Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: La guerra del Vespro Siciliano vol. 2 - Un periodo delle storie Siciliane del secolo XIII
Author: Amari, Michele
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "La guerra del Vespro Siciliano vol. 2 - Un periodo delle storie Siciliane del secolo XIII" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



project.)



                              COLLEZIONE

                             DE’ MIGLIORI

                            AUTORI ITALIANI

                           ANTICHI E MODERNI

                                VOL. XL

                               LA GUERRA

                         DEL VESPRO SICILIANO

                            VOLUME SECONDO

                      DALLA STAMPERIA DI CRAPELET

                          9, RUE DE VAUGIRARD



                               LA GUERRA

                                  DEL

                           VESPRO SICILIANO

                                   O

                  UN PERIODO DELLE ISTORIE SICILIANE

                            DEL SECOLO XIII

                                  PER

                             MICHELE AMARI

                           SECONDA EDIZIONE

                  ACCRESCIUTA E CORRETTA DALL’AUTORE

                    E CORREDATA DI NUOVI DOCUMENTI

                                PARIGI

                       BAUDRY, LIBRERIA EUROPEA

               3, QUAI MALAQUAIS, PRÈS LE PONT DES ARTS

                   STASSIN ET XAVIER, 9, RUE DU COQ

                                 1843



                               LA GUERRA

                                  DEL

                           VESPRO SICILIANO.



CAPITOLO XIII.

 Naufragio dell’armata al ritorno in Sicilia. Giacomo coronato re.
 Capitoli del parlamento di Palermo; privilegi ai Catalani. Fazioni di
 guerra. Supplizio d’Alaimo di Lentini. Agosta occupata da’ nemici,
 e da’ nostri ripresa. Seconda vittoria navale nel golfo di Napoli.
 Trattato della liberazione di Carlo lo Zoppo. Passaggio di re Giacomo
 sopra il reame di Napoli. Tregua di Gaeta. Pratiche di pace generale
 e crociata, conchiuse a danno della Sicilia. Morte di Alfonso re
 d’Aragona, al quale succede Giacomo. Novembre 1285–giugno 1291.


Come la morte di re Pietro, annunziata ad Alfonso in Maiorca, si sparse
per la siciliana flotta, divampovvi col pronto veder delle nostre plebi
una brama di tornarsene in patria. E in vero, con Aragona altro legame
non rimanea che d’amistà; ma era a temer che mancato quel valoroso
principe, i nimici ritentassero la Sicilia: e chi può dir se le menti
sì aguzze al sospetto non immaginaron disposti i Catalani a ritenersi
l’armata? Pertanto scoppia tra le ciurme un grido: «In Sicilia! in
Sicilia!» e perchè l’ammiraglio dubbioso rispondea, che a gran rischio
navigherebbero in quel procelloso romper di verno, la moltitudine
rincalzata da Federigo Falcone da Messina, vice ammiraglio[1], peggio
ostinandosi, ammutinata ripigliava «In Sicilia! e muoia chi nol
vuole.» Questa nè cieca nè volgare carità di patria, che i nostri
istorici biasman dall’esito, e sol guardando al danno che ne incolse
all’armata, non a quello che s’ovviò alla Sicilia, sforzava i capitani
a far vela a ventitrè novembre, parendo bonaccia. Rincrudito il
vento, cacciolli a Minorca. Ripartirono; ma soffiò sì atroce il tre
dicembre, che la flotta tra Sardegna e le Baleari e su per lo golfo
del Lione per tre dì orribilmente fortuneggiava. Comanda l’ammiraglio
di prendere il largo, accender fanali alle navi per cansar gli urti,
ristoppare gli struciti, del resto facendo prua a scirocco abbandonarsi
alla fortuna. Ma con tutta l’arte e l’ardire, due galee messinesi,
due d’Agosta, una di Catania, una di Sciacca, rompendo in acqua,
miseramente naufragarono; e vi perì anco il Falcone. Le altre quaranta
fean gitto del bottino francese; e dopo lungo travaglio, battute,
sdrucite, sgomenate ad una ad una si ricolsero nel porto di Trapani.
L’ammiraglio appena messo piè a terra, cavalcava a Palermo; ove giunto
il dodici dicembre, recava primo alla regina il grave annunzio, e
tramettealo a Giacomo in Messina. Destò quella morte per ogni luogo
di Sicilia grandissimo compianto; e si notò delle donne che tutte
vestiron gramaglia, fecer pubblico duolo, e quante entravano a corte,
con insolita veracità d’affetto, come madri o figliuole confortavan la
Costanza trafitta di profondo dolore[2].

Poi pensarono i notabili del reame alla solenne esaltazione di Giacomo,
riconosciuto nel parlamento di Messina dell’ottantatrè, e promulgatosi
re all’avviso della morte del padre, il quindici dicembre[3]. Onde
convocati per tutta l’isola i prelati, i baroni, e’ sindichi di
terre e città, il due febbraio milledugentottantasei ragunavansi a
parlamento in Palermo. Giacomo vi si trovò con la regina e l’infante
Federigo: il vescovo di Cefalù, l’archimandrita di Messina, e assai
più prelati di Sicilia, coi vescovi sì di Nicastro e Squillaci, nel
nome di Dio e della Vergine il coronavano. In quei dì, tra le feste che
splendidissime rendea il lusso de’ molti possenti baroni, il re a sue
spese armò cavalieri quattrocento nobili siciliani: e molti feudi de’
ricaduti al fisco dopo la cacciata de’ baroni francesi, molte grazie
largheggiò; per letizia, e necessità di moltiplicar dentro i sostegni,
poichè fuori dell’isola non vedea che deboli amici e irosi avversari.
Perciò in questo parlamento medesimo a dì cinque febbraio promulgava,
come allor s’addimandarono, le costituzioni e immunità, registrate
nel corpo delle leggi del reame di Sicilia col titol di capitoli di
Giacomo, e scritte con linguaggio di concessione, ma dettate forse
da’ notabili, e certo dalla volontà della nazione. Perchè re Pietro
nel parlamento di Catania avea più presto promesso che compiuto le
riforme; in quel di Messina ordinò solo i ministri del regio potere;
ma i capitoli del parlamento di Santo Martino, e que’ recentissimi
di papa Onorio, gli uni e gli altri manifesto effetto della nostra
rivoluzione, davano al reame di Puglia belle guarentigie e maggiori
assai di quelle che avanzavano alla Sicilia per la virtù immediata
del vespro: ond’ era forza calarvisi anco in Sicilia, e tor cagione
allo scontento, già scoppiato in più modi[4]. Ritrasser molto delle
onoriane, e le avanzarono in alcune parti, queste nostre riforme. Breve
esordiron dal patto sociale che strigne insieme governati e governanti
in ogni civiltà. Promettea poscia il re zelante protezione delle
persone e facoltà appartenenti alla Chiesa, senza quella dismisura di
privilegi che la romana corte comandò in Puglia. Quanto alle pubbliche
entrate, rilevando studiosamente le gravezze durissime de’ tempi di
Carlo, la colletta ristrigneasi a’ noti quattro casi, e la somma a
quindicimila once d’oro in que’ di occupazione di nimici o ribellione
e di prigionia del re; a cinquemila negli altri due. Tuttavolta una
sola colletta, s’aggiunse, levar si possa in un anno: restò vietata
l’alienazion degli stabili della corona, che torna a peso pubblico[5];
e confermata l’abolizione de’ dritti di marineria, già bandita da re
Pietro. L’amministrazione della giustizia civile e criminale si ordinò
a speditezza e benignità, purgandola di assai mal tolti del fisco; tra
i quali la multa su i comuni per non scoperti autori degli omicidi:
e si volle che tra due mesi s’ultimasse ogni lite, o si richiamasse
alla magna curia; che s’ammettesser le malleverie: si pose freno agli
accusatori: speciali guarentigie fermaronsi nelle cause civili contro
il fisco; e maggiori nelle accuse di maestà[6]. Con ciò disdetti vari
statuti crudeli, o abusi di pubblica amministrazione; come mutazion
di moneta, sforzati imprestiti al governo, sforzato affitto degli
ufici dell’azienda, trasporto del danaro pubblico, rapina degli avanzi
de’ naufragi, bandite, custodia di prigioni, inquisizioni, divieto
de’ matrimoni[7]: e si fe’ prova a cessar le baratterie e violenze
degli uficiali, castellani, famigliari, e altri molesti sciami[8]. Ai
feudatari fatto più certo e moderato il militar servigio; abrogato
l’obbligo a fornir navi da guerra; dato che i fratelli e lor prole fino
a terza generazione succedessero ne’ feudi; e accordati altri utili
statuti[9]. Vietossi in lor pro che gli ascrittizi o altre maniere
di servi passassero ai comuni, potendo bensì i tenuti al barone per
sola ragion di beni, abbandonarglieli e andar via; iniqua legge, ma
necessaria secondo il dritto dei tempi, la quale pur dà a vedere gli
umori popolani sviluppatisi appresso il vespro nelle municipalità, che
invitavano non solo, ma sforzavan anco i vassalli de’ baroni[10]. In
ultimo rimetteansi ai possessori attuali le sostanze mobili di re Carlo
o de’ suoi, occupate nella rivoluzione: s’aggiugnea che niun rendesse
ragione di maneggio di cosa pubblica ne’ tempi angioini[11]. Queste ed
altre leggi che men rilevano[12], bandironsi nel brio del coronamento.
Mal si osservarono quelle che ponean freno a’ magistrati e oficiali;
onde a’ richiami delle città, rinnovolle Giacomo poco appresso sotto
altre sembianze, con sancir pena a’ trasgressori; e sono venzette
capitoli più, dei quali ho fatto qui parola perchè non si sa appunto in
che anno si promulgassero, nè monta troppo indagarlo[13].

L’altro consiglio del nuovo principato fu di strignersi d’amistà
e di commerci con Aragona, ond’avea sola speranza di aiuto. Però
fermavasi lega tra i due re con tutte lor forze a difesa o conquisto;
che ne condusse per certo la pratica Ruggier Loria, e accettò
i patti in Aragona per Giacomo innanti Corrado Lancia e altri
nobili[14], in Sicilia per Alfonso; restandoci il diploma che dienne
Giacomo in Palermo il dodici febbraio, soscritto con esso da più
testimoni vescovi, conti, e altri notabili, tra i quali si leggono
il Mastrangelo, Palmiere Abate, tornato di Catalogna, e l’istorico
Bartolomeo de Neocastro, avvocato del fisco[15]. Pochi dì appresso, a
tutti i Catalani accordavasi caricar grano nei porti di Sicilia con
moderata gabella[16]; e a que’ che dimorasser nell’isola, eleggere
un console con giuridizione civile soltanto, salvo l’appellazione
al re, e ricuperare nei naufragi gli avanzi di lor beni[17]. Con
queste franchige, che si dissero, ed erano, merito de’ servigi
renduti, e incoraggiamento ad altri più, allettava i Catalani a
mercatar nell’isola, com’avea usato re Manfredi co’ Genovesi[18]; il
cui privilegio che scemava a terza parte i dritti di dogana accordò
Giacomo due anni appresso, con altri di molto momento, ai cittadini di
Barcellona[19]. Tentò infine ammollir l’animo del papa con messaggio
d’obbedienza e devozione per Gilberto di Castelletto, cavalier
catalano, e Bartolomeo de Neocastro; il quale narra la risposta di
Onorio: bene e ornatamente parlare i Siciliani, e pessimi operare, e
non potersi quindi assentir le loro inchieste: che fu la terza ripulsa
di Roma alle nostre parole di pace[20].

Anzi Onorio svecchiò le scomuniche di papa Martino; pose nuovi termini
a sottomettersi; e chiamò agramente a discolpa, pel fatto della
coronazione, i vescovi di Cefalù e di Nicastro; i quali non ubbidirono
più che gli altri Siciliani[21]. Le armi di costoro tagliavano intanto.
Entrando l’ottantasei Taranto, Castrovillari, e Morano, voltavano sì a
parte nimica per non poter più de’ rapaci almugaveri; ma con maggior
audacia e disciplina altra banda di almugaveri spintasi in Principato,
s’insignorì di castell’Abate presso Salerno. Non guari appresso,
Guglielmo Calcerando inviato a reggere le Calabrie, riprese e riperdè
Castrovillari e Morano[22], e tenne sì viva la guerra, che allo scorcio
della state i governanti angioini chiamavan tutte le feudali forze
ad osteggiarlo[23]. Ma s’ebbe meglio fare in su i mari. Mentre Loria,
ito in Catalogna con due galee e toltene sei più catalane, correa
depredando le costiere di Provenza, Giacomo allestì due armatette;
l’una di dodici galee nel porto di Palermo, capitanata da Bernardo
Sarriano cavalier siciliano[24], sulla quale montarono Palermitani e
uomini di val di Mazzara; l’altra di venti galee nel porto di Messina,
armata forse di Messinesi e abitatori delle coste orientali, e diella a
Berengario Villaraut. E l’una a dì otto giugno fe’ vela dritto per lo
golfo di Napoli; ove al primo espugnò Capri e Procida, con terror tanto
di Napoli stessa, che il cardinal Ghepardo in fretta fea racconciar la
catena e le altre difese del porto. Poi tutta la state nelle isolette
stanziò Sarriano, a prendere quantunque legni mercatassero per lo
golfo; e all’entrar di settembre spintosi infino alle spiagge romane,
investiva il castel d’Astura, infame per la presura di Corradino.
Accesi di vendetta montano i Siciliani all’assalto; trafiggon di
lancia il signore, figliuolo di quel Frangipane che vendè Corradino
a re Carlo; fan macello de’ suoi; nè s’appagano che non mettan fuoco
alla terra. Diedero il guasto tornando, ai liti di Castellammare,
Sorrento, Positano, Amalfi; e ridussonsi in Palermo. L’altra armatetta
con eguale onore e guadagno rediva nello stesso tempo a svernare a
Messina. Uscita n’era il ventidue giugno alla volta del capo delle
Colonne; donde scorse per Cotrone, Taranto, Gallipoli, predando i
legni nimici, senza toccar gli altri che con Venezia mercatavano. Indi
presentò battaglia a Brindisi; e aspettate tre dì le nimiche galee,
che per niuna provocazione non uscian dalla catena del porto, navigò
sopra Corfù a trovare un avanzo de’ preparamenti di Carlo alla guerra
di Grecia. Quivi smontate le nostre ciurme, affrontaronsi con una
banda di mercenari francesi; e rottala, posero a sacco la terra; e di
lì inaspettati ripiombavano sulle costiere di Puglia, pria di ricorsi
a Messina. In tal modo dall’Adriatico, dal Tirreno le forze navali
siciliane affliggeano il reame poco innanti conservo, i cui legni da
battaglia s’ascondeano ne’ porti, ai mercatanteschi erano tronchi i
commerci, ville e città sulla costiera piangeano gli stermini della
guerra[25].

Giacomo bruttò questi allori con un esempio di crudele paura.
Vedea serpeggiar anco qua e là umori di scontento; seppe Alaimo di
Lentini presso a ottener da re Alfonso la libertà sua e de’ nipoti;
e a spegnerlo s’affrettò. Manda a questo in Catalogna Bertrando de
Cannellis catalano, che in Maiorca avvennesi con Adenolfo di Mineo,
sciolto poc’anzi dal carcere. Perch’Alaimo, con profferta d’once
diecimila d’oro, s’era chiarito innocente appo Alfonso; onde allargati
furono egli e l’un de’ nipoti, lasciato l’altro ch’andasse in Sicilia
a tor la moneta. Ma Bertrando guastò il mercato, riportando Adinolfo
in catene a corte di Aragona, e conficcando il re con rimostrare
gagliardamente: alla ragion d’impero del re di Sicilia doversi quei
tre sudditi macchinatori di tradigione in Sicilia; uomini d’alto
affare, da rivoltare a un pie’ sospinto il reame, e perdervi Giacomo
e i fratelli e la madre d’ambo i re e ogni uom di favella catalana.
S’ostinò dapprima Alfonso; ma l’ambasciatore, incalzando, e quasi
chiamando il re d’Aragona complice dei traditori, vinse alla fine.
Rassegnatigli dunque i prigioni, li imbarca sotto gelosa guardia; fa
loro confessar le peccata a un frate minore, pria che affrontasser,
diceva, i rischi di tanto mare, pien di pirati e nimici. Sciolsero di
Catalogna il sedici maggio milledugentottantasette. Il due giugno,
venuti a cinquanta miglia da Marettimo, lieta la ciurma salutò la
Sicilia; Bertrando fe’ chiamar sulla tolda i prigioni.

E volto ad Alaimo, diceagli che saziasse gli occhi suoi nella dolce
vista della patria; a che il glorioso vecchio: «O Sicilia, sclamò, o
patria! molto ti sospirai; e pur me beato se dopo i miei primi vagiti
non t’avessi più vista!» Esitò pochi istanti il Catalano, forse per
pietà, a queste parole, e ripigliò: «L’animo mio fin qui ti parlava,
o signore; or quello del re intender è forza, e obbedire», e spiegava
uno scritto. Adinolfo il leggea. Era mandato del principe, che dicea
costar all’eccellenza di lui, com’Alaimo di Lentini, Adinolfo di Mineo,
e Giovanni di Mazarino tramaron già iniqua e ineffabile cospirazione
contro i reali e l’isola di Sicilia, ed eran rei sì d’altri misfatti;
ondechè giudicandosi il viver loro in prigione, pericol sommo dello
stato, la cui pace vuolsi con severissima giustizia serbare; commettea
il re a Bertrando di ripigliarli di Catalogna, e mazzerarli al primo
scoprir la Sicilia.

Non maravigliò Alaimo, nè tremò della morte; nè con vane parole toccò
il passato, o si querelò; se non che risentiva l’acume di crudeltà che
volle comandare tal supplizio a tal vista, e negargli sepoltura sulla
terra degli avi. Del resto nella rassegnazione del vangelo, pregava
salute al re, a’ carnefici stessi, e: «Una vita, dicea, di miserie
e di pianto trassi infino a vecchiezza, e inonorata or chiudo. A me
stesso non mai, ad altrui sol vissi; per altrui muoio. Peggio ch’uomo
non creda (e pensava forse alla esaltazion di Pietro e allo spento
Gualtiero), peggio ch’uomo non creda io misfeci, e merito più cruda
morte che questa. Essa almen sia pace alla patria, e fine ai sospetti.»
Indi ei stesso chiede la banda di tela, preparata per istromento al
supplizio e coltrice insieme e bara dell’eroe di Messina; vel fasciano
e serrano i manigoldi; e il traboccano in mare. Così anco i due giovani
periano. Approdò a Trapani la scellerata nave; e per tutta Sicilia
si disse con orrore della fine d’Alaimo. Ricordavano la nobiltà del
sangue, il grand’animo nelle cose della guerra e dello stato, la
possanza a cui salì, il pazzo orgoglio di Macalda che il perdè; e
tremavan gli amici, susurravano i guardigni gran cagione doverne avere
per certo il re. Questi romori in intricato linguaggio riferisce il
Neocastro, e riporta con simpatia di dolore tutto il supplizio e i
memorabili detti d’Alaimo, forse il miglior cittadino, certo l’uom più
famoso che la Sicilia vantava nella rivoluzione del vespro[26].

Nel medesimo tempo sulla costa orientale si combattea co’ nemici.
Alla morte di Pietro e alla primavera d’appresso, pensarono di venir
sopra l’isola[27]; ma assaliti dalla nostra flotta da entrambi i mari,
appena sè medesimi difendeano. Però vollero al nuovo anno prender
primi le mosse al doppio assalto, per guerreggiar se non altro in casa
altrui; sapendo inoltre lungi il nostro ammiraglio, e disarmate le
navi. Stigaronli vieppiù quei frati Perrone e del Monte, presi due anni
innanzi cospirando a Messina, e da Giacomo sciolti, per clemenza non
già ma debolezza: ond’ora gliene rendean merto i frati, sollecitando
di terraferma novelli garbugli, con vantar le radici lasciate in
Sicilia e male sbarbate dal re, sopra tutto ad Agosta, Lentini,
Catania, e altri luoghi di quelle regioni; e che con un po’ di forza
da rannodare i partigiani e far testa a’ primi urti, darebber vinta
l’impresa. Così disser dapprima a papa Onorio, che non li ascoltò;
donde volsersi al cardinal Gherardo e ad Artois, e furono graditi[28].
I due reggenti dunque chiaman le milizie; assoldan altri Italiani e
Francesi; procaccian moneta per collette e doni, o così diceansi,
delle città[29]. A Brindisi messero in punto, con tener segretissimo
il perchè, quaranta galee, cinquecento cavalli, cinquemila fanti,
capitanati da Rinaldo d’Avella, cavalier napolitano tenuto assai prode.
Seguian l’oste per la santa sede, legato il vescovo di Martorano,
capitano Riccardo Morrone, col bando della croce e le bandiere della
Chiesa; non potendo Onorio queste dimostrazioni negare quand’altri
apprestava le forze. E nello stesso tempo, quarantasei tra galee e
teride e più grosso esercito, s’adunavano a Sorrento con tutti i primi
feudatari del reame, per tentare altra impresa e tenere in dubbio il
nimico.

Salpò l’armata di Brindisi il quindici aprile; fe’ uno sbarco a
Malta[30]; e improvvisa gittossi in Agosta il primo di maggio, colto
il tempo che il popolo traendo alla fiera di Lentini, lasciato avea
vota la città, e mal guardavasi il castello. Perciò senza trar colpo
sbarcarono. Ma facendosi ad amichevol parlare tra quelle mura vent’anni
pria contaminate da lor gente con empio macello, gl’invalidi cittadini
rimasi in Agosta con alto sentimento risposero: non li sperassero men
che nimici giammai, nè da altra siciliana città s’aspettassero se non
guerra. E replicando gli stranieri che veniano di voler del pontefice,
un vecchio infermo, Paccio per nome, «Tenghiam noi, rispose, madre
la Chiesa, nimico chi adesso la regge, poichè armi ed armati invia
a combatterne. Al legato or chiedete s’Iddio mai comandò di sparger
sangue cristiano per asservire cristiani! E s’ei diravvi che il
comandò, miscrede al vangelo; e da noi apprenda che la fede cristiana
dà sole armi alla Chiesa, l’umiltà, la croce, e la soave parola.» Così
in que’ tempi pensava la Sicilia! Occupata da’ nimici terra e castello,
non tornavano i cittadini in Agosta. E spargendosi l’allarme tutto
all’intorno, si sgombravan gli armenti, si abbandonavano i campi, si
riducean gli abitatori a’ luoghi più forti, con proponimento d’ostinata
difesa[31].

Giacomo n’ebbe avviso in Messina, ove sedea per l’opportunità della
guerra, ma in ozio, o ingannato da’ rapportatori che davan queto al
tutto il nimico. Bella ammenda ne fece. Chiama incontanente alle armi
i feudatari e le città de’ contorni; comanda per tutta l’isola di
metter in mare le galee; a ciò parlamenta egli stesso i Messinesi,
appellandoli popol suo, suo, ripigliava, sol per cittadinanza e amistà;
e a Loria come figliuolo al padre si accomandò. Il quale, tornato
poc’anzi di corseggiare coi Catalani sulle costiere di Francia e far
ossequio ad Alfonso nel suo coronamento a Saragozza, ridivenuto grande
nei pericoli, correa a Messina ad armare le navi, con tutto il popolo
generoso, che a gara aiutando fervea nell’opra; senza prender, altrove
che nell’arsenale, scarso cibo e riposo; infiammato dall’ammiraglio con
lodi, carezze, ed esempio di stender ei stesso la mano a’ lavori. E in
questi sudava Ruggiero una notte, affumicato, sbracciato, in farsetto,
quando alcun famigliare di corte gli susurrò, che stando il re coi suoi
più fidati a trattare i disegni della guerra, suggerito avesser costoro
dar lo scambio all’ammiraglio, pien di tanta iattanza, ma rattiepidito,
fors’anco mal fido. Onde Ruggiero, così com’era, montato in palagio,
dinanzi al re proruppe a rimbrottar gli avversari, poltroneggianti
nelle sale della reggia mentr’ei correva i mari, affrontava nimici e
tempeste, assicurava i lor ozi con tante vittorie: e voltosi a Giacomo,
rassegnò il comando. Confitti al brusco piglio, abbassaron la fronte
i cortigiani; e il re, che lui assente avea difeso con assai calde
parole, il pregò di ciò ch’ei stesso bramava, di ritenere il comando.
Indi l’ammiraglio tornò con doppio ardore ad apprestar l’armata,
che fu pronta in sei dì. Giacomo, lasciata la madre nella rocca di
Matagrifone, e munita e leale Messina, movea a dì quattro maggio per
Taormina, con dieci soli compagni. Il dì sei fu ad Aci e a Catania; ove
accozzaronsi da mille cavalli e molte migliaia di fanti, tra milizie
feudali, cittadinesche, e mercenarie.

Avean quello stesso dì tentato Catania i nimici, fidandosi nelle
macchinazioni de’ due frati, che s’eran tirati dietro molti giovani
vogliolosi di novità; i quali messero occultamente in città e
nascosero in un abituro dodici uomini d’arme francesi, che a notte
schiudessero la porta della marina; e dovea entrarvi un grosso stuolo,
che spiccato d’Agosta si pose in agguato a due miglia da Catania,
mentre una punta della flotta si mostrava in que’ mari. Ma il popol
che levossi in arme scoprendo le navi, fe’ stare i traditori al di
dentro, i nimici al di fuori; poi venuto il re con le genti, riseppe
i primi e vegliolli senza farne sembiante, si ritrasser la notte i
nimici. Con aspra scaramuccia ferironli allora sol dieci cavalli e
cinquanta balestrieri catanesi, sortiti senza saputa del re, con
Martino Lopez Catalano e messer Forte Tedeschi da Catania, che Giacomo
in premio fe’ governadore di Aci; i quali nell’oscurità della notte
ruppero il retroguardo che ripassava il Simeto, e tronche le funi
della zattera, molti Francesi fecero prigioni, molti uccisero, i più
periron nel fiume. In que’ dì Catania offriva lietissimo spettacolo
ad animo siciliano. Approdarono pria con l’ammiraglio venzette galee,
poi tredici: adunavansi grosse bande di milizie feudali: e mentre il
re pensava chiamar parlamento per chiedergli moneta, nel fornirono i
cittadini di Catania largamente; tra i quali una vedova, Agata Seminara
per nome, presentavagli dugento once d’oro, e tutti i suoi gioielli
per la difesa della patria. Notavansi tra i primi dell’oste Guglielmo
Calcerando catalano, e’ nostri Riccardo Passaneto da Lentini, Riccardo
di Santa Sofia, Ramondo Alamanno maresciallo del re, Corrado Lancia,
Matteo di Termini, Antonio Papè da Piazza; tra la forte gioventù delle
galee di Catania ricordasi un Niccolò la Currula, che lottava co’ tori
e abbatteali. Queste armi drizzaronsi incontanente sopra Agosta. La
notte innanti il tredici maggio fe’ vela l’armata; allo schiarire del
dì mosse il re con le genti, dodici giorni dopo l’occupazione nemica:
nel qual tempo s’eran armate quaranta galee, ben oltre mille cavalli,
e più migliaia di pedoni[32]. Tanto vigore ebbe Giacomo, prontezza il
popolo, e virtù il patto che strignea re e popolo! Leggiamo in vero
che dubbiosi palpitavan tutti in quel tempo, accrescendosi pel caso
d’Agosta i sospetti d’umori volti a novità. Ma debol coda eran questi
dello scontento nazionale, riparato da Giacomo con le riforme, e di
qualche rancore privato contro gli atti severi di lui; la qual macchia
non togliea che in questo incontro gl’interessi della nazione e del re
fossero un solo.

Primo in Agosta arrivò Loria con la flotta; e non trovando l’inimica,
senz’altro, sbarcò e assalì. Donde nelle strade della deserta città
ingaggiavasi aspra zuffa tra le nostre ciurme e’ cavalli nemici,
ch’ebber l’avvantaggio dapprima; ma quando Ruggiero, per mettere le
genti in necessità della vittoria, fe’ levar le scale delle galee,
rattestandosi i nostri e asserragliando le strade con botti e altro
legname, tanto ferivan co’ tiri, che rincacciate entro il castello
le genti di Rinaldo, s’insignoriron essi della città. Scandol molto
diedero in questo scontro, portati dalla infernale rabbia de’ lor
consorti Perrone e del Monte, i frati predicatori, saliti in su i tetti
del chiostro a provocare i nostri che pugnavano co’ nemici; onde altri
ne fur morti, altri si chiuser co’ nemici in fortezza, due caddero in
man dell’ammiraglio. Un di costoro, capuano, svelò l’appresto delle
nuove forze in Sorrento contro val di Mazzara, e che la armata partita
d’Agosta, navigava già sopra Marsala con Arrigo de’ Mari, cittadino di
quella terra, partigian de’ Francesi. Giacomo, sopravvenendo lo stesso
dì con l’oste, vide lo stendardo di Sicilia sui muri d’Agosta. Onde
ormai tutte le genti da tramontana, ponente, e mezzodì posero il campo
al castello, fortissimo ancorchè in piano, ma scarso d’acqua e mal
vittovagliato da Rinaldo, che sognando conquisti, non s’aspettava sì
pronto addosso il nemico[33].

E il re pria che strignesse la rocca, fatto accorto da’ detti del
frate, commette il comando di Marsala a Berardo di Ferro, privato
nimico al de’ Mari; provvedendo che ingrossino il presidio Bonifazio e
Oberto di Camerana da Corleone, d’origine lombardi[34], con gli uomini
di quella terra, sì feroci nel primo scoppio della rivoluzione: che
inoltre i condottieri e soldati di maggior nome dei monti, scendano
a rinforzar le città di marina: che vi si riparin muri e bastioni:
e pattuglie battan d’ogni dove le spiagge, per far la scoperta
dell’armata nimica. Presso Marsala questa approdò; tentò uno stormo
contro la città; e funne respinta. Accozzatovisi Arrigo de’ Mari con
dodici galee più, sbarcaron di nuovo; e ributtati nella seconda prova
con maggior sangue, senza infestar l’isola altrimenti, fean vela per
Napoli[35].

Ma all’assedio del castel d’Agosta, poichè il re invano intimava la
resa più volte per Corrado Lancia, adoprossi ogni ingegno di guerra de’
tempi. Leggiamo che con una specie di parallela fean gli approcci,
tirando un muro a protegger gli artefici; che i fabbri della flotta
costruivan terricciuole mobili a ruote, e cicogne, e un gatto da
percuoter le mura, bruciato poi dagli assedianti in una sortita; che
con mangani e altre macchine fean piover sassi nella fortezza, più
micidiali perchè aggiustati a prender il balzo; e afferma il Neocastro
come un Castiglione, ingegnere dell’armata, sì fino giocava il mangano
da imberciare a ogni colpo il pozzo unico del castello. Però, ancorchè
stesser saldi agli assalti, per essere in sito avvantaggioso e grossi
di numero, il numero accrescea la strage, perdendosi pochi colpi degli
assedianti: e più travagliavali il fetor dei cadaveri, l’acqua scarsa
e corrotta, la fame che li portò a cibarsi de’ cavalli e suggerne
il sangue. Ai trentaquattro dì, svanita una speranza di pioggia, nè
apparendone alcuna d’aiuti, i Pugliesi del presidio abbottinaronsi
sotto Giovanni Boccatorsola, giovane cavato napolitano, che assai vivo
parlò al legato: ma furono ad inganno, ei preso e dicollato, messi fuor
del castello gli ammutinati inermi; su i quali i Francesi buttan da’
merli il tronco di Giovanni, e con tiri di pietre li scacciano. Vennero
alle linee de’ nostri, e furonne ributtati per timor di fraude: tre dì
la misera plebe, tra due nimici, arrabbiando di fame e sete, disperata
gridava pietà. L’ebbe da Giacomo, salve solo le vite. Agli stessi patti
si arrese a dì ventitrè giugno milledugentottantasette, dopo quaranta
d’assedio, Rinaldo d’Avella, col legato e le reliquie del presidio: e
in quell’istante frate Perron d’Aidone, autor primo di tanto miserando
strazio d’umani, per fuggir supplizio, o non sostenere il rammarico
dell’impresa fallita, diè rabbiosamente del capo sulla muraglia, e finì
suicida quel tempestoso suo vivere[36].

Lo stesso dì la bandiera siciliana ebbe una splendida vittoria nel
golfo di Napoli. Messe in punto le macchine all’assedio d’Agosta,
navigò l’ammiraglio a Marsala; ove non trovando i nimici, tornossi
al re, e deliberavano di combatter senza indugio l’altro armamento
apparecchiato sul Tirreno. Perilchè, rinforzato d’altre cinque galee
di Palermo, delle quali fu capitano Palmiero Abate, e promesso alle
genti, dice Speciale, un donativo, o piuttosto che fosse buon acquisto
a’ privati ogni preda di quest’impresa, come porta il Montaner che
meglio se n’intendea e a quest’uso attribuisce i maravigliosi fatti
di quelle guerre, l’ammiraglio poggiò a Sorrento. Seppevi il sedici
giugno pressochè pronta l’armata a Castellamare; andò a riconoscerla
egli stesso; e risoluto ad affrettar la battaglia, scrisse una sfida
all’ammiraglio nimico, il nobil Narzone. Avea questi, tra teride
e galee, ottantaquattro legni grossi; su i quali montò il forte
dell’oste, con assai nobili e cavalieri, e quei primi feudatari poco
minori del principe stesso, i conti, di Monteforte, di Ioinville, di
Fiandra, di Brienne, d’Aquila, di Monopoli, il primogenito di quel
d’Avellino: onde questa poi si nomò la battaglia de’ conti. In mezzo
alle schierate navi stette l’ammiraglio angioino, armando di fortissima
gioventù la sua galea, circondata di otto più, a fronte, a tergo ed ai
fianchi; e su due vaste teride alzò i due stendardi della Chiesa e de’
reali angioini. Spiegavano all’incontro le aquile siciliane quaranta
galee, schierate da Loria, in qual ordine non sappiamo, ma sol ch’ei
spartì gli ufici della gente, quali a ferir con tiri di balestre o di
sassi, quali ad aggrappar le navi nimiche e arrembarle. Allo schiarire
del giorno, il ventitrè giugno, un acuto fischio uscì dalla nostra
capitana, e l’armata si preparò. Esortata con lieto piglio da Ruggiero,
gridò i santi nomi di Cristo e di Nostra Donna delle Scale; e vogò
contro le bandiere papali.

Guglielmo Trara primo urtava la fila nimica, dalla quale quattro
galee spiccansi a circondarlo, e altre seguivanle; ma volano alla
riscossa le galee di Milazzo, Lipari, e Trapani, poi di Siracusa,
Catania, Agosta, Taormina e infine di Cefalù, Eraclea, Licata, Sciacca;
talchè svilupparon Trara, e universale ingaggiarono la battaglia: un
contro due i nostri, ma più pratichi del mare, si fidavan di vincere,
incoraggiati sì dall’ammiraglio, che a veggente di tutti, dall’alta
poppa della galea in fulgida armatura comandava. Sanguinosa indi e
lunga la giornata si travagliò, finchè spossati i nimici, e standosi
inoperose dal canto loro le galee genovesi, avventavansi i Siciliani
sulle altre all’abbordo; e cominciò la fuga alla volta di Napoli.
Questo chiarì la vittoria. La quarta che i nostri guadagnavano in
questa guerra per giusta giornata navale; la più nobil tra tutte per
disavvantaggio di forze, ostinazione al conflitto, e numero di navi
prese: e rimutò le sorti della guerra al par della prima battaglia del
golfo di Napoli tre anni innanti, e di quella dell’ottantacinque al
capo di San Sebastiano; ma ebbero queste maggior grido, l’una per la
presura del principe Carlo, l’altra per la Catalogna liberata dalle
armi di Francia. Più migliaia tra di nemici e nostri caddero in questa
giornata. Accrebbero lo splendor della vittoria quarantaquattro galee
prese, con le bandiere, l’ammiraglio nimico, tutti i conti, trentadue
nobili, e quattro o cinque mila più uomini. Mandolli Ruggiero sotto
scorta di dieci galee siciliane a Messina; fe’ atroce rappresaglia
d’una enormezza del nemico, o seguì gli atroci esempi di quelle guerre
e di quella età, accecando parecchi prigioni; e con le altre trenta
galee, spedito difilossi al porto di Napoli[37].

Dove il popolo, come si suole, appiccava ai governanti questa
sconfitta; e scompigliavasi, e sarebbesi ribellato, se l’ammiraglio
avesse incalzato per poco, e Gherardo ed Artois, sopraccorsi a tempo,
con loro riputazione non l’avessero contenuto. Ruggiero usò la vittoria
vendendo a’ reggenti per grossa somma di danaro, tregua per due anni
su i mari; senza mandato del re, senza pro della Sicilia, con dar
comodo al nemico a rifarsi, e troncar il corso della fortuna. Però
nei consigli di Giacomo gli emuli dell’ammiraglio ribadivan le accuse,
e dicean tra’ denti fellonia; ma Giovanni di Procida, ch’era innanzi
a tutti nell’animo del re, perdonar fece tal colpa alla gloria;
parendogli non doversi provocare un tant’uomo, o volendolo in corte
privato sostegno a sè medesimo.

Pertanto quando Loria tornò con la flotta a Messina, non fu conturbato,
non fu troppo gioioso il trionfo. È degno di memoria, che alla
dedizione d’Agosta, Giacomo vietò per questa vittoria sulle bandiere
della Chiesa ogni pubblica allegrezza, fuorchè gl’inni al Signore. Ben
attese a ristorar il castello d’Agosta, a rafforzar con un muro di
cinta castello e città; e questa, diserta dalla strage del sessantotto
e dal nuovo assedio, ripopolò con bandire, che tutti i Siciliani e
Catalani che vi prendesser soggiorno, avrebbero stabili e franchige.
De’ prigioni, Rinaldo d’Avella e il vescovo di Martorano si permutarono
col castel d’Ischia (tanto fur leali ad essi i reggenti di Napoli);
ma se l’ebbero a vergogna que’ cittadini, perchè per dodici anni,
tenendo i nostri le bocche del golfo, riscotean tributo d’un fiorin
d’oro all’uscita d’ogni botte di vino, e doppio sull’olio, e sì sulle
altre merci. Per moneta si ricattaron gli altri nobili e’ conti;
fuorchè Guido di Monteforte, quel che non temè d’assassinare nel tempio
del Signore l’innocente Arrigo d’Inghilterra, e or nelle prigioni di
Messina morì di malattia, dicono alcuni scrittori, per serbare castità
e coniugal fede[38].

Valida per queste vittorie e per prosperità al di dentro, posò la
Sicilia intorno a due anni, non curante delle invettive che lanciavale
papa Niccolò IV, non guari dopo la sua esaltazione, il giovedì santo
dell’ottantotto[39]: e, durando la tregua, trattavasi anco la pace,
ma da oltramontani, e perciò male per noi. Perchè stando gl’Inglesi
con Francia in pace sospettosa e mal ferma, Eduardo, veggente assai
nelle cose di stato, temea non s’aggrandisse quel reame con l’impresa
d’Aragona; e, a torne cagione, procacciava in sembianze amichevoli la
liberazione di Carlo lo Zoppo e la pace. A ciò mosse le raccontate
pratiche al tempo di re Pietro[40]. A ciò, dicendo muoversi ai preghi
de’ figliuoli di Carlo e degli ottimati di Provenza, divisava un
congresso a Bordeaux con gli oratori di Aragona, Francia, Castiglia,
Maiorca, e i legati di Roma[41]: e ito a Parigi a dì venticinque
luglio dell’ottantasei, fermò tra Francia e Aragona una tregua[42],
non potendo la pace; perch’era durissimo a sciorre tal nodo. Giacomo,
afforzandosi ne’ preliminari assentitigli in Cefalù dallo stesso
Carlo, chiedeva, oltre il parentado con lui, la Sicilia, la diocesi di
Reggio, e il tributo di Tunisi: la corte di Roma, pugnando pe’ reali
d’Angiò più ostinatamente ch’essi medesimi non bramavano, rivolea la
Sicilia a ogni modo: Alfonso per interessi di famiglia e di nazione
tenea al fratello: induravano il re di Francia la romana corte e il
Valois. Eduardo dunque, poichè non seppe spuntar di suoi propositi
il pontefice che nulla temea, si volse ad Alfonso, imbrigliato
assai strettamente dalle corti d’Aragona e di Catalogna, ch’erano
impazienti di tal cumulo di danni per interesse non proprio, e le
turbava il novello romoreggiar delle armi francesi in Rossiglione.
Alfonso tentennò: poi a poco a poco, tirato da Eduardo, cominciò ad
abbandonare il fratello, in un accordo fermato ad Oleron in Bearn.
Parve poco questo trattato alla corte di Roma, che il disdisse; e
perciò i pazienti principi l’anno appresso rifecerlo, il venzette
ottobre milledugentottantotto, a Campofranco; ove, menomate in fatto
le guarentige d’Oleron, e lasciato dubbio là dove non poteasi far
l’accordo, Alfonso liberò il prigione, senza fermar patti espressi
per Giacomo, nè per la Sicilia, posponendo al suo proprio comodo il
manifesto dritto della Sicilia, le cui armi, non quelle d’Aragona,
avean cattivato il principe nel golfo di Napoli. Indi Carlo II,
lasciati per lui in carcere tre figliuoli, e pagati ad Alfonso
trentamila marchi d’argento, libero n’andò all’entrar di novembre
milledugentottantotto. Giurò che renderebbesi alla prigione, s’entro
un anno non procacciasse la pace ad Aragona. Ma di tal sacramento
il papa lo sciolse, insieme con Eduardo e co’ baroni mallevadori;
stracciò come disorbitante e nullo il trattato di Campofranco, scritto
da un officiale della romana corte; e continuò a conceder decime
ecclesiastiche al re di Francia, e a mostrar di favorire gagliardamente
l’impresa di Valois, per allontanar sempre Alfonso dal fratello, e
ottener senz’altri compensi la liberazione de’ figli di Carlo lo Zoppo,
com’avea conseguito quella del padre. L’anno appresso questo principe,
ancorchè uomo onesto e intero, fu piegato da simili ragioni a compier
la favola, appresentandosi con un grosso stuolo d’armati al colle di
Paniças, come se pronto a rientrare in prigione: e promulgò non aver
trovato chi ’l raccettasse; aver soddisfatto dal suo canto a ogni cosa;
e ridomandò infine gli statichi e la moneta.

Tal fu il primo esito delle negoziazioni tra gli oltramontani principi
pe’ fatti della rivoluzione nostra del vespro. Piegavano, com’anzi
dissi, a nostro danno, per la potenza della corte di Roma, e perchè
gl’interessi della Sicilia restarono in balìa del re d’Aragona, ch’era
costretto ad abbandonarli se volea restare sul trono. Indi Giacomo
ripigliò incontanente le armi, fidando nella nazione siciliana, che
avrebbe avuto a combattere per le vite, per la libertà e per la
corona del re. E Carlo II intanto, passato di Provenza in Italia, fe’
omaggio del suo reame al papa; e funne coronato a Rieti il diciannove
giugno milledugentottantanove, con grande allegrezza di tutta parte
guelfa d’Italia, che si vedea reso il suo principe. Cavalcò questi
immantinenti alla volta del regno, che i Siciliani già laceravano con
aspra guerra[43].

Perchè Giacomo di primavera dell’ottantanove risoluto l’assaltava,
tirato ancora da una pratica con cittadini di Gaeta. Passa a Reggio il
quindici aprile con quaranta tra teride e galee, quattrocento cavalli,
e dieci migliaia di fanti: il quindici maggio muove a risalir lungo
la costiera occidentale di Calabria; avanzandosi ei di terra con le
genti, l’ammiraglio con la flotta; l’uno a veggente dell’altro, perchè
operassero insieme. Occupavan Sinopoli, Santa Cristina, Bubalino,
Seminara, e per duri assalti anco Monteleone, sbarcatevi le ciurme;
e Rocca, Castel Mainardo, Maida, Ferolito, Aiello. Volle Artois
fronteggiarli, e s’ebbe a ritirare in fretta alle province di sopra;
dapprima campando appena da un agguato; poi non fidatosi a investire
il siciliano campo; e infine confuso dall’ardir di Calcerando e de’
fratelli Sarriano, che con picciolo stuolo, percotendo di mezzo al suo
campo sotto Squillaci, entrarono a rafforzar la terra e mantenerla
nella fede di Giacomo. Arrendeansi indi a’ nostri Amantea, Fiume
Freddo, Castel di Paola, Fuscaldo; resistean le rocche di Castel
Belvedere e San Gineto, tenute entrambe da Ruggiero San Gineto,
assecurandole il forte sito e la virtù del signore, e anco della
moglie, la quale con virile animo fu vista sugli spaldi di San Gineto
inanimire il presidio, e di sua mano piombar sassi sulle teste de’
nostri, che con l’audacia di tante vittorie stormeggiavano il castello.
Giacomo, lasciata Belvedere, strinse duramente quest’altra fortezza,
impaziente di seguire il corso delle sue vittorie, e adirato contro
Ruggiero, che caduto già una volta prigione dei nostri nel frequente
scaramucciar di Calabria, avea promesso di risegnare il castello, dando
statichi due figliuoli, ed or negava i patti e si difendea con tanto
valore[44].

Quivi un miserando caso attristò que’ medesimi animi infelloniti nelle
ostinate lotte dell’assalto e della difesa. Era il castello presso
ad arrendersi per diffalta d’acqua, quando una inaspettata speranza
di pioggia tanto il rinfrancò, che tornando alle offese, fu tolta di
mira coi mangani la tenda stessa di Giacomo. L’ammiraglio a questo,
rompendo ai soliti trapassi d’ira cieca e spietata, fa drizzare co’
remi un palco dinanzi la tenda; fa legarvi i due figliuoli, avvertito
e veggente Ruggiero. Il seppe la madre, e con dolor disperato, corse
alle mura, pregò i suoi, pregò i nemici, scongiurò ora il re di
Sicilia, ora il feroce consorte: e i combattenti arrestavan la mano da’
colpi, lacrimosi guardando tutti Ruggier San Gineto. Qui altri dice
ch’ei fe’ star la macchina, altri che con atroce virtù comandava di
trar sempre. In questa tragica tensione d’umani affetti, s’era chiuso
d’oscuri nugoli il cielo; disserravasi un turbine; il fremito de’
venti, il polverio confondeano ogni cosa; quando tra le ondate della
caligine si vide il palco andare giù in un fascio, non si sa bene se
per tiro del castello o folata di vento. Al maggior de’ giovanetti
entrò nella tempia un palo aguzzo che l’uccise. Giacomo rendea ai
miseri genitori il cadavere con onor di pompa funerale, rendea libero
l’altro figliuolo, e scioglieva anco l’assedio. Perchè vedendo per
quella medesima tempesta rifornito d’acqua il castello, e la propria
sua flotta campata appena da grave rischio su quelle costiere; e
tardandogli di mandare ad effetto una pratica con cittadini di Gaeta,
rientrò in mare con tutte le sue forze per seguire i disegni della
guerra[45].

Toccò Scalea, Castell’Abate, Capri e Procida che per lui si teneano;
soprastette in Ischia; e smontò l’ultimo di giugno a Gaeta, agevolmente
messo in fuga il conte d’Avellino, che in quello incontro ricordossi
troppo vivamente la passata sua prigionia in Sicilia. Mala fazione
che avea chiamato Giacomo, presumendo assai delle proprie forze[46],
sparatissima si trovò in quel tempo, in cui re Carlo II con tutti gli
aiuti di Roma, rientrato nei regno per Solmone e Venafro, avviavasi
a Napoli[47]. Largivagli il papa le decime ecclestastiche per tre
anni[48]; bandiva per tutta Italia la croce, seguita in frotte da
Guelfi di Lombardia e di Toscana, da Abbruzzesi, Campani e altri
regnicoli, oltre le milizie feudali chiamate al servigio. Sotto il
vessillo della croce e i comandi del legato pontificio, veniano i
Saraceni di Lucera. Vide con gli occhi propri il Neocastro, donne
portar armi tra quelle masnade, menarsi a guinzaglio grassi mastini per
isfamarli di scomunicata siciliana carne. Questo esercito smisurato,
sì diverso e bizzarro, capitanava il conte d’Artois[49], in cambio del
non guerriero monarca, inteso in Napoli a chiamar parlamento[50], e con
arti più miti tentare i Siciliani, promettendo perdono, e riforme, e
che Francesi non manderebbe a governare la Sicilia, ma un legato del
papa[51].

La fama dunque di tai forze, precorrendole a Gaeta, voltò tutti gli
animi a parte angioina; tantochè gl’indettati con Giacomo furono i
primi a gridare contr’esso. Però di ripari e provvedigioni si munì
bene la terra; il re, tentate indarno le pratiche, dopo alquanti dì
si pose a sforzarla: accampatosi sur un poggio egli coi cavalli e
il fior delle genti; e gli altri pedoni attendò al piano, trinceati
ambo i campi, antiveggendosi il pericolo. Con assalti forte dati e
forte respinti, e scambievole trar delle macchine gran pezza passò
quest’assedio: occuparono e poser a sacco i nostri Mola di Gaeta;
poi infino al Garigliano da un lato, a Fondi dall’altro, corser
guastando e saccheggiando i contadi di Nola, Maranola, e Tragetto;
ma Gaeta si danneggiava aspramente e non espugnavasi. Indi a poco
sopravvenendo l’oste crociata, corse in frotte a stormeggiare i
siciliani alloggiamenti; da’ quali ributtata con molto sangue,
anch’essa a picciol tratto si accampò. Gaeta dunque tra la flotta e le
genti nostre, queste tra la città e il nimico alloggiamento assediati
stavano, percotendosi coi tiri a vicenda. S’ebbe maggior travaglio
alla campagna, scaramucciando i nostri ogni dì or coi Saraceni, or coi
Toscani crociati, or co’ Francesi; e spesso i mastini lasciati contro i
nostri, sfamaronsi delle membra di chi li avea portato ausiliari alla
guerra. Leucio, sì glorioso ne’ fatti dell’ottantadue, e Bonfiglio,
messinesi, segnalavansi in questi affronti. Matteo di Termini in più
grossa battaglia cominciata un dì, sfracellò coi tiri delle macchine
la falange serrata de’ nimici. Non parea vero che diecimila uomini
tenesser sì saldo tra una città e uno esercito fortissimi. All’oste
siciliana si volgeano per la sua virtù le menti, i cuori, fin de’
nemici; piena di maraviglia e di perplessità, tutta l’Italia aspettava
ormai la catastrofe[52]. Ma intanto la violazione de’ patti d’Oleron
e di Campofranco, comandata, com’aperto vedeasi, da Roma, incresceva a
Eduardo; e a confonder Niccolò venner anco di levante lagrimevolissimi
avvisi: scacciati di Soria i cristiani; presa Tripoli dal Soldano con
orribili atti di crudeltà; strette d’assedio in Acri le reliquie de’
fedeli che imploravan soccorso. Però Eduardo, non più sopportando
che si spiegasse la croce contro cristiani mentre i maumettisti la
calpestavano in Asia, mandò al papa per Odone di Grandisson una
ambasciata acerba: che cessasse tanto scandalo; o alfin si aspettasse
l’ira di tutti i principi cristiani. Umiliossi Niccolò a tal forza
di verità. Spacciò, insieme con l’inglese, un messaggio a re Carlo,
portatosi il diciotto agosto al campo a Gaeta; il quale non era uom da
ricusare la tante volte promessa cessazione dalle armi. Aggiunte tai
pratiche alla difficoltà, che vedeasi d’ambo i lati durissima, a ben
finir questa fazione, fecer tosto fermare la tregua.

Vanno dall’un campo all’altro oratori a parlamentar di pace; nel
quale incontro scrive il Neocastro, che i cavalieri francesi entrati
nelle tende del sicilian re, vedendole sfolgorar di spade, lance e
tutti ornamenti d’arme, e per ogni luogo le ben acconce macchine, e
gli alloggiamenti trinceati con sapienza di guerra, ricordasser con
rammarico le stanze del secondo lor Carlo, come cella di chierico,
piene di libri profetici, musaici, dalmatiche in luogo di corazze.
Quanto all’importanza del trattato, battendo gli angioini oratori su
lor fola della cessione dell’isola, Loria al cospetto di re Giacomo
rispondea brusco: non lascerebbe la Sicilia, se tutto il mondo venisse
crociato sovr’essa. Indi del mese d’agosto milledugentottantanove si
fermò tra Sicilia e Napoli, in luogo della pace che non si poteva, una
tregua infino al dì d’Ognissanti del novantuno, con questi patti: che
si posasser le armi sì in mare e sì in terra, fuorchè nelle Calabrie e
presso il Castell’Abate e in qualche altro luogo: che potesse Giacomo
per mare vittovagliare e munire tutte le terre occupate da esso; non
portar l’armata innanzi a quelle ch’ubbidivano a Carlo: che nelle
infrazioni della tregua, si provasse il danno dinanzi a’ magistrati
della parte offesa, o a Giovanni di Monforte per re Carlo, a Ruggier
Loria per Giacomo; e tra dì quaranta il principe dell’offensore ne
facesse risarcimento. Notevol è tra questi articoli, e mostra con
quali indisciplinate masnade la Sicilia riportava tante vittorie,
il patto che restasser fuori della tregua gli almugaveri, de’ quali
Giacomo non si facea mallevadore; ma ben promettea non favorirli in
loro fazioni, e non mandarvi uficiali, nè mercenari suoi. Di tal
tregua presero grandissimo sdegno i baroni di re Carlo, che sentendosi
dieci contr’uno, speravan rifarsi una volta delle sconfitte toccate
nella siciliana guerra. Secondo i patti, primo levò il campo re Carlo,
tre dì appresso Giacomo; il quale imbarcatosi con tutte le genti il
dì penultimo d’agosto, prese il porto di Messina a sette settembre,
dopo aver corso a capo Palinuro grande fortuna di mare. Ricantando
le bravate dei baroni di Carlo, alcuno scrittore di quel reame, poi
sentenziava che seguitando le offese, sarebbe stata senza dubbio
inghiottita la picciol’oste di Sicilia; ma il guelfo Villani accetta
esser tornato utilissimo quell’accordo al regno di Puglia; e Carlo
stesso, men vantatore de’ suoi, di lì a pochi mesi non gloriavasi
d’altro che dell’aver Giacomo tentato senza pro la espugnazione di
Gaeta. Lo stesso può argomentarsi dalla fermezza de’ capitani di
Sicilia nel trattare; dall’essere rimaso Giacomo signore della più
parte delle Calabrie, oltre le terre occupate qua e là per altre
province; e dagli altri onorevoli patti che fermaronsi per, termine di
questa certo audacissima impresa sulla estremità opposta del territorio
nemico[53].

Nei due anni appresso, sostando la grossa guerra con Napoli, male
si osservò la tregua; com’eran gli uomini sempre con le armi alle
mani, e avvezzi ad offendersi e rubacchiarsi a vicenda; talchè or
per cupidigia, ora per rappresaglia, ora per non potersi raffrenare
gli almugaveri, continuarono scambievolmente le prede in mare, gli
assalti in terra[54], a quanto pare con maggiore avvantaggio dalla
parte dei nostri, che fean bottega de’ prigioni[55], e per mare
talvolta minacciarono[56], talvolta consumarono importanti fazioni[57];
alle quali l’ammiraglio preparossi il pretesto, lagnandosi una fiata
d’infrazione a’ patti, e aggiugnendo: non parlare per ambagi; ciò che
avea in cuore nol mentiva col labbro; sapessero ch’egli osserverebbe
la tregua al modo stesso che feano i nemici[58]. In questo tempo le
armi siciliane mostraronsi ancora con gloria in levante. Andò Loria
con la flotta a riportare il Margano principe d’Arabi, che in Sicilia
promettea riscatto; e appena sbarcato in terra maomettana, cavalcando
con uno stuol de’ nostri a Tolomitta, l’avviluppò d’insidie; ma essi
con incredibili prove strigatisi da’ barbari, e sforzato il re a
noverar la moneta, si tornavano con quella a Messina. Nel medesimo
tempo venuto a Messina Giovanni di Greilly, quel siniscalco di Eduardo
che adoprò sì leale con re Pietro a Bordeaux, ed or s’era partito
d’Acri per sollecitar aiuti della Chiesa, Giacomo, raccoltolo con assai
onore, gli die’ sette galee siciliane che in que’ luoghi combattessero
per la fede[59]. Più notevoli furono in questo tempo le pratiche della
pace.

Perchè vennero da chi solo potea portarle a compimento; parendo papa
Niccolò divenuto a un tratto più mite, per paura delle armi del
Soldano. Il Neocastro non la dà a cagione sì piana. Narra, che non
guari dopo bandita la tregua, un Geronimo, decrepito romito dell’Etna,
si traesse dinanzi al sommo pontefice, a rivelare ammonimenti del
Cielo a pro di Sicilia; sì che il piegò con la forza delle apostoliche
parole, che gravissime spiccano su le pagine del siciliano istorico.
Niccolò, qual che si fosse il perchè, mandava al re di Sicilia un frate
catalano, Ramondo per nome, a fargli sperar propizia la santa sede s’ei
menasse la siciliana flotta al soccorso d’Acri: e Giacomo rispondeagli,
che, riconosciuto re di Sicilia, con tregua per cinque anni e aiuto
di danari, passerebbe in Terrasanta con trecento cavalli, diecimila
pedoni e trenta galee; promettendo Loria ch’a sue spese aggiugnerebbevi
(sì alto era salito!) dieci galee, cento cavalli, duemila fanti. Ma
in altro modo questa novella benignità del papa fu interpetrata in
Sicilia. Pandolfo di Falcone e altri Siciliani pratichi delle cose
di stato, sursero a distogliere il re; tornandogli a mente che simil
laccio tese papa Innocenzo all’imperator Federigo; e che s’ei portasse
le siciliane armi in levante, darebbe inerme l’isola in man dei nimici.
Così fatto accorto Giacomo, inviò al papa Giovanni di Procida, uom da
stare a petto a que’ di Roma: il quale dando oneste cagioni del mutato
proponimento, conchiuse, che si differisse l’impresa di Terrasanta
infino alla ferma pace tra la Chiesa e Giacomo; ma il papa volle
rimettere il negozio alla pace generale da trattarsi in Provenza, tra
Aragona, Francia, Chiesa, Napoli, Maiorca, e Carlo di Valois, mediante
l’inglese Eduardo[60]; procacciandola con estrema attività, per ottener
la liberazione de’ figliuoli, Carlo lo Zoppo, che fermata ch’ebbe
la tregua in Gaeta, lasciò l’insultato reame, per compier con le
negoziazioni ciò che non avea saputo con la spada[61], e dimorò lungo
tempo in Francia come un infelice importuno, mercanteggiando con Carlo
di Valois, pregando Filippo il Bello, e spesso domandandogli danari in
prestito[62].

E per tal modo tutte le speranze si dileguarono; sendo finita questa
generai pace d’oltremonti là dove avean accennato i trattati di Oleron
e di Campofranco. Perchè la corte dì Roma, o non potendo beffarsi di
Giacomo, o tornando a pensare alle cose d’Italia più che della Soria,
non die’ ascolto al ripiego di Giacomo, offrente pagarle tributo per la
Sicilia[63]: e rinnovò gli appresti di guerra contro Aragona[64]: ove
le corti, mal soffrendo sempre il pericol proprio per l’utile altrui,
di settembre dell’ottantanove avean mandato ambasciadori in Sicilia,
che praticasser anco con Procida, Loria, Alamanno e Calcerando, a’
cui consigli Giacomo si reggea, e chiedesser venti galee siciliane
in Catalogna, poichè per ragion della Sicilia si dovea quel reame
rituffare ne’ mali della guerra[65]. A’ nuovi romori dunque, nacquero
in Aragona discordie civili tra le corti e ’l re; le corti, inibita
ad Alfonso ogni pratica dassè solo intorno la pace, voller che la si
trattasse per dodici commissari della nazione[66]: e vinto Alfonso
da necessità e stanchezza, ruppesi il debil filo al quale teneano
gì’interessi di Giacomo. Bandito un congresso[67] in Provenza, al
quale al papa mandava i due cardinali Gherardo da Parma e Benedetto
Gaetani[68], perchè tra la riputazione della porpora e la capacità
degli uomini, ogni cosa andasse a posta loro, alla prima si disse a
Giacomo ch’inviasse suoi oratori, o si fece sperare d’ammetterli; ma
quand’ei spacciò di giugno milledugentonovanta Gilberto di Castelletto
e Bertrando de Cannelli, il re d’Aragona rispondea: si stessero;
non gli sturbasser la pace sua; ferma quella, più agevol sarebbe a
Giacomo[69]. Intanto i cardinali legati a diciannove agosto del
novanta avean fermato un patto con Carlo II e Filippo il Bello, che
fatta la pace con Aragona, ma persistendo la Sicilia, il re di Francia
si godesse sempre la decima accordatagli per tre anni, e l’avesse
per altri anni due con pagare al papa per le spese della guerra di
Sicilia quattrocento mila lire tornesi, che si ridurrebbero a trecento
mila racquistandosi l’isola entro un anno e due mesi. Non conchiusa
la pace con Alfonso, il re di Francia darebbe dugento mila lire
solamente; sarebbe aiutato dal papa contro l’Aragona, e anco da Carlo
II, se questi riavesse la Sicilia nella quale dovea principiarsi la
guerra[70]. E’ manifesto così qual pace serbassero a Giacomo: nè allora
l’ignorava alcuno. Andò al congresso re Carlo co’ dodici commissari di
re Alfonso e delle corti d’Aragona, presenti i due legati del papa, e
quattro d’Inghilterra. Adunaronsi in Tarascon; e segnarono il trattato
a Brignolles, il diciannove febbraio milledugentonovantuno.

Nel quale umiliossi Alfonso a promettere di chieder perdono al papa,
dapprima per legati, indi entro dieci mesi anco in persona; di
guerreggiar in Terrasanta; di rendere a Carlo gli statichi, la moneta,
i prigioni di guerra; di richiamar tutti i sudditi suoi di Sicilia, e
togliere a Giacomo ogni aiuto. S’ingaggiò Carlo in cambio a procacciar
l’assentimento di Filippo il Bello e del Valois: vedrebbe la Chiesa
di rivocar la concessione del reame a costui, e ribenedir l’Aragona.
Lasciossi luogo ad entrar tosto nella pace al re di Maiorca, e a
quel di Castiglia, se si potesse[71]. Il dì appresso i due cardinali
intimavan questo trattato a Francia e alla corte di Roma[72]. Tanto
si legge ne’ diplomi. Il Neocastro a queste condizioni aggiugne:
riconosciuta l’alta signoria d’Alfonso su Maiorca; fermato censo annuo
di trenta once d’oro, che pagasse Aragona alla corte di Roma; stabilito
con quali forze dovesse andar Alfonso in Roma e indi in Terrasanta, e
in Sicilia a procacciar anche con le armi la sommissione di Giacomo.
Fu tolto allora ogni ostacolo al matrimonio d’Alfonso con la figliuola
d’Eduardo d’Inghilterra: e un altro poco appresso ne strinse re Carlo
per ottener la rinunzia del Valois, dando a Costui in isposa la sua
figliuola Margherita, con le contee d’Angiò e Maine[73].

Non ebbe tempo Alfonso a raccoglier di questa pace altro che il
biasimo. Accrebbelo con fornir munizioni navali a Genova, per
l’armamento di sessanta galee agli stipendi di re Carlo; che
ripigliato animo alla impresa di Sicilia, di marzo andò in Genova,
co’ due cardinali legati, a invitarvi que’ mercatanti guerrieri[74].
Ma quando più lieto si dipingea l’avvenire ad Alfonso, robusto e
sano a ventisette anni, assicuratosi il reame, vicine le nozze con
la bella figliuola d’Eduardo, una malattia di tre giorni l’uccise,
il diciotto giugno del medesimo anno, pria che si fosse mandata ad
effetto alcuna parte del trattato. Per non essere di lui figliuoli,
ricadea la corona a Giacomo re di Sicilia. Talchè a un tratto dissipò
la fortuna le meditazioni di chi avean intrecciato sì sottilmente la
pace; e arrise alla Sicilia, per apparecchiarle più torbidi tempi, e
poi maggior gloria. Giacomo, al primo avviso, convocato in fretta un
parlamento a Messina, con molto affetto parlò; e, come suolsi sempre
partendo, giurò eterno l’affetto, accomiatandosi da’ popoli in Messina,
Palermo e Trapani; donde entrò in nave il dodici luglio. Lasciò
luogotenente il fratel suo Federigo; una forte armata; assai acquisti
in Calabria; e chiara fama di sè. Perchè negli otto anni che resse
di presenza lo stato, dapprima vicario, poi re, s’ei fu in qualche
incontro ingannatore e crudele, ne fece ammenda con la benignità
nell’universale, i larghi ordini delle leggi, la virtù di guerra,
le avventurate imprese contro i nimici della Sicilia. Oltre a ciò,
sotto il suo governo ristoravasi la nazione a floridità e ricchezza;
alleviata dalle tasse, e dalla tirannide che tutto soffoca in disperato
letargo; francheggiata da sicurezza di buone leggi, e dalla virtù
della rivoluzione che animava ogni parte del viver civile. Per le
quali cagioni, accompagnavano amorosamente i Siciliani coi lor voti
quel principe, che pochi anni appresso dovea meritare le più disperate
maledizioni[75].


CAPITOLO XIV.

 Primordi del regno di Giacomo in Aragona. Raffermata amistà tra
 Sicilia e Genova. Per quali ragioni allenava la guerra. Fazioni di
 Ruggiero Loria nel reame di Puglia e in Grecia. Giacomo si volge alla
 pace. Opinione pubblica in Sicilia; patriotti, Federigo d’Aragona,
 fazione servile; primi oratori al re. Primo trattato di Giacomo con re
 Carlo. Celestino V ratifica la pace. Più vigorosamente la procaccia
 Bonifazio VIII. Pratiche delle corti di Roma e d’Aragona con l’infante
 Federigo. Nuovi oratori a re Giacomo. Federigo chiamato al regno di
 Sicilia. Vana prova di papa Bonifazio a impedirlo. Settembre 1291—–
 gennaio 1296.

Volle re Pietro disgiunti i due reami d’Aragona e Sicilia, che per la
distanza di tanto mare, e più per la libertà degli spiriti ed ordini
pubblici, mal si potean reggere insieme, nè l’uno avria sofferto
la dominazione dell’altro. Però chiamava a succedergli in Aragona
Alfonso; Giacomo in Sicilia; quegli per testamento a Port Fangos pria
dell’occupazione dell’isola; questi nel parlamento di Messina[76]: e
venendo poi a morte, per fuggir viluppo novello di scomuniche, non fe’
altro lascio delle due corone combattutegli sì acerbamente dal papa;
ma probabil è che desse in voce alcun solenne ricordo a tenerle divise
per sempre[77]. Perchè a dieci marzo dell’ottantasei, Alfonso, giovane
e ne’ principi d’un regno, piuttosto per compier tale ordinamento
politico del padre, che per pensiero ch’aver potesse della morte,
istituiva erede Giacomo, sì veramente che lasciasse la Sicilia a
Federigo; e dava a Federigo la seconda aspettativa del reame d’Aragona,
se Giacomo avesse più a grado la corona dell’isola, o si morisse senza
figliuoli; nel qual caso poneva a Federigo ugual legge di risegnar la
Sicilia a Pietro, lor ultimo fratello[78]. Ma Giacomo, che in fatto di
principato mai non guardò misura, dapprima rimettea al caso della sua
morte senza prole il partaggio delle due corone[79]; e allontanato di
Sicilia, più aperto dinegava quei termini, che non eran legge scritta
del padre, nè Alfonso li potea comandare. Non ceduta l’isola dunque;
nel coronarsi a Saragozza il ventiquattro settembre del novantuno,
protestò ascender quel trono per ragion del suo sangue, non per
lascito di Alfonso[80]. Fortificovvisi con assentir quante più larghe
franchezze e guarentige sepper chiedere le corti; con fidanzarsi a una
fanciulla di nove anni, figliuola di Sancio re di Castiglia; e fermar
di novembre del medesimo anno la pace con questo vicino, stigator delle
civili turbolenze d’Aragona[81]. Raffrenò anco le guerre private;
spense i ladroni che infestavano il paese[82]; spinse suoi maneggi fino
a chieder aiuto di danari al soldano d’Egitto, al quale mandò Romeo di
Maramondo e Ramondo Alamanno a vantar le sue vittorie e la sua possanza
su tutte le corti cristiane della Spagna[83]: e fin qui rideasi della
corte di Roma, fattasi a vietargli, con parole più che fermi colpi, il
possedimento dell’Aragona[84].

Tornaron vane del pari le pratiche di suscitar Genova a gagliardi aiuti
contro la Sicilia, tentate come dicemmo fin dai primi principi di
quella guerra, e ripigliate da Carlo lo Zoppo dopo la pace con Alfonso,
e or incalzate con maggior calore anche dal papa[85]. Ma Genova in quel
tempo non curava nelle cose temporali l’autorità della cotte di Roma; e
quanto alla corte di Francia, se volea tenersela amica per comodo de’
commerci, il medesimo interesse la tirava a restare in pace con Aragona
e Sicilia, nè amava una briga con le loro forze navali congiunte e
vittoriose, mentre avea a lottare con le rivali repubbliche marittime
d’Italia. I guelfi di Genova per vero posponendo, come fanno i faziosi,
l’interesse pubblico alle passioni di parte, s’erano indettati con
l’Angioino; e privati corsali, in sembianza di far prede su i Pisani,
stendean la mano contro i Catalani che con essi navigavano[86]; e la
interruzione de’ commerci tra Genova e Sicilia, avvenuta in questo
tempo, mostrava i pericoli della guerra, che l’acume mercantile conosce
sì da lungi. Ma come dopo que’ sospetti giunse a Messian un vago romore
d’armata allestita in Genova, galee già uscite in corso, prese fatte ne
mari di Lilibeo; tutta la Sicilia sen commosse: e rammaricava l’assenza
dell’Ammiraglio, inebbriato in Catalogna presso il re[87] a comparir
primo a corte, cavalcare con grande stuol di clienti, abbattere ne’
tornei le più forti lance di Spagna[88]. E Federigo, o quegli esperti
consiglieri rimasi con esso alla siciliana corte, seppero antivenir
questa guerra. Mandano a Genova un oratore, affidato in pubblico a
salde ragioni, in segreto alla riputazion dei Doria e Spinola e di
tutta parte ghibellina. Il quale nei consigli del comune tornò a mente
l’antica amistà con Aragona, con Sicilia; le enormezze della ambizione
e avarizia di casa d’Angiò contro Genova: or, mutando gli amici co’
nemici, non credesser pure soggiogar l’isola a un tratto, nè provocar
questa guerra senta rovina de’ loro commerci; e pensasser alle avverse
bandiere di Venezia e Pisa, che potrebber trovare nuovi compagni.
Soverchiata da cotesti evidenti interessi della repubblica ogni briga
papale, e venuti allo stasso effetto altri legati del re d’Aragona,
si vinse il partito, che rafferma la amistà con Giacomo, si restasse
il comune da ogni atto ostile a Sicilia; non fosse lecito a privati
armarsi contr’essa sotto quantunque colore[89]. Per lealtà, e riguardo
all’ammiraglio di Sicilia, sì pronto alle vendette, l’anno appresso gli
fu resa incontanente una nave carica di grano per Pisa, predata da
mercatanti genovesi, con quel pretesto della cerca di merci pisane: e
aggiungevi il comune, indennità di lire duemiladugento, ambasciadori a
Federigo, che lui e Ruggiero sincerasser della fede genovese. Mantenuta
fu questa poi contro la seduzion di larghe promesse, e la riputazione
d’un’ambasciata di molti cavalieri di re Carlo, col conte d’Artois e
legati della corte di Roma, allo scorcio del medesimo anno novantadue.
Perchè i cittadini, sebbene divisi e parteggianti, sì che due anni
appresso vennero al sangue, d’accordo rifiutaron ora la lega col re di
Napoli, promettendo solo rigorosissima neutralità; tantochè dispettosi,
senz’alcun frutto partironsi gli ambasciadori[90].

Intanto volgean le cose d’Oriente ad estrema rovina: Acri in primavera
del novantuno cadde sotto le armi d’Egitto: e le stragi dei battezzati,
gli atroci trionfi degli infedeli[91], davano argomento per tutta
cristianità a lamentazioni piene di rabbia; correndo le lingue alla
corte di Roma, e a’ tesori e al sangue sparsi contro Sicilia nel nome
santo della croce. Però fu necessitata la romana corte a gridar addosso
a’ maumettisti, tacendo alquanto di noi[92]. Rattenea ancora il papa un
suo segreto pendìo a parte ghibellina, e l’amino tutto posto al vicino
intento d’aggrandire i Colonnesi più che alla rimota ristorazione
di Sicilia o di Terrasanta. Ed era molto abbassata parte guelfa in
Italia, per quelle vittorie di Giacomo e de’ Siciliani[93]: il reame di
Napoli scemo di danari, e di fortuna, e di territorio per le occupate
Calabrie, governato da principe non guerriero, e stracco di tanti
sforzi, male aiutavasi alla guerra[94]. La Sicilia non la rincalzava
per non averne cagione; ella sicura al di dentro, nè vogliosa
d’estender più in terraferma il dominio del suo re. Pertanto in questi
due anni, ancorchè fossero corsi i termini della tregua di Gaeta, poco
si travagliò con le armi. Turbolente passioni di feudatari, faceano in
Calabria or perdere una terra, or un’altra acquistare. Blasco Alagona,
capitano per Giacomo, il quale occupata Montalto, e sconfitto e preso
Guidon da Primerano, guerriero di nome, già meditava più importanti
fatti, per accusa di frode all’erario, tornò subito in Catalogna[95]. E
lo stesso ammiraglio, rivenuto in questo tempo in Sicilia, e uscito a
far giusta guerra, la governò debolmente.

Allestite in Messina trenta galee, e sapendo da’ suoi rapportatori
nessun armamento farsi ne’ porti di Napoli e di Brindisi, navigò di
giugno milledugentonovantadue ver Cotrone, donde Guglielmo Estendard
con parecchie centinaia di cavalli era per muover contro i nostri
acquisti di Calabria. Il quale, scoperta la flotta, correa co’ cavalli
a por l’agguato alle Castella, sotto il capo Rizzuto; e l’ammiraglio
addandosene, tolta con seco picciola man di cavalli, spiccò per
altra via il grosso delle genti: e sì da due bande assaltarono alla
sprovvista l’agguato francese. Estendard, cupidamente cercato a morte
da’ nostri, ebbe tre ferite, e il veloce cavallo il campò. Abbattutosi
il suo all’ammiraglio mentre incalzava al passaggio d’un ponte, preser
tanto fiato i nemici da poter lasciare il campo con minore strage; ma
ne cadder molti prigioni; tra i quali un Riccardo da Santa Sofia, che
posto a guardia di Cotrone da re Giacomo, l’avea dato agli Angioini,
ond’or incontrò il sommo supplizio.

Soddisfatto con questa scaramuccia all’onor dell’armamento, che la
Sicilia forniva contro i nimici, Loria voltollo all’Arcipelago, sotto
specie di combattere i feudatari francesi della Morea e le armi che
teneanvi gli Angioini di Napoli, ma in effetto per saziarsi nelle
solite scorrerie[96], segnando la strada agli avventurieri che, finita
la siciliana guerra dovean flagellare la Grecia con pari valore e
avarizia. Corfù, Candia, Malvasia, Scio depredò o messe a taglia, sotto
specie che avesser porto aiuto a’ Francesi: tolse a Scio gran copia di
mastice; a Malvasia, oltre il bottino, l’arcivescovo, del quale poi
ebbe grosso riscatto: e, radendo la Morea, fu a Corone, a Chiarenza;
e prima a Modone virtuosamente combattè contro i Greci che gli tesero
insidie. Tornatosi a Messina con più riccchezze che schietta gloria,
seppe che i corsali di Positano ed Amalfi infestasser le nostre navi
mercantesche; ond’ei divisava già con l’infante Federigo, alla nuova
stagione portar su quelle spiagge quaranta galee e duemila fanti
leggieri, arder barche e ville, e trinceratosi in un monta, dar il
guasto a tutta la provincia; se non che trapelò in Napoli il disegno,
e del tutto il dileguaro le pratiche della pace[97]. Perchè Giacomo
trovossi in Aragopa nelle necessità medesime d’Alfonso; e alla Sicilia
toccò nuovamente ber l’amaro delle dominazioni straniere. Dieci anni
d’infelicissima guerra avean provato a’ nimici, che se la Sicilia
vincer si potea, si potea soltanto in Ispagna. Ripigliaron dunque i
trattati, tronchi dalla morte d’Alfonso; ai quali il re d Aragona
tuttavia sforzavano il privilegio dal Valois, l’armi di Francia, le
arti di Roma; e vi s’aggiunsero i brogli di Sancio re di Castiglia,
che, per fuggir di trovarsi in mezzo a Francia e Aragona guerreggianti,
sollecitava gli accordi in palese, a anco nascosamente pe’ partigiani
suoi in quell’ultimo reame. Allor Giacomo, fatto accorto dall’espresso
voler delle corti e della nazione tutta[98], ch’ei tener non potrebbe
ambo i regni, pensò lasciar la Sicilia, cagion di tanti travagli, che
non rendeagli d’altronde più che l’Aragona nè obbedienza nè danari,
pei limiti messi al potere regio, le misurate gravezze, la fatica e
spendio della difesa. La morte di papa Niccolò d’aprile del novantadue,
la guerra che scoppiò l’anno appresso tra Francia e Inghilterra, la
lunga vacanza del pontificato, differirono mi non dileguarono la pace,
comandata da interior forza nello stato aragonese. Calovvisi Giacomo
più volentieri per profertagli terra e moneta, e soprattutto per
isperanza di restar signore dei conquisti sopra Giacomo suo zio, re di
Maiorca. Maneggiò il trattato, com’era sua indole, chiuso, ambidestro,
dissimulante; sì che ad altri parve che beffasse gli Angioini,
lasciando cader la corona di Sicilia dal suo capo su quel di Federigo;
ma forse fu il contrario; e certo che avvolgendosi tra le torte vie,
n’uscì com’avvien sovente, con infamia e poco guadagno[99]. La frode
ebbe a lottar questa volta con la virtù d’una nazione, che per libertà
novella era fatta rigogliosa, non intralciata e discorde; onde fu vinta
la frode. La Sicilia, dopo quel felice ardimento, conoscea le sue
forze; era piena d’alti spiriti per le guadagnate franchige civili,
la nuova prosperità materiale, la provata virtù nelle armi, i molti
ingegni esercitati nelle cose di stato quando divenner cose pubbliche.
I quali elementi di vigor politico, stavano più nelle città che ne’
baroni; per la riputazion de’ partiti presi da quelle nell’ottantadue,
delle grosse forze mandate, per dieci anni interi in oste e in armata,
dell’attività e capacità de’ consigli municipali. E per vero le città
primeggiarono nella mutazion di stato ch’or maturavasi; ad esse si
accostò la più parte dei baroni, non per anco sviata dalla causa
siciliana per timori e vizi d’ordine. La generalità dunque della
nazione, tenendo alle libertà conquistate nel vespro, e abborrendo
dalla dominazione di casa d’Angiò e della corte di Roma, presentava
durissimo ostacolo a Giacomo; e tale anco gli era il proprio fratello,
l’infante Federigo.

Venne Federigo in Sicilia appena fuor di fanciullo; quivi
prestantissimo divenne, non meno all’armeggiare e in ogni esercizio di
guerra, che negli studi delle lettere, allora in molto onore appo noi,
de’ quali ebbe tal vaghezza, che poetava ei medesimo in lingua romanza,
e amico fu dell’Alighieri, pria che lo sdegnoso spirito ghibellino
lo sfatasse come dappoco. Ma brioso di gioventù, bello e gagliardo
della persona, pronto d’ingegno, di piacevol tratto, a tutti grato ed
umano, e fratello di re, caldamente l’amava il popolo, ch’ha femminil
andare di passioni; e poteva anco da maturo consiglio augurarsen
bene, al vederlo con moderazione e giustizia tener le supreme veci, e
con ogni studio procacciare la prosperità del paese, che s’ebbe pace
e abbondanza sotto il suo vicariato[100]. Necessità politica, spesso
sentita come da istinto innanzi che netta si divisasse alle menti,
fe’ coltivar a Federigo con maggiore studio quelle virtù, e ’l rese
più caro al popolo; portandoli entrambi a sperar l’uno nell’altro; e
spingendoli a tali termini, che forse niuno si proponeva dapprima.
Così la parte patriottica in Sicilia rannodavasi intorno a Federigo,
sperando mantenere gl’intenti della rivoluzione del vespro, senza
metter giù la monarchia nè la dinastia aragonese; e ne diveniva più
solida e più forte.

Contro tal volere della massa della nazione, Giacomo potea trovar
sostegno in una sola fazione. Accese le guerre del vespro, gli usciti
di terraferma adunaronsi sotto le nostre insegne, massime dopo la
esaltazion di re Pietro; cercando fortuna, e sfogo all’odio contro
casa d’Angiò, e termine, se si potesse, al doloroso lor bando. Molto
con lor pratiche operaron costoro nelle guerre di Calabria; molto
stigarono i Siciliani stessi, come nell’eccidio de’ prigioni a Messina
nell’ottantaquattro, temendo sempre non allenasse la rivoluzione. Ma
più che alla Sicilia, teneano al re, che speravano s’insignorisse
della lor patria; e intanto li gratificava di feudi e ufici. In più
numero ebbero simile stato in Sicilia uomini catalani e aragonesi,
creature della corte, e però, al par degli usciti di Puglia, esosi a’
Siciliani, per gelosia dei premi che gli uni e gli altri usurpavano.
A costoro s’univa, perchè non mancano i rinnegati giammai, qualche
Siciliano. E con tal fazione servile pensò Giacomo di mercatare la
tradigione della Sicilia; a chi profferendo di redintegrarle ne’ beni
lasciati in Puglia, senza perdita de’ nuovi acquisti in Sicilia; a
chi minacciando lo spogliamente di sue sostante in Ispagna; tutti
adescando con promesse, carezze, e inique speranze sotto sante parole.
Chi ha appreso il nome di Giovanni di Procida su le novelle istoriche
che il danno autor del vespro, maraviglierà a vederlo primeggiare in
questa fazione e tener pratiche con lo stesso re di Napoli, s’ignora
se di voler di Giacomo, o senza. Ma oltre le parole de’ nostri
istorici, ond’ei si scorge pochi anni appresso scopertamente sorto
contro i patriotti siciliani e Federigo, e oltre i documenti della
restituzion de’ suoi beni nel reame di Napoli, pattuita espressamente
tra Giacomo e Carlo II[101], avvi, monumento di vergogna al suo nome,
uno spaccio di Carlo al siniscalco di Provenza, dato il venti marzo
milledugentonovantatrè, perchè libero mandasse a corte di Napoli il
siciliano Pietro di Salerno, inviato a Carlo dal Procida, e fatto
prigione in Marsiglia[102]. Cimentato quel gran nome con le forze che
ha in oggi l’istoria, sen dileguano i vanti della prima congiura: gli
resta la sola feccia di questa seconda contro la Sicilia.

Entrando il novantadue, re Carlo e ’l papa mandarono oratore a Giacomo,
Bonifacio di Calamandrano, maestro degli Spedalieri gerosolimitani
di qua dal mare[103], famoso in arme e assai destro ne’ maneggi di
stato. Col quale il figliuol di re Pietro, discepolo di Procida,
temporeggiò[104] per la sopravvenuta morte del papa; rispondendo, che
per essergli i Siciliani compagni nei dritti politici, non soggetti
impotenti, ad essi ne riferirebbe: e in vero pensò che, non assentito
da loro, rimarrebbe in carte ogni accordo. Inviava dunque a tentar
gli animi Gilberto Cruyllas, cavalier catalano, che approdato in
Messina il due aprile del novantatrè, conturbò d’ansietà dolorosa
tutti i Siciliani. Vagamente spargeasi, divisato pace con Francia e re
Carlo, e di riaver la grazia della Chiesa; ma spiegavan queste scure e
compilate parole la disarmata flotta, i mercenari licenziati senza pure
sgravar le collette, sopra ogni altro, gli stormi di frati stranieri
che, chiudendo gli occhi i governanti, svolazzavan sinistri per tutta
l’isola, a spiare, novellare, cercare i penetrali delle coscienze,
ingerirsi appo nobili e cittadini. Ondechè adunato al venir di Gilberto
un parlamento, apparve manifesto il voler della nazione. Pochi vollero
assentire; negaron la pace i migliori, com’evidente magagna: e si
deliberò che ambasciadori s’inviassero a intender espresso l’animo del
re. Furon trascelti a nome di tutto il sicilian popolo, tre Messinesi,
Federigo Rosso e Pandolfo di Falcone cavalieri, e Ruggiero Geremia
giurisperito, e tre Palermitani, Giovanni di Caltagirone e Ugone Talach
cavalieri, e Tommaso Guglielmo. In Barcellona appresentaronsi a Giacomo.

Il quale fe’ loro lieta e famigliare accoglienza, condottili nelle più
segrete sue stanze: e parlava, esser cresciuto tra i Siciliani; da
loro aver tolto pensieri, costumi, usanze; pensassero s’altro potea
bramare che il ben del paese; ed ecco che non da principe, ma come un
altro cittadino, con essi triterebbe il negozio, divisato a onore ed
util comune. E gli ambasciadori, non presi alle blandizie del re, si
guardavan l’un l’altro. Ma il Falcone, accorto e bel parlatore, venne
alle prese. Giustizia, dissegli, e verità che l’è compagna, voglionsi
nel trattar le sorti de’ popoli: e dolce è ad ogni uomo la parola di
pace; ma grossolana favola assai questa, che Roma e casa d’Angiò, dopo
dodici anni d’oltraggi, di paure, di sangue, or lasciasser di queto
la Sicilia. I sospetti poi toccò di que’ provvedimenti del governo
regio in Sicilia; l’aperta frode del profferire all’infante Federigo
l’uficio di senator di Roma, per trarlo dall’isola. Nè sperasse il re
ferma pace in Aragona, in prezzo de consegnar legato mani e pie’ un
generoso popolo; nè sperasse cansar da infamia il suo nome. Se pure,
ei ripigliò, il gravava questo combattuto regno, perchè non lasciarlo
provveder a sè da sè stesso, dando la corona a Federigo, non per dritto
di successione, ma per elezion del popolo, lietissimo auspicio a chi
unquemai la Sicilia reggesse? E se tremassero Giacomo e Federigo e
tutti i reali d’Aragona, chiamerebbero i Siciliani un altro Federigo,
rampollo della casa di Svevia; troverebbero i più disperati partiti,
pria che abbassar le aquile dianzi agli abborriti gigli[105]: e se
Iddio non benedicesse le armi loro, affranti alfine e debellati,
vibrerebbero gli ultimi colpi ne’ petti de’ propri figliuoli e delle
donne; sè stessi con quelle care vittime scaglierebbero nelle fiamme
delle città. Ma Giacomo non se ne mosse. Lodò i legati di zelo; lodò
i suoi propri maggiori di fede ai popoli: ei, nato di quel sangue,
non che non abbandonar la Sicilia, combatterebbe per lei finchè gli
restasse spirito di vita[106]. Con questo focoso parlare accomiatolli:
e non andò guari che di novembre, abboccatosi tra Junquera e Paniças
con re Carlo, fermò i patti, a sè più avvantaggiosi, verso la Sicilia
più rei, che que’ d’Alfonso, maladetti da lui medesimo, tre anni prima.
Tennersi in segreto grandissimo; aspettando a ultimarli in buona
forma, che fosse rifatto il papa, e raggirato, col popol di Sicilia,
anco l’infante Federigo[107], cresciuto di potenza, perchè come i
nostri videro più da presso la minaccia del giogo angioino, la perfida
morbidezza di Giacomo, prendendone sempre in maggiore abborrimento
la dominazione straniera, che sotto Carlo li avea calpestato sì
orrendamente, sotto il re d’Aragona macchinava tal tradigione, vennerne
al fermo proposito di rifarsi indipendenti; e più s’accostaron gli
animi a Federigo.

Allor sopravvenne la elezione del nuovo pontefice, tardata oltre due
anni per Discordia de’ cardinali, precipitata come per caso, a dì
cinque luglio del novantaquattro, col tristo spediente di chiamare
un uom dappoco; ma sotto ogni pochezza nelle cose mondane fu Pietro
da Morrone, romito abbruzzese, che per vita povera, e straziata
d’austerità, avea già riputazione di santo[108]. La quale esaltazione
come fu nota a corte d’Aragona, Giacomo affrettavasi a ultimare il
trattato. Inviò in Sicilia a diciotto di luglio Raimondo Vlllaragut,
che ritentasse di trarre al suo intento Federigo, e la madre, e gli
nomini di maggior seguito. Volle tor dal fianco di Federigo, Corrado
Lancia e Blascoq Alagona, intrinsechi del giovane; ai quali il re
comandava che di presente venissero in Catalogna. A Corrado surrogò un
uom suo, Ramondo Alamanno, sì nell’uficio di gran giustiziere e sì nel
comando del castel di San Giuliano[109]. E intanto la guerra, condotta
fin qui assai debolmente come finita nell’animo de’ governanti, posava
del tutto in una tregua[110]. Carlo II, per pratiche, racquistava
Cotrone in Calabria[111]; e a darsi riputazion di munificenza, largiva
immunità a questa e quell’altra terra, travagliata per l’addietro da’
nimici[112].

Celestino V, tal nome prese Pier da Morrone, volle tra’ suoi Abbruzzi
in Aquila consagrarsi: entratovi per umiltà sur un asino; ma
l’addestravano due re, Carlo II di Napoli, e Carlo Martello d’Ungheria,
fattisi, tra per pietà e ambito, a corteggiarlo assai strettamente.
Preso alle quali arti, non ostante che vi ripugnasse forte il sacro
collegio, Celestino fissò la sede in Napoli; creò molti cardinali di
nazione o parte francese; e fuor da’ consigli e dagli usi della romana
corte tanto uscì di via, che religiosi scrittori del tempo, scherzando
sulle formole, il proverbiavano: da pienezza di semplicità, non di
potestà, decretar Celestino[113]. Ma portato dalla corte di Napoli, ben
per la Sicilia fe’il papa.

Con lo stracco pretesto di Gerusalemme, e di volere far pianta
di quella guerra la nostra isola, ratificò a primo d’ottobre
milledugentonovantaquattro il trattato di Junquera. Nel quale Carlo
promettea d’impetrare per Giacomo e il suo reame, piena assoluzione
dalle scomuniche, piena remission d’ogni offesa che i reali di Aragona
e que’ popoli e i popoli di Sicilia recato avessero a casa d’Angiò
e alla santa sede, e la restituzione del reame d’Aragona, in que’
dritti e termini medesimi in che il tenea re Pietro pria delle sue
scomuniche; al qual effetto re Carlo procacciasse la rinunzia del re
di Francia, e di Carlo di Valois. Restituiva Giacomo a Carlo tutti
gli statichi; restituiva le Calabrie, e le isole adiacenti a Napoli.
Stipulava rimetterebbe la Sicilia con Malta e le altre isole adiacenti,
in poter della Chiesa nel termine di tre anni dal primo novembre del
novantaquattro, a patto che la Chiesa tenessela un anno, nè la cedesse
ad alcuno senza saputa di Giacomo. E vergognosa conseguenza ne fu
l’altro patto, che resistendo i Siciliani, ei s’adoprerebbe con la
forza a domarli[114]. Assentiti questi accordi, largheggiò Celestino
a re Carlo per la difesa del suo reame e ’l racquisto dell’isola, le
decime ecclesiastiche delle province francesi per quattro anni, e
per un anno quelle d’Inghilterra e d’altre regioni di là dai mari.
Poco stante chiamò Giacomo stesso ad Ischia: scissegli apponendo a
grave peccato, per cagion di parentela, il matrimonio con la Isabella
di Castiglia; e mandavagli che fuggisse quelle nozze per menar una
figliuolia di re Carlo, a lui congiunta ancora di sangue[115]. A tai
scandali ne venne il pio Celestino; nè pur fu destro a servirsene,
perchè prese termine sì lungo all’affare di Sicilia, e non assicurò
punto la sommissione de’ popoli, non compose del tutto le differente
tra Francia e Aragona[116]; onde il trattato a nulla tornava.

Questo inchinò Carlo alle ambizioni di Benedetto Gaetani da Anagni,
salito in riputazione da avvocato nella curia papale, fatto indi notaio
del papa, e cardinale; uom procacciante, superbo, capacissimo nelle
civili faccende il quale poc’anzi a Perugia era venuto ad aspre parole
col re, ed or guadagnosselo con dirgli preciso; che Celestino avea
voluto e non saputo aiutar casa d’Angiò; ei vorrebbe, e potrebbe, e
saprebbe. E a Celestino gravava il papato, per coscienza e per sentirne
mormorare ogni dì i cardinali; onde il tranellarono al rifiuto; e
perfin si legge che ’l gaetani grossolanamente fingesse al semplice
romito chiuso nella sua stanza, voce del Cielo che gl’imperava
spogliarsi il gran manto. Ond’ei lasciollo, non ostanti le preghiere,
veraci del popolo di Napoli, infinte della corte. Per la possanza
di lei, indi a pochi dì, la vigilia del Natale del novantaquattro,
in Napoli fu rifatto pontefice il Gaetani; quel famoso Bonifacio
VIII, che salì da volpe, da lione regnò, e da cane morì, secondo la
sentenza profetica, foggiata da poi e data a Celestino, come se a lui
medesimo la dicesse nella prigione, ove per comando di Bonifacio fu
chiuso, e finì in poco tempo, non senza sospetti di morte violenta. Ed
or congiunto, scrive Speciale, il potere all’astuzia, si die’ tutto
Bonifacio a scior quell’inviluppato nodo della siciliana lite[117].
Oltremonti gli ambasciadori di Giacomo e di Francia, con la riputazion
del novello papa, ristringeansi un’altra volta a spianar gli ostacoli
rimasi tra loro[118]; Bonifazio serbò il più grave a sè stesso,
quasi per provarvi il suo ingegno. Avuti o richiesti, poco appresso
la esaltazion sua, legati di Federigo, che furono Manfredi Lancia
e Ruggiero Geremia, raccolseli umanamente il papa, li rimandò con
grandi promesse, e l’importanza della cosa maneggiar volle da sè con
Federigo; cui, non potendolo trar di Sicilia con forza, avean mostrato
per l’addietro la dignità di senatore di Roma o altra debol’esca; ma
Bonifazio pensò abbagliarlo profferendo una bella sposa e un impero.
Mandogli un suo cappellano con breve dato il venzette febbraio del
novantacinque, richiedendolo che venisse a corte di Roma con Giovanni
di Procida, Ruggier Loria, e i primi d’ogni siciliana città, muniti di
pien mandato de’ popoli. Portava i salvocondotti il medesimo nunzio.
Federigo, proponendosi obbedire, immantinenti alle città nostre ne
scrisse.

Il che è prova non dubbia della importanza che ritenea o ripigliava
in tal frangente l’elemento municipale e popolare, ristorato dalla
rivoluzione; il valor del quale d’altronde risplende assai nobilmente
nell’epistola, che il comune di Palermo drizzò a Federigo, e rincalzò
con la viva voce di tre inviati, Niccolò di Maida cavaliere, Pier
di Filippo, e Filippo di Carastone giudici. Ricordavasi all’infante
per queste lettere la romana corte qual fosse: il sommo Iddio aver
giudiccato tra lei e la Sicilia, con quella serie di strepitose
vittorie de’ pochi contro gli assai; tranquillasse gli agitati animi
de’ cittadini; non desse in questo laccio dell’andata al papa, onde
null’altro che danno incor gliene potrebbe[119]. Ma Federigo, com’è
timida l’ambizione di chi siede sull’alto, e ama piuttosto lasciarsi
raggirar dai potenti che fondare in su i popoli combattuta ma grande
fortuna, ostinossi all’andare. Montato sulla flotta con Procida che il
tirava alla via più ignobile, e con Loria, e molti altri rinomati nella
guerra o nei civili consigli, approdava negli stati della Chiesa sotto
il monte Circeo, poc’oltre il dì assegnato dal papa; e non trovando
Bonifazio, a lui andava a Velletri.

Atteggiossi allor Bonifazio a paternal carità. Inginocchiatosi dinanzi
a lui Federigo, il rialza, prendegli il capo con ambo le mani, il bacia
affettuosamente; e veggendolo balioso e svelto portar l’armatura,
prese a lusingarlo: «Gentil garzone, ben par che da fanciullo reggevi
quel duro peso.» Poi volto a Loria, senz’ira il domandò, s’ei fosse
quel nimico della Chiesa, noto per tante sanguinose battaglie; e Loria
a lui: «Padre, i papi il vollero!» Da queste accoglienze si passava
ai consigli. In pregio d’abbandonar la Sicilia, promesse il papa a
Federigo la giovane Caterina di Courtenay, figliuola di Filippo, in
titolo imperador d’Oriente; e con lei i dritti a quella dominazione,
e, per l’impresa del racquisto, aiuti di gente, e in quattro anni
centotrentamila once d’oro. E in ver sembra che Bonifazio s’appose; e
che il giovane allettato da grandi parole, e da beltà da lui non vista
con gli occhi, si piegava a lasciar in balìa de’ nemici quel popolo,
con cui era già entrato in legami più stretti che di vicario del
principe. Ma da cauto, volle termin breve all’adempimento de’ patti,
che fu il settembre vegnente[120]. Pien d’allegrezza tornò in Sicilia;
abboccatosi pria ad Ischia con Gilberto Cruyllas e Guglielmo Durford,
inviati di Giacomo[121]. A corte di Roma lasciò, o rimandò a praticare
per esso, Manfredi Lancia e Giovanni di Procida[122].

In questo modo parendo a Bonifazio avere in pugno Federigo e la
Sicilia, ultimava gli accordi. Tra i principi che v’ebber parte le due
forze venate a patti eran l’Aragona e la Francia. L’una di queste corti
possedea la Sicilia; l’altra il dritto su l’Aragona, com’or si confessò
aperto, messo da canto il nome del Valois[123]; e per questo la
Francia avea sparso tanto danaro e tanto sangue, sovvenuto a’ bisogni
di Giacomo re di Maiorca[124], ed or era tenuta a negoziare per lui.
Acquistava il papa una maggiore autorità; Carlo II, la Sicilia; Giacomo
d’Aragona, la pace e la vergogna; Giacomo di Maiorca, l’impunità alla
ribellione contro il fratello; Carlo di Valois, il baratto d’un vano
titolo con un picciol patrimonio[125]; e niente la Francia, fuorchè
l’onore di ristorar casa d’Angiò a tutta la dominazione ch’avea
avuto una volta. Convenuti diansi al papa in Anagni gli ambasciatori
d’Aragona, Napoli e Francia, a dì cinque giugno del novantacinque
rinnovavano i patti ratificati da Celestino; mutando sì i termini
della dedizione di Sicilia e Malta alla Chiesa, che fosse pronta; e
che a domar i popoli, essendone uopo, facesse Giacomo ogni piacimento
del papa. In cambio di ciò, s’era già fatta in mano del pontefice, la
rinuncia del Valois e del re di Francia a ogni dritto sopra Aragona.
Guadagnonne ancor Giacomo, che non fosse tenuto a rendere i trentamila
marchi d’argento, dati da Carlo ad Alfonso con le altre sicurtà al
tempo della sua liberazione; che Carlo, con la sua figliuola Bianca,
dessegli in dote centomila marchi. Guadagnonne per capitol segreto
la investitura di Corsica e di Sardegna, liberalmente donategli da
Bonifazio che non aveaci alcun dritto. Al perdono largheggiato pei
fatti della rivoluzione o della guerra siciliana, s’aggiunse quel
degli usciti da’ tempi di Carlo I, e che si godessero quantunque or
possedeano in Sicilia. Per un altro capitol segreto, Giacomo s’obbligò
a fornire forze navali agli stipendi di Francia contro Inghilterra.
La redintegrazione dello stato preso al re di Maiorca, instando
gli ambasciatori di Francia e non avendo gli Aragonesi autorità a
stipulare, differissi alquanto; ma poi si ultimò, come anco una lite di
confini tra Francia e Catalogna[126].

Ratificava Bonifazio a dì ventuno giugno; dispensava alla
consanguineità per le nozze tra Giacomo e Bianca; riconcedeva a re
Carlo le decime ecclesiastiche per lo racquisto dell’isola; e il dì di
san Giovanni, tra i riti del divin sagrifizio, promulgava in un con
la pace, scomunica a chi contrastassela. Per novelli sospetti ribadì
con più forti pene questi anatemi il dì ventisette giugno, poichè
furon ripartiti alla volta di Sicilia Lancia e Procida. Accomandò
loro un frate de’ predicatori, inviato a raffermar negl’intenti del
papa la regina Costanza; indirizzò a Federigo il novello arcivescovo
di Messina, con autorità di ribenedir l’isola e ultimare ogni cosa.
Ei medesimo scrive intanto a Caterina di Courtenay, aver promesso con
re Carlo la sua mano al valente Federigo; disponga, dicea il papa, la
mente e l’animo a queste nozze; ascolti i consigli dell’abate di san
Germano e d’un altro prelato, apposta a lei spacciati dalla paterna
cura del pontefice; e tosto si metta in viaggio per venirne in Italia
alle braccia dello sposo. Sollecitò anco Filippo il Bello a farsen
mezzano. E di tutte queste pratiche ragguagliava minutamente Federigo,
perchè sempre più inchinasse l’animo alla obbedienza e alla pace[127].

Volle infine indettare nel nuovo ordin di cose l’ammiraglio; il quale,
fatto ricchissimo e tra potente per concessioni de’ re aragonesi in
Sicilia e in Valenza, e propri acquisti di prede, riscatti, baratterie,
commerci, e per la gloria nelle armi, e per lo terrore di quell’animo
impetuoso, era forse il primo tra’ grandi che salvar poteano o
inabbissar la Sicilia in questo frangente[128]. Con costui dunque
trattando, prima in persona, poi per Bonifazio di Calamandrano, il
papa concedettegli in feudo della Chiesa l’isola delle Gerbe, ch’egli
acquistò con le armi di Sicilia, e or volea farne un nuovo principato
cristiano, o nido di corsali in levante, da potersi render formidabile
per la guerriera virtù dell’ammiraglio e de’ soldati dell’armata di
Sicilia, che a lui sarebbersi rannodati[129]. Da un lato dunque tiravan
Ruggiero i poderi in Ispagna, la sovranità delle Gerbe, la potentissima
lega che minaccerebbe la Sicilia resistente; dall’altro le sue facultà
in Sicilia, l’onor del suo nome, il tedio della pace, la cupidigia
di preda, l’amore a un popolo ch’era prode e per dodici anni avean
pugnato e vinto insieme, sopra ogni altro i fomiti dell’ambizióne; che,
s’ei non chiedeva il titolo, aspirava alla potenza di re di Sicilia,
e sapea che l’avrebbe rompendosi nuovamente la guerra, perch’ei
sarebbe principal sostegno di Federigo. Perciò l’ammiraglio ascoltava
le profferte di minore stato nella pace; ma era pronto a turbarla, e
accomunar le sue sorti con la Sicilia e Federigo.

Le sorti della Sicilia che pendeano sul precipizio, per tal abbandono
del re, del luogotenente, dell’ammiraglio, di tutti i grandi, poteano
tornar su per novello empito del popolo; ma ristorolle con men sangue
l’interesse di Filippo il Bello, o il caso, che spinse la giovane di
Courtenay a rifiutar le nozze di Federigo, rispondendo al papa, che
una principessa senza terra non dovesse maritarsi a un principe senza
terra. Ostinata resse Caterina alle repliche del papa[130]: e Federigo,
fatto accorto dell’inganno, tutto si volse a quelle ben più salde e
vicine speranze che gli offriva la Sicilia; dove, trapelando le nuove
de’ trattati, s’era con più furore ridesto il turbamento d’animi del
novantadue, per esser più certo e imminente il danno, e scorgersi la
perfidia che il dissimulò. Indi l’infante diessi a prendere il regno;
ma volea parere sforzato, ritenendol anco il sospetto della fazione
degli stranieri, mascherati di lealtà a Giacomo, e tradenti per turpe
guadagno il paese che li nudriva. Costoro, come aperti apparvero
gl’intendimenti di Federigo, la focosa volontà del Sicilian popolo,
diersi dapprima a gridare che la rinunzia del re fosse favola di
Federigo volto a usurpar la cotona. Per darsi riputazione, fecero lor
capo il solo che operava forse da coscienza e lealtà, Ramondo Alamanno
gran giustiziere; e si notavano inoltre i nomi del Procida, di Matteo
di Termini, di Manfredi Chiaramonte e di più altri. Vedendo tornar vane
le arti, ai chiusero in lor castella, minacciando già la guerra civile.

La regina Costanza l’ovviò col ripiego, che novelli oratori si
deputassero in Catalogna a intender la mente di Giacomo; dondechè
adunato un parlamento, questo elesse Cataldo Rosso, Santoro Bisalà, e
Ugone Talach[131]; e nel medesimo tempo Federigo, vedendo ormai vane
le coperte vie, s’ingaggiò in parlamentò co’ patriotti, che svelerebbe
ad essi quantunque risapesse de’ trattati di Giacomo coi nemici.
Lasciò dunque coloro che si dicean leali, chiusi dalle lor mura e
dall’universale sdegno del popolo; ed egli, con nome ancor di vicario e
opere maggiori, andò in giro per tutta l’isola, ad accrescersi parte e
riputazione, con opportune riforme, amministrazion vigilante, e volto
benigno[132]. Giunser gli oratori siciliani in Catalogna, quando
ratificati già dalle corti i capitoli della pace, re Carlo e il legato
pontificio con la sposa veniano a Perpignano e Peralada, e Giacomo si
facea loro all’incontro per Girona e Villa Bertram; i quai luoghi,
straziati d’ogni più atroce eccesso nella guerra, or s’allegravano
per lusso de’ grandi venuti al seguito de’ due re, e per frequenza di
plebe che festevole ne venia chiamando Bianca «Regina della santa pace»
e anelando lo scioglimento degli anatemi di Roma[133]. Il ventinove
ottobre a Villa Bertram, sendo poche miglia discosto il corteo della
sposa, raggiunser Giacomo i nostri legati: pallidi e severi gli si
apprestarono a sconfonderlo tra tanta allegrezza, dinanzi tutti i
nobili del reame. Esposta la domanda del sicilian parlamento, il re
senza vergogna confessava il trattato. A che Cataldo Rosso: «O voi,
sclamò, o voi passaggieri, sostate; oh dite se v’ha duolo ch’agguagli
il duol mio[134]!» e dopo tal biblica lamentazione, in un coi compagni
e i famigliar! della siciliana ambasceria, stracciaronsi i panni
indosso, ruppero a dimostrazioni d’angoscia disperata, e a Giacomo
gridavano: «Non più udita crudeltà, che un re desse leali sudditi a
straziare a’ nimici!» Ma poich’ebbero così aggravato il biasimo del
principe, ricomposti a dignità ed alterezza, protestarongli in piena
corte: come la Sicilia abbandonata, disdicea tutti i dritti di lui
alla corona; scioglieasi da ogni giuramento, fede ed omaggio; si
tenea libera a prendere qual governo più bramasse. Fu forza al re
quella protestazione accettare; e ne voller diploma gli ambasciadori,
e l’ebbero. Lo stesso dì, vestiti a bruno, volgean le spalle
all’infida corte straniera. Ma pria Giacomo ebbe fronte a dir loro,
ch’accomandava ai Siciliani la madre e la sorella. «Di Federigo nulla
parlo, aggiugnea, perch’è cavaliere, e ciò che fare ei sel sa, e voi il
sapete anco.» Almen così Federigo propalò poi in Sicilia. Incontraron
gli ambasciadori, sciogliendo per l’isola, fierissima fortuna di mare,
che dilungò il ritorno, e ’l tolse a Santoro Bisalà, sbalzato sulle
costiere di Provenza, e tenutovi prigione finchè nol ricattarono i suoi
Messinesi concittadini[135]. E in Catalogna il trenta ottobre Giacomo
fu ribenedetto dal legato pontificio, egli e ’l reame; bandì nelle
adunate corti d’Aragona il fine della gran lite di Sicilia; lo stesso
dì Carlo II a lui e alla madre e a Federigo e a Piero con tutta lor
baronia e amistà rimettea le offese fatte, le robe occupate a sè ed a
suoi ne travagli della guerra. La dimane, portatosi Giacomo a Figueras,
rese a Carlo i tre figliuoli e gli altri statichi; tolse la sposa; e
celebrò le nozze il primo novembre[136].

Ansiosi in questo tempo pendeano tutti gli animi in Sicilia. Ma
alla prima certezza di quelle nuove, ed anzi che tornassero gli
ambasciadori, Federigo, sostando d’un tratto dal viaggio per val
di Mazara, adunò in Palermo conti, baroni, cavalieri, e i sindichi
delle città di qua dal Salso: ai quali, come per tener le promesse
di Milazzo, palesava la non dubbia cessione dell’isola; la compiuta
pace; la risposta a’ legati. Allora il fatto, soprattenuto per salvar
le apparenze, pieno si consumò. Il parlamento di Palermo, a dì undici
dicembre, ritirò la rivoluzione a’ suoi principi con esaltare a una
voce Federigo; ma, da riverenza all’universal voto della nazione,
il chiamò solamente signor dell’isola, volendo più solenni comizi
per dargli nome di re; onde disse generale adunata in Catania il dì
quindici gennaio, e che non solamente i sindichi vi si trovassero, ma
giusto numero dei primi d’ogni terra e città, per facultà, sapienza e
riputazione, con pien mandato a partecipare in quel principalissim’atto
di sovranità. Federigo protestando la santità della causa, e affidarsi
in Dio e nei Siciliani, accettò il dominio; si votò con persona e
facultà a difenderli. Cominciava allora a intitolarsi signor di
Sicilia. Il dì appresso promulgava unitamente le novelle di fuori, le
recenti deliberazioni, e richiedea le municipalità di sceglier tosto i
deputati al parlamento di Catania[137].

In questo generale assentimento fu agevole ridurre i baroni recatisi
in parte. A Ramondo Alamanno, afforzatosi nel castel di Caltanissetta,
andavano Ruggier Loria e Vinciguerra Palizzi, con molti altri grandi
del regno; ed ei cominciando a mostrar l’animo con liete accoglienze,
sincerato della rinunzia, piegossi, e tutti gli altri con esso[138].
Poco stante venner ordini di Giacomo, che richiamava di Sicilia i
Catalani, e gli Aragonesi, e comandava l’abbandono delle fortezze;
compiuto a nome del re dall’Alamanno e da Berengario Villaragut, con
questo rito, che gli uficiali, fattisi alla porta, gridavan alto tre
fiate: se fossevi alcuno che prendesse la fortezza per la santa romana
Chiesa? e niun rispondendo, si ritraeano col presidio, lasciavano
schiuse le porte, appese le chiavi; e le municipalità incontanente se
n’insignorivano a nome di Federigo[139]. Tornarono in patria quelli
e altri cavalieri spagnuoli. Molti altri restarono in Sicilia a
seguir la fortuna di Federigo; tra i quali eran primi Ugone degli
Empuri e Blasco Alagona, che dopo la rinunzia di Giacomo, era fuggito
dalla sua corte: e altri nobili avventurieri aspettavansi di Spagna,
a dispetto anco di Giacomo, che secondo il dritto pubblico di quel
reame non potea lor vietare che militassero per cui lor piacesse. Così
Blasco, confortando i suoi compagni, ricordava che lor nazione, libera
sopra ogni altra ch’avesse re, non ubbidiva a voler di principe, ma
a giustizia e ragione. Filavan indi il creduto testamento di Pietro,
l’espresso d’Alfonso; che Giacomo potea risegnare alla Chiesa il
proprio diritto al reame di Sicilia, non già l’altrui; che ben se
insignoriva Federigo[140]. Con questi argomenti mal colorivano di
legittimità quel reggimento per sè legittimissimo. Nè badavano che per
dritto di successione potea il trono appartenere alla sola Costanza; e
che nè Piero, nè Giacomo altrimenti v’ascesero, che, come or Federigo,
per la elezione del popolo.

E già la Sicilia a questo solenne atto metteva il suggello, ad
onta della romana corte, di Napoli, Francia, e Aragona, contro
lei congiurati. Il dì quindici gennaio milledugentonovantasei,
nella cattedral chiesa di Catania, s’assembrarono frequentissimi i
rappresentanti della nazione, con quanti nobili catalani e aragonesi
sperassero ventura qui, più che in lor patria. Ruggier Loria primo
parlò; poi Vinciguerra Palizzi, prestante per forza d’ingegno e di
parola; e seguendoli ogni altro, d’un accordo gridavano re Federigo;
decretavano si fornisse la coronazione in Palermo[141]. Fu secondo
di questo nome in Sicilia; ma s’intitolò terzo, per esser terzo de’
figliuoli di Pietro, o dei reali d’Aragona qui dominanti, o per errore
diplomatico piuttosto, credendosi secondo di Sicilia Federigo lo Svevo,
che fu secondo degl’imperadori, primo tra nostri re[142].

Ma come Bonifazio riseppe que’ primi passi del parlamento di Palermo,
non essendo in punto a usar la forza, non lasciava intentato alcun
mezzo di frode. A Federigo scrisse il due gennaio, ricordando le
pratiche dell’anno innanzi, la sollecitudine a trovargli terreno e
sposa; che negava Caterina, ma non resisterebbe a nuovi preghi; e
sì richiedealo, e lo scongiurava con ogni più efficace parola, che
desistesse dalla usurpazione del regno. Al medesimo effetto ammonì la
regina Costanza. Lo stesso dì «ai Palermitani e agli altri Siciliani»
drizzò un breve pien di mansuetudine: come la romana Chiesa, or che
Giacomo le avea risegnato questa bella Sicilia, volea consolar le sue
afflizioni, fare il ben pubblico, governarla dassè per un cardinale;
vedessero i Siciliani tra’ fratelli del sacro collegio qual più lor
fosse a talento, quello il sommo pontefice manderebbe. E con tali
missioni inviò il vescovo d’Urgel, e quel Bonifazio Calamandrano, che
da quattro anni correa per tutta Europa in questi maneggi, come li
chiamavan, di pace. Facean assegnamento altresì sulla fazion d’Alamanno
e di Procida, non sapendola per anco spenta: e con tali speranze
il Calamandrano a Messina approdò, poco innanzi o poco appresso il
parlamento di Catania[143]. Il pratico negoziatore parlava ai cittadini
di maravigliose prosperità lor preparate dal papa, ingeriasi, brigava;
alfin vedendo grossa la piena per Federigo, tentò l’ultimo argomento,
mostrando pergamene bianche col suggello della corte di Roma; dicea,
consultassero i Siciliani tra loro, e assoluzioni, perdonanze,
immunità, franchige, dritti, usanze, patti, quantunque vorranno,
ei scrìverà sulle pergamene, assentiralli il sommo pontefice. Ma i
Messinesi, non che dar dentro la grossolana rete, sen beffavano;
rincalzati da Loria, da Palizzi, e dagli altri primi. E Pietro
Ansalone, prudente e ornato dicitore, al Calamandrano ne andò senza
molte parole. «Sappi, gli disse, che i Siciliani non ubbidiranno a
dominazione straniera; sappi che vogliono Federigo per loro re: e vedi
qui! (aggiunse sguainandola spada) i Siciliani da questa aspettan la
pace, non dalle tue carte bugiarde! Sgombra su dalla Sicilia, se morir
non ami!» Il Calamandrano, scrive Speciale, incontrar non volle il
martirio per servire a mondane ambizione. Tornato a Bonifazio, il fe’
certo non restare altra speranza che nelle armi[144].


CAPITOLO XV.

 Coronazione di Federigo II di Sicilia. Novelle costituzioni, per le
 quali è ridotta nel parlamento gran parte della sovranità. Federigo
 porta la guerra in Calabria, Principi della discordia tra il re e
 Loria. Presa dì Cotrone; fazioni in Terra d’Otranto; combattimento del
 ponte di Brindisi. Papa Bonifazlo spinge Giacomo contro 11 fratello.
 Ambasceria di Giacomo. Parlamento di Piazza. Battaglia di Ischia.
 Viene Giacomo a Roma. Chiama a sè Loria. Ribellion di costui da
 Federigo. La regina Costanza il porta via di Sicilia, con Giovanni di
 Procida. Primavera del 1296 alla primavera del 1297.

D’ogni luogo di Sicilia cavalcavano alla volte di Palermo, all’entrar
di primavera, gli ottimati ecclesiastici e civili, i sindichi delle
città, e insieme privati borghesi, e plebe, e vassalli, con frequenza
non più vista, per trovarsi a quel nuov’atto di libertà, la coronazione
di Federigo. Indi la sera innanzi la pasqua di resurrezione, erano
sparse di mirto le vie della capitale, i portici, i tempî, i palagi
parati in mille bizzarre guise a drappi di seta e oro; le luminarie
davan chiaro di giorno per le contrade; la cattedrale, festeggiandosi
il vespro del sacro dì, ardea dal baglior d’infiniti torchi di cera,
grandi, scrive Speciale, al par di colonne; il fracasso di trombe,
corni, taballi, come simbol della guerra soverchiante i diletti della
pace, vinceva l’armonia de’ più dolci stromenti, e i lieti canti del
popolo, che tutta spese in tai sollazzi la notte. Al nuovo dì che
fu il venticinque marzo milledugentonovantasei, nella cattedrale fu
unto e coronato re di Sicilia Federigo; ricondotto al palagio tra
plausi non comuni, a cavallo, con vestimenta regie, diadema in capo,
scettro alla man sinistra, pomo alla dritta. Ei stesso armò cavalieri
meglio che trecento giovani di nobil sangue; creò conti; die’ feudi
ed ufici: fatti Ruggier Loria grand’ammiraglio; Corrado Lancia gran
cancelliere, in iscambio del Procida; capitani dell’esercito Blasco
Magona, frate Arnaldo de Poncio disertor di Calabria, Guglielmo di
Casigliano e altri provati combattenti. Si passò ai giochi pubblici,
adatti al secolo e al guerresco atteggiamento del paese, cavalcare,
trarre al segno, giostrare; al palagio tennersi mense imbandite a
chiunque, Così per due settimane si tripudiava[145]. In quel tempo,
forse in quel primo brio, e con l’alacrità di chi avea gittato il dado
a grande impresa, detta Federigo una poesia provenzale, indirizzata
al suo fedel Ugone degli Empuri, che gli rispose nello stesso metro e
rima: e i versi d’entrambi attestano con qual franco animo il giovin
re andava incontro alla guerra; come fidava nella nazion siciliana;
sperava negli aiuti degli avventurieri spagnuoli; e sospettava del re
d’Aragona, dubbioso tra gl’interessi di famiglia che ’l tiravano a
favorir Federigo, e le profferte e minacce de’ nemici che spingeanlo
dal lato opposto. Federigo sfidava quasi gli uomini e la fortuna a
trarlo giù dal trono, se potessero: Ugone par che credesse più nel
coraggio, che nella capacità e nella mente del nuovo principe: ambo
i componimenti, se non han pregio di poesia, servono alla istoria,
perchè fedelmente dipingono l’animo di Federigo e le sue condizioni
politiche[146]. S’innovò insieme la costituzione dello stato. Avean
Pietro e Giacomo ristorato le buone leggi normanne, riformato abusi,
temperato gravezze; ma Federigo, consigliato o sforzato da’ tempi,
passò a sviluppare, ben oltre il confine normanno e svevo, i dritti
politici della nazione, in guisa che, se non mutaronsi i nomi, si
vantaggiò tanto negli ordini pubblici, da restar alla Sicilia premio
non indegno del vespro. Nel proemio delle costituzioni, promettea
Federigo, e non a ludibrio, di osservar la giustizia e liberalità
comandate dall’Onnipotente ai re della terra. La colpa di Giacomo,
gl’incerti passi ch’ei medesimo, Federigo, già diede con Bonifazio
dopo essersi indettato co’ Siciliani, or lo strinsero a sacramentare
su la sua fede e ’l terribil giudizio di Dio, che manterrebbe a tutto
potere il presente stato della Sicilia; nè cupidigia di nuovo acquisto,
nè altra ragione lo spunterebbe dalla difesa; nè farebbesi a domandar
dalla romana sede scioglimento da cotali promesse, com’era pessima
usanza di quell’età. A guarentigia di ciò, si strinse Federigo d’un
altro vincol più duro: che nè con la Chiesa romana, nè con altri
potentati, farebbe unquemai lega, pace, guerra, se nol consentisse la
nazione. Slmilmente partì co’ rappresentanti della nazione il poter
legislativo. Stanziò, che s’adunasse ciascun anno il dì d’Ognissanti
generale parlamento de’ conti, baroni, e sindichi de’ comuni (nè qui
si fa menzione di prelati), che insieme col re provvedessero alla cosa
pubblica; e il re fosse tenuto, come ogni altro, dalle leggi decretate
col parlamento. Data a questo la censura su i magistrati e uficiali
pubblici; e che i sindichi accusassero, tutto il parlamento punisse.
Tutto il parlamento, non esclusi i sindichi delle città, ebbe la scelta
annuale di quella che noi diremmo alta corte de’ pari, cioè di dodici
nobili siciliani, che giudicassero inappellabilmente, indipendenti
da ogni altro magistrato, le cause criminali de’ baroni; importante
privilegio de’ tempi normanni, ristorato or che montava l’autorità de’
nobili e del parlamento.

Confermò Federigo largamente le franchezze e privilegi degli Svevi
e de’ suoi predecessori aragonesi, con ciò che nei casi dubbi
s’interpretassero a favor dei soggetti. Nè terminò quest’ordine di
leggi politiche, senza riforma in quelle sopra i delitti di maestà,
ch’a gran pezza dipendono dalle politiche, e secondo l’indole del
reggimento, or portan mite freno, or cieca ed efferata vendetta.
Ondechè fu tolta a’ privati l’accusa di fellonia; riserbata al
principe; lasciata ai rei la scelta del giudizio, come lor fosse
a grado, secondo il dritto comune, le costituzioni dell’imperador
Federigo, o le usanze larghissime di Barcellona. Volle il re in
fine, che su i beni confiscati per alto tradimento, si rendesse alle
mogli quanto lor dava la civil ragione, o ad esse e alle figliuole
si porgessero sussidi per vivere. E intendendo nel principio del suo
regno a cancellar ogni ombra di parte, vietò severamente le parole di
fellone, guelfo, o ferracano, divenute ingiurie in questo tempo, in cui
l’opinione pubblica e gl’intendimenti del governo non discostavansi un
passo. Fu questo il primo libro delle costituzioni di Federigo[147].

Contengonsi nel secondo poche riforme di abusi su l’amministrazione
della giustizia[148], perchè Giacomo ci avea provveduto appieno;
ma notevol è lo statuto, che fossero Siciliani, nobili, e ricchi,
da scambiarsi in ogni anno, e stipendiati dall’erario, i quattro
giustizieri, deputati a conoscer le cause criminali per tutta l’isola,
fuorchè in Palermo e Messina, che avean privilegio di speciali
magistrati[149]. Sonvi ancora statuti ch’or diremmo di polizia, tra i
quali si legge l’ordinamento de’ sortieri, ossia guardia cittadina,
ne’ comuni demaniali, e che fosse multato d’un agostal d’oro tutt’uomo
trovato per le strade senza lume, appresso il terzo tocco della
campana[150]. Si diè maggior passo in altra parte d’amministrazione
civile, decretando l’unità di peso e misura, se non per tutto il
reame, ben in ciascuna delle due regioni in cui divideasi la Sicilia,
a levante e a ponente del Salso[151]; e che nella prima si adoprassero
il tumolo di Siracusa e il quintal di Messina; nella seconda que’
di Palermo[152]. Quanto innanzi sentivano in economia pubblica i
Siciliani di quel tempo, si scorge altresì dalla legge ch’obbligò le
chiese a vendere o concedere ad enfiteusi, entro un anno, i poderi ad
esse pervenuti per lasciti o quantunque altro modo; talchè la incuria
delle mani morte, come si chiamano, non nocesse all’industria del
paese. Gli ecclesiastici, su i beni di lor patrimonio privato, andaron
soggetti, come ogni altro cittadino, alle pubbliche gravezze: e si pose
più giusta proporzione tra i contribuenti delle collette in ciascun
municipio, che altra riforma non restava, dopo quella di Giacomo,
nell’ordinamento delle entrate pubbliche[153]. S’aggiunse che gli
uficiali dell’erario fosser tutti Siciliani, capaci, e obbligati ad
esercitar gli ufici in persona: e stabilironsi i modi e i tempi in cui
rendessero ragione di lor portamenti[154].

Ma volgendosi nel terzo libro alla feudalità, s’ingaggiava a
riconcedere i feudi che fossero caduti nel demanio regio; e più
gratificava a’ baroni derogando alle leggi dell’imperator Federigo,
anzi a tutt’ordine feudale, col permetter che si alienassero i feudi,
pagata sì la decima al fisco, con lievi altre condizioni. Confermò,
anzi estese alquanto, i capitoli di Giacomo per la successione de’
collaterali, e i discreti termini del militar servigio; migliorò le
condizioni de’ marinai dell’armata[155]. Ebbe dunque la nazione,
dritto di pace e di guerra e di dar leggi, moderate gravezze, più
spedita e benigna amministrazione di giustizia, sicurezza pubblica,
favore a’ commerci e alla agricoltura: nè merita poca lode, secondo i
tempi, quella legge dell’alienazione de’ feudi, che, qualunque fosse
stato il suo scopo, rendea più libere le proprietà. Federigo giurò
solennemente l’osservanza di queste costituzioni; dienne perpetuo
attestato nell’ultimo capitolo. Poco appresso confermava ai Catalani
mercatanti in Sicilia i tre privilegi di Giacomo; rendea comuni a tutti
sudditi spagnuoli del fratello que’ dati specialmente ai cittadini di
Barcellona. Talmentechè è una mirabile somiglianza tra i primordi
delle due dominazioni di Giacomo e di Federigo, per trovarsi ambo nelle
medesime necessità in Sicilia, e sperar dall’interesse privato dei
sudditi in Aragona, gli aiuti che quindi lor contrastava l’interesse
del re[156].

Poi si volse Federigo alia guerra. Tenne in Palermo l’ultima
adunanza di quel parlamento; ove sedendo gli ottimati a destra e a
manca del trono, a fronte i sindichi de’ comuni, il re con modesta
parola, chiamando ogni suo potere da Dio, aringava; conchiudendo
che rimbaldanziti i nimici, strignenti d’assedio Rocca Imperiale in
Calabria, era uopo incalzarli per ogni luogo in terraferma; per pochi
giorni più che si sudasse sotto le armi, i Siciliani asseguirebber
premio di ferma pace; ei già li vedea azzuffantisi, vittoriosi,
bagnati di novello sangue nemico. I quali detti fur tanto ne’ commossi
animi, che non aspettato il fine, non serbato ordine o modo, prorupper
tutti in un grido di: «Guerra al nemico, guerra per la libertà;»
e deliberossi per acclamazione. Il popolo applaudendo con maggior
foga, chiedeva le armi; agguerrito, non stanco in quattordici anni di
guerra[157].

Cavalcando il re per Messina, lo stesso amore il festeggiò a Polizzi,
Nicosia, Randazzo, e per ogni luogo; e più a Messina, gareggiante con
Palermo, allor solo in virtù. Quivi per lungo tratto fuor la città si
faceano incontro al principe, con bandiere e pennoncelli e signorile
abbigliamento, gli uomini di legge, onoratissimi in quel culto popolo;
i nobili vestiti di seta, su cavalli ricoperti a drappi di oro; il
clero venia salmeggiando; più presso alla città si trovaron brigate
di matrone e donzelle, ricchissime di vesti, di gemme, di profumi
orientali. Entrò Federigo per le strade parate e sparse di fiori; sotto
un pallio portato da nobili uomini; precedendo un araldo che gridava le
sue lodi; rispondendo il corteggio e il popolo; e gli stessi bambini,
dice lo Speciale, facendo plauso in braccio alle madri. Smontato
al palagio, la madre, la sorella che sì l’amava, la prima volta il
salutarono re. Confermò ai cittadini messinesi la libertà di mercatare
per tutta la Sicilia portando o traendo derrate, ch’era gran privilegio
tra’ sistemi proibitivi di quell’età, e loro l’avea dato l’imperador
Federigo, l’ultim’anno del secol duodecimo[158]. Loria allestì l’armata
con mirabile prestezza in quest’alacrità della nazione. Nè andò
guari che il re, spiegando la prima volta in guerra, l’insegna delle
sveve aquile nere in campo bianco inquartate con l’addogato giallo e
vermiglio di casa d’Aragona, passò lo stretto, con fortissim’oste,
e fu accolto in giubilo a Reggio[159]. Perchè questa e altre città
di Calabria eran rimase in fede della nazione siciliana, non ostanti
gli ordini di Giacomo. Più se ne eran perdute; a ridur le quali non
bastava, per aver poche genti, il pro Blasco Alagona; ma le tenea in
sospetto, e stringeva Squillaci.

Su questa marciò dunque Federigo, poich’ebbe fatta la massa a Reggio. E
al primo scorger la postura di Squillaci, domanda s’abbia altre acque
che delle due riviere a pie del colle; e sapendo che no, fatte venir
le genti dell’armata, le sparge sulla ripida costa che dalla città
pende sul fiume, occupa intorno tutti i passi. Dondechè i terrazzani
sitibondi, brucianti, che guardavan dall’alto la limpida corrente
del rivo, e lor era vietata, disperatamente uscirono ad azzuffarsi
co’ nostri; ma rotti da Matteo di Termini, e rincacciati entro le
mura, per non trovare altro scampo al morir dalla sete, s’arresero a
Federigo[160]. Lasciata Squillaci, ei sostò alquanto presso Rocchella,
per deliberare i movimenti della guerra contro il conte Pietro Ruffo,
che s’era afforzato in Catanzaro, ubbidito alsì da tutta la provincia.

Quivi s’accese tra i nostri capitani una lagrimevole discordia.
Perchè Ruggier Loria, grandissimo di fama, d’avere e d’orgoglio,
pensava troppo d’essere primo o solo sostegno del nuovo principato:
e allettandolo le arti di Giacomo e de’ nemici, che profferian alto
stato a lui e a Giovanni di Procida e a tutt’altri stranieri gittatisi
nella siciliana rivoluzione, tanto teneva ormai l’ammiraglio per
Federigo, quanto questi e ’l reame di Sicilia si reggessero del tutto
a sua posta. Per le medesime cagioni gli altri baroni, valenti anco
in guerra, invidiavan profondamente l’ammiraglio, ed eran più grati
a Federigo. A questi umori non mancò presta occasione. Volea il re
oppugnar Catanzaro, avvisando che con essa cadrebbe tutto il paese:
Loria, al contrario, congiunto di sangue col conte, lo dipingea
fortissimo; però si lasciasse stare, s’occupasser le altre facili
terre, Catanzaro si avrebbe per fame. In tal disparere, gli altri
capitani non osavano in consiglio dir contro Ruggiero, perchè non li
conficcasse di rimbrotti in qualche sinistro; non voleano lasciar
passare non malignata la sua sentenza; ma con gesti e mormorar tra i
denti, fean peggio che con parole. Federigo colse il cenno, e risoluto
comandò di marciare su Catanzaro; l’ammiraglio apprestasse le macchine
per lo assedio. Ed egli tacque e ubbidì.

Messo il campo al castello, parve a Federigo assaltarlo dal Iato ov’era
fabbricato sul piano; e volendo colmar di tronchi e fascine il fosso,
con molto ardore egli stesso conducea le genti al vicin bosco; di sua
mano dava con la scure per gli alberi; talchè fornita l’opera in poche
ore, grande massa di legname si ammontò sullo spalto. S’udiron tutta
notte squillar di qua e di là le trombe; stettero in arme gli assediati
per timore, i nostri per impazienza del saccheggio, che promettea il
re. Al far dell’alba, appena dato il segno, appianato in un attimo
il fosso, le genti di mare leste scalavano. Ma un dispettoso comando
le arrestò. Il conte, con l’acqua alla gola, chiama l’ammiraglio,
mescolatosi, com’ei solea, tra i combattenti; gli offre darsi a patti,
raccomandandosi a lui per lo comun sangue: e l’ammiraglio, fattogli
cenno a tacersi, che non udissero i soldati, comandò di far alto, prima
a suon di tromba, poi con voce e minacce egli stesso, galoppando qua
e là sotto i muri; perchè i nostri, per tener già la vittoria, non
sapeano spiccarsene. Corse indi Loria al re; n’ebbe una prima ripulsa,
ma non restandosi per questo, e tirando seco altri baroni, tanto disse
che, fremendone tutta l’oste, impetrò alfine l’accordo: si rendesser
Catanzaro e le altre terre della contea, non avendo soccorso dal re di
Napoli tra dì quaranta. Con giuramento e statichi il conte ratificò.
Entrò nella tregua tutta la Terra Giordana, fuorchè Sanseverina,
renduta ostinatissima alla difesa dall’arcivescovo, per nome Lucifero,
che per lo suo gregge, Speciale dice, si giocava l’anima; e non ostia,
ma umani corpi, non mistico vino, ma uman sangue offriva al Cielo.
Federigo accampossi, per l’amenità del luogo, sotto Cotrone, ingaggiata
dall’ammiraglio ne’ medesimi patti di Catanzaro[161]. E tenendo
appresso di sè dodici galee, mandò l’ammiraglio col rimagnente della
flotta e trecento cavalli su’ confini di Basilicata, a sovvenire Rocca
Imperiale, duramente battuta dal conte Giovanni di Monforte[162].

Col solito ardire quivi sbarcò Ruggiero; avvicinossi al campo nemico;
poi, accozzate le forze con frate Arnaldo de Poncio, prior di
Sant’Eufemia, che combattea in quelle regioni per parte aragonese,
vittovagliarono la rocca una notte, con sacchi di grano portati in
groppa da’ cavalli, in ispalla da’ pedoni, in improvvisa fazione sugli
assedianti. Di lì l’ammiraglio percote d’un altro assalto Policoro,
presso alla foce dell’Acri; vi prende i viveri dell’oste di Monforte,
e cento cavalli che stavano a guardia. E tornavane al campo di Cotrone
tutto lieto, se un caso non facea divampar tra lui e il re la rattenuta
ira[163].

Perchè durante la tregua, i terrazzani di Cotrone, venuti un dì alle
mani co’ Francesi del presidio per private cagioni, e avutone il
peggio, chiaman soccorso dal nostro campo, di là ov’era attendata la
fiera gente delle galee; la quale, rapite in furia quelle armi che il
caso offrì, salta dentro, rinnova la zuffa, e rifuggendosi i Francesi
nel castello per postura fortissimo, entravi rinfusa con essi, pone
ogni cosa a sacco ed a sangue. Intanto levandosi il romore nel campo,
Federigo che meriggiava, desto dal sonno, così com’era senz’arnese,
afferrata una mazza, lanciossi a cavallo, spronò al castello; e il
trovò sforzato, e i suoi ch’uscivano col bottino. Ond’ei crucciosamente
proruppe a rampognarli della rotta fede, nè si ritenne dal trucidar
di sua mano i men presti a fuggirgli dinanzi. Poi comandò fosse resa
tutta la preda; pagato dalla cassa regia ciò che non si rinvenisse;
dati due prigioni, francesi per ognuno morto nella mischia: e fe’
scusa della tregua violata, ma non rendè la fortezza. Fe’ imbarcare
il capitano francese, Pietro Rigibal, con tutto l’avere de’ suoi, e
lettere drizzate all’ammiraglio, narrandoli il successo, e commettendo
ch’avviasse Rigibal coi renduti prigioni al re di Napoli, poichè altra
riparazione non restava.

Ma l’ammiraglio all’intendere il caso, infellonito diessi a gridare:
«Son io, son io la cagione!» e affrettatosi al campo, assai
superbamente parlava a Federigo, delle sue geste, dell’incontaminata
fede guerreggiando fin co’ barbari e gl’infedeli; questa esser macchia
incancellabile sul suo nome. «Mai più, conchiuse, mai più non sarò
ludibrio di chi sta e susurra perfidi consigli agli orecchi del re.
A man giunte, dalla rocca di Castiglione, vedrommi il fine di questa
guerra. E tempo verrà che i ribaldi calunnianti or me in corte,
tremeranno in faccia al pericolo.» Federigo, contenendosi appena, con
un sogghigno gli rispondea: non ricantasse que’ servigi, noti e pagati
a soperchio: essersi fermati a nome del re i patti di Cotrone, al re
toccava mantener la sua fede; e a tutta possa aveal fatto; ma non
saper soffrire l’orgoglio; andasse pur via dall’oste a sua voglia: e
montato a cavallo, il piantò. Corrado Lancia, fidatissimo di Federigo,
cognato dell’ammiraglio, tramezzatosi a riconciliarli, salvò almen le
apparenze. Sì che per questa volta l’uno e l’altro si davano a sfogar
sopra i nimici gli animi grossi e tempestosi[164].

Prosperamente avanzavano in terraferma le armi nostre. Avuti i
messaggi del conte di Catanzaro, re Carlo, esausto di danari, dopo
molta deliberazione, avvisò munir le città marittime di Puglia,
senza affaticarsi a impotenti aiuti nelle Calabrie; onde scorsi i dì
quaranta, vennero in poter di Federigo tutta la contea di Catanzaro e
la Terra Giordana. Il re con l’esercito, Loria con l’armata, venuti in
questo sopra il conte di Monforte, lo fean levare dall’assedio di Rocca
Imperiale. Poi l’uno, cavalcando ambo le Calabrie vittorioso, piegò
agli accordi il feroce arcivescovo di Sanseverina; occupò, dato il
guasto al contado, Rossano fortissima di sito, e le terre d’attorno; e
inanimito da’ successi, minacciava le province di sopra. L’ammiraglio,
valicato il golfo di Taranto, assaltava Terra d’Otranto. Dapprima
innoltratosi sull’asciutto fino a Lecce, d’improvviso assalto di notte,
la sorprese e depredò. Rientrato in nave, presentasi ad Otranto;
senza fatica se n’insignorisce, mentre gl’irresoluti cittadini nè
difendeansi, nè venieno a’ patti; e perchè gli parve comodo il porto,
la rafforzò di torri e di mura, lasciovvi tre galee e scelta gente di
presidio[165]. Dopo ciò tentava un colpo su Brindisi.

Ma perchè vel prevennero secento cavalli francesi, Ruggiero, posti
in terra i suoi, trinceossi alla Rosèa con pali e corde intorno, a
sua usanza; e non potendo assaltar la città, dava il guasto al paese.
Avvenne un dì, che conducendo egli stesso la cavalcata infino al ponte
di Brindisi, i fanti che ’l seguiano, spinsersi oltre il fiume in cerca
di verzure e più limpid’acque, in un luogo che l’ammiraglio non tardò a
riconoscer atto ad insidie: ond’ei sopra un ronzino corse lor dietro,
gridando che tornassero. Ed ecco una torma di cavalli francesi,
uscita dall’agguato, a corsa drizzarsi al ponte. Voltò la briglia
Ruggiero; a mala pena guadagnò il ponte; gridò che gli recassero il
suo destrier di battaglia; e ansando facea montare gli uomini d’arme:
perchè nella difesa del ponte stava la salvezza de’ suoi, sparsi e
pochi incontro al grosso stuolo nimico. Già il capitano, Goffredo di
Joinville, con un altro nobil guerriero, trasvolavan oltre l’arco
di mezzo; eran perduti i nostri, se Peregrino da Patti e Guglielmo
Palotta, cavalieri siciliani, non si gittavan soli sul ponte. Costoro
a’ due Francesi fecer testa, indi a tutta la torma accalcatasi allo
stretto varco: bagnati di sangue da capo a piè, coperti di ferite,
tennero il ponte finchè l’ammiraglio sopravvenne co’ suoi, gridando:
«Loria, alla riscossa!» Allora si strinse più aspra la zuffa. Sotto i
colpi delle spade e delle mazze volavano, scrive Speciale, in pezzi le
armature; fronte con fronte, petto con petto, cozzavano i guerrieri.
L’ammiraglio e Joinville per caso affrontansi: e alza questi la mazza
per ferire; Ruggiero al tempo, gli vibra una punta tra corazza ed elmo;
ondechè il Francese, avvampando di vendicarsi, immerge gli sproni
ne’ fianchi del cavallo per gittarlo addosso al nemico; e gittossi a
morte, perchè l’agil animale, spiccato un salto, precipitava giù dal
ponte. Nè finì la tenzone a questo; dura e ostinata si travagliò,
finchè i balestrieri siciliani, bersagliando la massa de’ nemici
serrata sul ponte, laceraronla, diradaronla e volserla in fuga. Molti,
fitti nella melma del fiume, restarono uccisi o prigioni; i fuggitivi
non inseguì Loria co’ suoi, laceri e ansanti poco men che i nimici,
per la disuguale battaglia. Indi non s’ebbe dalla vittoria altro
frutto[166]. Ma la virtù di Peregrino da Patti e di Guglielmo Palotta,
che ricorda per la somiglianza del caso, illustri esempi antichi e
recenti, degnissima è della nostra memoria. Speciale la registrò nelle
istorie siciliane; poi l’hanno obbliato i più, perchè tutto quaggiù,
anche la gloria, vien da fortuna. E maggior mancamento mi sembra che
nel toccar questi fatti, pochi scrittori e vagamente, s’innalzavano
alla considerazione politica, che travagliandosi in guerra i due reami
di Sicilia e di Puglia, il primo vinse per lo più il secondo, ch’è
tanto maggiore di territorio: e nella state del novantasei, non che
difendersi, conquistava tutto il paese dalla punta di Reggio al capo di
Roseto[167]; infestava Terra d’Otranto; e più addentro portava le armi,
se non ch’entrovvi di mezzo l’interesse degli altri potentati d’Europa.

Perchè papa Bonifazio, vedendo torcer Federigo dalle sue vie, più si
ristrinse con Giacomo, per lanciarlo contro il fratello. E prima a
ventuno gennaio del novantasei, col titol sonante di gonfaloniere,
ammiraglio e capitan generale della santa sede, condusse il re di
Aragona ai suoi soldi; da combattere in Terrasanta, e quest’era il
pretesto, o altrove, e quest’era l’effetto, contro qualunque nimici e
ribelli della Chiesa, con sessanta galee, armate da lui, pagate dal
papa; e n’avesse Giacomo la metà della preda, l’investitura di Corsica
e di Sardegna, del rimanente gli acquisti fossero della Chiesa o degli
antichi signori cristiani[168]. Poco appresso il sollecitò Bonifazio
a venir, com’avea promesso, a Roma[169]. E punto al vivo da Federigo,
che tentava in questo tempo gli animi dei Napolitani, praticava con
usciti lombardi e toscani, e fin co’ romani Colonnesi già disposti a
ribellione contro il papa, più gravemente scaricò i colpi spirituali il
dì dell’Ascensione; cassò l’atto del coronamento del re di Sicilia;
scomunicato lui, co’ popoli e loro amistà; dato termine a pentirsi
il dì di san Pietro, nel quale rinnovò le maledizioni[170]. Intanto
spandea le indulgenze a chiunque portasse armi contro Sicilia; aiutava
Carlo con le decime ecclesiastiche del regno e di Provenza[171].
Talchè il re di Napoli, non ostante que’ rovesci, volendo ritentar la
guerra, o farsen pretesto a cavar moneta da’ popoli, bandi general
parlamento a Foggia, pel dì venti settembre; disse di nuova impresa
sopra la Sicilia[172], ingiungendo ai feudatari che venissero in
armi o pagassero[173]. Giacomo s’apprestava anch’egli al combattere;
ma, ritenuto da pudore, e dalla briga che davangli in casa le guerre
di Murcia e Castiglia[174], volle tentar prima nuovi ammonimenti a
Federigo.

Al cader della state, guerreggiando Federigo in Calabria, giunsegli
messaggio del re di Aragona Pietro Corbelles, de’ frati predicatori,
parlando blandizie di pace; e finiva con minacce, che Giacomo, fatto
or capitano della santa sede, non starebbe in dubbio tra quella e il
proprio suo sangue; nel petto della madre, nelle viscere de’ figli
immergerebbe la spada a’ comandi del santo pontefice; aprisse pur gli
occhi Federigo, a ciò il fratello il richiedea d’un abboccamento ad
Ischia. Ma Federigo, nulla mosso, palesava l’ambasceria ai suoi baroni;
e vistili balenare, con generose parole li confortò. Riferissi del
negozio al general parlamento, secondo i freschi patti fondamentali;
e perchè pensava che troverebbevi spiriti più generosi. Lasciato
dunque luogotenente in Calabria con giuste forze, Blasco Alagona, ei
tornato di fretta in Messina, dà giorno e luogo al parlamento; richiama
Loria con l’armata[175]. Costui pe’ narrati sdegni, o perchè pareagli
disperato il caso di Federigo, avea già in Terra d’Otranto ascoltato
pratiche de’ nemici. Bartolomeo Machoses di Valenza, inviatogli da
Giacomo in agosto, sotto colore d’ingiunger che risegnasse il feudo
di Gerace in Calabria, l’avea indettato forse a tradigione: e anco si
sospettò che se ne fossero allacciate le prime fila, fin dal tempo
della esaltazione di Federigo, quando i baroni aragonesi leali a
Giacomo si partiron di Sicilia. Altri messaggi in tutto questo tratto
il re di Aragona avea spacciato alla madre, allo stesso Federigo,
alle città di Palermo, Messina, e altre prime dell’isola[176]. Talchè
l’ammiraglio, tornato immantinente a Messina, e abboccatosi col frate
spagnuolo che stava ad aspettar la deliberazione, non fu senza speranza
di avviluppare il vicin parlamento, che si calasse agli accordi.
Convenuti in Piazza, di mezz’ottobre, i baroni e’ sindichi delle
città, scopertamente diessi ad aggirarli, far partigiani, sparger
terrori e promesse. Ma Vinciguerra Palizzi e Matteo di Termini, con più
caldo s’adoprarono per lo contrario effetto; speser la notte innanzi
l’adunata, girando qua e là a scongiurare che non si lasciasse partir
Federigo. Indi forte si combattè in parlamento.

Esposta l’ambasceria, si dava liberissimo voto a ciascuno; e pendeano
i più alla ripulsa, per amor di Federigo o di sè stessi, temendo
Giacomo noli seducesse, allorchè Loria col pianto sugli occhi, quasi
per pietà del paese, s’alzava ad orare: «Non ingannassero sè medesimi;
sarebbero irresistibili le congiunte forze di Giacomo e di Carlo;
ripiglierebbero le Calabrie in un batter d’occhio; porterebbero in
Sicilia fame, incendi, stragi; pagherebbe di molto sangue la Sicilia
questo insensato ostinamento, All’incontro, qual danno nell’andata di
Federigo? e forse, per l’amor che gli porta, si volgerà a noi il re
d’Aragona. Ma s’ei verrà da nimico, pensate quanti Catalani e Aragonesi
mancheranno alle vostre bandiere. Posson essi prender le armi per chi
lor piaccia, ma son traditori se combattono contro le bandiere del re
d’Aragona[177].» Gran bisbiglio seguì a questo parlare, vergognando gli
stessi partigiani dell’ammiraglio ad assentir con parole, ma chinavano
il capo; e gli altri altamente dicean contro: onde dopo lunga contesa,
nulla deliberavasi.

Il dì seguente tolse ogni dubbiezza il re, surto egli stesso a
concionar l’adunanza. «Non ripeterò, disse, le parole che si son fatte,
che sono pur troppe. Io penso che dal trattare, altro non tornerebbe
che più fuoco d’ira, tra Giacomo, soldato de’ vostri nimici, e me, che
tutto alla Sicilia sonmi giurato: e tra la Sicilia e’ suoi nimici non è
via di mezzo; o libera com’oggi, o calpestata oltre ogni antico strazio
di servitù. Su questo partito deliberate dunque, non sull’andata del
vostro re ad Ischia. Ma tu, Ruggier Loria, che parlavi misterioso di
leggi e usanze d’Aragona, ricorda che io son re in Sicilia quanto
Giacomo altrove: che s’ei mi porta ingiusta guerra, non sarà traditore
se non chi me tradisce! E quanto a’ pericoli dipinti sì atroci,
richiama al tuo cuore l’antica virtù; pensa che Iddio combatte contro
gl’ingiusti e i superbi.» Coronò tal generoso parlare il decreto del
parlamento, che vietò l’andata all’abboccamento con Giacomo. Il fece
intendere Federigo all’ambasciadore; accomiatollo[178]; e cominciò ad
apparecchiar la Sicilia a validissima difesa.

Ma non son da pretermettere gli altri atti di questo parlamento di
Piazza, non sì scosso dal grave partito politico, che non pensasse,
quasi posando in pace, a molti statuti, trasandati in mezzo alle
leggi fondamentali del parlamento di Palermo, o suggeriti da novella
esperienza, o portati dallo sviluppo di novella forza civile. Ed in
vero si favorì tanto sopra l’aristocrazia l’elemento municipale, che
se ne scorge evidentemente la preponderanza della parte popolana,
e l’intendimento di Federigo a fondarsi in su quella, più che sul
baronaggio, fattosi torbido e parteggiante; e s’ha valido argomento che
la parte popolana, alla quale, com’avviene, accostavansi anco parecchi
nobili, fosse stata quella che vinse il partito della guerra in
questo parlamento, e sostenne Federigo e la rivoluzione. Certo quegli
statuti danno a vedere, secondo i tempi, assai civiltà. Decretavasi:
i castellani non s’ingerissero nelle faccende de’ vicini municipi;
non i nobili nelle elezioni de’ magistrati comunali; i feudatari non
pretendessero dritti sul passaggio degli armenti; non levassero a lor
posta gabelle sulle grasce; non frodassero i vassalli nella misura de’
poderi soggetti a terratico; nè terratichi nuovi riscuotessero su i
feudi conceduti testè dal demanio: si vietò l’alienazione de’ feudi
oltre i termini della recente legge; si die’ obbligo a’ baroni di
soggiornare in Sicilia o tornarvi in corto tempo: e che il principe
solo potesse assentire i matrimoni delle lor figliuole co’ figli de’
nemici allo stato[179]. Altri statuti, proclamando che i deboli non
debban soggiacere ai potenti, studiavano nuovi argini ai radicati
abusi degli uficiali sull’avere dei privati[180]; innalzavano in ogni
comune un ministero pubblico di tre cittadini, obbligati per giuramento
a denunziare tutti gli aggravi de’ giustizieri e uficiali qualunque,
e sì i misfatti contro la sicurezza delle persone; i quali, dal
sacramento che davano, si appellaron giurati[181]. Fu decretata libertà
universale d’importazione ed esportazion di vini e altre derrate;
inibito di prender le persone o i letti, o diroccar le case pei debiti
delle collette; francati da queste i militi[182]. Si rinnovi il
divieto d’ingiuriar altrui con gli odiosi nomi di guelfo o ferracano:
riabilitati agli ufici i sospetti di queste opinioni politiche, non
rei di alcun fatto[183]. La quale benignità di principi s’osserva non
meno nei molti ordinamenti sopra gli schiavi saraceni e greci, che
numerosissimi erano in Sicilia per causa del corseggiar nelle ultime
guerre: statuti tendenti a procacciar la conversione de’ primi alia
fede di Cristo, de secondi a’ dommi ortodossi, o mantenere il pubblico
costume; ma si fe’ divieto ai cristiani di usar con giudei; a costoro
di tenere ufici ed esercitar la medicina[184]. Scagliossi pena del capo
contro gli avvelenatori, stregoni, indovini, incantatori, che spargon,
dice lo statuto, profani errori, e ingannano i popoli con empie
fallacie[185]: talchè nè corsero quegli antichi nostri legislatori
all’atroce e usato supplizio del fuoco, nè mostrarono prestar fede a
negromanzie, ma puniron solo la frode e il disordine civile. A questo
medesimo effetto con molto studio vietaronsi i giochi di sorte, non
di destrezza; e si commendaron que’ d’esercizio nelle armi[186]. Allo
zelo di religione e morale, ch’appar da cotali ordinamenti, s’aggiunse
un particolare statuto contro la usurpazione de’ beni ecclesiastici;
un divieto di portar armi, ferro, o legname a paesi d’infedeli; ma si
pagò il tributo a’ tempi con lasciar salva alla santa sede la riforma;
e non si dice sol delle leggi per le quali poteano vedersi incerti i
limiti tra il sacerdozio e l’impero[187]. Su questi capitoli di Piazza,
perchè essi contengono più numero di sanzioni penali che niun degli
altri anteriori di Federigo stesso o dì Giacomo, noteremo, ch’eccetto
il sommo supplizio contro i maestri di veleni e malie, le pene son
pecuniarie o di privazione; poche di carcere a tempo; e pei giochi
vietati s’aggiungono in un caso le battiture. Riserbossi il principe di
gastigare ad arbitrio alcuni abusi degli uficiali, e dichiarar secondo
i casi la qualità del carcere detto dinanzi[188]. Talchè possiamo anco
dir mite e non troppo disuguale il penal sistema che si tenne di mira.

In questo tempo, reggendosi sempre Ischia per noi, Pier Salvacoscia
con cinque galee vi combattè bella fazione, assalito da nove teride
smisurate, zeppe di armati, che i Napolitani mandavano a acquistar
l’isoletta, vergognanti del tributo ch’indi si levava su i vini
navigati per lo golfo. Appiccata la zuffa senza curare il disugual
numero, vinsero i nostri; ogni galea cattivò una terida; fuggendo
le quattro rimagnenti, i cui capitani re Cario fe’ mettere a morte,
uscito questa fiata dall’indole sua dolce[189]: e come disperando
delle armi, cavalcò per Roma a ripregar Bonifazio. Costui indi punse
nuovamente Giacomo che venisse a Roma; diegli le decime ecclesiastiche
d’Aragona per l’armamento[190]. Giacomo, apparecchiandosi, di febbraio
del novantasette mandò per ultimo avviso al fratello il vescovo di
Valenza e Guglielmo di Namontaguda, insistendo per l’abboccamento ad
Ischia. Ma perchè quei rispondea che ne riferirebbe al parlamento, gli
oratori replicarono, che Giacomo anco ubbidirebbe al papa; e Federigo
a loro, ch’ei perciò non terrebbe nimico il fratello, e molto meno
la nazione catalana e aragonese; e farebbe anco richiamo alle corti.
Partiron dunque scontenti gli ambasciadori spagnuoli: Federigo mandonne
in Ispagna, e senza miglior frutto; perchè piaceva a que’ popoli, sì
come al re, la pace con Francia, fors’anco lo stipendio del papa[191].
Speso in tali vane pratiche il verno, allo scorcio di marzo del
novantasette si trovò Giacomo in Italia; senza armata, perchè volea
più certo e largo il prezzo del muover guerra al fratello. Ebbelo da
papa Bonifazio, che incontanente porgeagli la bolla d’investitura di
Corsica e Sardegna[192], sol riserbandosi un anno a ritrattarla se
fosse uopo al negozio di Sicilia[193]: manifesto disegno di un baratto
con Federigo. Nondimeno prendea Giacomo la corona delle due isole;
dava il giuramento per lo supremo impero delle armi della Chiesa[194];
e ottenne dal papa, che nell’assenza sua di Spagna, il reame stesse
sotto la protezion della santa sede, e, che legati di lei, n’avessero
cura i vescovi d’Ilerda e Saragozza[195], ed esortassero i popoli alla
siciliana impresa. Poco appresso si fe’ dare indugio alla restituzione
di Maiorca a Giacomo suo zio[196]: fidanzò la sorella, Iolanda, a
Roberto erede presuntivo della corona di Napoli: fe’ stretta lega con
Carlo II per ridur la Sicilia. Nè preparava per anco le forze, ma per
messaggi fitto praticava con Loria.

Il quale risoluto a spiccarsi da Federigo perchè nol potea governare,
operava sempre più baldanzosamente. Un dì cavalcando il re con Corrado
Lancia per la spiaggia di Musalla a Messina, fattosi tra loro, mostrava
lettere di Giacomo che il chiamavano a un abboccamento; prometea di
adoperarvisi per Federigo, e tornare. E il re, incauto o superbo, a’
conforti di Corrado gli dava il commiato; assentivagli ancora due galee
per andare in Calabria a munir sue castella in questi nuovi pericoli
di guerra. Ma quando l’ammiraglio ritornò in Messina per prender il
viaggio di Roma, trovò il giovan principe, che suscitato dalle parole
de’ cortigiani, avea rugumato su tal dimestichezza di Loria co’ nimici,
su queste genti, armi, vittuaglie che adunava nelle sue castella; tra
i quali pensieri dubbiando Federigo, ch’animo avea generoso con poca
mente, tenne la peggior via: nè accarezzar quel grande, nè spegnerlo;
ma l’offese. Porsegli ei stesso il pretesto che l’ammiraglio cercava
per salvarsi dal biasimo di tradigione, nel che riuscì tanto appo i
contemporanei, che qualche istorico in tal sembiante il tramandava
alla posterità. In piena corte, fattosi quegli a baciar la mano al
re secondo usanza, Federigo ritira a sè la mano sdegnosamente, e
a Ruggiero che drizzavasi a domandar perchè tal oltraggio? brusco
risponde: «Perchè trami co’ miei nimici»; e seguì più acceso; e finì
comandandogli non movesse pie’ dalla sala. Seguitonne uno spaventoso
silenzio. Niuno stendea le mani sull’ammiraglio; ei, soprappreso
dall’ira del re, non osava partirsi: dispettoso e fremente si trasse
in un canto. Ma Vinciguerra Palizzi e Manfredi Chiaramonte, che non
amavan forse Ruggiero, ma nè anco l’esempio d’un tal grande spento fuor
dagli ordini delle leggi, fecersi a parlare per esso, con dolcezza che
poi tornò sì dannosa alla patria. Mitigato da loro, il re li accettò
mallevadori dell’ammiraglio; e questi, ch’era già notte, fu lasciato
partir dal palagio, libero e ingiuriato.

Vola alle sue case, lieto in volto; convita a cena i molti amici
adunatisi a complir del ritorno di Calabria; e mentre s’imbandiscon
le mense, precipita per una scala segreta; monta a cavallo con tre
fidatissimi; e a spron battuto prende la via di Castiglione. Giungevi
all’ora terza del dì, con felice consiglio: perchè già Federigo, levato
su dai nimici dell’ammiraglio, tornando allo sdegno, aveal fatto
appellare alla sua presenza. Pericoloso ondeggiamento, che mosse tutta
la Sicilia. Assai partigiani di Ruggiero, deliberati a correr con esso
quantunque fortuna, vanno a trovarlo armati: ei rafforza con estrema
prestezza le castella di Novara, Tripi, Ficarra, Castiglione, Aci,
Francavilla, e altri luoghi che tenea in feudo: e minaccioso e fiero
si stava. Quando i due mallevadori vennero a richiederlo che tornasse
alla ubbidienza, e gli offrian sicurtà dalla parte del re, Ruggiero,
per sentirsi in colpa o mosso da superbia, con molte ragioni il negò:
alfine pagò del suo la enorme somma della malleveria; e tennesi sciolto
da ogni vincolo d’onore. Tuttavia nè mosse guerra, nè chiese pace al
re. E questi, dopo i primi errori, fatto senno, non osò assaltarlo,
per non accender una guerra civile con le armi straniere alle spalle.
Ma poco minor pericolo gli era l’indugio[197]. Di tal frangente il
tirò la regina Costanza, con quella medesima riputazione ch’avea due
anni prima ammorzato lo scisma di Giovanni di Procida. La regina,
chiamata a Roma dal maggior figliuolo per menar a nozze la Iolanda,
vinse sè stessa a lasciar Federigo; sperando pure metter pace tra gli
sdegnati animi, e guadagnarne alla propria coscienza col rientrar
in grembo della Chiesa. Volle per tal andata, con mirabil modestia,
la permissione di Federigo: e sotto specie di chiederli compagni al
viaggio, levò di Sicilia, con onor del re e loro, l’ammiraglio, pronto
da un dì all’altro a romper guerra, e Giovanni di Procida, sospetto
al par di costui, o peggio. Loria, avuta da Federigo sicurtà fino
all’imbarco, non lasciò le sue fortezze, senza pria comandare a tutti
i vassalli che stessero saldi, e quando Giovanni Loria nipote di lui
andrebbe in Castiglione, l’ubbidissero in ogni fortuna. Indi la regina
e la principessa, spiccatesi con molto dolore da Federigo, seguite dal
vescovo di Valenza e dai due baroni uscenti in esilio sì minacciosi,
da Milazzo con quattro galee partivano alla volta di Roma. Come furo
in alto, chi favellava, chi adagiavasi, sperando, qual più qual meno,
ne’ novelli destini; la sola Costanza, dice Speciale, immota sulla
poppa della nave, affisava i monti di Sicilia che fuggiano, gonfia
gli occhi di pianto, pensando a Giacomo, a Federigo, e a’ disastri
imminenti. Compironsi a Roma le nozze; strinsersi, non ostante il
pregar di Costanza, i consigli della guerra; Giacomo ripartì per
Catalogna ad allestir la flotta. Loria al medesimo effetto ritornava,
amico e ammiraglio di re Carlo, a que’ porti del reame di Napoli ove
per quindici anni s’era tremato al suo nome. E prima Giacomo il creò
ammiraglio a vita in tutti i suoi reami con grande autorità, gran
lucro, e campo illimitato alle rapine; si stabilì il matrimonio di
Beatrice sua figliuola con Giacomo d’Exerica, principe del sangue
reale d’Aragona. Il papa gli diè in feudo la terra e il castel d’Aci
in Sicilia, che tenean dal vescovo di Catania; lo ribenedì insieme con
Giovanni di Procida[198]. Costui fu redintegrato ancora nel possesso
dei suoi beni nel reame di Napoli, secondo i primi patti di Giacomo e
Carlo[199]. Così lasciavan insieme la Sicilia, ambo da nimici, i due
regnicoli sì famosi nella rivoluzione del vespro, legati strettamente
dalla comune fortuna e dalla comune ambizione, compagni nell’esilio,
nelle speranze, nella fazione della nuova dinastia in Sicilia, e
finalmente nella tradigione. L’uno, allevato infin da fanciullo a
corte di Pietro, fu uomo di animo smisurato, di altissimo intendimento
nelle cose di guerra, il primo ammiraglio de’ tempi, gran capitano
d’eserciti; ma sanguinario ed efferato, avaro, superbo, insaziabile di
guiderdoni. Ristorò la riputazione delle armi navali in Sicilia; educò
i Siciliani alle vittorie; fu sostegno potentissimo al nuovo stato.
Gli si volse contro quando ebbe rivali nel potere; non veggo se più
invidioso o invidiato; ed è un’altra macchia al suo nome, che abbandonò
Federigo quando parea precipitare la sua fortuna. Portò con seco la
signoria de’ mari; e pur non serbò lungi da noi l’antica gloria,
perchè, se talor vinse in battaglia i vecchi compagni siciliani, talor
anco fu vinto da essi; e appena chiusa con la pace di Caltabellotta
la sanguinosa scena di che era stato parte principalissima, or con
l’una or con l’altra delle fazioni guerreggianti, come se quel
genio sterminatore non avesse più che fare al mondo, trapassò di
malattia in Valenza; e le sue ossa andarono a riposare, com’egli avea
ordinato molto prima, in un sepolcro posto a piè di quello del re
Pietro[200]. Minore di lui di gran lunga fu Giovanni di Procida, e pur
la capricciosa fortuna in oggi fa suonare assai più questo nome. Di
ministro abilissimo del re d’Aragona, le corrotte tradizioni istoriche
l’han fatto liberator di popoli, l’han posto a canto a’ Timoleoni ed
a’ Bruti, han dato a lui solo quel che fu effetto delle passioni e
della necessità di tutto il sicilian popolo; alle virtù ch’egli ebbe,
sagacità, ardire, prontezza, esperienza ne’ maneggi di stato, hanno
aggiunto le cittadine virtù ch’ei non ebbe, che violò anzi, tramando
pria co’ nemici, poi brigando sfacciatamente contro la siciliana
rivoluzione, quando la ristorò Federigo. Oscuro morì in Roma costui in
sull’entrar dell’anno milledugentonovantanove[201], innanzi che per
prezzo d’infamia e per clemenza degl’inimici tutto riavesse il suo
stato in terra di Napoli[202].

Tra questi e quanti altri o sudditi o principi furon grandi ne’ fatti
nostri di quel tempo, sospinti da ambizione a vizi non senza glorie,
spicca per una candidissima fama la regina Costanza, avvenente della
persona[203], bellissima d’animo, per le care virtù di donna, e madre,
e credente nel vangelo. La fine di Manfredi avvelenò il fior degli
anni suoi; poi, se vide punito lo sterminator del sangue svevo e
libera la Sicilia, ebbe a tremare ad ogni istante pe’ suoi più cari;
pianger la morte di due figliuoli, la nimistà degli altri due; nè
troppo la poteano far lieta le nozze della figlia nell’abborrita casa
d’Angiò. Nacque e fu educata in Palermo[204]: tornata in Sicilia per
sì strane vicende, la governò dolcemente dopo la partenza di Pietro;
dettò alcuna legge che infino a noi non è pervenuta; fu amorevole
coi sudditi, fino con la insopportabile Macalda. Non ebbe ambizione,
lasciando prima a Pietro, poi a’ figliuoli, la corona di Sicilia,
ch’era sua per dritto di sangue: nè tal moderazione nacque da pochezza
d’animo in costei, che ben seppe in pericolosissimi tempi provvedere
alla difesa della Sicilia; e due fiate con assai destrezza salvar
Federigo dalla fazione nimica a’ siciliani interessi. Quetata la
coscienza con la benedizione papale; posate poco appresso le tempeste
di Sicilia, l’anno medesimo milletrecentodue finì i suoi giorni in
Barcellona, ove attendeva a fabbricar munisteri e ad altre opere che
nella vecchiezza le suggeriva cristiana pietà. Ma in tutto il corso di
questa virtuosa e infelice vita, forse non soffrì maggiore strazio,
che nel tempo di cui sospendemmo per poco il racconto; vedendo allora,
senza alcun chiaro di speranza, l’un contro l’altro armati Giacomo e
Federigo[205].



CAPITOLO XVI.

 Ribellione de’ feudi dell’ammiraglio in Sicilia. È spenta, ed egli
 sconfitto da’ nostri sotto Catanzaro. Preparamenti di Giacomo e di
 Federigo. Il primo sbarca sulla costiera settentrionale dell’isola;
 passa ad assediar Siracusa. Fatti della guerra guerriata che s’accende
 in Sicilia. Giovan Loria vinto e preso nello stretto di Messina;
 sciolto l’assedio di Siracusa; e Giacomo torna in Napoli e in
 Catalogna. Nuovo passaggio di lui in Sicilia. Parlamento di Messina.
 L’armata siciliana debellata dalla catalana a capo d’Orlando. Estate
 del 1297–4 luglio 1299.

Incominciò Loria il servigio del novello signore, con ritentar
tradimento all’antico; arrischiatosi a venire in Sicilia con un
sol velocissimo naviglio; non però tramando sì cauto, che Federigo
non n’avesse spia: il quale, come era ardente di vendetta contro
l’ammiraglio, fe’ armar navi che l’appostassero alle isole Eolie.
Scampò Ruggiero per navigar guardingo, e darsi a una rapida fuga come
scoprì i nostri, che non seppero o non vollero raggiugner l’antico lor
capitano; ma tal contrattempo pur bastò a rompere tutti i disegni.
Perchè risaputosi, Giovanni Loria nipote dell’ammiraglio e cresciuto da
lui come figliuolo, ancorchè carissimo a Federigo, lasciava improvviso
la corte, per levar l’insegna della guerra in Castiglione; tentava
Randazzo indarno, armandosi il popolo contro i suoi partigiani[206];
poneva a sacco ed a guasto il vicin villaggio di Mascali; ma non potè
altrimenti offendere il re e il paese senza la persona di Ruggiero.
Federigo senza dimora il bandisce nimico pubblico; strigne d’assedio
le fortezze feudali dell’ammiraglio; ponendosi ei medesimo a campo
a Castiglione, importantissima tra tutte per esservisi chiusi con
Giovanni Loria, Guglielmo Paletta quel valoroso del ponte di Brindisi,
Tommaso di Lentini[207], e molti altri guerrieri di nome, congiunti o
clienti dell’ammiraglio. Indi con assai sangue, ma non lungamente, si
travagliò quest’assedio nella state dei novantasette; finchè oppugnato
da tre bande il castello, crollato da’ tiri delle macchine, fuor di
speranza d’aiuto di là da’ mari, Giovanni s’arrendè, salve persone ed
averi, e passò in Calabria con Ilaria moglie sua, figliuola del conte
Manfredi Muletta, Ruggier Loria figliuol dell’ammiraglio, e tutta lor
amistà. Francavilla s’era già data a’ Messinesi, venuti a osteggiarla.
Il castel d’Aci, foltissimo sur una roccia che bagnasi in mare, tenne
contro gli assalti de’ Catanesi. Ma venutovi Federigo dopo la resa di
Castiglione, fece costruir una torre di legname, alta a pareggio delle
mura, mobile su ruote interne, congegnata con un sottil ponte che
s’addimandava cicogna, la quale approcciata a una picciola gittata di
mano, fe’ tosto calare il presidio ad arrendersi. E così fu spenta in
Sicilia la ribellione dell’ammiraglio[208].

Nello stesso tempo la fortuna peggio l’umiliava in Calabria. Con
un grosso di cavalli di re Carlo[209] si pose egli a sfogare il
fresco dispetto, sugli acquisti nostri di quelle province, mescolando
pratiche e forza[210]; che fin tirò Blasco Alagona a un abboccamento,
per tentarlo, o metterlo in sospetto di Federigo; ma riuscì solo a
questo intento. Il dubbioso principe chiamava Blasco in Sicilia: e
Loria colsene il tempo a ribellar la città di Catanzaro, e patteggiar
col castello che si desse a capo a trenta dì, se non fosse soccorso.
Nè a ciò Federigo, impacciato in quegli assedi in Sicilia, ben potè
riparare. Rimandò in fretta in Calabria il generoso Blasco e con
esso Calcerando e Montecateno; ma la più parte dei feudatari non fu
pronta a partirsi dalla Sicilia, per anco non queta; talchè il termine
strignea, nè v’avea de’ nostri meglio che dugento cavalli, raccolti a
Squillaci, mentre Loria con quattrocento minaccioso aspettavali. Era
la notte anzi il trentesimo dì, e Blasco, fitto in questi pensieri,
sforzavasi indarno a rifocillarsi con un po’ di sonno, quando un de’
suoi scorridori affannoso viene a dirgli, esser testè giunto al campo
nimico Goffredo di Mili con trecento cavalli. Saltò Blasco dal letto;
l’afferrò pel braccio, e «Taci, gli disse, o morrai; niuno de’ nostri
nol sappia:» e il cresciuto pericolo dileguò nel suo grand’animo
ogni dubbio al combattere. Innanzi dì, consultatone con gli altri
due capitani, fa cibar le genti; muove da Squillaci su Catanzaro.
Giunsero a vespro, in un vicin rispianato tra letti di torrenti, che
s’addomandava Sicopotamo, e trovaron Loria uscente a battaglia.

Settecento cavalli avea, con ventiquattro bandiere di signori, ordinati
in tre linee: e comandava egli il primo squadrone, l’altro Reforziato
cavalier provenzale, l’ultimo Goffredo di Mili. De’ siciliani uomini
d’arme, partitisi ventiquattro anzi il combattimento, restaron
centosettantasei, che Blasco, per la pochezza del numero, strinse in
una sola schiera, toltone un drappelletto che pose all’antiguardo con
Martino Oletta: e della battaglia ei comandò il centro, la destra
Calcerando, Montecateno la manca; i lati assicurò con almugaveri e
gente dell’armata, sparsi sulle ripe di due torrenti. In tal postura
aspettavan lo scontro.

Dall’alto al basso caricò l’ammiraglio con la prima banda; nè pur fe’
tanto, che rompesse il nostro antiguardo: onde, perduta la foga, da
paro a paro cominciò a combattere, e impedì Reforziato, che seguiva a
corsa con l’altra schiera credendo compier la vittoria. Si distende
Reforziato dunque su i fianchi dell’oste siciliana; donde i fanti a
furia di dardi e sassi il ributtavano con molta strage. Ma Goffredo
di Mili, movendo con la terza schiera, perplesso per l’inaspettata
resistenza, postosi a canto a Ruggiero, per la strettezza del luogo,
o non l’aiutò, o l’impacciò, mentr’ei si travagliava duramente con
Blasco: ambo ostinati, l’uno, dice Speciale, per uso alla vittoria e
fidanza nel numero; l’altro per vedere i suoi sì feroci e serrati,
e non aver giammai voltato faccia in battaglia. Ruggiero, ferito al
braccio, mortogli sotto il cavallo, sparve un istante in mezzo la
mischia; la sua bandiera, assalita da un nodo di uomini fortissimi,
balenò; l’alfier che la reggea, ferito in volto, non vedendo più il
signor suo, die’ le spalle alla zuffa. Allor Blasco con terribil
voce incalza, gridando: «Avanti, cavalieri, or che cede il mico:» e
i Siciliani, nel decisivo momento fatti maggiori che uomini, aprono
gli squadroni nimici, li squarciano e sparpagliano. Di qui «Alagona»
gridan essi, di lì «Aragona» le genti dell’ammiraglio, sperando invano
l’usata vittoria in quel grido; e or nocque, perchè Goffredo Mili,
nell’agitazione e rovinio del conflitto, credendo sentirsi gridar
Alagona a’ fianchi, come circondato e perduto, fuggì, traendo con sè
le altre schiere; e fece compiuta la disfatta. Caddervi i figliuoli di
Reforziato e di Virgilio Scordia, Giordan d’Amantea e nobili molti.
Reforziato stesso fu preso, ma fuggì, corrotte le guardie; assai più
camparono per la notte sorvenuta. Il gran Ruggiero, ferito, a piede,
obbliato da tutti i suoi nella rotta fuga, s’ascondea sotto una siepe,
aspettando da un momento all’altro i nostri guerrieri e la morte;
quando a caso il vide un suo famigliare che fuggiva, e smontato in un
attimo, gli die’ il proprio cavallo. Piangendo di rabbia, risaliva in
arcioni l’ammiraglio; anch’egli, a spron battuto dileguandosi innanzi
i nostri, si rifuggiva a Badolato; e dava poi grande avere nel reame
di Valenza a questo fedele, che con tanto pericol suo il tolse a
indubitabil morte. Ma se il capo di Ruggiero non fu tra i premi di
questa giornata, bastò ai nostri avergli dato la prima rotta ch’ei
toccasse in sua vita: un pugno d’uomini, in mezzo al paese nimico,
incontro a tal capitano, vinse tre tanti e più del suo numero. Si
tornarono la dimane a Squillaci; e non che mantenere il castello,
Calcerando ripigliò la terra di Catanzaro, ove gli avanzi della gente
nimica non osaron far testa[211].

Non guari dopo Bernardo Sarriano, audace capitan di navilio finchè ebbe
Siciliani, volto a parte nimica, assaltava Malta con un armatetta,
tentava Marsala; e, deluso nell’una e nell’altra impresa, tornavasi
a’ porti di Napoli; non aspettato Federigo, che a’ primi avvisi
armò in fretta in Palermo ed altrove una trentina di galee, con le
quali pensava andar egli stesso. Senz’altra fazione d’importanza finì
poi l’anno novantasette, e tutto il verno. Federigo, con Manfredi
Chiaramonte e Vinciguerra Palizzi, macchinava contro lo ammiraglio, or
di spegnerlo per una mano di uomini risoluti, allettati da gran premio;
or di sfidarlo a duello per un campione, che fu il famoso difenditor
di Girona, Ramondo Folch, visconte di Cardona; e dovealo appellar
di tradigione secondo gli usi di Barcellona o il foro aragonese, e
in duello ammazzarlo, o almeno, tirandolo in Ispagna, toglier tal
mastino dal collo a Federigo[212]. Ma nulla approdaron queste pratiche
contro Ruggiero. Un Montaner Perez de Sosa, mandato alsì da Federigo
in Catalogna ad attraversare i preparamenti della guerra, non trovò
riscontro ne’ popoli; e per poco scampò dalle mani di re Giacomo[213],
infiammato nella causa, come diceanla, della santa Chiesa, dal danaro
che il papa e Carlo gli porgeano[214]. Perchè Loria, trafitto dall’onta
di Catanzaro, ma feroce in volto e superbo come per vittoria, era
andato a re Carlo, a far grande scalpore della vergognosa fuga dei
suoi, e che nulla s’otterrebbe senza il re d’Aragona: onde Bonifazio,
visto che qui n’andava tutta la fortuna della guerra, die’ a Giacomo
quanto ei volle; tollerò ch’ei tardasse la restituzione degli stati di
Giacomo re di Maiorca, sollecitata efficacemente dal re di Francia;
snocciolò dalla camera apostolica i danari raccolti da quelle province,
che il pio Costantino, scrive Niccolò Speciale col fiero piglio del
Dante, il pio Costatino ad altro uso largiva a Silvestro poverello.
Questa moneta armò contro la Sicilia Aragonesi, Catalani, Francesi,
Provenzali, Guasconi, Italiani e altre genti; di che fornite a un di
presso ottanta galee, fatta tregua col re di Castiglia, navigava re
Giacomo a Ostia[215], entrando la state del novantotto.

E Federigo, fatto ammiraglio Corrado Doria, che avea nome di valente
in mare, armava sessantaquattro galee; forse con grande aiuto dei
Messinesi, ai quali in questo tempo raffermò la franchigia delle
dogane di mare e di terra, e diede immunità dalle collette, imprestiti
e tutte altre esazioni, per premiarli del passato, e ingaggiarli
a nuovi sforzi di fede e valore[216]. Gravate queste galee, oltre
i soldati d’armata, di settecento cavalli, impedimento in mare, in
terra pochi, salpò di Sicilia, proponendosi antivenire l’arrivo della
armata d’Aragona a Napoli. Federigo sulla capitana, spiegando lo
stendardo reale di Sicilia, seguito da lunga fila di galee, solcava il
golfo di Napoli, a suon di trombe, in atto baldanzoso e minaccevole,
senza ch’alcuno uscissegli contro; gittava l’ancora ad Ischia, che
teneasi per lui; ove soprastato un bel tratto, fe’ inaspettato
ritorno in Sicilia. Speciale il dà ad ammonimento del fratello, che
volendo fare romore e non danno, mandava da Roma ad avvertirlo, non
arrischiasse tutte le sue sorti lungi dalla Sicilia. Ma ne’ fatti
dell’uno e dell’altro in questo tempo, si scorge tutto il contrario
che moderazione e pietà di fratelli; onde più probabil sembra che
per la flotta sua non provveduta, per avvisi della nimica sì forte,
e sopra ogni altra, per non saper che si fare nè egli nè il Doria,
buoni soldati ma infelici capitani d’armata, abbandonavano un disegno
maggiore assai di loro, mal copiato da que’ maestri assalti di Loria
dell’ottantaquattro e dell’ottantasette. Tornò dunque Federigo in
Sicilia a munir castella e ordinar forze terrestri. Giacomo, di Roma
andò in Napoli con la flotta; e dopo lunghi consigli, affrettandosi
tanto che non aspettò stagione, fe’ vela sopra Sicilia a ventiquattro
agosto del novantotto[217], con gran podere di navi e di genti[218];
seguendolo non guari dopo, Roberto duca di Calabria, erede della
corona di Napoli; e portando con loro, come usato stromento di guerra,
un legato della corte di Roma, che fu il cardinale Landolfo Volta[219].

Messe in terra le genti vicino Patti, drizzata quivi la flotta,
occupava Giacomo l’indifesa città il dì primo settembre: e principiò da
questa banda l’impresa di Sicilia, per consiglio di Ruggiero, ch’ebbevi
già molte castella, ed or, agognandone il racquisto, il procacciava
con dir più agevole in quelle regioni per le sue molte clientele
lo effetto delle armi. E in vero i collegati fondarono assai su le
pratiche, aiutandole con la scena, niente spiacevole a Bonifazio, del
rendersi la Sicilia non a casa d’Angiò, ma alla romana corte, di cui
Giacomo si nominava capitan generale, ed esercitò con tal sembianza
atti d’autorità, che avrebbero dovuto svegliare a gelosia la corte
di Napoli, s’ella fosse stata in tali condizioni da potersi risentir
delle usurpazioni de’ suoi alleati, dalle quali tornavate immediato
comodo[220], S’aggiunse a questo la riputazione de capitani; quando
insieme col nome di Loria, suonava quel di Giacomo, principe non caro
all’universale in Sicilia, ma intimo con parecchi baroni, riverito da
molti per consuetudine a obbedirlo, e ridottato da’ più per arti di
regno e valore in guerra. Indi lo sbarco si divulgò per tutta l’isola
con terrore; e, sedotte da Ruggiero, s’arreser le castella di Milazzo,
Novara, Monforte; San Piero sopra Patti e poche altre. Ma la più parte
delle terre d’intorno, non curando lusinghe nè spaventi, tenne per la
siciliana causa[221]. Il re d’Aragona, consumati poco men che due mesi
senza maggiore acquisto, cercando alla flotta sua un porto vernereccio
più capace, pensò impadronirsi di Siracusa. Andovvi allo scorcio
d’ottobre, rinforzate prima le occupate castella; e trovò Siracusa sì
gagliarda, da non mancare allo antico suo nome.

Attendatasi la formidabil oste di Giacomo sulla costiera ond’esce
in penisola la moderna Siracusa, ch’era di già misero frammento
dell’antica, si sparse depredando per la campagna; drizzò le macchine
contro il castello dell’istmo; poi die’ furiosi assalti di terra e di
mare; e sempre fu niente alla città, forte e fedele, comandata dal pro
Giovanni Chiaramonte. Sdegnò costui fin d’ascoltare i messaggi dello
insidioso re d’Aragona. Penetrò una congiura, macchinata da chierici,
che per promessa di dignità ecclesiastiche, accoppiando simonia a
tradigione, profferiano a’ nemici la torre della porta Saccara; i
quali furon puniti nel capo. Con estrema costanza i Siracusani patiron
la fame: per quattro mesi e mezzo il re d’Aragona indarno li strinse
con ogni argomento d’assedio. In questo tratto, di ferro e di morbi
scemavasi l’oste; nè più s’allargava in questa orientale, che nella
settentrional regione. Buscemi, Palazzolo, Sortino, Feria, Buccheri,
gli s’arresero; e Buccheri pochi dì appresso tornò in fede. Mandatovi
da re Giacomo il conte d’Urgel a ripigliarla, con un forte di cavalli
e di fanti, i terrazzani, rustici e fieri, al dir di Speciale, diersi
a combatterlo dall’alta lor postura, con una tempesta di selci, talchè
mal concio si ritirò. Ma que’ ch’a furia di popolo avean vinto, la
notte fur presi d’un vano timore che non tornassero i nimici con
maggior forza; onde la terra sì egregiamente difesa contro gli armati,
senz’alcuno assalto abbandonarono. Tal è senza capi la moltitudine.
Tali passioni in quel tempo infiammavano i Siciliani, fin delle terra
più rozze, ove non son ordini da rendere util valore una natura animosa
e pugnace[222]!

Ondechè Federigo, consigliandosi di far guerra guerriata al nemico che
non potea fronteggiare con giusto esercito, ragunò il più che potea
genti a Catania, nè troppo discosto, nè troppo vicino al nimico, per
vietargli, senza battaglia, di spargersi per l’isola, Nè perchè la
città di Patti, tornata al suo nome, l’invitasse all’assedio della
rocca, ov’eransi chiuse le soldatesche nimiche, lasciò Federigo
l’importante sua postura. Manda a Patti uno stuol di Catalani sotto
Ugone degli Empuri, di Messinesi sotto Benincasa d’Eustazio, di
Catenesi sotto Napoleone Caputo e altri Siciliani. Ei da Catania
confortava i Siracusani a tener fermo, forse con aiuti, certo con
larghe concessioni di franchigia nelle dogane, e abilità a legnare nei
boschi regi: e redintegrò i confini antichi del territorio; die’ loro
la proprietà d’alcuni poderi[223]. Non lungi dal re, Blasco Alagona
stava con un pugno d’audacissimi, a volteggiar, dice lo Speciale,
intorno i nimici alloggiamenti, come lupo che non osa assalire i
mastini, ma rabida fame lo stiga al ratto. In questo tempo Giovanni
Barresi, barone siciliano d’illustre prosapia, ribellatosi da Federigo,
per animo non curante del pubblico, ed error di troppa scaltrezza a
speculare il privato suo bene[224], die’ agli stranieri le castella
di Naso e Capo d’Orlando nel settentrione, la forte Pietraperzia
nel cuore dell’isola. Sperando quivi sicuro asilo, i mercenari di
Giacomo si avventurarono allora a cavalcar il paese più addentro che
non soleano. Seppelo Blasco dai suoi rapportatori, e li appostò in
Giarratana al ritorno di Pietraperzia. Una notte dunque di folgori e
tempesta, mentr’essi, carichi di bottino, venian sicuri al campo, si
trovano avviluppati nell’agguato di Blasco, tra sentieri mal noti;
nè seppersi difendere, nè trovar via alla fuga. Berengario e Ramondo
Cabrera, Alvaro, fratello del conte d’Urgel, con più altri andaron
prigioni; pochi scamparono. E Blasco, tutto lieto della prima vittoria
contro i Catalani, recò a Federigo in Catania le funate de’ gregari,
legati a dieci a dieci, e sciolti, sotto buona scorta, gli uomini di
paraggio[225].

Più segnalato avvantaggio s’ebbe per mare. Saputo l’assedio del castel
di Patti, spiccavansi al soccorso dal campo sotto Siracusa trecento
cavalli capitanati dall’ammiraglio, e venti galee cariche di vivanda
con Giovanni Loria. Dei quali l’ammiraglio, con ardire e fortuna,
cavalcando per lo mezzo della Sicilia nemica, giunse a Patti, e
dileguò l’assedio; perchè i nostri, com’era intendimento di quella
guerra, scansaron venire a giornata: e dato lo scambio al presidio
del castello, stracco o dubbioso nella fede, velocissimo al campo
tornò Ruggiero. Dopo lui giunse a Patti l’armatetta di Giovanni, e
vittovagliò anco il castello, ma non fu felice al ritorno, Perchè
Federigo vedendo qual destro gli offriva la fortuna, di combattere
contro una punta sola delle navi nemiche, sopraccorre di Catania a
Messina; gittasi nelle braccia dei cittadini, scongiurandoli a montar
sull’armata; nè molto penò a infiammarli, sì che avean allestito
sedici galee, quando si seppe da’ riconoscitori l’armatetta catalana
navigar ne’ mari di Mirto, e poi fur viste le prime galee, che
abbandonate da’ venti si sforzavan remigando a valicare lo stretto.
S’odono in Messina squillare le trombe per ogni contrada; corrono
armati al mare giovani e vecchi; il fratello, scrive Speciale, chiama
all’armi il fratello, il padre non respinge i figli che il seguono al
rischio; in tutti è una brama, di perire o pigliar vendetta di cotesti
Catalani, predon venderecci, venuti a portar guerra ingiusta a’ lor
liberatori della vittoria di Roses. Disordinatamente vogan dunque i
Messinesi all’affronto, con tal furore che il disordine stesso non
nocque. Per breve zuffa, senza molto lor sangue, trionfarono de’
nemici, contrariati dal vento; ogni galea messinese ne cattivò una
Catalana; le altro quattro si salvaron fuggendo; ma Giovanni Loria
restò tra i prigioni. Al ritorno de’ vincitori, non furono spettacol
nuovo a Messina, un re piangente di gratitudine che mescolavasi tra
il popolo e combattenti; le donne che traeano agli altari, recando
la offerte votate nell’ansietà del rimirar la battaglia. I prigioni
più notabili furono chiusi in castello; i minori in altre carceri
di Messina e di Palermo, ch’eran Catalani la più parte, e i nostri,
com’è aspro il risentimento dopo dimestichezza e vicendevoli obblighi,
non contenendosi che non aggravassero la prigionia col dileggio e
chiamaronli _garfagnini_[226]. Dopo questo disastro poco giovò ai
nimici la ribellione di Gangi; ove se vennero il traditor Barresi,
Tommaso Procida, e Bertrando de’ Cannelli, catalano, a confortare
la terra a difesa, non tardavano a presentarsi ostilmente con armi
siciliane Matteo di Termini, maestro giustiziere, uom nuovo, ascendente
a possanza nella corte di Federigo, e Arrigo Ventimiglia conte di
Geraci s d’Ischia, d’antica nobiltà e nimistà a parte angioina[227];
i quali trovando ostinati i terrazzani e fortissimo il luogo, davano
il guasto al contado[228]. Ma un altro più grave effetto ebbe il
combattimento del Faro. Perchè arrivate al campo di Siracusa le navi
fuggenti, ristretti a consiglio Giacomo, Roberto e il legato, co’
principali capitani, consideravano la resistenza durissima di Siracusa,
da non vincersi di leggieri: le molte migliaia mancate all’oste[229];
la flotta menomata, ch’essi in paese nemico non potrebbero ristorare,
ma ben i Siciliani la loro, incoraggiati dall’ultima vittoria: e
certo fu tra le principali ragioni, che la guerra andava in lungo, e
gli stipendi della gente catalana correano scarsamente[230]. Perciò,
messo il partito da un Pietro Cornel, assai riputato tra i condottieri
di Giacomo[231], si deliberò la ritirata. Raccolsero sulle navi gli
arnesi e le tende di maggior prezzo; poser fuoco agli alloggiamenti;
e l’armata fe’ prora a settentrione. Lasciati da cinquecento cavalli
e duemila fanti nelle occupate fortezze, il re d’Aragona, pria di
partirsi di Sicilia, sostava a Milazzo, ridomandando a Federigo le
sedici galee co’ prigioni; e promettea che mai più non tornerebbe
a’ suoi danni. E forse, quant’era stato bene una volta non ascoltar
Giacomo, tant’era in questo incontro assentirgli; e Vinciguerra Palizzi
sostenealo caldamente nel consiglio del re, mostrando che a sì grande
utilità potea ben sagrificarsi un po’ di vendetta. Corrado Lancia,
per lo contrario, stigava Federigo ch’usasse la fortuna; che rispinto
ogni accordo, di presente uscisse con l’armata a combattere i Catalani
fuggenti: e il re, che non sapea reggersi fuorchè ad altrui consiglio,
seguì per abitudine quel di Corrado. Data dunque tal risposta ai legati
d’Aragona, Federigo, per novella ira di qualche parola di Ruggier Loria
riportatagli in mal punto, affretta il supplizio di Giovan Loria e di
Giacomo Rocca, condannati nel capo dalla gran corte, a ragione, per
ch’eran rei di tradimento; ma costò poi molte lagrime alla Sicilia.
Intanto infellonito contro il fratello, messa in punto tutta la flotta
in pochi dì, montovvi Federigo, cercando battaglia. Gliela tolsero un
vento fortunale che si levò, e la prudenza di re Giacomo, il quale amò
meglio affrontar la tempesta, che il fratello in quell’ira; non sappiam
se mosso da carità del sangue, o da coscienza delle proprie sue forze.
Perdute due navi tra le isole Eolie, tornossi di marzo del novantanove
a Napoli; ove Bianca gli partorì un figliuolo, ei fortuneggiò tra vita
e morte in breve malattia, e appena sorto dal letto, sopraccorse in
Ispagna ad assicurar le sue frontiere minacciate. Federigo, battuto e
mal concio dalla tempesta, si ricolse nel porto di Messina. Nè andò
guari che Manfredi Chiaramonte ridusse Pietraperzia; il re stesso, con
maggior oste e più duro assedio, Gangi, uscitini a patti i tre baroni
nominati dianzi; ed ebbe alsì le castella occupate dai nimici presso
Siracusa. Quelle della costiera di tramontana, già vicine ad arrendersi
non ostanti i soccorsi di Napoli, instando all’assedio Federigo, furon
liberate dal nuovo passaggio de’ Catalani[232].

Così allenando in primavera del novantanove, ambo le parti ripigliavan
forze al nuovo conflitto. Papa Bonifazio, superbo di questo gran colpo
di scatenare il fratello contro il fratello, sì che scrivealo fra le
principali sue geste in accrescimento del nome cristiano, e vantavasi
delle notti vegliate a macchinarlo, e della moneta gittatavi[233],
raccolse allora sotto il patrocinio della Chiesa il reame di Aragona,
che, assente il re, i vicini nol turbassero; die’ a Giacomo per
la guerra siciliana le decime ecclesiastiche de’ suoi reami, e il
vescovo eletto di Salerno, legato apostolico da maneggiar censure e
perdoni[234]; ma questa fiata men prodigo fu di danari. Smorzava ciò lo
zelo di Giacomo, ch’era cominciato a pentirsi, e tornò ciò non ostante
a Napoli in fin di maggio[235], perchè l’anno innanzi, fidandosi
ne’ sussidi di Bonifazio e di Cario, s’era vincolato a pagar egli i
soldati, e indi i debiti stessi lo strinsero a continuar nel servigio
de’ due potentati italiani, e raddoppiare gli sforzi alla vittoria. Par
che in questo tempo una speranza inaspettata di libertà s’offrisse ad
Arrigo, Federigo ed Enzo, figli di Manfredi, per la necessità in cui
era Carlo II di far ogni piacere del re d’Aragona, o per altro disegno
che non saprebbesi indovinare; e che il disegno o il desiderio dì
Giacomo si dileguassero prestamente per la ragion di stato che volea
sepolti vivi i veri eredi del trono di Sicilia. Dicemmo già ch’essi,
con la sorella Beatrice, passaron dalle fasce alle tenebre e all’oblio
della prigione. Ruggier Loria alla prima vittoria del golfo di Napoli
ridomandò ben la Beatrice, minor sorella della regina Costanza; non
però i tre giovanetti ch’avrebbero conteso alla casa d’Aragona ogni
dritto su la Sicilia, e, se non dalla corte, certamente dal volgo, si
credeano spenti. Carlo II ordinava a un suo cavaliere il venticinque
giugno del novantanove, che li traesse dal castello di Santa Maria del
Monte; li vestisse, li provvedesse di cavalli, e liberi li mandasse
alla corte di Napoli. Ma la storia nulla ci dice di loro; ed è evidente
che i nipoti del gran Federigo, o furon vittima di qualche misfatto, o
la loro liberazione fu contrabbandata, o tosto tornarono alla prigione,
perchè non s’avviluppasse maggiormente con questi altri pretendenti la
gran lite di Sicilia[236].

Il re d’Aragona, che per certo facilmente s’acquetò alla sventura de’
fratelli della madre, seppe cavar moneta il più che potea dallo esausto
erario di Napoli[237]. S’acconciò col suocero che questi gli pagherebbe
il rimagnente delle spese della passata impresa, sottilmente computato
tra i commissari dei due re, per ventimila quattrocento ottantanove
once d’oro, obbligandovi Carlo tutti suoi domini, e specialmente
l’isola di Sicilia, se avvenisse di racquistarla; e si pattuì ancora,
che ripigliando la guerra, lo Spagnuolo avrebbe pronta moneta, nè si
farebbero mancare i sussidi per lo innanzi[238]. Crebbero per cagion
di sì gravi spese le penurie della corte di Napoli; ch’indi in questo
tempo veggiamo, mal sovvenuta da’ popoli con mendicati doni più tosto
che tasse, vender gioielli, e più precipitosamente ingaggiarsi co’
mercatanti toscani che le davano in prestanza, le maneggiavano i
cambi, e, come co’ falliti si fa, toglieansi in pagamento le entrate
più spedite[239]. Portan la stessa sembianza gli stentatissimi
pagamenti alle soldatesche di Giacomo[240]; la sollecitudine della
romana corte a farsi promettere da quella di Napoli il valsente di
tanti poderi, per la massa enorme de’ debiti che si erano ammontati,
di censo alla Chiesa, d’imprestiti dei suoi mercatanti, di sovvenzioni
per la guerra, di sovvenzioni per la dote della figliuola, con che
comperaron Giacomo re d’Aragona[241]. Per questi travagli ancora, re
Carlo vedea nel reame di Napoli prorompere assalti e guerre private,
come avviene ove mal reggasi il freno degli ordini pubblici[242]; avea
a temer sudditi volti a praticare con quegli stessi minacciati ribelli
di Sicilia[243]; era necessitato a porre magistrati con istraordinaria
autorità nelle città più grosse, ove i consueti modi del reggimento
rendeansi inefficaci[244]. Donde furono debolissimi in tal tempo i
nerbi di guerra d’un reame, che dapprima avea armato contro la Sicilia
tanti eserciti, tante flotte; nè per numero d’uomini, nè per mole di
preparamenti fallò che non la domasse.

Ed or fu costretto Carlo ad accattare l’armata dallo Spagnuolo,
nè vi sopperì del suo che poche galee, e remiganti, vittuaglie,
attrezzi, ch’erano il frutto di quegli ultimi disperati imprestiti
di moneta[245]. Poco men tristo fu per vero l’esercito di milizie
feudali, compagnie di venturieri, e in qualche caso fanti armati dalle
città[246]; e pur non ebbero tanta forza che sbarbassero di terraferma
le nostre soldatesche, varie, ribalde, senza disciplina, senza paga.
Non che nelle Calabrie sì vicine a’ nostri aiuti, non valser gli
sforzi di re Carlo contro picciole castella di Principato stesso,
contro le isolette a veggente di Napoli; e fa d’uopo che si volgesse a
procacciar tradimenti, aiutandol Giacomo con la sua riputazione appo
gli antichi suoi condottieri siciliani e spagnuoli, ch’or teneano
per Federigo. Il pro Ruggier Sanseverino conte di Marsico, e quel
Ruggier Sangineto che delle romane virtù imitava bene le snaturate
ed atroci, or mostraronsi peritissimi a servir Carlo nelle novelle
sue vie. Si pensò mandar la flotta catalana sopra Ischia, Procida,
Capri, che teneano il governo angioino in molto sospetto, e sbarcarvi
saccardi di Napoli, Capua, Aversa, che dessero il guasto alle campagne:
e mal ritraesi se la fazione fu dismessa o fallì; certo che le tre
isole resistettero fino alla sconfitta del Capo d’Orlando[247]. A
castell’Abate, sulla meridional punta del golfo di Salerno, che i
nostri per tredici anni avean tenuto con mirabile costanza, andò il
Sanseverino, men a combattere che a trattar tradimento con alcuni
almugaveri del presidio, spagnuoli e siciliani, che passaron di lì
a poco a’ soldi dell’Angioino. Sforzato da questi sleali, o da’
terrazzani, Apparente di Villanova capitan del castello, all’entrar
di marzo del novantanove pattuiva che darebbe la piazza, salve robe
e persone delle sue genti, con immunità larghissime e sicurtà degli
abitatori della terra, s’a capo a trenta dì non fosse soccorso da
Federigo; il quale non potendo mandar alcuno aiuto, s’arrese alfine il
castell’Abate, con vana mostra di venirvi i principi Roberto e Filippo
e grande oste del regno[248]. Sembra che per simil guerra tornassero
all’ubbidienza del re di Napoli, Rocca Imperiale e Ordeolo, terre in
Basilicata e val di Crati, alla cui espugnazione si fece gran ressa.
Tenne fermo il castel di Squillaci[249]. Vendè Otranto il traditore
Berengario degl’Intensi, catalano, passato co’ suoi venturieri a parte
nemica, e rimasovi in dubbia fede, sì che l’imprigionarono; ma poi
gli ottenne mercede Giacomo, amico di sì fatti ribaldi[250]. Altri ne
fallirono a Federigo in questo tempo medesimo; i quali, al par che
l’Intensa, credean colorire il prezzo del tradimento, con farsi pagar
dai nemici i loro stipendi, non soddisfatti dal re di Sicilia, o così
essi diceano, non trattenendosi forse dalla menzogna poichè s’eran
gittati al più vil dei misfatti. Così Giacomo trattò col castellano di
San Giorgio in Calabria, e il volse a parte angioina[251]. Guidone
Spitafora, che reggea per Federigo la terra di Taverna in Calabria,
sedotto da Sangineto, la rese a tradigione, ed ebbesela in feudo.
Per simil premio, il Sangineto ordiva che rendesse al nome d’Angiò
Martorano anco in Calabria. Precipitavano alla corruzione i privati,
tra tanti rivolgimenti e pericoli de’ governi. Precipitava alla
corruzione, per troppa voglia e debolezza, lo stesso Carlo II, cui
dritto animo e pietà cristiana non ritennero, non che dal trattare i
tradimenti delle dette due terre, ma dal por giù ogni pudore, scrivendo
in questi casi ne’ suoi diplomi latini: «Onore è ciò che toglie
molestia;» che suona bisticcio miserabile in quell’idioma, e bestemmia
nel linguaggio dei giusti[252].

Federigo al contrario, sommo magistrato d’un popolo ritempratosi nella
rivoluzione, convocando il parlamento a Messina, cospicuo nelle regie
vestimenta, dal soglio esordiva con la parola del profeta, «Morire in
guerra, pria che mirare i mali del popol tuo.» Vivamente ei dipinse
l’ingratitudine di Giacomo, or vegnente con fresche masnade e con due
principi del sangue d’Angiò, contro il fratello, contro quest’isola che
il crebbe alla gloria, ed egli s’apprestava per gratitudine a guastare
e depredare i campi, a rovinar le città, a versare per vil prezzo
il sicilian sangue. «Or noi, dicea Federigo, salviam le ricchezze
del nostro suolo, antivenendo l’assalto, mentre son intere le forze
del reame; combattiamo in mare questi vecchi nemici, le cui cento
bandiere veggonsi appese ne’ vostri tempi, questi nuovi avversari,
assai più ingiustamente armati contro noi, onde già li sgarammo nella
prima prova, e peggio or li confonderà Iddio. Per noi la ragion delle
genti; noi per la patria e per le case nostre combatteremo!» Troncò
questo parlare la siciliana impazienza, tuonando al solito a gran voce
«Guerra»: e per tutta la nazione si fe’ un gran dire contro il protervo
Giacomo, un chieder arme, uno stigarsi l’un l’altro alle battaglie ed
al sangue. Indi appellati i feudatari e i borghesi, di gran volontà,
frettolosi accorreano a Messina. S’apprestò la flotta, di quaranta
galee: e saputo già in mare il nimico, poichè tutte le genti fur
montate in nave, re Federigo ascese la capitana, riccamente ornata e
dorata, e si spiegaron le vele. Il popol di Messina, affollato intorno
al porto, le accompagnò con evviva, lagrime, voti[253].

Navigava que’ mari nel medesimo giorno la flotta catalana, rifornita
al ritorno di Giacomo, rinforzata di poche galee del reame di Napoli;
che salpò il ventiquattro giugno[254], e portava il re d’Aragona, con
Roberto duca di Calabria, Filippo principe di Taranto e Ruggier Loria:
acceso costui a vendicare il supplizio di Giovanni; i Catalani a lavar
l’onta di quella sconfitta; Giacomo a finir presto le brighe di questa
guerra. Erano alle isole Eolie, drizzandosi alla più vicina costiera
di Sicilia, quando un legno siciliano sottile, uscito a riconoscere,
tornò a vele e a remi a darne avviso alla nostra flotta, che, superato
lo stretto, prendea già Milazzo. Indi i nostri a dare forzosamente
ne’ remi, anelando prevenir lo sbarco; ma il tardo avviso, o i venti,
o maggior arte dell’ammiraglio nemico, fecero che già guadagnati i
lidi di San Marco, alla foce della fiumara Zappulla, gittate avea le
ancore, rivolte le prue al di fuori, in ordine di combattere, quando
la siciliana flotta, al girare il capo d’Orlando, l’avvistò. Scoppiava
dalle nostre ciurme un impeto d’allegrezza all’aspetto del nemico;
fean suonare infino a’ cieli il nautico grido di guerra _aur, aur_,
tolto un tempo da que’ Catalani medesimi; e a testa alta, infelloniti
e bramosi, senz’ordine arrancavan sovr’essi. Potè Federigo a stento
por freno a questa temerità, tanto più cieca, quanto in brev’ora si
aspettavan dai mari di Cefalù otto galee di val di Mazzara con Matteo
di Termini; e ’l giorno se n’andava; le navi nimiche si vedean legate
sì salde alla spiaggia e tra loro, che non la flotta veneziana e
la genovese congiunte alla nostra, diceano i pratichi, l’avrebbero
sforzato giammai. A’ risoluti comandi del re, le ciurme ubbidirono,
non s’acquetarono; e proverbiavanlo: «Che fa? che dorme? scordò chi
siam noi? Invilì Federigo; o riguarda il fratello, e vuoi torcerlo di
mano!» Così gonfi da tanti anni di fortuna in guerra, dandola alle lor
braccia sole, non curanti s’avessero ammiraglio, o il sol nome, nè dove
fosse il gran Loria, tardava loro mortalmente quella notte di state.
Placidissima sorrise nel firmamento, mentre negli animi dei mortali
bollivan tante ire, tanti pazzi immaginari di combattimenti, glorie,
acquisti, vendette, paure. Il cauto Giacomo fe’ sbarcar cavalli e
bagaglie e quanti pareano men validi al combattere; chiamò i presidi
delle castella; e la mattina a dì, sulla spiaggia, parlando d’alto tra’
suoi baroni, esortava le genti. Dicea dell’ubbidienza alla santa sede;
de’ lor maggiori combattenti sempre per la fede; s’ei balenò alquanto,
s’era poi ravveduto; ammonito non potersi salvar l’anima del genitore,
che sarebbe cruciata da atroci flagelli, finchè non si rendesse la
Sicilia: onde tra la pietà del padre e del fratello, la prima avea
vinto. «Voltici al buon sentiero, aggiugnea, quante offese non patimmo
da questa indomabil genìa di Sicilia, che da noi apprese a combattere!
Or eccola; minor di numero, minor di legni, e pur invasa di cotanta
baldanza contro gli uomini e Dio! Gastigatela, Catalani!»

Indi con tutta l’oste montò sulle cinquantasei galee ordinate in una
linea di battaglia, con le ali distese, da soverchiare la minor linea
nostra; e nel mezzo stette la capitana, col re e i figli dell’Angioino.
A dirimpetto le s’era locato Federigo, standogli a dritta diciannove,
a manca venti galee; e comandava alla poppa della sua nave un Bernardo
Ramondo, conte di Garsiliato; alla prora Ugone degli Empuri, fatto
conte di Squillaci; nel mezzo guardava lo stendardo reale Garzia di
Sancio, con un gruppo di guerrieri fortissimi. Erano d’ambo le parti,
noti, amici, congiunti; capitani due fratelli; come in guerra civile.
Perciò più rabbiosamente, di qua di là mossero all’affronto, il sabato
quattro luglio milledugentonovantanove, poco appresso il sorger del
sole. Alle spalle de’ nemici la riva di San Marco, a dritta il capo
d’Orlando; venian di fuori i nostri. S’udì squillo di trombe, fracasso
di grida, tonfo di remi, e in un attimo sparve il mare di mezzo.

Con le armi da gitto trassero gran pezza, e non a voto. Ma Gombaldo
degl’Intensi, giovin feroce, vago di gloria, e fors’anco di vendicare
il suo nome, deturpato dal fratello traditor della Sicilia, sdegnando
quel combattere da lungi, tagliata la gomona che il legava alle altre
galee, la nimica fila investe. Due navi gli furo addosso dalle bande,
una da prua; dan di cozzo, vengono all’abbordo: e Gombaldo, con
bell’ammenda della temerità, contro tal pressa difendeasi, ancorchè
ferito, e fieramente ributtava i nemici. Strettasi pertanto la mischia
per tutta la fronte, incominciò più micidial furia di sassi e dardi
vibrati da presso: le navi ad urtarsi di prua, di costa, a dar co’
remi su i remi dei nemici; ostinatamente infino alla sesta ora del dì,
con molto sangue, senza avvantaggio d’alcuno, si combattè. Federigo
cercava Giacomo; estremo orror si vedea in questa battaglia, se non
si trovavan di mezzo le altre navi, ingaggiate e accanite tra loro,
che tolsero di riscontrarsi a’ fratelli. Sotto la sferza del sole, nel
caldo del luglio, cocente quel giorno oltre l’usato, s’accese ne’
combattenti da fatica, da paura, da rabbia, dal perduto sangue una
rabida sete. Nè vino, scrive Speciale, nè acqua la spegnea. Gomabaldo,
trafelante, bruciato, date tutte le forze vitali in tante ore di
bollente battaglia, cercò un attimo di riposo, s’adagiò sullo scudo, e
spirò. L’ardire di costui preparava, la sua morte cominciava la rotta.
Guadagnano i nemici alla fine la nave di Gombaldo: avviluppate tra loro
con le gomone, co’ remi, mal s’aiutavano le altre nostre galee; quando
si sentiron alle spalle ferir da sei navi ordinate a ciò da Ruggiero.
Allora, perduta la speranza del vincere, allenarono nella difesa;
soprastettero un istante; sei galee diersi alla fuga.

Federigo, dicon le istorie, come vide piegare i suoi, risoluto a
morire, chiedea di Blasco, che fianco a fianco spargessero il lor
ultimo sangue; alla ciurma gridava: «Non restargli altro che la vita
a dare per lo popol suo;» e per vero gittavasi disperatamente tra le
navi nemiche, se non che d’un subito, vinto anch’egli da passione,
caldo, fatica, stramazzò tramortito sulla tolda. Estrema ansietà allor
nacque ne’ suoi più fedeli: che farebbesi della persona del re, mentre
in ogni attimo era vita o morte? Il conte di Garsiliato pensava di
rendere a’ nemici la spada di Federigo; Ugon degli Empuri gli die’
sulla voce; comandò di vogare a Messina; e per disperata forza di
remi, la capitana involossi ai nemici, e con essa dodici altre galee.
Blasco, che combattea non lasciando mai degli occhi il diletto suo
principe, come vide fuggir la nave, posposto a lui ogni cosa, comanda
a’ remiganti che il seguano, al suo alfiere che ravvolga lo stendardo;
e l’alfiere, rispondendogli che non vedrebbe mai Blasco Alagona lasciar
la battaglia, die’ del capo rabbiosamente sull’albero della galea, e
cadde semivivo; la dimane spirò. Ferrando Perez il suo nome. Seguirono
altri strani casi nella sconfitta. Vinciguerra Palizzi, testè creato
gran cancelliere del regno, in cambio di Corrado Lancia che fu sì
avventuroso da morire innanzi questo misero giorno[255], Vinciguerra,
per antico rancore cercato a morte dall’ammiraglio, sopraffatto da
quattro galee, dopo bella difesa, saltò sopra una barchetta vicina
a caso, e rifuggissi ad altra nave. Così ancora Alafranco di San
Basilio e altri nobili, gittatisi a nuoto. I più, soverchiati dal
numero, pugnarono con cieco furore, finchè saliti sulle navi i nemici,
incominciò un macello. Perchè l’ammiraglio con sinistra voce urlava:
«Vendicate Gian Loria!» e nobili e plebei immolati cadeano, con mazze,
coltelli, mannaie, o scagliati in mare: tanto che sostarono i soldati
per pietà; e l’ammiraglio pure a comandar sangue, a percorrere le
prese navi, più atroce contro i Messinesi, dei quali fu grandissimo
lo scempio. Federigo e Perrone Rosso, Ansalone e Ramondo Ansalone,
Jacopo Scordia, Jacopo Capece e altri nobili di Messina perironvi;
poi per istanchezza si cominciò a far prigioni, a dar di mano al
bottino. Pier Salvacossa, fuggitosi non a Messina col re, ma ad Ischia,
vilmente cercò la grazia de’ vincitori con render l’isola, ch’avea tre
anni prima difeso con singolare virtù[256]. Diciotto galee andaron
prese; da seimila de’ nostri morti nella battaglia, o dalla rabbia
de’ vincitori. Questa fu la giornata del capo d’Orlando; perduta per
incapacità di cui comandava, e minor numero e temerità de’ combattenti:
ed allora la fortuna per la prima volta mostrò, lamenta Speciale
trasportato da amor di patria, potersi vincere in naval battaglia i
Siciliani, che per diciassette anni, in guerre diverse, in orribili
scontri, e su lontanissimi liti stranieri, avean riportato senza
interruzione incredibili vittorie[257]. Gli storici guelfi, credendo
sparger vergogna su i Siciliani, perdenti sì ma con onore poco men
che di vittoria, portan rovinate le sorti della Sicilia, tolta ogni
difesa, certissimo il soggiogamento, se non che Giacomo nol volle; e
a lui appongon anco che chiudesse gli occhi alla fuga di Federigo:
non probabili cose, anzi non vere, come il seguito degli avvenimenti
dimostrerà.



CAPITOLO XVII.

 Giacomo, lasciato Roberto in Sicilia, tornasi a Napoli, indi in
 Catalogna. Ambo le parti s’apparecchiano a continuare la guerra in
 Sicilia. Dansi a Roberto varie città; è presa Chiaramonte; altre
 resistono. Tradimento di alcuni cittadini, che chiamano in Catania i
 nemici. Effetti di questo nell’isola. Nuovi passi di papa Bonifazio.
 Sbarco del principe di Taranto. Battaglia della Falconarìa, ove egli è
 sconfitto e preso. Inganno e combattimento di Cagliano. Luglio 1299,
 febbraio 1300.

Per molto sangue de’ suoi e vergogna e rimorso, seppe amara a Giacomo
questa vittoria. Al far la rassegna delle genti catalane, scorgendo
tanto numero d’uccisi, non meno gregari che condottieri e nobili,
sclamava: non aver vinto, no, l’infelice giornata. Ma recatigli a
funate i nostri prigioni, chinò vergognoso la fronte, nè seppe fare
risposta a un vegliardo, che spiccatosi dalla torma, scrive Speciale,
squadernò in volto al re quante più pungenti rampogne avean saputo
ritrovargli le siciliane lingue fin dal suo primo abbandono; e «A
te non chieggiamo, sclamava, il sangue che versammo per mantenerti
sul trono, che rifar tu nol puoi, nè il vorresti; ma renda la nazion
catalana, sì altera di libertà ed onore, renda i siciliani navigli
suoi liberatori, che la tempesta affondò nel mar del Lione!» Le
quai parole, o fosser vere, o immaginate dallo storico a ritrar ciò
che fremea l’opinion pubblica, peggio or ferivano gli animi de’
Catalani, per cagion del poco utile ch’e’ traean dalla colpa. E in
vero dal guerreggiare in Sicilia, Giacomo avea tutto il carico, gli
acquisti casa d’Angiò: e anco gli stipendi correan male, per penuria
di Carlo, slealtà di Bonifazio; il quale avea ben sovvenuto danari
per l’armamento, ma quando gli parve lanciato Giacomo pell’arena, ei
chiuse la borsa[258]. Donde il re d’Aragona, che in accorgimenti
non era secondo a niuno, si cavò lesto di briga. Ripassa in Calabria
a tor le milizie del reame di Napoli, raccolte a Nicotra[259]; le
traghetta in Sicilia; e adunati i primi del l’oste, con Roberto e
Filippo, apertamente lor dice: aver compiuto le promesse al sommo
pontefice, abbattuto le forze della Sicilia; ora veder sì gagliardo
l’esercito angioino, che Roberto con l’ammiraglio agevolmente
fornirebber l’impresa; quanto a sè, necessità lo stringea di tornarsi
in Catalogna. Il che forse non spiacque a Roberto, bramoso di gloria.
Il re d’Aragona dunque, da pratico mercatante di guerra, fa il cambio
de prigioni siciliani coi suoi dell’altra stagione; que’ che gli
soverchiano, lascia a Roberto; e sì le castella occupate, e molti
suoi guerrieri di nome; ed ei, con Filippo principe di Taranto, fe’
vela per Salerno[260]. Invano re Carlo volle ingaggiarlo a restare,
decretandogli ricca pensione sulla tratta de’ grani di Sicilia, a
misura che l’isola si racquistasse[261]; invano accordò privilegi
commerciali ai mercatanti catalani con lusinghevoli parole[262];
inflessibil trovò sempre il re d’Aragona, che il vedea affogare tra’
debiti, e tardavagli svilupparsi da lui. Tolta di Salerno la sposa
e l’afflitta madre, andò Giacomo a Napoli; ove freddamente accolto
dal re, fece breve soggiorno, e ripartì per Ispagna, scontento di
tutti, scontento di sè, lacerato da’ novelli amici che abbandonava, nè
maledetto manco da Federigo e da’ Siciliani. In vero fu manifesto che
il re d’Aragona, incalzando, avrebbe potuto desolare assai peggio il
paese[263]: ma pensavasi ai torti suoi passati, più ch’a nuovi danni
che oggi risparmiava; nè la sua partita si conobbe da moderazione o
carità. E come supporne nel vincitore che lasciò sparger dopo il caldo
della battaglia tanto generoso sicilian sangue al capo d’Orlando?

Intanto a Federigo l’avversità rendeva e prudenza e splendore.
Come prima rinvenne a’ sensi, vedendosi rapito dalla battaglia,
disperatamente chiedea la battaglia e la morte: gridava che mai non
tornerebbe vinto in Sicilia; ma cedè tosto a più forti consigli:
lottar ancora e regnare. Giunse a Messina, ingombra già di spaventoso
lutto, assordata a gemiti e ululati, al nunzio, certo della sconfitta,
confuso dei danni: che fosse caduto in battaglia il re; non campato
un sol uomo; nessun riparo allo sterminio della patria. Donde al
veder Federigo, pur fuggente sulla insanguinata nave, con le reliquie
della flotta, si voltò il popolo in gioia, scordando i lutti privati
nella speranza di salvar la cosa pubblica. Affollansi intorno a lui
ansiosamente i cittadini; dicono a gara che nulla han perduto,
quand’egli è salvo; prenda tutto il lor sangue, tutto l’avere per
difender la Sicilia. E Federigo rispondea con magnanime parole:
reggersi ogni cosa quaggiù ai cenni di Dio; la umana vita avvicendarsi
di prosperità e sventure; qual meraviglia se in diciassett’anni di
vittorie, toccavasi una sconfitta? nè perduta si tiene la guerra,
là dove avanzan uomini, arme, danari; con un po’ di costanza, si
rivolterebbe la fortuna; chè niuno mai domò la Sicilia unanime e
risoluta. Incontanente scrisse a Palermo, alle altre città, con uguale
costanza; appose la sconfitta alle nostre navi, avviluppatesi tra loro;
la perdita sminuì, come si suole: esortavale a tener fermo a’ primi
affronti de’ nemici; ed egli, saputo ove si drizzassero, là correrebbe
con nuove forze. Ma perchè dopo tal crollo, il tempo e la vittoria
soli eran rimedio, disegnò Federigo difendersi e temporeggiare;
lasciar che i nimici cavalcassero il paese a lor voglia; ma guardare
strettamente le terre murate; ei stesso con iscelta gente porsi in
Castrogiovanni, l’antica Enna, foltissima città in monte, che sta a
cavaliere nel centro dell’isola, comoda a sopraccorrere in ogni luogo.
Dondechè, ordinati Niccolò e Damiano Palizzi, fratelli di Vinciguerra,
a comandare la città e ’l castel di Messina, e posti fidati capitani
nelle altre piazze di maggior momento, disponeasi il re a pigliare
il cammino della costiera orientale, sopravvederla, e ridursi a
Castrogiovanni[264].

Gli angioini all’incontro, apprestavansi a usar la vittoria di
Giacomo. Riebbero entro tre settimane Capri, Ischia, Procida, con
romoreggiare appresti di guerra[265], e più per la detta pratica di
Pier Salvacossa da Ischia; il quale per cagion della provata virtù in
arme, e del novello tradimento, fu fatto protontino d’Ischio, o, noi
diremmo, vice ammiraglio, secondo al solo Raggier Loria nel comando
dell’armata; ed ebbe lodi del re, e feudi in Sicilia[266], ma non andò
guari che meglio nel pagava la spada d’un sicilian soldato. Ma quanto
alla Sicilia, che allora non si risguardava com’Ischia, compresero i
governanti che, oltre la rapacità e crudeltà dell’amministrazione,
quei fatti di Carlo I pe’ quali distruggeansi gli antichi privilegi,
erano stati grande incentivo al vespro e alla ostinata nimistade a
lor nome. E però tornando al ripiego, che pur tentò quel superbo
nell’impresa dell’ottantaquattro, re Carlo II a dì ventiquattro luglio
del novantanove, lodandosi molto del proprio pensamento, che insieme
dividesse e non dividesse la corona, creava Roberto vicario generale
perpetuo nell’isola, con maneggio larghissimo delle faccende civili,
e potestà sopra il sangue, sì che fosse nell’isola, dice il diploma,
perfetta immagine della regia persona[267]. Insieme con tai pergamene,
sforzossi a mandare in Sicilia a tutta possa genti, vittuaglie, moneta
per gli stipendi[268]; accortosi della dura fatica che restava, e che
per lungo tempo non trarebbe nulla del paese.

E per vero lentissimo progredì dapprima Roberto. Arrendeansi, a lui
no ma a Ruggiero, gli antichi suoi feudi, Castiglione, Roccella e
Placa; Francavilla seguivali se non era per timor della rocca, tenuta
da Corrado Doria. Ma innoltrandosi dalla settentrional costiera per
riuscire sulla orientale, Randazzo, principal città in val Demone
dopo Messina, die’ prima a vedere, scrive Speciale, che per la rotta
di capo d’Orlando, non era vinta, no, la Sicilia. Perchè assaliti da
Roberto, dato orribil guasto al contado, i cittadini tenner saldo in
molti scontri, soprattutto in uno che durissimo si appiccò alla fonte
di Roccaro; dove caduto alcun de’ più feroci Francesi, il duca si
ritrasse; e a capo a pochi dì, per consiglio di Ruggier Loria, lasciò
anco l’assedio, tardandogli di trovar vittuaglie. Affrettatosi dunque
vergo il fertil paese dell’Etna, si rinfrescò alquanto occupando senza
contesa Adernò, terra espugnabile; e tosto tramutò il campo sotto la
munita fortezza di Paternò. Teneala il vecchio conte Manfredi Maletta,
gran camerario del regno, di nobil sangue, carissimo agli Svevi e a’
principi aragonesi, ma uom di toga, uso a viver dilicato; onde tra
tedio e paura dell’assedio, al secondo giorno s’arrese. Ciò fu salute
dell’oste di Roberto, che per diffalta di vivanda, già era stretta in
pochi dì a partirsi o cader nelle mani di Federigo. E più che questo,
nocque l’esempio: perocchè gli uomini soglion l’altrui viltà maledire,
e maledicendo seguirla, come pretesto a cessar da una pericolosa
costanza. Maletta poi trasse la vita pochi più anni in terra di nemici,
sovvenuto o insultato da essi con meschini favori; e infame e mendico
morì: ma non ha il pondo nè premi nè pene da pagar ciò che sovente fa a
una intera nazione un sol uomo[269]!

Per lettere di questo vile, Buccheri, sua terra fortissima, venne
in man de’ nemici. L’ammiraglio, portata una punta dell’esercito
sopra Vizzini, con sè recando Giovanni Callaro, Tommaso Lalia e
Giovan Landolina, presi al capo d’Orlando, l’ebbe per tradimento del
Callaro; il quale mostratosi a’ cittadini, che virilmente avean preso
a combattere, fu accolto con gioia, com’uomo d’assai riputazione, ed
empiamente l’usò a far aprire le porte all’ammiraglio. Tornò questi
allora a Palagonia; ove accozzatosi con Roberto, assalgon Chiaramonte,
negano i patti che il popol chiedea, dopo le prime scaramucce,
sentendosi non bastare alla difesa; e irrompono ostilmente nella
città. La prima che in questa guerra del vespro, i nimici occupassero
di forza; onde tutta sfogaronvi la ferità de’ tempi: passati gli
uomini a fil di spada; sfracellati a’ sassi i bambini; sparato il
corpo alle incinte; dopo il sangue e gli oltraggi, adunata una misera
torma di donne, solo avanzo del popol di Chiaramonte, fu cacciata e
sparsa pe’ luoghi vicini. In questa vendetta le genti angioine fur
sole; nella rapina fur prime: spigolarono dietro a loro i saccardi
di Vizzini, seguenti con vergogna le armi straniere. Di qui voltasi
l’oste a Catania, s’attendò nelle vigne dell’Arena; e dopo tre dì
si ritrasse inaspettatamente, fidando in una pratica, più che nella
forza, contro città sì grossa, comandata da Blasco Alagona. Per dar
tempo al tradimento, assaltava Aidone; respinta dapprima per la
virtù di Giovenco degli Uberti, capitan della città, intromessa il
dì seguente per accordo. Ma posto il campo a Piazza, trovò riscontro
assai duro. Perchè Guglielmo Calcerando e Palmiero Abate, con un nodo
di sessanta cavalli, trapassarono folgorando per mezzo gli assedianti;
e serratisi nella città, rafforzaronla col nome, con la virtù, con
la riputazione di quel fresco prodigio. Indi il duca dal pian di San
Giorgio, l’ammiraglio dalla fonte di Vico, invano entrambi strinser la
terra, mandarono ad offrir patti, mossero assalti. I cittadin di Piazza
rispondeano alle parole: avere fermato, già gran tempo, i lor cuori;
morrebbero, non arrenderebbersi mai. Sostennero il detto con una virile
difesa. Onde Roberto, perdutavi assai gente, si levò dall’assedio;
sfogò con guastar le campagne; e avviossi a Paternò[270].

In questo tempo Federigo, sapendo minacciata Catania, v’era sopraccorso
da Messina, nè avea trovato il nemico; donde tutto lieto, convocati
i cittadini a parlamento, fece loro assai belle parole; e per tutti
risposegli Virgilio Scordia, tenuto uom di virtù romana[271], per
seguito e riputazione primo nella città. «Chi avrebbe mutato, arringava
focoso costui, la libertà sotto tal principe con la tirannide
straniera? Di questa non s’era dileguata, no, la memoria; vedeansi
ancor tinti di sangue francese i sassi e le mura, per ammonire ogni
Siciliano a guardarsi dalla vendetta; nè era chi non fosse pronto a dar
la vita per Federigo, cresciuto tra le lor braccia, fatto re e stato
lor padre. Se un insensato qui vive con animo a te maligno, s’apra la
terra sotto a’ suoi passi, e l’inceneriscan le folgori!» Così parlava
il traditore, indettatosi poc’anzi a dar Catania a’ nemici. E Federigo,
preso da quei fedeli sembianti, ripensava tra sè come rendergli merito;
fatto or sì cieco al fidarsi, quanto fu lieve altre volte a sospicare:
talchè or tenne raccoglitor di calunnie Blasco Alagona, che gli svelava
gravi indizi delle pratiche di Virgilio. Seguì dunque a chiamar padre
costui della patria; a Blasco rispose, amerebbe anzi perder Catania
che macchiare con un solo sospetto la fama di tal grande: al che
Blasco, accorto o sdegnato, risegnava il comando della città; e il re
commettealo al conte Ugone degli Empuri, buon guerriero e non altro;
facendo maggior assegnamento sull’aura popolare di Virgilio Scordia.
Così andò via sicuro a Lentini, Siracusa, e altre grosse terre del
val di Noto, e infine a Castrogiovanni[272]; ove fe’ lunga dimora, e
diede o raffermò privilegi alla città di Caltagirone, che mostrano
la sollecitudine del re a far parte per sè co’ favori speciali, come
usavan contro lui studiosamente i nemici[273].

Era in Catania un Napoleone Caputo, cittadino di minor seguito che
Virgilio, di pari ambizione; gareggianti amendue nel favor del popolo,
nella munificenza del re; e perciò da gran tempo nimici. Ed or nello
scellerato proposito s’affratellarono; perchè Virgilio, non potendo
far senza i più ribaldi, inchinossi a richieder Napoleone; questi,
com’uom da meno, lietamente gli corse nelle braccia; e l’interesse fe’
perdonar dall’una e dall’altra parte le offese. Congiurati dunque tra
lor due, o con pochissimi più, taccion ogni cosa a’ loro partigiani
medesimi; finchè nacque l’occasione che Federigo, proponendosi uscire
alla campagna contro il nimico, scarso di vittuaglie e ributtato
da’ più importanti luoghi; chiamava i popoli alle armi; chiedea da
Catania settecento uomini. Scrissene il re ad Ugone; questi consultò
con Virgilio come ottener tal sussidio dalla città; e Virgilio il
promettea, sol che si chiamasse il popolo a parlamento nel duomo il dì
appresso; egli farebbe il rimanente. E insieme con Napoleone, cominciò
e compiè la macchina della sommossa, in quanto avanzava di quel giorno’
e nella notte appresso; per toglier tempo a pentirsi o scoprire, per
usar l’agitamento degli animi che vogliono il ben pubblico senza lor
disagio, e per nascondere sotto l’util della città il tradimento alla
nazione. Talchè la trama, stata segretissima tra’ pochi, in un attimo
si distese ai molti senza pericolo: congiunti, amici, clienti, sgherri
furo indettati e assegnato luogo ed uficio ad ognuno.

Nel medesimo tempio di Sant’Agata, che cinque anni innanzi suonò di
liete voci, gridando i rappresentanti della nazione re di Sicilia
Federigo, assembravasi quel giorno il popolo di Catania; entravano
alla sfilata Napoleone e i cospiratori armati: Virgilio in abito e
sembianti di pace, ito alle case d’Ugone, accompagnollo al tempio.
Fatto silenzio, esponeva il conte i voleri di Federigo. E non avea
finito il suo dire che un Florio, nom dell’infima plebe, sguainata la
spada, grida pace, e gli dà un fendente in viso; gli altri con l’arme
songli intorno; e insignorisconsi della sua persona; indi irrompono
per le strade gridando pace; e chi tarda a risponder pace, sforzavi
con minacciose parole: talchè una picciola fazione strascinò e rivolse
tutta l’attonita città. Nè la stettero a pensare che gittassero sopra
tre barche, apparecchiate a questo, il conte co’ suoi seguaci, instando
con feroce volto Virgilio e Napoleone: e Ugone li chiamava a nome;
scongiuravali che s’alcuna offesa ebber unque da lui, sfogassero nel
suo sangue, non si voltassero contro il re. Gli fer cenno a star zitto
e navigare per Taormina: e il popolazzo intanto saccheggiava le sue
case; se non che rimandò senza offesa alcuni altri uficiali del re,
con tutto il lor avere. Incontanente i congiurati chiaman Roberto,
che, dubbioso e in travaglio, ritraeasi a Paternò; dangli la città; il
raccolgono con empia gioia; e chieggongli ed hanno, scrive Speciale, in
premio di tanta virtù, terre, casali, castella, ch’ei più volentieri
largiva perch’erano in man de’ nemici, nè pareagli vero comperar sì
poco la sua salvezza. Certo la diffalta di Catania impedì l’estremo
sforzo a cui s’apprestava Federigo, contro il nemico sprovveduto
e vagante; certo fu cagione degli infiniti mali che succedettero,
e del gran travaglio che si durò a scacciar dal nostro suolo gli
stranieri[274].

Il che mi conduce a considerare come negli ordini feudali non erano
i governi sì incapaci a reggersi contro i sudditi, come in oggi si è
detto, non vedendo in essi unito e gagliardo quanto a’ tempi nostri
il poter dello stato. Ma parmi che, s’e’ non poteano frenar sì pronti
una ribellione; aveano assai meglio da spegnerla con le concessioni
feudali di quantunque venissero a perdere i ribelli; tra i quali,
chi per conservare i propri beni e chi per occupare quelli dei più
ostinati, moltissimi si trovavan disposti, non che a tornar essi alla
ubbidienza, ma con forza, ambito, frode, domare i compagni; e gli
stessi leali da somiglianti cupidigie erano sospinti a sforzi, che il
semplice zelo non può. Una parte della nazione così armavasi contro
l’altra, più rabbiosamente ch’oggi non avverrebbe, per gli ordini
stabili della proprietà; sendo assai minor massa di premi le pensioni
e gli ufici, che a’ governanti restano a dispensare. E però veggiamo
larghissime le concessioni feudali, che Roberto, usando il potere di
re, facea da Catania in quel tempo, e Carlo ratificava da Napoli, non
che ai complici di Virgilio nella tradigione, ma ai nobili che in
appresso voltaronsi a parte angioina; e veggiamo tra costoro grandi
nomi, o di tali che dovean tutto lor essere a Federigo; e molte terre
di val di Nòto darsi a parte nemica, dietro la occupazione di Catania,
che parea il crollo a’ nostri destini. Noto, per briga d’Ugolino
Callaro[275], uomo di gran nome e compare del re; Buscemi, Feria,
Palazzolo, Cassaroe, tratte da’ mali esempi, diersi al nemico; Ragusa
ancora, ove un prete Omodeo, sotto specie di confessione, tramò con
parecchi cittadini, e costoro non attentandosi al misfatto senza un
valente uomo per nome Francesco Balena, van di notte alle sue case
armati, minaccianlo della vita, ed egli infingendosi d’assentir per
timore, audacissimo poi operò al reo intento, e asseguillo, cacciato
il vicario di Manfredi Chiaramonte che tenea la terra, e chiamato da
Vizzini Guglielmo l’Estendard[276]. Virgilio Scordia e’ consorti,
in questo tempo non se ne stavano al proprio tradimento, che non si
affannassero a tirarvi altri uomini, altre terre, tutta l’isola se
possibil fosse[277]. E per tali condizioni de’ tempi e principî di
corruzione della morale politica in Sicilia, è tanto più mirabil cosa
come, dopo la sconfitta del capo d’Orlando, con quei grandi appresti di
guerra, e la presenza di Ruggier Loria, e nerbo di fortissimi Francesi
e Catalani, la corte angioina se guadagnò con le pratiche da trenta
città, terre o castella[278], niuna n’ebbe con le armi, da Chiaramonte
in fuori; e come Federigo, o piuttosto la parte della rivoluzione
siciliana che operava con esso, non ostanti le raccontate tradigioni,
manteneva in faccia al nemico tutto il rimanente dell’isola, e non poca
parte alsì di Calabria.

Fu quest’anno a papa Bonifazio il più lieto di tutto il turbolento
suo regno. Vide l’odiata casa Colonna prostrata per ogni luogo
dalle armi della croce; riparatene le ultime reliquie nella rocca di
Palestrina; e questa, inespugnabil di forza, vide aprirsi alle larghe
promesse, ond’ei l’ebbe, e sperdè i ribelli, la città fe’ spianare,
arare il suolo, seminarvi sale, con dimostrazione vana ed atroce[279].
Nè esultò manco alle stragi del capo d’Orlando, principio, com’ei
diceva, al racquisto di Terrasanta; e certo pareagli al soggiogamento
dell’isola di Sicilia, al predominio per tutta la terraferma d’Italia,
fors’anco fino in Lamagna[280]. Allor fu che, chiedendogli Alberto
re dei Romani, la imperial corona, Bonifazio sedente in trono, col
diadema di Costantino, la spada al fianco, e la mano sull’elsa, negava
agli ambasciadori il dritto d’Alberto, e: «Non son io, lor disse, il
pontefice sommo? Non è questa la cattedra di san Pietro? Non basto
a difender io i dritti dell’impero? Io Cesare sono, io imperadore!»
e brusco li accomiatava[281]. Ma tal concetto di sè, non tolse al
pratichissimo nelle cose di stato, che attendesse con maggiore solerzia
all’impresa di Sicilia, che sì gli stava a cuore, e ben altro gli
parea che ultimata. In luogo del primo legato, poco giovevole per
non avere riputazione nell’isola, mandava a Catania, con pien potere
di scagliare e ritrattar gli anatemi, il cardinal Gherardo da Parma,
venuto appo noi in odore di santità[282]. Esortava al medesimo tempo
Carlo e’ figliuoli a osar la fortuna in Sicilia; mandava a ciò lettere
sopra lettere; e di sì gran vedere egli era Bonifazio, che nondimeno
pose ogni sforzo a distoglier Filippo principe di Taranto dal meditato
assalto sulle regioni occidentali dell’isola, dove temea che Federigo
di leggieri non l’opprimesse[283]. Ma ammonimento alcuno non valse al
principe, vago di militar gloria, nè a Carlo, debol co’ figliuoli, o
impaziente di uscir da’ travagli della guerra.

Apprestatisi in Napoli quaranta galee, con quanti rimaneano in
terraferma più rinomati nobili nazionali e francesi, e milizie,
e soldati mercenari; capitanando l’oste il principe Filippo, col
consiglio di sperimentati uomini di guerra; l’armata Pier Salvacossa
vice ammiraglio: in sull’entrar di novembre fan vela per Trapani,
a infestar le regioni occidentali dell’isola, grasse e fin qui
illese[284], dalle quali Federigo traea il nerbo delle sue forze.
Donde, come e’ seppe sbarcati i nimici a capo Lilibeo, depredanti il
paese, accinti a strigner Trapani per mare e per terra, fieramente
turbato, consultavane co’ suoi capitani che fare? Blasco Alagona, per
amore alla persona del re, o invidiosa cupidigia di gloria, volea andar
egli solo; dipingeva i pericoli: Roberto alle spalle, vicino e forte;
Filippo con la flotta, da potervi rimontare a sua posta, e differir
tanto la battaglia, che giugnesse il fratello, e cogliesserli in
mezzo; non lasci il re questa inespugnabile Castrogiovanni; dia a lui
qualche schiera, per accostarsi al nemico novello, tirarlo a giornata
con mostra di poche forze: e giurava che o presenterebbegli le bandiere
angioine, o rimarrebbe sul campo. A questo parlare niun disse contro.
Sedea su i gradi del soglio, a piè di Federigo, un Sancio Scada, nè bel
dicitore, nè tenuto savio; ondechè non atteso da niuno, rincantucciato
stavasi ad ascoltare e guardar gli altri, quando il re, fattosi a
interrogare per ordine i consiglieri, sbadato, a lui primo si volse.
E costui, scotendo il capo, maninconoso e veemente prorompe: «Stolto
partito è questo, o re, che senza la tua persona si muova contro
Filippo. Qual de’ tuoi padri, dimmi, avrebbe mai domato genti e reami,
se tra il più folto de’ nemici, se alla testa de’ suoi cavalieri,
non combatteva egli primo? Nel mio petto io sento, ch’innanzi a te
grandi cose ardirei, e te lontano il braccio cadrebbe. E Blasco or
vuole che la Sicilia tutta, volta a risguardare a te solo, te vegga
come codardo schivar la battaglia! Blasco fida nel suo braccio, e
insulta ogni altro; Blasco anela ingoiar ei solo la gloria; ma non sa
misurarsi, per Dio! Con tutte le forze si combatta, ove sta tutta la
fortuna. Ristorerassi la nostra, se Iddio ne darà questa vittoria. Se
no; o perdendo con onore, o con infamia standoti, non ti aspettar che
rovina[285].» Disse, e non curandosene altrimenti, nel suo silenzio
tornò. Ma Federigo colse questo lampo; considerò che a star dubbioso
un istante perdea tutta la Sicilia, osteggiata da due bande, oppressa,
sedotta; e vergogna l’accese, e necessità di lavare a rischio della
sua vita la fuga del capo d’Orlando. Lasciato dunque al presidio in
Castrogiovanni Guglielmo Calcerando, già grave d’età; ei con una mano
di cittadini di Castrogiovanni, e quante milizie feudali si trovarono
pronte, marcia alla volta di Trapani. Di Palermo, delle vicine terre,
popolarmente anco armaronsi, e corsero all’esercito: non curaron verno,
non aspettarono nuovo comando, antivennero i nostri, con quella ch’era
secondo i tempi celerità, il pericolo che sopraggiugnesse Roberto.
In breve furono addosso al nemico, che da Trapani, non valendo a
espugnarla, si tornava a Marsala. Era lungi la flotta; non restava
schermo alla battaglia: l’una e l’altr’oste apparecchiovvisi. Nella
nostra avvenne, o almen poi si contò, che un Lopis di Yahim, ariolo,
fattosi innanzi al re, vaticinavagli: «Vincerai, Federigo; io solo, con
cinque cavalieri morrò.—– Perchè dunque non fuggi? risposegli il re;
noi nel nome santo di Dio pugneremo.—– E quegli: Così è fisso nelle
sorti, ch’io muoia e che tu vinca!» Ma nel narrare il successo della
battaglia, scorda Speciale poi queste fole.

Ne’ vasti piani della Falconarìa, ad otto miglia da Trapani, dieci da
Marsala, due o tre dalla marina, l’oste siciliana trovò i nemici, il dì
primo dicembre milledugenonovantanove. Era più forte di fanti, animosi,
ma senza disciplina; l’aiutava un po’ di gente catalana, ma s’ignora
l’appunto folle sue forze: de’ nemici si sa che la vantaggiavan di
cavalli; che un grosso di Provenzali s’aggiugnea a’ Napolitani della
città e del regno; che avean secento cavalli, e assai più pedoni[286].
Ordinaronsi gli uni e gli altri in tre schiere: Filippo a destra, alla
mezzana il maresciallo Brolio de’ Bonsi, alla manca Ruggier Sanseverino
conte di Marsico: e Federigo, per consiglio di Blasco, oppose Blasco
stesso al principe con pochi cavalli e un forte di almugaveri; stette
ei medesimo nella schiera di mezzo col grosso de’ fanti; assegnò la
destra a’ cavalli di Giovanni Chiaramonte, Vinciguerra Palizzi, Matteo
di Termini, Berardo di Queralto, Farinata degli Uberti, coi fanti
di Castrogiovanni. Quest’ala entrò prima in battaglia, lentamente
movendo contro Sanseverino. A tal vista, il principe di Taranto
dall’altro corno, spicca i balestrieri provenzali a cavallo a ferir gli
almugaveri; ei, stretto a schiera con gli uomini d’arme, spingesi a
quella volta contro la bandiera di Blasco, che parea la più segnalata,
non mostrandosi per anco le aquile di Federigo, inteso dietro le file
ad armar novelli cavalieri nel memorabil giorno. Blasco per affannosi
messaggi l’affrettò a montare a cavallo. Gli almugaveri intanto, fermi
lasciano avvicinare il nemico. Com’entra a gittata di mano, a lor
usanza gridano: «Aguzzate i ferri,» e dan co’ giavellotti a striscio
su per le selci, che tutto allumò di scintille il terreno, scrive
Montaner, con maraviglia e terror del nemico; e si venne alle mani.

Alla carica del principe, balenava un istante la gente di Blasco;
scrollata di qua, di là, combatteasi la bandiera: ma rattestaronsi in
un attimo que’ provati combattenti, nè cedeano un passo. Filippo allor
vedendo la schiera nostra di mezzo rimasa alquanto indietro, credendol
timore, pensò sperder quelle frotte di fanti; spronò sconsigliatamente
ad essi, lasciandosi interi a destra gli almugaveri con Blasco, che
freddo e fermo sopra lui ripiegossi. Allora un cortigiano, di cui
Speciale per generoso sdegno tace il nome, supponendo abbattuto Blasco,
gridava al re, fuggiamo; e forse tutto perdeasi; ma Federigo: «Fuggi
tu, traditore, gli disse; la mia vita io qui dar debbo per la Sicilia.»
E fa spiegar la sua bandiera; e con un pugno di cavalieri, quanti
n’avea in quella schiera, sprona egli il primo contro la cavalleria del
principe.

Qui fece egregie prove; pugnandosi da corpo a corpo; tramescolate
le due schiere; riscaldati i guerrieri dalla presenza, questi del
re, quelli del principe. Lampeggiava in alto la spada di Filippo;
Federigo or di mazza or di spada, uccise di sua mano più uomini; ferito
lievemente ei stesso in volto, e alla man destra. Ma in questo si
sentirono da sinistra i colpi di Blasco, che pria caricò con gli uomini
d’arme la cavalleria del principe, poi risoluto tornò ad affrettare gli
almugaveri che il seguivano a piede, e: «Uccidete, gridò, i cavalli
a’ nemici.» Gli almugaveri con mezze lance, leggieri e lesti, saltano
nel conflitto, tramettonsi negli ordini della cavalleria nemica. Un
d’essi, s’è da credere al Montaner, col giavellotto passava fuor fuora
un cavaliere copertosi collo scudo; un’altro, per nome Porcello, d’un
fendente di squarcina tagliava netto la gamba armata d’un Francese,
e aprì anco la pancia al cavallo. Fecero strage degli animali sì
rabidamente, che molti anco n’uccisero a’ cavalieri di Federigo.
Sdrucita dalle schiere del re in faccia, a destra dagli almugaveri,
la cavalleria di Filippo andò in volta. L’ala sinistra, non ostante
la virtù del conte Ruggier Sanseverino, con poco avvantaggio s’era
affrontata col fior della siciliana nobiltà. La schiera di mezzo,
forte di dugento cavalli napolitani, per l’error di Filippo a occupar
il terreno ov’essa dovea combattere, poco o punto mescolossi nella
battaglia; ma il maresciallo Brolio che la comandava, fu trovato nel
campo, tra i cadaveri de’ suoi Francesi, trapassato da cento ferite.

Filippo combattendo s’avvenne in un Martino Perez de Ros, fiero e
forzuto, che’ l percosse di mazza; e ’l principe gli die’ due punte
tra le squame dell’usbergo; ma il Catalano col suo ferro tentando
invano tutta l’armatura al nemico, il ficcò alfine nella visiera con
leggiera ferita: e indi vennero alla prese; e aggavignati stramazzarono
entrambi giù da’ cavalli. Già Martino lottando, soverchia l’ignoto
guerriero; già alza il pugnale per ispacciarlo, quando questi: «Beata
Vergine! sclamava, son Filippo d’Angiò»; e l’altro soprattenne il
colpo, ma non lentava il principe, e a gran voce chiamava Blasco,
ingaggiato lì presso a finir lo sbaraglio della schiera nemica. Senza
lasciarla, bollente e infellonito, comanda Blasco a due almugaveri:
«Segategli la gola; paghi l’assassinio di Corradino;» e periva Filippo
d’Angiò d’ignobil morte, se in questo non si levava un romore tra i
nostri: «Il nimico, il nimico!» scoprendo i dugento cavalli napolitani
del centro, allorchè si dileguarono in rotta gli squadroni della
dritta; onde Blasco pur pensò a Corradino, sconfitto a Tagliacozzo
mentre tenea la vittoria; e tutta, l’oste siciliana avventossi contro
la novella schiera. Federigo, saputo il pericolo di Filippo, corre a
lui; lo strappa a’ due almugaveri; e fattegli tor le armi, il da in
guardia a’ suoi[287].

Così fu vinta la giornata della Falconarìa. Il conte di Sanseverino
s’arrendè, poichè vide non potersi rattestare i fuggenti. Bartolomeo
e Sergio Siginolfo, Ugone Vizzi, Guglielmo Amendolia e altri nobili,
caddero al pari in poter de’ nostri. Vano romore fu poi quello dei
dugento cavalli; i quali, scrive Speciale, come avvezzi a dilettoso
vivere, non aspettando le ferite, volsersi in fuga; ma un istorico
men caldo direbbe, che perduto il lor capitano, dopo la sconfitta
delle due ali dell’esercito, anzichè porre giù le armi o dar le vite
senza pro, vollero da savi ritrarsi alla flotta, serbandosi a miglior
uopo; ma loro il tolse l’oste vincitrice che inseguilli, e circondò,
e soperchiò. In questa caccia un memorevol fatto mostrò vivamente
a quali spiriti fosser saliti i Siciliani. Giletto, un soldato de’
nostri, addocchiando tra’ fuggenti Pier Salvacossa, il disertor dalle
siciliane bandiere, il raggiugne, il ghermisce; alza il ferro. Gli
offrì Salvacossa mille once d’oro in riscatto. Ma il soldato: «Gran
fatica, rispose, è a contarle. Serba le mille once ai tuoi figli;
e tu, traditore, tu muori;» e lo scannò. Delle sbaragliate genti,
rari salvaronsi sulla flotta, stata spettatrice, e accostatasi nelle
tenebre della notte a raccor quanti potesse; e indi partita per Napoli
a riportar l’atroce novella. Federigo fe’ cibar le genti sul campo
di battaglia; lasciò ad ogni combattente quantunque avesse preso
di bottino o prigioni, serbando per sè i soli primari baroni; e al
principe di Taranto con molta cura fe’ medicar le ferite, imbandir
mensa, render ogni onore che s’addicesse a tal prigione. A sera entrava
in Trapani; spacciava corrieri a spron battuto per tutta l’isola: che
ne resta la lettera scritta a’ cittadini di Palermo, significando
quella vittoria, ed esortandoli a montare su lor galee, e accozzati
con le genovesi di Egidio Doria, salpare contro la sprovveduta flotta
nemica. Poscia egli stesso vien co’ prigioni e l’oste, come a trionfo,
in Palermo[288]. In merito de’ servigi di questi cittadini, chiama ad
osservanza e riconferma i privilegi di Federigo imperatore, Corrado
e Manfredi, sopra le franchige all’entrata o uscita delle derrate, i
favori ai commerci, e altri di minore importanza[289]: e seguì, girando
per tutti i luoghi in val di Mazzara, a mostrarsi vittorioso, e spronar
gli animi a nuovi sforzi per la patria. La più parte de’ prigioni
assegnò nelle carceri del real palagio di Palermo; il conte Sanseverino
nel castel di Monte San Giuliano; altri in altri luoghi; e il principe
Filippo in quella medesima rocca di Cefalù, ove stette chiuso quindici
anni prima suo padre[290].

Così la battaglia della Falconarìa, la più grossa che si combattesse
a campo aperto in tutta la guerra del vespro, rese a Federigo la
riputazione, ch’è a dir anco la forza, perduta cinque mesi prima al
capo d’Orlando. Il duca Roberto, saputala a mezzo cammino, mentre
marciava a grandi giornate alle spalle di Federigo, incontanente si
tornò in Catania. Erane uscito agli avvisi dell’impresa del principe di
Taranto; quando, ristretti a consiglio i capitani con Roberto stesso
e ’l cardinal Gherardo, tutti esultavano, fuorchè Ruggier Loria, il
quale comprese che Federigo di leggieri potrebbe opprimere il principe;
onde ei consigliò di marciare in fretta su i passi dell’oste siciliana,
metterla in mezzo se si potesse; e a ciò partironsi da Catania in due
punte, l’una dritto per lo mezzo dell’isola, l’altra pel sentiero piano
delle marine di mezzogiorno. Fallito il colpo, non videro altro riparo
che chieder di terraferma novelli aiuti di genti e vittuaglie, perchè
si potesse ripigliar la guerra in primavera. Ruggier Loria dunque in
un legno sottile, con la solita audacia, solo passò lo stretto del
Faro, per apparecchiare ogni cosa a Napoli. Ammonì prima il principe,
che per ninna lusinghevole occasione non si avventurasse a combattere
il nemico, astuto e audace[291].

Ciò non di meno, entrato il milletrecento, di carnevale, non seppe
guardarsi Roberto dalla cupidigia d’acquistar senza fatica il castel di
Gagliano. Eravi prigione Carlo Moreletto, nobil francese, preso alla
Falconarìa: teneva il castello un Catalano della corte di Federigo,
Montaner di Sosa per nome. Costui cominciò ad usar col prigione più
umanamente che non soleasi in quel tempo. Poi un dì, ragionando
insieme, il portò ov’ei volle: parlava tra’ denti, come temendo non
altri l’udisse; e, chiesto al prigione se manterrebbegli il segreto,
gli disse pianamente, rimordergli la coscienza di tanto disubbidir la
santa Chiesa di Roma, di combattere per una causa iniqua; volentieri ne
uscirebbe, a rischio anco della vita, e con tal servigio da far ammenda
d’ogni peccato. E il Francese: «Or sì lo spirito del Signore è con
te; or ti ha reso il lume degli occhi. Ma di’, per Dio, quale ammenda
faresti?» Il Catalano promettea schiudere a Roberto l’inespugnabil
castello. Quei gliel credè; e pien d’allegrezza scrissene al duca[292].

Eran testè venuti in Catania, sotto la condotta del conte di Brienne e
di due altri baroni, trecento cavalier francesi, legati tra loro con
giuramento ad affrontarsi con Blasco Alagona e Guglielmo Calcerando,
per vincerli o lasciar la vita in quest’impresa, e chiamatisi da ciò
i cavalier della Morte[293]. Pare che il proponimento di costoro,
facesse deliberare ne’ consigli di Roberto la fazione di Gagliano.
Messone il partito, si divisero tra loro i consiglieri; e chi ammonia
non si fidassero per niente a’ Catalani, inveterati nimici al nome
francese; chi, col medesim’astio, replicava non esser, cosa di che
i Catalani non fossero pronti a far bottega. Il cardinal Gherardo,
all’incontro, tornava a mente i detti di Ruggier Loria; rispondean gli
altri, le guerre non reggersi a preti; diceano il cardinale caparbio,
l’ammiraglio invidioso; e alfine, non vincendosi alcun partito, si
temporeggiò: venisse a Catania il castellano medesimo, a ratificar
la promessa, da non credersi a lettere d’un prigione. Ma tirossene
Montaner, con onesto colore di non poter in tempo di guerra partirsi
egli dalla fortezza; e mandò in vece un nipote suo, ammaestrato e
ingannevole; il quale patteggiò sì scaltro con Roberto, da non lasciar
ombra di sospetto. Indi nella guerriera nobiltà accendeasi un’altra
gara, chi farebbe l’impresa? e ognun brigava ad ottenerla, e facea
ressa a ricordare i suoi meriti; onde Roberto, per toglier discordia,
volle che venisser tutti, ed ei sarebbe il capitano; e allora,
aggiugnea, se pure l’intero esercito siciliano stesse all’agguato,
sen riderebbero. Gualtiero conte di Brienne e di Lecce, il conte di
Valmonte, Goffredo di Mili, Jacopo de Brusson, Giovanni di Joinville,
Oliviero di Berlinçon, Roberto Cornier, Giovan Trullard, Gualtiero de
Noe, Tommaso di Procida[294], con lor uomini d’arme, al nuovo dì si
presentano a castello Ursino, a prender Roberto. L’aveva ei taciuto
alla sposa; e per sua ventura, non era ancor surto di letto, quando il
fecer chiamare i guerrieri; ondechè Iolanda appostasi a ciò ch’era,
tanto ne domandò amorevolmente a Roberto che seppe ogni cosa; tanto
pregò, e disse ingloriosa e temeraria la fazione, che le sue amorevoli
parole vinsero il duca a restarsene. Indi surrogato a condur l’impresa
il conte di Brienne, costui con tutti que’ valorosi e i trecento
cavalli, s’avviava a Gagliano. Il nipote di Montaner li guidava.

Ma d’ogni passo del doppio tradimento il castellano avea ragguagliato
Blasco Alagona, il quale tenea spiatori in que’ contorni; e sapendo in
via i nemici, con Guglielmo Calcerando e le siciliane genti, s’imboscò
presso Gagliano. Temerari, e spensierati per conscio valore, andavano
i Francesi. Forniti due terzi della via, a Tommaso di Procida corse
alla mente un sospetto; e spronando verso il conte, il pregava non si
mettesser così nelle tenebre della notte per greppi e gole ignote;
pensasser ch’erano in terra di nemici; ei cavalcherebbe innanzi ad
esplorare i luoghi, ch’avea tante fiate battuti in cacce, com’ei fu
un tempo signor di Gagliano. E il conte gli die’ del codardo. «Con
cotesti allato, dicea, tutta la Sicilia unita non temo.» Pervenuti tra
sì fatte parole presso all’agguato, la guida li fe’ sostare; disse
andrebbe ei solo al castello, per evitar che il presidio, accorgendosi
d’inganno, non trucidasse Montaner e rovinasse ogni cosa. La schiera
indi fermossi: il traditore andò a trovar Blasco all’agguato.

Blasco avea al chiaror della luna veduto luccicare le armi, sventolar
le insegne; avea disposto i suoi; ma il generoso animo non soffrì
d’assaltare alla sprovveduta, notte tempo, da masnadiere. Fa dar fiato
a’ corni; fa gridar presso all’ordinanza nemica: «Blasco Alagona.»
A tal nunzio nacque uno scompiglio ne’ traditi. I Siciliani ch’eran
con essi e aspettavansi assai peggior sorte da una prigionia, diersi
alla fuga. Tommaso di Procida, tornando al conte, scongiuravalo ch’il
seguisse almen ora; si ritirerebbero alquanto; ei li condurrebbe
innanzi dì allo aperto, sì ratto da non poterli seguir tutti i nostri
fanti, onde con avvantaggio avrebber da fare contro i soli cavalli.
«No, disse il conte» non volgeran le spalle i cavalieri di Francia.
«Ch’è infine la morte?» E Goffredo Mili: «Se tutti fuggan, ripigliava,
io sol rimango. Chi scordar può la esecranda giornata di Catanzaro,
ove l’orecchio m’ingannò, e n’ebbi vitupero d’avanzo per me e tutto il
mio sangue! Ormai ho vivuto abbastanza.» Con questa franchezza d’animo
s’apparecchiavano al disperato conflitto. Strinsersi a schiera, ov’era
un po’ di piano rilevato; e Blasco lasciolli stare infino all’alba.

Con sottil arte egli avea ordinato in battaglia i suoi fanti, in
due file, poste a forbice, da chiudere in mezzo il nemico; con
l’avvantaggio alsì del terreno, che non potesservi caricare i cavalli;
e anco della luce, che i nascenti raggi del sole ferissero i suoi
alle spalle, in viso il nemico. Appena raggiornato, questi, per
suprema temerità, non aspettando l’affronto, scese dalla collinetta a
ingaggiarsi: e pria di giugnere alle file dei nostri, fu lacerato con
un nembo di sassi e giavellotti, drizzati la più parte a’ cavalli,
perchè mal potean passare i cavalieri, tutti vestiti di ferro; ma
uguale era il danno, quando gli animali o uccisi cadeano, o feriti
dando a sprangar calci, gittavan l’uomo, e incontanente, saltavangli
addosso gli almugaveri e spacciavanlo. Pur que’ forti giungono ad
abbattere la bandiera di Calcerando; e i nostri, rattestatisi sotto
quella di Blasco, percosserli con un impeto estremo. Diradavasi il
fitto nodo; cominciava lo sbaraglio e la strage; restava il solo
conte di Brienne, con pochissimi intorno, salito sopra un gran sasso,
difendendosi come lione, e a niun patto non volle dar la spada ad uom
plebeo. Chiamato Blasco, a lui la rese. Ma il suo alfiere, che pien
di ferite e di sangue, tenendo sempre in pugno la bandiera, cercava
il signore per rendergliela pria di spirar l’ultimo fiato, vistolo
prigione, gittò in aria l’insegna da farla ricadere su la testa del
conte, e, sguainando la spada, si cacciò tra le punte de’ nostri. Tal
fu la fine della più parte; pochi andaron prigioni col conte; niuno
scampò.

E ’l castellano, com’oscena belva, uscì a veder la carnificina de’ suoi
traditi, a brancicare i cadaveri; scelse quei de’ più nobili, e li
cuocea, dice Speciale, a modo pagano, per mercatarne colla pietà de’
congiunti. Moreletto, in catene, da una finestra vide la battaglia;
e per disperato dolore d’aver chiamato a morte i suoi Francesi, die’
col capo alla parete della prigione, ricusò cibo e bevanda, e in pochi
giorni perì miseramente. Mentr’ei si consumava di questo volontario
supplizio, percossi di spavento stavano i guerrieri e i partigiani
dello straniero; tutto il rimagnente dell’isola tripudiava senza modo
della seconda vittoria, che tanto scemò le forze di Roberto. Donde,
seguita lo Speciale, i Siciliani rialzaron le creste a loro usanza, e
scordate le vicende della fortuna, ricominciarono a superbire[295].



CAPITOLO XVIII.

 Forze di Federigo e de’ nemici, e pratiche di Bonifazio. Trattato di
 Carlo II con Genova. Pratiche di lui in Sicilia. Armamenti navali;
 battaglia di Ponza; trattamento de’ prigioni siciliani, e morte di
 Palmiero Abate. Continua con poco frutto la guerra. Naufragio della
 flotta di Roberto. Congiura contro la vita di Federigo. Blocco di
 Messina; orribil carestia; e virtù del re. Tregua. Dalla primavera del
 1300 a quella del 1302.


Nondimeno queste due vittorie poco fruttarono a Federigo, come nè la
sconfitta del capo d’Orlando l’avea spogliato al tutto delle Calabrie.
E fu per cagione della difficoltosa espugnazion delle terre, secondo
l’arte militare d’allora; e assai più pe’ vizi dell’ordinamento
feudale, ai quali, per ben comprendere questi avvenimenti, dobbiamo
spesso tornar col pensiero, noi che in questo secolo, in vizi contrari
viviamo. A un assalto nemico, lo stato mal connesso tutto si sgomenava;
si spicciolavan le armi per ogni terra, pensando ciascuno a guardarsi
dassè, più che a rinforzar l’oste regia; e assai lenti sviluppavano
tutti i casi della guerra: ondechè, se ne togli alcun subito sforzo,
d’altronde nè universale nè durevole, picciola parte delle forze dello
stato restava a maneggiarsi dal principe.

E così parrà men temeraria quella ostinazione di Federigo a ricombatter
sul mare, con disparità di numero, e Loria a fronte; perchè in mare
almen potea adoprare unite e ristrette tutte le forze, e scansava lo
scompiglio al di dentro. Che se allo sbarco del principe di Taranto,
s’infiammaron tanto gli abitanti di val di Mazzara, che popolarmente
seguiano il re a rituffar in mare il nemico, e guadagnavan la battaglia
della Falconarìa, tornaronsi a’ consueti esercizi delle industrie,
quando non videro altra occasione a far oste, che in tediose e aspre
espugnazioni. Indi gli stanziali restavan soli in arme quando si pugnò
a Gagliano. Eran gente mescolata; Spagnuoli, Siciliani, e pochi altri
Italiani di parte ghibellina; leggendosi tra’ condottieri un Farinata
degli Uberti[296], e che molti Colonnesi, nello sterminio di lor casa,
rifuggironsi a Federigo[297]. Maggior aiuto gli davan di Genova i
Doria, gli Spinola, i Volta, e lor consorti, padroneggianti i consigli
della repubblica, e armanti navi agli stipendi di Sicilia[298]. Donde
avea Federigo forti ma poche schiere, alimentate da scarsi danari,
per trovarsi la nazione esausta da diciott’anni di guerre, menomata
dall’occupazione straniera, e ordinata con leggi assai gelose sopra
i sussidi alla corona, i quali anco s’erano assottigliati per le
franchige concedute alle più grosse città ed ai militi, in merito di
segnalati servigi nella guerra. Ma la ferma volontà de’ popoli al
mantener libertà e independenza, suppliva a tutto, e tenea la bilancia,
che incredibil sembra, contro la smisurata potenza de’ nemici.

Aveano i nemici quanto danaro si potea trarre dal reame di Napoli,
quanto ne sapea fornire la corte di Roma e la fazion guelfa dell’Italia
di mezzo. Avean gente dalle or dette province, dalla Spagna, e dalla
Francia soprattutto, alla cui materna carità la schiatta angioina di
Napoli si volse e prima e poi in ogni suo pericolo. Ond’ecco appena
saputa la sconfitta della Falconarìa, Carlo II scrivere a Filippo il
Bello a dì otto dicembre, attestando che a lui ricorrea, come a capo e
sostegno del suo legnaggio, e prima speranza dopo Dio, e ripregandolo
con le più calde parole che gli fornisse gli aiuti di gente, chiesti
già prima; che se il re di Francia avea altre guerre più vicine,
nondimeno «le sue mani eran sì gagliarde e sì lunghe da poterle,
volendo, stendere a’ suoi, e mandare speditamente un soccorso qual
che si fosse, perchè in oggi il picciolo varrebbe quanto altra volta
il grande; ma tardandosi, ne scenderebber così basso le sorti del
re, che veruno sforzo non basterebbe poi a rialzarle[299].» Un’altra
copia di questa lettera mandò il tre gennaio milletrecento con due
ambasciadori, frate Volfranc de’ predicatori, e Pietro Pilet[300]. Nè
la Francia ricusava quegli aiuti, co’ quali si tentò l’ultima volta il
racquisto della Sicilia. Ma Bonifazio era il più potente aiuto, anzi
il principe dell’impresa, con quel comando pontificale, quel grande
ingegno, e veemente e alto animo. Intende costui nei primi dell’anno
trecento, come re Carlo, per pietà del figliuol prigione, o tedio e
spossamento, abbia dato ascolto ad oratori di Federigo; e prorompe
a scrivergli atroci rampogne; conoscerlo già da lunghi anni, per la
vil tregua di Gaeta, la disennata pace con Giacomo nel novantacinque,
la stolta fazione del principe di Taranto; e così dalla sua pochezza
tornasse danno a lui solo, non alla romana Chiesa o a cristianità
tutta! Che saviezza, che riverenza al sommo pontefice, che gratitudine
ei mostrava, a trattar di soppiatto la pace con Federigo! Perciò,
il pontefice era necessitato ad ingiungere ad uomo sì incapace, non
osasse continuar la pratica, senza comandamento scritto di lui: se
disubbidisse, sentirebbe il peso di scomuniche e processi; e il papa,
ch’aveaci speso tanta fatica e danari, saprebbe allo estremo far pace
egli con Federigo, a danno della sola corte di Napoli, perchè non si
ritardasse il racquisto di Terrasanta. Queste acerbe lettere scrisse il
nove gennaio, replicò poco appresso: e ben mostrano chi fosse in quel
tempo il sovrano di Napoli, se Carlo II o Bonifazio[301].

Carlo allor venne a lui tutto supplichevole, insieme con l’ammiraglio:
l’uno per discolparsi, entrambi per chieder soccorsi, da ristorar la
fortuna precipitata alla Falconarìa. E il papa, che non sapea perdonar
questo rovescio, forte rampognò, ma forte insieme aiutò. Chiama a sè i
cavalieri del Tempio e dell’Ospedale di san Giovanni di Gerusalemme,
che rechino in aiuto di Carlo tutte lor armi stanziate di qua dal mare;
ne richiede anco le città guelfe d’Italia. Esorta con frequenti lettere
Roberto a incalzar la guerra; il cardinal Gherardo a sopravvegliare e
governare ogni cosa; ai Siciliani gittatisi a parte angioina, scrivea
carezzando e piaggiando. Il breve indirizzato a Gherardo, dato di
Laterano il primo febbraio, spiega la gran tela che Bonifazio ordiva
per volger mezza l’Europa contro quest’indomito siciliano scoglio;
e chiudesi con accennare più altre pratiche, che pareagli bene di
passar sotto silenzio, e son indi da giudicarsi men lodevoli assai
delle dette dinanzi[302]. Ben egli è vero che il giubbileo, bandito
appunto in questo tempo, molto aiutava gli sforzi della romana corte
contro Sicilia. Bonifazio l’istituì primo, o confermò con papal decreto
la consuetudine antica di festeggiar con istraordinarie pratiche di
religione il cominciamento del nuovo secolo[303]. Chiuse allora a’ suoi
nemici politici i tesori d’indulgenza, largheggiati a tutto il popol
di Cristo; privonne segnatamente cui desser favore agl’infedeli, o a
Federigo, o ricettassero gli usciti Colonnesi[304]. E attirò in Roma,
in poco spazio di tempo, da due milioni di stranieri, che veniano alle
perdonanze, e con loro spese arricchian la città e ’l contado; e più la
camera apostolica con le limosine, sì larghe, che nella cappella di san
Paolo, due chierici senza mai cessare raccoglievano con rastrelli la
moneta gittata dai fedeli ai piè dell’altare[305].

Grandi somme ne fornì dunque il papa a re Carlo, or in sussidio, or
in nome di prestito, che tornava allo stesso, per la difficoltà di
riaversi[306]; e ne dieron anco Firenze e Lucca e altre cittadi, oltre
i soliti accatti di Carlo da mercatanti stranieri[307], e da’ sudditi
fin delle città occupate in Sicilia[308], e oltre le sovvenzioni che
impetrava da’ suoi fuor da’ termini soliti; come fece co’ prelati e
feudatari di Provenza, che intendendo la presura del figliuolo, gli
si proffersero, ed ei lor chiese danari, armature, navi[309]. In tal
modo sopperiva alle spese della guerra, divenute più esorbitanti per
cagion de’ continui soccorsi di vittuaglie e moneta all’esercito in
Sicilia, ov’era carestia, e ostinato animo de’ popoli, da non lasciar
all’occupatore altro terreno, che quello sul quale posava il piede[310].

Molta anco fu la cura a ingrossare l’esercito, che struggeasi, ora per
battaglia, or nei casi della guerra guerriata; e spesso anco vedeansi
i mercenari lasciar le bandiere, o neghittosi e disobbedienti seguirle
a ritroso, e voltar faccia al primo scontro; talchè fu necessitato re
Carlo a dar illimitata balìa a Ruggier Loria, di punirli nella persona
e nei beni[311]. Condottieri inoltre ricercava per ogni luogo, con
grandi promesse, larghi stipendi: richiese Carlo di Valois e Roberto
conte di Artois[312]; ebbe gente di Spagna, con l’opera di Loria,
che non solamente scrivea i soldati, ma obbligatasi al pagamento se
il re fallisse[313]. Firenze mandavagli dugento cavalli[314]; e tra’
capitani suoi leggonsi Tommaso di Procida, il conte di Fiandra, il
delfino di Vienna, Ranieri Grimaldi uscito di Genova[315], e altri
condottier venduti di gente a lor vendute, pestilenza che per molti
secoli poi invilì e distrusse l’Italia. Nelle Calabrie re Carlo
armava contro i nostri acquisti le milizie feudali[316], e masnade
leggiere raccolte a mo’ degli almugaveri, senz’altra legge nè soldo
che ’l bottino[317]. Ma que’ disciplinati mercenari fea traghettare
in Sicilia[318], misurando le speranze dagli stipendi; e falliangli
ancora, come tutt’armi venderecce. De’ cavalli toscani porta l’istoria
che fur quattrocento, capitanati da Ranieri Buondelmonte, e congiurati
tra loro contro quel Blasco Alagona, ch’avea tanto rinomo tra i
capitani di Federigo. Ruggier Loria con l’armata li pose a terra in vai
Demone; indi passarono in Catania, ove chiudeasi l’angioino esercito;
e braveggianti ivan per vie e piazze domandando ove trovar potessero
Blasco. Ma quando sepper da vicino chi egli era, e quali i suoi,
scrive Speciale, cessaron l’inchiesta, come pronti alle parole non a’
fatti; talchè scherniti da’ lor consorti e da’ nemici, in breve ora si
sciolsero[319].

Al medesimo effetto di far gente per l’esercito, e più per la flotta,
e per toglier anco gli aiuti che occulti ne veniano a Federigo, la
casa d’Angiò ripigliava gli sforzi per tirarsi Giacomo e i popoli
suoi. E prima Carlo concedette a’ Catalani, Aragonesi e altri sudditi
di Giacomo, ch’avessero per lui militato in Sicilia sulla flotta,
la terra d’Agosta, e la città di Patti, abbandonate dagli abitatori
negli atroci casi di queste guerre; dando lor anco quei contadi, co’
privilegi medesimi de’ Provenzali coloni nel reame, e altre immunità,
come paresse allo ammiraglio[320]. Oltre questo allettamento,
fortissimo ad uomini di mare, per la bellezza de’ porti e importanza
delle colonie, non fu avaro di concessioni feudali a’ capitani
spagnuoli più segnalati[321]. Il papa ritentava Giacomo per mezzo del
cardinal Gherardo d’illibato nome, e per altri messaggi[322]; e alfine
scrìssegli, affettando stil tra amorevole e severo, con che toccava
quella biasimevole partita dopo la battaglia del capo d’Orlando, lo
scandalo, i sospetti indi nati: purgasseli con richiamar sotto pene
rigorosissime i suoi sudditi dalle bandiere di Federigo; vietar che
altri vi corresse; e, al contrario, procacciar armamento di uomini e
navi al servigio della Chiesa[323]. Dettegli Bonifazio, per miglior
argomento, due anni più di decime ecclesiastiche[324]: e nello stesso
tempo re Carlo facea assai viva dimostrazione a soddisfargli i crediti
della passata impresa, con investir su entrate certe e spedite delle
contee di Provenza e Forcalquier once duemila annuali, già promessegli
sugli acquisti che si speravano in Sicilia[325]. Ma sia per fuggir
novella vergogna, sia per conoscere il peso di tai promesse, o per
altra cagione che taccian le memorie del tempo, Giacomo non si lanciò.
Rispose al papa aver già fatto abbastanza: e sol rinnovò le inibizioni
a’ condottier catalani di Federigo; e lasciò armar ne’ suoi porti per
casa d’Angiò, che poi, con questi aiuti, guadagnava la battaglia di
Ponza[326].

È detto innanzi quali interessi politici avvicinassero Genova alla
Sicilia in tutto il corso della guerra del vespro, e come Federigo
ne traesse aiuto. Favorivanlo i Ghibellini o Rampini, com’anco
diceansi, che in quel tempo tenner lo stato in Genova. I Mascarati o
Guelfi, tra’ quali qran primi i Fiaschi e’ Grimaldi d’antica nobiltà,
ritentarono invano nel novantadue portar la repubblica a collegarsi
con casa d’Angiò; e peggior prova fecero con le armi, tra ’l fine del
novantacinque e il cominciamento dell’anno appresso. Contaminaron di
sangue e arsioni la misera patria; e soverchiati e scacciati fuggendo,
affortificaronsi nella città di Monaco; donde armaron poi a tentar
disperati colpi su Genova, o ad aiutare di qualche naval forza re
Carlo, che favoreggiavali dalle sue terre di Piemonte e di Provenza,
ma non osava altro contro la repubblica, ancorchè desioso di voltarla
a parte guelfa, e dispettoso degli aiuti a Sicilia[327]. Ma papa
Bonifazio, men rispettivo assai, l’anno trecento, tra le altre pratiche
dette, si volse a questa assai vivamente; pria sollecitando Giacomo
di Aragona che distogliesse Genova da quella amistà; poi sforzandosi
a parlar benignamente ai legati di Genova e ad abbacinarli con molte
promesse, e anco richiedendo Filippo il Bello, che insistesse e
minacciasse di chiudere ai Genovesi ogni commercio in Francia[328].
Alfine il dì della cena del Signore, che fu quest’anno il sette
aprile, innanzi l’innumera moltitudine di fedeli accorrenti in Roma
al giubbileo, promulgava la scomunica contro Oberto e Corrado Doria,
Corrado Spinola e lor case e amistà, e con essi tutta Genova e ’l
contado; sotto la solita sanzione, che se infino all’Ascensione non si
spiccassero dagli aiuti della ribelle Sicilia, alle pene spirituali
s’aggiugnerebbe lo spogliamento de’ beni tenuti dalla Chiesa, e ogni
roba loro sarebbe del primo occupante, chiunque potrebbe prendere le
persone, sol che non le mutilasse o spegnesse[329]. A questo bando
dalla cristianità, Genova tentennò; mandò oratori al papa; e appiccossi
una pratica con re Carlo, Bonifazio l’incalzava per mezzo del re
d’Aragona, del re di Francia, e d’epistole a’ Genovesi; minacciando
l’ira del Cielo, con seguito di mali terreni; promettendo benedizioni
e prosperità se ubbidissero. Al medesimo fine ingaggiò Porchetto
Spinola, arcivescovo di Genova, uomo di gran riputazione per pietà
e dottrina[330] pur da lui offeso l’anno innanzi, all’entrar di
quaresima, allorchè dando le ceneri a’ prelati, in luogo delle usate
parole, disse allo Spinola il papa: «Rammenta che se’ ghibellino, e co’
Ghibellini in polvere tornerai!» e gliene buttò in sugli occhi[331].
Ma la debole umana razza, il più delle volte, a questi impeti trema e
obbedisce.

Per tal violenza di Bonifazio, di mezz’aprile del trecento,
cominciarono a trattare Genova e Carlo; prima in parole tra amici,
poi per due legati del re; e la somma fu questa: ch’ei procaccerebbe
la dedizione di Monaco, togliendole tutt’aiuto di Nizza e Provenza,
e intanto darebbe in sicurtà le castella di Torbia e Sant’Agnese, da
riaverle quando Monaco s’arrendesse; e che Genova richiamerebbe di
Sicilia, facendone caso di stato, Corrado Doria e tutt’altri Genovesi
militanti con re Federigo, nè permetterebbe nuovi armamenti per esso,
ma sì per lo re Carlo. Ma, appiccata la pratica, Genova si mettea in
sul tirato: desse il re, in luogo di Sant’Agnese, Esa, fortissima
sopra una rupe in mare; aggiognesse in ogni modo la torre d’Albegio;
fossero benvisti a’ Genovesi il vicario del re in Nizza e ’l siniscalco
di Provenza: e poco appresso, che Genova non darebbe statichi per la
restituzione delle castella, ma solo la fede di Niccolò e Albertazzo
Spinola, Niccoloso e Federigo Doria; nè dalla parte della repubblica
si facea altra nuova concessione che rimettere gli usciti ne’ lor
beni e anco nella città, da’ Grimaldi e pochi altri all’infuori. E
Carlo, perch’avea maggior bisogno, non ostante la mediazione del papa,
calavasi a questi patti; nè pur ultimava la negoziazione, saltando
i Genovesi, or alla resa di Monaco senza accettar sicurtà d’altre
castella, or ad altri ripieghi. Ond’è manifesto; che que’ capi di
parte ghibellina, mal combattuti da’ fautori del papa e di re Carlo,
volean temporeggiando scansar gli effetti materiali delle scomuniche;
ma più amavano tardar l’acquisto di Monaco, che rimettere in patria i
Grimaldi, e strignersi tanto con re Carlo, da rinnalzar parte guelfa
nella repubblica. Anzi non si restavan essi d’armare per Federigo.
I Grimaldi, non meno ostinati, ricusavano lasciar Monaco, per quanto
Carlo e la corte di Roma li esortassero e minacciassero, con chiuder
loro tutti soccorsi di Provenza, e farvi apparecchiar forze a lor
danno. Invano dunque il papa v’intromettea suoi fidati; invano Carlo
ad ogni intoppo accrescea il numero degli oratori[332], come se per
questo mancasse, e non perch’era Genova più forte e più destra. Aifin
Bonifazio, sdegnato, di novembre scagliò l’interdetto; l’anno appresso
fe’ romoreggiare le armi del Valois; nè pur asseguì l’intento ad altro
partito che la resa di Monaco[333], e, ciò che vinse ogni ostacolo in
popolo mercatante, larghi favori al commercio de’ grani, sì nel regno
di terraferma e sì in Sicilia nel caso del racquisto. Cattivato così il
pubblico, fu facil cosa al papa toglier al tutto i soccorsi de’ privati
a Federigo; chiedendone giuramento da’ magistrati di Genova, e domando
con insinuazioni e scomuniche i parmigiani più ostinati[334].

Mentre in tal modo praticava casa d’Angiò a scemare il nemico e
ingrassar sè d’aiuti di fuori, non meno studiavasi a far parte in
Sicilia, continuando le lusinghe all’universale, tentate con poco
frutto l’anno innanzi, e rincalzandole, che son le più efficaci, con
le pratiche particolari di perdonare, promettere, dar largamente ad
uomini e a cittadi. Raffermò a’ Catanesi le immunità lor concedute
poc’anzi da Roberto vicario[335]; alla terra di San Marco, che
si tenesse in demanio diretto dalla corona, gran favore in que’
tempi[336]; questo promesse a Camerata, disposta a tornar in fede, come
dicea la cancelleria angioina[337]; a’ cittadini di Naso, pronti a fare
il medesimo, profferse cinque anni di franchigia dalle collette[338];
diella, pria per anni dieci, poi infino a quindici, a que’ di Lipari
per tutti pesi fiscali[339]: e in Calabria adoperava le medesime arti
con le terre di parte siciliana; promesso a Geraci il perdono[340]; ad
Amantea quantunque con essa fermerebbe Goffredo Sclavello, devoto del
re[341]; a Tropea, come più importante, maggiori grazie, franchigia
di alcune gravezze per sei anni, e licenza larghissima a misfare
su le persone e robe de’ soldati nostri posti al presidio[342], a’
quali in van s’era profferto, in prezzo di tradimento, ritenerli
agli stipendi angioini[343]. Sparsersi pei novelli convertiti simili
allettamenti; a’ baroni, confermar loro i feudi[344]; agli uomini
mezzani, rimetter colpe, assicurar l’avere, redintegrarli nelle
dignità, e (dicono i diplomi) anche nell’onore[345]. Assai più liberale
usò Carlo con chi era stato tra i primi alla tradigione di Catania, o
d’altro luogo importante, ratificando tutte le concessioni feudali di
Roberto, e altre nuove aggiugnendone, con ufici e dignità: a Gualtier
di Pantaleone da Catania, data Biscari, e armato cavaliere; e a pro
di Virgilio Scordia non finivano le regie larghezze; creato inoltre
capitan della città di Catania, e comandante del castello[346]. Donde
si vede qual dura impresa si trovò alla prova il racquisto della
Sicilia; non fidandosi i nimici in sì grande soperchio di forza; e
gittandosi a comperar traditori, sì ardentemente, che non bastava la
terra a’ molti guiderdoni d’opere o buone o ree, e fu necessità dar
l’aspettativa, or concedendo il valor d’un tanto all’anno da investirsi
in beni feudali a misura che ne ricadessero alla corona[347], or dando,
in nome, ad alcun barone i poderi de’ baroni di Federigo[348]. Queste
ampolle di corruzione, lasciaronsi a ministrare in Sicilia stessa
a Roberto e all’ammiraglio; il quale ebbe facultà, onori, comando,
poco men che di principe. Alle continue concessioni feudali a pro
di lui, s’aggiunse in questo tempo Malta e ’l Gozzo, con titol di
conte[349]: chiamavalo poscia re Carlo, «fidatissimo quasi parte del
suo corpo medesimo»; e tra tante virtù ch’egli ebbe, gli dicea, che par
dileggio, purissimo nella fede; e armandolo d’autorità non minore dello
stesso vicario Roberto, diegli che, osteggiando con l’armata, potesse
rimetter colpe, debiti, pene qualunque a comuni, a privati[350];
che per richiamarli alla fede profferisse tutto che paressegli, e
ratificherebbe sempre il re[351]. Così quella smisurata potenza, che
Loria avea agognato invano nella siciliana corte, l’ebbe a corte di
Napoli; e fallì le speranze dell’una e dell’altra; con noi talvolta
per non volere; co’ nemici, volendo sempre, spesso non bastò.

Facendone or indietro a ripigliare i casi della guerra, vedremo come
infino alla uscita di primavera del trecento, nissun’altra notevole
fazione seguì in Sicilia: e in Calabria i combattenti giunsero a far
tregua tra loro, non volente il governo angioino[352]; il quale,
se riebbe qualche terra, la comperò dal presidio per moneta, o da’
cittadini per pratiche[353]. Intanto con gli aiuti detti, rinforzava
l’esercito in Sicilia, allestiva l’armata; e i nostri nell’armata sola
affidavansi, lasciando in mal punto, così li biasima Speciale, la
guerra di lor casa per cercarne altra fuori. Confortovveli l’ardire di
Peregrin da Patti, quell’eroe del ponte di Brindisi, il quale, forniti
di macchine pochi legni, abbattendosi con dodici galee pugliesi,
le avea investito, messo in fuga, rincacciato fin sotto le mura di
Catania, veggente Roberto; nè si stette dall’insultar co’ tiri la
stessa città[354].

Armate dunque ne’ nostri porti venzette galee, con cinque più de’
Ghibellini di Genova, vi montavano Giovanni Chiaramonte, Palmiero
Abate, Arrigo d’Incisa, Peregrino da Patti, Benincasa d’Eustasio,
Ruggier di Martino e altri molti, fior della nobiltà siciliana; il
supremo comando tenea Corrado Doria, genovese. Navigaron depredando e
guastando la riviera infino a Napoli, ove Ruggier Loria mettea in punto
da quaranta galee del regno e spagnuole. Mandarono un legno a portargli
la sfida: ed ei, ch’aspettava le dodici galee testè rifuggite in
Catania, freddo rispondea, non esser pronto per anco a battaglia. Indi
la nostra flotta, per vanto di chiudere in porto un tal ammiraglio,
soprastette tra le isole del golfo; bravando, senza assalire, nè
strignere il nemico, che rinforzavasi. Scorsero i Siciliani una scura
notte infino a Ponza; e le dodici galee di Catania a vele gonfie
presero il golfo: giunsevi nel medesimo tempo inatteso aiuto di sette
galee genovesi de’ Grimaldi, anelanti di bagnarsi nel sangue de’ Doria.
Con cinquantotto galee allora uscì Ruggier Loria, contro la nostra
flotta di trentadue.

A tal disparità di numero, i baroni dell’armata siciliana, consultavano
in fretta sulla nave dell’ammiraglio, per onestare, non la brama
di ritrarsi, ma la temerità che accendeali a combattere. Perciò
fu vana la saviezza di Palmiero Abate, uomo di gran cuore e nome,
invecchiato nelle guerre del vespro[355], il quale scongiuravali: che
di soverchio non tentassero la fortuna; non mettessero a certissima
perdita quest’armata, e con essa le speranze tutte della patria; niun
rossore, diceva, al ritrarsi con forze sì disuguali; si specchiassero
nel gran Loria, che testè n’avea maggiori, e pur non tenne l’invito,
ma combatter volle a suo comodo. Questa sentenza di Palmiero tutti
approvavano in sè medesimi, con le parole il contrario, per parere più
bravi. Ma Benincasa d’Eustasio, disensato oltre tutti, proruppe: non
per isguizzar come delfini innanti il navilio nemico, averli mandato la
patria e il re: il mare che solcavano vide già due splendide vittorie
de’ Siciliani, sopra numero di nemici doppio del loro; ed or da questi
mezzi uomini[356] fuggirebbero? «No, si combatta, finì, e i tralignanti
Siciliani che tremano, fuggan pur ora; non ci rovinino con l’esempio,
ingaggiata che sarà la battaglia!» E Palmiero con ferocissimo sguardo:
«A me, gli disse, a me, Benincasa, accenni! Or tempo non è di parole,
perchè incalzano i fatti, e mostreranno tra noi chi fugga e chi stia.
Ma poichè voglion questo i Cieli, o compagni, d’altro omai non si
parli; alla battaglia apprestiamci con l’usato coraggio.» Saltò sul
palischermo, picciolo e lesto; e montata la sua galea, armossi da capo
a piè. Alacremente tutti correano alla prova disperata. Corrado Doria,
ammiraglio, che non ebbe principal parte nel consultare, la cercò bene
al combattere, drizzandosi risolutamente a ferir di costa, al primo
scontro, la capitana nemica.

Fu combattuta il quattordici giugno del trecento questa infelice
battaglia, in cui le cinque galee genovesi ch’eran per noi, si trasser
da canto, e venzette sole siciliane affrontarono tutta la flotta
nemica, con molta strage scambievole; finchè accerchiate, soverchiate
e peste s’accorser tardi di loro temerità. Benincasa d’Eustasio,
ch’alla prima avea preso una galea nemica, ne tolse bottino quanto
seppe, e die’ l’esempio della fuga. Sei galee il seguirono; le
altre, dopo ferocissima lotta, furono prese co’ baroni, i guerrieri,
i marinai, tutti carichi di ferite. E Doria solo pur non calava
stendardo, ancorchè trovatosi nel più fitto de’ nemici dal principio
della battaglia, quando il nocchier di Loria destro cansò l’urto del
genovese; e tutti allor gli furono intorno, gli squarciavan co’ rostri
i fianchi della galea, salivano all’abbordo, ed erano rincacciati in
mare, inchiodati da’ valentissimi balestrieri genovesi. Loria alla
fine, tirate indietro tutte le galee, gli spiccò addosso un brulotto.
Così avuto prigione Corrado, onorò questa bella virtù con aggravar lui
di catene; e a’ balestrieri die’ peggio cento volte che morte, fatto
lor cavare gli occhi e mozzar le mani.

Fu a corte di Napoli e per la città e per tutto il reame, grande
allegrezza di questa vittoria, di cui festeggiossi nelle città guelfe
d’Italia, parendo l’ultima pinta alla rovina di Federigo[357]. Sopra
ogni altra cosa, ne sperava re Carlo aver di queto le terre di quei
baroni in Sicilia. Fattili venire quindi a Napoli, sbrancare in
diverse carceri, e ad uno ad uno addur dinanzi a sè, li tastava or
a trattamenti miti, carezze, promesse, or a minacce e stretture; nè
mai potè spuntarne alcuno che gli facesse omaggio. Allora, con nuovo
argomento, serbandone altri a Napoli in catene[358], altri mandava
in catene in Sicilia, a fin di tentare i prigioni con la vista della
patria, le cittadi con la carità di questi lor valenti; e affidolli
a Loria, vegnente a girar l’isola con la flotta, col terror della
recente battaglia, co’ pien poteri, che innanzi dicemmo, de’ quali fu
armato appunto in questo tempo, per usarsi con sommo sforzo d’arti
e d’armi la vittoria di Ponza. In tal viaggio morì Palmiero Abate.
Fu preso a Ponza combattendo, tutto lacero e sanguinoso; il gittaron
prima in un carcere, poi in un fondo di galea; ove ammalignatesi le
ferite per disagio e niuna cura, struggendoglisi l’animo dal rammarico
di vedersi in tal essere, dinanzi quella patria per cui avea speso la
sua vita perigliando venti anni tra le armi e’ maneggi di stato, e ora
nel maggior uopo non poteala aiutare, a vista di Catania, col nome
di Sicilia sulle labbra, spirò. Fe’ onorare Roberto, con esequie e
sepoltura nel duomo di Catania, il cadavere di quel grande[359].

Arrigo d’Incisa, cittadin di Sciacca, portato a zimbello del pari, ebbe
libertà dal caso, che fe’ sdimenticarlo in un carcere a Catania, quando
Loria ripartì con l’armata per iscorrer le costiere di mezzogiorno.
Donde l’ammiraglio, volendo mostrarlo a’ concittadini, mandava un
legno sottile a torlo, con una grossa somma di danaro pe’ bisogni
dell’armata; e il legno avveniasi con un di Sicilia, che il combattè e
vinse; sì che Arrigo n’andò sciolto non solamente, ma gittò ancor le
mani sulla moneta angioina[360]. Corrado Doria intanto tra li artigli
di Ruggiero, emulo e avaro e però di tanto più crudele, era stretto in
catene, abbruciato di sete, nudrito appena di quanto bastasse a tenerlo
vivo, minacciato e macerato in mille guise, perchè rendesse a Loria la
terra di Francavilla. Ei durò questo martirio gran tempo; poi scrissene
a re Federigo, e assentendol questi, risegnò il feudo. Ma Francavilla
fu il solo acquisto, che tornò a parte angioina dallo strazio disonesto
de’ prigioni di Ponza.

Poche altre terre guadagnò in questo tempo, tutte senz’arme: Asaro,
data da due omicidi per fuggir la vendetta delle leggi, e incontrarono
in brev’ora quella del popolo, che li vergheggiò a morte, mentre
ordiano nuova prodizione[361]; Racalgiovanni[362] per tradigione del
signore del luogo; Taba[363] d’un vil soldato, che aprì una porta a’
nemici, e nel trambusto fu ucciso, innanzi che imborsasse i danari del
tradimento; Delia per maggior viluppo di iniquità di Giobbe e Roberto
Martorana. Eran costoro amicissimi del signor della terra, ma presi
di rea passione per la moglie e la figliuola del castellano, che il
signore posto avea in Delia, nè potendo ottenerle per minore misfatto,
il castellano trucidarono, fecero violenza alle donne, e, sperando
che così n’andrebbero impuni, detter la rocca a Roberto. Ma innanzi
ch’ei mandassevi maggior forza, Berengario degl’Intensi, condottier di
Federigo[364], riprese Delia, intromesso occultamente da un cittadino;
e i due scellerati, tratti a coda di cavallo, spirarono sulle forche.
Racalgiovanni, assediata da Federigo, non soccorsa da’ nemici, in pochi
dì si arrese[365].

L’ammiraglio in questo mentre girava l’isola intorno intorno, recando
sulla flotta il cardinal Gherardo, senza fare alcun frutto con le
arti; e la fortuna delle armi, che aveagli fatto fuggir di mano Arrigo
d’Incisa, non l’aiutò in alcun luogo delle costiere di mezzogiorno e
ponente, munite egregiamente da’ nostri; e per poco non perde a Termini
lui stesso. Tentò Ruggiero lo sbarco per non vedervi forze; e non sapea
che Manfredi Chiaramonte e Ugon degli Empuri v’erano entrati la notte
innanzi, e chetamente armata una torma di cavalli, aspettavanlo. Datesi
dunque le ciurme a predar la città bassa, i nostri cavalli le caricano;
le pestano, taglian la ritirata alle navi, gli sbaragliati fanno in
pezzi o recan prigioni. L’ammiraglio, che non fuggì mai rischio, era
sbarcato co’ suoi; ma non potendoli rannodare in tal contrattempo,
si nascose in un cantuccio d’osteria, finchè, ritiratisi i siciliani
cavalli, trovò un palischermo, e tornossi alla flotta, ove il piangean
morto. Passò il Faro poi, senza tentar Messina; die’ un assalto a
Taormina; nè altro ne riportò che il vanto di aver superato quegli
ardui luoghi, e fattovi pochissima preda[366].

Così andando in lungo la guerra, l’anno trecento e gran tratto del
seguente, passarono senz’altre fazioni, in vane parole di pace per
oratori di Federigo a Carlo, pratiche di scambio de’ prigioni[367], e
altre mene di parte d’Angiò, delle quali appena scopriam le vestigia
nelle tenebre del tempo[368]. Eran deboli i due eserciti, per le
cagioni che innanzi toccammo, e più per la carestia, che obbligò Loria
a tornarsi con l’armata in terra di Napoli, per tor vittuaglie da
provvederne Catania e le castella prese in val di Noto. Ciò fatto,
vedendo uscire scarsi tutti i partiti, nella state del trecentouno,
l’ammiraglio consultavane con Roberto di farsi veder, se non altro, ai
nemici: e scelsero la via del mare, perchè Federigo avea oste e non
armata. Spartita dunque la loro, sciolgono di Catania, Roberto per la
costiera di mezzogiorno col grosso delle navi, Loria per settentrione
con le rimagnenti. Osteggiava l’un Siracusa, forte di sito, avvezza
a maggiori turbini di guerra, onde questo agevolmente sostenne;
assaltava Scicli, e n’era ributtato del pari: ma Loria sol vettovagliò
le castella di val Demone. Ed erano, l’uno presso li Scoglitti sulle
rive di Camerina, ove un fiumicello serba ancor l’antico nome, l’altro
alla marina di Brolo, del mese di luglio, pensando a tutto fuorchè
ai rischi del mare, quando lo stesso dì scatenaronsi due opposti
venti, che spingevan del pari i nemici navigli a farsi in pezzi su
le nostre spiagge, assaliti, quel di Roberto da un forzato libeccio,
l’altro dagli aquiloni. Gittarono l’ancora i nocchieri di Roberto; e
si spezzavan le gomone, e cominciavan le galee a rompere sulli scogli,
nè forza di remeggio valea; talchè tutte perivano, se il pilota della
capitana non avvisava dar le vele al medesimo vento, stremandosi a più
potere lungi dalla riva. Così, preso capo Pachino, furon salvi i più;
lasciando su quelle rive miserabile strage di ventidue navi e grande
numero d’uomini; e quei che vivi giunsero a terra, ignudi e inermi,
fuggendo il miglior sentiero per sospetto de’ nostri, inerpicandosi
tra le spine, per luoghi più alpestri, alfin semivivi si ridussero
a Ragusa, che tenea per parte d’Angiò. L’ammiraglio, perdute sol
cinque galee, compier volle il giro dell’isola. Giunto a Camerina,
fermossi a ripescar le ancore della flotta di Roberto, raccorre gli
avanzi del naufragio; e saputo ov’era in fondo la galea di Guglielmo
Gudur, vescovo eletto di Salerno, cancelliere del duca, tant’oprò
con ramponi e altri ingegni, che levonne una gran cassa di moneta,
e tutto appropriossi, facendo a sè guadagno del danno de’ suoi. Ma
prima, soprastato innanzi Palermo, ebbe segreto abboccamento con Blasco
Alagona, dicendo spossati al paro Siciliani e Angioini; agli uni e agli
altri necessaria la pace[369]: e chi dir potrebbe se Loria, mentre
con tal parlare intrattenea il fedel Blasco, non annodò i fili d’un
attentato che indi a poco scoprissi?

Una congiura contro la vita di Federigo, tramata da tre cittadini di
Palermo, di grande riputazione in tutta l’isola, per nome Pietro di
Caltagirone; Gualtier dì Bellando e Guidone Filingeri; i quali ebber
complice Pier Frumentino[370], marito d’una Toda, sorella di latte del
re, cresciuta dall’infanzia con Federigo, e nota a corte; ond’anco
potrebbesi pensare, che vergogna domestica stigasse alla congiura
costui. Era un ribaldo dappoco, che ripentito o tremante, flagellato
dal pensiero d’essersi ingaggiato sì profondo, non seppe chiuder occhio
una notte, non trovar posa sul letto; finchè la donna se n’accorse, e
lo strinse, e tutto gli strappò, congiura e congiurati e assentimento
che si svelassero al re. Ella innanzi dì, correva al palagio di
Palermo; instava co’ famigliar!, menarla nuova, gravissima faccenda, da
non tardarsi un istante; e portata alle stanze di Federigo, volle prima
l’impunità del marito, poi disse per ordine la trama. Il rimanente
andò ancor come suole. Presi i cospiratori e convinti; punito nel capo
Pier di Caltagirone, reo principale; e Federigo, ch’era magnanimo,
perdonò la vita a Bellando e Filingeri, cacciandoli solo dal reame.
Di quest’attentato, più nero di tanto, quanto avrebbe distrutto
insieme con la vita del re la libertà del paese, non possiamo penetrar
le cagioni; perchè seccamente il narra Speciale, forse per caderne
sospetti contro la corte angioina, ch’indi rappiccossi con Federigo, e
diegli una sposa che sedea sul trono di Sicilia, quando Speciale dettò
le sue istorie. A tal giudizio anco porta il dir dello Speciale, che si
scoprisse la congiura, mentre Federigo, vista due volte l’armata nemica
girar l’isola intorno intorno, temè nuova macchinazione, e con ogni
studio ne investigava[371].

In questo tempo rincrudì contro amendue gli eserciti, nuovo nimico,
la fame; più infesta al siciliano che allo straniero, il quale traea
vittuaglia di terraferma; ma i nostri campi in due anni d’invasione
steriliano, abbandonati, arsi, tagliati gli alberi, svelte le vigne,
rapiti gli armenti, messo a guasto ogni cosa per non picciola parte
dell’isola. Ne nacque la carestia; e prima la sentì Messina, per
esserle chiuso il mare dalle ostili flotte, onde a un tempo e mancavano
i commerci, vita della città, e montava il caro de’ grani sopra
l’universale di Sicilia, a cagione della difficoltà de’ trasporti per
luoghi montuosi, occupati o infestati dall’Angioino. Già cominciavan
cittadini a fuggirsene, chi per fame, chi per pretesto, passando
al nemico. Stigato da quelli, venne a campo Roberto sotto Messina;
pensando, per poco che aggravasse la carestia con la guerra, domare
quel popolo ch’avea già fiaccato l’orgoglio dell’avol suo.

Al par che nell’assedio dell’ottantadue, pone in terra a Roccamadore;
manda sullo stretto la flotta di cento galee; con le genti ei si avanza
infino al borgo di Santa Croce, mettendo tutto a fuoco ed a sangue: e
nell’arsenal di Messina bruciò due galee; e scaramucciava ogni dì per
terra e per mare, rispinto sempre da’ nostri e dagli stanziali regi,
tra’ quali capitanò una compagnia il cronista Ramondo Montaner. Ma,
inviati da Federigo a vittuagliar Messina settecento cavalli e duemila
almugaveri, con Blasco Alagona e ’l conte Calcerando, Roberto non
li aspettò; passò con tutte le forze in Calabria, la notte medesima
ch’ei seppe Blasco giunto a Tripi, e da lui mandato avviso a Messina
che la dimane facessero una sortita, mentr’ei, piombando da’ monti,
prenderebbe a rovescio il nemico. Raggiornato dunque, i nostri, gli uni
dalle porte, gli altri dalle creste de’ monti, s’apprestavano di gran
volontà a combattere, senza pensare al numero delle genti di Roberto,
quando le videro fuggite. Entrato Blasco in Messina, tra l’allegrezza
della ritirata e de’ rinfrescati viveri, si cominciò a braveggiare.
Xiver de Josa, alfier di Calcerando, inviò in Calabria una bizzarra
sfida in rima, per un ministriere che la cantasse; e la canzone
invitava i nimici a tornar pure in Sicilia, che non si difenderebbe
lo sbarco, ma all’asciutto, in bella pianura, sariano aspettati a
combattere. Montaner la dà a paura che Roberto andò via da Messina, nè
fece ritorno alla sfida. Altri porta più sottil ragione di guerra: che
non potea giovare a Messina quantunque salmeria di vivanda condotta per
terra, consumandosi da’ cavalli della scorta più ch’e’ non fornivano;
e che Roberto, tenendo lo stretto e stando in Calabria, senza rischiar
giornata, toglieva a Messina gli aiuti di Reggio; e l’una e l’altra
insieme avrebbe affamato, minacciato e percosso improvvisamente. Prima
pose il campo a Reggio; poi con la medesima prudenza si ritirò alla
Catona, per la valida difesa di Ugon degli Empuri; e ostinato stette al
blocco, onde ad orribil pressura crescea la fame in Messina.

Respirovvisi un poco per lo gran valore di frate Ruggiero de Flor,
oriundo tedesco, nato a Brindisi in povero stato, gittatosi fanciullo
sur una barca de’ Templari, e fatto in pochi anni espertissimo
navigatore, frate del Tempio, uom d’arme, formidabil corsaro.
S’arricchì tra lo scempio de’ cristiani ad Acri; per invidia
perseguitollo il gran maestro de’ Templari, e ’l fe’ mettere al bando
di cristianità; ma tra i romori delle nostre guerre gli fu nulla. Con
una galea genovese, venne costui in Catania ad offrirsi a Roberto;
funne rifiutato; e passò incontanente ai soldi di Federigo, al quale
non restava a temere scomunica. Allora con siciliani legni, pur dopo le
nostre sconfitte navali, rifece le prime dovizie, corseggiando sopra
nimici ed amici; con questo divario, ch’ai secondi lasciava cedole
del valsente da rimborsar i alla pace: talchè, smisurato di pensieri
all’imprendere, d’audacia all’oprare, e rapace ma non crudele, e largo
donatore, anzi prodigo del mal acquistato, pei vizi al paro che per
le virtù era salito in gran nome in tutta l’oste di Federigo[372].
All’intendere il misero travaglio di Messina, presentavasi Ruggiero
al re, dicendo sentirsi spinto e flagellato da un gran pensiero: o
vittovagliar Messina per mare, o perdersi nelle onde, o, che peggio
era, tra le man di Roberto e de’ frati del Tempio. Assentendolo il re,
apparecchiava dodici galee; le empiea di grano a Sciacca; e con esse
stava pronto nel porto di Siracusa.

Com’ei vide gonfiarsi il mare da ostro, piano senz’onda, rosseggiante
come per sangue[373], s’appose che metteasi uno scirocco fortunale;
e confortò le ciurme all’impresa, in cui il vento, dicea, non li
abbandonerebbe in balìa de’ nemici, perchè di verno non cala sì tosto.
La notte dà le vele alta tempesta; e con essa si trova a dì innanzi
lo stretto. Loria scoprendolo, facea rabbiosamente escir le galee,
forzar ne’ remi; ma indarno lottavano contro que’ gran cavalloni e
corrente del Faro; e il templario, beffandosi de’ vani sforzi, a vele
gonfie entrava in porto. Incontanente rinvilì il grano a metà del
pregio; sfamò l’afflitto popolo, e ’l rafforzò in sua costanza. Ma non
i campi Leontini, sclama Speciale, potean mietere, non tutti i granai
d’Agrigento, rinserrar tanto, che bastasse in quell’uopo a Messina[374]!

Mentre nel blocco di Messina si disputava ostinatamente l’importanza
dell’impresa, Blasco Alagona, fulmine di questa guerra, amico
amantissimo di Federigo, fedelissimo alla Sicilia, non vinto unque in
battaglia, ammalò in Messina, come probabil è, dalla malsania degli
alimenti; e in breve trapassò, non pianto in Sicilia, a sommo biasimo
de’ nostri progenitori invidianti il glorioso nome, non pianto in
Sicilia, fuorchè da Federigo. Ruppe in lagrime questi, per amore e
interesse, alla perdita di tant’uomo; vestì a duolo; in piena corte
lodò il valore, la fede, le chiare geste di Blasco. Del resto, poco
tempo lasciavano allora a privato cordoglio le calamità pubbliche[375].

Perchè Messina, consumato il soccorso di Ruggiero de Flor, tornava alle
stretture di prima e peggio; manicandosi, come dilicato cibo, non che
de’ giumenti, ma cani, gatti, topi; e queste stomachevoli carni pur
si aveano a sminuzzo; a comperare un po’ di pane non bastavan ricche
suppellettili, arredi, gioielli. Narro non parti d’immaginativa, ma
orribilità certe, che i nostri antichi durarono a salvamento della
siciliana libertà, per lasciarne retaggio, mal guardato da poi. Allo
scurar della notte crescea l’orrore in Messina, cresceano i lamenti;
usciano a gridar pane, non i mendici, ma gli agiati, pelle ed ossa,
scrive lo Speciale, vergognanti a mostrare il dì quelle spunte
sembianze; e molti la dimane si trovavan per vie e piazze morti,
qual di fame, qual dalla malignità degli scarsi e schifi alimenti.
Talchè uno strazio, un compianto era per tutto il paese; caduta ogni
baldanza agli uomini più valenti; le leggiadre donne, non attendendo
ad ornamento e cura della persona, squallide mostravansi; e pargoletti
si vider morire in braccio alle madri, poppando senza trarre una
goccia dal seno inaridito. Niccolò Palizzi, cittadino e governador di
Messina, meritò in questo frangente somma lode di coraggio, umanità,
antiveggenza, inespugnabil costanza; tra tanti pericoli e inevitabil
balenare della popolazione, fu infaticabile e grande nel provvedere,
con tal giusta misura, che si assicurasse la città dagli attentati de’
male contenti, e si risparmiasse il sangue pur de’ colpevoli. Da pochi
all’infuori, ugual virtù ebbe il popol tutto di Messina, due volte
salvator della Sicilia nella guerra del vespro; il prim’anno, con quel
memorabil valore contro la forza viva di Carlo; e l’ultimo, con questa
più maravigliosa perseveranza contro lo strazio della fame, lento,
inesorato, inglorioso, fiaccante corpi ed animi insieme[376].

Federigo dunque, dolente com’egli era della perdita dì Blasco, fa
spigolar quanta vittuaglia poteasi in val di Mazzara, e montando a
cavallo, vien ei medesimo alla scorta, senza pensare a sè, ma solo al
popolo; talchè sostando alquanto a Tripi, dopo lungo cammino, due pan
d’orzo e un fiasco di vino, che a caso si trovò un de’ famigliali,
furono la sola imbandigione del re; e sfamatosi, gittossi a terra,
facendo guancial dello scudo; e riposato qualche ora, rimontò per
fornire la via. Giunto presso alla città, manda i viveri, e torna
indietro a raccorre nuovo sussidio, perchè bastavano appena a tirar
innanzi pochi dì. Tosto rivenne dunque con altri grani, altri armenti:
e allora entrò in città; allora gli occhi asciutti tra lo scempio del
capo d’Orlando, sgorgaron lagrime al veder il popolo macerato, che
sforzavasi a gridargli evviva.

Donde consultando con Palizzi, deliberossi a rimedio, crudo, ma men
del male. Perchè i soccorsi di vittuaglie non si dileguino in un
baleno, bandisce che la gente più mendica e invalida alla difesa,
esca di Messina con lui, e sarà condotta in luogo ov’è cibo. Allora
l’irresistibil talento della conservazione di sè stesso, portò casi
che da lungi s’estimano spietati: abbandonar patria, parenti, quanto
v’ha di più caro; e lagrimando, scrive Speciale, ma non aspettando
i figli il padre, la sposa il marito, una squallida moltitudine
incominciò a poggiare su per la via dei colli: e Federigo, raccomandata
la città al forte Palizzi, spogliatosi nel duro incontro ogni fasto
di re, ai miseri spatrianti si fe’ compagno. Questo periodo fu il più
glorioso della vita di Federigo; perchè le due virtù ch’egli ebbe sopra
ogni altra, umanità e coraggio, bastavano allora a far l’eroe. «Per
monti, per pendici (traduco a parola a parola lo Speciale), per burroni
e dirupi con tal familiarità condusse i derelitti, con tanta carità ne
prese cura, che per via toglieva or questo or quel pargoletto dalle
mani delle spossate madri, recavaselo sulle braccia, o in groppa al
cavallo; a mensa gli si aggreggiavano intorno i fanciulli, ed ei di
propria mano spezzava loro il suo pane.» Così infino a grasse e sicure
contrade li accompagnò. Drizzandosi a Randazzo con là misera plebe,
per la via tra Francavilla e Castiglione, avvenne che un suo fedele,
prigion de’ nemici in Castiglione, infintosi dover chiedere al re certe
spese, e ottenuto di mandargli un uomo, l’avvertì occultamente trovarsi
senza presidio la rocca. Nol ridisse Federigo a persona. Giunto a
Randazzo, dando a vedere d’andarne a riposo, accomiata ognuno: e a
mezza notte fe’ cavalcar chetamente gli uomini d’arme, e portosseli
dietro senza dir dove. Fu la mattina a dì a Castiglione; occupò la
terra e il castel disottano; i terrazzani, rifuggitisi in quel di
sopra, astrinsero il presidio ad arrendersi. Così ritolse il feudo a
Ruggier Loria. E alleggerita Messina, ripigliate forze per ogni luogo,
mostrava a’ nemici assai più duro che non credeano, il soggiogamento
dell’isola[377]. Per la qual cosa Roberto, veggendo che il blocco
era nulla a’ Messinesi, e che anzi la carestia era trapassata nel
proprio suo campo, e aspettando di fuori la novella oste di Carlo di
Valois, levatosi dalla Catona, lasciò Messina gloriosa e vincente nella
seconda prova: e per salvar le apparenze e aver agio da ristorarsi,
trattò di tregua. Iolanda, fuor di sè per l’allegrezza, condusse questa
pratica tra ’l marito e ’l fratello, dapprima per legati; e fermossi
uno abboccamento a Siracusa. Venutovi il re, e con l’armata il duca,
recando seco due compagni di oppostissima indole, Ruggier Loria e
Iolanda; costei prima sbarcò al castel di Maniaci, a riabbracciar salvo
e glorioso, dopo cinque lunghissimi anni, quel fratello che sopra ogni
altro amò dall’infanzia. La dimane, tornata col duca, vidersi per la
prima volta Roberto e Federigo, salutaronsi contegnosi; e trattato tre
dì, con intendimento di raggirarsi a vicenda, e trovar tanto respitto
che bastasse a ciascuno a ripigliar forze, fermarono per pochi mesi la
tregua[378].



CAPITOLO XIX.

 Carlo di Valois a Firenze, indi in Sicilia. Deboli effetti delle
 sue armi. Assedio di Sciacca. Postura e disposizioni di Federigo.
 L’esercito nemico si consuma sotto Sciacca. Proposte di pace e
 preliminari di Caltavuturo; abboccamento tra i principi; trattato di
 Caltabellotta. Esecuzione di quello. Convito del Valois a Messina.
 Riforma de’ capitoli della pace, per voler di Bonifazio. Federigo,
 rimaso re di Trinacria, sposa Eleonora figlia di re Carlo. Principi
 della Compagnia di Romania.—Settembre 1301, alla primavera del 1303.


L’ultima prova di Bonifazio fu di chiamar altre armi straniere. Voleva
a un tempo soggiogar l’isola e rendere in terraferma d’Italia la
riputazione a parte guelfa, abbassata in qualche provincia, rimasa
in Toscana a primeggiar nel solo nome, per esser nata la divisione
dei Neri e Bianchi; gli uni immansueti dal troppo favor del papa, gli
altri mal celanti l’umor ghibellino. Perciò Bonifazio, che dopo la
sconfitta del principe di Taranto s’era nuovamente rivolto ad implorare
aiuti dalla casa di Francia, e vi avea mandato oratori suoi e di re
Carlo[379], quando vide la Sicilia sempre più indomabile, e spregiarsi
da’ Bianchi di Toscana e legati e scomuniche[380], prese a sollecitare
più caldamente Roberto conte d’Artois, che ritornasse in Italia con
forze, dandogli a ciò per tre anni le decime ecclesiastiche di sue
possessioni, e i danari di mal tolto[381]; e maggiore assegnamento
fece su Carlo di Valois, educato da fanciullo dalla romana corte a
regie ambizioni. Costui, dopo il baratto, che si narrò, del titolo di
re di Aragona con una figliuola di Carlo secondo e la contea d’Angiò
in dote, si rese chiaro in arme nelle guerre d’oltremonti; e mortagli
appena la moglie, pensò ritentar la via del trono, chiedendo la
Caterina di Courtenay, pretendente all’impero greco, offerta una
volta a Federigo, poi solennemente promessa innanzi tutta la corte di
Francia a Giacomo, figlio del re di Maiorca, ch’indi a poco si fece
de’ frati minori, non sappiamo se per vocazione, o per dispetto dei
disegni politici di Filippo e di papa Bonifazio che attraversassero
il matrimonio[382]. Il papa adesso allettava Carlo di Valois con
profferta di stipendio, comando d’eserciti, uficio di senator di Roma,
e altre dignità: gli promettea Caterina, quand’egli muovesse alla
guerra contro Federigo; e chiaramente scrivea a’ vescovi di Vicenda,
Amiens e Auxerre che accordassero la dispensa, vedendo preparata
l’impresa entro un dato termine, che più volte fu prorogato[383]: gli
facea sperare il Conquisto dell’impero d’Oriente, con le medesime
armi con cui combatterebbe in Sicilia: e parlò ancora d’elezione
all’impero occidentale. A questi sogni aggiunse la realtà delle decime
ecclesiastiche in Francia, Italia, isole del Mediterraneo, principato
d’Acaia, ducato d’Atene, e fin d’Inghilterra; e la metà de crediti
della corte di Roma per decime su le chiese di Francia. Con tali
sussidi assolderebbe il Valois cinquemila cavalli, per condurli in
Italia. Il papa esortò Filippo il Bello e ’l clero di Francia a favorir
l’impresa; prolungò a questo medesimo fine la tregua, che procacciato
avea tra Filippo e ’l re d’Inghilterra[384].

Per tal modo, di settembre milletrecentouno, Carlo di Valois trovossi
a corte del papa in Anagni, con re Carlo e’ figliuoli; e fu chiamato
capitan generale in tutti gli stati ecclesiastici, e rettore di
Romagna, Marca d’Ancona, ducato di Spoleto e altre province, con larga
autorità negli affari temporali[385]. Non mancaron frasi a Bonifazio
per mandarlo in Toscana, con titolo di conservator della pace, e vero
uficio di tradimento e di violenza: cominciando la bolla con parlare
de’ Magi, di Salomone, della saviezza, della pace; ed esagerando i
disordini, gli scandali, la disubbidienza, e anche la ingratitudine de’
popoli di Toscana alle paterne cure del pontefice, che volea mantenervi
la pace, e n’avea dritto, com’era noto ad ognuno, massime nella
vacanza dell’impero[386]. Si stabilì in questi consigli d’Anagni,
che differita a primavera la guerra di Sicilia, svernasse il Valois
in Toscana. Ito dunque di novembre a Firenze, ei fe’ quanto vollero i
Guelfi; cacciò i Bianchi, e tra essi quel sovran poeta, che stampava
d’obbrobrio, fino alla consumazione de’ secoli della presente civiltà,
il nome del falso principe senza terreno. Resa tal tranquillità alla
Toscana, tutta la benignità si rivolse alla Sicilia. Si rividero a
Roma di marzo del trecentodue quei medesimi principi; ove Carlo II e
Roberto prometteano al Valois d’aiutarlo all’impresa di Costantinopoli,
ne’ termini fermati tra Carlo I e Baldovino, e di non far pace
con Andronico Paleologo[387]. Allor mosse il Valois alla volta di
Napoli, nel mese d’aprile. Alle armi preparate il papa aggiunse nuove
scomuniche contro Federigo; la piena autorità del vescovo di Salerno
legato pontificio[388]; l’assoluzion de’ peccati, come in crociata di
Terrasanta, a tutti coloro che morissero ne’ combattimenti di Sicilia,
o combattessero fino alla compiuta vittoria[389]. I soldati del Valois
ebbon guarentigia da Carlo II, che venendo a morte nel territorio
del regno, non si toccherebbero i loro beni, com’era voce che usasse
la corte di Napoli verso gli stranieri; ma si disdicea e si chiamava
aggravio ed abuso[390]. Al medesimo tempo il re creava Carlo di Valois
suo capitan generale nell’isola di Sicilia[391]; gli conferiva pien
potere di render la grazia regia a que’ ribelli; di redintegrarli in
tutte le facoltà, dignità, onori; di conceder feudi; perdonare a’
rei di misfatti privati, ai ladri del danaro pubblico; assolvere i
debiti de’ comuni e degl’individui: largamente spaziandosi nelle lodi
della propria clemenza verso quel popolo, che a punirlo secondo suoi
meriti, avrebbe potuto spegnerlo di fame e di ferro, e diroccare le
sue case[392]. Finalmente prevedendo l’esito di tanto romore; e poco
fidandosi agli auguri di gloria trionfante, con cui principiava le
sue lettere al Valois, diegli di poter fermare la pace con Federigo
d’Aragona, entro alcuni termini che non sappiamo; e anco promesse ch’ei
non la farebbe senza saputa del Valois[393]. In Napoli eran pronti, con
le bandiere apostoliche, un’armata di più di cento legni grossi, torme
numerose di cavalli, Roberto e Ramondo Berengario, figliuoli di re
Carlo, baroni francesi moltissimi. Ed era il quinto o sesto formidabile
sforzo, che i medesimi potentati, con gli stessi mezzi, movean contro
Sicilia, contandosi già l’anno ventesimo della guerra del vespro[394].

L’avea affrettato Roberto, il quale, appena sottoscritta la tregua
con Federigo, adunava in parlamento a Catania i capitani dell’oste,
col cardinal Ghepardo e’ Siciliani di sua parte; e facea vanti in
iscusa de’ non lieti successi della guerra: tornerebbe immantinenti
con forze potentissime; lasciar intanto in Catania, vicario il pro
Guglielmo Palotta, e pegni dell’amor suo la Iolanda e Lodovico, da lei
partoritogli poc’anzi in Catania. A Napoli l’accolser gioiosamente,
come per vittorie, il re, gli ottimati, la plebe; ma stringendosi a
consiglio, con parlare men gonfio, ei mostrava la necessità di nuovi
sforzi estremi. I Siciliani allo incontro, ammaestrati dalle due
sconfitte navali, e non potendo adunare un giusto esercito nell’isola
occupata da varie bande, s’apprestavano a rifar guerra gurrriata.
Coosigliavali ancora la sperienza del primo passaggio di Giacomo,
fors’anco della guerra di Catalogna pell’ottantacinque, de’ prodigi che
operan poche bande agguerrite e risolute, in regioni montuose, tra siti
forti, e universal simpatia de’ popoli, che a te fornisce, toglie al
nemico tutti i comodi della guerra, e finisce sempre con vittoria su la
superbia soldatesca degli stranieri. Con tali disegni, Federigo girava
per l’isola; sopravvedea le castella; iva esortando e infiammando le
popolazioni delle città, che assaltate dal nemico, tenesser fermo, e
non fallirebbe il re d’aiutarle; chiamate all’oste, pronte corressero.
Spirata la tregua, Federigo nel cuor del verno, espugnò Aidone;
Manfredi Chiaramonte gli racquistò Ragusa e con maggiore costanza per
ogni luogo si ripigliavan le armi[395].

L’oste de’ collegati, per disegno di Ruggier Loria, si drizzò contro
val di Mazzara, prova mal tornata al principe di Taranto; ma parve da
ritentar il paese, abbondante, fin allora queto, piano, agevole a’
cavalli. Approdano dunque in sull’uscir di maggio a Termini, città a
ventiquattro miglia dalla capitale; e se ne insignoriscono alla prima
perchè il popolo non fece difesa, ascoltando un Simone Alderisio,
traditore o codardo. S’accampò ne’ dintorni, questo, dicono i nostri
scrittori, innumerevole esercito[396], sì mal ordinato, che in certe
feste, rissatisi tra loro Francesi ed Italeani, ne rimaser morti
duemila[397]; e fu mestieri appettar di Puglia un sussidio di ventidue
navi di grano, perchè si potesse muovere il pie’ dagli alloggiamenti.
Ma spargendosi per lo paese, altro acquisto non riportaron che di
greggi e rustiche prede; perchè Federigo avea munito ottimamente ogni
luogo; era venuto ei medesimo a porsi a Polizzi, non molto discosto da
Termini, con provvedigione da durar tutto assedio. Perciò, andati i
nimici a Caccamo, ne tornaron col peggio; per la fortezza del luogo e
la virtù di Giovanni Chiaramonte. Voltisi a Polizzi, e mandato a sfidar
il re, presentando battaglia nella pianura, n’ebbero accorta risposta:
che aspettassero, e sì a tempo il vedrebbero. Non osando assediarlo in
Polizzi, e volendo insignorirsi della città più importante nel gruppo
dei monti occidentali dell’isola, mutarono il campo a Corleone. Ma
prevennerli i nostri sì accortamente, che una man di cavalli, sotto
Ugone degli Empuri e Berengario degli Intensi, era entrata già in
Corleone quando mostrossi l’oste angioina; eran pronte le armi, i
cittadini sulle bastite: e ricordavansi essere stati in tutta l’isola i
primi a seguire il movimento del vespro di Palermo. Con questo animo,
schiudono una porta al nemico movente all’assalto; entrato, lo tagliano
a pezzi; nella quale zuffa il fratello del duca Bramante, mentre
confortava i suoi alla carica, sul limitare della porta, fu morto d’un
sasso scagliatogli da una donna. Dopo diciotto giorni d’asseto, con
onta e perdita Valois si ritrasse[398].

E non guardate pur da lungi Palermo, Trapani, Mazzara, trapassò alla
costiera meridionale dell’isola; e pose il campo a Sciacca, non per
la importanza, ma per la facilità, dell’acquisto; potendosi insieme
osteggiar con la flotta. Ma a Sciacca l’annunzio dell’assedio non
avea punto sbigottito i cittadini, capitanati dal lor pro Federigo
d’Incisa[399], che si rallegraron anzi di tal destro a spiegare,
innanzi la Sicilia tutta, la loro virtù; stamparon bastioni e fossi;
rabberciaron mangani e altri ingegni; in tutti i modi apprestaronsi al
combattere. Con pari ardore veniano i nemici; ingaggiandosi i capitani
tra loro, a non levarsi di Sciacca che non l’avessero espugnato: perchè
parea agevole; e vergognavano che in cinquanta dì dallo sbarco, non
avesser ferito un sol colpo con avvantaggio. L’armata angioina fece
vela da Termini; occupò, non si vede a qual fine, la picciola terra
di Castellamare; e senz’altra fazione surse alla spiaggia di Sciacca.
Cominciato dunque l’assedio di mezzo luglio, si combattea vivamente
ogni dì; gli assedianti facean giocare lor macchine, davano spessi
assalti: ed era nulla ai difenditori, confortati dalla vicinanza del
re, venutosi a porre co’ suoi stanziali a Caltabellotta, discosto
nove miglia da Sciacca. Mandovvi poi Simone Valguarnera, con dugento
uomini d’arme e più numero di fanti: il quale entrato di notte, a randa
a randa la spiaggia, tra le poste nemiche, aggiunse tal franchezza
agli animi de’ cittadini, che molti duri colpi indi n’ebbero le genti
collegate.

Più atroce danno patirono dallo stare in maremma scoperta, sotto
l’arsura del sollione, in faccia all’Affrica; onde furiosamente
s’apprese nel campo la mortalità de’ cavalli, che allor travagliava
molte parti d’Europa; e nacque anco una malattia che repente percotea
gli uomini, e n’era a tale già il campo, da poter montare appena
cinquecento cavalli. Federigo già ripensava alla vittoria del padre,
allo scempio delle formidabili schiere di Francia sotto Girona.
Montaner, con pueril zelo, qui scrive che il conte degli Empuri,
Ruggiero de Flor, Matteo di Termini e gli altri capitani, stigassero
Federigo a dar dentro, e sdrucire quello scheletro di esercito; e ch’ei
negasse di portare tal onta a casa di Francia. Il vero è, che volea
lasciarlo struggere tuttavia dassè; e comandava l’adunata di tutte
le milizie feudali e cittadinesche a Corleone, per condurle a sicura
vittoria[400].

Ma il Valois, come ciò intese, e vedea menomare di dì in dì le sue
genti, parendogli vergognosa fuga se lasciato l’assedio si rimbarcasse,
e inevitabil danno se aspettasse l’assalto delle nostre genti, pensò
trarsen fuori con una pace; diffidando inoltre di Bonifazio, che l’avea
frustrato nella speranza del governamento di Roma; e tardandogli di
fornir bene o male l’impresa di Sicilia, sì che restasse libero a
tentar acquisti per sè nell’impero di Oriente. Ristrettosi dunque
con Roberto, che mal si piegava, come giovane e feroce, a lasciar sì
bella parte del retaggio paterno, ricordavagli tutte le vicende della
siciliana guerra; quant’oro, quanto sangue si fosse sparso senza poter
mai ridurre quest’isola; e ch’or peggio dileguavansi le speranze,
per essere stracco il reame di Napoli, esausto l’erario pontificio,
caduta la riputazione di lor armi, e rinnalzata quella di Federigo,
che saprebbe riassaltar le Calabrie, conturbare il regno, accender
fuoco nell’Italia di sopra, col favor dei Ghibellini. Le quali parole
non persuasero Roberto; ma il vinse la necessità dell’esercito, e
l’autorità del Valois. Fors’anche era il caso assegnato per la pace
nelle dette istruzioni del re. E certamente, o in Napoli quando si
deliberarono le istruzioni, o a Sciacca, quando si usarono, per
assentir tal subito fine della guerra, tal inopinato esito de’
disegni della lega francese e guelfa, non solamente si risguardò alle
condizioni dell’esercito, ma anco si conobbe troppo arduo partito
il continuare l’impresa contro la Sicilia, pronta sempre a quella
maniera di guerra, poco dispendiosa a lei, poco rischiosa; non così
a’ collegati che avrebbero avuto a rifare altro esercito, armar altra
flotta, adunar altri tesori, mentre gli elementi della lega, come alla
lunga avviene, tendeano a disciogliersi. Deliberato dunque l’accordo,
Carlo mandava Amerigo de Sus, e Teobaldo de Cippòio, oratori suoi, a
Federigo, che s’era tirato indietro a Castronovo per mettere insieme
le sue genti[401]. Federigo assentì il diciannove agosto i preliminari
della pace, e che, ad ultimarla, venissero ad abboccamento con essolui
Valois e Roberto; intanto si cessasse dalle armi.

E il dì ventiquattro, tra Caltabellotta e Sciacca, in certe capanne
di bifolchi, vennero, con cento cavalli ciascuno, Federigo e Carlo di
Valois; favellaron soli gran pezza; poi fu chiamato Roberto[402]. Nè
forse senza pianto si incontraron questa fiata Roberto e ’l siciliano
re, per la perdita di Iolanda, amorevolissima ad entrambi, giovane,
bella, di santi costumi, genio di pace tra lo sposo e ’l fratello;
e morta sola a Termini, mentre stava l’uno allo assedio di Sciacca,
l’altro pronto a piombargli addosso[403]. Non guari dopo, e in dolor
pari, trapassò in Ispagna la regina Costanza, che nella pietà religiosa
perdè quasi la carità di madre, non onorando nel testamento il suo
glorioso Federigo, perchè era percosso dagli anatemi di Roma[404].
Nell’abboccamento dei tre principi furon indi chiamati, dall’una parte
Ruggier Loria, dall’altra Vinciguerra Palizzi, e poi più altri nobili
e capitani. Trattarono alquanti dì; poco mutossi da’ preliminari: e fu
fermata il ventinove agosto, giurata il trentuno la pace.

Per la quale restava a Federigo la Sicilia con le isole attigue, da
tenerla, finch’ei vivesse, da sovrano assoluto, independente da Napoli
e dal papa, con titol di re dell’isola di Sicilia, o re di Trinacria,
quel più fosse a grado a Carlo II. Darebbe costui la figliuola
Eleonora, in moglie a Federigo: a lor prole si procaccerebbe il reame
di Sardegna o di Cipro, o si pagherebber centomila once d’oro: e allor
dovrebbero lasciar l’isola di Sicilia. Renderebbersi da Federigo
le terre occupate di là dallo stretto; dagli Angioini quelle prese
in Sicilia; e similmente, senza riscatto, il principe di Taranto,
e da amendue le parti tutti gli altri prigioni: perdonerebbesi ai
sudditi datisi al nemico; ma i feudatari perderebbero tutti feudi dal
principe da cui si fossero ribellati. Da questo andarono eccettuati
solamente, come avviene, i due più potenti, Ruggier Loria e Vinciguerra
Palizzi; fatta ad essi abilità di tenere, il primo il castel d’Aci
in Sicilia, l’altro Calanna, Motta di Mori, e Messa in Calabria.
Sarebbero reintegrati, continuava il trattato, i beni ecclesiastici
in Sicilia, allo stato innanti la rivoluzione dell’ottantadue. Il
Valois si adoprerebbe a ottener la ratificazione di re Carlo e del
papa[405]. Fu questo il trattato di Caltabellotta, o, come il chiaman
anco, di Castronovo, per esservisi fermati i preliminari. Molto
onore n’ebbero per tutto il mondo re Federigo e la Sicilia. E in vero
la nazione, dopo venti anni, usciva gloriosa e vincente da guerra
sì disuguale; Federigo, contro tal soperchio di forze collegate, si
mantenea la corona sul capo: nè all’una ed all’altro tornava minor
lode, dall’aver condotto a tal estremo, in tre mesi, il Valois,
Roberto, Loria, tant’oste, tal armata; e piegato a lor volontà il
superbissimo Bonifazio. Nè si dica che non seppero i nostri usar la
fortuna contro quel diradato esercito. Dovean essi negar bene una breve
tregua, avvantaggiosa solo all’Angioino; era il contrario una pace,
nella quale si asseguisse l’importanza di sgombrar via il nemico, e
tener libera e tranquilla la Sicilia, foss’anco per pochi anni. Perchè
gli Angioini, pur volti in fuga e sconfitti a Sciacca, tenendo molte
cittadi e castella, avrebbero potuto continuare a lungo l’infestagione
dell’isola; e la pace, ancorchè pregna de’ semi di nuova guerra, dava
comodo a’ nostri a rassettar le entrate pubbliche, ordinar le milizie,
ristorar le città, racchetare i baroni, prepararsi a ripigliar le
armi, quando che fosse, freschi e gagliardi; mentre le forze de’
nemici, come collegate, menomar doveano di necessità col tempo, che
muta interessi, occasioni, umori dei potentati. Donde niuno fu che
non vedesse futile e vano, il patto del rendersi l’isola alla morte
di Federigo; parole da salvar le apparenze: e ciò vuoi significare il
Villani, chiamando questa una dissimulata pace; malcontento, come ogni
altro guelfo, per la riputazione che ne perdea lor parte, la forza che
crescea a’ Ghibellini, tenendosi la Sicilia da Federigo. Indi tutte
le fazioni d’Italia, per contrari umori, diersi a lacerare il nome
di Valois, motteggiando: esser venuto in Toscana a metter pace, in
Sicilia a far guerra; e aver lasciato guerra in Toscana, vergognosa
pace in Sicilia[406]. E meritò maggior biasimo, di baratteria contro
la corte di Roma e casa d’Angiò e tutta lor amistade, per un altro
accordo fermato in questo tempo con Federigo, che l’aiutasse d’uomini
e navi alla impresa di Costantinopoli, e non fermasse pace altrimenti
con l’imperadore Andronico Paleologo[407]. Promulgata da Federigo, lo
stesso dì ultimo d’agosto, l’importanza del trattato, senza dir de’
patti disfavorevoli, rivocossi il comando dell’adunamento in arme a
Corleone; e si sciolse, dopo quarantatrè giorni, con somma gloria di
Federigo d’Incisa e de’ cittadini, l’assedio di Sciacca: ma la pace de’
principi non tolse sì tosto la ruggine dagli altri animi: e terrazzani
è soldati, scrive Speciale, mescolati vagavan ora per la città, ora per
gli alloggiamenti, ma sospettosi e guardigni, per abitudine inveterata
all’offendersi. In breve tempo si rimbarcò l’esercito francese
per Catania: ebbe rinfreschi per ogni luogo: radendo le spiagge,
n’ammiravano, massime i soldati gregari, l’amenità; e con la gaiezza e
facilità di lor sangue a’ sentimenti generosi, ripentiansi dell’esser
qui venuti a recare e riportar tante afflizioni. Intanto da Termini
sciogliea per Napoli una galea, per nome l’Angiolina, col cadavere
di Iolanda. Federigo, da Caltabellotta n’andò a Sutera, a liberare
il principe di Taranto, tramutatovi, come in più sicuro luogo, alla
passata del Valois; e tutti gli altri prigioni fe’ recare in Lentini, e
reseli, insieme con Filippo, al duca di Calabria, venutovi da Catania.
Quivi Roberto e Federigo, per simpatia di gioventù, di valore, e
del comun cordoglio di Iolanda, strinsersi a tal dimestichezza, che
come fratelli sollazzavansi, insieme; e dopo una caccia dormirono in
un letto, come di que’ tempi si usava per dimostrazione d’amistà.
Di Lentini stessa i legati pontifici sciogliean la Sicilia dalle
scomuniche[408]. Andavano i principi insieme a Catania; dove Federigo
perdonò largamente a’ cittadini; fece qualche dimora con essi, in
segno di renduta grazia; e fuvvi sembianza di spegnersi odio assai
più atroce, quando Ruggier Loria, per la prima volta dopo lo scoppio
de’ loro sdegni nella reggia di Messina, gli s’inginocchiò dinanzi,
a render omaggio per la signoria del castel d’Aci. S’erano sgombrati
intanto da’ nemici gli altri luoghi di Sicilia; e apprestandosi lor
gente a tornarsene in terra di Napoli, Loria fe’ vela con l’armata; i
principi francesi, per tedio del mare, cavalcarono, permettendolo re
Federigo, da Catania a Messina[409].

E in Messina mostrossi anco tra le allegrezze della pace, quella virtù
che s’era provata in durissimi incontri; perchè gli uomini son così
fatti, che i grandi eccitamenti delle passioni pubbliche, li rendono
a un medesimo tempo audaci nell’arme, pronti e accorti nei consigli,
arguti e forti nelle parole, e generosi ne’ tratti, e in ogni cosa
di gran lunga più dignitosi e alti che nel mediocre viver di prima.
I nobili messinesi, in abbigliamenti di pace, si faceano incontro a’
principi; li conduceano a città; e sontuosamente albergavanli. Ma
convitando Valois i primi della città, e tra questi Niccolò e Damiano
Palizzi, che nel blocco di Roberto avean tenuto, l’un la città, l’altro
il castello, Niccolò, chiamato a sè il minor fratello, ricordavagli
quante fiate servì a tradigione l’allegria delle mense (nè Carlo di
Valois era Catone); essere in quel ritrovo il fior della città; gli
ospiti inimicissimi, fidanti nel favor del pontefice; l’occasione da
tentar coscienze anco men larghe, perchè, presa d’un colpo di mano
Messina, che sarebbe della Sicilia? e per tal acquisto qual peccato non
si rimetterebbe? Perciò ammoniva il fratello che restasse nella rocca,
e non s’arrendesse per quantunque caso atroce; non se vedesse lui
medesimo tra’ nemici, con la testa sul ceppo, e ’l manigoldo levar in
alto la scure. Damiano seguì il consiglio.

Qui lo Speciale si fa a descrivere il convito, il desco ricoperto
di bianchissimi lini, il vasellame d’oro e d’argento, i donzelli in
eleganti abiti, pronti a un girar d’occhio dello scalco; e altri dar
acqua alle mani, altri servir le vivande, girare i vini in tazze
sfolgoranti di gemme; e somiglianti sfoggi di lusso, contro i quali ei
si scaglia, lamentando che principi e cittadini, e fin que’ ch’avean
fatto voto d’imitare la povertà di Cristo, con tai vanità desser fondo
a loro sostanze. Ma dopo le prime imbandigioni, quando comincia il
favellìo, sedendo Niccolò Palizzi tra Roberto e il Valois, costui
domandavalo: nelle stretture estreme del blocco, quando vedeansi gli
uomini cader dalla fame, e fallir anco quei lor cibi pestilenziali,
qual mente fosse stata ne’ cittadini? E Niccolò, con un inchino:
«Signor, gli disse, sia fatto degli uomini, sia influenza de’ Cieli,
dal nome francese abborriam noi sì fieramente, che per serbare
quest’odio nostro, consumato l’ultimo boccon delle carni de’ giumenti e
de’ cani, avremmo ucciso le donne, i vecchi, i bambini; e ristrettici
chi nel palagio, e chi nella rocca, fitto avrem fuoco alla città,
per mostrar che non mancasse in Sicilia la tremenda virtù di Sagunto
e Perugia!» Carlo, crollando il capo, si volse a Roberto: «Vedi chi
son costoro! Ben si è fatta la pace!» Entro pochi dì valicarono in
terraferma; e restò la Sicilia libera e gloriosa con Federigo[410].

Mandava poi re Carlo la figliuola con un corteo nobilissimo a Messina;
e quivi splendidamente si celebravan le nozze, di primavera del
trecentotrè[411]. Già spariva ogni traccia della guerra, fuorchè la
gloria e i guiderdoni: che n’ebbe Messina nuove franchige da collette
qualunque, e giurisdizione su più vasto territorio[412]; Sciacca
immunità dalle dogane[413]. Ma il più salutare tra’ provvedimenti fatti
dopo questa pace, fu di sgombrar via i mercenari siciliani, calabresi,
genovesi, spagnuoli, che, finita la guerra, s’eran gittati in masnade
a infestar l’isola con ladronecci e violenze. Il più avventuroso tra’
lor condottieri, quel Ruggiero de Flor, che sdegnava tal poca rapina,
e per la pace si vedea ricader tra l’ugne del gran maestro del Tempio,
s’avvisò di portar quella feroce gente a’ soldi dell’imperator di
Costantinopoli, contro i Turchi che duramente travagliavano l’impero.
Gliel’assentì pronto Federigo, per torsi tal tristizia di casa; fornì
loro navi, armi, vittuaglie, e ogni cosa necessaria: e sì andarono
in Oriente; dove traendo a loro i mercenari degli Angioini, lor veri
fratelli, e quanti altri rotti e feroci uomini v’erano nimici del viver
civile sotto le leggi, fecero quel formidabil corpo, che si chiamò la
Compagnia catalana o di Romania, segnalatissimo per valore, infame per
fatti d’iniquità e di sangue, contro amici e nemici; nel quale videsi
tra i principali condottieri il cronista Ramondo Montaner. Tal gente
acquistò allora al re di Sicilia il titolo del ducato d’Atene e di
Neopatria[414].

Il papa fu l’ultimo ad assentire la pace. Venuto a lui il Valois,
nel ripigliò con sì agre rampogne, che ’l Francese fu per metter
mano alla spada[415]; esacerbato ancora dalla discordia accesa tra
il papa e casa di Francia per la disciplina ecclesiastica, di che
nacquer pochi anni appresso la scomunica di Filippo, la presura di
Bonifazio ad Anagni, e ’l disperato morir suo. Forse per cagion di
queste contese, s’ammorzò alquanto la superbia di Bonifazio contro
Federigo; e benignamente scriveagli: non poter ammettere senza disonor
della Chiesa l’accordo com’era, ma si accomoderebbe; egli intanto
preveniva Federigo nelle vie della pace; il ribenediva; non ricusava la
dispensagione per le nozze con Eleonora; del resto mandava in Sicilia,
a riformare i patti, i vescovi di Salerno e Bologna, con Giacomo di
Pisa famigliar suo. E ’l re di Sicilia, che incominciava a gustar
le delizie del viver tranquillo, piegossi a riconoscere per oratori
la feudal signoria di Roma, disdetta chiaro abbastanza nel trattato
di Caltabellotta, ed or voluta senza remissione da Bonifazio. Mandò
dunque a corte di Roma il conte Ugone degli Empuri, Federigo d’Incisa,
e Bartolomeo dell’Isola, promettendo e ’l giuramento ligio, e ’l
censo di tremila once d’oro all’anno, e il servigio di cento lance, o
vogliam dire trecento cavalli; imitazione de’ patti a’ quali Clemente
avea dato al conte d’Angiò i reami rapiti a Manfredi e a Corradino.
Ebbe Federigo il titolo di re di Trinacria; promesse a corte di Roma
la comodità di trarre grani dall’isola, e l’ampia redintegrazione de’
beni ecclesiastici. Nel qual modo, peggiorato per maneggi l’accordo che
onorevole s’era fatto con le armi in pugno, Bonifazio l’approvò per
costituzion pontificia del dì ventuno maggio milletrecentotrè, col voto
del sacro collegio, dissentendo un sol cardinale[416].

Fu questo fatto di Federigo, illegittimo e non obbligatorio per la
Sicilia, sì per virtù dei primitivi dritti di lei, e sì per la espressa
e fondamentale legge del milledugentonovantasei, che vietava qualunque
atto di politica esteriore senza assentimento della nazione. Perchè
non abbiamo, nè sappiamo essersi allegato giammai, documento di tal
approvazione nè alla pace di Caltabellotta, nè alle riforme di Roma.
Ma resta in dubbio se Federigo lasciar volle quest’appicco a disdir
quando che fosse e ’l trattato e l’omaggio al papa, o se, mutando il
sostegno dell’amor dei popoli con la federazione de’ potentati, si
contentò meglio del magro accordo, che della gloriosa resistenza;
e prese a violar le sue medesime leggi, come prima il potè senza
pericolo. Certo egli è dall’un canto, che Federigo non pagò giammai
censo a Roma[417]; che non mandò le milizie; ch’indi a pochi anni
ruppe nuovamente la guerra; che ripigliato l’antico titol di re di
Sicilia, mandò in un fascio e trattato e papal costituzione[418];
che infine fe’ riconoscere dal parlamento la successione di Pietro
II, onde il legal voto della nazione dileguò del tutto i vestigi
di tali vergogne, se alcuno ne potea lasciare il fatto del solo
Federigo contrario alle leggi. Dall’altro canto è da considerare, che
la guerra l’avea stracco; che puzzavagli la licenza dei baroni e de’
soldati mercenari; che gl’increscean forse gli stretti limiti della
costituzione del novantasei; e sopra ogni altro, ch’ei non fu sì grande
come il presenta la istoria, che mal serba misura nel biasimo o nella
lode. Ebbe Federigo animo gentile, affabile, adorno dalle lettere,
dato agli amori, pieghevole alle amistà, ma troppo, sì che reggeasi a
consigli di favoriti: e ne nacque il turbolento patteggiar della sua
corte, che ’l portò ad estremo pericolo con la ribellione di Ruggier
Loria, e posate le armi di fuori, accese in Sicilia le dissenzioni
civili. Nei maneggi di stato non fu molto accorto o magnanimo, nè
coraggio politico ebbe, al paro che ’l soldatesco, questo principe,
che nel novantacinque si lasciò raggirar da Bonifazio, e per poco non
tradì i Siciliani, nè spegner seppe, nè accarezzare i suoi baroni; e
dopo questa pace, ripigliando le armi al tempo dell’imperadore Arrigo
di Luxembourg, troppo osò, poco mantenne; meritò nota, ancorchè troppo
severa, di avarizia e viltà, da quel Dante ch’a lui s’era volto, come
all’erede del grande animo di re Pietro. Tal sembra, su i più certi
riscontri istorici, Federigo, lodato a cielo da Speciale suo ministro,
da Montaner soldato di ventura catalano, e ammirato dalle età seguenti,
perchè a lui si è dato quanto oprarono ne’ primordi del suo regno i
Siciliani, esaltati ad eroiche virtù dalla rivoluzione del vespro. Ma
s’ei non levossi con la sua mente all’altezza di gran capitano o uom
di stato, avrà sempre una splendida pagina nelle istorie siciliane,
come franco e schietto, costante nelle avversità, solerte in guerra,
prode in battaglia, vigilante nel civil governo, umano co’ sudditi,
degnissimo di fama per le generose leggi politiche che ne restano col
suo nome, le quali s’ei non dettò, ebbe prudenza certo e magnanimità
da assentirle[419].



CAPITOLO XX.

 Conchiusione. Qual era la Sicilia prima del vespro; qual ne divenne;
 qual rimase.


La pace di Caltabellotta, che fece posar la prima volta le armi in
venti anni dalla sommossa dell’ottantadue, è il termine del mio lavoro,
avendo chiuso quella felice rivoluzione ch’io prendeva a narrare.
Perchè non solamente i potentati di fuori, i quali, bene o male,
vantavan ragioni su l’isola, s’acquetarono al reggimento di quella
per lo innanzi chiamata ribellione; ma anco dentro da noi dileguossi
la spinta del vespro; benchè dopo corto volger di tempo, si fosse
ripigliata la guerra con esempi dell’antica virtù, e disdetti i termini
del trattato di Caltabellotta, e sostenuta, in tutta la integrità,
l’independenza della nazione. Ma tuttociò ritraea come debole immagine
que’ primi tempi gloriosi; e sforzi del nimico men gagliardi, con
più fatica si rispinsero; e mancava il rigoglio d’attual movimento;
scopriasi il mal germe della feudalità rimbaldanzita; e ogni cosa
muovere da una corte fiacca e discorde, anzichè dalla volontà della
nazione. Del rimanente, prima ch’io lasci questo nobile subbietto, mi
par bene ricercare qual fosse la Sicilia innanzi il vespro, qual ne
divenisse, qual restasse poi.

Nel secol duodecimo la veggiam noi fiorita d’industrie, civile e
potente, forse sopra la più parte degli stati d’Italia, domar quanti
piccioli principati stendeansi dal Faro al Garigliano; e per questa
nuova signoria, entrar nelle guerre civili d’Italia; e al medesimo
tempo avviarsi a più intima unione con quelle province d’oltre lo
stretto, e a reggimento più chiuso. Questo ebbe sotto casa Sveva, per
lungo tratto del secol decimoterzo, con grande soperchio di tasse:
ma l’alta mente de’ principi mitigò l’uno e l’altro con buone leggi
civili, gentilezza di costumi, cultura degl’ingegni, da avanzare nel
rinascimento delle lettere ogni altra provincia italiana; e insieme
die’ l’andare a forti opinioni contro la corte di Roma. L’avarizia e
severità, spiacendo più che non allettavano gli ornamenti, piegarono i
popoli alla repubblica del cinquantaquattro. Spenser questa i baroni;
e tornò la dominazione Sveva con que’ vizi e quelle virtù: onde poco
appresso ricadde, più per mala contentezza de’ popoli, che per forza
straniera.

Ma il governo angioino, invece di far senno da ciò, inebbriossi d’ogni
più insensato abuso; mutò non solamente le persone de’ feudatari, ma
di fatto anco innovò la feudalità; nel rimanente correndo al peggio
sulle tracce degli Svevi, e sforzandosi, direi quasi, a trar tutto
alla testa il sangue, per farsene più vigoroso alle ambizioni d’Italia
e d’Oriente. Sì duro ei tirò, che la ruppe. L’antagonismo delle
schiatte, il sentimento di nazione latina fece sentir più duramente
il governo tirannico; che anche antico e nazionale spinge i popoli a
ribellarsi come il possano. De’ due popoli si mosse anzi il Siciliano
che l’altro, o per l’indole più ardente, o per maggiore oppressione;
perchè la corte, tramutata in terraferma, era quivi compenso ai
mali comuni, e rispetto all’isola nuovo oltraggio politico, e danno
materiale; onde, dopo la rivoluzione, lo stesso Carlo I e Carlo II
si fecero a profferire special governamento alla Sicilia, e vicario
con larghissima autorità, e moderate leggi: rimedi che dati a tempo
avrebbero forse distornato i tremendi fatti del vespro, ma sì tardi non
trovarono chi li ascoltasse. La congiura o non operò nel movimento, o
poco l’affrettò. L’occasione al tumulto potea tardare; potea riuscir
male la prima, la seconda prova; non fallire la rivoluzione, in tal
disposizione de’ popoli, e assurda nimistà de’ governanti.

Come per forza d’incanto, al primo esempio che lor balenò innanzi
agli occhi, si rifecer uomini quegli imbestiati in vil gregge.
Tremavano a un guardo; sospettosi tra loro; selvatichi e fieri, pur
senza saper levare un pensiero al resistere; incalliti alla povertà,
alla ingiustizia, al disprezzo, al disonor nelle famiglie, alle
battiture sulle persone; sol ritraenti dell’umana dignità nell’odio
che chiudevano in petto: e chi in cotesti avrebbe riconosciuto il
legnaggio d’Empedocle, Dione, Archimede; de’ compagni di Timoleone,
dei vincitor d’Imera? E pure un attimo d’esempio bastò. Quell’ignoto
uccisor di Droetto, con un sol colpo, rese la greca virtù al popolo
di Palermo; questo a tutta l’isola. Nacque la rivoluzione dal volgo;
ed ebbe nei primi tempi sembianti popolani: frammischiatisi i
nobili, la tirarono alla monarchia ristoratrìce delle antiche leggi.
Allora tutta la nazione unita si adoperò al nuovo ordin di cose; non
guardandosi le minuzie di pochi nobili parteggianti per gli Angioini,
e pochi più spenti, per ingratitudine o sospetto, dal nuovo principe.
E chi guardi i Siciliani in questo periodo, entro il medesimo anno
ottantadue che li avea veduto marcire nella non curanza della servitù,
li troverà franchi al combattere, pronti ed accorti al deliberare,
devoti alla patria, affratellati tra loro, pieni di costanza, nè
spogli di generosità tra lo stesso disunan costume de’ tempi: e dopo
breve tratto, li scorgerà fatti provati guerrieri e marinai; pratichi
negoziatori nelle faccende di stato; fermi oppositori alla corte di
Roma, e pur tenaci nella religion del vangelo; e legislatori sorger tra
loro, che i nomi ignoriamo, ma ne restano, irrefragabil testimonio,
le savie leggi; e coltivarsi le lettere, prevalendo, com’è naturale
in un movimento politico, gli studi della storia, su la poesia che
fioriva nella corte Sveva; e Guido delle Colonne ne’ primi tempi della
rivoluzione dettare in Messina una storia Troiana[420]; il Neocastro
una nazionale e contemporanea, lasciando belli esempi allo Speciale,
allo Anonimo, Simon di Lentini, Michele di Piazza e altri; e lo stile
vivace e biblico, ritrarre il sollevamento dei pensieri; e quel che più
è meraviglioso, tra ’l romor delle armi prosperare anco le industrie.
Tanto egli è vero, che non v’ha parte alcuna degli esercizi degli
uomini, che non prenda novella vita alle boglienti passioni d’un
mutamento politico!

I quali effetti nascon talvolta da trascendente ingegno d’uno o pochi
uomini, che rapisce la moltitudine là dove ei vuole; talvolta da felice
talento de’ popoli, per la necessità e forza degli eventi, onde flnanco
i mediocri compion dassè grandissimi fatti, senza la virtù d’una mente
straordinaria che li governi. E il secondo caso parmi di scernere nella
rivoluzione del vespro. Perchè, messe da canto le favole di Giovanni
di Procida, le quali pur abbandonano il protagonista al cominciamento
della rivoluzione, nessun uomo di quell’altezza ch’io dico, si trova
infino al primo assedio di Messina; e questa diffalta forse fece
dileguar la repubblica. In Messina poi Alaimo di Lentini meritò nome
immortale; come a lui si deve e ai Messinesi, che la Sicilia non fosse
soggiogata da quel possente esercito di Carlo. Re Pietro e Ruggier
Loria spensero Alaimo; ma insieme educarono i nostri alla guerra, ed
egregiamente usarono le virtù degli Spagnuoli e dei Siciliani unite
insieme, a prostrare i nemici in Ispagna, sconfonderli in Italia: e
lungo tempo dopo la morte del primo, dopo la tradigione dell’altro,
durò la virtù loro, e notevoli uomini produsse.

Questi elementi sostenner Giacomo, glorioso e sicuro, sul trono; questi
v’innalzaron Federigo, quando Giacomo fallì alla rivoluzione; questi,
crescendo di vigore ne’ contrasti, fronteggiaron soli mezz’Europa,
quando quegli stessi Spagnuoli ch’eran venuti ne’ primi tempi ad
aiutarne per loro interesse, per loro interesse ci si volser contro:
antichissima usanza, che mostra esser la generosità di nazione a
nazione o sogno, o foco di paglia, e l’interesse tale infaticabil
consigliero, che piega alfine a sue voglie e principi e popoli.

La esaltazione di Federigo, rinnovamento o conferma della rivoluzione,
è al veder mio più gloriosa del primo principio stesso. Perchè non la
portò disperazione, o caso, ma l’accorgimento e ’l coraggio politico
de’ nostri padri; operata senza disordini, senza fatti di sangue, con
dignità d’universale concordia, con maestà di nazione che medita,
e si propone, e fa, contro potenze cento volte maggiori di lei. Al
considerar, quanti nomini di stato e d’armi, quanti prodi oratori,
quanti incorrotti cittadini risplendettero nel regno di Giacomo e ne’
primi tempi di quel di Federigo, si troverà manifesto l’effetto del
mutamento dell’ottantadue; la nazione rigenerata si troverà adulta in
tutte le sue forze. Donde, se Federigo non fu un uomo straordinario, la
Sicilia ridondava di tanta virtù, che bastò a resistere, e a fiaccar
l’ultimo sforzo de’ collegati.

Prendendo poi a guardar tutta insieme la lunga guerra del vespro, io
non so qual nazione possa vantare maggior fortuna. Carlo d’Angiò con
un picciolo esercito debellava quel valente Manfredi, signore di due
regni; e poco appresso le forze de’ Ghibellini adunate sotto Corradino:
ma per macchina di guerra poderosissima e maravigliosa, non bastò a
domar la sola Sicilia, nè egli nè i suoi successori, con ostinati
sforzi. La Sicilia in venti anni guadagnava quattro battaglie navali;
tre giuste giornate in campo; con moltissimi combattimenti di mare e
di terra; fortezze espugnate; occupate entrambe le Calabrie e Val di
Crati; dileguati di Sicilia tre eserciti nemici; sciolti due assedi di
Messina, due di Siracusa, e altri molti di minore importanza. Non fu
interrotto questo lungo corso di vittorie, se non che da due sconfitte
in mare, e da tre anni d’infestagione dell’isola; dove i nemici non
riportarono alcun avvantaggio di conflitto, ma ciò che presero fu
a patti, o per tradimento. Questi disastri toccaronsi per la virtù
soldatesca, le pratiche, la riputazione di Giacomo, di Ruggier Loria,
de’ venturieri spagnuoli: ma risanati che furono i nostri dal delirio
di combatter in mare senz’ammiraglio, vinsero in campo; tagliarono
a pezzi gli stanziali francesi e italiani nella guerra guerriata,
per cui è fatta la Sicilia; sgararono nella lunga prova il reame di
Napoli, maggiore tre tanti di popolazione[421]. Ed esso non bastò
a domar l’isola, ancorchè, insieme col suo sangue e la sua moneta,
si sperperassero contro Sicilia le decime ecclesiastiche di tutta
l’Europa, i sussidi delle città guelfe d’Italia, oltre il danaro che
die’ in presto la corte di Roma, che passò le trecentomila once d’oro,
e al dir del Villani[422], il papa ne acquetò Roberto al tempo del suo
coronamento. E non bastò, ancorchè la Francia fornisse braccia ed armi
alla guerra, e poi l’Aragona con essa, e la misera Italia sempre; e la
sede di Roma votasse la faretra degli anatemi, in una età, non che di
religione, ma di superstizione; e si facesser giocare tutte le arti di
quella corte, sapiente e destra, e avvezza a maneggiar le relazioni
politiche della intera cristianità. E la Sicilia, che non era aiutata
di danari da alcuno, d’uomini una volta dalle Spagne, poi sol da pochi
avventurier catalani e ghibellini di Genova, finì la guerra mantenendo
l’alto suo intento. Tali furono, o Siciliani, le geste dei vostri padri
nel secol decimoterzo! Ripigliaron così la independenza di nazione, la
dignità d’uomini: e detterne esempio alla Scozia, alla Fiandra, alla
Svizzera, che scuoteano, a un di presso in quel tempo, la dominazione
straniera.

Volgendoci alla riforma civile, la medesima ammirazione convien che
ci prenda. Gli sforzi che i popoli fanno a libertà, per loro natura
non durano, se non giungono a porre buoni e durevoli ordini nello
stato, e a spegnere i malvagi uomini, che ne guasterebbero i frutti.
La prima cosa fecer quegli antichi nostri egregiamente; l’altra non
seppero, o non poterono. Come le leggi esprimon l’interesse di chi è
più forte, così dettaronle a vantaggio pari de’ baroni e del popolo
i principi aragonesi, che per virtù di quelli regnavano. Allargati
i termini della costituzione del Buon Guglielmo, ebbe il general
parlamento la ragion di pace e di guerra, e quasi al tutto quella di
dar leggi; furono rese ordinarie e annuali le adunanze di esso; datagli
la censura su i ministri e uficiali pubblici; fondata o ristorata
un’alta corte di pari: componeasi il parlamento, come ognun sa, dei
prelati, dei baroni, e de’ rappresentanti o sindichi delle città; e
sembra fuor di dubbio che di que’ primi tempi, in un sol corpo, o
vogliam dire camera, deliberasse: veemente forma, che poi dileguossi
sotto i monarchi spagnuoli. Tanto per la signoria dello stato. L’altra
principalissima parte, ch’è l’entrata pubblica, fu ordinata con più
sottile accorgimento. Limitati per legge fondamentale i casi e la somma
delle collette; richiesta a levarle l’autorità del parlamento, sì che
poi, con molta significanza, appellaronsi donativi. Si fe’ più largo
il reggimento municipale, la cui importanza stava nell’adunata, o come
diceasi, parlamento, in cui tutti conveniano, o almeno in larghissimo
numero, i cittadini; e ne fu escluso per espressa legge l’ordine de’
nobili. Questi parlamenti popolareschi, e in qualche luogo, secondo
le particolari consuetudini, i consiglieri eletti a rappresentarli,
maneggiavano tutti i negozi del comune, cioè la tassazione pe’ bisogni
municipali, lo scompartimento delle collette generali, l’armamento
delle milizie a richiesta del re, la elezione de’ sindichi al
parlamento, e de’ magistrati del comune. La istituzione de’ giurati fu
tribunato, o, come or diremmo, ministero pubblico, che esercitavasi
in ciascun comune, a compiere il sistema di censura, alla cui sommità
stava il parlamento. Il maneggio dell’alta giurisdizion civile e penale
restò presso i magistrati regi: ma furono accresciuti, e avvicinati
alle popolazioni; si provvide il meglio che si potea a contenerli da
superbia e rapacità. Così uscissi dalla rivoluzione siciliana del secol
decimoterzo, con un ordinamento politico, che le più incivilite nazioni
del secol decimonono appena attingono. Notevole egli è, che un tal
congegno di monarchia, l’ebbe tra tutte le province italiane la Sicilia
sola; perchè nelle altre, di Venezia in fuori, non eran che repubbliche
mal ferme o signori assoluti; e nel reame di Napoli non tardò il potere
regio a trapassare i limiti delle costituzioni d’Onorio, e dileguarne
fin la memoria, stimolato, più che ritenuto, dalle frequenti ribellioni.

In tutto il rimanente del regno di Federigo, o in que’ de’ fiacchi
suoi successori, non dettavasi poi in Sicilia alcun’altra legge di
ordine pubblico, ma particolari statuti, più atti a manifestare che a
riparare i crescenti disordini dello stato. Dei quali fu sola radice
l’aristocrazia, che tenne in Sicilia un corso difforme dagli altri
reami d’Europa, dove nacque nelle età più barbare, piena d’abusi, e
poi l’interesse unito dei monarchi e del popolo, a poco a poco, la
raffrenò. Ma appo noi, come fondata al tempo delle prime crociate
e dalla mano d’un principe, fu moderata nel cominciamento; e se
tendea per sua natura all’usurpare, la ritirarono a que’ termini i
monarchi, e il romor del vespro la fe’ stare; finchè ripigliando
nel corso di quella lunga guerra e riputazione e facultà, e indi
cupidigia e baldanza, divenne l’ordine più possente dello stato:
per soperchio di rigoglio recossi in parte tra sè medesima; rapì in
quelle discordie e la corte e i popoli; e lacerò la Sicilia negli
ultimi tempi del regno di Federigo. Precipitò indi al peggio, non
raffrenandola le deboli mani dell’altro Pietro e dell’altro Federigo;
venne alfine ad aperta anarchia feudale. E allora si smarrì la cosa
pubblica nelle izze di parti; non si udì più il nome di Sicilia, ma
di Palermo, di Messina e di questa e quell’altra terra; il nome di
parzialità, come chiamavanle, l’una italiana, l’altra catalana; il
nome di famiglie, Palizzi, Alagona, Ventimiglia, Chiaramonte e altri
superbi, nemici di sè stessi e della patria: entravano a’ soldi de’
baroni coloro che, prese le armi nelle guerre della rivoluzione, non
sapean divezzarsi dall’ozio e dalla militare licenza; incominciavano i
liberi borghesi a far parte co’ baroni, sotto il nome di raccomandati
e affidati. Nondimeno questa piaga penò oltre un secolo a consumar
la potenza creata dalla rivoluzione del vespro. La istoria di quel
periodo tuttavia ci presenta, come innanzi dicemmo, una immagine
della prima virtù; e veggiamo nel milletrecentotredici, alla passata
dell’imperatore Arrigo, il re di Sicilia levarsi per esso contro quel
di Napoli; armare poderosissima forza; occupar nuovamente le Calabrie:
e poichè escì vano nell’Italia di sopra quello sforzo ghibellino,
e la potenza guelfa si aggravò tutta sopra la Sicilia, veggiamo i
nostri difendersi virilmente; il sicilian parlamento stracciare i
patti di Caltabellotta; chiamare alla successione Pietro figliuol
di Federigo; e Palermo, assediata da innumerevol oste di Napolitani
e Genovesi, rinnovellar le glorie di Messina dell’ottantadue, del
trecentouno: e in tutta la guerra, i nemici che veniano in Sicilia a
rubacchiar villaggi, arder messi, guastare i campi, assediar città,
veniano in Sicilia a perire; donde sempre le reliquie degli eserciti,
a fronte bassa, tornaronsi di là dal mare; sempre la Sicilia restò
vincente, ancorchè i suoi stessi baroni, nel cieco furor delle parti,
chiamassero contro la patria i nemici. Onta e rabbia egli è da questo
tempo in poi a legger le istorie nostre, come d’ogni altra monarchia
feudale; a veder le nimistà municipali modellarsi su quelle de’
baroni; rinvelenir tanto più, quanto presentavano le sembianze d’amor
di patria. Tra questa infernale discordia, per maggior danno, mancò
la schiatta dei re aragonesi di Sicilia; sottentrò quella di Spagna,
e si spense; e cadde la indipendenza politica della Sicilia, perchè
l’abitudine richiedeva il governo monarchico, e le pessime divisioni
rendeano impossibil cosa a’ Siciliani di accordarsi nella elezione
di un re. Ne messe il partito Messina, tuttavia grande e vigorosa,
nel parlamento del millequattrocentodieci; e nol potè vincere, nei
contrasti de’ baroni di legnaggio catalano, che aveano in sè tutti i
vizi di faziosi, di ottimati e di stranieri. Indi la Sicilia sofferse
la dominazione spagnuola, col magro compenso del nome e forma di reame,
e della integrità delle antiche sue leggi nell’amministrazione delle
entrate pubbliche, della giustizia, e degli altri negozi civili. Fu
accoppiata sotto la medesima dominazione straniera col reame di Napoli,
come due servi a una catena. S’impicciolirono gli animi, crebbe la
superstizione, si offuscarono, dirò così, gl’intelletti, imbarbarirono
i popoli, lasciati a contender di cose deboli e puerili; e ogni cosa
andò al peggio sino all’esaltazione di re Carlo terzo, quando furono
ristorati entrambi i reami, e l’incivilimento dell’Europa sforzavasi
nella faticosissim’opera di ritirare all’uguaglianza i figliuoli
d’Adamo.

E questo lungo letargo della dominazione spagnuola, che guastava gli
uomini e conservava le forme, cercava danaro e ubbidienza, e del
resto non si curava, fe’ durare sì, ma poco fruttuosa, infino a’
primordi del secol decimonono, l’antichissima pianta della costituzione
normanna, riformata nella rivoluzione del vespro. Stava il parlamento,
ma diviso, come diceasi, in tre bracci, ecclesiastico, baronale ossia
militare, e demaniale; se non che i baroni non eran più guerrieri; la
rappresentanza popolare era ristretta alle poche città del dominio
o demanio regio; e queste tre camere, perchè fossero più docili,
spartitamente si assembravano, e deliberavano; la deliberazione di
tutte, o di due sopra una, era voto del generai parlamento. Non che
il dritto di pace e di guerra, ma perduto avea questo parlamento il
legislativo; se non che potea domandare alcuno statuto sotto il nome
di grazia. Per bizzarro contrasto, quasi gareggiandosi in cortesie, si
chiamavan presenti, e più comunemente donativi i sussidi della nazione
al principe: e più maraviglioso era un corpo permanente di dodici
eletti dal parlamento, quattro per ciascun braccio, che chiamavasi
deputazione del regno, e con autorità non minore del nome, avea uficio
di difendere le franchige del parlamento e della nazione, di maneggiar
le tasse accordate dal parlamento, e, secondo i decreti di quello,
porger il danaro al re, o investirlo negli usi pubblici: augusto
magistrato, che nacque dall’antica corte de’ baroni, o fu imitato
dagli ordini aragonesi; e che nelle costituzioni d’altri popoli si
vide temporaneo e per abuso, nella nostra saldissimo. Il parlamento
ordinario adunavasi ogni quattro anni; era sopra ogni altra cosa geloso
delle tasse; e assai parcamente porgea danaro alla corona, la quale non
violò giammai questo privilegio; e ne nacque l’effetto che infino ai
principî della guerra della rivoluzione francese del secol decimottavo,
tutta la entrata pubblica di Sicilia non sommò a settecentomila once
annuali. Mentre l’autorità regia si era ristretta da un lato, avea
libero comando sopra le persone de’ cittadini; mettea fuori statuti
e leggi, sol che non trovassero ostacolo nella deputazione del regno,
facile per altro a piegarsi; non doveano i ministri e oficiali render
conto di lor fatti ad altri che alla corona. Questo potere regio in
gran parte esercitavasi, col consiglio de’ nostri magistrati primari,
dal vicerè; ch’era insieme gran bene e gran male: il primo per la
utilità dei provvedimenti pronti, vicini, meno sbadati, men ciechi;
il male era la rapacità e superbia proconsolare. I nobili e il clero
stavan tra ’l popolo e il potere regio, come baluardo, ch’aduggia e
soffoca, mille volte più che non difende. Delle forme municipali non
parlo, ch’eran le antiche, rappezzate di privilegi, di forme speciali
diverse, ma pure ordinate assai largamente, quanto al maneggio de’ lor
propri danari. Gli altri magistrati, posti su la giustizia e la civile
amministrazione, eran macchina un po’ gotica, ma buona perchè semplice.
Le leggi civili e criminali, al contrario, spaventavan per l’immenso
viluppo. Questo fu il governamento della Sicilia infino al principio
del secolo in cui viviamo.

La dominazione spagnuola snervò gli uomini che doveano por mano a
queste leggi: e indi la Sicilia, che nella fondazione della monarchia
normanna l’ebbe a un di presso comuni con l’Inghilterra; che nella
memorabile rivoluzione del vespro le ristorò ed accrebbe, e lascionne
retaggio alle generazioni avvenire; decadendo dal secol decimoquarto
infino al diciottesimo, si trovò poco lontana nelle forme, ma di
gran lunga nella sostanza, al dritto pubblico inglese, che poi venne
sì in moda. E quando il turbine della rivoluzione di Francia crollò
quest’antica macchina, la nazione, da pochi valentuomini in fuori,
trovossi tale, da non saperla nè apprezzare, nè correggere.



                              APPENDICE.


 Esposizione ed esame di tutte le autorità istoriche sul fatto del
 vespro.


Questa rivoluzione, ricordata da tutti gli storici che toccan
quell’epoca, in cui fu maravigliosissimo avvenimento, è stata di
ciascuno figurata a suo modo; e copiandosi a vicenda gli scrittori, si
è alterato dall’uno all’altro il fatto, si son confuse e smarrite le
cagioni. Ne’ cap. V e VI io n’ho scritto quanto mi par si ritragga di
vero, comparando ed esaminando sottilmente tutte le autorità istoriche
de’ tempi; ho delineato il ragionamento, che alla mia conchiusione
conduce. In questa appendice, ne vengo ai particolari. Torno a mente
al leggitore, che per autorità istoriche intendo: 1º. gli scrittori
contemporanei, messi a riscontro tra loro, e valutati secondo le parti
che ciascun tenne, la postura in cui si trovò a sapere i fatti, la
critica e la esattezza che da a vedere: 2º. i documenti, che pongo
in secondo luogo, perchè nel presente caso pochi se ne trovan di tali
da stabilir fuori contrasto la verità, ma sol possono rischiarare le
testimonianze degl’istorici, e aggiugnere o scemar fede a loro detti:
3º. la tradizione, in quanto valga dopo cinque secoli e mezzo di viver
civile: 4º. la necessità di cagioni d’alcuni fatti seguenti, che non
cadono in dubbio.

E cominciando dagli scrittori contemporanei o molto vicini a que’
tempi, è da notar che sono Francesi, Catalani, Siciliani o d’altre
parti d’Italia, e questi ultimi o Guelfi o Ghibellini; ondechè i più
scrissero da spirito di parte, pochissimi ne furono scevri, o meglio
che le parti amarono il vero. Pertanto di questa rivoluzione alcuni,
senza toccar le cagioni, dicon l’uccisione dei Francesi in Sicilia, con
qualche circostanza isolata ovvero oziosa, e nulla più. Altri intessono
sottilmente una cospirazione; e ne fanno effetto immediato e palpabile
il tumulto del vespro. Altri infine, accennando qual più qual meno
gli apparecchiamenti e i desideri di Pietro d’Aragona, raccontano il
tumulto di Palermo, senz’altrimenti connetterlo con quelli; com’effetto
dell’odio alla tirannia angioina, scoppiato a un tratto, per ingiuria,
in una festa popolare. Secondo queste tre classi divideremo le
testimonianze istoriche poste qui a disamina.

Nella prima si noverano Ricobaldo Ferrarese (Muratori, R. I. S., tom.
IX); i frammenti d’Istorie Pisane (ibidem); le due biografie di papa
Martino IV (ibidem, tom. III, parte 1ª, pag. 608 e 609, parte 2ª,
pag. 430); il nostro fra Corrado, che, inorridito delle fiere vicende
passate sotto gli occhi suoi, rifuggiva dal particolareggiarle (ibidem,
tom. I, pag. 729); il frate Catalano autor delle Geste de’ conti di
Barcellona (Marca Hispanica, per Baluzio, capit. 28), che dice della
chiamata di Pietro, dell’assedio di Messina, e dell’obbedienza negata
a Carlo in Sicilia, ma non della sanguinosa rivoluzione che die’
principio a questi fatti; il Cantinelli (Chronicon, in Mittarelli, Rer.
Faventinarum script., Venezia, 1771, pag. 276); un anonimo fiorentino
(pubblicato dal Baluzio, Miscellanea, tom. IV, pag. 104, ed. Lucca),
breve ma esatto, il quale narra, senza dir di congiura «che nel 1289 in
calende d’aprile si ribellò Palermo, e poi a sommossa de’ Palermitani
tutta la Sicilia;» e altri scrittori che inutile sarebbe a noverare,
perchè nessuna luce sen trae. Stretta investigazione meritano gli
scrittori Francesi, cioè l’autore del Ms. della vittoria di Carlo
d’Angiò, Guglielmo Nangis, l’autore della Cronaca del monastero di
San Bertino; e i fabbri Italiani della congiura, Ricordano Malespini,
Giovanni Villani, l’autore della Storia anonima della cospirazione
di Procida, e con essi frate Francesco Pipino, l’autor della Cronaca
d’Asti, il Boccaccio, il Petrarca.

Nel Ms. della vittoria di Carlo (Duchesne, Hist. franc. script.,
tom. V, pag. 850), si legge che Pier d’Aragona, apparecchiando un
navilio contro Carlo re di Sicilia, Siculorum monitu et uxoris, mandò
ambasciadori al papa, infingendosi voler andare con grande oste sopra
i barbari d’Affrica. Poi narrasi, che di febbraio (1282), un leon
marino portato ad Orvieto prognosticasse co’ suoi pianti le calamità
che sovrastavano; e qui finisce la cronaca. In essa è notevol solo il
Siculorum monitu, che si potrebbe per altro interpretare per consigli
degli usciti Siciliani rifuggitisi in corte d’Aragona.

Più espresso il Nangis. Secondo lui Pier di Aragona, ingrato ai re
di Francia, stigato dalla moglie, co’ Siciliani, _qui jam contra
regem Siciliae Carolum conspiraverant, confoederatus est. Nam missi
Siculorum, Panormitanorum maxime et Messanensium, ad ipsum tum
convenerant, dicentes quod si contra regem Carolum vellet cum ipsis
insorgere et eosdem tueri, de caetero ipsam in regem et dominum
reciperent et haberent..... Circa idem tempus_ (1281) Petrus Arragoniae
rex assensum dedit Siculis qui contra dominum suum regem Siciliae
Carolum conspiraverant, etc. Indi, toccando l’impresa preparata
da Carlo contro l’imperadore di Costantinopoli, che si ritrae
da tutti gli altri istorici, ne parla il Nangis come di novella
crociata al racquisto di Gerusalemme. Soggiugne che, tornati appena
gli ambasciatori siciliani dalla corte di Pietro, i Palermitani
e’ Messinesi ribellaronsi; Pietro uditolo s’armò ad aiutarli; ma
infìnse andar sopra i barbari in Affrica, e per messaggi confortava
i Siciliani. Di Giovanni di Procida ei non parla; ma senza dubbio
ne’ riferiti luoghi si contien l’accusa della congiura di Pietro coi
notabili di Sicilia (Duchesne, Hist. franc. script., tom. V, pag. 537,
538, 539). Prendendo dunque ad esaminare l’autorità del Nangis, diremo
che, lette alla distesa le biografie dei re di Francia di quei tempi,
ch’ei compilò, ognuno il vede lodator larghissimo de’ suoi signori,
come frate e scrittor di corte; e comprendasi di leggieri come dovesse
narrare sol ciò che passava per vero nella corte di Francia. Così nei
fatti della guerra portata sopra Aragona l’anno 1285 e in altri, il
biografo dissimula, ingrandisce, rimpicciolisce, guasta, com’ei crede
maggior gloria de’ reali di Francia. A ciò s’aggiunga che dopo quella
crudele strage de’ Francesi in Sicilia, l’esacerbata opinione pubblica
in Francia non dovea accreditare altro, che il maggior biasimo dei
Siciliani e di re Pietro d’Aragona; dovea aggravar l’eccidio con la
premeditazione e col tradimento; denigrare la esaltazione del nuovo re
con una macchia di congiura; così anche onestar la caduta dominazione
di Carlo: perchè congiurar si può contro tutti i governi, ma di una
rivoluzione disperata dei popoli, il governo solo ha la colpa. Di più,
scrisse il Nangis dopo la ricordata guerra d’Aragona, ingiustissima
sempre, ma che men parea, quanti più neri misfatti si addossassero a
Piero. Per queste ragioni la testimonianza sua, di per sè sola, è men
degna di fede. Nulla le aggiugne o toglie l’antica versione francese
che sen trova nelle cronache di San Dionigi, e recentemente è stata
ripubblicata a fronte del testo latino del Nangis (Rer. gallic. et
franc. script., tom. XX. Paris, 1840); nè anco io ne farei parola, se
questa versione, che per lo più tralascia molti squarci del testo, qui
non sopprimesse la diceria su i dritti di Pietro d’Aragona al trono
di Sicilia, e aggiugnesse al testo, che Pietro mandò due cavalieri
in Sicilia per vedere se la regina Costanza gli avesse detto il vero
su le disposizioni de’ Siciliani; e che fattosen certo e stabilita
la rivoluzione, _ceulz de Palernes et de Meschines et de toutes les
autres bonnes villes seignerent les huis des François par nuit, et
quand il vint au point du jour qu’ils pourrent entour eulz voir,
si occistrent tous ceulz qu’ils pourrent trouver_, etc. Or questo
racconto, che muta il vespro Siciliano in alba Siciliana, dice de’
Palermitani, de Messinesi, e della più parte degli altri Siciliani,
come se in una medesima città, la notte avessero segnato le porte dei
Francesi, e, allo schiarire del giorno, cominciato la strage, appena
potettero distinguere da’ segni, le case ch’essi medesimi avean saputo
riconoscere e segnare la notte. Si vede chiarissima in tal racconto
la favola della uccisione contemporanea, con una inverìsimiglianza di
più. Gli eruditi sono in dubbio se questa traduzione debba attribuirsi
allo stesso Nangis. Io penso che un contemporaneo il quale scrisse con
esattezza, se non la cagione, almeno il fatto, non abbia potuto poi
guastare il fatto con sì grossolane favole: e però non saprei trarne
argomento a indebolire vieppiù l’autorità del Nangis; ma suppongo
piuttosto che la traduzione, o fu fatta, o almeno in questo luogo
interpolata da altra mano, in tempo posteriore.

La Cronaca infine del monastero di San Bertino, più vagamente del
Nangis dice della macchinazione (in Martene e Durand, Thes, Nov.
Anecd., tom. III, pag. 762 e seg.). Scrive che Pier d’Aragona,
pretendendo la Sicilia pel dritto della moglie, si adoprava, _nunc
commotiones, nunc seditiones excitans, nunc amicos sibi secrete
concilians; semper, in quantum poterat, laborans ad finem intentum_;
tantochè commosse i barbari di Tunis contro i cristiani; cosa non
vera, nè utile ad alcuno intento di Pietro; come non vere sono quelle
sommosse e sedizioni prima del vespro, che anzi durò pienissima infino
a quel dì la calma del servaggio. _Per suam etiam astutiam_, segue il
cronista, _commotionem excitavit in regno Siciliae. Mandatus tandem
ab eis, in Siciliam venit, dominium sibi usurpavit, et se in regem
Siciliae coronari fecit_; e del resto narra avvenuto in Palermo il
primo tumulto, e il progresso della rivoluzione nell’isola. Io non
avrei qui noverato questa cronaca, se tutta fosse scritta da Giovanni
Iperio, vissuto un secolo dopo il vespro. Ma perchè gli eruditi editori
nelle prefazioni, op. cit., pag 441 a 444, han creduto la prima parte
opera d’uno scrittore del secol xiii, non l’ho voluto passar qui sotto
silenzio. A chiunque appartenga lo squarcio risguardante il vespro
siciliano, è da notare che i particolari sono più minuti che nel
Nangis, e per lo contrario molto più vaghe le allusioni alle trame de’
Siciliani con Pier d’Aragona.

Passando agl’Italiani noi troviamo la tradizione della congiura in
Ricordano Malespini, e ’l suo continuatore Giachetto Malespini, e in
Giovanni Villani (Muratori, R. I. S., tom. VIII e XIII), che sono
propriamente gli autori della fama di Giovanni di Procida, e da loro
tutti gli altri han copiato il racconto. Ma prima si rifletta che
queste tre autorità si riducono a una sola; quella cioè di Giachetto.
Le trame della congiura non poteano esser manifeste in una città guelfa
d’Italia prima del fatto del vespro. Ora Ricordano, che minutamente le
racconta prima del vespro, cioè sotto l’anno 1281, per lo meno cessò
di scrivere in quel tempo, anche dandogli il privilegio di vivere e di
conservar tutte le sue facoltà fino a cento anni: perch’ei medesimo
assicura essere andato giovanetto in Roma l’anno milledugento. È chiaro
dunque che Ricordano non potè dettare quegli ultimi capitoli della sua
cronica; e ch’essi son opera di Giachetto suo continuatore, o almeno
interpolati da lui, perchè narrando il fatto del vespro, e apponendolo
alla congiura, volle inserire il racconto della congiura nella Cronaca
di Ricordano che correa fino al 1281.

Quanto al Villani, ei dovea essere o bambino o fanciullo nel 1282, e
certo cominciò a scrivere molti anni appresso; e il suo racconto della
congiura e il fatto del vespro, sono non presi ma trascritti di parola
in parola, il primo dalla Cronaca attribuita a Ricordano, l’altro dalla
continuazione di Giachetto, con qualche lieve circostanza di più o
di meno, che non toglie la evidenza del plagio, riconosciuto ben dal
Muratori nelle sue prefazioni a’ Malespini e al Villani. Prendendo
dunque a esaminare insieme i racconti del Villani e di Giachetto,
che per la perfetta coincidenza si riducono a un solo, veggiam che
costoro come Fiorentini, vivuti mentre la città reggeasi del tutto a
parte Guelfa e si rafforzava della riputazione dei re di Napoli contro
le rivali città di Toscana, senza pudore parteggiano, più che gli
scrittori francesi; perchè la vicinanza rinfoca tutte le passioni. Indi
ad ogni parola scopron gli animi Guelfi, e nimicissìmi a’ Siciliani.
Del Villani, così il Muratori nota nella prefazione citata di sopra,
doverglisi prestar poca fede nelle vicende di parti guelfa e ghibellina
dopo i tempi dell’imperador Federigo secondo. S’aggiunga, ch’egli era
forse più ingiusto per umor di famiglia; poichè ne’ diplomi del duello
fermato tra re Pietro e re Carlo, si legge tra i nomi de’ mallevadori
di Carlo (veggasi il capit. IX, voi 1, pag. 210) un Giovanni Villani,
forse parente dello storico. Non son pochi gli errori in cui caddero
cotesti scrittori, ch’eran per altro lontani dalla Sicilia, e disposti
a colorire la narrazione come paresse peggiore pe’ loro nemici; che
così sempre si è fatto e si farà anche senza il proponimento di
calunniare. E lasceremo, perchè si può apporre ai copisti, l’errore di
Giachetto, che porta il tumulto del vespro a tre marzo. Ricordano e
Villani raccontan quella improbabilissima corruzione di Niccolò III,
comperato da Procida col danaro del Paleologo; suppongon che re Pietro
d’Aragona pe’ suoi preparamenti domandasse un sussidio di moneta al
re di Francia, quando si sa che una delle ragioni principali, con
cui difendeva il suo segreto intorno lo scopo dell’impresa, era di
prepararla senza alcun aiuto d’altrui. Giachetto e Villani portano,
con errore evidente, il tumulto del vespro incominciato a Morreale,
poichè s’erano adunati in Palermo «a pasquare, i baroni e’ caporali
che teneano mano al tradimento;» dicono come nella festa un Francese
prendesse una donna per farle oltraggio; e indi nascesse la briga,
incalzata da’ congiurati; i quali nella zuffa ebber la peggio, poi
uccisero tutti i Francesi in Palermo, e andando alle lor terre,
commossero tutta l’isola. Nell’assedio di Messina i due cronisti non
son più esatti; recando una lettera di Martino, apocrifa e foggiata
senza riscontro alcuno con le idee che scernonsi nelle bolle messe
fuori in quell’incontro (V. il cap. VII). Essi di più, raggirando
su Procida sempre la lor macchina, il fanno mandare ambasciadore
da’ Siciliani a Pietro, per offrirgli la corona, quando gl’istorici
Siciliani e Catalani, che non poteano nè ignorare, nè tacere nome
sì grande, dicono incaricati tutt’altri dell’importante messaggio.
In questi e in tanti simili fatti, che notiamo nel corso del nostro
lavoro, si scernon sempre i ridetti istorici male informati, fallaci,
parziali.

Maravigliosa è la uniformità del lor dettato con quel d’una Cronaca
anonima in antica lingua siciliana, che corre dal 1279 infino ad
ottobre 1282 (di Gregorio, Bibl. arag., tom. I, pag. 243 e seg.).
Questa coincidenza, creduta argomento di veracità della Cronaca, e il
sapore antico della lingua e dello stile, persuasero al di Gregorio,
che contemporaneo fosse questo scritto, del quale s’ignora del tutto
l’autore, ma ce n’ha un Ms. in carta di bambagia, posseduto al presente
dall’erudito e gentile uomo, il principe di San Giorgio Spinelli di
Napoli, che per l’ortografia e la forma de’ caratteri con lettere
iniziali azzurre o vermiglie e vestigia di dorature, appartiene senza
dubbio al secol xiv. Questo antico Ms. pervenuto al presente possessore
forse da Messina, era del tutto ignoto in Sicilia nel secol passato;
talmentechè di Gregorio pubblicò la Cronaca nella sua Biblioteca
Aragonese sopra una copia del secolo xvii, con ortografia diversissima
dal Ms. del San Giorgio, e queste altre differenze, che innanzi il Ms.
di San Giorgio si legge; _Quistu esti lu Rebellamentu di Sichilia lu
quali hordinau effichi fari Misser iohanni di prochita contra lu re_
CARLU P., e che il luogo della lezione del Gregorio (pag. 264), _et
incalzaru la briga cantra li francischi cu li palermitani, e li homini
a rimuri di petri e di armi gridandu «moranu li franzisi;» et intraru
dintra la gitati cu grandi rumuri lu capitanu che era tardu pri lu re
Carlu, etc_.; ha nel Ms. del San Giorgio la bella variante: _Incalzaru
la briga contra li franchischi et livaru A rimuri efforo a li armi li
franchischi cum li palermitani et li homini a rimuri di petti e di armi
gridandu moranu li franchischi et Intrara in la chitati cum grandi
rimuri et foru per li plazi et quanti franchischi trouavanu tutti li
auchidianu Infra quilli rimuri lu capitanu chi era tandu per lu Re
Carlu, etc_.

Tuttavia nè l’antichità di questo Ms. nè quella dello stile e della
lingua, alla quale s’appigliò il di Gregorio, non avendo per le mani
altra copia che del secolo xvii, e volendo ad ogni modo raccomandare
la Cronaca come contemporanea, nè l’una nè l’altra, io dico, posson
portare a un’approssimazione sì stretta, da giudicare precisamente
se l’autore fiorisse in fin del secolo xiii o nei principî, o nel
fine del xiv; e indi se contemporaneo fosse al vespro, o quanto
discosto. L’altro argomento, ch’è la coincidenza col Villani, o meglio
diremo Malespini, proverebbe il contrario, cioè che l’autor della
Cronaca siciliana avesse avuto per le mani quella de’ Fiorentini;
perchè si riscontrano con picciol divario la disposizione dei fatti,
gl’incidenti, spesso le parole, più spesso gli errori; il che mai non
avviene quando due scrittori, senza conoscersi l’un l’altro, dettino il
medesimo avvenimento, foss’anco brevissimo e semplice. Le differenze
poi son queste: che la parte aneddotica e drammatica è molto più ampia
nella Cronaca siciliana, e che qualche data o nome di luogo è diverso,
or con maggiore esattezza o probabilità dalla parte del Siciliano, or
il contrario. Per esempio, il Siciliano scrive che Procida nel 1279
si trovasse in Sicilia (nè il dice proscritto e nascoso); quando da’
diplomi allegati da noi nel cap. V, vol. 1. p. 92, si vede chiarito
ribelle e uscito infin dal 1270; e si sa che riparò a corte del re
d’Aragona. Ma, quel ch’è più, il veggiamo incerto ed erroneo sul
giorno della sollevazione di Palermo: _Eccu chi fu vinuto lu misi di
aprili, l’annu di li milliducentaottantadui, la martedì di la Pasqua
di la Resurrezioni_; quando e’ si vede certamente che quel martedì
cadde il 31 marzo. Or che un Siciliano, vivuto di que’ tempi, avesse
potuto errare o dimenticar questo giorno, io nol so comprendere; e da
ciò potrebbe argomentarsi l’antichità men rimota di questa Cronaca,
perchè sendo avvenuta nel corso d’aprile la strage in tutte le altre
città di Sicilia, molti anni appresso si ricordava aprile come il tempo
del riscatto; e l’autor siciliano, avute per le mani le cronache de’
Fiorentini, vi corresse a suo modo l’epoca; come fece del coronamento
di re Pietro, asserito da quelli, negato da lui; e sì del luogo della
prima sollevazione, portata da quelli in Morreale, da lui, e qui con
esattezza, _in un locu lu quali si chiama Santo Spirito_, ch’era il
nome della chiesa, non della campagna. Le quali correzioni portano
a credere che il Siciliano dopo i Fiorentini, non questi dopo lui
avessero scritto; perchè i primi non sarebbero inciampati nell’errore
del luogo della prima rissa, o avrebbero seguito il Siciliano
nell’errore del tempo.

Perilchè mi è venuto in mente un supposto intorno questa Cronaca. Io
penso che l’autore scrisse verso la metà del secolo xiv e fu della
famiglia Procida, o attenente ed amico a quella; che nel regno dì
Federigo d’Aragona, come si è veduto nel capitolo XV, Giovanni di
Procida voltò a parte angioina, e con lui alcuni della famiglia.
Quest’anonimo dunque, cliente o partigiano dei figliuoli di Procida,
pieno d’umori guelfi, vivendo fuori dalla patria, s’imbattè nella
cronaca de’ Malespini o del Villani; alla quale aggiunse or qualche
verità, or qualche errore cavato dalla tradizione e tendente ad esaltar
Giovanni di Procida; e ne dette quel che in oggi chiameremmo romanzo
storico, o una istoria frammischiata di finzioni e novelle; come son
di certo la debolezza, la paura, i pianti di tutti que’ grandi che si
suppose trattasser la congiura con Procida. Certo egli è che parecchi
Siciliani sotto Pietro, Giacomo e Federigo d’Aragona, or a ragione or
a torto, furon puniti, o uscirono come ribelli, e ben potè avvenire
che alcun d’essi o de’ loro figliuoli restassero fuori di Sicilia
anche dopo la pace; certo che un germe, ancorchè debolissimo, di parte
francese o guelfa o, come appo noi chiamavasi, di Ferracani, restò in
Sicilia; certo che questa Cronaca, difforme dalle altre nostre di que’
tempi, si riscontra nelle parti più essenziali con quella de’ Guelfi
Malespini e Villani. Di essa l’autore non si sa; il tempo non si sa; e
assai debole testimonianza ne sembra. Il di Gregorio, pubblicandola per
lo primo, mutila del principio, che poi si è dato alla luce (Buscemi,
Vita di Giovanni di Procida, docum. 4), notò con allegrezza molti
luoghi in cui risponde al Surita, senza riflettere che il Surita,
autor del secolo XVI, togliea que’ fatti da essa appunto e dal Villani.

Seguono nella medesima classe gli scrittori che primi aggiunsero alla
cospirazione la favola della uccision dei Francesi per tutta l’isola
in un dì. Frate Francesco Pipino, che fiorì ai tempi di re Roberto
(Francesco Pipino, lib. 3, cap. 19, in Muratori, R. I. S., tom. IX,
p. 695), cioè nei principi del secol xiv, ma al dir di Muratori
(ibid., Prefazione) poco diligente e spesso rapportator di favole e
maraviglie, narra ancor questa, ma assai timidamente. Dapprima descrive
le oppressioni e violenze de’ Francesi, donde nacque una sedizione in
Palermo, e la chiamata di Pier d’Aragona ch’era ad oste in Affrica.
Ma parendogli poco, soggiugne: _Hujus autem rei novitatem tractasse
ac procurasse fertur multis periculis, sudoribus, oc dispendiis,
magister Joannes de Procida, olim notarius, phisicus, et logotheta
regis Manfredi_ (ibid., pag. 686 e seg.); e discorre minutamente la
cospirazione, i soccorsi di danaro dati a re Pietro dal Paleologo, e
da papa Niccolò (qui pagante e non pagato); fa ordinare da Procida che
in un giorno assegnato tutti i Siciliani si levassero, e nel medesimo
dì Pietro si partisse con la flotta: le quali due cose, ei soggiugne,
riuscirono appunto; quindi Pietro venne in Messina, e incoronossi nelle
feste di Pasqua del 1282. Fascio di anacronismi, errori e grossolane
inverosimiglianze, che non è uopo confutare, quand’ei medesimo, che
affastellar solea alla cieca, le porta col salvaguardia del _fertur_; e
narra il medesimo fatto in due modi, l’uno della sollevazione casuale
in Palermo, propagata nell’isola, l’altro della uccisione contemporanea
in tutta l’isola. Nel capitolo che contien la prima narrazione ei mette
l’intitolazione: _De Carolo seniore Siciliae Rege, ex chronicis_;
onde si vede che la prima trasse da croniche, quella seconda dalla
voce popolare, senza dire qual delle due credesse la vera, chè ben il
dovea, trattandosi di un fatto sì grande, e sì diverso secondo che
all’una o all’altra si prestasse fede.

Peggio la cronaca d’Asti, la quale fa durare sol tre mesi le pratiche
del Procida, che gli altri portano condotte in tre anni; e racconta
quel miracoloso eccidio per tutta Sicilia in un dì; e manda ad
assaltare l’Aragona, col re di Francia, lo stesso re Carlo, ch’era
morto parecchi mesi innanzi. Perciò della cronaca d’Asti non ci
impacceremo più a lungo.

Finalmente la stessa favola di una strage universale al tocco del
vespro, fu scritta da Giovanni Boccaccio, ne’ Casi degli uomini
illustri (lib. 9, cap. 19); nè è da maravigliare, che meglio di
sessant’anni appresso il fatto, il novellatore toscano, dimorato
a lungo in Napoli, e amante d’una figliuola di re Roberto, abbia
spacciato il racconto che piaceva più nella corte angioina, e l’abbia
scritto così di volo, non in istoria giusta, ma in una tal maniera di
biografie, tendente a mostrare le strane vicende della fortuna.

Il Petrarca, contemporaneo del Boccaccio e non del vespro siciliano,
nell’Itinerario siriaco, tiene ancor l’opinione che Giovanni di Procida
fosse autor principale della rivoluzione di Sicilia, per privato
risentimento. Del rimanente nè dice della cospirazione, nè accenna
altri particolari; e si mostra anco poco informato della patria di
Giovanni, che scambia col titol della signoria. La sue parole son
queste:_ Vicina hic Prochita est, parva insula, sed unde nuper magnus
quidam vir surrexit, Johannes ille qui formidatum Karoli diadema non
veritus, et gravis memor iniuriae, et majora si licuisset ausurus,
ultionis loco huic regi Siciliam abstulisse, etc_. (tom. 1, pag. 620).
Non è fuor di proposito qui aggiugnere, che il Petrarca fu attenente
alla corte di Napoli; e ricordare un diploma di re Roberto, dato il
2 aprile 1331, che lo eleggea suo cappellano, citato dal Vivenzio,
Istoria del regno di Napoli, tom. II, pag. 358.

Prendendo adesso a dir degl’istorici, strettamente contemporanei
tutti, che o non parlano di pratiche antecedenti al vespro, o non
attribuiscono a quelle il vespro, io mi sento ripetere, che ai
Siciliani e agli Spagnuoli poco sia da attendere, perchè vollero per
amor di nazione passar sotto silenzio la congiura. E io ammetto questa
diffidenza; e mi guardo dalle reticenze e dalle esagerazioni che si
debbon trovare negli scrittori di questa parte; ma niuno dirà, che i
fatti debban piuttosto cercarsi in quelli delle altre genti, lontane
di luogo o di commerci; e che tra due classi di partigiani, se pur si
voglia, meritino maggior fede gli avversi a noi, che i nostri. Indi è
bene degli uni e degli altri dubitare, e starcene a più sode autorità:
e così m’ingegnerò di fare; fidandomi di me in questo, che l’amor
della patria grandissimo, mi conforta anzi a onorarla col vero; che a
pargoleggiare con poveri inorpellamenti.

Di questo vizio in vero non so condannar l’anonimo che scrisse in
latino la Cronaca di Sicilia, pubblicata in varie collezioni, e più
correttamente dal di Gregorio (Bibl. arag., tom. II); la qual Cronaca
dai dotti (ibid., p. 109 e 119) si tiene contemporanea, e degna di
molta fede. Questo semplice cronista, sollecito di trascrivere i
documenti, e parco assai di parole proprie, se darebbe qualche ombra
col tacere il caso di Droetto, e narrar come nella piazza della chiesa
di SantoSpirito molti Palermitani cominciassero a gridare: «Morte ai
Francesi,» dilegua poco appresso ogni dubbio soggiungendo: «_Et sic
rebellantes subito, sicut Domino placati, contra ipsum Carolum, cum
nulla praeveniret exinde aliqua provisio, etc_. Si raccomanda inoltre
l’anonimo per molta diligenza ed esattezza nell’epoca di cui trattiamo.

In quella visse Niccolò Speciale, uom di alto stato e di molte
lettere, secondo i suoi tempi; ito nel 1334 ambasciadore di re Federigo
II di Sicilia a papa Benedetto XII (Prefazione del Muratori, ristampata
dal di Gregorio nel tom. I della Bibliot. arag,, p. 285), Indi abbiamo
per questo istorico un bene e un male; il bene, che fu in luoghi e in
tempi da conoscere appunto, e non da uom del volgo, ciò che scrisse,
veduto cogli occhi propri o ritratto da vicino; il male, che potè
peccar di prudenza cortigiana contro la verità. Infatti, riguardo ai
tempi di Federigo, non son senza questo studio alcuni luoghi della sua
istoria; e quanto al vespro, tace i disegni anteriori di re Pietro,
nè io mi terrei al suo silenzio della cospirazione, se altre autorità
non ne avessi. Narrando il caso di Droetto, lo Speciale segue: _Tunc
Panormitani omnes, quod diu concaperant, operi st accingunt, quasi
vocem illam coelitus accepissent_, che deve intendersi del proponimento
di vendetta e affranchimento che nudre ogni popolo oppresso, s’ei
non è schiavo vilissimo nel sangue; perchè tutt’altra spiegazione è
tolta dalle espresse parole che il tumulto avveniva: nullo comunicato
consilio (loc. cit., p. 301). Questa negazione precisa di trattato
precedente, dee far molto peso in un uomo come Speciale, che avrebbe
forse dissimulato tacendo, ma non mai asseverata una bugia, in un fatto
gravissimo e di necessità notissimo.

Crescon di forzna tali ragioni parlando di Bartolomeo de Neocastro,
messinese, giurista, magistrato repubblicano di Messina nella
rivoluzione (Carta del 10 maggio 1282, ne’ Mss. della Bibliot. com. di
Palermo, Q. q. H. 4, fog. 116), indi avvocato del fisco, e nel 1286
ambasciatore di Giacomo I di Sicilia a papa Onorio (nel di Gregorio,
Bibl. arag., tom. I, pag. 4, Prefaz. del Muratori). Perch’ei si trovò,
non che nel vigor dell’età, ma in mezzo a pubblici affari, in questi
tempi della rivoluzione; scrisse con fresca memoria, pria del 1295,
chiamando nel suo proemio ancora re di Sicilia Giacomo, e infante
Federigo l’Aragonese, e conducendo la narrazione infino all’anno
1293: nè da’ suoi scritti trasparisce arte alcuna cortigianesca, ma
candore e preoccupazione di patriotta messinese di que’ tempi. Il buon
Bartolomeo dunque, francamente dice (cap. 16) dell’antico disegno di
Pier d’Aragona sopra il reame di Sicilia, e delle armi apprestate in
Catalogna; ma venendo al fatto del vespro, il narra con semplicità,
in guisa da non far sospettare nè macchina celata in quel tumulto, nè
reticenza nella narrazione. D’altronde è da notare, com’ei non era
punto cortese verso Palermo, e scendea fino a vanti e finzion puerili
per esaltar Messina sulla città sorella; vizi reciproci allora e per
lungo tempo da poi, de’ quali le due città, rinsavite, or piangono e
con esse la Sicilia tutta. Talmentechè scrivendo il Neocastro sotto
gli auspici della rivoluzione vittoriosa, non avrebbe ei mancato,
se il fatto gliene avesse dato l’appicco, dal far partecipare anche
i Messinesi nella gloria del virile cominciamento; nè dal togliere
all’emula città l’onore d’una subita sollevazione a vendetta, più
nobile sempre di ogni pratica occulta. Se l’anonimo, lo Speciale e ’l
Neocastro tacquer dunque la congiura di Procida, è da conchiudere,
che o non fu, o non operò nella rivoluzione; la quale se fosse stata
effetto immediato di quella, nè lo avrebbero potuto ignorare, nè
avrebbero avuto la fronte di passarlo sotto silenzio.

Tengon lo stesso metro due altri contemporanei catalani, Ramondo
Montaner e Bernardo D’Esclot, dei cui scritti infino a qui non si è
fatto abbastanza tesoro nelle istorie di Sicilia; perciocchè il primo
da pochi dei nostri, in pochi luoghi fu citato; il D’Esclot è stato
ignorato più di lui, non ostantechè il Surita lo venga nominando di
tratto in tratto negli Annali d’Aragona. Montaner nacque in Peralada
nel 1265 o 1275 (chè ci ha una variante nel suo testo.—Barcellona,
1562); militò sotto Piero d’Aragona, Giacomo e Federigo di Sicilia;
e nel 1325 o 1335, tornato vecchio in patria, si die’ a stender la
Cronaca. Soldato di ventura, superstizioso, vantator di sua gente, e
soprattutto dei re, storpia nomi e fatti, massime favellando d’altri
paesi; e intorno i casi di Carlo d’Angiò e degli ultimi principi di
casa Sveva innanzi il 1282, reca strane favole, con stile talvolta
vivace, talvolta noioso per moralizzar troppo, sempre pien di
religione, di civil senno e di esperienza militare. Ondechè nei fatti
di questa Cronaca, (che spesso sembran tolti di peso dalle narrazioni
volgari de’ guerrieri e marinai, e spesso confusi nella memoria
dell’autore, che incominciò a scrivere nel sessantesim’anno dell’età
sua,) è da andare con assai riguardo di critica; massime ne’ primi
tempi della dominazione aragonese in Sicilia, ne’ quali non è certo se
Montaner venisse nell’isola. Questo autore fa parola (cap. 25 a 42) del
proponimento di Pietro a vendicare Manfredi e Corradino, ed Enzo (egli
aggiugne, chiamandolo Eus); e degli armamenti che preparava. Senz’altro
passa, nel cap. 43, a raccontare il tumulto di Palermo, nella festa a
una chiesa presso il ponte dell’Ammiraglio, che invero non è discosto
dalla chiesa di Santo Spirito. Dice delle ingiurie alle donne; e che i
Francesi col pretesto di frugare per l’arme los metian la ma (così in
suo catalanesco) e les pecigavan e per les mammelles, e poi zoppicando
continua a raccontar l’andata di Piero in Affrica; dove a magnifìcare
il suo re, fa venire, con vele negre alle galee e vestiti a gramaglie,
gli ambasciatori di Palermo e delle altre città; li fa parlar da
fanciulli e da schiavi; e sì via procede nella narrazione.

Ben altra gravita istorica s’ammira nel D’Esclot, cavalier catalano,
che scrisse nel 1300 (D’Esclot, tradotto in casigliano da Raffaele
Cervera.—– Barcellona 1616, Pref. del traduttore; e Notizia del
Buchon, innanti la ed. del genuino testo catalano.—– Parigi 1840).
Questo autore non è scevro di tale spirito nazionale che trascende alla
vanità; ma il veggiamo benissimo informato de’ fatti, penetrante nelle
cagioni, pregevole per ordine nella narrazione e dignità di stile.
Porta in compendio parecchi documenti, che con molta fedeltà rispondono
agli originali pubblicati gran tempo appresso in altri paesi.
Nondimeno pende troppo a parte regia, ma senza viltà. Costui tace al
tutto i disegni del re d’Aragona; degli armamenti dice che fossero
apparecchiati per la impresa d’Affrica, che assai minutamente descrive.
In Affrica, fa venire a Pietro gli ambasciatori di Sicilia; e da lui
accettar il reame, confermando tutte le leggi, privilegi, e costumi del
tempo di Guglielmo II. Descrive il fatto del vespro, come gli altri
contemporanei di maggiore autorità, cagionato dagl’insopportabili
aggravi, e nato per le ingiurie alle donne, e le percosse agli uomini
che sen querelavano. Tutti questi casi, non affastellati, nè discorsi
sbadatamente, ma con estrema diligenza e nesso d’idee (lib. 1, cap. 17,
della traduz. spagnuola; o cap. 77 e seg. del testo catalano).

Ma posti da canto gli scrittori di parte nostra, noi troviamo il vespro
nella stessa guisa rappresentato dagl’indifferenti e dagli stessi
avversari. L’autore della Cronaca intitolata: _Praeclara Francorum
facinora_, che fu certo Francese, dice di _non modicum apparatum_
di Pier d’Aragona; e dei sospetti che destò in papa Martino e in re
Carlo. Indi narra come i Palermitani uccideano, _succensa rabie,
Gallicos qui morabantur ibidem..... Deinde regi Carolo tota Cicilia
fuit rebellans, et supra se Petrum regem Aragonum in suum defensorem
ac dominum vocaverant, etc_. (Duchesne, Hist franc. script., tom. V,
pag. 786, anno 1281)» Or che questo Francese, il quale non fa un secco
cenno del caso, nè se ne mostra male informato, parli dì preparamenti
di Pietro, e non di congiure, ma della sollevazione, è secondo me non
lieve argomento.

Degli scrittori italiani, vari d’umori e molti anco Guelfi, è lunga
la lista. Il Memoriale dei podestà di Reggio, scritto in questo tempo
da un Guelfo senza cervello, non risparmia i Siciliani, nè Pietro;
scrive (in Muratori, R. I. S., tom. VIII, p, 1155) che si trattava
di matrimonio tra un figlio di Pietro e una figliuola di Carlo; che
l’Aragonese s’infinse di andar sopra gl’infedeli, e: _sub specie pacis
et parentelae abstulit fraudolenter, etc_. il regno di Sicilia. Questo
fraudolenter non si riferisce ad altro che alle sembianze di pace,
perchè la Cronaca narra del vespro (ibid., p. 1151) che i Siciliani
_rebelles fuerunt regi Karolo_, e uccisero i Francesi. Nulla di
congiura coi baroni siciliani; anzi aggiugne, che Pietro fe’ l’impresa
di Sicilia aiutato dal re di Castiglia e dal Paleologo.

La Cronaca di Parma, contemporanea anch’essa, narra il caso un po’
diversamente dagli altri. Un Francese percosse del piè un Palermitano;
indi la rissa, il grido universale, e la strage; _et Siculi miserunt
pro dicto regi Aragonae_; e continua una breve narrazione degli
avvenimenti (in Muratori, R. I. S., tom. IX, pag. 801, anno 1282). Non
vi è traccia di accordi nè di trame.

Fra Tolomeo da Lucca, pure contemporaneo, particolareggia le pratiche
di Pier d’Aragona col Paleologo, e afferma aver visto il trattato.
Papa Martino, a sollecitazione di Carlo, scomunicò l’imperator greco;
questi mandò a Pier d’Aragona, Giovanni di Procida e Benedetto Zaccaria
da Genova, con moneta; l’Aragonese allestiva l’armata; domandato dal
papa, rispondea: taglierebbesi la lingua anzi che dir lo scopo. Dietro
ciò viene il tumulto di Palermo, scoppiato per le molte ingiurie che si
soffrivano; e seguon minutamente i fatti. Una sola vaga parola ci ha
da notare, che la rivoluzione seguì, _fovente_ il re Pietro, per le
sollecitazioni della moglie. Ma tra tanti minuti ragguagli, nulla di
venuta del Procida in Sicilia, di congiura co’ baroni; e quel _fovente_
si riferisce senza dubbio al favor che poi diè alla rivoluzione, o a
qualche vago incoraggiamento prima (Tolomeo da Lucca, Hist. ecc., lib.
24, cap. 3, 4, 5, in Muratori, R. I. S., tom. XI, pag. 1186, 1187; e lo
stesso negli Annali, ibid., pag. 1293).

Ferreto Vicentino, autor d’una Cronaca dal 1250 al 1318, nel qual tempo
probabilmente ei visse, reca similmente le pratiche dell’imperator
greco e del re d’Aragona; le esortazioni fatte a questi da Giovanni
di Procida; il danaro dato, e gli armamenti. Del resto è poco esatto;
porta l’andata di Pietro, di Catalogna a Messina direttamente; e
fa pattuire il duello nel tempo dell’assedio di quella città, per
evitare la strage. Non parla de’ Siciliani senza biasimo; e notevol è
ch’ei dice chiamato Pietro dai maggiori del regno, che, ammazzati i
Francesi, avean preso iniquamente lo stato; il che esclude ogn’idea di
cospirazione antecedente di costoro col re (in Muratori, R. I. S., tom.
IX, pag. 952, 953).

In un’antica Cronaca napolitana (Raccolta di Croniche, Diarii ec,
Napoli 1780, presso Bernardo Perger, tom. II, pag. 30) leggiamo: «1282.
_L’isola de Sicilia se rebellò contro re Carlo I e donasse a re D.
Pietro de Aragona; quale rivoltazione fo per violentia che un Francese
volse fare a una donna_.»

Giordano, nel Ms. Vaticano, non altrimenti narra il vespro, che con le
parole: _Succensa est primo stupenda rabies, propter enim enormitates
Gallicorum_ (in Raynald, Ann. ecc., 1282. §. 12).

Paolino di Pietro, contemporaneo, mercatante fiorentino, e scevro, per
quanto si ritrae, da studio di parte in queste nostre vicende, racconta
la sollevazione in queste parole, che per la grazia della lingua e
semplicità antica ci piace trascrivere: _E incominciosse in Palermo,
perchè andando ad una festa per mare, alquanti di Palermo fecero lor
segnore, e levaro un’insegna per gabbo ed a sollazzo; ed alquanti
Francesi per orgoglio la volsero abbattere; e quelli non lasciando
e difendendola, vennero alle mani; e i Palermitani non curandoli
in mare, ed i Franceschi non credendo ch’elli avessero l’ardire,
combattero ed ucciserli. Per la qual cosa la terra fu sotto l’arme; e
li Franceschi combattendo con li Palermitani, per paura di non morire
tutti, si difesero, ed ucciserli tutti, e grandi e piccioli, e buoni
e rei. E poi alla sommossa di Palermo, che parve opera divina ovvero
diabolica, tutte le terre di Sicilia fecero il somigliante; sicchè in
meno d’otto dì in tutta la Sicilia non rimase, niuno Francesco. Il
re di Raona, sentendo questo, fece ambasciatori, profferendo avere e
persona, e ritornò diqua, non avendo sopra Saracinì acquistato niente;
ed arrivò in Sardegna; ed ivi stando ebbe dai Siciliani ambasciadori
e sindachi con pien mandato; e andò in Sicilia; e di volere si fece
loro re_ (Muratori, R. I. S., Aggiunta, tom. XXVI, pag. 73). La quale
narrazione, ancorchè diversa dal vero, prova che in Italia s’incominciò
a raccontare diversamente il fatto del vespro, errando talor nelle
circostanze, e più sovente nelle cagioni, perchè più facile è; ma che
Paolino di Pietro s’imbattè solamente negli errori dei fatti.

Non così il grave scrittore degli Annali di Genova. Fu questi Giacomo
d’Auria, o Doria, che gli Annali, principiati da Caffari, continuò dal
1280 al 1293. Uomo d’alta affare nella repubblica, per carico pubblico
ei scrisse le cose de’ suoi stessi tempi, viste con gli occhi propri,
o ritratte da testimoni degni di fede, nel popol di Genova, mercatante
e navigante, che avea commerci frequentissimi con Sicilia e anche con
Napoli; tantochè alcune galee genovesi vennero ad osteggiar Messina a’
soldi di re Carlo; e Genovesi eran anco entro Messina e in altri luoghi
di Sicilia nel tempo della rivoluzione; e più numero nè militarono
nelle armate nostre e nemiche nelle guerre seguenti. Donde ognun vede
se abbian questi annali pregio di esattezza, sano giudizio, e anco,
fino a un certo punto, imparzialità; non vedendosi piegare a nessun
lato la narrazione dei fatti; e potendosi francamente conchiudere, che
lo scrittore tenesse più al dover d’istorico, che agli umori della
propria famiglia ghibellina. O lo scrittore premette espressamente, che
furono causa del tumulto le oppressioni e aggravi de’ Francesi; che
furono occasione gl’insulti che fean essi alle donne, _eas inhoneste
alloquentes et tangentes. Sicque subito tumulto surrexit in populo_;
nè parla punto di macchinazioni; ma con grande esattezza nota i fatti;
ed espressamente porta chiamato re Pietro dai Siciliani, mentr’era in
Affrica, e non avea nulla operato d’importanza (Muratori, R. I. S.,
tom. VI, pag. 576, 577). Quanto valga questa testimonianza degli Annali
di Genova non occorre dimostrarlo.

Più forte sarà quella di Saba Malaspina. Le istorie del quale si han
divise in due parti: la prima che giugne infino al 1275, pubblicata,
tra gli altri, dal Muratori (R. I. S. tom. VIII); la continuazione
infino al 1285, per noi importantissima, data in luce dal di Gregorio
(Bibl. arag., tom. II). Questi dotti nelle prefazioni notavano la
gran fede che si debba all’istorico, prestantissimo secondo i suoi
tempi. Ei fu Romano (_de urbe_, leggesi nel fin della istoria, in di
Gregorio, loc. cit., pag. 423), decano di Malta, e segretario di papa
Martino IV; e scrisse negli anni 1284 e 1285, con fresca memoria de’
narrati avvenimenti. Nel principio del libro protesta: _nec ambages
inserere, aut incredibilia immiscere, sed vera, vel similia; quae aut
vidi, aut videre potui, vel audivi communibus divulgata sermonibus_:
e ben potea tener la parola stando appresso Martino, quando la corte
di Roma era centro della politica di tutta cristianità e governava
al tutto il regno di Napoli nei pericoli della siciliana rivoluzione;
talmentechè è probabilissimo, che lo stesso Malaspina scrivesse molte
delle sentenze e bolle di Martino, e trattasse gli affarì più gravi; è
certo ch’ei ne fu appieno sciente. Infatti la narrazione sua, quando
tocca i processi della corte di Roma contro Pier d’Aragona, s’accorda
perfettamente con gli originali al presente pubblicati; quando scorre
i vizi del governo angioino, si riscontra con le leggi di quello, o le
contrarie promulgate appresso il vespro; e vi si legge: _frequentissime
vidi ... vidique occasione custodiæ ... vidi quoque gravius ... vidi
plus_, ec., con che si dichiara espressamente testimone oculare.
Inoltre, narrando i fatti del vespro, ci apprende e ordini pubblici, e
nomi, e aneddoti lasciati indietro fin dagl’istorici nazionali, come
sarebbe la immediata federazione de’ Corleonesi co’ Palermitani, che si
riscontra appunto col diploma del 3 aprile 1282; ond’è manifesto che
Malaspina vantaggia per informazione ogni altro scrittor di que’ tempi.
Nè della veracità sua sarebbe da dubitare, fuorchè quando biasima Pier
d’Aragona e i Siciliani, in ciò che torni a lode o scusa loro non mai;
perchè Malaspina fu perdutamente guelfo; e guelfamente scrive; acerbo
contro noi, contro re Pietro, cui chiama lione e serpente; lodatore di
re Carlo, se non che amichevolmente si duole che per negligenza non
raffrenasse le ribalderie de’ suoi, delle quali scrive con maggior
ira, per due cagioni: risentimento di animo giusto al veder così fatti
soprusi; rammarico d’un guelfo, che sapea sol per questi levata sì
fiera tempesta contro la sua parte. Malaspina conduce così questo
periodo.

Discorre le angherie degli oficiali di re Carlo; indi alcuni
avvenimenti d’Italia pria della morte di Niccolò III; e qui incomincia
a parlare di Pier d’Aragona. Porta come Giovanni di Procida e Ruggier
Loria lo confortavano a venire al conquisto di Sicilia; com’ei si
armava; quali sospetti destò in Carlo, nel re di Francia, negli
stati Barbareschi. Ripiglia poi le cose d’Italia dopo la morte di
Niccolò; passa ai preparamenti di Carlo contro il Paleologo alla mala
contentezza che accrebbero ne’ suoi sudditi; al mal governo dei vicari
di Carlo in Roma. E con un’apostrofe lunghissima a quel re, gli torna
a mente averlo lodato a cielo per tutta Italia, e avere commendato
la sua dominazione; ma non sapergli perdonare due colpe: avarizia
e negligenza. «Tante battaglie, sclama, hai vinto e vinceresti; e
inespugnabili stanno questi due vizi!» Salta di qui al fatto del
vespro (Bibl. aragonese, tom. II, pag. 331 a 354); il quale appone
agli oltraggi recati alle donne e non ingozzati dagl’indocili nostri
bravi: il progresso della rivoluzione ritrae in guisa da non lasciar
sospetto d’una trama che si sviluppi, ma dar evidenza lucidissima d’una
sedizione, che inonda di sangue la capitale, e, fatta gigante, invade
tutta l’isola. Malaspina non fa parola, nè prima nè poi, di congiura,
d’intesa qualunque tra re Pietro e i baroni o le città siciliane
(ibid., pag. 354 a 360); nè in tutta la sua narrazione se ne vede orma.
Nè questo egli aggiugne a’ rimbrotti che mette in bocca a re Carlo
nell’accettare il duello (ibid., pag. 388); nè altro appone a Pietro,
che essersi armato prima; e aver, dopo lo sbarco in Affrica, domandato
a papa Martino aiuti che non poteva ottenere, per trarne pretesto
a voltarsi all’impresa di Sicilia, ove i popoli, già ordinati in
repubblica, lo chiamavano al trono. Questo è dunque il peggio, che un
focoso partigiano della corte di Roma e di re Carlo, ma verace e inteso
dei fatti, sapesse scrivere della siciliana rivoluzione! niuno mi dirà
che Malaspina non potesse saper la congiura; che, saputala, avesse
ritegno a bandirla a tutto il mondo! Dante in tre versi ritrasse
compiutamente il vespro:

  Quella sinistra riva che si lava
    Di Rodano, poich’è misto con Sorga,
    Per suo signore a tempo m’aspettava;
  E quel corno d’Ausonia che s’imborga
    Di Bari, di Gaeta e di Crotona,
    Da onde Tronto e Verde in mare sgorga.
  Fulgeami già in fronte la corona
    Di quella terra che il Danubio riga
    Poi che le ripe tedesche abbandona;
  E la bella Trinacria che caliga
    Tra Pachino e Peloro, sopra il golfo
    Che riceve da Euro maggior briga
  Non per Tifeo, ma per nascente solfo,
    Attesi avrebbe li suoi regi ancora
    Nati per me di Carlo e di Ridolfo,
  _Se mala signoria, che sempre accora
    I popoli soggetti, non avesse
    Mosso Palermo a gridar: Mora, mora._

  _Parad_., c. 8.

A’ lettori italiani, o nati in qualunque altra terra ove s’estenda
la presente civiltà europea, io non ricorderò la rigorosa esattezza
istorica della Divina Commedia intorno i fatti d’Italia; la possanza
di quella mente a scrutar le cagioni delle cose, e stamparle ne’ pochi
tratti co’ quali suol delineare un gran quadro, sì che nulla vi resti
a desiderare; l’autorità infine dell’Alighieri, come contemporaneo al
vespro. E a chi noi sente con evidenza, non dimostrerò io, che quelle
parole, in bocca di Carlo Martello, tolgano affatto il supposto di
congiura baronale. Noterò bene che Dante, qui non solo tratteggiò la
causa, ma ancora una delle circostanze più segnalate del tumulto, che
fu il perpetuo grido: «Muoiano i Francesi, muoiano i Francesi!» Onde
que’ tre versi resteranno per sempre come la più forte, precisa e
fedele dipintura, che ingegno d’uomo far potesse del vespro siciliano.
E, secondo me, vanno errati quei commentatori i quali, seguendo il
racconto tenuto finora per vero, veggon l’oro bizantino recato da
Giovanni di Procida a Niccolò III, nello:

  E guarda ben la mal tolta moneta,
  Ch’esser ti fece contro Carlo ardito.
  _Inf_., c. 19.

Il cenno che nel cap. V abbiam fatto del pontificato di Niccolò,
basterà a mostrare, ch’ei fu ben ardito contro Carlo pria del 1280,
quando si suppone, sulla testimonianza del Villani, questa corruzione.
L’avea spogliato delle dignità di vicario in Toscana e senator di
Roma, battuto e attraversato in mille guise Niccolò, dal primo istante
che pose il piè sulla cattedra di san Pietro (Murat. Ann. d’Italia,
an. 1278); onde l’ardimento contro Carlo, più tosto si deve intendere
di questi fatti certi, che del supposto disegno della congiura, che
per certo non ebbe effetto dalla parte di Niccolò, trapassato nel
1280. E le parole, mal tolta moneta, meglio stanno alla non dubbia
appropriazione delle decime ecclesiastiche e del ritratto degli stati
della Chiesa (Veg. Francesco Pipino, op. cit., lib. IV, c. 20), che
alla baratteria di cui vogliono accagionare l’alto animo dell’Orsino.
Del resto, tinto o no che sia stato il papa nella cospirazione, ciò non
proverebbe che la cospirazione partorisse il vespro; anzi, se Dante
quella conobbe, e al vespro die’ un’altra cagione, più forte argomento
è dalla mia parte. Nè è da lasciare inosservato il silenzio del poeta
su questo Giovanni di Procida, morto nel 1299, il quale se fosse stato
autor della ribellione di Sicilia, Dante non avrebbe pretermesso di
locarlo tra i grandi, o buoni o ribaldi; ma egli nol giudicò degno
dell’uno nè dell’altro.

Passando dalle tradizioni scritte ai diplomi, si potrebbe credere
che la corte di Roma, entrata in sospetto di re Pietro, sol per gli
armamenti che si vedean fare ne’ porti della Spagna pensasse a lui più
fortemente, quando ebbe l’annunzio della sollevazione siciliana. Così
nella bolla data il dì dell’Ascensione del 1282, cioè 37 giorni dopo
il vespro di Palermo, querelasi il papa (Raynald, Ann. ecc., 1282, §§.
13 a 15), che molti protervi intenti a molestare re Carlo e la Chiesa,
si sforzassero a raccendere in Sicilia la fiamma della discordia;
_ad id sua stadia inique congerunt; ad id suarum virium potentiam
coacervant, manus presumptuosas apponunt, et etiam occulti favoris
auxilium largiuntur_.... onde ammonisce i re, feudatari, cittadini e
uomini qualunque (ibid. §§. 16 e 17), che non si colleghino con le
comunità di Sicilia ribelli, nè lor diano consiglio, aiuto, o favore.
Ma queste pratiche accennate dalla corte di Roma, tutte presenti e non
passate, quand’anche si riferissero a Pietro, sarebber quelle presso la
repubblica siciliana per farsi chiamare al trono, non le macchinazioni
che produssero il vespro.

Ma poichè re Pietro venne in Sicilia, apertamente il papa a 18 novembre
1282, il dichiarava involto nelle pene minacciate con questa prima
bolla (Raynald, Ann. ecc. 1282, §§, 13 a 18): e fermato in questo
tempo il duello tra i due re, s’ingegnava a distorne l’Angioino
con più ragioni; tra le quali è, che temesse sempre le frodi di
quel nimico, che la Sicilia, _non in sui fortitudine brachii, sed
in papali rebellione detestanda siculi, occupavit; quin verius, de
ipsorum rebelliunm ipsam occupatam jam tenentium manibus, clandestinus
insidiator et furtivus usurpator accepit_ (Raynald, Ann. ecc., 1283, §.
8). Così privatamente a Carlo. Colorì più scure, e pur sempre vaghe,
le accuse nel processo indi messo fuori per depor Pietro dal regno di
Aragona, ch’è dato d’Orvieto a 19 marzo 1283 (Raynald, Ann. ecc., 1283,
§§. 15 a 23; Duchesne, Hist. franc. script, tom. V, pag. 875 ad 882).
Ivi si legge che la tempesta, _quod execranda Panormitanae rebellionis
audacia inchoavit, et reliquorum Siculorum malitia, Panormitanam
imitata, rosequitur, non cessava; sed per insidias Petri regis
Aragonum.... invalescere potius videbatur_.... poichè Pietro, _dictorum
rebellium se ducem constituit et aurigam_. Perchè vantando il dritto
della moglie, si adoperava con frodi e insidie, _machinatis ab olim,
prout communis quasi tenebat opinio, et subexecutorum consideratio
satis indicabat et indicat evidenter._ Indi, _quaesito colore_ di
osteggiare in Affrica, venne in Sicilia, concitando sempre più i popoli
contro la Chiesa; e con le città e ville si strinse in confederazioni,
patti e convenzioni, o piuttosto cospirazioni e scellerate fazioni;
sicchè già usurpava il nome di re, e confermava nella ribellione,
non solo i Palermitani, ma sì gli altri Siciliani, e in particolare
i Messinesi, che già stavano in forse di tornare alla ubbidienza.
Sciorinati poi i supposti dritti della romana corte sul reame
d’Aragona, onde Pietro avea anche violato la fedeltà feudale, torna a
quella burla, che il papa non sapea ingozzare, dell’impresa d’Affrica,
che il fatto mostra, ei dicea, macchinata apposta, ut_, opportunitate
captata, commodius iniquitatem quam conceperat parturiret. Maxime
cum per suos nuncios missos exinde, pluries eosdem Panormitanos
sollicitasse, ac ipsis in presumpta malitia obtulisse consilium et
auxilium diceretur_. E così per tutti i versi mostrando re Pietro
caduto nelle scomuniche, e aggressor della Chiesa, dalla quale tenea
il regno d’Aragona, scioglie i sudditi dal giuramento di fedeltà, si
riserba a concedere ad altri il regno, ec. Non è da pretermettere, che
in questo processo medesimo il papa accusa il Paleologo, già d’altronde
scomunicato, di _exibito_, a Piero, _consilio, auxilio ac favore; nec
non pactis confoederationibus conventionibus initis cum eodem_, come
allora argomenti di verosimiglianza persuadeano, e portava la voce
pubblica; ma nondimeno non parla giammai di cospirazione d’entrambi co’
Siciliani. Nè punto ne parla nell’altra bolla indirizzata a’ prelati di
Francia il 5 maggio 1284, narrando i motivi della concessione delle
decime ecclesiastiche per la guerra d’Aragona; ove le accuse sono la
finta partenza per l’Affrica, e la occupazione della Sicilia, nulla
_diffidatione premissa, quod proditionis non caret nota_ (Archivi del
reame di Francia, J. 714, 6; citata ma non pubblicata dal Raynald).
Questa stessa frase leggasi nel breve del 9 gennaio 1284, pubblicato
qui appresso, docum. XIV. Similmente nella bolla data d’Orvieto il
10 maggio 1284, trascritta in un diploma del cardinal Giovanni di
Santa Cecilia, dato a Vaugirard, presso Parigi, il 7 luglio 1284, con
cui papa Martino commetteva al cardinale di predicar la croce contro
re Pietro, gli si appone che: _de procedendo in Africam pretento
colore, concinnatis dolis, et insidiis machinatis contra nos, eamdem
Ecclesiam et carissimum in Christo filium nostrum Carolum Sicilie
regem illustrem, nulla diffidatione premissa, quod proditionis non
caret nota, procedens, insulam Sicilie, terram peculiarem ipsius
ecclesie, licet iam memorato Sicilie regi rebellem, adhuc tamen eiusdem
ecclesie recognoscentem dominium et nomen publice invocantem, militum
et peditum caterva stipatus invadere ac occupare_, etc. (Archivi del
reame di Francia, J. 714, 6). In somma Martino, francese e papa, cieco
nel devoto amore a Carlo, più cieco nella rabbia contro la siciliana
rivoluzione, sforzavasi a mostrare, che Pietro avesse nudrito antichi
disegni, tenuto qualche pratica; e che, quando l’audacia palermitana
incominciò la rivoluzione, avesse usato questa opportunità per togliere
il regno a quei che l’avean tolto a Carlo, presentandosi armato in
Affrica, e sollecitando i Siciliani per messaggi, sì che il chiamarono.
E questo appunto scrivea Saba Malaspina, nè più. Il papa non dice il
re d’Aragona altrimenti traditore, che per esser venuto in Sicilia
ostilmente, senza prima sfidarlo. Ei rileva con molto studio tutte
le crudeltà del vespro; ma non accagiona nè punto nè poco del vespro
il re Pietro, al quale non lascia di trovar colpe, anche ne’ fatti
più lontani, e fin col mentire che senza la sua venuta i Messinesi
si sarebbero calati agli accordi. Quel medesimo fatto poi che nella
sentenza del 19 marzo 1283 è il capo principale dell’accusa, cioè
le sollecitazioni fatte d’Affrica a’ Siciliani per chiamarlo re,
toglie netto ogni accordo di congiura; perchè è evidente, che se la
esaltazione sua si trovava già da gran tempo fermata co’ Siciliani,
non era mestieri or procacciarla con brighe e messaggi. Se dunque
l’avversario più fiero che fosse al mondo contro il re d’Aragona e i
Siciliani, non trattenuto da riguardo alcuno, in un processo fondato
sopra fallacia di vecchi ricordi o romori che chiamava pubblica voce e
sopra motivi di probabilità, non die’ espressamente quella origine al
tumulto del vespro, mentre ammontava e supposti e calunnie, posso dire
che rinforzano il mio assunto le stesse parole di Martino IV.

Il conferman quelle di papa Onorio; il quale ne’ capitoli messi
fuori l’anno 1285 a riformazione del reame di Napoli (Raynald, Ann.
ecc., 1285, §. 30), ricordate le angherie che l’imperador Federigo
incominciò, e Carlo aggravò, continua: _reddiderunt etiam praedictorum
consequentium ad illa discriminum non prorsus expertum, prout Siculorum
rebellio, multis onusta periculis, aliorumque ipsam foventium
persecutio manifestant_, etc. Nè altramente ei scriveva al cardinal
Gherardo nello stesso tempo, attestando le gravezze, afflizioni e
persecuzioni del governo angioino, aver cagionato sì fieri turbamenti
(in Raynald, Ann. ecc., 1285, §. 11): e pur Onorio seguiva strettamente
la politica della corte di Roma contro la dominazione aragonese in
Sicilia!

Lo stesso re Carlo non disse di Pier d’Aragona nè di congiura nella
lettera di maggio 1282 a Filippo l’Ardito (Docum. VI); e ne’ trattati
del duello di Bordeaux, non apponeva a Pietro, che vagamente: di
essere entrato in Sicilia «contro ragione e in mal modo.» E fallito
il duello, volendo diffamar l’avversario, ricantò pure che pria
dell’occupazione di Sicilia si trattava un matrimonio tra una sua
figliuola e un figlio di Pietro; spiegò quelle prime sue parole per
pravità, infedeltà, e tradimento; ma tra tanti rimbrotti, non fece mai
parola di trama co’ Siciliani (Diploma in Muratori, Ant. It. Med. Æv.,
Diss. 39, tom. III, pag. 650 e seg.).

Carlo lo Zoppo nel diploma del 22 giugno 1283, contro alcuni tristi
officiali e consiglieri del re suo padre, scrisse: _ipsi quotidie
diversa gravamina et quaelibet extorsionum genera suadebant; ipsi vias
omnes excogitabant per quas insula Sicilie a fide regia deviavit_
(Buscemi, Vita di Giovanni di Procida, Docum. 5).

Nel diploma di Carlo I, dato il 5 ottobre 1284 (Docum. XXIII), ove
sottilmente si discorrono le vicende della siciliana rivoluzione in
quel modo che Carlo amava a presentarla, e si carica di rimbrotti re
Pietro, non si fa parola di congiura nè punto nè poco; ma che Pietro
stato per lo innanzi amico, entrando di furto in Sicilia, gli si era
presentato novello improvviso nemico. Slmilmente ne’ diplomi delle
concessioni feudali a Virgilio Scordia di Catania (Doc. XXXVI), d’altro
non si parla che di: _suborta generaliter in insula nostra Sicilie
guerra.... e di sequens invasio quondam Petti olim regis Aragonam_.
E nel medesimo tempo in un altro diploma del 20 luglio tredicesima
Ind. (1301), che promettea guarentige alla terra di Geraci, disposta a
tornare sotto il nome angioino (r. arch. di Nap., reg. 1299–1300, fog.
71, 82), leggesi: _scrutinio itaque debite meditationis diligentius
advertentes, quod officialium clare memorie domini patris nostri
effrenata concitante licentia, insula nostra Sicilie et subsequenter
postmodum nonnulle universitates civitatum, castrorum, casalium
et villarum oac speciales persone Calabrie, vallis Gratis, terre
Jordane et Basilicate, principatus et aliorum locorum regni Sicilie
citra farum, in rebellionis culpam cadentes, a fidelitate sancte
romane matris Ecclesie atque nostra se turpiter abdicerunt_, etc.
Finalmente la rivoluzione del vespro non si accenna con altre parole
che _Siculorum gravis et periculosa commocio_ nel diploma di Carlo II
(Docum XXXIX).

Tutti questi documenti mostrano ad evidenza che infino a tutto il
secolo xiii, nè la corte di Roma, nè quella di Napoli ebber mai
fronte di parlar di congiura siciliana; anzi, tratte dalla forza
dell’evidenza, accettarono la manifesta cagione della rivoluzione
dell’ottantadue, com’io l’ho ritratto. Ma coll’andar del tempo
pensarono dipinger più nero il fatto, del quale già la verità
s’incominciava a corrompere e dileguare. Il veggiamo in due diplomi,
l’un di re Roberto dato il 2, l’altro di re Federigo II di Sicilia
dato il 3 settembre 1314; mentre Roberto assediava Trapani, Federigo
strignea Roberto. Avvenne allora, che un corsale napolitano prese una
nave delle isole Baleari che mercatava in Sicilia, e che la città
di Barcellona ne domandò a Roberto la restituzione. Costui dunque,
scrivendo al comune di Barcellona, ingegnavasi a sostener buona la
preda; e tra le altre ragioni allegava: _quod homines insulae Siciliae
a longissimis retro temporibus, rebellionis, perfidiae et hostilitatis
improbe spiritum assumentes, contra clarae memoriae progenitores
nostros proditionaliter rebellarunt_, etc.; il quale _proditionaliter_
si può intendere o perfidamente, ovvero con delitto di maestà, che per
la diffalta al giuramento, si volle chiamar tradigione. Ma Federigo,
confutando tutte le ragioni, largamente anco dicea della ingiusta
aggressione di Carlo contro re Manfredi, dell’empia tirannide con
cui condusse a disperazione i popoli del regno preso da Pietro. _Non
igitur_, continua, _scribi debuit quod proditionaliter rebellassent,
cum rebellationem hujusmodi nullum propositum, nullaque factio,
vel conspirans conjuratio praecessisset; et licebat nec minus eis
liberis, quod servilis status hominibus erat licitum, ut confugientes
ad Ecclesiam, saevitiam effugerent, etc ... Quomodo igitur ipsos
Siculos proditores fuisse dici debuti sive scribi?_ etc. Così ribatte
in ambo i sensi questa taccia di tradimento; dimostrando, che non ci
fu cospirazione, e che potea la Sicilia a buon dritto scuotere il
giogo dell’usurpatore. Non ritraggiamo che Roberto avesse replicato.
E considerando quanto dubbia fu l’accusa, quanto asseverante e
particolareggiata la risposta, possiam conchiudere, che trentadue
anni dopo il fatto, quando si era potuto conoscere appieno tutta la
macchina, se la corte di Napoli pur la fingea, non mancavano ragioni da
confutarla e negarla.

Ma la tradizione popolare, altri dice, porta infino ai nostri dì
Procida e la congiura; e in un avvenimento nazionale sì grande, la
tradizione non erra. Rispondo, che fallace è sempre; e di niun peso
contro le maggiori autorità istoriche. Di più la tradizione verbale,
presso i popoli barbari è guasta da bizzarria e ignoranza; presso i
popoli inciviliti da bizzarria, da ignoranza e dalle istorie scritte.
Queste scendono infino al volgo, più ripetute quanto più strane;
il volgo e gli scrittori le alterano a gara. La tradizione genera
la istoria scritta, e questa talvolta genera la tradizione. Così,
volgendoci a’ nostri racconti volgari del vespro, troviamo la uccisione
di tutti i Francesi per tutta l’isola in un dì; Giovanni di Procida,
infintosi matto, girar la Sicilia con una cerbottana, susurrando a
tutti all’orecchio, per dire ai Francesi pazze cose, ai Siciliani il
segreto della congiura; e, mescolati a queste grosse fole, alcuni fatti
ch’han sembianza di vero, come la prova della pronunzia a sceverar
Francesi da nazionali nell’eccidio, e il rifiuto di Sperlinga. E
l’eccidio contemporaneo è prettamente la favola di fra Francesco
Pipino, della Cronaca d’Asti, ec,, penetrata appo noi per cronache
scritte o per tradizione di ciarle, quando la genuina tradizione
nazionale con l’andar de’ tempi si diradò. A contrastar dunque la
testimonianza di scrittori gravissimi o documenti, non si porti innanzi
ciò che il volgo dice.

Riflettendo poi sulle sembianze politiche della sommossa di Palermo
e de’ fatti che ne seguitavano, parrà inverosimile, e direi quasi
assurdo, il supposto della congiura. Giovanni di Procida, nobil uomo,
fidatissimo del re d’Aragona, mosso da amor di patria, odio a Carlo,
o devozione all’Aragonese, praticava, secondo il Villani e gli altri
della sua parte, perchè Pietro salisse al trono di Sicilia. Praticava
con Niccolò, col Paleologo, e co’ baroni siciliani. Or lasciati
da parte gli accordi con potentati stranieri, che tendean solo ad
aggiugnere riputazione e forze a re Pietro, e poteano servir sempre,
data o non data la congiura in Sicilia; il trattato di Procida coi
nostri baroni dovea mirare a questi due effetti: che scacciassero i
Francesi; e che chiamassero il re d’Aragona. I baroni dall’altro canto
doveano, pria di gittare il dado, esser certi che Pietro stesse pronto
in sull’armi, per aiutarli nel primo principio, o nei primi pericoli;
dopo il fatto doveano, o gridar lui re, o almeno prender essi lo
stato. Tutto il contrario si ricava dalle testimonianze degli stessi
cronisti raccontatori della cospirazione, non che degli altri. Cominciò
in Palermo il 31 marzo, si consumò in Messina il 28 aprile questa
siciliana rivoluzione; e Pier d’ Aragona tuttavia faceva spalmar navi
e scriver soldati in Catalogna, infino al 3 giugno. Partito allora, si
drizza alle isole Baleari; vi soggiorna due settimane; indi fa vela,
e il 28 giugno approda in Affrica; trattenendovisi a guerreggiare co’
barbari fin oltre mezz’agosto: mentre re Carlo, che avea in punto
l’esercito per la impresa di Grecia, strignea già fieramente Messina;
e si dovea aspettar sopra la Sicilia più spedito e più pronto ch’ei
non fu. Se dunque a re Pietro eran mestieri due mesi più di tempo ad
allestire l’armata, non è credibile per niun modo, che i congiurati
scelto avesser la pasqua per cominciare il gran fatto, come Malespini e
Villani portano espressamente.

E sia pure che una impazienza, o un pericolo de’ cospiratori li
avesse affrettato; e suppongasi che Pietro, per tenere un poco più
la maschera, avesse voluto rischiar tutta l’impresa con differir
tuttavolta la sua venuta; non si negherà che in Sicilia gli autori
della rivoluzione doveano prender essi lo stato. Ma noi non solamente
non veggiam punto nè poco Giovanni di Procida nel fatto del vespro,
nè tra i capitani di popolo del primo periodo incontriamo alcuno
de’ nomi riferiti da Malespini, da Villani e dall’anonimo scrittor
della cospirazione; ma nè anco alcuno de’ grandi feudatari siciliani;
nè delle famiglie più cospicue in que’ tempi. In un luogo popolani
senz’alcun titolo di nobiltà; in un altro son fatti capitani di popolo
uomini senza vassallaggio, fors’anco senza grande avere, e soltanto
militi, ossia cavalieri, ch’era onoranza della persona, non già stato
politico; i quali furon trascelti, come usi alle armi, o per altra
loro riputazione personale. Così in Palermo Ruggier Mastrangelo con
due cavalieri e un popolano; in Corleone Bonifazio, e altri in altri
luoghi: e così anche de’ consiglieri, tra i quali si notano molti
giurisperiti, cioè uomini del popolo, che la plebe infelicemente suol
porre volentieri al reggimento delle sue rivoluzioni, credendoli
dello stesso suo sangue e di mente molto maggiore. Veggiam di più
la sollevazione propagata nell’isola secondo il corso delle armi
palermitane, non già per movimenti spartiti che si potessero attribuire
ai feudatari; veggiamo assai comuni mettere a fil di spada i Francesi,
e pur tentennare al chiarirsi ribelli, cioè abbandonarsi all’impeto
dell’ira e della vendetta, senza saperne altro scopo; veggiam la
sollevazione in Messina cominciata dalla plebe, contrastante anzi una
parte dei nobili; e per ogni luogo gridato il governo a comune sotto la
protezion della Chiesa, ch’era escluder Pietro e i feudatari, i quali
non avean parte nel reggimento a comune. Gli adunati sindichi delle
città e terre deliberano delle cose pubbliche; i comuni si strìngono
con reciproci vincoli di federazione; Palermo e Messina tengon la
somma delle cose, e a pien popolo prendon le loro deliberazioni. Ove
son dunque «i baroni e’ caporali» del Malespini? Se le forze della
congiura cagionavano il 31 marzo e le sollevazioni delle altre città;
se de’ baroni cospiratori era la riputazione della vittoria; dovean
essi compier lo intento, non venirne al dominio della Chiesa e alla
repubblica, nè lasciar questa costituirsi con ordini popolani e uomini
o popolani o della nobiltà minore e cittadinesca, Aggiungasi, che
il dominio della Chiesa portava ostacol maggiore al re d’Aragona,
che non più all’usurpator francese, ma al sommo pontefice veniva a
togliere il reame: onde niuno mi persuaderà che Pietro, o uomini che
praticavan con lui, avessero mai scelto tal partito. Aggiungasi, che
con questi ordini, più debole tornava la rivoluzione; mancando un
nome di re, una sembianza di legittimità monarchica, un centro di
forze da accrescere riputazione, rapire i timidi come gli animosi,
gl’interessati come i generosi. Non era infine senza sospetto gridar la
repubblica in un’isola sì vicina alle repubbliche italiane, che potea
assodarsi in quegli ordini popolani. Impossibil è, per natura umana e
necessità sociale, che principe ambizioso, congiurato con baroni del
secol decimoterzo, vincendo, abbandonasser lo stato in quell’andare. E
basterebbe sol questo a disdire tutti gl’istorici del tempo, se tutti
dicessero il vespro effetto immediato della congiura. Raccogliendo
dunque il detto fin qui, abbiamo, che portano il vespro effetto
immediato della congiura pochissimi cronisti francesi, d’altronde non
molto gravi, la istoria dei guelfi Malespini, seguita dal più guelfo
Villani, e dalla Cronaca siciliana d’incerto autore, d’incerto tempo;
alla narrazion de’ quali aggiugneano incredibil favola la Cronaca
d’Asti, e Boccaccio, vivuto mezzo secolo appresso; e la stessa narrava
dubbiamente il favoleggiante frate Pipino: tutti renduti sospetti da
spirito di parte, lontananza di tempo e di luogo, e copia di altri
errori. Non è più valida la tradizione che oggi troviamo in Sicilia,
guasta dal tempo e dagli scrittori. Per lo contrario, lasciando anco
i siciliani Speciale, Neocastro, e l’anonimo, e i catalani Montaner
e D’Esclot, contemporanei e di autorità non lieve, noi leggiam la
sollevazione di Palermo casuale e nata dal più non poterne, in un
Francese, e in nove scrittori di vari luoghi d’Italia, tra’ quali
Auria, Saba Malaspina e Dante, degni tanto di fede, e il secondo più,
perchè famigliare del papa. I documenti del tempo, slmilmente, non
dicono la congiura di Pietro co’ Siciliani, nè il vespro effetto di
essa; ma che quel re facea disegni da lungo tempo sull’isola, e che
seguita la rivoluzione, tanto adoprossi con artifizi e sollecitazioni,
che il vôto soglio occupò. Gli ordini pubblici e gli uomini messi su
nella rivoluzione, provan impossibile la narrazione degli scrittori
guelfi. Ma ben si scorgono gli anteriori disegni di Pietro, dal
Neocastro, dal Montaner, da Saba Malaspina, dal Memoriale de’ podestà
di Reggio; e le sue pratiche col Paleologo da Tolomeo da Lucca e
Ferreto Vicentino; e gli uni e le altre, dalle carte pontificie e
di Carlo di Angiò. Sembra infine che ne porgano il bandolo Tolomeo,
Ferreto e Saba Malaspina; perchè, nella stessa guisa che fanno Montaner
e il Neocastro, dopo un cenno de’ disegni di Pietro sopra la Sicilia,
i detti tre istorici portano, senza legarlo a quelli, il tumulto del
vespro, e ne indican anzi le cagioni. Or se essi furono a tempo a saper
le pratiche col Paleologo, il doveano essere a sapere il rimanente
della cospirazione; e l’avrebbero scritto, se fosse stato pur vero.

Indi tutto qual è si scerne, tra tanto viluppo d’autorità istoriche, il
progresso de’ fatti. La pessima signoria straniera puzzava in Sicilia,
sì che nobile o popolano non v’era che non bramasse uscirne. I grossi
proprietari, che sogliono esser sempre più cauti e lenti, avean forse
dato ascolto alle istigazioni del re d’Aragona; il quale consigliavasi
con parecchi usciti di parte sveva, e adoprava principalmente tra
questi Giovanni di Procida, non patriotta, ma destro, accorto e audace
ministro d’un principe straniero, contro il tiranno della propria
sua patria. Re Pietro, aiutato per comun interesse dal Paleologo, e
connivente papa Niccolò, preparava un’armata e un piccolo esercito;
con le quali forze potrebbe credersi ch’ei divisava dapprima portar la
guerra in Sicilia col favor de’ baroni; perchè se avesse immaginato
infin dal 1281 la finta impresa d’Affrica, con la medesima simulazione
avrebbe fatto le viste di comunicarla a Francia, al papa e a Carlo,
invece di ribadire i sospetti con quel suo silenzio. Mentre Pietro
s’armava, e i nobili bilanciavano, e, concedasi pure, stigavano gli
animi in Sicilia, ma non si dava principio alle opere, nè forse si
sarebbe mai dato; il popolo di Palermo die’ dentro; innasprito per la
nuova stretta di violenze di Giovanni di San Remigio, e acceso dagli
oltraggi alle donne, rapito dalla tenzone che ne seguì. Il popolo
scannò i Francesi; e ordinò lo stato a suo modo, perch’ei fu che
vinse. E qui è da tornare a mente, che la feudalità fu sempre moderata
in Sicilia nelle dominazioni normanna e sveva; che le grandi città
demaniali aveano umori popolani, sì come in Italia, in Alemagna, in
Provenza, in Catalogna, in Inghilterra; che le stesse terre feudali
godean appo noi ordini di municipio non dipendenti dal barone; ch’era
fresca e gradita la memoria della repubblica del cinquantaquattro,
e vicino l’esempio delle città italiane; che infine il baronaggio,
rinnovato in gran parte sotto Carlo, dovea essere odiato vieppiù per
la gente nuova e per gli abusi nuovi. Perciò il popol di Palermo gridò
la repubblica: e com’egli armato corse l’isola, l’esempio, la forza,
la influenza delle stesse cause, portaron rapidamente tutta l’isola
alla repubblica. Ci avea in Sicilia ottimati e popolo; nè i primi
amavan forse reggimento democratico, ma per l’impeto e la riputazione
della rivoluzione si stettero. Lasciaron fare; e insieme strinsero le
loro pratiche con Pietro, non potendo nè metter su una oligarchia, nè
soffrir la repubblica a popolo: e per la influenza delle proprietà, per
la riputazione della prosapia e degli uomini, in un paese, scosso sì
da movimento popolano, ma avvezzo da lunghissimo tempo al baronaggio
moderato, s’impadronirono alfine de’ consigli pubblici. Pietro, che non
potea dritto venir sopra l’isola, perchè ciò sarebbe stato apertamente
portar guerra alla Chiesa e alla repubblica, non all’usurpatore,
immaginò la impresa d’Affrica, per mostrarsi armato e vicino. Allora i
nobili valser tanto nel parlamento, da farlo chiamare al trono: e così,
supposta anche la congiura aristocratica estesa quanto si voglia, si
argomenterebbe che la medesima, sviata dai suoi primitivi disegni per
la rivoluzione del vespro, li consumasse civilmente dopo cinque mesi,
nel parlamento.

Ma i racconti del vespro, della esaltazione di Pietro, de’ disegni
di costui, delle pratiche col Paleologo e coi Siciliani, molti anni
corsero per tutta Italia e oltremonti, senza stampa, nè comunicazioni
agevoli nè frequenti, guasti da uomini parteggianti, ignoranti, avvezzi
a credere il falso, e non credere il vero, perchè troppo semplice.
In Francia e nell’Italia guelfa la narrazione, com’avviene, prese
colore dalle opinioni, e peggio si alterò. Di que’ che avean praticato
con Pietro, alcuno, vantando sè medesimo e i suoi, in un trattato
tenebroso per sua natura, portò innanti vero e bugia, e tutto gli si
credea: si ravvicinarono congiura, vespro, venuta di Pietro. Ma pure
gli uomini più diligenti e informati seppero il vero in que’ primi
principi. Di lì a pochi anni, la tradizione di voce si corruppe; le
cronache niuno leggeale, o credea alle più strane; si sapea grandissima
la potenza di re Carlo, e parea «quasi cosa maravigliosa e impossibile»
(Giovanni Villani, cap. 56) ed «opera divina ovvero diabolica» (Paolino
di Pietro, loc. cit.) questa ribellione di Sicilia; onde la si cominciò
ad attribuire ad una causa non meno maravigliosa: la cospirazione
di tre potentati coi maggiori baroni di Sicilia. I partigiani della
corte di Napoli, trovando più onesto essersi perduta la Sicilia per
una pratica sì infernale, che per sollevazione, propagarono via più
quella voce. La rissa di Santo Spirito divenne scoppio della congiura;
i ventotto dì che penò la rivoluzione a compiersi in tutta l’isola, si
strinsero a due ore; il tocco del vespro fu il segno; si fece cospirare
per tre anni tutto il popolo di Sicilia. Così pervennero i fatti ai
raccoglitori d’istorie ne’ secoli d’appresso; e per caso, o seduzione
della lingua e dello stile, le cronache di Malespini e Villani si
trovaron le più divulgate.

Indi, per tacere di tanti altri, Angelo di Costanzo, autore del secol
xvi, senza citazioni di contemporanei, e tenendosi alla favola non pur
narrata da’ due scrittori fiorentini, portava l’eccidio in due ore per
tutta l’isola (Storia del regno di Napoli, lib. 2); e non par vero come
Denina (Rivol. d’Italia, lib. 13, cap. 3, 4) rimandi a lui; e come
Giannone (Storia civile del regno di Napoli, lib. 20, cap. 5), segua
questa favola, e presti più fede al racconto inverosimile del Costanzo,
che al Malespini, al Villani, ec., da lui d’altronde citati. Nello
stesso errore cadde il Capecelatro (Storia di Napoli, parte 4, lib. 1),
anche dopo citata la storia in dialetto siciliano, che contien quello
della congiura, non la fola dell’eccidio contemporaneo.

A questa non si appiglia alcun altro scrittore di nome.

Il Suromonte (Storia di Napoli, lib. 3) segue al tutto Villani: così
anche Surita (Annali d’Aragona, lib. 4, cap. 17), ch’era diligente e
non altro.

De’ nostri, Maurolico (Lib. 4, an. 1282), e Fazzello (Deca 2, lib.
8, cap. 4), raccontan ambo i modi di spiegar la rivoluzione, cioè
la congiura e l’odio concepito per la mala signoria, e sfogato per
l’occasione dell’oltraggio di Droetto. Mugnos (Ragguagli del vespro
siciliano) affastella senza discernimento congiura, oppressioni,
ingiuria di Droetto, che fa soffrire alla figliuola di Ruggiero
Mastrangelo, secondo lui, un de’ congiurati più grossi; e reca, con
nomi e giorni e con tutti i particolari, le occasioni per le quali si
sollevò ciascun’altra città dell’isola; che son favole mal tessute.
Al solito non cita contemporanei; nè noi ci dobbiamo affaticare
alla confutazione di questo vanitoso oriundo spagnuolo del secento.
Burigny, francese, ma storico di Sicilia, tenuto per l’ordinario in
minor conto che non merita, narra la congiura e ’l caso di Droetto; e
comechè presti fede agli autori più recenti e allo stesso Mugnos, ne
trae una giusta conchiusione: che l’eccidio fosse stato accidentale
(Storia di Sicilia, Parte 2, lib. 1, cap. 2). Il Caruso, Inveges,
Aprile, Gallo, Bonfiglio e i tanti altri annalisti che ingombrano le
nostre biblioteche, tengon lo stesso metro dei nominati di sopra. E
il semplice e laborioso di Blasi s’avvicina al segno, conchiudendo:
«che la preparata congiura, che dovea scoppiare in un giorno in tutta
l’isola, per un improvviso accidente anticipò;» nel qual modo gli parve
avere accordato tutti i racconti diversi.

Ma gli storici stranieri di maggior polso, o sostengono l’opinione
ch’io ho seguito, o se le avvicinano assai. Quel sobrio Muratori
(Annali d’Italia, 1282) raccontata la congiura, come scrissero
Villani e Malespini, continua: Ora avvenne che nel dì 30 di marzo,
e secondo altri nel 31, i Palermitani, prese le armi, ec., e narra
il fatto senza altrimenti connetterlo con la congiura. Dalle stesse
fonti Sismondi, con più immaginativa, trae che Procida procurasse la
rivoluzione di Sicilia «non congiurando, ma eccitando le passioni del
popolo; e mandando in Palermo i nobili e i militari (così interpreta
la voce caporali di Giachetto Malespini) per poter governare il
movimento, sicuro che l’occasione non sarebbe mancata.» Nondimeno egli
attribuisce la sollevazione all’insulto; non parla altrimenti dei
soci di Procida; e narra la uccisione successiva nel resto dell’isola
(Hist. des Répub. ital. du moyen Age, ch. 22). Prima del Sismondi il
Bréquigny, avvezzo alle più pazienti ricerche, e a quell’esame rigoroso
che diffida di tutt’autorità, avea notato in poche pagine i fatti del
vespro siciliano, ricavati da’ documenti; ne avea conchiuso, «vedersi
chiaramente che la rivoluzione della Sicilia non fu una congiura, e
che non v’ebbe punto congiura.» (Magasin Encyclopèdique, tom. II.
Paris, an. iii, 1795, pag. 500 a 512). La stessa opinione tiene M.
Koch (Tableau des Rèvolutions de l’Europe, tom. I. Paris, 1823, pag.
175); il quale aggiugne non creder più verosimile della uccisione
contemporanea in tutta l’isola, «quella trama con Pietro d’Aragona,
perchè i Palermitani alzarono lo stendardo della Chiesa, deliberati
a darsi al papa, ec.» Nè diversamente pensò Shoell (Cours d’Histoire
des États européens, Paris–Berlin, tom. VI, pag. 49). E per nominare
in ultimo due de’ più vasti ingegni del secolo xviii, finirò il novero
con Voltaire e Gibbon. Il primo, nella rapida corsa sulle vicende delle
società umane, si fermò un istante sul vespro siciliano; seppe scernere
la congiura dal fatto; affermò aver Giovanni di Procida preparato
gli spiriti, ma il caso della donna cagionato l’uccisione (Essai sur
l’esprit et les mœurs des nations, ch. 61). Con esamina forse più
accurata, l’autor della Decadenza e ruina dello impero romano, lasciò
in dubbio la cagione de’ fatti, raccontati d’altronde con la maggiore
esattezza storica (Decline and fall of the Roman Empire, ch. 62). «Si
può chiamare in dubbio, ei disse, se il subito scoppio di Palermo
fosse stato effetto del caso o d’un disegno:» e ciò che il fa rimanere
in questo dubbio, è un errore: la supposta dimora di Pietro sulla
costa d’Affrica al tempo del nostro vespro. Però deride il patriotta
Speciale d’aver dissimulato ogni pratica antecedente, col dir seguita
la sollevazione, _nullo comunicato consilio_, mentre Pietro «per
caso» si trovava con un’armata sulla costa d’Affrica. Se lo storico
inglese avesse riscontrato i tempi, ed avrebbe risparmiato quel frizzo
a Speciale, e deposto ogni dubbio sulla cagione: perchè il 31 marzo
si mosse Palermo; il 29 aprile non v’era città in Sicilia che tenesse
pe’ Francesi; e Pietro non partì di Spagna per Affrica che in giugno,
quando nei consigli siciliani era messo il partito per lui, quando
forse alcun pubblico messaggio gli era giunto di Sicilia.

Degli scrittori recenti che han toccato questo punto d’istoria io non
parlo. Certo diversità di giudizio non è offesa a begl’ingegni. Non
parmi necessario confutar di parola in parola i loro scritti, perch’io
credo che la dimostrazione abbastanza si contenga nel fin qui detto.

                         FINE DELL’APPENDICE.



                              DOCUMENTI.


 N. B. Ho creduto bene in questa seconda edizione conservar la
 ortografia come sta negli originali ma aggiugnere l’interpunzione.

 Alcuni documenti hanno un numero progressivo diverso da quel della
 prima edizione, per cagion dei nuovi documenti che ho voluto porre
 in ordine cronologico coi primi. Il numero progressivo della prima
 edizione sarà notato tra parentesi.


I (I).

Stratigotis Salerni fidelibus suis, etc. Ex parte Landulfine uxoris
Johannis de procida de Salerno, fuit nobis humiliter supplicatum,
ut cum ipsa semper erga eccellentiam nostram fideliter et devote se
gesserit; et malitie predicti Johannis viri sui, qui ob proditionis
causam quam erga nostram maiestatem commisisse dicitur se absentavit a
Regno, nequaquam consenserit, licentiam sibi morandi secure in Civitate
Salerni cum aliis nostris fidelibus, concedere de benignitate Regia
dignaremur. Nos igitur suis supplicationibus inclinati, fidelitati
vestre precipiendo mandamus, quatenus si eadem Landulfina fuit
fidelis et de genere fideli orta, et malitie dicti viri sui nequaquam
consenserit, eam morari in Civitate Salerni cum aliis nostris fidelibus
libere permittentes, nullam permittatis sibi occasione proditionis
predicti viri sui inferri ab aliquibus iniuriam molestiam vel gravamen.
Dat. Capue, iij februarii xiij. Ind. Regni nostri anno V (1270).

_Dal r. archivio di Napoli, registro di Carlo I, 1269, C, fog. 214._


II (II).


Scriptum est Justitiario Basilicate, etc. Cum de novo laborari et cudi
fecerimus ac cotidie faciamus in Sicla nostra auri castri capuani de
Neapoli, novam monetam auri que vocatur Karolenses, quorum quilibet
valet augustale unum, et medietas ipsorum Karolenorum, quorum quilibet
medium augustale, pro bono populi, propter fraudem quam committebant
campsores in aliis monetis recipiendis et expendendis; et beneplaciti
nostri sit quod moneta ipsa predicto modo recipiatur et expendatur,
videlicet Karolenses pro uno augustale, et medalia pro medio augustale,
sicuti valet secundum legalem probam inde factam; fidelitati tue
sub pena omnium que habes, et sub pena mutilationis manus, que pena
manus sit in arbitrio et beneplacitu nostro, firmiter et expresse
precipimus, quatenus non attentes recipere vel expendere pro minori
quantitate Karolensem quam pro uno augustali, et medaliam Karolensis
quam pro medio augustali: quod quidem mandatum per licteras tuas
cum transcripta forma presencium secretis, magistris portulanis, et
procuratoribus statutis super officio salis, magistris massariis, et
aliis officialibus jurisdictionis tue ex parte nostra facias, per eos
sub pena publicationis bonorum suorum et mulilationis manus, quam penam
manus nostro arbitrio reservamus, inviolabiliter observandum; a quibus
officialibus singulis de receptione ipsorum literarum tuarum habeas et
recipias licteras responsales in tuo ratiocinio producendas, ut super
hoc nullam possint causam ignorantie allegare: nihilominus mandatum
ipsum per vocem precontam fieri facias et parte nostra singulis tam
Campseribus, quam aliis de jurisdictione tua; sub hac pena videlicet,
quod qui receperit vel expenderit Karolensem pro minori pretio quam
pro uno augustali, et medaliam ipsius Karolensis pro minori pretio
quam pro medio augustali, _Karolensis ponatur in igne ut accendatur,
et sic totus calidus et accensus ab igne imprimatur in facie illius
vel illorum_ qui Karolensem pro minori quantitate pro uno augustali,
et medaliam ipsius Karolensis quam pro medio augustali dederint
vel expenderint, sicut superius dictum est. Preco vero in sua voce
preconia sic dicat: qualiter nos notum facimus fidelibus nostris
regnicolis, quod predictam novam monetam fieri fecimus et faciamus
continue laborari de fino auro et legali proba et assagio, et vocatur
Karolensis, et tam Karolensis quam medalia ipsius est predicti valoris;
et qualiter mandamus Justitiariis, secretis, magistris portulanis,
et procuratoribus statutis super officio salis, magistris massariis,
et aliis officialibus ac omnibus in regno habitantibus, quod nullus
sit qui recipiat vel expendat Karolensem vel medaleam ipsius pro
minori quantitate quam superius dictum est, sub pena superius nominata
Preterea quia tempus instat ut magistri jurati in singulis terris
ecclesiarum, comitum et baronum, et quod judices in singulis terris
demanii nostri per singulas partes regni creari debeant pro anno
proxime future septime indictionis, fidelitati tue firmiter et espresse
precipimus, quatenus statim receptis presentibus precipias ex parte
nostra universitatibus singularum terrarum et locorum tam demanii quam
ecclesiarum, comitum et baronum jurisdictionis tue, cuilibet ipsarum
videlicet, sub pena decem unciarum auri per te a contumacibus exigenda,
ut universitates demanii judices sufficientes, ydoneos et fideles et
jurisperitos si poterint inveniri in numero consueto, et universitates
terrarum ecclesiarum, comitum et baronum magistros juratos bonos,
sufficientes et ydoneos et fideles, quibuslibet videlicet ipsarum
universitatum _in magistros juratos de comuni voto omnium eligant_;
et ipsos ad tardius usque per totum mensem septembris proxime venture
septime indictionis, cum decretis electionis et approbotionis eorum ad
te mittere studeant, officia hujusmodi in terris ipsis pro toto eodem
anno septimo indictionis a te pro patrie nostre curie recepturos;
ita quod illi quos ad hoc eligerint non sint de hiis qui presenti
anno sexte indictionis in terris ipsis officia ipsa gesserint; et
sicut singuli eorum ad te venerint recipias ab eis fidelitatis, et de
officiis ipsis fideliter exercendis pro parte curie nostre, ut est
moris, debitum juramentum, et statim cuilibet ipsorum fieri facias
patentes licteras tuas universitatibus terrarum et locorum unde
fuerint, ut eisdem judicibus et magistris juratis, de hiis que ad eorum
spectat officium, per totum predictum annum septime Indictionis ad
honorem et fidelitatem nostram devote respondeant et intendant; et a
quolibet ipsorum magistrorum juratorum et Judicum recipias pro literis
ipsis statim quod ipse litere sigillantur tarenos auri decem et octo
et medium ponderia generalia, sicut pro inde in curia nostra recipi
consuevit; nihilominus recipias a quolibet ipsorum judicum terrarum
demanii, tempore creacionis eorum ad ipsum officium sine aliqua alia
dilatione, pro officio ipso eam quantitatem pecunie que in terris
eisdem pro officio ipso annuatim hactenus solvi curie consuevit, et
ab omnibus ipsis magistris juratis et judicibus nihil aliud penitus
per notarios seu quoslibet alios occasione scripture literarum ipsarum
vel alia quavis causa pro officiis ipsis exigi patiaris; et tu tamen
ratione tui sigilli nlhil ab eis exigas vel exigi facias quoquo modo:
quam totam pecuniam quam a magistris juratis et judicibus predictis
ad predictam rationem de tarenis auri decem et octo et medio pro
quolibet ipsorum pro literis ipsis, et a predictis judicibus pro
officio judicatus predicto modo receperis, nulla inde retencione
facta, statim ad cameram nostram apud nos existentem, assignandam
Magistro Martino de Dordano et Johanni Tursarachii camerariis nostris
statutis supra officio griffi in hospicio nostro vel alicui ipsorum
in absencia alterius et non ad cameram nostram Castri Salvatoris ad
mare de Neapoli, transmittas. Cautus quod aliquis de terris et locis
jurisdictionis tue, demanii videlicet in creandis judicibus, et de
terris ecclesiarum, comitum et baronum in creandis magistris juratis,
aliquatenus non obmittas; quia totam summam pecunie, ad quam ascendit
pecunia erigenda predicto modo a magistris juratis singularum terrarum
ecclesiarum, comitum et baronum et a judicibus singularum terrarum
demanii jurisdictionis tue de terris illis omnibus que continentur
in cedulis generalium subvencionum tibi et curia nostra transmissis
vel in antea transmittendis et de quibuscumque aliis terris que a
cedulis ipsis forsitan obmisse fuerint, a te integre et sine dilatione
qualibet vel diminucione tue raciocinationis tempore exigi faciemus:
pecuniam vero totam quam a singulis magistris juratis et judicibus
jurisdictionis tue, et a quibus cum nominibus et cognominibus ipsorum
et de quibus terris et locis fuerint receperis, personaliter et
distincte in duobus quinternis redigi et notari facias; de quibus
quinternis unum celsitudini nostre et alium magistris racionalibus
magne Curie nostre sigillatis sigillo tuo sine mora transmittas. Terre
vero jurisdictionis tue, tam demanii in quibus creandi sunt judices,
quam ecclesiarum, comitum et baronum in quibus creandi sunt magistri
jurati, secundum tenorem cedule ipsius generalis subvencionis in ipsa
jurisdictione tua, utpote in quaternis nostre curie registrate, sunt
numero centum quatraginta. Et quia secundum tenorem dicte cedule quam
pluries terre inveniuntur taxate simul in generali subvencione et in
predicto numero.... combinatio terrarum ipsarum computata est pro una
terra tamen, pro eaque inveniuntur simul taxate, volumus et mandamus
quod si in qualibet terrarum ipsarum que sic combinate sunt per se
et.... in terris videlicet que sunt demanii judices, et in terris
ecclesiarum, comitum et baronum magistri jurati consueverunt creari, id
videlicet serves quod in terris ipsis usque modo extitit observatum;
et a quolibet ipsorum judicum et magistrorum juratorum creandorum
in terris ipsis, recipias pro licteris ad predictam rationem et a
quolibet ipsorum judicum pro officio judicatus, quantitatem pecunie
quam pro officio ipso in terris ipsis a quolibet judice solvi hactenus
curie consuevit; et pecuniam ipsam cum alia supradicta ad predictam
cameram nostram mictas, assignandam predictis camerariis nostris, ut
dictum est, vel alteri eorumdem; et ipsorum nomina, numerum et officia
ac terras unde fuerint, in predictis duobus quaternis redigi facias
et notari. Significaturus nobis et predictis magistris racionalibus
numerum et nomina terrarum que in jurisdictione tua in demanio et
manu curie nostre sunt, et terrarum ecclesiarum, comitum et baronum
jurisdictionis ejusdem. Datum apud Lacumpensulem, mense augusti xiij
ejusdem (1278).

Scriptum est in simili forma Justitiario Capitanate; terre vero
jurisdictionis sue sunt centum quinquaginta. Dat. ut supra.

  Idem Terre laboris                   terre etc. sunt 400
    »  Aprutii                                »        720
    »  Principatus                            »        290
    »  Terre Bari                             »         52
    »  Terre Ydronti                          »        212
    »  Vallis gratis et terre jordane         »        254
    »  Calabrie                               »        139
    »  Citra flumen salsum                    »        101
    »  Ultra flumen salsum                    »         49

_Dal r. archivio di Napoli, reg. di Carlo I. 1268. A fog. 127._

_Il numero di 49 terre e città che qui si da alla Sicilia oltre il
Salso, risponde appunto a quello del diploma del 12 agosto 1279 qui
appresso, docum. III, ove sono esse individuate, computandosi per una
sola terra Giuliana, Adragna e Dranagi._

_La proporzione delle imposte tra la Sicilia e le province di
terraferma era a un di presso d’uno a quattro; come il mostra il
diploma del 13 febbraio 1276, citato nella nota 2 pag. 51, 52 et 53 del
vol. 1._

_È notevole in questo documento che il numero delle città e terre di
Sicilia non passava le 150, quante ne avea in terraferma la sola
provincia di Capitanata. Ciò mostra che la popolazione era allora, come
oggidì, più sparsa in terraferma, e in Sicilia ristretta in più grosse
città._

_In fine questo diploma prova che le università, ossian comuni, eran
chiamate ad eleggere di comun voto alcuni pubblici officiali; e che
perciò sotto gli Angioini, e probabilmente in fin da’ tempi Svevi i
comuni eran corpi importantissimi nell’ordine dello stato, e si usavano
le adunanze popolari. Veg. la nota 1 a pag. 13 del vol. 1._

III (III).

Cedula distributionis nove denariorum monete facte in Curia Regia,
mense augusti vij Indictionis apud Lacumpensilem pro anno futuro octave
Indictionis, de nova moneta Sicle Messane in Justitiaratu Sicilie ultra
flumen Salsum.

  Panormum                                  Unc.  790 25  5
  Mons Regalis                               »     13 15  9
  Carinum                                    »      9  2 11
  Alcamum                                    »     25 13  »
  Calatafimum                                »     39 29  »
  Salem                                      »     90 25  »
  Mons s. Julianj                            »     58  4  »
  Drapanum                                   »    257  8 11
  Marsalia                                   »    141 27 11
  Mazaria                                    »    109  »  »
  Castrum Veteranum                          »     22  » 11
  Burgium                                    »      4 10 16
  Xacca                                      »     58 25 16
  Calatabellocta                             »     43 24 11
  Agrigentum                                 »     72 20  »
  Licata                                     »     55  6 16
  Calatanixecta                              »     50 13 11
  Nàrum                                      »     40  9 18
  Sutera                                     »     36 20 17
  Camerata                                   »     51 28 14
  Castrum novum                              »     95 16 14
  Curilionum                                 »    239 24  »
  Biccarum                                   »     36 20 17
  Sclafanum                                  »     15 18 14
  Calatabuturum                              »     65 12  »
  Golisanum                                  »     14 15 19
  Politium                                   »     87  6  »
  Petralia inferior                          »      1 24 12
  Petralia superior                          »      2  5  8
  Giracium                                   »     18 15  »
  Sanctus Maurus                             »      5 24  9
  Asinellum                                  »      8 91 12
  Gratterium                                 »      3 19  »
  Pollina                                    »      6 13 11
  Ypsigro                                    »      3 19  »
  Chephaludum                                »     79 28  »
  Therme                                     »     29  2  »
  Caccabum                                   »     39 29  »
  Brucatum                                   »      » 21 16
  Mons major                                 »      » 21 16
  Amena                                      »      3 19  »
  Busachinum                                 »      7  8  »
  Bibona                                     »     13 24  4
  Trocculum                                  »      5 24  8
  Sanctus Angelus                            »      8 19  »
  Juliana}
  Adragna}                                   »     4 10 16
  Dranagi}
  Modica                                     »      1 24  9
  Adriana                                    »      1 24  9
  Baya                                       »      1 24  9


Summa pecunie totius predicte distributionis, unc. duomilia septigent.
viginti quinque.

Pro qua pecunia distribuenda sunt in prescriptis terris juxta ipsam
taxationem, ad rationem de libris tribus per unciam denariorum, in
numero librarum octomilia centum septuaginta quinque.

Dat. apud Lacumpensilem, anno Domini MCCLXXIX die xij aug. vij. Ind.
Regnor. Nostr. Jerhusalem anno iij, Sicilie vero XV.

_Dalle pergamene del r. archivio di Napoli, fasc. 45, num. 3._

_Le somme son tutte scritte; poche volte i grani segnati in cifre
romane._


IV (IV).

In nomine domini Amen. Anno Dominice Incarnationis milliesimo
ducentesimo octogesimo secundo. Die veneris tertia mensis Aprilis
decime Indictionis. Nos Rogerius de Magistro Angelo, Henricus
Barresius, Nicolosus de Ortilevo milites, et Nicolaus de ebdemonia
capitanej civitatis Panormi; Et Nos Judex Jacobus Symonides
baiulus, Judex thomasius grillus Juvenis, Judex symon de farrasio,
perronus de Calatagirone, Bartoloctus de milite, Notarius lucas de
guidayfo, Riccardus Fimetta miles, et Johannes de lampo, Consiliarij
Universitatis Civitatis ejusdem; notarius Benedictus clericus
publicus tabelllo civitatis eiusdem, et subscripti testes ad
hoc vocati specialiter et rogati, presenti scripto publico Notum
facimus et testamur, quod Guillelmus bassus, Guillonus de Miraldo et
Guillelmus curtus, nuntij legati sive ambassatores universitatis terre
corilionis, obtulerunt et assignaverunt nobis predictis capitaneis et
consiliarijs, presentibus nobis predictis Judicibus et tabellione ac
testibus infrascriptis, petitionem infrascripti tenoris. Cuius tenor
per omnia talis est. Coram vobis domino Rogerio de magistro Angelo,
Domino Henrico Barresio, domino Nicoloso de domino Ortilevo, et domino
Nicolao de obdemonia, capitaneis civitatis Panormi et consiliarijs
civitatis ejusdem; Exponunt Guillelmus baxus, Guillonus de miraldo, et
Guillelmus curtus, nuntij legati sive ambassatores Universitatis terre
corilionis, dicentes pro parte et nomine dicte Universitatis: quod
dicta Universitas offert se promptam et paratam ad prestandam unionem,
fidelitatem et fraternitatem populo sive comunj Civitatis Panormi;
ad adiuvandum dictum comune in omnibus et per omnia ad requisitionem
eiusdem, cum armis, pecunia et personis; et ad hoc petunt se haberi
pro civibus dicte civitatis Panormi; et petunt se tractari ut cives
ejusdem civitatis et promittunt sollempni stipulatione, nomine dicte
Universitatis Corilionis, vobis predictis dominis capitaneis pro parte
dicte civitatis Panormi, tractare et habere omnes Cives Civitatis
Panormi liberos et exumptos a prestacione doanarum, Cabellarum, et
omnium angariarum, et perangariarum que imponuntur alijs in dicta terra
Corilionis: et hoc firmant dicti legati, pro parte dicte univertitatis
Corilionis, corporali prestito Juramento in animas omnium hominum
terre Corilionis; hac conditione et pacto adiectis, quod dictum Comune
Civitatis Panormi teneatur prestare dicte terre Corilionis auxilium,
consilium et Juvamen, in armis, pecunia et personis, ad tuitionem
dicte terre Corilionis et tenimenti terrarum, quas dicta terra nunc
possidet. Item petunt homines terre Corilionis, se tractari et haberi
libero et exemptos in dicta Civitate Panormi a prestatione doanarum
omnium, tam terre quam maris, qua imponuntur alijs in dicta Civitate
Panormi; et omnium aliarum angariarum et perangariarum. Hec omnia
premissa pro parte dicte terre Corilionis, dicti legati, pro parte
dicte terre Corilionis, promittunt vobis predictis dominis Capitaneis
pro parte dicte Civitatis panormi sollempniter stipulantibas, habere
rata et firma cum obligatione omnium bonorum dicte universitatis
presentium et futurorum, sub pena decem milia unciarum auri si contra
factum fuerit ab unlversitate Corilionis; dicta pena exigenda a dicta
universitate Corilionis, et applicanda predicto comuni civitatis
Panormi; Semper rato manente predicto pactio, omnia et singula in suo
robore perseverent. Et toties dicta pena committatur et exigatur,
quoties contra factum fuerit in premissis, vel aliquo premissorum:
semper rato manente contractu predicto. Nos vero supradicti Capitanei,
Judices et consiliarij dicte civitatis panormi, eamdem petitionem,
ut pote Justam, toto populo dicte Civitatis ibidem congregato ad
hoc, cum deliberatione sollempni, et cum eiusdem populi consensu
expresso et exinde requisito et habito, admisimus; promictentes pro
parte et nomine comunis Civitatis panormi, cum eodem consensu eiusdem
populi, per sollempnem stipulationem predictis legatis predicte terre
Corilionis, pro parte ipsius terre sollempniter stipulantibus, tractare
et habere homines terre Corilionis universaliter, singulariter,
conjunctim et divisim, et quemlibet eorum, in Civem et Cives civitatis
Panormi; et etiam promittimus per sollempnem stipulationem, pro parte
dicti Comunis panormi, predictis legatis terre Corilionis, nomine
ipsius terre sollempniter stipulantibus, predicte terre Corilionis et
hominibus eiusdem ad requisitionem eorum, dare auxilium, consilium et
Juvamen, cum armis, pecunia, et personis, ad tuitionem dicte terre
Corilionis et tenimenti terrarum, quas nunc dicta terra Corilionis
possidet. Item nos predicti Capitanei, Judices et consiliarij comunis
panormi, nomine eiusdem comunis, eisdem legatis pro parte dicte terre
Corilionis sollempniter stipulantibus, per solempnem stipulationem
promittimus, prestare in dicta civitate panormi eidem terre Corilionis
unionem, fidelitatem et fraternitatem, et ubique. Et per sollempnem
stipulationem nos predicti Capitanei, Judices, Consiliarij, predictis
legatis dicte terre Corilionis, nomine ipsius, promittimus prestare
immunitatem, et libertatem, et exemptionem de solutionibus Jurium,
doanarum et Cabellarum, que exiguntur ab aliis hominibus in dicta
civitate, tam de doana maris, quam de doanis aliis, et Cabellis dicte
civitatis panormi; et de omnibus angarijs alijs et perangarijs: et
etiam promittimus nos predicti capitanei, Judices et consiliarij
dicte civitatis, nomine eiusdem, eisdem legatis nomine dicte terre
Corilionis per sollempnem stipulationem sollempniter stipulantibus,
prestare auxilium ad destruendum Castrum calatamauri; et omnia alia
necessaria que expedirent ad opus dicte terre Corilionis. Que omnia
et singula, promissa et expressa pro parte et nomine comunis panormi,
eidem terre Corilionis, pro ut superius est expressum; Nos predicti
Capitanei, Judices et consiliarij, pro parte dicti Comunis panormi, cum
predicto consensu dicti populi, eisdem legatis sollempniter pro parte
dicte terre Corilionis (sollempniter) stipulantibus, per sollempnem
stipulationem promittimus attendere et observare cum obligatione
omnium bonorum comunis panormi predicti, presentium et futurorum,
sub pena decem milia unciarum auri: si contrafactum fuerit a dicto
Comuni civitatis panormi, dicta pena exigatur a dicto Comuni civitatis
panormi et applicetur dicte Universitati Corilionis, semper rato
manente predicto pacto omnia et singula in suo robore perseverent. Et
tociens dicta pena committatur et exigatur a dicto Comuni, quocies
contrafactum fuerit in premissis, vel aliquo premissorum: semper rato
manente contractu predicto, omnia et singula in suo robore perseverent;
ea pena soluta vel non, semper rato manente contractu predicto cum
omnibus et singulis sapra dictis. pro quibus omnibus Universaliter,
et singulariter, conjunctim vel divisim, attendendis et observandis
inviolabiliter, Nos supra dicti et Infrascripti: videlicet Rogerius de
magistro Angelo, Henricus barresius, nicolosus de Ortilevo milites,
et Nicolaus de ebdemonia, Capitanei Civitatis panormi, Judex Jacobus
symonides baiulus Panormi, Judex thomasius grillus Juvenis, Judex
symon de farrasio, perronus de Calatagirono, Bartholottus de milite,
Notarius lucas de guidayfo, Riccardus fimetta miles, et Johannes de
lampo Consiliarij comunis civitatis Panormi, nomine et pro parte dicti
comunis, predicto consensu dicti comunis et dicti popoli panormi
exinde requisito et expresse habito, in animas omnium hominum comunis
civitatis panormi, corporaliter tacto libro et prestito sacramento
ad sancta dei evangelia, Juravimus eisdem legatis, pro parte dicte
Universitatis Corilionis recipientibus, prestitum dictum sacramentum
attendere et Inviolabiliter observare. Unde ad futurara memoriam, et
tam dicte civitatis Panormi, quam predicte terre Corilionis cautelam,
factura est et scriptum hoc publicum Instrumentum, per manus mei
predicti tabellionis, in plano Sancii Cataldi Panormi; subscriptionibus
nostris qui supra Capitaneorum, Judicum, et consiliariorum, et
aliorum subscriptorum proborum Virorum Civium Panormi testimonio, Ac
sigilli felicis Urbis panormi munimine roboratum, Signoque mei dicti
tabellionis signatum. Scriptum Panormi ut supra, Anno, die, mense et
Indictione premissis.

Ego Roggerius de Magistro Angelo miles Capitaneus qui supra me
subscripsi.

Ego Nicolaus de ebdemonia capitaneus qui supra me subscripsi.

Ego Symon de farrasio qui supra Judex Panormi me subscripsi.

Ego bartolottus de milite qui supra consiliarius me subscripsi.

Ego lucas de Guidayfo qui supra me subscripsi.

Ego Symon de escula miles civis panormi me subscripsi.

Ego Jacobus Symonides qui supra baiulus me subscripsi.

Ego Bonamicus Garzella Judex panormi me subscripsi.

Ego Symon de deumiludedi civis panormi Interfui testor.

Ego Philippus de Troyna magister Juratus Panormi testis sum.

Ego philippus ebdemonia miles interfui et testis sum.

Goffredus de pulearo testor.

Ego Homodei de Carastone testor.

Ego Fredericus de Ruga miney testis sum.

Ego Ottobonus de bagnolo Interfui et testis sum.

Ego Johannes de Lanfredo civis panormi interfui et testis sum.

Ego Magister Andreas de pradela civis panormi testis sum.

Ego Michael de Floderito civis panormi interfui et testis sum.

Ego Magister Martinus de sulmone interfui et testis sum.

Ego Symon de aydone civis panormi interfui et testis sum.

Ego Symon Fresonus civis panormi testis sum. Ego Nicolaus Coppula
testis sum.

Ego Nicolaus de Magistro Paulo Civis panormi testis sum.

Ego peronus de Calatagirone civis panormi testis sum.

Ego Symon de Guidayfo civis panormi testis sum.

Ego Perucio Guerrerio civis panormi testis sum.

Ego..... de instruoya testis sum.

Ego..... de pulcaro testis sum.

Ego Benedictus clericus publicuf tabellio panormi qui supra predictis
Interfui rogatus scripsi et meo signo consueto signavi.

_Questo diploma è una vasta pergamena scritta in grandi e belli
caratteri, secondo il tempo, con le sottoscrizioni notate di sopra,
che dalla varietà dei caratteri sembrano senza dubbio autografe; e
in piè del diploma resta un pezzetto della cordellina di seta gialla
con una lista rossa in mezzo, dalla quale pendea il suggello che si
è perduto. Attesta l’autenticità del diploma un transunto in buona
forma fattone il 15 febbraio 1393 pel notaio Giovanni Filadello, in
pergamena che si comma anche in Corleone; nel quale espressamente
si dice essersi osservato l’originale non guasto, non viziato, non
raso, col suggello pendente da una cordella di seta rossa e gialla,
e indi si trascrive per tenore il diploma del 1282. Un’altra copia
anche in buona forma fatta nel 1791 se n’ha nella Bibl. com. di Pal.
Mss. Q. q. G. 12. Io l’ho trascritto dall’originale che si conserva
in Corleone nell’Archivio comunale; il quale l’ha racquistato
recentemente, con molte altre importanti pergamene, per te cure
dei colto, onesto e gentil uomo Pietro Castiglia segretario della
Sottintendenza di Corleone. Questo mio concittadino e amico carissimo a
mia inchiesta tanto si adoprò, che trovò i detti diplomi tra le carte
del trapassato D. Giambattista Rocchè Cancelliere comunale, i cui
figliuoli, degnissimi di lode, le han depositato nello Archivio della
municipalità. Speriam che questo sappia ormai guardar gelosamente sì
pregevoli monumenti_.

V (V).

Nobilibus Civibas Urbis egregiae Messanensis, sub Pharaone Principe
plusquam in luto et latere ancillatis, Panormitani salutem, et
captivitatis jugum abjicere, et brachium accipere libertatis.

Consurge, consurge filia Sion, induere fortitudinem tuam, quae
jucunditatis exula vestibus, et vestimentis tuae gloriae denudata,
in die calamitatis et miseriae, in die amaritudinis et ignominiae
conttebescis. Noli ultra lamenta promere, quae tui cotentam pariant,
sed tolle arma tua, arcum et pharetram, et solve vincula colli tui. Jam
enim facta es in opprobriam vicinis tuis, alterium et contenitum tuis,
qui in circuitu ejus sunt, barbaris et Christi fidelium inimicis. Jam
humiliati sunt velut Joseph in compedibus pedes tui, et tamquam serva
es pravis Ismaelitis viliter venumdata. Jam gentes tibi improperant
ubi est Deus tuus? et cur ultra expectas; et per patientiam vilis
efficeris non solum hostibus, sed et Creatori? Quid duritus, quidve
miserius plebs Israelitica sustulit temporibus Pharaonis, quam quod
draco iste magnus fecit, qui seducit universum Orbem, et se in hortum
B. Petri, et electam Ecclesiae vincam intulit his diebus? Hic est enim
Satan solutus a vinculis, qui post mille ducentos annos conglutiens
omnia, vitam aufert praesentium et gloriam futurorum. Quid igitur
tibi profuit redemptio piissimi Redemptoris, piissimi Salvatoris, si
tunc eruta de fauce Diaboli, nunc in escam Draconis magni et Æthiopum
populi devenisti? Keu miseri! quam vano fuimus errore decepti Nos
et Ecclesia mater nostra. Sicut enim Lucifer discutiens tenebras in
suo ortu clarus apparet et rutilans, sic istius adventum in nostrum
opinabamur prodire lumen et gloriam caelitus inspiratam, dicentes intra
nos: Noli timere, filia Sion, ecce Rex tuus tibi venit mansuetus, qui
omnem a te tribulationem auferet, omnemque tibi molestiam extirpabit.
Hic est Angelus, cujus ingressum piscina desiderat cordis tui, ut sanet
omnes languores tuos, qui te oleo laetítiae prae participibus tuis
unget. Hic est Cberubin, qui portas tibi aperiet Paradisi; et Raphael,
qui te tamquam unicum Thobiae filium a mortis laqueo praeservabit. O
infelix opinio, et spes fallax! Hic revera est Nero saevissimus, qui
Dei Apostolos trucidavit, et in matris necem crudeliter exarsit. Hic
est ignis aeterni judicti aequaliter omnia dissipans; et velut securis
posita ad radicem. Proh dolori quem pastorem credidimus, est verissime
lupus rapax, et quem agnum putavimus mansuetum, leonete ferocissimum
experimur. Heu! quid nostram sic fascinavit prudentiam, et vires
nostri animi enervavit, ut gentes, quae ebrietati deserviunt, jugum
nobis imponerent servitutis? Certe patientia ingens fecit si igitur
patientia est virtutum omnium condimentum, cur nobis bonorum omnium
attulit detrimentum? Sunt ne ista Principis et Pastoris, ut quos debet
regere, pascere et fovere, destruat, dissipet et evellat? Vehementi
tamen admiratione miramur Dominam nostram et magnam Apostolicam
Matrem Ecclesiam feritatem hujus Principis, et nequitiam sub silentio
transmittere? quomodo tanti ardoris fumus potuit latere in vicinia,
cui de ultimis terrae finibus facta singula patefiunt? Sic autem jam
humiliatus est in pulvere venter noster, quod jam dicere possumus et
debemus; _Beatae steriles, quae non pariunt, et beatae libera, quae
non lactant_; et in laudem prorumpere Michaelis, quod non restat
aliud dicere, nisi, Deus in adjutorium meum intende. Cum igitur
Divina potius quam humana inspiratione compulsi, libertatis antiquae
beneficium resumere intendamus, serpentibus omnibus, quae ad nostra
pendebant ubera, penitus amputatis, et aspidum auribus oppressis,
hortamur vos, fratres carissimi, ne in vanum gratiam Dei vos recipere
conlingat. Ecce namque tempro acceptabile, ecce none dies salutis
vestrae. Nam milvus, et hirundo visitationis suae tempus, testante
Domino, cognoverunt. Surge itaque, surge, illuminare Civitas generosa,
et noctis caliginem procul pelle. Jam enim a Domino tibi dicitur:
_Tolle grabalum tuum, et ambula_, cum sana facta sis. Quae sedebas
in tenebris, et in umbra mortis viliter tabescebas, leva in circuitu
oculos tuos, et contemplare caelum, et novam gloriam libertatis. Non te
decipiat falsus error, et simulata bonitas persuadeat tyrannorum, quae
falsis blanditiis tuis intendit intentionibus obviare, dum virus eorum
vires resumere valeat, quia nunc aquis Divinae gratiae est sopitum.
Sed attende et considera, quod minus tyrannica pravitas exercuit in
subjectis Christicolis, quam in rebellibus Sarracenis. Melius est
igitur nos mori viriliter in conflictu, quam gentis nostrae mala
conspicere, et sub servitute tyrannica viliter deperire. Heu miseri,
dum in laude divina diebus sacri jejunii, Passionis, et Resurrectionis
Dominicae petebamus Ecclesiam, protinus ministri scelerum venientes,
nos inde convitiose trahebant, et ducentes ad carcerem cum clamore
dicebant: _Solvite, solvite Paterini_. Nulla dies quantumeumque
celebris propter hos poterat Divinis obsequiis deputari, nec feriae,
quae ad laudem Dei fuerant per Catholicos Principes introductae, locum
habebant apud tyrannicam potestatem. Eramus enim tamquam oves errantes,
et animae sine fide. Nunc igitur clamemus in caelum, et miserabitur
nostri Deus Omnipotens, qui sanat contritos corde, et alliget
contritiones eorum, ut sit nobis turris fortitudinis a facie inimici,
et gentes, quae in sua feritate confidunt, potentiae ipsius dextera
comprimantur. Estote itaque fortes in bello, et cum antiquo serpente
pugnate, et quasi modo geniti infantes rationabiles sine dolo lac
concupiscite libertatis, ut accipiatis justitiae gratiam in praesenti,
et calamitatis fugiatis miseriam in futuro. Valete carissimi. Dat.
Panormi xiii die Aprilis x Indictione.

_Dall’Anonimi chronicon siculum_, cap. 38.

VI.

A tres haut prince son tres cher seignior e neveu Philippe, par la
grace de dieu Roi de France, Challes par icelle meisme grace Roy de
Jerhusalem e de Sezile, Saluz e bone amour e soi appareillie a son
plaisir. Sire, nous vous feisons assavoir que lile de Sezile est
revelee contre nous; la quele chose nous porroit torner a grant damage,
se nous ni metions hastif conseil: e por ce, bieus nies, nous avons
tres grant besoign davoir avecques nous grant plante de bones genz
darmes. Et avons mande priant a nostre neveu Robert, Conte Dartois, que
il doie venir a nous avec quelques cinc cenz homes darmes. Dont nous
vous prions, bieus nies, e requirons que il vous plaise que li devant
diz cuenz nostre niez veigne a nous o tout les cinc cenz homes darmes;
e li facez prester tant de vostre monoie par quoi ou les devant diz vc
homes darmes puisse venir tantost a nous. E tout ce que vous nous farez
savoir par vos lectres que vous li alez fait prester, nous le vous
ferons rendre en France. E nous avons mande par noz letres a nostre
cher neveu le comte Dartois, que il doie venir a nous avecques les
devant diz vc homes, e que vous li farez delivre la monoie que mestier
sera pour lui e pour eaus. E sil avenoit, sire, que li devant diz cuenz
nostre nies eust ensoigne du cors, dont dieu le gare, par quoi il ne
peust venir. Nous vous prions, sire, que vous nous envoiessiez un bon
capitaine avecques les devant diz vc homes darmes. Donné a Naples, le
ix iour de may de la X Indiction (1282).

_Dagli Archivi del reame di Francia_, J. 513 e 49.

VII.

Vos inquam convenio, Patres Patrum, vos adloquor, principes sacerdotum,
qui sacris tribunalibus assidentes, latus summi principis decoratis,
et sic, tanquam pars eius corporis, vocati videmini, non tam in
partem sollicitudinis, quam in plenitudinem potestatis; qui stateram
recti judicij gestantes in manibus, utilitatibus publicis mancipati,
tanquam oves (cives?) o utinam pacatissime civitatis, proprios
nescitis affectus, nec quod anceps voluntatis arbitrium, sed quod
judicium rationis appendat diligentia exacta discutitis, et personarum
deletu[423] eminus circumscripto, cladi supponitis humeros, ac Regi
subicitis potestatem; dum libertati noxiam a via voluptatis et procacio
cupidinis obrupto frenatis, sub debito libraraminis eque libre pares
litigantibus laxantes habenas, censendo simili censura dissimiles,
parificando dispares equa lance. Ad hoc ex officij debito: sed utinam
non erga neglectos regnicolas claudicarent, nec exhorbitarent, pro
dolor, a tramite honestatis; qui nuper, non humano ingenio, non brachio
carnis adiuti, sed afflati divinitus, monuque celica flati, resilientes
paulisper a tyrampnide Pharaonis, ab effrenata callica (sic) feritato,
omni crudelitate dicibili graviori, ut eis saltem sub false quietis
morula[424] liceat respirare, jubentur tam improvide quam immite;
nullis, pro pudor, iustis causis concussionis huiusmodi tam orride
servitutis inspectis; nullis injuriarum illatarum atrocium oblatis,
ne dum permissis emendis[425], tetram Egipti repetere servitutem, et
iterato scabida colla priori adhuc jugo tumentia submittere importabili
honerj barbare feritatis. Nam licet insana rabies Gallicorum, infesta
mortalibus, inmortalibusque odibilis, quam vix fere (ferre) potest
ipsa natura que genuit, vel occidentis experi (hesperi) plaga
inmensis direpta fulgoribus[426], que hoc publicum seculi malum,
singulareque dispendium, divino permittente judicio, siculas usque
transmisit ad horas, Romani eloquij privilegio insigniri[427]. Ex
parte aliqua videatur, tamen gemine nobilitatis ytalici sanguinis,
innateque prudencie dignis mandata natalibus, et gravitatis antique
sacris moribus non imbuta, que sola novit provinciarum esse mater et
domina, ab ipsis geniti mundi crepundijs (crepusculis?) et volubilis
evi spacijs reddivivis, cum operis fabricator inmensi ex illaque prima
rudi caligine, quia indigesta mundi orbita ortabatur[428] incerte, hoc
sensibile opus placidos distinxit in vultus, equavit debitis numeris,
digessit in partes, media qualitatum gaudere temperio, ac auspicijs
digne uti felicibus incomparabilis libertatis, sacre patrie totam
reverentiam (sic) non contingerit, sed velut symia monstruosissima
bestiarum, solum ridiculosorum comittata (comitata?) conatibus,
nec ad judicia meliorum intendens oculum racionis, internosque
commitus (commentus?), sed tota herens in estivis, et proclivis
yspide genti finitima (finitime?) inferam barbariam et convictum
crudeliter efferatur. Hinc indiscreta dominia, hinc dira regimina,
hinc importabile honus humeris affligitur miserorum. Quis non hec,
Patres conscripti, quovis improvide desperationis agressu saltim
moriendo fugiat? Quis eorum injuriosas manus pronas ad sanguinem
ferre substineat? Quem truces vultus non terreant; minaces aspectus?
Quem arrogans ex intimo viscerum non loquela conmoveat; superbia
nuntia, ministra discordie, preco discriminis, amica flagicij? Quis
marcide scaturiente ex corpore rapidum eorum ferat anhelitum, maris et
aeris infectivum? Quis impetuosum incessum? Ut de ventris ingluvie,
continuato mentis exilio, iuxata Bachi (Bacchi) licentia taceamus,
dum potus e vicino conseritur potui, et vix tendens in aurora sequens
precedentis ebrietatis ludibria tamtisper intersecat. Hanc putatis
perfidem, patres, posse justiciam reddere, ac equitatis illibate
semitam custodire? Hec ad jurgia prona suscitat lites emortuas, armat
inhermes: sopitat, nudat[429] cathana dum sui aura incendij calices
fecundiores exaurit. Non igitur hec quam cernitis, Patres, rebellio
est, non recessus ingratus a pie matris uberibus, sed utroque iure
permissa injuriarum justa deffensio, castus amor, pudicitie zelus,
virginitatis illibate custodia, sancta tuytio libertatis. Jam enim
nullum patientie genus adversa relinquerant, nec erat ultra jam locus
ex accidentium novitate mirari. Stabamus siquidem in ea conditione
strictissime sortii, adeoque lidubrijs (ludibriis) misere necessitatis
impliciti, ut nec morte tranquilla digni, nec vita, pro miseria,
videremur. Pape videtur libet et gemere, dum prodigiosa malorum
fecunditas, tumultuosis pulsibus dubias luces, anxias noctes, dirosque
sompnos, ferocium Gallicorum feralibus ymaginibus agitabat?[430] O
felix mors, laudanda miseris, sortibus (fortibus) expetenda, non
recusanda felicibus, qua te aviditate in hac inmani persecutione
quesivimus, ut deploratum spiritum ad celos, vel terre tartara raperes,
antequam hoc destinatum, dapnatnmque corpus publicarum utilitatum usus
assumeret!

Sed tristes oculos, ut multa toleremur irruiti[431] claudere seve
negas! O decepte cogitationis eventus, hunc moriendi ardorem non
fugientis anime solvit efugium, non vitalibus nexibus dissolutis,
ultimos ante se fugiens terminos nos spiritus agit aubelitus, set
crebra suspiria non largus sanguis mortuos duret in artus, non rigore
gelido membra stringuntur, et contra tam adversos casus et asperos,
feda quedam vivacitate servantur; at ipsa pereundi cupiditas eo ipso
quod vetatur accrescit. Sed age, iam liceat perpense catamitatis
abyssum evolvere, et algam obrutam in profundo persequtionis pelago
evocare ad littora, et tristitia sancta, corvulo[432], stili officio,
ennodare ploranti. Ecce coram viris posite misere prosternuntur uxores
violenter, candor virgineus ausu nephario purpuratur, nullus locus
linquitur novis injuriis, dum omnis eorum coacta congeries acervatim
questionis (_sic_) momento temporis inculcatur. Hinc obscenos veneris
impetus, forme cupido, nepharide corruptionis ascendit. Hinc summa
flagitiorum voluptas perturbat honesta; hine fragra (flagra) lateribus
jude (inde) sceva manus scevit (saevit?) in faciem celesti signaculo
decoratam. Ab re (ab ira?) durus mulcro furit in miseros, mictia
pectora scindit, et tristi exitu renitentem spiritum onte diem cogit
abire, et extere stationis ignotas petere ripas. Alij diro scalore
carceris diutius macerantur; alij fame pereuot; isti premuntur
operibus; illi publicis invitii mancipantur oficijs; quos exausti
census, sic mendicata pauperies aliena verecundie mittit ad hostia;
bos perpetui carceris borrendus yatus absorbet, et non ille carcer
quem legura justicia, quem severitas dementata est[433], qui locus est
noxiorum pocius ad custodiam quam ad penam inventus. Non possunt humane
mentis, humanarum cogitationum ingenia satis hundeque (_sic_) concipere
que vidi. Jacet Neapoli, sub immense rupis obrupto, tristis et ultra
naturalem profunde caliginis noctem mersis (mersus) arlibus Gallicis
specus, quem tota circumfusi vastitas maris, et undique tempestas
terrore ruiture molis everberat: borrent cunta crucibus, scaleni
tritumenta (instrumenta?) supplicijs; nullus qui in hec supplicia
morlesque prospectus est, et ad infelicium captivorum meetas pròmissus
de simili exitu sperare monetur. Est dolor spiritus intus, quem tot
victorum (vinctorum) trabunt redduntque gemitus, quem tot contelere
(contulere) langores, tot fremitus, tot stridores, tot gemebunda
suspiria: hoc tot annorum regnicolarum cubile fuit, ex quo crassatur
pravitas gallicana. O perhempnibus tenebris obrutam feralis loci
cruentam cecitatem; hoc gladius erexit furibundus. Cogit auri sacra
fames avaritie pectora, novosque mille nocendi modos novis adinvenire
fallacijs, et instinguibilis sitis excogitatis malitie artibus
agit et agitai furibunda ingenia. Vincitur exactionibus numerus;
proscriptionibus angustatur. Non nostra sunt, Patres, que cernitis
nostris necessitatibus profulura, cultores sumus tantummodo gallice
pravitatis. O utinam victus exilis et tennis miseris relinqaatur! O
utinam nostra sitirent, et nos non sic avide devorarent! non persone
rebus, non res personis suffragium prestant; totum ebibunt, totum
exauriunt, insanabiles mustiones: summam excipe, ipso (ipsis) feris
volucrìbns conviviare judicabimus indigni. Ulinam nos assumerei terra
deiscens, vel spatia levis aheris elevarent, vel insanabilis rogus
voraxque fama (flamma) renascentes injurias terminaret! Hie etiam
cumulus malls nostris accesserat, quod si quis hec curie auribus
inculcabat, coram regijs pedibus tyranni laoessitus injuria, equorum
pedibus conculcabatur interdum: quandoque diris verberibus laceratus,
diroque carcere pressus, qui miser venerat tristior recedebat; et
saucios (suavius?) erat tram quam contentum pati. Si quis (quid) igitur
habebamus inigrandum[434], si quid patiebamur, doloroso silentio
subticendum. Quid de predatis ecclesijs referam, quibus mitius, quibus
erat liberius sub tyrampnide Pharaonis, quis solvendorum tributorum
de proprijs immunitate concessa, impensas ex erario publico prophanis
ministrabat? Nunc autem, pro pudor, sub principe christiano, sacris
assistentes sacerdotes altaribus, publicis vectigalibus honerantur,
publicis rapinis exponuntur (exponitur) patrimonium crucifixi. O
gens area (_sic_) natura bene relegata, stolida viribus, indomita
feritate, successibus prosperis insolescens, ad tui perniciem Ytaliam
invitasti; non impune vastitatem agris Ytalicis intulisti, solitudine
(solitudinem?) juventuti: nullus de hac pugna victor redijt, ut sacra
tradunt annalia, ni quos dire mortis prepotens anticipavit auctoritas.
Regna querere fati est, quesita servare virtutis. Transferunt enim
nunquam felicia regna comete: et erraticorum conjunctio siderum amente
(amentem) instigat furiam stolidorum, quonim infinitus est numerus:
ubi plurimum valet anceps audacia, mortis contemptus, impetus arma
movens, et quidquid non nisi potest sevienti furie attestarj. Hinc
mentis tranquilla serenitas, vivax industria, virtutum mater, patientie
gravitas operatur. Disciplina constant impia; clemencia fulciuntur:
plura moribus sunt vicenda quam viribus. Fuit semper conscriptis
patribus, Ytalicisque vigoribus (uxoribus) pudicitie cura, privilegia
pugna cum vicijs, dum caute, sancte quoque habebatur ecclesie, et
a publico aberat hoste infuria, pauca necessitati, nulla voluptati
nostri concessere parentes. Ille in gallicis plus laudatur qui magis
delectatur; cum bonis effusis proprijs, medicat (mendicat) infeliciter
aliena; non est novum pater (patres) ut servata federa nuptiarum
regnorum jura concilient; rupta dilacerent. Non casta custodia sacri
connubij, graciosa redditio Scipionis divis honusta muneribus, dum
libere redditur uxor, et precium procurante vidibi (_sic_)......
agrestes evocant animos celtibere feritatis; fecitque servata
virginitas, quod tantus negabat exercitus; nec audebant arma promittere
quod amor tranquille castitatis effecit. Quid e contra Lucretiam
referam, Romane pudicitie ducem, nostre regionis honorem, virilem
gestantem animum, licet maligne fortune spiritum muliebri corpore
clausum; que corporis habitu sruprata, non animo, condito in viscera
sua ferro, penam a se indebitam anxie necessitatis exegit; ut quamquam
primum pudicum animum a polluto corpore separaret, et corruptorem suum
Tarquinum, vel saltim monendo proscriberetur, quem regno tandem vitaque
privavit? Hec tyrampnide (_sic_) regiam in temeritatem clementiam
conmutavit; hec consularibus lustris dedit initia, hec curules patribus
concessit honores. Quid virginis matrem (Virginiæ patrem) referam (qui)
filie virginitatem sola qua potuit morte defendit, captumque de proximo
ferrum, non recusanti puelle immersit? Puellaris vox festina inquit
mater (pater) occidetur (occide), ingere ferrum ul integer spiritus
subito ruptis vitalibus, rupto corpore cedat, non polluta corporis
vincula honestam polluant spiritus puritate. Que res usque adeo plebem
impulit vindictam, ut tamdin militare desisterent, quam diu lex offensa
reducitur; et publicus invasor mancipatus ergastulis, commissi flagitij
debitam penam exsolvit. Nunc impijs constitutis privatum prosequentibus
interesse, liber matrimoniorum consensus inaudite adicitur servituti,
ut jure fori, non jure poli[435], matrimonium reguletur; ut nulli
nubere liceat sue principis licentia speciali, que tamdiu differt
venenose fallatie artibus dilativis, donec venter emortuns concipere
desinat, et vinete cultor seminandi venaciter (vivaciter?) viribus
vacueretur; ut sic per indiremptum Latinorum hereditas, liberorum
successibus vacuata, transferatur ad exteras nationes. Hinc extinguntur
clara genitiva; vipere pululant; et si quando pro raro Latino nubere
liceat, non cum terra. Nec questionis calumpnia recipit, quasi non sint
hec veatris auribus nunciata; namque quod sic publice geritur, necesse
non est singulornm auribus intulerj. Nec latere potuit e vicino positos
quid fama volatili orbem personuit universum, et longe positorum vultus
oraque complevit; ut illud omittatur ad presens, quod absque rerum
et personarum discrimine, pro causa huiusmodi non patet accessus ad
mundi dominam et magistram. Non est igitur quo invitis feriatis, que
matrum ex uteratione[436] queratur, ac ex certatione (gestatione)
partus viperei gravem referat questionem. Est enim, patres, quedam
ultima calamitatum rabies, extorta necessitas et laxata libertas,
novissimeque in furorem ipsa vota vertuntur: nec est ita immanis
crudelitas que multis crassantibus non proficiat in exemplum; hoc
facimus, patres, que post penam liberis imperabunt. Cur enim nephanda
progenies, dijs hominibusque infesta, ante vite initia peritura, non
intus occidat orta, antequam suo contactu celum terrasque pollueret.
Sic est in utero necanda superbia, ut ante perdampnate lucis initia
delitescat. O exemplum datum divinitus! O res narranda per secula, et
annalibus credenda perpetuis! Perire vitia si sic cum innatis fetibus
extinguantur! Pulli serpentum viribus cum statura decernuntur a
patribus non veneno[437].

Sed ad vos, pater omnium, nunc sermo dirigitur; nunc ad vos publice
calicem exclamationis invertor. Undique bella fremunt, undique
remurmurat hostis, comotus orbis atteritur, bellis intestinis et
exteris laceratur. Hec sunt, pater, vestri neglectus semina, hec
propago, hec emolida virga dominij, et enervatus vigor ecclesiastice
libertatis. Dum novam, inauditam patrum conscriptorum injuriam, et
pervalidam quo a vasallis illatam, et magis despectabile quo vicinam,
nescio quo ducti spiritu, vendicare misericorditer distulistis, immo,
ut cum summa reverentia loquar, videmini tunc fovere; et dum inpune a
Viterbiensibus arma sumuntur, dum dampnabiliter depopulantur castra,
lenocinante utero ferario[438], dum sedes sedibus, et mortes mortibus
inculcantur; dira per incautum propure (_sic_) contagia vulgus; et
dum privata foventur odia, pijs a mentibus funditus resecanda, dum
privatum persequimini interesse, sceptrorum vix publica deperit,
et regendi paulatim auctoritas minoratur; et dum licenter fiunt
que placeant flagitia, interdum ad ea que displicent pervenitur.
Ruentis enim in deteriora seculi usus proclivior perniciosis exemplis
proficit, invalescit. Occurit tunc urbis partiale dominium. Dum
enim senator vester, juvenili mente subvectus, et vesanie flatibus
equo leviter elevatus, non sedit arbiter equitatis, non cultor
justicie, sed ecclesiastice partis invasor, in urbis turbatione
huiusmodi totius orbis status pacificus perturbatur. Respuit, Pater,
Ytalia, respuit peregrina dominia! Generosa quippe nobilitas levi
contradictione regitur; molestie tractatione humili superbia (non)
frangitur, (sed) et durescit: hec in exteris placeat intueri. At
si vos ipsum intra metas racionis colligitis; si reflexis in vobis
oculis tribunal ascenditis vestre mentis; si causam vestram, que a
nemine debetur mortalium judicari, sed tota divino reservatur examini,
colligitis nostro (vestro) sinu, non nisi fallor, invenio qua non
possitis ex parte vestra conscientie formidare. Estis enim, ut cum
summa reverentia loquar, non ecclesiasticis, set curis secularibus
occupatis (occupatus); non ecclesiarum vacatis negocijs, non causis,
non expeditionibus electorum, sed regum implicationibus, civitatum,
comitum et Baronum: honorem sic habitum vestris sanctissimis
auribus pervertistis; accessorium in principale, et principale in
accessorium convertendo. Grana negligitis, vacatis paleis et arristis
(aristis); hec, pater, ut evangelica monita resonant, et precepta
intonant ad clementem non principaliter sed ex quadam adiectione
queruntur. Ferunt enim quidam et murmurant quod intra privatum
consistorium vestrum preces involant, ut de precio taceamus. Monstrat
hec Eustachiana previsio, festinata, solivaga; monstrat expeditio
tudertina magnarum precum committata suffragijs; monstrat vestrorum
frequentata provisio; in exteris dilata justicia, immo verius denegata;
indiscussa negocia, que nec etiam committuntur. Cur sic refriguit
caritas, cur sic palatium[439] angustatur? Quare non fit examinatorum
negociorum relatio? Cur tot et tam diu tenentur ecclesie viduate?
Cur tot perduntur expense? Credo vos ad restitutionem teneri, si
cupitis esse de numero salvandorum; nisi, quod nephas est dicere,
scriptura divina solvi valeat, vel mentiri. Negocia que discordia
lacerat negliguntur, que tanto magis accelerari deberent, quanto
de sui natura tractatum expetunt longiorem. Quid est; pater, quod
publicis neglectis affectibus, manifestis consistorijs retardatis,
immo penitus jam extintis, cedentem continuatis insequimini gressibus,
ebdomadam ebdomade anectantes (annectentes?), sicut manifeste docuit
negocium vicentinum. Expedirentur, pater, ecclesie, nec tara diu
miseri languerent electi, si eo affectu prevalido, quo ad cessiones
insurgitis, expediretis in brevi expedibiles questiones; migrasset
profecto in bercia (inertia) et dato libello repudij, extra mundi
terminos exulasset, si sic expeditionibus vacaretis, sicut cessionibus
vacavistis. Videt (videte), pater, ne nimium vacetis a curate
(accurate) custodie corporali, ne Dei teneatis ecclesiam viduam. Cum
enim vos singularia agenda subagitant, et privatus succedit affectus,
nulla debilitas, nulla vos perplexitas circumvolvit. Per pedes plumbeos
quos habere vos dicitis, et singulari quedam jactantia commendatis,
affectus dessignantur emollidi gressus, ne viam possint currere
celestium mandatorum. Considerate, pater, quid ficulnee promittitur
occupanti. Nil refert nullum, et inutilem habere prelatum; quamquam
vos, ut publice fertur, Dei ecclesie adeo utilem judicetis, quod
propterea reddenda justicie parcilis, ut vos et plurimum conservetis.
Sed novimus humani generis invasoris profundas insidias, quibus se
yantibus rivulis ingerit, quibus se cogitationibus introducit. In tanto
curriculo temporis, quo fuistis ad apicem christiane religionis evecti,
Leodiensem tantum ecclesiam per viam recti examinis expedistis. Nec
malivoli absunt, pater, interpretes, qui verisimilibus presumptionibus
adiuvantur, quod ideo facitis, ut affecti inedia, ac supervacuo
labore consumpti, sua jura indeffensa dimittere compellantur, ut
illis providealis postmodum, quos vobis carnalis affectus consonat,
non judicium rationis. Mementote pater, quem finem sibi imposuere
ipsa flagitia: est enim jam securis ad radicem arboris preparata.
Videte igitur ne ut secare possit (sic), intromittatis manubrium
proprie voluntatis. Non sic vos decuerunt vestra promissa, ante
divine incarnationis festum vestris sanctissimis labijs promulgata,
tradere flatibus Aquilonis, quibus vos quibusdam promissis excussis
infirmitatis prehabite, publice respondistis vacare negociis sponse
Christi. Nec est ut de promissioni bus quas fecistis, satisfecisse
videamini verbo vestro; Aliud est enim justiciam reddere, aliud graciam
facere personalem, aliud providere ecclesijs zelo justicie, quam
personis, quas forte cecus carnalitatis amor associat non unit (sic)
limpidus oculus rationis; maxime cum in uno voluntas recta, o utinam in
altero pura necessitas dominetur! O preposterum ordinem non necessario
conmutatum, extincta universali justicia, partialis cura supertonat, et
ad unius suggestionem principis, quam suos indebite subditos privatos,
ac infamatorijs maligni spiritus cedulis, quod satis generosum dedecet
principem sussurrantis ecclesiarum regni expeditio (sic) relegatis
misericordie visceribus inmaniter cxpeditur. Ex quo manifeste patet,
qua siti, quo odio, laicos sibi subjectos persequitur, qui genus
electum persequitur electorum; nullum enim suo regio (regno?) paciatur
promoveri ni gallice nationis, satisque sibi, reputant impedire, et si
suis finaliler injustis desiderija defraudetur. Illud etiam a multis
vobis impingitur, quod libenter frivolas occasiones exquisitis ut
vacetis, et de permissione divina diffugium sumitis, que locum sibi
vindicat etiam in profanis; nullumque, ut fertur, patienter admittitis,
quod est summe delirationis indicium. Qui vestro neglectui stimulos
afferat caritatis, et cum rubore confunditis, quasi affectetis magno
opere, in vestre fetibus negligentie remanere: quanquam et patres
conscripti non sic servilem timorem foras emiserint, quam vobis
loqui audeant in spiritu libertatis. Sic itaque, pater sanctissime,
contractam negligentie labem vivaciter, sic valenter extinguite, ut
longi temporis negociorum cumulum brevis hora consumat, et silere
facialis arrogantiam imprudentum. Sicque curratis in stadio huius vite,
ut consedere tandem una cum grege vobis commisso, in potioribus divine
dextere valeatis.

_Dalla Biblioteca reale di Francia, Ms. 4042, codice del secolo XIII o
XIV._

_Questo volume è una scelta di epistole del secol XIII, autentiche e
poste a modello di stile epistolare in que’ tempi. Dopo un gran numero
di lettere del cardinal Tommaso da Capua, di Pietro delle Vigne, e
di altri, si trovano in continuazione tre documenti relativi alla
rivoluzione del vespro siciliano. Il primo è la lettera dei Palermitani
ai Messinesi, pubblicata tante volte e da me riprodotta, docum. V;
segue immediatamente la bolla di Martino IV, Cogit nos temporis
qualitas, pubblicata in Raynald, ec.; e immediatamente appresso il
presente documento, che è la risposta a quelle intimazioni del papa.
Tutto porta a crederlo autentico, come sono senza eccezione le altre
epistole del volume: e anche par che sia stato seguito l’ordine
cronologico nel trascriverle. Nel testo io ho sostenuto_ (vol. I,
pag. 150), _che tale audace rimostranza fu scritta per certo in
Sicilia e in quel tempo: basta a leggerla per convincersi di questo.
Se poi fosse stata veramente spedita alla corte di Roma, a nome del
popolo siciliano, non saprei affermarlo. Ne farebber dubitare le
gravi e ardite parole, che rade volle si usano negli atti pubblici;
ma è probabilissimo, che vedendo il contegno del papa, e perdendo
ogni speranza di placarlo, il governo repubblicano della Sicilia, o
qualche privato cittadino, abbian voluto squadernargli in faccia i suoi
torti con lo stesso coraggio con cui in que’ giorni si resisteva in
Messina all’esercito di Carlo d’Angiò. La rimostranza sembra scritta
nella state del 1282, e certamente prima della esaltazione di Pietro
d’Aragona._

VIII (VI).

Excellentissimo et quamplurimum diligendo Domino E. Dei gratia,
illustri Regi Angliae, Domino Yberniae, et Duci Aquitaniae, P. per
eandem gratiam, Rex Arragonum, salutem et sincerae devotionis affectum.

Dilectioni Regiae praesentibus intimetur, quod nos, ante recessum
nostri viatici armatae nostrae, videlicet, in quo sumus, cura
proponeremus illam ad Dei servitium facere, misimus Nuncium nostrum ad
summum Pontificem, ut nobis, super eodem negotio, subsidium largiretur;

Quem idem Nuncium dictus summus Pontifex, audita supplicatione nostra,
timens au.... Regem Siciliae accederet, sine responsione aliqua
relegavit.

Postmodum vero cura venerimus in Barbariam, ad locum, videlicet,
de Altoyl, ad exaltationem fidei Cnristianae, adhibito consilio
Richerhominum nobiscum eiistentium, destinavimus iterum ad dictum
summum Pontificem nostrum Nuncium, super eo, videlicet, quod nobis
in prosequendo facto per nos inchoato, subveniret nobis decima
per Ecclesiam in Regno nostro recepta, et concederet indulgentiam
Apostolicam nobis, et illis qui nobiscum essent, et etiam quod terram
nostram et ipsorum reciperet sub protectione Ecclesiae et commodo, cui
Nuncio dictus summus Pontifex fecit quandam dilatoriam impensionem,
distulitque sibi tradere literam.

Cumque nos resisteremus inimicis fidei, ut nostrum erat propositum si
dicto summo Pontifici complaceret, venerunt ad noi Nuncii quorundam
locorum et Civitatum Regni Siciliae, exponentes nobis et supplicantes
quod ad Regnum ipsum accederemus, quia omnes Siculi unanimes et
concordes nos in eorum Dominum invocabant;

Nos siquidem advertentes, quod istud esset nobis et Dominationi nostrae
honorificum et utile, accedere ad dictum Regnum Siciliae cum familia
nostra et stolo, ad habendum et impetrandum jus, quod illustris et
bona Consors nostra, Domina Regina Aragon, et filii nostri habent in
eodem Regno, proponimus; et erit decus nostrum et nostrorum, Domino
perhibente.

Caeterum, cum ad gaudia connotentur, quotiens de statu vostro vobis
prospero, felicia audiamus, rogamus vos quatenus certificetis nos de
salute et statu vestro, quem semper voluimus prosperum et jocundum;
nichilominus reservantes.... quicquid..,. vestrae Discretioni.... facto
praemisso, praemeditato et circumspecto. Dat. apud Altoyll, etc.

_Questo diploma si legge in Rymer, Atti pubblici d’Inghilterra, tom.
II, pag. 208 della prima ediz. di Londra, con la data del 19 luglio
1282; ma con maggiore accuratezza è stato pubblicato sotto l’anno 1282
senz’altra data nella ediz. di Londra stessa, 1816, tom. II, pag. 612.
È indirizzato a re Eduardo I d’Inghilterra. Il nome di Collo è scritto
Altoyll, come portava l’errore della pronunzia appo i Catalani, usi a
smozzicar le parole e confonder il suono delle sillabe; ed è probabile
che il c di quel nome proprio sia mutato in t per cagion della
somiglianza di queste due lettere nelle scritture del secolo_ XIII.

_Un altro errore, forse per la forma de’ caratteri nel MS. o simil
cagione, sembra corso nella data della prima ediz., che secondo me
dev’essere di agosto. Imperciocchè si sa che Pietro giunse in Affrica
il 28 giugno e in Sicilia il 30 agosto; e ognun vede che il manifesto
alla corte inglese dovè essere scritto dopo le prime vittorie sugli
Arabi, e dopo la ambasceria al papa e il suo rifiuto, di che vi si
fa espressa menzione, e poco prima della partenza per Sicilia. Or
supponendo la data del 19 luglio, tutti que’ fatti avveniano in 20
giorni, e Pietro restava in Affrica dopo la deliberazione della nuova
impresa 37 giorni; che non è credibile, anzi si sa che preso il partito
prestamente l’armata aragonese mosse per l’isola. D’altronde, il
parlamentò che chiamò Pietro, si tenne durante l’assedio di Messina,
e questo cominciò il 27 luglio. Al contrario la data del 19 agosto
risponde bene a tutte le testimonianze storiche, per le quali si ha
che Pietro impiegò 5 giorni nella traversata d’Affrica in Sicilia, e
3 giorni prima a raccogliere i suoi; onde se cominciò a ordinar la
partenza il 22 agosto, è naturale che tre giorni innanti ne avesse
scritto a Eduardo e forse anco ad altri principi_.

IX (VII).

Scriptum est eidem Capitaneo (a Faro ultra usque ad confinia Terrarum
Sanctae Romanae Ecclesiae) etc. Ne vulgaris loquele fama, prehambula
rumorum improvida portatrix, et novorum superstitiosa narratrix, in
producenda notitìa nostrorum processuum ad audientiam tuam aliorumque
nostrorum fidelium transcenderit veritatem; clara delucidatione
presentium certum inde te reddere volumus, ipsamque tibi rei geste
seriem aperimus. Noveris igitur quod dudum in Insula nostra Sicilie
cum innumerabili multitudine nostri potentis exercitus transeuntes,
in obsidione illius famose terre Messane felicia castra nostra
defiximus; et inibi usque ad diem Sabbati vicesimum sextum presentis
mensis Septembris, cum eodem nostro exercitu commorantes, terram
ipsam, multis olim fecundam deliciis, multisque divitiis opulenta
m, sic undique terra marique constrinximus, sic ferro flammaque
vastavimus, quod nihil remansit penitus usque ad ambitum meniorum,
quin illud aut ferrum ceciderit, aut ignis combuxerit, vel ruine sit
seu depopulationi subiectum; et nichilominus tantis vinearum arborum
et locorum extrinsecorum amenitatibus quibus decorabatur eadem civitas
succisis, succensis penitus, et destructis, Civitatis corpus non
reliquimus inconcussum, quin ex crebris nostrarum ictibus Machinarum,
multe pulcre domus intrinsecus sint et decora edificia diruta, ac
Civitatis menia usque ad ruinam in locis pluribus concussata; sicque
Civitatis menia usque ad ruinam in locis pluribus concussata; sicque
Civitatis eiusdem incolas iam artaverimus extrinsecus gladio, intus
fame, quod nullum de ipsorum vicina deditione restabat ambiguum vel
dubietas remanebat. Verum, inter hec omnia, consultius cogitantes quod
Messanensibus ipsis nihil ex nunc prodesse potest autumpni fructuosa
fecunditas, tam tempore quam destructione consumpta; quodque Yemali iam
tempore imminente, procellosa fari rabies Vassellorum nostrorum statum
et transitum, sicque per consequens rerum necessariarum nobis et nostro
exercitui, copiam poterat prohiberi; Deliberante prudentia, saniorìque
consilio previdente, aliquantulum castra nostra retraximus: ac citra
farum cum toto nostro exercitu incolumes venientes, in Civitate
nostra Regii sospites permanemus. Adveniente vero tempore congruo,
cum eodem et omni alio quod nostra totis viribus potentia procurabit,
tam terrestri exercitu quam marino extolio, eamdem insulam nostram
Sicilie repetemus; predictos Messanenses, et alios rebelles nostros
Sicilie, divina nos comitante potentia, que nostram tuetur iustitiam,
sic viriliter invasuri, quod perdetur penitus predictorum quorumlibet
presumptuosa protervia; et erecta rebellium cornua sub pedibus nostris
nostra potentia conculcabit. Dat. Regii penultimo Septembris xi
Indictionis (1282).

_Dal r. archivio di Napoli, reg. di Carlo I, 1283. E, fog. 14 a t.
Pubblicalo nell’Elenco delle pergamene del detto archivio, tom. I, pag.
245–46, in nota._

X (VIII).

Petrus Dei gratia Aragonum et Siciliae Rex, Rogerio de Magistro Angelo
Militi, justìtiario comitatus Gyracii, parcium Cephaludi et Thermarum,
fideli suo, gratiam suam et bonam voluntatem. Pro parte Clericorum tam
latinorum quam graecorum Messanensis Dioecesis Jurisdictionis tuae,
nostrorum fidelium, coram nostra fuit expositum Majestate, quod cum
olim retroactis temporibus in exactionibus, mittivis, generalibus
subvencionibus, promissionibus, et subsidiis quae in Terris et locis
ipsius Jurisdictionis tuae, de mandato et pro parte curiae consueverunt
imponi, cum hominibus terrarum et locorum ipsorum communicare et
contribuere non consueverint, sed exenti exinde fuerint et immunes;
nunc Universitates Terrarum et locorum ipsius Jurisdictionis tuae
in solucione pecuniae facienda per universitates ipsas, de summa
quantitate pecuniae tam per universitates easdem quam universitates
aliarum terrarum et locorum Siciliae praedìcto Culmini nostro promissae
in generali colloquio de mandato nostrae Celsitudinis tunc Cathanae
celebrato, in sussidium expensarum quas in expeditione imminentis
guerrae negocii..... Curiam ipsam subire debemus, Collectores super
ipsius recollectione..... rum per easdem Universitates Terrarum
et locorum ipsius jurisdictionis tuae statutos, clericos ipsos ad
concurrendum et contribuendum cum eis molestant et multipliciter
inquietant contra eorum immunitatem hujusmodi in ipsorum praejudicium
manifestum. Petentibus igitur super hoc per nostram excellentiam
providere, ut sit serenitatis nostrae propositum libertates
Ecclesiasticas auctore Domino potissime et inviolabiliter observare,
fidelitati tuae praecipiendo mandamus, quatenus, si vera cognoveris
quae veniunt ad cautelam, eosdem clericos, tam latinos quam graecos,
contra eorum immunitatem praedictam per universitates et collectores
praedictos molestare nullatenus paciaris. Et si praetextu hujusmodi
contra eosdem clericos per universitates easdem vel collectores ipsos
ad exactionem aliquam seu pignorum capcionem est processum, processum
ipsum initum facias revocari; Ita quod exponentes ipsi coram Majestatis
nostrae querelam iterare praeterea non cogantur. Dat. Messanae, Anno
Domini millesimo ducentesimo octogesimo secundo (corr. 1283) mense
februarii octavo eiusdem undecimae Indictionis, Regnorum Nostrorum
Aragonum anno septimo, Siciliae vero primo.

_Dall’archivio della Chiesa di Cefalù. Mss. della Bibl. com. di Palermo
Q. q. G. 12._

XI (IX).

Petrus Dei gratia Aragonum et Siciliae Rei, etc. Decet Patri opera
munificentie prestitis radiare, et subiectis semper intenta pro
futuro decernere. Regnantis gloria est subiectis commoda..... sub
ejus imperio; maxime dum ex commodis subiectorum utilitatis principis
procuretur augumentum. Proinde quidem universis nostris fidelibus
tam presentibus quam futuris, presentis relationis eloquio volumus
fieri notum, quod in generali colloquio nuper in civitate Cathinae
de mandato nostrae celsitudinis celebrato.....ad quod universitates
terrarum et locorum insulae nostrae Siciliae per sindicos eorum
nostra man...... Serenitas pro reformatione status ipsius provinciae
diutius ab hoste nostro provinciae comite suisque sequacibus afllictae
miseriis. Dignum est equidem regnantem humanitate singula praecellere
et subiectis affectione oculos advertentem ipsos reformatione lenire,
unde sibi et dignitas oritur et gloria geminatur: ac ipsorum nostrorum
hostium subactione finali deo auctore nostrumque benigne propositum
proseguenti ipsi serenitati nostrae subiecti..... afflictorum diu
eorum colla calcantium stragibus satiati libertatis opitulationem
gaudescant et diris consumptis hostibus glorientur et sub nobis possint
profitere quicumque ad nostrum meruerunt regnum pervenire. Provincias
enim deo auxiliante nobis submissas sic est propositi nostri, deo
favente, disponere, quod subiecti nostro gaudentes regimine floreant,
nihilque doleant nostrum tardum Dominium acquisisse. Consideratis
multis variisque et innumeris tormentorum generibus, quibus fideles
nostri insulae nostrae Siciliae diutina fuerant vexatione contriti
per huiusmodi nostros hostes; attenta etiam multitudine fidelitatis
(et) devotione qua cum gratis obsequiorum servitiis excellentiam
nostram gerunt et in futurum gerere poterunt gratiore; dum convenit
principem semper humaniora censere, nec computare acceptum quod per
alienum sensum in comodum eveniat, atque liberalitas dominos semper
crescit, universitatibus et hominibus dictae insulae nostrae Siciliae
fidelibus nostris exactionem collectarum quae ibi hactenus consueverunt
imponi, nec non solutionem juris marinareorum quae ibi hactenus Curiae
debebantur, remittendas et relaxandas duximus, de liberalitate mera et
gratia speciali: et quod nulli successori de caetero liceat in eadem
insula nostra Siciliae generaliter seu specialiter aliquas generales
subventiones seu marinarium jura imponere, nostra sancit humanitas.
Gaudeant sub felici nostro Dominio qui sub jugo hostis nostri regiminis
tristiciam hactenus pertulerunt; reficiendi libertate divites qui
dudum bonis eorum evasere pauperrimi, et importabilia servitutis jura
tirannide subivere.

Ad hujus autem nostrae concessionis memoriam et robur perpetuo
valiturum, ad cautelam Universitatis Messanae presens privilegium fieri
jussimus per manus Vinciguerrae de Palitio, magnae Curiae nostrae
notarii, consiliarii familiaris et fidelis nostri, et sigillo pendente
Majestatis nostrae mandavimus communiri.

Dat. Messanae per manus Perriconis de Bonastro scriptoris familiaris et
fidelis nostri, anno Domini 1282, (corr. 1283) die XV februarii X Ind.
Regnor. Nostrorum Aragonum anno septimo, Siciliae vero primo.

_Da’ Mss. di Caldo in Messina, nei Mss. della Biblioteca Com. di
Palermo Q. q. G. 12. Ne fa menzione Gallo, Annali di Messina, tom. II,
pag. 135._

_La copia MS. che cito è scorrettissima; nè ho potuto trovarne altra
men trista. Ho corretto in_ Vinciguerrae de Palitio, sul _cenno del
Gallo, loc. cit., le parole che si leggeano viri generalis de palatio;
il che basti a mostrare qual fosse quella copia. Non dubito tuttavia
della verità del provvedimento, e anco terrei all’autenticità del
diploma per le autorità citate, nel tom. I, p. 206._

XII.

Scriptum est Alberico de Verberiis, eie. Cura Camera nostra mutuo
receperit per manus Magistri Ade de Dussiaco, thesaurarii, etc., die
Veneris vicesimo quarto presentis mensis septembris huius duodecimo
Indictionis, aput Nicoteram, a Petro de Gregorio Carboncello, Stephano
portario, Johanae Carboncello, et Nicolao de Saxo, mercatoribus et
Civibus Romanis devotis nostris, uncias auri sexcentum nonaginta
quinque ponderis generalis, computatis unciis auri triginta tribus quas
eis donavimus gratiose; et pro ipsa pecunia, per totum proximo futurum
mensem octumbris, eisdem mercatoribus restituendas assignari fecerimus
eis in pignore et loco pignoris per manus dicti thesaurarii nostri
vasa et corrigias argentea infrascripta, factis litteris nostris sub
magno sigillo pendenti Vicarie et parvo secreto ad Judicem Guillelmum
de Riso, et Judicem leonem de Juvenatio, Secretos principatus, etc.,
ut predicta summa pecunie eisdem mercatoribus in predicto termino de
pecunia nostre Curie debeant assignare; devotioni vestre precipimus
quatenus pignora superdicta, que dicti secreti tibi pro parte Curie
nostre assignabunt, ab eis recipere, et in Camera predicti filii nostri
salubriter conservare procures; facturus eis ad eorum cautelam ydoneam
exinde apodixam, et significaturi nobis et predicto magistro Ade diem
receptionis ipsorum pignorum, qualitatem et quantitatem ipsorum, cum
distinctione ponderis et omnium aliorum que fuerint distinguenda.
Pignora autem predicta sunt hec, videlicet: Scutelle sane de argento
centum sexaginta, ponderis libramm ducentarum viginti sex unciarum
octo tarenorum viginti duorum et medii; alie scutelle fracte quinque,
ponderis librarum quatuor unciarum quinque tarenorum viginti duorum
et medii; placcelle magne ad flores liliorum due, ponderis librarum
novem et tarenorom quindecim; Nappi plani centum quindecim, ponderis
librarum octuaginta novem unciarum undecim tarenorum viginti duorum
et medii; Nappi et cuppe deaurate cum pedibus quindecim, Inter quas
due sunt cum cohoperculis asmaltos, ponderis librarum viginti unciarum
septem et tarenorum undecim; flascones novi cum repositoriis suis
duo, ponderis librarum septem unciarum sex; Alii flascones de argento
quatuor, ponderis librarum decem et septem unciarum quatuor et medie;
Gallete nove de argento cum repositoriis suis due, ponderis librarum
quindecim et uncie unius; poti de argento tredecim, et alij poti
pro aqua duo, ponderis librarum sexaginta et unciarum duarum; pedes
napporum sex; thuribolum unum; nappus sine pede unus; cocleare magnum
unum, et aliud argenti fractum, ponderis librarum octo unciarum undecim
tarenorum septem et medii; Nappi fracti et cohoperculi de potis,
ponderis librarum undecim tarenormn viginti et medii; coclearia viginti
quinque et cohoperculus poti unus, ponderis librarum duarum minus
tarenis septem et medio; corrigie de argento sex ponderis librarum sex
et unciarum quinque, quarum una est rubea deaurata cum pernis, alia
diversi coloris ad Rosettas, alia cum friso ad aurum cum pernis, alia
cum friso yndico ad aurum, alia cum friso vidiri deaurato, et alia
viridis deaurata in buccula et mordente. Summa ponderis totius predicti
argenti libras quadrigentas septuaginta novem uncias quatuor tarenos
undecim; que sunt ad marcam Colonie, de unciis octo tarenis viginti
quatuor per marcam, marce sexcentum quinquaginta tres uncie sex tareni
viginti unus. Dat. Nicotere, die XXIIII septembris XII Indictionis.

_Dal r. archivio di Napoli, reg. di Carlo I, seg. 1283, A, fog. 57 a t._

XIII.

Scriptum est domino Johanni de Ravello Capitaneo Giracii, et Raymundo
Miletis militi, et Judici, Aldebrandino etc. Cum nos Johanni de
Mostoralo et Gualterio Luburges Gallicis, Goffrido de Mornayo, et
Guillelmo de Sancto Vincentio, Petro Michaeli, Bertrando Visiano,
Guillelmo de Lambesco, B....... de Laylla, Ynardo Catalano, et
Guillelmo Catalano servientibus, de quorum fide et legalitate
testimonium laudabile accepimus, et qui cum domino petro de Lamanno
in Castro Sperlinge per hostes et Rebelles Siculos pro fide regia et
nostra servanda obsessi fuisse dicuntur, velimus de bonis proditorum
Giracii qui pro Regia Curia procurantur et aliis per nos concessa
non sunt usque ad Regium et nostrum beneplacitum in subscripta......
gratiam facere speciale; devotioni vestre precipiendo mandamus,
quatenus predictis servientibus, tantum de bonis feudalibus dictorum
proditorum Giracii qui, ut dictum est, pro Curia procurantur et per nos
concessa aliis non extiterint assignata, curetis quod ipsorum quilibet
terram valentem sex uncias auri in redditibus habeat...... tenendi et
usufructuandi eam usque ad Regie et Nostre beneplacitum voluntatis;
de quorum assignatione fieri faciatis duo scripta..... consimilia,
quorum uno eisdem ad ipsorum cautelam dimisso, aliud ad nostram
cameram destinetis. Dal. Nicotere per Sparanum de Baro etc. die XXVII
septembris XII Ind.

Similes facte sunt eisdem pro Petro de Labisco et Poncio de Alamanno,
consanguineis domini petri de Lamanno; quod quilibet ipsorum habeat
terram valentem uncias auri decem. Dat. ibidem XXVIII sep. XII. Ind.

_Dal r. archivio di Napoli, registro segnato 1283, A, fog. 60._

_Nello stesso foglio del registro v’ha un altro diploma dato a 28
settembre, che disdicea la concessione di 10 once annuali per ciascuno
fatta poc’anzi a Pietro de Condes, e Bertrando Deiutreper,_ quos
credebamus obsessos fuisse dudum in Castro Sperlinge, _ma Pietro di
Alemanno negava d’averli avuto compagni in quell’assedio_.

XIV.

Martinus episcopus servus servorum Dei, carissimo in Christo filio
Philippo regi Francorum illustri Salutem et apostolicam benedictionem.
Petitiones per dilectos filios magistros Stephanum Baiocensem et
Petrum Sygalonie in ecclesia Aurelianensi archidiaconos, capellanos
nostros, tue celsitudinis nuncios circa negotium regnorum Aragonie
ac Valencie aliarumque terrarum quibus Petrus quondam rei Aragonum
est per sedem apostolicam sua premorente malicia et justicia erigente
privatus, ex parte regie serenitatis oblate, grandes nobis et
fratribus nostris, quibus eas communicavimus, admirationis obtulere
materiam: et, propter pericula que ipsi negotio ingerit quecumque
dilacio, causam turbationis etiam, nisi eam consideratio petentis
excluderet, obtulissent. Ut enim tractatus inter ecclesiam et te
habiti super eodem negotio initium repetamus, novit excellentia regia
quod propter graves iniurias carissimo in Christo filio nostro.....
Regi Sicilie illustri patruo tuo a dicto Petro, non solum inique sed
et proditionaliter, utpote absque promissione alicuius diffidationis
illatas, adeo provocata sunt tuorum corda fidelium, quod quamplures
ex eis honoris regii zelatores, te, proinde tanto amplius non indigne
commotum quanto eedem iniurie pressius te contingunt, frequentibus
suggestionibus adierunt, fideliter et viriliter asserentes: te tantas
preclari generis et Regni tui tocius offensas, absque laudabilis
fame, virtutis eorum, et nominis regij depressione, dissimulare non
posse; quin eidem tuo patruo in adjutorium potenter exurgeres, et
ad repressionem perversorum conatuum dicti Petri, regalis potentie
dexteram adhiberes. Tu vero, et si labores immensos et cetera gravamina
in hiis imminentia, innata tibi magnanimitate, calcares; proinde tamen,
attendens quantis est talium assumptio sumptibus onerosa, venerabilem
fratrem nostrum..... Dolensem Episcopum, et quondam R. de Stratis,
eiusdem regni tui mareschalcum, tue celsitudinis nuntios propter hoc ad
sedem apostolicam destinasti. Qui, premissis nobis prudenter expositis,
te voluntarium, dispositum, et paratum ad iuvandum contra memoratum
Petrum eundem tuum patruum affirmantes, decimam ecciesiasticorum
reddituum eiusdem tui regni concedi tibi per triennium, ad relevacionem
tantorum sumptuum necessariorum in huiusmodi iuvamine prosequendo,
tuo nomine petierunt. Sed nos, debita meditatione pensantes quod
adiutorium eidem tuo prestandum patruo, non erat causa sufficiens
ad petitam decimam concedendam; familiariter ei et confidenter
expressimus, quod, cum de fratrum nostrorum consilio intenderemus
prefato Petro terminum assignare, infra quem ab ecclesie ac memorati
Regis Sicilie persecutione desisteret, et ad ecclesie ipsius et
nostra mandata rediret, ipsoque in eiusdem persecutionis insania
persistente, procedere, sicut est processum postea contra eum, et de
regno Aragonie alicui de natis tuis, quem ad hoc eligeres, excepto
primogenito, providere, si ad hec principaliter exequenda per que
tamen efficacius idem rex Sicilie iuvaretur, regalis magnificentia se
offerret, tunc petitio et concessio decime posset magis racionabiliter
et colorate procedere, iustitiorque, ad alia petenda et concedenda
subsidia, causa suppeteret, et evidentior appareret. Et quia hec via
nobis et eis videbatur utilior; nec minus honoris, et longe plus
comodi allatura, nos, ipsis tuis nunciis idem sentientibus, non
immerito supponentes ipsam per te ac tuos consiliarios propitius
acceptandam, de tua potencia spe concepta, sub dei et ipsius fiducia,
contra memoratum Petrum, sicut nos facturos eisdem nunciis tuis
expressimus, et per eos hec et alla tibi mandavimus exprimenda,
privationis regie dignitatis, et suarum tunc terrarum expositionis,
quantum sua exegit iniquitas, conscientia nostra et iustitia
permiserunt, studuimus accelerare processum. Ad cuius executionem,
conditionibus admodum temperatis adiectis in ea, dilectum filium
nostrum J. tituli sancte Cecilie presbiterum cardinalem, de fratrum
nostrorum consilio, ad regalem presenciam, non absque tua connivencia,
duximus destinandum. Et licet, sicut premittitur, conditiones easdem
intenta et radicata erga te ipsius matris ecclesie valde temperasset
affectio; nichilominus tamen non solum eas postmodum adiectiones et
detractiones varias, prout regalis excellentia per speciales ad hoc
destinatos nuncios petijt, immutavit, verum etiam Valencie regnum
adiecit liberum, juxta regie peticionis seriem, eidem tuo filio
concedendum. Cumque horum contemplatio in meditationis rationabilis
deducta scrutinium, assumptum iam per te fore negotium, et ipsius
prosecutionem, vel omnino dispositam, vel saltem accurate disponi
spondere verisimililer, immo verius satis indubilitabiliter videretur;
ecce de novo dicte petitiones, quasi re integra, offeruntur. Numquid
igitur non multe admirationis occasio, quod predictorum consideratio
sic ab aliquibus, forte contemptu, vel negligi seu negligenter
omitti, et sub dissimulationis videtur negligentia preteriri? Nonne
considerari debuerat, quod talibus ex parte tua precedentibus, talibus
per ecclesiam subsecutis, fuisset longe decentius, eodem assumpto
negotio, apud eandem ecclesiam subsidiis ad prosecutionem ipsius
negotii oportunis petendis insistere, quem ante illius absumptionem,
immo eo quo ad tuum consensum explicitum post tot el tanta per eandem
ecclesiam pro tua voluntate peracta, quasi prorsus integro, illa que
sui difficultate aliquid noluntatis innuunt taliter postulare; ut et
post concessionem ipsorum quo ad eandem ecclesiam que illa revocare
non posset absque variationis obbrobrio consumata remaneat in aliorum
arbitrio acceptatio eorundem, sicque processus ipsius ecclesie, quod
absurdum est cogitare vel dicere, de illorum dependeat voluntate?
Profecto, cum, sicut scriptum est, maxima sit pars petitionis in
tempore, dicte petitiones competentiori fuerant tempore offerenda. A te
namque dictoque nato tuo per te ad id electo, secundum ea que acte sunt
hactenus, negotio acceptato; qua fronte ipsa ecclesia tibi vel ei suam
vestram, vestramque suam causam prosequentibus, oportuna que prestare
posset comode suffragia denegaret, cum sibi, vobis subveniendo,
consoleret; vobisque consulendo sibi potius adversus tam infesti
persecutoris nequitiam subveniret? Procul dubio, nec veritas, nec
alicuius habetur verisimilitudinis coniectura, quod eadem ecclesia vos
in se ipsam desereret, vel in vobis derelinqueret semel ipsam. In hijs
autem, princeps inclite, nichil devotioni tue, quam novimus solidam;
nichil tue constantie, quam variationis non deeeret absque nova
rationabili et evidenti causa, recipere imputamus, sed contra illos,
si qui sunt, hijs verbis invehimur, qui, ut sue quieti vacent potius
quam virtuti, quia tuum animum, in sui laudabilis propositi solidate
constantem et in ecclesie devotione firmatum, non possunt a sic ceptis
avertere, dicto negotio, quod, ipsius et predictorum qualitate pensata
nequeunt impedire directe, impedimenta parare difficilium immo forsan,
eorum extimatione, impossibilium adiectione, nituntur. Parum proinde
attendentes quante indecentie, quante, apud mundi precipue principes et
magnatos ac alios, foret infamie, quante note, post premissa et alia
que ignorari eorum evidentia non permittit, deducta tam publice, tam
patenter in actum, prefatum negotium deserendi, memoratum patruum suum
in derogationem totius Regij generis, centra sanguinis jura deserere,
ipsamque matrem ecclesiam contra eiusdem clarìssimi generis tui morem
in tali statu derelinquere, concepa de regali auxilio spe frustratam!
O! quantum ex hoc tui et prefati regni tui emuli, quorum forte non
deest copia, insultarent! O! quantum detraherent exinde glorie Gallice
nationis! Certe, si hoc et alia, que potius exprimenda sunt lingua quam
littera, prelati eiusdem regni Francie ac barones, iuxta datam eis
prudentiam, diligenter attendant, absque dubio a quibuslibet contrariis
persuasionibus consultius abstinebunt. Placeat igitur magnificentie
regie ut negotium juxta formam dicto cardinali ultimo traditam,
absque ulteriori dilacione, procedat. Tuque ac idem tuus filius illud
acceptate ac assumite iuxta ipsam. Scituri pro certo quod nos proposito
invariabili et fixo proponimus, post idem negotium taliter acceptatum
taliterque assumptum absque cuntatione aliqua, non solum predictis
petitionibus infra descriptis annuire, prout responsiones ad illas
subiecte declarant, sed et alia subsidia, que, pensatis circamstanciis,
in negotio tanto pensandis, oportune viderimus, tibi et ei negotium
prosequentibus, ministrare. Ut autem idem nostrum propositum alieque
circumstantie que dictarum petitionum exauditionem differri suaserunt
ad presens, circumspectioni regie securius exprimantur sermone
quam scripto, dilectum filium discretum virum magistrum Egidium de
Castelleto, notarium nostrum, Brugensem prepositum, de cujus prudencia
et fidelitate plene confidimus et scimus te posse confidere, ad tuam
presenciam destinamus. Cuius assertionibus in premissis secure fidem
poteris indubiam adhibere.

Predicte autem petitiones, nobis ex parte tua, ut predicitur,
presentate, sunt hec.

Supplicandum est domino pape, quod velit concedere decimam,
non tantum in regno Francie, sed in aliis regnis et terris
christianorum.—Premissa supplicatio sive petitio fuit oblata ut
premittitur. Sed, quia omnino videbatur absurda, fuit ut immediate
sequitur artata sive restricta.——Supplicant nuntii ... regis Francie
quod concedatur, in subsidium negotii regni Aragonie, ad minus decima
quatuor annorum in regno Francie; et extra regnum in locis illis in
quibus alias concessa fuit ... regi Sicilie: videlicet in Cameracensi,
Leodicensi, Metensi, Tullensi, Viridunensi civitatibus et diocesis, et
in Bisuntina, Lugdunensi, Viennensi, Aquensi civitatibus et provinciis.

Item annalia ecclesiasticorum beneficiorum, etiam dignitatum
et personarum ac aliorum quorumlibet, integre, durante tempore
concessionis decime.

Item legata indistincta.

Item quod in subsidium negotii fiat generalis predicatio crucis, et
concedatur plenarie illa indulgentia, que conceditur proficiscentibus
in succursum Terre Sancte; illis videlicet qui ad negotium personaliter
ibunt. Item illis qui competens subsidium mittent de suo, nec non illis
qui integraliter, pro toto tempore concessionis decime, solverint
decimam primo anno.

Item alia subsidia que sedes apostolica, tam de regno Francie, quam
aliunde, viderit oportuna.

Item impetrentur littere apostolice quibus hec omnia concedantur filio
domini regis, quem ipse elegerit, excepto primogenito; que locum
habebunt si prelati et barones consulent quod acceptet.

Item alle litere apostolice, continentes quod premissa concedantur regi
iuvanti Romanam Ecclesiam contra Petrum de Aragonia, que locum habebunt
si non consulatur quod acceptet.

Item corrigantur apostolice litere ubi loquuntur de consuetudinibus,
statutis et usagiis que sacris canonibus, non repugnant; quia iam
sequeretur quod alia, si aliqua sint contraria sacris canonibus, non
deberent servari. Unde, cum homines illius terre multas consuetudines
et varias habeant, a quibus non recederent ullo modo, posset esse quod
filius regis necesse haberet deierare, vel habere discordiam gravem cum
suis subditis.

Item amoveatur de apostolicis literis clausula illa suas patentes
literas concedendo; cum dominus rex sic non consueverit obligari.

Item addatur in illa clausula, in qua dicitur quod filius regis jurabit
omnia in apostolicas literas contenta: quod iuret prout eum contingunt.

Item petant nuntii, quod procedatur contra fautores Petri de Aragonia
et adherentes eidem.

Item quod committatur domino Johanni plene legationis officium, cum
potestate obligandi decimam creditoribus; et mutandi alia vota in votum
crucis, si eam predicati contingat, excepto voto crucis transmarine;
et absolvendi etiam a voto crucis que predicabitur, si aliqui velint
redimere vota sua.

—Ad primam supplicationem sive petitionem, prout est artata sive
restricta ad regnum Francie et alia certa loca extra illud. Responsio.
Licet ... regi Sicilie decima concessa non fuerit in omnibus locis que
continet predicta petitio; tamen, postquam negotium de quo agitur,
ut supra exprimitur, acceptatum fuerit et assumptum, concedetur per
quatuor annos decima omnium ecclesiasticorum reddituum in locis omnibus
supradictis, excepta diocesi Cameracensi, et provinciis Arelatensi
et Aquensi. Ratio autem qua diocesis Cameracensis excipitur, illa
est quia, propter quedam impedimenta, collectio decime in Lugdunensi
concilio pro subsidio Terre sancte concesse, pro aliquo tempore
fuit omissa, et modo colligitur; propter quod durum esset in eadem
diocesi gravamen accumulare gravamini. Provincie autem Arelatensis
et Aquensis excipiuntur propter necessitates regis Sicilie. In locum
tamen predictarum provinciarum et Cameracensis diocesis exceptarum,
subrogabuntur Tarentasiensem et Ebredunensem provincie; in ea parte
ipsius provincie Ebredunensis que est extra comitatum provincie et
Forcalkerii.

Ad secundam, de annalibus ecclesiasticorum beneficiorum. Responsio.
Ista supplicato sive petitio denegatur; quia scandalo plena, parum
utilis, omnino incerta, insolita, et nulli umquam hijs temporibus
concesse, sed omnibus, etiam pro terre sancte subsidio, denegata.

Ad tertiam, de legatis indistinctis. Responsio. Concedentur in illis
locis in quibus et decima.

Ad quartara, que incipit: Item quod in subsidium, etc. Responsio.
Concedetur in locis illis in quibus et decima, et in regno Navarre, quo
ad personaliter euntes; et quo ad mittentes subsidium competens, pro
arbitrio illius cui hoc committet ecclesia; et quo ad solventes primo
anno decimam integre pro omnibus quatuor annis.

Ad quintam, que incipit: Item alia subsidia. Responsio. Ad istam
supplicationem sive petitionem, supra circa finem literarum nostrarum
plene ac explicite respondetur.

Ad sextam, que incipit: Item impetrentur. Responsio. Fiet quod in ista
petitione continetur, postquam filius electus et negotium acceptatum
fuerit et assumptum.

Ad septimam, que incipit: Item alie litere. Responsio. Ista petitio
precise repellitur; quia est, etiam ipso auditu, horrenda.

Ad octavam, que incipit: Item corrigantur. Responsio. Isti
supplicationi sive petitioni satisfit ad plenum per speciales litteras
apostolicas, que super hoc dicto cardinali mittuntur.

Ad nonam, que incipit: Item amoveatur. Responsio. Et isti similiter
satisfit per alias speciales nostras litteras, que super hoc eidem
cardinali mittuntur.

Ad undecimam, que incipit: Item petant Nuntii. Responsio. Factum est
quod in ista petitione continetur; et fiet plenius, prout opus fuerit.

Ad duodecimam, que incipit: Item quod committatur. Responsio. Fiet quod
in ista petitione continetur, postquam negotium acceptum fuerit et
assumptum.

—Item obtulerunt dicti archidiaconi Nuntii tui quandam cedulam
subscripti tenoris.

«Advertat apostolice sanctitatis provisio, scribere domino Johanni
cardinali, quod vos concessistis et adhuc conceditis domino regi, in
subsidium negotii Aragonie, trium annorum decimam integraliter et
perfecte, quam vultis eidem assignari, dari et liberari statim postquam
ipse negotium acceptaverit, et de filijs suis unum ad id elegerit;
et leges, conventiones et pacta ipse rex pro se ac successoribus
suis, et filius suus ad id per eum electus et deputatus per eundem
dominum Johannem, sollempniter promiserint, prout unumquemque eorurm
contingerit, secundum quod in litteris a vestra sanctitate concessis,
tam super ipsius decime, quam super concessione terrarum que fuerant
olim Petri de Aragonia plenius continetur; non obstante quod vos
precepistis eidem domino J. verbotenus, quod unius anni decimam ad opus
Romane Ecclesie retineret; et non obstante quod in quibusdam literis
clausis scripsistis eidem, quod non procederet ad exactionem decime
supradicte, nisi ante omnia dominus rex et filius eius primogenitus
eadem leges conventiones et pacta sollempniter promisissent.

«Concedatur etiam ex nunc domino Johanni quod statim facta acceptatione
huiusmodi et promissionibus, quemadmodum est predictum, habeat
potestatem obligandi eandem decimam mercatoribus, de consilio tamen
regis.»

Responsio. Contentis in predicta cedula satisfit per varias litteras,
que dicto cardinali mittuntur. Dat. apud Urbemveterem, V idus Januarii,
pontificatus nostri anno tertio (1284 _contandosi gli anni del
pontificato di Martino da febbraio 1281_).

_Dagli archivi del reame di Francia J. 714, 1. Suggellata col suggello
di piombo, pendente da una funicella di canape. Nel suggello da un lato
si legge MARTINUS. PP. IIII. Su l’altro è il solito tipo delle teste
de’ due apostoli, divise da una croce, e sormontate dalle lettere SPA.
SPE._

XV (XII).

Scriptum est domino Radulpho de Angelone, castellano Castri Salvatoris
ad mare de Neapoli, etc. Cura nos Henricum Rubeum de Messana, captum
olim per gentem domini patris nostri in conflictu habito in plano
melacii cum rebellibus Messanensibus, quem in castro vestro cure
comisso Regius carcer tenet inclusum, mitius agendo cum ipso,
liberaverimus de gratia speciali; devocioni vestre mandamus, quatenus
statim receptis presentibus, dictum Henricum Rubeum solutum vinculis
quibus teretur in castro predicto liberetis, et liberum abire
permittatis; has vobis licteras in hujusmodi rei testimonium retinendo.
Dat. Neapoli die XXVIIII martii XII. Ind. (1284).

_Dal r. archivio di Napoli, registro di Carlo I, segnato 1283, A, fog.
124._

_Il castello del Salvatore di Napoli è quel che oggi si chiama castel
dell’Uovo._

XVI (XIII).

Scriptum est Capitaneis partis Guelforum florentie, etc. Satis
confidentes inducimur de nostris negotiis humeris vestris incumbere, ut
ad ea que diversimodo processibus nostris circumfluunt. prout in Regno
Sicilie calunpniosa temporis procella commovit, ut de hiis nobiscum
sitis ydoneos, vos diligenter invocare, quod per vos de quibus fidei
puritate confidentes eadem nostra negotia colere compleantur. dum enim
gratitudines serviciorum innumeras, que domino Genitori ostro devotione
prestantes constanter in filium transtulistis diligenter advertimus;
dum voluntatem vestram et aliorum Civitatis vestre, quam mater et
alumpna fidelitas semper servavit illesam, memori meditatione pensamus;
libenter vobis incumbimus a vobis habere suffragia, qui nescitis a
consuetis recedere et absque sollicitadinis interlectione consurgitis
ad ilia que dicti domini patris nostri fastigia, nostrique honoris
augmentum respiciunt, et negotia nostra magnifice tamen prudenter
ubilibet, placito cordis affectu et attentione fructuosa operis,
procuretis. Verum cum per conventiones dudum habitas inter eumdem
dominum patrem nostrum et commune Pisarum, de dandis anno quolibet
quinque Galeis tamen armatis in subsidium quarumlibet necessitatum
ipsius domini patris nostri, dictum commune Pisarum pro annis proximo
preterito et presenti Galeas ipsas tamen armatas pro instanti guerra
teneantur in ostrum subsidium destinare, et se dudum paratas»
obtulerint illas dare seu mittere, quia paratas ipsas habebant cum
necessitas immineret; sinceritatem et amicitatam vestram requirimus et
rogamus attente, quatenus nostri contemplatione nominis et amoris, aput
Pisas vos personaliter conferentes, a commune Civitatis ciusdem, iuxta
conventiones easdem, dictas Galeas pro eisdem duobus annis, videlicet
proximo preterito et presenti, ex parte domini patris nostri et nostra
requiratis instanter; ut galeas ipsas in nostrum subsidium pro instanti
passagio, simul cum alio nostro felici extolio congregandas, debeatis
destinare; ita quod, vestro mediante auxilio, galeas easdem per totum
presentem mensem aprilis infallibiliter habeamus; cum intendamus in
principio mensis madii ad extremam depopulationem Rebellium nostrorum
et hostium in Robellem insulara Sicilie, duce Deo, cum magno et potenti
extolio feliciter proficisci. Dat. Neapoli X aprilis XII Ind.

_Dal r. archivio di Napoli, registro di Carlo I, segnato 1283, A, fog.
130._

XVII (XIV).

Scriptum est domino Catello de Catellis, et domino Gentili de Sancto
Miniato dilectis, etc. Quia nuper exposuistis nobis quod aliqua
communia lonbardie, ad dominum patrem nostrum et nos pure gerentia
dilectionis affectum, per vos pridem Regio nostroque nomine requisita
de gentis subsidio nobis dando, illud voluntarie obtulerunt; et iam
passagli nostri tempus advenerit, devotioni vestre mandamus expresse,
quatenus, statim receptis presentibus, ad eadem Communis redeuntes,
ipsa ex Regis nostraque parte rogare et requirere studeatis, quod
huiusmodi gentis promissum subsidium ad nos incontinenter transmittant,
cum iam ultra quam foret expediens sit morata. Dat. Neapoli die XIX
madii XII Ind.

_Dal r. archivio di Napoli, registro di Carlo I, segnato 1283, A, fog.
131 a t._

XVIII (XV).

Karolus Dei gratia Rex Jerusalem et Sicilie, etc. Nobilibus et
discretis viris, Potestati, Capitaneis, Anzianis, Consilio et Communi
Civitatis Pisarum, etc. Et si credamus quod de captione Karoli
primogeniti nostri Salerni principia rumores jam ad vos pernix fama
perduxerit; ne tamen exinde nostre caritatis instintu, cuius honores
affectuose zelamini, plus quam in causa sit,. concipiatis angoris, ad
sinceritatis vestre notitiam presentium tenore deducimus, quod in eius
capitone nihil, aut valde modicum, nostris iuribus est subductum. Et
licet ad rumorem captionis ipsius, adiaceus regio perstrepuerit; tamen
ad adventum nostrum, qui post casum ipsum infra triduum intercessit,
vascellis hostium qui adhuc per adiacentem marittimam navigabantur,
protinus in Siciliam refugis, omnis turbatio requievit; et factus
est ad nos ex omnibus regni partibus concursus fidelium et nunciorum
Universitatum quamplurium, qui, predicti casus acerbitate commoti,
nobis ad prosecutionem assumpti negotii iuxta nostre.....dispositionis
arbitrium, prompta personarum et rerum subsidia, sinceris affectibus,
obtulerunt. Ita quod, contemplatione captionis dicti principis,
credatur nostris adjectum juribus potius quam subtractum: circa
predictum itaque casum in eo efficacissime consolati, quod divina
gratia per eumdem principem nos locupletavit in sobole; ac attendentes
quod in portu nostro Neapolis, galee munitissime quinquaginta
quatuor, galeoni septem, et plura vassella; In portu vero civitatis
nostre Brundusil, galee vigintiquinque et taride septuaginta; et in
plagia nostra Nicotere, taride septem, nil aliud quam verbum nostre
iussionis expectant; quodque militum et nautarum nobis copie suppetunt,
que in multo maiori negotio felicem pollicentur eventum; illud
autem in rationis nostre trutina ceteris preponentes, qui in causa
nostra divinam prosequimur et sancte Matris ecclesie libertatem; Ad
continuationem assumpti negotii, sine intermissione aliqua confidenter
intendimus, et totis nisibus preparamus, quod per mediterraneas regni
partes terrestris exercitus, et per utraque marittima regni latera
vassellorum nostrorum extolia in hostium et rebellium nostrorum
Sicilie promeritum exterminium duce domino feliciter dirigantur. Ita
quod in brevi, divina favente clementia, letos rumores de nostris
processibus audietis. Verum ne sub expectatione galearum vestrarum,
quas iuxta conditionem iniecti federis pridem in transitu vestro
nostre promissionis adiectione vallatam, non solum declarato termino,
sed ut cumque maturius in nostrum subsidium nostrique decus extolii
fiducialiter et ilariter expectamus, contingat iam apparatos motus
nostre potentie retardari; Sinceritatem vestram affectuose requirimus
et rogamus, quod si forte galeas ipsas in receptione presentium iter
ad nos, quod non credimus, non arripuisse contingerit, sic ipsarum
acceleretis et stimuletis adventum, quod, sicut pro eis amica vobis
affectione tenemur, sic etiam de promptitudine teneamur. Dat. Neapoli
die XIV junii XII Ind.

_Dal r. archivio di Napoli, registro di Carlo I, segnato 1283. A, fog.
150 a t._

XIX (XVI).

Scriptum est eidem (Justitiario Capitanate). Cum nonnulli de Sarracenis
Lucerie, qui ad nostrum venerunt exercitum ad nostra servitia moraturi,
abinde intendant discedere, sicut nuper accepimus, et redire ad
propria, licentia a nobis aliqua non obtenta; fidelitati tue firmiter
et districte precipimus, quatenus, si Sarraceni ex eisdem aliqui, nisi
de ipsorum licentia a nobis vel marescallo nostro licteras habeant, ad
partes ipsas redierint, statim capias de personis; et ipsorum cuilibet,
ut de tanta temeritate non gaudeant, et alii timore perterriti similes
deinceps committere non attemptent, pedem facias irremissibiliter
amputari. Dat. in castris in lictore Bruczani, die VII augusti XII
Indict.

_Dal r. archivio di Napoli, registro di Carlo I, segnato 1283, A, fog.
54._

XX (XVII).

Scriptum est universitatibus per totam insulam Sicilie constitutis
etc. Noverit Universitas vestra quod de illustri et magnifico viro
domino Roberto Comite Atrebatensi, Karissimo nepote nostro, ut de nobis
met ipsis plenius confidentes, ipsum in tota insula nostra Sicilie
nostrum generalem Vicarium usque ad nostrum beneplacitum, ordinamus:
dantes sibi plenam, generalem et liberam potestatem assecurandi nomine
nostro quascumque Universitates et speciales personas eiusdem Insule,
in personis et rebus; remittendi eis offensam et culpam quam adversus
nostram commiserint Maiestatem, et penas mortis rerum aut exilli,
quas propterea incurrerunt; recipiendi eas in gratia nostra, et sub
nostri nominis protectione tenendi; statuendi ibidem Justitiarium,
secretos, portulanos et alios officiales quoscumque; et percipiendi
fructus et redditus ad nostram Curiam pertinentes, sicuti nosmet ipsi,
si presentes essemus, facere valeremus. In quibus omnibus totum sibi
concessimus posse nostrum; in verbo Regie dignitatis tenore presentium
promittentes Nos et heredes nostros rata habituros et firma, quocumque
prefatus Comes noster Vicarius tractaverit, ordinaverit, promiserit,
et fecerit in premissis et singulis premissorum; nulla unquam per nos
aut ipsos heredes nostros quomodolibet irritanda, set manutenenda
iugiter et servanda. Quare volumus et mandamus, quatenus persona nostra
in eodem Comite speculantes, sibi in omnibus, tamquam nobis, devote
pareatis et efficaciter intendatis. Dat. in Castris in litore Bruczani,
die decimo augusti XII Ind.

_Dal r. archivio di Napoli, registro di Carlo I, segnato 1283, A, fog.
168 a t._

XXI (XVIII).

Excellenti et Magnifico Viro Nepoti suo Karissimo domino Roberto Comiti
Atrebatensi Karolus Dei gratia Rex Jerusalem et Sicilie etc. Communis
nobiscum sanguinis unione commoti, semperque a Vobis in necessitatibus
nostris filialis zelo caritatis adiuti, illius in persona vestra spei
fiduciam obtinemus, illa de vobis securitate confidimus, quod de
quibuscumque nostris negotiis, que vestro subducerentur ducatui, quo
altiora consisterent, eo securius in vestris brachiis quiescentes,
adesse sentimus in illis alteram corporis nostri partem. Hiis igitur
moniti, ac strenuitatis vestre deliberatione fulciti, cum ex communi
consillo sit provisum ut in Insulam nostram Sicilie presentialiter
transfretetis, Vos in tota eadem Insula nostrum generalem Vicarium
usque ad nostrum beneplacitum ordinamus; quod si placet officium
exercentes, terras et loca eiusdem Insule ad fidem culminis nostri,
eo modo quo expedire videritis..... plenam enim vobis et generalem et
liberam concedimus potestatem, assecurando nomine nostro quascumque
Universitates, vel speciales personas dicte Insule, in personis et
rebus; remittendi eis omnem offensam el culpam quam adversus nostram
commiserint Maiestatem, et penas corporales vel reales aut exilli,
quas propterea incurrerunt; recipiendi eas in gratia nostra, et sub
nostri nominis protectione tenendi; statuendi ibidem Justitiarios,
Secretos, Portulanos, et alios officiales quoscumque; et percipiendi
omnes proventus et redditus ad nostram Curiam pertinentes, et sicuti
nos met ipsi si presentes essemus facere valeremus: in quibus omnibus
totum vobis damus et tradimus posse nostrum. In verbo Regie dignitatis
tenore presentium promittentes, nos et heredes nostros rata habituros
et firma quecumque tractaveritis, ordinaveritis, promiseritis, et
facienda duxeritis in premissis, et singulis premissorum; nullo unquam
tempore per nos aut ipsos heredes nostros quomodolibet irritanda, set
manutenenda iugiter et servanda. Dat. in Castria in litore Bruczani die
X augusti XII Ind.

_Dal r. archivio di Napoli, registro di Carlo I, segnato 1283, A, fog.
169._

XXII (XIX).

Scriptum eidem. (Justitiario.....) Cum eorum excessus qui castra ut
transfuge derelinquunt, jura gravissima persequantur, eo quod paulo
minus distant a lese crimine majestatis; nos nolentes quod impune......
transeant hii qui castra nostra relinquerunt pertinacia perniciosa,
firmiter fidelitati tue etc., quatenus, statim receptis presentibus,
per omnes et singulas terras marittime decrete tibi provincie,
inquirere interea studeas diligenter; et tam omnes illos qui gagia a
curia receperunt, et venientes cum galeis et teridis exinde recesserunt
postea, vel recedunt in posterum fugitivi....., subscriptos de
vassellis melficte, quos maraldicio prothontino et comiti referentibus
aufugisse didicimus quocumque modo..... vel eorum aliquos poteris
invenire, capias de personis; et in pena commisse fuge, cum per
tales non steterit quo minus noster sit exercitus dissolutus, _pedem
sinistrum cuilibet facias amputare_: illos autem quos invenire non
poteris, voce preconia, facies puplice forbannire; bona eorum omnia,
tam mobilia quam stabilia, capere studeas, et ad opus nostre Curie
facias procurare; factis nihilominus de captione bonorum ipsorum tribus
scriptis puplicis consimilibus, continentibus qualitatem et quantitatem
bonorum ipsorum particulariter et distincte, quorum uno penes te
retento, aliud Camere nostre, et tertium magistris rationalibus magne
nostre Curie nobiscum morantibus, studeas destinare. Nomina vero
illorum de Melficta sunt hec, videlicet: excelsus de Nicolao, Dominicus
de Sabino, Santorus de sapis, Nicolaus privignus Leonardi de Baro,
Guillelmus de Sencita, Nicolaus Petracce de Nauclio Alexio, Angelus
de Magistro accipardo, Riccardus gener Siri Raonis, Petrus de Adam de
ferlicio gener Lucede Padule, Jacobus gener dompni Riccardi, Johannes
Albanense, Andreas Stortus, Egidius de ferlicio gener Clemente, Petrus
de Radosta, Magister Laurentius Zucarus, Leonardus de Stella, et
Angelus de Vigillis gener Josey. Dat. Cotrone die XIX augusti XII Ind.
(1284).

_Dal. r. archivio di Napoli, registro di Carlo I, segnato 1283, A, fog.
34 a t._

Simili si leggono a fog. 35, date lo stesso dì, e indirizzate al
_giustiziere di Terra di Bari, a quel d’Abbruzzo, e allo stratigoto di
Salerno; variando i nomi delle città e de’ disertori._

XXIII (XX).

Scriptum est eidem (Justitiario terre Bari). Si regis eterni dextera de
qua regnorum nostrorum sceptra suscepimus debilitata non creditur, nec
illud etiam rationabiliter ambigetur, quin qui sub ejus potentia reges
et regna incuriose subegimus, rebellem regni nostri parctiolam eo nos
dirigente qui statuit, viribus nostris adhibitis, facile subigamus;
nec opus est ut credimus prudenter instruere unde sic..... servilis
contumacia rebellium nostrorum Sicilie cursu jam imminente teneri
potentie nostre laqueum et scuticam debite correctionis evaserit.
Scilicet omni et usque ad ultimos orbis angulos fama pertonuit, quod,
cum instanter quasi postquam predictam insulam generaliter rebellasse
didicimus, potencie nostre viribus illuc in parte trajectis, civitatem
Messane, velut ydre caput, tam arcte obsidionis in impugnationis
instantia premeremus, ut jam velut elisis faucibus et in emissione
spiritus singultiret, subito vir nobilis dompnus P. tunc rei Aragonie,
hic qui nobis nunquam alicujus odii signum ediderat, immo precipuum se
confitebatur amicum, honoris sui prodigus, ac juris et ritus gentium
imprudenter oblitus, insulam ipsam latenter ingrediens, ostem sese
nobis obtulit improvisum. Propter quod nos instanter oportuit bellum
nostrum aliter integrari; protinus itaque conversi in eum potentie
nostre consiliis, ipsum usque Bordellum in guasconie fines, ubi
nobiscum ad pugne iudicium cum centeno hinc inde milite personaliter
adesse juravit, venatione sumus sollicita persecuti; eo tamen contra
religionem prestiti juramenti, non sine fame sue pernicie jurate pugne
judicium declinante, mora nihilominus in partibus ipsis pertraximus
usquequo de invasione regni sui, quod ad Romanam tenebat Ecclesiam,
justa dispositione domini nostri summi pontiticis, per magnificum
principem dominum Philippum regem Francorum illustrem comitum (sic)
dominum ac nepotem nostrum et nos deliberato consilio ageretur, quibus
effectum est, quod ejusdem Regni per predictum summum pontificem in
Karolum dicti regis Francorum filium collacione translata, idem,
rex regnum ipsum, iam per ejus capitaneos ex diversis partibus
potenter invasum, vere futuro proximo, sic duce domino personaliter
aggressurus, ut idem Petras proprio Regno careat qui sic imprudenter
manus injecerat (in) alienum. Hiisque itaque consulte dispositis, ad
partes istas immediate reduximus; bellum expeditum et liberum contra
Siculos resumpturi: quo quidem cum instanter trajicere crederemus,
annone coegit inopia quod transitum nostrum in predictam insulam usque
ad predicti proximi futuri veris initium differamus; si nobis interim
de annona, maginis et singulis necessariis...........quod nos nihil
impediat vel moretur quod rebellibus domitis, finem demus laboribus, et
statum fidelium in cultu pacis et justitie componamus. Verum cum tam
arduum amplumque negotium sine fidelium nostrorum subsidio comode geri
nequeat; firmamque geramus fiduciam, quod in necessitatibus omnibus, ac
specialiter in hoc casu, in quo non minus eorum quam nostram vertitur
interesse, a quo..... ecclesie vel ecclesiastice persone non redduntur
immunes, ipsos in veniat nostra serenitas liberales, generalem
subventionem eisdem nostris fidelibus citra farum propterea providimus
imponendam; fidelitati tue presentium tenore mandamus, quatenus,
informati primo per sparanum de Baro militem, juris civilis professorem
magne Curie nostre Magistrum rationalem, dilectum consiliarium,
familiarem, et fidelem nostrum, de hiis que sibi circa id in
jurisdictione tua per nostram excellenciam committantur, subvencionem
ipsam in terris et locis decrete tibi provincie, juxta quantitatem
taxationis anni proximo preterite duodecime indictionis, quam tibi
per cedulam sub sigillo nostri culminis destinavimus, et ultra id ana
tarenis tribus et granis septem per unciam, in singulis videlicet
terris et locis, per sufficientes et ydoneos taxatores et collectores
in consueto et competenti numero eligendos per universitates terrarum
et locorum ipsorum, taxari et recolligi facias, cum studio et
sollicitudine opportuna. Recipiens ab eis corporalia juramenta, quod
pecuniam ipsam ultra ana granos duodecim per unciam pro expensis
eorum, inter homines terrarum et locorum ipsorum bona burgensatica
ibidem habentes, sive ibi sive alibi habeant incolatum, consideratis
facultatibus, familiis, et condicionibus singulorum, prece, precio,
timore, gratia, odio, et amore pospositis, personaliter et fideliter
taxent, studiose recolligant, et tibi sine obstaculo retencionis
assignent; quam tu, pro ut successive receperis, nihil inde retines ut
pro quibuscumque serviciis prorsus expendens, ad cameram nostram penes
nos statutam, per fideles et sufficientes nuncios destinari curabis.
Ita quod, ad plus usque per totum proximo futurum mensem februarii,
totam pecuniam ipsam ad eamdem cameram nostram mittas: facturi fieri
de particulari taxatione ipsius pecunie cujuslibet terre vel loci,
quaternos consimiles quinque; quorum uno tibi retento, reliquos sub
sigillo tuo, unum videlicet taxatoribus et collectoribus, alium uno vel
duobus probis viris terre vel loci cujuslibet per universitates locorum
ipsorum ad id propterea eligendis ad faciendam inde copiam singulis
taxationis sue scire volentibus assignabis alium ad nostram cameram,
et relicum Magne Curie nostre magistris Rationalibus, ad plus infra
mensem unum postquam taxatio facta fuerit, transmissuri. Universitates
et personas alias ipsarum parcium ex parte nostra requiras efficaciter
et inducas quod predictum augumentum tarenorum trium et granorum septem
per unciam, in hujus tam urgentis necessitatis articulo, moleste
non perferant..... in obtentu nostri culminis devote persolvant.
Nos enim predictum negotium intendimus, duce domino, collectis
viribus tam potenter assumere, quod qualibet predictorum nostrorum
rebellium deffensione tractu calcata brevissimo, nulla propterea
nobis aut nostris fidelibus laborum vel sumptuum materia relinquatur.
Si tamen universitatum ipsarum aliqua, augumentum ipsum gravem sibi
fore censuerit, id nolumus invitis imponi; dummodo predicte prioris
taxationis quantitas nullatenus minuatur. Dat. Brundusii die V octobris
XIII Indictionis (1284).

_Dal. r. archivio di Napoli, registro di Carlo I, segnato 1283, A, fog.
37._

XXIV.

Excellenti et magnifico prìncipi karissimo domino et nepoti suo domino
Filippo, Francorum regi illustri, Karolus Dei gratia rex Jerhusalem,
Sicilie, ducatus Apulie ac principatus Capue, Alme urbis senator,
princeps Achaye, Andegavie, Provincie, Forcalcherii et Tornodorii
comes, cum reverentia debita et omni recommendatione salutem. Cum,
humani fragilitate generis laborantes, quadam ad presens egritudine
teneamus, volentes a vobis, a quibus totalis spes nostra dependet,
heredum nostrorum statui provideri; in assertione directa, et locutione
vera et sana memoria costituti, vobis tutelam comitatuum Andegavie,
Provincie et Forcalcherii, usquequo Karelus primogemitos noster
princeps Salernitanus de nimicorum carcere quo tenetur restituatur
pristine libertati, vel eo inibi decedente, usquequo Karolus
primogenitus suus, nepos noster, ad legitimam etatem perveniat,
vel ipso infra eam similiter moriente, donec alter liberorum dicti
principis primogenito ipsius proximior legitimam similiter attingat
etatem, fiducialiter duxerimus commendandam. Majestati vestre humiliter
supplicantes quod attendentes, si placet, quatenus dictorum primogeniti
et nepotum nostrorum in vobis, post Deum, spes constat atque refugium,
et sola vestri culminis protectione nitantur, dictam tutelam in vestris
manibus assumatis, et sanguinis communis in testu, gerere si placet et
administrare volitis. Dat. Fogie anno MCCLXXXV, die vj januari xiij
Iudictionis, regnorum nostrorum Jerhusalem anno octavo, Sicilie vero
vicesimo.

_Dagli archivi del reame di Francia, J. 511, 5._

XXV (XXI).

Inclito ac spectabili Viro domino Jacobo, filio quondam viri Magnifici
domini petri olim Regis Aragonum, Robertus comes Atrebatensis Salutis
monita pro salute. Formam conditiones et vincula Trenguarum, que olim
de mense Augusti secunde indictionis proximo preterite ante Gaietam
inter principem Inclitum domitium Karolum secundum Jerusalem et Sicilie
Regem, Illustrem, consobrinum nostrum carissimum ex una parte, ac
vos ex altera, tam celebriter constiterunt, vestre credimus habere
memorie; ac post nostra et aliorum quamplurium testimonia, nec non
vulgarem exinde in populis notionem, confecta utraque proinde scripta
sollempnia serie tam fulgenti expressione insinuant, quod transgressor,
post conscientie stimulum, quo sub proprii censura Judicij graviter
urgetur, irreparabile nichilominus sui honoris et nominis occurreret
detrimentum. Qua consideratione commoniti, eo teste qui scrutator est
cordium, ut predicti Regis nostrumque servaremus honorem, quantum Regis
ipsius ac etiam Juramenti per nos inde prestiti ratione contingimur;
sic de treuguarum ipsarum observatione curasse nos credimus, ut contra
ipsarum formam nil penitus commississe, nil etiam consensisse, nil
denique dissimulasse credamus; firma etiam opinione subnixi quod et
vos in hiis, pro vestri nominis honore servando, bone fidei studia
gesseritis et geratis; nec ab opinione ipsa ea occasione divellimur
quod plerique vestrorum, non tamen vestra, ut credimus, beneplacita,
propria consilia temere prosequentes, occulto forsitan maris terreque
discursu contra predictas Treuguas Regios fideles invadunt, personas
interimunt vel offendunt, ac bona diripiunt et predantur. Audimus et
etiam quod et de Regia gente sint aliqui, a Regio tamen el nostro
beneplacito declinantes, qui plerumque in vestrorum aliquos, simili
temeritate, bachantur. Nec solum inter hostes bellorum duces in
Treuguis, Verum etiam inter Cives, Reges, et alii presidentes in
pace, non sic possunt humanam frenare nequitiam quin in iniurias et
scelera decurratur. hiis igitur a qualibet suspicione ac admiratione
sepositis, de illis certe grandi satis admiratione percellimur,
que per vulgatos exercitus, duces, et officiales vestros, ac de
potioribus quidem aliquos, tam puplice tam famose contra predictarum
treuguarum seriem commissi noscuntur, quod verisimilitudo dissenciat,
nec apparens ratio contradicat ea vel facienda quod credere certe
non possumus, vel demum facta quod excusare nescimus, vestram latera
notitiam nequivisse. Que vel facienda prohiberi debuerint, vel facta
eos severius iudicari, quando clariori evidentia opus erat credibile
facere quod illa nostris affectibus et propositis non placerent.
Verum prius quam commissorum accedat expressio, satis adiacet verba
repeti treuguarum; ut earum serie preposita, et deinde commissorum
expressione subiuncta, clarius liqueat quod non sub lege sed contra
legem Treuguarum ipsorum, quod usque ad festum omnium sanctorum
proximo future quinte indictionis penitus duraturam, Guerram aliquam
non faciatis in terra nec in mari, neque per vestrorum aliquos moveri
aut fieri permittatis; exclusis a conditione Treuguarum ipsarum per
terram Calabria et citra Calabriam usque Tribisacium et Castrum Abbatis
quibus........................ per mare vero et usque ad lucos maris
Treuge sunt indite prout......... .............. extensis etiam a
terminis predictorum finium infra terram almugavaris, tantum si forte
guerram aliquam per terram..... ubilibet infra regnum. Promisso tamen
per vos bona fide, quod almugavaris ipsis, in movenda vel facienda
guerra ipsa, nullum prestetis Consilium, auxilium vel favorem, nec
per officiales aut stipendiarios vestros associari permittatis
eosdem. Et licet ex treuguarum ipsarum serie vobis et officialibus
vestris competat pro munitione terrarum et locorum Calabrie vestro
subjectorum dominio, vascella illuc per mare mittere cum munitionibus
oportunis; per sequens tamen Capitulum, de treugis ipsis per vos gentem
valitores ac fautores vestros ubilibet per mare servandum ac servare
faciendum, expresse subjungitur, quod causa faciendi vel movendi
guerram, scandalum, vel turbationem in locis aliquibus existentibus
ubilibet in dominio ac potestate dicti Regis, vobis infra treguarum
ipsarum tempus, cum vascellis aliquibus ire non liceat, aut illuc
vascella mittere in magna vel modica quantitate. Quibus etiam treugis
inter alia subditur, quod si medio tempore contra earum formam ab una
parte aliqua dapna data fuerint, alteri, eis probatis in Curia domini
dapna passi, vel viri nobilis domini Joannis de Monteforte Squillacii
et Montis caveosi Comitis, pro parte dicti regis, seu viri nobilis
domini Rogerii De Lauria, vestri ac Regni Aragonum Ammirati, pro parte
vestra, Dominus Illatoris infra quadraginta dies, numerandos a die
significationis, ex inde per litteras sibi factas dapna ipsa bona fide
sarciri faciat.....passis. Nunc ergo que contra treguarum ipsarum
tenorem, sub concepta ex illis securitate, commissa sint, Magnificentia
vestra si placet intelligat; ac diligentia qua decet advertat utrum ex
eis vestro adijciatur an dematur honori. Notorium est, et etiam veluti
quod passi miserabiliter deflent videntes discunt, et adjacentes populi
non ignorant, Nobisque in curia dicti Regis, que penes nos est, per
probationes ydoneas plene constat, quod olim de mense octumbris anni
tertie inditionis proximo preterite, dum vir nobilis dominus Guillelmus
Estandardus, regni Sicilie Marescallus, tunc regius Capitaneus
Calabrie, pro usu suo et gentis secum illic ad fidem et servitia regia
commorantis, per Nuntios suos deferri facerit de partibus terre ydronti
per mare ad partes Calabrie in barcis septem, sub ejus conductis
periculo, per eumdem ad mensuram generalem frumenti salmas ducentas et
hordei salmas totidem, dominus Guillelmus Gazzaramus, tunc Capitaneus
Vester in Cutrono, per quasdam barcas armatas de gente vestra capi
fecit, atque Cutronum devehi predictas barcas, cum eodem frumento et
hordeo; ac frumentum et hordeum ipsum ibi ad opus suum exhonerari
faciens, cum requireretur sollepniter per Estandardum predictum de
restitutione barcarum ac victualium predictorum, eo quod hiis factum
fuerat contra treguas predictas, finaliter et expresse respondit se
nihil scire de treguis eisdem; ac demum barcas et victualia ipsa
retinuit, ea seu valorem ipsarum restituere contradicens. Item quod
olim, circa finem mensis Junii eiusdem tertie inditionis, ac Mensis
Julii continuo subsequentis initium, Cum insula seu locus qui dicitur
Licastelli situs in Calabria existeret in fide, potestate ac dominio
dicti Regis, in tenuta scilicet ac possessione viri nobilis domini
Petri Rufi de Calabria Comitis Catanzarii, qui locum a Regia Curia
tenuerat et tenebat, predictus Dominus Rogerius de Lauria, cum
vascellorum vestrorum estolio et gente vestra, sub invocatione vestri
nominis, vestrisque vexillis hostiliter ad locum ipsum accedens, illum
non solum per armatos de vascellis ipsis in terram expositis, quamvis
nec id bono modo equus treguarum ipsarum sensus admittat, sed etiam per
reliquos de vascellis ipsis per mare aggrediens et impugnans, eum non
sine strage civium rerumque jactura, sub octo ferme dierum impugnatione
continua, tandem obtinuit. Qui locus ex tunc adhuc vestro nomine
detinetur; ubi atque Geracii, Catanzarii, et in locis aliis per partes
illas in Regia fide dominio ac potestate existentibus, in vascellorum
ipsorum adventu et reditu, per navigantes in eis, preter personarum
dispendia, que dapna in rebus illata sint preferimus ad presens, eo
quod de illis distinctio clarior expectatur. Item quod infra predictum
mensem Junii, Dominus Guillelmus de Padula, justitiarius vester in
partibus basilicate, nec solum cum almugaveris, qui per terram, ut
dictum est, locorum terminis non clauduntur, sed etiam cum Malandrinis,
aliisque latinis et catalanis de gente vestra, terram Montis Albani
de justitiaratu Basilicate sistentem in fide, potestate ac dominio
dicti Regis citra et extra fines predictos a treuguis exceptos, sub
invocatione similiter nominis vestrisque vexillis hostiliter agrediens,
et ingrediens terram, in captivis absumpsit ac spoliis, atque cedibus
et igne consumpsit. In quibus, prout vestra non credimus dissentire
concilia, non solum dapnorum instauratio, quod etiam in privatorum
transgressione de dapnis extimabili restauratione subjectis locum
habere censitur, sed etiam, pro eo quod per officiales vestros vestro
nomine gesta sint, ac eorum aliqua, utpote personarum clades, sarciri
vel extimari non possint, ipsorum transgressorum.........peteretur.
Quibus omnibus ut illud accidit, quod cum in treguis ipsis steterit,
ut est dictum, de cohibendis gente valitoribus et fautoribus vestris a
guerra per mare, atque cohibendo accessu vascellorum ipsorum ad guerram
scandalum vel turbationem in insulis vel aliis locis regis faciendam,
ecce vestra seu vestrorum vascella et navigantes in eis, per superum
inferumque mare, more piratico, discurrentes; et non semper, sepe
tamen, et sepius modico tum per mare marisque litora, tum plerisque
aliquibus ex turma depositis, per plagias propinquosque saltus et
nemora, contra fideles regios lapsi sunt et labuntur in predam ac.....
ad terras et loca vestri dominii redeuntes, non scilicet occulte vel
tacite, sed in pompis ac strepitu adeoque et civitatis.....locorum
ipsorum in iis ignorantia quoquo modo pretendi ac tolerantia excusari
non possit, ibi puplice predas exponunt, carcerant, tenent, venduntque
captivos .............................quorumdam ex dapnis huiusmodi
que contra treguas predictas per vestros regiis sunt illata per alias
nostras literas infrascriptas.....ad ea tamen per presentes insistimus
ut predictum locum de Licastelli per vestros, ut dictum est, centra
treguarum seriem.... occupatum, mandare velitis et facere absque mora
restitui viro nobili domino Raynaldo Cugnetto de Barulo, dilecto
Consiliario, familiari et nuncio nostro, latori presentium, ad id per
nos pro parte Regie Curie ac per predictum Comitem Catanzarii coram
nobis sollempniter constituto, vel alii ad id per eumdem nuncium
statuendo pro parte ipsius Regie Curie atque Comitis memorati; ac
de puniendis predictis, tam qui sub officiorum vestrorum titulis
vestro nomine taliter excessisse quam qui sub predenum tolerantia
deliquisse noscuntur; nec non eis et aliis vestris ad debitam treguarum
ipsarum observantiam dirigentes, tam congrue providere, ut treguarum
ipsarum..... citis quibus vestrum imminet juramentum, ac vestro proinde
satisfaciatis honori: pro quibus omnibus et singulis explicandis
apertius et efficacius prosequendis, predictum dominum Raynaldum
Cugnettum ad vos specialiter mittimus, cui super iis que circa hec
oretenus ex parte nostra magnificentie vestre retulerit, fidem cupimus
plenariam adhiberi. Dat. Neapoli, die xxvii decembris iv Indictionis
(1290).

_Dal. r. archivio di Napoli, registro di Carlo II. segnato 1291, A,
fog. 183, 184._

XXVI (XXII).

Karolus secundus, etc. Universis presentis scripti seriem inspecturis.
Presentata nuper in Majestatis nostre presenciam, capitula convencionum
et pactorum habitorum et tractatorum inter nobiles viros Thomasium
de Sancto Severino, Marsici, et Hugonem, Vademontis Comites,
Raymundum de Bauctio, Hugonem de Viariis, et Jacobum de Bursone
milites, consiliarios, familiares et fideles nostros ex parte una,
et Apperentem de Villanova, militem, Capitaneum et Castellanum terre
et Castri Abbatis, per se et universitatem terre et castri prodicti,
nec non stipendiariis, almugaveris, et malandrinis in eadem terra
morantibus, ac servientibus dicti Castri ex alia, sigillis utique dicti
Apparentii, Guillelmi de Molinis, Petri Formice, Guillelmi Aymari, et
Petri Bertrandi munita, continebant per omnia seriem infrascriptam.
In primis petit dictus Castellanus, quod absolvantur, renuncientur,
et diffiniantur Universis et singulis hominibus habitatoribus dicte
terre, Uxoribus, filiis et filiabus eorum, omnes offenciones, dampna,
et gravamina, lesiones, et opposiciones acta seu illata per eos, vel
eorum alterum, tam in factis quam in dictis, temporibus retroactis
et presentibus, contra prefatum dominum regem Karolum, fideles, et
valitores suos; et quod predicti homines, et eorum uxores, filii, et
familie eorumdem, et omnes res et bona eorum sint affidati assecurati,
et confirmati ad bonam fidem et sanum intellectum, sine fraude, et sine
aliquo malo ingenio; et quod confirmentur et observentur eisdem omnes
frankitudines, consuetudines, et observancie, quae antiquis temporibus
ipsi, vel eorum antecessores habere consueverant: et si forte
donaciones vel concessiones alique facte fuerint per illustrissimum
Regem prefatum, vel aliquem loco ipsius, de bonis et possessionibus
hominum dicte terre, quod revocentur patronis eorumdem; et de toto
hoc capitulo petit fieri regium privilegium per eorum cautela. Item
petit idem Castellanus, terminum triginta dierum, ab eo die videlicet,
quo Nuncii dicti capitanei ascendant lignum, ituri ad eorum dominum
Dompnum Fredericum in antea memorandum: ita quod infra et per totum
vicesimum diem ipsius termini, non recipiat, nec recipi faciat fodrum
et gentem aliquam infra terminum et castrum predictum, nisi in antea
usque ad numerum triginta dierum; tali modo et condicione, illis
videlicet diebus, et viginti usque ad triginta, gens dompni Frederici
predicti possit stare et preliari in campo, in loco videlicet ubi
dicitur Lasilicta, sine fortellicia vel monte aliquo in quibus non sit
habilis pugnatio militum et equitum ad arma, cum dictis dominis vel
gente illustris Regis prefati, longe a mari infra terram per tractos
tres baliste; et quod dicti nuncii sui ducantur secure ad eorumdem
dominum supradictum; et si exforcium seu succursus eorum pugnare seu
preliari possit vel campum teneri contra dominos supradictos et gentem
predictam, idem Castellanus reddere terram et castrum minime teneatur,
et predicti domini, obsides omnes pro observacione dictorum pactorum
per ipsum capitaneum exhibitos, restituere teneantur. Et si forte
exforcium seu succursus eo termino non venerit, seu accesserit, ut
predicitur, predictus Castellanus reddat, et reddere teneatur penitus
et liberari totaliter terram et castrum predictum, cui predictus
dominus rex mandaverìt, seu dominis supradictis; et infra predictum
spatium triginta dierum, ab hodierna die tercia videlicet martii in
antea, sit treuga inter gentem dompni Regis Karoli predicti, Valìtores
et fideles suos ex una parte, et Castellanum ac gentem terre et castri
predicti ex altera: Ita quod gens predicti domini Regis non offendat
nec offendi faciat de die vel nocte castrum vel terram predictam,
nec gentem in personis vel rebus eorum; et dictus Capitaneus et gens
terre et castri predicti, non offendat vel offendi faciat gentem
dicti domini Regis Karoli; in personis vel rebus eorum, de die vel
nocte, publice vel occulte. Item petit idem Castellanus, affidari
et assecurari per illustrissimum Regem Karolum prefatum et dominos
suprascriptos, bona fide et sine fraude, ad bonum et sanum intellectum,
se et omnes stipendiarios, almugaveros, et malandrinos servientes
dicti castri, et quascumque alias personas, tam de dicta terra quam
aliis, qui et que cum dicto Castellano a predictis castro et terra
recedere voluerint, et secum ire cum filiis et familiis eorumdem;
et quod exhibeantur sibi vassella, que dictum Castellanum et totam
comitivam recedentium cum eo, cum rebus eorum, deferant et deponant
eos salve et secure usque ad terram Tropee, vel ultra, in aliquo loco
dominii dompni Frederici predicti. Item petit idem Castellanus, quod
si forte nuncius suus missus per eum ad dompnum Fredericum predictum
arrestaretur, seu turbaretur infra predictum terminum et (per?) gentem
Illustris Domini regis prefati, non labatur eis terminus dierum
predictorum tam de turbacione predicta; dum tamen de turbacione et
arrestacione predicta nuncii, appareat evidenter. Item quod si aliqui
almugaveri vel malandrini remanere voluerint ad fidem et servicia
Regis prefati, et teneantur solvere seu solvi facere aliquid eidem
Capitaneo vel alicui Capiti almugaverorum, quod solvant eidem debita,
alioquin non recipiat seu recolligat illum vel illos. Que omnia et
singula supradicta capitula, acceptata et affirmata fuerunt per viros
magnificos superius nominatos, nec non confirmata per eos, prestito ad
sancta Dei Evangelia corporaliter juramento ex una parte, et dictum
Apparentem militem, Guillelmum de Molinis, Petrum Formicam, Guillelmum
Aymari, Petrum Bertrandi, et alios quadraginta de Melioribus castri et
terre predicte ex parte altera, teneri et observari pacta predicta:
de quibus observandis dictus Caslellanus dedit obsides infrascriptos,
videlicet: Matheum de Goffrido, Iohannem de Felice filium Mathei de
Felice, Matheum de Madio, Nicolaum Magrintinum, Leonem filium Iohannis
de Massa, Matheum de sancto Murro, Iohannem filium Mathei Dompne
Gemme, Francisum Franciscum Ferranum, Gaudilectum Magistrum, Corradum
Barbalco, Bonanoliam filium Castellani, Bernardum de Ribecta, Petrum
Bertrandi, Lyoctum deductum, Cappellanum Mactalamala, Bernardum Corna,
Inciluam, et Brancatum. In cujus scripti et pactorum Retroscriptorum
roboratiorem firmacionem et tenacem observacionem, presens scriptum,
predictus Castellanus et alii superius notati, fieri fecerunt,
eorum propriis sigillis munitum. Scriptum in obsidione ante Castrum
Abbatis, die tercio mensis Martii, duodecime Indictionis. In quibus
noster extitit poslulatis assensus; quia ergo hiis qui post errorem
et devium que sequuntur, rectam viam repetunt, et semitam veritalis,
gratie nostre Ianuam nostram non claudimus; Immo volentibus abiurare
perfidiam, fidem sequi, misericordie nostre libenter gremium aperimus,
predictis pactis et Convencionibus sic tractatis, ubi sic executionis
rem et facti efficaciam habeant sicut............. de certa nostra
scientia, presencium tenore, accedimus; et etiam exaudimus ea tenore
presencium Confirmantes, et Acceptantes expresse, ac per nos et nostros
heredes et officiales quoscumque..... decernimus et volumus illibatam.
Dat. Neapoli per Bartolomeum de Capua Militem, etc. die VII martii XII
Indictionis (1299).

_Dal r. archivio di Napoli, registro di Carlo II, segnato 1299, A fog.
43._

XXVII (XXIII).

Karolus secundus, etc. Tenore presencium notum fieri volumus universis,
quod ostense fuerunt nuper nobis lictere viri nobilis Thomasii de
Sancto Severino, Comitis Marsici, consiliarii, familiaris et fidelis
nostri, que erant per omnia continencie infrascripte. Nos Thomasius
de sancto Severino, Comes Marsici, Regius Capitaneus generalis
principatus ad guerram, tenore presencium notum facimus universis,
quod existentibus nobis intus terram Castri abbatis, quam ad fidem et
mandata Regia est regressa, Berlengarius de luminaria almugaverus,
tam pro se quam pro subscriptis almugaveris, ad fidem et mandata
regia redeuntibus, infrascripta sibi fieri peciit et attendere, primo
videlicet quod pro ipso Berlengerio, Andrea Burraccio, Ferrerio
oliveri de guardia, Bernardo Martini, et Guillelmo Raymundi gagia
equitum, videlicet unciarum auri duarum per mensem pro quolibet, pro
curia exsolvantur. Item pro Guillelmo et petro de terminis, capitibus
almugaverorum, gagia duplicata, videlicet tarenum unum per diem pro
quolibet capitum eorumdem. Item quod quilibet almugaverorum predictorum
subscriptorum, ad fidem eandem recedentium, unius caroleni per diem
gagia consequatur. Item quod ipsis omnibus, tam equitibus quam
peditibus successivo, tam videlicet sanis quam egrotis, singulis tribus
mensibus paga fiat. Ita quod quicquid predicti almugaveri de bonis
hostium regiorum fuerint modo quolibet acquisiti, sine molestia aliqua
inter se dividant, iuxta eorum consuetudinem, atque usum: que omnia
supradicta pacta atque capitula, dictus Berlengerius, pro se et sociis
suis, petiit observari. Nos igitur, consideratione debita prudentes
almugaverorum ipsorum conversionem ad fidem, non sine re utile ex
ratione varia fore proficuam, et honori Regio statuique pacifico
patrie eonsiderantes accomodam, dicto Berlengerio capitula et pacta
predicta pro se et sociis suis ad fidem redeuntibus prelibatam, tali
modo providemus et promittemus observare, quod dictis equitibus, ab eo
die quo equos habuerint in antea, gagia equitum computentur; et alia,
pro ut supra destinata sunt, per Regiam Curiam et per nos observabunt
eisdem, et eis gagia persolventur, illis videlicet qui in stabilita
et obediencia morabunt. In cujus rei testimonium et testitudinem
eorumdem, presentes patentes licteras nostras exinde fieri fecimus,
nostro sigillo munitas. Nomina vero ipsorum, tam equitum quam peditum,
sunt hec, videlicet: Berlengerius de luminaria, Andreas Burratius,
Guillelmus Raymundi, Bertrandus Martini, et Ferreris Oliveri, equites;
item pedites Petrus de terminis, Guillelmus spronus, Parisius de Arnes,
Ferreris Alberti, Guillelmus Iurnectus, Dominicus Bonetti, Guillelmus
de Auliana, Bernardus Maymonis, Bernardus gavarra, Raynaldus de
Caraldo, Petrus pronamallolus, Petrus de Vico, Bernardus de Vitali,
Petrus Ferranti, Petrus Baralacta, Dominicus Pallo, Raymundus Mathei,
Boneccus de Salas, Bernardus de Fullularia, Bernardus de Saragueria,
Bernardus de Armaterio, Berlengerius Baronus, Bernardus de Scarpa,
Bartolomeus de Arnas, Bernardus de Prato, Petrus Fredera, Petrus
Sardonus, Guillelmus Valentinus, Raymundus de Belsa, Guillelmus
Mirus, Raynaldus de Caralt, Petrus magister, Bonus natus de Corbera,
et Petrus Forcia. Data in obsidione intus terram Castri abbatis, die
XXVIII mensis martii xii Ind. Cumque petitum extitit per Almugaveros
supradictos pacta prescripta per nostras licteras confirmari, Nos illa
eis tenore presencium confirmamus; ha licteras nostras, sigilli nostri
appensione munitas, in testimonium concedentes eisdem. Dat. Neapoli,
per manum, etc. die iv aprilis xii Indictionis (1299).

_Dal r. archivio di Napoli, registro di Carlo II, segnato 1299, A, fog.
36 a t._

XXVIII (XXIV).

Scriptum est Vicario Principatus et Stratigoto Salerni, etc. Pro parte
Thomasii de Procida militis, fidelis nostri, nobis fuit humiliter
supplicatum, ut cum pridem de mandato celsitudinis nostre quondam
Iohanni de Procida, Patri ejusdem Thomasii, bona quedam burgensatica
existentia in eadem civitate Salerni fuissent restituta, ac Matheo
de Porta de Salerno militi fideli nostro, procuratori ejusdem
Iohannis, postmodum assignata; nunc nonnulli de Salerno, asserentes
predictum Iohannem, seu Thomasium filium ejus, ex certis causis,
in certis pecunie quantitatibus sibi teneri, ad bona ipsa habentes
recursum, illa capiunt; et dictum procuratorem in possessione eorumdem
bonorum inquietant multipliciter, et perturbant, in ejusdem Thomasii
prejudicium manifestum. Super quo provisionis nostre remedio implorato;
fidelitati tue committimus et mandamus, quatenus bona predicta, a
quocumque capi non permittens, dictum Matheum in possessione eorumdem
bonorum non patiaris indebite molestari quin imo eumdem Matheum
auctoritate presentium in ipsorum bonorum possessione manuteneas et
defendas: et si secus huc usque fuerit attentatum, facias in irritum
revocari; si vero aliqui in predictis bonis jus aliquod habere se
dicant, illud, si voluerint, coram competenti judice, ordinarie
prosequantur. Presentes autem literas, postquam eas inspexeritis in
quantum fuerit opportunum, restitui volumus presentanti. Dat. Neapoli,
in absentia Protonotarii, per magistrum Petrum de Ferreriis, etc. Die
xvi aprilis xii Indict. (1299).

_Dal r. archivio di Napoli, registro di Carlo II, segnato 1299, A, fog.
210._

XXIX (XXV).

Scriptum est Iohanni pittico militi, Castellano Castri Sancte Marie
de monte, etc. Volumus et fidelitati tue presentium tenore districte
precipimus, quatenus ad requisitionem Guillelmi de pontiaco, militis,
Magne Curie nostre magistri Rationalis, dilecti Erarii, familiaris,
et fidelis nostri, cui exinde scribimus, Henricum, Fredericum, et
Encium, filios quondam Manfridi dudum principis Tarentini, quos in
dicto castro carcer noster includit, statim absque alicuius more vel
difficultatis obstaculo ab eodem carcere liberes, eosque sic liberos
prefato Guillelmo assignes; mittendos ad nos per eum, prout sibi per
speciales nostras litteras demandatur, mandato aliquo huic contrario
non obstante. Datum Neapoli, in absentia prothonotarii, per magistrum
Petrum de Ferreriis, etc. die xxv Iunii Ind. (1299).

_Dal r. archivio di Napoli, registro di Carlo II, segnato 1299, A, fog.
96 a t._

XXX (XXVI).

Scriptum est Guillelmo de pontiaco militi, etc. Scribimus per alias
litteras nostras Iohanni piticco militi, Castellano Castri nostri
Sancte Marie de monte, ut ad requisitionem tuam filios quondam
Manfridi dudum principis Tarentini, quos in dicto Castro carcer noster
includit, absque difficultate qualibet liberet, et tibi liberos
assignet eosdem: propter quod volumus et fidelitati tue precipimus,
ut statim receptis presentibus, prefatum Castellanum quod eos liberet
instanter requiras; quibus liberis, convenientem robam ipsorum
cuilibet fieri facias, eosque sub ducatu alicujus militis vel cuiusvis
alterius, prout expedire videris, ad nos mittas; traditis sibi equis
pro equitatu ipsorum ad locrium conducendis, nec non expensis, que
pro adventu ipsorum ad nos usque Neapolim necessarie dignoscuntur;
predictum vero Robarum et dictorum equorum locrium solvi, ac expensas
huiusmodi exhiberi sibi facias per Erarium quod est tecum, de fiscali
pecunia existente per manus suas; et in eius defectu de quacumque alia
invenienda mutuo ab illis, restituenda postmodum illis per eumdem
Erarium de quacunque pecunia Curie, que ad manus suas undecunque
pervenerit successive. Ita quod nullus in hoc possit quomodolibet
intervenire defectus. Dat. ut in proxima.

_Dal r. archivio di Napoli, registro di Carlo II, segnato 1299, A, fog.
96 a t._

XXXI (XXVII).

Scriptum est Ecclesiarum prelatis, Comitibus, Baronibus, Iustitiariis,
Secretis, Magistris Portulanis, et procuratoribus, Magistris Salis,
provisoribus Castrorum, Castellanis, Capitaneis particularibus,
ac quibuscumque officialibus et personis aliis Insule Sicilie et
pertinentiarum ejus, tam presentibus quam futuris. Cultum vere
fidei et spiritum veritatis Representatur ymago patris in filium,
et per virtutis generative suffragium, memoria reservatur in eum;
immo sic utriusque persona censetur altera, ut unius actum sanctio
Iuris alterius censeat, et identitatem in ipsis alternis actionibus
multifariam comprehendat. Et licet unius rei duorum in solidum non
possit esse dominium, ipsa tamen Iuris edictio meliora prospiciens,
dominum, vivente patre, filium, quadam extimatione constituit; et
in emolumento ac honore stipitem hereditarium subrogavit. Sane de
Roberto primogenito nostro carissimo, duce Calabrie, ac in Regno
Sicilie Vicario generali, utique filio benedictionis et gratie,
plenarie confidentes, quem ab experto novimus aborrere vitia et
amare virtutes, eum Vicarium nostrum generalem et perpetuum totius
Insule nostre Sicilie ac pertinentiarum eius, duximus statuendum;
plenam ei et integram meri ac mixti Imperii et animadversione gladij
concedentes, sub certis et specialibus plenitudinibus, potestatem;
quas nostre alie patentes sue inde commissionis littere continent et
declarant. Volumus igitur et expresse mandamus, ut eidem primogenito
nostro, quem velut ymaginarium presentie nostre in Insula predicta
statuimus, tamquam nostro in illa Vicario generali de omnibus que ad
generalis Vicarie officium pertinere noscuntur, tamquam persone nostre,
reverenter intendere, ac ad honorem et fidelitatem nostram obedire
devotius studeatis; ac insuper litteras eius omnes, sub sigillo Vicarie
mittendas, tam super negotiis fiscalibus, quam privatis, curetis
devote recipere, et exequi cum effectu, ac si essent sigillo nostri
Culminis sigillate. Nos enim penas et banna que dictus noster generalis
Vicarius tulerit vel ferri mandabit, rata gerimus et firma; eaque
per eum, vel ad mandatum eius per Curiam, volumus irremissibiliter a
transgressoribus extorqueri. Dat. Neapoli, per Bartolomeum de Capua,
etc., die XXIIII Iulij XII Indict. (1299).

_Dal r. archivio di Napoli, registro di Carlo II, segnato 1299, A, fog.
131._


XXXII.

A tres excellent, haut et puissant son tres cher et ame cousin
Philippe, par la grace de Dieu Roy de France, Challes, par cele meisme
grace Roy de Jerusalem et de Sezile, saluz et continuel accroissement
de gloire et de toutes honneurs. Tres cher cousin, nous vous feimes
assavoir par noz autres letres, encore na gueres, le point et lestat
u quel nostre guerre estoit adonques; et vous escripsimes entre les
autres choses, comme Robert nostre ainzne fils Duc de Calabre estoit en
nostre Isle de Sezile, o tout nostre efforz de genz darmes de nostre
Roiaume, tant françois comme latins, prouvenzaus, et dautres nacions,
et entendoit tant com il povoit a nostre guerre poursuivre. Et que
pour le departement du Roy Darragon de la dite Isle, le quel nous ne
povions plus retenir a poursuire icele guerre, il nous convenoit de
necessite de refere nostre armee et de renvoier la en la dite Isle, et
denvoier avec il, en aide et en secours de nostro devant dit filz et
de sa compaignie, ce pou de gent qui demoure nous estoit: et pour ce,
biau cousin, car nous savions bien que après ce que nous aurions envoie
celi secours nous devions demourer auques tout seul et avoir necessite
de gent darmes, vous priames nous, si chierement com nous peumes plus,
que vous nous voussessiez secourre et aidier de nous envoier, pour
estre avec nous par espace daucun tamps, aucune quantite de genz
darmes. Orendroit, biau cousin, vous fesons nous assavoir que nous,
selonc nostre desus dit propos, appareillames et feimes nostre de sus
dite armee bonne et fort de quarante gros vaissiaus, et i meimes tout
le demourant de la gent darmes que nous avions, les quex furent entour
siz cent homes a cheval, et grant compaignie de petons, sanz la gent de
mer, la quele fut si grant com il afferi a larmement des diz vaissiaus;
et envoiames aveques eaus Philippe nostre fils prince de Tarante, au
quel baillames nous conseil assez bon et souffisant de gent darmes usee
et esprouvee, pour li conseiller et adrecier. Si en est avenu, biau
cousin, un cas mout orrible et mout contraire, si comme ci desouz se
contient. Car puis que il furent passez en Sezile, et orent prise terre
pres dune cite que len appelle Trapes, le quel passage firent il mout
bien, et sanz avoir nul nuisement en mer, il tindrent siege par pou
de iours a cele cite. Et quant il orent veu que le siege nestoit pas
bien profitable, il ordonerent et firent recoillir tout leur harnois et
leur choses es galees, pour ce que elles sen allassent a un port qui
est pres dileques; et le prince et la chevalerie toute i devoient aler
par terre, pour entrer dedenz, et aler sen au duc, et soi assambler
avec li. Si avint que, si comme le prince et les autres sen aloient,
il encontrerent Frederic o tout son povoir quil avoit congregie de
toutes parz pour eaus courre sus; et quant il virent quil ne povoient
la bataille eschiver, il se combatirent a li; et ia soit ce que il
desconfississent et venquissent sa premiere bataille, toutevoies a la
grant multitude de gent tant a cheval comme a pie qui leur courrurent
sus, il ne porent durer; ainz les convint a la fin perdre, si que
pluseurs i furent morz et le prince et la greigneur part des Baronz et
des gentilx homes de sa compaignie pris. Les Galees voirement sen sont
retournees par de ça sans avoir nuisement ne empecchement autre, et
les avons avec nous. Pour lequel avenement, biau cousin, nous sommes
devenuz a si tres grant sousfraite de gent darmes que nous nen avons en
Sezile avec notre devant dit filz le duc que cele gent seulement quil
a euce puis son passage, nen avons par deça de qui nous le puissions
secourre. Si que ia soit ce que cesti avenement desus dit nous soit
assez grief et damageus, nous doutons trop que autre greigneur et plus
perilleus ne sensuie de cesti; car se dou duc et de sa gent avenist
chose contraire (la quele ia naviegne), nous serions emperil si comme
davoir tout perdu. Car ia soit ce quil soient tiex et tanz que il
nont doute que les annemis les puissent soudainement nuire, sauve se
dieu leur voulsist estre ouvertement contraire, toutevoies secourre
les convint il, et sil sont secourruz hastivement, nostre besoigne
retournent bien a son premier estat. Et pour ce, biau cousin, nous
recourrons encore a vous comme _a celi qui estes chief et soustenance
de vostre lignage_, et en qui avons et devons avoir greigneur esperance
que en autre après dieu; et vous prions comfiablement et de cuer tan
chierement com nous povons plus, que il vous pleise de veoir et de
penser com cesti cas est grant et com il est tres necessaire et nous
voilliez aidier et secourre daucune quantite de gent darmes. Car ia
soit ce, chier cousin, que vous aiez aucune guerre en voz parties
de la on set bien toutevoies que voz mains sont si puissanz et si
longues que vous le povez bien estandre es vostres sil vous plaist; et
vraiement, biau cousin, cesti secours que vous nous ferez orendroit,
quelque il soit ou petit ou grant, nous est orendroit plus necessaire
et sera mielz profitable que le greigneur autre fois. Car adonques par
avanture nostre besoingne pourroit estre si au desouz que nule aide li
proufiteroit. Escript a Naples, le VIII iour de Decembre.

_Dagli archivi del reame di Francia, J. 513, 48._


XXXIII (XXVIII).

Karolus secundus, etc. Tenore presentis procuratorii notum facimus
universis, quod, sicut certa nobis nuper insinuatio patefecit, inter
quosdam amicos nostros et aliquos de civibus Ianue, diebus proximis
collatio intervenit; ex qua colligitur quod finis voluntatis que
invenitur in omnibus civibus januensibus communis est iste: videlicet:
quod si per nos fieret quod Castrum Monagi in forciam Comunis predicti
veniret, quod si facere non possemus quod daremus Latorbiam et
Sanctanecte in virtute Comunis ejusdem, ipso quidem Comuni nos faciente
securos de reddendis nobis Castris eisdem Latorbie et Sanctanecte
habito Castro Monachi memorato; et si constitueremus Nictie et in
partibus illis Vicarium qui fideliter et sine dolo aliquo operaretur
quod illi qui sunt in Monaco non haberent auxilium hominum, victualium
nec alicujus alterius rei de terra nostra, comune janue faciet totum
posse suum quod Corradus auris et alii omnes de janua in Sicilia
existentes, inde discedant et januam revertentur; et si forte predicti
nollent discedere, comune procedet in eos tanquam rebelles suos in
avere et persona; et ultra habebimus a Comuni licentiam trahendi et
habendi de janua homines ad nostrum soldum juxta voluntatem nostram;
et insuper, prout creditur, multa alia ultra id grata et placibilia
nobis fiant. Nos quoque pensantes, quod post obitum bone memorie Patris
nostri nobis redditis libertati, prefatum Comune ianue semper amavimus,
et nulla ejus volumus incomoda vel adversa; et quod erga dictum comune
servare intendimus amorem et dilectionem intime caritatis, ipsumque in
nostra et nostrorum persecutione manere; confisi de fide, industria et
legalitate Mathei de Adria, Magne curie nostre Magistri rationalis,
et Landulfi Ayosse de Neapoli militis, dilectorum Consiliariorum,
familiarium et fidelium nostrorum, facimus, constituimus et ordinamus
eos et quemlibet eorum in solidum, ita quod non sit melior occupantis
conditio, sed quod unus inceperit alter perficere valeat et complere,
ad tractandum, compiendum et firmandum nomine nostro cum comuni janue,
vel cum hiis pro ipso comuni qui deputabuntur ab eo, omnia et singula
supradicta: et insuper, licet in premissis sane subaudiri possit et
duceat intellectu, quod ubi dictum comune revocet de Sicilia januam
prefatos Corradum et ceteros januenses, cohibere debeat ne alii vel
ceteri illuc vadant, pro pleniori tamen cautela, que pro cetero non
obficere consuevit, ad tractandum et firmandum cum Comuni prefato,
quod sicut obligabit se dictum Comune de revocandis januensibus de
Sicilia, prout super describitur, sic obliget se quod nullum vassellum
armatum de ipso Comuni deinceps vadat in Siciliam in subsidium
Frederici, et speciales personas ipsius illuc ire volentes in subsidium
Frederici predicti, prout arctius comode comune ipsum poterit,
cohibeat et restringat; obliganti quoque nos obligatione que expedit
ad observationem debitam eorumdem: promittentes, sub ypoteca bonorum
nostrorum omnium, nos ratum habituros, gratum et firmum quicquid per
predictos procuratores nostros, aut alterum eorumdem, tractatum,
completum et firmatum fuerit in premissis et quolibet premissorum. In
cujus rei testimonium et cautelam, presentis procuratorii scriptum
exinde fieri, et pendenti Maiestatis nostre sigillo, jussimus
communiri. Actum et datum Neapoli, per Bartolomeum de Capua militem,
etc., die xvi aprilis xiii ind. (1299).

_Dal r. archivio di Napoli, reg. di Carlo II, segnato 1299–1300, C,
fog. 137._

XXXIV (XXIX).

Carolus secundus, etc. Tenore presentis scripti notum fieri volumus
universis quod nos ex affectu caritatis interne quem erga comune
Ianue semper habuimus et habemus, quamquam alique speciales persone
ipsius contra nos sinistra et contraria moliantur, circa reformationem
tractatus pacis atque concordie inter nos dictumque comune specialibus
studiis libenter adhesimus, et libentius inheremus; utpote qui pacis
bonum undequaque diligimus, et tractatum hujusmodi effectum.... debitum
et premisse charitatis instinctu sincero animo affectamus: cum igitur
subscripta nobis noviter sint insinuata capitula per aliquos amicos
nostros cives Ianue, per que tractatus ipse perduci creditur ad debite
prosecutionis effectum; nos confisi de fide, prudentia et legalitate
Mathei de Adria, magne curie magistri rationalis, et Landulfi Ajosse de
Neapoli, militum, consillariorum, et familiarium nostrorum, quos pridem
ad comune prefatum pro eadem prosecutione providimus destinandos,
plenam eis potestatem et auctoritatem liberam impartimur tractatum
ipsum juxta predictorum subscriptorum capitulorum seriem et tenorem,
prosequendi, perficiendi, firmandi atque complendi, ac omnia alia et
singula faciendi, que circa ipsum oportune noscuntur, et nos ipsi
facere possemus et deberemus, si presentialiter adessemus; promittentes
Leucio de Capua; notario infrascripto legitime stipulanti pro parte
dicti comuni et quorumcumque interest vel interesse poterit, nos
ratum, gratum, firmum, et acceptum perpetuis temporibus habituros,
quicquid per predictos nuncios et Ambassiatores nostros in premissis
actum, tractatum, ordinatum, promissum, atque firmatum fuerit,
secundum quod capitula ipsa docent; illudque attendere, complere,
atque perficere, ac attendi, compleri, et perfici facere, sub bonorum
nostrorum omnium ypoteca: tenor autem capitulorum ipsorum talis est.

Infrascripta petuntur fieri, per Illustrem Dominum Regem Hierusalem
et Sicilie comuni Ianue, videlicet: quod castrum Monachi et turris
seu fortellicia Abegii, que turris seu fortellicia ab uno anno et
dimidio circa in posse dicti domini regis dicitur pervenisse, reddentur
ac restituentur dicto comuni, modo subscripto. Scilicet quod comune
predictum extrabet et restituet omnes illos qui sunt in dicto Castro
monachi, et omnes sequaces eorum, nec non et qui eorum occasione sunt
banniti et forestati, ab omni hanno; et eis reddat omnia eorum bona
talia et qualia sunt; exceptis domibus quorumdam Grimaldorum, que
occasione guerre in parte destructe et deformate fuerunt, et tandem
vendite, assignate vel tradite quovis titulo per comune Janue quibusdam
intrinsecis civibus, per quos postmodum reparate vel redificate
seu meliorate fuerunt, vel que vendite, assignate seu tradite vel
quovis titulo predictis intrinsecis per dictum comune Ianue.... licet
destructe vel deformate fuerunt; quarum domorum hujusmodi non fiet
restitutio, sed satisfatio eis quorum fuerunt de pretio competenti, ad
dictum bonorum virorum secundum eum statura et valorem in quibus erant
eo tempore quo eis fuerunt per dictum comune quovis titulo vendite,
tradite vel etiam assignate. Ita quod de ipsis possint gaudere sicut
faciunt alii cives Ianue de bonis eorum; nec non dictum comune faciet
remissionem eis de omnibus dapnis et injuriis per eos et sequaces eorum
factis comuni predicto sive singularibus personis.

Et quod omnes predicti possint libere et secure ire, redire, habitare
et stare cum familiis eorumdem in Ianua et districtu ejus, pro eorum
arbitrio voluntatis, exceptis Grimaldensibus, videlicet illis de domo
Grimaldorum et quinque de aliis de quibus comuni placuerit, qui debeant
et possint stare extra Ianuam et districtum ejus ubicumque voluerint,
nec redibunt in Ianua vel ejus districtu donec placuerit comuni prefato.

Et omnes predicti, tam illi de domo Grimaldorum quam alii, jurabunt
attendere et observare mandata dicti comunis, Potestatis et cujuslibet
alterius Rectoris vel Rectorum qui pro tempore fuerint in dicto comuni;
et de hoc prestabunt competentes, ydoneas cautiones; et nihilominus
solvent mutua, avarias, datas et collectas, que per ipsum comune
imponentur sicut faciunt alii cives Ianue.

Predictis autem de domo Grimaldorum, et omnibus aliis, licebit navigare
libere et ubicumque et quocumque voluerint, ad eorum et cujuslibet
ipsorum propriam voluntatem; dum tamen solvant in eundo et redeundo
expeditamentum, sicut solvent alii cives Ianue; et in omnibus locis
ubicumque fuerint et ibunt tractentur et habebuntur sicut alii
Ianuenses. Restringentur tamen sub quolibet magistrato Ianuensi, sicut
alii Ianuenses.

Predicta quidem castrum monachi et turris seu fortellicia Abegii,
tradentur in posse dicti comunis hoc modo, videlicet: quod
assignabuntur certis personis de Ianua, de quibus concordabunt dictus
Dominus Rex et comune prefatum, sub ea conditione ut si predictum
comune non fecerit observare prefato domino Regi et omnibus aliis
prenominatis superscriptas obligationes et promissiones et omnes
alias que inferius describuntur, teneatur dictum comune et persone
quibus assignantur predicta castrum monachi et turris seu fortellicia,
eadem statim restituere domino regi prefato, aut certo suo nuncio
seu procuratori ejus ad hoc statuto vel statuendo per eum; et de hoc
se obbligent dictum comune et dicte certe persone per sacramentum et
alias ydoneas securitates et cautelas: observatis enim conventionibus,
obbligationibus et promissionibus ante dictis et infrascriptis per
comune prefatum, et finita guerra insule Sicilie, predictum castrum
monachi libere restituatur comuni Ianue; non autem, per illos quibus
dictum castrum tradetur, restituatur etiam in hoc casu turris seu
fortellicia superdicta. Si vero nolentibus illis qui tenent dictum
castrum monachi, dominus Rex prefatus tradere non posset ipsum castrum
monachi modo prescripto comuni prefato, tunc comodabuntur comuni
predicto per ipsum dominum regem castrum Ese et Turbie, et assignabitur
Turris seu fortellicia Abegii; hoc modo videlicet quod dominus Rex
tradet predicta castra Turbie et Ese in posse illorum de Ianua quos
ipsi duxerint eligendos, et dictam turrim seu fortellicia Abegii, que
castra custodientur ad expensas comunis Ianue: homines vero castrorum,
fructus, redditus et proventus erunt semper dicti domini Regis et
regentur et procurabuntur per officiales ipsius domini Regis, et dicta
castra custodientur per illos de Ianua qui eligentur per predictum
dominum Regem quousque comune Ianue habebit dictum castrum monachi,
ad quod habendum continue intendent et procurabunt sine aliquo dolo
vel fraude, quo castro habito sine dilatione aliqua statim dicta
castra restituentur libere dicto domino regi, aut suo certo nuncio
vel procuratori, per comune Ianue ac per prefatos qui habebunt in
custodia dicta castra. Pro quibus castris modo prefato custodiendis et
restituendis, obligabit se dictum comune Ianue per solepnes securitates
et cautiones ydoneas et cautelas, nec non prefati quibus assignentur
predicta castra jurabunt et per omagium firmabunt et promittent sub
firmis et ydoneis obligationibus, dicta castra restituere in casu
predicto statim quod pro parte dicti domini regis fuerint requisiti;
dicta turri seu fortellicia Comuni Ianue remanente.

Simili modo obligent se predictum comune et persone predicte, quod si
per prefatum comune Ianue non fuerint observate predicto domino Regi
prenominatas superscriptas obligationes et promissiones ac omnes alias
que inferius describuntur, debeant dictum comune et persone quibus
assignabuntur dicta castra Ese et Turbie ac turris seu fortellicia
Abigii, eadem statim sine contradictione aliqua restituere domino
regi prefato, aut suo certo nuncio vel procuratori statuto per eum,
vel statuendo ad hoc: Remanentibus semper firmis obligationibus aliis
factis domino Regi et aliis subscriptis per comune Ianue.

Circa predicta nichilominus idem dominus Rex prohiberit cum effecta
et sine fraude aliqua, quod nullus de terra sua Provincie prestabit
auxilium vel favorem predictis qui sunt in Monacho, eorum Rebellione
durante; et quod non possint illi de Monacho aliqua victualis de
terris domini Regis extrahere contra dictum comune Ianue et districtus
eius: et hoc dictus dominus Rex faciet inhiberi per provinciam
sub competentibus et arduis bannis et penis, quas et que faciet a
contrafacientibus, prout expedit, extorqueri; et nichilominus procedet
contra eos sicut contra Rebelles.

Et ut omnia superdicta sine aliqua suspicione procedant, dominus Rex
non ponet Senescallum in Provincia, nec vicarium in Nicia, qui dicto
Comuni Ianue rationabiliter possint esse suspecti.

Prefato quidem domino Regi dictum Comune Ianue promittit et cum
effectu faciet infrascripta, videlicet: quod inhibebit sub magnis et
arduis bannis et penis quod nullus de Ianua, seu districtus eius,
vadat in auxilium seu succursum dompni Frederici, vel Siculorum,
contra Ecclesiam et dominum Regem predictum; quas penas et que banna a
contrafacientibus predictum comune cum effectu, sine dolo vel fraude,
exiget et extorquebit; ac procedat contra eos sicut contra Rebellos.

Et revocabit sub certis magnis penis et bannis dominum Corradum de
Auria et alios Ianuenses qui sunt in Sicilia in subsidium dompni
Frederici, vel Siculorum..... ipse dominus Rex habere possit inde duos
vel tres homines ad stipendia sua; et pro qualibet galea possit habere
duas vel tres; et hoc dictum Comune promittet et mandabit.

In cuius rei testimonium presentis scriptum publicum, per manus
predicti apostolica auctoritate notarij, exinde fieri et pendenti
sigillo Maiestatis nostre iassimus communiri.

Actum Neapoli, presentibus Venerabili in Christo patre domino Petro
Dei gratia Episcopo Iectorensi, Regni Sicilie Cancellario, Iohanne de
Monteforte Squillacij et Montis Caveosi Comite, Camerario dicta Regni,
et Iohanne pipino de Barolo, Magne Curie nostro Magistro Rationali, ac
pluribus aliis.

Et datum ibidem per Bartolomeum de Capua militem, logothetam et
prothonotarium Regni Sicilie, anno Domini Mº CCCº die VI Madij XIII
Ind. Regnorum nostrorum anno XVI.

Et ego Leucius de Capua, qui super puplicus apostolica auctoritate
notarius, ad mandatum prefati domini nostri Ierusalem et Sicilie
Regis predictis omnibus et singulis presens interfui, et stipulatione
premisse cum debita sollempnitate recepta, ea propria manu scripsi, et
in puplicam formam redigi meoque consueto signo signavi.

_Dal. r. Archiv. di Napoli, registro di Carlo II, segnato 1299–1300, C,
fog. 43._

XXXV (XXX).

Karoius secundus.... notum facimus universis quod nos de Viro Nobili
Rogerio de Lauria Milite, Regnorum Sicilie et Aragonumm Ammirato,
dilecto Consiliario, familiari, et fideli nostro, tamquam de corporis
nostri parte plenario confidentes, ei committendum duximus, quod ipse
promittere valeat Universitatibus et Specialibus personis Insule nostre
Sicilie, gressus fidelitatis egressis, ad fidem et mandata Sancte
Romane Ecclesie nostramque redire volentibus, quidquid sibi fore in
haec parte providendum videbitur rationabile aut decens, secundum
rectum bonumoque iudicium, Remoto cuilibet cavillationis seu dure
interpetracionis anfractu: promittentes nos tenore presencium, bona
fide, in verbo regie Majestatis, id quod per eumdem Ammiratum promissum
fuerit, sicut premittitur, Universitatibus et personis Spectalibus
supradictis, ratum et firmum habere, et inviolabiliter observare, ac
si promissum foret specialiter per nos ipsos. In cujus rei testimonium
presentes licteras exinde fieri, et pendente Majestates nostre sigillo
iussimus communiri. Dat. Neapoli, per Bartotolomeum de Capua Militem,
etc., die xx lunii xm Indict. (1300).

_Dal. r. Archiv. di Napoli, registro di Carlo II, segnato 1299, 1300,
C; fog. 35.–._

XXXVI (XXXI).

Karolus secundus, etc. Universis presentis scripti seriem inspecturis,
tam presentibus quam futuris. Aufertur de vultu Regis iniquitas, cum
humana equitas illi sit socia, benigna clementia constanter amica.
harum quidem inspectio principem facit in cognoscendo providum, in
discernendo securum; quia dum per amabilis equitatis instinctum in
humaniorem partem dectinat iudicium, nec manstretudo legis offenditur,
et rigor sevientis Iustitie temperatur; et dum levitas remissive
elementie abolet termina, firmat Regnantium solia, ut in securitate
perpertra gaudeant, et translationum amara dispendia non pavescant; quo
fit ut sodalem nobis ipsam clementiam sereno complectentes amplexu,
libenter exerceamus in subditis, et ministris nostris eam exercentibus,
ubi maxime ratio puplice utilitatis exposeit, promptum et placidum
prebeamus asseasum; quin potius ut quod per eos agitur clementer et
provide suffragium plenioris firmitatis obtineat, expresse nostre
connfirmationis munimine roboramus. Sane, licet Virgilius de Cathania
miles, dilectus consiliarius, familiaris et fidelis noster, dudum in
insula nostra Sicilie rebellionis orto discrimine, cum occupationis
iniuria et obstilitatis insultu capitibus factionis occupationis et
obstilitatis eorum faventer adherens, et cum aliis rebellibus siculis
diuturne conversans, eorum pro qualitate temporis extiterit fautor
et fotor; delictum tamen hoc suum non ex proposito contigit, set ex
casu, sicut antique sue devotionis ad tempus pro timore latente erga
clare memorie dominum patrem nostrum et nos fides docuit, et efficacia
operum, cum locus affuit, demonstravit; Et tandem post temporis multi
curricula, dum Robertus primogenitus noster carissimus Regni nostri
Sicilie Vicarius generalis cum copiosa caterva militum et peditum
Comitiva, ad contundendam Siculorum ipsorum hostilitatis et rebellionis
induratam proterviam transfretasset, _Virgilius ipse, ductus spiritu
bone mentis et pure, non de suo tamen reditu ad huiusmodi fidem nostram
promptitudinem que diutius in pectore fideli latuerat indicavit, set
eius ministerio Catanienses, quorum pro malitia temporis preclara fides
erga nos simili modo delituit, optati temporis oportunitate captata,
ad cultum et Reverentiam Sancte Romane Matris Ecclesie atque nostram,
cum devotionis affectu humiliter redierunt_. Prefatus vero Primogenitus
noster in conversione dicti Virgilii, obtentu suorum tam grandium et
laudabilium meritorum, subscriptum privilegium cum providi cautela
consilii gratiose concessit: quod quidem de verbo ad verbum, presentium
tenori subnectitur, de nostra speciali conscientia; ut quod per nos in
hac parte agitur, processisse de certa nostra scientia demonstretur;
cuius privilegij tenor per omnia talis erat. Robertus primogenitus
Illustris Ierusalem et Sicilie Regis, dux Calabrie ac eius in Regno
Sicilie Vicarius generalis, Universis presens privilegium inspecturis.
Opus in nobis egregium Clementia suggerante proficimus, si ad illos qui
devotionis et fidei claritate prelucent, et digna premia promerentur,
manum nostre liberalitatis extendimus; eosque ad statum, honores et
gloriam congruis beneficiis sublimamus. Quia proinde vigor fidelitatis
augetur in subditis, et alii ad serviendum devotius animantur exemplo.
Sane attendentes probitatem et merita Viri nobilis domini Virgilii de
Cathania, consiliarii, familiaris et fidelis nostris dilecti, necnon
grandia grata et accepta servitia, que miles ipse predicto domino
Genitori nostro et nobis, _precipue in reducenda noviter Civitate
Catanie ad cultum fidei Sancte Romane Ecclesie ac Serenissimi principis
predicti domini Patris nostri et nostre prestitit; et que ad presens
sub continuis laboribus, in convertendis ad fidem predictam aliis
Civitatibus et locis Insule Sicilie, prestat_, ac diversimodo prestare
poterit in futurum; Castrum Biccari, et Casale Chiminne, sita in Insula
Sicilie ultra flumen salsum, cum hominibus, vassallis, fortellitiis,
Casalibus, Villis habitatis et inhabitatis, Massariis, redditibus,
proventibus, servitiis, domibus, possessionibus, vineis, terris
cultis et incultis, planis, montibus, pratis, nemoribus, pascuis,
molendinis, aquis, aquarumque decursibus, tenimentis, territoriis,
aliisque Iuribus, Iurisdictionibus, et pertinentiis suis omnibus,
prout ea tenuit dominus Matheus de Termis Rebellis, hostis Regius
atque noster, que videlicet de demanio in demanium et que de servitio
in servitium, pro illo annuo redditu quem Castrum ac Casale predicta
valent aut fuerint valere comperta, eidem domino Virgilio et suis
heredibus auctoritate predicti Vicariatus quo fungimur, in perpetuum
damus, donamus, et tradimus, ac ex causa donationis proprij motus
instinctu, concedimus in baroniam, de liberalitate mera et gratia
speciali, iuxta usum et consuetudinem Regni Sicilie. Ita quidem quod
iidem dominus Virgilius et heredes ejus, pro Castro et Casali predictis
predicto patri nostro, nobis, nostrisque heredibus et successoribus
immediate ac in capite, iuxta usum et consuetudinem dicti Regni
servire.... si videlicet pro eisdem Castro et Casali consuetum est
serviri de militaribus servitiis infra octo de consueto tantummodo
servitio. Si vero debeantur militaria servitia ultra octo, cum de
certa scientia teneamus quod redditus et proventus eorumdem Castri et
Casalis ad plurium quam octo servitiorum summam ascendunt, de servitio
militum octo tantumodo teneantur; relaxato sibi per nos reliquo, de
certa scientia gratiose: quod servitium dictus dominus Virgilius, in
nostri presentia constitutus, pro se ac suis heredibus eidem domino
patri nostro, nobis, nostrisque heredibus ac successoribus, voluntarie
facere obtulit et promisit. Ita etiam quod si qui sunt, quibus per
Clare memorie dominum Avum vel Genitorem nostrum aut nos aliqua bona,
possessiones, seu Iura in predictis Castro Biccari et Casali Chiminne
ac eorum pertinentiis sunt concessa, illa in capite teneant, prout eis
concessa fore noscuntur; nec etiam respondeatur eisdem domino Virgilio
et heredibus suis per Barones et feudatarios, si qui sunt ibidem, nisi
de hiis tantumodo qui inter ipsa Castrum et Casale tenentur aliqui
eorumdem. Quorum si qui sunt qui servire Curie Regie vel nostre in
capite tenentur, in Regio et nostro demanio reserventur: Retentis etiam
Regie ac nostre Curie salinis, si que sunt ibidem: animalia insuper
et equitature Aratiarum et Marestallarum Regiarum atque nostrarum
pascua, et aquas libere sumere valeant in territoriis et pertinentiis
dictorum Castri atque Casalis: et si forte ipsarum tenimenta seu
pertinentie protenderentur usque ad mare, reservetur domino Patri
nostro et nobis ac dictis heredibus et successoribus nostris,
possessio, Ius et proprietas totius litoris et maritime pertinentiarum
ipsarum, in quantum de mari infra terram per iactum baliste dicte
pertinentie protenduntur; quam maritimam per homines Regii ac nostri
demanii volumus custodiri. Investientes predictum dominum Virgilium
per annulum nostrum de Castro et Casali predictis. Ita quod, tam ipse
quam predicti heredes sui, Castrum et Casale predicta, predicto domino
patri nostro, nobis, nostrisque heredibus et successoribus perpetuo
in capite teneant et possideant; nullamque alium preter eumdem dominum
Genitorem nostrum, nos, ac heredes et successores nostros, maioris
dominii ratione, superiorem ac dominum recognoscant: pro quibus Castro
et Casali, miles ipse in manibus nostris ligium fecit homagium, et
fidelitatis prestitit Iuramentum: cui de gratia speciali concessimus
quod quamcito predicta castrum et Casale fidei predicte redierint,
dicti dominus Virgilius ac heredes ejus, absque ulteriori mandato
Regie curie sive nostre, possint corporalem possessionem dictorum
Castri et Casalis, auctoritate presentis privilegii, adipisci,
retinemus insuper prefato domino patri nostro, nobis ac dictis nostris
heredibus ac successoribus juramenta fidelitatis prelatorum, Baronum,
et feudatariorum, si qui sunt ibidem, ac universorum hominum Castri
et Casalis ipsorum, que dicto domine patri nostro nobis ac eisdem
heredibus nostris et successoribus, precise contra omnem hominem, sicut
est de jure et consuetudine, prestabuntur; quibus prestitis iidem
dominus Virgilius et heredes sui assecurabuntur ab ipsis prelatis,
Baronibus, et feudatariis et hominibus juxta usum et consuetudinem
dicti Regni, propterea dicto domino Virgilio commisimus similiter
auctoritate presentis privilegii, tempore adeptionis ipsius, possit
pro parte Regie Curie seu nostre a predictis prelatis, Baronibus,
et feudatariis, et hominibus juramenta predicta recipere, ac se
facere assecurari, si hec duxerit eligendum, alioquin Iuramenta ipsa
recipi, et eumdem militem assecurari faciemus per officiales nostros,
quibus hoc providerimus committenda. Cavemus insuper eisdem domino
Virgilio et heredibus ejus, per presens privilegium, quod si forte
predicta Castrum Biccari et Casale Chiminne comperiantur aut sint
de mero demanio, et propterea oporteret eadem Baronia hujusmodi ad
nostram Demanium revocari; talis revocatio non liceat Regie Curie
sive nostre, nec dato prius eisdem domino Virgilio et heredibus suis
in terris et bonis fiscalibus, que de mero demanio non existant,
equivalenti excambio pro Castro et Casali predictis. Ita quod inde
reputent se contentos: et etiam si forsan dominus Matheus de termis,
qui adhuc in rebellionis et erroris perfidia perseverans Castrum et
Casale prefata ut ponitur tenet, ex concessione facta sibi ab olim
per excellentem principem dominum Iacobum Illustrem Regem Aragonum
tunc Sicilie occupatorem illicitum, vellet ad cultum fidei predicte
redire sub conditione fortassis de prefatis Castro et Casali sibi et
suis heredibus relaxandis, concedendis, dandis seu confirmandis, aut
quivis alii pretenderent se jus habere in Castro et Casali eisdem,
non liceat eosdem dominum Virgilium et heredes suos presenti datione,
donatione, ac traditione, seu concessione, vel prefata possessione
destitui ullo modo: quin immo in Casu ipso provideatur eidem domino
Matheo, aut aliis jus forsam habentibus in eisdem, in terris et aliis
bonis fiscalibus dicti Regni, que similiter de mero demanio non
existant. Ita quod predictus dominus Virgilius et heredes ejus fructu
istius nostre gratie non priventur. _Nos enim ipsi domino Virgilio, ad
majorem sui securitatem expresse promissimus quod presentem nostram
gratiam sibi et heredibus suis per sacrosanctam Romanam Ecclesiam et
predictum dominum patrem nostrum, pro posse, curabimus confirmari._
Salvis semper predicto domino Genitori nostro, nobis, ac dictis nostris
heredibus et successoribus, juramento et fidelitatibus antedictis, ac
usibus et consuetudinibus dicti Regni, nec non Iuribus Regie Curie
dicti Regni se alterius cujuscumque. In cujus rei fidem perpetuamque
memoriam, atque prefatorum domini Virgilii et heredum suorum cautelam,
presens privilegium exinde fieri, et appensione sigilli Vicarie quo
utimur jussimus communiri. Actum Cathanie, presentibus Viro Venerabili
domino Guillelmo Electo Salernitano domini nostri Summi Pontificis
in Insula Sicilie Vicemgerente Cancellario, nec non Viris Egregiis
domino Thomasio de Sancto Severino Marsicensi, Domino et Philippo de
Flandria Lauretani et Theani, et Domino Binengano de sabrano ejusdem
regni Sicilie Magistro Iustitiario Arianensi, Comitibus, domino
Rogerio de Lauria Regnorum Sicilie et Aragonum Ammirato, et domino
Americo de Sus Consiliariis familiaribus nostris, ac pluribus aliis.
Datura vero ibidem anno Domini MCCº nonagesimo nono die undecima
mensis Octubris XIII Indictionis. Nos igitur, ad eque censure regulam
clementieque dulcorem, et ad tanti successus compendium, quod ex
ipsius Virgilii commissione provenit, debitum considerationis nostre
vertentes intuitu, grandiaque etiam et utilia sua servitia, que
puris et devotis affectibus majestati nostre prestitit, prestat et
in futurum prestare poterit, diligentius attendentes; predictis
omnibus gestis per eumdem primogenitum nostrum assentientes, eaque
approbantes, expresse prelibatum priviliegium in omni sui substantia
et effectu, de certa nostra scientia et speciali gratia, confirmamus;
prefatis reservationibus Iuribus curie nostre, et cujuscumque alterius
semper salvis. In cujus rei fidem perpetuamque memoriam, et predicti
Virgilii heredumque suorum cautelam, presentis indulti scriptum exinde
fieri, et pendenti sigillo majestatis nostre jussimos communiri.
Actum Neapoli, presentibus Venerabili in Christo patre Philippo
Neapolitano Archiepiscopo, Viro nobili Ioanne de Monteforti Squillacii
et Montiscaveosi Comite Regni Sicilie Camerario. Et Ioanne pipino
de Barolo milite magne Curie nostre Magistro Rationali, dilectis
Consiliariis, familiaribus et fidelibus nostris, ae pluribus aliis,
etc. Dat. ibidem per Bartholomeum de Capua militem logothetam et
prothonotarium Regni Sicilie, anno domini Mº CCCº die XX Iulii XIII
Ind. Regnorum nostrorum anno sextodecimo.

_Dal r. Archiv. di Napoli, registro di Carlo II segnato 1299–1300 C,
fog. 84 a t._

XXXVII.

Bonifacius episcopus, servus servorum Dei. Dilecto filio nobili viro
Carolo comiti Andegavensi salutem et apostolicam benedictionem.
Obstinata Frederici, nati quondam Petri olim regis Aragonum,
Siculorumque et aliorum eorum complicum et sequacium ac dampnanda
rebellio, que longo iam tempore perduravit, non ad debitam
reconciliationem sancte matris Ecclesie, non ad spiritum devotionis
ad Deum, non de tenebris eripi et redire ad lucem, sed ad deteriores
offensas indesinenter aspirans, sic ipsis deo et Romane Ecclesie,
ac nobis et carissimo in Christo filio nostro Carolo regi Sicilie
illustri, nephandis ausibus, impugnationibus diris, et atrocibus
lesionibus, more tyrampnico exhibet se infestam, quod et divinum
implorare auxilium, et fidelium subsidium adversus eos compellimur
invocare; magno desiderio cupientes, ut tam infeste persecutionis
instantie per fideles et devotos eiusdem ecclesie resistatur
viriliter, ut ipsi, eorum elisa superbia, majestatis divine potentia
prosternantur. Et ad hec tu, sicut filius benedictionis et gratie,
prosecutionem negotii contra ipsos, una cum gentis tue equitum et
peditum armatorum potenti comitiva et honorabili, assumpsisti,
dirigente qui potest; personaliter cum gente ipsa in Siciliam
transituris. Ut igitur eo ferventius huiusmodi negotium prosequaris,
quo personam tuam et huiusmodi gentem tuam equestrem et pedestrem, tui
consideratione, amplioribus gratiarum beneficiis fuerimus prosecuti; de
omnipotentis dei misericordia, et beatorum Petri et Pauli apostolorum
eius auctoritate confisi; et illa quam nobis Deus, licet immeritis,
ligandi atque solvendi contulit potestate, tibi et omnibus de gente
tua, vere penitentibus et confessis qui taliter procedendo interim,
mortem corporalem incurreritis, et illis etiam qui perseveraverint
in huiusmodi prosecutione negotii, quousque de predictis rebellibus
habita fuerit generalis victoria et campestris, illam indulgentiam
et veniam concedimus omnium peccatorum, que in generali concilio,
transfretantibus in terre sancte subsidium est concessa. Huiusmodi
quoque remissionis omnes volumus esse participes, iuxta quantitatem
et qualitatem subsidii et devotionis affectum, qui ad idem negotium,
auxilium, consilium, et favorem contra rebelles prestiterint
supradictos. Ceterum per premissa non intendimus cuiquam beneficium
absolutionis impendere a voto emisso de transfretando, vel crucis
assumpte ad transfretandum personaliter in subsidium terre sancte quin
transfretet personaliter congruo tempore, ut tenetur. Dat. Laterani xvj
kal. maij, pontificatus nostri anno octavo (1302).

_Dagli archivi del reame di Francia, J. 722, 4, suggellato a suggello
di piombo pendente da fili di seta rossi e gialli. Nel suggello da un
lato è scritto BONIFATIUS PP. VIII; dall’altro lato il tipo come al
suggello del docum. XIV._

XXXVIII.

Karolus secundus, Dei gratia rex Jerusalem et Sicilie, Ducatus
Apulie et principatus Capue, Provincie et Forcalquerii comes. Tenore
presencium, notum facimus universis tam presentibus quam futuris,
quod cum Illustris vir dominus Karolus, natus bone memorie francorum
regis Illustris, Valesie (sic), Alansonis, Carnoti, et Andegavie
comes, Carissimus filius noster, pro honore Sancte Romane matris
Ecclesie atque nostro, in Sicilie Insulam contra ipsius ecclesie ac
nostros Rebelles et hostes ad Bellicam prosecucionem se presencialiter
conferat, eidem filio nostro presencium Tenore promictimus, quod cum
Dompno Frederico de Aragonia ipsius occupatore Insule, hoste nostro,
nulla pacis federa seu tractatus, eodem domino Karolo inscio, quamdiu
ipse pro iamdicta prosecucione moram trabet in dictis partibus siculis,
inihemus. In cuius nostre promissionis testimonium presentes licteras
fieri et pendenti Majestatis nostre sigillo iussimus communiri.
Data Neapoli per Bartholomeum de Capua militem, Logothetam, et
Prothonotarium regni Sicilie, anno Dominj millesimo trecentesimo
secundo, die quinto maij quintedecime Indictionis, regnorum nostrorum
anno octavodecimo.

_Dagli archivi del reame di Francia J. 511, 13, suggellato col gran
suggello reale di Carlo II._

XXXIX.

Karolus secundus, Dei gratia rex Jerusalem et Sicilie, ducatus Apulie
et principatus Capue, Provincie et Forcalquerii comes, Illustri viro
domino Karolo, nato clare memorie Francorum Regis Illustris, Valesii,
Alanzoni, Carnoti et Andegavie comiti, carissimo filio suo, vitam
ilarem et gloriam triumphantem. Apparet maiorem esse clemenciam, que
gravioris tollit iniquitatis offensam: ibi quidem miserentis suavitas
proprie dicitur superexaltare iudicium, ubi delictum flagrantius
miserationis lenitas abolet, et asperitatem pene merite, benignitas
humane amabilitatis indulget. Sane, antiqui hostis instigante malicia,
Siculorum gravis et periculosa commocio, contra Sacrosanctam Romanam
Ecclesiam matrem nostram, clare memorie regem inclitum dominum
patrem nostrum, et nos, in rebellionis culpam cecidit; sue debite
fidelitalis nexibus enormiter abdicatis. Sicque successivis dissidiis
aggregavit gravibus graviora, ut priori nocivo casui cumulata culpa
continuate succederet, et in locum ... debite ... turbo et contumacia
gravior adveniret: per que pena adaptata demeritis, in furore, non in
judicii eorum, esset arguenda; protervia et audax prosumptio gravibus
... collidenda. Sed quia in omnibus subditorum nostrorum casibus
atque culpis, quantum modeste possumus, et, licent (sic) imprompta,
nobis est amica clemencia, et quo plus exceditur eo benignius
nostra compassio, ipsorum casui libenter occurrimus ad sublevanda
onera quibus eos peccati ... oppressit paterne caritatis instinctu
benignius subvenimus. Ecce quidem vobis, tamquam speciali filio et
singulariter predilecto, qui personam nostram similitudinaria quadam
ymagine presentatis, auctoritatem plenariam impertimur, quod Siculos
ipsos universos et singulos, oberrantes in tenebris et deviantes in
semita peccatorum, redeuntes a relegatione longinqua, et erroris devii
fugata caligine cultum vere fidei amplectentes, ad gracie nostre
sinum clementer recipere valeatis; omnesque culpas et offensas contra
predictum dominum patrem nostrum et nos numerosa iteracione commissas,
et penas eciam corporales et pecuniarias quas pro illis severitas
juris indicit, ipsis universis et singulis clementer remittere et
misericorditer relaxare ... ispsos ac heredes eorum, beneficio
plene restitutionis in integrum, ad bona, honores, dignitates, et
statum; ac infamiam, que ipsarum contagio eos aspersisse dinoscitur,
totaliter abolendo. Et ut eorum reditus salutaris ad fidem, reparando
plus offerat quam discessus ademerit luctuosus, prebemus vobis
similem potestatem, ut ipsos universos et singulos, quam primum in
effective agnicionis statu prefate fidei eos fruges emendacioris vite
perduxerit, ab omnibus debitis et obbligacionibus descendentibus ex
contractibus, gestionibus, officiis, amministracionibus, seu delictis
quibus universitas eorum seu singulares persone nobis pro tempore
retrohacto tenentur, et a culpis etiam quibus dampna plurima preiudicia
et diminucionem patrimonii nostri incurrisse dinoscimur, possitis
absolvere et perpetuo liberare. Et si eorum interesse putaverint, ad
supputandam cuiuslibet ambiguitatis materiam, quam frequenter de facto
saltem ingestus sollicite dubitacionis inducit, ad eorum requisicionis
instanciam, generaliter et specialiter, ut petetur, pretactas
remissiones, relaxationes, absoluciones, et liberaciones eis per Vos,
ut premictitur, faciendes, sub titulo et sigillo nostro renovari de
verbo ad verbum, sicut per vos facte fuerint, vel confirmari licterarum
nostrarum inserto tenore, pro cautela petencium, faciemus. In cuius rei
testimonium presentes licteras exinde fieri, et pendenti Maiestatis
nostre sigillo iussimus communiri. Datum Neapoli, per Bartholomeum
de Capua militem, Logothetam et Prothonotarium regni Sicilie, anno
Domini millesimo trecentesimo secundo, die quinto maij, quintedecime
indictionis, regnorum nostrorum anno octavodecimo.

_Dagli archivi del reame di Francia. J. 511, 12, suggellato come il
precedente._


XL.

Karolus secundus, Dei gratia rex Jerusalem et Sicilie, ducatus Apulie
et principatus Capue, Provincie et Forcalquerii comes, universis
tenorem presencium inspecturis tam presentibus quam futuris. Penarum
metu plerique revocantur a devio; et largicione premii multi
reducuntur ad bonum: personis igitur consideratis et causis, per
interminacionem pene reprimendi sunt reprobi, vel ad recti lineam
per dulcedinem beneficentie provocandi. Sane si rebellibus Siculis
eorumque fautoribus, propter illorum demerita et in peius semper
adaucta flagicia, penalibus et repressivis pariter collidenda remediis
deberentur, delictorum stipendia, vastitas, contricio, fames, et
gladius, et ipsorum habitaculis herema solitudo. Ut tamen nostra
clemencia eorum duriciem molliat, et beneficii gracia obliquas
erroris semitas ad rectum tramitem veritatis adducat, magnifico viro
domino Karolo, nato clare memorie Francorum Regis Illustris, Valesii,
Alanzoni, Carnoti et Andegavie comiti, filio nostro carissimo, de quo
singulariter sicut de nobis ipsis confidimus, potestatem concedimus,
auctoritatem (auctoritate) presencium, quod ipse universitates
singularesque personas Insule rebellis Sicilie, fautorum et fotorum
rebellionis eiusdem, ad sinum nostre gracie possit clementer recipere;
ac eis omnes culpas et offensas contra clare memorie dominum patrem
nostrum et nos, quantacumque iteracione commissas, misericorditer
relaxare: quodque Siculis ipsis et eorum fautoribus hostibus nostris,
facere valeat de terris Insule prefate nostre Sicilie, concessiones seu
donaciones in baroniis, castris, casalibus, alijsque bonis et Juribus,
que tamen de nostro regali demanio non existant; ut per huiusmodi
nostras tractaciones humanas ac gracias, eorumdem Siculorum fides, iam
facta perfidia, non solum indurata se molliat, sed vere naturalitatis
instinctus excitatus ab intimis ad obsequiorum nostrorum promptitudinem
accensis affectibus recalescat. Datum Neapoli, per Bartholomeum de
Capua, militem, Logotheam et Prothonotarium regni Sicilie, anno
Domini millesimo trecentesimo secundo, die septimo maij, quintedecime
inditionis, regnorum nostrorum anno octavodecimo.

_Dagli archivi del reame di Francia. J. 511, 14, suggellato come i
precedenti._


XLI.

Karolus secundus, Dei gratia rex, etc..... Universis tenorem presencium
inspecturis tam presentibus quam futuris. Aborret a seculo nostro
in alienis bonis fiscum nostrum de preda fore sollicitum, et luctum
illicite querere in eo quod nequit racionabiliter obtinere. Sane
auribus nostris nuper insonuit per aliquos dictum fore vulgariter,
quod in aliegenarum bonis decedentium in regno Sicilie fiscus noster
manus cupidas reprobe occupacionis extendit; quod et si sit veritati
contrarium et a septa nostri temporis alienum, ad habundancioris
tamen cautele suffragium, et ut de cordibus, veniencium maxime seu
existencium in comitiva magnifici principis domini Karoli, nati clare
memorie Francorum Regis Illustris, Valesii, Alanzoni, Carnoti et
Andegavie comitis, filii nostri carissimi, omne circa hoc dubitacionis
et suspicionis scrupulum auferamus, in verbo majestatis regie
promictimus firmiter tenore presencium, quod si aliquos vel aliquem de
comitiva predicta in toto regno nostro Sicilie ultra farum vel citra,
testatos vel intestatos mori contigerit, nichil Juris, consuetudinis
vel, ut proprius loquamur, abusus in bonis eorum vendicabimus aut
petemus, nec vendicari, peti, occupari aut retineri per aliquos vel
aliquem officiales aut subiectos nostros quomodolibet patiemur; immo
apponemus efficaciter presidii nostri partes, qualiter bona eorumdem
decedencium ad heredes institutos vel legitimos seu executores ipsorum
perveniant, contradictione quacumque illicita quiescente. In cujus rei
testimonium presentes licteras exinde fieri, et pendenti majestatis
nostre sigillo iussimus communirj. Data Neapoli, per Bartholomeum
de Capua militem, Logothetam et Prothonotarium regni Sicilie, anno
Dominj millesimo trecentesimo secundo, die octavo maij, quintedecime
Indictionis, regnorum nostrorum anno octavodecimo.

_Dagli archivi del reame di Francia, J. 511, 15, suggellato come i
precedenti._



XLII.


Karolus secundus, Dei gratia rex Jerusalem et Sicilie, ducatus Apulie
et principatus Capue, Provincie et Forcalquerii comes. Magnifico
principi domino Karolo, nato clare memorie Francorum regis, Illustris
Valesij, Alanzoni, Carnoti et Andegavie comiti, filio nostro carissimo,
vitam ylarem et gloriam triumphantem. Ex paterne caritatis affectu,
contemplantes in vobis ymaginem et dulcedinem pariter filialem, nec
minus advertentes virtutes et gracias quibus vos providencia divina
dotavit, inducimur de persona vestra confidere quantum de nobis ipsis
possumus cogitare. Hujus itaque consideracionis intuitu, vos Capitaneum
generalem in Insula nostra Sicilie, ac militaris nostre gentis
equestris et peditis statuendum duximus auctoritate presencium; circa
eorum execucionis effectum merum vobis et mixtum Imperium concedentes.
Sic igitur in exequendis eisdem salutis auctor, director operis, et
tocius boni propositi consumator, actus vestros in via prosperitatis
et salutis optate dirigat, vobisque brachio sue benignitatis assistat,
quod per ministerium vestrum operosum et efficax, in partibus siculis
belli dissidio vastatis et pressis pacem prebeat, solacium quietis
adducat, ut ruine reparacione secuta vobis perpetuus sit honor et
gloria, statui nostro reparacio placida, et nostris subiectis et
subditis diversis oneribus oppressis ab hactenus consolacio fructuosa.
Datum Neapoli, per Bartholomeum de Capua, militem, Logothetam, et
Prothonotarium regni Sicilie, anno Domini millesimo trecentesimo
secundo, die nono maij, quintedecime Indictionis, regnorum nostrorum
anno octavodecimo.

_Datone avviso per altro spaccio_, Universibus presentes licteras
inspecturis fidelibus et devotis suis; _conchiudendo_: mandamus
quatenus eidem filio nostro, in omnibus que ad predictum Capitanie
generalis officium, tamquam persone nostre devote parcatis; et
efficaciter intendatis. Nos enim penas et Banna que ipse tulerit,
rata gerentes et firma, ea per eum volumus a transgressoribus
irremissibiliter extorqueri. Datum etc.

_Dagli archivi del reame di Francia, J. 511, 16, suggellati come i
precedenti._


XLIII.

Karolus secundus, Dei gratia, etc. Tenore presencium notum facimus
universis ipsarum seriem inspecturis, quod nos de magnifico principe
domino Karolo bone memorie Illustris Regis Francorum genito, Alanzoni
(_sic_), Valesij, Carnoti, et Andegavie comite, filio nostro carissimo,
tamquam de nobis ipsis plenarie confidentes, damus ei auctoritate
presencium liberam potestatem quod ipse nostro nomine possit inire,
tractare, facere, et firmare concordiam atque pacem cum Frederico
de Aragonia, occupatore Insule nostre Sicilie, hoste nostro; prout
scilicet idem comes instructus est per certa nostra capitula sub
nostro sigillo exinde sibi data. In cuius rei testimonium et cautelam,
presentes nostras licteras exinde fieri, et pendenti Majestatis
nostre sigillo iussimus communiri. Data Neapoli, per Bartholomeum
de Capua militem, Logothetam et Prothonotarium regni Sicilie, anno
Domini millesimo trecentesimo secundo, die decimo maij, quintedecime
indictionis, Regnorum nostrorum anno octavodecimo.

_Dagli archivi del reame di Francia, J. 511, suggellato come i
precedenti. È scritto tutto della stessa mano con cui è supplito il
nome di Bartolomeo di Capua negli altri diplomi della medesima data
di maggio 1302, che nel rimanente sono d’altra scrittura. Da ciò è da
argomentare, che il ministro di Carlo II non affidasse ad altri la
copia di questo segretissimo diploma._


XLIV.

DOMPNE FREDERIC DE CICILIA.

  Ges per guerra non chal aver consir:
  Ne non es dreiz de mos amis mi plangna,
  Ch’ a mon secors vei mos parens venir;
  E de m’onor chascuns s’esforza e s’ langna
  Perch’ el meu nom maior cors pel mon aia.
  E se neguns par che de mi s’estraia,
  No l’en blasmi che almen tal faiz apert
  Ch’onor e prez mos lignages en pert.
  Pero el reson dels Catalans auzir
  E d’ Aragon puig far part Alamagna;
  E so ch’enpres mon paire gent fenir:
  Del rengn’ aver crei che per dreiz me tangna,
  E se per so de mal faire m’assaia
  Niguns parens, car li crescha onor gaia,
  Bem porra far dampnage a deschubert,
  Ch’en altre sol non dormi nim despert.
  Pobble, va dir a chui chausir so plaia
  Che dels Latins lor singnoria m’apaia;
  Per que aurai lor e il me per sert;
  Mas mei parens mi van un pauc cubert.

RESPONSIVA DEL COND’EN PUNA.

  A l’onrat rei Frederic terz vai dir
  Q’a noble cor nos taing poder sofragna,
  Peire comte; e pusc li ben plevir
  Che dels parenz ch’aten de vas Espagna
  Secors ogan non creia ch’ a lui vaia,
  Mas en estiu fasa cont chels aia,
  E dels amics; e tegna li oil ubert
  Ch’els acoilla pales e cubert.
  Ne nos cuig ges ch’ el seus parenz desir
  Ch’el perda tan ch’ el regne no il remagna:
  N’el bais d’ onor per Franzeis enrechir:
  Ch’en laisaran lo plan e la montagna.
  Confundal Deus e lor orgoil decaia:
  Pero lo rei e Cicilian traia
  Onrat del faitz, che l poublat el desert
  Defendon ben da chosion apert.
  Del gioven rei me plaz can non sesmaia
  Per paraulas, sol qa bona fin traia
  So ch’el paire chonquis a lei de sert,
  E si ’l reten, tenremlen per espert.

_Dalla Biblioteca Laurenziana di Firenze_, Pl. XLI, Cod. XLII, pag. 63.

_L’ortografia di questo Ms., la quale non si dee mutar certamente da
noi, porta a leggerlo con la pronunzia italiana, più tosto che con la
francese._


DON FEDERIGO DI SICILIA.

«Uom non s’affanni a cagion di guerra: nè fia ch’io mi dolga degli
amici, quando veggo i congiunti muovere al mio soccorso; i soggetti
affaticarsi e anelare, perchè il mio nome s’esalti nel mondo. E se avvi
chi si discosta da me, nol biasimo quando, a faccia scoperta, si fa a
menomare il nome e’l pregio della mia schiatta. Pur son io quel che può
far sentire fino in Lamagna le geste de’ Catalani e degli Aragonesi;
son io che posso compier l’impresa egregiamente cominciata dal
genitore; mio è di ragione il regno. Ma se v’ha nella mia schiatta chi
mi voglia male per ciò, e ne speri aumento d’onori e di prosperità,
nessuno gli vieta d’offendermi apertamente; in questo suolo io dormo,
in questo io voglio sempre. Or il sappia chi il voglia, mi son sospetti
un poco, i parenti; ma piacemi la signoria de’ Latini: sia che sia, io
avrò i Latini; ed essi, me.»


RISPOSTA DEL CONTE D’EMPURIIS.

«All’illustre re Federigo III fa intendere, o conte Pietro, che non
s’addice a nobil animo perder possanza. Il creda a me, non avrà per
ora alcun soccorso da’ parenti e dagli amici che attende di Spagna; ma
confidi di vederli alla state vegnente; e tenga ben gli occhi aperti
come accoglierli in palese e in segreto. Nè pensi che i suoi parenti
voglian fargli perder tanto, che non gli resti il regno; e vogliano
abbassar lui per aggrandire i Francesi. Lasceran questi il piano e il
monte. Che Iddio li confonda e fiacchi il loro orgoglio! Che faccia
uscir con onore il re e’ Siciliani; e li regga a difendere virilmente
città e campagne. Piacemi del giovin re, che nulla si sgomenta a
parole, e tira dritto a conservar la conquista, leggittima certo, del
padre. E s’ei la manterrà, si che l’avremo per valentuomo.»

Questi due serventesi di Federigo d’Aragona, secondo di tal nome tra
i re di Sicilia, e del conte Ugone de Empuriis, sono da gran tempo
conosciuti, son citati dal Crescimbeni e dal Quadrio, e se ne legge
qualche squarcio nelle raccolte di poesie provenzali, e segnatamente
in quella di Raynouard, t. V, p. 113 e 154. Niuno li ha pubblicato
per intero, perchè si è disperato dell’intelligenza di alcuni versi.
Io n’ebbi, son or parecchi anni, una copia tratta dalla Biblioteca
Laurenziana; e ne capii appena quanto bastò ad accendere la curiosità,
senza poter mai, nè da me solo, nè con aiuto altrui, venire a capo
di diciferarli. Ne debbo adesso la interpretatone a M. Fauriel
dell’Accademia delle Iscrizioni e Lettere di Francia, chiaro d’ingegno
e di sapere, e verso me cortesissimo.

Io credo che meritino un posto tra i documenti della istoria, queste
due epistole in rima, non molto colorite d’immagini nè di ornamenti
poetici, le quali confermano e rischiarano quanto noi sappiamo delle
condizioni in cui si trovò Federigo nel salire al trono di Sicilia.
Egli stesso le spiega nel primo serventese; e nel secondo ne riferisce
altri particolari Ugone de Empuriis, fatto poi conte di Squillaci;
che fu tra i primi cavalieri spagnuoli che si gittarono dalla parte
di Federigo e forse il consigliarono a quella impresa; e lo servi
fedelmente in corte e in guerra; e lo salvò nella battaglia del Capo
d’Orlando, allorchè sconfitti i nostri, tramortito il re, si pensava
di consegnar la sua spada ai nemici. Il carattere di Federigo qual si
ritrae dalle più accurate indagini storiche, ben risponde a’ concetti
de’ suoi versi. Egli ha per uno scherzo la guerra; non porta rancore
a’ suoi nemici aperti; sa di emesso in un’ardua impresa, ma piena di
gloria; fida nello zelo dei Siciliani; si lagna con disinvoltura del
fratello, senza però nominarlo; e conchiude con esprimer felicemente la
costanza del suo proposito. Il suo cortigiano, anzi amico, crede bene
al coraggio di Federigo, ma non par sicuro della sua abilità; spera che
Giacomo non voglia perder del tutto suo fratello; e confida al par che
Federigo negli aiuti degli avventurieri spagnuoli, che per altro non
aspetta si pronti. Le quali particolarità ben s’accordano con ciò che
ho narrato dal capitolo XIV al XVIII, nè è mestieri altro comento.

Noterò solamente che in questi versi si allude a due classi di parenti
di Federigo. La prima è de’ parenti che si attendeano di Spagna,
insieme con gli amici; e si riferisce manifestamente ad alcuni tra i
principi del sangue reale d’Aragona, di Maiorca, e anche di Castiglia;
che tra legittimi e bastardi non ce n’era penuria. Forse Federigo
sperava ancora di aver seco il suo minor fratello Pietro, che mori di
lì a poco nella guerra contro Castiglia; Dante il credea erede della
virtù, come del nome del padre:

  E se re dopo lui fosse rimaso
  Lo giovinetto che retro a lui siede,
  Ben andava il valor di vaso in vaso.

  _Purg_., c. 7.

La seconda classe di parenti, non ostante il velo del numerò plurale,
si riduce a un solo: al re Giacomo. Il conte Pietro, che Ugone de
Empuriis prega di parlare in suo nome a Federigo, par che sia Pietro
Lancia, fatto conte di Caltanissetta nel dì della coronazione di
Federigo, e figliuolo di quel Corrado Lancia ch’era il favorito del re.
Quanto ai soccorsi di Spagna, non sembri strano che si aspettassero
non ostante la opposizione di Giacomo; perchè i cavalieri catalani e
aragonesi avean dritto di prender le armi per cui lor fosse a grado:
e Federigo in fatti sempre tenne molte pratiche col baroni e con le
città che ubbidivano al fratello, e sperò non solo di averne soldati
di ventura in suo aiuto, ma fin anco di far che la nazione trattenesse
Giacomo dal muover guerra alla Sicilia.

Finalmente io penso che si possa precisamente indicare la data di
queste poesie. Non furono scritte avanti il gennaio 1296, perchè
Federigo, che vi è chiamato re, non fu eletto principe della Sicilia
che il 12 dicembre 1295; nè ebbe il titolo di re che il 15 gennaio
seguente. Non furono scritte dopo la state del 1296, perchè allora
Giacomo si dichiarò contro il fratello; e nemmeno nella stessa stagione
o poco innanzi, perchè Ugone de Empuriis accerta il re che non avrebbe
i soccorsi di Spagna prontamente, ma si nella state. La data si dee
ritirar dunque ai principi dell’anno 96: e se il conte Pietro è
veramente Pietro Lancia, (chè noi non sappiamo d’altro conte Pietro che
allor fosse alla corte di Federigo), i limiti allora si ravvicinano;
perchè Pietro Lancia fu fatto conte nelle feste, della coronazione, in
fin di marzo 1296. Appunto a questo tempo si dovrebbero riferire i due
componimenti. Pietro d’Aragona poetò in provenzale, com’ era uso nelle
corti della Francia meridionale e degli stati cristiani della Spagna;
Costanza fu figliuola di Manfredi, letterato e poeta; la educazione di
Federigo lor figlio non potea dunque esser volgare: e di fatto nol fu;
e venne a compirsi in Sicilia, mentre la rivoluzione esaltava tutti
gli animi, e rinvigoriva gl’ingegni. Indi è probabilissimo, che questo
giovane di venticinque anni, cresciuto nello studio delle lettere, come
mise il piè su i gradini d’ un trono pien di gloria e di pericoli,
nella alacrità del nuovo acquisto dettasse que’ versi, che noi pongono
certo tra i migliori poeti, ma fan fede della cultura del suo ingegno,
e della nobiltà del suo animo.

XLV.

_Cappella di S. Maria l’Incoronata._

Sopra la porta di questa cappella si vede dipinta a fresco per opera
d’antico pennello la coronazione del re Pietro d’Aragona, e della
regina Costanza sua moglie, fatte in questa cappella nel 1282. Nella
parte destra si vede il re genuflesso avanti il vescovo (e fu quel
di Cefalù, poichè l’arcivescovo di Palermo Pietro Santafede s’era
portato in Roma ambasciatore del regno al Pontefice Martino IV in
discolpa de’ Siciliani dopo il vespro siciliano, come scrive il Pirri,
in Cronologia Reg. fog. 61). Assiso il prelato in una sedia avanti
i gradini dell’altare in abito pontificale, mette in capo al re la
corona di Sicilia, alla presenza di alcuni prelati assistenti. Sotto
il re si legge: _Petrus Aragonius_. Nella sinistra parte si vede la
regina Costanza sua moglie che riceve la corona dal vescovo in piedi,
coll’assistenza di alcuni prelati. Sotto la regina si legge: _Regina
Constantia_. La diversità del re in ginocchio e il vescovo sedente,
e di Costanza sedente e il vescovo in piedi, fu notata dal Gualterio
in tabul. fog. 95: «_Petro genuflexo a sedente archiepiscopo corona
imponitur: Constantia sedente ab assurgente datur_.» Il p. Amato, nel
lib. 4, cap. 6, fog. 49, riflette sopra questa diversità: «_Constantia
Sueva Siciliae domina sedet: vir Petrus Aragonensis flexis genibus;
primam stans Praesul, secundum coronat sedens_.»

Nella parte superiore si vedon l’armi del re Pietro. Sotto il limitare
della finestra si legge scolpito:

  HIC REGI CORONA DATVR.

Sopra la finestra vi sono a pennello questi versi:

  FILIA MANFREDI REGIS COSTANTIA PETRO
  HIC SVA CONSORTI REGIA SCEPTRA DEDIT.

Nella parte destra si leggono i seguenti:

  SPONSVS VT EST TEMPLI DEVS ISQVE HOMO VIRGINE NATVS
  SIC AQVILAE GEMINVM CERNIS INESSE CAPVT,

Nella parte sinistra:

  CVM SIS DIVORVM ALTRIX REGVM ET REGIA SEDES
  ET MERITO REGNI DICTA PANORME CAPVT.

In un marmo sopra la finestra che sovrasta alla porta, si legge questa
iscrizione:

  HIC OLIM SICVLO CORONA REGI
  SACRIS E MANIBVS DABATUR VNCTIO
  HVNC MVNDI DOMINA DEIQVE MATER
  HIC CRISTVS COLITVR PIVS CORONANS
  ET QVISQVIS BONA FABRICAI LEGAVIT
  TEMPLI MAGNIFICI TVI PANORME
  DIVINA PRECE SEV HOSTIA IVVATVR.
  ANNO REPARATI ORBIS MDXXV IDIBVS SEPTEMBRIS
  . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
_Trattando dell’interno di questa cappella l’autore scrive_:

Nella volta della tribuna si osserva dipinto a fresco l’Eterno Padre
sedente in trono, che con la destra corona il re Pietro d’Aragona, e
con la sinistra Costanza, amendue genuflessi. A fianco del re si vede
S. Pietro Apostolo in piedi, che tien con la destra le chiavi, con la
sinistra un libro aperto col motto: _Petrus ero Petro Regi Siculorum_.
A lato della regina si vede S. Paolo Apostolo, che ha nella destra la
spada, nella sinistra un libro aperto; ma non può leggersi il motto
cancellato dall’antichità.

Non senza dispiacere considerano gli amatori dell’antichità, che
doveasi conservare, ec.

_Da’ Mss. del Mongitore.—Cattedrale di Palermo, ec.—Nella Bibl. com. di
Palermo, Q. q. n._ 10, _fog_. 675.

                          FINE DEI DOCUMENTI.



                                INDICE.

 CAPITOLO XIII.

 Naufragio dell’armata al ritorno in Sicilia. Giacomo
 coronato re. Capitoli del parlamento di Palermo; privilegi
 ai Catalani. Fazioni di guerra. Supplizio d’ Alaimo
 di Lentini. Agosta occupata da’ nemici, e da’ nostri
 ripresa. Seconda vittoria natale nel golfo di Napoli.
 Trattato della liberazione di Carlo lo Zoppo. Passaggio
 di re Giacomo sopra il reame di Napoli. Tregua di
 Gaeta. Pratiche di pace generale e crociata, conchiuse
 a danno della Sicilia. Morte di Alfonso re d’Aragona,
 al quale succede Giacomo. Novembre 1285 a giugno
 1291                                                          Pag.   1

 CAPITOLO XIV.

 Primordi del regno di Giacomo in Aragona. Raffermata
 amistà tra Sicilia e Genova. Per quali ragioni allenava la
 guerra. Fazioni di Ruggier Loria nel reame di Puglia e in
 Grecia. Giacomo si volge alla pace. Opinione pubblica in
 Sicilia; patriotti, Federigo d’Aragona, fazione servile;
 primi oratori al re. Primo trattato di Giacomo con re
 Carlo. Celestino V ratifica la pace. Più vigorosamente la
 procaccia Bonifazio VIII. Pratiche delle corti di Roma
 e d’Aragona con l’infante Federigo. Nuovi oratori a re
 Giacomo. Federigo chiamato al regno di Sicilia. Vana prova
 di papa Bonifazio a impedirlo. Settembre 1291 a gennaio
 1296                                                             44

 CAPITOLO XV.

 Coronazione di Federigo II di Sicilia. Novelle
 costituzioni, per le quali è ridotta, nel parlamento
 gran parte della sovranità. Federigo porta la guerra
 in Calabria. Principi della discordia tra il re e
 Loria. Presa di Cotrone; fazioni in Terra d’Otranto;
 combattimento del ponte di Brindisi. Papa Bonifazio
 spinge Giacomo contro il fratello. Ambasceria di Giacomo.
 Parlamento di Piazza. Battaglia d’Ischia. Viene Giacomo
 a Roma. Chiama a sè Loria. Ribellione di costui da
 Federigo. La regina Costanza il porta via di Sicilia, con
 Giovanni di Procida. Primavera del 1296 alla primavera del
 1297                                                             78

 CAPITOLO XVI.

 Ribellione de’ feudi dell’ammiraglio in Sicilia. È spenta,
 ed egli sconfitto da’ nostri sotto Catanzaro. Preparamenti
 di Giacomo e di Federigo. Il primo sbarca sulla costiera
 settentrionale dell’isola; passa ad assediar Siracusa.
 Fatti della guerra guerriata, che s’accende in Sicilia.
 Giovan Loria vinto e preso nello stretto di Messina;
 sciolto l’assedio di Siracusa; e Giacomo torna in Napoli e
 in Catalogna. Nuovo passaggio di lui in Sicilia Parlamento
 di Messina. L’armata siciliana debellata dalla catalana a
 capo d’Orlando. Estate del 1297–4 luglio 1299.                  109

 CAPITOLO XVII.

 Giacomo, lasciato Roberto in Sicilia, tornasi a Napoli,
 indi in Catalogna. Ambo le parti si apparecchiano a
 continuare la guerra in Sicilia. Dansi a Roberto varie
 città; è presa Chiaramonte; altre resistono. Tradimento
 di alcuni cittadini che chiamano in Catania i nemici.
 Effetti di questo nell’isola. Nuovi passi di papa
 Bonifazio. Sbarco del principe di Taranto. Battaglia
 della Falconarìa, ov’egli è sconfitto e preso. Inganno
 e combattimento di Gagliano. Luglio 1299 a febbraio
 1300                                                            143

 CAPITOLO XVIII.

 Forze di Federigo e de’ nimici, e pratiche di Bonifazio.
 Trattato di Carlo II con Genova. Pratiche di lui
 in Sicilia. Armamenti navali; battaglia di Ponza;
 trattamento dei prigioni siciliani, e morte di Palmiero
 Abate. Continua con poco frutto la guerra. Naufragio
 della flotta di Roberto. Congiura contro la vita di
 Federigo. Blocco di Messina; orribil carestia, e virtù
 del re. Tregua. Dalla primavera del 1300 a quella del
 1302                                                            175

 CAPITOLO XIX.

 Carlo di Valois a Firenze, indi in Sicilia. Deboli
 effetti delle sue armi. Assedio di Sciacca. Postura e
 disposizioni di Federigo. L’esercito nemico si consuma
 sotto Sciacca. Proposte di pace e preliminari di
 Caltavuturo; abboccamento tra i principi; trattato
 di Caltabellotta. Esecuzione di quello. Convito del
 Valois a Messina. Riforma de’ capitoli della pace, per
 voler di Bonifazio. Federigo, rimaso re di Trinacria,
 sposa Eleonora figlia di re Carlo. Principi della
 Compagnia di Romania. Settembre 1301 alla primavera del
 1303                                                            213

 CAPITOLO XX.

 Conchiusione. Qual era la Sicilia prima del vespro; qual
 ne divenne; qual rimase.                                        236

APPENDICE.

 Esposizione ed esame di tutte le autorità istoriche sul
 fatto del vespro                                                251



                              DOCUMENTI.

 1270. 3 febbraio.—Carlo I agli stratigoti di Salerno.
       Salvocondotto per Landolfina moglie di Giovanni di
       Procida.—_Documento I._

 1278. 13 agosto.—Carlo I al giustiziere di Basilicata.
       Sul corso de’ nuovi carlini e mezzi carlini d’oro; e la
       elezione de’ giudici e maestri giurati.—_Docum. II._

 1279. 12 agosto.—Carlo I. Cedola della distribuzione della
       nuova moneta bassa per le terre della Sicilia oltre il
       Salso.—_Docum. III._

 1282. 3 aprile.—Confederazione tra le città di Palermo e
       di Corleone.—_Docum. IV._

   —   13 aprile.—Epistola de’ Palermitani ai Messinesi, perchè
       seguano la rivoluzione.—_Docum. V_.

   —   9 maggio.—Carlo I a Filippo l’Ardito. Significa la
       rivoluzione della Sicilia e chiede aiuti di gente.—_Docum. VI_.

   —   ........—I Siciliani al collegio de’ cardinali e al papa.
       Giustificano la rivoluzione.—_Docum. VII_.

   —   19 (agosto?).—Pietro d’Aragona a Eduardo I d’Inghilterra.
       Avviso del prossimo suo passaggio in Sicilia.—_Docum. VIII_.

   —   29 settembre.—Carlo I al capitano dal Faro sino ai
       confini degli stati della Chiesa. Ragguaglio della
       ritirata da Messina.—_Docum. IX_.

 1283. 8 febbraio.—Pietro d’Aragona al giustiziere
       Ruggiero di Mastrangelo. Su la immunità degli
       ecclesiastici dalla imposta deliberata poco innanzi nel
       parlamento di Catania.—_Docum. X._

 1283. 15 febbraio.—Pietro d’Aragona al comune di Messina.
       Enuncia le franchige accordate a tutta la Sicilia nel
       recente parlamento di Catania.—_Docum. XI_.

   —   24 settembre.—Carlo principe di Salerno ad Alberico
       de Verberiis. Descrizione del vasellame e minutaglie
       d’argento, impegnati dal principe in poter di mercatanti
       romani.—_Docum. XII._

   —   27 settembre.—Carlo principe di Salerno al capitano di
       Geraci, ec. Donazione di piccioli poderi a’ soldati che
       avean difeso il castel di Sperlinga nella rivoluzione di
       Sicilia.—_Docum. XIII._

 1284. 9 gennaio.—Martino IV a Filippo l’Ardito. Risposta a
       un’ambasceria su l’impresa d’Aragona.—_Docum. XIV._

   —   29 marzo.—Carlo principe di Salerno al castellano del
       castel dell’Uovo di Napoli. Ordina di liberare Arrigo
       Rosso da Messina.—_Docum. XV._

   —   9 aprile.—Carlo principe di Salerno ai capitani di parte
       Guelfa in Firenze. Perchè faccian mandare dalla città di
       Pisa le promesse galee per la impresa di Sicilia.—_Docum. XVI_.

   —   19 maggio.—Carlo principe di Salerno a Catello de’
       Catelli e Gentile da San Miniato. Perchè affrettin la leva
       di gente in Lombardia.—_Docum. XVII_.

   —   14 giugno.—Carlo I al comune di Pisa. Ragguaglio della
       sconfitta del principe di Salerno, e del nuovo armamento
       del re contro la Sicilia.—_Docum. XVIII_.

   —   7 agosto.—Carlo I al giustiziere di Capitanata. Faccia
       mozzare il piè a’ disertori Saraceni.—_Docum. XIX_.

   —   10 agosto.—Carlo I a’ Siciliani. Proclamazione in cui si
       fa nota la elezione di Roberto conte d’Artois a vicario
       generale in Sicilia con pien potere.—_Docum. XX_.

       Detto.—Carlo I al conte d’Artois. Su lo stesso
       argomento.—_Docum. XXI_.

   —   19 agosto.—Carlo I a parecchi giustizieri. Faccian
       mozzare il piè sinistro ai disertori dell’armata.—_Docum. XXII_.

   —   5 ottobre.—Carlo I al giustiziere di Terra di Bari.
       Toccando i capi più importanti della guerra di Sicilia,
       richiede nuovi sussidi de’ popoli a continuarla.—_Docum. XXIII_.

 1285. 6 gennaio.—Carlo I a Filippo l’Ardito. Lo prega a
       prender sotto la sua tutela le contee d’Angiò, Provenza e
       Forcalquier.—_Docum. XXIV_.

 1290. 27 dicembre.—Roberto conte d’Artois a Giacomo
       d’Aragona. Sopra alcune trasgressioni alla tregua di
       Gaeta.—_Docum. XXV_.

 1299. 7 marzo.—Carlo II ratifica i patti fermati col
       capitano per Federigo di Aragona in castell’Abate.—_Docum.
       XXVI._

   —   4 aprile.—Carlo II ratifica i patti fermati con gli
       almugaveri di Castell’Abate.—_Docum. XXVII_.

   —   16 aprile.—Carlo II al vicario di Principato. Sopra la
       restituzione di alcuni beni a Tommaso di Procida.—_Docum.
       XXVIII._

   —   25 giugno.—Carlo II al castellano di Santa Maria del
       Monte. Che gli mandi liberi i figli di Manfredi.—_Docum.
       XXIX_.

       Detto.—Carlo II a Guglielmo de Pontiaco. Su lo stesso
       argomento.—_Docum. XXX._

   —   24 luglio.—Carlo II. Elezione di Roberto suo figliuolo a
       vicario generale in Sicilia con larga autorità.—_Docum.
       XXXI_.

   —   8 dicembre.—Carlo II a Filippo l’Ardito. Gli dà avviso
       della sconfitta e prigionia del principe di Taranto, e gli
       chiede nuovi soccorsi.—_Docum. XXXII_.

 1300. 16 aprile.—Carlo II. Procura a’ suoi legati per
       trattare con la Repubblica di Genova.—_Docum. XXXIII_.

   —   6 maggio.—Carlo II. Capitoli dell’accordo tra il re e
       Genova.—_Docum. XXXIV_.

   —   20 giugno.—Carlo II all’ammiraglio Ruggier Loria. Gli
       dà pien potere a fermar quantunque patti con città
       o individui della Sicilia che volessero tornare in
       fede.—_Docum. XXXV_.

   —   20 luglio.—Carlo II. Ratifica una concessione feudale
       fatta da Roberto vicario a 11 ottobre 1299, in favore di
       Virgilio Scordia da Catania.—_Docum. XXXVI_.

 1302. 16 aprile.—Bonifazio VIII. Accorda le indulgenze per
       la guerra di Sicilia.—_Docum. XXXVII_.

   —   5 maggio.—Carlo II a Carlo di Valois. Promette che senza
       saputa sua non farà pace con Federigo d’ Aragona.—_Docum.
       XXXVIII_.

       Detto.—Carlo II a Carlo di Valois. Facoltà di perdonare a’
       Siciliani.—_Docum. XXXIX_.

 1302. 7 maggio.—Carlo II. Proclamazione su lo stesso
       argomento.—_Docum. XL_.

   —   8 maggio.—Carlo II a Carlo di Valois. Sul dritto
       di albinaggio verso i Francesi dell’esercito del
       Valois.—_Docum. XLI_.

   —   9 maggio.—Carlo II a Carlo di Valois. Lo elegge capitan
       generale in Sicilia.—_Docum. XLII_.

   —   10 maggio.—Carlo II a Carlo di Valois. Gli dà autorità a
       fermar pace con Federigo.—_Docum. XLIII_.

 Serventesi del re Federigo II di Sicilia e del conte de
 Empuriis (marzo 1296?).—_Docum. XLIV_.

 Descrizione di alcune antiche dipinture nella chiesa di S.
 Maria Incoronata in Palermo, tratta da un MS. del canonico
 Mongitore.—_Docum. XLV_.

                           FINE DELL’INDICE.



                                 NOTE:

[1] Bart. de Neocastro dice Protontino, ch’era grado nell’armata,
seguente all’ammiraglio, come il mostrano tre diplomi del 16 agosto
1299, per Pietro Salvacossa. Nel r. archivio di Napoli, reg. 1299, A,
fog. 170, a t. e 171.

[2] Bart. de Neocastro, cap. 101.

Nic. Speciale, lib. 2, cap. 8.

Il Montaner, che nella sua memoria confuse orribilmente la cronologia
di questo periodo del regno di Giacomo in Sicilia, porta la tempesta
sofferta dall’armata siciliana nel 1288 o 1289, con manifesto
anacronismo.

[3] Neocastro e Speciale, loc. cit.

Anon. chron. sic., cap. 47.

[4] Bart. de Neocastro, cap. 102, nel quale si legge che Giacomo
toglier volle, _se alcuna ve n’era_, le oppressioni del popolo.

Nic. Speciale, lib. 2, cap. 9.

Montaner, cap. 148.

Geste de’ conti di Barcellona, cap. 28, loc. cit.

Anon. chron. sic., cap. 47.

La data delle costituzioni è scritta ne’ nostri capitoli del regno, 5
febbraio decimaquarta Ind. 1285, contandosi gli anni dal 25 marzo, onde
quel giorno risponde al 5 febbraio 1286 del calendario comune.

[5] Capitoli del regno di Sicilia.—Jacobus, cap. 1 a 7, 9, 44.

[6] Ibid., cap. 15, 16, 17, 18, 27, 45. Le cause col fisco si doveano
spedire anche in due mesi. Pel cap. 42 fu rimessa ai possessori la
terza parte dei furti, che si appropriava il fisco. Pel 43 permessi con
qualche eccezione gli accordi tra accusatori e accusati. Pel cap. 23 fu
proibito al fisco di sperimentare i suoi dritti su i feudi con azione
possessoria, ma si stabilì che il facesse in via di petitorio, che non
eccedesse i patti nell’agire contro i mallevadori, non eccedesse le
leggi contro gli scopritori di qualche tesoro.

[7] Ibid., cap. 8, 10, 11, 12, 13, 22, 24, 25, 26, 28, 30. Pel 29 fu
abrogato l’obbligo di pascere i porci nelle foreste del re.

[8] Ibid., cap. 14, 19, 20, 21.

[9] Ibid., cap. 31, 33, 39. Pel cap. 32 si stabilì che i balì de’
feudatari d’età minore fossero scelti tra i congiunti, e rendesser
conto al pupillo. Pel 34 che i suffeudatari non servissero alla curia.
Pel 35 che i suffeudi vacanti si riconcedessero dal barone. Pel 36 che
i vassalli de’ baroni non fossero costretti dalla curia ad esercitare
ufici. Pel 37 che non si mandassero maestri giurati della curia nelle
terre feudali o ecclesiastiche.

[10] Ibid., cap. 38.

[11] Ibid., cap. 46 e 47.

[12] Ibid., cap. 40 vietati i servigi che esigeano i castellani; cap.
41, altri provvedimenti da reprimere l’insolenza de’ soldati delle
castella.

[13] Ibid., al cap. 48, si stabiliron le pene contro i ministri e
gli oficiali trasgressori delle costituzioni. Il cap. 49 risguarda
la malleveria o l’imprigionamento degli accusati. I cap. 50, 51, 55
pel trattamento de’ prigioni; 52 per gli accordi tra accusatori ed
accusati; 53 e 54 su l’asportazione delle armi; 56 tolta l’istanza
pubblica pei delitti minori; 57 pei dritti sul ricevuto delle tasse;
58, 59, 60, 61, 63, altri provvedimenti per la riscossione delle tasse;
62 pei terragi da pagarsi al fisco o ai baroni; 64 per le foreste e
bandite.

[14] Surita, Ann. d’Aragona, lib. 4, cap. 75.

[15] Diploma dato di Palermo a 12 febbraio decimaquarta Ind. 1285
(1286), ne’ Mss. della Bibl. com. di Palermo, Q. q. G. 1, fog. 147,
pubblicato dal Buscemi, Vita di Giovanni di Procida, docum. 6.

[16] Mss. citati, fog. 149, diploma del 18 febbraio 1285 (1286).

[17] Mss. citati, fog. 150, diploma del 22 febbraio.

[18] Mss. citati G. 12, diploma del 22 marzo 1258.

[19] Ibid. G. 1, fog. 156, diploma del 17 luglio 1288. Questi tre
diplomi di Giacomo son trascritti in uno di Federigo II, pubblicato dal
Testa nella Vita di lui, docum. 8.

[20] Bart. de Neocastro, cap. 105, 106.

[21] Raynald, Ann. ecc., 1286, §. 6 a 9.

[22] Bart. de Neocastro, cap. 101.

Montaner, cap. 116, con l’errore che Giacomo fosse ito a questa impresa.

[23] Diploma del 22 agosto 1286, nell’Elenco dello pergamene del r.
archivio di Napoli, tom. II, pag. 16.

[24] Montaner attesta, a cap. 149, che Sarriano fosse cavaliere di
Sicilia.

Niccolò Speciale, lib. 2, cap. 15, porta questa spedizione del Sarriano
con anacronismo, rimandandola appresso la tregua di Gaeta.

[25] Bart. de Neocastro, cap. 102, 103, 104.

Diploma del 27 giugno 1286, per la catena del porto di Napoli, nel
citato Elenco, tom. II, pag. 15.

Montaner, cap. 109, 113, 116, 148, 149, 152, il quale confondendo i
tempi, pur narra questi fatti con tali minuzie che si riconoscono di
leggieri, e sen trae maggior fede al racconto del Neocastro.

[26] Bart. de Neocastro, cap. 107, 108, 109.

Che Giovanni di Mazarino fosse chiarito reo di maestà, confermasi
ancora da un diploma di re Giacomo, dato di Messina a 5 agosto 1288,
nella Bibl. com. di Palermo, Mss. Q. q. G. 3, fog. 6, col quale son
conceduti al nobile Bernardo Milo una torre e un podere presso Trapani,
confiscati a questo Giovanni. Per un altro diploma del 30 luglio dello
stesso anno fu conceduto ad un Villanuova il casale di Mazarino, Mss.
citati, Q. q. G. 1, fog. 158.

[27] Diplomi del 17 dicembre 1285 e 25 maggio 1286, nell’Elenco delle
pergamene del r. archivio di Napoli, tom. II, pag. 12 e 13.

[28] Bart. de Neocastro, cap. 110.

I Guelfi trovavan sì tiepido papa Onorio in tale impresa, che Giovanni
Villani, scrittor di quella fazione, nel biasima apertamente, lib.
7, cap. 113. E pur noi lo veggiamo sì duro contro casa d’Aragona ne’
trattati della liberazione di Carlo lo Zoppo.

[29] Bart. de Neocastro, cap. 110.

Diplomi del 27 dicembre 1286, 15 aprile, 20 aprile, e 15 maggio 1287,
nel citato Elenco, tom. II, pag. 18 e 19.

[30] Questo sbarco a Malta si legge nell’or citato diploma del 15
maggio 1287, con l’altra circostanza che la terra d’Eraclea e altre
mandarono a offrirsi a’ Francesi; che par bugia del diploma.

[31] Bart. de Neocastro, cap. 110.

Nic. Speciale, lib. 2, cap. 10.

Gio. Villani, lib. 7, cap. 117, il quale dice 50 i legni di Rinaldo
d’Avella.

Montaner, cap. 106, con molti errori nel tempo e nei nomi.

[32] Bart. de Neocastro, cap. 110.

Atanasio d’Aci, in di Gregorio, Bibl. arag., tom. I, pag. 279 e seg.

Nic. Speciale, lib. 2, cap. 10.

Nessuno di questi scrittori porta l’appunto delle forze di Giacomo, se
non che delle navali. Ma il Neocastro gli dà 1,000 cavalli al primo dì
che venne in Catania, e dice poi ingrossata molto l’oste di cavalli e
più di fanti.

Il Montaner, cap, 107, porta a 700 i cavalli e a 3,000 i fanti.

[33] Bart. de Neocastro, cap. 110.

Nic. Speciale, lib. 2, cap. 10.

Nel Neocastro si legge che Arrigo de’ Mari fosse cittadino di Marsala.
Giovanni Villani in altro luogo parla di Arrigo de’ Mari, ammiraglio
e genovese, e così leggiamo negli Ann. del Caffari. Se dunque furon
due Arrighi de’ Mari, o un solo, nato in una di quelle città e fatto
cittadino dell’altra, è oscuro, nè importa molto il chiarirlo.

[34] Diploma dell’imperador Federigo, dato di Cremona a 20 febbraio
1248. Indi si scorge che Oddone di Camerana con molti altri Lombardi,
lasciata la patria per cagion dell’imperatore, venuti in Sicilia, ebber
dapprima Scopello, poi, non bastando, la terra di Corlone che fu data
in feudo ad Oddone. Ma essendo quella assai ricca, popolosa, e forte,
l’imperadore ripigliandola in demanio, la permutò con Militello in val
di Noto, che a lui ricadea per essersi estinta la linea della famiglia
dei Lentini (collaterale forse ad Alaimo) che la possedea. Mss. della
Bibl. com. di Palermo, Q. q. G. 12.

[35] Bart. de Neocastro, cap. 110.

Anon. chron. sic., cap. 48.

[36] Bart. de Neocastro, cap. 110; e con minori particolarità Niccolò
Speciale, lib. 2, cap. 10 e 12, Giovanni Villani, lib. 7, cap.
117, l’Anonymi Chron, sic., cap. 48, e, non senza circostanze poco
credibili, Montaner, cap. 107. Costui con manifesto anacronismo, porta
questa fazione prima della battaglia del golfo di Napoli nel 1284, in
cui fu preso Carlo lo Zoppo.

[37] Bart. de Neocastro, cap. 110, 111.

Nic. Speciale, lib. 2, cap. 11.

Montaner, cap. 105, con errore di tempo e di qualche circostanza,
dicendo che i Francesi tenessero ancora il castello di Cefalù; nel
quale sappiamo che era stato già prigione Carlo lo Zoppo.

Gio. Villani, lib. 7, cap. 117.

Anon. chron. sic., cap. 48.

Cronaca di Parma, in Muratori, R. I. S., tom. IX, pag. 812.

Tolomeo da Lucca, Hist. ecc., lib. 24, cap. 22, in Muratori, R. I. S.,
tom XI.

Cronaca di Rouen, presso Labbe, Bibl. manuscripta, tom. I, pag. 381.

Un diploma del 1 giugno duodecima Ind. (1299) attesta che Guglielmo
Sallistio fu preso nella battaglia de’ conti, ov’era nella famiglia del
conte di Monforte, e fu accecato. Nel r. archivio di Napoli, reg. seg.
1299, A, fog. 88.

Un altro del 30 settembre terza Ind. (1289), dato di Napoli, accorda
una sovvenzione a un Provenzale accecato dopo che fu preso nella
battaglia navale, e perciò deve intendersi della più recente, cioè
questa del 23 giugno 1287. Nel r. archivio di Napoli, reg. seg. 1291,
A, fog. 16.

Ibid. a fog. 16 a t. e 17, son due altri diplomi dati il 3 ottobre e
uno il 4, per Ruffino di Pavia similmente accecato, due uomini d’Ischia
ai quali era stato cavato un sol occhio, ec.

Finchè non avremo per tempi anteriori altri di questi documenti,
spiacevoli e non però men fedelmente da me riportati, potremo credere
col Montaner (cap. 118) che Ruggier Loria si sia dato a tali crudeltà
per rappresaglia, e molto tempo dopo che vide da’ nemici cavati gli
occhi e mozzate le mani ai nostri presi combattendo: il che non toglie
il biasimo, ma l’attenua. Montaner aggiugne che a queste rappresaglie i
nemici cessarono dall’empio lor costume.

[38] Nic. Speciale, lib. 2, cap. 12.

Bart. de Neocastro, cap. 111.

La restaurazione d’Agosta è riferita dal Montaner, cap. 108. Il quale
a cap. 118, sebbene con anacronismo, dice de’ tributi che i nostri
riscuoteano da Ischia sulle merci uscite dal golfo.

Un diploma del r. archivio di Napoli, reg. seg. 1289–1290, A, fog. 54,
citato da D. Ferrante della Marra (Discorsi, Napoli 1641), attesta che
Ramondo de Baux, fatto prigione nella battaglia dei conti, fu ricattato
dal padre; il quale impegnò la contea d’Avellino per avere il denaro.

[39] Raynald, Ann. ecc., 1288, §§. 10 e 11.

[40] V. il cap. 12.

[41] Rymer, Atti pubblici d’Inghilterra, tom. II, diplomi del 5
febbraio, 2 e 13 maggio, e 29 giugno 1286, pag. 315, 317, 318, 319.

[42] Rymer, loc. cit., pag. 326, 328, 329, 330, 331, 332, 333, due
diplomi del 15 luglio 1286, e altri del 22, 24, 25, dello stesso mese.

Altro del 15 luglio, in Martene e Durand, Thes. Nov. Anecd. tom. I,
pag. 1217.

[43] I particolari di questi maneggi furono i seguenti:

Onorio incominciò a sollecitar Filippo il Bello, affinchè ripigliasse
l’impresa del padre; e a questo effetto diede autorità al legato
pontificio in Francia di sospendere e scomunicare tutti gli
ecclesiastici che favorissero Alfonso in Aragona. (Archiv. del reame di
Francia, J. 714. 9.)

Eduardo I appena fermata la tregua di luglio 1286, caldamente sollecitò
la corte di Roma a ratificarla (Rymer, Atti pubblici d’Inghilterra,
tom. II, parecchi diplomi del 27 luglio 1286, pag. 334, 335); ed essa
mandò gli arcivescovi di Ravenna e di Morreale per trattar della pace,
senza fermarla però da lor soli, soggiugnea Onorio, in sì dilicato e
importante negozio (Ibid., pag. 340 e 341, 7 novembre e 1 marzo 1287;
Raynald, Ann. ecc., 1286, §§. 13 e 14; Cronaca di Parma, in Muratori,
R. I. S. tom. IX. pag. 810).

Ma insistendo Alfonso su i preliminari di Cefalù, il papa sdegnato
ruppe gli accordi (Raynald, Ann. ecc., 1287. §. 6, breve dato di Roma
a 4 marzo, di cui si fa menzione in due altri di papa Niccolò IV, del
15 marzo e 26 maggio 1288, in Rymer, l. c. pag. 358); sovvenne Filippo
il Bello e Valois, che nuovamente minacciassero la guerra (Raynald,
Ann. ecc., 1286, §. 28); i quali tentarono con lieve dimostrazione il
Rossiglione (Montaner, cap. 158 e 160).

Intanto le cortes d’Aragona e Catalogna, infin dai primordi del regno
d’Alfonso, avean preso ad esercitare tutti i poteri sovrani (Surita,
Ann. d’Aragona, lib. 4, cap. 77 e 78); la nazione disapprovava sempre
apertamente la impresa di Sicilia, e se sosteneva Alfonso era per
timore della dominazione francese (rimostranza del 1286, citata nel
cap. VIII, in nota.) Perciò Alfonso fu tratto a stipulare ad Oleron
in Bearn, il dì quindici luglio milledugentottantasette, presenti i
due legati pontifici, la liberazion di re Carlo. Si pattuì riscatto di
cinquantamila marchi d’argento: che promulgata la tregua tra Francia
e Aragona e inclusavi la Sicilia, Carlo si adoprasse a portarla
infino a tre anni, e farvi accostar la Chiesa e il Valois: che
procacciasse in questo tempo una pace soddisfacente a’ re d’Aragona e
di Sicilia, e ratificata sì dalla Chiesa. Dovea Carlo dare statichi tre
figliuoli suoi, sessanta nobili e borghesi provenzali, e giuramento
de’ castellani delle fortezze di Provenza, che rassegnerebbersi ad
Aragona, s’egli ne’ tre anni non ottenesse la pace, o non si tornasse
in prigione (Dipl. del 25 luglio 1287, in Rymer, loc. cit., pag. 346,
e in Lünig, Cod. Ital. dipl., tom. II, pag. 1035–1040. Dipl. del 28,
31 luglio e 4 agosto 1287, in Rymer, loc. cit., pag. 350, 351, 352).
Raffermaronsi oltre a questo le nozze tra la figliuola d’Eduardo e re
Alfonso, per tanti anni attraversate da Roma (Rymer, loc. cit., pag.
320 e 349, 27 maggio 1286, e 28 luglio 1287).

La inflessibile politica della corte di Roma, non ostante che vacasse
la sede per la morte di Onorio, distrusse questo trattato d’Oleron.
Prima il collegio de’ cardinali, poi Niccolò IV, esortavan Eduardo
a trovar altro modo alla liberazion del prigione; ammoniano Alfonso
vietandogli di aiutar il fratello; e ridavan le decime a Francia per la
guerra (Rymer, loc. cit., pag. 353, 358 e seg., 362, 365, 366, diplomi
del 4 novembre 1287, 15 marzo, 3 aprile, 26 maggio, 15 settembre 1288;
Raynald, Ann. ecc., 1288, §§. 11, 12, 13, 14, 15; breve del 15 marzo,
1288, Mss. della Bibl. com. di Palermo, Q. q. G. 1, fog. 155).

Indi il trattato di Campofranco, scritto da un notaio del papa: per
effetto del quale Carlo II pagò ventimila marchi, togliendone in presto
diecimila da Eduardo; die’ sicurtà per altri settemila; statichi solo
inglesi; parola ch’entro un anno procacciasse tregua tra Francia ed
Aragona, o si rendesse alla prigione. Saragozza e altre città e baroni
d’ambo le parti garantiron l’osservanza de’ patti; e Carlo giurolli una
prima volta, e uscito di Catalogna rinnovò il giuramento, che il papa
poi sciolse (Rymer, loc. cit., pag. 368 e seg., parecchi diplomi del
18, 21, 24, 25, e molti del 27 ottobre 1288, e altri del 28, 29 ottobre
e 3 novembre dello stesso anno e 9 marzo 1289; Lünig, loc. cit., pag.
1035 a 1040; Raynald, Ann. ecc., 1288, §§. 16, 17).

Il dubbio in cui si restò pe’ patti di Campofranco, si scorge ancora
da una lettera d’Alfonso data 4 gennaio 1290, dove affermansi non
annullati que’ d’Oleron, e obbligatosi Carlo a procacciar la pace anche
a Giacomo di Sicilia. Carlo II fu aiutato di danari al pagamento del
riscatto, non meno da’ suoi sudditi, che da città italiane. Soprastette
prima in Provenza; poi in primavera del 1289 passò in Italia; venne nel
regno, ove fermò la tregua di Gaeta; e ripartì immantinenti per andare
in Francia, a continuar le pratiche della pace, e far la commedia del
presentarsi in Ispagna, poichè gli altri potentati accaniti non voleano
piegarsi alla pace, ch’egli procacciava, portato dalla sua indole più
che da’ suoi interessi (Rymer, loc. cit., pag. 429, 430, 435, 438,
441, diplomi del 5 e 7 settembre, 30 ottobre, 1 e 2 novembre 1289, e
4 gennaio 1290, e diploma del 1 novembre 1289, anche pubblicato dagli
archivi d’Aix, per Papon, Hist. gén. de Provence, tom. III, docum.
20; Raynald, Ann. ecc., 1289, §§. 1 a 11, e 13, 14, 15; Cronica di
Iacopo Malvecio, in Muratori, R. I. S., tom. XIV, cap. 103, 104, 106,
108, e diplomi di Carlo II in essa trascritti, dati di Marsiglia il
1 dicembre 1288, di Genova a 26 aprile 1289, e di Rieti il dì della
Pentecoste del 1289, da’ quali si vede che il comune di Brescia porse
2,000 fiorini a Carlo, che ne l’avea pregato con molta istanza, dicendo
dover soddisfare il danaro o tornar in prigione). L’insistenza del
papa a minacciare Alfonso dopo la liberazione di re Carlo, per ottener
quella de’ figliuoli, e l’abbandono assoluto di Giacomo re di Sicilia,
si scorge da un breve del 25 settembre 1288, due del 9 febbraio,
cinque del 31 maggio, uno del 28 giugno, e uno del 7 luglio 1289,
relativi tutti a una novella concessione di decime ecclesiastiche al
re di Francia, e una bolla del 31 maggio 1289, con la quale si dava
autorità al vescovo d’Orléans e all’abate di Cluny, di ribenedire gli
scomunicati per aderenza con Pietro o con Alfonso d’Aragona. Negli
archivi del reame di Francia, J. 714.—18, 12, 11, 12, 12, 13, 13, 14,
15, 18, 15.

I comuni del regno di Napoli nel 1287 contribuiron danaro per la
liberazione del re, come si scorge da un diploma nel citato Elenco
delle pergamene del r. archivio di Napoli, tom. II, pag. 20. Veggansi
anche per tutte queste negoziazioni, Bart. de Neocastro, cap. 111,
112.—Niccolò Speciale, lib. 2, cap. 15.—Tolomeo da Lucca, Hist. ecc.,
lib. 24, cap. 23, in Mur., R. I. S., tom. XI.—Gio. Villani, lib. 7,
cap. 125–130.—Ramondo Montaner, cap. 162, 166, 167, 168, 169, che più o
meno ne riferiscono il vero.

[44] Un diploma di Carlo II dato di Venosa a 23 febbraio (non segnai
bene l’Ind.) fa parola di danaro dato a Ruggier di Sangineto, a domanda
della moglie, per lo riscatto de’ suoi figliuoli. Nel r. archivio di
Napoli, reg. 1291, A, fog. 213.

[45] Bart. de Neocastro, cap. 112.

Nic. Speciale, lib. 2, cap. 13.

[46] Bart. de Neocastro, loc. cit,, Nic. Speciale, lib. 2, cap. 14.

Veggasi anche il Montaner, cap. 116, 150, 163 e 165, il quale in vero
segna due antecedenti passaggi di Giacomo in Calabria, e dà a veder
sempre che molti fatti s’eran confusi nella sua memoria

[47] Si ritrae da’ diplomi del 27 e 28 giugno, notati nello Elenco
delle pergamene del r. archivio di Napoli, tom. II, pag. 43 e 44, nota.
2.

[48] Raynald, Ann. ecc., 1289, §. 13.

[49] Bart. de Neocastro, cap. 112.

Nic. Speciale, lib 2, cap. 16.

L’appello al servigio militare entro pochi giorni, si ritrae dal citato
Elenco, tom. II. pag. 48, 49, 50 e 51, ove leggonsi vari diplomi
dell’11, 12, 13 e 16 luglio 1289.

[50] Ibid., pag. 51, diploma del 31 luglio.

[51] Raynald, Ann. ecc., 1289, §. 15.

[52] Bart. de Neocastro, cap. 112.

Nic. Speciale, lib. 2, cap. 14.

Montaner, cap. 164, 165, 169.

Gio. Villani, lib. 7, cap. 134.

I gravi danni sofferti dalla città di Gaeta, si ritraggono anche dalle
immunità delle tasse regie e fin delle decime ecclesiastiche, datele
poco appresso in ristorazione e premio. Raynald, Ann. ecc., 1290, §§.
24, 25, e Villani, loc. cit.

[53] Bart. de Neocastro, cap. 112.

Nic. Speciale, lib. 2, cap. 14.

Montaner, cap. 169.

Raynald, Ann. ecc., 1289, §§. 65, 67.

Gio. Villani, lib. 7, cap. 134, il quale dice il nostro esercito
respinto di Calabria dal conte d’Artois. Non è vero, com’altri afferma,
che Artois, cruccioso della tregua, lasciasse i servigi di Carlo;
perchè da molti diplomi notati nello Elenco più sotto citato delle
pergamene del r. archivio di Napoli, tom. II, pag. 62, 63, 65, 66,
ec., si ritrae che Carlo, partito poco appresso, gli commettea gli
affari del regno, chiamandone vicario Carlo Martello suo figliuolo;
e nel diploma del 27 dicembre 1290, ch’io pubblico, docum. XXV, lo
stesso Artois attesta aver giurato la tregua di Gaeta, e scrive da
ministro di re Carlo per procacciarne l’osservanza. Le condizioni della
tregua, taciute dagli scrittori che ne portan solo la durata, si leggon
chiaramente nel citato docum. XXV.

Il soggiorno di Carlo II al campo di Gaeta confermasi per un diploma
del 18 agosto 1289, nell’Elenco citato, tom. II, pag. 57.

I particolari detta pratica della tregua, scorgonsi ancora da una
lettera di Carlo II ad Alfonso d’Aragona, data il 1 novembre 1289, in
Rymer, tom. II, pap, 441.

Questi diplomi e due altri di Giacomo dati a 17 e 30 luglio 1288 in
Palermo, Mss. della Bibl. com. di Palermo, Q. q. G. 1, fog. 156 e
158, correggono l’errore del Neocastro e dello Speciale, che portano
quest’impresa nella state del 1288; perchè i primi dimostrano fermata
la tregua d’agosto 1289, i secondi che Giacomo nella state del 1288
fosse in Palermo. Forse nacque l’errore dal ricordare l’indizione
piuttosto che l’anno, perchè la seconda indizione ricadea appunto sul
fin della state dell’88, sì come nel corso di quella dell’89.

Bonifazio poi rimproverò a Carlo questa tregua frettolosa, fermata
senza saputa sua nè di Gherardo. Essi erano allor legati del papa
all’oste angioina; ed è strano che uno di loro si sarebbe opposto a ciò
che volea il papa. Breve del 9 gennaio 1300, peste Raynald, Ann. ecc.,
1300, §. 14.

[54] Diploma dato il 27 dicembre quarta Ind. (1290). Docum. XXV.

Queste infrazioni della tregua, che erano scambievoli, si veggono da
parecchi altri diplomi, cavati come il precedente dal r. archivio di
Napoli.

Diplomi dati di San Gervasio il 28 ottobre terza Ind. (1289), scritti
da Roberto conte d’Artois, e Carlo primogenito del re Carlo II, a
Giacomo d’Aragona e a Ruggier Loria, lagnandosi di atti contrari alla
tregua. Reg. seg. Carlo II, 1291, A, fog. 10, a t.

Diploma di Ruggier Loria, dato di Messina a 26 settembre quarta Ind.
(1290), col quale si lagnava della preda di alcune navi siciliane
caricate in Catania di grano, del prezzo di tarì 14, 10 a salma, e
prese da sei galee e un galeone di Puglia; e chiedendo la ristorazione,
fieramente conchiudea: _Alioquin nos qui bilingui ore non loquimur
et quod in animo gerimus labiis simulari nescimus, vobis in apertum
deducimus quod treuguas ipsas genti nostre observari similiter
faciemus_. Fu indirizzata la lettera al conte Giovanni di Monforte, e
da costui ad Artois, e trascritta in un diploma dato di Corneto, il 4
novembre quarta Ind. col quale alle minacce di Loria, si pagò subito il
valsente della preda, non senza far querela di altre simili infrazioni
dalla parte de’ Siciliani. Reg. cit. fog. 163 e 164.

Altri diplomi del conte d’Artois dati di Corneto il 4 novembre quarta
Ind., indirizzati, il primo a Giacomo, il secondo a Ruggier Loria,
descrivean tutte le violazioni alla tregua, fatte di parte siciliana.
Ibid., fog. 166 e 166 a t.

Diplomi dati a 21 e 22 dicembre quarta Ind., anche indirizzati a
Giacomo e a Loria, su lo stesso argomento, e dettati su lo steso stile
del diploma del 27 dicembre seguente, da me pubblicate. Ibid. fog. 185
e 185 a t.

[55] Diploma di Roberto conte di Artois, dato di Corneto a 21 febbraio
terza Ind. (1290), per lo scambio di Guglielmo Mallardo, prigione del
Siciliani, col decano di Nicastro, preso mentre parteggiava per essi in
Calabria. Nel r. archivio di Napoli, reg. di Carlo II, seg. 1291, A,
fog. 5.

Diploma dato di Venosa a 6 novembre terza Ind. (1289), per mandarsi una
barca al Castell’Abate, a trattar la liberazione di Roberto di Cambray,
prigione de’ nemici. Ibid., fog. 11 a t.

Diploma dato di Napoli a 12 maggio terza Ind. (1290), a Giovanni
d’Eusebio, abate di Sorrento. Gli è data licenza d’andare in Ischia,
Capri, Castell’Abate, e se occorra anche in Sicilia, per ottener la
liberazione di un vescovo frate Pietro, d’Arrigo Filangieri, Pietro
Capece e Roberto Apperdicaro, militi, e altri uomini da Sorrento _nuper
captorum ab hostibus_. Ibid., fog. 27 a t.

Diploma dato di Napoli il 14 maggio terza Ind., al generale ministro
de’ Minori, sopra la liberazione di alcuni frati presi da’ nemici, che,
secondo la tregua, non si potean di ragione chiedere, perchè presi in
terra, non in mare. Nondimeno il governo di Napoli ne avea scritto a
Ruggier Loria. Ibid., fog. 30.

[56] Diploma dato di Venosa a 17 dicembre terza Ind. (1289). Il
giustiziere di Basilicata vada alla terra Giordana; prenda 150 cavalli
e 100 fanti; e si porti subito alle frontiere de’ nemici a combatterli.
Nel r. archivio di Napoli, reg. seg. 1291, A, fog. 23.

Altro dato di Napoli a 9 marzo terza Ind. (1290). Annunzia estrema cura
a guardar da insulto nemico il ducato d’Amalfi; e contiene molti minuti
provvedimenti di riparazione di fortezze, vittuaglie, ec. Ibid. fog. 28.

Altro dato di Napoli a 11 marzo terza Ind. Perchè Niccolò di Gesualdo,
capitano di Napoli, pigli il comando di tutta la marina dalla torre
ottava infino a Pozzuoli, per prevenir le offese de’ nemici. Ibid.,
fog. 28 a t.

Altro dato di Napoli a 9 maggio terza Ind. Somiglianti e più affannosi
ordini a Adamo Arenga, per la costiera dalla Rocca di Mondragone infino
a Gaeta. Ibid.

Altro dato di Napoli a 13 maggio terza Ind. Per provvedersi saette ne’
luoghi marittimi del ducato di Amalfi. Ibid., fog. 29.

[57] Veg. il docum. XXV, citato di sopra.

[58] Diploma del 26 settembre 1290, citato nella pagina prec, nota 1.

[59] Bart. de Neocastro, cap. 113.

Nic. Speciale, lib. 2, cap. 14.

Raynald, Ann. ecc., 1290, §. 7.

[60] Bart. de Neocastro, cap. 112.

I portatori di questa o altra somigliante ambasceria di Giacomo,
passarono per lo regno di Napoli, se pur non negoziarono anche col
vicario di quello. Ce l’attesta un diploma del conte d’Artois, dato
il 4 novembre 1290 in Corneto, pel quale s’ingiunge al giustiziere di
Basilicata dì vegliare stretto gli oratori nimici, che non tramassero
coi cittadini. Elenco citato delle pergamene del r. archivio di Napoli,
tom. II, pag. 68.

[61] Questi viaggi di Carlo II, scorgonsi da’ diplomi notati
nell’Elenco delle pergamene del r. archivio di Napoli, tom. II, pag.
61, nota 1.

[62] Due diplomi del 1294 e dal 1303, negli archivi del reame di
Francia, J. 511. 10, e J. 512. 24, contengono le scritte del ricevuto
per 28,500 lire tornesi prestate a Carlo II, dall’ultimo febbraio 1292,
al 27 agosto 1293, della qual somma la più parte si dovea conteggiare
col papa.

[63] Bart. de Neocastro, cap. 114.

[64] Raynald, Ann. ecc., 1290, §. 21.

[65] Diplomi del 5 e 7 settembre 1289, in Rymer, op. cit., tom. II,
pag. 429, 430.

Surita, Ann. d’Aragona, lib. 4, cap. 117.

[66] Diplomi del 4 e 19 gennaio 1290, in Rymer, op. cit., pag. 456.
Conferma ciò il Montaner, cap, 172, velandolo al suo solito; e meglio
il ritrae Surita, Ann. d’Aragona, lib. 4, cap, 120 e seg.

[67] Prima si stabilì a Perpignano, dove non andarono gli ambasciadori
d’Alfonso, perchè non piacque ai commissari deputati dalle corti.
Diplomi del 18 gennaio, 2 e 3 febbraio 1290, Rymer, loc, cit.

[68] Bart. de Neocastro, cap. 112.

Raynald, Ann. ecc., 1290, §§. 18 e 19, breve del 23 marzo 1290, e §.
20, diploma del 20 gennaio.

[69] Bart. de Neocastro, cap. 114.

La testimonianza di questo scrittore intorno al permesso dato a Giacomo
di mandare ambasciadori, è confermata da un breve di Niccolò IV,
indirizzato il 16 gennaio 1291, a Carlo di Valois richiedendolo di
lasciar passare ne’ suoi domini questi oratori. Negli archivi del reame
di Francia, J. 715, 26.

[70] Diploma de’ cardinali di Sabina e di San–Niccolò in carcere
Tulliano, convalidato co’ suggelli dei re di Francia e di Napoli, negli
archivi del reame di Francia, J. 511, 8.

[71] Diplomi del 19 febbraio e 12 aprile 1291, in Rymer, tom. II, pag.
501 e seg. Esiste ne gli archivi del reame di Francia J. 587, 16,
l’originale trattato dei 13 febbraio.

[72] Rymer, loc. cit., pag. 504, diploma del 20 febbraio 1291.

[73] Bart. de Neocastro, cap. 114.

Montaner, cap. 173, il quale con molti errori porta tutto questo
trattato. Per altro egli il dice fatto in Tarascon, che si riscontra
co’ diplomi; ma il Neocastro lo suppone in Aix, forse dalla vicinanza
de’ luoghi, o perchè qualche conferenza veramente si fosse tenuta in
Aix.

Veggasi per le nozze della figliuola di Carlo II con Carlo di Valois,
il diploma del 18.....1290, in Lünig. Cod. Ital. dipl. tom. II, Sicilia
e Napoli, n. 62; e in Martene e Durand, Thes. Nov. Anecd. tom. I, pag.
1236.

Due diplomi di Carlo II, negli archivi del reame di Francia, J. 511, 7,
dati il.. dicembre 1289 e il 18 agosto 1290, contengono le condizioni
del matrimonio; tra le quali la principale è, che le due contee si
trasferivano al Valois anche nel caso di morte di Margherita, quand’ei
cedesse il dritto su l’Aragona. Premorendo Valois alla moglie, costei
avrà l’usufrutto, e Filippo il Bello la proprietà. Il secondo dei
diplomi si trova in Dumont, Corps diplom., tom. I, part. 1, pag. 420.

Un altro diploma di Filippo il Bello, dato in Parigi, settembre 1290,
dice già celebrato il matrimonio del Valois. Papon, Hist. gén. de
Provence, tom. III, docum. 23.

[74] Annali genovesi, in Muratori, R. I. S., tom. VI, pag. 600

[75] Bart. de Neocastro, cap. 114, 115, 116, 117.

Nic. Speciale, lib. 2, cap. 17.

Montaner, cap. 174, 175, 176.

Anon. chron, sic., cap. 48, il quale scrive: _Sub cujus regis Jacobi
dominio, omnes existentes in Sicilia de bono in melius multiplicantes
ditati sunt, etc_.

La rinomanza a che salì Giacomo per la difesa della Sicilia, è toccata
leggiadramente da Amanieu des Escas in una poesia provenzale in cui il
trovadore esalta il valor della sua donna su quello del

  ...Rey Jacma d’Arago
  Que reys es dels Cecilias
  Ses grat de Frans’ e de Romas.
                RAYNOUARD, _Choix_, etc. t. V, p. 24.

Il titolo dì Federigo, Infante dell’Illustre re d’Aragona, Luogotenente
generale del regno di Sicilia, si legge in parecchi diplomi. L’uno ne
la chiesa di Cefalù, dato in Palermo 30 dicembre settima Ind. (1294),
ne’ Mss. della Bibl. com. di Palermo, Q. q. fog. 70, pubblicato in
parte dal Pirro, Sic. sacra, Not. ecc. Ceph. xv. e dal Testa, Vita di
Federigo, docum. 11.

L’altro del 24 gennaio quinta Ind. (1292), Testa, Ibid. docum. 15.

[76] Veggasi i cap. VIII e IX e in particolare la not. 1 alla pag. 226,
t. I.

[77] A questo supposto ci conducono i testamenti di Alfonso e di
Giacomo citati qui appresso, e il vario linguaggio degli storici
intorno le ultime disposizioni di Pietro. Veggansi il Montaner, cap.
185; Bartolomeo de Neocastro, cap. 124, ove si legge: _Non enim quod
pater decrevit in ultimis_, etc.; e Niccolò Speciale, lib. 2, cap. 7 e
17: _Quod si testamentum patris in suis viribus consistebat, ex tunc
regnare debuisset in Sicilia Fridericus_.

[78] Diploma nel Testa, Vita di Federigo II di Sicilia, docum. 3.

Scurita, Ann. d’Aragona, lib. 4, cap. 120.

[79] Testamento di Giacomo, dato di Messina a 15 luglio 1291, in
Bofarull, tom. II, pag. 251, citato da Buchon, edizione di Montaner,
1840, pag. 388.

[80] Surita, Ann. d’Aragona, lib. 4, cap. 123.

[81] Ibid., cap. 124; Bartolomeo de Neocastro, cap. 118.

Mariana, Storia di Spagna, lib. 14, cap. 15.

[82] Surita, Ann. d’Aragona, lib. 4, cap 125.

Montaner, cap. 177, 178.

[83] Diploma dei 10 agosto 1292, in Capmany, Memorias, etc., tom. IV,
docum. 8.

[84] Raynald, Ann. ecc., 1291, §§. 53, 55.

Un’altra bolla di Niccolò, data il 13 dicembre 1291, concedea al
vescovo di Carcassonne, e all’abate di S. Germain di ribenedir gli
scomunicati d’Aragona, per favorire il Valois. Questi, per un diploma
del 13 ottobre 1292, diè larga autorità a perdonare e ricevere omaggi
in Aragona a Eustachio di Conflans, governatore di Navarra e a Giovanni
di Burlas; negli archivi del reame di Francia, J. 715, 15, e J. 587, 17.

[85] Raynald, Ann. ecc., 1291, §. 59; e 1293, §§. 15 e 16.

[86] Annali Genovesi, in Muratori, R. I. S., tom. IX, pag. 601.

[87] Bart. de Neocastro, cap. 119.

[88] Montaner, cap. 179.

[89] Bart. de Neocastro, cap. 119.

Raynald, Ann. ecc. 1292, §. 14 a 19.

Questa deliberazione della repubblica non si legge negli annali
genovesi; ma gli altri fatti che vi si narrano la rendon probabilissima
e forse necessaria, come la riferiste il Neocastro, aggiugnendo con
grande esattezza gli stessi nomi del podestà e de’ capitani che son
registrati ne’ detti annali sotto quell’anno.

Nel Capmany, Memorias, etc., tom. IV, docum. 6, si leggono le
istruzioni date da Giacomo di Barcellona a 3 Aprile 1292, a Oberto di
Volta suo legato in Genova. Il re d’Aragona si lagnava di armamenti
fatti contro di lui, di qualche ostilità commessa in mare, e de’
commerci interrotti con la Sicilia; e chiedea che si assicurassero le
amichevoli comunicazioni. Copie di queste istruzioni furon mandate a
cinque fratelli Doria, tre Spinola, due Volta, due Escatrafico, Niccolò
Fiesco, e Manuele Zaccaria.

[90] Ann. genovesi, in Muratori, R. I. S., tom. VI, pag. 603, 604, 605.

[91] Bart. de Neocastro, cap. 120.

Gio. Villani, lib. 7, cap. 145.

[92] Raynald, Ann. ecc., 1291, §§. 56, 58, 59.

[93] Gio. Villani, lib. 7, cap. 119, 121, 151.

[94] La penuria di danari e debolezza del governo di Napoli in questo
periodo, si scorgon da parecchi diplomi del 1292–94, nel citato Elenco
delle pergamene del r. archivio di Napoli, tom. II, pag. 91, 102. 111,
115, 131, 132, 149.

Carlo chiedea danari per la guerra o col pretesto della guerra. Levò
una nuova colletta che si chiamava il Terzo. Ibid., pag. 91 a 131.

[95] Nic. Speciale, lib. 2, cap. 18.

[96] Bart. de Neocastro, cap. 121, 122, 123.

Nic. Speciale, lib. 2, cap. 19.

Montaner, cap. 159, 160, non senza anacronismi e altre differenze.
Ei scrive queste scorrerie dianzi l’impresa di Giacomo nel 1289;
fa depredar prima delle Isole e della Morea, anche Tolomitta e i
mari d’Egitto, e poi Patrasso e Cefalonia, di che non fan motto gli
scrittori siciliani. Costui e Speciale portano in Terra d’Otranto
l’affronto con Guglielmo Estendard, che il Neocastro dice avvenuto
alle Castella, ed io così anche ho scritto, per parermi il Neocastro
diligentissimo in questo periodo. Delle minacce della nostra flotta
su le coste pugliesi nella state del 1292, portan testimonianza tre
diplomi nell’Elenco delle pergamene del r. archivio di Napoli, tom. II,
pag. 95, 98.

[97] Bart. de Neocastro, cap. 123, 124.

[98] Si ritrae da tutti gli autori citati in questo capitolo; e assai
vivamente dal soprannome di regina della santa pace, che dier gli
Aragonesi e’ Catalani a Bianca, figliuola di Carlo II, quando si maritò
con Giacomo per effetto di questo bramato accordo. Montaner, cap. 182.

[99] Queste occulte cagioni, che trascinarono Giacomo divenuto re
d’Aragona ad abbandonare o tradir la Sicilia collegandosi co’ suoi
nimici, si ritraggono qua e là da tutte le autorità citate nel presente
capitolo; e massime dal Surita, Ann. d’Aragona, lib. V, cap. 1 a 10.

[100] Bart. de Neocastro, cap. 118.

Alle parole di questo istorico do piena fede quanto all’ottimo governo
di Federigo luogotenente, perch’egli avea interesse a mostrarsi giusto
e zelante del ben pubblico; e che il fosse stato, il provano ancora il
fatto del popolo che lo esaltò al trono, e i suoi medesimi atti nei
primi tempi del regno. Non mi è parso ricordar la lapide di Girgenti
del 1293, pubblicata dal Testa, op. cit., docum. 4, ove Federigo è
chiamato _Juris amator_, perchè i grandi, o buoni o pravi, non patiron
penuria mai di si fatte parole, nè v’ha testimonianza istorica più
fallace che le lodi a principi contemporanei.

Per le poesie di Federigo l’Aragonese si vegga il Quadrio, Storia e
ragione d’ogni poesia, correggendolo solo in questo, che attribuisce
tai versi a Federigo III di Sicilia detto il Semplice, non a Federigo
II. Veggasi ancora il docum. XLIV.

[101] Veggasi un diploma di Carlo II, dato di Napoli il 29 settembre
1300, pubblicato dal Buscemi, Vita di Giovanni di Procida, docum. 8,
cavato dal r. archivio di Napoli, nel quale si legge per Giovanni di
Procida: _Sane per conventiones inhitas???? super reformatione pacis
inter nos et magnificum principem dominum Jacobum Aragonum regem
illustrem, nunc filium nostrum carissimum, tunc hostem pubblicum,
nobisque molestum tamquam per duces belli inter alia fuit conventum:
Quod Joannes de Procida rebus tunc humanis perfruens ad certa bona
stabilia in regno Sicilie que per culpe contatagium contra majestatem,
etc.......... perdiderat restitueretur in integrum ex nostro beneficio
principali, etc._

[102] Diploma del 20 marzo 1293, dal r. archivio di Napoli, registro dì
Carlo II, segnato 1290, A, fog. 164, citato ne’ Discorti di D. Ferrante
della Marra, Napoli, 1641, pag. 155.

Sì può sospettare che non ad altro effetto fossero stati mandati in
Sicilia, sotto specie di consultare con Giovanni di Procida per gravi
lor malattie, quasi mancando al tutto i medici nel reame di Napoli,
Gualtiero Caracciolo e Manfredo Tomacello, come si scorge da’ diplomi
del medesimo archivio, citati dal Marra nello stesso luogo.

Duolmi non aver potuto nè pubblicare nè leggere per tenore il detto
importantissimo diploma del 20 marzo 1293, perchè quel registro fu
distrutto in una delle sommosse che recaron tanto guasto agli archivi
pubblici di Napoli. Per altro non è da dubitare della esattezza della
citazione, quando se ne trovano fedelissime mille e mille altre del
Marra, e io stesso studiando que’ registri, ho veduto una infinità di
diplomi segnati certo da lui, perchè toccavano uomini della propria
famiglia o d’altre affini. Costui, che avrebbe potuto fabbricare una
base saldissima alle istorie della alla patria, durò sì penosa fatica
per tesser la genealogia di tutte le famiglie nobili imparentate con la
propria!

Danno argomento di somiglianti pratiche in Sicilia nel 1294 altri
diplomi, l’uno dato d’Aquila a 3 ottobre ottava Ind. anno 10 di
Carlo II, ch’è salvocondotto per quaranta di ad Arnaldo de Mairata,
almugavero catalano, venuto testè di Sicilia, e disposto a far ritorno,
pro certis suis negotiis; e l’altro dato di Napoli a 16 novembre ottava
Ind. salvocondotto al frate Rinaldo de Poncio, prior degli Spedalieri
in S. Eufemia, per recarsi in Sicilia. Nel r. archivio di Napoli, reg.
1294–1295, A, fog. 28 a t. e 54 a t.

[103] L’ufficio di costui nell’ordine Gerosolimitano, ch’è stato
argomento di dubbio tra i nostri istorici, si legge precisamente nel
diploma del 10 ottobre 1294, citato in questo medesimo capitolo, pag.
62, in nota.

[104] Bart. de Neocastro, cap. 114.

Nic. Speciale, lib. 2, cap. 20, 24.

Montaner, cap. 181.

Un diploma di Carlo di Valois negli archivi del reame di Francia, J.
587,18, dato d’aprile 1293, annunzia che si dovea fare un abboccamento
tra i legati di Carlo II, Filippo il Bello e Giacomo di Maiorca,
con que’ dei tre fratelli Giacomo, Federigo, e Pietro; e promette
rinunziare alla concessione del reame d’Aragona, se fosse mestieri per
la pace.

[105] Così leggiamo nel Neocastro, dal quale è tolta tutta la diceria
del Falcone, ch’ei forse udì raccontare dall’oratore medesimo.

[106] Bart. de Neocastro, cap. 124.

La più parte de’ nostri istorici, non escluso il Testa, confondendo
questa con l’altra ambasceria del 1295, ne portano una sola, mettendo
insieme i nomi degli oratori dell’una e dell’altra. Non attendon essi
che il Neocastro assegna a questa ambasceria la data del 1293, e
riporta che Giacomo negasse il trattato; che lo Speciale e i diplomi
mostran l’altra seguita d’ottobre 1295, e che il re confessasse il
trattato: nè che son diversi i nomi degli oratori. Ad Accorgersi
dell’errore sarebbe ancora bastato il riflettere su le parole del
Neocastro, dalle quali si vede espresso ch’egli scrivea durante ancora
il regno di Giacomo in Sicilia; quando ognun sa che esso ebbe fine con
la seconda ambasceria, e che questo istorico ci abbandona appunto alla
prima risposta del re, senza parlare di Celestino V, nè di Bonifazio
VIII, nè degli altri uomini o fatti che precedettero il trattato
d’Anagni. Però sono evidentemente diverse le due legazioni.

[107] Surita, Ann. d’Aragona, lib. 5, cap. 8, il quale par che l’abbia
cavato da documenti, scrivendo con la usata diligenza, che il 4
novembre 1293 si stabilì l’abboccamento, e seguì nel corso di quel mese.

[108] Raynald, Ann. ecc., 1294 §. 3.

Gio. Villani, lib. 8, cap. 5; e tutti gli altri contemporanei.

[109] Surita, Ann. d’Aragona, lib. 5, cap. 8.

[110] Ciò non dice alcun cronista, ma lo fa supporr il silenzio loro
intorno i fatti della guerra, e il provano fuor di dubbio i seguenti
diplomi del tempo:

Diploma dato di Capua a 26 ottobre ottava Ind. (1294), a Pietro de
Rigibayo milite, perchè rendesse a un terrazzano di Castell’Abate once
trenta, presegli per riscatto contro i patti della tregua; di che avea
scritto al governo dì Napoli Federigo d’Aragona. Nel r. archivio di
Napoli, reg. seg. 1294–1295, A, fog. 34.

Diploma dato di Napoli a dì 8 novembre ottava Ind. anno 10 del regno di
Carlo II, perchè, secondo la tregua, si rendesse a Zaccaria di Roberto
e Bernardo di Mili da Messina, una lor nave carica di grano, spinta da
fortuna di mare a Gaeta. Ibid., fog. 49.

Diploma del 23 novembre, su la restituzione della medesima Ibid., fog.
65.

Diplomi dati di Napoli a 1 e 11 dicembre ottava Ind., per l’omicidio di
alcuni d’Ischia in Gaeta, del quale sollecitava la punizione Federigo,
figliuolo di Pietro una volta re d’Aragona. Ibid., fog. 64 a. t. e 79 a
t.

[111] Diploma dato di Aquila a 7 settembre 1294, ottava Ind. anno 10
di Carlo II. Cotrone era tornata in fede per opera d’un Ugone, detto
Rosso di Soliaco. Ratificava il re quantunque costui avea permesso a
favor di quella città: dava perdono, e assicurazione de’ beni in piena
forma, e anco, per quattro anni, franchigia dalle collette, taglie e
sovvenzioni, dritto di legnare ne’ boschi, e altri simili favori. Nel
r. archivio di Napoli, reg seg. 1294–1295, A, fog. 11.

[112] Diploma dato d’Aquila a 14 settembre ottava Ind. (1294).
Franchigia per 10 anni dalle imposte, accordata agli uomini di Castro
Simero in Calabria, in mercè de’ danni sostenuti nella guerra. Nel r.
archivio di Napoli, reg. seg. 1294–1295, A, fog. 3 a t. e 4 a t.

Diploma dato di Napoli a 21 novembre ottava Ind., che fa parola de’
danni che nella presente guerra avean sostenuto gli uomini di Positano.
Ibid., fog. 65.

Diploma dato di Napoli a dì 11 dicembre ottava Ind. Franchigia
accordata a que’ di Scala, Sorrento e Ravello per la miseria in cui li
avea gittato la presente guerra. Ibid., fog. 78 a t.

[113] Iacopo da Varagine, parte 12, cap. 9, in Muratori, R. I. S., tom.
IX.

Francesco Pipino, lib. 4, cap. 10, in Muratori, ibid.

Tolomeo da Lucca, Hist. ecc., lib. 24, cap. 29 a 32, in Muratori, R. I.
S., tom. XI.

Gio. Villani, lib. 8, cap. 5.

[114] Bolla di Celestino, in Lünig, Codex Ital. dipl., tom. II, Napoli
e Sicilia, num. 63; e in Raynald, Ann. ccc., 1284, §. 15.

È da avvertire che il Giannone (Storia civile del regno di Napoli,
lib. 21, cap. 3, addiz. dell’autore) porta questo trattato con la data
del 14 novembre 1293, citando una bolla di Celestino, in Raynald,
Ann. ecc., tom. XV, in appendice. Questa citazione, che mi è costata
grandissima fatica al riscontrare, è inesatta. In quel luogo dei
Raynald, segnato dal Giannone sulla edizione di Roma per Mascardo,
che nella più corretta edizione di Lucca 1749, da me adoperata sempre
nel presente lavoro, risponde al §. 15 dell’anno 1294, non si legge
data degli accordi tra Giacomo e Carlo che vi sono inseriti. Forse il
Giannone tolse questa data da Surita, Ann. d’Aragona, lib. 5, cap. 8;
e pure errò, perchè quegli porta il 14 novembre come il giorno in cui
si stabilì di far poscia un abboccamento tra i due re, seguito, come
aggiugne il Surita, nel corso dello stesso mese.

[115] Brevi del 1, 2, 5, 7, 8 ottobre 1294, in Raynald, Ann. ecc, 1294,
§. 15.

[116] Questo, oltrechè si scorge da’ trattati successivi, è anche
provato dalla frequenza de’ messaggi che Carlo II mandava a Giacomo per
trattar la pace, non solamente dopo gli accordi di Junquera, ma ancor
dopo la ratificazione di papa Celestino, come il dimostrano questi
documenti:

Diploma dato d’Aquila a 19 settembre ottava Ind. (1294). È il
passaporto ad alcuni messaggi del re per Catalogna. Nel r. archivio di
Napoli, reg. seg. 1294–1295, A, fog. 4, a t.

Diploma dato d’Aquila il 2 ottobre ottava Ind. Tre religiosi sudditi
di re Carlo, Ruggier di Salerno, Rodolfo di Granville, e Roberto di
Pilaneto, mandati dal papa in Francia per negozi del re. Ibid., fog.
17,, a t.

Diploma dato d’Aquila a dì 3 dello stesso mese, al podestà e consiglio
di Lucca. Sovente occorrendo mandare e aver messaggi tra il re e
Giacomo d’Aragona perchè s’ultimasse la pace, il re chiedeva al comune
di Lucca, che nel transito non molestasse gli oratori di Giacomo.
Simile diploma lo stesso dì ad Amerigo signor di Narbonne, e ad Amerigo
figliuolo di lui. L’uno e l’altro, ibid., fog. 27, a t.

Diploma della stessa data e oggetto agli officiali del re di Francia.
Ibid., fog. 28.

Diploma della stessa data al podestà e consiglio di Lucca, per
Giuglielmo Lulio, e Bertrando d’Avellano da Barcellona, trattanti
questa pace. Ibid., fog. 28.

Diploma del 10 ottobre ottava Ind. Salvocondotto e raccomandazioni
per lo vescovo di Valenza e Bonifazio di Calamandrano, _Magistrum
Hospitalis Sancti Joannis Hierosolimitani in partibus cismarinis_,
messaggi del papa a Giacomo. Ibid., fog. 84, a t.

Diploma della stessa data e oggetto a Giacomo re di Malora. Ibid.

[117] Gio. Villani, lib. 8, cap. 5 e 6,

Francesco Pipino, Chron., lib. 4, cap. 40, in Muratori, R. I. S., tom.
IX.

Ferreto Vicentino, ibid., pag. 966, 967, 968, e 969.

Tolomeo da Lucca, Hist. ecc., in Muratori, R. I. S., tom. XI, pag. 1203.

Nic. Speciale, lib. 2, cap. 20.

Raynald, Ann. ecc., 1294, §§. 20 e 23, e 1295, §§. 11 a 15.

  Guardai, e vidi l’ombra di colui,
  Che fece per viltate il gran rifiuto.

  DANTE, _Inf_., c. 3.

  Se’ tu sì tosto di quell’aver sazio,
  Per lo qual non temesti torre a ’nganno,
  La bella donna, e di poi farne strazio?

  _Inf_., c. 19.

E comento di Benvenuto da Imola, che nota in questo luogo le stesse
tradizioni istoriche degli altri contemporanei da me citati.

[118] Surita, Ann. d’Aragona, lib. 5, cap. 9.

[119] Diplomi inseriti nell’Anonymi chron. sic. in di Gregorio, Bibl.
arag., tom. I, pag. 163, 168.

[120] Nic. Speciale, lib. 2, cap. 21.

Anon. chron. sic., cap. 53, loc. cit.

Geste de’ conti di Barcellona, in Baluzio, op. cit., pag. 578.

Il termine di settembre si legge in un breve di Bonifazio a Caterina di
Courtenay, dato a 27 giugno 1295, in Raynald, Ann. ecc., 1295, §§. 29,
30.

[121] Surita, Ann. d’Aragona, lib. 6, cap. 12.

[122] Breve di papa Bonifazio, in Raynald, Ann. ecc., 1295, § 32.

[123] Atto del 20 giugno 1295, pel quale i legati di Francia e di Carlo
di Valois rinunziarono in mani del pontefice l’investitura, che qui
senza formole si dice accordata al re di Francia. Negli archivi del
reame di Francia, J. 587, 19.

[124] Diploma dato di Parigi il 12 gennaio 1295, col quale Giacomo
di Maiorca si dichiara decaduto dal sussidio accordatogli dal re di
Francia, nel caso che per sua colpa si sturbasse la pace. Il sussidio
era 30,000 lire tornesi picciole in tempo di guerra, e 20,000 in tempo
di tregua. Ibid., J. 598, 8.

[125] Di gennaio 1296, Filippo il Bello donò al Valois la sua casa de
_Fligella_ in Parigi. Carlo II oltre la dote della figlia, gli avea
accordato a 2 marzo 1293 le sue case anche in Parigi. Ibid., J. 377, 1
e 2.

[126] Questi particolari del trattato leggonsi in Surita, Annali
d’Aragona, lib. 6, cap. 10, il quale dice anche la data, e dà a
vedere aver letto i documenti. Similmente il Feliu, Anales de
Cataluña, lib. 12, cap. 4, annunzia tutte le condizioni dette da me
nel testo, e per tutte cita in generale i documenti dell’archivio di
Barcellona, aggiugnendo che i patti si tenner segreti per ingannare
i Siciliani. Ma è da avvertire che non si parla della Sicilia nel
trattato di Giacomo con Filippo e il Valois, conchiuso in Anagni alla
presenza del papa il 20 giugno 1295, dal vescovo d’Orléans e l’abate
di Saint–Germain–des–Prés, legati di Francia, e Gilberto Cruyllas,
Guglielmo Durford, Pietro Costa, e Guglielmo Galvani dottore in legge,
legati d’Aragona. Questo trattato è pubblicato dal Capmany, Memorias,
etc., tom. IV, docum. 10, e negli archivi del reame di Francia, J.
589, 10, avvene una copia in buona forma. Non si parlò in esso della
restituzione della Sicilia, la quale forse si stabilì in trattato
segreto; perchè Giacomo avea ben ragione di coprire le sue brutture.
Nei medesimi archivi di Francia, J. 587, 19, leggasi la rinunzia alla
concessione dell’Aragona, fatta in mani del papa lo stesso giorno 20
giugno dai legali di Filippo il Bello e di Valois. Nella bolla di
Bonifazio del 21 giugno, non si riferiscon tutti gli accordi, ma che
_inter caetera_ si era stabilita la cessione della Sicilia. Della
quistione de’ confini, della ristorazione del re di Maiorca, ancor
s’istruisce un breve di Bonifazio a Filippo il Bello, dato a 20 giugno,
in Raynald, Ann. ecc., 1295, §§. 26, 27, 28.

Ricordisi la nota in questo stesso capitolo, sopra la restituzione dei
beni a Giovanni di Procida.

Non ho citato intorno questa pace il Villani, che ne scrive nel lib. 8,
cap. 13, perch’egli è poco informato e pieno di anacronismi.

[127] Raynald, Ann. ecc., 1295, §§. 24 e 29 a 36, dove si leggono i
diplomi di Bonifazio, dati a 20, 21, 27 giugno, e 2, 4, 5 luglio.

Du Cange, Hist. de l’Empire de Constantinople, docum., pag. 36.

Queste condizioni della pace e pratiche con Federigo, si trovano con
poco divario e più brevemente nell’Anonymi chron. sic., cap. 51;
Niccolò Speciale, lib. 2, cap. 20; Montaner, cap. 181.

[128] Ruggier Loria possedeva in Sicilia i feudi di Aci, Castiglione,
Francavilla, Novara, Linguagrossa, Tremestieri, San Pietro sopra Patti,
Ficarra e Tortorici, come si vede dal cap. 16; e in Ispagna quelli di
Cocentayna, Alcoy, Ceta, Calis, Altea, Navarres, Puy de Santa–Maria,
Balsegue, e Castronovo, nominati in un diploma di Giacomo dato di
Valenza il 5 dicembre 1597, che accordò in quelle terre a Ruggier Loria
il mero e misto impero. Leggesi questo diploma nel Quintana, Vidas,
etc., tom. II, pag. 192.

Non abbiam contro il grande ammiraglio prove manifeste di peculato,
ma fortissimi sospetti; perchè delle due cose è certa l’una, o
ch’egli fosse tenuto uomo d’una integrità senta pari, o che fosse
conosciuto ladro del danaro pubblico, e tollerato per forza. I due
diplomi di Giacomo dati di Barcellona il 7 marzo, forse 1291, e di
Roma il 2 aprile 1297, e pubblicati dal Quintana, tom. II, pag. 178
e 180, pongono senza dubbio questa alternativa; perchè il primo
scioglie li eredi dell’ammiraglio da ogni responsabilità per la sua
amministrazione s’egli prima dì morire non ne rendesse i conti; il
secondo, affidandogli un gran maneggio di danari, dice che renda solo
un conto finale, da credersi in parola e senza documenti. Per questo
diploma Ruggier Loria è eletto ammiraglio a vita in tutti i regni di
Giacomo. A lui è data la cura della costruzione delle navi da guerra;
l’autorità di far armare infino a due galee e prendere il danaro dalle
casse regie senza special mandato del re; e il maneggio del danaro
degli stipendi per tutta l’armata. Oltre a questo, gli è dato il dritto
di spedire le patenti de’ corsali; la giurisdizion civile e penale su
le genti della flotta durante l’armamento; l’autorità di scambiare i
comiti, ossia capitani, delle galee; la franchigia di esportazione
di qualunque merci lecite, comperate con suo danaro; il soldo di 60
sotbarch al giorno; la persona e le proprietà dello ammiraglio nemico
che fosse preso in battaglia; gli utensili non nuovi delle galee prese
e parte delle merci; gli scafi inutili delle navi regie; una ventesima
parte de’ Saraceni presi, e una decima parte de’ nuovi tributi imposti
su’ Saraceni; gli avanzi de’ naufragi; e gli altri dritti soliti
degli ammiragli. Queste concessioni, egli è vero, furono in parte il
prezzo del tradimento di Loria; ma non par dubbio ch’egli esercitasse
in Sicilia, tra dritto e abuso, la più parte di questa autorità e di
questi smisurati guadagni che gli si prometteano sotto le bandiere
d’Aragona.

[129] Bolla di Bonifazio, in Raynald, Ann. ecc., 1295, §. 37.

[130] Breve di Bonifazio, ibid., 1296, §§. 8 e 9.

Du Cange, Hist. de l’Empire de Constantinople, ed. 1657, pag. 204,
attribuisce il rifiuto ai consigli di Filippo il Bello.

[131] Nic. Speciale, lib. 2, cap. 22.

L’Anon. chron. sic., cap. 68, porta i nomi di Ugone Talach e Giovanni
di Caltagirone, confondendoli con quei della legazione del 1293.

[132] Manifesto di Federigo, nell’Anon. chron. sic., cap. 54.

Vi si legge espresso fatta quella promessa da Federigo a’ Siciliani in
parlamento a Milazzo. Probabilmente fu lo stesso parlamento quello che
deputò gli ambasciadori a Giacomo, ancorchè Speciale non dica il luogo
dell’adunanza.

[133] Montaner, cap. 182, il quale, per onor di Giacomo, non fa punto
parola dell’ambasceria de’ Siciliani.

[134] Jerem. Threni, cap. I, v. 12.

[135] Nic. Speciale, lib. 2, cap. 22.

Anon. chron. sic., cap. 52 e 54, il quale porta un diploma, che si
legge anco in Lünig, Cod. Ital. dipl., tom. II, Napoli e Sicilia, 64.

Geste de’ conti di Barcellona, cap. 29.

[136] Diploma citato. Altro del 30 ottobre 1295, in Testa, Vita di
Federigo II di Sicilia, docum. 5.

Veggasi anche il Montaner, cap. 182.

[137] Diploma del 12 dicembre 1295, nell’Anonymi chron. sic. e Lünig,
loc. cit.

[138] Nic. Speciale, lib. 2, cap. 23.

[139] Montaner, cap. 184.

[140] Nic. Speciale, lib. 2, cap. 22, 25.

Del ritorno de’ Catalani alla lor patria, fa menzione il Montaner, cap.
184; e a cap. 185, delle supposte ragioni di Federigo.

[141] Nic. Speciale, lib. 2, cap. 23.

[142] Tien quell’errore il Montaner, cap. 185, e riferisce gli altri
motivi per cui Federigo si chiamò terzo, i quali non meritano che se ne
faccia parola.

[143] Raynald, Ann. ecc., 1296, §§. 7, 8, 9 e 10.

[144] Nic. Speciale, lib. 2, cap. 24.

Bolla di Bonifazio VIII, data il dì dell’Ascensione, anno 2, in Lünig,
Cod. Ital. dip., Sic. e Nap., num. 65.

[145] Nic. Speciale, lib 3, cap. 1.

Anon. chron, sic., cap. 54.

Montaner, cap. 185.

Dall’Anonimo pare che Giovanni di Procida fosse stato confermato
nell’uficio di gran cancelliere. Ma in due diplomi del 3 aprile e 15
maggio 1296, pubblicati dal Testa., Vita di Federigo II, docum. 8
e 15, è segnato Corrado Lancia gran cancelliere. Il nome di lui si
trova similmente in un altro diploma di concessione feudale a Federigo
Talach, dato il 12 dicembre 1296, ne’ Mss. della Bibl. com. di Palermo,
Q, q. G. 1, fog. 187. Ed è più naturale che Federigo avesse dato
quell’uficio a un suo fidatissimo partigiano, che al Procida, il quale
gli si era scoperto contrario.

[146] Docum. XLIV.

[147] Capitoli del regno di Sicilia, costituzioni di Federigo II, lib.
1, dal cap. 1 al 6. Per la parola ferracano, veggasi il cap. III del
presente lavoro.

[148] Per le _difense_ e l’asportazion delle armi, cap. 9. Per le
inquisizioni giudiziali, cap. 10. Eccezione per la falsità de’ pesi
e misure, cap. 11. Esazioni sui carcerati, cap. 12. Malleverie nei
giudizi criminali, cap. 13. Divieto delle esazioni negli stessi
giudizi, cap. 14. Simili pei notai o piuttosto officiali dell’erario,
cap. 15. Perdita dell’uficio ai magistrati che prolungasser le cause
oltre due mesi, cap. 18. Divieto a diroccar le case, o guastare i
poderi per misfatti dei proprietari, cap. 25.

[149] Cap. 7 ed 8.

[150] Cap. 17. Il cap. 16 è anche statuto di polizia, permettendo
ai conti, baroni e militi di portar la spada e il pugnale. Il 19
disobbliga i cittadini d’accompagnare i carcerati.

[151] L’antico fiume Gela o Imera.

[152] Cap. 20.

[153] Cap. 24, 22, 21. Il cap. 23 è regolamento per le greggi
transitanti. Il 26 di pena d’infamia, privazione d’uficio, e
ristorazione de’ danni al doppio, contro i magistrati e officiali
trasgressori di questi capitoli.

[154] Cap. 31, 32.

[155] Gap. 27, 28, 29, 30, 33. Il cap. 34 rimette ai famigliar! e
cortigiani del re il dritto del suggello delle concessioni, che per
avventura ricevessero dalla corte.

Il di Gregorio, Considerazioni sulla Istoria di Sicilia, lib. 4,
cap. 4, suppone che l’alienazione de’ feudi fosse veleno dato al
baronaggio in una coppa inzuccherata. Questa sarebbe in vero una lode
di altissimo intendimento a’ nostri legislatori di quel tempo; ma è da
considerare, che per lo meno non fu felice il trovato. Le condizioni
del commercio e delle altre industrie appo noi in quel tempo, non eran
tali che dal detto statuto potesse nascere una divisione di proprietà,
e indebolimento della casta de’ baroni. Infatti i peggiori abusi di
feudalità che ricordin le nostre istorie, seguirono dopo tal legge, nel
secolo XIV.

[156] Diploma del 3 aprile 1296, pubblicato dal Testa, Vita di Federigo
II di Sicilia, docum. 8.

Non ho fatto parola della descrizione generale dei feudi, che
sembrerebbe compiuta da Federigo in questo tempo, se fosse vera la data
del diploma che pubblicò il di Gregorio, Bibl. aragonese, tom. II, pag.
464 e seg. La data è del 1296, ma si dee senza dubbio portare oltre
il 1303, leggendovisi il nome della regina Eleonora, la quale sposò
Federigo II di Sicilia appunto in quell’anno.

[157] Nlc. Speciale, lib. 3, cap. 2.

[158] Diploma dato di Messina il 15 maggio 1296, pubblicato dal de Vio,
Privilegi di Palermo, fog. 35, e dal Testa, Vita di Federigo II, docum.
15.

[159] Nic. Speciale, lib. 3, cap. 3 e 4.

Anon. chron. sic., cap. 55.

[160] Nic. Speciale, lib. 5, cap. 5.

[161] Nic. Speciale, lib. 3, cap. 6.

Tali accordi, fatti da capitani di castella quando credeano che il lor
signore non poteali aiutare, non furon molto rari in questa guerra.
La forma di essi e le condizioni, che a un di presso doveano esser le
medesime, si veggono nel diploma di Carlo II, dato il 7 marzo duodecima
Ind. (1299), docum. XXVI.

[162] Fu costui il capitan generale di Carlo II, come si scorge da
molti diplomi del r. archivio di Napoli, nel 1291–1293.

Veggasi ancora Elenco delle pergamene del r archivio di Napoli, tom.
II, pag. 82, 91, 99, 131. Poi gli fu surrogato Guglielmo Estendard,
per diploma del 30 aprile 1295, ibid., pag. 156. Nel 1299 fu rifatto
capitan generale ad guerram in Calabria, Val di Crati e Terra Giordana,
diploma del 29 giugno duodecima Ind., nel r. archivio sud. reg. seg.
1299, A, fog. 117.

[163] Nic. Speciale, lib. 3, cap. 7.

[164] Nic. Speciale, lib. 3, cap. 8, 9.

[165] Nic. Spedale, lib. 3, cap. 9, 10, 11.

[166] Nic. Speciale, lib. 3, cap. 15 e 16.

[167] Anon. chron. sic., cap. 55.

[168] Raynald, Ann. ecc., 1297, §§. 19 a 24, porta questa bolla
dell’anno precedente.

Gio. Villani, lib. 8, cap. 18.

[169] Raynald, 1296, §. 11, breve del 5 febbraio.

[170] Bolla, In Lünig, Cod. Ital. dipl. Nap. e Sicilia, num. 65; e
presso Raynald, 1296, §§. 13, 14, 15.

Le pratiche di Federigo coi Colonnesi, sono rinfacciate da Bonifazio
nel manifesto contro questa famiglia, in Raynald, 1297, §§. 27 e 28.

[171] Raynald, 1296, §§. 13 e 15.

[172] Diploma del 28 agosto 1296, nell’Elenco delle pergamene del r.
archivio di Napoli, tom. II, pag. 171.

[173] Ibid., pag. 172, 177, diplomi di sett., 1296, e febb., 1297.

[174] Surita, Ann. d’Aragona, lib. 5, cap. 20, 21.

[175] Nic. Speciale, lib. 3, cap. 12, 13, 14.

[176] Nic. Speciale, lib. 3, cap. 17.

Surita, Ann. d’Aragona, lib. 5, cap. 21, 23.

[177] L’ultimo concetto dell’orazione di Loria, riferita da Niccolò
Speciale sembrerebbe triviale e superfluo pei noti principî del dritto
comune e feudale. Ma ove si ricordi il dritto pubblico degli Aragonesi
e dei Catalani, si vedrà ch’esso era per lo meno assai dubbio intorno
il presente caso, cioè di combattere in paese straniero contro i
comandi del proprio monarca, e forse contro le sue stesse armi che
militassero da ausiliari.

[178] Nic. Speciale, lib. 3, cap. 17 e 18.

Questi dice espresso che il re, tornando repente di Calabria per
quell’ambasceria, chiamò subito il parlamento a Piazza, e vinse il
partito; poi tornato a Messina, rimandò l’ambasciadore con la risposta.
Nei nostri capitoli del regno si leggono le costituzioni decretate
in parlamento a Piazza il 20 ottobre, promulgate dal re a Messina il
25 novembre 1296, come ben il mostra il comentatore monsignor Testa.
Dopo tuttociò non so comprendere come il Testa, nella Vita di Federigo
l’Aragonese, porti deliberate in quel parlamento le sole costituzioni,
e tenutone un secondo a Messina per quella principalissima faccenda
dell’ambasceria, ch’è contro la chiara testimonianza dello Speciale,
e contro la probabilità; non potendo supporsi che nel parlamento
convocato così in fretta si deliberassero tranquillamente nuove regole
di amministrazione pubblica, e si rimettesse ad altro tempo la vital
quistione della pace e della guerra. Se il secondo parlamento fosse
stato convocato, perchè nel primo non si era potuto conchiuder nulla
sull’oggetto principale, nel primo si sarebbero tutto al più prese
deliberazioni di poco momento, non quelle riforme a favor dell’elemento
municipale che mostrano l’azione d’un partito preponderante. Due cose
io credo abbian tratto in errore il Testa. La prima, aver seguito
nello Speciale (cap. 18) la lezione, _Fridericus Messanam egreditur_,
anzichè la più naturale di _regreditur_, ritenuta dal di Gregorio. La
seconda sorgente di errore fu l’error del Surita, il quale avendo per
le mani la cronaca di Speciale, che non porta date, e non i nostri
capitoli del regno, ma alcuni diplomi riguardanti un’ambasceria di
Giacomo a Federigo in febbraio 1297, pensò porre questa innanzi il
parlamento di Piazza; e narrò che Federigo, avuti i messaggi, rispose
che ne riferirebbe al parlamento, e que’ non vollero attendere. Il
Testa in parte seguendo Surita, e in parte correggendolo come que’ che
avea sotto gli occhi la vera data del parlamento di Piazza, compose
quel secondo di Messina. A me par chiaro, che nel parlamento tenuto
in Piazza il 20 ottobre 1296 si deliberarono insieme, come afferma
Speciale, la risposta all’inviato aragonese, e, come il provano i
capitoli del regno, le novelle costituzioni anzidette. Tengo ancor
vera la legazione di febbraio 1297, perchè Surita certo la trasse da
diplomi. E questo fatto, collocato così a luogo opportuno, riesce
verosimile: perchè Giacomo insistè dopo la prima ripulsa; Federigo se
ne rimise al solito al parlamento, e gli oratori aragonesi, avendone
istruzione del re, o comprendendo che riferirsi al parlamento era un
prender tempo a una seconda ripulsa, andaron via senz’aspettarla, come
afferma il Surita. Indi si vede più chiaramente l’errore del Testa,
che, togliendo al tutto da Surita questa legazione di febbraio 1297, fa
tener poi il parlamento in Messina, quando al creder di Surita, lib. 5,
cap. 26, fu convocato dopo la partenza de’ legati, e in Piazza.

[179] Cap. 45, 57, 37, 40, 42, 43, 44, 50, 51, 52, 54.

[180] Cap. 36, 38, 39, 46, 47, 48, 58.

[181] Cap. 45.

[182] Cap. 55, 41, 56.

[183] Cap. 53.

[184] Cap. 59 infino al 75.

[185] Cap. 76.

[186] Cap. 77 infino ad 84.

[187] Cap. 82, 83, 85.

[188] Questo statuto pel carcere è nel cap. 84.

[189] Nic. Speciale, lib. 3, cap. 18.

Questa fazione d’Ischia si dee porre tra il 15 settembre e il 20
ottobre 1296, perchè di questa data abbiam due diplomi di Carlo II,
l’uno in Brindisi, l’altro in Roma; e Speciale afferma che il re si
trovava in Napoli quando tornaron le quattro teride fuggenti.

[190] Raynald, Ann. ecc., 1297, breve del 30 dicembre 1296.

[191] Surita, Ann. d’Aragona, lib. 5, cap. 25. Veg. la nota a pag. 96
nel presente capitolo.

[192] Surita, ibid., cap. 28.

La bolla è data il 4 aprile 1297, in Raynald, Ann. ecc., 1297, §§. 2 a
16.

Veg. anche Gio. Villani, lib. 8, cap. 18.

Nic. Speciale, lib. 3, cap. 12.

[193] Raynald, ibid., §. 17.

[194] Diploma dell’8 giugno 1297, pubblicato dal Testa, Vita di
Federigo, docum. 7.

[195] Raynald, Ann. ecc., 1297, §. 18.

[196] Ibid., §. 25.

[197] Nic. Speciale, lib. 3, cap. 18 e 19.

È gran danno che questo scrittore diligentissimo abbia a sdegno di
riportar le date de’ più notabili avvenimenti. In questo di Ruggiero
Loria, ancorchè certo si sappia che fin dall’anno precedente ei fosse
risoluto a spiccarsi da Federigo, pur importerebbe molto ritrarre
appunto il giorno che l’ammiraglio fu sostenuto a corte e poi si fuggi.
Perocchè Giacomo a 2 aprile 1297, il creava grande ammiraglio a vita
(diploma in Quintana, citato di sopra a pag. 69) e papa Bonifazio il
6 del mese stesso concedeva in feudo a Loria, tornato ad _Apostolicae
sedis gratiam et mandata_, il castello e la terra di Aci, del dominio
della chiesa o del Vescovo di Catania, e da lui al presente tenuti
(Breve inserito in un diploma di Carlo II, dal registro del r. archivio
di Napoli, seg. 1299, C, fog. 14, e pubblicato dal Testa, Vita di
Federigo, docum. 10). Or egli è chiaro, che se queste concessioni
furon fatte prima della fuga di Ruggiero, costui non tentennava già
tra i nemici e Federigo, ma dissimulava la tradigione; e se ne dee
conchiudere che Federigo, se errò, errò solo nel risparmiarlo. In
ogni modo il nome di Loria e quel di Procida, che prima d’esso s’era
gittato alla Via di tradigione, van condannati nel severo giudizio
dell’istoria. Il risentimento contro l’invidia de’ cortigiani, potea
portarli ad allontanarsi dalle faccende pubbliche e dalla corte, a
menar vita privata nelle lor castella, appunto come Loria minaccio a
Federigo dopo la presa ti Cotrone; non già a passare a parte nemica,
accettar da essa, dignità, beni, carezze. Entrambi abbandonarono
Federigo e la Sicilia, perchè non credeano ohe potessero reggere contro
le forze di mezz’Europa collegata; e Loria, che avrebbe pur chiuso
gli occhi al pericolo se Federigo si fosse lasciato governare da lui,
cedè a quell’interesse, quando vide contrariata la sua disorbitante
ambizione.

[198] Nic. Speciale, lib. 3, cap. 20, 21, 22.

Anon. chron. sic., cap. 56.

Surita, Ann. d’Aragona, lib. 5, cap. 26 e seg.

Gio. Villani, lib. 8, cap. 18.

Veggasi anche il Montaner, cap. 185, il quale seccamente narra l’andata
della regina Costanza a Roma con Giovanni di Procida, ove il re
d’Aragona era venuto per trattar pace tra Carlo e Federigo. E per le
concessioni a Loria veggansi anche i due diplomi del 2 e 6 aprile 1297,
citati nella nota precedente.

[199] Molti documenti fornisce il r. archivio di Napoli intorno i
beni di Giovanni di Procida, e la restituzione che ne fece il governo
angioino dopo la sua, come piaccia meglio chiamarla, conversione o
tradigione. Ecco quelli in cui io mi sono avvenuto rifrustando i
registri angioini.

Diploma del.....Carlo II concedette ad Anselletto de Nigella, valletto
della sua corte: _In primis, de bonis que fuerant Joannis de Procida,
palatium quod dicitur Ferni cum terris adiacentibus eidem palatio
circum circa, arbusto de nova plantato, olivato, vinea, avellaneto et
castaneis etc._ e le rendite di alcuni villani di cui si trascrivono i
nomi, ch’eran tenuti a dare al signore una gallina per le feste di san
Martino, Natale e Quaresima (_carniprivio_) e trenta uova per Pasqua.
Reg. seg. 1294–95, A, fog. 81, a. t.

Diploma del 28 marzo duodecima Ind. (1299), perchè sulle pubbliche
entrate di Salerno si pagassero once 12 annuali a Colino di Ducato, in
compenso _de bonis quondam Joannis de Procida militis_, che il detto
Colino avea risegnato alla curia, e questa ai procuratori di Giovanni
di Procida. Reg. seg. 1299, A, fog. 30.

Diploma del 16 aprile duodecima Ind., perchè lo stratigoto di Salerno
facesse rendere al procuratore de’ beni di Giovanni, ereditati da
Tommaso di Procida, alcuni beni burgensatici presi da supposti
creditori; e se costoro avesser dritto, il facesser valere innanzi il
giudice competente. Ibid., fog. 15, a t.

Diploma della stessa data allo stesso effetto, ibid., fog. 210,
pubblicato a docum. XXVIII.

Diploma dato di Napoli a 6 maggio duodecima Ind., per lo quale son
resi a Tommaso di Procida alquanti beni, già conceduti ad altre
persone, e a queste è assegnato un compenso. In questo diploma è
notevole il principio: _Sub presentanone promissionis facte per nos
magnifico principi domino Jacobo regi Aragvnum filio nostro carissimo
de restaurandis Thomaso de Procida militi fideli nostro burgensaticis
bonis omnibus que quondam Johannes de Procida pater ejusdem Thomasii
discessus sui tempore de regno nostro Sicilie in regno ipso tenuerat,
etc_. Ibid., fog, 56, e replicato a fog. 119.

Altro diploma della stessa data, per altri beni dello stesso Procida,
simile al tutto. Ibid., fog. 56 a t.

Diploma del 18 agosto duodecima Ind., perchè senza strepito di giudizio
si rendesse ragione a una vedova, che chiedea il pagamento di un debito
che avea contratto con lei _quondam Joannes de Procida miles dum erat
in gratia clarissime memorie domini patris nostri_, Ibid., fog. 213.

Diploma della stessa data del 18 agosto. Compenso di alcuni beni,
ch’erano stati di Giovanni di Procida, e i presenti possessori li
aveano ceduto al fisco per renderli a Tommaso. Ibid., fog. 137 a t.

Diploma del 29 settembre 1300, cavato dallo stesso r. archivio di
Napoli e pubblicato dal Buscemi, Vita di Giovanni di Procida, docum. 8.

[200] Quintana, Vidas, etc., tom. I, pag. 170, dice che questo
sepolcro si vedea ancora nel monastero di Santa Croce dell’ordine di
san Bernardo in Catalogna; e trascrive la modesta iscrizione che vi
si leggea ancora, secondo la quale Loria morì il 17 gennaio 1865.
Ibid., tom. II, pag. 125, è pubblicata la disposizione testamentaria
dell’ammiraglio per la sua sepoltura.

[201] Il sac. Buscemi, nella Vita di Giovanni di Procida, porta che
finisse i suoi giorni di settembre 1299, argomentandolo dal diploma
del 30 settembre 1300, docum. 8, in fin del suo lavoro, nel quale
riconcedeasi a Tommaso, suo secondo figlio, il castel di Procida, di
cui il primogenito, Francesco, non avea curato di prender l’investitura
nel solito termine di un anno e un giorno dalla morte del padre. Gli
altri diplomi da me trovati nell’archivio di Napoli e citati nella nota
precedente mandano indietro la morte del Procida almeno infino a marzo
1299.

[202] Ricordinsi i documenti che ho notato nel cap. precedente a
mostrare il tradimento di Giovanni di Procida alla Sicilia.

[203]

  Vadi a mia bella figlia, genitrice
  Dell’onor di Cicilia, e d’Aragona.
DANTE, _Purgat_., c. 3.

[204] Veg. le autorità allegate dallo Inveges, Palermo Nobile, parte 3.
Anni 1260–61–62.

[205] In gran parte ho tolto queste riflessioni su la regina Costanza,
da Speciale, lib. 3, cap. 20, 21.

Nelle costìt. di Federigo II (capitoli del regno di Sicilia), si
confermano tra gli altri privilegi quei della regina Costanza: _nec non
Aragonum et Siciliae regina sanctissima mater nostra, etc_.

Per la morte della regina Costanza veggasi il Montaner, cap. 185.

[206] Federigo rimeritò la lealtà di Randazzo con alcune franchige
nelle dogane di terra e di mare, per diploma del 15 giugno 1299,
pubblicato dal Testa, op. cit., docum. 17.

[207] La fellonia di Tommaso di Lentini è confermata da un diploma
del 18 febbraio 1299, col quale Federigo die’ in feudo a Bartolomeo
Tagliavia la terra di Castelvetrano, posseduta da quello. Nei Mss.
della Bibl. com. di Palermo, Q. q. G. 3.

[208] Nic. Speciale, lib. 3, cap. 22.

Anon. chron. sic., cap. 57.

La presenza di Federigo all’assedio di Castiglione, si attesta da
un diploma del 27 agosto 1297, dato nel campo sotto Castiglione,
pubblicato dal Testa, Vita di Federigo, docum. 11. La dedizione del
castel di Aci è da porsi nel mese di novembre 1297, perchè non tardò
guari dopo quella di Castiglione ma infino al 18 novembre sapeasi in
Napoli che tenesse pur quel castello; come si scorge da un diploma
pubblicato dal Testa, ibid., docum. 14.

[209] Sembra che questa guerra di Calabria, di che parla Speciale, sia
stata la cagion della chiamata al militar servigio in tutto il reame
di Puglia, della quale ci restan moltissimi diplomi dati a 19 aprile,
7, 22, 23, 25, 27 e 30 maggio, 2, 11, 17, 18, 20, 22 giugno 1297,
nell’Elenco delle pergamene del r. archivio di Napoli, tom. II, pag.
179 a 188. Ivi si legge a pag. 180 un altro diploma del 4 maggio, che
accorda once 10 a un Giovanni _pro sumptibus itineris ad exercitum_.

[210] Conferma questo attestato dello Speciale un diploma del 29 aprile
1297, col quale Roberto vicario generale dava a Riccardo de Avenis
alcune terre in Calabria, _dummodo infra kalendas Augusti ad Ecclesie
romane et Regis fidem redeat a qua defecerat_. Elenco cit., tom. II,
pag. 179.

[211] Nic. Speciale, lib. 4, cap. 1.

[212] Diplomi del 18 novembre (certamente 1297) e del 9 febbraio
undecima Ind. 1298 (si legge 1297 computando gli anni dal 25 marzo),
pubblicati dal Testa, Vita di Federigo II, docum. 14 e 18.

[213] Surita, Ann. d’Aragona, lib. 5, cap. 33.

[214] Diploma del 18 novembre 1297 citato di sopra, e i molti altri
accennati nel seguito di questo capitolo.

[215] Nic. Speciale, lib. 4, cap. 2.

L’Anon. chron. sic., cap. 59, porta l’impresa di Giacomo, _operante
supradicto papa Bonifacio_.

Surita, Ann. d’Aragona, lib. 5, cap. 33.

Montaner ci abbandona al tutto in queste guerre di Giacomo contro
Federigo. Porta gli armamenti del primo, come fatti per amor di fermare
la pace tra re Carlo e Federigo; a questo il dice venuto in Italia con
centocinque galee; nè fa motto del passaggio in Sicilia nel 98, nè di
quel dell’anno appresso, nè della battaglia del capo d’Orlando; ma
crede aver soddisfatto all’uficio d’istorico, chiudendo il cap. 186 con
queste parole: «Altri senza dubbio dirà: come dunque Montaner passa sì
lieve su questi fatti? Se tai parole indirizzasse a me, replicherei che
v’ha delle domande le quali non meritano risposta.»

Le trattative intorno la restituzione al re di Maiorca non appartengono
direttamente al presente lavoro, ma fan vedere che Bonifazio per
amor dell’impresa di Sicilia sagrificava gli interessi di Giacomo di
Maiorca, e temporeggiava con Filippo il Bello che li volea sostenere.
Ciò si conferma coi documenti degli archivi del reame di Francia qui
appresso notati:

Diploma di Giacomo re d’Aragona, dato di Valenza a 15 febbraio 1237,
permettendo a Carlo II di stabilire in suo nome, che per due anni
non farebbe guerra a Filippo il Bello, e permetterebbe i commerci
co’ suoi sudditi, J. 588, 20. Breve di Bonifazio dell’8 agosto 1297,
pel quale temporeggia con Filippo il Bello, che insisteva a favore
del re di Maiorca, J. 715, 24. Diploma di Giacomo di Maiorca, dato
a Saint–Germain–des–Prés l’8 gennaio 1298, consentendo un certo
differimento alla restituzione, stabilito tra i re d’Aragona e di
Francia, J. 598, 1. Atto pubblico dato in Aix a 2 maggio 1298, nelle
stanze di Carlo II, che stipola le condizioni coi re di Francia e
Maiorca, a nome di Giacomo d’Aragona; secondo il citato diploma del 15
febbraio 1297, che anche trascrive, J. 511, 6.

[216] Diploma del 15 giugno 1298, tratto da’ registri della real
cancelleria di Sicilia, pubblicato dal Pirro, Sicilia sacra, pag. 409,
ed. 1733.

[217] Nic. Speciale, lib. 4, cap. 3 e 4.

Anon. chron. sic., cap. 58, 59.

[218] Il Testa, nella Vita di Federigo, porta l’armata ad 80 galee
e 90 altre navi, non computatevi le sottili; a 500 cavalli e 1,156
pedoni le genti da sbarco venute d’Aragona con Giacomo. Quest’ultimo
numero è tolto da un diploma del 23 giugno 1299, il quale per vero
non descrive le forze portate da Giacomo, ma quelle da lui lasciate
in Sicilia al fine di questa prima impresa, che poteano esser minori
per cagion degli uomini perduti nella guerra, o maggiori pei Catalani
e altri avventurieri che poi vi s’aggiugnessero. Picciolissimo fu in
questa armata il numero delle navi napoletane, come si vede da parecchi
diplomi dati tra il fin di marzo e mezz’aprile 1299, nel r. archivio di
Napoli, reg. seg. 1299, A, fog. 1 a 15.

Quanto alle forze terrestri, che furono certo assai grosse, si vegga
nel seguito del presente capitolo ciò che scrive Spedale delle perdite
sofferte nello assedio di Siracusa.

L’Anon. chron. sic. porta venuto Roberto con re Giacomo. Speciale. non
ne parla che nel consiglio per discior l’assedio di Siracusa. E per
vero si ritrae ch’ei passava in Sicilia in fin di novembre 1298, o più
tardi; leggendosi in alcuni diplomi che i feudatari del regno di Napoli
dovessero far la mostra alla sua presenza in Napoli il dì 20 novembre
per muover contro la Sicilia. Elenco delle pergamene del r. archivio di
Napoli, tom. II, fog 209 e 210, diplomi dell’8 e 23 novembre 1298.

[219] Anon. chron. sic., cap. 59.

Nic. Speciale, lib. 4, cap. 10.

Surita, Ann. d’Aragona, lib. 5, cap. 35.

[220] Veggansi le concessioni feudali in Sicilia fatte da Giacomo a
Fulcone Barresio, per diploma del 13 settembre 1298, e a Simone de
Belloloco e Filippo di Porta, per altre carte accennate ne’ diplomi
del 24 luglio 1299 e 28 dicembre 1300, e la intitolazione d’un atto
pubblico dato di Novara il 1 luglio 1299; de’ quali diplomi, il primo
e l’ultimo citansi nel seguito di questo capitolo, gli altri due nel
cap, XVII. Non abbiam traccia di alcuna delegazione di tanta autorità,
che facesse Carlo II a Giacomo. E però è manifesto, che Giacomo la
esercitava come capitan generale della corte di Roma, la quale poco
prima avea disposto di dare in feudo a Loria il castel d’Aci, come
sopra si è detto. La finzione del ceder l’isola a Roma presto fu
dismessa; ma non cessarono le pretensioni di Bonifazio, anzi ne nacque
una timida gelosia nella corte di Napoli, come si argomenta dal diploma
di concessione feudale a Virgilio Scordia, docum. XXXVI.

[221] Nic. Speciale, lib. 4, cap. 4.

Anon. Chron. sic., loc. cit.

[222] Nic. Speciale, lib. 4, cap. 5.

Anon. chron. sic., cap. 59.

[223] Diploma del 8 gennaio 1299 (per errore 1297 col computo dell’anno
dal 25 marzo), pubblicato dal Testa, Vita di Federigo II, docum. 9.

[224] Parmi che tornino a questo concetto le parole di Speciale: _plus
sapere quam oportebat attentans, neque intelligens verbum illud: curo
possidente possideas_. Questo traditore giovò molto alla causa dei
nemici, come si vede da un diploma di Carlo II, dato il 1 luglio 1299,
nel quale è perdonato e redintegrato ne’ suoi feudi, perchè se nella
ribellione fallì per concorso, oggi ravveduto, osservava la fede al re
angioino, animo et opere. Nel r. archivio di Napoli, reg. seg. 1299, A,
fog. 158 a t. e 24 a t.

Oltre a questo, il governo angioino, per diploma dato lo stesso dì, gli
concedea l’aspettativa di altre terre e feudi, del valore d’once cento
annuali. Ibid., fog. 158.

Mostra ancora la importanza del Barresi, che fu seguito da un suo
fratello per nome Fulcone, un altro documento. A costui Giacomo re
d’Aragona die’ in feudo in Sicilia a dì 13 settembre 1298, con diploma
dato di Milazzo, pe’ suoi continui e rilevanti servigi a pro della
Chiesa, il castello e casal di Chila tra Mineo e Caltagirone, con mero
e misto impero. Raffermò questa concessione Roberto a dì 10 settembre
1299 da Aidone; e Carlo II da Napoli a 16 febbraio 1300. Nel r.
archivio di Napoli, reg. 1299–1300, C; e ne’ Mss. della Bibl. com. di
Palermo, Q. q. G. 2, fog. 88.

Il di Gregorio, nella Bibl. arag., tom. II, pag. 520, pubblicò un
diploma di Federigo, pel quale furon conceduti a Blasco Alagona il
castello e la terra di Naso, posseduti una volta da Giovanni e Matteo
Barresi traditori. Questo documento porta la data di Palermo a 26
gennaio decima Ind. anno dell’Incarnazione 1297, e 2º del regno di
Federigo; ma io credo errata manifestamente questa data, perchè la
decima Ind. cadde bene di gennaio 1297 nell’anno comune, ma nell’anno
dell’Incarnazione rispondeva al gennaio 1296. Indipendentemente da tal
errore, si può corregger senza alcun dubbio duodecima ind. gennaio
dell’anno dell’Incarnazione 1298, ossia gennaio 1299 dell’anno comune,
perchè Barresi si ribellò da Federigo al passaggio primo di Giacomo,
cioè tra agosto 1298 e la primavera del 1299 dell’anno comune. Il
riferisce Speciale, diligentissimo nel descrivere questi tempi di
Federigo, ne’ quali ei visse ed ebbe alto stato.

[225] Nic. Speciale, lib. 4, cap. 6 e 7.

[226] Nic. Speciale, lib. 4, cap. 7 e 8.

Tolomeo da Lucca, Ann. in Muratori, R. I. S., tom. XI, pag. 1303. Anon.
chron. sic., cap. 60, che porta un po’ diverso il numero delle galee.

Non mi è riuscito di trovare una interpretazione plausibile di questo
soprannome di Garsagnini o Garfagnini, con ch’eran proverbiati que’
prigioni catalani. Gli scrittori contemporanei non ne danno la origine;
non si trova nella nostra lingua parlata; il Du Cange, nel glossario,
la nota senz’altra spiegazione, che d’essere stata adoperata come
ingiuria nel caso particolare narrato di sopra. Il Testa, leggendola
garsagnini, spiega per _sfregiati, marcati_, rappiccandola con la
voce _garsa_ che suonava profondo cincischío, e così è rapportata
dal Du Cange, e così resta ancora nell’idioma siciliano, in cui
talvolta si pronunzia anche _gassa_. Ma io non so accettare che i
siciliani guerrieri di que’ tempi, si beffassero delle cicatrici
di altri guerrieri; a d’altronde questo combattimento del Faro non
fu sì ostinato, che la più parte de’ prigioni potesse escirne con
ferite. Perciò crederei più tosto leggere _garfagnini_ per metatesi
da _qrafagnini, grifagnini, grifagni_, o derivato da aggraffare, e in
siciliano _aggranfari_. Ed era ben naturale che i nostri guerrieri
cittadini dessero di saccardi, predoni, rapaci ladroni, a que’ soldati
venderecci di Giacomo.

Non credo che questo soprannome potè trarsi in alcun modo dai
Garfagnini, abitatori della Garfagnana nello stato di Modena.

[227] Nel r. archivio di Napoli, reg. seg. 1271, sì legge un diploma
del 12 gennaio decimaquarta Ind. (1278), col quale è conceduta a
Guglielmo de Mosterio la terra di Grattieri, posseduta già dal conte
Arrigo Ventimiglia, traditore, dicea re Carlo.

[228] Nic. Speciale, lib. 4, cap. 9.

[229] Speciale dice 18,000 uomini perduti; ma sembran troppi.

[230] Si vede dal citato diploma del 23 giugno 1299, Testa, docum. 16.

[231] Nello stesso diploma e in un altro della stessa data del 23
giugno, citato nel seguito di questo capitolo, si fa menzione di Pietro
Cornel, nominato da Speciale in questo luogo.

[232] Nic. Speciale, lib. 4, cap. 10 e 11.

Anon. chron. sic., cap. 60 e 61.

Per la infermità di Giacomo in Napoli e il figliuolo quivi partoritogli
da Bianca, veg. Surita, Annali d’Aragona, lib. 5, cap 37 e 38.

La data del ritorno di Giacomo in Napoli dopo questa prima impresa di
Sicilia, si conferma per un diploma dato di Napoli a 5 marzo duodecima
Ind. (1299), nel quale, dicendosi abbisognar molto frumento _pro
adventu illustris regis Aragonie_, il re comandava trovarne subito
2,000 salme e farne biscotto, sì che fosse pronto il 12 marzo. Nel r.
archivio di Napoli, reg. seg. 1299, A, fog. 41 a t.

Tra le terre ch’eran rimase a’ nemici in Sicilia fu anche Novara, e
tenne per Loria, come si ricava da un diploma del 1 luglio 1299, dato
in quella terra col titolo di re Giacomo d’Aragona....._existente etiam
et dominante domino nostro domino Rogerio de Lauria milite, regnorum
Aragonum et Sicilia ammirato, nec non et gratia Dei et regis et per
sanctam Romanam Ecclesiam inclito domino Castellionis, Francavillae
Nucariæ, Linguegrossae, Cremestadis, S. Petri supra Pactas, Ficariæ, et
Turturichii, sui dominii praedictarum terrarum et locorum anno primo
feliciter, amen_.

Dal monastero Cisterciense di Santa–Maria di Novara. Tra’ Mss. della
Bibl. com. di Palermo, Q. q. G. 1, fog. 178.

Quanto a’ soccorsi di Napoli alle castella che teneansi nelle costiere
settentrionali di Sicilia, dà validissimo argomento a supporli un
diploma del 1 aprile tredicesima Ind. 1299, col quale è ordinato di
mandarsi ad _partes Sicilie_ per conto di Ruggier Loria 10 salme di
sale. Certamente il governo di Napoli non si limitava a questa sola
provvedigione. R. archivio di Napoli, reg. seg. 1299, A, fog. 31.

[233] Raynald, Ann. ecc., 1298, §. 17, breve al patriarca d’Armenia, 26
ottobre anno 4.

[234] Ibid. 1299, §§. 1 e 2, brevi dell’8 e 9 giugno.

[235] Surita, Ann. d’Aragona, lib. 5, cap. 87, 88.

[236] Docum. XXIX e XXX.

[237] Dei pagamenti fatti a Giacomo in Napoli dan fede i diplomi del
21, 22 e 25 marzo e 4 maggio, 15 e 18 giugno e 8 luglio duodecima Ind.,
nel registro del r. archivio di Napoli segnato 1299, A, fog. 24, 23,
33, 54 a t., 92 a t., 110 e 209 a t. Son quietanze ai capitani delle
città di Aquila, Lucera, Guastimone e Salerno per le somme consegnate a
Consalvo Garzia, commissario del re d’Aragona, e tolte da’ sussidi che
quelle città avean promesso per la presente guerra.

Tre diplomi del 30 maggio, 6 giugno e 8 luglio attestano il pagamento
di altre once 220 al medesimo Consalvo Garzia, su la sovvenzione che
forniva la città di Napoli; e tutti questi danari furono di carlini
d’argento di 60 all’oncia. Ibid., fog. 126 a t. e 138 a t.

Un altro diploma del 24 giugno duodecima Ind., porta il pagamento
stipendi di alcuni uomini d’arme del re di Aragona, fatto dall’erario
di Napoli per mezzo di Consalvo Garzia. Un di questi condottieri, per
nome Bertirando Artus, avea 12 once al mese, e’ suoi scudieri 2 once;
un altro condottiero 6 once, ec. Reg. citato 1298, A, fog. 115.

Questi pagamenti stentati e spezzati, fatti a misura che s’avea il
denaro delle sovvenzioni, ancor mostrano quanto fosse esausto l’erario
di Napoli in quel tempo. Veg. anche i diplomi del 25 maggio, 5 e 23
giugno nelle seguenti note.

[238] Diploma del 23 giugno 1299, dal registro del r. archivio di
Napoli segnato 1299, A, fog. 111, pubblicato dal Testa, op. cit.,
docum. 16, dal quale si ricavano i seguenti particolari:

Che Giacomo avea lasciato in Sicilia 79 cavalli _alferrati_ (cioè
uomini scelti, armati da capo a pie’, donde forse presero il nome gli
alfieri o portatori d’insegna), 422 altri cavalli, e 1,156 fanti; da
pagarsi da gennaio ad aprile 1299, per once 5,259; e per maggio ancora,
nel numero di 78 cavalli alferrati, 426 cavalli e 1,203 fanti, per once
2,071,15.

Che la flotta catalana si dovea pagare per 5 mesi da gennaio a tutto
maggio; ma si contentava di 4 mesi di soldo per once 8,951, essendo
rimasta gran pezza ne’ porti.

Che tornaron di Sicilia con Giacomo alferrati 28, cavalli 425, fanti
151 ch’erano già soddisfatti in Napoli.

Che i Catalani andavan creditori inoltre di once 6,085,28, per
supplimento a’ cavalli morti o perduti.

Da ciò si argomenta ancora che a tutto dicembre 1298, avea pagato
queste genti il papa o re Carlo.

[239] I mercatanti fiorentini, massime della compagnia de’ Bardi,
prestavan danari a re Carlo, pigliando in sicurtà o in isconto la
tratta de’ grani.

Diploma dell’ultimo febbraio duodecima Ind. (1299), nel quale si
legge che il danaro col quale gli angioini comperarono dal traditore
Berengario degli Intensi la città d’Otranto, era stato pagato in parte
dal mercatante Bartolomeo della compagnia dei Bardi, la quale avea
promesso dare in prestito alla corte di Napoli a tutto marzo 1299 once
4,000, e le era stata ceduta la tratta di 40,000 salme di frumento. Nel
r. archivio di Napoli, reg. seg. 1299, A, fog. 22.

Diploma del 25 maggio duodecima Ind. a Lippo Ildebrandini e altri della
compagnia de’ Bardi di Firenze. Saducetto d’Adria _graffiere_ di Carlo
II, e Consalvo Garzia cavaliere di re Giacomo, erano stati deputati
insieme a raccorre il danaro della sovvenzione generale per la guerra,
e tutt’altro danaro appartenente a Carlo o a Giacomo. La compagnia
Bardi avea promesso once 4,000 per prezzo della tratta di 40,000 salme
di grano. E i due suddetti le davan questa scritta per le once 4,000,
da lei veramente pagate. Reg. cit. 1299, A, fog. 185.

Diploma del 5 giugno duodecima Ind. Carlo II dà cautela per 10,000
once d’oro, pagate da alcuni mercatanti della compagnia degli Spini
di Firenze, mercatanti di Bonifazio VIII. Questo danaro era stato
rassegnato in vari giorni, a un cassiere dei re e a Consalvo Garzia. E
Bonifazio il dovea a Carlo _pro pretio quorundum jocalium_. Ibid., fog.
183.

Diploma del 23 giugno. Sen vede che a tutto quel mese Giacomo dovea
a Pietro Cornel condottiero, per stipendi e prezzo di cavalli, once
1,941. Per mezzo de’ Bardi ne fu pagata una parte in Provenza; il
rimanente dovea soddisfarsi entro un anno. Ibid., fog. 112. Questo
Cornel, citato dallo Speciale come consigliator della ritirata da
Siracusa nel 1298, nella state del 1299, pria della nuova impresa,
se ne tornò in Ispagna, come si vede da un altro diploma dato l’8
giugno, ibid., fog. 104, che gli accordò il permesso dell’uscita dalle
frontiere.

Diploma del 23 giugno duodecima Ind., per once 1,120 date in prestito
da Benedetto Bonaccorsi della compagnia de’ Bardi di Firenze, con
cessione di tratta dì grani. Ibid., fog. 141.

Diploma del 23 giugno 1299, ibid., fog 96 a t., che contiene altri
imprestiti e cessione della tratta di grani alla compagnia de’ Bardi di
Firenze.

Diploma dell’ultimo di giugno duodecima Ind. Altri imprestiti de’
Bardi. Ibid., fog. 97.

Diploma dell’ultimo di giugno. Da questo si vede che la compagnia de’
Bardi avea casa in Marsiglia; e che avea tratto di Marsiglia e pagato
in Napoli once 2,200 per tasse di Provenza, e decime ecclesiastiche di
quelle chiese, concedute dal papa per la presente guerra. Ibid., fog.
185 a t.

Altro diploma del 4 luglio, ibid., fog. 147, per altri imprestiti di
mercatanti italiani.

Diploma del 2 agosto duodecima Ind., ibid., fog. 167 a t., per un’altra
tratta di vittuaglie alla stessa compagnia.

Altri se ne veggono sullo stesso proposito nell’Elenco delle pergamene
del medesimo r. archivio, tom. II, pag. 193, 213 e 215, in data del 5
maggio 1298, 7 gennaio, 20 e 25 febbraio 1299.

Molti altri diplomi attestano che la compagnia de’ Bardi avea in
affitto la zecca di Napoli; e talvolta gli ufici delle segrezie di
qualche provincia.

[240] Veg. la nota 238, pag. 128.

[241] Diploma del 12 febbraio duodecima Ind. 1299, dall’archivio di
Napoli, reg. seg. 1299, A, fog. 17. Vi si legge come tre cardinali da
parte di Bonifazio aveano intimato a Carlo che pensasse a soddisfare
i grossi debiti verso la santa sede, per imprestiti a lui e al padre,
censo non pagato, e sussidi sì nella guerra, sì per lo maritaggio della
figliuola con re Giacomo.

[242] Diplomi del 18 e 20 marzo, 8 e 23 aprile, dai quali si ritraggono
vari atti di forza privata commessi da masnade e genti armatesi
popolarmente in Vico, Maddaloni, e altre terre anche in Principato.
Ibid. fog. 21 a t., 23 a t., 30 a t., 51, 75.

[243] Diploma del 25 marzo duodecima Ind. per le vittuaglie che si
portavano clandestinamente a’ confini dei nemici in Basilicata,
particolarmente dalla terra di Colubrano. Reg. cit. 1299, A, fog. 24 a
t.

Diploma del 9 aprile duodecima Ind., al capitano di Bari. È la
commissione del suo uficio, pel buono e pacifico stato de’ cittadini, e
perchè _ab hostium non ledantur insidiis_. Ibid., fog., 26.

[244] Diploma del 22 marzo duodecima Ind., ibid., fog. 23, nei quale si
legge un capitano in Lucera.

Diploma del 26 marzo duodecima Ind., pel quale è eletto un capitano in
Bari con mero e misto impero. Ibid., fog. 25.

[245] Diploma del 26 marzo duodecima Ind. (1299), col quale è fornita
una picciola somma per riparazione delle galee testè tornate di
Sicilia. R. archivio di Napoli, reg. seg. 1299, A, fog. 524.

Diploma del 9 aprile duodecima Ind., perchè si fornissero di biscotto
alcune galee napoletane e aragonesi nel porto d’Otranto. Ibid., fog. 31
a t.

Diploma del 12 aprile duodecima Ind., per comperarsi subito gran copia
di stoppa da rispalmar le galee. Ibid., fog. 51 a t.

Diploma del 2 maggio duodecima Ind., per cinque galee catalane ch’erano
a Brindisi, e si dovean vettovagliare, e armarne quattro, non bastando
la gente per cagion delle malattie. Ibid., fog. 65 a t.

Diploma del 29 maggio duodecima Ind. Remiganti in gran copia assoldati
in Pozzuoli, Salerno, Sorrento, e Castellamare. Ibid., fog. 85.

Vari diplomi del 30 maggio duodecima Ind., per remiganti da assoldarsi
in Gaeta, Amalfi, Castellamare e altri luoghi. Ibid., fog. 93.

Diploma del 2 giugno, per armarsi dieci galee e provvedersi di viveri.
Ibid., fog. 87.

Tre diplomi della stessa data, che contengono altre richieste di uomini
per la flotta. Ibid., fog. 88 e 99.

Diploma del 23 giugno, per armamento di galee in Brindisi. Ibid., fog.
97.

[246] Riguardo all’esercito si trovano nel r. archivio di Napoli questi
documenti:

Diploma del 28 marzo duodecima Ind., per lo quale fu differita infino
alla pasqua l’adunata in arme di tutte le milizie feudali a Foggia,
bandita prima per marzo. Reg. 1299, A, fog. 26 a t.

Diploma del 18 aprile duodecima Ind., perchè da Principato e Terra di
Lavoro si recassero in Napoli balestrieri e fanti. Ibid., fog, 51 a t.

Diploma del 27 aprile duodecima Ind., Chiamata al militar servigio in
Calabria. Ibid., fog. 80.

Diploma del 2 maggio, duodecima Ind., per trovarti balestrieri e pedoni
pronti agli ordini di Roberto duca di Calabria, vicario generale.
Ibid., fog. 54.

Diploma dell’8 maggio, duodecima Ind. Chiamata al militar servigio e
allo addoamento. Ibid., fog. 79.

In tutto il registro 1299, A, ci son molti altri diplomi per armamento
de’ cavalli all’impresa di Sicilia.

[247] Diploma del 18 aprile, duodecima Ind., al castellano di Pozzuoli,
per aver cura che di quella spiaggia non andasser marinai a Ischia e
Procida, e non si facessero segnali alle dette isole con fuoco e fumo.
Reg. cit., fog. 51 a t.

Diploma del 6 maggio, duodecima Ind,, pel quale è differito l’ordine
dato al comune di Aversa che mandasse 1,000 uomini, _armis et
instrumentis aliis decenter munitos ad rebelles insulas nostras Iscle
Capri et Procide_. Ibid., fog. 61.

Diploma del 5 giugno 1299. Ibid., fog. 103 a t. Per adunarsi fanti con
accette e scuri da mettere a guasto le campagne d’Ischia, ove Giacomo
si dovea portare con la flotta. Napoli dovea fornir 400 uomini, Aversa
300, Capua 300.

Diploma del 12 giugno, duodecima Ind. Si doveano pagare per 10 dì,
alla ragione di dieci grani al giorno, i 300 fanti d’Aversa, mandati
pel guasto d’Ischia. Provvedeasi che il danaro si ritraesse da una
contribuzione degli abitanti d’Aversa. Ibid., fog. 128.

[248] Veg. docum. XXVI e XXVII, e questi altri:

Diploma del 12 marzo, duodecima Ind. (1299), per la custodia degli
statichi del castell’Abate. Reg. cit. 1299, A, fog. 45.

Diploma del 14 marzo. Il dì 20 i principi Roberto e Filippo si dovean
trovare con le genti loro sotto il castell’Abate, per combatter quelle
di Federigo, se venissero al soccorso. Perciò, affinchè abbian giusto
numero di cavalli e fanti, è provveduto: _quod de quolibet foculario
mictant servientem peditem unum, munitum armis decentibus et expensis
que sibi sufficient amorandum ibidem cum duce prefato_. Ibid., fog. 46.

Diploma del 28 marzo. Per la medesima cagione, chiamati al militare
servigio i feudatari delle città di Napoli, Capua ed Aversa pel 14
aprile. Ibid., fog. 2 a t.

Diplomi del 1 e 2 aprile duodecima Ind. (1299), per milizie
presentatesi al castell’Abate, _coram Roberto primogenito nostro duce
Calabrie_. Ibid., fog. 36.

Diplomi dell’8 e 9 aprile, da’ quali si scorge che Apparente di
Villanova castellano del castell’Abate, consegnatolo agli angioini,
ebbe salvocondotto a tornarsi in Sicilia. Ibid., fog. 6.

Altro diploma dell’8 aprile, per gli stipendi delle genti che avean
assediato il castell’Abate. Ibid., fog. 7 a t.

[249] Diploma del 2 aprile 1299, risguardante il pagamento degli
stipendi a 260 cavalli di Guidone di Primerano, a’ quali doveansi once
520 al mese, computato ogni milite per due scudieri. Si comanda che
vadan subito alle frontiere de’ nemici a Rocca Imperiale e Ordeolo, per
cavalcar continuamente quelle campagne, dandovi il guasto. In questo
diploma si parla ancora di danari pagati ai Catalani e almugaveri di
Berengario d’Intensa, _e d’un negozio_ che costui dovea compiere. Vi si
fe’ molta premura per l’assedio d’Ordeolo, ove si doveano adunare altre
forze, e anche aiuti procacciati dal papa. Nel citato registro 1299, A,
fog. 54.

Diploma del 1 maggio, duodecima Ind., dal quale si vede che già Rocca
Imperiale era venuta in man degli angioini. Reg. seg. 1299, A, fog. 69.

Due diplomi del 2 maggio, duodecima Ind. (1299), coi quali son dati
altri provvedimenti per l’assedio di Ordeolo; ed è creato un capitano
in val di Crati e Basilicata _cum mero et mixto imperio et gladii
potestate_, che vada subito a quell’assedio. Ibid., fog. 66 a t. e 68.

Diploma del 14 giugno. È data autorità a Ruggier Sangineto di fermar
patti con Berengario de Muronis milite, per la ricuperazione d’Ordeolo
e Porta di Roseto. Ibid., fog. 128.

Diploma del 15 luglio, duodecima Ind. Provvedimenti perchè non manchi
il danaro a incalzar l’assedio d’Ordeolo. Ibid., fog. 124.

Diploma dell’8 settembre tredicesima Ind. (1300), dal quale si vede che
Ordeolo con Pietra di Roseto eran già in poter degli angioini. Reg.
1299–1300, C, fog. 331 o piuttosto 371.

Diploma del penultimo maggio duodecima Ind. (1299). Provvedimenti per
la espugnazione del castel di Squillaci. Ibid., fog. 86 a t.

[250] Diploma del dì ultimo febbraio duodecima Ind. I principi Roberto
e Filippo, da parte del re, in Otranto avean patteggiato con Berengario
degl’Intensi che la tenea per parte de’ nemici. Berengario indi era,
dice il diploma di Carlo II, _ad fidem et mandata nostra reversurus_,
e gli si dovean pagare, per lui e la sua compagnia, once 2,856, 7, 10,
per stipendi dal 18 ottobre undecima Ind. (1297) sino a tutto agosto
della stessa Ind. Reg. cit. 1299, A, fog. 22.

Diploma del 12 aprile duodecima Ind. (1299). Berengario d’Intensa avea
preso statichi dalla terra di Montalto, e consegnatili a Stefano de
Argat, sotto giuramento di custodirli per esso. Il re, non avendogli
dato autorità a trattare, scioglie il giuramento dato allo stesso
Berengario dall’Argat, e comanda che gli statichi si ritengan prigioni
dal conte di Catanzaro. Ibid., fog. 49.

Diploma del 23 aprile duodecima Ind., per liberarsi alcuni Catalani e
Aragonesi della compagnia di Berengario d’Intensa. ch’erano stati messi
in prigione. Ibid., log. 75.

Diploma dell’8 giugno duodecima Ind., ove si dice che Otranto era
tuttavia insidiata, e si sospettava di que’ medesimi Catalani della
compagnia d’Intensa che l’avea consegnato agli angioini. Ibid., fog. 90
a t.

Diploma del 6 luglio duodecima Ind., per alcuni uomini d’Otranto. Da
questo si scorge che Guglielmo Palotta tenea già Otranto per Federigo,
che gli fu sostituito Berengario d’Intensa, e che Palotta adesso era
anch’egli _fedele_ di re Carlo. Ibid., fog. 160 a t.

Niccolò Speciale, lib. 3, cap. 15, dice chiaro il tradimento di
Berengario, ch’era stato sostituito a Guglielmo Palotta nel comando
d’Otranto. Surita, Ann. d’Aragona, lib. 5, cap. 38, afferma che
Berengario degl’Intensi, preso ad Aversa, fu liberato sotto sicurtà,
per procaccio di Giacomo.

[251] Tre diplomi del 25 giugno, reg. cit. 1299, A, fog. 132 a t. e due
del 2 luglio, ibid., fog. 119 a t. 120, svelano quest’altro tradimento.
Un tal che tenne il castello di San Giorgio in Calabria, prima per
Giacomo re di Sicilia, poi per Federigo, or abboccatosi col medesimo
Giacomo, avea pattuito di render il castello a Carlo II, se gli si
pagassero i soldi corsi, suoi e del presidio che montavano ad once 55.
Non è mestieri aggiugnere che Carlo fece dar subito la moneta.

Da un altro diploma del 7 settembre tredicesima Ind. 1300, reg. seg.,
1299–1300, C, fog. 372, segnato per errore 332, si vede che il nome di
costui era Albagno d’Aragona. Con questo diploma si ordinava a favor di
lui un altro pagamento.

Altri fallirono a Federigo, forse senza vender castella a’ nemici. Tali
sembrano i casi de’ due documenti seguenti.

Diploma del 10 aprile duodecima Ind. Guidone Lombardo, già nemico, si
era convertito. Datagli in feudo la terra di Monforte in Sicilia, ch’ei
tenea da Giacomo e da Federigo. Ibid., fog. 13.

Diploma del 3 giugno duodecima Ind. Perdonato a Gerardo di Bonavite
da Firenze, se tra 15 dì tornasse alla ubbidienza. Costui era stato
disertore la prima volta dagli angioini ai nostri; ora era ad Ischia, e
pensava tornare a’ primi con un nuovo tradimento. Ibid., fog. 89.

[252] _Honor est quod onus alleviat_, leggesi ne’ due diplomi dati il
10 aprile duodecima Ind. (1299) per la tradigione che racquistava a
Carlo II le terre di Martorano e Taverna. Nel r. archivio di Napoli,
reg. citato 1299, A, fog, 13 e 38, a t.

[253] Nic. Speciale, lib. 4, cap. 12, 13.

[254] Diploma del 24 giugno 1299, nel r. archivio dì Napoli, reg. seg.
1299, A, fog. 113, a t.

[255] Nic. Speciale, lib. 4, cap. 14.

Il tempo della morte di Corrado Lancia si argomenta anco da un diploma
del 15 giugno 1299, sottoscritto da Vinciguerra Palizzi cancellier del
regno, in Testa, op. cit., docum. 17.

[256] Del tradimento di costui fa fede anco un diploma di Carlo II,
dato a 13 settembre tredicesima Ind. (1299), col quale son rimesse
tutte lor colpe a Salvacossa, protontino d’Ischia, e agli altri
abitanti che piegarono a parte siciliana, ma poi, _succedentibus
prosperis_, dice il diploma, tornarono in fede. Nel r. archivio di
Napoli, reg. 1299–1300, C.

Surita, Ann. d’Aragona, lib. 5, cap. 37, 38.

[257] Nic. Speciale, lib. 4, cap. 18.

Anon. chron. sic., cap. 62 e 63, e diploma di Federigo, dato il 6
luglio 1299, ivi trascritto.

Veggansi ancora, Annali di Forlì, in Muratori, R. I. S., tom. XXII,
pag. 174.

Cronaca di Bologna, ibid., tom. XVIII, pag. 304, dove è errato il
giorno della battaglia, e portato il numero delle nostre galee a 33,
delle nemiche a 55.

Cronaca di Cantinelli, presso Mittarelli, Rer. Faventinarum script.
Venezia, 1771, pag. 311.

Ferreto Vicentino, in Muratori, R. I. S., tom. IX.

Tolomeo di Lucca, ibid., tom. XI, pag. 1303.

Gio. Villani, lib. 8, cap. 29, che si mostra assai male informato dei
fatti di tutta questa guerra. Ei fa montare le galee nemiche a 70, e le
nostre a 60, e dice Federigo Doria ammiraglio dell’armata siciliana. I
nostri storici tacciono il nome di questo ammiraglio.

Una delle galee siciliane prese in questa battaglia fu prestata dal
governo di Napoli a Francesco Ildebrandini di Firenze. Diploma dato di
Napoli a 20 luglio duodecima Ind. (1299), reg. cit., 1299, A, fog, 174,
a t.

[258] Annali di Forlì, in Muratori, R. I. S., tom. XXII, pag. 174.
Vi si legge qualche errore nella cronologia di questi fatti; ma
ciò non toglie alla ragione probabilissima che l’autore assegna a
questa partenza di Giacomo, da non potersi spiegare abbastanza con la
moderazione verso il fratello, o infedeltà con parte angioina, che gli
attribuiscono gli scrittori guelfi.

La stessa ragione è detta nella cronaca di Cantinelli citata nella nota
precedente. Ivi si legge che Giacomo tornò in Catalogna, _quia dominus
papa Bonifacius noluit sibi dare stipendia que sibi promiserat_.

[259] Questa testimonianza dello Speciale, acquista maggior fede da’
documenti del r. archivio di Napoli.

Diploma del 24 giugno 1299, pel quale si provvede che i condottieri,
con le compagnie mercenarie, si faccian trovare a Nicotra, ove andrà
Giacomo con la flotta a imbarcarli. Reg. 1299, A, fog. 96 a t., e 113 a
t.

Due diplomi del 20 luglio duodecima Ind. indirizzati a Egidio di Foloso
e Stefano Testardo, condottieri, perchè subito si portassero a Nicotra
per passare in Sicilia. Quivi si legge che il governo angioino facea
opera a mandare in Sicilia quanta maggior forza potesse. Ibid., fog.
182.

[260] Nic, Speciale, lib. 4, cap. 15.

[261] Diploma del 5 agosto 1299, pubblicato dal Testa, op. cit., docum.
19. Si prometteano a Giacomo per tutta la sua vita 2,000 once all’anno,
e 6,000, nel caso che si racquistasse tutta l’isola.

[262] Diploma del 18 luglio 1299, da’ Mss. della Bibl. com. di Palermo,
Q. q. G. 1, fog. 190.

[263] Nic. Speciale, lib. 4, cap. 15.

Anon. chron. sic., cap. 63.

[264] Nic. Speciale, lib. 4, cap. 14. Leggesi nell’Anon chron. sic.,
cap. 62, la citata epistola di Federigo, data di Messina a 6 luglio
1299, pubblicata ancora in altre opere.

[265] Diplomi del 19 luglio duodecima Ind. (1299). Rostaino Cantrlemi,
eletto capitano dell’armatetta, che dovea partir subito contro le
ribelli isole d’Ischia, Procida, Capri. Nel r. archivio di Napoli, reg
seg. 1299, A, fog. 152 e 173.

Diploma del 20 luglio. Promessa di perdono agli uomini delle dette tre
isole, Ibid., fog. 152.

Diploma del 29 luglio. Pei fanti e cavalli d’Aversa, levati per la
fazione d’Ischia. Si dovean pagare i primi alla ragione di grana dieci
al giorno, i secondi di un tarì e grana dieci al giorno. Ibid., fog.
177.

Diploma del 30 luglio duodecima Ind. 1299, anno 15 di Carlo II,
indirizzato alla moglie di Tommaso di Mattafellone. Dopo la recente
vittoria navale su i nemici, Ischia e Capri erano tornate al nome
regio. Perciò liberasse immantinenti Corrado Salvacossa, datole
prigione per iscambiarlo col marito di lei, prigione de’ nemici, al
quale sarebbe provveduto altrimenti. Ibid., fog. 133.

Diploma del 31 luglio, ibid. Somigliante comando a Ludo de Huc, al
quale il governo avea dato il prigione Giovanni Abbate d’Ischia, in
compenso de’ danni che Ludo avea sofferto una volta, prigione in
man de’ nemici. In entrambi questi diplomi si fanno grandi parole
della vittoria che, _jam patet in orbem_, e della clemenza verso gli
abitatori di Capri e Ischia.

Diploma del 13 settembre tredicesima Ind. (1299), per tenersi Ischia in
demanio. Reg. seg. 1299–1300, C, fog. 3.

[266] Due diplomi dati di Salerno il 16 agosto duodecima Ind. (1299),
pel quali Pietro Salvacossa milite è eletto protontino d’Ischia, e si
vede che queste uficio era di comandante in secondo luogo nell’armata.
Vi si leggono straordinarie lodi ed espressioni di benevolenza per
costui. Reg. cit. 1299, A, fog. 170, a t.

Diploma dato dì Salerno il 16 agosto duodecima Ind., nel quale costui
è eletto capitan generale delle navi nel regno di Napoli: _Te igitur
capitaneum vassellorum nostrorum que armantur et armabuntur in antea in
partibus istis pro tempore generalem, Rogerio tamen de Lauria militi
regni Sicilie et Aragonum ammirato dilecto consiliario familiari
et fideli nostro cum in partibus istis erit superioritate officii
reservata, duximus usque usque ad beneplacitum majestatis nostre
statuendum eum plena meri et mixti imperii et gladii potestate_, etc.
ibid., fog. 171.

Diploma del 4 ottobre tredicesima Ind. 1299, 15º del regno di Carlo
II, pel quale è riconceduta a Pier Salvacossa, protontino d’Ischia,
la terra di Castronovo in val di Mazzara presso Vicari, e i casali di
Palagonia, Calaczura e Calatalfati in val di Noto. Reg. seg. 1299–1300,
C, fog. 6.

Diploma del 4 agosto tredicesima Ind. 1300, dal quale si vede che
Salvacossa era naturale d’Ischia. Ibid., fog. 71 a t.

[267] Docum. XXXI.

Un altro diploma del 17 luglio, a Tommaso di Ortona, tesoriere presso
Roberto, dispone che delle once 2,000 mandategli in carlini d’oro e
d’argento e tornesi d’argento, si pagassero le genti d’arme lasciate
da Giacomo in Sicilia, compresivi i 100 cavalli di Ruggier Loria. R.
archivio di Napoli, reg. seg. 1299, A, fog. 174.

Un altro del 29 luglio porta la elezione di Giovanni di Porta a maestro
razionale nell’isola di Sicilia presso Roberto. Ibid., fog. 132 a t.

Talchè si può argomentare che la corte angioina volesse far
mostra d’istituire presso il vicario di Sicilia un ordinamento di
amministrazione speciale, rendendo alla Sicilia que’ benefici che le
erano stati tolti per le novazioni di Carlo I.

[268] Diploma del 18 luglio duodecima Ind. (1299). Una nave di
mercatanti italiani avea portato in Milazzo vin greco e altre merci,
che sembran d’uso domestico, a Ruggier Loria. Ei ne pagò parte; per
lo rimanente, che volea gittar addosso a Carlo, die’ in pegno argento
e masserizie. E Carlo infatti, tolse su di sè il debito, ragionandolo
sugli stipendi dell’ammiraglio. R. archivio di Napoli, reg. seg. 1299,
A, fog. 155 a t.

Diploma dell’ultimo luglio Duodecima Ind. Per biscotto da consegnarsi a
richiesta di Giacomo o dell’ammiraglio. Ibid., fog. 200.

Diploma del 2 agosto duodecima Ind. Per mandarsi una galea con foraggi
a Gualtiero conte di Brienne e di Lecce, militante in Sicilia. Ibid.,
fog. 136 a t.

Diploma del 19 agosto. Per farsi tornare all’armata in Sicilia alcuni
marinai di castell’Abate, che se n’eran fuggiti. Ibid., fog. 138 a t.

Diplomi dell’11 e 29 agosto 1299, per grano, orzo e semola mandati
all’esercito in Sicilia, nell’Elenco delle pergamene del r. archivio
di Napoli, tom. II, pag. 222 e 223. Dall’ultimo di questi diplomi si
scorge, che nel corso d’agosto si sparse nuova in Cotrone che Roberto
si fosse ritirato di Sicilia, onde fu venduto in quella città un carico
di vittuaglie ch’era a lui destinato.

Ricadono a un di presso in questo tempo, e perciò le noto qui, le
seguenti concessioni feudali che non mi è paruto accennare nel testo,
ma pur possono mostrare, che la corte di Napoli non cessava di
gratificar di beni i suoi settatori più fedeli.

Diploma del 19 marzo duodecima Ind. 1299, pel quale fu conceduto a
Squarcia Riso milite, il castello e la terra, _Sancti Filadelli_ (San
Fratello) _situm in valle Demonis_, in vece di quel di Sortino, datogli
_olim serviciorum tuorum intuita_, ma tenuto da’ Siciliani. R. archivio
di Napoli, reg. 1299, A, fog. 48 a t.

Diploma del 24 luglio duodecima Ind. Conceduta a Matteo ed Arrigo Riso
militi, e a Francesco Riso da Messina, la terra di Geremia in Calabria.
Ibid., fog. 149.

Diploma del 24 luglio duodecima Ind. Ratificata la concessione feudale
del castel di Baccarati in vai di Noto, presso Aldone e Caltagirone,
che Giacomo re d’Aragona avea già fatto a Filippo de Porta, in cambio
di Castrocucco, da lui posseduto in Principato. Ibid., fog. 155.

Diploma senza data, che trovasi nello stesso registro 1299, A,
appartenente alla duodecima Ind. cioè infino al 31 agosto. Pel castello
di Cuttuli in Principato, già promesso a Ruggier Loria in restituzione
o dono. Ibid., fog. 113.

[269] Nic. Speciale, lib. 5, cap. 1 e 2.

La morte ignobile e povera di costui è detta dallo Speciale. I
documenti tratti dal r. archivio di Napoli, che qui notiamo, provano
che la corte angioina dapprima volle dar qualche facoltà a questo gran
feudatario siciliano, ma lo spregiava come avvien sempre a’ traditori.

Tre diplomi del 26 aprile tredicesima Ind. (1300). Manfredi Maletta
conte dì Mineo è fatto castellano di Manfredonia; e insieme si provvede
a tramutare in Barletta i prigioni ritenuti in quella fortezza. Reg.
seg. 1299–1300, C, fog. 146 a t.

Diploma del 12 maggio tredicesima Ind. Perchè la prescrizione non
noccia a Manfredi Maletta, ritenuto da buone ragioni a sperimentare i
suoi dritti su certe castella. Ibid., fog. 221 a t.

Tre diplomi del 18 maggio seguente. Perchè il castel di Manfredonia
fosse consegnato a Maletta, ma i prigioni e le armi tramutati nel
castel di monte Sant’Angelo, e le vittuaglie consegnate a un cittadino
di Manfredonia. Ibid., fog. 250.

Diploma del 30 luglio tredicesima Ind. 1300. Era stata commessa al
Maletta, ancorchè degno di cose maggiori, la custodia di Monte Vulto
_cum gualdo suo et vallis Vitalbe_. Ibid., fog. 291.

Diploma del 3 agosto seguente. Ritoltagli questa custodia, perchè
appartenea a Giovanni di Monforte. Ibid., fog, 264.

Diploma del 18 agosto tredicesima Ind. Legittimazione di Matteo
Maletta, figliuol naturale del. _vir nobilis comes Manfridus Malecta.
V’era scritto ancora comes Minei_, e si vede cancellato. Ibid., fog.
396 a t.

Diploma del 1 settembre decima quanta Ind. (1300). È affidata al conte
Manfredi Maletta la custodia della regia foresta e palagio di San
Gervasio. Ibid., fog. 176.

Si vede da questi diplomi qual poca fidanza avesse il governo angioino
in questo sciagurato, e quanto lo disprezzasse nei medesimi favori
che gli dispensava, per allettare coll’esemplo i baroni siciliani
all’abbandono della santa causa ch’avean preso a sostenere.

[270] Nic. Speciale, lib. 6, cap. 3, 4, 5.

[271] _Quondam pater patriae, qui Romanos hactenus redolebas. Ibid._,
cap. 7.

[272] Nic. Speciale, lib. 5, cap. 6.

[273] Diplomi di Federigo, dati la più parte di Castrogiovanni
d’ottobre 1299, co’ quali confermò alla città di Caltagirone le sue
leggi e consuetudini, la proprietà de’ suoi beni, la franchigia della
tassa de’ marinai, e le die’ inoltre un casale e un feudo. Privilegi
di Caltagirone, lib. 1, fog. 1, 25 e 48, citati dal padre Aprile,
Cronologia di Sicilia; cap. 22 a 25.

[274] Nic. Speciale, lib. 5, cap. 7.

Anon. chron. sic., cap. 64.

Montaner, dopo lungo silenzio, ripiglia in questo tempo la narrazione
de’ fatti di Sicilia, con dire al capitolo 190, che il duca Roberto era
già in Catania, consegnatagli da messer Virgilio, dice egli, di Napoli,
e due altri cavalieri. D’altronde ei si mostra non men restio che male
informato, nel parlar di queste vicende.

I nomi de’ traditori e la liberalità senza misura che adoperò con
essi la corte angioina, si veggono da’ seguenti diplomi. Le prime
concessioni sonvi date il dì 11 ottobre 1299; e indi è da argomentare
che quel giorno, o poco innanzi, entravano i nemici nella tradita
Catania.

Diploma del 26 dicembre tredicesima Ind. (1299). _Attendentes fidem
et merita fructuosa Virgilii de Catania militis_, il re lo elegge
consigliere e famigliare suo, e lo raccoglie nella regia casa. Nel r.
archivio di Napoli, reg. seg. 1299–1300, C, fog. 42 a t.

Diploma del 29 dicembre tredicesima Ind. 1300 (deve intendersi anche
1299, secondo il nostro computo, perchè la cancelleria angioina, come
abbiamo notato più volte, ragionava il nuovo anno dal venticinque
dicembre). È conceduto a Virgilio de _Catania_ milite, il castel
di Vicari e il casal di Ciminna. Fatta la concessione da Roberto,
ratificata dal re con questo diploma. Ibid., fog. 41.

Diploma del 9 gennaio tredicesima Ind. (1300). Confermato a Margherita
di Scordia da Catania, _filia quondam magistri Michaelis de Sanducia_,
il casale di Scordia in val di Noto, ch’essa ebbe per successione
del padre. Ibid., fog. 180 a t. Credo che costei fosse la moglie di
Virgilio, che forse n’ebbe in dote il feudo di Scordia, e prese questo
titolo col quale il chiama sempre Speciale.

Diploma del 20 luglio tredicesima Ind. 1300, anno 16 di Carlo II.
Vi è trascritto un privilegio di Roberto, dato di Catania a dì 11
ottobre tredicesima Ind. (1299), pel quale furon dati in feudo al detto
Virgilio il tenimento _Piccarani_, tenuto da Matteo di Termini ribelle,
il tenimento _Scorpionis et casale Chifala_ (forse Cefalà Diana), nella
Sicilia oltre il Salso; sotto condizione di dargliene compenso, se gli
uomini di quelle terre tornassero in fede a patti. Ibid., fog. 67.

Diploma del 20 luglio 1300, dov’è trascritto un altro privilegio di
Roberto, dato anche di Catania il dì 11 ottobre 1299, confermandosi a
Virgilio di Catania il castello di Thadar in val di Noto, ch’egli tenea
tra i beni dotali; con la solita diceria de’ suoi grandi meriti nella
conversione di Catania. Ibid., fog. 68 a t.

Diploma della stessa data, dove n’è trascritto uno di Roberto dell’11
ottobre 1299. Vi si riconcedono a Virgilio di Catania i casali di
Pbake, Bayano, e Pisone in vai di Castrogiovanni. Ibid., fog. 69.

Diploma del 20 luglio 1300, docum. XXXVI. Vi si legge chiaramente, al
par che nei diplomi sopra citati, e quasi con le stesse parole, la
parte principalissima che questo Virgilio avea avuto nel tradimento di
Catania, e prendea in trattarne degli altri.

S’intinsero nel tradimento di Virgilio o parteciparono de’ suoi frutti,
Simone fratello, e Giacomo figliuolo di lui.

Diploma dato di Napoli a 4 agosto, tredicesima Ind. 1300, anno 16 di
Carlo II, nel quale è trascritto un privilegio di Roberto dato di
Catania l’11 ottobre 1299, tredicesima Ind. Di questo Simone è detto
che i Catanesi tornarono alla ubbidienza, ejus _ministerio ac Virgilii
de Catania militis fratris sui_. Al momento gli era stata conceduta
l’aspettativa d’un feudo del valore di once 50 annuali. Or gli si
assegnavano i casali _Chanzerie, Consene, Contiminii et Racalginegi
exhabitata ab antiquo_, di qua dal Salso, presso Caltagirone. Ibid.,
fog. 86.

Diploma dato di Napoli il 20 luglio tredicesima Ind. 1300, in cui n’è
trascritto uno di Roberto, dato di Catania a 11 ottobre 1299. Son
conceduti a Giacomo di Catania, figliuolo di Virgilio, i castelli di
Calatamauro e di Bivona, tenuti, il primo da Guglielmo Calcerando,
l’altro da Ugone Talach. La concessione in Catania si vede fatta,
com’era uso, innanzi molti nobili, Guglielmo eletto Salernitano,
vicario pontificio nell’isola e cancelliere del re, Loria, Amerigo
de Sus, Ruggier Sanseverino, e altri conti. Ibid., fog. 33 e 64. Il
principio di questo diploma è nel fog. 33, il fine nel 64, perchè
questo e molti altri registri furono legati ad occhi chiusi negli
andati tempi. Ma si veggon le tracce della antica numerazione delle
pagine, cioè xxxij nel attuale 33, e xxxiij nell’attuale 64.

Ho cavato dal r. archivio di Napoli i nomi degli altri traditori, per
congegnarli alla esecrazione di tutti i Siciliani. Oltre Napoleone
Caputo, di cui parla lo Speciale, e Simone e Giacomo di Catania, l’un
fratello, l’altro figliuolo di Virgilio, furono Gualtiero Pantaleone,
Gualtiero Lamia e Tommaso Connestabile.

Diploma del 26 dicembre 1299, pel quale Napoleone di Catania fu creato
consigliere e famigliare del re, con la stessa formola del diploma
della medesima data per Virgilio di Catania. Reg. seg. 1299–1300, C,
fog. 42 a t.

Diploma del 20 dicembre 1299, nel quale con le medesime parole del
diploma dell’ugual data, riportato di sopra per lo stesso Virgilio,
Napoleone di Catania milite ebbe in feudo i casali di Avola e Buscemi,
e quel disabitato di Momolina. Ibid., fog. 41.

Diploma del 26 dicembre 1299. Con le stesse parole di que’ di Virgilio
e Napoleone, fu creato Gualtiero di Pantaleone di Catania, consigliere
e famigliare del re. Ibid., fog. 42 a t.

Diploma del 24 gennaio 1300 tredicesima Ind., anno 16 di Carlo II.
Ratificata con privilegio la concessione feudale del casale di
Silvestro in territorio di Lentini a Gualtier Pantaleone di Catania,
_quem militari nuper decoravimus cingulo_. Ibid., fog. 52 a t.

Diploma del 25 gennaio stesso. È conceduto a questo Gualtier Pantaleone
il casal di Biscari in val di Noto, in merito della fede e prontezza
_quibus in procuranda reversione civitatis Cathanis ad fidei nostre
cultum laborasse dignoscitur_. Ibid.

Diploma del 15 febbraio tredicesima Ind. 1300, anno 16 di Carlo II.

Con le medesime formole è conceduta a Gualtiero de Lamia da Catania,
stato sempre fedele in cuor suo, il tenimento di Vaccarato in
territorio d’Aidone. Ibid., fog. 54.

Diploma del 20 luglio tredicesima Ind. 1300, pel quale è conceduto il
casal di Muletta in Val di Mazzara a Tommaso de _Comestabulì de Thasina
civis Cathanie_, un tempo ribelle, e poi, dopo il racquisto di Catania,
voltosi a servire con efficacia Roberto. Ibid., fog. 85.

Due altri diplomi parlan di altri; certo traditori, ma non forse in
questo fatto di Catania.

L’uno è dato il 28 dicembre 1300 (1299) tredicesima Ind., anno 15 di
Carlo II, e contiene le seguenti concessioni: A Pietro di Monte Aguto,
Racalmuto e Caccamo; a Gilberto di Sentillis, Giarratana e Palazzolo; a
Ugolino di Callaro, Licodia; a Pietro Sossa, Calatafimi e Calatamauro
in val dì Mazzara; a Simone di Belloloco, il caste! di Tane o Gane,
e il casale di Chondroni o Thondroni, in vece del cartel di Sortino,
concedutogli da re Giacomo all’assedio di Siracnsa, nell’ignoranza che
Carlo lo avesse già dato a Squarcia Riso. Ibid., fog. 42.

L’altro il 2 maggio tredicesima Ind. 1300, anno 16 del regno di Carlo
II. Conceduti a Giuliano d’Alessandro da Siracusa i casali di Cassibari
e Lungarini. Ibid., fog. 56 a t., e duplicato a fog. 20.

[275] A costui fu data in premio Licodia. Veg. il diploma del 28
dicembre 1299, citato nella nota precedente.

[276] Nic. Speciale, lib. 5, cap, 8 e 9.

[277] _Et que_ (_servitia_) _ad presens sub continuis laboribus in
convertendis ad fidem predictam aliis civitatibus et locis insule
Sicilie prestat_, etc., si legge nel docum. XXXVI.

[278] Anon. chron. sic., cap. 64..... _Non tamen quod aliquod ipsorum
captum fuerit a dictis hostibus ex pretio sive pugna_.

[279]

  Lo principe de’ nuovi Farisei
  Avendo guerra presso a Laterano,
  E non con Saracin, nè con Giudei,
  Che ciascun suo nimico era Cristiano,
  E nessuno era stato a vincer Acri,
  Nè mercatante in terra di Soldano.
  DANTE, _Inf_., c. 27.

Gio. Villani, lib. 8, cap. 23.

Breve di Bonifazio, dato il 13 giugno anno 5, da Anagni, in Raynald,
Ann. ecc., 1299, §. 6.

Ferreto Vicentino, in Muratori, R. I. S., tom. IX, pag. 970.

[280] Raynald, Ann. ecc., 1299, §. 4; e 1301, §§. 1 e 2.

[281] Francesco Pipino, lib. 4, cap. 41 e 47, in Muratori, R. I. S.,
tom. IX.

[282] Nic. Speciale, lib. 5, cap. 9.

Raynald, Ann. ecc., 1299, §, 4.

[283] Raynald, Ibid.

[284] Così io scrissi nella prima edizione, prestando fede allo
Speciale piuttosto che a Montaner, il quale sostiene a cap. 192, che
il principe di Taranto fosse mandato dal padre per porre in terra a
capo d’Orlando, e andar a trovare Roberto in Catania; ma che stigato
da’ suoi, per cupidità di gloria e di preda, si deliberava ad assaltar
Trapani. La lettera di Carlo II, docum. XXXII, or toglie ogni dubbio,
e attesta la grande esattezza dello Speciale, narrando come lui i
particolari dell’impresa del principe di Taranto.

[285] Ho a un di presso voltato in italiano lo Speciale, il quale forse
presta le sue frasi al buon Sancio, ma certo riferisce fedelmente il
consiglio.

[286] La citata lettera di Carlo II a Filippo il Bello, dà al principe
di Taranto a un di presso seicento cavalli, e gran forza di fanti.
Angelo di Costanzo, scrittore del secolo XVI, porta i fanti a mille; ma
le parole di Carlo II sembrano indicare un maggior numero L’epistola
di Federigo ai Palermitani, citata qui appresso, dice anche seicento i
cavalli nemici; Speciale settecento. Il Montaner, cap. 192, esagerando
senza freno, fa montare la forza de’ nemici a 1,200 cavalli, e de’
nostri a 600 cavalli e 3,000 fanti; e toccando gli ordini della
battaglia, dice messi da Federigo alla vanguardia Calcerando, Moncada
e Blasco, i fanti alla dritta, e i cavalli alla mancina; il che mal
s’accorda con la descrizione di Speciale, più particolareggiata e più
degna di fede.

[287] Il Montaner porta abbattuta da Federigo la bandiera di Filippo,
e indi i due giovani principi strettisi a combatter tra loro; e
dall’Aragonese morto il cavallo all’Angioino, onde Martino Peris
D’Aros s’era avventato a costui per spacciarlo, se non che Federigo
il trattenne ad onta di Blasco Alagona. È evidente, che Speciale non
avrebbe defraudato il suo re di questa gloria di abbattere il principe
di Taranto; e che perciò il racconto del Montaner si dee noverar tra le
disorbitanti sue favole ad esaltazione de’ reali d’Aragona.

[288] Nic. Speciale, lib. 5, cap. 10.

Anon. chron. sic., cap. 56 e 57, ov’è trascritta la epistola di
Federigo a’ Palermitani.

Epistola citata di Carlo II, docum. XXXII.

Gio, Villani, lib. 8, cap. 34.

Montaner, cap. 192.

Tolomeo da Lucca, Ann., in Muratori, R. I. S., tom. XI, pag. 1304, che
con picciolo anacronismo porta questa battaglia nel 1300.

[289] Questo privilegio, dato in Palermo il 20 dicembre 1299, è
pubblicato dal de Vio, privilegi di Palermo, pag. 24.

Il Testa, op. cit., pag. 98, dice anche accordate da Federigo
larghissime franchige a Marsala, perchè que’ cittadini aveano
egregiamente meritato nella battaglia della Falconarìa, capitanati da
Giovanni di Ferro. Ma ei non cita questo privilegio, nè a me è venuto
fatto di trovarlo, o vederne cenno negli scrittori contemporanei.

[290] Nic. Speciale, Anon. chron. sic, e Montaner, luoghi citati.

[291] Nic. Speciale, lib. 5, cap. 11.

[292] Nic. Speciale, lib. 5, cap. 12.

[293] Montaner, cap. 191.

[294] Tommaso di Procida, seguendo la diffalta di Giovanni suo padre,
passò a parte angioina; ove fu molto accarezzato, e resigli i beni
paterni, come si vede dai diplomi citati nel cap. XV, pag. 104, 105,
106, e da un altro del 21 ottobre decimaquarta Ind, (1300), per la
restituzione di altri stabili in Salerno. Nel r. archivio di Napoli,
reg. seg. 1299–1300, C, fog. 101, a t.

[295] Nic. Speciale, lib. 5, cap. 12.

Anon. chron sic., cap. 68.

Ramondo Montaner, cap. 191, narra assai diversamente questa fazion
di Gagliano. Il primo errore è, che la pone innanzi alla battaglia
della Falconarìa. Il secondo, che tace del tutto il tradimento del
castellano, e dice andati a Gagliano i cavalieri della Morte, per
combatter Blasco e Calcerando, che sapeano trovarsi in quel castello.
Ei dà a’ nostri dugento cavalli e trecento pedoni; ai nemici in tutto
cinquecento cavalli e assai fanteria. Quanto ai movimenti e ai casi
della battaglia, si allontana assai meno dallo Speciale, anzi, in
alcuni punti, s’accorda del tutto con esso. Io ho creduto seguir
piuttosto Speciale che Montaner, perchè il primo è istorico più grave
e nazionale, il secondo infedelissimo in questo periodo. Si potrebbe
dubitare che il castellan di Gagliano fosse il medesimo istorico
Montaner: ma io penso che no; 1º. pel nome diverso, appellandosi il
castellano Montaner de Sosa, e l’istorico solamente Montaner; 2º.
pel detto anacronismo rispetto alla battaglia della Falconarìa, nel
quale il castellano non sarebbe caduto di certo; 3º. infine per quel
nobile e cavalleresco carattere dell’istorico Montaner, incapace di un
inganno di guerra, che può ben dirsi tradimento nerissimo.

Degli uomini di paraggio uccisi o caduti in poter di Federigo in questi
due combattimenti della Falconarìa e di Gagliano, ci fan fede anco i
seguenti documenti: Diploma del 15 aprile tredicesima Ind. (1300). Per
la tutela de’ figliuoli di alcuni cavalieri, _nuper mortui_ in Sicilia,
guerreggiando contro i nimici. Nomina Simone Agrilleri, Goffredo de
Mili, Adamo de Siliac e Goffredo di Joinville. Nel r. archivio di
Napoli, reg. seg. 1299–1300, C, fog. 143.

Diploma del 22 aprile tredicesima Ind. Per la cura dei beni feudali di
Giovanni di Joinville, _militis captivi apud hostes_. Ibid., fog. 258.

Diploma del 22 giugno tredicesima Ind. Commessa a Filippo di Tuzziaco
l’amministrazione de’ beni del suo parente conte di Brienne e di Lecce,
prigione de’ nemici In Sicilia, ibid., fog. 93 a t.

Diploma del 7 luglio tredicesima Ind. 1300. Salvocondotto alla contessa
di Corigliano, per andar a visitare il marito, prigione In Sicilia.
Ibid., fog. 161.

Un altro diploma della stessa data contiene dei provvedimenti pe’
vassalli del conte di Brienne e di Lecce, prigione de’ nemici. Ibid.,
fog. 162.

Diploma del 20 luglio tredicesima Ind., per l’amministrazione de’
beni de’ militi, baroni e altri feudatarì, che, combattendo pel re in
Sicilia, caddero in man del nemico. Ibid., fog. 279 a t.

[296] Veggasi cap. XXVII, pag. 164.

[297] Gio. Villani, lib. 8, cap. 23.

[298] Raynald, Ann. ecc., 1300, §§. 10 e 11.

Diploma di Federigo, dato il 1 dicembre 1299, presso l’Anon. chron.
sic., cap, 57.

Diploma di Carlo II, dato il di 8 maggio tredicesima Ind. (1300). Il re
commetteva a Matteo d’Adria e Landolfo Ayossa, legati suoi a Genova,
d’attraversare gli aiuti che preparavansi a Federigo; armandosi, com’ei
sapea, due galee da Rosso Doria, due da’ Volta, tre dagli Spinola, due
da Francesco Squarciafico, una da Giacomo di Cisterna, e anche dodici
dal comune, sotto specie di servir all’uopo delle sue guerre, ma in
realtà per accompagnare quegli armamenti destinati alla Sicilia. Nel r.
archivio di Napoli, reg. seg. Carlo II, 1299–1300, C, fog. 195, a t.

4 Federigo stese anche la mano a prender beni ecclesiastici in sussidio
della guerra; ma assai discretamente, per non si concitar contro
il clero siciliano, che teneva a lui non ostanti le istigazioni di
Roma. Veggasi il trattato di Caltabellotta nel capitolo seguente, e i
documenti citati dal di Gregorio, Considerazioni sopra la storia di
Sicilia, lib. 4, cap. 5, e annotazione 49 allo stesso capitolo.

[299] Docum. XXXII.

[300] Diploma negli archivi del reame di Francia, J. 513, 47.

[301] Raynald, Ann. ecc., 1300, §§. 15 e 16.

[302] Raynald, Ann. ecc., 1300, §§. 12, 13, 14. Tra le ultime parole
del breve son queste: _Nonnulla vero alia pro subsidio negotii acies
considerationis nostrae circumspicit, quae presentibus non duximus
inserenda_. Ibid., §. 21, si vede che Bonifacio scrisse ai Catanesi,
rallegrandosi con loro della ribellione di Ragusa, di Noto e d’un’altra
terra per parte angioina.

[303] Raynald, Ann. ecc., 1300, §§. 1 a 4, e nota del Mansi su lo
stesso luogo. Bolla di Bonifacio, data 22 marzo, ibid., e nella cronica
di Francesco Pipino, lib. 4, cap. 41, in Muratori, R. I. S., tom. IX.

[304] Raynald, Ann. ecc., 1300, §. 10, che cita una bolla del 1 marzo
1300 a questo effetto.

[305] Gio. Villani, lib. 8, cap. 36.

Raynald, Ann. ecc., 1300, §. 8.

Cronaca d’Asti, in Muratori, R. I. S., tom. XI, pag. 191, 192. L’autore
della Cron. d’Asti fu testimone oculare.

Ferreto Vicentino, in Muratori, R. I. S., tom. IX, pag. 896.

[306] Oltre le asserzioni di Bonifazio nel breve del 9 gennaio 1300,
citato poco fa, questi sussidi forniti dalla corte di Roma nell’anno
trecento, son provati da’ seguenti diplomi del r. archivio di Napoli,
reg. seg. Carlo II, 1299–1300, C.

Diploma dato di Napoli a dì 8 maggio tredicesima Ind. (1300). È una
quetanza de’ danari che Bartolomeo de Capua, protonotaio e logoteta,
avea ricevuto per conto del re dalla corte di Roma, e speso ne’ bisogni
della guerra e dei reame. Vi si leggon le seguenti somme. Da papa
Niccolò V, once d’oro 6,000. Da papa Bonifazio ad Anagni, in due volte,
once 4,000, più 3,000, più 5,700. Dal medesimo a Roma, per mezzo di
rari mercatanti a fin di pagare galee e uomini d’arme di Catalogna in
quest’anno tredicesima Ind. once 4,000. Infine anche in Roma altre once
10,000. Reg. cit., fog. 409 a t.

Diploma dato di Anagni a 5 giugno tredicesima Ind. È cautela per once
d’oro 8,500, date in prestito a re Carlo da papa Bonifazio. Ibid., fog.
412 a t.

Diploma monco e senza data nel medesimo registro, fog. 374 a t, Si
legge tra vari altri di settembre 1300. Slmilmente è cautela di
danaro dato a re Carlo dal papa, _cogitans quod ad promocionem et
prosecucionem negocii recuperacionis insule nostre Sicilie contra
Fridericum de Aragonia, hostem ejusdem Romane Matris Ecclesie atque
nostrum Siculosque rebelles, pecuniali subsidio egebamus, etc_., e
segue con parole di gratitudine grandissima verso il papa, che gli
avea dato in prestito fiorini 23,000 in fiorini d’oro e tornesi grossi
d’argento; e once d’oro 1,000, in once d’oro. Il re ipotecava alla
restituzione, tutti i suoi regni e beni. Avea ricevuto una parte di
questo danaro per mezzo degli Spini di Firenze, mercatanti, o, come
oggi si direbbe, banchieri del papa.

[307] Diploma dato di Napoli a 18 maggio tredicesima Ind. (1300).
Nobilibus et discretis viris Potestati, Capitaneo, Principibus Artium,
Vexilliferis Justitie, communi et populo civitatis Florentie. Li avea
ringraziato re Carlo di fiorin d’oro 5,000, donatigli in quest’anno;
e di 200 cavalli ausiliari, mandatigli il 20 aprile. Or nuove grazie
rendea per altri 3,000 fiorini; e pregavali di richieder altri sussidi
di danaro, da altre città di quelle regioni. Nel r. archivio di Napoli,
reg. 1299–1300, C, fog. 235.

Diploma dato di Napoli a 12 luglio tredicesima Ind. (1300). Re Carlo
elegge Guglielmo Recuperanza da Pisa, procuratore a riscuoter da
quantunque persone e comuni di Toscana, il danaro promesso o da
promettersi, in sussidio della siciliana guerra. Gli commette in
particolare di riscuoter 4,000 fiorini dalla città di Lucca, e mandarli
per la compagnia dei Bardi di Firenze. Ibid., fog. 164.

Diploma dato di Napoli a 10 agosto seguente, perchè la compagnia de’
Bardi s’abbia questi 4,000 fiorini di Lucca, in isconto de’ suoi
crediti contro il re. Ibid., 287.

Diploma dato di Napoli a 19 aprile tredicesima Ind. (1300). Guglielmo
de Recuperanza è eletto, con piena guarentigia, procurator dal re a
torre danaro in prestito col favor degli amici e devoti del re in
Toscana, da comuni, compagnie e privati, pei bisogni dell’impresa
che s’apparecchiava contro la Sicilia. R. archivio di Napoli; reg.
1299–1300, C, fog. 144 a t.

Diploma dato di Napoli a 4 maggio tredicesima Ind. Arrigo d’Aprano
da Napoli, cavaliere, è mandato a corte di Roma, per accattar, con
ordine del papa o senza, 4,000 once da alcune compagnie di mercatanti,
obbligando i regni e beni di Carlo, e le decime ecclesiastiche a lui
concedute da Martino IV, Niccolò IV, e Bonifazio. Ibid., fog. 150.

Diploma del 18 aprile tredicesima Ind. (1300) dato di Napoli, per
imprestiti da mercatanti fiorentini, da soddisfarsi su la tratta de’
grani. Ibid., fog. 302.

Diploma dato di Napoli 20 maggio tredicesima Ind. La compagnia de’
Bardi di Firenze avea prestato al re once d’oro 1,200, per le spese di
mandare in Ungheria Carlo suo nipote. Provvedimento di soddisfarle in
parte con once 500, che gli uomini di Civita restavano a dare, per le
once 1,000, promesse al re s’ei li ritenesse in demanio. Ibid., fog.
244.

[308] Diploma dato di Napoli a 19 giugno tredicesima Ind. (1300).
Perchè si pagasse sulla tratta delle vittuaglie, il rimanente delle
once 580, date in prestito a Roberto duca di Calabria da Gualtier
de Ala e Marino Riccioli da Catania. R. archivio di Napoli, reg.
1299–1300, C, fog. 260 a t.

[309] Diploma al siniscalco di Provenza, dato di Napoli a 11 febbraio
tredicesima Ind. (1300). R. archivio di Napoli, reg. 1299–1300, C, fog.
353.

[310] Diploma dato di Napoli a 13 giugno tredicesima Ind. (1300).
Promettesi largo nolo e ristorazion dei danni che potessero recare i
nemici, a chiunque portasse in Sicilia con le proprie navi, grano,
orzo, vino, panni, ferro, ec. R. archivio di Napoli, reg. 1299–1300, C,
fog. 241 a.t.

Diploma del 20 giugno, ibid., fog. 269; 8 settembre decimaquarta Ind.
(1300), ibid., fog. 176; 18 ottobre seguente, ibid., fog. 100 a t.; 22
detto, ibid., fog. 102; 28 detto, ibid., fog. 106 a t.; detto, ibid.,
fog. 115, per grani ed altre derrate mandate a Roberto in Catania.

La corte di Napoli porgeva anche del danaro a Roberto.

Diploma dato di Napoli a 2 agosto tredicesima Ind. (1300), per once
7,940 in fiorini e carlini d’oro e d’argento, mandate a Catania per gli
stipendi. Ibid., fog. 90.

Diploma dato di Napoli a 15 settembre decimaquarta Ind. (1300), per
once 2,500 da mandarsi subito in Sicilia all’ammiraglio. Ibid., f. 160.

[311] Diploma dato di Napoli a 2 maggio tredicesima Ind. (1300), nel
r. archivio di Napoli, reg. seg. 1299–1300, C, fog. 148 a t. Tratta
de’ soldati, _qui vel bolla nostra contra dictos hostes et rebelles
nostros in actu vel congressu relinquerint, vel negligentes in illis
aut inobedientes tibi (Rogerio de Lauria) fortassis extiterint, etc._

[312] Diploma dato di Napoli l’8 settembre 1299 duodecima Ind., r.
archivio di Napoli, reg. 1299–1300, C, fog. 374. È mandato in Francia
da re Carlo a que’ due principi del sangue, maestro Lodovico de Verdun,
_rogaturum eos et procuraturum cum illis ex parte nostra quod ipsi
ad nos in regnum nostrum predictum....... nobis certa guerre nostre
prosecutione accedant_.

Gli è data autorità di pagare a ciascun di loro infino a ventimila lire
tornesi picciole, per le spese del viaggio, togliendole in presto,
sotto la ipoteca di tutti i beni del re.

[313] Diploma dato di Napoli 4 maggio tredicesima Ind. (1300). Ruggier
Loria avea arruolato 60 cavalli in Catalogna, Valenza e altri domini
di Giacomo pel soldo, che sarebbe stabilito da un vescovo e un frate
legati di Carlo II. Loria obbligò per lo pagamento tutti i suoi beni in
Ispagna. E Carlo dichiaravasi tenuto a ristorare perciò di quantunque
spesa lui o i suoi eredi. R. archivio di Napoli, reg. seg. 1299–1300,
C, fog. 150.

[314] Diploma dato di Napoli 18 maggio tredicesima Ind. Ibid., fog. 321.

Diploma del 18 maggio, al comune di Firenze, citato di sopra, pag. 180,
nota 1.

[315] Diplomi del 23 giugno tredicesima Ind. R. archivio di Napoli,
reg. 1299–1300, C, fog. 368 a t., e 27 giugno, ibid., fog. 268, pel
Grimaldi; e del 21 ottobre decimaquarta Ind. (1300), ch’è il conto del
credito di Tommaso di Procida per sè e la sua compagnia. A lui 5 once
al mese, a’ suoi uomini d’arme 4 per ciascuno, 15 once per prezzo d’un
caval baio perduto in servigio, 7 once per un altra, 15 e 10 once per
riscatto di ciascuno di vari uomini d’arme, ed once 8 per uno scudiero,
fatti prigioni da’ nemici. Una parte gli fu pagata in danaro, il
rimagnente in frumento. Ibid., fog. 101 a t.

Altro diploma, ibid., fog. 107, pel conte Filippo di Fiandra.

Altro del 25 ottobre decimaquarta Ind., per Umberto (primo di questo
nome) delfino di Vienna, condottiero di 100 cavalli, ibid., fog. 112 a
t.

Altro del 31 ottobre per altri 300 cavalli, ec.

[316] Sette diplomi dati di Napoli a 20 maggio tredicesima Ind. a
diversi baroni. Perchè si recassero al servigio feudale in Matera,
sotto il conte Pietro Ruffo, capitan generale di guerra in quelle
province, sì che si facesse un ultimo sforzo contro il nemico, già
prostrato e confuso. Nel r. archivio di Napoli, reg. 1299–1300, C, fog.
237 a t. e 238 a t.

[317] Diploma dato di Napoli a 13 maggio tredicesima Ind. È dato a
Riccardo di Grimaldo, abitator di Cosenza, e a’ malandrini della
sua compagnia, stati valentissimi contro i nimici, di appropriarsi
quantunque prendesser su loro, persone e robe, fuorchè le persone il
cui riscatto passasse le 100 once o potesse portare al re il racquisto
di qualche terra, nel qual caso si darebbero 100 once alla compagnia.
Nel r. archivio di Napoli, reg. 1299–1300, C, fog. 222 a t.

[318] Diplomi dati di Napoli a 9 maggio 1300, tredicesima Ind. nel
reg. citato 1299–1300, C, fog. 197 a t. Bertrando Vicecomite è eletto
capitano con mero e misto impero, finchè giunga a Catania, a consegnare
a Roberto gli stuoli di fanti e cavalli che mandavagli il re. Questa
straordinaria autorità per lo solo viaggio, mostra che trista gente
fossero questi rinforzi assoldati dal re di Napoli.

[319] Nic. Speciale, lib. 5, cap. 13.

Ei dice espressamente 400 cavalli toscani. I diplomi testè citati,
parlan di 200 cavalli di Firenze, ed è naturale che gli altri fossero
di altre città di Toscana, al medesimo effetto richieste da Carlo e dal
papa, come innanzi si disse.

[320] Diplomi dati di Napoli a 3 gennaio 1300, tredicesima Ind.,
registro citato 1299–1300, C, fog. 50 a t. Sono in favore de’_ comites
nauclerii, proderii, balistarii et marinarii seu homines maris_, etc.
La terra d’Agosta nell’uno, e la città di Patti nell’altro di questi
diplomi, è detta: _Nunc exhabitatam et propriis incolis derelictam,
etc_.

[321] Diploma dato di Napoli, 28 dicembre 1300, tredicesima Ind. (cioè
a dire, secondo il nostro computo, dicembre 1299, perchè la cancelleria
di Napoli cominciava il nuov’anno a 25 dicembre), nel r. archivio di
Napoli, reg. 1299–1300, C, fog. 41 a t. È conceduto in feudo il castel
di Palagonia in val di Noto in Sicilia, a Rimbaldo de Ofar, uno de’
guerrieri spagnuoli lasciati da Giacomo in Sicilia, e assai segnalatosi.

Altro diploma della stessa data, ibid., fog. 42. Concessioni di Caccamo
e Racalmuto a Pietro di Monteagudo; di Giarratana e Palazzolo a
Gilberto de Sentillis, e altri, forse la più parte spagnuoli.

[322] Breve del 1 febbraio citato di sopra, in Raynald, Ann. ecc.,
1300, §. 12, e altri citati nello stesso paragrafo.

[323] Raynald, Ann. ecc., 1300, §§. 17, 18, 19, breve dato il 15
gennaio 1300.

[324] Raynald, Ann. ecc., 1300, §. 19.

[325] Diploma nel citato registro 1299–1300, C, fog. 363. È dato di
Napoli il 7 maggio tredicesima Ind. (1300), e indirizzato al siniscalco
di Provenza. Dice aver provveduto che sulle entrate delle dette contee,
_ubi melius, commodius, habilius et liberius percipi valeat et haberi,
assignetur et stabiliatur Inclito principi domino Jacobo, Illustri Regi
Aragonum, filio nostro carissimo, perceptio annui redditus unciarum
auri duo millia computandis in summa pecunie ad quam tenemus eidem
juxta quod..... in patentibus licteris nostris hactenus exinde factis,
etc._

[326] Raynald, Ann. ecc., 1300, §. 19.

Surita, Ann. d’Aragona, lib. 5, cap. 42. Gli ordini di Giacomo furon
replicati il 21 marzo, a’ suoi sudditi dimoranti in Sicilia, Ugone
de Empuriis, Blasco Alagona, Martino d’Otiet, Bernardo Ramondo de
Ribellas, Guglielmo Calcerando, Ponzio de Queralto, Guerao de Pons,
Pietro di Puchuert e Bernardo Queralto.

[327] Veggansi Ann. genovesi, in Muratori, R. I. S., tom. VI.

Iacopo de Varagine, parte 12, cap. 9, in Muratori, R. I. S., tom. IX.

Giorgio Stella, ibid., tom. XVII, pag. 1015 e 1019.

[328] Raynald, Ann. ecc., 1300, §§. 12, 18.

Egli cita questi brevi del papa senza pubblicarli. Uno se ne trova
negli archivi del reame di Francia, J. 715, 25, dato di Laterano il
1 febbraio 1300, il quale fu recato da Isarno priore di Benevento.
Bonifazio in questo breve, tra le altre cose, si applaudisce d’avere
accolto i legati di Genova _allocutione placida et affabili, servata
gravitate, ut in talibus quam hujus rei qualitas exigebat, cum
oblalionibus grandium et honorabilium gratiarum_.

[329] Raynald, Ann. ecc., 1300, §. 10.

[330] Ibid., §. 11.

[331] Giorgio Stella, Annali di Genova, in Muratori, R. I. S., tom.
XVII, pag. 1019.

[332] Queste pratiche con Genova, accennate appena da Raynald, Ann.
ecc., e da Giorgio Stella, Ann. di Genova, ne’ luoghi citati, si
ritraggono largamente da’ diplomi del r. archivio di Napoli, reg. di
Carlo II, segnato 1299–1300, C. Noi ne pubblichiamo i più importami,
cioè il primo e un altro che contiene i capitoli dell’accordo; degli
altri, che son molti, diamo un elenco, perchè a trascriverli per tenore
sarebbe ingrossar oltre modo il volume, e apparterrebbe a una collezion
diplomatica, piuttosto che al presente lavoro. È da avvertire, che
i nomi propri de’ castelli saranno scrìtti come trovansi in ciascun
diploma; storpiati in uno ad un modo, in uno ad mi altro. Que’ di Esa o
Eza e Torbia facilmente si riconoscono. Non così l’altro di Santaneta
o Santonetta; ma dalla somiglianza del suono, e più dalla posizione
topografica, sembra l’attuale terra di Sant’Agnese, su i confini degli
stati piemontesi col principato di Monaco. Non ho saputo raffigurare
in alcuna delle terre di quei dintorni il nome di Albegio, Labegio, o
Abegio, che per altro era una semplice torre senza villaggio, ondechè,
distrutta la fortezza, si potè perdere al tutto il nome, ma a molte
terre del Piemonte si vede aggiunto, oltre al nome proprio, quello di
Albie, e con questa traccia si potrebbe entrare in una ricerca ch’io
non ho alcuna ragione da intraprendere. Torbia era castello fortissimo,
come il dice Benvenuto da Imola nel comento a’ versi del Dante:

  Tra Lerici e Turbia, la più deserta,
  La più romita via è una scala, ec.

  _Purgat_., c. 3.

Ecco l’Elenco dei diplomi:

Diploma del 16 aprile 1300, docum. XXXIII.

Lo stesso di 16 aprile 1300. Lettere patenti ai due legati. Reg. cit.,
fog. 257.

Lo stesso dì. Scritto al siniscalco di Provenza che venga a Nizza;
consegni, a richiesta dei due legati, Latorbia e Santaneta; ma se
Genova, in luogo d’ultimar questo trattato, movesse le forze navali
contro i domini del re, il siniscalco si faccia ad offender la
repubblica per mare e per terra, fog. 355.

A 17 aprile. Perchè si consegni a richiesta dei due legati il castel di
Latorbia, fog. 145.

Lo stesso dì. Il medesimo per lo castel di Santaneta, ibid. A 18
aprile. Credenziali a’ due legati, fog. 256 a t.

A 20 aprile. Al siniscalco di Provenza. A richiesta de’ legati,
inibisca di mandar soccorsi alla terra di Monaco dai luoghi vicini,
fog. 355.

A 21 aprile. Si fa cenno della missione dei legati, _Verum, attento
et cognito quod in hiis et ceteris factis nostris prima post Deum
sanctissimi in Christo patris clementissimi et domini nostri domini
Bonifacii, summi pontificis, spes nos regit, etc_., è ordinato che i
legati vadan prima a corte del papa, ed espostogli il negozio, mutino,
aggiungano o tolgano secondo che a lui parrà, fog. 145.

A 21 aprile. Lettere patenti, con autorità ai legati di dare e ricevere
a nome di re Carlo le obbligazioni risultanti dal trattato, fog. 137.

A 6 maggio. Al castellano di La Torbia, che rassegni la fortezza a
richiesta dei legati, fog. 200 a t.

Lo stesso dì. Due diplomi somiglianti ai castellani di Esa e Torre
d’Abegio, fog. 225.

Lo stesso dì. Al siniscalco di Provenza, al medesimo oggetto della
consegna di Esa, Latorbia e torre d’Abegio, fog. 362.

A dì 6 maggio. Documento. XXXIV.

A 7 maggio. Lettere di raccomandazione pei due legati di re Carlo, fog.
200.

Il dì stesso. Al siniscalco di Provenza. Tolga tutti aiuti a Monaco; e
a questo effetto mandi un vicario a Nizza, fog. 862.

A dì 8 maggio. A Matteo d’Adria e Landolfo Ayossa legati in Genova. Si
parla del recente trattato (certamente quello trascritto nel diploma
del 6 maggio) _come in romana curia noviter habiti de conscientia
domini nostri summi Pontificis_. Esaminato l’altro, il re mandava ai
legati nuova procura per compiere il trattato. Insieme li forniva di
lettere ai castellani delle fortezze da consegnarsi, al siniscalco
di Provenza, e agli usciti genovesi in Monaco, per dar la terra,
contentandosi a’ patti fermati in lor favore; e se costoro non si
pieghino, i legati ne scrivano al cardinal Matteo di santa Maria in
Portico. Per la restituzione delle castella staggite presso i Genovesi,
facciasi il piacer del papa; cioè non si richieggano statichi, ma
solo la fede di Niccolò Spinola, Niccoloso Doria, Albertazzo Spinola
e Federigo Doria. I legati assicurino i Genovesi, che se i Grimaldi
armeranno in Monaco, non sarà in lor offesa, ma de’ Genovesi militanti
per Federigo d’Aragona. Intanto il re sapea che in Genova s’armavano
per Federigo due galee da Rosso Doria, due da’ Volta, tre dagli
Spinola, due da Francesco Squarciafico, una da Giacomo di Cisterna, e
anche dodici dal comune, ma queste sotto specie di servire ad altro.
Perciò impedissero questi aiuti, o, nol potendo, non fermassero
l’accordo, fog, 195 a t.

Lo stesso dì 8 maggio. Nuove credenziali a’ legati, fog. 196.

Lo stesso dì. Lettere agli usciti genovesi di Monaco, perchè
ubbidissero, fog. 200.

Diploma del 22 maggio tredicesima Ind. 1330. Sono i capitoli della
pace con Genova, negli stessi termini di que’ del 6 maggio. Ma non vi
si legge l’obbligo de’ Genovesi a richiamare gli armati di Sicilia,
facendone caso di stato; nè di Carlo a tener siniscalco in Provenza
non sospetto a Genova. In vece è detto, che la repubblica non darebbe,
nè permetterebbe aiuti a Federigo; e Carlo non vieterebbe l’assedio di
Monaco, nè la costruzione di bastioni a questo effetto. Si legge di
più, che i Grimaldi e altri usciti possan avere asilo ne’ domini di
Carlo, oltre certa distanza da Monaco. I legati sono i due soli primi;
e i presenti capitoli si dicono testè mandati dal papa, fog. 410.

A 15 giugno. Nuova procura. Si parla del trattato, maneggiato in
Genova per Adria ed Ayossa. Or sono elettr maestro Guglielmo Agrario
procuratore a corte di Roma, i detti due primi legati, e Giovanni
de Porta da Salerno, perchè ricevan Monaco dalle mani degli usciti
genovesi, o insistan presso il sinscalco di Provenza per farsi a
costoro viva guerra, e intanto congegnarsi la fortezza di Labegio, fog.
267 a t.

A 17 giugno. Al castellano della torre d’Albegio, per consegnarla a
richiesta dei legati, fog. 242.

Lo stesso dì. Al siniscalco in Provenza e Forcalquier. Si dice che il
papa avea mandato a re Carlo, Guglielmo Agrario per fargli intender
la sua mente sullo affare di Monaco, indi il re aggiunse ai due primi
legati, questo Agrario e Giovanni de Porta. E comanda al siniscalco di
procacciare la resa di Monaco, con ogni modo di _potenza_ o _pazienza_,
fog. 365.

Lo stesso dì. Al medesimo siniscalco. Contiene sino a un certo punto
gli stessi ordini. Aggiugnesi che, data Monaco dagli usciti, sian
questi raccolti a Tolone, o in altri luoghi di Provenza, ove il
trattato nol vieti, fog. 355.

Lo stesso dì. Al medesimo, perchè consegni la fortezza di Labegio a
richiesta de’ legati, fog. 365 a t.

A 19 giugno. Al medesimo, se Monaco si trarrà di mano ai Grimaldi, sia
data a persona fidatissima, talchè _nullus alius nisi nos ibi posse
habeat_, e non accada alcuno sconcio quando sarà in potestà nostra,
fog. 365 a t.

A 21 luglio. Al medesimo siniscalco. Dopo gli sforzi all’accordo tra il
re e Genova, tra questa e i Grimaldi, non si conchiudea nulla, perchè
degli usciti genovesi in Monaco chi assentiva, e chi no. Togliesse
dunque le vittuaglie e tutt’altro aiuto a quel castello; e andasse a
espugnarlo, per metterlo in man de’ Genovesi, fog. 367.

A 22 luglio. Al medesimo. Gli si trascrive una epistola del re al
comune di Genova, tendente a manifestare questo provvedimento. Si
raccomanda al siniscalco di metterlo ad effetto, fog. 367 a t.

A 23 luglio. Al medesimo. Gli è trascritta la lettera del dì innanzi,
con altre più efficaci parole per la esecuzione; al qual fine gli si
mandano Roberto de Aldermaro da Nocera e Iacopo d’Itra, giurisperito,
fog. 357 a t.

Lo stesso dì. _Nobilibus et discretis viris capitaneo, potestati,
consilio et communi civitatis Janue_. Si dà ragguaglio ad essi della
pertinacia degli usciti di Monaco, e de’ provvedimenti dati testè
al siniscalco in Provenza. I due nuovi legati del re al siniscalco,
accordinsi co’ governanti di Genova sul modo da tenere per la riduzione
di Monaco, fog. 281 a t.

A 4 agosto tredicesima Ind. 1300. Aggiunti, per lo compimento del
trattato con Genova, ai quattro legati primi, frate Taddeo, abate del
monastero di san Giovanni degli Eremiti in Palermo, e Giovanni Vernallo
da Napoli. Possan tutti i legati consegnar la torre d’Albesio; e per la
più facile espugnazione di Monaco, uno o due de’ castelli di Latorbia,
Esa e Santa Neta, da restituirsi dopo la presa di Monaco, fog. 264 a t.

Da un altro diploma, ibid,, fog. 139 a t., si vede che questo fra
Taddeo, citato in quello del 4 agosto 1300, era spesso adoperato da
Carlo II. Gli fu dato un passaporto per andare in Schiavonia per
faccende del re.

[333] Gio. Villani, lib. 8, cap. 47.

[334] Brevi di Bonifazio, dati l’un di Laterano a 1 giugno 1301,
l’altro di Laterano a 26 agosto del medesimo anno, portati da Raynald,
Ann. ecc., 1301, §§. 15, 16, 17.

[335] Diploma del 28 dicembre 1399 (è segnato 1300 contandosi gli anni
secondo la cancelleria angioina di Napoli dal 25 dicembre; ma toglie
ogni dubbio l’indizione, ch’è segnata tredicesima, e l’anno del regno
di Carlo II, scritto 15, poichè il 16 incominciava in gennaio 1300).
Nel r. archivio di Napoli, reg. 1299–1300, C, fog. 50.

Non son particolareggiate in questo diploma le immunità che il re
confermava.

[336] Diploma del 5 febbraio tredicesima Ind. (1300). Ibid., fog. 53 a
t.

È silmilmente confermazione del privilegio di Roberto vicario.

[337] Diploma del 14 giugno tredicesima Ind., ibid., fog. 389 a t.

[338] Diploma del 15 febbraio tredicesima Ind., ibid., fog. 54, parla
di _reversione proxima in spiritu sinceritatis_, degli uomini di Naso.

[339] Diplomi del 15 aprile tredicesima Ind., ibid., fog. 135; e 11
maggio seguente, ibid., fog. 12 e duplicato a 57 a t.

[340] Diploma del 20 luglio tredicesima Ind., fog. 71, e duplicato a
fog. 82, del quale trascriviamo un brano nell’appendice.

[341] Diploma del 4 maggio tredicesima Ind. 1300, anno 16 del regno di
Carlo II. Nel r. archivio di Napoli, reg. 1299–1300, C, fog. 198.

[342] Diplomi del 24 giugno e 30 agosto tredicesima Ind. Ibid., fog.
270 a t. e 91. Nel secondo son promessi a que’ di Tropea, se tornassero
in fede innanzi il 1 ottobre, la franchigia de’ dritti di marineria e
legnami per sei anni, e le persone e i beni degli almugaveri e altri
nemici dimoranti in quella terra, per riscatto degli statichi di Trop a
trattenuti in Messina.

[343] Diploma del 22 giugno tredicesima Ind. Ibid., fog. 249 a t.

[344] Due diplomi del 28 giugno 1300, pel conte Arrigo Ventimiglia,
signor d’Ischia maggiore, della contea di Geraci, di Petralia soprana e
disottana, Caronia e Gratterì. Ibid., fog. 79 a t. ed 80, e duplicati a
fog. 47 a t. e 48.

[345] Diplomi dell’8 marzo tredicesima Ind. per Garzia Ximeno castellan
di Geraci, ibid., fog. 31; del 21 aprile per Bartolomeo Cristoforo
di Bucciano pedagogo; del 20 luglio per Pietro de Simenis castellano
di Geraci (sembra lo stesso nome del Ximeno), ibid., fog. 70; el 20
luglio per Giordano Balderi, ibid., fog. 70; del 20 luglio per Giorgio
Zaccaria milite, ibid., fog. 76; del 20 luglio, per Riccardo Guarna,
ibid.; del 20 luglio altro per Giorgio Zaccaria, ibid., fog. 89; del 1
agosto per Niccolò di Cosenza abitatore di Lipari, ibid., fog. 277; del
6 settembre per Giovanni Misuraca, ibid., fog. 160 a t.

[346] Veggansi i vari diplomi citati nel cap. XVII, che son
confermazioni di concessioni di Roberto.

[347] Son frequentissime nel detto registro di Carlo II, 1299–1800, C,
le concessioni di questa natura.

Tra gli altri notasi a fog. 369 a t. un diploma di Carlo a Roberto
dato a 20 luglio tredicesima Ind. Dice aver conceduto già in feudo a
Giovanni de Anich once 50 annuali. Comanda che gli si dia locum quod
dicitur Gratterium che rende tale somma; e se questo sia conceduto
di già, ne abbia altro dal medesimo valore, dei beni de mero demanio
non existentibus, cioè ricaduti al re per confiscazione, non soliti a
tenersi in demanio.

Simile diploma, dato a di 11 febbraio tredicesima Ind,, ibid., fog.
358, per la concessione delle castella di Odogrillo e Mohac in Sicilia,
a Bernardo Artus, per lo valore di 60 once all’anno, già promessogli.

[348] Diploma dato di Catania da Roberto a 14 marzo 1300, confermato da
re Carlo a 29 luglio, pel quale sono conceduti a Paolo de Mileto i beni
di Matteo e Tommaso di Termini traditori, cioè partigiani di Federigo.
Reg. cit., fog. 34, e duplicato a 75.

[349] Diploma del..... maggio 1300. Ibid., fog. 56, e duplicato al fog.
19.

[350] Diploma pubblicato dal Testa, Vita di Federigo II, docum. 20,
Quivi la data è del 20 luglio; ma riscontrandolo sull’originale nel
registro 1299–1300, C, fog. 24 a t., citato erroneamente nel documento
del Testa, reg. 1299, C, ho veduto che la vera data sia 20 giugno.

[351] Diploma del 20 giugno 1300, docum, XXXV.

[352] Diploma del 19 maggio tredicesima Ind. (1300), nel citato reg. di
Carlo II, 1299–1300, C, fog. 250.

[353] Diploma del 31 luglio tredicesima Ind., dal quale si ritrae esser
tornata in fede Cetraro, ibid., fog. 283; e gli altri citati nelle pag.
193, 194.

Sembra compiuta in quest’anno la dedizione, o vendita e tradigione,
del castel di San Giorgio, trattata da Giacomo nella state del 99;
trovandosi un diploma del 7 settembre tredicesima Ind. 1300 per pagarsi
danaro, secondo i patti, ad Albagno d’Aragona, che dava al re il castel
di San Giorgio in Calabria. Nel r. archivio di Napoli; reg. 1299–1300,
C, fog. 372 segnato per errore 332.

[354] Nic. Speciale, lib. 5, cap. 14.

[355] Speciale in questo luogo, dice Palmiero Abate, _quasi evo
prestantior_ tra gli altri capitani, e cel mostra _concutiens caput
jam vergens ad senium_. Questo attestato parrebbe in contraddizione
alle parole di Montaner, cap. 134, che il dà a vedere giovane, che
si battesse la prima volta, nell’affronto di re Pietro co’ Francesi,
tra Tudela e Besalu, l’anno 1285, come notammo, tom. I, pag. 331. Ma
supponendo che fosse allora poc’oltre i 30 anni, e però nella battaglia
di Ponza avesse varcato i 50, si posson trovare esatte a un tempo le
due testimonianze dello Speciale e del Montaner; nè le contrasta il
diploma del 1272, citato da noi, tom. I, pag. 223, che porta Palmiero
in quell’anno castellano del castel di Favignana.

[356] _Semiviri_, Speciale.

[357] Nic. Speciale, lib. 5, cap. 14. Anon. chron. sic., cap. 69.
Cronica di Bologna, in Muratori, R. I. S., tom. XVIII, pag. 304.
Da questa si sa il giorno della battaglia, e la festa che ne fu in
Bologna, e confermasi il numero delle navi nostre e nemiche. Tolomeo da
Lacca, Ann. in Muratori, R. I. S., tom. XI, pag. 1303, dice perdute da’
nostri 28 galee, e preso con Corrado Doria il figlio anco e il fratello.

Dà traccia altresì di questa battaglia un diploma del r. archivio
di Napoli, registro citato 1299–1300, C, fog. 271, dato il 2 luglio
tredicesima Ind. (1300), salvocondotto e raccomandazione per un Ramondo
de Sulteri da Tolone, che: _dimicans cum hostibus in marino conflictu
cum eis novissime inito percussus et vulneratus est adeo, etc._

[358] Così lo Speciale. Confermasi tal testimonianza di lui per un
diploma del 16 luglio tredicesima Ind. (1300), reg. cit., fog. 280 a
t. È una scritta per le catene di ferro de’ prigioni siciliani, _tunc
morantibus in criptis predicte civitatis (Neapolis)_.

[359] Nic. Speciale, lib. 5, cap. 15.

[360] Nic. Speciale, lib, 5, cap. 18.

[361] Nic. Speciale, lib. 5, cap. 16.

[362] Racalgiovanni era castello sul giogo de’ monti che corrono ad
occidente, tra i fiumi Salso e Morello, dal monte Artesino presso Asaro
e Castrogiovanni.

[363] Castello or distrutto. Sorgea sotto il monte Tavi, rimpetto
Leonforte, alla scaturigine del Dittaino.

[364] Così Speciale. Forse era altr’uomo, dello stesso nome di colui
che vendè Otranto ai nemici, o quel desso, tornato a parte siciliana,
con la indifferenza de’ condottieri mercenari. Di ciò darebbe argomento
la dubbia fede in ch’era tenuto presso i nemici. Veg. cap. XVI.

[365] Nic. Speciale, lib. 5, cap. 16 e 17.

[366] Nic. Speciale, lib. 5, cap. 18.

[367] Diploma del 3 luglio tredicesima Ind. (1300). Salvocondotto a
Bernardo Todoni, Iacopo Sirignano, e notaio Andrea di Taranto, oratori
di Federigo di Aragona. Nel r. archivio di Napoli, reg. seg. Carlo II,
1299–1300, C, fog. 271.

Diploma del 4 luglio, ibid., fog. 28. Passaporto ad Alamanno Segafino
milite, mandato in Sicilia a vedere i prigioni e trattare gli scambi.

Diploma del 13 agosto, ibid., fog. 271 a t. Permesso a Pietro
d’Alamanno d’Ischia, per venire in Palermo a trattare il riscatto
d’alcuni suoi concittadini prigioni.

[368] Diplomi del 25 aprile tredicesima Ind. ibid., fog. 138 a t. L’uno
è ampio passaporto a Ramondo di Muntayana, mandato da Filippo principe
di Taranto al padre, e da costui rinviato a Filippo. L’altro è permesso
a Ramondo di Prestorano da Cefalù, di estrarre da qualunque porto del
regno 100 salme di vino per portarle a Cefalù.

Diploma del 10 maggio seguente, ibid., fog. 224. Permesso del tutto
simile in favor dello stesso Prestorano.

Diploma del 18 luglio tredicesima Ind., ibid., fog. 175 a t.
Salvocondotto a Kirino da Messina, appartenente all’armata siciliana,
perchè infino a tutto agosto potesse andare e tornar da Messina. Costui
sembra al tutto adoperato come spione; e Prestorano fors’anco.

Diploma del 5 agosto tredicesima Ind. 1300. Salvocondotto al detto
Ramondo di Muntayana, mandato dal re in Sicilia al principe Filippo.
Dovea valere a tutto settembre. Ibid., fog. 278.

[369] Nic. Speciale, lib. 5, cap. 19.

Il vescovo eletto di Salerno del quale parla Speciale, era in fatti
cancelliere di Roberto e vicegerente, o, vogliam dire, vicario del papa
in Sicilia. Con questi titoli si legge il suo nome in un diploma di
Roberto, dato di Catania a 11 ottobre 1299, trascritto nel docum. XXXVI.

[370] Seguo nello Speciale piuttosto la lezione _Frumentinum_, che
_Furnuntinum_; perchè appunto si legge d’un Pietro Frumentino giudice
di Palermo, in un diploma del 27 marzo 1284. Tabulario della cappella
del real palagio di Palermo, pag. 87.

[371] Nic. Speciale, lib. 5, cap. 20.

Il Fazzello, e altri appresso di lui, dicono compri i congiurati dalla
corte angioina. Così dan certo, quel che vago si ritrae dalle memorie
de’ tempi; e credon diminuire al paese il biasimo dell’attentato.

[372] Montaner, cap. 194, e Pachymer, in Andronic. lib. 5, cap. 12,
opportunamente recato in questo luogo dal sig. Buchon nella collezione
cit. Parigi, 1840, pag. 409.

[373] Montaner e lo Speciale con poco divario accennano questi segni,
da’ quali il pratico Ruggiero de Flor conobbe qual vento sarebbe
spirato. Il rossiccio che si dipinge nelle nubi verso il tramontar del
sole, e tiensi indizio di vento, potea dar al mare il colore sanguigno,
che Montaner si piace a descrivere in questo luogo.

[374] Nic. Speciale, lib. 6, cap. 2.

Montaner, cap. 196.

[375] Nic. Speciale, lib. 6, cap. 3.

Con frasi scure egli accenna alla invidia che fece passar senza dolore,
e fors’anco con l’effetto contrario, la morte di questo gran guerriero.
Ed è da ammirare l’istorico, secondo me gravissimo, e senza dubbio
focoso patriotta, il quale, amando il paese d’amor non volgare, n’è
tanto più severo nel biasimo de’ suoi vizi.

[376] Nic. Speciale, lib. 6, cap. 2, 4, 5.

[377] Nic. Speciale, lib. 6, cap. 3 e 4. Il Montaner, cap. 196, porta
questi due soccorsi di Federigo innanzi quello di frate Raggiero.

[378] Nic. Speciale, lib. 6, cap. 5.

[379] Montaner, cap. 193.

[380] Gio. Villani, lib. 8, cap. 39 e seg.

[381] Raynald, Ann. ecc., 1300, §. 20.

[382] Il matrimonio di Caterina di Courtenay con Giacomo di Maiorca
si era non solamente trattato, ma stimolato nel 1298, alla presenza
del re e della regina di Francia e di molti principi reali, sotto la
condizione della dispensa del papa, per la consanguineità. Diploma
negli archivi del reame di Francia, J. 509, 11; e in Du Cange, Hist. de
l’Empire de Constantinople, docum., pag. 38. Ma forse papa Bonifazio
negò la dispensa, perchè la pretendente dell’impero greco sposasse il
Valois, del quale ei si volea servire come strumento a’ suoi disegni.

[383] Brevi del 3 febbraio, 4 agosto, e 3 ottobre 1300, e 12 febbraio
1301, su la facoltà della dispensa e le proroghe ai termini; e breve
del 3 settembre 1301, col quale il papa ratificò la dispensa, data
dal vescovo delegato, sopra una promessa di Valois che non era stata
rigorosamente osservata. Negli archivi del reame di Francia, J.
723, 8; J. 721, 8; J. 723, 9; e in Du Cange, Hist. de l’Empire de
Constantinople, docum., pag. 41. La prima moglie di Carlo di Valois
morì in Francia il 31 dicembre 1299, il 3 febbraio il papa da Roma
preparava la dispensa al nuovo matrimonio. Du Cange, op, cit.

[384] Raynald, Ann. ecc., 1300, §§. 20 al 26; e brevi del 21 ottobre,
21 e 30 novembre 1300, da lui pubblicati. Veggansi ancora il breve
del 4 agosto, e un altro del 30 novembre 1300; col primo de’ quali si
accordò al Valois la metà dei crediti decorsi della corte di Roma per
decime ecclesiastiche in Francia; e l’altro è indirizzato al Valois,
assegnandogli un primo termine a venire in Italia. Negli archivi del
reame di Francia, J. 721, 1.

Montaner, loc. cit.

Gio. Villani, lib. 8, cap. 32 e 43.

Nic. Speciale, lib. 6, cap. 7.

Ferreto Vicentino, lib. 1, in Muratori, R. I. S,, tom. IX, pag. 960 976
e seg.

Il matrimonio del Valois, con Caterina fu fatto il 28 gennaio 1301,
Buchon, op. cit., ed 1840, pag. 47.

[385] Raynald, Ann. ecc., 1301. Brevi del 3 settembre 1300, da lui
pubblicati o accennati, che tutti trovansi negli archivi del reame di
Francia, J. 721, 2, e J. 722, 5.

[386] Raynald, 1301. Trovansi due bolle ne’ medesimi archivi, J. 722,
5, indirizzate l’una al Valois, l’altra a’ popoli di Toscana; e questa,
seconda solamente è pubblicata nel Corps Diplomatique, tom. II, part.
2, pag. 4.

[387] Diplomi di Carlo II e di Roberto duca di Calabria, dati di Roma
l’11 marzo 1302, negli archivi stessi, J. 509, 14, e J. 512, 21; e in
Du Cange, Hist. de l’Empire de Constantinople, docum., pag. 43–44.

[388] Raynald, Ann. ecc., 1302, §. 1.

[389] Docum. XXXVII.

[390] Docum. XLI.

[391] Docum. XLII.

[392] Docum. XXXIX e XL.

[393] Docum. XXXVIII e XLIII.

[394] Veggansi oltre i citati documenti, per tutti i fatti del Valois
in Toscana, e i preparamenti alla guerra di Sicilia:

Nic. Speciale, lib. 6, cap. 7.

Tolomeo da Lucca, Ann., in Muratori, R. I. S., tom. XI, pag. 1304.

Gio Villani, lib. 3, cap. 49 e 50.

Cronaca di Dino Compagni, lib. 2.

Cronaca di Parma, in Muratori, R. I. S., tom. IX, pag. 842 e 843. Ivi è
detto il soprannome di Carlo senza terra.

[395] Nic. Speciale, lib, 6, cap. 6.

[396] Speciale e Anonymi chron. sic., loc. cit.

[397] Montaner, cap. 197.

[398] Nic. Speciale, lib. 6, cap. 8.

Anonymi chron. sic., cap. 70.

[399] Federigo d’Incisa fu di Sciacca. Il provano, oltre la
testimonianza dello Speciale riportata da noi nel cap. precedente,
anche due diplomi, dati da lui come gran cancelliere del reame, nel
1317 e 1318, nel Testa, op. cit., docum. 36 e 37.

[400] Nic. Speciale, lib. 6, cap. 10.

Anonymi chron. sic., cap. 70.

Montaner, cap. 197 e 198.

Gio. Villani, lib. 8, cap. 50.

Tolomeo da Lucca, Ann., in Muratori, R. I. S., tom. XI, pag. 1305.

[401] Nic. Speciale, lib. 6, cap. 10.

Anonymi chron. sic., cap. 70.

Ferreto Vicentino in Muratori, R. I, S., tom. IX, pag. 961.

[402] Veggasi la nota 2, pag. 223–24.

[403] Nic. Speciale, li. 6, cap. 9.

[404] Surita, Ann. d’Aragona, lib. 5, cap. 55.

[405] Nic. Speciale, lib. 6, cap. 10.

Anonymi chron. sic., cap. 70.

Gio. Villani, lib. 8, cap. 50.

Tolomeo da Lucca, in Muratori, R. I. S., tom. XI, pag. 1305.

Ferreto Vicentino, in Muratori, ibid., tom. IX, pag. 962.

Montaner, cap. 198.

Costoro il riferiscono assai brevemente; i nostri perchè voller tacere
alcuni patti; gli stranieri perchè poco ne sapeano. Ma luce maggiore ci
danno i documenti, trascritti in parte da Raynald, Ann. ecc., 1302, §§.
3 e 4, 6 e 7, e 1303, §§. 24 a 27, e più compiutamente riferiti negli
Annali d’Aragona, lib. 5, cap. 56 e 60, da Surita, che correggendo la
brevità dei contemporanei Speciale e Montaner, e riscontrandosi appunto
con gli squarci pubblicati poi da Raynald sulle carte degli archivi di
Roma, chiaro mostra aver avuto sotto gli occhi gli originali trattati.

Indi si ritrae, che i preliminari di Castronovo, fermati a 19 agosto
1302, furon questi:

«Federigo, col titolo di re, regnasse, durante la sua vita, in Sicilia
e nelle isole adiacenti; senza tenerle da alcuno, ma independente e
assoluto.

«Sposasse Eleonora, figliuola di re Carlo.

«Scambievolmente si rendessero i prigioni, senza riscatto.

«Scambievolmente si restituisser le terre occupate; in dì 15 da Roberto
quelle di Sicilia; in dì 30 dal re Federigo quelle di Calabria.

«Ad ultimar la cosa e stabilire il tempo e i modi della esecuzione
di questi patti, Federigo e Valois venissero a un abboccamento tra
Caltabellotta e Sciacca, da cominciare il venerdì 24 agosto e finir
la domenica 26. Ivi si stabilisse il titolo da darsi a Federigo, e
il regno che avrebbe la prole di lui e d’Eleonora in luogo della
restituita Sicilia.

«Fosse tregua dal 21 al 26 agosto, e sei dì dopo l’abboccamento.

«Valois procacciasse la ratificazione di re Carlo e di papa Bonifazio.»

Nell’abboccamento poi tra Sciacca e Caltabellotta si fecer queste
mutazioni:

«Si chiamasse Federigo, re dell’isola di Sicilia, o di Trinacria, come
piacerebbe meglio a re Carlo.

«Ai suoi figliuoli si procacciasse il regno di Cipro o di Sardegna. Non
asseguita questa promessa, tenessero tuttavia la Sicilia; ma fossero
sempre obbligati a renderla per la somma di 100 mila once d’oro.

«Le terre di Sicilia si restituissero in dì 22 dal 1 settembre; quelle
di Calabria in dì 45.

«I beni delle chiese si restituissero allo stato in cui erano prima
della rivoluzione dell’82.

«Perdonasse Federigo ai ribelli di Catania, Termini, e delle altre
città datesi ai nemici; restando loro i soli beni che possedeano fino
al giorno che s’alienarono da Federigo; e perdonasse re Carlo a’
Siciliani, quando tornassero sotto il suo dominio.»

I quali patti giuraronsi da ambo le parti a dì 31 agosto 1302. Lo
stesso giorno promulgò Federigo la pace; annunziando solo ch’ei
resterebbe re dell’Isola di Sicilia, e comandando si cessasse dal
mandar le milizie a Corleone. Il documento è trascritto nell’Anonymi
chron. sic., cap. 70.

E re Carlo tosto consentilli, non già Bonifazio; onde nuovamente si
cominciò a trattare, tra lui e Federigo. In fine a 12 maggio 1303,
Bonifazio promulgò una costituzione pontificia, la cui somma è questa:

Fatto il trattato di Federigo col Valois, e chiestane dal primo,
per suoi oratori, l’approvazione del papa, disdicea Bonifazio que’
patti pregiudiziali alla Chiesa; ribenediva contuttoció Federigo;
dispensava la consanguineità per le nozze sue con Eleonora; e ad aprir
nuove pratiche mandava legati in Sicilia. Allora Federigo, riformati
i capitoli, fece presentarli a corte di Roma dal conte Ugone degli
Empuri, Federigo d’Incisa, e Bartolomeo dell’Isola. Pei quali promettea
tener la Sicilia in vassallaggio della Chiesa; pagar in ogni anno, il
dì di san Pietro, tremila once d’oro di censo; fornire a richiesta del
papa cento lance, ognuna con tre cavalli almeno, pagati per tre mesi,
o, in vece di questa, una forza navale equivalente; assoggettirsi in
caso di trasgressione alle pene stesse cui andava tenuto il re di
Sicilia, duca di Puglia, ec., per la concessione a Carlo I d’Angiò;
restituir le chiese nel possesso di quanto godeano prima dell’82; dar
alla Chiesa, senza gabella, la tratta di 10 mila salme di grano per
la impresa di Terrasanta; fornir, coi giusti dritti di tratta, quante
vittuaglie abbisognassero a Roma. I dubbi nella esecuzione di questi
patti, rlsolverebbersi dal papa. Così, assentendo i cardinali tutti,
fuorchè Matteo di S. Maria in Portico, approvò Bonifazio l’accordo; e
dichiarò che, secondo il voler di Carlo, Federigo s’addimanderebbe re
di Trinacria, finchè tenesse l’isola.

Furon queste le condizioni, e le modificazioni della pace di
Caltabellotta. Nè nasca alcun dubbio sull’autenticità de’ documenti
citati, se non si leggan le altre due particolarità che ho notato
nel testo. Perocchè veramente per altri diplomi, non appartenenti al
trattato dei principi, dovette Federigo consentire a Ruggier Loria il
possesso di Aci in Sicilia; re Carlo a Vinciguerra Palizzi quello di
tre castella in Calabria, come riferisce Niccolò Speciale. Nè in quel
trattato avea luogo l’obbligazione particolare di Federigo a Valois,
che l’aiuterebbe nell’impresa dell’impero d’Oriente, la quale si scorge
dal documento citato qui appresso.

[406] Gio, Villani, lob. 8, cap. 50.

[407] Diploma dato di Lentini a 26 settembre 1302. Federigo promettea
di dare al Valois, pagati per quattro mesi, dugento cavalli e quindici
o venti galee; e permetteagii di armare in Sicilia altre dieci galee e
quattrocento cavalli. Questo diploma è pubblicato dal Burigny, Storia
di Sicilia, lib. 8, part. 2, cap. 5; e da Du Cange, Hist. de l’Empire
de Constantinople, docum., pag. 43. Io dubitava dell’autenticità,
solamente perchè Federigo, dopo la detta pace, vi s’intitola tuttavia:
_Rex Siciliae, ducatus Apuliae et principato Capuae_, contro i patti
stabiliti. Ma rifletteva all’incontro che Federigo forse non sì credè
tenuto a lasciare quel titolo, prima che il trattato fosse ratificato
da re Carlo II, e dal papa. Certo è che ho letto negli archivi del
reame di Francia, J. 510, 18, un diploma di Filippo il Bello dato
in dicembre 1313, col suggello reale in cera verde attaccato a fili
di seta verde e rossa, dove si trascrive questo medesimo diploma di
Federigo, attestando il re di Francia aver veduto l’originale in
buona forma, e darne egli questa copia. Molti altri diplomi attenenti
alla casa di Valois si trovano in simil forma di copie autenticate da
Filippo il Bello.

[408] Nic. Speciale, lib. 6, cap. 11 e 12.

Anonymi chron. sic., cap. 70 e 71, ove leggonsi il diploma di Federigo
per la pace, dato di Callabellotta il 31 agosto 1302, e quel dei legati
del papa per lo scioglimento dalle scomuniche, dato di Lentini il 23
settembre.

[409] Nic. Speciale, lib. 6, cap. 12.

[410] Nic. Speciale, lib. 6, cap. 14, 15 e 16.

[411] Nic. Speciale, lib. 6, cap, 17, 19 e 20.

Montaner, cap. 198.

Anon. chron. sic., cap 70.

[412] Diploma dato di Lentini a 1 ottobre 1302, presso Testa, Vita di
Federigo II, docum. 22 e 26.

[413] Diploma dato di Caltabellotta a 31 agosto 1302. Ibid., docum. 24.

[414] Nic. Speciale, lib. 6, cap, 21 e 22.

Gio. Villani, lib. 8, cap. 51.

Montaner, cap. 119 e seg. sino al termine della cronaca.

Veggasi anche un diploma di re Federigo, dato di Messina a dì 8 ottobre
decimaquinta Ind. (1316), pel quale elegge Pietro d’Ardoino cancelliere
_Felicis exercitus Francorum in ducatu Athenarum morancium, nostrorum
fidelium, etc_. Tra’ Mss. della Biblioteca comunale di Palermo, Q. q.
G. 2.

[415] Ferreto Vicentino, lib. 1, in Muratori, R. I, S., tom. IX, pag.
962 e 978.

[416] Nic. Speciale, lib. 6, cap. 18.

Raynald, Ann. eccl., 1302, §§. 5, 6 ed 8, e 1303, §§. 24, 25, 26.

[417] Raynald, Ann. eccl., 1303, §. 54,

[418] Ciò avvenne nel 1314. Nell’Anon. chron. sic., cap. 79, leggesi il
diploma di Federigo a questo effetto, dato il 9 agosto.

[419] Non è superfluo al proposito di Federigo, ricordar che Dante
nei primi canti del Purgatorio lodavalo come onor della Sicilia; che
disegnava intitolargli la cantica del Paradiso, la quale poi andò
sotto il nome di Can Grande della Scala; e che, mutando questi onori
in acerbo disprezzo, in molti luoghi del Purgatorio stesso, del
Paradiso, e anco nel Trattato della volgare favella, il disse avaro,
vile, iniquo. I biografi del gran poeta, non chiariscono abbastanza
s’ei fosse venuto in Sicilia, nè quali rapporti privati lo avessero
mutato sì fattamente riguardo a Federigo. Delle pubbliche cagioni, le
quali son più degne dell’Alighieri, ognun sa le grandi speranze de’
Ghibellini alla passata dell’Imperatore Arrigo di Luxembourg; la lega
di questo potentato con Federigo; la intempestiva morte d’Arrigo, per
la quale tornossi in Sicilia il nostro re, ch’era corso con l’armata
siciliana, ad unirsi all’imperatore contro gli Angioini di Napoli.
Questo ritorno, se fu necessario per Federigo, tolse ogni riparo
al precipizio de’ Ghibellini; e perciò lor parve perfidia, viltà,
scelleratezza, come dicono le fazioni oppresse, agli stranieri che fan
sembiante di aiutarle e poi si stanno. Ciò dunque spiega al tutto la
mutata opinione di Dante. Ecco i luoghi di cui sopra io parlava:

  Poi disse sorridendo: I’ son Manfredi,
  ............
  Vadi a mia bella figlia, genitrice
  Dell’onor di Cicilia, e d’Aragona.
  _Purg_., c. 3.

E qui Benvenuto da Imola notava: _Idest honorabilium regum; Quia domnus
Fridericus fuit rex Siciliae et domnus Jacobus rex Aragonum_; nè può
ammettersi ragionevolmente alcun’altra interpretazione:

  Che non si puote dir dell’altre rede;
  Iacomo, e Federigo hanno i reami:
  Del retaggio miglior nessun possiede.
  _Purg_., c. 7.

  Vedrassi l’avarizia e la viltate
  Di quel, che guarda l’isola del fuoco,
  Dove Anchise finì la lunga etate:
  E a dare ad intender quanto è poco,
  La sua scrittura fien lettere mozze,
  Che noteranno molto in parvo loco.
  _Parad_., c. 19.

  E quel che vedi nell’arco declivo,
  Guiglielmo fu, cui quella terra plora,
  Che piange Carlo e Federigo vivo:
  _Parad_., c. 20.

_Racha, Racha. Quid nunc personat tuba novissimi Federici! quid
tintinnabulum secundi Caroli; quid cornua Johannis et Azzonis
marchionum potentum; quid aliorum magnatum tibiæ? nisi: Venite
carnifices, venile altriplices, venite avaritiae sectatores Sed
praestat ad propositum repedare quam frustra loqui._

_De Vulgari Eloquio_, lib. 1, cap. 12.

E qui è da notare che Dante, mentre sì acerbamente detrae a Federigo,
pur gli da la tromba come guerriero, ma a Carlo II di Napoli il
campanello come sagrestano; riscontrandosi appunto con la descrizione
che fa il Neocastro, cap. 112, delle tende di questo Carlo II, e di
Giacomo allora re di Sicilia, nelle pratiche della pace di Gaeta,
l’anno 1291. V. nel presente volume, pag. 32.

[420] In un codice del secolo xiv, ne’ Mss. della Bibl. reale di
Francia, 4042, l’autore dice aver dettato questa storia settembre,
ottobre, e novembre 1287. Veg. anche Tiraboschi, Stor. della lett,
ital.; tom. IV lib. 2, cap. 6.

[421] Veggasi la proporzione delle tasse tra la Sicilia e il reame di
terraferma al tempo di Carlo I, nel volume 1, pag. 51 e 52, in nota.

[422] Lib. 8, cap. 112.

[423] Deletu per delectu. Sine deletu personarum, _senza riguardo a
persona_, Du Cange, Glossar.

[424] Morula per Mora.

[425] Emendis, _espiazioni pecuniarie, e anche correzioni, emende_,
Du–Cange, Glossar.

[426] _Piuttosto_ fulguribus, _che meglio conviene alla forte immagine
del direpta, e par che alluda alle tempeste più fiere e spesse nelle
regioni occidentali e settentrionali d’Europa_.

[427] _Manifestamente il punto finale è un errore del Ms. e il periodo
continua senza nè anco una pausa_.

[428] Ortabatur _da ort impedimento, ostacolo, e si usava questo verbo
in luogo_ di obstare, Du Cange, Gloss. _Potrebbe essere anche una voce
barbara che non cadde sotto gli occhi del Du Cange, derivata da_ ortus.

[429] _Propongo la variante_ sopit at nuda Cathana, _che darebbe un
significato; alludendo alla sicurezza del governo angioino, mentre
il vulcano su cui dormiva era per scoppiare in sì tremenda eruzione.
La figura dell_’aura incendii _sembra tratta dal noto fenomeno
dell’esaurimento de’ pozzi nelle vicinanze de’ vulcani quando è
prossima una eruzione. Corron qui alla memoria d’ogni Italiano i cori
del Giovanni di Procida del Niccolini, il quale certamente non conoscea
il presente documento inedito, e indovinò si bene le immagini che si
dovean presentare alla mente de’ poeti siciliani da lui messi in scena_.

[430] _Sembra che il solo modo interrogativo di tutto il periodo possa
far comprendere il_ Pape videtur libet et gemere, _dandogli questo
senso: «Crede il papa che non dovevamo far altro che piangere, mentre
tal incredibil cumulo di mali, etc.?»_

[431] _in senso di schiacciati, calpestati; da_ irrumpere, _violare,
infrangere_.

[432] _Questa voce_ corvulo _non so che sia. Par che derivi da_ corvus,
_e che l’autore, certamente con pessimo gusto, dica che in vece di
stilo scrìverà con una penna di corvo le luttuose memorie della
schiavitù. Forse anche si potrebbe adottare la variante _corculo_.
Quell’alga imputridita che si tiri alla spiaggia, fa veder l’abitatore
della marina_.

[433] _Il verbo_ domentare _par d’invenzione dello scrittore di questa
epistola. È tratto evidentemente da_ doma _tetto_, Du Cange, Gloss.

[434] _A questa parola, che non trovo in alcun dizionario, si potrebbe
sostituire_ migrandum _che non reggerebbe alle regole della grammatica,
ma darebbe pure un barlume di senso_.

[435] Polis, urbs; Du Cange, Gloss.

[436] _Senza dubbio_ exuteratione. _L’atroce fatto creò questo nuovo
sostantivo_.

[437] _Mancano o son guaste alcune parole in questo periodo e nel
precedente. Ma il senso generale, che è ferocissimo, si comprende pur
troppo._

[438] _Avvi di certo una allusione a qualche fatto particolare; e
ignorandolo non saprei nè comprender questa lezione, nè correggerla_.

[439] _Palatium tra gli altri significati ha quello di ospizio pe’
forastieri, e di refettorio de’ monaci,_ Du Cange, Gloss. _Si potrebbe
leggere anche_ paleum o palmum _questa parola che è abbreviata con
segni non molto chiari nel Ms_.



                        NOTA DEL TRASCRITTORE:


--Corretti gli ovvii errori tipografici e di punteggiatura.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "La guerra del Vespro Siciliano vol. 2 - Un periodo delle storie Siciliane del secolo XIII" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home