Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: La Dora
Author: Regaldi, Giuseppe
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "La Dora" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                        NOTE DEL TRASCRITTORE:

--Corretti gli ovvii errori tipografici e di punteggiatura.

--Gli apici sono stati resi con un accento circonflesso: testo^[apice];
  qualora l'apice contenga due o più lettere, queste sono racchiuse da
  parentesi quadre.

--Alle pagine 441-442 l'intestazione di sezione XLVIII risulta mancante
  nell'originale. Tale anomalia è stata mantenuta.



                             CANTI E PROSE

                                  DI

                              G. REGALDI


                               VOL. II.


                                TORINO

          TIPOGRAFIA SCOLASTICA DI SEBASTIANO FRANCO E FIGLI

                                 1861



                               LA DORA



                             ALLA MEMORIA

                                  DI

                       TERESA GEORGE CIBRARIO[i]


  Anima bella, che dal buio uscita
    Della mortal vallea, drizzasti il volo
    Agli splendor della seconda vita;

  O Teresa gentil, vedovo e solo
    Quaggiù l'Eletto che ti fu consorte,
    Si lagna a te per insanabil duolo.

  Ed io compunto dell'acerba sorte,
    Fa cor, gli dissi, e contra i mille strali
    Della fortuna opponi anima forte.

  Tu che del tempo l'ira invitto assali,
    Erodoto novel, ne' dotti studi
    Ti riconforta de' sofferti mali.

  A te conviensi disfidar de' crudi
    Eventi le procelle, a te fia gloria
    Sdegnar del mondo i miseri tripudi.

  Tu che dell'egra patria alla memoria
    Porgesti, quasi farmaco sicuro,
    L'augusto onor della sabauda istoria,

  Torna a svegliar de' secoli che furo
    I magnanimi gesti, e nuova lena
    N'avrà d'Italia il fato alfin maturo.

  Vieni meco a spirar l'aura serena
    Fra i pioppi della Dora, e fanne aperti
    I patrii fasti onde la mente hai piena;

  E i campi, dove più sembran deserti,
    Di tua scïenza popolati al lume,
    Mi narreran del secol prisco i merti;

  Sì che levato oltre il volgar costume
    Ad ardua meta, di te degno io sia,
    Mentre a te vo sacrando il mio volume.

  «Dolce amico, ei sclamò, l'opera pia
    Del tuo volume, deh! sacrar ti piaccia
    Alla memoria della donna mia.

  Ella che fida alla paterna traccia,
    Amò gli eroi Sabaudi, e disdegnosa
    Fremea dello straniero alla minaccia,

  Ed ora innanzi a Dio canta festosa
    Questo bel regno ausonico nel verso
    Che a noi pingeva ogni diletta cosa;

  Ella di nostre lagrime cosperso
    Avrà in grado il tuo libro, ed io n'avrei
    Per te conforto, io che fra cure immerso,

  Sempre ho l'imagin sua negli occhi miei».
    E sì dicendo per la man mi prese,
    E mi addusse alla stanza, ove tu sei

  Effigïata sì che fai palese[ii]
    La nobil'alma nel gentil sembiante,
    In che l'amico mio tanto s'accese.

  A te, come a risorta, io trassi innante
    Preso di meraviglia, e dai coralli
    Del tuo labbro attendea parole sante.

  Le rose e i gigli delle nostre valli
    Ti fiorivano in volto, e fuor ti usciva
    Dagli occhi il lampo de' siderei balli.

  Irradïato di tua luce diva,
    Vid'io converso in mistica Sionne
    Il sacro ostello che d'intorno oliva.

  O benedetta fra le itale donne,
    Prendean vita per te le pinte mura,
    I cherubi arpeggianti e le madonne[iii];

  E parlavan del Ben che sempre dura,
    E delle rose ch'ei lassuso eterna
    Per chi si leva dalla terra impura

  All'empireo giardin che mai non verna:
    E tu nell'ineffabile sorriso
    Significasti la tua pace interna.

  Ahi! m'afflisse il mirar nel tuo bel viso,
    Quando alla dolce illusïon fui tolto
    Da lagrimosi guai che m'han conquiso.

  Era lo sposo tuo che ruppe il molto
    Dolorar ne' singulti a me d'accanto,
    E presso al caro effigïato volto

  Mostrando sovra eburnea croce il santo
    Martire del Calvario, ah! ne' sospiri,
    Amore e morte, dir parea col pianto.

  Cittadina del ciel, tu che i martìri
    Puoi consolargli col benigno raggio
    Che accende l'aurea sfera in cui t'aggiri,

  Deh! tu l'aiuta sì che possa il saggio
    Colla virtù della civil parola
    Far nuovo al Sire ed all'Italia omaggio.

  O grazïoso spirto, a lui deh! vola
    Nel mormorio de' zeffiri söavi
    Onde il Chiuson le afflitte alme consola;

  E di un sorriso rallegrando i gravi
    Lutti nell'odorifera pineta,
    Torna al poggio ospital che tanto amavi[iv].

  Se incontrerai me pellegrin pöeta
    Col tuo fedele che mi fu sì pio,
    Deh! mi piovi nell'anima inquïeta

  Il bello e il ver che tu vagheggi in Dio,
    Mentre t'invoco ne' miei versi, e come
    Dettami patrio amor, ti sacro il mio

  Libro, che fausto ha dalla Dora il nome.



NOTE


[i] Teresa George, consorte di S. E. il ministro Conte Luigi Cibrario;
nata a Stradella il 15 di marzo 1815, morta a Torino il 6 di novembre
1860.

[ii] _Effigïata sì che fai palese_

Ritratto in tela della rimpianta donna: egregio lavoro del cav. Angelo
Capisani.

[iii] _I cherubi arpeggianti e le madonne;_

Nella stanza ove si ammira l'accennata effigie sono accolte opere
d'arte molto pregevoli, fra le quali un Crocifisso d'avorio del
Lacroix, due Angeli sonanti l'arpa, dipinti su tavole da Gaudenzio
Ferrari, e una Madonna del Murillo.

[iv] _. . . . . al poggio ospital che tanto amavi._

_Villa dei pini_ di S. E. il ministro Cibrario, su d'un colle presso
Pinerolo.



CAPITOLO PRIMO

DAL MONGINEVRA A SUSA


I.

LE SORGENTI DELLA DORA E DELLA DURANZA

In Palestina, alle pendici dell'Antilibano (18 maggio 1850) riposai
da lungo cammino presso una sorgente del Giordano, le cui limpide e
copiose acque mormoravano fra l'erbe e gli oleandri di Panias. Nella
Maina, sceso dal selvoso Taigeto (6 settembre 1852) in Cefalofrissi, mi
assisi fra gli antichi platani, che cerchiano la sorgente dell'Eurota,
del caro fiumicello, che irriga la valle di Sparta, assiepato di ogni
sorta di piante e ricco di poetiche ricordanze.

Volli visitare le sorgenti dei due fiumi, che in Oriente mi
simboleggiavano Terrasanta e Grecia, la Bibbia e l'Iliade, quasi che
a quelle sorgenti dovessi attingere le prime ragioni informatrici dei
due massimi libri, che tengono il dominio dell'intelletto e del cuore.
In simil guisa dopo tre lustri di pellegrinazioni, tornato alle terre
natali, volli alle sue sorgenti fra le balze del Monginevra salutare la
Dora, il diletto fiume che mi simboleggia la patria, e fra le immagini
e gli studi della Bibbia e dell'Iliade mi temprò la vita ad onesti
propositi ed a carmi animosi.

La Dora, dalla sorgente sino al lido dove mette nel Po, colla leggenda
e coll'istoria, colla vista de' suoi gioghi e de' suoi piani, e
con le memorie e le virtù de' nostri popoli scalda l'animo di ogni
italiano, imperocchè bagna la Macedonia d'Italia, la reggia dei
magnanimi principi, che educano e guidano i popoli alle guerre della
indipendenza nazionale, il quartiere dei forti eserciti, l'asilo degli
esuli generosi, il santuario della libertà e della civile sapienza
italiana. I fiumi dell'antica Grecia furono venerati dai sacerdoti,
celebrati dai poeti, ed io amo celebrare il fiume sacro del Piemonte,
il fiume della mia giovinezza e delle mie prime canzoni.


II.

Il Monginevra o monte Ginevra, come lo appella lo storico Botta,
giganteggia nella cerchia delle Alpi Cozie, all'altezza di due mila
cinquanta metri sovra il livello del mare. Colà un tempo quali tutelari
divinità furono onorati Apolline ed Ercole e le Dee matrone, invocate
specialmente a tutela della salute. Ora per l'altipiano del monte si
distende un umile villaggio, con una chiesa eretta su le rovine d'un
tempio pagano: vi sorge un obelisco di pietra in onore di Napoleone I
con iscrizioni nelle lingue latina, italiana, francese e spagnuola.
Ma il monumento più grato a chi stanco vi giunga, è l'ospizio fondato
nel 1343 da Umberto Delfino II e ristaurato da Napoleone I, le cui
battaglie son dipinte su le pareti d'una stanza, dove in un quadro
si conserva una foglia del salice, che nell'isola di Sant'Elena gli
ombreggiava il sepolcro, ed un pezzetto di piombo della funebre cassa:
reliquie che un uffiziale di gendarmeria si procacciò in quell'isola.

Poco importano fronde e piombi che toccarono la polvere inanimata di
quell'uomo là, dove sento e veggo il suo spirito creatore nell'ampio
cammino aperto fra le viscere delle Alpi!

Napoleone affidava la cura dell'ospizio ai Trappisti; ora v'ha soltanto
un sacerdote con titolo di direttore, l'abbate Augel, che in dono
vi recò dipinti di molto pregio, e quando, singolarmente nel verno,
gli manca la compagnia dei vivi, conversa coi morti fra molti libri
di materie ecclesiastiche, coi quali egli passa i suoi dì, beato di
dottrina e di solitudine.

Quel sacerdote mi è stato assai cortese ponendo a mia disposizione il
suo servo e il suo cavallo, cui si aggiunse una guardia forestale
favoritami dall'ispettore Guglielminetti, perchè potessi con agio
visitare nelle loro sorgenti la Dora e la Duranza, due sorelle, genii
del bene e del male usciti da un medesimo principio.

Presso l'ultimo picco bicornuto del Monginevra, intorno al giogo
di Soreau, sulla costa volta ad occidente, nella valle del Gondran
scaturisce la malefica Duranza, le cui temute acque s'incanalano per
le scheggiose forre di orride montagne, mentre nell'opposita costa
ad oriente s'odono mormorare fra i larici le prime fonti della Dora,
sul cui margine vidi tremolare le erbette e i fiori al sorriso di più
benigna natura.

Direbbesi quasi che nella Duranza si agiti una furia, la quale dalle
Alpi scendendo minacciosa, porti colle gonfie acque la desolazione
nei seminati campi della Francia. Non così della Dora, fecondatrice
benefica delle nostre campagne subalpine. Nelle sue sorgenti ella
sospira con innocente grazia pastorale, e discesa al piano, diviene
regina, diletta ed onorata da tutte le genti italiane.

Gli spiriti di Caino e di Abele s'incontrano su le più alte cime del
Monginevra. Quello di Caino mira all'occaso, e seguitando nella loro
corrente le acque della Duranza, rinnova la sua antica disperazione; e
lo spirito di Abele guardando ad oriente, benedice le acque della Dora
e le accompagna coi canti dell'amore e dei santi olocausti.

Per tal modo la Dora e la Duranza seguono il contrario loro destino,
come suona la stessa loro denominazione; imperocchè vuolsi che la
Dora così venisse appellata, o perchè gli antichi opinavano ch'ella
menasse arene d'oro, o perchè colle sue acque fecondatrici portava
l'abbondanza, la ricchezza, l'oro nelle terre da essa irrigate; e
all'incontro la Duranza deriverebbe da _dure acque, dure onde_, come
spiegano i commentatori del Petrarca alla Sestina VII:

  Sovra dure onde al lume della luna.

La Dora nel dividersi dalla sorella Duranza, da lei si accommiata con
un addio, che udii ripetuto su quelle balze, ed io pur lo ripeto, prima
di seguire le correnti del patrio fiume:

  Adieu donc, ma soeur la Durance,
  Nous nous séparons sur ces monts,
  Toi, tu vas ravager la France,
  Moi, je vais féconder le Piémont.


III.

Povera di acque e con umile mormorio scende la Dora fra le roccie di
Gimonte a destra e quelle del Chiabertone a sinistra, montagne che
ricordano il passaggio di Annibale, e così vicine l'una all'altra,
che nei loro tortuosi laberinti par vogliano stringercisi addosso e
soffogarci.

Quale spettacolo di spavento in primavera quando le valanghe spiccatesi
dall'alto e attraversata la via, si accavallano su la Dora, formando un
varco, sotto cui mormora il fiumicello, mentre sovra massi di ghiaccio
e di neve si tragitta con bestie e carri non altrimenti che su d'un
ponte artifiziale!

Uscendo da anguste gole, si spira aria più libera, e più estesa vi
si apre la veduta de' monti e delle valli, toccando il ponte della
_Comba_, sotto il quale scorre la Dora, che accogliendo il tributo
di molti rivoletti, ora a cielo aperto mostra le chiare acque, ora
modestamente le nasconde sotto le ombre dei pini e dei salici; e qua
arginata o libera, colà in ampio letto spaziando, mormora e spumeggia,
e, discesa in Cesana, al norte del paese presso un picco selvoso
del Chiabertone si disposa al grosso torrente _Ripa_, da cui piglia
l'aggiunto di _Riparia_.


IV.

IL PASTORE DI BOUSSON

Scendendo dal Monginevra con una guida ben pratica dei luoghi,
attratto dalla varietà delle vedute silvestri, lasciai la via de' carri
e volsi a destra della Dora internandomi per intricati meandri di balze
e valli; e dopo un'ora di cammino, mi giunse all'orecchio un suono di
zampogne ed un belar di armenti, e discoprivo capanne di pastori in
estesi prati e tra foreste di larici e di abeti.

Lontano dal rumore e dal fasto delle città, io mi sentiva beato fra
le dimore pastorali, che a Torquato Tasso aprirono tanta vena di
verginale poesia, ch'egli, non contento di averle già maestrevolmente
descritte nell'_Aminta_, tornò a celebrarle nel settimo canto della
_Gerusalemme_, dove travagliato dal pensiero delle infide corti, forse
ritraeva l'ideale di sè stesso, quale avrebbe voluto essere, nel
vecchio pastore di Palestina.

A questo io meditava quando sulle cime del Chiabertone levossi una
negra nuvola, che a poco a poco stendendosi, andò a congiungersi con
altre; sicchè il cielo delle Alpi, poco prima così limpido e sereno da
cambiarsi coi cieli dell'Asia e dell'Africa, si fece ad un tratto grave
di tenebre e minaccioso. Si direbbe che l'Ariosto fosse colà andato ad
inspirarsi quando dettò la maravigliosa ottava:

  Stendon le nubi un tenebroso velo
  Che nè sole apparir lascia nè stelle.

La folgore serpeggiava fra le nubi e romoreggiavano i tuoni, e non andò
guari che piovve a diluvio. Affrettai il passo dietro la guida, che
ai fini di Bousson mi condusse a ripararmi nella capanna d'un vecchio
pastore suo amico.

Le pastorali capanne di Bousson sorgono da un muricciuolo cementato
di calce, conteste di tavole di abete e di larice, ed hanno tutte una
capace stalla in due scompartimenti, l'uno per il bestiame, l'altro per
il pastore e la sua famiglia.

Quella dove io entrai era delle meglio agiate; imperocchè, in una
cameretta separata dalla stalla, sedeva innanzi al focolare il buon
vecchio, vestito di panno bigio, con in testa un berretto bianco
rincalzato da un cappello di feltro a larghe tese.

Era affisso alla parete un tavolato, dove splendevano nitidi gli
utensili della cucina e della pastorizia. A capo del pagliariccio
ardeva una lampa innanzi ad un'immagine di Maria, e vi pendeva un
rosario che finiva in piccola croce. Accanto all'immagine della Vergine
vedevasi una rozza effigie di Napoleone I, ed a questa di riscontro una
vecchia sciabola.

--Evviva Giacomo!--sclamò la guida entrando.--Abbiamo un tempaccio
del diavolo, ed io vengo da voi con questo viaggiatore per ripararci
dall'acqua.

--Siate i ben venuti--rispose il buon vecchio.--Qua; sedete meco al
camino, ed asciugatevi. Lucia! porta delle legna.

Ed ecco entrar frettolosa Lucia, la giovine e bella figlia di Giacomo,
che, deposta la rocca da cui traeva la lana, con manipoli di secche
frondi rese più viva la fiamma del focolare. Poscia riprese la rocca,
e, filando, andò a sedere allato al padre.

In quell'ora procellosa Lucia era veramente l'angelo, la stella della
consolazione.

Vestiva un giupponcello di panno bigio, una corta gonnella, egualmente
di panno di tinta oscura, con un grembiale di tela turchina. La parte
superiore del giupponcello terminava a fior di spalle in una listina
di mussola, che in gran parte copriva gli avorii del seno. Il volto di
Lucia sarebbe stato all'Urbinate un prezioso tipo per le sue madonne.
Gli occhi azzurri ed i coralli del breve labbro sfavillavano fra i
gigli e le rose del verginale sembiante; ed il cuffiottino di trapunto
bianco con due fettucce raccomandato al mento, faceva viemmeglio
spiccare quell'angelico viso, sul quale scorrevano a guisa di fila
d'oro le ciocche de' biondi capegli.

Giacomo e Lucia sotto la capanna di Bousson mi rappresentavano la
vecchiaia e la giovinezza adorne di riverenza e di amore.


V.

Il buon Giacomo mi dimandò della mia patria e del mio nome, e donde
venissi e dove andassi; ed io, soddisfatto che l'ebbi in ogni sua
domanda, entrai alla mia volta ad interrogarlo della sua vita e della
sua famiglia.

--Un po' di bene e un po' di male, qui come in tutto il mondo,--mi
rispose egli traendo un sospiro. Indi soggiunse:

--Grande è l'emigrazione da questi monti e da Cesana istessa, poichè
son finiti i lavori campestri. A me, padre di cinque figli, resta la
compagnia di quest'una, che nel verno viene meco col gregge nei piani
di Torino, e nella nuova stagione meco risale queste alte montagne.

Dei maschi, uno insegna a leggere e scrivere in un villaggio della
Savoia, un altro è quell'arrotino che bene spesso fa udir la sua voce
per le vie di Susa; il terzo campa la vita e raggranella qualche soldo
con due suoi compagni, mostrando la _lanterna magica_ per città e ville
al suono della ghironda e delle nacchere. Il più giovine lavorava con
molto utile nelle officine di Marsiglia; ma nel quarantotto, saputo
di Carlo Alberto che avea intimato guerra al Croato: _sono italiano
anch'io!_ sclamò con tutto l'ardore dei suoi diciott'anni; e, lasciata
Francia, corse a raggiungere i fratelli d'Italia sui campi lombardi,
combattendo da soldato valoroso nella buona fortuna e nella cattiva.

--Ed ora?

--Ora è di sua sorte più che tutti contento nelle file del nostro
esercito, con sul petto la medaglia al valore militare, non senza
speranza di cambiare tra poco i galloni del sergente con gli spallini
dell'uffiziale.

--Ma, ditemi: vostro figlio, prima di farsi soldato d'Italia, non venne
a vedervi?

--Venne.

--E gli deste il paterno consenso?

--Padre! vado a combattere per la patria, per l'Italia!--mi disse.--Mi
ricordai che avevo militato anch'io, e per una causa men santa; alzai
la mano e lo benedissi.

--Oh degno padre di un degno figlio! Ma, ditemi ancora: dove e quando
avete voi militato?

--Sotto il primo Napoleone (e ne additò il ritratto), nel cento
undecimo reggimento, siccome lo attestano quella vecchia sciabola
e questi bottoni qui del giubbetto, staccati dall'uniforme ch'io
indossava nell'ultima rassegna del maresciallo Davoust dopo la fatal
campagna di Russia.

Fra questi parlari la folgore serpeggiava innanzi al finestrino della
capanna, ed i tuoni romoreggiavano sempre più, quasi che volessero
schiantar la capanna dalle fondamenta.

  Fremono i tuoni e pioggia accolta in gelo
  Si versa e i paschi abbatte e inonda i campi,
  Schianta i rami il gran turbo, e par che crolli
  Non pur le querce, ma le rôcche e i colli.
                                        (TASSO).

Io mormorava cotesti versi, ed il buon vecchio levatosi da sedere volse
gli occhi alla immagine di Maria; e stesa la callosa destra prese il
rosario, e, baciatolo, mormorò una preghiera e versò qualche lagrima.

Lucia, vedendomi intento a quell'atto religioso, mi disse:

--Il padre stringe il rosario, che la cara madre avea fra le mani,
quando morì in questa capanna, pregando per noi. Quell'immagine e quel
rosario sono il nostro scampo nelle disgrazie. Ah! vedete come già
cessa lo scrosciar dei tuoni e il diluviar della pioggia?

Veramente il cielo si abboniva; ond'io ringraziai l'uno e l'altra delle
amorevoli accoglienze, uscii colla guida per affrettarmi a Cesana, dove
giungemmo in capo ad un'ora sotto luminoso arcobaleno, che, coronando
la capanna del pio pastore, dalle falde del Chiabertone alle acque
della Ripa mirabilmente si distendeva.


VI.

CESANA

Reliquia dell'antico Scingomago, Cesana è un paesello fra la Ripa e
la Dora, con tettoie di abeti e di larici, con castelli in rovina, e
dominato dall'antico campanile della Chiesa parrocchiale. Nel secolo
decimosettimo contava sei mila abitanti, ora appena sei cento: piccolo
popolo industre e procacciante.

Pochi in Cesana che non sappiano leggere e scrivere, e non siano
laboriosi. Chiesi un barbiere, e mi fu mandato un _Adrien_, maestro di
scuole elementari in Francia, poscia colono e barbiere in patria, ed
usciere della Giudicatura.

In Cesana l'aria è salubre. Vittorio Alfieri la trovò ai suoi studi
tanto benigna, che due o tre anni della stagione estiva quivi abitò la
casa _Ailliaud_, dove scrisse parecchie tragedie. Se la vivida aria
delle Alpi, il murmure della Dora e della Ripa, le selve e le valli del
Chiabertone potevano nell'Astigiano svegliare la potenza degli estri,
forsechè le memorie storiche del paese, un dì martoriato dall'idra
feudale, gli hanno suggerito animosi versi contro le perversità della
tirannide.

In capo al paese, sulla via che mette in Francia, salii il poggio
abitato un tempo dai Marchesi di Cesana. Pochi avanzi del loro
castello, in un piano seminato d'orzo, giacciono fra i larici che
incoronano il dirupo, dove uno dei cortesi che mi accompagnavano tolse
a narrarmi la fine toccata al signore del paese, al marchese Tolosano
Desorus ed alla sua famiglia.

Quest'uomo era in odio al popolo perchè di balzelli e di mal governo lo
angariava, e, quel che è peggio, oltraggiava alla onestà delle donne.

Avvenne che la giovane sposa d'un pastore, bella non meno che pudica,
doveva, come già parecchie altre, soddisfare alla rea libidine del
marchese. Lo sposo mosso da amore e gelosia, pensò, non indarno, allo
scampo ed alla vendetta.

La sposa dovea la notte entrare nel castello a piacere del marchese, il
quale, in sull'ora convenuta, al sommo d'una scala aspettava con ansia
la pastorella, e non appena all'abito, all'andare ed all'acconciatura
credette di ravvisarla entrata nell'atrio, che di subito scendendo le
scale le corse incontro ad abbracciarla, ed in ricambio dell'amplesso
s'ebbe al cuore un colpo di pugnale che lo stese morto.

Era il marito, che nelle spoglie della sua donna salvò il proprio onore
e vendicò le scellerate onte imposte a' suoi conterranei.

Estinto il marchese Tolosano, rimanevano di lui il figlio erede e due
figlie.

Il popolo voleva ad ogni costo disperso il mal seme de' tiranni, e
riuscì nei suoi ardimenti.

Era il dì del _Corpus Domini_. Squillavano le campane, echeggiavano
di musiche le vie; cherici e laici, uomini e donne di ogni classe
accompagnando Cristo in sacramento celebravano quel dì solenne
della Chiesa nostra. Cesana era in moto, ed il giovine marchese,
per meglio godere in tutta la sua pompa la vista di quella sagra,
cedendo all'invito degli scaltri consiglieri, salì la torre delle
campane. E mentre di là vedea ondeggiare per le vie ilare il popolo a
lui sottoposto, ed i canti della cristiana carità si ergevano fra le
croci, le fiaccole e le schiere de' sacerdoti, il giovane marchese fu
da quell'altezza precipitato giù e lasciato morto, e così terminò la
signoria dei Tolosano, dalla quale non si aspettavano le genti governo
giusto ed amico.

Inorridirono le due orfane sorelle, e, mutate le gemme del domestico
fasto nel velo de' claustri, lasciarono Cesana per chiudersi in un
monistero di Oulx, dove pregando perchè cessassero le maledizioni su
le ceneri dei parenti, largheggiando di limosine, uscirono da questa
miserevole vita, compiante, ed in pace con Dio e cogli uomini.

Di tale leggenda non ho trovato nessun riscontro nelle istorie. Certo
non si può riferire al secolo passato, come si voleva farmi credere,
ma conviene cercarne l'origine nel XII o XIII secolo; difatti trassi
da un libro francese[1] che un'iscrizione gotica dietro all'altar
maggiore della chiesa de' Francescani di Brianzone, diceva che Antonio
Tholosano, dottore in legge e fondatore di quel convento, viveva nel
1390, ultimo della famiglia e degli antichi Marchesi di Cesana.

Del resto, avvenimenti o leggende di tal fatta odonsi raccontare fra
le rovine di altri castelli, improntati della barbarie feudale: o sia
che gli uomini si accordino talvolta nel modo di disfarsi dei loro
oppressori, o che la posterità ami alle leggende popolari annestare
simili racconti per insegnare che il potere malamente usato non di
rado si converte in supplizio, e forse anche la terribile dottrina,
che negli estremi ogni spediente è lecito solchè valga a frangere la
tirannide e vendicarsi in libertà.


VII.

Queste memorie io volgeva nell'animo guardando al Chiabertone che,
cinto di selvaggia orridezza, si estende fra tramontana e ponente,
solcato l'ignudo capo dalle folgori, e grave le spalle di folte selve
di larici e di pini, e bagna il piè nelle acque della Ripa. Il color
cupo del pino ed il chiaro del larice tingono di misteriosa malinconia
quel dorso di monte frequente di camosci e tanto vegliato dalle guardie
forestali. Le sue selve cogli annosi tronchi preservano il paese dagli
scoscendimenti della neve; per la qual cosa è divietato dalla legge
il diradicarne ed anche sfrondarne le piante. Gioverebbe tuttavia il
taglio degli alberi troppo vecchi, perchè in tal modo il terreno si
renderebbe assai più acconcio a germinare piante novelle.

Il Chiabertone non è dunque soltanto magnifico a vedere, ma utile
eziandio al paese che gli sta alle falde, mentre la Dora anima i
congegni di un molino e di una pubblica sega da legnami, e dona al
pescatore ottime trote.


VIII.

Accennare le trote di Cesana e non l'artifizio della loro pesca, non mi
si perdonerebbe da nessuno di quegli alpigiani.

Si accolgono dunque cinque pescatori. Due portano legni resinosi
spiccati dalle prossime foreste, un altro tiene una padella foracchiata
nel fondo, il quarto una rete triangolare, contesta a guisa di un
berretto da notte, sospesa ad un bastone spaccato alle estremità, ed
il quinto brandisce una sciabola. Si mettono legna accese entro la
padella, la quale da uno dei cinque viene pel manico sospesa in su
l'acque, e l'uomo armato di sciabola che gli sta ai fianchi, colla mano
sinistra riparandosi gli occhi da quella luce, aspetta le trote, che,
quasi affatturate dal bagliore della fiamma, si approssimano: allora
egli dà un colpo sul dorso alle improvvide, che, non appena tocche,
salgono a fior di acqua boccheggianti e dalla correntìa sono spinte
nella rete che le fa prigioniere.

Con tali arti si hanno pescagioni abbondanti, e meglio uno spettacolo
che a Gherardo delle Notti avrebbe facilmente inspirato uno di que'
singolari dipinti che gli diedero il nome.

Prendendo commiato dalla modesta locanda, _La Croce bianca_, lessi
nella cameretta da me abitata, in un quadro ben lavorato a ricamo
di seta: _La vertu, la candeur et l'amitié des parens sont le vrai
bonheur_.

Queste parole, affetto e lavoro delle due leggiadre figlie della casa,
mi lasciarono nell'animo una fragranza di caste immagini, come le rose
di Damasco quando io mi allontanava da quella popolosa città della
Siria.


IX.

La Dora uscita da Cesana accoglie le acque del torrente _Mornetto_,
bagna le falde alle _Creste nere_, montagne secondarie che continuano
il Chiabertone, e per acconci canali porta vita ai campi circostanti
e moto ai molini, fra scene di paesaggio quando liete quando severe,
ma sempre variate e belle. Qui s'incontra il villaggio _Fenils_, in
cui torreggia lo svelto campanile con guglia di forma esagona. Là su
pel dirupato risaltano tre paeselli, _Solomiac_, _Colombières_ ed
_Autagne_; e più in là, alla mia sinistra sul vertice d'un monte,
innanzi ad un picco del Chiabertone, si mostra _Desertes_, patria
della Maddalena Rumiana, le cui tristi avventure avranno un lamento
in queste mie pagine. Ma fra Cesana ed Oulx il luogo più ameno è la
fontana detta del _Pellegrino_, tra una foresta da un lato ed estese
praterie dall'altro, e con dirupi orridi a fronte, sui quali siede
il villaggio _Subras_, che in quel dialetto suona superstiti, forse,
come è tradizione, perchè lo abitarono dapprima i rimasti da una peste
ferale che travagliò quei dintorni.


X.

OULX.

--Peccato che il commendatore _Des Ambrois_ sia già tornato alla
metropoli, mi disse in lingua francese l'ostessa, presso la quale in
Oulx io avevo preso stanza. Egli sì che saprebbe informarla per filo e
per segno delle condizioni antiche e moderne del nostro paese.

Mi dolsi con la mala mia stella d'esser capitato troppo tardi, e feci
di procacciarmi da me le notizie che mi abbisognavano.

Oulx, capo-luogo di mandamento con 1400 circa abitanti, sede d'illustri
famiglie, decorato dai re di Francia del titolo di città, Oulx ha
un'antica torre merlata, una chiesa a Maria, dove è tradizione sorgesse
un tempio a Minerva; e, fuori dell'abitato, la deserta Pieve di San
Lorenzo con vasta amena pianura, a cui giunsi per un ridente viale di
frassini, e fra musiche di zeffiri e di acque correnti.

I monti circostanti racchiudono nel loro seno ricchezze metalliche,
mentre al di fuori sono ricchi di vegetazione, e la Dora a breve
distanza dal paese, verso tramontana, passa sotto il ponte dell'_Angelo
Custode_ e viene ingrossata dal _Bardonecchia_ e da altri minori
torrenti, che scorrono fra giardini e verzieri.

Oulx ebbe pur già un tempio a Marte, erettovi dai Romani, che a
quello Iddio attribuivano la loro fortuna nel valico delle Alpi e nel
soggiogarne gli abitatori.

L'_Ad Martis fanum_, poscia _Villa Martis_, vogliono alcuni che abbia
dato origine alla denominazione di _Plebs Martyrum_, con cui era
distinta la Pieve di San Lorenzo. Secondo altri, e par meglio, tale
denominazione si ha a trarre dal martirio soffertovi da S. Giusto e da
altri romiti fra le scelleratezze dei Saraceni, che nel decimo secolo
misero a ferro e fuoco ogni più santa cosa in queste regioni.

La Pieve dei Martiri, venerata in ispecial modo per la memoria di S.
Giusto, acquistò viemaggior fama presso i credenti, quando un soldato
francese per nome Stefano narrò a Landolfo, vescovo di Torino, che,
in visione, gli era stato mostrato il luogo dove giacevano le sante
ossa del martire; onde i divoti inchinarono subito S. Giusto nel corpo
trovato da Stefano nella Pieve, avvegnachè altri non senza buoni
argomenti il contrastasse; e crebbe poi il loro fervore in Susa,
allorchè le sante reliquie vennero deposte nella basilica a tal uopo
edificatavi dal marchese Manfredi, e dotata di un dovizioso monistero.

Nella Pieve dei Martiri un sacerdote per nome Gerardo instituì una
regolare congregazione di canonici agostiniani e ne fu egli il primo
preposito. Questa congregazione, mantenendo viva la fede in S.
Giusto, crebbe in ricchezze e privilegi, che, siccome suole avvenire,
partorirono ambizioni, discordie e scandali senza fine. Basti dire che
il clero dell'Abbazia Susina di S. Giusto, insofferente dei canonici
agostiniani di Oulx, corse colà con molti armigeri pieni di fanatismo,
e costrinse il preposito alla fuga.

Ma lasciamo al Cartario ulciese[2] e al dizionario del Casalis queste
luttuose memorie di ecclesiastiche gare, che la cresciuta tolleranza e
civiltà de' tempi condanna.


XI.

Ricordiamo piuttosto coll'illustre Cibrario come sin dall'800, ai tempi
di Carlo Magno, già in Oulx esistessero le _Giura_, le _Gilde_[3],
o compagnie, fraternità d'uomini vincolati a mutua difesa con
giuramento, dalle quali due o tre secoli appresso scaturir doveva coi
Comuni quella forma di popolar governo che, rinnovando la faccia del
mondo, preparò i trionfi ad una nuova civiltà.

Ricordiamo come in Oulx, nella stagione delle speranze e dell'amore,
il 31 maggio del 1750, il figlio di Carlo Emanuele, Vittorio Amedeo,
duca di Savoia, si disposasse con Maria Antonietta Ferdinanda, Infante
di Spagna; ed il regale imeneo, celebrato per procura in Madrid fra le
pubbliche feste, si confermasse benedetto dal cardinale delle Lancie,
nella Prepositura Ulciese, e, secondo si crede, sotto gli ombrosi rami
del tiglio secolare, che adorna tuttavia il piazzale della deserta
Pieve di S. Lorenzo, di costa alla pietrosa croce, sotto cui la
tradizione popolare crede sepolte le ossa dei martiri. Un'iscrizione al
sommo di una porta di Oulx ricorda questo fausto avvenimento, del quale
è pur memore la chiesa parrocchiale, che fa mostra anche al dì d'oggi
dei ricchi paramenti donati dagli augusti sposi e che avevano servito
alla pia cerimonia.

Anche Susa conserva un prezioso documento di queste nozze regali nella
bella iscrizione latina dell'abate prof. Regis, scolpita nella lapide
che stava al sommo di una porta della città, e che ora adorna l'atrio
superiore del palazzo municipale.

Un cenno storico di que' tempi aiuterà a sanamente interpretare questa
importante epigrafe.


XII.

In sul mezzo del passato secolo, il trattato di Aquisgrana
rappacificava l'Europa tant'anni travagliata dalla guerra per la
successione al trono di Spagna.

«I popoli respiravano, ma tutti dicevano che non portava il pregio che
si spandesse tanto danaro, si spargesse tanto sangue, si accumulassero
tanti dolori per lasciare poi le cose ad un dipresso com'erano prima.
Ma i popoli non avvertivano (avverte il Botta[4], da cui togliamo
queste giudiziose parole), che quando s'infiammano gli sdegni
guerreschi, e' non si calmano se non dopo le solite evacuazioni.»

Checchè sia di ciò, certa cosa è, come nota acconciamente il Denina[5],
che la vittoria riportata dai Piemontesi sui Francesi al colle
dell'Assietta, e la risoluzione di Carlo Emanuele di ricevere in isposa
di Vittorio Amedeo Duca di Savoia la primogenita delle infanti di
Spagna, conferirono molto al riassetto delle condizioni d'Europa.

Ed ecco in quali contingenze e sotto quali auspici l'abate Regis dettò
questa epigrafe:

                           HAC IN PROVINCIA
                        BELLUM VICTORIA PEREGIT
                        PACEM HYMENÆUS PERENNEM
                              AUSPICATUR
                              ANNO MDCCL.

Nelle quali brevi parole sono maestrevolmente toccati i quattro
importanti avvenimenti che alla posterità volevano essere ricordati.

_Bellum Victoria peregit._--La gloriosa giornata dell'Assietta che fe'
cessar le armi.

_Pacem hymenæus perennem._--L'imparentarsi delle corti di Spagna e di
Piemonte che suggellò la pace d'Europa.

Se non che l'abate Regis, se fu buono epigrafista, fu però cattivo
profeta.

Strana coincidenza! Nel vestibolo del già ricordato civico palazzo
di Susa, di riscontro appunto alla lapide del Regis, se ne conserva
un'altra, nella quale la città di Susa, memore forse di essere stata
la sede del Re Cozio e della Contessa Adelaide, così si esprime a nome
di tutto il Piemonte:

                         LA NAZION PIEMONTESE
                     DEBITRICE DELLA SUA LIBERTA'
                       ALLA REPUBBLICA FRANCESE
                               LE GIURA
                        SUA ETERNA RICONOSCENZA
             LI 16 FRIM. AN. VII. REP. I DELLA LIB. PIEM.

Tanto è! Si sperò che il trattato di Aquisgrana e l'augusto imeneo
festeggiato nella Pieve d'Oulx sarebbero stati auspici di una pace
perpetua, _pacem perennem_!

A mostrare quanto siano corti gli intendimenti umani, ecco sopravvenire
in meno di mezzo secolo la rivoluzione francese, che abbattendo troni,
lacerando trattati e creando repubbliche, non lascia sussistere di
tanti vaticinii che la fallace epigrafe ed il ramoso tiglio al cui
rezzo io meditai e scrissi.

O vecchi Ulciesi! venite a riposare le stanche membra all'ombra del
caro tiglio.

O giovanetti e giovanette Ulciesi! venite ad intrecciar caròle intorno
al mio tiglio, e inaffiatene il ceppo e coronatene i rami colle vostre
mani: imperciocchè il tiglio secolare della deserta Pieve di S.
Lorenzo, ben più che una pianta, è un volume di storia patria.


XIII.

EXILLES.

Fuori di Oulx, varcata sul _ponte ventoso_ la nostra Dora, passai nel
villaggio di Salbertrand innanzi ad antica chiesa, sulla cui facciata
in forma colossale è dipinto S. Cristoforo, e ben tosto giunsi al
pittoresco torrente Galandra che, sui gioghi di S. Colombano, fra
noci, castagni e vigneti, presso un piccolo forte, chiave della
fortezza principale d'Exilles, in belle cascate schiuma e biancheggia,
e, traversata la via, per forre e voragini va a versarsi nella Dora,
giù nel fondo a _Valle-Fredda_.

Eccoci ad Exilles, dove in forma di nave da guerra ci si presenta irta
di artiglierie la fortezza poderosa, che mutando signoria, fu più volte
distrutta e ristaurata, contesa fra potenti vicini con prove ostinate
di virtù militare. Questa fortezza, e i luoghi circostanti fino al
Monginevra, appartenevano nel secolo XI ai Conti di Torino, chiamati
nelle cronache Marchesi di Susa; indi furono occupati dai Conti
d'Albon, che chiamaronsi più tardi Delfini, finchè nel 1713 il trattato
di Utrecht fece ragione alla Casa di Savoia, e le assicurò quell'antico
retaggio de' suoi maggiori.

Provai gioia nazionale aggirandomi fra soldatesche e suoni di tamburi
e di trombe sovra i ponti levatoi, sotto gli archi e pei quartieri di
quel castello, che nel mezzo della valle veglia sentinella gagliarda
delle Alpi!

Il paese che si distende a' piè della fortezza, travagliato dalle
guerre, più volte fu segno agl'incendi ed ai saccheggi. Ora la gente
vive pacifica all'ombra del Sabaudo Statuto, intorno alla sua chiesa
parrocchiale, ornata con bella facciata di stile gotico. Presso la
quale, visto passarmi d'innanzi un sacerdote, mi feci a richiederlo se
mai fosse in quella alcun che da ammirare.

--Certo, rispose; questa è la chiesa che fu occasione all'insigne
miracolo dell'ostia eucaristica, il 6 giugno del 1453.


XIV.

Mi strinsi volentieri in conoscenza con quel sacerdote per raccorre
notizie religiose da aggiungere alle guerresche d'Exilles. Era egli
il buon curato del paese, e mi diede a leggere in un opuscolo quanto
segue[6]:

«Correva l'anno 1453, e Renato, duca d'Angiò, disegnava calare in
Italia con tre mila e cinquecento cavalli, quando Ludovico, duca di
Savoia, gli contrastò il passo ne' suoi Stati. Per questa opposizione
e per certi altri dissapori, tra Ludovico ed il Delfino di Francia,
i paesi limitrofi dovettero andar soggetti a frequenti trambusti.
Messi furono a sacco alcuni villaggi sul confine degli Stati savoiardi
verso il Delfinato, fra' quali Exilles, o Issilie, ultima terra della
provincia di Susa. Avvenne ora, che ritornando cert'uni da quella
guerra, passarono per Torino il sei di giugno, circa l'ora ventesima
dei giorno, conducendo seco sur un mulo le spoglie del saccheggiato
Exilles, fra le quali si celava la sacra pisside ed ostensorio tolto
alla chiesa parrocchiale di quel paese. Giunti di rimpetto alla
chiesa allora dedicata a San Silvestro, ad un tratto il mulo si
ferma, stramazza al suolo, nè punto valgono a smuoverlo le minaccie
e le percosse. Si apre di per sè stessa la salma, fuori ne svola
l'ostensorio contenente l'ostia santa, ed in alto poggiando, d'insolita
luce risplende.»

Lascio il miracolo sotto le arcate della chiesa parrocchiale, perchè
la mia operetta non si vada a pungere fra i pruni delle controversie
religiose e le requisitorie del fisco, come toccò al Guerrazzi; e
ringrazio il buon curato d'avermi nella sua chiesa condotto alla
cappella di San Rocco, ove è tradizione venisse rapita la sacra
pisside: e quivi mi additò sull'altare un quadro ch'esso miracolo
rappresenta.


XV.

Uscito di chiesa, in compagnia di un libro di storia patria, mia
assidua lettura, trassi ai prossimi colli, che colle antiche selve e
colle acque mormoranti mi ricordavano le balze pastorali d'Arcadia.

Era un giorno splendidamente sereno, e un'aria tepida e soave,
carezzando erbe ed acque, m'induceva nell'animo affaticato così dolce
quiete, che mi assisi appiè di ombroso faggio, e, fattomi guanciale del
libro, mi addormentai.


XVI.

L'ASSIETTA.

Sognai ... i sogni dei poeti sogliono essere frequenti di visioni, e fu
tale il mio nell'Arcadia d'Exilles.

Mi sentii trasportato a quattr'ore di cammino fra Exilles e
Fenestrelle, su d'un colle fremente di guerra. Io mi sentiva levato
sul colle dell'Assietta, cerchiato di povere trincee senza fossi e
palizzate e senza artiglierie; ma lo fortificava più che mai la bravura
dei soldati piemontesi, che, dal conte di Bricherasco capitanati,
difendevano il varco delle Alpi contro la cupidigia dei vicini
stranieri.

Io vedeva quaranta battaglioni francesi divisi in tre colonne, sotto
il comando dell'audace cavaliere Bellisle, avventarsi con indicibile
ardimento su per quei dirupi al sommo giogo: ed ecco la colonna di
mezzo con ventidue compagnie di artiglieria slanciarsi alla pericolosa
meta, abbattere le trincee e farne rovina: ma i dieci battaglioni
piemontesi bastano a respingere i ripetuti assalti d'uno de' meglio
agguerriti eserciti di Francia; e invano le altre due colonne nemiche,
a destra ed a manca, tentano l'ardua salita; imperocchè i soldati
piemontesi non piegano nè al valore nè al numero de' nemici.

Oh quale spettacolo d'orrore mi si presentava! Io udiva il rullar dei
tamburi, lo squillar delle trombe e il continuo fischiare de' piombi
fulminei, ed il rimbombo dei cannoni, e le grida dei combattenti ed
il gemito dei moribondi, e vedeva giù dalle balze cader a fiaccacollo
moltitudine di fanti e di cavalli, e scorrere a torrenti il sangue, ed
a poco a poco una densa nuvola di fumo avvolgere nella sua oscurità
l'un campo e l'altro, e con essi gl'Italiani ed i Francesi che si
contendevano la vittoria.


XVII.

Ma il vento delle Alpi rischiara ben tosto l'aria ottenebrata. Ed ecco
il generale Bellisle, che, con tutto l'ardore della bollente gioventù,
toglie di mano ad un suo uffiziale una bandiera, e corre a piantarla
esso medesimo sull'orlo dei nemici trinceramenti.

Vano eroismo! Il Dio degli eserciti, o meglio la Giustizia eterna,
tutelava nella Croce di Savoia, nella guardiana dell'Alpi, il dritto
delle nazioni; ond'ecco l'ardimentoso Bellisle ferito di baionetta
in un braccio nell'atto istesso che piantava la bandiera, e poi di
due archibusate l'una nel petto e l'altra nella testa cader morto sul
campo, mentre, a tale spettacolo, perduti d'animo i suoi soldati,
dànnosi precipitosamente alla fuga.

Allora sonarono gli evviva alla Croce di Savoia, al conte di
Bricherasco ed al valor piemontese, vera gloria italiana, che sul
colle dell'Assietta, come indi a un secolo sulle rive della Cernaia,
splendidamente trionfava.


XVIII.

Successe un profondo silenzio, e la mia visione si andava dissolvendo,
se non che tornò a mostrarmisi quel colle fumante di sangue consacrato
dalle nostre vittorie; e fra i tocchi funebri di tamburi coverti a
nero, vidi un manipolo di soldati che su povera bara portavano a
seppellire il cavaliere Bellisle _morto_, diremo con Cesare Balbo,
_da bravissimo soldato, egli che non aveva saputo comandare da buon
capitano_[7].

Al furore delle armi segui la pietà per gli estinti: i tamburi
invitavano alle esequie, non più alla strage.

Io faccio per appressarmi alla bara del Bellisle; in quella mi desto, e
... e mi ritrovo all'ombra del faggio con sotto al capo quel libro del
Botta[8], in cui la giornata dell'Assietta è mirabilmente descritta,
come nel 1784 la ritrasse e la intagliò il pittore fiammingo La
Pegna[9]:

  E il pensamento in sogno trasmutai.

                                  DANTE, _Purg. c. 18_.


XIX.

Il Piemonte registrò fra i memorabili suoi fasti la battaglia del colle
dell'Assietta; e Giuseppe Bartoli, veneziano, allora professore di
lettere italiane nell'Ateneo torinese, la celebrò con cento trentotto
stanze, ma non toccò l'altezza dell'argomento.

Meglio ai dì nostri il Cavaliere Agostino Lostia, uffiziale
dell'esercito piemontese, la celebrò con un poemetto in versi sciolti,
ch'ebbe una buona versione in lingua francese[10]. Il nostro soldato e
poeta degnamente si accese alla vista del memorabile colle, ond'egli
dice:

                      ed io la vidi,
  E brama di vederla ivi mi spinse
  Quell'itala Termopile.

Vincenzo Monti con forti immagini ricordò quell'avvenimento nella sua
Basvilliana, dove parlando di Francia prorompe:

    La sovrana dell'Alpi in sull'entrata
    Ponsi d'Italia e ferma tiensi e salda,
  E alla nemica la fatal giornata
    Di Guastalla e d'Assietta ella rammenta,
    E l'ombra di Bellisle invendicata
  Che rabbiosa s'aggira e si lamenta
    In val di Susa[11].

Lo ricordò pure Giulia Colombini, la Debora subalpina, nella fatidica
canzone a Torino, esclamando:

  Biancheggia ancor d'Assietta
  L'insuperata vetta
  D'ossa francesi, e s'ode ancor distinto
  Suonar per quella riva
  Lo straniero lamento e il nostro evviva.

Su tale argomento non va dimenticata la canzone che suona tuttavia
fra gli alpigiani di Val di Susa, perchè in essa io veggo l'indole
guerresca di questo popolo, e ne sento le schiette melodie.

Questa canzone, composta da un cieco del _Sauze d'Oulx_, per nome
_Michelin_, pigliando argomento dal titolo Assietta, che nel dialetto
piemontese suona _piatto_, splende di così vivaci immagini e di tanto
arguta ironia da non recare stupore che sia stata causa di frequenti
risse fra Piemontesi e Francesi. Eccone due strofe:

  Où a-t-on jamais vu
    Un tour si agréable!
    Les Français résolus
    Avec leur nez pointu,
    Partant de leur pays
    En foule et à grande presse
    Pour venir prendre l'Assiette
    Que nous avons devant!
    Bellisle impertinent!
    .  .  .  .  .  .  .  .  .
    .  .  .  .  .  .  .  .  .
  Cinq mille fantassins
    Y ont perdu la vie
    Voulant tremper le doigt
    A l'Assiette des Vaudois;
    D'abord en arrivant
    De poivre et de moutarde
    Leur ont brulé la barbe,
    Disant: n'avancez pas
    Votre nez dans le plat![12]

Chi si faccia alla valle d'Oulx v'udrà spesso ripetuta la canzone del
Michelin; e saprà come la salma del cavaliere Bellisle, pria di esser
conceduta in Brianzone alla pietà dei Francesi, sia stata sepolta
nel villaggio di Sauze d'Oulx colla seguente iscrizione latina, che,
secondo il vezzo di quei tempi, ritrae bizzarramente i nomi del paese e
dell'estinto:

                HIC INTER SILICES INSULA PULCHRA IACET.


XX.

IL TRAFORO DI TOUILLES.

Dal forte d'Exilles, fra castagni, noci e vigneti, traversata la Dora
sul _Ponte-rotto_, si scende ad una ferriera animata da copiose acque,
che in pittoresche cascate biancheggiano sul fianco delle vicine
montagne.

Quivi un nerboruto bracciante tutto affumicato, che stava seduto sulla
porta della fucina a ristorarsi dalla fatica, mi additò nella prossima
montagna di Cels l'arida roccia de' _quattro denti_, così denominata
dalla singolare sua configurazione di quattro acuti picchi, e mi mostrò
la montagna di Touilles, nella quale al secolo XVI fu operato l'arduo
traforo per derivare le acque dalle ghiacciaie savoine e convertirle
in beneficio degli abitanti e delle campagne di Ramas e di Cels, che
grandemente ne difettavano.

L'immane lavoro fu allogato a un tal francese, Colombano Rameau
di Gilles, scarpellino di molto grido, il quale, come si trae da
pubblico instromento del 20 ottobre del 1526, si obbligò di condurlo,
a condizione che non gli si prefiggesse tempo a terminare l'impresa,
ed oltre a cinque fiorini per ogni tesa di scavo gli fosse assicurata
conveniente provvigione di vitto e di quanto altro gli abbisognasse.

Durò sette anni nella faticosa opera, in capo ai quali, disperando del
successo, l'abbandonò. Pregato, la riprese ed indi a due anni la recò a
fine.

La malizia umana spesso s'intromette nelle opere virtuose e le corrompe
del suo veleno.

Era corsa voce che gli alpigiani rimeritassero d'ingratitudine
l'operoso Colombano Rameau e lo uccidessero. Falso; poichè da documenti
si trae, che, compiuto il traforo, gli abitanti di Cels e di Ramas ne
furono sì lieti, che per quattro mesi con frequenti banchetti fecero
ospitali accoglienze al bravo scarpellino, che tornato in patria morì
d'idropisia cagionatagli dall'umidità dei sotterranei, e dai vini
generosi di Chiomonte.

Qualche anno ancora, e, quasi pigmeo di costa a un gigante, il traforo
di Touilles si troverà a confronto col traforo impropriamente detto del
Cenisio, che a breve distanza da Oulx, internandosi nelle viscere delle
Alpi fra Bardonecchia e Modane, sarà vero miracolo dell'arte moderna,
nuovo monumento dell'audace ingegno italiano, e uno de' più bei vanti
della costituzionale monarchia Sabauda.

Lo scarpello del Rameau e la macchina di Sommeiller, Grandis e Grattoni
daranno la misura de' mirabili progressi che in poco più di tre secoli
ha fatto l'industria umana!


XXI.

Fatte da Exilles due miglia di piacevole cammino, giunsi all'allegro
Chiomonte (_caput montis_), bel paese di due mila abitanti, sulla riva
destra della Dora, coronato di eccellenti vigneti, che, in ispezie
quelli della collina meridionale, danno vini squisiti.

S'incontrano ad ogni passo i tralci delle viti, che serpeggiano su
per le pareti delle case, e vi si avviticchiano intorno alle mura;
qua densi pergolati ne ombreggiano la via, colà a modo di tappezzerie
pendono pampinose ghirlande dai tetti e dalle finestre. Insomma
Chiomonte è la festa delle vendemmie, dove Redi e Meli, questi due
poeti dei baccanali di Toscana e di Sicilia, avrebbero facilmente
trovato da aggiungere qualche nuova pagina ai loro celebrati ditirambi.

Sui gioghi vicini sorgono noci e castagni di smisurata grandezza, e
sulle più alte cime veggonsi folte selve di abeti e larici, nido ai
camosci, desiderio ai cacciatori. Presso l'Assietta vi hanno due laghi;
e diversi torrenti mettono foce nella Dora.

Uscito di Chiomonte per avviarti alla vicina Susa, ti si fanno innanzi
a destra due picchi di montagna, dalle cui vette si vede la valle di
Fenestrelle, e a sinistra _Giaglione_, cogli annosi castagni. Indi
si passa pel villaggio _Gravere_, e quivi alpestri spelonche mettono
nell'animo sublime orrore; ed il torrente _Gelassa_ romoreggiando
ricorda i danni che cagionò co' suoi straripamenti, ed ora arginato
da robuste muraglie scorre sino a Susa e va a mescolarsi con le acque
della nostra Dora.


XXII.

Seguendo sul territorio di Gravere il corso del torrente Gelassa
(memorabile per lo scontro avvenutovi il dì dell'Ascensione del 1800
fra le milizie austro-sarde e i soldati di Bonaparte, che sotto il
comando del generale Taureau calavano dall'alto Delfinato, mentre
il grosso esercito valicava il San-Bernardo), fatte dal Monginevra
sedici miglia, rientrai lieto e ricco di memorie nella regale città
di Cozio, e tosto corsi a salutare l'arguto poeta delle Alpi, il
caro Norberto Rosa, forte con lui rammaricandomi, che una valle così
illustre per guerre e per paci gloriose, così poetica per tremende e
pietose istorie, una valle così simpatica per la maestà de' suoi monti
e delle foreste, per la varietà de' colli, la vivace e cortese indole
degli abitanti, come questa dell'alta Dora, sia corsa e visitata così
poco da chi cerca acque fresche, aure soavi, ameni luoghi e salubri
nelle estive pellegrinazioni. Colpa forse del non trovarvisi, neppure
nei villaggi più frequenti di commercio, in bene acconce locande e
altri luoghi di tal fatta, quei conforti, che oggimai sono diventati
necessità della vita.

La quale cosa io ho voluto toccare con quel singolare affetto che
il pellegrino porta ai luoghi che visita, acciocchè provvedano per
avventura al difetto coloro che al proprio interesse e a quel della
patria intendono.

Addio, intanto, o amenissima valle! Addio, o gioghi del Monginevra e
del Chiabertone! castelli di Cesana e di Exilles, e voi, memorande
secolari piante di Oulx, e voi ridenti vigneti di Chiomonte e di
Gravere, abbiatevi il mio affettuoso addio qui in Susa, dalle sponde
della Dora, che fra noi nasce e discorre portando vita perenne, e che
io accompagnerò con religioso amore fin là dove si disposa al regale
Eridano.



CAPITOLO SECONDO

SUSA E SUOI DINTORNI


I.

LA STRADA FERRATA

Le campane della vecchia cattedrale di S. Giusto squillavano a festa
(22 maggio 1854), e Monsignor Vescovo in abito pontificale usciva di
chiesa, circondato dai canonici del Capitolo e con lungo seguito di
cherici e divoti.

Suonava a distesa la campana del Comune, e dal palazzo civico movevano
il sindaco e i consiglieri, preceduti dal mazziere e seguiti dal
banditore con dietro le spalle a tracolla lo stemma gentilizio di Susa,
rappresentante due torri con attorno le famose parole _in flammis
probatus amor_, che ricordano gli incendi del Barbarossa e la concordia
dei Susini nel riedificare la smantellata loro patria.

Rullavano i tamburi della guardia nazionale, e indi a poco i militi
cittadini si mostravano schierati in bella ordinanza, preceduti dalle
musiche, che spandevano liete armonie per le strade e per le piazze
frequenti di popolo non pur della città e dei dintorni, ma delle più
rimote parti della provincia.


II.

Susa da gran tempo non avea tanto tripudiato nè per sì bella e nobil
cagione, imperocchè in quel giorno ella celebrava il solenne aprimento
della strada ferrata, che da Torino mette alle falde del Cenisio, e
che in appresso, penetrando entro le viscere delle Alpi, si distenderà
fra le galliche genti, e cogli alternati benefizi del rapido commercio,
stringerà in bel consorzio popoli diversi di stirpe e di favella.

La immensa folla, pregustando così fausto avvenire, trae allo scalo,
dove si vede da lontano il fumo delle caldaie e s'ode il rumore delle
ruote, ripetuto dall'eco delle valli; e già il sibilo della macchina a
vapore annunzia l'arrivo delle locomotive.

Gli spettatori stanno intenti con religioso silenzio, e, all'apparire
del primo carro, prorompono ad una voce:--_Evviva il Re! Evviva
Vittorio Emanuele!_ Questo unanime grido suona iterato al mostrarsi
del Re, che innanzi ad un altare, fra le benedizioni de' sacerdoti e
l'esultanza del popolo, veniva appie' delle Alpi ad iniziare i nuovi
trionfi del nostro commercio e dell'industria, ed a provare come fra
noi intorno al trono della stirpe sabauda fioriscano ad un tempo le
arti della guerra e quelle della pace.

--Non si comincia bene se non dal Cielo--sclamò monsignor Vescovo, e
intonò preci e benedizioni; e il Re colla destra su l'elsa della spada,
vigile custode delle Alpi, aveva allora a' suoi fianchi la rimpianta
regina Maria Adelaide, purissimo angelo, che pregava per la reggia e
pel popolo.

Quei due augusti, prostrati innanzi ad un altare, alle falde del
Cenisio, ci ricordavano la contessa Adelaide e Oddone di Savoia,
che otto secoli addietro inauguravano lungo la Dora un nuovo ordine
d'imperio e di prosperità.


III.

Ma ecco le ampie arcate dei magazzini dello scalo trasformate in
eleganti sale, ornate di arazzi, di verzure e di bandiere tricolori;
ecco imbandito uno splendido simposio, a cui siedono i ministri, le
autorità e le persone più ragguardevoli del paese e della provincia,
deputati e senatori, e gli scrittori de' giornali torinesi; e i
fratelli Carlo e Giorgio Henfrey, che impresero a disegnare e condurre
con solerzia ed amore la via ferrata, ed ora, colà, quasi in propria
casa ospitalmente la festeggiano; e perchè al convito non manchi il
sorriso delle grazie, vi ammiri le colte e leggiadre consorti degli
ospiti gentili, rose pellegrine d'Albione, rimbellite sotto il cielo
d'Italia.

Fra squisite vivande e vini generosi il signor Carlo Henfrey dice
brevi ed acconce parole: indi sorge a parlare l'egregio intendente
barone Tholosano, e in nome dei cittadini ringrazia l'eletta comitiva
accorsa ad onorare nella via ferrata un'era novella di prosperità alla
provincia di Susa.

L'arco di Cesare Ottaviano--la disfatta Brunetta--e la strada ferrata,
sono i tre monumenti di cui prende a discorrere e nota con savio
accorgimento:

«Se il primo di questi monumenti ci ricorda le glorie della conquista
romana, il secondo ci fa amaramente risovvenire della gallica riscossa
nel passato secolo; e comechè siano gloriosi i nomi di Ottaviano
Augusto e di Napoleone I, non potranno col rimbombo della loro fama far
tacere i lamenti e le imprecazioni dei popoli percossi e delle desolate
provincie: inevitabili conseguenze di ogni guerresca impresa, che non
conduca a vera libertà.

«Il terzo monumento ricorderà pure un nome augusto; ma questo sonerà
benedetto fra le genti per mantenute franchigie, per agevolate
comunicazioni e prosperati commerci.

«Ruderi e rovine ci rimangono delle passate conquiste: arditi porti,
appianate vette e traforati monti testimonieranno ai posteri come
dirittamente venisse acclamato padre civile delle sue genti Colui,
sotto i cui augusti auspìzi, con liberali instituzioni compievansi
opere così utili e stupende».

E chiude il suo discorso intonando un brindisi a re Vittorio Emanuele
II, brindisi che per le allegre mense viene iterato vivamente, ed
allo scrittore di queste pagine inspira versi improvvisi. A sè trasse
l'attenzione l'arguto poeta delle Alpi Cozie, Norberto Rosa, il quale,
con quella ironia, che gli era familiare, come scandolezzandosi dei
_diabolici_ trovati del secolo, e pigliando argomento dal bue, che
infitto negli spiedi a sollazzo e ristoro del popolo cuocevasi su la
piazza delle armi, così chiudeva le sue bernesche rime:

  Oh Re Vittorio!
    Rifà il cammino,
    I baffi tàgliati,
    Metti il codino;

  Rimanda all'Erebo
    Donde è venuto
    Il terzo incomodo
    Dello Statuto!

  Sì, Re Vittorio,
    T'affida a me,
    In mezzo secolo
    Io farò, che

  Fra noi ritornino
    Quelle età sante,
    Allor che il popolo
    Schiavo e ignorante,

  Di questo bufalo
    Che cuoce arrosto
    Messo un eretico
    Avrebbe al posto!


IV.

I convitati si levano dalle mense e si accolgono qua e là in
capannelli, formando o rinnovando amicizie; e tutti in gioviale
compagnia muovono per la città, visitando ed ammirando le reliquie
notevoli della sua antichità e le nuove bellezze.

Lasciato a sinistra dello scalo il capace ospedale, vegliato dalle
Suore di carità, l'illustre drappello volge a destra uno sguardo
alla deserta Brunetta senza troppo rammaricarsi della sua caduta,
conciossiachè ella fosse ben più baluardo d'Austria che non di
Piemonte.

Si ferma meravigliando innanzi all'Arco famoso, che, su l'antica via
conducente alle Gallie, Marco Giulio Cozio e i popoli da lui governati
eressero a Cesare Augusto Ottaviano, quand'egli otto anni prima
dell'era cristiana valicava trionfalmente le Alpi.

Fatti pochi passi incontra sul pendio d'un poggio le reliquie del
palazzo, che fu sede del re Cozio, poi della contessa Adelaide, in
ultimo del tribunale della Santa Inquisizione, ed ove ora, nobile
palestra della gioventù studiosa, fiorisce il Reale Collegio.

Scesa pel verde poggio si avvia la illustre schiera alla cattedrale
di S. Giusto, consacrata nel 1028; ove spesso guardai con piacere al
quadrangolare bizzarro campanile, alto diciotto trabucchi (51 metri),
diviso in sette piani con finestruole ed archi a tutto sesto, retti con
capitelli di stile romano. Per una balaustrata di mattoni cotti si gira
intorno al settimo piano, che ha trafori e stemmi guasti dal tempo,
ed una torricciuola ottangolare in ciascuno de' quattro angoli, con
ottangolare corona e guglia corrispondente, sormontata da una croce;
e dal mezzo del piano superiore si alza una maggiore guglia coverta
di lamine luccicanti colla croce in cima, e dai quattro angoli della
balaustrata sporgono quattro teste di strani animali. Quel campanile di
forma bizzarra è opera dell'undecimo secolo, ristaurata in tempi a noi
vicini.


V.

Lasciamo il campanile per entrare nel tempio colla nobile compagnia;
ed ecco i canonici che ci additano il battistero e un altare, colla
scritta: _Petrus Lugdunensis me fecit_, opere in marmo assai pregiate,
e scoprono una preziosa croce d'argento con cesellature storiate,
asserendola dono di Carlo Magno. Avvegnachè il Cibrario, il cui
giudizio in queste cose è certamente autorevole, la creda posteriore
a quell'età, io come poeta accoglierei più volentieri la tradizione
de' canonici, considerando che Carlo Magno non poteva alle falde del
Cenisio lasciare del suo passaggio più acconcio ricordo di una croce.
Il simbolo supremo dell'amore e del martirio egli avrebbe deposto ai
piedi del Cristo delle nazioni, di questa Italia locata nel centro di
Europa per diffondere su tutti i popoli l'amore nel riso del suo cielo
e nella gloria dei suoi monumenti, e per essere rimeritata colla coppa
di fiele e la corona di spine.

Nella cappella di Sant'Anna ci fanno osservare bellamente dipinta una
_Sacra Famiglia_ di scuola raffaellesca, ed in altra cappella, entro
una nicchia ci additano inverniciata a colore di bronzo una statua in
legno di noce, ammirata per gl'intagli e più ancora perchè in essa
si crede rappresentata genuflessa in atto di preghiera, colle palme
stese alla croce, Adelaide, comunemente chiamata Contessa di Susa, che
inanellata ad Oddone di Savoia, aggiunse a lui ed a' suoi eredi il
marchesato di Susa, e preparò un regno che dovea essere tanto glorioso
e desiderato fra le genti italiane. Al sommo della nicchia si legge:

  Questa è Adelaide, cui l'istessa Roma
  Cole, e primo d'Ausonia onor la noma.

Le quali parole fanno ricordare il grande ossequio che Adelaide portò a
papa Gregorio VII, corrucciata con lo suocero, l'imperadore Arrigo IV;
nè ben saprebbesi se più la movessero gli oltraggi fatti da lui alla
infelice consorte Berta o le ingiurie da lui inferite alla combattuta
Chiesa.


VI.

Usciti dalla cattedrale si aggirarono per le vie, e chi si fermò
ne' portici ad ammirare un bell'affresco della Sacra Sindone, chi
considerò la strana vicenda delle umane cose innanzi alla casa con
finestroni di gotico stile, già abitata dal cardinale _delle Lancie_,
ed ora da Norberto Rosa, fiancheggiata da una torre antica su cui
sorge la campana del Comune. Parecchi chiedevano dell'antica chiesa
a Santa Maria, che per aver sul campanile un bidente, diede credito
alla favola che un tempo fosse delubro a Nettuno; nè si passò senza
pietosi ricordi innanzi alla cadente chiesa ed all'abbandonato chiostro
di S. Francesco, che rammentano il passaggio del Santo di Assisi, e
Beatrice, consorte del conte Tommaso, che edificava quel pio ospizio
per compiacere al piissimo uomo. Il chiostro fu soppresso nel 1800:
la chiesa rimase deserta di frati e di preci, e neanco fu conservato
all'attiguo giardino il memorabile cipresso che nel 1214, secondo la
tradizione, vi piantava di sua mano il Beato di Assisi.


VII.

A poco a poco si andò diradando la eletta comitiva, perocchè molti per
l'inaugurata via tornavano alle domestiche pareti.

Io rimasi coi Susini, e lungo le rive della Dora, a capo d'un ponte,
vidi il sole tramontare dietro i gioghi del Cenisio; e mentre la
campana d'una vicina chiesetta sonava l'_Avemaria_, la mia mente saliva
fantasticando alle antiche generazioni di Susa, fra lagrime e rovine.

Le tenebre della notte mi parevano rotte dalle furie, che agitando
le fiaccole infernali per le balze del Cenisio e del Roccamelone
illuminavano scene di sterminio e di orrore. Io vedeva giù dalle Alpi
calare Annibale, che sfiorava il giardino d'Italia col giuramento d'un
odio ostinato, e le sue orde, che se risparmiavano Segusio, non la
perdonavano ai Taurini. Non così Fabio Valente, che con quarantamila
uomini piomba sovra Susa, abbandonandola al ferro ed alle fiamme.
Invano la prostrata città risorge rivestita di nuova gloria; imperocchè
Costantino, sdegnato che ella parteggiasse per Massenzio, avventa fuoco
alle porte, accosta scale ai torrioni, la percuote, l'arde, e lascia un
miserando ammasso di rovine ai Segusini, che non facilmente col resto
della cristianità consentiranno al vincitore il titolo di pio e di
santo. Costanti nelle avversità, i superstiti riedificano la patria,
non sapendo gl'infelici d'apparecchiare nuove vittime ai Goti, ai
Franchi ed agli Alemanni, che non piegano a pietà.

Oh! vista atroce! All'urto delle macchine belliche scrollano le torri
e le mura: sorgono improvviso, fra 'l cozzo delle armi, fiamme voraci,
e come lave d'indomito vulcano, coprono l'intera città: le acque
della Dora, chiare per solito e luccicanti come argento, vanno tinte
e fumanti di sangue: e fra tanto orrore levasi gigante e con barbara
gioia un terribile uomo, che nella smodata ambizione potè credersi
signore del mondo.

È Federico Barbarossa, che, al par di Nerone alle fiamme di Roma che
arde, esulta, e con selvaggia fierezza si vendica della magnanima Susa,
che, sentendosi italiana non meno delle federate città lombarde, lo
aveva costretto a liberare gli statichi che seco traeva d'Italia, e
aveva osato contendergli il passo, quand'egli incalzato dai fulmini di
Legnano e della Chiesa, fuggiva e ripassava disperatamente le Alpi.


VIII.

O desolata Susa! io piango su le tue memorie. Fosti illustre e misera,
perchè di rado la gloria va scompagnata dalla sventura. Vera fenice
delle Alpi, più volte morta e risorta, predata ed arsa dagli avidi
stranieri, che da' tuoi gioghi colle armi si apersero la via fra noi,
fosti giustamente appellata _Chiave d'Italia, Porta della guerra_.

Poche ma eloquenti reliquie ci rimangono dell'antico tuo stato: le
lapidi inscritte, che il dotto canonico Sacchetti raccolse nell'atrio
del tuo seminario vescovile: le urne sepolcrali in casa dell'onorevole
deputato Chiapusso, ed illustrate dal chiarissimo cav. Ponsero: e i due
marmorei torsi loricati, memorie di Agrippa e Donno, che furono tanto
ammirati dal Canova, e ora sono insigne decoro all'atrio dell'ateneo
torinese. Rimane pure la cospicua mole alzata ad Augusto, il marmoreo
arco, il quale colle superbe colonne scannellate ai quattro angoli,
e i leggiadri capitelli adorni di foglie d'acanto, e la iscrizione
latina e la scoltura ritraente un sacrifizio, simbolo di alleanza
fra i re delle Alpi e gli imperatori del Campidoglio, mirabilmente
ci testimonia l'onore in che le arti erano tenute presso gli antichi
Segusini, e fa argomento di quanta eccellenza dovevano essere le terme
diocleziane e gli altri monumenti, dispersi non tanto dalla forza del
tempo quanto dalla barbarie degli uomini.


IX.

Stanco di tante visioni andai aggirandomi per le vie e sotto i portici,
e una soave musica venne a quietarmi l'animo contristato. Quei suoni
uscivano dal palazzo civico, dove il Municipio, per ben finire il
giorno sacro al solenne aprimento della strada ferrata, avea con ogni
eleganza preparate le sue sale ad una festa da ballo, alla quale
col fiore dei cittadini convennero molte ragguardevoli persone dei
circostanti paesi. Nelle sale del Municipio alla giocondità della festa
associavansi i ricordi della patria come si moveva lo sguardo alle
dipinte volte, e intorno alle pareti che rappresentano effigiati i
torsi loricati, gli archi e gli uomini insignì, che nelle armi, nelle
scienze e nelle arti illustrarono la storia segusina. E se taluno
avesse desiderato salutare l'imagine di Susa nel secolo decimosettimo,
poteva ammirare la copia d'una pianta, tratta dall'insigne descrizione
degli Stati del Duca di Savoia, opera di rara magnificenza, stampata in
Amsterdamo nel 1682.

Ma in quell'ora più del passato brillava l'età nostra nelle avvenenti
donne e negli animosi giovani, che alternavano balli e colloquii soavi;
e alle visioni delle furie e delle stragi succedettero nel mio spirito
le visioni delle grazie e dell'amore, con cui si chiuse quel giorno
memorando in val di Susa, ond'io a ragione dovetti sclamare:


  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  Questo giorno non è gravoso incarco,
  Che tributarie le provincie renda,
  Che emunga il sangue delle oppresse genti
  Per ergere a' superbi i monumenti.

  Giorno di pace, memorabil giorno
    Per fermo è questo che di carmi onoro;
    A quanti vanno, a quanti fan ritorno
    Lungo la Cozia via, pane e lavoro
    Abbondevol promette, e d'ogn'intorno
    Di novelle dovizie apre tesoro;
    E dell'industria i prosperi destini
    A voi dà per trïonfo, o Subalpini.


X.

IL CENISIO.

Giorno per me gratissimo fu pur quello in cui salii la prima volta il
Moncenisio.

Norberto Rosa (14 agosto 1854) in una carrozzetta a tre cavalli
cortesemente mi accompagnò alle vette dell'ardua montagna, mentre i
primi albori indoravano le rovine della Brunetta e scintillavano nelle
acque del torrente Cenisia, che a destra romoreggiava per le valli di
Venaus e della Novalesa.

Quanto più guadagnavamo della salita, più vivamente ci percoteva
l'aria delle Alpi, e un vento del nord fischiando fra le selve dei
castagni e dei pini, e sollevando la polvere, scemava la dolcezza che
si suole provare nel salire gli alti monti nella stagione estiva. Fra
i buffi del vento toccammo diversi villaggi; Giaglione che ricorda
scene di fattucchiere, Molaretto che ha ne' suoi macigni una galleria
per ricoverare il viaggiatore nelle traversìe del verno, e quello di
Bar attergato ad una balza folta di pini silvestri e lieta di due
pittoresche cascate di acque.

Lungo la via e su per le rupi si vedono in gran numero pilastri di
legno e di pietra posti lì ad impedire disastri; e casette di ricovero
distinte da numeri, date gratuitamente dal Governo ai cantonieri, con
obbligo di dimorarvi con provvigioni, e vegliare alla sicurezza del
cammino.


XI.

Noi sostammo presso quella del nº 6 a contemplare il piano di S.
Niccolò, in fondo al quale si scernevano gli spaziosi andirivieni del
passo detto la _Scala_, che fra le rocce solcate dal lavoro delle mine
mette alla sommità del monte; inoltre sei ordini di allineati pilastri,
uno a cavaliere dell'altro per assicurare la via alle carrozze; ed
abbondanti acque, che spumeggiando in allegre cascate, per acconce
petrose docce giù scendono, imprimendo nell'aria una dolce festività.

Quelle acque con dolce mormorio qua e là si perdevano entro bacini di
grotticelle, e, dove altri meno immaginava, con vividi getti riuscivano
luccicanti fra 'l musco e le piante, quasi lavorii di argento in
filigrana fra lo splendore degli smeraldi; ed accolte insieme andavano
ad ingrossare la Cenisia, che, precipitando anch'essa in sonante
cascata a sinistra della _Scala_, scorre alle falde dell'orrida
montagna detta il _Palazzo Madama_, e varcato il piano di S. Niccolò,
abbandona la nostra via per nascondersi nella valle della _Ferriera_,
e alfine irrigati i campi della _Novalesa_, di sotto alla Brunetta,
lasciato il proprio nome, va a mescolarsi nelle acque della Dora.

Il Botta dice che le acque della Cenisia sono di colore cinereo; a me
invece ed all'amico Norberto parvero così limpide, che ci fecero col
Petrarca esclamare:

                    Chiare, fresche e dolci acque!


XII.

Bella è la vista del piano di S. Niccolò nell'agosto; ma è pur sublime
spettacolo nel verno, quando, fattasi muta la gaiezza delle acque
scorrenti, le docce si cristallizzano, e le erbe e le piante sembrano
morte sotto il peso del gelo.

Que' luoghi, verdi ed allegri nell'estate, divengono immense
ghiacciaie nel verno; e se avviene che talvolta scenda a consolarle un
raggio di sole, le docce lagrimando qualche stilla di acqua accennano
un senso di vita, mentre un moto si espande ne' commossi geli, talchè
lo diresti il lamento della natura inferma.


XIII.

Salimmo la _Scala_, e, dopo quattro ore di cammino da Susa, ci trovammo
sull'altipiano del Cenisio, che nell'ingresso ha, quasi due sentinelle,
i picchi di _Michele_ e di _Bart_, ed è campo di riposo al pellegrino,
che viene ivi benignamente accolto nell'ospizio eretto da Napoleone
I, in riva d'un laghetto, che ad occidente ha un giro di due miglia,
placido per solito, agitato e spumeggiante il dì ch'io lo vidi.

Visitammo l'ampio ospizio, dove ci vennero mostrate le stanze che per
tre giorni abitò prigioniero il papa Pio VII, e che ricordano eziandio
il soggiorno dell'imperatore Bonaparte.

Gli alpigiani furono consolati di quell'ospizio, e maravigliarono
dell'amplissima via che ai cenni di Bonaparte videro aperta sui
loro gioghi; e siccome da prima la credevano impresa non che ardua,
impossibile, solevano poscia esclamare con iperboli proprie alla loro
indole, che il grand'uomo, il quale avea saputo domare le Alpi, avrebbe
un dì cacciato via anche il verno!


XIV.

Alte giogaie cerchiano il lago e l'ospizio, distinte ciascuna da nome
che ne indica la natura o alcuna particolarità.

Il tenente Majneri, operoso lombardo colà mandato dal nostro Governo
per lavori trigonometrici, m'indicava quei nomi, e stando noi presso
l'ospizio:

--Guardate, mi diceva, a mezzodì quella giogaia grave di lucide
ghiacciaie; è la punta di _Bart_; di là piegando fra meriggio e
ponente, s'incontra il _Lago bianco_, così detto dalla chiarezza
delle acque. Quell'altro picco è la punta di _Malamet_, e nella
parte occidentale, nuda dì alberi ed arida, ci si presenta la _Rocca
bianca_, alle cui falde si estende il piano del piccolo Moncenisio, e
al nord-ovest vedete la roccia di _Clery_ così abbondante di camosci,
che vi corre il proverbio:

  Quand sur le Clery il n'y aura plus de chamois,
  Notre Roi n'aura plus de soldats.

Dalla parte nordica i gioghi della Tarantasia ci segnano la via che
mette a Lansleborgo, primo paese di Savoia, che s'incontra scendendo
la _Ramassa_ pel versante del Cenisio opposto a quello che salimmo, e
piegando al nord-ovest ci si mostrano le rocce _de Ronche_, che vanno
ad unirsi alla _Rocca-Michele_, coronata dalle eterne ghiacciaie di
_Lamet_.--


XV.

Fui ben grato al cortese Majneri, mentre in mezzo a quell'orrido
anfiteatro di picchi e di geli ci sorridevano liete ore nell'ultimo
piano del Cenisio, a 2100 metri sopra il livello del mare; e Norberto
Rosa usciva a celebrare le trote del lago con questo bizzarro _sonetto_:

  Chi vuol saper quanto può fare il caso
    Nell'accoppiar due disparate teste,
    Qui del Cenisio sulle algenti creste
    Venga, e ben tosto ne sarà persuaso.

  Vedrà il cantore dalle note meste
    Che il Sinaï e il Taborre ebbe a Parnaso;
    E il segusin che ritentò le peste
    Di quel d'Arezzo che cantò del naso.

  Vedrà il primier, in suo pensiero assorto,
    Tener sul lago le pupille immote:
    Immote sì da disgradarne un morto!

  L'altro, in cerca di grilli e di carote,
    Correr di qua di là per suo diporto,
    E più che il lago contemplar le trote!....


XVI.

Le dolenti visioni di Susa tornarono ad assalirmi, e turbavano la
gaiezza di quella compagnia; ond'io sapendo di trovarmi fra due buoni
italiani, stretta ad ambidue la destra, non mi tenni dallo sclamare:--O
cari fratelli, qui più che altrove ci si rappresenta la comune patria,
contristata dagli avidi conquistatori. Oh quante volte da queste Alpi,
potenti stranieri con seguito formidabile di armati si affacciarono al
giardino d'Italia, e sempre ardenti della libidine di signoria, scesero
a disertare le nostre belle contrade!

Scendeva Annibale rinnovando il giuramento del padre contro i Romani,
ed al valore de' suoi soldati in premio promettendo il sacco delle
nostre città. Scendeva Carlo Magno, e benedetto dal pontefice di
Roma cacciava d'Italia il Longobardo; cacciava uno straniero per
assicurare fra noi il suo dominio: straniero egli più dei Longobardi,
che ormai, per lunga dimora, eransi, nella dolcezza del nostro cielo,
addomesticati alle nostre usanze. Scendevano nello scorcio del secolo
passato eserciti francesi, lusingando i creduli nostri popoli col
nome di Repubblica, e promettenti invano alla Italia vivere libero e
grandezza nazionale. Nè soltanto di fuori ci vengono i nemici, chè ne
abbiamo, e molti, anco fra i nati sotto il nostro cielo. Se togliamo
il Piemonte, chi potrebbe anche oggidì rimproverare al _Viandante_ del
poeta, se

  «Ai bei soli, ai bei vigneti
    Contristati dalle lagrime
    Che i tiranni fan versar,
    Ei preferse i tetri abeti,
    Le sue nebbie ed i perpetui
    Aquiloni del suo mar?».[13]


XVII.

Tempriamo queste memorie di sangue e d'inganni con due ricordanze
che tornano dolci ad ogni buon Piemontese, come di domestiche liete
venture; una festa regia ed una popolare.

Il dì 9 novembre, giorno di domenica del 1619, si celebrarono con
pubbliche dimostrazioni le nozze di Cristina figlia di Enrico IV re di
Francia col principe Vittorio Amedeo di Savoia. Il serenissimo duca
Carlo Emanuele, padre di lui, volle che venendo di Francia gli sposi
avessero sul Cenisio splendide accoglienze, e perciò vi fu edificato un
delizioso palazzo con nove stanze, con portico retto da due colonne e
acconce iscrizioni latine.

Venuti gli sposi, fu loro dato lo spettacolo di una giostra di
cavalieri armati, su le rive del lago, colla quale, raffigurando la
resa di Rodi, si volle rappresentare una nobile impresa, da cui trae
nominanza la Reale Casa di Savoia. Valeriano Castiglione, istorico dei
Reali di Savoia, nella vita del duca Vittorio Amedeo ricorda quella
festa nel modo seguente[14]:

«A capo del lago un'isoletta formata dalla natura e modellata dall'arte
rappresentò quella di Rodi. Questa assalita da finte squadre turchesche
in atto di guerra navale, venne difesa da altre di cavalieri pur
fintamente condotti dal conte Amedeo di Savoia _il Grande_. Dopo tal
conflitto uscirono alcune truppe di cavalieri a correr la lancia, ed
a combattere con lo stocco nel campo d'una vicina pianura. Tutto il
buono e tutto il bello d'una regia splendidezza e del fasto umano fu
compendiato in quel giorno.

«Accompagnò la festa una quiete insolita d'aria con serenità di cielo,
in modo che parve cangiata quella regione, sempre orrida, in un abitato
soave, sospeso l'impeto de' venti e fatte esuli le procelle per servire
alla felicità del passaggio della principessa sposa.»

Oltre a quanto ci riferisce il Castiglione, le feste che accompagnarono
Madama Reale e il Serenissimo Principe, fra le grida di _viva Savoia
e Francia_, vennero descritte da Carlo Emanuele Roffredo con ingenuo
racconto, dirò con P. A. Paravia, ch'ebbe cura di far ristampare la
_Memoria delle cose d'allegrezza che sono state fatte_ in quella
occorrenza.

Non meno grata fra gli alpigiani è la memoria della festa celebrata
sul Cenisio il dì 13 agosto del 1837. Era la sagra di Santa Cecilia,
patrona della musica, donde presero occasione le provincie di Susa e
di Savoia a preparare un fratellevole ritrovo con musiche e banchetti.
E furono veduti i due popoli di Susa e Lansleborgo, divisi di favella
e costumi ma uniti in una speranza, che doveva avverarsi più tardi,
confondersi in dimostrazioni di amore presso il lago, sulle vette del
Cenisio. Alla quale festa cittadina Norberto Rosa aggiunse quella
sempre piacevole delle sue rime.


XVIII.

Le feste della monarchia e del popolo ricordavamo percorrendo i molti
ordini di stanze e i corridoi dell'Ospizio, quando il Padre superiore,
che ci è stato largo di cortesie, ci apri un libro, sul quale i
viaggiatori sogliono segnare i loro nomi.

Nella pagina 14ª, colla data del 2 agosto 1854, si legge:

Umberto di Savoia, principe di Savoia.

Amedeo di Savoia, duca d'Aosta.

Quindi succedono i nomi di due principesse di Savoia e delle persone
che accompagnavano i reali principi.

Umberto ed Amedeo, questi giovani in cui sono locate le speranze della
R. Casa di Savoia e dell'Italia, con patrio senno educati, non ignorano
che nella lingua sta molta parte del concetto nazionale, che la gloria
avvenire della loro stirpe sta nella grandezza della nostra penisola;
e sul Cenisio, dove si parla il francese, scrissero in italiano i loro
nomi, lasciando a parecchi del loro seguito l'antica favella di corte.


XIX.

Ci accommiatammo dal Padre superiore dell'Ospizio, dal lombardo Mayneri
e dal piemontese Pacchiotti, colto giovane colà andato a rinvigorire la
malferma salute; e risaliti in carrozza, per le chine e fra i pilastri
della _scala_, risalutammo il piano di S. Niccolò, verde ed armonioso,
la bella valle della Novalesa, e selve di pini e di frassini, e
frutteti in grande abbondanza, fra i quali aprivasi allo sguardo in
tutta la sua pompa la valle inferiore di Susa, che fra due ordini di
alti monti, irrigata dalla Dora si prolunga maestosa, mostrandoci a
sinistra i gioghi di Frassinere e a destra la _Sagra_ di S. Michele,
locata sul vertice del Pirchiriano, a perenne benedizione delle alpi
Cozie; e nell'estremo orizzonte il colle e la Basilica di Soperga:
stupenda veduta!


XX.

Che mai direbbe, risorto fra noi qualche alpigiano de' secoli scorsi?
Egli lasciò il natale Cenisio con intricati e difficili cammini,
pieno di pericoli e di paure, ed ora lo rivedrebbe festoso ed agevole
ai varchi per l'ampia comoda via, che, iniziata e condotta innanzi
dalla mente di Bonaparte, venne compiuta con ogni sollecitudine dal
nostro Governo. Senzachè si vanno apprestando altri mezzi acconci ad
agevolarne e sempre più accelerarne il passo.

Fu chi voleva giovarsi delle acque del lago del Cenisio, e per congegni
e forze idrauliche trarre i carri su rotaie dentate con grande
celerità, e di questo meccanismo vidi uno schema e un felice sperimento
in casa del signor Carlo Henfrey, alla presenza del commendatore
Paleocapa, ministro dei lavori pubblici. Altri voleva attenersi a mezzi
meno arditi e più sicuri, facendo munire la via di rotaie di ferro
per cui più agevolmente scorrerebbero i carri; ma prevalse l'ardito
concetto di operare un ampio traforo fra Modane e Bardonecchia; e si
va eseguendo con grande solerzia.

L'alpigiano che non avesse fede nei prodìgi dell'industria,
attribuirebbe gli ardimenti dell'intelletto umano a sataniche malìe,
che un tempo furono tanto in voce fra i popoli delle Alpi, ed in
singolar modo nei dintorni di Giaglione, fra le folte selve dei
castagni, i più vantati della provincia.


XXI.

Il sole tramontava, le ombre delle foreste si distendevano sui
villaggi, ed i pini del _Bosco-nero_ dall'opposta montagna davano una
cupa malinconia, e noi passavamo innanzi a Giaglione, l'antica dimora
della Maddalena Rumiana, dove l'amico Norberto, lasciata l'ilarità
di che soleva vestire i suoi racconti, prese a narrarmi i casi della
miseranda donna.


XXII.

«Nasceva la Maddalena Rumiana nella valle di Oulx intorno alla metà del
secolo decimosesto, e condottasi a Giaglione, non si conosce in qual
anno, si maritò ad un tale Rumiano, che, morto, non le lasciò altro
retaggio che il nome.

Inoltrata negli anni, vedova e povera, traeva la misera vita senza
trovare chi la confortasse, perchè in Giaglione era tenuta straniera,
ondechè il rozzo popolo la fece segno a scherni ed accuse, e
dichiaratala strega, a provarla tale non tardò ad inventare argomenti
di ogni sorta.

Perlaqualcosa non è maraviglia se le sciagure che travagliavano
il villaggio, sia per influenza di atmosfera, sia per altra causa
qualunque, fossero tosto attribuite alle sue malìe.

Nembi, folgori, gragnuole, carestie, disastri di pastori, mortalità di
armenti, i mali della natura e dell'umanità, si dicevano spesso opera
de' suoi tremendi scongiuri. Guai se una casa già mezzo scassinata
dagli anni cadeva in rovina! tosto se ne accagionava la Maddalena, che
alcuni mesi addietro erasi ricoverata sotto la tettoia. E se mai una
sposa sconciavasi, si diceva che la infelice, una domenica entrando
in chiesa, s'era imbattuta nella maliarda, che l'aveva sinistramente
affatturata.

Crebbero le calunnie a dismisura, ed i maligni, di cui non è mai
penuria, sobillando ed infiammando la moltitudine, trasserla a
denunciare Maddalena Rumiana innanzi al Santo Ufficio, siccome _tenutta
per strega et mascha dalla pubblica voce et fama_.


XXIII.

«I padri dell'Inquisizione colsero quest'opportunità per ostentare
il loro zelo a gloria della cattolica fede, e tosto ai loro cenni
la strega della valle d'Oulx, tolta dall'innocente tugurio, venne
imprigionata a Susa, indi tratta innanzi ai padri inquisitori.

Dove oggi in Susa è il Collegio degli studi, nel principio del
secolo decimosettimo sorgeva il carcere ed il tribunale della santa
Inquisizione.

Colà fu interrogata la nostra Maddalena, che, innocente come era, negò,
e della sua onesta vita richiese a testimonio il proprio parroco, il
quale, con coraggio non comune a quei tempi, dichiarò per iscritto
come l'accusata fosse donna dabbene e divota, dandone frequenti prove
coll'accostarsi ai sacramenti della Penitenza e dell'Eucaristia.

Testimonianze che a nulla valsero; imperocchè gli esaminatori, che
volevano ad ogni costo strapparle di bocca ciò che essi chiamavano la
verità, le ingiunsero di non perfidiare più oltre _sub poena funis_.
E accoppiando l'ipocrisia colla ferocia, sotto colore di umanità
promisero di usar misericordia verso di lei, quando avesse confessato
ogni cosa.


XXIV.

«Confessarsi rea o soffrire la tortura--a così diabolico dilemma
piegavano non di rado uomini vigorosi; pensate dunque se poteva reggere
la Maddalena sfinita dagli anni, dalla miseria e dai patimenti della
prigione.

La tortura era per lei il più terribile de' mali; all'incontro la
parola _misericordia_ sul labbro de' sacerdoti di Cristo era il più
dolce dei beni. E fidente in quella evangelica parola, compiacque la
innocente alla barbarie degl'inquisitori, e si disse rea dei malefizi
tutti di che l'accusavano; però non senza contraddirsi, nell'assegnare
il tempo, le persone ed i luoghi: il che ad intemerati giudici sarebbe
bastato a dare indizio che le risposte di lei non erano tanto effetto
della reità, quanto della violenza che le facevano.

Nè soltanto disse vere le accuse, ma dimandata se di altri delitti si
sentisse colpevole, la infelice narrò come spesso in compagnia di altre
streghe, che tutte nominò, si recasse di notte tempo al _Rigoletto_,
ossia al concilio dei diavoli, in una selva del Minareto, o Mollaretto.

Narrò che al _Rigoletto_ si andava per aria a cavalcioni di un
bastoncino unto di un misterioso unguento, e che il bastoncino e
l'unguento erano a loro dati dal diavolo.

Narrò che calpestato il crocifisso, fu quivi costretta a rinnegare il
battesimo e la fede cristiana, la prima volta che andò al _Rigoletto_;
e descrisse i balli, i giuochi e le oscene tresche a cui streghe e
diavoli si abbandonavano, intantochè un di costoro, seduto sur un
tronco d'albero, batteva un tamburo, facendo _to, to, to_....

Insomma ripetè le tante storielle di fattucchierie udite sui monti sino
dall'infanzia, e se ne dichiarò rea: e a così assurde e fanciullesche
confessioni mostravano di aggiustar fede uomini che dicevansi luce del
mondo, ministri della giustizia e sostenitori della religione.

Indi ad un mese la Maddalena Rumiana veniva condannata al carcere
perpetuo.

Questa fu la _misericordia_ dei padri inquisitori!»


XXV.

Rimasi sbalordito a tale racconto, comechè la storia dell'Inquisizione
sia ricca di simili e peggiori, ed io ne abbia uditi assai in Sicilia.

Chiesi a Norberto Rosa donde avesse tratte le notizie del suo racconto,
ed egli mi rispose, possedere l'originale processo, che, incominciato
nel principio del milleseicento, durò due anni.

Tornati a Susa, volli vedere questo curioso processo, e Norberto Rosa
mi presentò uno scartafaccio roso dalle tarme, ingiallito dal tempo,
scritto in caratteri semigotici, in un gergo curialesco, tra il latino
e l'italiano.

--Eccolo, mi disse con incisiva ironia, il glorioso monumento della
civiltà degli avi!...--


XXVI.

LA NOVALESA.

Abbastanza toccammo dei tristi casi della Maddalena Rumiana. Andiamo a
confortarci l'animo a tre miglia dalla città, in una amena frugifera
valle, chiusa fra le Alpi Cozzie e le Graie, colle falde del
Rocciamelone al nord-est, e le acque della Cenisia, che in cascate
pittoresche biancheggiano su gli erbosi Banchi delle circostanti rupi,
e vanno a crescere gli argentei tesori della nostra Dora.

Siamo nella valle della Novalesa, dove ridono tre villaggi: _Venaus_,
dal latino _venatio_, perchè nei tempi romani era luogo di caccia; la
_Ferriera_, i cui gagliardi abitanti un tempo su lettighe trasportavano
i viaggiatori dall'altra parte del Moncenisio con istraordinaria forza
e coraggio: e la _Novalesa_, con poco più di mille abitanti, che dà
il nome alla valle, e che anticamente fu chiamata _Novalicium_, cioè
_nova lex_, _nova lux_, perchè santi uomini sino dai primi tempi del
cristianesimo diffusero la nuova luce del Vangelo, vivendo fra le rupi
nella solitudine e nella preghiera.

Diede pure il nome all'antico monastero della regola di S. Benedetto,
fondato a breve distanza dal paese in cima d'un poggio nel 726, da
Abbone, ricco patrizio di Francia, al quale obbedivano le città di
Moriana e di Susa.


XXVII.

Il Monastero di Novalesa e l'ubertosa valle e i gioghi che le fanno
corona, abbondano di antiche leggende, raccolte dalla celebre _Cronaca
novaliciense_, scritta in barbaro latino, ma piena di peregrine
notizie, pubblicata dal Duchesme e dal Muratori, e in Torino dalla R.
Deputazione di storia patria, e volgarizzata ed illustrata in alcuni
capitoli da Cesare Balbo.

Del cronografo s'ignora il nome e la patria: si rileva però dalla
cronaca istessa e dalle osservazioni del cav. Fabrizio Malaspina,
ch'egli dimorasse nel Monastero di S. Pietro di Breme.

Amo le antiche leggende dei monasteri, imperocchè sotto il rozzo loro
involucro io sento le virtù di operosi romiti, la semplicità d'un
popolo credente, e l'ingenuo animo del cronografo cenobita.

Chi ama le leggende si faccia meco sul Rocciamelone, sul più alto fra i
picchi circostanti, a 3492 metri dal livello del mare.

«A destra del Monastero (così narra un frammento della _Cronaca
novaliciense_, tradotto dal Balbo) sta il monte Romuleo, eccelso sopra
gli altri monti aderenti. Nel quale dicesi dimorasse già durante
l'estate, tratto dalla frescura ed amenità del luogo o del lago Romulo,
un certo re sterminatamente grande. Da questo re adunque prende nome il
monte, a' piè di cui passa la via a Borgogna. Narra il volgo esserci
sopra alcuni generi di fiere che sono pure sul Moncenisio, orsi, ibici,
capre ed altre, buone a cacciarsi. Nascevi e scendene per un petroso
profondo burrone un torrente, in mezzo a cui, dicesi, che sorga come
misto un fonte salato, onde le ibici e le capre e le agnelle domestiche
vi corrono per amor del sale, dove mette al piano, e molte vi son
prese. Dicesi poi che quando nel detto monte dimorava il detto Romulo,
vi adunasse un enorme tesoro; ma nullo che ci abbia voluto salire vi
potè mai riuscire.

«Ora il vecchio che tante cose di questi luoghi mi narrò già,
facevami intendere che egli stesso con un suo compagno chiamato
Clemente, essendosi un mattino alzato molto per tempo, e per un cielo
serenissimo, presero a salire quanto più presto il monte. Ma sendo
già vicini, incominciò il cacume a coprirsi di nubi ed ottenebrarsi;
e a poco a poco a crescere l'oscurità e giungere ad essi, ed essi
a brancolare colle mani, ed a scamparne a mala pena. Parve loro,
dicevano, come se di sopra si buttassero loro pietre; imperciocchè ad
altri pure, dicesi, che succedesse il medesimo. Sulla sommità poi, da
una parte non trovasi altro che saliunca; dall'altra, dicesi sia un
lago di maravigliosa grandezza, con un prato. Il medesimo vecchio poi
solea narrare d'un certo cupidissimo marchese nomato Arduino, il quale
avendo sovente udito dai villani narrar tali cose, cioè del tesoro
ragunato sul monte, e accesone di desiderio, subito comandò ai chierici
che seco ne venissero a salire, i quali, tolta la croce e l'acqua
benedetta, e cantando _Vexilla Regis_ e le litanie, misersi in via; ma
prima d'arrivar all'apice del monte, non diversamente dagli altri, con
ignominia se ne tornarono.» Fin qui la cronaca al libro XI, cap. V.


XXVIII.

Il Rocciamelone non solo scuote la immaginativa colle fantastiche
leggende, ma tocca il cuore coi sentimenti religiosi, festeggiando addì
5 agosto di ciascun anno la Madonna della Neve.

Un antico simulacro di bronzo fatto a modo di tritico con in mezzo
la Madonna, custodito nella cattedrale di Susa, in quel giorno viene
portato a dosso d'un uomo sulle cime del Rocciamelone, in una cappella
di legno, surrogata all'antica cappella scavata nel vivo sasso ed ora
coverta di ghiacci.

Concorrono in gran popolo i divoti, anco da lontani paesi, ed è
spettacolo commovente il vedere quelli della Savoia che con uncini
ai piedi e bastoni ferrati attraversano vaste ghiacciaie, stretti a
drappelli di quindici o venti, legati gli uni agli altri, con una lunga
fune a guisa di catena intorno ai lombi, talchè se ad alcuno di essi
avvenisse mai di precipitare, tosto gli altri lo ponno sorreggere.
Per tal modo quei pellegrini si assicurano di non cader sommersi ne'
crepacci delle ghiacciaie, che, coverte di leggieri strati di gelo,
talvolta la state scoppiano con grave pericolo di chi le traversa.

La festa del cinque agosto ricorda Bonifacio Roero d'Asti, che nel
1358, presso la vetta del Rocciamelone, faceva nel vivo sasso scavare
una cappella, collocandovi il simulacro in bronzo della Vergine, e
costruiva un ricovero pei pellegrini, anco ai dì nostri appellato la
_Casa d'Asti_.

Con tale pia opera il Roero adempieva il voto fatto, nella schiavitù
de' Turchi, alla Madonna, d'innalzarle cioè una cappella sul monte più
alto d'Italia, fra quelli di possibile salita, quando mai tornasse a
libertà.

Nel 1419 Amedeo VIII fece ristaurare la casa di ricovero: Carlo
Emanuele II col fiore della sua corte salì quell'altezza per venerare
la Santa Vergine il 5 agosto del 1659; e il pio esempio venne imitato
dai magnanimi figli del re Carlo Alberto, come attesta una lapide quivi
locata.


XXIX.

Queste pie memorie io raccoglieva nell'autunno del 1854, allorchè la
prima volta per un viale di salici, fra 'l mormorio delle acque cadenti
e 'l canto de' pastori e dei coloni, saliva il poggio del Monastero
della Novalesa.

Le cronache lo ricordano coronato di splendore sotto i Carolingi, fra
i monasteri che dovevano provvedere _dona et militiam_. Carlo Magno,
quando venne a prostrare il regno de' Longobardi, vi dimorò parecchi
giorni con dimostrazioni di particolare affetto. Suo figlio Ugone
si fe' monaco e fu assunto alla dignità di Abate del Monastero; nel
quale crebbero a dismisura le ricchezze e i titoli di giurisdizione, e
fiorirono uomini segnalati per dottrina e santità.

Il monastero toccò la maggiore sua prosperità al sorgere del secolo
nono. Ricco e potente, talvolta peccò di cupidigie mondane, e nel 906,
predato e distrutto dai Saraceni di Frassineto, giacque miserabile
rovina.

Risorto sullo scorcio del secolo X, si mantenne in umile condizione
sino al 1601, quando nella persona di Antonio Provana rivestì l'antica
dignità abbaziale.


XXX.

Pochi monaci io trovai nel chiostro della Novalesa. Mi strinsi col
padre Ilario, pel quale aveva una commendatizia.

Padre Ilario era un vecchio monaco di antica stampa: avea abbandonato
gli agi dell'opulenta sua casa per associarsi ai solitari delle Alpi, e
fedele alla regola di S. Benedetto, vivea nella preghiera e nel lavoro.

Il suo nome era in benedizione nella valle. Se ne' paesi vi erano
dissidii da quietare, sventure da confortare, il padre Ilario sollecito
colle parole del Vangelo andava a portare la concordia, la pace e la
speranza; e consolava i poveri di elemosine, e riconciliava i moribondi
con Dio, e quando non era chiamato ad opere di cristiana pietà, pregava
e lavorava nei campi del monastero.

Robusto di membra come di volontà, ora a forza di braccia e di mine
mandava in aria un ostinato masso che sporgeva in mezzo ad un campo,
ora dissodava una sterile landa: e qui raddrizzava i tralci d'un
vigneto, là piantava un mandorlo; qui segnava i solchi alle zolle, là
coltivava i rosai e i gelsomini per adornarne gli altari del cenobio.


XXXI.

Presentata la commendatizia a padre Ilario, lo inchinai riverente,
come ne' tempi antichi il pellegrino andava ad inchinare i monaci di
Subiaco e di Montecassino, e lo pregai di mostrarmi le cose più degne
di attenzione.

--Ben volentieri, mi rispose egli cortesemente, ma ben poco troverete
da ammirare. Le guerre e le rapine, inseparabili compagne, han guasta
ogni cosa.

Usciti per un giardino, e salita una china erbosa, visitammo la grotta,
dove è tradizione Santo Eldrado, abate del monistero, si raccogliesse
ad orare.

Entrati nella chiesa del cenobio, ristorata nel 1712 da re Vittorio
Amedeo II, ammirammo, fra diversi quadri di poco pregio, la _Natività
del Signore_ del Lemoine, e _Cristo deposto nel sepolcro_ del Blondel;
indi passammo nella sagrestia, dove osservammo il bel pastorale
con manico di avorio, intagliato di rabeschi, nel secolo duodecimo
adoperato da San Pietro primo abate di Tamié, come spiega una
pergamena, nella quale io lessi: _Ce bâton est bien véritablement le
bâton pastoral de Saint-Pierre, premier abbé de Tamié l'an. 1132._

Tornati in chiesa, visitammo le reliquie di santo Eldrado. Stanno
esse religiosamente conservate in una cassa di legno[15], coverta nei
quattro lati da lamine d'argento cesellate, opera d'arte del secolo
duodecimo.

I lavori a cesello in varii compartimenti rappresentano angeli ed
apostoli, Maria Vergine e Cristo benedicente; e ai due capi della cassa
sorgono due figure più alte e in maggior rilievo, i santi Pietro ed
Eldrado.

Le ossa dell'antico abate della Novalesa dormono in pace, protette
dalle figure più sublimi del cristianesimo, alle quali, guardando io
attentamente, esclamai:

--O padre Ilario, conosco anch'io i prodigi di questo santo, che ho
letto in diversi libri, e spezialmente in quello del Rochex: _La gloire
de l'Abbaye de la Novalèse._--

E padre Ilario, levando il capo, rispose:

--Il secolo indifferente non cura gran fatto questi prodigi, ma ogni
onest'uomo dovrà venerare le virtù cristiane, che onorarono la vita
del nostro abate Eldrado. Io sempre le venerai, desiderando di finire
i miei giorni accanto alle sue ceneri presso la grotta dove soleva
pregare, su questo poggio profumato dalle sue memorie. Ma una legge di
soppressione, che io rispetterò perchè proposta da legittime autorità,
ci minaccia, e ben tosto mi allontanerà da questo chiostro: _Fiat
voluntas Dei._--


XXXII.

Così confortandosi nell'aiuto della Provvidenza, mi condusse sul farsi
del meriggio dietro le già accennate antiche cappelle, su d'un terrazzo
ombreggiato da annose querce, e di lassù godetti incantevole veduta.

Io vedeva la valle irrigata della Cenisia, e verso il sud le montagne
di Gravere e di Chiomonte folte di selve, e il monte di Giaglione più
al basso, e alle sue falde il campanile di Venaus, e udiva il continuo
fracasso del fiumicello giù nelle forre delle voragini petrose, e il
gemito carezzevole delle cascatelle d'acqua, che, coi nomi particolari
di _Claretta_, _Torrente_, _Roggido_ e _Rivo malo_, scorrono come
argento fra il verde del Rocciamelone, e ricordano le cascate
dell'Aniene sui gioghi tiburtini; e un olezzo dì erbe aromatiche e
un'armonia perenne, il bello della natura misto di orrori e di delizie:
questa vista m'inebbriava i sensi, e più dolorosa rendeva al vecchio
monaco la minacciata dipartenza.


XXXIII.

Le umane instituzioni invecchiano e si dissolvono, anco le più solenni,
quando il concetto divino vien soverchiato dal mondano. Allora a
risuscitarle non basta forza d'uomo: solo il potrebbe un miracolo.

Ci rimangono talvolta alcuni stupendi esempli del loro stato primitivo
per testimoniare alle genti il divino concetto che le creò, ben diverso
dal mondano che le corruppe.

Padre Ilario era uno di tali esempli, uno di que' monaci che sarebbe
stato amatissimo da S. Benedetto. Egli piegò il capo alla legge di
soppressione del 29 maggio 1855; e per diversi mesi ancora fu veduto
errare per la valle della Novalesa, e piangere e pregare nella grotta
dove pianse e pregò santo Eldrado.


XXXIV.

LA BRUNETTA.

Dalle reliquie d'un antico monastero trasportiamoci alle recenti rovine
d'una celebrata fortezza, della _Brunetta_, che nel secolo scorso,
fra la Cenisia e la Dora, propugnacolo del Piemonte e d'Italia contro
i nemici d'oltralpi, su d'un'acconcia giogaia distesa al nord-ovest
di Susa, faceva innalzare l'accorto re Carlo Emanuele, commettendone
l'incarico al Bertola, uomo espertissimo nell'arte militare.

Chi nel descriverla uguaglierà mai lo storico Botta, che giovanetto la
vide, maravigliando, in tutta la pompa de' suoi baluardi? Io leggendo
la descrizione ch'egli ne fa, innanzi ai frantumi ancora giganteschi di
quella fortezza, mi sentii preso d'un sacro entusiasmo, siccome quando
in Tivoli presso la villa di Mecenate io leggeva le odi di Orazio, in
Siracusa dalle eminenze dell'Epipoli le Verrine di Cicerone, e qualche
pagina della _Gerusalemme_ del Tasso sulle sponde del Giordano.

«Opera affatto romana fu, esclama il Botta; i forestieri la visitavano
come maraviglia, e maraviglia era veramente per la grandezza del
concetto, per la pazienza degli uomini in farla, per la maestrìa
dell'arte, per la fortezza delle opere. Brunetta la chiamarono, e cinta
era di otto bastoni. Venne scavata nel vivo sasso: di vivo sasso erano
i bastioni e le cortine, di vivo sasso la unica strada, per cui vi
si saliva, con cannoniere e feritoie da ogni lato. Vi si scorgevano
le ruvide, aspre, scabre e sporgenti schegge del macigno rotto con
l'artifizio delle mine. Non so, ma a chi dentro e d'intorno vi si
aggirava, qualche cosa d'infernale e di tremendo appariva. Tra quegli
spezzati, e quasi direi lacerati macigni, tra le fauci cupe delle
vicine valli, tra quelle ombre scure, e quasi direi fatidiche, che di
verso occidente, declinando il sole all'occaso, dalle montagne calano,
e le sottoposte fondure ingombrano ed abbuiano, tra il romore della
veloce Dora e della velocissima Cenisia, tra quell'immenso sipario
dell'Alpi, che alla poderosa Francia accenna, tra quell'altezza della
Rocciamelone, che quivi vicina a foggia d'altissima torre i monti
signoreggia, e porta in cima una cappella dedicata all'umile Vergine,
madre di Dio, l'anima s'innalzava, e da questo mondo si separava, piena
di spavento, di religione e d'orrore»[16].


XXXV.

Quali guerre sostenne la Brunetta? Quali vittorie ci apportò? Come
finalmente ancora giovine e bella cadde in frantumi?

Senza un fatto d'armi che la illustrasse, vergine di sangue umano,
dopo soli sessanta anni di vita, nel 1796 cadde al cenno di Napoleone
I, che sceso in Italia per altre vie, nella febbre de' suoi trionfi la
volle smantellata; e la Sabauda Guardiana delle Alpi dovette piegare
all'arbitrio del più forte.

Nella piazza d'armi (31 agosto 1855), lasciato a destra il convento
dei PP. Cappuccini, e lo scalo della strada ferrata, per un viale
di platani trassi alla giogaia su cui giacciono le reliquie della
Brunetta. S'incontrano i frantumi del ridotto di Catinat, propugnacolo
di poco conto già esistente prima che si costruisse quello della
Brunetta: e non del tutto cadute le mura del forte di Santa Maria:
e della Brunetta si veggono i solchi delle mine per i tre ordini di
bastioni operati nel vivo sasso verso Francia, e prostrate le caserme
e i baluardi e l'ospedale di cui rimangono solo in piedi due archi; e
del palazzo del governatore una parete in cui è dipinta una meridiana,
colla data del 1726. Visitai que' luoghi con dolore; e quando mi trovai
fra le macerie della chiesa, anch'essa atterrata, tutto mi vinse il
sacro orrore di quelle vaste rovine, reso ancora più solenne dalla cupa
vista del selvoso Mompantero, dietro cui giganteggia il Rocciamelone.

Il Rana, ingegnere susino, cui venne affidato l'incarico di smantellare
quella fortezza, compiè il doloroso uffizio sull'incruenta meraviglia
dell'arte militare, e pianse: e Pietro Contrucci, quando ancora le
ceneri di Napoleone I dormivano sotto il salice di Sant'Elena, colla
seguente patetica epigrafe fece parlare la rovinata Brunetta:

                    IL VIGILE GVARDIANO DELLE ALPI
                 POSE ME TORREGGIANTE SV QVESTO MASSO.
               EBBI VITA BREVE E IMMACOLATA DAL SANGVE.
                               NAPOLEONE
                 A VILIPENDIO MAGGIORE DEI CONQVISTATI
                           ME VOLLE DIVELTA
                     PER I NIPOTI DEI MIEI AVTORI.
               AMBI SIAM NVDE MEMORIE CON DIVERSA FAMA.
                        VN SALICE APPENA ADDITA
                        LA TOMBA DEL GVERRIERO.
                             AMPIE ROVINE
                     IL LOCO OVE IO SORSI SVPERBA


XXXVI.

LE GORGIE.

Lasciando le rovine della Brunetta, scesi nella via che mette al
Cenisio, e presso il ponte di S. Rocco, torcendo a destra per un
breve declivio, entrai nelle _Gorgie_, amenissimo luogo di campagna,
giustamente vantato dai Susini.

Lungo la riva sinistra della Dora si distende un pergolato, nel cui
fondo vidi una peschiera in erboso piano ombreggiato da un castagno, e
grotticelle incavate nel masso, e salici curvati sulla Dora che sbocca
dalle vicine rupi, e le acque del Chiauri che, derivate dagli alti
monti di Giaglione, con bella cascata giù scendono dal fianco della
montagna adiacente, spandendo una cara armonia intorno alla casa del
cav. Galassi, reliquia della grande armata; il quale, accogliendomi in
una stanza di quel suo eden dedicata alla memoria del re Carlo Alberto,
mi additò in dodici quadri rappresentate le vicende del magnanimo ed
infelice nostro monarca. La temperatura è così mite in quel luogo
riparato dai venti aquilonari, che insieme col frassino e col castagno
cresce rigoglioso l'ulivo; e quasi direbbesi che nel verno colà vada a
rifuggirsi la primavera.

Chi ne' giorni sereni sul farsi del meriggio andrà a visitare le
Gorgie, vedrà la luce del sole, riflessa nelle cadenti acque del
Chiauri, dispiegarsi in leggiadra iride e colorare l'eden del Galassi.
Quivi l'animo stanco di piangere sulle rovine dei monasteri e dei
castelli, e sulle traversie dei popoli, vede sfavillante in quell'iride
una speranza, la quale annunziando una gloria superna che non perisce
mai, scende a consolare le umane sciagure.



CAPITOLO TERZO

DA SUSA AL PIRCHIRIANO


I.

FORESTO.

O leggiadre mie leggitrici, che passate per Val di Susa, se vi piace
che il nome d'un vostro diletto vi risuoni amorosamente all'orecchio,
venite con meco alla villa Balma fra i pampini, i pioppi e gli
ippocàstani della Brumera, e quivi l'eco fedele vi ripeterà non una, ma
dodici volte, la sospirata cara parola.

Salve, o Dora, salve, o Balma, io sclamai più volte, e l'impietrita
ninfa, la mal corrisposta amante di Narciso ripeteva i miei saluti al
patrio fiume e all'ospite gentile, mentre io mi avviava al marmoreo
villaggio di Foresto, che alle falde orientali del Rocciamelone spunta
sulla sinistra riva della Dora a due miglia da Susa.


II.

Lo svelto e bianco campanile del paesello contrasta mirabilmente colle
propinque ignude rocce di color cupo rossastro, che tagliate a picco
perpendicolarmente, d'un'altezza non minore di 500 metri, succedonsi
le une alle altre con molti segni delle ripetute rivoluzioni della
natura, con ripidi solchi di viottoli e di torrentelli, e tentate qua e
là dalla mano solerte del colono alpigiano, che raggranella un po' di
terra su l'arido masso per fargli abbracciare la vite e la spiga.

Da qualche noce soltanto è temperata quella selvaggia orridezza presso
il torrente che sbocca da una profonda caverna piena di spavento,
denominata perciò l'_Orrido di Foresto_.

Penetrai in quell'Orrido, che a guisa di labirinto si prolunga entro
le viscere del monte, e mi pareva di entrare in uno di quegli spechi,
d'onde il corsaro guata la ricca preda che solca il mare.

Dalle ghiacciaie del Rocciamelone scendono abbondevoli acque con gran
fracasso entro la caverna, e raccoltesi in diversi bacini incavati
dalla natura e dal tempo, si riversano sopra lisce pietre marmoree, e
all'ingresso dell'Orrido scorrono spumeggiando fra le ruote d'un molino
presso una povera casetta, di là dal ponte che traversa il torrente.
Così il letto di queste acque fosse men basso, chè potrebbero fecondare
i vicini campi!

Uscendo dall'Orrido levai gli occhi ad ammirare le pittoresche rocce
che spaccate in cima lasciano intravvedere un po' di cielo, e in quella
vidi un'aquila che aveva in becco un serpentello. Rimasi attonito, e
una vecchierella che filava presso la casa del molino:

--Non abbia paura, mi sclamò, chè San Basilio protegge questi luoghi
dai serpenti. Guardi quel masso a pan di zucchero che è di contro
a noi, e vedrà una striscia bianca. È quello il segno rimasto d'un
terribile serpente che infestava le circostanti borgate.

A queste parole della vecchia, Norberto Rosa, che avevo al fianco,
crollava il capo ghignando.

Io guardai e vidi veramente quella striscia bianca, che appellasi
comunemente il serpente di San Basilio. È una venatura del sasso, la
quale somigliando ad un lungo rettile, ha dato occasione alla leggenda
riferitami dalla credula vecchierella di Foresto.


III.

Presso a Foresto veggonsi cave di marmi bianchi e verdi, che servono
all'arte: e in quel paese come a Carrara, di frammenti di marmo
splendono anco le più umili case.

Andammo alla villa dell'avvocato Luciano Genin sindaco del paese:
ella ride fra le reliquie d'un tempio sacro alle Dee matrone, secondo
si ritrae dalle iscrizioni di parecchie lapidi scoperte ivi in un
giardino. Trovai già memorie di queste divinità salutari sulle cime del
Monginevra; ma in Foresto direbbesi che duri tuttavia il loro culto, e
il risorto loro santuario sia la villa Genin.

In sull'imbrunire, stando noi per accommiatarci, i nostri gentili
ospiti, in compagnia del gioviale parroco del paese, ci condussero fino
a notte fra i meandri de' boschetti e le aiuole del giardino, e quindi,
come per caso, ci fecero riuscire in un pergolato sotto la cupola
fronzuta d'un verde pinacolo, che rischiarato da molte faci, offerse
la vista d'una lauta cena, quasi per virtù d'incanto imbanditaci e
presieduta dall'amabile consorte del sindaco, vera dea matrona del
luogo.

Sedemmo a mensa, e venuti a discorrere d'agricoltura, il sindaco mi
comunicò un suo molto bene studiato progetto per assicurare al paese
l'abbondanza dell'acque anche ne' tempi di più ostinata siccità. Egli
vorrebbe derivare dal Rocciamelone per un traforo di non oltre a
180 metri, ne' gioghi adiacenti al villaggio, parte delle acque de'
ghiacciai, le quali servirebbero così a meglio irrigare non solo i
campi di Foresto e di Mompantero ai tempi asciutti, ma ad accrescere
il volume delle acque della Dora, talvolta scarsa anch'essa ai bisogni
dell'agricoltura; il che tornerebbe a grande benefizio delle lontane
campagne, principalmente del territorio di Torino, e gioverebbe
eziandio e precipuamente alle macchine degli opificii e all'igiene
della capitale.

Stupii che la spesa di questa altrettanto utile quanto desiderata opera
non verrebbe ad eccedere i sessantamila franchi; di che l'utilità
grande accoppiata all'economia dovrebbe raccomandare l'impresa agli
amministratori della cosa pubblica.

Mentre il sindaco ragionava dei vantaggi dell'acqua, noi sperimentavamo
quelli del vino. I vini generosi di Sant'Eusebio, spesso cantati
dal mio Norberto, e quelli di Foresto, che pur dovrebbe cantare,
diffondevano l'ilarità nel convito, talchè i severi quesiti di
pubblica economia diedero luogo alle ingenue arguzie del parroco,
allegro servo del Signore, che coll'assiduo suo intercalare _quel che
è, è_, troncava ogni controversia, e ci invitava a toccare i bicchieri.

--Come ti piace questo parroco? mi domandò Norberto.

--Mi pare, rispos'io, che il versetto servite _Domino in laetitia_, e
l'altro _jugum suave est_, siano scritti per lui.

--Hai ragione, mi replicò egli. Se tutti i preti gli somigliassero, il
cielo non ci perderebbe nulla, e la terra ci guadagnerebbe moltissimo.--


IV.

BUSSOLENO E CHIANOCCO.

  Spesso in poveri alberghi e in picciol tetti,
    Nelle calamitadi e nei disagi,
    Meglio s'aggiungon d'amicizia i petti,
    Che fra ricchezze invidïose ed agi
    Delle piene d'insidie e di sospetti
    Corti regali e splendidi palagi,
    Ove la caritade è in tutto estinta,
    Nè si vede amicizia se non finta.

Questa ottava dell'Ariosto un bel mattino mi suonò più che bella e
soave in Bussoleno, paesello diviso dalla Dora, con vecchie mura
merlate e case di stile gotico. Ad una balza vicina, cinto di quattro
torri, gli si atterga pittorescamente il Castel Borello, abitato
beatamente da un caro ex-arciprete.

Un cortese dottore di medicina, che mi accompagnava e trametteva le
sue notizie al continuo mormorar della Dora, mi additava a mezzogiorno
i monti della _Balmetta_, e alle loro falde le cave di _San Basilio_,
cave di serizzo, specie di granito, e verso tramontana l'alpe di
_Balmafol_ colla miniera di calcopirite ramifera, somigliante a quella
delle cave svedesi, e la _Faucimagna_, gola di esteso monte che vantasi
della _Fuggiera_, cava di marmo verde serpentino, quello che più si
approssima al verde antico. Ivi giganteggia l'arido picco de' _Tre
denti_, così chiamato da tre punte che si dispiccano al vertice della
_Faucimagna_. Visitammo la chiesa parrocchiale, sormontata da un antico
campanile, e nel ritornare ci abbattemmo in una allegra compagnia di
villani e villanelle, che, adorna di rosse nappe alle cuffie ed ai
cappelli, e con mazzolini di fiori al petto ed in mano, iva alternando
canti e danze al suono d'un violino.

--Che cosa è questo tripudio? io chiesi al mio cicerone.

--È una pastorella dei monti di Cesana, che va a sposarsi con un
giovane qui delle vicine borgate di _Mattie_.

Intanto che il mio cicerone mi dava questa notizia, la sposa spiccatasi
dalla comitiva, e lesta come una camozza delle sue montagne, era venuta
ad attaccarmi un roseo fiocco sul petto.

--Che fate, mia bella sposa! gridai io alla vista di quella strana
decorazione.

--Che? Non conosce più la Lucia di Bousson?

--La Lucia di Bousson! La figlia del pastore Giacomo, che con tanta
cortesia mi accolse ospitalmente nella sua capanna, quand'io, malconcio
da pioggia dirotta, scendeva dal Monginevra? Oh! sì, sì che ti
riconosco agli occhi cilestri ed al labbro di corallo, ed alle trecce
d'oro che oggi, siccome quel giorno, si diffondono fra i gigli e le
rose del vivace sembiante.

Dietro alla sposa era pur venuto, non senza sospetto, lo sposo; se non
che appena seppe che io conosceva il padre di Lucia, fece vive istanze
perchè andassi a prender parte al convito nuziale.

Lo ringraziai del cortese invito, perchè la gita era troppo lunga, e io
desiderava visitare il villaggio di Chianocco, per dove c'incamminammo,
lasciando che gli sposi, coll'allegra comitiva, si godessero tutto
quanto _il più bel giorno della vita_, come lo chiama lo Scribe.


V.

--Ha fatto male, mi disse l'accorto mio cicerone, a non accettare
l'invito degli sposi. Si sarebbe spassato davvero. Le prime accoglienze
che la suocera suol fare alla nuora son tali da piacer anche ad un
poeta.

--Dice davvero?

--Certamente. Ecco come si fanno le cose. Quando la brigata giunge alla
casa dello sposo, trova chiusa la porta; la nuora picchia tre volte;
al terzo picchio si apre, e in sulla soglia si affaccia la suocera,
burbera nel volto, colla mestola appesa alla cintura, e comincia questo
dialogo con la nuora:

--Che cosa volete?

--Entrare in vostra casa, e obbedirvi in quanto vi piaccia di
comandarmi.

--Eh! Voi altre ragazze leggiere e capricciose ben altro avete in capo
che l'assetto della casa.

--Lasciatemi provare e vedrete.

--Ma qui si tratta di pascolare e mugnere gli armenti.

--Ed io pascolerò e mugnerò gli armenti.

--Di tagliare il fieno e lavorare i campi.

--Ed io taglierò il fieno e lavorerò i campi.

--Di alzarsi la prima e coricarsi l'ultima, perchè la vecchia suocera
possa alzarsi l'ultima e coricarsi la prima.

--Ed io farò anche questo.

--Ma voi verrete meno a tante fatiche.

--Iddio e vostro figlio mi aiuteranno.

A queste affettuose parole la suocera smette l'aria sua burbera, e
stringendosi amorevolmente fra le braccia la nuora:

--Vieni, figlia mia, le dice, vieni, e possa tu non mai scordarti delle
fatte promesse.

Poi, levandosi la mestola dalla cintura, la consegna alla sposa, che
da quell'istante fa gli onori della casa, e invita tutta la compagnia
a prender posto al banchetto di nozze; nel quale v'ha ciò di curioso
che, mentre ciascun convitato ha la sua posata, lo sposo e la sposa,
seduti l'uno accanto all'altro, mangiano entrambi nello stesso piatto,
e bevono allo stesso bicchiere, quasi a significare che da quell'ora
in poi vi è tra loro perfetta comunanza di vita. Insomma le ripeto,
conchiudeva il dottore, che a queste nozze di villaggio ella avrebbe
passato un bel giorno, e ha fatto male a non accettar l'invito.

--E a me pare, al contrario, di aver fatto molto bene.

--E perchè?

--Perchè vossignoria mi apprese in pochi minuti quanto io non avrei
facilmente saputo nel villaggio di Mattie in tutto il giorno.


VI.

Questo racconto sente del ritratto che il libro dei Proverbi fa della
donna massaia, la quale, traendo alla rocca la chioma, vigila al buon
governo della famiglia; e mi ricorda altresì certe costumanze di feste
nuziali, che trovai in un villaggio delle Calabrie, dove il popolo
conserva l'idioma, i riti religiosi e i costumi de' suoi padri albanesi.

Quivi la suocera all'entrata della casa avvolge un lungo nastro color
di rosa dietro alle spalle degli sposi, e congiungendone i capi innanzi
al petto, trae seco la desiderata coppia, rappresentando così uno
stretto vincolo d'amore. Poscia i parenti e gli amici insieme cogli
sposi stendono le mani intrecciandole a modo di corona nello spianato
innanzi alla porta della casa e a suono di musiche cominciano una ridda
lietissima, cantando ad un tempo in lor favella consigli e ammonimenti
alla sposa, che somigliano in parte a quelli della nostra suocera delle
Alpi Cozzie.

La moderna civiltà bandisce, siccome fole, dalle superbe città queste
simboliche cerimonie, e riduce le feste nuziali ad un atto notarile,
ed al calcolo di alcune cifre: ed io amo ancora cercarne la poesia
rifuggita fra il buon popolo dei monti, ove col suo canto e le sue
corone rifiorisce il patto più solenne della vita.


VII.

Fra questi pensieri giugnemmo alle pendici dell'opposta montagna
meridionale al villaggio di Chianocco; e qui, a costo di essere
tacciato di monotono scrittore, non voglio passare sotto silenzio
l'Orrido di Prabecco, detto anche di Chianocco, dal nome del villaggio,
orrido non meno pittoresco di quello di Foresto.

La montagna calcarea spaccata o dal lungo lavoro del torrente che
vi passa, o da qualche geologico rivolgimento, offre uno spettacolo
tanto sublime, che mi sentii l'animo trasportato ora alla spelonca
di Collepardo nello Stato Romano, presso la Certosa di Trisulti, ed
ora al deserto del Battista nella vicinanze di Betlemme. Una voragine
tenebrosa si volge a modo d'immane serpente nelle viscere della
montagna, ed io, aggirandomi più volte fra lo svolazzare dei corvi,
varcai il torrente che mi contendeva il passo fra le gigantesche erte
rocce che, inarcandosi in sul vertice, si approssimano, quasi una forza
misteriosa le portasse a congiungersi.

Colà nulla mi sorrideva, se ne levi qualche raggio di sole, che,
penetrando dalle fenditure, si rifletteva nell'argentea schiuma
dell'acque e ne' marmi di vario colore, i quali, luccicando,
formavano una specie di mosaico nel letto del torrente. Dopo essermi
di molto inoltrato, tornando sulle mie orme, all'orlo della caverna
mi si affacciò un alto picco detto la _Roccaforte_, così appellato
dall'apparenza che ha d'una grossa muraglia di castello.

Uscito dalla tenebría della spelonca, andai, per serenarmi lo spirito,
nella casa del prevosto Cibrario, venerando vecchio, pastore di
Chianocco. Ed egli, accoltomi con atti di squisita cortesia, mi parlò
del torrente che sbocca dall'Orrido di Prabecco, e della costernazione
del suo gregge, quando, nel mattino del 18 ottobre 1846, l'acque grosse
devastarono lì presso il molino, ponti e case, e per una porta, or
fatta da lui murare, irruppero nel santuario seco trascinando alberi e
macerie d'ogni maniera, e, condottomi nella chiesa:

--Qui, sclamava con voce affannosa, qui, nella chiesa l'acqua si era
levata all'altezza di un metro e mezzo, e sovr'essa galleggiavano travi
e ruote del molino colle croci, e i candelabri, e gli arredi della casa
del Signore.--

Così dicendo il buon pastore dai bianchi capegli, sembrava afflitto
come se ancora lo ferissero i lamenti del suo gregge, e l'onda
sacrilega si agitasse intorno agli altari.

Domandai al prevosto se erasi preso alcun provvedimento o riparo contro
alle nuove inondazioni e ai danni del torrente.

--Nulla, mi rispose reciso: quattro inondazioni sopravvennero di poi
con danno gravissimo.

--Che si avrebbe a fare?

--Rompere la _Roccaforte_ che chiude l'imboccatura del torrente, e
basterebbe.--

Mi accommiatai dallo zelante prevosto augurando che il suo desiderio si
adempiesse o che altro rimedio si trovasse alla salute del villaggio.


VIII.

Il sole era tramontato dietro i gioghi del Cenisio, e la notte stendeva
le tenebre sulle capanne di Chianocco. Lo splendore delle stelle, il
lume delle lucerne dei casolari riflesso nelle invetriate, e le lampane
appese nella via a divote imagini, rischiarando que' luoghi alpestri,
insegnavano il cammino al mio cicerone, il dottore, che andava
visitando alcuni infermi. Accompagnandolo al salutare ufficio entrammo
in una casa rischiarata da insolita luce, e quivi ci si offerse una
scena quale in vita mia non vidi mai.

Un gatto nero dagli occhi scintillanti miagolava fra gli arnesi della
cucina, in mezzo alla quale ardeva gran fiamma sotto un paiuolo pieno
d'acqua. Uomini e donne, armati di bastone, vi si affaccendavano
intorno e attizzavano il fuoco. La più attempata di quelle donne,
mormorando parole misteriose, gettò nel paiuolo a determinati
intervalli sette piccoli chiodi, sette ramoscelli di rosmarino, sette
foglie di malva con altre erbe. Mentre il paiuolo bolliva, tutta quella
gente con piglio sdegnoso faceva intorno una sorta di ridda, battendo
sul paiuolo con ripetuti colpi di bastone.

Il gorgoglìo dell'acqua tinta di strana mistura, le mistiche parole
piene d'ira, e quel continuo aggirarsi a tondo di gente convulsa, mi
ricordarono i due versi del tragico inglese nel suo _Macbeth_, che si
riferiscono alla tregenda delle streghe, e che nel ritmo originale sono
maravigliosi pel suono delle voci rispondente al subbietto:

  _Double, double toil and trouble;
  Fire, burn, and, couldron, buble._
  Raddoppiate, raddoppiate fatiche e cure;
  Abbrucia, o fuoco, e tu, caldaia, gorgoglia.

Mentre io abbacava per iscoprire la ragione di quel ballo infernale,
il medico tornava dalla vicina cameretta, annunziando che l'ammalato
era in via di guarigione. Allora i parenti ed amici dell'infermo
rinnovarono i loro balli con grida di gioia ripercotendo il fumante
paiuolo.

Uscito di là, chiesi al dottore che mai significasse quello strano
spettacolo, che ricordava le nordiche scene delle streghe.

--Ella ha colto nel segno, mi rispose il medico: quella rustica gente
attribuisce l'infermità del vecchio suo congiunto ed amico al sinistro
incontro d'una povera vecchia sdentata, che si regge a stento sulle
gruccie, ed è in voce di maliarda; e crede inoltre che i perniciosi
effetti della malìa possano essere cacciati colle ridde, cogli
scongiuri e colle battute de' bastoni, che vanno a ripercuotersi su
la strega istessa. Onde quando io dissi loro che presto risanerebbe,
n'esultò riferendolo non tanto alla scienza del medico, quanto alla sua
arte di cacciar le malìe.

--Durano dunque tuttavia le superstizioni che tormentarono la Maddalena
Rumiana? io interruppi.

--Non ne faccia tanto le maraviglie, proseguì il dottore: qui si ha
pur troppo ancor fede negli incantesimi e nelle arti diaboliche;
alle quali spesso il volgo attribuisce i malanni della vita. Non è
gran tempo che tumultuarono questi villici, tenendo per fermo che
i diavoli su queste rocce rompessero battaglia fra loro, perchè si
era veduto levarsi un gran polverìo a intenebrare l'aria. Era un
cedimento di monte che nello sprofondare aveva levato quel polverìo
straordinario, creduto effetto di battaglia infernale. È tale fra
questa gente la credenza nelle malìe, che si hanno in gran conto i
libri di negromanzia, coi quali pretendesi di evocare il malo spirito,
interrogarlo, richiederlo di consigli e d'aiuti, ed ottenerne risposte
acconce al bisogno, in ispezie per iscoprire tesori, e per mezzo di
strane parole e strane erbe fra le quali è molto in credito la _fuggia_
(in francese _fougère_), la felce, pianticella medicinale con foglie
oblunghe, sottili e frastagliate, che s'alza a un metro e mezzo, e che
dal negromante deve essere calcata a mezzanotte, al chiarore d'una
lanterna, con formule determinate nei libri di magia. Oh! quante volte
qui tocca al medico d'incontrarsi colle credute maliarde presso gli
infermi, ai quali alcuna fiata, a dir vero, prestano rimedi salutari,
accompagnandoli però sempre con istrani scongiuri. Ecco, per esempio,
quali parole la maliarda del contado brontola su la risipola applicando
il suo impiastro:

  Se è rossa--che se strozza,
  Se è bianca--che se scianca,
  Se è griza--che se sfriza,
  Se è neira--che se speila!

Raccapricciai che qui sulle rive della Dora, dove è accolto il fiore
degli ingegni italiani, e all'ombra del vessillo tricolore cresce una
nuova civiltà, possano tuttavia allignare superstizioni di tal fatta,
nè si cerchi modo a diradicarle.

--In ciò molto potrebbero i preti, mi rispose il medico.

--E i medici non potrebbero nulla?

Il medico tacque.


IX.

Ed eccovi, miei cortesi lettori, un bel mattino e una trista sera. In
Bussoleno fui lieto di apprendere imitabili costumanze che abbelliscono
le feste nuziali delle campagne, e meglio dei profumati nostri
epitalamii insegnano il governo della famiglia; e in Chianocco dolorai
vedendo il villaggio in balìa d'un torrente, e il popolo in balìa della
superstizione, torrente ben peggiore dell'altro.


X.

SAN-GIORIO.

Ad un miglio da Bussoleno, sulla riva destra del nostro fiume,
s'incontra San-Giorio, paese che da mezzogiorno a ponente si distende
a piè d'una giogaia da cui sorgono malinconiche le solitarie
rovine d'un castello feudale. L'edera si va abbarbicando fra le
fenditure delle grosse muraglie cadenti e per le vuote pareti della
quadrangolare chiesuola, e intorno alla rotonda torre merlata che
sovrasta gigantesca. Dal mezzo della torre guardava a tramontana una
loggia, come accenna attiguo ad una porta il lungo trave sporgente. Da
quell'alta loggia, lo attesta costante tradizione, venivano precipitati
giù per l'erta scogliera perpendicolare, nuova rupe tarpea, i dannati
all'ultimo supplicio, e percotendo nei sottoposti ignudi scogli,
tingevano del loro sangue le chiare acque della Dora, che bagna le
falde alla orrida rupe del castello.

Confortiamo lo sguardo nella distesa dei monti che a tramontana, sul
lido sinistro del fiume, a modo di anfiteatro, s'inarcano dal bianco
campanile di Foresto alla bruna torre di San Didero (Desiderio).

Nella stagione primaverile la vaga famiglia degli augelli, e la rosa
e il gelsomino, e i candidi fiorellini del mandorlo e del pero, i
purpurei del persico e i bianco-rossi del melo e le infinite qualità
di erbe aromatiche fra il verde del castagno, del rovere, del salice e
del pioppo, e fra le ghirlande de' pampini spandono ineffabile gaiezza
intorno alle capanne dì Chianocco e sul turrito castello di Bruzzolo,
memorabile pel trattato quivi sottoscritto nel 1610 da Enrico IV di
Francia con Carlo Emanuele di Savoia; e fra i molti casolari, che
sparsi in ogni parte della cerchia alpestre, coronati di verzura,
sembrano appesi ai ciglioni della montagna, e in mezzo a tanta
esultanza della commossa natura, le Alpi Cozzie nel canto dei pastori
e dei coloni intonano a Cristo l'inno della risurrezione e dell'amore
universo.


XI.

  Zefiro torna, e 'l bel tempo rimena
  E i fiori e l'erbe, sua dolce famiglia,
  E garrir Progne e pianger Filomena,
  E primavera candida e vermiglia.

Con questi soavissimi versi del Petrarca salutiamo il 23 aprile, giorno
festivo a San Giorgio, da cui con voce corrotta si appella forse il
paese; comechè altri ne voglia trarre la denominazione da un Giorio,
martire della legione Tebea.

Squillano le campane della chiesa parrocchiale e suonano le musiche
nelle vie stipate di popolo. Le quattordici borgate di San-Giorio
oggi riposano dai lavori campestri, e i loro abitanti dalle balze
meridionali sono discesi in gran folla a far baldoria con quei di
Bussoleno, di Villarfocchiardo e di altri circostanti paesi, mentre su
le spalle di quattro divoti, fra i canti e le fiaccole dei sacerdoti
viene portata in processione una statua di legno, che rappresenta San
Giorgio a cavallo, il santo patrono della cavalleria, splendido la
testa di piumato cimiero e il petto di aurea corazza, col brando nella
destra. Ma quello che attira la moltitudine de' curiosi non è tanto la
processione di San Giorgio, quanto lo spettacolo degli spadeggiatori,
che, chiuso il capo in un elmo adorno di piume e di nastri, la
accompagnano, brandendo enormi spadoni e indossando una strana assisa,
con cui pare vogliano imitare le fogge guerresche usate nelle età
di mezzo. Io non li saprei descrivere meglio di quello che facesse
Norberto Rosa nel 1843[17].

«Gli spadeggiatori non camminano mai passo passo, ma a salti a salti
l'un dopo l'altro, o a due a due: fatti due salti in avanti, il primo
spadeggiatore si volge indietro, batte la lama della sua lunga spada
contro quella del compagno che gli vien dietro, e poi torna a far due
passi, e poi torna a toccar la spada, e via via. Quando la brigata e la
processione si ferma, gli spadeggiatori si fermano anch'essi, ma in una
posizione guerriera, cioè colla mano sinistra sul fianco, colla destra
orizzontalmente distesa, tenendo impugnato il manico dello spadone,
la cui punta va ad appoggiarsi in terra. Le figure poi, i giuochi, i
salti, le parate, le contorsioni, le smorfie somme che questi strani
visacci fanno, sono infinite. Ora si abbassano tutti due, o tutti
quattro, o tutti otto quasi a terra, tenendo i rispettivi spadoni a
due mani, quasi che vogliano forbirne la lama nel suolo. Ora gettano
gli spadoni in aria capovolti e li riprendono con assai maestria pel
manico. Ora si cambiano in aria i rispettivi spadoni, gittandoseli l'un
l'altro a non poca distanza».


XII.

In tali guise armeggiando e danzando bizzarramente gli spadeggiatori
accompagnano la processione. Il più bello della bizzarra mostra segue
sul prato _Paravì_. Quivi fra il popolo accorrente rappresentano una
scena di rivolta contro il loro duce. Egli si difende dai nemici colla
destrezza del suo brando, ma solo non può resistere a lungo contro i
molti, nei quali pari alla forza è l'ira. Gli è necessità fuggire.
Inutile fuga! I ribelli lo inseguono, lo assalgono, e, prostratolo a
colpi di spada e con spari di pistola, lo finiscono.

Vittoriosi si guardano l'un l'altro, quasi interrogandosi: cauti
s'accostano, origliando, al vinto duca, e fatti certi che più non
respira, copertolo di erba sel portano via.

Quindi acclamano un altro signore; e il nuovo duce adorno di purpuree
seriche insegne, con lungo cappello guernito di penne nere di struzzo,
è onorato da' suoi guerrieri e presentato di fiori da tre avvenenti
donne. Gli viene pure offerta la tazza delle feste, che spumeggia di
vino, ed egli beve esultante, e getta la tazza che ad altri più non
deve servire. Eccolo portato su le spalle dei suoi prodi, colla mano
sinistra alla cintola, e due alabarde incrociate strette nella destra,
percorre trionfante il paese fra le musiche e le acclamazioni del
popolo.


XIII.

Sono grotteschi, a dir vero, questi simulacri di antiche lotte.

Un tempo gli spadeggiatori di Val di Susa uscivano nei giorni solenni
da diversi paesi ad accompagnare le feste religiose e civili; ma
da qualche anno que' di Giaglione, di Venaus e di Chiomonte hanno
deposto l'elmo e la serica sopravvesta, e gettato lo spadone fra i
vani arnesi delle loro terre. Ultimi e soli rimasero gli spadeggiatori
di San-Giorio; e ben era loro debito tener vivo un tal costume nelle
Alpi Cozzie, per onorare il santo patrono della cavalleria; imperocchè
vogliono alcuni che la loro origine si abbia a cercare tra i gladiatori
romani, o tra gli ordini dell'antica cavalleria; altri ne cercano
l'origine tra i martiri della legione tebea, ed altri, assegnando loro
un'origine meno gloriosa, li credono reliquie de' tanti mimi e buffoni
che trastullavano i tirannelli.

In tanta discrepanza di opinioni interrogai il degno prevosto di
San-Giorio, G. B. Pettignani, che mai significasse la strana scena
testè rappresentata nel prato _Paravì_; e presso la torre quadrangolare
che fiancheggia la sua casa, innanzi alla gemebonda fontana che
gl'irriga il pensile giardino, egli gentilmente così mi rispose:

--Probabilmente è una di quelle tante scene del medio evo, in cui, come
a Cesana e ad Ivrea, il popolo si sbarazza del suo oppressore.

--Appunto così e non altrimenti, sclamò l'egregio avv. Gianone di
Bussoleno, che mi era compagno. Appunto così, e non altrimenti si
ha da interpretare, come nella festa del _Barro_, da due anni, con
dispiacere di molti, cessata nel mio paese. Colà nel pomeriggio del
giorno di Pasqua, nella sala del Comune, convenivano i membri del
Consiglio, a ciascuno dei quali era consegnato un grosso fuso, nelle
due estremità munito di punte di ferro. Quindi fra le musiche, e
con gran seguito di popolo, si andava nel prato del _Barro_, dove,
sorteggiati que' consiglieri, partivansi in due campi, e, fissato il
segno del bersaglio, giocavano a chi meglio vi colpiva, e i vinti
pagavano le spese del convito alla festante brigata.

La festa dei fusi ricorda una magnanima nostra popolana, che, tentata
da lascivo feudatario, vuolsi che in petto gli abbia confitto il fuso
ad arte ferrato, e tolta così di pericolo la sua onestà, e liberata da
un tiranno la nostra patria. E il nome _Barro_ ricorda un benemerito
Bussolenese, che per testamento legava al Comune la proprietà d'un suo
prato, a condizione che ogni anno vi si facesse il giuoco dei fusi, che
in segno di riconoscenza verso il gentil donatore, assunse il nome di
giuoco del _Barro_. Bell'esempio di giustizia e di virtù cittadina!


XIV.

Le strade ferrate e il telegrafo confondono a poco a poco in una
famiglia le stirpi diverse, e quella multiforme poesia che nasceva
dalla varietà dei caratteri, delle leggi, degli usi e dei costumi,
si va grado grado armonizzando nel duplice canto dell'uguaglianza
e dell'industria. Noi salutiamo gli acquisti della civiltà; però
vorremmo eziandio conservati certi usi e certe feste, così religiose
come civili, che, ricordando le virtù degli avi, stimolano i nipoti ad
emularle. Ci piacciono pertanto gli spadoni di San Giorio e i fusi del
_Barro_ (come in Bussoleno l'avvocato Rivetti con molta cortesia me li
mostrò nella sala del Comune), perchè attestano che il popolo delle
Alpi Cozzie fu in ogni tempo belligero ed amico a libertà, e che seppe
mai sempre meritarsi il titolo di guardiano delle porte d'Italia.


XV.

IL SASSO D'ORLANDO E LA GROTTA DI SAN VALERIANO.

Dagli spadeggiatori di San-Giorio ai cavalieri erranti di messer
Lodovico Ariosto è facile il passo.

Alla destra della Dora, fra _Villarfocchiardo_ e Borgone, a pochi passi
dall'antica strada reale, mi venne mostrato un sasso che, secondo una
falsa tradizione, sarebbe quello che il disperato Orlando spaccò colla
sua famosa Durindana, quando vi lesse incisi i nomi di Angelica e di
Medoro e le parole che facean fede dei loro beati amori.

Dico, secondo una falsa tradizione; imperocchè al di là delle Alpi è il
teatro immaginato dall'Ariosto, in cui vien descritta la grotta,

  Dove Medoro insculse l'epigramma,
                      (ARIOSTO)

che trasse il geloso nipote di Carlomagno ad atti inauditi di
disperazione; senzachè i dintorni di Villarfocchiardo, sebben lieti di
acque e di selve, non corrispondono agli incantevoli luoghi, ritratti
con poetici colori dall'Ariosto.

Il sasso mostratomi presso il ponte della _Giaconera_ sorge a fior di
terra, è lungo circa tre metri, ma non vi si vede fenditura di sorta,
sibbene un'incanalatura condotta a colpi di scarpello. Certo è però
che la cascina, innanzi alla quale è il sasso, si chiama anche oggidì
la cascina Rolando, che suona a un dipresso Rutlando, il vero nome del
Duca d'Anglante, mutato dagl'Italiani in quello di Orlando per maggior
dolcezza di suono.

Un altro particolare diè vigore alla falsa tradizione. Nella cascina
Rolando, antico rustico edifizio con due finestre di stile gotico e
con merli anneriti dal tempo, a cavaliere della porta d'ingresso,
era dipinta sulla facciata una Madonna, e in diverse parti lo stemma
gentilizio della famiglia Carroccio Fiocchetto, che teneva il feudo di
Villarfocchiardo. Inoltre si vedeva figurato un guerriero a cavallo
con elmo piumato in testa, ed armato la destra di lunga spada. Forse
in quel guerriero si è voluto rappresentare San Giorgio o San Martino,
ma il volgo credette ravvisarvi il furioso Orlando. Il tempo e le
piogge hanno pressochè cancellato l'affresco della Madonna, e soltanto
rispettarono qualche testa, qualche zampa dei leoni dello stemma
gentilizio; e del sognato Orlando sono rimaste solo le piume del
cimiero e la punta di Durindana.

Checchè ne sia, il sasso d'Orlando in Val di Susa venne ricordato
eziandio da scrittori stranieri. Ne parla il Valéry nell'opera
_Curiosités et anecdotes italiennes_, e porta a testimonianza il
Lalande, che _«raconte avoir ouï dire qu'à trois lieues de Suse on
voyait une figure de Roland, et que l'on y montrait une pierre énorme
fendue par lui d'un coup de son épée, suivant la tradition du pays»_.

Io, guardando la parete merlata del podere, mi assisi nello spianato
erboso, innanzi l'antico edifizio, sullo spaccato sasso di Orlando.
Un contadino, che mi ci scorse, additommi su la rustica muraglia lo
sbiadito guerriero:

--Quello è Orlando, mi disse.

E accennando dove io sedeva:

--Questo è il sasso spaccato da Orlando Furioso.

Alle parole del colono, meglio che alla lezione d'un retore, io mi
sentii spirare d'intorno un'aria piena di romanzesca poesia; imperocchè
dalla leggenda del villano traluceva una cara pagina dell'Ariosto,
trasportata sulle rive della nostra Dora e vivificata negli affetti del
buon popolo alpigiano, che intorno a quel sasso e innanzi alle reliquie
di quel dipinto ricorda le corse vittoriose fatte in Val di Susa da
Carlomagno e da' suoi paladini.

Al mormorìo delle limpide acque della Dora, e in cospetto alle
folte selve che colà ammantano i circostanti piani e le pendici, io
immaginava una spelonca presso il sasso famoso, e deliziandomi in tali
immagini, ripeteva con l'Ariosto le soavi parole di Medoro[18]:

  Liete piante, verdi erbe, limpide acque,
    Spelonca opaca e di fredde ombre grata,
    .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
    .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
    .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
    .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
    Io povero Medor ricompensarvi
    D'altro non posso, che d'ogni or lodarvi;

  E di pregare ogni signore amante,
    E cavalieri e damigelle, e ognuna
    Persona, o paesana e vïandante,
    Che qui sua volontà meni o fortuna;
    Ch'all'erbe, all'ombra, all'antro, al rio, alle piante
    Dica: Benigno abbiate e sole e luna,
    E de le Ninfe il coro, che provveggia
    Che non conduca a voi pastor mai greggia.


XVI.

Mentre io m'inebbriava negli estri d'Ariosto, e mi vedeva innanzi
Orlando investito dalle furie della gelosia, ecco all'improvviso
avanzarsi a cavallo, e con grande celerità, un giovane animoso,
scintillante negli occhi neri. Era il dottore Rumiano, mio conoscente,
che in atto amichevole veniva a stendermi la destra, e, sapendo i miei
desiderii, profferivasi di guidarmi sulla riva sinistra del fiume ad
una grotta memorabile, un tempo abitata da un santo, onde si è diffusa
nel popolo una pia tradizione.

Accettai di buon grado l'invito. Salutammo Villarfocchiardo, i suoi
annosi castagni e le reliquie dì due antichi monasteri benedettini; e
quindi varcammo la Dora sul ponte della _Giaconera_, bellissimo ponte
in pietra a tre archi, che illustra il regno di Carlo Alberto, e costò
poco meno d'un milione di franchi e l'opera di sei anni. Al di là
del ponte toccammo _Borgone_, dove a piè d'ignudo poggio coronato da
solitaria torre mi fu additata l'allegra villa di Enrico Montabone,
ricco uomo, la cui più preziosa gemma è la bella e colta sua consorte.

Traversato il paese, lieto di vigneti, costeggiammo a levante la
montagna di _Frassinere_, passammo presso il ponte della strada
ferrata, gettato in linea diagonale sulla Dora, e torcendo a sinistra,
giungemmo a _San-Valeriano_, piccola borgata, frazione del paese di
Borgone, addossata alle rocce cavernose di _Pietraculera_. Quivi
entrammo nella chiesuola di San Valeriano, da cui si denomina il divoto
villaggio, e penetrammo a sinistra in un disadorno antico oratorio, al
cui fianco apresi nella montagna la grotta ove si ricoverò e morì San
Valeriano.

Attigua allo speco v'ha una piccola finestra d'onde i divoti possono
sporgere il capo ed osservarlo. In quel dì una povera donna del
villaggio, non ha guari campata da una grave infermità per le assidue
cure del Dottor Rumiano, inginocchiata, dalla finestruola sporgeva le
congiunte mani, intrecciate fra le deche di un rosario, e mormorava
preghiere.

Il dottor Rumiano, al vederla:

--Eccovi, mi disse, chi meglio di me potrà narrare i prodigi di San
Valeriano, e come riparasse in questa grotta.

--Oh! ben volentieri, signor dottore, rispose la pia donna: poichè,
come più volte le ho detto, io deggio al patrocinio di questo Santo le
tante sue cure nella mia infermità, e il poter sostenere insieme colla
povertà i continui disastri della vita.--

Ed entrata nell'oratorio, andò a prostrarsi innanzi alla grotta, e
baciato con riverenza il sasso, così riprese:

--Io narrerò del Santo quello che nelle lunghe serate d'inverno, presso
al focolare, sino dall'infanzia udii spesso ripetere dalla mia vecchia
nonna.

Valeriano, Tiburzio, Ignazio, Pancrazio, Maurizio, Giorio e Giacomo
erano sette fratelli addetti alla legione Tebea, ed avevano una
sorella per nome Cecilia, fatta cristiana prima di loro. Valeriano,
persuaso dalle buone opere e dai consigli della sorella, si convertì
anch'egli alla fede cristiana, e pertanto fu, dappertutto ove andasse,
perseguitato dagl'infedeli. Si ricoverò fra Giaveno e Pinerolo ne'
monti di Cumiana, ma anche là fu dai nemici investito; ond'egli
spiccato un salto da un masso, potè sfuggire ai suoi persecutori e
trovar rifugio sicuro qui lungo la Dora, e propriamente in questa
grotta dove santamente morì.

A Cumiana un sasso tuttavia serba l'impronta d'un ginocchio del nostro
Santo, la chiesa di Villarfocchiardo ne possiede il cadavere, e fra noi
si ha una sua reliquia, donataci dal Vescovo di Susa, cara memoria che
abbiamo sempre nel cuore e nelle preghiere, che festeggiamo ogni anno
il dì 14 aprile.--

Così parlava e così credeva la pia donna, e le sue parole e la sua fede
mi toccavano il cuore.


XVII.

Eccovi, miei lettori, a sei miglia da Susa, su le due rive della Dora,
due leggende, cavalleresca l'una, religiosa l'altra, frutto ambedue
della storia di que' popoli. Imperocchè le leggende sono un elemento
storico ampliato, e talvolta travisato dalla immaginazione delle
moltitudini.

I dominatori stranieri che in diverse età irruppero dalle Alpi colle
barbare armi, facendo violenza alle porte d'Italia, e singolarmente
Carlomagno col seguito lungo de' suoi paladini, il feudalismo, che di
torri e di merli cerchiò le cime de' monti, e i martiri della legione
Tebea, e i ricchi monisteri, e i potenti abati, e ferocie di guerra
e carità di religione lasciarono forti ricordanze nelle menti dì
questi popoli, per cui ne sorse in Val di Susa gran numero di leggende
cavalleresche e religiose, che porgerebbero abbondante materia di
studio all'erudito filosofo.

Tale non è il mio assunto: io sono umile espositore dì memorie che
traggo ora dalla storia ed ora dalla tradizione, e spesso dallo
spettacolo della natura e dalla imitazione che ne fa l'arte; e
appoggiato all'adunco bastone che mi donò un arcade pastore fra le
rovine di Messene, seguito il mio cammino, come il cielo m'inspira,
meditando e scrivendo.


XVIII.

SANT'ANTONINO.

Da _San Valeriano_ per ampia via carrozzabile, ombreggiata da
piramidali pioppi, e su d'un ponte di legno varcata la Dora, fui
guidato al paese di _Sant'Antonino_, e quivi domandai se nulla vi fosse
di nuovo.

--Di veramente nuovo, mi fu risposto, abbiamo il prevosto Agostino
Belmondo, accolto ora con feste popolari. Annessa alla prepositura v'ha
la pingue rendita di cinque mila franchi, che il neo-prevosto saprà
usare piamente, perchè evangelico pastore lo annunziano la fama e i
versi del bravo sacerdote D. Picco.

Visitai il paese benedetto dal nuovo prevosto. Una volta l'aria vi era
insalubre, e le pallide febbri vi avevano stanza perenne. Ora non più,
perchè il municipio, non perdonando a spesa, costrusse canali per dar
libero corso alle acque stagnanti, e ridusse a coltura campi paludosi,
provvide il paese di buone acque, derivandole dai monti adiacenti, ed
aperse vie comode, che mettono alle campagne ed ai vicini villaggi.

Da questi provvedimenti emerse una vita novella; crebbero il lavoro e
il guadagno, sorsero abitazioni di ornata architettura, e il popolo si
mostra gagliardo e fiorente di salute, e il farmacista Casasco, che
spesso richiesto era di rimedi a domare le ostinate febbri, ora trova
tempo a coltivare e distillare la menta piperita, molto pregiata nella
valle e fuori.


XIX.

CONDOVE.

Come _Sant'Antonino_ divenne allegro ed agiato provvedendo alla
pubblica salute, così il vicino paese di _Condove_, a sinistra della
Dora, crebbe in prosperità col suo mercato del mercoledì, il più
frequente di commercio in Val dì Susa.

Una volta i montanari dalle ville circostanti, colle loro patate, i
latticini, la segale, le castagne e frutta e derrate di ogni specie,
scendevano la sera del mercoledì in Condove per avviarsi nel giorno
seguente di buon mattino al florido mercato di Avigliana. La sera,
ragionando quivi delle loro faccende, iniziavano e talvolta terminavano
i loro negozi, onde a poco a poco si conobbe che il mercato aviglianese
del giovedì si faceva per buona parte nella sera antecedente in
Condove. Pertanto venne quivi sancito il mercato di mercoledì, al quale
aggiunse eziandio importanza la via nuova che dalla strada provinciale
mette al paese.

Un sereno mercoledì d'autunno mi aggirai sotto i portici e per le
vie liete di commercio e stipate di popolo che danno manifesto
indizio della nuova vita di Condove. Passai fra panieri di patate
e di castagne, e sacchi di segale addossati l'uno all'altro, fra
alte pertiche uncinate, da cui pendevano nastri di ogni colore, fra
tavolati carichi di tele e di sete sotto tende sorrette da pali, e
in mezzo all'affaccendarsi di chi va e di chi viene, di chi vende
e di chi compera, incontrai, presso una fontana, su d'un carro, un
nuovo Dulcamara, un uomo di strane sembianze, che, schiamazzando con
rauca voce, traea intorno a sè la moltitudine e raccomandava i suoi
cerotti, i suoi rimedi per tutti i malanni del mondo; e frattanto sul
vicino prato, a pochi passi dalla chiesetta del cimitero, un povero
cieco cantava i miracoli d'una Madonna e vendeva pie canzoncine. Così
ciascuno spacciava la sua merce nel mercato di Condove, ed io scriveva
la mia pagina.

Stanco di urti e di schiamazzi, a tramontana del paese salii il poggio
di _Molaretto_ (che non va confuso con quello del Moncenisio) e quivi
dalla casa del capitano Perodo, che mi è stato assai cortese, ho goduto
d'incantevole vista. Fertili e vasti piani, e monti verdeggianti di
vigneti e di selve mi stavano d'intorno, e a ponente le giogaie delle
Alpi nell'estremo orizzonte biancheggiavano di nevi. Il monte che
attirava maggiormente il mio sguardo era a sud-est, il Pirchiriano.
Su la cima v'ha la _Sagra di San Michele_, alle falde le _Chiuse_
de' Longobardi. Quante memorie di religione e di guerra si accolgono
intorno a quel monte, aspro a chi lo guarda, sublime a chi lo medita!


XX.

LE CHIUSE.

Nella storia delle armi trovansi registrati luoghi che divennero
famosi, perchè ivi si decisero le sorti di molte e lunghe generazioni.
Fra questi è segnalato il villaggio di _Chiusa_ alle falde occidentali
del _Pirchiriano_, sorto dalle _Clusæ Longobardorum_, fra gl'Italiani
non men famoso di Corfinio e di Canne, di Marengo e di Novara.
L'avvenimento associato al nome del villaggio è il più grande che
illustri Val di Susa, e basterebbe ad illustrare qualunque provincia.

Non mi facciano il broncio i Susini additandomi il loro arco ad
Augusto; conciossiachè quel monumento non ricordi che l'accorgimento
d'un prefetto, il quale per guadagnarsi l'amicizia del padrone, gli
innalzò la marmorea mole col danaro delle città a lui soggette: _et
civitates, quæ sub eo Præfecto fuere._ Laddove l'umile villaggio di
Chiusa è l'arena in cui si contesero il dominio d'Italia due superbi
conquistatori, che, sebbene l'uno più dell'altro infesti al bel nome
latino, diedero vita a solenni ordinamenti, dopo un millennio non del
tutto estinti.


XXI.

I Longobardi, questi barbari dalle lunghe barbe e dalle lunghe labarde,
condotti dal feroce Alboino, insignoritisi di molta parte d'Italia,
ebbero a lottare colla potenza de' papi e per essa caddero. Ariani
dapprima, furono ostili ai papi. Divenuti cattolici nel florido
regno di Teodolinda e di Agilulfo, dopo qualche tempo di pace,
tornarono ad aperte ostilità contro i papi, che invocarono l'aiuto
de' Franchi, i quali due volte capitanati da Pipino valicarono il
Moncenisio, superarono le Chiuse, e vittoriosi in Pavia imposero
tributi ai Longobardi e l'obbligo di restituire le conquiste fatte
sopra la Chiesa. Accettarono i vinti le condizioni della pace; ma
Desiderio, ultimo dei re longobardi, associatosi al regno il figlio
Adelchi o Adelgiso, non le attenne; anzi corse coll'armi le città
papali. Carlomagno, il figlio di Pipino, invocato da Roma, con
poderoso esercito per le note vie del Cenisio e della Novalesa si fece
alle Chiuse, che afforzate di torri e di muraglie dal Pirchiriano
al Caprasio, serravano lo sbocco della valle. Caduto di animo, già
stava per rivalicare le Alpi, quando, secondo strane leggende, un
giullare lombardo, e secondo il racconto della Cronaca Novaliciense,
confermatoci da prezioso documento conservato in Cremona[19], un tal
Martino, diacono di Ravenna, per reconditi cammini giunto al campo
della Novalesa, insegnò a Carlomagno la via ch'egli tenne; per la quale
una schiera di Franchi potè sorprendere i Longobardi alle spalle, in
tanto che il grosso dell'esercito fra lo scompiglio e la paura li
vinceva facilmente alle Chiuse. Importante vittoria, che diede ai
Franchi le chiavi d'Italia, e una ingerenza, non cessata per anco,
nelle faccende dei pontefici romani, coll'assicurarne le conquiste ed
accrescerne l'autorità.


XXII.

Questa luttuosa catastrofe suggerì ad Alessandro Manzoni due lavori,
tesori di patria letteratura, la tragedia l'_Adelchi_, e il discorso
(_Della storia longobardica in Italia_) che l'accompagna; tale, diremo
volentieri con Tommaseo, _che di per sè basta alla fama d'un nome_.

Visitando le Chiuse e i dintorni, ne ammirai la fedele dipintura
nelle pagine del Manzoni, non altrimenti che in Grecia, consultando
l'_Odissea_ di Omero, io riscontrava l'antico porto d'Itaca, dove al
suo ritorno in patria approdava Ulisse, e la misteriosa grotta dalle
due porte, nella quale egli deponeva i ricchi doni avuti nella reggia
dei Feaci.

Il Manzoni, ponderate le particolarità della cronaca Novaliciense, e
studiati i documenti e le opinioni che di quel fatto scrittori diversi
ci tramandarono, erudito e filosofo del pari, si mostrò conoscitore
peritissimo de' tempi e de' luoghi, quasi che si fosse egli trovato
al di là delle Alpi e nella Novalesa ai consigli dei re Franchi, ed
a quelli del Longobardo nella reggia di Pavia, o che il suo fatidico
spirito aleggiasse nelle pianure lombarde e sui monti cozzii allo
scontro dei due tremendi nemici.

I gioghi e i valloni, i torrenti e le ghiacciaie, e le leggende del
Rocciamelone, alle cui falde sorgevano le tende dei Franchi, tutto è
con vivi colori espresso dal nostro poeta nelle parole del diacono
Martino a Carlomagno, quando nella Novalesa gli narra come egli giunto
presso le Chiuse abbia saputo schivare i vigili Longobardi, e torcendo
a settentrione per ardui e reconditi cammini, condursi al suo campo.
Uditelo. Nella nostra Italia dove si odono sempre con piacere ripetere
le melodie del Rossini e del Bellini, con pari diletto ed ammirazione
si udrà alle Chiuse ripetuta una delle più stupende pagine della poesia
Manzoniana. Il monaco Martino interrogato da re Carlo come a lui fosse
nota la via, e come al nemico ascosa, risponde:

  Dio gli acciecò, Dio mi guidò. Dal campo
  Inosservato uscii; l'orme ripresi
  Poco innanzi calcate; indi alla destra
  Piegai verso Aquilone, e abbandonando
  I battuti sentieri, in un'angusta
  Oscura valle m'internai: ma quanto
  Più il passo procedea, tanto allo sguardo
  Più spazïosa ella si fea. Qui scorsi
  Greggie erranti e tuguri: era codesta
  L'ultima stanza de' mortali: entrai
  Presso un pastor, chiesi l'ospizio, e sovra
  Lanose pelli riposai la notte.
  Sorto all'aurora, al buon pastor la via
  Addimandai di Francia.--Oltre quei monti
  Sono altri monti, ei disse, ed altri ancora,
  E lontano lontan Francia; ma via
  Non avvi: e mille son quei monti, e tutti
  Erti, nudi, tremendi, inabitati
  Se non da spirti, ed uom mortai giammai
  Non li varcò.--Le vie di Dio son molte,
  Più assai di quelle del mortal, risposi;
  E Dio mi manda.--E Dio ti scorga, ei disse:
  Indi tra i pani che teneva in serbo
  Tanti pigliò di quanti un pellegrino
  Puote andar carco: e in rude sacco avvolti
  Ne gravò le mie spalle: il guiderdone
  Io gli pregai dal Cielo; e in via mi posi.
  Giunsi in capo alla valle, un giogo ascesi,
  E in Dio fidando, lo varcai. Qui nulla
  Traccia d'uomo apparia; solo foreste
  D'intatti abeti, ignoti fiumi, e valli
  Senza sentier: tutto tacea; null'altro
  Che i miei passi io sentiva, e ad ora ad ora
  Lo scrosciar dei torrenti, o l'improvviso
  Strider del falco, o l'aquila dall'erto
  Nido spiccata in sul mattin, rombando
  Passar sovra il mio capo, o sul meriggio,
  Tocchi dal sole, crepitar del pino
  Silvestre i coni. Andai così tre giorni;
  E sotto l'alte piante, o nei burroni
  Posai tre notti. Era mia guida il sole;
  Io sorgeva con esso e il suo viaggio
  Seguìa, rivolto al suo tramonto. Incerto
  Pur del cammino io gia, di valle in valle
  Trapassando mai sempre; o se talvolta
  D'accessibil pendìo sorgermi innanzi
  Vedeva un giogo, e n'attingea la cima,
  Altre più eccelse cime, innanzi, intorno
  Sovrastavanmi ancora; altre di neve
  Da sommo ad imo biancheggianti, e quasi
  Ripidi, acuti padiglioni al suolo
  Confitti; altre ferrigne, erette a guisa
  Di mura insuperabili.--Cadeva
  Il terzo sol quando un gran monte io scersi,
  Che sovra gli altri ergea la fronte; ed era
  Tutto una verde china; e la sua vetta
  Coronata di piante. A quella parte
  Tosto il passo io rivolsi.--Era la costa
  Orïentale di quel monte istesso,
  A cui di contro al sol cadente, il tuo
  Campo s'appoggia, o sire.--In su le falde
  Mi colsero le tenebre: le secche
  Lubriche spoglie degli abeti, ond'era
  Il suol gremito, mi fur letto, e sponda
  Gli antichissimi tronchi. Una ridente
  Speranza, all'alba, risvegliommi, e pieno
  Di novello vigor la costa ascesi.
  Appena il sommo ne toccai, l'orecchio
  Mi percosse un ronzìo che di lontano
  Parea venir, cupo, incessante: io stetti,
  Ed immoto ascoltai. Non eran l'acque
  Rotte fra i sassi in giù; non era il vento
  Che investìa le foreste, e sibilando,
  D'una in altra scorrea; ma veramente
  Un rumor di viventi, un indistinto
  Suon di favelle e d'opre e di pedate
  Brulicanti da lungi, un agitarsi
  D'uomini immenso. Il cor balzommi: e il passo
  Accelerai. Su questa, o re, che a noi
  Sembra di qui lunga ed acuta cima
  Fendere il ciel, quasi affilata scure,
  Giace un'ampia pianura, e d'erbe è folta
  Non mai calcate in pria. Presi di quella
  Il più breve tragitto: ad ogni istante
  Si fea il rumor più presso: divorai
  L'estrema via; giunsi sull'orlo, il guardo
  Lanciai giù nella valle, e vidi... oh! vidi
  Le tende d'Israëllo, i sospirati
  Padiglion di Giacobbe: al suol prostrato,
  Dio ringraziai, li benedissi, e scesi.


XXIII.

Tutto qui è evidenza, tutto verità, se ne levi la corona di piante
che il poeta nella foga delle immagini diede alle brulle cime del
Rocciamelone, dove è muta ogni vegetazione, nè può tronco d'albero, nè
filo d'erba germinare.

Carlomagno seguiva i consigli del diacono Martino, per la via da lui
calcata mandando un manipolo de' suoi prodi, e secondo Cesare Balbo[20]
_metteva una schiera per le gole laterali e non guardate di Giaveno_
(cioè nella parte più meridionale della valle) _intorno al Pirchiriano,
e così prendeva alle spalle i Longobardi._

Non mi sembra però probabile che i Franchi tenendo la via del diacono,
potessero fare il cammino segnato dal Balbo; imperocchè le gole
laterali di Giaveno erano le note vie de' Franchi, calcate due volte da
Pipino, in ogni dove dai Longobardi affortificate e vigilate; oltrechè
Martino, movendo di là per recarsi alla Novalesa, avrebbe facilmente
incontrato i Franchi, e avuta certa notizia dei regali attendamenti
senza travagliarsi per diversi giorni in dubbi e difficili cammini.

Manzoni mi è sembrato più accorto del Balbo segnando il viaggio del
diacono Ravennate, nelle balze settentrionali per le valli di Lemmie e
di Usseglio, ignote ai Franchi, non abbastanza vegliate dai Longobardi.
La valle di Usseglio guida al colle della _Croce di Ferro_, pel quale
con tragitto non lungo a pie' del giogo nevoso del Rocciamelone si
giunge alla Novalesa. Di colà scesa una parte dei guerrieri di Carlo
Magno, mentre l'altra superava le Chiuse, potè andare ad accamparsi in
Giaveno contro i guerrieri del fuggente Desiderio.

Ciò non pertanto il Manzoni con singolare modestia, dubitando della
verace via tenuta dai Franchi, nel suo discorso avverte argutamente:

«Forse una visita ai luoghi potrebbe condurre ad una scoperta più
concludente. Sarebbe da desiderarsi che alcuno di coloro che si
divertono a tribolar il prossimo, e dei quali il mondo non ha mai avuto
difetto, pigliasse a cuore questa scoperta; e lasciando per essa le
sue solite occupazioni, si portasse sul luogo, ed indugiasse ivi molto
tempo in una tale ricerca».


XXIV.

Io non ho mai posto fra miei divertimenti quello di tribolare il
prossimo; tuttavia mi compiacqui di visitare le Chiuse e i dintorni
col fido Norberto Rosa e col suo degno amico Giambattista Rocci,
notaio e poeta, il Tommaso Grossi di Val di Susa, saggio ed operoso
cittadino. Nato Rocci nel villaggio di Chiusa, era l'uomo più atto ad
accompagnarmi in que' luoghi e giovarmi di consiglio.

Nota il Manzoni che ai tempi del cronografo della Novalesa sussistevano
ancora i fondamenti delle Chiuse:

  .......Dell'arduo muro
  Che Val di Susa chiude e dalla Franca
  La Longobarda signoria divide.

Ed io aggiungerò che anche oggidì sussistono, e che li ho percorsi
dal Pirchiriano al Caprasio. Furono discoperti parte nel costruirsi
la strada ferrata e parte dai contadini nel dissodare la terra.
Soltanto non appariscono tracce ai pie' del Caprasio, forse nascoste da
materiali sovrapposti nell'innalzamento che a più riprese si fece di
quel suolo divallato. A pochi passi dal villaggio di Chiusa, il comune
addossò alla montagna una grossa muraglia sopra quella de' Longobardi,
per far argine agli straripamenti del torrente detto il _Rio_; e lo
spazio d'un miglio circa di lunghezza, che separa i due opposti monti
Pirchiriano e Caprasio, dai naturali del luogo viene per antonomasia
appellato _Le Mura_, certo per ricordanza dell'_arduo muro_ longobardo.
Così mi affermarono abitanti del Pirchiriano di ciò richiesti, e per
ultimo su la riva sinistra della Dora interrogai un contadino; ed egli
pure rilevando il capo fra le pannocchie del suo campicello, e colla
destra callosa accennando al dosso rossiccio del monte Caprasio ed alle
tracce poco distanti delle antiche Chiuse:

--Questi luoghi si chiamano le Mura, mi rispose.

Ed io esultante al pari di Châteaubriand, quando lunghesso l'Eurota
spronava il suo cavallo fra i discoperti ruderi di Sparta, guardava
le macerie dell'_arduo muro_ non per anco avvertite dai moderni
itinerarii, razza oziosa di libri che ripete e non aggiunge; e varcando
la Dora su d'un ponte di legno, tra il fracasso delle acque scorrenti,
mi parve col Manzoni di udire il vincente Carlomagno che tonasse:

          .......Terra d'Italia, io pianto
  Nel tuo sen questa lancia, e ti conquisto.


XXV.

A breve distanza dal Monte Caprasio, presso Chiavrie, si vedono le
rovine del quadrangolare castello del _Conte Verde_. Seduto innanzi
alle sue merlate mura meditai nelle pagine del Manzoni il ferale
avvenimento delle Chiuse e le contrarie sentenze degli scrittori.
Alcuni, fra i quali il Giannone, opinarono essere stata una calamità
per l'Italia la sconfitta de' Longobardi, i quali a noi mescolati per
consuetudine di vita, e ingentiliti nei costumi nostri, sbarazzatisi
de' Greci, avrebbero alla fin fine ricomposte le disgregate parti della
penisola in una potente nazione. Altri, per contro, danno lode a papa
Adriano I, che richiamò i Franchi, perchè,

    ....Quando il dente longobardo morse
  La santa Chiesa, sotto alle sue ali
  Carlo Magno, vincendo, la soccorse[21],

e inoltre perchè colla venuta de' Franchi, come asserisce il Manzoni,
_i Romani ottennero per mezzo de' papi uno stato che li guarentiva
dalle invasioni barbariche, e fu un insigne benefizio_.

Esaminando le contrarie opinioni, io vedeva nel _Discorso_ del
Manzoni, direi quasi, connaturate le anime del Muratori e del Vico,
dei quali egli ci dà il più stupendo ritratto che desiderar si possa:
e nella tragedia, come ravvisiamo lo stesso cantore dell'_Eneide_ nel
_pius Æneas_, così nel personaggio dell'Adelchi io riveriva la pia e
generosa anima dell'autore, che si riconosce in tutte le sue opere, e
la riscontrai nella venerata sua persona, allorchè in compagnia del
mio dolce amico ed illustre latinista G. Gando andai la prima volta a
inchinarlo su le rive del Verbano, e lo trovai dolorante innanzi al
recente sepolcro del filosofo ed amico suo Rosmini.

Di pensiero in pensiero fra l'erudito e il filosofo io andava cercando
il poeta nazionale, e lo trovava in due cori, potenti voli della lirica
italiana.

Ermengarda, la figlia di Desiderio, moglie di Carlomagno, che

                Con l'ignominia d'un ripudio in fronte

torna alla paterna reggia, e ricoveratasi in Brescia nel monistero di
San Salvadore, cessa di soffrire cessando di vivere, è tale episodio
che trasse dal cuore del poeta un canto che tutti sanno come sia
improntato di santo dolore e di carità cristiana.

    Sparsa le trecce morbide
  Su l'affannoso petto,
  Lenta le palme, e rorida
  Di morte il bianco aspetto,
  Giace la pia, col tremolo
  Guardo cercando il ciel.

L'altro coro è nell'atto terzo, e vi senti lo stato angoscioso d'Italia.

  D'un volgo disperso che nome non ha.

Nel dramma è rappresentato lo spettacolo di due forze straniere che
vengono a cozzare sulla nostra terra, e forse non basta al compiuto
trionfo del teatro, perchè fra quella barbara lotta non udiamo il
lamento d'Italia, di questa novella Ifigenia, sagrificata all'ambizione
di due superbi stranieri, se ne levi il coro

  Dagli atrii muscosi, dai fôri cadenti, ecc.

Il poeta nazionale, _nel cui pensiero_, come ben avverte il Tommaseo,
_nè la tirannide longobarda era sacra, nè la conquista di Carlo era
santa_[22], in quel coro si leva gigante coronato di tutta la sua luce.
Egli non è franco, non longobardo, non papista; egli si è innalzato
al di sopra delle controversie dell'erudizione e della filosofia, e
sfolgora nella sfera della giustizia suprema, donde guardando quaggiù
alle superbie della polvere umana sente con Balbo, che _signori
stranieri, civili o barbari, si rassomigliano_; e nelle ultime strofe
del coro dirette agli Italiani raccoglie la sintesi di tutto il dramma,
il concetto vero e sublime del poeta che maledice, nella lotta delle
Chiuse, vinti e vincitori, esclamando:

    E il premio sperato, promesso a quei forti
  Sarebbe, o delusi, rivolger le sorti,
  D'un volgo straniero por fine al dolor?
  Tornate alle vostre superbe ruine,
  All'opere imbelli dell'arse officine,
  Ai solchi bagnati di servo sudor.

    Il forte si mesce col vinto nemico,
  Col nuovo signore rimane l'antico,
  L'un popolo e l'altro sul collo vi sta.
  Dividono i servi, dividon gli armenti,
  Si posano insieme sui campi cruenti
  D'un volgo disperso che nome non ha.



CAPITOLO QUARTO

DAL PIRCHIRIANO A TORINO


I.

SANT'AMBROGIO.

--Sì signori, se la Sagra di San Michele si murò sul monte Pirchiriano
lo dobbiamo ad un miracolo.

--Ed ove invece doveva murarsi?

--In cima a quest'altro monte che gli sta a riscontro, e che chiamiamo
il _Picco di Celle_.

--Oh! narrate, di grazia, come avvenne il miracolo.

--Ecco. La Sagra, come dissi, aveva ad innalzarsi nel Caprasio, sul
Picco di Celle; ma i maestri muratori avendo quasi lavorato tutto il
primo giorno per piantare le prime fondamenta, tornati il dì dopo per
proseguire l'opera, più non trovarono traccia dei lavori del giorno
innanzi. Pietre, mattoni, sabbia, calce, attrezzi, tutto era sparito!

--Oh!

--Allora l'architetto fece ricominciare il muramento con nuovi
materiali e nuovi strumenti, e venuta la notte, ordinò che gli operai
dormissero tutti quanti sul lavoro. E così fu fatto. I maestri muratori
colla cazzuola e il martello in mano, si coricarono quali sur un
mucchio di sabbia e quali sui muri stessi; e i falegnami si sdraiarono
lunghi e distesi, chi sulle travi e chi sui loro banchi, impugnando una
sega, una pialla, e via dicendo.

--E la mattina seguente?

--Destati alla dimane, invece di trovarsi sul Picco di Celle, si
trovarono sul monte Pirchiriano in quella medesima positura, in cui si
erano addormentati la sera.

--Possibile!....

--Qual cosa è impossibile a Dio?

--Avete ragione.

--Io vi ho narrato il miracolo così alla grossa, ma saliti alla Sagra,
troverete nella chiesa, nel coro antico dei PP. Benedettini, una
pittura che vi spiegherà tutto ciò per minuto.--

Questo dialogo io raccoglieva nel borgo di Sant'Ambrogio, un mattino di
settembre del 1854, mentre stavo aspettando una cavalcatura per salire
alla Sagra; e fui ben lieto di cominciare con sì buoni auspici la pia
pellegrinazione.

Ogni angolo del mondo ha qualche cosa meritevole di ammirazione.
Ne ha pure il modesto borgo di S. Ambrogio, che è cinto di mura
diroccate, conta 1400 abitanti, sparsi in tre quartieri, divisi un
tempo da tre archi, ora caduti. Ebbe tre torri, e ne rimangono due;
e la sua chiesa parrocchiale serba in onore le ceneri del santo
patrono, Giovanni Vincenzo di Ravenna, ed arcivescovo della città
natale, stando alle notizie dei due antichi breviari in pergamena, con
miniature, conservati gelosamente nell'archivio parrocchiale. I due
breviari precedono il secolo decimoquarto, non però il mille duecento
e sessanta, quando Papa Urbano IV stabiliva l'officiatura e la festa
del _Corpus Domini_, indicata in que' codici che cominciano così: _In
nomine Domini, amen_.--_Incipit breviarium secundum consuetudinem
monasterii Sancti Michaelis de Clusa_.

Queste cose mi diede a vedere con molta cortesia Giambattista Morelli,
dal 1832 prevosto di quella parrocchia, de' più autorevoli ed eloquenti
sacerdoti in Val di Susa.


II.

LA SAGRA DI S. MICHELE.

A dieci miglia da Torino, nella Valle della Dora, a guisa di promontôri
irti e scabri, sorgono due monti, Pirchiriano e Caprasio, che separati
dalle acque del fiume si guardano davvicino fra mezzodì e tramontana,
come se da potenza misteriosa dovessero venir congiunti per impedire
all'avido straniero l'entrata in Italia. I due monti abbondano di
leggende, e specialmente il Pirchiriano per la famosa Badìa che
gl'incorona il capo, già abitata da monaci Benedettini, ed ora da preti
Rosminiani, uno de' quali mi è stato benevola guida al salire.

Quel Rosminiano, Clemente di nome, avea in cervello tutte quante le
cronache e tradizioni del Pirchiriano e de' luoghi circostanti, e mi
aperse i tesori della sua erudizione.

--Sino dal secolo nono dell'êra cristiana, egli mi diceva, le
nostre giogaie furono abitate da penitenti cenobiti, che sulle cime
di questo monte costruirono un oratorio all'Arcangelo S. Michele.
Invitato sullo scorcio del decimo secolo a consacrare l'oratorio,
venne Amisone vescovo di Torino. Si narra, che nella notte precedente
alla consacrazione, a lui ed ai molti del suo seguito dormenti in
Avigliana apparisse vivida luce sull'Oratorio e per le rupi del monte;
e che pieno la mente di tal visione il vescovo, giunto all'Oratorio,
incontrasse schiere luminose di angeli con insegne pontificali, e una
colomba, che scesa dal cielo volava intorno all'alpestre tempietto.
Entrato nella chiesuola vide i candelabri per prodigio accesi, e il
pavimento sparso di cenere, e su le pareti le croci stillanti di olio,
e l'altare eretto dagli angeli tutto fragrante di balsamo e d'incenso
e radioso di luce sovrumana. Allora il buon vescovo si chiarì che il
tempietto di S. Michele era stato già dagli angeli consacrato, ond'egli
ne rese grazie a Dio, offerendogli il santo sacrificio della messa su
l'altare taumaturgico.

--Voi davvero mi narrate mirabili cose, io lo interruppi: ma da qual
fonte mai traeste codeste memorie?

--Non v'ha alcun dubbio intorno alla consacrazione degli angeli,
ripigliò il prete Clemente: ne parlano con fede la Cronaca Clusina e
la Malleacense, e l'Ughelli ed Agostino della Chiesa e il Terraneo ed
altri gravi scrittori la confermano; ed anzi vi aggiungerò che i devoti
della Valle qui concorrono ogni anno a celebrare il 29 maggio, giorno
del miracolo.

Ma se desiderate udire altro di questi luoghi, vi narrerò cose non meno
mirabili, che vi tempreranno le noie dell'aspra salita.

--Sì sì, proseguite, ve ne prego, io gli risposi.

--Ebbene udite. Fra i cenobiti che assistettero alla costruzione
dell'Oratorio di S. Michele vuolsi ricordare il santo romito di
Ravenna, Giovanni Vincenzo. Il bravo prevosto di S. Ambrogio vi avrà
fatto leggere nei codici membranacei dell'archivio parrocchiale, che
Giovanni, essendo arcivescovo di Ravenna, nel conferire la cresima
dimenticò il fanciullo di una povera vedova, il quale morì senza il
sacramento della confermazione. L'arcivescovo ne fu addolorato, e colla
preghiera ottenne da Dio la risurrezione del fanciullo, onde lo potè
rendere, subito cresimato, alla madre. Salito in fama di santo per
così segnalato miracolo, a fuggire le tentazioni della vanità, lasciò
il seggio episcopale e si chiuse nella solitudine delle Alpi. Visse
penitente sul Caprasio e poi tramutossi al Pirchiriano fra i cenobiti
di S. Michele. Vien tuttavia ricordato sul Caprasio da una cappella
alla B. Vergine, ch'egli eresse, e lo ricordano le sue spoglie mortali
venerate nella chiesa di Sant'Ambrogio. Ma la più splendida memoria di
lui è la Badìa, di cui lassù appariscono le rovine, che fu edificata
col suo consiglio e patrocinio.

A que' tempi fu veduto salire per questi greppi un francese di grande
autorità, Ugone di Montboissier, gentiluomo dell'Alvernia, detto lo
_Scucito_. Avea seco la sposa Isengarda e sèguito numeroso; e veniva
da Roma, dove erasi prostrato innanzi alla tomba degli Apostoli ad
invocare dalla Chiesa perdono di gravi peccati. La Chiesa gli perdonò,
ingiungendogli a penitenza, o di vivere sette anni esule dalla patria,
o di edificare sulle Alpi un monistero.

--Edificherò un monistero--egli disse; e secondando la voce del cielo,
ed animato da angeli apparsigli in sogno, venne fra queste Alpi, e
andò sul Pirchiriano a richiedere di consiglio il romito Giovanni.
Lascio nella loro integrità le pie tradizioni del luogo, per cui vi
dirò che il signore d'Alvernia, giunto a questi dirupi, franto dai
disagi delle salite e bisognevole di ristoro per sè e i suoi, aveva
soltanto un'ampollina di vino, che però benedetta dal romito Giovanni
si converti in vena inesauribile da dissetare la stanca compagnia.

Ugone d'Alvernia a tale prodigio sempre più si accese nella
deliberazione di erigere il promesso monistero presso il miracoloso
Oratorio, spendendo in tale impresa i molti suoi tesori,
coll'assistenza del romito Giovanni, e coll'assenso di Arduino marchese
d'Ivrea, dipoi re d'Italia, sedente allora nel castello d'Avigliana.

Sorse infatti sul finire del decimo secolo, o nei primi anni
dell'undecimo il magnifico monistero, che _Abbazia della Stella_
fu nominato, ed _Abbazia di S. Michele della Chiusa_ dallo storico
paesello alle falde occidentali del monte, e più comunemente per
antonomasia la _Sagra di S. Michele_.

Papa Silvestro II, compiacendo al vescovo Amisone, fu largo di
privilegi alla Badìa di S. Michele che, per le donazioni de' fedeli
cresciuta di ricchezze, colla preghiera e coll'opera de' suoi trecento
monaci Benedettini si segnalò per santità e dottrina fra le quattro
prime badìe d'Italia, emula delle più cospicue nella cristianità.--

Mentre queste e simili altre cose mi andava raccontando il prete
Rosminiano, io non soddisfatto della cavalcatura salivo a piedi,
soffermandomi di tanto in tanto a guardare i pittoreschi dintorni, e
pensavo che gli scrittori di que' luoghi farebbero meglio a distinguere
la schietta storia dalle vane leggende, che ad accozzare un indigesto
ammasso d'incondita erudizione, come fece l'Avogadro nella sua _Storia
dell'Abbazia di S. Michele_[23], per cui si direbbe ch'egli fosse un
cronista de' tempi barbari, anzi che uno storico nella piena luce del
secolo XIX.


III.

Dopo un'ora e mezzo di aspro cammino fra selve di castagni giungemmo
alle cime del monte; e quivi su d'uno spianato vidi gli avanzi di un
piccolo edifizio ottangolare, antico sepolcro de' monaci, di maniera
moresca nelle nicchie e finestruole. Passando oltre, avrei immaginato
di appressarmi alla fantastica dimora delle fate, se già non avessi
saputo di trovarmi in cospetto alle gigantesche mura della Badìa,
in parte risparmiate dal tempo a testimoniare l'ardire dei primi
edificatori di tanta mole, monumento bizzarro e massiccio, monastico e
feudale, su gli acuti vertici del Pirchiriano.

Trasportiamoci col pensiero sulle Alpi, quando incerti e male agevoli
erano i passi chiusi da foltissime selve, e temuti castelli facevano
paura ai minacciati viandanti. Il popolo facile per l'indole sua a
dar fede al maraviglioso, vedendo sul Pirchiriano sorgere l'edificio
di colossale struttura, con ponti levatoi, torri e bastite, dedicato
all'Arcangelo Michele, nella sua ingenua ignoranza reputandolo
superiore all'industria umana, lo avrà facilmente creduto lavoro de'
celesti, origine alle leggende e alle frequenti visioni.


IV.

Entrato per una porta coperta di ferro e salendo per tortuosa via fra
acacie e ginepri virginiani e per diversi ordini di scale, giunsi ad
altra porta che mette nel cenobio.

Le reliquie di antichi dipinti, le grigie pietre quadrangolari bene
commesse, e i due pilastri su cui poggia l'arco della porta a tutto
sesto, i bizzarri loro capitelli con leoni nei tre lati rozzamente
scolpiti, gli uni addossati agli altri e avviticchiati nelle code,
imprimono nell'alta facciata del monistero una cupa severità, sì che
nell'ingresso del chiostro ci si presenta l'immagine veneranda e temuta
del vecchio abate con pastorale e spada. Ma nel prossimo terrazzo
l'anima del pellegrino viene rallegrata dalla varia ed amena vista di
gioghi e valli, torri, paesi ed acque. Due volte in quel terrazzo vidi
sorgere il sole dal _Musinè_ e irradiare il vicino monte _Pelato_, così
detto dalle cime spoglie di alberi, e il Caprasio santificato dalle
benedizioni del Romito di Ravenna, e la Valle Rubiana fra il Caprasio
e il Pelato. E più lunge io vedeva illuminarsi i ridenti ed impomati
colli che, altieri della funerale basilica di Soperga, ad oriente
incoronano la vetusta metropoli dei Subalpini; e nella sottoposta valle
fra il Pirchiriano e il Caprasio, solcata dalla strada di ferro, fra
tanta varietà di luoghi io salutava tutta sfavillante di luce la Dora
Riparia che a vasti piani è dispensiera di vita, avvegnachè talvolta
soverchiante d'acque rompa gli argini, e impetuosa divori le gioconde
speranze dell'agricoltore.

--Oh! quanto diverso sarà stato l'aspetto di questa valle della Dora,
quando il sistema feudale copriva i gioghi circostanti di castella, e
multiformi signorie opprimevano le genti! (io esclamai la prima volta
che il Rosminiano mi condusse al terrazzo, sul limitare della Badìa).

--Ben vi apponete, egli mi rispondeva: gagliardi baroni se ne
dividevano il dominio, e l'abate della Sagra di S. Michele era de' più
autorevoli, cinto dal potente clero e dagli armigeri, sicuro nelle
vigili mura della colossale Badìa, e tenendo in soggezione i molti
vassalli eziandio col castello a cavaliere di S. Ambrogio, del quale
vedeste non ha guari i cadenti merli. A lui obbedivano cento e quaranta
fra badìe e chiese, ed egli, vestendo corazza e stola, benediceva la
potestà laicale, beata nella virtù del sacerdozio.--


V.

In seguito il prete Clemente mi diede altre singolari notizie, per le
quali la società del medio evo mi si presentò non beata, come parve
al Rosminiano, ma afflitta da contendenti signorie, che non di rado
tinsero d'umano sangue le acque della Dora.

Gettandomi colla mente nel labirinto delle giurisdizioni feudali,
ricordai i principali signori di quei dintorni, ed ora noto i nomi di
parecchi, che appresi dal conte Cibrario, tanto benevolo all'autore di
queste pagine.

I Provana con titolo comitale ebbero in signoria Almese ed Alpignano,
e il contado di Caselette fu dei Cauda, poi dei Cays, e quello di
Chianocco appartenne ai Grossi ed ai Carignani, e dei Tomatis fu il
castello di Chiusa. Chiavrie era dei Somis, che diedero alle lettere
italiane un conte, dottissimo filologo, ed Exilles fu dato ai Bertola,
de' quali primo conte fu il celebre Antonio, ingegnere, che costrusse
le difese di Torino nel 1706. Gli Agnes furono conti di Fénil, di
Rosta i Carron, i Niger lo erano di Oulx, di Foresto i Vivalda, e di
Val della Torre i Caselette. Di Rubiana erano conti i Chiavarina,
di S. Antonino i Pullini, che ebbero un abate, economo generale,
ricordato per un bel museo da lui raccolto, ed ebbero un cardinale i
Bottiglia conti di Savoulx. Marchesi di Frassinere furono i Bonaudi,
e di Giaglione i Ripa, e i Groppello conti di Borgone vantarono un
celebre uomo di Stato, cui son dovute le principali riforme economiche
di Vittorio Amedeo II. Il feudo di Trana fu dei Gastaldi, Orsini e
Gromis. Villarsamarco era feudo dei Mistrotti, e quello di Villarbasso
fu degli Ambrosii, d'Angennes, Mistrotti; Pianezza appartenne al conte
Martinengo nel secolo XVI; dipoi fu marchesato di donna Matilda di
Savoia e de' discendenti da lei; e Reano era contado dei principi del
Pozzo della Cisterna, dai quali riconosce la costruzione della gotica
chiesa parrocchiale, adorna di bei dipinti. Giaveno fu della Badia di
S. Michele, poi feudo di Brichanteau; e i Bertrand di Monmegliano,
potenti e prepotenti baroni, cagione di molti travagli agli abati di
S. Michele, furono conti del memorabile castello di Brusolo, ove nel
1610 seguì tra il Piemonte e la Francia il trattato, pel quale Enrico
IV prometteva a Carlo Emanuele I la Lombardia, alto disegno rotto in
allora dal pugnale di Ravagliacco, ma ricomposto e adempiuto ai dì
nostri col trionfo del sangue latino. Baratonia fin dal mille fu capo
di un viscontado, ed Avigliana ebbe a signori i Carron marchesi di
Santommaso, famiglia che vantò nei secoli XVII e XVIII tre generazioni
di ministri, e da ultimo il marchese Felice, storico di nobile ingegno
e d'indole preclara.

A questi nomi dovremmo aggiungere altri molti di vescovi ed abati, onde
organavasi in Val di Susa il consorzio feudale, frastagliato di tante e
sì diverse giurisdizioni, che inceppavano il commercio e le industrie
ed impedivano lo svolgimento del vivere libero e civile.


VI.

Che strano e disonesto brulichìo di baroni contendenti e contristati
vassalli! Il medio evo fu il barbaro trionfo dell'ignoranza armata.
Il disordine di que' tempi vien significato dall'istessa irregolare
costruzione dell'edifizio, foggiata negl'irregolari picchi del monte;
ed io lo vedeva espresso eziandio nelle strane figure intorno ai
capitelli ed alle basi così delle ritte che delle ritorte colonne,
miscuglio di arte romana e gotica, fatto più bizzarro dai ristauri di
età posteriori. Visitiamo la Badìa a parte a parte. Facciamoci intorno
all'enorme pilastro che ricorda quelli d'Egitto, e regge le vôlte
principali dell'edifizio; saliamo e scendiamo nei tortuosi angusti
andirivieni del monistero, per le alte scale intagliate nella roccia,
sotto gli archi della chiesa, de' corridoi e delle grotte, qui fra
lapidi impresse di gotici segni e di stemmi gentilizii, là fra teschi
accatastati e fra cadaveri ritti entro nicchie, semicoperti da cenci,
ed abbracciati alla croce, mummificati dal vento del Moncenisio, che
perpetuo percuote quelle vette; e fra tanto sacro orrore sentiremo
nell'animo il peso dei tempi feudali.

Che dirò d'una sera che, rischiarato da fiaccole per l'ampia scalinata,
fra sepolcri e scheletri tornai ad affacciarmi alla mirabile porta del
vestibolo, per cui si sale al tempio? Colonnette di marmo a diversi
colori, attortigliate, cilindriche, ottangolari con base e capitello
di varia foggia reggono quella singolar porta a tutto sesto, adorna di
fregi e meandri in basso rilievo intagliati con ogni sorta di vezzi
e fiori intrecciati, e coi dodici segni del zodiaco ne' pilastri. Ai
quattro angoli d'una base di colonna sono scolpiti quattro grifoni, e
ai quattro angoli d'un'altra base quattro leoni, di cui l'uno morde la
coda all'altro. In un capitello sono raffigurate aquile, che afferrano
un cerchio, in altri veggonsi uomini furibondi che si accapigliano, e
serpenti che si avviticchiano ai martoriati, lor dando di morso, come
i serpenti punitori dei ladri nell'inferno dantesco. Che più? Uno de'
capitelli rappresenta Caino in atto di uccidere Abele, e in un altro
si vede Sansone scrollante le colonne del tempio. Io riguardava pieno
di stupore. La luce delle fiaccole balenava nelle mummie, nelle lapidi
e nelle simboliche figure delle colonne; ed io andava fantasticando
che mai significare potesse quella gran porta abaziale. Qual fosse
il concetto dell'artista del medio evo non saprei dire; ma io poeta
nelle sculture della porta immaginai rappresentate le discordie e le
prepotenze della barbarie; e vidi il Caino del feudalismo che prostrava
il misero popolo, l'Abele della borgata; e nel Sansone caduto fra le
rovine del tempio de' Filistei io vedeva il feudalismo sfasciarsi fra i
combattuti castelli e le ire dei vassalli.


VII.

In mezzo ai terrori del medio evo non di rado i monisteri furono asilo
di pace e di santità, e sede nobilissima della scienza. Tale fu quello
di S. Michele della Chiusa. Basti ricordare i preclari uomini che lo
fondarono, governarono e protessero, e tosto all'ingresso del cenobio
voi vedrete svolgersi ricca di splendori la storia di dieci secoli,
da Arduino il generoso e sventurato re d'Italia, lontana imagine di
Carlo Alberto, al monarca Vittorio Emanuele II, che l'uno e l'altro
vendicando, alla trionfante nostra Penisola restituì più splendida e
sicura la regal corona dei marchesi d'Ivrea.

Sedendo su gli scaglioni della roccia presso la porta simbolica del
medio evo, nell'ora vespertina, io vidi aprirmisi lo storico volume di
un millennio. Risorti nella mia mente agitata dalla maestà del luogo e
dall'ora conveniente alle meditazioni salivano per que' scaglioni, e
per la porta misteriosa entravano nel tempio uomini di grande autorità.

Saliva il magnanimo marchese Arduino, accompagnato dal fondatore e
dal primo abate del monistero, Ugone e Adverto; e li seguivano il
beato Giovanni di Ravenna, ed Amisone, vescovo di Torino. Salivano gli
abati Benedetto il Seniore e il Giuniore, e con essi l'Ildebrando, il
restitutore della libertà alla Chiesa e combattitore delle superbie e
simonie imperiali del tedesco Enrico IV. Santo Anselmo, l'arcivescovo
di Cantorbery, congiunto di sangue coi principi di Savoia, e il
venerabile cardinale Pier Damiani salivano ragionando insieme della
fede, della ragione, della scolastica e del ristauramento della
ecclesiastica disciplina. Il beato Umberto III saliva accompagnato dal
suo diletto monaco Antoniano Giovanni Gerson, che gli andava recitando
alcuni versetti del suo libro _De imitatione Christi_. In seguito nella
chiesa odorosa d'incenso e sonante di cantici io vedeva affollarsi
lunghe schiere di monaci venerati, e famosi principi, fra i quali
Eugenio di Savoia, abate commendatario della Sagra, prima di essere
il vindice capitano delle milizie subalpine, e l'immortale Giacinto
Gerdil, precettore di Carlo Emanuele IV, l'ultimo abate, quando allo
scorcio del secolo passato la Rivoluzione francese abbatteva il vecchio
edifizio sociale per ringiovanirlo.

La mia mente non riposava, ed ultimo vedeva salire il glorioso
martire dell'indipendenza italiana, re Carlo Alberto, che tornò in
onore la deserta Abazia, e fece rivivere quello stupendo monumento di
antichità cristiana. Egli mi apparve accompagnato dal sommo filosofo
Rosmini-Serbati, al cui sodalizio della Carità affidò la cura della
risorta Abazia, divenuta, come Superga ed Altacomba, sepoltura dei
principi della R. Casa di Savoia.


VIII.

Il monastero, tanto ammirevole e fantastico nella porta poco anzi
descritta, non è del pari nell'interno della chiesa: la quale
ristaurata più volte, è disforme dalla bellezza delle porte d'ingresso.
Ha tre navate, di stile gotico le laterali, di stile romano quella
di mezzo, sorrette da grandi colonne ricche di fregi, fra i quali
leggonsi lettere Carlovingiche. Sono da osservare alcuni buoni dipinti
e l'altare maggiore; un monumento romano con pie sculture dedicato
da Servio Clemente alla memoria de' suoi genitori e della moglie, e
il bellissimo mausoleo d'un abate, probabilmente Guglielmo d'Acaia,
effigiato in pietra, e steso sotto un baldacchino fra quattro colonne.

Per una piccola porta dalla chiesa si discende nell'angusto vestibolo
dell'ipogeo, già umile dimora al romito Giovanni di Ravenna. Le spoglie
mortali dei Principi di Savoia, tumulate nella Metropolitana torinese,
furono nell'anno 1836 da Re Carlo Alberto fatte trasportare alla Sagra
di S. Michele e deporre nella chiesa ai lati dell'altar maggiore; e
nell'anno 1856 per ordine di Re Vittorio Emanuele II vennero composte
con ogni onoranza in distinti avelli nella sotterranea cella di San
Giovanni, illustrati dal conte Luigi Cibrario con latine epigrafi, che
sono la concisa ed elegante storia dei sepolti e del trasferimento
delle loro ossa. Gl'Italiani salutano riverenti le ceneri de' Principi
Sabaudi, e sulle loro tombe suona continua la preghiera dei sacerdoti
Rosminiani.


IX.

I ROSMINIANI.

Il sodalizio della Carità fondato dal Rosmini, ed approvato dalla
Chiesa l'anno 1839, sarebbe de' più possenti nella cristianità, qualora
simili instituti fossero ancor piante da rifiorire ai dì nostri.

I Rosminiani non sono nè monaci nè frati, ma sacerdoti regolari che
possono dedicarsi alla vita contemplativa, e, chiamati, applicarsi alle
missioni ed agli spedali, all'aiuto de' parrochi, all'educazione del
popolo, insomma al più ampio esercizio della carità. E perchè nessuna
legge circa i beni ecclesiastici potesse pregiudicarli, accortamente
il Rosmini ordinava che il sodalizio della Carità fosse congregazione
di privati sacerdoti, ciascheduno dei quali vive del proprio. Finchè
vien tutelata la proprietà dei cittadini, sarà pure inviolata quella
dei sacerdoti Rosminiani, i quali sono poi tra loro vincolati a dare
ciascuno le loro rendite all'istituto e vivere insieme.

--E quando alcuno di voi cessi di vivere, a chi spetteranno i suoi
beni? domandai ad un Rosminiano.

--Egli avrà testato in favore d'un altro Rosminiano.

--E se l'erede si scioglie dai patti rosminiani ed abbandona la casa
della Carità?

--Lo potrà fare, ma pensi alla sua coscienza.

Niccolò Tommaseo nel settimo anniversario dalla morte di Antonio
Rosmini così parlò dello _Spirito della sua istituzione_. «Una delle
prove del noviziato era l'assistenza agli infermi per lo spazio d'un
mese almeno. E il Rosmini intendeva fondare un collegio di medici,
per rendere filosofica insieme e religiosa la scienza, da tanti fatta
men che mestiere. Il suo Istituto ammette coadiutori nelle arti
meccaniche; così come ingiunge le missioni lontane: ed egli, stendendo
alla grande regione dell'India il suo pensiero, desiderava trovare
uomini che s'addentrassero nella filosofia de' Bramani per guadagnarli
alla verità con l'aiuto della civiltà loro propria, intanto che
altri per vigore di carità solleverebbero dalla natìa depressione i
poveri Paria. Voleva imparassersi le lingue de' vari paesi; e in ogni
cosa e luogo trattassesi principalmente con coloro da cui si possa
imparare. Richiedeva l'esercizio del dire improvviso, non solamente
per predicare, ma e pe' colloquii e per le scuole: le quali apriva e
festive e notturne a uso dei poveri; e a' maestri degli elementi dava
per protettore il Calasanzio; e diceva che dovess'egli accettare una
cattedra, la pedagogia presceglierebbe alla stessa filosofia. Scelta
insieme e umile e sapiente».

Il sodalizio della Carità, più che fra noi, è diffuso in Inghilterra
e vien rispettato da quanti ne conoscono i seguaci. Io ne conobbi
parecchi, che nobilmente operano e pregano su le rive del Verbano
presso il sepolcro del loro celebre fondatore, e sul Pirchiriano
intorno ai sepolcri dei Principi Sabaudi.

Quelli della Sagra di S. Michele insegnano gli elementi delle lettere
ai poveri fanciulli del villaggio di S. Pietro, provvedendoli di libri
e di pane, ed aiutano i parrochi dei paesi circostanti nell'evangelico
ministero. Accompagnandomi intorno alla Badìa mi ricordavano gli
antichi monaci dissodatori d'incolti terreni. Anche i Rosminiani
convertirono ermi luoghi in ameni pensili giardini, ricreati da
frequenti zampilli di acque ed allietati da rose, mirti ed allori, da
platani, cedri e quercie, e da vigneti, che sospendono i loro grappoli
fra l'edera di negre roccie, ed attestano il vigore della vita innanzi
a caverne, crani e croci.


X.

LA BELL'ALDA.

Il prete Clemente dai ridenti giardini riconducendomi ai malinconici
corridoi della Badìa, mi trasse al vecchio coro dei monaci benedettini,
ora squallido e muto, e su d'una parete mi additò rozzamente dipinta la
fondazione del monastero secondo la leggenda popolare. Dipoi, passando
per l'andito, dove entro una cappella ammirasi Maria bellamente dipinta
su tavola del Macrino d'Alba, mi condusse alle rovine dell'antica
grandiosa dimora dei trecento monaci. Alla splendidezza dell'opulenta
Badìa succedette lo squallore e il silenzio della morte tra frantumi di
colonne, d'archi acuti e di capitelli. Accresce orridezza alle confuse
macerie verso tramontana un profondo precipizio, innanzi a cui il prete
Clemente mi disse:

--Qui si racconta una storia di lagrime. Leggiadra e desiderata
fanciulla, detta Bell'Alda, per sottrarsi alle insidie d'un seduttore
che la inseguiva, invocò l'aiuto di Maria, e leggiera come piuma di
colomba spiccando un salto da questo vertice, illesa toccò il fondo
dell'irto precipizio; ma Alda invanitasi di prova così felice, ne fece
un secondo con diversa fortuna: restò morta giù negli spaventosi dirupi!


XI.

DUE SALTI.

Due salti di donna sono famosi nelle tradizioni e nei canti di Grecia
e d'Italia. Ricordato dai Greci è tuttodì il salto di Saffo, e
gl'italiani lamentano il salto di Alda.

Visitai sul promontorio di Leucade le rovine del tempio di Apolline,
dove la tradita poetessa di Lesbo mise l'ultimo lamento contro
l'ingrato Faone, prima di gettarsi disperatamente nelle acque
dell'Ionio. A pochi passi di là, nel deserto monastero di Santo
Nicola, presso piccolo giardino, una chiesuola e i rozzi sepolcri
di due vescovi, mi fu aperta la cella in cui visse austeramente la
pia Susanna, che morta venne sepolta col capo appoggiato al tronco
dell'arancio, che la romita piantò di sua mano all'ingresso di
quell'umile asilo.

Colà il vecchio monaco Cipriano, che contava cento e più anni di vita,
m'imbandiva frugal mensa, benedicendola colla tremebonda sua destra.
Dipoi, tornato al muto delubro di Apolline, colsi fra le rovine una
viola che, sebbene arida, è per me tuttavia piena di vita; e la serbo
nelle pagine di Grecia a ricordanza dell'isola ospitale che m'ebbe
tre mesi infermo per grave frattura toccatami al piede sinistro, nel
saltare da una barca sul lido prossimo al promontorio, infausto ai
poeti dell'uno e dell'altro sesso. La serbo a ricordo della infelice
donna miseramente tradita in amore, ed a memoria del Leucadio
Aristotile Valaoriti, ch'empie de' suoi mirabili versi l'isola materna
e tutta Grecia.

Presso il luogo del salto di Alda, come presso quello del salto
di Saffo trovai grotte di antichi romiti e l'ospitalità di uomini
solitari. Incontrai inoltre una bionda giovane Britanna, che insieme
colla sua famiglia era andata nel vicino villaggio di Ranverso a
piangere un amato fratello nella casa ove era morto. La desolata
sorella, salita alle balze di Alda, si assise sotto un albero secolare,
e mentre fissava i molti fiori da lei raccolti per quelle rupi, io vidi
ad un tratto serenarsi il turbato volto della donzella, che sorridendo
mi disse:

--Poeta, anche questi fiori appassiranno fra breve, ma nella primavera
risorgeranno.--E sì dicendo guardò amorosamente il cielo, come se lassù
nell'eterna primavera vedesse risorto il fiore degli affetti suoi, il
perduto fratello.

Uno dei fiori caduti di mano alla donzella fu raccolto nelle pagine
della Dora, e mi ricorda il lutto della Britanna, il salto di Alda e
l'amorevole ospitalità dei Rosminiani, che spesso con filiale riverenza
mi parlavano del sapiente loro institutore.


XII.

Il promontorio di Leucade e il Pirchiriano hanno in sè tante e sì
diverse memorie di Grecia e d'Italia, che non saprebbesi ben dire se
appartengano più al cielo o alla terra.

Chi desidera udire i casi di Salto, ricordati ai dì nostri con sublime
dolore, li cerchi nei canti di Leopardi e Lamartine e nelle musiche del
Pacini. Nelle loro pietose armonie troverà significata con verità di
estri la poetessa di Mitilene.

E chi volesse conoscere vivamente descritte le venture di Alda, si
piaccia di cercarle nelle opere di Massimo d'Azeglio e Cesare Balbo.
Ed io volli indagare, come dalla tradizione alpigiana pigliassero
argomento alle loro pagine que' due Piemontesi, gloria della
letteratura e politica italiana.


XIII.

CESARE BALBO E MASSIMO D'AZEGLIO.

Cesare Balbo in una delle sue novelle narrate da un maestro di scuola
racconta il caso della _Bella Alda_, innestando qualche cosa di suo
alla leggenda[24]. Suppone accaduto il tristo caso verso il 1200 o
1300, _al tempo d'una delle discese de' Francesi per la Comba di
Susa_; e imagina che soldati di Francia tentino la onestà di Alda e la
costringano a precipitarsi giù per i dirupi del Pirchiriano.

Per tal guisa lo scrittore prende occasione a rimproverare la baldanza
de' Francesi, e lamenta l'oltraggio che spesso a noi fanno i temerari
stranieri.

Massimo d'Azeglio, poeta e pittore[25], inventa i casi del monaco
Arnaldo, e splendidamente narrando e ritraendo le tradizioni e le
pittoresche veduto della Badìa, mette in bocca al monaco il racconto,
e gli fa dire che il caso di Alda sia avvenuto ai tempi di Federico
Barbarossa, quando gli Imperiali scorrazzavano audacemente in quella
valle, ponendo a sacco e distruggendo Susa, Avigliana e tutte le
circostanti castella, indignati di Umberto III, Conte di Savoia, che di
animo guelfo teneva per il Papa. Le quali cose egli narrando ne accende
di sdegno contro i nemici, che ci vengono da Lamagna.

In quanto all'essersi Alda insuperbita del miracolo e l'aver fatto un
secondo salto onde morì, il D'Azeglio scusa la stranezza del racconto
dicendo: «Ha sete sempre l'animo nostro di maraviglie, nè trovandole
vicine, le cerca nel remoto passato e nel tenebroso avvenire».

Il Balbo invece osserva: «Non approvati mai dalla Chiesa, ma esercitati
sovente anche coll'autorità di alcuni ecclesiastici, erano appunto
quelli che si chiamavano Giudizi, ma furono vere tentazioni di Dio.
Quindi è che si potrebbe dire, che domandando giustizia e riparazione
l'Abate e negandola i Francesi, e il principal argomento del primo
essendo l'asserire il miracolo e dei secondi il negarlo, venissero
poi gli uni e gli altri al compromesso di volerlo far rifare, e la
fanciulla, inclinata alquanto a vanità, vi si lasciasse persuadere».


XIV.

DUE LAGHI.

Un altro subalpino, lodato scrittore di storie, Domenico Carutti, in
un libro di racconti[26] celebrò la Sagra di San Michele e i suoi
dintorni, ed io li ricordai scendendo, verso la parte meridionale della
Badìa, ai due laghi di Avigliana da lui descritti con brio ed eleganza.

Breve istmo selvoso separa i due laghi; quello chiamato della _Madonna_
ha sessanta mila metri quadrati di superficie, e ne ha trentadue mila
e cinquecento l'altro denominato da San _Bartolomeo_. Il lago della
Madonna per un canale versa le sue acque nell'altro.

Sulle rive s'incontrano casolari pescherecci, e quelle acque bagnano le
falde a verdi ridenti colli, dietro ai quali biancheggiano di neve le
alte giogaie delle Alpi.

Giunto alle rive del maggiore dei laghi, pregai un pescatore che nella
sua barca mi traghettasse alla riva opposta, appiè del convento dei PP.
Cappuccini. Quel pescatore pallido e gramo, benchè giovane, mi accolse
volentieri nel suo navicello e mi fece sedere presso la rete, che gli
aveva procacciato abbondante pescagione, ed agitando i due remi si pose
a vogare, traendo affannosamente frequenti sospiri.

--Mi sembrate di cattivo umore, gli dissi; eppure dovreste sorridere al
lago della Madonna, che vi dà gran copia di anguille, di tinche e di
trote.

--Oh! Vossignoria non conosce bene questi luoghi, mi rispose: qui
nato, qui vivo di crucci; e mi costa molte pene questa pesca. Qui si
scontano i peccati dei nostri padri: dove ora veggonsi i laghi sorgeva
l'antica Avigliana.

Si narra che gli abitanti fossero di mala vita, e che rifiutassero
gli atti della carità cristiana verso il prossimo, anzi facessero
villanie ai poveri: Dio stesso ne fece l'esperimento. In una fredda e
nevosa giornata d'inverno, qui sul far della sera capitò un vecchio
pellegrino, stanco dal viaggio e dal digiuno. Andò di porta in porta
ad invocare per una notte ricovero e ristoro. Ebbe ripulsa da tutti,
fuorchè da una vecchierella, che gli usò carità nel breve tratto di
terra fra i due laghi, dove abitava.

Il pellegrino era nostro Signore: il dì appresso risparmiò la casa ed
il giardino della pietosa vecchierella, e punì amaramente il resto
degli abitanti, tutto subbissando in queste acque, per cui udrà spesso
ripetere ironicamente: _Viana villana per la sua bontà l'è sprofondà._

--Ma ora, io ripresi, vi dovreste confortare nella pesca abbondante e
nel vivido sorriso di questi luoghi salubri.

--Salubri! esclamò il pescatore tutto tremante per i brividi della
febbre che lo assaliva. Ella sogna davvero. M'accorgo sempre più che
per la prima volta ella visita questi luoghi. Qui l'aria è ancora
infetta dei peccati della sprofondata Avigliana: Iddio non cessò di
castigarla di qualche orrendo misfatto. In questo umido cielo, e nei
dintorni paludosi dominano le febbri, ed io ne sono spesso travagliato.
I frati pregano e benedicono le acque, ma invano; parecchi di essi sono
al pari di me travagliati dalla febbre terzana.--

Cercai di consolarlo, augurandogli abbondanza di pesci e serenità di
salute, e gratificatolo del pronto tragitto, toccai il lido innanzi al
Convento.


XV.

Quel convento dei PP. Cappuccini, sormontato da una cupola, sorge su
d'un poggio verde di cipressi, salici ed olmi; e un'alta croce di legno
gli sta d'innanzi guardiana della preghiera e della penitenza. Entro
una nicchia difesa da cancello di ferro mormora perenne fontana, le cui
acque si accolgono in petroso bacino. I villici assetati vi trovano
ristoro usando della tazza assicurata al cancello e pendente da una
catenella. Così come i Dervissi d'Oriente, i buoni frati d'Occidente
accanto al romito ospizio offrono agli stanchi pellegrini il beneficio
di acque desiderate.

Io ne bevetti con soddisfazione; e le trovai fresche e grate come
quelle che nell'Epiro attinsi alle fonti del Pindo, al di là del lago
di Giannina. Ma le acque di Avigliana non hanno, come quelle del
Pindo, la virtù vivificatrice de' carmi; perchè entrato nel Convento
per una cancellata di legno, sulle pareti del vestibolo lessi a grandi
caratteri quattro sonetti, dai quali ci è lecito argomentare che quivi
i frati dalle loro acque non attingano la poetica inspirazione.

Torcendo lo sguardo da quei quattro peccati di poesia, nel mio quaderno
presi a notare la bella veduta di quei siti pittoreschi e le cose
pregevoli del convento. Ma i frati mal sospettarono di me.

In Manfredonia, nell'antica chiesa Sipontina, mentre si facevano scavi
dispendiosi per trovare un sognato tesoro, ed io notando raccoglieva le
notizie del luogo, fui preso dal volgo per un mago francese, esperto
di nascosti tesori, e fui investito da sì indiscrete e minacciose
interrogazioni, che a liberarmi dovettero intromettersi uffiziali di
polizia, e una cospicua famiglia mi tutelò ospitalmente. Nel convento
di Avigliana i frati nel 1854 non mi credettero un mago, ma un Delegato
del Governo, andato a registrare le riposte loro ricchezze, sicchè il
Padre Vicario con modi bruschi non cessava di ripetermi:

--Nulla v'ha qui che meriti di essere notato, nulla, nulla.

--Ma pure, o molto reverendo, io gli diceva, merita di essere visitata
la chiesa del convento. È prezioso su l'altar maggiore il tabernacolo
coperto di tartaruga, preziosa la tavola in cui sono effigiati Maria
e i santi Rocco e Sebastiano. Mi permetta, ottimo Vicario, ch'io qui
rimanga ancora qualche istante ad ammirare il _Cristo in croce_ del
Caravaggio e gli altri due dipinti, che voglionsi di Lionello Spada.

I frati si avvidero dell'errore e tosto lo emendarono, illuminandomi
con due ceri l'altar maggiore, ond'io potei davvicino guardare la
Madonna, alla quale in ogni secolo si aggiunge una corona d'argento con
pompa solenne. Ne ha tre la Madonna; l'ultima le fu tributata con festa
di otto giorni nel 22 agosto del 1852.


XVI.

AVIGLIANA.

A pochi passi dal convento si entra in Avigliana, che fu turrita città
piena di popolo e di commercio, seggio del marchese Arduino e dei
Conti di Savoia, culla di Umberto II e di Amedeo VII detto il _Conte
Rosso_. Ora è borgo di tre mila abitanti, che si distende da oriente a
tramontana per le estreme pendici del monte, su cui veggonsi le rovine
del suo celebrato castello.

Nell'erbosa piazza v'ha un antico pozzo circolare a cui sogliono
attinger acqua gli Aviglianesi, e per le ripide e tortuose vie
s'incontrano torri, chiese vetuste, portici e vestigia di gotiche
costruzioni, che attestano le glorie passate collo scudo e la croce di
Savoia scolpiti in più luoghi tra i fregi de' capitelli.


XVII.

Addì tre dicembre del 1851 un eletto giovane, caldo di poesia e fior
di gentilezza, Camillo Verdi, in sul meriggio mi accompagnava fra i
deserti ruderi del vecchio castello, già segno a gravi sciagure.

Invadevano il castello le armi di Lamagna ai tempi del conte Umberto
III di Savoia, parteggiante per la Chiesa, nemico a Federico
Barbarossa; e nel 1636, comechè difesa dal presidio spagnuolo, la
rôcca di Avigliana fu assalita dai Francesi che nell'orrendo eccidio
risparmiarono una donzella piemontese, disarmati dalla rara sua
bellezza. Risorta la rôcca di Avigliana, fu nel 29 maggio del 1691
nuovamente percossa dai Francesi capitanati dal Catinat, al quale, si
racconta, una vecchierella indicasse la _Pietra-piana_, l'eminenza
donde il Generale potè con truce fortuna investire il castello, e farne
informe ammasso di rovine, per muovere dipoi al campale combattimento
della Marsaglia, ov'ebbe il bastone di maresciallo.

Rimangono del castello vôlte sotterranee e una massiccia muraglia con
tre finestre. I gufi e le nottole fanno lor nido e stridono ove un
tempo fra gli scudieri e i falconieri ferveano le virtù cavalleresche
ne' tornei, nelle caccie e negli amori dei corazzati principi e
guerrieri, e ne' canti de' trovadori, ed ove si agitavano le politiche
imprese, che per lungo ordine di vicende prepararono il concetto
rinnovatore della presente Italia.


XVIII.

Per una scala salii al sommo di que' ruderi, mentre d'intorno rideva
tranquillamente la natura. Il verde e l'azzurro e il color di porpora
splendevano nell'acque e ne' monti, e per la serena vôlta dei cieli un
venticello del Moncenisio spingeva bianche nuvolette in Lombardia.

Da quelle vette solitarie ad oriente io vedeva il prossimo ospizio di
S. Antonio di Ranverso, e più in là il castello di Rivoli, la torre di
Buttigliera e la cupola di Superga; e una grigia nebbia vivida di luce
mi segnava il corso del Po lambente le falde ai colli di Torino. Verso
la parte meridionale parevano sfavillare di perle e smeraldi i colli di
Giaveno e i due laghi, come dalla parte nordica i gioghi del Rubbione
e del Musinè e le acque della Dora; e ad occidente rividi la Sagra di
S. Michele e il Pirchiriano che mi nascondeva il varco delle Chiuse,
dilatando le sue ombre sulla Dora, e di là salutava le torri di Susa e
le nevi del Moncenisio.

Il mio compagno vedeva il brio della sua gioventù riflesso nelle cose
circostanti, per cui le stesse pannocchie di grano turco nelle case del
borgo ci parevano tappeti d'oro pendenti dalle tettoie e dai ballatoi
giù per le brune pareti. Insomma quel giorno festivo pareva un giorno
di primavera venuto a rallegrarmi fra i geli del dicembre sul monte di
Avigliana. Oh quanta vita intorno allo squallido castello, scheletro
roso dal tempo e non più curato dagli uomini!

Camillo Verdi meco ricordava il Conte Amedeo VII che, degno figlio del
Conte Verde, nacque in quel castello addì 24 febbraio 1360; e acceso di
nobile ardore declamava la ballata di Giovanni Prati, intitolata _Il
Conte Rosso_, che forse il poeta immaginò, attingendo dalla vista di
que' luoghi le felici sue inspirazioni. Scendendo dal monte volentieri
io ripeteva col Verdi:

  «O voi, che languite scorati e pensosi,
    Poeti d'Italia, dai lunghi riposi
    Sorgete una volta, sorgete a cantar.
      Tendete concordi l'orecchio devoto,
    Chè un'eco possente del tempo remoto
    Susurra sull'Alpi, passeggia sul mar».


XIX.

Ripetendo i versi del Prati, c'imbattemmo in quattro popolane dal volto
giocondo e rosato, che cantavano sedute sul dorso d'un poggio presso
il cimitero della parrocchia di Santa Maria Maggiore, la cui squilla
annunziava l'ora meridiana.

Quelle gaie donne erano l'espressione della gioventù che, inconscia
delle miserie umane, folleggia fra le macerie della morte.

Tornato altre volte in Avigliana, visitai la Chiesa parrocchiale
di Santa Maria, su cui rosseggia l'acuto antico campanile. Un buon
vecchio, sagrestano da trent'anni, mi additò in una cappella la Madonna
effigiata in tavola da Macrino d'Alba, e facendomi osservare i due
biondi angioletti appiè della Vergine irradiati di celestiale bellezza,
dicevami che un Inglese avea profferto dieci mila lire per quel quadro.

Forse qualcuno de' nostri filantropi ed economisti avrebbe detto a quel
sagrestano, custode amoroso della patria arte cristiana: Perchè non
permettere che il quadro del Macrino viaggiasse per Inghilterra, ed
accettare in cambio le dieci mila lire? Con quella pecunia il Curato
avrebbe potuto degnamente onorare il cimitero della parrocchia, che,
povero di croci e di lapidi, pare un cimitero di scettici, e mal difeso
da basso e rustico muricciuolo, sta a cavaliere della parte del paese
detta il _Borgo vecchio_.

A dir vero, per poco che il monte franasse, o qualche valanga di nevi
giù rotolasse, nelle lunghe serate d'inverno, mentre le famiglie de'
villici intorno ai loro focolari novellano di streghe e spettri, non
istupirei di udire un dì o l'altro, che i morti di Avigliana per i
fumaiuoli e le finestre fossero entrati nelle case impaurite dei vivi.

I creatori di leggende aspettano per la fortuna de' loro versi qualche
simile accidente dal cimitero aviglianese.


XX.

Visitai pure la bella chiesa parrocchiale di S. Giovanni ristaurata nel
1846, nella cui facciata di stile gotico è figurato un gigantesco San
Cristoforo. Colonnette di mattoni rossi, con simboli de' vangelisti e
la croce di Savoia scolpiti nei due bizzarri capitelli reggono l'arco
a sesto acuto della porta d'ingresso. Nel vano dell'arco è dipinta
Maria col divin Figlio e angioletti con musicali strumenti. Nell'atrio
veggonsi antichi affreschi: entro la chiesa un pulpito di legno di
noce bene intagliato, e la mirabile tela in cui Gaudenzio Ferrari
ritrasse la Sacra Famiglia fra i martiri Crispino e Crispiniano, cogli
arnesi dell'arte del calzolaio, e segnando appiè del dipinto l'anno
MDXXXV. Una tela attribuita a Guido Reni e una Vergine del Moncalvo si
ammirano nella cappella, ove sono in onore le spoglie mortali del beato
Cherubino Testa di Avigliana. Domandai notizie del santo quivi sepolto,
e il curato della chiesa mi rispose:

--Cherubino Testa fu monaco Agostiniano, esempio di carità. Un dì
gli si convertirono in rose i pani che distribuiva ai poverelli. Il
cadavere di lui fu trovato con un giglio che gli usciva dal cuore.


XXI.

Di molto pregio eziandio è la chiesa di S. Pietro, alla quale
accompagnandomi un sacerdote, mi fece passare innanzi alla casa un
tempo del Montabone, e all'angolo di essa mi accennò le finestre della
stanza in cui ospitò Papa Pio VII, quando prigioniero era condotto in
Francia. Interrogai il sacerdote se in Avigliana era rimasta sacra la
ricordanza del passaggio del Papa.

--Oh! certamente, rispose un buon vecchio che veniva in compagnia del
prete. Si racconta che allora i nostri laghi per solito non davano
trote; ma nel dì che ospite avemmo Pio VII, il lago di Santa Maria ne
diede trenta libbre, che furono presentate alla mensa del Prigioniero
Apostolico dal nostro Carlo Montabone allora sindaco di Avigliana.

All'estremità del paese prossima ai laghi fui guidato per erbosa
gradinata alla chiesa di S. Pietro sormontata da tre torricelle
commesse di mattoni, e col S. Cristoforo dipinto sulla facciata, del
quale rimane soltanto parte della testa. Nel tempio v'ha l'effigie del
merlato castello di Avigliana con quattro torri e pregevoli affreschi,
in parte nascosti da intonaco di gesso, e un pertugio che vogliono
abbia servito agli oracoli del Gentilesimo, quando quella Chiesa era
delubro della dea Feronia, la Dea dei boschi ricordata da Virgilio

                     Viridi gaudens Feronia luco.

Avigliana la ricorda in un suo quartiere denominato tuttavia regione
Feronia, e Vincenzo Monti la celebrò splendidamente nella sua
Feroniade.


XXII.

LA FESTA DELLA PENTECOSTE.

Il sacerdote, mio cortese Cicerone, avvertendo ch'io notava molte cose
vedute od udite, mi disse:

--Fareste assai bene di registrare fra le vostre memorie la nostra
festa della Pentecoste, la più grata di Avigliana.

--Ben volentieri lo farò, se voi avrete la bontà di narrarmene i
particolari, gli risposi.

Allora il sacerdote mi condusse dirimpetto alla chiesa di S. Pietro
nel vasto cortile degli _Allais_, sotto la tettoia affumicata, in cui
tremolavano rami di edera, e v'erano carri e manipoli di fieno ed altre
masserizie.

--Tutto questo ingombro vien tolto la vigilia della Pentecoste, esclamò
il sacerdote. Questo luogo, abbarrato pel buon ordine, vien conceduto
ai preparativi della festa. Entro i buchi della muraglia affiggonsi
pali, cui si appendono, assicurate con uncini a ferree collane ad uso
de' bestiami, trenta lucide caldaie piene d'acqua, di fagiuoli e ceci.

--Ma, io interruppi impaziente, chi dà tutta codesta roba?

--È elemosina del popolo, ripigliò il prete. Quattro confratelli della
parrocchia di S. Giovanni, tre volle all'anno, girano per le case a
questuare grano, meliga, legna e danaro; e tutto viene convertito
nella compera de' prescritti legumi per il convito della Pentecoste. E
perchè quanti ne mangeranno abbiano la salute dell'anima e del corpo,
il parroco di S. Giovanni in rocchetto e stola e con seguito di altri
preti viene a benedire la pia imbandigione.

Compiuto il rito della benedizione, si appicca il fuoco alle legna
accatastate sotto le trenta caldaie fra la pubblica allegrezza. Dei
confratelli della parrocchia destinati a preparare il convito, chi
pensa al lardo ed ai polli, chi attende ai ceci ed ai fagiuoli, altri
alle legna ed al fuoco, e tutti sono affaccendati intorno alle caldaie
che ardono sino a mezzanotte. Nel mattino della festa il popolo
accorre impaziente con vasi di legno e di creta per avere ciascuno
la desiderata porzione. Non vi parlerò delle scodelle e marmitte che
cadono o si spezzano in quella pressa di gente, nè di qualche povera
vecchierella che a stento si fa innanzi e aspetta ansiosa il momento
propizio per alzare con mano tremante il suo recipiente ed avere la
sua porzione. Finiscono coll'averne tutti, e ai signori principali del
paese i confratelli hanno cura di portare in casa la loro parte; e così
in quel giorno solenne il popolo nostro gode fraternamente del medesimo
pasto.

Antica usanza è questa che prova, come all'ombra dell'altare cristiano
sia sempre stato protetto il diritto di congregarsi. Gerusalemme
ogni anno con banchetti celebrava l'anniversario della dedicazione
del tempio: così Avigliana col banchetto della Pentecoste celebra
annualmente la fratellanza umana.--

Registrai la festa descrittami dal sacerdote, perchè amo le religiose
costumanze che giovano a ravvivare la concordia delle genti. Ed ora
l'agape della Pentecoste mi fa ricordare l'agape dell'amicizia, che
nel 15 ottobre 1861 mi diede l'ultima volta il nostro rimpianto
Norberto Rosa nel suo amenissimo podere della natale Avigliana, da lui
denominato il _Cantamerlo_.


XXIII.

NORBERTO ROSA E IL CANTAMERLO.

Quel podere sostenuto dai baluardi dell'antico castello è una bella
casa con fregi e porte di stile gotico, e con una torre ottangolare
coronata da otto merli biforcati, dipinti in rosso. Intorno alla casa
su le rupi del monte ridono campi fertili e fiorite aiuole; e gelsi,
pampini ed allori verdeggiano fra i rosai.

  «Il Cantamerlo è un piccolo podere
  Fra campo e vigna e un po' di bosco in fondo
  Con una casa colorata in biondo
  E nel mezzo una torre o belvedere,
  Donde si può d'una vista godere,
  Che la più bella non si gode al mondo,
  La Dora, i laghi, cento ville a tondo,
  E la Sagra e Superga infra le sfere».

Così giovialmente lo descriveva il caro Norberto; e nella vôlta della
torre, in lieta cameretta, mi additava figurato su di un ramoscello
di edera il merlo, da cui piglia nome il fantastico suo podere; e
frattanto ci allietava il soave mormorio delle acque della Dora, che
scorrono in verdissimi prati tra filari di pioppi e salici.

Norberto Rosa, dirò col suo biografo, il Borella, _è stato uno di
quegli uomini che non si ricordano mai abbastanza, siccome modello
di virtù pubbliche e private_. Visse onoratamente nell'esercizio del
fôro; e, facile all'ironia, la usò molte fiate con rara felicità in
verso e in prosa. Dall'anno 1840 cominciò a scrivere nel _Messaggiere
Torinese_, e continuò quando in questo e quando in quello de' diari più
popolari d'Italia la sua vita di brioso scrittore.

Il primo plebiscito del regno d'Italia fu il felice concetto di
Norberto, cioè la soscrizione dei _cento cannoni_ per la fortezza
di Alessandria, che promossa pure dalla _Gazzetta del Popolo_, fu
preparazione ai trionfi dell'unità italiana.

Consorte e padre de' più amorevoli fu il nostro Norberto, ed amico
sincero. Io lo provai, che, eccitato da' suoi incoraggiamenti, presi
a descrivere la valle della Dora, da lui onorata. Egli mi aveva
accompagnato col consiglio e talvolta di persona dalla sorgente del
patrio fiumicello sino alla Sagra di S. Michele.

Nel giugno del 1862 egli mi aspettava nel suo _Cantamerlo_ e preparava
preziose notizie a fecondare il mio lavoro. Ahimè! mi giunse in
Torino la notizia della sua morte, e la penna con cui descriveva le
regioni della Dora mi cadde di mano sulle pagine bagnate di pianto, nè
più seppi ripigliarla, se non quando le recenti calamità toccate al
Piemonte mi consigliarono a dire qualche parola di conforto a questa
magnanima terra subalpina, gravemente offesa.

Ben meritò il lagrimato amico che di lui scrivesse Giuseppe Revere:

  Schietto il cor, mesto il labbro, e il ratto ingegno
    Ricco di argute fantasie gioconde
    Ebbe questi che morte ora n'asconde,
    Non ancor giunto al suo maturo segno.
  Amò l'Italia, .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
    .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
    .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
    .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  Amò l'alpe natìa donde s'affretta
    La Cozia Dora a disposarsi all'acque
    Del fiume che il suo mare alto richiede.
  Amò quell'arte che pungendo alletta,
    Nè giammai per paure il vero tacque
    Cui sacrava l'intrepida sua fede.


XXIV.

L'ottimo Norberto Rosa mi parlava spesso dei miglioramenti introdotti
nell'amministrazione della provincia di Susa, e si doleva che dalla
sorgente della Dora sino a Torino non ancora fosse instituito un Asilo
infantile, che, abbattendo volgari pregiudizi e diffondendo i germi di
una saggia educazione, preparasse ai figli del popolo un avvenire degno
dell'uomo.

Egli si era più volte adoperato a dotare di un Asilo le rive della
Dora; ma egli è morto, senza che i suoi voti fossero esauditi.

Un dì mi disse: "Va a confortarti di tale mancanza in Giaveno, ove
vedrai un Asilo infantile fondato nell'agosto del 1859."


XXV.

GIAVENO.

Lasciando per qualche ora le acque della Dora, nell'autunno del 1857 mi
condussi lontano tre miglia al sud-est da Avigliana; e giunto alle rive
del Sangone mi annunziarono Giaveno le mura cadenti de' tempi feudali e
tre torri merlate, e il torrente Alasio che, scorrendo per le vie del
paese, ricrea col murmure e colla lucidezza delle acque i sette mila
abitanti, come un tempo la Dora Riparia per l'ampie arginate vie di
Torino.

Visitai il seminario, poi collegio vescovile, di ventiquattro alunni,
e vidi nel refettorio i ritratti dei cardinali Ferrero e Gerdil, e una
lodata tela in cui è raffigurato Cristo che lava i piedi a S. Pietro;
e quivi ricordai monsignor Lorenzo Renaldi, vescovo di Pinerolo, che
proponeva nel 1854 di convertire quel seminario in sede della Missione
italiana per i cristiani d'Oriente. Concetto altamente religioso e
civile fu quello del Renaldi, e, quando l'Italia e la Chiesa torneranno
in pieno accordo, dovunque esso metta radice, sarà sempre potentissimo
mezzo perchè la nostra nazione eserciti la sua civiltà in Oriente col
protettorato dei Cristiani, degnamente emula della Francia.

Due scritte trassero la mia attenzione in Giaveno. L'una sulla chiesa
parrocchiale intorno al quadrangolare campanile che dice: _Jam venit
specula Poenus_, con le quali parole Giaveno dà l'etimologia del suo
nome, asserendo colà Annibale essersi fermato non appena ebbe superato
il passo delle Alpi.

Lascio agli archeologi le indagini intorno a tale asserto, e lascio
di buon grado a Gaudenzio Claretta[27], zelante illustratore di quei
luoghi, il provare che la leggenda _Jam venit_ non è sancita dalla
critica. Con affetto io mi volgo all'altra scritta, _Asilo infantile_,
che spicca sulla facciata di un bel fabbricato con verone di ferro.

Quell'Asilo fu aperto colla rendita di circa tre mila lire, che si
traggono da legati ed azioni di soscrittori. Il teologo prevosto
Arduino donò a tale scopo quarantaquattro mila franchi, e il Cav. G. B.
Franco concesse per alcuni anni gratuitamente l'uso d'una sua casa al
pio instituto.

Il teologo Morelli, additandomi quella scritta, ben altrimenti che col
_Jam venit_ della cattedrale, mi prediceva la futura vita intellettuale
di quattrocento fanciulli di ambo i sessi, che si sarebbero accolti
nell'Asilo, diretto da tre monache dell'instituto Cottolengo.

Per tal modo le manifatture di ferro, le concie di pelli, le filature
di seta e le cartiere, mantenute dalla forza motrice del Sangone,
industria e ricchezza di Giaveno, saranno frequentate da operai onesti
e intelligenti.

Queste osservazioni io faceva nella principale cartiera del Cav. G. B.
Franco, fra cento operai, presso la bellissima macchina ivi posta fin
dal 1839; e perchè l'esempio di Giaveno trovasse imitatori, queste cose
io ripeteva tornando dal Sangone alla Dora per visitare un antico Asilo
di carità cristiana.


XXVI.

S. ANTONIO DI RANVERSO.

Tra Avigliana e Rivoli, vicino a Rosta, è un luogo che fu chiamato
_Rivo Inverso_, e che oggidì, per le alterazioni che il volgo e il
tempo vengono portando ai nomi propri, è detto _Ranverso_. Quivi
nel 1181 due fratelli di santa vita, monaci spedalieri, Giovanni e
Pietro, ponevano mano alla costruzione d'una chiesa e di uno spedale
per la cura di quegli infelici ch'erano tocchi dall'erpete orribile,
denominata _fuoco sacro_, che in breve consumava le membra che n'erano
tocche.

Quel morbo crudele spesso infieriva nei secoli undecimo e duodecimo,
e a Sant'Antonio della Tebaide, come a sperimentato protettore,
s'indirizzavano preghiere e voti per esserne liberati: e perciò da
quel santo s'intitolarono i monaci spedalieri, istituiti nel 1095 da
Gastone, uomo di grande autorità, in Vienna del Delfinato, dove fu
trasferito ed avuto in grande onoranza il corpo del santo Abate del
deserto. Essi vestivano abito nero, e portavano alla parte sinistra del
petto il _Tau_, segno mistico della potenza, che era una croce senza
capo, di panno ceruleo, raccomandato ad un nastro sovra la cappa.

Questi monaci dal loro patrono presero nome di Antoniani, ed il beato
Umberto III di Savoia da loro invocato si porse benigno a soccorrerli.
Il 27 giugno pertanto del 1181 quel munifico principe concedette
ai monaci di Ranverso una grande distesa di terreni, franchigie di
pedaggi e dazi, e proprietà di molini e giurisdizione sugli uomini
che abitassero ne' possedimenti degli Antoniani; il che venivali
a costituire in grado di baroni. E tali cose donò e concedette a
richiesta ed istanza del suo _diletto e caro Giovanni, e di Pietro_
fratello del medesimo.

E chi era questo diletto del beato Umberto? Non poteva essere per
certo un uomo volgare, che egli non avrebbe posto l'affetto suo in un
dappoco. Conveniva pertanto che quel Giovanni fosse segnalato o per
dottrina o per pietà: e vedremo che fu tale per l'un titolo e l'altro.


XXVII.

Le memorie di Ranverso e di quel Giovanni, che n'ebbe il governo, la
veduta dell'antica chiesa di severo stile, del monistero a due piani
murato a ridosso di verde ed amena collinetta volta a tramontana, e
dell'edificio che già fu spedale di pellegrini, mi porsero invito a
visitare que' luoghi in un bel mattino d'agosto (1865); e mi fermai
in sulla piazzetta fra lo spedale e la chiesa pensando al sentimento
religioso che ne consigliò l'erezione.

Gli Antoniani cessarono d'esistere, e _S. Antonio di Ranverso_ ora è
commenda che appartiene all'ordine dei Cavalieri dei Santi Maurizio
e Lazzaro. Il monistero annesso alla chiesa è abitato solamente dai
cappellano e dall'economo che presiede agl'interessi della Commenda.

Lo spedale non conserva d'antico se non la bella gotica porta che
mette al giardino, ed il luogo è quasi deserto. Incontrai alcune
guardie forestali dell'Ordine Mauriziano, e nell'ospizio, ove un tempo
si vedevano raccolti viandanti stanchi ed infermi, trovai una pia
fittaiuola di Avigliana, che vincendo di ospitalità il brusco economo,
mi accolse con atti cortesi nella povera ed unica sua stanza fra due
bimbi e cani e gatti e polli. Quella madre dei due bimbi stese una
bianca tovagliuola sulla rustica tavola, e mi porse una tazza di caffè
e latte, col pan bigio di campagna.

Ed io ne fui lieto come a lauto desinare.


XXVIII.

Il cappellano di Ranverso, Luigi Quartino, era andato al paesello
Rosta, e non appena tornato mi riconobbe festivamente per il poeta
di cui aveva udito i versi improvvisi nel verno del 1837, alunno nel
seminario di Nizza.

Quel bravo sacerdote volle essermi guida su per l'ampia scala, e ne'
corridoi del grandioso monistero, ed introdottomi nelle sue stanze mi
aperse libri e notizie manoscritte da lui raccolte, importanti alla
storia del luogo; e mostrommi la lista araldica di cinquanta stemmi
di maestri ed abati dell'Ordine Antoniano, ch'egli fece trarre dalle
pareti del chiostro e colorire con molta diligenza.

Io ne segnai gli appunti in un quaderno di memorie, e già sulla soglia
della piccola sua biblioteca io stava per uscire col cappellano e
visitare la chiesa, quando m'imbattei a faccia a faccia con un prete
francese, che già aveva conosciuto a Lione dal 1838 al 39, fra i più
venerati e dotti amici dell'Ozanam, cui andiamo debitori di rare opere
di letteratura storica e religiosa.

Deggio tacerne il nome per obbedire alla soverchia sua umiltà e
modestia.


XXXIX.

--Oh Regaldi! sclamò il prete francese cingendomi il collo delle sue
braccia.

--Oh! signor abate, risposi io facendo altrettanto. E stemmo alcun
tempo guardandoci l'un l'altro con sorriso di gioia.

Alla fine l'abate prese la parola e mi disse:

--Mio caro, il proverbio non falla: i monti stan fermi e gli uomini
s'incontrano.

--Oh! senza dubbio, risposi, con lui rientrando nella biblioteca al
dolce invito del cappellano, e ci sedemmo l'un presso l'altro in vecchi
seggioloni a bracciuoli.

--Gli uomini, seguitai a dire, si muovono e s'incontrano. Io incontrai
l'ultima volta il nostro rimpianto Ozanam nel 1841 in Sicilia, innanzi
alle storiate porte di bronzo della basilica normanna di Monreale, e in
certe antiche parole di quella porta salutammo insieme gli esordi della
lingua che divenne tanto armonica e divina nel poema dell'Allighieri,
di cui egli fu sublime interprete filosofando cristianamente. Ed ora
incontro voi (e ne ringrazio il cielo), suo degno amico, pure innanzi a
cristiano monumento, in luoghi ricchi di memorie religiose e guerresche.

Dacchè ci siamo conosciuti volsero molti anni, ne' quali ho corso
l'Oriente studiando la storia del Cristianesimo e i fasti della
cavalleria latina.

--Ed io, ripigliava egli, ho corso ormai tutta Europa, rovistando gli
archivi polverosi, per suscitare nomi e storie d'insigni francesi che
portarono fra gli uomini la fede, la scienza e la civiltà.

Spesso mi chiudo e vivo nella solitudine de' chiostri, e non cercando
i rumori della fama, colla pubblicazione di memorie anonime mi
compiaccio di rivendicare a' miei antichi ciò che loro è dovuto: e
qui, poco discosto dalle Chiuse, qui dove suonano gl'imperituri nomi
di Pipino, di Carlomagno e di Rolando, non può a meno che non si
rinvengano le notizie di qualche nostra gloria, di cui siansi giovate a
vicenda la Religione e la Civiltà.--

Ciò diceva con quel fare enfatico, proprio de' Francesi, che cercano la
loro patria in ogni terra, e fiso aspettando da me una risposta.

--Oh! ripigliai sorridendo, qui nel chiostro di Ranverso non credo
che i vostri Franchi abbian lasciato veruna memoria. Il convento e la
chiesa sono del secolo duodecimo, e debbonsi ad un Umberto di Savoia ed
a Giovanni Gerso.


XXX.

IL LIBRO _De Imitatione Christi_.

--Come, come! interruppe con enfasi l'abate, rizzandosi in piedi:
Giovanni Gerson, avete detto?

--Per l'appunto. Gerso o Gerson vale lo stesso.

--L'autore forse de' quattro libri _Dell'imitazione di Cristo_?

--Senza dubbio.

--Ma allora questo monistero si deve ad uno dei nostri.

--Scusatemi, ottimo abate, se vi contraddico. Il Gerso o il Gerson
della _Imitazione di Cristo_ venne qui da Cavaglià dove nacque, e
Cavaglià è un luogo di 2400 abitanti, nel circondario di Biella, sulla
via maestra fra Ivrea e Vercelli.

--E il Monfalcon?

--Il Monfalcon nell'edizione poliglotta di Lione, per soverchio amor di
patria, attribuì il famoso libro al cancelliere Giovanni Charlier, nato
nel villaggio di Gerson, diocesi di Reims, e morto a Lione nel convento
dei Celestini.

--Precisamente!

--Or bene, il vostro cancelliere, mio caro abate, era un Charlier, e il
nostro monaco un Gerson, l'uno e l'altro dotto e pio, l'uno e l'altro
rispettabile e benemerito della religione e delle lettere.

--E chi vi dice, ripigliava l'abate con un po' di bizza, che l'autore
di quell'aureo libro non sia piuttosto il nostro Charlier che il
vostro Gerso? Quanti uomini insigni non presero nome dal luogo natale,
specialmente ne' tempi lontani!

--Voi dite bene, gli risposi; ma in controversie, come questa, mi
concederete che le date e i codici debbano dissipare ogni dubbio e far
risplendere la verità.

--Per l'appunto.

--Allora con calma cristiana uditemi. La storia del libro
_Dell'imitazione di Cristo_ e del vero suo autore, scritta dal
cavaliere Degregori, e il codice _De Advocatis_ da lui trovato nel 1830
in Parigi, nella libreria Techener, e donato all'archivio capitolare
di Vercelli, sono gravi argomenti contro coloro che ne facevano autore
il Kempis e il cancelliere parigino Gerson. Valenti bibliofili e
paleografi giudicarono essere il codice _De Advocatis_ del secolo XIII,
quando ancora non erano nati nè l'uno nè l'altro dei supposti autori.

Ernesto Rénan, acuto indagatore, se non pio cattolico, quale voi siete,
o Abate, è pure d'avviso[28] che nessuno di quei due sia l'autore
d'esso libro; e il dotto vostro amico, conte di Montalambert, nella
sua _Storia di Santa Elisabetta d'Ungheria_, celebrando il libro
_Dell'imitazione_: _cet ouvrage que tous les siècles ont reconnu sans
rival_, lo attribuisce pure al Monaco vercellese.

Io per rinvigorire il mio assunto non imiterò il Paravia nel suo
elegante ed erudito discorso intorno al vero autore _Dell'imitazione
di Cristo_, che primamente ai 2 di aprile 1846 recitava nell'ateneo di
Treviso, nè seguirò il Rénan nel suo capitolo: _L'auteur de l'imitation
de Jésus-Christ_, col citare a documento il _Diarium_ della casa
Avogadro, nel quale fu detto essere registrata una nota, da cui
risulterebbe che nel 1349 il prezioso codice _Della imitazione_ era già
da gran tempo posseduto dagli Avogadro, come tesoro ereditario.

Nessuno affermò di aver veduto quel Diario. Nol vide monsignor Giovanni
Pietro Losana, vescovo di Biella[29], che testimoniò di aver veduta la
nota famosa; ma a dir vero, sulla fede soltanto di un _fac-simile_,
presentatogli dall'abate Gustavo Avogadro, fattosi innanzi ai dì nostri
qual possessore del prezioso _Diarium_, uomo per altro dì molto credito
tra i famigliari del cardinale Morozzo, vescovo di Novara. Non lo
potè vedere dopo ripetute istanze il Degregori; nè il conte Filiberto
di Colobiano lo trovò nella libreria dell'estinto Gustavo Avogadro,
acquistata in nome della Regina vedova Maria Cristina. Monsignor Malou
dichiarò il _Diarium, chiffon de vieux papiers qui n'a aucun caractère
authentique ou extrinsèque d'authenticité_. Fu del Diario degli
Avogadro probabilmente come della pergamena del cremonese monsignor
Dragoni[30], con cui si provava ad evidenza che Martino, diacono di
Ravenna, insegnò a Carlomagno la via delle Alpi. La pergamena tenuta
come autentica dal Troya e dall'Odorici, venne giudicata falsa dal
Vustenfeld, e dimostrata tale con inconcussi argomenti dall'esimio
Francesco Robolotti.

Non vi parlo insomma di merce spuria o sospetta, ma di documenti
irrefragabili che il conte Luigi Cibrario, primo segretario di S. M.
per il gran Magistero dell'Ordine de' Ss. Maurizio e Lazzaro, scoperse
nell'archivio di quell'Ordine, e che di buon grado vi mostrerà, come
fece a me, con gentilezza pari alla nota sua dottrina.

Anzi, egli ne pubblicò una erudita e coscienziata relazione, e la
trovate in questa libreria del Cappellano, nel volume delle _Operette
varie_ del Cibrario.


XXXI.

--Oh il Cibrario! interruppe l'Abate: l'autore della _Economia Politica
del Medio Evo_, è scrittore grandemente stimato anche dai nostri
Francesi, i quali non sogliono tener conto che delle vere celebrità.

--Non istento a crederlo.

--Ebbene, vediamo che dice il Cibrario.

Pregai il Cappellano ad aprirmi la libreria, ch'io aveva mezz'ora prima
esaminata, e tratto da uno scaffale un volume del Cibrario stampalo
dai Botta a Torino nel 1860, l'apersi alla pagina 425 e vi leggemmo:
«Sovrabbondano poi argomenti e prove materiali per dimostrare che ad
uno scrittore del secolo XII e XIII, non ad altri d'età posteriore, si
debba attribuire il libro _Dell'imitazione di Cristo_. Prima di tutto,
lo stile dove si vedono di quando in quando reminiscenze di quelle
cadenze rimate colle quali s'intendeva ad abbellire la metà ed il fine
dei versi ed anche le prose dei letterati dei secoli XI e XII--Parvus
est _dictu_, sed plenus sensu et uberi _fructu_--Si posset a me
fideliter _custodiri_, non deberet in me turbatio _oriri_».

--Oh! sì, sì, codesto è modo antico, esclamò l'Abate.

--Proseguiamo a leggere: «Poi la dolcezza, la semplicità dello
stile, la scarsità delle citazioni convengono ai tempi in cui fiorì
il fondatore di Sant'Antonio di Ranverso, e spiegano come il libro
_De imitatione_ abbia potuto attribuirsi da molti a S. Bernardo,
che di alquanti anni lo precedette. Ed all'opposto dimostra il poco
avvedimento di coloro che a Giovanni Gerson, cancelliere parigino, e
peggio ancora, a Tommaso da Kempis, scrittori dei secoli XIV e XV, e di
genio disparatissimo, lo attribuirono».

--Queste gravi ragioni del Cibrario mi entrano nell'animo, sclamò
l'Abate francese.

--Ma procediamo innanzi, ripigliai io, vediamo che dice il Cibrario
intorno ai codici del famoso libro controverso. Egli ne cita sei:
quello della Cava che dalla forma dei caratteri, e specialmente delle
maiuscolette, riconosce evidentemente non potersi riferire fuorchè
alla prima metà del secolo XIII; quelli di Polirone e di Vercelli, che
appartengono al medesimo secolo; quello di Robbio in carta bambagina,
ed altrettanto antico; quello di Arona, conservato nella biblioteca
della R. Università di Torino; alfine è l'Allaziano, che il Baluzio,
il Ducange ed altri autorevoli paleografi, giudicarono del secolo XIV.
Ora, signor Abate, sapreste dirmi quando nascesse e quando sia morto il
vostro Giovanni cancelliere?

--Credo nascesse nel 1360 o in quel torno, e morisse presso a poco sul
1430.

--Si fa presto, soggiunsi, a saperne precisamente le date. Ecco qua
il _Dizionario Universale_ del cav. Angelo Fava. Ecco l'articolo
_Gerson_.... Vediamo: «Giovanni Charlier nacque a Gerson nel 1363 e
morì a Lione nel 1429». Ora se il codice della Cava del libro _De
imitatione_, nel quale è miniata l'effigie di un monaco Antoniano, fu
scritto prima del 1260, non poteva l'opera essere dettata da chi venne
al mondo un buon secolo dopo. Non parliamo del Kempis che nacque nel
1380, e morì decrepito nel 1471.

--Intorno al Kempis, m'interruppe l'Abate, io non avrei questionato
mai. Tommaso da Kempis, di cui ho letto attentamente la vita, nacque
in Prussia a Kempen, e si chiamava Hamerken, cioè _Malleolus_, ed
essendo poverissimo, si fece monaco a Monte Sant'Agnese di Deventer,
e da principio si guadagnava la vita copiando libri corali. Valente
calligrafo, trascrisse poscia e ripetè Bibbie e raccolte diverse, e
specialmente i quattro libri _De imitatione Christi_, cui scriveva in
fondo _finitus et completus per manus fratris Thomae a Kempis_; e li
mandava _pro praetio_ a vari monasteri della Germania. Da ciò si vede
che era un amanuense, un copista, ma non un autore, come indarno tentò
dimostrare l'illustre prelato Malou.

--Ebbene, io replicai, v'invito a leggere per intiero questa erudita
memoria del Cibrario, da cui si apprende eziandio che il Gerso di
Cavaglià era monaco Antoniano e non Benedettino, come si era creduto
per lo innanzi, e che probabilmente s'iniziò alla vita monastica nella
casa dei frati Spedalieri in Vercelli; dipoi qui venuto a fondare il
chiostro di Ranverso, fu assunto alle più alte dignità del suo ordine
religioso.

Non vi prenda maraviglia, ottimo Abate, ch'io m'intrattenga con tanto
zelo a ragionarvi dell'autore del libro _Dell'imitazione di Cristo_:
incontrerete altri e non pochi in Italia, che ve ne parleranno col
medesimo affetto.

Presso Padova, nel cospicuo monistero di Praglia, il monaco benedettino
Buzzone per molti anni volse l'animo a raccogliere in gran copia le
edizioni a stampa di questo santissimo libro; e Murano, l'isoletta
che fu prigione a Silvio Pellico, ne ha una raccolta più abbondante
nell'antico ospizio di S. Michele. Inoltre un viaggiatore inglese
narra nel _Galignani_ (giugno 1859), che in Vercelli, mentre ardeva
la mischia fra Italiani ed Austriaci sulle prossime rive della Sesia,
un canonico nell'archivio capitolare gli mostrava il codice _De
Advocatis_, e si riscaldava a provargli che l'autore di quel libro era
il Gerson vercellese; e tutto ciò faceva il buon canonico con animo
sereno, come se allora la guerra non tonasse alle porte della città.

Questi particolari dimostrano la riverenza profonda degl'Italiani al
libro _Dell'Imitazione_, fatta più viva dalla maggior frequenza di
lettori, allettati dall'elegante versione italiana dell'abate Cesari.

Caro Abate, non vi maraviglierete dunque che anch'io, come il monaco di
Padova e il canonico di Vercelli, porti singolare affetto al Gerson che
fu il fondatore di questo chiostro, e che forse meditò il celebre libro
nella prossima chiesa che andremo a visitare.

--Ammiro, sclamò l'Abate, l'ossequio degl'Italiani al pio libro su cui
tanto si è disputato. Benchè un nostro romanziere lo pigliasse a gabbo
in questa età di scettici, pure le anime credenti, nelle tribolazioni,
cercano conforto in quel libro, che il nostro Lamennais traduceva e
splendidamente commentava nei giorni migliori della sua fede, e che il
vostro Gioberti baciava morendo.

Così parlando mi strinse fortemente la destra e poi riprese:

--Sì, sì, il libro _Dell'Imitazione_ è santissimo libro. Oh! come si
sarebbe deliziato in questi discorsi il nostro lagrimato Ozanam, che
tanto amò Francia e Italia, immedesimandole nel sentimento del bello e
del vero. Egli, abborrente dagli spiriti di parte, e con intendimento
tutto umano, avrebbe con noi conchiuso, che il libro _Dell'Imitazione_,
sia dettato da un Francese, da un Italiano o da un Alemanno, è opera
che onora tutta la cristianità.

--È vero, è vero, disse il Cappellano, ch'era stato sempre intento ad
ascoltare il nostro dialogo, e soggiunse: Ora venite meco a visitare la
bella chiesa fondata da Giovanni Gerson.


XXXII.

Usciti dalla stanza della libreria, e discesi per l'ampia scala in
compagnia del Cappellano, andammo a visitare la chiesa; la quale, se
non avesse che l'impronta della sua primitiva erezione, sarebbe un
pellegrino monumento di cristiana antichità, ma le scemano importanza i
ristauri e le posteriori costruzioni.

La sua facciata guarda a ponente, come tutte le antichissime del
cristianesimo, sicchè il sacerdote che sale pel sacrificio all'altar
maggiore, tiene il viso rivolto alle regioni di Terrasanta. La maggior
porta, a sesto acuto, come ai lati le due minori, hanno cornici
massiccie di mattoni finissimamente lavorati ad arabeschi. La porta
principale non è a piombo col sovrapposto finestrone, ma esce dall'asse
verticale notabilmente verso destra. Questo difetto di simmetria nelle
finestre e nelle porte di molti antichi edifizi, non saprebbesi bene
a che attribuirlo, se ad inscienza architettonica, o ad una certa
noncuranza allora in uso. E chi vorrebbe tacciar d'inesperto il famoso
Giotto, l'architettore di quel campanile di Santa Reparata in Firenze,
che Carlo V giudicava degno di una custodia di cristallo? Eppure la
famosa torre di Giotto ha la porta d'ingresso fuori del centro, nè
questo arbitrio le toglie vaghezza.

Ma ritornando alla vetusta chiesa di Ranverso, nell'atrio a mano destra
entrando, era un tempo effigiato nella parete S. Antonio benedicente,
e lo stemma della R. Casa di Savoia, sul quale un'iscrizione latina
riferivasi alla fondazione del chiostro. Tuttociò fu coperto da
improvvida imbiancatura. Furono però risparmiati sopra la porta la
Madonna con alcuni santi, e i bizzarri capitelli con fregi, fra
cui sono scolpiti stemmi, animali d'ogni sorta, e teste di monaci
incappucciati, colle braccia conserte al petto.

Levai lo sguardo allo svelto campanile, di quella foggia ardimentosa
che fu detta gotica, e non è; perocchè i Goti più che erigere,
distrussero, e se innalzarono edifici, non furono dedicati al culto
cristiano ed a' suoi santi. La torre di Ranverso ha una sola campana
di gran mole e di buon getto: è di forma quadrangolare con pittoreschi
trafori e quattro piccole aguglie agli angoli, fra le quali spicca
la quinta più alta, coll'anagramma antoniano. Piega alquanto al sud,
facendo ricordare le torri pendenti di Pisa e Bologna. Nel lato
sinistro della chiesa sulla piazza parla all'intelletto e al cuore un
ottangolare piliere di grigia pietra, infisso nella roccia; il quale
nella sommità finisce in dado su cui posa un pezzo di marmo bianco,
scolpito da un lato colla figura del pellicano, da un altro con quella
della colomba, simboli eloquenti della _carità_ e della _semplicità_,
virtù che, secondo la mente dell'institutore, dovevano splendere
soprammodo nei benemeriti cenobiti Antoniani.


XXXIII.

Entrammo nella chiesa, la quale ha tre navate; a sesto acuto quella
di mezzo e la laterale a destra, ed ha la terza sformata da recenti
costruzioni.

Alto cancello di ferro separa dalla chiesa il vasto presbiterio, dove
su piedistallo sorge una statua in legno che tiene un libro nella
mano sinistra, e la destra appoggiata ad un bastone, da cui pende
un campanello. Rappresenta il patrono del luogo l'abate S. Antonio
coll'anagramma T sull'abito nero.

Innanzi a quella statua, guardando all'Abate francese ed al Cappellano,
domandai qual fosse il significato del T, tanto ripetuto nelle immagini
degli Antoniani.

Il Cappellano prontamente rispose:

--Il _Tau_ è segno di salute, come si legge in Ezechiello al capo
IX: _Omnem autem, saper quem videbitis_ Thau, _ne occidatis_; e la
Chiesa, nella bolla di fondazione dando all'ordine Antoniano quel segno
taumaturgico, lo appella _signum potentiae_.

--Dice molto bene l'erudito Cappellano, esclamò l'Abate francese; ma io
opino il T significasse la specie di gruccia o bastone, di cui il santo
anacoreta faceva uso, come lo vedete in questa statua, e il campanello
che vi era raccomandato doveva forse servirgli per chiamare i suoi
discepoli. Aggiungerei anco che i cenobiti Antoniani, tenendo appeso
il campanello alla gruccia del lungo bastone, forse avvertivano li
ammorbati di _fuoco sacro_, come i monaci del S. Bernardo i viandanti
smarriti fra le grosse nevi di quell'alpestre passaggio.--

Si aderisca all'opinione del Cappellano o a quella dell'Abate francese,
poco importa. Certo si è che il T è segno caratteristico degli
Antoniani, per cui nel monumento di Ranverso sulle guglie intorno
al frontone della chiesa, e su quelle dello spedale e del campanile
sorge il simbolico anagramma in ferro; è scolpito sui quattro lati nel
dado del piliere in piazza, ed è dipinto nella facciata della chiesa,
e su gli stemmi lungo i vasti corridoi del monistero. Tutto colà
ricorda i pietosi spedalieri coll'anagramma T proprio di quell'ordine
benefattore.--


XXXIV.

Ci appressammo ad ammirare l'icona dell'altar maggiore, monumento della
pittura italiana in Piemonte. L'icona è formata da vari quadri dipinti
sul legno col fondo in oro, e tramezzati da ricche scolture in legno
dorate; il quadro di mezzo rappresenta la Natività di nostro Signore
con a destra i santi Antonio e Sebastiano, e a sinistra S. Rocco e S.
Bernardino da Siena, che predicò in quella chiesa l'anno 1443. Nella
base vi sono quindici piccoli quadri che ritraggono fatti relativi alla
vita di S. Antonio.

Il prete francese, compreso d'ammirazione, mi chiese del nome
dell'autore di quella mirabile icona.

--Alcuni la vogliono lavoro del Macrino d'Alba, altri del Gaudenzio
Ferrari: io risposi, come aveva letto in qualche memoria.

--No, no, interruppe il Cappellano: non è opera di nessuno dei due.
È lavoro invece di Defendente De Ferraris da Chivasso, al quale ne
affidava l'esecuzione la città di Moncalieri il 21 aprile del 1530,
come si ritrae da documenti trovati nell'archivio di quel municipio,
e con atto del 16 gennaio 1531 gliene pagava il prezzo pattuito
di fiorini ottocento e grossi dieci[31]. Il nome di Defendente De
Ferraris deve entrare nella storia delle arti italiane: di lui sono
probabilmente molti bei quadri che si trovano segnati D. D.--

Ci suonò gradita questa notizia in fatto d'arte, e domandammo al
Cappellano, se si sapesse il perchè la città di Moncalieri tanto
si adoperasse ad ornare la chiesa di Ranverso. Al che rispose il
Cappellano:

--La pia città di Moncalieri, nell'epidemia, onde fu travagliata nel
1400, votavasi a S. Antonio di Ranverso, per cui facevasi eziandio
erigere l'altar maggiore da cui sorge l'ammirata icona; ed ogni anno,
siccome vien riferito dalla cronaca inedita di Moncalieri, nel dì della
festa del Santo il sindaco di quella città, consiglieri, segretario
ed usciere del Comune qui vengono nella messa solenne ad offrire
all'altare antoniano un cero e danaro.--


XXXV.

IL SEPOLCRO DI GIOVANNI GERSON.

Ciò detto, il Cappellano dopo di averci additato pregevoli affreschi
nelle pareti della sagrestia ci ricondusse nel presbiterio innanzi
all'antico sepolcro dei monaci Antoniani, e sclamò:

--Qui, come appresi da antiche carte, qui fu sepolto Giovanni Gerson,
il fondatore del chiostro.--

L'Abate francese e il Cappellano chinando il capo sul sepolcro
alternarono insieme una preghiera; e poi, mentre stavamo per uscire dal
tempio, l'Abate dando un ultimo sguardo alla tomba del Gerson ripetè le
memorande parole: _Vanitas vanitatum et omnia vanitas_.

--Oh rispettabile Abate, gli osservai: un altro grande italiano,
Giacomo Leopardi, come Giovanni Gerson pianse le miserie della vita

  «E l'infinita vanità del tutto».

Ma il Gerson si confortava delle umane calamità in Dio e nell'avvenire
dello spirito immortale; all'opposto l'infelice Leopardi nella vanità
del tutto rimaneva agghiacciato dallo scetticismo.

--Oh beato l'uomo che serba la fede, questo tesoro preziosissimo
dell'anima! proruppe il Cappellano riconducendoci nella piazzetta
presso al simbolico piliere.--

Un colono di Alpignano, inteso ai lavori campestri della Commenda,
trovandosi accanto al piliere, nell'udire il Cappellano far cenno di un
tesoro, voltosi a noi disse:

--Se vanno in cerca di tesori nascosti, vadano al mio paese; ve n'ha
uno sepolto sotto il castello, che non si è potuto scoprire.--

Il colono di Alpignano ci mosse a riso. Mi accommiatai con affetto dal
Francese, che recavasi al luogo delle Chiuse ed alla Badìa di San
Michele: ed io, ringraziato il buon Cappellano, volsi i pensieri e la
persona al castello del tesoro.


XXXVI.

IL MUSINÈ.

Prima di parlare di Alpignano aggiriamoci sulle balze del _Musinè_,
ossia Monte Asinaro, che più alto del Pirchiriano, sulla riva sinistra
della Dora, sorge dal livello del mare all'altezza di 1168 metri.

Volli vedere l'_idrofana_[32], pietra che fu chiamata pomposamente
_occhio del mondo_. Non pochi luoghi in Europa posseggono l'idrofana,
fra i quali le isole d'Iheroè, la Sassonia, l'Ungheria e la Francia;
ma forse più che altrove, se ne rinviene in codesto monte del Musinè,
e trovasi sparsa nelle vene di calcedonio e di serpentina dura, che
da ogni lato e in ogni direzione attraversano quell'altura tutta
serpentinosa.


XXXVII.

Io mi aggirava dunque tra le quercie e le viuzze del Musinè, quando
m'avvenni in un bastracone di montanaro, che rovistava con lungo uncino
tutte le pozzanghere fra quelle macchie, e domandatolo che facesse, mi
rispose con sussiego:

--Cerco l'occhio del mondo.

E cercava l'idrofana, intorbidando le acque.

Andando oltre, e veduto veramente l'idrofana, udii il picchio di un
martello sovr'un corpo di dura pietra; e traendo a quella parte, vidi
uno scarpellino che tagliava un masso serpentinoso e ne formava una
macina da grano.

--Oh! diss'io a quell'uomo attivo che sudava: Voi logorate le forze per
averne una macina da molino di niun conto.

Ed egli, con sorriso di compassione:

--Tiro di martello questa macina, che riducendo in farina le mille
sacca di frumento darà più guadagno di tutte le gemme del mondo.

--Ma pure colà giù presso al rio, quel pescatore dell'idrofana, con
poca o nulla fatica raccatta tesori.

--Oh! mi rispose lo scalpellino molinaro, vossignoria prende un
granchio, perchè quel cercatore quando ha raccolte le pietruzze colla
scoria così informi le vende per poche lire, e lascia il guadagno agli
speculatori di Torino, di Genova e di oltremare; mentr'io lavoro le
mie macine, e tutto l'utile è mio. Oltre di che, preferirei sempre a
una pietruzza, che poco produce, una mola da grano, che reca frutto al
mugnaio e prepara il pane al paese.


XXXVIII.

--Ed io fo meglio di tutti; lavoro per la salute degli uomini: sclamò
un terzo che aveva udito i nostri discorsi lì presso, come un risorto
dal sepolcro, tutto coperto di polvere gialliccia, balzando fuori da un
antro profondo di argilla, splendente del color dell'oro.

Chi era quello strano montanaro, basso di statura, col capo schiacciato
come un cretino?

Un tal Pantalone di que' dintorni, che parla sovente di serpi e
d'incantesimi, ed è trastullo de' monelli. Era affaccendato a trarre
la magnesia da una cava scoperta, or fa cinque anni, con utilità del
comune di Caselette, che ne concedette l'uso per la somma annuale di
mille franchi.

--Evviva Pantalone! esclamò lo scalpellino. Come procedono i tuoi
lavori?

--Benone, gli fu risposto: S. Abaco protegge il padrone che qui mi
manda a lavorare in questa polvere raggrumata dall'umido. Qui si scava
in abbondanza la magnesia che il mio padrone vende a buon prezzo ai
farmacisti di Torino.

--Buon Pantalone, io gli dissi, voi non lavorate soltanto per cacciare
i malanni dal corpo umano, ma eziandio per rendere più bella la luce
che ci vivifica, perchè vi ha un nuovo trovato, il _filo di magnesio_,
tratto da questa polvere prodigiosa, il quale dà uno splendore pari
alla luce elettrica che vedeste in Torino nelle feste dello Statuto.


XXXIX.

Andai a pochi passi dalla cava di magnesia in Caselette, paesello di
ottocento abitanti, che si distende sulle prime pendici del Musinè,
ed ha al sommo un gotico castello, fiancheggiato da svelta torre
cinta di merli. Quel castello, volto a mezzogiorno coll'amena vista
della verdeggiante valle irrigata dalla Dora, appartenne ai principi
di Acaia, di poi a nobili famiglie, fra le quali, ai Canale conti di
Cumiana, ai Valperga del Canavese ed ai Cauda; ed ultimi a possederlo
furono i conti Cays, antica famiglia nizzarda che n'ha tuttora la
proprietà.

Per via fiorita salii al castello, e non appena feci annunziare il mio
nome al sig. Carlo Cays conte di Caselette, che tosto egli mi accolse
festosamente nel suo castello, come i più splendidi baroni del medio
evo usarono coi trovadori, che andavano di terra in terra a celebrare
col canto le imprese e gli amori della cavalleria feudale. In compagnia
di lui e del caro ed unico suo figliuolo visitai le adorne stanze,
che furono degne di essere abitate dalla madre e dalla consorte del
nostro Re, nell'estate dell'anno 1854, ultimo della vita di quelle
pietose e lagrimate Regine. Vidi un bel quadro fiammingo, _L'adorazione
dei Magi_, di Francesco Franz, e l'oratorio domestico che finisce in
dipinta cupoletta col nome di Maria nei vetri colorati. Mi fu mostrata
la tribuna in cui solevano insieme orare le due pie Regine, come in
Torino mirabilmente le scolpiva il Vela nella chiesa della Consolata.
Mi fu pur mostrata una pianeta in tela d'argento, ricca di bei ricami,
cominciati dalla Regina Maria Teresa e compiuti dalla duchessa di
Genova, cogli stemmi della loro stirpe aggiunti alla Croce di Savoia.


XL.

Uscito all'aperto, osservai appiè del castello l'erta via, per cui si
sale al santuario di S. Abaco, persiano di origine, morto martire in
Roma nel terzo secolo dell'êra cristiana.

Quella scabra salita fu agevolata dal conte Cays e da altri divoti, e
decorata di quindici cappellette, che in tela rappresentano le stazioni
della _Via Crucis_. Due delle cappelle furono fatte costruire dalle
nostre Regine, ricordate nel Musinè per atti di evangelica pietà.
Raccogliendo queste notizie, erravo nei pensili giardini del castello
fra cedri ed ulivi, e per viali di cipressi; e presso un salice
carezzato dal murmure soave di acque cadenti, salutavo ver occidente
il regale castello di Rivoli e ad oriente gli ubertosi piani di Torino
chiusi dal colle di Superga.

Mi accommiatai dal conte ospitale, e nel suo cocchio traversata la
valle, giunsi nuovamente alle acque della Dora.


XLI.

ALPIGNANO.

Case modeste vidi lungo le due sponde del fiume, e per erbosi clivi in
gran copia acque spumanti che mormorano e biancheggiano fra le ruote
di un molino ed entro grotticelle coperte di musco e di edera, e una
fucina di ferro che mi assordava coi ripetuti colpi del maglio, e un
antico ponte a tre archi, rifatto nel 1740, onde si varca la Dora, e
presso al ponte un grosso masso di roccia, il quale, al dir del volgo,
nella notte dell'Epifania fa tre giri intorno a sè ben sensibili a chi
ardisse in quella notte stare sopra quel masso dove apparvero i tre
Re magi. Queste sono le vedute e queste le leggende che trovai in
Alpignano appiè del verde poggio, in cui fra gli olmi, i frassini e
i platani, e fra ogni sorta di fiori si aderge il maestoso castello,
sotto cui anco uomini savi credettero sepolto un ricchissimo tesoro.

Quel villaggio è sede di ozi beati, per cui la elessero a riposo delle
cure politiche due vivaci intelletti, Pier Carlo Boggio e Felice
Govean, allettati dall'amenità del sito e dalle storiche memorie.


XLII.

Vuolsi che Alpignano prendesse il nome da un Alpino, romano, possessore
di quel luogo. Si dice pure che vi stanziasse una colonia romana, la
quale operò il taglio di una rupe per dare corso alle acque della
Dora impaludate ne' luoghi adiacenti. Certo si è che diverse famiglie
illustri ebbervi signoria. L'ebbero i principi d'Acaia, che nel secolo
XIV ne investirono Guglielmo di Mombello, signore di Frossasco; e
l'ebbero in feudo i conti di Provana, edificatori del vasto castello,
che ammirasi riabbellito e ricco di ogni guisa di arredi ed ornamenti.

Morto senza prole l'ultimo feudatario nel 1797, il Governo rimase
padrone di diritto.

Alpignano obbediva un tempo a quattro padroni, perchè parte di esso era
dello Stato, altra porzione apparteneva alla Famiglia reale, la terza
ai monaci e la quarta al feudatario.

Nel Governo si raccoglievano tutti i poteri, quando nel 1804 il
Demanio francese vendeva il castello all'avv. Modesto Paroletti, che
fu sul punto di demolirlo per cercarvi nelle fondamenta il desiderato
tesoro; ma poi si persuase di lasciarlo incolume e venderlo ai fratelli
Revelli, l'avvocato e il pittore, che vi portarono gli splendori
dell'arte.

Dalla famiglia Revelli nel 1840 lo comperò il conte Michelangelo Robbio
di Varigliè, e da questo nel 1863 lo acquistava l'avvocato Riberi,
ornato giovane, che in mezzo a tanta amenità di paese e in compagnia
di colti amici mostrasi tutto applicato a nobilissimi studi, onde potrà
illustrare sè e la patria, aiutato dal pingue retaggio lasciatogli
dallo zio paterno, il celebre professore di medicina.


XLIII.

L'avvocato Paroletti, uomo di molta erudizione, intese forse d'imitare
i cittadini di Oderzo, che nei contratti di vendita usavano la clausola
_salvo iure putei_, salvo il diritto del pozzo, in cui furono nascoste
le dovizie della città assalita da Attila. Egli pure nell'istrumento di
vendita si riserbò il diritto del tesoro, quando mai si trovasse.

Non sembri tanto strana in Alpignano la diceria del tesoro, che
acquistò credito dall'essersene trovato uno davvero nelle vicine terre
di Pianezza, come mi osservava il conte Robbio, allorchè nel settembre
del 1854 mi conduceva cortesemente a visitare il castello da lui
posseduto.


XLIV.

IL PITTORE VINCENZO REVELLI.

Il piemontese Vincenzo Revelli portò a! castello di Alpignano un vero
tesoro coll'opera del suo ingegno. Architetto, scultore e specialmente
pittore a' suoi tempi salì in molta fama.

Ai servigi dell'imperatore Napoleone I, si mantenne fedele nella
prospera e nell'avversa fortuna, sicchè lo accompagnò esule nell'isola
d'Elba, ove gli decorò e dipinse palazzo e teatro. Venne creato
suo primo pittore al ritorno da quell'isola; ma, caduto nuovamente
l'imperiale mecenate, il fido artista reduce in Piemonte fu consigliato
di allontanarsi, perchè al Governo d'allora mal gradivano gli amici del
Prigioniero di Sant'Elena.

Il Revelli andò a Londra, sicuro asilo ai profughi politici d'Europa, e
colà eseguendo molti lavori per commissione, si arricchì grandemente.
Ma il nobile artista, preso dall'amore della patria, più che dal
desiderio di nuove ricchezze, fra le nebbie del Norte invocava il sole
d'Italia, e potè ritornare alla Dora, e chiamando la filosofia al
consorzio delle belle arti, si ritirò nel sospirato suo castello di
Alpignano.

Egli ne fece sede ben degna d'ogni più splendido signore. Nelle
stanze del piano terreno avea raccolto un museo di storia naturale, e
nel piano superiore, la parte più cospicua del castello, ornò sale,
vestiboli e gallerie di stucchi ed affreschi, di statue e tele dipinte.
Tutti lavori del suo ingegno, nei quali si ammira l'artista filosofo,
che a principali soggetti elegge le scienze e la morale.

Le scuole diranno che il Revelli fu mediocre disegnatore, più felice
nel trovare i concetti che nell'eseguirli; diranno ch'egli traeva
grande effetto dal contrasto dei colori, de' quali però abusò, non
osservando la gradazione e l'armonia volute dall'arte. Tuttavia, se
pongasi mente ai tempi in che visse ed operò fra noi il Revelli,
dobbiam pur dire che le sue immaginose invenzioni furono spesso con
maestria eseguite.

Chi vuol giudicare dell'indole di questo facile pennello può vedere in
S. Domenico di Torino _La visione della Battaglia di Lepanto di S. Pio
V_; tavola, alla quale nuoce pur troppo la vicinanza della _Madonna del
Rosario_ del Guercino.


XLV.

I luoghi più notevoli del castello sono quelli chiamati--_Il Tempio
della Filosofia_,--_Il Paradiso della Sapienza_,--e _La Grotta dei
Leoni_.

Alla Filosofia il Revelli consacrò la sala più vasta, nella quale
effigiò varie figure allegoriche ed immagini di filosofi; e in quattro
medaglioni ritrasse l'età dell'oro e quella del ferro, Belisario cieco
e la Storia illuminata dal Tempo.

L'artista vagheggiò idealmente l'età dell'oro, sogno de' pensatori, e
con amorosa cura la dipinse nel suo miglior quadro. Egli vi ritrasse
bella e maestosa donna che tiene colla mano sinistra la bilancia
sospesa, e brandisce colla destra la spada innanzi ad eminente seggio
in cui sta il libro della legge. Il caduceo, il fascio romano e il
cornucopia vi sono dipinti a rappresentare il commercio, la concordia e
l'abbondanza, frutti dell'età giusta e forte.

Si narra che quel quadro, in una esposizione artistica del R. Castello
del Valentino dopo il 1815, fosse levato via per ordine superiore. Si
sospettò che l'artista volesse accennare a reggimento repubblicano,
imperocchè sul trono dell'età dell'oro non collocò il Re, ma la legge
soltanto. L'artista imperiale era forse divenuto repubblicano?


XLVI.

Fosforescenti sipari da teatro mi parvero i dipinti, ne' quali con alto
concetto il Revelli rappresentò lo stato selvaggio dell'uomo, ed i
suoi progressi coll'aiuto delle scienze e delle arti, e l'ultimo fine
nel trionfo della mente nel paradiso, dove Genii librati fra le nubi
rendono omaggio all'Ente supremo, fonte perenne dell'amore e della
sapienza universa.


XLVII.

La stanza intitolata la _Grotta de' Leoni_ è dipinta come grotta,
animata da un getto d'acqua assai elevato, che ricade in ampia vasca,
cui stanno ai lati due leoni colossali, fra cui signoreggia la statua
di Mercurio Trismegisto, inventore dei caratteri.

Sull'orlo della vasca stanno diversi augelli palustri imbalsamati, che
imitano il vero e rendono più vera e gaia l'apparenza della grotta
fantastica.

Presso un vestibolo dipinto a notte, dove sono le statuette d'Amore e
Psiche, il pittore filosofo volle pure consacrare una camera a Lodovico
Ariosto; e convertì l'antica prigione del castello nella grotta e nel
sepolcro del mago Merlino, secondo la descrizione che quegli ne fece
nel canto terzo del suo svariato inimitabile poema.

Vi ha la maga Melissa con uno spettro appiè della tomba, donde un
organo spande musiche misteriose. La grotta acquista solennità
eziandio da notturni augelli, dal busto del re Arturo e dal ritratto
dell'Ariosto, a cui sulla parete l'artista consacrò versi di grande
ammirazione.

Se il gran Lodovico, fra i centomila volumi della preziosa biblioteca
ferrarese, sorgesse per poco dal suo marmoreo sepolcro e si
trasportasse nelle nostre valli subalpine, piene delle memorie di Carlo
e dei paladini da lui cantati, cred'io che si piacerebbe di trovare nel
fantastico castello di Alpignano rappresentate sì al vivo le facili ed
insuperabili sue ottave!


XLIX.

PIANEZZA.

Il geologo Michele Lessona, che sulle sponde del Nilo mi accompagnò
alle celebrate Piramidi, se da Alpignano per amena passeggiata sulla
riva sinistra della Dora mi avesse accompagnato a Pianezza, certamente
l'amico delle Piramidi mi avrebbe tosto condotto in mezzo al paese
al Rocco, alla _pietraccia sterminata_ da lui non ha guari descritta
in un'appendice di giornale[33]; mi avrebbe guidato alla cappelletta
di S. Michele che vi sta sopra, ragionando di storia naturale in cui
è versatissimo, e svolgendomi le applaudite opinioni del professore
Bartolomeo Gastaldi intorno a certi massi enormi nella valle della
Dora, mi avrebbe dato una faconda e piacevole lezione intitolata: _I
massi erratici_.

Io non ebbi sì lieta e desiderata ventura. Mi accompagnò invece
all'arduo _Rocco_ il conte Mariano X, non professore di scienze
naturali come il Lessona, ma che poteva esserlo di sperimentata
galanteria nel bel mondo.


L.

Il conte Mariano fu mio collega nell'Ateneo torinese; e, laureatosi
in legge, giunse grado a grado ai più alti uffici della magistratura,
mentre io andava errante in lontane regioni; ed ora stanco delle
faccende di Stato, lasciò le cariche luminose per ritirarsi a vivere
pacificamente in amena villa nei giardini di Pianezza, come fanno non
pochi provetti personaggi di Torino. Il conte Mariano, uomo di nobile
aspetto e di brio, d'ingegno e d'erudizione, fu cercato nei circoli più
cospicui dell'aristocrazia, ch'egli frequentò studiando la vita intima
delle case patrizie.

Il conte dunque mi accompagnò in cima alla pietraccia sterminata; e,
presso il S. Michele mal dipinto nella cappella, invitandomi a guardare
intorno a quel masso tanto studiato dai geologi le case dei mille e
quattrocento abitanti di Pianezza, così prese a favellarmi:

--Poeta, ti ho condotto per difficile erta a questa altura, perchè qui
è dove meglio tu possa accenderti a nuovi estri, godendo dell'ampia
veduta del paese.

Guarda ad oriente quella casa colorata in giallo e sormontata da una
torricella: è la villa del barone Boggio, notevole per abbondanza
e varietà di fiori, che gli rallegrano il giardino. Volgiti verso
mezzogiorno se vuoi salutare la villa ospitale del cav. Bartolomeo
Geymet, che fu de' migliori nostri consoli in Oriente, architettatagli
dal caro e valoroso suo figliuolo uffiziale nel Corpo del Genio.
Nella parte opposta v'ha la bella casa del cav. Borbonese; e vedi uno
stupendo edificio con porticato, presso cui verdeggiano due cipressi e
risalta la torre ottangolare accarezzata dai rami del salice piangente,
che ora tremano al soffio di leggiero venticello. È del Blanchetti
quel palagio su cui si alza la cupola di foggia chinese, che contrasta
col prossimo campanile della chiesa del Nome di Maria. Nella medesima
direzione a tramontana sui verdi campi biancheggia l'antico santuario
di S. Pancrazio, distante un miglio. Ma tu, illustratore di castelli
diroccati, sei tratto ad ammirare qui presso la casa del barone Massara
di Previde, la quale ha torre rosseggiante ed è dipinta con apparenza
di recente rovina.

Potrei accennarti altri eleganti edifici, ma nessuno più sontuoso della
villa Lascaris, la quale a ponente del paese ora andremo a visitare
accosto alla chiesa parrocchiale, il cui campanile è l'antica torre del
Comune che ti si presenta cerchiata da folte selve.--

Ringraziai l'amico Mariano della descrizione e dell'aiuto datomi nello
scendere per la rupe discoscesa, mentre ci deliziava armonica voce di
donna che nella vicina abitazione disposava note soavissime al suono
del pianoforte.


LI.

La magnifica villa edificata sui baluardi del rovinato storico castello
di Pianezza fu dei marchesi Lascaris di Ventimiglia, sangue degli
imperadori d'Oriente.

Agostino, l'ultimo marchese, la decorò di arredi, giardini e dipinture.
Dal Morgari, valente artista subalpino, fece in essa ritrarre a
chiaroscuro fatti militari della R. Casa di Savoia, e uomini illustri
d'Italia; e nel 1835 legava la sontuosa villa a monsignor Fransoni
arcivescovo di Torino ed a' successori suoi nel seggio episcopale. Ora,
da alcuni anni, la villa è in custodia del R. Economato ecclesiastico;
epperciò al sommo della porta che mette negli appartamenti, sotto il
busto del donatore, si legge in lettere incise e dorate nel marmo:

                       AL LIBERALISSIMO DONATORE
               MARCHESE AGOSTINO LASCARIS DI VENTIMIGLIA
                  L'ABATE VACCHETTA ECONOMO GENERALE
                         NEL MDCCCLXIII POSE.

Il conte Mariano mi condusse a visitare le cose più belle della villa,
e nella sala da bigliardo mi additò effigiati Carlo Emanuele III, i
liguri Cristoforo Colombo e Andrea Doria, e il torinese Bogino, insigne
uomo di Stato, che servì la patria nella guerra del 1742 contro la
Francia. Mi additò il ritratto del Lagrange che ha in mano un volume,
su cui si legge: _Meccanica analitica_, e Vittorio Alfieri che ha in
mano un libro, ove si legge: _Saul_. Poi mi additò il Micca dipinto
in atto di mettere il fuoco alla fatal mina, morte a lui e vita alla
patria; e con pennello e tavolozza ritratto il Galliari, il quale
condusse molto innanzi la pittura scenica in Italia, e decorò con
istupenda maestria il teatro di Berlino.

Giustamente avvertiva il conte Mariano, che Micca e il Galliari,
essendo ambidue nati in Andorno, paesello del Biellese, rappresentano
il Piemonte, nobilissimo santuario dell'armi e dell'arti alleate.


LII.

ADELE CAVOUR-LASCARIS.

Attigua alla sala da bigliardo, stanza di letizia e di amabili
adunanze, vi ha la domestica chiesuola ove dormono sotto marmi
inscritti le ceneri di parecchi della famiglia Lascaris.

Quivi m'introdusse il conte Mariano, e additommi nel mezzo del
presbiterio la tomba del marchese Agostino, ed alla destra l'avello
dell'unica sua figlia Adele, inanellata al marchese Gustavo Cavour,
morta di parto in Torino, in età di ventisei anni.

Il conte, riguardando con dolore alla lapide della marchesa Adele, si
mostrò vivamente commosso, e proruppe nelle seguenti parole:

--Poeta, se tu avessi conosciuto la marchesa Adele, ne' tuoi canti
l'avresti salutata angelo di bellezza e di virtù. Tu avresti detto, che
le grazie delle più vezzose ed onorate donne di Grecia e d'Italia si
fossero accolte ad ornare l'ultimo germoglio della Casa Lascaris. Io
la conobbi. L'oro del crine, la luce degli occhi azzurri, il nobile
portamento e gli atti e gli accenti pieni di soavità, spandevano
dovunque una gioia di cielo.

Non di rado era assalita da misteriosa malinconia, e fra le pompe del
secolo tratta da pensieri religiosi a ragionare colle amiche della
vanità delle cose terrestri e dell'avvenire dell'uomo. Nell'aprile
della vita ne presentì la sua fine, sicchè prima del parto, onde venne
alla luce il figlio Eynardo, andò ad accommiatarsi dalle sue più
dilette amiche; ed io la incontrai, tre giorni prima ch'ella morisse,
in casa della mia sorella Cristina, a cui dando un amplesso affettuoso
disse: amica, ti do il bacio dell'addio, perchè sto per imprendere un
lungo viaggio.

--Ma, caro Mariano, io lo interruppi, perchè mai questo angelo di
bellezza e di virtù non fu sepolto a Sàntena nelle tombe della famiglia
Cavour?

--Così volevano il desolato consorte e lo suocero marchese Cavour,
ripigliò il conte Mariano. Con amorosa istanza il padre marchese
Agostino richiese la salma di Adele, e la ottenne, per aversela sempre
vicina, con promessa che non rimarrebbe in questa tomba oltre la vita
di lui.

Di poi, per dissapori nati fra le due case, il marchese Lascaris,
dimenticando, o troppo rammentando la promessa, trovò un modo singolare
per assicurarsi la sepoltura presso l'amatissima figliuola. Legò il
castello di Pianezza colle sue adiacenze e gli arredi alla Mensa
arcivescovile di Torino, con l'espressa condizione di non permettere
che da Pianezza fosse levata la spoglia della marchesa Adele.--


LIII.

Usciti dal palazzo, passeggiammo nel parco, veramente grandioso, fra
il canto degli augelli e il mormorio della Dora. Scendendo ad ostro,
giungemmo alla galleria sotterranea del castello, nella quale, fra
oggetti d'archeologia, si conserva la bella marmorea tomba del poeta
cav. Filippo Vagnoni. Quel sarcofago, caduto in potere dei frati di
Vinovo, fu convertito in vasca da lavare, e poi servì ai villici per
abbeverare gli armenti. Il marchese Agostino Lascaris, conosciutone
il pregio, contentò i villici con un abbeveratoio di legno, ond'egli
potè far trasportare nei sotterranei del castello il sarcofago, fra
i pipistrelli che svolazzano sopra le ammirate sculture di argomento
mitologico.


LIV.

MARIA BRICCA

L'edera si abbarbica nell'arco della porta che mette al sotterraneo,
e nel piccolo piano che vi sta innanzi, un antico albero di noce, ed
acacie e cipressi sorgono intorno alla colonna, in cui si legge: _A
Maria Bricca_.

L'avvocato cagliaritano, Giuseppe Orano, giovane di fervido ingegno e
di molto zelo negli studi, che si aggirava a diporto in que' dintorni,
erasi aggiunto alla nostra compagnia nei viali del parco, e con noi
entrato nei sotterranei; ond'io innanzi alla colonna memoranda, voltomi
al conte, dissi:

--Caro Mariano, tu che, qui dimorando, sai meglio di me il fatto
glorioso di Maria Bricca, narrane, ti prego, i particolari a questo
giovane sardo, il quale, nell'udire da te le imprese dell'eroina
di Pianezza, ricorderà volentieri quelle della eroina di Sardegna,
Eleonora di Arborèa.

--Ben volentieri, rispose il conte Mariano, mentre il giovane sardo gli
faceva atti di ringraziamento.

Sedemmo dunque sul poggio erboso dirimpetto all'ingresso del
sotterraneo, e il conte guardando alla colonna, così parlò:

--Il castello di Pianezza non solo rammenta alle donne italiane un
raro modello di beltà, di grazia e di virtù nella marchesa Adele
Lascaris-Cavour, ma eziandio un patrio esempio di magnanimo ardire in
Maria Bricca.

Nel settembre del 1706, i Francesi stringevano d'assedio Torino. Pietro
Micca col suo sacrificio aveva dato un crollo alla gallica baldanza,
mentre Vittorio Amedeo e il principe Eugenio apparecchiavano il pieno
trionfo de' Subalpini. Tuttavia i Francesi imbaldanzivano presso la
città, e una loro squadra di cavalleria, occupando questo castello,
sollazzavasi in banchetti e danze.

I soldati piemontesi, vigili sulla riva opposta della Dora, per
cacciare i nemici da Pianezza si affidarono agli accorgimenti di Maria
Bricca, vecchia contadina del luogo, devota a Casa Savoia, pratica
delle vie occulte del castello, e pronta ai rischi della guerra.

La sera del 5 settembre era gonfio il fiume, onde gli ufficiali
francesi, non sospettando che i soldati piemontesi ardissero valicarlo,
sicuri d'ogni pericolo, facevano insolita baldoria. Maria Bricca vide
essere quello appunto il momento propizio all'impresa, e, datone avviso
al campo degli Italiani, tosto, protetti dal silenzio della notte,
furono a lei cinquantacinque de' nostri granatieri armati.

Maria, con in mano una scure, chetamente li condusse nei sotterranei,
innanzi cui ci troviamo a ragionare di lei. Quindi, accese alcune
fiaccole, per riposti anditi e scale segrete li guidò alla chiusa porta
del loggiato superiore che metteva alla gran sala da ballo. A colpi di
scure la scassinò, e bentosto fu dentro coi granatieri, gridando: _Viva
Savoia!_ I danzanti sbalorditi alla prima credettero che fosse una
scena da teatro; ma al ripetuto grido di _Viva Savoia!_ si avvidero di
essere in cospetto di una nuova Giuditta, e indarno tentarono resistere
ai gagliardi assalitori. Maria Bricca e i bravi nostri granatieri
furono addosso ai Francesi e li costrinsero ad arrendersi. Furono
fatti prigionieri sonatori e ballerini, due generali, ottocento uomini
fra sotto-ufficiali e soldati; bandiere, artiglierie e vettovaglie
del nemico caddero in potere de' nostri. Dopo tre giorni, la gran
battaglia di Torino mise il colmo al nostro trionfo, al quale contribuì
grandemente l'animosa Maria Bricca coi cinquantacinque granatieri
piemontesi.--

Il giovane sardo, lieto di questo racconto, a me indirizzandosi, sclamò:

--Signor professore, questa Maria Bricca è dunque famosa come la
Eleonora d'Arborèa, in onor della quale ella promosse l'Accademia
letteraria nell'università di Cagliari?

--Non tanto, gli risposi. Maria Bricca di Pianezza deve essere
annoverata colla Segurana di Nizza, colla Cinzica di Pisa, con Beatrice
di Luserna e la Stamura di Ancona, e con altre valorose che giovarono
alla salute della patria. Ma Eleonora, la celebre giudicessa di
Arborèa, legislatrice e condottiera di eserciti, ed esempio magnanimo
di carità cittadina, è la donna più gloriosa che splenda nelle Storie
d'Italia.

Ogni madre dovrebbe tenere l'effige di Eleonora nel luogo più
cospicuo della casa, e proporla ad insegnamento della famiglia.
Quando gl'Italiani, facendo atto di bella fratellanza alla Sardegna,
concorreranno con offerte ad erigere sulle rive del Tirso in Oristano
il monumento alla celebre eroina, io proporrò che nella marmorea base
si abbiano a ritrarre in basso rilievo, quasi in ossequio ad Eleonora,
parecchie altre illustri donne d'Italia che cogli accorgimenti
politici e militari onorarono la nazione; e prime fra queste la regina
Teodolinda, la contessa Matilde, la Segurana, la Cinzica, la Stamura,
Beatrice di Luserna e Maria Bricca, che snidò gli stranieri dal
castello di Pianezza.--

Il giovane sardo si mostrò contento alla mia proposta, e il conte
Mariano mi strinse la destra con segni di approvazione.


LV.

COLLEGNO.

Accostandosi a Torino, s'incontra Collegno, villaggio di 1700 abitanti.

I luoghi antichi nei dintorni delle città spesse volte prendevano
nome dalle distanze. Presso Cagliari vi ha Quarto, Sesto e Settimo;
presso Bologna vi ha Quarto e Sesto, e Sesto pure è ne' dintorni di
Firenze; Settimo a sette miglia da Torino, e _ad Quintum_, a cinque.
Quest'ultimo luogo ora è detto Collegno (latinamente _Collegium_), e
sorge a maestrale ed a tre miglia piemontesi dall'augusta città della
Dora, perocchè la misura subalpina sta all'antica romana come tre a
cinque.

Collegno siede nel piano sulla riva destra del fiume, la quale essendo
più elevata della sinistra, offre verso ponente e borea una veduta
assai estesa, e vanta salubrità di clima. La Dora vi scorre in alveo
profondo sotto il castello e il paese fra sponde artificiali di grosse
pietre saldissime, e si dirama in quattro gore, appellate _canali_ e
_bealere_, che fecondano l'aprico territorio dell'intiero Comune, lieto
di prati, gelsi e pometi.


LVI.

Tre pensieri mi rimangono di Collegno, il castello, il molino
anglo-americano ed il manicomio.

Il castello di Collegno è assai antico. Tutta Italia fu munita sui
monti di tali fortezze, o per difesa di un feudatario contro un altro,
per frenare l'impeto degli stranieri che spesso irruppero su le nostre
belle contrade, contenti di trovarle discordi e miseramente divise.

Codesto castello seguì le vicende del paese, passando di padrone in
padrone, di rovina in rovina. I Francesi che nel secolo decimosesto
cerchiarono Torino di fortificazioni, da essi poi smantellate ai
tempi napoleonici, atterrarono molta parte di questo castello prima
della loro sconfitta a S. Quintino. Una parte sta ancora in piedi ad
attestare la fortezza del tutto, atto e disposto a resistere al morso
dei secoli, non che alla rabbia degli invasori.

Quell'ampio palazzo, che vedesi là a maestrale verso la Dora,
appartiene ai Provana di Collegno, e fu innalzato su gli avanzi del
combattuto castello. La sua torre, che domina il bastione Verde a guisa
di cittadella, n'è pure avanzo. Ora non serve che a bellezza pittorica.

Nel 1854 mi feci alle porte di quel palazzo cinto da giardini, e il
nipote degli antichi feudatari mi permise che, accompagnato da un suo
servo, io vedessi su vasta tela l'effigie di un illustre suo antenato,
vestito alla spagnuola, e che fra massicci muraglioni e per iscala di
legno salissi la vecchia torre.

Sorgente da folte selve, quella bruna torre veduta da lontano pareva
che al sommo portasse un vaso enorme di fiori e frutti. In cima del
torrione ai quattro angoli trovai quattro aceri cresciuti a maraviglia:
tre erano imbozzacchiti come molti alberi delle schiatte feudali; uno
reggeva agli anni.

Il sole mi dardeggiava, e l'acero vivo avviticchiato dai tralci di vite
vergine mi proteggeva della sua ombra, mentre io guardandomi intorno,
pensava a certe reliquie di reggimento feudale rimaste a Collegno, nei
quaranta franchi che il Comune pagava alle guardie, e negli ottocento
franchi di canone al conte del castello.

Forse ogni resto di feudalismo cessò ora che eziandio la vecchia torre
spogliata degli aceri perdette il bruno aspetto del medio evo e si
volle ringiovanirla coll'imbiancarla.

«Il secolo si rinnova, e si deggiono operare grandi riforme», andavasi
ripetendo sul Bosforo ai tempi del sultano Mahmud: e il sultano,
volendo provare di essersi posto a capo delle civili riforme, cominciò
dal far imbiancare le moschee e spogliarle de' vecchi arredi, anche
preziosi, per sostituirvi i nuovi, talvolta di poco valore.

Così fra noi, «Il secolo si rinnova», si va gridando, e s'imbiancano
gli atrii storiati de' santuari, s'imbiancano le brune torri del medio
evo, e nella mia Novara si è atterrata la vetusta cattedrale di arte
cristiana, per erigervi invece una chiesa di arte profana.


LVII.

Non coll'imbiancare o col rovinare antichi monumenti si rinnova
efficacemente il secolo, sì bene col far prosperare le arti, le
industrie ed i commerci.

Dove sono acque, ponno fiorire industrie speciali; infatti Collegno si
avvantaggia di ferriere, conce di pelli e filatoi da seta, lavoro e
vita a centinaia di operai. Fra le fucine animate dalla Dora è degno
di singolare ammirazione il molino per la macinatura delle farine col
sistema anglo-americano, discosto, verso ponente, un mezzo miglio dal
paese.

Colà era noto il piccolo antico molino della Barca, così detto dal
navicello onde si varca tuttavia la Dora. Nel 1852 il piccolo molino
fu convertito nel grandioso opificio che ora si ammira, costrutto col
disegno del commendatore Grattoni, uno dei tre ingegneri che conducono
e dirigono gli arditi lavori pel traforo del Cenisio.

Iniziatore dell'opificio anglo-americano fu il conte Camillo Cavour,
il quale in tutto tendeva al grande, così nell'industria come nella
politica. Egli probabilmente nel piccolo molino della Barca, alzato
ai sommi gradi dell'industria, avrà ravvisato il piccolo paese appiè
dell'Alpi, che negli accorgimenti politici saliva sì alto da diventare
il mezzo più efficace del rinnovamento italiano.

Due cortesi uomini esercitati ne' commerci e nell'industria mi vi
accompagnarono, Luigi Brun, mio nipote, valente spinettaio, che meritò
diverse medaglie nelle nostre esposizioni nazionali d'industria e
commercio, e Venanzio Marchese, energico direttore dell'opificio.

Appena entralo nello stabilimento, mi sentii assordare dal continuo
frastuono delle acque e delle macchine, linguaggio della natura e
dell'arte che sono in moto per aiutare l'industria umana e soccorrere
ai bisogni della vita.

L'edificio sormontato da torre quadrangolare è un quadrato a cinque
piani che a modo di penisola è cinto dalle acque della Dora, qui chiuse
e quiete in canali, là irrompenti e schiumanti per cateratte, fra
pioppi, acacie ed avellani.

Mi piacque visitare i magazzini e gli ordegni del pian terreno e de'
cinque superiori. Un magazzino costrutto a galleria, con le pareti
e i pilastri asfaltati per assicurarlo dai topi e dall'umidità,
può contenere quattordici mila quintali di grano. Vi si versano
tuttodì in grande quantità frumenti del Piemonte e di altre province
italiane, e grani provenienti dal Mar Nero, dal Mar d'Azoff e dalle
rive del Danubio. Gittando lo sguardo sotto le sei arcate di quella
galleria piena di frumento, tosto mi si presentò lo spettacolo di
gaie collinette che si succedono le une alle altre. Frattanto il
signor Marchese gettavasi agilmente qua e là sulle brune collinette
che cedevano sotto i suoi passi, e distingueva le diverse qualità dei
grani dal loro peso e colore, come l'orefice distingue le qualità delle
pietre preziose.

Vidi ventiquattro paia di macine di pietra francese, detta di
_Laferté_, e i tubi conduttori delle acque, dei grani e delle farine, e
i crivelli pulitori e i frulloni, e le ruote dentate, che dànno il moto
per mille meandri alle mole stritolatrici.

Io mi sentii raddoppiare la vita allo spettacolo di tanto moto, e tra
la faccenda continua dei robusti operai sparsi di farina gli abiti, le
guance e le scomposte chiome. Colà ogni pensiero s'agita nel frumento.
Mi fu aperta una vasta camera piena di candida farina, che mi parve un
colle di neve recente. Mi si mostravano sacchi di grano che salivano e
scendevano assicurati ad uncini; e in vaste gallerie mi si additavano
a cento a cento schierati e suggellati quelli di farina che dovevano
spedirsi in Italia e fuori, anche in Egitto.

Domandai se quell'opificio appartenesse ad una società di azionisti.

--Per l'appunto, mi fu risposto.

Domandai se altri opifici di simil genere siano in Italia, e il nipote
Brun mi rispose:

--Ve ne hanno altri: presso Alba ed in Settimo nel Piemonte, e a
Pontedecimo nella Liguria, ma di minore importanza. Ve n'ha uno a
Trieste, un altro a Livorno, ma a vapore; non vasti come questo di
Collegno, ove le macchine hanno ciascheduna la forza di 120 cavalli, e
si macinano ogni giorno seicento quintali di grano.

--Dunque, io esclamai allegramente fra i due cortesi che mi
accompagnavano: dunque il Piemonte oggigiorno è sempre il più solerte
operaio nella realtà della vita. Il Piemonte vanta le armi, l'industria
e il miglior molino per la macinatura delle farine, come la Toscana
vanta le arti, la poesia e l'Accademia della Crusca.


LVIII.

Da un opificio, creazione di menti sane ed operose, passo al più bello
ed elevato luogo di Collegno, ad un pietoso ospizio ove sono curati i
mentecatti.

Il palazzo di Bernardino Data, tesoriere ducale, fu comperato nel
secolo xvii dalla Duchessa Cristina per dar ricetto ai Certosini di
Avigliana, cacciati dal lor nido. Nel 1649 i cenobiti entrarono nel
sontuoso palazzo, a cui tolsero l'aspetto profano per dargli l'impronta
religiosa cogli splendori dell'arte secondo il gusto del tempo.

Nello scorcio del secolo passato, insieme con altri ordini religiosi,
fu soppressa la Certosa di Collegno, e fu riaperta ai frati di S.
Brunone dopo il 1815; e nel 1852 venne convertita in succursale del
Regio Manicomio di Torino.

Diciotto cenobiti nel dì della loro soppressione abitavano quell'ampio
edifizio, con eleganti portici, col giardino dell'area di trenta
giornate e con un vasto e fertilissimo campo. Ora vi sono ricoverati
più di 400 matti, gente operaia e campagnuola in gran parte. Entrai
per la bella porta della Certosa d'ordine ionico, fra colonne, statue
e cartocci, e fui condotto negli ampi chiostri e sotto gli spaziosi
porticati, a visitare il luogo assegnato agli uomini, e quello per le
donne, e la stanza delle epilettiche. Nessuno trovai legato: molti
degli uomini lavorano nei campi vicini e se n'avvantaggiano di salute e
di danaro, e molte donne filano, assistite dalle Suore di Carità.

In quel manicomio, come altrove, si è riconosciuto che l'orgoglio e
la superstizione religiosa negli uomini, e la passione dell'amore
nelle donne sono le cause principali delle infermità mentali. V'hanno
pazzie intermittenti come accade delle febbri; onde talvolta credete di
ragionare con un uomo di mente sana, ma poi a un tratto v'accorgete che
sta per riassalirlo l'infermità.


LIX.

In mezzo dell'ampio cortile sorge un poggio allegrato di alberi. Colà
trovai un uomo di bell'aspetto e d'alta statura, vestito di prolisso
soprabito bruno, dignitoso del portamento e dello sguardo,

  «Lunga la barba e di pel bianco mista»,

lunghi pure i capelli. Egli mi si fece innanzi, e, dopo avermi invitato
ad intrattenermi con lui, prese a dirmi:

--In cotesto luogo vengono a diporto ogni giorno i matti pacifici, de'
quali tutti potrei narrarle per filo e per segno la vita.--

E mi accennava man mano diversi di que' mentecatti, e dicevami:

--Colui ch'ella vede presso quel tiglio appoggiato a lungo bastone,
si crede di essere Cristoforo Colombo, ritto in piedi presso l'albero
maestro e con un remo in mano: l'altro, seduto accosto a quella
fontana, che sta in atto di scrivere, dice di essere il Petrarca al
fonte di Sorga intento a dettare la canzone--_Chiare, fresche e dolci
acque_;--e quel terzo più in là, rannicchiato su quel mucchio di
mattoni, gonfia le gote e soffia, e pretende di essere il Dio Eolo.--Lo
vede?

--Lo veggo.

--Andando nel recinto delle donne, si guardi dalla vecchiaccia che
accarezza una tegola e se la stringe al seno e la culla come un
bambolino. Ebbene! Colei vorrebbe essere la nutrice di Napoleone I.
La poverella è vedova d'un uffiziale Còrso, che militò sotto il primo
Impero, ed ha la smania di nutrire gli eroi. Io non posso andare nel
recinto delle donne, ma ne ho tutte le notizie. Ella avrà pur veduta
fra loro la regina del Borgo del Pallone, che passeggiava un giorno
per Torino, vestita di cenci di seta, con piume in capo e un parasole
color di rosa, quando fioccava la neve e infuriava la gragnuola. Essa
stringe pur oggi lo scettro, che è un vecchio scudiscio, fasciato di
nastro bianco e rosso, e ornato in cima di fiorellini. La meschinella
si è qui ridotta, o a meglio dire, è stata qui chiusa, perchè i monelli
di Torino dandole la baia e facendone strazio l'avevan resa furiosa.

--Infelice!

--Oh sì, infelice!--Oh veda, veda que' due, che vengono in qua a passi
gravi e lenti, brontolando e guardando gli altri con atteggiamento di
protezione.

--Li vedo.

--Costoro sono i più cari matti del mondo. L'uno di loro pretende di
essere Pio IX, e l'altro Vittorio Emanuele II.

--Oh!

--Ma non sono.

--Lo vedo.

--E vorrebbero darla ad intendere a me, anche a me! (e alzava la voce)
a me! (e si faceva rosso in viso) a me che sono il Padre Eterno, e
dovrò definire le loro controversie!--

In così dire sbarrò gli occhi, rizzossi in punta de' piedi, squassò la
testa, e fece stranamente ondeggiare la barba ed il crine.

Io mi strinsi, allontanandomi dal verde poggio, presso il dottore
Filippa, che gentilmente mi accompagnava, e lasciai nel suo Eden il
Padre Eterno.


LX.

Nell'allontanarmi, domandai al dottore Filippa se in quel manicomio
fosse qualche uomo di lettere; ed egli rispondendo affermativamente,
mi condusse in una stanza, ove mi sentii stringere il cuore da grave
angoscia.

Colà, appoggiato ad un guanciale, vidi un professore pallido, e
stravolto gli occhi. Egli è giovane, sposo e padre. Infelice! Ha
perduto la mente! Egli mi conobbe e mi chiamò per nome. È il
professore Bongiovanni di Possano, che insegnava lettere italiane nel
Collegio militare di Asti.

Era tranquillo il Bongiovanni, e mi disse che presto sarebbe uscito di
colà per tornare all'insegnamento, non della letteratura italiana, ma
della musica; ed entrò in certi discorsi intorno all'arte de' suoni,
che accennavano a nobili studi turbati da infermità mentale.

Lamentiamo il Bongiovanni e lamentiamo noi medesimi. Chi può dirsi del
tutto sano di mente?

«Ciascuno è matto nella sua maniera», lessi in tre luoghi a grandi
caratteri sulle mura del Castello d'Alpignano.

Sì: dal più al meno siamo assaliti da pazzie intermittenti noi tutti
figli dell'uomo, che ci logoriamo il cervello e il cuore per ambizioni
ed amori su questo atomo di polvere, che si chiama terra, in questo
minuto secondo del tempo, che si chiama vita umana.

  «Ciascuno è matto nella sua maniera».

E forse non lo sono io pure, che in riva alla Dora torno le due e
le tre volte a visitare gli stessi luoghi, le chiese, i castelli, i
conventi, per iscrivere qualche pagina e nulla più? Non è questa una
nuova pazzia? A che servirà il continuo travaglio del mio pensiero?

Qualche amico mi conforta dicendo: Servirà a dar una viva illustrazione
di paesi che amate e che vi ricorderanno con affetto.

Pazzia è l'illudersi in tale speranza!

  «Ciascuno è matto nella sua maniera».

Ripeterò anch'io la terza volta col Castello d'Alpignano.

La mia illustrazione non è Storia esatta del Piemonte, come un
bel libro del Cibrario o del Ricotti; non è una descrizione
particolareggiata e statistica de' luoghi, come il _Dizionario degli
Stati Sardi_ del Casalis, e nemmeno uno splendido complesso di
letteratura e politica, come _I miei tempi_ del Brofferio. Il mio
scritto è un lavoro capriccioso, non altro: e il secolo, annoiato de'
capricci, vuole cose serie.

Dunque io sono un matto. Mi si prepari una stanza nel Manicomio presso
il prof. Bongiovanni, mentre io pazzamente pubblico un libro inutile.
Nessuno ne farà ricerca; e i giornalisti cui lo manderò in dono perchè
ne facciano cenno fra gli annunzi delle decozioni di salsapariglia
e delle molte case disabitate da appigionare, se ne serviranno per
accendere lo zigaro; o, a trarne miglior pro, come taluno già fece de'
miei libri, lo venderanno per carta inutile.


LXI

Lasciamo le celie ora che ci traggono memorie severe alle foci della
Dora. Voglio in pria far cenno dell'ultima volta che, da Susa per la
strada ferrata tornando a Torino, m'incontrai col vecchio Giacomo, col
bellicoso pastore di Bousson, che conoscemmo presso alle sorgenti del
patrio fiumicello.

Lo rividi una bella sera di maggio del 1858. Trovandoci nel medesimo
vagone, il buon vecchio, richiesto, mi parlò della figliuola Lucia,
divenuta madre d'una pargoletta, e del genero Maurizio fattosi soldato
nell'esercito italiano; e passando di discorso in discorso, egli
mi espresse la soddisfazione che provava nella tarda età, potendo
agevolmente dai monti di Susa con frequenti e rapide gite tornare agli
allegri piani di Torino.

--Oh! mi diceva, se Vossignoria avesse conosciuto questi luoghi com'io
li vidi fanciullo! Allora erano poche e recenti le strade carrozzabili.
Ne' paesi alpestri si andava a stento per vie lunghe, tortuose, aspre
e non sicure. Erano lente le comunicazioni, ed intricato il commercio.
Quei telegrafi di legno, i cui pali salivano e scendevano nelle cime
de' monti, che cosa erano mai, messi a riscontro coi fili elettrici,
che attraversano valli, gioghi e mari, portando la parola colla
rapidità del desiderio nelle più lontane regioni?

Ma chi diede la scossa più vigorosa al mondo addormentato fra i
castelli feudali? Fu un potente italiano, l'imperatore Napoleone I,
a cui nelle famose battaglie consacrai volentieri la mia spada. Sì,
ricordo con orgoglio di essere stato uno de' suoi soldati, ed ora vengo
a Torino per avere anch'io la medaglia di S. Elena, che il degno nipote
del grand'uomo decretò ai soldati dell'antico Impero.--

Mi congratulai col buon Giacomo, che sarebbesi trovato insieme co' suoi
commilitoni schierati alla presenza del Principe Napoleone, futuro
sposo alla nostra augusta Principessa Clotilde, e con cordiali saluti
ci separammo giunti alla stazione di Torino, prossima ai ruderi della
smantellata cittadella.


LXII.

PIETRO MICCA E PIER GIANNONE.

Indirizzandomi verso la via S. Teresa, mi piacque considerare che il
vecchio pastore delle nostre Alpi confessava il progresso della civiltà.

Ma come tanto potè progredire lo spirito umano in Italia?

  «Molto egli oprò col senno e colla mano».

Questo verso mi suonò sul labbro, mentre fra le sorgenti tenebre della
notte io passava sulle pietre della famosa cittadella distrutta in
parte.

Ricordai due celebrate vittime di quella fortezza, che rappresentano
fra noi l'azione delle armi e del pensiero militante, il minatore
Pietro Micca e lo storico Pietro Giannone.

Micca nel campo del diritto per l'indipendenza della Patria, Giannone
nell'ordine civile per l'emancipazione dello Stato dalla Chiesa, furono
martiri nella cittadella torinese.

Duole il ricordare che il valoroso re Carlo Emanuele III facesse
prigioniero nella cittadella il Giannone; ma più rincrescerebbe
s'egli avesse consegnato l'illustre prigioniero alla Corte di Roma,
che faceva strette istanze per averlo, al che assentiva il ministro
d'Ormea, sperando forse in quel viluppo politico guadagnare un cappello
cardinalizio.

I tempi progredirono ed assicurarono la libertà di coscienza, sì che se
si vuole emancipare lo Stato dalla Chiesa, si vuole pure che la Chiesa
sia libera nella sua azione, onde la formola: _Libero Stato e libera
Chiesa_.

Il rimpianto Lorenzo Valerio proponeva al Parlamento che nella
cittadella si cercassero le spoglie del prigioniero Giannone per
onorarle degnamente.

Si adempia il nobile voto, mentre io mi accendo di sacro entusiasmo
pensando che l'Angelo della morte, nel secolo XVIII, alle porte di
Torino confondeva insieme le ceneri dei due Pietri, piemontese l'uno e
napolitano l'altro, forse per annunziare che nel secolo XIX l'Angelo
della vita, ricco delle palme dei due martiri, nel luogo della loro
morte, all'ombra del vessillo sabaudo avrebbe fraternamente congiunte
le stirpi dell'Italia settentrionale e della meridionale!

Le potenze celesti, più giuste delle umane, proteggano la terra ove si
compiono tanti e sì generosi sacrificii, e dove si rinnova la civiltà
della magnanima nostra nazione!



CAPITOLO QUINTO

TORINO


I.

UN NAPOLITANO E UN PIEMONTESE.

Due morti colle palme del martirio, Micca e Giannone, nel maggio
del 1858 fra i ruderi della cittadella mi profetavano il prossimo
unificarsi d'Italia; e presso al medesimo luogo, indi a pochi giorni
dall'ultimo incontro col pastore Giacomo, due vivi mi significarono
colle musiche lo stesso concetto.

Erano due giovani popolani che deliziavano gli accorrenti ad un caffè
innanzi al teatro Alfieri, il cui nome ricorda i primi onori della
tragedia italiana e i primi impeti del nostro politico risorgimento.

Uno di essi era un Viggianese che toccava maestrevolmente l'arpa.
Chiamavasi Gennarino Pennella, che garzoncello io avea conosciuto
in Malta quand'egli faceva ancor parte della compagnia di undici
arpeggiatori diretta da Vincenzo Pezzi e da Maddalena Volo. L'altro,
che sonava la ghironda e chiamavasi Pietro, era uno de' figliuoli del
pastore Giacomo che udimmo ricordare nella capanna di Bousson.

Ora dirò come i due sonatori, il Napolitano e il Piemontese, si
conobbero e furono concordi di musica e di cuore.


II.

Diamo dapprima una parola d'amore al melodico Viggiano, paesello de'
monti Lucani che conta sette mila abitanti. Colà pietre, acque e
piante deggiono essere piene di armonia; e una musica segreta deve
accarezzare la culla de' Lucani, e gemere nel santuario de' loro
sepolcri.

Molti poveri Viggianesi campano la vita pellegrinando e sonando l'arpa
nei ritrovi più frequenti dei due mondi, ben altrimenti dai noti
_Orbini_ di Bologna che vivono e muoiono coi fidi loro stromenti da
arco, sotto i portici patrii a guisa di usignuoli che non abbandonano
la selva natale.

Oggidì v'ha trecento di tali pellegrini di Viggiano, pei quali inutile
trovato sono cocchi e strade di ferro. Essi viaggiano a piedi recando
sulle spalle il davidico strumento, e dànno il saluto della musica ad
ogni paese che incontrano.

Ai navigatori, anco ne' mari più lontani, avviene talvolta di udire
un suono d'arpa che uscito dal fondo della nave va a mescolarsi colla
tempestosa armonia delle acque. Sarà qualche Viggianese accolto
ospitalmente dal capitano per sopire nelle musiche il timore de'
pericoli e le noie della navigazione. Chi non farà festa all'armonico
Viggianese, simpatico trovadore che fra gl'interessi materiali del
secolo decimonono prova non essere ancor morto il sentimento della
poesia nel cuore dei popoli?

In lontane regioni egli giunge amorevole messo della italiana Euterpe,
il quale non traduce soltanto su l'arpa i suoni più applauditi de'
nostri teatri, ma pure le armonie de' coloni e pescatori nostri,
nate quasi per incanto su le acque e su le terre del più incantevole
giardino d'Europa.

Il Viggianese viaggia informato dello spirito italiano, sicchè perfino
il suo musicale strumento è spesso congegnato degli abeti della sua
patria. L'arpa del nostro Gennarino Pennella era infatti lavoro di
Vincenzo Bellizia di Viggiano, valente costruttore delle arpe lucane
che dispensano i tesori della musica italiana per le nostre vie e
fuori, nelle piazze di Parigi e di Londra, ne' castelli di Germania,
fra le moschee del Bosforo e del Nilo, presso la pagoda del Cinese e
nei mercati d'America, in ogni dove desiderate ed ammirate.


III.

Gennarino, d'indole irrequieta, entrato nel quarto lustro di sua vita
lasciò la compagnia de' conterranei ed elesse vivere solo, venendo per
le spaziose vie di Torino a cantare e sonare. Ma non andò guari di
tempo che sentì amara nel cuore la solitudine, e desiderò un compagno.

Lo trovò nella piazza di San Carlo. Quivi innanzi alla statua equestre
di Emanuele Filiberto incontrava spesso il figlio del pastore Giacomo
che, sonando la ghironda e traendo gente a guardare la scena di remote
regioni nella sua lanterna magica, cantava le canzoni piemontesi del
Brofferio, il Béranger della Dora.

Il Viggianese fecesi a conversare col giovane delle nostre Alpi, e si
piacquero e s'intesero a vicenda.

Un dì Gennarino, narrando al sonatore della ghironda avventure de' suoi
confratelli di Viggiano, gli disse, che Antonio Varallo, dopo avere per
trentacinque anni viaggiato trattando l'arpa, era tornato dovizioso in
patria; e gli parlò di Vincenzo Miglionico che nell'anno 1806 partì da
Viggiano coll'arpa sola, e, dopo lungo pellegrinare, tornato ricco nel
1832, lasciò l'arpa per le lettere di cambio e i numeri musicali per le
cifre algebriche.

S'intrattenne più a lungo a raccontargli i casi d'un guardiano di
porci, che licenziato dal signor Poliodoro suo padrone, si appese
un'arpa al côllo e girando l'America fece gran fortuna, più che non
avrebbe fatto se a Viggiano egli fosse divenuto un Eumeo, e il suo
padrone un Ulisse. Tornato al nativo paese con moglie e prole, Vincenzo
Poliodoro, il figlio dell'antico padrone, fu lieto di poterglisi
avvicinare, e si acconciò di tôrre a sposa una figlia di lui con
cospicua dote.

--«Insomma, esclamò Gennarino, tu vedi, caro Pietro, che molti sonatori
Viggianesi partono poverelli dal monte nativo e tornano ricchi e beati.

«Io li voglio imitare; e tu Pietro dovresti abbandonare il pesante
impaccio della lanterna magica ed associarti a me colla ghironda e col
canto.

«Tu canterai le canzoni del tuo paese, io quelle del mio,
accompagnandole insieme coll'arpa e colla ghironda, e canteremo
entrambi que' canti italiani che sono venuti in moda; e da onesti e
solerti compagni ci aiuteremo l'un l'altro nella buona e nella avversa
fortuna.

«Un piemontese ed un napolitano cantando, sonando e vivendo insieme
troveranno il comune tornaconto».

Pietro lo ascoltò attentamente ed acconsentì, vendendo ad un amico di
Susa la lanterna magica.

Così innanzi alla statua di Emanuele Filiberto il Napolitano e il
Piemontese stringendosi le destre sull'arpa e su la ghironda si dissero
fratelli.

Il primo atto del loro musicale consorzio fu sonare ambidue sotto il
portico vicino, in faccia alla operosa bottega di C. S. Caffarel;
e quivi amabili ed oneste donzelle, sempre in faccenda a vendere
merletti, nastri, cuffie e guanti, sospesero le cure del commercio un
istante, e vispe si affacciarono alla porta per udire Gennarino che
fiso guardandole e sorridendo cantava:

  «Io te voglio bene assai
    E tu non piense a me».

I due sonatori raggranellando danaro errarono per diverse nostre città;
e poi, tornati a Torino, io gl'incontrai tra gli olmi secolari che
ombreggiano il Teatro Alfieri.

Colà udii Gennarino cantare le canzoni in dialetto napolitano di
_Totonno_ Tasso, e Pietro quelle del Brofferio nell'idioma piemontese;
e insieme ripetere l'inno del Tirteo genovese:

  «Fratelli d'Italia,
    Italia s'è desta».

L'ultima volta li udii nuovamente cantare per le contrade di Genova con
insolito brio l'inno del Mameli, mentre si andava preparando la celebre
spedizione di Garibaldi per Marsala.

Salutai gli animosi pellegrini e domandai loro se avessero buona
fortuna.

--Sì, sì, mi risposero impazienti, ma ora vogliamo anche noi aiutare la
fortuna della patria più che la nostra.

Cari giovani! Si erano nobilmente accesi dello spirito dei cantici
nazionali che solevano ripetere nei pubblici ritrovi.

Deposero l'arpa e la ghironda, ed impugnata la carabina, andarono essi
pure insieme col manipolo dei mille eroi a debellare in Sicilia la
borbonica tirannia.

Infelici e generosi! nella pugna caddero per la nazionale indipendenza.

Italiani! nessuno mai ardisca scindere la unione politica del sud e del
nord della nostra patria, raffigurata in due figli del popolo fra le
memorie di Emanuele Filiberto e Vittorio Alfieri, e poi solennemente
celebrata fra i trionfi delle imprese guerresche nell'antica metropoli
de' Subalpini.


IV.

La storia del Piemonte romoreggia di guerra; e l'augusta Torino dalle
altre città italiane si distingue nel valor militare, come nella
filologia Firenze, e Roma nella religione.

I Taurini, antica schiatta ligustica, edificarono questa famosa
città. Lascio Fetonte, il duce mitologico della colonia ligure, agli
archeologi, perchè col lume della filosofia scoprano in esso il vero
storico di ardite ed infelici imprese sulle rive del Po, presso alla
foce della nostra Dora.

«Guai ai popoli romiti ed anacoreti!» esclamava Gioberti nel suo
_Rinnovamento_; e il popolo subalpino non fu certamente nè romito, nè
anacoreta, imperocchè sino da tempi remoti noi vediamo l'animosa Torino
travagliarsi in tremende battaglie. Tre giorni di combattimento ella
oppose all'affricano Annibale, e si mostrò amica ai Romani, i quali,
preponderando Giulio Cesare, qui condussero una colonia, onde da lui
Torino prese il nome di Giulia, poi da Augusto fu detta Augusta de'
Taurini.

Il sangue del Lazio mescolato a quello dei Liguri preparò sulle sponde
della Dora quel maschio e belligero popolo, che dovea più tardi
rinnovare i destini d'Italia.

Questa città, continuo bersaglio alle ambizioni dei potenti, si
ammaestrò nelle frequenti sventure. Fu distrutta da Costantino perchè
aderiva a Massenzio; risorta, fu nuovamente rovinata da Stilicone
guerreggiante i Goti. Rifattasi dalle rovine, venne assalita dagli
Eruli e dai Borgognoni; vinta dall'Esarca Narsete, fu ritolta
all'impero romano dai Longobardi che la fecero seggio d'un loro duca;
e Agilulfo e Ragumberto, duchi di Torino, vennero elevati alla dignità
reale. Passò dipoi la guerreggiata città della Dora dal dominio de'
Longobardi a quello de' Franchi.

La giurisdizione Torinese si estendeva sino al Monginevra ed al
Moncenisio. Nel secolo decimo dell'era cristiana una famiglia, creduta
d'origine francese, resse la Contea di Torino e la Marca d'Italia.
Ultimo di questa famiglia fu Olderico Manfredi II, padre della celebre
Contessa Adelaide, che sposò dopo il 1045 in terze nozze Oddone di
Savoia, e lasciò quindi alla Real Casa lo splendido retaggio di questa
fiorita parte d'Italia.


V.

I Conti di Savoia ebbero il loro seggio in Chambéry, e lo trasferirono
a Torino nei giorni di Carlo I sul 1482. Nel secolo XVI la occuparono
per quattro lustri i Francesi che la cinsero di fortini più ad offesa
che a difesa. Ricuperata per la vittoria di San Quintino, sorse la
memorabile cittadella, di cui il mastio si vede tuttavia presso la
contrada della Cernaia.

Mentre in Italia le fazioni cozzavano, le repubbliche divise e discordi
perdevano le loro libertà, e invano i nostri pensatori e i ministri
della carità cristiana coi poeti gridavano ai popoli irosi _pace_,
_pace_, _pace_; mentre infiacchite dalle civili discordie le italiche
genti si assoggettavano a tiranni domestici e forastieri, i Principi
Sabaudi, postisi a sentinella delle Alpi e col pensiero rivolto
all'Italia, costanti nel proposito di restituirle il grado di nazione,
coll'opera lenta ma ordinata di politico reggimento fondavano quel
principato in cui doveansi maturare i nostri generosi destini.

Destreggiandosi i Principi di Savoia fra prepotenti nazioni, videro
necessario all'avvenire d'Italia un forte ed agguerrito esercito,
e primi nella nostra Penisola, sbarazzatisi dell'incerto aiuto dei
capitani di ventura, si crearono un esercito nazionale.

La bravura militare accompagnò i nostri Principi ed estese il loro
dominio. I due Amedei VII e VIII raccoglievano sotto il loro scettro
proteggitore la contea di Nizza e quella di Ginevra. L'alleanza di
Casa Savoia era cercata dai potenti d'Europa; ed i suoi Conti, poscia
i suoi Duchi procedevano con passo sicuro ad accrescere la gloria del
loro paese. La Casa di Savoia, mescolata ai politici rivolgimenti, che
tennero per tanti anni divisa l'Europa, prese parte a tutte le guerre,
crescendo sempre i suoi dominii, e conservando la sua indipendenza.

Principi per virtù insigni e per civile sapienza, legislatori e
guerrieri uscirono dalla nobile schiatta che la Provvidenza avea
prescelto a propugnare l'italico riscatto.

Il Conte Verde, colle sole sue forze approda alle sponde del Bosforo e
libera dalle mani dei Bulgari l'imperatore di Bisanzio. Al Conte Verde
succede non meno valente il Conte Rosso; Emanuele Filiberto, colosso di
Casa Savoia, vincendo la titanica battaglia di S. Quintino, ristaura la
fortuna della sua stirpe, e dopo gli studi della guerra inaugura quelli
della pace, soldato e legislatore. Carlo Emanuele co' suoi cinque mila
prodi dichiara guerra al Sovrano di tutte le Spagne; Vittorio Amedeo II
col Principe Eugenio e con Pietro Micca, il Sansone di Andorno, fiacca
le corna alla baldanza francese, e converte il seggio di Duca in seggio
di Re. Carlo Emanuele III rovescia il nemico dal côlle dell'Assietta.
Carlo Alberto rinunzia al trono, anzichè piegare al nordico vincitore
di Novara; e Vittorio Emanuele II, vindice del Padre e dell'Italia,
primo fra i prodi, caccia gli Austriaci da Palestro e guadagna con
cinque assalti l'altura di S. Martino.

Egli è vero che al cadere dell'andato secolo, per quella forza
smisurata che scosse dai cardini l'antico edifizio europeo, Casa
Savoia perdette il suo dominio in terraferma e solo regnò nell'isola
di Sardegna; ma è vero altresì che nel 1815 ricuperò gli antichi
possedimenti, che arricchì della Liguria; e che poi sostenuta
eroicamente la iattura di Novara, e perdurando nel santo proposito
della libertà e dell'indipendenza, venne in buon punto alla riscossa,
e dopo celeri maravigliose vittorie, la causa sua fu quella d'Italia;
sicchè per le annessioni spontanee della Toscana, dell'Emilia,
dell'isola Sicula e del reame di Napoli, seguendo la battaglia di
Castelfidardo ad unirvi l'Umbria e le Marche, Torino, già sede dei re
Sabaudi, divenne sede al primo re dell'Italia redenta.


VI.

L'augusta città della Dora meritossi tanta gloria segnalandosi nelle
guerre de' tempi antichi e de' moderni. E per vero fu maravigliosa
Torino in due memorabili assedi de' secoli XVII e XVIII.

Negli anni 1638 e 1639 nacque guerra per la reggenza degli Stati di
Carlo Emanuele II affidata a Cristina di Francia, madre del Duca
fanciullo, e contesa dai Principi Tommaso e Maurizio, i quali, cognati
della donna e zii dell'infante, volevano entrare nella pubblica
amministrazione per impedire che la Francia se ne impossessasse colle
scaltrezze del superbo Cardinale di Richelieu. Questa discordia di
famiglia fu accompagnata da invasione straniera. Un esercito francese
sosteneva la Reggente, uno spagnuolo i Principi. Questi occuparono la
città, i Francesi tennero la cittadella.

Erano i Francesi capitanati dal conte di Harcourt, gli Spagnuoli dal
marchese di Leganes, il quale, anzichè espugnare la cittadella di
Torino, come il Principe Tommaso desiderava, distrasse parte del suo
esercito, e lo condusse a Casale ch'era tenuta dai Francesi, e ben
munita e guardata. Il 29 aprile 1640 fu data gran battaglia con rotta
degli Spagnuoli.

L'Harcourt, baldo della vittoria ottenuta in Casale, strinse d'assedio
Torino, in cui s'era chiuso il valoroso Principe Tommaso, deliberato
di difenderla sino agli estremi. L'accanimento de' soldati da ambe le
parti fu smisurato e crudele. Ventinove sortite tentate e rintuzzate,
assalti feroci, carnificine da ambe le parti. I contadini si levavano
da ogni banda, ma indarno, contro ai Francesi; i cittadini difendevano
in armi i loro bastioni e la indipendenza dello Stato.

Alla fine il Principe Tommaso, mal sostenuto ed ingannato dal Leganes,
dovette capitolare addì 29 settembre, e ad onorevoli condizioni si
ritirò sulle rive della Dora Baltea in Ivrea, costretto a lasciar nel
dolore e insanguinata la Dora Riparia. Madama Reale Cristina entrò in
Torino vestita a corruccio, nè solo a rimpianto del perduto consorte,
ma pure rammaricandosi d'una vittoria riportata nelle discordie
fraterne sui torinesi cittadini; avvegnachè pacificatasi poi co'
Principi cognati, anco da essi venisse riconosciuta Reggente.

La bella Duchessa, libera dai travagli della guerra, spesso procurò
sopire le cure di Stato sulla riva sinistra del Po, nel delizioso
Castello del Valentino da lei fatto ricostruire fastosamente ed ornare
secondo il gusto de' suoi tempi.

Chi entra in quell'edificio, dopo averne letta l'accurata
monografia[34] di Giovanni Vico, è tentato d'immaginarselo uno de'
fatati castelli che celebrò la musa di messer Ludovico.

Di rincontro al Valentino, su la riva opposta del fiume, le verdi
colline coi giardini e le ville, e coi variati prospetti, ricordano i
poggi beatissimi di Posilipo e di Mergellina, ed empiono l'animo di
storiche rimembranze, da Carlomagno nella badia di Vezzolano a Silvio
Pellico nella villa Barolo.

Tutto ride e spira pace colà d'intorno; e lo stesso Eridano scorre
pacifico, come placido lago, sotto i veroni del castello turrito, che
fu stanza di amori e di ozi soavi: e coi balli, i caroselli e i tornei,
onorò le feste nuziali de' nostri Principi.

Mentre le sale del Castello echeggiavano di clamorosi tripudi, sulle
acque del fiume furono veduti vivaci simulacri di fiorite isole
allegrate di canti e allegoriche rappresentazioni; e in compagnia
di molte navicelle adorne fu veduto il nostro Bucintoro, foggiato
nel 1731 sul famoso di Venezia, passar fra gli evviva dei Subalpini,
ricco d'intagli, dorature e simboliche immagini, leggiadro monumento
dell'arte scultoria in legno.

Nel castello del Valentino tutto è sorriso e pace: ma la duchessa
Cristina nello splendore della bellezza e delle feste più volte sarà
stata assalita dalle squallide memorie dell'assedio di Torino, opera
del suo fratello e del Richelieu, ostili ai Principi di Savoia.

Altro sanguinoso assedio ebbe a sostenere l'eroica Torino contro
le ambizioni francesi, e fu il famosissimo del 1706, il quale fece
persuaso l'orgoglioso Luigi XIV non poter sempre i grandi e forti
riuscire a ciò che ingiustamente vorrebbero.

Nella lunga e terribile guerra della successione di Spagna, Vittorio
Amedeo II, Duca di Savoia, accostossi alla lega de' potentati, che
volevano porre sul trono spagnuolo un Principe austriaco, mentre Luigi
XIV voleva stabilirvi il Duca d'Angiò, suo nipote. Dopo varie vicende
la somma delle cose della guerra in Italia parve tutta restringersi
intorno a Torino. Infatti quel superbo che soleva dire: _Lo Stato sono
io_, deliberò di sbalzar di seggio Vittorio Amedeo, mandando poderosa
oste a debellarne la metropoli.

La notte del 2 di giugno 1706 le milizie nemiche superiori alle nostre
per numero non per valore, e capitanate dal vanaglorioso La Feuillade
aprirono la breccia, facendo prima interrogare Vittorio Amedeo dove
avesse l'alloggiamento per risparmiarlo nelle ostilità. Il nostro Duca
rispose: Il mio quartiere è sui bastioni della cittadella. Però uscì
di Torino dopo di averla vettovagliata e munita coi propugnacoli
dell'ingegnere Bertola; e volteggiando _nella campagna_, si diede con
indicibile ardire a molestare qua e là gli assalitori. Il qual modo di
offesa alla spicciolata fu la salute della città, perchè l'assedio si
potè tirare in lungo tre mesi ed avere l'aspettato soccorso.

Combattevasi a cielo aperto e nelle tentate viscere della terra, e
il suolo fecondo di morte era ben disposto a sconvolgersi contro gli
assediatori. L'ultimo giorno d'agosto, già i Francesi da Porta Susa
mettevano piede in Torino, passando sotto le opere avanzate della
cittadella, ma il sergente artigliere minatore Pietro Micca, di
Sagliano d'Andorno, risolvette di far saltare in aria ponti e bastioni,
e fatto allontanare un suo compagno tentennante, ch'ei disse _più lungo
d'un giorno senza pane_, diè fuoco alla mina, che con orrendo fracasso
e magnanimo disastro seppellì sotto le rovine lui e i nemici, entrati
in quelle insidiose gallerie.

Cinque giorni dopo, Maria Bricca coglieva all'impensata e faceva
prigioni i nemici in Pianezza; e l'otto di settembre l'ardimentoso
Principe Eugenio, giunto in buon tempo, saliva con Vittorio Amedeo da
Chieri a Superga e dirigeva quella battaglia decisiva che fu detta di
Torino, la quale toglieva l'alta Italia ai Francesi, dava gloria al
Piemonte, e rassodava in soglio la Sabauda dinastia, i cui signori di
Conti e Duchi, pel trattato d'Utrecht diventarono Re.

Chi mai potrebbe adeguatamente descrivere gli atti del valore subalpino
in quel famoso assedio? Anco i fanciulli lavoravano ne' sotterranei, è
le donne anch'esse, giovani e adulte, matrone e popolane, non atterrite
dallo scoppio delle mine, dal tonare delle artiglierie e dalla pioggia
fiammante delle bombe, fra i cadaveri e le macerie, accorrevano,
italiche amazzoni, trasportando tavole, vinchi, fascine e masserizie
d'ogni maniera, dove più fiero era il pericolo, nei luoghi infestati
dalle batterie nemiche.

Le chiese sonavano di preci; i sacerdoti benedicevano i martiri della
patria; i Principi Sabaudi e i Piemontesi, pigliando in gloria i
patimenti, onoravano il loro secolo e il nome italiano; imperocchè
l'augusta città della Dora erasi fatta un quartier militare e tutto
il popolo un esercito combattente per la indipendenza e l'onore dello
Stato.

Torino è dunque giustamente ammirata per le virtù guerresche, e n'è
costante maestra nelle sue massiccie caserme, nelle famose scuole
d'artiglieria, e nella celebre Accademia militare, che diede al
Piemonte i più grandi ufficiali del Genio, e che da ora in poi li darà
al Regno d'Italia. Inoltre ci ammaestra coi preziosi documenti di
valore raccolti nel Museo d'artiglieria, diretto dal capitano Angelo
Angelucci da Todi, accurato e vivace scrittore di archeologia militare;
e con quelli dell'Armeria Reale, splendido subbietto a' miei versi.


VII.

PUBBLICA ISTRUZIONE.

L'arte militare non fu solitaria appiè dell'Alpi, ma crebbe
accompagnata dalle altre virtù, che ci resero degni del libero Statuto
datoci nel 1848 da Re Carlo Alberto, atti a gelosamente conservarlo,
come la più bella ed efficace instituzione dello Stato, e fondamento
vitale della rinnovata Italia.

I Governi rappresentativi ne' popoli si svolgono con serena prosperità,
se hanno a subbietto una coltura austera e progredita come quella de'
Subalpini.

Il principale santuario delle scienze in Piemonte è la R. Università
degli studi, massimo ornamento alla via di Po.

Ludovico di Savoia, Principe di Acaia e del Piemonte, la fondava nel
1405 per compiacere ai professori di Pavia e di Piacenza fuggenti
la Lombardia contristata da vicende politiche dopo la morte di Gian
Galeazzo Visconti. Per tal guisa nel secolo XV i Principi di Savoia
accoglievano ospitalmente la Scienza profuga dalle città lombarde, come
ai tempi nostri accolsero nel Piemonte la Libertà esulante dalle altre
provincie italiane.

La Università di Torino fu onorata di privilegi da Papi, e nel 1412
da Sigismondo imperadore: fu affidata nel 1424 da Amedeo VIII ad
uno speciale Consiglio, che di poi prese il nome di Eccellentissimo
Magistrato della Riforma, con ottime leggi condotto dal Duca Emanuele
Filiberto e dal Re Vittorio Amedeo II.

Spesso i trasferimenti nuocono a ben fondate instituzioni, onde anco i
buoni studi soffersero, quando la Università per traversìe dello Stato
dovette abbandonare il luogo natìo e migrare in Chieri e Savigliano.
Ma tornata in questo suolo tanto acconcio a dare stabilità alle utili
discipline, andò aumentando di sapienti professori e di scolari, che
qui convenivano da lontane regioni.

Da Vittorio Amedeo II la R. Università ebbe il maestoso edificio, che
ora occupa, compiuto nel 1719. Le statue in marmo del munificente Re e
del suo erede, opera dei fratelli Collini, sorgono entro due nicchie
nel portico del cortile, che può dirsi museo archeologico.

Il Supremo Magistrato della Riforma è sapiente instituzione, che nel
suo stesso nome allude al costante ed ordinato progresso delle scienze,
e fu grandemente ammirata al sorgere di questo secolo dall'imperiale
Legislatore di Francia.

Ambrogio Rendu, l'illustre padre di Eugenio, dell'insigne amico
d'Italia nostra, nella compilazione ch'ei fece, come segretario, degli
atti fondamentali della Università imperiale di Parigi, disse:

«Il Bonaparte passava per Torino. Un giorno, mentre percorreva il
palazzo della Università, si fece recare gli Statuti che la reggevano.
Ne traluceva qualche cosa di grande e robusto che lo colpì. La grave
autorità che sotto nome di Magistrato della Riforma reggeva il corpo
insegnante; questo corpo medesimo, unito per mezzo di dottrine comuni
e liberamente sommesso a doveri puramente civili che lo consecravano
all'istruzione della gioventù come ad uno dei più importanti uffici
dello Stato; nobile confidenza del potere sovrano, che concedeva al
Consiglio incaricato della direzione generale un diritto permanente
d'interna legislazione e di continuato perfezionamento educativo;
quest'ordine stabilito sulla base imperitura della fede cristiana;
tutto questo sommamente gli piacque e ne serbò ricordanza tra i
più strepitosi trionfi. Ricco di glorie militari, sollecito delle
generazioni future, fondata solidamente l'amministrazione civile,
rialzati gli altari, promulgato il Codice Napoleone, sostituiti i Licei
alle scuole o accademie centrali, dopo aver rigenerato le scuole di
medicina, creato quelle di diritto, volle stabilire anco per la Francia
un sistema compiuto d'istruzione e di educazione pubblica. Ricordevole
dell'Università di Torino, ne aggrandì l'idea, come tutto ciò che il
grande Capitano toccava, alla stregua del suo impero e del suo genio:
creò l'Università imperiale».

Il che venne eloquentemente confermato dal celebre naturalista
Cuvier, quando nel 9 aprile 1810 parlando ai Professori adunati nella
grand'Aula del nostro Ateneo, dopo aver accennato agli illustri uomini
che in esso eran fioriti, entrò a ragionare delle Costituzioni che lo
governavano, e disse:

«Il vostro Ateneo dee tornare a gran vanto della Università imperiale,
anche sott'altro riguardo; perchè da esso l'Imperatore pigliò norma ed
impulso alla sua stupenda rigenerazione degli studi».

La nostra Università, sì giustamente celebrata, crebbe di gloria
ampliandosi nell'insegnamento, e sempre più arricchendosi di gabinetti
scientifici[35] e di maestri insigni. Oggi è governata dalle leggi del
13 novembre 1859 e del 31 luglio 1862, e dai Regolamenti approvati
coi RR. Decreti del 14 settembre e 5 ottobre 1862. Vi s'insegnano
teologia, giurisprudenza, medicina, lettere, filosofia, scienze
fisiche e matematiche con cinquanta professori ordinarii, diciannove
straordinari o incaricati, ventotto professori onorari ed emeriti, e
con centotrentuno dottori collegiati. Nel Borgo San Salvario, non ha
guari, si assegnò un caseggiato alla Scuola Veterinaria, e la Scuola di
applicazione per gli ingegneri, felice creazione della legge Casati (13
novembre 1859), fu aperta nel Castello del Valentino, dove la severa
Matematica vien rallegrata dal verde dei giardini circostanti, dal
mormorio delle acque cadenti e dalle festose memorie del sito.

Lungo sarebbe, tacendo pure de' non pochi viventi, il ricordare gli
uomini illustri che professarono nell'Ateneo torinese. Fra i tanti
amo ripetere i venerati nomi di Balbo, Germonio, Cuiaccio, Tesauro,
Gerdil, Cigna, Donati, Allioni, G. B. Beccaria, Balbis, Buniva, Caluso,
Bonelli, Boucheron, Géné, Martini, Biamonti, Dettori, Giulio, Paravia,
Piria, Riberi, Plana!

Mi piace osservare che i Reali di Savoia, larghi negli stipendi,
chiamarono all'insegnamento non solo uomini illustri de' loro Stati,
ma di tutta Italia, preparando così col mezzo della scienza l'unione
politica della nazione.

Olimpico spettacolo è l'accorrere continuo di scolari ed uditori in
gran numero alle lezioni universitarie, e torna grata la frequenza
de' lettori nella Biblioteca dell'Ateneo ricca di 230,000 volumi, di
quattromila e più codici manoscritti, e di oltre a cinque mila stampe.
La Biblioteca è aperta a letture diurne e serali, ed ha la frequenza
media giornaliera di novecento lettori nell'inverno e nella primavera,
di tre a quattrocento nell'estate e nell'autunno.

Presiede alla Biblioteca il comm. Gaspare Gorresio, colui che agevolato
da Re Carlo Alberto negli studi del Sanscrito in Parigi, primo in
Europa, pubblicò, tradotto italianamente, il _Ramaiana_, poema indiano,
e ne associò alle lingue ed alle idee dei popoli del Gange, ai quali
più strettamente ci unirà l'ardito francese, Ferdinando Lesseps, col
taglio dell'Istmo di Suez. Così un latino della Dora ed uno della Senna
lavorarono egregiamente ad avvicinare in bel consorzio Asia ed Europa!

Torino vanta altre copiose ed importanti biblioteche: quella del Re con
40,000 volumi e 2,000 manoscritti: quella della Reale Accademia delle
Scienze con 40,000 volumi: quella dell'Accademia medico-chirurgica
con 12,000 volumi, e la biblioteca dell'Archivio centrale con volumi
7,730, tra i quali oltre a 600 di edizioni del secolo XV e parecchi
preziosi manoscritti: e la biblioteca centrale militare ricca di 21,000
volumi di opere militari, scientifiche e storiche; e quella del Duca
di Genova, ricca d'opere e di manoscritti d'arte militare, legati dal
dotto cav. Cesare di Saluzzo, educatore dei figliuoli di Carlo Alberto.

Dicesi che di queste sei biblioteche vogliasi fare una sola da essere
ordinata nelle sale del Palazzo Madama, a pubblica utilità. Se questa
idea ha effetto, nel centro della città, la gioventù subalpina, in ogni
tempo studiosissima, troverebbe nuovi agi a coltivare le scienze, le
lettere e le arti.

Basti ricordare che tre giovani fondarono in Torino l'Accademia delle
Scienze, come alcuni giovani quella di Bologna.

Francesco Maria Zanotti, scrivendo l'elogio di Eustachio Manfredi,
narra che quel famoso matematico ed astronomo, essendo ancor
giovinetto, in Bologna sua patria applicatosi alla filosofia,
raccoglieva in casa sua molti suoi colleghi per provarsi nell'arte
del dire; e che da siffatti domestici esperimenti ebbe origine quella
illustre Accademia delle Scienze. E addì 31 ottobre 1833, la nostra
R. Accademia delle Scienze celebrando la ricorrenza del cinquantesimo
anno della sua fondazione, il venerando conte Prospero Balbo, che la
presiedeva, ricordando gli esordi di così nobile instituzione, nel
suo discorso disse: «Un giovane uffiziale, il cavaliere poi conte di
Saluzzo, un altro giovine, già con maraviglioso esempio professore in
quelle scuole (dell'Università), il Lagrangia; un giovane dottor di
medicina, il Cigna, ne furono arditamente i primi fondatori».

Gli esempi de' giovani preclari di Torino, non dissimili da quelli
della dotta Bologna, trovino ai dì nostri frequenza d'imitatori! E
mai non mancherà sulle rive della Dora, ove oltre la Università e
l'Accademia delle Scienze, molti sono gl'instituti aperti al progresso
d'ogni sapere.

Torino vanta l'_Accademia Reale medico-chirurgica_ che si governa
col regolamento organico del 18 novembre 1850; la _Deputazione
di Storia patria_ creata da Carlo Alberto nel 1833 per tutte le
antiche provincie, ora estesane l'azione anche alla Lombardia, e
presieduta da S. E. il conte Federico Sclopis, diede ricca serie
di storiche pubblicazioni; la _Società di Farmacia_ fondata nel
1852 coll'intendimento di promuovere l'avanzamento della scienza, e
sostenere il decoro e la dignità dell'arte; l'_Associazione medica_,
già creata nell'êra costituzionale, e poi estesa dopo il 1859 anche
a molte provincie italiane; la Società Agraria instituita nel 1785,
alla quale diede non poco lustro il novarese Rocco Ragazzoni. Inoltre
Torino vanta il Collegio Carlo Alberto, che ha ben 140 posti gratuiti
per giovani addetti a studi universitari, e il Collegio Caccia, licei,
ginnasi, e scuole tecniche del Governo e di privati, scuole diurne e
serali, ed instituti femminili; e l'Instituto tecnico, fiancheggiato
dal nascente Museo industriale, e aggrandito da una scuola normale
diretta a preparar maestri per le scuole professionali, testè
inaugurato dal Torelli, ministro di Agricoltura e Commercio; e il R.
Albergo di Virtù, che sino dal secolo XVI, per generoso provvedimento
dei Principi Sabaudi, educa i figli dell'operaio nelle arti e nei
mestieri, e che dovrebbe essere al popolo il più utile esemplare
di scuole tecniche. Insomma Torino vanta un campo vastissimo, ove
dotti maestri con zelo religioso coltivano gli allori delle future
generazioni.

Io non entro a discutere intorno ai metodi d'insegnamento usati oggidì
nelle scuole superiori e nelle mezzane. Il desiderio di diffondere e
accelerare il trionfo della civiltà fece sì, che si moltiplicassero
le discipline e i programmi della pubblica istruzione. Dopo fattone
sperimento, deggio dire, che non di rado gl'insegnanti mi parvero
ridotti alla condizione di coloni obbligati a coltivare ad un tempo e
nel medesimo terreno alberi fruttiferi di ogni qualità, la pianticella
del cotone e quella del lino insieme col gelso, la dolce canna dello
zucchero e la tenera pianta del zafferano, il frumento e il grano
turco, senza disgiungere la pastorizia da questo complesso di seminati
e di pometi.

Fra tanta baraonda di sistemi si troverà il più conveniente a coltivare
colla debita misura le menti de' giovani ed avviarle alla meta
desiderata.

In quanto alla parte educativa v'ha parecchi pregevoli collegi e
convitti. Degno di particolar menzione è l'Istituto Paterno, il quale
sorse su le rovine d'un collegio già diretto dai Fratelli delle Scuole
Cristiane, e chiuso per cause abbastanza note. Il nuovo Istituto nel
1863 fu aperto nella via delle Rosine da una Società di padri di
famiglia. Ne fu affidata la direzione al cavaliere prof. Giovanni
Lanza, che lo governa con molto senno, ben altrimenti da coloro
che nella educazione separano gli alunni dalla casa paterna. Egli
vuole, che nell'Istituto la Scuola e la Famiglia siano in continua
corrispondenza; vuole che i padri si facciano guida e custodia de'
proprii figli, coadiuvando e facendosi essi medesimi gl'ispettori e
consiglieri. La scuola piglia lena e conforto dalla cooperazione della
famiglia, e a vicenda si sorreggono e si aiutano.

Questo sapiente disegno incontrò favore universale; e trecento vispi
giovanetti crescono in lieto consorzio nel floridissimo Istituto.

Chi amasse un'accurata relazione delle scuole di Torino, legga il
bel libro[36] del cav. Baricco, sacerdote che dice ed opera assai a
benefizio dell'istruzione popolare.


VIII.

L'insegnamento universitario e le accademie sono lustro antico delle
principali città d'Italia. Ma negli atenei e nelle accademie la scienza
rimane come infeudata a beneficare soltanto le classi superiori della
civile compagnia. La scienza, sole delle menti, deve essere universale
come la luce, e la tenebrosa ignoranza dovrà snidarsi dalle officine
degli operai, nè più essere sciagurato retaggio del colono, che per noi
dissoda la terra.

A tale scopo la moderna civiltà diede largo impulso all'istruzione
popolare. Già Vittorino da Feltre, Guarino il Veronese, Enea Silvio
Piccolomini, il Casalanzio e l'Emiliani aveano in Italia sperimentato
le scuole del popolo. Succedettero nell'arduo aringo altri valenti
uomini nostri e stranieri. I nomi del Loke, del Rollin, del Girard, del
Pestalozzi, dell'astigiano Goltieri, del Milde saranno sempre benedetti
dagli educatori del popolo; nè meno di quelli saranno benedetti
Raffaele Lambruschini e Nicolò Tommaseo, che tanta virtù infusero cogli
stupendi loro scritti nei metodi dell'insegnamento.

Le dottrine sparse in que' libri trovarono in Torino campo acconcio a
radicarsi e fruttificare, coltivate da maestri valorosi. Il popolo si
mostrò disposto a riceverle, imperocchè qui era viva la memoria del
sacerdote Ghetto, che nel mezzo del secolo passato sotto i portici e
nei chiostri della piazza di S. Carlo, e nella chiesa del monastero
di santa Pelagia, radunava nei giorni festivi i fanciulli da lui
incontrati nelle vie per catechizzarli. Qui era viva la memoria del
sacerdote Giulio Sineo, che ad esempio dell'evangelico Ghetto, ed
a continuazione dell'opera di lui, sul principio di questo secolo
catechizzava nella chiesa di santa Pelagia in idioma piemontese, e con
tale eloquenza, che ad ascoltarlo non soltanto i mendici e gl'idioti
accorrevano, ma eziandio i ricchi e i dotti. Era viva la memoria del
canonico Clemente Pino, che, un anno dopo la compianta morte del
Sineo, nel 1831 apriva nelle sue stanze la _Società letteraria_, che
sì vivamente giovò a diffondere ne' giovani il culto de' buoni studi e
delle virtù civili.

Ora ci piace ricordare Vincenzo Troya, Lorenzo Valerio, Antonio
Rayneri, Domenico Berti, e non pochi altri, pei quali dapprima le
scuole di metodo qui lodatamente crebbero e s'ampliarono. Nella
Università fu creata una cattedra di pedagogica ora occupata dal cav.
Antonio Rayneri, che ne fece studio speciale, come si argomenta da'
suoi eccellenti cinque libri della _Pedagogica_; e furono create scuole
normali, da cui escono i maestri e le maestre, che deggiono distribuire
il pane dell'istruzione elementare in ogni angolo dello Stato. In
questi provvedimenti molto fecero in Torino il Governo, il Municipio e
i cittadini[37].

Ma a dir vero, il beneficio delle scuole di metodo andò scemando,
perchè sorsero fazioni a screditare la savia instituzione, e più ancora
perchè non pochi usciti da quelle scuole lasciarono le orme degli
insigni maestri di pedagogia, facendosi autori di trattatelli e di
sistemi, che intenebrano gl'ingegni de' giovanetti.

Deploro il caos degl'incomposti rudimenti nelle scuole
dell'adolescenza, e vado a salutare la luce serena nelle scuole
dell'infanzia.


IX.

SCUOLE INFANTILI.

Chi di noi non ricorda Ferrante Aporti di Cremona, che fra le fatiche
evangeliche e gli studi severi della storia, propugnando ogni maniera
di educazione popolare, fu meritamente salutato padre degli asili
infantili? Il marchese Tancredi Falletti di Barolo in Torino, primo
in Piemonte, fondò asili per l'infanzia, ma non avrebbe bastato a
propagarne il culto e il benefizio, senza la voce eloquente e l'opera
autorevole dell'Aporti.

Egli in Italia si fece apostolo della pietosa instituzione, e nel 1839
secondo i suoi metodi creavasi in Torino da egregi cittadini la Società
delle scuole infantili autorizzata dal Governo. Questa Società provvede
ottimamente a sette asili d'infanzia mantenuti dalla carità pubblica.

Altri furono aperti, perchè qui le buone instituzioni progredirono
sempre con rara felicità, sicchè i bimbi dell'artigiano e
dell'indigente sono largamente beneficati.

Il cremonese promotore degli asili vide che, a far sempre più
prosperare la sua diletta instituzione, il popolo prendeva dalla Reggia
utili esempi di carità cristiana, e, provando una gioia ineffabile, nel
1853 esclamava sulle rive della Dora.

«Sia gloria al magnanimo Re Carlo Alberto, che le instituzioni
infantili incoraggiò ne' primi promotori, gloria alla Regina sua
augusta consorte, che ne seguì l'esempio, gloria al Re Vittorio
Emanuele, che emulando la paterna generosità, conserva quanto egli
fondò, e cogli onori conferiti, indicò luminosamente quanto ami ed
apprezzi questa maniera di beneficenza educatrice. Sia gratitudine e
riverenza all'augusta Maria Adelaide, che da Regina protegge di affetto
efficace codeste instituzioni, che proteggeva da principessa[38]».

L'esultanza dell'Aporti era il tripudio degli Apostoli di Cristo nel
trionfo della fede e della carità. Veramente ogni anima pia si sente
commossa visitando il regale asilo de' fanciulli eretto dalle Regine
Maria Teresa e Maria Adelaide, ora sovranamente mantenuto dal nostro
augusto Re, e con ogni sollecitudine vegliato dal R. Elemosiniere, il
teologo cav. Antonio Pavarino, e da cinque Suore di S. Giuseppe di
Pinerolo. L'Asilo è situato sotto il tetto dell'istessa Reggia; ed io
lo visitai mentre i trecento bimbi ivi protetti, levando le manine,
cantavano in versi una preghiera, con cui riconoscenti invocano la
benedizione del Cielo sulla Real Famiglia. La preghiera degl'innocenti,
portata dagli angeli in cielo, sia accolta dal Dio delle misericordie,
e sarà benedizione a tutta Italia!

Visitai eziandio più volte la scuola infantile per gli agiati nella via
dell'Ospedale. La fondò lo stesso Aporti, e il conte Carlo Boncompagni
continua prosperamente la pia opera, giovando agli agiati ed ai poveri,
perchè ogni somma eccedente le spese per quella scuola vien data a
beneficio degli Asili aperti agli indigenti.

Visitai pure nella via Oporto l'asilo aperto dalla liberalità del conte
Camillo Benso di Cavour. Solerte direttore di quell'instituto è il
teologo Pagnone, che in funebre discorso saviamente ne ricordava il
benefattore, dicendo: «Una prova che la Provvidenza protegge e sospinge
l'opera nostra, si è che le procaccia larghe beneficenze di insigni
benefattori. Il conte Camillo di Cavour che desiderò nuove glorie alla
Dinastia regnante, non trascurò i tapinelli; ei che mirò a far grande
l'Italia, non obbliò i minimi fra i Piemontesi: oltre la tenera pietà
che ne sentiva, ben sapeva che il risorgimento di una nazione non è
mai stabile e sicuro, ove le masse popolari non siano sufficientemente
educate. Quindi egli in vita fu promotore ardente, anzi confondatore
de' nostri Asili, e morendo li dotava di una parte delle sue sostanze,
che, raddoppiata ancora dal nipote, varrà da sè sola a creare un
novello asilo. Questa generosa emulazione fra un testatore e il suo
erede, questa nobilissima gara di chi muore e di chi sopravvive è
di memorabile esempio, degnissimo di venire dai doviziosi cittadini
imitato[39]».

Sia benedetta sempre la instituzione degli Asili infantili! In questo
secolo di continue riforme non osi alcuno snaturarla colla smania
di migliorare. Ai parvoli negli Asili voglionsi le cure di madre
amorevole, non i precetti di faticosa institutrice.

I bimbi abbisognano di affetto più che di studio, di armonie più che di
discorsi, come gli usignoletti che ne' loro nidi imparano ad aprire le
alucce al primo volo fra il mormorio dei zeffiri e l'olezzo delle rose.

Insomma gli Asili infantili, più che scuole d'istruzione popolare,
deggiono essere santuari di carità cristiana.


X.

Niccolò Tommaseo scriveva: «I suoi civili vantaggi deve il Piemonte
ai morali suoi pregi; dico, l'austero costume, l'operosità nelle
industrie e nelle armi, la riverenza spontanea all'autorità, il docile
attento riguardo a ogni luce di bene e di bello da qual mai parte
venisse, il culto delle tradizioni, l'esercizio della fede religiosa
massimamente nelle opere di carità. Sebbene le città italiane siano più
o meno di carità monumenti, e quasi templi edificati a quel Dio ch'è
amore; Torino in mezzo a tante grandezze di beneficenza non per tanto
grandeggia; e con nuove istituzioni simili corona le antiche, anche
in questo più vivamente antica delle altre sorelle, e più veramente
moderna[40]». Queste solenni parole io vado ripetendo mentre ricordo le
pie instituzioni di Torino. La più grande a quest'uopo ebbe principio
ed ordinamento da Carlo Emanuele il Grande e da Vittorio Amedeo II,
denominandosi l'Ospizio di Carità. Con esso, con altri somiglianti
fondati nelle principali città dello Stato, e colle Congregazioni di
Carità estese per tutti i minori paesi, in guisa che nessuno ne fosse
privo, intendevasi a sbandire la mendicità vagabonda. Rimangono gli
statuti e parte dei loro beneficii, ma l'opera de' fondatori fu monca;
onde J. Bernardi disse: «L'opera dei due Principi, incominciata in
Piemonte sul principio del secolo decimottavo e intesa a sbandire
la mendicità da tutto lo Stato, per isvilupparsi e giugnere al suo
maggiore perfezionamento, dovea tener fisso e inalterabile il fine, e
giovarsi della esperienza continuata ed intelligente per conseguirla:
lo che per colpa dei tempi e talvolta anche degli uomini, che
dimenticano ogni passato per far tutto da sè, non accadde[41]».

Oltre il R. Spedale di Carità, Torino ha lo Spedale maggiore di
S. Giovanni; quello de' Santi Maurizio e Lazzaro; il Militare
divisionario; quello di S. Luigi; il Regio Manicomio; la Compagnia
di S. Paolo, che regge le case di educazione femminile del Soccorso
e del Deposito, ed il Monte di Pietà: l'Istituto Pio, che soccorre
a domicilio i poveri infermi; il Dispensario Oftalmico; lo Spedale
della Maternità; la Compagnia delle puerpere; l'Ergastolo; il Ricovero
di Mendicità; il Ritiro delle Rosine; l'Istituto della Provvidenza;
il Conservatorio delle Sapelline; il Ricetto delle povere orfane; il
Ritiro delle figlie dei militari; l'Opera della Mendicità istruita;
l'Opera Pia del Rifugio; l'Ospizio de' Catecumeni; il Regio Convitto
delle Vedove Nobili; la Compagnia della Misericordia che assiste ai
carcerati; la Regia Scuola normale dei Sordo-muti; la Casa di Sant'Anna
presso la Consolata; il Regio Stabilimento Ortopedico; l'Istituto di
Santa Zita e l'Asilo dei lattanti. Questi istituti insieme considerati
hanno il doppio merito di alleviare i dolori della vita e di educare,
ed onorano il cuore benefico del popolo Subalpino e de' suoi Principi.


XI.

IL CANONICO GIUSEPPE COTTOLENGO.

Il più maraviglioso degli instituti di carità è in Borgo Dora, la
_Piccola Casa della Divina Provvidenza_, che si può definire colle
parole del Baricco, _il compendio di tutte le umane miserie ed il
trionfo della cristiana beneficenza_[42].

Fondatore ne fu il canonico Giuseppe Cottolengo da Chieri. Egli eresse
una casa, nella quale, ripeteremo volentieri con Defendente Sacchi,
_come nel_ Panteon _degli antichi stavano le immagini di tutti gli
Dei, sono eretti tutti gl'instituti di beneficenza_.

Giova ricordare l'origine della _Piccola Casa_. Una povera donna
straniera, da Milano moveva per Lione col marito e tre figliuoli; e
passando per Torino, nel due settembre 1827, infermò nell'albergo
della _Dogana Vecchia_. Fu portata qua e là per ricoverarla in
qualche spedale, ma priva de' titoli richiesti non fu accolta, onde,
travagliata dai disagi del trasporto, presto morì la infelice in
quell'albergo fra le smanie della famiglia desolata.

A spettacolo sì compassionevole trovossi presente il canonico
Cottolengo, che di conforti religiosi avea soccorso la inferma
straniera nelle ultime ore di vita. Egli, adempiuto l'ufficio di
sacerdote e rattristato del caso doloroso, andò a conferire colla
Congregazione del _Corpus Domini_, di cui era socio, intorno alla
deliberazione da lui presa di preparare un ricovero ai miseri
abbandonati per le vie, ed agli infelici privi di aiuto, come la
inferma straniera della _Dogana Vecchia_.

La Congregazione lodò ed agevolò la pia proposta, onde il Cottolengo,
semplice e retto di cuore, innamorato del maggior bene degli uomini,
e fidente nella suprema Provvidenza, cominciò l'opera benefica nel
1828 da una piccola infermeria, aperta nella casa della _Volta rossa_.
La infermeria, nel 1831, da lui trasferita, dove ora si trova, nella
regione di Valdocco, fu il fondamento alla _Piccola Casa della Divina
Provvidenza sotto gli auspìci di San Vincenzo de' Paoli_.

Non è più piccola ma vasta casa di carità quella del Cottolengo,
che accoglie poveri di ogni condizione e d'ogni età, dal bambino al
decrepito, dal sano all'incurabile. Ma come il Cottolengo procacciò
i mezzi a mantenere dodici istituzioni da lui fondate e insieme
congiunte? Come potè creare spedali, farmacie, scuole, asili d'infanzia
ed officine di arti e mestieri per una famiglia di duemila e più poveri?

Sua ricchezza e possanza fu la fede nella divina Provvidenza, la
fede viva, colla quale Pietro l'Eremita predicò le Crociate, la fede
accompagnata dalle opere, senza cui sarebbe inutile; perciò in uno dei
cortili della Piccola Casa, sulla parete di rincontro alla statua di
San Vincenzo de' Paoli, leggesi: _Fides sine operibus mortua est_.

Il fondatore della Piccola Casa morì nell'aprile del 1842 e Monsignor
Lorenzo Renaldi, vescovo di Pinerolo, che ne dettò con sacra facondia
l'_Elogio storico_[43], pubblicandolo, giustamente lo intitolava al
canonico Luigi Anglesio, che al fondatore succedette nelle virtù e
nella direzione dell'Opera benedetta.

Visitando la _Piccola Casa_ andai ad inchinarmi alla tomba del
Cottolengo. Egli è sepolto, come desiderò, sotto l'altare di Maria
Vergine, innanzi a cui, fra cento e cento quadretti in cui sono
effigiati i tanti santuari di Maria sparsi pel mondo, il piissimo
uomo soleva prostrarsi ed invocare a pro degli infelici la celeste
misericordia. Egli riposa nella casa da lui edificata, tra i poveri da
lui protetti, come padre fra' diletti figliuoli.

In Londra Cristoforo Wren è sepolto nella Basilica di San Paolo da
lui architettata. In Malta l'armigero pittore delle Calabrie, Mattia
Preti, dorme fra i sepolcri della soglia blasonica nella cavalleresca
chiesa di S. Giovanni, da lui dipinta. In Catania nel monastero dei
PP. Benedettini il celebre organo versa le armonie sulla tomba del suo
autore. In Stresa il sodalizio della Carità inneggia sulle ceneri del
suo fondatore, Antonio Rosmini; e così pure al sepolcro del Cottolengo
è monumento la sua stessa opera, la Piccola Casa della divina
Provvidenza. Sulle sue ceneri suona la perenne preghiera di due mila
poveri, mentre in Roma si tratta la causa della beatificazione di lui.

Gli uomini, come il Cottolengo, sono santi in tutte le religioni, e li
canonizza l'umanità riconoscente.


XII.

La Dora è dunque prodigiosa per instituti d'istruzione popolare e di
beneficenza.

Con tali considerazioni errando per le frequentate vie di Po e
Doragrossa, e traversando dall'uno all'altro quartiere, presso i
palazzi, i teatri e le chiese, e fra i magazzini sfavillanti di sete e
gemme, è dolce incontrare in ogni parte scuole, spedali ed asili.

Mentre l'insegnamento e la carità assicurano la civiltà presente e
futura, le industrie sotto i portici, nelle piazze e nei tre edificii
testè eretti ai mercati, coll'assiduo lavoro alimentano i traffichi
e soccorrono ai bisogni della vita. Qui però si ode il romore delle
fucine, il cigolìo dei carri e lo scalpitìo de' cavalli, non lo
schiamazzare della gente meridionale. Il commercio opera fra noi
austero ed onesto con voce sommessa, come lo trovai nei popolati bazari
di Giannina appiè del Pindo. Nella città dell'Epiro il silenzio de'
mercati mi dava l'idea d'un popolo ancora atterrito dalle memorie del
tiranno di Tepelleni. Invece nelle simmetriche e libere vie di Torino
il silenzio è l'espressione d'un popolo che fa più che non dice, e
ordinatamente.

Così Torino potè sempre più crescere di fama, di abitanti e di
ampiezza. Il Cibrario, nella _Economia politica del Medio Evo
d'Italia_, dice che Torino nel 1377 aveva 700 fuochi, rappresentanti
4,200 individui. Il Bottero in sul tramonto del secolo XVI non
assegnava a Torino che 17,000 abitanti, i quali per la pestilenza
del 1630 si ridussero a 12,000, come lasciò scritto il protomedico
Fiochetta. Il conte Prospero Balbo, nel 1831, pubblicò una Tavola
autentica del progresso della popolazione di Torino nel secolo XVIII,
dalla quale risulta che nel 1706 Torino contava 41,822 abitanti
dentro città; nel 1727 ne aveva 64,803 co' borghi e il territorio; nel
1760--79,588; nel 1786--89,752; nel 1796--93,076, e nel 1799 solamente
80,752. Da quel tempo ad oggi la popolazione di Torino giunse a
160.000, poi a 180,000, e non ha guari a 200,000 e più abitanti.

Quando Torino era colonia romana, la sua forma era quadrata, come il
vallo d'un accampamento, poi fu accresciuta ad occidente dell'isolato
di S. Dalmazzo, del Monastero di Santa Chiara, di Piazza Paesana o
Susina e del recinto spazioso della Consolata. Tal era all'entrare
del secolo X, quando le mura della città vedevansi munite di spesse
torri, e quando le girava tutto all'intorno una comoda galleria, sopra
la quale ergevansi opere di difesa. Il matematico Niccolò Tartaglia,
bresciano, lasciò scritto che i lati nord e sud delle mura di Torino
correvano lo spazio di 360 passi, e gli altri due un po' meno: sicchè
la forma quadrilunga della città era di circa 1400 passi di giro, cioè
un miglio italiano e 100 passi geometrici. Dalla metà del secolo XVI
in cui il Tartaglia verificava questa misura, fino al giorno d'oggi,
s'andò la città mano mano ampliando, sicchè il suo perimetro dentro la
strada di circonvallazione è di metri 7,750, cioè 4 miglia geografiche
abbondanti, e, compresi i due borghi di Po e di Dora, 11,450 metri,
cioè un po' più di 6 miglia. Tal era l'area di Torino nel 1840. Oggi
è d'assai aumentata per gli altri borghi di S. Salvatore o Salvario,
di S. Donato, di Vanchiglia e di Valdocco. Del nuovo non occorre
parola; perchè essendo sorto fra la via arborata di circonvallazione (a
guardatura di mezzodì) e quella dello Spedale, dove erano informi prati
e vecchie cascine, non ha fatto che vestir di fabbriche grandiose una
superficie entro città; sicchè, a rigore, l'appellativo di Borgo non
gli si addirebbe.

Il Municipio torinese nobilitò non poche delle antiche vie, mutando
i vecchi nomi con altri illustri; e appellò le nuove da grandi
uomini piemontesi e da grandi fatti sabaudi. Onde leggiamo i nomi
di Lagrangia, Andrea Doria, Carlo Alberto, dove erano i Conciatori,
i Carrozzai, la Madonna degli Angeli; Bottero dov'era il Fieno;
l'Accademia Albertina dov'era l'Arco e la Posta. Così la via de'
Macelli ha ceduto il nome a quello dei Barolo; e l'Arcivescovato
fece luogo a Cavour; la Barra di ferro a Bertola, i Guardinfanti a
Barbaroux, le Quattro Pietre a Porta Palatina. Oggi il Cannon d'Oro
è Montebello; piazza Susina o Paesana è Piazza Savoia; quella della
legna si è convertita in Solferino. E diverse antiche stradicciuole
si fregiano adesso de' bei nomi di Virginio, Vasco, Giulio, Siccardi,
Assarotti, Perrone, Bava, Torquato Tasso! Senza dire di strade nuove,
che si appellano da San Pio V, Berthollet, Baretti, Tesauro, Botta,
Alberto Nota, Principe Tommaso, Gioberti, Silvio Pellico, Massena,
Galliari, Assarotti, Manzoni! E Legnano, S. Quintino, l'Assietta,
Goito, la Cernaia, non risveglian esse gloriose memorie?--Tanto
deliberò il Consiglio municipale di Torino nella sua seduta del 19
giugno 1860; tanto eseguì senza indugio.

Le grandi piazze, per le quali è così segnalata la città di Torino,
sono denominate da Carlo Felice, da S. Carlo, dal Castello, da Vittorio
Emanuele I, da Emanuele Filiberto e da Carlo Emanuele II. Le mezzane,
da Carlo Alberto, dal palazzo Carignano, dallo Statuto, dal palazzo
Reale, da quello di Città, dal saluzzese Bodoni. Le minori sono
appellate da Cavour, da Maria Teresa, da Bonelli, da S. Quintino, e
dalle chiese del _Corpus Domini_ e di S. Giovanni.

Torino è partita in quattro sezioni: del _Po_ a levante, del _Monviso_
a mezzodì, del _Moncenisio_ a ponente e della _Dora_ a tramontana. Da
due monti e due fiumi hanno preso gli auspìci le quattro sezioni della
città.

Il Po ad oriente la viene lambendo: quel Po che, al dire del Marini,

  «...Accolto in cristallina cuna
  Pria pargoleggia, indi s'avanza e cresce,
  E tante forze in breve spazio aduna,
  Che sdegna il letto, odia i ripari e n'esce».


XIII.

La Dora è il caro fiume di Val di Susa, del quale ho seguito il corso
dalle fonti alla foce.

La Dora Riparia, che si versa in Po presso Torino, diede il nome alla
quarta sezione della città, e rammenta come da lunga stagione fosser
riposte le speranze d'Italia nella sua metropoli e ne' suoi magnanimi
Sovrani. Infatti cinque anni innanzi al memorando assedio di Torino,
cioè nel 1701, nasceva al Duca Vittorio Amedeo II quel Principe di
Piemonte che fu poi il Re Carlo Emanuele III. Alla nascita di lui il
bolognese poeta Eustachio Manfredi, che fu italiano di cuore come raro
di mente e di dottrina, infiammavasi di sante speranze, e così cantava
quella nascita con fausto vaticinio:

  Vidi l'Italia col crin sparso, incolto,
    Colà, dove la Dora in Po declina,
    Che sedea mesta, e avea ne gli occhi accolto
    Quasi un orror di servitù vicina.
  Nè l'altera piagnea; serbava un volto
    Di dolente bensì, ma di reina;
    Tal forse apparve allor, che il piè disciolto
    A i ceppi offrì la libertà latina.
  Poi sorger lieta in un balen la vidi,
    E fiera ricomporsi al fasto usato,
    E quinci, e quindi minacciar più lidi;
  E s'udìa l'Appennin per ogni lato
    Sonar d'applausi, e di festosi gridi:
    Italia, Italia, il tuo soccorso è nato.

Nè il poeta al postutto s'ingannò. Se Carlo Emanuele III non fu il
soccorso d'Italia, lo è ben oggi un Sabaudo, lo è Vittorio Emanuele II.

  «Italia, Italia, il tuo soccorso è nato».

Ritornando alla Dora, al più ragguardevole di tutti gl'influenti
superiori dei Po, dirò che poche acque sono recate a tanta utilità come
le sue, sia per molini ed altri opificii, sia per irrigazione di campi;
imperocchè l'arte di condurre questi canali era già molto innanzi in
Piemonte in tempi lontani dai nostri, ove si considerino le tante
derivazioni della Dora Riparia, e si confrontino i vari tempi delle
sovrane concessioni. Fra Collegno e Torino sono le derivazioni che
recano l'acqua alla città, e che servono alla fabbricazione delle canne
da fucile, e di altre armi da guerra, alla preparazione delle polveri,
ai molini civici, di cui 28 ruote idrauliche apprestano il pane ai
cittadini e a' forestieri. Un altro canale, tratto dalla sinistra del
fiume sotto a Torino, serve alla fabbrica de' tabacchi e della carta
ne' vasti edifizii del Parco.

La Dora Riparia a Torino si valicava sopra un meschino ponte di legno
sorretto da pile di mattoni. Regnando Carlo Felice (1823), nacque
il pensiero di far cavalcare quel fiume da un ponte di pietra, che
rendesse fede dell'avanzamento dell'arte in Piemonte; e fu recato ad
effetto nel 1830.

L'ingegnere Carlo Mosca, oggi Senatore del Regno, lo architettò e
lo condusse a buon termine, illustrando la sua patria e sè stesso
con quell'opera insigne. Passate le piazze _Milano_ ed _Emanuele
Filiberto_, si entra nella via per cui si valica il fiume sul mirabile
ponte d'un solo arco di cerchio con 45 metri di corda e 5,50 solamente
di saetta. Miracolo dell'arte, che l'intelligente cerca ed ammira,
perchè mole sì bella e di tanto ardimento è della massima solidità.


XIV.

Senza dubbio l'augusta città della Dora, ampliata e raddoppiata di
popolo nel corrente secolo, è cresciuta in fiore più d'ogni altra
italiana, ed ha fatto il più glorioso progresso.

Uno degli amici torinesi, ai quali soglio leggere le mie pagine della
Dora, a questo punto mi disse:

--Ora aspetto da te più che un cenno delle nostre belle chiese. Mi
descriverai la Metropolitana col Santuario della SS. Sindone, il
tempio più vasto della città, ossia quello di S. Filippo, e il più
strano, quello di S. Lorenzo colla cupola ardita e leggiadra. Vorrei
pure descritto il tempio di S. Massimo e il magistrale dell'Ordine
Mauriziano, ove il Morgari, sui concetti del conte Cibrario, dipinse
poeticamente nella cupola _Il trionfo della Croce_. Gli Israeliti
vorranno da te illustrata la nuova loro Sinagoga, e i Protestanti la
loro chiesa di recente edificata; ed io buon cattolico e cittadino ti
raccomando di non dimenticare nel tuo volume il Santuario prodigioso
della Consolata; la chiesa di S.ª Giulia, di forma gotica, fondata
dalla pietà della marchesa Barolo; quella in questi giorni dedicata
ai Ss. Pietro e Paolo, e la celebre Basilica di Superga. Un altro
bizzarramente lo interruppe, dicendomi:

--Io sono un profano, e lascio ai divoti la storia delle chiese.
Per me desidero nelle tue pagine la vivace descrizione de' festosi
teatri di Torino, principiando dal Regio e dal Vittorio Emanuele,
due massimi delubri di Euterpe e Tersicore. Dovresti pur narrarci i
trionfi dell'ingegno italiano, quando sulle scene del Carignano e del
d'Angennes si davano le prime rappresentazioni delle tragedie dei
nostri Alfieri, Pellico e Marenco e del ligure Ippolito D'Aste, e le
commedie dei nostri Nota e Brofferio e del ligure Chiossone. Ricordaci
il bel teatro del cortese amico cav. Gerbino, e il teatro Rossini
in cui con applaudite prove Bersezio, Garelli, Pietracqua e Zoppis
mantengono in onore la commedia nel dialetto e ne' costumi del Piemonte.

Non basterebbe un grosso volume, io risposi, a descrivere tutti
codesti monumenti di cielo e di terra; ma io non faccio la storia nè
l'itinerario di questa città. Chi voglia averne contezza, ricorra
alle opere del Paroletti, del Cibrario e del Ricotti, legga la
_Descrizione di Torino_ del Bertolotti e quella del Giuria, e ne cerchi
i particolari nel _Dizionario storico-statistico_ del Casalis, ed anche
nelle _Passeggiate autunnali_ del Baruffi.

Io sono un paesista che trovandosi in cospetto di maravigliosa città,
irrigata da fiumi, cinta da côlli, maestosa di vie, teatri, templi e
palagi, e abitata da popolo industre, dotto e belligero, coglie questo
e quel punto di veduta per ritrarre sinteticamente in tela il complesso
delle cose ammirate.

Peccato ch'io non possegga la tavolozza ed i colori di Massimo
d'Azeglio!

Ed eccomi senza quasi avvedermene entrato a parlar di pittura e delle
altre arti, argomento che si affaccia a quanti vengono a visitare le
città italiane.


XV.

BELLE ARTI.

«Non ha il Piemonte un'antica successione di scuola pittorica come
altri Stati, nè perciò ha men diritto di aver luogo nella storia della
Pittura[44]».

Così scrisse il Lanzi. Ma oggi Torino acquistò tali elementi di vita
artistica da gareggiare colle più illustri città sorelle, onde stimo
bene d'indagare le origini di questa sua crescente gloria.

Fino dal 1652 in Torino si era creata una Società di Artisti,
denominata Università di pittori, scultori ed architetti, detta anche
Compagnia di S. Luca, la quale nel 1675 cominciò ad acquistar fama
aggregandosi all'Accademia Romana dello stesso nome. Crebbe di autorità
ai tempi della Reggente Duchessa Maria Giovanna Battista di Savoia, che
nel decreto del 29 agosto 1678 la prese a proteggere in singolar modo e
le assegnò sede nei reali palagi.

Nel 1716 l'Accademia di scultori, pittori ed architetti ebbe a suo
uso dal Governo parecchie sale nel palazzo della R. Università, e
nel 1778 il re Vittorio Amedeo III, _riconoscendo le Arti liberali
altrettanto utili quanto gloriose in ogni Governo_, decretò e promulgò
nuovi regolamenti, fondò premi e concorsi, ed all'Accademia conferi
il titolo di _Regia_. Nobili instituzioni, che vennero meritamente
illustrate con medaglie a bella posta coniate.

Le arti, trascurate poi dalla bellicosa dominazione francese, al
ritorno dei Reali di Savoia ripresero vita.

Nel 1821 il re Carlo Felice creò direttore della R. Accademia Giovanni
Battista Biscarra, nominandolo ad un tempo suo primo pittore, capo e
maestro delle scuole di pittura e di disegno.

Il Biscarra portò da Roma su le rive della Dora i severi precetti
della scuola classica e i nobili esempi del suo pennello nel quadro il
_Caino_, che adorna le pareti della nostra Accademia; e nuovi progressi
si prepararono alle Arti.

Nel 1833 re Carlo Alberto donò all'Accademia il palazzo che oggi occupa
nell'isolato di S. Francesco di Paola. Allora all'Accademia fu aggiunto
il titolo di Albertina, nè invano, perchè re Carlo Alberto aperse un
periodo nuovo alle arti protette, sì per la sua munificenza, come per
le felici disposizioni degli ingegni subalpini.


XVI.

Re Carlo Alberto volle che il Piemonte fosse ad un tempo la Macedonia
e l'Attica d'Italia. Per farne la Macedonia, migliorò ogni ordine
militare e instituì nel suo palazzo l'Armeria reale. Per farne
l'Attica, agevolò ogni maniera di studi ed ampliò l'Accademia di
Belle Arti. Inoltre instituì la Reale Pinacoteca segnalata per quadri
fiamminghi. Ne fu dotto illustratore Roberto d'Azeglio, ed ora n'è
vigile direttore il suo fratello Massimo, ministro, guerriero,
scrittore ed artista: esempio unico nella storia.

Il munifico Re commise elette opere a chiari scultori e pittori d'ogni
terra italiana: Baruzzi, Sangiorgio, Marchesi, Fraccaroli e Cacciatori,
Hayez, Podesti, Bellosio, Camuccini, Gazzarini e Bezzuoli; e la
Reggia di Torino, emulando la Corte Medicea, già per mezzo dell'arte
cominciava la unificazione della nostra Penisola.

Statue e dipinture di gran pregio decorarono templi e palazzi. Crebbe
il numero degli studiosi e crebbero le scuole; e l'Arienti fu da
Lombardia qui chiamato a professare la pittura, e dalla Sardegna il
Marghinotti ad essere maestro nel disegno dal rilievo.

Invadendo ogni cosa lo spirito di riforma, entrò pure nell'Accademia
Albertina, e coi nuovi ordinamenti Re Vittorio Emanuele II nell'anno
1856 affidò la direzione dell'Accademia al Marchese Di Breme.
Questo patrizio, cultore e zelatore tenerissimo delle Arti Belle,
acquafortista valente, consigliando l'insegnamento _uno e vario_, volse
l'animo ad infondere vita novella nell'Accademia Albertina, _convinto_,
egli dice, _che le accademie si possono conservare, purchè si adattino
meglio allo scopo dell'arte, la qual cosa consiste principalmente
nell'unificare l'istruzione elementare e nel variare l'insegnamento
superiore_[45].

Uomini irradiati di bella fama vennero in essa ad ammaestrare. Vincenzo
Vela alla scuola di scoltura, Enrico Gamba a quella di disegno, ed alle
scuole di pittura Gaetano Ferri e Andrea Gastaldi invece dell'Arienti
assunto a reggere l'Accademia di Belle Arti in Bologna. Desiderandosi
inoltre a segretario dell'Accademia chi al merito dell'arte accoppiasse
i pregi della letteratura, fu eletto a sì nobile ufficio il figlio
dell'antico direttore, Felice Biscarra, al quale, mentre va scrivendo
la storia dell'Accademia, si prepara dovizia di documenti nei lavori
dei maestri e nelle speranze degli allievi.


XVII.

Diamo un cenno degli esempi della Scuola Piemontese, che l'Accademia
Albertina può presentare a' suoi discepoli.

La Reale Pinacoteca, che dapprima avea sede nel Palazzo Madama, fu,
ed opportunamente, trasferita al Palazzo de' Musei, significando così
che le scienze e le arti deggiono vivere insieme per far prosperare le
nazioni.

In due stanze della Pinacoteca si ammirano molte e belle opere antiche
di artisti piemontesi, ed altre moderne nel Museo che il Municipio
apriva nel giugno del 1863 nella via Gaudenzio Ferrari, quasi per
collocarlo sotto gli auspici dell'Apelle di Valduggia, capo della
Scuola Lombarda, a cui i Valsesiani con soscrizioni preparano in
Varallo un degno monumento.

Nel Museo Civico sono raccolti oggetti di patria e straniera
archeologia, e monete antiche di Grecia e Roma, e delle zecche dei
Comuni e Stati italiani dal mille in poi. Vi ha preziose reliquie
medievali e un vivido acquario in cui pesci, diversi di specie e di
colore, guizzanti danno gaiezza al luogo severo. Ma lo scopo principale
di quel Museo è la Galleria moderna dei quadri, fra i quali se ne
ammirano parecchi di pennello piemontese, come dicevami il cav. Agodino
conducendomi gentilmente a visitare le recenti opere del municipio
torinese.

Ricordando la R. Pinacoteca e il Museo Civico, io veggo schierarsi a me
d'innanzi dallo scorcio del secolo XV sino a noi gli illustri pittori
subalpini, coi quali deggionsi pur ricordare scultori ed architetti
nostri di meritata fama.

Primo ci si presenta in Alba, il Macrino; poi nel secolo XVI Val
di Sesia si pregia dei fratelli Tanzio e di Gaudenzio Ferrari,
che ebbe comune con Raffaello la scuola e la gloria. Nel medesimo
secolo Vercelli va altera del Sodoma e del Giovenone, e Defendente
De Ferraris da Chivasso, dipinge la stupenda icona di Ranverso. Nel
secolo XVII fra i vigneti del Monferrato il Moncalvo insieme colle
due figlie, protetto dalle Grazie, dipinge madonne ed angioli; il
Molineri, detto il _Caraccino_, narra col pennello le vittorie dei
nostri Duchi alla natale Savigliano, che fu pure la culla di Giovan
Angelo Dolce, di Pietro Ayres e del lodatissimo incisore Arghinenti,
allievo del celebre Porporati; e Nizza, che mai non cesserà di essere
italiana, di quei tempi ricorda il suo Lodovico Brea. Nel secolo XVIII
Bernardino Galliari, della terra di Andorno, pittor di scene egregio,
emulo del Bibiena, spargendo la sua fama in Europa, dipinge a Berlino,
e fra noi colora d'affreschi la vôlta del Palazzo dell'Accademia
Filarmonica, e adorna il R. Teatro d'una scenica tela, segno alla
pubblica ammirazione: e il savoiardo Beaumont ritrae gloriose pagine
dell'_Iliade_ e dell'_Eneide_ nelle vôlte della grand'aula in cui
ammirasi l'Armeria Reale. In quel secolo le arti del dipingere e dello
scolpire, l'incisione e l'architettura lasciano ai Subalpini grate
memorie. I torinesi fratelli Collini adornano di scolture i palazzi
della Metropoli e i sotterranei di Superga, il Cignaroli acquista nome
nella pittura di paese, i fratelli Valeriani dipingono lodatamente
di affreschi il R. Palazzo di Stupinigi. Ed ecco io veggo segnalarsi
nell'architettura il Iuvara, cui deve Torino la maestosa facciata e
i due mirabili scaloni del palazzo Madama, e l'edificio della Corte
d'Appello, e Superga, e Stupinigi; e il Conte Alfieri architetto dei
tre teatri, il Regio e quelli di Carignano e d'Angennes.

Non cessano ai dì nostri le splendide pruove dell'architettura
subalpina. Già ammirammo il Senatore Mosca al Ponte della Dora.
Carlo Promis e Alessandro Antonelli sono dotti maestri dell'arte di
costruire; e Domenico Ferri, architetto decoratore de' Reali palazzi,
fe' il disegno dell'edifizio destinato al primo Parlamento del Regno
d'Italia, dandogli una facciata corrispondente alla maestà del luogo;
e già si vede sorgere altero quel monumento dell'arte nostra, mercè
l'opera dell'architetto Giuseppe Bollati. La stupenda recente stazione
della Strada Ferrata in Torino è disegno dell'ingegnere Mazzucchetti;
e il torinese conte Carlo Ceppi ottenne nel 1863 la palma fra i molti
concorrenti al disegno della facciata del duomo fiorentino, opera da
accoppiarsi al Campanile di Giotto.

Nel secolo nostro, oh quale miriade di splendidi ingegni mi si presenta
nell'arte, cominciando dal nizzardo G. Battista Biscarra! Io riverente
vi saluto, o Pelagio Palagi e Carlo Arienti, o Antonio Gaggini e
Vincenzo Vela. Voi, sebbene non piemontesi di origine, siete gloria
artistica della Dora, perchè foste chiamati a ragguardevoli uffizi
nella nostra Accademia.

Altri bei nomi mi ricorrono in mente. Il Migliara di Alessandria fu
mirabile nella pittura d'interne prospettive; Fabrizio Sevesi e Luigi
Vacca furono frescanti e pittori scenografi di gran valore; Francesco e
Guido Gonin, Enrico e Francesco Gamba, Gaetano Ferri, Andrea Gastaldi,
Angelo Capisani, Ferdinando Cavalieri, Pietro Ayres, Camino, Perotti,
Beccaria, Raimondi, i conti Corsi e Pastoris, e i due Felice, Cerutti
e Biscarra, sono cari nomi che spesso udimmo ripetere ed encomiare in
vari generi di pittura nelle annuali pubbliche esposizioni di Belle
Arti.

Nè meno della pittura più volte ammirammo nelle pubbliche mostre l'arte
statuaria di celebri professori già accennati e dei valorosi Giovanni
Albertoni, Giuseppe Dini, Scipione Cassano, Silvestro Simonetta e
Carlo Caniggia. Che più? Anche la stampa detta _umoristica_, mostra
quotidiana, vanta sulla Dora quattro bizzarri corifei a matita,
Redenti, Allis, Teja e Virginio.

Le glorie subalpine sono di tutta la nazione, onde il Re e il Governo
onorarono di commissioni e d'insegne cavalleresche parecchi de' nostri
artisti, e la storia segnò i loro nomi sui nuovi allori dell'arte
italiana.


XVIII.

LA SOCIETA' PROMOTRICE DELLE BELLE ARTI E IL CIRCOLO DEGLI ARTISTI.

Fra tanto fervore di nobili ingegni opportunamente nel 1842 in Torino
fu costituita la Società promotrice delle Belle Arti _che ha per iscopo
di eccitare fra gli artisti una lodevole emulazione, di propugnare le
notizie delle loro opere, e di aiutarne lo spaccio, acquistandone in
proporzione dai fondi sociali_. A tal fine nella primavera d'ogni anno
essa apre una pubblica esposizione di lavori di Belle Arti.

Promotore e primo presidente della Società fu il conte Cesare di
Benevello, amante e cultore appassionato della pittura, a cui
succedette altro mecenate, il marchese Ferdinando di Breme. Promotore
insieme col Benevello, e, a buon diritto, segretario primo di essa fu
il Paravia; ed ora, sette volte rieletto, segretario della Società è il
cav. Luigi Rocca, nome gradito, che s'incontra spesso quando in Torino
si principia e s'incoraggia un'opera buona ad onorare gl'ingegni.

La Società andò mutando seggio, ed ora ha stanza accanto al Teatro
Scribe, in via della Zecca, nel proprio palazzo, acconciamente
architettato dal cav. Mazzucchetti.

Chi desiderasse conoscere i particolari della Società narrati con brio
ed eleganza, legga le storiche pagine che Luigi Rocca nel novembre
del 1864 mandò innanzi all'_Album offerto a tutti i benemeriti che
contribuirono all'erezione dell'edificio per le esposizioni di Belle
Arti_.

Qui dunque si trovano gl'incoraggiamenti e gli onori di che altre
famose città italiane furono larghe agli artisti, non però le villane
gelosie e le cupe ire che in altre contrade disonestarono le scuole
dell'arte.

Sulla Dora non trovate, come su l'Arno, morto di ferro un Masaccio,
non un Torrigiani che d'un pugno schiaccia il naso al Buonarroti, nè i
contrasti di Baccio Bandinelli col Cellini. Qui non si ha a lamentare,
come sulle adriatiche lagune, Andrea del Castagno che colpisce Domenico
Veneziano per frodargli il segreto della pittura ad olio; nè, come
a Bologna, si incontra un Calvart, che villanamente contristò la
giovinezza del Domenichino; nè si ha a deplorare una Elisabetta Sirani,
amorosa imitatrice di Guido Reni, morta di veleno nella verde età di
ventisei anni. Qui, come a Napoli, le ribalderie dello Spagnoletto
e del Correro non intristirono mai i seguaci dell'arte; non si
attossicarono i loro conviti, siccome avvenne al Baroccio in Roma; nè,
come a Genova, fu mai veduto per orrende gelosie un Pellegro Piola
perir di pugnale.

Ai cultori dell'arte divisi e discordi altrove, in Torino rispondono
cultori uniti e concordi col Circolo degli Artisti, unico in Italia.

Torino ha l'Accademia Filarmonica e la Filodrammatica, la Società
del Tiro a segno, la Società Ginnastica, la Ippica, quella dei
Pattinatori, e quelle dei Canottieri, instituzioni dilette ed utili, ma
fra queste la più fiorente è il Circolo degli Artisti.

Nel 1854 il cav. Felice Biscarra, tornato da un viaggio per l'Europa,
narrò all'avvocato Luigi Rocca e ad altri eletti amici la soddisfazione
da lui provata nel visitare in lontane regioni i Circoli degli Artisti,
e quelli in ispecie di Brusselle e di Ginevra.

Sorse il desiderio di vedere sì bella ed utile instituzione anche in
Piemonte, imperocchè le nobili idee fra questo popolo si volgono in
atto con rara e pronta felicità, al pari de' semi che sparsi in terreno
acconcio non tardano a germogliare, fiorire e dare frutti abbondanti.

Il Biscarra e il Rocca applicarono tosto la mente a comporre gli
statuti tratti da quelli del Belgio con altri più adatti all'indole
nostra, e fu dato principio con venti soci alla novella instituzione
del Circolo che proseguì con ottanta, e, costituitasi con cento e
venti, giunse ad avere ottocento fratelli adunati sotto il libero
stendardo delle Belle Arti.

Il Circolo degli Artisti è presieduto dal Comm. Galvagno, uomo di
probità antica; e trovasi in via Bogino nel magnifico palazzo Graneri,
ora del generale Sonnaz, l'eroe di Montebello.

Quivi sono frequenti le adunanze con musiche e balli e con mostre
di Belle Arti; e non ha guari, nella sera del 16 novembre 1865, il
Circolo fra canti e suoni accoglieva festosamente il Re e la Regina di
Portogallo insieme colla nostra Real Famiglia nella memorabile aula,
ove ai tempi di Vittorio Amedeo II, fu celebrata la pace conclusa tra
Francia e Piemonte, con banchetto splendidissimo, a cui sedevano i
marescialli francesi e il Principe Eugenio di Savoia.

Il biondo Re lusitano, che amorosamente coltiva la musica e la pittura,
e che lasciò in Torino ricordi grati del suo patrocinio agli artisti
italiani, volle cortesemente dichiararsi fratello di quella artistica
famiglia, e porre fra i soci il suo nome, fulgida gemma alla corona del
Circolo, onde prova il Piemonte che qui la concordia civile preparò
l'alleanza degli artisti insieme coll'unità nazionale.


XIX.

ARTE E PATRIA.

Non lascerò così grato argomento senza prima far cenno che l'Arte,
considerata nel complesso de' suoi attributi, qui spesso rappresentò i
destini della patria, e li preparò talvolta.

L'Architettura dai Cesari di Roma ad Emanuele Filiberto ricorda gli
avvenimenti di sei tempi diversi nel turrito edifizio Augustale, il
quale, ristaurato dal Municipio, spiccherà venerando, abbattute le
case che ne impedivano la vista. L'Architettura narra i fasti e i
lutti della stirpe Sabauda e del Piemonte, additandoci la Reggia e i
reali Castelli e il Palazzo Carignano, culla di Carlo Alberto e del
Parlamento del Regno italico. Essa, guidandoci al ponte di pietra a
cinque archi onde si varca il Po, c'invita a salutare in cima ai côlli
torinesi la Basilica di Superga, dedicata a Maria, sepoltura dei nostri
Re. Quel tempio, architettato dal Juvara, è monumento di vittoria
nazionale, eretto da Vittorio Amedeo II in ringraziamento a Dio per
aver liberato questo combattuto paese dall'insolenza forastiera.

Guardando a Superga, ripetiamo esultanti colla Debora del Piemonte,
Giulia Colombini:

    «Oh! salve dal tuo côlle
  Di patria indipendenza alto trofeo!
  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
  Tu il sorriso del ciel sui brandi nostri,
  Tu il prodigio d'amor Micca ci mostri.
  Sul vinto baluardo
  Spiegava lo stendardo
  Il Francese guerrier: l'ardito esempio
  Cento seguiano e cento;
  Ma, nuovo Curzio, nel fatal momento
  Diede il suo capo il Gran Biellese, e volle
  Sè stesso per la patria in sacramento;
  Scoppiò l'accesa polve, e glorïoso
  MICCA su mille eroi tomba si aderse.
  Oh viva eterno! E laude a te che, sperse
  L'armi Franche, o AMEDEO, vittorïoso
  Innalzasti sul monte
  Simbolo di salvezza, ara al Piemonte!»

Colla Basilica di Superga la Monarchia Sabauda ringrazia Iddio in vetta
ai côlli torinesi; e alle loro falde il popolo subalpino lo ringrazia
nel tempio della Gran Madre di Dio.

Quella chiesa, edificata col disegno del Bonsignore, ricorda il
Panteon di Roma e il tempio del Canova in Possagno. Benchè posta
sovra alto basamento con pronao grandioso ed ardito, trovasi oppressa
dalle colline circostanti, ma nella mia mente quella chiesa prende
gigantesche proporzioni, e dai côlli si eleva sfavillante d'insolito
splendore, quando ricordo essere stata costruita per volo del Corpo
Decurionale Torinese (1818), dopo il ritorno della stirpe Sabauda dalla
Sardegna al Piemonte. Fra le colonne del tempio circolare ricordo le
feste cittadine al cessare della gallica dominazione, e il solenne
ingresso in Torino di Vittorio Emanuele I, addì 20 maggio 1814. Alla
erezione di quella chiesa esultò il Piemonte, che vide restituita la
dignità nazionale a queste regioni, riacquistando la dinastia di que'
Principi che per otto secoli n'erano stati i reggitori e i padri,
educando il popolo alle armi ed alle industrie, e a mantenersi libero
dal giogo straniero.

L'arte statuaria con maggiore evidenza ci narrò i fasti della patria
effigiandone gli eroi.

Non è stata felice nel ritrarre in bronzo e in marmo il Conte Verde;
ma felice e gloriosa oltre ogni dire fu rappresentando nella Piazza
San Carlo il Duca Emanuele Filiberto, che, vinta la battaglia di
S. Quintino e firmato il trattato di Château-Cambrésis, entra in
Torino vindice e stabilitore della sua schiatta, e, riposta la spada,
interamente si dà ad ordinare il governo civile. La statua equestre
in bronzo, e la battaglia e il trattato scolpiti in altorilievo nel
piedistallo compongono il monumento principale della città per concetto
e bellezza d'arte.

Il bolognese Salvatore Muzzi, perito negli studi dell'arte e noto per
affettuosi libri di letteratura educativa, spesso mi era compagno nel
1863, mentre per le vie di Torino andavo notando le cose più degne di
ricordo.

Un dì, dalla statua equestre di Emanuele Filiberto andammo insieme ad
ammirare quella pure in bronzo del Re Carlo Alberto nella piazza dallo
stesso Re intitolata. Girammo intorno al grandioso monumento di granito
e di bronzo, ricco di statue e storiati bassorilievi, da cui sorge sul
destriero di battaglia l'augusto martire dell'indipendenza italiana,
col brando sguainato, in atto di capitanare l'esercito nelle pugne
nazionali.

Io osservava che meglio delle attillate divise militari d'oggidì si
affanno alle scolture le antiche armature e i larghi paludamenti; e
consideravo che i bassorilievi di quel monumento con militari in tunica
e borghesi in abito di rispetto non sono tanto ammirati. Il Muzzi non
poteva farsi apologista di questa parte dell'opera; ma notava come
l'artista abbia tenuto assai depressi i quattro storici bassorilievi,
ed abbia saputo ad un tempo trattarli per modo che tutto vi si legge
bene, anco esposti all'ombra, anche nell'ora del tramonto: e se non
potea difendere che l'artefice avesse frammisto la realtà dei quattro
soldati di tutto tondo alle quattro donne simboliche assise sul secondo
piano del monumento, osservava, come ad una ad una le otto statue
ornamentali siano veramente assai belle, e degne dell'artista che le
concepì e plasticò, sicchè le bellezze de' modelli sono trasfuse nel
bronzo.

Levandomi dalle controversie dell'arte al concetto incarnato nelle due
statue equestri, io salutai col Muzzi in piazza San Carlo il Genio
della Stirpe Sabauda che, ricuperata la signoria degli Stati aviti,
ripone la spada nel fodero per attendere alle imprese di pace, e nella
piazza Carlo Alberto salutai lo stesso Genio cavalleresco, che, pronto
all'invito degl'Italiani, torna a sguainare la spada, già gloriosa in
S. Quintino, per dare libertà e potenza a tutta la nazione.

Era conveniente che il medesimo artefice dovesse interpretare e
significare nel bronzo la duplice impresa di quel Genio guerriero e
legislatore. L'insigne artefice fu l'italiano Marochetti.

Altri monumenti per le piazze e nelle vie ci ricordano i fatti generosi
de' Principi e del popolo. Nella facciata del Palazzo municipale
veggonsi le statue marmoree del Principe Eugenio di Savoia e del Duca
Ferdinando di Genova, scolpite dal Simonetta e dal Dini, e donate dal
banchiere Mestrallet, degne di lode, comechè alcuni le notassero di
soverchio movimento, quasi fossero simulacri d'artisti ginnastici.
Innanzi al mastio dell'antica cittadella di Torino ci si presenta
Pietro Micca, statua in bronzo modellata dal Cassano, degno allievo
del Vela; in cospetto al Palazzo Carignano, già seggio del Parlamento,
l'Albertoni ci addita una sua applaudita scultura, Vincenzo Gioberti,
colà collocato come esempio e scuola agli oratori della patria; e nella
piazza Castello v'ha l'Alfiere del Vela, che, stringendo il patrio
vessillo nella sinistra, e la spada colla mano destra, dal Palazzo
Madama guarda a Doragrossa: profetico dono dei Milanesi all'Esercito
Sardo, il dì 15 gennaio 1857.

Se pei verdi viali saliamo al pubblico giardino, detto dei _Ripari_,
quattro sculture di marmo ci empiono l'animo di civili e guerresche
memorie. Ci si mostrano Guglielmo Pepe che varca il Po, bel lavoro
del professore Butti, ed Eusebio Bava, vincitore a Goito, opera
dell'Albertoni. Le statue dei due valorosi capitani sembrano erette sul
medesimo poggio dei Ripari per celebrare l'unione degli eserciti di
Napoli e del Piemonte nelle battaglie nazionali. Chi non ammira colà
i due marmi animati dal Vela? Nell'uno è onorato il Manin, il veneto
cittadino che, repubblicano di origine, con vivo accorgimento riconobbe
e riverì nella monarchia di Savoia l'unica salute della presente
Italia; nell'altro marmo è onorato Cesare Balbo che meditabondo tiene
la mano sul rinomato suo libro _Delle Speranze d'Italia_. Visitatori
del grand'uomo, non rompete con vane ciance il nobile corso de' suoi
pensieri. Egli è assorto in gravi meditazioni. Inchinatelo tacendo, e
andate oltre.

Dai fioriti viali dei Ripari trasportiamoci fra gl'incensi degli
altari nella Chiesa della Consolata che ricorda Ardoino, l'infelice re
d'Italia, in una cappella da lui eretta.

Nel 31 luglio di quest'anno entrai in quel tempio mentre il cielo
abbuiatosi turbinava, e, piovendo a dirotta, il vento dalle finestre
aperte spingeva l'acquazzone contro le marmoree colonne del Santuario.
Una musica soavissima si diffuse, e parve colla virtù dei suoni
rasserenare la scompigliata natura. Era il nostro celebrato Marini che
sonava l'organo maraviglioso del tempio. Egli toccando maestrevolmente
colle magiche dita i tasti dell'organo crea subite armonie ispirate
dall'affetto del cuore e dalla maestà della religione.

Una vivida luce tornò a rallegrare il cielo e la chiesa; l'incantevole
musicista coi suoni ora imitando il canto degli usignuoli traea il mio
spirito a pregare in fondo ad una selva, ed ora imitando i flebili
rintocchi della campana mi ricordava in sul vespero l'_Ave Maria_ del
villaggio. Così mentre il Marini in varie guise svegliava il sentimento
della preghiera, io mi era prostrato presso la cappella semicircolare
dove stanno le marmoree statue delle due regine genuflesse, Maria
Teresa e Maria Adelaide, che si amarono in vita e che compiante
morirono quasi ad un tempo nel gennaio 1855.

Un angelo colle ali spiegate tiene sospese due corone sul capo delle
auguste donne che innanzi al Santuario di nostra Donna Consolatrice
invocano la concordia e la prosperità sulla Reggia e su l'Italia.

Le due statue, opera del Vela, sono capolavori dell'arte moderna e
gloriosi monumenti di quel prodigioso Santuario, da cui mi allontano
per farmi alla Cattedrale di S. Giovanni eretta da Baccio Pontelli o da
Meo del Caprino sugli avanzi di tre chiese antichissime.

Spesso ritorno alla Cattedrale, ma non a ricordare la bandiera
musulmana e il vessillo colla Croce di Savoia insieme sventolanti
innanzi alla SS. Sindone per ringraziare il Dio delle vittorie nella
oppugnazione di Sebastopoli. Se lo spettacolo delle due bandiere,
al quale assistemmo nel 1855, fosse avvenuto nel 1578, quando dal
prossimo vicolo, ove abitava Torquato Tasso, più volte vi sarà andato
devotamente a chiedere inspirazioni dal funebre Sudario di Cristo, oh!
senza dubbio l'epico cantore delle Crociate sarebbe uscito dalla chiesa
indispettito, per recarsi a disfogare il cristiano suo sdegno nella
prossima casa che abitò pochi mesi, consacrandola per tutti i secoli!

Io vi ritorno per salire alla Cappella circolare della Sindone,
ardimentosa struttura del Guarini, dal cui pinnacolo piove la mesta
luce a illuminare quel regale recinto. Quivi intorno all'urna
contenente il Sudario di Cristo morto sono monumenti e simulacri
d'insigni uomini di Casa Savoia: quivi lo scultore Marchesi ornò il
sepolcro di Emanuele Filiberto, il Cacciatori quello di Amedeo VIII,
il Fraccaroli quello di Carlo Emanuele II, e il Gaggini quello del
Principe Tommaso.

Bella gara artistici per onorare la memoria di grandi uomini
trapassati! Bell'effetto ottico di que' massi bianchi figurati su que'
fondi di nero marmo!

A un lato, dentro nicchia di ricco ornamento, fra colonne di marmo
nero con capitelli corinzii dorati, non possiamo guardare, senza
esserne commossi, la statua della regina Maria Adelaide, augusta
moglie del Re d'Italia Vittorio Emanuele II. Il ligure artista Revelli
scolpivala seduta, in bianco marmo da lui animato, poi la seguiva nella
beatitudine de' buoni.

Non meno della Scoltura fra noi piacquesi egregiamente la Pittura di
ritrarre patrii soggetti. Splendido esempio ne trovai in Savigliano,
nella città ch'ebbe la prima tipografia del Piemonte, portatavi dal
tedesco Giovanni Glim nel 1470.

Colà il Molineri detto il _Caraccino_ nella vasta sala del palazzo, già
ducale, ora del marchese Taffini, immaginò sei grandi arazzi pendenti
dai balaustri d'un cortile rettangolare. Negli arazzi dipinse le geste
militari, e nel cielo aperto l'apoteosi del Duca Vittorio Amedeo I,
figlio di Carlo Emanuele I, la cui effigie vedesi sovra la porta della
sala. Nell'apoteosi intorno al carro della Vittoria scorgonsi le
quattordici lettere componenti il nome di Vittorio Amedeo sostenute
vagamente da angioletti; e ne' guasti caratteri de' cartelli si
scoprono iscrizioni latine sotto città e fortezze diverse; e servono a
indicare i loro nomi insieme cogli stemmi corrispondenti, non già _i
fatti d'armi e le imprese rappresentate su quelle mura_, come opinò il
Napione illustrando quei dipinti.

Gli affreschi della Sala Taffini sono l'ultima e la principale opera
di Giovanni Antonio Molineri. Al pari di lui altri valenti dipintori
nel suolo subalpino colorarono le imprese eroiche della patria, e
volentieri andrei accennando i loro lodati lavori sparsi nella città,
se non mi sentissi tratto nel palazzo reale a contemplare più che
altrove convenute le Arti belle a illustrare i politici accorgimenti e
le virtù guerresche e civili degli Italiani.


XX.

LA REGGIA.

Entrati nel palazzo dei Re d'Italia, l'animo nostro è compreso di
maraviglia salendo il maestoso scalone di bianchi marmi, che per doppio
ordine di gradini mette ai regali appartamenti.

Diverse belle statue ricordano illustri nomi: il Conte di Carmagnola,
lavoro del Dini, il Principe Tommaso, scoltura dell'Albertoni, e Re
Carlo Alberto, statua del Vela, rimpetto ad una nicchia vuota, che
aspetta dal Varni quella di Emanuele Filiberto.

Nei quattro campi laterali allo scalone veggonsi dipinti ad olio
quattro quadri, ne' quali sfavilla la mente italiana.

In uno de' campi Gaetano Ferri rappresentò il matrimonio di Adelaide
Contessa di Torino con Oddone di Savoia. Presso a quello il Gastaldi
dipinse Tommaso I, che concede carte di libertà a parecchi Comuni
dello Stato. Di rincontro a questo quadro Enrico Gamba, l'autore dei
_Funerali di Tiziano_, ritrasse il magnanimo Carlo Emanuele I, il
quale, per vendicare la indipendenza d'Italia, pronto alle battaglie,
sdegnosamente restituisce a Don Luigi Cajetano, ambasciatore di Spagna,
il Toson d'oro, e gli ordina di partire nel termine di ventiquattro
ore. Nel quarto campo il Bertini ritrasse nella villa del Parco presso
Torino Filippo d'Este che presenta Torquato Tasso al Duca Emanuele
Filiberto, il quale graziosamente lo accoglie fra personaggi delle
Corti di Savoia e d'Este, e della Repubblica di Venezia.

Ebbi un dì la grata ventura di rivedere la tela del Bertini mentre un
bel raggio di sole vividamente illuminava il mesto volto del poeta a
cui stringe amorevolmente le mani Emanuele Filiberto, in segno del
patrocinio onde i Principi di Savoia sempre furono larghi verso nobili
ingegni.

Levando gli occhi dal Tasso vidi irradiata nella volta l'apoteosi di
Carlo Alberto, affresco dal Morgari; e guardando attentamente allo
scalone e all'atrio, comechè spaziosi, mi sembrarono angusti a tanta
dovizia ivi accolta di sculture e di dipinti.

Entrato nei reali appartamenti saluto l'Hayez che in ampia tela
pennelleggiò la sete tormentosa dei Crociati presso Gerusalemme, ed il
Podesti nel _Giudizio di Salomone_. Quindi errando di sala in sala fra
arazzi di antica fabbrica piemontese, fra madreperle e fra maioliche
del Giappone e di Sèvres, fra vasi di malachite e lavori di tarsia, fra
dorature ed intagli di ogni maniera in legno, e fra bianche colonne di
marmo coi dorati capitelli corinzii, oh! spesse volte mi è dolce fra
tanta luce venerare l'Arte e la Patria.

Re Carlo Alberto volle che l'Arte fosse messaggiera del risorgimento
d'Italia, e nel 1845 commetteva al lombardo Carlo Arienti di
rappresentare in una tela, da collocarsi nella sala de' Paggi,
la Cacciata del Barbarossa da Alessandria. L'Arienti nell'opera
commessagli pel regale palazzo sè medesimo dipinse vestito da popolano
nell'atto di lanciare una pietra contro il barbaro Federico; e in tal
guisa l'inclito professore dell'Accademia Albertina diceva a' suoi
colleghi che gli artisti deggiono suscitare, e all'uopo anco eseguire
le difficili imprese per la patria.

La commissione data all'Arienti nel 1845 era il primo squillo delle
prossime battaglie nazionali; e nel 1850 quando si lamentavano le
recenti sventure dell'Italia caduta nella battaglia di Novara, ed
erano assai dubbie le speranze del nostro avvenire, Re Vittorio
Emanuele II nella pubblica mostra di Belle Arti al Castello del
Valentino, a far manifesta la perseveranza della sua fede politica,
avendo a' fianchi il Presidente del Consiglio de' Ministri e sommo
artista, Massimo d'Azeglio, per aggiungere decoro alla Reggia
acquistava il quadro di Felice Biscarra rappresentante Cola da Rienzo
che parla di libertà al popolo di Roma; e quindi acquistava pure, ad
ornare il Reale Palazzo, la tela di Gaetano Ferri che ritrae il lutto
del Piemonte per la morte di Carlo Alberto, quadro che all'autore valse
il premio della medaglia d'oro nell'Esposizione di Parigi del 1855. Lo
stesso magnanimo Re nel 1858 accogliendo ospitalmente nella Reggia la
tela del Gastaldi, in cui è raffigurato il Barbarossa vinto a Legnano,
si apparecchiava all'eroica impresa, per cui avrebbe veduto i nipoti
del Barbarossa vinti e scombuiati fuggire dai poggi di Solferino.

Andiamo a visitare le stanze regali, e vedremo l'amore del Bello
espresso da ingegni valenti e forti di patria carità. Quivi si veggono
in quattro quadri di Massimo D'Azeglio le imprese del conte Verde, di
Amedeo VII e di Emanuele Filiberto; Vittorio Amedeo II, re di Sicilia,
che sale alle pittoresche rovine di Taormina, mentre vaghissime donne
gli offrono corone di fiori. Si piange la morte di Carlo Alberto
effigiata da Francesco Gonin, e si ammirano i busti in marmo del nostro
Re, del suo Genitore e delle figlie, lodate sculture del Varni; e, a
sempre più dimostrare che la Reggia Sabauda fu ognora ospitale agli
alti ingegni, la fulgida galleria, ove il Monarca imbandisce i solenni
conviti, è riccamente adorna di cinquantaquattro ritratti di uomini
illustri del Piemonte, fra i quali in particolar modo io amo inchinare
il Maestro delle sentenze, figlio d'una lavandaia di Lomellogno, Pietro
Lombardo.

Al reale palazzo mancava la facciata corrispondente, ma non tarderà
a cominciarsi il desiderato lavoro secondo il disegno di Domenico
Ferri, che la modellò, stando allo stile barocco della Reggia, però
ingentilendolo maestrevolmente.

La facciata abbonderà di marmi e graniti con pilastri e balaustri, e
con quattro giganti colonne scanalate di ordine ionico composito, che
s'innalzeranno sino al ballatoio del secondo piano.

Per compiere la facciata con un concetto degno della Reggia e del
popolo italiano, torna bene il ricordare quanto proponeva il conte
Oprandino Arrivabene nel febbraio del 1863[46].

Egli proponeva, che il bellissimo Alfiere del Vela fosse trasferito ad
uno dei lati innanzi alla Reggia, e che gli si mettesse di rimpetto
la statua di Alessandro Lamarmora, lo strenuo institutore dei
Bersaglieri. Questo concetto è bello artisticamente, come con acconcie
parole dimostra l'Arrivabene; ed io aggiungerò che quelle due statue
rappresenterebbero l'esercito italiano, fedele custode della memorabile
reggia, da cui uscirono armati i destini d'Italia.


XXI.

L'augusta Torino, sede delle arti della guerra e della pace, strenua
maestra di ordini civili, operò l'alleanza politica delle altre
provincie italiane con sè, intorno allo scettro della Monarchia Sabauda.

Dopo la fatale iattura di Novara, da ogni parte convenivano in Piemonte
gli esuli nostri fratelli, che col senno e colla spada eransi resi
degni di riverenza e d'amore. Accolti sulle rive della Dora, in questo
unico santuario di libera italianità, trovarono salubre il clima,
quieto ed onesto il vivere, forte e liberale il Governo, non mai
turbato da popolari tumulti. A tutti fu dato ospizio, ed a parecchi non
mancarono agi e cariche luminose.

Lo spirito di carità levato al più alto grado qui cominciò la unione
politica degli Italiani, che fu poi mirabilmente sancita coi trionfi di
Palestro e di S. Martino, capitanati dal magnanimo Re Vittorio Emanuele
II, e colle ardite imprese del Leone di Caprera.

Le Camere legislative, concordi al senno del Conte Camillo Cavour,
decretarono che Roma fosse la futura metropoli del Regno d'Italia; onde
opportunamente nel 4 agosto del 1861 Achille Mauri dettava il seguente
sonetto

          A TORINO.

  «Se pur fia che le fauste itale sorti
    Tocchino alfine il sospirato segno,
    E un ultimo trionfo a Roma porti
    L'augusto seggio del novello regno;
  «Nobil loco, Torino, e di te degno
    Sempre otterrai fra le città consorti,
    E andrai chiara per l'armi e per l'ingegno,
    Per maturi consigli e l'opre forti.
  «Nè Italia coprirà di turpe oblìo
    I decenni tuoi vanti, e il largheggiato
    A' raminghi suoi figli ospizio pio;
  «Ma grata al tuo Camillo, e a quanti il senno
    E il cor con lui le offrian, del gran conato
    Dirà che i primi onori a te si denno».



XXII.


Fu caro spettacolo l'affratellarsi degli Italiani più chiari in armi,
scienze ed arti qui dove Vittorio Alfieri apriva la nuova nostra
civiltà, e la svolsero Gioberti, Balbo ed Azeglio, e donde la mente di
Cavour ci condusse presso alla meta sospirata.

Più volte vidi rinnovarsi la concordia cittadina intorno agli
autorevoli Buoncompagni, Berti e Capriolo, e nelle sale del Peruzzi e
del Paleocapa. Ma più spiccatamente ammirai la felice fusione degli
Italiani d'ogni provincia in due case di Doragrossa.

Nel fondo di quella via ad occidente presso la piazza dello Statuto
abita Pasquale Mancini, il sacerdote di Temide, che allegra l'austerità
degli studi col sereno verso di Laura Beatrice, sua consorte e musa.

La casa di lui è santuario di gloriose memorie onorate dall'arte. Nella
maggior sala v'ha un bel quadro di paese dello Smargiassi, e su tela è
rappresentata la sposa del volontario, corso alle battaglie nazionali.
V'ha il busto in marmo di Guglielmo Pepe, scoltura del Butti, e il
ritratto di Giuseppe Garibaldi, lavoro della signora Mancini, poetessa
e pittrice. Colà più volte ho veduto fra canti e suoni festosamente
raccolti in serali adunanze ministri, senatori e deputati, professori
ed artisti ed ornate donne di ogni terra italiana. Due bionde figlie
del Mancini, che hanno spontaneo il verso, recitavano rime accese di
amor patrio, e un'altra, non meno poetica, faceva agevolmente scorrere
le dita su le corde dell'arpa, come se intrecciasse gigli e rose
tra fila d'oro, e, traendo armoniosi concenti, l'inspirata donzella
sembrava colle musiche celebrare nella casa paterna il consorzio della
scienza e delle grazie, e la italica fratellanza.

In mezzo alla via di Doragrossa, sopra i due archi che mettono alla
Piazza del Municipio, abita il Conte Federico Sclopis, ministro ben
degno di essere consultato nei gravi momenti della patria. Vigile
propugnatore dei diritti della natale sua città, egli vive accosto
al palazzo municipale e di rincontro al sito in cui sorgeva la torre
sormontata dal simbolico toro di bronzo. Nelle sere apriva spesso
le ospitali sale, in cui era ammirata per coltura e cortesi modi la
consorte del conte, Isabella Avogadro, gemma della mia Novara. Stavano
a lei dintorno dame, cavalieri, letterati ed artisti; ed ella aveva
per tutti parole soavi, assisa in serici guanciali presso un tavolino
su cui olezzavano fiori di ogni sorta fra eleganti volumi di opere
italiane e francesi.

Ricordo di avere colà incontrato una eloquente donna dell'Arno, che in
suo cuore non vede Italia se non a Firenze; e la incontrai presso una
duchessa di Roma, che non accorgerassi, diceva, dell'unità italiana,
finchè Vittorio Emanuele non salga trionfante in Campidoglio. Alcune
volte vi trovai una principessa di Napoli, nobile di aspetto e di modi,
e più ancora d'ingegno e di cuore; e spesso tre illustri subalpini, il
generale Cavalli, il professore Ricotti e lo scultore Albertoni, tre
fidi amici di casa Sclopis, che in quella adunanza rappresentavano le
armi e le arti, e la storia che ne registra i maravigliosi trionfi.
In una tavola delle adorne pareti due vaghi angioletti di Gaudenzio
Ferrari parevano scesi di cielo a benedire la concordia italiana.

Così un Napoletano ed un Piemontese, ambidue celebrati giureconsulti e
uomini di Stato, accoglievano a lieto consorzio il fiore degli Italiani.

Ahi, fu turbata la serenità delle feste subalpine!


XXIII.

IL PIEMONTESISMO.

Poichè a guisa di sponsalizie furono celebrate con desinari, musiche
e danze le annessioni delle redente provincie italiane al Piemonte,
cominciarono i domestici rancori.

Fu proclamato troppo il benefizio de' Subalpini al resto d'Italia,
perchè i beneficati per solito sentono più il peso che l'affetto della
gratitudine. Inoltre, vinta la tirannide tedesca e la borbonica, sembrò
ad alcuni nuovo giogo sobbarcarsi alle nostre leggi, e soverchio il
numero degli ufficiali piemontesi mandati a reggere le provincie
annesse.

«Nè ciò dee far maraviglia (uso le parole non sospette di Marco
Minghetti), poichè il Piemonte avendo avuto per dieci anni una
costituzione libera, le sue leggi erano improntate di spiriti
liberali e progressivi; ed inoltre essendo stato autore e guida del
rinnovamento, le sue leggi dovevano avere una preminenza inevitabile,
quand'anche nelle parti, che risguardassero l'amministrazione,
potessero essere meno acconcie. Così era nella natura delle cose
che per applicarle s'invitassero uomini da lunga pezza assuefatti a
libertà, e di tempra maschia e severa, siccome sono gli abitatori del
Piemonte»[47].

A poco a poco si andò dilatando la malattia delle menti detta
_Piemontesismo_, chimerico _cholèra-morbus_ della politica italiana.

I nuovi venuti immaginarono il Piemontesismo, più di coloro che esuli,
stanziando fra noi da lungo tempo, si erano omai addomesticati alle
usanze nostre.

Gli Italiani del mezzogiorno trovarono incresciose le nebbie e le nevi
di Torino, e sospiravano i soli, gli aranci e la perenne primavera di
Napoli e di Palermo. I Toscani e i cittadini della Emilia trovarono
troppo compassata e gelida la realtà del nostro vivere, e preferendo la
ideale voluttà delle arti, invocavano le loggie dell'Orgagna e le torri
di Giotto, i prodigi di Michelangelo e di Raffaello, e le glorie della
scuola bolognese.

Di poi si andò accagionando il Piemontesismo di tutti i malanni del
mondo. Se freddo era il verno, caldo l'estate, se ne accusava il mal
clima del Piemonte. Lo accusavano delle malattie e delle cure, che,
mortali anch'essi, soffrivano talvolta gli onorevoli Deputati, e
taluni maledicevano alla cucina de' Subalpini quando mai nel mattino
non trovassero ben acconciati i maccheroni ben cotte le costolette nel
caffè del Cambio, ove per solito adunavansi per disporre lo stomaco
alla eloquenza parlamentare.

Fu dichiarata Torino benemerita per il suo passato, ma non più
comportabile il Piemontesismo, che dal fondo della Penisola costringeva
molti a salire sin qui per toccare il seggio del Governo e attingere
alla sorgente della vita pubblica.

In tale stato di cose indarno ripetevasi che in Torino non il Piemonte
governava, ma l'Italia coi Deputati ed i Ministri delle diverse
provincie. Non giovava più rammentare che durò due secoli in Pavia il
Regno Longobardo, divenuto quasi nazionale, senza trasferire il suo
seggio in sito più centrale, come a Benevento, e senza i telegrafi,
le strade di ferro e gli altri benefizi della civiltà presente. Era
inutile ricordare che il Regno d'Italia appiè dell'Alpi fu fondato
dai marchesi di Ivrea, il cui sangue scorre nelle vene del Monarca,
che potè adempiere il voto di tanti secoli e di tanti martiri; e che
pieno di pericoli era divellere il seggio della monarchia dal granito
alpigiano, in cui antico è l'omaggio ai Reali di Savoia.

Si compia l'opera dell'unità italiana dove si è con tanto senno
preparata e condotta a buon segno. Con le contese ed i gravi dispendi
del trasferimento non si turbi, nè s'indebolisca lo Stato già fiacco
per le miserie del pubblico erario. Non s'incorra negli errori
dell'Impero latino, che decadde dalla pristina grandezza, spostando
il seggio dal Tebro al Bosforo, sicchè, non cessando i travagli del
trasferimento, l'Italia imperiale fu

      «...simigliante a quella inferma
  Che non può trovar posa in su le piume,
  Ma con dar volta suo dolore scherma»[48].

Fortifichiamoci rinvigorendo il trono sabaudo, principio di nostra
salute, nella valle del Po, in cui più volte colle armi si decisero le
nostre sorti, se pur non vogliasi un'Italia senza il Piemonte, com'era
ai tempi delle battaglie di Annibale sul Trasimeno e a Canne, accennate
nella militare concione dell'oratore e generale Cialdini, e come, forse
opportunamente ai suoi fini, la descrive Napoleone III narrando la vita
di Giulio Cesare.

Non gradivano tali ragioni, nè poi gli argomenti de' senatori Sclopis,
Ricotti, Cadorna e Revel, e dei deputati Berti, Crispi, Chiaves e
Coppino, e di altri uomini assennati.

Il Ministero Minghetti-Peruzzi, valendosi del Pepoli a messaggio ed
interprete, nel silenzio diplomatico ordì colla Francia la Convenzione
del 15 settembre, che traeva seco il trasferimento della metropoli a
Firenze.

Il Ministero tutto preparò, meno gli accorgimenti bastevoli ad impedire
tumulti nefasti e lo spargimento di sangue cittadino.


XXIV.

IL 22 SETTEMBRE DEL 1864.

Sparsa in Torino la infausta notizia della _Convenzione_, gli animi
de' cittadini si commossero, e per le vie e nelle piazze si manifestò
l'indignazione popolare. Ma i cittadini che tumultuarono, non erano
ostili alla causa nazionale, anzi ne erano provati caldeggiatori.

Molti, gridando _Roma o Torino_, lamentavano nel trasferimento a
Firenze lacero il decreto della nazione, con cui si acclamò Roma per
futura sede del Regno d'Italia.

Non pochi temevano che avesse a correre pericoli la Monarchia
spostandosi dal suolo nativo, e con lei la unità italiana assicurata
nella R. Stirpe di Savoia.

Nè mancarono di quelli che, ammaestrati dalle cessioni di Savoia
e Nizza, temevano nel patto colla Francia si nascondesse qualche
disonesta cessione di terra subalpina; onde ripetevano col Bolognese
Eustachio Manfredi:

  «Vidi l'Italia col crin sparso, incolto,
    Colà dove la Dora in Po declina,
    Che sedea mesta, e avea negli occhi accolto
    Quasi un orror di servitù vicina».

Que' malcontenti non erano tali da dare scosse allo Stato più fiere di
quelle che cagionava la Convenzione del 15 settembre. Erano gridatori
inermi e nulla più, come vien provato dalla relazione della Commissione
parlamentare d'inchiesta dettata dal non piemontese Sandonnino, e dalla
relazione del deputato Ara in nome del Municipio[49]. Non si aveano
dunque a trattare come briganti armati nei burroni delle Calabrie, o
come nemici schierati a battaglia sul Mincio.

Sarebbe bastato a quietarli il pacificatore Mazzarini, che nell'atto
della zuffa fece sospendere l'azione guerresca agli eserciti di
Francia e di Spagna contendenti in Casale; o meglio l'oratore Alfonso
Lamartine, che colla potente parola salvò Parigi dalla guerra civile.
Invece si ricorse ai mezzi con cui furono domati i Giannizzeri, ribelli
alla legge musulmana.

L'egregio sindaco marchese Rorà e il Municipio espressero al Governo
il cordoglio della indignata Città per l'effusione del sangue fraterno
in Piazza Castello nella sera del 21 settembre: ma non valsero i loro
consigli ad impedire che nuovo sangue d'Italiani fosse sparso nella
notte seguente.

Inorridisco al ricordare gli allievi Carabinieri quando dalla porta
della Questura in Piazza S. Carlo coi moschetti fischianti irruppero
sull'affollato popolo inerme!

Oh! chi non ammirò quella vasta e magnifica piazza, dove sorge la
statua equestre di Emanuele Filiberto e un monumento alla carità
cristiana nel tempio a S. Carlo Borromeo?

Quella piazza ricorda i cavallereschi tornei in onore del Re, e le
pacifiche e festevoli adunanze del popolo. Colà io mi deliziai fra
i balli e i concenti dell'Accademia Filarmonica, e nelle sale del
palazzo Natta abitate dal conte Corinaldi mi beai alle musiche ed alle
eleganti raunanze cui traevano in gran copia preclari esuli di Venezia,
confortandosi nel trovarvi una imagine della famosa loro piazza di S.
Marco. In quella piazza spesso mi fu dolce salutare il palazzo già
abitato dal Sofocle Astigiano e quello del marchese Felice Santommaso,
che mi accolse giovine poeta nella cara e venerata compagnia di
Pellico, Paravia e Cibrario; e le case ospitali del conte Farcito e del
conte Pernati, e la religiosa libreria Marietti, e il maestoso Caffè,
in cui più volte conversai coll'arguto Baratta, il nuovo Marziale.

Queste serene rimembranze impallidiscono innanzi alla cruenta notte del
22 settembre 1864.

Il fischio del piombo micidiale assordò orrendamente quel luogo
memorando, e la piazza fu ingombra di vittime.

Nella concitata mia mente ho veduto Emanuele Filiberto rizzarsi
sul destriero, e levando la spada cercare intorno a sè gl'invasori
stranieri per combatterli. Ahi! vedendo i segni della pugna civile,
egli fremente sclamava:

--Chi sono gli sciagurati che cagionarono gli orrori del macello
cittadino?

--Non sono Piemontesi: risposero cupamente fioche voci di moribondi.

--Ma pur sono Italiani: gridarono mille voci piene di giusto sdegno.

Poi fu silenzio e solitudine. Soltanto si udiva il rantolo della morte
tra il fumo della moschetteria che intenebrò l'aria; e i bronzei
candelabri a gaz che illuminano la piazza parvero tede funerali poste a
rischiarare un campo di morte.

Il dì appresso i Torinesi sbalorditi s'interrogavano per le vie e
ripetevansi l'un l'altro:

  «I fratelli hanno ucciso i fratelli,
    Questa orrenda novella vi do».

Il Re corrucciato immantinente mutò ministero!

Ma quali rimedi troverà il Governo, perchè l'offeso Piemonte cessi
dalle querimonie?

Le acque della Dora e del Po non cancelleranno facilmente nella Piazza
di S. Carlo le macchie del sangue cittadino. Ogniqualvolta vi passo io
le riveggo farsi più rosse, e risento il puzzo dei cadaveri che non può
temperarsi nè dall'olezzo de' nostri roseti, nè dai profumi d'Arabia.

O Conte Camillo Cavour, se tu ancor vivevi, no, tanto orrore non
avrebbe offuscato la storia della tua Torino e d'Italia tutta!

Ho bisogno di sfogarmi nelle lagrime, e vengo a piangere in Sàntena sul
tuo sepolcro in compagnia dell'illustre uomo di Stato, Filippo Cordova,
che, non piemontese, lamentò pure la Convenzione del 15 settembre.


XXV.

IL SEPOLCRO DEL CONTE CAMILLO CAVOUR.

Sàntena è antico villaggio prossimo a Cambiano nel Comune di Chieri.
È attraversato dal torrente Banna che mette foce nel Po presso
Moncalieri; ed ha tre mila abitanti, lieti dell'annuo reddito di
ventimila lire che traggono dagli eccellenti sparagi, prodotto de' loro
terreni.

Volsero sette secoli dacchè i Bensi ottennero parte del feudo di
Sàntena che apparteneva al Capitolo dei canonici del duomo di Torino, e
nel secolo XVII ebbero poi dal duca di Savoia la contea di Cavour per
la gloriosa difesa di Montemeillan, in Savoia, fatta dal loro Goffredo.

Carlo Emanuele III nel secolo scorso eresse a marchesato la contea di
Cavour; e da quel tempo i primonati della famiglia Benso presero il
titolo di marchese di Cavour, lasciando ai secondogeniti quello di
conte di Sàntena.


XXVI.

Il castello di Sàntena non mostra segni della prima sua costruzione:
ora è magnifico palazzo, con ai fianchi la torre che appartenne al
conte di Baldissero. Assai pittoresca è quella torre merlata con
finestroni e feritoie di foggia gotica, e folta di edera che le si
abbarbica bizzarramente sui rossi mattoni.

Dal castello per doppia e bella gradinata si scende verso levante nel
fiorito parco, che stendesi ampiamente, allegro per giardini ed ombrosi
viali fra olmi, quercie e platani annosi.

Filippo Cordova ed io, accompagnati da cortesi persone, entrammo a
visitare le vaste ed ornate sale del castello, che furono frequente
soggiorno al Conte Camillo.

Ammirammo effigiati dai pittori scenografi Vacca e Fabrizi alcuni
episodi dell'_Iliade_, fra i quali vedesi Achille che dietro al carro
trionfale trascina intorno alle mura di Troia il miserando cadavere
di Ettore. Quello spettacolo di morte contrasta coi quattro leggiadri
puttini che sorridenti si dispiccano dalla vôlta, quasi se fatti a
rilievo.

Vedemmo inoltre ritratti di parecchi della famiglia Cavour e la effigie
dei santi uomini Francesco di Sales, vescovo di Ginevra, ed Amedeo di
Clermont, principe e vescovo di Losanna, congiunti di sangue ai Cavour
dal lato materno.

Il Conte Camillo era figlio secondogenito d'una De Sellon, ginevrina,
nipote del celebre conte Sellon che propugnò l'abolizione della pena di
morte, onorando e premiando chi meglio scrivesse intorno a così arduo
argomento, e fondò la Società della Pace, con cui voleva por fine alle
perpetue discordie del genere umano.

Il Cordova, additandomi appesa ad una parete l'effigie del conte
Sellon, avvertiva che i lineamenti del suo sembiante ricordano quelli
del nipote Camillo, e dalla somiglianza dei loro volti facendosi a
ragionare della corrispondenza de' loro intelletti, assennatamente mi
disse:

--«Le opinioni e le tendenze degli uomini traggono origine talvolta da
certe alleanze di famiglia che sfuggono per ordinario allo studio de'
biografi.

«Se Camillo Cavour nasceva da una dama piemontese, fosse anche stato
il primogenito, non sarebbe forse riuscito liberale uomo di Stato
e riformatore attissimo a scuotere i pregiudizi del suo sangue. Ma
figlio di una Sellon, parente al fisico De La Rive, sino dall'infanzia
in consorzio con uomini di culti diversi, e addetti alle scienze ed
al commercio, apprese le forze vive dell'età moderna: ed aspirando a
dirigerle, invece di ristarsi nell'ozio uggioso dell'aristocrazia, egli
si fece capo della borghesia intelligente ed operosa.

«Nel Conte Camillo, nell'uomo che riformava il sistema daziario e
partecipava alle grandi imprese dell'industria, nell'uomo che, amando
il governo libero, promoveva la riforma della legislazione penale e
aboliva privilegi ecclesiastici, tu non ravvisi il figlio dell'antico
vicario politico di Torino, il nipote di tanti governatori, prelati e
cavalieri dell'Annunziata che costituiscono la maggior gloria della sua
famiglia paterna, ma vi ravvisi meglio colui che per metà cittadino di
Ginevra, sulle rive del Lemano avea raccolto le recenti tradizioni di
Rousseau, della Staël, di Beniamino Constant, del Guizot, del Duca di
Broglie; insomma il nipote del celebre Sellon, che esercitò nobilmente
la Banca, ed era legato in amicizia cogli uomini che prepararono la
Rivoluzione del 1830 in Parigi».


XXVII.

Accanto al castello sorge la chiesa parrocchiale di Sàntena, fatta
costruire nel 1712 dal conte Carlo Ottavio Benso e da lui dedicata a
Maria Vergine, come dice una lapide della domestica tribuna che guarda
nel tempio. In quella tribuna veggonsi eziandio le immagini dei santi
Francesco di Sales e Amedeo di Clermont; inoltre l'iscrizione, in cui
l'edificatore della chiesa ricorda il suo fratello Agostino Maurizio,
cavaliere di Malta, che segnalossi nell'espugnazione dell'isola di
Scio, e mentre faceva sua una nave di Corsari, toccò una ferita, onde,
giovine di 27 anni, morì nel 22 luglio del 1694. Vi si legge pure altra
iscrizione che onora Luigi Benso, cavaliere Gerosolimitano.

Sotto la domestica tribuna era l'antica sepoltura dei Cavour. Consunte
le casse mortuarie, andarono rimescolate e confuse le ossa dei cadaveri
che furono colà piamente raccolte in luogo distinto della cappella
sepolcrale, costrutta e decorata dopo la morte del Conte Camillo.

Vi si giunge scendendo per erboso declivio e passando per un praticello
vestito di fiori e cinto di pioppi, acacie e salici piangenti.

L'architetto del recente sepolcreto non lo immaginò con le colonnette
sottili e i leggiadri trafori dell'arte gotica, convenienti al
misticismo cristiano; ma, pensando al grand'uomo ivi sepolto, vi
costrusse un tempietto d'ordine dorico con colonne di granito bigio
alla porta, che ricordano le costruzioni egizie.

Il concetto pagano di quell'edifizio è severo com'erano la favella ed
i costumi, l'arte e le leggi presso i Dori; e ben si addice ad onorare
fondatori e reggitori di Stati.

La piccola croce, che, come straniera al carattere dell'edifizio,
sovrasta alla porta, ci ricorda le ultime ore del Conte, in cui la fede
cristiana coronò tutte le glorie dell'uomo di Stato.

Entrammo nella funebre cappella. Sono di marmo nero le sue pareti e le
due colonne che la reggono coi bianchi capitelli di marmo carrarese. In
fondo vi ha un altare, e nelle lapidi le scritte ricordano i recenti
sepolti. In quella dell'uomo, per cui colà movemmo, si legge:

                                 CONTE

                        CAMILLO BENSO DI CAVOUR

         NATO IL X AGOSTO MDCCCX, MORÌ IL VI GIUGNO MDCCCLXI.

Presso di lui giacciono le ceneri del suo fratello Marchese Gustavo,
filosofo cristiano, e le spoglie del suo nipote Augusto, guerriero
della patria, morto ventenne nel 1848 per le ferite riportate nella
battaglia di Goito.

Alle pareti sono appese ghirlande e scritti che il Comitato Veneto,
Società di operai, Collegi nazionali e frequenti pellegrini tributarono
al sepolcro del Conte Camillo.

Mi fu detto, che in una delle nicchie della cappella sarà collocato il
busto in marmo del nipote Augusto, commesso al Vela; che in mezzo al
tempietto si ergerà un monumento degno del Conte Camillo e dell'erede;
e che, a maggiormente decorare il tempietto funerale, la porta, ora di
legno, sarà fatta di bronzo e fusa secondo il disegno del Marochetti.

Sia lode a chi sì nobilmente decorerà quel pio luogo, in cui molta
è la frequenza de' pellegrini nostri e forastieri, fra l quali vien
ricordato il Russo Stefano Sivereff, membro e consigliere ordinario
dell'Accademia di Pietroburgo, che nel 1861 insieme col suo giovane
figliuolo andò a prostrarsi innanzi al sepolcro del Conte Camillo.

E noi tutti Italiani prostriamoci addolorati e riconoscenti. Nelle
principali nostre città in onore di lui furono celebrate solenni
esequie, recitati funebri discorsi, e ad eccellenti artisti si
commisero marmi storiati. La sua nipote, contessa Alfieri-Cavour,
diresse al sig. De la Rive[50] una lettera, nella quale, narrando la
malattia e gli ultimi istanti dello zio, gli consacrò un monumento
di affetti domestici nobilmente espressi; Nicomede Bianchi[51]
gli consacrò un monumento di sapienza politica rivelando arditi
accorgimenti del grand'uomo; e Giuseppe Bertoldi[52], tributandogli
un monumento di classica poesia con due canzoni, vien collocato, dice
il Tommaseo, _d'un tratto fra i primi artefici che abbia l'Italia del
verso, primo che abbia il Piemonte e che mai forse avesse_.

Ma il massimo dei monumenti a Camillo Cavour sarà l'Italia stessa cogli
allori dei Campidoglio.

Stavamo per uscire dalla cappella, quando il sig. Francesco Rey ci
presentò un libro, in cui i visitatori registrano i loro nomi. Il
Consigliere di Stato, mio compagno al pio pellegrinaggio, vi scrisse:

«Filippo Cordova, prima di partire per Firenze per effetto della
Convenzione del 15 settembre 1864!»


XXVIII.

La famiglia Rey è una serie di onesti e laboriosi maestri muratori, che
da quattro secoli abita in Sàntena, ossequente con amorevole zelo alla
casa Cavour.

Francesco in modo vezzeggiativo da Papà Camillo era chiamato _Cicco_,
ed è conservatore ed illustratore dei fatti domestici del suo patrono.

Cicco fa ricordare l'antico servo di Voltaire, che presso Ginevra
abitava in Ferney la casa del padrone filosofo, ed ai visitatori
raccontava i particolari della domestica vita, e mostrava alcune
suppellettili che aveano appartenuto al celebre uomo.

Così Cicco Rey: se non che, più avventurato del servo di Voltaire,
bene usando della cazzuola e del martello, e protetto da Papà Camillo,
salì a prospero stato, ed ora accoglie lautamente i pellegrini a lui
raccomandati, che vanno ad inchinare il sepolcro del suo protettore.

Dopo di averci accompagnati al palazzo ed alla cappella funebre,
Francesco Rey, introducendoci nella sua casa, gaiamente diceva:

«Voi entrate nella casa di un povero operaio». E noi allo incontro
entravamo nella casa signorile di un uomo, che colla industria assidua
e propizia si era acquistato la stima e la fiducia pubblica.

La bella sua casa, da lui costrutta, è sormontata da una torre, in cui
sventolava il vessillo nazionale, ed è cinta da un giardino riccamente
fiorito ed impomato.

Il fido Cicco accorreva tutto festevole ad incontrare il Conte
ogniqualvolta lo sapeva di ritorno a Sàntena; e quando gli giunse
freddo cadavere, Cicco pieno di cordoglio lo depose entro cassa di
piombo chiusa in altra di legno, e lo seppellì in compagnia degli
illustri antenati.

Francesco Rey, narrandoci questi atti di ossequio e di dolore, ci
condusse alla stanza ove conserva preziosi ricordi entro un armadio.
Apertolo, ci mostrò ciocche di capegli del Conte, e la pezzuola di
bianco lino che nella faccia gli terse i gelidi sudori di morte; e
il martello e la cazzuola che egli adoperò, e gli abiti neri ch'egli
vestiva nell'8 giugno 1861 tumulando il lagrimato Conte.

Presso l'armadio ci additò in marmo di Carrara il busto del suo
patrono, e molti ritratti in fotografia, insieme con quello del Padre
Giacomo, che, vero ministro di cristiana carità, benedisse e confortò
le agonie dell'integro cittadino e del grande uomo di Stato, cui deve
l'Italia tanta parte del suo politico rinnovamento.


XXIX.

Due giorni di lutto sublime vidi in Torino. L'uno fu quello in cui,
muti i teatri e messi i diari a profondo corrotto, si celebrarono i
funerali del conte Camillo Cavour con tale accompagnamento di ordini
civili e religiosi e di popolo lagrimante, che meritava di essere
eternato dall'arte. Il napolitano architetto Cipolla aveva con bel
pensiero proposto di rappresentarne gl'insoliti funerali nei fregi
intorno al monumento nazionale, come usarono gli Egizi effigiare le
trionfali processioni dei Faraoni nei monumenti di Tebe.

L'altro giorno di lutto fu l'anniversario delle vittime del Settembre.

Più volte aveva assistito ai tripudi torinesi nelle feste civili fra
mostre militari, musiche e fuochi artificiali. Oh quale mutamento!
Fu tristo spettacolo vedere la generosa Torino che si abbandonava al
dolore per la memoria di pubblica sventura. Le botteghe erano chiuse
o parate a lutto, e drappi neri pendevano da parecchie finestre e dal
gran balcone del palazzo municipale. Splendevano candelabri funerari e
sventolavano neri gonfaloni nella grandiosa piazza Vittorio Emanuele
gremita di popolo atteggiato a tristezza, colla dignità, onde il
Piemonte suole significare le gioie e i dolori della patria.

Appiè de' ridenti côlli che si specchiano nelle acque del Po, sotto
al peristilio del tempio sacro alla gran Madre di Dio, parato a nero,
sorgeva un altare, e innanzi ad esso un catafalco, intorno a cui
deposero i loro vessilli le diverse compagnie cittadine.

Il Sindaco e i Consiglieri del Municipio, il primo Magistrato politico
della Provincia, i membri del Parlamento e di varie associazioni, e
il Comitato dirigente la solennità mortuaria assistettero in posti
distinti alla funebre messa celebrata nell'atrio del tempio votivo.

Poscia di colà cominciò il lagrimoso corteggio preceduto dall'asta su
cui era portata la corona da deporre sui sepolcri delle vittime del
settembre, espressione della pietà cittadina. Seguivano le musiche, con
un drappello della Guardia Nazionale; il Sindaco col Municipio; membri
del Parlamento con preclari uomini di ogni terra italiana; il Comitato
centrale, e i rappresentanti della Stampa e delle diverse Associazioni
con nastri funebri al braccio e colle bandiere coperte di veli neri.

Il luttuoso corteggio percorse le vie di Po, Piazza Castello e
Doragrossa sino agli archi che conducono al palazzo municipale. Entrato
nel Corso di Porta Milano si condusse al Camposanto, e quivi depose
bandiere e corone sulle sepolture delle vittime infelici.

Mi sento l'animo pieno di morte, e ritorno alle tombe!


XXX.

IL CAMPOSANTO.

  «Colà dove la Dora in Po declina»

mi accompagnò cortesemente l'egregio professore Casari tra i filari de'
pioppi piramidali in un vespero d'autunno.

L'ultima luce del sole sulla riva destra del Po imporporava i vigneti
e le ville della collina torinese e la basilica di Superga; e presso
la foce della Dora malinconico pescatore colla rete vuota sedeva nella
sdruscita sua barchetta, quasi a rappresentare il Piemonte misero e
afflitto.

O magno Eridano, mescolato alle acque della Dora porta all'Adria i
lamenti e i voti dei Subalpini, e di' a Venezia che il Piemonte sì
nella prospera come nell'avversa fortuna sarà sempre intemerato esempio
di patria carità. Dille che siccome si adoperò per la libertà delle
altre provincie d'Italia, così per la salute di lei darà il sangue
degl'impavidi suoi figli al primo squillo delle battaglie nazionali.
Ripeti, o Eridano, dove passi, che unanimi i Piemontesi esclamano in
Torino[53]: «In questa città noi gridammo primi: _facciamo l'Italia_,
ed anche nel dì del dolore i concittadini di Balbo, di Gioberti e di
Cavour grideranno sempre: _si faccia l'Italia_».

Mentre la mia mente colle acque dell'Eridano e della Dora si
trasportava alla mestizia delle venete lagune, il mio compagno levommi
a fiorite memorie, ricordandomi il parco dei Duchi di Savoia, che
appunto, dove eravamo noi, girava cinque o sei miglia con tanta
amenità di boschi, giardini ed acque. Allora mi parve di rivedere
il deliziosissimo Parco, che, piantato per ordine e sul disegno del
Duca Carlo Emanuele I e ritratto dalla pittrice parola del Botero,
fu inspiratore a Torquato Tasso nella poetica descrizione de' famosi
giardini di Armida.

Non solo il Tasso, io osservava al Casari, si piacque della vista di
que' luoghi, ma pure il Chiabrera che celebrò il Parco in tre sonetti,
e Vittorio Alfieri che giovinetto colà imaginando caccie rumorose,
saltava _fossi smisurati_ e guadava spessissimo la Dora, com'egli
racconta nella sua autobiografia.

Tasso, Chiabrera ed Alfieri ci danno lieti ricordi: non così l'italico
Tirteo Giovanni Berchet, che sotto i pioppi della Dora lamentava la
patria, nè così la gemebonda Torino che piange sui 200,000 morti,
sepolti nel prossimo cimitero, costrutto sui piani incantevoli
dell'antico Parco e benedetto nel 1829.


XXXI.

Il busto del marchese Tancredi Falletti di Barolo, ch'ebbe tanta parte
alla erezione di quel funebre edifizio, ammirasi nella chiesuola del
Santo Sepolcro annessa al cimitero, dove si giunge per ombroso viale e
si entra per due cancelli.

Al limitare di quel campo di riposo leggesi la iscrizione del
Boucheron che conforta nella fede i visitatori: _Locus religiosus
ossibus revicturis ad quietem datus_. Alta croce di pietra su d'un
rialto, centro a quattro viali di cipressi, s'alza nel mezzo del campo.
Gli corre intorno un muro adorno di lapidi e sculture entro nicchie
e cappellette, in faccia alle quali stendonsi altrettante aiuole ove
stanno i sepolcri di privata proprietà; e tutta la parte centrale del
cimitero è occupata dai sepolcri comuni.

Non bastando però quello spazio ai rapidi trionfi della morte, il
Municipio torinese provvide all'ampliamento, e ne affidò la cura
all'architetto Carlo Sada. Fu aggiunto al Camposanto in forma di
parallelogramma un maestoso ordine di portici diviso in duecento
sessantanove arcate con edicole e cappelle acconcie ai monumenti.
Catacombe sono incavate sotto i portici, e fra questi e le vie occupato
è lo spazio da sepolture private e da marmi storiati.

In quel regno della morte i recinti destinati alle diverse professioni
religiose sono congiunti da una muraglia comune, espressione della
carità che tra fiori e cipressi accoglie amorosamente insieme tutti i
figli dell'uomo.

Visitando i chiostri della necropoli torinese ammirai un Panteon
dell'arte italiana che desta patrie memorie coi nomi piamente scolpiti
ne' marmorei monumenti.

Colà sono sepolti statisti e guerrieri che lamentiamo sempre come
recente sventura della nazione, Barbaroux, Pinelli, Santa Rosa,
Gioberti, Bava, Poerio, Siccardi, Maestri, La Farina, ed Emilio e
Alfredo Savio, che, fratelli di sangue eroicamente versato in Ancona e
Gaeta, hanno comune la tomba.

Sono sepolti uomini, i cui ammaestramenti educarono la presente
generazione: Boucheron, Biscarra, Buniva, Martini, Genè, Paravia, Plana
e Riberi.

Sono sepolti poeti e scrittori, le cui pagine onorano la nostra
letteratura, Grassi, Berchet, Pellico e Bertolotti.

Vi sono sepolte care persone che ci erano congiunte per corrispondenza
di gentili e generosi affetti.

Mi sentii bagnar gli occhi di pianto quando incontrai il nome della
contessa Ottavia Masino Borghese di Mombello, leggiadra letterata e
pittrice, nelle cui sale si adunavano artisti e scrittori, fra i quali
io le intitolava un cantico della mia giovinezza.

Mentre mi andava tergendo le lagrime, altro argomento di pietà venne
a stringermi il cuore innanzi all'arco indicato dal numero 100. Io
guardava alla sepoltura che il conte Luigi Cibrario _apparecchiava a
sè ed a' suoi più cari_. Colà rimpianta giace la ornata consorte del
venerato amico, Teresa George, dal cui nome esordirono queste povere
mie pagine.

Sospirai amaramente guardando al cielo, e andai sul sepolcro della
famiglia Prever a confortarmi nella _Speranza_, mirabile statua del
Vela.


XXXII.

Errai nuovamente nel Camposanto, e mi assalirono nuovi dolori in
cospetto a memorie di catastrofi cittadine; mentre su le aiuole
funerali io vedeva a due a due, col bianco cuffiotto e in veste di tela
azzurra passare le Trovatelle ricoverate nello spedale di Carità.

Quelle innocenti figlie della colpa, che non conobbero padre quaggiù,
andavano pregando di sepolcro in sepolcro, e dal Padre supremo
invocavano pace ai trapassati.

M'imbattei nel monumento sacro ai ventisei estinti nello scoppio della
Polveriera addì 20 aprile 1852; e in un angolo presso la chiesa mi fu
additata la zolla sotto cui dormono i morti nell'incendio della casa
Tarino, in via di Po, il 28 agosto 1861.

Oimè! altre vittime più numerose e più compiante ricorda un distinto
quadrato di terra a tramontana! Colà

                             ALLE VITTIME
                             DEL SETTEMBRE
                                 1864

lessi nella colonna che, simulacro di futuro monumento, fra due
cipressi fu innalzata sulle fôsse in cui giacciono gli uccisi dal
piombo fratricida.

Erano corsi alcuni giorni dal lagrimato loro anniversario ed ancora si
vedevano i segni della mestizia cittadina. Dal sommo della colonna
pendevano i lembi d'un velo nero, e su gli scalini del piedistallo,
coperto di negri panni erano sparse parecchie corone e sorgeva uno
stendardo coll'impronta del caduceo e la scritta: _Giovani del
Commercio di Torino_.

Una giovane donna vestita a gramaglie con in mano il rosario era
genuflessa sovra una di quelle fôsse, da cui sorgeva modesta croce
congiunta al tronco d'un salice. La mesta pregava e singhiozzava; e
frattanto a' suoi fianchi bionda fanciullina appendeva corone di fiori
ai ramoscelli del salice.

Mi appressai, e benchè la sua beltà fosse ormai sfiorata dal dolore, io
la riconobbi. Era la Lucia di Bousson, la figlia del pastore Giacomo.

--Lucia, anche voi qui ...! le dissi, già commosso per la risposta
amara che aspettavo.

Ella, pallida e lagrimante, levò gli occhi dalla fôssa; ma, immersa
com'era nel dolore, non mi ebbe tosto riconosciuto. Allora io soggiunsi:

--Non ravvisate colui che accoglieste ospitalmente nella capanna
paterna, là presso alla sorgente della Dora?

--Oh sì!;--ella rispose, traendo un profondo sospiro: e, stanca
di affanno e di pianto, andò a sedere sui prossimi scalini del
piedistallo seco traendo la fanciulletta, mentre l'andava amorevolmente
accarezzando.

--Oh sì; riprese Lucia: è proprio lei che mi rivide a Bussoleno tutta
festevole, quando andavo a nozze col mio buon Maurizio ... ora qui
sepolto!

--Infelice!

--Sì, infelicissimo il mio Maurizio! Egli, acceso d'amor patrio, lasciò
la vita pacifica dell'agricoltura per arruolarsi nel nostro esercito,
e nella battaglia di Sammartino con atti di valore aveasi acquistato
il grado di uffiziale. Ahi! nella sera del fatale 22 settembre in
piazza San Carlo corse qua e là per temperare gli animi esacerbati e
richiamarli a concordia; e in quell'inaudito tafferuglio di soldati e
popolo fu colto dalla palla d'un moschetto!

«Mi scoppia il cuore nel ricordare quando nel Borgo Dora alle ore dieci
di quella sera infausta mi fu portato in casa tutto grondante sangue.
Non valsero cure di ogni maniera a sanargli la piaga mortale. Poche ore
sopravvisse! Sempre mi suonano nel cuore le ultime sue parole. «Era
meglio, esclamò dolorando, ch'io fossi morto sul côlle di Sammartino
combattendo contro i nemici d'Italia, a difesa del Re e della patria!
ma morire in pugna fraterna ... oh duro tormento!» Questo straziante
pensiero gli affrettò l'ultim'ora, e agonizzando premè la mia destra
al suo cuore e mormorò: «Lucia, fatti qualche volta al mio sepolcro
colla nostra figliuola, e raccomandale sempre di amare il Re, Torino e
l'Italia».

«Ed eccomi abbandonata da tutti con la figliuola sulla fôssa di
Maurizio. I miei fratelli morirono pugnando per la patria, e il vecchio
genitore mi fu rapito dalla morte poco appresso d'aver avuto la
medaglia di Sant'Elena.

Ora io non ho più sulla terra che il rosario della buona madre (e lo
baciava) per pregare, e questa orfana figliuola ad amare».

Frattanto le Trovatelle si erano colà raccolte, e prosternate presso
la memorabile colonna pregavano pace intorno al salice di Maurizio.
Una suora di Carità, loro guida, mentre io cercava di confortare la
sventurata Lucia, le disse:

--Non disperate, o donna. Non siete da tutti abbandonata, perchè la
Provvidenza, che protegge le trovatelle, veglia pure su le vedove e
le orfane; e già per opera di generosi italiani in Torino prepara un
conveniente ospizio alla vostra fanciulla, insieme colle altre figlie
de' militari.


XXXIII.

SPERANZE.

Pace alle querimonie, e s'apra l'animo a liete speranze.

Anche sui sepolcri germogliano le rose, mentre le nazioni per vie di
morte giungono alla meta della loro vita.

Il deputato Domenico Berti, ragionando del Piemonte, diceva: «Esso
altro non vide in questi ultimi anni davanti a sè che l'Italia, non
sognò che l'Italia. Il suo Governo era l'Italia, l'Italia il suo Re,
l'Italia la sua bandiera. Visse di vera vita italiana, e non avrebbe
potuto vivere altrimenti. E quindi accadde il singolare fenomeno, che
mentre agli occhi dello altre province l'Italia diventava Piemontese,
agli occhi del Piemontese il Piemonte diventava l'Italia. Sublime
trasfigurazione, per cui gli altri Italiani volgevansi a noi per
affetto, e noi ci volgevamo a loro per debito[54]».

Poichè si è lasciato entrare e maturare nelle altre provincie lo strano
pensiero che qui l'Italia divenisse piemontese, a rimuovere l'ingiusto
sospetto si volle trasferire il seggio del Governo a Firenze.

Nello scorso maggio in riva dell'Arno io lamentava le recenti
afflizioni di Torino ed esprimeva dubbi e timori sull'avvenire del
Regno d'Italia ragionando con un colto amico di Toscana, che mi
confortò nel modo seguente:--«Poeta, mi disse, si tolga il velo
alla favola, e in Fetonte rovesciato dal carro di luce nelle acque
dell'Eridano presso alla foce della Dora facilmente ravviserai il
fondatore della colonia ligure appiè delle Alpi, spodestato e perduto
nei disastri d'incaute imprese.

«Poeta, ugual sorte sarebbe toccata al fondatore del Regno italico
fra il Po e la Dora. Ma qui sull'Arno, non più savoiardo, non più
piemontese, ma italiano, il lealissimo fondatore, nella patria di Dante
e Michelangelo, di Galileo e Machiavello trarrà vita nuova e sicura
dall'idioma e dalle arti, dalle scienze e dalla politica della nazione
intera».

--Un albero secolare, gli risposi, radicato in terreno acconcio opino
che corra pericoli gravi se altri vuole trapiantarlo in campo novello.
Ma lasciamo le inutili controversie, e facciam voti che sull'Arno la
monarchia trovi la fede costante ed operosa dei popoli subalpini.

Firenze acquista la suprema importanza dello Stato, e Torino la
perde. Non per questo il Piemonte dovrà disperare, quasi non potesse
altrimenti rifarsi dei danni che ora patisce dalle mutate sue
condizioni. Il Governo sappia far cessare i rancori sulla Dora e
i timori di cessione territoriale nel suolo subalpino, ad alcuni
pretesto, ad altri cagione sincera di malcontento.

Rasserenati così i Piemontesi, metteranno a pruova la loro mente e le
loro forze nelle industrie, apparecchiati a rinnovare lo spettacolo
degl'Italiani del medio evo che furono il principal nerbo dei commerci
nei mercati del mondo.

Torino, non più centro di piccolo Stato, diverrà la città
manifatturiera di una popolosa nazione, la Manchester d'Italia; e
mettendo i suoi prodotti a concorrenza coi migliori delle altre
genti, saprà uguagliarli, se pure non superarli. Allora il Piemonte
industriale al resto d'Italia non sarà meno utile del Piemonte
politico e guerriero; ed avrà la duplice gloria di aver capitanato la
indipendenza nazionale nei campi della politica e dell'industria.

Maraviglioso è già stato il Piemonte a benefizio del commercio in tre
ardimenti, il traforo del Cenisio trovato e diretto dai tre nostri
ingegneri Grandis, Grattoni e Sommeiller, il sussidio dei dieci
milioni assicurato al passo del Lucomagno per aprire un varco alla
Svizzera ed al cuore della Germania, e il trasferimento della marina
militare da Genova alla Spezia; il che oltre l'importanza politica ha
quella speciale del commercio, perchè trattasi di lasciare ai traffici
l'intero porto genovese.

Altri ardimenti nel campo dell'Industria si aspettano dal Piemonte che
dai Comizi agrari seppe far germogliare l'albero della libertà italiana.

Queste speranze ci allietano, ricordando le pubbliche mostre dei
prodotti della industria piemontese fatte nel R. Castello del
Valentino. Colà vedemmo i prodotti delle ferriere, gli acciai, gli
ori, gli argenti, i lavori in tarsia delle nostre officine, le carte e
i cuoi variamente conciati, e i tessuti di seta, lana e cotone. «Ed
anche l'arte dei tipi, mi diceva Giambattista Dusso, l'intelligente
direttore della Tipografia Scolastica, anche questa operosa ministra
del pensiero e dispensatrice dell'umano sapere, sino dalla prima
Esposizione del Valentino, nel 1829, fu nobilmente rappresentata dalle
premiate edizioni dei Chirio e Mina[55], e poi dalle molteplici e
belle edizioni dei Pomba, di Fontana, Botta, Marietti, Franco, Fory e
Dalmazzo, Paravia, e Favale, degni seguaci dei nostri Giolito da Trino
e Bodoni da Saluzzo».

E l'arte dei tipi su queste povere pagine ripeta, che gioconde speranze
ci allietano conoscendo le virtù dei Subalpini, e leggendo le più
recenti _Relazioni_ del Sindaco Marchese Rorà fatte al Consiglio
comunale di Torino. Questo strenuo patrizio qui commendato nella
municipale amministrazione, come nella governativa in Ravenna, vuole
mantenere incolume la prosperità dell'augusta Torino con ampliate
vie e maestosi edifizi, con istituti di credito e nuovi canali di
acque, e con tutti i mezzi efficaci al lavoro ed al commercio; e vuole
conservate le gloriose aule del Parlamento, eterna testimonianza del
senno italiano.

È dolce dire col Marchese Rorà: «Se noi percorriamo i nostri borghi, le
numerose officine che vi si trovano possono persuaderci che l'industria
già vi esiste; se parliamo con gli stessi industriali, conosciamo che
i loro prodotti non servono solo alla consumazione locale, ma sono già
esportati in notevole quantità nelle altre province d'Italia ed in
parte all'estero. Io sono convinto che noi possiamo aspirare a veder
maggiormente svilupparsi la nostra industria»[56].

Le speranze del Sindaco abbiano prospero evento, e il Piemonte non
cesserà di essere il più gagliardo propugnacolo della monarchia e della
libertà d'Italia, sicchè all'uopo i suoi operai saranno soldati, e
cittadelle le loro officine.

Il trasferimento della metropoli fu accompagnato in Firenze dalle feste
del sesto centenario di Dante Alighieri; e le città italiane per mezzo
de' loro rappresentanti con ispontanea allegrezza innanzi alla statua
del sommo Poeta rinnovarono il patto di concordia, congregati con
musiche e vessilli nella memorabile piazza di Santa Croce.

Colà il magnanimo Vittorio Emanuele II fu salutato nella piena luce Re
nazionale.

Leale quanto prode, egli, postergando gli affetti domestici a quelli
della nazione, pose a rischio sè e la sua stirpe nei cimenti della
guerra e della politica; e a togliere ogni mal sospetto, trasferì da
Torino a Firenze quel soglio che sarà un dì stabilmente piantato sulla
vetta Capitolina.

Nella piazza di Santa Croce Ei non apparve sabaudo o piemontese, ma
sovranamente italiano. Egli avea lasciato la reggia de' suoi avi, le
tombe de' suoi maggiori e i luoghi a lui più cari perchè consacrati da
rimembranze gloriose di famiglia; avea lasciato l'augusta Torino, la
città che il vide nascere e che fu esempio maraviglioso di fede e di
valore verso di lui e della paterna monarchia: «la città, diciamo collo
stesso Re, che seppe custodire i destini d'Italia nella rinascente sua
fortuna».

Le città italiane accese di tali sensi plaudirono al Monarca guerriero
che mise in atto la unità politica tanto augurata dall'Alighieri, e si
strinsero fraternamente le destre dove un tempo arsero le discordie
municipali.

I nostri poeti furono invitati a celebrare sull'Arno la insolita
festa: ed io al cortese invito che l'onorevole Gonfaloniere conte
Cambray-Digny m'inviò nella R. Università di Cagliari, stimai debito
cittadino recarmi a Firenze e recitare un canto nell'Accademia
letteraria ivi tenuta il 17 di maggio.

Con animo riconoscente ricordo in quella congiuntura i plausi di
Firenze a me poeta subalpino. E siccome in essi interpretai, più che
altro, uno schietto saluto della Toscana al Piemonte, volentieri compio
le pagine consacrate alla Dora, ripetendo il cantico intonato sulle
rive dell'Arno.


XXXIV.

                                  NEL
                           SESTO CENTENARIO
                          DI DANTE ALIGHIERI
                         CELEBRATO IN FIRENZE

  Io lo vidi: il Cantor de' tre regni
    Levò il capo dal lugubre piano,
    Ove al Goto guerriero sovrano
    Reggia e tomba il suo popolo aprì;
      E dall'erma pineta odorosa
    Sovra l'ale di cento cherubi
    Per cammin di tempeste e di nubi
    Il conteso Appennino salì.

  Io lo vidi: librato ne' cieli
    Affacciossi alla terra pentita,
    Che tra i fiori gli diede la vita,
    Ma, noverca, dal seno il cacciò.
      Affacciossi con volto sereno,
    Volentieri a colei perdonando,
    Che l'ingiusta condanna del bando
    Con superstiti onori ammendò.

  Al vederlo, di Fiesole i côlli
    Del più splendido april s'ammantarno;
    E la gemina riva dell'Arno
    Di Casella i concenti mandò.
      Esultarono l'ossa nel Tempio
    Della Croce, e risorsero i vati
    Di Säulle e d'Arnaldo, svegliati
    Da Colui che il lor verso animò.

  Del Pöeta le ceneri sante
    Tien gelosa Ravenna, ma sale
    E vïaggia lo spirto immortale
    Fra le stelle di libero ciel.
      Ei su l'Arno ritorna, chiamato
    Dal desìo del suo Veltro promesso,
    E consacra con mistico amplesso
    Dell'Italia il monarca fedel.

  Come, o Dante, mutarsi tu vedi
    L'egra Italia, che serva ploravi
    Di tiranni bordello e di schiavi,
    Di stranieri ludibrio fatal!
      Nella roba di piglio e nel sangue
    Più non danno le arpie de' castelli;
    Giostra rea non è più di fratelli
    La tua scissa contrada natal.

  Ora Italia rinacque, baciando
    Del tuo sacro volume le carte;
    Pria si fece concorde nell'arte
    Coll'unanime culto per te;
      Poi coll'armi di Micca e Ferruccio,
    Disfidando l'avversa fortuna,
    Seppe farsi in te libera ed una,
    Nelle leggi concorde e nel Re.

  Ora Italia trïonfa secura
    Nella fè del tuo divo pensiero,
    E già torna al suo pristino impero
    Dalla notte di barbare età.
      Coll'eloquio di Tullio e Marone
    Dal Tarpeo dominò l'universo,
    Coll'eloquio che informa il tuo verso
    All'antico splendor tornerà.

  Da vetusto ed informe linguaggio,
    Fra le plebi obblïato di Roma,
    Germogliò con leggiadro idïoma
    La parola del nostro avvenir;
      Crebbe al sole d'illustri memorie
    Da Toscani cantata e da Sardi[57],
    E si accese di spirti gagliardi
    Nelle prove del patrio martir.

  Ebbe alfin questa degna parola
    Delle muse la gloria suprema,
    Dal civile tuo sacro pöema
    Suggellato d'eterna virtù;
      Ed espresse fra gli odî fraterni
    La bontà dell'ingegno latino,
    Viva sì ne' tuoi carmi, o Divino,
    Che per tempo scemata non fu.

  La bontà degli etruschi ardimenti,
    Che l'incendio agitò de' tuoi carmi,
    Nella possa irrompeva dell'armi
    Onde valse il Tedesco a domar;
      Penetrò nell'insubre congegno
    Che gli elettrici messi governa,
    Del Cenisio negli antri s'interna
    E di Sue ricongiunge i due mar.

  Salve, nunzio dei veri superni,
    Affratella in magnanimi intenti
    Del latino legnaggio le genti
    Disgregate in lontane città.
      Col tuo verbo risuscita i giorni
    Ch'ebber vita dall'italo sangue;
    E l'umano consorzio che langue
    Rinnovato sul Tebro sarà.


 Torino, addì 25 dicembre 1865.



   INDICE

  Alla memoria di Teresa George Cibrario         _Pag._  291

  Capitolo   I--Dal Monginevra a Susa              »     297

      »     II--Susa e suoi dintorni               »     324

      »    III--Da Susa al Pirchiriano             »     355

      »     IV--Dal Pirchiriano a Torino           »     389

      »      V--Torino                             »     461

  Cantica a Dante                                  »     536



                                 NOTE:

[1] _Raccolta degli Atti concernenti l'enfiteusi perpetua delle decime
del Brianzone_, di G. BRUNET; 1754, pag. 17.

[2] _Ulciensis Ecclesiæ Chartarium._--Torino, 1753.

[3] CIBRARIO--_Storia di Torino_, lib. 2, c. 2.

[4] BOTTA, lib. 45, _Storia d'Italia_.

[5] DENINA, _delle Rivoluzioni d'Italia_, lib. 24, cap. 1.

[6] _Cenni sopra l'insigne miracolo dell'Ostia Eucaristica, avvenuto li
6 di giugno 1453._ Torino 1837, dalla tip. Botta.

[7] _Panorama militare delle Alpi piemontesi viste da Superga._--CESARE
BALBO.

[8] BOTTA, _Storia d'Italia_, lib. 45.

[9] S. E. il Conte Luigi Cibrario, nella sua preziosa collezione
delle incisioni d'intagliatori piemontesi al servizio della R. Casa
di Savoia, mi mostrò quella assai rara che riproduce l'accennata
battaglia, lavoro del La Pegna.

[10] L'_Assietta_, del Cavaliere Agostino Lostia. Torino 1825.

L'_Assiette_, poème de M. Le Ch. Lostia, traduit de l'italien par le
G^l M.^r C.^[te] De Locke. Chambéry 1828.

[11] In morte di Ugo Basville.--Canto quarto.

[12] Chi amasse di leggere per intero la canzone del Michelin, raccolta
da Norberto Rosa dal labbro del popolo, vegga il giornale il _Cimento_,
vol. VI, luglio 1855, pag. 145.

[13] Il Romito del Cenisio, romanza di G. BERCHET.

[14] Estratto dalla vita manoscritta, conservata nell'Archivio Generale
del Regno.

[15] Per sovrano decreto del 6 dicembre del 1835, la cassa coi quadri
venne affidata alla chiesa parrocchiale della Novalesa.

[16] BOTTA, _St. d'It._, lib. 41.

[17] _Museo scientifico, letterario ed artistico._--Torino: anno V, p.
259.

[18] ARIOSTO, _Orl. Fur._, C. XXIII, st. 108.

[19] Io deggio la conoscenza d'un tale documento alla operosa
benevolenza dell'erudito cav. Jacopo Bernardi, che me ne scrisse ne'
termini seguenti:

«Nel codice diplomatico del capitolo di Cremona, raccolto e conservato
con diligente affetto dal benemerito primicerio Antonio Dragoni,
trovasi un documento dell'anno 773. È una carta con la quale donasi al
clero della chiesa di Santa Maria di Cremona una casa _cum viridario
et omnia adjacentes_ (non era molto addentro nel conoscimento della
sintassi latina: che ne direbbe il tuo Gando?) _ut ipsa vestra
canonica_ (parla al clero) _et casa mea melius abitare habeatis_.
E il donatore era il diacono Martino, che insegnò a Carlo Magno la
via delle Alpi. Ecco le parole del documento: _Dum in Dei nomine ego
Martinus cremonensis sancte catholice ecclesie ravennate, divina gratia
diaconus, jussu sanctissimi in Christo patre Leone archiepiscopo
ravennate difficile et longum iter suscepessem, et ad fines Francorum
fuemus_ (l'indole della lingua non muta), _regemque eorum Charolum
regem gloriosissimum adlocussem, et in regressu meo Cremona patria mea
advenissem, mihi paruit esse gratum Deo.._ E qui parla della donazione
che fa al clero della chiesa cremonese, cui appartenne. L'atto si
fece nella canonica di Cremona il giorno di mercoledì 28 aprile,
l'indizione undecima, e la soscrizione è la seguente: _Ego Martinus
cremonensis sancte catholice ecclesie ravennates diaconus cardinalis in
ac donacione a me facta et manu mea scripta subscripsi et firmavi, ad
gloriam Dei et remissione peccatorum meorum._

Il documento stampavasi per cura di Federico Odorici nella _Nuova Serie
dell'Archivio Storico Italiano_, tom. II. part. 1.ª--Firenze, 1855.

[20] _Della Storia d'Italia dalle origini fino all'anno_ 1814.
_Sommario_ di CESARE BALBO, lib. IV, § 19.

[21] DANTE, _Div. Comm., Par._, c. VI.

[22] _Arte e Inspirazione_--Studi di NICCOLÒ TOMMASEO, 1858. Edizione
Le-Monnier, pag. 389.

[23] _Storia dell'Abbazia di S. Michele della Chiusa_, dell'Abate
GUSTAVO de' Conti AVOGADRO DI VALDENGO.--Novara, Tip. Ibertis, 1837.

[24] _Novelle di_ CESARE BALBO--_La Bella Alda._--Firenze, Felice Le
Monnier, 1831.

[25] _La Sagra di S. Michele_ disegnata e descritta dal CAV. MASSIMO
D'AZEGLIO.--Torino, 1829.

[26] _Gioventù_--Racconti di DOMENICO CARUTTI.--Firenze, Felice Le
Monnier, 1861.

[27] _Giaveno, Coazze e Valgioie_--Cenni storici per GAUDENZIO
CLARETTA.--Torino, Tip. Favale, 1859.

[28] _Études d'Histoire religieuse_ par ERNEST RENAN, pag. 317.--Paris,
Lévy Frères, 1864.

[29] _Della imitazione di Cristo_: Libri quattro del ven. GIOVANNI
GERSEN, secondo il Codice De Advocatis, pag. 319. Torino, Tip. Chirio e
Mina, 1846.

[30] L'Autore prega i lettori a non tener conto dell'ultima linea di
testo della pag. 379, e della nota corrispondente ivi stampata.

[31] Equivalgono a L. 3181. 44 italiane oggidì in corso.--Vedi
CIBRARIO, _Economia Politica del Medio Evo_; quinta edizione, tomo II,
pag. 199.

[32] L'_idrofana_ è una specie di quarzo, e più esattamente, una
varietà di opale che ha la proprietà di diventare trasparente
nell'acqua.

[33] _Gazzetta di Torino_, 14 agosto 1865.

[34] _Il Real Castello del Valentino_, Monografia storica di GIOVANNI
VICO--Torino, Stamperia Reale, 1858.

[35] Vanno annessi all'Università i seguenti stabilimenti scientifici:
il Museo egizio e d'antichità, il Museo di zoologia e di anatomia
comparata, il Museo di geologia e di mineralogia esistenti nel
palazzo delle Scienze, i Laboratorii di chimica generale, di chimica
farmaceutica e di fisiologia nel palazzo di San Francesco da Paola,
l'Orto botanico al Valentino, il Gabinetto di fisica nel palazzo
universitario, l'Istituto anatomico e le cliniche mediche e chirurgiche
nell'Ospedale Maggiore di San Giovanni, la clinica ostetrica alla
Maternità, ed altre cliniche speciali presso altri ospedali (la
sifilitica, la oculistica e quella delle malattie mentali).

V'ha pure un edifizio idraulico speciale detto della Parella, che ora
è addetto alla Scuola d'applicazione degli ingegneri, presso la quale
sono eziandio preziose collezioni di mineralogia e geologia (dono del
prof. Quintino Sella), di meccanica, di macchine e di disegni.

[36] _L'Istruzione popolare in Torino_--Monografia del Teol. coll.
Pietro Baricco.--Torino, Tip. Eredi Botta, 1865.

[37] Persona autorevole mi diede la seguente nota, che volentieri
pubblico:

«Il numero di coloro che ricevono istruzione in Torino, non
comprendendo gli studenti delle scuole universitarie, della regia
militare Accademia, nè i giovani ammaestrati entro le pareti
domestiche, tra maschi e femmine è di 30,531.

La popolazione di Torino essendo di 204,715 abitanti, ne risulta che
circa 1/7 frequenta le scuole.

In una sua circolare del 3 gennaio 1865 il Ministro dell'istruzione
pubblica si compiacque dichiarare che nel fondare, nel migliorare
scuole per l'istruzione popolare, e nel vegliare affinchè questa sia
largamente diffusa, il Municipio torinese occupa in Italia il primo
posto d'onore.

Risulta dagli archivi della Città di Torino che nel 1596, mentre la
popolazione era di 32,000 anime, il Municipio spese per l'istruzione
L. 683, e che aumentando quella, la spesa per l'istruzione fu sempre
accresciuta in proporzione maggiore che l'aumento degli abitanti. Nel
bilancio del Municipio per il 1865 la somma stanziata per l'istruzione
sale a L. 619,241,10».

[38] _Gazzetta Piemontese_, Giornale ufficiale del Regno, N. 47, anno
1854.--Appendice di J. BERNARDI--_Asili e Scuole d'infanzia_.

[39] Discorso funebre detto dal Cav. Teologo PAGNONE nella chiesa di S.
Francesco di Paola, il giorno 2 maggio 1862, nei solenni funerali dei
defunti Benefattori degli Asili infantili.

[40] _Nuovi studi su Dante_ di NICCOLÒ TOMMASEO, pag. prima.--Torino,
1865, Tip. del Collegio degli Artigianelli.

[41] JACOPO BERNARDI: _Il R. Ospizio di Carità in Torino_.--Torino,
Tip. Speirani, 1857.

[42] PIETRO BARICCO, L'Istruzione Popolare in Torino, pag. 188.--Tip.
degli Eredi Botta, 1865.

[43] Nelle esequie celebrate al Sacerdote Teologo Canonico D.
Giuseppe Cottolengo--Elogio storico di Lorenzo Renaldi, Vescovo di
Pinerolo--Torino, Tip. Marietti, 1863.

[44] LUIGI LANZI, _Storia Pittorica_, lib. V.

[45] Discorso letto dal Marchese DI BREME, Direttore Generale della
Reale Accademia Albertina, nella riapertura delle scuole il 15 di
novembre 1856, pag. 12.--Torino, Tip. Zecchi e Bona, 1856.

[46] Vedi l'_Opinione_ (giornale) anno XVI, N.º 33--Monumenti in Torino.

[47] MARCO MINGHETTI _ai suoi Elettori_, pag. 6.--Bologna, Tipografia
di G. Monti, 1865.

[48] DANTE, _Div. Comm._, Purg., C. VI.

[49] _Inchiesta amministrativa dei fatti accaduti in Torino nei giorni
21 e 22 settembre 1864, dalla Giunta municipale affidata all'avv.
CASIMIRO ARA._--Tip. Botta, Torino, 1864.

[50] L'_Opinione_ (giornale), Torino, 26 luglio 1862.

[51] _Il Conte Camillo Cavour_, Documenti editi ed inediti, per
NICOMEDE BIANCHI, Torino, 1863, Unione Tipografica Editrice.

[52] L'_Istitutore_, foglio ebdomadario d'Istruzione e degli Atti
ufficiali di essa. Torino, 23 novembre 1861, pag. 746.

[53] La citata Inchiesta amministrativa del deputato Ara, pag. 29.

[54] Discorso del Professore Domenico Berti pronunziato alla Camera dei
Deputati nella tornata del 14 novembre 1864.

[55] Le edizioni dei tipografi Chirio e Mina furono eziandio premiate
nelle mondiali esposizioni di Londra 1851, New-York 1853 e Parigi 1855.

[56] Relazione fatta dal Sindaco Marchese E. Lucerna di Rorà al
Consiglio Comunale nell'aprire la sessione ordinaria di primavera
1865.--Torino, Tip. Botta, pag. 15.

[57] Nel secolo XII italianamente poetarono nella Sarda Corte
d'Arborea, Bruno de Thoro, di Cagliari, e Lanfranco de Bolasco, di
Genova; e in Toscana poetarono il Folcacchiero e l'Aldobrando, ambidue
di Siena.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "La Dora" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home