birboni!

Poi soggiunse romanticamente:

— Amore e morte!

La corsa aveva riacquistato tutto il suo impeto e dopo la marcia era
venuto un valzer. Dalla vetrata traboccava come il giorno innanzi l'onda
rossastra del tramonto, e il rettangolo su cui correvano tanti piccoli
piedi ruotati, svolazzavano tante sottane, si faceva d'oro.

— Ma è bello! — susurrò a un tratto Lidia, uscendo da una lunga
meditazione. — La gioia, i divertimenti, l'automobile, un grande amore,
e poi una notte morire; addormentarsi, e non svegliarsi più, mai più!

— Taci! — disse Paolina con un brivido. — Pensavo io pure così!

E le due fanciulle si strinsero più forte, correndo; e di qui e di là, e
sul ginocchio destro e sul sinistro, e un passo stretto dietro un passo
stretto, oscillando come per una composta ebbrezza, come piegandosi ad
ascoltare or di qui, or di là....



LA MOGLIE INNAMORATA.


La causa era buona e difficile: si trattava di difendere la giovane
contessa Elena Uberti, la quale in un momento di gelosia e di passione
aveva piantato tre palle di rivoltella nel petto del marito conte
Stefano Uberti di San Guiscardo e di Bovolino, che era scampato per
miracolo, dopo tre mesi di malattia.

L'avvocato Pietro Quadrelli aveva accettato di difendere la contessa;
innanzi tutto perchè il processo era “brillante„, poi perchè la contessa
era ricca, bella e giovane. Ma la strada naturale per cui la difesa
doveva mettersi, cioè la dimostrazione della cattiva condotta del conte
Stefano e delle avventure di lui, s'era chiarita subito assai difficile.
In verità, non si avevano prove serie nè della cattiva condotta, nè
delle avventure; e i testimoni nicchiavano, dicevano e non dicevano,
lasciavan l'impressione di riferire cose udite, raccolte nei caffè,
pettegolezzi inconsistenti. Nulla di grave s'era potuto assodare; lo
scatto di gelosia che aveva armato la mano della contessa Elena appariva
quasi ingiustificabile e la situazione della giovane signora era andata
aggravandosi durante l'istruttoria, quantunque, se non si ammetteva la
gelosia, non si potesse incolparla d'alcun movente odioso o volgare.

L'avvocato Quadrelli disperava di poter formare al processo
quell'“ambiente morale„ che sarebbe valso a circondare d'antipatia e di
sospetto la figura del marito, e a gettare una luce benigna sulla
contessa Elena. Egli era andato a trovarla più volte nel carcere
giudiziario e aveva dovuto convenire con sè stesso che la dama,
acutamente sensibile, non aveva potuto macchiarsi d'un delitto se non
per qualche impulso irrefrenabile, di cui essa stessa non sapeva
rendersi conto.

Nulla era perciò più arduo che preparare la lista dei testimoni, i quali
dovevano essere scelti tra i pochi che avrebbero saputo non esagerare,
tenere di fronte alla contessa un linguaggio di stima senza enfasi, e di
fronte alla vittima di lei un contegno di riprovazione sobrio e grave.
Infine, come arma vera e propria, l'avvocato Quadrelli non aveva che
l'eloquenza, dalla quale sperava un effetto durevole sull'animo dei
giurati, sempre inclini a una certa simpatia per le donne giovani,
eleganti e timide. E che Elena fosse elegante e timida, l'avvocato
sapeva; gli occhi cilestri della contessa non avevano sopportato a lungo
lo sguardo di lui. Ella s'era schermita gentilmente ma fermamente
d'accusare troppo il marito, aveva rifiutato di spiegarsi intorno ai
quattro anni di vita passata a fianco del conte Stefano, temendo che
l'avvocato s'arrischiasse o fosse in diritto di rivolgerle domande
troppo intime; le sue mani eran bianche e sottili; le vesti scure, ma
perfette di taglio, e intorno al suo corpo ondeggiava un profumo
delizioso di mughetto. L'avvocato aveva indovinato, aveva sentito, che
la contessa Elena Uberti di San Guiscardo e di Bovolino, nata marchesa
Grotti di Lampreda, era un angelo, incapace di commettere la più piccola
bassezza. E, chiusa l'istruttoria, era andato a trovare quell'angelo nel
carcere giudiziario quante più volte aveva potuto, forse per aver luce
sulla causa, certamente per aver luce dagli occhi cilestri e per
aspirare il delizioso profumo che ondeggiava intorno alla testolina
della giovane.

La sua simpatia per la contessa non aveva riscontro che nell'antipatia
sorda contro il marito; un uomo il quale sciupava energie preziose in
una vita di disordini, e, l'istruttoria lo dimostrava, sapeva
destreggiarsi con tale abilità da non lasciare prove della sua mala
condotta.

L'avvocato Pietro Quadrelli fu, per tutte queste ragioni, spiacevolmente
sorpreso d'udirsi annunziare un mattino il conte Stefano Uberti.
Mancavano quindici giorni al processo, e l'intervento di quell'uomo non
poteva non essere pericoloso per l'accusata. L'avvocato diede ordine di
farlo passare immediatamente, e non appena se lo vide innanzi, strinse
in pugno un tagliacarte, per frenare un moto di dispetto.

Il conte era sulla quarantina; dritto come se i bagordi lo avessero
temprato: con lo sguardo “discendente„, che veniva dall'alto, sarcastico
e superbo; un poco acceso in volto, di quel colorito che gli uomini
prendono stando molto all'aria aperta, sotto il sole, sotto la pioggia,
al vento, alla polvere; alla prima occhiata, si sarebbe creduto ch'egli
fosse un ufficiale in abito borghese....

— A che cosa devo?... — chiese l'avvocato, accennando una sedia al
conte.

— A che cosa deve il piacere della mia visita? — ripetè Stefano,
sedendo. — Ecco qua: sono venuto, per quanto mi è possibile, ad aiutarla
nella sua opera.

L'avvocato strinse ancora una volta il tagliacarte; quell'uomo si
prendeva beffe di tutti, evidentemente; ma nell'interesse della giovane
accusata, Pietro Quadrelli si fece forza e stette ad ascoltare.

— Mi sembra, — disse Stefano, — che la posizione di Elena, di mia
moglie, sia molto penosa, e che al momento in cui parliamo, l'accusa
possa facilmente aver ragione.

— Lei s'inganna.... — interruppe l'avvocato.

Il conte Stefano Uberti sorrise con un sorriso che significava la
compassione e l'ironia e che fece salire al volto di Pietro Quadrelli
una vampa.

— Non m'inganno, — ribattè il conte. — Credo di essere bene informato. A
Lei, vede, mancano i testimoni. Io ho molta fiducia nell'eloquenza; ma
neanche Demostene, con quei testimoni, che Ella ha potuto trovare fino
ad oggi, riuscirebbe a dimostrare che Elena aveva qualche ragione di
fare ciò che ha fatto....

— Lei intende costituirsi parte civile? — domandò l'avvocato.

Stefano sorrise e si alzò.

— Non ci comprendiamo! — disse poi. — Ma se sono qui per aiutarla?

Fece alcuni passi nello studio, andò alla finestra che guardava in un
giardino, e stette un istante come assorto a veder le foglie tremolare a
un lieve fiato di vento. L'avvocato, immobile innanzi alla scrivania, lo
osservava con curiosità.

— Ecco qua, — riprese Stefano, tornando a sedersi. — Bisogna citare il
marchese Cutinelli. È un simpatico giovanotto. Due anni or sono, mentre
viaggiavo tra Napoli e Roma, e precisamente si stava facendo colazione
nel wagon-restaurant, egli si è incontrato con me. Io ero con una
signora giovanissima, dai capelli neri e dagli occhi castagni; quella
signora non era mia moglie.

S'interruppe, e guardando dritto in faccia l'avvocato, proseguì:

— Lei conosce bene mia moglie. Sa che ha gli occhi cilestri e la
carnagione bianca, dirò coi poeti “simile a un petalo di rosa„. Ora la
signora che viaggiava con me, aveva i capelli neri, gli occhi castagni e
la carnagione scura. Interroghi il marchese Cutinelli; ne saprà quanto
basta. Abita a Napoli.

L'avvocato scrisse il nome e l'indirizzo sopra un taccuino, e si chiese:

— È matto? A che giuoco vuol giuocare?

— Un altro testimonio prezioso per Lei, — seguitò tranquillamente
Stefano, — sarà Emilio Balanda. Povero Emilio! È un seccatore
involontario: mi càpita sempre tra i piedi quando vorrei viaggiare in
incognito; ma è discretissimo, e per farlo parlare, lei dovrà insistere
molto. Alla fine parlerà, non dubiti. Gli dica che si tratta di salvare
Elena; non so se abbia una grande simpatia per Elena; è possibile; ma
quello che è certo, si è che la sua anima borghese e piccola dev'essere
molto scandalizzata per la mia condotta. Alla cicala bisogna grattare il
ventre per farla cantare, dicono; e lei gratti!...

Fece una pausa, si cercò in tasca, estrasse un astuccio:

— Permette? — chiese. — Io non posso stare un'ora senza fumare.

— Anzi, anzi! — disse Pietro Quadrelli, accendendo un fiammifero e
offrendolo. — Allora, Emilio Balanda?...

— Emilio, — riprese il conte, dopo aver tratto dalla sigaretta una
boccata di fumo, — Emilio ha avuto la fortuna di trovarmi a Milano,
l'anno scorso, al Grand Hôtel. Ero al Grand Hôtel con una signora, la
quale assomiglia un poco a Elena.... Non si spaventi per questa
difficoltà.... La signora non parlava che il russo e il francese....
Ecco quanto basta per rilevare che non si trattava di mia moglie.... E
fumava come una locomotiva, mentre Elena non può tollerare nemmeno il
fumo di una sigaretta.... Ma il più bello è questo; otto giorni dopo,
quel caro Emilio m'incontrava ancora a Parigi, al restaurant....

S'interruppe di nuovo, e come avesse dato un ordine al conduttore d'un
taxi, soggiunse: — _Restaurant Maurice, rue Drouot, au coin de la rue de
Provence...._ Anche là non ero solo. Accompagnavo una signora; e non era
la signora del Grand Hôtel.... La signora del restaurant Maurice era
alta, sottile, tutta vestita di nero, con una “cappottina„ da cui
sfuggivano alcuni riccioli, e che le incorniciava il volto pallido....
Dunque, a distanza di otto giorni, avevo cambiato due amanti.... L'amico
Emilio abita a Milano, via Alessandro Manzoni, N. 10. Ha scritto?

L'avvocato scrisse, rialzò il capo, e stette ad ascoltare.

— Per ultimo, — disse Stefano, deponendo sul portacenere il resto della
sigaretta, — le indicherò il mio amico Cesare di San Sebastiano. Egli mi
ha incontrato a Torino, una sera sotto i portici; v'era folla, io
accompagnavo una signora, ed egli salutò. Questo disgraziato Cesare di
San Sebastiano è molto miope, e perchè abitavamo allo stesso albergo,
l'indomani mi chiese di potere salutare mia moglie. Ho dovuto dirgli, —
veda a che cosa conduce la miopia.... degli altri! — che la signora con
cui vivevo all'albergo non era mia moglie, ed egli ne fu molto confuso,
più confuso di me, certamente. Ora, è bene sapere, che quella signora
non aveva nulla di comune nè con la signora di Napoli, nè con quella del
Grand Hôtel di Milano, nè con l'altra del _Restaurant Maurice_. Lo dica
pure con tutta franchezza; nessuno potrà smentirla.... Cesare di San
Sebastiano abita a Torino, via Lagrange, 12. Vede che ora lei ha un
materiale prezioso, e l'assoluzione di Elena è assicurata.... Perchè, se
tante sono le avventure che ebbero testimoni certi e insospettabili,
quante saranno, mio Dio, quelle che passarono inosservate?

Sì alzò sorridendo, e andò ancora a dare un'occhiata alle foglie che
tremolavan nel giardino.

L'avvocato Pietro Quadrelli era stupefatto e girava e rigirava tra le
mani il lapis con cui avevo scritto gli indirizzi.

— Devo rendere omaggio alla sua lealtà, — disse infine. — Lei ha voluto
illuminare la giustizia con suo personale sacrificio....

Il conte si rivolse di botto e diede in una risata:

— La giustizia?... Ma lei crede alla giustizia, lei che è avvocato? —
interruppe.

— In ogni modo ha dato prova della grande affezione che la lega alla
contessa.

— No. Io non l'amo! — affermò Stefano seccamente. — Non l'amo punto.

— E allora?... Perchè da questo processo risulterà certo la scusante
della contessa, ma lei sarà perduto....

— Le pare? — interrogò Stefano con quel sorriso ironico che metteva
tanto freddo nell'espressione del suo volto maschio. — Le pare che un
uomo il quale è infedele a sua moglie e cambia l'amante ogni otto
giorni, sia perduto nell'opinione pubblica? Ma non si tratta di questo.
Lei si domanda perchè io sia venuto a salvare una donna che non amo, e a
svelare alcuni fatti delicati della mia vita intima? Lei dimentica che
intorno al nome della famiglia Uberti di San Guiscardo s'è fatto
abbastanza chiasso, e io voglio, io devo impedire che questo nome si
trasformi in un numero d'un reclusorio femminile. Do prova di devozione
alla mia famiglia, non alla contessa. E la prego di dirlo a Elena; che
non s'illuda; non ho per lei nè amore, nè pietà; uscita dal carcere, non
la vedrò più. Glielo dica, la prego. Non la vedrò più. Siamo intesi?

L'avvocato rispose con un'espressione quasi solenne:

— Non la vedrà più. Siamo intesi!

Vi fu un silenzio, breve, ma che parve eterno ai due uomini; in capo al
quale, il conte si mosse, andò vicino all'avvocato Quadrelli e lo toccò
leggermente sopra una spalla.

— Lei ha molte illusioni intorno a Elena, — disse con freddezza.

— Io? — ribattè l'avvocato, quasi fosse stato tocco da una scarica
elettrica. — La prego, conte!...

— Lei ha molte illusioni intorno a Elena, — ripetè Stefano, come non
avesse udito. — Lei crede che Elena sia una vittima; e ignora che io
sarei stato il migliore dei mariti, se...; e che, mentre ho citato
alcuni testimoni terribili contro di me, avrei potuto citarne un numero
infinito di terribilissimi contro Elena. Per esempio, il direttore della
Biblioteca Nazionale di Roma, il direttore del Museo di Cluny, il
direttore della Collezione Grandidier al Louvre, e altri, i quali sanno
che mi son dovuto mettere a lavorare da qualche tempo, non per mantenere
le mie amanti, le quali appartengono alla categoria delle donne che non
si mantengono; ma per.... per altre ragioni.... Elena sarebbe stata
perduta; dieci anni di reclusione, a occhio e croce.

Accese ancora una sigaretta, e concluse:

— Lei ha molte illusioni intorno a Elena!

— Interrogherò subito quei testimoni, — disse l'avvocato Quadrelli. — E
andrò a recare la buona notizia alla contessa.

— Vada, vada! — mormorò il conte Stefano, sorridendo.

Strinse la mano all'avvocato, s'inchinò leggermente, e uscì.

Non appena egli si fu allontanato, Pietro Quadrelli uscì a sua volta,
prese una vettura, e si fece condurre di corsa al carcere giudiziario.

Era felice; teneva in pugno non soltanto la libertà materiale di Elena
dagli occhi cilestri, ma quanto bastava per darle un'aureola più
duratura del delizioso profumo che ondeggiava intorno alla testolina di
lei. Aveva un bel dire il conte; l'opinione pubblica lo avrebbe
stritolato, decretando il trionfo alla giovane e timida contessa. Non si
violano impunemente le convenienze come aveva fatto Stefano; il pubblico
si rivolta e condanna.

Nella sua cella a pagamento, la contessa Elena, agile e sottile, stava
seduta leggendo, presso la tavola su cui erano ancora i piatti e le
posate della colazione; udendo schiudere l'uscio, la giovane si alzò, e
sorrise a Pietro Quadrelli, che entrava.

— Mi pare molto contento, avvocato! — ella disse con la sua bella voce
morbida.

— Contento? Sono felice, e per buoni motivi, — rispose l'avvocato.

E sedendo vicino a lei, presso la tavola, le raccontò con molti
particolari la visita del conte Stefano e le notizie che ne aveva
raccolto. Egli s'aspettava di vedere il bel viso dal carnato “simile a
un petalo di rosa„ illuminarsi di gioia, e fu stupito, quasi sgomento,
vedendo che a mano a mano ch'egli procedeva nel racconto, il visetto si
faceva buio, la fronte s'aggrondava, l'espressione diventava cupa e
chiusa.

— Ebbene? — disse Pietro Quadrelli. — Non ho ragione d'essere felice? È
il trionfo, la vittoria sicura, la sua assoluzione....

Elena lo guardò in faccia, poi disse freddamente:

— Non ha capito?

— Io? Che cosa dovevo capire?

La giovane ebbe un sorriso breve, una specie di ghigno disdegnoso: poi
dichiarò:

— Sono testimoni falsi!

L'avvocato Quadrelli trasalì, fissandola a sua volta sbalordito:

— Come dice? — interrogò.

— Dico che sono testimoni falsi, — ripetè Elena. — _Falsi!_ Li conosco
tutti; amici intimi di Stefano, pel quale andrebbero nel fuoco. Non una
parola di ciò che racconteranno è vera; egli li ha pregati di aiutarlo a
salvarmi per l'onore del nome, ed essi mi salveranno, giurando il falso
e raccontando il falso.... Ne vuole una prova? Al Grand Hôtel, a Milano,
ero io con lui!

— Ma, allora, contessa, non capisco?... — interruppe l'avvocato.

— Non capisce? È semplicissimo. Mio marito si vendica; ciascuno si
vendica a modo proprio. Stefano si vendica, schiacciandomi con la
generosità.... Non posso certo smentire i suoi testimoni. E con quali
prove del resto? E qual è l'imputato che smentisce i testi venuti per
liberarlo? Io tacerò, le menzogne passeranno, e il giuoco sarà fatto.

Ella sembrava in preda a una viva agitazione e le sue piccole mani si
serravano nervosamente. Rimase un istante in silenzio, poi riprese:

— Mio marito deve averle detto ancora qualche cosa. Che cosa le ha
detto?

Pietro Quadrelli esitò. Come riferirle le parole dure e crudeli, che
Stefano aveva pronunziato contro di lei? La vide esile, timida,
delicata, e temette che quelle parole dovessero rovesciarla a terra.

— Dunque? — insistette Elena.

— Dunque, — riprese l'avvocato, — il conte mi ha incaricato di dirle....

Si fermò ancora; bisognava compiere l'incarico; del resto Elena ne
avrebbe forse avuto piacere.

— E così? — domandò Elena con una voce in cui fremevano già l'impero e
l'impazienza.

— Mi ha incaricato di dirle, — seguitò Pietro Quadrelli, — che egli non
ha per lei nè amore, nè pietà; che quando ella avrà riacquistato la sua
libertà, tutto sarà finito, e lei non lo vedrà più....

Elena fece un balzo, un balzo agile di tigre contro l'avvocato.

— Ha detto così? — esclamò con voce sibilante, stendendo le piccole mani
che tremavano. — Lei non s'inganna?

— Come potrei ingannarmi?

Elena gli volse le spalle e passeggiò febbrilmente per la cella. Agli
occhi dell'avvocato, era irriconoscibile; i suoi occhi cilestri
scintillavano e i piccoli denti mordicchiavano le labbra sanguigne; un
furore chiuso e gagliardo sembrava scuotere l'anima e il corpo sottile
della giovane.

— Mi odia! — ella esclamò, quasi parlando con sè stessa. — Mi odia e mi
disprezza; mi getta l'àncora, e poi mi scaccia. Non può essere così.

Si fermò, guardò l'avvocato, e come avesse avuto bisogno di lasciar
traboccare la piena della sua passione, gli disse:

— Io sono stata infedele a mio marito. Non lo amavo. Era troppo buono.
Spendevo pazzamente, per la mia vanità, ed egli era costretto a
lavorare. È verissimo ch'egli ha lavorato; ha fatto uno studio sulle
maioliche, che in Francia e in Inghilterra fu tradotto e pagato
carissimo. Egli lavorava e mi adorava, e io non gli volevo bene. Un
giorno gli sono stata infedele.... Egli mi sorprese mentre scrivevo;
volle la lettera, mi colpì al viso, io ho perduta la testa, e ho sparato
contro di lui.... Questa è la verità....

Aveva pronunziato quelle parole confusamente, in furia, con gli occhi
accesi da un fuoco interno che illuminava tutto il volto. Proseguì
rapidamente:

— Bisogna che lei mi faccia assolvere! Sono pentita: voglio essere
buona. Egli non mi ama più.... Lo amo io, lo voglio io, mi ha vinta. Lo
riprenderò; non saprà sfuggirmi....

Pietro Quadrelli lanciò involontariamente uno sguardo a quel corpo
sottile di tigretta e indovinò le promesse di voluttà feroce ch'eran
chiuse nella minaccia: “non saprà sfuggirmi!„

— Io lo amo, lo amo, lo amo! — proruppe Elena, coprendosi il volto con
le mani e scoppiando in singhiozzi violenti. — So che mi disprezza, ma
sarò tanto buona, striscerò ai suoi piedi, sarò la sua schiava. No, non
saprà sfuggirmi, non mi lascerà morire!... Bisogna che lei, avvocato, mi
faccia assolvere! Voglio mio marito ancora, perchè lo amo, e lo renderò
felice....

L'avvocato Pietro Quadrelli si alzò e si avvicinò alla giovane:

— Non dubiti — disse. — La sua assoluzione è certa....

— Sì, non è vero? — esclamò Elena, scoprendo il viso inondato di lagrime
e afferrando le mani dell'avvocato.

Questi si morse le labbra; a sentirsela così vicina, divorata da una
fiamma di passione, egli ebbe la tentazione di serrarla tra le braccia,
e chiuse un istante gli occhi per resistere. Ella parve comprendere,
sciolse le mani, e disse con voce secca:

— La ringrazio; conto su di lei....

— Ora stia tranquilla, contessa. Cerchi di riposare! — consigliò Pietro
Quadrelli. — Ha bisogno di riposare; stia tranquilla, contessa....

E, accorgendosi che diceva delle sciocchezze, prese il suo cappello, il
portafoglio di cuoio, e s'inchinò. Elena gli stese la mano, sorridendo
con gli occhi ancora umidi di lagrime.

Quando fu in carrozza, avviato al suo studio, Pietro Quadrelli cercò di
raccogliere le idee e di definire le sue impressioni; d'un tratto si
mise a ridere, da solo.

— E andate dunque ad amare le donne! — egli pensò. — Ecco un marito che
adorava la moglie, e lavorava per lei, e aveva fatto di lei il suo
mondo. La moglie lo tradiva. Ecco il marito che le dichiara ben
chiaramente il suo disprezzo, che la scaccia, che non vuol più vederla.
E la moglie lo adora.... Che cosa preferiscono le donne? Le carezze o le
frustate?

S'inchinò innanzi a guardare il cavallo grigio, che procedeva assai
pigramente, e concluse ad alta voce:

— Frustate!

Il cocchiere frustò; il cavallo prese un buon trotto allegro e sicuro.

— Non c'è altro! — borbottò l'avvocato Pietro Quadrelli, stendendosi
beatamente nella vettura.



COLMÀR.


Il treno si fermò sotto la tettoia della stazione, e il viaggiatore
sporse la testa, guardandosi intorno. La stazione era ampia e bene
illuminata, con le scalèe di marmo bianco, che menavano ai
sottopassaggi. Un conduttore, che aveva sul petto assicurata da cinghie
la lanterna accesa, passò lungo la vettura, e il viaggiatore gli
domandò:

— _Wo sind wir?_

— Colmàr! — rispose l'altro, senza alzare il capo. — Colmàr!

Il viaggiatore, Francesco Rusconi, osservò l'uomo: con quella lanterna
accesa sul petto sembrava un grosso animale illuminato da un fuoco
interno. E Francesco pensò che se si fossero obbligati i ferrovieri
italiani a legarsi al collo quella lanterna, sarebbe avvenuta una
rivoluzione. Ma ogni popolo ha i suoi gusti e le sue abitudini.
Francesco chiamò un facchino, gli consegnò le valigie, lo scialle, e
discese. Eran le nove di sera e piovigginava; preceduto dal facchino, il
viaggiatore uscì sul piazzale, vide l'omnibus elegante dell'albergo che
sorge nella Rufacherstrasse, e vi fece deporre le sue robe.

Chi gli avesse detto il giorno innanzi che egli si sarebbe fermato a
Colmàr, avrebbe fatto ridere Francesco Rusconi. Era partito per recarsi
a Metz. A Metz si sarebbe incontrato con una giovane e graziosa signora,
con la quale aveva una semplice amicizia; egli s'era offerto di
accompagnarla in Italia, e, bizzarra, indipendente, audace, ella aveva
accettato. Da quella amicizia, mutata nella dimestichezza che nasce tra
due viaggiatori, e, meglio, avvivata dalle impressioni che la signora
avrebbe ricevuto vedendo la prima volta l'Italia, da quell'amicizia,
pensava Francesco Rusconi, sarebbe scaturito l'amore. E non per altro se
non per aver l'amore della graziosa donna che gli piaceva, egli s'era
messo in viaggio.

Ma era stato colto in treno da una malattia crudele e impreveduta: la
malattia dei ricordi. Tutta la linea, da Milano a Como, da Como a
Lugano, da Lugano a Lucerna, n'era seminata; qua un capriccio, là
un'avventura, più su una passione; qui aveva sorriso, là aveva mentito,
più su aveva amato e sofferto. E rivedendo quei luoghi, Francesco s'era
accorto con spavento che non sentiva più nulla. Inutilmente un paese gli
metteva innanzi il pallido viso di Giuliana; invano da quella città gli
veniva ancora l'eco della voce vellutata con cui Emma lo salutava;
invano un albergo, di cui sfolgorava sotto il sole la dicitura in
lettere d'oro, gli rammentava le carezze di Claudia. Invano, invano
tutto; pericoli e timori, lagrime e speranze, emozioni e vittorie, gioie
segrete e audacie mortali, gli si facevano incontro come rottami di un
grande naufragio, senz'altro significato che di cose spente, e il suo
cuore era freddo, non dava un palpito più del consueto.

A Basilea, cambiato il treno, salì in una vettura tedesca illuminata da
lampadari che diffondevano un mare di luce. Si guardò nello specchio, si
vide coi capelli folti ma bianchi e il volto istoriato da rughe
sottilissime. D'improvviso, si sentì vecchio, non tanto per quel suo
aspetto fisico, in cui vibrava ancora un'energia pronta e tenace, quanto
per l'insensibilità del cuore. Gli occhi dallo sguardo limpido dicevano
che i capelli bianchi e le rughe non attestavano se non forse la
precocità d'una vita ardente, forse una raffica di dolori; ma il cuore
diceva d'essere stanco, d'aver palpitato abbastanza, di voler riposare.

— Non ci vado! — esclamò ad alta voce.

Nella vettura di prima classe era solo; sedette al suo posto, formato
come una poltrona dal velluto rosso fiammante, e si raccolse a meditare.
Che stupida idea era mai stata quella d'andare da Roma a Metz, di
traversare mezza Europa, di ritraversarla in senso opposto, solo per
avere una donna, per guastare una buona e fiduciosa amicizia e per
arrivare poi alla sazietà, all'abbandono, all'oblio? Lavorare tanto per
gettare sulle acque un altro rottame del naufragio a aggiungere Metz
alla lunga litania dei nomi, che avrebbero dovuto dirgli e non gli
dicevano più niente?

— Non ci vado! — ripetè ad alta voce.

A Mülhausen ebbe la prima tentazione di scendere, ma resistette; cercava
ancora una ragione per non cedere e non mancare al convegno. Tra
Mülhausen e Colmàr la noia gli diventò insopportabile. Al pensiero gli
si affacciò la certezza ch'egli non sapeva più, non poteva più amare,
perchè il cuore era spento.

— Vecchio imbecille! — borbottò quasi con rabbia. — Che cosa vai a dire
e a fare, se amore non t'interessa ormai più d'una nuvola? Non senti che
l'esitazione è la prova della tua incapacità d'amare? Tu discuti con te
stesso; sei morto! Quando si ama o si vuole amare, non si ragiona.

Ed era disceso a Colmàr, aveva scelto all'albergo una bella camera in
faccia alla piazza Rapp, e aveva dormito saporitamente come si fosse
trovato a casa sua, nel suo letto.

L'indomani mattina spedì un telegramma alla signora di Metz:
un lutto improvviso lo obbligava a tornare in patria. Non pensò
all'inverosimiglianza della scusa, perchè la notizia del lutto non
poteva averlo raggiunto in treno; pensò ch'era incapace d'amare, che
l'amore era morto per lui.

— Faccio una buona azione, — egli si disse, — e risparmio un disinganno
a questa povera amica.

Ed entrò in un elegante negozio della Rufacherstrasse a comperare le
sigarette.

Era dietro il banco una giovane, abbigliata di nero, col grembialetto
candido; aveva diciotto o vent'anni al più, e non si poteva dir bella;
esile di forme e bianca in volto, coi capelli castagni, la bocca
piuttosto grande, gli occhi color d'avana e mobilissimi di sguardo,
faceva pensare che la sua vita fosse un diuturno sforzo, una fatica
quotidiana per dominare i nervi, e ch'ella dovesse avere una sensibilità
esagerata e quasi dolorosa.

Francesco Rusconi le chiese, senza nemmen guardarla, delle sigarette; ed
ella gliene espose sul banco un intero emporio; Francesco le domandò
quali fossero le migliori e le più ricercate, e indugiò un poco a
discutere; ma dall'accento di lui e forse da qualche frase, ch'era
piuttosto della grammatica che della lingua parlata, la fanciulla intuì,
esitò un poco, e poi interrogò con titubanza:

— _M'sieu n'est pas allemand?_

— _Oh, nein, danke!_ — esclamò Francesco ridendo. — _Je suis italien,
mademoiselle._

— _Moi je suis française! Alors, m'sieu, si vous préferéz les Kiryazy
frères?..._

Aveva detto: _Moi je suis française_, con un'espressione d'orgoglio così
aperto, che Francesco levò il capo a guardarla; e l'altra, sotto quello
sguardo curioso, arrossì un poco. L'uomo prese la scatola di sigarette
Kiryazy, salutò ed uscì.

Che bella cittadina, Colmàr! Pacifica, pulita, ridente. Le signore, le
impiegate, le serve, andavano all'ufficio o al mercato in bicicletta;
alcune tenevano presso il manubrio un paniere, da cui pendevan ciuffi
d'insalata e barbe di carote, e pedalavano lestamente per tornare a casa
a preparare la colazione.

Capitato là come fosse caduto dal cielo, non avendo nulla da fare,
Francesco girò per la città a osservare ogni cosa, ed era così
evidentemente ozioso, che una guardia dall'elmo col chiodo appuntito e
dall'ampia barba bionda lo squadrò più volte. Si fermò a guardare la
fontana di Schwendi, Schwendibrunnen, che ha un arco a ciascuna bocca
dell'acqua, e la Pfister Haus, una casa di puro stile tedesco, con un
loggiato scuro, un verone appiccicato e come sospeso sull'angolo, una
torricella poligona al fianco. Gli piaceva tutto; la pace della
cittadina linda rispondeva alla pace del suo cuore; pensava che quando
l'amore è morto, il cuore è tranquillo.

Fece colazione alla Kopfhaus, la casa delle teste, così detta perchè la
decorazione dei varî piani era formata da teste di guerrieri e di
draghi; una bella balconata lasciava traboccare geranii rosei e garofani
rossi. Il frontone a forma di triangolo con certi pinnacoli sui lati e
un pupazzo buffo sul vertice, faceva pensare a una costruzione cinese.
Francesco bevve un eccellente vino bianco del Reno e mangiò con grande
appetito.

— Io sto a Colmàr un anno! — egli promise a sè stesso, mentre tornava
lentamente verso la Rufacherstrasse.

Quando fu per salire all'albergo, s'accorse di non aver fiammiferi, e
procedette fin dal tabaccaio. La fanciulla era ancora dietro il banco, e
leggeva.

— _Alors, mademoiselle est française?_ — disse Francesco sorridendo.

E perchè non aveva nulla da fare, cominciò a discorrere. La fanciulla
discorreva garbatamente, senza timore e senza spavalderia. La sua
famiglia era francese di cuore e di pensiero, nonostante il “_Cigarren
und Cigaretten Importen_„ che si leggeva sull'insegna. Ella, la giovane,
si chiamava Laetitia, in memoria della gran madre dell'Imperatore; e
quantunque non lo dicesse, si sentiva nella sua parola un rancore sordo
contro i tedeschi, contro la dominazione pesante e cortese, rigorosa e
gentile di quei signori. Letizia sognava Parigi; non v'era mai stata; il
papà e la mamma le avevan promesso mille volte di condurla, ma non
avevan mai potuto.

Allora Francesco si fece a descriverle Parigi; e per descriverla meglio,
prese una sedia e vi si accomodò. La fanciulla ascoltava avidamente il
signore dai capelli tutti bianchi e dagli occhi vivi; e, contenta
d'udire che Parigi era una città potente, ricca, una grande città, una
delle più grandi città del mondo, andava interrogando quasi per aver la
conferma di quella ricchezza, di quella potenza.

Sopravvennero alcuni clienti, comperarono, se ne andarono; e la
conversazione riprese. Letizia era felice di non parlare tedesco e di
conoscere una persona che amava la sua Parigi, e Francesco vedeva la
fanciulla così animata, quegli occhi color d'avana così accesi di
piacere, quella bocca grande scoprir denti così belli, che gli pareva di
dir cose straordinarie, d'essere un vecchio amico di Letizia e d'averla
ritrovata a Colmàr dopo una breve lontananza.

Infine, mentre Francesco stava per andarsene, sopraggiunse la madre di
Letizia, una buona signora piuttosto rotonda di forme; allegra e
premurosa, madame Brigitte Gericault riaccese la conversazione, parlando
con tale rapidità che Francesco ne rimase stordito sulle prime, e tornò
a sedersi. In breve, l'amicizia era nata; avendo appreso che il signore
era solo a Colmàr, madame Brigitte si fece ardita, e gli disse che se
qualche volta avesse voluto gustare la cucina francese....

Letizia capì che la mamma si spingeva troppo avanti, e le lanciò
un'occhiata dritta e dura, per fermarla; ma Francesco aveva già
accettato; e allora Brigitte aggiunse che abitavano presso la Casa dei
Cavalieri di San Giovanni, una piccola meraviglia d'arte.

— Io sto a Colmàr un anno! — pensò di nuovo Francesco, uscendo
finalmente sulla strada e avviandosi all'albergo dopo due ore di
conversazione.

Letizia era nel negozio, al banco, la mattina; sua madre la sostituiva
nel pomeriggio, e il babbo stava al banco la sera. Tutte le mattine
Francesco entrava, faceva la sua provvista di sigarette, e sedeva a
chiacchierare. La fanciulla si svelava diversa, a poco a poco, da quella
che Francesco aveva imaginato; era gaia e arguta; lo accoglieva con un
sorriso di piacere e gli raccontava una quantità di piccole cose, di
fanciullaggini, gli rivolgeva domande sull'Italia, di cui aveva idea
come d'un immenso giardino greve di profumi; e Francesco le lasciava
credere, anche per non turbar le sue cognizioni geografiche,
considerando che a scuola le avevano insegnato che “_l'Italie est le
jardin d'Europe_„. Ma da quel chiacchierìo risultava chiaro che la
fanciulla era ingenua, non aveva affezioni all'infuori della mamma e del
babbo e non sapeva nè civetterie nè malizie.

La domenica indossava il costume alsaziano per rispetto alla tradizione.
Il magnifico nastro nero che si apre con le grandi ale sul capo e scende
riccamente lungo il dorso, dando idea d'una immensa farfalla superba che
si fosse fermata sulla testolina della fanciulla, le stava così bene,
che Francesco si lasciò sfuggire un grido d'ammirazione.

— _Vous êtes adorable, mademoiselle!_ — egli esclamò.

Letizia diventò di porpora in volto, balbettò qualche parola, e
Francesco le chiese scusa dell'impeto ammirativo che le era spiaciuto;
poi offerse d'andare a passeggio con la mamma e con lei; e andarono,
camminando adagio, verso quella parte della città che, posta sulle rive
della Lauch, ha l'aspetto d'un pacifico villaggio con la linea delle
case qua e là interrotta da ciuffi di verzura.

Nel tornare, poichè sentiva che Letizia gli teneva ancora il broncio per
il suo elogio un po' brutale, Francesco acquistò da un ragazzetto un
grosso mazzo di viole mammole, umide e odorose, e l'offerse alla
fanciulla. Letizia lo afferrò avidamente, lo partì in due, e ne diede
metà alla mamma.

— Buono, un altro granchio! — pensò Francesco. — Quando si comincia!...
Dovevo offrirle a Brigitte.

Ma l'indomani vide che Letizia aveva appuntato al petto un mazzolino di
quelle viole, e le altre erano in un angolo del banco dentro un vaso di
cristallo, e vi restarono tutta la settimana, fin che caddero a una a
una, appassite.

La cucina di madame Brigitte Gericault era eccellente, e il babbo di
Letizia un brav'uomo semplice, il quale, fatto il suo dovere nel 1870,
rimasto ferito a Gravelotte, non parlava mai nè dell'anno terribile, nè
dei tedeschi. Francesco pranzò due volte in casa dei Gericault, e invitò
due volte la famiglia a pranzar con lui alla trattoria.

Una sera, tornando appunto da uno di quei piccoli pranzi, Francesco
camminava a fianco di Letizia, e dietro, a distanza, venivano i
genitori.

Quantunque non fossero che le nove, la città era presso ad
addormentarsi; i passanti si potevan contare, e la luna splendeva del
suo mite chiarore perlaceo.

Francesco s'arrestò a guardare. Due vie deserte e lunghe gli si aprivano
innanzi, separate da un gruppo di case, che la luna blandiva del suo
raggio. Il silenzio era profondo, e in capo a una strada, unico segno di
vita, brillava un lume rosso. Lo stile di quelle case dal tetto
digradante, su cui a guisa di monelli s'arrampicavano in diverse file
gli abbaini, spirava un'intima armonia con la pace dell'ora.

Mentre Francesco stava per esprimere la sua ammirazione, dalle finestre
del Circolo italiano venne un'ondata di musica, soave e malinconica, la
quale sembrò parlare dei paesi lontani che Letizia sognava, dei giardini
d'Italia, della Francia amata; e si diffuse, e ondulò nell'aria come un
lungo pianto per le cose che non eran più, per le cose che non sarebbero
state mai.

Francesco e Letizia istintivamente si fecero vicini l'uno all'altra, e
ripresero a camminare a capo basso, senza dirsi parola.

Ma quell'ora di strano turbamento non si ripetè. Francesco passava quasi
l'intero giorno nel negozio, e Letizia aveva finito a poco a poco per
trattenervisi ella pure. Lavorava, ascoltando le chiacchiere dell'amico,
e di tanto in tanto alzava il capo a sorridergli, lo guardava negli
occhi, riabbassava la testa a lavorare. Stava ricamando una lunga
striscia di tela da mettere sul cassettone a guisa d'ornamento, e
Francesco fingeva di non capire che le due lettere F. R. a cui la
fanciulla attendeva, non potevano significare Laetitia Gericault. Egli
portava i fiori tutte le mattine, ella se li appuntava al petto, e poi
cominciavano a chiacchierare allegramente. Francesco rideva, perchè in
quella città tedesca non aveva visto che lapidi e monumenti a generali
francesi del primo Impero, cominciando dalla statua a Rapp sull'immensa
piazza che ha il suo nome. Ma certi angoli della città eran deliziosi,
con qualche piccolo canale su cui oscillavano le imbarcazioni lunghe e
strette, simili a piroghe; e la vecchia casa di San Martino, dal cui
verone i fiori porpurei scendevan giù ad animare l'antico legno
scolpito, gli era parsa più bella che la casa dei cavalieri di San
Giovanni, dal doppio loggiato a cinque finestre. Ambedue, Letizia e
Francesco, avevan dimenticato ch'egli era a Colmàr per caso, che un
giorno sarebbe dovuto ripartire; sembrava all'una e all'altro di non
esser mai vissuti, di non dover mai vivere diversamente che nella pace
della piccola città, in cui tutti dormivano alle nove di sera e i
crocicchi di notte rammentavan gli scenarî d'un melodramma. E Letizia,
che aveva sempre odiato Colmàr come la più meschina delle città di
provincia, sentiva d'esserle a un tratto affezionata. Molte cose
originali erano sfuggite allo sguardo della fanciulla, e quando usciva
con la mamma e con Francesco, e questi gliele faceva osservare, Colmàr
prendeva agli occhi di Letizia un nuovo aspetto, un nuovo significato,
quasicchè la parola dell'amico avesse dato un'anima alla cittadina
graziosa. E tutto era allegro intorno, la stagione, il sole, il vento
tepido; la fanciulla non aveva mai sentita così intensa la gioia di
vivere. Più che all'aria di primavera, ella si scaldava a un fuoco
misterioso che aveva nel cuore.

Una mattina Francesco stava discorrendo con la fanciulla d'una gita che
si doveva fare l'indomani a Strasburgo. Egli avrebbe visto, — diceva
Letizia con un sorriso un po' inquieto, — molte belle ragazze in costume
alsaziano, col nastro magnifico sui capelli, e le avrebbe trovate tutte
adorabili come lei. Sarebbero andati a salutare il Reno e i monumenti di
Desaix e Kleber, e la Cattedrale in cui erano le statue della Vergine
folle.... Letizia s'interruppe, vedendo entrare il ragazzo dell'albergo.

Francesco prese dalle mani di lui la sua posta, e il ragazzo se ne andò;
alcune lettere, e tra le lettere un telegramma. Francesco lo aperse, lo
lesse un paio di volte, fece un gesto poi mormorò:

— _Je vais partir. C'est ma femme qui me réclame. Elle est souffrante._

La fanciulla mandò un grido.

— _Votre femme?_ — disse con voce spenta. — _Vous êtes marié?_

Aveva gettato il ricamo sul banco e stava in piedi, tremando tutta, più
bianca della parete a cui s'era addossata per non cadere.

Francesco rispose quasi sottovoce:

— _On le dit!_

— _Vous partez alors?_ — insistette Letizia con le labbra smorte,
squassata tuttavia dal tremito invincibile.

Francesco non rispose, la fanciulla non domandò altro. Nessuno dei due
aveva mai pensato a ciò che sentiva in cuore, e l'uno e l'altra avevano
la rivelazione della crudele verità nell'ora stessa in cui dovevano
separarsi per sempre.

— _Partez, partez vite, aujourd'hui même!_ — mormorò Letizia con voce
rauca. — _Que cette torture incroyable finisse!_

Francesco uscì senz'aggiungere parola. Andò all'albergo, fece preparar
le sue robe, poi si gettò sul letto, e vi rimase a occhi chiusi, non
volendo pensare, non volendo capire, non volendo confessare a sè
medesimo.

Verso sera si recò dai Gericault a prender congedo. I due buoni vecchi
furon desolati per la partenza improvvisa del loro amico, ed espressero
la speranza, che Francesco accolse con un sorriso amaro, di rivederlo
presto. Letizia non c'era; aveva un po' di emicrania e si scusava.

Francesco pensava già di dover partire senza salutarla e gli pareva che
fosse meglio, quando la porta si schiuse, e la fanciulla comparve.

I suoi occhi scintillavano di disperazione e d'audacia: il volto era
smagrito d'un tratto, come divorato dalle lagrime ardenti e dalla
febbre. Ella andò incontro a Francesco, e tendendogli un piccolo involto
che racchiudeva il suo ricamo:

— _Tenez!_ — disse con voce chiara. — _Emportez-la comme un souvenir de
_votre_ Laetitia!_

Poi, non sentendosi la forza di guardare in faccia l'amico, si volse, e
uscì col passo rigido d'una sonnambula.

I signori Gericault volevano accompagnar Francesco alla stazione, ma
egli se ne schermì quasi con paura. Tornò all'albergo, per caricar le
valigie, andò alla stazione, salì in una vettura di prima classe, in cui
si trovò solo come la sera del suo arrivo. Si guardò intorno smarrito
mentre il treno si muoveva.

Addio, piccola Colmàr tranquilla! Addio, Letizia candida e innamorata,
che non doveva rivedere più mai, più mai, fino alla morte!

E l'uomo che aveva creduto al cuore spento e aveva cantato la gioia di
non amare, nascose il volto tra le mani, e pianse a lungo....


                                  FINE.



INDICE.

  PREFAZIONE                        Pag.    v
  La marmotta                               1
  Il dialogo delle bambole                 49
  La filosofia di Minni                    63
  L'amore degli altri                      95
  Ninnì non è gelosa                      111
  La signorina Empiastro                  129
  Ada e Fosca                             151
  Giorgina e i suoi uomini                169
  Piccolo “Skating„                       199
  La moglie innamorata                    217
  Colmàr                                  237



  OPERE DI LUCIANO ZÙCCOLI
  (Edizioni Treves).

  =Romanzi=:

  _La freccia nel fianco_. 29.º migliaio                  L. 5 —
  _L'amore di Loredana_. 20.º migliaio                       6 —
  _Farfui_. 15.º migliaio                                    6 —
  _La volpe di Sparta_. 9.º migliaio                         5 —
  _Romanzi brevi_. 8.º migliaio                              5 —
  (Casa Paradisi — Il giovane duca — Il valzer del guanto).
  _Ufficiali, sottufficiali, caporali e soldati...._
    12.º migliaio                                            5 —
  _I lussuriosi_. 10.º migliaio                              4 —
  _Il designato_. 7.º migliaio                               5 —
  _Roberta_. 6.º migliaio                                    5 —
  _Il maleficio occulto_. 5.º migliaio                       5 —
  _Per la sua bocca_. 16.º migliaio                          6 —
  _Baruffa_. 6.º migliaio                                    5 —
  _L'amore non c'è più_. 7.º migliaio                        6 —
  _La divina fanciulla_. 16.º migliaio                       6 —

  =Novelle=:

  _Primavera_. 8.º migliaio                                  5 —
  _La Compagnia della Leggera_. 6.º migliaio                 5 —
  _Donne e fanciulle_. 12.º migliaio                         7 —
  _La vita ironica_. 6.º migliaio                            5 —
  _Nulla di romantico_. 4.º migliaio                         6 —


  _L'Occhio del fanciullo_. 10.º migliaio                    5 —
  _I piaceri e i dispiaceri di Trottapiano_                 10 —
    Legato in tela                                          16 —



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Donne e fanciulle" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home