Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Novelle e ghiribizzi
Author: Fanfani, Pietro
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Novelle e ghiribizzi" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                        NOTE DEL TRASCRITTORE:

--Corretti gli ovvii errori di stampa e di punteggiatura.

--Il testo in grassetto è stato reso con i segni uguale: =testo=.


                            PIETRO FANFANI



                                NOVELLE

                                   E

                              GHIRIBIZZI

[Illustration: LOGO]


                                MILANO

                     EDITORE PAOLO CARRARA LIBRAJO

                                 1879


                   Proprietà Letteraria dell'Editore



                         Tip. Pietro Faverio.



                              AL LETTORE


Le _Novelle_ e i _Ghiribizzi drammatici_, raccolti in questo volume,
salvo alcuni di questi ultimi, che ora si pubblicano per la prima
volta, furono già da tempo messi fuori dall'Autore, ma erano poco o
punto noti, perchè apparvero su qualche giornale, o in raccolte, o
tirati in ristrettissimo numero di esemplari; per modo che posso dire,
che a molti e molti giungeranno novissimi; tantopiù che l'Autore, nel
rivederne questa ristampa, li venne ritoccando qua e là dove gli parve
necessario. Egli scrisse la maggior parte di questi lavori mentre
attendeva a comporre quelli di maggior lena in materia filologica, i
quali porrò di mano in mano in luce, e quelli concernenti le due gravi
questioni del _Vocabolario della Crusca_, e dell'autenticità della
_Cronica_ di Dino Compagni, quasi a sollievo dell'animo occupalo da'
gravi studj. E però ora in un punto, ora in un altro Egli accenna o
a questa o a quella delle due questioni, dando qua una bottata o mia
graffiatina ad un avversario, là rivolgendo un frizzo o una celia ad
un altro; anzi dirò che l'argomento di parecchi fra quegli scritti,
lo attinse appunto dalle ricordate due questioni. Così facendo,
l'illustre Autore si attiene al savio precetto del _ridendo dicere
verum_: diletta con quella forma garbata, propria, limpida, festosa,
del suo dire, onde Egli è modello insuperabile; e nel tempo stesso
apertamente si mostra, non timido e parziale, ma sincero e devoto
amico della Verità. Io quindi non dubito punto che questo volume,
come tutti gli altri di quell'eletto Ingegno, troverà favore tanto
presso coloro che si dilettano delle amene letture, quanto presso gli
studiosi cultori della nostra lingua. Debbo però avvertire il Lettore,
che c'è una mancanza; ed è questa qui. Alle pagine 15, 18, 83 ed
altrove, leggerà _Vedi Appendice I, II ecc._, ma le Appendici non ci
sono. Soprallavoro, in questi giorni la morte repentinamente spense
lo strenuo Autore, nè tra' suoi fogli si è potuto trovare o scritto,
o nota, o appunto alcuno, che accennasse quali dovevano essere le
_illustrazioni_, che era suo intendimento di porre in fine del volume:
sicchè le mancano; ma non per questo il volume scema di pregio, perchè
non sarebbero state altro, per quanto io posso argomentare, se non
ischiarimenti maggiori su persone e su cose, delle quali nel libro si
discorre. Altre parole non aggiungo; il libro èccolo qui: e son certo
che verrà benevolmente accolto.

L'EDITORE.


NOVELLA I.[1]



DON FICCHÍNO.


_ Don Ficchíno, adulatore e scroccone famoso, accetta due desinari nel
giorno medesimo: saputosi, gli è fatto da capo un doppio invito; ma è
trattato in modo che va a letto digiuno._

Don Ficchíno, morto pochi anni addietro d'indigestione, fu un
pretazzuolo d'una piccola città di Toscana: e gli posero quel
soprannome per la grande sua smania di _ficcarsi_ attorno a tutti
coloro che avevano nobiltà, ricchezza, o fama di letterati solenni.
Fino da abatónzolo il fatto suo era uno spasso: un frucchíno, un
lecchíno[2] vi so dir io! Se de' mortorj, se degli angiolíni[3], se
delle benedícole dove si leccasse il madonníno[4] ve n'era, lui _vi si
ficcava_ dei primi. Cresciuto negli anni, gli uscì di corpo la smania
de' móccoli e delle sagrestíe; e si cominciò a _ficcare_ per le case
dei signori; e lì, per leccar qualcosa, lusingava ogni lor vanità:
si sdrajava sotto i tavolini a sbraciar la cassetta alle signore[5]:
faceva sonetti, cantava, sonava; era, vi dico, il cucco di tutte le
veglie. Poi gli venne gli áscheri[6] di essere un po' letterato... ma,
èramo a piedi![7]... Síe? che importa? Lasciate fare a lui! Si _ficcò_
alle còstole di un letterato valente; e lì striscia, e lì loda, e lì
lecca, il letterato gli fece pa[8]; lo resse per le maniche del sajo,
affinchè non battesse il musíno in terra; lo fece affiatare con qualche
altro letterato: e di lì a poco l'amicone si attentò a far l'autore.
Fu un vero _attentato_! Ne scrisse di quelle che non hanno nè babbo nè
mamma, o come dice il popolíno, di quelle di pelle di becco: ma un po'
per l'ajuto del protettore; un po' per le dedicatòrie spante; un po'
per le lodi che egli svergognatamente chiedeva, e spesso otteneva, dai
giornalisti; e un po' perchè cercò di razzolare in materie che fossero
di moda, gli riuscì, sempre strisciando, leccando e _ficcandosi_, di
farsi dire qualche parola dolce da due o tre valentuomini, della qual
cosa non potete immaginare la gallòria che ne menava, e lo strombettío
che ne faceva, e ne faceva fare. E come gli ignoranti sono sempre i
più, ed egli bazzicava sempre de' _signori_, che generalmente sono
ignorantissimi, lo cominciarono a chiamar _professore_, non cessando
per altro di divertirsi alle spalle di lui, che era la più riderfacente
caricatura dell'universo mondo. Poi volle pubblici ufficj; e qui
sì che andò, s'arrabattò, si strisciò, si _ficcò_, s'incurvò, si
prostrò, si scappellò, e ò ò ò ò. Quando c'era il Granduca, faceva
giaculatòrie granducali ch'era una delizia: si teneva beato, se poteva
parlare, non che altro, con uno staffiere de' Pitti: se poi poteva
avere un'udienza, non entrava più nella pelle, e la camicia, come suol
dirsi, non gli toccava il sedere: la raccontava, la commentava, e
piangeva di gioja. Il Granduca fuggì; e lui, puntuale, s'inchinò a chi
l'aveva fatto scappare: diventò un liberalaccio per la pelle; e quasi
quasi si spacciava per martire: cercò, insieme con altri, di mettere
in mala voce, e di dare uno sgambetto a un suo amico e benefattore:
poi lisciò, strisciò, si prostrò, encomiò Vittorio Emanuele co' suoi
figliuoli; e chi sa che cosa sarebbe stato capace di fare, se quella
benedetta indigestione non lo mandava _illuc quo plures abierunt_.
Sopra tutte le sue cardinali virtù per altro c'era quella di essere
un grande uccellatore di desinari; e come tutti lo sapevano, così
tutti coloro che apparecchiavano più o meno lautamente, lo invitavano
sempre, essendo per essi uno spasso grandissimo il vederlo mangiare
con sì raro appetito, e il sentire le ingegnose lodi che sapeva dare
al padrone, al cuoco, e a tutte le pietanze ed i vini; le quali lodi
erano spesso sotto forma di sonetti o di brindisi, che rallegravano
maravigliosamente tutta la brigata. Accadde una volta che fu invitato
nello stesso giorno dalle due più ricche famiglie della città, ciascuna
delle quali aveva un'ottimo cuoco e una famosa cantina. Don Ficchíno,
tra questi due inviti parimente attraenti, stava come il famoso asino
degli scolástici, i quali pensavano che posto in mezzo a due profende
di fieno parimente fresco e odoroso, sarebbe prima morto di fame che
abboccarne una[9]. Leggeva ora l'uno ora l'altro: prendeva la penna
per ringraziare; ma non veniva all'atto. Guarda e riguarda, leggi e
rileggi, a un tratto fa un salto d'allegrezza, e un sonoro frullo con
una mano. Che cosa n'era cagione? La famiglia A., tenace un poco degli
usi antichi, pranzava alle 2; l'altra famiglia B. alle 7. «_Gua', posso
andar qui e là_.» E di fatto la mattina della gran giornata, prese
un bel bicchiere d'acqua del Tettúccio[10], per disporre lo stomaco;
fece una sottilissima colazione, e alle 2 fu a casa A. Il pranzo era
eccellente, e Don Ficchíno si mostrò pari alla sua fama. Vedendo
andare attorno tanta grazia di Dio, non poteva lasciarla passare,
senza intinger nel vassojo: «_Chi lo sa, pensava, se a quest'altro
desinare ci son tante delizie!_» E lì trincava, e ingollava di santa
ragione. Alle quattro era già finito il pranzo; e Ficchíno pensò tosto
ad accomodar le cose per quell'altro delle 7. Si sdrajò un'oretta sul
canapè; fece un pisolíno; e poi, ripicchiatosi tutto[11], andò a fare
una bella passeggiatona, piuttosto faticosa: insomma alle 7 fu in
grado di porre il piè sotto la tavola da capo; e se al primo pranzo
si mostrò, come solevano dir di lui, _la prima forchetta di Toscana_,
in questo secondo non canzonò. La cosa si sparse súbito; e non vi so
dire che grasse risate vi si facessero su, e che saporiti e arguti
motti si dicessero a propòsito del buon appetito di Don Ficchíno,
in quelle conversazioni dove soleva andare. «_Gli s'ha a fare una
bella celia.--Sì sì: guardiamo se si gastiga la sua ingordigia_.»
E fatto capannello tra due o tre capi armònici, che altre volte si
eran divertiti alle spalle del nostro abatíno, restarono d'accordo
in questo, di fargli un altro doppio invito fra qualche giorno; ma
in modo che non gli tornasse più voglia di accettarne de' simili.
La settimana appresso, eccoti un servitorino in livrea, che picchia
alla porta del _professore_, e lascia un elegante biglietto, col
quale il signore e la signora D. lo pregavano di favorirgli a pranzo
il giorno di poi alle 2: pranzo d'addio, perchè la sera partivano.
Quel _pranzo d'addio_ fece venir l'acquolina in bocca a Ficchíno...
Poco dopo un'altra scampanellata. «_Chi è?--Una lettera per il signor
professore._» Era un altro invito stampato, per un pranzo di giorno
natalizio, la sera di poi alle sette e mezzo. Sòlite esitazioni;
sòlita risoluzione:--_Pranzai due volte l'altro giorno, e stetti
benone. Dunque?_... Alle due del giorno dopo, un'eletta compagnía di
signori e signore era nel palazzo D. Don Ficchíno, secondo l'usanza,
trottolava qua e là[12], a chi facendo inchini, chi adulando, con chi
sdottoreggiando; ma con l'occhio sempre volto alla sala da pranzo.
Finalmente arrivò il sospirato: _Signori, è in tavola_. A Ficchíno
toccò l'onore di accompagnare la signora: ciascuno si mette al sue
posto; l'apparecchio ricchissimo promette ogni più fino allettamento
della gola; già si distribuivano le scodelle della minestra; quando
entra un servitore con una lettera per il padrone. Questi l'apre, e
cade abbandonatamente col capo sopra la tavola.--_Dio mio! che è
stato?_ grida la signora: e tutti si alzano, chi dicendo una cosa,
chi l'altra... Una sventura gravissima era sopraggiunta alla nobile
famiglia: il signore e la signora si scusarono alla meglio; il pranzo
andò all'aria; e gli invitati, fatte le loro condoglianze, andarono
chi qua chi là. A Don Ficchíno seppe proprio male di questo fatto
inaspettato; ma, _Fortuna_, disse dentro di sè, _che stasera ci ho
quest'altro pranzo! rimetterò le dotte lì_. E mezzo sbalordito andò
via, cercando di far le sette e mezzo. La prima cosa andò a mangiare
un tagliuolo di _stiacciat'unta_, perchè, avendo, come l'altra volta,
preso l'acqua del Tettúccio, e fatta una colazioncína leggiera, si
sentiva assai fame: poi una capatína qui, una là[13]: finalmente l'ora
tanto aspettata arrivò; e l'amico s'avviò súbito a casa F. portato
dal desío e dall'appetito. Eravamo là sul principio del decembre; e
il tempo nuvoloso si buttava al crudo, accennando a neve; sicchè non
gli parve vero di infilarsi in quella casa, dove sperava riscaldarsi
e refocillarsi tutto[14], tanto più che non aveva pensato a coprirsi
troppo bene. Egli era dei frequentatori più assidui della conversazione
di que' signori, sicchè il portiere lo salutò familiarmente ed il
servitore d'anticamera lo annunziò tosto alla signora, la quale era
nel suo salottino con altre due amiche. A Don Ficchíno parve un poco
strano il veder queste donne così sole, il perchè, dopo le solite
riverenze, inchini, e strette di mano: _Come mai queste signore così
sole?--Gli uomini_, rispose la signora, _son su nella stanza da fumare:
ma ora scenderanno. Sanno che dobbiamo andare al teatro._ Al povero
Don Ficchíno non rimase sangue nelle vene; e tutto confuso, con atto
di gran maraviglia, esclamò: _Al teatro!--Già, o non lo sapete che
stasera c'è gran cose? venite anche voi.--Grazie, signora... Ma lei...
ho forse sbagliato leggendo?... o la stampería?...--Ma che almanaccate,
professore?_... E il povero professore, levatosi di tasca l'invito, lo
mostrò alla signora, la quale trattenendo a stento le risa: _Noi non
abbiamo mandato tali inviti; qualcheduno ha voluto farvi una celia_.
L'ira, la vergogna, la fame, si dipinsero stranamente in figura diversa
sul volto del povero Ficchíno, il quale, se non fosse stato tanto
ridícolo, avrebbe fatto pianger le pietre: _A me! a un mio pari!... me
la pagheranno... la mia penna!_... Intanto eccoti giù tutti coloro che
erano stati a pranzo, ed uscivano da fumare, i quali, saputa la cosa,
dolenti in vista del mal tiro fatto al _professore_, sotto i baffi se
la ridevano gustosamente.--_Signori, ci sono le carrozze_--disse un
servitore, affacciandosi all'uscio; e tutti si alzarono, e andarono al
teatro, dove, più che la commedia, dette materia di spasso la celia
fatta a Don Ficchíno, la quale si sparse in un momento per tutti i
palchi, e anche per la platea. Ma la celia non finì qui. Il povero
_professore_, con una fame da lupi, fece pensiero d'andare a pigliar
qualcosa alla trattoría. Erano già sonate le otto da un pezzo; veniva
un nevíschio fitto fitto, con un vento diaccio che pelava: quella
città, piccola e pochissimo popolata, nell'inverno dalle sette in là
pareva un deserto; e solo rimaneva aperto fino alle dieci il caffè, e
quella trattoría, dove qualche rara volta soleva andar Don Ficchíno,
il quale era fieramente in úggia al trattore e a' camerieri, come
colui ch'era famoso lesinante, e seccatore pertinacissimo. Coloro
che avevano ordito la trama pensarono che il _professore_, rimasto a
denti secchi nelle due case, sarebbe andato alla trattoría; e però
s'indettarono col padrone, che gli secondò a meraviglia, avendo, come
dissi, in úggia Don Ficchíno, un di quegli avventori, com'egli diceva,
che è meglio perdergli che trovargli. Bisogna sapere che Don Ficchíno,
oltre all'essere spilòrcio e seccatore, era schizzinoso in estremo
grado; e il mal odore di una pietanza, o qualche cosa di men che netto
che vi fosse dentro, gli dava orribili archeggiamenti di stomaco.
Èccotelo alla trattoría: si mette a sedere; picchia nel bicchiere; e
al cameriere, che venne súbito:--_Che ci avete di buono?--Eh, signor
professore, non potrò darle, se non una zuppa e una bistecca.--Bene:
porta súbito la zuppa e prepara la bistecca.--Súbito._--Quella zuppa
si fece aspettare un pezzo: e lo stomaco del povero Ficchíno latrava
rabbiosamente. Finalmente èccola... L'aveva mangiata mezza cogli
occhj nel tempo che il cameriere la portava in tavola: appena messa
davanti, ne ingolla furiosamente una cucchiajata; un puzzo e un
saporaccio orribile! il povero Ficchíno ebbe a dar fuori il primo
boccone che gli diede la bália[15].--_Geppíno, Geppíno!--Comandi,
signor professore.--Ma questa zuppa puzza che mena la saetta_.--E
Geppíno, annusando:--_Puzza? scusi, signor Professore: ma a me non
mi pare...--Pòrtala via, e affretta la bistecca_.--E Geppíno porta
via la zuppa. Dopo un altro pezzo viene la bistecca; e se la zuppa
era stata puzzolente, questa era puzzolente e mezzo. Allora Ficchíno
montò su tutte le furie: maltrattò padroni e camerieri, e andava via
tutto stizzito: ma fu trattenuto, e dovè pagare lo scotto, come se
avesse mangiato. Affamato, assiderato, arrabbiato, corse al caffè;
stavano per chiudere, e non c'era più nè latte, nè caffè, nè sèmelli
o chífelli. Non restava altra speranza che il trovare qualche cosa di
avanzato al povero desinare della sua donna di servizio; una montanína
appannatotta[16], che Don Ficchíno teneva anche per maestra di lingua
e di poesía; e che gli costava poco, avvezza com'era a necci[17] e
polenda, suo cibo prediletto quando il padrone non mangiava in casa,
che vuol dire quattro o cinque giorni per settimana. Erano le dieci
quando Ficchíno tornò a casa; e domandato alla Zelinda se c'era nulla
da mangiare, gli rispose che non c'era nulla, se non un po' di polenda,
e un rosícchiolo di cacio.--_Datemi quello_.--E senza fare altre
parole, mangiò la polenda con quel poco di cacio, ingollando, come
suol dirsi, un boccone di quella e un boccon di veleno[18]: bevve un
bicchier di vino, e insaccò nel letto a digerire la bile. Ma non era
finita! Quando fu così sulla mezzanotte, che Ficchíno ruminava sempre
chi diavolo potesse avergli fatto la celia, meditando vendetta, e la
Zelinda se la dormiva placidamente; si ode una grande scampanellata. La
serva si desta di sobbalzo, e súbito salta il letto. Ficchíno chiamava,
bociando, _Non aprite_; ma un'altra scampanellata, e poi un'altra più
rovinosa.--_Affacciatevi_, disse allora Ficchíno: _potrebbe esserci
qualcosa di grave._ E la Zelinda si affaccia:--_Chi è?--Un plico per
il signor professore.--Senta, io non iscendo; lo metta dentro a questo
paniere._--E, calato un paniere, lo tirò su con un involto assai
grosso, che portò súbito di là al padrone, il quale, fattosi accendere
il lume, rimandò a letto la donna, e sbuzzando[19] l'involto, vi trovò
un _Almanacco del gastrònomo_, un pacchettino d'inviti a pranzo per più
giorni alla fila nelle prime case della città, e un biglietto di questo
tenore;

 _Caro Don Ficchíno,_

«Un pasto buono e un mezzano, mantien l'uomo sano» come sapete; e
«chi troppo mangia scoppia». Avendo voi mangiato a strippapelle tanti
giorni alle còstole altrui, oggi, impauriti di vedervi scoppiare, vi
abbiamo fatto la celia de' due finti inviti, della trattoría e del
caffè, mandandovi a letto digiuno. Come però «Chi va a letto senza
cena, tutta la notte si dimena», così abbiamo pensato di mandarvi
questo Almanacco, dove leggerete descritte le più ghiotte vivande,
per una qualche consolazione del forzato digiuno, e della veglia che
ne è la conseguenza. Acciocchè poi non crediate che lo abbiamo fatto
per ischerno della vostra magnificággine, o per altra cagione che per
tenerezza della vostra sanità, vi mandiamo questi inviti a pranzo, che
abbiamo raccolti stasera al teatro da que' signori, che parlavano e
ridevano della celia fáttavi, ma che pur vogliono darvene un qualche
compenso.

Valutate, illustre Ficchíno, la nostra buona volontà, e il Signore vi
conservi lo stomaco.

 _Alcuni vostri ammiratori._

È facile l'immaginarsi che effetto fece sull'animo, già tanto
amareggiato, del povero _professore_ questa novella canzonatura;
e come lo rodesse la stizza di non potersi almeno sfogare un poco.
Libro, inviti, lettera e ogni cosa scaraventò in fondo alla camera:
spense il lume; ficcò il capo sotto le lenzuola, e stette quasi tutta
la notte senza poter chiuder occhio, tra per la fame, per la rovella
e per la vergogna. Come prima fu giorno, chiamò la Zelinda che gli
portasse il caffè, dove inzuppò non so quante fette di pane. Per quel
giorno non volle metter piede fuori dell'uscio, e fece propòsito di
non accettar più inviti da nessuno... Ma poteva egli Don Ficchíno star
fermo in sì fatto propòsito? Una, due volte, fino alla terza disse di
no; ma poi, trattandosi di un pranzo dove si sapeva dovervi essere
ogni più squisita delizia, non potè resistere, e accettò. Povero Don
Ficchíno! fu l'ultimo pranzo! Era stato tanti giorni lontano dalle
ricche tavole; erano tante e tanto preziose quelle vivande e que' vini,
che lasciò libero il freno al suo poderoso appetito. Nella notte lo
prese un'orribile gravezza di capo; poi una febbre da leoni; e dopo
tre giorni era morto. Il suo corpo fu sepolto nel camposanto della sua
città, e _distingue le sue dalle infinite ossa che quivi ha seminato la
morte_, una pietra con questo epitaffio:

  Ficchíno giace qui;
  Nacque, mangiò, morì.



NOVELLA II.[20]

LA CONSOLAZIONE DELLA VEDOVA.


La novella della Vedova d'Efeso, raccontata prima da Fedro, poi da
Apulejo, e poi da altri e altri, non è fatta se non per provare quanto
facilmente l'uomo, e specialmente la donna, dimentica le persone più
care furátele dalla morte. Se non la sapete, ve la dico in quattro
parole. Le morì il caro marito; e lei giurò di voler finire i suoi
giorni presso alla tomba di esso, accanto alla quale fece fare apposta
un piccolo tugúrio, dove star sempre a piangerlo. Fu nel giorno stesso
appiccato un famoso birbone, e lasciato esposto in mezzo alla campagna,
proprio lì presso alla tomba, póstovi a guardia un soldato, acciocchè
nessuno lo spiccasse. Quel soldato era un pezzo di giovanotto, ma
dite bello![21] e la vedovella un occhio di sole.--Povera donna, mi
fa proprio compassione!--E va là per consolarla un poco. Era fiato
gettato: la voleva morire per amor del marito. Ma si guardarono...--Che
bell'uomo! somiglia il mio povero marito.--A farvela corta, finì come
doveva finire: s'innamorarono come due gatti di gennajo. Mentre però
quel soldato consolava la vedovella, i compagni dell'impiccato, che
stavano alla posta, veduto il bello, lo spiccarono, e via a gambe: e
tornato lui alla guardia, e vedendo sparito il pènzolo, gli cascò il
fiato, e dava in tutte le smanie. La vedova allora andò a consolar
lui:--Che è stato, amor mio? datti pace; a tutto c'è rimedio: o non c'è
il corpo del mio marito buon'anima?... Vien con me.--Vanno: levano il
marito morto dalla sepoltura, lei per il capo e lui per le gambe: te
lo portano alla forca; e lo lasciano a penzolare pasto obbrobrioso dei
corvi.

Questa vedova è parlante esempio della verità del nostro proverbio:
_Chi muore giace; e chi vive si dà pace_, ma almeno non fu ipòcrita.
Tanti filosofacci battezzarono per virtù una certa loro fortezza
d'animo; e si fossero veduti morir mezzo mondo lì a' loro piedi, non
si crollavano. Altri rimediano col fatalismo: i cattolici con la
rassegnazione cristiana, e col _Dominus dedit, Dominus abstulit, fiat
voluntas Dei_; e così non pèrdono un'ora di sonno, nè mangiano un
boccon di meno. Tutti però fanno testimonianza dell'alta sapienza dei
Greci che la _Morte_ appellarono _Oblío_.



NOVELLA III.[22]

I TORDI-MERLI.


Antonio Guidi era un assai valente calzolaio di Pistoja, che, facendo
buoni guadagni, volle accasarsi, e sposò una onesta fanciulla di Prato,
buona, timorata di Dio, e martire del lavoro, se non quanto era un poco
ciarliera e caparbia; con la quale visse in concordia due o tre anni,
andando sempre le loro cose di bene in meglio, e facendo vita molto
agiata e lietissima, raramente turbata da' piccoli diverbj che ci sono
sempre tra moglie e marito: tanto che erano l'invidia de' loro pari.
Accadde una volta che ad Antonio furon mandati a regalare da un suo
ricco avventore[23] due bei mazzi di tordi, e un par di fiaschi di
vino eccellente. Ricevuta questa grazia di Dio, egli la mandò súbito
alla moglie per un ragazzo di bottega; e dille che i tordi gli faccia
arrosto, e alle due sarò a casa[24]. Scoccate le due, Antonio va a
casa, e appena salite le scale, dato un bacio alla moglie, la prima
cosa domandò:

--È all'órdine?

--E la Lena:

--Scodello súbito.--Lavatosi Tonio le mani e il viso, si mettono a
tavola, e cominciano a mangiare, ragionando, come solevano, del più e
del meno in pace e in grazia di Dio, innaffiando spesso il cibo con un
bicchieretto d'un certo vino, che era proprio di quello[25]. Finito di
mangiare il lesso:

--Oh, disse Tonio, sentiamo un po' questi tordi! Lena, vágli a
sfilare[26].

--Tordi? rispose la Lena: merli tu vorra' dire.

--Dico tordi, io: e che arnioni che avevano.

Intanto la Lena era ita in cucina, e torna co' tordi così croccanti e
fumanti che dicevano mángiami mángiami: nè gli sposi se lo lasciarono
dir due volte, e cominciarono a darci dentro con nobile gara.

--Io, disse Tonio, ho mangiato poche volte tordi così saporiti.

--E batti co' tordi! rispose la Lena; ti dico che son merli.

--Tu se' una merla! ma che mi vuoi dare ad intendere? Sono tordi, e
anche buoni.

--Come c'entra la merla? non importa canzonare. Del resto io son
figliuola d'un famoso cacciatore, e ho visto più tordi e più uccelli
che tu non hai capelli in capo: me ne avrei a intendere, eh? Sta certo
che son merli.

--Scusa, va' a pigliar le penne.

E la Lena va, e torna con le penne.

--Lo vedi, ripiglia Tonio, non sono brizzolate? I merli le hanno nere.

--O brizzolate o non brizzolate, son merli.

--Guarda, ecco qui la lettera di chi me gli manda; guarda: _due fiaschi
di vino e dodici tordi_.

--È uno sproposito; doveva dirci _merli_.

--E tu dici che se' figliuola d'un cacciatore? Si vede che da tuo padre
ci hai imparato poco, perchè questi son tordi tordissimi.

--E séguita a trattar male e a canzonare! È questo il modo di trattare
una moglie? Già me L'avevan detto prima di sposarti che tu eri un
omaccio! Ora non gli basta impugnare la verità conosciuta, negando che
questi son merli; vuole anche maltrattare!

--Ma chi ti maltratta, poco giudizio? Tu maltratti, chè m'hai detto
che sono un omaccio. Se avessi dovuto dar retta io alle ciarle, non
t'avrei sposato di certo. Ma ora questi discorsi non c'entrano: la
questione è su' tordi, e questi son tordi.

--Che ciarle? disse allora la Lena tutta inviperita, e rizzandosi con
le mani sui fianchi. Che puoi tu dire, o tu o altri, del fatto mio?
Guardate, per una picca, in che ginepraj entra, questo briacone! Se la
sbòrnia non ti fa distinguere i merli da' tordi, ci ho colpa io?

Insomma di parola in parola si riscaldò tanto la disputa, che Tonio,
il quale aveva un po' bevuto, mise le mani addosso alla Lena, la quale
però, benchè tutta lívidi, badava sempre a dire che erano merli. Questa
lezione per allora fece buono: si rimpaciarono presto, e de' merli
non si fiatò più: ma venuti l'anno dopo al giorno stesso che seguì il
litígio, ed essendo Tonio e la Lena a tavola tutti d'amore e d'accordo;
la Lena a un tratto:

--Ti rammenti, Tonio?... finisce l'anno.

--L'anno di che?

--Gua', de' merli.

--Ah, già: ma guarda che dirizzone tu pigliasti! E' dovevan esser merli
per te!

--Dovevan essere? erano, tu ha' a dire.

E d'una parola in un'altra si rinnovò la tragedia dell'anno passato;
e così avvenne per più anniversarj. La buona Lena era di complessione
delicata, e non troppo ben disposta di vísceri; per la qual cosa
spesso era costretta di ricorrere a medici ed a medicine: e Tonio
ne stava dolente, perchè, da piccosa in fuori, e un po' capricciosa,
era una buona moglie, e le voleva bene davvero, nè quelle sfuriate
periòdiche erano sufficienti a scemarglielo. Una volta, nel principio
dell'autunno, la malattìa si affacciò più minacciosa, ed il medico
storceva fieramente la bocca ogni volta che le andava a far visita,
nè celava i suoi timori al povero Tonio, il quale non sapeva darsene
pace. Ogni giorno la malattía si faceva più grave e più paurosa, e
ben presto ogni speranza si fu dileguata: e la povera Lena, sempre in
perfetta conoscenza, come sono generalmente sino all'ultim'ora i malati
di consunzione, si era già rassegnata a morire. Un giorno, verso la
fine di ottobre, avuti che ebbe i sacramenti, chiama lì al capezzale il
marito, e prendendolo amorosamente per mano:

--Tonino mio, gli dice con quel filo di voce che le rimaneva, io ti
lascio; ci rivedremo in paradiso. Ti ho voluto sempre bene; e ti chiedo
perdono, se qualche volta ti ho dato de' dispiaceri.

Il povero Tonio piangeva come una vite tagliata, e tra' singhiozzi
diceva:

--Lena mia, che dici di dispiaceri? tu se' stata sempre buona, e sempre
ti ho voluto bene. E se qualche volta... ti chiedo perdono io.

--Ah, di quei merli eh? Si avvicina il tempo, ed io sarò morta. Sì, ti
perdono ogni cosa. Ma ora ne sei persuaso che erano merli?

--Sì, via, povera Lena, eran merli.

La Lena fece un sorriso, porse la bocca da baciare al marito, e in quel
bacio spirò.

Questa Lena è símbolo dei Dinisti; e anch'io, per non vederne morir
qualcheduno, bisognerà che all'ultimo dia al capo Dinista un bel bacio,
esclamando:

--Sì, povera Lena, eran merli.



NOVELLA IV.

LE PÍLLOLE BACHÍCCHE.


Molti Fiorentini debbono ricordarsi di quel signore, con quella bella
barba bianca che gli scendeva fino sul petto, alto della persona,
sempre nobilmente vestito, il quale la sera dalle ventitrè alle
ventiquattro passeggiava su e giù per via Cavour, seguíto sempre da
un suo spropositato cane di Terranuova. Egli era Lombardo; ma era
innamorato di Firenze e della sua lingua; nella quale per altro non
fece gran profitto, perchè il suo Vangelo era il Vocabolario della
Crusca, l'Accademia era per lui la vera Chiesa cattolica, il signor
Arciconsolo il vero e legittimo Papa: e la sua cieca fede andava
tanto in là, che, sebbene valutasse e non impugnasse tutte quante le
manifeste prove, le quali chiariscono apòcrifa la Cronaca di Dino
Compagni, tuttavía, perchè la Crusca la tien vera, all'autorità della
Crusca sottometteva la ragione, e diceva di tenerla vera anche lui. Ma
questa sua cieca fede gli costò cara; e udite come e perchè.

Una volta, là nel 1871, il signore Lombardo, che per comodo chiamerò
Girolamo, era maledettamente infreddato, con una tosse che non gli dava
rèquie un momento; e come tutta la quinta impressione del Vocabolario
della Crusca egli l'aveva sulla punta delle dita, così, ricordandosi
che essa alla voce _Bachícco_, insegna che certe _Píllole bachícche son
buone per la tosse_, chiama il suo cameriere e gli dice:

--Va giù dallo speziale, e pígliami una lira di píllole bachícche.

Il cameriere, lombardo anch'esso, dubitando di scordarsi il nome
delle píllole, che ad esso pareva strano, pregò il padrone che glielo
scrivesse su un po' di carta; e il padrone glielo scrisse, accertatosi
prima, col vocabolario alla mano, di scriverlo bene. Arrivato alla
speziería, dove erano a cròcchio tre o quattro medici, per parer uomo
franco, non diede il foglio allo speziale; ma, ricordandosi bene il
nome delle píllole, che nello scender le scale aveva letto e riletto
più volte, così di punto in bianco, dice a voce piuttosto alta:

--_Una lira di píllole bachícche._

Que' medici a tal nome alzano tutti il capo; e lo speziale, dubitando
di aver franteso, domanda:

--Píllole come?

E quell'altro:

--Bachícche, bachícche.

Qui i medici danno in una gran risata; ma lo speziale, che era uomo
risoluto:

--O giovanotto, che venite qui per canzonare? Badate, potreste averci
poco gusto.

Il cameriere, sopraffatto da quella risata, e da questa ammonizione,
dubitò di avere sbagliato: cavò di tasca il foglietto, e dandolo
allo speziale, disse ch'e' non intendeva di canzonar nessuno, e che
aveva scritto così il suo padrone, il quale ne sapeva più di tutti
gli speziali di Firenze. E qui un'altra gran risata de' medici. Lo
speziale, piccato:

--Avete a dire al vostro padrone, che è una bestia: e, gettandogli in
faccia quel fogliolíno, uscì da banco.

Quando il signor Girolamo vide tornare il suo uomo senza le píllole; e
udì le insolenti parole dello speziale, non si domanda se montò sulle
furie. Si vestì alla meglio: piglia sotto il braccio il volume del
vocabolario dov'è la lettera B, entra dallo speziale, e senz'altre
parole:

--La bestia, signore speziale, è lei, non io. Guardi (e qui apre il
vocabolario), guardi qui. BACHÍCCO, _aggiunto di píllole buone per la
tosse_. Impari meglio la educazione, e prima di parlare ci pensi. Per
questa volta, passi.

A tale improvvisa rammanzína, che finiva in una mezza minaccia, lo
speziale non si potè tenere; e replicò che invece d'esser bestia lui
solo, erano bestie anche gli Accademici della Crusca; che le _píllole
bachícche_ non esistono, se non nella fantasia de' buffoni: che egli
non aveva paura di minaccie; e che si levasse di lì, o l'avrebbe
fatto pentire della sua arroganza. Il signor Girolamo, che era più
zolfíno[27] dello speziale, a quella antífona si sentì montar le vampe
alla testa; e ricopèrtoglisi il lume degli occhj, diede con tanta
forza sul capo dello speziale il volume della Crusca, dalla parte
della còstola, che gli fece uno sdrúcio[28] nel capo, e lo fece cadere
sbalordito. I tre medici, che tuttora eran lì, raccolsero quel caduto,
e lo medicarono; e il signor Girolamo, pentito di questa sua sfuriata,
se ne scusò come meglio poteva, mostrandone vivo dispiacere; e col
suo vocabolario sotto il braccio se ne tornava a casa: ma le Guardie
di pubblica sicurezza, che erano accorse al romore, informatesi del
fatto, lo raggiunsero per portarlo alla Questura; dove, dato ogni
buon recápito di sè, fu ritenuto il volume del Vocabolario, corpo del
delitto; ed egli, data ricca cauzione, fu lasciato libero, nel tempo
che s'istruiva il processo.

Negli interrogatorj diceva sempre che era stato egli il provocato; che
aveva chiesto le píllole bachícche come insegna la Crusca; e che, se lo
speziale era un ignorante da non saper che cosa sono, e da tenersene
beffato, ciò non gli dava il diritto di dar della bestia a lui. Pensò
poi a trovarsi un avvocato valente, non solo nella sua professione,
ma anche nelle lettere; e si preparavano tutti e due alla discussione
dinanzi al tribunale, la quale, cosa mirabile! non si fece troppo
aspettare.

Premeva allo speziale di metter in sodo che il signor Girolamo aveva
voluto schernirlo, col mandargli a chiedere quella roba che non è _in
rerum natura_; giustificando per questa via le sue acerbe parole contro
di lui, ed aggravando ad un tempo medesimo il procedere manesco del
suo avversario: premeva dall'altra parte al signor Girolamo di provare
che intenzione di schernirlo non ci poteva essere, perchè le píllole
bachícche ci sono bell'e bene; e di mostrare che l'avversario suo non
aveva niuna ragione di risentirsene, e molto meno di insultarlo per
ciò; e così parvificare di molto l'improvviso atto di sdegno e d'ira
del dargli il Vocabolario sul capo, perchè il sentirsi insultare a
torto fa perder la pazienza anche a Giobbe.

In favor dello speziale fecero testimonianza collettiva tutti gli
speziali di Firenze, che quelle píllole bachícche non ci sono; e che il
mandarle a pigliare da uno speziale, può ben credersi esser fatto per
celia: dall'altra parte l'avvocato del signor Girolamo dimostrava la
buona fede del suo cliente col Vocabolario della Crusca alla mano, il
quale registra queste _píllole bachícche_: e come i signori accadèmici
dichiarano solennemente di registrare nel Vocabolario sole le voci
_vive, usate e usabili_, così, o è vero che le píllole sopraddette
sono dell'uso vivo; o almeno il mio cliente ha giusta cagione di
crederle tali.

Il tribunale non potè non valutare questa ottima ragione, tanto più
che il signor Girolamo non era Toscano, da poter giudicare con la
norma dell'uso; e però, esclusa ogni malizia dal canto suo, dichiarò
essere stato condotto in errore dalla Crusca: aver lo speziale corso
troppo nel dargli della bestia; e per conseguenza attenuò di molto
il suo improvviso atto d'ira. Ma tuttavía, come la ferita ci era
stata, e lo speziale, il quale era dovuto stare otto giorni a letto,
si richiamava dei danni, così non potè il signor Girolamo passarla
liscia; ma fu condannato a una multa piuttosto grave, ed al rifacimento
dei danni in lire dugento, che egli pagò, sbuffando e maledicendo
la Crusca e i Cruscanti: le quali maledizioni si accrebbero a mille
doppj quando sentì, che, per questa cosa delle píllole, gli era stato
messo il soprannome di _Signor Bachícche_; il che fu cagione di fargli
abbandonare per sempre Firenze.

Vedete a che cose si trovano coloro che giurano sulla Crusca! La quale
però, saputa la forma della sentenza, e come vi si diceva che Ella
_aveva errato_, non che si ricredesse e correggesse l'errore; ma fece
solenne protesta al Ministero di grazia e giustizia, contro il _potere
giudiziario_, che si arrogasse il diritto di sentenziare in cose che
non sono di sua competenza, offendendo un collegio così venerando come
l'Accademia; e per di più commise al suo illustre Apologista di fare
un volume di difesa per le _píllole bachícche_; ed egli tosto si mise
all'opera, e ci lavora indefessamente da cinque anni. I Filòlogi ne
stanno in grande aspettazione, e tutti dicono che sarà un miracolo di
dottrina e di erudizione Filològica.



NOVELLA V.

LA DISCREZIONE DE' FRATI.


Quando si vuol tassare di indiscreta una tal persona, gli si suol
dire che la sua è discrezione da frati. Con molti esempj si potrebbe
chiarire tal dettato familiare: io voglio darvi il seguente, come me lo
ha raccontato un legnajuolo fiorentino. Udite.

Una mattina gli cápita a bottega un fratone zoccolante:

--Maestro, buon giorno; e cava fuori dalla manica la scatola del
tabacco, offrendone una presa al legnajuolo, il quale, dopo avergli
reso il buon giorno, lo ringraziò.

--Scusate, maestro, disse allora il frate: che ci avreste da darmi un
pezzetto di legno, lungo un dito o così?

E il legnajuolo:

--Volentieri, padríno. E trovato il legnòttolo, glielo porge con buon
garbo.

--Dio vi rimèriti e S. Francesco--dice il frate; e si volge per
andarsene; ma, come se gli venisse in mente una nuova cosa:

--A propòsito, disse, giacchè qui avete tutti gli arnesi, me lo
potreste piallare un pochino.

E il maestro pialla, e riduce al pulito.

--Ecco, séguita il frate, ora ce ne vorrebbe un altro pezzetto simile,
un poco più corto: vi rincrescerebbe a farlo per l'amore di S.
Francesco?

E il legnajuolo, che era un buon cristianello, storse[29] un poco, ma
trovò l'altro legnòttolo, e piallátolo, lo dette al caro frate; il
quale, simulando vergogna:

--Proprio mi rincresce d'incomodarvi; ma, oramai che siete stato tanto
buono per me, scusate, fatemi una tacca quadra quassù a un terzo del
legno più lungo, e un'altra simile nel mezzo de' mezzi al più corto[30].

Il legnaiuolo lo guardò, e fu per dirgli qualcosa di bello; ma, vedendo
quella faccia impietrita del frate, si rattenne; e presi i ferri da
ciò, si mise a fare le due tacche. Quando furon fatte:

--Caléttano bene?[31] domandò il frate: e l'artefice, dopo aver
provato, e limato qui, e smussato là:

--Ecco; vanno ottimamente.

--Ora compite l'opera: mettéteci un poco di colla, e unite insieme i
due pezzi.

--Ma, permìo![32] disse allora il legnajuolo stizzito: ci voleva
tanto a dirmi _Fàtemi una crocettína?_--E, scaldata la colla, incollò
i due pezzi, e diede al frate la crocettína bell'e fatta; il quale,
offèrtogli un'altra presa di tabacco, lo pagò della loro usata moneta
senza cònio: _Gesù vi rimèriti e S. Francesco_.

Il frate, pratico del mestiere, sapeva che, se di punto in bianco
avesse chiesto la crocettína, forse sarebbe stato mandato in pace; e
però trovò il ripiego che avete udito: e il legnajuolo, per non si
ricordare che i frati, come i ragazzi, _a dar loro il dito pigliano
tutta la mano_, perdè quasi un'ora di lavoro, restando sopraffatto
dalla indiscrezione fratesca. Ma ricordiámoci che i soli indiscreti
non sono i frati; e però scriviamoci in mente il proverbio qui sopra
allegato.



NOVELLA VI.

UNA SCOMMESSA.


In un cròcchio di giovani tutti studiosi, ma tutti svegli, nemici
dell'_ipse dixit_ e di ogni pedantería, ne cápita spesso uno, studioso
anch'esso e sveglio, ma cruscajuolo[33], e un poco pedante, il quale
benchè sia il rovescio degli altri, pure vi è ricevuto volentieri,
come colui che in fin de' conti è un buon diavolaccio, e serve di
molto spasso per le ingegnose difese ch'e' sa trovare a tutti i più
sbardellati spropòsiti del _Vocabolario novello_, le quali, non che
le sieno valutate nulla rispetto alla critica, ma sono mirabili per
i sottili partiti che il nostro Gabriello (chiamiamolo così) riesce
a trovare. Era un gran pezzo che que' giovanotti studiavano di farlo
rimanere senza difesa, nè mai era loro riuscito; quando una sera entra
tutto ridente il più arguto di loro, e vòltosi di punto in bianco
all'amico: «Quanto vuoi scommettere che ti costringo a confessare che
la tua Crusca ha errato?»

«Chi? tu? Scommetto quel che vuoi.--Una cena da pagarsi a
tutti.--Vada.--» Allora lo sfidatore va, e prende il _Glossario_:
sfoglia, sfoglia, e si ferma sopra il verbo _Affatare_, dove si
vede il lettore rimandato ad _Affaitare_. Va ad Affaitare, e legge:
«_Affaitare, Afaitare, Affetare e Affatare, Att._ Adornare, Acconciare,
Abbellire: _ant. franc._ Affaiter; _provenz._ Afaitar; derivati dal
lat. _Affectare_.

Ǥ 1. E per Affettare, Modificare, Impressionare. _Rim. Ant. F. Ser.
Noff. Oltr._ I. 161. S'io non mi sfogo... In dire e dimostrare, Come
giojoso amor m'affata e tene.»--Letto questo paragrafo, si voltò
all'amico, e: «Qui giace Nocco[34], esclamò: la tua Crusca pone
falsamente l'_affatare_ per forma varia di _affaitare_; ed è una delle
tante sue corbelleríe il voler far dire a quel rimatore, che amor lo
_affetta_, lo _modifica_, l'_impressiona_, cosa da fare smascellare
dalle risa Eráclito--«Adagio, replicò Gabriello: questo _affatare_ è
una delle tante contrazioni che facevano gli antichissimi; e, prese
le opere del Nannucci, fece un lago di quella erudizione Nannuccesca
tanto garbata, e lacerò per un pezzo le orecchie di quegli amici con un
diluvio di parolacce da fare spiritare i cani. Circa al significato poi
dimostrò come quattro e quattro fanno otto, che l'amore _affettava_,
_modificava_, _impressionava_, e _teneva_ il buon rimatore; e gli amici
facevano le più grasse risate. Quando ebbe detta e ridetto: «O sentiamo
ora, esclamò, che cosa significherebbe, secondo il mio avversario,
quell'Affatare.» E l'avversario rispose:

«Ci vuol poco: _Affatare_ lì è lo stesso che Fatare, Ammaliare...»
Gabriello gli troncò le parole in bocca, e si mise a beffarlo, come se
avesse detto il più spropositato spropòsito di questo mondo, provando
e facendo toccar con mano, che lì non poteva aver luogo l'_ammaliare_;
e che la Crusca spiegava bene, e da pari sua: e mentre Gabriello si
sbracciava a provare il suo assunto, e la infallibilità della sua
Crusca, Pietro, che era il suo oppositore, zitto zitto accostossi allo
scaffale, e preso il primo volume del Vocabolario novello, ritorna
al tavolino, e se lo pianta sotto le gómita, aspettando il fine
dell'apologia gabriellesca. Chetátosi Gabriello:

«Amico, ci siamo» saltò su Pietro: «dunque tu dici che la Crusca
registra bene _Affatare_ per _Affaitare_, fondandosi su quell'esempio
di Noffo.--Lo dico e lo mantengo.--Tu dici che _Affatare_ significa,
in quell'esempio, ciò che insegna la Crusca, cioè Affettare,
Modificare, Impressionare.--Lo dico, e lo mantengo.--E tu neghi che
in quell'esempio di Noffo, possa valere Incantare, Ammaliare.--Sicuro
che lo nego; e rido di chi vuol sostenere questa minchioneria.--Dunque
tu ridi della tua Crusca, e paga la scommessa. Leggi qui.»--E aperto
il volume primo del _Vocabolario novello_, gli pone sotto gli occhj
il tema _Affatare_, che si spiega Render fatato; e nel § I. legge
scolpitamente: «E per Incantare, Ammaliare.--_Rim. Ant. F. Noff. Oltr._
I, 161: In un giojoso stato mi ritrovo. Che 'n nulla guisa prende il
mio cor posa, S'io non mi sfogo, alquanto in mio parlare. In dire e
dimostrare, Come giojoso amor m'affata e tene.»

Qui tutti que' giovanotti diedero in un grande scròscio di risa; e
il povero Gabriello, vedendosi burlato con la sua Crusca, la quale
il medesimo esempio registra nel _Glossario_ in un significato, e
nel _Vocabolario_ lo registra in significato tutto diverso, gli
pareva di sognare[35]: lesse e rilesse, ora il _Glossario_, ora il
_Vocabolario_, e non credeva a' suoi occhj; pure, vedendo che pur
troppo la cosa era proprio in quel modo, prese il partito di volgerla
in burla, affermando che egli aveva fino allora difeso ogni spropòsito
più manifesto della Crusca, per emulare quell'antico filosofo, il quale
si mise a provare che la neve era nera; ma che tanto grossa non se la
sarebbe mai aspettata nemmeno dalla Crusca. Pagò bravamente la sua
cena, che fu gustosissima e allegrissima; e d'allora in qua non ha più
voluto saper nulla di Crusca nè cotta nè cruda[36].



NOVELLA VII.

IL GENIO D'ITALIA COL CAPO DI CAVALLO.


In quest'anno di grazia 1878, non dirò in qual città, ma per gli
esami di licenza liceale avvenne un caso grazioso e nuovo, se mai ne
fu. Tra' molti giovani, che erano andati là a farsi _licenziare_, ce
n'era uno, che i suoi compagni lo chiamavano per soprannome _Pepe_,
come colui che quanto era di ingegno vivacissimo, tanto era arguto e
pungente motteggiatore. Egli aveva sempre in ciascun esame ottenuto
tutti i punti, e passava per uno de' migliori giovani delle classi
liceali della sua provincia; ma dove negli esami precedenti si era
portato sempre con gravità, non si sa come gli venisse in capo di
fare allora una delle sue scappatelle. Gli avevano ferito la fantasia
quelli scritti del mio _Borghini_, dove si squadernano i garbati
errori di alcune opere del prete Tigri; e soprattutto gli era
sembrato incredibile quello dell'aver dato per istampa come ritratto
di Beatrice, quei versi co' quali Dante descrive un angelo; e non ebbe
bene, finchè non potè trovare e leggere co' proprj occhj quello che per
avventura avea reputato una spiritosa invenzione del periòdico nostro.
Quando per altro ebbe toccato con mano che, non solo era vero lo strano
errore, ma che per di più, cosa non osservata dal _Borghini_, il Tigri
racconcia per conto suo i versi di Dante, perchè dove questi dice:

  _Par tremolando mattutina stella,_

egli rifa con tanto garbo il verso così:

  _Appar lucente mattutina stella;_

allora e' si pose a leggere tutto lo scartabello Tigresco; e ne prese
piacevol diletto.--O come c'entra lo scritto del Tigri con l'esame di
licenza?--_C'entra sì_, dice Tommaso Scarafaggio nello _Scaramuccia_
del Donizzetti. State a sentire. Dunque, per tornare al nostro Pepe,
se negli altri esami si era fatto onore, in questo passò di lunga
mano tutti gli altri; nè gli sarebbe mancata súbito la più splendida
dimostrazione di plàuso, se, come ho detto più su, non gli fosse venuto
il ghiribizzo di farne una delle sue. Il tema della composizione
italiana era: _Le sciente e le arti in Italia nel secolo presente._
Pepe si mette a lavorare di tutta forza: a un tratto, mentre pensava
al come significare una sua idea, fu veduto ridere, e scuotere
il capo due o tre volte; poi rimettersi a scrivere col riso sulle
labbra. Finita la composizione, la mandò al suo destino; e come gli
esaminatori si aspettavano da lui maraviglie così la lessero con ogni
attenzione, e ogni tanto la lettura si interrompeva per approvare, e
notare le rare qualità dell'ingegno del giovane. Ma _in cauda venenum_:
egli chiudeva il suo scritto con un'apòstrofe al _Genio d'Italia_ (e
questo luogo comune fritto e rifritto non potè non dare fieramente
nel naso a que' professori), dove egli affermava che degnamente si
rappresenta esso Genio col capo di cavallo, per simboleggiare anche
il valore guerriero. A questa strana uscita, si scandalizzarono tutti
quanti; e parve ai più, che sotto quelle parole si volesse schernire
un cotale, che nelle cose della Istruzione fa alto e basso: il perchè
proposero di non dargli il voto, non facendolo passare all'esame: ma
poi fu vinto che si lasciasse in ponte la cosa, per accertarsi qual
cagione o ragione potesse avere si fatta stranezza. Laonde, chiamato
poco appresso il giovane, gli domandarono come mai egli avesse detto
quella castroneria del Genio d'Italia col capo di cavallo; alche egli
gravemente rispose: «Signori, io rimango proprio maravigliato di sentir
battezzare questa cosa col nome castroneria, quando l'ho tolta di
peso da una scrittura d'un letterato illustre e venerando, il quale
è stato fino adesso Ispettore scolastico, ed è, stupiscano signori,
ed è Uffiziale della _Corona d'Italia_ per i suoi meriti letterarj,
e per avere lodevolmente esercitato il suo ufficio.» I professori
dissero che ciò non era possibile: e il caro Pepe, cavatosi di tasca un
foglio color di rosa, stampato da tutte e quattro le parti: «Guardino,
signori; _charta cantat_.» E di fatto alla terza pagina di quel foglio,
dove si descrive un lavoro d'arte, si legge: «_E lodare (vorrei)
la naturale postura del Genio d'Italia appoggiato in atto doglioso al
suo scudo, che con l'equino capo appare símbolo del valore guerriero._»
Rimasero a bocca aperta que' professori; e stati un poco sopra di sè,
uno disse: «Ma qui non è obbligo intendere che il capo equino lo abbia
il Genio....»--«O chi l'ha?--interruppe il giovane.--Qui abbiamo un
Genio, e uno Scudo; e d'uno dei due questo capo gli ha a essere: il
Genio ha figura umana, E il capo sta bene che l'abbia lui; ed anche
secondo le regole della sintassi non può riferirsi se non a lui: se no,
mi dicano lor signori, se s'ha a intendere che il capo di cavallo lo
abbia lo scudo; ma sarà peggio il rimedio che il male.» Gli esaminatori
rivoltarono il periodo per ogni verso, e non seppero risolversi a chi
dare quel _capo equino_; e poi, vòlti al giovane: «Questo dev'essere
uno de' suoi garbati motteggi: ora la dica un po' qui _inter nos_ dove
vuol ella andar a ferire?» E Pepe ridendo: «Che vogliono, signori
miei, quando si vede, che a coloro i quali dicono tanti e mai tanti
spropòsiti, come questo Tigri, il quale, in uno scritto di due pagine,
lì proprio di séguito allo sformato errore dantesco, e' ci mette
questo del _capo equíno_, che non si sa di chi sia; quando si vede
che a' così fatti si danno gelosi ufficj nelle cose della Istruzione,
e si danno altresì delle onorificenze; e si vedono dall'altra parte
trascurati tanti e tanti, che davvero sanno il conto loro; a che noi
altri giovani ci dobbiamo travagliare dietro agli studj, e sudare per
farsi da qualcosa? È meglio copiar gli spropòsiti di quei fortunati,
per vedere se anche a noi fruttano ciò che fruttarono a loro.» I
professori non poterono non riconoscere più che giuste le parole del
giovane studente; e confortatolo a mantenersi, quale è, amante dello
studio, gli fecero sperare che tali abusi dovevano necessariamente
cessare: poi, non solo gli dettero pieno plàuso; ma gli diedero quelle
maggiori attestazioni che si possono dare in simili casi; e Pepe tornò
in famiglia contento come una Pasqua.

Rimane però sempre da sciogliere il dubbio a chi, se al Genio d'Italia,
o allo Scudo appartenga quel _capo equino_ dell'illustre Tigri; ed a
sciogliere tal dubbio secondo le regole della sintassi e della logica,
potranno provarsi i lettori del presente racconto, che è in ogni sua
parte verissimo.



NOVELLA VIII.

SERO SAPIUNT PHRYGES.


E' ci fu, a' tempi del re Pipino, un certo villanzone chiamato Libáno,
il quale aveva la smania di tenere il più bel par di buoi che si
potessero vedere in tutti que' contorni, e gli soggiornava[37], e gli
lisciava, che neanche fossero stati figliuoli. Alla mangiatoia gli
teneva legati lentamente con piccola cordicella; e nell'estate, perchè
non affogassero dal caldo, andato via il sole, lasciava spesso l'uscio
aperto: «Tanto, dove hanno a stare meglio di qui? Non son minchioni
a scappare!» Ma i cari buoi, i quali hanno di molto cervello e poco
giudizio, che è e che non è, si diedero l'intesa[38]; e un giorno
che Libáno, secondo il solito, ebbe aperto l'uscio della stalla, non
curando tanta pasciona e tante carezze, l'uno dette a leva col corno al
cappio della corda dell'altro, e cheti cheti se la batterono, mentre
il padrone era nel campo a far erba, e l'Artemona sua donna preparava
quella po' di minestra[39]. Intanto eccoti Libáno col fastello, e
súbito corre alla stalla per dare quell'erba fresca fresca a' suoi
buoi. «Artemona, Artemona, o i bovi dove sono?» E l'Artemona corre
tutta sottosopra. E i bovi? O non ci sono?» Il povero Libáno era più
morto che vivo: «Ah ingrati! Che vi potevo far di più? Credete di
trovare una miglior mangiatoia? (allora a' ladri non ci si pensava
nemmeno). Artemona, serra bene la stalla» L'Artemona, benchè dolente
anch'essa, non potè tenersi che non facesse bocca da ridere alla tarda
cautela di Libáno; e scotendo il capo chiuse la stalla. Il pover'uomo
girò e rigirò per tutti que' contorni; ma i bovi non furono più
trovati. Fino a quel tempo, volendo significare una cautela o rimedio
preso tardi, od invano, si usavano i proverbi _Sero sapiunt Phryges_, o
_Cumani_ (troppo tardi metton giudizio i Frigi); e _Post rem devoratam
ratio_ (consumata la roba, fa i conti); ma dopo il fatto di questo
Libáno si cominciò a dire _Chiuder la stalla quando sono scappati i
buoi_, ed è rimasto nell'uso comune del popolo.



NOVELLA IX.

IL MIO CIUCO È ANDATO SEMPRE DI QUI.


Un merciajo ambulante soleva andare ogni due mesi in paese di montagna
con la sua merce, che egli caricava sopra un ciuchetto; e come quelle
massaje lo attendevano, così egli la vendeva tutta, e ritornava in giù
con un buon grúzzolo di quattrini. Le strade, per le quali bisognava
passare, sarebbero state, per dirla con Dante, alle capre duro
varco; ma quel buon ciuco, ci aveva fatto i piedi, e vi passeggiava
speditamente. Avvenne che, dolendosi tutti quei paesani di strada sì
scellerata, il comune si indusse a farne un'altra molto più còmoda, e
la strada antica fu per conseguenza abbandonata da tutti. Ma il caro
merciajo, no signore, non volle abbandonarla, e sempre passava di su
quel trabiccolajo[40]; della qual cosa facendo le sue massaje gran
meraviglia, rispondeva: «Oh, sapete com'è? il mio ciuco è andato sempre
di lì, e di lì vo' andare.» Da quel tempo in qua si ápplica tal motto a
coloro i quali o non si vogliono indurre ad accettare veruna varietà, o
sono stoltamente tenaci di ciò che hanno sentito dire ai loro maestri,
anche se que' detti sono castronerie[41] manifeste. E non tutti i
così fatti sono gente volgare, tanta è la forza del pregiudizio, e
forse anche la smania di rendersi singolare, o la picca, o qual'altra
passioncella si voglia. Il Rossini non volle mai viaggiare per le
strade ferrate! E alcuni adesso si ostinano a credere autèntica la
cronaca di Dino Compagni, perchè il Giordani la lodò, e la sentivano
lodare alle scuole!!

Tal proverbio, che ha riscontro nel proverbio latino _Claudi more
tenere pilam_ (reggersi a' pilastri come lo zoppo), è spiegato dal
Manuzio ne' suoi _Adagj_, il quale dice essere appropriato a coloro
«che pèndono dal giudizio altrui, e si fondano sull'altrui autorità,
come coloro a' quali sta per ogni argomento il poter dire _Ipse
dixit_.»



NOVELLA X.

DI UN FRANCESE CHE VOLEVA DIGIUNARE


Un gentiluomo francese, curioso di veder l'Italia, si partì da Parigi
con intenzione d'osservare e di fare una memoria distinta delle cose
più memorabili che vedrebbe nel suo viaggio. Arrivato in Bologna,
volle trattenervisi. Partito dal suo albergo il giorno seguente assai
per tempo, andò per due ore girellando per la città. Dopo averne
vista la maggior parte, tornò con grandissimo appetito all'osteria, e
nell'entrare disse súbito all'oste; Signor oste, voglio _digiunare_
oggi.--L'oste credendo che il gentiluomo per certa divozione volesse
digiunare davvero, rispose:--Vostra signoría è padrone.

In quel mentre il gentiluomo salì su in camera sua, e scrisse per un
buon pezzo le cose osservate. Ma, stimolato dall'appetito e dalla sete,
lasciò di scrivere, e s'affacciò alla finestra, chiamando l'oste, a
cui disse: Signor oste, v'ho detto che volevo _digiunare_ stamattina;
ve ne ricordate?--Lo so, soggiunge l'oste, e me ne ricordo.--Il
gentiluomo senz'aspettare altro, tornò a scrivere; ma un quarto d'ora
dopo, mosso e dalla fame e dalla sete, chiamò di nuovo l'oste, e con
voce sdegnosa gli disse:--Che modo di procedere è questo? non v'ho
detto un'ora fa, che volevo _digiunare_ stamattina?--È vero, replicò
l'oste, e vostra signoría è padrone di digiunare anche tutto il
giorno.--Come, come? disse l'altro; tutt'il giorno! non ho mangiato
ancora niente! voi mi burlate. Voglio mangiare: portatemi da mangiare
e da bere.--Se vostra signoría vuol mangiare e bere, non vuole adunque
digiunare, soggiunse l'oste; perchè _digiunare_ vuol dire non mangiare
e non bere.--Allora il Francese accortosi dell'equivoco, piacevolmente
disse:--Sia maledetto il _digiunare_; dovevo dire Far colazione. Mai
più dirò _digiunare_, chè troppo bene ho imparato a mie spese, che cosa
è _digiunare_».



NOVELLA XI.

IL SARTO RADDIRIZZAGOBBI.


Si fa un gran dir per Firenze di quel tale omiciáttolo gobbo e
stralinco[42], il quale, anni addietro, un po' col ripicchiarsi, un po'
col far le moíne a questo e a quello, e un altro po' sforzandosi quanto
poteva di coprire i suoi sformati difetti, aveva saputo tanto fare, che
era pur passato, non colo per un uomo come gli altri, ma aveva fatto
anche, come suol dirsi, qualche passioncella. Costui dunque, vedendosi
accarezzato e celebrato, volle imbrancarsi co' signori, e bazzicare gli
eleganti; ma guárdalo bene oggi, guárdalo meglio domani; tóccalo qui,
tástalo qua; molti cominciarono a ridere alle spalle sue, e chi gli
dava un soprannome, chi un altro tutti allusivi alla sua contraffatta
persona. Coloro peraltro che sino allora lo avevano lodato, e
giudicátolo un uomo bello e ben fatto, volevano pur dare ad intendere
che tutti quei difetti non ci fossero; e: _Vedete_ dicevano, _e' par
gobbo, ma è il vestito che sulla spalla gli fa borsa: quel naso a
petonciano, gli è perchè gli ci fu tirato una pera mézza: quegli occhj
guerci, e' fu ferito in duello: quelle gambe torte, sono i calzoni
fatti male, e gli stivali troppo stretti..._ E così a tutte le magagne
infinite si trovava il suo rimedio; e sempre si conchiudeva; _ma però è
un bell'uomo_. Gli eleganti facevano le più grasse risate di sì fatte
difese; e già il povero sghengo[43] si vedeva al perso; quando gli fu
detto, esserci un bravissimo sarto il quale lavorava così bene, che di
certo lo avrebbe, rivestendolo egli, fatto parer diritto, come il più
bell'uomo del mondo.--_O dove sta?--Là sulla piazza di S. Marco: vedrai
il cartello, il quale ha per insegna un tacchino che fa la ruota._--E
il gobbo, via com'un bárbero dal sarto bravo.--Signor Maestro, vorrei
tutto vestiario; vede, ho qualche difettuccio nella persona; mi hanno
detto che lei...--Il sarto squadra l'amico da capo a piedi: tasta
per tutto; e poi con solenne gravità:--Lei è un uomo come gli altri:
qualche coserella qua e là c'è; ma si rimedia facilmente. Lasci fare
a me, chè la tornerà meglio che nuovo.--E prese diligentemente le
misure, gli disse:--Tra otto giorni le riporterò ogni cosa da me; e
la manderò fuori, che tutti non faranno altro che dire; e chi la
canzonava resterà canzonato lui.--Lo sghengo va via tutto contento; e
il bravo sarto si mette a pensare il miglior modo di raddirizzarlo,
nè vi posso dire quanto mai ci si stillasse il cervello, e per quanto
tempo facesse aspettare la sua raddirizzatura, facendo, disfacendo,
rifacendo, rimpolpettando[44]. All'ultimo (pover uomo! ci aveva fatto
il capo) pensò: «Farò al mio diletto cliente il più perfetto ábito
che io abbia fatto in vita mia per il più ben formato uomo che mi sia
capitato da vestire; e quando il cliente se lo metterà, sfido io, se e'
parrà bello e diritto!» E lì col capo sul lavoro; e dopo pochi giorni
glorioso e trionfante glielo riporta; e lo sghengo più glorioso e
trionfante di lui, se lo mette addosso, e va fuori. Che volete vedere?
Quel vestito era fatto con tutte le regole dell'arte, e sarebbe tornato
perfettamente a qualunque persona ben formata; ma, posto addosso a quel
mostro, faceva rifiorir più che mai le sue magagne, e lo faceva parer
più sghengo che mai. Insomma bisognò che gettasse l'abito su un fico,
se non volle morire arrabbiato tra' fischi e gli urli del popolíno;
e anche il povero sarto diventò la favola di Firenze, e bisognò che
smettesse il mestiere, perchè niuno ci si volle più servire, tenendo
per fermo ch'e' dovesse aver perduto il cervello a pretender di
raddirizzare li storti col vestito fatto a regola d'arte.

Ed aveva ragione. Questo buon sarto doveva sapere il proverbio delle
camíce de' gobbi, che si tagliano storte, e riescon diritte; e lui
invece si era così confusa la mente, per la smania di raddirizzare
il gobbo, che a ciò credeva bastare il mettergli addosso un vestito
tagliato a regola d'arte. Sarebbe l'istesso, a male agguagliare, che
un critico si pensasse di far apparir vera la _Cronica_ del Compagni,
riducendo alla retta cronología tutti gli infiniti errori cronològici
di essa. La cronología sarebbe la vera, ma non istarebbe bene con la
cronaca: la quale cronologicamente è sbilenca per natura, perchè il suo
autore, non solo ha scritto gli errori, ma gli ha ribaditi in altri
modi. Ridotta la cronología sarebbe ridotta più stralinca la _Cronica_:
sarebbe il vestito tagliato secondo l'arte, il quale, messo addosso al
gobbo, lo fa più gobbo che mai, e fa morir dalle risa chi lo vede, e fa
tenere il sarto per matto.



NOVELLA XII.

DEL FRATE CAMBIATO IN ASINO.


Un contadino gelato dal freddo, smontò di sull'asino per camminare a
piedi: il che vedendo due francescani, che in Francia sono chiamati
_cordeliers_ disse l'uno al compagno:--S'avessi io un asino, non sarei
tanto pazzo di condurlo per la briglia, ma bensì mi farei portare
fin al convento.--L'altro ch'era di umor allegro, soggiunse:--Mi
basta l'anima di fare una burla a quel contadino, e levargli l'asino,
purchè vogliate darmi un poco d'ajuto. Acconsentì súbito il frate,
e pian piano s'accostarono ambedue al contadino, senza che se ne
accorgesse. Levò il francescano con destrezza la briglia al ciuco e
se la mise al collo seguitando il contadino; mentre l'altro con la
cavezza lo condusse in disparte. Quindi a non molto, il contadino
volendo rimontare sull'asino, si volse indietro; ma ebbe a morir di
paura vedendo tanta metamòrfosi. E gridando con pietosa voce ohimè!
ajuto! fu fermato dal francescano, che prostrátosi in ginocchioni
richiedeva con grande umiltà la sua libertà; dicendo, che per i suoi
disordini, e l'enormità de' suoi peccati, era stato condannato a tale
trasformazione; e che ora essendo venuto il termine della penitenza,
era tornato al primo essere. Il contadino alquanto rasserenato, non
solo gli diede la domandata libertà, ma, non accorgendosi della burla,
scioccamente soggiunse:--Andate in santa pace; adesso non mi meraviglio
più, se dopo una vita tanto disordinata, siete riuscito un così cattivo
animalaccio. Il frate si partì, dichiarandosegli obbligato, ed andò a
ricercare il compagno. Quando videro i frati dilungato il poveraccio
contadino, per altra via si condussero ad una terra vicina. Pochi
giorni dopo, pregarono i francescani un amico loro, che si compiacesse
d'andare alla fiera per vendere quel ciuco, come di fatto io vendè;
e mentre andava col compratore per ricevere il pagamento, venne
loro incontro il primo contadino, che riconoscendo il ciuco, disse
al compratore, che lo pregava d'ascoltare una parola in disparte; e
domandatogli di chi fosse quella bestia, il compratore rispose:--L'ho
comprato adesso adesso, ma non l'ho pagato. Deh! per vita vostra,
replicò il contadino, rendetelo; non lo pagate. Non siate tanto
sciocco di credere, che quella bestiaccia sia un asino: è l'anima d'un
francescano ch'è tornato nelle sue dissolutezze. Rendetelo: vi dico io
ch'è il più tristo animalaccio di quanti n'abbia il mondo, ed a me ha
fatto venire la rabbia centomila volte.



NOVELLA XIII.

SETTE DI VINO.


Vi fu una volta un Lanzo, di quelli che facevano la guardia al tempo
de' Medici, il quale avendo poche crazie da spendere pel desinare,
si mise a fare il conto come le avesse a spendere, e diceva:«_Sette
divino; tanto della tal cosa, tanto della tal'altra, ecc_.» e
mancandogliene, o per il pane o per altro incominciò più e più volte
a far il conto, ma sempre cercava di scemare sulle altre cose, e sul
vino mai; e incominciava ogni volta: _Sette di vino_. D'allora in
poi _Sette di vino_, si prese ad usare per significare ostinazione o
cocciutággine. Per esempio: «_La cosa è più chiara della luce del sole;
ma i Dinisti sette di vino_.» Questo Tedesco fu per avventura inventato
sopra l'antico poeta Filosseno, per il quale fu fatto il proverbio
_Philoxeni non_ (il no di Filosseno,) che soleva usarsi specialmente,
come nota il Manuzio, quando alcuno ostinatamente o negava, o
rifiutava, o non voleva in alcun modo recedere dalla propria opinione.
Questo Filosseno fu tanto cocciuto che sopportò di esser condannato
alle miniere, piuttosto che approvare e lodare i versi di Dionísio.



NOVELLA XIV.

UNA GITA DEGLI ALPINISTI SUL MEDIO EVO


Anni sono si fece un gran ridere di quel tale che, studiando
attentamente una carta geografica, domandato che cosa cercasse,
rispose: _Cerco il Medio evo, del quale parlano spesso le storie_;
e come egli è ancor vivo e verde, tutti, ed egli lo sa, lo mostrano
a dito per ciò, e gli amici suoi spesso spesso ne lo mettono in
canzonella. Accadde non molto tempo fa che al nostro Carlíno (colui dal
Medio Evo) capitò tra mano la _Guida della Montagna pistojese_ di quel
talentaccio dell'illustre e venerando prete Tigri, cittadino pistojese;
leggendo la quale s'imbattè a pagina 143 nel seguente periodo: «Su
questo poggio rimangono ancora le antiche torri, avanzo di tali arnesi
di guerra del medio evo, alto sul livello del mare metri 822.»

Lette tali parole, fece un salto dall'allegrezza; e fregandosi le mani,
esclamò: «Lo vedete se avevo ragione? E quei ciuchi mi canzonavano!»
Il nostro Carlíno era della società degli Alpinisti, come erano que'
suoi amici che spesso lo canzonavano; e però la sera medesima si mise
in tasca la sua brava Guida del Tigri, e andato là, quando vide che vi
erano tutti: «Dite un po', amici carissimi, non siete voi quelli che mi
canzonate sempre del Medio evo? Guardate qui;» e fece leggere ad uno
per uno quel periodo, che parla del Medio evo alto sopra il livello
del mare. E letto che ebbero: «Che vi pare, continuò, avevo ragione
di cercare il Medio evo sulla carta? Imparate a far il dottore, ed a
schernire quelle cose, che la vostra ignoranza vi fa credere errori.
Ecco qui: il Medio evo, signori riveriti, è uno dei più graziosi
monti dell'Appennino pistojese; e non ve lo dico io, ma ve lo dice
il più illustre fra' pistojesi scrittori, il veneranda prete Tigri.
Ridete ora di lui, se avete coraggio.» Quegli Alpinisti si guardarono
sbalorditamente in viso l'un l'altro, non sapendo raccapezzarsi come
stesse quella cosa del Medio evo alto sopra il livello del mare 822
metri: e come tra loro i più non erano áquile per la dottrina, tennero
vere le parole di Carlíno e del venerando Tigri; e proposero di andar a
fare una gita su questo Medio evo, per la quale assegnarono il giorno
del prossimo giovedì. Fra que' buoni diavoli vi era un capo armonico,
il quale più e più volte aveva riso alle spalle del Tigri per questo
singolare error di sintassi, e per gli altri suoi sformati spropòsiti
di ogni genere: a costui, che si chiamava Pietro, venne in mente di
pigliarsi un poco di spasso de' suoi colleghi e del prete Tigri ad un
tempo; e però, affinchè il loro abbáglio non si dileguasse per istrada
col domandare che facessero di questo Medio evo; egli disse che altra
volta vi era stato, e si profferse loro per guida. Venuto il giovedì,
la mattina a brúzzico erano tutti in punto, e sfilarono gloriosi e
trionfanti su per Capo di strada, scortati da quattro muli carichi
d'ogni ben di Dio.

Pietro aveva detto loro che il Medio evo era un grazioso poggio a
levante di Popíglio; e però sarebbe stato opportuno il fermarsi a
fare uno spuntino a Popíglio, per poi andare con maggior lena al
termine della loro gita, e quivi sulla sera fare un buon pasto. I
valorosi Alpinisti, cominciata che fu l'erta, salivano potentemente e
allegramente su per quei monti, di sorte che arrivaron lassù a Popíglio
senza punto sentirsi stanchi; dove rinfrescátisi, e trattenútisi
un'oretta o così, ripresero via per quella piaggia deserta, nè penarono
molto ad offrirsi dinanzi a' loro occhi alcune torri diroccate,
alla vista delle quali Pietro esclamò: «Compagni, èccoli là quegli
_arnesi_ del venerando prete Tigri: gli arnesi di guerra che là
vedete sono gli avanzi di quel Medio evo, che nel tempo dei tempi fu
ricetto inespugnabile de' baroni di S. Marcello; e la cui memoria ha
rinfrescata l'illustre guidajuolo della nostra montagna. Lassù moviamo
il passo animosanmente: lassù ammireremo e mangeremo.» E tutti mossero
animosamente i loro passi, gridando: _Viva il Medio evo, Viva il
Tigri_!

Quella orribile pettata[45] per altro parve loro molto faticosa, ed
arrivaron lassù mezzi trafelati; ma non senza ammirare la òrrida
bellezza del luogo, non senza una lieta compiacenza di aver superato
in sì piccolo tempo una vetta sì ardua. Calmátosi lo stupore, si
risentì l'appetito; e si cominciò a discorrere di mangiare. Si
svaligiarono i muli: si distese la tovaglia su un bel prato, e tutti
cominciarono a mangiare, dandoci dentro di santa ragione, e trincando
come tanti Lanzi. Prima di alzarsi furono fatti brindisi, cantate
canzoni simposíache, dette, come suol farsi, un mondo di barzellette:
all'ultimo Pietro fece un brindisi al Tigri di questo tenore: «Beviamo
alla salute dell'illustre e venerando abate Tigri, stupendo cantore
delle castagne e dei necci, nel suo gran poema _Le Selve_: duce e
lucerna di queste montagne nella sua Guida e nella sua celeberrima
_Selvaggia_: scopritore novello del Medio evo, dove ora ci rallegriamo.
Beviamo alla salute del gran letterato, onore di Pistoja e delle
Cortine[46].» E qui si gridarono furiosi _Evviva_; si votarono parecchj
bicchieri: poi tutti si alzarono, e passo passo ritornarono a Popíglio,
dove passarono la nottata, per tornare a Pistoja la mattina appresso,
come veramente fecero. Pietro aveva parlato con un suo amico della
celia che voleva fare a quegli Alpinisti ignoranti, e indettátosi con
esso per farla essere più solenne: di fatto, quando i rèduci dal Medio
evo furono verso la porta al Borgo, si fece loro incontro una brigata
di giovanotti, che gli accolsero a risate ed a fischj. Pietro, che
era di balla, si fece avanti, ed a nome di tutti i compagni, rampognò
acerbamente il villano procedere di quei giovani, verso persone
benemerite della scienza alpinista. Allora uno di essi giovani, a nome
di tutti rispose beffardamente: «Bellina quella scienza, che va a
cercare il Medio evo sulla montagna! Asini che non siete altro!» Qui ci
fu un gran battibecco[47]; gli Alpinisti citavano l'autorità del prete
Tigri; quegli altri rispondevano parole di scherno; e si sarebbe certo
venuti alle mani, se Pietro, chiamato da parte il capo di que' giovani
schernitori, il quale era appunto l'amico con cui si era indettato, non
si fossero trovati d'accordo a cessar per allora la lite, e rimettere
la cosa al giudizio di persone competenti. Si prese dunque il partito
di ritrovarsi il giorno di poi, quattro di ciascuna parte, alle
_Stanze_[48]: quivi si sceglierebbero di comune accordo i giúdici; e
poi quel che dicessero essi, si avesse per rato e per fermo. E così fu
fatto. Scelti i giúdici, fu disteso il quesito nella forma seguente:
prima si raccontò per filo e per segno come la cosa era andata,
cominciando da quel passo della _Guida della Montagna pistojese_, della
quale si mandava a' giúdici una copia, affinchè lo vedessero lì al
luogo suo; e poi si domandava: «C'è ragione sufficiente da schernire
gli Alpinisti, che sono andati al Medio evo, quando il più illustre
letterato di Pistoja mette il Medio evo sulla Montagna pistojese?»

La commissione giudicatrice, studiato e ristudiato il passo della
_Guida_, ponderato, ventilato, stacciato e abburattato ogni cosa,
rispose con questa sentenza: «Secondo le regole della sintassi, nel
luogo della Guida, quello che è alto 822 metri sopra il livello del
mare non può essere se non il Medio evo; e questa intelligenza è
confermata dalle parole _avanzi di tali arnesi di guerra del Medio
evo_, come quelle che sembrano dire, quegli arnesi essere già stati
le fortificazioni di un tal paese, e non di un tal tempo. Il lettore
erudito per altro, il quale sa che il Medio evo non è se non un periodo
di tempo, cerca a che cosa mai può essere riferibile quell'_alto sopra
il livello del mare_; e vedendo in cima al periodo le voci _questo
poggio_, si accorge che lo scrittore, ignorante delle regole elementari
di sintassi, non si è saputo fare intendere; ma che ha voluto proprio
riferire alla voce poggio quell'_alto sopra il livello_. Ma noi
parliamo di lettori eruditi. Chi per altro non va tanto in là con la
erudizione, e non intende se non ciò che suonano la parole, e ciò
che la sintassi consente, intende necessariamente che il Medio evo è
alto sopra il livello del mare, e che per conseguenza è un luogo, non
un tempo: il perchè giudichiamo che i signori Alpinisti non sieno da
schernire, se l'hanno inteso così, e, se mossi dalla grande autorità
dell'illustre Tigri, hanno fatto la loro gita al Medio evo. Tutta
quanta la colpa pertanto vuol recarsi alla ignoranza dell'illustre
Tigri: se qualcuno merita riprensioni e beffe, è lui solo e non altri.»

A tal sentenza le parti si acquietarono: si rifecero le paci; e la sera
fecero tutti insieme una bella ribòtta, mangiando, bevendo e ridendo
allegramente.



NOVELLA XV

IL DIAVOLO SCOLARO DE' GESUITI.


Quanti fossero i giochetti, i gingilli, le arguzie, per via delle
quali si infondeva la scienza ne' giovani scolari dai R. R. Padri
Gesuiti, lo sanno tutti coloro che punto punto conoscono la storia
della pede....--no, volevo dire della pedagogía italiana, e ne fanno
tuttora testimonianza parecchie opere scolástiche composte da loro, tra
le quali basti guardare il _Miles Rethoricus_ del P. Forti. E non solo
ne' libri di testo, ma anche negli esercizj giornalieri della scuola i
maestri tenevano esercitato l'ingegno de' giovani in fanfaluche di ogni
maniera, tra le quali una, che per dir vero non è al tutto sgarbata, mi
darà materia a questa Novella.

Quando nel Collegio Cicognini di Prato vi erano i Gesuiti, un maestro
di rettòrica, del quale non so dirvi il nome, essendosi una mattina
dimenticato di preparare il tema per la composizione del giorno
di poi, dettò a' suoi ragazzi il seguente raccontino: «C'era qui
ne' contorni di Prato una famiglia composta di padre, madre e due
figliuoli, l'uno di quattro o cinque anni, l'altro tuttora in fasce.
Il padre aveva allevato un capretto, e lo teneva per casa: avvenne che
una domenica mattina, andando egli e la moglie alla messa, lasciarono
il bambino piccino in custodia all'altro fratello, il quale, scambio
di badare al fratellíno, stava a ruzzare col capretto: il bambino
che era nella culla, cominciò intanto a strillare e a smaniare; e
quell'altro, dátogli ora l'un balocco ora l'altro, nè trovando il
verso di racchetarlo, all'ultimo gli diede un coltello; ma egli tutto
stizzito, come fanno spesso i bambini, glielo tirò contro, e colpì
nella gola il capretto, che era appunto lì presso la culla: il capretto
si inviperì, e dando delle forti cozzate nella culla, la sfondò, e
venne a dare una cozzata sì spietata al bambino che lo ammazzò. L'altro
fratello, spaventato, e temendo il furore del babbo, apre una finestra
che riusciva sul pozzo, e vi salta dentro. Intanto eccoti la madre,
la quale, veduto quello spettacolo, fece un laccio, e s'impiccò: il
marito, tornato poco di poi, al vedere quella spaventevole strage, fu
còlto da apoplessía e morì istantaneamente.»

Il Padre Maestro, dettata questa storiellina, disse a' suoi giovani:
«Su, ragazzi, a chi riesce di metter questa storiellina in meno versi
latini, quello avrà il tal premio così e così.» Immaginatevi se que'
ragazzi s'arrabattavano; ma nè i grattamenti di capo, nè il rodersi le
ugne potevano fare che niuno la potesse mettere in meno di dieci versi.
Uno di essi, il più studioso e il più vispo, si era messo in capo
di farla in un solo distico; ma sì! aveva almanaccato per quattro o
cinque ore, nè gli si apriva il più piccolo spiraglio; il perchè, preso
dalla stizza, e pure impuntato di voler fare quel distico, gli scappò
detto: _Lo vo' fare quand'anche m'avessi a raccomandare di Diavolo_. Il
Diavolo, il quale come sapete è quel _Leo rugiens, che circuit, quærens
quem devoret_, udite tali parole, gli comparve súbito in forma d'un
bel giovinetto per non ispaventarlo, e gli disse: «Senti, Ignazino, il
distico te lo detterò io; ma se tu mi prometti di ajutarmi in un mio
disegno.»--«Bene, disse il giovane, èccomi qua: ma bada, me tu m'ha'
a risparmiare.--Sta bene, disse il Diavolo; e gli dettò il seguente
distico:

  Hircus cum puero, puer alter, sponsa, maritus,
    Cultello, lympha, fune, dolore cadunt.

Dettato il distico, Berlic[49] disse a Ignazino che si ricordasse della
promessa, e badasse bene di mantenerla, o lo porterebbe all'inferno
in anima e in corpo. Ignazino giurò; e si lasciarono da buoni amici.
Venuta l'ora della scuola, niuno degli scolari era riuscito a nulla di
buono, e il nostro ragazzo, se ne stava in un cantuccio, gongolando fra
sè. All'ultimo si alzò, e: _Padre maestro, io l'ho fatto in un solo
distico_. Tutti si meravigliarono, mostrandosi desiderosi di udire tal
distico, che appena letto, rimasero mezzi sbalorditi: e quel ragazzo
ebbe il premio, e lodi sopra lodi dal maestro e da' superiori. Berlic
si lasciò rivedere il giorno appresso, e trovato Ignazino tutto lieto
e contento, gli disse: «Senti, Ignazino, per una mia bizzarria, vo'
venire qui alle scuole de' Gesuiti; agévolami l'ammissione, che non te
ne pentirai.» E il nostro ragazzo tanto fece, che Berlic fu accettato
come scolare esterno nelle scuole de' Gesuiti, dopo uno splendido esame
che egli sostenne. Ammesso ch'e' fu, seppe così insinuarsi nell'animo
de' superiori, e seppe dar tali prove d'ingegno e di dottrina, che
in pochi anni diventò il _factotum_ del Collegio, e si può dir che
tutta la musica andasse alla sua battuta: nè c'è da demandare se egli
se ne prevalesse per venire a' suoi fini: al qual effetto avendo già
destinato di servirsi di Ignazino, che già era diventato Padre Ignázio,
lui sempre ajutava in tutte le occorrenze, per forma che prese fama
di uomo solennissimo, e ben presto ebbe i primi gradi dell'Ordine, e
faceva alto e basso, massimamente nelle cose d'istruzione, la quale
egli ordinava e governava secondo il consiglio del fido Berlic. Questo
diavolo accorto non lasciava scoprire a P. Ignázio il suo fine
perverso; e tanto sapeva aggirarlo e offuscargli la mente, che non
conosceva il veleno nascosto negli ordinamenti e nelle dottrine, cui
egli faceva insegnar per le scuole. Il giuoco durò per un pezzo: durò
tanto che il seme gettato dal diavolo fruttò largamente per le scuole
de' Gesuiti; e P. Ignázio morì disperato, accortosi troppo tardi del
male fatto alla civiltà per suggestione diabòlica.

Berlic poi, il quale è il diavolo delegato alle cose della Istruzione,
si dice che cerchi di far sua arte da capo, ma per altro verso, qua in
Italia; e però stia attento il Ministro, e badi di non fare come P.
Ignázio.



NOVELLA XVI.

L'IPÒCRITA CÓLTO AL LACCIO.


Cominciando da Gesù Cristo, e venendo giù giù noverando i grandi
uomini di 19 secoli, tutti hanno predicato che gli ipòcriti sono
la peggior canaglia che viva sotto la cappa del sole: e sono da
reputare benefattori dell'uman genere coloro che gli scherniscono, o
qualche volta riescono a strappar loro la maschera, scoprendo la loro
furfanteria. Essi quanto sono tristi tanto sono furbi: pure anche
delle volpi se ne piglia, e qualche ipòcrita rimane anch'esso còlto
al laccio; come accadde ad uno di sì fatti ciaccherini[50], del quale
voglio adesso raccontarvi.

Carlo Medici, orefice fiorentino, del quale fui amico nella mia
gioventù, fu uno de' più arguti begliumori che io abbia mal conosciuto,
e fu parimente ardentissimo nemico degli ipòcriti, de' bacchettoni,
de' Sanfirenzini[51] e simili lordure. Oltre la bottega che aveva sul
Ponte[52], ne aveva un'altra in Piazza di Santo Spirito, non ricca di
giojelli e di pietre preziose, ma abbondante di lavori d'oro, come
quella che forniva tutti i benestanti del prossimo contado. Una mattina
il caro Medici va da sè ad aprir la bottega, e trova fatto repulisti
di tutto il miglioramento[53]. È facile l'immaginare come rimanesse
quel pover'uomo, il quale, non dico che fosse un uomo povero; ma di
certo non aveva nulla da buttar via, e quel grosso furto era un vero
spianto per lui. Come per altro era uomo accorto, non ne fece grande
scalpore: ma fatta la sua denunzia, riportò altra roba in bottega,
e tirò innanzi come se nulla fosse stato; sempre però mulinando e
almanaccando per veder di scoprire il ladro. Passò molto tempo, e nè
egli nè la polizia avevano potuto aver sentore di nulla; e quasi non vi
pensava più; quando una mattina, alzátosi, come era sua consuetudine,
innanzi giorno, esce di casa col suo sigaro in bocca, e cápita là verso
Santo Spirito. La chiesa non era ancora aperta, nè per la piazza c'era
anima viva; quando a un tratto vide scantonare un uomo imbacuccato,
che gli parve andare sospettosamente guardingo. Gli balenò un pensiero
nella mente, e si pose ad osservare ogni mossa di quello sconosciuto;
il quale, come si accorse di essere appostato, andò diritto diritto
verso la chiesa; salì la scalinata; si inginocchiò dinanzi alla
porta maggiore, e lì segni di croce e baci in terra, che neanche un
Sant'Ilarione. Il Medici, veduta questa gran divozione, disse fra sè:
_Tu se' tu_; e come san Pietro, _sequebatur eum a longe_, nè più lo
perse d'occhio. La chiesa si apre: il divoto entrò dentro, ed entrò
anche il Medici, che andava in èstasi vedendo con quanta devozione
quell'animína di messer Domineddio strizzava limoni[54], e faceva
ardentissime stralunature d'occhj: e quando fu giorno chiaro, conobbe
essere un certo vecchietto del vicinato, che presso tutti passava per
un santarello; ma che non era mai stato nel suo calendário. Ciò lo
confermò nel primo sospetto; anzi il sospetto prese nella sua mente
tal forma di certezza, che non dubitò di andare alla polizia a dare
degli indizj contro costui circa al furto fattogli; e la polizía, che
in altra occasione aveva avuto qualche barlume di questo birbone, non
esitò un momento, e senza metter tempo in mezzo, fece le sue indagini:
e la mattina di poi mandò i suoi agenti a casa di lui con ordine
di farvi una minuta perquisizione. Il povero Santo, che tutt'altro
si aspettava, rimase più morto che vivo; ma seppe dissimulare:
«Padroni; vengano pure: témono forse ch'io sia un cospiratore?»--«Eh!
qualcosellina di peggio: ma saranno calunnie.»--«Il Signore vuol
darmi questa mortificazione, ed io chino il capo. Sia laudato il suo
santo nome. Egli fa tutto a buon fine; e forse permette ciò per far
maggiormente brillare la mia innocenza, e confondere i calunniatori.»
Aveva finito appena queste parole, che gli agenti scòrsero un usciolíno
a muro: «E di qui dove si va?»--«In una dispensína, dove tengo
poca roba per uso della parca mensa.»--«Apra.»--Il Santo va per la
chiave, e apre; e l'occhio grifagno del capo birro, si accorse che la
mano gli tremava, e che lo sgomento gli si dipingeva sulla faccia.
Entrano: fiaschi, bottiglie, frutte in aceto, prosciutti, salami, e
non altro: solo in quella stanzuccia mezza buja c'era un órcio assai
grosso, chiuso a lucchetto.--«O quest'órcio?»--«È quel po' d'olio
per la famiglia.»--«Apra.»--«Ma... non ho la chiave...»--«Apra, o lo
mando in pezzi.»--Allora il nostr'uomo, vedutosi al perso, si gettò
in ginocchioni dinanzi al caporale piangendo come una vite tagliata,
e raccomandandosi che lo salvasse dal disonore: poi, accostatosegli
all'orecchio: «Per lei ci saranno mille lire prima che esca di casa
mia.» Questo tentativo di corruzione fece venir la mosca sul naso al
caporale, che diede al vecchio un bravo ceffone, intimandogli che
aprisse. L'orcio era tutto pieno d'involti, scátole, astucci, borse,
ogni cosa contenente gioje, oreríe, monete, medaglie; un vero tesoro: e
giù in fondo una cassetta, dove erano parecchie chiavi di varj ingegni
e grossezze, grimaldelli, leve, e altri arnesi ladreschi. Ogni cosa
fu sequestrato e sigillato: il sant'uomo fu messo in gattabuja; nè si
penò molto a scoprire che egli, non solo aveva scassato la bottega
del Medici, ma che altri infiniti furti aveva fatto, non mai potuti
scoprire; e per i quali erano state condannate altre persone. Il
processo era già a termine, e presto doveva trattarsi la causa alla
pubblica udienza; ma una mattina, entrata la guardia nella prigione,
trovò il Santo penzolone dalla trave del palco. Aveva fatto strisce di
un lenzuolo, ed appiccatosi per fuggire la vergogna e la pena durissima.

Lettore, impara da questa novella a non ti fidare di coloro che
ostèntano devozione, moralità, ed ogni catonesca virtù: e ricordati
sempre del Medici, orefice fiorentino, il quale appunto da simili
ostentazioni prese certezza a denunziare per ladro uno reputato santo
da tutti.



NOVELLA XVII.

LA PASTA FROLLA.[55]


Nei primissimi anni della mia gioventù, quando mi ero messo a studiar
le scienze mediche nella scuola assai fiorente che era in que' tempi
allo spedal di Pistoja, tra quelli spedalini, come si chiamavano gli
scolari, che tutti passavano per scapati e un po' rompicolli, io ero
forse il più rompicollo ed il più scapato di tutti.

Una volta che tutta la mia famiglia era andata in campagna, proposi
ad alcuni miei compagni spedalini di fare un desinare in casa mia:
ciascuno portasse una pietanza, e coceremmo ogni cosa noi nella
cucina mia: io, che spesso avevo veduto fare la pasta frolla alla
mia povera mamma, che mi voleva tanto bene, e alla quale davo tanti
dispiaceri, io avrei fatto per il desinare una bella torta di pasta
frolla, reputandomi un gran che nell'arte del pasticciere. Non prima
erano usciti di casa i miei, che la occupammo noi; e ci mettemmo al
lavoro. Uova, farina, burro, zúcchero, latte per far la crema, tutto
era preparato per il mio gran lavoro: scamiciato, sbracciato, con un
grembiale dinanzi, mi metto all'opera, spettatori e assistenti tre o
quattro di que' miei compagni. Faccio il mio monticíno di zúcchero
e farina; faccio il buco nel mezzo, ci metto tre o quattro rossi
d'uovo e del burro, e comincio a impastare, maneggiando e rimestando
quell'intriso che parevo un pasticciere de' più consumati; ma quella
pasta non voleva stare insieme. _C è poca farina_, dice uno degli
assistenti; e io metti della farina, e maneggia, e rimesta; la pasta
tiene: _Bravo, bene, sentiamo_. Non sa di nulla! e tutti ad una voce ci
troviamo d'accordo che ci vuol dell'altro zúcchero: fo il buco, metto
lo zúcchero, impasto; ma era venuta dura come un sasso. _Qui bisogna
metterci del burro_:--fo il buco da capo, metto il burro; lavoro di
dita e di mani; e intanto la massa cresceva maledettamente. _Ma che
ti par pasta frolla codesta?_ esclama Pippo Pacini[56]; _la pasta
frolla dev'esser gialla, e codesta par pasta da pane._ E io piglio
altri quattro rossi d'uovo, fo il solito buco, impasto, e mi preparo a
spianare[57]. Eccoti un altro che ne assaggia un pezzetto: _Ma che hai
fatto? o se non si sente il dolce!_ e tutti una gran risata.--_Qua
lo zúcchero_;--e venuto lo zúcchero, giù zúcchero senza misericordia:
ma allora non istava più insieme. Per farvela corta, ora rimettendo
zúcchero, ora burro, ora uova, ora farina, venne una massa spropositata
di pasta, la quale ogni altra cosa poteva essere da pasta frolla in
fuori. Mi misi poi a far la crema per il ripieno; e col solito modo
dell'aggiungere e levare ingredienti, impazzò ogni cosa[58]. Ma la
torta doveva pur farsi: spianai la pasta, a distender la quale ci volle
una téglia spropositata, benchè il foglio della pasta lo avessi fatto
molto grosso, per adoprare tutta quella gran massa: misi la crema sopra
il primo strato della pasta; la ricoprii con quell'altro strato; ci
feci sopra de' girigògoli pur di pasta, e un bel contorno: inzafardai
ogni cosa col chiaro d'uovo, e la mandai in forno, tenendomi per un
pasticciere più bravo di Doney. Venuta l'ora del desinare, si mangia
e si beve lietamente: di parecchj fiaschi vedemmo il fondo, ed erano
lì quattro bottiglie di vin santo da beversi sulla mia torta. _Ecco
la torta, ecco la torta._ Si mette in tavola questo gran teglione
che l'occupava tutta. _Permío! questa è l'arca di Noè_.--_Chiamiamo
gente che ci ajuti a finirla._--_Guarda guarda, quante screpolature!_
Insomma chi ne diceva una, chi un'altra. Io la cominciai ad affettare,
e la prima fetta la presi per me. Mi cascò il fiato: la crema a quel
mo' impazzata, pareva una torta di panico; e quella pasta non si
sapeva di che sapore fosse: in alcuni punti era risecchíta; in altri
flòscia e inzuppata; qua e là ci erano rimasti de' gavòccioli duri
come palle da schioppo. _Ora sto fresco!_--E di fatto, come prima
que' demonj ebbero assaggiato questo pasticcio, non vi so dire se gli
scherni e le canzonature piovevano: il più benevolo complimento fu
quello di battezzare la famosa torta col nome di _Polpettone_, e di
paragonare me a Gragnuola, che chiamavasi così un di questi chiccaj da
ragazzi[59], vecchio, súdicio e sciatto, il quale andava attorno con
una sua tegliaccia di paste, che i ragazzi compravano a un quattrin
l'una, e che ad una persona pulita non ne sarebbe giovato a toccarle
neppur co' guanti. Votammo però le quattro bottiglie di vin santo; ed
io stavo lì a succiarmi tutte le canzonature per il polpettone, ridendo
e bevendo con essi: poi, a quel mo' mezzi brilli, andammo col teglione
sul terrazzino di casa mia, e a quanti ragazzi passavano, a tanti
scaraventavamo un pezzo di quella torta, i quali tutti allegri se la
pappavano e ne portavano a cielo me, che l'avevo fatta.



GHIRIBIZZI DRAMMATICI



LA VISITA DI UN ISPETTORE SCOLASTICO

COMMEDIA FATTA PER CELIA


PERSONAGGI

FABRIZIO CERCHI, Sindaco.
GIULIA, sua moglie.
LEONE FEROCI, Ispettore scolastico.
Il Commendatore RODOLFO FABRIZI, fratello della Giulia.
CARLO FEI, Direttore del Ginnasio.
ELVIRA BASSI, Maestra comunale.
GASPERO GRAFFI, Segretario del Comune.
LAURA, Cameriera della signora Giulia.
GIOVANNI, Servitore.
CATERINA, vecchia.
Giovani scolari, tre de' quali parlano.
Il Custode della Scuola.
Varj invitati.

 La scena è a Chiusi



ATTO PRIMO


Scena Prima.

FABRIZIO e GIULIA.

Seduti ad un tavolino che fanno colazione.

GIULIA--Ma, caro Fabrizio, con questo tuo sindacato mi par d'esser
diventata vedova. Questo momento della colazione... il pranzo a fuggi
fuggi... poi, o c'è consiglio o c'è l'adunanza...

FABRIZIO--Hai ragione; ma tu lo vedi da te, non ho un momento di bene.
Che, che! non ne vo' più io: vo' pensare alle cose mie le quali, se
duro un altro po' a fare il sindaco, vanno tutte a rotta di collo.

GIULIA.--E anche alle cose della moglie potevi dire, che non è ancora
da mettersi in un cantone, mi pare.

FABRIZIO--In un cantone? Bella e fresca come una rosa la mia cara
Giulietta! _(La piglia per il ganascíno)_ Del resto, in quanto alla
moglie, se non l'ho rammentata, ci si intende che il primo pensiero
dev'esser sempre per lei. Vedrai, quando avrò buttato via la ciarpa di
sindaco!... non voglio uscirti un momento di torno.

GIULIA--Oh! il troppo, poi, stròppia!

FABRIZIO--Come sarebbe a dire?

GIULIA--Non lo vedi che fo per celia? _(Ridendo)_

FABRIZIO--Bene. Dunque oggi stesso scriverò la lettera di rinúnzia...
Sicuro, se prima mi riuscisse d'avere un po' di nastro all'occhiello...

GIULIA--Ma fammi il piacere! Eh! c'è proprio da essere ambiziosi
d'avere una croce, ora che si veggon dare persino a' giovani di banco...


Scena Seconda.

GIOVANNI con una lettera.

GIOVANNI--Signor Padrone, c'è' questa lettera.

FABRIZIO--Vediamo. _(Prende la lettera)_ Che ti pare, Giulia? Neanche
questi due momenti che son qui con te!

GIULIA--Speriamo che finisca presto.

FABRIZIO--_(che ha aperto la lettera)_--Chi è che scrive? (_volta la
pagina e guarda la firma)_... Permío! La sola sottoscrizione è una
mezza lettera.--Cavalier professore Leone Feroci, regio ispettore
scolastico di circondário.--E poi una bestia feroce! Sentiamo. _(Legge)_

  «Illustrissimo Sig. Sindaco,

Onorato dalla fiducia di S. Maestà il Re della nòmina di regio
Ispettore Scolástico di circondário, ho l'onore di prevenirlo, che,
avendo intrapreso la visita de' varii stabilimenti d'istruzione del mio
circondário, ho stanziato di fare uno de' primi cotesto suo Comune.
E però l'avverto che doman l'altro mi porterò costà. E nel tempo
stesso, interesserei la sua gentilezza ad esser così buono, siccome io
son nuovo della piazza, di dare ordine che mi si prepari un decente
albergo, non volendo io trovarmi a contatto di persone da meno di me.
L'avverto di soprappiù che V. S. Ill.ma non notizii i maestri e le
maestre di coteste scuole del mio venire: l'autorità è bene che giunga
improvvisa. Ho l'onore ecc. ecc.»

FABRIZIO--Eccone un'altra delle seccature! _(guardando la moglie)_. E
ora come si fa? Dice che vien doman l'altro: la lettera, ritardata, è
scritta due giorni fa. E' c'è da vederselo arrivar qui da un momento
all'altro.

GIULIA--Cotesto Sig. Cavaliere Ispettore, se l'ho a giudicare dal modo
come è scritta la lettera, mi pare un bell'ignorante: se dal tono di
essa, mi pare un villano presuntuoso. E' par che il sindaco lo tenga
per un suo servitore.

FABRIZIO--Che vuoi? sarà persona di riguardo.... E ora dove gli si
trova l'albergo? Senti, ho pensato di riceverlo qui in casa. È persona
d'autorità.... sono gente che fanno le relazioni al Ministro....
capisci? Facendogli due carezze, una buona parola la posson mettere,
e...

GIULIA--E venir la croce, eh? Guarda, povero Fabrizio, che strana
voglia t'è venuto! Se tu fossi donna, direi che tu se' gravido.

FABRIZIO--Eh, non ci mancherebbe altro! Su via, Giulietta, sii buona, e
fa preparare la camera de' forestieri.

GIULIA--Facciamo anche questa. Bada, sbaglierò: ma questo signor
Ispettore, dev'essere anche uno scroccone.... e ha scritto la lettera
a quel modo appunto per veder d'appoggiar la labarda. O andiamo.
_(Parte)_.


Scena Terza.

FABRIZIO solo.

FABRIZIO--Mi pare anche a me che questo sor Ispettore debba aver
le belle qualità che gli attribuisce mia moglie: però, bisogna
dissimulare; e, in ogni caso, essendo egli ignorante e scroccone,
potremo sfruttare in pro nostro queste due ricche miniere, e, al
bisogno, potremo anche divertirci alle sue spalle.


Scena Quarta.

GIOVANNI poi il comm. RODOLFO.

GIOVANNI--Signor Padrone, c'è il signor commendatore Fabrizi.

FABRIZIO--Il commendatore Fabrizi? Fallo passar súbito; e poi avvisa
la signora. _(Giovanni parte; Fabrizio va verso la porta, e il
Commendatore entra, e stringendogli la mano, continua)_ Che miracolo è
questo? Come mai tu in questa cittaúccia?

COMMENDATORE--Son venuto per ragioni d'uffizio, e te lo dirò poi. Ora
parliamo di vojaltri. State tutti bene? E la Giulia? e il tuo bambino?

FABRIZIO--Si crepa tutti dalla salute. Ma tu ora sei diventato un pezzo
grosso davvero! e metto quasi su superbia d'esserti cognato.

COMMENDATORE--Smetti con codeste sciocchezze. Sì, sono un poco salito;
e dacchè ho avuta un'ingerenza governativa, per la quale mi bisogna
trattenermi un po' qui, ho proprio caro di star qualche giorno vicino
a mia sorella ed a te. Ma tu non far complimenti, chè avrai le tue
faccende. Io, intanto, andrò di là dalla Giulia.

FABRIZIO--Tu dici bene che le faccende non mi mancano; e per di più
mi piove ora addosso la visita dell'Ispettore scolastico fatto ora di
fresco!

COMMENDATORE--E chi è questo ispettore?


Scena Quinta.

GIULIA e detti.

GIULIA--_(correndo ad abbracciare Rodolfo)_ Oh! Rodolfo mio, questa
è proprio una consolazione! Che fai? Come stai? Di dove vieni? Ti
trattieni, eh? E starai qui da noi....

COMMENDATORE--Benedette donne! Senti quante domande a un fiato!
Sto bene. Vengo da Roma. Mi trattengo otto giorni; e non istarò da
vojaltri, perchè già mi son posato alla sottoprefettura, dove ho da
trattare un affare assai grave, che può tornar utile a questa città.
Per altro verrò spessissimo qui da te, pranzerò spesso qui, e faremo
chiaccherate lunghe un miglio.

GIULIA--Insomma fa come tu vuoi, purchè tu trovi il tempo di star molto
con me.

COMMENDATORE--Molto non so; ma di certo più che posso.

FABRIZIO--Dunque, per tornare all'ispettore...

COMMENDATORE--Ah! è vero, sì. E chi è?

FABRIZIO--Il cavaliere professore Leone Feroci.

COMMENDATORE--Leone Feroci? Ed è professore e cavaliere? Oh! povere
cattedre, povera cavallería!...

GIULIA--O che lo conosci?

COMMENDATORE--Altro se lo conosco!

FABRIZIO--O sentite: io dovrei tornare al Municipio; ma per oggi vo'
pigliarmi un po' di scianto, e godere la tua compagnía. Farò venir qua
il segretario a portarmi le lettere per la firma; e se giunge il sor
Ispettore, gli farò dire che favorisca da noi. Scusa, vado a dar gli
ordini. (_Parte_)


Scena Sesta.

GIULIA e RODOLFO.

GIULIA--Ma dunque, Rodolfo, quel tuo _altro se lo conosco_, mi ha messo
in curiosità di saper chi è questo ispettore.

COMMENDATORE--Il più ridícolo farfanícchio che tu possa immaginare. Un
poetúcolo da serenate, un vanèsio, un ficchíno, uno svenévole, e uno
scroccone numero uno.

GIULIA--Eh! quella lettera non poteva mentire.

COMMENDATORE--Che lettera?

GIULIA--La lettera che ha scritto a mio marito per avvisarlo del suo
arrivo. Tu sentissi che roba! Ma dev'essere anche un po' ignorante.

COMMENDATORE--Anche. Ma quel che è peggio, benchè oramai in là cogli
anni, è un donnajuolo di prima riga.

GIULIA--E appunto quel buon uomo di mio marito gli vuol dar ricetto qui
in casa!

COMMENDATORE--Qui? Sta certa che se tu resti un momento sola, ti fa una
dichiarazione in tutte le regole.

GIULIA--Potrebbe esser che ci avesse poco gusto!...

COMMENDATORE--No, sarà bene pigliarla in chiasso; e forse il signor
Ispettore ci darà materia da divertirci.

GIULIA--Sì, sì; ma appunto, tu lo sai, lui è un po' geloso, e non
vorrei che si facessero scene.

COMMENDATORE--Non si farà nulla, non dubitare... A propòsito, ma quel
capo armonico di quella cameriera ce l'hai sempre? Aspetta... come si
chiama?

GIULIA--La Laura? Altro se ce l'ho! L'è un servizio eccellente; ma ha
un po' troppo il capo a' grilli. Dall'altra parte la tengo, perchè, a a
questi lumi di luna, c'è da dare in peggio.


Scena Settima.

FABRIZIO e detti.

FABRIZIO--Oh! ecco fatto. Giovanni anderà alla stazione a ricevere
l'Ispettore; il Segretario verrà qui alla firma, ed io potrò tenervi
un po' di compagnía. Giulia, hai pensato a tutto, eh? Volevo cercar di
farmi onore, e far vedere a questi pezzi grossi che anche nella nostra
città si conosce la cortesía e la gentilezza. Ma tu, Rodolfo, hai
bisogno di nulla? Già, che accadono complimenti? Tu sei in casa tua.
Bada, veh; a pranzo, oggi, tu devi restar qui, anche per fare un po' di
compagnía al sor Ispettore.

RODOLFO--Volentieri.


Scena Ottava.

GIOVANNI e detti, poi il SEGRETARIO.

GIOVANNI--Signor Padrone, c'è il segretario.

FABRIZIO--Passi. (_Il servitore va via, e volto agli altri:_) Io
firmo gli affari: tu intanto, Giulia, conduci Rodolfo a vedere il
nostro bambino. Vedrai (_a Rodolfo_): non perchè sia mio, ma è un
vero angelo di paradiso. (_E alla Giulia_) Tu guarda anche che tutto
vada in regola, e cerca di essere sbrigata quando arriva l'Ispettore:
siamo a tocca e non tocca. Io mi spiccio in pochi minuti. (_Entra il
segretario: Rodolfo e la Giulia salutano e partono_).

SEGRETARIO--Signor Sindaco, buon giorno a lei.

FABRIZIO--Buon giorno. Scusi, sa, se l'ho incomodata a farla venir qui.
Che vuole? Oggi son tutto sottosopra; e venire al Municipio mi sarebbe
stato impossibile.

SEGRETARIO--Ma le pare, signor Sindaco! ella può comandare.

FABRIZIO--È pronto ogni cosa?

SEGRETARIO--Ogni cosa. Guardi, la non ha a fare altro che firmare.
(_Gli mette davanti tutte le carte, e il Sindaco comincia a firmare_).

FABRIZIO--(_Dopo aver firmate varie lettere_) Centomila lire!? Che cosa
sono? Ah! quel famoso accollo... Eh gua', è inutile, caro Segretario,
in questa faccenda non ci vedo chiaro. Centomila lire per una bríccica
a quel modo! Ma... il Consiglio ha approvato... (_firma_).

SEGRETARIO--Non dica tanto bríccica, signor Sindaco! E poi le spese son
mai tante...

FABRIZIO--(_Da sè_) (Già, compreso le ventimila lire che s'è intascato
lui!) Eh già, già, intendo! le spese son mai tante!... (_seguitando a
firmare_) _Sussidio alla maestra elementare_... Ma questa maestrína ha
di gran sussidj. Non dico che non sarà brava, ma l'è anche bellína.
(_Guarda il Segretario sorridendo_).

SEGRETARIO--Oh! Signor Sindaco, lei vuole scherzare al suo solito.
Creda, la maestra lo merita, e non c'è ombra di secondi fini.

FABRIZIO--Eh diavolo! (_Seguita a firmare_) Ecco fatto. C'è altro?

SEGRETARIO--Per oggi no.

FABRIZIO--Dunque a rivederla. Se per caso ci fosse qualche cosa di
nuovo, e se fosse necessaria la mia presenza, mi avvisi. Non voglio per
nessuna cagione mancare al mio dovere.

SEGRETARIO--Sarà servita. (_Fa riverenza e parte_).


Scena Nona.

FABRIZIO solo.

FABRIZIO--Questo segretario mi comincia a piacer poco... Qualche anno
addietro, era un miserabile che non aveva scarpe in piedi... e ora,
ville, poderi, e voglie venite, i quattrin ci sono. Ma di dove gli leva?


Scena Decima.

GIOVANNI e il DIRETTORE del GINNASIO.

GIOVANNI--Il Signor Direttore del Ginnasio.

FABRIZIO--Passi. Cápita proprio a tempo. L'avvertirò dell'arrivo
dell'Ispettore, ed avrà agio di prepararsi un poco per far fare più
bella figura alle nostre scuole. L'ispettore albergato qui--trattato
onorevolmente--le scuole in buon ordine--una Relazione spanta al
Ministro--lo zelo del benemerito Sindaco.... la cosa è fatta.

CARLO--Signor Sindaco, mi perdoni se vengo ad incomodarla qui in casa...

FABRIZIO--Anzi lei accomoda, e vien più appunto che l'arrosto.

CARLO--Or ora sarà qui l'Ispettore...

FABRIZIO--O come lo sa?

CARLO--È sparso per tutto il paese: egli lo ha scritto a un suo
conoscente, il conoscente lo ha detto a questo e a quello, e i maestri
sono tutti sottosopra.

FABRIZIO--(_Da sè_) Fortuna che voleva giungere all'improvviso! Bene,
bene: giusto avevo caro di vederla per pregarla di avvertire i maestri
e le maestre, e fare in modo che l'Ispettore si debba lodare della
scuola e di loro.


Scena Undicesima

GIULIA, RODOLFO e detti.

RODOLFO--Ma lo sai che il tuo bambino gli è un angelo? Bravo! Anzi
_(volgendosi alla Giulia)_ bravi!

GIULIA--Oh Signor Direttore, che miracolo? _(Gli porge la mano,
presentandolo al fratello)_: Questi è il Signor Direttore del nostro
Ginnasio _(E volgendosi a Carlo)_ E questo è il Commendator Rodolfo mio
fratello. (_I due si salutano, e si dànno la mano)_.


Scena Dodicesima.

GIOVANNI e detti.

GIOVANNI--La signora maestra Elvira, che vorrebbe parlare alla signora.

GIULIA--Passi.

FABRIZIO--(Ah! la vedovella ha sentito l'odore del signor Carlo).

ELVIRA--_(Entra, e la signora Giulia le va incontro)_ Signora Giulia...
_(Vedendo gli altri, e facendo riverenza)_ Signori...

GIULIA--Che dice la carissima nostra signora Elvira? _(A suo fratello)_
Questa è la signora Elvira Bassi maestra delle nostre scuole.
_(All'Elvira)_ Il commendatore Rodolfo mio fratello. (_Si fanno
riverenze_) S'accomodi qui accanto a me. _(Il Direttore siede accanto
al Sindaco, la Maestra dall'altra parte della stanza colla signora
Giulia e Rodolfo)_.

RODOLFO--Non dubito che non debba essere un'eccellente maestra, perchè
raramente la bellezza va disgiunta dal buono ingegno.

ELVIRA--Se non avessi sentito parlare tante volte di lei come di
compitissimo cavaliere, direi che la si fa giuoco di me. Ad ogni modo
non tengo le sue parole se non per un complimento non meritato.

RODOLFO--Anzi meritatissimo. (_E parlando nell'orecchio alla sorella_)
Da questa maestrotta ci piglierei due lezioncine anch'io.

GIULIA--(_Sottovoce_) Andiamo, vecchio matto! Tu hai moglie e
figliuoli... (_E volgendosi all'Elvira_) Dunque, signora Elvira, qual
mia buona ventura l'ha mossa a venir qui da me?

ELVIRA--Vorrei pregarla d'un favore...

RODOLFO--Parli pure liberamente. Io ho veduto là un certo libro che mi
divertirò a dargli un'occhiata. (_Si alza, piglia il libro e si adagia
su una poltrona al lato opposto_).

ELVIRA--Senta, signora Giulia, si dice qui per il paese, che or ora
arriva l'Ispettore, e che starà qui da lei. È tanto che feci quella
súpplica, e non ho avuto risposta. Vorrei che, parlando col signor
Ispettore, la dicesse per me due parolíne dolci. Che vuole? Mi parrebbe
ora di migliorare un po' condizione, molto più che il Direttore mi ha
formalmente chiesta per moglie.

GIULIA--Volentierissimo... anche quattro delle parolíne. E poi c'è là
mio fratello che è amico dell'Ispettore...

FABRIZIO--(_al Direttore_) Senta, si deve fare una cosa solenne.
Coll'Ispettore verrò io, verrà mio cognato, mia moglie: e anche
inviteremo qualchedun'altro. Poi, per mezzo di mio cognato, ne
parleranno i giornali... ci dobbiamo fare onore.

DIRETTORE--Io farò quel che posso, acciocchè faccia buona figura lei,
la faccia io, e tutta la città.

RODOLFO--(_Fa una risata_) Oh matto da legare!

FABRIZIO--Matto da legare? Con chi l'hai, Rodolfo?

RODOLFO--Con quel capo ameno dell'autore di questo libro. Guarda...

GIULIA--Sta... Ecco una carrozza. Si è fermata qui. È lui. (_Tutti si
alzano_).

RODOLFO--Senti, Giulia: io per ora non vo' farmi vedere... potrei
dargli soggezione, e tarpargli le ali a' suoi voli anacreòntici.
Intanto insegnerò la lezione alla Laura.

GIULIA--Badiamo un po' con queste lezioni...

RODOLFO--Eh! non dubitare. (_Parte_)


Scena Tredicesima.

Il SERVITORE, LEONE e detti.

SERVITORE--Il Signor Cavaliere, professore, ispettore. (_Fabrizio gli
va incontro; entra l'ispettore e tutti gli fanno riverenza_).

FABRIZIO--Ben arrivato, signor Cavaliere. Le presento mia moglie (_si
dànno la mano_), e le presento il direttore del nostro ginnasio,
venuto qui per farle omaggio prima d'ogni altro. (_Leone lo guarda
con sussiego, e il direttore fa profonda riverenza_). Questa poi è la
signora Elvira, maestra egregia del nostro comune, che, essendo qui da
noi, si è mostrata desiderosa di esserle presentata e raccomandata.
(_Leone le fa l'occhio pio e le dà la mano_).

LEONE--Signor Sindaco, il suo cortese invito mi riesce gradito a
doppio, quando mi trovo in mezzo a sì gentili persone. (_Guardando le
donne_) E ciò mi fa parer leggiere le gravi cure del mio ministero, e
delle lettere. Sua Maestà il Re mi ha voluto onorare della sua fiducia,
nè io poteva mostrarmi restío; ma quanto volentieri sarei rimasto nella
quiete de' miei cari studj, che, se mi hanno dato delle amarezze per i
morsi dell'invidia, queste mi sono state compensate da ampie lodi de'
buoni, e da onorificenze.

GIULIA--Ed onorificenze ben meritate, come tutti dicono.

LEONE--Così fosse vero, come mi è caro il sentirmelo dire da labbra
sì gentili. Che vuole? Io dirò che le mie povere cose sono state
fortunate. Ella forse avrà veduto de' giornali che parlano di me, e
perfino mi hanno voluto mettere tra gli uomini illustri...

FABRIZIO--Per bacco! ma la mia casa si tiene onorata davvero di
accogliere un personaggio sì segnalato.

DIRETTORE--(_tra sè_) Ho bell'e capito: è un imbecille.

GIULIA--Ma lei, signor Cavaliere, avrà bisogno di qualche cosa; non
faccia complimenti.

LEONE--Niente, niente affatto: il viaggio non è stato lungo: avevo un
compartimento da me solo. Accetterò una limonata.

GIULIA--Gliela faccio preparar súbito. Intanto la può andare nella
sua camera a posar la valigia, e a cambiarsi, se vuole. (_Suona il
campanello, ed entra la cameriera_).

LEONE--(_vedendo la cameriera, dice fra sè_): Ma io son capitato nel
paradiso di Maometto! Bocca mia che vuo' tu? Bel pezzo di ragazza!...

GIULIA--(_alla Cameriera_) Laura, insegna al signor Cavaliere la sua
camera: pòrtagli di là la valigia, e poi fa' preparar súbito una
limonata. (_A Leone_) Vada pure, signor Cavaliere; l'aspettiamo.

LEONE--Con permesso (_fa riverenza e parte_).


Scena Quattordicesima.

Detti.

(_Partito Leone, tutti, fuor che il Sindaco, dànno in uno scròscio di
risa._)

GIULIA--Oh che figura ridícola!

ELVIRA--Ma che cos'è? È prete?

DIRETTORE--Io credo di no. Ma certo, dev'essere un gran buffone.

FABRIZIO--Eh! andiamo, signori! E anche tu, Giulia, non precipitiamo
tanto co' giudizj.

GIULIA--Senti, potrò sbagliare, ma è difficile, veh!


Scena Quindicesima.

RODOLFO e detti.

RODOLFO--(_entra ridendo, e dice sottovoce alla Giulia_) Ohe, l'amico
ha bell'e incominciato a armeggiar con la Laura.

GIULIA--Tu non canzoni?

FABRIZIO--Che hai, che ridi così di genio?

RODOLFO--Eh nulla; raccontavo una cosa alla Giulia... Ma zitti...
èccolo... vediamo che effetto gli fa il vedermi qui.


Scena Sedicesima.

Detti, poi LEONE.

LEONE--(_entra rosso come un gámbero_). Ecco fatto. Ora profitterò
della cortese offerta... (_Vede Rodolfo, e resta interdetto; poi dice
tra sè_) Come mai quel cosaccio di Rodolfo si trova qui? (_Rodolfo
si accorge del suo turbamento, e fa bocca da ridere, accennando alla
Giulia_).

GIULIA.--Signor Cavaliere, le presento il Commendatore Rodolfo mio
fratello.

LEONE--(_Impicciato_) Oh guarda, il Signor Rodolfo! come? suo
fratello?...

RODOLFO--(_senza stringergli la mano_). Eh, noi ci conosciamo da
un pezzo, eh, sor Leone? Scusi, volevo dire signor Cavaliere... Si
rammenta quando veniva a pranzo alla villa Lorenzi?

LEONE--Ah, già, si stava allegri: ed ella sempre galante, sempre
l'idolo di tutte le più nobili conversazioni... ma ora è tanto...

DIRETTORE--(_All'Elvira_) I pranzi? gli è anche uno scroccone!

RODOLFO--Eh! ma anche Lei era il cucco di tutte le veglie... e poi,
letterato com'è!... Mi ricordo sempre di quelle belle poesíe a Leopoldo
II, e all'imperiale e real famiglia.

LEONE--(Maladetta la tu' lingua)... Eh, cose vecchie! dovute fare per
celare il lavoro segreto che facevamo per la povera Italia.

RODOLFO--Ah già, il lavoro segreto per la povera Italia... ci
s'intende!...

LAURA--(_Entra con la limonata e con un vassojo di paste._)

FABRIZIO--Ecco, signor Cavaliere, voglio servirla io. Laura, posa il
vassojo su cotesta tavola.

LAURA--(_Eseguisce, e poi va dalla padrona e le dice sottovoce_) Ma lo
sa, signora, che quel sor cavaliere ha cominciato a fare il grazioso
con me... Avesse sentito!... mi ha detto che io sono Laura, e lui vuole
essere il mio... il mio...

GIULIA--Petrarca.

LAURA--Già, Petrarca... O che vuol dire?

GIULIA--Vuol dire il tuo amante.

LAURA--Creda, signora, sono stata lì lì per dargli le mani nel muso.

GIULIA--Eh! diavolo!...

LAURA--Ma se è vero!... Eppoi, bel cosíno!

LEONE--Squisitissima limonata! e queste paste sono una vera delizia.
Dunque (_vòlto al Sindaco_) domani comincieremo la visita delle scuole,
e spero di trovarle tali da fare onore a lei, signor Sindaco, e qui al
signor Direttore. Ed a maestri come si sta?

DIRETTORE--Bene, bene davvero, signor Cavaliere. E se le piacerà di
tastarne qualcheduno, la si accerterà di quel che le dico.

RODOLFO--(_tra sè_) Potrebbe essere che la mula si rivoltasse al
medico, e i maestri tastassero lui.

ELVIRA--(_alla Giulia_) Signora Giulia, cerchi di trovar modo a quel
che le dicevo. Guardi, appunto viene verso di noi. (_Leone si accosta_).

LEONE--So che la signora è donna molto istruita, e che favorisce molto
le cose dell'istruzione. Ed io gliene faccio i miei complimenti.
«_Donne... Da voi gran cose la patria aspetta._»

RODOLFO--(_da sè_) Eccolo intorno alle donne!

GIULIA--Oh! signor Cavaliere, io non la pretendo a donna letterata;
desidero che il popolo si istruisca; amo i buoni maestri e le
buone maestre come la nostra signora Elvira, che io anzi ardisco
raccomandarle carissimamente, perchè lo merita.

ELVIRA--Tutta bontà della signora Giulia.

LEONE--Eccomi qua. Che cosa posso fare per contentare la signora Giulia
così compíta, e una signorína tanto amabile?

ELVIRA--Son vedova, Sig. Cavaliere.

LEONE--La sua venustà, la sua giovinezza, la sua freschezza, mi
dicevano ch'ella fosse fanciulla. (_Da sè_) Vedova? Boccon da
ghiotti... E lo ha detto in certo modo... (_La guarda lascivamente_)
Quando vengo alla visita della sua scuola, che farò la prima, mi
esporrà il suo desiderio, ed io farò tutto per lei.

RODOLFO--Ma ecco, amici carissimi, non si potrebbe andare un poco giù
nel giardino, chè sotto quel pergolato c'è un frescolíno di paradiso, e
far lì l'ora del desinare?

FABRIZIO--Bravo Rodolfo! benissimo pensato. Andiamo. Ella, signor
Direttore, rimarrà qui da noi.

DIRETTORE--Con tutto il piacere.

FABRIZIO--Ed anche la signora Elvira.

ELVIRA--Mi duole di non poter accettare un onore così segnalato...

GIULIA--Senza complimenti: ma se poi non può veramente, faccia pure il
piacer suo.

ELVIRA--Proprio non posso: grazie.

LEONE--Io, se non fosse troppo scomodo, domanderei da scrivere. Bisogna
che scriva al Ministro per cosa di somma premura, che dimenticai ieri
sera.

RODOLFO--(_da sè_) Scrivere al Ministro... lui!... che pagliaccio!...

FABRIZIO--La guardi: (_mostrandogli il tavolino_) lì v'è tutto. Ella è
padrone di casa. Noi scendiamo giù: la faccia tutto il suo comodo, e
poi ci onori, se le piace, della sua compagnía.

LEONE--Ho capito; mille grazie. (_Partono salutando e salutati_).


Scena Diciassettesima.

LEONE solo.

LEONE--Ci mancava quello scorbellato di Rodolfo! Ero capitato proprio
nella più invidiabile pasciona per tutti i versi. Eh! quella vedovella
è proprio un bocconcíno (gua' lo dicono...) un bocconcíno da preti.
Anche la sindachessa è una gran donna simpatica, e da far carte false
per lei!... Ma la moglie del sindaco... io, suo ospite... Chi però
m'ha ferito la fantasia, è quel demonietto della cameriera. Eh! s'i'
la potessi avere a quattr'occhi!... Eppure qui la ci dovrebbe capitare
per ripigliare il vassojo. Ho trovato una scusa da rimaner qui,
appunto sperando che nasca qualche cosa. Ma io ho detto di scrivere al
Ministro... E se mi stanno dattorno perchè io dia la lettera da buttare
in buca? Basta, qualche scusa troverò. (_Siede al tavolino_)


Scena Diciottesima.

LAURA e detto.

LAURA--(_Vedendo Leone_) Oh!

LEONE--Chi è? Oh Laurína bella! (_si alza_)

LAURA--Scusi, signor Cavaliere, credevo...

LEONE--Scusi? Ma questa è la più gran fortuna ch'io potessi avere:
questo era il mio più vivo desiderio. Te l'ho già detto, Laurína mia,
che son rimasto incantato dalla tua bellezza; che per te mi sento
strugger d'amore...

LAURA--La piglia fuoco presto, sa ella, signor Cavaliere? Andiamo!
si campa anche canzonate, sa. Un signore come lei; un cavaliere,
confondersi con una povera cameriera!

LEONE--«Ogni disuguaglianza amore agguaglia,» dice un poeta: e Dante
scrisse:«Amore a cor gentil ratto s'apprende.» (_S'infiamma_) Credi,
Laura, che muojo per te.

LAURA--La non mi faccia spavento, per carità. _Muojo per te!_ Tutti
dicon lo stesso; ma io non son mica una grulla, sa, da credere a tutte
le dichiarazioni degli uomini. Anch'io naturalmente desidero, come
tutte le ragazze, di prender marito: ma però, non creda ch'io sia di
quelle che amano di far la civetta.

LEONE--(_Sempre più acceso_) Tu sei la più cara, la più amabile, la più
buona ragazza ch'io abbia mai veduto. (_Va per abbracciarla._)

LAURA--Le mani, signor Cavaliere carissimo, la l'ha a tenere a sè.
Se io fossi una sua pari, non le nego che ascolterei volentieri le
sue parole, perchè, sebbene ella abbia qualche annetto più di me,
pure, guardi, la mi sarebbe simpatico. Eppoi, un uomo come lei...
un cavaliere... un letterato tanto famoso! Anch'io, sa, mi diletto
di leggere i libri belli... (_Da sè_) Proviamo: delle volte questi
vecchietti!...

LEONE--Ma che _sua pari e non sua pari_? io ti adoro; e a posseder te,
mi parrebbe di possedere un regno. Eccomi qui, sono tutto, tutto tuo.

LAURA--_Tutto, tutto tuo_... e dàgli! Ma a che titolo?

LEONE--Al titolo che tu vuoi. Laura mia dolce; ma levami da queste
pene: non ne posso più. (_L'abbraccia, e intanto si affaccia Rodolfo,
che, vedendo la scena, rientra dentro e fa capolíno_)

LAURA--Le ripeto che tenga le mani a sè, o ci avrà poco gusto.

LEONE--(_È la prima cameriera che fa così la casta Susanna_). Che vuoi?
Brucio, ardo: proprio non ne posso più!

LAURA--La chiami i pompieri; che vuol che gli dica? Ha delle buone
intenzioni? Ne parli con la signora; ed io le confesso, che lo sposerò
volentieri, perchè m'è simpatico. Se no, la giri di bordo.

LEONE--(Sarà quel che sarà, ma questo bocconcíno non me lo lascio
sfuggire). Sì, Laura mia, ho intenzioni ottime: oramai sento che senza
te non potrei più vivere. Tu mi hai ammaliato. Parlerò alla signora,
farò quel che vuoi. Ma prima ho bisogno d'avere un colloquio teco.
Senti, mi devi concedere che stasera, quando tutti dormono, io venga da
te.

LAURA--Credo che la sia matto... (_Rodolfo fa un po' di rumore per
farsi sentire_)

LEONE--Ecco gente. (_Si ricompone_) Dunque addio a stasera.


Scena Diciannovesima.

RODOLFO e detti.

RODOLFO--Ma, caro cavaliere, questa lettera al Ministro è molto lunga:
giù tutti v'aspettano.

LEONE--(_confuso_) Che volete? avevo lasciato de' fogli... ho dovuto
pensare...

RODOLFO--Andiamo, andiamo, per oggi non pensate più agli affari. Venite
giù nel giardino, dove abbiamo intavolato una graziosa chiassata.
(_Leone e Rodolfo partono insieme_)


Scena Ventesima.

LAURA sola.

LAURA--Non so se gli do una lezione da ricordarsene per un pezzo, o
se reggo la burletta, e guardo di accalappiarlo. Delle volte.... Ne
parlerò con il signor Rodolfo.


FINE DELL'ATTO PRIMO.



ATTO SECONDO


Scena Prima

(_Siamo in una scuola. I giovani seduti alle loro panche; il Direttore
del Ginnasio, che è pur maestro, passeggia e provvede al buon ordine._)

DIRETTORE--Signori, stieno un po' quieti: pensino che or ora sarà
qui il signor Ispettore; e che in questa scuola si farà un formale
esperimento de' loro studj.

GIOVANE 1.º--Ma è vero, signor Direttore, che l'Ispettore è tanto
ridícolo?

DIRETTORE--Si cheti, e parli con rispetto de' superiori. Sarebbe tempo
che da ora in là mettesse un po' di giudizio, e stesse un po' più
sull'uomo.

GIOVANE 1.º--Che vuole? L'ho sentito dire...

(_Entra il Custode, e consegna una lettera al Direttore, il quale legge
sottovoce. I giovani in questo tempo schiasseranno tra loro._)

DIRETTORE--Una lettera dell'Elvira? Sentiamo: «Mio caro, ti scrivo
dalla mia scuola con lo sdegno nel cuore. Quel signore Ispettore,
al quale ho parlato della mia súpplica al Ministro, mi ha promesso
d'ajutarmi, facendo proposizioni ingiuriose al mio onore: io ho
risposto come donna prudente ed onesta doveva fare; ora temo che voglia
farmi del male presso i superiori. Ti avverto per tua regola. Elvira.»
Ah! vile farfanícchio! vieni qui, e te lo farò vedere io come si
scorbácchiano i tuoi pari. Proprio bellíno da fare il grazioso con le
donne!

GIOVANE 2.º--Signor Direttore, ma che starà un pezzo questo signor
cavaliere?

DIRETTORE--(_Pensoso e inquieto_) Tra poco sarà qui.

GIOVANE 3º.--Ma su che c'interrogherà?

DIRETTORE--Non dúbitino, ci penserò io. La mia scuola si deve fare
onore... Anzi dobbiamo provare, se ci riesce, di mettere su disputa
con questo ispettore, e fargli vedere che i giovani di Chiusi non sono
talpe. Lei (_accennando a uno de' tre giovani_) è il più vispo della
scuola, ed è uno de' più studiosi: se la sente di mettere alla prova
questo signore? È un uomo come gli altri, sa!

GIOVANE 1º.--Lo vede, se dicevo bene?

DIRETTORE--No signore. Lei scherniva; e i superiori non si
scherniscono. Io faccio cosa lécita, perchè mi studio di far fare buona
figura alla nostra scuola; e perchè, in fin de' conti, non è male che
qualcuno di questi signori, i quali vengono ne' luoghi piccoli col
pensiero di soverchiarci, sieno, potendo, sopraffatti. Bene: che si
sente in grado lei di stare un poco a tu per tu?...

GIOVANE 1.º--Altro!

GIOVANE 2.º--Anch'io, purchè sia una cosa che so bene.

GIOVANE 3.º--Anch'io.

DIRETTORE--Coraggio dunque. Lei (_al giovane 1.º_) è molto pratico di
Dante: farò in modo che lo intèrroghi su Dante.

GIOVANE 1.º--Sì, sì.

DIRETTORE--(_Al giovane 2.º_) E lei sa bene la storia della
letteratura. E lei (_al giovane 3.º_) è bravo nel latino.


Scena Seconda.

Il CUSTODE, poi l'ISPETTORE, il SINDACO, RODOLFO, GIULIA, ed altri.

CUSTODE--Il signor Ispettore, col signor Sindaco, e altri signori.

(_Il Direttore va verso la porta, ed entrano tutti: saluti e strette di
mano scambievoli._)

ISPETTORE--Ella, signor Direttore, ci ha lasciati...

DIRETTORE--Perdoni, signor Cavaliere: essendo anche maestro di quarta
ginnasiale, nel tempo che Ella andava alla scuola femminile, ho creduto
meglio di venir qui alla scuola mia, per isporre questi giovani a
riceverla degnamente.

ISPETTORE--Ha fatto bene. E, mi dica un po'; studiano questi giovani?

DIRETTORE--Per quel che fa la piazza, ci possono stare.

ISPETTORE--E il nostro gran padre Alighieri lo fa studiar loro? e la
lingua latina va bene? e la lingua nostra si trascura anche qui come in
altre scuole?

DIRETTORE--(_da sè_) Guarda che mútria! Or ora lo sentirai!--Spero che
sarà contento. Ma si accòmodino; ed ella faccia l'esperimento che più
le piace.

LEONE--Intèrroghi prima i giovani suoi sopra la letteratura e la lingua
latina.

DIRETTORE--Oh! signor Cavaliere, dove c'è il sole ogni altra stella
sparisce. Intèrroghi Ella sopra quel che le piace: e questi giovani
si troveranno onorati, e ricorderanno con orgoglio di essere stati
interrogati da sì degno personaggio.

LEONE--Ma desidero però che intèrroghi anche lei. (_Piano al Sindaco_)
Facendolo interrogare, gli faccio, senza parere, l'esame anche a lui.

DIRETTORE--Faremo a vicenda, se così le piace.

LEONE--Cominci lei.

RODOLFO--(_da sè_) Ho bell'e capito, l'amico non vuole impicciarsi; ma
ce lo tirerò io.

DIRETTORE--(_volto al giovane 1.º_) Dica lei: quali sono i più grandi
scrittori del secolo d'Augusto?

GIOVANE 1.º--Virgilio, Orazio, Sallustio e Tito Livio sono i principali.

LEONE--Ma, tra' principali, doveva metterci anche Lucrezio, Tacito e
Plauto. (_I giovani sghignazzano_)

DIRETTORE--Mi perdoni, signor Cavaliere: parmi che Lucrezio e Plauto
fossero assai prima di Augusto; e che Tacito fosse molto dopo.

LEONE--Sì sì; ma i buoni critici gli mettono tra gli scrittori
Augustali.

DIRETTORE--Mi perdoni; la nuova critica non è arrivata fin qua a Chiusi.

RODOLFO--(Oh, pezzo d'ásino d'un Ispettore!) (_e volto alla Giulia_) Il
principio non è brutto: l'avrebb'a ire a finir bene!

GIULIA--L'ho detto che non avevo sbagliato a crederlo un ignorante.

DIRETTORE--Contínui, signor Ispettore. _Ubi major, minor cessat_.

LEONE--(_Ammansito_) Grazie. (_E volto al giovane 2.º_) E la lingua
latina come si spense?

GIOVANE 2.º--Per le irruzioni de' barbari...

LEONE--Sì, ma come? con che ordine?

RODOLFO--(Dio che roba!)

GIOVANE 2.º--Non lo so...

LEONE--Non lo sa? Signor Direttore, queste sono cose elementari...

DIRETTORE--(Ah, sfacciato!) Che vuole? il giovane è un poco
sopraffatto... Lo metta ella in via, e vedrà che lo sa.

LEONE--Dunque (_volto al giovane_), venuti i barbari in Italia sotto i
Longobardi, (_i ragazzi ridono_) che fecero?

GIOVANE--Ma i Longobardi...

LEONE--Bene; i Longobardi che fecero?

GIOVANE--Nulla.

LEONE--Nulla? Signor direttore... sono molto addietro questi suoi
scolari!

DIRETTORE--(Bada, che mi scappa la pazienza! Ma freniámoci.) Scusi,
secondo la Critica vecchia, i Longobardi non furono i primi barbari che
venissero in Italia; chè molti e molti anni innanzi...

LEONE--Già, già, lo so. Ma i critici sogliono ora cominciar da'
Longobardi, perchè essi esercitarono sulla povera Italia la maggiore
influenza.

RODOLFO--(Dio mio ajutáteci!)

DIRETTORE--Eh, scusi, ma i Goti...

LEONE--I Goti, già, vennero dopo i Longobardi.

SINDACO--(Per bacco, questa l'è grossa davvero!)

DIRETTORE--Ci pensi meglio, signor Cavaliere.

FABRIZIO--(_vedendo l'impiccio_) Signor Ispettore, ella che ama tanto
la Divina Commedia e Dante, ed è sì valente Dantista, intèrroghi
piuttosto sopra il gran Ghibellino, che intenderemo qualcosa tutti.

LEONE--Volentieri. Dica (_volto al giovane 3.º_) com'era Dante in
politica?

GIOVANE 3.º--Prima fu guelfo, e combattè co' Guelfi a Caprona e a
Campaldino; poi mutò parte...

_Leone_--Coloro che insegnano tali cose non sono capaci di comprendere
l'alto concetto dantesco. Dante fu italiano, e non altro: ed egli fu
l'iniziatore primo della unità italiana sotto un solo Re.

RODOLFO--(_da sè_) L'_iniziatore primo_? Sfido io! se è _iniziatore_
non può essere altro che primo.

DIRETTORE--(È meglio ch'i' la pigli in celia: se no va a finir male.)
Mi perdoni, signor Cavaliere, ma il _Trattato della monarchía_, dove
Dante espone il suo pensiero politico, lo ha letto? Che ci ha trovato
codesto concetto, ed anche _il solo Re_?

LEONE--Che domande son codeste? L'ho letto e studiato; e anche ne ho
fatto lo spoglio, essendo esso uno de' primi testi di lingua citati
dalla Crusca.

DIRETTORE--Badi, è scritto in latino!... Ma lasciamo andar ciò. Sappia
dunque che, e nella _Monarchía_, e nella _Commedia_, Dante vagheggiava
la monarchía universale sopra tutto il mondo civile: l'imperatore
doveva aver l'alto dominio sopra ogni paese, di qualunque forma di
governo: il Papa doveva avere il dominio delle coscienze. L'Italia, che
Dante chiama il _giardino dell'Impero_, non era, come vede, per esso,
se non una parte di tal monarchía: l'Imperatore doveva, come altrove,
imperarvi, non reggervi: si ricordi che anche di Dio disse: _In tutte
parti impera e quivi regge_; e potevano, anzi dovevano, tutte le terre
d'Italia rimanere con la loro autonomía, repubbliche le repubbliche,
principati i principati...

LEONE--Codesta, signor Direttore, è critica codína... Non lo sentì
anche il Padre Giuliani, là nel 1865?

DIRETTORE--Io do retta a Dante, e non al Padre Giuliani...

SINDACO--Mi pare, signori carissimi, che questo non sia tempo da
díspute. Contínui la sua interrogazione.

RODOLFO--Cavaliere, faccia spiegare qualche luogo fra i più belli della
_Divina Commedia_.

LEONE--(_che mal può celare la stizza, e la confusione_) Volentieri,
Signor Direttore, (_al Direttore con atto imperioso_) faccia leggere
al giovane, che ella crede più adatto, quel luogo sublime dove Dante
incontra la sua Beatrice, il quale comincia:

  «A noi venía la creatura bella
    «Bianco vestita, e nella faccia quale
    «Par tremolando mattutina stella.»

DIRETTORE--(RIDENDO SOTTO I BAFFI, E VOLGENDOSI AL GIOVANE 2º) Su, dica
lei, per ubbidire al signor Ispettore.

GIOVANE 2.º--«A noi venía la creatura...» (_si mette a ridere_)

LEONE--Che mancanza di rispetto è questa? di che ride?

GIOVANE 2º--«La creatura bella, bianco vestita...»

LEONE--Bene: che c'è da ridere?

GIOVANE 2.º--La non è Beatrice.

LEONE--Come non è Beatrice?!

DIRETTORE--Signor Cavaliere, forse ora ella è distratto: ci pensi
meglio, e indichi esattamente il luogo che desidera di udire spiegato.
Che vuole? son giovani, e bisogna preparar loro il terreno...

SINDACO--(_alla moglie_) Mi pare che il Direttore tiri a voler metter
fuori di scherma il Cavaliere; il quale, par proprio che...

GIULIA--(_interrompendolo_) Che sia quale lo giudicai io, eh? Non
dubitare, no. Sentiamo come n'esce.

LEONE--Dunque Beatrice, la donna di Dante, quella che lo accompagna per
il Purgatorio e per il Paradiso... (_i giovani sghignazzano_) Dante se
la vede venire incontro tutta vestita di bianco...

UNA VOCE--No, di rosso.

LEONE--(_stizzito_) Insolenti! Facciano silenzio. Dunque, come diceva,
Dante in que' sublimi versi... perchè Virgilio nel Purgatorio non ci
poteva andare...

LA VOCE--Vi andò.

LEONE--Signor Direttore, queste sue scuole sono molto mal disciplinate.

DIRETTORE--Mi pare di non meritar sì fatto rimprovero. Dall'altra parte
son giovani, e sono compatíbili, se desiderano di far vedere che ne
sanno più di coloro...

SINDACO--(_interrompendo_) Signor Direttore, la prego di far tacere i
suoi giovani.

DIRETTORE--Silenzio! Signor Cavaliere, i giovani sono quieti; e
l'interrogato da lei, aspetta di udire le sue ammonizioni.

LEONE--(_al giovane_) Sì, ripeto, il Purgatorio è la più bella parte
del sacro poema: Virgilio vi andò sino ad un terzo di viaggio; Beatrice
_lo rimpiazzò_; Dante la vide, e la descrive con que' versi.

GIOVANE--Mi perdoni, signor Ispettore: Virgilio accompagnò Dante per
tutto il Purgatorio: que' versi, da lei per isvista citati, descrivono
un angelo; e Beatrice è descritta così dal poeta, là nel canto XXVII
del Purgatorio quando apparisce a Dante:

  Sotto candido vel, cinta d'oliva,
    Donna m'apparve...
    Vestita di color di fiamma viva[60].

LEONE--Lo sapevo da me; e mi maraviglio che ella si metta a far il
maestro a un suo superiore.

GIOVANE--Ma a me mi par che non lo sapesse...

LEONE--Insolente! (_i ragazzi ridono_) Signor Direttore, (_monta su
tutte le furie_) ella solo è _responsabile_ dell'insulto che ricevo
nella sua scuola. Il Ministro mi sentirà... E lei, signor Sindaco,
farà chiudere la scuola. I giovani possono andare.

DIRETTORE--Signori, vadano pure... (_i giovani escono ridendo: il
Sindaco, Rodolfo e la Giulia, si alzano_)

LEONE--E lei, signor Direttore, me ne renderà conto. Nella persona mia
è offesa la maestà reale.

DIRETTORE--(_acceso di sdegno_) Sì, mi par di sentire quella maschera
d'un teatro toscano, che, essendo col suo lucernone in capo,
pretendeva di tenere a freno certi suoi schernitori, dicendo che egli
rappresentava S. A. il Granduca. O senta dunque che cosa le ho da dire;
e questi signori mi scuseranno: e se lei, sor Ispettore, ricorrerà
al Ministro, io saprò che cosa rispondere; e si vedrà chi ne va a
capo rotto. Io mi maraviglio bene di un governo, che, a sindacare, e
sopravvegliare le scuole, dèputa farfanícchi suoi pari, che appena
sarebbero buoni a far il maestro di prima elementare; e dà persino ad
essi delle onorificenze; e che non hanno altro pregio, se non quello
della ciarlatanería e della più abietta servilità, di mutar casacca a
ogni momento, di incensare tutti gl'idoli nuovi, e prostrarsi a tutti
i nuovi padroni; di strisciare i ricchi e i potenti; di farsi largo a
forza di male arti, e di viltà e umiliazioni di ogni genere: e che,
mentre dovrebbero contentarsi di star ne' loro cenci, e godersi gli
onori non meritati, osano di impanciarsi a parlare di cose che non
sanno; e abusano vilmente il loro ministero...

FABRIZIO--Signor Direttore, pensi a quello che dice: si calmi. Il suo
procedere non è degno di lei.

RODOLFO--(_alla Giulia_) Lo sapevo che sarebbe ita a finir male.
Proprio me la godo!

GIULIA--Ma il Direttore esce troppo fuor del mánico.

LEONE--(_in tutto il discorso farà i più strani atti di sdegno_)
Vedremo! A me tali insulti? loro signori, sono testimoni... A un mio
pari!

GIULIA--Si calmi, signor Cavaliere. Il Direttore è sopraffatto da
qualche cosa. Ma si accorgerà egli stesso del suo errore...

DIRETTORE--(_al Sindaco, dandogli la lettera dell'Elvira_) Guardi, se
ho ragione di parlar così. Affido questa lettera alla sua lealtà. (_Il
Sindaco leggendo fa atti di stupore._)

LEONE--Non ammetto scuse. Prima al Ministro: poi al Tribunale (_come
invasato_).

DIRETTORE--Vedremo quel che la ci guadagnerà. Signor Sindaco, mi
permetta di uscir di qui, perchè non voglio pormi nel caso di perdere
la pazienza davvero.

FABRIZIO--Si serva. (_Il Direttore parte. Il Sindaco volto a Leone, che
fa atti di scusa_) Signor Cavaliere, mi duole proprio amaramente...

LEONE--Ma spero che anche lei, signor Sindaco, mi farà dare solenne
riparazione. Che si canzona! Un'autorità costituita... nell'esercizio
delle sue funzioni!

GIULIA--Signor Cavaliere, anch'io sono dolente di questo scandalo; ma
sono le solite bizze de' letterati. Faccia una cosa, ci rida su, e
stia allegro. Il Direttore le chiederà scusa... (_Nel tempo che parla
la Giulia, il Sindaco e Rodolfo confabulano; e il Sindaco fa vedere al
cognato la lettera della Elvira._)

LEONE--Mi perdoni, signora Giulia, ma voglio vederne la fine... bisogna
dare un esempio...

RODOLFO--(_Chiama da parte Leone, e gli dice:_) Leone, credo che
sarà meglio per voi il lasciar correre. Alla fin de' conti il torto
è vostro... Si riderà su per i giornali della vostra ignoranza: la
maestrína, alla quale avete promesso favore _sotto condizione_, ne
scrisse súbito al Direttore, il quale vi ha fatto quella celia, mosso
da giusto sdegno, e da gelosía: io sono stato testimonio di tutto: sono
amico del Ministro... e in coscienza dovrò dirgli la cosa come sta, per
non veder fatta un'ingiustizia.

LEONE--(_a queste parole allibisce_) La maestra non è vero...

RODOLFO--Ci conosciamo da trent'anni...

CUSTODE--Signori, ci sono le carrozze.

GIULIA--Andiamo, andiamo, signor Cavaliere; non ci pensi più.
Seppelliamo ogni cura e ogni rancore in un bicchiere di Sciampagna: il
pranzo ci aspetta. (_Giulia dà il braccio a Leone, ed escono_).

FABRIZIO--Oh che scene!

RODOLFO--Ma come si è ammansito súbito, eh? Lesto, lesto: raggiúngili:
io verrò a piedi. Bisogna che parli prima col Direttore. (_Fabrizio
parte; e Rodolfo chiama_) Giovanotto.

CUSTODE--Comandi, signore.

RODOLFO--Senti un po' se il signor Direttore può favorir qui da me.

CUSTODE--Súbito.


Scena Terza

RODOLFO solo.

Qui bisogna vedere che questo scandalo non si faccia più grave; che non
vorrei tornasse a danno anche di questo buon Direttore, e della signora
Elvira. Benchè...


Scena Quarta.

DIRETTORE e detto.

DIRETTORE--(_interrompendolo_) Che mi comanda il signor Commendatore?

RODOLFO--Comandare, nulla. Solo volevo, ora che sono andati via tutti,
studiar con lei il modo di riparare a questo guajo; e vedere se la cosa
può andare a buon fine per tutti.

DIRETTORE--Ella ha veduto quella lettera alla mia Elvira. Le pare una
bella prodezza? le pare ingiusto il mio sdegno?

RODOLFO--No, ingiusto non è: ma però egli è sempre Ispettore, e lei ha
passato il segno... e poi nel tempo della Ispezione! in presenza degli
scolari... Se non una pena, una mortificazione non può mancarle.

DIRETTORE--C'è tanti giornali!...

RODOLFO--No, no: la senta. Io ho de' conti vecchj con quel sor Leone:
mi ha sempre sdegnato il suo strisciar con tutti: la sua insaziabile
smania di parer da qualcosa, senza esser nulla: il suo continuo braccar
lodi da' giornalisti: il voltar casacca da un momento all'altro: la sua
stomachevole piacentería con tutti coloro da cui crede poter trarre
qualche frutto; e mi ha pure stomacato e mi stòmaca quel suo esser così
donnajuolo, benchè a quel mo' ridícolo, e ora vecchio; e però, io come
io, ho avuto molto caro che la gli dia questa lezione. Ma le ripeto, a
come stanno le cose ora, se egli potrebbe aver de' rimproveri, o forse
esser anche destituito, anche lei non anderebbe esente da rimproveri,
che potrebbero esser cagione di frastornare il suo matrimonio, e il
miglioramento di sorte della sua Elvira.

DIRETTORE--Ma dunque?

RODOLFO--La senta: bisogna fare in modo che l'amico ne faccia una
delle più grosse: e la farà di certo, se noi sappiamo dissimulare, ed
assicurarlo da ogni amarezza. Egli ci cascherà: so quel che dico; e lo
conosco troppo bene. Allora l'uomo è nostro: penserò io a impaurirlo;
e gli faremo fare tutto quello che ci parrà e piacerà. Ma bisogna che
la dia retta a me.

DIRETTORE--Sentiamo!

RODOLFO--Ella è invitata a pranzo dal Sindaco. Venga; e mostrandosi
dolente del fatto accaduto, preghi l'Ispettore a dimenticarlo.

DIRETTORE--Eh!

RODOLFO--Aspetti... Egli, tanto, è un buacciuòlo; e tutti sanno che la
cosa si fa per celia. Lo lodi: lo imburri; si raccomandi anche...

DIRETTORE--Ma senta, signor Commendatore...

RODOLFO--Si tratta di far la burletta; e da questa può nascerne il
bene di lei e della sua Elvira. Mi dia retta: rideremo; ed Ella e la
sua Elvira saranno contenti. Se mi riesce, non solo il caro Leone non
si risentirà del torto che ella gli ha fatto; ma e della scuola e di
lei scriverà al Ministro ogni bene; e ajuterà efficacemente il buon
èsito della súpplica della signora Elvira, la quale farò in modo che
venga a finir la serata da mia sorella; e potrà giovarci anche lei
maravigliosamente. Ma perchè il topo resti in tráppola, bisogna che
sia tranquillo d'animo. A tavola glielo metterò accanto: lo tratti
onorevolmente, e gli mesca da bere...

DIRETTORE--Mi fido di lei; e l'ubbidirò.

RODOLFO--Io scappo, per non dar sospetto. A rivederci a or ora.

DIRETTORE--A rivederla. (_Rodolfo parte_) Vediamo come va a finire.
Sicuro, i' mi sono un poco lasciato andare... Ma dall'altra parte un
farfanícchio a quel modo... Andiamo a vestirci per il pranzo.


Scena Quinta.

ELVIRA e detto.

ELVIRA--Mi è stato detto che eri qui; e qui son venuta per saper un
poco com'è andata la faccenda...

DIRETTORE--Ora non posso distendermi troppo a raccontarti ogni cosa per
filo e per segno; ma sta certa che l'ho servito di coppa e di coltello.
L'ho solennemente scorbacchiato in presenza di tutti.

ELVIRA--Dio mio! ma questa cosa ti potrebbe far danno, e frastornare le
nostre nozze.

DIRETTORE--Veramente un po' troppo uscito dal mánico, sono; e me l'ha
detto anche il Commendatore: però mi ha consigliato come mi debbo
regolare; e spero che la cosa anderà a finir bene anche per noi. Il
Commendatore ha immaginato non so che burletta; e mi ha accertato che,
se noi lo secondiamo, ce ne troveremo contenti. Anzi ti avverto che la
signora Giulia ti inviterà stasera al thè: sta preparata; e seconda
anche tu il nostro disegno, che il Commendatore si dà molta cura anche
per noi, e ama di veder concluso il nostro matrimonio.

ELVIRA--Tanto meglio. Dunque va pure a prepararti per il pranzo; ed io
verrò a casa della signora Giulia volentierissimo. Addio.

DIRETTORE--(_le stringe la mano_) Addio. (_L'Elvira esce; il Direttore
scrive alcuni appunti; e poi dice_) Ecco fatto! O andiamo. (_Esce e
cala il sipario_)


FINE DELL'ATTO SECONDO.



ATTO TERZO


Scena Prima.

La stanza del Sindaco come nell'atto I.

FABRIZIO--(_seduto al tavolino_) O questa proprio me la sono goduta!
Non c'è che dire: le donne hanno gli occhj più lunghi di noi! _Questo
sor Ispettore_, disse la Giulia appena letta la lettera, _debb'essere
un ignorante e uno scroccone_; e non è scattato un pelo: proprio tale
in carne e in ossa. Che bocconi! come tracannava! (_Firma alcune
lettere_) Ora bisognerà tornar di là, a veder come finisce la scena.
Che grullo! E come ci ha creduto súbito alle scuse del Direttore! e
come ha preso per contanti gli encomj che gli si facevano...


Scena Seconda.

GIULIA e detto.

GIULIA--Fabrizio, cerca di sbrigarti. Abbiam finito di prendere il
caffè, e vogliamo passare in sala.

FABRIZIO--O che non potete andare senza di me? Io ho qualche cosuccia
da fare.--Ehi, dimmi un po': séguita a andar bene tra l'Ispettore e il
Direttore?

GIULIA--Pajono amiconi da cent'anni. Un po' l'arte sopraffina del
Direttore; un po' i fumi del buon vino; quel caro cavaliere parla con
una effusione di cuore che innamora. Ha dimenticato la scenata della
scuola; e ha ripreso, a quanto pare, il disegno fatto circa alla
Laura...

FABRIZIO--Disegno circa alla Laura? Che disegno?

GIULIA--Non ne sai nulla? Credevo che Rodolfo te n'avesse parlato.

FABRIZIO--No... Io so solamente di una certa proposta insolente che
l'Ispettore fece alla signora Elvira.

GIULIA--Ma il sor Ispettore non si ferma a una sola. Prima che con la
Elvira, si era aperto amorosamente con la Laura, ed era venuto alle
strette; e vuole a tutti i patti che stasera lo riceva da solo a solo...

FABRIZIO--Non mi canzoni! O come lo sai?

GIULIA--Rodolfo, senza volere, ha veduto e udito ogni cosa, e me lo
ha detto. Anzi credo che tutto questo rimpaciamento tra il Direttore
e il Cavaliere sia maneggio di Rodolfo stesso, il quale ha voluto che
ogni amarezza e ogni dispiacere si diléguino dall'animo dell'Ispettore,
affinchè non abbandoni per essi, o ci vada meno caloroso, l'affare
della Laura. E di fatto par che, non solamente duri nel suo propòsito,
ma che ci si sia riscaldato; perchè, scontrátala nell'uscir da pranzo,
le ha detto non so che negli orecchj, e credendo di non esser veduto,
le ha fatto anche pa[61].

FABRIZIO--O sciocco che non è altro! Ma senti: Giulia; queste son cose
che non istanno bene, e tu mi scandalizzi a pigliarle in burla come fai.

GIULIA--È tutta farina di Rodolfo: egli vuol fare al signor Leone, sua
vecchia conoscenza, una burla solenne, nella quale non ci sarà ombra di
scandalo; e dalla quale anzi nascerà un gran bene.

FABRIZIO--Quel Rodolfo mi pare un po' troppo spericolato, e non vorrei
trovarmi a qualche pasticcio.

GIULIA--Per codesto sta' pur sicuro... Ma sentiamo la Laura stessa.
(_Suona il campanello e viene un servitore_) Dite alla Laura che venga
qui. Sentiamo un po' meglio da lei, per potersi governare anche noi.
Oh, tanto meglio, ecco anche Rodolfo.


Scena Terza.

RODOLFO e poi la LAURA.

RODOLFO--Ma di là siamo tante mosche senza capo: venite via.

GIULIA--Senti, bisogna prima intendersi su questa faccenda
dell'Ispettore.

FABRIZIO--Sì, perchè non vorrei pasticci...

RODOLFO--Non dubitare, no. Senti.

LAURA--(_entra_) Mi comanda signora?

GIULIA--Oh, bene! due colombi a una fava. O sentiamo un po' che cosa
avete almanaccato contro quel valente cavaliere.

LAURA--Signor Commendatore, lo dica lei.

RODOLFO--Io dirò quel che si può dire. Del rimanente state pur certi
che non nascerà veruno scandalo. La Laura tra poco fingerà di sentirsi
poco bene, e ti domanderà di poter ritirarsi in camera sua: il caro
Leone, già indettato con lei, domanderà di ritirarsi per qualche
momento a scriver lettere, e anderà dalla Laura... Altro non posso
dirvi per ora: governerò il tutto io; e tu, Giulia, secóndami, e sii
certa che non farei niuna cosa disdicevole a una mia sorella.

FABRIZIO--E tu, pazzerella, acconsenti a far questa bella figura?

LAURA--La stia pur certo, signor padrone, che la parte che fo io la
potrebbe fare una monaca.

RODOLFO--Via, via, non facciamo più chiácchiere. Andiamo di là; che non
istà bene questo sparire di tutti i padroni di casa. (_Partono_)


Scena Quarta.

_Sala di conversazione. Varj convitati che giuocano, chi a scacchi, chi
a calabresella, i quali ogni tanto fanno qualche parola riguardante
il loro giuoco. A un tavolino sul davanti LEONE e il DIRETTORE, che
giuocano a dama._

DIRETTORE--Signor Cavaliere, le buffo questa dama; doveva mangiarmi la
pedina.

LEONE--Ecco le solite distrazioni!

DIRETTORE--Che vuole, lei ha altri pensieri che il giuoco della dama...

LEONE--Pur troppo la dice bene... E anche stamattina nella sua
scuola... tutte distrazioni, sa?...

DIRETTORE--Lo vedeva bene, io; e me ne profittai per vendicarmi un
poco... ha capito?... Che vuole? mi perdoni?...

LEONE--Anzi mi perdoni lei... Sa: non sapevo... Del resto... (_si
alza_). Ma questo giuoco sarà bene smetterlo, eh?

DIRETTORE--Smettiamo. Io credeva di far piacere a lei...

LEONE--Grazie tante... La senta, signor Direttore: io ho pubblicato un
ultimo mio lavoretto... Non sarà gran cosa... ma è fatto con amore...
Gliene manderò una copia.

DIRETTORE--Mi terrò onorato d'un suo dono: e son certo che da quel
libro imparerò assai.

LEONE--Veramente alcuni giornali ne hanno parlato anche troppo bene;
ma temo di adulazione; e vorrei che qualche uomo leale e spassionato ne
dicesse proprio quel che ne pensa su qualche giornale accreditato. Lei,
vede, potrebbe darlo questo giudizio; gliene sarei proprio tenuto: e se
poi potessi fare qualche cosa per lei...

DIRETTORE--Volentierissimo, signor Cavaliere.


Scena Quinta.

RODOLFO, GIULIA, FABRIZIO.

(_Tutti si alzano_)

GIULIA--Signori, ci perdónino se gli abbiamo lasciati qui soli. Mio
marito doveva sbrigare una faccenda per il Municipio: io e mio fratello
abbiam dovuto attendere a preparare un giochetto per più tardi. E per
di più è venuta una forte emicránia alla cameriera, che l'ho dovuta
accompagnare io stessa in camera sua, e ordinarle che vada a letto.

LEONE--(_Tra sè_) Povera Laurína! è stata di parola. Or ora verrò a
consolarti, sai!

DIRETTORE.--Ma le pare, signora! che accadono scuse? Avremmo tutti
avuto dispiacere, se, per cagione di noi, avessero trascurato le cose
loro.


Scena Sesta.

Un SERVITORE e poi ELVIRA.

SERVITORE--La signora maestra Elvira.

GIULIA--Passi súbito (_le va incontro_). Brava signora Elvira: ci ha
fatto proprio un favore.

ELVIRA--Sarebbe stata villanía il rifiutare sì cortese invito.

LEONE (_Vedendo l'Elvira, si trova impicciato_).

RODOLFO--Signor Leone, stasera ci vorrebbe un poco di quel saporito
brio, col quale ella condiva già le più nobili conversazioni.

LEONE--Eh, caro Commendatore, lei, che delle più nobili conversazioni
è stato sempre il più bell'ornamento, dubito che voglia prendersi
giuoco di me, povero letteratuccio... ma pure, la guardi, stasera mi
sento in vena, e chi sa... Prima però bisogna che le mi concedano una
mezz'oretta di tempo per isbrigare alcuni affari di ufizio; e poi
tornerò qui, e mi studierò di ringiovanire.

FABRIZIO--Si serva pure: ella sa dov'è tutto l'occorrente per iscrivere.

RODOLFO--(_alla Giulia_). Ci siamo: il topo si avvía verso la tráppola.
Attenti.

GIULIA--Signor Cavaliere, noi andiamo di qua nella sala del pianoforte;
e aspettiamo lei per prendere il thè.

LEONE--(_Leva fuori l'orologio_). Una mezz'oretta mi basterà. Guardi,
sono le otto e un quarto; prima delle nove sarò da loro.

VARIE VOCI--Dunque l'aspettiamo: faccia presto.

LEONE--Ma lor signori son troppo cortesi verso di me. A rivederli a or'
ora (_passando vicino all'Elvira:_) Signora Elvira, mi ha perdonato,
eh? Mi raccomando a lei. (_L'Elvira fa un atto di assentimento col riso
sulle labbra; e Leone esce_).

RODOLFO--(_alla Giulia e al Sindaco_). Non si può negare che sia un
gran buffone. Ora vedremo quel che sa fare.

FABRIZIO--Rodolfo, mi raccomando; bada che non accada qualche scandalo.
Giulia, anche te...

GIULIA--Sta di buon animo: finirà tutto allegramente. (_E volta agli
invitati:_) Signori, passiamo di qua, dove si starà più comodi; e
intanto la signora Elvira ci farà sentire qualche nuovo pezzo di musica
sul pianoforte.

ELVIRA--Volentierissimo, giacchè la signora si contenta di così poco.

(_Escono ordinatamente, e co' soliti convenevoli_).


Scena Settima.

_Camera della Laura; da una parte il letto da una persona con parato, e
alcuni mobili._

LAURA e CATERINA vecchia.

CATERINA--Ma che pasticci mi fai fare, pazzerella? Badiamo che non mi
trovi a...

LAURA--A che ti vuoi trovare? fammi il piacere! (_Le accomoda le
vesti_). Guarda, tu pari tutta me. Ora pòsati sul letto: l'uscio è
accosto; quando viene l'amico, stúdiati più che puoi di nasconder la
faccia: parla sottovoce. Abbassiamo dell'altro la calza di questo lume,
(_lo fa_) e tiriamo ben giù la ventola. Così va ottimamente. Io sto qui
nello stanzino accanto: fa' pulito ogni cosa; e ci sarà per te un bel
regalíno. Ricòrdati bene di tutto (_si sente rumore_). Sta'... mi par
di sentir gente. Addio.


Scena Ottava.

LEONE e detta.

CATERINA--Dio mio! in che pasticci mi mette questo capo sventato.

LEONE--(_apre adagio adagio e mette il capo dentro_) Laurína!...

CATERINA--Chi è? (_scende dal letto_).

LEONE--(_entra_). Son io, amor mio.

CATERINA--(_sottovoce_) O Dio! È lei, sor cavaliere? Per carità, parli
sottovoce. Oh, che ho fatto! Tremo come una foglia.

LEONE--(_si avvicina_) Fídati di me, mia dolcissima Laura: io son qui
per farti felice. Vieni, amor mio, tra le mie braccia.

CATERINA--(_fa la ritrosa_) Senta, signor cavaliere...

LEONE--Ma perchè mi tratti col _sor cavaliere_, e col _lei_? L'amore
non vuol complimenti.

CATERINA--Mi vergogno a darle del tu...

LEONE--Ma no: fatti coraggio, anima del cuor mio... (_si avvicina
sempre più_).

CATERINA--Per l'amor di Dio, Leoncíno mio, abbi compassione di me...
Sono una fanciulla onesta... Non abusare della confidenza che ho avuto
in te...

LEONE--Angiolo mio, (_la abbraccia affettuosamente_) io sarò tuo, tuo
per sempre: ti adorerò proprio come le cose sante; ma calma per carità
quell'ardore che ora mi avvampa. (_Si sente rumore di passi_).

CATERINA--Signore, ajutatemi! Siamo scoperti.

LEONE--(_s'impaurisce_) Laurína, per carità... Oh, Dio! dove mi
nascondo?

CATERINA--Qui, qui, dietro il parato del letto.

_(Leone si nasconde; e Caterina si distende sul letto)._


Scena Nona.

La signora GIULIA con RODOLFO, e detti.

GIULIA--Laura...

CATERINA--(_coprendosi_) Signora...

GIULIA--Come stai!

CATERINA--Poco bene, signora...

GIULIA--Ma qui c'era gente... Con chi discorrevi?

CATERINA--Signora mia, con nessuno...

RODOLFO--(_nel tempo che le due parlano, gira per la stanza, e adocchia
il nascosto._) Con nessuno, eh? O qua dietro chi c'è'? (_Va e tira
fuori Leone, che resta confuso e immòbile._) E che faceva, signor
Ispettore, là dietro?

LEONE--Passeggiavo...

GIULIA--Senti, passeggiava! Ed una persona della sua età, del
suo grado, si lascia andare fino a questo punto, e rispetta così
l'ospitalità?

LEONE--Signora, per pietà... Che vuole? Al cuore non gli si comanda.
Commendatore, mi raccomando anche a voi...

RODOLFO--Ah! ora vi raccomandate? Dopo aver così vituperosamente
sparlato di me, e messo su de' giornalisti a scrivermi contro, avete il
coraggio di raccomandarvi a me!! Meritereste che vi rendessi pan per
focaccia.

LEONE--Credete, Commendatore, son calunnie...

RODOLFO--Chetatevi, sfacciato! ci conosciamo. Un vostro pari, e
chiappato in questo luogo, parlar di calunnie! Vedi, Giulia, che gente
si elegge a ufficj così gelosi! Vedi che ospite gentile si è ficcato
qui in casa tua.

LEONE--Per carità...

RODOLFO--Non c'è carità che tenga; e mia sorella, per ora, dee
conoscere di che be' panni vestite. Voi non avreste dovuto dimenticare
con quali arti vi sia riuscito farvi un po' di largo nel mondo,
voi, che e per ingegno e per istudj non avreste mai potuto stare se
non terra terra. Encomiatore sfacciato di ogni ricco e potente, vi
abbracciaste alle falde d'un letterato di qualche nome ed egli vi
mise al mondo come letterato, benchè fosse il primo a mettervi in
canzonella, e contraffare i vostri modi ridícoli: vi voltaste come le
banderuole ad ogni vento che tirava, e scriveste per bianchi e per
neri, per guelfi e per ghibellíni: cercaste sempre lodi e favori, o
raccomandandovi a modo di pitocco, o cercando di destar compassione:
sempre vi ficcaste presso questo e quello: la vostra vita fu un
continuo domandare impieghi ai governi di tutti i colori; e piangevate
di consolazione, raccontando le udienze degli Arciduchi figliuoli
di Canapone, come poi piangevate di gioja raccontando quelle de'
figliuoli di Vittorio Emanuele: sfruttaste anche voi il sacro nome
d'Italia... E foste creduto dagli stolti; e squadernando dinanzi agli
occhj degli asini in seggio le lodi pitoccate e bugiarde, aveste
ufficj e onorificenze. Questi e queste vi fecero dimenticar l'esser
vostro: credeste d'esser davvero uomo da qualcosa: accortamente
sfruttaste l'ira che aveva contro di me un giornalista, il quale, per
fare, secondo lui, dispetto a me, celebrò e fe' celebrare le vostre
sciocchezze stampate.

LEONE--Ma, Commendatore...

RODOLFO--Chetátevi: accenno solo qualcuna delle vostre prodezze, per
edificazione di mia sorella, la cui casa avete adesso contaminata; ma
potrò squadernarle tutte a tutti, se non ponete al presente scandalo
quel rimedio che solo può esserci.

LEONE--Commendatore, signora Giulia... mi raccomando... non mi
rovinate... Ditemi quello che debbo fare.

GIULIA--Con quale intenzione ella era venuto in questa camera?

LEONE--Con onesta intenzione; e lo aveva detto anche alla Laurína.

GIULIA--Dunque ella è pronto a fare il suo dovere sposandola?

LEONE--Come! qui su due piedi?...

RODOLFO--Esitereste forse?

LEONE--Non èsito: ma qui, ora...

RODOLFO--Qui, ora dovete darle la mano, e giurarle fede; e dobbiamo
annunziare il matrimonio di là alla conversazione. Questa è la
condizione prima che io pongo alla vostra salvezza.

LEONE--Ed io lo farò.

GIULIA--(_Va al letto dov'è la creduta Laura, e scoprendola e
alzandola, la conduce sul davanti. Veduto che è la vecchia, Rodolfo e
la Giulia danno in una risata; Leone si copre il volto colle mani._)

CATERINA--Signora, avesse sentito che parolíne dolci mi diceva il mio
Leoncíno!

LAURA--(_esce dallo stanzino_) Eccomi qua io a spiegare tutta questa
faccenda: io ho fatto quel che ho fatto, per dare una lezione al
signor cavaliere, il quale, al modo tenuto meco, doveva avermi preso
per qualche civetta; ed ho voluto fargli vedere che sono una ragazza
onesta, e che tutte le cameriere non sono pari a quelle che forse egli
ha trovato sin qui.

RODOLFO--Vedete, signor Leone, anche una fanciulla vi dà lezioni di
morale e di creanza. Spero che, se l'amavate prima, come le giuravate,
adesso l'amerete anche più... e farete il vostro dovere. Lo sfregio
aveste intenzione di farlo a lei, ed a lei dovete fare giusta ammenda.

LAURA--Ho inteso ogni cosa; e so di che si tratta: ma io ringrazio
tanto e poi tanto. Per ora amo di restar fanciulla, e non abbandonerò
la mia buona signora; ma, se dovessi rompermi il collo...

RODOLFO--Lo vorresti fare con un po' più di sugo, è vero? Brava Laura.
Sentite, Leone, la Laura rifiuta le vostre grazie: dunque di ciò non si
parli più. (_Leone è nella massima confusione._) Oh, senti, Giulia, tu
va di là in sala; e così voialtre due (_alla Laura e alla Caterina_)
uscite per un momento di qui; che debbo dir due parole all'Ispettore,
col quale verrò tosto di là anch'io, e finiremo allegramente la serata.
(_Tutte le donne vanno via._)

LEONE--Rodolfo, vi siete vendicato troppo crudelmente.

RODOLFO--Troppo cortesemente dovete dire. Ma adagio, ci restano molte
cose da fare. Voi avete abusato vilmente della vostra autorità con
la villana proposta fatta alla maestra: avete ferito nel cuore il
direttore, che è per essere suo sposo: avete violato l'ospitalità di
questa casa onorata; e nella scuola avete dato prova della vostra
asinità. Acciocchè tutte queste cose rèstino celate, bisogna che voi
facciate di tutto per farle dimenticare.

LEONE--Ma che cosa?

RODOLFO--Nulla che non sia di stretta giustizia, e secondo la pura
verità. Farete un largo rapporto al Ministro, dove farete l'elogio che
meritano al sindaco e al direttore per il buon procedere delle scuole;
delle quali parimente direte tutto il bene possibile: nè direte bugía,
quando gli scolari di esse hanno mostrato di saperne più di voi.

LEONE--Ero distratto...

RODOLFO--Síe: eri distratto!--Vi adoprerete con ogni efficacia, ed
io verrò in vostro ajuto, perchè la súpplica della signora Elvira
sia risoluta favorevolmente, e si possa fare con più allegría il suo
prossimo matrimonio. Promettete ogni cosa?

LEONE--Prometto.

RODOLFO--Per cancellare poi ogni sospetto dalle menti de' convitati, vi
mostrerete lietissimo, farete ogni atto di cortesía al Direttore e alla
Elvira; e, come siete poeta, così farete un sonetto per le loro nozze.

LEONE--Mi proverò.

RODOLFO--Dunque andiamo; ma prima ascoltate un consiglio. È un po'
tardi; ma sarà sempre opportuno. Temperate quella smania di nominanza
che vi consuma; tanto, siate pur certo che le lodi accattate, e fatte o
per favore, o per amicizia, non sono sufficienti a dar fama durevole; e
chi non ha stoffa vera, come suol dirsi, resterà sempre un minchione,
anche se lo celebreranno cento lingue e cento penne: anzi quelle lodi
gli saranno cagione di scherno appresso le persone che veggon diritto.
Temperate la lingua, e datevi anche una risciacquatína al cuore; chè
è da vera birba il far l'arte che avete fatto con noi sino ad ora.
Non dico altro, perchè m'intendete. Di ciò che avete detto o fatto
contro di me non ne faccio verun caso, nè ve ne serbo odio: mi basta la
leggiadra vendetta che io ne ho potuto fare qui in casa di mia sorella:
e però, dove facciate appuntíno quanto avevate promesso, non dubitate
che io sia per nuocervi minimamente.

LEONE--Farò tutto senza che manchi un ette.

RODOLFO--Bene. Intanto andiamo a prendere il thè: mostratevi allegro, e
mettete alla prova tutta la vostra fantasia! (_Partono_).


Scena Decima.

Sala del thè.

GIULIA, ELVIRA, FABRIZIO, il DIRETTORE e tutti i convitati.

(_L'Elvira è al pianoforte, e avrà finito una sonata: tutti battono le
mani_).

GIULIA--(_Va là e le stringe la mano_) Brava signora Elvira; mi
rallegro proprio di cuore: lei suona come un angelo.

ELVIRA--(_si alza_) Troppo buona la signora Giulia.


Scena Ultima.

RODOLFO, LEONE e detti.

RODOLFO--Oh! siamo arrivati troppo tardi!

LEONE--Abbiamo sentito, avvicinandoci, un concento di paradiso...

RODOLFO--(_sotto voce_) Bravo! così.

FABRIZIO--Era la mano maestra della signora Elvira.

LEONE--(_avvicinandosi alla Elvira_) Le faccio, signora Elvira, i miei
complimenti; e mi duole di non essermi potuto beare nelle sue celesti
armoníe.

ELVIRA--Tutta bontà sua. L'approvazione de' suoi pari è il più bel
premio che io possa sperare dalla mia buona volontà.

RODOLFO--(_da sè_) Senti come la sa lunga! E quel baccello si beve la
sopraffina canzonatura come un delizioso liquore!

(_Viene il thè: la Giulia lo prepara, e poi l'offre a questo ed a
quello. Gl'invitati siedono senza ordine e senza precedenza_).

FABRIZIO--Dunque, signor Cavaliere, com'è contento di questa città e di
queste nostre scuole?

LEONE--Contentissimo: posso dire che questa Chiusi, lungi dall'esser
chiusa, è per me il più spazioso e apríco giardino che mai abbia
veduto, e dove fioriscono i più eletti fiori, degni del paradiso
(_volgendosi alle donne_).

RODOLFO--(_da sè_) Ohe! questi sono voli più che pindárici.

LEONE--Per le scuole e per gl'insegnanti, non ho mai veduto di meglio
nella mia dura _carriera_; nè può essere altrimenti, quando ci sono
delle signore Elvire e dei signori Carli.

ELVIRA e CARLO--Troppo buono!

LEONE--C'è stato un piccolo malinteso... ma il valente direttore mi ha
fatto veder la cosa per il suo verso; sì che, invece di sdegno, mi ha
accresciuto la stima.

DIRETTORE--E qui corampopolo gliene rinnuovo le più umili scuse.

LEONE--Lasci stare le scuse. Lei è degno della mia stima e della mia
protezione.

DIRETTORE--Troppo onore! troppa grazia!

FABRIZIO--Anche la signora Elvira anderà superba di tanta sua
degnazione, dovendo tra poco essere sposa del signor Direttore.

RODOLFO--Oh, mi rallegro... E quando, se è lécito?

DIRETTORE--Ora a Pasqua.

RODOLFO--Bravi! Cavaliere, voi siete valoroso poeta, ed anche
all'improvviso: su, preparate un sonetto per questi due sposi, che
tanto vi onorano e vi stimano.

LEONE--Caro Commendatore, volentieri... ma così _stans in duobus
pedibus_.

FABRIZIO--(_al Direttore sotto voce_) O non si dice _stans pede in
uno_.

DIRETTORE--(_c. s._) Sì: ma egli ha la licenza di dire a quel modo.

GIULIA--Bene: si ritiri nella stanza accanto, e ci pensi su: io sono
ambiziosa di poter dire: _qui in casa mia scrisse e declamò un sonetto
l'illustre Feroci_.

LEONE--A tanta cortesía non è possibil resistere: mi proverò. (_Va via_)

RODOLFO--Io non mi son mai trovato a uno spasso come quel di stasera:
e tu, Giulia, e lei signora Elvira, e il signor direttore, fate
maravigliosamente la vostra parte. Ma quel demonio della Laura, eh?

FABRIZIO--Insomma si può sapere com'è andata?

RODOLFO--Te lo dirà poi la Giulia: ti basti che tutto è andato bene;
che l'Ispettore si era indotto a sposar Laura, e che ella gli ha detto
un bel no.

FABRIZIO--Ma, o in camera?...

GIULIA--C'era la vecchia Caterina... (_Ridono tutti_)

DIRETTORE--Ma dica, Commendatore, come anderà del rapporto al Ministro?

RODOLFO--Non ha sentito? Porterà a cielo ogni cosa... E poi lasci fare
a me.

(_Nel tempo del colloquio gli altri fingeranno di parlare tra loro, e
sfoglieranno libri e album, l'Elvira guarda della musica insieme con la
Giulia._)

FABRIZIO--A propòsito: guarda se mi fai dare un po' di nastro
all'occhiello: non per me, sai, ma perchè sono quasi il solo sindaco
non cavaliere; e poi per decoro di tua sorella.

RODOLFO--Se non vuoi altro che una croce, sta di buon animo, che non ti
mancherà. Tu lo sai, come dice quell'amico: _Una croce e un sigaro non
si nega a nessuno_.

LEONE--(_entra_) Ecco fatto.

GIULIA--Come! così presto?

RODOLFO--O non l'ho detto che scrive all'improvviso?

LEONE--Bádino, ve', signori, mi usino compatimento. (_Legge e gestisce
con enfasi_)

  Tu sei Minerva, o Elvira; e tu se' Apollo,
    O illustre Carlo; e se vi unite insieme.
    Da voi d'eroi nascerà chiaro seme,
    Di cui l'ausonio ciel ben fia satollo.
  Quando sotto il dolce giogo porrete il collo,
    Rifiorirà d'Italia ogni altra speme;
    E quel che più a noi Italiani preme,
    S'impregnerà di gloria ogni rampollo.
  Ritornerà per noi l'età dell'oro;
    Ritornerà, credete, êra novella;
    Faremo tutti un bello eletto coro.
  E in quel carattere che mai non si cancella,
    Griderem tutti nel più stil sonoro:
    Viva il dottissimo Carlo e Elvira bella.

(_Mentre legge, Rodolfo, Carlo, e tutti, udendo gli spropòsiti, fanno
atti di scherno e di maraviglia_).

TUTTI--Bravo! viva il poeta! viva il cavaliere Ispettore.

LEONE--(_tutto giojoso_) Grazie, grazie, signori e signore. Scuseranno:
quasi improvvisato!

TUTTI--Bello, bellissimo! Bravo!

GIULIA--(_Va da Leone, e dandogli la mano dice_) Mi rallegro con lei,
signor cavaliere (_Leone fa delle svenevoli scimmiottate_); e come è
stato tanto cortese per la poesìa, così oso pregarla di esser tale sino
in fondo.

LEONE--Eccomi qua: comandi.

GIULIA--Vogliamo fare un ballónzolo; ed ella mi deve onorare di ballar
meco la prima quadriglia.

LEONE--Io lei? Lei me, ha a dire! Mi tengo più beato di questa sua
garbatezza, che dell'essere coronato in Campidoglio.

(_Si dispongono per il ballo: uno si mette al pianoforte e suona. Leone
farà mille svenevolezze; e prima che il ballo cominci a buono, Rodolfo,
guardando con atto di scherno Leone, dice_)

RODOLFO--E questa è la gente che il Governo prepone alle scuole!!!...

(_Il ballo comincia; e mentre ballano cala il sipario_)


FINE.



L'ARLECCHINO, IL BRIGHELLA E IL CÒLA

DEL VOCABOLARIO NOVELLO DELLA CRUSCA


SCHERZO DRAMMATICO[62]



PERSONAGGI


  IL PRIMO COMPILATORE.
  IL SEGRETARIO della Crusca.
  ARLECCHINO.
  BRIGHELLA.
  CÒLA.
  COLOMBINA.
  CIAPO.
  RONTINO, bidello della Crusca.
  ALTRE MASCHERE TEATRALI.
  DUE QUESTURINI.

 Siamo nel carnevale.


Scena Prima.

(_Il PRIMO COMPILATORE è seduto su una gerla dinanzi al suo tavolino, e
sta lavorando al gran Codice della Nazione. Scrive, pensa e si gratta
il capo: ha dinanzi un monte di libri d'ogni sesto_)

Ecco fatto. Questa etimología mi è costata sudori di sangue; ma posso
dire di aver dato nel segno. (_Legge_)

«ADRUGÍNO. _Avv_. _Rim_. _Ant_. _F_. _Pucciarell_. 2, 219: E s'ella
(la piena) vuol pure al tutto affondarmi Nel suo andare a mettermi
adrugino, Io mi lamento, e dico: o me tapino! (_Forse questo strano
vocabolo s'ha a leggere_ a drugino, _e sembra una corruzione di_ a
ritrècine, _dicendosi figuratam_. _Andare a ritrècine, per_ Andare a
rovina, a precipizio. _Così qui_ Mettere a drugino _significherebbe_
Mettere a precipizio.) Sta ottimamente. (_Chiama_) Rontino!

RONTINO--Comandi, chiarissimo.

COMPILATORE--Portate questa carta a' miei colleghi chiarissimi, chè la
búttino nella tramoggia, e ménino il frullone di tutta lor possa. Ma,
aspettate un momento: c'è altra roba da portare al buratto.

RONTINO--Son qui a' suoi comandi. (_Il Compilatore parte_)


Scena Seconda.

RONTINO solo.

(_Legge la carta datagli, e lettala, dà in uno scròscio di risa; poi
dice:_) Stando fra queste mura, sono avvezzo a sentirne delle grosse,
ma qui si passa la parte. Questo barbassore almanacca col ritrècine;
e non si è accorto che quell'_Adrugíno_ gli è un error di copista:
e giusto ieri copiai per il Fanfani quel sonetto antico, dov'è tal
esempio, che legge correttamente _A dichino_. Ma zitti un po', chè
nessuno mi abbia a sentire, e corregger l'errore. Mi diverto tanto
quando gli veggo sbagliare. Oh! èccolo!

COMPILATORE--Tenete; anche questa è roba per il frullone. O di che
ridete?

RONTINO--Rido di questo _metter nel frullone_.

COMPILATORE--Già lo so che siete un mezzo rivoluzionario... ma abbiate
giudizio. L'Accademia cribra e affina; e gli Accademici debbono, qui
tra queste sacre mura, parlare il linguaggio figurato della impresa
della Crusca. Del resto, sappiate voi, e lo sappiano i nemici della
Accademia, che sotto questo scherzo del frullone e delle gerle, c'è
molta più gravità e molta più sapienza, che gl'ignoranti non pensino,
come cantò sul muso a' nostri invidiosi avversarj l'illustre nostro
Segretario, vero Boccadoro. (_Rontino fa un inchino, e parte_)


Scena Terza.

IL COMPILATORE solo.

È vicino al tocco, e per oggi basta. (_Accende il sigaro e passeggia
per la stanza._) Birboni! Lavorar come cani dalla mattina alla sera;
logorarci la vita e l'ingegno sopra il gran Codice della Nazione, per
farlo tale che non ci sia una cosa sola da cancellare; e poi mettersi
rabbiosamente a censurarci, ed anche a schernirci! Ma questi son
tempi maledetti... Come! qualunque Arzagogo, cioè forestiero venuto
da Oga Magoga, potrà censurare e schernire un mio pari senza esemplar
punizione? E non c'è più un Granduca che ci protegga, e un boja che
bruci i nostri nemici, almeno in effigie?... Basta: per ora le 12,000
lire durano: lasciámoli cantare; e almeno, per far loro dispetto,
mostriámoci lieti. (_Canta e balla_)

  Se dura la pasciona
    M'imbúbbolo del resto:
    Se mangio, bevo e vesto,
    E c'è' chi me lo dà,
  Che accade disperarsi?
    Lasciamo dir chi dice:
    Viviam vita felice
    Senza pensar più là.
  Evviva l'allegría,
    Viva la libertà.


Scena Quarta.

RONTINO e detto.

RONTINO--Oh, viva l'allegría...

COMPILATORE--(_resta un po' sopraffatto, ma poi ripiglia_) Sì,
diglielo a que' malanni de' nostri avversarj, co' quali spesso tu
parli; diglielo che qua dentro si sta allegri, e si ride delle costoro
persecuzioni, perchè siamo certi della fiducia del Ministero. Bene; che
volete? Che c'è di nuovo?

RONTINO--C'è un uomo, bizzarramente vestito, che vorrebbe parlare con
V. S. chiarissima.

COMPILATORE--Fatelo passare. (_Rontino parte_)


Scena Quinta.

BRIGHELLA e detto.

BRIGHELLA--(_entra facendo un monte d'inchini e di riverenze._)

COMPILATORE--Venite innanzi senza cerimonie. Chi siete, e che volete?

BRIGHELLA--Son Brighella.

COMPILATORE--Come Brighella! Brighella è una maschera, e non uomo vero
e reale.

BRIGHELLA--Ecco, signore; coloro che primi rappresentarono sul teatro
le maschere, quando furono inventate, vennero per virtù divina, dopo
la loro morte, trasportati in corpo e in anima, in un luogo delizioso
del mondo di là, dove, con altri begliumori, fanno lieta cera. Non
si ricorda del Giornale il _Piovano Arlotto_? eppur la se ne dee
ricordare! Egli descrisse quella regione di Gelocòra, dove sta il
Piovano col Berni, col Lasca, e con altri begliumori. Bene: là sto
anch'io con le altre _Maschere_ miei compagni; e come nel carnevale,
colui che può, ci concede di tornar per ventiquattr'ore nel mondo de'
vivi, così di queste ne ho voluto spendere una mezza qui con la vostra
signoría.

COMPILATORE--Ah dunque lei è uno spirito (_si segna_). Questo è un vero
onore (_impaurito_)... Ma che cosa vuole?

BRIGHELLA--Voleva solo ringraziarla...

COMPILATORE--E di che?

BRIGHELLA--Dell'onore fattomi col mettermi nel Vocabolario; dell'avermi
fatto nascere in due luoghi, _nel bresciano e nel bergamasco_;
dell'_attribuirmi un carattere di piacevolezza e di furbería_; e per
ultimo dell'avermi fatto essere il contrapposto di quel birbone di
Arlecchino, col quale sempre siamo in briga anche a Gelocòra.

COMPILATORE--Caro signore spirito, le sono gratissimo della sua bontà,
la quale mi è soave conforto alle maligne persecuzioni de' nostri
avversarj.

BRIGHELLA--Però vorrei pregarla anche di una cosa...

COMPILATORE--Dica, dica pure liberamente; son qua per servirla.

BRIGHELLA--Bisognerebbe che, in quest'altra edizione, la correggesse
quell'esser io di due provincie. Le par egli che un uomo possa esser
nato in due luoghi? Poi bisognerebbe cambiare quel gli _s'attribuiva
un carattere_, perchè io quel carattere lo avevo, e non mi si
attribuiva; poi bisognerebbe che la mutasse quel _carattere di briga_,
perchè _carattere di briga_, è frase ridícola; poi doveva dire che
il mio linguaggio è un mescuglio di varj dialetti, con mescolanza di
parole straniere; poi doveva dire com'era fatto il mio vestito, che è
l'esenziale, parlando di una maschera: poi...

COMPILATORE--Ma, signore spirito, lei vuol troppe cose...

BRIGHELLA--Voglio ciò che mi spetta, e ciò che è suo dovere di darmi.


Scena Sesta.

RONTINO e detti, poi ARLECCHINO.

RONTINO--Chiarissimo, c'è un uomo vestito da _Arlecchino_ che vuol
parlare con lei.

COMPILATORE--Ma che storia è questa? Prima Brighella, e ora
Arlecchino: ditegli che non posso...

ARLECCHINO (_entra da sè_) Come _non posso_? I' so che l'ha ricevuto
Brighella, e voglio passar anch'io; e voglio giustizia.

BRIGHELLA--Ma io sono da più di te.

ARLECCHINO--Bellíno! Tu se' un servitoraccio come me; e per di più sei
un accattabrighe e un malanno.

BRIGHELLA--Malanno a me? (_Gli s'avventa, e Arlecchino gli dà quattro
steccate_)

COMPILATORE--O pover a me! che impiccio è questo? Buoni, buoni,
figliuoli miei; questo è luogo sacro: rispettate le ombre degli
Infarinati e degli Inferigni. Su via, Arlecchino, che cosa volete?

ARLECCHINO--Lei ha detto nel Vocabolario che io sono un _semplicione_,
e che sono il _contrapposto di Brighella_, che è un furbo spiritoso:
poi ha detto che ho il vestito a scacchi di più colori. Queste son due
bugíe, e voglio che siano levate dal Vocabolario. Il mio vestito non è,
come vede, a scacchi, ma a toppe di più colori, e di tutte le figure
geometriche; circa il semplicione, gli so dire che a furbería rivendo
lei e tutti i suoi colleghi; e quanto all'esser contrapposto di questo
pezzo d'animale...

BRIGHELLA--A me pezzo d'animale? (_Si azzuffano da capo, e Arlecchino,
lavorando di stecca, ne regala qualcheduna al Compilatore, il quale con
gran fatica riesce a ficcargli fuori dell'uscio, ajutato da Rontino,
corso al rumore_)

COMPILATORE--Ringraziato Dio! Rontino, bada bene: chiunque venga, io
non ci sono. (_In questo entra un uomo bizzarramente vestito._)


Scena Settima.

CÒLA e detti.

CÒLA--È questa la Crusca? Siete voi (_a Rontino_) il Cruscajo che fa
quel librone?...

RONTINO--No, è quel signore là.

COMPILATORE--Sì, son io: che volete?

CÒLA--Io sono _Còla_: e vengo a dolermi con lei, perchè la m'ha messo
in quel suo librone, dove sono tanti spropòsiti.

COMPILATORE--Che modo di parlare è codesto? Portate rispetto, o sarà
peggio per voi. Non lo sapete in che luogo siete?

CÒLA--Lo so: e non ho paura. Come c'entro io nel Vocabolario? E chi le
dà facoltà a lei di darmi del _balordo_? Poi la mi sbattezza, perchè io
veramente mi chiamo Giancòla: e poi la mi fa nascere un secolo e più
innanzi, intendendo come Dio vuole un verso del Bellincioni. Dunque, o
mi levi, o le darò una querela per libello famoso, per diffamazione e
per ingiurie.

RONTINO--(_Ride sotto i baffi_)

COMPILATORE--Impertinente! Rontino, cacciate fuori questo figuro.

CÒLA--Figuro a me? Ah lei vuol insultare, e poi tratta male chi si
risente?... (_Fa l'atto di andargli incontro: Rontino entra di mezzo; e
mentre, ridendo ambedue, si sospingono, entra Colombina_)


Scena Ottava.

COLOMBINA e detti.

COLOMBINA--(_Vedendo que' due abbirrucciati, si spaventa, e si getta
nelle braccia del primo Compilatore. Al comparire di questa bella
ragazza, la zuffa cessa: Còla va via; e Rontino lo manda via il
Compilatore. Colombina quasi vergognandosi_) Dio mio, che spavento! Per
carità, signore, mi perdoni, se, così impaurita, mi son lasciata andare
un po' troppo!

COMPILATORE--Anzi, grazie. (_La guarda ridendo stupidamente_) Un bel
pezzo di ragazza come voi!... Poche volte ho avuto di queste fortune...
Ma, scusate, perchè siete venuta qui?

COLOMBINA--Sa, io sono la _Colombina_... Le ha lette le Commedie del
Goldoni?

COMPILATORE--Altro se le ho lette! Come! voi siete quella vispa,
briosa, e avvenente cameriera, adorata da servitori e padroni?... (_Le
avvince un braccio alla vita, e la Colombina gli sorride_) Che posso io
fare per voi?

COLOMBINA--Qui dentro si fa quel libro, che ha in corpo tutte quelle
cose... che ci son tutti i nomi; dove c'è anche Arlecchino e Brighella,
mie antiche conoscenze, e mi hanno detto che lo fa lei signoría. Ma
ecco, perchè si è scordato di me, e ricordatosi piuttosto di quello
zótico di Còla, che nella commedia italiana è noto tanto meno di me?
Eppure mi dicono ch'ella è cavalier compitissimo... Po' poi mi pare di
non avere il viso vòlto di dietro.

COMPILATORE--(_Stringe più forte, e fa pa alla Colombina_) Carina mia,
proprio fu una svista.

COLOMBINA--Ma che svista? quando era alla voce _Colombina_, ci voleva
tanto a ricordarsene? Ecco: son proprio rimasta male!... Ma spero che
la troverà modo di rimediare; e mi ci metterà anche me, è vero? (_Lo
guarda affettuosamente_)

COMPILATORE--Sì, carina: ti ci metterò quel che vuoi. (_Stringe più
forte_) Ma tu sarai buona con me?

COLOMBINA--Bonissima come le piacerà...

COMPILATORE--(_L'abbraccia e le dà un bacio_)


Scena Nona.

Il SEGRETARIO e detti.

SEGRETARIO--(_Di dentro_) Si può?

COMPILATORE--Oh Dio! il Segretario! Se mi vede con una donna!...
Colombina, entra per un momento nel buratto. (_Colombina entra_) Passi.

SEGRETARIO--Scusi se la interrompo: ma ricevo questa lettera del
Ministro, la quale è gravissima; e bisogna stare un momento insieme per
rispondere accortamente.

COMPILATORE--Se può aspettare un quarto d'ora, verrò io da lei: adesso
vorrei dare súbito una ripassata all'articolo Colombiína, che è già nel
buratto. Mi è venuto in mente una correzione da fare e non vorrei che
mi sfuggisse l'occasione.

SEGRETARIO--Come l'occasione?

COMPILATORE--Voleva dire non mi uscisse di mente. Benedetta proprietà!

SEGRETARIO--Bene: faccia pure; e tra mezz'ora l'aspetto. (_Parte_)


Scena Decima.

Gli STESSI, poi CIAPO ed ALTRI.

COMPILATORE--Esci fuori, Colombina mia. (_Esce_) Vedi? ti ho fatto
accademichessa, mettendoti nel buratto.

COLOMBINA--(_Ridendo_) Grazie!

COMPILATORE--Ora dammi un poco di prova che tu sarai _bonissima_ con me.

COLOMBINA--Che cosa posso fare per lei?

COMPILATORE--Io sono innamorato di te; vieni meco qui nella stanza
accanto: _soli saremo_.

COLOMBINA--Già:

  E là, giojello mio, ci sposeremo;

come dice Don Giovanni alla Zerlina. (_Ride_)

COMPILATORE--Non mandar la cosa in burla, via! Vieni... ti farò felice.

COLOMBINA--_Ice_.... (_Ridendo_)

COMPILATORE--(_Piglia la Colombina a mezza vita, e vuol tirarla per
forza nella stanza: intanto entra improvvisamente Ciapo, seguíto da
Rontino; i quali, vedendo quel contrasto, restano meravigliati, e fanno
atti di stupore. Il Cruscante rimane interdetto: Colombina ride_)

COMPILATORE--(_Indispettito_) Che volete ora? E tu, Rontino, non
t'avevo detto che non lasciassi passar nessuno?

CIAPO--I' lo credo io! E l'ha ragione vosustrissima.

RONTINO--Questo contadino e' s'è infilato dentro senza dir nulla, e io
gli son corso dietro per rattenerlo.

CIAPO--Ma tu l'ha' fatta a sego. Insomma, sor Cruscajo, la senta me,
e po' finirà costì. I' son Ciapo: i' son famoso personaggio delle
Commedie d'if Fagiòli: la mette niv Vocabolario ic Còla, e la 'un
ci mette me, ch'i' son di casa. (_Si sente del rumore nella stanza
accanto_)

COMPILATORE--Che diavolo c'è' di là? Rontino, va un poco a vedere.
(_Rontino va e torna_)

RONTINO--E' son tre o quattro come mascherati, che voglion parlare con
la signoría vostra chiarissima.

COMPILATORE--Corpo di Santa Nafissa! ma che diavolo è oggi con
queste maschere? (_Entrano tumultuariamente Carlíno e altre maschere
dell'antico teatro_)

TUTTI--(_Parlano un po' per uno e fanno un baccano del diavolo_)
Vogliamo giustizia.--Se c'è Còla, ci vo' essere anch'io.--Siamo venuti
apposta da Gelocòra.

COMPILATORE--Signori spiriti, si ricòrdino che questo è luogo sacro; e
non faccian fracasso. Parli uno per tutti.

UNO--Noi siamo tutti maschere, o personaggi notissimi della Commedia
italiana: se vosustrissima ha dato gli onori del Vocabolario al Còla,
che è di tutti il più oscuro, perchè non lo ha dato a noi?

TUTTI--È un'ingiustizia.--Vogliamo anche noi entrar nel frullone.

RONTINO--(_Da sè_) La burla l'è riescita proprio bene.

COMPILATORE--Signori spiriti, noi abbiamo messo Còla e Arlecchino e
Brighella, perchè gli abbiamo trovati negli scrittori citati da noi.

UNO--Oh bella! perchè noi non siamo stati scritti da certi scrittori,
cessiamo dunque di essere stati al mondo e su per i teatri, come gli
altri?

TUTTI--Bella ragione!! ah, ah, ah, ah!!

COMPILATORE--No, non vogliamo dir questo...

UNO--E a me mi pare che lo voglian dire dirissimo, perchè il fatto
dalle SS. LL. porta a questa conclusione: e se le volevano dar notizia
a' loro lettori delle Maschere e personaggi dell'antica commedia, e
sono arrivati fino al Còla, che è la meno comune, e la meno nota, le ci
dovevano mettere anche tutti noi.

TUTTI--Vogliamo entrar nel frullone, e se no, lo sfondiamo.--Giù la
Crusca.--Viva la libertà. (_Fanno un baccano del diavolo_)


Scena Undecima.

Il SEGRETARIO e detti, poi uno SPAZZINO.

SEGRETARIO--Ma qui va sottosopra l'Accademia! che diavolo è stato?

TUTTI--Vogliamo giustizia!

COMPILATORE--Questi, signor Segretario, sono gli spiriti delle maschere
teatrali che si dolgono di non essere stati messi nel Vocabolario. È
stato un via vai tutta la mattina, e tra questi, Arlecchino, Brighella
e Còla si dolgono di essere stati qualificati a sproposito.

SEGRETARIO--(_Si segna_) O spiriti o non spiriti, qui non si fa
baccano; o se no gli farò stare a dovere anche loro. Ai signori
Arlecchino, Brighella e Còla, io rispondo che la Crusca è infallibile,
che essa _cribra e affina_; e nel suo Vocabolario non c'è una sola cosa
da correggere. Se quelle maschere furono diverse da come le descriviamo
noi, la nostra descrizione ha virtù di far loro cambiar natura, e di
farle diventare altre da quel che furono. Quelle altre maschere o
personaggi che non sono nel Vocabolario, è segno che non ci avevano a
essere, e avranno pazienza. La Crusca non rende conto a nessuno di ciò
ch'ella fa... (_Entra uno Spazzino con una lettera_)

SPAZZINO--Questa lettera di gran premura per il chiarissimo signor
Segretario.

SEGRETARIO--(_La spiega e la legge sottovoce_)

  «Chiarissimo amico,

«Vi avverto che i nostri nemici hanno architettato una solenne burla
alla nostra Accademia, mascherandosi da Arlecchino, Brighella, Còla,
con altri personaggi dell'antica Commedia; e verranno costà, a
richiamarsi non so di che. I particolari non gli so; ma so che quello
mascherato da Colombina è quello sbarbatello del Tommasi, che va sempre
col Fanfani. Vi scrivo per mettervi sull'avviso, acciocchè possiate
sventare questa mina.

  Il vostro G.
  _Accademico Corrispondente_.»

Ah, l'è arrivata tardi! Ma almeno cerchiamo di vendicarci. Rontino.

RONTINO--Comandi, chiarissimo.

SEGRETARIO--(_Sottovoce_) Va, e torna con due questuríni.

RONTINO--La servo súbito. (_Va e, passando d'accanto a una delle
maschere, dice_) Siamo scoperti: mi manda per due questuríni.

SEGRETARIO--Dunque, signori spiriti, ragioniamo un poco tranquillamente.

(_Fanno la ridda cantando_)

  Vorresti ragionare,
  Per farci aggraffignare:
  Ma noi, che siamo spiriti,
  Sul muso ti ridiam.
  Se tutti i tuoi destini
  Fondi su' questuríni;
  Se più assai che la Crusca
  Bázzichi il Tribunal,
  Lascia, bel Segretario,
  Lascia il Vocabolario:
  Delle manette il Codice
  Méttiti a compilar.

(_Sfilano la ridda ed escono ridendo_)

SEGRETARIO--(_Mordendosi il dito_) Nemmeno questa è riuscita, e anche
questa volta se la ridono!... Ma anche lei, caro collega, lasciarsi
sopraffare dalle chiacchiere; e creder che fossero spiriti!...

COMPILATORE--Che vuol ella? ho udito così spesso V. S. Illustrissima
parlare della immortalità dell'anima, che ho creduto...

SEGRETARIO--Síe, tutte belle cose; ma quando è tempo di far l'uomo,
quelle scioccheríe si lasciano andare.


Scena Ultima.

RONTINO con due QUESTURINI.

SEGRETARIO--Ecco il soccorso di Pisa!... (_Vòlto a' Questurini_)
Signori, abbian pazienza, la lepre ci è sbiettata: sarà per un'altra
volta.

CAPORALE--Ella sa, signor Segretario, che la Real Questura è sempre
disposta a' servigi della illustre Accademia della Crusca. Ha da
comandarci?

SEGRETARIO--Grazie tanto. (_I Questurini partono stringendo la mano
al Segretario_) Per questa volta sette loro! Ma ride ben chi ride
l'ultimo, e sarà certo più efficace l'arte nostra, e la nostra potenza,
che le chiacchiere del Fanfani, e de' suoi amici. Ma, caro collega,
_oportet orare et non deficere_, chè senza l'aiuto di Dio nulla di
buono può farsi. È vero per altro che Dio dice _ajutati ch'i' t'ajuto_;
e però, oltre la santa orazione, bisogna studiare assiduamente di
mettere in pratica i sani precetti dell'aria di Don Basilio; e studiare
ogni modo di tenere alle còstole de' padroni delle persone di grande
autorità, acciocchè non ci manchi la loro fiducia, nè le 42,000 lire.
Ora andiamo súbito a rispondere alla lettera ministeriale, e facciamo
una risposta da pari nostri. (_Partono e cala la tela_)



IL CODINO

GHIRIBIZZO DRAMMATICO


PERSONAGGI


  LA GIUSTIZIA.
  LA TEMPERANZA.
  LA MONARCHÍA COSTITUZIONALE.
  L'ARISTOCRAZÍA.
  LA DEMOCRAZÍA.
  LA LIBERTÀ.
  LA LICENZA.
  LA CRUSCA.
  L'AUTORE.
  RONTINO, bidello della Crusca.



ATTO UNICO


Scena Prima.

La CRUSCA, L'AUTORE e RONTINO.

AUTORE--Ma che diavol di faccenda sia questa? come mai esser invitati a
questo tribunale la Crusca ed io? Che ci sia qualche pasticcio? Oh oh!
zitti, ecco la sora Crusca. Guarda come gli lustra il pelo, e come l'è
in ghíngheri! Chi la sa non la insegni!

CRUSCA--(_Entrando vede l'autore, e fa appena pena l'atto di chinare
il capo, ma assai muffosamente: l'autore fa altrettanto con lieve riso
corbellatorio. La Crusca, voltandosi indietro, dice_) Rontino, dammi da
sedere.

RONTINO--(_Porta innanzi una sèggiola_) I' non gli posso dar altro
che questa ciscranna che qui: la non lo vede che mobilia ch'e' c'è in
questa stamberga? S'i' credeo, i' portao con meco una delle nostre
gerle.

CRUSCA--Veramente invitare una mia pari in un luogo come questo!...

AUTORE--(_Ridendo da sè_) Una sua pari!... _Jam fuimus Troes_, madama,
_Jam fuimus Troes_.

CRUSCA--(_Piano a Rontino_) Ohe Rontino, ma non l'ha' visto chi c'è?

RONTINO--Aittro s'i' l'ho visto! E' mi saitterebb'iggrillo,
ved'ella?... Ma ecco roba: zitti.


Scena Seconda.

La MONARCHÍA COSTITUZIONALE, l'ARISTOCRAZÍA, la DEMOCRAZÍA, la LIBERTÀ,
la TEMPERANZA e la LICENZA.

MONARCHÍA--A che tempi siam noi! si dee veder la Monarchía citata
dinanzi ad un tribunale! Mi pareva che dovendosi definire un piato
filologico potessero bene questi signori venire alla mia residenza.

DEMOCRAZÍA--Oh carina! l'è la Giustizia, sai, quella che ci ha fatto
chiamare; ed a lei tutti dobbiamo star soggetti. Che ha' tu da
brontolare? Non ci siamo venuti noi, che certo siamo da quanto te?

LICENZA--Da quanto lei? i' dico da più io. Guarda con chi mi vorrebbe
metter alla pari! con quella codinaccia!

TEMPERANZA--Zitte con codesta parola: è quella su cui oggi si dee dar
giudizio; e finchè la sentenza non è venuta, non dee più proferirsi.

LICENZA--O brava monachína infilzata, via!

CRUSCA--(_Da sè_) Ah, ora comincio a capir qualosa! mi hanno richiesto
per un voto filologico. Ma che ci ha che fare il Fanfani? Starò a
vedere; ma con lui non ce ne voglio di certo.

AUTORE--(_Da sè_) Oh bella! Io e la Crusca siamo qui per un voto
filologico. S'ha rider un po'.


Scena Terza

La GIUSTIZIA e tutti i PRECEDENTI.

_Al giungere della Giustizia tutti si alzano: la Monarchía sta
nell'usato sussiego: l'Aristocrazía e la Democrazía fanno col capo un
lieve cenno di riverenza: la Libertà fa riverenza nobile e profonda:
la Licenza fa una smusatura, e per poco non volta le spalle alla
Giustizia: la Crusca anch'essa sta sulle sue: l'Autore fa riverenza,
come è suo debito, e osserva tutti: la Giustizia, fatto un cortese
salutare, si pone sopra il suo seggio, e dice:_

È nata, o signore, fiera disputa tra voi, circa il vero significato
della voce _Codíno_, e come avviene delle cose politiche, anco
leggiere, che troppo si fanno gravi, così è avvenuto di questa,
leggerissima se altra ne fu; la qual potrebbe partorir effetti assai
spiacevoli tra coloro a cui si dà tale appellativo, e coloro che ad
essi lo danno, quando non si determini bene chi proprio se lo merita.
Ciascuna di voi la intende a modo suo; ed i partigiani vostri si danno
del codíno tra loro con tanta confusione e con tanta stizza, che
la cosa non patisce più indugio. Però vi ho raccolte qui per sentir
proprio dalla vostra bocca che cosa intendete ciascuna per questo
benedetto Codíno: ed ho pure invitato qui la Crusca e il Fanfani,
acciocchè diano il loro voto filologico in questa materia, prima che io
ne porti sentenza.

CRUSCA--Io non rifiuto, o signora, di dare il mio voto, ma non accetto
per compagno un Fanfani.

AUTORE--Nè io d'esser compagno vostro ho punta ambizione, tali
scagnozzi avete accettato tra la vostra famiglia.

CRUSCA--Siete un insolente e un birbante...

AUTORE--Brava! le solite vostre onorate ragioni...

GIUSTIZIA--Signori, questo non è luogo da gattigliare così. Attendete
a quello per che vi ho chiamato, ponendo ben mente alle ragioni che
allegheranno queste rispettabili matrone, per poi significare il vostro
pensiero nella soggetta materia.

MONARCHÍA--Io come io, credo che Codíno propriamente non possa dirsi se
non chi avversa in tutto ogni prerogativa del monarca costituzionale:
chi crede esser solamente governo legittimo quello della mia sorella
maggiore Monarchía assoluta, e che per mantenerla darebbe anche la sua
patria nelle mani dello straniero.

ARISTOCRAZÍA--Anch'io suppergiù la penso così. Tra' _codíni_ per
altro mi parrebbe necessario il metterci anche coloro che tengono
in riverenza solo la persona del Monarca e quasi se ne fanno idolo,
tenendo per nulla la dignità e la nobiltà de' magnati.

DEMOCRAZÍA--Eh! non ci sarebbe male! senti un po' a che vorrebbero
ridurre quelle signore garbate il numero dei codíni! Le dicano: per
loro il popolo non c'è, è vero? o se c'è, non ha diritto veruno,
eh? Lo sanno chi sono i codíni? Sono i monarchici tutti e tutti gli
aristocratici: sono tutti coloro che credono nel diritto divino,
negando la sovranità popolare; che portano croci all'occhiello, livree
ricamate e simili mostre di servitù. Quelli sono i codíni.

LICENZA--E per me lo sapete chi sono i _codíni_? Son tutti coloro che,
dovendo andare a un fine, si fanno inciampo di leggi, di trattati, di
lealtà, di diritti acquisiti o non acquisiti, di proprietà o pubbliche
o private, di giuramenti e di simili altre favole, rimanendosi dalle
loro imprese per via di esse. Non bado appunto appunto chi è rosso o
turchino, dico solo che _quel che è utile in politica, è onesto, e che
il fine santifica i mezzi_. Chi non crede ciò è codíno: chi non è con
me, è codíno.

TEMPERANZA--Già, disse bene il Giusti: _A detta di Caino, Abele era
codíno_. Ma a codesta regola il mondo sarebbe codíno tutto, sai?

LICENZA--Tutto? oh povera grulla! Ma dimmi un po'; in questi ultimi
anni che ha' tu fatto? ha' dormito sempre?

GIUSTIZIA--Dico da capo che questo non è luogo da battibecchi. A te,
Libertà.

LIBERTÀ--Anch'io, benchè lontanissima dalle spavalderíe della Licenza,
in una cosa convengo con lei, cioè nel non badare al colore politico.
In ogni stato civile, o monarchico o democratico o aristocratico, io
posso trovarmi soddisfatta, purchè chi governa abbia a cuore i veri
e più santi diritti del popolo: studii alla sua prosperità, e al
suo avanzarsi di bene in meglio così materialmente come moralmente;
professi la eguaglianza civile, e ne faccia legge, e la faccia
osservare; coltivi nel cuore de' sudditi l'amor della patria e della
sua indipendenza da qualsivoglia straniero, estirpandone ad un tempo le
male erbe dell'interesse e del turpe guadagno; maledíca ed estèrmini
que' ribaldi che della Italia si fan copertína allo sfogo de' loro
odj e delle loro bestiali passioni o che se ne fanno svergognata
bottega; aborra da qualunque sopruso, rispettando, e facendo rispettare
le leggi; non ponga vincoli alla manifestazione del pensiero, ma
non comporti per altro che la stampa, la quale è il più efficace
strumento di vera libertà, si converta in istrumento di licenza e di
anarchía. Ora, venendo al propòsito nostro, mi pare che _Codini_ si
debbano propriamente chiamar coloro, i quali si mostrano avversi ad
ogni principio di libertà e di progresso, e che vorrebbero l'Italia
presente foggiata com'era nel bel mezzo del secolo passato, quando cioè
gli uomini portavano ancora la coda.

TEMPERANZA--E anch'io son dell'avviso medesimo della mia cara sorella
Libertà.

GIUSTIZIA--(_Voltandosi alla Crusca e all'Autore_) Avete udito quali
sono le opinioni di queste signore? Tocca adesso a voi a formulare il
vostro voto. Madonna Crusca, siate la prima.

CRUSCA--Veramente al C non ci sono ancora arrivata, perchè, come
sapete, quella benedetta A sono 24 anni che mi tiene impicciata, e non
so come levarne le gambe. E poi, in quanto alla voce _Codíno_, che
vuole? essa è così variabile di significato... Non sente? anche quelle
signore, chi la intende così e chi cosà! Dall'altra parte io non vorrei
disgustarmi nessuna di loro, perchè po' poi in questo mondo si può aver
bisogno di tutti... Ecco: la mi dispensi via... tanto, veda, io nel
Vocabolario questa voce non ce la metterò neanche. Senta il Fanfani:
lui abbocca ogni cencio dell'uso, e lui di certo ha da perder meno di
me.

GIUSTIZIA--Brava madonna Crusca:

 «Guelfo non son nè ghibellin m'appello,»

con quel che segue. La vostra risposta è stata proprio degna! Eh! se
l'Italia fosse governata da un... Basta non usciam dal propòsito.
Fanfani, a voi.

AUTORE--La Crusca va compatita: l'ha bisogna di star bene con tutti;
se no, come potrebbe avere 24 anni di A sulla groppa? E poi quell'A
è proprio un affare serio, sapete? Sentite, (ma già lo sapete) e'
n'aveva, pigia pigia, stampati sette fascicoli quattordici anni fa,
che ne fece quella nobile e vittoriosa difesa quel suo facchino; e
poi la gli ha dovuti mandare al gas e rifarsi da capo. Che volete? si
tratta almeno di dar fuori questo magno primo volume, per dare il fermo
alle chiacchiere de' _malevoli_ e de' _nemici invidiosi_: poi l'avrà
tempo di sbirbarsela quanto le pare; chè, il secondo, o un'altro primo
volume, lo vedranno i figliuoli de' figliuoli de' nostri figliuoli.

GIUSTIZIA--Ma come c'entrano tutte queste brache? Vo' sapere che cosa
pensate della voce _Codíno_.

AUTORE--Ah, è vero, sì: perdonatemi se ero uscito di via. Nello
sdebitarmi per altro sarò molto breve, perchè io non saprei dare o
proporre altra definizione a tal voce, che quella dátane poc'anzi
dalla Libertà, e confermata dalla Temperanza. Solo aggiungerò che
chi si fece bello di aver trovato questa voce _Codíno_, e' non trovò
cosa nuova, dacchè fino dal secolo XVI si usò per appellativo di
_Uomo all'anticaccia e con idee all'antica_, il nome di una disusata
foggia di portare i capelli, dicendosi ai così fatti o _zazzere_ o
_zazzerotti_, come si può vedere nelle _Commedie_ del Cecchi, stampate
dal Le Monnier, vol. II, pagina 428: «È una usanza da zazzere lunghe
fino alle calcagna.» E vol. I, pag. 33: «Un nostro zazzerotto, in
un suo giardino, in viva pietra, avea fatto scolpire una statua al
naturale, ecc.»

CRUSCA--(_Da sè_) Eccolo con la erudizione a spropòsito!

GIUSTIZIA-Alla definizione della Libertà dunque si stia: e niuno sia
mai più ardito di abusare la voce _Codíno_ come si è fatto fin qui,
sotto pena della mia disgrazia.

(_La Giustizia parte salutando; e tutti salutano tacendo; la sola
Licenza, dice tra sè:_) Síe, canta canta! e sai, ti darò una bella
retta!--(_Poi partono tutti_)



IL COLLARE DELLA SS. ANNUNZIATA

TRAGEDIA DI UN VERISTA IN TRE ATTI



PERSONAGGI


LO SHACH DI PERSIA.

IL GRAN VISIR.

IL PRINCIPE MOHAMED MIRZA, Ministro per i finimenti e la sella del
cavallo.

IL PRINCIPE OSMAN, preparatore della pipa e del caffè.

IL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI DEL REGNO D'ITALIA.

GRANDI DEL REGNO DI PERSIA, IL BOJA, E POPOLO.


La scena ne' primi due atti è a Torino nelle stanze destinate allo
Shach per il suo soggiorno; nel terzo a Teheran.



ATTO PRIMO


Scena Prima.

LO SHACH e il GRAN VISIR. _Lo Shach è accoccolato in terra e sta
fumando_.

SHACH--Questo Re d'Italia è bravo e cortese.

GRAN VISIR--Ed amato dal suo popolo.

SHACH--Come c'entra il popolo? Chétati.

GRAN VISIR--(_Fa profonda riverenza_)

SHACH--Ed il Kan di questi preti di Torino è bravo anche lui. Dágli
500,000 franchi per il suo Shach, che è prigioniero in Roma.

GRAN VISIR--Gli mangerà mezzi per sè.

SHACH--Chétati.

GRAN VISIR--(_Fa profonda riverenza_)


Scena Seconda.

OSMAN e detti.

OSMAN--Sire, c'è qua il Ministro degli affari esteri del regno d'Italia.

SHACH--(_Accenna che può entrare_)


Scena Terza.

Il MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI e detti.

IL MINISTRO--(_Fa tre profondissime riverenze_) Sacra Maestà, il mio
augusto signore, se V. S. M. lo permette, ha mandato per il suo Gran
Visir il Collare della SS. Annunziata. Posso io presentarglielo?

SHACH--(_Senza muoversi nè smetter di fumare_) Presèntalo.

GRAN VISIR--E io posso...

SHACH--Píglialo.

(_Il Ministro fa entrare due araldi dell'Ordine che portano su un
bacile d'argento il Collare: il Gran Visir s'inginocchia, e il Ministro
glielo mette al collo, mentre lo Shach guarda ogni cosa facendo bocca
da ridere. E cala il sipario_)


FINE DELL'ATTO PRIMO.



ATTO SECONDO


Scena Prima.

LO SHACH e il GRAN VISIR.

_Il Gran Visir ha il Collare_.

SHACH--Pare che tu sia più ambizioso di codesto Collare, che delle
decorazioni del Leone e del Sole.

GRAN VISIR--No, sire; ma tuttavía è cosa di molto onore. Chi ne è
insignito diventa cugin del Re.

SHACH--(_Ridendo ironicamente_) Oh, anche tu dunque hai qualche cosa di
regale... Fatti in qua che veda cotesta catena. C'è delle lettere: che
sono?

GRAN VISIR--Per tutto ci sono queste quattro lettere F. E. R. T.; e uno
di questi grandi del regno mi ha detto che l'Ordine dell'Annunziata
è antichissimo, che fu istituito quando un principe di Savoja prese
d'assalto Rodi, e che quelle lettere significano _Fortitudo ejus Rhodum
tenuit_.

SHACH--Espugnò Rodi? E chi lo teneva Rodi? Gente del nostro sangue,
della nostra religione... (_Con isdegno_)

GRAN VISIR--(_Tutto spaurito e tremante_) Sire... Maestà...

SHACH--(_Ridendo ironicamente_) Il Re d'Italia la poteva spender
meglio... O lo ha fatto per ischerno?...--Va via, e mandami Mohamed.
(_Il Gran Visir parte_)


Scena Seconda.

MOHAMED MIRZA e lo SHACH.

MOHAMED--(_Si prosterna a terra senza parlare_)

SHACH--Sta su. (_Mohamed si alza_) Dimmi un po': cos'è questo
Collare... questa _Annunziata_?...

MOHAMED--Sire... Direi... Non so...

SHACH--Di', e di' súbito.

MOHAMED--Il Gran Visir ha fatto male ad accettarlo: è quasi atto di
ribellione. Ora si è imbrancato con quasi tutti i capi rivoluzionari...
Lanza, Ricasoli, ecc.

SHACH--Ribellione!! Rivoluzionari!!--Tágliali la testa.

MOHAMED--Sire! qui non è prudenza il farlo. E poi dice che quel collare
è fatato, e chi lo porta al collo non può esser decapitato. (Così gli
verrà voglia di provare.)

SHACH--Vo' provar súbito: mándamelo qua.

MOHAMED--Sire...

SHACH--(_Stato un po' sopra pensiero_) Basta, ora dissimuliamo, e
divertiamoci un poco alle sue spalle. Vallo a chiamare; e secóndami.


Scena Terza.

GRAN VISIR e detti.

SHACH--Cugino del Re? Rivoluzionari? Te lo darò io!...

(_Entrano tutti lieti Mohamed ed il Gran Visir_)

SHACH--Mi era venuto qualche sospetto; ma il tuo amico Mohamed gli ha
tutti dissipati. Gòditi il Collare; e io me ne rallegro, perchè è alto
onore che un mio vassallo sia cugino di un Re. Tornati a Teheran, farò
di ciò solenne festa. Tu, Mohamed, fagli atto di riverenza, e baciagli
il piede.

MOHAMED--(_Ubbidisce e dice fra sè_) A Teheran ci riparleremo!


FINE DELL'ATTO SECONDO.



ATTO TERZO


Scena Prima.

LO SHACH e MOHAMED.

SHACH--Quel Gran Visir mi dà sospetto.

MOHAMED--Sire, e' cerca di farsi amare dal popolo. Nel viaggio d'Europa
si è innamorato di quella falsa civiltà, nemica dei Re... e va più sul
sicuro, perchè sa che quel Collare gli salva il collo.

SHACH--Vedremo se è più potente il Dio de' Persiani o quel dei
Cristiani. Oggi c'è' il gran convito ordinato a festeggiare il mio
ritorno, e le onorificenze ottenute dal Gran Visir. Pensa che tutto
vada in regola.

MOHAMED--(_Fa profonda riverenza e parte_)


Scena Seconda.

LO SHACH e il GRAN VISIR.

GRAN VISIR--(_Entra tutto affannato_) Sire, il popolo vuol vedere la
vostra sacra persona...

SHACH--Il popolo? Che cos'è il popolo? È roba da Europa questa: e
badiamo che sia la prima e l'ultima volta che odo sulle tue labbra
questa parola. In Persia non c'è altri che lo Shach e i suoi schiavi.
(_E fingendo buon umore_) Oggi debb'esser giorno di letizia, nè voglio
pensare a cure di regno.

MOHAMED--(_Entra tutto ansante_) Sire, per varie strade di Teheran si
sono udite delle grida di sedizione.

SHACH--Dillo ai carnefici, e fa che non risparmino nessuno.

GRAN VISIR--Maestà, la clemenza è la più bella virtù dei Re.

SHACH--Cose da Europa! Tu, Mohamed, va, e fa il tuo dovere; e tu,
Visir, fa' di venir al convito con tutte le tue decorazioni e
specialmente col Collare.


Scena Ultima

Lo Shach e tutti i grandi del regno sono a una tavola sontuosissima,
ed il convito è quasi al suo fine. Il Gran Visir ha il Collare
dell'Annunziata. Fatte molte libazioni in onore dello Shach, il
principe Mohamed Mirza si alza e dice:

MOHAMED--Si beva alla salute del Gran Visir...

SHACH--(_Si alza con atto di ferocia, dicendo_) Al Gran Visir il
brindisi che merita glielo farò io. Esso avrebbe preso gusto alla
civiltà europea: almanacca già con le idee di clemenza, di diritti del
popolo, di libertà. (_Qui il povero Visir diventa bianco come un panno
lavato, e trema come una vetta_) Già si vanta cugino di Re; e chissà
fin dove giunge la sua ambizione: e lo fa con sicurtà, fidandosi in
quel Collare che gli vedete al collo, insegna d'un Ordine cavalleresco
fondato per ricordare una vittoria di Cristiani sopra Musulmani; e che
secondo la religione cristiana è incantato, e chi lo porta al collo
non può essere decapitato. (_Atti di orrore fra tutti quei grandi_) Ma
Dio è grande, ed io farò vedere chi ne può più, o gli incantesimi de'
Cristiani, o la fede e la forza de' credenti. (_Volgendosi al Boja_)
Aly, tagliagli la testa.

(_Il carnefice viene innanzi, piglia per i capelli il Visir, lo
trascina nel mezzo della sala, e con un colpo di scimitarra gli fa
cadere la testa a' piedi. Allora lo Shach alzando gli occhi e le
braccia al cielo esclama:_)

--Dio è grande: la Persia è salva.

(_Tutti ripetono quegli atti e quelle parole, e cala il sipario_)


FINE DELLA TRAGEDIA.



  DI ALCUNE ETIMOLOGÍE
  DEL
  VOCABOLARIO DELLA CRUSCA


Diatriba drammatizzata, fatta sulla piazza dell'Impruneta l'ultimo
giorno della fiera.

La Etimología è cosa tanto arrendevole, che di essa può dirsi: _È come
la cotta de' preti; ne viene da tutte le parti_. Tizio sa bene la
lingua greca, e tutto viene dal greco; Cajo sa le lingue orientali,
e tutto viene da quelle; Sempronio il tedesco, e ogni cosa vien dal
tedesco: e tutte quelle cose che parvero miracoli nel tempo addietro,
adesso si rifiutano per sogni di infermi; come per tali si rifiuteranno
da qui a cento anni le strampaleríe de' nostri etimologisti odierni:
sicchè a tutti gli etimologisti passati, presenti e futuri, potrà
adattarsi, con le opportune variazioni, quell'epitaffio, che il
Salvetti scrisse per uno dei così fatti:

  Qui giace Gaudenzio Paganino,
  Che fu matto in volgar, greco e latino.

Fra gli etimologisti per altro, che a me vanno molto a fagiuolo, c'è
il famoso Carafulla buffone, le cui etimologíe sono rimaste famose,
e sono semplicissime, come per esempio la _bombarda_, è detta così,
perchè _rimbomba_, _arde_, e _dà_; _Prezzémolo_ perchè suona _Chi
ti prezza ámalo_; _Girándola_, perchè _Gira_, _arde_ e _dóndola_.
Mi va a genio parimente quell'accademico della Crusca, che scrive
_Inghilese_, e biasima chi scrive _Inglese_; allegando la ragione
etimologica che, dicendosi _Inghilterra_ e non _Inglterra_, non si
può dire se non _Inghilese_: anzi narrasi che questo valentuomo stia
facendo un'opera col fine di ridurre alla vera ragione etimològica
tutti i patronímici, provando che dee dirsi _Inghilterrese_, e
_Danimarchese_, anzi che _Danese_, e _Spagnese_ per _Spagnuolo_;
_Portogallese_ per _Portoghese_, e _Firenzino_ per _Fiorentino_, come
di fatto Sanfirenzini si chiamano una razza di ipocritacci; e via di
questo gusto. Ma più di tutti mi va a genio il Tórtoli, etimologista
della Crusca, che, quando non copia il Littrè, è più bravo anche del
Carafulla. Non lo credete, uditori? E io, tra le tante, ne sceglierò
alcune poche, per farvelo toccar con mano. Badate qui.

Bisogna sapere che, tra l'altre cose, l'etimologista della Crusca ha
la smania di darci ad intendere che egli è una mezza torre di Babele,
simile in questo al famoso bestione Domenico Valeriani, già Segretario
della Crusca, di cui parlerò più qua; e come se non fosse suo fatto,
scappa fuori a parlar turco, arabo, provenzale, antico francese,
olandese, inglese, svedese, e anche biscaíno. Ma incominciamo,
pigliando la voce _Azzardo_. Egli, non solo ci insegna che viene dal
francese _hasard_, ma probabilmente dall'arabo _iasara_. Capisci? e'
si comincia con l'_arabái_! Il Littrè di tal voce francese _hasard_ ne
dà una etimología storica, confermata da un passo dell'antichissimo
cronista Guglielmo di Tiro, il quale accerta che viene da un castello
chiamato _El Azar_, cui i Crociati francesi chiamavano _Hasart_; e dove
fu trovato il giuoco di dadi che ha questo nome, e che gli Italiani
chiamarono Zara; onde poi il Caso, la Fortuna, sì chiamò _hasard_. Ma
il gran Tórtoli ha voluto far vedere che va oggimai ritto da sè, senza
farsi reggere per i lacci dal lessicografo francese, sul muso del
quale ha squadernato quell'arábico suo _iasara_: anzi dicesi che il
Littrè è rimasto così sbalordito di tanta sapienza, che ha accaparrato
l'etimologista della Crusca per correggere la seconda edizione del suo
gran Vocabolario.

_Voci_. E' farà proprio il suo bollo!

Coraggio, e avanti, uditori miei: èccovi i giganti, chiamati, così
per dire, _Badaloni_ dal Pulci; e il Carafulla della Crusca, benchè
nel poema sieno gente terribile, accorta e forzuta, gli fa esser
Perdigiorni, Scioperoni, e gli fa nascere dal verbo _badare_, ridendo
sul muso alla logica e al senso comune. E parendogli troppo comune
l'accettata etimología dal noto Bátalo dell'Eneide...

Un uditore m'interrompe; e si fa il seguente

=Dialogo tra me e uno degli uditori.=

_Ud_. Ecco, a me mi basterebbero queste due, a giudicar la sapienza e
la gravità etimològica...

_Io_. Abbi un altro po' di pazienza; chè per lo meno ti spasserai un
poco. Hai udito del _Badalone_, che vien da _Badare_: o senti ora di
questo _Badare_. Te la do a indovinare alle mille.

_Ud_. Neanche alle dumíla: chi può mai arrivare alla stranezza di certi
cervelli?

_Io_. Dunque senti: _Badare_ viene da _Patet_; e il primo significato
di _Badare_, è quello di _Essere aperto_.

_Ud_. (Si fa il segno della Croce.) Ma che diavol dicete, Fanfani mio:
questa la non può essere se non una barzelletta delle vostre.

_Io_. Barzelletta delle mie? O leggi qui. Eccoti il Vocabolario
novello, ed ecco la voce _Badare_.

_Ud_. (legge) «=Badare=. _Neutr_. Indugiare, Trattenersi, Perdere
il tempo. Dal provenz. _badar_, _badeiar_, franc. _badauder_, che
probabilmente ha l'origine nella voce latina _patet_; giacchè il primo
significato della voce _badare_ è quello di _Essere aperto_; e il
significato di Osservare attentamente non è che un traslato, quasi
Stare a guardare a bocca aperta; il che i Latini esprimevano col verbo
_Inhiare_.»

_Io_. Che ti par egli?

_Ud_. A me mi par di sognare! Lasciamo star quella nannuccesca
erudizione del _Badar_, _Badeiar_, e _Badauder_; ma quel _Patet_
e quel primo significato di _Essere aperto_, l'è cosa proprio da
Bonifazio[63]. Scusate, vediamo gli esempj di questo _Badare_ per
_Essere aperto_.

_Io_. Che esempj?

_Ud_. To'; s'e' lo insegnano, ne daranno esempj.

_Io_. Nemmen per sogno.

_Ud_. E allora bisogna proprio dir: _Légalo!_[64] Dunque un uomo che
Perde il tempo si può dir che _Patet_, perchè sta a bocca aperta!!!

_Io_. Ma tu lasci il più bello. Lo stare a guardare a bocca aperta, a
un tratto non è più il _Patet_, ma l'_Inhiare_.

_Ud_. Questa è più garbata della etimología carafullesca del
Prezzémolo; e a me mi basta: non ne vo' sentir altre. Addio.

_Io_. Addio.

_Ud_. (_Tornando indietro_) A propòsito: quanto ci costano queste
garbatezze della Crusca?

_Io_. Quarantatremila lire l'anno.

_Ud_. Viva la faccia di chi gliele dà!

Uditori benevoli, non mi lasciate voi altri, perchè, crediate, c'è da
spassarsi. Udite la _Baldòria_:

«=Baldòria= _Sost_. _femm_. Propriamente vale Allegrezza, Gioja, onde
i modi Far baldòria per Far allegría; Essere in baldòria per Essere in
allegría. Dal provenzale _Baudor_, se non da _Baldo_, provenz. _Baud_,
nel significato di Allegro.»

Badate, cioè state a bocca aperta, dinanzi alla erudizione provenzale
dell'etimologista, che sa a menadito tutto il Renouard; e ammirate
la recòndita sapienza di quella _Baldòria_, che propriamente vale
Allegrezza e Gioja. E dire che fino adesso tutti sono stati così ciechi
che hanno tenuto per fermo esser appunto il rovescio, argomentando
che, facendosi la _baldòria_ per segno di pubblica esultanza, ne fosse
derivato la frase _far baldòria_ per Stare in allegrezza. Dunque
avete capito, uditori; secondo le occorrenze, dite: _La nascita d'un
figliuolo mi è stata cagione di molta baldòria_; ovvero: _Provo gran
baldòria per la sua ricuperata salute_. La vale 43,000 lire questa sola
cosa della _Baldòria_! Ma ora state a sentire una novellína della _Pera
burè_.

Capitava anni e anni addietro nella bottega del librajo Piatti quel
bestione celebre di Domenico Valeriani, che fu Segretario della Crusca;
e della cui asinità diede prove così manifeste il Nannucci. Era
costui un vero pallone pien di vento: e per aver imparato alla peggio
qualche parola di lingue orientali, e di altre moderne, si presumeva
di esser da più del Mezzofanti; ma diceva tali e tanti spropòsiti
che era lo spasso di tutti. Una mattina fra le altre, passando di lì
un fruttajuolo col suo barroccino carico di belle frutte, le andava
bociando con una graziosa cantilena la qual sempre si chiudeva con la
_pera burè_; e da ciò uno della brigata prese occasione a domandare,
come fosse originato tale appellativo a quella sorte di pere. «Ci vuol
poco, rispose non so chi di essi: il popolo chiama _burrone_ alcune
specie di frutte che hanno la loro polpa morbida come il burro; ma
quando venne la corte di Lorena, che, parlando francese, franceseggiò
molto la lingua, e molti affettavano il gallicismo per atto di
adulazione, questa _pera burrona_ si infrancesò chiamandola _pera
burè_, e così chiamasi tuttora.» Tutti acclamarono:

  Ma la proposta al cor _del Valeriani_
  Non talentando; in guise aspre, il superbo,

si mise a schernire la ignoranza del semplice etimologista, derivando
con recòndita erudizione la pera burè da _un pesce_, (così egli disse)
_da un pesce detto in francese_ Buret, _che dicevasi somministrare
un color rosso_. Questa _pera-pesce_, che SOMMINISTRAVA _il color
rosso_, tutti si accorsero alla prima dover essere una delle solite
Valerianate; ma dissimularono: e solo fu mostrato il desiderio di
accertarsi che pesce fosse questo _Buret_, cui nessuno conosceva; e si
misero a cercarlo per i Vocabolarj francesi più recenti: ma cercarono
invano. «Ma, Professore, questo _Buret_, nemmeno nel Vocabolario
dell'Accademia francese si trova; non si trova neppure nel Littrè.»
E il Valeriani, facendo un risettíno di compassione, si rizza, va a
pigliare un antico Vocabolario francese; cerca la voce _Buret_, e
la dà all'oppositore, il quale legge «_Buret_ (Murex), Poisson d'où
l'on tirait autrefois la pourpre.» Come ebbe letto, l'amico si volse
ridendo al Segretario: «Caro signor Professore, questa voce _Buret_
è sparita da due secoli fa dalla lingua francese, e la _pera burè_ è
appellativo del secolo passato: la vede bene che la sua congettura
non regge: e poi non lo vede che il _Richelet_, il cui vocabolario la
mi ha dato a leggere, dice che _Buret_ corrisponde al latino _Murex_?
Lo sa ella che cosa significa _Murex_?» Sicuro che lo so «--Bene;
che significa?--Significa la Murena--» Qui fu una risata generale; e
l'oppositore ricominciò: «Signor Segretario, _Murex_ è la conchiglia,
onde si traeva la porpora; e se il _Murex_ poteva senza scandalo
battezzarsi per pesce avanti il Buffon, la dee pur confessare, che è da
bestie il chiamarla _Pesce_ adesso.» Il Segretario montò sulle furie:
dispensò a tutti dell'asino e dell'ignorante; e se n'andò accompagnato
dalle più grasse risate della conversazione.

Ora l'etimologista della Crusca, dopo 40 anni dal fatto, dà alla
_pera burè_ l'istessa origine dátale dal Valeriani, che ne fu tanto
scorbacchiato e deriso; e per di più, dopo aver detto che è di _colore
giallógnolo sparso di rosso_, reca un unico esempio del Lastri, dove
si dice che le pere burè sono _bianche e grigie_!!! E per queste belle
cose si spendono 43,000 lire l'anno! Nè meno garbata è l'etimología
di _Ciofo_, voce non si sa di qual dialetto, ma registrata nel
_Vocabolario_ per Uomo sciatto nel vestire; dicendosi che _forse è
forma varia di Ciompo_. Da _Ciofo_ a _Ciompo_ mi pare che ci scattino
parecchj filari d'émbrici, e che non possano esser nemmeno parenti alla
lontana: il bello, è che la etimología vera l'avevano lì sotto gli
occhj, e la son iti a cercare in Oga Magoga. _Carciofo_ lo registrano
essi per Uomo da nulla, e simili: ci voleva tanto a vedere che _ciofo_
non è se non un'aferesi di _carciofo_? Questa per altro non arriva alle
mille miglia la famosa etimología di _Cipiglio_, che per essi è _quasi
Piglio del ciglio_, sorella carnalissima del _Prezzémolo_, quasi _chi
ti prezza ámalo_. _Piglio del ciglio_! a pensarci un anno non può dirsi
cosa più buffonesca; nè s'indovina come possa esser nata nella zucca
dell'etimologista. Zitti; èccolo: _Cipiglio_ si divide in _Ci-pi-glio_:
la prima e l'ultima sillaba formano la parola _ciglio_: la sillaba del
mezzo PI, vale potenzialmente _piglio_; e così _Cipiglio_ è _piglio
del ciglio_. Ma vediamo che cosa è _piglio_ per la Crusca: _Piglio_,
essa dice, è un modo di guardatura,... Ah! ho capito: il cipiglio è un
modo di guardatura del ciglio; e per conseguenza nelle ciglia risiede
la virtù visiva. Caspiterína! si spendono 43,000 lire l'anno; ma
almeno questo Tórtoli primo compilatore etimologista ci tiene un po'
allegri!--Ora state a sentir questa:

«=Abento= e =Abente=. Quiete, Riposo. Anche nel moderno dialetto
siciliano _abbentu_ significa Avvento, e per traslato Riposo, Pace;
forse perchè la venuta di Cristo portò al mondo La tant'anni lacrimata
pace, come disse Dante. Potrebb'essere anche voce composta della
preposizione _a_ e _di vento_; quasi _a riparo del vento_, e quindi
Riposo.»

Anche l'Avvento del nostro Signore, con la tant'anni lacrimata pace
di Dante! Questa la poteva fare il Prete Tigri. Guardate come c'entra
l'Avvento? Ma quell'_Avvento_ che a un tratto diventò _a vento_ vale
una Golconda. E poi _A vento_ che vale _A riparo del vento_, e _quindi_
riposo! Ma, signori Accademici miei, _A vento_, non potrà mai venir
a dir codesto; anzi verrà a dire il contrario. E poi le mi dicano:
che relazione necessaria vi è tra l'_essere a riparo del vento_, e il
riposo?... Non si può negare che il signor Ministro non ponga bene la
sua fiducia!

Coraggio e avanti: ci si fa incontro un _Arzagogo con una nuova
foggia_; chi mai sarà egli?--Pare, risponde il Tórtoli, che sia _un
forestiero venuto di lontani paesi_, e _d'aspetto singolare e strano,
quasi venuto d'Oga Magoga_--O di che ridete?

_Uno degli uditori_. Ridiamo perchè questa etimología a orecchio, ci
ricorda, la chiusa di quel sonetto del Bellincioni:

  Non vuol dir altro _Arma virumque cano_
  Che un uomo armato con un cane in mano;

e così il Tórtoli a quell'_Arzagogo_ gli è parso di sentir _Oga
Magoga_, e lo ha messo nella Crusca, benchè ci abbia che fare quanto il
cávolo a merenda.

_Io_. Bravo! per l'appunto così. Il Sacchetti, sul cui esempio è fatta
l'etimología, non parla per niente di forestieri, ma di un arfasatto
fiorentino pur che sia, a cui salti il ticchio di vestire una strana
foggia: e se l'etimologista avesse posto mente all'esempio del
paragrafo seguente, che è pur del Sacchetti, dove la voce _Arzagogo_
sta per una specie di Nibbio, e si fosse ricordato che _Nuovo nibbio_
si disse per Uomo semplice, sciocco e strano; se avesse posto mente
alla voce _Arzigògolo_, nato senza fallo da questa, e che fu parimente
usata per Uomo semplice e strano, come registrano i vecchi Accademici;
si sarebbe risparmiato questa buffonata. Ma quell'_agogo_ nella sua
caraffullesca mente gli si trasformò in Oga Magoga; e non la potè
tenere: e chi sa quel che gli pareva di dire.

  Dunque s'intuoni al Tórtoli alleluja,
  Gloria ed osanna.

Ma c'è molto di meglio. Interpretano, e dànno ragione anche della
lingua asinina. Vedete qui in _Ajari_; e' c'insegnano che è _voce
imitativa d'un certo verso che fa l'asino specialmente quando è in
caldo_...»

_Ud_. 1.--L'asino in caldo? ma _in caldo_ ora si dice che _vanno_ le
cagne.

_Ud_. 2.--E poi qual è quel verso che fa l'asino quando è in amore? O
che è un uccello, che fa il verso?

_Ud_. 3.--To'! o non si chiama l'usignuolo di maggio?!

Zitti: state a sentir la cosa di questo _Ajari_. Dunque, esso è il
verso dell'asino in caldo: e tal voce è antica nella lingua italiana,
come provano con un esempio del Sacchetti, che canta così: «Egli è
meglio uno _ajari che cento pì pì_.»

  Ridi, che ben n'hai donde, udienza mia;

ridi, chè più belle di questa è impossibile nemmeno il sognarle.
Piglia le novelle del Sacchetti; cerca il luogo qui accennato, e
troverai che si parla di una dama provenzale, la quale, vedendo uccelli
in amore, e udendo quel loro _pì pì_, che risolveva poco o nulla,
eccoti un asino tutto baldanza, il quale _ragliava_ di santa ragione,
e corso alla sua asina, se ne sbrigò in un áttimo; a che, vòltasi la
dama alla sua cameriera Marietta (uso le proprie parole del Sacchetti)
_le dice in sua lingua: O Marione, per mie foye, ch'egli è meglio un
ajari che cento pì pì_; il quale _ajari_ (se il Sacchetti scrisse così)
vedesi dato dall'autore per voce di altra lingua con significato di
_raglio_. E l'etimologista la registra per voce antica italiana, e ci
sente (che orecchie!) il verso dell'asino quando è in caldo!!

Mi penso, uditori umanissimi, che questo piccolo saggio di etimologíe
sarà più che sufficiente a valutare che razza di cervello debba avere
l'etimologista della Crusca; ma, se non siete stanchi, vorrei darvene a
gustare un altro pajo.

_Voci_. Sì, sì, ci si diverte più con queste etimologíe che con
Stenterello.

Bene, e io ve le dirò; e ci sarà un altro pochino di Asino. Ecco qui
messa a registro la voce _Arrilibro_: che sarà essa mai? L'etimologista
la dice «capricciosamente composta da _Arri_ e _Libro_, quasi che
il libro, invece d'essere spiegato allo scolaro, sia dal maestro
incitato a fare da sè;» e lo autèntica con un solo esempio, dove si
legge d'Ascensio «che insegna l'_a_ _b_ _c_ a cómpito e arrilibro.»
Ora bisogna sapere che l'etimologista, e i caporioni de' Cruscanti,
hanno il baco di voler essere uomini _serii_; e per parer tali mi
vengono fuori col far essere un libro un asino, e come un asino
farlo stimolare coll'_arri_!! Tutte le prove della stoltezza di
questa etimología, proprio degna del prete Tigri, le ho date nel
mio--_Antico sentire_--: qui, uditori, ridiamo insieme; e dicendo un
altro _arri_ all'etimologista, facciamoci insegnare la etimología di
_artagoticamente_. Vo' sapete, uditori, che il Boccaccio fa fare a un
de' suoi personaggi un discorso composto di voci strane senza verun
significato, per derisione di un certo imbecille, tra le quali c'è
questo _artagoticamente_, la quale gli antichi Accademici, che avevano
senno, dichiararono: «Voce che per sè medesima non significa nulla;
ma è detta ad uno scimunito quasi in senso di Miracolosamente.» Ma il
senno degli antichi Accademici era corto per gli Accademici novelli:
essi non avevan sì acuta la vista dell'intelletto, che potessero mirare
la dottrina che si asconde sotto il velame della strana voce. Il primo
compilatore etimologista però l'ha compresa ben egli; e, seguitando le
sicure orme etimologiche del Carafulla, ha affermato che tale avverbio
IN SOSTANZA vale Con arte gotica, cioè Barbaramente.

_Voci_. «Légalo, è matto.»

Veramente un uomo savio, e che ha tutti i suoi giorni, queste
scioccheríe non può dirle. Lasciamo stare la parte etimologica, sorella
del prezzémolo di Carafulla, ma quel _cioè barbaramente_ è cosa da
gente più che barbara e più che cretina. Il Boccaccio scrisse prima del
rinascimento, quando l'arte gotica dominava per tutto il mondo civile,
(nè d'altra arte gotica può parlarsi, perchè l'arte architettonica
era solo conosciuta), e l'etimologista pretenderebbe che il Boccaccio
stesso la volesse battezzare per barbara!! e confermandolo esso in
nome proprio con quel _cioè_, viene a dire che son fatti con _arte
barbara_ quegli edifizj gotici che tutto il mondo ammira anche adesso,
e che tutti gli artisti studiano ed illustrano mirabilmente. Queste
sciocchezze può dirle Stenterello per far ridere il popolíno della
_Piazza Vecchia_, e di Borgo[65]; ma che s'abbiano a vedere poste sul
serio in quel gran codice della Nazione che costa 43,000 lire l'anno...
Ma per ora basterà, uditori miei riveriti: continueremo un'altra volta.

_Un popolano_. L'ha detto che il Vocabolario costa 43,000 lire l'anno:
o chi le paga?

_Io_. Le paga il Governo.

_Pop_. Ig Goerno? O ig Goerno e' cattrini di doe gli lea[66]?

_Io_. Dalle imposizioni.

_Pop_. Ma le'mposizioni le si pagano noi: dunche tutti che' cattrini e'
si pagano con le nostre tasche. La sa icch'i' gli ho a dire? che questa
faccenda la 'un va bene; perchè spende' tanti filussi per farsi cuculià
da' forestieri, l'è cosa da grulli. Loro letterachi le ci pensino, e
ricorrino a chi si dee, perchè faccia smétte, questa burletta[67]...

_Io_. Caro amico, noi l'abbiamo detto e ridetto, nè cesseremo di dirlo;
ma gli Accademici vanno insinuando che siamo gente trista e invidiosa:
mettono de' pezzi grossi alle còstole di chi comanda, acciocchè questa
burletta che tu dici tu, la si perpétui...

_Pop_. E' pezzi grossi si segano, e si mettan su if foco[68]...

Qui tutti diedero in una gran risata: io dovei promettere di fare
un'altra _diatriba etimològica_ per la sera della Befana; e chi andò in
qua, chi in là.


                                 FINE.



                                INDICE


  NOVELLA     I. Don Ficchíno                              _Pag._   1

     "       II. La consolazione della vedova                 "    15

     "      III. I tordi-merli                                "    19

     "       IV. Le píllole bachícche                         "    25

     "        V. La discrezione de' Frati                     "    33

     "       VI. Una scommessa                                "    37

     "      VII. Il Genio d'Italia col capo di cavallo        "    43

     "     VIII. Sero sapiunt Phryges                         "    49

     "       IX. Il mio ciuco è andato sempre di qui          "    51

     "        X. Di un francese che voleva digiunare          "    53

     "       XI. Il sarto raddirizzagobbi                     "    55

     "      XII. Del frate cambiato in asino                  "    59

     "     XIII. Sette di vino                                "    61

     "      XIV. Una gita degli alpinisti sul medio evo       "    63

     "       XV. Il diavolo scolaro de' Gesuiti               "    71

     "      XVI. L'ipòcrita còlto al laccio                   "    77

     "     XVII. La pasta frolla                              "    83

  GHIRIBIZZI DRAMMATICI.--La visita di un Ispettore
  scolastico; commedia fatta per celia                        "    89

     "           L'Arlecchino, il Brighella e il Còla del
                 Vocabolario novello della Crusca; scherzo
                 drammatico                                   "   157

     "           Il Codíno                                    "   177

     "           Il Collare della SS. Annunziata; tragedia
                 di un verista, in tre atti                   "   189

  Di alcune Etimologíe del Vocabolario della Crusca;
      diatriba drammatizzata, fatta sulla piazza
      dell'Impruneta l'ultimo giorno della fiera              "   203



                                 NOTE:

[1] Vedi in fin del volume le _Illustrazioni_, al N. I.

[2] Frucchíno è colui che mette le mani per tutto, che si profferisce a
tutti, che entra ne' fatti di tutti. Lecchíno, è colui che loda e adúla
per entrare nella grazia altrui.

[3] Trasporto alla sepoltura di bambini morti prima dei sette anni.

[4] _Madonníno_ era una moneta toscana di quattro crazie (28
centesimi); e tanto soleva darsi agli abatónzoli, i quali assistevano
alle funzioni.

[5] La cassetta, dentro cui sta chiuso un piccolo braciere, sulla quale
tengono i piedi le signore nell'inverno.

[6] _Gli venne gli áscheri_, modo familiare per dire Gli venne voglia,
Gli prese vaghezza.

[7] _Essere a piedi_. Non essere sufficiente a una cosa.

[8] _Fare pa_ è modo fanciullesco, che vale Carezzare strisciando
soavemente la palma della mano sulle gote.

[9] Dante disse:

  «Intra duo cibi, distanti e moventi
  D'un modo, prima si morría di fame,
  Che liber uom l'un si recasse a' denti,»

Par., C. IV.

[10] Acqua leggermente purgativa, di cui c'è la sorgente a Montecatini
nella Val di Nièvole.

[11] _Ripicchiarsi_, Acconciarsi, o Vestirsi con ogni cura.

[12] _Trottolare_ è camminare a passi corti e presti, andando e
riandando, in piccolo spazio.

[13] _Una capatína_. Dare una capata, o capatína in un luogo, è
andarvi, senza molto trattenervisi.

[14] _Riscaldarsi_ è del freddo; _refocillarsi_, del cibo.

[15] Iperbole dell'uso comune, per significare l'archeggiamento di
stomaco prodotto da cibi sudici e puzzolenti.

[16] Grassoccia ed attraente.

[17] _Necci_ sono stiacciatine di farina di castagne, cotta fra due
lastre infocate.

[18] Suol dirsi quando la soverchia stizza ci fa parere amaro il cibo.

[19] _Sbuzzare_, Aprire, stracciando o tagliando, la sopraccarta di un
plico, per vedere o leggere i fogli che vi son dentro.

[20] Vedi _Illustrazioni_, N. II.

[21] Modo dell'uso comune per significare il superlativo con più
efficacia.

[22] Vedi _Illustrazioni_, N. III.

[23] _Avventore_ è colui che abitualmente va a comprare ad una tal
bottega, o si giova dell'opera d'un artefice.

[24] Questi passaggi dal narrativo al drammatico sono frequenti
appresso gli antichi, e, saputi fare, sono veramente efficaci.

[25] _Di quello_, cioè Squisito, Eccellente. Questa reticenza, o
ellissi, è comune nell'uso; e ciascuno ascoltatore o lettore la compie
agevolmente da sè.

[26] Levarli dallo spiedo, dove sono infilati.

[27] _Zolfíno_ si dice comunemente di una persona, che per cosa a nulla
si accende d'ira.

[28] _Sdrúcio_ è ferita assai larga e lacerata.

[29] _Storcere_, usato intransitivamente, è Fare un atto con la bocca,
storcendo in una parte le labbra chiuse; il che significa disgusto, o
che una cosa si fa di mala voglia.

[30] _Nel mezzo de' mezzi_, modo usato da' nostri artefici a
significare il preciso punto di mezzo, rispetto a larghezza.

[31] _Calettare_, di uso comune tra' nostri artefici, è quando un pezzo
di legno incastrato in un'altro, calza bene e combacia esattamente in
ogni punto.

[32] _Permío_ è esclamazione di sdegno o di maraviglia, comunissima
nell'uso, per non dirne un'altra dov'entra il nome di Dio.

[33] Il vero Cruscajuolo ha già rinunziato alla ragione, per ascoltare
solo l'autorità. _Lo 'nfarinato_ e _lo 'nferigno_ sono i veri profeti;
il signor Arciconsolo è il solo papa; unico vangelo linguistico il
vocabolario della Crusca, la quale è pur essa infallibile: i censori
della Crusca sono eretici, ciurmatori, furfanti. Spesso il Cruscajuolo
è un professoricchio di ginnasio, o un impiegatuccio d'archivio, che
lustra le scarpe, e fa il servitorino a' capi Cruscanti, o per avere
avanzamenti, o per essere fatto accademico. Se, per caso rarissimo, il
Cruscajuolo ha un po' d'ingegno, o prima o poi si vergogna, e abjura la
fede cruschevole.

[34] Modo proverbiale usato dagli antichi comici, e non uscito al tutto
d'uso; della cui vera o supposta origine parla, raccontando anche una
graziosa novella, il Passarini ne' suoi _Modi di dire proverbiali_. Si
usa per significare, Qui sta il punto formale della questione; che suol
dirsi anche _qui sta il busillis_, dove per altro c'è di più l'idea di
una difficoltà da vincere.

[35] _Il povero Gabriello.... gli pareva di sognare._ Costruito
comunissimo nel parlar familiare, e usitatissimo anche appresso i buoni
scrittori; nè tal uso è contrario alla ragione, come mostrai nel mio
opuscolo _Di alcune proprietà della lingua italiana_. Il costrutto
grammaticale sarebbe stato _al povero Gabriello... parve di sognare_;
ma ne scapita la efficacia e la naturalezza.

[36] Modo dell'uso comune a significare fiero disgusto, e ripudio
assoluto.

[37] _Gli soggiornava_. Aveva per essi tutte le cure più gelose,
affinchè nulla mancasse loro.

[38] _Darsi l'intesa_ è il trovarsi d'accordo, due o più persone, di
fare in un dato caso una cosa. Qui n'è detto per traslato.

[39] _Quella po' di minestra_. Modo usitatissimo per significare la
scarsezza, e anche la povertà, del mangiare contadinesco.

[40] _Trabiccolajo_ è voce del popolo, che significa, enfaticamente,
qualunque luogo erto e scosceso.

[41] _Castroneria_ è grave errore, di giudizio più specialmente, quasi
dica errore da qualificare chi lo fa per un castrone.

[42] _Stralinco_ è l'uomo storto e contraffatto di tutte le membra.

[43] _Sghengo_ equivale presso a poco a Stralinco.

[44] _Rimpolpettare_, voce dell'uso familiare, è Studiarsi, provando e
riprovando, di ridurre in miglior forma un'opera o lavoro qualunque.

[45] _Pettata_ è salita così faticosa che affatica il polmone, e fa
venire, come suol dirsi, il fiato grosso.

[46] _Cortina_ è quello spazio delle mura esterne di una fortezza, che
è tra baluardo e baluardo. A Pistoja si chiamano Cortine i quattro
comuni suburbani, per rispetto al loro territorio che sta dinanzi alle
quattro cortine della fortezza. È insomma quel medesimo che erano per
Milano i Corpi santi.

[47] _Battibecco_ è contesa di parole assai vivace.

[48] Luogo di riunione delle persone civili, così detto per antonomasia.

[49] _Berlicche_ è nome col quale i nostri fanciulli chiamano il
diavolo.

[50] _Ciaccherino_, e _Buon ciaccherino_ si dice ironicamente per Uomo
tristo, e pien d'ogni magagna.

[51] _Sanfirenzini_ si chiamano coloro che frequentano l'oratorio
di Filippo Neri, che in Firenze è nella chiesa di S. Firenze; e
s'intendono per una specie di ipòcriti tristi.

[52] _Sul Ponte_. Per antonomasia si chiama così il Ponte vecchio dagli
orefici fiorentini, che vi hanno le botteghe.

[53] _Miglioramento_, per la migliore e più nobil parte di
suppellettili, di gioje, o simili che uno possiede, è bella voce usata
per antico; è viva tuttora a Siena, e la uso anch'io perchè vorrei
vederla diventare di uso comune.

[54] _Strizzava limoni_. I falsi devoti, per parer santi, essendo in
chiesa, congiungono le mani in atto di preghiera, e spesso, quasi
presi da impeto di amor divino, le premono molto, ristringendosi nelle
spalle, e alzando gli occhi al cielo. Quell'atto di stringer forte le
mani, è simile a quello di chi strizza limoni, e però il popolíno usa
questa frase in tal caso; e quell'alzar degli occhi al cielo lo chiama
stralunargli: il quale stralunare è anche più diabolico di quello de'
diavoli danteschi

  «Che stralunavan gli occhi per ferire.»


[55] Vedi nell'Appendice.

[56] In quell'anno che andai io allo spedale, ci venne anche Filippo
Pacini, che adesso onora tanto la scuola medica fiorentina.

[57] _Spianare la pasta_ è ridurla in larga falda, passandovi e
ripassandovi sopra col matterello, detto per ciò anche Spianatojo.

[58] _Impazzare_ si dice di ogni vivanda liquida fatta con latte,
o torli d'uovo sbattuti, quando, o per troppo bollire, o per altre
negligenze, venga granellosa o a stracci.

[59] _Chiccajo_ si chiama colui che va attorno vendendo paste dolci
fatte alla peggio, le quali esso porta sopra una gran téglia, o una
larga paniera.

[60] Gli errori de' quali qui si tocca, sono stati veramente detti
e stampati da persone che hanno ufficj nell'insegnamento; e questo
dell'angelo scambiato con Beatrice lo fece veramente il prete Tigri,
dandolo per soggetto a un pittore, e facendo poi egli stesso la
illustrazione di quel dipinto, la quale illustrazione, che si fonda
tutta sopra questo incredibile errore, è stampata. L'autore si è
giovato di tali errori, per applicarli al suo personaggio ideale.

[61] _Far pa_, si dice del Far carezze a' bambini fregando loro
amorosamente la mano sulle gote.

[62] È questo un puro scherzo, il quale non tocca minimamente la
persona di questo o di quell'Accademico; ma solo l'ufficio accademico.

[63] Così chiamano a Firenze lo Spedal de' matti.

[64] Esclamazione con la quale si vuol dar del matto ad altrui.

[65] Sono due teatri popolareschi di Firenze.

[66] Il Governo? O il Governo? i quattrini di dove gli leva?

[67] Ma le imposizioni le si pagano noi: dunque quei quattrini e' si
pagano con le nostre tasche. Lo sa quel che gli ho a dire? che questa
faccenda la non va bene: perchè spender tanti filussi (_denari_) per
farsi cuculiare da' forestieri, l'è cosa da grulli. Loro letterati
ci pensino, e ricorrano a chi si deve, perchè faccia smettere questa
burletta.

[68] I pezzi grossi si segano e si mettono sul fuoco.--È un di que'
giuochi di parole tanto amati dal nostro popolo che gli ha in bocca
ogni momento. Qui si scherza sul doppio significato di _pezzi grossi_
che vale _uomini di molta autorità_, e _grosse legne da ardere._





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Novelle e ghiribizzi" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home