Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Niccolò de' Lapi - ovvero i Palleschi e i Piagnoni
Author: Azeglio, Massimo d'
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Niccolò de' Lapi - ovvero i Palleschi e i Piagnoni" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



generously made available by Biblioteca Nazionale Braidense
- Milano)



                        NOTE DEL TRASCRITTORE:


--Corretti gli ovvii errori tipografici e di punteggiatura.

--L'indice non è compreso nell'opera originale. Ne è stato prodotto
  ed aggiunto uno dal trascrittore.

--Il testo in grassetto è stato reso come =testo grassetto=.

--Gli apici sono stati resi con un accento circonflesso: parola^r indica
  la lettera r soprascritta. Se le lettere soprascritte sono due o
  più, sono racchiuse da parentesi graffe: Ill^{ma}.



                           NICCOLÒ DE' LAPI.



                        PROTESTA DEGLI EDITORI

La presente edizione Originale, è posta sotto la tutela delle veglianti
leggi e convenzioni dei Governi d'Italia che concorsero a garantire
le proprietà letterarie, e si agirà rigorosamente contro quelli
che ardissero eseguirne ristampe o introdurne edizioni estere nei
rispettivi Stati ove sono in vigore le dette convenzioni.

_Milano, luglio 1841._

                           NICCOLÒ DE' LAPI

                                OVVERO

                       I PALLESCHI E I PIAGNONI

                                  DI

                           MASSIMO D'AZEGLIO

                                      Videbis filii mi, quam parva
                                      sapientia regitur mundus.

                                    _Cancell. Oxenstiern._


                                MILANO

          Coi tipi Borroni e Scotti successori a V. Ferrario.

                         A SPESE DEGLI EDITORI

                                 1841.


=A Tommaso Grossi.=


_Amico carissimo_,

_Alla tua amicizia, che è un tanto bene della mia vita, intitolo questo
lavoro; e con che cuore, lo sai. Solo mi dolgo n on potere scrivere
l'affetto che ci lega, sovra più degno e durevole monumento._

_M.º Azeglio_

_Milano, 2 maggio 1841._



INDICE

                                 PAG.

PREFAZIONE                        ix

CAPITOLO PRIMO                     1

CAPITOLO II.                      17

CAPITOLO III.                     37

CAPITOLO IV.                      58

CAPITOLO V.                       71

CAPITOLO VI.                      87

CAPITOLO VII.                    105

CAPITOLO VIII.                   127

CAPITOLO IX.                     153

CAPITOLO X.                      172

CAPITOLO XI.                     190

CAPITOLO XII.                    211

CAPITOLO XIII.                   229

CAPITOLO XIV.                    251

CAPITOLO XV.                     279

CAPITOLO XVI.                    301

CAPITOLO XVII.                   324

CAPITOLO XVIII.                  347

CAPITOLO XIX.                    372

CAPITOLO XX.                     398

CAPITOLO XXI.                    427

CAPITOLO XXII.                   448

CAPITOLO XXIII.                  475

CAPITOLO XXIV.                   507

CAPITOLO XXV.                    530

CAPITOLO XXVI.                   556

CAPITOLO XXVII.                  580

CAPITOLO XXVIII.                 605

CAPITOLO XXIX.                   626

CAPITOLO XXX.                    648

CAPITOLO XXXI.                   671

CAPITOLO XXXII.                  693

CAPITOLO XXXIII.                 717

CAPITOLO XXXIV.                  742

CAPITOLO XXXV.                   766

CAPITOLO XXXVI.                  790

CAPITOLO XXXVII.                 807

CAPITOLO XXXVIII.                829

CAPITOLO XXXIX.                  851

CONCLUSIONE.                     877

RETTIFICAZIONE ERRORI.           905



PREFAZIONE

_Questo racconto che presento al pubblico non senza il batticuore
dell'amor proprio in pericolo, fu incominciato nel_ 1833, _e
tralasciato cento volte per cagioni ora funeste ora fastidiose. Se
egli serba le tracce di codesti disturbi, se per mio difetto rimane di
tanto inferiore al suo tema, non per questo potrei senza ingratitudine
dubitare del favore o dell'indulgenza almeno degli Italiani. Debbo
ricordarmi che in grazia appunto del tema essi amorevolmente accolsero
un mio primo saggio. Questo secondo lavoro, che anch'esso si raggira su
un fatto non meno onorevole al nome Italiano, promette dunque uguale
indulgenza a chi s'è disposto, insin che gli durin le forze e la
vita, non aver un affetto, non un pensiero, che non sia dedicato alla
patria._

_Quantunque abbia preso a trattare l'epoca luminosa e terribile per la
città di Firenze, in cui la repubblica si difese sola contro le armi
di Clemente VII e di Carlo V, non ebbi tuttavia per iscopo dipingere
il quadro completo dell'Assedio del_ 1529-30, _ed il titolo stesso di
questo racconto basta forse a mostrare che più degli eventi, mi sono
proposto descrivere le passioni che in allora agitavano il popolo
Fiorentino._

_La relazione intera, minuta e regolare dell'Assedio, l'ha scritta
meglio d'ogni altro il Varchi. Contemporaneo, attore anch'esso della
sua storia, mosso dagli affetti del tempo, chi potea far meglio di lui?
Chi oserebbe rifare il suo lavoro?_

_Agli storici dunque la storia. Al Varchi quella dell'Assedio; chè
malgrado i suoi lunghi ed intralciati periodi, malgrado l'oscura
irregolarità che talvolta s'incontra nella sua costruzione, sarà pur
sempre quella che trasporta il lettore al secolo XVI con maggior
illusione, che trasfonde nel cuor de' moderni, i pensieri, le passioni,
la vita tutta del cinquecento._

_Ma se il Varchi disse bene, disse egli tutto? Tutto quanto si vorrebbe
sapere sul fatto di quegli antichi uomini, che negli amori, nell'ire,
nella fede, ne' sacrifici e persin ne' delitti, mostrarono una ferrea
natura tanto lontana dalla moderna fiacchezza?_

_Ignoro qual sia la risposta del lettore. La mia è negativa._

_No, non conosco tutto quanto vorrei conoscere quando leggo gli onorati
fatti di que' cittadini animosi, le battaglie, i tumulti, le pratiche;
quando li vedo in piazza magistrati, soldati, capi di parte; io ammiro
in essi la virtù, la costanza, la fortezza, l'ardire; io mi maraviglio
che la natura umana abbia prodotto individui di così potenti facoltà,
ma domando invano allo storico quali fosser costoro che eran pur padri,
mariti, figli, fratelli, quali fosser, dico, quando dopo una tempestosa
giornata ritornavan la sera tra le pareti domestiche; quando, deposto
l'arnese di guerra, e cercando un po' di sosta alle cure, ai travagli
che li stringevano al di fuori, riprendevano negli intimi colloqui
della famiglia la forza di gettarsi a nuovi pericoli, a nuove fatiche._

_Trovata muta, insufficiente la storia, mi volsi alle cronache, ai
carteggi, ai prioristi del tempo, alle tradizioni del popolo, ai
monumenti. Interrogai le torri, le mura di Firenze, i bastioni di
s. Miniato ove l'edera cresce e si stende ugualmente sui macigni
repubblicani tagliati dallo scalpello di Michelangelo, e sull'impresa
Medicea delle sei palle; come un'istessa tomba raccolse un tempo le
ceneri di Polinice e d'Eteocle. Interrogai il Palazzo Vecchio, antico
ed immoto testimonio di tanti trionfi, di tante rovine; che vide
sorgere e cadere tante fortune: che dall'alto de' suoi merli guelfi
vide oppresso il duca d'Atene, vincitori i Ciompi, arso Fra Girolamo,
strascinato il cadavere di Jacopo de' Pazzi, calpestata tre volte
l'idra medicea, e tre volte risorta: che sopravvisse alla repubblica,
la vide vendicata nelle impure e sanguinose vicende della razza di
Cosimo spenta vilmente dopo dugent'anni; edificio che ancora erge i
suoi fianchi, sostiene l'alta torre d'Arnolfo posata a sottosquadro
sulla facciata, destinato forse a veder tanti secoli nel futuro quanti
ne vide già nel tempo passato._

_Visitai il Palazzo del bargello, ove in età più remote i priori della
repubblica ebber il primo tetto, le prime sale che fosser loro proprie,
per ragunarsi a consiglio: vidi quella scala del cortile tutta di marmo
coperta d'una rozza tettoja come fosse la scala d'un contadino;[1]
quelle massicce lastre del cortile che nel centro invece di fontana o
di statua che l'adornasse, ebber tante volte il ceppo e la mannaja:
che divenner vermiglie pel sangue di tanti cittadini, morti ora a
dritto ora a torto, ma virilmente sempre: marmi che rimbombaron sotto
i colpi onde furon tolti di vita il Boscoli, il Capponi, Bernardo del
Nero, Francesco Carducci penultimo gonfaloniere della repubblica, e
tant'altri, i quali tutti persero il capo al tremendo giuoco che tra la
casa de' Medici ed il popolo di Firenze durò più di cent'anni._

_Io scorsi le antiche dimore de' cittadini, quei palazzi, o piuttosto
fortezze domestiche di sasso annerite, merlate, tutte a un dipresso
simili al palazzo Ferroni al Ponte s. Trinita; scorsi i cortili, le
scale, entrai per tutto tentando figurarmi qual viso, qual discorso,
qual costume avessero i loro antichi abitatori: come talvolta vedendo
un elmo antico tutto rugginoso, ed alzandone la visiera, la fantasia
tenta dipingersi il maschio ed ardito volto che dovette un tempo
riempierne il vano._

_Colla fantasia dunque (e qual altra guida potevo io avere?) cercai per
tutto ed in tutti i modi l'antico popolo di Firenze: quel popolo di
tanto nerbo, di tanta vita che, dopo 300 anni di agitazioni, di guerre,
di discordie, di furori, di proscrizioni, si trovò pure nel 1530
abbastanza vegeto e vigoroso da resister solo alla potenza di Carlo V,
e cadde dopo lungo contrasto più tradito che vinto; popolo che prosperò
quando pareva portasse in seno i germi della distruzione, che s'invilì,
perdette ogni generosità, ogni spirito quand'ebbe lunga e stabile
tranquillità sotto la dominazione de' Medici._

_Forse perchè principio dello stato antico era accendere il pensiero
della patria, principio dello stato mediceo conculcarlo ed estinguerlo._

_Ma le orme impresse sul suolo di Firenze dai suoi antichi abitatori,
la civiltà moderna le ha cancellate quasi del tutto. Le hanno
cancellate gli stranieri che ogn'anno scendono a godersi e vilipendere,
quasi cortigiana, l'Italia._

_Contristato e pensoso del terribil giudizio che pesa sul nostro
popolo, sperai almeno trovarne le antiche orme in qualche angolo
dimenticato, ove gli usi, la lingua, il corso delle tradizioni,
fosse rimasto puro, e non turbato dal passo delle genti nuove. Corsi
il contado, salii sui monti di Pistoja, e mi consolai il cuore e
l'orecchio udendo poveri pastori e contadini parlarmi la lingua del
Firenzuola: ascoltando ciò che mi sapean narrare di Castruccio, di
Francesco Ferrucci, che non avean certo conosciuti nelle storie o ne'
libri, ma d'età in età gli uni dagli altri avean imparato, che il
primo fu un prode, il secondo morì sui loro monti per la salvezza di
Firenze. Io benedico quelle ore ch'io passai colà seduto ad un umile
focolare prestando orecchio ai rozzi e pur nobilissimi racconti di
uomini semplici, che assai sapevano di quelle antiche e gloriose età,
e nulla della presente, quasi un intimo senso insegnasse loro quel che
essa vale. Io riuscivo persino in que' colloquj a dimenticare questa
età nostra, e mi parea, per dir così, viver in quell'altre, e vedermi
innanzi vivi e reali quegli uomini che m'eran noti soltanto per averli
veduti ritratti dagli storici, dai comici e dai novellieri._

_Io gli ho pur trovati! dissi tutto contento. Io ho trovato i modelli
che ho in animo di dipingere! E m'ingegnai di studiarli; di ritrarre
quanto potevo col vero prima, poi ajutandomi colle induzioni, e colla
fantasia, la vita intima, le passioni, gli affetti dell'epoca che avevo
scelta per collocarvi gli attori del mio racconto._

_Frutto di cotali studj, parte reali, parte fantastici, è questo
mio lavoro; col quale, imitando gli architetti, che per dimostrare
l'ordine interno d'un edifizio lo suppongono ne' loro disegni tagliato
pel mezzo, volli rappresentare in ispaccato la casa d'un popolano
fiorentino durante l'assedio._

_Io feci per fare bene tutto quanto potevo. Se invece feci male,
pensi il lettore che anche a far male costa fatica, e s'incontra
difficoltà._



CAPITOLO PRIMO


I fatti che stiamo per narrare accaddero circa il tempo in cui Firenze
era assediata dall'esercito di Carlo V, il quale per mandare ad
effetto il trattato di Barcellona conchiuso con Clemente VII, voleva
costringere i Fiorentini a sottomettersi al dominio de' Medici.

Il popolo di Firenze negava di riceverli pure come privati e si
difendeva, fatto animoso dalla memoria di que' Medici stessi tanto
facilmente cacciati nel 1527; dalle profezie di fra Girolamo
Savonarola; dal desiderio del viver libero; dall'armi e dalle fortezze
ond'era munito per cura della parte detta de' Piagnoni, i quali
s'avvedevano non esser l'Imperatore ed il Papa per contentarsi che i
Medici tornati in patria cogli altri sbanditi Palleschi vi stessero
quali privati cittadini, ma sotto tal modesta domanda aver in animo di
farneli signori.

Era una mattina sul finir d'ottobre dell'anno 1529, e l'alba pareva
penasse più del solito a comparire, penetrando a stento la densa nebbia
che copriva Firenze. Cadeva una pioggia fitta, cheta e congelata, che
quasi si poteva dir neve, e per le strade, tranne qualche soldato,
e le compagnie degli uffiziali di notte che tornavano in Palagio
intirizziti, serrati ne' mantelli, co' becchetti de' cappucci avvolti
intorno al viso, non s'incontrava anima viva.

Le porte e le finestre tutte chiuse, le imposte serrate, mostravano che
la maggior parte de' cittadini era ancora immersa nel sonno. S'andavano
aprendo le chiese, ma non vi si trovava se non gli scaccini occupati a
spazzare, e qualche sagrestano attendendo a preparar gli altari.

In S. Marco soltanto, de' frati Domenicani, le campane che suonavano a
morto da un'ora innanzi giorno avean già radunato un piccol numero di
fedeli.

L'interno di questa chiesa non era ornato in quel tempo dalle colonne
d'ordine composito, e dagli altari che v'eresse poi Gian Bologna, ma si
conservava semplice e severo quale fu edificato per opera di Cosimo il
vecchio.

Davanti all'altar maggiore, tra quattro grossi candellieri di ferro,
era posata in terra una bara, nella quale giaceva il cadavere d'un
giovane che mostrava non passare i venticinque anni: tra le sue mani
giunte sul petto era acconcio un crocifisso, ed il suolo, come pure il
cataletto sparsi, secondo il costume di Firenze, di foglie e di fiori
di melarancio. Sul guanciale che gli reggeva il capo erano due candele
benedette accese, colle quali i devoti usavano segnare il defunto.

Quantunque avesse indosso l'abito di S. Domenico, si poteva supporre
che gli fosse stato posto per divozione soltanto dopo morto, ma che
non l'avesse usato in vita: e ciò che lo faceva credere era una spada
ed una rotella col giglio rosso in campo bianco (impresa del comune di
Firenze) che erano appese a' piedi del defunto.

Non essendo ancora uscita la messa, un solo candelliere ardeva. La
sua luce rossiccia illuminando un gruppo di persone che erano state
le prime a giungere, e pregavano in ginocchio raccolte intorno al
cadavere, lumeggiava le figure più vicine (come soventi usò Rembrandt)
con frizzi vibrati di luce, la quale cadendo sempre più debole sugli
oggetti a misura che si trovavan più lontani, finiva perdendosi in
fondo alla chiesa in una totale oscurità. In alto soltanto le tenebre
venivano diradate dai gran finestroni della volta, i quali cominciavano
a potersi discernere per la tinta pallida e cilestrina che veniva
nascendo col giorno sulle invetriate.

Non passava minuto senza che a uno, a due, a tre per volta non
entrassero uomini che ai passi gravi, al suonar delle stellette
degli sproni, ad un luccicare ottenebrato di corsaletti e giachi si
conoscevano per soldati. Venivano avanti e giungendo alle spalle di
chi si trovava già in chiesa posavano a terra il calcio o della picca,
o della ronca, o di un grosso archibugio, chè tutti avevano l'una o
l'altra di queste armi, e rimanevano con viso mesto e contegno tutto
raumiliato.

Poco stante comparve, accompagnato da venti uomini ben armati, il
Gonfalone del Leon d'oro del quartiere di S. Giovanni. Era una bandiera
quale usa la fanteria anche in oggi, con suvvi dipinto un leon d' oro
in campo bianco. L'uomo che la portava si fermò a metà della chiesa, e
vi rimase, messo in mezzo da' suoi.

Crebbe così a poco a poco la folla, serrandosi intorno al feretro ed al
gruppo che vi stava dappresso, il quale mostrava essere composto de'
più stretti parenti del defunto.

A due passi da' suoi piedi era un vecchio molto innanzi cogli anni.
Aveva indosso il lucco, abito usato nella repubblica fiorentina, dalle
persone gravi specialmente, che era una vesta di saja nera foderata
di pelli, sparata dinanzi e dai lati dove si cavan fuori le braccia,
ed increspata in alto ove s'affibbia alla gola: in capo il cappuccio,
composto di un cerchio di borra coperto di panno, e si chiamava il
mazzocchio: una parte dell'istesso drappo cadeva a guisa di pendone
sull'orecchio sinistro ed era detta la foggia; il becchetto poi era una
striscia che andava sino a terra, si ripiegava sulla spalla destra e
spesso s'avvolgeva al collo.

L'aspetto di questo vecchio, largo di spalle, grande della persona, era
valido e robusto. Gli stava ancor sulle guance quella tinta vegeta che
nasce da un'ottima complessione, non mai logorata da vizj.

Nella barba, che era lunga e folta, e nei pochi capelli che uscivano
di sotto il cappuccio, non era pelo che non fosse bianchissimo, le
sopracciglia sole conservavano ancora in parte il color bruno: ed una
frequente contrazione di muscoli che le avvicinava contribuiva a dare
a' suoi occhi neri una molto fiera guardatura.

Il nome di questo vecchio era Niccolò di ser Cione, di ser Lapo de'
Lapi, di famiglia popolana, uno de' capitudini[2] dell'arte della
seta, il quale poteva vantarsi d'essere giunto ad 89 anni, chè tanti
ne aveva, sempre integro, sempre amante della patria e dello stato
popolare, a pro del quale avea messo in molte occasioni la persona
e l'avere. Ma il vantarsi di tal modo di vivere neppure gli sarebbe
caduto in pensiero, tanto era nella natura sua, e pareva a lui il solo
possibile.

Tra i primi ed i più devoti seguaci di Fra Girolamo Savonarola mentre
viveva, lo piangeva morto, venerandolo come un martire; studiando di
osservare in ogni sua azione ed in ogni tempo, senza aver rispetto
a cosa del mondo, le severe massime del frate, le quali, dobbiam
confessarlo, lo portavano talvolta a convertire la mansueta legge del
vangelo in una legge tirannica ed impraticabile.

Ser Cione, padre di Niccolò, s'era trovato intinto nella congiura, che
diretta da Rinaldo degli Albizzi, riuscì a cacciar per un anno, di
Firenze, Cosimo, detto Padre della Patria, onde al ritorno di questi
andò con molti altri banditi a finir la vita in esiglio.

Niccolò, nato in una terra di Puglia, ov'era il confino del padre,
testimonio della sua miseria negli ultimi anni, e della morte oscura,
circondata da tutti i travagli dell'esiglio, avea colle prime
impressioni dell'infanzia concepito, quasi fatale necessità, un odio
orrendo contro i Medici e le parte Pallesca.

Come poi mettesse d'accordo quell'odio col vangelo che professava, lo
potrà intendere chi sa quale sia la logica degli uomini di parte.

Dopo molt'anni gli era venuto fatto di tornare a Firenze, Avea riaperto
il fondaco del padre, e fattovi grossi guadagni, coi quali soccorse
la città nel 1494, quando per la calata di Carlo VIII, e per la
dappocaggine di Piero de' Medici, lo stato di Firenze corse così grave
pericolo. In quell'occasione s'era visto quanto il popolo minuto, i
lavoratori di seta, e tutti gli operai in genere gli fossero divoti,
chè nella notte antecedente al giorno in cui Pier Capponi stracciò i
capitoli in faccia a Carlo, n'ebbe a sua posta più di seimila.

Quest'affetto della moltitudine, nato dalla riverenza che ispirava la
sua virtù, dal saperlo amatore sincero e costante del ben pubblico,
che in lui non era mai stato pretesto onde cercar l'utile privato,
s'era sempre fatto maggiore, e quando i Medici tornarono nel 1512,
il solo timore dell'opinion pubblica era bastato a salvarlo dalle
persecuzioni. La sua fama sola bastò nell'istesso tempo a preservarlo
dalle lusinghe e dalle seduzioni colle quali la parte Pallesca mai non
cessava d'adescare i suoi avversarj; e dal 12 al 27, anno dell'ultima
cacciata dei Medici, fu tenuto bensì in sospetto da questi, ma pur
lasciato stare, e dagli amatori dello stato popolare considerato come
uno de' loro capi, nel quale, più che in ogni altro, ponevan speranza,
ove nascesse occasione favorevole alla libertà.

L'amicizia poi che l'avea unito sì strettamente a Fra Girolamo,
l'osservar con fedeltà sì scrupolosa le sue massime, e soprattutto la
fede cieca che prestava alle sue profezie, facevano, per dir così,
sopravvivere in suo favore tra il popolo quella specie di culto che
avean professato pel celebre Domenicano. Gl'istessi frati di S. Marco
l'aveano in gran concetto, lo tenevano come uno dei loro, ed avean per
le sue parole quasi altrettanta deferenza, quanta ne aveano avuto già
per quelle del Savonarola.

Due anni prima dell'epoca di quest'istoria, quando per la partenza del
cardinal di Cortona, e d'Ippolito e d'Alessandro de' Medici, Firenze
tornò a reggersi a popolo, s'era adoperato con Niccolò Capponi e
Filippo Strozzi onde salvar la città che ondeggiava travagliata da
tanti umori, da tante parti diverse.

Era stato de' signori, de' Dieci di libertà e pace; ma più che sui
magistrati la sua autorità si fondava sulla fiducia che metteva in lui
la moltitudine.

Cominciò a bisbigliarsi dell'assedio, e Niccolò confidando nella famosa
profezia di fra Girolamo

  «_Florentia flagellabitur, et post flagella renovabitur_»[3]

tenne sempre per la parte che rifiutava ogni accordo co' Medici, e pose
in opera quant'era in poter suo per accendere il popolo alla difesa.

Comparì l'esercito condotto da Filiberto di Chalons, principe d'Orange,
pose il campo sui colli che sono a mezzogiorno di Firenze il 24
ottobre 1529, e Niccolò, nei pochi giorni scorsi dacchè era cominciato
l'assedio, aveva già assistito all'esequie d'uno de' suoi figliuoli
morto combattendo sotto le mura. Ora assisteva all'esequie del secondo,
colla fronte alta, la faccia serena e la mente tutta assorta in Dio,
al quale offeriva non solo la vita di questi due figli, che teneva per
martiri, ma quella degli altri ancor vivi, e la sua, purchè salvasse
Firenze.

Di madonna Fiore, sua moglie, morta pochi anni prima, avea avuto cinque
maschi e due femmine; i tre superstiti erano con lui intorno alla
bara: due di loro avevano indosso il giaco o il corsaletto, che in
quel tempo, si può dire, la gioventù fiorentina non se lo cavava mai.
Il minore aveva nome Bindo, ed era un bel giovanetto di quattordici
anni, ma alla statura si poteva dargliene almeno diciotto, e non aveva
indosso giaco, nè arme accanto come i suoi fratelli.

La bella struttura delle sue membra, in perfetta armonia tra loro, la
tinta bruna e robusta della sua carnagione, gli occhi neri, mobili,
vivacissimi, e che avean la fierezza di quelli del padre, temperata
dalla grazia dell'adolescenza, facean pensare che gli sarebbe stato
troppo bene una spada accanto ed una corazza sul petto: ma il gran core
soprattutto ed il mirabile ardire che avea mostrato fin dall'infanzia,
lo facean degno di portare ormai l'armi anch'esso in difesa della
patria.

Niccolò si trovava riprodotto in questo suo figliuolo parte per parte
nelle forme del corpo come nelle doti dell'animo, perciò, benchè non
lo volesse mostrare nè concedere, l'amava con maggior tenerezza degli
altri.

Questa tenerezza l'aveva impedito sin'ora di condiscendere alle istanze
di Bindo, che si struggeva di combattere anch'esso cogli altri giovani
fiorentini.

Niccolò gli diceva spesso--Saresti un bel soldato a quattordici
anni!.... sei fanciullo, Bindo! lascia andar innanzi i più vecchi,
verrà anche troppo il tuo tempo.--

Poi finalmente per racquetarlo gli avea promesso che, ove alcuno de'
suoi fratelli venisse ucciso, gli concederebbe di prender l'armi in
vece sua. Il tempo d'attener la promessa era giunto, e Niccolò non era
uomo che potesse mancarvi.

La mattina prima d'uscir di casa non avea potuto a meno, malgrado la
sua natura austera, di far carezze al figliuolo; e tiratoselo in camera
gli avea detto--Bindo mio, sin'ora fosti fanciullo, dacchè ti basta
la vista d'esser uomo d'ora in poi, siilo al nome di Dio. Verraine con
esso noi.....gli è bene che tu conosca tosto come vadan le cose di
quaggiù. Prega Iddio che ti faccia un valentuomo... egli sia quello che
t'ajuti, come io ti dò la mia benedizione.--

Il vecchio un po' mutato negli occhi e nella voce baciò il figliuolo,
e vennero in S. marco. Quel fremito interno, quel batter di polsi più
rapido che nasce da una forte commozione d'animo, agitarono il petto
di Bindo quando si trovò accanto alla bara ove giaceva il suo povero
Baccio (così avea nome) che avea sempre veduto così vegeto, così vispo,
col quale s'era trastullato per tant'anni, ora pallido, immobile,
colla morte sul viso, ed all'età di Bindo, il morire par cosa tanto
impossibile!

Vedeva sotto il cappuccio, in mezzo alla fronte, un buco tondo, largo
come uno scudo, fatto dalla palla d'uno de' grossi archibusi che
s'usavan nel 1500. Avea sin a quel giorno parlato, ed udito parlar
più volte di fatti d'arme, di ferite, di morti, s'era acceso in quei
discorsi ed ardeva di trovarsi all'atto ancor esso, ma ora ne vedeva
sotto gli occhi proprio veri e reali i terribili effetti, e non v'è
piccol divario!

Due calde lagrime stavano per cadergli dalle palpebre, e si sentì il
cuore scosso in un modo che gli riusciva nuovo affatto.

Sbigottì di se medesimo un momento, e si domandò--avrei io paura?--

Preghiamo il lettore a non voler rispondere affermativamente alla
semplice interrogazione di Bindo poichè s'ingannerebbe.

Il senso che provava non era timore, era un misto di stupore,
d'afflizione, di smania di gloria, di indegnazione; e non è maraviglia
che alla sua età non fosse in grado di rendersene ragione.

Degli altri figliuoli di Niccolò, il maggiore, uomo sui quarant'anni,
avea nome Averardo, il secondo Vieri.

Le due giovani inginocchiate, sedute sulle calcagna, s'eran poste a
qualche distanza dai maschi.

La maggiore si chiamava Laldomine o Laudomia, la minore Lisa.

Intanto il frate sagrestano aveva accese quattro candele all'aitar
maggiore. S'accostò alla bara tenendo la canna che aveva attorcigliato
in cima un pezzo di stoppino, e dopo aver acceso i tre candellieri,
trovandosi presso a Niccolò, gli disse sotto voce accennando il morto:

--Egli era de' Lapi, messer Niccolò, e non ha tralignato punto! Pace
all'anima sua.--

--_Amen_, rispose il vecchio, ed il frate con un sospiro s'avviò verso
la sagrestia.

Un momento dopo uscì la messa. Il celebrante era fra Benedetto da
Faenza superiore del convento, vecchio venerabile che mostrava sentir
tutto il peso degli anni.

Il laico che serviva in rocchetto, aveva un viso che non si poteva
lasciarvi cader su un'occhiata, e poi volger lo sguardo altrove
senza più curarsene, come si fa colla maggior parte de' visi che
s'incontrano. Costui invece aveva una fisonomia, un portamento così
nuovo, ed un non so che di dissonante e di disarmonico in tutta la
persona, che, veduto una volta, pareva non fosse possibile perderlo
d'occhio nè finir di considerarlo.

Mostrava una cinquantina d'anni, piuttosto alto e magro, ma nerboruto
e diritto come un giovanotto. L'occhio ardito, ed in questo caso
l'espressione dev'essere presa _ad literam_, poichè ne aveva un solo;
la guancia destra segnata da una lunga cicatrice. Poi in ogni suo
moto, in ogni atto, un fare disinvolto che riusciva curioso coll'abito
che portava. Nell'istesso tempo era impossibile d'apporgli nulla di
sconvenevole, o che sapesse d'irriverenza: anzi avea lo sguardo basso,
il contegno raccolto, rispondeva a tempo con voce ragionevole senza
mangiar le parole, come fanno per lo più i chierici nel servir la messa.

Tuttavia non andò molto, che si potè conoscere esser per lui in quel
momento uno sforzo non indifferente il seguir la massima dell'_Age quod
agis_.

Le artiglierie piantate dagl'imperiali a Giramonte fecero sentir
qualche sparo. Ma non se ne faceva caso come di cosa giornaliera: però
i colpi a poco a poco divenivan più numerosi e più frequenti, e molti
de' soldati che si trovavano in chiesa per assistere ai funerali del
loro compagno, cominciarono a bisbigliare parlandosi all'orecchio,
vergendo gli sguardi verso la porta con moto involontario e
sicuramente inutile, poichè non vi trovavan certo la spiegazione d'un
fatto che accadeva in tanta distanza. I loro discorsi erano di questo
genere:

--Comincia a soffiar per tempo la chimera[4] questa mattina--Eh!
saran fuochi d'allegrezza per qualche altro malanno che ci viene
addosso.--Possiate morir quanti siete!--(s'udì uno scoppio più
forte). Senti, senti! Dev'essere l'archibuso di Malatesta[5]--Senti
che nespola!--Che mattinata senza liuto!--Oggi in guerra, doman
sotterra--Malann'aggia chi rimane--Oh che vorrà dir questo! Vuol dir
panicco pesto.... ec. ec.--

Queste parole ed altre simili che uscivano di mezzo alla turba che
era in fondo alla chiesa, formavano un susurro che, unito agli spari,
cagionava una gran distrazione al povero laico.

Non ardiva voltarsi del tutto, ma non si vedeva più star immobile
all'ufizio suo come prima: tendeva l'orecchio, e talvolta gettava così
sopra la spalla ed alla sfuggita un'occhiata verso la porta.

A Niccolò non piacque udir in chiesa un tal bisbiglio, e voltando
appena il capo verso chi ne era cagione, disse con voce ferma e chiara
quantunque sommessa:

--E' pare che siamo in piazza!

Un maestro di scuola temuto che comandi il silenzio con voce burbera
ad una trentina di fanciulli, non è obbedito più pienamente, ne più
presto, di quel che lo fu Niccolò da quella turba, composta d'uomini
che però non si sarebbero lasciati dar sulla voce da altri così
facilmente. Il silenzio fu a un tratto generale e perfetto: cosicchè il
prete che diceva le segrete all'altare appena a mezza bocca, si potè
udire da un capo all'altro della chiesa. Ma questa quiete dovea durar
poco.

Unitamente ad uno scoppio più forte delle artiglierie del campo, i
vetri, i piombi ed il legname d'una delle maggiori finestre, infranti
in minutissimi pezzi caddero in chiesa, sfracellandosi e rimbalzando
pei cornicioni, per le mura e per tutti gli sporti che venivan
trovando, con tanto calcinaccio e polverio e ragnateli che parve
rovinasse la volta.

Per fortuna gran parte de' rottami cadde su un altare chiuso da un
balaustro, onde nessuno venne offeso.

V'era il costume in que' tempi tra i soldati che campeggiavano una
terra ogni volta che, venissero loro sborsate le paghe, o fosse la
festa del Sovrano che li pagava, nelle occasioni infine, ove parea
loro da mostrare allegrezza, di abbassar d'un palmo le culatte de'
pezzi d'artiglieria piantati per batter i bastioni, poi dar fuoco
sparando all'impazzata senza torre la mira, onde le palle dando loro
quest'arcata passavano al di sopra delle mura ed andavano a cadere
in mezzo alla città ove storpiavano ed uccidevano Dio sa quanti,
che ci avevano che fare quanto la persona che ci usa la cortesia di
tener questo libro tra le mani. E questa bella allegria (tutto sta
intendersi) si chiamava far gazzarra.

Il campo del principe d'Orange si trovava appunto in uno di questi tali
impeti di buon umore, e facendo gazzarra quella mattina, una palla
colse la chiesa di S. Marco, un'altra ferì in piazza S. Giovanni, uno
de' migliori soldati del capitano Sandrino Monaldi, ed in altre parti
della città furon fatti molti inaspettati danni.

Questo caso non alterò gran fatto nè i soldati nè Niccolò nè i suoi
figli. Le due giovani un poco si sbigottirono, ma visto non era altro,
presto si dettero pace.

Quello che si mostrò meno ardito di tutti, e gli servan di scusa lo
stato e l'età cadente, fu il padre che diceva messa.

Il senso del timore superò in lui in quel momento ogni altro rispetto,
e per dir il vero tanto rovinìo e tanto fracasso a chi non se
l'aspettava, dovea fare un certo senso: fe' gobbe le spalle, abbassando
il capo, e coprendosele colle mani disse--Dio mio, misericordia!--E se
il robusto laico non l'avesse afferrato sotto l'ascella forse cadeva.

Fin qui però v'era poco male, ed il laico avea meritato bene anzi chè
no dal suo superiore.

Il male fu, che nel reggerlo, vistolo tanto sgomentato per un accidente
che a lui pareva assai leggiero, gli venne una tal voglia di ridere,
che a malgrado de' suoi sforzi per vincerla alla fine pur gli convenne
lasciarsi andare, e scoppiò in una risata la più sonora e sgangherata
del mondo, ed avendo le mani impedite nel sostenere il buon vecchio,
che ancora tremava a verga a verga, non potè nè volgere il capo
altrove, nè porsi una mano sulla bocca, nè soccorrer se stesso con que'
rimedi che s'adoprano in cotali casi.



CAPITOLO II.


Molti fra gli astanti avean posto mente allo sbigottimento del frate
che diceva messa. Pel rispetto che gli si portava, era saputo male alla
maggior parte che il laico fosse stato tanto ardito da ridergli in viso
a quel modo, e se ne maravigliarono credendolo un laico da dozzina, un
qualche villano che avesse lasciata la vanga per entrar in religione.

S'ingannavano: ed affinchè il lettore anch'esso non istupisca del suo
fare, gli diremo chi egli fosse più brevemente che si potrà.

Gl'Italiani al giorno d'oggi sanno l'istoria della loro patria, onde se
il nostro lettore è italiano, avrà a mente senza dubbio una disfida che
venne combattuta presso Barletta dai nostri contro i francesi, ove gli
ultimi rimasero perdenti.

Ove poi questo nostro libro venisse tra mano a qualche straniero
lo pregheremmo a dar un'occhiata al Guicciardini, al Giovio, od al
Muratori, anno 1503, e vi troverà narrata questa disfida, e, tra i
guerrieri Italiani, mentovato un certo Tito da Lodi, soprannominato il
Fanfulla, il quale al dir del Giovio specialmente, era uomo prode, ma
di nuova e capricciosa natura.

Costui quando Consalvo ebbe conquistato interamente il regno di Napoli,
ricevè come gli altri uomini della compagnia del signor Prospero
Colonna alla quale apparteneva, la sua parte delle spoglie de' vinti, e
la convertì con grandissima fretta in due centinaja di bei ducati d'oro.

L'ultimo giorno del primo mese che passò in Napoli, dopo aver riscosso
questa somma dovette dividersi dall'ultimo de' suoi ducati, il quale
andò nella borsa di coloro che giocavano al lanzichinecco (oggi
zecchinetta) con miglior fortuna, o maggior astuzia di lui, a tener
compagnia agli altri centonovantanove.

Egli avrebbe avuto, è vero, un buon cavallo ed un ottimo arnese da
vendere, o da impegnare, e potuto così scialare un altro poco, ma ebbe
pur senno bastante per capire che sarebbe stato lo stesso come per un
cieco vender il violino che lo fa campare.

Si rassegnò, confortandosi col dire «Oramai mi son fatto tanto
conoscere, che dove m'accosto trovo pane.»

Il signor Prospero non l'avea voluto più nella compagnia per non so che
quistione avuta con certi compagni, nella quale avendo il torto, s'era
fatta una ragione a suo modo a furia di busse.

Ciò non ostante quando si trovò al verde, l'andò a trovare al palazzo
Gravina, sulla piazza ove oggi è la fontana di Montoliveto, senza
curarsi di passar per un'anticamera piena di que' suoi avversari, e
quando gli si trovò davanti, disse che non veniva a richiederlo d'altro
se non che d'un attestato in iscritto com'egli avesse combattuto nella
disfida di Barletta, e poi gl'insegnasse per sua cortesia qual fosse il
paese più vicino ove si menasser le mani.

Il signor Prospero, che pur gli voleva bene, conoscendolo un diavolo
ardito, come se ne trovan pochi, gli fece una carta a modo di
benservito, tutta in sua lode, poi l'avviò in campagna di Roma ove si
messe colla parte colonnese durante i torbidi che tennero dietro alla
morte d'Alessandro VI, che turbarono il breve pontificato di Pio III,
ed il principio di quello di Giulio II.

Seguì questo fiero pontefice nelle sue imprese di Romagna, poscia,
per non allungarla troppo, venne al suo solito mutando padroni sino
al 1527, ed in quel frattempo non accadde in Italia fatto d'arme
d'importanza ove egli non si trovasse.

Lasciò un occhio alla battaglia di Ravenna, due dita della mano manca
a Marignano, rimase per morto sul campo alla giornata di Pavia, e
quantunque dopo tante batoste si trovasse ridotto a camminare un
po' sciancato, a dolersi ne' luoghi ov'era stato ferito, ogni volta
che volea cambiar il tempo, quantunque i suoi baffi già così neri,
apparissero ora come se vi fosse brinato, nulladimeno lo troviamo
la mattina del sei di maggio del 1527 (e Dio sa se vorremmo poterlo
tacere!) al piè delle mura di Roma tenendo colle due mani in
equilibrio una lunga scala a piuoli in mezzo alla feccia de' più
sfrenati malandrini che prendessero in quel tempo il nome di soldati,
i quali guidati da Borbone stavan per dar l'assalto alla capitale del
mondo cristiano.

La scala di Fanfulla, detto fatto, si trovò appoggiata ai merli e
piena dal fondo alla cima d'altrettanti di quei satanassi quanti aveva
piuoli. Sul più alto, già s'intende, era Fanfulla, che i suoi compagni
videro un momento dopo cacciarsi tra i merli e sparir tra il fumo delle
archibugiate, e volendo seguirlo vennero ributtati, nè poterono superar
le mura se non alcuni minuti dopo.

Per quanto possa un cervello umano esser fertile ad immaginar fatti i
più strani, i più turpi, i più atroci onde formarne un tutto che gli
rappresenti il sacco dato a Roma in quell'occasione dall'esercito di
Borbone, rimarrà sempre addietro dagli orrori, de' quali gli storici
hanno a noi tramandata la memoria.

Passò un giorno, poi un altro ed un altro, e nacque tra soldati un
bisbiglio.

--Fanfulla dov'è? Che è stato di Fanfulla?--tutti ne domandavano e
Fanfulla non compariva.

Quelli che conoscono di qual pasta sia il buon cuore della gente
d'arme, non dureranno fatica a credere che, a malgrado di questa
premura, non trovar Fanfulla, domandar di lui, crederlo morto e
sotterrato, e non pensarvi più, tutto accadde in un quarto d'ora.

Ma Fanfulla non era morto.

Stava zitto e contento nella cantina d'un canonico di S. Maria in
Trastevere, ove s'era chiuso conducendovi il padrone e la fante acciò
gl'insegnassero la botte migliore. Riposatosi molto a suo bell'agio, e
fattovi un fianco da prelati, riscappò fuori dopo tre giorni.

Ma il povero canonico, o fosse lo spavento provato in tutto quel
tempo di vedersi a discrezione d'un omaccio di quel taglio, che ad
ogni momento gli pareva avesse a spiccargli il capo con un rovescio
di quel suo maledetto spadone, o fosse il disagio sofferto, chè
Fanfulla ubbriaco per far ora tra un pasto e l'altro, voleva per forza
insegnargli a schermire, e quando non lavorava a suo modo le pugna
fioccavano, il fatto sta che s'ammalò ed in pochi giorni se n'andò
all'altro mondo.

Ora finalmente ci troviam presso a poter dir bene del nostro Lodigiano:
pure ci rimane a narrare l'ultima sua pazzia, la quale pur troppo non
fa parer bugiardo il proverbio volgare «che la più dura a rodere è
sempre la coda».

Uscito dunque mezzo balordo e trasognato dalla cantina del povero
canonico, trovò la città vinta e soggetta del tutto, e le chiese, i
palagi, le case, gli sventurati cittadini, le loro robe, tutto insomma
in balìa, non dirò dell'esercito, che questo nome suppone Capi che
comandino, e soldati che obbediscano, ma di quella masnada d'assassini
senza legge, senza fede, senza discrezione, e senza misericordia.

Clemente VII dall'alto di castel S. Angelo ove era chiuso poteva
scorgere gl'incendj serpeggiare per la città, udir gli urli, i pianti,
i lamenti di quelli che venivan tormentati onde scoprissero i tesori
nascosti, le grida forsennate, le risa feroci, lo sgavazzare sfrenato
dei vincitori.

Per le strade di Roma si trovava qua una casa che ardeva, là un'altra
consumata di fresco dalle fiamme divenuta uno scheletro informe ed
annerito. Sulle cime de' muri rimasti in piedi vedevi star in bilico
travi ancor fumanti, disordinate e sporgenti. Sotto monti di rottami,
di calcinacci, di tavole e di masserizie infrante ed abbrustolite
giacevan cadaveri schiacciati, de' quali molti perduta ogni umana
sembianza mostravan fuori delle rovine o braccio, o piede, o capo,
tutto poi intriso di sangue, sozzo e contaminato d'ogni bruttura.

Più lungi cadeva con fragore svelto da' gangheri un portone d'un
palazzo: la folla dei predatori si scagliava nell'interno urlando:
in un momento dalle cantine alle soffitte tutto s'empieva di que'
ladroni; dalle finestre sconficcate, piovevano in istrada gettati
alla rinfusa, cofani, sedie, tavole, quadri, vasi, bronzi, coltri
di seta, suppellettili d'ogni genere: fra quelli che aspettavano il
bottino nella via fu visto taluno rimanere storpiato, o malconcio da
qualche pezzo di mobile che all'impensata gli rovinava addosso, altri
contender furibondi la medesima preda, sguainar le spade, ferirsi,
poi sopraggiunger una nuova frotta che la strappava loro di mano e
fuggiva con essa. Drappi, vesti di gran valore si fermavano appiccate
ai cornicioni, alle inferriate; parte vi rimanevan neglette per
l'abbondanza della preda, parte si facevan cadere colle punte delle
partigiane e delle picche. Ad ora ad ora scoppiava un urlo generale più
forte; tutti i visi si volgevano, tutte le bocche s'aprivano.--Dov'è.
Che è.--Guarda là, là, lassù...--tutti guardavano in alto: ad una
finestra v'era o ritta, o ginocchioni, o spenzolata mezza fuori qualche
vecchia, qualche matrona, pallida, abbandonata come uno straccio, o
domandava pietà o cacciava strida: la turba la voleva tosto--Giù,
giù... a noi--venga. Le si dava l'andare, veniva a terra tra le risa e
gli evviva, e rimaneva fracassata sul lastrico, o fermata in aria sulla
punta delle ronche. Quando tutto era devastato s'appiccava il fuoco,
onde se v'eran padroni nascosti dovessero sbucar fuori.

Trovati alle volte senza un tal mezzo nei nascondigli, su pei
cammini, nelle cantine, nelle fogne, pe' cessi, strappati di là a
forza, percossi, bistrattati, rivedevano la luce del sole, e stavano
come insensati e immelensiti all'aspetto di que' visi infocati dal
furore, dall'ubriachezza, dalla gioia di potere sgozzare, distruggere,
stuprare; alla vista di quei pugnali che splendevano loro ad ogni
tratto sugli occhi, delle corde, de' ferri roventi preparati per
istraziarli, delle fanciulle oltraggiate, poi derise, delle donne, o
vecchie o brutte che fossero, fatte tombolar per le scale o morire
sotto il bastone, dei giovanetti ridotti a tali vituperii che gli
sventurati parenti si dolevano di vederli vivi.

Nelle chiese le immagini de' santi rovesciate od infrante; le pitture,
le tavole degli altari lacerate od imbrattate; fatti in pezzi i vasi
e gli arredi sacri onde partirli più facilmente. Finito il devastare,
nè essendovi da far altro danno, divenivano stanza de' soldati, che vi
alloggiavano co' muli e co' cavalli, pe' quali gli altari servivan di
mangiatoia.

I banchi ed i confessionari fatti in pezzi ardevano in un angolo sotto
pajuoli e spiedi pieni di carni: in un altro gozzovigliavan giorno
e notte a tavole sempre imbandite, soldati, meretrici ebbre avvolte
ne' paramenti sacerdotali, e tra mezzo monache, matrone, fanciulle
onorate che lo spavento, le percosse, gli strapazzi, avean fatte uscir
di senno, senza saper più nè dove fosser, nè che facessero, stavano a
tutte le voglie di quella gente perduta, che intronava loro gli orecchi
di schiamazzi, di motteggi, d'orrende bestemmie e di canti osceni.

S. Giovanni de' fiorentini, tra l'altre chiese, era nel modo appunto
che abbiamo descritto, ridotto un rancio da soldati, una stalla, un
postribolo, quando sul far della notte v'entrò Fanfulla uscito allora
dalla sua cantina.

Egli aveva indosso la sola corazza. L'elmo, i bracciali, gli stinieri,
i cosciali, legati colle loro corregge in un fascio gli pendevano sulla
schiena annodati alla spada che portava in ispalla reggendola colla
mano manca. In capo la berretta del canonico: e sotto questa usciva
quel suo viso spiritato, tra giulivo e sonnolento pel gran bere che
aveva fatto.

Si fermò sulla porta fischiando e cominciò a guardare lo strano
parapiglia che era là entro.

Sui capi di molti barili rizzati in piedi stavan posate imposte di
finestre, assi, battenti di porte, e formavano una tavola lunga
quanto la navata della chiesa. La tovaglia mancava all'imbandigione,
ma questa povertà era compensata abbondantemente. Calici, pissidi,
piatti e vasi d'argento lavorati sottilmente a cesello sul gusto delle
opere di Benvenuto Cellini, ampolle, boccali che aveano ornate le
mense di cardinali e di prelati, splendevan' ora tralle mani ruvide ed
abbronzate de' soldati.

I candellieri degli altari servivano ad illuminare quest'orgia, e
perchè forse parean pochi, eran incastrati qua e là ne' fessi delle
tavole pezzi di torcie e candele, quali lunghe, quali corte, alcune
rotte e rovesciate in modo che la punta accesa cadendo sulla tavola
a poco a poco l'accendeva senza che alcuno se ne curasse. All'uno
de' capi era posto un orcio pieno d'olio a guisa di lucerna, ed una
tovaglia d'altare attorcigliata, ardeva per lucignolo, all'altro era un
mezzo barile sfondato, ed in esso un mazzo di forse cinquanta candele,
le cui fiamme attraendosi a vicenda s'univano e formavano una fiamma
sola e grandissima.

Dall'una e dall'altra parte del desco, seduti sulle panche della
chiesa, chi mangiava senza guardare attorno, chi dormiva appoggiate le
braccia alla tavola, ed il capo sovr'esse. A quattro, a sei giocavano
a dadi o al lanzichinetto, o a germini; e ad ogni poco senza dir che
ci è dato, era un gridare, un dirsi ogni villania, un rizzarsi, un
prendersi pe' capelli, un guizzar di pugnali; poi chi era caduto sotto
la tavola o ferito o morto vi rimaneva con altri che già v'eran da
prima sepolti o nel vino o nel sonno: i compagni seguitavano a giocare.
Un pezzo d'omaccio grande e grosso s'era sdraiato boccone per dormire,
sulla tavola stessa, quant'era lungo, tutto imbrodolato dal vino uscito
da' vasi che avea rovesciati, cogli stivali pieni di fango sui piatti
d'argento, e russava senza darsi per inteso del diavoleto che si faceva
intorno a lui.

Le più sozze cortigiane s'aggiravano in quel disordine, come i vermi
sguazzano nell'acqua corrotta. Correvano qua e là cogli occhi ardenti,
le guancie infocate, quali tutte scinte, quali seminude; accolte ora
con turpi carezze, ora con villane parole, con percosse, o con urtoni,
senza che paresser curar più le une che gli altri.

Un soldato salito a cavalcioni su una botte vuota sonava un piffero,
e cacciava fischi che s'udivano a malgrado delle voci, delle grida,
de' canti e dello schiamazzar generale: un altro con una briglia da
muli piena di sonagli, batteva a gran sferzate sulla botte per far la
battuta; un terzo picchiava con un turibolo sovr'un paiuolo rovesciato,
e questa musica diabolica serviva a far ballare chi poteva ancora
reggersi in piedi.

Fanfulla si fermò un momento sulla soglia ammorbato dal tanfo del vino,
di sudiciume, di rifritto che esalava di là entro; poi venne avanti e
scaricò sulla tavola la ferraglia che avea in collo senza guardare nè a
stoviglie nè a bicchieri, e ne fracassò tanti quanti ne colse.

Lo strepito che fecero l'arme cadendo, e rompendo piatti e boccali fe'
volgere uno de' seduti a tavola che lo guardò, e ravvisatolo gridava:

--Oh Fanfulla!--

E poi un altro, e un altro, e un altro, poi tutti si dettero ad urlare
battendo le mani, o percuotendo co' pugni sulla tavola.

--Fanfulla! e tornato Fanfulla, è risuscitato il guercio (che così
avea nome dacchè gli mancava un occhio).--Evviva il guercio cane!--Ti
credevamo all'inferno da tre giorni!--Dove sei stato sin ora brutto
anticristo?--Vien qua, bevi,... che non ti possa uscire di corpo!--Ohe!
ohe! Qua vino, carne, capponi, saette per Fanfulla, che è tornato!--Sia
ammazzato chi ne dice bene! Evviva Fanfulla!--Evviva il guercio!...--

E quest'ultimo evviva fu uno scoppio tale di tutte le voci unite che
riuscì sino a coprire il fischio del piffero, fece soprastare quello
che battea colla briglia, e l'altro dal turibolo, fermar chi ballava,
e svegliarsi colui disteso sulla tavola, il quale alzò un visaccio
strano, contraffatto dal sonno, si guardò attorno con male umore,
disse «che siate morti a ghiado» e ricacciato il capo tra le braccia
ricominciò presto a russare.

Quegli che riceveva dalla brigata segni così lusinghieri di
benevolenza (il lettore non guardi troppo a minuto al modo
d'esprimersi, chè tutto sta intendersi, come abbiamo detto nel capitolo
antecedente), il nostro Fanfulla stava ritto, colle braccia intrecciate
sul petto, sogghignando per la compiacenza di vedersi tanto innanzi
nella stima e nell'affetto di quest'uomini dabbene.

Venne una cuoca tutta sudicia, stracciata, e coll'untume fin sulla
punta de' capelli, recando le vivande che erano state domandate; ma
Fanfulla con un pugno a sottomano, mandò per aria i piatti e ciò che
v'era.

--Che mangiare? M'avete preso per morto di fame?....--

La fante si ritrasse sbigottita, ed egli togliendosi la berretta del
canonico la piantò in capo a quello che si trovò più vicino dicendogli:

--Da bere!--

--Prima hai da dire dove sei stato questi tre giorni.

--Sono stato coi trentamila paia di diavoli che vi portino quanti
siete... Da bere!--

Per non attediar troppo il lettore con queste ciance, diremo che dopo
aver bevuto (e Dio sa se piovve sul bagnato) raccontò alla meglio che
potette colla lingua grossa, e la pronuncia mal sicura, i suoi casi
col canonico. Alla fine però d'ogni periodo della sua storia, ove lo
scrittore metterebbe un punto fermo, il narratore metteva un bicchier
di vino, ed i periodi, contro l'usanza dei cinquecentisti, furon brevi
e furon molti.

Poco stante comparì in chiesa strascinato da una ventina di que'
malandrini, un povero sventurato vecchio, che aveano, si può dir,
dissotterrato, traendolo dal fondo d'una cantina ove s'era appiattato.
Mostrava l'età di settant'anni all'incirca, tremante, curvo, in sola
camicia, che gli giungeva al ginocchio, e lasciava vedere le coscie
scarne, le ossa protuberanti alle giunture, le gambe consunte, enfiate
sui malleoli per la vecchiaja. Aveva ancora una calza vermiglia lacera
e cadente, solo avanzo della porpora. Quest'uomo così indegnamente
trattato era un cardinale; caritatevole, senza superbia, di costume
angelico, in fine un sant'uomo.

Quando si trovò scoperto, abbandonò ai soldati quel poco che avea
potuto salvare, riponendolo in un nascondiglio in fretta in fretta,
mentre già correva la voce per Roma che le mura eran vinte. Il tesoro
era piccolo, poichè dava tutto per elemosina: onde i soldati non
potendo credere vi potesse essere un cardinale povero, tennero per
fermo ch'egli non volesse palesare il tesoro maggiore, e che l'avarizia
fosse in lui più potente dell'amor della vita. Provarono dapprima a
spaventarlo, poi dalle parole presto passarono alle percosse, gli
strapparono di dosso i panni, lo pestarono coi pomi delle spade e de'
pugnali: visto che tutto era inutile lo spinsero in S. Giovanni de'
Fiorentini per vedere quale strazio fosse da farne.

Gli urli e il fracasso crebbero, se era possibile, all'apparire
di questa nuova masnada, che si fermò avanti alla botte sulla
quale era l'uomo dal piffero. Questi cominciò a farla da giudice,
e ad interrogare il povero vecchio, il quale viste le tante e così
abbominevoli profanazioni, scordava il proprio pericolo, e coprendosi
gli occhi colle mani dava in un pianto dirotto.

Ma le parole duraron poco, e si stava per venire ai fatti. Già un
soldato luterano, di quelli calati in Italia con Giorgio di Fransperg,
recava un ferro rovente per incominciare il tormento, quando afferrato
al polso del braccio destro, da una mano che parve una tanaglia, si
dovette fermare, ed il ferro gli cadde a piedi.

Era la mano di Fanfulla. L'ubriachezza avea per costui due periodi:
il primo gaio, vispo, manesco, pieno di risa e di pazzie fin che il
vino non era in troppa abbondanza; se poi seguitava a bere cadeva
nel secondo, ed allora diventava malinconico, tutto tenero, tutto
svenevole, abbracciava, baciava chi gli capitava innanzi, che pareva
proprio se ne struggesse.

In quel critico momento egli si trovava appunto in questo stato per
fortuna del vecchio prigione.

Respinse il soldato con tanta forza che quasi lo mandò a gambe
all'aria, e poi cominciò a gridare:

--E' non si la così co' galantuomini.... e' non si strapazza a quel
modo la carne de' cristiani!.... razzaccia di can rinnegati!... sì...
cani... cani... mille volte cani!.... Credete voi che abbia paura
perchè siete in tanti?.... Vi avevo in.... dieci anni prima che foste
nati! (avverta il lettore che ci manca l'ortografia per esprimere
le strane trasformazioni che subivano le parole pronunciate dalla
lingua annodata di Fanfulla, perciò la sua fantasia supplisca a questo
difetto). Guarda come me l'hanno conciato!.... E non si vergognano
mica i ladroni!.... Povero vecchio.... Ma non aver paura..... (ed
intanto gli si abbandonava addosso con tutta la persona baciandolo
ed abbracciandolo) Non aver paura.... C'è qui Fanfulletta tuo!....
vedrai come te li suona.... son gentaccia senza fede.... luterani....
scomunicati, fanno il peggio che sanno..... che vuoi sperare?....--

--E tu che speri, pezzo d'asino, gridò uno di que' forsennati, cavar
danari da un cardinale senza la corda e 'l fuoco?--

--Pel carattere di vescovo che ho in dosso, disse il vecchio cardinale
stendendo le mani scarne e tremanti verso i suoi persecutori, vi giuro
che non ho altro:....nè oro: nè argento--nulla, nulla... avete preso
tutto.--

--Dallo ad intendere a 'sto par di stivali, disse uno di quelli che
l'avean condotto: e buttando in mezzo un fardello che si sciolse
n'uscirono alcuni arredi sacri, un boccale col suo bacino d'argento,
due breviarj ed altre cosarelle di poco valore.

--Ecco qui il tesoro, seguiva,... e non ha altro il cardinale!...
Guardate un po' se il fanciullino ha tutti i denti in bocca!.... Porta
qua quel ferro che al corpo... al sangue... gli ho da friggere il
core!--

Fanfulla anche questa volta entrò in mezzo, ed impedì l'esecuzione
della minaccia.

--Senti zi' cardinale,.... mi cominci a puzzar d'ammazzato.... che
vuoi? son villani..... gente bassa.... senza creanza... le parole
fan poco frutto, voglion esser ducati, fiorini, e se no ti fanno la
festa.... mortuus est in camiciola.... per loro ammazzar un cristiano,
è lo stesso che cacciarsi una mosca dal viso. Senza il pagamini, senza
il mammona iniquitatis, come dite voi altri preti, ti mettono allo
spiedo ad uso starna.... Animo... spirito... fuoco al pezzo.... una
parola è presto detta.... qua a Fanfulletta vostro in un orecchio....
Dov'è sotterrato il morto?--

--Ma io già v'ho detto che non ho tesoro, lo sa Iddio che ci vede, son
un povero prete:... vi par forse che a questi termini vorrei star a
badare a qualche sacchetto di fiorini?--

Fanfulla si scontorse, scosse il capo masticando e tirandosi colle dita
prima un baffo e poi l'altro.

--Io la credo a mio modo, e tu la dirai al tuo.--E chinandosi
all'orecchio del cardinale al quale teneva una mano sull'omero e glielo
ghermiva sempre più sodo a misura che andava avanti col discorso, disse:

--Avete capito che si tratta della pelle? Come vi s'ha da dire?... in
tedesco?... Seguita, seguita a far l'indiano e te n'accorgerai?...
E non s'intende già di dar tutto (seguì abbassando la voce onde gli
altri non udissero) un migliaretto di scudi.... di zecchini... sarà
meglio.... gran cosa! Son ubbriachi fradici dal primo fin all'ultimo,
vedete, questo branco di porci..... ci vuol giudizio..... io son
solo.... e tra tanti uno solo che stia in cervello non basta..... non
ti far strapazzare prete mio benedetto!....--

Il dialogo andò innanzi un altro poco su questo fare e finì come dovea
finire. Il vecchio asserì sempre che non avea altro, ed era la verità;
i soldati furon sempre più convinti ch'egli avesse, e la conseguenza di
questa persuasione fu di volerlo obbligare a palesare i tesori nascosti
a forza di tormenti.

Il buon volere di Fanfulla diveniva impotente contro il numero. Quando
conobbe affatto disperata la causa del suo cliente saltò di nuovo in
mezzo facendosi far largo ed urlando come uno spiritato.

--Zitti giovanotti, fermi tutti, e sentite se vi va a pelo questa.
Mattiamolo in una bara e facciamogli il mortorio attorno per Roma co'
ceri; chi sa trovandosi a questi termini, e vedendo che bel gusto sia
stare all'altro mondo gli potrebbe uscire il ruzzo dal capo.--

S'udì uno scoppio di voci discordi, che tutte insieme approvarono,
schernirono, rifiutarono il partito. Alla fine però la maggior parte
sperando trovar materia di ridere in questa mascherata, e sedotti dalla
stravaganza del pensiero stabilirono s'eseguisse.

In un momento furon trovati i ceri, la bara, i paramenti neri, le cappe
dai battuti, e fu messa insieme a furore questa pazza compagnia, che
tosto uscì di chiesa col povero vecchio stesso nel cataletto e s'avviò
per Banchi.

Vedevi uno colla pianeta alla rovescia, un altro col piviale, e la
spada cinta di sotto glielo teneva, colla punta, alto da terra tre
palmi: Fanfulla con una granata che intingeva in una secchia piena di
vino, e che adoperava a uso d'asperges su quanti incontrava, precedeva
il corpo: facce, poi, che Dio ve ne scampi sempre: femmine tra mezzo
d'aspetto diabolico, peggiori degli uomini. Udivi un cantar lungo più
ululato, che canto, col quale voleano imitare quello de' preti: poi
chi rideva, chi urlava, chi faceva il verso di qualche bestia, chi
cacciava fischi, chi dava fiato ad un fiasco vuoto, chi percuoteva
insieme padelle e rami da cucina, chi cantava canzonaccie da postribolo
e tutto in una volta un ferir di voci divenute rauche a forza di bere
e d'urlare, un miscuglio di parole tedesche, italiane e spagnuole,
e d'altre lingue, chè in quella turba v'era d'ogni gente, d'ogni
generazione d'uomini.

Questa canaglia girò così molte ore per Roma facendo baccano, ed a
notte avanzata tornò in S. Giovanni.

Deposta la bara, dissero al cardinale:

--Su, messere, alzati e discorriamola.--

Ma non era più in loro mano il poterlo tormentare. Il vecchio non avea
retto a tanto disagio, ed era spirato per istrada.

Fanfulla alcuni giorni dopo nel passar presso al portone di S. Spirito
per andar a mutar le guardie venne ferito nel capo da certi rottami
che le artiglierie di Castello aveano staccati dalle mura vicine.
Giunse in termine di morte, e guarì a stento molto tempo dopo che
l'esercito per l'accordo fatto da papa Clemente era uscito di Roma
carico delle sue spoglie.

La cura che ebbe di lui un povero prete, giovò egualmente all'anima ed
al corpo del buon Fanfulla, e finalmente possiamo presentarlo al nostro
lettore come un uomo nuovo, affatto diverso da quel di prima, ed è lo
stesso che dire come un galantuomo.

S'avvide che n'avea fatte di grosse assai e che bisognava pensare a far
un po' di penitenza in questo mondo, onde non gli toccasse farla tutta
nell'altro. Stette infra due, o di farsi frate o di tor moglie (la
nostra lettrice non se l'abbia per male, e si ricordi che quantunque
buono, era però sempre Fanfulla) alla fine si attenne al primo partito.

Uscì di Roma una mattina sul suo buon cavallo coll'armi indosso ed
accanto, portava infilzate all'elsa della spada, una corona, e al
manico del pugnale una disciplina, arnesi che adoperava ogni sera
all'albergo. Per Viterbo, Radicofani e Siena finalmente giunse a
Firenze. Senza scavalcare si condusse alla porteria del convento di S.
Marco, e picchiò col calcio della lancia. Uscì fuori il portinaio e gli
domandò che voleva.

--Che m'insegniate la stalla per rimetter questo cavallo, che mi vo'
far frate.--

Sulle prime il portinaio credette che fosse pazzo od ubbriaco, pure
dopo molte domande e molte difficoltà, dopo un diluvio di ma, di come,
di perchè, s'indusse a lasciarlo entrare, ed a presentarlo a Fra
Benedetto da Faenza il quale, udita la voglia dello strano postulante,
considerandone l'abito, il taglio, e la faccia fiera non sapeva
definire se dicesse da senno o da burla.

Senza dar precisa risposta prese tempo alcuni giorni, durante i quali
avendo avuto campo di far esaminare la sua vocazione, alla fine
credette bene non dar ascolto a qualche dubbio, che pure gli rimaneva,
e si risolse riceverlo per laico.

Fanfulla depose tutta la ferraglia che portava addosso, vestì l'abito
di S. Domenico, e si pose nome Fra Giorgio da Lodi. In pochi giorni
imparò tanto del suo nuovo mestiere, da poter far discreta figura in
coro ed in refettorio; ed il cavallo, che incominciava ad aver i denti
lunghi ed il sopracciglio infossato, imparò anch'esso presto a portar
sacchi al mulino ed a girar il bindolo dell'orto. Al punto in cui
abbiamo trovato il suo antico padrone servendo messa, era già circa
due anni dacchè ambedue aveano mutata la vita del campo con quella
del chiostro, trovandosi contenti del loro nuovo stato, colla sola
differenza, che non è probabile tornassero in mente al cavallo i tempi
in cui correva la lancia, mentre all'opposto si rappresentavano ancora
molto vivi talvolta alla memoria del cavaliere.



CAPITOLO III.


La messa da requie era terminata senz'altro disturbo. Il celebrante
spogliatasi la pianeta, prese il piviale per far l'ultime esequie al
cadavere, e scese dall'altare con tre chierici innanzi: l'uno portava
la croce, gli altri due i candellieri. Fra Giorgio seguiva colla
secchiolina dell'acqua benedetta.

La folla si ritrasse dal feretro attorno al quale rimasero soltanto
Niccolò ed i suoi figliuoli. Si recitaron le orazioni, si compierono le
cerimonie e le aspersioni prescritte, e quando i preti furon tornati
in sagrestia, Niccolò fattosi accostar Bindo spiccò la rotella e la
spada di Baccio e reggendole colla manca, pose la destra in capo al
figliuolo, al quale disse:

--Bindo! Questa spada e questa rotella ch'io dò a te, ell'erano di
Baccio che vedi qui morto per aver fatto il dovere di buon cittadino.
Ora, guardami gli occhi: ti par egli ch'io pianga?--

Il fanciullo tutto attonito accennò col capo di no.

--E s'io non piango sappi che non è per poco amore ch'io portassi a
codesto mio carissimo figliuolo e tuo fratello, ma perchè conoscendo
essere ogni uomo obbligato in primo luogo al nostro Signore Iddio,
ed alla sua santa fede, in secondo luogo alla patria, e dover porre
in loro servigio le forze e la vita, ed essendo certo serbarsi a
coloro che così fanno, onorata memoria in questo mondo, ed eterno
premio nell'altro, io stimo la morte sua essere stata bellissima ed
invidiabilissima. S'io piangessi dunque perchè egli lasciando noi tra
la miseria di questa vita se n'è ito a godere l'infinite dolcezze
dell'altra, mi parrebbe mostrarmi ingrato alla divina bontà, ed
invidioso del ricco guiderdone che s'è comprato colle virtù sue.--Ora
to' quest'armi col nome di Dio: fa di mostrarti valente qual era
Baccio, e con esse in mano o tu vinci o tu mori: e per quanto temi la
maledizione d'un padre, l'ira di Dio, ed il vituperio tra gli uomini,
abbi sempre innanzi gli occhi con qual viso e con qual core hai veduto
me stare accanto alla bara d'un figliuolo morto virtuosamente; sappi
ch'io vedrei te al luogo suo coll'istesso viso... Dio me ne darebbe la
forza....--Ma sappi ancora (qui levò alta in atto fiero e terribile
la mano che avea tenuta sin allora in capo a Bindo) che se tu, che
Dio non voglia.... ti mostrassi.... no, non mi vo' lordar la bocca
con queste parole..... nè immaginar pure tanta bruttura nel sangue
mio.....--Basta, chè tu m'hai inteso!.... Allora, se pur pur stimassi
ancora la vita, fa che questi miei occhi non t'abbiano a veder mai
più.--

Al fine di queste parole, che dette da un uomo di tanta autorità, in
occasione, e con modo così grave produssero gran senso su Bindo e sugli
astanti, volle cingerli la spada. Il fanciullo alzando le braccia lo
lasciava fare. Ma la cintura che stava bene alla vita di Baccio era
troppo larga per quella del fratello. Disse Niccolò:

--Troppo sei scarzo, povero Bindo mio!--E portando la fibbia addietro
tre o quattro punti soggiunse:

--Così starà bene....--

Ma pensò nell'istesso tempo alla dura necessità che costringeva un
fanciullo così tenero ad esporsi a tanti pericoli, pensò alla rovina
che stava per cadere su Firenze, ed a chi n'era cagione; si fece più
scuro nel volto e non potè rattenere un sospiro, mentre gli affibbiava
la cintura.

Ciò fatto si volse a Messer Giovan Gondi, capitano del Lion d'oro, il
quale si teneva presso il suo Gonfalone, coperto fino a mezze cosce
d'una bellissima camicia di maglia.

--Messer Giovanni, gli disse con voce e con volto sicuro, s'io ho
perduto un figliuolo, voi non avete perduto un soldato. Eccovi questo
invece di Baccio; e confido in Dio che non sarà per mostrarsi da meno
di lui.--

--E voi valorosi cittadini, non isdegnate averlo per compagno
perch'egli sia così fanciullo, David era fanciullo anch'esso quando
vinse Golia.

Il bisbiglio e le parole interrotte che sorsero fra soldati mostraron
ammirazione e rispetto per Niccolò, stima ed amore pel giovanetto.

--Egli è d'una razza che non falla!--Questo vecchione egli è di ferro
stietto!--Ve' se gli esce nemmeno una lagrima! E il figliuolo! Ti so
dir che non canzona.--Dagli tempo un pajo d'anni!--Un pajo d'anni? Va,
va alla torre in Mercato Nuovo, dove insegna a schermire il figlio del
Grechetto, vavvi la mattina, lo vedrai come gioca di spada e pugnale.
E' si provò jer l'altro col Morticino, sai pur che diavoletto egli
è!.... Be' glien'ha dato un carpiccio, de' buoni... e per poco non
facean quistione daddovero!...--

Si fece innanzi un soldato col libro sul quale stavano scritti gli
uomini del Gonfalone, l'aprì, e lo resse avanti al Gondi, il quale,
scrittovi alcune linee, le presentò a Niccolò.

Questi lesse ad alta voce le seguenti parole:

--Addì 17. ottobre 1529. Bindo di messer Niccolò, di messer Cione de'
Lapi, del Popolo di S. Giovanni.... Sta bene.... Ascoltami, Bindo!
Sappi che d'or in poi questi (additando il capitano) è tuo padre.
Questa (additando la bandiera) è la casa tua. Costoro (additando i
soldati) i tuoi fratelli.... Ora inginocchiati (Bindo ubbidì: il padre
gl'impose le mani, e levati gli occhi al cielo disse ad alta voce)
Bindo, ti dò la mia benedizione.--

Il lettore conosce oramai abbastanza la natura ed i pensieri degli
attori di questa scena, per formarsi un'idea de' varj affetti che
provarono in un tal momento. Per alcuni minuti nessuno parlò, nessuno
si mosse: soltanto Bindo, alzandosi, cinse colla destra (la manca
era impedita dalla rotella) il busto del padre sotto l'ascella, gli
appoggiò la fronte sul petto e rimase immobile. Le mani del vecchio,
che pure alfine furon viste tremanti, s'immersero nella folta
capigliatura del figlio, e quando questi alzò il capo sciogliendosi da
quell'abbraccio alcune stille caddero strisciando lungo la saja del
lucco.

Molti de' soldati ch'erano stati più stretti amici di Baccio
s'accostarono allora alla bara e l'uno dopo l'altro lo segnarono colle
candele benedette. Il moto de' baffi dava a vedere che recitavan sotto
voce preghiere in suffragio dell'anima sua. Fra Benedetto che era
venuto con alcuni de' suoi frati per porgere a Niccolò qualche parola
di conforto, e fargli onore all'uscir di chiesa prima che se n'andasse,
gli facea motto sommessamente.

--Fra Benedetto, disse il vecchio, mentre si movea per partire, vi
raccomando nelle vostre orazioni vi ricordiate di Lamberto; onde
Iddio ce lo renda sano e salvo. E' m'ha scritto, che a giorni sarà in
Firenze.... ma i cavalli del marchese del Vasso si son veduti sulla
via di Bologna..... Dio non voglia che.... Lisa, sta di buon animo
(seguitava volto alla figlia che udendo quelle parole s'era scossa)
Lamberto non è pazzo e sa quel che convien fare, e non passeranno
molti giorni che coll'ajuto di Dio sarà in parte dove le capre non lo
cozzeranno.

Lisa stringendosi alla sorella nascose il viso in modo che non fu
possibile conoscere con qual animo accogliesse il discorso del padre.
Quelli tra gli astanti che sapevano essere stabilito il parentado
fra Lamberto e la Lisa, giudicarono quel nascondersi venisse dalla
peritanza che soglion mostrar le fanciulle in tali occorrenze.

Niccolò intanto, attorniato dalla sua famiglia e seguito da quanti
erano in chiesa uscì, e non rimase in S. Marco altri che il sagrestano,
il quale dopo aver tirato un lembo di lenzuolo sul viso al defunto e
spenti i lumi, se n'uscì anch'esso per la porta della sagrestia.

Fra Giorgio, finita la messa, se n'era venuto alla sua cella, e vi
s'era chiuso. La risata sfuggitagli in chiesa lo martellava; conosceva
d'aver mal fatto, e provava quella amarezza, quella stizza contro se
medesimo, che nasce nel cuor degli uomini, quando debbono contrastare
di continuo ad abiti inveterati.

Non s'era punto freddata in lui la volontà di cancellare coll'austerità
della vita claustrale gli errori della passata, ed in questi primi
due anni le cose gli erano andate assai quietamente. Se talvolta la
fantasia gli correva a rammentar fatti d'arme, pensava, ammonito così
da' suoi superiori, esser questa tentazione del demonio, e tanto
faceva che riusciva a cacciarla. Gli era pur riuscito di sottometter
quasi pel tutto la sua natura bizzarra, intollerante di freno, facile
ad accendersi, ed a passar tosto dalle parole ai fatti. Gli altri
frati, considerando chi egli era stato, gli sapean grado della fatica
che durava per istare in cervello, e quantunque forse in cuore poco
l'amassero, perchè Fra Giorgio avea quel certo fare che agli uomini
quieti suol dar fastidio (quantunque tra loro usassero chiamarlo per
soprannome Fra Bombarda) tuttavia parlando di lui conchiudevano dicendo
«Talvolta e' crede di star ancora colla lancia alla coscia, e non vuol
esser stuzzicato, ma poi a ogni modo e' non è cattivo il poveraccio.»

Ma allor quando fu avviato l'assedio, che per Firenze non si vedevano
se non cavalli, e fanti, ed uomini d'arme, e s'udiva giorno e notte uno
scarichìo incessante d'archibusi e d'artiglierie, e batter tamburi,
a sonar pifferi, e trombe; nè v'eran altri discorsi che sui modi
d'offendere e difendersi, e sui casi di guerra che venivano accadendo
alla giornata, allora l'abito di S. Domenico, principiò a parere a Fra
Giorgio più grave di quattro armature.

La notte nella quiete del dormitorio mentre intorno a lui il silenzio
non era interrotto che dal russare lento e profondo de' frati che
dormivan nelle celle vicine, il povero laico sonnecchiava appena un
poco, riscosso a ogni tratto da cento immagini di battaglia che tosto
gli si presentavano in sogno purchè velasse l'occhio un momento.
Costretto a vegliare si volgeva all'orazioni; ove non bastassero a
metterlo in pensieri santi, arraffava con istizza una disciplina, che
stava sempre appiccata al muro sopra il capezzale, cominciava a sonar
a distesa sulle spalle, col capo basso, gli occhi chiusi ed arruotando
i denti, ed in questo duello contro sè medesimo, si portava senza
misericordia come s'era portato in molti con altri.

Molte volte la tentazione nasceva da cause reali e presenti. Udiva
sorger lontano lo scalpitar d'una truppa di cavalli, tendeva
l'orecchio, rattenendo l'anelito; lo strepito cresceva, cresceva.
Sboccavano sulla piazza S. Marco, quand'erano a passar sotto la sua
finestra il rimbombo facea vibrar le invetriate, s'allontanavano, lo
strepito diminuiva, al voltar d'un canto appena più si poteva udire,
poi cessava del tutto. Allora soltanto rimetteva l'anelito; e per lunga
pratica avea potuto discernere in mezzo a quel frastuono confuso tutti
i diversi strepiti e le cause che li producevano. Aveva potuto dirsi:
questo è stato uno scudo percosso, questo un puntale di spada che ha
urtato in uno stiniere, questo un cavallo punto dallo sprone al quale è
sdrucciolato un piede sul lastrico, questo un tronco di lancia che ha
dato in un elmetto ec., ec.

Una simil vita di smania continua gli aveva alla fine tolto il sonno
del tutto, e gli parea d'impazzare. Il giorno si mostrava insofferente
cogli eguali, cupo co' superiori, ed ogni volta che uno sparo
d'artiglieria gli veniva all'orecchio diceva tra denti «Così non ho io
a stare!»

Quand'era entrato in religione si trovava la salute e la complessione
indebolite e stanche dai tanti strapazzi, e forse senza fargli torto,
questa depressione delle forze fisiche aveva in parte determinata la
sua vocazione, ma la vita riposata e metodica l'avea ristorato, e
sentendosi ora di nuovo forte e sano come una volta, badava a dire:
«Così non ho io a stare!»

Queste benedette parole gli erano di nuovo uscite di bocca, quando udì
i passi d'un uomo che s'accostava all'uscio. Giuntovi, battè due colpi
colle nocche delle dita dicendo «_Deo gratias_.»

--Sempre _Deo gratias_, avanti--rispose frate Giorgio, ma il mal'umore
col quale pronunziò queste parole, era poco d'accordo col loro senso.
Aprì ed entrò un laico, che gli disse:

--Fra Benedetto vi vuole.--

Fra Giorgio immaginò tosto di che cosa si trattasse, e disse «questa
tocca a me» tuttavia s'avviò francamente, e per istrada risolse,
poichè gli s'offeriva l'occasione, di voler a ogni modo uscire di quel
travaglio.

Trovò il suo superiore allo scrittojo: aveva gli occhiali sul naso, e
stava leggendo un S. Agostino in foglio. Fra Benedetto alzò il naso
all'aria per porre sull'istessa linea le sue pupille, le lenti degli
occhiali ed il viso del laico; lo guardò un momento, come se la sua
fisonomia dovesse servirgli a regolar la dose nella predica che stava
per fargli.

La faccia di Fra Giorgio era compunta e modesta, ma sul suo viso la
modestia e la compunzione in quel momento mettevan paura.

Pure il buon vecchio facendosi animo, e vincendo la ripugnanza che
provava ad entrar in materia così strettamente con un tal uomo, si
tolse gli occhiali, li depose sul libro, e disse:

--Fra Giorgio, da un pezzo in qua mi vo avvedendo di certe cose che
poco mi piacciono. Forse avrei dovuto farvi motto prima d'ora: ma
dubitando di non mi apporre quando pensavo male del fatto vostro, ed
anco aspettando a ogni modo che voi vi dovessi mutare, sono stato
cheto. Ma ora egli è pur forza ch'io faccia il debito. Che novità son
queste figlio benedetto? Io non vi trovo più sollecito com'una volta
all'ufficio vostro. Una volta voi eri sempre in chiesa, e non v'era
modo a spiccarvi dalle predelle. Una volta voi ascoltavi le riprensioni
con faccia serena e tutto volenteroso di far bene. Ora vi veggo sempre
scuro in viso, se vi si parla, e' pare che l'abbiate per male; i frati
non hanno altro che dire «Fra Giorgio è tutt'un altro.... non ci si
può più combattere.» Ricordatevi, figliuol mio, la miglior parte della
vita l'avete data al demonio, il Signore potea lasciarvi nella via
dell'inferno, v'ha usata misericordia, non ripigliate ciò che gli avete
donato, ora che avete consacrato a lui l'altra parte, gli anni che vi
rimangon di vita; non tornate addietro, figliuolo.... Sta mattina poi
in tempo di messa!..... vi par egli? un disordine, uno scandalo a quel
modo?

E' mi duole d'avervi a riprendere d'un fatto nel quale mi ci trovo di
mezzo io.... non vorrei (già noi siamo tutti miserabili a un modo!)...
c'entrasse punto di ruggine con voi, perchè avete riso di me.... del
mio sgomento. Ho errato anch'io figliuolo, lo confesso, se fossi stato
col pensiero in Dio, com'era dovere, non ne sarei stato distolto da
così poca cosa! Dunque che ci resta a fare? Umiliarci tutti a due,
riconoscere che siamo fragili, che senza la grazia possiamo cadere ad
ogni passo, e perciò non mancare di far quanto è in noi colle orazioni
e colle penitenze per ottenerla.--

Fra Giorgio che una riprensione acerba avrebbe forse irritato, si sentì
commovere dalla mansuetudine, e dall'umiltà candida del suo superiore.

--Voi siete un Santo, gli disse, ed ho avuto mille torti... ma....--

--No figliuolo, non sono santo, son peccatore più di voi, e pur troppo
lo so io come sto! Ma questo ora non ci ha che fare. Ho caro vedere
che conosciate il vostro errore; tanto volevo. I mal abiti son come
la gramigna, la sradichi da una parte, rigermoglia dall'altra: vi
compatisco,... aver per tanti anni vissuto ne' campi tra soldati,
in mezzo ad uomini sfrenati, si fa l'uso a quel vivere sciolto,
pieno di fortune diverse, se poi l'uomo si vuole assestare... è dura
fatica... vi compatisco. Ma (seguiva sorridendo affinchè un'ombra di
scherzo addolcisse ancor più la riprensione) anche qui si tratta di
guerreggiare, e si vuol distruggere i nemici vecchi; in questa guerra
tocca a tutti ad armarsi, ed a noi più degli altri, s'ha a star sempre
all'erta, a combatter sempre... _violenti rapiunt illud_.--

Prima di riferire la risposta di Fra Giorgio preghiamo il lettore a
pensare se gli accade mai nel trattare con alcuno a quattr'occhi di
cosa che molto gli prema, udir verbigrazia una parola che assorbe
interamente la sua attenzione: l'altro va innanzi col discorso, ed
egli ruminando su quella parola, non l'ode: ritorna poi in se, vuol
riprendere il filo del ragionamento, ma non avendo ascoltato tutto,
nascon equivoci e per intendersi bisogna ricominciar da capo? Se
questa situazione non riesce nuova al nostro lettore sarà forse peggio
per i suoi affari, ma è meglio senza dubbio per l'intelligenza di
quest'istoria, poichè a Fra Giorgio accadde di trovarsi appunto in
questo caso.

Avendo ritratto dalle prime parole del suo superiore che era in
_bonis_ più che non s'aspettava, invece d'ascoltarlo con attenzione
sino al fine, si pose a studiare in qual modo avesse a dire per fargli
conoscere che non ne voleva saper altro di far il frate; onde tutta la
predica di Fra Benedetto se giunse all'orecchio del laico non penetrò
certo più innanzi; soltanto a quest'ultime frasi «anche qui si tratta
di guerreggiare... in questa guerra tocca a tutti ad armarsi... ecc.
ecc.» si riscosse, ed il suo cervello balzano, che difficilmente poteva
capir più d'un'idea per volta, la interpretò nel senso che più faceva
per lui.

Si sentì consolar tutto, ed in cuore disse: «Avrà capito anche lui che
se non ci ajutiamo tutti contro quest'Imperiali, e se i frati essi pure
non danno una mano, la vuol finir male... Tutto il male non vien per
nuocer! La nespola di stamattina l'ha persuaso, che l'affare si mette
al serio.»

Questi pensieri però che hanno voluto da noi più d'una pagina di
spiegazione, passarono come un baleno per la mente di Fra Giorgio, il
quale tenendo superata ogni difficoltà, disse coll'effusione di chi
vede aprirsi inaspettatamente una porta ai proprj desiderj:

Fra Benedetto, io non ho altro desiderio al mondo... e se io stavo
tanto di mala voglia da un pezzo in qua, sappiatelo, e' non è stato
altro che per questo: ch'io mi tengo coll'ajuto di Dio pur anco buono
da qual cosa, e mi pareva portarmi troppo rimessamente in questa guerra
(al contrario dell'altra ove mi son travagliato per tanti anni, e pur
troppo quasi sempre a mal fine) io son certo che il combattere mi sarà
merito innanzi Iddio, ed ho in animo di farlo,.... e farò il meglio
ch'io saprò e voglia così Iddio farmi degno della sua gloria, e fosse
oggi piuttosto che domani.

Il vecchio seguitando ad intenderla a modo suo, parte si maravigliò
vedendo tanto fervore nel laico, chè tutt'altro aspettava, e disse fra
se «Oh tò!... gli ha ripreso per questo verso ora!» Pure contentissimo
di trovarlo in così buone disposizioni, soggiunse:

--Che siate benedetto figliuol mio! benedetto mille volte.... Già e'
non si sbaglia (e gli batteva sorridendo sul braccio) questi bravacci
se fanno tanto di volgersi al bene, lo fanno poi senza risparmio;...
tutto sta a saperli indirizzare... Orsù dunque quel gran core che avete
mostrato nelle guerre che dicevate testè per fini mondani, è tempo
d'adoprarlo ora in questa per fini santi: il contrasto sarà lungo e
grave, il nemico possente ed astuto... _leo rugiens_...... ma Iddio
sarà con voi...... non vi spaventi....--

--Spaventarmi? rispose Fra Giorgio maravigliato, e sorridendo; non ho
mai saputo di che colore ella fosse la paura.--

E, soggiunse sottovoce.--L'hai proprio trovato chi si spaventa.--

--Lo so, lo so, non siete pauroso, ma badiamo veh! anche il confidar
troppo nelle nostre forze, è male, e male grave, ma non vo' aggiunger
altro per ora.... non mettiamo troppa carne a bollire. Andate, ed il
Signore v'ajuti e vi dia forza.

Fra Giorgio si mosse per partire. Giunto all'uscio gli sorse un
pensiero in mente, e tornato addietro, riprese:

--Fra Benedetto, io v'ho a domandare una grazia.

--Dite.... purch'io possa.--

--Oh quando sia per questo, basta che voi vogliate.... Ma capisco
ancor io.... e' non istà bene... chi dà e poi ripiglia.... dice il
proverbio.... all'inferno si scapiglia.... ma non trovo altro modo....
non ve l'avrete per male....--

--Be' dite su.... parlate francamente.--

--Ecco vedete.... io non son uso così a piede... son della scuola
vecchia, intendete!.... Chè soltanto da un vent'anni in qua, si vede
(lasciamo star gli Svizzeri) buona gente mettersi nelle fanterie....
e si può dire anzi che il primo a metterle in riputazione è stato il
sig. Gonzalo Hernandez.... via, il Gran Capitano.... l'avrete inteso
nominare.... e per dir il vero e' gli venne fatto molto bene; che alla
giornata della Cerignola gli uomini d'arme francesi.... se gli aveste
veduti caricar una battaglia di que' fanti spagnuoli pareva n'avesser
a far tonnina: ma loro fermi colle picche spianate parevan inchiodati
alla terra.... e quei terremoti di francesi addosso come fulmini...
Saint Denis!... Saint Denis! non ci è Saint Denis che tenga, era come
percuotere in un bastione.--

Immagini il lettore se Fra Benedetto udendo questo discorso spalancava
gli occhi, e credea che a Fra Giorgio desse di volta del tutto. Ma non
era finito.

--Basta: lasciamo star le fanterie... So bene, anche tra loro sono
di valentuomini.... ma ognuno ha da far l'arte sua: ed io mi trovo
ormai troppo innanzi cogli anni per impararne una nuova, e se voi
volete ch'io possa far cosa buona mi dovete concedere... conosco ch'è
un grand'ardire il mio... voi vi maraviglierete.... ma ai termini
ov'è ridotta la città non mi riuscirebbe, cred'io, neppur con dugento
ducati.... chi l'ha l'adopera per se.... e poi già chi me li darebbe
questi danari; insomma, per non allungarla di più, se voi non mi
date licenza ch'io mi possa valere del mio cavallo, io mi troverò
impacciato.--

A metà di questo discorso Fra Benedetto s'era di nuovo posti gli
occhiali, ed appoggiando ambe le mani sui bracciuoli del seggiolone
si faceva innanzi colla persona alzando il capo verso il laico, e
guardandolo fiso, fiso. Quando finì di parlare il vecchio tacque per
mezzo minuto pur seguitando a guardarlo, poi con voce che sonava somma
maraviglia, disse due o tre volte:--

--Cavallo? Cavallo? Oh che Domin c'entra il cavallo? Ma a che modo
l'intendete? V'ho io detto forse che andassi a giostrare?--

--Ma Fra Benedetto mio, e' non è mal di giostra; chè qui si fa da
maladetto senno... e, com'io v'ho detto, e' mi basta la vista ancora di
far il mestiero a cavallo... ma a piede!--

--E chi v'ha detto di far il mestiero? e di farlo a cavallo o a
piede?... col ben che Dio vi dia! Che pazzie son queste? Vi dico di far
l'ufficio di buon religioso, d'attendere all'anima, alle cose di Dio...
e vo' m'uscite fuori col cavallo, colle picche e colle fanterie! E' mi
par che vogliate la baja del fatto mio! Andate, andate che vo' m'avete
chiarito... ed io che gli davo retta! Oh Signore, Signore, dammi
pazienza con costui!--

--Fra Benedetto.... non v'adirate, disse Fra Giorgio accortosi dallo
sbaglio, e tutto doloroso di trovarsi da capo quando già credeva d'aver
aggiustate le cose sue. E' non c'è mal nessuno..... vo' l'intendete a
un modo, io l'intendevo a un altro.--

Visto poi che il superiore taceva e soffiava con certi scrollamenti di
capo che non presagivano nulla di bene, si risolse in tutto, dacchè si
trovava avere scoperto l'animo suo, di volerla vincer egli; e venendo
un tratto a mezza spada, disse col fare di chi non è più per tornare
addietro:

--Orsù Fra Benedetto, ascoltatemi. Se voi non mandavi per me sarei
venuto di mio, ch'io mi trovo in troppo travaglio per poterla durare.
Io vi confesso che stamattina ho fatto errore in tempo di messa, e
vi prego a perdonarmi come spero mi vorrà perdonare il mio Signore
Iddio. Io vi confesso che gli altri frati hanno mille ragioni di
dolersi di me, che i miei portamenti non sono quelli d'un buon
religioso. Io sono un omaccio, un pezzo di carne cattiva.... ma forse
ci ho che far io s'i' mi sento struggere, s'i' perdo il sonno, s'i'
mi rodo giorno e notte di non trovarmi in sulle mura quando vi si fa
all'archibusate!.... Ci ho che far io se ho una natura tanto nuova,
tanto pazza.... dite pure tanto perversa, che io non ho bene se non
quando mi trovo in mezzo alle picche, agli archibusi, alle busse e a
mille malanni?.... Io non ho mancato di far il dovere, come m'avete
insegnato, per ispegnere codeste fantasie: io digiuni, io orazioni,
io discipline.... E sono stati scherzi! Ora io vi protesto che il mio
cuore non s'è discostato un dito dal glorioso barone S. Domenico, nè
dalla sua santa regola, e ch'io voglio vivere e morire in quella. Io
mi ricordo de' miei peccati, e so che ho da farne la penitenza... e la
vo' fare. A questa guerra io non ci vo' nè per avvantaggiarmi, nè per
salire in grado, nè per altri fini mondani. Io ci vo' perchè a questo
modo io non ci posso stare, ch'io impazzerei; ci vo' per difendere
questo stato popolare, come volle il nostro Beato Fra Girolamo.... e
quanto alla penitenza voi la farete in convento, io su per le mura
alla neve, e al freddo; voi digiunerete ed io digiunerò; voi farete le
discipline e io troverò ronche e spiedi che mi conceranno Dio sa come!

Io non sono in _sacris_.... sapete voi s'io ho lettere latine!...
Ma lo fossi anco... la buona memoria del cardinale Sanseverino l'ho
veduto con questo pajo d'occhi (chè allora ce gli aveva tutt'a due)
alla giornata di Ravenna su un bel bajo turco, tanto bene a cavallo,
tanto ardito e ben armato che io ne disgrado il sig. Giovanni,[6] e
Napoleone Orsino, l'Abatino di Farfa, non corr'egli Casentino co' suoi
cavalleggieri? e poi tant'altri.... E se v'è caso in cui anche voi
altri preti dobbiate ajutar la difesa, è questo senza dubbio; e volete
che ve la canti chiara? Quest'esercito non è per far da motteggio, e
vedo di gran nugoli serrarsi addosso Firenze, e se ognuno di noi non
val per tre, e' può venire il punto che ce n'abbiamo a pentire....
Li conosco questi Bisogni[7], questi Lanzi gli ho veduti al sacco di
Roma.... dove pur troppo.... anch'io.... basta, Iddio mel perdoni.... e
se riescono a rovinar in città un giorno o l'altro addio Parigi... e'
non vi sarà nè chiesa nè convento che tenga. Ora voi m'avete inteso,
conoscete l'animo mio; datemi dunque buona licenza, e coll'ajuto di Dio
non ve n'avrete a pentire.--

Il buon vecchio udendo quel parlare cotanto risoluto, rimase senza
parola. Egli non era sprovveduto di quel coraggio che sostiene l'uomo
virtuoso quando si tratta d'adempiere al proprio dovere, ma come s'è
veduto, l'ardire proprio de' soldati non era il fatto suo, e si può
credere che avrebbe amato meglio trovarsi un po' più lontano da quelle
benedette artiglierie: onde il vedere ora un uomo sui confini della
vecchiaja che mostrava non poter più vivere se non andava a cacciarsi
in mezzo alle schioppettate, gli parve cosa tanto pazza che credette il
povero laico presso ad uscir di senno.

Perciò si guardò bene dallo sgridarlo, ed anzi considerando la cosa
così in fretta in fretta disse tra se «E' non sarà male con buona
maniera levarselo dinanzi prima che ne faccia qualcuna delle sue e
mandi a soqquadro la casa» e senza mostrarsi alterato gli rispose:

--Certo non mi sarei mai aspettato.... ma se avete tanto desiderio...
che per me non so intendere... basta, se così vi piace... non essendo
voi in sacris vi si potrà concedere. Ma riflettete bene a quanti
pericoli andate incontro; pazienza quelli del corpo. Ma per l'anima
come andrà? Voi tornate nella via vecchia, tornate in mezzo alle male
compagnie, tra ribaldi che vi porranno innanzi mille occasioni di mal
fare!--

--Quanto a questo voi dite il vero; ma Iddio conosce i miei fini, egli
m'ajuterà.--

--Poi ricordatevi; la difesa è lecita; ma debb'essere fatta col minor
danno possibile: _cum moderamine inculpatæ tutelæ_, ferir le parti meno
vitali, mai il capo, nè il busto.--

Il laico non si potè tenere di non sorridere un poco udendo questi
precetti che mostravano quanto il superiore conoscesse i modi che si
tengono nel combattere; ma pure ascoltò fino alla fine cogli occhi
bassi (e non gli parve fatica, tant'era l'allegrezza che provava di
sentirsi ridiventar soldato) un'ultima ammonizione di Fra Benedetto
piena di consigli e di precetti sulla carità, sulla prudenza, sui buoni
e cattivi esempi, e che per essere stata un po' lunghetta pensiamo di
non riferirla parola per parola. Quando fu finita, disse Fra Giorgio:

--Dunque siete contento ch'io mi valga del cavallo.--

--Sì, sì... che ad ogni modo le noci son macinate, e per l'olive serve
il ciuco... Che Dio vi benedica.--

Fra Giorgio se n'andò contento. L'altro guardandogli dietro giunse le
mani, strinse le labbra, ed alzò gli occhi al cielo.



CAPITOLO IV.


--Il cavallo è trovato... e' ti pare aver fatto tutto!... resta a
vedere se ti potrà portare, che non s'ha a far i conti senza l'oste.--

Così diceva Fra Giorgio avviandosi verso la stalla. Andava pensoso, col
cuore piccino piccino, come chi trovandosi costretto a far una spesa e
non avendo numerati da un pezzo i quattrini che ha in borsa, si dispone
a contarli, ma il cuore gli dice che non arriveranno.

Ne' primi tempi dopo che era entrato in convento, ogni tanto andava a
trovare il suo cavallo e sempre s'ingegnava di razzolar qualche cosa
per supplire alla scarsità e cattiva natura della pietanza che gli
somministrava l'ortolano. Per una bestia avvezza a farsi il fianco
tondo ogni giorno con paglia, orzo, e biada ci voleva altro che star
ai pasti del ciuco e di due vacche smunte che erano i suoi compagni di
stalla e di lavoro.

Malgrado le cure di Fra Giorgio, dopo il primo mese, l'ossa dell'anche
cominciarono a sorgere, indi a numerarsi le costole: il collo, la
schiena e la groppa s'avvezzarono a star abitualmente sull'istessa
linea, l'orecchie anch'esse non potendo più opporsi alla legge di
gravità si chinarono sulle tempie, l'occhio divenne malinconico, ed il
povero Grifone (così gli avea posto nome il Fanfulla d'altre volte)
acquistò la seria ed afflitta immobilità del ciuco suo vicino.

Fra Giorgio, non reggendogli il cuore di veder questa brutta
metamorfosi fino al fine, l'abbandonò per disperato e da più d'un anno
non avea messo piede in istalla. V'entrò adesso preparato al peggio.

Al di sopra delle vacche e dell'asino vide sorgere il dorso del suo
sventurato Grifone: ma pareva un di quegli animalacci rari che si
conservano ne' musei, o per dir meglio la loro pelle retta su quattro
stili, e pochi regoli in traverso, ed imbottita qua e là di paglia e di
borra.

Fra Giorgio si messe le mani ai capegli e fu per voltarsi a fuggire
com'avesse veduta la versiera. Pure si rattenne. Fin che v'era filo di
speranza non volle rinunciarvi. Considerò le spalle e le zampe, e non
gli parve di trovarvi gran male: fece di metter insieme uno stajo tra
orzo e biada, e dopo averlo abbeverato, glielo pose innanzi.

«A corpo pieno ci riparleremo» disse, e per allora lo lasciò stare.

Pensò di dare intanto un'occhiata alle sue armi dicendo: «Anche qui vi
saran de' guai.» S'avviò ad una camera terrena specie di guardaroba,
ove le avea lasciate per vestir l'abito. Era uno stanzone posto in un
angolo del chiostro, e vi giaceva buttato alla rinfusa un monte di
mobile vecchio, di suppellettili di sagrestia; v'erano scale, legnami
a stagionare, orci, stuoje vecchie, mele a maturar sulla paglia, agli
e cipolle appiccate alle chiavi della volta, ed in mezzo a questa
confusione trovò, parte pendenti dal muro, parte caduti in terra, tutti
i pezzi che componevano il suo arnese, colla sella, la briglia e gli
altri guernimenti del cavallo. I ferri erano pieni di ruggine; le cuoja
screpolate coperte d'un velluto di muffa verde e turchina.

De' ragnateli poi e della polvere non se ne parla.

Raccozzò ogni cosa alla meglio e portò il tutto nella sua cella:
aiutandosi con olio e con un pezzo di legno dolce si diede a giocar di
schiena finchè dopo un'ora buona di lavoro ebbe scoperto che la ruggine
non avea tanto danneggiate quell'armi da renderle inservibili.

Tornato alla stalla ove il cavallo s'era un poco ristorato dallo
stento, lo sciolse dalla mangiatoja, e lo trasse in una piccol'aja che
era tra la casa e l'orto. Dopo avergli infilata la briglia, con un
salto si trovò su, e così a bardosso cominciò a provare a farlo muovere
in volta. La povera bestia trovandosi satolla, e non le era accaduto da
un pezzo, avea ripreso spirito, e si maneggiava ancora meglio che il
cavaliere non avrebbe pensato.

Questi saltò a terra molto contento e confortandosi che un migliore
scotto per qualche giorno l'avrebbe finita di risuscitare, ritornò
nella sua cella.

Per non perder tempo (chè ad ogni minuto si sentiva crescer la smania)
dispose d'uscir tosto per cercare ove potesse venir adoperato. Si
rassettò i capelli e la barba, scosse la tonaca, e tiratosi in sugli
occhi il cappuccio, si trovò presto sulla piazza S. Marco avviato verso
il Renajo de' Serristori (passato il ponte Rubaconte, ora detto alle
Grazie) ove abitava il signor Malatesta Baglioni capitan generale de'
Fiorentini.

Il tempo ch'egli impiegherà per istrada non crediamo inutile (prima
d'entrare in altro) impiegarlo a por sottocchio al lettore a qual
termine si trovasse allora Firenze, ed a ricordargli le congiunture
politiche, che ve l'avevan condotta.

Dai primi anni del secolo XVI l'Europa si trovava sconvolta.

Tre uomini ai quali era dato trarsi dietro la moltitudine coll'autorità
del grado, colla potenza dell'armi, o con quella dell'ingegno, Carlo V,
Francesco I e Martino Lutero, parve in quel tempo facessero a chi di
loro poteva metter più sottosopra l'umanità.

I due primi divenuti nemici, dacchè cessarono di essere rivali nelle
loro pretensioni alla corona Imperiale ottenuta da Carlo, mossero l'un
contro l'altro, e durarono finchè vissero in un'alternativa continua
di guerre lunghe, atroci, macchiate di frode e di crudeltà, e di brevi
paci accordate vilmente, ed oltraggiosamente turbate.

Il terzo, povero frate Agostiniano armato di dottrina, d'ingegno,
d'audacia ad ogni prova, potente de' mali umori che gli abusi della
giurisdizione ecclesiastica avean generati tra popoli della Germania
destò quell'incendio, che dovea consumare il cattolicismo nella metà
dell'Europa.

L'ambizione, l'amore di gloria vana e avventurosa, ed il fanatismo
di religione, che erano le passioni dominanti di questi tre uomini,
divennero le passioni di tutti nel secolo XVI, al principiar del quale
l'umana società entrò per una strada nuova, che dovea battere senza
guardarsi indietro sino a tutto il XVIII.

I re che fin allora avean condotte a stento guerre brevi e locali
coll'ajuto di vassalli mal domi obbligati a seguirli soltanto per un
tempo limitato, trovarono danari aumentando le gravezze, per pagar
soldati i quali non lasciavan mai le bandiere e stavano a posta del
principe dove e quanto pareva a lui. Furono allora posti i fondamenti
di quel sistema d'eserciti numerosi e stanziali, e di tasse sempre
maggiori; sistema che uscito d'ogni termine ragionevole, partorì
all'età nostra gravissime difficoltà.

La politica per tener dietro a questo nuovo stato, dove pel passato
era quasi interamente circoscritta entro i limiti d'ogni nazione, si
dilatò, e concepì il disegno di stabilire l'equilibrio Europeo, pel
quale i governi venuti a potenza maggiore e più compatta si sostennero
a vicenda sodando in certo modo gli uni per gli altri.

La religione fondata sin allora sull'autorità, fu scossa dalla dottrina
dell'esame individuale, e la fede rovinando si sminuzzò, se ci si
concede l'espressione, in altrettante quanti erano i seguaci della
riforma. Le forze di questa intromettendosi tra i monarchi rivali ora
ne turbarono ora ne ajutarono i disegni, rendendo più complicate le
loro gare cui dovettero prender parte più o meno tutti gli stati minori.

Narrare le tante vicende che ne seguirono, non fa per la nostra storia.
Basterà toccare rapidamente quelle che ebbero più diretta influenza sui
destini de' Fiorentini.

Dopo il trattato di Madrid col quale Francesco I ricuperò la libertà,
si conobbe tosto che le sventure ed i poco generosi trattamenti di
Carlo V aveano spenta nel monarca francese quella lealtà cavalleresca
che lo avea tante volte indotto a spinger la fiducia sino alla
credulità, e la generosità sino all'imprudenza.

Non solo trovò il modo di coonestare il rifiuto di cedere la Borgogna
secondo l'accordo, ma si fece capo d'una lega contro Carlo V, detta
la lega Santa, cui s'accostarono i principali stati d'Italia che la
smisurata potenza dell'Imperatore metteva in sospetto.

S'unirono il Duca Sforza, Clemente VII, ed i Fiorentini, i quali
dovettero servire ai disegni d'un Papa di casa Medici padrona allora
della città. Ma da una parte il Duca d'Urbino capitano dell'esercito
della lega, ricordando le ingiurie sofferte da quella famiglia[8] non
v'andò mai di buone gambe, dall'altra il re Francesco, mirando solo
ad ottener la libertà de' suoi figli rimasti in Ispagna per istatichi,
si valeva degli sforzi degl'Italiani per avvalorare le sue continue
istanze presso la corte di Madrid, rovesciando su di essi tutto il peso
della guerra.

I collegati s'avvidero presto della sua dubbia fede, e raffreddandosi
pensarono ciascuno ai proprj interessi.

Il Papa cui i Colonnesi intesi con D. Ugo di Moncada vicerè di Napoli,
avevano assaltato e costretto a rifuggirsi in Castel S. Angelo,
conchiuse un accordo pel quale dovette essere il primo a staccarsi
dalla lega, e richiamare le sue genti di Lombardia. Queste cose
accadevano nel 1526.

Intanto Carlo V ingrossava in Italia. Le soldatesche calatevi con
Giorgio di Fransperg s'erano unite a Borbone, e si movevano alla volta
di Roma, il Papa preso allo zimbello d'una tregua conchiusa col vicerè
credette poter esser sicuro, e licenziò il suo esercito. Ma i soldati
di Borbone senza curarsi della tregua o d'altro, presero Roma e le
dettero quel sacco memorando che narrammo nel II capitolo.

I Fiorentini allora tenendo Clemente VII per ispacciato, levarono il
rumore e dopo aver cacciati, quasi sotto gli occhi dell'esercito della
lega, il Cardinale di Cortona, ed Ippolito ed Alessandro de' Medici,
riformarono la città, e ripresero a reggersi a popolo.

Ma il nuovo stato avea poco saldi fondamenti.

Non faceva per Carlo V che i Fiorentini, costanti da così lungo tempo
nell'amicizia di Francia, rimanessero in libertà. Il papa voleva ad
ogni costo veder prima di morire la sua famiglia stabilita nella
Signoria di Firenze; ed i Veneziani, per quella politica creduta
sottile dagli Stati italiani, finchè l'ebber poi vista partorire alla
spicciolata la rovina di tutti, desideravano, e forse erano per ajutare
copertamente lo strazio de' Fiorentini. Il solo re Francesco avrebbe
potuto e dovuto difenderli, ma presto s'avvidero (e molti se ne sono
avveduti in appresso) che i Francesi sapeano mirabilmente trarre altri
in impaccio per utile proprio, e lasciar poi che n'uscissero come
potevano.

L'Imperatore volendo passar in Italia, e riordinarla a suo modo prima
di pensar alle cose della Germania, conobbe aver bisogno che qualche
principe italiano tenesse dalla sua. Il papa che da molto tempo faceva
istanze per ottener pace venne scelto per alleato da Carlo, il quale
desiderava cancellar gli oltraggi fatti soffrire dalle sue soldatesche
al capo della chiesa.

Mentre si stavano lentamente discutendo i capitoli della pace generale
fra Carlo, Francesco ed i loro alleati, l'Europa udì con sorpresa che
il trattato di Barcellona avea terminate le differenze tra il papa e
l'imperatore, il quale fra gli altri impegni aveva assunto quello di
stabilire in Firenze il dominio de' Medici[9].

Quest'infelice città vide addensarsi il nembo sospeso sul suo capo;
e quando il re Francesco ebbe poco dopo firmata anch'esso la pace di
Cambrai abbandonando, ad eterna sua vergogna, tutti i suoi alleati[10];
conobbero i Fiorentini che non dovean porre oramai speranza di salute
che in Dio, nella giustizia della loro causa, ed in loro stessi.

Ma per potere usar le proprie forze avrebber dovuto esser tra loro d'un
volere medesimo.

Invece, le parti de' Piagnoni e de' Palleschi[11] inconciliabili per
odj vecchi, e per fresche ingiurie tenean divisa la città.

Quelli tra cittadini che eran saliti in riputazione, ed arricchitisi
all'ombra della casa Medici, uomini la più parte di buon tempo, amanti
de' piaceri e dello sfarzo; ed anco molti tra i popolani e gli operai
cui il largo spendere di quella famiglia facea far grossi guadagni,
ne avean veduta con dolore la cacciata, eran presti ad afferrar
l'occasione per farla ritornare, e la loro parte, nominandosi dallo
stemma Mediceo (sei palle rosse in campo d'oro) era detta Pallesca.
Costoro non si curavano della libertà ed amavano meglio il viver
lieto, e la licenza di costumi di che godevano sotto il reggimento de'
Medici.

I loro avversarj allievi, per dir così, di fra Girolamo Savonarola,
e seguaci della sua stretta dottrina, professavano somma austerità
di vita, orrore per gli spassi e pei divertimenti ancorchè leciti, e
favorivano la democrazia nel senso più esteso. L'abito d'aver sempre
alla bocca massime di morale e precetti d'austerità, e di deplorare
continuamente le sfrenatezze del vivere mondano, fu cagione che
venisser detti Piagnoni.

Se poi questo zelo per la religione e la libertà fosse sincero in
ognuno, o se a molti servisse per mascherare disegni violenti ed
ambiziosi, non assumeremo deciderlo. Poichè in ogni tempo i capi di
parte hanno scritto sulla loro bandiera «Noi vogliamo religione,
libertà, giustizia per tutti» e così hanno trovato chi li seguisse:
che invece ad avervi scritto ciò che spesso era vero «Noi vogliamo
religione che serva a noi, libertà a noi soli, e giustizia a modo
nostro» non avrebber trovato; e quantunque una tal riflessione paja
ovvia, gran parte de' guai del mondo e accaduta appunto dal non averla
avvertita.

Il contrasto tra queste due parti era però tutt'altro che palese. I
Piagnoni tenevano la città, ed ai Palleschi pareva far molto a potervi
stare nascondendo con ogni studio i loro pensieri: ed ottenevano a
forza d'ipocrisia di non esser taglieggiati, posti al tormento per
ogni piccolo sospetto, e mandati al bargello, o al patibolo.

Ma per questa oppressione, crescendo in loro l'odio contro la parte
nemica, supplirono alla forza coll'astuzia; e le pratiche segrete onde
rimettere i Medici si mantennero sempre, e partorirono alla fine la
rovina della repubblica.

Tra queste due opposte parti, come accade sempre ne' tempi di
rivoluzione, ve n'era poi una terza detta de' Neutrali che avea
desiderj più moderati. Quantunque anch'essa volesse il viver libero,
avrebbe però inclinato a cercar accordo col papa, e veder se,
ammettendo che i Medici tornassero come privati cittadini, si fosse
potuto fuggir la guerra ed al tempo stesso salvar lo stato. Di questa
setta detta anco degli Ottimati, perchè ad essa aderivano molti di
costoro più ricchi e perciò più paurosi, era capo Niccolò Capponi.
Essa, come vedremo, fu alla fine cagione della perdita della libertà.

Si sparse frattanto per tutta Italia la nuova essere Carlo V sbarcato
a Genova con grande apparecchio: e se tutti ne rimasero commossi, i
Fiorentini se ne sbigottirono più degli altri; ma ripreso animo a
poco a poco pei conforti del gonfaloniere Carducci e di più altri
cittadini della setta de' Piagnoni tra quali erano principali Niccolò
Guicciardini, Giovanni Battista Cei, Bernardo da Castiglione, Jacopo
Gherardi e Luigi Soderini; risolsero far quelle provvisioni che potevan
maggiori, ed infine voler morire piuttosto che perder la libertà.

La parte de' Neutrali riuscì però a vincere il partito che fossero
mandati ambasciatori a Cesare: vennero scelti Tommaso Soderini, Matteo
Strozzi, Raffaello Girolami, Niccolò Capponi, i quali prestamente
corsero a Genova.

La risposta dell'Imperatore, quantunque porta assai ammorevolmente, fu
breve ed assoluta; poichè egli era fermo di voler soddisfare in tutto
a Clemente VII. Le parole furono «Che si rendesse l'onore al Papa» la
sostanza «Che Firenze divenisse roba di casa Medici.»

Il gran cancelliere poi usò cogli oratori modi e parole più rigide.
Cavò fuori le solite pretensioni; Firenze esser feudo dell'imperio,
ed i Fiorentini entrando in lega col re Francesco aver perduto e
dritti e privilegi e libertà; esser ora grande umanità dell'Imperatore
l'indursi a perdonar la loro perfidia ed ingratitudine al solo patto
che rimettessero i Medici.

Gli ambasciatori risposero quattro parole a modo: «Firenze essere stata
sempre libera e di sua ragione» e rotta la pratica partirono.

Lo svanire dell'ultime speranze d'evitar la guerra, invece d'abbatter
l'animo de' Fiorentini, lo sollevò. Con una generosità ed un ardore
de' quali ha pochi esempi la storia, e che meritavano miglior fortuna,
risolsero difendersi fino agli estremi senza curarsi nè de' tradimenti
di Francia, nè dello sdegno di Clemente, nè dell'immane temerità di
voler soli stare contro tutta la potenza di Carlo V.

È cosa che stringe il cuore, veder tanta moltitudine di cittadini,
insieme colle donne e persin co' fanciulli, risolver tutti con tanto
ardire di volger il viso alla fortuna, affrontar con tanta prontezza
d'animo i rischi d'una lotta cotanto impari, i disagi, la fame, le
ferite, la morte, piuttosto che soffrire un'ingiustizia, e pensar poi a
qual fine doveva riuscir tanta virtù.

Non sappiamo resistere al desiderio di far conoscere minutamente
al lettore i modi che tennero per mandare ad effetto il generoso
proposito, e ci teniamo sicuri ch'egli non ce ne sappia il malgrado.



CAPITOLO V.


Primieramente per partito vinto fu condotta divotamente in Firenze
la Vergine Maria dell'Impruneta e la tavola di S. Maria Primerana di
Fiesole che collocarono in S. Maria del Fiore nella cappella di S.
Zanobi.

Poi soldarono molti capitani nuovi, massimamente di quelli delle bande
nere[12], accrescendo le compagnie, onde fatta una rassegna generale
si trovarono soltanto in Firenze, senza contare il contado, meglio di
ottomila fanti pagati sotto sei colonnelli, e circa ottanta capitani,
de' quali ve n'erano diciassette Fiorentini.

In oltre i quattro quartieri ne' quali si divideva Firenze, cioè S.
Spirito, S. Croce, S. Giovanni e S. Maria Novella avean ciascuno
quattro gonfaloni, sotto i quali era scritta la gioventù in modo
che veniva a formare sedici bande di quattrocento in circa per
banda, ognuna delle quali eleggeva colle più fave nere capitano,
luogotenente, banderajo, sergente, e capi squadra. Queste bande armate
di picche, corsaletti ed archibusi, ben ordinate ed ottimamente in
arnese, eran composte d'uomini tutti dai diciassette ai 40 anni. Dovean
ragunarsi una volta al mese ognuna su una piazza del proprio quartiere,
ove facevano evoluzioni, e tiravano al bersaglio cogli archibusi, ed
esercitandosi così in tutti gli uffici della milizia giunsero ben
presto a potere stare a paragone delle fanterie pagate. Di più, era
istituito che ogni anno quattro di quei giovani facessero in una
delle principali chiese un'orazione ciascheduno, che trattasse della
libertà[13]. Non piacque a Dio che quest'istituzione avesse lunga vita.

Oltre questi, che eran tutti soldati a piede, Amico d'Arsoli e Jacopo
Bichi sanese stavano a servigi del Comune co' loro cavalli che in tutto
non sommavano a quattrocento.

A D. Ercole d'Este primogenito del duca di Ferrara era destinato il
comando della milizia pagata, come capitan generale de' Fiorentini. I
Dieci gli fecero significare dovesse mettersi in ordine per cavalcare,
e gli furon al tempo stesso sborsati tremila cinquecento ducati, quali
eran tenuti somministrargli a' termini della condotta per soldar mille
fanti di guardia alla sua persona. Ma il duca Alfonso malgrado la fede
data, o dubitando del papa o temendo inimicarsi l'Imperatore, trovò
pretesti, e non volle nè mandare il figliuolo, nè restituire i danari.

Per questo tradimento dovettero i Fiorentini commettere il comando
generale al sig. Malatesta Baglioni, figlio di Gio. Paolo, soldato
della repubblica: gli mandarono a Perugia Bernardo da Verazzano
oratore, che lo vezzeggiasse con tutte le maniere di carezze e d'onori,
per mantenerlo in fede, onde non si lasciasse corrompere dal papa che
era intento a ciò continuamente.

Malatesta accettò ed assunse il comando per disgrazia de' Fiorentini.

Viene in mente alla prima il domandare perchè questi si fidassero
tanto d'un uomo che per molti motivi dovevano aver in sospetto? Prima
il tempo stringeva, e non era facile così subito trovar un altro che
nelle cose della guerra valesse quanto Malatesta. Poi gli ordini della
milizia in quel secolo eran talmente instabili, e la disciplina così
corrotta, che i diversi capi delle bande che costituivan l'esercito non
si sarebbero piegati mai ad ubbidire ad un loro eguale innalzato dalle
sue virtù al comando supremo, e comportavano appena di star soggetti a
chi poteva dirsi principe indipendente.

Acciocchè non mancassero i danari per pagare queste genti, vennero
eletti sedici ufficiali detti di Banco, i quali tra tutti avessero a
servire il Comune d'ottantamila fiorini. Fissandosi per loro utile
a ragione di dodici per cento. Si creò un magistrato di quattro
cittadini il quale dovesse porre un accatto che non s'avesse a rendere;
e nel tempo stesso fu ordinato che si restituissero i residui delle
imposizioni passate. Si vendettero all'incanto tutti i beni di ciascuna
delle ventun'arti, e quelli delle fraternità e compagnie così della
città come del contado. Clemente VII, con suo breve aveva conceduto che
questi beni ecclesiastici si potessero vendere quando in Firenze erano
ancora i Medici, onde il danaro che se ne ricavasse fosse adoperato da
questi per mantenersi nello stato. Non s'era fatto uso in allora di
questa licenza, che fu messa ora a profitto in difesa della libertà.

Prima del 1526 le mura erano difese da innumerabili torri, che i Medici
fecero abbattere per consiglio di Pietro Navarro. Ora Michelangelo
Bonarroti, che avea bensì mostrato tentennare scostandosi da Firenze
quand'era minacciata, ma poi tosto tornato in se vi s'era condotto per
far il dovere di buon cittadino, diede opera di fortificare d'ogni
parte le mura. Chiuse nel loro circuito il colle che sta fra Porta
S. Niccolò e S. Miniato, circondandolo con un bastione, e mettendo
in fortezza il convento, la chiesa, ed il campanile di S. Miniato.
Condusse molti altri bastioni dove gli parean bisognare, coi loro
fianchi e fosse, e bombardiere secondo insegnava l'arte in quel tempo.

La corteccia di fuori di tali bastioni era di mattoni crudi fatti di
terra pesta mescolata col capecchio trito: di dentro era di terra e
stipa molto bene stretta e pigiata.

Nel consiglio degli ottanta fu vinta una provvigione «che i borghi
della città si dovessero incontanente tutti rovinare dai fondamenti,
e tutti gli edificj d'intorno a un miglio, o piccoli o grandi, così
sacri, come profani, che potessero recare o comodità alcuna a quei di
fuori, o scomodità a quei di dentro si spianassero e mandassono a terra
ecc.»

I padroni però furono scritti come creditori del valore riconosciuto
secondo la stima.

I borghi erano in quel tempo quasi altrettante città, il contado pieno
per tutto di case, di ville, di palazzi, con orti e giardini, più ricco
e meglio ornato che paese del mondo. Non è possibile immaginare il
danno che risultò sì al pubblico che ai privati da questa distruzione
nella quale vi ebbero famiglie peggiorate più che di ventimila fiorini.

Ma i cittadini non guardando nè a danari nè a possessioni accolsero
animosamente la provvisione ed uscendo a frotta giovani, vecchi, ricchi
e poveri ed i padroni istessi andavano a questa o a quella villa, e
non solo rovinavan le case, ma guastavan gli orti ed i giardini, le
fontane, i vivaj ed abbattendo colle scuri gli alberi fruttiferi, o
di bellezza, sbarbando viti, ulivi, cedri, melaranci, tornavano a
Firenze con muli ed asini carichi di fascine che si adoperavano poi
nell'innalzare i bastioni.

Gli edificj di maggior solidità si rovinavano con un istrumento fatto a
guisa d'ariete: era una trave che retta orizzontalmente in bilico colle
funi veniva dimenata e spinta con grandissima forza da molti uomini, i
quali battendo con essa a furore, inanimando l'un l'altro colle voci e
colle grida mandavano a terra lunghi tratti di muro.

Il volgo dava a quest'ordigno un nome che non ci è lecito porre
sott'occhio al lettore; in altro modo era detto Battitojo.

Accadde nel corso di queste devastazioni un fatto che mostra, quanto
dagli uomini di quel secolo fossero tenute in pregio le arti.

Una turba di cittadini, soldati e contadini, avean gettato a terra
con una di quelle macchine buona parte della chiesa e del convento
di S. Salvi. Giunti colla rovina in luogo d'onde si scoperse loro il
refettorio nel quale era dipinto il Cenacolo, opera di Andrea del
Sarto, ad un tratto tutti quanti si fermarono quasi fossero loro
cadute le braccia: nè bastando l'animo ad alcuno di metter le mani su
quell'opera maravigliosa lasciarono in piedi quel pezzo di muro e la
pittura rimase intera.

Il palazzo di Jacopo Salviati, la villa di Careggi di casa Medici
vennero arsi da una brigata di giovani guidati da Dante e Lorenzo
Da Castiglione, de' più fieri nemici che avesse questa famiglia. A
Castello ed a Poggio a Cajano per poco non toccava la stessa sorte.

Queste arsioni però non essendo fatte in servigio della città ma
soltanto per isfogar l'odio contro i nemici, vennero biasimate dagli
uomini gravi, ed il gonfaloniere Carduccio diede commissione onde
ne fossero castigati gli autori. Ma il tempo non comportava troppa
severità contro tali insolenze, e la commissione non ebbe effetto.

Il principe d'Orange vicerè di Napoli aveva frattanto ricevuto l'ordine
dall'Imperatore di mettere insieme le genti e muoverle contro lo stato
fiorentino ad ogni richiesta del papa. Giunse il vicerè a Roma agli
ultimi di luglio con cento cavalli e mille archibusieri, e s'alloggiò
in Borgo nel palazzo Salviati.

Venuto a parlamento con S. S. vi fu molto che fare prima che si
mettessero d'accordo.

Al papa, di natura stretto e sospettoso, parea fatica lo spendere
e l'anticipar sussidj; il principe vicerè, persona altiera, non
potea patire che si procedesse con tanta miseria in un'impresa così
importante. Convennero finalmente nelle somme da sborsarsi dalla Camera
Apostolica, ed il principe andò all'Aquila ove era rimasto l'esercito
guidato da Gian d'Urbino, per farlo muovere verso Fuligno ove si dovea
far la massa.

In questo tempo Roma commossa dagli apparecchi d'una tal guerra
s'andava empiendo di genti d'arme. Spagnuoli, Tedeschi ed Italiani,
soldati di ventura, s'arruolavano a torme tratti dalla cupidigia di
saccheggiar Firenze. Si tenevano tanto sicuri del fatto (e seguitiamo
a lodare il buon tempo antico!) che v'ebbe di quelli i quali essendo
citati in giudizio, e dubitando per questo ritardo di non giungere in
tempo, protestarono agli avversarj loro pei danni ed interessi del non
trovarsi al sacco di Firenze.

Il papa sentendosi offeso perchè la repubblica avea mandati
ambasciatori all'Imperatore e non a lui, si mostrava tanto infiammato
a volersi vendicare che non v'era chi ardisse tentar di placarlo.
Due soli cittadini fiorentini, Jacopo Salviati e Roberto Pucci, gli
parlarono a viso aperto, facendogli considerare a quanto rischio
mettesse la sua patria, ed a quanta infamia esponesse se stesso.

Ma Clemente s'era fatto a credere che i Fiorentini fossero per
piegarsi, prima d'esser ridotti agli estremi, nè si distolse punto dal
suo proposito.

Per cura del principe d'Orange l'esercito si trovò presto riunito nelle
pianure intorno a Fuligno, in numero di trentacinquemila fanti, e circa
milledugento cavalli. Tra questi si trovavano i tedeschi condotti in
Italia da Giorgio di Frondsberg, o per dir meglio quelli avanzati alla
guerra, alla peste di Roma, ed alla fame di Napoli, soldati veterani,
valentissimi.

I primi signori e condottieri d'Italia guidavano queste genti. Tra
principali capitani si contavano D. Ferrante Gonzaga fratello del
marchese di Mantova, Pier Luigi Farnese, Giovanni Battista Savello
Marzio, Piero, Sciarra Colonna, il conte Pier Maria Rossi di S.
Secondo di Parma, Alessandro Vitelli da Città di Castello, Braccio e
Sforza Baglioni: più tardi sopravvenne il marchese del Vasto monsignor
Ascalino Astigiano, e Giovanni da Sassatello, il quale avendo preso
soldo da' Fiorentini pensò bene senza render loro i danari di condurre
i suoi tremila soldati al campo d'Orange.

Fabrizio Maramaldo di nazione sardo senza esser nè condotto, nè
chiamato a servir l'Imperatore, predava intanto e taglieggiava sul
Sanese, e su quel di Volterra con tremila più malandrini che soldati.

Questo era il bell'ordine di guerreggiare che s'usava in quel tempo.

Perugia, Cortona, Arezzo caddero presto in mano degl'Imperiali che per
il Val d'Arno di sopra scendevano senza grandi ostacoli verso Firenze.

I progressi del nemico avevano alquanto commosso gli animi di molti
cittadini, e la parte de' moderati riuscì a persuadere che si
mandassero oratori al papa. Si condussero a lui con gran difficoltà
essendo rotte le strade, chiusi i passi, e corso il contado da
saccomanni.

La risposta di Clemente fu che «trattandosi dell'onor suo voleva che
i Fiorentini si rimettessero in lui liberamente, e poi mostrerebbe a
tutto il mondo, ch'egli era fiorentino anch'egli, ed amava la patria
sua.»

Tosto che l'esito di questa legazione fu noto in Firenze, gli animi
di tutti, deposto ogni pensiero d'accordo, si volsero a crescer le
munizioni ed a rinforzar le difese.

I lavori delle mura che erano già molto innanzi si proseguirono con
maggior alacrità, massimamente quelli intorno al bastione di S.
Miniato, ed il gonfaloniere in persona li sollecitava con incredibile
diligenza.

Quando il sole era tramontato si continuava l'opera tutta la notte al
lume de' torchi.

Agli operai ed a marrajuoli s'univano i soldati, i giovani, le donne, i
vecchi, i fanciulli, ingegnandosi ognuno d'ajutare fin dove giungevan
le forze trasportando terra, sassi, fascine, mettendosi a gara ai
servigi più vili e più faticosi con quella fiera allegrezza che si
desta all'avvicinarsi di grandissimi pericoli, in chi sa d'incontrarli
per la giustizia.

In breve le fortificazioni si trovarono condotte a termine d'essere
inespugnabili per un esercito di quei tempi.

A misura che il pericolo s'avvicinava la parte de' Piagnoni diveniva
più rigida contro i Palleschi. Molti di questi delle prime case di
Firenze s'erano fuggiti spaventati dai pericoli dell'assedio, o dalle
persecuzioni de' loro avversarj, i quali li accusavano ai magistrati,
gli oltraggiavano per le piazze e per le vie, e spesso avean tentato di
manometterli.

Dante da Castiglione, giovane feroce, ardentissimo, il Sorrignone,
Cardinale Rucellai, Pietro Poldo dei Pazzi, Domenico Boni ed altri
della setta nemica ai Medici, avean piena la città di queste
loro insolenze e dicendo pugnare per la libertà, erano i primi a
distruggerla.

Gli uomini savii che pur conoscevano quanto simili modi fosser contrarj
al viver libero, ciò non ostante li comportavano per non parer freddi,
e venivan così strascinati da questi più furibondi, a prender partiti
violenti ed estremi.

A questo punto, per impedire che altri fuggisse dalla città, e far sì
che i fuggiti ritornassero, tutti coloro che si trovavan fuori vennero
citati per pubblico editto a doversi presentare al magistrato entro un
tempo determinato. Quelli che non ubbidirono ebbero bando di ribelli, e
vennero loro confiscati i beni. Alcuni però tornarono.

A Baccio Valori, commissario pel papa al campo d'Orange, come a
traditore della patria, venne inoltre posta una taglia di mille
fiorini a chi lo desse vivo, a chi lo desse morto di cinquecento. Di
più, secondo un'antica legge contro i traditori della patria, venne
sfregiata e sdrucita una lista della sua casa da capo a piede.

Al papa intanto venivano giungendo le nuove del campo d'ora in ora:
udendo guastarsi tutto il contado con arsioni, ruberie e mille mali,
forse glien increbbe, e fisso nella sua opinione che i Fiorentini
fossero per diventar più manosi, ora che l'esercito si trovava nel
cuore del loro stato, risolse innanzi che fosse diserto del tutto,
mandare in Toscana l'arcivescovo di Capua. Gl'impose passasse per
Firenze, che ancora si trovava aperta, sotto colore di portarsi presso
il principe d'Orange, e vedesse così di suo se vi fosse modo che senza
spinger le cose più oltre i Fiorentini si volessero piegare.

Venne l'arcivescovo, alloggiò presso Agnolo della Casa, ma tosto si
levò un rumore tra il popolo, ch'egli venisse per corrompere i capi
della città.

Furon mandati dalla Signoria quattro cittadini per intendere il motivo
della sua venuta: rispose che andando al campo era passato di Firenze
per sua comodità. S'offeriva nell'istesso tempo d'intromettersi tra i
cittadini e Sua Santità.

Quest'offerta non venne accettata, come s'era immaginato Clemente, e
l'arcivescovo fu fatto accompagnare fuori della Porta S. Niccolò, sino
alle prime scolte del campo.

S'accrebbero i sospetti contro i Palleschi nel governo e
nell'universale per la venuta di costui, onde furono creati sei uomini
i quali insieme col gonfaloniere dovessero dichiarare quelli tra i
cittadini che tenessero per fautori de' Medici, o per sospetti alla
libertà dello stato.

Per questa legge molti vennero presi e sostenuti in palazzo, ove
rimasero serrati a buona guardia quasi fino alla fine dell'assedio.

Tutti gli Spagnuoli che per cagione di mercanzia si trovavano in
Firenze furono rinchiusi in una casa, ordinando chi li guardasse, e
che provvedendo amorevolmente ai loro bisogni non li lasciasse però
favellare con alcuno, nè scrivere se non quello che s'appartenesse alle
loro faccende private.

A queste severità, cui servivan di scusa i casi della città, se ne
aggiunsero altre più crudeli e fuori d'ogni ragione.

Carlo Cocchi ebbe mozzo il capo per non altro che per essergli
sfuggito di bocca «Firenze essere de' Medici, e perciò essere dovere
l'accettarli per signori senza aspettar la guerra.»

Altri sul dubbio che ordissero trame col papa furon posti al tormento;
e pur troppo è assai verosimile che in questi casi restassero vittime
molti od innocenti, od almeno meritevoli di minori pene; chè pur troppo
un'ingiustizia suol generarne cento: ma questi modi ingiusti e violenti
usati dai due partiti ogni volta che si trovavan giunti al potere, modi
ch'essi pazzamente credevan mezzo sicuro onde mantenervisi, furono
invece la vera cagione per la quale nessuno di essi non potè fermarvisi
mai stabilmente, finchè la sorte di Firenze non venne irrevocabilmente
fissata dall'armi straniere.

Comparve finalmente l'esercito, ed ai quattordici d'ottobre alloggiò
nel piano di Ripoli intorno al monastero del Paradiso. Si narra, che i
soldati spagnuoli quando giunsero all'Apparita, scoprendosi loro ad un
tratto tutta la città di Firenze, gridarono con indicibile allegrezza
brandendo le picche: «Senora Florencia apareja los brocados, que'
venimos a comprarlos a medida de picas!»[14].

Ai diciassette fu cominciata una trincea a Giramonte, ai ventiquattro
il principe fermò il campo sui colli che sorgono al mezzogiorno
di Firenze dalla porta di S. Niccolò a quella di S. Friano, e la
mattina dopo Malatesta Baglioni, per ordine dei Dieci di libertà
e pace, si presentò a levata di sole sui bastioni di S. Miniato
accompagnato dai capitani e dagli uffiziali dell'esercito, e seguito
da tutti i suonatori della città, e dopo lunghe trombettate, battendo
continuamente i tamburi, fece scaricare tutte le artiglierie grosse e
minute, che erano un numero infinito, quasi salutasse i nemici, o li
sfidasse a battaglia.

Il fragore di questo scoppio scosse la città e le mura, rimbombando ne'
poggi e nelle valli di Fiesole. I bastioni rimasero nascosti dal fumo
per qualche minuto, ed i Fiorentini conobbero che quell'assedio tanto
temuto era finalmente incominciato.

Questa dimostrazione fatta per seguire il costume militare del tempo,
non produsse però effetto veruno.

Ne' giorni seguenti le prime operazioni degli assediati si volsero
contro il campanile di S. Miniato, su cui era un famoso bombardiere
detto Gio. d'Antonio, e per soprannome Lupo, il quale con due sagri
facea grandissimo danno al campo nemico. Il principe fe' piantare
quattro grossi cannoni sul bastione di Giramonte, i quali durarono a
battere il campanile tre giorni continui.

Questi pezzi scaricarono due volte in un'ora, ed agli artiglieri del
secolo XVI, pareva d'essere svelti. Le loro palle poi andavano ora a
destra ora a sinistra, or alte or basse, e se talvolta davano nel
campanile lo danneggiavan poco per la troppa distanza e per essere
solidissimo, e non facevano altro che scalcinarlo.

Nondimeno que' di dentro affinchè (come s'esprime il Varchi) chi era
venuto con tanta baldanza per prender tutto Firenze non prendesse
nemmeno una delle sue torri, lo fecero armare con grosse balle di
lana dalla parte che guarda i nemici. La cosa essendo venuta in
gara, e volendosi da ognuno vincer la prova, una notte i Fiorentini
bastionarono il campanile con un gran monte di terra, perchè gli
imperiali dovettero restar dall'impresa.

Piantarono invece una colubrina e preser di mira il palazzo de'
Signori. Ma nello sparare, il pezzo si aperse e la palla cadde
nella casa del manigoldo, onde messer Silvestro Aldobrandini ne
prese occasione di far due sonetti, in ischerno del papa i quali
incominciavano.

  «Povero campanile sventurato»

e

  «Vanne Baccio Valor dal Padre Santo»

In quei primi giorni di novembre si venne alle mani in molte piccole
scaramuccie, che non partorirono effetto d'importanza. I giovani della
città uscivano a fronte ogni giorno, per provarsi co' nemici contro i
quali avean concepito nuovo sdegno, per una cagione che dipinge al vivo
i costumi di que' tempi.

L'esercizio della milizia si considerava allora come un mestiere del
quale non avea diritto d'impacciarsi chi non fosse scritto tra i
soldati, ed arruolato secondo le regole. Questi si consideravano tra
loro quasi membri d'un'istessa confraternitàa, tra i quali, benchè
nemici, era patto d'osservar leggi e riguardi reciproci.

La conseguenza di questa usanza fu, che i soldati imperiali la più
parte invecchiati nelle guerre, e matricolati, per dir così, nell'arte
che professavano, guardavano con disprezzo i Fiorentini che usurpavano
(così dicevan essi) il diritto di impugnar l'armi in difesa della loro
patria, nè vollero acconsentir mai di far con loro a buona guerra,
come cogli altri soldati, dicendo ch'essi non eran tali, ma erano
gentiluomini.

Tra le pazzie della superbia umana, questa non sarà delle meno curiose.

La gioventù se l'ebbe tanto per male che trascorse a macchiarsi
di molti atti crudeli: tra gli altri Vincenzo Aldobrandini, ed il
Morticino degli Antinori avendo fatto prigioni due spagnuoli, in cambio
di porre loro la taglia, li scannarono.

Le cose di Firenze si trovavano in questo stato il giorno in cui Fra
Giorgio uscito dal convento di S. Marco camminava verso la casa di
Malatesta Baglioni.



CAPITOLO VI.


Il popolo di Firenze si trovava ottimamente ordinato per la difesa.
Forti le mura, numerosa e ben instrutta la milizia, ben fornito il
tesoro, abbondanti le vettovaglie, accesi gli animi d'amor di patria
e d'ardire: ma egli s'allevava un serpe in seno, e questo serpe era
Malatesta Baglioni.

I suoi maggiori erano stati capi de' nobili e de' ghibellini di
Perugia, ove Gian Paolo suo padre s'era fatto signore verso la fine
del secolo XV, e benchè due volte ne fosse stato cacciato, l'una da
Cesare Borgia, l'altra da Giulio II, pure gli era di nuovo riuscito di
stabilirvisi. Finalmente Leon X, volendo riunire Perugia agli stati
della Chiesa, adescatolo con larghe promesse e con un salvocondotto,
l'indusse a portarsi a Roma, ove in iscambio dell'accoglienza che gli
si prometteva, fu preso, posto al tormento e decapitato.

L'odio che gli si portava dall'universale pe' suoi delitti, fece che la
voce pubblica assolvesse Leone della tradita fede.

I principj di Malatesta furono simili a quelli del padre.

Condottiere a' servigi de' Veneziani da prima, poi signore di Perugia,
infine, come vedemmo, capitano de' Fiorentini. Uomo di mente fredda,
sagace, astutissimo; d'instancabile pertinacia ne' suoi propositi,
superbo, avaro, tenace nelle vendette, e sopra ogni altra cosa maestro
di frodi e dell'arte di nasconderle e colorirle, persino allorquando
avessero partorito l'effetto; prode ed ardito della persona, ed
assai esperto capitano. Tipo insomma di que' signorotti tirannelli
che per secoli sorsero, caddero e ricomparvero in pressochè tutte
le città italiane: ora principi ora condottieri a servigi di altri
principi, o di repubbliche più potenti di loro, spesso capi di parte,
di fuorusciti, o di masnadieri. Esperti d'ogni fortuna, ed in tutte
animosi, insaziabili, irrequieti. Uomini che allevati tra domestiche
infamie e risse cittadinesche, vissuti in vicenda continua di violenze
e d'astuzie, finivano le più volte oppressi o traditi da nemici potenti
e palesi, ovvero sotto il coltello de' sicarj, o de' loro più stretti
congiunti. Onde in quell'età più che in ogni altra apparve vera la
sentenza di Giovenale:

  _Ad generum Cereris sine cæde et vulnere pauci
  Descendunt reges et sicca morte tyranni._

Non parrebbe che in cotesti ribaldi dovesse esser idea veruna di
religione o di fede. Eppure, a loro modo, essi avean l'una e l'altra;
tanto è vero che Diogene nel definir l'uomo un bipede implume, avrebbe
dovuto aggiungere «ed inconseguente.» Essi edificavan chiese, nutrivan
frati, arricchivan santuarj; credevan in Dio, nel vangelo, nel papa,
ed, avanti sempre coll'istessa logica, nelle streghe, nell'alchimia e
nell'astrologia.

Malatesta anch'esso prestava cieca fede ad un astrologo ebreo detto
maestro Barlaam, nativo d'Ungheria, il quale all'arte divinatoria univa
molto sapere nella medicina, e molta pratica nel modo d'esercitarla.

Viveva costui a discrezione in casa il Baglioni, lo seguiva in tutte le
sue imprese, e s'andava facendo ricco de' suoi danari.

Non si può dir però che fossero tutti egualmente rubati, e ne
guadagnava meritamente una parte colle cure continue che richiedevano
le gravi infermità del suo padrone.

Quella malattia tremenda, colla quale l'America s'è così pienamente
vendicata dell'Europa, e che nel secolo XVI raro o non mai si guariva,
andava consumando lentamente Malatesta. Egli aveva sortita dalla
natura una complessione robusta colla quale potè sostener le fatiche e
i disagi della milizia, finchè le conseguenze della dissolutezza non
ebber distrutta in lui la salute e le forze. Dapprima egli era largo
di spalle e di petto, di volto vegeto e brunetto, con barba e capelli
neri, corti e ricciuti; insomma era il vigore in persona.

In quale stato l'avessero ora ridotto i suoi malanni, lo vedremo tra
poco.

Il palazzo Serristori, ov'egli alloggiava, era, com'è al presente
(benchè al tutto mutato) in fondo alla piazza presso il Ponte alle
Grazie. La parte di dietro guardava sul canale delle mulina e sull'Arno.

L'istessa mattina dalla quale ha preso le mosse la nostra storia,
un'ora innanzi l'alba tutto il palazzo era cheto, il portone chiuso
ed il solo sportello rabbattuto, al quale era di guardia un soldato,
coperto di ferro le braccia, il capo e 'l busto, coi larghissimi
calzoni del cinquecento, a striscie rosse e nere, e colle calze a liste
de' colori medesimi.

Teneva in ispalla una lunga partigiana, e passeggiava sollecito sotto
l'androne dell'entrata battendo i piedi per riscaldarsi.

Gli uomini di guardia, avvolti ne' mantelli, russavano in un angolo
sdrajati sulla paglia presso un mucchio di cenere e di carboni spenti,
avanzo del fuoco che s'era fatto durante la notte.

Al primo piano tutti parimenti dormivano. Il solo Malatesta era già
desto da un pezzo. Stava a sedere su un letto in forma di rettangolo,
di legno nero lavorato di tarsia; le facce divise in compartimenti,
e su ognuno di questi era rappresentata una storia di mitologia in
basso rilievo. Le cornici che chiudevano queste istorie, presentavano
un curioso e complicato intreccio di fogliami, di figure d'animali,
di mascherine e d'ogni qualità d'arabeschi. Il letto sorgeva su una
predella che correva intorno alta un palmo dal pavimento.

Accanto al letto sopra una tavoletta tonda retta da una figura
d'atlante tutta curva e scontorta, ardeva una lucerna d'argento:
attorno a quella erano gettati in disordine un bellissimo pugnale
co' suoi cordoni a fiocchi per appiccarlo, anelli e collane, un
reliquiario ed un giojello di forma così strana, che riusciva difficile
indovinarne l'uso. Era una gemma tonda e schiacciata come una moneta
del color del balascio legata in un filetto d'acciajo. Per una punta
parimenti d'acciajo innestata nella legatura rimaneva sospesa per
virtù d'attrazione ad un ago calamitato, che stava fisso nella parte
superiore d'un cerchio entro il quale rimaneva in bilico la gemma. Il
cerchio stava fisso su un piccolo piedestallo di legno nero: il tutto
poi segnato di lettere e di segni cabalistici.

La camera era parata di cuojo rosso rabescato in oro: quadri alle
pareti, seggioloni a bracciuoli all'intorno pure di cuojo, pieni di
borchie e di frangie. Due grossi mastini russavano accovacciati in un
angolo.

L'aspetto di Malatesta era quello d'un morto dissotterrato. Cavi
gli occhi e le guance: la pelle d'un livido piombino: la barba e i
capelli così folti un tempo, radi adesso e malfermi che per nulla si
schiantavano e cadevano. Aveva infilato sulla camicia un giubbone di
sciamito rosato, che rimaneva aperto d'avanti, e lasciava vedere un
petto scarno, ove si sarebber potute numerare le costole. Eran queste
coperte dalla sola pelle, che tra l'una e l'altra s'avvallava in
solchi profondi. Umori densi e viziati fermandosi alle giunture vi
s'erano rappresi ed induriti in modo che ne imprigionavan i moti, e
rendevano le braccia in ispecie pressochè attratte.

Stava sorbendo lentamente un gran bicchiere di decotto che avea tolto
dalla tavola vicina, e guardava con un ghigno sardonico un Frate che
gli sedeva dirimpetto a due passi dal letto.

Questi vestiva l'abito di S. Francesco. Il cappuccio gli nascondeva
il viso e gli occhi in modo che non appariva altro se non un po' di
naso, e due guance vermiglie e ben nutrite. La barba che era bianca
e grandissima copriva bocca e mento, e veniva terminando diradata al
cordiglio.

Stava a capo basso, tenendosi con una mano il mento, gonfio il petto
di sospiri, ed al vedere, tutto assorto in pensieri che lo turbavano
fieramente.

Mormorava sotto voce:

--Sarebbe troppo una vil cosa! non sarebbe mai possibile... non me la
sento...--e seguitava a tener gli occhi a terra, chè se gli avesse
alzati in viso a Malatesta, ed avesse veduto quel riso diabolico credo
si sarebbe cacciato a fuggire. Buon per lui se così avesse fatto.

Disse alla fine il Baglioni con un fare di scherno, e tutto pace al
tempo stesso:

--Non se ne parli più.... Non mancherà ai signori Medici chi
voglia far loro questo poco di servigio senza tanti lezj e tante
fanciullaggini.... Lo sai, eh? che vi son fanciulli di dieci, di
venti.... di cinquanta.... insino di settant'anni?--Messer Baccio
Valori che fa sì gran capitale di te pare che non lo sappia però....
Va, va, non mancherà chi voglia corre la palla al balzo, se tu non
vuoi. E quando sul portone di palagio staranno le palle vi sarà
qualcuno che sguazzerà in casa i Medici, ed attenderà a darsi buon
tempo, e verrà portato a cielo, e non gli mancheranno nè cavalli
(Malatesta parlava adagio pronunciando spiccata ognuna di queste
parole) nè cani.... nè cornacchie..... nè vesti.... nè oro.... nè
balli.... nè commedie... e se punto punto, alcuno gli darà noja, e'
si potrà cavare di strane voglie: e tu lo vedrai e dirai _Ov'è costui
potevo esser io_.... Ti so dire che ti parrà un bel diletto.--

Il Frate soffiava, il petto gli s'alzava pe' sospiri, ma pur taceva.

--Vero è, proseguiva Malatesta, che queste cose e' sarà pel tuo
migliore il non vederle e metterti Firenze dietro le spalle. Ai signori
Medici non dovrebbe andar troppo a sangue che un uomo il quale ne ha
saputo tanto de' fatti loro, e non gli ha voluti servire, abbia a
sentire ancora il sapor del pane.--

In questo punto l'oriuolo della torre di Palagio suonò le dieci ore[15].

--Tra un'ora è giorno. Vatti con Dio. Ma tieni a mente, se il diavolo
ti tentasse, d'impacciarti più di cose di Stato, che e' conviene esser
uomo e non fanciullo a mettersi a codesta bisogna; e ricordati poi
sempre che questa (si toccò la lingua colla punta dell'indice) talvolta
fa cadere il capo.... e se trapelasse nulla di ciò che è stato detto
tra noi... que' due mastini so che non avran parlato, onde saprò con
chi me l'avrò a pigliare....--

--Un tradimento a quel modo!--diceva il Frate parlando con se stesso.

--Un tradimento! ripetè due volte Malatesta col suo solito riso,
sta a vedere che converrà andar dagli Otto e dir loro _Sappiate che
vi vogliamo torre lo Stato per darlo a' Medici, onde fate buona
guardia_... E' mi pare che abbi il cervello sopra la berretta!...

--Ma quello sventurato vecchio.... la figlia, la famiglia!....--

--Oh? son eglino de' Bardi, degli Strozzi, dei Frescobaldi?.... E'
pare che sia qualche gran casa, che s'abbiano ad aver tanti rispetti!
Pajonti questi, pensieri di gentiluomo par tuo? quando si tratta di sì
grandi cose, che principi e signori vi metton la vita, e tu mi stai a
mercantare un lavoratore di seta, come se fosse de' reali di Francia?--

Il Frate s'alzò ad un tratto come se una molla l'avesse spinto su dal
seggiolone. S'accostò al letto, prese la mano a Malatesta, gliela
strinse, e disse con voce rabbiosa:

--Farò tutto... che sia maladetta l'ora in cui nacqui al mondo!--

Malatesta rise di quella furia: e ritratta a se la mano, con un certo
chè di sprezzo soggiunse:

--Oh! oh! Hai mutato pensiero? Gli scrupoli son passati?... Quanti
minuti durerà questa risoluzione?--

--Durerà anche troppo pel mio malanno. E se romperò il collo in questa
impresa, e' mi starà molto bene.--

--Ora ascoltami, disse Malatesta mutando voce e modi ad un tratto.
Quanto a questo chi non vuol porsi a rischio nessuno, ha a rimanere nel
carruccio del babbo. Ma chi vuol uscirne e diventar uomo da qualcosa
e non consumar la vita sua vilmente a innaspar lana, o a cimar panni,
e' convien commettersi alla fortuna. Credi tu che i Medici ti vorranno
far grande e ricco, perchè quand'era tempo d'operare tu invece stavi
a grattarti il corpo? A te sta la scelta. Ben sai che codesta casa ha
sempre rimeritato i servigi da quella casa ch'ella è, come ha fatto
le vendette a misura di carbone. E se i suoi vecchi non avessero
avuto altr'animo di quello che tu hai, l'impresa delle Palle starebbe
ora appiccata sulla porta d'un fondaco, e non su pei palagi e per le
fortezze... Il mondo è di chi se lo piglia e non di chi si ravvolge tra
tanti scrupoli e tante paure.--

--Orsù, sarà fatto... Se pure si presenterà l'occasione... chè così
alla prima non vedo strada.--

--Oh pensa se Niccolò non avrà caro di veder la Lisa maritata ad un par
tuo.--

--Niccolò? Ma lo sapete voi chi è Niccolò? La scannerebbe colle sue
mani proprie prima di darla ad altri che a un Popolano... A me poi?...
a uno di parte Pallesca? Si vede bene che la Vostra Magnificenza non lo
conosce.... Se Niccolò sapesse come sta la cosa.... chi sa.... ma chi
sarebbe tanto ardito di dirgliene?--

--Io t'ho inteso, rispose Malatesta, bisogna pensarci: ma intanto vatti
con Dio, chè non vorrei ti si facesse giorno per istrada. Dirai a
messer Baccio ch'io me gli raccomando.--

Il Frate, aperta una porticella che era nascosta sotto un panno
d'arazzo, se n'andò.

--Anche questa la s'avvia bene--disse Malatesta quando si trovò solo: e
si stropicciò insieme le mani come soleva fare quand'era contento. Ma
quel moto gli fe' provare certe trafitture di dolore che lo costrinsero
a fermarsi: gli sfuggì un ahi! si morse il labbro inferiore, e
bestemmiò i suoi malanni.

Chiamò ad alta voce due volte:

--Barlaam!--

Comparì un vecchietto impresciuttito, col viso pieno di tante grinze
che pareva formato di matasse di spago: naso profilato ed adunco, due
occhietti come grani di pepe, ed una bocca sempre ridente; ma di quel
riso che non essendo accompagnato da alcuna letizia nel resto del
volto, pare piuttosto uno stiramento convulso delle labbra.

--Io credo, disse Malatesta, che la metà di tutto il maladetto
legno[16] che m'hai fatto ingozzare da un mese in qua, e' sarebbe
bastato a bruciarti vivo.... e sa Iddio s'io ne sarei stato peggio!--

--La V. M., rispose il vecchio senza turbarsi punto, avrebbe ora un
buono e fedel servidore di meno.--

--Ma non lo sai, nemico di Dio, che non ho un'ora di bene in tutta
la notte? Che mi pare mi buchin cogli aghi le midolle dell'ossa? Ci
vuol tanto a trovar un'erba, una polvere, un diavolo che mi faccia
dormire un'ora? Alla fediddio, ch'io non darò sempre le spese a chi mi
strazia.--

--Io troverò questa state il celidonio, pietra che nasce nel ventre
della rondine, e la V. M. legherà questa pietra in un pannolino, e la
cucirà alla camicia sotto la poppa manca, che tocchi la pelle.....
oppure s'io potessi andare insino in Dalmalzia, v'è un monte....--

--E' sarebbe meglio andassi insino all'inferno... ho paura che vi sarei
prima di te.... Io t'ho inteso... Orsù, levamiti d'innanzi, e chiama
messer Benedetto, e fa presto.--

Il vecchio uscì.

Messer Benedetto de' Nobili, dottor di legge, grande amico de' Medici,
si trovava spesso con Malatesta onde conferire degl'interessi della
parte Pallesca. Veniva a lui di notte ponendo ogni cura affinchè
quelle visite non si risapessero in palagio ove in quel tempo non si
scherzava.

Era messer Benedetto un vecchione di bella e grave presenza, uomo del
resto di natura vile e malefica: ingordo, simulatore, ingegnoso in
trovar cavilli e grandissimo ipocrita. Egli solo tra Palleschi aveva
comunicazione col Baglioni; e questo riguardo era necessario affinchè
il capitan generale non venisse in sospetto al popolo, la qual cosa
avrebbe rovinato affatto le speranze del partito mediceo.

Mentre il Frate e Malatesta tenevano insieme i discorsi che abbiam
riferiti, messer Benedetto stava aspettando in una camera poco lontana.
Dirà taluno: Non poteva egli trovarsi presente al trattato ed ajutarlo?

Malatesta avea per costume, le cose che si posson dire a quattr'occhi
non dirle a sei. Entrò messer Benedetto: avea indosso il lucco, in capo
il cappuccio. S'adagiò sul seggiolone ov'era stato il Frate, e disse:

--E così?--

--E così le cose camminan bene, rispose il Baglioni; ecco qua una
lettera di messer Baccio.--

Cavò di sotto il capezzale una letterina che il Frate avea portata
cucita in un lembo dell'abito. Era in cifra.

--Una ne fa, cento ne pensa costui,--disse Malatesta ghignando.

Aprì il foglio, e lette le prime linee con quel mormorìo
inintelligibile che serve per trapassare le cose inutili e giungere
alle importanti, seguì:

«Jer mattina parlando con Troilo degli Ardinghelli, delle belle donne
di Firenze, mi venne a raccontare d'una certa fanciulla ch'egli aveva
vagheggiata e sposata segretamente (il modo ve lo dirà egli) figlia di
Niccolò de' Lapi. Io tosto feci disegno sopra Troilo, che è il meglio
costumato, il più sollazzevole ed ingegnoso giovane di Firenze, e
credetti bene di mandarvelo. Se gli vien fatto di mettersi in casa di
Niccolò, e farsi accettar per genero, e mostrarsi de' loro, egli sa
così ben fare, che potrà saper ogni cosa, servirci maravigliosamente
durante l'assedio, e dopo, far che questi Piagnoni abbiano a pianger
daddovero. Io non mi sono voluto aprire interamente al giovane,
perocchè avendogli dato qualche cenno così alla lontana, mi parve e'
nicchiasse. Ma egli è povero gentiluomo, ed ama lo spendere e vivere da
principe; egli è uso in corte tra signori, e non può patire d'aversi
tutto dì a 'nzaccherar gli usatti nel fango di questo campo. Non sarà
cosa ch'egli non voglia fare per venire in grado a' signori Medici, ed
essere adoperato da loro. Io ho detto alla V. M. più che non bisogna,
ed essendo la medesima di quell'autorità e di quella prudenza ch'ella
è, potrà molto facilmente voltarlo ec. ec. ec.»

--E' non l'ha pensata male il ribaldone. Eh?--

--Anzi ottimamente. Tutto sta che riesca... Oh lo conosco bene questo
giovane, di veduta però, e sono di S. Gimignano gli antichi suoi...
Me lo ricordo quando giocavano alla Chintana, innanzi il portone del
palazzo Medici... (avea un cavallo turco che andava come un razzo)...
e poneva nel saracino con tanta bella grazia che mai più. Bello come
un sole poi. Oh! suo padre era tutto cosa del Magn: Giuliano, onde il
figlio se non traligna ha ad esser Pallesco insino al cuore...... Ma
come domin gli è venuto fatto cacciarsi in casa di quel serpentaccio di
Niccolò?--

--Ora ve lo dico, messer Benedetto, e non l'andiamo allungando tanto
che si faccia dì chiaro, e v'abbiano a veder uscir di qua.... Troilo
dunque vide questa figliuola di Niccolò, che ha nome Lisa, ad una festa
delle potenze, prima che i Medici se n'andassero--Scoprì chi ell'era,
rintracciò la casa, e tanto seppe fare e dire, che la fanciulla
s'innamorò di lui. Ma in Firenze non ci fu mai conclusione di trovarsi
insieme--Niccolò andò colla famiglia ad un podere ch'egli ha presso il
Poggio a Cajano. Troilo, che era al Poggio coi signori Alessandro ed
Ippolito, non potendo per nulla voltar la Lisa alla sua volontà--chè la
fanciulla avea messo il piede al muro di voler essere sposata--Troilo,
dico, fece motto a' sig. Medici, dolendosi d'esser uccellato, e, come
accade tra giovani, posta la cosa in riso, e venuti in gara di vincer
questa prova, si disposero di far alla figlia ed a Niccolò insieme la
più nuova, la più piacevol beffa che voi udissi mai. Troilo diede a
credere alla Lisa com'era contento torla per donna, ma, sotto colore di
temer che Niccolò non fosse mai per acconsentire ad un tal parentado,
se non isforzato dalla necessità, disse conveniva far la cosa
segretamente. La Lisa benchè a malincuore pur vi si piegò.--Ordinarono
ch'ella dovesse trovarsi una mattina per tempo ad una pieve discosta
un miglio dal Poggio,--fecero in modo che il pievano non fosse in
casa--Colà un tal Michele, palafreniere di Troilo, si vestì coll'abito
del prete, in rocchetto e stola....

A Malatesta crescevan le risa a mano a mano che veniva narrando questo
vituperoso fatto, parendogli la più gentil burla del mondo....

--E fece lo sposalizio, con tutte le cerimonie che gli erano state
insegnate... He', he', he',... che pazzi! che pazzi!... E' sarà
stato un bel fare.... chi sapeva la cosa... non iscoppiare! he',
he', he'.... La Lisa fu contenta e gabbata... ed i signori Medici ne
fecero maravigliosa festa, e n'ebbero a ridere per più dì... He', he',
he'....--

Messer Benedetto, malvagio per natura, nemico poi di Niccolò per motivi
che vedremo in appresso, rideva anch'esso d'un riso a scosse che gli
faceva saltellare il ventre, come fosse andato a cavallo di trotto.
Però quando udì che in quest'inganno entravano cose di chiesa, s'andava
scontorcendo, diceva di no colla testa, ma pur veniva facendo qualche
sogghigno sotto i baffi.

Qui non avrebbe avuto bisogno di far l'ipocrita, ma chi n'ha contratto
l'abito finisce col farlo senza accorgersene.

--Oh.... oh... disse finalmente con un certo suo viso malinconico,
questa poi... è un po' grossa!... Una profanazione!... In taverna co'
furfanti, dice il proverbio, ma lascia stare i santi.--

Malatesta volse l'occhio in giro per la camera com'avesse cercato
scoprire se v'era nessuno: poi volto al dottore disse:

Messer Benedetto, qui siamo soli sapete! Dunque non mi venite a far
il Piagnone... Con me è fiato sprecato. Ci conosciamo. Se il diavolo
n'avesse a portar uno di noi e' si troverebbe impacciato a conoscere
il più tristo. Quando sarete in piazza fate del Fra Girolamo quanto
volete, ma qui, carte in tavola.--

Messer Benedetto sentendosi trafiggere disse in cuore «Mi sta bene» ma
tacque.

--Insomma, proseguì Malatesta, Niccolò non seppe mai nulla di questo
matrimonio. Dopo non so che tempo la Lisa partorì un figliuolo e
coll'ajuto d'una sua sorella, che venne posta a parte del segreto,
quando all'altra cominciò a crescer il corpo, la cosa succedette tanto
copertamente che nessuno della casa se n'avvide.--Troilo in tanto per
la guerra che s'aspettava, se n'era ito onde unirsi a' Palleschi: e
non ha pensato più nè alla Lisa nè a Niccolò, nè a cotali sollazzi.
Il fanciullo, dic'egli, debb'esser in qualche casa di Firenze, ma non
sa dove. Ora e' bisogna trovarlo e far che Niccolò sappia tutto.
Piagnone, o non Piagnone, e' converrà bene che sia contento d'aver
Troilo per genero, anzichè veder vituperata la figliuola.--

--E Troilo è egli disposto di mettersi in questo gineprajo?--

--E' non voleva, e mi faceva il fanciullo, ma io l'ho svilito molto,
e gli ho fatto intendere che queste coscenze e queste fedi son cose
da morir di fame.... Eh! vi so dir io che si farà un valentuomo. I
gattini al dì d'oggi, aprono gli occhi per tempo.--Ora dunque sono da
fare due cose.... e voi come fiorentino, pratico della terra, potrete
di leggieri.... onde tocca a voi.... Ecco: La prima sapere chi tiene il
fanciullo ed in qual casa egli stia. La seconda far che Niccolò sappia
ogni cosa.... oppure.... che so io?.... si potrebb'anco far che gli
portassero il fanciullo in casa, all'impensata,... insomma pensatevi
voi. O egli vorrà coprir la cosa ed avrà di grazia accettar Troilo;
o nasceranno scandali, farà un diavoleto del trentamila, dirà una
villania da cani alla figlia, le darà, la caccerà di casa, ed allora la
Lisa dovrà volgersi a Troilo, e quando al vecchio si sia freddato il
primo furore, l'avrà a mangiare a modo nostro s'egli crepasse.--

--Bene, bene, tutte cose non molto difficili; lasciatene la cura a me.--

--Ora andatevene per amor di Dio, che a momenti dovrebbero sonar dodici
ore (le 7). Animo, e prudenza. Dio v'ajuti.--

I due ribaldi si separarono.

Il dottore per certi bugigattoli riuscì in istrada. Malatesta rimase
co' suoi dolori, e forse col piacere d'averne preparati di peggio a
tanti sventurati.



CAPITOLO VII.


La sala ove Malatesta avea costume di tener consiglio, ed accogliere
chi veniva a visitarlo, che noi diremmo sala di ricevimento, era un
gran stanzone verso strada, ornato di pitture a fresco del Francia
e di Pietro Perugino: riceveva la luce da sei finestre, e sotto il
parapetto d'ognuna sorgean di qua e di là due sedili di mattoni coperti
d'una lastra di marmo; nel mezzo della parete in fondo era una specie
di zoccolo, o basamento di legno nel quale stava fitta la bandiera di
Malatesta, di qua e di là v'eran disposte a guisa di trofei molte sue
armature, mirabili soprattutto per la tempra, e per la leggerezza,
qualità necessaria onde le potesse indossare un uomo cotanto indebolito
dalle infermità.

Era l'uso che ogni mattina a levata di sole i capitani di guardia
alle porte della città mandassero a Malatesta uno de' loro ufficiali,
a riferirgli se vi fosse stato nulla di nuovo durante la notte, e ad
intender gli ordini per la giornata. A quest'ora si trovavan costoro
già tutti radunati nell'anticamera, e come appunto in quel frattempo
eran cominciati gli spari dell'artiglieria del campo, s'eran affacciati
alle finestre che guardano verso Ponte alle Grazie ragionando tra loro
di questi rumori.

Non dubitando che, se vi fosse nulla di grave dovesse tosto giungere
un qualche messo a darne l'avviso, badavano attenti ora dalla parte
di S. Niccolò, ora dal Ponte se ne comparisse alcuno. Ma in tutta la
piazza per quanto potea correr l'occhio, non v'era anima viva: pioveva,
e fra il tempo, la solitudine, il gusto di far anticamera, e quel
brontolamento cupo e lontano delle artiglierie era di quelle mezz'ore
che mettono l'uggia addosso ad ognuno.

A un tratto ecco sboccare dal Ponte alle Grazie un frate di S. Marco
che a vedere come menava la gamba per la melletta, si dovea dire che la
tonaca poco gli desse impaccio.

I soldati di tutti i tempi e di tutte le nazioni (almeno così crediamo)
hanno avuto sempre una decisa vocazione per dar la baja e farsi beffe
del prossimo. Tra loro un frizzo costa alle volte una buona stoccata,
perciò prima di parlare ci pensano; ma se incappano in uno che non
sappia e non voglia rispondere agli scherzi cogli stocchi, allora
lascia far a loro.... Tanto poco è vero che l'uomo sia per natura
animale generoso.

Visto adunque appena quel benedetto Frate, tutti a ridere e
schiamazzare.

--Ecco la nuova!--Ecco il corriere. Ecco il corriere della
scomunica!--E il Frate avanti. Quando poi fu sotto alle finestre e che
invece d'andar al suo viaggio infilò il portone, crebber le risa e
l'allegrezza, e di più pensarono, per far ora intanto che Malatesta ci
fa aspettare, e per passar la seccaggine, ci sollazzeremo a dar la baja
a questo frate. Ma il frate poteva star alla barba a tutti loro poichè
egli era il nostro amico Fanfulla.

Entrato in cortile, e veduto ragazzi di stalla che strigliavan
cavalli sotto il portico, soldati di qua, archibusi e picche di là, e
respirando quell'atmosfera soldatesca s'era sentito come ad allargare
il cuore. Qualche risata alle sue spalle s'era bensì potuta notare, e
qualche piacevolezza sulla sua tonaca gli era pur giunta all'orecchio:
ma in quel momento, contento com'era e pieno del suo disegno, non si
sarebbe volto se gli fosse scoppiata una mina alle spalle. S'aggiunga
poi che, strada facendo, non aveva perduto il tempo, ed era venuto
combinando un pezzo d'eloquenza, col quale potesse farsi onore, e
degnamente esporre la sua domanda al capitano de' Fiorentini; e questo
lavorìo gli teneva troppo occupata la mente perchè potesse curarsi
d'altro.

Giacchè siamo su questo discorso, faremo sapere al lettore che Fanfulla
era sottoposto anch'esso a quella fatalità che sembra portar tutti gli
uomini da qualcosa a pretender poco nell'arte che sanno e molto in
quella che non sanno. Ed egli appunto che era buon soldato, pretendeva
invece d'esser bel parlatore, soltanto perchè durante la vita fratesca
a furia d'udir sermoni, di leggere libri d'ogni materia, conversar coi
frati, e con quanti capitavano in convento, s'era mobiliata la memoria
di qualche centinajo di frasi, di sentenze, di periodi bell'e fatti; ma
mobiliata, s'intende, come può esserlo una bottega d'uno stipettajo o
d'un rigattiere.

Salì le scale, entrò nell'anticamera salutando la brigata ed
accostandosi all'usciere gli disse:

--In grazia, quando si possa, vorrei dire due parole a S. Mag.--

--Il vostro nome?--

--Fra Giorgio da Lodi di S. Marco.--

--Aspettate. Ma vi so dir che ci sarà tempo... vedete quanta gente è in
anticamera.--

Fanfulla senza risponder altro si mise a sedere accanto ad una tavola,
e v'appoggiò un braccio, distese le gambe, e dimenando piano piano
la punta de' piedi col mento all'aria, senza guardar in faccia a
nessuno, rimase tutto assorto nel pensiero della sua arringa. Non era
malcontento tutt'insieme del modo col quale l'aveva combinata, ma
avrebbe ancora voluto farvi entrare qualche parte di filosofia, come
scrive di aver fatto il Cellini, quando parlava con Paolo III, del
modo di tingere un diamante: ognuno s'avvede quanto in ambedue i casi
la filosofia venisse a proposito; e tanto più quella di Fanfulla che
consisteva in qualche idea di fisica, vera o falsa non importa, ed in
qualche sogno d'astrologia.

Mentre egli durava questa fatica, gli ufficiali che eran prima
affacciati, avevan volte le reni alle finestre, squadrato ben
bene il Frate, e trovandolo d'altra faccia e d'altri modi che non
s'aspettavano, si guardavano in viso l'un l'altro.

--Che te ne pare? diceva uno, di quella faccia di servo di Dio? non
istarebbe male sul collo d'un birro.--

--Diavolo! diceva un'altro, senz'un'occhio!... un taglio in faccia!
bisogna dire che quand'hanno a creare il priore, si dilettino a far
volar le scodelle, questi reverendi.--

--E' si sarà azzuffatto colla gatta in refettorio....---

--O sarà cascato per la scala di cantina.--

--O avrà creduto che qualche marito volesse chiudere un occhio, ed il
marito invece l'avrà fatto serrare a lui.--

E nel dir codeste pazzie, con molto sghignazzare, tutti avean gli occhi
addosso a Fanfulla.

Questi dapprincipio non badava loro nè punto nè poco, come colui che
aveva un pensiero importante pel capo che l'occupava, e che non essendo
mai stato uso a sentirsi uccellare, non s'immaginava vi potesse essere
chi si prendesse tanta sicurtà con esso lui. Pure alla fine messosi
in sospetto e dato retta un momento conobbe che l'avean proprio
colla persona sua: girando l'occhio vide non esservi altro frate in
anticamera; sentì quel certo moto del pericardio che si prova quando
salta la stizza; ma fresco ancora del sermone di Fra Benedetto, e dei
propositi formali di non tornare alle usanze antiche, disse in cuor
suo, soffiando pure un poco, e raccogliendo le gambe sotto la tonaca:

--Animo, Fanfulla, non ricominciar da capo colle tue!....--

Ed abbassati gli occhi s'ingegnò di prender un'aria modesta, che stava
bene a quel suo viso, come starebbero bene due baffi da granatiere sul
volto d'una Madonna di Raffaele.

Ma la beffa, il ridere, e le parole di scherno seguitavano: in tutta la
persona di Fanfulla non appariva altra dimostrazione di ciò che provava
nel suo interno, fuorchè un dimenar frequente delle ginocchia che
andavano in su e in giù col moto di un asinello che trotti: ma dentro
il sangue gli faceva come l'acqua d'una pentola che stia per levare il
bollore.

Sul suo capo stava fisso nel muro alto cinque braccia da terra un
di quegli oriuoli che si fanno movere coi contrappesi, e questi
penzolavano appunto a quattro dita dal naso di Fanfulla, che li
vagheggiava, come uno scolare vagheggia un grappolo d'uva al quale non
può aggiungere, e diceva tra i denti:

--Guardate se non pare che mi vengano sotto mano per dispetto, e per
uccellarmi anch'essi, ora che sanno che fo il santo e non li posso
adoperare! Fosse dieci anni fa! Cari i miei piacevoli, vedreste come ve
ne manderei un pajo sul groppone ad insegnarvi la creanza.--

E mentre con un sospiro dava a conoscere quanto a quel punto, l'impegno
di far il santo gli riuscisse malagevole, la sua mano quasi da se si
sollevava verso que' bei cilindri di piombo, che avrebbero potuto
servir così mirabilmente di projettili in quella circostanza, e gli
accarezzava facendoli girar tra le dita. Che tentazione tremenda!....
ma il lettore non si sgomenti, Fanfulla n'uscì vincitore.

I suoi avversarj intanto fatti più sicuri dal suo silenzio seguitavano:
la cosa cominciava a puzzar d'indiscrezione. Un soldatello giovanetto
smilzo e sbarbato volle anch'esso dir la sua sull'occhio del Frate; che
sentendosi pungere da un pazzarellino di quel taglio non la potè mandar
giù. Balzò in piedi, ridivenuto a un tratto il Fanfulla di una volta, e
movendosi lentamente verso il gruppo degli ufficiali, disse col modo di
chi proprio n'ha piene le tasche:

--E' vi dovrebbe ricordare, cari miei signori, di quel bel proverbio,
che ogni bel giuoco dura poco; e questo se non isbaglio principia a
durare assai..... E voi bel zittello (volto al giovanetto che avea
parlato l'ultimo) ingegnatevi di campare e di mettervi in corpo un
po' di ben di Dio, che a voler far il soldato con quelle spalle
d'attaccapanni, vi vedo e non vi vedo, tanto mi parete tisicuzzo, e
tristanzuolo.... e del resto poi sappiate che quest'occhio me l'ha
fatto schizzare la punta d'una picca spagnuola alla battaglia di
Ravenna; quando a voi la balia tirava su le brache...., che questa
tacca che porto nella memoria, la toccai per voler difendere quel
valoroso signore del re Francesco alla giornata di Pavia, quando la
balia dava a voi la pappa e le sculacciate.... che queste due dita sono
state seminate a Marignano per opera d'uno spadone a due mani d'uno
Svizzero d'Undervald, quando a voi la balia.... Ma l'ultima impresa di
questa benedetta balia se la disse Fanfulla, noi la lasceremo nella
penna, per brevità.

--Ora, seguiva, per non tenervi a disagio, vi dirò tondo come la bocca
d'un pozzo, che se non fossi frate, ed avessi ancora la mia pelle d'una
volta, già v'avrei chiamati qui fuor dell'uscio per dirvi una parolina
come s'usa tra soldati: ma trovandomi con questa tonaca indosso, almen
per ora, vi pregherò di farmi tanta finezza di lasciarmi pe' fatti
miei, che non son uso ad essere il trastullo delle brigate, e la
pazienza[17] l'ho soltanto sopra la tonaca.

A quest'intemerata costoro (ed il giovanetto più degli altri) rimasero
goffi ed isconfitti, come accade sempre a chi cerchi di sonare, e
invece sia sonato. Presero il partito che deve prender sempre in simil
caso chi ha un filo di giudizio, si diedero il torto, scusandosi il
meglio che poterono, ed il solo di tutti loro che non avea mai aperto
bocca sin allora, ed era uomo già innanzi cogli anni, disse ridendo:

--Quando stavo cogli spagnuoli ho imparato il proverbio che tal va....
_o tal cree tosar, y vuelve trasquilado_[18].

Con questa barzelletta la cosa si volse in riso. Ma lo sbaglio preso
destò in tutti gran curiosità di saperne più in là sul fatto d'un uomo
così strano. Lo pregarono però umanamente a voler palesare chi egli
fosse, ed alcuni, che s'eran trovati ai fatti d'arme accennati da lui,
instavano più degli altri attorniandolo.

Fanfulla, come tutti gli uomini attempati e che n'hanno passate di
molte alla vita loro, amava narrare e parlar di sè: onde senza farsi
pregare disse di dove egli era, nominò i suoi parenti, e quando
finalmente, dopo aver detto il suo nome aggiunse:

--Però tra soldati fui sempre chiamato Fanfulla...--

Scoppiò un Oh! generale di maraviglia e d'allegrezza; chè in quel tempo
insino i fanciulli sapevano della famosa disfida vinta dagl'Italiani
ventisei anni innanzi, e conoscevano i nomi degli uomini d'arme che
avevano combattuto in essa, i quali tra soldati erano tenuti in
grandissimo onore.

Fra i caporali che si trovavan costì ve n'era uno che avea militato
nell'esercito spagnuolo sotto Consalvo: era stato spettatore del
combattimento a Barletta, ed avea nome Boscherino. Aperse le braccia,
le gittò al collo di Fanfulla, dicendo:

--E chi diavolo t'avrebbe riconosciuto con questo fodero bianco e
nero.... Fanfulla frate! Oh! oh! oh! Prima di morire posso sperar di
vedere il Soldano cardinale! Ma abbi pazienza, lasciatelo dire, stavi
meglio colla daga sulle reni... E così non mi riconosci?... Si vede
bene che se non ho mutato pelle ho però mutato pelo. Boscherino?.... ci
siamo invecchiati, ma ancora le gambe ci portano.--

--Ci portano anche troppo, almeno parlo per me, rispose Fanfulla
raffigurando l'antico camerata e facendogli festa, se non mi portassero
tanto me ne sarei stato zitto e quieto in convento; e quando c'entrai,
fanno due anni, mi pensavo che mi fossero usciti per sempre i ruzzi dal
capo, chè con tanti malanni, e quell'ultima nespola del sacco di Roma
soprammercato, mi sentivo crocchiare come un tronco di lancia fesso...
Che vuoi? con due anni di quiete e ogni giorno tavola imbandita, son
tornato polledro.--

E qui cominciò tra i due amici un dialogo tanto pieno di _ti ricordi
di questo, ti ricordi di quest'altro_, che non la finivano più. Disse
alfine Boscherino dopo aver rammentati molti antichi compagni:

--E quel povero Ettore! Ti ricordi? Quel pazzo malinconico, si pensava
esser al tempo di Tristano e della regina Isotta!... far quella fine!
Ma se l'è proprio cercata col lanternino... Non voleva bere, figurati!
Io glielo dicevo, quando lo vedevo con quella faccia d'ammazzato....
Ettore, andiamo da... da... come diavolo avea nome quell'oste del Sole?
Ah! mi ricordo, Arsenico. Andiamo da Arsenico, gli dicevo: aveva un
trebbian di Dio, di quello che ci si schioppa la frusta.... che vuoi,
era come dirgli vola.... E tu non bere, dicevo io, e te n'avvedrai....
e difatti non dubitare che non mi ha voluto far bugiardo. E poi, a chi
dich'io? tu eri con lui nella compagnia, lo sai...--

--Lo so anche troppo, interruppe Fanfulla riprendendo la faccia modesta
e compunta, non me ne parlare. Io, pazzo da catena, fui allora causa di
tutto il male.... io indussi in errore quella povera donna....--

--Come? come?--domandò con premura Boscherino.

--Oh quanto poi al come, rispose l'altro, già t'ho detto che di tutto
questo fatto non ne voglio discorrere. Già son cose vecchie, ed al
fatto non c'è rimedio.--

--Sia per non detto, rispose sorridendo con un po' di stizza
Boscherino. E di quella Saracina se ne può discorrere? Come avea nome
quella bella moretta, con que' panni attorcigliati in capo?--

--Zoraide, rispose Fanfulla. Quanto a questa te ne dirò tanto che sarai
contento: ti ricordi al principio del pontificato di Giulio II quando
il Valentino era sostenuto in castello?.... Bene, allora....--Ma qui
l'usciere fatto un cenno a Fanfulla, che tutto infervorato in sul
raccontare non gli dava retta, se gli accostò, e tiratolo per la
manica gli disse, alzandogli un panno d'arazzo che pendeva avanti alla
porta della sala di Malatesta:

--Entrate Fra Giorgio.--

Con ciò fece due mali: Boscherino e i suoi compagni rimasero, come
qualcun altro, colla voglia in corpo di sentir che cos'era stato di
Zoraide; ed il buon Fanfulla, al quale per la quistione avuta con
que' caporali, e pe' discorsi fatti in appresso era uscita di mente
la sua parlata, non ebbe tempo a riordinare le idee e prepararle a
mostrarsi con un po' di grazia. Messo all'improvviso alla presenza
del capitano generale gli accadde all'incirca come accadrebbe ad un
cocchiere che, guidando quattro polledri bizzarri, avesse, o per sonno
o per sbadataggine, lasciato loro le redini sul collo; se a qualche
improvvisa cagione quelli si cacciano di carriera, gli tocca a dipanar
mezz'ora prima di giungere a far giocare i freni; e nella confusione,
credendo tirar a destra, tira a manca, e se una gran fortuna non
l'ajuta è certo di rompere il collo.

Ma Fanfulla fece esperienza che le gran fortune capitan di rado.
Sentendo che la sua arringa gli era andata in fondo alle calcagna,
si fece avanti col cuore d'un uomo che dovesse andare a combattere
disarmato. Pure, fatta di necessità virtù, e senza perdersi d'animo
interamente, salutò Malatesta con modo ossequioso ma disinvolto, e
disse, tossendo così un poco ogni tanto per acquistar tempo:

--Magnifico capitano, s'io ho preso il disagio di venirvi.... dirò
meglio, s'io son venuto a tenervi a disagio, n'è cagione un desiderio
che vi parrà forse disforme da questi panni ch'io vesto; ma s'egli
è vero ciò che affermano gli astrologi, non poter l'uomo sottrarsi
a quell'influsso col quale le stelle, o vogliam dire i pianeti, dan
norma sin dal suo nascere, e conducono con immutabil legge gli atti e
le operazioni della vita sua.... ovvero, come insegnano i filosofi ed
i fisici, non potersi cavar buon frutto dal legare a un giogo le tigri
cogli agnelli, chè ogni animale ha a fare il verso suo, e non è se non
stoltezza grandissima il voler ch'egli vada contro la sua natura, e chi
l'intende altrimenti, come dicon gli uomini volgari, dà a guardar la
lattuga al papero.... e per questo, com'io dicevo,.... son venuto....
perchè conoscendomi ancora molto atto, per amore della robusta
complessione mia, ad esercitare quest'arte per la quale sola m'hanno
inclinato i cieli, e visto il bisogno che in queste strettezze può
avere questa città, d'uomini che conoscano la nostra professione,....
che di detta professione se ne troverà talvolta di più esperti che
non son io, ma non mai chi l'abbia esercitata con maggior fede.... e
forse s'io non temessi di darvi noja potrei anche mostrarvi che quanto
all'esperienza.... e vi potrei narrare....--

Malatesta dava retta a Fanfulla, e l'avea fatto passare prima di
molt'altri, in grazia dell'abito di S. Marco che avea indosso, chè
allora in Firenze bisognava aver molti rispetti a questo convento; ma
vistolo poi con quel viso che a dir il vero aveva un po' del pazzo, ed
accorgendosi da quella sua strana filastrocca ch'egli doveva averne
qualche ramo, non ebbe tanta pazienza che lo lasciasse venir alla
conclusione, e, per levarselo dinanzi, gli tagliò la parola dicendogli,
con voce nella quale era minor cortesia di quel che fosse nelle
espressioni:

--Per esser voi di S. Marco, ed anche per la persona vostra, farò molto
volentieri ove possa.... quando però sappia quello che volete.... qual
è questa vostr'arte? che ancora me l'avete a dire.... forse siete il
padre cerusico del convento, e volete adoprarvi pe' nostri feriti?....
Ve ne saprò il buon grado....--

Fanfulla mezzo in collera disse tra denti:

--Oggi è il giorno che nessuno m'ha ad intendere.--

Poi ad alta voce:

--Io vi servirò molto bene, se voi volete, a darne delle ferite, e non
a medicarle... e, per finirla in una parola, sappia la V. Magnif: ch'io
son Fra Giorgio da Lodi adesso, ma una volta ero Fanfulla da Lodi, e
son per ridiventarlo quando che sia, basta che la medesima si voglia
servir di me, e spero di farle vedere, che due anni di convento non
m'hanno tanto mutato ch'io non sia ancor buono da qualcosa.... ed ecco
qui (traendosi di petto un foglio) ecco l'attestato del sig. Prospero
Colonna.... e poi credo che la V. Magnificenza non mi senta mentovare
per la prima volta.--

Esclamò ridendo Malatesta:

--Oh impiccato, chè nol dicesti al primo tratto senza avvilupparmi
la Spagna con tante novellate di fisici e d'astrologi, che mi parevi
un predicatore. Oh quand'è così, e che l'animo tuo sia riprender la
lancia, io molto volentieri t'accetto, e t'adoprerò... e, a pensarla
bene, credo abbi ragione, chè dovrai, da quel che ho udito, riuscir
meglio per uomo d'arme che per predicatore.--

Letto poi il benservito di Prospero Colonna, disse restituendoglielo:

--E' non bisogna... chè senza questo già mi sapevo che sei un
valentuomo.--

Malatesta mosso dalla novità del caso, volle però conoscere per quali
accidenti un così rinomato soldato fosse andato a finir frate, e
Fanfulla molto volentieri gli soddisfece. Udito ch'egli ebbe il tutto,
si volse ad Amico d'Arsoli capo d'una delle bande di cavalli ch'erano
a servigi de' Fiorentini, e che si trovava costì con altri ufiziali,
dicendogli:

--In mio servigio, sarete contento torre costui nella compagnia.... Ma
a proposito, dico io.... Fanfulla, come si sta ad arnese ed a cavallo
soprattutto? che non vorrai cominciar ora a far il mestiere a piede,
suppongo.--

--In arme, rispose Fanfulla, sto bene.... quanto poi al cavallo, a dir
il vero è un po' sulle spalle, ma se piacerà a Dio potrà accadere,
vedendoci in viso con uno di questi tedeschi di fuori, ch'io me ne
procacci uno migliore, e glielo paghi col ferro della lancia.--

--Al nome di Dio, rispose Malatesta. A ogni modo avrai una paga subito,
se mai t'occorresse pe' tuoi bisogni: ora va, prendi le tue armi, e
torna, che presto darò da fare a ciascuno.--

Fanfulla uscì che non capiva nella pelle per l'allegrezza, ed in un
lampo fu in convento.

Colà era già sparza la voce che Fra Bombarda, come lo chiamavano, se
n'andava, e sapendone tutti anche la cagione, molti frati, e laici
eran pel chiostro curiosi di vederlo partire trasformato in uomo
d'arme. Esso appena giunto avea sellato e condotto in cortile il
suo cavallo: salito poscia in cella, s'era messe indosso ed accanto
le sue armi, e sulla corazza a guisa di sopravvesta, la pazienza di
saja nera dell'ordine di S. Domenico che la cintura della spada gli
teneva ristretta alla vita. Per conservar del frate quanto potesse,
tolse inoltre la corona, e l'appese ad un suo grandissimo pugnale che
portava dal destro lato, ed in quest'ordine s'avviò alla cella di Fra
Benedetto, chè non gli parve onesto partirsi senza toglier commiato.
Udite modestamente le sue ultime ammonizioni, e baciatagli la mano
scese in cortile ove trovò i frati che l'aspettavano per dargli la ben
andata. Dopo aver salutato gli uni, abbracciato gli altri e stretta la
mano a parecchi (questi non furono i più fortunati; tra ch'egli era
gagliardo, e tra ch'egli aveva il guanto di ferro, fu lo stesso diletto
che sentirsi prender le dita da una tanaglia) si dispose a salire in
sella.

Ma s'egli avea sperato che anche al cavallo fossero tornati gli
spiriti marziali, dovette presto accorgersi che avea fatto torto alla
sua costanza.

Anticamente, non c'era verso di tenerlo fermo alla staffa, ed appena
sentiva l'uomo in sella, partiva come uno strale. Ora in vece lasciò
che il suo signore salisse molto a suo bell'agio, senza far altro moto
che piegarsi tutto sul lato manco ove sentiva il peso. Vi volle un
pajo di discrete spronate per farlo muovere, e ve ne vollero delle più
gagliarde, affinchè s'avviasse al portone che mette in Piazza, invece
di avviarsi alla stalla, come procurava ostinatamente di fare malgrado
la briglia che gli torceva il capo alla parte opposta. Pure, come a Dio
piacque, dagli, ridagli, tira, alla fine infilò l'androne ed andò al
suo cammino, mentre Fanfulla, non restando di punzecchiare, s'andava
volgendo salutato, e salutando, finchè potè vedere ed esser veduto.

Pochi giorni dopo, circa alle 6 ore di notte, egli girava per Firenze
alla testa di sei alabardieri, cercando e ricercando tutte le strade e
tutti i chiassi del quartiere di s. Giovanni, e facendo ciò che ora si
direbbe la pattuglia o la ronda, e che allora veniva detta la scolta.
Era un tempaccio rotto, come spesso ne porta il novembre a Firenze;
freddo, vento, ed acqua a catinelle. Fanfulla non se ne curava; e, per
intrattenere la sua brigata, che era di soldati giovani di nuova leva,
(anche pensando d'esser egli cagione che facessero un po' di bene)
faceva dir loro la corona così strada facendo. Egli innanzi il primo, e
gli altri dietro alla sfilata muro muro per bagnarsi meno.

Non creda però il lettore che i soldati d'allora fossero altrettanti
cappuccini, poichè nemmeno i compagni di Fanfulla non pregavano se non
pel timore del manico d'un gran partigianone ch'egli aveva in ispalla
col quale avea già fatto l'atto di voler spolverare le spalle d'uno di
loro che s'era immaginato di far _l'ésprit fort_.

Persuasi dunque da quest'argomento che, se le regole della
versificazione l'avessero permesso, si poteva benissimo includere cogli
altri in quel bel verso de' trattati di logica

  _Barbara, celarent, dario, ferio, baralipton_

camminavano già da un'ora con quel diletto che conosce chi ha dovuto
talvolta portar il nome in una brutta nottata d'inverno a sette o otto
corpi di guardia.

Alla fine voltando la cantonata d'Or S. Michele per andar in porta
Rossa, videro, al lume di un torchio che avean con loro, come un
viluppo di panni in terra vicino al muro; perchè accostatisi e
considerato attentamente s'accorsero che era una donna accovacciata:
per difendersi dall'acqua s'era tirati i panni in capo, e a veder
com'era tutta inzuppata e lorda di fango si capiva che doveva essere
costì da un pezzo. Se fosse stata a giacere si sarebbe potuto
sospettarla vittima di qualche violenza, ma era seduta.

--Che diavolo.... che domin sarà--disse Fanfulla fermatosi co' suoi
uomini a considerarla.

--Qualche pazza fuggita--disse uno.

--Pare una figura dell'inferno di Dante--disse un altro che voleva far
il letterato.

--Fosse la notte di S. Giovanni, soggiunse un terzo, si potrebbe
credere fosse... avesse a essere...--

--Sì proprio! una strega! rispose sorridendo con disprezzo _l'ésprit
fort_ della compagnia, non vedi che non ha il piede di capra!......
ignorante che tu se'!--

--Vediamo insomma--disse Fanfulla, e fattosele dappresso le diceva:

--Quella giovane!... Ohe, quella giovane, quella donna! dico a voi!
Ohe.--

Ma l'altra non si movea. Ripetè ancora due o tre volte la sua chiamata,
poi, sollevando i panni che la nascondevano, la prese pel braccio, la
scosse, ed essa alzando allora lentamente il capo mostrò un viso che si
capiva dover essere stato bello; ma in quel momento appariva affilato
e livido come quello d'un cadavere. Gli occhi spalancati, ma stravolti
e spenti, s'affissavano sugli astanti senza mostrar di vedere. In
grembo aveva un bambino di poco tempo tutto ravviluppato in una coperta
di lana; dormiva riposato, con certe gote tonde tonde tutte latte e
sangue, perchè la madre facendogli tetto colle braccia e col capo, era
riuscita a difenderlo dall'acqua e dal freddo.

Tutto a un tratto la meschina, come svegliandosi e riscotendosi da quel
torpore, si scosse, ed il primo moto fu stringersi al petto il bambino,
ricoprendolo colle mani e co' panni, mentre Fanfulla le diceva:

--Oh! che domin fate voi qui a quest'ora, a codesto modo? Animo, su,
alzatevi.... che è stato? che v'è succeduto?.... diteci dove state di
casa, vi ci meneremo....--

--Dove sto di casa? soggiunse la giovane dando in uno scoppio di
pianto, io non ho più casa.... eccola, casa mia è questo fango....
questo è il mio tetto... la culla di questo povero figlio mio
sventurato.--E così dicendo stampava sulla bocca al fanciullo certi
baci disperati che lo destarono; e svegliarsi e cacciarsi a piangere fu
tutt'uno.

--Bel gusto di svegliare e far piangere quel povero innocente, che non
ci ha che far niente, disse Fanfulla, che alla fine aveva poi buon
cuore, come l'hanno in genere tutti gli uomini valorosi, ed un po'
latini di mano, per un curioso capriccio della umana natura.

--Ma non avete parenti, marito, padre... madre almeno?.... male che
vada, madre se non altro l'abbiamo tutti.--

E la donna piangeva sempre più forte senza dar altra risposta.

--Oh insomma, disse Fanfulla, qui ci vuol altro che piangere e
disperarsi; è notte, piove, e fa freddo, e questo fanciullo non sarebbe
mai vivo domattina, onde levatevi di qui; al coperto intenderemo il
fatto.... andiamo.--

E con amorevoli parole, usando così pure un poco di forza, sollevò
di terra la donna, e s'avviò con essa a lento passo non restando di
reggerla e confortarla, e portandole alla fine anche il bambino, che
faceva un bel vedere in collo a Fanfulla, finchè l'ebbe condotta al
palazzo de' Signori nelle camere terrene, occupate dalla guardia del
portone, ove almeno non piovea, e v'era anche acceso un buon fuoco.

Colà appoco appoco, rasciutta e ristorata alquanto, cominciò la donna
a parlare. Sul primo stava come in sospetto, vedendosi attorno molti
soldati che la consideravano senza cerimonie, nè tralasciando pur anche
ognuno di dir ciò che gli veniva bene sul fatto di essa: ma Fanfulla,
accortosi che quell'investigazione e que' discorsi l'offendevano, li
fece ritrarre in una stanza vicina, parte con buone parole, parte
mostrando di adirarsi, e di voler usare quel tal argomento, accennato
di sopra, che i maestri di logica hanno scordato di mentovare.

Non sapeva perchè, ma sentiva premura per quella sconosciuta, e non
è cosa che non avesse fatto per farle piacere: la donna anch'essa,
rassicurata un poco e rincorata dal buon cuore che traspariva dai
modi un po' ruvidi, è vero, ma pure amorevoli del vecchio soldato, si
lasciò persuadere ad aprirsi a lui, e raccontargli le sue vicende. Ma
considerando che questo racconto riuscirebbe per avventura interrotto
e mal connesso, quale si dovrebbe aspettare da una persona posta in
tanta agitazione d'animo, e confusione di pensieri, crediamo bene di
tralasciarlo: essendo però necessario che il lettore sappia chi era
costei, e conosca i suoi casi, ci giova per questo riprender le cose
indietro un po' alla lontana, e riferir molti particolari appartenenti
alla famiglia di Niccolò, ai quali non abbiam fin ora saputo trovar
luogo nel nostro racconto.



CAPITOLO VIII.


In faccia alla porticciuola di fianco di S. Maria Maggiore si vede
ora una casa dell'architettura insipida e senza carattere del secolo
XVIII, che dopo essere stata la locanda dell'Aquila nera, vien detta
in oggi la nuova York. In quest'area medesima, occupata prima dal
Seminario, ed in parte, più anticamente, dalla casa de' Cerretani, era,
all'epoca di cui scriviamo, la casa di Niccolò, fabbricata dal tre al
quattrocento, e simile ad alcune di quel tempo che ancora rimangono in
Firenze. Dio voglia conservarla un pezzo, o liberarla da un padron di
casa di que' tali che, per aumentar le pigioni, d'una camera ne fanno
quattro, apron finestre, danno il bianco alle facciate.... ma lasciamo
questo discorso, che è un brutto combattere e parlar di gusto, di
memorie, d'architettura, con chi risponde quattrini.

La casa ove abitava la famiglia de' Lapi (divisa da' Carnesecchi dalla
via de' Conti) era quadra, soda, massiccia, a tre piani, con un bugnato
sino al primo di pietre scarpellate ed annerite dal tempo; le mura al
disopra tutte piene di rabeschi a graffito, ed in cima affatto una
loggia retta da colonnette sottili. Il tetto sporgeva innanzi di molte
braccia, e le travi dell'incavallatura che lo reggevano, prolungandosi
fuori del muro, mostravano a guisa di gran mensoloni ornati alla
grossa di qualche intaglio. Le finestre del pian terreno, forse un
po' troppo a portata di chi era in istrada, eran munite da grosse
ferriate, sott'esse una panca di sasso quant'era larga la facciata, ed
in questa, all'altezza di dieci braccia, eran commesse tra le bugne
spranghe di ferro lunghe tre palmi, ripiegate all'insù, con un bocchino
in cima ove si piantavan, in occasione di feste, torchj o stendardi, e
dalle quali pendeva un grandissimo anello: sull'angolo poi del palazzo
era, all'altezza medesima, uno di que' lampioni pure di ferro, quali
ancora si vedono sugli angoli del palazzo Strozzi, opera del Caparra.
Al portone posto nel mezzo, si picchiava con due campanelle di bronzo
grandissime che pendevan dalla bocca di due maschere di leoni: ed a
veder come le imposte eran per tutto afforzate di chiodi e di lastre,
nasceva l'idea, che per i ladri una visita in quella casa non sarebbe
stato tempo perduto.

Entrando si trovava un androne la cui volta era a scompartimenti a buon
fresco, e che metteva in un cortile quadrato, intorno al quale, sotto
un atrio arioso e ben disposto, si vedean molte storie pure a fresco,
dell'epoca e della scuola di Masaccio. A metà dell'androne sopraddetto,
due porte davano adito al terreno. Quella a mano manca conduceva a
quattro sale ove Niccolò avea il fondaco, lo scrittojo, e v'attendeva
co' suoi giovani alle faccende mercantili: l'altra a destra serviva
d'ingresso al suo quartiere, che avea prescelto dacchè la vecchiaja,
benchè verde, gli avea però reso grave il disagio di far le scale. Il
primo piano era occupato dai figli: l'ultimo dalle figliuole e dalle
donne, che venivano così ad esser in luogo più guardato, e divise
affatto dal resto della casa.

La camera del vecchio (e dagliela con le descrizioni! dirà il
lettore.... ma come si fa a dipingere un gruppo di figure se non si fa
loro un po' di campo?) la sua camera dunque era in tutto appropriata
a chi l'abitava, cioè di stile grave e severo. Tesa d'un panno
d'arazzo di Fiandra, che rappresentava varj fatti della Bibbia, con
un soffitto di legno oscuro, a larghi cassettoni; non conteneva che
questo poco mobile; un letto di noce lucido, la cui camerella quadra
di sciamito pavonazzo, era portata da quattro colonnette piantate su
un soppidiano che a guisa di zoccolo o basamento circondava il letto
e serviva a salirvi: due cassoni di legno tutti intagliati a mezzo
rilievo (la moglie di Niccolò gli aveva recati in casa quando v'era
venuta sposa, e secondo l'uso d'allora, contenevano il corredo,) infine
molti seggioloni a bracciuoli di cuojo pavonazzo, fermato con borchie
d'ottone.

Accanto al letto era una nicchia nel muro alta quattro braccia dal
pavimento, nella quale stava appiccata una tonaca da domenicano;
sott'essa un'urna d'argento a modo d'un cofanetto, ed una lampada
appesa con una catena al soffitto le ardeva davanti. La tonaca era
l'ultima che avea portata fra Girolamo Savonarola (il cui ritratto si
vedeva attaccato alla parete vicina, chiuso in una cornice d'ebano) ed
era quella che gli avean tratto di dosso all'atto del suo supplizio:
l'urna conteneva le ceneri del rogo sul quale era stato arso, e
queste cose che Niccolò teneva quali reliquie d'un martire, e come
memorie d'un maestro e d'un amico, erano da lui guardate con tenera ed
altissima venerazione.

Pochi giorni dopo l'esequie di Baccio, egli era seduto dopo cena, ove
solea porsi sull'imbrunire, sotto la cappa d'un gran cammino, nel quale
ardeva un buon fuoco: avea intorno tutti i suoi di casa, ed alcuni
degli uomini che allora più potevano in Firenze, i quali spesso si
trovavan quivi insieme a veglia; non che Niccolò fosse allora d'alcun
magistrato, ma soltanto per l'affetto che gli portavano, pel molto
conto in che tenevano la sua pratica nelle cose di stato, e per la sua
autorità nella parte de' Piagnoni della quale potea dirsi l'anima ed il
capo.

V'era Bernardo da Castiglione, padre di Dante, odiatore ferocissimo
del nome Pallesco, ed uno dei più riputati della sua parte, quella de'
popolani, che volevano la più estesa democrazia, avversi perciò alla
setta degli Ottimati, della quale, come dicemmo, era stato capo il
gonfaloniere Niccolò Capponi.

V'eran due frati Domenicani, Fra Benedetto da Faenza, che abbiamo
trovato superiore di S. Marco, grandissimo uomo dabbene, e di assai
vaste cognizioni, sia nelle materie teologiche, sia nelle lettere
latine e greche; ma di natura troppo mite per quei tempi d'arditi e
tremendi consigli: e Fra Zaccaria da Fivizzano di S. Maria Novella,
predicatore facondo ed agitatore bollente del popolo, che era da lui
infiammato alla libertà coll'eloquenza incalzante e fatidica del
Savonarola.

V'era Francesco Ferruccio di mercante divenuto soldato, uomo che
si potea dir di ferro schietto anima e corpo; di que' tali che si
uccidono, ma non si vincono, nè si piegan giammai: di quelli che bastan
talvolta essi soli a ritardar la rovina degli stati; intrepido soldato,
capitano avveduto, fortunato nelle fazioni, rigido per la disciplina
ed inflessibile co' soldati, che ciò non ostante l'amavano, perchè lo
conoscevano al tempo stesso giusto e liberale. Caldo ammiratore de'
modi e della scuola di Giovanni de' Medici, capo delle bande Nere,
ch'egli studiava d'imitare, onde si diceva tra suoi ch'egli volesse
far troppo del sig. Giovanni; macchiò, dobbiam dirlo, tante virtù, con
qualche atto crudele; ma pensiamo ch'egli viveva nel secolo XVI, che
amava la sua patria, e che dovette vederne l'agonia lunga e dolorosa, e
prevederne l'inevitabil rovina!

Bernardo seduto accanto a Niccolò parlava seco sommésso, e pareva aver
appiccato ragionamento d'importanza. Fra Benedetto soprappensieri,
voltando al fuoco ora la palma ora il dosso della mano, veniva
appresso, ed alla sua destra, seguendo il semicerchio intorno al
cammino, era Fra Zaccaria, che fissando in alto due occhi neri tagliati
come quelli del Giove Olimpico di Fidia, si teneva la barba folta e
lunga colla mossa fiera ed ispirata del Mosè di Michelangelo. Francesco
Ferruccio, ritto nel mezzo, voltava la schiena al fuoco, e la sua ombra
vacillante a seconda della fiamma era portata sulla parete dirimpetto,
ove disegnava in dimensioni gigantesche l'alta e robusta sua figura.

Intorno, per la camera buttati sui seggioloni, e stanchi delle fatiche
del giorno, stavano Averardo e Vieri, figli di Niccolò, armati di loro
corsaletti. Bindo stava ritto accanto ad un desco ove Lisa e Laudomia
attendevano a preparare sfili e cucir fascie pei feriti: egli teneva
fra le mani un suo elmetto che aveva finito di forbire, e pur guardando
sott'occhio se il padre gli badasse, pregava sommesso Laudomia gli
trovasse un pajo di penne per farsene un cimiero. La giovane scrollando
il capo con un mesto sorriso gli accennava di tacere. Forse la vista
della buona spada di Baccio, al fianco del fanciullo, le rammentava il
fratello ucciso: forse l'occupavano pensieri ancor più angosciosi e
pungenti della mal consigliata ed infelice sorella.

Lisa era minore d'un anno, ne avea diciotto, ambedue potean dirsi
belle; ma all'aspetto ognuno avrebbe tenuto Laudomia per la più
giovane. Sul suo viso onesto e malinconico, nel muover tardo e soave
delle sue pupille azzurre, e fin nella voce e nell'atteggiarsi,
splendeva quel non so che virgineo ed illibato, che ogni occhio
discerne, ogni cuor sente, ed è pur impossibile definire: che
senza esser proprio d'un'età più che d'un'altra, senza appartenere
esclusivamente a nessuno stato, orna sovente il volto d'una madre di
molti figli, e si desidera indarno su quello d'una fanciulla: quel non
so che (se ardissi dirlo) che pare la beltà dell'anima trasparente
sotto il velo corporeo; che essendo cosa affatto distinta dalla
bellezza, però sempre o la rende irresistibile e divina, o la compensa
con usura: quello finalmente, che vendica persino gli oltraggi della
fortuna, facendo onorata ed augusta la povertà umile ed oscura.

Quest'aureola d'un'anima non mai contaminata da un pensiero di colpa,
facea del volto di Laudomia un volto d'angiolo; nè la sua vita era
stata punto difforme da ciò che mostrava il suo aspetto. Rimasta
a quindici anni orfana della madre, avea con prematuro giudicio
conosciuto, che a lei stava farne le veci colla sorella, e n'aveva
assunto, e mantenuto già molti anni l'impegno. Pel resto della famiglia
era si può dire il perno sul quale s'aggirava la somma delle cure
domestiche. Se poi v'era in casa qualche parola dispiacevole, Laudomia
con un motto detto accortamente, e a tempo, l'acchetava o la volgeva
in riso; chi aveva un affanno lo confidava a lei, che con que' suoi
modi amorosi pareva tosto lo facesse suo, dolendosi coll'afflitto,
ma trovandogli però sempre qualche ripiego o qualche consolazione.
Se v'era nulla da risolvere d'importante Niccolò sentiva lei più
d'ogn'altro, ed essa con parlar timido e diffidente di se, ma con
giudicio sicuro, quasi sempre s'apponeva nell'indicare il partito
migliore. Insomma e tra suoi, e fuori tra gli amici ed i vicini non era
detta altrimenti che _l'Angelo de' Lapi_.

Circa un pajo d'anni prima d'ora avea notato spesse volte un giovane
vestito alla foggia de' gentiluomini, che passava quasi ogni giorno
sotto le finestre di casa ora solo ora con suoi amici, spesso ancora
su un suo bel giannetto col quale si maneggiava mirabilmente, e le
era venuto detto colla Lisa che le sedeva accanto lavorando, _Che bel
giovane_, ma senza pensar più in là e come avrebbe detto _che bel
fiore_; ed ogni qualvolta veniva a passare, lo guardava con piacere e
senza sospetto come avrebbe guardata una giovane di consimili bellezze.
Un giorno i Magnifici Alessandro ed Ippolito de' Medici cavalcando per
la città capitarono sotto casa i Lapi, e le due sorelle videro con
qualche maraviglia quel giovane andare a paro con loro. Tutti e tre a
un punto alzarono il capo affissandole; poi quando furon passati, or
l'uno or l'altro si volgeva e ridevan tra loro.

Laudomia che s'era affacciata si ritrasse indietro e per la prima volta
arrossì: le parve quelle risa l'offendessero, e provava quasi un senso
d'umiliazione e di rimorso senza saper perchè. In ogni modo, docile a
quella interna misteriosa voce che per le giovani è pur guida saggia e
sicura quanto l'esperienza, e vien detta il Pudore, d'allora in poi,
quando venivano a passar cavalli, non s'affacciò e non guardò più in
istrada.

Ma la povera Lisa benchè ammonita dalla sorella a far lo stesso,
testina com'era, fece pur troppo altrimenti. La prima volta aveva come
Laudomia guardato il bel giovane; in appresso, senza volerle dar retta,
quando sentiva nascer lontano lo strepito del cavallo sul lastrico
abbassava il capo, arrossiva, e fattasi alla finestra pareva guardasse
tutt'altro, lasciando però cader l'occhio tratto tratto sul cavaliere
che passava.

La buona Laudomia non penò un pezzo ad avvedersi di ciò che v'era
sotto: ne toccò leggermente con poche parole la sorella, che se l'ebbe
quasi per male negando risolutamente: ma il suo viso era divenuto come
una vampa di fuoco. Laudomia conobbe come stava la cosa e tacque.

Ben sapeva che aveva un capo da non guidarsi con un fil di seta.

Difatti il cuor della Lisa era buono, l'animo generoso e leale, ma la
madre, che la teneva un portento e si struggeva di qualunque cosa le
venisse fatta o detta, non avea conosciuto, o troppo tardi, quanto
funesto sia quell'amore, che per risparmiare qualche lagrimetta ad una
fanciulla, trascura d'avvezzarla a non creder che ogni cosa ed ognuno
debba sempre piegarsi alle sue voglie. Usa a volere fin da piccina,
non potea patire che non le si andasse a versi: usa alle lodi, (e
potean dirsi adulazioni) della madre, ogni minima correzione che altri
s'attentasse a farle, stimava nascesse da malevolenza; e dove una
direzione saggia ed autorevole avrebbe potuto renderla donna d'alto
pensare, e d'animo costante, lasciata in balìa di se stessa s'era fatta
piuttosto altera ed ostinata.

Intanto da quelle prime parole in poi dette da Laudomia alla sorella
sul fatto del giovane, mai più erano entrate su questo proposito. E
siccome fra due persone che sogliono dirsi scambievolmente ogni loro
pensiero, nulla tanto genera freddezza, quanto l'avere una corda che
da ambedue si sa non doversi toccare, così era nata tra loro, non
dirò ruggine precisamente, ma insomma ognuna non vedeva più l'altra
coll'occhio di prima.

Laudomia sapeva troppo che parlare alla sorella del suo amore
(quantunque inesperta s'avvedeva bene che amore doveva chiamarlo) e
non mostrarsele favorevole, era andar a rischio senz'altro frutto,
d'allontanarsela affatto. Parlar contro coscienza e lusingarla, non
era capace d'averne neppure il pensiero; onde taceva e badava a pregar
Iddio la salvasse da tanto pericolo.

Ma ogni giorno più s'andava avvedendo che le sue preghiere non eran
esaudite, e che il cuor della Lisa diveniva sempre più infermo. La
vedeva a mano a mano venirsi cambiando ne' modi e nell'aspetto, e
trascurare ciò che sin allora le era piaciuto: certi bei fiori che
teneva sul terrazzo dell'ultimo piano e de' quali, coltivandoli di
sua mano, avea preso sempre grandissimo piacere, appassivano per non
venir annaffiati. Un piccolo uccellino che era il suo caro ebbe quasi
a morire, che per due giorni era rimasto senza panico. E ciò, che più
di tutto rammaricava la Laudomia, la vedeva trascurare gli atti della
religione, o andar molto rimessa nel modo d'adempierli. Ognuna di
queste osservazioni era una puntura al cuore dell'ottima Laudomia.

Venne intanto il giorno di Calendi-maggio, festa che si celebrava in
Firenze dalle Potenze e dalle giovani specialmente con balli ed altri
spassi; e vestite de' migliori panni, incoronate di fiori, concorrevano
a veder giostrare, correre la chintana, o far al calcio. Lisa e
Laudomia andarono a veder la festa con una loro parente, e trovandosi
in piazza S. Croce, in una gran folla, che è, che non è, la Lisa non si
vide più; nè per quanto la cercassero venne lor fatto di rintracciarla.

Tornò però a casa poco dopo di loro, e se Niccolò e gli altri non ne
fecero gran caso come d'accidente assai ordinario in quelle confusioni,
Laudomia, ancorchè non lo dicesse, l'intendeva altrimenti, e le si
avvolgevano per la mente mille sospetti. Ma essa ne sapeva più degli
altri. Per tutta quella sera la Lisa, ancorchè facesse ogn'opera per
parere come al solito, non potè però nascondere all'occhio indagatore
della sorella un certo sbigottimento, un non so chè di nuovo nella
guardatura ed in tutta la persona.

Laudomia notando questi sintoni d'un amore sempre crescente che la
tenean ravvolta tra mille oscuri e dolorosi sospetti avea giusti motivi
di provarne amarissima afflizione. Vedeva troppo bene che non era da
sperarne virtuoso fine. Il giovane era di parte Pallesca: di quella
parte, che aveva recato al padre ed a tutta la sua casa infiniti mali,
che s'era sempre mostrata nemica delle antiche leggi, e dell'antica
libertà di Firenze. Era pur da supporre che Niccolò volesse aver per
genero uno di quella setta? Aggiungi a tutto ciò, che la giovane
domandando destramente e senza far parer di nulla ai fratelli o agli
amici di casa qual fosse costui, aveva udito sul fatto suo cose che
molto le dispiacevano. Ch'egli era un Messer Troilo degli Ardinghelli,
cagnotto de' Medici, uomo cortigiano e di rotta vita.

A questi motivi che riguardavano gl'interessi della famiglia e della
parte, un altro se n'aggiungeva intimo e domestico.

Nel fondaco di Niccolò lavorava un giovanetto di prima barba che sin
da piccolo fanciullo s'era allevato in casa ed avea nome Lamberto.
Costui era nato molto umilmente. Suo padre, lavorante dell'arte di Por
S. Maria[19], per la sua fede e per esser di buonissimo ingegno era
venuto in grado a Niccolò, che di povero operajo, l'aveva tirato su
fino a costituirlo capo d'ogni sua faccenda. Quest'uom' dabbene pagò
col sangue gli obblighi ch'egli aveva al suo benefattore.

Quando, addì 6 di aprile del 1498, i nemici di Fra Girolamo assaltarono
il convento e la chiesa di S. Marco, moltissimi Piagnoni, e fra
essi Niccolò, con Pietro padre di Lamberto, concorsero, e vi si
rinchiusero per difenderlo. Durò la battaglia molte ore della notte,
essendo quei di fuori in gran numero, e combattendo con armi d'ogni
sorta, con archibusi e sassi, e facendo quei di dentro grandissima
resistenza, non altrimenti che s'usa nell'espugnazione d'una rocca.
Il padre co' suoi frati, dopo esser andato processionalmente per
tutto il convento, si ridusse in chiesa e, preso nel tabernacolo il
Sacramento lo pose sull'altare, e messisi quivi in orazione cantavano
tutti insieme «_Salvum fac populum tuum domine et benedic haereditati
tuae_» aspettando di punto in punto il martirio. Benchè il padre non
volesse consentire che s'usassero l'armi per difenderlo, Fra Domenico
da Pescia, e molti nobili cittadini, fra quali erano Francesco Valori,
Battista Ridolfi e T. Davanzati, si strinsero intorno e deliberarono
ribatter coll'armi i loro avversarj, i quali consumata col fuoco la
porta della chiesa, alla fine v'entrarono in folla attaccando battaglia
di mano, furiosissima co' Piagnoni e co' frati, la quale durò molte
ore. Un novizio chiamato Herico, tedesco, salito sul pergamo con un
archibuso ammazzò di molti nemici, ed ogni volta che dava fuoco diceva
anch'esso «_Salvum fac Populum tuum domine ecc_.» Ed un frate de'
Biliotti con un crocifisso di ottone cavò un occhio a Jacopo di Tanai
de' Nerli, e ciò sia detto per dar idea quali fossero codesti tempi.

Niccolò, che aveva allora 58 anni, combatteva in mezzo alla chiesa
rimpetto l'altare della Madonna, ed aveva allato il suo fedel Pietro
(così aveva nome il padre di Lamberto) il quale avvistosi d'un tale cui
Niccolò non poneva mente, che con un partigianone gli menava un gran
colpo che l'avrebbe passato banda a banda, non trovando altro modo a
ripararlo si gettò frammezzo, e ricevette nel petto il ferro che gli
uscì per la schiena, ed il suo sangue innondò da capo a piedi Niccolò.

Corsero alcuni frati, come usavano con chi cadeva, e raccolto il ferito
lo portarono presso l'altare ove, presa con grandissima letizia la
comunione, e ringraziato Iddio di quella morte, volse a Niccolò, che
gli reggeva il capo non senza lagrime, gli occhi moribondi, e gli
disse: «Io lascio la Nunziata ne' setti mesi.... vi sia raccomandato il
mio figliuolo, o figliuola che sia....» e senza poter dir altro rese
l'anima a Dio.

Da quel punto, come ognuno può immaginare, egli tenne cura grandissima
della Nunziata, e Lamberto nato due mesi dopo, trattò poi sempre come
se gli fosse stato figliuolo: e trovato che facilmente apprendeva, lo
fece ammaestrare tanto che fatto esperto in sulle scritture gli diede a
tener i suoi libri con buona provvisione, pensando giorno e notte qual
modo avesse a tenere per fargli uno stato e rimeritar per cotal via il
grand'obbligo che aveva col padre. Niccolò era ricco mercatante, perciò
avrebbe potuto dire a Lamberto, togli questo tanto in danari e fa i
fatti tuoi. Ma gli pareva prima di tutto che obblighi di quella fatta
mal si potessero compensare colla sola moneta; poi trovandosi molta
famiglia gli pareva fosse anche ingiusto sminuire l'avere de' suoi
figli per una cagione che a lui solo si riferiva.

Gli era nato il pensiero di dare a Lamberto una delle sue figlie con
tal dote che stesse bene, così veniva a salvare tutti i rispetti. Ma
quantunque il giovane, che era già oltre i vent'anni, fosse tale da non
temere un rifiuto da nessuna fanciulla, Niccolò aveva però troppo senno
e troppa giustizia per voler ordinar tal parentado senza conoscer prima
ben bene il cuore e la volontà di chi lo doveva contrarre. Muovere i
primi passi e proporlo egli stesso non gli pareva ci stesse dell'onor
suo, onde dato tempo al tempo aspettava che una qualche occasione
favorisse l'adempimento di questo suo disegno.

Che Niccolò avesse in animo di far Lamberto suo genero, senza curarsi
ch'ei venisse di sì povero stato, non poteva recar maraviglia a chi li
conosceva ambedue. Il vecchio non era di que' tali che sono avversi
all'aristocrazia de' nobili perchè l'invidiano, e che la vogliono
spenta per occuparne il luogo. Egli teneva ogni uomo figlio delle
proprie opere, lo stimava a norma delle sue virtù, e perciò giudicava
sempre pericolose ad una città quelle sette o vuoi di grandi, o vuoi
di popolani, o mercanti, o di qualunque altra generazione esse siano,
che ristringendosi insieme, e separandosi dagli altri cittadini,
schifando imparentarsi con chi non sia de' loro, usando atti violenti
e portamenti superbi, cercano ottener autorità, ricchezze ed onori,
non per veruna particolar virtù che sia in loro, ma pel solo accidente
d'esser nati in codesta loro setta, o d'appartenerle in qualunque modo.

Ma quanto sono rari gli uomini che, simili a Niccolò, detestino gli
abusi per solo amor dell'equo e dell'onesto, e non pel timore di
riceverne danno o pel dispetto di non potersene valere ad opprimere
altri!

Lamberto poi dal canto suo avrebbe meritato di esser posto tra le
eccezioni anche da un padre che stimasse i natali e le ricchezze più
che non facea Niccolò.

Se il lettore desidera figurarsi il ritratto di Lamberto, immagini un
giovane alto di statura, ed atto per l'ottima proporzione delle membra
a tutto quanto può imprender l'uomo, che richiegga forza e destrezza.
E ciò basti circa il fisico. Nella parte morale, la natura l'aveva
favorito con quel dono che riserba a suoi più cari, a quelli che senza
distinzione di stato o di fortuna ella destina alle maggiori imprese;
dono che può nominarsi l'amore, anzi la smania della perfezione, seme
fecondo delle belle azioni e delle grandi virtù, e di tutto quanto è
di sublime nell'umano operare. Giudice severo, che dice all'orecchio
dell'uomo applaudito _Tu potevi far più_, sprone che punge sempre chi
è nato per sentirlo, perchè in ogni cosa, in ogni atto vede quanto è
più lunga la strada da farsi per giungere alla perfezione di quella già
fatta; tormento dell'anima ed insieme la sua vita, il fonte di tante
dolcezze, Sarebb'egli forse l'impressione rimasta nell'uomo da quel
soffio divino col quale Iddio l'ha chiamato dal nulla?

Questa nobil passione, che in Lamberto andava divenendo più fervida
col crescer degli anni, l'aveva eccitato a profittare con ogni studio
della ventura di venir allevato in una casa dove eran a sua portata
tutti i mezzi di educarsi a quelle discipline che procurano il perfetto
sviluppo delle qualità fisiche e morali. Presago forse che la sua vita
non avrebbe avuto a consumarsi tutta in un fondaco, s'era ingegnato
rendersi pari ad una più splendida fortuna, raffermandosi la sanità
e le forze con ogni sorta d'esercizj cavaliereschi, ne' quali era
riuscito mirabile sopra ogni altro; e maturandosi il senno colla
lettura degli storici principalmente, ai quali unendo i ragionamenti
che udiva farsi in casa da Niccolò e da quelli uomini di stato che vi
concorrevano, era venuto a formarsi un capitale di sode e variate
cognizioni, per le quali e per l'abito fatto fin dall'infanzia di non
far atto, non accettar opinione senz'avervi prima molto pensato, venne
a trovarsi uomo in quell'età in cui molti altri sono poco più che
fanciulli.

È vero altresì, per non tacere de' suoi difetti, che appunto per quel
suo amore del bello e del perfetto, egli facilmente e con incredibil
veemenza s'infiammava di quelle cose e di quelle persone, ch'egli si
immaginava avessero alcun che di grande, e colla calda fantasia se
le dipingeva d'una perfezione molto maggiore che non era in effetto:
conoscendo poi (come suole accadere sempre) d'essersi o in parte
o totalmente ingannato, passava dall'immoderata ammirazione ad un
immoderato dispregio.

Nè sarà forse fuor di proposito l'osservare, che se i giovani di mente
fervida e di cuor generoso come Lamberto si potessero premunire contro
questa smania di giudizj avventati ed eccessivi, eviterebbero molti
errori, non avrebbero a rimproverarsi molte ingiustizie, ed i mali che
ne sono la conseguenza; ed il disappunto delle illusioni svanite non
farebbe loro concepire contro l'umanità quell'odio cieco ed orgoglioso,
che ha forse prodotte molte belle declamazioni poetiche, ma non ha mai
reso gli uomini nè più virtuosi nè più felici.

Si potrebbe anzi dimostrare che invece li ha fatti più duri per gli
altri e più amanti di sè, togliendo loro il conoscere una verità
trivialissima e palese ad ogni cervello riposato, che se al mondo
sono molti bricconi, son pure molti galantuomini, e gli uni e gli
altri, compresivi anche questi feroci odiatori della nostra specie,
fanno promiscuamente delle cose buone e delle corbellerie, onde alla
fine tutto poi si riduce ad aver la santa flemma di segregare le une
dalle altre, lodar il bene, biasimare il male; compianger gli uomini
che per loro natura debbono ondeggiar sempre in tra due; e finalmente
ammonirli ed ajutarli se si può, invece di strapazzarli e di maledirli
inutilmente.

Queste riflessioni sarebbero però state affatto inutili per Lamberto.
Egli aveva incontrato pochi guai, e trovato invece nella famiglia del
suo protettore infinite carezze, il suo carattere non avea perciò avuto
motivi d'inasprirsi, e non ostante il difetto che gli abbiamo apposto,
la sua aggiustatezza, i suoi modi affettuosi ed onesti, e la tenera
gratitudine che mostrava a Niccolò, gli avevan compro l'amore del
vecchio, de' figli e di tutti quanti lo conoscevano. V'era però in casa
tal persona che l'amava senza esserne forse neppure avveduta, in modo
diverso dall'altre, ed era Laudomia.

Per verità, se mai due cuori dovevano incontrarsi, i loro erano quelli.
Ma Lamberto quantunque si sentisse portato verso di lei dalla simpatia
che nasce dalla somiglianza de' caratteri, era però rattenuto da quello
splendore puro e verginale che appariva in essa, pel quale veniva a
giudicarsi troppo inferiore a cosa tanto alta e divina.

Rade volte la vedeva, e più rado le parlava, e gli parea persino
Laudomia l'avesse in poco conto, e lo sfuggisse. Il timido ed onesto
giovane pensava «merito forse un suo sguardo?» Ma la figlia di Niccolò
era lungi dall'averlo in dispregio, e lo sfuggiva per quell'intimo
senso di pudore che era sua guida.

Lisa invece teneva con Lamberto altri modi. Lo trattava con quella
sicurtà confidente, di chi è certo non gli si trovi a ridire. L'anima
amorosa e candida di Lamberto era in quella stagione ove tanto
facilmente s'apre all'amore, come all'aura d'una nuova vita: ove il
potere di questo si fa sentire prima d'aver trovato l'oggetto su
cui fermarsi. Tempo pieno di perigli, d'angosce, di dolcezze e di
trepidazioni, ove l'uomo è quasi sempre colto al primo laccio ed
allettato dalla più agevol'esca. Tutto sta a non capitar male!...

Il cuor del giovane che non avea osato innalzar i suoi voti sino a
Laudomia, si volse a Lisa appoco appoco senza quasi avvedersene e
volerlo, e finalmente se le diede vinto, ponendo in essa sola ogni suo
bene ed ogni suo pensiero.

Quel senso avveduto e sottile che la natura ha posto in ogni donna, e
che precede l'esperienza, mostrava a Lisa benchè giovanetta qual fosse
per lei il cuor di Lamberto. Essa godeva di sapersi amata. E qual
cuore umano non ne gode, sia pure illibato ed innocente? Ma questa
compiacenza era forse per essa più di amor proprio che di cuore.
Sentendo molto altamente di se, aveva caro codesto amore come una
prova di più di quanto valesse: se si vuole avea caro anche Lamberto;
l'avrebbe fors'anco amato perdutamente, ma non poteva capirle in mente
l'idea di divenir moglie di chi passava la vita sua col braccio in mano
a misurar broccato.

Lamberto poi, che per natura e per sapersi persona cotanto umile già
dubitava di sè, parte immaginando i pensieri della giovine, talvolta
usciva di speranza affatto, talvolta vedendosi tanto accarezzato da
Niccolò e trattato come un figliuolo, un poco si riconfortava, ed il
vecchio, che pure per quanto glielo concedevano i suoi molti pensieri,
s'ingegnava scoprire qual fosse il cuor della figlia pel suo Lamberto,
fatto quasi certo che tra esso e la Lisa qualche cosa ci fosse,
procurava senza troppo aperte dimostrazioni di lasciar però conoscere
ch'egli non avrebbe posto ostacolo alla loro unione.

Alla fine, un giorno ch'egli era solo in camera con ambedue, essa a
caso uscì, e Lamberto non pensando di venir osservato le tenne dietro
col guardo: con un guardo che assai diceva. Niccolò sorridendo, e
postagli una mano sul capo gli disse: «Lamberto, io ti voglio quanto
bene io ho, perch'io ti conosco intero uomo dabbene, e sappi che
per dar marito alla Lisa io non guarderò che sia ricco nè che sia
di gran casato; ma che sia un giovin dabbene e che le piaccia» e
soprastato così un momento, guardando amorevolmente il giovane che
avea il viso come una brace, ripetè ancora «che le piaccia, tu m'hai
inteso.» Niccolò era già uscito di camera, che Lamberto aveva ancora
a batter palpebra, ed a muoversi, tanto gli parea di sognare. Alla
fine riscossosi, e pazzo per l'allegrezza disse «ora s'io non saprò
guadagnarmela avrò a dolermi di me.» Ma ad avvelenar questa gioja gli
sovvenne ad un tratto, ciò che gli era parso indovinare, che la Lisa
fosse troppo altera per porre l'amor suo in basso luogo, e per la prima
volta in vita sua si sentì offeso dell'oscura povertà de' suoi natali:
per la prima volta pensò sospirando «Oh fossi nato un signore!» Ma
tosto quasi facendo vergogna a sè stesso di questi inutili rammarichi,
diceva scuotendo il capo: «Non son io forse un uomo come un altro?» e
colla fervida fantasia vedeva quasi schierarglisi innanzi quanti in
Italia per le loro virtù eran di povero stato, saliti in grado ed in
autorità. Rammentava quanto aveva letto di Castruccio, d'Uguccione
della Faggiuola, e di Sforza, e del Carmagnola, e di tant'altri, e
prendendo per se quel passo del Purgatorio di Dante, esclamava Son io
pure «di quel paese

         ....ove un Marcel diventa
  Ogni villan che parteggiando viene.»

Passando poi da un'idea all'altra vieppiù si confermava in questi
pensieri così ragionando: «Niccolò, è vero, mi darebbe la Lisa,
perchè son figlio di chi ha dato il sangue per lui, ma non per questo
tralascerà di conoscere che io son nato d'un povero operajo, e che
potrebbe, purchè volesse, dar la Lisa al primo uomo di Firenze, e
gliene saprebbe il buon grado.»

L'animo di Lamberto nobilmente altero si sdegnava all'idea che
il suo benefattore, che la Lisa, non avrebbero però mai cagione
di andar superbi di lui, e riscaldandosi in quest'immaginazione
gli pareva già veder Laudomia sposa d'un qualche grande, e che il
cognato si vergognasse del povero Setajolo, che gli amici e le
brigate lo lasciassero da canto, che la sua Lisa (secondo il solito
se la dipingeva una perfezione) offesa da questi sprezzi lo volesse
difendere, avesse a farglisi sostegno, quasi a proteggerlo!....
quest'idea lo trafisse a un tratto così amaramente, e passar la vita
a quel modo gli parve cosa tanto dolorosa e vigliacca, che con subita
risoluzione fermò in cuor suo di voler ad ogni costo prepararsi quella
che si sentiva poter meritare. Pieno d'ardire e di speranza si vide
a un tratto apparire innanzi agli occhi come una scena nuova tutta
piena e risplendente di fatti d'arme, di vicende e di gloria; in fondo
alla quale vedeva se stesso chiaro nella milizia, signore di castella,
onorato e potente, e la Lisa tenuta in conto di gran signora, ed
invidiata dalle compagne e dalle amiche; ebbro di queste seducenti
immagini, conoscendosi saldo d'animo e di corpo, atto d'ogni difficil
cosa, esclamava, quasi sdegnato di non aver avuto prima cotali pensieri:

«Pur beato ch'io m'accorsi alla fine d'aver cuore e braccio al pari
d'ogni uomo!» e soggiungeva: «Se Iddio m'ajuta come m'ajuterò da me,
Niccolò non avrà ad arrossire di suo genero, nè la Lisa ad invidiare
altra donna.»

Il disegno di Lamberto di darsi al mestier dell'armi non era in quel
secolo privo d'una certa probabilità che venisse a riuscire ad una
splendida fortuna; ben inteso che chi vi si metteva avesse ad un grado
eminente le doti che rendono atto a tale ufizio, e che una palla
d'archibuso non gl'impedisse troppo presto di farle valere. Durava
ancora per la milizia il costume de' condottieri, ed era libero a
ciascuno di divenirlo, purchè salisse in tal riputazione tra la gente
d'arme che molti si contentassero d'averlo per capo. Ogni soldato,
facendo il mestiere per propria scelta, e come un modo d'arricchire
e salir in grado, concorrevano in maggior numero a quel condottiere
col qual si ripromettevano miglior fortuna. Esso poteva, accettando e
rifiutando a sua posta, farsi una compagnia scelta; e questo modo di
formar l'esercito avea di buono, che nessuno senza esser valente della
sua persona, e senza grand'esperienza nelle cose di guerra non giungeva
al comando.

Ma al momento di mandar ad effetto le sue risoluzioni, un pensiero gli
si parò d'innanzi, se non come ostacolo insuperabile, almeno come una
difficoltà, che sempre è più grave, quanto più è virtuoso l'uomo che
l'incontra. Lamberto aveva ancor sua madre. Essa era, prima di prender
marito, una buona contadina di quel di Lucca, e venuta a Firenze con
Piero, era stata seco molt'anni prima che le nascesse Lamberto. Si
sarebbe potuto applicarle l'elogio racchiuso in quelle quattro parole
che serviron d'epitaffio ad un'antica dama Romana:

  _Domum mansit=Lanam fecit_[20].

Ma mi pare di sentire qualcuna delle mie leggitrici, se avrò la fortuna
di trovarne, dire sorridendo «già noi povere donne non abbiamo ad esser
buone ad altro che a star a casa a filare!»

Ah care le mie donne! (già suppongo che siamo d'accordo sul non prender
letteralmente le parole dell'epitaffio) se sapeste quanto vi rende
grandi, nobili, importanti ai miei occhi, l'incarico a voi commesso
dalla provvidenza nel mondo!

Se il vero bello, il vero grande, l'importante finalmente ha a
misurarsi dall'utile e dalla virtù, chi potrà credersi più importante
d'una buona moglie, d'una buona madre? Chi regge i primi passi, chi
consola i primi affanni di questi uomini superbi, che cresciuti poi
si tengono dappiù di voi, ed a voi pure debbon ricorrere se voglion
trovare sollievo alle miserie della vita? Chi al par di voi è capace
viver vita di sagrifici, immolarsi del tutto al bene, alla felicità
della persona cui donaste il vostro amore? Gli atti d'eroismo presso
gli uomini sono sempre sostenuti dagli applausi e dalle lodi: per voi
invece quanto può operar d'arduo e di grande la virtù in un cuore
umano, resta il più delle volte ascoso ed obbliato tra le pareti
domestiche. E se ciò non ostante siete virtuose ed utili, qual gloria,
qual merito maggiore!

Se sapeste quanto stia in vostra mano il bene dell'umana società, che
tutto è posto alla fine nel bene delle famiglie! Se sapeste quanto da
voi dipenda far gli uomini generosi, arditi, amanti della patria, farli
umani, operosi, sapienti, fargli gentili e costumati, non invidiereste
al nostro sesso i tristi privilegi d'ammazzar uomini in battaglia, o
coll'ampolle e le ricette, che sono i due modi approvati per mandarli
all'altro mondo; di tormentarli, o rovinarli coi codici, le cause e
mille malanni; di torcer loro il giudicio, e gabbarli coi libri.... e
Dio voglia che la gentil leggitrice non aggiunga del suo «e di farli
sbadigliare con dei racconti simili a questo!» Ma non voglio supporla
ingrata: che se le donne non son dalla mia questa volta, non c'è più
speranza. Ora torniamo alla madre di Lamberto.



CAPITOLO IX.


Essa era stata sempre non solo moglie fedele ed illibata, che se ciò
basta ad un marito quanto all'onore, non basta quanto alla felicità,
ma avea saputo, nei limiti angusti d'una povera casa, esser massaja
senza miseria, provvedendo che il marito ed una fanticella non patisser
di nulla, e potessero anche mostrarsi onorevolmente vestiti secondo
lo stato loro. Ciò non ostante ad ogni fin d'anno trovava il modo
di riporre qualche danaro pei casi impensati. Dove non giungeva la
provvisione che veniva pagata a Piero da Niccolò, cercava supplire col
lavoro dell'aspo, che facea girare tutto il giorno e parte della notte
talvolta; tantochè le vicine, quando sgridavano i loro bambini perchè
eran frugoli, che non istavan mai fermi, dicevan loro «Tu sembri l'aspo
della Nunziata.»

È vero che la buona donna conscia dell'ottimo ordine col quale
governava la casa, si lasciava andare a brontolar un poco quando tra
i suoi sudditi appariva qualche segni di ribellione. Ma siccome
e sudditi e governo, eran d'accordo in sostanza, e contenti per
l'essenziale gli uni dell'altro, accadeva nella famiglia di Piero,
come in Inghilterra, che se talvolta sorgon contese, nessun però vuol
mai spinger la cosa al punto di capovolgere del tutto lo stato. Se il
paragone è un po' troppo disuguale per le dimensioni, l'importanza
relativa è all'incirca la stessa, perciò preghiamo il lettore ad
ammetterlo.

Finchè era vissuto Piero le cose erano andate così. Dopo la sua morte
Niccolò s'era a suo tempo tirato in casa il picciol Lamberto, ed
accomodata la Nunziata d'una casetta ch'egli aveva poco lontana dietro
S. Lorenzo, ove la buona donna, quando le furori cresciuti gli anni e
sopraggiunti gli acciacchi della vecchiaja, potè rallentare un poco
il lavorìo dell'aspo, stante gli ajuti di Niccolò, de' quali si può
dire vivea quasi interamente. La sua casa consisteva soltanto in una
camera ed una cucinetta: ma siccome sempre la Nunziata s'era dilettata
dell'ordine e della pulizia, la teneva rassettata e netta come uno
specchio.

Sul letto, sempre rifatto che non faceva una piega, era sparso qualche
fiore come s'usava allora in Firenze: appiccate al muro, sopra il
capezzale, molte cosarelle di divozione; il ramo d'ulivo, il palmizio,
il cero pasquale, e madonnine e santini. Nell'altro lato della camera
uno scaffale con suvvi disposte in ordine stoviglie di terra e di
stagno che splendeva come fosse argento, e tra mezzo molte fronde
d'alloro: un desco, qualche sedia, l'aspo, compagno indivisibile di
tutta la vita, ecco qual era la camera della Nunziata. La sua persona
piccola ed asciutta come colei che avea durata troppa fatica alla vita
sua per poter ingrassare: i panni ruvidi ma ben composti senza una
macchia.

La buona vecchierella viveva felice in quella casetta senz'altra
compagnia che d'un gatto nero, il quale poteva dirsi più compagno che
soggetto, a veder quali modi teneva in tempo di pranzo e di cena.
Essa si cucinava e si serviva da se, soltanto le vicine, ora l'una
ora l'altra, vedendola vecchia ed inferma, attingevano l'acqua che le
bisognava, per loro amorevolezza non per mercede: giacchè generalmente
i poveri tra loro (aprite gli orecchi, ricchi e signori!) quando non
possono ajutarsi coll'avere, s'ajutano colle braccia.

Nella sua solitudine raramente interrotta, la buona vecchia aveva però
un pensiero vivo, incessante, che l'occupava tutta: quello del figlio.
Cominciando dall'allevarlo col proprio latte, e su via via per gli
anni dell'infanzia, dell'adolescenza e della gioventù, s'era ingegnata
con tutti quei modi che le suggeriva il suo amore, di dargli tale
avviamento ch'egli avesse per prima cosa a riuscire un uom dabbene, e
potesse poi godere di tutta quella felicità che era compatibile colla
sua povera fortuna. Al modo che lo vedeva stabilito in casa i Lapi le
pareva che tante cure e tanti pensieri avessero pur servito a qualche
cosa: ed ora faceva di tutto onde Lamberto coi suoi portamenti venisse
ogni dì più avantaggiando i fatti suoi. Quando un bel giorno ecco che
egli le confida il suo amore per la Lisa e le speranze che nutriva:
la buona donna, che non sapeva immaginare al mondo altro di grande,
di ricco, di potente che la casa Lapi: cui pareva già toccar il ciel
col dito vedendovi il figlio costituito in ufficio poco più che di
servo, conoscendo di giunta che testina avesse la Lisa, si sbigottì
tutta tremando che con quest'amore il figlio non venisse a far isdegnar
Niccolò, e guastar in tutto i fatti suoi, onde prese a mostrargli
quanto pericolo fosse in simil cosa, e molto lo pregò a volersene
togliere, e sospirando, diceva: «Se almeno avessi posto in Laudomia
l'amor tuo: Cotesta, figliuolo, farebbe per te, ma non è tua pari,
neppur essa. Pensaci Lamberto!»

Nunziata, come tutte le donne avanzate in età, che standosene sole
tutto giorno, se hanno cosa alcuna che le tenga in sospetto, a furia di
fissarvi sopra il pensiero, si scaldano il cervello, e se la dipingono
mille volte più terribile e pericolosa che non è in effetto, viveva in
grandissima sollecitudine pel figlio; e quando questi veniva a passar
qualche ora con lei, s'ingegnava con quelle ragioni, e quelle carezze
che sa trovar una madre amorosa, di fargli entrare quei consigli
ch'ella stimava fossero pel suo migliore.

Le cose erano a questo termine quando il discorso di Niccolò cambiò in
certezza la speranza di Lamberto e lo spinse a quelle risoluzioni che
abbiamo accennate.

Ma come annunciarle alla madre? Come separarsi da lei, e forse per
sempre? Come dire a lei, vecchia inferma, amorosa sopra tutte le madri
«_Vi lascio e vado in guerra_?» Lamberto, quantunque in molto travaglio
per queste idee, non si smarrì.

Sapea che la madre, come tutte le donne del secolo XVI, era assuefatta
all'idea che è cosa virtuosa e virile talvolta il prender l'armi, e
che lo sconsigliarne i mariti ed i figli, ove abbiano onesta cagione
d'impugnarle, è atto vile e dappoco. Di fatto la Nunziata cresciuta in
tempi torbidi e travagliati, aveva, e per le cose vedute e pei discorsi
uditi continuamente, avvezzato l'animo alla lunga a pensieri forti
ed arditi; onde quando Lamberto, dopo averle replicate le parole di
Niccolò, le aprì il cuore interamente dicendole quanto avea fermato
d'eseguire, con tutte le ragioni ed i rispetti, che aveva lungamente
pesati in cuor suo, bensì sulle prime parea non sapesse risolversi
a tanto sagrificio, ma poi a poco a poco si diede se non contenta
almeno rassegnata alle ragioni del figlio. Essa era povera, non avea
lettere, ma era capace di que' pensieri generosi che germogliano in una
bell'anima anche senza l'ajuto de' libri. Passato quel primo sgomento,
e considerando più pacatamente la cosa, le piacque l'idea di Lamberto
di non accettare una tanta ventura prima d'essersene reso degno.

Sentì un nobile orgoglio pensando che il figlio diverrebbe genero
d'uno de' primi cittadini di Firenze, senz'esserne obbligato soltanto
alla sua umanità: che a quell'uomo dal quale s'eran ricevuti continui
beneficj senza mai poterli menomamente ricambiare, si potrebbe pur alla
fine render merito in qualche modo, o mostrare almeno d'avervi posto
ogni studio, onde se v'era difetto s'attribuisse alla fortuna e non
a viltà di pensieri. Insomma la partenza di Lamberto venne risoluta
d'accordo.

Mentre segretamente si metteva in ordine di panni, d'arme e dell'altre
cose che gli bisognavano, parte spendendo de' suoi danari, parte di
quelli della madre, che in questo suo bisogno gli volle donare tutt'i
risparmi fatti in tanti anni; una parola uscita di bocca alla Lisa lo
confermò sempre più nelle sue risoluzioni, e ne affrettò l'esecuzione.
L'udì un giorno, parlando co' fratelli d'un giovane loro parente che
attendeva allo studio delle leggi, dire: «Quanto a me non mi pare
uomo chi non vedo a cavallo colla corazza sul petto.» Queste parole
suonarono all'orecchio di Lamberto come gli avesse detto «_Ora se vuoi
avermi tu sai quel che hai a fare_».

Due giorni dopo sulla prim'alba il giovane coperto di tutte arme
picchiava all'uscio della Nunziata, per abbracciarla e domandarle la
benedizione. Il lettore potrà facilmente immaginare gli atti e le
parole d'ambedue senza che prendiamo a descriverli minutamente. Al
momento di dividersi, la povera vecchia preso tra le mani scarne e
tremanti il capo del figlio, che avea posto in terra le ginocchia,
lo baciò in fronte, lo benedisse, e ponendogli al collo un crocifisso
d'ottone gli disse «Questo non lo lasciar mai, figlio mio, ti porterà
ventura» e Lamberto partì.

Ma prima d'avviarsi alla porta S. Gallo ov'era il suo cammino, volse
il cavallo e lo fermò al portone di casa i Lapi. Mai gli era bastato
l'animo di parlar proprio schietto ed aperto alla Lisa; ma ora il
momento del distacco, la risoluzione presa, lo facevano animoso;
quell'arme stesse che lo coprivano, già gli pareva sentire l'avessero
mutato in tutt'altro uomo, e forse (era così giovane!) godeva mostrarsi
alla Lisa tutto lucente di ferro, e pensava: quando sarò lontano e si
ricorderà di me, mi vedrà colla spada e la rotella, e non con quel
maladetto braccio e quei maladetti broccati.

Smontò da cavallo, e su per le scale risolutamente giunse alla
loggia dell'ultimo piano. Lisa alzatasi pur allora era uscita con un
infrescatojo ad annaffiare i suoi fiori prima che levasse il sole.

Le parole furon pronte e brevi.

--S'io ritorno, disse Lamberto tenendosi a due passi dalla giovane, e
colle mani giunte in atto di preghiera, s'io ritorno sarò degno di voi,
s'io non ritorno... vorrà dire che Lamberto vostro avrà perduta la vita
per meritarvi. Ove ciò sia, avrete memoria di me? Se Iddio mi serba a
miglior fortuna, sarete contenta aspettarmi?--

Lisa s'era appoggiata al muricciuolo della loggia, chè quella comparsa
improvvisa, quell'arme, le parole del giovane gravi e tenere al tempo
stesso, le aveano messo in cuore siffatto turbamento, che le ginocchia
le tremavano.

Sentì velarsi la vista da una nube dì lagrime, e rispose sotto voce
volgendo il capo in altra parte:

--Sì, povero Lamberto!--

Stesa poi la mano ad un vaso di rose tutto in fiore, ne colse una, la
diede a Lamberto, e fuggì nelle sue camere.

Lamberto in un momento fu in istrada: il moto del salire a cavallo
sfrondò la rosa, ed un po' di vento che soffiava ne disperse le foglie.

Lamberto tutto sbigottito le guardava volare tremolanti e spandersi
all'intorno.

Si pose in seno, sospirando, il gambo e le fronde verdi che rimanevano,
e spronò al suo viaggio col cuore stretto ed il pensiero a quella rosa
che tanto poco era potuta durare intera.

Non lo deridiamo, povero giovane! quando il cuore si trova a questi
passi, un'inezia basta ad affliggerlo come a consolarlo.

La Lisa intanto aveva narrato il successo alla sorella, e presto
Niccolò ed i fratelli seppero anch'essi la partita di Lamberto. Saliti
nella sua camera trovaron, lasciata sulla tavola, una lettera per
Niccolò: in essa il giovane dopo avergli rese le grazie ch'eran dovute
al tanto bene che avea avuto da lui, dopo avergli chiesto perdono
s'egli partiva senza toglier commiato, e senza aver da Niccolò, come
da padre, la benedizione, gli si apriva interamente, dichiarandogli che
nonostante il grande amore nutriva per la Lisa, non ostante le benigne
parole del padre, egli non era però tanto cieco da non conoscere
quanto la persona sua fosse inferiore alla ventura che gli si voleva
far sperare: che gli sarebbe parsa gran villania, e troppa indegna
riconoscenza dei tanti beneficj, il valersi sul momento della generosa
profferta che Niccolò gli faceva per effetto di sua buona natura: che
andava a porre in opera tutte le virtù dell'animo e le forze del corpo
per mostrare almeno al mondo che s'egli era persona umile e povera avea
però spiriti e pensieri meritevoli di miglior fortuna. Pregava poi la
Lisa ad aver qualche memoria di chi tanto fedelmente l'amava, e ad
aspettarlo un pajo d'anni, sperando potere, prima che fosser trascorsi,
farle udir tali novelle che avesse a dire: _Lamberto è divenuto un
uomo_.

E ciò lo scrisse con un frego di sotto, volendo riferirsi alle parole
della Lisa.

Niccolò per la sua fiera natura amante de' caratteri forti,
rimase ammirato del partito preso da Lamberto; e quantunque molto
glien'increscesse non si sapeva saziare di lodarne l'alta cortesia.
E la Lisa considerando che il giovane soltanto per amor suo andava
incontro a tante fatiche e a tanti pericoli, colta nel lato debole del
cuore, crebbe agli occhi suoi proprj, e sentì che potea andar superba
d'un tale amante.

Per ogni donna che sia del carattere della Lisa, è ben raro che l'amor
proprio appagato non ischiuda la porta all'amore: ed in quei primi
momenti udendolo desiderare e lodare da tutti le parve amarlo e forse
l'amava realmente. Interrogata da Niccolò in quel primo calore, rispose
ch'era contenta aspettarlo, e nella sua inesperta semplicità, già le
pareva vederlo tornare signore d'un reame.

Ora vuoi sapere, o lettore, chi aveva posto in animo a Niccolò il dire
ciò che disse a Lamberto? Era stata la buona Laudomia, che accortasi
del suo amore, e stimandolo gran ventura per la sorella, avea con
quella sua celeste bontà, cancellato tosto, o rinserrato almeno nel più
profondo del cuore, ogni pensiero di se stessa, per occuparsi soltanto
del bene della Lisa e di Lamberto, che da quel punto amò sempre come
gli fosse stato fratello.

Tanto è vero che a questo mondo, vivon talvolta nascoste in qualche
angolo ignoto, anime di eroi, a petto alle quali Alessandro, Cesare, e
tanti altri simili a questi, son pure la povera e la meschina razza!
e la differenza è presto capita. I secondi tormentaron gli altri per
giovare a sè. I primi tormentan se stessi per giovare agli altri.

Faceva l'anno dacchè Lamberto era partito, nè, da una prima lettera
in poi ove diceva essere agli stipendj del sig. Filippino D'Oria e
militare sulle sue galee, s'era potuto saper altro sul fatto suo. Si
cominciava a dubitare non fosse capitato male, e nel cuor della Lisa la
sua immagine s'andava cancellando per la lontananza, per l'incertezza
dell'evento, e più di tutto perchè l'immagine di Troilo veniva
occupandone il luogo. Si può pensare se alla buona Laudomia, recasse
dolore veder quel Lamberto che il suo cuore avea saputo così bene
conoscere e pregare, cui avea però rinunciato con tanta virtù per farne
felice la sorella; quel Lamberto che avea lasciato patria, parenti, agi
ed amici, ed avea mostrata tanta altezza di pensieri per amor di essa,
vederlo, dico, posto in obblìo così presto per un pazzarello, per un
cortigiano scannapane, per uno di quella parte dalla quale erano venute
addosso a Firenze, e sulla sua casa cotante sventure. Laudomia era
gelosa dell'onor di Lamberto, e non potea patire di vedergli fare un
così gran torto; questa era la più potente cagione per la quale tanto
l'offendevano i portamenti della sorella.

Nè potendo più reggere alla passione e tacere, una sera sull'imbrunire,
in quell'ora che più di tutte può dirsi l'ora della confidenza,
trovandosi sola con essa in camera, le prese le mani e le disse quasi
piangendo--Oh Lisa! ed il povero Lamberto!.... la sua fede!.... il suo
amore!.... l'hai proprio dimenticato del tutto?.... Alle quali parole
Lisa ne rispose poche e brevi, ma amare e superbe. Laudomia tacque,
uscì di camera, e trovatasi sola pianse dirottamente, come si piange
quando, sulla virtù, sui pregi di persona che s'ami si è costretti a
dire: «Io m'era ingannato!»

Ma venne ben presto il tempo in cui quella freddezza che sentiva per
essa scomparve e si cangiò in compassione, in premura più calda, più
tenera che mai. Verso il finir di maggio Niccolò si condusse colla
famiglia ad un podere ch'egli aveva presso il Poggio a Cajano, villa
de' signori Medici. Egli ed i figli venivano di continuo a Firenze
per loro faccende, onde spesso le due sorelle rimanevan sole con una
vecchia fante detta Mona Fede, buona, ma credula e di corto ingegno che
non si potea trovar peggio.

Una mattina Laudomia che soleva dormire colla sorella, svegliatasi
a levata di sole, non se la trovò più allato. Pensando fosse scesa
in giardino per goder l'ore fresche, v'andò; ma non v'era, e neppure
la fante, tantochè non sapea che pensare. Dopo un pezzo comparvero
ambedue, ma come sbigottite e scompigliate, e pareva parlassero e
rispondessero a sproposito. Laudomia cominciò a tremare, e condottasi
in camera la sorella, le domandò affannata che cosa l'avesse così per
tempo condotta fuor di casa, e che volesse dir quel suo sbigottimento.

Diede, l'incauta giovane, in uno scoppio di pianto, e buttandosele al
collo disse: «Sono sua moglie!».... Laudomia all'udir quelle terribili
parole che suonarono al suo orecchio come la profezia d'interminabili
sventure, rimase senza respiro: e coprendosi il viso colle mani
potè dir solo «Ah sciagurata, che cosa hai fatto!» Visto poi che in
quel momento non avrebbe potuto ricavar altro dalla sorella, corse,
per chiarirsi, alla fante, e con parole affannose ora pregando,
ora sgridandola, pur alfine fece parlare quella povera vecchia, che
maravigliandosi molto di veder tanto turbata la Laudomia per questo
fatto, non restava di dire che Troilo era un gran gentiluomo, e molto
onorato partito per la Lisa, e che se avea voluto far le cose così in
segreto, co' signori non bisognava guardarla tanto pel sottile, avendo
anch'essi le loro fantasie, e che Niccolò alla fine si sarebbe poi
trovato contento, ed altre simili sciocchezze.

Insemina, per dirla in una parola, la cosa era fatta, ed il turpe
modo, il lettore lo conosce: ma nessuna di quelle povere donne lo
conosceva, anzi la fante per vieppiù rassicurare la Laudomia, narrava
particolarmente la cerimonia esaltando la cortesia dello sposo ed
affermando essersi eseguito il tutto colle debite regole in chiesa col
prete, i testimonj ec., tantochè l'animosa giovane conosciuta niuna
cosa esser più vana ed inutile, che disperarsi quando il male non ha
rimedio, prese il savio partito di volger tutte le cure a prevenirne le
tristi conseguenze. Il suo primo pensiero, ed il consiglio che diede
alla Lisa fu gettarsi tosto a' piedi di Niccolò e confessargli il
tutto, ma non le bastò l'animo di seguirlo. Rade volte chi ha bisogno
di un tal consiglio è capace di mandarlo ad effetto. Si spera coprire
colla simulazione un primo fallo, ma quel male che conosciuto tosto
amine Merebbe rimedj, ignoto si fa incurabile. Se Lisa avesse dato
retta alla sorella, avrebbe avuta ad incontrare senza dubbio la prima
furia di Niccolò, ma poi volendo questi aver in mano le prove della
validità del matrimonio si sarebbe scoperta la vile ribalderia che
v'era sotto; diveniva facile, ed in tempo il rimedio, e la misera Lisa
non sarebbe finita.... Ma narriamo le cose per ordine.

Il cuore umano è talmente impastato dell'amore di se stesso, che
le anime più nobili anch'esse, in parte almeno gli vanno soggette.
Laudomia udito il caso della sorella non potè non pensar subito «Dunque
Lamberto è libero!» Ma fu tanto dolente di aver avuto un tal pensiero
quasi per primo, le parve cosa tanto abbominevole e vile aver potuto
trovar bene a se stessa nella colpa della sorella, che nell'innocente
sua semplicità già si teneva per una perversa, e piangeva amaramente.
Raddoppiò le premure per Lisa, e le pareva quest'aumento di tenerezza
le alleggerisse il cuore, stimandolo quasi un risarcimento del torto
che credea averle fatto. Colla speranza che il tempo offerisse poi una
qualche occasione favorevole di dare miglior piega alle cose, scelse
per partito migliore (dacchè a ogni modo era pur moglie di Troilo)
ajutarla a tener quest'unione celata ed agevolarle i modi onde talvolta
segretamente potesse trovarsi con suo marito.

La cosa andò così innanzi più mesi con poca soddisfazione però della
povera Lisa che potea vederlo ben rare volte per la soggezione in cui
vivea: costretta poi a premere i suoi dispiaceri e vivere in continuo
sospetto, s'era dimagrata, avea perduto il fiore giovanile, e non
pareva più quella di prima.

L'appassire della sua bellezza le era di tanto maggior dolore, quanto
le era parso avvedersi d'un certo raffreddamento per parte di Troilo,
ch'essa amava invece ogni giorno più ciecamente. Prima, quando non gli
riusciva accostarsele, si mostrava però a lei in istrada, in chiesa,
ovunque potesse: poi le era sembrato che piano piano andasse rimettendo
di queste premure. La povera giovane si sentiva, com' è naturale,
pungere da' sospetti; pensieri di gelosia tanto più tormentosi quanto
meno era in grado di saperne il vero, le pullulavano in cuore;
tutt'insieme menava vita meschina e malcontenta, e coglieva pur troppo
presto gli amari frutti dell'errore commesso.

Ma l'infelice era appena in principio de' suoi guai. S'accorse in modo
da non poterne dubitare che presto non sarebbe più sola a portar la
pena del suo fallire.

Quel momento aspettato bensì, ma pure pieno di tanto nuova allegrezza,
di tanta trepida sollecitudine per le spose novelle, fu per la povera
Lisa come l'annunzio d'una sventura. E qui nuovi motivi e nuove
difficoltà per celarsi; aumento di patimenti pel presente, aumento di
timori per l'avvenire.

È inutile distendersi nel minuto racconto dei modi tenuti da ambedue le
sorelle per celare in quegli ultimi giorni d'angoscia e di dolore prima
la madre, poi il bambino. L'esperienza ha più volte mostrato poter
passar segreti ed inosservati fatti simili a questo anche in famiglie
nelle quali vegli l'occhio materno: in casa i Lapi poi fu cosa agevole
celarsi a Niccolò, lontano le mille miglia da cotali sospetti, tutto
avvolto ne' pensieri della città e della mercanzia, spesso fuor di
casa, e, quando vi era, sempre racchiuso nelle sue stanze terrene.

Ma questo segreto custodito con tanto studio, e per tanto tempo,
per poco non si venne a scoprire per cagione della Lisa medesima.
Per quanto Laudomia e la fante la scongiurassero, non vi fu verso a
persuaderla si separasse dal suo bambino per confidarlo ad una balia.
In un carattere più docile codesto amore, quantunque bello e virtuoso,
si sarebbe però piegato sotto la quasi assoluta necessità, ma essa
volle: e trovata opposizione volle con tal impeto, con tali smanie, che
facendo dubitare della sua vita in quei momenti di sfinimento, bisognò
pure arrendersi e contentarla. Ma allora fu indispensabile aprirsi ad
altra donna. Sotto colore che pel governo de' panni bisognasse una
fante di più, fu presa in casa una giovane d'un sesto assai lontano, la
quale venutavi col bambino della Lisa ne fu creduta madre e si teneva
l'allattasse.

Per non esser in casa altro che uomini i quali avean il capo a
tutt'altro, anche questa andò bene.

Bensì, Niccolò e taluno de' figli udendo talvolta su in alto i vagiti
del bambino dicevano alle giovani «Che domin siete andate cercando di
metterci in casa questa tristizia! Mancan eglino donne in Firenze?» Ma
la cosa tosto si quietava.

Gli uomini la dicevano, e le donne la facevano a modo loro: come
accade per lo più nelle famiglie quando tra uomini e donne si discute
circa le cose domestiche.

Troilo intanto malgrado la cacciata de' Medici, e l'abbassamento
della parte Pallesca, era rimasto in Firenze con buon numero de' suoi
consorti, e vi s'andava mantenendo per trovarsi a portata, ove gli
venisse fatto, di giovare ai suoi signori ed alla parte.

Quando poi i capitani di Carlo V rupper guerra a' Fiorentini
apertamente, cresciuti i sospetti nel governo pei quali si mostrava
ognora più rigido verso i fautori della famiglia sbandita, parve a
molti di questi tempo oramai di fuggirsi. Il seduttore della Lisa
partito anch'esso segretamente, si condusse al campo degl'imperiali,
che facean la massa a Fuligno: non potè, o non volle far motto alla
figlia di Niccolò, prima di lasciar Firenze: le scrisse però in modo di
consolarla e racquetarla alquanto. Non essere, scriveva, atto di leale,
e d'onorato gentiluomo romper fede a' suoi signori, ed abbandonarli
nella mala fortuna; stesse di buon animo, avesse cura di se, del loro
piccolo Arriguccio; sperasse tempi migliori; poi proteste di amore,
giuramenti di non esser giammai per mancarle ecc....

Quanto fosser sincere queste espressioni è difficile giudicarlo, poichè
non sempre anche gli effetti contrarj, sono sufficiente argomento per
asserire sieno state usate con animo di mancarvi.

Il fatto stà però, che da quella lettera in poi o Troilo non volesse
farsi sospetto ai suoi con mostrare di tener pratiche in Firenze, o
realmente fosse già spenta del tutto nel suo cuore ogni idea di virtù,
d'onore, di compassione per la sua vittima, essa non ebbe più nè
lettera nè riscontro veruno che le desse nuova de' fatti suoi: e se
ne vivesse malcontenta e sconsolata vel potete immaginare. Soltanto
dopo parecchi mesi, quando già i nemici erano a campo sotto Firenze,
venne a sapere pel canale di certi prigioni, che Troilo era in campo, e
militava fra i gentiluomini del principe d'Orange.

Allora cominciò la meschina ad aprire gli occhi ed a tener per certo
che Troilo fosse a lei traditore come lo era alla patria. «Esser così
vicino, pensava, e non farmi aver una linea di scritto, non farmi dir
una parola? Ah fossi io dov'è egli! fossi ne' suoi panni! saprei ben io
trovare i modi!»

Laudomia che aveva concepiti gli stessi sospetti anche prima della
sorella si sforzava però di nasconderli, e di scusare il creduto
cognato; e talvolta trasportata dal desiderio non si potea risolvere a
crederlo ribaldo e sciagurato a quel segno.

Quantunque s'ingannasse, poichè è impossibile immaginare più vile
ribalderia di quella colla quale avea tradita la Lisa, pure non era
forse nato per esser uno scellerato, ed avrebbe per avventura avuti
i semi di molte virtù se non gli avesse soffocati un vizio più di
tutti pericolosissimo, la vanagloria. Questa passione la più credula
ed al tempo stesso la più fallace conduce l'uomo direttamente al
fine opposto di quello che gli promette, soprattutto s'appiglia ai
cervelli leggieri. Troilo per sua disgrazia se l'era dato vinto fin da
fanciullo: e trovandosi presto in compagnia d'uomini tra i quali il
vizio fruttava onore, la virtù dispregio, si diede a quello non tanto
per propria inclinazione quanto per vanagloria.

Il tradimento fatto alla Lisa venne da lui ordito e condotto a fine per
potersi vantare d'aver vinta una prova. Vero è ch'egli in principio
l'amava, o piuttosto (per non profanare una tal parola) gli era
piaciuta la sua bellezza: forse lasciato ai propri pensieri, non si
sarebbe mai condotto a farle cotale inganno: ma uccellato da compagni,
che lo deridevano avesse tanti rispetti ad una popolana, figlia d'un
Piagnone sagrificò barbaramente ad una meschina vanità l'onore di
quell'infelice, e la pace d'una famiglia onesta e dabbene.

Ora che il lettore ne conosce le tristi vicende, torniamo ove Niccolò
sedeva fra suoi nella forma descritta al principio del capitolo
antecedente.



CAPITOLO X.


Posto fine al ragionamento ch'egli avea tenuto sotto voce col
Castiglione, il conversare divenne generale, e si ravvolgeva sugli
affari del Governo, e sui partiti da prendersi, che quivi sotto
l'influenza de' Frati di S. Marco, e di Niccolò, quasi in anticipazione
delle pubbliche discussioni, si concertavano.

Come accennammo al capitolo V, era stato mozzo il capo al Cocchi per
inconsiderate parole a pro de' Medici. Messer Ficino Ficini, caduto
nello stesso errore, fu preso, posto al tormento, e condannato alla
medesima pena. La sentenza doveva eseguirsi appunto in quell'ora, nel
cortile del bargello, a lume di torchj, ed il discorso tenuto da messer
Bernardo con Niccolò s'era aggirato sul caso di costui. Poco stante
un tavolaccino della Signoria bussò alla porta di casa i Lapi; fu
introdotto, entrato, si volse a Niccolò e disse:

--Il magnifico gonfaloniere vi fa sapere che in questo momento è stato
mozzo il capo a messer Ficino; è morto molto da buon cristiano.--

--Stà bene, rispose il vecchio senza scomporsi, ed il tavolaccino uscì.
Ma gli astanti, e le donne più di tutti, si scossero a quest'annuncio,
e premurosamente tutt'insieme domandarono per qual causa si fosse fatta
cotal uccisione.

--Un nemico di meno a questa città, rispose Niccolò; egli fu tanto
ardito di dire pubblicamente che Firenze era stata meglio sotto le
palle che a popolo: chi si mostra traditore colle parole sarà da
aspettare venga ai fatti?

Tutti abbassato il viso e lo sguardo, tacquero. Fra Benedetto alzò gli
occhi al cielo con un sospiro raffrenato. Le due giovani colle due mani
abbandonate sul lavoro guardavan sgomentate or gli uni or gli altri. Il
Ferruccio scostandosi dal cammino e buttandosi su una sedia diceva:

--Così avessimo stiacciato il capo al serpe, come ora si cerca di
stiacciargli la coda, e la città non sarebbe a questi termini,... ma
gli uomini pagano spesso i loro errori colla vita, ed i popoli colla
libertà. Se alla calata di re Carlo nel 94, Piero e' suoi consorti, e
tre anni sono Ippolito ed Alessandro si fossero non cacciati ma spenti,
si risparmiava il sangue di molti con quello di pochi.... I Pisani ci
dicon ciechi per via delle colonne di S. Giovanni! Han ben altre e più
potenti cagioni di chiamarci tali!.... Non abbiam saputo vedere che
per i Medici il più sicuro confino e in S. Lorenzo!....[21].

Alle rigide parole del Ferruccio, che pur troppo avevano in se una
parte di vero, tutti rimasero pensosi e muti per qualche minuto. Era
venuta intanto l'ora in cui per costume della famiglia si faceva in
comune la preghiera della sera. Alzossi Niccolò, si volse a Bindo, il
quale inteso il cenno uscì e poco dopo introdusse una brigata di operai
e di fattorini del fondaco di Niccolò che avean costume ritrovarsi
a queste preghiere, e che s'inginocchiarono taciti e riverenti in
sull'uscio. Il vecchio trasse d'un forziere un libro di preci, e
porgendolo a Fra Zaccaria gli disse:

--Più d'una volta in tempi men tristi il nostro glorioso Fra Girolamo
fece l'uffizio che state per far voi;.... quanto sovente qui in questa
camera ci diceva: «figliuolo, verranno i flagelli, converrà patire,
combattere, ma poi _Florentia renovabitur_»!.... La prima parte della
profezia è avverata, preghiamolo ora c'impetri da Dio l'adempimento
della seconda; ottenga pace e libertà questo popolo, e chi combatte per
esso incontri gloriosa vittoria, od onorata morte.

--_Amen_, rispose Fra Zaccaria. Prese il libro, e postosi ginocchione
sotto la nicchia ov'eran le ceneri del Savonarola, gli altri si
inginocchiarono intorno per la camera. Dopo le solite orazioni pregò
per le anime di coloro che già avean lasciata la vita nell'assedio,
e più particolarmente per quella di Baccio. Niccolò, al nome del
figliuolo, fu visto congiunger le mani in atto di fervida preghiera, ed
alzar gli occhi al cielo pieni d'una serena rassegnazione.

Fra Zaccaria intanto per le parole dette poco prima dal vecchio, e
per la vista della tonaca di Fra Girolamo, nella quale fissava gli
sguardi, si sentiva ribollire in cuore più fervidi i pensieri di Dio e
della patria. Per l'uso continuo avea facile il dire all'improvviso,
chè niuno ebbe allora più di lui dalla natura l'eloquenza ardita e
concitata del tempo, e l'animo inclinato ad usarla. Nel finir la
preghiera il suono della sua voce si veniva facendo più alto; finita
che l'ebbe, senza volgersi nè interrompersi proseguiva dicendo:

--No, non saranno disperse dai venti le tue parole, o glorioso Fra
Girolamo, ed i nemici di chi confida in Dio diverranno polvere e
cenere. _Exurgat Deus et dissipentur inimici ejus_! Ecco già s'adempion
le tue profezie! La mano di Dio già s'aggrava sulla sventurata Firenze.
Ora è tempo d'esclamare al Signore, di spargersi di cenere, di correre
a penitenza. Ora è tempo d'armarsi di costanza e fortezza, onde
impetrare che s'avveri la misericordia, come s'è avverato il flagello.
Volgiamci all'unico re nostro, e nostro Signore Gesù Cristo....
Ricordati, esclamiamo, che questo popolo t'ha scelto per solo suo
re[22] Vedi che i tuoi nemici già vengono per toglierti il regno, per
porsi sul tuo glorioso trono, fatti scudo a questo popolo che non vuol
esser d'altri che tuo. Non sei tu quel Dio forte e geloso che s'adirò
contro Israele quando chiedeva un re? Non sei tu quello stesso che
al profeta Samuele diceva _Non enim te abjecerunt sed me, ne regnem
super eos_! Non sei tu quel Dio che volendo usare agli ingrati ebrei
un'ultima misericordia, dicesti loro per mezzo del Profeta:

_Et constituet sibi tribunos et centuriones, et aratores agrorum
suorum, et messores segetum, et fabros annorum et curruum suorum._

_Filias quoque vestras faciet sibi unguentarius, etc._

Son pur queste, seguiva, le tue minacce contro chi si volea sottrarre
al tuo imperio: Sii tu dunque giudice, o sommo Iddio, fra te ed il tuo
popolo, e s'egli combatte per obbedire a te solo, per non piegare il
ginocchio a Dagon ed a Belial, combatti dunque con noi, salvaci dalla
spada degli Amorrei e degli Amaleciti, _Exurge, exurge Domine_, e sian
dispersi i tuoi ed i nostri nemici.--

Queste parole dette in modo quasi profetico, potenti perchè profferite
da chi li credeva, destarono fra gli astanti un fremito d'approvazione.
Niccolò, che si sentiva ancor nelle vene il calor de' trent'anni ove
si trattasse di patria e di Palleschi, afferrò pel braccio il Ferruccio
e diceva fremendo:

--No, perdio, non c'entreranno in Firenze que' maladetti; e finchè
vivrete voi, fortissimi giovani, finch'io sarò vivo, le Palle non
cacceranno il Giglio. Co' nemici di fuori la spada, con quei di dentro
la mannaja. Ben c'insegnava il nostro Fra Girolamo nella congiura
di Bernardo del Nero, come si tolgon di mezzo i traditori. Vollero
guerra a morte, e se l'abbiano, ed il loro scellerato sangue ricada
sovr'essi!....

--Guerra a morte, ripeteva ferocemente il Ferruccio, odio e maledizione
eterna a tutti i Palleschi! Così potessi con questa (e batteva
sull'elsa) spaccare il cuore di quanti sono dentro e fuori le mura!--

Niccolò, i suoi figli ed il Castiglione risposero a queste parole di
sangue con un riso sinistro. Fra Benedetto pensò sospirando:--In che
tristi tempi mi tocca a vivere!--Fra Zaccaria ebbe appena con un primo
moto del volto mostrato d'approvare il Ferruccio, che tosto mutato viso
abbassò le ciglia e tacque.

Ma chi sentì poi adatto darsi come una coltellata nel cuore fu la
povera Lisa, e serrando le ciglia malamente verso il Ferruccio stava
per dirgli--«Si può esser buon cittadino senza aver animo e parole di
beccajo» Ma la divina Laudomia che avea letto nel suo cuore, conoscendo
quanto dovessero offenderla cotali discorsi, e quanto fosse facile
che nell'opporvisi cadesse in qualche imprudenza, si fece coraggio, le
tagliò la parola, e con quel suo modo tutto dolcezza disse:

--Messer Ferruccio, anch'io amo la patria e mi tengo buona cittadina;
anch'io spero che le vostre spade ajutate dal favore che Iddio promette
alla giustizia salveranno la nostra città dalle mani de' Medici e
d'ogni altro tiranno, ma se credo lecita ad un cristiano la brama di
venir liberato da chi cerca d'opprimerlo; se credo permesso, anzi opera
santa, ributtar colle ferite e le morti gl'inimici della patria, non
trovo che il nostro divin Redentore ci abbia permesso d'odiarli, di
godere ne' loro strazj, di rallegrarci della loro morte per piacer di
vendetta. Non dite voi il _Pater noster_, messer Ferruccio?--

Il Ferruccio e gli altri rimasero senza saper che rispondere a queste
mansuete parole, e per verità oppor loro una buona ragione non era cosa
facile; Fra Zaccaria poi, che aveva bensì un'anima tutta fuoco per
le sue opinioni politiche, ma era al tempo stesso uomo leale, severo
e virtuoso, cui eran sorti in cuore i medesimi pensieri di Laudomia
senz'essersi attentato a palesarli, disse volgendosi a Fra Benedetto:

--Quello che dovevamo dir noi ministri dell'evangelio, l'ha detto la
Laudomia. Iddio parla spesso per bocca dell'innocenza; egli sia quello
che ti benedica buona fanciulla.--

Laudomia arrossì, e tacque, e la Lisa di, nascosto le prese una mano,
se l'accostò alle labbra ringraziandola così alla mutola d'aver tanto
appuntino indovinato il suo cuore.

Niccolò, era rimasto come assorto in un profondo pensiero, in quel
momento le passioni di parte, l'odio contro i Palleschi nutrito per
tanti anni durava fatica a reggersi contro la sublime mansuetudine che
suonava nei detti della figlia, le si accostò, le pose una mano sul
capo, e le disse:

--Che tu sii benedetta, cara, buona Landomia.

Persino il feroce Ferruccio (tanto è grande ed invincibile la forza
della virtù) fattosi dappresso alla giovane la stette guardando un
momento in atto di rispetto e di maraviglia, ma poi brontolando le
diceva:

--Voi parlate bene Laudomia, ma al modo in cui si vive oggi giorno, con
tutti questi perdoni ci farebbe poco frutto, se un nemico è in piedi,
ponilo a giacere se puoi, e quando è caduto non t'impacciar di levarlo
da terra, che chi spicca l'impiccato, l'impiccato impicca lui. Del
resto poi io son soldato e non chierico, amo la mia patria, sono nemico
de' suoi nemici. S'io potessi ammazzarli tutti non lascerei di farlo, e
del resto non m'intrometto in altro.--

--Non nego che si possa, che si debba ammazzarli talvolta, rispose
Laudomia alzando timidamente i suoi occhi azzurri e sereni sul volto
duro e torbido del feroce repubblicano, ma non si può forse al tempo
stesso piangere sulla dolorosa necessità che ci porta a versar tanto
sangue? Non si può forse sentir per loro pietà invece d'odiarli? Non
si può almeno pregar per loro, che morendo lasciano pur mogli e madri
sconsolate? Che hanno pur un'anima immortale da salvare o perdere
eternamente? Voi, Fra Zaccaria, diceste che ora è tempo di meritar
misericordia e perdono dal nostro Signore Iddio. Non vi par egli che,
invece di godersi nell'odio de' Palleschi, nell'immagine delle loro
membra palpitanti, sarebbe miglior via a meritar questa misericordia
il pregar per essi, il chiedere a Dio la forza di ributtarli bensì
e difendersi da loro, ma, nel mostrarsi buoni cittadini, di non
iscordarsi d'esser cristiani?--

A coteste parole quasi costretti da una forza invincibile, Fra
Zaccaria, il primo, e poi tutti gli altri, e perfin Ferruccio, caddero
ginocchioni. Alzò la voce il frate non più tremenda e sonora come prima
ma dolce e raumiliata.

--Dio di bontà, disse: _ex ore infantium et lactentium perfecisti
laudem_; una fanciulla ha dato gloria al tuo nome più di noi che pur
siam tuoi ministri.--

--Ora accogli questa nostra nuova preghiera, salva il tuo popolo
dalle violente mani de' malvagi; ma sovvienti che que' malvagi sono
più miseri di noi, poichè si chiariscono tuoi nemici e rinnegano il
tuo santo nome, rammenta che sono nostri fratelli, che tutti siamo
tuoi figli, rammenta che tutti a un modo ti costiam prezzo di sangue,
infondi adunque in loro sensi di giustizia, in noi di mansuetudine,
concedi ad essi il perdono, a noi la forza di accordarlo, e di
chiedertelo per loro.--

--Ti raccomandiamo, o Signore, più degli altri l'imperator Carlo
V, poichè egli è il nostro più fiero nemico! Ti raccomandiamo papa
Clemente. Ti raccomandiamo tutta la casa de' Medici....--

(Queste parole parvero tanto nuove, tanto enormi, che fecero riscuotere
ognuno).

--Ti raccomandiamo tutti i nostri nemici, i Palleschi....--

La povera Lisa, che stava ginocchioni col viso nascosto nelle palme
sentiva a questa preghiera due rivi di pianto scenderle per le mani e
le braccia.

--Ti raccomandiamo finalmente tutti coloro che ci hanno fatto o
vogliono farci ingiuria. Salga, o Iddio, questa nostra preghiera sino
al piè del tuo trono, ed a norma delle tue promesse c'impetri quella
misericordia e quel perdono che non abbiamo negato ai nostri fratelli.--

Finita questa orazione tutti s'alzarono con viso sereno e contento,
che tale è il primo frutto d'una vittoria riportata dalla carità sulle
passioni dell'odio e del furore di parte.

--Ecco la Trojana che suona, disse messer Bernardo[23], è tempo di
andarci con Dio.--

Voltosi poi alla Laudomia le disse sorridendo;

--Non anderò agli Otto a dir loro quali preghiere ci avete fatto fare
stasera, chè non vorrei credessimo tutti dormire a letto, ed avessimo a
dormire al bargello....--

Salutato poi Niccolò, uscirono tutti. I frati s'avviarono al convento,
egli a casa sua, ed il Ferruccio disse voler arrivar insin in palagio
per non so che faccende egli avea col gonfaloniere.

Le cose accadute in questa serata aveano versato un po' di balsamo nel
cuor della Lisa. Avvezza a non udir parlar de' Palleschi che nel modo
con che si parlerebbe di fiere, pieni sempre gli orecchi di parole
di sangue contro di loro, s'era sentita ricrear il cuore dal suono
di quella preghiera, come da una celeste rugiada; senza saper essa
stessa ben definire quali speranze potesse accogliere, le pareva però
di veder come un primo albore d'un men tristo avvenire. Salì in camera
colla Laudomia, vi si chiuse, e quando fu ben sicura di non esser
sovrappresa, corse nella stanza vicina alla culla del suo bambino; e
lo trovò che dormiva riposatamente. Nel voltolarsi come soglion fare i
fanciulletti di poco tempo avea disordinato il lettuccio. Una picciola
gambetta tonda e bianca con un piedino color di rosa, usciva fuori
dalie coperte; le braccia stavan buttate uno in qua l'altro in là con
certe manine piccine e grassotte, ed il petto colmo e tondo, splendeva
così candido e pulito che pareva un raso, e proprio rubava i baci.

La povera madre s'abbandonò tutta sulla culla, guardando però di non lo
svegliare, ed aprendo la porta a mille affetti che aveva dovuto tutta
la sera tener racchiusi nel cuore, cominciò a piangere dirottamente.
Racquetatasi poi a poco a poco, diceva al fanciullo, che s'era pur
risentito, aveva aperti gli occhi, e colle manine s'andava ora
prendendo un piedino, ora accarezzava il mento della Lisa.

--Povero Arriguccio, passerino mio, amore della madre.... sai.... hanno
pregato anche per te finalmente, hanno pregato anche pel babbo. Poi
volgendosi a Laudomia le diceva:

--Sai che sono stata per isvelare ogni cosa? Quando Fra Zaccaria ha
detto preghiamo pei nostri nemici Palleschi, c'è mancato un pelo che
non abbia detto:--Preghiamo dunque per mio marito.--

--Davvero non so che mi ti dire, rispose Laudomia, in certi momenti
anch'io quasi quasi penserei che fosse il nostro meglio.... ma pure,
misura sette, e taglia uno....--

--Più ci penso e più mi pento di non averlo fatto.... vedi che vita
di sospetto viviamo; sempre così non è possibile di durarla, senzachè
ben sai per la natura mia quel finger continuo, quel coprire, quel
dissimulare è cosa troppo dura ed insopportabile.... sono stata una
dappoca a non saper cogliere quel momento che si trovavan avere il
cuore un po' men duro del solito. S'io avessi parlato, allora per forza
conveniva che il rumore fosse men grande se non volevano smentire le
loro parole e le loro orazioni.--

Laudomia non partecipava che sino a un certo punto a questa speranza;
il suo chiaro discernimento le mostrava che era un mal fidarsi di
un momento di commozione, e che non bisognava creder per questo che
cuori indurati nell'odio e nella vendetta si potessero così tosto ed
interamente cambiare; perciò disse alla sorella:

--Lisa mia, quanto a questo lo sa Iddio che cosa sarebbe accaduto, e
per me, siccome non mi son mai attentata a darti un consiglio (fuorchè
quel primo), così neppur ora non mi vi attento; quel che ti posso dire
si è, che qualunque cosa risolva, mi avrai sempre pronta per ajutarti,
reggerti, consolarti, per quanto mi durino le forze e la vita. Lo sai
pure ch'io vivo del bene che mi vuoi, del bene che mi vogliono i miei
di casa, che non conosco, non comprendo altra gioja fuori di quella
d'essere amata, e di pensare a procurar il bene, la contentezza, la
pace di chi mi ama.--

La povera Laudomia pensava forse nel secreto del suo cuore a Lamberto
nel dir codeste parole, ma non osando fermare troppo il pensiero in
lui, riportava sulla Lisa e sulla sua famiglia quegli affetti che pur
volevano un oggetto sul quale fermarsi.

Lisa intenerita le si gettò al collo dicendo:

--Io credo che gli angioli non abbiano il cuore fatto altrimenti dal
tuo. Così ti avessi dato retta quella mattina sul tornar di chiesa....
ma dopo mi pareva ogni giorno più difficile: che vorrà dire che stasera
invece mi sento spinta con tanta forza a confessare, a svelare ogni
cosa?---

--Iddio talvolta, rispose Laudomia, ci pone in cuore ciò che farebbe
per noi.--

--Orsù, disse Lisa risolutamente, vo' fare ciò ch'Egli m'ispira.
Domattina non saranno uscite ancora di mente al babbo le parole
dicesti, le preghiere di Fra Zaccaria; basterà ch'egli mi punisca
d'avergli avuto sì poco rispetto, d'essermi maritata senza sua saputa,
ma non vorrà rinnegar quel perdono che ha poche ore prima implorato
pe' suoi nemici, non vorrà rinnegarmi per figlia, cacciarmi soltanto
perchè un Pallesco è divenuto suo genero. E poi ci butteremo a' suoi
piedi con Arriguccio, lo pregheremo come si prega Iddio; Iddio non nega
il perdono, potrà egli negarlo? La speranza è un male che facilmente
s'appicca; se pure si può dire un male anche quando è fallace. Laudomia
si persuase alla fine anch'essa che dopo un primo impeto di sdegno le
cose si sarebbero pur potuto assestare. Lisa sedutasi accanto alla
culla si recò in grembo il fanciullino e scopertosi il seno glielo
porse, dicendo:

--Prendi angioletto, e voglia Dio che quando sarai fatto grande, siano
spente queste maladette parti.--

Il bambino suggendo avidamente il latte, la Lisa gli dicea sorridendo:

--Avrei pur bisogno mi lasciasti un po' di forza per domani.... ma
Iddio me la darà.---

Appoco appoco il fanciullino veniva chiudendo gli occhi, e la madre
dondolando colla sedia, canterellava sottovoce una canzoncina, onde
s'addormentasse del tutto. Laudomia, ritta dietro la sorella, gli
veniva intanto ravviando i capelli, e finalmente glieli serrava in una
reticella per la notte.

Mona Fede strascinando certe sue pianelle si dava da fare per ammannire
i letti delle due giovani, porre la culla d'Arriguccio accanto a quella
di Lisa.

--Aveva ascoltata attentamente la discussione tra le due sorelle, ma la
conclusione ultima poco le andava a sangue: ricordando la parte avuta
nel caso della Lisa, già le pareva aver addosso Niccolò con tutta la
casa; onde, quando tacquero, con molti sospiri e molti scrollamenti di
capo, pur seguitando ad ammannire l'occorrente per la notte cominciò a
brontolare:

--Hum! Dio faccia che la vada bene!.... è presto detto raccontare ogni
cosa!.... e poi? Se riesce a rovescio? Se succede qualche diavoleto
peggio?.. così almeno con un po' di riguardo si vive, stiamo in
puntelli è vero, ma insomma finora non è andata malaccio, e un giorno
o l'altro in qualche modo s'ha da trovar la via d'uscir da questo
gineprajo.,.. ma almeno, per amor di Dio, non gli stessi a dire, che
v'ho tenuto mano, che sono stata io.... lo sapete anche voi, io non ci
ho che far niente!....--

--No, no, non gli dirò nulla, rispose la Lisa sorridendo della paura
della povera vecchia.

--Già vi dico il vero, avrete un gran coraggio se vi basterà la vista
di dire a messer Niccolò «Son moglie di....» Uh vergine Santissima!...
solamente a pensarci.... è un grand'uomo dabbene, non c'è che dire, è
un santo, ma quando s'entra su certi particolari, e' diventa troppo
pessima bestia.... è un pezzo che sono in questa casa, e come l'ho
veduto io in certe occasioni, non l'avete veduto voi altre, avrebbe
fatto tremare il sig. Giovanni. Quando poi ci si mette di mezzo quella
diavoleria del Giglio e delle Palle.... allora salvatevi.... che io
poi non so capire che domin si vogliano Intendere: quel che so io è,
che quando era vivo il sig. Lorenzo, e i Fiorentini gridavano Palle,
il grano non istava a sette lire lo stajo, nè il vino a otto e nove
fiorini d'oro il barile, come oggi giorno. Del resto, i ricchi e i
signori hanno le loro fantasie, ed io in questo non c'entro.... ma
volevo dire a proposito di messer Niccolò, e di quando va in furia.....
Alla venuta de' Francesi nel novantaquattro.... voi altre eravate
ancora in mente Dei.... que' caporali dell'esercito, com'è usanza di
cotesta nazione, vagheggiavano le belle donne di Firenze: un certo
capitano de' Guasconi, proprio il nemico lo tentò di mettersi a
spesseggiare qui sotto i balconi per M. Fiore vostra madre. Un giorno
il padrone torna a casa e qui, proprio sul portone, se lo trovò tra'
piedi. Vi so dir che con due parole ed un certo viso che gli fece, il
capitano pensò bene provvedersi d'altro alloggiamento. Insomma, badate
al fatto vostro.---

--Fede, lasciami stare, già sono risoluta, e sai che non mi muto.--

--Eh lo so, lo so anche troppo.... Basta, Dio faccia che se ne indovini
una: ma da quel giorno che i leoni[24] s'azzuffarono, e fu morta la
leonessa, una che è una non ci è più andata bene nè per Firenze,
nè qui per la casa. Già l'ho sempre inteso dire a' vecchi, che per
questa città non è il più pessimo augurio.... e jer notte a aria
cheta si sentiva sin di qua il ruggito di quel leone grande che venne
colla giraffa, quando il soldano mandò a presentare il sig. Lorenzo
nell'88... quel povero animale lo saprà ben egli perchè grida a quel
modo.--

--Ed anch'io lo so, rispose la Lisa, e te lo dico subito, e' grida
perch'egli ha fame: ora che la carne d'asino vale un carlino la libbra
gli toccherà far magro scotto.--

--Sentite, sentite, s'è vero che non finisce mai d'urlare!....--

Le tre donne cessaron in un subito di cicalare; la Lisa fermò la
sedia, la Fede rattenne perfin l'anelito, tendendo ognuna gli orecchi.
Per l'ora tarda, tutta la città quieta, il lungo della casa alto, e
non troppo discosto dal palagio de' Signori, dietro il quale era il
serraglio de' leoni, s'udiva giunger tratto tratto il cupo e rauco
ruggire di quelle fiere, che in quel disagio dell'assedio (la Lisa
aveva indovinato) pativan la fame.

Ma mentre le povere donne stavan tutte orecchie ad udir quel ruggito
lontano, un suono scoppiò terribile e vicino, la voce di Niccolò, che
battendo all'uscio colpi furiosi, gridava:

--Apri, mala femmina!....--



CAPITOLO XI


Tra le molte leggi ed i molti ordini coi quali si reggeva la repubblica
Fiorentina ve n'era uno il quale, non ostante fosse stabilito a tutela
del viver libero, era non di rado pregiudicevole a quello, e partoriva
tutto di pessimi effetti. Questo si chiamava la tamburagione.

Affinchè ogni cittadino potesse avere una via secreta, sicura, e sempre
aperta per accusare ai magistrati chi macchinasse contro lo stato, e
per togliere al tempo stesso ogni sospetto quando l'accusato fosse
possente e temuto, erano ordinate in varj luoghi della città alcune
casette chiamate tamburi, sul coperchio delle quali era un fesso d'onde
si poteva far passare lettere o carte, e la chiave di tali tamburi era
presso i rettori.

Chi voleva far pervenire in mano di questi un'accusa contro un
cittadino la buttava in un tamburo (e ciò si nominava tamburare), e
rompendo in due pezzi un grosso d'argento ne serbava una metà, l'altra
la chiudeva nella lettera onde se in seguito gli fosse venuto bene di
farsi riconoscere ne avesse il modo.

Queste tamburagioni produssero mai sempre poco vantaggio, se pure ne
produssero alcuno, e spesso furono istrumento alla malignità, all'odio
ed alle vendette d'uomini codardi e vigliacchi.

Messer Benedetto de' Nobili tra gli altri il quale, se il lettore se
ne ricorda, avea concertato con Malatesta quanto fosse da farsi per
costringere Niccolò ad accettar Troilo per suo genero, s'era tanto
maneggiato, che gli venne fatto scoprire ove fosse il bambino della
Lisa. Conobbe poter ottenere l'intento molto facilmente per vie della
tamburagione.

Scritta perciò una lettera accomodata a questo suo disegno, la gettò
nel tamburo posto nel muro del palazzo de' Signori dalla parte della
Dogana, e venne in mano al gonfaloniere Carduccio la sera stessa ove
accadder le cose accennate nel precedente capitolo.

La lettera diceva così:

  _Magnifice Domine_

«Avvegnachè sia pervenuta a notizia d'alcuni cittadini amanti della
patria e di questo stato popolare esservi chi desidera e procura far
novità, e tiene pratiche segrete coi nemici del nome e della libertà
Fiorentina, si tengon essi obbligati darne avviso a chi può correre al
riparo d'un tanto male.

Sappia adunque la vostra Magnificenza, che si dubita assai da molti
sul fatto di messer Niccolò de' Lapi, e si crede quella sua rigidità
contro la parte Pallesca non sia che una vana ostentazione per
colorire disegni pregiudizievoli a questo reggimento. La cagione di
cotali sospetti sta nel sapersi che molte volte prima che cominciasse
l'assedio era messo segretamente in casa sua, di notte tempo e per
una loggia che mira sulla via dei Conti, Troilo degli Ardinghelli,
rubello, al quale Niccolò ha maritata la Lisa; e per tener nascosto il
parentado, dubitando forse non generi sospetto nel popolo, tiene ora un
fanciullo nato di questo matrimonio, molto ben guardato in certe camere
appartate su in alto della sua casa.

Vi è chi dice d'aver veduto Troilo entrargli di notte in casa anche
a questi giorni che il campo è sotto le mura, benchè si sappia esser
il sopraddetto Troilo ai servigi del principe d'Orange, e militare
coi nemici di Firenze (ciò era al tutto falso, e messer Benedetto lo
sapeva meglio d'ogni altro). Ora potrà la V. Magnificenza chiarirsi
della verità dei fatti, e giudicar cosa si debba inferire da queste
pratiche condotte con tanto segreto, e se faccian ritratto di buono e
leale cittadino. A ogni modo non s'è voluto mancare di non l'avvertire
a quella _quae bene valeat_.»

Il Carduccio rimase senza fiato leggendo quell'accusa. Niccolò, il suo
amico, l'uomo sul quale non era mai caduto un sospetto, crederlo un
traditore, crederlo soltanto capace di dissimulare, non ci si sapeva
indurre. Dall'altro lato la lettera citava fatti così positivi che si
potevano così presto verificare!... Stette un momento sopra di se, ma
tosto nel suo cuore riuscì vittoriosa la buona opinione che aveva del
vecchio popolano, e deliberò mostrargli questa volta quanto largamente
si rimettesse nella sua fede.

Si trovava appunto il Ferruccio alla presenza; fatto un piego, ove pose
la lettera, e suggellato, lo pregò volesse in suo servigio portarlo
tosto a Niccolò, dicendogli queste parole «Il gonfaloniere vi manda
questo scritto onde veggiate in qual conto vi tiene.»

Pensò servirsi del Ferruccio e non d'un fante, affinchè qualunque
alterazione apparisse sul volto di Niccolò nel leggere una sì enorme
accusa, non fosse veduta se non da persona amica e prudente, e così non
andasse per le bocche d'ognuno.

Giunse il Ferruccio a casa i Lapi, ed intromesso, non senza qualche
maraviglia di Niccolò di vederlo così tosto ricomparire, gli pose in
mano la lettera, dicendogli le proprie parole del Carduccio.

Niccolò l'aperse; la lesse, e rimase un momento senza dir parola o far
moto nessuno. Poi alzatosi in piedi, e fattosi più presso al lume,
colla mano si strofinò gli occhi e la fronte, guardò fisso in viso il
Ferruccio come per accertarsi ch'era desso, e ricominciò a leggere il
foglio dal principio.

Finita questa seconda lettura, e fatto certo che tutto ciò non era
sogno, pensò al primo che non fosse se non una filza di menzogne
trovate da' suoi nemici per iscreditarlo, e fu sua buona ventura,
che se avesse pensato ciò poter esser vero, è probabile, colto così
all'improvviso, fosse caduto morto. Due o tre volte incominciò a
parlare, ma gli s'annodava la lingua in bocca e taceva, finalmente,
facendo ogni prova onde non apparisse agli occhi del Ferruccio la
tempesta si sentiva nel cuore, lo pregò ringraziasse il Carduccio della
sua cortese opinione, ed usando tronche ma amorevoli parole gli diede
commiato.

Volto allora a' suoi figliuoli, che soli erano rimasti, con un'occhiata
che li fece tremare, disse con quella voce alla quale alcuno in casa
non osava replicare:

--Niuno sia tanto ardito d'uscir di questa camera finch'io non torno;
presto saprò se anche sotto questo tetto vivano traditori.--

I tre giovani, attoniti e conturbati, si guardarono in viso l'un
l'altro senza profferir parola; Niccolò, preso un lume colla manca,
s'avviò per uscire, e passando vicino a Vieri gli strappò d'accanto la
daga; varcò la soglia, chiuse la porta, e cominciò a salire la scala.
Fatto il primo capo, si fermò un momento a pensare, poi scagliò lontano
da sè il pugnale, che venne sdrucciolando per gli scalini insino in
fondo.

Giunse alla porta della camera ove dormivan le figlie, si fermò di
nuovo un momento origliando, pose l'occhio al buco della chiave, ed il
povero sventurato vecchio fu certo alfine della sua vergogna. La Lisa
allattava il bambino.

A quella vista smarrito affatto il lume degli occhi percosse due volte
col pugno chiuso sì fattamente la porta che quasi la staccò dalle
bandelle, e con voce che pareva piuttosto ruggito d'una fiera mandò
quel grido che abbiam poco sopra narrato.

--Apri!.... mala femmina.--

Passarono due o tre secondi, e nessuno apriva. Niccolò con una valida
spinta sforza l'uscio già scassinato, entra, e si ferma in mezzo alla
camera. Le due giovani s'eran fatte a un tratto diacciate e bianche
come due statue di marmo, ed il vecchio rimasto muto, ed assalito da un
tremito convulso, figgeva nella Lisa due occhi di fiamma che sembravano
consumarla come fosse di cera.

--È dunque vero! gridò alla fine dando un muglio che i figli udirono
dal pianterreno, e trasportato dalla furia di quel primo impeto si
scagliò contro la figlia colle più orrende e vituperose parole che
siano mai state dette a femmina perduta, a tale che Laudomia tutta
tremante cadde bocconi piangendo dirottamente, e prese pel lembo il
lucco del padre: ma questi voltosele come un serpe cui venga pesta la
coda, glielo strappò dalle mani, e la sbigottita giovane ricadde colle
braccia e colla fronte sul pavimento.

Lisa col capo tra le ginocchia (che al primo picchiar di Niccolò avea
posto il fanciullo nella culla) non s'era mai mossa; dopo quella prima
sfuriata il vecchio tacque un momento come per riprender l'anelito, ma
tosto proseguiva:

--Dimmi, femmina d'inferno, vergogna mia, vergogna della tua casa, non
potevi prima ammazzarmi, e poi far quel che tu hai fatto? Non vi eran
più coltelli in Firenze? Ci voleva tanto a spegner l'ultimo fiato di
vita d'un vecchio di novant'anni? Non bastava levartelo dinanzi, e
poi se volevi, darti anima e corpo al nemico? Togliermi la vita? che
mi toglievi? ma l'onore salvato per tanti anni puro, intatto insin ad
oggi!...... quando ho già un piè nella fossa, tu, perversa, mi butti il
fango in capo? Su questi canuti, che dovean essere la gloria de' miei
figliuoli, l'onore di te, sozza scellerata!.... E se non eri da tanto
di saper tener in mano un pugnale, chè nol dicesti a quel tuo sgherro
ribaldo.... era impresa di gentiluomo, di Pallesco, di cortigiano
fradicio de' Medici scannar un vecchio da tergo..... ma sapeva il
traditore che potea farmi peggio.... Ma, alla croce d'Iddio, anch'io
gli saprò far conoscere l'error suo d'aver lasciato vivo Niccolò, e se
n'avrà a pentire che non sarà più tempo.... Averardo.... Vieri....--

I giovani, che stavano in orecchi, corsero alle grida di Niccolò, che
data loro a leggere la lettera mandatagli dal Carduccio esclamava:

--Chi di noi sarà tanto ardito d'or innanzi di alzar gli occhi in
viso a Lamberto, a quel giovane onorato e dabbene, ed altrettanto
disavventurato....--

E qui fermatosi un momento come colto da un nuovo pensiero:

--Disavventurato? seguiva, son pur pazzo.... avrà invece a ringraziar
Dio, e botarsi, d'averlo salvato d'impacciarsi con questa trista, con
questa sfacciata, che ha potuto tradire un par suo per darsi ad un
ribaldo traditore, traditor mille volte!....

--Fuori di questa casa, gridava con furore e voce sempre crescente,
fuori ora proprio, tu e questo fanciullo, e va, portaglielo a suo
padre, e digli che ringrazii Iddio ch'io non son nè Pallesco, nè
gentiluomo, ne cortigiano, che s'io fossi tale!.... che avete fatto
assai ad uscirmi vivi dalle mani... Ma è stato Iddio che non ha
permesso ch'io venissi sin qui con quella daga....--

Mentre Niccolò profferiva queste parole, la Laudomia in terra non
cessava di singhiozzare tentando d'abbracciare le ginocchia del padre,
che mai nol sofferse, e sempre la respingeva; i fratelli, vedendolo
venuto in tanto furore, non ardivano appressarsegli.

La Lisa, che senza muoversi, e senza aprir bocca aveva ascoltato sino
al fine quella gran villania finch'era contro essa sola, si scosse
udendo chiamar traditore il marito, e ritrovò forza nella sua ardita
natura, che a guisa d'una molla più era compressa, e più valida
risorgeva. Alzò la fronte pallida, ed affissato il padre con occhio
languido ma sicuro si pose ginocchioni così un po' distante com'era,
poi disse:

--Mi fate voi degna dirvi quattro parole prima ch'io esca di questa
casa?--

Niccolò rispose--Di', e fa presto.--

--Se voi m'avessi ammazzata, lo meritavo bene.... non posso negarlo.
Conosco d'aver fatto errore grande, scostandomi da quell'obbedienza che
v'era dovuta, e conosco ch'io dovevo almeno, poichè il male era fatto,
confessarvi ogni cosa.... Laudomia ch'è costì e che non seppe mai nulla
finchè tutto non fu condotto a fine, me lo consigliava; sono stata
io che non ho voluto. Dunque tutta la colpa è mia, ed è ragionevole
ch'io ne porti la pena, e tutto quanto m'avete detto, o mi direte, e
qualunque sia il castigo che mi preparate, tutto riceverò benedicendovi
le mani e dirò d'averlo molto ben meritato; ma se siete signore e
padrone di me, non lo siete dell'onore e del nome di Troilo, che mai fu
traditore a persona....--

--Io voglio aver tanta pazienza ch'io ti ascolti insino in fine....--

Disse Niccolò con riso amaro.

--E, riprendeva Lisa, di questo ne starà a paragone con tutto il mondo.
S'egli è della parte Pallesca, egli è quali furono gli antichi suoi,
e ciò non vuol dir altro se non che egli l'intende a un altro modo,
che non l'intende il popolo di questa città.... e sarebbe cosa troppo
enorme voler dire, che quanti cittadini son fuori di questa mura tutti
sono traditori....--

--E tu vile ribalda sei tanto ardita di bestemmiar la tua patria a
questo modo, in casa di Niccolò, e credi pazza che tel comporti?....
e quando dovresti nasconderti sotterra, e morir per la vergogna, e
ringraziar Dio e me che ancora vedi lume, invece ti rimane pur tanta
faccia di parlare, e per poco la non dice che la buona, la virtuosa è
stata essa.... e l'uomo dabbene egli è 'l suo drudo, e non è traditore
chi viene armata mano contro la sua patria?.... Ah, che conosco
finalmente che vipera mi tenevo in seno, che sia maladetta l'ora che
tua madre s'incinse di te pel mio malanno.... Animo, a chi dich'io?
Ch'io ho troppo sofferto.... Animo, fuor di questa casa....--

Finir queste parole, avventarsi alla Lisa, afferrarla per le trecce e
strascinarla carpone sin presso la porta, malgrado i pianti e le grida
di Laudomia, fu tutt'uno.

I figli allora, commossi a pietà per la misera sorella, s'interposero e
gliela levaron di mano.

--Via, disse Vieri, il più giovane de' tre, ch'era bonaccio e di que'
caratteri che non possono sentir discorrere di guai, via, d'ogni cosa
alla fine si vuol far pace, e basta bene che la se ne vadi se voi non
la volete in casa....--

--Oh padre mio! interrompeva Laudomia, è vero, abbiam fatto error
grande, ma Iddio perdona pure a chi si pente, e domanda pietà... Se
quel che più v'offende è l'aver essa sposato un pallesco, ma non avete
voi pregato per essi non son tre ore... e se non perdonate, come volete
che Iddio, scusate babbo s'io son tanto ardita.... come volete che
Iddio perdoni a voi?--

Gridò Niccolò:

--Non mi star a far la saccente, ch'io non ho mestieri d'imparar da te,
sciocca, ciò che convenga di fare.... Sta a vedere ora che bisognerà
lasciarsi vituperare le figliuole da' Palleschi, per dar retta alle tue
baje.... bada a te, e a' fatti tuoi, tu.... e tu (volgendosi a Lisa)
prendi quel fanciullo e levamiti dinanzi, e vattene col malanno, che
Dio ti dia....--

La povera giovane, ch'era sino allora rimasa in terra buttata come
uno straccio, coi capelli che le cadevan per le spalle e pel volto,
mandando tratto tratto dal petto un singhiozzo convulso si venne
alzando con gran fatica.

--Iddio è giusto, diceva interrottamente, oh Iddio è giusto.... egli
e non voi m'avrà a giudicare.... e vedrà.... se meritavo.... d'esser
trattata... a questo modo. Per la disubbidienza.... quanto a questo,
ero colpevole.... è vero..... ma è mio marito.... non è mio drudo, come
dite.... non ho peccato.... Per quanto all'esser Pallesco.... oh questo
poi!.... Iddio non parteggia, io mi confido ch'egli non è nè Pallesco,
nè Piagnone.... egli maledice.... oh sì, maledice queste sette....
quest'odj.... questi furori....--

--Egli maledice i figliuoli empj, gridò Niccolò, i figliuoli che
disubbidiscono, e vituperano chi diè loro la vita, e n'attristano la
vecchiaja, e li cacciano disperati nella fossa, e tu, sciagurata, te
n' avvedrai....--

A questo punto Laudomia atterrita, e quasi smarriti i sensi e
l'intelletto per la terribil scena di cui era spettatrice, e per
l'orrenda maledizione scagliata dal vecchio sul capo della misera
sorella, non trovava più forza per formar parole, ma coi gemiti, colle
lagrime, coll'abbracciare le ginocchia e baciar i piedi del padre,
divenuta come ebbra e forsennata, coll'avvinghiarsegli appigliandosi
alle sue vesti tentava ancora d'impietosirlo. Ma lo sventurato vecchio
era (non per modo di dire, ma realmente) fuor di sè, e smarrito ogni
lume, ogni senso di ragione, ributtò Laudomia con un urto così valido
che la misera si dovette arrovesciare sul suolo: provò dapprima un gran
dolore al capo; a poco a poco non sentì più nulla e svenne.

I figli di Niccolò, visto l'atto crudele e furibondo del vecchio,
che sconvolto nel viso, irti i capelli sulla fronte livida, mostrava
col pallore, col tremito delle membra, coll'errar delle pupille,
star presso a perder i sensi, come già dava segno di aver smarrito
l'intelletto, gli si posero attorno con sommesse ed umili parole, ma
pur usando misuratamente le forze, e l'avviarono fuor della camera
dietro la sventurata sua figlia.

Questa, col fanciullo in collo che piangeva, scese, e senza più
volgersi uscì in istrada. Al padre s'era intanto dissipata la nube che
l'aveva per un momento come tratto di senno, si sciolse dalle braccia
de' figli, e chiuso con impeto il portone, fe' correre il chiavistello,
e senza profferir più parola entrò nelle sue stanze e voltò la chiave
dell'uscio.

Eran circa le sei ore, che in quella stagione corrispondono a un
dipresso alla mezzanotte; la tramontana spingeva di traverso una
pioggia fitta e diacciata, e la povera Lisa camminava a caso nelle
tenebre, ora inciampando, ora entrando fino a mezza gamba nelle pozze
d'acqua e di mota di che era piena la via, ma non avendo altra cura,
altro pensiero che di tenersi ben serrato al petto il suo bambino ed
addoppiargli i panni in capo ed indosso, onde salvarlo dall'acqua e dal
freddo.

Procurando andar rasente il muro; e per dirigersi (avendo le mani
impedite brancolar non poteva) alzava gli occhi tratto tratto, e
seguiva la linea de' tetti, che in quell'oscurità generale erano più
scuri del cielo, appena tanto da poterli distinguere. Andò così un
buon pezzo vagando, ed a poco a poco l'idea dello stato presente,
del pericolo, del patire del figlio, cacciò o distrusse ogni altro
pensiero. L'idea che s'ella fosse venuta meno, il povero Arriguccio
sarebbe spirato nel fango di freddo e di disagio, forse in pochi
minuti, valse a ritornarle quella forza che già sentiva mancare: pregò
Dio col cuore, e riflettendo a qual partito dovesse appigliarsi,
si risolvette andar da una parente che le s'era sempre mostrata
amorevole.... ma stava fino in porta S. Friano. Pure non conosceva
altro rifugio, s'avviò. Poco pratica delle strade, così allo scuro,
ed in tanto travaglio d'animo presto, come suol dirsi, perdè la
tramontana, nè seppe più in quale strada si trovasse. Si fermò un
momento per riprender gli spiriti e raccoglier le idee, e calcolando
la strada fatta le fu avviso trovarsi in faccia al Duomo, di dove pel
corso degli Adimari potea dirigersi verso l'Arno. Ma scostandosi da un
muro che aveva alle spalle e procedendo avanti credendosi in piazza,
dopo otto passi diede invece nel muro infaccia d'una via stretta,
poichè senza accorgersene avea voltato dietro l'arcivescovado, e per
Calimala era venuta verso porta Rossa.

Allora, perduta adatto ogn'idea del luogo ove fosse, sentì, insieme
colla speranza, mancarsi l'animo e le forze, e si mise a piangere
dirottamente, pur alzando tra i singhiozzi la debol voce a chieder
ajuto per amor di Dio. Ma nessuna finestra s'aprì, nessuna luce
comparve.

--Oh Dio mio! Dio mio, disse la misera stringendosi al seno il figlio,
ch'egli abbia a morir a questo modo in mezzo a Firenze!---

Ed alzò più forte la voce, che finì in istrido disperato. Tutto
inutile. Le corsero allora alla mente le cagioni della sua presente
sventura: ripensò rapidamente gli odj di parte, le preghiere fatte
quella sera stessa, i furori de' Piagnoni, li maledisse, maledisse la
patria!... ma il suo dolore s'era mutato in follia. Merita compassione.
Crebbe allora l'affanno del respiro, un sudor freddo le usciva da
tutti i pori, e le parea sentirsi agghiacciar l'alito nelle fauci. Le
ginocchia le mancarono affatto, dovette accosciarsi rasente il muro; un
torpore mortale le invase le membra pel quale a poco a poco anche la
mente le si venne oscurando: non era sonno, non era svenimento, ma un
misto d'ambedue.

Rimase in questo stato brev'ora, sopraggiunse per sua ventura la scolta
guidata da Fanfulla, dal quale venne raccolta, e confortata nel modo
narrato al capitolo VII. S'egli avea sentito premura per lei al primo
vederla, tanto maggiore la provò quand'ebbe udito i suoi casi. Le si
profferse in tutto quanto era in poter suo, interrogandola al tempo
stesso, che cosa pensasse di fare. Ma neppur essa lo sapeva. Andar da
quella parente come avea divisato quando si trovava sola, abbandonata
da tutti, ora non ci si sapea risolvere: era una casa di Piagnoni
arrabbiati, come tutti i congiunti e gli amici de' Lapi, ed oltre che
aveva in uggia più che mai in quel momento cotesti furori, era di più
molto incerta se, saputo il suo matrimonio con un Pallesco, avrebbe
trovato carezze ed accoglienze, od invece rimproveri e male grazie.

Quantunque caduta sì basso, il suo animo ripugnava a porsi in casa
altrui in figura di colpevole e di supplicante. Rispose dunque a
Fanfulla, che se Iddio, ed egli non l'ajutavano, non sapeva quanto a
lei che cosa divenire.

--Vi sarebbe un mezzo, soggiungeva, ed il migliore di tormi d'affanni,
condurmi al campo a trovar mio marito!

--Eh figliuola, al campo! giusto; la via dell'orto! Prima, per bando
del sig. Malatesta, nessuno può uscir di Firenze se non comandato,
e per combattere; poi, un affare di poco! condurre una donnetta del
vostro taglio col bambino, che se gli salta di cacciarsi a urlare,
felice notte.... no, no, questa lasciamola per l'ultima.--

Alla povera Lisa si gonfiaron gli occhi di lacrime vedendosi tagliar
la via di condursi a quello che era pur sempre signore del suo cuore.
Sospirava e taceva, Fanfulla soprastato così un poco a pensare, scrollò
il capo in atto di risolversi e disse:

--Orsù, per qualche tempo.... finchè arriverà... ci penso io.... Venite
meco.--

Presosi il bambino in collo e coll'altra mano reggendo la Lisa uscì
dalle camere della guardia, che potea star poco ad albeggiare, e dopo
alcuni minuti si fermò all'uscio d'una casetta in via Larga. Dopo otto
o dieci bussate l'uscio s'aprì.

--Aspettatemi qui un momento, disse Fanfulla entrando. Ricomparso
dopo alcuni minuti mise dentro la Lisa, che in una povera cameruccia
trovò una vecchia consumata dallo stento ma di benigno viso, la quale
l'accolse con mostra di buon volere e di compassione. Si può imaginare
se la povera giovane avesse bisogno di conforti d'ogni qualità! Pochi
ne potè trovare, ma porti con amorevolezza, in quell'estremo bastarono
pure ad ajutarla, e fatta porre su un lettuccio col suo bambino,
benedisse Iddio di trovarsi ancor tanto latte da poterlo addormentare:
quando lo vide dormire, la stanchezza vincendo a poco a poco il senso
della sua sventura l'immerse in un sonno placido e profondo.

Fanfulla intanto, visto appena che le cose si avviavan bene, se n'era
uscito, promettendole che si sarebbe lasciato rivedere. Quando fu in
istrada camminava a capo basso, colle mani dietro le reni, scrollando
il capo e soffiando: poi un tratto si cacciò a ridere, e disse:

--Ora che il capitan Fanfulla ha creduto bene di farsi cavaliero di
questa dama, e che le ha detto _ci penso io_.... al fornajo, ben
inteso, vediamo un po' se non se l'ha per male; con che quattrini le
farà le spese? E non si scordi che la terra è assediata, e se la fame
non cresce, che più di così e impossibile, cresce almeno ogni giorno il
prezzo del grano!.... A te, rispondi.--

La risposta del buon Fanfulla fu cacciarsi a ridere un'altra volta
dicendo:

--Proprio tutte a me mi capitano!.... Uh, fosse il tempo del sacco
di Roma!... ma tosto dandosi colla mano sulla bocca si ricordò che
dal sacco in poi aveva fatto di gran discipline appunto per iscontare
il mal guadagno d'allora. Si recò in mano le poche monete si trovava
indosso, avanzo della paga ricevuta a conto dal signor Malatesta. Il
poveraccio n'avea donato la maggior parte all'ospite della Lisa pel
suo mantenimento, salvandone appena un terzo per sè, ma la provvisione,
tanto per l'uno che per l'altra, potea servire una settimana
malvolentieri. Pensando e ripensando, alla fine gli venne un'idea, ma
dovette esser tremenda per lui, poichè gli trasse un gemito dal petto,
come v'avesse materialmente sofferto la trafittura d'un ferro.

Si contorse, combattè, respinse l'idea, la discacciò, e raddoppiava il
passo sperando lasciarsela dietro le spalle. Ma quella maladetta idea
gli ronzava nel capo, lo molestava, cacciata di qua ricompariva di là,
e quantunque non lasciasse di pungerlo, aveva però in se una potenza
attrattiva d'un genere così irresistibile, che alla fine rimase essa
padrona, ed il povero Fanfulla dovette proprio fare a suo modo.

Sapete che cos'era quest'idea? Rinunziare, niente meno, a far com'egli
diceva il mestiere a cavallo, non esser più uomo d'arme, mettersi nelle
fanterie e vendere il suo vecchio Grifone.

Un cuore come Fanfulla non v'è più in questo nostro secolo d' _egoisti_!

Era tanta la pietà del caso della Lisa, ed il punto d'onore di non
mancare alla promessa, che dovette, non trovando altro modo, attenersi
a questo, benchè sopra tutti enorme e doloroso. Proseguì il suo cammino
colla fronte bassa ed avvilita, come colui che già si sentiva caduto di
grado, e nel solco della cicatrice che gli divideva la guancia scese
lento, lento, un certo umido che in tutt'altri si sarebbe chiamato una
lacrima. Ma Fanfulla, chi diamine vorrebbe dir che piangesse!

Si condusse alla stalla ove teneva il cavallo e nel guardarlo pensava:

--Chi vuoi tu che compri questo povero animale? Torse lo sguardo ed il
capo dal suo antico compagno al quale gli parea quasi farsi traditore,
ed andò difilato ove alloggiavano gli uomini della compagnia del sig.
Amico d'Arsoli. Nelle scaramucce che si facevano alla giornata sempre
qualcuno ne rimaneva a piede. Fanfulla profferse il suo cavallo ad
uno di costoro, e quantunque risoluto in tutto all'enorme sacrificio,
gli rimaneva però nel cuore un resto di speranza, di non trovare
chi volesse far il negozio per esser la bestia troppo sfinita. Ma
in quel tempo non bisognava cercar cinque piè al montone, ed uno di
que' caporali, fu contento pagarlo trenta ducati. Il nostro povero
amico prese i danari e presto se li mise in tasca. Levatane la chiave
della stalla la diede al compratore, insegnandogli il luogo dov'era,
tutto ciò senza guardarlo in viso, e si tolse di quivi sospirando e
dicendo--_È fatto_--

Questa somma, che in tempi ordinarj avrebbe dato le spese alla Lisa
per più mesi, col caro, cagionato dall'assedio, non potea servire pel
quarto del tempo.

Una circostanza s'aggiunse, che la fece struggere anche più in fretta.
La Lisa s'ammalò. Tante agitazioni, tanti patimenti le infiammarono il
sangue; le saltò una febbre gagliarda che per due settimane non la
lasciò mai, e quando per le assidue cure della vecchia, di un medico
dabbene, e più d'ogni altro del buon Fanfulla, fu rimessa in piedi, si
trovò con poche forze e con meno danari. La vecchia non n'avea per sè,
onde non potea darne. Fanfulla, senz'altra provvisione che la paga d'un
fante, facea quel poco che poteva, ma se ciò bastava a non morire, non
era abbastanza per poter campare. E la povera Lisa, conoscendo ch'egli
viveva in disagio per cagion sua, gli nascondeva il proprio patire, il
bisogno di cibo migliore e più abbondante, che per l'abito, la gioventù
e le rinascenti forze, provava urgentissimo; in somma, la figlia
di Niccolò nata e vissuta negli agi e nell'abbondanza d'ogni bene,
imparava ora per la prima volta le terribili angosce della fame.

La vecchia che l'aveva raccolta in casa, detta la Niccolosa (l'arte
sua era lavar pannilini, cucire e rimendare) era stata conosciuta da
Fanfulla quando egli stava in S. Marco, chè spesso, per esser costei
in tanta vicinanza del convento, le portava tovaglie d'altare ed altre
biancherie. Tenendola per donna dabbene e d'amorevole natura, le avea
messa in casa la Lisa, che accettata volentieri, fu del pari ben
trattata finchè durarono i danari. Ma finiti questi, la povera vecchia
venne a tali strette, che il suo proprio patire le toglieva di potere
aver pietà dell'altrui. Salita un giorno nella cameruccia d'ella Lisa,
con viso afflitto, ma con buoni modi, le dovette pur dire, che quanto
alla casa sua ell'era contenta vi stesse, nè intendeva metterla in
mezzo alla strada; ma quanto al vitto, pensasse a provvedersene.

--E come provvedermene? Pensò sospirando la Lisa, che da molti giorni
viveva di poco pane ov'era più crusca che farina, e vedeva presso a
finire la piccola provvisione che se n'era fatta. Panni di qualche
valore, anella da vendere non ne aveva, chè era uscita di casa si può
dire in sola camicia. Ed in tante miserie fosse almeno stata sola a
soffrire, ma essa avea un figlio che dovea vivere del suo latte!

Il povero Arriguccio, che dipingemmo così bello, così colorito e
pienotto, avea pur fatta in poche settimane la gran mutazione. Le
membra tonde e sode s'eran, per dir così, liquefatte ed avvizzite. La
pelle lucida e tesa un tempo pendeva ora floscia ed arrendevole a tutti
i moti del fanciullo.

Ogni giorno la povera madre nel vestirlo o nello spogliarlo, lo
guardava, lo veniva ricercando per tutta la persona cogli occhi umidi
di pianto; ed ogni giorno le pareva si fosse consumato la metà; ogni
giorno credeva trovare qualche ossicino più protuberante, e meno
coperto del giorno innanzi. E sebbene questo decadimento non fosse
tanto rapido quanto la materna sollecitudine l'immaginava, era però
vero e continuo.

Per la nuova magrezza, e l'impossibilità di mutarlo spesso, chè la
poverina non avea panni, la tenera e sottil pelle del bambino in molti
luoghi ov'era più frequente l'attrito, s'era fatta rossa, e pareva
presso a lacerarsi.



CAPITOLO XII.


La sventurata madre seguiva ansiosa e tremante il progresso di questi
mali, struggendosi in pianto, ed in baci che imprimeva a migliaja sul
misero corpicciuolo, quasi dovessero aver virtù di ritornargli la forma
e lo splendore di prima. Ma questa virtù che era un tempo nel suo seno,
il dolore, gli stenti, la fame, l'aveano esausta quasi del tutto.

Gli orrori della sua cacciata dalla casa paterna, il rimescolo, il
freddo di quella prima notte, le avean subitaneamente scemato il latte;
nè il suo modo di vivere era atto a ristituirglielo ora. Il fanciullo
non mai sazio, piangeva di continuo: la poverina priva d'ogni ajuto,
d'ogni modo onde acchetarlo se lo teneva tutto giorno attaccato al
petto, ma neppur questo valeva: che il bambino trovandolo vôto, si
sfiniva suggendo inutilmente e presto staccatosi dava in un pianto
fioco e sconsolato.

Il giorno stesso in cui la Niccolosa era venuta a dirle quelle dolorose
parole, la povera giovane verso sera rimasta sola in casa si sentiva
più debole, più inferma del solito. Quel tenersi continuo il fanciullo
al seno l'avea sfinita. Un dolore profondo alle ossa del petto le
impediva di mettere intero l'anelito, e tratto tratto si sentiva
soffocare.

Seduta a canto alla finestra col figlio steso sulle ginocchia, che
languido ed abbandonato, dormiva, o piuttosto era in quel sopore che
sopravviene al mancare delle forze, ella vedeva scemare la luce del
crepuscolo pensando con terrore alle imminenti tenebre d'una lunga
notte d'inverno.

Non avendo lume era costretta, quand'annottava, di andarsene a letto;
e quell'ore eterne passate nell'oscurità senza poter chiuder occhio, e
col disperato travaglio di non trovar via ad acchetare il pianto del
figlio, le mettevano, al sol pensarvi, un brivido di spavento, ed eran
forse il più duro tormento del suo stato presente.

Ora alzava gli occhi guardando il ciel bigio, che di momento in momento
s'andava facendo più nero, ora li lasciava cadere afflitti e spenti
sul volto affilato del bambino, misurandone il respiro, che le parve
a poco a poco farsi più frequente e affannoso. Le parve scorgere che
il candido pallore della pelle s'andasse come annebbiando di livido,
specialmente attorno alle labbra, s'alzò sbigottita, e sperando codeste
apparenze fossero effetto della poca luce, preso il fanciullo, lo pose
col volto contro la finestra, e vide che il lividore non era illusione,
vide le labbruccia farsi scure e turchine, gli occhi semichiusi
aprirsi un tratto, e la pupilla errare un momento, poi sparire sotto
la palpebra. Gettò un grido la misera madre, che credette giunta
l'ultima ora del figliuolo, lo portò sollecita sul letto, lo sciolse
in un baleno dalle fasce, e tremando per l'ansia, per la fretta, per
l'incertezza, cominciò a strofinarlo, e colle palme, col fiato, e,
senz'avvedersene, colle lagrime che gli piovevano dagli occhi le pareva
pure dover riuscire a ridestare in esso il calor vitale.

Poscia avvisando nuovi modi s'abbandonava colla bocca su quella del
fanciullo, coprendolo e riscaldandolo, poi gli faceva cader tra le
labbra qualche stilla di latte, che a stento riusciva a spremersi dal
seno, ma la dolcezza di vederlo inghiottire, che avrebbe comprata colla
vita, non l'ebbe; rizzatasi allora smaniosa, disfacendosi in lagrime,
giungendo le mani convulse, o cacciandosele ne' capelli:

--Oh figlio mio! diceva, oh amore della povera madre! oh non
l'abbandonare!..... No, no, no!.... Oh se mi guardasse almeno! oh
Dio! che non ho altro al mondo che il povero angioletto mio;.... e
anche questo mi vuol abbandonare! Oh! Arriguccio mio,.... guarda la
povera madre.... oh ridi!.... Oh! veder ridere una volta ancora quella
boccuccia cara e poi morire! Oh! Dio! Dio! prendimi tutto..... sì,
tutto e tutti..... ma il figlio, l'amor mio, le mie viscere,.... oh no,
non è possibile.... oh non lo potresti volere!....--

Ma il fanciullo immobile, respirando appena, non dava segno atto a
destare ombra di speranza. L'infelice Lisa rasciutte le lagrime,
invetrito lo sguardo, ristette fissandolo un pezzo, immobile e muta;
ma intanto ciò che gli sforzi, le cure, il pianto della madre non
avean potuto, lo potè la natura e la convulsione che aveva assalito il
bambino si venne a poco a poco calmando.

Se n'avvide ai primi indizj la donna. Scorse il colore ritornar
naturale, gli occhi sereni; ricomporsi i lineamenti; tacita, tremante,
teneva dietro a questa mutazione con un ansare sempre più rapido, ma
quando vide le labbra del suo fanciullino aprirsi ad un sorriso, fu un
tale scoppio d'allegrezza, di piangere e ridere ad un tempo, fu tale
l'ebbrezza, la commozione interna, che mal reggendosi in piedi cadde
ginocchioni accanto al letto, e coprendo di baci le ginocchia ed i
piedi del figlio, diceva:

--Oh Dio, lo sapeva!... oh! non era possibile... sarebbe stato troppo
ad una povera madre, ad un'infelice.... infelice? Chi dice che sono
infelice? Che sono povera?.... M'è tornato l'amor mio! mi guarda e
ride, l'ho visto ridere.... son felice, son ricca, io son troppo
avventurata, io non chiedo altro, io non ho cuore per altro bene, per
altro amore.... oh Arriguccio! tu avevi morta la povera madre.... oh
cattivo!.... no, no cattivo.... angiolo, angliolo del paradiso, chè ora
m'hai ridonata la vita.--

Nè bastando quelle parole a dare sfogo ad affetti tanto indomiti e
bollenti, le finiva in un fiume di lagrime ed in mille baci e mille
carezze.

Intanto era fatta notte del tutto. Quando nel cuor della Lisa fu
acchetata la tempesta di tanti affetti, cominciò a riflettere al suo
stato, al pericolo che, durando così le cose, quella sventura che
era stata ora soltanto minacciata, s'avverasse: l'amor materno vinse
il terrore ch'ella provava al solo pensiero pel padre, e si risolse
andare a lui senza por tempo in mezzo, impetrarne la vita del figlio,
ottenerla o morire a' suoi piedi.

Arriguccio dormiva. Fe' sopra lui il segno della croce, l'assettò in
modo che se veniva a muoversi non corresse pericolo di cadere, lo
baciò, e scese brancolando nella cameruccia al pian terreno ov'era la
Niccolosa.

--Per l'amor di Dio, le disse, state attenta se mai Arriguccio
piangesse.... or ora torno.--

La vecchia la sgridava di voler uscire sola la sera; ma inutilmente,
chè la Lisa già avviata più non l'udiva. La notte era scura, le strade
deserte, appena qualche bottega a sportello, ed il debol chiarore dei
lumi di dentro pur serviva a non ismarrir la via. La Lisa camminava
muro muro, con passo veloce; in pochi minuti fu al portone de' Lapi,
che rivedeva per la prima volta. A quella vista pianse. Ma rasciutte
quelle lagrime, ferma col piede sul primo de' due scalini pe' quali si
saliva al limitare, le veniva meno il coraggio, nè poteva stender la
mano alla campanella che serviva a picchiare.

Vide lume alle finestre delle camere terrene di Niccolò, e salita sulla
panca di marmo che s'estendeva quant'era larga la facciata, riuscì,
attenendosi all'inferriata, a poter alzarsi tanto da vederne l'interno.

Nella camera non era altri che Niccolò e Laudomia, egli sul suo
seggiolone sotto il cammino, ella alla tavola del lavoro, ambedue
immobili e muti; ambedue mostrando sul volto tracce tali che potevano,
da chi ignorasse i loro casi, esser attribuite egualmente, ad una
calamità sofferta, o ad una fresca malattia. Lisa, che la prima
conosceva, dubitò della seconda, e non s'ingannava.

Dicemmo come al fine della terribile scena, mentre Lisa era cacciata
di casa, Laudomia rimanesse in terra svenuta; soccorsa dalla fante, si
riebbe tanto da poter a stento, ed ajutata, giungere al suo letto, ma
presa già dalla febbre, da vacillazione di mente, stette in forse della
vita per molti giorni, ed altri moltissimi in letto, e quella sera
stessa era scesa per la prima volta nella camera di Niccolò.

Ad esso era accaduto poco meno. Ma d'animo e di complessione più
ferma, non aveva mai voluto nè stare in letto, nè sentir medici, nè
veder anima viva; i figli, che s'eran lasciata sfuggir qualche parola
a pro della Lisa, gli avea discacciati, ed alla sola Laudomia l'avea
comportato, ma col patto espresso, che mai più non entrasse su questo
discorso: vietato poi a tutti, pena la sua disgrazia, d'aver che
spartire in verun modo cosa alcuna colla moglie, com'egli diceva, di
quel traditore Pallesco.

Laudomia però, riavutasi appena tanto da poter connetter le idee,
conosciuto che bisognava operare di nascosto del vecchio, avea
combinato coi fratelli di ritrovar la povera Lisa, n'andasse il mondo.
E per dir il vero avean messo sossopra Firenze, ma senza frutto
nessuno, e la Laudomia più di tutti ne vivea disperata.

Lisa guardava intenta ora il padre, ora la sorella: il pallore, la
mestizia d'ambedue, quell'immobilità, quel silenzio erano altrettante
punte che le laceravano il cuore. «Ecco di che fosti cagione! diceva
a se stessa.... ecco in che termini hai ridotto tuo padre, un povero
vecchio.... tua sorella quell'angiolo senza macchia.... e speri che
Iddio non faccia a te altrettanto? Speri ch'egli voglia lasciarti
la consolazione del figlio?....» E qui sorpresa dal pensiero che la
vendetta divina stesse forse per colpirla appunto nella vita del suo
bambino, non si potè più frenare, e scoppiò in un singhiozzare così
alto che Laudomia e Niccolò l'udirono.

--Chi piange costì? disse il vecchio alzandosi; e andato alla finestra
l'aperse. Lisa, vedendo che il padre si moveva, sopraffatta dal
terrore, era scesa, e prostrata sul lastrico della via diceva:

--Ah babbo! per me non chiedo nulla.... non merito nulla.... ma
il mio bambino sventurato! che colpa ha egli se sua madre è una
sciagurata?.... Se suo.... (la povera Lisa ebbe ancor tanto senno da
non nominare Troilo in quel momento). Oh babbo! il mio povero bambino
infelice vive del mio latte:... ed io non ne ho più.... non ho più
forza, non ho più fiato, più vita!... la fame, babbo!... la fame....
oh Dio, se provaste la fame!.... e vedere un bambino che muore di
fame!....--

Lisa nel finir queste parole alzò il capo tremante, pensando, esser
impossibile che Niccolò fosse tanto crudele da non muoversi a
compassione; già si figurava veder alla finestra il padre in atto
benigno.... invece la finestra era chiusa, sparito il lume. L'infelice
stette in due di spaccarsi la fronte sui sassi, tanto fu il dolore
disperato che l'invase.

Niccolò, accortosi appena della figlia, s'era tosto tirato indietro,
non perdendo però una delle sue parole. Laudomia, senza profferir
sillaba, gli s'era accostata, e piangendo cheta gli abbracciava le
ginocchia. Ma il vecchio fattola alzar di forza, e coll'indice teso
mostrando la porta, disse, con voce ch'egli voleva far minacciosa e
severa senza potervi però interamente riuscire:

--Laudomia, io non mi muto: esci, sali in camera; lo voglio, te lo
comando.--

Visto che non era prontamente ubbidito, ripetè l'ordine, e questa volta
con quella voce alla quale nessuno di casa s'attentava a resistere.
La povera Laudomia uscì coprendosi il viso colle mani. Il vecchio,
soprastato così un poco origliando, quando udì perdersi lo strepito de'
passi di Laudomia che lentamente saliva, andò prestamente nella camera
ove era la dispensa, pose in una tovaglia quanto pane vi potè capire,
e venuto al portone l'aperse, lasciò sul limitare la provvisione, e
richiuse col chiavistello. La povera Lisa, udendo aprire, s'era alzata
tosto dal luogo ove giaceva con tutta la fretta che le concedevano
le sue poche forze, tutta l'ansia che si può immaginare, e s'era
mossa, sperando venire accolta in casa: ma giunse appunto quando il
chiavistello veniva ricacciato negli anelli, e vide a terra la tovaglia
col pane. Tante umiliazioni, tanti mali l'avean prostrata; non ebbe
più forza nè di piangere nè di dolersi. Sedè sulla soglia, prese un
pane e cominciò (chè si sentiva mancar dalla fame) a mangiarlo con
avidità. Spento, o sospeso almeno ogni senso de' suoi mali morali,
pensò, sospirando pel desiderio:

--Che ristoro, che bene mi avrebbe fatto un buon fuoco ed un po' di
vino, così intirizzita, così debole come sono!--

Laudomia intanto, salita appena, era di nuovo scesa senza lume, scalza,
per non far rumore, sperando ingannar la vigilanza del padre, e poter
giungere alla Lisa: facendo capolino dall'alto vide l'atto di Niccolò,
lo vide fermarsi dopo chiuso il portone e rimanere colla fronte bassa
alcuni minuti, che le parvero mille secoli, poi asciugarsi gli occhi
col dosso della mano, ed alla fine rientrare nelle sue camere. Laudomia
si lanciò al chiavistello, l'aperse adagio, adagio, uscì in istrada:
era scura e deserta; fece alcuni passi chiamando a voce bassa, ma
quanto potè distinta, «Lisa mia! Lisa mia! Nessuno rispose: eppure,
pensava, non può esser ancora tanto lungi che non m'oda: oh, sapessi
per qual parte ha preso! Averla forse qui presso e non poterla trovare!
E s'io non uso quest'occasione, forse mai più!.... Griderò più forte;
accada che vuole.» E la buona Laudomia con voce acuta chiamò due volte
la sorella.

Una voce, non femminile, ma forte, maschia e vicina, le rispose dicendo:

--Chi può chiamar la Lisa per la via a quest'ora?--

E tosto le fu sopra un uomo d'arme a cavallo che rattenne la briglia
mentre la giovane sbigottita rifuggiva all'uscio di casa. Entrò, ma non
lo chiuse, e si volse incerta, chè passato il primo sgomento le era
parso quella voce non le giungesse nuova.

Il cavaliere fattosi avanti, smontò e le disse:

--Laudomia, voi cercate di Lisa in istrada, a quest'ora?--

--Oh Lamberto!....--

Ma non potè dir altro, chè questa comparsa così improvvisa le fu come
un colpo di fulmine. L'avea pur tanto sospirata, anche dopo il caso
della sorella, poichè conoscendo bensì quanto sarebbe stato doloroso il
narrarglielo, pur l'idea di Lamberto vicino la rassicurava, le sembrava
avrebbe una guida, un appoggio: che egli saprebbe trovar rimedi ove
nessun ne trovava; consigli, mentre venivan meno ad ognuno. Figurandosi
il suo arrivo, se lo era immaginato in modo che non le mancasse tempo a
preparar le parole; colta ora così improvviso, non potè per brev'ora nè
parlar nè rispondere.

Ma tornata tosto al pensiero della Lisa che intanto sempre più
s'allontanava, e preso risolutamente partito, diceva con parlar celere
e pieno d'istanza:

--Lamberto! Iddio, vi ci ha mandato.... La Lisa era qui ora.... sarà
poco lontana.... cerchiamola, non vi posso dir altro.... chè se si
perde un momento.... oh Lamberto! andiamo.... saprete il motivo.... ma
andiam presto.--

Lamberto, lontano mille miglia dal vero, sentì però darsi da queste
strane parole una botta al cuore; ben conobbe che qualche gran cosa
v'era sotto; ma come forte e discreto, cacciato ogni altro pensiero,
senza domandar più oltre seguì la giovine, che fatta sicura per tal
compagnia, mise in cuore di cercar tanto finchè trovasse la sorella.
Tiravano verso il Duomo, e ad ogni passo la chiamavano a nome.

Ma prima di narrar l'esito di quest'inchiesta, sarà bene dir due parole
dei casi di Lamberto dal giorno ch'egli uscì di casa Lapi.

Ardeva in quel tempo la guerra tra Carlo V e Francesco I. Il popolo di
Firenze, che per antico uso seguiva la fortuna di Francia, aveva nel
campo francese un suo cittadino, il più riputato e valente soldato che
fosse allora in Italia, Giovanni de' Medici, capitano di quelle bande
famose, che dopo la sua morte furon dette bande nere. Lamberto propose
mettersi nella sua scuola, e da un cittadino amico de' Lapi, ebbe
una lettera che molto lo raccomandava al capitano fiorentino. Saputo
ch'egli era in Lombardia, ove già romoreggiavano le genti tedesche,
che condotte da Giorgio Fronsperg per la valle dell'Adige calavano
in Italia, prese il suo cammino per Bologna, Parma e Piacenza, ed a
piacevoli giornate, per non trovarsi, giungendo, troppo male a cavallo,
dopo non molti giorni si trovò a Milano.

La terra ed il ducato si tenevan per l'imperatore, ed era tutto pieno
d'armi tedesche e spagnuole sino alle rive dell'Adda. Di là dal fiume,
l'esercito di Francia, s'alloggiava pei borghi e per le terre della
Ghiara d'Adda; e Giovanni colle sue bande era in quel momento a
Rivolta con parte delle genti; il resto l'aveva sparso da Vailà sino
a Casirate. Siede Rivolta non lungi dalla riva sinistra dell'Adda tre
miglia al disotto di Cassano, pel di cui ponte avrebbe dovuto passar
Lamberto; ma v'era a guardia un grosso d'imperiali, i quali, vedendo un
uomo d'arme avviarsi al campo nemico, l'avrebbero senza dubbio fermato.
Bisognava dunque provvedersi d'altro tragitto.

Il più spedito, ed insieme il più pericoloso, era guadar l'Adda
rimpetto a Rivolta; a questo s'appigliò Lamberto pensando «Più che la
lettera mi gioverebbe appo il sig. Giovanni s'io potessi giungere al
campo dando segno alcuno della mia virtù sotto gli occhi suoi proprj.»
Così deliberato, partì una mattina nel finir di giugno, allegro e
contento da Milano, sul suo buon cavallo che avea ristorato dal
viaggio, ed ottimamente in arnese di tutte armi; e passando libero tra
molte truppe di soldati, che lo credevan di parte imperiale, poco dopo
mezzogiorno si trovò là dove le campagne cessando d'esser coltivate
s'imboscano, ed il terreno divenendo ghiajoso mostra non lontana la
corrente del fiume.

Seguì la strada che s'avvolgeva entrando fra certi macchioni, ora
sassosa ora affondata nella sabbia, e giunto ov'era un poco di rialzo
scorse, in mezzo ad un largo letto di ghiaje aride e bianchissime,
scender veloce e limpida l'onda dell'Adda. Al di là, sul campanile di
Rivolta, vide sventolare la bandiera del sig. Giovanni, le Palle de'
Medici. Quella vista non potea non offendere chi era nato del popolo di
Firenze, e Lamberto stringendo i denti, e dando di sprone al cavallo,
pensava «Peccato ch'io pur debba combattere sotto quella impresa!» ma
gli sovvenne tosto, che il ramo mediceo, dal quale usciva il valoroso
capitano, era capital nemico di quello che tanto avea pesato su
Firenze, e cacciati que' molesti pensieri passò innanzi.

Qui però, conoscendo esser per lui il luogo di maggior pericolo (poichè
in tempo di guerra, come ognun sa, passar la linea che divide gli amici
dai nemici è tenuto per atto sospetto) e dubitando incontrar qualche
mano d'imperiali che corresse velettando quella riviera, s'inforcò
meglio sulla sella, imbracciò più stretto lo scudo, e colla lancia alla
coscia era tutt'occhi, camminando pur tuttavia, per non esser colto
improvviso.

S'era provveduto a tempo. Uscito appena dal bosco, non avea fatto dieci
passi sulla nuda ghiaja quando si sentì alle spalle uno stormir di
frasche e voltosi al rumore, vide sbucar dalle macchie tre balestrieri
a cavallo e due barbute, che tutti insieme di mezzo galoppo gli vennero
sopra. Egli avea scorto sulla riva opposta buon numero di soldati
delle bande che cercava, e tra loro due a cavallo di nobil presenza
che pareva l'attendessero ad osservare che cosa dovesse nascere di
quest'incontro. Pensò in cuor suo «Oh, fosse costà il sig. Giovanni!» e
questa speranza gli raddoppiò l'ardire e perfin la forza, e disse tra
denti «Uno contro cinque: è una buona occasione. Ora Iddio m'ajuti.»

Fattosi avanti, una delle barbute gli gridò:

--Chi sei, e con chi stai?--

--Con nessuno: rispose Lamberto senza far atto nè di muoversi, nè
d'arretrarsi.--

--Chi viva!--Replicò l'altro arrestando la lancia.

--Viva il sig. Giovanni, viva Firenze, e muojano i marrani! gridò
Lamberto in modo che, udito dall'altra riva, cento voci ripeterono il
medesimo grido: ma nel mandarlo, il giovane, piantati di forza gli
sproni ne' fianchi al cavallo, s'era lanciato contro l'avversario, e,
passatogli colla lancia l'arcione dinanzi, lo ferì nella coscia, e
lasciandolo, che tutto rannicchiato accennava di cadere, si volse agli
altri.

Fortuna per lui, che su quella ghiaja piena di ciottoli e di pietre
grosse i cavalli mal si potevan maneggiare, onde non vennero ad
essergli tutti addosso ad un tratto, chè al certo si trovava spacciato:
ma pure, per quanto fosse valente della sua persona, per quanto
disperatamente menasse le mani, difendersi contro quattro era difficile
impresa. Pure, furon poco stante ridotti a tre, chè Lamberto, in mezzo
a quel tempestare, n'avea veduto cadere uno senza essersi accorto, in
tanti colpì, quale gli fosse toccato.

Così sempre ravvolgendosi tra loro, e combattendo, s'erano accostati
alla riva, e Lamberto, che sentiva negli orecchi le grida di _dagli,
dagli_, dalla sponda opposta, voleva esser fatto a pezzetti prima
d'arrendersi. Conobbe pure alla fine che dirla solo contro tanti era
pretender troppo dalle sue forze e dalla fortuna.

Preso il suo vantaggio, si lanciò nel fiume lasciando sulla sponda due
de' nemici; ma il terzo più pronto, gli tenne dietro quasi nell'istesso
tempo, tanto che i cavalli ebber presto l'acqua fino al petto, e quello
di Lamberto aveva alla groppa la testa del cavallo nemico.

L'animoso giovane volgendosi tirò una punta al cavaliere: non potè
passare il corsaletto del quale era armato, ma fu di tanta forza che la
lama volò in pezzi; il percosso collo stringer le cosce comunicò l'urto
al cavallo che già si reggeva mal sicuro sul fondo incerto del fiume,
l'uno e l'altro andaron sotto in un tonfo profondo, ed uno scoppio di
grida lodò dalla riva il bel colpo di Lamberto. Alcuni archibusieri del
sig. Giovanni avevano intanto coi loro tiri fatto arretrare i nemici:
a Lamberto non restava altro contrasto che quello del fiume. In quella
vede riuscir dall'acqua assai lontano il capo del cavallo caduto che
notava a salvamento, e a poche braccia il cavaliere, ma abbandonato in
atto di chi abbia smarriti i sensi.

A Lamberto, che l'avrebbe poco prima morto a buona guerra volentieri,
increbbe ora di vederlo affogare: volse la briglia verso lui stimolando
il cavallo, mentre i soldati del sig, Giovanni accortisi del suo
disegno gli gridavano con grandi schiamazzi==Lascialo bere!==Colui
per sua fortuna non era nel filo della corrente, ma in uno spazio ove
l'acqua ripercossa da un gomito della sponda si rivolgeva all'indietro;
onde Lamberto ebbe agio di giungere ad afferrarlo per le coregge della
corazza, e tirandoselo dietro spinse il cavallo di traverso nella
corrente. Questa era profonda e rapida nel mezzo, il povero animale
dovea portar quasi doppio peso, e poco mancò la carità di Lamberto
non gli riuscisse fatale. Pure senza smarrirsi d'animo, preso colla
sinistra il crine del cavallo che aveva appena il capo fuor dell'acqua,
animandolo colla voce e col calcagno, riuscì alla fine, deviando però
molto, a toccar l'altra riva.

Fu raccolto con gran festa dai soldati spettatori di quel bel fatto,
e molti entraron nell'acqua per ajutarlo a sorgere, e togliergli
l'impaccio di quell'uomo mezzo morto, che stesero sulla riva a bocca
sotto motteggiando del bello sturione, com'essi dicevano, che aveva
pescato.

Sopraggiunse in quella un giovane a cavallo di aspetto altero e di
membra fortissimo, con un cojetto indosso, ed una rotella in braccio
nella quale eran le sei palle in campo d'oro. Tutti s'allargarono
riverenti, ed egli fermatosi presso Lamberto, il quale tutto grondante
d'acqua (e dalle spalle stillava pure a gocce sanguigne) era
scavalcato, gli disse con parlar tronco; ma sorridente ed amorevole.

--Chi sei tu, che combatti contro cinque uomini per gridar il mio
nome?--

--Il mio è troppo umile e basso, perch'egli non giunga nuovo all'Ecc.
V., rispose Lamberto, beato oltre ogni credere d'essere stato veduto
in quella occasione dall'istesso capitano: ho però qui una lettera di
Messer (nominò chi l'avea scritta) se pure l'acqua non l'avrà disfatta,
che potrà dare all'E. V. contezza dello stato mio, e farle fede quanto
sia grande in me il desiderio di venire ammaestrato in questa prima, e
mirabile scuola della milizia italiana.

Nel dir queste parole sfibbiatosi da un lato il petto di ferro, si
cercò in seno, e ne trasse una carta che l'acqua aveva però risparmiata
in gran parte. Giovanni la prese, dicendogli:

--Quanto al venir ammaestrato, pare che poco ti faccia mestieri,
tuttavia, vediamo.--

Mentre Giovanni de' Medici leggeva, Lamberto sfogando a sua posta la
smania che sentiva già da gran tempo di conoscere di veduta un così
valente e riputato signore, ne ammirava la fiera presenza, l'atto del
cavalcare, ardito e disinvolto, guardandolo con quell'appassionata
venerazione che invade ogni anima generosa e ancor digiuna di gloria
all'aspetto di chi è già fatto chiaro per grandi ed onorate imprese.
Non avrebbe mai osato sperare la fortuna tanto amica quanto gli s'era
mostrata in questo incontro; ed il trovarsi ora ad un tratto venuto
in onore presso i suoi nuovi compagni, ben accolto e lodato alla loro
presenza da un tant'uomo gli destava il senso d'una felicità troppo
grande per non crederla un sogno. Col cuor palpitante, e gli occhi
umidi per l'allegrezza, col viso adorno d'una cotal trepidazione, che
riusciva più bella in chi pur ora avea dato segno di tanto ardire,
aspettò immobile il fine della lettura.

--Tu stavi con messer Niccolò?--disse alla fine Giovanni alzandogli gli
occhi in viso: poscia aggrottate le ciglia, soggiungeva battendo colla
destra sulla rotella:

--Col maggior nemico di questo scudo?--

Lamberto era tanto affascinato dalla presenza di Giovanni, che stette
per rinnegar la parte dal popolo, e Niccolò con essa. Ma egli era di
quelle anime incapaci di cader mai in atto che abbia ombra di viltà,
onde rimasto un momento incerto, alla fine, modesto ed ardito insieme,
rispose:

--Ecc., Niccolò è popolano, ama la libertà di Firenze, e non è nemico
che de' suoi nemici.--

--E perciò egli non può esser pallesco. Bene, Lamberto, così parla un
valentuomo qual tu sei. E poi cacciatosi a ridere soggiungeva: oramai
neppur io son più pallesco; papa Clemente l'accoccherebbe a me se
potesse, ed io a lui.... Orsù, sta bene.... tu hai fatto tal prova che
questa lettera poteva anche andarsene giù per l'Adda. Capitan Puccino,
scrivi questo giovin dabbene nella compagnia, e stasera ne verrai con
esso a cena in castello.--

Dette queste parole volse il cavallo, e di mezzo galoppo prese la via
di Rivolta.



CAPITOLO XIII.


Il capitano Puccino, al quale Lamberto era stato affidato, si fece
avanti per condurlo all'alloggiamento.

--Andiamo, valentuomo, gli disse, l'acqua che ti gocciola d'indosso da
quel che vedo non è chiara per tutto.--

--Nulla, nulla, rispose Lamberto, una leccatura qui nella spalla....
Lasciatemi prima dar un'occhiata a quel balestriere che ho fatto
prigione.... s'egli è di qua o di là.--

Itosene in così dire ove l'avean dapprima posto a giacere, lo trovò
in mezzo a un cerchiello di soldati, e già s'era levato a sedere, nè
pareva lontano dal riprender del tutto gli spiriti e le forze.

Mentre Lamberto nel fiume s'ingegnava di trarlo a riva, que' soldati
vedendo il suo pericolo e la fatica che durava, avean detto tra loro:
«Costui vuol far la fine di Francesco Sforza!, il quale per voler
ajutare un suo paggio che s'annegava nel fiume Pescara, vi rimase egli
stesso annegato.»

Visto poi che il giovane n'usciva ad onore, uno cominciò a dire
«Evviva Sforza!» e un altro: «bravo Sforza» e «ben venga Sforzino» e
così per quel bisogno di soprannomi che s'aveva allora in Italia, tanto
più tra le milizie, ed anche ignorandosi da loro il nome di Lamberto,
gli rimase quello di Sforzino, che non andò più giù fin che visse, e
che ricordando un suo bel fatto, egli udiva volentieri.

--Vieni qua Sforzino, disse ridendo uno di costoro, chè questa volta
hai guadagnata la taglia d'un principe.

Accostatosi Lamberto, vide che faccia principesca avesse costui. Era un
omotto piccolo e tarchiato, con una faccia tonda e scimunita; capelli
e baffi biondi come lino cardato, e quanto all'arme ed alle vesti in
poverissimo arnese.

--A noi, compare, disse Lamberto sorridendo anch'esso, sentiamo chi tu
sei, e come hai nome.--

--Io, signore, star pofere soltate sguizzere, venir in Italia con
capitano Altsax: perchè cretute qui befer molto pon fino: e in
contrario befuta molta acqua....--

E seguitando su questo fare diceva esser del cantone di Zurigo,
chiamarsi Maurizio Schuber, e non poter pagar riscatto, poichè era,
_pofere soltate_; ma esibirsi pronto a seguir sempre come famiglio
quegli che oltre l'averlo abbattuto, l'aveva poi campato da quella
maladett'acqua che tanto detestava.

Lamberto gli oppose, che non essendo neppur esso ricco soldato, non
potrebbe seco toccar stipendi: ma lo svizzero protestando non potersi
scioglier giammai dal grand'obbligo che gli aveva, essendo per opera
sua campato da quella morte acquatica, sopra ogn'altra funestissima,
volle in tutti i conti seguir la fortuna del suo liberatore. Questi
distinguendo pure nelle sue rozze parole una cotale schietta e leale
semplicità, avendolo anche conosciuto alla prova per uomo ardito e da
dir la sua ragione coll'armi in mano, si risolse accettarlo.

--Capitan Puccino sono con voi--disse volto alla sua guida, e
s'avviarono tutti e tre all'alloggiamento, mentre que' soldati
motteggiando Lamberto gli andavano dicendo:

--Evviva Sforzino! Hai fatto un bel guadagno, invece di taglia, avrai a
dar le spese a questo poltrone!....--

Il castello ove il sig. Giovanni avea invitato Lamberto ed il capitan
Puccino, era lontano tre miglia. Sorgeva sul ciglio d'una ripa sparsa
di boscaglie e sovrapposta ad acque stagnanti, avanzi d'innondazioni
dell'Adda, che gli agricoltori, sbattuti sempre dalle guerre, non avean
nè tempo nè mezzi d'inalveare. Intorno al castello molte povere case
di villani, la più parte coperte di paglia, formavano un piccol borgo
detto Casirate.

Il capitan Puccino, e Lamberto col suo nuovo famiglio vi giunsero sulle
ventitrè e scavalcaron tutti (chè que' soldati avean per loro umanità
ripescato allo svizzero anche il cavallo) nel cortile del castello.
Era un recinto irregolare, composto di edificj di varie forme,
circondato da una fossa e dominato da un torrione quadrato e massiccio
che s'ergeva sull'orlo della ripa. Quivi era la stanza di Giovanni de'
Medici, e, per usare la parola moderna, il suo quartier generale.

Poichè Lamberto fu ben rasciutto ed ebbe medicata la piccola ferita
della spalla venne condotto in una gran sala terrena, ov'era
apparecchiato per forse una trentina di persone, chè il sig. Giovanni
splendido e generoso teneva tavola di continuo ai suoi caporali. Egli
ricevè il giovane come persona d'antica dimestichezza, salutandolo
colla mano, e voltosi al castellano Galeazzo Menclozzo barone della
terra, ed a molti ufficiali ch'erano già radunati per la cena,
raccontava loro il bel fatto del guado di Rivolta.

Giunsero a poco a poco gli altri invitati, vennero le insalate in gran
piattelli, secondo l'uso del tempo, che voleva s'incominciasse da
questa vivanda, ed ognuno si pose a mensa.

Chi vuol avere il perfetto ritratto di Giovanni de' Medici, aggiunga
due baffi castagni alla testa di Napoleone, e la ponga su un corpo
grande e robusto.

Lamberto pareva non si potesse saziar di guardarlo, e considerando poi
ad un per uno tutti quanti eran seduti a quella tavola, notando i visi
arditi e sdegnosi, le robuste membra, l'atteggiarsi marziale de' suoi
nuovi compagni si sentiva così contento, ed aveva questa contentezza
così chiaramente dipinta in viso che il Puccino indovinò i suoi
pensieri.

--Che te ne pare eh? Sforzino? Ti so dire che ti puoi vantare d'aver
cenato stasera coi primi bravi d'Italia. Vedi quello a destra del sig.
Giovanni, è Orazio Baglione, figlio di Pagolo e fratello di Malatesta,
che è stato un pezzo co' Veneziani. L'altro a sinistra, quel piccolo
con que' due occhi tutti pepe, è Ivo Biliotti. Sampiero da Bastelica è
quell'altro. Codesto lo conoscerai, è nostro fiorentino, Cecchino del
Piffero lo chiamiamo noi, ma egli è de' Cellini. Il fratel suo è assai
buono orefice: gli sta però meglio in mano la daga che il cesello.--

Lamberto s'era accorto che tra mezzo a costoro, giù in fondo alla
tavola, v'era una donna; vestita com'era da uomo, ed all'incirca
simile agli altri, non dava nell'occhio così alla prima. Osservandola
poi più minutamente, certe trecce di capelli neri che in parte si
mostravano sotto una berretta rosata ad orlo frastagliato che portava
sull'orecchio alla brava; il petto colmo non del tutto celato da un
farsetto a liste nere e rosate, palesavano chiaramente il suo sesso.
Il solo viso non avrebbe forse bastato a darne contezza, chè poteva
anche star bene ad un bel giovane di diciotto anni. Il balenar rapido e
protervo delle pupille, le risa sfrenate, ed un certo che d'impudente
in ogni moto, in ogni atto, mostravano poi tutt'altro che femminile
ritegno.

Il viso, considerato attentamente, ed un po' a lungo, si ricomponeva
per dir così, tratto tratto: lo sguardo allora cadeva spento e sinistro
sugli astanti, le labbra tumide e colorate si chiudevano togliendo
alla vista due file di denti bianchissimi, e divenute pallide e
sottili parevano esprimere tutt'altri affetti, ben più profondi di
prima: sprezzo, dispetto, ironia, ira e dolore talvolta. E quando meno
l'aspettavi, ecco di nuovo ricomparirle sul viso una gioja ebbra e
sfrenata: si sarebbe creduto che due anime albergassero in quel corpo a
vicenda.

Lamberto accennando ad essa coll'occhio, disse al Puccino sorridendo:

--Anche codesto bel giovane è uno de' primi bravi d'Italia?--

--Quello, o per dir meglio quella giovane, (chè vedo sei un buon
bracco e tosto hai scovato il lepre) non ha forse paura di quanti siam
qui, coll'arme in mano. Essa è la più nuova creatura che tu vedessi
mai; uomo, donna, soldato, cortigiana.... questo, proseguiva ridendo,
questo, cred'io più di ogni cosa. Ma non delle solite, che ora è di
tutti, ora di nessuno: ora ride, si dà buon tempo, e fa un chiasso del
trentamila, ora non le si può dire che begli occhi avete in fronte, chè
non risponda una carta di villania; ora amorevole, ora perversa come
la versiera. Io dico che n'ha un ramo. Certi voglion vedervi sotto
di gran cose (chè non si sa di dove sia scappata fuori) voglion che
sia.... che sia.... che so io? Ne dicono tante!.... a me, a guardarla
in viso.... mi par sangue di zingani, ma, quel che è certo, è mezza
pazzericcia; per non dir pazza intera.

In questa il sig. Giovanni, cui poco durava la pazienza a star a
tavola, s'era alzato ed insieme la maggior parte de' convitati
ch'eran seco usciti in cortile. Alcuni ne rimaser seduti; e tra gli
altri Lamberto che stava udendo il Puccino, e la donna che badava a
sghignazzare co' suoi vicini. Il giovane avvezzo in casa di Niccolò
all'austera virtù de' Piagnoni, coll'immagine pura della Laudomia
dipinta nella mente e quella di Lisa scolpita nel cuore, osservò costei
qualche momento, ma quantunque nell'età ove i sensi più facilmente
s'infiammano, la guardò con ripugnanza, e fece l'atto d'alzarsi per
andarsene.

--Sta qui con noi Sforzino, disse il capitano Cattivanza degli Strozzi,
che era seduto accanto alla donna. Sta qui, che la signora Selvaggia ti
vuol conoscere.--

Visto poi che il giovane non mostrava una grande smania di far quella
conoscenza, proseguiva:

--Eh vien qua! e sebbene sei nato di Piagnoni, una bella donnetta t'ha
ella a parere il diavolo? O temi tu che il suo fiato non t'appesti?
Eppure sento dire, che in Firenze dopo che fecero arrosto Fra Girolamo,
le damigelle dal velo giallo[25] menan la coda più che mai; sicchè e'
non ti dovrebbe parer cosa nuova...--

Lamberto sentendosi pungere dall'ironia che era in queste parole alzò
le spalle avviandosi per uscire, e disse:

--Mal abbian le cortigiane, e chi.... ma non potè finir la frase, chè
tutti urlando e schiamazzando: «Uh Piagnone! bravo Piagnone! evviva il
Piagnone!» gli tagliaron le parole. A questa tempesta tornò indietro,
che già era presso l'uscio.

Fermatosi ritto di contro la tavola e fissando negli occhi il
Cattivanza, senza mostra di stizza, che però l'aveva, disse:

--Oggi è il primo giorno ch'io mi trovo in questa tanto onorata
compagnia, e però è dovere ch'io mi mostri modesto, e sebbene voi mi
diate la baja, forse più che non mi si converrebbe, neppur per questo
mi voglio adirare con esso voi. Vi dirò solo, che d'esser nato di
Piagnoni me ne vanto. Di seguir la dottrina del beato Fra Girolamo,
volesse Iddio che io potessi vantarmene com'io vorrei: e, per dirvene
la ragione chiara chiara, egli è perchè e' cercava colla gloria di
Dio, la libertà del popolo di Firenze, dove invece i suoi avversarj
l'hanno riposto in servitù. Io vi concedo ch'egli poco si dilettava
di cortigiane, dove quelli che l'hanno morto se ne dilettano assai.
A voi pare forse ch'egli avesse il torto; ed a me pare ch'egli avesse
ragione, chè non tutti i cervelli la pensano a un modo. E quanto al
pensare sappiate, capitan Cattivanza, che io stimo messer Domeneddio,
abbia fatto dono agli uomini d'un cervello per uno, senza lasciarne un
solo sprovvisto, col proposito espresso che ognuno si valga del suo.

Chè dove fussi stata sua intenzione che un cervello solo servisse per
parecchi uomini, e' non avrebbe durata tanta fatica, ed a tutti coloro
che n'avessero avuto a far senza, avrebbe posto nella memoria semi di
zucca, o qual altra cosa costasse meno.--

A questo punto molti non si poterono tenere di non ridere, e Lamberto,
che prima pareva sopraffatto da chi lo dileggiava, veniva a poco a poco
riprendendo il suo vantaggio nella mente d'ognuno.

--Poichè dunque, proseguiva, questo benedetto cervello, Iddio l'ha dato
anche a me, lasciate che l'usi come mi vien bene. Io so benissimo che
tra' soldati è costume darsi buon tempo con quante donne s'incontrano;
nessuno potrà dire però che chi non fa così non debba esser tenuto buon
soldato e valente della sua persona, ed a chi lo volesse affermare,
potrei di leggieri farlo avveduto dell'error suo. Ora dunque che siam
d'accordo su questo punto, che si può pur esser uom da qualcosa e
non impacciarsi con meretrici, sarete contento, capitan Cattivanza,
e lo stesso dico a tutti gli onorati gentiluomini che ora sono miei
compagni d'arme, sarete, dico, contenti tenermi per buon fratello,
parato ad ogni vostro comando, ma quanto all'esser io Piagnone, al fare
o non fare questa o quell'altra cosa, vogliate, vi prego, lasciarne il
pensiero a me, ed in tutto il resto abbiatemi sempre per cosa vostra,
apparecchiato ad ogni vostro piacere.--

Confessare le proprie opinioni in faccia ai coltelli, o alle mannaje, è
forse meno difficile talvolta che professarle apertamente in faccia a
chi v'oppone lo scherno ed i motteggi. A questo paragone si conosce un
cuore veramente alto e generoso; e quel di Lamberto era tale.

--Che vuoi che ti dica? rispose il Cattivanza, tra il persuaso e il
dispettoso; hai ragione! Che sappi menar le mani l'abbiam veduto;
sicchè qui non c'è contrasto. Quanto al resto aggiustala a tuo modo,
per me poco mi cale, e nessuno qui ti darà fastidio, che, viva Dio, sei
un giovin dabbene.... vien qua, beviamo e siamo amici.--

--Col cuore e coll'anima, rispose Lamberto prendendo la mano che gli
offriva il suo avversario, e poi un dopo l'altro quella di tutti.
Empiuti i bicchieri li votarono in pace e concordia, e Lamberto rimase
presso di tutti in miglior concetto di prima.

Il capitan Puccino il quale, mentre Lamberto parlava con sì poco
rispetto della signora Selvaggia e sue consorti, gli era andato sempre
facendo qualche cenno, o dicendo a mezza bocca, «Bada! bada a te
Sforzino!» soggiungeva ora battendogli sulla spalla:

--Ringrazia Iddio che sei un bel giovane, se un altro avesse detto la
metà di quel che hai detto tu, avrebbe saputo presto quante dita sia
lunga quella lama pistolese che porta al collo la signora.--

Ed additava un bel pugnaletto ch'ella aveva sul petto appeso ad una
catena d'oro.

Il Puccino non s'era però apposto giudicando i pensieri della
Selvaggia. Le parole di Lamberto invece di farla adirare, avevan
impressa sul suo viso quell'espressione cupa e profonda che accennammo
poc'anzi. Durante tutta la quistione era rimasta coll'occhio basso
senza aprir bocca. A questo punto alzò il capo, e serrando le ciglia
verso il Puccino disse:

--Che cosa sai tu di quel ch'io pensi? E se costui mi paja un bel
giovane, o no? E s'io mi rechi a vergogna ciò ch'egli ha detto? Non
t'impacciar del fatto mio tu! Che sempre mi sei parso un asino, ed ora
più che mai.--

--Tempo cattivo! disse ridendo il Puccino, e preso pel braccio Lamberto
pur seguitando a ripetere, «tempo cattivo! Temporale in aria!» lo
trasse fuori in cortile.--

--Lascialo andare, e faccia pure il santo a sua posta, disse il
Cattivanza alla donna, e noi attendiamo a darci buon tempo, anima mia.
Uh! benedetti quegli occhi ladri! Ch'io ti voglio un bene ch'i' me ne
muojo!--

Ed in così dire volle cingere colle braccia la vita snella della
Selvaggia, la quale gli rispose con la mano in sul viso, e non picchiò
per ischerzo.

--Fatti in costà, che tu m'hai fradicia!--disse alzandosi per
andarsene.

--Oh! sta a vedere che tu pure ti fai Piagnona. Se ti vedessi mai far
segno di croce, e' sarebbe il primo alla fediddio.--

Questa risposta dello Strozzi non fu però udita dalla donna, che senza
più badargli era scomparsa. Anch'esso cogli altri si tolse allora di
là andando ognuno pel fatto suo, chè già principiava a imbrunire: non
lasciava però egli di brontolare esclamando: Sforzino faccia pure il
Piagnone quanto vuole... suo danno... ma se punto punto vedo che questo
male s'appicchi, l'avremo a discorrere.--

Dopo due giorni il campo si mosse verso Mantova, col proposito di far
testa ai tedeschi di Giorgio Frondsperg che, in numero di quindicimila
uomini, seguivan l'usanza vecchia di vivere a discrezione alle spalle
degl'Italiani. Si noti che in questi casi il vocabolo _discrezione_,
suona _indiscrezione_. Le bande del sig. Giovanni, in pochi
alloggiamenti e dopo qualche scaramuccia di lieve momento, si trovaron
sul Po presso a Governolo. Lamberto, per la via, facendo l'uffizio di
buon soldato quando si offerse l'occasione, e quando le cose procedevan
quietamente, mostrandosi solazzevole e buon compagno, s'era comprata
la benevolenza de' suoi camerati, coi quali piacevolmente più volte
era tornato sui medesimi discorsi fatti alla cena in proposito della
Selvaggia.

Ella avea bensì tenuto dietro all'esercito, ma senza mai cavalcare di
compagnia con alcuno, nè far motto a persona. Lamberto la vide due o
tre volte trascorrergli accanto su un cavallo turco veloce e leggero
come un cervo, con un cojetto indosso ed una zagaglia in mano, e tosto
sparire tra la polvere sollevata dalla moltitudine che seguiva la
strada maestra. Un giorno che alcuni scoppiettieri tedeschi fecero un
poco di testa e convenne rompersi, la vide un tratto uscire correndo
dal folto dell'archibusate, e passandogli accanto senza fermarsi gli
gridò: _S'io non valgo per donna, valgo per uomo_, e via come una
saetta.

Passati alcuni giorni il valoroso e sventurato Giovanni de' Medici,
colpito in una gamba da una palla di falconetto, fu portato a Mantova,
ed in breve spazio di tempo passò di questa vita. Le sue bande piansero
amaramente la morte di quello che era stato tra essi il primo per
ardire più che per grado, vestitesi a bruno ebbero d'allora in poi nome
di Bande Nere, e mantenendo viva tra loro la memoria de' precetti e
degli ordini del loro capitano, furono sempre il terror de' nemici, e
sempre, ovunque percossero, rimasero vittoriose.

Lamberto che aveva sperato, seguitando la fortuna del sig. Giovanni,
salir presto a quel grado d'onde con suo onore potesse poi rivolgere
il pensiero alla Lisa; che all'ammirazione accesa in lui da gran
tempo dalla fama delle sue imprese, univa ora per esso un affetto
nuovo e vivissimo generato dalla cortesia colla quale n'era stato
accolto, provava doppio dolore e non sapea a qual partito appigliarsi.
Quantunque Orazio Baglione avesse ottenuto il comando delle bande,
e fosse pur uomo da guerra di molto grido, temeva Lamberto non
s'avessero a risolvere, o almeno a perder molto della loro riputazione
e quantunque ciò in effetto poi non avvenisse, il suo sospetto non era
però del tutto fuor di proposito.

Venne tratto da questa perplessità da uno strano incontro ch'egli ebbe
colla Selvaggia.

Egli non era sì poco accorto da non essersi alla prima avveduto che
costei gli avea posti gli occhi addosso, ed avea fatto disegno sopra
di lui. Diceva tra sè ridendo: «io non son tordo pel tuo carniere!»
pensandosi fosse suo solo proposito tentare, com'è costume delle
cortigiane, di spillargli i danari. Siccome quanto a questo si sentiva
sicuro non n'aveva un pensiero al mondo.

Una sera uscito un trar di mano dagli alloggiamenti, sedutosi sulla
riva sabbiosa del Pò, volgeva gli occhi al sol cadente che stava per
nascondersi dietro folte e lunghe file di pioppi onde era coperta
la riva opposta. Mirava scendere placida e maestosa la corrente del
fiume, che facea tremolo specchio agli alberi, ed all'infocato chiarore
dell'occidente.

Ripensava in cuore le belle sere d'estate in riva all'Arno, quando
fuor della porticciuola passeggiava lungo la sponda e vedeva il sole
tramontar dietro le colline d'Artimino. Si ricordava che da quei luoghi
volgendo a tergo lo sguardo verso oriente avea tante volte considerato
quanto bella ed augusta si mostrasse Firenze all'ultimo raggio del
sole, co' suoi palazzi bruni e merlati, le sue innumerabili torri,
i suoi ponti, le sue chiese. Vedeva colla fantasia la gran cupola di
Santa Maria del Fiore, e la palla dorata che da lontano, quando il
sole la ferisce di costa, pare una stella che si sia posta sulla sua
cima; vedeva il campanile di musaico del Giotto, l'altissima torre
di Palazzo, ed al sommo il Leone rampante della repubblica volgersi
a seconda de' venti; e pensava: «ti sei piegato, è vero, a molte
tempeste, ma sei pur sempre costì!»

Povero Lamberto! Non sapea che un tal vanto dovea presto cadere per
sempre insieme con quell'insegna.

Questo quadro bello, ma inanimato riceveva ad un tratto vita ed affetti
dalle immagini della Lisa, di Laudomia, di Niccolò, de' figli, de'
compagni d'infanzia; dalla memoria delle parole dette od udite, degli
sguardi, de' cenni, di quegli atti cui si finse non porre mente, ma che
sempre poi si sono serbati in cuore. Dall'amaro pensiero, e pur caro
al tempo stesso, dalla povera vecchia madre, che all'ultima dipartenza
aveva saputo spinger l'amor materno sino a velar con un sorriso di
speranza la rassegnata persuasione che provava di non rivedere più il
figlio che in cielo. Egli avea letto nell'ultimo suo sguardo questo
pensiero doloroso, e col cuore trafitto da uguale sospetto, aveva esso
pure simulata quella speranza che in effetto poco sentiva. Tali memorie
ora l'assalivano come un rimorso, e rimproverando se stesso diceva: «E
potesti lasciarla? E se non la rivedessi più?» e colla mano sugli occhi
piangeva.

La volta del firmamento si veniva intanto popolando di stelle, l'ultimo
crepuscolo mostrandosi appena all'occaso con una striscia di luce
rancia sulla quale apparivano le cime de' pioppi, mosse leggermente dal
vento notturno.

In quella sentì una pedata che s'avvicinava cheta cheta sull'arena.
Alzò il capo, e vide una figura bruna avvolta in un mantello che si
veniva accostando. Importuno! disse in cuore Lamberto, cui doleva venir
tolto a' suoi più cari pensieri, e stava per moversi onde evitarlo, ma
quella figura gli si era posta a sedere a due braccia distante, e dopo
un momento di silenzio con voce bassa ed umile gli diceva.

--Dimmi, o giovine, non hai tu lasciata nella tua terra una donna che
t'ama? che tu ami sopra ogni cosa al mondo? Non pensavi tu ad essa ora?
Rispondimi; che Dio ti consoli! Rispondimi schietto.--

La voce era di donna: Lamberto disse fra se stesso: «costei è la
Selvaggia!» e l'idea che una cortigiana si venisse a frammettere ne'
pensieri augusti e puri della patria, della madre, della sua Lisa, gli
fe' sentire il ribrezzo che si prova quando in mezzo a fiori odorosi ed
intatti si scorge appiattato un insetto brutto e schifoso.

S'aggiungeva poi il sospetto che quella comparsa improvvisa, a
quell'ora, in quel luogo solitario, fosse una trappola di costei.

--Oh! che c'entrate voi ne' fatti miei?--rispose Lamberto con voce
tronca ed altera.

--Oh! non c'entro; lo so, non son degna d'entrarvi..... chiedo
io tanto? Veggio ch'io t'ho offeso..... e sa Iddio se n'avevo il
pensiero..... ma non seppi con quali parole cominciarti a parlare...
ed è forza ch'io ti parli.... speravo, nominandoti quella che fai
beata dell'amor tuo,.... speravo ti scordassi un momento ch'io son la
Selvaggia, e mi dessi ascolto un minuto senza adirarti. Oh giovane!
alle biscie che strisciano pei canneti delle paludi, Iddio non nega
l'aria nè il sole.... ad una creatura che ti sta dinanzi colla fronte
nel fango e ti chiede due parole di conforto, le darai tu col piede nel
viso?--

E in così dire la fronte della Selvaggia cadeva in effetto sull'arena
già umida per la rugiada.

--Io non vi fo nè mal nè bene, signora (rispose Lamberto sempre più
fisso nell'opinione che quelle calde parole, quegli atti, quella
voce commossa, fossero pura commedia) e se volete nulla da me, siate
contenta dirmelo in due parole, ma dalla bocca vostra non esca verbo su
altra donna... m'avete capito.... ch'io non sono per sopportarlo.--

--Lo confesso: non sono degna neppure di nominarla. Sei contento?
Ti rimane in mente qualche parola di sprezzo che non m'abbi detta?
Su, dimmela. Sfogati.... calpesta chi è venuto ad implorarti umile e
tremando, come farebbe il verme più vile, se gli fosse data e voce
e mente per volgersi al creatore dell'universo. Oh! godi della tua
prodezza, della tua virtù.... e quando parli con Dio, digli: _Ti
ringrazio ch'io non somiglio a costei!_....--

La persuasione intima in cui era Lamberto sul conto della donna non
potè impedire però che quell'umili parole, ed il modo, il suono di voce
col quale erano espresse non gli giungessero al cuore, e vi destassero
un dubbio, un moto quasi di compassione. Fatto perciò meno aspro nel
viso e nelle parole diceva:

--In verità di Dio, signora, voi mi fate maravigliare! Sprezzarvi!
calpestarvi! che c'entra questo discorso? O voi sapete quale opinione
io possa avere di voi, del viver vostro; ed allora, se non vi piace
udirle, perchè mi conducete a dovervela palesare? o di quest'opinione
voi non n'avete pure il sospetto, nè credete meritarla, perchè allora
ve ne curate?--

--Perch'io la conosco, perchè so ben io quali sventure m'abbian
condotta a meritarla, per questo la curo, per questo mi son gettata
nelle tue.... a tuoi piedi.... Per la prima volta dopo tanti anni ho
riveduto un viso d'uomo che non m'è sembrato quello d'un bruto, d'una
fiera selvaggia.... Oh, che dich'io, sciagurata! M'è parso il volto, la
voce d'un angiolo che si chinasse fino al mio fango e mi porgesse una
mano per sollevarmene! Oh, se t'avessi incontralo quando aveva quindici
anni! Ma invece!.... uno spirito dell'inferno!.... entrò, credo, in
un corpo umano per farmi sua preda! Oh giovine! Iddio solo ha diritto
di sprezzare e punire, perchè conosce tutto, e perciò appunto io credo
ch'egli abbia finalmente sentita pietà de' miei mali, ed ha voluto che
t'incontrassi! Ma tu non ne conosci la serie tremenda! Se ti fosse
nota piangeresti con me. Oh! non negar d'ascoltarla, non sarà lungo
il tedio.... poche parole basteranno.... chè dopo tant'anni sei tu il
primo uomo al quale m'attenti a parlar di pentimento, senza il dubbio
d'incontrar nuovi scherni e nuovi oltraggi.--

Lamberto pensò: «ecco una delle solite novelle di costoro»; non
avendo però motivo di rifiutare ciò che con tanta istanza gli veniva
domandato, disse:

--Se tutto quanto mi dite è la verità, parlate, o signora, ch'io
v'ascolterò.--

--Se è la verità!--E la povera infelice battendosi la fronte colle
palme, rimase muta un momento, poi scrollando il capo disse, che appena
si potè udire:

--Si presta fede alle cortigiane? Hai ragione, proseguiva poi volta
a Lamberto, quest'oltraggio m'è dovuto. Ma vedrai ora s'io ti dica
il vero. Se mi pesi il tuo sprezzo, l'hai potuto conoscere, non
dubiti di questo? Eppure v'è tal cosa che ignori, che avrei potuto
nasconderti, che mi farà, se è possibile, più vile, più abbietta
agli occhi tuoi.... Non ostante sappi anche questa..... Io non sono
cristiana!--Un ebreo d'Ungheria fu mio padre. Mio padre? E debbo
dargli un tal nome? Dovrei dire il mio più atroce nemico! Per lui son
dove sono, per lui ho perduto patria, parenti, amici.... Ha parenti,
amici, patria, la cortigiana? Qui si fermò un momento a pensare, poi
con voce più dolorosa diceva: E non uscii forse pura dal seno di mia
madre? forse non ebbi da Dio, come le altre creature, un cuore capace
d'amore, capace di virtù? Chi mi rapì questo tesoro, chi bruttò questi
doni divini? ch'eran miei, ch'eran la porzione di bene, di felicità
assegnata a me dall'Onnipossente? chi?--

E qui tacque un momento, guardando Lamberto con occhi che fulminavano;
afferratogli il braccio, proseguiva poi, tremandole la voce e le labbra:

--Prestami fede, o giovane, se ne hai il coraggio. Io ero sola
quella notte.... sola nella mia camera.... mia madre non era più al
mondo.... oh, se fosse stata viva!.... M'avrebbe difesa!... picchiarono
all'uscio.... udii la voce di mio padre, mi chiamava.... aprii. Un
uomo era seco, pareva un principe alle vesti, alla fronte superba. Io
lo guardavo incerta, spaventata... mio padre scomparve... l'uscio si
richiuse....

--Egli aveva fatto mercato del proprio sangue...

--Fa egli mestieri ch'io ti narri il seguito de' miei casi? Tu
virtuoso, tu nobile e generoso, potrai tu comprendere come si faccia
a rimanere in vita dopo tali orrori? come a poco a poco si formi
il callo al vituperio, alla colpa? come possa alla fine una donna
calpestar ogni rossore, non aver più anima che pel piacere, non
più cuore che per amarlo, cercarlo ed inebbriarsene? Io ti metto
spavento!.... lo vedo.... ma dimmi, sii tu mio giudice.... dove fu la
mia difesa... il mio ajuto?... com'era possibile resistere, vincere,
salvarmi? Eppure, tradita prima, poi vituperata; cacciata al fine come
una vil cosa, posta sotto i piedi di tutti, s'io talvolta alzo la voce
per chieder pietà, s'io stendo la mano, sperando che una mano amica si
muova ad ajutarmi, non trovo che insulti, non odo che scherni, ognuno
mi respinge nel mio fango! La mia miseria, il mio pianto, è trastullo a
chi per un momento si degna badarvi... Oh! Dio del Cielo, che avevo io
fatto, per venir al mondo a patir tanti strazii?...

--Oh! giovane, tu che non hai delitti che ti pesin sull'anima, che
sei bello, prode, virtuoso; che in mezzo ai pericoli, ai travagli, ti
riposi nel pensiero de' tuoi cari, se sapessi che cosa sia esser nata
con un cuore ardente, assetato d'amore, e non essere stata amata mai,
mai da nessuno! neppure dal padre!... Se conoscessi quest'orribile
strazio.... ti maraviglieresti ch'io abbia serbato ancora nell'aspetto,
e forse nel cuore, alcun che d'umano!... stupiresti che non mi sia
gettata furibonda come una fiera su quanti incontravo di quella razza
perversa e crudele che m'ha tradita, che m'ha cacciata in quest'abisso
di miserie, e poi mi nega ogni conforto!... Se mi si dicesse, che
un'anima c'è ancora al mondo che potrebbe accogliermi, asciugar le mie
lagrime.... se mi dicessero: v'è ancora una creatura sulla terra che
t'amerà se saprai meritarlo!... Oh! Dio di bontà, sarebbe troppa la
mia ventura!... non reggerei a tanta gioja!... correrei tutto il mondo
per rintracciarla.... se la vedessi al di là d'un mare di fuoco, mi
vi caccerei per raggiungerla!... le abbraccerei le ginocchia... che
cosa potrei offrirle per rimunerarla di un tanto bene, che cosa potrei
operare per rendermene degna?... Oh! giovane, se sapessi a quanto poco
starei contenta!... Il tuo cuore, lo vedo, è posto in luogo qual egli
merita, ma tu ami pure il tuo cavallo da battaglia, nè ti credi far
torto a... ad... ad alcuno... Tu ami il tuo veltro!... oh! dopo il tuo
cavallo, dopo il tuo veltro, non aver a sdegno che io implori da te un
tuo pensiero; lascia cader un tuo sguardo sulla povera Selvaggia... che
mi dica _poveretta, mi fai pietà_!...

--Oh Dio! neppur mi risponde!--Gridò la sventurata donna, e proruppe in
un pianto dirotto.



CAPITOLO XIV.


Se Lamberto tardava a rispondere era per una cagione ben diversa da
quella che supponeva la Selvaggia.

Le sue parole, alle quali gli pareva pure di dover prestar fede, gli
avean destata nel cuore una pietà profonda, ma un avanzo di sospetto,
che non riusciva a far tacere interamente, lo persuadeva a star sulla
sua e non mostrar tutta quella compassione che provava. Onde studiando
di aver ferma la voce e tranquillo l'aspetto, le diceva:

--Voi volete compassione, signora? Chi potrebbe negarla a casi dolorosi
e tremendi quali furono i vostri? Ma voi v'invilite troppo, chè una
creatura formata a somiglianza di Dio non dee porsi a paragone coi
bruti.--

--Io m'invilisco troppo? E come puoi dirlo, se neppur così mi vien
fatto impetrare quel poco che ti domando. Ti costava tanto dirmi
addirittura: _povera Selvaggia, io t'accetto per ischiava_?.... darmi
un momento di bene, un minuto di conforto con una parola che sgorgasse
proprio dal cuore? ed invece tu m'esci fuori col _Voi v'invilite_... La
virtù è bella, oh! ma è dura ed orgogliosa.--

--No, Selvaggia, io non ho virtù, e molto meno sono e duro ed
orgoglioso con te. Io sento all'anima le tue sventure, e se stesse in
me il liberartene poco ti rimarrebbe a soffrire. Ma dove non arrivano
le mie forze, giungerà la virtù d'Iddio, se a lui ti rivolgi. Io non
t'ho risposto come sarebbe stato il tuo desiderio perchè non è in poter
mio d'adempirlo. Non cercar più oltre, Selvaggia. Pensa che un animo
forte può sempre farsi maggiore al suo destino.... che la virtù non si
parte dai cuore dell'uomo giammai del tutto se non per suo espresso
volere, e mediante questo vi può far sempre ritorno. Tu puoi risorgere,
puoi sperare ancora in terra stima ed affetto, purchè lo voglia. Io
t'ho ascoltata, quel che potevo dirti te l'ho detto.... ora convien
dividerci.... Iddio ti conceda quel bene, quella pace ch'io ti prego da
lui. Addio.--

Lamberto s'allontanò di buon passo, e n'era tempo; questi ragionamenti
l'avean turbato, sconvolto; scorgeva che per lui il più sicuro partito
era fuggir questa donna. La sua bellezza, le sue sventure, i delitti, i
rimorsi suoi stessi la rendevano interessante, facevan di lei un essere
nuovo, singolare.... insomma, era meglio fuggirla, e Lamberto in pochi
minuti fu tornato ov'era il suo alloggiamento.

La donna gli tenne dietro coll'occhio finchè il poco chiarore delle
stelle le permise di scorgerlo. Quando non lo vide più sentì nel cuore
una solitudine desolata.... le parve rimanere unica superstite sulla
terra.... «I malvagi, pensava, mi deridono ov'io voglia appena far
parola di quest'inferno ch'io sento nel cuore.... Costui virtuoso mi
vede spirante di disperazione a' suoi piedi.... _volgiti a Dio_!... e
m'abbandona! Oh Dio! giacchè tu solo conosci il mio strazio, tu solo
odi il mio pianto, perchè dunque m'hai tu dimenticata! Oh povera me!
dovrò proprio morire senza aver provato la dolcezza d'esser amata!...»
E smaniosa, dovrei dir furibonda per questo pensiero, correva come
pazza lungo la riva del fiume.

Un tratto si fermò quasi percossa da una nuova idea.

--E son io sicura ch'egli m'abbia prestato fede?.... E rimasta
ancora un momento a riflettere, gridava tutta mutata in viso per
l'inaspettata speranza--No! no! non m'ha creduta.... ha pensato ch'io
l'ingannassi... Oh! se avesse potuto esser certo ch'io gli dicevo il
vero.... non m'avrebbe risposto, nè lasciata così.... Oh! lo conosco,
egli è generoso!... e buono!... dunque v'è ancora speranza?... Ti
ringrazio Dio di bontà, e cadeva sulle ginocchia cogli occhi e le
braccia tese verso il cielo, che hai così tosto accolta la mia
preghiera, che m'hai tornato in cuore il tesoro, l'immenso tesoro di
poter sperare. Sì, verrà il giorno che mi presterai fede! vedrai allora
che non t'avevo ingannato.... verrà il giorno che mi dirai: Selvaggia
poveretta, finalmente ti credo.... mi sei cara!..... Non sarà amore....
no.... sognerei io mai d'ottenerlo? Io vile, io misera, io abbietta
creatura.... l'amor di quell'angiolo? Qual è la donna in terra che
n'è degna?..... Ah sì! ve ne debb'essere una!..... Ebbene, io l'amerò
costei, io sarò sua serva poich'essa è cara al mio signore.... forse
così potranno patire la mia presenza..... forse potrò ottenere che non
mi discaccino.... forse quando sarò alla mia ultim'ora.... quando gli
diranno: la povera Selvaggia sta per passare.... chi sa? verrà forse al
mio letto, e se mi rimarrà tanta voce da potergli parlare, lo pregherò
di dirmi _sua_ prima ch'io spiri!.... sulla mia fronte gelata sentirò
allora posarsi la sua mano, mi dirà _mia Selvaggia_.... poi non sentirò
più nulla.... sarò morta!--

In questi pensieri la povera giovane era uscita affatto di sè.... Dio
sa quanto tempo rimase in questo stato. Quando le tornò la facoltà di
pensare, di riflettere, l'alba spuntava all'oriente, riconobbe la riva
del Po, le trabacche degli alloggiamenti, si guardò attorno smarrita,
domandò a se stessa: «Che fo io qui? dove mi trovo? chi sono?...». Una
voce poco lontana (eran soldati che venivano ad abbeverare cavalli al
fiume) rispose con uno scroscio di risa:

--Sei cortigiana delle Bande Nere, ecco chi sei!--

La poveretta mise uno strido e si cacciò a fuggire....

Un anno dopo, nel mese di aprile, l'armata di Filippino Doria
veleggiava sul mezzogiorno per le marine d'Amalfi, volte le prore a
Capri ed al capo Campanella. Erano 15 galere, colle quali il nipote
d'Andrea teneva guardato il golfo di Napoli affinchè nessun soccorso
potesse giungervi agl'imperiali che v'erano assediati da Lautrec. Il
loro vicerè Ugo di Moncada, volendo ad ogni costo far libero il mare,
avea stabilito affrontarsi con Filippino, e moveva colle sue galere,
sulle quali avea fatto salire il fiore della nobiltà e delle genti
spagnuole, in cerca del nemico; questi, saputo il suo disegno, stava
apparecchiato a riceverlo.

Gli ordini della guerra marittima, la forma delle navi, tutto è mutato
oggigiorno. La galera del medio evo è scomparsa dai mari. Nella darsena
del porto di Genova una ne galleggia ancora in un angolo senz'alberi,
abbandonata, tutta sdruscita e sconnessa: l'intemperie, gl'inverni,
la pioggia avranno tra pochi anni distrutto e fatto scomparire del
tutto questo unico simbolo della passata potenza de' Genovesi. Perchè
non salvan essi almen l'ultimo di que' legni veloci sui quali corsero
arditi e vittoriosi per tanti secoli le marine d'Italia e di levante?
O Genovesi, vorrete voi che si perdano questi segni della vostra
gloria, che è pur gloria d'Italia, che è nostra? Poichè avete con
tanta vostra virtù aggiunta questa all'altre sue palme, serbatene la
memoria, mantenetene l'ultime reliquie. L'onor d'Italia ve lo domanda,
gl'Italiani ve ne scongiurano, o Genovesi!

Il naviglio di Filippino si moveva lentamente verso l'alto mare spinto
da un leggiero levante, che feriva di fianco le larghe vele latine
tutte spiegate per riceverne il soffio debole ed interrotto. I remi
sospesi rimanevan alti sul mare, e le galere, ora poggiando sul fianco
quando il vento incalzava, ora di nuovo rizzandosi quando veniva meno,
solcavano il mare con un lento e maestoso ondeggiare, e tacite si
preparavano alla battaglia.

Nessuna alterazione, nessuna confusione appariva per questi apparecchi:
quei soldati, que' marinai non sapevano da gran tempo che combattere
fosse altro che vincere. Sulla prora, ove il tremendo cannone di corsia
apriva, tra quattro pezzi di minor calibro, la sua gola ampia ed
affumicata verso il nemico, i bombardieri, dopo averlo caricato colla
sua palla, che pesava talvolta sessanta libbre, sedevano ragionando tra
loro, e taluno, pel caldo del meriggio, velava gli occhi e così un poco
veniva sonnecchiando.

Gli archibusieri, che nella battaglia soleano schierarsi sul tavolato
che copriva le artiglierie, detto castello di prora, stavano armati
di corsaletti, cosciali, cappelli di ferro, appoggiandosi ai loro
scoppietti od alle forcine, tenendo in mano le corde accese pronti a
dar fuoco; dietro a loro altri fanti con picche, alabarde, partigiane
ed arme in asta coi ferri quali a falce, quali uncinati, quali larghi
e diritti. Alcuni tenevano levati in ispalla lunghi spadoni a due mani
colla lama serpeggiante, v'eran targhe e rotelle, che oltre il servir
di difesa poteano anche offendere coll'acuto e forte ferro che avean
fitto nel mezzo, si vedeva insomma tutta la moltiplice varietà d'armi e
d'armature che le robuste braccia de' padri nostri ed i loro fortissimi
petti, reggevano ed adopravano senza disagio gl'intieri giorni sotto la
sferza del sol Lione, e che la gioventù de' tempi nostri, avvolta nella
robe _de chambre_, sdrajata sul seggiolone alla Voltaire, contempla
nelle sue sale appesa ed ordinata in polverosi trofei.

La corsia della galera, spazio largo quattro braccia, che si tendeva
da poppa a prora tra le due laterali turbe de' remiganti, era
stivata anch'essa di soldati, i quali a guisa di retroguardo stavan
pronti a spingersi avanti ove i primi cadessero, ovvero, vincitori
nell'arrembaggio, fosser saltati sul legno nemico. Gli uomini delle
ciurme, a cinque per remo, nude le braccia, e l'intero busto talvolta,
legati alla panca sulla quale sedevano, con catene che non dovean
sferrarsi che dal loro cadavere, erano schiavi turchi la maggior
parte: delinquenti condannati al remo, prigionieri di guerra: (atroce
costume!) e sulle galere d'Andrea, eran più di tutti spagnuoli. Quanti
ne poteva aver nelle mani, tanti ne metteva al remo, chè egli odiava
sopra tutti la loro nazione[26].

Per questa miserabil ciurma l'imminente battaglia era un fatto
ordinario, un giuoco al quale la vita serviva di posta: perdendola,
uscivan di mille travagli; serbandola, godevan anch'essi in qualche
menoma parte i frutti della vittoria, chè i loro feroci padroni in
queste occasioni eran larghi con essi di miglior cibo e di vino.

Il coraggio tuttavia che mostravan quest'infelici all'appressarsi
della battaglia, era, più che altro, la cupa rassegnazione de'
disperati. O le palle dell'artiglierie nemiche traversassero la loro
folta, o percuotendo nel corpo della galera la mandassero a picco,
o, come spesso accadeva, questa venisse incendiata, essi non vedean
che la morte. Certa, atroce, senza difesa, senza potersi, incatenati
com'erano, in verun modo ajutare, senza provare veruna di quelle
impetuose passioni che fanno agli uomini parer men duro il morire,
potean essi sentire amor di patria, furor di parte, superbia del
vincere, onore guerriero? Neppur quel sanguinario e bestiale istinto
che spinge uomo contro uomo nel furor del combattere, neppur di
quest'ebbrezza potevan giovarsi. Mentre i soldati, i marinai, gli
uomini liberi della galera potevano muoversi, agitarsi, combattere,
procurare in qualche modo la vittoria o lo scampo, ad essi toccava
vogare e tacere, e lasciarsi uccidere o mutilare sempre tacendo e
vogando, chè ad ogni atto meno servile li aspettava il nerbo e talvolta
la daga dell'aguzzino.

Indietro, sulla poppa che s'alzava in pendìo, coi lati scolpiti al
di fuori, rabescati, dipinti e dorati soventi volte; coperta di belle
cortine a nappe e drappelloni, cui reggevano cerchi in traverso e tre
aste pel lungo, in questo luogo eminente stavano il capitano della
galera ed i principali uffiziali delle milizie imbarcate. Qui, sopra
l'ultima punta, che rimaneva sospesa sul mare assai indietro dal corpo
della nave, eran tre gran lampioni che s'accendevan la notte. Qui
sventolava la bandiera di Genova, la Croce rossa in campo bianco, e
questa medesima impresa si vedeva sulle banderuole e le fiamme che in
gran numero adornavano le antenne e gli alberi della galera.

Armi, remi, sarte, ciurme, marinai, soldati, ufficiali, tutto era
pronto, tutti erano ai loro posti, la maggior parte fissando gli
sguardi alla gaggia dell'albero maestro, d'onde un marinajo di guardia
doveva gridar _all'erta!_ tosto che vedesse il navilio nemico. L'onda
larga e cerulea rifletteva nel suo concavo la tinta purpurea de' remi
e de' lunghi fianchi delle galere, le dorature della poppa, il bianco
delle vele, il lampeggiare dell'armi, i varii colori de' pennoni, delle
bandiere, e quelle tinte riflesse parevan più vivide pel contrasto
delle candide spume che le attraversavano prodotte dal solcar delle
carene.

Cinque galere, distanti 50 braccia l'una dall'altra, formavano la
battaglia: tre s'erano allargate in mare per tornar poi sul fianco,
od alle spalle del nemico, quando fosse incominciata la musica. Molti
legni minori armati ottimamente si teneano sui lati per nuocer co'
tiri delle moschette e degli archibugi.

Sul castello di prora della capitana stava ritto Lamberto con un
morione in capo in cima ai quale era fissa una lunga penna color
d'amaranto. Il busto, le braccia e le cosce eran coperte di ferro
brunito e misto a strisce d'oro. Le calze larghe sopra il ginocchio,
strette sulla gamba, del medesimo color della penna: in braccio
una rotella foderata di velluto trapunto, e nella destra una spada
larga quasi un palmo presso l'elsa, forte ed acuta sulla punta, con
un'iscrizione lungh'essa che diceva: _Proemium virtutis_; arme
guadagnata da lui col suo valore, chè il tempo saltato a piè pari da
noi con tanta disinvoltura, egli non l'avea nè giuocato, nè trascorso
colle mani alla cintola.

Anche prima d'aver colla Selvaggia quell'incontro notturno che abbiamo
narrato si sentiva spinto, come dicemmo, a cercar la sua ventura
altrove. Dopo averla udita ed aver conosciuto qual tempra ardente
avesse costei, che difficilmente si sarebbe tolta dal proposito di
volerlo ad ogni costo far suo, stimò più sicuro e più onesto partito
lasciare il campo, e preso tosto commiato da Orazio Baglione uscì la
mattina dopo col suo servo svizzero dagli alloggiamenti.

S'egli avesse voluto condursi cogl'imperiali avrebbe potuto aggiustar
bene i fatti suoi. Ma egli stimava che alla fortuna di Francia andasse
unita quella di Firenze. Pensava che l'animo di Carlo V, fosse
dominare l'Italia, e quello di Francesco I e de' Francesi, donarle la
libertà. Povero Lamberto, si vede bene che era giovane!

Il più rinomato de' capitani italiani che seguissero le parti di
Francia era in quel tempo, senza contrasto, Andrea Doria. Lamberto,
dopo non molti giorni, fu a Genova, ottenne di seguirne la bandiera, e
salì sulle sue galee che si movevano per cercare e combattere l'armata
che Ugo di Moncada, vicerè di Napoli, conduceva dalla Spagna sulle
coste del regno di Napoli. Nella battaglia ove questi fu vinto e volto
in fuga, Lamberto, sotto gli occhi d'Andrea, saltò il primo sulla
capitana nemica, ed ebbe, in premio di questo fatto, la bella spada che
brandiva ora aspettando di combattere per la seconda volta lo stesso
nemico.

Nel poco tempo passato col signor Giovanni avea scritto una volta a
sua madre ed a Niccolò; un'altra lettera avea mandata da Genova prima
d'imbarcarsi, ma in quel tempo non v'eran le poste ordinate come al dì
d'oggi, ed una sola volta egli avea potuto, dopo molto tempo, ricevere
una risposta di Niccolò. Quantunque vivere così al bujo di ciò che più
strettamente gli premeva fosse per lui doloroso oltremodo, si consolava
però pensando di quanta gioja gli sarebbe stato cagione il ritornar poi
improvviso, e degno d'offrir la sua mano alla Lisa.

Bastino questi pochi cenni per non lasciar nella vita di Lamberto una
troppo lunga lacuna. Ora torniamo all'armata di Filippino.

Il sole scendeva già verso l'occidente, ed il capitano genovese
pensando che per quel giorno non avesse più a mostrarsi il nemico,
stava per dare il cenno di volger le prore a Salerno, quando dalla
gaggia della galera sulla quale era Lamberto fu gridato con voce
lunga--Vela a Maestro!--Un sordo mormorìo, un fremito, un agitarsi
senza confusione tra le ciurme e i soldati, tenne dietro a questo
grido, e nel tempo stesso s'alzò la voce sonora d'ogni capitano che
dava gli ultimi comandi. Per una corda che era attaccata alla cima
dell'albero maestro della capitana (essa era posta in mezzo della linea
di battaglia) si vide correr veloce all'insù la bandiera dei Doria, che
vi si fermò spiegandosi e sventolando al soffio del vento, ed un urlo
generale e simultaneo di tutta l'armata, salutando questo segno della
battaglia, rimbombò sul mare e ne' monti di Salerno.

I remi, ch'eran prima sospesi ed immobili, si tuffarono tutti in una
volta nel mare, le galere, mosse da un solo volere, partirono insieme
veloci come saette scoccate, lasciando dietro l'onda biancheggiante
e agitata. Dopo la prima vela n'era intanto comparsa una seconda, ed
uscivan di dietro gli scogli del promontorio di Campanella, poi un'
altra ed un'altra, infine in ispazio di mezz'ora le due armate si
trovarono a fronte a poco più d'un tiro di cannone.

Filippino d'Oria, uomo di mezzana statura, asciutto, tutto nerbo,
stava a poppa sulla spalla destra della galera sotto lo stendardo,
luogo ch'egli doveva, come capitano dell'armata, occupare durante la
battaglia; coperto d'armi splendide e dorate, non mostrava che il viso
abbronzato dal sole, indurito al vento ed all'intemperie marine, e
quanto ai lineamenti, vero tipo dell'ardita razza de' marinai genovesi.

E marinajo, anzi uomo di mare perfetto, potea dirsi il nipote d'Andrea,
chè alla scuola d'un tanto uomo aveva appreso a dirigere l'evoluzioni
d'una armata non solo ma il corso altresì d'una galera come un semplice
piloto. E se accenniamo questo suo merito, egli è perchè in quel tempo
presso molte nazioni (tra' francesi, verbigrazia) erano soventi volte
eletti a capitani di guerre marittime, gentiluomini esercitati soltanto
nella milizia di terra, i quali, lasciando intieramente ai nocchieri la
cura delle cose navali, si riserbavan solamente la suprema direzione
dell'impresa, non avendo nelle battaglie altro pensiero, fuorchè
combattere arditamente alla testa de' loro soldati, com'avrebbero fatto
sugli spalti d'una rocca o d'una trincea.

Ai fianchi di Filippino erano il tenente della capitana e monsignore
di Croy, mandato da Lautrec sull'armata con trecento archibusieri di
rinforzo: altri uffiziali stavan in luogo meno eminente presso il primo
remo di destra, che avea sette galeotti invece di cinque (e tanti ve
n' era dai due lati ai quattro primi remi dalla banda di poppa dai
quali veniva regolata la voga), e sulla spalla sinistra, anch'esso al
suo posto di battaglia, il proprio capitano della galera, tutti colle
ciglia strette e le pupille fisse nei legni nemici, studiandone i
disegni ed i moti, colla seria, tranquilla e risoluta impostatura,
che gli uomini più valenti non acquistano ne' pericoli se non dopo
lunghissime prove.

Il nostromo[27] era in capo alla corsia presso la poppa con un valido
nerbo sotto l'ascelle, una mezza spada larga e tagliente appesa al
fianco, senza fodero, e le braccia intrecciate sul petto; avea in
capo un cappello di ferro basso e rugginoso, un giaco indosso, larghi
calzoni in gamba, ed i piedi nudi.

Otto, tra comiti[28] ed aguzzini, venivan passeggiando su e giù per la
corsia, osservando con sguardi lenti e di traverso se ogni galeotto
facesse il dovere; ove taluno rallentasse la voga, si vedean con moto
rapidissimo descriver in aria la figura d'un 8 col nerbo, che cadeva
fischiando sulle spalle del colpevole, ed al tempo stesso de' suoi
vicini; di torre la misura con precisione poco si davan pensiero
costoro.

Tuttociò si faceva nel più alto silenzio, chè la rigida disciplina
delle galee genovesi non permetteva parole quando gli ufficiali erano
al loro posto di battaglia; nè s'udiva altro strepito fuorchè quello
dell'onda alternatamente percossa, il gemere delle sponde sotto il
pigiare de' remi, ed il suono delle catene che s'urtavano nel rizzarsi
e nel ricader grave de' galeotti sulla loro panca.

Benchè nessuno parlasse, il nostromo tuttavia si volgeva tratto tratto
guardando in viso ora il capitano, ora Filippino, quasi aspettando un
comando che a quel punto gli sarebbe parso opportuno.

Per intendere ciò che or ora diremo convien sapere, che tra gli ultimi
apparecchi d'una galera che si disponeva a combattere, v'era quello
d'innalzare due specie di serragli, o trincere, che la tagliavano
pel traverso: uno a prua dietro le artiglierie, l'altro all'albero
di maestra, e venivan detti bastioni. Ognuno di questi bastioni
era composto di due assiti alti sei braccia, retti da stili che si
piantavano sulla corsia e sulle sponde. Lo spazio tra i due assiti,
d'un braccio all'incirca, si empieva di gomene rotolate e ravvolte,
e la facciata verso prua si vestiva di torciglioni di paglia. Si
veniva così a fermare, o rallentare almeno le palle d'artiglieria che
infilando pel lungo la galera avrebbero menata troppa strage tra la
ciurma; ovvero, accadendo che nell'arrembaggio fosser saltati i nemici
sul legno, si poteva di dietro questi ripari prolungar la difesa, e
talvolta rannodandosi e facendo impeto ricuperar la parte perduta della
galera.

Il nostromo dunque, come abbiam detto, si volse più volte a' suoi
maggiori, finchè il capitano, conosciuto il suo pensiero, disse a
Filippino:

--Se Uscià crede, alzaremo el bastion de prua.--Il Doria accennò col
capo di sì, ed il nostromo, dando un Oh! prolungato che avvertiva i
marinai di star attenti al comando, disse: «Oh! dò trincheto! A alzar
el bastion de prua!»

A quella voce sorse a prua un rimescolio senza disordine tra marinai, e
si vider sorgere a un tratto gli stili, l'assito e le gomene a fasci,
che si collocarono nel modo anzidetto. In cinque minuti tutto fu
all'ordine, e gli uomini che avean condotto questo lavoro, ripresero i
loro posti e la loro immobilità.

Un frate cappuccino, cappellano della galera, s'era intanto messa una
stola, e ritto nel mezzo del castel di poppa, con un rituale in mano
recitò alcune preghiere, poi alzò la mano e segnò d'una gran croce la
ciurma ed i soldati, che tutti, dal Doria all'ultimo mozzo fecero il
segno di croce: poi Filippino levando la voce, disse:

--Animo ragazzi, col nome di Dio.... e di S. Gio. Battista.... la
giornata sarà buona.... Otto galere contro sei! guardate! guardate come
vengono! Pel Santo Catino, che non prendono più di quattro palate per
voga![29].

E Filippino ed i suoi ufficiali ed il nostromo sorridevan vedendo
l'andar de' remi incerto ed irregolare delle galere nemiche.

--Orsù, proseguiva il Doria, spero che ognuno farà il dovere come il
solito per l'onor di Genova e in servigio del re Cristianissimo...
Nostromo! Fa girar un barile per la ciurma.--

Il comando venne tosto eseguito, e gli aguzzini portarono intorno un
caratello di vino, che passando ad ogni panca de' rematori, i quali
bevevano ognuno alla sua volta, produsse miglior effetto che non il
pensiero d'illustrar Genova o servire il re di Francia.

--Ora, monsignore, disse Filippino al capitano degli archibusieri
francesi, fate che i vostri uomini si tengan pronti, che, viva Dio,
voglio che andiam a ber un bicchier d'Alicante a bordo della reale di
Spagna.--

--_Ce ne sera pas moi qui y ferai faute._--

Disse lietamente il francese, e volto ai suoi, dopo alcune parole per
animarli, levò in alto la spada nuda gridando, com'era l'uso di sua
nazione «_vive le Roi_!» ed a questo grido si unì quello di «viva
Genova» mandato dalle genti del Doria; e più da lungi, l'altro di
«_viva Espana_» che levavan le galere nemiche.

Le due armate s'erano intanto avvicinate a mezzo tiro di cannone; e
Filippino accennando al timoniere, che teneva in lui fisso lo sguardo,
e parea indovinasse ed eseguisse istantaneamente ogni suo pensiero,
veniva regolando il corso della galera per giungere a porla in faccia
alla reale di Spagna, non tanto diritta da esser infilata dalle
artiglierie di quella, e non tanto di traverso da non poterla cogliere
colle sue nella diagonale più stretta che fosse possibile. Anche gli
spagnuoli cercavan questo vantaggio, ma meno esperti e men destri non
si movean che a stento, e mal sicuri.

--Bombardieri, ai vostri pezzi! ed attenti!--gridò Filippino. Poi volto
al capo della ciurma:

--Voga tutto![30] nostromo!--

Questi si lanciò in mezzo alla corsia col nerbo in aria gridando:

--Arranca! arranca!--

Ed il medesimo grido ripeteano i comiti e gli aguzzini, scaricando una
tempesta di nerbate a dritta ed a manca sui galeotti, che raddoppiando
la velocità e gli sforzi si vedeano curvar i dorsi, stender le braccia,
nelle quali i muscoli enfiati parean guizzar sotto la pelle, e la
galera spinta con nuova e validissima foga prese a volar sull'onda come
una slitta sovra uno stagno diacciato.

Filippino era tutt'occhi. Vede giunto il momento, si getta alla stanga
del timone, e piegandola egli stesso di forza fa orzar la galera, la
trova al filo ch'egli voleva, grida:

--Fuoco!--

Ed un tremendo scoppio de' cinque pezzi di prora sembra generar per
incanto una nuvola densa e bianchissima che occupa un momento tutto il
davanti della galera. Filippino che pel frapposto fumo non vedeva il
nemico, si piegò tutto fuor della sponda e fece un gesto d'impazienza,
non potendo neppur così scorger l'effetto de' suoi tiri. Ma presto un
fiato divento dissipò il fumo, e la reale di Spagna apparve piegala
sul fianco pel peso del suo trinchetto, che scavezzato al calcio, era
caduto parte tra la ciurma, parte nel mare. I marinai ebber però presto
coll'accette troncato quell'albero affatto, e spintolo fuor del bordo,
la galera si rizzò, e cominciò anch'essa a sparare, coprendosi di fumo
che s'innalzava a globi densi, vorticosi, ora grigi, ora bianchi, ora
per gli opposti raggi del sol cadente, dorati e trasparenti sui lembi.

--Viva Genova! e avanti, chè la reale e nostra! gridò Filippino lieto
del felice principio, e di vedere i suoi legni tutti ottimamente
diretti, saettar con spessissimi tiri il nemico, che anch'esso per
verità rispondeva a dovere. La moschetteria tempestava anch'essa da
ambe le parti, onde presto il limpido sereno del cielo rimase occupato
da una caligine densa e rossastra nella quale pareva nuotasse il disco
del sole sanguigno e senza raggi, come fosse di rame liquefatto.

E la capitana sempre avanti; diritta, veloce, fulminando dalla prora
fuoco intensissimo, chè il Doria avea in animo, senz'andar per le
lunghe, investir la reale, mandarla, se poteva, a picco coll'urto dello
sperone, o prenderla all'arrembaggio.

L'aria era piena d'un tuono altissimo e continuo che non toglieva però
d'udire il sibilo incessante delle palle che passavano a centinaja dai
lati o sul capo, e talvolta percuotevano, scrosciando per gli alberi,
l'antenne, le sponde, e ne staccavano scheggie e frantumi, senza però
che sin ora avessero arrecato gran danno.

Alla fine pure una grossa palla d'un corsiero[31] s'aprì la strada con
fracasso tra gli assiti del bastion di prua, e presa in traverso la
galera, portò via, fracassandole, quante membra di galeotti trovò sulla
sua via.

I vicini di quest'infelici, coperti dal sangue e dall'interiora
palpitanti de' compagni, che sconciamente mutilati giacevan morti,
o guizzavan mal vivi e gementi sotto le panche, parvero arrestar la
voga quando più importava renderla impetuosa, ed alcuni mandaron grida
lamentevoli e disperate.

--Nostromo! Perdio!--

Gridò Filippino furibondo alzando la spada, ed il nostromo invelenito
anch'esso s'avventò co' suoi aguzzini verso quei disgraziati, e, non
più col nerbo, ma colla mezza spada, ora di piatto, ora di taglio,
menava arrabbiato su que' dorsi nudi, gridando:

--Arranca, canaglia!.... Che v'insegno io la paura.... avanti! avanti!
Tappo in bocca, tutti![32] e poi urlate se potete!....--

E colle piattonate, e co' tagli ajutando le parole ebbe presto ottenuto
che ognuno avesse in bocca il suo sughero, e si riprendesse con nuovo
vigore la voga.

Filippino era sempre al timone, arrabbiando di non poter pel densissimo
fumo, ed anco perchè l'aria, tramontato il sole, si veniva a mano a
mano oscurando, discernere bene la reale di Spagna ed il preciso luogo
ove disegnava percuotere collo sprone.

Ma la fortuna, che volea favorirlo, gli mostrò a un tratto in uno
spazio di cielo, ove il fumo per un momento fu spazzato dal vento, la
punta dell'albero di maestra della galera nemica, attorno al quale si
ravvolgeva ondeggiante il grave pennone giallo e vermiglio di Spagna.

Ciò gli bastò per calcolare ove dovess'essere il castello di prora;
volse la stanga con furia, e gridando:

--Attenti! Ad investire!--

Avviso troppo necessario affinchè ognuno si fermasse in sulle gambe e
s'apparecchiasse a saltar sul legno nemico, approfittando di quel primo
disordine.

Passò un minuto di terribile aspettazione, di più fitte e tremende
nerbate a' galeotti, di più rapido andare del legno, d'indescrivibile
ansietà ne' combattenti, ed alla fine accadde il gravissimo scontro,
con un fremito, un crocchiar sordo ed interno di tutti i costati della
galera, che a un tratto l'arrestò, quasi urtasse in uno scoglio,
ficcato il suo sprone per isbieco nel castello di prora della nemica.
Si gonfiò l'onda di sotto, e sorse lanciata in aria tra le due galere,
in alti e candidi spruzzi; molti, ancorchè stessero in avviso,
traballaron nell'urto e cadder travolti nel mare: le antenne, le sarte,
i remi s'intrecciarono, si percossero, si scompigliarono rompendosi,
e volando in pezzi: dalle gagge piene d'archibusieri crebbe il
grandinar delle palle, e da ambe le parti, quanti potevano combattere,
s'avventarono verso quel luogo, ove pel combaciarsi delle due galere
era possibile, se non facile, il trapasso dall'una all'altra, e qui
si accese la più furiosa e disperata battaglia ad armi bianche, a
spade, a daghe, a coltelli, a pesanti e larghissime accette, un lottar
sanguinoso ed ostinato, un afferrarsi, un sospingersi, un cadere, un
risorgere, un avventarsi, un ghermirsi continuo, che ad ora ad ora
diveniva più pauroso e micidiale per le crescenti tenebre della notte,
per l'angustia e stranezza dei luoghi ove s'avean a fermare i piedi, e
perla sopravvenuta agitazione dell'onde, che sollevate a poco a poco da
un gagliardo levante messosi in sul tramonto, venivan alte e minacciose
di traverso, ed arricciandosi cadevan impetuose sui fianchi e sulla
coperta delle fluttuanti scompigliate galere.

Ad illuminare questa scena infernale serviva in parte il lampeggiar
incessante delle cannonate e dei moschetti, e la luce de' fanali
posti a poppa delle galere, che all'annottar eran stati accesi, ma a
questo scarso ed incerto lume un altro se n'aggiunse tosto continuo
e splendente mandato da una galera spagnuola incendiata, che presto
divenne come una sola e grandissima fiamma trabalzata, or alta or
bassa, sul mare, dal gonfiarsi e dal comprimersi alternato dell'onde
sulle quali si rifletteva, scherzando in mille guizzi il gran fuoco.

Questo legno era lontano circa cinquanta braccia dai due attaccati,
e ne usciva luce vivissima, insieme colla vampa del caldo, e colle
disperate ed acutissime grida degl'infelici galeotti, che incatenati
alle loro panche, si sentivan rosolar le carni, senza potersi sferrare,
e perivan di mano in mano con lenta e crudelissima morte, senza che i
marinai o i soldati, scampati a nuoto o ne' palischermi, si curasser di
loro o pensassero ad ajutarli.

Ma nè questo tremendo spettacolo, nè il pericolo del probabile ed
imminente scoppio delle polveri sul naviglio incendiato non rattenevan
punto il furor del combattere sulla reale e sulla capitana, al disopra
delle quali trasvolavan tratto tratto nembi di faville e di fumo
fetente e denso, quale lo producon legni impeciati che ardano.

Filippino, appena ebbe condotta la galera a percuoter nella nemica,
lasciato al piloto il timone, s'era avventato con Mgr. De Croy, e co'
suoi ufficiali, nel luogo ov'era più stretta la zuffa, e tutti facean
bellissime prove della loro persona.

Lamberto, il quale già stava sul castello di prora col suo servo
Maurizio al fianco, e con molti degli archibusieri francesi d'intorno,
avea notato tra questi uno che gli s'era collocato a lato, e che invece
d'aver come gli altri suoi compagni un cappello di ferro in capo,
portava un morione che gli nascondeva il volto del tutto. Non ebbe però
tempo d'osservare a lungo costui, che le galere scontrandosi, cominciò
la descritta battaglia nella quale entrò Lamberto de' primi. E siccome
eran seco non pochi soldati che avean militato sotto il sig. Giovanni
nelle sue Bande, Lamberto s'avventò tra' nemici gridando:

--Viva il sig. Giovanni! a noi le Bande Nere!--

Quasi eccitando i suoi compagni a mostrarsi degni della loro fama: e
quando gli veniva fatto un bel colpo, alcuno di costoro gridavano:.

--Evviva Sforzino!--così gli uni cogli altri si facevan animo a
portarsi virtuosamente.

Dopo lungo contrasto, dopo infinite uccisioni, riuscì pur ad essi di
superar il nemico, ributtarlo, e gettarsi in folla nel suo naviglio,
e qui crebbe, se pur potea crescere, l'accanimento ed il furore nel
disputar palmo a palmo il cassero della galera, che lubrico pel sangue,
barcollante per l'agitazione del mare, parea ogni tratto sfuggisse di
sotto i piedi de' combattenti, ora sospinti e serrati gli uni sugli
altri, ora divisi, sbalzati, capovolti spesso fuor delle sponde, ove
molti, dal peso dell'arme, dai ripercossi flutti, eran tosto cacciati
al fondo, molti morivan feriti sul capo da quelli che ne' palischermi
attendevano a finire i nemici, e trarre gli amici dall'acqua, ed
alcuni pochi riuscivan pure, afferrandosi ad una prora, ad un remo
d'una qualche barchetta a campare; ed i concavi, i dorsi dell'onde
si vedean pieni di barche sbalzate dai cavalloni, di nuotanti, di
cadaveri, di mezzo sommersi, di frantumi di tavole e di remi spezzati;
chè la fiamma della galera incendiata rischiarava tutto d'intorno d'una
luce vivissima e vermiglia.

D. Ugo di Moncada, vicerè di Napoli, dopo aver fatto ciò che può farsi
per difender il suo naviglio, e conosciuto ch'egli era vinto e disfatto
senza rimedio, sdegnò arrendersi, e deliberò morire, ma far costar
cara la sua morte al nemico. Circondato da' suoi gentiluomini, e dai
capitani delle sue milizie, tra' quali era Cesare Fieramosca (fratello
di Ettore) Don Pietro Urias, Antonio Colonna, il M. del Guasto, e
molti altri, fece testa dietro l'albero di maestra presso la stanga
del timone, e chiuso in uno scintillante arnese damascato, coperto di
una rotella, col Toson d'oro sul petto, aspettò l'ultimo assalto delle
genti di Filippino, che affollate e ruinose, per la corsia gli si
serrarono addosso.

Lamberto s'avventò per essere il primo a ferire, ma senza ch'egli
sapesse come, gli passò innanzi quel soldato dal morione, ch'egli
sempre s'era trovato vicino (e spesso gli avea porto ajuto durante la
battaglia) e che a questo punto, percosso tutt'in un tempo da molti
colpi, cadde, e sospinto si rovesciò fuor delle sponde nel mare. Parve
a Lamberto ch'egli cadendo gridasse il suo nome, ma ravvolto com'era
tra' nemici, intronato il capo da tanto frastuono e tanti gridi,
neppur fu certo s'egli avesse realmente udito chiamarsi, o se fosse
stata immaginazione. Ed intanto (per non allungarla troppo) era stato
dopo breve, ma asprissimo contrasto, disfatto e sciolto interamente
quel nodo di spagnuoli. Morto il vicerè, il Fieramosca, e quasi tutti
coloro che aveano a quel disperato modo tentato prolungar la difesa, la
reale di Spagna era venuta in potestà de' Genovesi, che abbattuto lo
stendardo di Castiglia v'alzarono invece la croce di Genova tra mille
lietissime grida di vittoria.

E ad ottenerla avean cooperato non poco le galere che mandate in alto
dal Doria prima che cominciasse il conflitto, eran tornate alle spalle
degli spagnuoli, tempestandoli colle artiglierie. Una palla tra l'altre
avea in sull'ultimo percossa e sfondata la reale un palmo sott'acqua,
onde non appena furono i Genovesi padroni di essa; non appena Lamberto
avea avuto tempo di ricever la spada d'un gentiluomo spagnuolo, il
conte d'Aguilar, che egli s'era dato prigione, quando s'accorsero che
la galera si veniva affondando.

Filippino comandò alle sue genti d'uscirne, e si può credere che fu
ubbidito senza ritardo. Parte si gettarono ne' palischermi, parte
riuscirono ad arrampicarsi alla prora della capitana, ed in pochi
momenti il naviglio fu vuoto d'uomini liberi, ma i galeotti vi
rimasero, nè v'era forza umana che valesse a salvarli. Eran già nel
mare sino alla cintola e dall'interno della galera, dalle parti basse
e cave della carena, l'aria cacciata dall'acqua sopravvegnente, usciva
con un suono cupo, quasi un lamento (direbbe un poeta) del naviglio
che si sentiva sommergere. Ma ben altri lamenti (e pur troppo qui
non era poesia) ben'altre grida mandava la sventurata ciurma, parte
cercando con tremendi ed inutili sforzi strappar le catene, parte
divincolandosi, gettando qua e là la persona, molti piangendo e
gridando misericordia, i più urlando bestemmie e maledizioni: e l'acqua
sempre cresceva.

Poco stante venne un'ondata, e dove prima si vedean le sponde,
la poppa, lo sprone della reale, le teste, le braccia tese della
disordinata ciurma, più non si videro che candide e gorgoglianti
spume. Avanzavan gli alberi; chè anch'essi in un baleno entrarono e
si nascoser nel mare; e nel punto medesimo un orrendo ed istantaneo
scoppio, unito ad un baleno di luce bianchissima, sconvolse ed intronò
il mare, i monti, l'armata, e lasciò il tutto in profondissime tenebre.
Poi, dopo un momento, un piover per tutto di travi, di legni, di ferri
stiantati, di membra d'uomini, di mille frantumi, che cadder nell'acqua
o sulle galere, ammazzando e storpiando Dio sa quant'altra gente, e
producendo mille mali, e poi un silenzio attonito e pauroso, nel quale
più non s'udiva che il sibilo della bufera tra le sarte e le antenne, e
lo scrosciar dell'onde che battevan le navi, o mugghiavan lontane nelle
scogliere del lido...

Lamberto, dopo questo fatto, venne mandato all'esercito di Lautrec.
Vinto e disperso questo, andò in Puglia con Renzo da Ceri, poi, quando
fu posto a Firenze l'assedio, deliberò correre tosto ad ajutar la
difesa, e non senza difficoltà riuscì pure ad entrare una sera in
città: giunto, col cuore che gli batteva, come può credersi presso la
casa i Lapi incontrò Laudomia nel modo che già abbiamo riferito.



CAPITOLO XV


Le loro ricerche non furono lunghe, Laudomia s'accorse tosto ch'era
pazzia volerne sperar alcun frutto, ed ebbe presto ricondotto Lamberto
al portone di casa. Questi avea taciuto un pezzo, ondeggiando in mille
pensieri e mille sospetti, pure alla fine non si potè più tenere, e
quando vide che era sul timore, disse fermando Laudomia pel braccio:

--Ma non dovrò io sapere che cosa sia tutto questo mistero?--

--Oh! Lamberto, ve ne prego, ritroviamo il babbo prima--rispose
Laudomia; pure strascinandolo seco, ed a passo veloce, giunsero ed
entrarono in casa.

La giovane picchiò all'uscio di Niccolò, chiamandolo, e nel tempo che
egli penò a venir ad aprire prese le mani a Lamberto, e con passione
grandissima, e quasi piangendo, gli disse all'orecchio:

--Oh, non dir parola che lo contristi, povero babbo!--

Poi, quando udì i passi gravi del vecchio che s'accostava, spinse così
un poco Lamberto, onde il padre non se lo vedesse davanti improvviso,
ed in quella l'uscio s'aprì. Niccolò, fieramente turbato ancora per
la comparsa della Lisa, alla quale mal grado la sua terribil natura,
sentiva pur sempre d'esser padre, aveva il volto affilato e pallido,
e malsicuro l'andare. Credè che Laudomia venisse a star seco il resto
della sera, che ancora non era molto innanzi, perciò senza parlare
ritornò in camera e si rimise sul suo seggiolone presso al cammino,
riprendendo un libro di preghiere che stava leggendo. Ma Laudomia
accostandosegli, e facendosi lieta in viso quanto poteva:

--Ho una buona novella, babbo,.... sapete chi è arrivato?.... e sta qui
fuori?....--

--Lamberto? rispose il vecchio alzando un tratto il viso, e facendo
l'atto di rizzarsi.... «Oh! vieni, vieni figliuol mio, gridò;» e
Lamberto che stava in orecchi gli si fu in un baleno inginocchiato
davanti. Niccolò presogli il capo tra le palme se lo stringeva sul
petto. Laudomia in piedi, colle mani giunte e gli occhi al cielo,
pregava Iddio che gli ajutasse tutti e tre a questo terribil passo.

Rimasti così un momento senza parlare, Niccolò, discostando da sè
il volto di Lamberto, e messagli sulla fronte una mano, si poneva a
guardarlo fisso. Alla fine con un sospiro risoluto disse:

--Tu non m'hai più viso di fanciullo. Codesto è viso d'uomo forte ed
ardito.... ti sta bene quel bruno.... ti sta bene quel taglio che
ti fende la gota... Tu hai attenute le tue promesse Lamberto!... ma
noi!....--

E qui il povero vecchio alzando le mani scarne al cielo se le battè
sulla fronte coprendosi gli occhi, e stette così tanto che si sentisse
sicuro di non prorompere in pianto.

--E noi, proseguiva, che avevam pensato rivederti, riceverti con festa,
aprirti le braccia tutti e dirti, ora finalmente sei nostro davvero!...
Io che avevo creduto accoglierti colla fronte sicura e serena,.... son
qui innanzi a te.... ed è la prima volta in novant'anni, Lamberto!....
Son qui come un reo costretto a confessar l'onta sua colla propria
bocca! Io mi sentirei spinto a cader ginocchioni, ma tu non lo
vorresti patire.... Ascoltami, Lamberto, e sii uomo, quale dimostri
nell'aspetto.--

Il povero giovane, tutto sotto sopra, stava pur sempre con un ginocchio
a terra, guardando il vecchio con occhi pieni di maraviglia, e direi
quasi di spavento, che dalla bocca di Niccolò cotali parole eran
veramente terribili, e da far presagire ogni peggior male.

--Messer Niccolò, voi mi fate morire con questi discorsi così oscuri,
parlate, col nome di Dio, e di me non dubitate.--

--Ebbene, sappi dunque, ch'io sono vituperato, che la Lisa ha tradito
me, ha tradito te, la casa sua, la patria.....--

Lamberto si trovò in piedi d'un balzo, e senza accorgersene, colla mano
in sull'elsa.

--Per Dio eterno, ciò non può essere..... voi siete tratto in errore...
e chi v'ha dette codeste favole ne mente per la gola....--

--Lamberto, rispose Niccolò prendendolo pel braccio e facendoselo
sedere accanto, io che ti parlo sono suo padre sai!... Ora dunque taci
ed ascolta,--Sì, la Lisa ci ha traditi tutti,.... dal sangue de' Lapi,
dal sangue di Niccolò ha potuto nascer donna capace di darsi in braccio
ad un traditore, nemico di questo popolo di questa città.... tale è
stato il giudicio di Dio su questa casa.... _Justus es Domine, et
rectum judicium tuum!_--

E qui il povero vecchio dovè tacere un momento per riavere il respiro.

S'alzò: andò ad un forziere, l'aperse, prese una carta, ritornò verso
Lamberto, e gliela porse.

--Eramo qui una sera per andarcene a letto: fu picchiato: entrò il
Ferruccio, e per parte del gonfaloniere mi diede questa lettera:
leggila....--

Lamberto lesse. Il suo viso, che prima s'era fatto rosso e quasi
violaceo, diveniva a mano a mano pallido.

--E tutto ciò era vero?--disse alla fine.

--Era vero. E qui Niccolò gli narrava, come essendo salito alla
camera delle figlie avesse trovata la Lisa col bambino, e poi tutto il
rimanente che il lettore conosce, sino all'ultimo caso di quella sera
istessa: e Lamberto ascoltò sino in fine senza interrompere, senza dar
segno nessuno di ciò che provava nel cuore: soltanto il lembo d'una
panziera di maglia che (stando egli seduto) pendeva lungo gli stinieri
di ferro, li faceva risuonar tratto tratto, e n'era cagione il tremito
convulso che egli provava in tutte le membra.

Quando Niccolò ebbe finito di parlare, rimasero muti tutti e tre per
alcuni minuti.

Lamberto entrando con Laudomia in casa s'era fatto dare dal suo
famiglio un involto e la spada che avea ricevuta da Andrea Doria, ed
avea deposto il tutto sulla tavola accanto a Niccolò. A questo punto,
rizzatosi, aperse l'involto, e trattane una catena d'oro, poi alcune
carte, che eran benserviti tutti in sua lode, di Filippino e d'Andrea
Doria, ed una tratta di cambio per la taglia del conte d'Aguilar che
aveva fatto prigione nella battaglia di Salerno, tenne la spada e
le carte in mano un momento, poi gettando a terra ogni cosa, disse,
scrollando il capo con un sorriso sinistro che fece agghiacciar
Laudomia:

--M'eran costate gran catinelle di sangue!.... alla fediddio, ch'egli è
stato bene speso!....--

Spiegata poi una cartolina ne trasse un gambo di rosa inaridito con
alcune foglie secche, le gettò nella fiamma, che l'ebbe divorate in un
momento, e disse tra se stesso fremendo:

--Oh, quando mi venne in mente di ritornare in Firenze!....--

Niccolò, udite queste parole s'alzò, gli pose una mano sulla spalla, e
con voce dolce e grave al tempo stesso gli parlava così:

--Lamberto, non sei tu fiorentino? Non è questa la tua patria, ora
minacciata da tanti nemici? E ti potresti pentire d'esser venuto ad
ajutarla? Lo sa Iddio se io vorrei colla vita poterti liberare dal
tuo giusto dolore.... così avesse Iddio voluta la mia morte e non la
mia vergogna!.... Ma chi potrebbe levar la fronte contr'esso, contro
il voler suo?.... Il male non ha rimedio!.... e questo male è mio, è
tuo, è di questa povera casa, di poche persone private.... e dobbiamo
noi averne pensiero, dobbiamo tanto curarlo, quando un male immenso,
una rovina universale ed imminente sovrasta alla patria nostra? Oh
Lamberto! qui i vecchi, le donne, i fanciulli hanno posto mano alla
difesa, e tu....--

--Oh! non mi dite altro, messer Niccolò, chè mi trafiggete l'anima....
E stato un momento! che alla fine il cuore non è poi di bronzo.... Sì,
messer Niccolò, sì, padre mio (che a dispetto della fortuna io non vo'
più chiamarvi altrimenti) questo braccio, questo sangue è di Firenze:
le mie forze, la mia vita, tutto consacro alla patria, alla difesa di
questo popolo e della nostra libertà.... Iddio volle togliere tanto
bene, tanta dolcezza della mia vita? Sia benedetto il suo santo nome,
che la maggiore di tutte non me la tolse, quella di combattere e di
morire per la terra ove nacqui, in difesa di quelle mura che chiudono
i miei cari, i miei amici, i miei fratelli! Mi vedrete da' merli
combattere, cader nel mio sangue; direte: Lamberto è morto da virtuoso,
da forte cittadino, e rimarrò per sempre nel vostro cuore, nella
vostra memoria... Oh! padre mio, io parlai come un pazzo.... ma perder
in un momento ciò che per tanti anni s'è tenuto di mira come il sommo
de' beni! che s'è comprato con tanti travagli!.... son uscito di me....
perdonatemi. Oh! quanti si stimerebbero felici,... ora lo conosco....
quanti benedirebbero Iddio di poter dare alla patria la vita! e debbon
consumarla vilmente, e perderla alfine inutile ed oscura!.... Ed io
invece?... Dio, ti ringrazio, ti ringrazio o Cristo nostro re, che
m'hai raccolto sotto la tua bandiera!.... non si parli più d'altro,
padre mio, non si parli più di nulla.... combattere, vincere o morire
per la patria, per la sua libertà....--

E nel dir queste parole avea la faccia levata, gli occhi scintillanti.
Niccolò l'abbracciava con impeto d'affetto e d'allegrezza, e la povera
Laudomia, che era stata sempre attenta e muta durante questo colloquio,
si trovò, senza avvedersene, avere stretta tra le sue mani candide e
delicate, la robusta destra di Lamberto.

Tornata in se dopo un momento lasciò quella mano, ed un poco dopo,
arrossita, uscì dalla camera dicendo andava a dar gli ordini, onde i
cavalli ed il famiglio di Lamberto fosser messi al coperto.

I due rimasti, sedutisi al fuoco, seguitava Niccolò:

--Bene hai detto, Lamberto; ora è tempo da pensare non ai nostri, ma
ai casi di questa povera patria. Ma stiam di buon animo; tutto quanto
accade, è stato predetto dal nostro santo maestro: più s'aggrava il
flagello, e più si fa vicina la corona e il trionfo, più sembrerà
inevitabile la ruina, e più ci sarà d'appresso il soccorso. Quando
e' parrà che tutti gli uomini ci abbiano abbandonati o traditi,
allora sorgerà la virtù d'Iddio, allora i suoi angeli scenderanno su
queste mura a difenderle. Così predisse fra Girolamo. Chi potrà dire
che una sol volta egli abbia mentito? Vengan tutte l'armi del papa,
dell'imperatore; vengan tutti gli eserciti della terra, potranno
essi star contro la spada d'un sol serafino? Contro quella spada che
precipitò Lucifero negli abissi?--

Lamberto, che stava immobile fissando il fuoco, rispose così colle
labbra:--Voi dite il vero--tanto per mostrare d'aver ascoltato, ma di
tutto il discorso del vecchio non avea udita neppur una sillaba. I
pensieri che gli agitavan la mente, eran troppo potenti perchè fosse in
istato di dar retta ad altro. Diceva a se stesso--Tu abbandonasti la
mamma vecchia, inferma, già con un piè nella fossa, tutto per costei,
per guadagnarti il suo amore, per meritar la sua mano. Eccoti tornato.
Dov'è tua madre? Morta. Dov'è la Lisa? Peggio che morta--è fuggita con
un traditore!.... Oh! è giusto Iddio.

Fortuna pel povero giovane che era partito d'accordo colla madre,
ch'essa l'avea benedetto; ove la cosa fosse andata altrimenti, ora il
dolore l'avrebbe morto.

Niccolò intanto per isviarlo più che potesse dal pensiero delle sue
sventure, ed accenderlo in quello della difesa, proseguiva:

--Ma perchè Iddio all'ultimo ci ha promesso il suo ajuto, non per
questo dobbiam lasciar d'ajutarci, fin dove giungon le forze e la
vita. S'è pensato a tutto, Lamberto: e le cose son governate in modo
che quest'esercito vuol far poco profitto. Per ora intanto, chi si
vantava d'inghiottirsi Firenze in un sorso, non è stato neppur capace
di vincere il campanile di S. Miniato....--

--Ditemi, messer Niccolò--interruppe Lamberto, ma la parola gli morì
sulle labbra. Voleva domandar di sua madre, parlare de' suoi ultimi
momenti, sapere se avea pronunziato il suo nome, se prima di passare
avea chiesto poterlo vedere, se l'avea benedetto, se pareva adirata con
esso lui, se gli avea perdonato il suo allontanamento, e cent'altre
cose. Ma al momento di muover la parola glie n'era mancato il coraggio.
Vi sono tali ferite del cuore tanto intime, tanto acerbe ed irritabili,
che non v'ha modo a trattarle. Difficilmente l'uomo s'attenta a
palesarle, a parlarne; sembra che que' pensieri stessi già tanto
dolorosi quando pesan sull'anima taciti e profondi, espressi colla voce
si farebbero troppo enormi e tremendi; e si sente che esacerbati d'un
sol grado diverrebbero maggiori delle forze dell'uomo. Rimase perciò un
momento sospeso, e ripetendo poi la frase, ma con mutato pensiero:

--Ditemi, messer Niccolò. Sapete ove s'è riparata vostra figlia?--

--Vuoi dir la Lisa.... che la mia figlia è Laudomia. Rispose il vecchio
con volto severo. Non lo so, e non mi curo saperlo. Tieni a mente,
Lamberto, che prima di fermare un proposito, vi penso. E fermato ch'io
l'ho, non mi muto. Ora parliam di Firenze. Pensiamo al fatto tuo. Tu
sei a cavallo, tu hai indosso l'arnese d'un uomo d'arme. Se vuoi darmi
retta, ti porrai nella compagnia dell'Arsoli. Egli è valent'uomo; la
sua è buona gente, e di cavalli n'abbiam mestieri, per tener aperti i
passi e pulito il contado verso Mugello, ove già scorron quelli del
marchese del Vasto.--

--Così farò.... Ma e colui.... Quel Troilo, dov'è?....--

--È in campo.... Oh! che pensieri ti giran nel capo? Vorresti tu?....
non sai ch'è suo marito?... Se l'incontrerai in battaglia passagli
il petto colla spada,.... ti è lecito.... ma non dubitare, ciò non
avverrà.... i traditori non s'incontrano in battaglia. Orsù, levati di
questi pensieri. Sii uomo, Lamberto.--

Il giovine percosse col pugno sul cosciale di ferro, e balzò in piedi.

--Voi avete mille ragioni. Andiamo dunque dall'Arsoli, e poniamoci alla
bisogna.... E, appunto... neppur vi domando dei fratelli. Che n'è di
Baccio?--

--Morto in battaglia.--

--Di Bernardo?--

--Morto in battaglia.--

--E Bindo, e Vieri ed Averardo.--

--A difender le mura, e seguitar i fratelli se così avrà fissato
Iddio.--

--Ah sì! seguitiamoli, e Dio voglia chiamar me per il primo, chè
l'uscir di questa vita sarà uscire d'un gran travaglio.--

Ed in quella si mosse per andarsene. Ma il vecchio lo fermò. Aperse un
forziere, e trattone un mazzo di chiavi:

--Queste, disse, son le chiavi della casa ove stava la povera Nunziata.
Ma prima d'andarvi fa di parlare col Fivizzano in S. Marco. Egli deve
dirti cosa che importa.--

--Oh, madre mia benedetta!--disse Lamberto prendendo quelle chiavi e
baciandole: e due lagrime gli scesero per le gote.

--Tua madre è in miglior luogo che non siam noi. E morì benedicendo
Iddio d'avere in te un figliuolo valentuomo e dabbene.--

--Dite voi il vero?--chiese Lamberto tutto tremante, e mutato in viso
l'immenso conforto che gli arrecavano quelle parole.

--Sì, ti dico il vero, e il Fivizzano, che la confessò agli estremi, ti
confermerà il mio detto.--

--Oh! lodato... ringraziato sia Iddio mille volte, e quell'anima santa
e pura che ora è beata nella sua gloria!--

E in così dire il valente giovane abbracciò il padre dando in un
pianto d'allegrezza; chè proprio gli parve rinascere a nuova vita.

Stato così un momento si sciolse da quell'abbraccio ed uscì, senza più
volgersi, mentre Niccolò gli diceva:

--Ricordati che questa è casa tua, e quando non sii comandato, qui è
già fatto il tuo letto. Or va, e più tardi lasciati rivedere.--

Lamberto prese verso S. Marco; e dove poco prima il domandar di sua
madre gli metteva si può dir terrore, adesso invece tutto mutato per le
parole di Niccolò, non vedeva l'ora di trovarsi con chi gli parlasse
di lei e potesse soddisfarlo sui mille particolari che ardeva di
conoscere. Portarsi col pensiero nella sua vita avvenire, e trovarsi
solo, senza la sua Lisa, colla continua memoria d'esserne stato sì
bruttamente tradito, era tremenda sventura, di quelle però che non
abbattono, anzi talvolta servono ad elevare un'anima forte e virtuosa.
Ma durare i giorni, i mesi e gli anni; invecchiare; e sempre con quel
rimprovero in cuore, tua madre morente ti cercò invano intorno al suo
letto, le sorse nel cuore il pensiero di chiamarti ingrato, un altro
chiuse le sue pupille, compose le sue membra gelate.... Questo era tale
strazio che non valeva ad affrontare neppur col pensiero. Ed in fatti
qual tempra umana è forte abbastanza per stargli a paragone?

Smanioso d'uscir del tutto di questa angoscia, e con un'impaziente
speranza che le parole del frate avessero a sollevarlo interamente fu
tosto alla porteria del convento. Per l'ora tarda durò fatica a farsi
aprire; pure nominatosi, fu messo dentro, ed in pochi momenti si trovò
nella cella di Fra Zaccaria da Fivizzano.

--Son io, son Lamberto! disse al frate attonito che un uomo tutto
coperto di ferro, venisse con tant'impeto a quell'ora nella sua cella.
Sono scavalcato in casa i Lapi, sarà un'ora.... So tutto.... Niccolò,
povero vecchio, egli stesso m'ha narrato della Lisa.... Iddio vuol
così!.... Ma so che avete a parlarmi, che foste voi a chiuder gli occhi
alla povera mamma mia.... perdonatemi s'io son venuto a darvi disagio a
quest'ora.... ma non ho potuto aspettare a domani. Oh! consolatemi, chè
n'ho mestieri! Ditemi che mi benedisse, che non mi chiamò sconoscente,
che mi perdonò d'esser lontano! Oh, parlate, per l'amor di Dio!...--

--Lamberto, rispose il frate abbracciandolo, tu sei un giovin dabbene,
e questi tuoi timori ne fanno fede. Ora chetati: la Nunziata era madre:
ma era madre animosa, e t'amava per te, e non per se stessa. Sì, ti
benedisse, e ben lungi dal far sinistro giudizio sul fatto tuo, mi
disse che moriva contenta vedendoti sulla via di divenir un valent'uomo
ed un uom dabbene. Se Iddio, mi diceva, vuol negarmi il conforto
d'averlo qui ora accanto al mio letto, sarà forse pel nostro migliore;
sarà meno amara quest'ultima dipartenza, ed egli vorrà sciogliermi così
d'ogni pensiero di quaggiù onde mi volga tutta a lui ed ai pensieri
dell'anima. Due ore prima di passare, (era la sera sull'imbrunire)
mi chiamò, e mi disse: Fra Zaccaria, tirate in qua quel deschetto,
sedete qui al capezzale, e scrivete quattro parole ch'io ho in animo
di far avere a Lamberto mio. Lo conosco: avrà bisogno di conforto per
più d'un verso. Io scrissi e suggellai il foglio. Poi soggiunse, sento
che mi si va spegnendo il anelito: un altro poco, e non potrò più
parlare: quest'ultimo fiato che m'avanza sia per Lamberto mio, e stesa
la mano tremula, come tu fossi stato ivi presente e ginocchioni e te la
ponesse sul capo, aggiunse: «Ti prego, Dio onnipotente, di benedire il
figliuol mio com'io lo benedico: fallo buono in questa vita, e beato
nell'altra.» Non potè dir altro. Non parlò più, e passò tranquilla e
serena.--

Lamberto fin dal principio di questo discorso piangeva come un bambino;
Fra Zaccaria gli porse il foglio, che il giovine baciò mille volte, ed
ebbe in un momento reso tutto molle di lagrime.

--Piangi, che n'hai ragione; diceva il frate commosso; piangi Lamberto,
che nessun amore vale l'amor d'una madre, e quando la morte l'ha spento
niun altro lo compensa. Ma che dich'io spento? egli è fatto più puro,
più ardente in quell'amore immenso che tutto vede, che numera le nostre
lagrime, per volgerle poi in altrettanta allegrezza. Essa t'ama lassù
in paradiso, quanto t'amava in terra, e più se fosse possibile; essa
compatisce questo tuo dolore, t'è grata di questo pianto.--

--Ah! ch'io fui uno sciagurato, esclamava Lamberto raddoppiando i
singhiozzi, dovevo prevederlo, essa, poveretta, mi lasciò partire
perchè... pensava a me solo..... a vedermi contento..... ma io dovea
prevederlo.... a lasciarla così sola.... chè la malinconia, il
timore de' rischi ne' quali m'avvolgevo.... dovevo pur saperlo, che
non avrebbe potuto durare a questa passione continua, che il dolore
l'avrebbe uccisa!--

--Ascoltami Lamberto. Accade talvolta nel risolvere un partito che in
qualche modo si cade in colpa. Se a te paresse d'aver fallato, non
sia mai ch'io ti ritragga dal sentirne dolore, e dal chieder perdono
a chi meglio di noi conosce il cuor nostro. Ma per quel ch'io so di
te, e della mamma tua, per quell'autorità che dalla Chiesa si comparte
a' suoi ministri, ti dico di non affannarti più oltre con questi
timori. Io ti fo sicuro del cuor di tua madre, ed in quel foglio ne
troverai miglior riprova che non sono le mie parole. Ora dunque datti
pace.--Lamberto intanto impaziente di leggere lo scritto della madre
s'era accostato al lume spiegando il foglio, ma Fra Zaccaria gli disse:

--Non ora, figliuolo, chè non è lecito l'intrattenersi in convento a
notte avanzata, e poi, sarà forse meglio che solo, ed in quiete, tu
faccia codesta lettura. Come poi abbi dato convenevole sfogo a codesta
tua giusta passione, taccia ogni pensiero de' tuoi mali privati, a
fronte del grande e virtuoso pensiero della patria: essa ha mestieri
di uomini forti e non inviliti dal pianto. Le tue forze, la tua vita,
non tua ma di questa città, non si disperdano inutili, mentre è tempo
d'usarle in suo benefizio. Lamberto! coll'arme in mano, a fronte de'
nemici.... là ti vuole Iddio; là, tua madre dal cielo t'addita il tuo
luogo! Combatti e muori per la libertà di questo popolo; e renderai più
onore alla memoria di essa che non con un mare di lacrime. Oh figlio!
Iddio nell'ira sua ha rammentato i peccati de' nostri padri.... il
grido delle nostre iniquità è salito fino al suo trono.... debbon esser
lavate, lavate col sangue. Ora va, chè a quest'ora nessuno di fuori
dovrebbe trovarsi in convento: e già troppo sei soprastato.--

Le fiere parole del frate, tanto simili a quelle udite poco innanzi da
Niccolò, e che parevano quasi racchiudere una rampogna, fecero levar
il capo al giovine. Una vampa di caldo gli salì alle gote, strinse la
mano a Fra Zaccaria, e nel guardarlo, un baleno di sdegno gli corse tra
ciglio e ciglio: ma rimessosi tosto, gli disse:

--Io avevo bisogno de' vostri conforti per quanto s'attiene alla mamma.
Iddio vi rimeriti, che per le vostre parole son tornato in vita.
Ma quanto alla patria, io son Fiorentino, e posso dir d'esser dei
Lapi!.... Addio Fra Zaccaria, il resto ve lo dirà chi avrà tra qualche
giorno vedute l'opere mie.--

Uscì così dicendo. Quando fu di nuovo in piazza S. Marco si fermò,
ed alzate le mani al cielo, disse: «Dio, ti ringrazio!» Gli parve
sentirsi salir dal petto più libero il respiro, scorrer più spedito
il sangue, e star più franco sulle ginocchia. Ma quel foglio che
teneva in mano voleva leggerlo, e tosto, ed esser solo, che nessuno
venisse ad interromperlo. Era un bujo grandissimo (allora in Firenze
non eran lampioni, ora sul tardi si spengono ma pur vi sono. È sempre
un progresso) si guardò intorno se apparisse da lungi la lampada di
qualche madonna. Vide il chiarore di quella che è sul canto di via
Larga, e che v'era anco in quel tempo.

Quantunque racchetato in gran parte per le parole del Fivizzano, pure
una voce interna e severa non restava d'accusarlo dicendo: «Gli uomini
t'assolvono, ma Iddio vede che in cuore ti nacque però il dubbio di far
errore lasciando tua madre! Prevedesti possibile ciò che è avvenuto
pur troppo! Eppur partisti!» Si sentiva bisogno d'una espiazione: ed
il dolore amarissimo del tradimento della Lisa, gli si mutava, per dir
così, in altrettanta dolcezza pensando «questo castigo m'è dovuto!»
e pregava Iddio, dicendo: «se mai per effetto dell'umana fragilità
la povera mamma fosse rattenuta fra quelle anime che ancora non sono
ammesse alla visione divina, accetta le mie pene in di lei suffragio,
fa patir me solo in questa vita, e rendila felice nell'altra!» Poi
pensando a quel foglio desiderava trovarvi qualche comando, arduo,
doloroso; e qualunque potesse essere, si disponeva ad eseguirlo
scrupolosamente con gioja, con quell'impeto proprio d'un'anima incapace
di venir a patti col dovere, colla coscienza, incapace di soddisfarsi
co' palliativi, e spinta per natura sua a cercare in ogni azione ciò
che la virtù ha di più grande.

La parte migliore, più nobile del suo cuore provava questi affetti,
formava questi propositi: ma nell'altra più inferma, ove trovan sempre
ricovero le passioni, benchè domate, si racchiudeva pur sempre come in
una trincea l'immagine dei suo amore perduto, pronta ad uscirne ove
appena trovasse libero il campo.

Egli era giunto intanto a portata della lampada. Aprì il foglio, lo
baciò, e principiò a leggere. Diceva così:

«Sono parecchi mesi ch'io non so più nulla del fatto tuo. Ma Iddio non
vorrà che sii capitato male. Tu tornerai, e non troverai più mamma tua,
che a Lui non piacque ch'io t'aspettassi se non in paradiso, e tanto
spero dalla sua misericordia. Ora mi vien meno la vita: poche parole
dunque. Tieni a mente, figliuolo, che il tuo primo debito è verso il
nostro signore Iddio e la sua santa Fede: poi verso la tua patria:
nell'amore di essa è racchiusa ogni virtù, che i virtuosi cittadini, e
non altro, fanno le città felici e potenti» (questi pensieri, che forse
al lettore parranno superar l'ingegno d'una contadina, s'erano impressi
nella mente della Nunziata nel suo praticare in casa di Niccolò.)
«Ricordati sempre del babbo, e della mamma tua, che s'ingegnò allevarti
onoratamente secondo le sue povere facoltà, e non potendo lasciarti
di molta roba, ambedue ti lasciarono, la Dio mercè, un buon nome,
tantochè non t'abbi mai a vergognare di loro: e per quanto s'appartiene
a te, fa in modo che pei tuoi portamenti sia benedetta sempre la loro
memoria. Se Iddio ti vorrà salito a maggior fortuna, non ti levare
in superbia, e rammentati, che anche tu sei nato di poveretti. Ama e
soccorri dunque i poveri, e de' ricchi tieni quel conto che è dovuto,
e non più. Della Lisa io ne feci sempre giudizio, quale venne poi
raffermato dai fatti. Fin dal principio, lo sai, codesto tuo amore
non mi finiva di piacere. Pure non ti volli contristare. Ora Iddio te
ne ha sciolto, conosco di quanto dolore ciò ti sarà cagione, ma ho
ferma fiducia che tutto quanto è accaduto sarà per tua gran ventura.
Io te lo dicevo pure, che la Laudomia era il fatto tuo! Ora, non per
comando, ma per consiglio, ti conforto quanto posso a porre in essa il
tuo amore. Prego Iddio che la faccia tua moglie; nè saprei qual maggior
bene desiderarti. Addio, figliuol mio buono. Troppe cose vorrei dirti,
ma la lena mi vien meno. Che tu sii benedetto nel nome del Padre, del
Figliuolo e dello Spirito santo.»

  «La mamma.»

E questa firma avea con grande stento voluto pure scriverla essa di sua
mano.

Chi potrebbe dir con parole la piena d'affetti che innondò il cuore
del povero giovane a questo punto? Se, o lettore, avesti madre, che
per una intera vita non abbia pensato che al tuo solo bene, non abbia
avuto cuore che per istudiar di giovarti, se essa fu il tuo conforto,
la tua guida, la tua provvidenza, e se questa madre tu l'hai perduta,
non hai bisogno che ti si spieghi ciò che dovè provare il cuor di
Lamberto leggendo quel foglio. Se invece Iddio non te la tolse, nessuna
spiegazione potrebbe bastare. Possa il supremo tra i dolori esser per
te lungamente un mistero!

Suonava la mezzanotte alla torre di Palagio, e Lamberto era immobile
nel luogo stesso, ginocchioni col capo appoggiato al muro:, e dopo un
pianger lungo e dirotto, ripensando quanto di soave, di tenero era
in quel foglio, sentiva cessar a mano a mano la procella che l'aveva
agitato, e spandersi nel cuore una pace, una tranquillità mesta bensì,
ma rassegnata confidente. Incapace poco innanzi di riflettere e di
risolvere su nulla, ora invece a poco, a poco, quasi al diradarsi
d'una tenebrosa caligine, cominciavano le virtù dell'anima a poter
discernere, combinare le idee. Di tanti affetti impetuosi, uno solo
rimaneva vivo e potente, quello di seguire in tutto i voleri, i
consigli della madre. Darsi alla virtù, alla patria, a Laudomia.

Ma poteva egli sperare d'aver così tosto ad offrirle un cuore libero
e degno di lei? Sospirava agitato da questo dubbio, che a quel
punto, meno che mai, gli era possibile conoscer sè stesso, i suoi
affetti, i suoi desiderj. Prevedeva una vita d'affanni e di travagli,
ma togliendosi tosto dal volerli conoscere o numerare, e risoluto
d'incontrarli, qualunque fossero, trovava finalmente riposo nell'idea
consolante d'un santo dovere adempiuto. Si preparava a soffrire con
quella prontezza e quella gioja che la religione sola può dare, perchè
essa sola è potente abbastanza sul cuore dell'uomo per convincerlo
che il soffrire è un bene; essa sola invece d'insegnargli a fuggire
il dolore, o a sopportarlo con superba ed impaziente rassegnazione,
gli apprende ad esserne lieto ed a trovarvi un guadagno. Essa sola è
guida e compagna all'uomo nei giorni della sventura, e riporta il vanto
d'impedire ch'egli divenga un istrumento inutile o dannoso all'umanità.

Questo sentire, che tolse Lamberto dal buttarsi al disperato, e lo
rese invece, come si vedrà in appresso, un operoso e forte cittadino,
dominava il suo animo, perchè gli uomini di quel secolo ottenebrato pur
troppo di tanto sangue e tanti delitti, ignoravano però quello di negar
fede a tutto, fuorchè all'oro ed ai diletti che si compran con esso.

Aveano, è vero, odj, amori eccessivi e furibondi, ma ciò appunto,
perchè credevan vi fosser cose che meritassero o gli uni o gli
altri. Il soffio avvelenato dell'indifferenza, del dubitare, ammesso
come un, principio, non aveva agghiacciato quei cuori: essi poteano
palpitare liberi e sicuri, per quella fede che s'aveano scelta, poteano
sagrificar tutto per seguirla e farla trionfare, potean dire colla
fronte levata: «Noi crediamo che al mondo vi sian cose più alte, più
degne, più stimabili delle ricchezze, de' comodi, de' piaceri» senza
il sospetto che l'ironia rispondesse alle loro parole, che il loro
nobile sacrificio venisse accolto col sorriso dello scherno e della
compassione.

Fortuna per Lamberto di non esser nato 300 anni dopo, e per conseguenza
di non aver avuto la tentazione d'imitare certi eroi che la letteratura
moderna sembra offrirci quali modelli di fortezza, di pensar magnanimo
e di ardito operare.

Colpito dalla sventura, tradito ne' suoi affetti più cari, avrebbe
pensato che la vita è un viaggio senza meta, la virtù un'illusione, il
praticarla una fatica senza compenso; avrebbe veduto nell'umanità un
branco di vili o di scellerati, nella morte il termine del soffrire, e
dopo la morte il nulla.

Forse si sarebbe ucciso, forse si sarebbe scagliato come una fiera
sugli uomini, sarebbe divenuto scellerato per vendicarsi di loro;
avrebbe adorato come suo idolo il superbo diletto di calpestarli, ed
infine avrebbe detto a se stesso: «io solo sono generoso, io solo sono
potente contro la sventura, io valgo più di tutti!»

Ma egli non ebbe questi pensieri, che era ancor lontano quel secolo
in cui la poesia e le lettere doveano chiamar magnanimo e forte chi è
vinto dalle passioni: debole e dappoco chi n'è vincitore.



CAPITOLO XVI.


Poichè la Lisa ebbe visto chiudersele in faccia dal padre il portone
di casa; dappoichè la sua miseria, le sue preghiere, il suo pianto
tutto era stato inutile, si mosse, lenta e sconsolata, dopo essersi
un momento riposata sugli scalini del limitare, per tornare ove avea
lasciato il figlio. Colla sinistra veniva attenendosi ai muri, portava
nella destra il poco pane, nel quale erano, si può dir, numerati i
giorni di vita che rimanevano a lei ed al suo bambino, e con voce
sommessa andava dicendo: «Oh! debbe pur esser enorme il mio peccato!»

Giunta all'uscio della casetta in via Larga, udì il pianto del povero
Arriguccio, unito al cantar della vecchia, che non sapendo trovare
altro modo s'ingegnava così di racchetarlo. Salita a furia, trovava
in grembo alla Niccolosa l'affamata creaturina, che colle manine le
frugava ne' panni, aprendo le labbra aride, e cercando il seno. Gettò
su un desco la tovaglia col pane, si tolse in collo il figlio, sedette,
si scinse in un lampo, e trovò aver pure tanto latte da poterlo calmare
per un momento. «Oh, il mio sangue potesse far le veci del latte!»
diceva sospirando la misera madre.

La vecchia, alzato un de' capi della tovaglia, e vedendo il pane
arrecato:

--Questo, diceva, è pur qualcosa la Dio mercè! ma quanto durerà? Oh!
chi ve l'ha dato? dove fusti?.... siete uscita tanto in furia....--

--Dal babbo.--

--E nient'altro? Non v'è riuscito?....--

--Nulla, nulla. Io non ho più anima al mondo che si curi di me, che
m'ajuti. Oh! ma è vivo il padre di quest'innocente, s'io dovessi passar
tra le fiamme, io saprò giungere a lui: io glielo arrecherò.... è suo
sangue alla fine?.... se Fanfulla vorrà condurmi egli, se no, andrò
sola. Che cosa mi potrà succedere alla fine.... che m'ammazzino? E qui
non moriam forse di stento oncia a oncia?--

--Voi dite il vero, e, secondo me, qui non è tempo da perdere ed ogni
poco che si tardi, questo fanciullo è ridotto di qualità che l'ajutarlo
poi sarebbe inutile.--

Le due donne tacquero alcuni minuti, mentre il bambino tutto inquieto
per la scarsità dell'alimento, ora si staccava dal petto lamentandosi,
ora accarezzato dalla madre si lasciava riporre il capezzolo fra le
labbra, finchè dopo un lungo durare di queste angustie venne ricadendo
in quell'irritazione convulsa ond'era stato assalito in prima sera.
Apparvero i segni precursori del nuovo insulto, e la Lisa a darsi da
fare per ajutarlo, e piangendo diceva:

--Oh, Vergine Santa, aiutatemi! ecco che gli torna il benedetto[33].
Oh! questa volta sarà l'ultima, non saremo più a tempo.... si potesse
mandar per lo speziale.... avesse un qualche lettovaro!... oh!
correte.--

--Figlia benedetta, è suonata ora mezzanotte, e qui ser Nuto, al canto
alla macina, quand'è a letto non s'alzerebbe pel papa.--

--Ma provate almeno, che Dio vi rimeriti, volete voi lasciar morire
quest'innocente senz'aver mosso un dito?--

La vecchia, che non avrebbe messo un piè fuor dell'uscio sola, a
quell'ora, per guadagnar un regno, rimaneva ritta senza dar segno di
voler contentar la Lisa, e le veniva dicendo:

--E' mi par migliorato il fanciullo, voi vedrete madonna che non sarà
nulla.--

La Lisa, che non poteva sperare soccorso da costei, e non voleva
abbandonar il figlio in quel momento, si slanciò alla finestra dicendo:

--Oh! non passerà nessuno, che ci voglia ajutare?--

Guardò in istrada, era buja. Tese l'orecchio, nessuna pedata s'udiva.
Volse il cuore e lo sguardo alla Madonna, ch'era poche braccia lontano,
e fissando l'occhio sotto la lampada, vide nell'ombra non so che
luccicare: strinse le ciglia, e s'accorse d'un uomo armato ginocchioni,
ed al vedere tutto attento a dire orazioni:

--Oh! pensava: egli è soldato; ma costì solo a pregare, a quest'ora,
e' non può esser se non un uom dabbene!--ed alzando la voce lo
chiamò:--Oh, quel soldato! Venite insin qui all'uscio, che Dio v'ajuti
e la Madonna.... noi siam due donne sole con un bambino che sta per
morire se voi non ci soccorrete.... Iddio si ricorderà di questa
carità.--

Il soldato a quel grido balzò in piedi con una prontezza che fe'
maravigliar la Lisa; pel bujo non lo poteva vedere, ma s'accorse al
suono de' passi, che s'era accostato sotto la finestra alta dalla via
circa un uomo e mezzo.

Tenendosi sicura del suo buon volere, lo pregava tutta affannata
di correr allo speziale e tornare presto con qualche medicina, e
v'aggiungeva molti ringraziamenti e benedizioni. Il soldato, senza
profferir parola s'avviò correndo.

--Neppur mi risponde! pensava la giovane, sarà buon segno, o
cattivo?--e tutta tremante teneva dietro al rumore de' passi che si
andava allontanando. Dopo un minuto, un picchiar furioso che udì venir
di verso lo speziale l'avvertì che il soldato pensava ad ajutarla.

Vi pensava il buon Lamberto che l'aveva tosto raffigurata; e nel primo
moto dell'ira e della sorpresa era stato per dirle: «Che importa a me
d'un figlio di traditori?» Ma raffrenatosi, e preso miglior consiglio,
fece in cuore questa preghiera. «Dio! rimetti alla mamma mia ogni suo
debito, com'io ora lo rimetto a costei.»

Lo speziale s'affacciò sonnacchioso, mandando il malanno a chi metteva
la strada a rumore, e giurando, s'egli non si partiva l'avrebbe
fatto pentire. Ma s'avvide che chi picchiava era coll'arme indosso,
ed udendosi dire: «Se tu non apri, spezial ribaldo, io ti butterò
l'uscio in mezzo alla strada.» Divenne come un agnellino, aprì, diede a
Lamberto un alberello che, gli promise avrebbe fatto l'effetto che si
voleva, ed egli presolo fu tosto sotto la finestra della Lisa, la quale
appena l'udì tornare scese, per incontrarlo, e l'aspettava sull'uscio
di strada.

--Oh! Iddio sia quello che vi rimuneri e vi faccia contento.... un poco
è migliorato il fanciullo... ma potrebbe ricadere.... Oh! valentuomo,
dacchè è tanta la vostra cortesia, un'altra grazia vi chieggo. Andate
ove alloggia la compagnia dell'Arsoli.... cercate d'una lancia ch'era
frate in S. Marco, ed ha nome Fanfulla, ditegli che per l'amor di Dio
venga qui appena giorno, ch'io ho grandissimo bisogno di parlargli.--

In così dire riceveva l'ampolla, e s'accorgeva che la mano del soldato
tremava. Non poteva vedergli il viso, chè avea abbassata la visiera,
ma scorgeva due occhi castagni che la saettavano in modo che quasi la
spaventava; udiva nel concavo dell'elmetto risuonar grave e frequente
l'anelito.

Rimase un momento sospesa.... le corse per la mente un sospetto....
«questo tremito! questo volersi nascondere.... fusse Troilo! che
essendo tenuto nemico nella città, e dubitando in casa vi fosse forse
altra gente non si volesse scoprire; badava a guardarlo, a misurarne
la statura, e le pareva tutto riscontrasse.... Oh! s'è pur ricordato
di me, del nostro Arriguccio.... non fu speso indarno il mio amore....
senz'altro è desso;» e finalmente colle puppille umide e la voce mal
ferma gli diceva:

--Fate ch'io sappia ora a chi ho un cotanto obbligo.... alzate almeno
cotesta visiera.... parlate, dabben giovane.... oh! parlate, ch'io
quasi già credo d'aver indovinato.... il mio cuore mi dice ch'io non
m'inganno... voi potete parlar senza sospetto... noi siamo proprio
sole.... io ed una povera vecchia... in questa casa, non è da dubitar
di nulla.--

E s'illuse in modo con quest'immaginazione, che spento ogni dubbio,
disse con voce bassa, ma piena di passione e d'allegrezza:

--Ah! sì, tu sei Troilo! ti sei pure rammentato un tratto della tua
Lisa!.... io lo sapevo.... io non ho dubitato mai della tua fede, sai!
oh! parla, parla, chè tu mi fai morire....--

Essa vide il soldato porre la mano alla visiera, alzarla lenta lenta,
scoprirle una sembianza pallida che al primo non riconobbe, e s'arretrò
sbigottita.--

--Voglia il cielo, disse il giovane, che la fede di Troilo giammai vi
venga meno, ma egli però è in campo, e combatte contro la patria....
Chi vi ha ajutato ora è Lamberto.--

Lisa a queste parole s'attenne all'uscio per non cadere. Quando volle
parlare era rimasta sola.

L'indomani a punta di giorno Fanfulla picchiava all'uscio suo.

La trovò piena ancora d'agitazione pel pericolo del suo bambino, e
per l'improvviso comparire di Lamberto. Appena vide quello che con
tanto affetto l'aveva soccorsa ne' suoi maggior bisogni, dopo molte
grate parole, gli scoperse l'animo suo protestando che in nessun modo
si sentiva di sopportar più codesta vita, e voleva ad ogni costo, e
comunque potesse, andar in campo, e rimettersi col figlio nelle mani
di Troilo. Pregava Fanfulla volesse esser sua guida, senza ch'egli
riuscisse a persuaderla de' pericoli cui s'esponeva, tra' quali stimava
grandissimo (benchè non l'accennasse) quello d'esser ributtata da
Troilo, che si sentiva da tutti un ribaldo, e che probabilmente avrebbe
usato ogni opera per sottrarsi all'adempimento de' suoi doveri. Tutta
l'eloquenza, tutte le preghiere di Fanfulla furon vane, e quando,
per far ogni prova, le volle dire in nessuno modo non l'avrebbe
accompagnata (non sapea che cervellino avesse costei) essa, senza
turbarsi, e rendendogli quelle grazie che meritavan l'amorevolezza sua
e le sue premure, gli disse: «Dunque, addio; Dio vi dia ogni bene.
Anderò da me.»

Fanfulla, che avea parlato a quel modo soltanto per rimoverla dal suo
proposito, e che piuttosto di abbandonarla nel pericolo ci avrebbe
rimessa la vita, sospirò, ripetendo la sua frase prediletta: «Proprio
tutte a me m'hanno a toccare» e poi soggiunse «Madonna, valetevi di me
come di cosa vostra.»

Allora cominciarono d'accordo a combinare il modo che convenisse tenere
per uscir dalla città e condursi al campo. Quanto all'uscire non v'era
difficoltà, chè le porte sulla destra d'Arno eran rimaste aperte, ma
bisognava trovar modo di passare il fiume, e poi d'introdursi negli
alloggiamenti salvando la donna dalla licenza de' soldati, de' quali
si raccontavano tante gran cose, che tutto il contando all'intorno era
rimasto affatto vuoto di abitatori.

--Io, diceva Fanfulla, mi metterei indosso la mia tonaca di frate,
e sotto le mie buone armi; e voi, madonna, se si potesse trovare un
abito da monaca....[34], ed alle scolte diremmo che andiamo cercando
l'elemosina pel convento.... e poi..... ma a proposito!..... e il
bambino..... monache co' bambini in collo e' non s'usa, e frati molto
meno. Si potrebbe dire d'averlo trovato per via... eh! no, no... la
cosa va zoppa. Pensiamo dunque. Se voi pure trovaste una tonaca da
fraticello.... da novizio.... eh! ma peggio.... v'è sempre questo
benedetto fanciullo! Peccato che i frati non abbian moglie!... E tre:
vestirci da zingani? allora ci cape quanti bambini vogliamo. Sì,
sì, questa è la meglio. Costoro si caccian per tutto, e nessuno dà
loro noja. Lasciatemi fare, troverò chi m'impresti un qualche sajo
lacero; troverò un liuto, e voi ingegnatevi d'aver qualche cencio da
mettervi indosso e in capo un fardelletto legato sulle spalle, e fate
di tingervi codesto viso bianco, e coteste manine, che a fargliela ai
soldati, ve lo dico io, bisogna saperla lunga. Orsù, madonna, state di
buona voglia, ch'io vi ci menerò a ogni modo; verso le ventitrè vengo a
levarvi, in un pajo d'ore, se piace a Dio, avrem fatta la bisogna. Ora
dunque a rivederci.

Fanfulla toltosi di quivi andò in cerca d'un pescatore e l'indusse a
condurre un suo navicello un miglio più su della porta S. Niccolò ove
gli avrebbe aspettati per traghettarli all'altra sponda.

All'ora fissata si condusse alla Lisa; messosi indosso un buon giaco
con maniche di maglia, una daga ed una mezza spada accanto, coprì
quest'arme con un sajaccio logoro, ed il capo con un cappello a larghe
falde che nascondeva però una cuffia di ferro, e detto addio alla
Niccolosa s'avviarono, che il cielo cominciava a divenir fosco. Usciron
per Porta la Croce, e volti a manritta giunsero in riva d'Arno, il
quale per le piogge scorreva assai ben gonfio, e seguitando taciti
la ripa del fiume venivan risalendo contro la corrente. Ad ora ad
ora s'incontravan passi difficili; più d'una gora che sboccava in
Arno dette loro grande impedimento. Allora il buon Fanfulla si recava
sul braccio ritto la donna, sul sinistro il fanciullo, ed entrando
nell'acqua a passi lenti e studiati, li trasportava sulla ripa di là.

--Quanti disagi vi tocca a soffrir per noi!--diceva la Lisa tutta
commossa: ed egli, che in 53 anni d'una vita travagliata da mille
perversi accidenti non avea mai saputo che fosse la malinconia (salvo
negli ultimi tempi che passò in S. Marco) rispondeva:

--Eh! madonna, per intaccarmi il cuojo ci vuol altro che quattro gocce
d'acqua e un po' di mota. Io, vedete, son fatto come i ciuchi, che alla
stalla s'ammalano, e perchè stiano di buona voglia,... lavorare, e
picchiate.--

Poi vedendola stanca ed afflitta si studiava di farle animo dicendo:

--Voi che non siete uscita mai del carruccio del babbo, vi parrà gran
cosa questo andar così di notte par questi luoghi, ma non dubitate,
siete in compagnia di chi vi difenderebbe contra cento. Che volete? Chi
non muore convien che abbia travagli. A tutti ne toccano. Ed io, che
ne so qualche cosa, vi dico, che appunto quando pare che il mondo ci
rovini addosso, in un baleno la ruota dà una volta, si muta il vento,
ed eccoci scampati...--

Qui la Lisa, che oramai si trascinava a stento, chiese di potersi
riposare un momento: e sedutasi in terra volgeva le pupille umide
verso Firenze, dalla quale s'eran dilungati poco più di mezzo miglio.
L'atmosfera occupata da una nebbia rada nelle parti superiori del
cielo, e fitta soltanto all'orizzonte, era debolmente rischiarata
dalla nuova luna che stava per tramontare. Essa appariva rossiccia e
senza raggi, poco più alta degli edifici e delle torri della città,
la quale si mostrava quasi una massa bruna ed addentellata, senza
che nessun fuoco, nessun lume interrompesse quell'uniforme oscurità,
senza una voce, od uno strepito qualunque che richiamasse l'idea della
vita. Cosicchè un poeta avrebbe potuto dire ch'essa stava pensosa
del fato che le sovrastava.... Soltanto il fragore sordo e lontano
delle acque che rompevano contro la pescaja de' mulini de' Serristori
feriva l'orecchio della Lisa e le empievano il cuore d'un senso di
terrore inesplicabile, del quale eran causa ed effetto a vicenda gli
angosciosi pensieri che l'agitavano. Finchè era rimasta in Firenze,
benchè cacciata di casa sua, le era però sempre sembrato di rimanere
unita con qualche vincolo ad essa ed alla sua famiglia: potea sempre
creder possibile una riconciliazione. Ora le pareva avere colla sua
partita rotto l'ultimo filo che la congiungesse ancora a' suoi, alla
sua patria, alle amiche della fanciullezza, a quelle care e perenni
memorie dei luoghi ove si provarono le più pure gioje, ed i più brevi
affanni della vita. Allevata ne' pensieri d'amor di patria, avvezza
fin da fanciulla a detestarne i nemici, e coll'orecchio ancor pieno
de' vituperosi nomi che dal padre e da' fratelli udiva porre a chi si
mostrava avverso alla dottrina del Frate ed alla libertà, non riusciva,
malgrado il suo amore per Troilo, nè a scancellare dal suo cuore le
prime impressioni dell'infanzia, nè a sradicarne quegli effetti che
le eran però sembrati belli e santi per tanto tempo, e che l'amore
avea sopraffatti senza poterli interamente distruggere. Si trovava ora
ribelle al padre, ribelle e nemica alla patria. Si sentiva inseguita
dalla maledizione di Niccolò, da quella di tutti i virtuosi cittadini
che rimanevano tra quelle mura a cadervi o di fame o di ferro,
guardando la torre di Palazzo vecchio, nella quale s'era avvezzata
a personificare, per dir così, l'idea del popolo e della libertà
fiorentina, le parea vedere un fantasma vendicatore che spiasse la
sua fuga per giungerla poi e punirla con qualche nuova e più tremenda
sventura.

E se distogliendo la mente da queste lugubri immagini, voleva
rasserenarla nel pensiero di Troilo che stava per rivedere, le veniva
turbata questa speranza da un dubbio non ammesso dal suo cuore, ma
che importuno s'ostinava però sempre a volervi entrare, e le diceva:
«Sei tu certa della sua fede? Sei tu certa che egli t'accolga? Puoi tu
confidar tanto in lui, che da più d'un anno non t'ha nè scritto, nè
fatto dir parola del fatto suo?»

Questo tormentoso sospetto la trafisse in guisa che dovè alzarsi e
proseguire la via, non potendo patire tanta incertezza, e bramosa
d'uscirne presto e ad ogni costo. Dopo non molto trovarono il
navicello, v'entrarono, e non senza gran fatica per la forza della
corrente, si trasferirono all'altra sponda. Usciti all'asciutto,
ripresero il lor cammino all'insù lungo la riva, per condursi dietro
la collina ove siede la villa, allora de' Guicciardini, detta la
Bugia. Quando a Fanfulla parve tempo, lasciato il fiume, volsero a
man ritta, e traversata la strada d'Arezzo presero per gli uliveti a
salir il dosso del colle. Egli aveva in animo di scendere poi in val
d'Ema, e risalire a S. Margherita a Montici, chiesetta ov'eran le bande
di Sciarra Colonna, non molto discosta dal pian de' Giullari, che
potea dirsi il cuore degli alloggiamenti, essendo stanza del principe
d'Orange.

Pareva probabile che Troilo, come gentiluomo e lancia spezzata, vi
stesse ancor egli, o almeno fosse facile trovarne ivi le tracce. Ma
più s'accostavano al termine del loro viaggio, e più Fanfulla sentiva
anch'esso crescere il sospetto che avessero a far un buco nell'acqua.

Quando furono in luogo d'onde non rimaneva che a salire l'ultima
pendice per trovarsi a S. Margherita.

--Orsù, disse Fanfulla, fermiamoci qui un momento, riposatevi un altro
poco, chè questo salir e scendere vi debbe avere stracca assai bene. E
poichè, la Dio grazia, non s'è incontrato nessuno per ora, combiniamo
il modo d'uscire ad onore di quest'impresa.

Così dicendo si cavò di tasca un pane ed una zucca piena di vino, e
porgendo alla donna l'uno e l'altra diceva:

--Questo vi rinfrancherà gli spiriti.--

--A tutto avete pensato! disse la Lisa, che, non usa a que' disagi, si
sentiva sfinita; e veniva sbocconcellando un po' di pane: vi bevve su
qualche sorso di vino, che non poteva questo ristoro essere offerto in
momento più opportuno.

Ma a Fanfulla non bastava restituire alle sue membra un po' di vigore,
ed avrebbe voluto trovar modo di fermarle l'animo, e prepararla pel
caso che Troilo avesse avuto o a ributtarla del tutto, o almeno a
rivederla in modo che venisse poi a significare il medesimo. Andava
studiando le parole, ed alla fine diceva:

--Eccovi, madonna Lisa, il mio pensiero. Quando sarem presso a S.
Margherita voi vi rimarrete appiattata tra quegli ulivi; io andrò
innanzi, e trovato ch'io l'abbia, farò di condurvelo, ma.... è meglio
che non gli dica chi siete.... e poi bisogna prepararsi.... già sapete,
i soldati in tempo di guerra hanno tutto dì mille sciagure alle
mani.... supponete nella giornata, verbigrazia, qualche faccenda sia
andata male e si rimane stravolti.... salta la stizza per nulla....
l'ho provato anch'io.... ma non è da farne caso. Egli potrebbe aver
per male che vi fussi posta a questo rischio, con un bambino di così
poca età.... potrebbe dirvi qualche mala parola.... armatevi dunque di
pazienza, e fate di prenderlo pel verso suo.... chè a star tutto dì con
tante libbre di ferro sulle spalle, alla pioggia, al freddo, tra mille
malanni, si prende un fare un pò ruvido.... ma voi, con que' vostri
modi amorevoli, non vi sarà difficile.... e poi, già potrei ingannarmi,
ed anzi spero, e credo, che non gli parrà vero ritrovarvi dopo tanto
tempo.--

E tra se stesso aggiungeva:

--Fa soltanto ch'io ti possa condurre fuori del campo, poi, se nulla
nulla ti vedessi uscir de' termini, so io come si fa ad insegnarti la
buona via.--

Ed era tanto l'amore che avea posto alla Lisa, sentiva tanta pietà de'
suoi casi, che s'era promesso, ove la cosa voltasse al peggio, di farne
una delle sue, e non era muso a mancar di parola.

Ripresero il viaggio, e dopo una mezz'ora di salita, trovandosi a
un mezzo tiro d'archibuso da santa Margherita, parve a Fanfulla
tempo di fermarsi; trovò una siepe molto a proposito per servire di
nascondiglio, e vi fece ficcar la Lisa procurando di aprirle il varco
colle mani nel folto de' rami.

Tra quegli arbusti erano di molti pruni, de' quali per l'oscurità non
potè accorgersi se non quando si sentì punger le dita; ma il peggio fu,
che un di que' pruni, quando egli ritrasse la mano colla quale l'avea
scansato, tornando colla sua elasticità al luogo di prima, venne a
percuotere con forza sulla gota del fanciullo. Sino a quel punto era
stato quasi sempre portato da Fanfulla, ed il movimento dell'andare
l'aveva addormentato, ma ora, graffiato da quelle spine, si svegliò e
si cacciò a gridare quanto ne avea nella gola. Gli posero ambedue con
gran fretta le mani in sulla bocca, ma, parte pel riguardo di non lo
soffocare, parte perch'egli si scontorceva, non poterono vietare che
quella voce non si sentisse dall'alloggiamento del Colonna.

Fanfulla, guardando all'insù, scorse a un tratto per l'uliveto andar
intorno ed agitarsi molti punti lucidi a guisa di lucciole, e come
pratico, s' accorse che eran soldati colle corde[35] de' loro archibusi
accese che venivano alla volta del grido.

I loro passi e le voci ben presto risuonavan vicine, ed un soldato
spagnuolo gridava innanzi agli altri con certe sue risa goffe. [36]
--_Ahora, ahora, voy á darle tal santiguada á este niño, que no ha de
despertarse hasta el día del juicio._

--_Teneos_, gridava un altro, _veamos ántes.... podría ser alguna dama
principal de esta tíerra, que se huyese, y me gustaran mas sus
florines, que los cascos de este hideputa..... no parecce sino que
ya se le salen las tripas? I que gargaata que tienes hijo mio!_
Soggiungeva un terzo.

--Oh! cagnaccio, i' giucherei il capo contro un morso di berlingozzo
ch'egli è figlio d'un frate, e' par che canti messa.. ora ora,
naccherino, ecco la pappa e 'l bombo.

Se Fanfulla fosse stato solo, avrebbe subito saputo quel che era da
fare. Si sarebbe scagliato a capo sotto tra costoro colla spada nella
destra e la daga nella manca, e addio, a rivederci, si sarebbe trovato
presto o fuor d'impaccio o all'altro mondo. Ma qui bisognava lavorar di
politica. Disse alla Lisa che badava a stringersi al petto il figlio,
raccomandandosi l'anima a Dio:

--Non dubitate, e lasciate fare a me--poi volto allo spagnuolo che
giungeva pel primo: [37] --_Detengase, señor caballero_ (i soldati
italiani d'allora sapeano quasi tutti lo spagnuolo, per l'istessa
ragione che venticinque anni sono essi sapeano il francese)
_Detengase.... somos pobres gitanos, y veniamos al campo para sonar y
tener regocijadas á v.m.!..... Somos pobres ahora..... però éramos
ricos no hay mas que un momento.... llevábamos un bolsillo con cien
florines... y algunos saldados alemanes que se andaban por ahi nos le
han quitado.... los majaderos me han despolvoreado las espaldas a mi
con sus alabardas, y á esta pobrecita le han dado un recio bofeton que
ha cogido aun á este niño,... Allá allá, miren entre los árboles, aun
los veo que se van á priesa..... alcancenlos por dios, y del bolsillo
nos darán lo que quisieren.--_

I soldati s'accostarono, e considerando, per quanto permetteva
l'oscurità, il povero vestire di Fanfulla e della donna, toccato il
liuto ch'egli aveva a tracolla, dieder fede alle sue parole. Egli
intanto, simulando passione grandissima, badava a stimolarli che presto
seguissero la pesta di quelli che l'aveano svaligiato, non restando
d'accennar colla mano giù alla china tra quegli ulivi, e giurando che
ancor li scorgeva:

--Fate presto, ragazzi, per amor di Dio.... che senz'altro gli
arriverete.... quello che ha agguantata la borsa, affinchè lo
conosciate, è un ometto mingherlino, ed ha in mano la forcina senza
l'archibuso, e in tutto son cinque o sei non più.--

Nell'indicare però la parte ove dicea scorgere questi soldati, aveva
avuto riguardo a sceglier quella opposta alla via che si disponeva
tenere appena fosse rimasto libero. Conoscendo poi la gelosia e
l'inimicizia che bolliva tra le varie nazioni ond'era composto
l'esercito imperiale, i cui soldati non poteano accostarsi ai
quartieri gli uni degli altri senza che succedessero baruffe, pensò di
metter questo assassinamento sulle spalle ai tedeschi.

E ciò si avverte, per mostrare se Fanfulla era poi tanto pazzo come
hanno voluto far credere i malevoli e gl'invidiosi.

In conclusione, que' soldati dettero nella ragna. È vero, che per
quanto guardassero in giù tra gli alberi non pareva loro scoprir nulla
che si movesse o avesse forma d'uomo, ma pensarono, costui avrà occhi
migliori, o sarà come i gatti, che ci vedono allo scuro. Insomma
(e tutta questa scena fu quanto il dire un avemaria) si mossero in
frotta, a salti, giù per l'uliveto, bravando e giurando con terribili
bestemmie, che se potevano metter l'ugne addosso a que' poltroni
tedeschi gli avrebbero tutti tagliati a pezzi. «Oh! vedete, ladroni
scomunicati! Insin qui vengono a far bottino!.... fin sotto il nostro
capo!» e non restando di correre, s'allontanarono ben presto, tantochè
cessò il rumore de' passi, il suono delle voci, e Fanfulla mise un
respiro libero, e disse ridendo:

--Buona caccia, giovanotti! Ora, madonna, leviamci di qui prima che
ritornino.--

La povera Lisa, più morta che viva per quello spavento, conosciuta
però la necessità di salvarsi mentr'era tempo, uscì di quella siepe,
e messasi in piede a stento, prese la via, sorretta da Fanfulla, che
coll'altro braccio portava il bambino ormai racchetato. Mutato il primo
pensiero, risolsero di venirsi accostando più che potessero al pian
de' Giullari ed alla villa de' Guicciardini, abitata dal principe, e
come a Dio piacque, venne lor fatto di giungere senz'altro accidente a
piè del muro di una delle prime case.

Qui non era siepe, ma un monte di saggine secche, ove la donna potè
nascondersi, e questa volta ebbe gran cura al fanciullo che non venisse
tocco nè offeso.

Fanfulla allora fattole nuovamente animo s'avviò solo per andar
in cerca di Troilo, e trovata la strada, si condusse presto sulla
piazzetta che è nel centro del casale.

Essa avea la figura d'un triangolo, contornata di casucce di contadini
da due lati, il terzo era occupato dalla facciata della chiesuola, la
sola che fosse in paese: nel mezzo un pozzo sotto una tettoja, e da
un lato eran rizzate una trave con una carrucola per dare i tratti
di fune, e le forche, dalle quali era ben raro il giorno che non si
vedesse spenzolare qualche disgraziato, qualche contadino colto sul
fatto di portar vettovaglie a Firenze, qualche spia, e talvolta soldati
rei di lesa disciplina, che a voler reggere un esercito in quel secolo
bisognava spesso lavorar di corda, nè l'_etichetta_ militare aveva
ancora stabilito che morir appeso offenda l'onore, e morir fucilato lo
lasci illeso. Ma bisogna compatire i poveri cinquecentisti, essi avean
forse l'idea che la vergogna stia nel delitto e non nella pena.

Quella piazzetta per la quale al dì d'oggi si passeggia ad ogn'ora
liberamente, incontrando soltanto o contadini tranquilli, e che vi
rispondono cortesemente in quella loro armonica e corretta lingua, o
brigate di cittadini villeggianti ne' contorni; quelle casucce che
presentano oggi giorno l'immagine della povertà quieta e contenta;
quegli usci ingombri di bambini di tutte le misure, di donne che
attendono all'utile e pulito lavorìo dei cappelli di paglia; tutto,
al punto che vi giunse Fanfulla, era pieno di genti strane, di
disordine, di schiamazzi. Il suolo fangoso, immondo, pesto pel gran
passare d'uomini e cavalli: le case piene di soldati, le mura sudice ed
affumicate, la chiesuola ridotta una taverna, e la piazza ingombra di
frascati sotto i quali eran vivandieri con pane, grasce, barili di vino
ec., ed avean rizzata quivi la loro bottega con assai buon giudizio,
sapendo che la vista della corda e delle forche, era un ottimo trattato
di mnemonica per quegli avventori che potessero scordarsi di pagare.

Mentre Fanfulla s'aggirava considerando a chi gli convenisse dirigersi
per domandar di Troilo, udì levarsi un bisbiglio tra la gente,
s'accorse d'un agitarsi di persone nel lato ov'eran le forche, e vide
poi che appoggiatavi una scala saliva un uomo ad acconciare il laccio,
e preparar l'occorrente per far giustizia. Accostatosi per curiosità,
vide poco lontano dal patibolo a piè d'un muro la persona che pareva
destinata al supplizio. Era una donna, colle mani legate dietro le
reni, e, posta ginocchioni a piedi d'un cappuccino, si confessava.
Fanfulla si maravigliava che avessero ad impiccare una femmina, ma gli
crebbe la maraviglia vedendo che di sotto i panni le spuntava fuori il
fodero d'una spada.

Nel momento che stava per domandare qual fosse il delitto di costei,
vide venire un caporale, che facendosi far luogo tra gente e gente,
s'appressò ad uno de' soldati che guardavano la paziente, e gli domandò
per qual cagione s'impiccasse codesta donna.

--Dite pure codesto giovane, rispose il soldato ridendo. È stato un
caso bizzarro.... io non c'ero... ma qui il Fruga ci s'è trovato....
egli, ch'è fiorentino, dice che lo conosce questo garzoncello.... e la
casata sua.... egli è figlio d'un piagnone, d'un setajolo...--

--Ma che ha egli fatto insomma....--riprese il caporale con impazienza.

--E' dicono che ha voluto ammazzare un tal messer.... che so io?
Troi.... Trojano.... il nome non importa.... ch'è lancia spezzata qui
del signor principe. Questo gentiluomo debbe aver fatto forza ad una
sorella del giovine, ed egli per farne vendetta se n'è venuto in campo
sull'imbrunire vestito da donna, e appostatosi in un luogo fuor di
mano, ha mandato un fanciullo a questo gentiluomo dicendogli, che una
giovine voleva dirgli due parole.... capite il mariuolo! perchè non
entrasse in sospetto e venisse solo. L'altro è venuto, ma dietro, un
po' lontano, aveva quattro soldati.... appena trovata quella ch'egli
credeva donna si sente gridar da essa «difenditi, traditore!» e mette
fuori tanto di stocco; il gentiluomo caccia mano alla spada e ribatte
appena due o tre colpi, che que' suoi bravi correndo saltan alle spalle
e sulle braccia del giovine! L'hanno legato, e qui or ora mastro
impicca gli serrerà il gorgerino.--

Il caporale scuotendo il capo ed alzando le spalle, come volendo dire:
«Tutto qui questo gran caso!» se n'andò pe' fatti suoi.

Fanfulla rimase pensoso, chè gli pareva (quantunque non avesse potuto
raccapezzare i nomi) questo negozio avesse che far colla Lisa, ed
intanto appiè del patibolo v'era proprio il povero Bindo che si
preparava da buon cristiano all'ultimo viaggio.



CAPITOLO XVII.


Al cominciare di quest'istessa sera, mentre la Lisa con tanto disagio
e pericolo usciva di Firenze per cercare di Troilo, egli se ne stava
contento e senza pensieri nella villa Guicciardini a cena col principe
d'Orange e con un monte di capitani e di gentiluomini, che vi passavano
il tempo lietamente quando i doveri militari non li chiamavano altrove:
vi trovavan ricca mensa, carte e dadi, e quanti trattenimenti eran
comportabili co' luoghi e col tempo che correva. Quantunque per la
grettezza di papa Clemente fosse in quell'esercito gran penuria di
danaro, e che i soldati pel difetto delle paghe vivessero nello stento
sempre, e spesso s'ammutinassero, i capitani avevan però bastante
giudizio per regolar le cose in modo da non patir mai, essi almeno,
nè fame, nè sete, ed anzi aver sempre preparata una buona tavola. Su
questo punto della tattica militare, sembra che tutti i gran capitani
siano andati sempre d'accordo, prima e dopo l'invenzione della
polvere, ed il principe d'Orange, che nella sua fresca età di 27 anni
era uno de' più arditi ed esperti di cui faccia menzione la storia,
neppur in questa parte non rimaneva addietro dagli altri.

La villa de' Guicciardini, in buon essere ancora ai nostri giorni, è
posta sulla strada che dal pian' de' Giullari conduce a S. Margherita
a Montici. Essa consiste in due fabbriche a due piani, quadrate e
piuttosto nane: due muri merlati le congiungono, e lasciano in mezzo un
vano che serve di cortile. Nel muro verso strada è il portone coll'arco
e gli stipiti a bugnato. Le finestre del terreno, disposte con bella
proporzione ed a piacevoli distanze secondo lo stile Bramantesco, son
munite di grosse ferriate, che dal cornicione sovrapposto scendono ad
appoggiarsi su un largo davanzale petto da due mensole. Nella fabbrica
posta a manca di chi entra pel portone di strada, era alloggiato il
principe insieme co' suoi gentiluomini e paggi, in quella a mano ritta
erano i servi colle bagaglie ed i cavalli.

Nel cortile, illuminato dalla luce rossiccia di fiaccole resinose,
molti vasi d'agrumi ricoverati ivi da giardinieri della villa per
salvarli dall'accetta dei soldati, servivano di rastrello alle alabarde
de' lanzi che tenevan la porta. Fuori di questa, lungo i muri, molti
cavalli colle briglie e le selle, guardati da' valletti, aspettavano
i loro padroni. Questi, dandosi allora buon tempo tra i dadi e le
bottiglie, vicini ad un buon fuoco, in sale ben riparate, tutte
scintillanti di lumi, avean del disagio, del freddo, della noja che
soffrivan per loro uomini e bestie, appunto l'istesso pensiero che
prende un lord inglese d'una carrozza a nolo che l'aspetti alla porta
d'un ballo in un ambiente di 15 gradi sotto lo zero.

Finita la cena, sparecchiata la tavola, vennero le carte ed i dadi.
Il principe vestito d'una cappa di velluto cremisi foderata di vajo,
sotto la quale non avea altro che farsetto e calzoni di pelle di dante,
per poter presto ad ogni bisogno indossare l'armatura, giuocava al
_Lansquenet_ con D. Ferrante Gonzaga, il Co. di S. Secondo, Pier Luigi
Farnese ed una decina di ufficiali spagnuoli e tedeschi. Egli si teneva
davanti un mucchio di fiorini d'oro; ne poneva una manciata ad ogni
posta, e comunque la fortuna decidesse, il suo volto rimaneva sempre
ugualmente altero ed impassibile; chè gli statuti cavaliereschi, e le
massime in vigore tra la nobiltà, volevano si giocasse largamente, si
perdesse con indifferenza e si pagasse senza ritardo.

Per osservar queste leggi, un giorno tra gli altri, al dir del Varchi,
egli dovè dare a' suoi compagni di giuoco il danaro che papa Clemente
gli avea mandato per le paghe dell'esercito. I soldati morivan di fame,
ma il debito d'onore era soddisfatto. Tra i due mali si scelga sempre
il minore.

Per la sala alcuni, o seduti su larghi seggioloni a bracciuoli, o
passeggiando innanzi e indietro, conversavano, ridevano, parlavan di
caccia, d'amore, di fatti d'arme, di quistioni, di duelli, in una
camera vicina, molti de' più giovani attendevano a schermire, ed in
quel momento, fatto un cerchiello, badavano ad un assalto di spada
e pugnale, nel quale Troilo ed Alessandro Vitelli mostravano egual
destrezza, quantunque il primo fosse dai più giudicato averne la meglio.

Per le sedie e per le tavole stavan buttati alla rinfusa i cappelli,
gli elmi, i guanti, le spade ed i pastrani de' convitati; dal muro
dipinto a fresco, e scompartito in molte storie chiuse in cornici di
stucco a bassorilievo, pendevano armi, pennoni, bandiere ed arnesi da
guerra d'ogni maniera: ed i chiodi che le reggevano, piantati senza
riguardo nelle pitture, le avean tutte scrostate e guaste.

Nell'un de' lati s'apriva un largo ed alto cammino la di cui cappa
sporgeva molto innanzi, e posava su due figure di cacciatori ritte
contro gli stipiti, le quali tenevansi alla bocca una cornetta; il
cornicione che reggevano col capo e con un braccio era pieno di
bellissimi fogliami, d'animali e mascherine; ed al di sopra due ninfe
giacenti tenevan ritto tra loro uno scudo sul quale eran le tre
cornette de' Guicciardini.

Un uomo di mezzana statura, che mostrava nella persona una vecchiaia
anticipata, sedeva su un seggiolone al fuoco: solo, tutto assorto
ne' suoi pensieri, pareva non s'accorgesse, o non si curasse, delle
risa, del chiasso che si faceva intorno a lui. Vestiva il lucco ed il
cappuccio fiorentino, e col gomito appoggiato ad uno de' bracciuoli
reggendosi la gota col pugno chiuso, guardava fisso il serpeggiar
della fiamma, ed a seconda dei pensieri che lo travagliavano, ora
aggrottava le ciglia, ora così un poco scrollava il capo, e talvolta
a fior di labbra sorrideva, ma il suo ridere esprimeva tutt'altro
che allegrezza. Era costui messer Baccio Valori commissario pel papa
all'esercito imperiale. Uomo di acuto ingegno, pratico delle cose
di stato, avido di potere e tenuto astutissimo. Egli dovette però
accorgersi, dopo alcuni anni, che la più sottile astuzia sta nell'esser
uomo dabbene, poichè non riuscì alla fine a salvar il suo collo dalla
scure di Cosimo I.

Dalla riuscita dell'impresa di Firenze dipendeva l'adempimento delle
sue ambiziose speranze, o la sua totale rovina. Se la città veniva
espugnata e sottoposta al giogo mediceo, egli saliva ai primi gradi,
otteneva onori e ricchezze, egli allora era il buono, il prudente,
l'amico dell'ordine e delle leggi. Se in vece il popolo vinceva
e conservava la sua libertà, egli rimaneva col bando di ribelle,
spogliato dell'avere, e nella dispregiata condizione del traditore
deluso.

Ma per riuscire le difficoltà eran molte e gravissime. Egli doveva
tenere il campo abbondante di munizioni e vettovaglie, mentre al papa
per un lato incresceva lo spendere, ed il principe per l'altro non era
buon massajo, come vedemmo, neppur di quei pochi danari che tratto
tratto venivan pagati dalla camera apostolica. Nell'animo di Clemente
VII si era inoltre generato il sospetto che il principe d'Orange allo
stringer de' conti, intendesse far per sè l'acquisto di Firenze, ed il
Valori aveva l'incarico di tenerlo d'occhio per isventare al bisogno le
sue macchinazioni[38]. E finalmente, la parte de' Piagnoni, che s'era
sperato sbigottire col solo accostar l'esercito alle mura, si vedeva
ora invece tanto cresciuta d'animo, e tanto pronta alla difesa, che si
poteva ragionevolmente dubitare del fine di questa guerra.

Stimando cosa importantissima aver in Firenze chi lo tenesse avvisato
giorno per giorno delle risoluzioni dalla parte nemica, s'era ingegnato
mantenere corrispondenza secreta con molti Palleschi: ma da costoro,
sospetti al reggimento, era o tardi o male informato, e giovavano poco
o nulla. Avrebbe potuto fare gran fondamento sopra Troilo, il quale, se
una volta gli veniva fatto d'entrare in casa Niccolò, ed affiatarsi con
esso, si sarebbe trovato per dir così nel cuore della parte Piagnona,
ed a portata di conoscerne i pensieri e le risoluzioni più secrete.

Ma poco sperava da questo giovine. Quantunque avesse promesso a
Malatesta di porsi a tale impresa, come vedemmo al capitolo VI,
quantunque neppure al Valori istesso non avesse disdetta la sua parola,
si mostrava però tutt'altro che smanioso di osservarla: ora trovava un
pretesto, ora un altro, moveva mille dubbj, e non si sapeva risolvere
a barattare la vita del campo un po' dura talvolta, ma pur libera,
piena di licenza e condita dai piaceri di cui godeva nella casa del
principe, col viver uggiuso e malinconico d'una città assediata, piena
di prediche, processioni e discipline, ove appunto gli sarebbe toccato
abitare nella casa più austera, e sotto l'uomo più temuto e più rigido
della parte Piagnona.

Se dunque Baccio Valori, con tanti pensieri pel capo, col contrastar
continuo a tanti diversi umori, vivea malissimo contento, e se ne stava
solo e malinconico, senza partecipare all'allegrezza ed ai solazzi che
l'attorniavano, non è da farne maraviglia, invece è da ringraziare
Iddio, che in questo mondo si duri più fatica talvolta a far il birbone
che ad esser galantuomo.

In quella, posto fine al giocar di spada, una frotta di que' giovani
entrarono nella sala, e facendo tra loro non so che baje, se ne vennero
a furia e schiamazzando verso il cammino, e trascorrendo all'impazzata,
urtarono malamente il seggiolone sul quale sedea Baccio. Egli si volse
stizzito e brontolando, mentre Troilo accostandoglisi, diceva ridendo:

--Non v'adirate messer Baccio, e cacciate codesti pensieri, chè il viso
ogni giorno vi s'allunga d'un braccio.... non sapete voi che cent'anni
di malinconia non pagano un quattrin di debito?--

--Tu sei un gran pazzo, e se attendessi ad altro che a queste bajate,
e' sarebbe pure il tuo meglio. Ora siedi qui un momento, chè dovresti
però esser stracco al diavoleto che avete fatto finora.--

--Stracco? Mai, messer Baccio, e se volete che tiriamo quattro
stoccate, voi ve n'avvedrete.--

--Non m'affastidir il cervello col malanno che Dio ti dia,.... ch'io
non ho il capo a motteggi.--

Poi con miglior viso ed in suono quasi di preghiera seguitava:

--E a Firenze insomma, quando pensi d'andarvi? Tu promettesti pure al
sig. Malatesta ed a me!.... Sia pure quanto ci bisognerebbe averci un
uomo da potersene fidare!....--

--Aspettate messer Baccio, rispose il giovine strascinando un altro
seggiolone vicino al suo, e sdrajatovisi colle gambe tese e le braccia
aperte, ho già capito, che avete sullo stomaco un sermone e volete
liberarvene.... Eccomi qua, son pronto a riceverlo, vi sentirete meglio
dopo.... dite pur su, ora che ho assaggiato questo seggiolone vi so
dire ch'io non mi moverò di quel pezzo.

--Tu scherzi, Troilo, e s'io parlo è per il tuo bene.--E postagli una
mano sulla spalla guardandolo fisso, seguitava, abbassando la voce:

--Ah, pazzo che sei! Ma non sai tu che un'occasione come questa di
guadagnarsi la grazia di papa Clemente e de' signori Medici, molti la
comprerebbero ad ogni prezzo: ed avrebbero a gran ventura che capitasse
loro alle mani, e tu....--

--Ed io.... ed io non la rifiuto, rispose Troilo, dimenandosi sul
seggiolone con mostra d'impazienza, siete curioso anche voi... È presto
detto andar a Firenze, da Niccolò.... eccomi qua, son diventato
Piagnone! Sì.... e lui senz'altro mi crederà.... mi metterà in casa....
saprò tutto.... troverò subito modo di farvi sapere i suoi secreti....
eh! messer Baccio, voi viaggiate per le poste....--

--Che vi sia qualche difficoltà non lo nego: ma gli affari del mondo
non si fanno da sè.... e convien durar fatica e farli noi. E se tu
non te ne dai maggior pensiero di quello che n'abbi preso sin ora, al
sicuro rimarremo sempre aspettando la manna ci caschi dal cielo.... se
non vi fossero difficoltà e pericoli neppur ti sarebbero stati promessi
i ricchi premj....--

--Oh! quanto a questo, interruppe Troilo, io li avrò molto ben
guadagnati. Pensa che diletto!.... abitare con Niccolò!.... sarà
tutt'uno come stare di casa alla buca di S. Antonio. A proposito, e'
converrà che mi rimetta in esercizio di dir orazioni.... bisognerebbe
aver alla mano qualche passo, qualche profezia del Frate, ora, ora: una
me la ricordo.

--_Florentia renovabitur_ e poi _flagellabitur_... no, tutt'al
rovescio.... Si principia col _bastonabitur_, e qui ci ha azzeccato....
Ah! e poi.... vi par egli uno scherzo? andarmene, Dio sa per quanto
tempo, a far, niente meno, il marito innamorato e fedele. Se il papa è
galantuomo per questa sola merito il cappello!--

--Eh via! tristaccio, che costei, ho udito dire, è pur bella di molto:
ed ora è un pezzo che non la vedi, e ti parrà quasi una novità.--

--Sì, quasi, bene avete detto!--

--E poi confortati, che quando saremo padroni di Firenze, e' sarà
d'uopo di metter giudizio, ti troverò io una fanciulla, di tal casata,
e con tanta dote, che me ne saprai il buon grado. Oh! insomma.....--

--Insomma andrò, andrò. Già è tutt'una... son condannato a udir
sermoni; qui, da voi, in Firenze, da' frati. Se non foss'altro, per
variare, voglio udire i loro, chè i vostri, messer Baccio mio buono, mi
son cominciati a venir a noja assai bene.--

A questo punto molti di que' gentiluomini si ristrinsero intorno
al cammino. Essi sapevano che da qualche tempo il Valori tentava
inutilmente di spinger Troilo a questa nobil impresa, e n'era stato tra
loro spesse volte ragionato, e motteggiato non poco. Ora Troilo, dopo
aver annunciato che finalmente s'era risoluto partirsi, disse:

--Sarà però bene fare un pò di prova del discorso ch'io terrò in
Consiglio grande per celebrare la mia conversione.--

E salito in piedi sul seggiolone, con voce flebile e nasale cominciò
così:

--Un raggio della divina grazia, signori osservandissimi, un
raggio della grazia celeste, prestantissimi magistrati, sceso su
questo indegno capo per intercessione del nostro beato e santo Fra
Jeronimo, venne, popolo eccellentissimo, lanajoli, setajoli, speziali
nobilissimi, beccai, muratori, tintori, conciatori, illustrissimi
ed eccellentissimi, venne finalmente a diradare quelle tenebre per
le quali miseramente camminando, ingannato dagli scellerati esempj e
consigli di quell'empio, ribaldo, pravissimo e detestabile uomo, d'ogni
nefando, turpe ed abbominevole peccato di messer Baccio Valori....--

A queste parole si levò tant'alto lo schiamazzare ed il ridere, che il
sermone venne interrotto, ed i giuocatori affastiditi si volgevan di
mal umore, ma il Principe fece ben presto cessar il fracasso, alzando
il capo e pronunciando con voce forte questo solo monosillabo:

--Paix!--

Il quale fece in un attimo acquetare ogni rumore; tantochè potè udirsi
chiarissima la voce d'un servo che disse d'in sulla porta:

--Messer Troilo! un fanciullo domanda di voi.--

--Fallo entrare,--rispose il giovane senza mutar luogo; e venne tosto
introdotto un ragazzo, il quale disse:

--Una donna, che vorrebbe parlar con voi due parole tosto, vi manda
dicendo, che v'aspetta qui sulla strada di Baroncelli.--

Troilo scese in fretta dal suo pergamo dicendo: --Signori, il sermone a
un'altra volta.... le dame non s'hanno a far aspettare.--Poi con viso
serio aggiungeva:--È però una gran seccaggine che queste benedette
donne abbiano a venir fino in campo a darmi noja.... Eh! ma.... le
compatisco....--

E dato un gran sospiro:

--Ecco quel che accade ad essere un bel giovane... Andiamo, fanciullo,
mettiti avanti ed insegnami la via. I suoi compagni gli davan la baja
e lo complimentavano sulla sua ventura, ed il Valori gli diceva,
seguitandolo verso l'uscio:

--Sta a vedere ch'è la Lisa!--

--Sarebbe cacio sui maccheroni; ora s'io mi appongo, e se
quest'occasione ti si para innanzi, sappi usarla chè buon per te!--

Troilo uscì, ed invece della Lisa trovò Bindo, il quale più volonteroso
che savio, s'era posto in animo di far le vendette della sorella fin
dal giorno della sua cacciata di casa, nè mai fin allora s'era trovato
libero di mandare ad effetto questo suo disegno.

Se Troilo fosse andato solo forse gli sarebbe riuscito, ma egli
nell'avviarsi fe' cenno a quattro soldati di tenergli dietro, e la cosa
finì appunto nel modo narrato alla fine dell'antecedente capitolo.

Quando il giovinetto fu menato prigione e si trattò d'impiccarlo,
Troilo avrebbe potuto di leggieri campargli la vita, dicendo una parola
all'ufficiale che aveva la cura di mantener quieto il campo, e punir i
disordini e le risse. Fu anzi sul punto di risolversi, poi disse fra se:

--Lascialo impiccare! ciò potrà per avventura liberarmi da questa
maladetta andata in Firenze.--

--A quel poltrone di Baccio non verrà più in capo, cred'io, mandarmi in
casa di chi avrà avuto il figlio impiccato per cagion mia.--

Così lasciato la piazza s'avviava lentamente verso la villa
Guicciardini. Ma Baccio, che dubitava potesse da questo fatto nascere
occasione favorevole a' suoi disegni, e che non era uomo a trascurare
le piccole cose, sapendo che dalle piccole nascon talvolta le grandi,
non s'era contentato d'aspettare il suo ritorno, ma uscito poco dopo
ne veniva verso piazza, e s'imbattè in uno di quei soldati che avendo
ajutato a prender Bindo se ne tornava narrando il caso a chi veniva con
lui.

Il Valori domandando con premura che fosse accaduto, e saputa appena
la cosa, e che si stava per impiccare il figlio di Niccolò, si cacciò
a correre quanto poteva, e giunse per fortuna appunto in quella che il
povero fanciullo con un piè sul primo scaglione stava per salire il
secondo.

Parve a tutti cosa grandissima vedere il Commissario del campo
comparire in quel luogo, aprendosi a furia la strada tra le genti colla
voce a colle spinte, onde il carnefice soprastette all'esecuzione, ed
il Valori, fatto sciogliere e liberar dal laccio il giovinetto, che
pure aveva il viso bianco come un panno lavato, gli fece animo con
umane parole, dicendogli non dubitasse di nulla, e presolo per la mano
lo condusse fuori di quella calca.

--Questa sola mancava! diceva Baccio tra' denti, pensando al pericolo
corso di mandar per la morte di Bindo tutto il suo disegno a monte; e
siccome i tristi tra loro si conoscono, sospettò al primo qual fosse
stato il calcolo di Troilo nel permettere questa uccisione. E tirando
pur sempre verso la villa, con Bindo per la mano, diceva in cuor suo:

--Troilo, Troilo! Tu sei volpe giovane! ed io volpe vecchia; se me
l'appicchi mio danno!... ma io mi conforto che l'andrà a mio modo e non
al tuo.--

Giunto in casa consegnò ai suoi servi il giovinetto onde lo
confortassero con cibo e vino, e gli preparassero un letto; ed egli,
rassicuratolo di nuovo con amorevoli carezze, se ne tornò nella sala
ove poco stante comparve anche Troilo.

--Se non ero io, disse Baccio battendogli sulla spalla, a quest'ora
tuo cognato tirava de' calci al vento.... ora ringraziami, ch'io t'ho
campato d'un gran pericolo, che insieme con quel fanciullo sarebbero
morte tutte le tue speranze di guadagnarti la grazia del papa.--

--In verità ch'io v'ho un obbligo grandissimo, rispose Troilo con un
viso marmoreo, (se l'espressione è lecita) sul quale era impossibile
scorger traccia di quel che realmente pensava in quel momento.
Impossibile ai più; ma non a Baccio, che benissimo indovinò i suoi
pensieri, e sotto i baffi si rise di lui.

Fanfulla frattanto, che avea visto prepararsi il supplizio del
giovinetto, e poi capitar ivi con tant'impeto il commissario stesso
a liberarlo, gli tenne dietro, quando uscì dalla folla, e giunse
all'alloggiamento del principe un momento dopo ch'egli v'era entrato.
Un famiglio pregato da Fanfulla andò nella sala ov'era la brigata, e
disse a Troilo:

--Sta qui fuori un uomo.... pare uno zingano, che dice avrebbe a farvi
motto, per parte d'una gentildonna di Firenze.... e non vuoi dir chi
sia....--

--Oh! insomma, rispose Troilo, io credo che stasera e' voglian la baja
del fatto mio! digli che vada al bordello lui ed essa....--

--No, no, aspetta, interruppe il Valori, e preso sotto braccio il
giovane lo strascinò fuori dicendogli: Eh, non andar tanto a furia!
udiamolo prima. Giunti nell'anticamera ov'era Fanfulla, Baccio fece
le viste di andare oltre, e si nascose dietro una portiera d'arazzo
per poter udire ogni cosa. Fanfulla, fatta riverenza a Troilo, gli
disse come una gentildonna, ch'egli dovea molto ben conoscere, s'era
partita da Firenze apposta per venirlo a trovare, e che l'aspettava
poco discosta. Interrogato poi dal giovane chi fosse, che cosa volesse,
Fanfulla, con fare ambiguo e mezzo ridendo, gli diceva:

--Chi sia e che cosa voglia voi lo vedrete.... e non v'avrete a pentire
d'aver preso questo poco disagio di venir dove lei....--

--Oh, parlami chiaro!.... senti, uom dabbene, io ho certi
sospetti....dimmi, è ella la Lisa, figliuola di Niccolò de' Lapi?--

--Voi vi siete apposto, rispose Fanfulla, che credette legger sul viso
di Troilo pensieri favorevoli alle speranze della Lisa; venite dunque,
chè la poverina v'aspetta come un'angelo del cielo. Mentr'egli parlava,
il Valori, che gli rimaneva dietro le spalle, alzata la portiera badava
a far cenno a Troilo che andasse presto, ond'egli disse «moviamoci
dunque» e preceduto da Fanfulla uscì della villa, senza prender seco
altra compagnia, per esser la donna, al dir della sua guida, appiattata
là dentro l'ultima casa dalla terra ed a pochissima distanza.

Sarebbe cosa difficilissima voler determinare quale fosse l'animo di
Troilo in quel momento. I misteri del cuore umano sono tanto profondi,
ed il bene vi si trova misto col male in un modo così inestricabile,
che riesce talvolta assai arduo il giudicare anche i maggiori ribaldi.
Forse al punto di por mano irremissibilmente a quest'opera tenebrosa la
sua coscienza mandava l'ultimo grido. L'idea di riveder quella misera
che avea tanto patito per lui, che tutta si rimetteva nell'amor suo:
d'accoglierla fra le sue braccia, e quel suo stesso confidente amore
farlo servir di rete ove rimanesser colti i suoi più cari, e cadessero
così in mano de' loro implacabili nemici, tutto ciò era talmente vile
ed orrendo, che non era possibile, per quanto fosse ribaldo, vi si
accingesse con animo freddo e tranquillo. Ma la voce del suo buon
angelo non potè farsi dar retta da lui tutto invaso dal desiderio
d'una grandezza futura, che tratto tratto gli s'affacciava vivissimo;
dall'orgoglioso pensiero che gli persuadeva esser male assai leggiero
l'ingannar una fanciulla popolana quando n'andava lo stato e la fortuna
d'un gentiluomo. Quel momento d'incertezza e di rimorso, se pure
n'ebbe, passò come un lampo: fermò l'animo anticipatamente per non
lasciarsi commovere da qualunque cosa potesse udir dalla Lisa, e per
acquetarsi interamente, diceva in cuor suo: «Che gran danno avrò io
poi fatto a costei? aver un fanciullo da un gentiluomo! quasi ciò non
accada ogni giorno! ma io non farò come molti altri, e le darò tanti
danari che bastino a trovarle un marito suo pari.»

Mentre Troilo veniva camminando con questi pensieri, la Lisa, che
aspettava col cuore tremante da una mezz'ora in circa, stimando invece
fosser già trascorse due ore almanco, stava timorosa di qualche nuova
disgrazia. Sul punto di riveder quello che avea cotanto amato, il suo
cuore, cacciando tutt'i sospetti, s'era inebbriato della sola idea di
giunger pur una volta ad essere tra le sue braccia. Ma la poverina
s'affliggeva pensando: «Dio sa come mi troverà! I dispiaceri, lo
stento m'hanno tanto consumata!.... Oh! che cosa pagherei d'esser
bella come era una volta!» E per fare almeno tutto il possibile, si
veniva racconciando alla meglio i capelli, e spogliatasi una vestaccia
che s'era messa per aver sembianza di zingana, rimaneva coi panni
che si trovò aver indosso quando uscì della casa paterna, i soli
che possedesse dappoi, e procurava disporli con buon garbo più che
potesse: e in tutti questi rassettamenti usava gran riguardo di non
far rumore, temendo a ogn'ora di venire sentita o scoperta.

Finalmente ode passi d'uomini sulla strada, tende l'orecchio rattenendo
l'anelito; i passi s'accostano, varcano una siepe, e si dirigono alla
sua volta: l'oscurità impediva di discernere chi li movesse, ma ben
tosto udì la voce di Fanfulla che diceva:

--State di buona voglia, madonna, eccolo lui in persona.--

La giovane si volle alzare, ma le forze le mancarono, cadde sulle
ginocchia, dicendo:

--Oh! Troilo mio, t'ho pur riveduto prima di morire!--

Il giovane raccoltala da terra se la stringeva al petto, con parole di
tanta tenerezza, così appassionate, che la Lisa per poco non gli rimase
in braccio svenuta.

Conoscendo noi l'animo di chi le proferiva non ci regge il cuore di
riferirle.

Il buon Fanfulla a quegli atti strofinandosi le palpebre colla mano
ruvida, diceva:

--Sta a vedere che mi metto a piangere.--

Così passato quel primo momento, Troilo si recava in collo il
fanciullino facendogli infinite carezze, mentre la Lisa attaccatasi al
braccio del giovane e stringendosi a lui, gli diceva:

--Io, che temevo mi sgridassi d'esser venuta così di notte con questo
bambino!.... sciagurata, io doveva pur conoscerti, Troilo mio!
perdonami, ch'io ti feci questo torto. Oh! ma ora non pensiamo più a
nulla. Ci siam trovati! Non ci sono più guai per la povera Lisa tua,
tutto è dimenticato.... Era tempo!.... Ho sofferto tanto, sai!... ti
racconterò poi!.... Ma ora non ci penso più.--

E in così dire avviatisi tutti e tre per tornare in paese, seguitava la
Lisa con voce più bassa:

--No, non ci penso più, che l'animo si muta in un momento.... ma il
viso è un'altra cosa... quello della povera Lisa ti piacque un giorno!
oh, quanto ti parrà diverso! Non ti sbigottire, Troilo mio.... vedi,
ora che ho il cuore tanto contento.... in poco tempo.... tornerò come
prima.... abbi pazienza qualche giorno... e quando mi sarò rimessa, se
piacerà a Dio che pur mi trovi bella, io ti dirò: «È tutta opera tua,
amor mio!» Oh, poveretta me! Pensare che or ora mi vedrai in viso!....--

--Via, pazzerella, che sogni son questi, rispose Troilo sorridendo, tu
mi fai torto, e se non cacci codesti pensieri io m'adirerò.--

La povera Lisa paurosa di dir cosa che l'offendesse tacque all'istante,
e stringendosi al suo braccio, soggiunse soltanto:

--Oh, amor mio, hai troppo ragione! ed io son pazza a diffidare di te.--

In quella giunsero alla villa.

Baccio intanto, ammonito da quanto era successo poco prima rispetto a
Bindo, a tener d'occhio gli andamenti di Troilo, neppur in questa sua
seconda uscita non l'avea perduto di vista.

Lo trovarono in mezzo alla via, ed accostatosi a loro senza mostrar di
conoscere la Lisa e Fanfulla, o di curarsi di loro, disse a Troilo:

--Soprastate un momento, ch'io debbo dirvi cosa che importa.--

Troilo disse pianamente alla giovane:

--Costui è il commissario del campo.... non vorrei avesse a sospettar
chi tu sia.... chè qui si sta in gran gelosia de' Piagnoni, e di chi ha
che far con loro.... Fatti dunque in costà tu e quest'uom dabbene, ed
aspettatemi tanto ch'io gli abbia fatto motto.--

La Lisa volonterosa d'ubbidire, si staccò dal suo braccio, e passo
passo se n'andò in là nella parte più scura della strada, e Troilo
avvicinatosi al Valori, questi gli disse pieno d'allegrezza:

--È la Lisa?--

--È dessa.--

--Ora dunque, riprese Baccio, sappi che per dar miglior colore alla
tua partita dal campo, n'ho pensata una.... e non mi par cattiva.....
Basta, ora non è il tempo di mettersi in troppi discorsi.... Era qui
or ora il tuo servo.... trova mezzo di mandarla con esso lui al tuo
alloggiamento, e tu rimanti qui, e discorreremo.--

Troilo ritornato alla Lisa le disse:

--Per cosa che molto importa io non posso venir teco, vanne tu
coll'uomo che or ora ti manderò, e non dubitare. Se t'occorre nulla,
comandagli, ed egli ti provvederà d'ogni cosa.... Addio Lisa, sta di
buona voglia, ch'io penerò poco a raggiungerti.--

Lasciatala in così dire, trovò un suo famiglio per nome Michele,
quello stesso che, vestito da prete, l'avea ajutato a fingere il suo
matrimonio, e gl'impose conducesse la Lisa alla Torre del Gallo ov'egli
alloggiava, e la servisse di quanto le potrebbe bisognare in quel primo
momento.

Disse il servo:

--Ponete mente, messere, che costei non mi avesse a riconoscere.--

--Eh! non c'è paura, rispose Troilo, prima ell'era tanto sbigottita
questa mattina, che neppur ti vide in viso: poi, è passato tanto
tempo, ed ora in abito così diverso e con quella gran barba che ti
lasciasti crescere, nemmeno il diavolo ti ravviserebbe. Oh! va, va, e
non dubitare.... nel parlarle abbi cura soprattutto di dirle quante
pappolate ti verranno in capo, per farla sicura ch'io non penso, non ho
pensato, e non penserò che ad essa.--

--Io ho inteso... Insomma, far con questa, come si va facendo con tutte
l'altre vostre ganze.--

--Appunto.--

Il servo si mosse ed il ribaldo padrone raggiunse il Valori, e tornati
nella sala, sedettero insieme al fuoco. Disse Baccio:

--Ora ascoltami bene, chè ormai se tu saprai fare, la cosa non può
fallire: ho riflettuto che se tu vai a Firenze colla Lisa non per
questo ti verrà fatto d'entrar in casa di Niccolò. Convien tu abbia
un qualche merito con esso lui. A quest'effetto Bindo ci servirà
maravigliosamente.--

E qui gli venne spiegando il nuovo inganno che avea immaginato,
del quale dovendo il lettore veder tra poco l'esecuzione, sarebbe
superfluo il discorrere adesso. Rimasero inoltre d'accordo de' segni
che Troilo avrebbe potuto fare dai tetti della casa di messer Benedetto
de' Nobili, della cifra da usarsi ove accadesse il corrisponder per
lettere, fissarono il luogo ove queste sarebber lasciate, e prese
da uomini che non doveano così neppur incontrarsi; e questo modo di
corrispondere avea il vantaggio grandissimo che, venendo a cader nelle
mani de' nemici uno di tali messi, anche volendo non poteva svelare chi
l'avesse mandato. Aggiunse poi Baccio moltissimi consigli, promesse e
conforti, e tra i quali l'ammonì a far gran capitale dei Frati di S.
Marco, e tenersi con loro più che potesse, stimando, com'era il vero,
che avessero autorità grandissima sull'animo di Niccolò.

--Io ti darò una letterina pel Nobili, che potrai cucirti ne' panni,
o nascondere agevolmente altrove. Orsù dunque, Troilo, mostrati
valentuomo, va col nome di Dio, che a pensare qual guadagno avrai a
fare con così poca fatica, davvero ch'io t'ho invidia. Or ora alla
Torre del Gallo ci rivedremo, ti porterò danari che bastino pel tuo
trattamento mentre sarai costà: intanto fa buona cera con madonna,
e tienla allegra, chè quest'allegria d'ora l'avrà a scontar anche
troppo.... ed io non son di que' tristi che godono di far patire senza
utile alcuno.--

Troilo dovette pur dire in cuor suo: «Tu sei il gran ribaldo!» S'alzò,
disse addio al Valori, e preso commiato dal principe s'avviava al suo
alloggiamento, considerando per via quanto fosse ben pensata la nuova
frode che gli avea comunicata il Valori, e sentendo per lui quella
riverente ammirazione che provano i birboni per chi è più birbone di
loro.



CAPITOLO XVIII.


Le colline che sovrastano a Firenze dalla banda di mezzodì, entrano
colle loro falde nella cerchia delle mura, tantochè dalla via de' Bardi
alla porta a S. Giorgio, la città si viene alzando quasi in anfiteatro:
fuori della terra sorge gradatamente il poggio ricco d'uliveti, di
vigne e di molte case sparse; a mezza costa siede Giramonte; e sulla
cresta del giogo d'onde si scende in val d'Ema, sta la Torre del Gallo,
ove il conte Piermaria di S. Secondo avea i suoi quartieri, e dove era
parimente alloggiato Troilo degli Ardinghelli.

Quell'edilizio non consiste in una sola torre, come parrebbe mostrare
il suo nome. Essa s'innalza sull'angolo d'una casa in forma di
rettangolo, con un cortile interno circondato da un portico: la torre,
alta due volte la rimanente fabbrica, è a molti piani; sulla cima un
terrazzo munito di merli, ov'è piantata un'asta colla banderuola di
ferro che ha la figura d'un gallo.

All'epoca del nostro racconto il viottolo pel quale vi si giunge dal
piano de' Giullari era chiuso tra due file di cipressi, per mezzo le
quali la Lisa e Fanfulla venivan camminando, preceduti da Michele, che
con una lanterna illuminava la via. Giunti in casa, e nella camera ove
Troilo dormiva, disse il servo:

--Madonna, il padrone m'ha comandato ch'io facessi ogni vostro
volere.... già e' non accadeva... io che gli sto vicino di dì e di
notte, so ben io.... infin quando dorme, vedete, egli ha sempre in
bocca il vostro nome.... ancora jer notte, senza andar più in là.... lo
sentii... credo che sognasse.... e gridava «Io voglio la Lisa mia! Se
non la riti trovo io morrò senza manco nessuno!»

È facile l'immaginare quanto dolci suonassero al cuor della giovane
i discorsi di quel mariolo. Malgrado la lunga via, ed il disagio
sofferto, non le pareva a quel punto sentir più stanchezza, e col bimbo
in collo che le dormiva su una spalla andava girando per le camere;
e considerando il disordine grandissimo ch'era là dentro, diceva
sorridendo a Fanfulla:

--Si vede bene che qui non son donne! Guardate, poverino, egli ha un
letto che un cane non ci dormirebbe.--

E nel dir queste parole, dato a Fanfulla il bambino, si poneva
sollecita a rassettar le coltri, rimboccar le lenzuola, osservar che
pendessero uguali e simmetriche da tutte le parti, con quel fare
di superiorità incontrastata che è proprio delle donne in queste
occasioni. Rifatto il letto a suo modo si volgeva al resto della
stanza, ove non eran che poche sedie ed una tavola, ingombrate in modo
di biancheria, panni, guanti ed altre robe, che molte eran cadute a
terra. Le sole armi tutte riunite insieme pendevano forbite e lucenti
lungo la parete. Era sulla tavola una specie di valigetta mezzo aperta.
La Lisa per fortuna non pensò nè a toccarla nè a guardar che cosa
contenesse; avrebbe forse in esse trovato materia di gravi obbiezioni
alle parole udite poco prima dal servo.

Finito di metter in ordine, e coricato nel letto il fanciullo, diceva,
guardandolo dormire riposatamente:

--Oh! vedete, Fanfulla, se questa cosa non par proprio condotta da Dio!
Jer notte egli ebbe a morire.... e stasera, con tutto il disagio ed il
freddo di questo viaggio.... e' par che non abbia avuto mai male! Da
quanto tempo me lo diceva il cuore, che a venir qui sarebber finiti
tutti i miei guai!--

Il seguito di quest'istoria mostrerà quanto sia un bel fidarsi di
quel benedetto cuore, che però moltissimi, e le donne più di tutti,
ascoltano qual consigliero e profeta infallibile.

Troilo frattanto spiccatosi dal Valori se n'era venuto a casa diviato;
ed entrando nella camera, ov'era atteso con tanto desiderio, buttò su
una sedia cappello e pastrano, e mettendo un respiro libero, disse con
grande allegrezza:

--Finalmente eccomi da te! e qui, viva Dio, non avrò più nè
commissario, nè principe, nè altro malanno che mi venga ad
intorbidare.... ma da quanto vedo (e dava un'occhiata in giro) è facile
accorgersi ch'io non son più in balìa di quel disutilaccio di Michele,
che mi tiene questa camera com'una stalla. Lisa mia, tu sei sempre a un
modo, sempre amorevole, sempre un'angioletta!--

Poi presole le mani, e guardandola fissa nel viso, che per le
moltiplici commozioni di quella sera se l'era infocato, e non appariva
smunto e sparuto quanto lo era in effetto, le diceva:

--Brava, Lisa mia! Tu m'hai voluto uccellare, è questo quel viso tanto
munto, tanto brutto....? un pò dimagrata lo sei, ma ora ti ristorerai
d'ogni affanno.--

--Oh! amor mio, dicea la Lisa fuor di se, è proprio vero? Siam proprio
riuniti? Mi par un sogno.... mi par d'impazzare certi momenti.... se
fosse un sogno, oh, poveretta me quando mi destassi!--

Alzatasi poi, e condotto Troilo vicino al letto, soggiungeva:

--Vedi il povero Arriguccio nostro! Che viso patito, coll'ossicine a
fior di pelle! Tu t'aspettavi fosse più grande, più bello eh? Ho fatto
assai a tenerlo vivo; non avevo più latte!.... Oh! che giorni, che
notti ho passate! ti narrerò tutto, ma ora non voglio pensar che al
presente.... il passato è passato, e per sempre!--

Fanfulla, per non turbar quei primi momenti ch'egli stimava egualmente
dolci per ambedue, s'era fin qui tenuto in disparte: comparve intanto
Michele con un pò di cenetta; sederono tutti e tre, e mangiarono
lietamente. Troilo allora volgendosi a chi era stato scorta alla sua
donna, e che al viso ardito, al parlare, alle cicatrici ond'era segnato
gli pareva uomo diverso da quello che dinotavano i panni ond'era
vestito, gli diceva:

--Neppur ho avuto tempo di rendervi quelle grazie che merita la gran
cortesia usata da voi alla mia Lisa....--

--Oh! Troilo mio, interruppe essa, egli ha fatto tanto per me, che s'io
gli dessi il sangue neppur potrei compensarlo.--

--Sappiate, madonna, rispose Fanfulla, che in tutta la vita mia,
vecchio come sono, io non ebbi mai il maggior piacere di questo ch'io
provo stasera vedendovi contenta, e ridotta in luogo sicuro con vostro
marito. Oh! che diavolo vi vien in mente di parlar di cortesia,
di compensi? Con me non ci voglion queste novellate, buone pei
cortigiani..... e la prima volta che v'occorra nulla, m'avete a dire
«Qua la tua pelle, chè mi bisogna» questo sarà il mio guiderdone.--

A queste parole Troilo stava per rispondere, pensando al tempo stesso
venir con bel modo a domandar chi egli fosse, chè pur si sentiva una
gran curiosità di saperlo, ma entrò in camera Michele tutto ansante,
chè aveva fatto le scale correndo, e disse:

--Messer Troilo! è qui il sig. commissario che vi vuole, e sale da
voi.--Il giovane mostrando maraviglia, e contorcendosi sulla sedia con
impazienza, diceva:

--È pur una gran cosa ch'io non possa godermi in pace un momento....
questa è pur una gran noja!.... Animo, fagli lume, e fallo entrare.
Volto poi a' suoi commensali, proseguiva: Già sarà per qualche
malanno.... non ne mancan mai. Entrate tutt'a due in quella cameruccia
e badate a non farvi sentire, che guai se vi vedesse! e' vorrebbe
sapere chi siete.... poi, talvolta da solo a solo potrò sbrigarmene più
presto.--

Fanfulla e la Lisa alzatisi in fretta presero un lume e si ritrassero
in uno stanzino attiguo.

Poco stante entrò Baccio, e mentre Troilo gli facea riverenza,
dicendogli ad alta voce: «Qual buona faccenda vi conduce qui a
quest'ora?» con un cenno dell'occhio e della mano gli mostrava che la
Lisa era nel camerino.

Baccio rispose con uno sguardo, e, sedutosi, cominciò a parlare,
procurando alzar la voce abbastanza da poter essere udito da essa.
Affinchè la cosa principale ch'egli voleva fosse ascoltata dalla
giovane, paresse venirgli detta a caso, e come si narrerebbe un fatto
di poca importanza, disse a Troilo, che il principe l'avea mandato per
commettergli un incarico di gran momento, e da tenersi segretissimo,
che per allora non voleva dirgli altro, ma si trovasse la mattina
appresso armato, a cavallo, sulla piazzetta del Pian de' Giullari,
e sarebbe stato mandato a tal impresa che, riuscendo, buon per lui;
moltiplicava poi le carezze e le buone parole con dirgli, ch'egli
era molto innanzi nella grazia del principe, e sapendo mantenersela
n'avrebbe potuto ricavar onore ed utile grandissimo. Passando poi
da questi ad altri ragionamenti, fatti come per ozio, diceva, quasi
rammentandosi a un tratto:

--Oh, a proposito, sai! quel giovanotto di stasera.... quello ch'io ho
campato dalle forche, ad istanza tua, e' me ne sa male, ma per lui non
c'è rimedio.... quel che non è stato stasera sarà domattina.--

--Oh! come?--disse Troilo.

--Che vuoi? Il principe non so da chi ha saputo la cosa; e' dice che
non è per sopportar questi assassinamenti.... tanto più, quando gli
hanno detto ch'egli è figliuolo d'un Piagnone, di quel Niccolò de'
Lapi.... (A questa parola un grido soffocato s'udì nella cameruccia
vicina); «quell'arrabbiato, egli ha ordinato, s'impicchi domattina...»
e quando ha detto voglio... già sai, è tutto inutile; per un verso e'
dice bene, se non si castigasse l'insolenza di costui, avremmo sempre
a guardarci la vita contro questi traditori.... anzi, come il carcere
costaggiù presso la villa è pieno, il giovinetto è stato condotto a
questa Torre, e chiuso per stanotte sotto la volta qui al terreno.--

Troilo allora con grandissima istanza si poneva a pregar il Valori che
volesse interceder per lui e trovar modo a salvarlo.

--Ascoltami, rispondeva Baccio asciutto asciutto, tu daresti del capo
nel muro. Ma se vuoi dar retta a me, di questo fatto non t'impicciare,
che una tanta premura pel figlio d'un Piagnone, non mi sa troppo di
buono. Io ti voglio bene, e però non dirò nulla, ma avverti a quel che
tu fai, Troilo!--

Così dicendo s'alzò, ed uscito seco scese le scale; quando furono in
parte da non poter essere uditi dalla Lisa si cacciarono a ridere, e
Baccio diceva:

--Hai tu inteso il grido, quando dissi Niccolò de' Lapi? io ho colto
dove posi la mira. Or bene, eccoti qua cento scudi d'oro, e la lettera,
sii avveduto, chè buon per te; già feci motto qui al conte Piermaria
che dirà ai suoi uomini d'obbedirti in tutto, e preparati a far questa
difficile impresa, degna d'un paladino della Tavola Rotonda... e potrai
dire a Niccolò «Ecco il figliuol vostro liberato per virtù del mio
fortissimo braccio! miglior salvocondotto non lo potresti avere.... e
sappimene grado. Addio.»

Troilo, risalito in camera, trovò la Lisa, che tutto sossopra e
piangendo gli si buttò al collo esclamando:

--Oh Dio, Dio! che ho io inteso? C'è qui un mio fratello?.... e si vuoi
farlo morire? Oh, dimmi presto! chi è? come?... per qual cagione? non
si potrà salvarlo! ma qual è, qual è de' miei fratelli?--

--È Bindo, rispose Troilo, mostrando anch'esso grandissimo turbamento,
pur troppo è Bindo,.... benedetto ragazzo!.... è stato tutto per
volerti troppo bene,.... e però gli perdono, e vorrei salvarlo a
costo....--

E qui si batteva la fronte col pugno in atto disperato; poi narrava
alla Lisa tutto il fatto, soggiungendo:

--Io non t'ho detto nulla.... prima, neppur v'è stato tempo....
poi, lo tenevo campato, e speravo domattina poternelo mandar libero
a Firenze.... ma ora, come si rimedia.... oh Dio, Dio! che orrenda
cosa!--e colle mani ne' capelli dava in nuove smanie.

--Come si rimedia? gridava la Lisa disperata, ma in qualche modo si
rimedia!.... si trova una via.... ce ne sono tante.... Ma non capisci
che Bindo non può far questa morte.... che non è possibile.... che
sarebbe un orrore troppo grande.... per cagion mia.... il suo sangue
mi cadrebbe sul capo a me.... a te.... sul capo di quel povero bambino
che è là! Ma non è vero che non c'è rimedio.... oh! sì, Troilo....
dimmi che c'è.... che l'hai trovato.... siete due uomini, ci son io....
io.... io sola farò per tre.... oh! ma è troppo.... che io avessi
all'anima anche il sangue di questo fanciullo! è troppo, è troppo....--

--Chetati Lisa, in nome di Dio,--diceva Troilo abbracciandola.

--Chetatevi, diceva Fanfulla, chè con queste smanie si farà poco
frutto.... pensiamo... e forse... mi son trovato in peggiori
imbrogli!.... ma vedete, col gridar non si fa nulla.--

--Non grido, rispondeva la giovine tutta tremante, no, ecco, sto
zitta.... v'ubbidisco.... ditemi voi quel che debbo fare.... ma
salvatemi Bindo.... non è egli vero che l'avete trovato il modo?... oh!
se sapeste, una povera donna che è già con tanti rimorsi, ed ora avrò
anche questa uccisione... oh, ma parlate una volta! non avete cuore,
non avete pietà nessuna!...--

Troilo s'era posto a sedere col capo tra le mani. Alzato in piedi ad un
tratto, e presa pel braccio la Lisa disse risolutamente.

--Sì, perdio, v'è il rimedio.... uno solo, e bisogna adoperarlo. Lisa!
io ti sacrifico più che la vita! stanotte fra tre ore.... quando
tutti dormono, rimane soltanto un uomo di guardia al portone.... so
la camera di quello che ha la chiave del carcere..., con questa daga
l'ammazzo:.... all'altro faccio lo stesso.... se la cosa mi riesce, e
non può fallire, domattina saremo tutti salvi a Firenze.--

La Lisa non potè formar parole, ma gli si buttò tra le braccia,
stringendolo e baciandolo pel petto e per la faccia dove le veniva:
quando si fu racchetata, Troilo se la fece seder vicina, poi proseguiva:

--Da gran tempo, Lisa mia, io mi sentivo spinto a lasciar questo campo.
I miei maggiori furon tutti Palleschi, ed anch'io lo era, venni a
questa guerra, onde i Medici fosser rimessi, ma non pensando mai che
questo bastardo di questo papa volesse, com'ora si è conosciuto, la
total rovina della patria nostra. Non è ora il tempo di spiegarti
a minuto quali siano stati i miei dubbj, le mie incertezze; quanto
sia stato contrastato dall'amor di parte per un verso, dell'amor
tuo e della città nostra per l'altro. Questo solo ti dico, che mi
sono risoluto in tutto combatter per Firenze e non contr'essa, e
quest'occasione presente io la credo mandata da Dio per darmi l'ultima
spinta.

--Oh! non dir altro, Troilo mio, ch'io non reggerò a tanta allegrezza.
Che potrà dir il babbo quando conosca questo tuo proposito.... Oh Dio!
questa è una felicità troppo grande.... e quel poverino cacciato dal
nonno, che non avea più nè casa nè tetto!... questa è opera tua, Dio
grande, benedetto! Io non meritavo tanto bene.--

--Ora, disse Fanfulla, che tutto si mette per la buona via,
non gettiamo il tempo in ismanie ed in allegrezze, e pensiamo
all'essenziale.--

--Sì, sì, disse la Lisa; e volgendosi a Troilo tutta contenta
soggiungeva: sai, ove accada dover menar le mani per salvarci, questo,
che ti par un paltoniere con quel sajaccio logoro (e batteva colla mano
sulla spalla di Fanfulla) questi, vedi, si sa ingegnare anche lui.--

Ed aprendogli i panni sul petto gli scopriva il giaco ond'era armato.
Troilo, l'andava squadrando con maraviglia, ed essa:

--Vuoi che ti dica chi è? Niente meno che Fanfulla da Lodi, uno de'
tredici di Barletta, e il più bravo di tutti....--

--Voi mi fate troppo onore, madonna.--

--Che ne dici? ho io avuta buona compagnia a venir qui?--

Troilo, che avea inteso nominare costui per uno de' più arrischiati
demonii che fossero allora tra' soldati, e sapeva benissimo tutto il
fatto di Barletta, si mostrò contentissimo di conoscerlo, e d'aver un
tanto ajuto, ma nel suo interno pensò: «Qui ci vorrà gran giudizio.»
Dapprima non sapendo chi si fosse, e tenendolo un qualche bottegajo
di Firenze, avea divisato condurlo seco alla finta uccisione del
carceriere, pensando: Egli rimarrà indietro pauroso, e vedendomi menar
il pugnale narrerà ch'io veramente l'abbia morto, e me n'avrà maggior
fede egli, e quanti l'udranno in Firenze raccontar questo fatto;
ora, saputo chi egli era, disse «S'io lo conduco meco egli è muso da
tagliarmi a pezzi tutta la guardia della porta, e succeda poi quel che
vuol succedere.» Perciò, quando Fanfulla, imbaldanzito sempre più per
le lodi della Lisa, e contento d'aver da fare qualcosa dell'arte sua,
disse:

--Messer Troilo, quantunque sia opera non troppo lodevole dare a chi
non se l'aspetta, pure in questo caso, che esce dagli ordinarj, se
volete, io v'ajuterò a spacciar uno di que' ribaldi, ed anche tutti e
due.--

Troilo lo ringraziò, dicendogli: non esser prudenza andar più d'uno
a questo fatto, che tutto dipendeva dal non esser sentiti, e perciò
ne lasciasse ad esso solo il carico, come a pratico della casa, e del
resto non dubitassero.

Era un'ora dopo la mezzanotte, e fra tre ore avean risoluto por mano
all'impresa, calcolando di poter esser sul far del giorno già assai ben
lontani dal campo. Troilo, avendo a dar sesto a tutto quanto occorreva
perchè la cosa andasse netta, persuase alla Lisa di gettarsi sul letto
a riposare il poco tempo che le rimaneva. La giovane se ne sentiva
grandissimo bisogno ed acconsentì. Quando si fu coricata, Troilo la
coperse col suo mantello ed uscì promettendo sarebbe tornato più presto
che potesse; aggiungendo non istesse in pena se avesse tardato, chè
senza alcun fallo, per l'ora stabilita, sarebbe venuto a levarla.

È pur una gran fortuna che sia negato all'uomo conoscer il futuro!
Que' pochi momenti di felicità che si godono di quando in quando e ci
ajutano a sopportare i dolori della vita, sarebber perduti, o almeno
ridotti a un piccolissimo numero. La povera Lisa, che dopo tanto
soffrire si riposava ora col suo bambino sul letto di suo marito, che
avea temuto non riveder mai più, o rivedendolo, esserne ributtata; che
godeva dell'impensata gioja di ritrovarlo, non solo amorevole e fedele,
ma di vederlo deciso ad abbandonare quella parte per la quale sarebbe
stato sempre nemico a suo padre ed alla città, se avesse potuto legger
nell'avvenire, conoscere il cuore di quello che ora le era cagione di
tanta dolcezza, si sarebbe scagliata fuor di quel letto come da un nido
di vipere, e anche questo poco conforto, questa breve pausa, sarebbe
stata negata a quella misera, cui rimaneva pur ancora tanto a soffrire.

Essa invece, ignara del futuro, si sentiva finalmente, dopo tante
procelle, nascer in cuor una calma serena e confidente; le pareva
agevole, ridotti che fossero a Firenze, riacquistar la grazia del
padre pel mutamento di Troilo, del quale pensava fosse dovuto a lei
tutto il merito, e sperava dover anzi trovar presso Niccolò maggior
favore di prima. Il cuore le prometteva ogni bene, e la poverina,
secondo il solito, gli dava retta. Abbandonandosi tutta a questi
sogni di felicità, si veniva a poco a poco addormentando, mentre
Fanfulla seduto all'altro capo della camera, volgendole le spalle,
s'era posto a recitar salmi ed orazioni, memore degli ultimi ricordi
di Fra Benedetto. Per vincere il sonno, che pure l'aggravava, si
teneva sulla vita, senza appoggiarsi, colle mani intrecciate fra la
ginocchia pronunciando sotto voce bensì, ma spiccato e presto presto;
poi, a poco a poco, il moto della labbra diveniva meno rapido, le
palpebre gli s'abbassavano, il capo e la persona s'andava sbilanciando
in avanti, finalmente perdeva l'equilibrio del tutto, ma riavendosi
tosto, riprendeva la prima posizione, col muover delle labbra, ed in
questa alternativa veniva passando un tempo che Troilo impiegava ben
altrimenti.

Sceso dalla sua camera andò in quella del conte di S. Secondo, posta
al terreno, e, come a persona intrinseca ed alla quale non eran celate
le deliberazioni anche importanti del papa e del commissario, gli fa
palese tutto quel che si stava preparando, onde meglio colorire la sua
andata a Firenze, richiedendolo al tempo stesso volesse agevolargli
questo suo disegno. Il Conte udì il tutto, nè gli parve trovar nulla
da mutare a questa trama, fuorchè una sola cosa che non gli finiva di
piacere, ed era il dar ad intendere alla Lisa e al suo compagno di aver
ad ammazzar due uomini, e che ciò non fosse vero, almeno per uno, e per
ragione adduceva, che potea benissimo per mezzo di qualche prigione,
o in altro qualsivoglia modo, venirsi a saper a Firenze questo fatto,
e che nessuno v'era rimasto ucciso, e ciò verrebbe talvolta a generar
sospetti sulla sincerità di Troilo, e sulla cagione che gli avea fatto
abbandonare il campo.

Questi conosceva che l'obbiezione non era senza fondamento, ma rimaneva
sospeso, senza poter immaginare come fosse possibile riparare a
quest'inconveniente. Il conte lo tolse d'impaccio dicendogli: «che tra
suoi uomini ve n'era uno grandissimo amico d'Anguillotti da Pisa[39],
che l'avea confortato fuggirsi, ed egli sapendo certissimo che gli
aveva promesso di far le sue vendette, s'era risoluto comandare al suo
sergente, che alla prima fazione gli facesse dare un'archibusata per
levarselo d'innanzi, ed aggiungeva: senza tenerlo più a disagio, te lo
farò metter di guardia al portone, e così avanzerà tempo di quello che
già in cuore gli avevo promesso. Un po' prima un po' dopo sarà tutt'una
per lui.»

--Quando sia così, e che a voi non importi, anzi abbiate motivo di
mandar costui alla morte, conosco anch'io, che la cosa si farà con
maggior apparenza di verità.--

Quanto al carceriere, che il conte Pier Maria non volea s'uccidesse,
essendo uomo da fidarsene, lo fe' chiamare, e in presenza di Troilo
l'avvertì, che nella notte questi sarebbe entrato in camera sua per
la chiave; se fosse venuto solo gliela desse, ed allora non era
difficoltà, se (per preveder tutti i possibili) avesse avuto un
compagno, Troilo fingerebbe di piantargli un pugnale nel petto, ed egli
mostrasse di dar i tratti senza gridare, come accade a chi è ferito in
parte molto vitale.

Rimasti così d'accordo, Troilo, nel prender commiato, domandò al conte:

--Posso servirvi di nulla in Firenze? Ora ch'io divengo setajuolo, se
vi bisogna velluti, broccati, sciamiti, voi non mi farete torto eh? E
vi potrò dir presto quanto stanno il braccio.--

--Addio, addio pazzo. Ma se in un pajo di braccia di quale stoffa tu
vorrai, mi mandassi il capo d'Anguillotto, chi me lo portasse avrebbe
una mancia che lo ristorerebbe del disagio: digli però, che se il pane
non gli è venuto a noja, faccia di non venirmi nelle mani.--

Troilo uscì, e andò alla stalla ov'era il suo cavallo, gli pose sella
e briglia, e gl'involse l'ugne in certi stracci, onde il cavarlo fuori
non fosse sentito sul lastrico; ed avendo così preparato tutto, risalì
in camera, e trovò Lisa e Fanfulla addormentati: si pose pianamente
a sedere, e rimasto così una mezz'ora, quando gli parve il momento
risvegliò l'una e l'altro, e disse: «ora è tempo, prepariamoci.»

La Lisa fu tosto in piedi, e preso il fanciullino gli pose, così
addormentato com'era, il seno in bocca, onde svegliandosi non gridasse.
Troilo s'armò, ajutato da Fanfulla, poi prese una lanterna, che copriva
col pastrano, s'avviarono tutti e tre giù per la scala, in punta di
piedi, e, giunti al basso sotto il portico del cortile, disse Troilo:
«Aspettatemi qui, io vo per la chiave.» Voleva Fanfulla ad ogni patto
venire ad ajutarlo, dicendogli sotto voce: «gli metterò due dita al
collarino, che vi so dire l'azzitteranno subito» onde il giovane
conobbe sempre più quant'importasse l'andar solo, e con gran difficoltà
riuscì pure a liberarsi dal suo troppo zelante compagno, dicendogli;
«no, no, rimanete, piuttosto, se volete ajutarmi, quando mi vedrete
tornare, intanto ch'io cavo di prigione il giovinetto, voi gettatevi
sull'uomo di guardia, e fate che il primo colpo sia l'ultimo.» Si
mosse senza aspettar risposta, e dopo tre minuti, ricomparve, alzando
il braccio per mostrar la chiave. Fanfulla s'era intanto accostato
muro muro sin presso il portone, come un tigre che sta per iscagliarsi
sulla preda, e teneva nuda in mano una mezza spada larga, pesante e che
radeva: veniva a trovarsi tre passi lontano dal soldato di guardia, il
quale appoggiate le due braccia sulla bocca dell'archibugio, di tanto
in tanto abbassava il capo sonnecchiando, e scopriva così un palmo di
collottola. Vide venir Troilo, dette uno slancio menando un rovescio,
e la testa del soldato cadde da un lato, il corpo dall'altro. Fanfulla
forbita la spada sull'erba, la ripose nel fodero, e levando in ispalla
l'archibugio del morto, se n'andò colla Lisa innanzi sotto i cipressi,
in luogo coperto ed oscuro, ad aspettare. Troilo era sceso intanto
nel carcere, e trovato Bindo addormentato, lo svegliò, e gli disse di
seguirlo: il fanciullo, che avea creduto si venisse per ammazzarlo,
si mosse contento, e fu presto al fianco della sorella, che con
grandissima maraviglia riconobbe ed abbracciava, e che avvertendolo
prima ben bene a non alzar la voce, gli diede a conoscere, con brevi
ma caldissime parole, l'accaduto, ed il proposito fermato da Troilo,
facendone ambedue, per quanto il luogo lo concedeva, maravigliosa
festa. Comparve allora Troilo col cavallo a mano, e taciti, alla
sfilata, presero tutti insieme la strada che conduce a Baroncelli,
di dove avean intenzione, passando dietro Bellosguardo, di venire a
riuscire sulla strada di Pisa, e varcato Arno sul Ponte a Signa,
condursi per porta al Prato a Firenze.

Camminando con gran riguardo, e colla precauzione d'evitare i luoghi
ove alloggiavano bande di soldati, giunsero, senza cattivi incontri,
dopo due ore di viaggio, sulla strada di Pisa.

Pel resto del cammino non v'era altro pericolo fuorchè d'incontrare
qualche mano di scorridori; ma se erano imperiali Troilo aveva il nome
di quella notte, se fiorentini, Fanfulla si dava a conoscere, ed in
ogni modo eran certi di non capitar male, perciò lieti e contenti di un
così buon successo si fermarono un momento per lasciar riposar la Lisa,
poi messala a cavallo, tirarono innanzi verso Signa: passato quivi il
ponte, per S. Donato si condussero finalmente, a levata di sole, sani
a salvi a Firenze. Bindo, per la via era venuto camminando alla staffa
della Lisa, udendola raccontare i suoi casi, e tutto il successo di
quella sera, e non è da dire se essa magnificasse il valore e la bontà
del suo sposo; il quale, per salvar la vita d'un suo fratello, avea,
a suo credere, rinunziato alle splendide speranze che avean accennate
le recenti parole di Baccio, e che da quel tristo erano state dette
col solo fine di far apparire maggiore il sacrificio di Troilo, e
metterlo così in maggior vista di Niccolò, della sua famiglia e della
parte Piagnona. Il giovinetto, pien di gratitudine pel suo liberatore,
non si potea saziar di lodarlo, e diceva: che senza dubbio Niccolò, e
per un tanto servigio, e per essersi tolto dal combatter la patria,
venendo invece ad ajutarla, l'avrebbe accettato in grazia, e si sarebbe
così posto fine una volta a tanti dispiaceri: Troilo, che indovinava
quali dovessero esser i discorsi della Lisa, e li stimava utilissimi
ai suoi bisogni, per darle maggior campo, si teneva addietro con
Fanfulla, al quale con lunghi ragionamenti mostrava d'aver seguito sin
allora a malincuore la parte Pallesca, tiratovi da una certa fatalità,
e dall'esempio de' suoi maggiori, ma che d'or innanzi voleva esser
buon fiorentino, e tra ch'egli era bel parlatore, tra che l'altro era
uomo alla buona e lontano dai sospetti, gli riuscì facilmente tirarlo
interamente dalla sua, tantochè, prima ancora d'aver messo piede
in città, potea già vantarsi d'avervi tre persone che renderebbero
testimonianza al suo valore, al suo eroismo, ed alla sincerità della
sua conversione politica.

Entrati per porta al Prato, quando furono al fine di borgo Ognissanti,
la compagnia si divise. Bindo prese per Parione, e gli altri per
lung'Arno. Ma prima di lasciarli, il giovanetto, dopo aver ringraziato
Troilo, e dettogli che da lui riconosceva la vita, gli promise che
avrebbe con ogni studio e ad ogni suo potere procurato che venisse
accolto in casa con quell'onore e quell'affetto che meritavano i suoi
virtuosi portamenti.

Troilo, giunto alla porta della città, s'era chiuso nell'elmo, per
non esser riconosciuto prima di aver ricomprato il bando di ribelle,
pel quale, non avendo egli salvocondotto alcuno, era lecito ad ogni
uomo il manometterlo. Ora, accompagnata Lisa in casa la Niccolosa,
ove dimorasse frattanto che le faccende s'assestavano, non parendogli
d'andare addirittura al magistrato sui ribelli e confinati, prese
partito di ripararsi con Fanfulla in S. Marco, ove poteva rimaner
sicurissimo, mentre si sarebbe operato ch'egli venisse liberato dal
bando.

Giunti ambedue alla porteria, disse Fanfulla mentre picchiava:

--La meglio sarà andare a Fra Benedetto; egli è più amorevole di tutti,
e senza dubbio si prenderà a petto questa faccenda.... Quando può far
piacere egli va a nozze.... chè di quest'altri frati non si può dir
così di tutti.... e molti hanno sempre a mente la notte che fu dato
l'assalto al convento, e per loro un Pallesco e il diavolo è tutt'una
cosa.--

In quella il portinaio aprì, e riconosciuto il suo antico amico e
compagno, disse levando le braccia:

--Oh, ben venga il nostro Fra Bombarda! Era un pezzo che non ci venivi,
e quasi quasi si cominciava a dubitare.--

--Eccomi vivo e sano, la Dio grazia, rispose Fanfulla, e non vengo
solo.... ho bisogno di far motto a Fra Benedetto.... vedi qua, ho fatto
un novizio.--

Il portinajo guardando Troilo tutto armato, che gli si vedevan a
malapena gli occhi, diceva, mentr'essi s'avviavano:

--Un novizio del tuo taglio! se non erro. Eppure, col vento che tira,
e' farà più bisogno corazze che tonache.

Saliti, trovaron il buon vecchio nella sua cella, sul solito
seggiolone, col suo S. Agostino aperto davanti, coi soliti occhiali
sul naso, proprio come Fanfulla l'aveva lasciato l'ultima volta, che
pareva non si fosse mai mosso. Entrando, e vedendolo, non potè a meno
di non pensare in cuor suo: «Domando io se questo si chiama vivere!
Tanto sarebbe nascer fungo!» Baciata poi la mano al suo superiore,
che con modi amorevoli l'accoglieva, e s'era alzato così un poco
per abbracciarlo, gli presentava Troilo, dicendogli chi egli era,
narrandogli tutti i diversi accidenti pei quali era qui venuto, la
liberazione di Bindo, la risoluzione presa di accostarsi alla parte
Piagnona, e la sua riunione colla Lisa, alla quale non mancava ormai se
non l'assenso di Niccolò.

--Egli, proseguiva, non vorrà ributtare chi gli ha campato il
figliuolo.... ma se pure bisognasse, noi siam venuti a richiedervi d'un
poco di favore. Se voi vorrete parlargli, egli non vi potrà dir di no.--

Troilo allora, trattosi l'elmo, e mostrandosi in viso tutto raumiliato
e contrito, cominciò a parlare con tanta passione ed apparenza di
verità del suo amore per la Lisa, del dolore col quale ricordava la
vita passata, del proposito fermato di renderla migliore in avvenire,
in una parola, seppe così bene far del Piagnone, che Fra Benedetto
rimase pienamente convinto della sua sincerità, e promise di far tutto
il possibile onde aggiustar i fatti suoi con Niccolò e colla Signoria.

--Qui non c'è da metter tempo in mezzo, disse alzandosi, e prendendo
in un angolo un suo bastoncello; voi trattenetevi in convento.... Fra
Giorgio!.... quantunque abbiate ora più del soldato che del frate,
siete però di casa: vi lascio dunque in custodia questo gentiluomo.....
fatelo rinfrescare, e mi confido tornarmene fra non molto con lieta
novella.... Quel buon Niccolò! diceva alzando gli occhi al cielo, egli
è pure il grand'uom dabbene.... un po' ruvidotto alle volte, non si può
negare.... ma uno di quelli della stampa antica.... il maggior amico
che abbia questo convento.... vorrei vederlo in pace una volta....
sarebbe tempo, che n'ha avuto de' dispiaceri!.... Sì, sì, speriamo
bene; ora la cosa è ridotta al punto che, per onor di mondo, egli non
può voler altro di quello vorremo noi.--

Uscito dal convento, ed affrettando i passi quanto glielo concedeva
la vecchiaja, fu in breve al portone de' Lapi. In casa non era che
Laudomia, il padre, e, giuntovi da pochi momenti, il giovinetto Bindo,
pel quale, non avendone avuto notizia dal giorno innanzi, erano stati
in grandissima apprensione. Appena arrivato, era subito ito da Niccolò.
Egli l'aveva accolto con faccia turbata, e con aspre parole, dalle
quali traspariva però l'allegrezza che egli sentiva, di vedersi
davanti sano e salvo quello tra i suoi figli che solo gli sapea far
dimenticare talvolta la sua consueta rigidità; e pel quale vedendolo in
così tenera età esporsi a tanti pericoli, tremava più che per gli altri.

Questi, per quell'intimo senso che rende accorti i fanciulli de'
pensieri e dell'inclinazione de' loro parenti, temeva meno d'ognuno
la collera e la faccia severa di Niccolò, e sapendo con destrezza
governarsi secolui ne' momenti di burrasca, senza cercar ora di
scusarsi, gli domandava perdono di essersi messo, senza sua licenza,
ad una così difficile impresa; ma, diceva, non aver potuto reggere al
desiderio di vendicar ad un tempo la città e la sorella: e narrandogli
ingenuamente tutto quanto gli era succeduto, quando fu a raccontar che
già stava col laccio alla gola salendo la scala del patibolo, il povero
vecchio, ch'era pure stato in vita sua, saldo a cotante scosse, non
potè non lasciarsi cader colle braccia sul collo del figlio, ed una
tinta rosata ravvivò per qualche momento il pallore abituale delle sue
guance.

E con impaziente smania domandò chi l'avea liberato. Udì il nome di
Baccio Valori, e fatto scuro nel volto, disse fra sè stesso: «Dio mio,
sia fatta la tua volontà!» chè vi volle un atto di rassegnazione assai
potente per fargli sopportare l'idea di aver un cotant'obbligo a quel
traditore; seguitò Bindo a dir della sua prigionia e dell'inevitabil
morte alla quale era destinato.

--Ma, soggiungeva, da questa m'ha campato? --Troilo.--

A tali parole, a questa nuova vergogna, Niccolò non si potè più tenere:

--Troilo, tu dici, Troilo t'ha campata la vita?.... Ma Dio mio, Dio
mio, che cos'ho io fatto che tutte l'onte s'abbino a cumular sul mio
capo! E tu, codardo, non iscegliesti morir mille volte?.... Non lo sai
che si muore? che la morte o prima o poi non si può fuggire?... ma che
l'infamia si può fuggire.... e che è infamia il tener la vita da chi
ha tradita la patria.... da chi ha vituperato quel sangue che ti corre
nelle vene, da chi ha calpestato nel fango questi capelli bianchi?....
e co' suoi portamenti ha detto a te, ai tuoi fratelli, e a tutti noi,
che siamo un branco di vili, e quest'onta ce l'ha scritta in fronte,
sulle mura di questa casa, sullo scudo che tenete in braccio, e che io
vi diedi senza macchia ed onorato? Tuttociò non lo sapevi?..... e mi
torni vivo alla presenza?



CAPITOLO XIX.


A queste rigorose parole, profferite senz'arrestarsi punto con voce
concitata ed occhi fulminanti, Bindo avea tentato inutilmente d'opporre
qualche sillaba. Venir chiamato codardo da quel solo al quale non potea
risponder col ferro gli riusciva troppo dolorosa ed insopportabil cosa,
chè quantunque fanciullo non era di meno terribil natura del padre:
onde alzato arditamente il viso rispondeva:

--Questo traditore che voi dite, questi che ci ha fatto oltraggio, io
me n'andai senz'altra compagnia che la mia spada, in mezzo ai nemici
per ammazzarlo. Avrò errato a non chiedervene licenza, ma non fu atto
di codardo, credo io. Quand'egli venne a cavarmi di prigione, dormivo.
Svegliato all'improvviso, neppur lo riconobbi. Uscii, trovai la Lisa,
e seppi da lei che Troilo ravveduto si disponeva a venir con noi, e
combatter d'ora innanzi per la libertà di Firenze....--

--Troilo in Firenze?--disse Niccolò con maraviglia grandissima.

--Egli v'è tornato con noi, ha riconosciuto il suo torto, e non ha
altro desiderio che di mostrarsi buon cittadino, lavarsi della macchia
di traditore e ottener la grazia vostra....--

--La grazia mia! disse Niccolò con sorriso amaro: poi rimasto un
momento pensando, proseguiva: cancelli le sue ribalderie passate, torni
al suo dovere, ponga la vita per questa sventurata patria, ed allora
egli avrà la grazia di Dio che val più della mia.--

--E la vostra insieme--disse Fra Benedetto, che entrando avea
udite quest'ultime parole e indovinato, vedendo Bindo, e notando
l'alterazione dei visi d'ambedue, a chi si dovessero riferire. Accolto
cortesemente da Niccolò, e sedutosi, soggiungeva:

--Io vengo a rallegrarmi con voi di due cose: l'una, che un figlio
ribelle ed empio di questa città ritorni ora ravveduto a soccorrerla.
D'un tale esempio in questi momenti è da tenere gran conto.... così
ce ne fosser molti, ciò crescerebbe a noi riputazione, e la terrebbe
ai nemici. L'altra, che Iddio v'abbia aperta una via di tor di mezzo
ogni scandalo, e di mostrare che voi trattaste la Lisa con estrema
rigidità, non tanto per l'offesa fatta a voi quanto per quella fatta
alla patria, col dare la mano di sposa a chi le era nemico. Messer
Niccolò, io vengo, com'è mio uffizio, a portarvi parola di pace,
e chiedervi perdono per parte di Troilo e della vostra figliuola.
Questa sottomissione serve a riparar l'ingiuria che v'hanno fatta:
Troilo saprà poi egli ammendar quella ch'ei fece alla patria, e s'egli
dapprima vi fece oltraggio, ora v'ha pur salvato Bindo dalla morte.
Iddio, giusto e terribile, accoglie chi di cuore si pente, egli fa
maggior festa d'un peccator convertito, che di novantanove giusti,
messer Niccolò, vorreste voi correggere, infermare i suoi giudizj,
mostrarvi più implacabile dell'istessa Eterna Giustizia?--

Il vecchio pensoso non rispondeva nulla, e colla mano alla barba, gli
occhi a terra e le ciglia aggrottate, veniva considerando se dovesse
tanto fidarsi di se stesso, da concedere che un uomo del quale non
avea avuto sin allora il maggior nemico gli venisse alla presenza. Gli
pareva cosa tanto enorme, e gli capitava addosso così inaspettata, che
era pur naturale vi volesse qualche tempo per avvezzarsi alla sua idea.

Ascoltando il cuore soltanto, avrebbe risposto al frate con un rifiuto
netto; ma anche prima d'udirlo, se avesse avuto il tempo di fermar un
momento il pensiero, si sarebbe col suo buon giudizio persuaso presto
che Troilo, rimesso in patria e divenuto buon cittadino, Troilo, al
quale era debitore della vita del figlio, non poteva più trattarsi come
Troilo Pallesco; e tosto o tardi, dacchè non si potea però togliere
ch'egli non fosse marito della Lisa, sarebbe bisognato perdonargli e
riceverlo in grazia.

Udendo com'era passata la cosa, e l'uccisione del soldato, non gli
pareva ragionevole il dubitare della sua sincerità, e non essendo il
vecchio per natura suo uso a tergiversare, disse finalmente:

--Chi è amico di questo popolo, e combatte per la sua libertà, non può
esser mai nemico di Niccolò de' Lapi. All'ingiuria ch'egli mi fece,
ora, lo conosco, è contrapposto un gran beneficio; poi ad ogni modo,
a fronte della calamità pubblica, debbon tacere gli odj privati, essi
terrebber divisi gli animi, quando più è necessario che si mantengan
uniti....

--Fra Benedetto! voi conoscete Niccolò da cinquant'anni, conoscete i
miei pensieri, e quanto abbia curato sempre l'onore di questa povera
casa! Io non mi sarei mai immaginato che m'avesse a succedere quello
che m'è accaduto!.... Iddio vide ch'io meritavo questo castigo! Ora
egli vuole che il sacrificio si consumi, sia fatta la sua volontà...--

E rimasto sopra di se un momento, soggiunse:

--Io perdono a Troilo ed alla Lisa.---

--Messer Niccolò, disse il frate ponendogli sul braccio una mano: Iddio
si ricorderà di queste vostre parole, ed io che vi conosco, come voi
dite, so quel che vi costano, e perciò quello che valgono.--

Così dicendo s'alzava per tornare a S. Marco, non vedendo l'ora di
portare a Troilo questa buona nuova; Niccolò lo rattenne. Al punto di
fare alla patria il sacrificio d'un odio cotanto radicato ed acerbo,
al punto di accogliere qual figlio uno di quella parte la quale gli
avea sempre contrastato il più impetuoso de' suoi desiderj, quello di
veder Firenze libera e felice, e gliel'avea contrastato con modi ora
astuti, ora violenti, ma scellerati sempre, si sentiva bisogno d'un
ultimo sfogo, e di versare nel petto d'un amico l'amarezza onde il
suo traboccava. Fatto seder di nuovo Fra Benedetto, diceva scrollando
il capo, e saettando a quando a quando certe terribili occhiate che
mettevano paura al mansueto religioso:

--Sì, gli perdono! L'ho detto, e basta, ma mi costa! non lo nego, mi
costa, e molto! Pensate, Fra Benedetto, che non v'è stata sventura,
non v'è stato danno o ruina di quante hanno percosso la nostra città,
e questa mia casa dal 34[40], quando ritornò Cosimo sino ad oggi, che
non ci sia venuta da quei perfidi Palleschi. Per loro l'ossa di messer
Cione mio padre giacciono in terra straniera! Per loro non istette
che non fossimo preda di re Carlo nel 92! Per loro questo popolo già
tanto religioso e costumato, corrotto da pessimi esempi, s'è ridotto
di sorte che ormai Firenze è fatta un postribolo! Per loro fu arso
e saccheggiato Prato nel 12: da questi sozzi, vituperati ribaldi fu
morto quel mirabile e santissimo Fra Girolamo, ed ora non contenti di
metter essi le mani violente nel sangue della misera patria, chiamano
in soccorso persino i barbari che gli ajutino a lacerarla.... e
questo ribaldo papa benedice le spade destinate a trafiggere i suoi
concittadini e a desolar quella terra che gli fu madre!.... Non dovrei
parlar più di questo Troilo, poichè ho stabilito di perdonargli, ma con
voi, Fra Benedetto! da 50 anni siamo amici! Egli è pur forza ch'io lo
dica per l'ultima volta, egli m'ha troppo assassinato!--

Tacque un momento; poi con un sospiro disse risolutamente:

--Orsù, questa sera voi farete di condurmeli tutt'a due; voglio che ci
si trovino i miei figliuoli, e Lamberto, che anch'esso lo tengo per
tale. Io so che le case degli Ardinghelli andarono a sacco, e furon
parte rovinate: vo' mostrargli ch'io non fo le cose a mezzo. Venga ad
abitar nella mia finchè egli abbia dove andare.... già ormai questa era
troppa casa a sì poca famiglia.--

Fra Benedetto contentissimo dell'ottimo fine di questa pratica, dopo
aver grandemente commendata la determinazione cotanto magnanima di
Niccolò, tolta licenza se ne tornò a S. Marco, e trovato Troilo, gli
fece intendere che la sera istessa l'avrebbe condotto dal suocero, che
da quel momento l'accettava per figlio e dimenticava tutto il passato.
Non è a dire se il giovine si mostrasse contento e grato al buon frate
di cotanto beneficio. Mancava ora che dai magistrati egli venisse
liberato dal bando. Fra Benedetto scrisse una lettera ad Alessandro
d'Antonio Scarlattini, uno de' cinque sindachi de' rubelli; Fanfulla
tolse il carico di portarla, e messosi per la via non tardò molto a
ricomparire con risposta favorevole, per la quale Troilo ribenedetto
potè uscire sicurissimo dal convento a ritrovar la Lisa, che tutta
ansiosa lo stava aspettando, e fu per morir dall'allegrezza, udendo con
quanta felicità venissero a terminarsi tutti i suoi dispiaceri.

Rimasti così un poco a far festa e rallegrarsi insieme, Troilo se ne
uscì dicendo che trovandosi colle sole sue armi, e non avendo panni
civili voleva andare a rivestirsi per potersi presentare decentemente
la sera, ed avviatosi verso Calimala, veniva per istrada cercando il
modo di poter senza dar sospetto trovarsi con messer Benedetto de'
Nobili per dargli la lettera di Baccio, e conferir seco sugl'interessi
della parte Pallesca.

Messer Benedetto stava appunto di casa in una delle vie che da Calimala
sboccano sul corso degli Adimari. Troilo, passando davanti all'uscio
suo, lo trovò chiuso:, alle finestre non era persona. Andò innanzi
alle sue faccende, e in una bottega di sarto vicina pochi passi trovò
panni quali s'usavano in quel tempo da' soldati: una cappa chiamata
alla spagnuola, cioè colla cappuccia di dietro, calza tagliata al
ginocchio con cosciali fregiati di velluto, ed in capo un tocco.
Scelse colori oscuri pensando «questo zazzerone[41] di Niccolò, mi
troverà più a suo modo così.» Quando fu rivestito, legò tutte insieme
le sue armi, dicendo avrebbe mandato per esse, e mentre attendeva
ad assettarle, venne appiccando ragionamento col sarto per veder di
scoprire dove messer Benedetto si riparasse, che non avrebbe voluto
entrargli in casa così alla scoperta, ma neppur s'arrischiava domandar
di lui direttamente; perciò, dopo un lungo giro di parole, compose
una sua novella, che veniva di Bologna per una lite che gli era mossa
da certi mercanti, e gli conveniva cercar di un dottor di legge per
consiglio, e pregava finalmente il sarto se ne conoscesse alcuno
valente glielo insegnasse. Questi, come Troilo sperava, propose tra
primi Messer Benedetto, e disse che se non lo trovasse in casa, era
sicuro incontrarlo alla stamperia del Giunta, in faccia alle scalere
di Badìa[42], o all'osteria del Porco, o in sulla bottega di Benvenuto
Orafo in Mercato nuovo.

Troilo vi si condusse, e trovò sulla porta molti giovani ed omaccioni
tutti della milizia dei quartieri, che ogni giorno vi praticavano,
dilettandosi di veder lavorare il Cellini, ed intrattenendosi con esso,
chè s'era messo in ordine anch'egli sotto il suo gonfalone, e diceva
tante gran cose, che pareva volesse egli solo ingojarsi l'esercito
imperiale. Quando Troilo vi capitò, era tra loro un gran bisbiglio,
perchè Benvenuto s'era partito di nascosto d'ognuno e correva voce
fosse tornato a Roma. Chi diceva che bisognava farlo raggiungere,
chi voleva gli fosser saccheggiate le sue robe, altri gridava «E'
converrebbe impiccarlo» ed i più, concordavano che si dovesse bandire;
questo subuglio venne a proposito per Troilo, che vide messer Benedetto
tra costoro, e potè accostarsegli senza che alcuno ponesse mente al
fatto suo. Fattosegli dappresso, disse, guardando il cielo: «Domani
pioverà» (era accordo fatto tra il Valori e messer Benedetto, che
questa frase servisse a fargli riconoscere coloro che venivano da parte
del primo, e de' quali potea fidarsi) messer Benedetto si scosse a
queste parole e gli venne in mente fosse Troilo appunto, che da molti
giorni aspettava: guardandolo attentamente gli parve ravvisarlo, chè
non s'era imbattuto più in lui da molti anni, ed anche allora non lo
avea conosciuto se non di veduta.

Trattosi seco un po' in disparte, e saputo ch'egli era desso, gli
diceva:

--Non è bene che noi pratichiamo insieme.... ma per poterci parlare
sicuramente ti farai scrivere tra' fratelli della buca di S.
Girolamo[43]: io vi vo ogni sabato ed ogni vigilia di festa: per
riconoscerci, che tutti colà siamo col viso coperto dal cappuccio,
avverti ch'io farò un segno di croce colla mano nuda e mi metterò il
guanto tossendo tre volte: tu mi ti accosterai dicendo «egli è freddo.»
Ora scostati, e se mai c'incontreremo in luogo pubblico, non far le
viste di conoscermi.--

Troilo gli diede la lettera di Baccio e senz'altra parola si separarono.

Messer Benedetto, cui tardava leggerla, corse a casa, si chiuse nel suo
scrittojo a pian terreno, ed apertala, trovò che dapprima l'ammoniva
star cogli occhi addosso a Troilo, il quale di carattere leggiero e
facile a lasciarsi aggirare, correva rischio di venir sottomesso, e
forse mutato dall'autorità di Niccolò; gl'indicava poi la traccia da
seguirsi d'accordo con Troilo pel vantaggio generale della parte, e
finiva colle seguenti parole: «E quando la città sia in mano nostra,
che o prima o poi lo sarà, senza manco nessuno, lascio a voi la cura
che Niccolò non ci possa fuggire: e non dico altro, ch'io so a chi lo
raccomando.»

--Non dubitare!--Disse il Nobili buttando la lettera sotto il
camminetto ed osservando che tutta venisse ridotta in cenere.

--L'odio ch'egli avea contro Niccolò era nato molti anni addietro
da questa occasione: esercitando, messer Benedetto, non so che
magistrato, ebbe voce di non aver serbato le mani nette. Niccolò, al
quale era noto non esser quest'accusa senza fondamento, udendolo in
una pratica scagliarsi con troppo aspre parole contro un cittadino
caduto nel medesimo sospetto, lo riprese dicendogli «che a volersi far
tanto sicuramente accusatore altrui conveniva esser puro.» Il Nobili,
che sapeva di non esserlo, tacque, ma se la legò al dito: e da quel
simulatore grandissimo ch'egli era, seppe far tanto che, rappacificato
seco Niccolò, lo persuase a prestargli molte migliaja di scudi, coi
quali potè dar sesto alle cose sue, e turar la bocca a chi l'accusava.
Per mostrarsi grato, a uso dei ribaldi pari suoi, cercava ora la rovina
di Niccolò, non tanto per rubargli quei danari ch'egli aveva di suo,
quanto colla speranza d'ottenere, giungendo allo stato i Palleschi,
parte delle sue spoglie, e forse tutte: chè finito l'assedio, costoro
patteggiarono insieme gli esilii e le morti, ognuno de' proprj nemici,
nel modo istesso che Ottavio, Antonio e Lepido usarono al loro ritrovo
nell'isola del Reno.

Troilo intanto se n'era tornato a casa per aspettar l'ora d'andar
a S. Marco e levar Fra Benedetto e condursi tutti di compagnia a
casa i Lapi, ove anche Fanfulla (ci scordammo di dirlo) dovea venire
per volere del suo superiore, affinchè potesse al caso, render
testimonianza di tutto il fatto della Torre del Gallo. Quando Lisa lo
vide comparire tutto rivestito in un modo che dava buonissima grazia e
sveltezza alla persona, ed insieme avea una certa gravità composta, e
senza affettazione, disse tosto: «Oh quanto stai bene, Troilo mio!» poi
indovinando l'intenzione sua nella scelta de' colori, aggiungeva:

--Come ti vidi partito mi sovvenne ch'io ti avrei dovuto ammonire a
non porti indosso troppe gale come usano questi soldati, chè al babbo
poco gli vanno a sangue; non dovevo io sapere, pazzarellina, che il mio
Troilo non ha mestieri di queste saccenterie, e sa molto meglio di me
quello che si conviene? Oh! lasciamiti guardare!.... volgiti.... ora,
così.... Oh, chi è bello come te in Firenze?--

Troilo, che n'era persuaso, quanto essa almeno, depose sulle sue labbra
un bacio, nel quale senza la benda ch'ella aveva sugli occhi, avrebbe
potuto ravvisare meno tenerezza che degnazione: ma non era ancor venuto
il giorno in cui doveva conoscerlo.

--Ora senti, proseguiva la Lisa, sedendogli sulle ginocchia, postogli
un braccio al collo, mentre coll'altra mano gli veniva ravviando ora
la barba, ora i capelli, ora le pieghe del vestito. Senti amor mio,
io vorrei avvisarti.... ecco lei che fa la saccentina, dirai.... lo
so, non hai bisogno dei miei avvisi.... ma pure lo sai il proverbio,
ne sa più un pazzo di casa sua, che non un savio dell'altrui.... ed
io conosco il babbo.... vedi.... così alla prima e' mette paura....
eh, tu ridi!.... non a te, lo so.... ma pure non vorrei che ti venisse
così improvvisa quella sua guardatura... e poi.... lo capisci anche tu,
egli ha avuto ragione d'adirarsi con esso noi.... potrebbe dire qualche
parola un po'.... un po'.... che so io? Ma tu, non è egli vero? Sarai
buono per amore di Lisa tua.... pensa che anch'essa ha tanto sofferto,
poverina.... ed ho sofferto volentieri; son contenta ora, tornerei a
soffrir il doppio, purchè sia con te, purchè non mi sii tolto.....
questo dunque ti volevo dire,..... tu non te l'hai avuto per male, non
e vero? e col babbo, qualunque cosa dica, tu saprai comportarla....
e....--

--Io ti taglio la parola in bocca, Lisa mia. Tu mi fai torto. Credi tu
ch'io possa trovarmi a questo passo, e non aver preveduto tutto? e non
essermi armato a soffrir da Niccolò persino gli oltraggi?--

--Oh, sii tu benedetto! M'hai tolto un gran peso dal cuore.... ed io
che non ardivo dirtelo!.... Oh! chi ti vede tanto bello.... non sa
quanto sei buono!--

In così dire gli si abbandonò sul collo senza più parlare, e rimase
così per alcuni momenti. Alzandosi poi, ed asciugandosi gli occhi,
diceva:

--Ora convien pensare al povero Arriguccio... vorrei aver come vestirlo
un po' a modo!... povero innocente, non ha che quella poca vestuccia!
Pure m'ingegnerò.--

E, preso il bambino sulle ginocchia, gli veniva ravviando i capelli,
acconciando i panni, e mentre attendeva a questa bisogna, sentiva
l'oriuolo di Palagio suonar le 22 e mezza. Alle ventitrè dovean
muoversi; l'avvicinarsi di quell'ora desiderata prima con tanta smania,
ora le metteva in cuore un indefinibile terrore, sentiva farsele
più rapido il batter de' polsi, mille sospetti, mille paure le si
affollavano nella fantasia, ora volgeva il cuore a Dio con una breve e
fervida preghiera, ora baciava il fanciullo, ora volgeva gli occhi a
Troilo, cercando di trovar nella sua vista un po' di forza, un po' di
coraggio, sperando d'incontrare un suo sguardo che la confortasse: ma
egli era seduto col gomito appoggiato sul davanzale d'una finestra, il
suo viso era immobile volto verso strada, Dio sa a che cosa aveva il
capo a quell'ora. La povera Lisa avrebbe accolta un'occhiata, in quel
momento, come un benefizio, ma non l'ebbe, e suonaron le 23.

Sentì un momento quasi mancarsi le ginocchia; ma le scorrea nelle
vene il sangue di Niccolò, e perciò questo momento di debolezza
passò come un lampo. Recatosi in collo il bambino s'alzò, chiuse gli
occhi pregando Dio d'ajutarla, poi si mosse arditamente con Troilo e
s'avviarono verso S. Marco senza profferir più una sola parola per
tutta la strada: e trovati alla porta del convento Fra Benedetto e
Fanfulla che gli aspettavano, tutti di compagnia presero la strada, e
dopo non molto picchiarono al portone de' Lapi.

Niccolò avea frattanto fatti avvisare i suoi figliuoli affinchè
si trovassero in casa a quell'ora, e dato a Laudomia il carico di
preparare una camera per la sorella e il cognato ove stesser col loro
bambino comodamente. Quand'essa ebbe ammannito tutto quanto occorreva,
scese e trovò Niccolò seduto sul suo seggiolone, ed i suoi figli
Averardo, Vieri e Bindo in piedi all'intorno, tutti armati; v'era anche
Lamberto, e Niccolò gli diceva:

--Lo conosco, figliuol mio, quanto t'ha a parer duro veder costui in
casa mia. Che poss'io dirti? Egli è marito di Lisa!... egli viene a
combatter con noi!..... Egli m'ha pur campato Bindo dalla morte! potevo
io negargli il perdono? potresti tu negarglielo? Ti volli ora presente
a questo fatto perchè ti conosco saldo d'animo.... e in tutti i modi vi
sareste pur dovuti rivedere prima, o poi... e ciò forse ti riuscirà men
grave accadendo qui in nostra presenza.--

--Padre mio, rispose Lamberto, di tutto quanto vi verrà bene di
risolvere sul fatto mio ora, e per l'avvenire, voi non v'avrete mai a
scusar meco. A me basta che mi vogliate tener per figliuolo, e quanto
al resto, io farò di mostrarmi sempre maggior d'ogni fortuna.--

--Tu parli da uomo, Lamberto!.... poi scrollando il capo, soggiungeva:
Lisa, Lisa, tu fosti pur pazza!--

Averardo allora, uomo ruvido, feroce, di pochissime parole, e che
non aveva altro pensiero fuorchè delle cose della guerra, disse con
malumore:

--E le pazzie delle donne tocca a noi a scontarle.... perciò non tolsi
mai donna.... ora io vo' sperare che questi sposi non vorranno indugiar
troppo.... non gli aspetterò un pezzo, alla croce di Dio. S'è visto
oggi in campo un gran rimenarsi... non vorrei s'entrasse in ballo, ed
io non esservi!--

Vieri, che all'opposto del fratello era di quegli uomini ch'hanno la
felicità d'esser sempre beati, anche fra le malinconie e le sciagure,
tanto che neppur pareva nato de' Lapi, diceva ridendo:

--Eh! non dubitare; se anche perdessimo una qualche archibugiata, non
ce ne vorrà mancar per questo.... di tal derrata ce n'è abbondanza,
la Dio grazia.... così la ci fosse di starne e fegatelli, e di buon
trebbiano. Ho veduto dalle mura che governo hanno fatto delle vigne sul
poggio sopra Arcetri, ve n'è rimasto quant'io n'ho sulla palma della
mano. Se è così per tutto, avremo a bere trebbian di carrucola.--

Niccolò non rispose nulla, ed Averardo, senza far nemmen l'atto di
sorridere, disse mezzo stizzito:

--Beato te, che la ti va sempre per un verso.--

--Mi va! mi va! Già lo sai ch'io voglio aspettare a star ingrugnato
quando sarò nella bara, chè ora non ci conosco profitto nessuno. Eh
via! stiamo di buona voglia, che forse forse la finirà meglio che non
pensate. E tu, Lamberto, rallegrati che hai pur fuggito il gran brutto
rischio.... è mia sorella la Lisa, ma non importa, avresti avuto per
donna una pazzerellina, e di costoro n'è gran dovizia in Firenze; sarai
sempre a tempo.--

Mentre erano in questi ragionamenti comparve la fante M. Fede, e
distesa una tovaglia di bucato su una tavola, vi depose un vassojo con
due fiaschi di vino; venne Maurizio, il famiglio di Lamberto, quello
ch'egli avea tratto dall'Adda, portando i bicchieri ed un piatto di
confetti, chè in quel tempo in Italia ogni riconciliazione voleva il
bere, come anche oggi giorno nelle province meridionali di essa, ove
sono frequenti risse sanguinose fra contadini: e ci sovviene aver
assistito ad una di queste paci, ove due che s'erano voluti ammazzare
il giorno innanzi, vennero condotti tutti malconci e colle ferite
fasciate, a bere insieme: e ci fu detto, che dopo quest'atto non vien
neppur in mente di dubitare, che non si siano vicendevolmente perdonato.

Dopo il breve dialogo che abbiamo narrato, si erano tutti ammutoliti,
che in quei momenti ove abbondano i pensieri vengono meno le parole.
La fante soltanto bisbigliava sommessamente col famiglio per dirigere
l'apparecchio, e tratto tratto dava un'occhiata ai suoi padroni, chè
si moriva di voglia d'appiccar discorso sul ritorno della Lisa e
mostrar l'allegrezza che ne sentiva; vedendoli tutti ingrugnati, quando
appunto, secondo essa, avrebbero dovuto confortarsi e far buon viso,
non sapea darsene pace, ma poi s'acquetava colla solita riflessione
che usava applicare a tutti i casi superiori alla sua intelligenza, ed
ove entrassero signori e ricchi, e diceva fra se stessa: «già, hanno le
loro fantasie! È inutile, bisogna lasciarli stare.»

Maurizio invece, sotto l'apparenza fredda e riposata degli uomini
boreali, si rodeva di dover far onore ed accoglienza a quello che aveva
fatto così brutto torto al suo padrone, pel quale sentiva l'affetto
esclusivo, scevro d'ogni pensiero d'utile proprio, che, a vergogna
dell'umanità, ha nel cane il più perfetto modello. E quando M. Fede gli
disse tutta contenta:

--Vedi Maurizio, di questi fiaschi ce n'è pochi in Firenze! gli avevo
riposti,... pareva che il cuore me lo dicesse, a che dovevan servire!--

Egli rispose scrollando il capo:

--Questo fostro messer Droile, io piuttosto harchibusata, che picchieri
di fino!--

In quella s'udì picchiare, e tutti si scossero. Corse la Fede ad
aprire, e dietro di lei si slanciò Laudomia, non tanto per abbracciar
più presto la sorella, come per non lasciar ch'entrasse sola dal padre:
Bindo anch'esso si fece incontro a Troilo per introdurlo. Aperto appena
l'uscio, le due sorelle si trovarono abbracciate stringendosi co' visi
e coi petti, e rimasero così senza profferir parola, quanto il dire
un'avemmaria: scioltesi alla fine, Lisa prese in collo il bambino, che
era stato fin qui portato dal marito, e si mosse con Laudomia che con
una mano la teneva per un braccio, coll'altra le cingeva la vita. Fra
Benedetto andava innanzi, dietro Troilo con Bindo, Fanfulla veniva
l'ultimo.

Niccolò si preparò per riceverli in piedi accanto al suo seggiolone con
una mano su un bracciolo, e l'altra pendente lungo la coscia. Stava
col petto aperto, le spalle ritte, avea l'occhio grave, non lieto, ma
sereno. Da un lato Averardo, scuro ed austero in viso, colla sinistra
sull'elsa, la destra dietro le reni, dall'altro Lamberto, che se dovè
mai ringraziar Iddio d'avergli data un'anima forte, fu per certo in
quell'ora. Vieri anch'esso, prese un contegno serio e conveniente.
Appena Fra Benedetto fu sull'uscio, cominciò a dire, venendo pur avanti
seguìto dagli altri:

--Messer Niccolò, ecco qui la vostra figliuola, ecco messer Troilo, che
sanno d'aver bisogno del vostro perdono e vengono a domandarvelo,...
pronti ora, e sempre, a far tuttociò che voi vorrete.... e sperano
che gli vogliate accettare nella grazia vostra, e tenerli in conto di
figliuoli amorevoli ed ubbidienti.--

Mentre il frate parlava, la Lisa tutta tremante, retta da Laudomia,
s'era venuta accostando, ed alfine cadde ginocchioni a' piedi del
padre, col viso basso, nascosto in parte da quello del suo bambino,
che al veder tanta gente nuova si stringeva colle sue manine alla
madre. Troilo anch'esso aveva posto a terra un ginocchio, un po' più
addietro. Nel prepararsi col pensiero a questa scena, aveva proposto
di non iscender ad atto cotanto umile: inginocchiarsi avanti ad un
setajolo! Avrebbe tenuto pazzo, e deriso chi gliel avesse suggerito.
Ma all'entrar in quella camera, l'alta e maestosa figura del vecchione
popolano, l'autorità veneranda che appariva sulla sua fronte e in tutta
la persona; il senno, la fortezza che gli splendeano negli sguardi;
tuttociò l'aveva turbato, l'aveva vinto in modo, che cadutagli ad
un tratto ogni superbia, e trovatosi tanto piccolo, tanto basso e
spregevole a petto a quell'uomo, fu quasi, senza saper come, da una
incognita ed invincibil forza prostrato a' suoi piedi. Sentì in quel
momento venirsi meno l'ardire di dar opera al brutto tradimento: gli
era sembrato che la prima occhiata del vecchio l'avesse penetrato
fino nel profondo del cuore, n'avesse tosto conosciuto lo scellerato
mistero, per poco non gli abbracciò le ginocchia, confessando ogni
cosa, ed implorando perdono. Ma a condurlo a quest'atto non potea
bastare la sola commozione di quella prima vista, senza che vi s'unisse
uno di quegl'impeti virtuosi che ferman talvolta anco i ribaldi
sull'orlo del precipizio: ma di quest'impeti non era capace l'anima di
Troilo.

Anzi gli sovvenne in quel momento di Baccio Valori, de' suoi amici del
campo, gli parve vedersi innanzi i loro visi che ridessero della sua
dappocaggine e lo schernissero; si raffermò più che mai ne' suoi primi
pensieri, e conosciuto che dal non recitar perfettamente la sua parte
in quell'occasione potean generarsi sospetti sul fatto suo, e seguirne
la total rovina della sua impresa, compose il viso e la persona, e
s'armò per parlare in modo che la simulazione riuscisse perfetta.

Quanto a Niccolò, aveva alla vista di Troilo, provata inestimabile
passione, ma premendola in cuore, gli piantò gli occhi in viso per
veder pure che faccia avesse quest'uomo che gli era stato cagione di
tante perturbazioni. «È bello, non si può negare!» disse fra se, poi
tosto soggiunse: «Come mai potè la Lisa innamorarsi di costui!» Che se
era piaciuto agli occhi di Niccolò, era stato ributtato dal suo cuore.
Ma non fece caso di questo giudizio, stimandolo effetto dell'odio che
gli aveva sin allora portato, e non l'ebbe appena veduto piegare il
ginocchio, che gli disse:

--Alzatevi, messer Troilo! Lisa, alzati, ed ascoltatemi.--

Rimessisi in piedi ambedue, Niccolò proseguiva:

--S'io v'apersi là porta di casa mia non fu con animo di dirvi di male
parole, o farvi rimproveri sulle cose passate. Per quanto s'attiene a
me, ed all'ingiuria che voi m'avete fatta, io son contento perdonarvela
liberamente, e vi prometto cancellarla in tutto e per tutto, così Iddio
cancelli i miei peccati. Ma voglio che sappiate, messer Troilo.... e ve
lo dico ora a viso aperto, per non dover mai più per l'avvenire entrare
in questo discorso,.... voglio che sappiate, che se voi non tornavi in
Firenze; se invece di venir a difendere la libertà di questo popolo,
come, da quanto mi è stato detto, voi avete in animo di fare....--

--E' v'hanno detto il vero, messer Niccolò, ch'io non ho altro
desiderio...--

--E così voglio credere.... Ma lasciatemi dire. Se dunque all'opposto
voi fossi rimasto coi nemici della patria nostra, tenete per fermo,
messer Troilo, che Niccolò de' Lapi prima d'accettarvi per genero si
sarebbe lasciato tagliar a pezzi. Ma ora, se Firenze ha fatto guadagno
d'un buon soldato, d'un difensore di più, non solo v'accetto per
genero, ma benedico tutti i miei dispiaceri, che alla fine vengono a
riuscire a beneficio della nostra città. Io non farò differenza d'or
innanzi tra voi, e gli altri miei figliuoli; ma è dovere che sappiate,
ch'io ho giurato ad essi, e così giuro a voi, per quelle ceneri che
voi vedete là in quella nicchia (e le indicava col braccio alzato e
l'indice teso) e furon raccolte ancor calde dal rogo d'onde l'anima
santa di Fra Girolamo volò in paradiso, vi giuro, che se mai per
vostra mala fortuna v'accadesse di mancare in qualsisia modo al debito
di buon cittadino, vi saprò giungere, o io col ferro, o quell'Iddio
che ascolta, e rafferma sempre la maledizione d'un padre, colla sua
vendetta.--

Troilo a queste parole si sentì correr un freddo per le vene, ma, a
somiglianza del reo, che posto alla colla si sforza di parer franco,
e non dir parola che possa tradirlo, rispose arditamente e con quanta
veemenza gli fu possibile:

--Ed io, messer Niccolò, a patto d'esser da voi tenuto per figliuolo
d'or innanzi, accetto sul mio capo questo sacramento che voi fate;
e coll'ajuto di Dio, e del beato Fra Girolamo, ch'io voglio d'or
innanzi per solo avvocato e protettore, io mi confido che non sia per
avvenirmene male nessuno.--

--E così credo anch'io, rispose Niccolò, poi soggiunse, additando l'un
dopo l'altro i suoi figli; questi Averardo, questi e Vieri, Bindo, e
questi è Lamberto....--

A questo nome Troilo si scosse, che sapeva tutto quanto era passato
fra esso e la Lisa: essa abbassò gli occhi ed impallidì. Niccolò,
rimasto un momento come riflettendo, soggiunse, guardando Lamberto, che
rimaneva immobile e gli si veniva intorbidando lo sguardo:

--Lamberto! Niccolò ha perdonato!.... Orsù, figliuoli, ascoltatemi!....
son io che parlo! (e nel profferire queste parole la faccia del
vecchio divenne accesa, e la voce terribile). Si tratta di Firenze!
si tratta della patria e non di noi! Alle sue ingiurie pensiamo e non
alle nostre! Ci sta sul capo l'ultima rovina, e potremmo aver altro
pensiero che del suo pericolo? Unione! concordia! per Dio! chè le città
divise furon sempre preda d'ogni nemico, e lo sa Firenze, lo sa tutta
Italia. Contro i nemici della libertà nostra, contro i traditori e i
ribelli a questo stato popolare si volgan gli odj, le forze e l'armi
di tutti: ma chi si ravvede sia accolto come fratello. Ricordatevi
di Lorenzo dei Medici venuto a morte.... il beato Fra Girolamo gli
offerse misericordia e perdono al solo patto che restituisse lo Stato
che ingiustamente teneva, ed al popolo la sua libertà. Rifiutò il
perdono, e morì da quell'empio e ribaldo ch'egli era: ma stava in lui
l'ottenerlo, nè il nostro santo maestro glielo avrebbe negato, ove
avesse dato segno di penitenza e restituito il mal tolto. Così non
si nieghi da noi. Come ci ajuterà Iddio, se ostinati seguitiamo ad
offenderlo?--

--Oh! messer Niccolò, disse Fra Benedetto giungendo le mani, sono sante
queste parole! Oh, fosse qui presente tutta Firenze ad ascoltarle!--

Il vecchio allora voltasi alla fante le fece un cenno, ed essa, venuta
avanti con Maurizio, si fermarono innanzi a Niccolò presentandogli il
vassojo col vino ed i bicchieri; ed esso empiutili, fe' che ciascuno
prendesse il suo, e così tutti bevvero. Poi Niccolò pose le mani sulle
spalle di Troilo, lo baciò in bocca (com'era costume nelle paci) baciò
la figlia ed il bambino, e tutti, gli uni dopo gli altri, fecero
scambievolmente lo stesso.

Volle Niccolò che anche madonna Fede ed il famiglio, bevessero. La
fante ubbidì tosto, ed accostandosi alla Lisa col bicchiere in mano, le
disse:

--Madonna, io lo sapevo, che questo giorno doveva venire, e.... non
per vantarmene.... ma m'ero botata a' Servi di digiunare ogni sabato,
perchè Dio e la santissima Nunziata ci facessero questa grazia.--

--Io t'avrò dunque quest'obbligo,--rispose Lisa sorridendo.

Ma non fu mai possibile di far bere Maurizio, che alle istanze della
fante rispose sempre «Non hafer sete!» e neppur a Lamberto non venne
fatto di vincerlo, onde spiccandosi dall'impresa, gli disse ridendo,
Vieri:

--Se tu avessi saputo che non amasse il vino, conveniva lasciarlo bere
l'acqua dell'Adda.--

Maurizio ingrugnato non rispose, e se n'andò brontolando e ripetendo
fra se stesso: «Harchipusata, e non picchier di fino!»

La brigata intanto senza badargli s'era seduta in cerchio attorno al
fuoco; le due sorelle vicine, Laudomia con Arriguccio sulle ginocchia,
Troilo accanto alla Lisa tenendola per la mano, Fra Benedetto allato
a Niccolò, e tutti con modi più sciolti venivano entrando in varj
ragionamenti, quando a un tratto vennero scossi, ammutolirono, e teser
l'orecchio all'udire un tocco della campana grossa del Consiglio, e
poi due e tre e quattro, e via via sempre con maggior furia sonare a
stormo, e quasi ad un tempo risponder tutte le campane della città,
con un fremito, un rombo lontano che pareva venisse per l'aere
dall'alto, e nascesse da turbe che mandasser grida e facesser tumulto
in distanza; poi qua e là si fecer sentire colpi d'archibuso, e poco
stante scoppi più forti d'artiglieria; ed intanto il fragore pareva si
venisse accostando, le vie s'empievano di gente, di romore, di grida,
s'aprivano e si serravano a furore porte e finestre, e pareva insomma
che la città tutta si fosse per qualche grave ed impensato accidente
levata in arme: e facendosi d'ora in ora più frequente il correr de'
popoli per le vie, e più alto il bisbiglio, s'udì sotto le finestre
passar correndo una frotta d'uomini, ed una voce gridare: «Arme, arme,
popolo e libertà!.... I nemici sono in Firenze!»



CAPITOLO XX


Voler dipingere il furore che invase Niccolò, Averardo, Lamberto,
Vieri e Bindo a questo grido, lo spavento di Fra Benedetto e delle due
giovani, l'agitazione di Troilo, che tutt'altro attendeva, sarebbe
cosa vana, ma sei pensi il lettore. Averardo saltò sul suo archibuso
che avea lasciato in un angolo: arrotava i denti, e con voce strozzata
dalla rabbia diceva:

--Maladetta l'ora ch'io mi tolsi dalle mura.--

Gli altri fratelli insieme con Lamberto e Fanfulla avean anch'essi
dato di piglio alle loro armi; e quest' ultimo, senza dar segno di
perturbazione nessuna, chè troppo era uso a simili strette, accese alle
braci del focolare la corda del suo archibuso, dicendo: «Qui ci vuoi
altro che baje»! e tutti insieme stavan per uscire, quando entrarono
con impeto cinque o sei uomini del popolo minuto, artefici dell'arte
della seta a servigi di Niccolò, dicendogli:

--Messere, siam qui fuori cinquanta compagni, e veniamo per guardarvi
la casa e difendervi fino alla morte.--

--Che difendermi? gridò Niccolò, alle mura, alle mura! Chè questo è il
giorno che tutti abbiamo a morire per la nostra libertà, ed io voglio
esser il primo.--

Ed il feroce vecchio, afferrato un pezzo d'arme in asta ch' era in un
canto, voleva uscire cogli altri e correr anch' esso alla difesa; se
non che tutti si diedero a pregarlo, e fargli forza che restasse, e le
figlie più degli altri, ma egli insuperbito, ributtava ognuno prima
colle parole, poi cogli urti, esclamando:

--Io voglio morire ad ogni modo!--e senza poter esser persuaso o
trattenuto, tirava disperatamente verso la porta, quando giunse
correndo un tavolaccino della Signoria, che per parte del gonfaloniere
veniva ad annunziare non esser i nemici in Firenze com' era corsa la
voce, ma aver bensì cominciato a combatter le mura, con gran numero di
scale, e perciò ordinava che tutti gli uomini da fazione corressero
oltr' Arno verso S. Niccolò ove era cominciato l'assalto.

A quest' annunzio, visto che le cose non erano ali' ultima rovina,
com' egli aveva creduto dapprima, si lasciava pur indurre, ma non così
subito, a rimanere; e fermatosi sul portone di strada colle mani
alzate, disse con gran voce ai giovani che si avviavano:

--Addio figliuoli! Ricordatevi che voi siete cristiani, e cittadini
liberi, ed a rivederci forse in Paradiso.--

Essi si perderono parte tra la folla, e Troilo, che avea pur dovuto
andarne con loro e mostrarsi volonteroso ed ardito, pensava in cuor suo
«Sarebbe bella che tutte le promesse di Baccio finissero stanotte con
una buona archibusata!»

Niccolò allora, mandata a combattere anco la maggior parte degli
operai che erano venuti ad offerirglisi, ne tenne con se otto o dieci
onde l'ajutassero metter in ordine la casa e prepararla a sostenere
un assalto. Quel suo primo furore avea dato luogo alla ragione, e
poichè la città non era ancor vinta, dispose, mutando proposito,
e considerando che le sue povere figliuole potean venir alle mani
de' soldati e dei Palleschi, di fortificarsi e far testa, e quando
non potesse, ne gli rimanesse altro scampo, metter fuoco alla casa,
ardervisi colle figlie, e salvar così a se la libertà, ad esse l'onore.
E Niccolò era muso di farlo.

Serbando le antiche usanze di Firenze, ch'egli non avea voluto mutar in
nulla, si trovava aver in pronto i ferramenti, le catene e i legnami,
per far il serraglio. Giacevano sotto il portico del cortile, ed in
un attimo vennero strascinati in istrada, e disposti in modo che si
potessero in un momento porre in opera.

Ciò fatto, mandava uno de' suoi uomini nelle case de' Carnesecchi che
stavan di fianco a quelle de' Lapi, separati tra loro dalla via de'
Conti, dicendo si mettessero in ordine che intendeva far il ponte
sulla strada, e sollecitando l'opera egli stesso, vide presto uscire
dai fori disposti a quest'uso al primo piano di casa sua, lunghe
travi che sospinte dagli uomini di dentro venivan introdotte in buchi
corrispondenti nella casa de' Carnesecchi. Su quelle travi furono
collocati in più pezzi tavolati che si connettevano tra loro e si
fermavano con arpioni, onde venivano a formare un ponte solidissimo
capace di sostener uomini e munizioni per opprimere dall'alto i nemici
che fossero in istrada.

Mentre Niccolò in mezzo alla via, ove pei lumi posti a tutte le
finestre si vedeva chiaro come di giorno, gridando ora agli uni, ora
gli altri, e facendo animo a tutti colle parole e colla presenza,
ordinava questi apparecchi, nell'interno della casa si trasportavano
armi d'ogni sorta dalla stanza ove eran ammucchiate, nei luoghi più
vicini a quello ove si doveva combattere, nell'androne cioè, che era
contiguo alla porta di strada, e su al primo piano sotto le finestre
che mettevano sul ponte. Laudomia, Lisa e la vecchia ajutavano
anch'esse la bisogna, e tutte affannate per la fatica, pel correre e
per l'agitazione dell'animo, venivan dov'era il bisogno, arrecando
fasci di picche, sassi, balestre grandi a staffa, archibusi e munizioni
d' ogni maniera.

Qucll'ardire, quella prontezza medesima che mostrò in codesta notte
Niccolò e tutta la famiglia de' Lapi, apparve spontanea e mirabile in
ogni casa di Firenze[44], ed il principe d'Orange, che avea stimato per
esser la notte scurissima e piovosa, e la vigilia di S. Martino, trovar
le guardie negligenti o sepolte nel vino, ed aveva con questa fiducia
all'improvviso assaltato le mura dalla Porta S. Niccolò a quella di S.
Friano con gran numero di scale, pensandosi aver la terra per sorpresa,
fu invece accolto con tanto furore d'artiglierie, trovò i bastioni così
ben provvisti di difensori, che dovette alla fine ritrarsi dall'impresa
con vergogna, e con non poca uccisione de' suoi soldati. Ma se gli
fosse pur riuscito di superare le mura in qualche parte, è difficile
prevedere che cosa sarebbe avvenuto; e quanto a noi, crediamo che
neppur per questo non avrebbe riportato vittoria; chè la milizia s'armò
in un attimo, tutti i cittadini corsero oltrarno, e pei quartieri più
prossimi al campo, insino ai ponti, ed al di qua per un buon tratto,
le vie eran calcate d' uomini armati; dalle case i vecchi, le donne, i
fanciulli avrebbero col gettar sassi, tegoli e qualunque cosa venisse
loro alle mani, dato ajuto non piccolo alla difesa, la disperazione
avrebbe duplicate le forze e l'ardire d'un popolo che aveva pel
passato anche troppo fatto conoscere quanto valesse nelle battaglie
cittadine, e forse l'esercito imperiale che d'uomini utili non sommava
a quindicimila persone, avrebbe trovato in Firenze la tomba: ma questa
generosa ed infelice città era da Dio condannata a più lunghi dolori ed
a maggiori castighi.

Dopo brev'ora le bande nemiche, disperatesi affatto di poter vincere,
si tolsero dall'impresa, e si ridussero agli alloggiamenti, di
dove l'indomani il principe d'Orange partì alla volta di Bologna
onde ottenere dall'imperadore e dal papa, che s'eran colà condotti
per l'incoronazione, nuovi ajuti di genti e d'artiglierie, senza i
quali conosceva impossibile di far profitto nessuno. Le milizie dei
quartieri, vedendo passato il pericolo, si divisero tornando ognuno a
poco a poco alle sue case: le vie rimasero presto vuote, le finestre si
chiusero, i lumi ed i lanternoni de' soldati scomparvero, tutto ritornò
nella quiete e nel silenzio consueto; ed in ogni famiglia i vecchi
e le donne rimaste sole in casa, udendo i passi sonanti de' mariti,
de' fratelli, de' figli usciti poco innanzi con tanta probabilità di
non aversi a riveder più vivi, e che ora tornavan salvi, e dopo aver
colla virtù loro respinto il nemico e salvata la città, correvano
ad incontrarli con festa, con carezze, e lodi, e abbracciamenti, e
lacrime d'allegrezza, non restando di render grazie a Dio che gli
avesse tutti campati da una tanta rovina. Quei fortissimi uomini, que'
poveri popolani, tutti trafelati, molli pel sudore, per la pioggia, e
taluni pel sangue, deponendo per poco le loro armature, ajutati dalle
mogli, dalle sorelle, dai vecchi genitori, che tosto si davano a
forbirle e rassettarle per le future battaglie, si riposavano intanto
cresciuti di speranze e d'ardire per l'ottenuta vittoria: seduti al
fuoco, o ristorandosi di quei cibi, che comportavano le loro scarse
facoltà e la strettezza presente, circondati dalla famigliuola rimessa
appena da tanto spavento, e che a bocca aperta gli stava ascoltando,
narravano i fatti di quell'assalto, l'irrompere de' nemici, l'armi,
l'insegne, le strane fogge, i barbari aspetti che dalle mura benissimo
si eran potuti discernere per la moltitudine infinita di lanterne e
di torce che portavano i nemici con loro. Descrivevano con parole
vivissime il giungere, l'appoggiar delle scale, il salire a furia e
tumultuariamente, e poi a un tratto dai fianchi de' bastioni, ove nelle
casematte s'ascondevano cannoni grossi ed artiglierie d'ogni misura, lo
scoppiare e lo scagliarsi, come da tante bocche d'inferno, del fuoco
di mille tiri, che percuotendo per fianco quelle scale le mandava a
fracasso con quanti soldati portavano, tutti in un monte nel fosso: e
qui aggiungevano, delle ferite, del sangue, delle strane ed orribili
morti di quegli sciagurati, delle grida, dei lamenti, del guizzare dei
mal vivi, del fumo che occupava ogni cosa, del tonare e lampeggiare
incessante di tante cannonate, e di nuovo tutti insieme lodavano e
rendevan grazie a Dio d'averli salvati dalle mani di così feroci nemici.

Quelli tra i difensori che avean riportate ferite venivano medicati
con diligenza, i più maltrattati negli spedali, gli altri nelle
proprie case, ed intanto si nominavano i compagni, i cittadini rimasti
morti nell'assalto;, chi li compiangeva, chi pregava per essi, ma i
più portavan loro invidia, tenendo per fermo fossero le loro anime,
come quelle de' martiri, salite immantinente a godere della gloria
del paradiso; ed i più divoti e zelanti tra Piagnoni, stimando si
fosse avverata in quest'occasione la profezia di Fra Girolamo; che
prometteva a' Fiorentini l'ajuto stesso degli angioli, divenivan sempre
più fervidi in quella loro fede, tenendosi sicurissimi all'ultimo di
codesti alleati, e non mancò chi affermasse d'aver veduto in aria
serafini che colle spade infocate sbaragliavano, e, ad ogni colpo,
abbattevano l'intere file nelle bande imperiali.

Nessuno più di Niccolò potea vantarsi d'avere intera e vivissima
questa fede nel frate, e se non era forse intimamente persuaso (avea
troppo senno per giungere a tanto) che dovessero apparir visibilmente
angioli a difender Firenze, fondava però, sulle parole del Savonarola,
la speranza, per non dir la certezza, d'uno speciale ajuto celeste
pel quale sempre sarebbe stato respinto il nemico. Eppure avea potuto
creder possibile che fossero entrati in città!

Quando, cessato il romore e svanito il pericolo, egli fu ritornato
in camera colle figliuole, sedutosi al focolare, veniva col pensiero
riandando tutto il successo di quella sera, e sospirando diceva:
«_Modicae fidei! quare dubitasti?_» Parole usate spesse volte da Fra
Girolamo, e ch'egli ora applicava a sè stesso, dolendosi d'aver potuto
vacillare un momento.

Mentr'egli stava in questi pensieri, Lisa e Laudomia, ritte contro
le impannate delle finestre, aspettavano con impazienza il ritorno
de' giovani, non senza agitazione e timore, che fosse avvenuta loro
qualche disgrazia. Ma svanì presto ogni sospetto; e verso la mezzanotte
tornaron tutti, eccetto Averardo, che quasi mai veniva a casa a
dormire, e non voleva altra camera che le cannoniere de' bastioni, nè
altro letto che la nuda terra; e quella letizia, quell'ebbrezza che
ci siamo ingegnati dipingere accennando il ritorno delle milizie dei
quartieri alle case loro, riempie parimenti la casa de' Lapi quando,
Bindo pel primo, e poi gli altri, entrando tutti allegri, e gettando
in un angolo con fracasso i loro pesanti archibusi, ancora anneriti
dal recente sparare, e con un odore di polvere arsa che empiè tosto
la camera, si posero intorno a Niccolò ed alle giovani, raccontando
anch'essi a loro modo, con festa grandissima, e con ardite e concitate
parole, la gloriosa sconfitta data all'armi imperiali. E narrando a
gara le loro prodezze, e quelle degli amici e de' cittadini più noti,
veniva a saper Niccolò che Bindo avea toccata un'archibusata nel lato
manco del corsaletto, ed il fanciullo, pur ripetendo che non era nulla,
e mostrando non doversene far caso, scintillava d'allegrezza negli
occhi, mostrando l'ammaccatura che era rimasta impressa nel ferro, e
diceva in cuor suo, «son pur soldato anch'io!» Vieri narrava, come
Lamberto avesse fatto cadere un sasso grandissimo con tanto giudizio
e fortuna su una scala piena da cima a fondo d'assalitori, che tutta
l'avea vuotata, proprio, diceva egli, come a sfrondar un ramo pieno di
foglie secche: e presa poi la scala vuota pei due capi che giungevano
ai merli l'avea rovesciata nel fosso, ed ucciso e storpiato con essa
buon numero di nemici. Tutti poi lodavan Troilo per la sua prodezza, e
Bindo più degli altri, chè avea combattuto al suo fianco, e vedutogli
menar le mani in modo, che molti imperiali e Palleschi, se avessero
saputo da qual mano uscivan i colpi che li ferivano, avrebber potuto
dire, che Troilo recitava la parte di Piagnone un po' troppo al
naturale. Egli difatti s'era portato da soldato ardito e valoroso, chè
si trovava condotto a tale da non poter fare altrimenti; rodendosi però
internamente di dover correre rischio d'uccider alcuno de' suoi amici o
di venirne ucciso, mandava divotamente il canchero a Baccio Valori che
l'aveva messo a questo sbaraglio, e se l'avesse scoperto tra nemici,
non è certo che si fosse potuto trattenere dal fargli coll'archibuso
parer poco felice la sua invenzione di mandarlo in Firenze.

Alle lodi espresse da Bindo, che Niccolò udì con mostra di contento
grandissimo, parendogli sempre più confermarsi da' portamenti di
Troilo, l'intera sua mutazione, e l'amore per la parte che voleva la
libertà ed il governo popolare, questi rispondeva, simulando modestia e
compunzione:

--Messer Niccolò, qual merito si può avere a combatter con qualche
ardire quando si fa per una causa cotanto santa, e si conosce per segni
manifesti che Iddio sta per noi! E se non, paresse.... se non temessi
parer troppo facile a prestar fede a certe cose nelle quali conviene
pure andar cauti assai.... ardirei quasi asserire d'aver veduto questa
notte gli angioli che dalle mura ributtavano i nemici.--Il mariuolo
sapeva ch'era quest'opinione tra Piagnoni, ed aveva fra popoli in
quella notte stessa uditone bisbigliare come di cosa veduta da molti
nell'assalto:

--Iddio può tutto, rispose Niccolò, e ciò sarà forse vero: ma meritan
tanto i nostri peccati? A ogni modo siam certi, che Dio si farà scudo
alla debolezza nostra, e dove non giungeranno le forze umane, giungerà
col suo braccio Egli. Di tanto si fece mallevadore il B. Fra Girolamo,
ed i suoi miracoli ci fanno sicuri ch'egli era inspirato da Dio....
Figliuoli, riprese dopo breve pausa, io vi fui stasera cagione di
scandalo, mostrai di dubitare!.... ho fatto errore, e stimo mio debito
farvelo conoscere, affinchè non ne prendiate mal esempio, e duriate
invece sempre più saldi in quella fede colla quale potremo alla fine
ottenere vittoria.--

In un uomo qual era Niccolò, una confessione tanto candida doveva
produrre gran senso; ma egli era di que' tali che son capaci di
sacrificar tutto al vero e prima di tutto se stessi.

Senza aspettar risposta alle sue parole, egli diede commiato ad
ognuno, accennando all'ora tarda ed al bisogno che doveano aver di
riposo, e rimasto solo, aperse il priorista sul quale soleva scrivere
le cose notabili che venivano accadendo alla giornata, e dopo avervi
descritto l'accidente di quella sera, ed aver poi di nuovo caldamente
raccomandato a Dio la città, la famiglia e se stesso, il vecchio entrò
nel letto e presto s'addormentò.

Ma sotto quell'istesso tetto, non a tutti riusciva quella notte prender
sonno così subito.

Lamberto, salito nella sua cameruccia che aveva abitata sin da
fanciullo, ed era per lui piena di tante memorie così dolci un tempo,
ed ora così acerbe, chiamò il suo servo che l'ajutasse disarmarsi, e
mentre Maurizio gli veniva prestando i suoi servigi, ogni tanto alzava
gli occhi in viso al padrone, il quale non poteva a meno di non mandare
tratto tratto qualche sospiro. Lo svizzero allora scrollava il capo
soffiando; chè, non parendogli bene d'entrar egli pel primo su quelle
cose che supponeva agitassero l'animo di Lamberto, sperava con cotali
atti di condurlo a cominciar egli in qualche modo; ma quest'arti non
gli riuscivano e già gli avea tratto di dosso l'arnese senza che avesse
mostrato por mente a que' suoi atti, nè profferita parola.

Maurizio allora si poneva ad asciugare e forbire con un panno
l'armadura, che pezzo per pezzo veniva appiccando a certi chiodi fissi
nel muro. Quando fu al pugnale, lo trasse dal fodero per nettar la
lama, ed ora guardandola a striscio di luce per veder ove abbisognasse
di ripulitura, ora strofinandola, osservava pur sott'occhio che viso
facesse Lamberto, il quale si veniva spogliando per entrare in letto,
e stava tutto scuro e malinconico. Vistolo a quel modo non si potè più
tenere, e diceva, senz'alzar gli occhi dal suo lavorío:

--Io sapere tofe starebbe pene questa pella lama!--

--E dove?--domandò Lamberto sorridendo a fior di labbra, chè già mezzo
indovinava la mente di Maurizio.

--Starebbe pene nella putelle di messer Droile.--

--Pazzo! mettila, mettila nel fodero, e vattene a letto.--

--Io anterò. Ma messer Droile hafer fiso di traditore,..... quello non
galantuomo!.... io star pofere soltate, pofere servitore, non potere
parlare... ma questa sera folefa dire «Non pefer fine, messer Lamperte,
non pefere.... Ma io, soggiungeva scrollando il capo con un certo suo
fare curioso, io però non hafer pefute!»--

Lamberto parte sgridandolo, parte ridendo di quella sua tedesca
maniera, e dicendogli che un buon sonno l'avrebbe guarito da' suoi
furori, lo mandò a dormire, ed egli v'andò, ma ripetendo sempre «Io
però non hafer pefute» ed il motivo pel quale tanto gli premeva
stabilire questo fatto lo vedremo poi.

Coricatosi Lamberto, non istette forse mezz'ora, che provando una
smania insopportabile, buttò giù le gambe dal letto, e messosi
indosso un poco di veste andò verso la finestra, ed apertala, si pose
appoggiato co' gomiti sul davanzale a respirare l'aria libera. Quella
vita di sacrificio che s'era promesso di fare, cominciava duramente per
lui. Pensi ognuno come dovea sentirsi il cuore trovandosi in quella
stessa casa d'onde era partito pochi anni innanzi, pieno d'amore e di
speranza, e beato per tante illusioni! vedendosi accanto il terrazzo
medesimo ove Lisa gli avea data quella rosa, troppo fedel simbolo della
sua costanza. Per essa s'era scostato da Laudomia, avea incontrato
fatiche e pericoli, lasciata la madre, (ed era stato per sempre!) per
essa avea negata una parola di conforto a quell'infelice che trovò in
riva al Po, a quella Selvaggia che suo malgrado, tornandogli tratto
tratto alla mente, e ponendovisi a paragone della Lisa, gli facea
dire: «Per qual cagione Iddio perdona egli ogni peccato, e gli uomini
ne perdonano alcuni soltanto? Romper la fede data, tradir patria e
parenti, dovrà trovare scusa e perdono? E non dovrà un'infelice tradita
essa dal padre stesso, e strascinata suo malgrado alla colpa, trovar
più misericordia nè pietà nessuna? Questa, viver vita miserabile tra
gli scherni e gli oltraggi: quella, venir accolta, onorata oramai al
paro d'ogni altra, ed esser contenta e felice?».... Pensare ch'essa
era al piano disotto, in braccio a quello pel quale l'avea così
bruttamente tradito, che bisognava pur sopportarlo, ch'egli avea
dovuto perdonare ad ambedue, costretto da così strane ed improvvise
circostanze, che a riflettervi pareano un sogno! Tutto ciò era peso
soverchio, era troppo amaro calice per Lamberto, il quale non aveva
imparato ancora, che ogn'anno aggiunto alla vita dell'uomo passa
portandone seco una speranza, e lasciando in suo luogo un dolore. Egli
era ancora in quell'età, ove si crede che la felicità sia una cosa
lontana forse e difficile a raggiugnersi, ma però reale, ottenibile,
la condizione ordinaria, per dir così, della vita; e la sventura
invece un'eccezione. Dovendo ora dimenticare il passato, rinunziare
ai disegni, ai desiderj di tant'anni, si consolava pensando «io ebbi
disgrazia, e non seppi guidarmi» e si confortava colla lusinga di poter
meglio ordinare il suo avvenire: i consigli della madre, venerandi
per esso come ordini divini, stimava gl'indicassero la via sicura per
giungere alla felicità, a quella quiete contenta del cuore, dalla quale
si sentiva cotanto lontano. Si volgeva colla mente a Laudomia, ch'egli
sin da fanciullo, come dicemmo, avrebbe amata prima di Lisa, se non gli
fosse parsa troppo alta e divina cosa, nella quale neanche adesso non
avrebbe ardito fermare il pensiero se non gli avessero fatto animo i
conforti materni e le accoglienze di Niccolò; cercava di figurarsi una
vita nuova tutta riempiuta dal suo amore, ma correndo colla fantasia
dietro queste immagini, il cuore pareva arrestato da un ostacolo che
Lamberto stesso non poteva definire, sul quale ripugnava ad arrestare
la riflessione, quasi temesse che esaminandosi nel profondo, potesse
trovarvi cosa che gli troncasse ad un colpo ogni nuova speranza,
distogliendola dall'ubbidire alla madre, facendolo immeritevole
dell'amore angelico di Laudomia.

Era immaginario o reale quest'ostacolo? Qual era? Neppur Lamberto, lo
ripetiamo, avrebbe saputo rispondere a tali questioni; pensi dunque il
lettore, se potremmo rispondervi noi! Ma forse vi risponderà per tutti
il seguito di quest'istoria, ed ora lasciando il giovane ondeggiante
tra suoi dubbj, troviamo gli altri abitatori di casa Lapi, che in
quella notte a nessuno, fuorchè alla Lisa, non mancavan cure moleste e
pensieri pungenti.

Laudomia, dopo aver condotti ed alloggiati gli sposi nella loro camera,
s'era chiusa nella sua, che rimaneva di sotto a quella di Lamberto, e
postasi ad un inginocchiatojo sul quale stava un'immagine di Nostra
Donna, del beato Angelico da Fiesole, pregava tutta raccolta; e dai
pensieri di Dio scendeva a quelli della patria, del padre, della
sorella, implorando per tutti la celeste bontà, e ringraziandola
d'averli salvati dall'ultimo pericolo. A vederla in orazione in atto
composto, colle mani giunte, le palpebre abbassate, tanto pura ed
onesta nel volto, si sarebbe pensato che quello della Vergine fosse
ritratto dal suo. Dopo alcuni minuti s'alzò, e scioltasi la veste, si
trovò presto nel suo lettuccio, tenendo, nel deporre o mutar panni,
tali modi, che nessun occhio, per quanto fosse pudico, vedendola in
quel momento non avrebbe dovuto volgersi altrove, chè il pudore in essa
non era studio, neppur virtù; era natura.

In breve prese sonno, ma non istette molto a venir destata da uno
strepito, che al primo svegliarsi non sapeva d'onde nascesse, tosto
però s'accorse esser passi nella camera di sopra, e naturalmente i
suoi pensieri si volsero a Lamberto, ricordando una ad una tutte le
circostanze che a lui si riferivano sin dalla loro infanzia: fermando
con delizia la mente a quell'epoca ov'egli aveva a lei consacrato il
primo pensiero d'amore: chè Laudomia era modesta, ma al tempo stesso
sagacissima, e s'era allora benissimo accorta qual fosse per lei il
cuore del giovane, quale la cagione che l'impedì di scoprirsi, e come
poi a poco venisse preso dai modi più facili della sorella, alla
quale ella aveva così tosto sacrificato ogni pensiero di sè, solo per
procurarle ciò che stimava la maggiore tra le venture. Ma ora che le
cose eran tanto mutate, le pareva nella serie de' tanti accidenti
avvenuti, scorger come una traccia disposta da Dio per unirla poi
finalmente a quel solo col quale si sentiva di poter esser felice.

Un discorso tenutole da Niccolò la stessa sera dell'arrivo di Lamberto
la raffermava in queste idee, e la persuadeva che le era lecito aprire
il cuore alla nuova speranza. Egli, presala per la mano, quando furon
rimasti soli, le avea detto: «Laudomia, io non ho pensiero che
tanto mi stia a cuore, e tanto mi tenga in travaglio nei rischj di
quest'assedio, quanto quello della tua sicurezza e del tuo bene. Da più
di un anno tu hai rifiutato molti parentadi che ti s'offrivano, assai
onorevoli. Avrai avute le tue ragioni, nelle quali non m'intrometto; ma
ora, lo vedi, io son vecchio, mille pericoli ti circondano; vorrei pur
vederti appoggiata a tal braccio, che ti potesse guidare e difendere.
Io ho pensato a Lamberto per te? Ora sta a te il pensarvi. S'io ti
comandassi di dargli la tua mano, m'ubbidiresti?»

Laudomia, che non confondeva il pudore colla simulazione, gli avea
risposto, arrossita bensì un poco, ma schietta ed ingenua: «Babbo,
v'ubbidirei e ci avrei poco merito.»

Contentissimo Niccolò, veniva d'allora in poi considerando come potesse
condurre a termine questo suo desiderio, e si disponeva, calmata che
fosse l'agitazione che aveva turbato Lamberto al trovar, ritornando,
le cose sue tanto mutate, di muovergliene parola egli stesso. Laudomia
adunque ripensando ora in cuore i disegni del padre, diceva: «beata me
che rifiutai codesti parentadi!» e volgendosi col cuore alla Nostra
Donna di Frate Angelico, che tanto vivamente le raffigurava la divina
madre della purità, la pregava chiamasse sul suo cuore la benedizione
del Cielo, l'accogliesse sotto il suo manto, e sempre la mantenesse
illibata in ogni atto ed in ogni pensiero; e facendo per se queste
preghiere, sentiva di farle al tempo stesso anche per Lamberto, col
quale le pareva ormai aver una vita, un interesse, un desiderio solo.

Con pensieri tanto diversi e lontani da questi quanto lo può esser
l'inferno dal paradiso, l'anima d'un traditore da quella d'un angiolo,
Troilo anch'esso vegliava accanto alla Lisa, che sola, a quell'ora,
trovandosi aver raggiunto il sommo de' suoi desiderj, e stimando la
sua felicità stabilita per sempre, dormiva tranquilla e riposata. Non
sapeva, poveretta, che certi errori, giammai non sfuggono al castigo
neppure nella vita presente! ch'esso indugia talvolta, ma posto da
Dio sulla traccia del reo non la perde più d'occhio, e lo coglie dopo
lunghi anni, quand'egli forse neppur più si ricorda d'averlo meritato!

Troilo intanto, che aveva alle mani troppo diffidi bisogna per potersi
addormentare così al primo, e conosceva necessario pensare e ponderar
molto ogni sua azione nell'arduo passo a cui si trovava, veniva dicendo
tra se stesso: «Eccomi dunque in casa!.... l'entrare è andato benone,
sta a vedere come se n'uscirà!.... corpo di Fra Girolamo e di tutti
i domenicani! che muso ha quel vecchione! me gli sono inginocchiato
davanti come un bambino! questa, per tutti i santi, non l'avrei mai
immaginata. L'avessero a sapere in campo starei fresco, vorrebbero
rider poco! E quell'altro Alberto, Adalberto, che so io.... stava là
ritto ritto che pareva avesse inghiottito il braccio che gli serviva
anni sono, a misurar le rascie, e mi faceva cert'occhi!.... È capace
immaginarsi di mettermi paura! Ora che ha la spada accanto, gli pare
d'esser divenuto qualche gran cosa! e mi ricordo.... quant'anni
saranno?.... che lo vedevo a bottega sul canto di Vacchereccia a
innaspar seta co' fattorini.... ma io dico così che son proprio
commedie!.... Alberto! s'è messo un nome, questo poltrone, come fosse
de' duchi di Brandeburgo! Se non era che mi tocca aver pazienza, quasi
quasi stasera gli insegnavo io.... Gli ho rubata l'innamorata! se
non ha altro con me.... eccola qui, se la venga pure a prendere....
gli ajuterò una mano se gli bisogna, e sopra mercato.... via, muoja
l'avarizia.... gli darò anche quel bambino, che se è vero che i maschi
tengono dalla madre, dovrebbe, quando fosse fatto grande, aver più del
setajuolo che del gentiluomo.»

Così dicendo, volgeva sulla povera Lisa, che gli dormiva accanto col
suo bambino, un'occhiata piena di noja, e della sazietà che provava
omai grandissima di quell'infelice.

Ad alcuno fra' miei lettori, o le mie lettrici, se avrò la fortuna
d'averne, parrà forse impossibile che un cuore umano possa giungere a
tanta perversità. Beati loro! hanno la fortuna di non conoscere tutte
le vergogne della nostra natura!

Proseguendo poi il corso delle medesime idee, soggiungeva: «Dice pur
bene quell'altro di Ferrara, quel poeta....

  Che non v'è soma da portar più grave
  Come aver donna quando a noja s'ave.

Ed io... Dio sa quanto tempo mi toccherà a godermi questo diletto!....
e di giunta, aver sempre sotto i baffi quella sua bella sorellina,
che par un giglio appena sbocciato.... non si potrebbe?... trovar
modo?.... Eh! giudizio, messer Troilo.... che qui non si scherza! non
ci mancherebbe altro, che il vecchio, o que' grugni di lupi manari
de' fratelli se n' avvedessero!.... eppure, a non voler morire di
seccaggine in questo mortorio, bisognerà ajutarsi in qualche modo, e
così, per far ora trovar qualche trastullo.... la cosa è difficile,
è vero... ma alle cose facili, in fatto di donne, Troilo non ci s'è
messo mai.... e se mi riuscisse, m'avrebbe a far di berretto più d'
uno, là in campo; che le figlie di Niccolò de' Lapi son altra maggior
cosa che non quelle loro sguajate di che si vanno vantando tutto
giorno!....Insomma, vedremo! me ne son riuscite dell'altre; fa che
nulla nulla quest'assedio s'allunghi, e col tempo e la pazienza....
e se questi arrabbiati seguitano a dir davvero, come nell'assalto di
stasera, e' ci sarà da spingere.... eppoi, io credo che quando i nostri
saranno in piazza, e' converrà loro mettere il campo sotto questa casa,
a volerla avere.... hai veduto come lavora qui il nostro messere!....
In un baleno, il serraglio, il ponte, la casa piena di picche,
d'archibusi, di balestre, che pareva il mastio di castello al tempo
del sacco[45]. E messer Baccio, che lo vuol vivo nelle mani! bisognerà
discorrer con Niccolò!»

Verso il fine di queste parole il ribaldo avea cominciato a sbadigliare
e stirarsi, chè gli era pur venuto sonno: stette un altro poco
pensando, e ruminando più di tutto sul fatto di Laudomia (che davvero
ci duole figurarci la sua pura immagine dipinta nella mente di questo
sciagurato, ma il raggio del sole si riflette pure nel più sudicio
pantano senza macchiarsi), poi s'acconciò sul guanciale e presto rimase
addormentato.

Non molto dopo, quando mancava un'ora all'incirca al far del giorno,
si destò Niccolò, chè aveva, come accade ai vecchi, il sonno breve, e
l'ebbe quella notte più del solito, non potendo esser tanto padrone
di se stesso che il pensiero d'aver Troilo in casa non gli riuscisse
molesto, e pieno d'indefinibili sospetti: ma quando voleva chiarirne
l'origine, non la sapeva trovare, e si perdeva in mille dubbi, ognun
de' quali era lieve per se stesso, ma tutti insieme uniti si facean
gravi e lo metteano in pensiero. La sua riunione colla Lisa, il ritorno
in Firenze ed alla parte popolare, erano stati coloriti in modo di
togliere ogni adito alla diffidenza, ma i ribaldi, per quanto siano
sottili ed astuti, hanno però sempre in fronte un marchio indelebile,
(Dio ne sia lodato e ringraziato) che in modo più o meno evidente,
li tradisce: e la frode, per quanto s'ingegni coprirsi o celarsi
colle veste della verità e della schiettezza (ci si perdoni la strana
espressione) ha sempre indosso un tanfo che la fa riconoscere: ma poco
giova, chè gli uomini dabbene pel timore d'ingannarsi, e di far torto a
chi fosse innocente, non consentono a questi indizj, cercan prove; ed
il birbone intanto gliela ficca, come pur troppo accadde a Niccolò, il
quale pensando e ripensando ai portamenti di Troilo, non pensava dove
intaccarlo, e dovea ridursi a dire «sarà immaginazione, o forse per
l'odio gli portavo da tanto tempo.... ma non mi finisce di piacere.»

Poi, come animoso, e che non avrebbe temuto di cento uomini, non che
d' uno, soggiungeva: «Alla fine sarà quel che Dio vuole, ed il tempo
chiarirà ogni cosa» e per distogliere la mente da queste angosciose
idee cominciò a vestirsi, chè già a molte chiese veniva suonando l'ave
maria del giorno. Fatta poi la sua preghiera, innanzi alla nicchia ov'
eran le ceneri di Fra Girolamo, accese alla lampada, che v' ardeva
dì e notte, una candela, ravvivo il fuoco del cammino, e sedutosi si
diede a pensare come potesse venir presto a capo del suo disegno di
maritar Laudomia a Lamberto, parendogli, quando ciò gli avvenisse,
aver provveduto, per quanto si poteva in quel tempo, al bene ed alla
salvezza della figliuola. Risolse anzi di non metter tempo in mezzo ed
aprir al giovine l'animo suo quel giorno istesso: stava però in due,
o di parlargli o di scrivergli, prese partilo alla fine di averne
seco ragionamento, stimando così più facile lo scoprire l'intimo de'
suoi pensieri, chè non avrebbe voluto facesse forza in nessun modo al
proprio cuore, spinto forse dal desiderio di compiacerlo.

Intanto a poco a poco s'era fatto giorno, e Niccolò sentiva su in alto
della casa, madonna Fede che andava trafficando per le sue faccende:
fattosi dappiede alla scala, la chiamò, e le disse, che le mandasse
Lamberto, come fosse desto: egli era già in piedi e vestito, onde
scese tosto e si presentò al vecchio, che fattoselo seder vicino, e
guardandolo amorevolmente, dopo alcune parole, come per avviare il
discorso, gli disse:

--Ora ascoltami, Lamberto: Se questa città non fosse in tanto pericolo,
come essa è, o tu non fossi di casa, come tu sei, nè più nè meno
ormai degli altri miei figliuoli, io non sarei mai per dirti cotanto
apertamente quello che ti dirò or ora. Ma questi rovinosi tempi non
comportano indugio, nè con te accade far troppi rigiri di parole, chè
assai ci conosciamo l'un l'altro. Tu sai, ed io non lo dimentico,
l'obbligo grandissimo ch'io ebbi a Piero tuo padre; e ti devi
rammentare, che volendotene dare quella maggior prova ch'io potevo, ed
essendomi avveduto del tuo amore per la Lisa, io ti tenni un giorno tal
discorso da farti conoscere quanto l'avevo caro.

Iddio poi volle tribolare te e me, e le cose sono andate come tu sai.
Ma fatti animo, chè forse è stato pel tuo meglio: che tu meriti altra
donna che codesta pazzarella. Io ti tengo di troppo alto pensare;
perchè io dubiti ti possa esser rimasta in cuore la menoma favilla di
quell'amore che le portasti, dopo i modi ch'ella ha tenuto con te.

Ora dunque, senza allungarla di più, pensa Lamberto, che un'altra
figliuola mi rimane, pensaci: ed insieme sappi, che Niccolò chiuderebbe
gli occhi in pace, se morendo potesse riposarsi nell'idea che
Laudomia non resta sola, e senz'appoggio, in tempi così tristi.... Io
sono schietto con te.... più forse che non si converrebbe ne' casi
ordinarj.... Siilo tu con me,.... non parli tu col padre tuo? con
quello che non avrà bene nè riposo finchè non ti veda contento?--

La commozione di Lamberto, che era venuta sempre crescendo a mano a
mano che Niccolò parlava, non ebbe più misura a queste parole dette in
suono così tenero; gli prese una mano, se la strinse alle labbra, e
rimasto così un momento rispose:

--Oh! pensate s'io non voglio essere schietto con voi!.... e vi dirò
tutto addirittura.... senza neppur ringraziarvi prima come dovrei....--

E qui cominciando da' quei primi tempi, quando avea, ancor fanciullo,
donato a Laudomia l'amor suo, gli facea l'istoria degli affetti, delle
impressioni diverse che avea provate sino al momento del suo ritorno:
dipingeva il rammarico, la terribile angoscia sofferta, pensando a sua
madre; narrava del ragionamento avutone con Fra Zaccaria, della lettera
ch'ella gli avea lasciato, ed aggiungeva:

--Oh sì! Il primo, il sommo de' miei desiderj, la sola speranza ch'io
scorgessi nel futuro, fu tosto di poter ottenere quel bene di che voi
mi parlate. Ma coll'animo in tanta agitazione, tenevo questa speranza
per illusione, ne diffidavo come d'un inganno. Oh! per giungere a
tanto,.... perchè venga meno anco il conforto dello sperare bisogna pur
esser misero! Vedevo difficoltà, ostacoli in tutto.... tremavo d'aprire
di nuovo il cuore a quest'affetto,.... (s'io mi trovassi deluso,
pensavo, sarebbe troppo!....) A quest'affetto che, ora lo conosco, è
stato il primo, il solo della mia vita che mai potrà cancellarsi.... io
credetti averlo volto altrove.... oh, come mi sono ingannato!.... mi
pare ora come se mi destassi da un lungo sonno.... Oh! ma chi può dirsi
degno di Laudomia...? di quell'angiolo! chi potrebbe tanto presumere di
sè da sperarne l'amore!--

Da molto tempo Niccolò non avea provata gioja eguale a quella che
sentiva in questo momento. Le calde parole del giovane gli mostravano
che l'adempimento del suo desiderio non sarebbe costato nè a Laudomia
nè a Lamberto, ed avrebbe anzi stabilita la felicità d'ambedue. Gli
venne sulle labbra di dirgli «consolati dunque ch'ella t'ama» si
rattenne però, frenato da un cotal senso d'alterezza, da un riguardo
per la figlia, che non ardiremo chiamare eccessivo; e pensò: «Ormai
la cosa non può fallire: sarà miglior partito lasciar che s'intendano
tra loro.» Posta di poi una mano sulla fronte al giovane, gli diceva
sorridendo:

--Eh via! ti pare? Un soldato par tuo dubitare tanto di se?... Tutti
due alla fine siete miei figliuoli, non è dovere ch'io favorisca più
l'uno che l'altro, e perciò ti dico: se merita il tuo amore, tu meriti
il suo.--

--Oh, che dite mai! rispose Lamberto scrollando il capo, e rimase
pensoso.

Ma s'egli amava Laudomia, come in effetto l'amava più di quel che sel
pensasse egli stesso, a che rimaner sospeso e pensoso? Se da quello che
ci siamo ingegnati descrivere sin qui sul fatto di Lamberto, ha potuto
il lettore comprenderne l'animo e la natura nobile, e dilicata fino
allo scrupolo, non troverà strani i pensieri che in quel momento lo
combattevano.

Appunto perchè l'amor di Laudomia era il primo ch'egli avesse provato,
il solo che meritasse veramente di riempire un cuore qual era il suo,
e perchè ora risorgeva più possente dopo le vicende che l'avean bensì
represso, ma estinto non mai, stava il valoroso giovane più timoroso di
non avere ad offrirle un cuore tanto puro, tanto immemore d'ogni altro
affetto, quant'ella gli pareva meritare.

Rammentando Selvaggia ed i suoi pietosi casi, si sentiva ancora
commovere sin nel profondo, e questa giusta compassione, degna d'ogni
anima gentile, questa premura (come non sentirla!) che provava per una
infelice che tanto disperatamente s'era abbandonata all'amor suo, il
povero Lamberto le scambiava con affetti d'altro genere, e sospirando
pensava: «Sarei io tanto sciagurato d'offrire a Laudomia un cuore ove
rimanesse vestigio dell'immagine d'una....» e non poteva sostenerne
l'idea nè compiere la frase.

Agitato la sera antecedente da queste angustie non era riuscito a
superarle, nè a distinguere il reale dall'immaginario, chè il giudicare
è incerto ed offuscato quando le passioni sono in tempesta. A questo
punto però la gioja intima ed immensa, provata alle parole di Niccolò,
fu come un raggio che gli rischiarò l'animo, e dovette avvedersi quanto
profondamente vi fosse radicato l'amor di Laudomia. Così dopo un
momento rasserenatosi tutto in viso, si volse a Niccolò che attento lo
guardava non senza maraviglia, e gli disse:

--La troppa opinione appunto che avete di me è quella che mi pone in
pensiero.... ma qualunque io mi sia, meritevole o no della grazia
vostra, voglio che voi mi conosciate meglio.... che sappiate tutto....
mi parrebbe tradirvi se vi tenessi celato un solo pensiero.... voi poi
siate mio giudice....--

Lamberto allora narrando sin dal principio tutto quanto si riferiva a
Selvaggia, apriva interamente il suo cuore a Niccolò, mostrandogliene
con intera schiettezza i dubbj, i timori, gli affetti; ed il vecchio,
che dall'esperienza d'una lunga vita trascorsa tra vicende ed uomini
d'ogni maniera, aveva conosciuto quanto sian rari quelli che in fatto
d'amore e di donne danno retta agli scrupoli, s'avvide quanto gran
tesoro verrebbe a posseder Laudomia divenendo donna di chi pareva
proprio formato da Dio sul di lei stesso modello. E quando il giovane
ebbe posto fine alla sua, si può dir confessione, gli prese il capo tra
le mani, e, baciatolo in fronte con effusione di tenerezza, gli disse:

--Va, che s'io avessi dovuto crearti apposta, per farti sposo di
Laudomia, io non avrei saputo immaginare la metà di quel che tu
vali.... io leggo nel tuo cuore più che non vi leggi tu stesso.... tu
ami Laudomia.... e se di quell'altra sventurata non sentissi pietà
non saresti quel Lamberto che sei... Orsù, sta di buona voglia, e se
saprai (come non ne dubito) rendere a Laudomia accetto il tuo amore,
sappi insieme, che prima di morire potrò aver ancora per cagion tua
un momento di bene, in mezzo a tanti mali che ci minacciano.... chè
io, vedi, non sono ormai per campare un pezzo, ma di ciò non ho un
pensiero, quando sia certo che tu rimani a guardia e a consiglio
di questa mia casa: chè io mi fido di te, più che d'ogni altro,
Lamberto!--



CAPITOLO XXI


Nel dir queste parole Niccolò s'era fatto grave nell'aspetto; rimasto
sopra di se un momento, proseguiva:

--Dacchè siam venuti su questo ragionamento, sappi ch'io fo capitale
di te pel tempo in cui non sarò più di questo mondo. Averardo è
animoso, amante della patria, ma soverchio feroce: ed il furore suole
offuscar la prudenza: Vieri, buon cittadino e valente anch'esso, ma
leggiero: Bindo è fanciullo. Ed ora questo Troilo ci s'aggiunge.,..
io non diffido di lui.... ma egli era Pallesco; i suoi maggiori ed
esso, insino a ieri, furon sempre nemici nostri e di questo stato....
egli è seme di traditori!.... Forse ho io il torto di porre innanzi
cotali sospetti.... A ogni modo m'hai a promettere, che pel futuro, tu,
Lamberto mio, avrai di questa casa e de' miei figliuoli quelle cure
che io ebbi di te fanciullo, e spenderai a loro benefizio il senno e
la prudenza di che per avventura sei fornito meglio di loro. Me lo
prometti, Lamberto?--

--Oh, babbo, ma pensate s'egli accade ch'io vi faccia codesta promessa!
Quel poco ch'io sono, e tutto il bene ch'io ho, non lo tengo forse da
voi e da' vostri..., e potreste dubitare....--

Gli occhi ed il viso del giovane esprimevano tanta passione nel dir
queste parole, che Niccolò riprese tosto:

--Tu dici il vero, non occorron promesse tra noi.... io ti leggo in
cuore, ed ove tu legga altrettanto nel mio, vedrai quanta fede io
riponga in te... se ti parlai a quel modo fu soltanto affinchè le mie
parole ti rimanesser poi sempre più vive e presenti nella memoria.
Ora dunque ascoltami: tieni a mente, che questa casa venne in qualche
riputazione, e si mantenne onorata e sicura attenendosi alla nostra
santa religione ed alla libertà di questo stato popolare; le quali
cose non è possibile che stieno l'una senza l'altra. Religione senza
libertà, non sarà religione, ma frode ed ipocrisia. Cristo re nostro
non morì forse egualmente per tutti? Non volle egli che ci tenessimo
in conto di fratelli? non maledisse forse i violenti, i superbi,
coloro che s'innalzano sulle rovine dei deboli, che occupano il loro
avere, i loro diritti, che li costringono a porre in proprio benefizio
le fatiche e la vita? E quelli che operano in codesto modo chi sono
eglino, se non i nemici della religione ed al tempo stesso della
libertà? Quel che più nuoce poi si è, che queste male operazioni le
cuoprono col manto della fede. Quali furono i portamenti dei Medici
e di tutti i Palleschi? Quale il loro intendimento nell'edificare
conventi, stabilir regole di frati, dotar chiese ed ospedali? Il fatto
l'ha dimostrato.

Libertà poi senza religione, se pur fosse possibile stabilirla, non
potrebbe durare, e saria spenta da qualunque tra' cittadini salisse in
maggior grado degli altri, o per ricchezze, o per potere, o per ingegno
ed astuzia, che non avendo il freno della religione, non sarebbe schivo
dal farsi ingiusto e violento, ed occupar lo stato.

Sia dunque sempre vostro primo pensiero mantenerle ambedue, chè ove
queste sian salve, sarete salvi ancora voi, e non altrimenti.

Ma non i soli Palleschi sono i nemici da temersi. Io veggo serpeggiare
un rumore per la città che mi tiene in sospetto. La setta di Niccolò
Capponi, la setta de' grandi, che vorrebbe ristretto in pochi il
reggimento, se venisse a farsi più potente, potrebbe arrecare a questo
popolo altrettanto danno di quello che si teme da' Palleschi e dai
nemici di fuori. Per ora costoro mostrano tener pel popolo: ma sarà
egli da fidarsi di loro? in ogni tempo, e presso tutti i popoli, i
grandi per nobiltà e ricchezza ebber sempre volto l'animo a ristringer
lo stato, sperando così accrescer codesti beni, o goderne meglio e
più sicuramente; e per questi motivi nelle mutazioni e ne' contrasti
cittadineschi inclinaron sempre piuttosto alla tirannide che alla
libertà. E converrà aver loro gli occhi addosso, Lamberto. Io ne tenni
già ragionamento con questi nostri uomini di stato, e gli ho trovati
nella medesima opinione. Ora ho voluto farne motto anche con te,
affinchè un giorno, quando abbi ad esercitare alcun magistrato (allora,
la Dio grazia, sarà sciolto quest'assedio, la città viverà libera e
felice, ed io non vi sarò più) quando t'avvenisse esser de' rettori
del popolo, ti torni a mente questo ricordo di Niccolò, e lo usi in
beneficio della patria. E sappi, Lamberto, che in popolo omai corrotto,
quale è il nostro pur troppo, le buone leggi ed i buoni ordini poco
giovano, anzi nulla, ove non si vieti ai grandi ed ai ricchi di
ristringersi e far setta tra loro. Che vale in fatti, che ad eleggere
i magistrati, i rettori, e tutti coloro che debbon fare e mantener le
leggi, si richieggano i voti d'uomini liberi, se questi si vendono, e
se i petenti li comprano?

Però, te lo ripeto, guardati da costoro, che sono i più pericolosi
nemici del viver libero, che da principio non si possono frenare perchè
non apertamente colpevoli, ed alla fine perchè troppo potenti.

Nelle parole del vecchio era una tal effusione di confidenza, che
Lamberto, parte maravigliato, parte commosso, non batteva palpebra,
e tutto riverente lo stava ascoltando:, a questo punto però non potè
tenersi di non esclamare:

--Dio mio! se voi foste all'ultim'ora non potreste parlare
altrimenti.... oh! perchè tenermi cotali discorsi? Io non son tale
d'aver mai in Firenze autorità nessuna, ma ciò dovesse pure avvenire
un giorno, avanzerà tempo, la Dio mercè, perchè possiate reggermi ed
ammonirmi al ben fare co' vostri consigli.

--Forse ci avanzerà questo tempo che tu dici: ma ci potrebbe anco venir
meno. Ti voglio a buon conto dar questi ricordi oggi, che più che mai
mi sembri divenuto mio figlio: mio buon Lamberto, lo veggo, t'attristan
le mie parole.... ti fanno il senso d'un'ultima dipartenza, m'è caro
il tuo amore, lo sa Iddio, ma questo è tempo di virili pensieri, non
di deboli affetti; prima o poi tutti dobbiamo andarcene, ed il quando
poco importa: ma assai importa a me che la morte non mi colga tanto
improvviso ch'io non abbia disposto tutto quanto è in poter mio a pro
della città e di questa mia casa. Or va, che Dio ti benedica mille
volte!--

Lamberto uscì dalla camera pieno il cuore di gratitudine, e, se era
possibile, di più alta venerazione per Niccolò; pieno del pensiero
di Laudomia, e formando mille disegni sul modo d'aprirsele una volta
interamente. Non avrebbe tardato un momento a cercar di lei; se non che
giunse in quella l'avviso, che dovesse, ognuno per non so che motivo di
non grave importanza, raccogliersi in piazza sotto il suo gonfalone,
per la qual cosa i giovani di casa i Lapi uscirono, e per tutto quel
giorno più non poteron tornare.

Ma prima di sera Laudomia già s'era trovata da sola a solo col padre,
il quale non le nascose il ragionamento ch'egli avea tenuto con
Lamberto, e, pieno d'allegrezza, la fe' sicura dell'amor suo. Sul
volto di Laudomia apparve una luce di gioja così serena, così pura a
quelle parole, che ben mostrava quanto divina cosa sia l'amore quando
nessuna colpa lo macchia, nessun timore l'attrista, nessun rimorso
lo turba. Essa alzò al cielo gli sguardi umidi, giungendo le mani e
stringendosele al seno in atto tenero e riconoscente, e nel suo cuore
la gratitudine verso Dio, l'amore per Lamberto si fusero in un solo
affetto, ineffabile ed ardente, che per un momento cangiò il di lei
pallore in un leggiero incarnato, mentre con voce tremula disse:

--Povero Lamberto! lo sapevo!--

Niccolò se la strinse al cuore e la baciò in fronte, poi soggiunse:

--Io però non volli scoprirgli quel ch'io t'avevo letto nell'animo, nè
dirgli che tu l'amassi.--

Laudomia gli alzò in viso gli occhi, e, tutta attonita, disse in modo
cotanto ingenuo e candido che mosse il vecchio ad un sorriso:

--Oh, perchè non dirglielo, s'egli è pur così vero? povero Lamberto!
egli l'avrebbe avuto caro.--

--L'avrà più caro assai udendolo dalla tua bocca--rispose Niccolò, poi,
presa una mano della figlia tra le sue, proseguiva con un affetto che
sul suo volto, abitualmente severo, riusciva più commovente:

Laudomia mia, tu sei giunta al passo più grave ed importante della vita
d'una donna. In questa occasione, più che in ogni altra, ti gioverebbe
aver viva tua madre, ma, poveretta! tu l'hai perduta!... dal cielo
almeno ella ti benedica e preghi per te; e s'io non sapessi pienamente
far le sue veci, l'amore grandissimo ch'io ti porto, o meglio forse la
di lei mente, di lassù m'ispirino que' consigli e que' pensieri che
più fanno ora al tuo caso. Tu vedi in quanti pericoli s'avvolga questo
popolo; in giorni più lieti, l'essere sposa ad un uomo come Lamberto ti
prometterebbe una vita piena d'allegrezza. In questi invece io prego
Iddio, ed egli sa con che cuore! di farti contenta, di raccogliere sul
mio capo ogni sventura, purchè s'allontani dal tuo, ma sarà ascoltata
la mia preghiera?.. nei casi dunque che minacciano la nostra città,
armati di fortezza, Laudomia, chè forse e' ti farà mestieri, sta
preparata ad ogni fortuna, e ferma l'animo in modo che tu sappi in
tutte mostrarti degna della tua fede, della tua patria, di quel sangue
che ti corre nelle vene, e ch'io vi trasfusi, la Dio grazia, libero ed
onorato....--

Qui il vecchio si fe' ad un tratto scuro nel volto, serrò le ciglia, ed
alzando il pugno chiuso in atto di minaccia, esclamava:

--Ah, Lisa! Lisa! Se non eri tu, questo vanto sarebbe più pieno!....--

Sentì in quella sulla sua mano gelida il tocco delle labbra tiepide di
Laudomia, vi sentì il caldo d'una stilla di pianto.... ricompose il
volto, e proseguì:

--E per mostrarti degna figliuola di Dio, e di Firenze, può nascer tale
occasione che ti costi assai caro, Laudomia! Il primo tuo pensiero,
il primo tuo affetto tra le creature viventi debb'essere d'or innanzi
Lamberto, ma devi pure ad esso anteporre Iddio e la patria, che in
certo modo fanno una cosa sola, poichè il bene dell'una, non mai va
disgiunto dal volere dell'altro. Pensa, figliuola, che viviamo in tempi
ove per la salute pubblica, quel Lamberto che ami, che sarà presto il
padre dei tuoi figli, il tuo solo sostegno, l'unico conforto che ti
rimanga dopo me, dovrai vederlo cacciarsi tra le ferite e le morti con
occhio sereno! dovrai tu stessa spingerlo ne' maggiori pericoli! pensar
ogni volta che ti lascerà, _sarà forse l'ultima!_ e non piangere, non
dolerti, non tornar troppo agli abbracci, alle carezze, non dirgli
di quelle parole che sgorgan pronte ed impetuose dal cuore in tali
occasioni, ma che scuotono, rendono men sicuro l'ardire, perchè troppo
rammentano le dolcezze della vita quando appunto più importa l'averla
in dispregio.

La patria ne' suoi pericoli assai chiede agli uomini, ma più forse
talvolta alle donne. Agli uni il sangue e la vita propria, alle
altre quella de' loro cari. Gli uni incontran la morte nel fervor
della battaglia, agli occhi de' cittadini e de' nemici, bollenti di
furore, d'amor patrio e di gloria; le povere donne, sole, chiuse nel
silenzio della casa, debbono udir lontano il fragor de' colpi, gli
urli dei combattenti, pensare: in questo punto forse cade il marito,
il padre, il fratello.... tra gli uni e le altre chi ha più mestieri
di fortezza, di sicurtà d'animo?.... Tu piangi, povera Laudomia?....
Non per sbigottirti od affliggerti io ti ho dipinti i cimenti ai quali
sarai posta, ma perchè sappi quali sono i doveri d'una donna: d'una
moglie in una città libera, perchè li pensi, li mediti, conosca quanto
siano sacri ed importanti, fermi l'animo e lo disponga ad adempierli
virtuosamente, e ti sostenga il nobil pensiero, che a mantener la
libertà di un popolo, a produrre azioni grandi e generose, hanno
grandissima forza le donne, purchè sappiano e vogliano usarla; e tu,
son certo, vorrai e saprai.--

--Oh! sì, sì, padre mio.... io non mancherò.... questo mio pianto non è
per poco animo.... sono figliuola vostra. Certo.... non mi vo' far più
brava di quel che sono.... pensar che Iddio mi dona oggi Lamberto.... e
forse domani....--

Qui la voce della giovane fu troncata da un singhiozzo represso, le sue
labbra sporgevano chiuse e tremolanti, finchè riuscì ad aprirle ad un
sorriso dicendo:

--Ma non dubitate di me, babbo! Iddio mi darà forza.... e dacchè voi
tenete pur le donne buone da qualcosa, non sarà Laudomia vostra che
vi torrà di codesta opinione.... già non siamo a questo mondo per
godercela, ma per patire come e quando piace a Dio.--

--Ora hai detto bene, figliuola, che in questa vita la vera, la sola
sapienza, sta non nell'affannarsi col tener dietro ad un fantasma
di felicità, che quanto più s'insegue tanto più s'allontana, ma nel
racchetar l'animo nell'idea del patire. E siccome rassegnarsi a patir
senza compenso è contrario ed impossibile alla nostra natura, chi vuol
trovar quiete quaggiù e regger al peso de' mali che ci opprimono, non
ha altro ajuto se non la speranza d'un compenso futuro. Se questa
speranza sola guidasse gli uomini, il mondo non sarebbe in mano de'
violenti, degli ambiziosi, degli iniqui, e la libertà oppressa presto
risorgerebbe.

--Ma, diceva sorridendo il vecchio, io ti volevo parlare di te, delle
cose tue, ed invece io ragiono di cose di stato! che vuoi? la mia vita
sta presso il suo termine; mi preme il pensiero della patria, e la
mente mi corre, contro mia voglia, talvolta ad esprimer quel solo. A
ogni modo, anco sul fatto tuo, t'ho detto abbastanza e mi sono accorto
che m'hai inteso molto bene. Ora sta di buona voglia, e piaccia a Dio
di non porti a troppo ardui cimenti.--

Questo dialogo era accaduto mentre, come dicemmo, non era in casa se
non Niccolò colle figlie. Lisa, che era in camera col suo bambino, si
vide comparir Laudomia col viso commosso, le palpebre umide: s'avvide
che qualche novità doveva esser nata; l'interrogò premurosa, e seppe
dalla sorella i suoi pensieri, le sue speranze, è tutto quanto, poco
innanzi, aveva discorso col padre. Laudomia parlava coll'affetto caldo
ed espansivo che nasce dal bisogno d'aprirsi con quelli che si amano, e
di metterli a parte delle gioje, de' secreti del cuore, ed era troppo
intenta a ciò che diceva, troppo agitata, ed anco forse troppo ingenua
per avvedersi del senso che le sue parole producevano sull'animo della
sorella.

Lisa la veniva ascoltando con un sorriso ch'ella cercava di rendere
affettuoso e compiacente; sa il lettore che testina avesse costei.
Colta all'improvviso, si sentì punger proprio, come si suoi dire, ove
le doleva, dal pensiero che l'amore di Lamberto era svanito assai più
presto che non era ragionevole, e non era dunque stato quale essa se
l'era figurato e le parea meritare. Quest'idea riusciva doppiamente
dolorosa al suo amor proprio, perchè non potea non iscorgere quanto
abbietto fosse il motivo che la produceva, non v'è maggior dispetto per
i superbi che venir condotti a trovarsi bassi e ridicoli nella propria
opinione, e questo dispetto si dipinse amaro e cocente sul volto di
Lisa. Durò un momento; e Laudomia per fortuna, non se n'avvide, chè la
sorella più per ingannar se stessa, che per ingannarla (almeno così
ci giova sperare per onor suo) le profuse mille espressioni e mille
carezze, passato appena quel primo momento, e facendo ogni opera per
persuadersi ch'ella sentiva grandissima premura per la felicità de'
nuovi sposi, ch'ella era sopra modo contenta di quest'unione, riuscì
alla fine a parere, e fosse ad essere, sincera e naturale nelle sue
dimostrazioni.

A due sorelle, a due giovani, in tali occasioni non mancano le parole:
e qui furon molte; piene di progetti, di disegni, di disposizioni per
l'avvenire, e non le ripeteremo, per l'ottima ragione che al lettore
annojerebbe il leggerle ed a noi lo scriverle.

Si lasciarono alla fine abbracciandosi e rallegrandosi insieme, ed
appena uscì Laudomia, che tornato a casa Troilo salì dalla moglie.

Chi l'avesse veduto per le scale dovea dire, costui del mestiere che
gli tocca fare n'ha proprio piene le tasche. Veniva su lentamente
dondolandosi ad ogni scalino con un fare svogliato, e si strascinava
dietro una grande alabarda, che tenendola impugnata da capo presso il
ferro, veniva col calcio picchiando sul ciglio d'ogni gradino. Giunto
sul pianerottolo, gonfiò a un tratto le gote lasciandone tosto uscire
il fiato, che durò un bel pezzo, tanto s'avea pieni i polmoni, e con
certe ciglia alte ed inarcate, cogli occhi a terra e la testa su una
spalla, canterellando a mezza voce, appiccò ad un chiodo l'alabarda
accanto all'uscio di camera sua, si sfilò una rotella che aveva in
braccio, volle deporla ritta appoggiata al muro, ma sdrucciolò e venne
a terra, senza ch'egli si chinasse per raccoglierla; poi entrò ov'era
la Lisa sforzandosi di fare il miglior viso che potesse, e facendosi
animo col dir tra sè: «Su, Troilo, coraggio; tutta questa seccaggine
non sarà senza premio!»

--Credevo s'uscisse a combattere, disse baciando in fronte la giovane
così a fior di labbra, ma è stata soltanto una rassegna, ed altra
novità non v'è.---

--La c'è bene in casa, invece--rispose Lisa.

--Ed è?--

--Lamberto sposa Laudomia.---

--Ah! eh!.... Come?.... oh! n'ho piacere.--

Poi fissando la Lisa in volto, e conosciuto ottimamente i suoi
pensieri, soggiungeva, godendo d'esercitare la sua cattività naturale:

--Oh, bella davvero!.... Proprio, non l'avrei indovinata!...
Chi avrebbe pensato che costoro s'amassero? Bisogna dire che se
l'intendessero da un pezzo.--

Lisa si morse le labbra, e si strinse nelle spalle; e Troilo avanti:

--Davvero ci ho gusto... che a dirtela, di quel povero Alberto....
Lamberto voglio dire.... me ne sapeva male.... quantunque non avessi
avuto intenzione di fargli dispiacere.... pure ero stato cagione di
disturbargli il suo amore.... e nessuno più di me doveva avergli
compassione, chè io so quanto vale il tesoro ch'egli ha perduto....--

E qui trovandosi alle spalle della Lisa tirò fuori dalla bocca un palmo
di lingua.

--Ora ringrazio Dio ch'io vedo ch'egli non s'è buttato al tutto al
disperato.... ed anche per te n'ho piacere, Lisa mia. Capisco, col tuo
buon cuore doveva esser una spina.... ed ora devi provare un gran
sollievo a vederlo contento, e che ha saputo così ben far uso della
ragione, e consolarsi....--

--Oh! quanto a me son contentissima--- disse Lisa asciutto asciutto.

Troilo se le piantò davanti e, fissandola, disse:

--Eppure, a veder che viso fai, e' parrebbe che fossi tutt'altro che
contenta. Hai forse qualche altra cosa, qualch'altro dispiacere....--

--Io, non ho nulla.... mi pare d'essere come il solito.--

--Oh! come il solito no, Lisa mia. Perchè non dirmi addirittura: «non
te lo voglio dire?» A ogni modo ti si vede in viso il dispetto un
miglio lontano.--

--Ma che dispetto vuoi tu che abbia?.... e con chi?--

--Questo appunto è quello che ti domandavo... chè da me non lo so
indovinare.... ma qualunque cosa sia, mi piace che in questo momento il
veder felice tua sorella, Lamberto consolato e contento, ti dovrebbe
rallegrare in modo da farti scordar ogn'altra cosa.--

Lisa a queste parole, delle quali conosceva la profonda ironia, senza
che le fosse concesso lo sfogo di potervi risponder direttamente, fu
presa da un tal impeto d'impazienza, che battè il piede in terra,
s'alzò, e ripetendo due o tre volte: «Ma se dico che non ho niente!»
alla fine, come i bambini cattivi, si mise a piangere.

Troilo, godendo intieramente di questa scena, che, come diremo or ora,
serviva ai suoi fini, la stava guardando con mostra di grandissima
maraviglia, e badava a dire:

--Io non capisco.... ma che cos'hai? Ma che è accaduto?

--Ma non ho nulla, non è accaduto nulla.... anche tu vieni qui con un
certo viso, mi guardi a un certo modo.... e poi: _che cos'hai.... e di
certo hai qualche cosa.... e non me lo vuoi dire_.... tu mi faresti
uscir de' termini.... ch'ell'è pure una gran noja....--

--Noja! mi piacque la parola! che è quanto dire: levamiti d'innanzi. Se
non vuoi altro, saremo presto d'accordo.--

In così dire volse le spalle alla giovane, che mutata a un tratto, e
sbigottita all'idea d'aver isdegnato quello che pur cotanto amava,
si mosse frettolosa per rattenerlo; ma fu inutile, e Troilo con una
strappata liberò il braccio ch'ella gli avea preso ed in quattro salti
si trovò in istrada. Udito appena il matrimonio di Lamberto, era venuto
in mente allo sciaurato d'impedirlo a ogni modo, chè ove s'eseguisse
andava a monte affatto ogni disegno ch'egli avesse fatto sopra
Laudomia: disegno appena abbozzato, che conosceva benissimo d'assai
difficile esecuzione, ed al quale avrebbe forse potuto rinunciare:
ma vederla ora in mano d'un altro, diede nuova forza al suo malvagio
appetito, presa la cosa in gara, e conoscendo che non era da perder
tempo, seppe profittar dell'occasione per far nascer la contesa colla
moglie, or ora accennata, per la quale l'uscir di casa ed il lasciarla
così tosto sola parve cosa naturale.

Mentre camminava, egli, che non era punto in collera, quantunque
n'avesse fatto le viste, diceva tra se ridendo:

--Quest'amoroso sdegno non lo darei per un fiorino! alla fediddio,
ch'egli non potea venir in miglior punto! Ora, messer Troilo; a noi, a
saperlo usare! Prima di tutto, trovar modo di mandar Lamberto a cento
mila paja di diavoli.... E come? questo, domando io.--

Gli sovvenne in quel punto del Nobili; di quel che gli avea detto circa
la buca di S. Girolamo, del modo di potergli parlar segretamente, e
pensò potersi valer di costui. In pochi minuti fu all'ufficio della
confraternita suddetta, e, dato notizia di sè ad uno di quegli anziani,
che conoscendo Niccolò e la casata sua, avea udito bisbigliare di tutto
quanto era accaduto a quei giorni, ottenne facilmente di venire scritto
tra' fratelli. Pagò que' pochi danari che vi volevano per l'ammissione,
diede la ben entrata allo scaccino, e ricevuto l'abito della compagnia
ne fece un fardelletto, col quale si mosse tutto allegro per
ritornarsene a casa.

In questo frattempo Lamberto cogli altri giovani v'eran già ritornati.
Questi salì in camera, si disarmò frettoloso, parendogli mill'anni
di trovar Laudomia, alla quale, fatto ora mai sicuro e confidente,
ardeva l'aprir una volta il cuore, e rifarsi del lungo silenzio,
dell'incertezze, delle pene sofferte, scese al piano di sotto, non
senza aver prima posto maggior cura del solito onde il suo vestire,
i capelli, la barba, avesser miglior garbo possibile, e persino (già
in certi momenti siam tutti a un modo) gettò nell'uscire di camera un
occhio così alla sfuggita su una spera che era appiccata alla parete,
ma nel punto istesso, fatto accorto di quel suo donnesco pensiero, rise
di sè, e tirò innanzi.

Giunto all'uscio di Laudomia lo trovò socchiuso, picchiò piano piano
chiamandola a nome, chè pure gli batteva il cuore assai bene; siccome
nessuno rispondeva, spinse la porta ed entrò; la camera era vuota.
Quantunque vi fosse stato parecchie volte, gli parve questa la prima,
si sentì correr per le vene un leggier fremito non mai provato sin
allora, e rimase un momento girando intorno lo sguardo sulle pareti,
sul mobile tutto nitido, ordinato e ben disposto, che assai mostrava da
qual gentilmano ne fosse tenuta cura. L'aria della stanza era profumata
d'un certo misto dell'odor de' fiori che ornavano l'immagine della
Vergine, e della fragranza delle biancherie di bucato che coprivano
il letto. La luce del giorno ormai presso all'imbrunire, cadeva
languida sul pavimento sotto le finestre; e la sua tinta azzurrina si
sfumava nel chiarore rossiccio diffuso dalla lampada che ardeva sopra
l'inginocchiatojo.

Lamberto fattovisi dappresso fissava gli sguardi su quella Madonna,
che non gli era mai sembrata di bellezza cotanto divina; considerava
a minuto quel, per dir così, santuario de' pensieri più ascosi della
sua Laudomia, que' fiori, que' libri di preghiere, que' cuscini
che mantenevan l'impronta della persona ne' luoghi ove si soleva
appoggiare. Tutte queste cose, che per ogni altro sarebbero state mute
e senza vita, per esso in quel punto aveano e senso e voce, che dolce e
potente al tempo stesso, gli scendea ne' segreti del cuore.

Tutto immerso ne' suoi appassionati pensieri, Lamberto, quasi
senz'avvedersene, piegò le ginocchia innanzi all'immagine, appoggiando
al cuscino un braccio, sul quale posava la fronte. Le troppe celeri e
potenti vibrazioni del suo cuore si venivan rallentando, e si perdevano
in un indefinibile e placido assopimento dell'intelletto, quando sentì
sulle sue spalle il posarsi d'una mano ed all'orecchio suonarsi dolce
la voce di Laudomia, che gli diceva:

--Tu qui, Lamberto? E per chi preghi?--

Il giovane alzò il capo volgendosi, e che cosa provasse in quel punto,
come rimanesse incontrando lo sguardo di quelle pupille umide che tanto
pietosamente lo guardavano, si può immaginarlo, ma non esprimerlo.
Senza mutar luogo, prese tra le sue mani quella di Laudomia, e
posandovi le labbra tutto tremante, rispose:

--Io veniva per pregar te; e di qual preghiera, e con che cuore, lo sai
Laudomia!--

--Sì, lo so--disse la giovane, ma gli occhi suoi diedero più piena
e più dolce risposta: senz'aggiunger altra parola, s'inginocchiò
anch'essa al fianco di Lamberto, che sempre le teneva la mano, ed
affissati gli occhi nel volto della Nostra Donna, dopo breve silenzio,
diceva:

--Oh, Maria! Se il cuor di Lamberto dovesse venirmi mai tolto, fammi
prima morire!....--

E ambedue tacquero, chè il parlare era impossibile a quel punto, ed
inutile tra due cuori trasfusi a un tratto l'uno nell'altro, colla
rapidità di due fiamme che vengan poste a contatto.

Quando riebbero entrambi, dopo lunga pausa, la facoltà di discernere
e di parlare, Laudomia impotente a reggersi più sulle ginocchia si
lasciò andare su un seggiolone che avea vicino; un appassionato ed
onesto languore le velava gli sguardi, che cadendo teneri e lenti sul
suo caro, pur tuttavia inginocchiato a' suoi piedi, gli narravano la
sua felicità colla sicurtà confidente e ingenua d'un amore innocente.
Pareva ad ambedue esser nati ad una nuova vita, trovarsi in un mondo
diverso, sto per dir quasi, aver mutato natura ed essenza; nessuna
memoria del passato, nessun affanno dell'avvenire; un intendersi
scambievole, senza parlarsi, ed al tempo stesso un bisogno di parlarsi,
e dirsi tratto tratto l'uno all'altra «Ma tutto ciò non è un sogno?....
Ma è proprio vero?» Ed intanto la mano candida di Laudomia sfuggendo ai
troppo ardenti baci del giovane, gli si posava sulla fronte, e facea
debol forza per tenerlo lontano.

Poi, ravviando a poco a poco le idee, e rannodando i pensieri, i
casi della vita passata colla felicità presente, ricordavano mille
inezie della fanciullezza, i primi pensieri, i primi moti del cuore
nell'adolescienza, si chiedevano e davano spiegazioni scambievoli di
parole rimaste oscure, d'atti, di sguardi, e di cento minuzie passate
molt'anni addietro, ma vive sempre e presenti alla memoria del cuore: e
nel tener questi cotanto intimi ragionamenti, Lamberto frammetteva ad
ogni frase nomi d'amore dolcissimi, coi quali chiamava Laudomia in modi
sempre diversi: nomi che non si possono ripetere, profanati come furono
e resi ridicoli dai poeti arcadi, buona memoria, e dagli sciocchi, ma
che perciò non son meno un bisogno, uno sfogo dell'anima quando essa
prova troppo più che non può esprimere colle parole consuete.

--O mia Laudomia, diceva il giovane, mio dolce, mio solo pensiero, tu
ora mi fai accorto del mio errore passato... io, che credevo d'aver
provato che cosa fosse amore!.... Oh! non pensavo mai potesse giungere
a tanto.... vedi.... soltanto un'ora fa, io mi struggevo pensando,
che avea potuto volgermi alla Lisa.... mi parea d'aver fatto troppo
gran torto al tuo amore.... che fu il primo, il solo della mia vita,
ora me n'avvedo degno di un tal nome.... ora conosco che credetti
amar altri.... ma non fu vero.... Oh! quanto mi conforta questo
pensiero.... non fu vero!.... non amai se non te sola, di quell'amore
che sola tu meriti, che solo è tuo, e lo è stato sempre nell'intimo
del cuor mio, e sempre lo sarà finchè viva!.... Ma puoi tu comprender
quanto quest'idea mi ridoni la vita?... Pensar ch'io non son macchiato
di quella colpa che mi faceva indegno dell'amor tuo? Che lo sguardo
celeste della mia Laudomia può scendere su me sereno, il suo pensiero
posarsi sul mio cuore senza cader troppo basso?--



CAPITOLO XXII.


Durante questi ascosi colloquj, s'era fatto notte chiusa, e la
camera rischiarata soltanto dal lumicino della lampada, era in una
semi-oscurità che in tutt'altro momento avrebbe avvertito i due giovani
a provvedersi di maggior lume, ma in quel momento non se n'avvedevano.
La famiglia s'era già radunata al pian terreno nella stanza di Niccolò
per le orazioni della sera, e mancando Lamberto e Laudomia, Vieri
s'era fatto a piè di scala per chiamarli; la sua voce si fece udire, e
risuonò per tutta la casa, ma non all'orecchio de' due chiamati, che
non s'accorsero di nulla, e Vieri, non dandosene maggior pensiero,
ritornò al fuoco cogli altri, mentre Lamberto proseguiva:

--Oh cara! non sai in quanto travaglio vivessi per queste
immaginazioni!.... ora vo' dirti tutto.... chè nulla vi debb'essere in
me che non ti sia palese....-- E qui le narrava di Selvaggia, della
memoria che glie n'era rimasta, della pietà che pur ancor ne sentiva, e
mentre parlava, veniva osservando attento e pauroso, qual impressione
producesser le sue parole sul volto di Laudomia. Quando non gli rimase
nulla ad aggiungere, diceva:

--Ora sai tutto, amor mio. Ti par egli ch'io avessi motivo di tenermi
immeritevole del tuo celeste amore? Ti sembro io degno ancora d'un tuo
pensiero? Oh, non tardar a rispondere, Laudomia mia!--

Ed aspettava coll'ansia d'un reo che dubiti udire la sentenza del capo.

Il viso di Laudomia, sul quale dapprima era apparsa una leggiera nube,
si rasserenò, mentre con un pò di sospiro (forse pensando che il cuor
di Lamberto non sempre era stato di lei sola) rispondeva:

--Dimmi, caro, se codesta donna non fosse stata cotanto vile, se tu
potessi amarla senza vergogna, l'avresti cara più di Laudomia tua?--

Lamberto si cacciò le mani a' capelli non trovando parole per esprimere
l'orrore che provava d'un cotal dubbio, ma l'atto ed il volto dissero
assai, onde la giovane proseguiva:

--Ora dunque, Iddio accetta pure i cuori che prima non eran suoi!
Egli pur si contenta di succedere ad altro amore! Ed io, inferma e
debol creatura, non dovrei contentarmene? Dovrei levar più alte le mie
pretese? Ah no! Lamberto. L'orgoglio mio non giunge a tanta pazzia....
Non mi dolgo del passato, neppur n'avrei motivo.... ma l'avessi anco,
più non vi penso.... Ma l'avvenire! Oh Lamberto! l'avvenire!--

E qui giunse le mani in atto d'umil preghiera, dicendo:

--Vedi, Lamberto, io sono una timida, una debol creatura, che tutta
s'affida all'amor tuo; per esso io saprò trovar forza ed ardire in
ogni caso della vita travagliosa cui ci facciamo incontro, in questi
tempi d'ire e di sangue: nessun pericolo, nessuna sventura potrà mai
ridurmi a tale che tu debba arrossir di me.... tanto promisi a Dio, al
babbo.... e tanto saprò mantenere.... ch'io mi sento d'esser cristiana,
nata d'un popolo libero, e figlia di Niccolò.... Ma, Lamberto, d'una
sola cosa ti prego.... non amar mai che me sola!... io, vedi, mi sento
di poter esser forte contro ogni sventura, ma contro questa!.... oh,
non lo sarei! La vita di noi donne è tutta nel cuore, sai.... Per noi
l'amore non è un trastullo.... non un sollievo da cure maggiori! Quel
cuore che mi donasti è oramai il mio solo tesoro, l'unico mio pensiero;
non rapirmelo, Lamberto, fin che son viva!--

Quel che sentì in cuore il giovane a queste tenerissime parole,
non potè esprimerlo fuorchè baciando mille volte quella mano che,
abbandonata tra le sue, oramai più non gli fuggiva. Dopo un poco,
rialzando a un tratto il capo e cercandosi in seno, ne cavò la lettera
della madre, che sempre avea seco, e, fattala leggere a Laudomia, che
la bagnò di lagrime di tenerezza, la riprese, e disse:

--Tu vedi qual cuore avesse per te la povera mamma mia; tu vedi
com'essa mi benedisse all'ultima ora; ora dunque ascoltami, se mai io
potessi esser tanto sciaurato da farti torto sol d'un pensiero, questa
benedizione si volga....--

Ma non potè finir la parola, chè la mano di Laudomia gli si posò sulle
labbra vietandogli di più parlare.

--Oh! Lamberto, non dir di queste parole, Iddio le riprova.... mi basta
leggerti in cuore.... oh! sì, vi leggo che il nostro amore non finirà
neppure in cielo, ove ci ameremo pur sempre, immersi nell'amor santo di
Lui che ci creò per farci in eterno beati.--

E gli occhi suoi si levarono al cielo con quello sguardo di paradiso,
che nacque talvolta sotto il gentil pennello di Guido Reni.

Stati così un momento, risorse nel cuor di Laudomia il pensiero di
Selvaggia: i suoi rimorsi, la sua miseria l'avean commossa, volle
udirne i casi più a minuto, ed alla fine diceva, quasi sbigottita:

--Oh poveretta!.... oh, che scellerati si trovano!.... che orrende cose
succedono a questo mondo!.... che cosa non ha dovuto soffrire, e non
dovrà forse soffrire ancora quella poverina! Oh! sì... amarti, caro, e
non aver ombra di speranza!.... dev'esser orrendo! Ma almeno si potesse
saper dov'è! rintracciarla, recarle qualche conforto.... farle provare
una volta la dolcezza d'essere amata, se non d'amore, d'affetto,
d'amicizia almeno!--

--Dov'ella sia ora, Dio solo lo sa.... (non lo direi con altri.... ma
con te, Laudomia mia, posso dir tutto....) mi sta in mente ch'ella non
abbia a perder la mia traccia.... che vuoi? s'io non corrisposi al
suo amore, le parlai almeno con riguardo, e mostrandole compassione,
avvezza, come era, a trovarsi sempre tra insulti o scherni, le parve
d'aver una volta incontrato chi avesse viso e viscere d'uomo.--

--Oh, quanto l'avrei caro se la ritrovassi!.... io, vedi, son fatta
così.... saper che la mia felicità rende cotanto infelice una
povera creatura.... mi stringe il cuore... avrei bisogno, in certo
modo, di farmelo perdonare.... di risarcirla in qualche maniera. Oh
Lamberto!.... troviamola! Io le sarò amica! non avrà più a dire che
nessuno al mondo non le ha voluto mai bene!--

--Un angelo come te non c'è neppure in paradiso!--disse Lamberto fuor
di sè, e sulla fronte di Laudomia, soave e puro come il petto d'una
colomba, fu colto dal giovane il primo bacio dell'amore.

Niccolò in quella, vedendo che Lamberto e Laudomia non comparivano,
mezzo s'addette di ciò ch'era dovuto accadere. E per chiarirsi,
rattenne Vieri, che s'era mosso per chiamarli di nuovo, e volle andar
per essi egli stesso. Salì, ed al primo venne all'uscio di Laudomia,
che era socchiuso, tantochè potè entrare senz'esser sentito, udir
l'ultime parole, e veder l'atto di Lamberto.

Fu così contento il buon vecchio vedendo adempirsi il suo maggior
desiderio che, contro la natura sua, posto per un momento sullo
scherzare, fe' risentire i due giovani, ripetendo le parole che
nell'ultimo colloquio gli avea detto Lamberto.

--Oh, io non merito l'amor di costei! Io non son degno dell'amore di
quell'angelo!.... Povero Lamberto! anch'io principio a dubitare non
abbi ragione!--

Poscia, ripreso il suo solito viso, pieno però di dolcissimo affetto,
strinse in un solo abbraccio i due giovani che, sorridenti e parte
arrossiti, si eran levati in piedi, e tenutili così un poco, li trasse
presso l'Immagine, e fattili inginocchiare, pose ad entrambi le mani
sul capo, dicendo:

--Oh, figliuoli miei! voi che foste sempre buoni, ubbidienti; che siete
la dolcezza e l'onore della mia vecchiaja, io vi benedico. Benedico
il vostro amore, i vostri figliuoli sin d'ora, e chi verrà da essi!
Quand'io non sarò più con voi.... e sarà presto.... rammentate Niccolò
padre vostro, ricordate l'amore ch'egli vi portava, la benedizione
ch'egli oggi vi diede, e se volete che Iddio la confermi dal cielo,
amatevi sempre come ora v'amate.... ma prima ancora amate Iddio, la
patria vostra, e così ci verrà concesso alla fine d'esser per sempre
riuniti tutti nella celeste.--

Tacque, nè dai due giovani venne per alcuni minuti profferita parola,
compresi, com'erano, da un senso di religiosa venerazione e di tenera
gratitudine per le parole udite. Alla fine, Niccolò, il primo, si
mosse, dicendo:

--Ora andiamo chè ci aspettano.--E scesi insieme vennero nella sua
camera, ove gli altri individui della famiglia, che avean dalla Lisa
udito che cosa si trattasse, sorridendo, notarono una tinta più
accesa del solito sulle guance di Laudomia, e sul volto di Lamberto,
abitualmente mesto, una cotal effusione d'allegrezza tutta espansiva,
che appariva eguale, e parea ancor più nuova sulla severa fronte del
vecchio. Mentr'egli era uscito per cercar di loro, eran comparsi i
soliti amici che venivan a veglia, e Fanfulla tra gli altri, chè era
ormai fatto di casa come la granata.

Niccolò diede alla brigata la nuova del parentado concluso, e seguirono
gli abbracci, i rallegramenti, gli augurj, la festa insomma che si suol
fare in cotali occasioni. Il contratto venne fissato pel domani a sera
nella chiesa di S. Marco, secondo l'antico costume fiorentino; chè agli
sposi, non meno che al padre, non pareva di frapporre maggior indugio.
Egli disse a tutti quanti eran presenti, che gl'invitava ad un pò di
cenetta, che si sarebbe fatta tornando di chiesa, non quale, diceva,
avrebbe voluto in quest'occasione, ma quale le presenti calamità lo
concedevano. Voltosi a Fra Benedetto da Faenza, lo pregava fosse
contento benedir egli questo matrimonio, che si sarebbe fatto tra tre
giorni nella chiesa medesima.

--Oh Lisa! Che n'è di Troilo, che non è qui stasera?--disse volgendosi
alla figlia che stava lavorando presso una tavola in disparte.

Lisa rispose, ch'egli s'era scritto quel giorno stesso alla buca di S.
Girolamo, e v'era andato, nè potrebbe ritornare che sul tardi.

--Bene sta--disse Niccolò, che non era in quel momento disposto a dar
ascolto a sospetti, nè inclinato a male interpretazioni, e godendosi
nell'allegrezza di trovarsi fra suoi cari, in quel momento non pensò
più a Troilo, nè ad altro, e così venne passando quella sera.

Ma Troilo pur troppo pensava bene a loro.

Ritornando a casa con quel suo fardelletto, e rimessosi in buona colla
moglie, che, poveretta! era rimasta tutta sbigottita ed in grandissimo
travaglio, dandosi tutta la colpa di quel bisticcio, il primo nato fra
loro dacchè erano insieme, aspettò che imbrunisse, e messosi indosso
l'abito di fratello si mosse verso porta S. Gallo, ov'era l'oratorio
della confraternita. Giuntovi, e fattosi conoscere alla porta
dall'anziano di guardia, fu messo dentro, e scese per molti gradini in
una chiesuola, che per esser sotterra veniva chiamata buca. Si trovò
sotto una vôlta bassa, lunga, partita in croce da grosse e rilevate
spine di pietra rozza ed affumicata dal lungo arder delle torce. Il
pavimento di lastre larghe, era sparso d'avelli, sui quali stavan
scolpite l'effigie di guerrieri, di cittadini, vestiti con lunghe
tonache, ed il basso rilievo era quasi spianato pel lungo stropiccio
de' piedi. Sull'altare, in fondo, ardevan alcune candele dinanzi
all'immagine di S. Girolamo, dipinta su un trittico d'antica maniera,
tutto pieno di dorature e d'intagli: e moltissimi voti che, secondo
l'uso del tempo, consistevano in fantocci grandi al vero rappresentanti
figure di divoti d'ambo i sessi coi loro abiti al naturale, pendevan
nel vano appiccati alla vôlta. Questa popolazione aerea, simile in
tutto, fuorchè nel moto, a quella che le stava sotto i piedi, avea
un non so che di strano, e, vista in massa scura contro il chiarore
dell'altare, pareano fantasmi evocati dalle sottoposte tombe. Voci
basse e nasali e strascinate cantavan le ore canoniche dietro l'altare,
e per la chiesa, inginocchiati muro muro contro una spalliera di legno,
oravano molti fratelli chiusi nell'abito, e colla buffa calata sugli
occhi.

A Troilo, avvezzo ai balli, alle cene, ai sollazzi d'ogni maniera, e
che ai suoi giorni non era stato forse dieci volte in chiesa, parve
proprio, scendendo quivi, d'essersi calato in sepoltura. Venne avanti
con riguardo di non sdrucciolare, chè il pavimento era grommato d'una
muffa umidiccia, a modo delle cantine, e, fermatosi, diceva guardandosi
intorno:

--A pensar che per andar in paradiso e' convien pigliare questa razza
di scorciatoje!... Pazienza!.... anche questa tocca a te, messer
Troilo!.... Ah, Baccio cane!... ci rivedremo, se piace a Dio!... E ora,
come si fa a riconoscere quel poltrone di messer Benedetto in mezzo a
que' sacchi di carbone tutti compagni?.... Lasciami un pò guardare....
Quello costà tutto rannicchiato che par che covi?... Sì.... le zucche
marine!.... è più alto un braccio... Oh! quell'altro là con quel
groppone trionfale, come un cavallo da giostra?.... È lui senz'altro.--

Fattosegli dappresso s'inginocchiò al suo fianco, e, dato e ricevuto il
segno combinato fra loro, trovò ch'egli s'era apposto, e cominciarono a
voce bassa a bisbigliare insieme. Troilo, per ottenere più sicuramente
e più presto il suo intento, venne al primo a mezza spada, e, senza
preamboli, disse a messer Benedetto, che in nessun modo egli non si
sentiva più di rimanere in Firenze a far quella vita di frate, ch'era
una seccaggine, che non sarebbe stato vivo dopo una settimana, e però
ne facesse avvertito messer Baccio, ch'egli si voleva partire a ogni
modo.

E messer Benedetto, a dirgliene quante sapeva per persuaderlo, e fargli
mutar proposito, e l'altro sempre più duro: pure, alla fine, dopo molto
disputare, si lasciò fuggir di bocca, ch'egli si sarebbe contentato di
rimanere, ma ad un patto «Qualunque sia, purchè cosa fattibile, vi sarà
accordato» rispose tosto il Nobili.

--Ora dunque ascoltatemi, disse Troilo. Voi vi avete ad adoperare in
modo col sig. Malatesta che dentro domani Lamberto, quell'uomo d'arme
della compagnia del signor Amico d'Arsoli, che è alloggiato in casa di
Niccolò, sia mandato fuor di Firenze colle bande di contado, o dove
vogliono, chè poco m'importa, purchè mi si levi d'innanzi.--

--Se non vuoi altro, figliuolo, e' sarà subito fatto,--rispose il
Nobili cui parve averne bonissimo mercato.

--Anzi, proseguiva, mi vien in mente, dacchè siamo mascherati a questo
modo, la meglio sarà che andiamo insieme da Malatesta, come sia finito
l'uffizio. Ora taci, e fatti in costà per non dar sospetto.--

Troilo, tutto contento, si rise in cuore della costui sciocchezza, nel
credere avesse intenzione daddovero di torsi da un'impresa alla quale
cominciava invece a prender gusto: e tiratosi un po' lontano si pose
il capo fra le mani, fingendo di pregare, e ruminando invece le sue
ribalderie.

Passò così un pajo d'ore, che per la posizione incomoda, e pel dolor
delle rotelle, cui toccava per la prima volta di portar tutto il peso
del corpo, gli parvero quattr'ore almeno. Alla fine s'accorse che le
candele dell'altare si spegneano una ad una. Alzò il capo, e vista
scomparir l'ultima fiamma sotto lo spegnitojo, rimase nelle tenebre, se
non che, dietro l'altare, un lumicino mandava appena un debole albore.

S'accorse allora come d'un'ombra, che andando in volta lungo il muro
si fermava, ed ogni fratello facendo l'atto di porgerli non so che, si
fece più presso a messer Benedetto per domandargli che volesse dire
codesto, quando, giunto a lui l'uomo che andava in giro, gli pose in
mano un certo negozio di legno lungo due palmi, che allo scuro non
potè conoscer che cosa fosse: ma al tatto, sentendo certe funicelle
a nodi che pendevano dall'un dei capi, scoprì d'aver fra le mani una
disciplina.

Fu per lanciarla dietro a quello che glien'avea fatto dono, pure si
trattenne; ed il Nobili, che lo tenea d'occhio, gli disse sottovoce:
«Fa come fo io.» Troilo badava a guardare: vide messer Benedetto che,
spogliatisi uno ad uno tutti i panni sopra la cintura, rimase colle
braccia e le spalle nude, e presa la disciplina cominciò a battersi, e,
si può credere, con più strepito che danno, e tutti gli altri fratelli
facendo lo stesso venivano intanto recitando il _Miserere_.

Troilo si sentì montar una tale stizza d'essersi lasciato cogliere a
questa baratta, della quale messer Benedetto non gli avea fatto parola,
che, presa la disciplina, senza spogliarsi altrimenti, disse: «ora me
la paghi senza aspettar domani.» E datosi a picchiare all'impazzata per
le panche e pei muri, n'appoggiò un pajo delle cattive sulle spalle di
messer Benedetto, che lo fecero accorto quanta differenza passi dal far
la disciplina colle proprie mani, o con quelle d'altri. Il percosso
si volse come una vipera, e Troilo, ridendo sotto i baffi, si scusò
sull'oscurità e sulla poca pratica ch'egli avea di cotali esercizj.

Alla fine, verso le quattr'ore di notte, dato fine all'uffizio ed al
picchiare, cominciarono i fratelli a partirsi alla sfilata; e quando
la chiesa fu vuota anche i nostri due ribaldi, risaliti in istrada,
s'avviarono verso il palazzo di Malatesta al Renajo dei Serristori.

Giacchè ci è dato di fornire d'un salto, ed in un attimo, quella
strada, che per costoro richiese una mezz'ora di tempo e di molti
passi, li precederemo col nostro lettore alla meta della loro via, e
ci poseremo, aspettandoli, in certe camerette a pian terreno, delle
quali, per una scaletta segreta, si comunicava colla stanza da letto
di Malatesta, abitate da maestro Barlaam, suo medico ed astrologo, del
quale speriamo non si sia dimenticato il lettore, quantunque da un
pezzo non glien'abbiamo fatto parola. Un ospite nuovo, già comparso
esso pure nel nostro racconto, s'era presentato ventiquattr'ore innanzi
in questo quartiere: ma prima d'occuparci de' suoi fatti presenti, è
necessario riempire la lacuna che lasciammo nel racconto de' suoi casi
passati.

Quando Selvaggia, dalla prora della galera di D. Ugo di Moncada, ove
combatteva per difender Lamberto, fu travolta nel mare ferita e mal
condotta, (il lettore l'avrà, senza dubbio riconosciuta in quel soldato
dal morione) dopo la prima impressione del freddo dell'acqua, non sentì
più nulla, perdè la memoria ed i sensi; e quando rinvenne, si trovò
racchiusa in un luogo oscuro, angusto e fetente, stesa sulla paglia e
stivata tra feriti e moribondi. Le venne in mente d'esser uscita dal
mondo e trovarsi nelle pene dell'inferno: ma raccolte a poco a poco le
forze mentali, ed ascoltando il rumore sordo e confuso che si faceva
sopra il suo capo di passi risuonanti su un tavolato, e lo strepito
a scosse uguali e prolungate, prodotto dall'andar e tornar de' remi,
s'accorse d'esser nel fondo d'una galera, le ritornò la memoria della
passata battaglia, ed obbliando il suo stato, le sue ferite, gli acuti
dolori che soffriva, corse colla mente a Lamberto, e disse sospirando:

--Oh! me l'avranno ammazzato!....--

La ferrea tempra di questa donna non potè stare contro un tal pensiero:
poveretta! si mise a piangere come un bambino. Dopo aver pianto un
pezzo, diceva fra sè, in un momento di terribile disperazione:

--Come deve essere spietato!... astuto!.... quel demonio che da
quando nacqui mi è sempre stato sopra accanito!.... e mi seguita
dappertutto!.... in pace.... in guerra.... fin nel profondo del
mare.... non c'è modo a fuggirlo!.... Ma io voleva morire questa
volta.... domandavo tanto? Morire!.... ma per Lamberto, ma per
salvargli la vita.... Oh sì!... appunto! anche questa era troppa gioja
per Selvaggia! Una gioja!.... una che è una! non l'ha da provare....
mai.... mai! Ma chi sono io? diceva alla fine dando in uno scoppio
di pianto dirotto e sconsolato. Chi sono io?.... sono un serpe? una
fiera?... Che cosa ho fatto prima di nascere? che delitto commisi?...
T'ho io pregato di mettermi a questo mondo, Dio terribile che mi
creasti?....--

Queste tremende smanie, aumentando i mali fisici di Selvaggia, la
spinsero di nuovo nel primo letargo: vi stette, immemore di sè e de'
suoi dolori, Dio sa quanto tempo! Ritornandole poi l'uso de' sensi,
si vide un cappuccino inginocchiato accanto, che le andava bagnando
le tempie d'aceto. Penò un pezzo a poter parlare; appena le riuscì di
farsi intendere, domandò:

--Dove siamo?--

--Sulla santa Marta, figliuolo, rispose il buon frate, nell'acque di M.
Cristo, e diretti a Gaeta.--

--Oh! ditemi, soggiungeva ansiosa facendo forza di sollevar il capo: la
capitana spagnuola?.... sulla quale si combatteva quando fui rovesciato
in mare?--

--A picco, figliuolo; che Dio abbia in pace tante povere anime.--

--Ed anche lui?... anche Lamberto?.... anche quel bravo giovane?....
quello che tutti gli uccideva lui solo.... Oh! ditemelo? anch'esso?--

--Che volete ch'io sappia? non so di chi mi vogliate parlare, ne son
morti tanti! che a saper il nome di tutti ci vuol altro! Quel che posso
dirvi è, che la galera cadde sul fianco, chè una cannonata l'avea
sfondata sott'acqua.... e quanto dir un'avemmaria, la bandiera di
Spagna, che stava in cima all'albero maestro, scomparve nel mare.--

--Oh! me l'hanno ammazzato!--ripetè due volte l'infelice con voce
debole e profonda, e rimase muta, immobile, senza mostrar di udire o di
curare nè i conforti, nè gli ajuti del frate.

Giunta la galera a Gaeta, tenuta allora pei Francesi, vennero sbarcati
i feriti, e Selvaggia cogli altri, ed ammucchiati in certi magazzini,
sudici, malsani, del porto. Se il lettore ha veduto (e se non l'ha
veduto, meglio per lui!) un ospedal militare in tempo di guerra, se
il suo piede ha calcato la paglia trita e fetida che serve di letto a
centinaja di feriti, ravvolti in tutte le sozzure della miseria, egli
può farsi un'idea dell'orribil luogo nel quale fu ridotta la poveretta,
e tenga a calcolo che, trecento anni sono, cotali ospedali eran di
molto peggiori de' nostri.

Parrebbe che la natura, formando certe esistenze d'uomini predestinate
al patire, avesse cura (più crudele forse che provida) di rafforzarle
con una complessione ad ogni prova: al modo istesso che, il costruttor
di navi, ricuopre di rame, e rende più validi i fianchi di quelle
destinate ad affrontar le tempeste ed i ghiacci del polo.

Una tal complessione avea sortito Selvaggia, ed i dolori, le malattie,
gli stenti ne' quali venne languendo per più d'un anno, non valsero a
torla di vita. Non del tutto chiuse, dopo alcuni mesi, le sue ferite,
fu levata a braccia (chè in piedi non potea stare) dalla paglia
dell'ospedale per dar luogo ad altri feriti, e lasciata sul lastrico
d'una strada, ove sarebbe morta di fame, se da caritatevoli persone
non fosse stata raccolta, e soccorsa, finchè a gran pena, e dopo molto
tempo, non potè riacquistar forza e salute.

Finchè avea tenuto per certo di dover morire, l'idea di lasciar la vita
senza riveder Lamberto, senza saper più nulla di lui, avea reso più
grave e disperato il suo male: ma appena sentì rinascersi le forze,
appena le tornò in cuore un pò di vita, riprese la speranza ch'egli
non fosse morto nella battaglia, che le potesse riuscire ancora di
ritrovarlo, e questa speranza fu per essa la miglior medicina.

Per quanto cercasse informarsi dai soldati, dai viandanti che passavan
di Gaeta, giammai le venne fatto d'udir parola che la togliesse a
tanta incertezza, o le potesse dar indizio dove fosse capitato: e
quando qualcun di nuovo le veniva innanzi, e dopo averlo interrogato si
trovava un'altra volta delusa nelle sue speranze, la poveretta ripetea
sospirando:

--Me l'hanno ammazzato!....--

Alla fine, sentendosi forte assai bene, tolse una mattina commiato
da chi tanto amorevolmente l'aveva soccorsa, e sola, a piede, con un
bastoncello, e senz'altro bene che que' pochi panni che aveva indosso,
e certi danari donatile da que' suoi benefattori, prese animosa per le
gole d'Itri la via di Roma. Avea udito dell'assedio che s'era stretto
intorno a Firenze. «S'egli è vivo, vi sarà anch'esso» diceva «s'egli
non v'è.... sarà segno ch'io posso oramai uscir di vita.... ma almeno
morrò ov'egli è nato, sull'uscio di casa sua.... questa consolazione
almeno me la lasceranno?.... Oh Dio! fa che non passi allora qualcuno
che mi riconosca e dica: costei è Selvaggia la cortigiana, che forse
sarei cacciata anche di là....»--

In cotali pensieri, variando continuamente supposizioni e progetti,
veniva camminando tacita e sola. Le due prime giornate fece di molte
miglia, poi le sue ferite le principiarono di nuovo a dolere, e dovette
riposarsi a lungo e più sovente. Passò Terracina, le paludi, i colli di
Velletri e d'Albano, battuta ora dalle piogge d'autunno, ora sfinita
dalla stanchezza, ora trafitte le membra da acuti dolori, ma sempre
soccorsa dalla speranza, portata dal desiderio di Firenze, ove dovea
trovar fine alla lunga e travagliosa incertezza. Dopo dieci giorni di
viaggio entrò una sera in Roma per porta S. Giovanni. Vi si trattenne
alcuni giorni per riprender un po' di forza, e poi di nuovo avanti, e
per Viterbo, Radicofani e Siena, dopo un mese, dacchè avea lasciato
Gaeta, giunse finalmente alle porte di Firenze.

Entrata in porta S. Gallo (avea dovuto, lasciando la via diritta,
condursi quivi per un lungo circuito, onde evitare il campo imperiale),
si buttò a giacere sotto la vôlta stessa della porta, non tanto
per riposarsi, chè la sua ferrea complessione s'era più che altro
rafforzata nelle fatiche del viaggio, quanto per pensar al modo di
trovar Lamberto, chè in una città così vasta, ove non era mai stata,
piena di tanti soldati e tanto popolo, conosceva la cosa non molto
agevole. Egli è soldato, pensava; dunque, chiedendo del capitano che
comanda le milizie, di ragione, dovrei poterlo scoprire. Appiccato
ragionamento con alcuni di que' gabellieri, le fu detto che il capitano
de' Fiorentini era il sig. Malatesta Baglioni, signore di Perugia.

Si scosse a questo nome, e n'avea motivo, come vedremo più innanzi.
Rimase pensosa un pezzo; diceva alla fine: «Egli avrà seco mio
padre!... Mio padre qui?... e posso vederlo fra pochi momenti!»

E stette ancora un buon poco battagliando con sè stessa: poi a un
tratto alzandosi risoluta, disse: «Sarà forse pel mio meglio. Andiamo.»
E domandando agli uni e agli altri la sua via, giunse, che già era
fatto notte, al portone de' Serristori.

Maestro Barlaam frattanto era solo nel suo scrittojo, che dovremmo
piuttosto chiamare officina, essendo il luogo ove, coll'ajuto di due
fornelli e di gran quantità di pentole, alberelli, lambicchi e storte
componeva rimedii, stillava acque, che mantenevano o dovean mantenere
la vacillante salute del suo padrone. Il magro e misero carcame del
vecchio ebreo era avvolto nella classica _vesta da camera_, o robbone
di velluto logoro, foderato di pellicce; senza il quale, grazie ai
pittori e narratori di storie che ci precedettero, è impossibile di
figurarsi l'alchimista.

Egli aveva tutti i vizj delle razze lungamente perseguitate, ed insieme
quelle doti, direi quasi virtù, che loro concede la natura, onde
non rimangano affatto senza difesa contro i loro oppressori: avaro,
astutissimo, incapace di provar mai in nessun'occasione, o per chi si
sia, il senso della pietà e della compassione, senz'altra cura che di
sè stesso, senz'altra mira che il proprio interesse. Ma questo medesimo
concentrarsi di tutte le facoltà morali nelle stretta periferia
del suo solo individuo, l'avean dotato d'una mirabile rapidità di
concetto nell'ordire i suoi disegni, d'una tenacità imperturbabile
nell'eseguirli, e d'una prudenza calcolatrice, dissimulata e paziente
per rivolgere e guidare a' suoi fini gli uomini coi quali si trovava
aver che fare. La sua mente fredda, e lucidissima insieme, potea
paragonarsi ad una scacchiera, sulla quale le mosse sien rare,
ponderate, frutto d'un disegno impenetrabile e sicuro.

In tempi ove gli agi, i comodi, la sicurezza della vita erano il
frutto per lo più della nascita, dell'ardire e della forza materiale,
egli, privo di tutti questi doni, figlio, per soprappiù, d'una razza
sprezzata e maladetta, avea saputo coll'ingegno e coll'astuzia
procurarsi quei beni, che per altre vie gli venivan ricusati dalla
condizione sociale d'allora. Egli era giunto a sottomettersi Malatesta;
ed all'ombra della sua potenza viveva vilmente, è vero, ma ricco e
sicuro. Un momento di sdegno, un capriccio del suo padrone, potea però
fargli perder tutto, e la vita insieme: chè l'ebreo ben sapeva di non
essere amato, e che quelle carezze, que' riguardi che gli si usavano,
eran soltanto perchè si credeva non poter far senza di lui.

Conosceva Malatesta inclinato al sospetto, terribile nell'ira,
implacabile soprattutto nella vendetta; e, continuo studio della sua
vita era il mantener saldi ed interi i fili della rete in cui lo tenea
avviluppato, far che non se n'avvedesse, e lo tenesse invece per
servitore leale, affezionato, ed incapace mai di usar seco simulazione
o tradimento.

Mentr'egli seduto ad una tavola leggeva un Averoe manoscritto in carta
pecora, al lume d'una piccola lucerna, s'alzò la portiera dell'uscio
che metteva in cortile, ed un soldato entrando, disse:

--Maestro, v'è fuori un giovane che cerca di voi.--

E prima che il vecchio avesse tempo a rispondere, entrò Selvaggia, si
fermò sull'uscio, ed il soldato se n'andò pe' fatti suoi.

--Chi siete voi?--disse Barlaam stringendo le ciglia, e mettendo la
mano scarna tra i suoi occhi e la fiammella della lucerna per veder
meglio chi tanto sicuramente entrava senz'ambasciata.

Selvaggia soprastette un momento a rispondere. Provava un' indicibile
passione alla vista di chi era prima e scellerata origine di tutte le
sue sventure. Pure, venuta avanti lenta lenta, ed appoggiate le mani
alla tavola si lasciò guardare un momento, poi con sorriso amaro diceva:

--Ho mutato viso eh? dacchè m'avete venduta.... e con quello che ho al
presente sarei cattiva merce....--

Il vecchio allora la raffigurò, e senza che si potesse, dalla sua voce,
dal volto, da gesto nessuno trarre il menomo indizio dell'impressione
prodotta in lui da questa comparsa improvvisa, disse con impassibile
tranquillità:

--Ah!.... sei tu Selvaggia?

La giovane allora punta dalla freddezza di questo sciagurato, alzò
la fronte, intrecciò le braccia sul petto, e riprese con voce e modo
risoluto:

--Sì, son io. Ora ascoltatemi, maestro Barlaam: in tutti i giorni,
in tutte le ore trascorse in questi anni passati dal momento che mi
lasciaste sola quella notte.... in quella stanza con colui.... non v'è
mai nato in mente il pensiero «Dio m'avea data una figlia! Che n'ho
io fatto?» Non v'è mai accaduto essere destato nel sonno dalla sua
immagine? Non l'avete veduta vituperata, schernita, coperta d'oltraggi,
raminga di terra in terra? Non v'è mai venuto in mente il dubbio....
essa forse è nuda, forse ha fame, forse giace inferma, e non ha chi le
porga un sorso d'acqua? chi l'ajuti? ditemi, non l'avete provato mai un
momento di rimorso pensando agli immeritati dolori ch'essa soffriva per
cagion vostra?--

Selvaggia tacque un momento aspettando risposta, ma visto che il
padre, immobile ed impassibile, cogli occhi sul suo manoscritto, non
dava segno nessuno di voler parlare, proseguiva con passione sempre
crescente:

--E questa miseria, questi mali ch'io v'ho enumerati, credete voi che
siano stati i soli o i peggiori? Non vi nacque mai il sospetto, che
quest'infelice che voi condannavi al delitto, alla vergogna, avesse
forse invece sortito dalla natura un anima sdegnosa d'ogni viltà, un
cuore capace di virtù e d'amore? Che quest'amore potesse divenire un
giorno un bisogno per essa come l'aria che si respira? Che diventasse
il suo pensiero incessante, la sua vita, l'unico ed ardentissimo
suo desiderio? Che si trovasse per cagion vostra, incapace, indegna
d'ottenerlo, e morisse disperata maledicendovi? Ditemi.... non vi venne
mai questo pensiero?.... movetevi.... rispondetemi, per Dio!....--gridò
forsennata percuotendo sulla tavola co' pugni serrati.

--Io credo che tu abbi il diavolo addosso! disse il maestro arretrando
un poco il suo seggiolone, e mezzo insospettito non volesse costei
manometterlo. Simulando tuttavia sicurezza, proseguiva:

--Dimmi un poco, Selvaggia, chi credevi tu d'essere? la figlia di
qualche principe? Non lo sai che sei nata in terra di cristiani da
un ebreo mendico? che i ricchi, i signori hanno più stima de' loro
bracchi che de' figli della nostra razza? che questa vergogna che tu
vai dicendo non la potevi fuggire e v'eri destinata dall'utero di tua
madre? E perchè vivessi almeno negli agi io t'avevo data a chi ti
poteva far ricca e felice? E se tu non hai saputo governarti, se ti sei
fatta cacciar via, che colpa n'ho io? e che cosa vieni a rompermi il
capo con queste tue novellate e questi tuoi furori?--

--E chi v'avea detto ch'io avessi bisogno di viver negli agi? Chi
v'aveva domandato tesori? Non v'è altro bene che l'oro a questo mondo?--

--Orsù, Selvaggia, se tu seguiti a far la pazza a questo modo, con
un fischio fo venir qui quattro soldati che ti mettano in istrada, e
quando avrò detto ch'io non so chi tu sia, avrò detto tutto. Se invece
vorrai prender la buona via.... Se t'occorron danari....--

Ed un pronunziar più lento di quest'ultima frase lasciò conoscere
quanto costasse al vecchio avaro.

--Io non venni qui per danari, seguitava a gridar la Selvaggia,
mostrando nella voce e nella guardatura un'esaltazione sempre maggiore;
venni qui perchè ho l'inferno nel cuore.... perch'io non posso viver
senz'esso, perchè vo' rivederlo ad ogni costo... perchè spero ancora,
prima ch'io muoja, di trovar un cuore che non sia per me di bronzo!....
amore! oh, lo so, non è per la povera Selvaggia!.... Ma un po'
d'affetto.... oh! l'otterrò s'io ritrovo Lamberto....--

--Oh, insomma, disse Barlaam risoluto, stendendo la mano verso un
fischietto d'ottone che era sulla tavola, io non t'intendo....--

Selvaggia afferrò quella mano, e mutando a un tratto l'espressione,
quasi feroce, della sua fisonomia, disse con fredda e sinistra ironia:

--Non m'intendete? aspettate un momento, che io vi parlerò una lingua
che intenderete.... Se vi serve la memoria! (e fate che vi serva, chè
v'importa!) vi ricorderete che prima di vendermi a quell'uomo che
poi m'ebbe là in quel castello del Friuli.... m'avevate promessa a
Malatesta.... soldato allora de' Veneziani... egli era sui principii
e non troppo ricco... ed il prezzo ch'egli potea darvi era minore di
quello offertovi da quell'altro... però all'altro mi desti, facendo
credere a Malatesta ch'io fossi stata rapita da certi soldati. Non
credevi eh? che ne sapessi tanto?.... voi ora direte ch'io non ho prove
per convincerlo del vostro inganno... ma qui sta il vostro errore....
voi non foste avveduto, maestro! nella fretta, e pel timore non vi
fuggisse di mano il vantaggioso mercato, voi scriveste un foglio al mio
compratore, dicendogli come stava la cosa, e pregandolo fosse contento
tenermi nascosta finchè Malatesta si fosse partito colla compagnia da
que' contorni, e così fu fatto.... Malatesta non seppe, nè sospettò
di nulla, ed anzi, salito poi a maggior fortuna, v'accettò fra suoi
famigliari, e vi fece ricco come siete al presente. Questo foglio
vivendo io libera e sciolta nella casa di costui, lo trovai un giorno,
e mi parve cosa che meritasse di esser serbata.... non pensando però
mai dovesse venire un tempo che m'avesse a servir tanto.... io l'ho
con me, maestro! ed affinchè non crediate che io mi vanti, vedete s'è
vero.--

In così dire si trasse di seno il foglio e lo squadernò agli occhi del
vecchio rimasto atterrato a quella vista.

Ben sapeva che Malatesta non era uomo a perdonagli quel tratto se gli
fosse venuto a cognizione.

--Maestro Barlaam! disse Selvaggia lasciandogli libera la mano, che
avea sempre tenuta ghermita durante il suo discorso, ora chiamate i
vostri soldati, fatemi cacciar via, più non vi trattengo.... avreste
mutato pensiero?.... m'avreste intesa questa volta?--



CAPITOLO XXIII.


L'astuto vecchio trovatosi colto ne' suoi proprii lacci non si perdè
d'animo, e dove non valeva la forza pensò valesse la simulazione. Si
sforzò di vestire d'un'apparenza di tenerezza, umile e contristata,
quel suo bruttissimo volto, che ne divenne più brutto il doppio, e
guardando Selvaggia scrollava il capo, e diceva:

--Sì, t'intendo!.... va dunque.... va da Malatesta.... mostragli quel
foglio.... fa che mi strappi questo rimasuglio di vita... già non sei
venuta per altro; volevi farti padrona di quel poco ch'io ho potuto
metter assieme in tant'anni di sudori..... volevi la morte mia.... lo
meritavo!.... era stato troppo enorme il mio delitto.... avea voluto
levarti dai cenci.... farti viver contenta e ricca, in uno splendido
stato.... oh! meritavo la morte.... oh! figliuola.... disse poi
alzandosi, ed aprendo le braccia verso Selvaggia, è questo dunque ciò
che prepari all'infelice tuo padre?--

--Mio padre voi? disse Selvaggia arretrandosi e sorridendo amaramente.
Maestro! voi non m'intendevi poco fa: ora v'intendo io.--

--Non m'intendi? sciagurata... non odi neppur più la voce del sangue?--

--V'è una voce di sangue tra noi, ma a voi non a me tocca l'udirla.
Questa voce vi dirà, che mediante questo foglio il sangue vostro è
mio,.... è mio, m'avete intesa?.... quello di maestro Barlaam....
non quello di mio padre, che io sola fra i vivi, non l'ebbi mai. Ma
rassicuratevi, non venni qui per ispargerlo, non cerco la vostra
rovina, tenetevi i vostri tesori.... al prezzo che gli acquistaste sono
assai ben vostri.... rimettetevi a sedere ed ascoltatemi. Io incontrai
due anni sono un giovane, un angelo, il solo di cui mi caglia, il solo
che mi faccia soffrir la vita finchè dura la speranza di ritrovarlo,
un uomo.... Ma che vo' io a parlarvi di lui ora? disse con impazienza,
provando nel parlar di Lamberto a maestro Barlaam ugual ripugnanza che
il giovane avea mostrata altra volta nel sentire il suo amore accennato
da essa.

--In una parola, proseguiva, io venni in Firenze per cercar di lui. Non
voglio da voi altro se non che mi ajutate a rintracciarlo, e trovato
ch'io l'abbia vi lascio.... e non udrete mai più parlar de' fatti miei.
Ecco i miei patti, maestro!....--

All'udir queste parole il vecchio riprese fiato, e gli parve, come
si suol dire, averla per un tozzo di pane. Siccome le sue smorfie di
tenerezza divenivano inutili, riprese il suo viso impietrito, e disse:

--T'ajuterò quanto potrò molto volentieri, se non vuoi altro....
sappimi dire il nome di costui... chi egli è.--

Selvaggia, colle più brevi parole possibili, fe' conoscere al padre
il nome, l'aspetto, la condizione di Lamberto; ed egli prendendone
appunto, le scrisse su un fogliolino: diede alla figlia poche monete
d'argento, ed accomiatandola le disse, si facesse rivedere il giorno
dopo, ed intanto si sarebbe dato pensiero del fatto suo.

L'indomani ella vi venne due volte nella giornata ed una terza la
sera al tardi, ma non era riuscito ancora a Barlaam di scoprir nulla.
«La città è piena di soldati, ci vuol tempo; ho fatto domandare tutti
i capitani, se vi è, si troverà.... miracoli non se ne posson fare»
diceva egli alla giovane per calmare la sua impazienza.

Troilo e messer Benedetto, che lasciammo per la via, erano intanto
giunti al palazzo Serristori: venendo loro negato di entrare da
Malatesta, chè a quell'ora non volea veder nessuno, disse il Nobili:

--Andiamone dal maestro.... è cosa di così poco rilievo che già sarà
tutt'uno.... una parola ch'egli dica a Malatesta, e' sarà fatta.--

E così venne alle stanze di Barlaam, col quale era molto domestico.
Entrarono, essendosi prima spogliati della cappa di confratelli e
buttatala in un angolo, e trovarono il vecchio con Selvaggia, che,
vestita com'era da soldato, non riconobbero per donna, e stimarono
fosse uno de' famigliari di casa.

--Addio maestro--disse il Nobili, con un certo suo modo autorevole; e
l'ebreo rispose al saluto molto umilmente, come solea usar con tutti, e
tanto più con quelli che sapea nella grazia del suo padrone.

--Noi siam venuti a domandarvi un piacere, proseguiva il primo; questo
gentiluomo..... egli è quello che venne travestito da frate.... de'
nostri.... di quelli del campo.... vi ricordate?--l'ebreo accennò col
capo di sì.

--Egli dunque per una sua faccenda, ed io pure di compagnia, volevamo
far motto a Malatesta.... ma ci vien detto ch'egli a quest'ora non
ammette visite. Sarete dunque contento in nostro servigio salire un
momento da lui, ed esporgli il nostro desiderio.... di che questo
giovane ed io molto lo preghiamo.... è un'inezia.... che ad esso non
costerà che il volerlo. Si tratta di mandar colle bande di contado un
uomo d'arme qui della compagnia del signor Amico d'Arsoli.... e della
cagione che noi gli domandiam codesto, gliene parlerò poi a miglior
agio quando ci troveremo insieme.--

--E come ha nome questo soldato?--domandò Barlaam movendosi e mostrando
cogli atti del volto che non era cosa difficile ad ottenersi.

--È quello che si tiene in casa Niccolò fin da fanciullo... che
stette un tempo nelle Bande Nere, col signor Giovanni, ed ora dovrà
maritarsi colla Laudomia.... se troverà il momento, ben inteso (e
girò un'occhiata a Troilo sorridendo); egli è quel Lamberto..... ben
sapete.--

--Ah! disse il maestro, ho capito--ed uscì.

Troilo ed il Nobili, che a lui solo ponean mente, non s'avvidero
dell'atto di sorpresa ed allegrezza che fece Selvaggia udendo
pronunziare il nome di quello che da tanto tempo cercava. Ma represso
quel primo moto, di tutto quanto aveva udito non le rimase presente
all'intelletto altra frase fuor di questa «ora dovrà maritarsi colla
Laudomia.» Le pareva che queste parole le si fossero infisse nel cuore
come altrettante saette, e le passò innanzi gli occhi rapida qual
baleno, come una visione di nuove e più spaventevoli angosce che le
si preparassero. Rimasta sola coi due venuti, smaniosa di parlar pure
una volta ed udir di Lamberto, benchè conoscesse ormai che ogni parola
sarebbe stata una nuova fitta, cominciò a dire, frenandosi, e mostrando
indifferenza più che poteva:

--Anch'io un tempo fui delle bande del signor Giovanni.... oh!
lo conosco bene quel bravo giovane.... ed ho caro che sia ora in
Firenze.... ma ditemi?.... com'è? come avete detto? egli prende
moglie?....--

--Sì, prende moglie.... cioè.... non così tosto credo io--rispose
Troilo con un certo sorriso malizioso.

Selvaggia s'accorse che v'era sotto qualche cosa, e le crebbe la smania
di chiarirsene pienamente. Ma come riuscirvi? Potea sperare che costoro
volessero tanto fidarsi d'uno sconosciuto da palesargli così al primo i
loro segreti?

Pure seguì a maneggiarsi con molta destrezza, ed ottenne gli venisser
narrati tutti i casi di Lamberto colla Lisa, e poi colla sorella, ed
in fine il matrimonio imminente: ma d'onde quel dubbio che s'avesse ad
eseguire? Chi voleva impedirlo? perchè?

Tuttociò le si nascondeva, e non trovava modo a scoprirlo; tornò
intanto il maestro con viso allegro, e disse:

--Ho trovato il signore di buona voglia e sul verso di motteggiare....
ed è andata benone... sarà fatto come voi volete.... povero signore,
quando que' suoi dolori lo lasciano in pace egli è tutt'altro... oh!
egli è il grand'uomo dabbene.... che Iddio gli dia salute e lunga
vita.... anzi m'ha detto vi faccia salir da lui,.... qui per la
scaletta, e vi vedrà volentieri. Onde se volete.... ecco....--

Ed in così dire, alzata la portiera del piccol uscio d'onde era venuto,
li messe su per la scaletta e li lasciò andare, tornando al suo solito
posto, e dicendo a Selvaggia:

--L'uomo è trovato, eh?--

--È trovato--rispose la giovane, e fattasi presso il maestro, e presolo
pel braccio, disse prestamente e con un certo raffrenato furore:

--Ora voglio sapere quando deve farsi questo matrimonio; perchè, e da
chi si vuole impedirlo, domandatene loro, io sarò nella camera qui
appresso.--

--E come diavolo vuoi che faccia a farmelo dire, se volessero
tacermelo?--

--Voglio saperlo! v'ho detto--gridò Selvaggia, e scagliando sul maestro
un'occhiata che diceva il resto, se n'andò all'oscuro nella camera
vicina.

Barlaam si morse le labbra per dispetto di trovarsi a quel modo
sottoposto a costei, colla quale ben vedeva non era da scherzare.
Ma se correva grandissimo pericolo nel ricusare di contentarla, ne
incontrava forse uno eguale nello scoprire il nome, la condizione, i
disegni dei due venuti. Le loro pratiche con Malatesta a favore della
parte Pallesca, quelle visite notturne e misteriose erano un geloso
ed importante segreto sotto una Signoria sospettosa ed avveduta.
Come fidarlo a Selvaggia, mezzo pazza a parer suo, e che non avrebbe
mancato di palesarlo a Lamberto, uno de' più caldi fra gli avversarj
dei Palleschi? E se per cagion di costei si fossero scoperte codeste
frodi, non era egli verisimile che Troilo ed il Nobili ne accusassero
lo sconosciuto di quella sera e quindi il maestro? E Malatesta allora
che cosa era per fare? Ben lo sapea Barlaam.

Ma, per fortuna sua, egli non avea il suo pari nel saper all'improvviso
immaginar un ripiego. Si fece sull'uscio della camera ove s'era
ritirata Selvaggia all'oscuro, e le disse:

--Senti: s'io aspetto che costoro tornino.... prima potrebbero
andarsene per altra parte.... poi, se anco scendessero di qua, non è
credibile volessero tanto a minuto dirmi i fatti loro.... io ho pur
voglia di contentarti, figliuola, chè non son quello che tu mi credi:
ora dunque salirò sin all'uscio di Malatesta, e vedrò d'origliare che
cosa parlano con esso lui.--

--Come volete, purchè lo sappia,--rispose Selvaggia, ed il tristo
vecchio salì sorridendo e compiacendosi della sua malizia.

Giunto in un andito oscuro dove avean a riuscire i due, venendo fuori
dalla camera di Malatesta, si fermò aspettandoli, senza curarsi
d'ascoltare che cosa dicessero, che poco gli caleva saperlo, e
lavorando invece col cervello a comporre la novella che voleva poi dire
a Selvaggia. Dopo non molto uscirono, ed egli, fattosi sentire così
all'oscuro, e presili per la mano, gli avviò per un'altra porta che
metteva sullo scalone, dicendo:

--Ad ogni buon riguardo è meglio non vi facciate rivedere da quel
soldato ch'io avevo in camera: egli è di casa.... uomo di fede.... ma è
giovane sventato.... e poi, meno persone vi vedono è sempre meglio.--

Questa precauzione parve ad ambedue naturale e ragionevole, e, senza
curarsi d'altro, salutato il maestro, se n'andarono con Dio.

Sceso in camera, e chiamata fuori Selvaggia dal suo nascondiglio, le
diceva con fare ingenuo:

--Ora so tutto, e ti posso contentare, fortuna però ch'io son salito!
chè costoro se ne vollero andare per altra parte.... oh! non v'è sotto
quel gran mistero che credevamo.... costoro sono due gentiluomini
di Firenze, il vecchio è messer Gabriello Spini, ed il giovane un
suo figliuolo, ch'io appena mi ricordavo aver veduto, ed ha nome
messer Lodovico. Questo giovine è innamorato di quella che dee sposar
Lamberto, e non trovando altra via ora di rompere e sospendere almeno
il parentado, ha pensato questo rimedio, di ottenere dal signor
Malatesta sia mandato fuori di Firenze, come in effetto sarà mandato
domani, chè appunto devon partire per Empoli cento barbute in ajuto del
commissario Ferruccio.

Nacque nel cor di Selvaggia un fiero contrasto, a queste parole.

Permettere che il suo Lamberto venisse tradito a quel modo; che
soffrisse le terribili angosce (e la misera ne sapeva qualche cosa) che
gli si preparavano, le pareva un offendere, un ingannare essa stessa
quello pel quale avrebbe sofferto lieta mille dolori, e non poteva
darsene pace. Ma dall'altro canto darlo colle proprie mani in braccio
alla sua fortunata rivale, figurarselo al fianco d'un'altra, sposo
felice, immerso in tutte le gioje dell'amore, ed ella, poveretta, non
aver più da lui nemmeno un pensiero, trovarsi di nuovo abbandonata da
tutti nella sua prima desolata solitudine!... quest'idea fu troppo
enorme, troppo tremenda; Selvaggia spaventata, non potè reggervi,
dovette allontanarla ad ogni patto, e, per iscusarsi in parte a' suoi
proprj occhi e transigere con affetti cotanto potenti ed opposti, disse
fra sè «io potrò svelar tutto a Lamberto, dirgli ch'egli punisca il mio
fallo, che m'uccida, ma prima vederlo, oh sì! ch'io lo veda, ch'io gli
parli una volta!...»

Ondeggiante in questi pensieri, era rimasta muta e come assorta
per alcuni momenti; preso partito alla fine, si scosse, e disse
risolutamente:

--Ora, maestro, due altre cose m'occorron da voi, e poi vi lascio.
L'una, ch'io sola sia mandata domani a portar a Lamberto l'ordine di
partire. L'altra, che mi provvediate d'un'armatura e d'un cavallo per
seguitarlo.--

--D'un'armatura! disse maravigliato il maestro, sei tu pazza affatto?
credi tu poter reggere coll'armatura indosso e valerti della tua
persona?--

--S'io potrò reggere e valermi della persona voi ve ne avvedrete: e per
ora lasciatene il pensiero a me.--

--Oh! dove vuoi tu che trovi codeste cose? esclamò il maestro che si
spaventava per la spesa; sai pure che in una terra assediata chi ha
cavalli ed armi le tien per sè.--

--Maestro, potrei rispondervi soltanto ch'io n'ho mestieri, e li
voglio: ma vi vo' far riflettere che starebbe in me il torvi altra
maggior cosa che non il pregio d'un cavallo e d'un arnese.... e,
tenete a mente, ch'io voglio l'elmetto colla visiera che si chiuda....
Ora addio, a domani.--

Uscì Selvaggia, ed il maestro arrabbiato e malcontento dovè pur pensare
al modo di levarsi d'addosso costei, e contentarla. L'indomani, appena
giorno, si mise in moto, e per virtù di molte diecine di scudi,
mandando il malanno a chi gliene faceva spendere, riuscì ad aver pronto
per la sera ciò che la giovine gli avea domandato.

Ebbe da Malatesta l'ordine scritto che imponeva a Lamberto di seguire
la gente che si mandava ad Empoli, ed ottenne facilmente, sotto varj
pretesti, da uno de' caporali che dovean guidarla, la licenza di dar
il carico ad un uomo a sè noto, d'andar per Lamberto, condurlo ove la
compagnia faceva la massa, ed uscire di Firenze con essa.

Quella medesima giornata era intanto, per la casa de' Lapi, e per
le donne specialmente, piena di pensieri e di faccende. Laudomia,
svegliatasi all'alba col cuore consolato e sereno, si vestì, e
copertosi il capo con un velo che le scendeva sino alle ginocchia, se
n'andò a' Servi a far le sue divozioni.

Tornata poi a casa, e lasciatasi vedere al padre, che le fece quella
mattina più carezze che non soleva, salì nelle camere, che oggi si
direbbe di guardaroba, e, coll'ajuto di M. Fede e della sorella si
diede ad ammannire panni, biancherie, e preparar le cose necessarie,
con quella sollecita ed operosa premura che nasce nelle profonde
agitazioni dell'animo. Lisa, ritornata in sè dopo quel primo momento
di dispetto, e temendo forse ancor più, per amor proprio, di darne
il menomo segno, prestava il consiglio e l'opera sua in questi
preparativi, senza quel diluvio di parole che la gentil metà del genere
umano suole impiegare in cotali operazioni, quando non ha la mente
occupata da più importanti e più gravi pensieri.

Mona Fede era la sola che sostenesse il dialogo, se piuttosto non si
dovea dir soliloquio, e strascinando in qua e in là le sue pianelle,
numerando e scegliendo panni, dichè eran coperti e letto e tavole e
tutto il mobile della camera, veniva dicendo:

--E pensare che una di casa Lapi abbia a farsi sposa senza che neppure
ci sia tempo e modo di farle un po' di corredo! Fortuna che rimane pure
di molta bella roba di M. Fiore vostra madre!... chè quando il frate
cominciò a predicare si vestì d'una gammurra scura, e non volle mai più
portar altri abiti.--

Poi, tirando non senza fatica un cassone, parte scolpito, parte dipinto
al modo del 400, che era in un angolo, simile a quello che vedemmo
presso al letto di Niccolò (ambedue avean contenuto il corredo di M.
Fiore) lo strascinò a fianco d'una tavola, sulla quale avea messo
a parte un monte di robe. Spolveratolo per tutto diligentemente,
l'aperse, e, volta a Laudomia, le diceva:

--Ora, se volete scrivere, faremo la nota di tutto quanto pongo qui
dentro.

Laudomia prese l'occorrente, ed appoggiandosi, ritta com'era, alla
tavola, colla penna intinta nella destra, veniva scrivendo ciò che la
Fede dettava.

--Una cioppa e giornea di dommaschino chermisì con frangie.

--Una cotta di dommaschino alessandrino con maniche fiorite.

--Una cioppa pavonazza ricamata.

--Una gammurra ricamata con seta bianca, con maniche di seta chermisì.

--Questa, mi ricordo, se la mise, e fu la sola volta, per andar a veder
entrare re Carlo VIII.... un ometto piccino piccino, biondo e bianco
che pareva un fanciullo, e si pensava potersi inghiottir Firenze!.....
sì.... sì, Pier Capponi, buona memoria.... gl'insegnò egli la via
ritta.... ed anche allora, che tempi!... che diavolerie!....

--Una gammurra di rascia bianca con maniche di dommaschino verde.

--Una giornea di boccacino bianco.

--12 Camicie. 12 Cuffie. 25 Fazzoletti da mano. 25 Benduccie. 2
Sciugatoj larghi.

--Una berretta di velo alessandrino ricamato con perle e ariento.--

--Questa, disse Laudomia, riponila, chè non son questi tempi, nè io in
istato da portar cotali fogge.--

--Come volete--rispose M. Fede mettendo in disparte la berretta, poi
con un sospiro:

--Povera signorina, vi tocca andare sposa in un brutto momento!....
senza nemmeno un pò di festa!.... Oh, quest'assedio!.... (per poco
ch'io nol dissi).... quando finirà?.... e tutt'i guai con esso!....

--Una berretta di dommaschino bianco....

--Ho inteso che messer Niccolò non vuol che si faccian nozze.... non
vi sarà nè invito, nè suoni, ed ha fatto sapere agli amici di casa,
che non vuol neppure il serraglio[46]. Perchè è lui, gli daranno
retta, ch'egli è più ubbidito che il capitan di giustizia.... Forse un
altro!....

--Una cappellina di drappo alessandrino e bianco....

--Eh! non andò così la cosa, no, quando tolse donna egli.... io
ero bambina... pure, me ne ricordo, e sì ch'era fatta di poco
quella legge.... come la chiamavano?.... che so io?.... La legge
_Santuaria_.... per un verso era proprio cosa santa.... chè prima, a
furia di spendere in nozze, le famiglie andavan in rovina.

--Un libricciuolo di donna ricamato di perle e fornito d'ariento....

--Eh! se aveste veduto la strada qui avanti alla casa, era tutta
coperta d'una tenda di teli rossi e bianchi, retta da stili, e v'era
sotto un ricinto di panche coperte d'arazzi.

--Una filza di pater nostri di coralli.

--Una cintola di broccato paonazzo fornita d'ariento.

--Un pajo di calze di rosino.

--Un bacino d'ottone da mano.

--Un boccale a detto bacino.

--Un pettine d'avorio.

--Due borse d'oro e di seta.

--Un anello d'ariento da cucire.

--Uno specchio d'osso intarsiato.

--.... E.... come dicevo.... i trombetti della Signoria sulle scalere
di Santa Maria maggiore, e le trombe, co' pendoni bianchi e 'l giglio
rosso in mezzo! e tanti fiori, e tanta mortella... e saranno stati
da 200 tra giovani e gentildonne in istrada aspettando fosse ora del
desinare.... e che gale! e che ricchezze!... Ma vostra madre M. Fiore
ell'era degli Albizzi, e portava 1000 lire di dote!.... e gli Albizzi,
prima che messer Rinaldo si rovinasse, era la prima casa di Firenze. Le
cose non andavano com'oggi giorno, allora....

--Un pajo di forfici.

--Un pajo di scarpelli da occhielli.

--Nastri di più ragioni, e refe di più colori.

--Una stola bianca lavorata di seta.

--Una coda di cavallo da pettini lavorata di seta[47]....

--Allora Fra Girolamo non avea vietati ancora i desinari, le veglie,
le feste che si facean per le nozze.... non avea ordinate le compagnie
de' fanciulli che andasser per le case a domandar l'_Anatema_, per
abbruciare poi tutto in piazza..... Era un sant'uomo! e vero.... ma
egli arse pure allora di gran belle robe!.... e messer Niccolò volle
che vostra madre desse a codesti fanciulli vesti, cappelliere, e lisci,
e liuti, e pitture che valevano di gran centinaja di fiorini....
Poverina! gliene sapea pur male, e non voleva... ma il babbo disse:
voglio.... chi potea opporsegli?..... Egli avea un ritratto di M. Fiore
per mano del Francia.... una bellezza! parea vivo. Volle che anche
codesto si ardesse.--

--Oh! bene, ringraziamo Iddio sempre di quel che abbiamo--rispondeva
Laudomia.

--Eh! lo so, povera signorina, voi non avete la mente alle gale ed al
sollazzi! Poco v'importa di codeste cose.... ed avete ragione!....
dicevo per dire.... voi divenite donna del più bravo e dabben giovane
di Firenze.... e questo vi basta.... e Iddio e la santissima Nunziata
vi benediranno, e sarete felice e contenta come meritate.... Oh! sì,
vedete, il cuore mi dice che non avrete più guai.... ed io ho sempre
veduto che questi presentimenti non isbagliano.--

--Iddio ti senta, Fede:--rispose Laudomia, ed intanto in queste
occupazioni venne passando quel giorno, che Lamberto spese anch'esso
in dare assetto alle sue cose, nel procurar le carte necessarie al
contratto, e nel visitare in Santa Maria Novella il luogo ov'era
sepolta sua madre, alla quale, entrando nel nuovo stato, volle
consacrare i primi pensieri. Giunta la sera, si riunì la famiglia nella
camera di Niccolò, e non tardarono a comparire gli amici invitati,
messer Tommaso Grossi notajo, e tutti insieme, a piede (Niccolò avanti
cogli sposi e gli altri dietro) si condussero alla chiesa di S. Marco.

A mezza navata era stata posta una tavola con suvvi un tappeto, ed
intorno intorno seggioloni e sgabelli: pochi candelieri illuminavano
la chiesa, ove Niccolò e la sua comitiva, ricevuti alla porta da Fra
Benedetto e Fra Zaccaria, entrarono, ed appresso una moltitudine
d'operaj dell'arte della seta, di soldati conoscenti di Lamberto, e di
popolo minuto, che allogandosi lungo le pareti faceano cerchio intorno
alla tavola ove dovea farsi il contratto.

Quella moltitudine era tenuta in rispetto ed in silenzio dalla presenza
di Niccolò, e soltanto s'udivan sommessamente bisbigliare tratto tratto
poche parole, che venivan dette tra vicini all'orecchio, tutte piene
di lodi e di maraviglie per la bellezza, pel soave ed augusto contegno
della sposa, che era tale in quel punto da fissare tutti gli sguardi e
soggiogar tutti i cuori.

Vestita di bianco, con un lungo velo fermato sulla fronte da una
ghirlanda di fiori di melarancio, nel passare tra tanti sguardi, nel
moversi, nel sedere al luogo che da Fra Benedetto le venne indicato,
appariva in lei una certa maestà senza orgoglio, una timidezza senza
impaccio, una gioja temperata da così celesti pensieri, che tutti gli
astanti guardandola si sentivan sottomessi, direi quasi all'adorazione.

Niccolò sedeva sul seggiolone posto nel mezzo della tavola volgendo
le spalle alla porta. Alla sua destra la sposa, poi Lisa e Troilo
co' fratelli: alla sinistra Lamberto, gli amici che dovean servir di
testimonj, e tra gli altri Fanfulla; su un lato i due frati ed il
notajo, il quale, levatosi in piede, cominciò a leggere il contratto in
questa forma:

_Anno 1529 die 23 Novemb.; Lambertus quondam Petri de populo S. Joannis
de Florentia, recepit a D. Laudomia, filia Nicolai, quondam Cionis. de
eodem populo S. Joannis de Florentia, sponsa dicti Lamberti, nomine
dotis Libras 1010. Florent. parv. scilicet Libras 863 in uno Podere cum
domibus et habituro in populo d. Gavinana. Et libras 88 et solidos 10,
in uno casolari posito in populo S. Laurentii de Florent. 1. d. Croce
di via. Et libras 59 in pecunia et aliis rebus mobilibus ec., ideoque
propter nuptias, et vice Morgincap secundum usum Civit. Florentiae
praedictus Lambertus fecit praedictae D. Laudomiae donationem de ipsius
bonis libras 30 Flor. Parv._

_Actum Florentiae testibus ec._

_Postea incuntinenti coram dictis testibus, Lambertus et D. Laudomia,
per mutuum consensum inter se intervenientem et anuli dationem et
receptionem, matrimonium ad invicem contraxerunt. Ego Thomas Grossi,
quondam Francisci, de pago Bellanensi Imperiali auct. Iudex atque
Notarius publicus rogatus scripsi._

Lamberto, che non s'era immischiato nella compilazione di questo
contratto, e neppur sapeva che cosa contenesse, sentì al cuore
il gentil pensiero di Niccolò, di fargli dono, a titolo di dote,
della casetta ove sua madre avea passato i suoi ultimi anni: gettò
un'occhiata di gratitudine al vecchio, un'altra più tenera a Laudomia,
ed intanto il notajo, preso un bacile sul quale erano due anelli, si
mosse per venir a presentarlo agli sposi affinchè li barattassero fra
loro.

Nella circostante folla si vedevano, come dicemmo, di molti soldati,
senz'arme la maggior parte, o soltanto col corsaletto od il giaco,
come quelli che non erano sull'andare a combattere. Tra essi, in prima
fila, e soltanto pochi passi lontano dagli sposi, da più persone, sin
dal principio della cerimonia, n'era stato notato uno il quale, per
esser coperto d'acciajo da capo a piedi, colla visiera calata, per la
sua totale immobilità, per una certa impostatura insolita, richiamava
tratto tratto gli sguardi curiosi di chi gli avea già posto mente una
volta.

--Egli crede star sulla mura all'archibusate, e non in chiesa,
diceva uno--E' pare ch'egli abbia freddo, o la febbre! Egli trema
tutto!--osservava un altro.

Quando il notajo ebbe presentato agli sposi gli anelli, e che essi,
accostatisi, a vicenda se li scambiarono, volsero a un tratto il capo,
e l'intera adunanza con loro, ad un poco di rumore levatosi intorno
a quell'uomo tutto di ferro. I suoi vicini avean udito come una voce
indistinta e soffocata risuonare nel concavo dell'elmetto, s'era
mutato sulle gambe in qua e in là due o tre volte, quasi perdesse
l'equilibrio, tantochè taluno temendo non cadesse, l'avea retto per le
braccia e per le spalle. Una voce poco lontana disse, abbastanza alto
da poter essere udita:--Egli era trebbiano eh?--e molti sotto i baffi
a sghignazzare. Poi un altro:--Ell'è pure una gran vergogna, venir in
chiesa con quella poca cotta!--E così ognuno diceva la sua. Allora il
soldato, scagliata in giro un'occhiata, che si vide balenar pe' buchi
della visiera, aprì la folla cogli acuti gomiti dell'armatura, e tra
il mormorìo di chi gli brontolava dietro, si tolse di là ed uscì di
chiesa. La cosa si quietò subito, e nessuno si curò più di lui.

Finita la cerimonia, i frati fecero sgombrare tutti coloro che non
erano della famiglia de' Lapi, o loro consorti ed amici. Mentre questi
aspettavano che si fosse interamente sciolto quel nodo di popolo, che
uscendo occupava la porta, messer Niccolò diceva a Fra Benedetto,
sospirando un poco, eppure sereno in volto:

--Iddio m'ha colpito con grandi flagelli in questa chiesa.... in
quest'istesso luogo! Ora la sua misericordia vuole che vi trovi in
compenso la maggior consolazione che potessi provare prima di morire!
Sia lodato il suo santo nome!.... Odi, Lamberto, figliuol mio! Nel
darti oggi Laudomia, io credo, io spero averti fatto quel maggior dono
che per me si poteva.... ov'io creda il vero, sappi ch'io adempio
ad un grand'obbligo, alla promessa ch'io feci a tuo padre su questi
stessi marmi che calchiamo, bagnati, tant'anni sono, col suo sangue
ch'egli sparse per me. Vedi.... vien qua.... vedi tu la pietra bianca
di quest'avello, ell'era rossa del sangue di tuo padre, quella terribil
notte in cui sostenemmo l'assalto per difendere il glorioso Fra
Girolamo, e sperando camparlo.... Ma Iddio pe' nostri peccati aveva
stabilito altrimenti.... Qui, io solo, ravvolto tra nemici, io morivo
al certo.... ma Piero tuo padre volle morir per me! Possa l'anima sua
valorosa veder dal cielo ch'io t'abbraccio, t'accetto per figliuolo, e
sciolgo così la mia promessa!--Possa egli serbar immacolato e felice
l'amore che vi giuraste, far sì ch'egli vinca sempre nel vostro cuore
ogn'altro affetto.... e ceda soltanto all'amore augusto e santo che voi
dovete alla patria ed alla sua libertà.--

--Faccia Iddio che sieno salve ambedue; disse a voce bassa Laudomia, ed
in cuore soggiunse: «Ed il mio Lamberto con esse»!--

Parve tempo allora a Niccolò di partire, e salutati i frati e
ringraziatili, disse a Fra Benedetto che tra due giorni sarebbero
ritornati per la benedizione nuziale; e coll'ordine medesimo, col quale
erano venuti, tutti insieme s'avviarono a casa.

Mona Fede intanto, non del tutto ubbidiente ai voleri di Niccolò, s'era
ingegnata di adornare nel miglior modo possibile le camere terrene; e
nella prima, che serviva di passo per andar a quella da letto, aveva
apparecchiato per la cena molto pulitamente, con molti fiori e molti
lumi, ajutata da Maurizio famiglio di Lamberto. Mentre gli sposi erano
in S. Marco, e ch'essa attendeva a quest'apparecchio tutta premurosa,
temendo non le capitassero addosso prima d'averlo finito, era stato
picchiato al portone di strada «Proprio ora ci capitano!» avea detto
brontolando, quando non ho per ajutarmi altri che questa tartaruga!
e, lasciata a Maurizio la bisogna di asciugar certi piattelli che si
trovava in quel momento tra mani, corse ad aprire: dopo mezzo minuto
era già ritornata, e strappando di mano al servo lo sciugamani, che
veniva adoprando non troppo a suo modo, diceva:

--Non si può aver un minuto di bene con questi soldati!.... era un
uomo d'arme.... colla visiera calata come andasse a giostrare.... e'
voleva Lamberto!.... Sì! aspetta!.... proprio e' vuol dar retta a lui
ora!.... Gli ho detto ch'egli è in S. Marco, e gli ho chiuso l'uscio in
viso....--

E senza più pensarvi seguitava a correre innanzi e indietro per le sue
faccende, colle pianelle calzate sulle calcagna, e l'andare svelto
come avesse vent'anni: tantochè, quando sentì per istrada il bisbiglio
e lo scarpiccio della brigata che ritornava, aveva accesa appunto
l'ultima candela, e da Maurizio era stato intorno alla mensa collocato
l'ultimo sgabello.

Corse a spalancare il portone per esser la prima a dare il ben tornato
agli sposi, parendole cosa importantissima, secondo la teoria sugli
augurj, che tornando in casa la prima volta dopo essersi dati gli
anelli, udissero parole di felice presagio. Più volte aveva teso
l'orecchio, se que' benedetti leoni, che in tante occasioni le avean
servito a legger così maravigliosamente, a parer suo, nell'avvenire, si
sentissero ruggire, ma la Dio grazia tacevano.

Giunta sul limitare, mentre tirava il chiavistello, s'accorse però che
la granata era stata lasciata dietro l'uscio (cattivo augurio secondo
l'opinione delle donne in Firenze) e che in terra proprio sul passo,
v'era per caso due paglie in croce.

--E' si sarebbe rotte le braccia, quel disutilaccio, a dar una
spazzata!--disse dando di piglio alla granata e spazzando; raccolta poi
colla destra una di quelle paglie se la buttò dietro la schiena sulla
spalla sinistra, e con questo potente scongiuro si sentì rassicurata
sulla sorte futura de' nuovi sposi.

--Felicità, e salute per cent'anni, signorina: disse la vecchia a
Laudomia, osservando di pronunziare queste parole appunto in quella
che la sposa varcava la soglia; e volle baciarle la mano, ma ebbe
invece un abbraccio, al quale corrispose tutta amorosa e riverente, e
così entrati gli uni dopo gli altri, diceva Niccolò:

--M. Fede, io non avevo detto di far tanta luminiera!--

Ma il rimprovero venne corretto da un sorriso, e, passato innanzi, andò
a sedere al fuoco sul suo seggiolone, attorno al quale si raccolse la
famiglia aspettando d'esser chiamati in tavola.

Laudomia, che era uscita un momento colla sorella per torsi il velo e
la ghirlanda dal capo, tornò; e sedutasi presso Lamberto, cominciò a
parlar seco quelle intime ed importantissime inezie, che nascono e si
moltiplicano all'infinito tra chi si vuol bene; ed intanto, Troilo,
la Lisa, i fratelli e gli amici facean crocchio un po' in disparte
per non dar soggezione agli sposi. Tutti i visi eran sereni, tutte le
bocche sorridenti, e quelle camere stesse, tutte scintillanti di lumi,
ripulite, adornate con maggior cura, apparivan più gaje, e parevan
promettere per quella sera una veglia piacevole, lieta, e dissimile per
conseguenza dalle consuete, piene di pensieri malinconici e pungenti;
quando vennero picchiati due colpi al portone, e poco stante comparì
sulla porta della camera un uomo tutto di ferro, che rimase un momento
immobile guardandosi intorno, non senza maraviglia degli astanti, de'
quali molti ravvisarono il soldato che s'era poco prima fatto vedere
in S. Marco, e non potevano immaginare chi fosse, o che cosa cercasse.

--Che ci arrechi, valentuomo? Domandò Niccolò, e l'altro, con voce che
mal s'udiva, suonando chiusa nell'elmo, disse, volgendosi a Lamberto, e
porgendogli un foglio suggellato:

--Per parte del Capitan Generale.--

Lamberto, lasciando il posto che occupava al fianco di Laudomia,
s'alzò prendendo il foglio, ed apertolo, vi lesse di doversi
armare sull'attimo, montar a cavallo, seguire chi gli avea recato
quest'ordine, ed unirsi alla compagnia che si faceva sulla piazza di S.
Spirito per andare ove importava pel servigio della città.

Che cosa provasse il giovane leggendo quel comando così assoluto in tal
momento, lo immagini il lettore.

Laudomia, che fissa e sbigottita gli tenea gli occhi in viso mentre
stava leggendo, vide farglisi accese le gote, e si mosse verso lui
spaventata: egli, guardandola con mesto e tenero sorriso, come per
rassicurarla, porse il foglio a Niccolò, che osservando ora gli uni ora
gli altri, cominciava ad entrare in qualche sospetto.

Lo lesse due volte, mentre tutti da lui solo pendevano, ed alla povera
Laudomia ogni secondo pareva un secolo; alla fine, levato al cielo lo
sguardo sicuro ed infiammato, diceva:

--Sì, mio Dio! ma almeno sia salva Firenze! e mentre pronunziava queste
parole, la timida Laudomia, immemore d'ogni rispetto, si gettava su
quel foglio, lo strappava di mano al padre, ed in un lampo già l'avea
letto. Rimase un momento coll'occhio basso, inchiodato su quello
scritto, poi alzandolo umido e supplichevole in viso ora al padre
ora a Lamberto, pareva implorasse il conforto d'un po' di speranza,
cercasse scoprirvi un'ombra di possibilità d'eludere quel comando, di
sottrarvisi in qualche modo. Ma invece sulla fronte d'ambidue, lesse
irrevocabile la sentenza che la condannava a nuove ed infinite angosce:
ed educata, com'era, da Niccolò, rinunziò del tutto alle concepite
speranze, e rimase muta e lagrimosa, ma rassegnata.

Saputasi alla fine la cosa anche da' circostanti, ne mostrarono tutti
grandissimo travaglio.

--Oh! come può star codesto, diceva Vieri, se la tua compagnia,
Lamberto, non doveva uscir di Firenze?--

Il giovane si stringea nelle spalle, chè esso pure ne era stato fatto
sicuro, ed avea perciò creduto poter attendere liberamente a queste
nozze.

--Non vi sarrebbe modo, soggiungeva Lisa, di fargli dare lo scambio?--

Troilo allora facendosi avanti, disse risolutamente:

--Ed io voglio esser quello.... Lamberto.... fratello!.... e voi,
messer Niccolò, non m'avete a negar questa grazia.... non è ragione
ch'egli debba lasciar la sposa, ed andare, Dio sa dove, in un momento
come questo.... Corro dal signor Malatesta, e torno con la licenza
d'andar io in suo luogo....--

Ed il mariuolo, che sapeva di poter in quest'occasione far gran pompa
di generosità, con poca spesa, si movea per uscire; ma Lisa di nascosto
gli diede una tirata alla falda della cappa, e Lamberto in palese
l'arrestò pel braccio, e come leale ed ignaro del simulare, credette
sincera la profferta di Troilo, e gliene seppe grado.

--Io ti ringrazio, fratello, disse guardandolo con affetto (e fu la
prima volta) io ti ringrazio, ma non ci starebbe l'onor mio.... tu sai
quale sia il debito del soldato.... ma di questa tua profferta io me ne
ricorderò.--E gli strinse la mano.

--La patria prima di tutto, figliuoli! disse con gran voce Niccolò.
Ubbidir cecamente e non cercar più in là.... Lamberto, Laudomia.... io
ve l'aveva detto.... me n'incresce insino al cuore.... ma questo non è
tempo di sospiri.... è tempo d'ardito e franco operare.--

Poi, presa pel braccio Laudomia, e chinandosele all'orecchio, le diceva:

--Ricordati di quel mio discorso.... mostrarsi forte, serena.... non
tornar troppo agli abbracci.... non dir di quelle cose che vanno al
cuore troppo diritte....--

E la povera Laudomia col viso basso, accennava di sì col capo, chè
sentendosi imminente lo scoppiare dei singhiozzi, non s'attentava di
parlare.

Durante questi contrasti, l'uomo di ferro era rimasto sempre immobile
appoggiato allo stipite della porta; se non che una volta s'era fatto
innanzi due passi come per voler parlare, e poi, quasi mutato pensiero,
era tornato al luogo di prima. In quel punto la generosa Selvaggia non
potendo reggere alla vista del dolore di Lamberto, del pianto, persino
della sua rivale, s'era risoluta venir avanti, palesarsi, palesar
tutto. Ma la forza d'eseguire il nobil proposito, di rinunciare a
veder da solo a sola Lamberto, a ragionar seco una volta ancora, le
era mancata ad un tratto «Sarà breve.... sarà l'ultimo questo dolore!»
disse fra sè stessa, e riprese il primo disegno.

Il tempo stringeva. Lamberto chiamò il suo famiglio:

--Maurizio, va a sellare i cavalli... torrai la lancia nuova di
cerro... e nell'uscire, insegna a questo valentuomo il luogo ov'è il
mio arnese, egli, in sua cortesia, e per avanzar tempo, m'ajuterà
armarmi.... non è egli vero? (soggiungea vôlto a Selvaggia). In
grazia.... non per comando, va con costui, ed arrecami l'arme.... ben
vedi i momenti che m'avanzano, son pochi.... non vorrei buttarli... se
hai mai provato (soggiungea sorridendo) che cosa sia voler bene.... tu
saprai quel che vuol dire.--

Selvaggia, col cuore ridotto, come si può immaginare, ma contenta pure
d'ubbidire, si mosse dietro Maurizio col passo più fermo che potè; e
ritornò poco dopo, coll'arnese di Lamberto tutto in un fascio; lo
depose in terra, si preparò a vestirnelo, e per potersi maneggiar
meglio nell'affibbiargli le corregge, si tolse ambo i guanti di ferro.

Mentr'essa sollecitava da un lato, Laudomia anch'essa dall'altro
ajutava la bisogna, e nessuno diceva parola. Vieri, ponendo mente alle
mani dello sconosciuto soldato, veniva intanto pensando come mai un
uomo d'arme può egli mantenersi le mani così belle e dilicate! Ma nè
Laudomia nè Lamberto non avean il capo allora a simili osservazioni.

In quel momento di tristezza e di silenzio generale, si sentì per
istrada nascer lontano lo strepito d'un cavallo che batteva il lastrico
di gran trotto. Laudomia si fermò ascoltando «Oh, fosse mai un messo
del capitano che mutasse l'ordine!.... Tuttociò nascesse da qualche
errore?.... fosse stato uno scherzo per farmi paura?»--Ed il cavallo
veniva innanzi: giunto al portone si fermò a un tratto. «Vien proprio
qui» disse Laudomia cresciuta di speranza.

Non pensava, poveretta, che la stalla ove Lamberto tenea il suo cavallo
era un po' lontana, e che era Maurizio, il quale dopo averlo sellato;
per far più presto, l'avea condotto di trotto. Entrato in quella
il famiglio, disse che i cavalli eran all'ordine, e addio l'ultima
speranza di Laudomia.

Lamberto, armato da capo a piedi, e tutto scintillante d'acciajo e
d'oro, colla visiera alta, ed il viso pallido ma sicuro, abbracciò
Niccolò, e tutti gli altri senza parlare: voleva abbracciare anche
Fanfulla, ma appena giunta Selvaggia e saputo l'ordine che arrecava,
egli era scomparso senza dir addio a nessuno; Lamberto girò intorno
lo sguardo, e non vedendolo, disse: «Mi saluterete anche Fanfulla.»
Non avea finito di dirlo, ch'egli entrò col fiato grosso come di chi è
venuto correndo.

Egli avea indosso il corsaletto, i cosciali ed il bacinetto de' fanti,
ed un partigianone in mano.

--Malann'aggia chi ha piantato il Renajo dei Serristori tanto lontano!
disse soffiando per riprender l'anelito, e a voler correr il palio
col corsaletto le gambe di Fanfulla sono un pò stagionate.... non
importa, anche questa l'hanno fatta.... insomma, messer Lamberto, non
c'è rimedio, bisogna andare.... ero corso così per vedere se volevano
mandar me invece, che io non lascio nessuno addietro a piangere...
ed a questo mio cuojo, una sforacchiata più o meno, è poco male! ma
non c'è verso.... e io allora subito addosso la corazza.... questo
finocchio in mano.... e son qua.... e vengo con voi in villa. Se non vi
curate d'esser in compagnia d'un povero fante.... che.... dopo un certo
caso.... fo il mestiere a piedi.... ma prima di morire.... basta!...
E, sentite, M. Laudomia, messer Lamberto non ha mestieri l'ajutino
cacciarsi le mosche dal naso, ma non importa.... voglio esser io a
rimenarvelo qui vivo e sano.... e sappiate che io so quel che vi dico,
e voi lo rivedrete a ogni modo.--

Laudomia corse al buon Fanfulla colle mani giunte, e per poco
l'abbracciava, chè le sue parole le parvero venir dal cielo.

--Oh! a piedi voi non verrete,--disse Lamberto.

E volle togliesse il cavallo del suo famiglio a ogni modo. Niccolò fece
in fretta cercare d'un arnese da cavaliere, e ne presentò Fanfulla, al
quale parve esser tornato vivo ed all'onor del mondo, vedendosi fuori
di quella maladetta fanteria che avea tanto in uggia.

Così venuti tutti insieme al portone trovarono Selvaggia in sella: vi
saltò alla sua volta Fanfulla, senza quasi toccare staffa, e non potè
trattenere un ah! d'allegrezza, quando si sentì guizzare fra le cosce
un cavallo, e d'altri spiriti che non era il suo vecchio Grifone.

Laudomia era venuta sin qui senza profferir parola per non disubbidire
al padre, solo si stringeva al braccio di Lamberto, abbandonata di
tutto peso; all'ultimo, disse a voce bassa ed interrotta «Dio ti
difenda!» Poi chiuse gli occhi, sentì sulla sua mano imprimersi
tremanti le labbra del suo sposo; poco stante udì i tre cavalli partir
di galoppo, si sentì allora abbracciare, e si trovò il capo sul petto
di Niccolò, che stringendola con tenerezza, le disse:

--Son contento di te, figliuola. Ora puoi piangere.--

E la poverina diede in un pianto dirotto.



CAPITOLO XXIV.


Messer Francesco Ferruccio, che trovammo a veglia in casa di Niccolò
ne' primi giorni dell'assedio, se ne viveva allora in Firenze pressochè
dimenticato da' signori Dieci di Libertà, finchè dovendosi creare un
commissario per Prato, ve lo mandarono, per consiglio di messer Donato
Giannotti loro segretario, cui sapeva male che un tanto uomo non
venisse adoperato quando più bisognava.

Stette in Prato poco tempo; e per contrasti avuti con Lorenzo di
Tommaso Sadorini, podestà della terra, venne rimosso e mandato in
Empoli, grosso borgo posto quasi nel centro del Val d'Arno di sotto,
sulla via di Pisa, a 16 miglia di Firenze, (oggi 18) per l'antica
strada che passa pel poggio di Malmantile.

I suoi portamenti in questa commissaria furon quali dovean
aspettarsi dalla virtù sua, e dalla sua vita passata. Aggiunse nuove
fortificazioni alle mura della terra, che di forti divennero fortissime
ed inespugnabili; e quando conobbe di non poter esservi sforzato, si
diede a molestare i nemici che tenevano i castelli circonvicini, con
frequenti ed ardite fazioni, per le quali venne presto in grandissimo
grido, ed ottenne il favore della Signoria e dell'universale.

A questi giorni egli aveva scritto a' signori Dieci, esponendo
minutamente il disegno di nuove imprese che avea in animo di fare: e
fra l'altre, quella di S. Miniato al Tedesco, allora occupato dagli
Spagnoli. Domandava ajuti di cavalli, ed a quest'effetto Amico d'Arsoli
e Jacopo Bichi ebbero l'ordine di cavalcare alla volta d'Empoli con
100[48] uomini d'arme, tra i quali per la ribalderia di Troilo, venne
compreso anche Lamberto, che seco trasse Fanfulla e Selvaggia nel modo
narrato nell'antecedente capitolo.

Quando giunsero in piazza S. Spirito, trovaron la compagnia già a
cavallo, ordinata in battaglia su due file, volta la fronte alla
chiesa, la destra un pò in disparte, quattro trombetti, ed innanzi
sullo spazzo, i due condottieri Jacopo Bichi ed Amico d'Arsoli, coi
loro banderai e due sergenti. Lamberto ed i suoi compagni erano gli
ultimi a giungere, e mentre attraversavan la piazza di buon trotto per
andar a porsi in fila cogli altri, Amico d'Arsoli gridava loro dietro:

--Animo, animo! perdio!--col dolce modo che conosce chi nel mestier
dell'armi ha dovuto ubbidire ad uno di que' vecchi soldati, rigidi
sulla disciplina, che hanno in orrore soprattutto la specie, detta dai
Francesi _trainards_.

Radunata così la compagnia, e fatto dal sergente _l'appello_ per veder
se nessuno mancasse, l'Arsoli, tratta la spada, volse il cavallo, dando
ad alta voce l'ordine del muoversi.

--Per due dalla destra.... Avanti!--

E così alla sfilata, pel Fondaccio, vennero al ponte alla Carraja, ed
alla porta al Prato, d'onde uscirono alla campagna, procedendo verso
Signa.

La notte era serena, l'aria sottile e rigida, e splendeva uno
stellato scintillante come accade sovente in inverno. I soldati co'
loro mantelli di panno oscuro camminavano di buon passo formando due
lunghe file brune sullo sterrato della strada leggermente imbiancato
dalla brina, ed il silenzio non era interrotto che da poche parole
bisbigliate tratto tratto fra vicini, o da qualche bestemmia scagliata
quando un cavallo sdrucciolava, ed il cavaliere lo puniva con un buon
pajo di spronate.

Lamberto, giunto all'ultimo in piazza, s'era posto alla sinistra della
compagnia, e secondo l'ordine della mossa, si trovava ora alla coda.
Questa, per un curioso fenomeno, osservato senza dubbio da quanti tra
miei lettori ebbero a militare, debbe sempre, ove voglia tenersi unita
alla testa, camminar più veloce di essa. Egli era perciò costretto
ogni tanto, cogli altri soldati del retroguardo, a levar il trotto,
finchè giungessero alle groppe di quelli che li precedevano: e poi di
nuovo a poco a poco restavano addietro, e di nuovo pungendo i cavalli
racquistavano la perduta distanza: ma per durare in questa alternativa
un po' a lungo sarebbe stato necessario ch'egli avesse avuto il capo a
ciò che faceva, e non istesse, come in effetto stava, col pensiero a
Firenze.

In ogn'altra occasione, quella partenza notturna, per una fazione
pericolosa e d'importanza sarebbe stata per esso una vera festa; ma
a quel punto (e chi sarebbe tanto severo da condannarlo?) egli si
sentiva invece pieno il cuore d'un lutto, d'una mestizia indefinibile,
parendogli vedere in quest'improvviso impedimento l'infallibile indizio
d'una fatalità che lo perseguitasse: per sè solo poco l'avrebbe curata,
ma oramai come separare dal suo destino quello di Laudomia?

Intanto la testa della compagnia, varcato già da un pezzo il ponte a
Signa, era giunto ove la strada prende pel poggio verso Malmantile,
e serpeggia per un buon tratto chiusa tra gli scoscendimenti della
collina vestita di folte boscaglie. Quando Fanfulla s'accorse che
stavano per entrare in quelle gole, passo pericoloso, e molto a
proposito per tendervi agguati, previde, siccome pratico, che i
capitani avrebber voluto prima di porvi il piede rannodare la
compagnia, e far precedere esploratori.... Non trovandosi accanto
Lamberto, si volse, e lo vide che veniva molto lontano. Torse la
briglia, e di galoppo gli si fece incontro, gridandogli:

--Lavorate di sproni, messer Lamberto, se non volete sentirne quattro
dall'Arsoli.... in quella bocca di forno dove siam per metterci, non è
muso da patire che gli uomini suoi si sbandino....--

Si scosse Lamberto, spinse il cavallo, raggiunsero la compagnia, e
con essi Selvaggia, che era rimasta sempre a fianco del giovane senza
mai trovar modo e coraggio di scoprirsegli, o dirgli pure una parola.
Si rodeva ora d'aver perduta quell'occasione, che s'era procurata con
tanto studio e tante fatiche, ripromettendosi di non esser un'altra
volta cotanto timida e dappoco: e mentre appunto giungeva a mettersi in
fila coi compagni, la truppa, al comando dell'Arsoli, fece alto.

Egli avrebbe avuto mestieri di fanti spediti, onde ricercar le
soprastanti macchie, ed assicurarsi il passo:, ma non avea se non
uomini d'arme carichi di ferro, che mal potevano arrampicarsi per
quell'erte. Gli convenne dunque contentarsi di far precedere otto
barbute a guisa d'antiguardo, e quando pensò che potessero aver oramai
varcato i passi di maggior pericolo, si mosse col resto delle sue genti
ed entrò fra quegli scoscesi gioghi, che nell'oscurità apparivano a
modo di masse opache, addentellate in cento bizzarri contorni ove le
vette spiccavano sullo stellato del cielo.

La compagnia saliva di buon passo serrata insieme, ed ogni soldato
s'era sciolto dal mantello per aver le mani libere e pronte; l'Arsoli
ed il Bichi precedevano francamente colla lancia alla coscia, e l'eco
ripeteva lo scalpito de' cavalli, e l'urtarsi a minuto delle staffe e
degli stinieri.

Il conversar sommesso, ma tranquillo, che s'udiva qua e là tra le file,
mostrava la sicurtà di quelle genti nell'occasione che suol mettere a
maggior prova l'animo de' soldati; cioè quando sovrasta un pericolo
oscuro, indefinito, e contro il quale non valgon l'armi o le difese,
qual era appunto in quest'occasione, ove una debol mano di nemici
avrebbe potuto dall'alto col solo rotolar sassi disfarli senza rimedio.

Ma costoro avean da un pezzo promesso alla patria il sacrificio della
loro vita, e la promessa l'attennero quasi tutti a Gavinana, ove l'ossa
loro onorate non sono ancora a' nostri giorni, ridotte in polvere
affatto, ed arrestano talvolta ne' campi la marra del contadino, che
non sa quanta virtù, quanta gloria calpesti.

La fortuna che colà gli aspettava, vergognandosi forse di dar loro
quivi una morte tenebrosa e senza vendetta, non avea condotto agli
agguati nemico veruno, onde passaron liberi; e varcati sotto l'antico
castello del Malmantile, scesero su M. Lupo e si trovarono presto fuori
di quelle foci, ove incomincia il Pian d'Empoli, allargandosi il Val
d'Arno fra più lontane e men aspre colline.

L'ordine tenuto nel tratto di strada ov'era sospetto di pericolo, si
rallentò di nuovo a poco a poco quando la truppa si trovò in luoghi più
sicuri ed aperti, e Selvaggia, che non s'era mai spiccata da Lamberto,
veniva a bello studio rattenendo la briglia, sperando che il cavallo
di lui, lasciato in balìa di sè dal cavaliere, venisse per naturale
istinto anch'esso a rallentare il passo, e potesse così di nuovo
trovarsi sola col giovane, risoluta questa volta a dirgli.... che cosa?
Neppur lo sapeva la poveretta, chè ora mai conosceva troppo lo stato di
Lamberto per poter conservare ombra di speranza; e palesare la tremenda
passione che la consumava a chi non potea corrisponderle se non con una
sterile ed umiliante pietà, era pur cosa dura. Ma l'amore, che viene a
patti coll'orgoglio, dovrebbe piuttosto dirsi amor proprio, e tale non
era quel di Selvaggia.

--Troverò parole, pensava, e se non ne trovassi, vedrà il mio pianto,
la mia disperazione:.... mi getterò a' suoi piedi, a quelli del suo
cavallo, che mi calpesti.... ma ch'io esca una volta di questa vita
d'inferno.--

In cotali infermi pensieri le era intanto venuto fatto a poco a poco
di rimaner addietro col giovane com'era suo disegno. L'alto silenzio
della notte, appena interrotto dal romper lontano dell'acque d'Arno, o
dal sordo abbajar de' cani ne' circostanti casali, le lasciava udire
il frequente respiro di Lamberto, che venendole a paro, senza mai
schiudere le labbra, neppur forse s'avvedeva di averla accanto. Essa
lo veniva guardando colla speranza che volgesse una volta il viso verso
lei e nascesse così occasione di dir una qualunque parola tanto per
principiare; ma la speranza fu vana. Eppure parlare bisognava.

Per fissare a sè stessa un termine a quest'incertezze che le facean
balzare il cuore in modo ora mai da non potervi reggere, notò un albero
un po' lontano piantato accanto alla strada, e disse «quando sarem là
dovrò dir la prima parola.»

Ma giunse all'albero con un battito di cuore che pareva le volesse
scoppiare nel petto, aprì le labbra, ne uscì un suono inarticolato,
ma non potè formar parola o frase nessuna, e fu cotanto potente il
contrasto che l'agitava in quel momento, tanta la smania che l'invase,
che non trovando l'inferma natura altro scampo le s'innondarono
gli occhi di lagrime, con uno scoppiar di singhiozzi tant'alto,
che Lamberto distolto da' suoi pensieri si volse presto pieno di
meraviglia, che tenendo il suo compagno un uomo d'arme, come gli altri,
gli pareva il caso assai strano.

--Oh! che cos'è questa? disse tenendo un poco la briglia, e fissando
con tanto d'occhi in volto di Selvaggia, che mal potea discernere in
quell'oscurità, quantunque avesse la visiera alzata. Ripetè due o tre
volte la sua interrogazione senza ottener risposta, e mezzo in sospetto
non fosse data la volta al cervello del suo compagno, quando alla fine
udì dirsi con voce tutta ansante, e della quale era impossibile non
riconoscesse la terribile verità.

--E s'io non ho difesa contro te.... ch'io t'ho fuggito come
volesti!.... Se non ho potuto morire.... ed ho dovuto pur ritornarti
dinanzi, che colpa n'ho io?.... Io ti seguivo zitta, senza darti
noja.... senza aver ardire di dirti una parola.... e mi pareva pure di
non esser più sola sulla terra.... e se questa smania ora m'ha vinta,
se non ho potuto pianger tanto basso che non mi sentissi, che colpa
n'ho io?.... Oramai so tutto.... ho veduto con quest'occhi.... So quel
che tocca ad una disgraziata mia pari... ma pensa!.... è l'ultima
volta!.... io vorrei.... ti domando....--

E qui non trovando neppur essa che cosa potesse volere o domandare, nè
venendole parola nessuna per terminare la frase incominciata, riprese
a singhiozzare colla fronte bassa, curva sul collo del suo cavallo,
appoggiate le mani al pomo della sella.

Alla voce, e più ancora alle appassionate parole, Lamberto riconobbe
Selvaggia, e sentì darsi una botta al cuore, ben prevedendo in quale
impaccio fosse per trovarsi. Non avendo ad offrirle nessuna specie di
conforto, avrebbe comprato ad ogni prezzo il poterla sanare di quel
pazzo ed inutile amore, e per la pietà appunto che sentiva di lei, non
v'era cosa che non avesse fatta per ritornarla in pace con sè stessa, e
vederla tranquilla e felice. Già prima di quest'incontro, prevedendolo
tra le cose possibili, era venuto fra sè stesso considerando quale
condotta gli convenisse tenere venendo il caso, pel meglio di
quell'infelice; ed avea ragionato così: «S'io le lascio vedere la pietà
che m'inspira, e prendo a consolarla con modi amorevoli ed umani, quel
suo cuore cotanto ardente, serberà sempre nell'intimo una qualche
speranza: tenendomi buono e generoso, m'amerà più che mai. Mi trovi
invece duro, superbo, incredulo al suo patire (il rimedio sarà amaro,
doloroso per essa ed altrettanto per me!) ma passato quel momento la
stima si cangerà forse in dispregio, l'amore in odio.... non penserà
più a me dopo qualche giorno, e potrò dire d'averle fatto il solo bene
ch'era in mia mano.»

Non vorremmo asserire che questo ultimo risultato non destasse un po'
di rammarico nel giovane, senza ch'egli stesso se lo confessasse, ma
comunque fosse, egli era incapace di quel puerile e brutto sentimento
che i Francesi chiamano coquetterie, e che non germoglia soltanto nel
cuor delle donne; tutto ben ponderato, stabilì dunque di seguire questo
suo divisamento, e la botta al cuore che accennammo più sopra fu quella
appunto che sente chi, avendo fermata da un pezzo una risoluzione
spiacevole ad eseguirsi, vien sorpreso all'improvviso dalla necessità
d'adempirla.

--Orsù, Lamberto, disse per rinfrancarsi mentre Selvaggia parlava,
pensa al vero bene di questa poveretta, e non a te ed al tuo piacere.--

Quand'ebbe finito, benchè sentisse lacerarsi l'anima da que' suoi
disperati singhiozzi, prese a dirle, simulando, quanto poteva,
freddezza ed ironia:

--Ma non sai tu, Selvaggia, che è proprio peccato non sii nata ai
tempi del re Arturo, e della Tavola Rotonda?... chè quest'incontri di
notte, questi amori infelici, sarebbero stati molto meglio nella selva
Ardenna, presso qualche fontana incantata, che non sulla strada maestra
d'Empoli, in mezzo a questi campi ancora pieni di fusti di saggina.--

A queste parole il singhiozzar della giovane s'era fermato a un tratto.
Lamberto ne prese buon augurio per la riuscita del suo disegno, e
proseguiva:

--Siamo nel 1529, Selvaggia mia cara, ed io sono un povero soldato,
alla buona, come tutti gli altri, e non un cavalier errante, e non mi
chiamo nè Amadigi, nè Galaor, che son morti e sotterrati da un pezzo,
Dio gli abbia in pace. Oh! che domin ti metti in capo.... ben inteso,
volendo esser persuaso che tu non vogli la baja del fatto mio....
non sai tu ch'io già sono come avessi moglie, e mi convien tenere il
cervello a casa e star pe' fatti miei, e non aver il capo a queste
avventure da paladini e da romanzi?--

--Io credevo, da quella sera in poi, là in Lombardia, in riva al Po, ti
fossero usciti codesti grilli, e pensavo avessi trovata buona ventura,
e, a dirti il vero, ero lungi mille miglia dal pensare al fatto tuo....
e invece eccola qui lei un'altra volta, fresca com'una rosa, e rieccoci
da capo!--

La povera giovane, quasi insensata pel dolore all'udir questo amaro
parlare, taceva cupa col capo basso, e Lamberto, col cuore anch'esso
come si può pensare, pure, facendosi forza, soggiungeva:

--Orsù, Selvaggia, è tempo di far senno; e già tant'è, se non vuoi
farlo tu, lo farò io. Tutte queste scene, queste commedie non si sa in
che diano, e se vorrai che questa sia stata l'ultima, io l'avrò caro
assai. Io non ti posso far bene nessuno.... lasciami dunque in pace,
che Dio ti benedica mille volte, e addio.--

--Sì, addio, e per sempre, rispose fuor di sè la giovane, nel cui cuore
lo sdegno e l'orgoglio offeso per un momento, sopraffecero l'amore; ma
sappi prima.... anima di serpe, chè altro non sei.... sappi che Iddio
è giusto.... e ti pagherà colla moneta che meriti, e ti domanderà
conto di me, che non m'avea messa al mondo perch'io fossi il tuo
trastullo.... ed anch'io, per Dio eterno! ho un cuore, ho un'anima,
ho forma umana, e non sono una biscia, un demonio. Sappi che nessun
re, nessun principe ha mai posseduto tesoro che valesse il cuore di
quest'infelice, che era tuo, e che non meritavi, disgraziato! e non
ti bastava respingerlo, hai voluto avvilirlo, insultarlo.... insulti?
oltraggi? a me? e credi esser da tanto? credi poter rider di me cui
devi la vita? Sì, sappilo, io, e non altri.... là sulla capitana di
Spagna, alla battaglia di Salerno... io ricevei nel petto il ferro di
quella picca che dovea passarti il cuore.... io, per salvar la tua
vita, vissi ne' dolori, nella miseria, nella disperazione.... ed ora
credi che possa un tuo oltraggio salire tant'alto che mi tocchi? Io
t'ho compassione, chè Iddio ti prepara quel che tu meriti, e prima di
quel che pensi.... e son io che te lo dico, e sappi che quella tua
donna, ora, in questo momento, mentre ti parlo, è forse già dove tu non
vorresti.... e t'hanno fatto partire solo per aver agio di tortela,
e tu, pazzo, non hai saputo scoprire la trappola, ed io conosco chi
te l'ha tesa, e so tutto, e non te lo voglio dire, chè ove ti fossi
portato con me in altro modo sarei stata da tanto d'avvisarti di tutto,
e persino, vedi, disgraziato, che cuore ha Selvaggia! sì, persin
d'ajutarti; ed ora, se mi facessi a pezzetti minuti come teste d'aghi
non lo saprai. No, no, non lo saprai, e quella tua Laudomia, nè Dio, nè
diavoli non la potrebber salvare. Dì, sciagurato, te lo senti ora anche
tu l'inferno nel cuore? ve lo senti una volta? Ebbene, abbivilo per
sempre, e ora anch'io ti dico addio.--

E voltar il cavallo, cacciargli furiosa gli sproni ne' fianchi, e
partir di carriera rapidissima verso Firenze, fu quanto il dire, Iddio
m'ajuti, e dopo due secondi neppur più s'udiva lo scalpitar del cavallo.

Lamberto agitatissimo per le parole udite, per l'oscuro pericolo
minacciato a Laudomia, si volse a furia anch'esso per raggiugnerla
e fermarla, ma quando il suo cavallo ebbe dato due o tre slanci,
conosciuto la cosa impossibile, ed anco rattenuto dal pensiero, ch'egli
non poteva in modo nessuno disertar la bandiera, rattenne il freno, e
tutto doloroso riprese il suo cammino.

Un momento di riflessione bastò tuttavia a tranquillarlo sull'imminenza
del pericolo: in Firenze, in casa di Niccolò, Laudomia non avea che
temere, e si persuase che (fosse pur vera la trama scopertagli da
Selvaggia) non poteva mai produrre effetto così pronto, e che queste
minacce erano state usate da essa per effetto di sdegno soltanto,
per fargli dispiacere e metterlo in sospetto: ed in ciò s'apponeva.
Tuttavia, pensò tosto, ad ogni buon riguardo, di trovar modo onde
far sapere a Laudomia ed al padre quel che avea udito, stessero in
sull'avviso, e cercassero se fosse possibile di chiarire il fatto, e
risolse, appena giunto ad Empoli, spedire un uomo apposta a Firenze a
tal effetto.

Con questi pensieri parte si rassicurava, e seguendo la sua via, sempre
riflettendo a quanto aveva udito, finiva col calmarsi interamente,
persuadendosi ognor più della vanità delle costei parole; così di
pensiero in pensiero venne considerando quanto compassionevol fosse il
fatto di quell'infelice che egli avea cotanto aspramente ributtata, pel
suo meglio, è vero, ma pure, gli pareva ora che il modo fosse stato
troppo crudele; temeva che con quella natura così sfrenata facesse,
Dio sa, che cosa: e non poterlo impedire, non poter nemmeno sapere,
per lungo tempo forse, dove, come fosse capitata! e se le accadesse
qualche disgrazia, doverne aver poi l'eterno rimorso! Stette in due un
momento di chieder all'Arsoli licenza di tornare addietro, ma ci stava
dell'onor suo il domandarla? Eran questi gli insegnamenti di Niccolò,
di porre innanzi a tutto il pensiero della patria?

Costretto da queste riflessioni a tirar innanzi, si volse a pregar Dio,
vietasse per sua misericordia, che quell'infelice fuor di senno venisse
a qualche rovinoso partito.

Mentre il buon Lamberto veniva formando questi voti, il cavallo di
Selvaggia tormentato dagli sproni che gli lavoravano nelle carni vive,
atterrito dall'agitarsi furioso del cavaliere che si sentiva sul dorso,
divorava la via colle nari aperte e sanguigne, la coda tesa, l'occhio
spaventato, sperando sottrarsi a chi tanto fuor d'ogni misura lo
maltrattava: la povera bestia crebbe la rapidità del suo correre fin
dove gli giunsero le forze, ed in pochi minuti si trovò di nuovo tra'
que' poggi ove la strada è più ripida e malagevole: qui, non potendone
più, si parò sulle quattro zampe tutta molle di sudore ed ansante, e
si pose imbizzarrita e feroce a giocar di schiena per torsi di dosso
questa insopportabile tribolazione.

Cominciò allora combattersi la più pazza, la più ostinata disfida
che si vedesse mai tra cavaliere e cavallo. Il primo colle ginocchia
serrate, saldo in arcione come vi fosse legato, dovea pur seguire
l'impulso che gli comunicavano le violenti scosse dell'animale, che
lo gettava qua e là, come accade ad un albero di salde radici e di
pieghevol cima quando il vento l'investe. Erano slanci, saltimontoni,
impennate, e lanciandosi il cavallo a un tratto ora in questo, ora
in quel lato, teneva tutta la via, e andò a un pelo più volte di non
traboccare fuori del muricciuolo che sorge sul ciglio della strada ove
il dirupo si scoscende a perpendicolo. Nessuno era spettatore di questa
strana battaglia, che durò un buon poco, finchè per istracchi vi poser
fine.

Il cavallo tutto trafelato si fermò a un tratto, agitate le ginocchia
da un tremito che pareva ogni momento avesse a cadere. Selvaggia si
pose la mano alla fronte, che grondava di sudore, e riprendendo fiato
anch'essa, si guardò intorno ed in alto, vide che l'alba già tingeva le
vette de' poggi d'una luce azzurra, e nello spazio di cielo che avea
sul capo trapassava intanto un volo di corvi, crocitando sull'ale.
Stette un momento guardandoli coll'occhio spalancato e fisso, poi,
fosse vacillazione di mente, od effetto convulso, diede in uno scroscio
di risa spaventoso ed alto che fece rimbombare quella solitudine.

Si ricordò in quel momento d'aver veduto talvolta sui campi di
battaglia stormi di codesti uccelli svolazzare lieti e loquaci tra i
cadaveri, e tutti in faccende, fare a loro modo festa grandissima della
ricca cena che trovavano nelle loro viscere, ed accecata dall'odio che
provava in quel momento contro tutti gli uomini indistintamente, dal
desiderio di vendetta contro quella razza spietata, cagione d'ogni suo
danno, disse, pur seguitando a ridere, tenendo dietro coll'occhio a
quegli aerei passeggeri, finchè l'ultimo si nascose dietro le rupi.

--Oh, Dio vi benedica mille volte, o corvi!--

Le venne in mente allora di scavalcare, e saltata a terra, si sdrajò
sulla ripa della strada e vi rimase immobile, colla mente in quello
stato, che potrebbe paragonarsi al crepuscolo, non oscurata al punto di
non conoscere il suo stato presente, e non tanto chiara da poterne dar
retto giudizio.

La terra, sulla quale giaceva, era coperta d'una grossa brina, che
presto si sciolse in acqua tutta attorno al suo corpo. La poveretta
ardeva di febbre.

Quel freddo, quel breve riposo, dopo un poco parvero ristorarla, e
le sembrò che la densa caligine dalla quale le veniva ottenebrato
l'intelletto pian piano si venisse diradando.

Si vide innanzi agli occhi Lamberto come fosse presente, udì il suono
delle sue parole, quasi le profferisse di nuovo, e disse, con quel riso
sinistro che non essendo in armonia coll'espressione degli occhi e del
resto del viso, sembra piuttosto uno stiramento convulso delle labbra:

--Oh, oh! rider di me!.... Anche gli scherni? Bada al fatto tuo,
valentuomo.... chè la cosa potrebbe andare a rovescio alla fine, ed
a me toccasse ridere, a te piangere!... Così m'ajutasse il demonio
come mi saprei ajutare, se nascesse l'occasione!... e vorrei vederlo
quest'uomo perfetto, colla sua gran virtù, colla sua prodezza, che par
che tutto sia fango a petto a lui, e quella sua donna, quell'angiolo,
quella gran cosa, vorrei vederli, che saprebber dire se toccasse
loro domandar pietà colle braccia in croce, a chi? a Selvaggia, alla
cortigiana! alla vile, alla pazza, alla sciagurata!--

Si morse il dito, ed alzandolo minaccioso lo scrollava, dicendo:

--Tutti contro me? Sia come volete. Io contro tutti!.... Chi ha più
lino farà più tela!.... e la vedremo. Hai veduto sin ora come tratti
l'amore?... All'odio adesso! vedrai com'io scherzo.... vedrai se me
n'intendo di vendetta.... lasciamici pensare appena due minuti.... eh!
io non voglio tener con te i modi soliti.... un par tuo, tanto dappiù
d'ogni altro, non debb'esser trattato come un del volgo....--

E col capo basso, le guance e gli occhi lividi ed infossati, stette
fissa ruminando mille progetti che, per dir così, si vedean passare
sul suo volto come su un cielo burrascoso trasvolano le nubi in cento
fantastiche e diverse forme, cacciate dal vento.

Si scosse alla fine come invasa a un tratto da una nuova idea: alzò il
capo e lo tenne immobile piegandolo un poco su un lato, nell'atto di
chi tende l'orecchio, quasi desse ascolto tutta intenta alla voce che
le parlava all'anima, poi disse:

--Questa sarebbe la maggior di tutte. Oh, mi riuscisse!.... ma avrò poi
cuore che basti a condurla sino al fine?--

E da quel petto, ove bolliva tanto furore, uscì pure un sospiro. Forse
le parve il nuovo progetto troppo doloroso ed enorme.... forse in quel
momento la memoria del suo amore le spicciò viva dal cuore, come accade
talvolta se si voglia soffocare sotto le ceneri un fuoco ardentissimo,
che una falda di fiamma si fa strada, guizza e splende un momento, e
poi scompare.

Poco importa del resto lo scoprir ora la cagione di questo sospiro,
che probabilmente verrà palesata a chi avrà la pazienza di finir
quest'istoria; fatto sta, che dopo averlo messo dal petto due o tre
volte si chiuse il volto colle palme, e da chi in quel momento l'avesse
considerata, si sarebbe potuto supporre, dal moto delle spalle, che
piangesse. Stata così un pezzo, di seduta ch'ell'era, si lasciò andar
supina, e rimase pur sempre colle mani sul volto, immobile, finchè dopo
lungo tempo, anche le braccia, quasi perdessero ogni forza, caddero a
terra distese lungo la persona.

Apparve allora il suo viso pallido, affilato, rallentati i muscoli
dalla contrazione dell'ira, ma serbando tuttavia l'impronta della
terribil tempesta ch'era passata su quell'anima desolata. Rendeva in
un modo l'immagine d'una campagna spazzata da un tremendo turbine,
dopo il quale sulla terra solcata dall'acqua, sugli alberi divelti e
coricati, sulla natura tutta si stenda un silenzio, una calma attonita
e sbigottita.

Alla fine, lenta lenta si rimise seduta, poi a fatica, chè si sentiva
le membra tutte rotte e sfinite, s'alzò in piedi: venuta al suo cavallo
gli acconciò le briglie, ed afferrato il crine e l'arcion di dietro
mise il piede alla staffa, e, datasi l'andare due o tre volte, non
senza stento si trovò in sella.

Prese verso Firenze, curva la persona, col capo caduto sul petto, in
atto di tanto scoramento, che non parea possibile fosse quella di
prima: e neppure il cavallo, dal mutar lento e strascicato delle gambe,
dal collo e dalle orecchie cadenti, non parea quel medesimo che avea
poco innanzi menata tanta tempesta.

Alla prima giravolta della strada scomparvero ambidue, e, col permesso
del lettore li lasceremo andare al loro viaggio, chè Lamberto ci
aspetta alla porta d'Empoli colla compagnia.

Il sole levato di poco, colla sua luce radente, tingeva già di rosato
la bianca veste di brina che scintillava sul dosso delle colline,
sugli alberi e sui tetti, lasciando le parti non illuminate in una
tinta diafana ed azzurrina, quando il soldato di guardia sulla torre
sovrapposta alla porta della terra, vide venir di lontano la compagnia,
e riconosciuto il giglio nello stendardo, diede l'avviso che era
comparso l'aspettato soccorso, e la nuova ne fu tosto arrecata al
Ferruccio.

Il commissario, già in piedi da un pezzo (chè era assai difficile
trovarlo a letto a qualunque ora si cercasse) attendeva poco lontano a
far riparar non so che ad un bastione. Udita la nuova, venne sollecito
ad incontrarli, e, fatto calare il ponte, alzare la saracinesca, ordinò
s'aprisse la porta.

Entraron le genti, con le trombe sonanti alla testa, precedute dai due
capitani, che sfilando innanzi al commissario lo salutarono coll'atto
della persona e l'abbassar della lancia.

Il Ferruccio, alto di corpo e tutto nerbo, vestito d'una cappa
bruna con istivali grossi ed un berretto, che da un lato gli cadeva
sull'occhio, stava a vederli passare, piantato sulle due gambe un poco
aperte, intrecciate le braccia al petto, la fronte alta ed austera,
sotto la quale lampeggiava quel suo sguardo sicuro che pel color delle
pupille e lo sporger del sopracciglio, era simile a quello dell'aquila.

Con un rapido abbassar del capo corrispose al saluto de' condottieri,
mentre accennando colla mano ordinava loro di distendergli innanzi in
battaglia la compagnia sulla piazzetta che si trovava entrata appena la
porta. I soldati, che avean legati i mantelli sulle groppe, e s'eran
rassettati alla meglio, apparivan bella e buona gente e bene a cavallo:
ed al comando dell'Arsoli, dato un po' di volta per la piazzetta, si
schierarono in linea. Si fece innanzi il Ferruccio, pur sempre colle
braccia all'istesso modo, ed accostatosi ai due capitani, posti nel
mezzo ed un poco innanzi dagli altri, diceva loro con voce sonora e
quel parlar tronco che tanto può sui soldati:

--Bella compagnia! uomini, cavalli, armi, tutto bene. Li vedremo
all'opera e presto, che, viva Dio! non aspettavo altro. Li farete
rinfrescare, poi v'aspetto all'alloggiamento.... Di Firenze già nulla
di nuovo? L'assalto del principe lo seppi colle lettere di jeri. Avrà
veduto che anche i mercanti se n'intendono di far bastioni e sparar
artiglierie. Ora due parole ai vostri soldati.--

E, voltossi alla truppa che gli stava dinanzi immobile ed in silenzio,
disse con un sorriso:

--Questi marrani spagnuoli qui del contado, hanno di maladette gambe
che a raggiungerli m'era fatica, voi farete la bisogna, valentuomini,
con buoni sproni e dodici braccia di lancia assaggeremo loro le reni,
se piace a Dio. Pensate che tutti combattiamo per la patria, e per
questa santa causa non risparmierò nè la mia vita nè la vostra, ve ne
avviso. Io saprò far il debito di capitano, dacchè i nostri signori
m'hanno fatto degno di tanto onorato comando. Voi pensate a far quello
di valenti soldati, chè usando altri modi io non sarei per sopportarlo.

--Ora attendetevi a riposare, chè non vi lascerò un pezzo colle mani in
mano... e, viva il marzocco! viva la repubblica!--

A questo grido rispose la compagnia ed il popolo, che in folla le s'era
radunato all'intorno; e mentre i soldati scavalcavano disponendosi a
condurre a mano i cavalli all'alloggiamento, dicevan tra loro:

--Codesto si chiama discorrere!--E non gli trema la lingua
in bocca!--È un diavolo costui, che non avrebbe soggezione
dell'imperatore.--Ohe! e' pare che converrà arar diritto con quel
muso.--S'egli ha il ruzzo di menar le mani, e noi non vogliamo altro.--

Ed un di loro volgendosi a Fanfulla che veniva zufolando sotto i baffi,
com'era suo costume, mentre buttava le staffe sulla sella, gli diceva:

--E che ne dice il nostro Fra Bombarda?--

--Fra Bombarda dice: Quando tu avessi il fiasco alla bocca, ed il
commissario ti dicesse basta, fa di non ne mandar giù una goccia di
più, se vuoi che la via del pane ti rimanga aperta. Che di musi me
n'intendo, e n'ho visto più d'uno uscir di sotto il morione, colle
setole dure abbastanza, ma come codesto n'ho visto due altri soli
sinora, quello del sig. Giovanni, e quell'altro del gran capitano. E
per ora non dico altro.--

Ed intanto la compagnia venne presto alloggiata ne' quartieri già
preparati.



CAPITOLO XXV.


Tostochè l'Arsoli ed il Bichi ebbero dato sesto alla compagnia, si
condussero dal commissario, e con esso andò anche Lamberto, che aveva
da Niccolò (ci scordammo accennarlo) avuto l'incarico di fargli
riverenza per parte sua e narrargli quegli ultimi suoi casi.

Il Ferruccio era alloggiato nella casa del Comune in Piazza, e lo
trovarono che li aspettava in una sala al primo piano ove le pareti
eran tutte coperte di gigli e di marzocchi, e su in alto, sotto il
soffitto intorno, si vedevan dipinte l'arme de' podestà che avean
retta la terra, tra quali fu il vincitore de' Ciompi Michele di Lando.
Il commissario sedeva presso una gran tavola ov'era costume render
ragione. Salutò i nuovi arrivati, che entrarono ancora tutti armati
quali erano venuti di Firenze. Ad un suo cenno sedettero e disse
l'Arsoli:

--Questi, sig. commissario è messer Lamberto, che voi conoscete di nome
se non di veduta.--

--Ah! rispose Ferruccio facendogli festa col viso, ho caro conoscervi
ch'io non ho il maggiore amico di messer Niccolò, e so quanta stima
egli faccia di voi.--

Lamberto allora, fattigli prima i saluti del suocero, gli venne
narrando tutto il caso di Troilo, e com'egli avea lasciato il campo e
datosi tutto alla parte Piagnona. Disse poi il suo matrimonio colla
Laudomia, il motivo ed il modo ond'era stato interrotto, e vedendo che
il Ferruccio gli prestava grandissima udienza, gli narrò dell'oscuro
avviso ricevuto per via, di non so quali insidie tramate contro di
essa, chiedendogli insieme licenza di spedire un uomo apposta a Firenze
affinchè potessero guardarsi ed investigar la realtà e l'ordine di
questa trama.

--Io vi do questa licenza molto volentieri, e se il servigio della
città lo concedesse, vi direi andate in persona; ma una buona spada val
tant'oro quanto pesa, a questi giorni, e non posso privarmene; conosco
che dev'esser una gran passione per voi, messer Lamberto, lasciar una
tale sposa per torre invece la lancia.... almeno così suppongo...
(disse sorridendo) chè io di queste cose poco me n'intendo, ed alla
vita mia non ebbi mai tant'agio ch'io potessi pensar a donne... A ogni
modo, un par vostro saprà aver buona pazienza, chè ora i nostri amori
hanno ad essere cogli archibusi e le bombarde.--

--Quanto a questo spero mostrarvi che so il mio debito, e che il mio
primo amore è della patria e non d'altri.--

Così rispose Lamberto, con un viso ardito che non lasciava dubitare
ch'egli mentisse; fatta poscia riverenza al Ferruccio si tolse di
quivi, trovò presto d'un cavallaro che fu contento portar a Firenze
la lettera per Laudomia. La scrisse Lamberto più presto che potè, ed
in essa le narrò distesamente tutto l'accaduto in quella notte senza
ommetter sillaba di quanto era stato discorso tra esso e Selvaggia.
Dopo aver molto raccomandato che facessero in modo di scoprire se
quest'insidie eran vere, oppur supposte da costei per puro dispetto,
mostrando, quanto a sè, propendere per quest'opinione, entrava a
deplorare e mostrar rammarico dell'aspro modo da lui tenuto con
quell'infelice, svolgendone insieme a Laudomia i motivi, e mostrando
poi alla fine in quanta agitazione d'animo si trovasse al presente sul
fatto di costei.

La passione che provava per questo accidente la seppe esprimer
benissimo, e forse troppo, chè scrivendo in furia, e coll'animo
preoccupato, non ebbe campo di pesare e calcolar molto le parole,
e l'effetto che sarebber per produrre su quella che con mente più
tranquilla le avrebbe lette. Si faceva in ultimo a pregar Laudomia,
volesse metter subito gente in moto, mandar sulla strada d'Empoli, ed
in quelle vicinanze, per iscoprire che ne fosse stato di Selvaggia; ed
avendo avuto a dire tante cose, col tempo che lo stringeva, conchiuse
la lettera in modo più tronco, che al certo non avrebbe fatto, se la
cosa non fosse stata di tanta premura.

Com'ebbe scritto, piegò la lettera in quattro, come s'usava in quel
tempo, e traforatala, la chiuse con una funicella, della quale fermò i
capi con un sigillo.

Partì il cavallaro, e seppe così ben pungere un cavalletto che avea
sotto, che verso le ventidue scavalcava al portone de' Lapi.

Mona Fede venne ad aprire: prese la lettera, e con gran festa corse
nella camera di Niccolò ove egli si trovava colle figlie, ed a caso
v'era anche Troilo. Laudomia, conosciuto dalla sopraccarta chi le
scriveva, disse tutta allegra ed un poco arrossita:

--Oh! povero Lamberto, già m'ha scritto!--e principiò a leggere. A mano
a mano che leggeva le si vedea tratto tratto mutar viso, mostrando ora
maraviglia, ora mestizia, ora compassione, ed in ultimo parve sulla sua
fronte serena si stendesse persino l'ombra d'un sospetto.

--Gran cosa è questa! disse alla fine tutt'altro che tranquilla in
volto; e porgendo la lettera a Niccolò, soggiunse:--Ora vedete voi quel
che convenga fare.--

Niccolò la prese, ma parve che quella lettura facesse sull'animo suo
tutt'altro effetto, e piuttosto lo rallegrasse.

--Egli è il gran giovin dabbene, disse alla fine, che vuoi ch'io ti
dica? bisogna far quel ch'egli consiglia.... non vedo altra via.--

Voltosi poi a Troilo, col quale s'era ogni giorno più venuto
addomesticando, e tanto maggiormente ora di lui si fidava, dopo aver
veduto con quanta prontezza si fosse proposto di partir in iscambio
di Lamberto, gli disse, pur guardando Laudomia, quasi le domandasse
licenza:

--Con buona pace di Laudomia, io voglio che leggiate questa lettera....
vedrete che cuore abbia il nostro Lamberto.... e che se volevate andar
alle archibusate per lui, la cortesia non era sprecata.--

Troilo, nel vedere che de' suoi disegni ne dovea pur esser trapelato
qualche cosa, non potè a meno di non far un arresto, ed in cuore
trasecolava, non potendone immaginare il come, tanto più in così breve
spazio di tempo. L'atto che gli sfuggì, fu dagli astanti interpretato
in tutt'altro senso, e l'attribuirono ad una natural maraviglia d'un
caso cotanto strano, ed egli, vedendo che la lettera non nominava
persona, si venne presto rassicurando.

--Non v'è dubbio nessuno, disse alla fine, bisogna far ciò ch'egli
dice. Lasciatene il pensiero a me, ch'io troverò chi saprà benissimo
disimpegnare quell'incarico. Date qua quella lettera, ch'io tenga a
mente i segnali di codesta donna, perchè possa riconoscersi, e s'ella
non è sotterra si troverà.--

Così dicendo uscì, mentre Niccolò, tutto lieto, gli gridava dietro:

--E così? non te lo dicevo io, che a trovarne un altro come quel giovin
dabbene vi sarebbe da fare?--

Laudomia, uscita anch'essa poco dopo Troilo, salì in camera e vi si
chiuse. Non sapeva, o non voleva dirsi il perchè, ma non si sentiva
il cuore a modo suo: e provando una cotale indefinibile ripugnanza ad
esaminarlo a minuto in quel momento, attese a non so che sue faccende
per aver in che occupare il pensiero.

Ove la buona giovane avesse voluto scendere a questo esame, sarebbe
forse d'un in un altro pensiero venuta a far molte osservazioni su
questa tanto calda pietà di Lamberto, sulla troppo laconica conclusione
della sua lettera, avrebbe provato forse il desiderio d'esser sola a
sentire tanta compassione per le costei sventure.... Dio sa quante cose
avrebbe trovate in quel suo povero cuore! non volle tuttavia troppo
scrutarlo in quel momento.

Ma il seme caduto una volta nel solco ha egli bisogno d'altri ajuti?
lavora solo, germoglia in silenzio, e quando dà segno di sè spuntando
dal suolo ha già messo le barbe.

Troilo intanto s'era dato da fare per trovar di questa Selvaggia, che,
in modo per esso tanto inconcepibile, parea informata de' suoi disegni;
e certo nè Lamberto, nè persona al mondo avea in quel momento maggior
desiderio di lui che si rintracciasse. Spedì gente, e fece far tutte
le inchieste possibili, e vi volle a ciò un pajo di giorni, ma fu
inutile, non se ne potè saper nuova.

Visto alla fine che si dava in non nulla, ne fu scritto a Lamberto (e
la lettera la portò Maurizio, che trovato un altro cavallo raggiunse
così il suo padrone) il quale, se ne rimanesse afflitto e malcontento,
non è da dire. Egli intanto, seguitando la fortuna del Ferruccio a
Volterra, a Pisa ed in ultimo a Gavinana venne passando un tempo,
durante il quale lo stato di Laudomia e degli altri attori di questa
istoria non ebbe a provare notabile alterazione. Gli ultimi casi che
afflissero poi la casata de' Lapi, e coi quali verrà a concludersi il
nostro racconto, sono strettamente legati a quelli della città, ed
all'intero ed ultimo esterminio della libertà fiorentina: ci conviene
dunque con largo e rapido pennello dipingere ad eterna infamia dei
vincitori, ed a gloria eterna de' vinti, la sua dolorosa agonia, e come
alla fine rimanesse spenta del tutto.

Il nostro quadro riuscirà pallido e senza vita, posto a fronte di
quello lasciatoci dal Varchi nella sua storia, ricca di tanto colore e
di tanta azione. Se avessimo a dar un consiglio al nostro lettore gli
diremmo (tanto più s'egli è italiano) di leggerla da capo a fondo. Ma
se invece si trattasse di una lettrice? Chè anche le donne italiane
vorremmo sapesser le glorie della nostra comune patria per poterle
presto narrare a' loro bambini.... Come sperare che non si sbigottisse
al solo vedere quel grande in folio della bella edizione di Colonia,
con quella carta ingiallita, e la sua barbara ostinazione a non andar
mai a capo?

Alle nostre lettrici consacriamo dunque specialmente queste pagine, e
possa il nostro desiderio di risparmiare loro un po' di fatica e di
accender più viva la fiamma dell'amor patrio in cuori cotanto gentili,
dar potenza alla nostra penna e procacciarle favore.

A pochi giorni dopo l'inutile assalto dato dal principe d'Orange alle
mura di Firenze, la Lastra, forte castello, molto a proposito per
assicurare la strada d'Empoli, venne in potere degli imperiali, i quali
avuta la terra a patti che fosser salve l'avere e le persone, entrati
appena, scannarono il presidio, che s'era arditamente difeso a buona
guerra come chiedeva l'onore ed il servigio della città.

S'alzò in Firenze un grido d'indegnazione e di vendetta alla nuova
dell'atroce caso, e del danno sofferto; e la milizia, che ardeva di
venirne una volta a più stretto combattere, trovò il suo capitano
Stefano Colonna pronto a guidarla contro il nemico. Ordinò s'uscisse
una notte con circa mille fanti, armati quasi tutti d'arme in asta e
spadoni a due mani, con pochi archibusieri, avendo in animo di cader
inaspettati addosso agli imperiali e non combatter se non corpo a
corpo. Contenta la cosa con Malatesta, dapprima lo trovò contrario
al suo disegno. Voleva il traditore che la città si consumasse a
poco a poco negli stenti d'un lungo assedio, e queste ardite fazioni,
conoscendo egli l'ardore e l'animo di quelle milizie, gli facean temere
non riuscissero una volta a rompere il campo nemico. Per non iscoprir
troppo il suo disegno dovette nondimeno acconsentire.

La notte dell'11 dicembre, oscura e piovosa, uscì Stefano Colonna dal
bastione dietro S. Francesco, in mezzo alle sue lance spezzate con una
zagaglia in mano, avendo ad ogni soldato fatto mettere una camicia
sopra il corsaletto, affinchè si riconoscessero nell'oscurità. Come
avessero affrontato il nemico, dovevano uscire da varie porte altre
genti ad un cenno d'artiglieria dato da Mario Orsino dal bastione di
S. Francesco, e Malatesta s'era riserbato di sonare a raccolta con un
corno quando lo stimasse opportuno.

Assaltata improvvisamente la guardia del colonnello di Sciarra
Colonna a Santa Margherita a Montici, la misero in tanto disordine,
che dopo breve e mal composto combattere, e molta uccisione de'
nemici, li posero in rotta; e seguitando il loro vantaggio, pur
sempre combattendo, si spinsero innanzi, non più taciti e nascosti,
ma con alto fracasso di grida, di tamburi e di trombe, tantochè
levatosi tutto il campo a rumore ed in arme, correndo qua e là il
principe e gli altri capitani per riparare e far testa, e rannodare
i disordinati e i fuggiaschi, cominciarono gl'imperiali anch'essi a
combattere francamente. Parve tempo allora a Mario Orsino di dare il
cenno convenuto, e sparate due grosse artiglierie sboccarono dalle
circostanti porte le bande a ciò ordinate, e per più lati furiosamente
assaltarono il campo, tantochè il principe non sapendo ove volgersi,
chè da ogni parte si vedea venir addosso nuovi nemici, si gettava
ov'era più stretta la mischia, disperatamente combattendo, e fattosi
oramai morto e disfatto: e sicuramente la cosa sarebbe riuscita
com'egli s'aspettava, tanto mirabilmente la milizia fiorentina
stringeva le vecchie ed agguerrite bande tedesche e spagnuole, se
Malatesta, vedendosi a un pelo di perdere in un momento il frutto
de' suoi tradimenti, non avesse fatto rimbombare il suono del corno
(veramente allora sinistro e doloroso) che strappando la vittoria di
mano a que' prodi e generosi cittadini li chiamava a raccolta.

Si ritrassero sparsi ed a stento, e ritornarono con bell'ordine senza
venir seguiti o molestati dal nemico, al quale parea averne troppo
miglior mercato che non sperava.

Questa cotanto onorata fazione accrebbe animo grandissimo a' Fiorentini
e desiderio d'uscir di nuovo contro i nemici, e fece accorto Malatesta,
che cosa dovesse aspettarsi se non trovava modo d'attraversare ed
impedire appunto che uscissero. È cosa da non potersi credere, con
quanti pretesti, con quanti inganni e rigiri egli riuscisse sino
all'ultimo dell'assedio in questo suo scellerato proposito, in modo
che o la milizia non ottenne d'esser condotta a combattere, o se
l'ottenne, furono dal traditore ordinate le cose in modo, che senza
profitto si venisse consumando finchè la fame, le ferite e le morti
l'avesser ridotta a tale di poterne disporre com'era suo disegno.

È difficile concepire come i Fiorentini non s'avvedessero d'esser
venduti. Ma di cotali accecamenti è piena la storia de' popoli e de'
governi, e furon sempre precursori ed indizj della loro rovina.

Venuto intanto il tempo di raffermare o mutare il gonfaloniere, cadde
l'elezione su Raffaello Girolami invece del Carduccio, e fu l'ultimo
che sedesse in Palagio.

Le speranze de' soccorsi de' confederati s'andavan sempre più
dileguando, finchè s'estinsero del tutto. Francesco I, che per
iscusarsi di non ajutare i Fiorentini, aveva addotto il pretesto di
voler prima riavere i suoi figli rimasti statichi in Ispagna; riavuti
che gli ebbe non mutò proposito, ed abbandonando questi suoi alleati, i
più antichi e fedeli che avesse la corona di Francia in Italia, scrisse
a Stefano Colonna suo soldato, di partirsi da loro, e richiamò il suo
ambasciatore presso la repubblica, non curandosi di tal codardo operare
purchè si tenesse amico l'imperatore. Vecchia peste d'Italia, fidarsi
alle promesse di Francia o (per esser più veri) degli ambiziosi che se
la giuocano a palle.

Ma per trovar l'esempio di tale perfidia pur troppo non occorse questa
volta varcar l'Alpi.

I Veneziani anch'essi calpestando le promesse e i capitoli della Lega,
fecero soli accordo con Cesare, e venutane la nuova a Firenze, ove non
era sospetto veruno[49], i cittadini commossi gridavano per le piazze e
per le strade, _la loro essere stata lealtà veneziana_[50]; ma questi
nuovi ed inaspettati colpi della fortuna, non solo non raffreddarono il
proposito di difendersi de' Fiorentini, ma v'aggiunsero anzi l'impeto
d'un nuovo sdegno e del nobile orgoglio di bastar soli contro tanti
nemici.

Per contrastare all'estremo pericolo si risolsero partiti estremi, e
talvolta crudeli, come fu quello circa i beni de' Palleschi.

Vennero creati cinque ufficiali, detti Sindachi de' rubelli, e, vinta
una legge che sarebbe lungo riferire minutamente, ma che in sostanza
poneva la mani sui loro averi, accordando facoltà di venderli e persino
di costringere arbitrariamente i cittadini a farsene compratori, ove
non se ne fossero offerti spontaneamente; e, ciò che più ripugna ad
ogni giustizia, avendo anche effetto sulle cose passate, e potendosi
per essa, render nulli molti anteriori contratti ove paresser fittizj.
Legge barbara, è vero: ma, al cospetto della giustizia di Dio, chi
parrà più colpevole? il Papa che volea la rovina di Firenze, o'
Fiorentini che, ridotti all'ultima disperazione, non avean altra
alternativa fuorchè prender questi ingiusti partiti, o perire?

Ed alle insopportabili spese della guerra, neppur bastando codesta
provvisione, si dovette presto por mano agli ori ed agli argenti delle
chiese e de' privati, i quali con mirabil prontezza portarono il loro
vasellame; e le donne le collane, gli smanigli e i giojelli alla Zecca,
ove si coniò una nuova moneta del valore di mezzo ducato con suvvi il
giglio e le parole S. P. Q. F., e sul rovescio _Jesus Rex noster et
Deus noster_.

Nel donare ai bisogni della patria gli ori e gli argenti, si può
pensare se Niccolò rimanesse addietro dagli altri cittadini. Persin
l'urnetta che conteneva le ceneri del Savonarola! volle dar anche
quella, e le ceneri le raccolse diligentemente e le chiuse in una
delle borse di seta e d'oro ch'eran nel corredo di Laudomia, ch'ella
offrì volonterosa, e che si collocò nella nicchia ov'era dapprima il
cofanetto.

Par infiammar sempre più l'universale, e fargli parer men gravi tanti
sagrifizj, s'univano i conforti e le pompe della religione, non
restando i frati di S. Marco, il Fojano, ed il Fivizzano più degli
altri, di predicare nelle chiese e per le piazze, tenendo i modi, e
seguendo lo spirito del Savonarola, e le loro calde ed ispirate parole,
rese più valide dalla austerità del costume, che in essi splendeva
purissimo, non ebber poca parte nel forte e costante operare del popolo
di Firenze, e conoscendo codesti frati quanto possano le cose strane
e non aspettate, a commovere la moltitudine, usavano spesso atti
teatrali, come fu quello del Fojano, che orando in consiglio, dopo
una lunga e concitata diceria, fece comparire uno stendardo sul quale
era dipinto da un lato Cristo vittorioso con molti soldati abbattuti a
suoi piedi, e dall'altro la croce, e porgendolo al gonfaloniere finì
pronunziando le miracolose parole udite già da Costantino, e che gli
predicevano la vittoria.

L'impulso dato con questi mezzi a uomini già infiammati di libertà e
di gloria, si palesava non solo nelle fazioni ove molti concorrevano a
combattere, ma eziandio in onorati fatti di persone private.

Un soldato accortosi un giorno che i nemici facevan cattiva guardia ad
una trincera, si mosse solo dalle mura, ed arrampicatosi sul terrapieno
della medesima giunse a strappare un'insegna che v'era piantata
sull'alto, e fra una grandine d'archibusate potè tornare con essa
illeso fra suoi.

Lo spirito de' paladini dell'Ariosto, e de' molti romanzieri di
quell'età, appariva trasfuso ne' soldati d'ambe le parti, e partorì
disfide e duelli combattuti con tutte le formalità e le pompe
cavalleresche. Per un trombetto venuto dal campo, un gentiluomo de'
nemici fece offerire agli assediati la battaglia a cavallo, che venne
accettata dal capitano Primo da Siena.

Allo scontrarsi, questi ruppe la sua lancia sulla corazza
dell'avversario e con un'acuta scheggia del mozzicone rimastogli lo
ferì un poco in un braccio; mentre l'altro pose il ferro all'arcione
del nemico, e lo passò, benchè fosse ferrato, ma senza suo danno,
sfuggendogli per soprappiù la lancia di mano nell'urto, onde fu stimato
averne la peggio.

Ma d'assai maggior momento fu il duello tra Lodovico Martelli e
Giovanni Bandini, narrato dal Varchi colle più minute circostanze:
vorremmo poter trascrivere tutt'intera la descrizione, ma ci trattiene
la sua lunghezza[51], ed anco per non parere si voglia ingrossare
questo volume di cose già pubblicate.

Il fatto si può tuttavia ridurre in poche parole.

I due giovani sopraddetti, erano stati già un tempo rivali d'amore per
la Marietta de' Ricci moglie di Niccolò Benintendi, la quale pareva
favorisse il Bandini.

Trovandosi ora questi in campo, gli fu mandato dal rivale un cartello
per provargli ch'egli era traditore, poichè armata mano veniva contro
la patria. Si scusò il Bandini adducendo, che per visitare gli amici
v'era venuto, e non per combattere; ma non ammessa dall'avversario
la scusa, si stabilì venire alla prova dell'arme, e dal Bandini,
per purgarsi dalla taccia che gli veniva apposta d'esser più astuto
che animoso, fu scelto combattere senz'altre arme difensive che una
manopola di maglia nella destra, spada e pugnale.

Dante da Castiglione s'aggiunse al Martelli come secondo: e Bertino
Aldrovandi[52] al Bandini.

Combatterono a Baroncelli, ove in oggi è il Poggio Imperiale. Dante
d'una stoccata nella bocca uccise Bertino. Il Bandini ferì Lodovico
sulla fronte, d'onde il sangue che grondava, togliendogli la vista,
dovette arrendersi, e portato in Firenze, in breve, molto malcontento
della mal sostenuta impresa, uscì di vita.

Volto poi l'animo de' Fiorentini ad operazioni di maggior frutto, nè
potendo più Malatesta raffrenare la loro smania d'uscire contro il
nemico, ordinò di condurli dove fosse impossibile che facessero gran
frutto, e venissero invece esposti ai maggiori pericoli. Ottaviano
Signorelli, colle più animose e meglio ordinate bande, uscito di
Porta S. Pier Gattolini assaltò le trincere di M. Uliveto, difese da
Baracone alla testa delle migliori fanterie di Spagna, mentre da Porta
S. Friano, Bartolommeo dal Monte e Ridolfo d'Assisi conducevano altre
genti alle spalle degli inimici. Anche in quest'occasione la milizia
fiorentina si portò arditissimamente, e morto il capitano spagnuolo
sopraddetto, per poco non misero in rotta i migliori soldati che
fossero allora in Europa: ma ingrossando sempre più quei del campo per
gl'incessanti ajuti di genti fresche, mandate dal principe a riparare
le perdite sofferte, convenne alla fine alla milizia ritrarsi, e senza
confusione veruna ritornarono in città lasciando gran numero de'
loro sul campo, tra i quali Lodovico Macchiavelli, figlio del celebre
Niccolò.

Il cattivo esito di questa fazione servì a Malatesta per mostrare che
egli non avea il torto quando disapprovava che s'uscisse a combattere,
e non fu bastante ad aprir gli occhi a' Fiorentini sui suoi nascosti
disegni, chè anzi, mostrando egli grandissimo desiderio di ottenere il
grado di capitan generale delle milizie forestiere, del quale avea sin
allora esercitato l'ufficio, senza averne espressamente il titolo, la
Signoria si risolse contentarlo, non avendo potuto ottenere da Stefano
Colonna che per sè medesimo l'accettasse.

In presenza di tutto il popolo radunato in piazza, collocati in
ringhiera il Gonfaloniere colla Signoria fu dunque solennemente dato
a Malatesta il bastone di capitan generale. In segno di festa s'era
inghirlandato il marzocco posto sull'angolo di palazzo, e postagli
sul capo una corona d'oro. Ed il prelibato traditore, come il Butini
chiama piacevolmente Malatesta, riccamente vestito, e con una medaglia
nel berretto, sulla quale era scritto Libertas, disse una sua lunga
orazione per ringraziare il popolo, e profferirsi pronto a metter
la vita per difendere la sua libertà, con tutte le solite novellate
di giuramenti e di promesse, che hanno sempre ingannato e sempre
inganneranno la moltitudine.

Mentre questo traditore, conducendo, senza che se n'avvedessero, i
fiorentini alla mazza, otteneva cotali onori, altri traditori di più
basso stato eran in diversi modi perseguitati e puniti, chè d'ordinario
a' meno ribaldi tocca sopportar que' castighi, che i maggiori sanno con
più sottile astuzia evitare.

Ad alcuni capitani che si fuggiron di Firenze colle loro bande furon
poste addosso di grosse taglie, e contraffatta la loro persona con
fantocci di cenci, vennero impiccati per un piede alle forche sul
bastione di S. Miniato verso Giramonte alla vista de' nemici, ed un
cartello che avevano al collo mostrava in lettere da speziali, scritto
il nome di ognuno, per fuggitivo, ladro e traditore.

Andrea del Sarto li dipinse poi sulla facciata della Mercatanzia in
Condotta, quantunque desse voce che l'opera fosse di Bernardo del Buda
suo discepolo, per non acquistarsi nome di pittore d'impiccati.

Un frate di S. Francesco, Vittorio Franceschi, per soprannome fra
Rigolo, morì sulle forche per aver inchiodato artiglierie, e Lorenzo
Soderini, fece l'istessa fine, convinto d'essere spia di Baccio Valori.

Intanto la carestia, non ostante le cure e gli sforzi de' rettori,
andava sempre crescendo. Dopo aver ne' primi mesi consumato il grano e
l'altre biade buone da far pane si cominciò a macinar legumi, e beato
chi ne poteva avere.

E basti a dar un'idea de' prezzi cui eran salite le migliori grascie,
il dire, che la carne de' cavalli ammazzati nelle scaramucce si
vendeva due grossoni la libbra, quella d'asino un carlino, un gatto
quaranta soldi, ed un topo un giulio, e finito l'assedio pochi ve ne
rimasero.

Sul primo la difficoltà delle vettovaglie non era molta, chè dai
contadini n'eran portate in città di continuo, allettati da' grossi
guadagni che vi trovavano, ed essendo la città rimasta aperta per
molti mesi dalla banda di Fiesole. Ma quando un corpo di Tedeschi
ebbe occupato S. Donato in Polverose, tennero cura grandissima che
nulla potesse entrare in Firenze, e furon cotanto orribili le torture
colle quali straziavano que' poveri contadini che cadeano nelle loro
mani, che presto non si trovò più chi fosse tanto ardito da porsi
all'impresa. Il Bentivoglio, soldato nel campo imperiale, descrive
nella satira seconda (citata anco dal Pignotti) l'atroce fatto d'un
povero contadinello che fu colto mentre conduceva a Firenze un asino
carico di biada e fieno. Da otto spagnuoli gli vennero al primo recise
le parti nascoste, e poi messolo allo spiedo l'arrostiron vivo, a fuoco
lento, pillottandolo come s'usa colla cacciagione.

Ma neppur la fame non abbatteva ancora ne' Fiorentini il costante
proposito di difendersi, e le nuove che di giorno in giorno venivan
giungendo delle frequenti e fortunate imprese del commissario
Ferruccio, rendevan anzi questo proposito più fermo che mai. Egli s'era
reso padrone di S. Miniato, come aveva promesso, salendo il primo
sulle mura, che furon vinte per iscalata: ed essendosi frattanto,
ribellati i Volterrani, e datisi al papa, egli fece istanza alla
Signoria di venir mandato a sottometterli; premendo d'usar prestezza
onde non avesser tempo di sforzare il commissario Bartolo Tebaldi, che,
ritiratosi nella rocca, gagliardamente si difendeva.

Abbiam la fortuna di poter offrire al pubblico la lettera propria del
Ferruccio alla Signoria, colla quale le rese conto del suo operato in
questa occasione.

Alli Dieci della guerra[53].

_Noi arrivammo qui alli 20 a ore 21 ed avemmo ad entrare nella fortezza
a colpi d'artiglierie; e quando fummo tutti arrivati al ridotto
d'essa feci saltar dentro tutte le fanterie e trar la sella a tutti
li cavalli, ed ad uno ad uno li messi nella cittadella, faccendo dar
ordine subbito a rinfrescarli alquanto, ma non trovai con che, chè a
premere tutta la fortezza non vi si trovò più che sei barili di vino
con tanto pane che ne toccò un 1/2 per uno e non più, e vi giuro a Dio
che se io non aveva avuto avvertenza di far pigliare ad ogni uomo
pane per due giorni, e così portar meco due some di sale e 25, o 30
marraioli con picconi ed altre cose che fanno mestiere ad espugnare una
Terra, ed una soma di polvere fine da archibusi, che io non ci avrei
trovato modo che li vincitori non fussero stati vinti senza combattere.
Rinfrescati alquanto li feci metter a battaglia, e feci aprire la porta
di verso la Terra ed a bandiere spiegate li assaltai da tre lati, ed
in tutti tre trovammo un intoppo di trincee che a volerle passare vi
morirono 50, o 60 uomini de' più segnalati che fussero nelle bande
fra delle nostre e delle loro; nè si mancò per questo di non passare,
e passati li pigliammo insieme con la piazza di S. Agostino, dove
avevano fatto il fondamento loro, e quello che ci dette più molestia
fu l'essere combattuti da tre bande per aver loro traforato le case
di sorte che passavano d'una nell'altra et offendevano senza poter
essere offesi. Le forze de' nemici fecero alquanto temere le nostre
fanterie, per esser due mezzi cannoni a ridosso di quelle trincee su
detta piazza, e spararono due volte per uno con qualche danno nostro.
Vedendo io con gli occhi questo, fui forzato di fare di quelle cose
che non era l'offizio mio, e così imbracciai una rotella, dando
coltellate a tutti quelli che tornavano indietro. Finalmente saltai
su quel riparo con una testa di cavalli leggeri armati di tutt'arme,
con una picca in mano per uno, insieme con parecchie lance spezzate
che io ho appresso di me, et insignoritosi del riparo cominciarno a
pugnare innanzi, e guadagnammo la piazza con l'artiglierie et con
grande occisione di loro togliendo loro due insegne, et vi morì un
capitano, et così ci volgemmo a combattere casa per casa tanto che
c'insignorimmo del tutto. Assalicci la notte nè si potè andare più
innanti, ed eravamo in modo stracchi che nessun fante poteva stare in
piè. Feci tirare quelle artiglierie che avevamo lor tolto, sotto la
fortezza, et mettervi le sentinelle, et lasciai a guardia della piazza
il sig. Cammillo con tre altri capitani, e così ci stemmo sino a questa
mattina, dove di nuovo riordinai le genti et le messi in battaglia
per dare l'assalto. Trovammo che avevan fatto tutta notte bastioni et
attraversate le strade con certi pezzi d'artiglieria grossa, nè per
questo si temeva, che andava alla volta loro. Impauriti d'aver perduto
parte della terra et vedendo tanti morti per le strade, e d'esser
fuggiti quelli tanti tristarelli che ci erano Fiorentini con il gran
Ruberto Acciaioli padre di tutti, accennarono di voler parlamentare, e
così detti la fede al Commissario Taddeo Guiducci, et se altri della
Terra venissino parlare con me volendomi domandare quello che io
desiderassi. Risposi loro che volevo la terra per li miei Signori o
per forza o per amore, et che volevo che fusse rimesso nel petto mio
quel bene et quel male che avevasi a fare alli Volterrani; et loro
mi chiesero tempo di due ore per poter far consiglio con gli uomini
della Terra, et che verrebbono con pieno mandato. Non lo volsi fare
perchè vedevo che mi volevan tenere a bada fino a tanto che il soccorso
che era per via comparisse. Detti lor tempo sinchè tornassero loro
dentro le trincere, con far loro intendere che se fra una mezz'ora non
tornavano con risoluzione di quello che avevo loro imposto, che io
farei prova di acquistare quel resto con l'arme in mano come ho fatto
sino a qui. Et così se ne andorno et tornarno fra 'l tempo, e di più
menarno con loro il capitano Gio. B. Borghesi che era colonnello di
tutti li altri capitani. Arrivati a me si buttorno in poter mio, et che
li Volterrani si rimettevano in tutto e per tutto in me e nella mia
discrezione. Et così li accettai promettendo la fede mia di salvare la
vita al commissario et a tutti li fanti pagati, et tanto ho osservato;
et subbito li feci passare in ordinanza per mezzo delle bande nostre
et metterli fuori della Terra. Et perchè Taddeo Guiducci mi pareva nel
tempo che noi siamo di troppa importanza a lasciarlo, l'ho ritenuto
appresso di me con animo di non li fare dispiacere nessuno, avendogli
data la fede mia, et ancora se l'è guadagnata con fare qualche opera
che mi è piaciuta. Onde io prego le SS. VV. che gli voglino perdonare
fino a quello che io gli ho promesso, che, come di sopra ho detto, gli
detti la fede mia di non lo far morire._

_Partiti li soldati imperiali, presi la piazza, e messi a guardia
dell'artiglierie tutti li cavalleggeri, et le guardie alle porte, et
spartiti li quartieri, che questa volta non furono ne' borghi, feci
mandare un bando che ciascheduno Volterrano fusse trovato con l'arme
cadesse in pena delle forche. Oggi farò descrizione di esse et ne li
priverò del tutto a causa che non possino più adoperarle contro di noi,
come questa volta hanno fatto. Anche oggi si farà bando per vedere
tutte le portate del frumento, che intendo che ce n'è gran copia, et le
farine che ci fussero fatte et altre grane rimetterò nella cittadella
con più prestezza che si potrà, et tutte le artiglierie mandate da
Andrea Doria, che pare che l'abbin fatto a posta per renderci il
contraccambio. Di quelle di Ruberto prese l'artiglierie son due cannoni
di libbre 70 di palla per ciascuno et due colubrine che mai veddi le
più belle artiglierie et meglio condotte, et 1/2 cannone et un sagro
che fanno il numero di sei pezzi grossi con palle 80, con qualche
poco di polvere et salnitri; et domani che saremo alli 28 manderò
un trombetto alle Pomerance et uno a Monte Catini, et di quello che
seguirà per il prossimo li darò avviso._

_Quando parrà tempo alle SS. VV. quelle mi daranno un cenno che io
cavalchi per la volta di Maremma a liberare Campiglia, Bibbona, Buti
et tutto il paese, et se ne caccerà quelli ladroni di strada che vi si
trovano accasati, et quando io intenderò la passata di Fabbrizi per
la volta di Pisa, non mancherò di mandare quelle forze, che per me si
potrà a quella volta; nè mancherò di mandare a Empoli una banda a causa
si renda più sicuro, ancorchè si trovi assettato dall'arte che le donne
con le rocche lo potrebbono guardare. Nè altro ho che dire, salvo che
pregare quelle che mi voglino consentire la sede data al Guiducci, et
questo voglio che sia il premio di tante mie fatiche._

15 _luglio_ 1530.

_Li nomi di quelli tristarelli usi a sollevare li popoli a partito
vinto son questi:_

  Agnolo di Donato Capponi.

  Giuliano Salviati et un certo Giovanni di.... de' Rossi.

  Lionardo Buondelmonti fratello del cavaliere, e

  Ruberto Acciaioli, padre di tutti.

Sforzati così i Volterrani tornarono sotto il giogo de' Fiorentini;
e giogo veramente si potea dire, poichè privati d'ogni libertà, ed
anco poco ben trattati, non avean parte veruna alle deliberazioni di
Stato. Gl'ingiusti modi tenuti con loro non meno che con Pisa, Pistoja
e l'altre città del dominio, impedì che nel comune pericolo essi
andassero di buone gambe alla difesa, ed anzi accrebbero l'impaccio,
dovendosi impiegare molte forze a tenerle soggette. Tanto è vero che
l'oppressione de' deboli genera faville, le quali covano ignote e
sprezzate per lunga stagione, ma scoppiano pure alfine in incendio, e
consumano l'oppressore.

Di questa verità Firenze ne offerì un tristo esempio, nè la giusta
ammirazione che c'ispira la sua ultima difesa, c'impedirà di riconoscer
le colpe e gli errori che contribuirono alla sua rovina. Si crederebbe,
che fra gli uomini di stato d'allora correva questa sentenza: _Pisa si
dee tener colle fortezze e Pistoja colle parti_? Si crederebbe, che la
crudele astuzia di attizzare gli odj, pei quali le parti Cancelliera e
Panciatica, empievan di sangue il piano e la montagna di Pistoja, si
potesse chiamare ragion di stato? e si credesse accorto non solo ma
lecito ed onorevole l'usarla? Se in questo furono accorti i Fiorentini,
il fatto lo mostrava all'ultimo dell'assedio, quando, se Ferruccio
fosse potuto giungere sotto le mura di Firenze, era quasi impossibile
non la salvasse: ma egli, parte ingannato, parte persuaso dal capitan
Melocchi di S. Marcello che pensava a distruggere i Panciatichi suoi
nemici più che a liberar Firenze, si trattenne tanto, che potè in mal
punto essere assaltato e rotto, come vedremo, dagli imperiali. Ecco
qual frutto colsero i Fiorentini di sì loro sottile ed accorta ragion
di stato!



CAPITOLO XXVI.


L'allegrezza sparsasi in Firenze per la sottomissione di Volterra venne
presto turbata dalla perdita d'Empoli, chè lasciato dal Ferruccio
a guardia di Andrea Giugni e Piero Orlandini, per la costoro viltà
venne espugnato e mandato a sacco dagl'imperiali. Condotta a fine
quest'impresa, si drizzarono a Volterra guidati dal marchese del Vasto
da Inigo Sarmiento ed altri capi, e riunitisi a Fabrizio Maramaldo,
strinsero la terra con furore sperando ritoglierla al Ferruccio,
che senza punto smarrirsi per le soverchianti forze degl'inimici, o
pei sospetti de' cittadini di dentro, si difese francamente sempre,
tantochè alla fine, dopo molta uccisione, disperatisi dell'impresa, se
ne levarono.

Allora si vide come il cuore d'un uomo solo basta talvolta, a guisa
di favilla che cada su un ammasso di polvere, ad accenderne mille. I
fiorentini infiammati dalle rapide ed ardite imprese del Ferruccio
(quantunque un nuovo e più terribil nemico si fosse aggiunto a' loro
danni, e la peste scopertasi nel monastero di S. Agata cominciasse
a serpeggiare per la città) risolsero non pertanto d'uscir di nuovo
contro i tedeschi, che sotto il conte Lodovico di Lodrone alloggiavano
in S. Donato in Polverose.

Ripugnando ed opponendosi, come il solito, Malatesta, che non
acconsentì se non quando conobbe esser egli solo contro l'opinione
dell'universale, venne stabilita quest'impresa ed ordinato s'eseguisse
a modo d'incamiciata.

Uscì Stefano Colonna per la porta di Faenza con duemila fanti armati
di picche e partigianoni: per porta al Prato Pasquino, Corso col suo
colonnello per la porticciuola, Maìatesta lungo la riva d' Arno con
1500 fanti acciocchè i nemici dal campo non potessero, guazzando il
fiume, venire ad offendere a tergo gli assalitori.

Mancavano due ore a giorno, e pel caldo grande erano i nemici immersi
nel sonno. Fattosi avanti Pasquino più presto che non volea l'ordine
dato, si risentirono le guardie della prima trincera, e levarono il
rumore, che udito dal sig. Stefano lo fecero correre all'assalto.
Superato ogni ostacolo, e cacciandosi innanzi i tedeschi, che
sbalorditi e sonnacchiosi disordinatamente si difendevano, ajutando lo
spavento e la confusione gran quantità di trombe da fuoco, che Giovanni
da Torino gettava fra loro, giunse colle sue bande ad assaltare il
monastero.

Il conte di Lodrone aveva intanto raccolto un nodo di duemila tedeschi,
che colle picche spianate attendevano a difendersi da' furiosi
assalti d'Ivo Biliotti (il quale a dir del Varchi, abbassando il capo
com'era suo costume, si gettava contro i nemici gridando ai suoi
«_su, valentuomini, mescoliamci!_») e degli altri capitani e giovani
fiorentini, che con tanto disperato furore combatterono quella notte
da esserne rimasta poi lunga ed alta meraviglia fra quelle vecchie ed
agguerrite bande, che mal potevano resistere a tanta furia. Mentre
colla peggio de' lanzi durava ostinata la battaglia, s'era fatto
giorno; ed uditosi il romore nel campo del principe, egli aveva spinto
una grossa banda di cavalli in ajuto de' suoi, e dove era ufficio di
Malatesta combatterli e ributtarli al guado del fiume, la qual cosa,
ogni poco che impedisse il soccorso, avrebbe data vinta l'impresa ai
Fiorentini, egli invece, da quel traditore ch'egli era, si ritrasse
dentro le mura, e mandò ordinando al sig. Stefano di sonare a raccolta.

Dovettero le milizie, così vilmente abbandonate, ubbidire al comando
per non venir tolte in mezzo, e volgendo pur sempre il viso al nemico,
che poco avea in animo di molestarle, si ridussero ordinate dentro le
porte; e parte avvedendosi alfine dei disegni di Malatesta, si cominciò
tra popoli a bisbigliare di tradimento, ed a sospettare del fatto suo.

Ma l'avvedersi ed il voler ora riparare era tardo. Malatesta,
antiveggendo di lunga mano la possibilità di venir sospettato ed anco
scoperto, s'era governato in modo che l'evento non lo cogliesse nè
sprovveduto nè disarmato. Conversando co' più reputati cittadini aveva
saputo guadagnarseli, qualunque fosse la loro opinione circa lo stato,
«ed ai popolani (usiamo le parole del Busini) dicea della libertà; ai
malcontenti, del papa; agli ambiziosi, biasimava questi e quelli, e
lodava uno stato di pochi ec.» con siffatte arti essendogli riuscito
persuadere ad ogni setta di cittadini ch'egli teneva per essa, non
gli mancava mai chi lo difendesse dalle accuse che gli si apponevano
nell'universale, come non mancarono alla fine cittadini più ingannati
che colpevoli, i quali l'ajutassero a compiere lo scellerato suo
tradimento.

Di più, cominciando ad avvedersi che la Signoria dubitava della sua
fede, s'era levato dal palazzo Serristori, ed alloggiato invece in
casa i Bini[54], sotto colore d'esser più a portata pei bisogni
dell'assedio, ma in effetto, per aver più vicina la porta Romana, la di
cui torre ben armata e provvista, era in mano d'uomini suoi, e potea
servirgli ad un serra serra, come di fatto gli servì. Egli non si
lasciò più vedere gran fatto fuori di casa, e quando usciva era bene
accompagnato, facendo soprappiù tener bonissima guardia giorno e notte
intorno al suo alloggiamento, e, chiamato in Palagio, o non vi volle
andare, o se qualche volta v'andò, fece pigliar il portone e le scale
da gran numero di suoi soldati, temendo, com'egli diceva, di non fare
il salto di Balduccio d'Anghiari[55].

Rassicurato così dal timore di poter essere oppresso, e parendogli
oramai preparate le cose, e matura l'occasione, si dispose con nuove
frodi a coglierne il frutto. Il Ferruccio, che da Volterra, per la
Maremma, s'era condotto a Pisa, e nel quale stava oramai riposta
l'ultima speranza della repubblica, avea avuto l'ordine di condursi a
Firenze, e non par da dubitare, che ove egli avesse assaltato il campo
imperiale nel tempo stesso che le milizie l'affrontassero di verso la
città, non fosse riuscito risolvere finalmente l'assedio.

Malatesta, che più di tutti tenea per ferma la riuscita di cotale
impresa, ordinò, pel mezzo d'un suo fidato ribaldo, detto Cencio
guercio, di abboccarsi segretamente di notte col principe d'Orange
sotto le mura fuor di porta Romana, e quali pratiche tenesser fra loro
non si seppe mai, ma pare probabile, che il traditore dando notizia al
principe della mossa del Ferruccio, gli promettesse di non far atto
nessuno contro il campo, mentr'egli fosse andato ad incontrare il
commissario, e di cotal promessa gli desse una polizza scritta di sua
mano. Il fatto sta che la polizza fu poi trovata in petto al cadavere
del principe morto pochi giorni dopo.

Il disegno di Mala testa ebbe pienissimo effetto, e nella rotta di
Gavinana, avvenuta poco appresso, l'Orange ed il Ferruccio rimaser
morti e svanì l'ultima speranza di salute che rimanesse ai Fiorentini.
Il seguito di quest'istoria ci offrirà l'occasione di ritornare sui
particolari di quella memorabil giornata, ma prima dobbiam ritrovare
gli attori del nostro racconto, che la storia de' pubblici avvenimenti
narrati sin qui, ci conduce ad un'epoca ove i casi della famiglia de'
Lapi, principale scopo del nostro lavoro, ci pajon meritevoli d'una
qualche attenzione.

La sera de' 4 d'agosto era in Firenze un'afa grandissima e l'aria
inerte ed infocata appariva ottenebrata e densa per una caligine
rossiccia e polverosa che opprimeva il respiro. La spera del sole
lambendo l'orizzonte si mostrava purpurea e dilatata pe' frapposti
vapori, e le cime soltanto degli edifizj ne venivan colorite d'una
tinta spenta e sanguigna. Tra le quattro massicce colonne che l'animoso
ingegno d'Arnolfo di Lapo seppe collocare sulla torre di Palagio,
a reggerne il castello, si vide a un tratto la campana grossa del
consiglio sulla quale erano in giro scolpite quelle parole: _Mentem
sanctam, spontaneam ad Dei gloriam, et patriae liberationem_ (_habeto_)
scuotersi, dondolar lenta, e poscia mostrando la vasta bocca agitarsi
più rapida finchè il grave battaglio percosse il primo colpo nella
parete di bronzo, ed una vibrazione sonora e prolungata si sparse per
l'aria seguita da altre mille; chè oramai si suonava a distesa. Questo
suono, che da secoli, ed in tante fortune della città, avea chiamati
i cittadini a trattar dell'onor o de' pericoli della patria, s'udiva
questa volta per l'occasione più dolorosa e tremenda che avesse mai
minacciato lo stato.

Era giunta in Palagio la nuova della rotta di Gavinana, e della morte
del Ferruccio; di quello che i Piagnoni chiamavano il nuovo Gedeone, e
col quale era spenta ogni speranza di soccorsi di fuori. I volti de'
cittadini calcati in piazza e per le strade che vi mettono, anneriti
dal sole e dal fumo di tante battaglie, solcati di cicatrici, ridotti
per la farne e gli stenti in forma di teschi ricoperti d'una pelle
aggrinzita, erano impressi d'un lutto profondo, disperato, ma indomito
e feroce. Dopo tanto combattere, tante vittorie, tante pericolose e
pur felici fazioni, al punto di coglierne il frutto, al punto che
ognuno s'aspettava udire: «Il commissario è comparso... egli assalta
il nemico... egli combatte.... ha vinto.... egli entra per la porta di
Faenza....eccolo... siam salvi! Ed invece udir le terribili parole:
l'esercito è disfatto ed esso ucciso!» pareva persino impossibile a
molti! chè vi son tali vite tanto venerate e gloriose, che non si stima
possa una palla o una spada osar di troncarle! Eppure il fatto era
certo, la sentenza irrevocabile; l'idea sott'intesa spesso, ma che
sempre ed in ogni occasione serviva d'ultimo rifugio alle vacillanti
speranze, il pensare, «Ferruccio è vivo!» Questa idea, questo pensiero
era a un tratto dovuto uscir d'ogni petto, lasciandovi in sua vece la
tremenda certezza d'una rovina imminente ed irreparabile. In che di
fatti potea più sperare quel misero assassinato popolo, stretto di
fuori dalla soperchiante potenza di Carlo V e del papa, abbandonato
da tutti, e travagliato di dentro dalla fame, dalla peste e dal
tradimento? Come reggere a più lunghe fatiche, al languire delle mogli,
de' vecchi, dei figliuoli? Come risolversi ad incontrar nuovi pericoli,
a protrarre la lunga ed inutile agonia, che certissimamente si sapeva
dover riuscire a pessimo fine. Quale potrebbe essere la risoluzione del
popolo più generoso, più sofferente, più ardito in cotal estremo, se
non quella di cedere alla necessità ed arrendersi?

Quale fu la risoluzione de' Fiorentini, quale il grido che si levò
nell'universale? Difendersi, e sempre difendersi.

Sulla piazza di Palagio, che ancor conservava allora la sua augusta
ed antica semplicità, e non era ornata, come oggi, dalla fontana
dell'Ammannato, nè dai gruppi di Cellini e di Gian Bologna, s'agitava
la turba del popolo, composta d'uomini d'ogni età e d'ogni stato, di
vecchi, di soldati e capitani forestieri, d'adolescenti, di frati,
di giovani della milizia, quasi tutti più o meno armati, e la fatal
nuova narrata in cento modi, con cento commenti diversi, era in bocca
d'ognuno, e ne sorgeva un ronzìo cupo e pauroso, interrotto tratto
tratto da qualche voce più alta, ora di preghiera, ora d'imprecazione o
di bestemmia; e, com'accade tra la moltitudine in siffatte occasioni,
si formavan cerchietti intorno a quelli che avean più pronto ed
efficace il dire, e se varii erano i rimedi, i modi proposti, il fine
era sempre lo stesso: combattere e difendersi.

Sotto la tettoja de' Pisani, dirimpetto alla Ringhiera, era più che
altrove, accalcata la folla, più riverente l'attenzione, e non turbato
il silenzio; e dal centro di quel nodo di popolo sorgeva di tutto il
capo l'alta e venerabil presenza di Niccolò, che colla mano in alto, e
movendo in giro lo sguardo sicuro, diceva:

--Sì, popolo mio, l'esercito è disfatto.... messer Francesco è morto...
E che perciò?.... Oh! sta a vedere che il braccio di Dio si sarà
raccorciato, che la sua mano avrà perduta ogni forza per la morte d'un
uomo!.... Sta a vedere che l'Onnipotente sarà ora in impaccio a trovar
modo d'ajutarci? che gli dorrà d'essersi troppo impegnato, d'averci
troppo promesso!.... Ah, di poca fede!... (esclamava più alto) di poca
fede! Chi muove, chi fuga, o dà vittoria agli eserciti se non Iddio?
e quand'egli vi rimane, quand'egli per bocca del suo profeta v'ha
giurato di star per voi, di salvarvi, vi turba il fallito soccorso
di poche braccia?.... Sappiatemi dire di quante ebbe mestieri Iddio
per ammazzar Sennacherib ed il suo esercito? Di quante per salvar
Betulia? Speravate negli uomini; conoscete una volta che in Lui, in Lui
solo dovete sperare, che ha promesso difendervi, che ha promesso (lo
sappiam pur tutti) di mandar persino i suoi angioli a combatter per
voi[56]. Vi voleva l'estremo pericolo affinchè più chiara apparisse la
sua gloria!.... Il pericolo è giunto, è immenso.... A terra le fronti
dunque (ed egli, e tutto il popolo cadde in ginocchio) Iddio, gridiamo
tutti, Iddio! Cristo re nostro, in te solo oramai confidiamo! a te sta
ora il confondere i tuoi nemici, onde non dicano con ischerno «Ecco
come gli ajuta il loro Dio!» A noi sta il combattere, ed il morire, se
morire sarà mestieri!... su dunque, esclamò rialzandosi, su dunque,
all'armi, alla battaglia, e giuriam tutti di morire mille volte prima
che arrenderci una!--

Durante questa parlata, chi levava le mani in alto in atto di
preghiera, chi si batteva il petto, chi fremeva, chi singhiozzava, e
all'ultime parole del vecchio scoppiò, come il tuono, un urlo feroce,
discordante, di mille voci, che in mille modi ripetevano il proposto
giuramento, ed a quel grido così alto ed improvviso tenea poi dietro
un cupo e lungo mormorìo pieno di concitate parole, di minacce, di
strane e tremende proposte, e molte voci s'udivano scagliarsi qua e là
esclamando: _Ah, traditor Malatesta_! e pareva appunto quel brontolar
sordo e lontano che s'ode fra monti dopo il primo scoppio del tuono.
Questa scena, che accadeva qui sotto la loggia de' Pisani, intorno a
Niccolò, si ripeteva uguale in altre parti della piazza, ove qua e
là da molti frati di S. Marco, e dal Fojano e dal Fivizzano più di
tutti, si arringava coll'impeto e col proposito stesso, onde a seconda
del dire di codesti popolari oratori, non appena finiva il grido e lo
schiamazzo in un lato, che cominciava in un altro.

Crebbe poi l'agitazione, se era pur possibile che crescesse, per questo
fortuito accidente: un povero fanciullo del popolo minuto, il quale,
come si seppe di poi, da più mesi era rimasto abbandonato, senza
ricovero nessuno, essendogli morto in battaglia il padre, lanajolo,
e la madre di fame, avea notato, stretto dalla necessità, un luogo
sul lato del Palazzo verso la dogana ove sboccava a fior di terra un
acquajo che veniva di su dalle cucine della Signoria, e per esser
così un poco fesso il condotto, il misero fanciullo s'era accorto
di certe erbe che colle lavature delle stoviglie cadevano per quel
canale, ed ingegnandosi di dilatare la rottura, poi ricopertala alla
meglio onde altri non se n'avvedesse e non gli rapisse quel suo solo
ed ultimo bene, veniva qui sulla sera ogni giorno, e trovava, fermata
in certe cannucce che avea disposte in traverso del condotto, una
piccola quantità di bucce di frutta, d'ossicini, di legumi e d'altre
immondezze, colle quali sosteneva la sua povera vita. Questa sera
v'era venuto come il solito, tutto sfinito, chè al povero fanciullo
quel tristo pasto bastava appena appena per non morire, ma reggendosi
a' muri pure v'era venuto. Ma quel giorno, in Palagio, pel sottosopra
della nuova arrivata, o non s'era pensato a desinare nè a cena, o,
comunque fosse, per quell'acquajo non era stata buttata cosa veruna, ed
il povero sventurato orfanello, che appena avea più un soffio di vita,
non trovò nulla, e caduto boccone presso l'acquajo diede in un pianger
basso e fioco; nè trovato altro modo d'ajutarsi, cavando lungo il muro
coll'ugne, ne strappava pochi fili di gramigna che vi crescevano,
tutti arsicci, e se li cacciava in bocca, e mentre si sforzava colle
indebolite mascelle di masticarli, fu visto cader sul fianco, stirare
un momento le consunte membra, e rimaner immobile.

Notato l'atto da alcuni per caso, gli si fecero accosto, vollero
sollevarlo da terra, e trovarono che era morto; e da un frate che
s'imbattè costì fu portato via per mezzo la piazza, mentre appunto
per le parole di Niccolò e degli altri era il popolo più infiammato,
e gli animi più commossi. Il pietoso spettacolo di quel morticino
portato in collo a quel modo, colle braccia e le gambe spenzolate,
la testa arrovesciata, le labbra livide ed imbrattate dai succhi
verdi di quell'erbe, che ancor teneva strette tra denti serrati
dall'ultima convulsione, scosse i cuori di que' poveri popolani, che in
quell'infelice vedevan raffigurata la sorte de' loro figliuoli, e di
loro stessi.

--Se s'ha a morire a quel modo, gridavano alcuni, moriam piuttosto
d'archibusate!--Ah cane! Ah rinnegato Chimenti!, diceva un altro, ah!
traditore, assassino della tua patria!....--E Bindo, che si trovava fra
costoro, diceva adirato:

--Ma ditelo voi: di tante volte che siam usciti contro i nemici, fummo
vinti, ributtati una sola? Non tornammo sempre in Firenze perchè così
ci parve di fare, o (per esser più veri) per difetto di quel traditore
di Malatesta? Eh! gridiamo tutti che si vuoi uscire a combattere,
mettiamoci d'accordo noi, e converrà bene che i signori su in Palazzo
s'accordino anch'essi al nostro volere.--

Per queste parole, e per tante cause riunite, sempre più si faceva
terribile ed alto il tumulto e le grida del popolo che chiedeva
battaglia, e molti, spingendosi su per le scalere che sorgono sotto la
ringhiera ed il portone di Palagio, mostravano voler far forza alla
guardia, per entrare e turbar le deliberazioni della pratica radunata.
Si potea scorger da lontano l'onda della turba che si sollevava
da un lato, e l'agitarsi disordinato delle picche de' soldati che
s'ingegnavano raffrenarla: ma a rimettere un po' d'ordine in questa
confusione corse a un tratto tra la folla la voce, che era vinto il
partito d'assaltare le trincere. A questa nuova si levaron mille grida
di _viva i Signori!_--_Viva il marzocco!_ E nel modo istesso che in
mare al cader del vento, cade presto, ma non subito, la superbia del
flutto, così, ancora per breve spazio durò il frastuono e l'agitazione,
ma poi a poco a poco, anco per esser oramai notte chiusa, si venne
diradando la folla, scemaron le grida e il susurro, e movendosi
allegri i cittadini, pieni di nuova speranza, tornaron alle loro case,
lasciando la piazza muta e deserta.

Insieme cogli altri, e misto tra quelli che venivan per Vacchereccia
e Mercatonovo, camminava anche Troilo, tirando verso Ponte Vecchio.
Dacchè non ci siam più occupati de' fatti suoi, egli s'era occupato
anche troppo della scellerata bisogna per la quale era venuto in
Firenze, e vendutosi a Baccio Valori, quantunque sul primo si portasse
assai rimessamente e di malavoglia, come accennammo, parte per un resto
di ripugnanza a totali ribalderie, parte per trovarsi affastidito della
vita che gli conveniva menare, avea poi a poco a poco, calpestando ogni
scrupolo, saputo guadagnar benissimo il prezzo del suo tradimento.

Dal tetto della casa de' Nobili, quando l'occasione lo richiedeva,
veniva facendo cenni a quelli del campo con panni e biancherie,
di giorno, e con lumi la notte: avea tenuto mano ad una segreta
corrispondenza tra Baccio e Malatesta, e portava le lettere in una
balestriera fuor di porta a S. Gallo, ove un messo del campo di notte
segretamente veniva per esse. Instrutto da Malatesta, chè oramai si
fidava di lui interamente, s'era addimesticato coi giovani della
milizia, e con quelli spezialmente che appartenendo alla setta di
Niccolò Capponi, ed essendo de' grandi, concorrevano bensì col resto
del popolo alla difesa, ma nutrendo sempre in cuore l'antica gelosia
contro la plebe, e mantenendo il sospetto non venisse il reggimento a
cadere unicamente nelle sue mani, offrivan appiglio a chi si volesse
staccare dal comune interesse, come di fatti avvenne.

Troilo, senza scoprirsi, e mostrandosi anzi acceso più degli altri
per la parte Piagnona, avea però saputo con grand'arte seminar tra
loro di quelle parole che inveleniscon gli animi più sollevati, e li
spingon destramente verso que' propositi che non s'oserebbe esprimere
allo scoperto. Mostrandosi pensoso, sopra ogni cosa, del bene della
città, diceva talvolta, stando sopra di sè e sospirando: «Si vincerà,
si scioglierà l'assedio, non v'ha dubbio nessuno, ma poi?...» e qui
una reticenza, ed a chi lo stimolava si spiegasse, aggiungeva con voce
grave «poi... faccia Iddio che questo popolo non si levi in troppa
superbia, non voglia cose disoneste.... non abusi della vittoria.»

Con queste ed altre somiglianti insinuazioni, ed anco per esser egli
gentiluomo, era venuto in grazia de' grandi, e coll'arti medesime
appropriate ai diversi umori che dividevano i cittadini, era
generalmente ben veduto, ed avuto in grande stima da tutti, e Niccolò
stesso, malgrado la sua vecchia esperienza, e non ostante gli antichi
sospetti, s'era ora del tutto rassicurato sul fatto suo, ed interamente
si riposava sulla sua fede.

Trovatosi Troilo in piazza questa sera tra il popolo avea fatto come
gli altri; gridato, urlato, Battutosi il petto come il più arrabbiato
Piagnone, ma insieme era venuto attentamente notando gli atti ed i
visi di quelli fra i cittadini che sembrava partecipassero a que'
furori, più per non cader in sospetto del popolo che perchè tale
fosse realmente la loro opinione, e quando la turba si cominciava a
sciogliere, avendo veduto un cerchiello di giovani fermati un po' in
disparte sotto la loggia dell'Orgagna, fra quali era il Morticino,
Alamanno de' Pazzi, Daniele degli Alberti, Giannozzo de' Nerli e molti
altri de' primi di Firenze, ch'eran di quegli appunto ch'egli andava
sobillando, s'era accostato a loro, e dopo molti ragionamenti coi quali
magnificava l'ardito proposito d'andare a combattere, e si protestava
pronto a morir mille volte per la libertà, faceva poi intendere
destramente che maggior gloria sarebbe stata a' grandi l'abbracciar
questo partito, che ai popolani: poichè vincendosi lo stato rimaneva
in balìa de' popolani, e perdendosi, o i nemici, espugnata la città,
l'avrebber posta a sacco, ed i ricchi perdean più de' poveri; o si
veniva agli accordi, ed ai ricchi sarebbe toccato pagar le taglie
che senza dubbio verrebbon poste a' cittadini per punire una troppo
ostinata e pazza difesa, onde a ogni modo i grandi ci perdevano, ed il
popolo ci veniva ad acquistare: e finiva dicendo: «Tanto maggior virtù
sarà per voi il combattere!»

Ma quei giovani, conoscendo ch'egli diceva il vero, ed a fronte
del danno, poco curandosi di tanta virtù, stavano ingrugnati senza
rispondere, e Troilo in cuore godeva, vedendo così ben riuscirgli le
sue malizie.

Questi suoi aggiramenti furon molti più che non si scrivono, bastandoci
aver accennato quali fossero il suo animo e le sue frodi.

Uscito egli dunque di piazza, e venuto al Ponte Vecchio, che già era
notte, si condusse al palazzo di Malatesta. Le bocche delle vicine
strade, e quella di Via Maggiore, di dove era venuto, eran prese
dalle guardie, che riconosciutolo lo lasciaron passare, e, giunto al
portone, che trovò chiuso e guardato da molti soldati, fu messo dentro,
e s'avviò per cercare di maestro Barlaam, che soleva segretamente
introdurlo da Malatesta.

Attraversando il cortile illuminato da molte torce vide nel lato, in
fondo, e collocato in modo che dal portone aperto potesse vedersi anco
da chi passava in istrada, vide, dico, un asino sparato, ed appiccato
pei piè di dietro, come s'usa de' vitelli e de' manzi ne' macelli.

Con questa vista voleva Malatesta dar ad intendere al popolo ch'egli
pativa non men degli altri gli stenti di quell'assedio, e si cibava di
quella vil carne: se ciò fosse vero lo vedremo tra poco.

Nel nuovo alloggiamento del capitan generale, maestro Barlaam s'era
allogato alla meglio, ed in modo però d'esser sempre, per certi
bugigattoli segreti, a portata del suo signore. Anche qui le sue camere
eran terrene, ma non avendovi per la sua officina quelle comodità che
gli offeriva il palazzo Serristori, era ancora colle sue robe per aria,
ammucchiate in disordine negli angoli della camera che occupava.

Entratovi Troilo lo trovò che attendeva a dar loro sesto, ed in questa
bisogna lo veniva ajutando Selvaggia. Lo salutarono ambedue, come s'usa
con chi da un pezzo è di casa. Da quando lasciammo Selvaggia sulla
strada d'Empoli erano scorsi di molti mesi, come sa il lettore, ed in
questo frattempo, quantunque non le fosse avvenuta cosa d'importanza, è
però bene, a maggior chiarezza di quest'istoria, diciamo di lei quattro
parole.

Maestro Barlaam vedutala ricomparire così tosto, e quando meno
l'aspettava, chè essa era venuta difilato a scavalcare da lui, s'era
molto maravigliato, e mentre stava in sospetto non venisse costei a
tempestarlo con nuove richieste e nuovi furori, fu rassicurato tosto da
essa, che gli disse risolutamente aver ormai mutato d'animo, pensieri
e desiderj; aver scoperto finalmente quanto poco meritasse il suo
amore quello sciaurato pel quale avea durate tante fatiche, e tanto
sofferto: narrò come l'avesse trattata, e quali parole di scherno
avesse dovuto sentire, e giurando di volersi a ogni modo vendicare,
profferiva al padre di volerlo servire d'or innanzi in ogni cosa, e
non ubbidir se non lui, purchè l'ajutasse ad ottenere questa tanto
desiderata vendetta. Mostrandosi poi nei modi non più altiera e feroce
come prima, ma docile e dimessa, come colei che era a un tratto caduta
d'ogni speranza; e considerando il maestro, che un animo sicuro come
il suo poteva però talvolta venirgli molto a proposito pe' suoi fini,
l'accolse benignamente, e le disse, che era molto contento si fosse
messa sulla via ragionevole, e quanto al vendicarsi, ch'ella gli
desse campo a pensare, e lasciasse capitar l'occasione, e poi forse
farebbe in modo ch'ella rimanesse contenta. Senza voler dir altro,
nè fidandosi ancora del suo giudizio, la venne intrattenendo, finchè
trovatala sempre uguale a sè stessa, e sempre più accesa nel volersi
vendicare di Lamberto, un giorno le svelò, ridendo, tutte le pappolate
che le avea date ad intendere quella prima sera che s'era trovata con
Troilo e messer Benedetto, de' quali, dicendole ora i veri nomi e lo
stato, soggiunse: che non gliene volle dire allora, per sospetto, che
trovandosi essa con Lamberto non gli rivelasse ogni cosa.

Avendo essa poi varie volte occasione di trovarsi con Troilo, ed
affiatandosi seco, a poco a poco erano spesse volte venuti sul discorso
di Lamberto, e mostrando Selvaggia passione grandissima nel parlar
di costui e non minor desiderio di fargli dispiacere, Troilo, visto
che la cosa faceva per lui, avea soffiato in questo fuoco, pensando
che nessuno al mondo avrebbe potuto tenergli il fermo, ed ajutarlo ne'
suoi disegni, quanto questa cotanto offesa ed adirata donna. Ed avendo
da essa, e parte dal padre, avuto notizia della sua vita passata, e
conosciuta la sua arrischiata e terribil natura, rimase persuaso che
in cuore di siffatta tempra l'odio e la sete di vendetta per l'amor
vilipeso dovean produrre effetti sicuri e tremendi, e che nel suo
disegno di toglier Laudomia a Lamberto non potea trovare ausiliario che
più efficacemente di lei lo soccorresse.

Non sapeva ancora, a dir il vero, in che l'avrebbe potuta adoprare;
ma prevedendo in nube il fin dell'assedio, ed il momento in cui la
casata de' Lapi si troverebbe oppressa cogli altri popolani, pensava:
«Capiterà bene una qualche occasione! e fra due anime, come Selvaggia
ed io, che vogliam risolutamente la cosa stessa, sarà gran che, se non
ci vien fatta!»

--Presto, presto, maestro, disse dunque Troilo entrando e senza
risponder al saluto, conducetemi dal sig. Malatesta, chè si sta
mettendo di gran carne a bollire, e qui non è tempo da perdere!--

Barlaam gli s'avviò innanzi e, mentre Troilo usciva con esso, diceva,
volto a Selvaggia:

--Sta di buona voglia anche tu, chè se egli non ha voluto far alle
braccia con qualche archibusata, dovrebbe star poco a comparire il
nostro messer, e allora a noi, n'avremo ognun la sua parte.--

E via senz'aspettar risposta.

Trovò Malatesta in un suo salotto appartato, ed avea finito di cenare
allora allora; era ancora seduto a tavola, avendo dinanzi in certi
piattelli gli avanzi della vivanda, che alle ossa appariva essere stata
composta di capponi ed uccellami, e non d'asino. Appoggiato col gomito
al bracciolo del seggiolone e stuzzicandosi i denti, tenea bassa la
fronte, ed il lume della lucerna che ardeva in mezzo alla mensa gli
percuoteva sulla cotenna tirata e scolorita del cranio, che rifletteva
quel raggio come fosse d'avorio ingiallito.

Gli sedevan di contro messer Benedetto de' Nobili, e Baccio Valori,
che molte volte, durante l'assedio, con grandissimo suo disagio e
pericolo era venuto segretamente a visitarlo[57]. Tutti e tre alzarono
il viso verso Troilo, che aspettavano con grande impazienza, per udire
che novità vi fosse; e Malatesta, che volea parer d'animo sicuro,
quantunque gli errasse sulla fronte e nella guardatura un sospetto
inquieto, e non senza qualche spavento, disse, sforzandosi di sorridere:

--Che tu sii il ben venuto!.... Orsù, e che ne dicono i Piagnoni del
loro Gedeone?--

--Dicono.... dicono.... (rispose Troilo scrollando il capo coll'atto
che significa «non è tempo da motteggi») Dicono ch'e' faranno
senz'esso..... ed hanno il diavolo addosso più che mai.--

--E con esso si stieno, rispose Malatesta, alzando le spalle con
disprezzo. A buoni conti questa mosca dal naso ce la siam saputa
cacciare. E in piazza, che si fa?

--In piazza e stato l'inferno, e ancora mi duol l'ugola pel
grand'urlare,.... chè a far il Piagnone ci vuol canna e polmoni.... ve
lo dico io!.... In somma, il nostro vecchione, ed i frati, e'l Fojano,
e tutti, a predicare, e dagli! a chi più ne diceva, chè non avrebber
voluto Fra Girolamo per ragazzo. E il popolo era com'andasse a nozze:
schiamazzi, urli, battersi il petto; e la conclusione è stata: che se
non si spargeva la voce che in Palagio era vinto il partito di uscir a
combattere, io credo che que' diavoli tagliavan a pezzi la Signoria.

--Ed ora?--

--Ora tutti a casa a prepararsi per la festa di domani.--

--Oh, oh! il marzocco arriccia il pelo da maladetto senno questa volta!
E se a me non piacesse l'uscire?--

--Farebbon qualche diavoleto, ho paura, e vorrebbero sforzarvi.--

--E s'io chiedessi licenza, e li lasciassi ingegnarsi da loro, con
quest'esercito addosso, che non pensa e non sogna altro che sacco?--

--Al modo come sono infiammati, e come gli ho veduti stasera, io non
vorrei giurare che v'avessero a lasciar finir la parola, e pensassero i
fatti loro farseli da se.--

--Quando fosse così, vedremmo un bel gioco, alla croce di Dio!--

E l'occhio del traditore lampeggiò di quella rabbia diabolica che
accende uno scellerato se scorga possibile il perdere in un punto il
frutto di lunghe frodi.

Baccio allora, che non avea il capo a far il bravo, e stava con una
vecchia paura addosso che non tentava dissimulare, diceva:

--Ma e gli altri, e la setta di Niccolò[58] che fanno? che dicono? E'
pare che in Firenze non sian più se non Piagnoni?--

--Che volete che facciano! Fanno come gli altri. Chi avesse voluto
dir una parola in contrario, era bravo stasera, e poteva far conto di
tornar a casa colle budelle nella berretta. Tuttavia, anche stasera
qualche cosa s' è fatta.... via.... rassicuratevi. E s'io non erro,
a un serra serra molti gonfaloni tentennerebbero, e molti di questi
che hanno le casse molto ben foderate di ducati avrebber caro che non
finissero per le mani de' _bisogni_, e de' lanzi; e perciò terrebbono
più presto per gli accordi e pel sig. Malatesta, che vuoi le cose
oneste, ed ha promesso loro di molte volte uno stato di pochi, che
sarebbe appunto il fatto loro.... Non è egli vero, sig. Malatesta? Io
credo che il papa non vorrà farvi parer bugiardo, e sarà contento dar
loro uno stato di pochi--E sorridendo con malizia, aggiungeva--Ed anzi,
per mostrarsi largo nel mantenere i patti, vorrà che sian pochi fin
dove si può giungere, e se a questo modo lo stato finisse in un solo
non istarà a guardarla tanto pel sottile.--



CAPITOLO XXVII.


Nessuno de' tre non rispose alle suggestive parole di Troilo; chè
quelle vecchie volpi poco si fidavan tra loro, e sapevano che non
sempre i padroni vogliono che si parli tanto sicuramente delle loro
ribalderie, anche tra quegl'intimi che sono pur incaricati d'eseguirle.
Onde Baccio, dando una voltata al discorso, diceva:

--A buon conto, del Ferruccio siam liberi, che potea nuocer tanto...
io ho scritto la morte del principe a S. Beatitudine, cui dorrà
grandemente, son certo, d'un così valoroso signore; ma dacchè la
volontà d'Iddio[59] e le sorti della guerra l'hanno tolto di questa
vita.... da quel sant'uomo ch'egli è, comporterà in pace una tanta
sventura....--

--Ma non siam ancor liberi d'ogni sospetto,.... sig. Malatesta (disse
quasi raccomandandosi), qui è tempo di star desti, ed all'erta....
pensiamo che gli imperiali, ora che il principe, e D. Ferrante, come
nuovo capitano, non ha grande autorità, pensiamo, per amor di Dio,
non abbia a succedere qualche strano scherzo... che ad ogni poco
d'occasione quelle genti potrebbero abbottinarsi a voler dar l'assalto,
e dove riuscissero, trattar Firenze, come Roma tre anni sono. E se noi
dessimo Firenze saccheggiata a S. Beatitudine, sapete che grado ce
n'avrebbe.... E potrebbe anco avvenire che l'esercito ributtato dalle
mura si risolvesse e s'andasse con Dio, che sarebbe mal peggiore;
perchè bisogna pensarvi.--

--E' par che non ci pensi! rispose Malatesta con impazienza. Orsù,
voi, messer Baccio, tornate in campo più presto che voi potete, e fate
di trattener quelle genti col dire, che non si vuol in Firenze sentir
parlar d'accordi;.... così i soldati spereranno sul sacco, e finchè
speran sovr'esso non faranno movimento nessuno. E di questi arrabbiati
lasciatene il pensiero a me. E tu, Troilo, e voi, messer Benedetto,
pensate che il tempo stringe, e che è venuto il momento di raccogliere
il frutto delle vostre fatiche e de' vostri pericoli. Trovate Cencio e
gli altri, e mettetevi in moto, chè ora è tempo rannodar que' giovani
che hanno que' bei ducati e non li voglion perdere.... io so quel che
mi dico.... su loro e non su altri si dee far fondamento. Voi sapete
quel che avete loro a promettere.... fate che a me si uniscano ed a me
faccian capo.... Eh! soggiungeva poi scrollando il capo e sorridendo,
di questi furori di libertà n'ho veduti a guarir parecchi, o coll'oro,
o col timore di perderlo!.... e quel vecchione di Niccolò debb'essere
d'una pasta diversa d'ogni altro, per dio! che e' dicono di fiorini
egli n'abbia piene le cantine, eppure non si cura di nulla,... su di
esso non è da far conto, non è egli vero?--

--Oh! disse Troilo con quel viso di chi ode dire la maggiore
stravaganza del mondo. Oh! quanto a Niccolò, se non avete altro
moccolo, anderete a letto all'oscuro.... figuratevi! Nemmeno a
discorrerne.--

Al Nobili, udendo di quelle cantine piene di fiorini, era venuta
l'acqua alla bocca, e

--Per l'amor di Dio, disse, che non succeda il sacco!... Già vi
ricorderete, messer Baccio, che sul fatto di Niccolò siam d'accordo...
e dacchè ora sembra si venga allo stringere, ho caro rammentarvelo...
per dirvela com'è, a far quel che vuole il signor Malatesta, e
rannodare, com'egli dice, questa setta de' grandi, in questi
momenti,... non si scherza!... se nulla nulla si cadesse in sospetto,
ne va la vita.... io son contento porla a questo rischio, ma a cose
finite poi ricordatevi....--

--Sì, sì, già sapete, ve l'ho promesso, disse troncando le parole il
Valori, affastidito di questo vile ribaldo.

--Io poi, disse Troilo ridendo, non patteggio a danari... altre cose
voglio... e quando sarà tempo vi dirò quel che fa per me, messer
Baccio: ora non vi voglio tener a disagio, chè avete altro pel
capo.... Questo solo vi dico, che ho passati qui nove mesi in mezzo a
prediche e croci, e me n' avrete a saper grado.--

--Orsù, non è tempo da pazzie ora... bensì vi giuro la mia fede ch'io
non mancherò a nessuna promessa ch'io v'abbia fatta, e per avventura
potrei attenerla migliorata, ove i vostri portamenti lo meritino.--

--E di tanto ero certissimo, rispose Troilo. Ora, messer Benedetto,
andiamo, chè prima di domani ci rimane di molte bisogne da fare, e non
vorrei mancare di trovarmi a casa per l'ora delle orazioni,.... chè non
avessi ad andar a letto come i cani, a uso vostro... e poi, e poi egli
è bene ch'io faccia provvista di divozioni, così n'avrò poi per fin che
campo senza avermi a confonder altrimenti, quando non sarò più in casa
i Lapi.--

Malatesta s'alzò, ed aperto un cassone ne trasse un sacchetto di
danari, e consegnandolo a Troilo, gli disse:

--Questi in mio servigio li darete, uscendo, a Cencio, chè li
distribuisca a' soldati, tanto che ognuno abbia la parte sua; e ditegli
che non si lascino senza vino... non troppo però... ch'io non li
vorrei ubbriachi. Ora andate e siate accorti e di fede, chè buon per
voi. E d'ogni novità fatemi avvertito, che la riuscita o la rovina
dell'impresa in questi momenti può dipender da un nulla.--

Troilo ed il Nobili, toltisi di quivi, scesero in cortile e, consegnati
a Cencio i danari, uscirono. Dopo pochi passi si separarono, andando
ognuno in traccia di quelli che era loro commesso sedurre e trarre al
partito di Malatesta.

Mentr'essi attendevano a queste macchinazioni, Niccolò, che aveva
abbandonata la piazza insiem colla turba del popolo, si trovava in casa
già da qualche tempo.

Affrante le membra dalle cure, dalla fatica, dal dolore amarissimo
della rotta e della morte del Ferruccio, dolore ch'egli aveva dovuto
comprimere alla presenza del popolo per non disanimarlo, e che perciò
appunto avea sentito più cocente di dentro, il misero vecchio entrando
in camera s'era buttato sul suo seggiolone, e col capo nelle mani,
l'anima ottenebrata da funesti presentimenti, e combattuto tra la
speranza e i sospetti circa le profezie del frate, taceva, e tratto
tratto metteva lunghi e profondi sospiri.

Seduta un po' in disparte, colla fronte bassa e le mani intrecciate
sulle ginocchia stava piangendo, cheta, la povera Laudomia. Le sue
guancie in questi mesi s'eran affilate e fatte pallide, chè quel viver
sempre in agitazione, quel dover ad ogni ora temere le giungesse
l'avviso che Lamberto era rimasto ucciso, esauriva in lei a poco a
poco la vita. Ed ora dopo questa rotta, della quale s'ignoravano i
particolari, ed in cui sapeva però quasi 3000 persone aver perduta la
vita, rimaner col tremendo dubbio s'egli fosse vivo o morto! Non aver
modo di uscirne, non sapere a chi domandarne! «Oh! pensiamo, diceva,
s'egli non si sarà gettato nel maggior pericolo! S'egli avrà voluto
staccarsi dal fianco del Ferruccio? Oimè! Oimè! ch'io non abbia proprio
a vederlo mai più?»

E veniva calcolando, quando sarebbe potuto comparire, ove ancor fosse
vivo... poi, pensava alla difficoltà d'entrare in Firenze.... al caso
possibile, che fosse vivo bensì ma ferito, abbandonato, chi sa dove, e
in mano di chi!

Tutti questi pensieri eran altrettanti aghi arroventati, che le
entravano e le rimanevan fissi nel cuore, e per trovar modo di
sopportare quell'innestimabili angosce, diceva, vestendosi un po'
di speranza «questa sera ancora può capitare... fino a domani a
mezzogiorno... aspetterò. Ma se allora non fosse comparso?» E seguitava
a piangere, rattenendo i sospiri e i singhiozzi per non aggiunger
dolori al padre, che vedeva attraverso un velo di lagrime, in atto di
così profonda afflizione.

E le sarebbe stato pur dolce in quel momento di buttarsi a' suoi
piedi, abbracciarlo, versare nel suo seno a rivi quelle lacrime che
raffrenava! ma sempre, in ogni momento, Laudomia pensava ai suoi cari
più che a se stessa. A un tratto un dubbio tremendo l'assalse «ch'egli
sapesse che Lamberto è ucciso!... e non trovasse modo a dirmelo! e
volesse farmelo intendere con quel silenzio, e con quel sospirar
profondo!»

La poveretta non potè più rattenersi, si gettò alle ginocchia di
Niccolò, e scoppiando in singhiozzi, tutta tremante diceva:

--Oh babbo! L'hanno dunque ammazzato!.... Voi lo sapete... e volete
nascondermelo... Oh! sarebbe più crudeltà a tenermi in questo dubbio...
Oh! ditemelo... ed ajutatemi a portar anche questo dolore....--

Ed impedita dal pianto a profferir parole, stringeva e baciava le
mani del vecchio, che tutto commosso s'affrettava a rassicurarla,
affermandole sulla sua fede non saper nulla sul fatto di Lamberto, e
facendole animo a sperar bene.

Laudomia sapeva troppo quanto valesse la fede di Niccolò per serbar
ombra di dubbio, onde tutta rasserenata, colle mani giunte, alzava al
cielo gli occhi lagrimosi, e ringraziando Iddio di questo leggiero
conforto, lo pregava le concedesse la vita, la salvezza del suo sposo.

S'era fatto intanto un po' di rumore al portone, e comparvero poco
stante Fra Zaccaria con altri frati, ed insieme alcuni cittadini, tra'
quali due o tre eran de' Priori. Entravan taciti, salutando appena, e
sedevan gli uni dopo gli altri in cerchio attorno a Niccolò, col quale
volevan consultare circa i casi presenti, udire quali fossero i suoi
pensieri, quali i consigli da proporsi in Palagio, ma venivan meno le
parole ad ognuno: in ogni cuore stava impressa la dolorosa sentenza
«Per noi non è più rimedio!» e nessuno però voleva concedere a se
stesso nè agli altri che si dovesse tenerla irrevocabile, avrebbe
voluto parlar di speranza; ma la cercavano invano, ed il silenzio
durava.

In quella fu udito picchiare, Laudomia si riscosse, chè ad ogni rumore,
ad ogni voce le era avviso fosse Lamberto, ed era in quello stato
d'agitazione nervosa per la quale ogni piccolo strepito che venga
improvviso fa dare un balzo ed accelera il battito del cuore. Tendea
l'orecchio la poverina tutta tremante; udì il portone aprirsi. Chi
potrebbe esprimere quel ch'ella provasse, udendo a un tratto la voce di
M. Fede esclamare:

--Oh! sia benedetto Iddio mille volte! Voi siete pur vivo, Lamberto!--

Laudomia volle alzarsi e correre all'uscio, ma le ginocchia non la
ressero, ricadde seduta, sentendosi alle fauci ed alla fronte quel
sottil gelo che precede lo smarrirsi de' sensi. S'alzarono bensì
frettolosi e contenti Niccolò cogli altri, ed in quel mentre entrava
Lamberto reggendosi al braccio di Fanfulla, e quanto potè più presto,
ch'egli mostrava aver un piede offeso, accostatosi a Laudomia, che
gli alzava in viso gli occhi illanguiditi, e gli stendea la mano, le
diceva, stringendogliela tra le sue:

--Laudomia mia, lo vedi che pur son ritornato!--

E la voce appassionata del giovane diceva assai più che non sonassero
le parole.

In un momento Niccolò e tutti gli furono attorno abbracciandolo e
rallegrandosi, e ringraziando Iddio ch'ei fosse salvo, e poco minori
carezze facevano a Fanfulla, che tutto contento diceva a Laudomia:

--Non ve l'avevo io detto che ve l'avrei rimenato a ogni modo?--

--Lo puoi dir con verità, esclamava Lamberto, che se non eri tu!.... E
s'io son qui, dopo Iddio, lo debbo a te, fratello!--

--Che ci ho che fare io? rispose Fanfulla, son i casi della guerra,
ajutami che t'ajuto,..... oggi tu, domani io.... e a buon conto siam
qui, ancora buoni da qual cosa.... e, vedete, M. Laudomia, non vi
sbigottite se Lamberto strascina quella gamba... non è nulla.... ora vi
racconteremo com'è andata.--

Le accoglienze intanto non restavano, e Niccolò, abbracciando
replicatamente Lamberto ed il buon Fanfulla, a questo rendeva grazie
per ciò ch'egli aveva operato, e che indovinava dalle parole del suo
compagno, ed a Lamberto diceva:

--Fra tante calamità almen tu ci rimani! Oh Lamberto, in qual terribile
punto ci tocca rivederci!--

L'aspetto de' due soldati mostrava assai ch'essi avean di fresco avuto
parte ad un'aspra ed accanita battaglia. L'armatura a strisce d'oro
di Lamberto, già così tersa e lucente, era appannata dalla ruggine
e da un velo di polvere: delle penne che ornavan l'elmo non n'era
rimasta neppur una, ed appena n'avanzava il segno in due o tre fusti
rotti e spogliati. Il bracciale sinistro era rotto, e tenuto insieme
provvisoriamente da una funicella, sul petto poi e sui cosciali si
scorgea l'impronta di cento colpi, e sul fianco destro l'ammaccatura
profonda d'una palla.

Fanfulla anch'esso era conciato, Dio lo sa! non avea elmo in capo, ed
invece un cappello, sotto il quale uscivan i capi d'un panno che gli
fasciava le tempie, ed i pochi capelli bigi che si vedessero eran tutti
impiastricciati di sangue cagliato. Avea fasciato la mano sinistra,
e tanto sconnesso e maltrattato l'arnese, che nel moversi crocchiava
tutto come una canna fessa.

Madonna Fede, parte afflitta nel veder costoro così malconci, parte
rallegrandosi che fossero pur usciti vivi di tanti pericoli, aveva
intanto sollecitato ad arrecar qui da bere ed un po' di vesti per
ambedue affinchè si disarmassero, e gli veniva ajutando, insieme con
Maurizio, giunto col suo padrone in non miglior arnese.

Ma alla momentanea, benchè vivissima allegrezza, prodotta dal ritorno
de' due uomini d'arme, prevalse ben presto nel cuor degli astanti il
doloroso e dominante pensiero della rotta del commissario Ferruccio.
Così abbujandosi di nuovo a poco a poco gli aspetti eran tornati al
primo silenzio, e soltanto mentre Lamberto e Fanfulla si disarmavano,
venivan dicendo qualche interrotta parola, tutta piena di rammarico, di
maraviglia e di lodi grandissime sulla terribile fazione di Gavinana;
ed appena disarmati, diceva Niccolò con un sospiro, nel quale il
dolore appariva temperato da virile fermezza:

--Ora, dacchè a Dio piacque così, narrateci tutto almeno!--

Lamberto allora battendo insieme le palme, ed alzandole congiunte
insieme, esclamava, tutto infiammato in viso:

--Ah! un eroe come il Ferruccio non vi fu, non vi sarà mai più al
mondo!.... e l'età nostra sciagurata non era degna d'un tal uomo, e
pensar che tanta virtù sia finita alle mani di quel disonorato marrano
traditore di Maramaldo! E non aver potuto nè impedirlo, nè farne
vendetta?.... Eh, ma saprà ben farla Iddio! la faranno gli uomini
finchè dura il mondo, finchè la virtù, l'onore, l'amor di patria
varranno più che la codardia e il tradimento!--

Dette queste parole con impeto grandissimo, a un tratto, mutando voce
ed aspetto, proseguiva con amaro sorriso:

--Oh, appunto, egli ha mestieri delle mie lodi!--

Poi, rimasto un momento a pensare, come per raccoglier le idee, diceva
con voce bassa e dolorosa:

--Ecco dunque come andò la cosa. Avrete saputo ch'egli s'ammalò a Pisa
quando appunto avea avuto l'ordine di Palagio di mover le genti verso
Firenze. Perdemmo tredici giorni, chè tanto penò a risanare. E quella,
per dio, fu la nostra rovina!.... basta; come a Dio piacque, uscimmo
una notte per la porta di Lucca. Eravam venticinque bandiere. Intorno
a tremila fanti, e non s'aggiungeva a 500 cavalli. Ma gente.... lo può
dir Fanfulla.... gente che.... e poi s'è veduto a Gavinana che genti
erano.... ma sotto il Ferruccio chi non sarebbe stato soldato!....
Di munizioni poi non se ne discorre, egli avea provveduto a tutto.
Polvere, scale, ferramenti, biscotto:.... v'eran trombe da fuoco,
moschetti da porsi sui cavalletti, e mille cose.... Si prese verso
Pescia, e per istrada un'ordine! una disciplina! parevan una regola di
frati.... dicon delle Bande nere!.... Fanfulla, l'abbiam vedute.... Di'
un po' tu se queste avean loro invidia?--

Fanfulla rispose coll'atto della bocca, che significava grandissima
affermazione.

--Dunque si prese verso Pescia, e, come costoro della terra ci negarono
il passo, ci volgemmo al castello di Medicina, ove s'alloggiò. E
l'indomani a Calamecca. La mattina di S. Stefano poi, che fu l'ultimo
giorno di quel grand'uomo, si salì sul poggio, e si dovea andare al
Montale. Ma arrivati che fummo alle Lari, quei due ribaldi cancellieri,
il capitan Pazzaglia e 'l Melocchi.... quello che chiamano il
_bravetto_, gli si misero attorno pe' nostri peccati (chè non pensavan
costoro al servizio della città, ma valersi di noi per disfare i
Panciatichi) e tante gliene dissero, che in vece d'andar diritto,
come dicevo, al Montale, egli si lasciò pur condurre a S. Marcello,
e, sappiate, che della rovina dell'impresa furon cagione que' due
vituperati ribaldi, e non altri, e ne starò a paragone con chi si
vorrà!,... chè quegli arrabbiati della montagna di Pistoja non si
curano che rovini il mondo, purchè riescano a scannare uno della parte
nemica; e messer Francesco, Dio gliel perdoni, non dovea mai prestar il
suo ajuto a que' pazzi furibondi.... Basta, non tocca a me il giudicare
quella grand'anima.... avrà avuto i suoi motivi. Egli, dolendosi che
i popoli gli si mostravan nemici e gli negavan vettovaglie, disse
coll'Arsoli «E ci converrà alla fine sforzar qualche terra!» Ed anco,
bisogna dire, che que' Cancellieri avean promesso un ajuto di mille
uomini, che mai si videro.

--In somma, in un pajo d'ore fummo a S. Marcello. Quei della terra,
veduto venirsi addosso quella rovina, avean sollecitato chi a sgombrar
le loro robe, chi a chiudersi e fortificarsi nelle case, e molti s'eran
ridotti nel campanile. E dall'altra parte della terra, su per la costa
del Cerreto, era una processione di donne, di fanciulli, di vecchi che
s'ingegnavano campar da quella rabbia, e tutti con qualche fagotto
in capo, carichi de' loro fanciullini e di quante masserizie di casa
avean potuto raccorre e portare, e tirandosi dietro qualche asinello,
pur carico, o qualche loro vaccarella od altro bestiame, si vedevano
ora sì ora no tra i gruppi de' castagni e si sentivan insino le voci
e i pianti delle donne e de' bimbi... ed io venivo poco indietro da
que' due ribaldi Cancellieri, e vedevo che ridevano tra loro, con
una rabbiosa allegrezza negli occhi, pascendosi di quel doloroso
spettacolo, e venivano instando onde sollecitasse, e dicevan presto,
presto, che non ci fuggan tutti!.... Ah! vi giuro ch'io non so che
santo m'ha tenuto di non dar loro della spada in sul capo, che avrei
tolto un gran puzzo dal mondo.... e, dicevo io, pensare che stiamo con
tanti nemici addosso, e Tedeschi, e Spagnuoli, e mille diavoli, che
anderà a finire.... Dio lo sa! E con chi la pigliamo? con que' poveri
disgraziati contadini....

E chi son essi? Italiani.... E chi siam noi? Italiani. Ah! pel vero
Dio, che s'egli ci flagella, e' ci fa molto bene il dovere.... e lo
può dir Fanfulla, che gliene dissi subito «questo principio poco mi
piace, invece di pregar Dio che ci dia vittoria, far questi brutti
assassinamenti!....» Non dubitate, che troppo fui profeta!

In somma, che volete? appena nella terra, addosso tutti, casa per
casa a sfondar le porte, ammazzar quanti potevano, e dalle finestre
l'archibusate fioccavano, e si combatteva per tutto, per le strade,
nell'interno delle case, per le scale, di camera in camera, che que'
miseri, disperati d'ogni pietà volevan almen morire vendicati, e que'
due maladetti parevan diventati cento, non potevo voltar l'occhio in
un luogo che non ve li vedessi, e facean cose che non so come la terra
non s'aprisse.... l'ho veduto io con quest'occhi il Melocchi che nella
casa d'un suo particolar nemico avea trovato un bimbo di pochi mesi....
venne in piazza.... l'avea per una gamba.... e rideva all'impazzata,
lo rotò due volte e lo scagliò in una casa che ardeva!.... ancora
sento l'acuto vagito di quell'innocente!.... oh Dio! Dio, e potevi
dar vittoria a cotali assassini?.... Io, non potendo impedire, e non
volendo vedere cotali ribalderie, mi tolsi di là e Fanfulla meco, e
andammo alla porta verso Gavinana ad aspettar che finissero quegli
orrori..... a un tratto, chi vedo? il Melocchi suddetto che veniva
correndo con due altri, e mi dice: «Andiamo, andiamo, presto, dietro
quelli che fuggono, che li arriveremo!»... Gli ci avventammo come
due mastini... «se tu non ti levi di qua, sozzo ribaldo!» gli dissi,
e s'egli replicava una parola era morto. Così si ritrasse e que'
poveretti poteron scampare.

Intanto avean posto fine al loro furore, chè si sentivan le campane
di Gavinana sonare a furia a martello, ed il Ferruccio, avvisandosi
fossero i nemici, veniva mettendo in ordine le sue genti. Egli era,
cogli altri capitani, nella casa de' Mezzalancia[60] fuor della porta
di Pistoja, e quel campo che sorge dall'altra parte della strada su
per la costa, era tanto stivato di soldati che non si vedea che un
ferro[61].

S'era fatto un tempo scuro; ed acqua a bigonce: fu ordinato che le
genti si ristorassero e mangiassero, ed il Commissario uscito fuori
coperto di tutte armi, fuorchè il capo, parlò ai soldati com'egli
sapeva parlare: e poi bevve, e siccome pioveva sempre, disse ridendo:
«Il tempo ci ajuta: e ci inacqua il vino perchè non andiamo ubbriachi a
combattere» E fu pur troppo l'ultimo ch'egli bevve.

Era costì apparecchiato quel suo cavallo bianco, quel turco che
comprò dall'Albanese: vi salse, e colla spada ignuda si mosse egli
con quattordici bandiere e facea l'antiguardo; il retroguardo eran
quindici, guidati dal sig. Gian Paolo. Io venivo con questi e seguivo
Amico d'Arsoli, e Fanfulla andava col Ferruccio.

Venne intanto di Gavinana l'avviso che gl'imperiali eran molti più
di noi, e li guidava il principe in persona. Dice Fanfulla, che
Ferruccio udito questo non potè tenersi di non esclamare: «Ah traditor
Malatesta!» chè non si potea supporre volesse l'Orange lasciar cotanto
sprovvisto il campo sotto Firenze, se non fosse stato sicuro di non
venir molestato da Malatesta.

Forse in cuor suo dubitò allora Ferruccio della giornata, ma al di
fuori mostrandosi pieno di baldanza s'affrettò a giungere a Gavinana.

Noi altri intanto coi cavalli del retroguardo prendemmo un po' al
disotto a destra della terra, per andar contro quelli del principe, e
camminando quanto più si poteva veloci e serrati (chè son luoghi ove
a maneggiar uomini d'arme è cosa malagevole) udivamo nell'interno del
castello le archibugiate, e le grida della zuffa attaccata già dal
Commissario. Allora anche noi, avanti, per venir alle mani, e passammo
quel piccol torrente che v'è. Di là tra castagni v'era un po' di largo,
e così ci urtammo coi cavalli del Bicherini, con Herrera e Rosciale,
e l'Albanese co' suoi stradiotti, e non fummo mescolati mezz'ora
che, ajutati dagli archibusieri che avevam con noi, li cominciammo a
ributtare, ed essi non troppo ordinatamente venivan perdendo terreno.

Non per dir che ci fossi anch'io, ma s'è fatto il potere, ed il sig.
Amico, povero vecchio, combattè quel giorno com'avesse venticinqu'anni.
Così sempre serrando i nemici girammo intorno alle mura, e venimmo a
riuscire dall'altra parte della terra, in quel luogo che si chiama
Vecchietto, ove gl'imperiali cominciarono sparpagliati a fuggire: il
principe vedendo i brutti portamenti de' suoi si spinse innanzi in
que' campi che dicon le Vergini: di qua, di là dal castello, da ogni
parte veniva in quel luogo una grandine d'archibugiate, ma egli, da
quel franco signore ch'egli era, niente, e avanti! e in quella che
s'avventa al Masi colla spada in alto, lo vedo piegarsi da un lato, e
poi giù disteso in terra: sul primo pochi de' suoi se ne avvidero, chè
il fumo occupava ogni cosa.... ma a un tratto, ecco il suo cavallo, un
bel bajo, tutto coperto di cojame bianco, venir giù a salti sbuffando
che parea un leone, e passar come un razzo, e sparir nel folto del
castagneto rompendo e fracassando rami e quanto trovava.,.. Per
que' suoi poltroni fu come avessero veduto il demonio, ed invece di
scagliarsi alla vendetta, via tutti a rotta di collo verso Pistoja, e i
nostri dietro, e gridavam _Vittoria_ da farci scoppiar la canna, chè il
Ferruccio udì le grida di dietro e credette aver vinto.

L'Arsoli allora tutto ansante, fulminando per gli occhi l'allegrezza
della vittoria, disse a me e ad un altro «Presto, addietro alla porta
Papiniana, e se il Commissario può darmi 50 cavalli, fateli passar
qui affinchè ributtino quelli che volessero girar la mura e coglier i
nostri alle spalle, mentre io seguito costoro che fuggono» Diede di
sproni e via di carriera, e noi addietro come saette; ben conoscevo
quanto importasse far presto, chè vedevo comparir lontane molte
bandiere di lanzi, intere e ordinate all'assalto. Mentre galoppiamo
per que' greppi, fu a un tratto come la terra mi si sfondasse sotto,
e 'l cavallo ed io sottosopra, giù pel pendìo tra i cespugli e le
macchie finchè ci fermammo in un cavo, io sotto, lui addosso, immobile,
e la gamba ritta che avevo presa la sentii a un tratto tutta molle e
calda, era il sangue del cavallo che, trapassato da una palla, credo
morisse per aria. E non mi potevo nè movere, nè ajutare, e sentivo
mancarmi l'anelito, nè potevo capir perchè, avendo solo una gamba presa
sotto; riflettendovi dopo, credo che nel momento appunto ch'io caddi
mi dovette passar dappresso al viso due dita, una palla di cannone, e
sapete che ciò basta a levar il respiro per un pezzo.

Io puntavo le mani qua e là, e mi sforzavo di riaver la mia gamba, ma
tutto era inutile, e mi toccò aver pazienza. Intanto il mio compagno
era giunto al Commissario, e Fanfulla venne comandato per guidar que'
50 cavalli ove aveva detto l'Arsoli. Li vidi venire, e formarsi in
battaglia in un largo che mi stava sopra a pochi passi, di dove ero
caduto, loro non vedevan me, chè ero ficcato fra i cespugli, e gridare
non potevo; io li osservavo, ed ho potuto allora conoscere che conto
fa qui il nostro Fanfulla dell'archibusate. Figuratevi ch'egli era col
cavallo dinanzi la fila de' suoi uomini, e sentivo che, vedendo certi
soldati giovani far gobbe le spalle al fischiar delle palle, diceva
«Animo ragazzi, non è nulla, quelle che fischiano son già passate»
e inforcato, ritto fra gli arcioni, pareva fosse sulla piazza d'un
alloggiamento a far scuola a' soldati, e non in battaglia, e veniva
loro dando molti insegnamenti, ed in quella il suo cavallo toccò
un'archibusata di striscio in una spalla e si piegò tutto da un lato,
ed egli serio serio, senza scomporsi, diceva facendolo muover di passo
«Quand'un s'accorge che il cavallo è ferito, è regola di non lo lasciar
fermo; sente più il dolore, se un nervo è offeso si può irrigidire: si
fa muovere pianamente, così, e venirlo toccando un po' di sprone.»

A queste parole Fanfulla disse sorridendo:

--Che volete? vedevo certi giovani di prima barba, che quel _psst_
delle palle vicin all'orecchie pareva li disturbasse, e volevo che
capissero che non è da farne caso.... n'ho sentite tante io, eppur son
qui ancora.--

Niccolò e gli altri sorrisero così un poco, e Lamberto proseguiva:

--Insomma, non ci fu mai verso di riaver la mia gamba, che oramai mi
doleva forte e la sentivo tutta intormentita, e dubitavo fosse rotta:
e quando mi pareva mi tornasse in petto tanto fiato da poter chiamare
in mio ajuto, ecco venir di verso Gavinana un balestriere correndo, e
richiamando addietro Fanfulla e la sua gente in ajuto del Commissario,
chè que' lanzi veduti da noi poco prima, invece di prender di sotto,
avean imboccata la porta Peciana, e rinnovata nella terra la battaglia
colle genti del Ferruccio, stanche dal lungo combattere con quelle del
Maramaldo, che aveano sconfitte. Io vidi partir Fanfulla e dovetti
rimaner così senza poter far altro, e poco dopo sentii nel castello
levarsi un tremendo grido, con tanto spesseggiar d'archibusate che
pareva un tuono continuo e che la terra s'aprisse, ed io mi disperavo
di non poter ajutar in nulla.

Poi, dopo un'ora, a poco a poco si fecero meno spessi i tiri, e sempre
più diradandosi finiron poi affatto, e solo sentivo nel castello un
ronzìo cupo come in un nido di calabroni: a sera poi capitò Fanfulla,
che m'ajutò; egli vi potrà dire come andassero le cose dentro la terra,
chè vide tutto.

--Così non avessi veduto! disse Fanfulla. Quando venni richiamato
addietro.... Eh! badate ch'io non so discorrere come Lamberto, e ve
la narro come posso.... Quando dunque giungemmo alla porta Papiniana,
feci scavalcar ognuno.... per quelle vie torte e strette, meglio su
due gambe che su quattro, dico io.... Dunque a piedi, colle picche
innanzi, e ben serrati, eccoci in piazza. Che volevate vedere? I
morti a mucchi, il sangue a rigagnoli per tutto, come l'acque ne'
temporali: e dalla via che mette a porta Peciana era già sboccata la
prima bandiera de' lanzi, e tutta la strada, che sale un poco, si vedea
piena zeppa di picche, e venivan avanti da maladetti. Il Commissario,
tutto già ferito e pesto, che fa? la gente sua era in gran parte morta
o ferita. Arrendersi? sì, le zucche fresche!... si chiama attorno
tutti i capitani e caporali, ne fa una fila, e tutti insieme a capo
sotto, dentro in quella battaglia di lanzi! E lui vi s'era buttato
il primo, vedete! E al capitan Goro, che volle passargli innanzi per
riparargli la persona, afferrò un braccio ruggendo com'una fiera, e lo
tirò addietro. Eh! è un pezzo che vedo picchiare, e ho visto picchiare
davvero più d'una volta, ma un cozzo come quello che diede il nostro
squadrone (chè c'eravamo uniti anche noi agli altri) nella fila dei
lanzi, in quarant'anni, per la Madonna, è stato il primo!

E sotto! tutti co' denti serrati, che quasi non si vedea lume, si
lavorava co' pugnali e co' coltelli, e talvolta ad afferrarsi e
lottare, e andar sottosopra, e rialzarsi, e più se n'ammazzava, e più
ne ricompariva, e tanto pensavo uscirne vivo, come esser fatto papa....
Presto eran per mancarci proprio le forze di reggerci in piedi non che
di combattere.... era un caldo! e l'armatura parea foco espresso....
Allora l'Orsino, che sempre era accanto al Ferruccio, e lo vedeva
ansante, pieno di sudore, di polvere, e gocciolava sangue per tutto,
sento che gli dice «Non ci vogliamo arrendere sig. Commissario?»

--No! grida lui con un urlo strozzato, e parve che gli tornassero le
forze a un tratto, e si caccia, più diavolo che mai, nel folto dei
lanzi, che cominciano a tentennare. Figuratevi noi allora! Ci scagliamo
come mastini, e mena, e spingi, e avanti, ributtandoci, a viva forza,
scavalcando cadaveri, e tutti imbrodolati di sangue, riuscimmo a un
tratto fuor di porta, e vistomi all'aperto m'accorsi che avevam rotti i
lanzi, chè a dirvela, per quella via stretta non ci vedevo più, e non
sapevo dov'ero, e mi sentivo la testa intronata, chè n'avevo toccata
una sul capo, e 'l sangue mi velava la vista. Basta, fuori che fummo si
fece un po' di largo, mi nettai un po' gli occhi, ed i nemici aprendosi
alquanto, vidi il Commissario cacciarsi in una casetta vicino alla
cappella delle vergini, e io dietrogli, e dico: «Finchè ne vuoi tu ne
voglio anch'io.»

E costì da capo ricominciamo a sonare,.... ma eram rimasti una decina
e non più, e ora ne cadeva uno or un altro, ma senza rinculare un
passo, e si combatteva sull'uscio, alla fine, eran più di cento che
spingevano, e di peso ci portaron dentro, e ci montaron addosso, che
ognun di noi n'avea quattro alla vita; allora il Ferruccio, che pel
sangue perduto e la stanchezza era venuto a terra e non potea più
muover gambe nè braccia, e non parea vivo che dal fulminar degli occhi
e dal ruggito che gli usciva tratto tratto di gola, povero signore!....
fu preso da uno spagnuolo, e io da un altro, e così finì; eramo quattro
vivi.

Quello spagnuolo che ebbe il Ferruccio voleva nasconderlo, ma venne un
ordine di Maramaldo che gli fosse condotto. Lo misero a sedere su due
picche in croce, e lo portarono in piazza.

Maramaldo, vinto ch'egli ebbe, s'era riparato in quella casa
sull'angolo della chiesa: uscì sul ballatojo innanzi l'uscio, al quale
s'ascende per due gradinate, mentre appunto le salivano i soldati
che portavano il Commissario,... glielo buttarono ai piedi, rimase
stramazzato, reggendosi però su un braccio, colla fronte alta e più
feroce che mai.--

Qui Fanfulla tacque per un momento. Poi, fatto grave e addolorato
nell'aspetto (cosa tanto fuori della natura sua) disse, scrollando il
capo:

--Darei quel poco sangue che m'avanza per non aver veduto ciò che sto
per narrarvi!....--

E dopo un'altra pausa, riprese.--Maramaldo gli si accosta e gli dice:
«Ci sei una volta! mercante poltrone!» Ma Ferruccio non gli lascia
finire la parola e lo mente per la gola, com'egli fosse sano ed armato,
e non ridotto com'era, e mentre si dicean villania, vedo Maramaldo
colla destra venirsi frugando dietro le reni finchè trova il manico del
pugnale, lo sguaina, e l'alza a un tratto sul viso al Ferruccio, io lo
guardavo proprio negli occhi.... non li mosse, vedete! non li volse,
com'ho da render l'anima a Dio! ed ebbe due volte la lama nella gola, e
disse, morendo e borbogliando pel sangue che gli usciva di bocca: «Vil
poltrone, tu ammazzi un uomo morto!»

Io perdio avea le mani legate da que' marrani, chè coll'ugne e co'
denti l'avrei vendicato. E codesti si chiaman capitani di soldati? capi
d'assassini piuttosto! vergogna di quanti fanno il mestiere!

Io fui condotto in una casa poco discosto, e da quello che m'avea preso
venni raffigurato, ed io riconobbi lui, chè fummo insieme nell'esercito
di Borbone, era un certo Valesco..... e mi dice: «Oh, chi pensava mai
che fossi qui!» e cominciamo a discorrere, e per dirla in breve, m'usò
di molta cortesia, chè gli dissi: «Vedi, che taglia vuoi tu che ti
paghi? a scorticarmi tutto non ne caveresti un ducato.»

Insomma, e per l'antica amicizia, e perchè a dirla, tutti i soldati che
da vent'anni sono in sulle guerre d'Italia li conosco uno a uno, e non
per merito mio, ma tutti mi voglion bene, mi lasciò andare: bensì gli
ho promesso, che se potrò metter insieme un po' di denari qualche cosa
gli darò. Ho paura però che aspetti un pezzo.

Allora pensai a Lamberto: Dio sa com'è capitato!.... era già fatto
sera, e i soldati nella terra attendevano a far buona cera, bere e
giocare, e metter a sacco le case, insomma, quel che si suol far
sempre. Io me n'uscii zitto zitto e misi in animo di trovar Lamberto
vivo o morto.... e pensavo a voi M. Laudomia.... come vorresti tornarle
dinanzi senz'esso! dicevo. Comincio a cercare per que' greppi (era uno
stellato chiaro) pieni di morti e moribondi, e chi si lagnava, chi
bestemmiava Dio e i Santi, chi vedendomi passare si raccomandava....
ma che potevo in fare? Dicevo «raccomandati a Dio, fratello» e passavo
avanti, chè a voler dar retta a tutti non bastava un mese. Insomma,
dopo un par d'ore, chè credetti più volte, tanto mi doleva la ferita
del capo, e mi sentivo rotto e stracco, di cascar anch'io, per non
rizzarmi più; alla fine, dico, te lo trovo in quel fondo, e, la Dio
grazia, vivo «Ajutiamoci Lamberto, chè la festa è bell'e terminata» e
gli racconto tutto. Ora, come riuscimmo tra tutt'e due a movere quel
cavallo morto, e poi a trovar modo di condurci fin qui, poco importa il
narrarlo; il fatto sta che ci siamo, e che se credevo riveder Firenze,
possa rompere il collo.--



CAPITOLO XXVIII.


La notte che tenne dietro a questa torbida giornata fu pe' Fiorentini
piena d'inquietudine, di sospetti e d'apparecchi, nell'aspettazione de'
gravi casi che essi prevedevano per l'indomani. In quell'ore stesse
ove, particolarmente ne' gran caldi, suole il sonno vincere ogni cura
e la memoria di ogni travaglio, Firenze rimase desta. A girar per le
strade non s'incontrava persona, ma il chiarore che traspariva qua e
là dalle finestre, i rumori, le voci che s'udivano nell'interno delle
case, assai mostravano che quel disgraziato popolo sentiva appressarsi
l'ultima scena della lunga e sanguinosa tragedia, e nelle sue viscere
ribollivan più fervidi gli umori e le passioni di parte, le speranze, i
desiderj, vicini ormai ad essere irremissibilmente appagati o delusi.

Il popolo minuto, la maggior parte cioè de' cittadini, che in cotali
casi suole operar sempre con prontezza e lealtà, senza secondi fini e
senza raggiri, e per questo appunto viene spesso a pagar lo scotto a
pro degl'ipocriti o degli astuti, si preparava in quell'ore notturne
a venir francamente l'indomani all'ultima prova dell'armi, sperando
vittoria, e rassegnandosi a comprarla colla vita di molti.

Bello ed augusto spettacolo sarebbe stato a poter penetrare il
segreto delle povere case popolane, veder gli apparecchi di quel
gran sacrificio. Veder quegli uomini disporsi tranquilli a morir per
la patria, ed a quali patti? con quali speranze? di mutar sorte, e
divenir ricchi vincendo? No: il loro stato, ben lo sapevano, non potea
cambiarsi, la povertà e la fatica eran la parte che loro sarebbe
toccata dopo, come prima. Ma non facean questi calcoli, neppur li
pensavano; essi amavan la patria, come s'ama una madre, l'amavan
d'amore, era stato per loro il primo pensiero dell'infanzia, dovea
esser l'ultimo della vecchiaja, essi davan la vita per lei con quel
cuore stesso con che un'amante la spende per l'amata, senza cercare
altro premio che la gioja stessa di morire per salvarla.

Quali e quanto fervide saranno state in quella notte le preghiere
delle madri e delle spose! Quante lagrime sparse in segreto! Quanti
voti, quante promesse a Dio d'anime innocenti e cadute d'ogni speranza
che non fosse in Lui! La fantasia si smarrisce immaginando l'infinita
varietà di casi che dovea offrire l'interno di tante famiglie, pensando
i severi conforti de' vecchi, l'animoso e confidente sperare de'
giovani, l'onorato ed irremovibil proposito di tutti; ma il cuore si
stringe considerando poi che in quell'ore istesse v'eran in Firenze
cittadini che vegliavan disegnando come potessero scampar soli dal
comune naufragio, redimere la loro vita a prezzo di tradimenti, le loro
ricchezze a prezzo del sangue o della libertà de' loro fratelli.

V'eran pur troppo costoro, ed eran la setta dei grandi, quella di che
facea capitale Malatesta, e che Troilo ed il Nobili avean avuto, come
vedemmo, l'incarico di sollevare.

Essi ebbero a durarvi poca fatica, chè oramai le cose eran mature, ed
il privato interesse poteva più d'ogn'altro rispetto in uomini che, sul
primo, s'eran però mostrati pronti ed accesi pel comun bene. Ma essi
eran ricchi; avean che perdere, e Niccolò dubitando di loro, non avea
preso errore.

Troilo ed il Nobili, lasciato Malatesta, venner dunque raggirandosi,
e trovando uno ad uno quei grandi; e, come portava l'occasione, con
parole e promesse più aperte riuscirono a staccarli affatto dalla causa
del popolo e risolversi a quegli estremi partiti, che presero poi di
fatti, e furon cagione dell'ultima rovina della città.

Passata così quella notte, l'alba desiderata, o temuta, ma sicuramente
spiata da tanti, appariva finalmente chiara e limpida dietro i poggi
dell'Incontro e di Vallombrosa. Quando i suoi raggi cominciarono a
penetrar nelle case, e ad esser visibili malgrado la luce rossiccia de'
lumi, si fece in ogni famiglia quasi un'ultima dipartenza, successero
gli abbracci, i pianti, i caldi e rapidi colloquj delle mogli, le
benedizioni de' vecchj e de' padri, ed a poco a poco si sparse un rombo
per la città, un rumor cupo, di voci, di passi, di porte che s'aprivano
e serravano a furia, ed uscendo i cittadini armati dalle case, per
raccogliersi ai loro gonfaloni, ricambiavan l'ultimo addio, l'ultime
occhiate co' loro congiunti, colle donne, co' bambini che lasciavan
lacrimosi sugli usci.

A levata di sole la piazza era già, non meno del giorno innanzi,
calcata di popolo, ed i Signori radunati in consiglio, quando si vide
di verso Vacchereccia giungere una compagnia d'uomini a cavallo, alla
cui testa veniva Cencio Guercio e si drizzava al Palagio. Giunto al
portone fra l'ondeggiare ed un non troppo amico mormorare della folla,
scavalcò; e salito nella sala ov'era radunata la pratica, espose con
arroganti parole il messo pel quale era stato mandato da Malatesta.

Il traditore neppur in quella notte non avea perduto tempo, e
conoscendo l'universale repugnante più che mai agli accordi, ed acceso
invece a tentar ancora il combattere, avea mandato in campo a Don
Ferrante Cencio sopraddetto, con un altro, i quali ne eran ritornati
con una bozza di capitoli pei quali, in sostanza, venissero bensì
rimessi i Medici, ma rimanesse però libera la città.

Con questa bozza venne dunque Cencio ai Signori, dicendo: «come
Malatesta li confortava accettarla, e gli ammoniva, dacchè eran pure
spacciate le cose loro, non volessero l'intero esterminio di Firenze,
moltiplicando poi parole di tanta alterigia, che il gonfaloniere fu
per fargli metter le mani addosso.» Tardi avvedutasi la Signoria
dell'error suo nel commettersi alla fede di quel ribaldo, che ora
tanto sfacciatamente scopriva il suo tradimento, udendo anche il
rumore che s'era levato in piazza, e le grida del popolo che chiedeva
battaglia, diede con altrettali e più superbe parole commiato a
Cencio, imponendogli, dicesse a Malatesta (trascriviamo il Varchi)
«Che la Pratica per ispraticare oggimai questa tante volte proposta, e
determinata consulta, aveva di nuovo per ultima risoluzione deliberato,
che onninamente si combattesse; il perchè essi come Signori gli
comandavano, e come cittadini lo pregavano per l'onor suo e per la
salvezza loro che desse ordine a cavar fuori i suoi soldati, perchè
eglino dalla parte loro erano preparati, ed aveano preste e in punto
tutte le cose da lui chieste e dimandate, e qualcuna di più.»

Malatesta intanto, tutto pieno d'ansia e di sospetti, moltiplicando
intorno a se le guardie dei suoi perugini e de' soldati côrsi che
gli eran devoti, aspettava la risposta di Palagio, ora bravando,
ora promettendo a' suoi, e raccomandandosi gli tenessero il fermo.
Quando Cencio gli ebbe riferito le parole de' Signori, conosciuto non
rimanergli altro scampo, si risolse, com'avea disegnato, domandar
licenza, e dimettersi dal grado di capitan generale prima che ubbidire
a quel comando, chè potea fargli perder il frutto di tante frodi: non
ch'egli credesse la sua licenza venisse accettata, sperava al contrario
vincer così la costanza de' Fiorentini, e costringerli, trovandosi
senza capitano, a calare agli accordi.

Egli dunque scrisse una lunga lettera alla Signoria con parole e
ragioni oscure ed avviluppate (chè di chiare e schiette non ne avea)
sforzandosi mostrare aver egli onoratamente e con fede adempiuto
all'ufficio di capitano, e dato ogni opera affinchè la città si
liberasse di quell'assedio, il fatto aver dimostrato che il suo
consiglio di non uscire a combattere era stato buono, ed a quello più
che mai volersi attenere, ora che per le tante perdite erano sceme le
forze de' cittadini, e di troppo inferiori a quelle degl'inimici; non
potergli patir l'animo di concorrere egli alla rovina di così nobile
città, seguendo l'opposta opinione, e dacchè pure le loro Signorie
avean deliberato mandarla ad effetto, voler piuttosto domandar buona
licenza, lasciar l'ufficio, e partirsi.

Stefano Colonna, al quale Malatesta molto umilmente si raccomandò quel
giorno onde non gli facesse contro e l'ajutasse, s'accomodò piuttosto
a favorirlo, o perchè così gli fosse stato commesso dal re di Francia,
del quale era soldato, o per qualsivoglia altra cagione: il fatto sta
che a questa protesta anch'egli appose la sua firma, ed appena scritta
la mandarono in Palagio.

L'indegnazione e lo sdegno che si destò tra' Signori nel leggerla, e
nel veder ormai tanto aperto il vituperato animo di quel traditore, è
cosa impossibile a dirsi; e senza frapporre indugio, tutti bollenti
d'ira, posero il partito, ed a tutte fave nere lo vinsero, che
s'accettasse la licenza di Malatesta; venne tosto scritta una risposta
nella quale, senza scendere a recriminazioni ed a lagnanze, che mal
poteano stare colla dignità della repubblica, gli si accordava però
la sua domanda con parole troppo più onorevoli che egli non avrebbe
meritate.

Andreolo Niccolini e Francesco Zati, ambedue commissarj, ebbero il
carico di portar questo scritto a Malatesta, e condussero con loro Leo
Paolo da Calignano, notajo, chè ne facesse pubblica fede.

Il popolo, che aspettava impaziente il fine di quelle pratiche, vide
accostarsi al portone del palazzo tre muletti condotti dai tavolaccini
della Signoria, e poco stante comparvero i Commissarj sopraddetti,
e montati a cavallo s'avviarono con due mazzieri innanzi, tra il
bisbiglio della folla, ove già correva la voce dell'importante e
strana commissione alla quale venivan mandati. Giunsero al capo di
via Maggio, ov'eran le prime guardie di Malatesta, che s'aprirono
per lasciarli passare, ma con brutte parole ed occhiate in cagnesco
davan loro indizio dell'accoglienza ch'eran per ricevere dal capitano.
Scavalcati finalmente in cortile, salirono, e lo trovarono nella sala
ove era solito dar le udienze, seduto su un seggiolone, circondato
dalle sue lance spezzate, con un viso stravolto ed altiero, che non
mutò al giungere de' Commissarj, ed appena con un piccol moto del capo
corrispose al loro saluto.

Se questi non si sbigottirono trovandosi nelle mani di tanti, che a
quel punto ben potean dirsi nemici, vedendo i visi di que' suoi ribaldi
tanto volti al male, e sapendo qual messo arrecavano, convien dire, che
assai fossero d'animo sicuro. Si disposero ad adempiere arditamente
al loro ufficio, ed il Niccolini, cavato fuori lo scritto, cominciò a
leggerlo ad alta voce.

Ma non ebbe appena profferite le prime parole, che Malatesta alzandosi
furibondo gli corse addosso, e sguainato il pugnale lo ferì malamente
in più parti, e l'avrebbe ucciso se le sue lance stesse, considerando
l'enormità del caso, e temendone forse ancor più le conseguenze, non
gliel'avessero levato di mano; ovvero, se la debolezza del suo braccio
non avesse reso i colpi mal sicuri e di poca offesa. Allo Zati, veduto
il compagno a questi termini, fallì un momento l'ardire, e domandò la
vita a Malatesta, che accecato dall'ira, anche a lui s'avventava, e che
pur si rattenne dal manometterlo.

A quel tumulto si levò il rumore grandissimo per tutta la casa,
nel cortile ed in istrada, e dai soldati (che in quell'età ad ogni
poca d'occasione, pensavano subito a far bottino) venner tolte le
mazze d'argento de' mazzieri, le mule, e perfin la cappa del ferito
Commissario, che tolto di là da Alamanno De' Pazzi fu amorevolmente
soccorso e fatto medicare. Intanto Malatesta, che il furore, la rabbia,
il sospetto di dover in un punto rinunziare a tante speranze, avean
tratto di senno, s'aggirava fulminando; e gridava «Non esser Firenze
stalla da muli, e voler egli salvarla a dispetto de' traditori.»

Il disordine e le grida duravano grandissime, ed era ormai palese
ad ognuno esser le cose condotte a tal estremo, che la forza sola
avrebbe deciso chi dovesse rimaner signore di Firenze, il Palagio o
Malatesta; e questi non ebbe tanto offuscato dall'ira l'intelletto da
non comprendere ch'era tempo non di parole e braverie, ma di pronto ed
animoso operare.

Erano intanto ritornati in piazza lo Zati, il notajo, co' mazzieri
svaligiati, e tutti disordinati ne' panni e nella persona, ed il
popolo maravigliato li vide passare per entrare in Palagio, e saputo
appena l'accaduto, si levò un ruggito d'ira e grida di vendetta tanto
smisurate che ne rimbombaron i monti e la valle dell'Arno, ed il
gonfaloniere insuperbito, e giurando di voler vendicar a ogni modo
l'offesa repubblica, gridava a' suoi sergenti gli venisser arrecate
l'armi e preparato il cavallo, onde, alla testa di tutto il popolo,
andar contro Malatesta, e veder, com'egli diceva, se un traditore
potesse star solo contro tutta Firenze. L'ordine fu eseguito in
un baleno: venner l'arme, venne al portone un gran palafreno da
lancia, bardato, e tutto sparso de' gigli fiorentini; ed il popolo a
quest'apparecchi si metteva in ordine anch'esso a furia, e si vedeva la
turba agitarsi, dividersi, ravvolgersi in sè stessa, correndo ognuno
a schierarsi sotto il suo gonfalone, preparando l'armi, accendendo,
gli uni dagli altri, le funi degli archibusi, ed a quest'armeggio
s'udiva un fremer cupo ed incalzante di voci che rassomigliava alla
romba sotterranea foriera del terremoto. Ad accrescer e superar tanto
frastuono s'aggiungevano a un tratto i tocchi della campana grossa,
che in pari circostanze aveva molte volte battute l'ultime ore de'
traditori; le sonore, profonde oscillazioni del bronzo percosso,
piovendo dall'alto sulla turba, vibravano in ogni cuore, v'accendevan
nuove faville, come suole fare ai cavalli in battaglia lo squillar
delle trombe, chè quel suono, in così fatto punto, ed in così estremo
pericolo, non pareva se non la voce stessa della patria che chiamasse i
suoi figli, e implorasse ajuto.

Fra i gonfaloni de' quartieri che disposti intorno alla piazza a larghe
distanze ondeggiavano al vento, si notava il Lion d'oro di S. Giovanni,
e nella prima fila era Niccolò co' suoi giovani. Il feroce vecchio,
sordo a mille preghiere, al pianto delle figlie, allo sconfortar degli
amici, aveva voluto quel giorno trovarsi cogli altri ove eran per
decidersi l'ultime sorti di Firenze. Se non col braccio, pensava, ed a
ragione, giovar coll'esempio; e qual piede avrebbe potuto arretrarsi,
qual cuore vacillare, alla presenza sicura e veneranda d'un tant'uomo?

Deposto il lucco, egli vestiva un lucente giaco di maglia, aveva
accanto la spada, in mano una picca, ed invece del cappuccio un
cappello di ferro, di sotto al quale gli usciva l'onorata canizie, e
coprivagli il collo, mentre sul petto gli scendeva, ugualmente candida
e folta, la barba. Il suo busto non più curvo dagli anni, stava eretto
sulle reni, e si piantava saldo su due gambe, alquanto aduste ma di
valida e bella proporzione: il suo sguardo lampeggiava d'un fuoco di
gioventù, ed un insolito vampo gli coloriva le guancie. Malgrado il
tumulto e i diversi pensieri che occupavan le menti, molti avevano
fissi gli occhi in esso, e se lo mostravan gli uni agli altri, con
parole d'affetto, di maraviglia e venerazione mentr'egli immobile
volgeva in giro l'occhio tranquillo ed altero nel quale si leggeva un
irremovibil proposito, ed intanto l'ombra errante del gonfalone che gli
sventolava sul capo, ora lo copriva spegnendo il lampo delle sue armi,
ora guizzando lontana le lasciava scintillar di nuovo ai raggi del sole.

Sulla ringhiera di Palagio era intanto comparso il gonfaloniere coperto
di tutte armi; e montato a cavallo, si mosse, preceduto dal grande
stendardo del popolo, che con bell'ordine, quartier per quartiere, si
veniva mettendo in fila per tenergli dietro: le trombe della Signoria
sonavano; sonavan le campane di Palagio, e quelle di molte chiese;
spesseggiavan le grida di _Viva il marzocco! viva il Palagio! Morte
ai traditori! Morte a Malatesta!_ e pareva la terra tremasse percossa
da tanti passi, le mura si scuotessero al rombo di tante voci, al
suono di ferri che s'urtavano nella calca, al grave rotolare de' carri
d'artiglierie che venivan avviati per Vacchereccia, onde abbattere al
bisogno le mura e le porte del palazzo di Malatesta.

Ma prevedendo questi la rovina che stava per venirgli addosso,
s'era oramai provveduto dell'ultima e più scellerata difesa che gli
avanzasse, ed al tempo stesso della più terribile e sicura che si
potesse immaginare, contro la quale il popolo di Firenze non ne avea
rimedio. Il traditore avea fatto entrare Porro Stipicciano da Castel di
Piero ne' bastioni con le sue genti, e mandato Margutte da Perugia alla
Porta a S. Pier Gattolini, che ruppe e spezzò a furia, cacciandone il
capitano Altoviti che l'aveva in guardia, e volgendo al tempo stesso
verso la città le artiglierie collocate sul torrione della porta
medesima.

Il campo imperiale, avvertito da Malatesta di questi accidenti,
s'era intanto levato in arme e si apparecchiava, ad un suo segnale,
a scendere ed entrare nella città, e le feroci bande tedesche e
spagnuole, agitando le picche, mandavan grida d'allegrezza stimando
imminente il sacco di Firenze, i guadagni, le rapine, le uccisioni, gli
stupri, la meta infine delle loro lunghe e contrastate speranze.

Rassicurato così Malatesta alle spalle, e forte oramai di tutto
l'esercito imperiale, poteva, quanto a sè, ridersi della furia del
popolo, ma una gravissima cagione lo sforzava a non spinger le cose
all'estremo, e far sì che il popolo si ritraesse senza opporgli gli
ajuti di fuori, e pel solo timore de' medesimi. Questa cagione era il
dubbio, anzi la certezza, che entrando tumultuariamente in Firenze le
bande del campo, ed appiccando la zuffa in città non venisse questa
saccheggiata e distrutta, contro la mente espressa del papa, che la
voleva invece intera e piena delle sopravanzate ricchezze.

Malatesta dunque spedì all'incontro delle torme del popolo alcuni suoi
uomini, che le trovarono sul Ponte Vecchio, e dissero al gonfaloniere
ed ai signori, che se venissero avanti d'un passo, l'intero esercito
imperiale sarebbe messo dentro le mura, e da alcuni cittadini, che
eran stati testimonj dell'occupazione di porta S. Pier Gattolini,
fu confermata la verità del fatto, ed esser oramai in potestà di
Malatesta il mandare ad effetto le riferite minacce; ed al tempo
stesso, entrando costoro tra i Signori e tra que' primi del popolo
che seguivano, e prendendo le mani or degli uni or degli altri, ed
esortando, e pregando, e piangendo, confortavano la turba a ritirarsi,
e non voler tentar Iddio e la fortuna in un'impresa ormai disperata,
e che non poteva partorire se non la rovina e l'eccidio universale.
Ma in que' petti cotanto accesi non potè lo sdegno dar così tosto
luogo alla ragione, ed il messo di Malatesta, eccitando più che mai
la generale indegnazione accrebbe la sete di vendetta, e la voglia
di muovere all'assalto, più che non la frenasse:, ma furon tante e
tali le parole di que' cittadini che s'erano messi di mezzo, e tanta
l'evidenza, che ormai nessuna forza al mondo non poteva salvare quello
sventurato popolo, che alla fine il Gonfaloniere e la Signoria, dolenti
e disperati d'ogni ajuto, e maledicendo la sorte, la crudeltà del papa,
ed i traditori che n'erano stati strumento, diedero pure al popolo il
comando di tornar addietro, e sciogliere l'ordinanza.

Quella fermata della testa del popolo sul Ponte Vecchio produsse in
tutta la folla un rigurgito, per dir così, nel senso opposto alla
direzione che prima seguiva, e si vide correr per essa a mano a mano
quel moto ondulato che si comunican tra loro le anella ond'è composto
il corpo de' bruchi, ed al tempo medesimo correva addietro, di bocca
in bocca, la voce dell'ostacolo incontrato, e sul primo era ripetuta
senza variazioni o commenti, ma poi andando avanti, soffriva di strane
trasformazioni, ed alla fine tra un bisbiglio pieno di terrore, e che
sempre più incalzava, si veniva da tutti affermando, esser entrati dal
lato opposto i nemici in Firenze, e tutto l'Oltrarno venuto già in
potere degli imperiali, che avean dato principio all'uccisioni ed al
sacco.

Dall'estremo ardire suol facilmente la moltitudine passar all'estremo
scoramento, tanto più quando si vede minacciata da un pericolo oscuro,
contro il quale non conosce difese, e che perciò appunto viene dalla
fantasia fatto maggiore della verità. Alla cura dell'utile comune,
succede allora quella delle private cose, e da que' cittadini che
disperavano ormai salvar la patria, occorse più vivo alla mente il
pensier delle mogli, de' figli, della famiglia, ad ognuno sovvenne
de' suoi cari lasciati inermi tra le domestiche mura; ognuno già se
li figurava manomessi da tedeschi e dagli spagnoli del campo: correre
tosto alla loro difesa fu il pensiero che invase ciascuno, e sciolse in
brevi momenti quell'ordinanza cotanto calcata.

Correvan qua e là i cittadini per le strade, per le piazze, pe'
chiassi, parendo a tutti mill'anni riveder l'uscio di casa, e tremando
trovarlo già sconficcato, trovar già dentro i soldati imperiali; avean
i volti bassi, i petti ansanti, gli occhi lagrimosi, e ciascheduno,
secondo la natura sua, o si volgeva a Dio, e con pregare interrotto
ne implorava l'ajuto, o l'imprecava con tremende bestemmie; e chi
si scagliava contro il papa, chi contro Fra Girolamo, chiamandolo
ciurmadore, e maledicendolo per averli ingannati. Ed a poco a poco
spargendosi per le case e per le famiglie lo spavento, si levava per
tutto un pianto, un lamento di donne, di bambini, e quelle che si
trovavan sole in casa, nè vedean ricomparire i loro uomini, avvisandosi
d'ogni peggior danno, e che già fossero stati morti, ed insieme
udendo le grida ed il pianger delle vicine, uscivan di senno affatto
e, tolti a furia in braccio i piccoli bambini, trascinandosi dietro
i più grandicelli, che tutti sbigottiti afferravan loro la gonna,
venivan fuori delle case, e vagando per le strade, cercavan d'una
qualche chiesa per ripararvisi; e deposti sulle predelle degli altari
i bambini, colle braccia in croce, e parendo loro ogni tratto sentirsi
ne' capelli le mani de' soldati, gridavano a Dio misericordia.

Nè a tutte le famiglie, che pur l'avrebber voluto, riusciva ripararsi
intere ne' luoghi santi, chè in molte, come suoi accadere, erano
infermi da malattie o da ferite, inchiodati ne' letti, o vecchi ridotti
dagli anni ad una eguale impotenza di muoversi od ajutarsi, ed allora
sorgeva un nuovo e più doloroso contrasto tra il desiderio di porre in
salvo chi potea fuggire, e l'ambascia di abbandonar soli ed indifesi
quelli che sarebbe bisognato trasportar con molte braccia e molto
tempo: e da questa varietà d'accidenti ne nacquero atti stupendi di
fortezza, di carità, di pietà filiale, ove la prontezza dell'anima
aggiunse forze soprannaturali a persone deboli e languenti, e si videro
giovani donne riuscire a levarsi in collo o padre, o madre cadenti, e
giungere tutte affannate e sfinite a deporli sulle scalee di qualche
chiesa, ove da pietose braccia eran raccolti e trasportati a piè degli
altari. A fronte di cotesti atti virtuosi, altri se ne videro brutti e
nefandi, ed in molte madri lo spavento e la cura de' figli spegnendo
ogni altro affetto, lasciavan le case aperte, ed entrovi abbandonati
quelli che non avean forza a seguirle, e talvolta accadde che non da
soldati nemici, ma dalla feccia de' ribaldi della città venisser
commesse ruberie ed assassinamenti su quei miseri derelitti.

Ora quelli tra' cittadini che ritornando in casa la trovavan vota, e
fuggita la sbigottita famiglia, si davano a domandarne pel vicinato,
a cercarne qua e là per le strade, e ritrovatala, parte rampognando,
parte compiangendo l'improvvida fuga, la riducevano di nuovo d'onde
s'era partita; chè la città s'era per cura della Signoria un poco
rassicurata quanto all'imminenza del sacco, ed era stato posto ad
ogni ponte un gonfalone di guardia, per difendersi da chi venisse
d'Oltrarno, onde nel cuor di molti l'improvviso terrore avea già
dato luogo ad una nuova speranza, e tra'l popolo radunato in piazza,
quantunque nè tanto nè così ardito come prima, s'udivan pure di molte
voci che di nuovo chiedevan battaglia. Ma ve n'eran anco non pochi
chiedenti gli accordi; poi tra cittadini alcuni, che più la patria e la
libertà stimavano, che non la vita, concorrendo al marzocco che era sul
canto di Palagio, s'abbracciavano a que' ruvidi macigni che gli servon
di base, gli innondavan di lacrime, li coprivan di baci, giuravan voler
difender fino all'ultimo quella venerata repubblica, voler morir mille
volte prima che disertarla.

Dove potea esser Niccolò se non quivi, se non il primo ed il più
infiammato di questi? Poteva egli anche a quest'estremo, ammettere
il solo dubbio che Firenze avesse a cadere? Poteva egli credere Fra
Girolamo un impostore, le sue profezie una menzogna?

Ritto a piedi del Leone, circondato da' suoi e da molti cittadini, egli
veniva tratto tratto con gravi ed infiammate parole comunicando ad ogni
cuore quella fede, quella costanza, che nel suo rimanevano inconcusse,
e neppure quando il sole cominciò a declinare all'occidente, e quando
alla fine, calato sotto l'orizzonte, cominciarono a comparir le
stelle, non volle lasciar quel luogo malgrado le istanze de' suoi, che
non potevan patire avesse a sopportar tanti disagi, e temendo nella
notte avessero a succeder nuovi accidenti, od i Palleschi cogliesser
l'occasione di far novità e levar il rumore, ricusò ostinato di
andarsene a casa, e tratti dal suo esempio, molti cittadini passarono
anch'essi in piazza l'ore del sonno. È facile immaginare quali poteron
essere per l'universale, quanto dolorose, piene di sospetti, di
spavento per i mali estremi che s'aspettavano dall'indomani, e quando,
dopo la mezzanotte, un alto silenzio era succeduto a tanto rumore, e
non s'udiva in piazza se non i passi delle sentinelle, il lamento de'
gufi appollajati in cima della torre, e di quando in quando il batter
delle ore. Niccolò, cedendo alla stanchezza, cominciò a declinar la
fronte su un letto composto de' mantelli de' suoi figli, e s'addormentò
col capo basso alla base del marzocco, mentre essi muti e pensosi
vegliavano al suo fianco. Due ore prima di giorno, la luna che era
in sul finire, venne a poco a poco mostrandosi pallida e scema sugli
edifizj verso oriente, ed illuminò d'una luce alabastrina il volto del
vecchio addormentato. Lamberto gli avea tolto pianamente il cappello
di ferro, e, per difenderlo dall'umido rezzo della notte, gli avea
tirato sul capo il lembo d'uno di que' mantelli, e l'augusta e placida
serenità sparsa sui lineamenti di Niccolò, il suo respirar largo e
profondo mostravano che sulla nuda terra, nell'estreme sventure, e tra
i maggiori pericoli è pur concesso trovar sonno e riposo all'uomo forte
ad incontaminato.... Resta a saper se in quella notte, in quelle ore
medesime, l'avranno trovato uguale ne' loro letti di piuma, di seta e
d'oro, Carlo V e Clemente VII.

Un nuovo disordine, preparato però da lunghe macchinazioni, sorgeva
intanto ad affrettare e render più dolorosa l'agonia della repubblica.

La setta de' grandi, risolutasi affatto a staccarsi dal resto del
popolo, concorse armata alla prim'alba sulla piazza di S. Spirito,
in numero di quattrocento giovani delle prime case di Firenze,
«sprezzando» secondo le proprie parole del Varchi «la religione del
sagramento, tante volte ed in tanti modi fatto da loro.»

Scelsero codesto luogo per esser prossimo alle case di Malatesta, e
poter così soccorrerlo all'uopo, e venire soccorsi: sforzare il Palagio
agli accordi, ed averli tali che potessero salvare il loro grado e le
loro ricchezze, era il fine al quale tendevano. Corse a questo rumore
Bernardo da Verrazzano, Commissario della milizia del quartiere, e si
studiò con buone parole ricondurli al dovere, mostrando loro di quanta
importanza fosse che in quel pericolo si mantenessero unite le volontà
di tutto il popolo, che potrebbe così ottenere capitoli più ragionevoli
e confacenti alla comune utilità, ove all'opposto le scissure e le
disunioni, dando maggior animo a' nemici, gli avrebber resi meno
trattabili e più insolenti.

Ma furono sparse al vento le sue parole, chè anzi ributtato e
minacciato villanamente, mancò poco non venisse ammazzato dal Morticino
degli Antinori, che toltolo di mira coll'archibuso, già appressava al
draghetto la fune accesa, ed avrebbe dato fuoco, se da' circostanti non
fosse stato rattenuto e ripreso.

Venuta la nuova in Palagio di questo ammutinamento, la Signoria, che
oramai navigava per perduta, ed in tanti e così diversi pericoli che
la minacciavano non sapeva più che farsi, nè come riparare, spedì pure
per tentare ogni prova, il Rosso de' Buondelmonti, Commissario della
milizia di S. Maria Novella, a pregarli che non volessero l'ultimo
strazio della repubblica, colle ragioni medesime addotte già senza
frutto dal Verrazzano, e che pur senza frutto furono udite per la
seconda volta, rispondendo costoro non voler per l'innanzi riconoscere
altra signoria nè altro signore che Malatesta.

Disperatosi allora il Buondelmonti di potere svolger costoro, a lui
si condusse pregandolo, per parte della Signoria, volesse colla sua
autorità far partire que' giovani da S. Spirito, e se questa domanda
gli venisse accordata, lo può immaginare il lettore; chè anzi già avea
mandato Malatesta a que' cittadini abbindolandoli colle solite promesse
d'uno stato di pochi, quale essi desideravano, e profferendosi pronto
ad ajutarli e sostenerli, ed al Commissario della Signoria, disse alla
fine aperto, ch'egli stava con quelli di S. Spirito e non conosceva
altri che loro.

Questa ribellione de' grandi, quantunque pel loro scarso numero non
paresse cosa di tanta importanza, fu però il colpo che dopo altri mille
decise finalmente la caduta della repubblica di Firenze; nel modo
istesso che ad abbattere un'antica e ben radicata quercia, quando pel
lavoro di molte scuri tentenni già recisa sul calcio, basta alla fine
un urto leggero.

Vennero in piazza i giovani di S. Spirito fatti oramai sicuri, e
crescendo d'insolenza, e s'attelarono in arme sotto la tettoja de'
Pisani, guardando in cagnesco i Piagnoni che avean dirimpetto,
schierati sotto la ringhiera, e se, come parve probabile, avessero
attaccata la zuffa, sa Iddio a qual rovina sarebbe stata condotta la
città: ma l'ordinanza di questi s'era d'assai assottigliata, chè alla
sfilata s'eran partiti molti, conoscendo oramai che il più contrastare
alla fortuna sarebbe stato di puro danno, e volere, non morire essi per
la patria, ma che la patria perisse per loro o per la loro ostinazione.



CAPITOLO XXIX.


Conoscendosi costoro padroni oramai di Firenze, vollero per prima cosa
che la Signoria rilasciasse que' cittadini Palleschi, che fin dal
principio dell'assedio erano sostenuti in Palagio; e la Signoria, che
dovea ubbidire, non potendo più comandare, li fece tostamente porre in
libertà, onde presto furon veduti uscire di Palagio ringraziando i loro
liberatori, come poco dopo ringraziaron Malatesta, recandosi a fargli
riverenza.

Il Busini, che era presente a quel fatto, e stava con que' pochi
Piagnoni superstiti, desideroso più di morire che di vivere, narra,
in una delle sue lettere al Varchi, che costoro avendo, durante la
prigionia, trasandata ogni cura della persona, apparvero con lunghe
barbe, e rassomigliavano ai romiti della Falterona.

Ora dunque i Signori, non conoscendovi più rimedio, sforzati dalla
necessità, dalla violenza dei nobili, e rimasti oramai abbandonati
a se soli, dovettero alla fine risolversi a cedere; e, radunato il
consiglio degli Ottanta nella sala grande di Palagio, in quella
stessa, che per opera di Fra Girolamo era stata disposta pel consiglio
maggiore; in quella, ove alcuni anni dopo il Vasari dipinse in tante
storie le battaglie che ribadiron poi la servitù fiorentina; radunato,
dico, il consiglio, pieno di quel lutto, di quel dolor tacito e
profondo che assai si può immaginare, elessero quattro ambasciadori
a Don Ferrante colla commissione d'accordarsi, salva però sempre la
libertà fiorentina.

Questa clausola sola parrà al lettore una derisione amara, ed il
progresso del tempo mostrò, che il suo giudizio non erra: ma è
nell'indole umana l'attenersi con grandissima ostinazione alle parole
allorquando vien meno la realtà da esse significata.

Partirono gli ambasciatori, si condussero alla villa Guicciardini,
detta la Bugia, ove alloggiava Baccio Valori, e venuti a parlamento con
esso e con D. Ferrante, dopo lunga discussione, fermarono i capitoli
della resa, e tornarono con essi, che già era fatta notte, in Firenze.

Niccolò, quantunque abbandonato quasi da tutti, era sempre rimasto
in piazza, al luogo medesimo. Quando gli fu annunciato che tutto era
finito, estinta ogni speranza, e Firenze venuta finalmente alle mani
de' Palleschi, provò quel dolore che supera ogni altro dolore, e non
è da mettersi a confronto nè colla perdita de' beni, nè con quella
della vita, e neppur della libertà, nascendo da una perdita assai più
tremenda per l'uomo, quella d'una fede nutrita, tenuta infallibile
e santa pel corso dell'intera vita. Scoprir traditore l'amico
dell'infanzia, è forse il solo dolore che a questo s'avvicini.

Chi può immaginare, non che descrivere, lo sconvolgimento tremendo che
dovette operarsi nell'animo del vecchio popolano, quando a un tratto,
quasi allo squarciarsi d'un velo, sentì nascersi il dubbio che Fra
Girolamo gli avesse ingannati?

A novant'anni s'avvide l'infelice vecchio che egli ancor non conosceva
tutti i dolori della vita, e mentre i suoi gli stavano attorno
confortandolo, e notando con ansia l'istantanea e spaventosa mutazione
che appariva nei suoi lineamenti, quella sua fronte, quei suoi occhi,
già cotanto sicuri, caddero a terra, il suo volto illividito espresse
una così desolata disperazione, che gli astanti temettero un momento
non avesse a cader morto allora allora, e con quelle parole e quegli
argomenti che alla mente d'ognuno parevan migliori, si studiavano
ravvivarlo, mentre piano piano procuravano trascinarlo alla volta di
casa.

Riuscirono a condurvelo, passando taciti per quelle strade poco prima
tanto riboccanti di popolo, tanto piene di rumori e di grida, ed ora
oscure, deserte e taciturne, se non che da quando a quando s'udivan
lamenti, pianti soffocati, che sonavan per l'aria senza potersi
conoscere d'onde venissero. Quando Niccolò rivide la bruna facciata
della sua casa, ove avea vissuto libero tant'anni, e dove oramai gli
conveniva viver servo, od uscirne, sentì rinnovarsi più amaro il suo
dolore, come accade a chi rivede per la prima volta quelle mura ove
visse lungamente con una persona cara, e che la morte abbia rapita
per sempre. Nel varcare la soglia, l'androne; nell'entrare nella sua
camera sentì opprimersi il cuore come entrasse in una prigione. Trovò
le figlie piangenti, che gli si fecero incontro, ed abbracciandolo
raddoppiarono il singhiozzare, ed egli, senza nè rispingerle, nè
corrispondere a quelle loro mute condoglianze, si venne spogliando
l'arme e le gettò a terra lontane, lanciando sovr'esse un ultimo ed
amaro sguardo; un altro sguardo gettava in alto a quella nicchia
entro la quale stava appesa la tonaca, ed eran collocate le ceneri di
Fra Girolamo, e senza torcer le pupille da quelle cose che in cotal
momento dovean destar in lui tanta tempesta di pensieri, rimase un buon
pezzo fisso, ed alla fine il misero venne alla presenza de' suoi, che
profondamente commossi, e senza osar quasi respirare lo circondavano,
pianse, pianse a lungo ed amaramente.

Degli sbagli delle profezie e de' profeti a tutti si suol dar la
colpa fuorchè a loro, chè essendo la fede un affetto del cuore, più
che un'operazione dell'intelletto, il cuore s'ostina a serbarla,
a difenderla contro gli assalti della ragione, contro l'evidenza
stessa, e trattandosi appunto di predizioni non mancano mai appigli per
persuadersi, quando gli eventi siano succeduti a rovescio, che la colpa
fu di chi non seppe interpretarle, o adempierne le condizioni.

Così Niccolò, che non poteva in un momento abjurare quella fede in Fra
Girolamo, che era stata lo spirito animatore di tutta la sua vita, che
non poteva in un punto detestare ciò che avea adorato, nè rinunziare in
quella terribil prova alla sola consolazione, alla sola speranza che
gli avanzasse, disse in cuor suo, mentre s'affissava in quelle reliquie:

--E se i nostri peccati furon tali da renderci immeritevoli della
divina misericordia, vorremo, per colmar la misura, perder anco la
fede? Ci fu promessa vittoria: ma abbiam noi combattuto? Perchè
ritrarci vilmente? Perchè arrenderci? Può forse Iddio ajutare i
codardi?... Oh Firenze! nelle tue forze speravi e non in quelle di
Dio, ed egli t'ha abbandonata alle tue forze sole! _Quare. Quare
dubitasti?_--

Questi pensieri furon cagione del pianto di Niccolò, ed insieme di
rinnovare più salda in lui quella credenza che avea potuto bensì
vacillare, ma non mai venire abbattuta, onde, riassumendo nel volto e
nella presenza quell'autorità grave e tranquilla, solo per un momento
smarrita, disse ai figli, a Lamberto ed a Troilo:

--Figliuoli miei! Ad uomini men forti e di minor fede che voi non
siete, le parole che sto per dirvi potriano parere stoltezza, e
vacillazioni d'un vecchio.... Ma a voi, che conoscete le promesse
fatte da Dio per bocca del suo profeta a questa città, che fidate in
esse,... a voi che, la Dio grazia, non conoscete nè viltà nè paura,
posso ben dire, anco allorquando da tanti si crede che siam perduti,
sì, perdio, posso dirvelo,.... che non siam perduti del tutto nè
irremissibilmente. No! che a chi non dispera di Dio, nè di se stesso,
sempre avanza una via di salute.... si dovrà dire che tutto il popolo
di Firenze, che tante migliaja di cittadini non han più forza nelle
braccia, non han più modo a difendersi, e perchè? Perchè piacque ad
alcuni codardi disperar della pubblica salute, e darsi in mano a'
nemici dello stato. Perchè quattrocento grandi... (Ah Lamberto! ti
ricordi? non te l'avevo io detto?).... vollero calpestare i giuramenti,
farsi traditori, per questo non siam più noi? non siam più quelli che
eravamo jeri? Le nostr'armi non hanno più nè punta nè taglio? Siam
scemati di numero? Son cresciuti i nemici?... Sì, è vero, siam scemati
di 400 traditori, e d'altrettanti si sono afforzati i Palleschi....
e non è ella una vergogna, un'infamia, che ciò basti a sbigottire
un intero popolo, a fargli cader l'armi di mano?.... Disperi chi
vuole! s'arrenda chi vuole, ch'io non dispero e non mi arrendo.... Ah
Ferruccio, Ferruccio! ci hai pure insegnato come si combatte! e noi in
una terra piena d'armati, con mura salde ed intatte!.... Oh vergogna!
vergogna eterna!.... Orsù, non è tempo questo di parole, ma di fatti;
l'ore incalzano; la notte s'avanza. Io voglio tentar questa prova, ed
Iddio ci ajuterà. Uscite, ed andate per la città cercando de' nostri,
de' nostri operaj, de' poveri popolani.... Ah, non son traditori
costoro!.... in essi e non ne' grandi sta la forza della città.... e
raduniamci tutti in S. Marco dopo la mezzanotte, e là stabiliremo ciò
che ci resti a fare; là vedremo se in Firenze vi sono uomini ancora.
Io m'avvio ad aspettarvi, fate che ognuno venga per l'uscio di dietro
dell'orto, farò che s'apra a chi dirà _S. Marco e libertà_. Ora andate,
e non perdiamo tempo.--

Gli animosi giovani accettarono con allegrezza il messo, e si mossero,
ravvivati dall'idea che vi fosse pur ancora qualcosa da fare. Usciti
appena dall'uscio si separarono, andando ognuno verso quelli che avea
più in pratica, e sui quali facea maggior fondamento, e Niccolò,
lasciando le figlie che piangevano, prevedendo oscuri pericoli e nuovi
guai, si condusse anch'esso a S. Marco.

Troilo era uscito cogli altri, mostrandosi più sollecito ed infiammato
di tutti. Ma quando si trovò solo (avea preso a caso verso S. Trinita)
si fermò un tratto, e scrollando il capo diceva:

--Io dico così che questo vecchio ha indosso il diavolo e la
versiera!.... Ed io, che credevo d'esserne fuori finalmente! Ed eccoci
da capo!.... Già, finchè non l'abbiam messo a giacere non è contento,
e se non troverà pazzi che gli dien retta, è capace d'andar solo con
quella sua picca ad affrontar il campo.--

Così parlando tra se stesso, avea ripreso a camminare; passato il
ponte, s'era condotto alla casa di Malatesta, al quale avea in animo
dar notizia di questo nuovo accidente.

Le strade tutt'all'intorno eran piene di soldati, di cittadini di parte
Pallesca, che andavano e venivano, e con visi allegri, con parlar
alto, cogli atti, co' gesti, colle risa, assai mostravano la mutazione
che s'era operata nel loro stato, e la sicurezza in che oramai si
sentivano. Il cortile, le finestre del palazzo splendevan di molti
lumi, e nell'interno era un ronzìo, un moversi, un dimenarsi di genti,
e ben appariva che da quanti eran raddunati in codesto luogo, non si
pensava che a rallegrarsi ed a festeggiare.

Troilo, trovato un familiare di casa, fe' sapere a Malatesta, ch'egli
avea a comunicargli cosa di grande importanza; non ebbe ad aspettar
molto, e venne tostamente introdotto. Egli era in una sua camera
segreta con Baccio Valori, in istretti ragionamenti, e Troilo entrando
udì questi che diceva:

--Io non mancherò di scrivere a Sua Beatitudine, ma essa potrebbe anco
pensare che voi ne volete troppo....--

E queste parole si riferivan alle disoneste domande fatte da Malatesta
al papa, siccome prezzo del sangue de' Fiorentini. Tacquero all'entrar
del giovane, che potè osservar i visi d'ambedue tanto mutati da quei
di prima, che appena sembravano le stesse persone. Il capitano parea
meno scarno, stava sopra di sè più ritto, ed a Baccio parean scemati
vent'anni. L'accolsero con festa, non però egualmente sincera in
ambedue, chè dopo la vittoria, le parti rispettive di questi ribaldi
s'erano già mutate, ed i loro interessi non potean oramai molto
accordarsi. Baccio vedeva giunto il momento che avrebbe avuto addosso
tutti quelli che s'erano adoperati per lui, ed ai quali aveva tanto
promesso, e s'egli volea conservarsi la grazia di papa Clemente, e non
rischiare di perdere esso stesso le sue ricompense, ben sapeva che la
sola via era quella consigliata da Guido di Monforte a Bonifacio VIII,
ed espressa da Dante col verso

«_Lunga promessa coll'attender corto_....»

E quanto gli avesse a riuscire ardua e piena di fastidj glielo
mostravan le pretensioni di Malatesta da lui già messe avanti, e sulle
quali già discutevano al giunger di Troilo; era perciò naturale, che
non gli riuscisse neppur molto gradito in quel momento l'aspetto di
questi, come a chi sta battagliando con un creditore inesorabile poco
piace la sopraggiunta d'un nuovo. Ma Baccio era troppo astuto per non
saper celare que' suoi pensieri sotto un'apparenza grata ed amorevole;
mentre Malatesta trovandosi con Troilo, per dir così, in comunione
d'interessi, e vedendo in lui quasi un ausiliario, non avea bisogno di
fingere per fargli buon viso.

Egli dunque, stendendogli la mano e stringendogliela, gli diceva, volto
un poco verso il Valori.

--Ed anche questo giovane s'è portato da valent'uomo e non ha temuto
nè fatiche nè pericoli... e se le cose son riuscite tanto a modo di
S. Beatitudine, convien pure in gran parte sapergliene grado.... Ora
dimmi un po', Troilo, ti diedi io un mal consiglio confortandoti a
quest'impresa? Sei contento ora?--

Baccio, con un suo risetto finto e sforzato, accompagnava, e pareva
approvare le parole di Malatesta, al quale intanto mandava divotamente
il canchero in cuore, e l'altro, proseguiva tutto allegro:

--Coraggio, coraggio giovinotto, chè son finite le prediche e i
_miserere_, e le processioni, ed hai finito oramai di tribolare, ed
è volere di S. S. che i suoi servitori, quelli che l'hanno ajutata,
abbian que' premj che meritano: e qui messer Baccio saprà ben egli
eseguire le intenzioni generose e magnifiche di S. Beatitudine.... e
poi, basta a dire che il papa è di casa Medici.... e codesta Casa non
conosce nè ingratitudine nè miseria.--

Forse Malatesta, cui era noto assai bene l'animo di Clemente, che
s'avvedeva anco de' pensieri di Baccio, parlava così per istraziarlo, e
Troilo probabilmente col fine medesimo, rispondeva:

--Eh! lo so, lo so, non occorre dirmelo.... e quanto a messer Baccio,
è un pezzo che mi vuol bene, e son certissimo che delle cose mie egli
n'ha maggior pensiero di me. Ma non penso a queste cose ora; chè v'è un
nuovo diavoleto per aria, e son venuto ad avvisarvene....--

E qui narrava come Niccolò, non si tenendo ancora per vinto, volesse
far un'ultima prova, ed avesse dato opera onde rannodare la parte
Piagnona e ridurla ad un notturno ritrovo nel convento di S. Marco, ove
eran per risolvere, Dio sa che disperato e pazzo partito.

--Non che io creda che possano oramai nuocer molto, proseguiva
Troilo, ed anco bisognerà vedere se si troveranno, al punto che son
le cose, molti sciocchi e furibondi tanto da volersi mettere a questo
sbaraglio.... ma pure m'è parso la cosa non del tutto da trascurarsi, e
ve n'ho voluti avvertire.... tanto più, che dovendo trovarmi anch'io a
questo consiglio, potrei giovare in qualche modo.--

--Ed hai fatto benissimo a darcene avviso, rispose Baccio, chè forse
forse.... da questa occasione... si potrebbe.... lasciamici pensare un
minuto.--

Malatesta, vedendo Baccio che colla mano al mento, e l'occhio fisso e
pensoso, parea dar molto peso alla nuova riferita da Troilo, diceva,
sorridendo con ischerno:

--Oh! che volete voi che faccian costoro?.... Meno che non vengan,
come credevan essi, gli angioletti per aria.... ma, vorrei veder anche
questa, che gli angioli l'avesser a pigliar col papa! sarebbe una bella
disciplina!...--

Baccio, senza badare a queste parole, si veniva accarezzando colla mano
il mento, sporgeva innanzi il labbro inferiore, tentennando il capo,
come chi sta fra se stesso discutendo e pensando un progetto: alla
fine, quasi risolvendosi, diceva:

--Lo so anch'io, che i Piagnoni ci ponno oramai nuocer poco.... Ma e se
potessero anzi giovarci? se con queste loro pazzie ci ajutassero invece
ad ottenere.... a far sì che.... so ben io quel che mi dico....--

E troncando le parole ricominciava a pensare ed i suoi due uditori a
guardarlo, aspettando spiegasse questo nuovo disegno; rimasti così un
poco in silenzio tutti e tre, diceva Baccio:

--Ditemi un pò, sig. Malatesta. I capitoli son fermati: la città è
nostra, ve l'accordo.... Ma.... qua, tra voi e me, che non ci ode
nessuno.... Siam noi sicuri ugualmente di quest'esercito? Siam certi
ch'egli non vorrà se non quello che vorremo noi? Che quei diavoli
tedeschi e spagnuoli, dopo undici mesi d'assedio, dopo tanti malanni
e tante fatiche vorranno proprio rinunciare al sacco di Firenze?
Vorranno star contenti alla doppia paga, e partirsi cheti e senz'offesa
della città? E se volessero far tutto il rovescio, chi li potrebbe
impedire o rattenere? È morto il principe: è morto Gian d'Urbino: e D.
Ferrante, che autorità ha egli su codesti ladroni? E se Firenze andasse
a sacco, lo sapete anche voi qual grado ce ne saprebbe il papa. Voi,
sig. Malatesta, potreste far conto (parliamoci chiaro) di non riveder
Perugia; io, d'andarmene a tribolar la vita mia, Dio sa dove, e, quanto
a Troilo, non se ne discorre...--

Le parole di Baccio, che racchiudevano moltissima probabilità, scossero
gli animi di que' due, che avrebber fatto ogni cosa al mondo piuttosto
che mettere in compromesso quelle ricompense di che facean oramai
capitale.

--Ora ascoltatemi, proseguiva Baccio, il campo, finchè stia unito e
d'una sola volontà, sarà più forte di noi: ma s'io non erro, ci verrà
facilmente fatto di metterlo in discordia.... Si facciano azzuffar
tra loro, ed avran di grazia a cercare di campar la vita.... altro
che pensare ad entrar in Firenze.... Voi mi domanderete, come farli
azzuffare?.... E qui voglio che m'ajuti Niccolò co' suoi Piagnoni....
Eh! proseguiva Baccio con un riso di compiacenza, quando ho soltanto un
minuto da potervi pensare... ancora mi riesce di trar d'impaccio me ed
altri!--

Ed il ribaldo, tutto contento, scrollava il capo e rideva; volto
poi a Troilo gli spiegò minutamente il suo progetto, e l'ammaestrò
ottimamente sul modo che avesse a tenere, trovandosi la notte coi
Piagnoni, ed in ultimo, soggiungeva, con un suo maladetto ghigno:

--E andando bene la cosa v'è un altro guadagno..... pensate quante
paghe di meno avrem forse a sborsare.... Son io buon massajo, eh?--

--Io vi fo di berretta, messer Baccio, disse Malatesta ridendo, e
giurando al suo modo perugino, soggiungeva: Per lo Dio, che in fatto di
trappole io non potrei star con voi per ragazzo!--

Baccio, sempre più soddisfatto del suo pensiero, proseguiva:

--Un altro vantaggio vi trovo.... già, quando una pensata è di quelle
che dico io, quadra per tutti i versi.... Con questo modo verranno a
scoprirsi i più arrabbiati de' Piagnoni, quelli da' quali non è da
sperare nè pace nè tregua, e che perciò si vogliono spegnere, e quanti
n'andranno all'altro mondo in questa zuffa saran tanti di meno che
daran da fare al carnefice, tanto odio di meno che ne verrà a noi,
al papa, ed alla casa de' Medici... anche dell'odio convien esser
massajo... E di Niccolò, più degli altri, avrei caro liberarmene
con una buona archibusata senz'averlo a mandare al bargello, chè il
popolo è troppo in favor suo, ed in uno stato nuovo e in puntelli
com'è il nostro, è un brutto pigliarsela con uomini del taglio di
Niccolò.... Tutto sta ch'egli, vecchio com'è, possa trovarsi a questa
scaramuccia...... chè del volere non ne dubito.--

--Oh! quanto alla volontà egli n'avrà di troppo, ma ch'egli possa
è un altro discorso, disse Troilo... e stasera egli era assai bene
stracco.... a ogni modo, potrebb'essere che....--

--S'egli finirà a questo modo, tanto meglio per lui.... chè altrimenti
converrà lasciar ogni rispetto, e 'l popolo dica ciò che vuole; eh! non
è uomo da lasciarsi vivo in Firenze, a voler che lo stato de' Medici
metta le barbe!.... Ma a ciò si penserà dopo il fatto. Un'altra cosa
ora.... E se costoro s'azzuffano, come te n'uscirai tu, Troilo? Non
vorrei che ci avessi a rimanere, ora che tocchiamo il porto.--

Non che Baccio fosse in molto pensiero della vita del giovane, che
anzi, a cose finite, avrebbe forse applicato anche ad esso il calcolo
accennato poc'anzi circa le paghe de' soldati; ma ora egli potea ancora
esser necessario ove Niccolò rimanesse in vita, e convenisse trovar
modo d'averlo nelle mani senza scandalo e senza rumore.

--Voi sapete, che del pericolo della vita mia poco mi son curato sin
ora, rispose Troilo; poi, sorridendo così un poco, soggiungeva: ma,
per dirvela com'è, ai termini in cui siamo, stavo pensando anch'io,
che la pelle mia val qualche ducato più che non valeva un mese fa... e
se si potesse recitar la commedia al naturale, senza rompere il collo,
l'avrei caro altrettanto.--

--E di questo lasciane il pensiero a me, disse Baccio risolutamente,
e porgendogli la mano proseguiva: va, e fa pure del Piagnone come gli
altri e non dubitar di nulla, chè troverò io il modo a cavarti d'ogni
pericolo.... Tu già ti fidi di me?----

Disse Troilo in cuore--Fidarsi o non fidarsi, a questo fiasco ho io a
bere; poi ad alta voce:

--Orsù, messer Baccio, voi vedete ch'io non istò a mercantare quanto
ai pericoli, e di questo a suo tempo ve ne ricorderete: ora lasciatemi
andare, e speriamo bene.--

--E tu va e stà di buon animo, rispose Baccio, che di lacciuoli
n'ho dovizia, e anche te saprò trarre d'impaccio.... ma (ed alzò il
viso ed il dito per dar maggior forza all'ultime parole) giudizio e
prudenza.... e pensa che questa sarà l'ultima fatica, e dopo non avrai
che a sguazzare e darti buon tempo.--

Troilo uscì brontolando tra' denti «l'ultima fatica! Non vorrei che
avesse ad esser l'ultima daddovero.»

Tuttavia non potendo far altrimenti (chè del Baccio d'ora, signore, si
può dir, di Firenze, non poteva farsi beffe, come avea usato col Baccio
del campo, quando tutto era ancora in forse, e pieno di pericoli) si
rassegnò ad eseguire puntualmente e ad ogni suo rischio quanto gli era
stato commesso.

Niccolò intanto, con gran disagio e non senza pericolo, che era un mal
andar per le strade in que' momenti di confusione, s'era condotto alla
porteria di S. Marco.

Picchiò in un certo suo particolar modo col quale era solito farsi
conoscere; venne il portinajo, che gli domandò di dentro s'egli era
solo, ed udito di sì, gli aperse così a mezzo, e con sospetto; e
messolo dentro, richiuse in fretta con quante serrature e chiavistelli
v'erano. Era costui un vecchio laico, che stava a quell'ufficio fin
da' tempi di Fra Girolamo, uomo semplice, e caldissimo per le cose del
convento e della parte Piagnona.

--Scusate, disse, messer Niccolò, s'io v'ho domandato se eri solo,
ma ancora mi ricordo delle cose del 98[62], e mi pare che que' tempi
voglian ritornare.... Oh! i flagelli predetti dal nostro santo maestro
non son finiti! Iddio abbia pietà di noi....--

--Fatevi animo, Fra Gaudenzio, ch'egli non abbandona se non chi si
discosta da Lui, disse Niccolò passando innanzi, ed il vecchio frate
giungendo le mani, rispose: «_Amen_» e gli teneva dietro coll'occhio,
notando l'andare lento, stanco ed affannoso di Niccolò, che seguiva il
porticato del primo cortile «Povero vecchio!» disse alle fine il frate,
e scrollando il capo e sospirando rientrò nella sua cella accanto
alla porta. La stanchezza di Niccolò, troppo naturale ad un vecchio
di tanta età, battuto, com'egli era, dalle passioni e dai patimenti
di quegli ultimi giorni, veniva aumentata quella notte dallo stato
dell'atmosfera. Sulla valle dell'Arno e su Firenze si stendevan nuvoli
bassi e densi, i quali formando uno strato, e quasi un coperchio,
comprimevano l'aria, la tenevano inerte, tantochè non un soffio, non
la menoma corrente veniva a ristorare, a ravvivar l'anelito in quella
afa morta e pesante. Le lampade del chiostro, che poste a grandi
distanze, servivan di guida e di segnali in quell'oscurità, più che
non la rischiarassero, avean le loro fiammelle ritte ed immobili, che
illuminavan appena un piccol tondo sul muro al quale eran dappresso,
o sul pavimento sottoposto, e tutto il resto era tenebre; ma più neri
di tutto apparivano i vani degli archi, da' quali in altr'occasione si
sarebbe veduto il cielo: senonchè, nell'angolo verso tramontana, al
disopra del tetto, nasceva tratto tratto un tremolìo d'una luce livida
e biancastra, che errando sulle facciate del chiostro vi rifletteva a
momenti un chiarore pallido e vacillante, pel quale si distinguevano
le piccole finestre delle celle, le linee dell'armatura, ed il pozzo
collocato in mezzo al cortile, poi a un tratto, tutto spariva in
un'oscurità più nera di prima, ed intanto parea d'udire (ed era tanto
debole e lontano, che era impossibile conoscer da qual parte venisse)
un romoreggiare basso e continuo del tuono, simile a quello che
produrrebbe un corpo grave strascinato sotto la volta d'un sotterraneo.

Niccolò, salita lentamente e con fatica la scala, si trovò nell'androne
del dormitorio, al primo piano verso via del Maglio, e si fermava un
momento per riposarsi innanzi alla Annunziata, dipinta a fresco sulla
parete dirimpetto da Frate Angelico.

Il lume d'una piccola lampada che v'ardeva davanti lasciava veder
la semplice e celestiale bellezza del volto della Vergine, divota e
gentile invenzione d'un cuore illibato e pieno d'amore: l'augusta e
riverente forma dell'Arcangelo colle grand'ali aperte ed appuntate, i
capegli sciolti, la veste ricca e lunga sino ai piedi, e che suppone
più che non mostri le forme della persona, le sottili colonne e
gli archi d'un portico sotto il quale sono collocate le due figure:
dinanzi a quest'immagine chinò la fronte Niccolò, e, giunte le mani, si
trattenne ad orare per alcuni momenti, chiedendo il celeste ajuto per
l'impresa alla quale era per porsi; ed ove gli venisse prosperamente
eseguita, fece voto erigere una chiesa a tutte sue spese in onore
della Vergine: poi, un tratto alzati gli occhi in alto, gli venne
veduta al sommo dell'arco sul quale posa l'incavallatura del tetto
del dormitorio, la maladetta impresa de' Medici, postavi da Cosimo il
vecchio, fondator del convento.

Quello stemma gli parve quasi una funesta visione, quasi il tristo
segnale d'una fatalità che lo perseguitasse, ne distolse lo sguardo con
isdegno, e toltosi di costì, si volse a man ritta, ed alla distanza di
poche celle trovò quella di Fra Zaccaria da Fivizzano.

I due amici s'abbracciarono senza dir parola; ed il frate ben s'avvisò
che la venuta di Niccolò, a quell'ora tarda, non fosse senza grave
cagione.

--Possibile, gli disse guardandolo fisso, e tenendogli ancor le mani
sugli omeri ove le avea posate, nell'abbracciarlo, possibile che ci
rimanesse ancora qualche speranza?--

--Negli uomini poca, Fra Zaccaria, ma io n'ho di molta in Dio, io son
venuto qui stanotte perchè non posso credere ch'Egli ci abbia al tutto
abbandonati, che nell'ira sua egli abbia al tutto risoluta la nostra
rovina.... non posso persuadermi che il nostro santo martire abbia
derelitto questo misero popolo.... e non l'ajuti, non lo difenda dal
Cielo contro i tiranni, com'egli fece vivendo in terra tra noi.... Oh
sì! io lo credo certissimo, questa è una prova, una terribil prova che
Iddio permette onde far esperienza della nostra fede.... usciamone
vincitori.... non lasciam ch'essa si scuota, che si smarrisca.... non
ci scandalizziamo al cospetto dell'abbominazione, e, viva Dio!....
ch'egli non verrà meno a' suoi fedeli.... non gli darrà in mano de'
suoi nemici, e dopo la tribolazione, dopo la prova, seguirà il gaudio e
la vittoria....--

Dopo queste parole, alle quali corrispondevano pienamente i pensieri
e i desiderj dell'ardito frate, che in essi era infiammato quanto
Niccolò, e per esser nel vigor dell'età lo superava di forze, spiegò
il vecchio il suo disegno; disse: che avea mandato i suoi giovani
onde vedessero di ravvivare le cadute speranze de' Piagnoni, si
rannodassero, e facessero di condurli quella notte al convento, onde
consigliarsi sui partiti che si potessero abbracciare, e paresser
migliori in quell'estremo, e distendendosi in molti ragionamenti, non
durò fatica ad infondere nel frate il suo spirito, la fiducia, la
costanza che lo animava, e risolsero andar tosto dal superiore, Fra
Benedetto, e farlo avvertito di ciò che si stava ordinando.

Trovarono il povero vecchio già in letto, e se si sbigottisse
all'udire l'arrischiato proposito di Niccolò, non è da dirlo, chè assai
si può immaginare, conoscendo la natura sua timida e mite; privo di
forza morale, egli era avvezzo ad abbandonarsi in balìa dell'altrui,
e tanto più seguì questo partito nella presente occasione, tanto
pericolosa e difficile, per la quale si sentiva non aver nè rimedi, nè
consigli, e molto meno ardire.

Le sue parole furon piene di sospiri, di rammarichi e di dubitazioni;
la conclusione fu di rimettersi in tutto al giudizio di Niccolò,
pregando Iddio volesse proteggere la città ed il convento contro la
rovina e l'esterminio che loro soprastava.

Lasciato così Fra Benedetto, Niccolò scese in chiesa ad aspettare, e
Fra Zaccaria andò di cella in cella a destare ed avvertire i frati,
incominciando da quelli de' quali maggiormente si fidava, e così a mano
a mano si risentì tutto il convento, ed uscendo i frati per gli anditi,
e parlando tra loro di questa novità, si vedevano, o camminare a due, a
tre insieme avviandosi verso la chiesa, o far cerchielli e discorrere
quali mesti e pensosi, quali arditi e loquaci, co' loro tonacelli
bianchi, e molti con bugie o stoppini accesi in mano che illuminavano
a sott'insù quelle loro fisonomie, la più parte severe e veramente
virili, e che pel distacco tagliente del chiaro-scuro apparivan più che
mai piene d'angoli, di rughe e d'incavi.

I lumi, il bianco delle tonache e de' muri, facean parer più oscura in
alto l'incavallatura rozza, comecchè ottimamente disposta, del tetto
che copre il dormitorio; avendo le sottoposte celle, con un curioso
modo di costruzione, un soppalco loro proprio che le ristringe e le
preserva dal freddo.

In breve tutta la famiglia del convento, che sommava quasi a duecento
frati, fu radunata in chiesa: ed alla maggior parte di loro, che
da quaranta circa, avean in molte occasioni avuto gran parte ne'
casi e nelle deliberazioni di stato, che eran usi ai pericoli, ai
rivolgimenti, ai contrasti cittadineschi, non facea maraviglia nè
recava spavento questo notturno e misterioso consesso, chè in quell'età
anche gli uomini appartenenti alle classi ordinariamente meno ardite,
avean però sempre un non so che di fiero e d'armigero, che il progresso
della civiltà ha poi cancellato dalla società d'oggi giorno.

Intanto ad un oriuolo posto in fondo al dormitorio, in una stretta ed
alta cassa di noce oscuro nella quale si moveva il pendolo, e pendevano
i contrappesi, suonò la mezzanotte; poco stante la suonò l'oriuolo di
sagrestia, poi quello del campanile; era l'ora fissata, e poco potean
stare i primi a comparire. Fu mandato un frate ad aspettare all'uscio
dell'orto in via del Maglio, ammonito ad aprire a chi dicesse, com'era
il convegno, S. Marco e libertà.



CAPITOLO XXX


Niccolò, sceso in chiesa, s'era intanto inginocchiato presso l'altar
maggiore.

Un sagrestano v'accendeva quattro ceri, pe' quali si venivano un
poco a diradare le tenebre, chè la vastità del luogo non potea dirsi
illuminata da così poca luce: ma la rischiarava tratto tratto e
pienamente quella de' lampi che guizzava su per l'invetriate de'
finestroni, e tingendosi, ne' vividi e variati colori de' vetri,
correa per la chiesa con un chiarore simile a quello dell'iride, che
mantenendosi a momenti tremulo ed abbagliante, scompariva poi tosto,
e nella rinnovata oscurità facea parer più che mai offuscato e smorto
il raggio delle candele. Le loro fiammelle, ritte ed immobili sin
allora, cominciarono repentinamente ed a scosse a piegarsi, e farsi
piccine come avessero a spegnersi, chè il temporale addensatosi ne'
monti di Mugello, s'era venuto accostando; già si levava quel vento
umido e fresco che suol precedere la bufera; ed entrando pe' fessi e
per gli spiragli delle finestre con sibili acuti e discordi, ovvero
ingolfandosi sotto i porticati del chiostro, per gli anditi, pe'
bugigattoli del convento, facea con opposte e rapide correnti sbatter
usci, imposte e finestre, svolazzar tende e portiere, quasi ammonendo
a premunirsi contro l'imminente tempesta. Il tuono anch'esso fatto
più alto e vicino, pareva attraversasse le regioni superiori del
cielo, nascendo lontano, poi scoppiando sul capo col fragore delle
artiglierie, e dileguandosi infine, brontolava prolungato e lontano
nelle gole de' monti. I primi goccioloni d'acqua cominciarono a
percuoter di traverso l'invetriate, ed a poco a poco spesseggiavan
sempre più fitti, finchè a quello strepito s'aggiunse il tempestar
minuto e secco della grandine che ribalzava sui tetti, sulle gronde,
pe' muri, per le finestre: e ad ogni colpo di tuono cresceva il
rovescio, il muggito del vento, che s'udiva scompigliare gli alberi
dell'orto.

Di tanto frastuono appena s'avvedeva Niccolò, che pieno del suo
pensiero non avea la mente se non a quel solo, ed a raccomandarsi a Dio
che lo facesse riuscire; e per la mutata condizione dell'atmosfera,
per la nuova frescura arrecata dal temporale, sentendo ricrearsi gli
spiriti, e quella pesante stanchezza che l'opprimeva dar luogo a
nuove forze, e per così dire, ad una nuova vita, sorgeva più che mai
coll'animo a sperar bene.

La chiesa s'era frattanto venuta empiendo di frati. Fra Zaccaria,
fattosi dappresso a Niccolò, gli diceva:

--Questo tempaccio fa per noi; i nostri potranno uscir di casa e venir
qua più sicuramente, senza aver chi gli osservi....--

Ed in quella sull'uscio della sagrestia comparve Lamberto, molle
fradicio, e che gocciava per tutto come fosse cavato da un fiume.
Niccolò gli tenea gli occhi fissi nel volto, mentre gli s'accostava
per leggervi l'esito delle sue pratiche, e s'avvide che non era per
annunciargli gran chè di buono. Quando gli fu da presso, disse con viso
scuro:

--Io ho fatto il potere.... e qualcuno ho raccapezzato.... del popolo
minuto però, de' vostri operaj di for S. Maria.... Oh! codesti son
tutti pronti e verranno dove voi vorrete, e sono stato casa per casa, e
nessuno s'è tirato indietro, e insin le donne, anzi, esse per le prime,
facean animo agli uomini e dicevan: «Andate, andate, che messer Niccolò
sa ben egli quel che si conviene, e poi, non viviam noi del suo pane?
ora dunque è dovere, che mettiam la vita per lui, e per quel ch'egli ha
in animo di fare.»

--E così quella povera gente si confortavan gli uni gli altri, e si
mettevan in ordine, e presto ne vedrete comparire in buon dato.... ma i
popolani grassi, i cittadini di conto....--

E qui scrollò il capo, sospirando.--Codesti, è un altro
discorso....alcuni sono fuggiti.... chi si è nascosto.... altri non
si trovavano.... e que' pochi che ho veduti.... pareva parlassi a
sproposito.... che dicessi la maggior pazzia.... Oh! che vuoi tu che
si faccia oramai?.... egli è come a voler dar un pugno in cielo, e
molti rinnegano Fra Girolamo e dicono: noi siamo chiari una volta!
e maledicono il giorno e l'ora che gli hanno creduto.... sarà forse
la mia mala fortuna.... forse i fratelli, Troilo, l'avranno avuta
migliore, possono star poco a comparire, speriamo che arrechin migliori
novelle.--

Lamberto, dette queste parole, si trasse in disparte, mentre Niccolò
esclamava:

--E poi diranno che Iddio gli ha abbandonati!.... che non gli ha voluti
ajutare!.... quando son essi invece che l'abbandonano e rinnegano il
suo profeta... oh, povero popolo! Povera Firenze!--

E, intrecciate sul petto le braccia, rimase pensoso un momento, poi
soggiunse:

--Ora s'aspettino gli altri.--

I frati ch'erano ristretti intorno a Lamberto per udir ciò che
arrecava, si scostarono sciogliendo quel cerchio, e cogli atti del
volto, e qualche mezza parola, mostravano scoramento ancor più che
maraviglia, e, quali formando crocchi di quattro o cinque, quali
seduti per le panche, quali passeggiando in su e in giù nel fondo
della chiesa, si venivan intrattenendo con discorsi secondo i diversi
umori e le diverse passioni d'ognuno; gli uni, nella resa della città
vedendo solo la rovina dello stato popolare, parlavan di libertà,
e ne lamentavan la perdita: altri, conoscendo che verrebbe tolta
al convento quell'autorità che aveva tenuta sulle cose di stato nei
tempi della repubblica, si rammaricavan dicendo: «l'avranno vinta
un'altra volta i frati minori!» ed il laico campanajo soggiungeva,
quasi piangendo: «e la nostra povera campana avrà ella a rifare il
viaggio di S. Francesco?»[63] Molti, cui premevan più di tutto le cose
della religione e la santità del costume, mantenuta dalle esortazioni,
e dagli esempj del Savonarola, si dolevan dicendo: «e se tornano i
Medici, chi potrà più tener questo popolo!... Sarem da capo, e peggio
di prima, co' giuochi, e le taverne, e le disonestà... e pensare che
son pur i Medici che han fondato questo convento! Oh! che Dio ne scampi
da siffatti fondatori di chiese, che persino l'opere sante le fan
servire ad ingannare il popolo!»--E v'eran pur taluni che in cuor loro
poco aveano creduto sempre a Fra Girolamo, quantunque pel quieto vivere
non lo mostrassero, e fra questi correvan ghigni così alla sfuggita, e
guardate di sottecchi, ripetendo tra loro a mezza voce, e con ischerno,
le famose parole del Frate «Sei tu chiaro?»[64]

La furia del temporale frattanto incalzava; e pareva cosa più
dell'altro mondo che di questo, veder a quell'ora sotto l'antiche
volte di S. Marco una simil radunata di figure bianche, che erravano
in quella semi-oscurità, ove spiravan soltanto le quattro fiamme
rossicce accese all'altar maggiore, simili a stelle che tramontino
in un'atmosfera caliginosa; aggiungi il rapido e breve splender de'
lampi, lo scroscio della pioggia, i frequenti colpi del tuono, che
parea percuotessero le mura e le facessero tremare; il furiare del
vento che si cacciava per luoghi stretti, per le fessure, pe' fori, e
produceva ora un fischio sottile, ora, quasi imitando la voce umana,
pareva un ululato, un lungo lamento, ed ora sembrava il lontano ruggir
delle fiere. Ad alcuni frati meno arditi o più creduli, correva alla
mente che gli spiriti maligni fosser gran parte di quella burrasca, e
parea loro quasi, che quelle voci misteriose e sinistre uscissero da
gole infernali, da qualche vicina tregenda di demoni che si mettesse in
ordine per iscagliarsi sopra il convento, ed un vecchio laico diceva,
facendo il segno di croce e sospirando--Anche questa notte, s'io non
erro, le monache di S. Lucia voglion avere un po' di feria, come fu
quando il beato Fra Girolamo venne condotto in Palagio![65]

Alcuni giovanetti novizj, a queste parole dette con viso pieno di
sospetto ed in modo cotanto grave, si sentivano tremare le fibre, e
spalancando gli occhi e la bocca verso il vecchio parean chiederne
ed aspettarne una più aperta spiegazione, ed il laico con un viso
malinconico, proseguiva:

--Eh! chi è invecchiato in questo convento n'ha avute a passar di
brutte! E vi sono stati tempi che l'inimico non ci lasciava requie nè
dì nè notte, e lo stesso faceva con quelle poverette di S. Lucia... Ma
allora era vivo Fra Girolamo... e v'era quel sant'uomo di Fra Domenico
da Pescia... quello bisognava vedere come lavorava col demonio! Eh, con
lui non c'era da far il matto! e sì che una volta anch'esso gliene fece
una, che tutt'altro uomo avrebbe lasciato per sempre d'impacciarsi d'
esorcismi.... sentite questa!.... che ci mise una paura a tutti, che
non ve ne dico niente!... sapete, la cella che ora è di Fra Giordano...
c'è quell'immagine di Nostro Signore tentato da quel satanasso nero
nero, con quella coda e quelle gran corna? Be', Fra Domenico un
giorno (anche lui che domin gli venne in mente?) prese una granata e
scopollo, e lo scherniva in varj modi. Che volete? la notte eramo
tornati da mattutino, e s'era ripreso sonno....--

(I novizj si stringevan tra loro guardandosi intorno con sospetto,
e credevan a ogni tempo veder saltabeccar per la chiesa qualche
Farfarello.)

Potevan esser le due dopo mezzanotte, si sente a un tratto strepito di
picchiate, un gridar soffocato; che cos'era? Era lo spirito maligno che
per vendicarsi avea date a Fra Domenico tante bastonate ch'egli rimase
conciato, che Iddio vel dica[66]... E io, dopo questa faccenda... non
mi vo' far bravo!... io, quando vado a spazzar la cella, e vedo quel
lucifero, mi raccomando a Dio, e dico in cuore:

  Lasciami stare, lasciami stare,
  Che non ti fo nè ben nè male!

Figuratevi se ha lavorato a quel modo con Fra Domenico, ch'era _in
sacris_, con me, povero converso!.... mi strozzerebbe! che Dio m'ajuti
e la Madonna.... Ora.... via, non ci possiam lagnare, si sono un po'
quietati.... ma allora!... certe notti non si trovava la via di scender
in coro! certi gattacci neri su per le travi del tetto, con occhi come
brage, certe salamandre che andavan come razzi pe' muri; e non vedevi
di dov'uscivano nè dove andavano, e talvolta ne vedevi taluna star
ritta sulla fiammella della lampada e godersi di quel foco.... lo so
anch'io! a petto di quello dell'inferno le sarà parso una frescura!
poi voltavi un canto del dormitorio, ed ecco in fondo, ritto contro il
muro, come un etiopo, piccino piccino, tutt'occhi e bocca! Uh! Signore,
ajutateci, che quest'occhi han vedute di gran brutte cose!--

--Ed alle monache accadeva lo stesso?--domandò a mezza voce e tremando
un novizio.

--Lo stesso, e peggio! Ed il demonio entrava addosso quando ad una,
quando ad un'altra, e facea far cose a quelle povere figliuole!....
cose!... ma che volete! non ci avean colpa esse.... era il nemico....
e allora mandavan di carriera per Fra Domenico.... e lui era come una
mano santa, appena si mostrava restavan libere; e, quando per qualche
impedimento non poteva andar egli, mandava un altro colla Bibbia, e 'l
comandamento al demonio di partirsi.... bisognava sentire allora come
gridava.... «Eccolo, eccolo collo scartafaccio!» e volendo nominare
il nostro santo profeta, invece di Fra Girolamo dicea per ischerzo
Fra Gira gli uomini, Fra Giraffa, ed altre cotali insolenze....
Basta, ringraziamo Iddio; che questa tribolazion ce l'ha pur tolta di
dosso!....--

Udiva queste parole fra gli altri un frate vecchio, uomo sparuto, e
ridotto dalle penitenze ad aver aspetto di quelle mummie naturali che
si vedon verbigrazia nel convento de' cappuccini a Roma, che vestite
coll'abito da frate mostrano solo il viso coperto d'una cotenna
arsiccia, secca ed aggrinzita. Questi, che in tutta la vita sua non
avea avuta un'ora di bene, tormentato sempre dagli scrupoli, diceva,
con una vocina tremola e sottile:

--La cagione che il demonio non ci tormenta altrimenti, e non ci si
fa più vedere, ve la dirò io, fratelli (e qui un sospiro). Egli è che
ora le cose vanno più a modo suo, pur troppo! in questo convento; dove
al tempo di Fra Girolamo era tutto l'opposto (e un altro sospir) noi
ci siamo allargati nel vitto, nel vestire, ed in tutte le cose.... ed
invece d'attendere allo spirito, invece d'_insanire pro Cristo_, siamo
tornati alla superbia degli studi mondani... la compieta si dice ora
dopo cena, contro gli ordini di Fra Girolamo.... la Bibbia, che allora
i frati l'avean sempre sotto il braccio, oggi è posta da un lato e
tralasciata.... insomma, poco si pensa all'interiore, fratelli miei....
che volete dunque che 'l demonio duri fatica con esso noi quando
camminiam per la via ch'egli vuole?....--

E qui un ultimo sospiro che valeva per quattro.

In quella gli occhi di tutti si volsero verso la parte ov'era Niccolò,
ad un poco di bisbiglio più alto che vi si faceva, ed era cagionato
dalla venuta de' suoi figliuoli, di Troilo e di Fanfulla, intorno ai
quali presto si raccolsero i frati sparsi per la chiesa. Le nuove avute
da costoro non eran punto migliori di quelle portate da Lamberto,
ed appariva sempre più chiaro che bisognava pur risolversi a cedere
alla fortuna. Cominciò Averardo a parlare nel suo solito modo tronco
ed adirato, e dopo aver riferito ciò ch'egli aveva operato, che si
riduceva in sostanza alla conclusione medesima ottenuta da Lamberto,
dopo essersi scagliato con male parole contro que' cittadini che
ricusavano di porsi a nuovi rischj, disse, alzando ferocemente il viso
ad un lampo vivissimo che scintillò, seguìto immediatamente da un
tremendo tuono:

--Possa tu incenerire que' vituperati codardi che aman più viver servi
che morir liberi!....--

A quest'imprecazione uscita in tal punto di bocca a un uomo che, pel
suo terribile aspetto, solo a guardarlo metteva paura, fece arricciar i
peli ai più arditi de' circostanti.

Il frate dagli scrupoli si prese il capo colle due mani e mormorò tra
denti «_Sanctus Deus, Sanctus fortis, Sanctus immortalis!_» E Niccolò,
alzando la mano con autorità verso il figlio, e guardandolo fisso, gli
disse:

--Averardo, tu sei in chiesa!

E questi, che avrebbe sostenuto gli sguardi di un esercito, senza
batter palpebra, non potè sostenere quelli di Niccolò, ed abbassati gli
occhi, ammutolì.

Sorse allora Bindo, e fattosi avanti baldanzoso (di che si dubita o si
dispera alla sua età?) disse:

--E s'io vi dicessi che sono stato da Mannelli, dagli Agolanti, da
Spini, e che ho trovato que' giovani pronti a far ciò che noi vorremo,
e che non ho veduto in essi quella viltà che voi dite? E sebbene, a dir
il vero, i vecchi, i padri di molti li sgridassero, e s'opponessero,
i figliuoli però mi hanno fatto sicuro che di nascosto si sarebbero
ingegnati uscire e trovarsi qui stanotte con noi.... Io per me non
dispero, no.... chè di giovani animosi ce n'è dovizia in Firenze, la
Dio grazia.... tutto sta incominciare, e poi, non dubitate, tutti
si leveranno, e saranno per noi. Ma la sicurtà di Bindo non potè
trasfondersi negli animi di chi l'ascoltava; guardando in giro i visi
di tutti, vedevi errarvi un sospetto, un dubbio inquieto e doloroso,
e Niccolò stesso, quantunque si conoscesse che faceva ogni opera per
parer franco e sereno, mostrava però sul volto l'inquietudine che lo
agitava.

Volse lo sguardo a Fanfulla, che stava ritto ritto col suo solito ed
impassibil viso, nè lieto nè malinconico, e portando sul giaco di
maglia lo scapulare di S. Domenico, avea insieme del soldato e del
frate: lo guardò come per accennargli dicesse il suo parere, e Fra
Zaccaria intanto, esprimendo il pensiero di Niccolò:

--Qui, Fra Giorgio, di cotali faccende ne sa più di noi: vi par egli
che vi sia modo.... che qualche cosa si possa ancor fare?--

E tutti gli occhi s'affissarono intenti su Fanfulla, che inarcando le
ciglia, abbassando gli occhi, sporgendo il labbro inferiore, tentennava
il capo e veniva tratto tratto soffiando e facendo risuonar tra denti
un _hum_! tutt'altro che di buon augurio. Alla fine, ponendosi la mano
tra capelli e sulla fronte, e parte grattandosi, parte rassettando la
fasciatura della ferita, diceva:

--Non essendo io fiorentino, non posso aver in pratica come voi questi
cittadini.... dunque stasera uscendo, ho detto: va un po' da chi
ti conosce e lasciami far motto a questi soldati, e sentir come la
pensano.... Perchè.... vedete! l'anima di questi negozj.... non per far
torto ai cittadini della milizia, che io non vidi mai i più bravi, nè
i più valenti.... ma insomma, bisogna lasciarselo dire, ognuno l'arte
sua, e val più una ventina di quelle picche invecchiate nel mestiere,
e che da bambini, si può dire, son usi alla disciplina, e ad aver
sempre un occhio al gatto e l'altro alla padella, vo' dire, un occhio
al nemico e l'altro alla bandiera, e a non romper la fila, e in mezzo
all'archibusate; un cenno del sergente o del capitano, e già hanno
capito, e anche senza questo, sanno da se quel ch'hanno da fare....
insomma, mi avete inteso.... val più una ventina di costoro, che cento
uomini, e siano valenti quanto volete, chè non conoscano il mestiere,
ed ora fanno troppo, ora troppo poco, e non sanno che una battaglia di
soldati debbe esser com'una sega, ove i denti son molti, ma la volontà
che li muove una sola, e allora si fa profitto.... Ora dunque, son
andato per gli alloggiamenti delle bande pagate.... già li conosco
tutti! a qualcuni la spada in mano gliel'ho messa io.... vado pel primo
da quelli là dietro S. Croce; entro; Fanfulla di qua, Fanfulla di
là.... Addio, buon giorno, che è? che non è?.... Dico fra me.... prova
un po' per questo verso, e comincio, addosso con una villania da cani
«Bell'onore, per Cristo e la Madonna!....»--

Ma ebbe appena detta la parola, che si percosse colla mano la
bocca, accorgendosi che rappresentava la scena con troppa verità; e
rimettendosi tosto, proseguiva:

--Bell'onore n'avrete acquistato!.... Dar la terra a patti.... che
non v'è un palmo di bastione scalcinato.... non vi mancano nè polvere
nè palle.... il cuojo delle scarpe ancor non l'avete mangiato!....
se avessi saputo che era per ischerzo non mi sarei mosso di S. Marco
(dicevo così per dire, chè, poveracci, non si son portati male, ma co'
soldati bisogna parlar così) e loro, chi ne diceva una, chi un'altra, e
parevan arrabbiati, e che n'avesser vergogna anch'essi.--E sono stati
i Signori!--Egli è quel traditore di Malatesta.... e chi sgrullava le
spalle, chi bestemmiava, chi diceva «Noi siam qui ancora; chi ci paga
e insegna la via!.... e un capitano di Guasconi!... un valentuomo!...
eramo assieme alla presa di Brescia...» Io, mi dice, jer altro, se il
Palagio acconsentiva, assaltavo colla mia banda le genti di Malatesta;
non hanno voluto! E io ho da volerne più de' Signori? Ora è troppo
tardi....--

Fanfulla tacque un momento, poi stringendosi nelle spalle ed aprendo le
braccia, soggiungeva:

--Ha ragione!.... che gli volevate rispondere?... in guerra l'occasione
è tutto. La lasci fuggire? Peggio per te.--

Durante il discorso di Fanfulla eran sopraggiunti alla sfilata molti
artefici dell'arte della seta e della lana, molti operaj del popolo
minuto, tutti, come meglio potevano, più o meno armati; eran insieme
venuti alcuni di que' giovanotti ai quali avea parlato Bindo, ma tutti
costoro insieme non sommavano a dugento persone; il tempo passava; già
da qualche tempo l'oriuolo di sagrestia avea suonato le due, non si
vedea comparir altra gente, e quelli che s'eran condotti quivi, vedendo
il loro piccol numero, notando lo scoramento che si dipingeva sul volto
de' frati, e dello stesso Niccolò, si venivan guardando in viso gli uni
gli altri, ed alcuni in cuore molto si pentivano d'essersi mossi di
casa loro.

Niccolò stava perplesso, ed ondeggiava in varj opposti pensieri.
Rimandarli, e rinunziare all'ultima speranza, gli parea troppo duro ed
acerbo: e spingere questi pochi ad un partito disperato, ad una certa
morte, non vi si sapeva risolvere. Mentr'egli si stava travagliando in
quest'incertezza, i frati avean fatto disporre di molte panche lungo
i due lati della chiesa verso l'altar maggiore, ove sedettero essi
ed i più ragguardevoli dell'adunanza, e il rimanente popolo, stando
in piedi in fondo alla chiesa, chiudeva da quel lato il quadrato,
che rimase vuoto nel mezzo. Niccolò sedette su un seggiolone che era
stato collocato all'estremità superiore, ed avea vicini Fra Zaccaria
ed i suoi giovani, e parlavan tra loro sommessamente, quando entrò in
mezzo al quadrato, venendo dalla porta della sagrestia, un vecchio che
a' panni mostrava essere un povero operajo, ed aveva sul suo vestire
ordinario affibbiato un petto di ferro tutto rugginoso ed una spada
allato. L'aspetto di costui era d'uomo che l'età ed i patimenti avesser
condotto agli estremi della vita, ma questa parea si raccogliesse tutta
negli sguardi, ove ardeva un fuoco torbido, che dava indizio d'un
feroce e disperato proposito.

Questo vecchio avea per la mano un fanciullino di dodici anni, magro,
pallido e che parea più attonito che spaventato di trovarsi in codesto
luogo, in mezzo a quella grave addunanza.

Niccolò conosceva quest'uomo, che era stato sempre ardentissimo per
la dottrina di Fra Girolamo, s'era trovato alla difesa del convento
nel 98, e poi sempre in appresso avea, in ogni tempo, e sotto tutti i
reggimenti, perseverato costantemente nelle medesime opinioni, facendo
ogni opera onde si mantenessero tra il popolo, per quanto gli era
concesso dal suo povero stato, e dalla sua poca autorità.

--Oh, maestro Simone! gli disse Niccolò, mentre gli s'appressava con
quel fanciullo. Oh! che venite voi a far qui col vostro Bertino?--

--Piero suo padre, e mio figliuolo benedetto, rispose il vecchio, è
morto combattendo per la nostra libertà.... io, e questo fanciullo, noi
siam rimasti sali in casa.... soli al mondo.... voi lo sapete.... non
abbiam più nessuno; e perchè, neppur io non mi curo più di vivere, ho
condotto meco questo povero orfanello, ond'egli o viva o muoja cogli
ultimi difensori di Firenze!--

Niccolò levava gli occhi e le mani al cielo, e diceva, crollando le
palme aperte:

--Oh, perchè tutti i cittadini non ebber l'animo di questo povero
operajo! Oh! perchè i maggiori di questa terra, ch'eran tenuti dar
l'esempio all'universale, si sottrassero al peso, quando più premeva
saperlo onoratamente portare?--

Ed a mano a mano riscaldandosi nel dire, ed alzando vieppiù la voce,
proseguiva:

--Non son questi, no, gli esempj lasciatici dai nostri antichi, che
seppero mostrare il viso a' papi, a' re e ad imperatori, e difender
contro tutti la libertà di Firenze! Oh, Firenze! appiè delle tue mura
cadde la superbia d'Enrico di Lucemburgo imperatore, e di tutto lo
sforzo del santo romano impero!.... l'imperator Massimiliano.... e
questo l'abbiam veduto cogli occhi nostri, a nostri giorni!... dovè
fuggire prima d'aver pur vedute le tue torri!... A Carlo di Francia,
ch'era dentro le tue porte col fiore de' suoi cavalieri, tu mostrasti
il viso, quando ti volle serva, e re Carlo ebbe di grazia salvar sè
ed i suoi, e rimanesti onorata, ed in tua ragione... Ma Dio grande!
è forse il presente pericolo maggiore di codesti? Siam noi uomini
diversi da quelli d'allora? Non è più un bene la libertà, l'onore, la
religione? Non più un male la schiavitù e l'infamia? Ma possibile,
Dio eterno, che siam caduti nel fango di cotanta viltà? Possibile che
tanto abbin pesato i nostri peccati, che ci abbi così abbandonati! che
il popol tuo sia tanto da te maladetto? Oh cittadini! oh figliuoli!
S'avrà dunque a profferire quella tremenda parola! l'avremo a dir
noi fiorentini, e non morir prima mille volte--_Firenze, è spenta!
Firenze è serva!_ e noi siam rimasti vivi! e torniamo alle nostre
case, alle donne, ai figliuoli nostri, cui dovevam mantenere quello
stato lasciatoci da' nostri maggiori!.... e che direm loro scignendoci
le codarde spade asciutte di sangue, e buttandole in un canto? che
direm loro? Che ragion troveremo che gli acqueti e li faccia contenti
d'essere, non più uomini liberi, ma quasi una mandra di bestiame,
divenuta roba de' Medici? E quando questi tiranni porran le mani nel
sangue e negli averi de' vostri figliuoli fatti grandi, non avranno
essi cagione di maledirvi, e chiamarvi codardi? E che cos'è poi la
vita, che si debba serbarla a cotanto prezzo? E non pensate ch'io
parli così perchè son vecchio, e la posta ch'io son per metter a
questo giuoco, è di pochi giorni, di poche ore forse di vita. Ma non
ho io figli? Questi che mi stanno intorno non son eglino sangue mio?
e ne son io avaro? (e ponendo la mano sul capo di Bindo che gli era
vicino) Son io avaro del sangue di questo fanciullo, cui rimarrebber
forse anni ed anni di vita felice? E facendone dono alla patria, chi
potrà dire ch'io non doni più assai che la mia vita stessa?.... Oh!
cittadini, abbiate pietà di questa patria sventurata, chè forse ancora
n'è tempo! O Jesu Cristo, re nostro, abbi pietà di Firenze, ch'è
pure il tuo regno! _Parce Domine!_ perdona i nostri peccati, perdona
ancor questa volta.... la tua vendetta risparmi la patria.... io, pei
peccati di tutti.... io t'offro questo misero capo, t'offro questi miei
figliuoli!.... Scompaja la mia casa.... si cancelli il sangue mio, il
mio nome dalla faccia della terra, ma Firenze! Oh, Firenze sia salva,
sia libera, sia felice!....--

Piangendo al cospetto di tutti, colla fronte alta, e mostrando ch'egli
non avea rossore di quel pianto, pose fine Niccolò alle sue parole,
che erano state l'indispensabile sfogo dell'indomita passione ch'egli
provava, più forse che non un mezzo col quale sperasse fare oramai
molto profitto.

Visi bassi e scuri, ed un silenzio di morte, diedero alle parole del
vecchio una troppo chiara ed eloquente risposta.

Il temporale, cacciato dal vento, s'era intanto allontanato dirigendosi
verso Volterra; di tanto in tanto splendeva ancora qualche lampo, e
giungeva all'orecchio il lontano brontolar del tuono.

Niccolò provò un senso di dolore ancor più terribile di quello che
l'oppresse quando fu decisa la resa della città; ora perdeva l'ultima
speranza; ora soltanto Firenze era irremissibilmente caduta per esso;
ora soltanto si sentiva divenuto veramente servo de' Medici.

Appoggiati i gomiti sulle ginocchia, e sulle palme la fronte, rimase
immobile, annichilato, per dir così, dall'immensità della sua sventura,
ed avrebbe in quel momento benedetto Iddio, se gli avesse mandata la
morte.

Sventurato vecchio! e gli restava ancora a soffrir tanto!

I popolani e gli operaj, che al bollente parlare di Niccolò non avean
risposto che col silenzio, giudicando, con quel retto sentire che è
quasi sempre negli uomini rozzi, esser ormai pazzia il voler tentar
di resistere, non poterono sostener la vista del dolore, del pianto
di quell'uomo, che s'eran avvezzati a considerare come il loro padre
comune, come un ente d'una natura e d'un'intelligenza superiore. Eran,
per dir così, spaventati ora di vederlo soggetto, come gli altri,
alla sventura ed all'umana miseria, e per l'amore che gli portavano,
si sentivan straziare il cuore, e rampognavan se stessi quasi fosser
cagione d'ogni affanno, d'ogni danno che gli potesse avvenire. E
cominciò a sorgere un bisbiglio tra que' poveri uomini, mentre pur
tuttavia Niccolò stava immobile colla fronte nelle mani, e chi di
loro metteva sospiri, che piuttosto parevan ruggiti, chi si mettea le
mani nei capelli, chi si scontorceva, chi col dosso della ruvida mano
si asciugava una lacrima, e tutti, in questi od altri cotali modi,
mostravano passione e malcontento grandissimo, chè tenuti in rispetto
dalla presenza di tanti loro maggiori non s'attentavano venir avanti,
o moversi, o parlar troppo alto.

Ed a mano a mano crescendo quest'umore tra loro, cominciarono a dirsi a
vicenda ed a mezza bocca:--Oh noi siam pure i gran sciagurati!--Povero
vecchione! vedi s'egli ha a pianger a quel modo!--Lui che ci ha veduti
tutti nascere!--- Che ci ha sempre fatti lavorare!--E quando fu il
caro, chi ci dette pane se non egli?--Ed ora, quand'è il bisogno, ci
tiriamo addietro? E non vorremo noi che i ricchi e i grandi dicano
che il popolo, i poveri sono ingrati?--Tu che dici, Sandro?--- e tu,
Bozza? Abbiam noi a farci avanti, e buttarglici a' piedi, e domandargli
perdono, e dirgli che noi siam pronti, e che faccia di noi quel che
vuole? Vai tu? Vo io? Andiam tutti?--Andiamo....--

Dissero animosamente alcuni, e fattisi innanzi, seguendoli tutti gli
altri, irruppero nel vôto del quadrato, e venuti avanti velocemente
verso Niccolò, che a quello strepito di passi aveva alzato un poco
il capo, gli si buttarono in ginocchio a' piedi, ed i più vicini
stendendogli le mani ai panni, alle ginocchia, con visi umili e
contriti, e gli occhi lagrimosi, parlavano alla rinfusa e tutti
insieme, tantochè mal si potea comprendere che cosa intendessero dire,
che domandassero, se non che dagli atti del volto, dalle braccia alzate
de' più lontani, e da qualche parola che spiccava qua e là più chiara,
come perdono.... pentiti.... noi siam i vostri figliuoli insin che ci
duri la vita.... ed altre somiglianti, potè presto avvedersi Niccolò
qual fosse l'animo ed il proposito di que' poveracci. Il suo cuore ne
fu commosso, e lo fu del pari quello di tutti i circostanti.

Egli alzò amorevolmente le mani, e posandole ora sul viso e sul capo
de' più vicini, che afferrandole con impeto ed effusione le baciavano,
ora accennando che tacessero e si levassero in piedi, dopo un buon poco
ottenne finalmente che cessasse il rumore, il confuso parlare, ma non
che sorgesser da terra.

--Oh che volete voi dunque, figliuoli? parli un di voi, e dica quel che
voi volete.--

--Il Bozza! Parli il Bozza--dissero varie voci, ed un uomo sui
quarant'anni, grande, asciutto e di volto maschio ed ardito, comecchè
in quel momento lagrimoso, disse, stendendo le braccia nude e tendinose:

--Messer Niccolò, no' siamo ignoranti.... ci avete a compatire....
no' siam bestie... che volete? no' lo conosciamo anche noi!... Noi
meriteremmo che ci cacciassi a calci... Non lo sappiam noi, che tutto
il bene che s'è avuto alla vita nostra c'è venuto da voi? Che questi
panni che abbiam indosso, son roba vostra? Che ci avete ajutati
quando eravam infermi, e provveduti quando non c'era lavoro? e in
quest'assedio, che n'era di noi, delle nostre famiglie, se non eri
voi? si moriva di fame. E ora, quand'avete dette quelle parole pel
bene della città, pel bene nostro, noi.... ribaldi.... non ci siam
mossi.... non abbiam risposto nulla.... noi siam bestie (e questo _noi
siam bestie, siam ignoranti_ lo ripeteva quasi ad ogni parola e molto
più che non si scrive). Ed ora vi abbiam veduto piangere.... e noi non
possiamo vedervi piangere.... e vo' avete a star di buona voglia.... e
non avete a piangere.... che no' siam qui noi.... e ci avete a mettere
dove voi vorrete.... e far di noi quel che voi vorrete.... e finchè c'è
vita... finchè di noi ce n'è un pezzetto come l'orecchia... vedete,
messer Niccolò, no' siam tutti presti a ogni vostra volontà, ma state
su.... via.... rasciugatevi quegli occhi benedetti.... fatevi veder col
viso un po' contento.... e allora sapremo che ci avete perdonato, che
non siete adirato con esso noi.... Oh! perdonateci, messer Niccolò,
perdonateci.--

E tutti a stender verso lui le braccia ed a gridare:--Perdono,
perdono!--



CAPITOLO XXXI.


--Perdono! disse Niccolò pieno il volto d'una pietà tenera e
malinconica, e di qual colpa v'ho io a conceder perdono, poveri
figliuoli miei?... Ah! no.... non è vostra la colpa, ma de' vostri
rettori, di quelli che vi dovean difendere e v'hanno abbandonati....
Non avete risposto alle mie parole! Che v'era a rispondere? Ah! lo
vedo, lo conosco anch'io che per noi non v'è più rimedio, che siam
condannati da Dio.... s'io vi parlava a quel modo, egli è perchè non
si può veder disperse le speranze e le fatiche di tutta la vita,
non si può veder la patria oppressa, caduta a mano de' nemici e
de' traditori, e rimaner muti, coll'occhio asciutto.... ma lo so,
lo so, figliuoli; che potete far voi oramai per impedirlo! Chi può
opporsi, chi può sottrarsi al giudizio di Dio? E questo giudizio è
oramai chiaro ed aperto. Egli ci mandò il suo profeta, come lo mandò
ai Niniviti: quelli si convertirono e furon salvi.... noi ci siam
indurati nel peccato, abbiam morto il profeta, dovevam capitar male,
è giusto! _Justus es Domine, et rectum judicium tuum_. E poi dicono
ch'egli ci aveva ingannati! Noi sciagurati c'ingannammo! ch'egli ci
avea ben promesso misericordia, ma a patto di rivolgerci a Dio, e
lasciar gli abbominevoli vizj. L'abbiam noi fatto?.... Ora, figliuoli
miei, alzatevi, tornate alle case vostre, andate, che Iddio vi benedica
mille volte. Questa sarà forse l'ultima che noi ci vediamo, s'io
in nulla vi detti mai scandalo, s'io v'offesi in checchesia, siate
contenti perdonarmi; ricordatevi sempre di Niccolò, che v'ha amati
come figliuoli insino alla morte.... ricordatevi, se mai verranno per
Firenze giorni men tristi, che sempre può la patria risorgere, e sempre
si debbe esser parati per essa.... ricordatevi di Dio, che fu il nostro
principio e debbe esser il nostro unico fine, e pregatelo per l'anima
mia, pregatelo che mi faccia degno d'uscir di questa vita nella sua
santa grazia, e d'accettar virtuosamente quella morte che gli piacerà
mandarmi,.... avessi anco.... e così dovrà finire!.... avessi ad
incontrarla sotto la mannaja dei Palleschi....--

A queste parole, come allo scoppiar d'una mina, tutti que' popolani
ch'eran rimasti sin allora in ginocchio umili e cheti, si trovarono in
piedi, feroci e minacciosi, ed alzando al cielo le pugna, arrotando
i denti e fremendo, giuravano morir tutti in difesa di Niccolò; ed il
Bozza, alzando la voce sopra ogni altro, gridava....

--No, siam qui noi!.... e prima che vi si torca un capello.... di
quanti siam qui, e di mezzo Firenze, se n'ha a far tonnina!....--

Niccolò, accennando colle mani levate, acchetò di nuovo questo rumore,
poi disse:

--Io vi ringrazio figliuoli.... vi ringrazio, e sa Dio con che
cuore!.... ma s'io non istimo che abbiate a metter la vita vostra a
rischio per l'utile della città, pensate s'io vorrei che per l'utile
mio!... Dio non lo voglia!.... ora andate e pregate per me, come io
pregherò per voi.--

A Troilo, che in tutti quei contrasti non s'era mai mosso, nè avea mai
aperto bocca, parve allora esser giunto il momento che faceva pel suo
disegno, e venuto avanti, disse, risoluto ed ardito:

--Messer Niccolò, cittadini! ascoltatemi, m'è venuto un pensiero....
una speranza ancor ci rimane!....--

Si volsero tutti a queste parole, guardandolo fisso, che nessuno se
l'aspettava in quel momento, e molto meno da Troilo; ed esso:

--Sì, ci rimane aperta una via!.... dubbia.... difficile.... è vero....
ma noi siam ridotti in termini che l'audacia.... la temerità può
nominarsi prudenza. Ditemi? Chi tiene il piè sul collo a Firenze?
chi la tiene ormai vinta in sua potestà, che non può più far difesa?
l'esercito imperiale. Sperar d'assaltarlo e di romperlo colle forze
d'una città sbigottita e divisa!.... Pazzie! Ma e se v'insegnassi il
modo di disfarlo coll'armi sue proprie? E questo modo, viva Dio! io
spero averlo trovato.--

Niccolò gettò le braccia al collo del traditore, e questi, ricevuto
modestamente quell'abbraccio, seguitava:

--Voi sapete di quante nazioni sia composto il campo, e quanti odii,
e gelosie, e risse sian tra loro tutto giorno.... io che, pur troppo!
combattevo con essi contro questa infelice patria, conosco un per uno
que' colonnelli italiani ed i loro capitani, e mille volte gli ho uditi
maledir la fortuna che li condannava combatter a pro de' Forestieri
contro quelli della loro nazione. Ora è nato un caso.... l'ho saputo
stasera.... che potrebbe mirabilmente ajutare il mio disegno. Alcuni
fanti spagnoli hanno morto due italiani per rubarli, e gittatili in
un pozzo: e le bande del Vitelli hanno fatto altrettanto per vendetta
a parecchi spagnoli.... gli uni e gli altri stanno ora coll'animo
sollevato, e pronti ad ogni momento a venirne alle mani.... gl'italiani
soli saranno più deboli del resto del campo, ma se ci accosteremo
a loro, saranno più forti, e potremo metterlo in rotta, e rimaner
padroni noi di Firenze.... e dove sul principio succeda prosperamente
la cosa.... si leverà tutto il popolo.... e non avremo a temere di
Malatesta, forte soltanto finchè il campo è intero e può fargli
spalla....--

Niccolò non potè aver tanta pazienza che lo lasciasse finir di dire,
ed alzando la voce esclamava:

--Egli dice il vero!.... chi potea pensare!.... Dio ti benedica,
figliuolo!.... tu sei la salute nostra...--

E Fanfulla, sorridendo con compiacenza, soggiungeva:

--E' non l'ha pensata male, sapete! e Lamberto ed i figliuoli di
Niccolò, e poi a mano a mano tutti i frati, stringendosi intorno a
Troilo, e discorrendo sul suo disegno, e, per dir così, volgendolo
e rivolgendolo per tutti i versi, lo venivan sempre maggiormente
approvando, e si capacitavano che fosse, se non d'esito sicuro, almeno
tale da restare ancora bastante probabilità per non doversi lasciare
intentato.

Così risolutisi affatto, ed abbracciandosi gli uni gli altri, e
rallegrandosi insieme, ordinarono di porsi all'opera senz'altro
indugio, chè cessato il temporale, e sgombratosi il cielo d'ogni
nube, appariva già la prim'alba, rischiarando placida e serena tutto
l'oriente; e non era da perder tempo.

--Prima di moversi, disse Niccolò a Fra Zaccaria, siete contento dirci
la messa, chè da Dio s'ha a cominciare se vogliam che ci ajuti.--

Andò il frate in sagrestia, e poco stante tornò parato, ed incominciò
la messa, che tutti udirono taciti e con quel fervor di preghiere che
eccita l'imminenza de' grandissimi pericoli. Ma Troilo intanto; che
era inginocchiato cogli altri e stava in apparenza tutto divoto e
raccolto, veniva tra se dicendo:

--Ora dunque s'andrà difilato in campo.... ci azzufferemo
senz'altro.... E Baccio penserà, cred'io, a trarmi d'impaccio, com'io
penso a farmi frate!.... e come ho io a fare per avvertirlo di quanto
sta per accadere?.... e' bisogna ch'io trovi Michele ad ogni modo.--

Egli facea disegno sul suo servo. Quel tal Michele che trovammo, se il
lettor se ne rammenta, alla Torre del Gallo, e che rimasto in campo fin
ch'era durato l'assedio, s'era poi condotto in Firenze, e così istrutto
da Troilo, senza farsi vedere in casa i Lapi, s'andava raggirando
in modo che il suo padrone l'incontrasse assai sovente, ond'esser
sempre pronto ad un suo cenno, per tutti i fortuiti accidenti che mai
potessero nascere.

Finita la messa, tutti ricevettero la comunione, e Troilo cogli altri,
e tornando dall'altare, sotto colore di cercar un angolo appartato ove
potesse attendere, senza disturbi, alle sue divozioni, s'andò a porre
nello sfondo d'una cappella, e quivi, volgendo le spalle alla chiesa, e
tutto curvo, appoggiandosi ad una panca, trasse di seno un fogliolino
ed un pezzo di matita, dei quali s'era ad ogni evento provveduto, e
scrisse in fretta:

«Si va in campo a sollevar le bande italiane, e farle azzuffare contro
gli spagnoli; s'è tentato far movere le bande di città: e finalmente si
leverebbero al rumore: perchè state all'erta. Fate buona guardia alle
porte. Non vi scordate ch'io non ho modo nessuno ad uscir di mezzo a
costoro se voi non m'ajutate.»

Piegato il fogliolino, e postoselo nella manica, pensò: «all'uscir di
qui, Michele si lascerà vedere, e potrò mandarlo a Baccio.»

Niccolò intanto, finite le sue orazioni, s'era rizzato, e, raccolti
intorno a se i circostanti, tenne loro un breve discorso, quale voleva
la strettezza del tempo e l'importanza del caso. Le fatiche, le
inquietudini, la veglia più di tutto di quella notte, aveano esauste
le forze del povero vecchio; si sentiva incapace, per quanta volontà
n'avesse, d'andar cogli altri a quest'ultima impresa: il pensiero di
sè e del pericolo cui s'esponeva non sarebbe sicuramente bastato a
rattenerlo, ove pensasse di poter giovare in alcun modo; ma conosceva
ch'egli, invece d'ajuto, sarebbe stato d'impaccio a' giovani, i quali
avrebbero avuto che fare assai a pensar a loro stessi, senza dover di
giunta pensare a lui.

--Andate, disse alla fine abbracciandoli l'un dopo l'altro, andate, chè
s'io non posso accompagnarvi colla persona, sarò con voi col cuore,
colle preghiere; e chi di voi non vedrò più in questo mondo lo vedrò in
cielo....--

Mentre diceva queste parole era venuta per Bindo la sua volta
d'abbracciar il padre: corse alla mente del vecchio un tristo presagio
(chi può non curarli in certi momenti?).... Pensò: «Fosse appunto
questo fanciullo ch'io non dovessi riveder più se non in Cielo!....»

Niccolò si fece forza più che umana per rattenere e divorar le lagrime
che stavan per isgorgargli, conobbe quanto importasse mostrarsi forte
a quel punto, e, posto sotto i piedi ogni altro affetto, disse, colla
fronte alta e stendendo le mani verso i suoi figli:

--Oh Firenze! Oh patria! null'altro mi rimane fuorchè codeste vite!....
io te le dono.....--

Dette le quali parole si lasciò cader seduto; si coperse gli occhi
colle mani, e rimase un momento quasi fuor di sè, e presso a
soccombere a così terribili e replicate scosse: un ronzìo confuso gli
suonava nell'orecchio, e sentendosi affievolire e vacillare le virtù
dell'intelletto, non sapea ben discernere se fosse quello un sogno,
o se udisse veramente i passi e lo strepito de' suoi figliuoli e del
popolo che usciva di chiesa.

Dopo un buon poco, ripresi alquanto gli spiriti, aprì gli occhi, si
guardò intorno: avea accanto Fra Zaccaria ed alcuni pochi frati che
oravano; e tutti gli altri se n'erano andati.

Venuti questi nel chiostro, e prima d'uscir sulla piazza, disse Troilo:

--Tutta l'importanza sta nel poterci condurre salvi agli alloggiamenti:
e sebbene alle porte non s'usi troppo rigore, e si lascian assai
liberamente comunicare i cittadini col campo, pure io stimo non
usciamo di qui tutti in frotta.... ciò potrebbe dar sospetto... ma
a due, a tre insieme; e 'l ritrovo sia Giramonte, ove alloggia il
signor Alessandro Vitelli.... nelle sue bande, come vi dissi, è nato
lo scandalo, incominciam da loro.... Ora lasciatemi uscir solo sulla
piazza, tanto per veder se di verso i Servi, o di via Larga, s'ha a
temere impedimento nessuno.... Io do un po' di volta qui attorno, e son
qua in un baleno.--

--Troilo uscì, ed Averardo, guardandogli dietro:

--Chi m'avesse detto che costui dovea diventar de' nostri, gli avrei
risposto: tu te ne menti!... Oh, vedi ora ch'egli è più infiammato di
tutti!....--

--Oh! non ve lo dicevo io? esclamò Bindo; egli era traviato dalle male
pratiche, da amici ribaldi.... ma in sostanza è un bravo giovane.... e
poi, ora le opere sue le vediamo... Mentre costoro, con parole ancor
più diffuse che non si scrivono, portavano a cielo quel ribaldo, egli,
uscito in piazza, la trovò deserta, se non che volgendo l'occhio in
giro, scórse di dietro il canto di via della Sapienza, proprio al
filo dello spigolo, uscir il terzo d'un volto, in modo che si vedeva
soltanto un occhio ed un po' di naso. Si drizzò a quella parte, e
trovò dietro il canto appiattato il suo servo. Gli mise in mano il
fogliolino, dicendogli prestamente:

--Corri con quanto n'hai nelle gambe e portalo a Baccio.... e digli....
ma tienlo ben a mente!... che io uscirò di porta s. Giorgio tra
mezz'ora.... e gli serva di regola.... ora corri, e se non giungessi
in tempo, cercati d'un altro mondo.... tu m'hai inteso, io non
motteggio!--

Il servo, che conosceva con chi aveva a che fare, la diede a gambe, ed
in un momento non si vide più: e Troilo si venne trattenendo, quanto
gli fu possibile, per dar campo a Michele di giungere, e non tanto che
potesse dar sospetto ai suoi; ed alla fine, rientrato in convento,
disse, per guadagnar qualche altro minuto:

--Ho veduto certi soldati venir su per via del Cocomero.... andranno
a metter le guardie.... aspettiamo un altro poco. Alla fine, quando
gli parve tempo, cominciarono a tre, a quattro per volta ad uscire,
combinando tra loro, che ogni compagnia tenesse una strada diversa.
Troilo in varj modi destramente ottenne d'esser degli ultimi, e
finalmente uscì anch'esso con Bindo e Fanfulla, e per la piazza e la
via de' Servi si drizzarono verso P.ª s. Giorgio. Passato ponte alle
Grazie, presero sopra la via del Bardi su per la costa, e Troilo, che
aveva scelto uscir da quella porta, la più lontana di tutte, per dar
tempo a Baccio d'ajutarlo in qualche modo, veniva fra se almanaccando
sul modo appunto che quegli avesse a scegliere, non senza qualche
sospetto, che dopo averlo messo in quest'impaccio non lasciasse poi a
lui il pensiero d'uscirne come potesse.

Ma il Valori avea ancora bisogno di lui, e però non l'aveva
abbandonato. Mentre costoro venivano salendo, senza incontrar persona,
chè appena usciva il sole di dietro le colline di Vallombrosa, e Troilo
veniva gettando occhiate avanti e addietro aspettando qualche soccorso,
videro, ove la strada voltando un poco lascia scoprire porta s.
Giorgio, venirsi incontro un frate minore, che mostrando d'oltrepassare
senza curarsi di loro, e poi, a un tratto fermandosi, coll'atto di chi
raffigura qualcuno, disse:

--Oh! voi qui messer Troilo? E dove andate voi?--

Troilo non conosceva il frate, ma gli venne tosto in mente fosse
mandato da Baccio, e si dispose secondarlo.

--E voi, Padre, di dove ne venite?--

--Vengo dal campo.... già sapete, l'abito di s. Francesco ripara meglio
che un giaco, e con esso si può andar sicuri.... ma voi, non andresti
mai in campo, eh?....--

--E s'io vi volessi andare?

--Che Iddio ve ne scampi... E levatevi di qui il più presto che voi
potete.... e di Firenze ancora, chè sarà meglio.... Non sapete? Il sig.
D. Ferrante v'ha posto addosso 400 fiorini di taglia, per vendicarsi
che avete combattuto co' Fiorentini.... E ora appunto, qui fuori la
porta, son passato per mezzo una compagnia di lanzi, che mostrano
conoscervi di persona, e dicono, che se v'incontrano v'hanno a tagliar
a pezzi.--

Troilo, per far un po' di commedia, ringraziò il frate, mostrando
voler pur passare innanzi, ma costui lo prese pe' panni affermando,
che in nessun modo non lo lascerebbe andare ad una inevitabil morte; e
Fanfulla e Biado, conoscendo che non conveniva attaccar una mischia
e levar il rumore nel campo, mentre s'apparecchiavano a cosa di tanta
importanza, e che ad ogni modo non avrebber potuto bastar essi soli a
campar il loro compagno, lo persuasero tornasse addietro, e Fanfulla,
tiratolo in disparte, tanto che il frate non lo udisse, gli diceva:

--Va, va, che anche in Firenze ci potrai ajutare... parlando ai
soldati, com'ho fatt'io jeri, e persuadendoli, quando sentano attaccata
la mischia, ad uscir fuori, ed in mezzo a loro non avrai paura dei
lanzi.--

E senza voler udir altro, voltogli le spalle, e' se n'andò con Bindo,
mentre Troilo, ridendo in cuor suo, scendeva di nuovo la costa in
compagnia del frate.

Fanfulla dunque col giovanetto, tirando innanzi verso la porta, diceva
il primo:

--Fortuna che s'è incontrato codesto par di zoccoli... se non era lui,
Dio sa che diavoleto nasceva!... e in questi casi, un nulla basta a
rovinar un'impresa.--

Porta s. Giorgio era tenuta da una grossa guardia, di cui Malatesta si
potea fidare, e che non impediva ai cittadini di comunicare col campo,
come dicemmo, meno però le ore della notte. Fanfulla venne riconosciuto
e salutato da parecchi di quei soldati, e mentre varcava la soglia
sotto il voltone massiccio, che ancora in oggi si vede, chi gliene
diceva una, e chi un'altra.

--Oh, ecco Fanfulla!--Ben levato Fra Bombarda!--Dove si va così per
tempo! ec. ec.--

E egli, senza fermarsi, e salutando colla mano:

--Andiamo a vedere certi amici del campo, ora ch'è aperta la gabbia....
Addio, addio, ci rivedremo, cristiani, se piace a Dio e alla
Madonna!...--

E via senz'aspettar risposta.

Se il nostro lettore fu mai a Firenze, se gli accadde andarsene a
spasso fuor di questa porta, d'onde ora uscivano Bindo e Fanfulla,
si ricorderà, che dal piede delle mura di Firenze, guardando verso
mezzodì, si vedono sorgere a gradi quelle bellissime colline ondulate
così gentilmente sulle cime, sparse di foltissimi uliveti, di filari
di vigna frapposti, parte verdeggianti, parte d'un color grigio-perla,
simile a quello del salcio; ricorderà quelle casucce, quelle villette,
che bianche e pulite fan capolino tra gli ulivi, e mettono cotanta
invidia a chi le vede, tanto più se a caso stia in qualche tristo
pensiero, e ruminando i suoi guai, quasi non dovessero essi penetrare
tra quelle mura, sotto quelle ombre tranquille!.... e pur chi sa quanti
ve ne sono anche costì!.... ricorderà insomma l'aspetto placido e
ridente di codesta contrada, variata com'è varia la natura, ma insieme
accurata come un giardino... Or bene, all'epoca della nostra storia,
dopo undici mesi che era in mano de' nemici, tutta quella bellezza
era cambiata in una landa desolata, nuda e fangosa; non più traccia
di siepi o di divisione alcuna tra poderi, le viti sbarbate, rotte,
peste e sotterrate; gli ulivi tagliati al pedale per farne legna, o,
se pur qualcuno ne rimaneva qua e là ad attestare l'antica ricchezza,
eran tronchi, o quasi fusti informi, senza rami, pieni d'intaccature,
e traforati dalle palle dell'artigliera. Smosso e solcato da queste
in varii luoghi vedevasi il terreno, non men che dall'acque de'
temporali. Tale era l'aspetto del suolo tra le mura e le trincee, che
simili ad una zona cingevano il poggio a mezza costa sotto Giramonte, e
consistevano in un fosso, dietro il quale s'alzava un terrapieno armato
di stecconi e forato da cannoniere.

Mentre Bindo e Fanfulla si dirizzavano verso un seno del poggio ov'era
una dell'entrate dal campo, già si poterono accorgere che v'accadeva
o vi si preparava qualche cosa di straordinario del sordo mormorìo
che n'usciva, dal chiamarsi, dal correr de' soldati per le vie che
rimanevan tra le file dei padiglioni, delle trabacche, e lungo le
trincere, chè giacendo l'alloggiamento sul pendìo del poggio, si poteva
coll'occhio abbracciar tutto quanto, e vi si Vedeva quell'intimo ed
incomposto rimescolamento che appare in un formicajo, ove in qualche
modo si metta il disordine.

Entrati alla fine nel campo, e seguitando a salire per giungere
sull'eminenza ove siede Giramonte, passavan tra le tende e le baracche
costrutte in cento modi, d'assi, di graticci, di stoppie o di mota,
come meglio era venuto fatto a chi v'avea avuto a passar tanti mesi,
e s'era ingegnato procurarsi alla meglio qualche comodità: alcune,
le più fiacche, mezzo rovesciate dal turbine della notte, giacean
tutte arruffate, tutte ispide e piene di pali contorti o schiantati,
di stecchi, di cannucce fradicie e ancora stillanti d'acqua piovana;
sovra molte eran distesi panni onde asciugarli ai raggi del sole, o
v'erano appiccati arnesi da guerra, che i ragazzi ed i famigli venivan
racconciando e forbendo frettolosi, punzecchiati da' loro padroni, chè
aveano furia di vestirsene. Tra questi famigli, molti, colle lunghe
capigliature, colla forma del petto e de' fianchi tradivan l'abito
virile che avean indosso. Eran donne e donzelle (in quel tempo ne'
campi ne accadeva di tutte le razze) o rapite nel sacco di qualche
terra e da un padrone rozzo e bestiale ridotte ai più bassi uffici, o
che, sedotte ed innamorate, eran fuggite di casa con qualche soldato,
il quale, sazio oramai di loro, le soffriva, a patto soltanto di
tenerle in conto di garzoni, ed esserne servito[67].

Tratto tratto trovavan tettoje o frascati sotto i quali i vivandieri
e canovaj facean la cucina e vendevan vino: un qualche fanciullaccio
sudicio e bisunto, attendeva a volgere lunghi spiedi innanzi al fuoco
sul quale insieme bollivano grandissimi pajuoli. A certe tavolacce
lunghe e mal composte, od usando botti rizzate a guisa di mense, eran
soldati sollecitando finire gli ultimi bocconi, per unirsi a quelli
che alla rinfusa concorrevano a Giramonte; s'udiva gridare, ridere,
sganasciare. S'udiva il parlar alto e concitato di cento voci, ora
grosse e sonore, ora rauche, ora stridule; ed ognuno voleva dir la sua
sul fatto degli spagnoli: ma chi potea ritrarre il senso d'una sola
parola in quel confuso fracasso, accresciuto, ora dall'abbajar d'un
cane, ora da un tamburino, che per prova, veniva battendo la cassa, ora
da qualche majale, che legato per una zampa di dietro ad uno stilo si
veniva ravvolgendo a saltellone stiracchiando la fune, ed empiendo il
cielo d'acuti e maladetti grugniti?

Fanfulla e Bindo, seguitando a salire tra gente e gente, e notando,
tutti allegri, la buona disposizione di costoro a sollevarsi e menar
le mani, giunsero finalmente sullo spazzo ov'è posta la villa di
Giramonte; luogo piano, assai ben largo, donde si scopre tutta Firenze,
i monti di Fiesole e il val d'Arno da' poggi dell'Incontro a quelli
d'Artimino. Quivi, sul ciglio che guarda in città, era una batteria di
ventiquattro pezzi, tra cannoni, sagri e columbrine, separati da grossi
gabbioni di vinchi, pieni di sassi e di terra; quivi era più che mai
stretta ed accalcata la folla de' soldati, de' quali eran pur piene le
finestre della villa; ve n' era sul carriaggio che serviva pel bagaglio
della banda, e stava in fila lungo i muri della casa; ve n'era sulle
artiglierie, su' gabbioni, su tutti i luoghi alti, e stavano tutti
intenti ad udire Lamberto, che salito medesimamente su un gabbione
parlava con voce alta, gestir pronto ed infiammato, e quando i due
giunsero a portata della sua voce, diceva, terminando una frase della
quale non avean udito il principio:

--.... de' vostri compagni che que' marrani hanno assassinati! Vendetta
di loro soltanto! di tutta la nostra nazione che hanno assassinata, ed
assassinano tutto giorno in mille modi, di essa s'ha a far vendetta, e
liberarci una volta da codesti ladroni!... Ma ditemi, perdio!... s'io
non dico il vero buttatemi giù di questa trincea... ditemi! andiamo
noi nei paesi loro a vivere a discrezione, a rubarli, a vituperar le
loro donne, a scannarli, a sollevarli con mille trappole, e metterli
in discordia gli uni contro gli altri, come s'aizzano i mastini pel
gusto di vederli sbranarsi? E loro invece sempre qui! ora con una
scusa, ora con un'altra, ora per mare, ora per terra... ogni momento,
che è, che non è? una truppa di questi ribaldi, miseri, scalzi, morti
di fame, che hanno bisogno di rifarsi.... dove s'ha a andare? In
Italia! andiamo, col nome di Dio! In Italia! Ma per Cristo, la terra
dove siam nati, dove son sepolti i nostri padri, è roba rubata? è roba
del comune?.... Iddio, che ad ogni popolo ha dato tanta terra che ci
potesse vivere e morire in pace... ove potesse seminare e mietere....
ha egli detto: questa sola sia di chi la vuole, di chi se la prende,
sia di tutti, e vi possa raccogliere chi non vi ha arato? Siam forse
maladetti da Dio? siamo bastardi? siamo bestie?.... Lo volete sapere?
senza avvertirlo, ve l'ho detto io quello che siamo! Siamo bestie, e
peggio che bestie! chè anco i bruti, se si voglia disturbarli nella
loro tana, si difendono e adoprano l'ugna e 'l dente, e non badano se
'l nemico sia maggior di loro.... e non potranno gli uomini far almeno
altrettanto?.... E non mi vengan a dire che son più valenti di noi! Gli
uomini son tutti compagni, e solo i cattivi ordini, le male usanze li
corrompono e li rendon diversi.... e in prova, quante volte s'è avuto
a far con loro a buona guerra, corpo a corpo, chi n'ha toccate? loro o
noi? ed eccola...--(Disse accennando Fanfulla, che avea scorto nella
folla).

--Ecco là.... s'io dico bugia, mi dica bugiardo....--

Tutti i visi si volsero a veder con chi parlava, ed egli:

--Fanfulla, che era de' tredici di Barletta, lo dica egli.... come
andò la cosa? Chi vinse?... e per combatter que' tredici francesi, si
mando forse un bando per tutta Italia per venire i più valenti? i più
arditi? S'aspettò d'aver raccolti uomini più grandi e grossi che non
erano i nemici? si misero due contr'uno?.... tredici loro, tredici
noi; quelli che si trovaron sotto mano ne' due campi.... si scelse i
migliori, è vero.... ma scelsero i migliori anch'essi. E chi visse?
torno a dire.... Non son più valenti dunque, ma più astuti.... o per
dir meglio, essi son tristi ed astuti, chè sanno seminar la discordia
tra noi e consumarci colle nostre armi medesime.--

Ma che sciagurato furore, che maladetta peste è mai questa? qual
demonio dell'inferno ci saetta ne' cuori il suo veleno, che sempre
tra noi ci abbiamo a lacerare! tra noi fratelli! tra noi d'un istesso
sangue, d'un'istessa lingua, d'un'istessa famiglia! E una città
coll'altra, o coll'armi, o colle frodi e co' maneggi, e sempre in ogni
modo, pensare a nuocerci e a rovinarci tra noi?.... e beato chi ci
riesce, e' gli sembra un gran bel fatto.... e quando non posson farci
del male.... affinchè almeno non se ne perda la volontà, e l'odio si
mantenga vivo.... ad offenderci con parole, con nomi ingiuriosi.... e
chiamar i Pisani traditori; i Fiorentini ciechi, i Sanesi pazzi, e che
so io? e non solo tra città e città, tra stato e stato, ma ogni terra,
ogni casale, ogni villa a voler male alla sua vicina, offenderla,
ingiuriarla, odiarla almeno, se altro non può?--

E, stese in giù le mani accennando la città sottoposta, proseguiva:

--Ed ecco qui un esempio fresco fresco!.... Firenze, che era libera,
ricca, felice; ch'era l'onore, la gloria d'Italia, madre di tanto
senno, di tante virtù e d'ogni bell' arte.... questo bastardo papa
dice un giorno: _Firenze ha ad esser mia_... la prima cosa.... al
solito!.... chiamar questi spagnoli, questi ladroni ad ajutarlo!....
Pensate se aspettano la seconda parola!.... Figuratevi se corrono!....
Si tratta di saccheggiar Firenze!.... E che fanno intanto le altre
città? che fa Venezia, Siena, Genova?.... Venezia fa la sua brava pace
coll'imperadore, rinnega le sue promesse, e sta a vedere.... Siena,
manda perfino artiglierie che ajutino disfar la sua vicina....--

E guardando una lunga colubrina che avea dappresso, e percuotendola col
piede in atto d'ira e di dispregio, gridava:

--E questi pezzi, che vorrei farne polvere co' calci, non son essi de'
Sanesi? non son essi armi italiane? E voi, voi, compagni miei!....
Lasciatevelo dire, perdio! e non v'adirate.... voi non siete tutti
italiani? non avete voi ajutata la rovina di questa nobilissima
terra.... e qual profitto n'avete, ora che ve la vedete a' piedi
schiava, povera, vituperata?.... Cento disagi e cento ferite, e quella
misera fecciosa paga, se pur riuscirete a toccarla. E i tesori, e
'l potere, a chi? a questi ladroni.... i quali soprammercato ci
hanno in dispregio e ci chiamano poi traditori, codardi.... e se in
cambio d'ajutarli aveste ajutato i vostri fratelli, credete voi che
il guadagno fosse minore? E lo fosse anco!.... la gloria, l'onor
della vostra nazione, non siete voi sicuramente tali da averlo in
dispregio... E quanti son poi i nemici che abbiam a combattere?....
Son forse milioni d'uomini, che sien dieci contro uno di noi?.... Son
poche migliaja. E non siete qui voi? Le bande italiane non son esse
quasi la metà di questo campo.... e se gl'italiani che son dentro
le mura s'uniscono a voi, non basterete a sterminar una volta questi
saccomanni assassini? Per quest'effetto, io e questi miei compagni, e
qui Fanfulla, che è l'onore della nostra professione, vi ci siam vanuti
ad offerire per combattere, e vincere o morire con esso voi, e quando
avremo attaccata la mischia, usciranno dalle porte i nostri a percuoter
per fianco ed alle spalle i nemici, e sì che una volta abbiamo a far
casa pulita di questi ladroni.

--Ora, col nome di Dio, chi ha core in petto, chi ci vuol stare a quel
ch'io propongo, alzi la mano; e chi non vi vuoi stare.... faremo senza
esso. Evviva le bande italiane! Evviva Firenze!--

Lamberto, nel cacciar questo grido, sguainava la spada, e sollevandola
sul capo la faceva guizzare in cento rapidissimi mulinelli, ed in
tutta la folla che gli stava a piedi, e che sin allora era stata come
un musaico di visi, ora non si vedeva se non mani che s'agitavano,
e molte brandivano spade, picche ed archibugi, ed al tempo stesso
s'alzavan grida feroci di viva Italia! morte agli Spagnoli!....
tantochè mostrandosi così pronto ed espresso il consenso di quelle
genti, Lamberto saltava a terra tutto allegro da quel gabbione, ed
insieme co' cognati, con Fanfulla e con quanti eran seco venuti di
Firenze, s'andavano a porre attorno allo stendardo della compagnia
per formar l'ordinanza, mentre i capitani e gli altri ufficiali delle
bande sollecitavano a radunare e disporre i loro uomini, che con gran
prestezza e senza disordine nessuno (all'uso de' vecchi soldati) si
rannodavano ognuno intorno alla propria bandiera.

Ma che faceva intanto il Vitelli, capo di queste genti? che faceva D.
Ferrante Gonzaga, capitano dell'esercito, vedendo questo moto, udendo
questi rumori, che davan segno d'un'imminente sedizione, e forse
d'un'aperta ribellione?

Facevano all'incirca come, con certe mandre di cavalli e puledri mezzo
salvatici delle campagne di Roma usano i loro guardiani; i quali
le guidano e se ne fanno ubbidire alla meglio che possono nei casi
ordinarj; ma quando talvolta, qualunque ne sia la cagione, il diavolo
entra in corpo a quelle bestie e si scompigliano a un tratto, correndo
e sbuffando, colle nari aperte ed a coda ritta, e s'azzuffano tra loro
a morsi, a calci, con mille strani guizzi e mille volate, allora il
guardiano s'ingegna colla voce, col gesto di rimettere un po' d'ordine,
sempre però girando attorno, e tenendosi ad una prudente distanza da
quella mischia, e quando poi vede che tutto è inutile, sta a vedere, ed
aspetta che abbian finito.

Così appunto fece D. Ferrante: ed ai capitani di quel secolo accadeva
assai sovente di voler comandare e di esser comandati colla peggio
de' poveri popoli presso i quali si guerreggiava, cui, oltre i mali
ordinarj ed indispensabili, venivan poi addosso cento malanni eventuali
cagionati dalla sfrenatezza e dall'indisciplina delle milizie.



CAPITOLO XXXII.


Eran già quasi due ore di sole quando le bande del Vitelli, alle quali
s'erano accostate tutte l'altre italiane del campo, si trovarono in
punto di prender le mosse per condursi ad affrontar gli spagnoli.

Il cielo spazzato dal temporal della notte splendeva d'un bel turchino
diafano e netto, che si sfumava all'orizzonte in una tinta dorata e
vaporosa sulla quale spiccavano lunghe strisce di nuvole leggermente
posate sulle creste de' monti: pe' fianchi di queste, le ombre portate
dalle nubi, si stendevano in aspetto di macchie turchino-scure, mentre
le parti percosse dai raggi del sole si vestivano di caldi e variati
colori onde si tinge la campagna in sul finir della state. L'atmosfera
tutta era come un mare di luce candida e purissima, che lasciava
minutamente discernere anco gli oggetti lontani, tantochè gl'italiani
radunati a Giramonte eran veduti distintamente da tutti i punti del
campo, d'onde i soldati concorrendo sui luoghi alti, sulle trincee, su
ogni sporto della collina, stavano ad osservare quel movimento, come
spettatori ad una festa, tutti curiosi ed allegri di veder un qualche
bel fatto.

Sulla spianata della Torre del Gallo, che a poca distanza domina
Giramonte, era D. Ferrante Gonzaga, Alessandro Vitelli, il conte Pier
Maria e molti de' primi dell'esercito, e considerando, tutt'altro che
allegri, la gravità di quel disordine, stavan goffi ed attoniti nella
forma appunto di quel mandriano che ci servì poc'anzi di paragone.
Vedevan come cominciava la cosa, ma non potean prevedere come sarebbe
finita, e sapevan ch'egli è de' soldati come de' puledri (anche qui la
similitudine combina) cominci uno a far il matto, e coll'esempio ne fa
scatenar cento.

Dall'altra parte, le bande spagnole alloggiate per la costa sotto
Bellosguardo e M. Uliveto, avvisando quel che a loro danno si
preparasse, sollecitavano ad allestirsi, armarsi, e mettersi in ordine;
quantunque assai di mala voglia si trovassero al punto d'azzuffarsi
cogl'italiani, non per viltà di animo, ch'erano ardita ed ottima gente,
ma perchè invece di far quistione, avrebber preferito mettersi tutti
d'accordo per entrare a forza in Firenze e metterla a sacco.

Non potendo risolversi a rinunziare alla speranza di questo
benedetto sacco, stabilirono mandare a D. Ferrante due de' loro
capitani, pregandolo ad interporsi, e rimettendosi in lui per quelle
soddisfazioni che, salvo il loro onore, avessero a dare agli italiani
per rappacificarli, e cancellar ogni passata ingiuria. Si mossero i due
messi, e, giunti alla Torre del Gallo, esposero al capitano la loro
ambasciata; egli l'ascoltò di mal umore, colle braccia intrecciate sul
petto, ed alla fine diceva adirato:

--Chi volete voi che possa far capir la ragione a quei demonj!.... siam
proprio in tempo, alla fediddio!.... Guardate!--

E difatti in quel momento appunto, s'empieva l'aria delle grida di
costoro, della voce de' capitani che ordinavan la mossa, del batter
fragoroso e celere de' tamburi, dell'acuto fischiar de' pifferi... Si
vedeva quelle profonde e serrate battaglie (chè non si usava allora
l'ordine sottile delle moderne fanterie) tutte ispide e lucenti
d'alabarde e di picche, all'incirca come il pettine d'uno scardassiere
volto sott'insù, si vedevano, dico, dar que' primi crolli gravi ed
ondulati d'uno squadrone che prende la mossa, s'udiva il sordo e
regolare percuotere di tanti piedi, e per dir il vero, l'aspetto di
quelle genti non dovea dar molta speranza che s'avessero a poter
frenare o volger come si volesse colle sole parole.

Le battaglie intanto venivan scendendo la costa ora di fronte ed
intere, ora piegandosi e rompendosi talvolta, e poi tosto rannodandosi
secondo volevano i luoghi o la giacitura del suolo, ma sempre ordinate.
Innanzi, ed ai fianchi del grosso d'alabardieri ond'eran formate,
venivan più radi buon numero d'archibusieri, reggendo colla manca
il calcio della loro arme appoggiata sulla spalla, e colla destra
portando la forcina e la corda accesa: alcuni invece d'archibusi
tenean ritti colla punta all'insù grandissimi spadoni a due mani, di
quelli che, appesi in oggi per ornamento nelle nostre sale, cavan di
bocca a chi per la prima volta li vede, quella novissima esclamazione:
«Che braccio dovevano avere i nostri vecchi!».... I capitani ed i
sergenti, camminando in atto bravo innanzi alla fronte colle spade
sguainate, e con targhette o rotelle al braccio, tutte intarsiate e
miste d'oro, con una frangia intorno all'estremo lembo, ed un'acuta
punta nel centro, vestivan corsaletti e cosciali d'acciaio, sotto i
quali scendevano in larghe pieghe sino al ginocchio calzoni raccolti
pel lungo da strisce di panno, mentre le gambe coperte d'una calza
stretta alla carne mostravan tali muscoli da non lasciar sospetto
che potessero mai venir meno a nessuno sforzo. Non parliamo de' visi
abbronzati, fieri, veramente marziali, dalle barbe, da' baffi ridotti
a non mostrare se non occhi e naso, nè dello strano atteggiarsi, del
muoversi da bravaccio che era ne' modi de' soldati di quella età....
per dare una idea di così minuti particolari, non meno che del modo
d'ordinarsi degli eserciti d'allora, val più il pennello che la penna,
ed un' occhiata alle pitture del Vasari in Palazzo Vecchio, o a qualche
incisione del secolo XVI, spiegherebbe assai più d'ogni descrizione.

Mentre queste genti si movevano così sicuramente all'assalto, parve
però a D. Ferrante non ci stesse dell'onor suo lasciar seguire un tanto
disordine senza pur muovere un dito per impedirlo; e non curandosi di
compromettere la sua autorità, che pur sapeva non esser molta sopra
l'esercito, salito su un suo muletto, e seguito da Vitelli e da pochi
ufficiali, scese ad incontrare gli ammutinati. Giunto vicino ad essi,
alzò la mano, accennando ai tamburi di sostare, e mostrando voler
parlare, ma nè i soldati gli badavano, tirando pur innanzi, e piuttosto
guardandolo in cagnesco, e così i capitani, nè i tamburi cessavano dal
battere, ond'egli alzando la voce procurava superar quel frastuono,
ma soltanto qualche parola, qualche sillaba senza senso potè, per dir
così, sormontare e salvarsi dal generai naufragio del suo discorso.
Ma potè ben egli udire invece di molte ed ingiuriose parole che gli
vennero scagliate di mezzo alle file da polmoni che sapean dirla con
vantaggio co' tamburi e co' pifferi, ed una voce di toro fu udita
gridare fra le altre: «Levati, levati, mangia ranocchi!» alludendo ai
molti che si trovan negli stagni di Mantova, patria di D. Ferrante.
Visto alla fine ch'egli dava in nonnulla, si levò di quest'impresa
disperata, e volto dispettosamente il muletto, ritornò di donde
era partito non senza un poco cortese accompagnamento d'urli, di
schiamazzi e di fischiate.

Giunte le bande sul piano di Baroncelli, luogo nel quale sorge in oggi
Poggio Imperiale, d'onde con poca via erano per iscender ove vedean
gli spagnoli apparecchiati ad aspettarli, si fermarono un momento per
ristringere l'ordinanza.

In una delle prime file eran Averardo e Vieri, armati di due lunghe
partigiane, ed accanto a questi, venivan, cogli archibusieri, Lamberto,
Fanfulla e Bindo. Mentre ognuno osservava e metteva in punto le
sue armi, l'uno affibbiandosi più stretta una correggia, un altro
allacciandosi meglio il morione, soffiando taluno sulla corda onde non
si smorzasse, ed i capitani rivedendo le file e facendo mutar di luogo
ora questo ora quello, secondo parea loro venisse meglio, riguardo
alle stature ed alle forze d'ognuno, Lamberto veniva osservando
l'aspetto degli spagnoli attellati in fondo alla piccola valle, al di
là della strada Romana che pel lungo la divide. Vedeva que' serrati
squadroni d'uomini di mezzana statura, è vero, ma robusti, tarchiati,
invecchiati nelle guerre, e i migliori fanti che fossero allora in
Europa, e prevedendo quanto terribile sarebbe stato lo scontro, sentiva
grandissima apprensione per Bindo, che gli stava innanzi a tutti e
non trovava luogo, come un barbero alle mosse, smanioso d'attaccar
la battaglia. Volerlo ritrarre?.... neppur pensarci. Lamberto fece
d'occhio a Fanfulla, e senza parlare, per non esser udito dal
giovanotto, espresse così chiaramente col volto e col gesto l'idea
«stiamogli vicino e difendiamolo» che Fanfulla l'intese benissimo,
ed accennò due o tre volte di sì col capo, con tale espressione, che
valeva assai più delle parole.

Contento così Lamberto, si volse ai soldati, che, per tacito consenso,
avendolo udito così animosamente parlare, lo tenevano in quella fazione
quasi in conto di capitano, ed alzando la voce, per esser udito da
quanti più si poteva, disse con volto pieno d'una nobile e fiera
allegrezza:

--Orsù, fratelli, ci siamo.... Ci siamo una volta a poter combattere
non per chi ci paga, e ci dispregia insieme, ma per noi finalmente,
per la nostra nazione, per decidere, viva Dio, se veramente meritino
gl'italiani d'essere il bottino di tutti i popoli, il ludibrio e lo
scherno di tutto il mondo. Sia benedetto Iddio, che per una volta mi
è toccato combatter contro genti, tra le quali non vedo un sol volto
italiano! Ora, non vi dico altro... Firenze ci guarda.... ci guarda
tutto il campo, il fiore di tutti i bravi d'Europa.... chi si pentisse
è a tempo.... vada con Dio.... chi ama la patria, l'onore, la gloria,
mi segua, e se do addietro m'ammazzi.--

I tamburi batterono la marcia, ed al grido di _viva Italia!_ che
scoppiò ripetuto mille volte, si mossero tutte insieme le bande,
e scendendo velocemente colle picche spianate giunsero al basso,
attraversarono la strada e si serrarono addosso agli spagnoli che,
immobili, e rispondendo viva _Espana_, ad arme parimente abbassate,
gli aspettavano; colle bandiere gialle e vermiglie ondeggianti, con
un rumor di tamburi, di pifferi e d'altri militari istrumenti che
andava al cielo, ed al quale rispondevan l'eco e le grida lontane di
tutto il campo. Prima che le due truppe nemiche si congiungessero era
già incominciato il tempestar dell'archibusate, e vedevi or qua or là
i soldati fermarsi, calar veloci l'archibuso sulla forcina, sparare
e rimettersi tosto in via ricaricando; e quegli squadroni che poco
innanzi si discernevano così splendidi e netti, cominciavano or qua or
là ad esser velati, ed interrotti da globi di fumo che comparivano a un
tratto, si ravvolgevano candidi e densi, e si sfumavan tosto diradati e
dispersi dal vento.

Ma quando la prima fila delle bande italiane, coll'impeto suo proprio,
e con quello che le aggiungeva da tergo la profondità delle battaglie,
venne a dar di cozzo nelle genti di Spagna, sorse un nuovo e più alto
fragore di ferri, d'arnesi, d'armi percosse, simili a quel cupo e
sonante ruggito del mare quando rompe lontano in una lunga scogliera,
o piuttosto allo scroscio tremendo di due grosse navi da guerra che
s'urtano gettate l'una contro l'altra dalla tempesta.

Tra quelli che miravan dall'alto questo terribile spettacolo cessarono
a un tratto le grida, cessò ogni voce, guardando tutti intenti e
maravigliati quelle due masse d'uomini combaciati e prementesi l'una
contro l'altra, così che non ne formavano oramai che una sola; le
vedevano ondeggiare, ora perdendo, ora riguadagnando il terreno,
piegandosi or innanzi ora indietro quella selva di picche per mezzo la
quale, seguendone i moti, sventolavan tra i lampi del ferro, pennoni,
stendardi, pennacchi di mille colori; vedevan nel mezzo ove era più
stretto e furibondo il combattere, guizzar rapido, errante e confuso il
luccicar dell'armi, che maneggiate velocissimamente, riflettevano in
mille modi i raggi del sole; vedean tratto tratto in quella calca farsi
dei vani pel cader repentino de' feriti o de' morti, ma in un baleno si
riempivan i voti, chè altri calcando i caduti senza guardar se fossero
amici o nemici, n'occupavano il luogo, e spesso per cader loro sopra
dopo pochi momenti. Quando il fumo sorgendo a caso più denso in qualche
parte, spandeva l'ombra sua sui combattenti, apparivano i tiri degli
archibusi più spiccati in quello scuro, con un saettar fitto e lucente
di lingue di fuoco, che impallidivano poi o sparivano affatto ove a
quell'ombra succedesse la luce del sole.

Malgrado l'enorme e discordante fracasso prodotto dall'incessante
scarichìo di moschetti, dal batter celere de' tamburi, dagli urti,
dalle percosse scambievoli, ed anzi vincendo questo frastuono, s'alzava
tratto tratto un terribil grido di vittoria da quella delle due parti
cui pareva ottener sull'altra un qualche vantaggio, ed ora il grido
d'_Italia_, ora quello di _Espana_ risuonava per l'aria ed era accolto
dagli spettatori con altrettante grida e schiamazzi, e batter di
mani come usavano gli antichi stando nel circo a veder i giuochi de'
gladiatori.

Ma questo spettacolo, che veduto in distanza appariva splendido, ed
aveva in se, sto per dire, un non so che di gajo pel lustrar dell'armi,
la ricchezza de' colori e de' fregi, e per la bellezza del cielo che
lo rischiarava, veduto d'appresso era oltre ogni dire terribile e
doloroso. L'accanimento della mischia, pel quale i soldati si lasciavan
trapassare dall'alabarde piuttosto che cedere un palmo di terra,
facea sì, che ai caduti era maggior ventura venir a terra morti che
non feriti: a questi toccava una fine più disperata mentre spiravan
l'anima nell'ultime angosce calpestati da tanti piedi; e s'udiva tra
le gambe de' combattenti (chè vedere non si poteva per la gran calca)
urli rabbiosi, bestemmie, gemiti, grida dolenti, e talvolta qualche
voce pietosa invocare Iddio. Il sangue, per essere il suolo un poco
in pendìo, veniva qua e là uscendo a piccioli rigagnoli dalle file
raccogliendosi in pozze ne' luoghi concavi e bassi, tante eran già
state le morti da un'ora o poco più che si combatteva, senza che si
potesse ancora in verun modo prevedere a chi dovesse rimaner l'onore
della giornata.

Ma non era possibile che una così furiosa battaglia durasse a lungo
indecisa; e stava oramai per traboccar la bilancia.

I nostri giovani, che insieme con Fanfulla avean combattuto tra' primi
con quell'ardire e quell'impeto che si può immaginare, chè combattevan
sempre stretti allo stendardo, tutti trafelati, pieni di sudore e di
sangue, tra mucchi di cadaveri, pei quali male potean maneggiarsi ed
appena trovavano ove fermare i piedi, chè il suolo, anco ne' luoghi
scoperti, non era se non una mota sdrucciolevole e sanguigna, vedean di
fronte tra un folto di nemici sorgere lo stendardo maggiore delle bande
spagnole retto da un banderaio, uomo di terribile aspetto, e, cosa rara
tra loro, di statura altissima e di colossale struttura.

Lamberto, conoscendo esser venuto quel critico momento dal quale nelle
battaglie viene decisa la vittoria, che riman sempre a chi lo sa
cogliere, fatto un cenno a Fanfulla, che in quel momento tirava a sè
con forza la spada, per riaverla dal corpo d'uno spagnolo che aveva
abbattuto, dicendo:--Han' sett'anime e un'animuccia come i gatti! e
finchè non battono il muso, non c'è verso che vogliano morire!--

Lamberto, dico, gridav'ai suoi:

--Alla bandiera, valentuomini, a terra quella bandiera, e la giornata è
nostra!...--

E lanciandosi tutti insieme come leoni verso la parte accennata, egli
il primo, con quella sua incredibil prestezza e bravura, senza che da
nessuno de' nemici si trovasse modo di ripararlo, mise una stoccata nel
ventre al banderajo, e seguitando innanzi, coll'elsa della spada lo
spinse in terra, e con esso lui la bandiera, che essendo grandissima
e spiegata, pel vento, coperse di molti soldati, i quali, impedita
così la vista, nè potendo maneggiarsi e combattere, si posero, mentre
cercavano di sottrarsi a quell'impaccio, in qualche confusione; come
sul cassero d'una nave accade alla ciurma, ove fiaccando l'albero la
copra, cadendo colle vele tutt'in fascio.

I nostri non perdettero un momento, e spingendosi sotto, quali colle
daghe, quali co' coltelli, fecer sì che pochi di codesti impacciati
poteron liberarsi, e caddero quasi tutti trapassati da cento ferite
gli uni sugli altri in un monte, tantochè, fattasi un poco di piazza,
Lamberto, afferrata la bandiera, la capovolse ficcando in terra la
punta dorata che avea sulla cima, e rattenendo pel braccio Bindo, che
si gettava su' nemici sopravvegnenti d'ogni parte, gli disse:

--Tieni forte questa bandiera, chè, viva Dio, noi abbiam vinto!--

Conobbe il buon Lamberto, che intorno a quell'insegna stava per sorgere
l'ultimo e più terribil contrasto, e dando al giovinetto l'onore di
tenerla, veniva sotto questo colore a porlo nel centro de' suoi, e nel
luogo meno esposto della battaglia.

Difatti si strinsero d'ogni parte in questo luogo gli Spagnoli, veduta
a terra la loro bandiera, ma da ogni parte ugualmente vi concorsero
gl'Italiani, con tremende e lietissime grida di vittoria, in modo
che si fece un gruppo d'uomini tanto stretto e calcato intorno a
Bindo, rimasto a formarne il centro, che riusciva oramai impossibile
usar l'aste o le spade, ed a stento, co' pugnali, venivan a corto, ma
con rabbia e sforzi grandissimi, gli uni sugli altri, per dir così,
succhiellinando per ferirsi; e spingendosi e lottando crocicchiavan
piegati gli uni contro gli altri i bracciali, gli scudi, i petti di
ferro, sentendosi ognuno sul viso il frequente ed infocato anelito
del nemico che si trovava a fronte; e la vita o la morte dipendeva
dall'aver il primo la fortuna di trovar di sotto, ed alla cieca, al
pugnale la via d'entrare; onde talvolta accadeva, tra due che a denti
serrati, co' visi accesi e furibondi, stesser così frugando per darsi
la morte, veder a un tratto spegnersi il vampo d'un di quei volti,
illividire, errare, stravolte le pupille, e cadere arrovesciato il
capo, mentre il cadavere imprigionato in quella stretta tardava spesso
a venire a terra più d'un momento.

Ma quando appunto sono uguali le forze, l'ardire, l'accanimento tra
i combattenti, basta bene spesso poca cosa a dar la vittoria. Questa
bandiera caduta produsse effetto grandissimo ed istantaneo sull'animo
di quelli che combatte vari lontani, togliendolo agli Spagnoli ed
aumentandolo mirabilmente agl'italiani, vieppiù infiammati dal grido
incessante che udivan ripetuto di _vittoria, vittoria_, in quel luogo
ove, per lo stendardo, era ristretta ormai tutta l'importanza della
zuffa. Si videro costì prove maravigliose, tanto nel difenderlo che
nel volerlo ricuperare, e per le molte morti, diradatasi presto quella
prima stretta, tanto che gli uomini potean raggirarsi un poco e valersi
dell'arme loro, fu visto uno spagnolo, saltando al di sopra de' corpi
morti, avventarsi alla caduta insegna e giungere ad afferrarla, mentre
Bindo, colla mano che avea libera, usando la spada, lo passava fuor
fuori, e se lo stendeva morto a' piedi: ma un altro ed un altro avean
tenuto dietro al primo, gettandosi sull'asta dello stendardo, e facendo
incredibili sforzi per istrapparlo dalle mani di Bindo e di parecchi
de' nostri, che s'eran messi ad aiutarlo, pur sempre combattendo, e
facendo forza a vicenda con ripetuti crolli e strappate, e sforzi
terribili, ora cadendo, ora rizzandosi, frementi ed affannati, finchè
Averardo, che era trascorso combattendo a qualche distanza, visto
il pericolo del fratello e de' suoi, s'avventò quivi, levando più
che poteva alto sul capo un enorme spadone a due mani, che, caduto
fischiando sul più ostinato degli Spagnoli, gli fesse la cervelliera ed
il cranio, gridando ferocemente Averardo:

--Del sacco di Firenze portati a casa questo bottino... marrano!... e
mentre così urlava n'avea, con velocità di mano e furia incredibile,
morto un altro e ferito un terzo, e seguitando a menar la spada, che
s'udiva più che non si vedesse per aria, sclamava ad ogni colpo--Al
sacco!... al sacco di Firenze valent'uomini!... al sacco, che in
Ispagna aspettati la nuova!....--

L'insegna, insomma, benchè fessa nell'asta e tutta pesta, stracciata,
lorda di sangue e di fango, pur rimase in potestà degl'italiani,
che, insuperbiti per questo onore, e vedendo così a momenti, mentre
combattevano, sulle circostanti alture gli spettatori alzar le braccia
e fare sventolar panni, quasi facendo applauso alla loro impresa,
scorgendo inoltre certe bande che uscivan dalle porte di Firenze, e
stimando fosser i loro che venissero, secondo la promessa, ad ajutarli,
levaron di nuovo più alto il grido di _vittoria_ e d'_Italia_,
_Italia_, e fu tanto unito, tanto istantaneo e potente il cozzo col
quale percossero i nemici, che in questi apparvero i primi segni del
disordinarsi, e crescendo sempre l'animo e gli sforzi degl'italiani,
cominciarono gli Spagnoli apertamente a rinculare, mantenendosi e
difendendosi però sempre in modo, che non potea dirsi fossero in rotta.

--Eccoli, eccoli, gridavano i nostri giovani, ed i capitani delle bande
italiane accennando a quelle ch'erano uscite da porta S. Friano, ecco i
nostri che vengono!...--

E così cresceva l'animo e l'impeto e l'incalzare, in alcuni per
la certezza del soccorso, in altri per non lasciar che giungesse
a dividere con essi l'onore della vittoria, e gli Spagnoli sempre
più a cedere ccl arretrarsi, cosicchè alcuni cominciavano, fuggendo
scopertamente, a sbandarsi, inseguiti alla vita dai loro avversarii,
ebbri di feroce allegrezza; e per quel movimento, venendo a mutar luogo
le genti, si venne a scoprire il posto, ove aveano combattuto, coperto
da più di 600 cadaveri.

E perchè tardavan le bande uscite poco innanzi della città? Perchè
invece d'esser, come aveano stimato i combattenti, venute per unirsi
con loro, giungevan mandate da Malatesta, che le avea composte di côrsi
e de' suoi perugini a lui fidatissimi, per veder soltanto come la cosa
finisse, e tener in rispetto intanto que' soldati che avessero avuto
in Firenze pensiero di levar il rumore, ed uscir in ajuto della loro
nazione. Cotal frutto avea prodotto il foglio scritto da Troilo in S.
Marco.

Pure, anche senza questi rinforzi, la vittoria era ormai decisa per la
parte italiana; ma era scritto in cielo, che anche in quell'occasione,
il sangue di tanti onorati e generosi italiani si versasse a torrenti e
senza profitto nessuno.

I lanzi, che sommavano a più migliaja d'uomini, ottima gente,
invecchiata in sulle guerre, considerando questa fazione, come una
lite privata tra nazione e nazione per fatto d'onore, avean promesso
non intromettersi o parteggiare ne per l'una nè per l'altra, ed eran
rimasti in arme, e pronti bensì, ma oziosi spettatori della zuffa, ne'
loro alloggiamenti. Quando D. Ferrante conobbe che gl'italiani avean
la meglio, e seguivano cotanto arditamente il loro vantaggio, temè non
riuscissero a rompere allatto e distruggere i loro nemici, e quantunque
non fosse istrutto appunto del disegno ordinato da' Piagnoni per
sollevare i soldati chiusi in Firenze in favore de' loro compatrioti
del campo, ebbe il sospetto ciò non venisse naturalmente a succedere,
e vide quanto gran danno ne potrebbe avvenire al campo imperiale ed
all'impresa, condotta ormai a così prospero termine. Venuto prestamente
ov'erano i lanzi, e trovato Tanusio loro capitano, gli disse, simulando
saper certissimo ciò che soltanto dubitava, essersi gl'Italiani,
di dentro e di fuori le mura, accordati per dare addosso a quanti
forestieri militavano in quella guerra; aver cominciato dagli Spagnoli,
e se li lasciava loro tempo di romperli affatto, esser per piombare
tutti insieme sui lanzi; onde attendessero alla loro salute, e non
dicesser poi che non gli aveva avvertiti. E mentre parlava, mostrava a
Tanusio le bandiere che uscivan di Firenze, aggiungendo:

--Quegli intanto escono... con qual proposito, lo sa Iddio.... e tra
poco lo saprete anche voi...--

L'arte di D. Ferrante (e in parte pur s'apponeva) ebbe pienissimo
effetto:, e, pochi minuti dopo, dodici bandiere di lanzi, col loro
capitano alla testa, scendevano serrate e di buon passo, minacciando
alle spalle gl'Italiani stanchi, scemati di numero, e non troppo in
ordine, per la lunga battaglia, e per la sicurezza d'esser oramai
vincitori.

Fanfulla che, secondo aveva detto la notte innanzi in S. Marco,
descrivendo le qualità de' vecchi soldati, avea sempre un occhio al
gatto e l'altro alla padella, com'egli diceva, s'accorse il primo di
questa mossa; e ne fece accorti i compagni che stavan tra il sì e il
no, non potendo indovinare ancora qual fosse il disegno de' lanzi.
Ma parecchie archibusate sparate da loro, dalle quali alcuni venner
tocchi, tolsero tosto ogni dubbio, ed i poveri Italiani, presi in mezzo
ed assassinati, gridarono, _ai traditori_, ma al tempo stesso dovettero
pensare a togliersi da quel luogo ove, percossi da ogni lato, non era
più in verun modo possibile che facessero testa.

Con un movimento sulla destra, serrati, e difendendosi sempre da' lanzi
e dagli Spagnoli, che al giunger dell'inaspettato ajuto avean ripreso
le offese, si vennero accostando ad Arno, con animo di guadarlo sotto
M. Uliveto, e farsi forti sull'altra riva nelle ville di Fiesole.

La corrente, che in codesta stagione si riduce quasi sempre umile e
bassa in un lato del letto, lasciandone asciutte e biancheggianti le
rimanenti ghiaje, s'era non poco accresciuta pel temporale della notte,
e scendeva torbida e gonfia, ma non tant'alta però, che vietasse il
passo del tutto, tanto più ad uomini forti, arditi, e che sopraffatti
da troppo esorbitante numero di nemici, non avean altra via per
ritirarsi.

Lamberto, Fanfulla e i capitani, che ancora eran vivi, scelti
prestamente i migliori soldati, li disposero in modo che, sostenendo
l'impeto degli assalitori, dessero tempo a' compagni di tentare il
guado e condursi sicuramente all'opposta riva.

Se le genti uscite di Firenze per ordine di Malatesta fossero state
invece quelle che i nostri aspettavano, era giunto il momento di
percuoter alle spalle lanzi e Spagnoli, e potea forse quest'assalto
ristabilir le cose e ricondurre la vittoria; vedendole rimanersi
immobili, senza dimostrazione nessuna di voler venir avanti, si
disperavan Lamberto ed i suoi compagni, e pur sempre combattendo,
badavan a far cenni, ordinando al banderajo di sventolar lo stendardo,
e gridando--_A noi Italia! a noi!_ Finchè accortisi che alla testa di
quelle bande era Cencio Guercio, cagnotto di Malatesta, conobbero come
stava la cosa, e caddero affatto d'ogni speranza.

La corrente d'Arno s'era intanto già ripiena di soldati, i quali
trapassavano puntando nel fondo le picche, per reggersi contro l'impeto
dell'acqua, che gorgogliando giallastra, spumante e veloce, aggiungeva
loro al petto ed al collo in molti luoghi, cosicchè non pochi ne
venner travolti, alcuni a stento s'ajutarono, e n'annegarono parecchi,
tutti poi tempestati dalla riva da una spessa grandine d'archibusate.
Tuttavia il maggior numero giungeva salvo all'opposta sponda, e non
avanzavano oramai che i nostri amici, con que' pochi che ne avean fatto
testa per proteggere il varco del fiume, e la moltitudine de' nemici
gli avrebbe certamente oppressi se fossero stati di minor valore che
non erano, o se gli Spagnoli ed i lanzi non si fossero in gran parte
staccati dal combattere per correre a svaligiare i voti alloggiamenti
degl'Italianj, che vennero mandati a sacco, arsi, e distrutti con
avidità e furore incredibile.

Ciò non ostante, quelli ne' quali più la rabbia poteva che l'avarizia,
ed eran pur troppi a fronte del piccol numero de' nostri, non potendo
patire che una mano d'uomini non tanto fosse riuscita ad arrestarli, ma
soprappiù li bravasse, moltiplicando le ingiuriose parole e l'offese,
si serrarono con nuovo impeto addosso a questi prodi che, fattisi
morti, a guisa di fiere racchiuse si difendevano. In quel momento,
trapassato da un'asta, il povero Vieri cadde morto; Averardo, che solo
de' fratelli se n'accorse, si avventò furioso contro l'uccisore, ma
toccata al tempo stesso un'archibusata, che gli ruppe la gamba destra
in tronco, cadde sulle ginocchia presso il cadavere del fratello, ad un
palmo dalla ripa che scendeva scoscesa nel fiume. Nel vedersi impedita
così la vendetta, quel suo viso, già tanto feroce, si vestì di una così
terribile espressione, arrotando i denti e fulminando fuoco espresso
dagli occhi, che l'omicida di Vieri rimase colla spada in alto come
affascinato, senza calare il colpo, ed Averardo, non potendo giungerlo,
gli lanciò la spada, che coll'elsa, lo percosse nel petto e lo fe'
traballare. Rimessosi tosto, e visto il ricco arnese del caduto, pensò,
avendolo prigione, guadagnare una grossa taglia, e si fece avanti
credendo, disarmato com'era, mettergli le mani addosso senza contrasto.

Ma appena gli fu a portata, Averardo, con un possente sforzo, rizzatosi
sulla gamba che avea illesa, gli s'avvinghiò, e, giammai orso facendo
alle braccia, non piantò così forti gl'unghioni nel dorso del suo
nemico, e tirandolo e tenendolo stretto, si lasciò cader riverso nella
corrente. L'acqua s'aperse e rimbalzò in mille spruzzi, e si richiuse
tosto sui caduti, i quali, essendo ivi le grotte assai ben alte, venner
rotolando nella melletta del fondo, e, soltanto dopo lungo tratto,
tornarono, ravvolgendosi sottosopra, e sempre strettamente ghermiti, a
galla un momento, poi, di nuovo affondatisi, più non ricomparvero.

Lamberto e Bindo, avvedutisi del fatto, e scorgendo Vieri disteso a
terra, mandarono un furibondo grido, e volendo disperatamente gettarsi
tra mezzo i nemici, al sicuro si facevano ammazzare, chè quantunque,
per un vero prodigio, non avesser toccata nessuna ferita d'importanza,
avean tuttavia in varie parti offesa la persona, e cominciavan loro a
venir meno le forze, chè da più ore combattevano sotto la sferza del
caldo, ed erangli arnesi pressochè arroventati dal sole: ma Fanfulla,
che mai non si perdeva, pel lungo uso di cotali strette, conosciuto che
non era tempo di pensare a vendicare i morti, ma piuttosto di ridurre
in salvo i vivi, trovò il modo di far che i due superstiti uscissero
di quella disperata mischia. E cogliendo il momento che i nemici
(maravigliati anch'essi del feroce atto d'Averardo) avean fatta un po'
di sosta, stando a vedere come finivan i due caduti nel fiume, disse
prestissimamente a Lamberto:

--Salviamo Bindo, chè qui è affar finito; voi di là, io di qua,
tiriamolo in Arno e passiamo, se si potrà.--

A Lamberto, che offuscato il lume dell'intelletto dal dolore della
rovinata impresa, e della morte dei due cognati, s'era risoluto affatto
di voler morire quivi ancor esso, sovvenne a un tratto di Niccolò, di
Laudomia, e gli parve troppo enorme l'idea che il povero vecchio avesse
a perder anco quel fanciullo, senza utile nessuno per la città, e,
detto fatto, preso Bindo per un braccio, mentre Fanfulla l'afferrava
dall'altro, lo costrinsero, benchè s'opponesse e facesse forza, a
saltar con essi nel fiume.

Egli era tempo; chè, rimasti pressochè soli, ogni poco che avesser
tardato, doveano o morire od arrendersi.

Gl'Italiani intanto, che passati già all'opposta riva vi s'erano
schierati, appena ebber veduti costoro saltati in Arno, e perciò
più bassi della linea de' loro tiri, cominciarono cogli archibusi a
bersagliare i nemici, con che fattili arretrar dalla sponda, ebber
campo i nostri di condursi finalmente salvi tra la loro gente, che
fatta un'ultima scarica di tutte l'arme, si mosse pianamente ed in
ordine, a tamburi battenti ed insegne spiegate, onde non avesse
apparenza di fuga, e lasciandosi Arno alle spalle si drizzò lungo le
mura verso i colli di Fiesole.

Giuntevi, s'alloggiarono in luoghi ove non potessero venir facilmente
sforzati, e gli Spagnoli ed i lanzi, dal canto loro, rimasero in arme
ed in sospetto, temendo che i loro nemici, meglio ordinando il fallito
disegno, rinnovassero con miglior fortuna l'assalto; questo loro
timore rendendoli docili ed obbedienti a' capitani, che a suo tempo
li condussero a tribolare ed esser tribolati altrove, fu la salute di
Firenze; e la morte di tanti che, vivi avrebber voluto esser pagati,
recò non piccol sollievo alla camera apostolica, che ottenne questo
ribasso sul prezzo di Firenze, grazie al sottile ingegno di Baccio
Valori.

Questi, da una torre delle case de' Bini, ov'era salito con Troilo,
Malatesta ed il Nobili, avea osservata tutta la fazione, e come la vide
succeduta cotanto a seconda de' suoi desiderj, disse, tutto allegro,
fregandosi le mani, mettendo un--Oh!--con libero e lungo respiro:

--Ora è finita davvero e del tutto!--e siam padroni di Firenze.--

Il Nobili, che giorno e notte si vedeva innanzi gli occhi come fantasmi
le casse di Niccolò piene di fiorini e di ducati, disse allora, con
cert'occhietti tutti voglia ed impazienza, guardando ora Baccio, ora
Troilo:

--Oh! per amor d'Iddio, facciamo presto, che non ci fugga!--

--E che non mi fugga Laudomia, quel fiore, quel giglio, quella
bellezza delle bellezze! soggiunse Troilo ridendo, e pensando: fosse
qui Selvaggia direbbe anch'essa «che non mi fugga Lamberto!...» se
non altro, non avremo a far quistione, chè in questo bottino ognuno è
contento della sua parte.--

L'allegrezza che provava Baccio lo metteva in tanto buon umore, che,
preso, scherzando, Troilo per un de' baffi, e tirandolo, diceva:

--Una ne fa e cento ne pensa il ribaldone!.... sentiamo!... Che cos'è
quest'altra pazzia.... questa Laudomia.... me ne dicesti non so che....
mi pare... ma avevo altri pensieri pel capo.... sentiamo: animo! Già,
un qualche amore!--

Ed aggrottando gli occhi, così per baja:

--Non ti vergogni tu? con moglie e figli!....--

--Messer Baccio, rispose Troilo ritirando pianamente il suo baffo dalle
dita del Valori, io, vedete, son fatto tutt'a rovescio del popolo di
Firenze, egli ora muta lo stato di molti in quello d'un solo, ed io
invece dallo stato d'una sola passo allo stato di molte.... che volete?
è effetto di costellazione... e, ringraziate Iddio che mi frulli per
questo verso... se non era la speranza di beccarmi alla fine quella
bella figliuola, aspetta! che volevo starmi a seccare tutto questo
tempo....--

--Bene, bene; ma ora raccontaci la cosa.---

--È presto raccontata: mi piace costei perchè è bella, e le belle donne
son fatte per i bei giovanotti, se non erro. Sin ora non c'era da far
il matto, con Niccolò alle coste e tutta la brigata.... e volete che ve
la dica? Ho anche capito che sarebbe stata fatica sprecata. Figuratevi!
un giorno le volli dire una parolina, farle così uno scherzo.... niente
di male veh!... mi fece due occhi!.... e mi disse, con quel suo bocchin
di mole.... «questi non sono modi nè di cristiano nè di gentiluomo!»
Pazienza! pensai io, se questo modo non ti piace, ne troveremo un
altro.--



CAPITOLO XXXIII


--E quale sarà quest'altro modo?--domandò Baccio, chè prendeva piacere
alle costui ribalderie, ed alla buffonesca maniera con cui le narrava.

--Eccolo. Ma torniamo un passo addietro. Dai discorsi fatti in casa ho
ritratto, che Niccolò disegna fuggirsene a Genova, al signor Andrea
Doria, passando per Pistoja e la Montagna, e dormendo ad un podere
ch'egli ha presso S. Marcello. Se farete a mio modo lo lascerete
partire, chè, a volerlo pigliare in Firenze, non vorrei giurare che
non nascesse qualche grave scandalo tra 'l popolo. Bisognava vedere
jer notte in S. Marco tutti que' suoi straccioni d'operaj, come gli
offerivano di morir per lui!... Lasciamolo dunque andare, anch'io farò
le viste di fuggire con esso loro.... e basta che mi diate cinque
o sei uomini d'arme, che ci vengan seguitando alla lontana, ed a
questi s'accompagnerà una persona che so io.... e non dovrebb'essere
inutile.... Basta, questo sarà pensier mio..... questi soldati però
converrà trovare uno che li guidi e sia uomo sicuro....--

--Anderò io!--esclamò il Nobili, che tremava non gliel avessero a
ficcare in qualche modo.

Troilo lo squadrò da capo a piedi con un certo suo ghigno, poi disse:

--Be'.... verrete voi.... e costoro potranno vantarsi d'aver avuto un
capitano, chè prima di trovarne un altro!.... Quando dunque siam nella
montagna, coll'ajuto di parte Panciatica, se i nostri non bastassero,
te li rimeniamo zitti zitti a Firenze, o, dirò meglio, qui, messer
Benedetto, vi rimenerà Niccolò, e scavalcheranno al bargello. Io,
quando siam verso Prato, prendo a man manca colla giovane e cert'altra
brigata, e me ne vo' alla villa di messer Baccio Valori a far i saldi
col fattore, ed assaggiare un bicchier di buon vino, e messer Baccio
mi darà una lettera affinchè, se avessi bisogno d'una camera, e di
buttarmi sul letto un momento, non mi uscisser fuori che non han le
chiavi.--

--E t'ho anche a tener la scala, birbone?--

--L'altro giorno, quando messer Benedetto qui vi si raccomandava pei
fiorini di Niccolò, che per poco non si metteva a piangere, che vi
diss'io? Ch'io non mercantavo a danari, e che un'altra cosa volevo...
la cosa è questa.... e del resto non v'è nulla di male.... fo come gli
antichi romani con quelle belle ragazze de' Sabini....non vollero per
amore? le ebbero per forza......

Ma quando avessimo riferito sin all'ultima sillaba il dialogo di questi
birbi saremmo poi certi d'aver fatto cosa molto grata al lettore
che n'ha già inteso quel tanto che basta alla chiarezza del nostro
racconto? Lasciamoli dunque far le loro combriccole, chè non a tutti,
se piace a Dio, toccherà cantare troppo allegramente vittoria; e
vediamo che cosa avvenisse intanto in casa i Lapi, ove era ritornato
Niccolò, ed avea già ricevuto la trista nuova della rotta delle bande
italiane.

Appena gli venne recata da chi era stato dalle mura testimonio del
fatto, allontanò da sè le figlie, che gli stavano attorno timide e
piangenti, e che a stento ubbidirono ad un assoluto e ripetuto comando;
e chiuso ch'egli ebbe l'uscio neppur se ne scostarono, origliando
piene di sospetto e di timore, e pregando Iddio reggesse in quel
momento l'animo e le forze del misero vecchio. Egli, rimasto solo, si
lasciò andar ginocchioni appiè della nicchia, e poi venendogli meno
ogni vigore, cadde colla fronte a terra e le mani giunte in atto di
preghiera. Stimiamo inutile dir dello stato di quell'anima desolata,
alla quale (vacillando persino in essa a momenti la luce della fede)
parve esser derelitta oramai dagli uomini e da Dio; mandando un
doloroso gemito, e volgendosi col cuore a chieder l'intercessione del
martire, del maestro, dell'amico, che era certo potesse ascoltarlo dal
Cielo:

--Oh! Padre santo, disse, tu in terra m'amasti.... perchè m'hai
abbandonato? Oh! serba in me la fede, e toglimi la vita.... ch'io
muoja, Dio mio! ch'io muoja, ch'io non posso regger più.... non posso
più...--

E rimase muto, immobile, affranto sotto il peso d'un dolore, che
essendo tanto ormai da ottenebrare e render confuse le operazioni
dell'intelletto, fu in certo modo rimedio a sè stesso, togliendo per
poco a quell'anima afflitta la facoltà di sentirlo; ma a un tratto
si scosse da quel letargo, parendogli udirsi all'orecchio una voce
sovrumana che gli diceva: chi è costui che vuol la mercede prima che
il sol tramonti? che chiede riposo prima della fine del giorno? Chi
t'ha detto sii oramai istrumento inutile, che non possa la patria aver
bisogno di te? Gli antichi tuoi tante volte cacciati non ritornaron
forse? Chi dispera mai della patria, se non i codardi?--

Alzò la fronte, stette sulle ginocchia, si rizzò alla fine Niccolò
tutto mutato da quel di prima, la sua fiera natura, a guisa d'una
valida e ben temperata molla d'acciajo che un soverchio peso può
piegare, ma non rompere, risorse potente ed intera; e disse:

--Fuggiamo Firenze per ora, ed andiamo altrove a prepararle giorni
migliori.... Io non li vedrò, morrò sulla terra d'esilio.... li
vedranno i miei figli.... se me n'è rimasto alcuno.... li vedrà
la patria.... E potei sciagurato! desiderar di morire?.... dopo
novant'anni di vita, dovette venire il giorno ch'io avessi pensiero di
me più che di essa?--

Udì in quella molti passi suonar nella camera vicina: immaginò fosser i
suoi tornati dalla battaglia, pensò «E vi saran poi tutti?» e ponendo
la mano alla chiave aprì, e con volto grave, mesto ma sicuro, accolse i
giovani, ed accortosi dei due che mancavano, stette un momento sopra di
sè, poi disse:

--Si può giovar loro? ajutarli ancora? E Lamberto rispose:

--Essi potran giovarci.... chè pregano ora per noi in paradiso.--

Niccolò, a voce bassa, rispose _Amen_; volse altrove il viso, e tacque
per alcuni momenti, durante i quali dal moto delle labbra si potea
conoscere ch'egli pregava; disse finalmente:

--Io non mi dolgo della loro morte incontrata per la patria.... io
gli aveva allevati per questo... ma ben mi dolgo che l'incontrarono
invano!.... Ma Iddio ha giudicato Firenze, e le sue iniquità furon
trovate troppe!.... Ursù, figliuoli, l'ora dell'esilio è sonata per
noi. Ricordiamoci quante volte gli antichi nostri si trovarono a questo
passo; imitiamo la loro fortezza, la costanza colla quale vivendo anni
ed anni sbanditi sepper preparare il loro ritorno, ed il trionfo della
libertà: saremmo da men di loro?... Già vi parlai del mio disegno....
Andremo a Genova al sig. Andrea.... a quell'uomo che potè sottometter
la patria, e pur la lasciò libera e di sua ragione. Egli accoglierà
chi soffre per la libertà. Preparate tutto l'occorrente; a notte chiusa
ci leveremo di qui, io, per non più tornarvi, voi, per ritornarvi, se
piace a Dio, in tempi migliori.--

E volgendo l'occhio in giro ai muri e sul mobile della camera ove
abitava da cinquanta e più anni, disse:

--Addio dunque per sempre, povera casa mia... avevo sempre creduto
che in codesto letto avrei potuto morir in pace, in mezzo a' miei
figliuoli.... che le mie ossa avrebber potuto riposarsi con quelle
de' miei maggiori, nel nostro avello di casa, in S. Marco!.... Come
Dio vuole!.... ovunque giacciano, il suono della tromba nel dì finale
giungerà sino ad esse.... ed allora, troverò il compenso degli affanni
presenti, se gli avrò saputi virtuosamente portare.--

Durante il discorso di Niccolò i giovani e Fanfulla erano stati co'
volti bassi e compunti, Laudomia, dopo aver pianto amaramente la morte
dei fratelli, avea tacitamente, ed all'orecchio, domandato a Lamberto
se fosse ferito, od avesse male nessuno, ed egli coll'accennar del
capo (per non interrompere il vecchio) e con amorevoli sguardi l'avea
rassicurata. E Lisa, appena eran comparsi, non vedendo con essi
Troilo, n'avea domandato, tutta spaventata, a Fanfulla, che sottovoce
anch'esso, e con brevi parole, la tranquillò sul fatto suo, dicendole
che sicuramente sarebbe stato poco a comparire; onde le due donne
se n'andarono ad attendere agli apparecchi del viaggio, pei quali,
mancando oramai poche ore al calar del sole, non avean tempo d'avanzo.

Narrò allora Fanfulla dell'incontro del frate la mattina a porta S.
Giorgio, mentre stavano per uscir di Firenze, e della taglia posta
addosso a Troilo, e si mostrava in sospetto, non avendolo trovato
in casa, avesse avuto a capitar male, ed il buon Niccolò entrando
anch'esso in travaglio per quel traditore, che meno che mai credeva
tale in quel momento, veniva tutto inquieto e pensoso dicendo se non
convenisse mandarlo cercando; ma da chi? e dove? e poi pei cittadini
conosciuti per Piagnoni era un brutto girar per Firenze in que' giorni;
e pel bene incerto d'un solo doveasi arrischiar la libertà e forse la
vita de' pochi rimasti?

Ma a toglier dubbi e timori comparve Troilo in quella, venendo di dove
s'era fatto mercato del sangue, dell'onore, dell'avere di Niccolò, e
presi quegli ultimi concerti che dovean compier l'esterminio di quella
virtuosa ed infelice famiglia.

Il ribaldo venendo quivi s'era studiato, per quanto poteva, vestir il
suo volto d'un'apparenza mesta e travagliata: ma un occhio accorto,
e non prevenuto in favor suo, avrebbe di leggieri scoperto sotto
quell'ipocrita maschera, la scellerata e mal repressa allegrezza che
tratto tratto gli balenava negli occhi, parendogli d'esser giunto già
già a por la mano al crine della fortuna, ed anticipatamente pascendosi
col pensiero degli onori, de' tesori, delle variate ed incessanti
delizie onde vedeva ripiena oramai la sua vita, cui dovea intanto
servir di principio l'acquisto di quella donna cotanto bella e pura, e
per la quale s'era lungamente consumato in inutili desiderj.

Venne accolto con un abbraccio da Niccolò..... e gli resse pur il cuore
di riceverlo e di corrispondervi! Conoscendo poi che conveniva dar
qualche spiegazione sul modo onde avea passata quella giornata, disse,
avviluppando mille bugie, che s'era affaticato a lungo per sollevare le
bande di città, e narrò degli sforzi fatti, e dell'impedimento trovato
alla fine per le disposizioni prese da Malatesta onde tener in freno le
milizie fiorentine, ed in ultimo molto lamentandosi, e deplorando la
comune disgrazia, disse, esser venuto per vivere o morire con Niccolò
ed i suoi, e far quello ch'egli fosse per fare.

Il buon vecchio, che per quella frottola della taglia lo stimava
martire della libertà, ed esposto più di tutti al pericolo della vita,
gli disse, che a notte l'avrebbero, in mezzo a loro, condotto fuor di
Firenze, e difeso contro chi lo volesse offendere, insino all'ultimo
della vita, ed abbracciandolo, e nominandolo figliuolo, e facendogli
animo l'accommiatò cogli altri, onde potessero trovarsi pronti ed a
cavallo all'ora stabilita.

Mentre nelle diverse parti della casa s'attendeva con sollecitudine
ai preparativi del doloroso viaggio, tenteremo, penetrando nel cuore
d'ognuno, scoprirne, se pur si potrà, gl'intimi pensieri, descriver
l'angosce di quell'intime ore che precedettero la partenza.

Niccolò, rimasto solo, sedette per riprender gli spiriti e riposarsi un
momento; poi, alzatosi in piedi con un certo sforzo risoluto, pensò,
prima d'ogni altra cosa, al modo di portarne seco le reliquie del
Savonarola. Salito, non senza stento, su una sedia, spiccò la tonaca
e tolse la ricca borsa, ov'erano le ceneri del frate, e le depose,
non senza lagrime, in una cassetta, dicendo: «Almeno queste ch'io le
abbia meco ov'io morrò.» Aperto poscia il suo priorista, che, per esser
troppo grosso volume, pensò lasciare, insieme a molt'altre masserizie
di casa, vi scrisse le seguenti parole:

«Ricordo che addì.... agosto anno 1530. Io, Nicholò di messer Clone,
nella mia età di novant'anni, tre mesi, et quattro giorni, dovetti
uscire di casa mia et della ciptà di Forenza venuta in potestà de'
Palleschi et di Sua Santità papa Clemente VII, inimici di questo
popolo, quale si defendette insino all'ultimo virtuosamente et
justamente, et havendo perduta la libertà, sia raccomandata almeno
la sua fama agli huomini honesti, _quae semper vivat_. Et il nostro
Signore Iddio habbia pietà de' nostri peccati. _Amen_.»

Raccolte poi molte carte, e lettere, che trovate dal nuovo reggimento
avrebber potuto nuocere a più d'un cittadino, ne fece un mucchio sotto
il cammino, v'appiccò il fuoco, e mentre la fiamma le consumava,
pensava: «A momenti il tuo focolare sarà spento per sempre, Niccolò!»
Ed a coloro, cui è noto il senso, sto per dir religioso, che desta
nell'anima il focolare della casa paterna, sarà pur noto qual fosse in
quel momento il cuore del povero vecchio.

Dal cammino, accostatosi al letto, spiccò da una delle colonne un
crocifisso d'argento, lo baciò, e per un cordone che v'era attaccato se
lo infilò al collo. Esso stesso l'avea posto tra le mani irrigidite di
sua moglie morente; esso ne l'avea ritolto prima che venisse portata
alla sepoltura, e gli rammentava quella donna che forte ed umile,
prudente ed insieme ingenua ed innocente, era stata l'allegrezza della
sua gioventù, l'onore ed il conforto della sua vecchiaja; quella che
avea passato seco tant'anni, ignota, per dir così, a tutto il mondo
fuorchè al solo suo cuore. E Niccolò l'avea imperterrito e forte, ma
non duro nè sconoscente, e nel prender ora quest'ultima memoria della
donna sua, lo sentì commosso da mille giovanili rimembranze che avea
credute egli stesso cancellate per sempre.

--Oh! quanti dolori ti risparmiava Iddio chiamandoti a sè prima
di questi tempi di sventura!.. la morte di tanti figliuoli.... la
rovina di Firenze... il caso della Lisa.... ed ora l'esilio....la
fuga.... i disagi.... la morte in terra straniera. Oh Dio! tu fosti
misericordioso!... io piansi allora.... mi lamentavo... Tu sapevi qual
era il mio meglio! Ora ti ringrazio Iddio, io non soffro che per me
solo.--

Dato poi sesto a varie cosucce, per uso della sua persona, e
racchiusele in una valigetta, cavò da una cassa alcuni denari che vi
tenea riposti pei casi improvvisi, ed erano il solo tesoro in monete
che egli avesse; chè quelle cantine piene d'oro eran la solita favola
che in ogni paese ed in ogni tempo corre tra il popolo sul fatto delle
persone stimate ricche. Ricco difatti potea dirsi Niccolò, ma nè avaro,
nè inclinato ad ammucchiare inutilmente il danaro, che invece teneva
vivo girandolo pe' banchi di Venezia, di Lione, di Genova, e delle
principali città d'Europa, per la qual cosa nel suo esilio, non dovea,
se non altro, temere la povertà.

Finito così ogni apparecchio sedè per riposarsi, ed alzando il capo
s'accorse che la lampada appesa dinanzi alla nicchia, oramai nuda e
vota, ardeva tuttavia. S'alzò di nuovo e con un soffio la spense:
quell'atto, in apparenza così indifferente, fu un nuovo e pungentissimo
dolore pel povero vecchio, chè dalla morte del Savonarola, da 32
anni, sempre avea mantenuto quel lume, era avvezzo a vederlo di dì e
di notte, a volgervi gli occhi mentre orava, e durante le lunghe e
solitarie veglie in che, per la vecchiaja, passava sovente l'intere
notti.... ed ora, la sua camera priva di quel solito lume, gli parve
come una cosa senz'anima, tutta nuova, morta e desolata, ripensò più
amaramente in cuore a' suoi figli uccisi, i quali tante volte erano
stati seco in codesto luogo, che gli parve ora pieno di tanta tristezza
da non potervi reggere, e gli nacque in cuore una fretta, una smania
indicibile d'uscirne, e togliersi una volta a tante dolorose memorie.

E per verità, in codesta famiglia, il più infelice di tutti era
Niccolò, che non trovava oramai nel futuro una sola speranza ove
riposarsi.

Laudomia invece, mentre s'affaccendava nella sua cameruccia, ajutata da
M. Fede, avea bensì gli occhi umidi ed il cuore trafitto pensando ai
fratelli uccisi, ai mali della patria, al dolore del padre, vedendosi
balzata a un tratto tra genti incognite e lontane, fuori di quel tetto
al quale eran congiunti i pensieri, le gioje, gli affetti di tutta la
sua vita... ma Lamberto, che sarebbe stato sempre al suo fianco lontano
da tanti pericoli, non era forse un compenso bastante, un rifugio, una
speranza? E finchè dura la speranza chi è pienamente infelice?

Una al tempo stesso ne avea in cuore la povera Lisa, che la reggeva
contro la presente sventura. Sperava, infelice! ricuperar l'amore del
marito (chè il sospetto, la certezza quasi d'averlo perduto le rodeva
il cuore con sorda e ostinata lima) quando si trovasse con lei sola,
in paesi lontani, discosto da' compagni e dagli amici ch'ella stimava
l'avesser disviato da lei: quando passandola vita fuori di tanti
pericoli, di tanti continui rimescoli, placida e tranquilla, pensava
avrebbe potuto ritornar in salute, bella e fresca come una volta....
ed in mezzo ai tanti guaj presenti, trovava nella sua ferace fantasia
mille sogni di felicità; si figurava il marito festeggiato, accolto
con ammirazione pe' suoi modi, per la sua bellezza, tornato per lei
come prima, tutto amoroso e confidente, e si godeva in questo doppio
trionfo, chè la poveretta non avea cuore, non avea pensieri se non per
Troilo, ed ogni giorno più sentiva consumarsi d'amore per quel ribaldo.

Era intanto tramontato il sole, ed a S. Maria Maggiore sonava
l'avemmaria della sera. M. Fede entrò in camera di Niccolò portando una
lucerna accesa, e, come usano i servi in Italia quando, sull'imbrunire,
arrecano il lume ai padroni, disse per abitudine «felice notte!»
senza pensare che in quel momento tali parole parean pur troppo una
derisione. Sorrise mestamente il vecchio, ed intanto entraron taciti
i giovani, le figliuole e Fanfulla, che s' era protestato non volerli
abbandonare sin che non fosser tutti ridotti in salvo.

Disse Lamberto, che ogni cosa era in pronto per la partenza, e che
consigliava affrettarla prima che la notte più s'innoltrasse, per
evitare il pericolo di esser trattenuti alla porta, d'onde dopo un'ora
di notte non s'usciva se non con grandissima difficoltà. Eran già
apparecchiati al portone due muli sui quali si stava caricando il
bagaglio, ed il famiglio di Lamberto, ajutato dalla fante, venne a
prendere intanto e portò fuori quello di Niccolò.

Gli apparecchi di quella partenza non poteron, come ben si comprende,
farsi tanto segretamente che il vicinato non se n'avvedesse, e la
voce n'era già corsa tra il popolo minuto, per mezzo il quale
trovandosi molti operaj a' servigi di Niccolò, e non pochi di quelli
che gli s'eran profferti la notte innanzi in S. Marco, cominciarono a
radunarsi, e far cerchielli, e parlar tra loro, ricordando che avean
promesso difenderlo, e facendosi animo gli uni cogli altri a non
lasciar che senza compagnia si mettesse per istrada in momenti di tanto
pericolo.

Questi poveri uomini furon presto risoluti, e mandaron il Bozza a casa
i Lapi onde s'informasse destramente da qual porta pensasse uscir
Niccolò; e saputo da uno de' cavallari ch'egli prendeva per Pistoja si
divisero in due truppe; e molti uscirono (alla sfilata però) per Porta
Prato, dandosi il ritrovo in un campo fuor di strada presso S. Donato,
e gli altri si sparsero intorno alla casa, per via dei Conti, sul canto
de' Carnesecchi e sulla Piazzetta, per far testa ed esser pronti nel
caso che, da chi si fosse, si volesse disturbare od impedire codesta
partenza.

Troilo, da una finestra, vide questa ragunata di popolo, e disse tra sè:

--Ve' s'io m'apposi pensando che menar costui prigione in Firenze era
un brutto rischio!--

Finalmente l'ora era giunta, pronti i cavalli, avviato già innanzi il
bagaglio, e negli ultimi momenti, mentre la famiglia radunata se ne
stava sospirosa ed in silenzio, s'era sentito pei piani superiori della
casa il sordo ed interrotto strepito degli usci che si serravano, de'
chiavistelli, degli arpioni che venivan messi per tutto, e questo
rumore si veniva accostando a misura che M. Fede scendeva assicurando
l'imposte e rivedendo in ogni parte se si lasciasse nulla fuor
d'ordine, nessun'entrata ai ladri, e pensando persino all'acqua nei
casi de' temporali, e diceva, mezzo piangendo:

--Tante fatiche! Tante cure! e poi lo sa Iddio in che mani capiterà
questa povera casa! Altro che ladri! ho paura.... Oh! la Madonna
Santissima ci aiuti.--

E così terminati questi assetti se ne venne in camera di Niccolò, e
rimase appoggiata allo stipite dell'uscio, quasi volendo significare
che avea oramai pensato a tutto, e che quanto ad essa era lesta, senza
volerlo espressamente dire, chè non le reggeva il cuore dar proprio lei
il segnale, per dir così, della partenza.

Il vecchio intanto pareva agitato da una nuova inquietudine, e disse
alla fine, avere mandato per uno de' garzoni di stalla un breve a Fra
Zaccaria in S. Marco per offrirgli d'uscirsene di Firenze con esso
loro, e commettendogli di proporre al Fojano questo modo istesso di
scampo, chè tutti e due, per le loro prediche fatte durante l'assedio
in favore della difesa, portavano ora pericolo grandissimo.

--Io non mi so risolvere a partire prima di sapere se possiamo ajutar
questi frati dabbene.--

Fanfulla, senza contrastare a questo generoso pensiero, mostrava però
col viso, e con un certo irrequieto moto della persona, ch'egli non
approvava in quel momento maggiori indugi, e Lamberto, che la pensava
al modo stesso, propose, che andasse intanto innanzi alla porta e
parlasse col capitano, onde disporlo a non metter impedimento alla loro
uscita, e Niccolò gli diede cinquanta ducati affinchè la pratica più
sicuramente riuscisse.

Partito Fanfulla, dopo un altro poco comparve finalmente la risposta di
S. Marco. Scriveva Fra Benedetto, esser già in salvo i due frati (egli
così credeva; ma il Fojano era stato preso all'uscir travestito di
Firenze) e pregare Iddio che conducesse del pari a salvamento Niccolò
e tutti i suoi. Questi, mettendo allora più libero il respiro, disse,
alzandosi con una prontezza che ben si vedeva non naturale:

--Ora dunque andiamo.... E Iddio, che vede la nostra ragione, sia
quello che ci ajuti.... Figliuoli miei, (disse fermandosi a un tratto)
voi tornerete un giorno in questa casa, in questa camera, senza me:
ricordatevi allora di Niccolò e de' suoi avvisi. Se avrete autorità
nessuna in Firenze, non vi fidate nè de' grandi, nè di soldati e
capitani mercenarj.... chè per cagion loro noi perdiamo oggi la
patria.--

E gettata intorno un'ultima occhiata, soggiunse, con voce ed aspetto
che pareva tranquillo:

--Andiamo.--

Così tutti insieme alla fine si mossero: gli uomini muti e pensosi,
le donne piangenti, e venuti a! portone uscirono in istrada, e gli
uni dopo gli altri messisi a cavallo, s'avviarono con quest'ordine:
precedeva Niccolò messo in mezzo da Bindo e da Fanfulla: seguiva
Lamberto al fianco di Laudomia, poscia Troilo colla Lisa che aveva
in collo il fanciullo; e venivan ultimi M. Fede e Maurizio. Mentre
Niccolò, non senza fatica, montava a cavallo, erano concorsi ad esso
molti di que' popolani che s'aggiravano intorno alla casa, e chi gli
teneva la staffa, chi tentava sorreggerlo ed ajutarlo, alcuni piangendo
gli abbracciavan le ginocchia o gli baciavano i piedi, dicendogli
parole piene d'affetto, di venerazione, benedicendolo e facendogli
animo, ed il Bozza, appoggiata una mano sulla groppa del cavallo, e
coll'altra vivacemente gestendo, esclamava:

--Non dubitate, messer Niccolò, che no' siam qui noi, e camperete pure
a dispetto de' ribaldi e de' traditori!--

Ed il vecchio, co' cenni e con qualche amorevole parola rispondendo a
queste dimostrazioni s'avviarono, e giunti a Porta al Prato trovarono
che Fanfulla avea con poca fatica ottenuto d'aver libero il passo,
ed uscirono senza ostacolo accompagnati da molti di quegli artefici,
ringraziando Iddio di non aver quivi incontrato impedimento: non sapean
essi che questa cotanta facilità era per ordine espresso di Baccio, che
assai accortamente seguiva in quest'occasione il consiglio di Troilo.

Quando, usciti fuor di porta, presero la via di Prato, il cielo era
oramai tutto sparso di stelle, e soltanto all'oriente splendeva,
dietro le masse scure ed addentellate de' monti, una striscia di luce
rancia, sulla quale campeggiavan lunghi nuvoli neri tinti appena qua e
là sugli estremi e più bassi lembi d'una luce languida e rossastra.

L'afflitta comitiva, parte in sella, parte a piedi, camminava senza
profferire parola, nè produrre altro strepito fuorchè quello del
calpestio de' pedoni e dello scalpitar de' cavalli: l'aspetto della
campagna fosco e tranquillo, stillava al cuore una pace dolce e mesta
ad un tempo: giungeva all'orecchio con certa regolare intermittenza
il fioco e tremulo cantar de' grilli, ed i spessi e diversi sibili di
quelle innumerabili generazioni d'insetti che danno vita ai silenzi
della notte senza turbarli. La placida quiete della natura contrastava
pur troppo coll'agitazione, co' dolorosi pensieri di que' poveri
afflitti. E chi, percosso dalla sventura, e trovandosi a caso in luoghi
ameni, vedendo una bell'aurora, un tramonto, una notte serena, non ha
provato un senso d'amarezza, quasi d'insulto alla sua miseria? Forse,
perchè l'ordinata e perenne stabilità della natura, paragonata colle
mutazioni continue della condizion nostra ci raumilia e ci fa accorti
della nostra piccolezza.

Dopo un tratto di strada, giunti su un poco di rialto, di dove si potea
forse ancora discernere gli edifizj e le torri di Firenze, Niccolò
rattenne la briglia, si volse indietro, e stringendo le ciglia rivolse
a vedere per l'ultima volta, o così gli parve, la massa bruna della
cupola del duomo. Stese verso essa le braccia quasi salutandola, mise
un sospiro profondo, e senza aprir bocca, senza che alcuno de' suoi
osasse parlargli, punse il cavallo e si rimise in via.

La compagnia, che gli aspettava a S. Donato, s'era intanto congiunta
con loro, senza strepito o voce nessuna, e quei poveri popolani,
stimandosi beati di poter difendere e condurre in salvo Niccolò,
venivan di buon passo, senza curarsi del disagio, nè del pericolo,
finchè, dopo quattr'ore di viaggio, giunsero a Prato. Girate le mura
e