Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Libro segreto
Author: Ghislanzoni, Antonio
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Libro segreto" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



generously made available by Biblioteca Nazionale Braidense
- Milano)



                        NOTE DEL TRASCRITTORE:

—Corretti gli ovvii errori di stampa e di punteggiatura.

—Il testo in grassetto è indicato come =testo grassetto=.

—Il libro originale risulta mancante dell’indice. Prodotto ed inserito
 a cura del trascrittore.



                             LIBRO SEGRETO


                            A. GHISLANZONI


                             LIBRO SEGRETO


                                MILANO

                       A. BRIGOLA E C., EDITORI

                           _Via Manzoni, 5_


                        _Proprietà letteraria_


                  _Milano, 1882. Tipografia Pagnoni_.



                                INDICE

  DIDONE ABBANDONATA                   PAG.   5

      ATTO PRIMO                        ”     9

      ATTO SECONDO                      ”    46

      ATTO TERZO                        ”    72

  UN UOMO COLLA CODA                    ”   116

  IL LUSSO DELLA DONNA                  ”   172



                          Didone abbandonata

                                 OSSIA

                        LA FONDAZIONE D’ITALIA

                        _Commedia–Opera–Ballo_


PERSONAGGI.

  DIDONE.

  ANNA, _sorella di Didone_.

  BERTA   }
          }
  CLIVIA  }   _ancelle_.
          }
  RUBINIA }

  ENEA, _principe troiano_.

  ACATE, _amico di Enea_.

  ASCANIO, _fanciullo di cinque anni_.

  MERONTE    }
             }
  IPPANTO    }   _compagni di Enea_.
             }
  CLISSANDRO }

  JARBA, _re_.

  ORBECH, _eunuco_.

  IL MINISTRO _degli esteri_  }
                              }
  IL MINISTRO _delle finanze_ }
                              }   _alla Corte di Didone_
  IL QUESTORE                 }
                              }
  IL PREFETTO                 }

Troiani—Dame—Damigelle—Seguaci di
Jarba—Pompieri—Sacerdoti—Ancelle—Eunuchi—Cantanti—Ballerine—
Corifei—Suonatori, ecc., ecc., ecc.


PERSONAGGI MITOLOGICI.

  GIOVE.

  GIUNONE.

  CUPIDO.

  VENERE.

  EURO.

  EOLO.

Dei—Semidei—Inservienti dell’Olimpo—Cuochi—Paraninfi, ecc.



ATTO PRIMO.


SCENA PRIMA.

_Sala nella reggia di Didone.—A sinistra una porta, a destra una
apertura che mette ad un balcone._

_All’alzarsi della tela, una schiera di donne vestite a bruno e
inginocchiate occuperanno il lato destro della scena. Si ode nella via
il suono di una marcia funebre._

VOCI _(di fuori)_.

È morto, è morto... il misero Sichéo..

DONNE. Orato pro eo!

UNA DONNA (_sotto voce alle sue vicine_). Questa marcia mi sembra
averla udita altre volte...

ALTRA DONNA. È la marcia della _Jone_... L’abbiamo udita in teatro per
quattro stagioni di seguito.

VOCI. È morto... è morto il misero Sichéo!...

DONNE. Orate... (come stonano!) pro eo!


SCENA SECONDA.

IL MINISTRO degli esteri.—IL MINISTRO delle _finanze con seguito di
Deputati e Senatori, che attraversano la scena a passo misurato_.

DONNE. Il corpo diplomatico vestito di gramaglia Si avanza...

MIN. EST. (_al Ministro delle finanze_). Qualche soldo gettate alla
canaglia, A patto che non cessino di piangere...

MIN. FIN. Credete
          Ch’essi piangan davvero?... Poco li conoscete.
          L’esequie di un sovrano son sempre una risorsa.
          Per i preti, pel popolo...

MIN. EST. (_sottovoce_). Date a me quella borsa...
                         Fra noi, che portiam gli oneri
                         Più gravi della Stato;
                         Fra noi, che il morto principe
                         Abbiam cotanto amato,
                         Divideremo il _peltro_... E gli altri...

MIN. FIN.

                                            A dente asciutto!
                         L’unico modo è questo di propagare il lutto.

CORO. La regina si avanza.

I MIN. (_fingendo la più viva com_.) Ohimè!...

TUTTI. Quale sventura!

I MIN. Vorrei l’estinto prence seguire in sepoltura! (_Tutti portano il
fazz. agli occhi_).

TUTTI. Oh giorno di squallor!
       Oh notte di dolor!
       Dei barbari il terror,
       Dei popoli l’amor,
       Qual mattutino fior
       Spento cadéo.
       Morto di raffreddor
       È il re Sichéo.


SCENA TERZA.

DIDONE—BERTA—CLIVIA—RUBINIA—ANNA—_altre ancelle—e detti_.

DIDONE (_irrompendo sulla scena colle chiome sparse_). Lasciatemi!...
sgombratemi il passo... Aprite quella finestra... Dei immortali! Non
sarà dunque permesso ad una regina... di seguire nella tomba l’augusto
consorte? (_fa per gettarsi dalla finestra—– i ministri accorrono a
trattenerla_).

I MIN. Ferma... regina!

DID. Chi ardisce opporsi alla mia volontà?... Ah... siete voi... voi
mio primo ministro! E avete osato portare la mano sulla mia sacra,
inviolabile persona?...

I MIN. Perdono, o regal donna. Mi spiace dovervi ricordare che sotto il
regime costituzionale...

DID. Basta! vi comprendo. L’augusto mio sposo e signore non ebbe che
un solo torto al mondo, quello di aver emanato uno Statuto che ci fa
schiavi della nazione, che ci impedisce di muovere un passo senza il
consenso delle due Camere. Dire che non mi è permesso di raggiungere
il mio Sichéo... Signori Ministri, Deputati e Senatori, fatemi almeno
questa grazia; lasciatemi sola col mio immenso cordoglio. Voi altri
non potete comprendere il dolore di una giovane sposa vedovata innanzi
tempo...

I MIN. Noi comprendiamo dal nostro...

DID. Lasciatemi, vi dico. Uscite tutti! Non un sol detto... o ch’io,
pel sommo Giove!

I MIN. Ella in versi parlò: si corra altrove. (_Ad un cenno del
ministro degli esteri, tutti si allontanano, meno le donne_).


SCENA QUARTA.

DIDONE—ANNA—BERTA—CLIVIA—RUBINIA—e_ poche ancelle—indi il_
Questore.

DID. Anna... mia dolce sorella... Lascia che io sfoghi sul tuo seno
il mio dolore immenso. Ah! tu non fosti mai maritata... nè puoi
immaginare...

ANNA. Ho sempre desiderato di trovar marito—epperò comprendo quanto tu
debba soffrire nell’aver perduto il tuo.

DID. Perdere!... ma ciò è ben più grave che non trovare... Vedi,
sorella, voglio spiegarmi con un paragone: tu sei abituata a prendere
il thè ogni sera...

BERTA. Sicuro! quando si è abituati a prendere il thè ogni sera, non
si può dormire se prima...

DID. Chi osa interrompere la regina?...

BERTA. Perdonate, augusta sovrana... Ma noi si fa di tutto... per
distrarvi dalla vostra grave melanconia... La principessina Anna
non ha pratica di queste faccende... e bisogna esprimersi sotto
metafora... Io voleva dire che quando si è abituati a prendere il
thè, non è più possibile farne senza—e siccome... una giovane... e
bella... e possente regina quale voi siete, o augusta Dido, tiene a sua
disposizione tutti i magazzeni dello Stato...

DID. (_colla massima collera_). E tu osi supporre!... Animo! via!...
sentiamo un poco cosa tu intendi per questi magazzeni dello Stato!...
Fuori la frase tutta intera! Vediamo fin dove può giungere la
impertinenza delle mie cameriere... dopo che il mio Sichéo ebbe la
debolezza di accordare una costituzione.

CLIV. Regina: non vi adirate... Io pure sono di avviso...

DID. Tu pure, civettuola!...

RUB. Eccelsa regina... piuttosto che vedervi morire di dolore...

DID. Sentiamo un poco: piuttosto che vedermi morire...?

BERTA. Sentite regina... Anch’io ho avuto i miei giorni di immenso
lutto, allorquando venni a perdere il mio primo marito, che era, come
sapete, il gran cuoco delle vostre reali cucine... La prima notte, ho
sentito il sangue montarmi alla testa... e fui sul punto di commettere
uno sproposito... Ma poi, riflettendo bene, ho veduto che la sventura
non era irreparabile, ed ho finito collo sposare Medonte, il maniscalco
dei vostri augusti cavalli.

DID. Sciagurata!... E non hai sentito, nella prima notte dello
spergiuro imene, spalancarsi gli abissi?—non hai veduto giganteggiare
presso il talamo l’ombra fiera e sdegnosa dello spento consorte?

BERTA. Non ho sentito... non ho veduto nulla... Ero troppo distratta.
Vi assicuro, regina, che il vostro augusto maniscalco non mi dava tempo
di pensare ai _quondam_.

DID. (Queste donne di bassa estrazione non hanno cuore!...)

BERTA. Regina!...

RUB. Berta ha ragione... Tergete le lacrime... e pensate...

DID. Non più!...

ANNA. A me pare...

DID. Basta, vi dico!... (_levando la mano in atto minaccioso_). Già
troppo ho offesa la sacra e imperitura memoria del fu augusto mio
consorte, prestando orecchio ai vostri scandalosi propositi... Io
dovrei punirvi severamente... Ma pure mi sento inclinata a usarvi
clemenza riflettendo alla vostra grossolana costituzione... ai
vostri bassi natali... Parlo a voi, o pettegole... Quanto a te, mia
ottima sorella; a te, inesperta della vita e non colpevole che di
puerili desiderii e di illusioni fallaci, odi bene quanto io sto
per dirti.—Io giuro per ciò che vi ha di più sacro nell’Olimpo e
sulla terra, per la venerabile barba di Saturno, per tutti gli Dei
e le Dee immortali, per lo Statuto proclamato dal mio fu augusto
consorte, per la mia lista civile... giuro di serbare eterna fede al
cenere di Sichéo—giuro che questa mia mano non verrà mai profanata
dal contatto di un uomo, foss’egli per beltà ed eleganza di forme
rivale di Apollo, e per energica costituzione di muscoli pari a Marte
l’invitto. Io porterò eternamente la gramaglia... e i miei capelli
disadorni e sparsi di immonda cenere... faranno testimonianza perpetua
del mio dolore. (_Levando le braccia verso il lampadario_). Numi e
semi–numi dell’Olimpo! a voi, vindici d’ogni spergiuro, salga questo
mio voto solenne... E se mai di un solo desiderio, di un solo pensiero
io offendessi la cara e venerata memoria del mio augusto consorte;
scendano pure i vostri fulmini sulla mia testa regale,

    Arda la reggia, e sia
    Il cener di lei, la tomba mia!

CORO. Così sia!

(_Breve silenzio.—Didone rimane immobile alcun tempo colle braccia
levate—poi, riscuotendosi, riprende_:)

DID. Anna: dilette ancelle... Ritiratevi fino a nuovo ordine...
Nell’eccesso del mio cordoglio, io dimenticava di propiziare gli Dei...
Recitiamo una dozzina di _Deprofundis_ in suffragio dell’augusto
defunto.

(_Didone va ad inginocchiarsi in un lato della sala, e raccoglie il
capo nelle mani nell’attitudine di chi prega fervorosamente_).


SCENA QUINTA.

IL QUESTORE _e dette_.

(_Mentre_ ANNA _e le ancelle muovono per uscire, il_ QUESTORE _si
presenta sulla porta_).

QUESTORE. È permesso?

CORO. Zitto!... Sottovoce!...

BERTA. Piano, per carità!...

CLIV. Benvenuto, Questore!

ANNA. Quali notizie?

RUB. Fuori il vostro gazzettino!

QUEST. (_accennando alla regina_). Sua Maestà mi sembra distratta...

ANNA. Al contrario. Bisognerebbe trovar modo di distrarla... Ella è
sempre assorta nei suoi cupi pensieri...

QUEST. (_sotto voce alle ancelle_). Mi spiace di esser giunto in mal
punto... Eppure io dovrei parlare alla regina di un affare di somma
premura... È arrivato un bastimento carico di...

BERTA. Di... di... aspettate...

RUB. Proviamoci a indovinare...

ANNA. Sicuro! facciamo il nostro giuoco favorito... Dateci la prima
lettera, e noi indovineremo.

QUEST. (_sottovoce_). Ma... non vorrei... Se Sua Maestà ci avesse ad
udire...

ANNA. Ella non vede... non ode più nulla.

TUTTE LE ANC. Presto! la prima lettera!...

QUEST. La parola comincia con T. Animo dunque! A voi, principessa
Anna... È arrivato un bastimento carico di?...

ANNA. Tortelli...

QUEST. Non ci siamo per ora... A voi altre, signorine: È arrivato un
bastimento carico di?...

BERTA. Triffole...

CLIV. Torrone...

RUB. Tabacco...

CORO. Trote... tamburi... tonno marinato...

QUEST. Nessuna ha colto nel segno...

ANNA. Aspettate...

QUEST. La regina ha fatto un movimento...

CORO. Thut!

BERTA. Ebbene: dite... levateci di pena...

QUEST. A stretto dovere io non dovrei confidare ad altri che alla
regina...

TUTTE (gridando). Un bastimento carico di?... di?... di?...

QUEST. Non l’avreste indovinato a pensarci mille anni... Il bastimento
che ora giunse nel porto è carico di... Troiani.

TUTTE. Troiani!!!

CLIV. Non ho mai udito parlare di questo genere di commestibili.

QUEST. Si tratta ben d’altro che di commestibili!... Si tratta...

TUTTE. Sottovoce!... (_facendosi intorno al Questore_).

QUEST. (_a voce appena intelligibile_). Si tratta d’individui maschi...
Si tratta di trecento o quattrocento giovinetti di bellissimo aspetto...

DID. (_balzando in piedi con entusiasmo_). Chi ha parlato di bei
giovanotti?... Dove sono? Vediamoli!... (_reprimendosi_). Cioè...
voleva... dire... chi è stato il temerario che ebbe l’audacia... in un
giorno di tanto lutto?... Ah! voi... Questore!...

QUEST. Che la Vostra Maestà mi perdoni... Queste signorine mi avevano
fatto credere che voi non eravate in grado di vedere e di udire...

DID. (_nel massimo imbarazzo_). Imbecille! Forse che io ho veduto?...
che io ho udito qualche cosa?... E ti pare che, anche avendo udito o
veduto, io potrei prender parte a gioia veruna di questo mondo?...
(_volgendosi alle donne_). E voi altre, voi altre pettegole... gli è
dunque in tal maniera che obbedite ai miei ordini?...

ANNA. Il Questore ci ha trattenute nostro malgrado... per parlarci di
un bastimento carico di... di...

DID. (_vivamente al Questore_). Carico di?...

QUEST. Carico di trecento o quattrocento Troiani, agli ordini della
Maestà Vostra...

DID. Troiani!...

ANNA. Bei giovani... dice il Questore...

QUEST. Un esercito di capitamburi... Certe gambe, certe spalle, certi
mustacchi... Se vedeste, regina! Il più alto dei vostri granatieri
divien un pigmeo a petto del più piccolo di questi Troiani. Vostra
Maestà mi perdoni se io ne parlo con tanto calore... Mia moglie,
vedendoli sfilare dinanzi al palazzo, voleva gettarsi dalla finestra...
Avremo un bel da fare a custodire le nostre mogli!... Ed è appunto...
a questo solo riguardo... che io mi sono affrettato a prevenire la
Maestà Vostra... acciò... nell’interesse della pubblica moralità...
e sopratutto della tranquillità coniugale... si degni di spiccare un
decreto perchè la città sia prontamente sgombrata da quei pericolosi
individui...

(_Durante il discorso del Questore, Anna, Clivia, Rubinia, Berta e le
ancelle si saranno allontanate in punta di piedi_).

DID. Ciò che voi mi riferite, onorevole Questore, non può a meno di
impressionarmi vivamente... Voi sapete quanto mi stia a cuore la
moralità de’ miei sudditi e la pace delle famiglie... Ma l’argomento
è tanto grave... tanto delicato... che conviene ragionarne fra
noi... senza testimoni... Anna... dilette ancelle! (_Didone si volge
per parlare alle donne, ma con sua grande sorpresa si accorge che
tutte quante sono partite_). Dove sono andate quelle baldracche?...
Scommetto... Per le corna di Giove! Sta a vedere che sono corso
incontro ai... come li chiamate, Questore?...

QUEST. Troiani, agli ordini vostri.

DID. Ma si può dare uno scandalo uguale?... Questore!... Sul serio...
Bisogna provvedere... e subito! bisogna...

QUEST. Se Vostra Maestà vuol compiacersi di firmare un decreto che li
sfratti immediatamente...

DID. (_riflettendo_). Credete voi, onorevole Questore, che un tal
decreto sarebbe costituzionale?

QUEST. Vostra Maestà sa troppo bene che all’ufficio di Questura non si
è molto scrupolosi nell’interpretare i paragrafi dello Statuto.

DID. No! Io non voglio iniziare la mia reggenza con un atto illegale...
Direi piuttosto... Probabilmente questi Troiani avranno un capo,
qualcuno che li rappresenti...

QUEST. Sicuro! essi hanno un capo, niente meno che un principe di
sangue reale...

DID. Avete detto?...

QUEST. Un giovane principe di bellissimo aspetto, biondo di capelli...

DID. (Biondo!... Ho sempre amato i biondi...) Voi dicevate che questo
principe è molto giovane...

QUEST. Il di lui passaporto segnerebbe trentadue anni, ma a vederlo non
gliene dareste ventidue.

DID. (Trentadue anni!... Venti anni meno del mio adorato... e troppo
augusto consorte!) Non si perda un minuto... Che quei signori sieno
condotti immediatamente al mio regale cospetto. (Il Questore fa per
andarsene)... Aspettate... Perchè ve ne andate con tanta furia?...

QUEST. Io vado... Perdonate, regina! Vi confesso, che dopo l’arrivo di
quei Troiani, ho perduto la testa. Ho lasciato mia moglie in tale stato
di esaltazione...

DID. (_col più vivo interesse_). Sono dunque ben terribili questi
Troiani. Ma non bisogna dimenticare che una regina rappresenta la
nazione... Io non posso ricevere quei signori con questo abito dimesso
e coi capelli coperti di cenere... Voi li introdurrete, e direte loro
che abbiano la pazienza di aspettare sino a quando io non abbia fatto
un poco di _toelette_. Voglio riceverli pomposamente, nella gran sala
delle cariatidi.—Mi avete inteso?

QUEST. Ho inteso... ma temo che la frittata...

DID. La frittata?! Che parole son queste?

QUEST. Nulla! Ho sempre in mente quel troiano che guardava mia
moglie... Perdonate regina... Volo ad eseguire gli ordini vostri. (_Si
inchina e parte._)


SCENA SESTA.

DIDONE _avviandosi lentamente alle sue stanze_.

DID. Un principe di sangue reale!... Giovane!.. di trent’anni circa!...
Biondo!... Il mio Sichéo non era biondo... Egli era castano... color
castano misto... tendente al chiaro... Un eccellente uomo quel mio
Sichéo!... Un po’ floscio... un po’ secco... (_tremolo di violini_)
Malaticcio... Ah! ci voleva della indulgenza... a soffrirlo... in
questi ultimi tempi! Mangiava fuori di misura... fumava come un
caporale... era dedito ai liquori... si istupidiva coll’absinzio...
Senza fargli torto... da cinque anni egli era completamente
imbecillito... Egli si è suicidato... Oh! il mio povero Sichéo!... _De
profundis clamavi ad te, domine... (Entra nelle sue stanze)_.


SCENA SETTIMA.

ENEA—ACATE—MERONTE—IPPANTO—CLISSANDRO _e circa
quattrocento Troiani entrano in punta di piedi dalla porta
sinistra.—Si avanzano cautamente.—L’orchestra esprime la loro
esitazione e più che altro il loro immenso appetito_.—Enea, Acate,
Meronte, Ippanto e Clissandro _si terranno per qualche tempo in
disparte_.

CORO.  Entriam! vediam... sentiamo!
       L’odore è prelibato...
       È odore di stufato,
       Odor di bacalà...

   I.  Si assaltin le cucine...

  II.  S’invadan le cantine...

TUTTI. Enea ci guiderà...
       Che tarda Enea? che fa?
       All’inferno
       Vada Enea!
       Di governo
       Non ha idea...
       Chi al suo popol—non sa dar
       Da mangiar,
       Non è degno di regnar!
       Lo vogliamo lapidar,
       Appiccar
       Scorticar...
       Poi gettarlo in fondo al mar.

ENEA _(avanzandosi)_. Questa è la reggia... sì!

CORO.  Viva Enea!
       Viva il forte!

ALTRI. All’inferno!
       Morte! morte!
       Chi al suo popol—non sa dar
       Da mangiar,
       Non è degno di regnar!

    I. S’egli al popol saprà dar
       Da mangiar,
       Sarà degno di regnar!

EN. _(con sdegno represso)_. Da bravi! cominciamo a gridare!... a far
dello strepito!... E così ci piglieranno per altrettanti scalzacani,
e ci metteranno alla porta senza offrirci un gocciolo. Voi non avete
ombra di criterio, e meritereste che io... Ma no, non voglio andar in
collera. Via! Siate buoni figliuoli.... Dal vostro modo di contenervi
dipende la vostra fortuna. Noi siamo giunti in una delle più floride
città dell’Africa, dove abbonda ogni ben di Dio. Noi abbiamo già avuto,
al nostro arrivo, le più simpatiche accoglienze dalle popolazioni e
sopratutto dalle signore. Dobbiamo ora presentarci alla più bella,
alla più illustre, alla più generosa regina del mondo.... Profittiamo
dunque del buon vento.... Eleviamoci all’altezza della situazione....
e cerchiamo, coi nostri modi tili, col nostro linguaggio insinuante,
di tirarne il miglior partito. Siamo emigrati, raminghi, senza
patria, senza tetto, senza quattrini. Dunque, bando all’orgoglio.
Colla modestia, colle belle maniere noi riusciremo a conciliarci
la benevolenza dell’augusta sovrana, e degli alti dignitari che la
circondano... Se saprete fare, se avrete solamente il talento di
secondarmi, vi prometto dei lauti pranzi e delle cene migliori. La
regina vorrà sapere dei nostri casi, delle nostre vicende... Lasciate
a me la cura di parlare per tutti... Voi altri fate bene attenzione a
quanto andrò dicendo; scolpitevi bene in mente le mie parole, acciò
non vi sia pericolo di contraddirci a vicenda, Si sa bene—trattandosi
di dover commuovere, di dover suscitare dell’interesse, non sarà male
ch’io esageri un poco il colorito...

ACATE _(ai compagni)_. Avete ben inteso ciò che ha detto il pio
Enea?—Per fare della impressione... bisogna spararle grosse... e voi
altri... dovete...

EN. Dice benissimo il fido Acate—spararle grosse... Concordia e
prudendenza: ecco il nostro programma... Non dimentichiamo giammai
l’alta missione che ci imposero gli Dei immortali. Non siamo emigrati
per nostro spasso, per condurre una vita da scioperati. I fati hanno
prescritto un altissimo scopo alle nostre peregrinazioni... Noi
dobbiamo fondare l’Italia...

CORO. Viva l’Italia unita,
      Con Roma capitale!
      Vogliam la stampa libera...
      La guardia nazionale...
      Vogliamo la Repubblica...
      Vogliam la Monarchia...
      Evviva l’anarchia...!
      Viva Meronte Re!

_(Meronte ringrazia e sale sopra una sedia per parlare)_.

CORO. Morte a Meronte!
      Abbasso! via!
      Morte al Ministro
      Di polizia!

_(Meronte abbandona il posto, e Clissandro sale)_.

CORO. Morte a Clissandro,
      Che ha decretato
      La tassa orribile
      Sul macinato!

_(Clissandro abbandona il posto)_.

CORO.   Acate muoia
      Per man del boia!
      Acate è un asino
      S’ha da impiccar!
        Abbasso tutti!
      A tutti morte!
      Vogliam l’Italia
      Unita e forte,
      L’Italia libera
      Dall’Alpi al mar.

_(Enea monta sopra uno sgabello per imporre silenzio)_.

EN. Queste grida di entusiasmo, per le quali si manifesta così
eloquentemente la concordia dei vostri principii, mi commuovono ad un
tempo e mi rassicurano. Quando un popolo... Che dico?... quando una
grande e forte nazione dimostra, come voi avete dimostrato in questo
momento, di avere una volontà sola, di mirare ad un solo scopo; questo
popolo, questa nazione non hanno più nulla a temere da nemici esteri ed
interni.

VOCI. Viva la Repubblica!

ALTRI. Viva la democrazia!

ALTRI. Abbasso i tiranni del popolo!

EN. (_discende dallo sgabello e parla ad Acate sotto voce_). Tangheri!
discutono la forma di governo, e l’Italia finora non esiste che
nella loro immaginazione! Il mio buon popolo ha fame... Queste grida
sovversive non possono provenire da altra cagione... Lo crederesti,
fedelissimo Acate? In questo momento anch’io sarei disposto a cedere la
mia corona per un buon pollo arrostito... (_a voce più alta_). Prendi
questa chiave, fedelissimo Acate. Là fuori, nella mia valigia, troverai
una scatola di legno intarsiato che racchiude del cioccolatte di prima
qualità.... Distribuirai una tavoletta a ciascuno...

AC. Ma!...

EN. Che?... (_rinforzando la voce_) Vorresti forse vietarmi?...

AC. Io non dico...

EN. (_ancora più forte_). Respingo ogni consiglio di economia quando si
tratta di soddisfare ai legittimi voti del mio buon popolo...

VOCI. Abbasso il ministro delle finanze! Viva Enea... e la monarchia
assoluta!

AC. Io mi affretto ad obbedirvi, piissimo Enea. (Il birbone mi giuocò
un brutto tiro, ma a suo tempo prenderò la rivincita).

EN. (_volgendosi a Meronte, e parlando a voce alta in modo che tutti
abbiano ad udirlo_). Credete voi che esistano nel nostro regno dei
cittadini illustri e benemeriti, i quali non siano per anco insigniti
dell’ordine mauriziano?

MER. Io credo che, ad eccezione di due o tre ciabattini, di due o tre
brumisti ed altri pochi di condizione meno elevata, tutti gli altri
furono già decorati.

EN. (_da sè_). (Non mi fa stupore che qualcuno abbia gridato: viva
le Repubblica!) Onorevole Meronte! Prima di sera mi darete i nomi
di questi pochi illustri, troppo ingiustamente obliati dal nostro
governo. Tutti quanti siamo figli di una istessa patria—esuli tutti
sovra terra straniera, abbiamo patito comuni sventure, abbiamo diviso
tutti i pericoli e tutte le vittorie. È tempo che i privilegi sieno
aboliti, che cessino le distinzioni di casta... Per ottenere la
perfetta uguaglianza, oggimai io non vedo altro mezzo fuor quello
di generalizzare il cavalierato, accordando la croce di San Maurizio
a quanti la desiderano. (_Enea sospende il suo discorso, oltremodo
sorpreso che nessuna voce si levi ad applaudirlo; ma la sua meraviglia
si accresce in vedere che tutti i suoi Troiani, compresi i due
ministri Ippanto e Clissandro, sono usciti dalla sala_). Che vuol dire
questa novità?...Meronte... Presto! correte!... (_Meronte esce_).
Ah! mi sembra di indovinare... Qualche disordine a proposito del
cioccolatte... Decisamente il mio buon popolo ha fame... (_Meronte,
Ippanto, Clissandro, Acate rientrano in scena sgomentati_).

AC. (_ad Enea_). Se Vostra Maestà non provvede tosto...

MER. Se si tarda un quarto d’ora...

IPP. So non vi affrettate a soddisfare i legittimi desiderii del
popolo...

CLIS. Insomma... se non si pensa a procacciare delle vettovaglie...

EN. Ma dunque... il cioccolatte?...

AC. Vi si gettarono come tanti canonici affamati... e pare che la fame
generale, invece di spegnersi...

CLIS. Sentite quali grida!

EN. Io non sento nulla!...

VOCI. Al saccheggio! al saccheggio!

CLIS. Li avete intesi adesso?...

EN. Sì... qualche cosa mi sembra di aver inteso... Basta!... cerchiamo
se è ancora possibile... (_squillo di trombe interne_). Che vorrà dire
questo suono?... Forse la regina col suo corteggio.... Presto! adunate
la mia gente... Promettete che fra due minuti verrà loro servita
una splendida colazione. (_Meronte, Clissandro, Ippanto conducono i
Troiani.—La porta laterale, che mette agli appartamenti della regina,
si apre_).


SCENA OTTAVA.

_Due trombettieri—il_ PREFETTO _corte, i_ MINISTRI _di Didone,_
DEPUTATI _e_ SENATORI, ufficiali—e detti.

_I trombettieri si fermano sulla porta ad intuonare una marcia;_ ENEA,
_dopo aver richiamato intorno a sè i suoi ministri_ ACATE, CLISSANDRO,
IPPANTO _e_ MERONTE, _si inchina fino a terra. I seguaci di_ ENEA _non
cessano di far rumore, si danno degli spintoni per farsi innanzi,
mentre il loro condottiero, colle mani dietro la schiena, fa dei gesti
per imporre la calma._

PREF. In nome della regina Dido, salvete, o illustri Troiani!

ENEA _(inchinandosi fino a terra)_. Eneas troianus prenceps gratias
agit vobis quamplurimas!

PREF. Mi spiace di non poter comprendere la vostra bellissima lingua, e
più ancora mi duole di non poter esprimere nel vostro gentile idioma il
graziosissimo invito di Sua Maestà la regina... la quale vi fa offrire,
pel mio labbro, una piccola refezione di pane e salame in altra delle
sue cucine. _(Gran movimento nelle file dei Troiani. Enea, colle mani
dietro la schiena, non cessa di far dei gesti per tenerli in freno)_.

EN. Vi sono delle offerte che sempre suonano accette e graditissime in
qualunque idioma esse vengano espresse... Tanto io, come questi miei
prodi colleghi siamo oltremodo commossi e riconoscenti alla magnanima
regina di Cartagine delle sue splendide esibizioni... Ma pure... Ahi,
lassi!... Noi siamo esuli, siamo emigrati, non rivedremo più mai la
patria diletta, condannati ad errare di terra in terra in cerca di
un punto solido per fondarvi il nuovo regno d’Italia. Emigrati!...
Il dolore è il nostro pane, le lacrime sono la nostra bevanda.... e
nessuno di noi oserebbe portare al labbro alcun cibo... _(volgendosi ai
Troiani che battono i piedi e ringhiano sinistramente)_. Comprendo la
vostra opposizione, illustri colleglli!... Voi mi ammonite che sarebbe
un far torto alla generosa, alla disinteressata cortesia della nostra
ospite regale, rifiutando le sue grazie... Accettiamo dunque ciò che
liberalmente ci viene offerto... _(volgendosi di nuovo al Prefetto)_
Eccellentissimo signor Prefetto di palazzo, noi siamo agli ordini
vostri. Favorite indicarci la strada più breve... _(si accorge che
tutti i suoi uomini si urtano per uscire dalla porta di mezzo)_ Quei
bricconi hanno indovinato la porta della cucina!... L’appetito aguzza
l’odorato... _(inchinandosi al Prefetto_) Bisogna che io mi affretti a
seguirli (e facciano gl’immortali che io giunga in tempo!)

(_Enea si apre il passaggio a spintoni, ed esce per la porta di mezzo.
Il Prefetto si ritira_).


SCENA NONA.

MINISTRI—SENATORI—DEPUTATI.

MIN. FIN. (_offrendo tabacco ai suoi colleghi_). Una refezione così
lauta a circa quattrocento individui!... Questa nuova spesa dello
Stato mi autorizza... anzi mi obbliga ad aprire un nuovo prestito—ed
io lo farò votare non più tardi di domani.—Siete voi disposti ad
appoggiarmi, onorevoli amici? (_Si formano vari crocchi. I Deputati si
tirano l’un l’altro per le code dei frak—si parlano all’orecchio—ed
escono dalla sala. Il Ministro delle finanze sogghigna sotto i baffi,
e tirando una gran presa di tabacco, soggiunge a bassa voce_:)
Voteranno... Li faremo votare.... Nei prestiti, c’è da far bene per
tutti... Come vivrebbero i deputati se non ci fossero i prestiti?
(escono).

CALA IL SIPARIO.



ATTO SECONDO.


GRAN SALA DELLE CARIATIDI

_Tre porte. Due troni, l’uno a destra, l’altro a sinistra. Vari
sgabelli in giro. Nel mezzo della scena, fra i due troni, un_ tabouret
_con cuscini.—In fondo della sala un_ buffet _lautamente imbandito di
pasticcini, gelati, pezzi duri, ecc., ecc._


SCENA PRIMA.

CUPIDO _entra in scena armato di varii dardi, e si pone a sedere sovra
una tavola cantarellando_.

  I. Io sono il bel Cupido,
       Il nume dell’amor;
       Figlio son io di Venere,
       M’è ignoto il genitor.
     V’è alcun che può conoscere
       Il vero suo papà?...
       Mia madre era sensibile...
       Di tutti avea pietà.
               Lalarà—lalarà.

  II. Di scendere a Cartagine
        Giunone mi ha ordinato;
        Enea co’ suoi famelici
        Troiani è qui arrivato;
      Vuole l’amabil Dea
        Che quel briccon di Enea
        E la regina vedova
        Delirino d’amor.
      Quand’ella passerà,
        La freccia scoccherò;
        Se una non basterà,
        Venti ne scaglierò,
        Così quel sen grassissimo.
        Forse trapasserò.
          Mettiamci in breccia
          Coll’arco in mano...
          Ecco una freccia
          Che andrà lontano...
 (_guarda verso la galleria_)

        Ella si appressa...
        È proprio dessa...
           Larà—Larà!
        Questa per certo
        La colpirà.

 (_tira il colpo e fugge_).


SCENA SECONDA.

DIDONE, ANNA, CLIVIA, BERTA, _il_ PREFETTO, _il_ QUESTORE, _i_
MINISTRI, _Dame, Damigelle, Paggi e Guardie._

DIDONE _(avanzandosi e salendo i gradini del trono)_. I nobili Troiani
vengano tosto introdotti! _(da sè)_ Che vorrà dire, sommi Dei, questo
tremito che mi invade le membra? _(siede sul trono)_.

ANNA. Mia sorella ha cambiato di colore... Non vorrei ch’ella fosse
innamorata del mio biondo... _(siede a lato di Didone)_.

DID. _(alle Dame)_. Ciascuna prenda il suo posto... il momento è
decisivo... Mostriamo a questi illustri e sventurati eroi...


SCENA TERZA.

ENEA, ACATE, MERONTE, IPPANTO, CLISSANDRO _ed altri Troiani_. ASCANIO
_condotto dalla nutrice si ferma presso al_ buffet _nel fondo della
sala. I suddetti_.

ENEA. Eccoci, illustre Dido, ai piedi tuoi _(si inchina davanti a
Didone)_.

DIDONE. Alzatevi, illustre troiano... Non vi prenda soggezione... non
facciamo complimenti fra noi... _(da sè)_ Per Giove! non so più quello
che io mi dica...

ENEA. Proseguite, o regina...

DID. Se i giornali della sera non hanno mentito, voi dovete essere quel
nobile rampollo della regale famiglia di Anchise...

ENEA _(con voce acutissima)_. E qual è dunque la diva che può leggere
nel libro del mio cuore e penetrare di un solo sguardo nei reconditi
abissi della mia genealogia?... Voi l’avete detto: io sono pur troppo
uno dei cinquanta sventurati che si chiamarono figliuoli del non mai
giovane Anchise.

ANNA. Cinquanta figliuoli!... Dunque... l’illustre vostro padre?...

ENEA. Sì, gentildonna... Il mio inclito padre (o chi per lui) si è
compiaciuto di metter al mondo una cinquantina di rampolli...

DID. Perdonate alla mia curiosità di donna: nascevano tutti da una sola
madre quei vostri quarantanove fratelli?

ENEA. Tutti, o regina.

DID. Il caso è abbastanza singolare, Nei vostri paesi, le donne debbono
avere una costituzione di ferro.

ENEA. E gli uomini dei muscoli di acciaio...

DID. _(sottovoce)_. Muscoli di acciaio!... Qual differenza col mio
Sichéo!... _(a voce alta)_ Non potete immaginare quanto mi interessino
questi gloriosi particolari della vostra origine... Ma, dove sono i
vostri quarantanove fratelli? Voglio ben sperare che essi facciano
parte del vostro numeroso seguito.

ENEA. I miei fratelli!... i miei sessanta fratelli... Orrendo
sovvenire!... Essi perirono tutti quanti nell’incendio che consumò
la mia misera patria... Di questi settanta fratelli non me ne resta
che un solo.... il minore di tutti... _(volgendosi ad Ascanio)_ Dove
sei, Ascaniuccio?.... Avvicinati.... Ah! Lo vedete... egli non può
staccarsi dal _buffet (avvicinandosi ad Ascanio e traendolo per un
orecchio presso i gradini del trono)_ Vergogna! Leccare il piattello
delle confetture!... Fa il tuo dovere colla regina... _(sottovoce)_ non
dimenticare di consegnarle il bigliettino...

ASCANIO _(saltando sulle ginocchia di Didone)_. Oh la cara, la bella
signora!...

DID. _(accarezzando Ascanio)_. S’è mai veduto il più leggiadro
fanciullo?.... Che bella capigliatura!... che tinta rosea!... sembra un
amore..... Ah!... _(la regina mette un grido e porta la mano al seno)_.

ASC. _(staccandosi da Didone e correndo verso Enea)_. Ti pare, papà,
che io abbia fatto il mio colpo per benino?...

ANNA _(alle vicine)_. Quel bricconcello ha introdotto un bigliettino
nel corsetto di mia sorella. Senza dubbio una dichiarazione...

ENEA _(sottovoce ad Ascanio)_. Bravissimo! A suo tempo ti comprerò le
caramelle... _(Ascanio percorre i vari gruppi. Anna, Clivia, Rubinia e
le altre donne se lo prendono fra le braccia, ed egli porta in giro e
distribuisce biglietti d’amore)_.

DID. _(da sè)_. Quel fanciullo mi ha messo l’incendio nel petto... _(ad
Enea)_ Ma... a proposito di incendio... sareste voi tanto cortese...
sareste voi tanto amabile... o re dei Troiani... da voler raccontare
per filo e per segno... o se meglio vi pare, per segno e per filo...

ENEA _(da sè)_. Questa donna non ha più testa... _(a voce alta)_ Ah!
voi sareste tanto buona....—che dico?—tanto paziente, da porgere
orecchio alla istoria luttuosa della mia misera patria?...

DID. Credo che questo mio desiderio sia vivamente condiviso dalle
mie dame, dai miei onorevoli ministri, da quanti si trovano qui
presenti—non è vero?... _(rumori diversi)_ Compiacetevi di sedere,
o illustre Enea _(additandogli il tabouret che sta nel mezzo della
sala)_; quello sgabello è destinato a voi... I vostri non meno illustri
compagni scelgano il posto che loro torna più comodo...

TROIANI. Avviciniamoci al _buffet_.

_(Si formano varii gruppi. Enea siede nel messo della scena, volgendo
la fronte alla Regina. I Troiani vanno nel fondo della sala, presso
il buffet. Ascanio continua a girare fra le dame che a loro volta gli
consegnano dei bigliettini da trasmettersi a questi o a quelli)_.

ENEA _(solleva colla mano i capelli, si percuote la fronte per adunare
le proprie reminiscenze, indi prorompe con enfasi)_. Infandum, regina,
jubes renovare dolorem.

DID. Illustre Enea.... perdonatemi... ma questo linguaggio mi riesce un
po’ duro.

ENEA. Compatite... Senza avvedermene... io adoperava una lingua a voi
affatto straniera... la lingua dell’avvenire...

DID. Preferisco il vostro facile e melodioso dialetto.

ENEA. Voi già avrete letto nei giornali, o illustre regina, come dopo
dieci anni di assedio, i perfidi greci, sotto pretesto di offrire a’
miei concittadini un pegno di conciliazione, per una breccia praticata
nelle mura, introducessero in Troia un cavallo di legno, nel cui ventre
smisurato stavano rinchiusi non meno di mille individui armati ed
equigaggiati di tutto punto.

VOCI DIVERSE. Bam! boum! piff! puff!

ENEA _(da sè, trasalendo)_. L’avrei forse sparata troppo grossa?

DID., LE DONNE. In un ventre mille armati!

UOMINI _(l’uno all’altro sottovoce)_.
        Ti te credet?—Hin tutt ball! _(a Enea)_
        Va pur là—cúntela ai frati,
        La tua storia del cavall!

ENEA _(alzandosi)_.

  Se continua il mormorio,
  Troncherò la narrazione...

DID. _(colla massima vivacità)_

Fermi... olà... silenzio... o ch’io...

PREF. Non avete educazione...

QUEST. L’orator non disturbate...

DONNE. Proseguite... terminate!...

UOMINI _(ad Enea ironicamente)_ Séttet giò—fa minga el ciall!... Tira
innanz con i tò ball!

ENEA _(torna a sedere e ripiglia la narrazione)_. A quale scopo
venisse dai nostri nemici introdotto nella città un cavallo così
smisurato... e capace di contenere nel suo grembo non meno di...
quattrocento guerrieri armati dal capo alle piante, è cosa assai facile
a indovinarsi...

UOMINI. Quattrocento!... e non erano mille?

ENEA. Ciò che a voi tutti recherà maggiore meraviglia gli è che nessuno
de’ miei intelligenti e astuti concittadini si avvide del pericolo,
nessuno ebbe sospetto della trama, e un povero diavolo di giornalista,
il quale si era permesso spargere sul conto dei nostri nemici qualche
insinuazione maligna, venne accolto a fischiate e più tardi fatto in
pezzi dalla moltitudine. Dietro un tale esempio, la stampa indipendente
ed onesta di Troia non ebbe che una voce per approvare ed encomiare
l’operato dei Greci.

PREF. _(da sè a mezza voce)_. Conosco il sistema della stampa onesta e
indipendente...

ENEA _(volgendosi al Prefetto)_. In tutti i paesi si assomiglia. Stampa
indipendente e onesta è quella che non si vende, ma viceversa poi, si
lascia comperare da chi le offre il miglior partito.

DID. Proseguite senza interruzioni, nobile troiano. La vostra facondia
mi commuove...

ENEA. I duecento traditori, rinchiusi nell’enorme ventraja...

CORO. Dapprima erano mille...
      Poi, furon quattrocento...
      Ed or—nuovo miracolo!
      Divennero duecento...

DID. Zitti! silenzio... o ch’io...

PREF. Dov’è l’educazione?...

ENEA _(alzandosi)_

      Con questo mormorìo
      Non posso proseguir.

QUESTORE _(minaccioso)_

      Se più lo disturbate...

DID. _(a Enea)_

      Da bravo, terminate...

CORO.

      Enea; fa minga el ciall!
      Va innanz con i tò ball!

ENEA _(sedendo)_. Come dunque vi dicevo, i cento cinquanta Danai
rinchiusi nel cavallo attendevano le tenebre per dare effetto al loro
scellerato stratagemma. Al sorgere della notte...

_(squillo di trombe)_

TUTTI. Qual fragore! che sarà?...
       Minacciata è la città...

VOCI LONTANE.

       Viva Jarba imperator...
       La sua barba fa terror...

DID. _(alzandosi vivamente)_ Accorrete... accorrete... Questi lugubri
suoni anunziano l’arrivo del feroce imperatore, che, superbo della sua
lunga barba e del suo immenso potere, osò concepire l’assurdo pensiero
di rendermi spergiura alle ceneri del mio defunto Sichéo... Muovetegli
incontro; arrestate, se è possibile, la sua marcia impetuosa... Ditegli
che due lunghi giorni di vedovanza non hanno ancora cancellata dal mio
cuore la imagine cara di un uomo, il quale, se non era il più giovane
e il più ardente dei mariti, era pur sempre il più mite e il più
condiscendente dei re costituzionali.

_(Tutti escono dalla sala, ad eccezione dei Troiani, i quali sembrano
esitare ad allontanarsi dal buffet)_.

ENEA. Acate... miei fidi Troiani.... non avete udito gli ordini
della regina?.... Uscite.... Accorrete incontro allo sconsigliato
filibustiere che ardisce disturbare la pace della vostra e mia
regina... Ordinategli di prender tosto il cammino di viceversa, e in
caso che egli resista... fate uso moderato e prudente delle vostre armi
di precisione.

_(Enea spinge i Troiani ad uscire e quindi si arresta in disparte)_.

DID. Tutti sono partiti... Profittiamo della solitudine per leggere
questo biglietto incendiario che il bel troiano mi ha insinuato tra il
corsetto e la ciccia a mezzo del suo intelligente fratellino.

_(Cava dal corsetto un biglietto e legge)_.

«Io vi amo, regina.... fissatemi un luogo... un’ora... dove io possa
trovarmi da solo a sola con voi... (è spiccio questo troiano!) Gli
Dei hanno stabilito che io debba andare pellegrinando sulla terra e
sui mari, finchè non abbia trovato un punto geografico qualunque per
piantarvi l’Italia.—Voi non avete che a proferire una parola, ed
io, coll’aiuto vostro, pianterò l’Italia in questa medesima reggia,
sui gradini del vostro trono. Spero di essermi spiegato abbastanza,
od almeno mi lusingo che voi mi abbiate compreso. Attendo un cenno
della M. V., della quale mi dichiaro fin d’ora: _devotissimo suddito e
impazientissimo amante_

                                  ENEA DEGLI ANCHISI
                                   Emigrato troiano
                            e Re d’Italia in aspettativa.»

_(baciando il biglietto)_ Se questo non è il linguaggio della
passione... Ah! nessuno... nemmeno il mio primo innamorato.... il
parrucchiere della regina madre.... seppe mai indirizzarmi parole
così acute e penetranti... Tutto ben considerato, sarebbe una follia
perdere il tempo... Enea... mio caro... mio amatissimo Enea.... abbiti
questi baci in anticipazione... _(baciando più volte il biglietto)_ e
il rimanente... al più presto possibile.

ENEA _(accorrendo e gettandosi ai piedi della regina)_ E debbo... e
posso credere?...

DID. _(vivamente)_. Alzatevi, sciagurato! Voi meritereste...

ENEA. Didone... bella Didone... Se i miei occhi non mi hanno
ingannato... io vi ho veduta baciare con trasporto quel biglietto...

DID. _(severamente)_ E oseresti... supporre!... _(da sè)_ Venere
santa... gli ho dato del tu senza avvedermene.... Ed ora come si
rimedia?

ENEA _(stringendo i piedi di Didone che vorrebbe alzarsi e obbligandola
a trattenersi sul trono)_ Oramai la parola ti è sfuggita. Io ho
sentito dalle tue belle labbra scoccare quel _tu_, che simile al
turacciolo progettato da una bottiglia di birra, rappresenta la
fermentazione irrepressibile di un cuore innamorato...

VOCI _(più vicine)_ Viva Jarba imperator!

DID. Enea: vuoi tu lasciar in pace i miei stivaletti?... Non odi quelle
vOci... il fragor di quelle trombe?...

ENEA. No, non ti lascio... Esalerò la mia anima su questi odorosi
sandalettì di bulgaro, a meno che io non ti oda proferire quella
desiderata parola...

VOCI _(più vicine)_. La sua barba fa terror!

DID. _(colla più viva agitazione)_ Alzati... Ebbene: sì,
scellerato—sì, troiano birbone—io ti amo... io ti adoro... Ma ora,
come faremo noi a disfarci di questo stupido e prepotente signore dei
Mori che ha giurato, o viva o morta, di possedermi?

ENEA. Amore ci darà le armi per combatterlo... Noi... lo ammazzeremo...

DID. Ammazzarlo! quale imprudenza!... No... Enea.... io non permetterò
giammai che dentro la mia reggia venga sparso del sangue.

ENEA. E credi tu, regina, che per ammazzare un uomo, sia proprio
necessario di ricorrere al salasso? Lasciami fare, Didone.... Avvi
un’ arma invisibile ad occhio nudo ma più potente delle catapulte e
delle freccie avvelenate.... Un’arma.... che serve? Quando io l’avrò
nominata, non tarderai un istante a comprendere ciò che essa possa
operare di micidiale, senza lasciare veruna traccia. Tu hai già capito,
o regina, che l’arma cui voglio alludere, è quella del ridicolo. Sei tu
disposta ad assecondarmi?

DID. Il ridicolo!... ma io...

ENEA. Innanzi tutto tu devi accogliere quello stupido imperatore coi
segni della più glaciale indifferenza...

DID. Nulla di più facile: e poi?...

ENEA. Non rivolgergli mai una parola... non degnarlo di uno sguardo...

DID. Anche questo è facilissimo. E poi?

ENEA. E poi.... Al resto penserò io, mia gatta... _(baciandole con
passione l’avambraccio)_.

DID. Mia gatta!... non ti capisco.... Che vuoi tu dire con questa
bizzarra espressione?

ENEA. Gli è un vezzeggiativo d’amore che si usa fra noi troiani...
Ma silenzio!... riprendiamo la nostra posa solenne. L’imperatore si
avanza—fingiamo di non vederlo.

_(Enea si pone a sedere, come poco dianzi, nel mezzo della scena)_.


SCENA TERZA.

_Tutti i personaggi che erano nella sala al principio della scena
precedente, rientrano e introducono_ JARBA _re dei Mori, accompagnato
da numeroso seguito. Il_ PREFETTO _indica_ a JARBA _il trono che
sorge dirimpetto a quello della_ REGINA.—ORBECH _distribuisce delle
svanziche ai Cartaginesi ed ai Troiani._ JARBA, _nel salire i gradini
del trono, si trova impacciato dalla sua lunga barba, che gli viene più
volte sotto i piedi._

CORO.

  Al sommo Jarba—gloria ed onore...
  Quanta ricchezza! quanto splendore!
  Miglior marito—bella Didone,
  Prence più nobile—di lui non v’ha.
  Ah! se tu perdi quest’occasione...
  La truppa e il popolo—insorgerà.

DID. _(ad Enea, dopo aver rivolto a Jarba un freddo saluto)_ Tu dicevi
dunque... voi dicevate... mio nobile degli Anchisi... Voi dicevate
che i perfidi Greci, dopo aver introdotto nella città un colossale
cavallo...

ENEA. Attendevano, rinchiusi nella enorme ventraia, di dar esecuzione
col favor delle tenebre al loro iniquo disegno. Infatti, non appena i
Troiani si furono ritirati nelle loro case per riposarsi dalle fatiche
del giorno; quando la notte ebbe steso sui palazzi superbi e sugli
umili tugurii il suo nero mantello, quegli infami sbucarono tacitamente
dal nascondiglio, e spargendosi nelle vie, appiccarono il fuoco, senza
che alcuno s’avvedesse, ai principali stabilimenti della città...

JARBA _(ridendo forte)_. Ah! Ah!... Mi affér letto questa istoria...
Ah! Ah!...

ENEA _(volgendosi bruscamente a Jarba)_. Chi ardisce ridere quando
io favello?... ah... siete voi... Maestà!... Perdonate alla mia
franchezza; ma mi pare che, malgrado l’origine principesca dei vostri
natali, malgrado il titolo di Imperatore che portate, non so quanto
legittimamente, dovreste aver letto nel Galateo che l’interrompere chi
parla, e ciò ch’è peggio, ridere sguaiatamente per un serio racconto, è
atto villano, scortese e temerario.

JARBA _(ridendo a crepapelle)_. Ah! ah! Ti foler mi star serio!... E ti
mi foler far cretere che ti notte troiana non fedér fuoco?...

DID. Avanti, illustre Enea!...

TUTTI _(gridando confusamente)_.

      No! no! ci spieghi un poco...
      Come fra quelle tenebre
      Nessuno ha visto il fuoco?
      Il caso è inverosimile...
      Qui c’è contraddizione...
      Enea è un imbroglione...

ENEA _(alzandosi impetuosamente)_.

      Tutto vi spiegherò...

DID.  La vostra narrazione
      Compite...

TUTTI. Basta! no!...
_(Tumulto, grida generali; Didone, Enea e Jarba, ciascuno a loro
volta, fanno dei gesti per imporre silenzio all’adunanza. Alla fine,
calmato il baccano, Enea si asside e ripiglia il discorso)_.

ENEA. Oggimai, poichè le cose sono giunte a tale che l’autorità della
mia parola non basta a rassicurare pienamente gli animi irritati
dalle gare e dalle passioni di partito; e vedendo altresì che i dubbi
suscitati _(additando Jarba che non cessa di ridere)_ dall’augusto
monarca qui presente, non derivano che dall’ignoranza completa dei
meccanismi stupendi, pei quali ai dì nostri si può creare la luce; non
mi resta, per convincervi d’un solo tratto, che a mostrarvi questo
involto _(cava dalla giberna una scatoletta di zolfanelli)_, dove
stanno rinchiusi non meno di duecento fiammiferi fulminanti. _(Levando
uno zolfanello dalla scatola)_. Vedete voi questo fuscellino di legno,
quasi impercettibile all’occhio, e leggiero come una pagliuzza?...
Ebbene: non avete che a confricarlo leggermente sulla scatoletta, sulle
vostre vesti, sulla muraglia, perchè ne divampi con subito scoppiettio
una fiammella vivacissima, atta a suscitare inestinguibili incendii. Se
volete, o signori, che io ne faccia subito l’esperimento...

ALCUNI. Sì... sì... vediamo!

ALTRI.  Non ci fidiamo...

DID.    Lasciamo fare...

JARBA.  Mi... mi... poffare! _(si alza, e strappa di mano ad Enea la
scatola dei fiammiferi)_.

ENEA _(sottovoce a Didone)_.

        Stiamo a vedere...
        Si riderà...

JARBA _(ad Enea con un zolfanello alla mano)_.

        Ti far fedére
        Come si fa...

TUTTI.

        Attenti! attenti!
        Che mai sarà?

_(Jarba, seguendo le indicazioni di Enea, si pone con incredibile
pacatezza a confricare lo zolfanello sulla scatoletta. Tutti gli
sguardi sono rivolti a lui. Breve silenzio. Dopo due o tre prove, lo
zolfanello divampa e mette fuoco alla folta barba dell’imperatore)_.

TUTTI _(allontanandosi da Jarba con un grido di spavento)_.

      Per Giove massimo!
      Al fuoco! al fuoco!
      Presto... le macchine!
      Pompieri... olà!

JARBA _(rovesciandosi sui gradini del trono colla barba in fiamme)_.

      Maletettissimo!...
      Al fuoco! al fuoco!
      Presto... le macchine!
      Pompieri... olà!

ENEA _(a Didone prendendola pel braccio)_.

      Dimmi in qual’ora...
      Dimmi in qual loco...
      Ti saría comodo?

DID.  Fuggiam di qua,..

POMPIERI _(accorrendo colle macchine e dirigendo le pompe verso Jarba)_.

      In men d’un’ora,
      O illustre Jarba,
      La vostra barba
      Si spegnerà.

_(Le pompe schizzano acqua contro il viso di Jarba. Didone ed Enea si
allontanano abbracciati. Anna dà il braccio ad Acate. Clivia e le altre
damigelle si afferrano al braccio di Meronte, d’Ippanto e d’altri.
Frattanto alcuni Troiani, profittando dello scompiglio, intascano
destramente le posate e i candellieri che stanno sul buffet._

_Il Prefetto ed il Questore si fermano sulla porta per animare i
pompieri. Orbech sarà scomparso al primo grido dell’imperatore)_.


CALA IL SIPARIO.



ATTO TERZO


SCENA PRIMA.

_Atrio nella Reggia di Didone_.

DIDONE _in abito da caccia, il_ MINISTRO _delle finanze, il_ PREFETTO.

DID. Insomma, pensateci voi... Vi hanno dei doveri internazionali
che debbono essere rispettati da qualunque governo civile; fra
questi io pongo in prima linea il dovere dell’ospitalità. Non sia
detto che dai nostri liberi Stati venisse respinta questa illustre
falange di emigrati politici, i quali non sono rei d’altro delitto,
fuorchè di aver veduto la loro patria consumarsi in un incendio. È
dunque necessario che il Parlamento decreti una somma speciale pel
mantenimento dell’emigrazione troiana. Voglio che a ciascun emigrato
si assegni un sussidio mensile in ragione della nascita, dei titoli,
dei gradi, delle cariche civili e militari. Io sono d’avviso che un
buon prestito di cinquecento milioni provvederà sufficientemente alla
bisogna. Che ne dite, onorevole ministro delle finanze?

MIN. La Maestà Vostra non deve ignorare che ogni qualvolta
un’operazione finanziaria di tal genere incontrò nel paese delle serie
difficoltà, queste non partirono mai dal suo gabinetto. Non oserò
però dissimulare all’Altezza Vostra che da alcun tempo l’opposizione
si è molto rinvigorita alla Camera, e vi è a temere che la misura
di stanziare una somma per sussidio dell’emigrazione troiana abbia
ad essere respinta non solamente dalla sinistra, ma anche dal terzo
partito.

PREF. Sicuramente. Il terzo partito è forte...

DID. Voi pure, onorevole Prefetto, siete d’avviso che la proposta non
incontrerebbe l’approvazione della maggioranza?

PREF. Ho detto che il terzo partito è forte...

MIN. La sinistra è compatta...

DID. La sinistra!... Il terzo partito! Mi fate ridere, onorevoli amici.
Sarà dunque vero che io... io donna inesperta e quasi esordiente
alla vita politica, debba spiegare a voi i meccanismi segreti del
sistema costituzionale, e insegnarvi in qual modo si formino alla
Camera le maggioranze? I deputati della sinistra vi fanno paura...
Ma non avete ancora capito che la più parte di questi signori non
attendono, non vagheggiano che una occasione favorevole per passare
alla destra con armi e bagaglio? Gli uomini del partito governativo
per essi sono gente venduta; ogni qualvolta la maggioranza vota in
nostro favore, i sinistri esclamano alla corruzione... Non vi pare che
con questa maniera di linguaggio essi vi dicano apertamente: signori
ministri, lasciate correre qualche spicciolo e saremo con voi?... Ho
assistito qualche volta dalla tribuna reale alle sedute della Camera;
e sempre, quando intesi un deputato dell’opposizione apostrofare un
onorevole della destra col titolo di _venduto_ e di _corrotto_, negli
sguardi dell’oratore, nella concitazione dei gesti, nell’enfasi delle
declamazioni mi parve leggere questo segreto concetto: non vi ha dunque
nessuno, proprio nessuno che finalmente mi usi la buona grazia di
_comperarmi_!

MIN. Ah! Regina! non credo adularvi asserendo che in questo momento voi
siete all’altezza della situazione...

PREF. Che l’ombra del vostro augusto consorte mi perdoni, se io non
esito a proclamare che mentre a quell’ottimo Re noi dobbiamo saper
grado dello Statuto accordatoci, voi prima, voi sola ci avete insegnato
ad interpretarlo e ad applicarlo in maniera che desso riesca a vero
vantaggio del paese.

DID. Dunque?...

MIN. S’è capito...

PREF. Lasciate fare, regina...

DID. Quanti sono i deputati della destra?

MIN. Centoventuno.

DID. Quelli di sinistra... e del terzo partito?

MIN. Centoventisette...

DID. Bisogna, perchè passi la legge, assicurarsi un’altra trentina
di voti... Mi avete inteso? Convien comperare... e corrompere; e gli
uomini da comperare e da corrompere, voi sapete oramai dove si trovano.
Solamente vi raccomando di dare la preferenza ai più spiantati, i quali
costano meno, ed hanno anche (bisogna esser giusti) un certo diritto di
precedere i colleghi.

_(squillo di corni)_

PREF. Regina... i corni hanno dato il segnale della caccia...

DID. Addio, ministro... A rivederci, onorevole Prefetto... Voi mi
raggiungerete più tardi... Se Jarba domanda di me, ditegli che per
tutta la giornata sarò invisibile. La festa d’oggi vuoi esser tutta
dedicata all’illustre degli Anchisi ed ai nobili suoi seguaci. Se
quel superbo e brutale imperatore se ne immischiasse, potrebbero
nascere tali agitazioni e tumulti da mettere in fuga la selvaggina e
compromettere l’ordine materiale del paese.

MIN. Vi auguro buona caccia... Ma ho paura che con questo maledetto
scirocco gli uccelli non si levino...

PREF. La regina non ha che a presentarsi... a muovere uno sguardo...

DID. _(che si sarà affacciata alla finestra)_. Enea monta a cavallo...
Aspettatemi... Aspetta, tesoro... _(esce rapidamente)_.

PREF. _(da sè allontanandosi)_ Pazza... per quel troiano... maledetto...

MIN. _(da sè)_ Bisogna spacciare quel troiano, o il paese è perduto
_(esce)_.


SCENA SECONDA.

_Fitta boscaglia.—A destra una grotta._—GIOVE _trasformato in pavone
si avanza cantarellando._

  Io sono il padre Giove
    Del gran Saturno figlio,
    Che l’universo muove
    Coll’aggrottar del ciglio;
  Dei Numi io sono il principe,
    Padron delle saette,
    Coll’occhio mio fulmineo
    Friggo le cotolette,
  Mando quaggiù il diluvio
    Quando dal cielo io sputo,
    Fo con un mio starnuto
    L’Olimpo traballar.
  E ardisce una pettegola
    Opporsi alle mie voglie?
    Dovrò subir l’imperio
    D’una aggrinzita moglie,
    E del gran regno italico
    I fati ritardar?...
  Vien gente—su quel frassino
    Poniamci ad esplorar.

_(vola in cima a un frassino)_


SCENA TERZA.

GIUNONE _in abito da_ puff _con un berretto frigio sulla testa._ EURO,
EOLO _in abito da gesuiti._—GIOVE _sulla pianta._


GIUN.   Qui nessuno ci ascolta...

TUTTI.                 Cospiriamo!
        Per chi nel mondo
        Nulla sa far,
        Non v’è mestier più comodo e giocondo
        Che il cospirar.
        Sì: cospiriamo:
        Noi siamo nati,
        Siamo pagati
        Per cospirar!

GIUNONE.

        Di che si tratta—voi ben sapete,
        Qual è il mio scopo—già conoscete...

I VENTI.

        Nulla sappiamo—non comprendiamo...
        Ma nati siamo—per cospirar.

GIUNONE _(distribuendo dei soffietti)_.

        Doman con questi mantici
          Sul mondo soffierete,
          Pioggia, saette, grandine,
          Dal ciel provocherete:
          Sicchè qual salce pieghisi
          Il tronco più gagliardo,
          E in cima al San Bernardo
          Levi suoi flutti il mar.

I VENTI _(provano i soffietti, e quindi li depongono ai piedi
dell’albero)_.

          Da questi mantici
            Noi soffieremo,
            Sconvolgeremo
            La terra e il mar;
            Noi siamo nati,
            Siamo pagati
            Sol per sconvolgere,
            Per disturbar.

GIUN. Questi soffietti vanno a meraviglia... Vedete: solamente col
farne la prova avete già suscitato un temporale che, a dir vero, non
combina gran fatto colle mie vedute politiche... Riprendete quegli
strumenti, e procacciate, con due o tre soffi, di mandar via quelle
nuvole opache che ci stanno sulla testa...

_(Durante le parole di Giunone, Giove sarà disceso rapidamente dal
frassino, e avrà, con due colpi di becco, strappate le linguette ai due
soffietti)_.

EOLO _(soffiando)_. Cribbio! la macchina è guasta...

EURO _(c. s.)_. Chi mai ha portato via la linguetta di corame...?

_(scroscio di tuono)_

GIUN. Imbecilli! non vi resta dunque più fiato nei polmoni?
Soffiate.... soffiate dalla bocca... finchè siamo ancora in tempo...
Per nonno Saturno, già la pioggia incomincia... Fate presto, vi dico!
_(si volge per cercare Eolo ed Euro, ma questi sono fuggiti)_ Ah!
mascalzoni!... sempre così!... Fin quando non vi è pericolo, sfidano
terra e cielo; al primo scroscio di temporale, chi si è visto, si è
visto... _(correndo sotto la pioggia e chiamando a gran voce:)_ Euro!
Eolo! feccia di bricconi... che Giove vi fulmini per via! _(esce)_.

GIOVE _(sulla pianta)_. Ah! Ah! Vedete se quella Giunone mi vuoi bene!
Io debbo a lei, a lei sola, se questo improvviso temporale viene ad
affrettare il compimento dei miei disegni. Didone ed Enea verranno a
ricoverarsi in quella grotta... e siccome da cosa nasce cosa, vale
a dire:—dalla possessione nasce il disgusto... _ergo_... _ergo_...
_quapropter_... sono un Dio... «Intendami chi può che m’intend’io.»

_(si nasconde fra i rami)_.


SCENA QUARTA.

ENEA _e_ DIDONE _che si avanzano sotto un ombrello di tela cerata.—Il
temporale imperversa._

ENEA. Affrettiamoci verso la reggia... La pioggia è così dannata, che
non vi è ombrello il quale possa difenderci...

DID. Tornare dalla caccia senza aver preso un uccello... Ciò non mi è
mai accaduto. Ti confesso, diletto Enea, che il mio amor proprio di
donna e di regina ne soffre maledettamente...

ENEA. Credete... regina... Con questa acqua, con questo vento...

DID. Oh! che vedo? Una grotta! Se entrassimo là dentro... Che te ne
pare?...

ENEA. Non posso astenermi dal farvi riflettere che le grotte sono
ordinariamente ricettacolo di belve e di serpenti...

CID. _(con voce carezzante)_ In quella grotta non ci sono belve... Io
l’ho visitata più volte in ottima compagnia, e ti assicuro che se vi
ho trovato dei serpenti a sonaglio, questi non mi hanno procurato che
delle distrazioni gradevolissime...

ENEA. (Questa donna è sopracarica di elettricità...)

DID. Vieni dunque!...

ENEA. Entriamo!... _(facendo dei complimenti sull’ingresso della
grotta)_. Maestà... precedetemi...

DID. _(saltandogli al collo e traendolo seco)_ Lasciamo i
complimenti.—In presenza di un temporale, ogni disuguaglianza
sparisce...

_(Giove, annoiato di attendere, soffia dal naso uno starnuto, che
produce il rombo del tuono. Enea e Didone si precipitano nella
grotta)_.


SCENA QUINTA.

ACATE _indi_ ENEA.

ACATE _(venendo da sinistra)_. Queste cartaginesi sono insaziabili.
Lode a Giove, son riuscito a liberarmi dalla principessa Anna e a
rinviarla alla reggia. Buon per me che la grandine è venuta in mio
soccorso, traforandomi l’ombrello. Numi immortali, che proteggete
l’Italia futura, operate qualche prodigio in favore dell’augusto mio
principe, ond’egli riesca a svincolarsi dalle panie amorose, in cui lo
tien stretto e avviluppato la regina. Frattanto, nella mia qualità di
_fido_, ho compartito gli ordini perchè tutti si tengano pronti alla
partenza. Il ministro della marina, al quale abilmente ho promesso la
croce di commendatore, ha messo a nostra disposizione uno dei più bei
navigli dello Stato.

ENEA _(uscendo dalla grotta)_. La pioggia è cessata... La regina
assopita in profondo letargo... Oh! chi vedo? Acate... il mio fido...

ACATE. Augusto sire, io andava in traccia di voi...

ENEA. A bassa voce, per carità!... La regina di Cartagine giace svenuta
in quella grotta... Converrà profittare del fausto accidente per
correre alle navi coi nostri, e sciogliere immediatamente le vele alla
volta d’Italia. Se debbo credere ad un sogno che ho fatto la scorsa
notte, i venti ci saranno propizii.


SCENA SESTA.

EOLO, EURO, ENEA, AGATE.

EOLO. Sì, noi siamo teco...

EURO. E per voler di Giove, disposti ad ogni tuo cenno.

ENEA. Qual è il vostro nome, o nobili amici?

EURO. Euro, a’ tuoi ordini.

EOLO. Eolo, per servirti, se al fratello non basterà il fiato...

ENEA. Venite, dunque!... E tu, fido Acate, rimani qui un breve istante
per tenere a bada la regina, nel caso ch’ella si destasse e chiedesse
di me... Se poi la tua fervida fantasia ti suggerisse qualche abile
strattagemma per liberarti più presto da questa seccatura, opra di tuo
senno. Ma... qual rumore! chi vedo!!! Jarba, il re moro, che si avanza
a gran passi, colla sciabola sguainata, e seguito da un drappello de’
suoi cosacchi... Per Giove! la nostra posizione si fa difficile... Qui
ci vuol del coraggio...

ACATE. Sì: ci vuol del coraggio! fuggite!...

ENEA. Ma se egli mi insegue...

ACATE. Fuggite, vi replico!

EOLO—EURO _(spiegando le ali)_. Sulle ali dei venti!

ENEA. Grazie, nobili amici, mi ero scordato...

_(Enea sale in groppa ai venti, che subito prendono il volo verso la
spiaggia)_.


SCENA SETTIMA.

JARBA, ACATE.—_Seguaci di Jarba_.

JARBA _(ad Acate)_. Affere visto brincipe troiano?

ACATE. Illustre re dei Mori, se voi intendete parlare dell’augusto
Enea, levate gli sguardi, miratelo, egli parte in questo istante sulle
ali dei venti.

JARBA. Toffe diretto?...

ACATE. Alle navi, dove fra poco io dovrei raggiungerlo. Stretto da
imperiose necessità, non ultima delle quali il desiderio vivissimo di
affrettare i fati d’Italia, egli mi esprimeva poco dianzi il più vivo
rammarico nel dover partire senza porgervi di persona gli attestati
della sua stima e della sua inalterabile benevolenza. L’Italia ha
bisogno di alleati, mi diceva, ed io contava assai su questo generoso e
illuminato monarca... Ma il tempo stringe; come vi ho detto, è d’uopo
ch’io non indugi un istante a raggiungere il mio principe. Degnatevi
dunque accogliere, o illustre Jarba, questa testimonianza palpabile
dell’alto concetto in che noi vi teniamo, il mio principe, il mio
popolo ed io, e sia questo un primo, indissolubile legame, che stringa
due sovrani creati per intendersi, e due nazioni sorelle _(sottovoce)_
create per... esecrarsi _(leva di tasca un astuccio e lo porge a
Jarba)_.

JARBA. Cossa star questo?

ACATE. Il gran collare della Denunziata...

JARBA _(al colmo dell’ira)_. Non statte cane io... Non metter collare...

ACATE _(da sè)_. Giove mi aiuti ad uscir dalle grinfe di questo
barbaro, che non intende ragione... _(forte ad Jarba)_ Ma non sapete,
augustissimo Jarba, che questa è una delle onorificenze più insigni che
un monarca possa conferire ad altro monarca? Non sapete che, mettendovi
al collo questo cordone dorato, voi diventate cugino del nostro re?

JARBA _(ruggendo colla schiuma alla bocca)_. State palle, palle, palle,
sempre palle troiane! _(volgendosi ai suoi)_ Impatronittevi ti questo
imbosture, che mi foler metter collare come cane intanto che l’altro
porta via pella Titone!

ACATE _(da sè)_. Quale idea luminosa! _(a Jarba)_ Ah! voi temete un
inganno! Voi diffidate del mio principe! Voi credete che un troiano di
sangue sia capace di un tradimento! Voi imaginate che il nomignolo di
_fido_ me le abbiano dato per burla! Volete saperlo, dove si trova in
questo momento la vostra Didone? Volete che io ve la metta in braccio?
Degnatevi, Maestà, di chinare l’augusto orecchio alla portata delle
mie umili labbra, ed io vi mostrerò di quali sacrifizii sia capace un
troiano per procacciare al futuro regno d’Italia delle alleanze solide
e durature.

JARBA _(avvicinandosi ad Acate)_. Foi dite che bella Tittone?...
_(Acate parla sommessamente all’orecchio di Jarba, che fa gli occhiacci
guardando verso la grotta)_.

VOCI LONTANE.

      Addio, mia bella, addio!
      La flotta se ne va...
      Se non partissi anch’io
      Sarebbe una viltà...

ACATE _(a Jarba)_. Entrate in punta di piedi.... La grotta è oscura....
non perdete un istante...

JARBA _(volgendosi ai suoi seguaci)_. Accompagnate troiano fino al
porto... Salutate tanto mio illustre cugino Enea... Tittegli che, fra
poco, se i Numi mi assistono, diferrò anche cognato _(Jarba entra nella
grotta)_.

ACATE _(ai soldati di Jarba)_. Mamalucchi, seguitemi!... Ah! voi
potete ben vantarvi di avere un monarca che si occupa seriamente della
felicità del suo popolo.


SCENA OTTAVA.

_La sala delle Cariatidi nel Palazzo Reale_.

_La principessa_ ANNA, BERTA, CLIVIA, RUBINIA, _suonatori che salgono
sovra una impalcatura, Comici, Corifei e Ballerine nel fondo della
scena. Il maggiordomo ed altri servi affaccendati._

ANNA _(alle damigelle che formano cerchio sul davanti della scena)_.
Comincio ad essere inquieta. Come avviene che la mia augusta sorella
non torna ancora dalla caccia, con un tempo così indiavolato? Spero
bene che qualcuno, o qualcuna, avrà pensato a mandarle un paracqua!

BERTA. Mah!

CLIVIA. Spero anch’io...

RUBINIA. Sicuramente.... si doveva pensare...

ANNA _(volgendosi al Maggiordomo)_. Dite un po’, maggiordomo: avete
pensato a mandare una dozzina di ombrelli nella foresta dove la regina
sta cacciando col nobile troiano?

MAGG. Si è pensato di fatto, ma nelle guardarobe reali non s’è trovato
più nè un paracqua, nè un parasole, nè un paravento... Pare che questi
illustri troiani...

ANNA _(con sdegno)_. Zitto là, imbecillone! Oseresti supporre?... _(con
qualche inquietudine)_ Ma quanto tardano a tornare?... Il biondo aveva
promesso di raggiungermi alla reggia entro dieci minuti _(consultando
l’orologio)_. Per bacco! in ritardo di mezz’ora!... Se i treni della
ferrovia non mi avessero abituata a tali inconvenienti, per Giove
comincerei ad inquietarmi... Si può ben perdonare al più tenero degli
amanti ciò che si tollera da una locomotiva a vapore _(va a passeggiare
nel fondo della scena)_.

BERTA _(sottovoce alle ancelle)_. Il mio morettino è andato ad
appiattarsi in cantina, dove io ho promesso di raggiungerlo appena
saranno cominciate le danze.

CLIVIA. Sono inquieta pel mio piccolo Ascanio...

RUBINIA. Saresti innamorata di quel monelluccio?

CLIVIA. Ciascuno ha i suoi gusti... Non darei il dito mignolo di
quell’amore per tutto ii vecchio carcame del tuo Mironte...

RUBINIA. Va pur là, che ti leccheresti le dita!... Mironte ha
promesso di sposarmi e di condurmi con lui in Italia... alla prossima
primavera... _(Rumori diversi nel fondo della scena.)_

BERTA. Cos’è accaduto?... Quale scompiglio! Qualche disgrazia... senza
dubbio...

CLIVIA. Il prefetto!

RUBINIA. I ministri!

BERTA. Il questore! _(Tutte si avviano verso il fondo della scena, dove
cresce l’agitazione)_.


SCENA ULTIMA.

_Il_ PREFETTO, _i_ MINISTRI, _il_ QUESTORE, _i suddetti, quindi_ JARBA,
ORBECH, DIDONE.—_Guardie_.—_Soldati._—GIOVE _ed altri Numi._

PREFETTO _(parlando sottovoce ai Ministri)_. Fra mezz’ora saranno
usciti dal porto. La trireme che loro avete fornita, era in buon stato?

MIN. DELLA MARINA. Non abbiamo nella nostra marina che una sola nave la
quale possa starle al paro, l’_Affondatore_.

PREF. Tanto meglio—il nostro piano riuscirà. Era tempo che ci
liberassimo da quei trojani. Frattanto vediamo di tener a bada queste
pettegole... Ma, a proposito, dov’è la regina?

I MIN. _(volgendosi ad Anna ed alle ancelle, che in punta di piedi si
sono avvicinate al crocchio per ascoltare)_. Dov’è la regina?... Dov’è
la regina?

ANNA. Secondo ogni probabilità, la mia augusta sorella si intrattiene
ancora alla caccia col principe trojano...

QUEST. Ma se il principe trojano...

PREF. _(al Questore mettendogli un piede su un callo)_. Vuoi star
zitto, testa d’oca! _(alle donne)_. Io divido pienamente l’argutissima
ipotesi della principessa preopinante. La regina dev’essere alla
caccia.

_(Rullo di tamburri.—Tutti accorrono verso il fondo delta scena.—In
questo mentre, Giove e Giunone appariscono seguiti da altri Numi, e si
intrattengono a cavalcioni di una nube all’altezza dei lampadari)_.

GIUNONE _(a, Giove, irritatissima)_. Cedo le armi—tu hai vinto. Ma
bada che questa vittoria ha segnato il principio della tua e della
nostra decadenza. Fra due o tre secoli me ne darai delle nuove... Ma tu
da qualche tempo non hai più occhi per vedere, nè orecchi per udire. Tu
invecchi orribilmente, tesoro mio.

GIOVE. Me ne consolo. Invecchiando si diventa venerabili.

GIUN. Dal venerabile all’imbecille non vi è che un passo.

ORB. _(che si porta sul davanti della scena circondato dai ministri,
dalle donne, ecc., ecc.)_ Sicuramente... Io ho avuto l’onore di
scortare alla nave il fido Acate, quello che dopo Enea, rappresenta il
pesce più grosso della nobile emigrazione trojana. Sono anche salito a
bordo per stringere la mano al principe. Egli mi ha stretto la mano,
e in benemerenza dell’alto servizio che io resi al suo fido, mi ha
fatto cavaliere. Poi mi ha detto di attendere un istante—entrò nella
cabina—e poco dopo ricomparve consegnandomi due lettere e questo
grosso rotolo che ho l’onore di presentare colle mie riverite mani
all’illustrissimo signor prefetto.

PREF. Consegnate _(osservando la soprascritta della lettera)_. Questa
per me, quest’altra per la regina... Leggiamo... quella della regina
_(si ritira in disparte, leggendo)_.

ANNA _(ad Orbech)_. Ho io ben inteso! Tu dici che il fido Acate...?

ORB. Imbarcato.

CLIVIA _(ad Orbech)_. Gli altri trojani...?

ORB. Imbarcati.

CLIVIA. Il mio biondino...?

ORB. Imbarcato...

_(Tutte le donne si affollano intorno ad Orbech, e dopo averlo
interrogato, escono dalla sala, strappandosi i capelli)_.

PREF. In verità... la prolungata assenza della regina comincia ad
inquietarmi.. Non vorrei che la troppo debole, o dirò meglio, troppo
fosforica sovrana fosse partita con quell’audace filibustiere per
collaborare con esso alla fondazione dell’Italia... _(colpo di
cannone)_.

QUEST. Ora che il cannone ha parlato, finalmente si può sciogliere la
lingua anche noi, I trojani sono usciti dal porto...

DID. Dov’è, dov’è il mio nobile trojano?

PREF. _(sottovoce ai ministri)_. Come ardiremo palesarle...?

I MIN. COL SILENZIO. _(Tutti assentiscono e rimangono mutoli)_.

DID. Ma... che vedo? Non una delle mie donne... Qual lugubre
silenzio!... Enea deve avermi preceduto di pochi passi... Egli era meco
poc’anzi nella grotta...

JARBA _(che sarà entrato e si terrà in disparte, dà in uno scroscio di
risa)_. Ah! Ah!

DID. _(volgendosi irritata)_. Chi ardisce ridere a me dinanzi?

JARBA _(sempre ridendo, senza avanzarsi)_. Non state dinanzi, regina,
non state dinanzi!

DID. _(dopo aver osservato)_. Ah! quell’imbecille di Jarba!...

PREF. _(ai Ministri che gli stanno intorno)_. Avete ragione. Pel nostro
e pel decoro della nazione è necessario che la regina esca subito
da questo equivoco. _(volgendosi a Didone)_ Regina: in nome dello
Statuto, degnate di assidervi per un istante sul vostro augusto trono,
e di porgere orecchio all’importante documento che io avrò l’onore di
leggervi.

DID. _(salendo i gradini del trono)_. In verità dopo tante scosse
morali non è sgradevole riposarsi alquanto sui velluti. Prefetto,
leggete; e qualora il documento fosse lungo, procurate di tagliar
corto. _(sottovoce)_ Sarà andato a cangiar d’abiti.

PREF. _(leggendo)_. L’Italia è una necessità geografica... Perchè il
mondo, necessariamente condotto dalla sua conformazione sferica e direi
quasi rotabile ad aggirarsi incessantemente sul suo perno, abbia un
giorno o l’altro a bilanciarsi in un solido equilibrio, è necessario...
_(colpo di cannone)_.

DID. _(balzando dal trono)_. Fulmine di Giove! Che è stato?...
Ministri! Questore! Carabinieri! Prefetti...! Accorrete! osservate!
riferite!—_(sottovoce, più inquieta che mai)_ Per essere un principe
trojano, mi pare che ei manchi un poco di civiltà. _(Gran tumulto nella
sala.)_

QUEST. _(che avrà guardato da un canocchiale, nella direzione del
porto)_. Per mille bombe! L’_Affondatore_ che parte!...

TUTTI. L’_Affondatore_...

MIN MAR. Ma voi vi ingannate... osservate ancora... Nessuno ha dato
ordine...

QUEST. _(guardando dal canocchiale)_. Ma sì... l’_Affondatore_...
carico di... donne... Ah! Scommetto che anche mia moglie... Bisogna far
partire un’altra nave... bisogna inseguire la sciagurata...

MIN. MAR. Siete matto, Questore? Qual è la nave che possa tener
dietro all’_Affondatore_? Qual vi è piroscafo tanto celere che possa
raggiungerlo?

VARIE VOCI. Sicuro! I tecnici ne sanno qualche cosa...

QUEST. _(guardando ancora dal canocchiale)_. Ah!

TUTTI. Che c’è di nuovo?

QUEST. L’_Affondatore_...?

TUTTI. Ebbene!!!

QUEST. Si è fermato...

MIN. Naturale. Dal momento che non si può raggiungerlo, bisogna che ei
si fermi. È ben educato! _(Ilarità generale)_.

DID. Ma, infine! Si può sapere...?

PREF. _(avanzandosi)_. Regina, voi avreste mille torti, se non
militassero in vostro favore mille ragioni... Non è più tempo di
diplomatizzare... I troiani sono partiti...

DID. _(colpita)_. Avete detto... par...?

PREF. _(simulando il massimo dolore)_... titi!

DID. _(quasi delirante)_. Ma il mio Neuccio... cioè... volevo dire...
il mio nano... il principe degli Anchisi... sarebbe anche egli...
par...?

PREF. Tito! Egli ve lo annunzia, o regina, in questo foglio profumato
di tabacco: _(leggendo)_ «Io parto, o regina, per adempiere al sovrano
volere di Giove che desidera affrettare per mio mezzo i fati della
futura Italia. Parto sulle ali dei venti, ma giuro che il mio pensiero
tornerà incessantemente a voi sulle ali dell’amore...»

DID. _(cascando nelle braccia del Prefetto)_ Io mi sento venir meno...

PREF. _(traendola seco)_ Venite al _buffet_—un’ala di cappone vi
rimetterà in forza...

DIDONE _(passando dinanzi a Jarba, e volgendogli una occhiata
assassina)_. Anche questo moro non mi dispiace... Gli farò credere che
moro per lui.

_(Rientrano nella sala il Questore, i Ministri, i Senatori e i grandi
Dignitari della Corte)_.

QUEST. È proprio il caso di gridare al miracolo... Se l’_Affondatore_
non si fosse affondato, tutte le nostre signore avrebbero raggiunta la
flotta di quei malcreati troiani...

MIN. DELL’INTERNO. Sapete voi, oculato funzionario, se in
sull’_Affondatore_ ci fosse per caso mia moglie?

QUEST. C’era, ma quel _per caso_ è di troppo.

MIN. _(con visibile gioia)_. E l’_Affondatore_ sì è proprio sommerso?

QUEST. Sommerso per metà...

MIN. _(sottovoce)_. Pur che ci fosse mia moglie...

QUEST. Ne dubito... Le donne stanno sempre a galla degli avvenimenti...
e noi le vedremo bentosto ricomparire in questa sala, gaje, petulanti,
sfrontate, come se nulla fosse avvenuto.

DID. _(tornando sul proscenio a braccio del Prefetto)_. Ma è proprio
scandaloso. Avete osservato? Mia sorella Anna, Clivia, Rubinia e
l’altre damigelle, che si intrattengono nel cortile colla soldatesca e
coi famigli di questo Re Moro... _(sottovoce)_ che in verità, a vederlo
così sbarbato, non ha una fisonomia spiacente...

PREF. Le poverette cercano consolarsi come possono delle loro pene
di cuore,—Ciò che fa meraviglia è che quella risciacquata a bordo
dell’_Affondatore_ non abbia ammorzato alquanto i loro fuochi latenti.

DID. Misteri del cuore di donna!

_(Si avanzano, la principessa Anna al braccio di Orbech, Clivia,
Rubinia e le altre donne accompagnate dagli ufficiali Mori)_.

ANNA. _(con vivacità)_. Olà! che fanno i suonatori? Presto! Un valtzer!
Una polka! Viva l’allegria!

VOCI DEVERSE.

  Viva la danza!
  Viva la guardia mobile!
  Viva gli uffiziali del _settimo_!

_(Squilli di istrumenti metallici. Le coppie dei ballerini si
avanzano)_.

DID. _(furiosa)_. Alto là! Chi ardisce suonare in queste regali soglie
senza un cenno della sovrana? Questore... arrestate immediatamente gli
istromenti colpevoli...

_(Terrore generale.—Le guardie di questura si avanzano)_.

JARBA _(venendo dal buffet)_. Reccina... niente temere mie soltati...
Io tare subito ortine partire immediatamente per mio accompagnamento a
regno te miei padri...

DID. _(volgendo a Jarba un’occhiata pregna di fluidi elettrici)_. Re
Jarba, illustre e nerboruto principe della Mauritana calidissima terra;
confesso di aver avuto dei torti con voi...

JARBA _(ridendo)_. Ah! ah! niente torti, reccina.

DID. Ma sono pronta a ripararli... La solenne dimostrazione di simpatia
che le mie donne, senza distinzione di età, porgono in questo momento
ai vostri altrettanto valorosi che profumati uffiziali, mi imporrebbero
quasi a dovere ciò che nel mio cuore di donna, di regina e di vedova,
era già stabilito per forza di simpatia. Re Jarba, dimenticate i miei
torti, io vi offro la mia mano, la metà del mio talamo e del mio trono,
e tutto quanto il mio scettro in ricambio del vostro. Re Jarba, io sono
a voi—consentite?

TUTTI.

  Viva Jarba! viva Jarba!
  Il possente imperator...
  Or che rasa si è la barba
  È gentil come un amor!

JARBA. Mi spiace molto, reccina, ma questo matrimonio impossibile... ed
io partir subito con mie soltati...

DID. _(sorpresa)_. Impossibile!... Ho io ben inteso, re Moro?... Ma
quale impedimento?...

JARBA. Impetimento... canonico... Io statte vostro cugino _(toccandosi
il collare che gli ha donato Enea)_ per questo collare...

DID. _(ridendo)_. Via, buon re Moro! questo non è che un simbolo di
parentela... E poi... non vi ha chi lo ignora—i matrimoni fra cugini
sono tollerati dalla Chiesa...

JARBA _(ridendo)_. Non statte soltanto cugina... statte anche cognata...

DID. _(turbandosi)_ Non vi comprendo...

JARBA _(sottovoce alla regina)_. Stato anche io in crotta... stato in
crotta scura, dopo Enea... Aver capito? E mille crazie!

DID. _(delirante)_. Ah!... Che!... Tu!... Lui!... _(cade tramortita)_.

JARBA _(ai soldati)_. Partitt! In marcia chi vuol!

_(Jarba si allontana seguito dai soldati, dalle donne, ecc.—I Ministri
seguono il corteggio del re Jarba. Il Questore e alcuni dignitari
di corte si fanno intorno a Didone svenuta, e le porgono i soccorsi
richiesti dal caso)_.

GIOVE E GLI ALTRI NUMI _(dall’alto di una nuvola)_.

  Hai già toccata la quarantina,
  Pentiti, pentiti, vecchia regina...
  Coi militari non darti impaccio,
  Ai preti, ai frati gettati in braccio...

DID. _(svegliandosi)_. Dove sono?.... Che è stato? Voi... Prefetto!
Voi.... Questore! Lasciatemi! Ho bisogno di rimaner sola. _(al
Prefetto, consegnandogli alcuni biglietti da cento)_ Vi prego di
mandare questo mio piccolo tributo alla Società della Propaganda per
l’obolo. _(al Questore)_ Incaricatevi voi di far celebrare domani un
uffizio funebre a suffragio dell’augusto defunto che divise per tanti
anni il suo scettro con me. Ed ora, allontanatevi!...

_(Tutti se ne vanno)_.

DIDONE.

  Sono io ben sola?... Sì! che altro mi resta?
  Morir! L’ultima è questa
  Gioia feral dai Numi inesorati
  Concessa a noi.

_(levando dalla borsa una scatoletta di fiammiferi)_

            Pegni di infausto amore,
  Mostrüosi sterpi in cui si cela
  L’ignea favilla che di tanti incendii
  Fu prodiga alla terra, oh! siate voi
  Di mia morte ministri!...
            Esci dal legno
  Fiamma letal. «Ardi la reggia e sia
  Il cenere di lei la tomba mia.»

_(Va strofinando gli zolfanelli, i quali producono un lieve
schioppettio senza prender fuoco)_.

  Oh, l’impostor!
    Oh, il traditor!
    Perfin coi fosfori
    Mi corbellò...
    Pur, qui nell’anima
    M’arde un braciere,
    Che alcun pompiere
    Spegner non può.

_(Una densa nube, in cui si avvoltolano Giove, Giunone, Venere ed altri
Numi, discende sul palcoscenico, e sottrae Didone allo sguardo degli
spettatori)_.

GIUNONE _(a Giove)_. Non avrai tu pietà di questa infelice regina?...

GIOVE. Il suo fato è irrevocabile; ma ella vivrà immortale nella
memoria dei posteri. Gli Italiani non sono ingrati, e laggiù, nel bel
paese dove suonerà il _sì_, i poeti e i maestri di musica eterneranno
la fama di lei con splendidi versi e con divine armonie. Le catastrofi
luttuose precedono mai sempre le grandi innovazioni; perchè sorga un
nuovo impero è necessario che altri imperi volgano a rovina.

GIUN. Non hai tu veduto, spingendo il tuo sguardo fulmineo dentro la
nube del secolo avvenire, che in questa Italia da te vagheggiata e
favorita con tanto accanimento, verrà un giorno a stabilirsi un nuovo
culto, pel quale noi saremo detronizzati?

GIOVE. Tanto meglio! Io sono maledettamente annoiato di fare il Nume.
Desidero che qualcun altro ci si provi, e sarò lietissimo il giorno in
cui mi verrà dato di rientrare nella vita privata. Oh! voglio un po’
godermela, allora!... Ma prima che l’Italia possa davvero chiamarsi
nazione, dovran correre dei secoli, e molti. Tienti ben a mente ciò
che ti dico, vecchia mia: l’Italia non potrà chiamarsi nazione fino
al giorno in cui saranno abbattuti gli idoli che i nostri successori
avranno sostituiti al mio bel muso ed al tuo...

GIUN. Non ho l’onore di comprenderti.

GIOVE. Tanto meglio. Accendiamo la pipa, vecchia mia—e tu, Veneruccia,
tu, la sola Dea veramente immortale, fatti innanzi e divertimi con
quattro passi di _cancan_.

VENERE _(slanciandosi verso il proscenio)_. Ai tuoi ordini, babbo.

                                   _(cominciano le danze)_

GIOVE _(a Giunone)_. Non serve fare il broncio, vecchia mia. Fra
quattro o cinque secoli noi saremo spodestati; ma questa nostra
figliuola non cesserà mai di aver un culto in ogni parte del mondo.
Tutti i grandi sconvolgimenti politici e sociali ebbero, hanno, ed
avranno sempre origine da lei. E il mondo babbèo non cesserà mai di
inneggiare al trionfo dei grandi principii.

_(Il cancan prosegue animatissimo e cala il sipario)_.


FINE.



UN UOMO COLLA CODA



CAPITOLO I.

=Due dita di coda.=


Il contino crollò leggermente la testa, e proseguì di tal guisa:

—Non c’è che dire: Lodovico Albani è un perfetto gentiluomo. Peccato
ch’egli abbia quel difettuccio! Ma poichè infino ad ora qui nella
borgata nessuno se n’e accorto!...

—Chè! il signor Lodovico Albani avrebbe dunque... com’ella dice, un
difetto...?

—Mi sono espresso con poca esattezza... Non si tratta in questo caso
di un difetto... sibbene di un accessorio, di un ornamento, di un
vezzo... che so io...?

—Via! signor contino... Via..! parli liberamente... Ella sa bene che
noi...!

Il parroco e il coadiutore ingrossavano gli occhi e allungavano il
collo come avrebbero fatto dinanzi ad un cappone arrostito con ripieno
di salsiccia.

È d’uopo sapere che don Cecilio Speranza e don Domenico Crescenzio,
parroco l’uno, l’altro coadiutore nella borgata di L..., detestavano
con fervore cattolico il cavaliere Lodovico Albani.

Quali erano i torti del cavaliere Lodovico Albani rispetto ai due
uomini di Dio?—Molti e gravi.

Lodovico Albani era cavaliere dei SS. Maurizio e Lazzaro, e si era
meritato il titolo onorifico coi suoi talenti, colle sue opere
letterarie e scientifiche, con generosi sacrifizi di patriottismo.—I
preti hanno poca simpatia pei cavalieri dei SS. Maurizio e Lazzaro, per
gli uomini di spirito e pei patrioti.

Dippiù, il signor Lodovico, venuto di recente ad abitare la borgata, si
era introdotto nella casa di donna Fabia Santacroce, ed era riuscito
ad istillare nella antica bigotta qualche idea libertina. A dispetto
dei due reverendi, la marchesa aveva accordata al signor Lodovico la
mano dell’unica sua figliuola. Già s’erano fatte due pubblicazioni; il
fidanzato era ito a Milano per comperare i regali da nozze—al di lui
ritorno la cerimonia dovea compiersi senza indugio.

Tutte le pratiche del parroco e del coadiutore per impedire questo
pericoloso connubio, erano riuscite vane.

Lodovico Albani, colla sua condotta incensurabile, avea completamente
trionfato delle cabale e dei raggiri... In paese egli era citato a
modello di onestà. Generoso coi poveri, affabile, modesto, anche in
casa della marchesa, egli sapeva uniformarsi alle pratiche devote, alle
abitudini alquanto rigide della vecchia bigotta, adoperandosi però
lentamente a combatterne i pregiudizi. Dietro consiglio del futuro
genero, la marchesa aveva già introdotte nella famiglia non poche
riforme. I due reverendi non eran più invitati a prendere la cioccolata
ogni mattina... I pranzi divenivano meno frequenti... Don Cecilio e don
Domenico in casa della marchesa perdevano ogni giorno qualche residuo
del loro potere temporale.

Guardati, o lettore dall’odio di un prete: dall’odio di due preti non
può guardarti che Dio!

Dopo tali premesse, è facile comprendere con quale ansia, con quale
impazienza febbrile, il parroco ed il coadiutore attendessero le
rivelazioni del contino Tiburzio.

Ma, chi è il contino Tiburzio?

In poche parole ve lo presento.

Il contino Tiburzio è un nobile della massa, mediocremente brutto,
mediocremente ignorante, mediocremente maligno. Un bel giorno, credendo
amare la marchesina Virginia egli la chiese in moglie a donna Fabia, ma
in grazia del signor Lodovico, egli ebbe una chiara e formale ripulsa.

La marchesina, consultata del suo voto, avea recisamente respinto il
pretendente, colla sentenza inappellabile: _è troppo brutto_.

Il contino Tiburzio si sentì trafitto nel profondo del cuore... e giurò
vendicarsi.

Bisognava perseguitare il rivale... combatterlo... schiacciarlo...
perderlo nella opinione del mondo.

Pensa, medita, studia. Che si fa? L’arte cattolica dei due reverendi
aveva abortito... Che poteva ripromettersi un uomo del secolo?

Ma l’amore è più scaltro, più maligno dell’odio. Questa volta la
fantasia del contino ebbe un lampo di ispirazione. Scoperta la brecccia
e concepito il piano di attacco, egli scelse i due preti per alleati.

Io credo che il lettore non abbia d’uopo d’altre spiegazioni...
Ripigliamo il dialogo interrotto.

—Dunque, signor contino; questo difetto?...

—Per carità, don Domenico, non mi fate parlare...! Temo aver già
detto di troppo... Non dimentichiamo che Lodovico è alla vigilia delle
nozze... Poichè finora il difetto è rimasto occulto... lasciamo correre
l’acqua pel suo letto... I maligni credono che io mi abbia in uggia
quel bravo giovine, perchè madamigella Virginia ebbe il capriccio di
accordargli una preferenza che io non ho mai vivamente ambita... nè
sollecitata... Egli mi ha salvato da un abisso, ed io gliene son grato
di cuore. Che altro infatti è il matrimonio se non un abisso coperto di
fiori, ove l’uomo precipita inavvedutamente... e per sempre?

—Signor contino... Ella sa con chi ha da fare... Noi siamo avvezzi a
serbare il segreto in casi ben più gravi che non quello di cui ora si
tratti... Questo difetto del signor cavaliere Lodovico non sarà di tal
natura da portargli pregiudizio, ove fosse divulgato. A quanto pare, si
tratta di una imperfezione fisica, poco rilevante...

—Ah! gli abiti ne celano molte delle magagne!... Se le fanciulle,
prima di scegliersi un marito, potessero penetrare collo sguardo il
fitto velame degli abiti, sono d’avviso che più tardi non avrebbero
luogo tante delusioni, tanti scandali coniugali e tante separazioni.
C’è a scommettere, signor don Domenico, che se alcuno susurrasse
all’orecchio della marchesina il segreto che io solo conosco, queste
nozze andrebbero in fumo, e il mio povero amico dovrebbe allontanarsi
da L... come ebbe, anni sono, ad andarsene da Pavia.

—Il caso è molto più grave che io non avrei immaginato, disse don
Domenico, torcendo le pupille al firmamento.

—Gli è un caso di coscienza! soggiunge gravemente don Cecilio
Speranza. La perdoni s’io mi permetto di farle un po’ di morale, signor
contino; ma io credo che nella sua qualità di uomo d’onore, nella sua
qualità di amico della marchesa, ella sia in obbligo di prevenire lo
scandalo, di salvare una povera innocente creatura dall’abisso in cui
sta per cadere, di impedire una unione fatale...

—Vi confesso che qualche volta mi è passato per la mente un tal
scrupolo... disse il contino Tiburzio, coll’accento della più viva
compunzione... Povera marchesina! Sì ingenua! Sì bella..! Sì buona! Vi
giuro che ne sento pietà.

—Signor conte!.. disse don Domenico, levandosi in piedi...

—Don Tiburzio! soggiunse don Cecilio, andando a chiudere la porta...

—Bisogna salvare quella brava fanciulla.

—Ella lo deve.

—Ella non può esimersi...

—La chiesa parla chiaro: _Chi sapesse esservi fra’ contraenti,
impedimenti, ecc., ecc., è tenuto a notificarlo a noi... quanto
prima..._

—_In caso diverso, incorrerebbe la pena della scomunica._

—Si affidi a noi, signor conte...

—Ci lasci fare...

Il contino esitava:

—Se, come dicon loro, signori reverendi, io sono tenuto per dovere di
coscienza...

—E per dovere di religione...

—E per ingiunzione dei sacri canoni...

I due preti si fecero a brontolare vari testi latini. Ad ogni parola,
ad ogni frase, don Tiburzio inarcava le ciglia, ed annuiva col capo
simulando la maggior compunzione.

Le argomentazioni e le citazioni sacre e profane dei due reverendi
erano troppo incalzanti... E il contino Tiburzio si lasciò strappare
dalle labbra il terribile segreto...

—Ebbene! la responsabilità della mia indiscrezione ricada su loro,
sclamò il contino, atteggiandosi da vittima... Il nostro ottimo amico
cavaliere Lodovico Albani, ha... nel... fondo... della schiena...

—Nel fondo della schiena? ripetono i due preti spalancando le
bocche...

—Nel fondo della schiena il nostro amico ha una escrescenza anormale...

—Una escrescenza anormale!... ripete don Cecilio, enfiando le gote...

—Un’appendice osseo–muscolosa, ricoperta di pelo e lunga circa due
dita...

—Una coda!!! sclamano ad una voce i due reverendi, rizzandosi sulla
punta dei piedi...

—Voi l’avete detto! conclude il contino ripiegando la testa
all’indietro. Il cavaliere Lodovico Albani... il fidanzato della
marchesina Virginia Santacroce... ha una coda lunga circa due dita!



CAPITOLO II.

=La coda si prolunga.=


Sono le dieci del mattino.

La marchesa donna Fabia Santacroce è seduta nella gran sala di
ricevimento.

—C’è là fuori una visita, dice Clementina, posando sulla tavola una
guantiera d’argento...

—Una visita a quest’ora?

—È don Cecilio Speranza.

—Un’altra chicchera di cioccolatta... e il reverendo venga
introdotto!... Questi reverendi sanno cogliere il momento! Essi non
possono rinunziare alle buone abitudini!

Il reverendo parroco di L..., appena entrato nella sala, fece un
profondo inchino, e baciando la mano alla marchesa, lanciò una occhiata
furtiva al cioccolatte.

—Qual buon vento, signor don Cecilio?... Presto, Clementina! Una
chicchera per il nostro degno curato!... Spero che la reverenza vostra
vorrà accettare....

—Tutto che viene dalla gentilissima... ed onorandissima signora
marchesa...

—Sempre disposta... ai vostri servigi...

—Obbligatissimo alle vostre grazie, colendissima signora marchesa...

Don Cecilio Speranza avea già fatto mezza dozzina di profondissimi
inchini. Appena la fanticella rientrò nella sala per versargli
la cioccolata, il reverendo si assise, tolse dalla guantiera un
biscottino, e immergendolo devotamente nella bevanda profumata, prese a
parlare di tal guisa:

—Non è il caso, o il solo piacere di farvi una visita, che oggi mi ha
condotto da voi, colendissima signora marchesa... Io debbo parlarvi di
un’ affare assai grave, debbo svelarvi un segreto, dal quale dipende il
decoro della vostra casa, l’avvenire della vostra famiglia, l’onore,
la pace, la tranquillità della vostra amabilissima figliuola in questo
mondo, e la sua salute eterna nell’altro... Siete voi ben sicura che
nessuno possa spiare le nostre parole?..

La marchesa suonò il campanello.

Clementina ricomparve.

—Bada che nessuno deve entrare in questa sala, nè tampoco avvicinarsi
alle porte, disse la marchesa alla cameriera in tono solenne. Io debbo
conferire col signor don Cecilio di affari molto importanti...

La cameriera fece un inchino, girò intorno uno sguardo scrutatore, uscì
dalla sala, fece traballare l’anticamera con quattro salti rumorosi,
poi leggiera, leggiera, sulla punta de’ piedi, tornò presso la porta, e
pose l’orecchio al buco della serratura.

Don Cecilio Speranza, con voce pecorina riprese a parlare:

—Voi non ignorate, signora marchesa, quanto amore io porti alla vostra
nobile e generosa famiglia, quanto mi stia a cuore il vostro decoro,
e qual sentimento di predilezione paterna mi leghi a quella cara e
buona fanciulla che è la marchesina Virginia. Io l’ho battezzata, io
l’ho iniziata alla prima comunione, l’ho diretta fino dai primi anni
co’ miei consigli, colle mie esortazioni, sia in casa, sia nel sacro
tribunale di penitenza... La vostra Virginia mi ha sempre ascoltato...
mi ha sempre obbedito... Grazie agli aiuti della divina provvidenza,
ella è cresciuta nel santo timor di Dio... In una parola, ella è degna
figlia di una madre, che noi abbiamo sempre citata come modello di
tutte le virtù.

La marchesa crollò leggermente la testa, facendo un sorrisetto di
compiacenza.

—Era a desiderarsi, che a complemento di tante belle doti, quella
santa fanciulla prediletta da Dio vivesse mai sempre fra le dolcezze
della verginale innocenza... Ma questa vocazione delle anime elette non
è oggidì molto comune alle fanciulle... All’età di sedici anni quasi
tutte propendono verso il sesso più forte... La vostra buona ed amabile
Virginia in ciò seguì l’esempio delle altre...

—E di sua madre, interruppe la marchesa sorridendo.

—Il che prova, soggiunse don Cecilio inchinandosi, che anche nello
stato coniugale si può vivere santamente... purchè la donna sia tanto
avventurata da trovare un degno marito...

—Io vedo a che tendono questi vostri preliminari, disse la marchesa
con qualche impazienza... Trovereste forse a che dire sulla scelta da
noi approvata? Avreste mai qualche dubbio sul carattere e sulla onestà
del signor cavaliere Lodovico, il fidanzato di nostra figlia?...

—Iddio mi guardi dal nutrire il menono sospetto sulle doti morali di
quell’ottimo giovine! rispose don Cecilio premendo la mano al petto; ed
è appunto perchè io l’amo assai, e lo stimo, e vorrei dissipare ogni
ombra di dubbio...

—Vedete dunque ch’io ho colto nel segno, disse la marchesa alquanto
turbata. Qualcuno ha cercato insinuare nel vostro animo...

—Non nego... Il caso ha voluto che giungessero al mio orecchio certe
voci...

—Ebbene, che hanno trovato a dire i maligni sul conto di questo
amabile cavaliere? chiese la marchesa con vivacità. Badate, don
Cecilio, che io sono una ammiratrice entusiasta del signor Lodovico. Se
alcuno osasse dubitare della sua onoratezza...

—E chi mai l’oserebbe, signora marchesa? Io vi assicuro che, quanto
al morale, io vi starei garante pel vostro futuro genero. Ma vi hanno,
o signora marchesa (e don Cecilio immerse un altro biscottino nella
cioccolatta), vi hanno certi difetti organici.. leggeri... di nessun
conto, che facilmente si possono dissimulare...

—Oh! sta a vedere che qualcuno è venuto a dirvi che il signor Lodovico
Albani ha il gozzo o la gobba?... Egli! il più avvenente, il più
perfetto gentiluomo, che abbia mai posto piede nelle mie sale!

—Di tale avviso pochi mesi or sono erano tutti gii abitanti di Pavia,
dove quell’eccellente amico era stato inviato dal Governo come
segretario di Intendenza. Colà pure il signor Lodovico in breve tempo
era divenuto l’idolo delle società eleganti e sopratutto delle donne...

—Lo sappiamo...

—Colà pure... egli aveva amato una giovinetta di casato nobile e
ricco, alla quale stava per unirsi in matrimonio...

—Lo sappiamo...

—Ebbene, lo credereste, signora marchesa? Quando si venne a sapere che
il signor Lodovico Albani aveva una certa imperfezione fisica... un
certo prolungamento...

—Un prolungamento! ripetè la marchesa credendo comprendere. Ma siete
voi certo, che il signor Lodovico Albani abbia un prolungamento?

—Perdonate, signora marchesa, se io debbo scendere a certi particolari
che per avventura devono offendere il vostro orecchio delicato. La
coscienza e il dovere soltanto mi spingono a parlare... Quanto vi
narro mi fu riferito da persone degne di fede... da uomini onesti e
prudenti... Il signor Lodovico Albani, come poco dianzi io vi diceva,
avrebbe dunque un muscolo superfluo...

—Che orrore! Ma chi dunque ha potuto sapere?...

—_Relata refero_... Non appena in Pavia si ebbe sentore che il signor
Lodovico era in trattative di matrimonio colla figlia di un ricco
negoziante di formaggi, una rivale gelosa, la quale probabilmente era
stata in intimi rapporti col nostro gentiluomo, divulgò il fatale
segreto... In meno di una giornata tutta la città seppe che il
segretario del regio Intendente... aveva la coda!

—La coda!!!

—Sì, una coda lunga quattro dita; disse il reverendo; facendo il segno
della croce.

—Quattro dita di coda! ripetè la marchesa giungendo le mani.

La cameriera, che stava alla porta origliando, si alzò lestamente,
scese le scale, venne in cucina, adunò il cuoco, i camerieri ed i
guatteri... e fattasi in mezzo al circolo:

—Sapete che c’ è di nuovo?...

—Che c’è, Clementina?...

—Lo sposo della signora Virginia...

—Il signor Lodovico Albani!...

—Il signor Lodovico... Albani... Ma, silenzio... che nessuno lo
sappia, per carità!... Io l’ho udito poco dianzi per caso da don
Cecilio Speranza...

—Ebbene!

—Il signor Lodovico... Albani... ha la coda...

—La coda!!! gridarono il cuoco, i camerieri ed i guatteri...

—L’ha detto don Cecilio Speranza alla marchesa: Il signor Lodovico
Albani, lo sposo di madamigella Virnia... ha una coda lunga un braccio!



CAPITOLO III.

=Due braccia di coda.=


La marchesa donna Fabia e il molto reverendo parroco don Cecilio
Speranza si intrattennero un buon paio d’ore a discutere sulle code in
generale, e in particolare sulla coda del cavaliere dei SS. Maurizio e
Lazzaro.

Esaurita la questione, la marchesa fece un solenne giuramento che essa
non avrebbe consentito mai che un animale codato sposasse l’unica sua
figliuola. Potete imaginare come il reverendo parroco si partisse
edificato dalla sala della marchesa.

—Ma come trovare un pretesto per sciogliere questo matrimonio?... Come
avrò io il coraggio di dire al signor Lodovico Albani: voi non potete
divenire mio genero, voi non potete sposare la mia bella Virginia...
perchè in fondo della schiena...? Quale orrore!!! E come si fa a
persuadere Virginia? Che dirle?... Ella ama tanto il suo Lodovico! Ella
è sì contenta di queste nozze!...

Mentre donna Fabia passeggia per la sala in preda alla più viva
agitazione, Clementina viene ad annunziarle due visite.

Sono due amiche del cuore, donna Letizia Novena, ed una vedova bigotta
di circa sessant’anni, la contessa Marta Passeroni, donna attempata
e carnosa, ma fresca, gioviale, burlona, che non ha rinunziato alle
galanti avventure.

Le due visitatrici non hanno che a scambiare colla marchesa i
primi complimenti, per accorgersi ch’ella è preoccupata da un grave
turbamento.

—Che hai tu, mia buona amica? Che vuol dire quell’insolito pallore?...

Donna Fabia risponde con un sospiro.

—Quali novità?... Non tenerci in pena più a lungo; dice la contessa.
Saresti forse ammalata?

—No!... grazie al cielo... io sto bene di salute...

—Forse la tua cara Virginia...

—Povera Virginia! sospira la marchesa, crollando la testa
coll’espressione del più vivo dolore.

—Malata?...

—Peggio!

—Qualche ostacolo... qualche impedimento alle nozze?...

—Hai proprio indovinato, mia buona amica. Queste nozze sono divenute
impossibili!...

Donna Letizia Novena torce gli occhi verso la soffitta, mormorando una
giaculatoria in latino.

—L’ho sempre detto io, prorompe la contessa; l’ho sempre detto che
quando nel mondo si incontrano due esseri come il cavaliere Albani e
la tua Virginia, fatti l’uno per l’altra, creati per intendersi, per
amarsi, per adorarsi, per esser felici... sul più bello il diavolo ci
mette la coda!...

—Pur troppo, mia buona amica!... Il diavolo questa volta ci ha messo
proprio la coda... ma una coda vera... reale... una coda mostruosa...
spaventevole!

E qui donna Fabia si fa a ripetere parola per parola quanto le venne
rivelato dal reverendo parroco, non mancando, per amore dell’effetto,
di allungare altre due dita alla coda dell’infelice fidanzato.

Chi potrebbe indovinare quali diaboliche fantasie si destassero nella
mente di donna Letizia Novena in udir proferire la parola: coda! Ella
fu sul punto di svenire...

—Oh! ma s’ha da sentirne ancora! sclama la vecchia bigotta coprendosi
il volto colle palme. I preti hanno ragione di predire che il finimondo
è vicino! Un uomo colla coda dev’essere indubitatamente l’ anticristo.

—Io non credo alle baje del finimondo e dell’anticristo, soggiunse
la contessa, ma credo che un uomo colla coda non abbia diritto di
chiamarsi uomo...

—E voi comprenderete, mie buone amiche, prosegue la marchesa
coll’accento della disperazione, che io non potrò mai permettere a mia
figlia... di avere commercio con un animale privilegiato di un organo,
che suol essere il distintivo dei bruti...

—Capperi! hai ragione! La povera Virginia morrebbe di spavento!...

E le tre donne stettero parecchi minuti a guardarsi l’una l’altra in
silenzio...

La mente umana, e più spesso la mente femminina, si lascia talmente
soverchiare dalle inattese impressioni, che in luogo di esaminare
i fatti ed i principii, trascorre immediatamente alle conseguenze,
balzando così dall’abisso all’abisso. La contessa Passeroni, dopo breve
silenzio, riportò la questione sul vero terreno.—È egli possibile che
un uomo abbia la coda? E quando ciò fosse possibile, avete voi qualche
prova che il signor Lodovico Albani goda veramente di questo privilegio?

Donna Letizia Novena avrebbe creduto peccare investigando tali misteri.
Ella si tacque, e cercò distrarre il pensiero dallo scandaloso
argomento, meditando una parabola del vangelo.

La marchesa cominciò a riflettere seriamente...

—Mia buona amica, prese a dire donna Marta... A me pare che prima di
rompere le trattative di matrimonio, innanzi di contristare la buona
Virginia e di suscitare uno scandalo in paese, convenga accertarsi del
fatto, e averne qualche prova. Forse don Cecilio Speranza fu tratto
in inganno da qualche malevolo... Questa coda nessuno l’ha veduta...
nessuno l’ha toccata... Hai detto che il signor Lodovico Albani ha
dovuto fuggire da Pavia in grazia della coda... Ebbene! si scriva
per telegrafo a Pavia! Io conosco il signor Frigerio, socio del club
repubblicano, un novelliere, un chiaccherone che non ha il suo pari...
Egli potrà informarci d’ ogni cosa... Fra pochi minuti avremo una
risposta... Se coda esiste, a monte il matrimonio!

—Questa è proprio una buona ispirazione, dice la marchesa.—Presto!...
Si spedisca il dispaccio... Il cavaliere Albani deve tornare
domattina... Prima ch’egli rimetta il piede nella mia casa, avremo
nelle mani le prove di fatto...

La marchesa suonò il campanello, ed ordinò a Clementina di chiamare il
maggiordomo.

Questi, che già sapeva l’istoria della coda, entrò nella sala con
quell’aria di falsa compunzione, che i domestici sanno fingere tanto
bene quando ai padroni tocca una sciagura.

—Canella: va all’ufficio del telegrafo, disse la marchesa, e spedisci
questo dispaccio... Trattasi d’ uno scherzo, d’ una burla che si vuoi
fare al signor Albani... Sopratutto il massimo silenzio...

Il maggiordomo, appena uscito dalla sala, si arrestò nella camera per
leggere lo scritto.

—Dunque Clementina non si è ingannata... Dunque c’è proprio di mezzo
una coda! il dispaccio parla chiaro:

 _Signor Frigerio—Persone interessate chiedono se cavaliere Lodovico
 Albani abbia sei dita coda. Risposta subito._

  _Contessa_ MARTA PASSERONI.

E il maggiordomo corse all’ufficio del telegrafo come avesse le ali...

La risposta si fece attendere tre quarti d’ora... Donna Letizia Novena,
malgrado i suoi scrupoli, malgrado il profondo orrore ch’ella avea
manifestato per lo scandaloso avvenimento, offrendo al signore un
sacrificio di insolita pazienza, rimase immobile sul suo seggiolone...

La marchesa guardava ad ogni tratto il pendolo dorato che stava sul
camino... Contava i minuti... imprecava alle lentezze del telegrafo.

La Passeroni, meditando in segreto sulla natura del nuovo fenomeno,
avea concepito una specie di simpatia per la coda del signor Albani.
Ella avrebbe speso mille franchi per vedere co’ propri occhi qual sia
l’effetto d’una coda applicata ad un essere ragionevole...

Finalmente i tre quarti d’ora trascorsero... Il maggiordomo rientrò
nella sala col dispaccio suggellato...

Donna Fabia lo aperse tremando...

Attratte al medesimo centro per impulso di curiosità magnetica, le
teste delle tre donne si urtarono...

Lorenzo Frigerio, il fiero repubblicano di Pavia, interpretando a suo
modo il dispaccio della contessa, avea succintamente risposto:

_Albani Lodovico due braccia coda —perciò segretario Intendenza,
presto deputato._

—Due braccia di coda! sclamò il maggiordomo.

La marchesa balzando impetuosamente dal seggiolone, sfogò i primi
impeti della sua collera contro il curioso subalterno, apostrofandolo
delle più violenti invettive.

—Povera marchesa! esclamò donna Marta, giungendo le mani.—Oramai non
vi è più dubbio... Conviene rassegnarsi, ed agire...

Donna Letizia Novena uscì dalla sala inorridita.

—Due braccia di coda!!! Ma costui non può essere che il diavolo!



CAPITOLO IV.

=L’arrivo di una coda.=


I mercanti chiudono le botteghe, gli impiegati desertano dagli uffizi,
gli operai cessano dal lavoro.

Già da un’ora la piazza è gremita di curiosi...

Suona il mezzogiorno... Fra pochi minuti la vettura del Ciccino deve
tornare da Milano; con quella vettura giungerà il cavaliere Lodovico
Albani e la sua... coda.

—È dunque vero? chiede il calzolaio al suo compare falegname.

—Caspita, se è vero!... Il matrimonio è andato in fumo, e la marchesa
ha dato ordine al portinaio che il signor Lodovico non debba metter
piede in palazzo.

—Ma questa coda, chi l’ha veduta? chi l’ha toccata? domanda la moglie
del parrucchiere.

—C’è chi l’ha veduta, c’è chi l’ha toccata, c’è chi l’ha misurata,
risponde una vecchia. E una coda lunga tre braccia... Bisogna giuocare
il tre di primo estratto... ovvero il settantaquattro (coda) e il
ventisette (età del signor Lodovico).

Il medico del paese passeggia gravemente tra la folla in compagnia
del sindaco, arrestandosi di tratto in tratto per rispondere alle
interpellanze.

—Che ne dice lei di questa coda, signor dottore? S’è mai dato un
fenomeno più strano, più sorprendente?

—Io non trovo nulla di strano, nulla di sorprendente a che un uomo
abbia la coda. La natura è varia ed infinita nelle sue produzioni. Chi
conosce le cause, non può meravigliarsi degli effetti. Io respingo
l’opinione di quei dotti naturalisti, i quali pretenderebbero che
l’uomo _ab origine_ fosse animale codato, e che, degenerando le razze,
egli abbia insensibilmente perduto questo accessorio parassita. Ma come
in cielo fra milioni e milioni di astri scodati, vediamo a certe epoche
apparire delle comete con una coda incommensurabile, così non trovo
ragione a sorprendermi che il signor Lodovico Albani riproduca nella
specie umana questo grande fenomeno, che più volte vedemmo ripetersi
nelle regioni celesti.

Mentre il vecchio Galeno della borgata spaccia, a chi degnasi
interrogarlo, siffatte teorie, e spiega le misteriose influenze
degli _appetiti_ o _voglie_ femminine, le cause degli aborti e
delle mostruosità; il contino Tiburzio trapassa rapidamente dall’uno
all’altro gruppo, tutto lieto del proprio trionfo. Per istornare ogni
sospetto, egli interroga, sorride, crolla la testa, da la baia a questi
e a quello, perfino a donna Marta Passeroni, che in tutta confidenza
gli ha mostrato il dispaccio del signor Frigerio.

Don Cecilio Speranza e Don Domenico Crescenzi hanno anch’essi le
loro buone ragioni per mostrarsi increduli. Il secondo è venuto
sulla piazza, ma si tiene in disparte, evitando d’immischiarsi alle
conversazioni. Il parroco è trattenuto in chiesa da donna Letizia
Novena, la quale ha voluto consultare il suo direttore spirituale per
un brutto sogno che ha fatto la notte a proposito della coda.

Ma un grido sorge dalla massa... poi silenzio solenne... Tutti gli
occhi si convertono verso il fondo della contrada, ove la vettura
del Ciccino entra rumorosamente. Perchè mai questa folla? chiede a
sè stesso Lodovico Albani, mettendo il capo agli sportelli della
carrozza.—Questa buona gente vuoi forse darmi una prova di simpatia...
Eh! non vi è dubbio!... Si grida: viva lo sposo!... Grazie... bravi e
buoni popolani... Io non credeva meritare sì cortese dimostrazione...

La vettura entra nell’albergo del Pavone... Tutti i viaggiatori
discendono... Lodovico Albani, leggiero come un daino, balza di serpa
in un salto...

Sbalordito dalla stanchezza, dal sonno, dall’appetito, il giovine
fidanzato non si accorge della ironica espressione dei volti.

Egli non può udire gli epigrammi sommessi dei circostanti... Se qualche
strana parola gli ferisce l’orecchio, è ben lungi dall’immaginare che a
lui sia diretta.

Nello scendere dalla vettura, la mente del giovane sposo fu però
contristata da una grave sorpresa. Perchè mai donna Fabia non è venuta
ad incontrarlo? Dov’è l’amabile Virginia? Ella sapeva del mio ritorno.
Come avviene che ella non si trovi qui a farmi festa, mentre tutto il
paese si è mosso? Ma ecco l’amico Tiburzio... Egli forse potrà darmi
novelle... Ben trovato, mio caro contino...

—Ben trovato, cavaliere!

I due titolati si danno di braccio, e insieme attraversano la folla,
mentre da ogni parte crescono le risate e i motteggi.

—Vedete come egli cammina! dice il calzolajo... Eh! non deve essere
molto comodo il portarsi attorno tre braccia di quella mercanzia!

—Ei deve trovarsi meglio di presente che non poco dianzi nella
vettura...! dice un altro.

—Io non so comprendere—osserva il barbiere—io non so comprendere
dov’egli possa collocare tutta quella roba... Probabilmente è una coda
a criniera come l’hanno i cavalli.

—Scommetto che ei la striglia ogni mattina e la riduce a gomitolo...

—Eh! non v’ha dubbio, dice il sartore. Se ben gli guardate, vedrete,
che il paletot gli fa una piega molto pronunziata presso la spaccatura.

—Povero Lodovico! sospira la Passeroni. Quel giovine ora mi interessa
più che mai... Sì elegante! sì bello!... Io poi... non avrei tanta
paura di una coda... io!

Lodovico saluta colla mano e col sorriso quanti gli occorrono per via,
ma egli è troppo interessato a chiedere notizie della sua Virginia, per
comprendere il senso di quelle strane conversazioni.

—Tu dunque non sei più tornato in casa della marchesa? chiede Lodovico
al contino.

—Durante la tua assenza, ho creduto mio dovere l’astenermi...

—– Ma in paese non sarebbe corsa qualche sinistra notizia?

—No... ch’io mi sappia... Ma ieri e ier l’altro io sono stato a
cacciare nelle paludi di Ticino in compagnia di alcuni amici... A dir
vero, anch’io mi sono meravigliato di non vedere la tua Virginia presso
la vettura...

Usciti dalla folla, al primo svolto di contrada, il conte trovò un
pretesto per allontanarsi da Lodovico. Questi raddoppiò il passo,
e pieno il cuore di tristi presentimenti, si diresse alla propria
abitazione.

Sulla porta stava ad attenderlo una donna, Clementina, la cameriera
di donna Fabia, la confidente di Virginia, altre volte messaggiera
d’amore, ed ora di sventura.

Il volto di Clementina annunziava disastri.

—Mio Dio!... che sarà mai?

—Entriamo! che niuno ci vegga parlare insieme, disse la fida
ancella.—Io sarei perduta.

—Vieni nella mia camera, Clementina...

—Non posso... Non ho tempo... Povera signora Virginia!

—Che è dunque avvenuto?...

—È avvenuto, signore... che qualche birbone... qualche vostro nemico
ha scoperto ogni cosa... Voi mi intendete... signor Lodovico!... La
marchesa sa tutto! La signora Virginia sa tutto! Il signor curato sa
tutto! In tutto il paese non si parla che di questo brutto affare...

—Ma... spiegati, mio Dio!... Cosa si è saputo?...

—Eh! via! non stiamo a fare delle scene... Io non ho tempo da
perdere... La mia povera padroncina è là che piange, che si dispera,
che si strappa i capelli...

—Oh! presto! corriamo da lei...! esclama Lodovico, muovendo per
uscire.

—Ci mancherebbe altro, signor cavaliere, per accrescere lo
scandalo!... Io sono espressamente qui per avvertirvi di non provocare
altri guai... Il portinaio ha avuto ordine di non lasciarvi più entrare
in casa della marchesa... Se voi vi presentaste, nascerebbe una
scena... e al punto in cui siamo bisogna evitare nuove pubblicità!...

—Ma vorrai tu spiegarmi una volta, che vogliano dire tutte queste
novità, tutti questi misteri?...

—Voi lo saprete questa notte... signor Lodovico. Virginia avrà forse
il coraggio di parlare... Io non ho potuto resistere alle lagrime,
alla disperazione di quella poverina. Ella dice che non è possibile...
Ella sostiene che qualche vostro, o suo nemico vi ha calunniato... per
mandar a monte il matrimonio...

—– Ah! trattasi dunque di una calunnia! sclama Lodovico... Ma che
possono aver detto sul mio conto di tanto grave, che la marchesa mi
chiuda l’accesso alla sua casa e mi tolga il mezzo di giustificarmi? In
questo paese io non ho nemici... Io non ho mai fatto male ad alcuno...

—Eh!... lo sappiamo che finora non avete fatto male ad alcuno... Ma
potreste farne... e molto... del male... alla signora Virginia!...
signor Lodovico... Le ho detto che non ho tempo da perdere... Dunque,
sbrighiamoci... Punto primo: non uscire di casa durante la giornata, e
sopratutto guardarsi bene dal metter piede nel palazzo della signora
marchesa. Punto secondo: questa notte, alle ore undici precise,
trovarvi presso la porticiuola del giardino che mette al sagrato...
Virginia verrà ad aprirvi... Io sorveglierò perchè nessuno interrompa
il vostro colloquio... Voi vedete ch’io rischio di compromettermi per
voi... Non domando altro compenso che un po’ di sincerità da parte
vostra... Guardatevi dall’ ingannarla, quella povera figliuola!...
Franchezza! Schiettezza!...Coraggio!... Se non l’avete, tanto meglio...
se l’avete, tanto vale una confessione sincera... Badate di non
alterare la misura; poichè, braccio più, braccio meno, il matrimonio
non avrebbe effetto...

Quella inesplicabile conclusione pose il colmo allo stupore di
Lodovico...

Clementina non attese risposta, e disparve.



CAPITOLO V.

=Non v’è più dubbio.=


Virginia Santacroce, la fidanzata di Lodovico Albani, ha di poco
oltrepassato il terzo lustro, ed è bella come un angioletto.

Non è sorprendente—a sedici anni poche ragazze son brutte. Ciò che
forse recherà meraviglia è il sapere che Virginia Santacroce ha
oltrepassato il terzo lustro nella ignoranza completa di certi misteri
naturali, che oggidì la più parte delle fanciulle all’età di dodici
anni hanno già indovinato per istinto.

È ben vero che Virginia non fu educata in collegio; che nei primi
anni ella non venne affidata alla tutela di una badessa pinzocchera;
che vivendo in una borgata, ove per caso non erano altre fanciulle di
nobile casato, potè scansare le pericolose amicizie e la comunanza non
meno pericolosa de’ primi sollazzi infantili.

Non di meno il fatto è meraviglioso, tanto più che alla tavola della
marchesa pranzavano sovente il reverendo parroco don Cecilio Speranza e
il di lui degno coadiutore don Domenico Crescenzi, morigerati entrambi
e prudentissimi a tutte l’ore del giorno, fuor che nell’ora della
digestione.

La semplicità, l’innocenza della giovinetta avevano più che la
bellezza affascinato il cavaliere Albani. Nè più intimi colloqui colla
fanciulla, Lodovico non si era permesso mai una di quelle parole,
uno di quei motti ambigui, di che sembrano compiacersi i giovani
fidanzati alla vigiglia delle nozze. Quand’anche gli fosse sfuggita
inavvedutamente una allusione meno sentimentale, Virginia non l’avrebbe
compresa.

Senza tali premesse, il lettore si troverebbe molto imbarazzato a
indovinare per quale accidente il notturno colloquio di Virginia e
Lodovico riuscisse fatale ad entrambi.

Oh! perchè non ci è dato assistere a quella scena di sublime tenerezza,
a quell’ingenuo abbandono di due anime santamente innamorate! Perchè
non ci è dato riprodurre il dialogo vivo, animato, interrotto da
lagrime, da sorrisi e baci più eloquenti d’ ogni parola?

Ma i due amanti erano celati dietro un cespuglio, e parlavano a voce sì
bassa, che la fedele Clementina, stando di sentinella a poca distanza,
non riusciva a comprendere un motto.

Il colloquio dei due amanti durò tre quarti d’ ora... E verosimile
che l’ingenua e timida fanciulla provasse una istintiva ripugnanza a
profferire la parola in cui si racchiudeva la spiegazione del grande
mistero...

La situazione era molto difficile... Una marchesa di sedici anni, una
creatura poetica, innamorata, inebbriata di sublimi e caste illusioni,
dover chiedere all’amante, all’essere adorato: è vero o non è vero che
tu abbia la coda?!

Io mi appello a voi, o giovinette dall’anima pura ed ingenua—ditemi
—non vi trovereste molto imbarazzate nel formulare una domanda di tal
genere?...

La sventurata Virginia, dopo aver lottato per tre quarti d’ora contro
sè stessa, finalmente ebbe il fatale coraggio...

Immaginate la sorpresa, lo stupore di Lodovico.

—Ella osa... chiedermi... se io abbia la coda?...

Tutta la poesia, tutte le illusioni, che da parecchi mesi alimentavano
nel giovane la fiamma dell’amore, svanirono al suono di quella orribile
parola.

Poco dianzi mi sono appellato alle fanciulle dall’anima pura ed
ingenua;—ora mi appello a voi, o giovani dall’anima ardente.—Che
avreste fatto, come avreste agito nel caso di Lodovico?

Una tale domanda mi dispensa da ogni spiegazione. Come si comportasse
il giovine fidanzato, nessuno potè mai indovinarlo. Fatto è che
Virginia, balzando poco dopo dal frondoso ricovero, qual se avesse
toccata una serpe, gettossi fra le braccia di Clementina mandando un
grido di dolore, mentre Lodovico si involava per la porticella segreta.

Il grido di Virginia fu udito.

La marchesa donna Fabia, che stava in quel punto alla finestra cogli
occhi fissi alla luna e la mente assorta nella coda, si riscosse,
abbassò lo sguardo, e vide fra i platani del giardino correre una
figura bianca... Il cuore materno indovinò che quella bianca figura non
poteva essere che Virginia.

Sciagurata ragazza...! Ella avrà voluto abboccarsi col signor
Lodovico... sapere da lui se... Ma quale imprudenza!... Quel grido mi
ha commosso le viscere... Oh! bisogna ch’io sappia sul momento...

E la marchesa uscì da’ suoi appartamenti per correre alla stanza di
Virginia...

La povera fanciulla si era gettata sul letto come persona affranta... E
nondimeno, vedendo entrare la madre, ella ebbe la forza di levarsi, di
correrle incontro e di gettarsele ai piedi per disarmarne la collera...

—Oh! che hai tu fatto... figliuola mia?... A quest’ora!... in
giardino!... con un uomo... che forse non è uomo...!

—Per pietà... non rimproverarmi, non affliggermi d’avvantaggio, mia
buona madre!... Confesso che io mi ebbi torto... e te ne chieggo
perdono. Quando tu lo dicevi... avrei dovuto credere... senza bisogno
di altre conferme... Mi era venuto un dubbio... Mi pareva tanto
inverosimile che il mio Lodovico...

—Ed ora?...

—Ora non v’è più dubbio!

—Dunque egli stesso ha confermato?...

—Ma se ti dico, mamma... che non v’è più dubbio!

E all’indomani, per mezzo della solita messaggiera, Virginia inviò a
Lodovico una lettera di formale congedo. Quella lettera non ammetteva
repliche.

Due giorni dopo, il cavaliere Lodovico Albani lasciava la borgata di L.



CAPITOLO VI.

=La calunnia.=


Scorsa una settimana, in sul sagrato della chiesa, il contino Tiburzio,
incontrando il molto reverendo sacerdote don Cecilio Speranza, ebbe con
lui il seguente dialogo:

—Sapete voi, don Cecilio, che è proprio un caso da rimanerne
trasecolati?

—Io non ho la fortuna di comprendervi, signor conte!...

—Voglio alludere alla storia del povero Lodovico... all’affare della
coda...

—Ebbene? vi par strano che la signora Virginia abbia ricusato di di
sposare un mostro, un animale di genere neutro... un essere intermedio
fra l’ uomo e la bestia?

—Non è il rifiuto di Virginia che mi sorprende, colendissimo e
reverendissimo signor curato... Ciò che mi reca meraviglia è il sapere
che Lodovico abbia realmente una coda...

—Che? non eravate voi sicuro prima d’ora?

—Io vi giuro, signor don Cecilio, che quando vi ho narrato quella
sciagurata istoria della coda, io aveva intenzione di celiare... di
fare una burla innocente... Non ho dunque ragione di sorprendermi in
veder realizzato un fenomeno, che io non credeva esistesse fuorchè
nella mia imaginazione?

Il reverendo cavò di tasca la tabacchiera—fiutò una presa di rapè,
levando gli occhi al firmamento—poi, traendo il contino presso il
vestibolo della casa parrocchiale:

—Mio buon signore—gli disse con voce melata—se è vero quanto
asserite, che la coda del signor Lodovico fu da voi inventata per celia
innocente, conviene ammirare in questo fatto la mano sagace della
provvidenza, la quale talvolta si serve di un errore per condurre i
miseri mortali alla scoperta del vero... Il signor Lodovico era un uomo
pericoloso... Le sue massime, i suoi principii potevano scandolezzare
gli onesti abitanti della borgata... È bene ch’egli abbia dovuto
ritirarsi... Sarà prudente non riparlare dell’accaduto, e lasciar
correr l’acqua pel suo letto. Ciò che è fatto è fatto... Ricordatevi
bene, signor contino—e don Cecilio fiutò una seconda presa di
tabacco—ricordatevi bene, che quando noi preti ci mettiamo la coda, nè
anche il diavolo può impedire che essa produca il suo effetto.

Il contino si inchinò profondamente, e, tornando alla propria
abitazione, gli ricorse alla mente un testo latino ch’ gli aveva
appreso in collegio dai reverendi padri gesuiti: _calumniare! aliquid
semper manet_.—Il qual testo parafrasato verrebbe a dire: quando
volete rovinare un galantuomo, inventate pure le più incredibili
calunnie—e il mondo crederà sempre!



_IL LUSSO DELLA DONNA_

Una questione sociale della massima importanza sta dibattendosi in
Europa e in altre parti del mondo incivilito.

Già da tempo i fogli francesi annunziarono istituita a Marsiglia una
società di giovani scapoli, la quale si proporrebbe di correggere il
soverchio lusso delle donne colla minaccia di chiudere ad esse ogni
probabilità di matrimonio. Questa _Società_, da quanto riferiscono
i giornali, avrebbe trovato numerosi proseliti in Francia e in
Inghilterra, ma in nessun luogo essa ha preso a svilupparsi più
rapidamente e in proporzioni così vaste come in America.—Se dobbiamo
credere ad una corrispondenza da Nuova York pubblicata dal _Times_, in
quella città l’attitudine dei _Celibi–massoni_ sarebbe tale da produrre
un vero allarme nella gentile falange delle fanciulle da marito.

Questi _Celibi–massoni_, così tenacemente risoluti ad astenersi dalle
_dolcezze_ matrimoniali fino a quando le donne non abbiano dato prova
di rinunziare al loro lusso smodato, nella sola città di Nuova York già
sommano a trentacinquemila. E pare che facciano davvero; poichè nello
scorso mese questa vasta e popolosa città non ha veduto celebrarsi che
sessantaquattro matrimoni.

Che il lusso della donna sia fomite di corruzione, causa
efficientissima di squilibri economici nelle famiglie e incentivo al
delitto, questa è tale verità su cui non può cadere alcun dubbio. Tutte
le statistiche criminali danno ragione all’arguzia strategica di quel
celebre poliziotto francese, che ad ogni annunzio di crimine, soleva
esclamare: _cherchêz la femme!_—Dietro un furto, dietro un falso di
cambiali, dietro un assassinio, dietro un suicidio, è ben raro che non
si celi una donna, una giovine e capricciosa donna, avida di _moire_,
di gioielli, di equipaggi e fors’anche di _bordeaux_, di _champagne_ e
pasticci di Strasburgo.

La statistica accusa la donna inesorabilmente, e a ciò vuolsi
attribuire questa singolare cospirazione del sesso forte contro il
sesso debole, che ha dato origine alla setta dei _Celibi–massoni_.

Riconoscendo, come non si può a meno di riconoscere, il grave danno che
deriva alla società dal lusso sfrenato della donna, è da approvarsi
nei _Celibe–massoni_ la moralità dello scopo, sebbene rimanga ancora
discutibile la idoneità dei mezzi ch’essi prescelgono a conseguirlo.

V’è una quistione che innanzi tutto vuol essere risolta—sapere se la
donna sia sola colpevole del suo lusso, ovvero se l’uomo, se il marito
in ispecie, non sia la causa prima di quegli eccessi cui si vorrebbe
por freno.

Prima di entrare per nostro conto in un dibattimento di tale
natura, vediamo come altri lo abbia iniziato e con quale effetto.
Trasportiamoci a Nuova York, e prendiamo parte all’ultimo _meeting_ dei
_Celibi–massoni_, dove un individuo del sesso accusatore (il signor
Gozléz di Salamba, presidente della nuova società), e un individuo del
sesso accusato (miss Conninghs Hevers) gettano i preliminari di questa
polemica che interessa tutto il mondo.

Il discorso del signor Gozléz di Salamba di tal modo viene riassunto
dai giornali americani:

«Signori _(volgendosi alle tribune esclusivamente occupate dai membri
della società)_:

«Tutti i documenti che ci eravamo prefissi di raccogliere, per
dimostrare le calamità provenienti dal lusso smodato delle donne, sono
raccolti e fra poco verranno pubblicati. La infernale civetteria delle
donne è divenuta il flagello della umanità.

«Oggimai non è più possibile ammogliarsi ad un giovane onesto e
regolato nel vivere _(sensasione)_.

«A vent’anni le giovinette esigono tal lusso, quali le madri non
avrebbero mai sognato _(verissimo!)_ Il cervello vuoto delle giovani
non si nutre che di futilità dispendiose. Esse vogliono ad ogni costo
brillare, ignorano che la modestia è il più bel ornamento di una
giovane _(bravo!)_ e la sfacciataggiene sovviene in esse al difetto
d’istruzione, che più non si curano di acquistare _(approvazione)_. In
tali condizioni, signori, qual giovine, che non possegga se non che
mediocri mezzi per vivere, può avventurarsi in buona fede a prender
moglie? S’egli si imbatte in una giovane fedele ai suo doveri _(rara
avis!)_ è ben certo di renderla infelice non soddisfacendo ai suoi
dispendiosi gusti.

»Se s’imbatte in una donna meno scrupolosa—ed è il caso più
probabile—che addiviene del suo onore? A qual prezzo viene acquistato
il lusso con cui si abbiglia la sua consorte?... Il marito deve
intraprendere delle speculazioni superiori alle sue forze per
accontentare la civetteria sempre insaziabile della sua sposa, e la
sua probità finisce per naufragare. Quanti esempi non ne vediamo ogni
giorno! In altri tempi vi erano delle donne che si occupavano delle
cose domestiche; ve n’erano anche di quelle, che, in caso di bisogno,
avrebbero prestato mano al capo di famiglia in ciò che il loro sesso
comportava. Oggi avviene forse lo stesso? _(no!)_ Le nostre donne
non vogliono prendersi cura dell’andamento domestico, e preferiscono
di vivere in locande o in pensioni ove la loro civetteria e la loro
infingardaggine si sviluppano a tutto bell’agio e dove coll’ozio ad
esse sopraggiungono i cattivi pensieri.

»Il povero marito è occupato de’ suoi affari; la moglie va girovagando
pei negozi, sen va a passeggiare nel Parco o nel Broadway, e non
avendo nulla a fare in casa, ha mille volte il tempo e la facilità di
aumentare il suo lusso _quocumque modo_. Quanto a lavorare a punta di
dita in caso di sventura, era una cosa buona per le matrone del tempo
passato. Una donna che lavora, foss’anche per nutrire i figli, non è
più una lady; essa crederebbesi abbassata al livello de’ suoi domestici.

»I nostri antenati si ammogliavano per avere un focolare, una famiglia,
dei figli. Chi si ammoglia ai giorni nostri rischia di non avere nè
l’una cosa nè l’altra. Non un focolare, perchè le nostre signorine
preferiscono la vita dei corsi alla vita domestica; non una famiglia,
perchè le nostre mogli non hanno nè lo spirito, nè lo istinto
dell’ordine, e ve ne sono di quelle che sacrificherebbero padre e madre
ad un gioiello, ad un merletto, ad un cappello, ad un _cachemire_;
e a più forte ragione sacrificherebbero un povero diavolo di marito
_(risa)_.

»Non figli, o almeno un numero limitato, perchè l’allevarli è
dispendioso, perchè una signora coperta di raso e di merletti non vuol
esporsi a tenere un bambino sulle ginocchia, nè a lei parrebbe decente
il trattare le fasce e i pannolini sudici colla mano infiorata di
polvere di riso _(benissimo)_.

»Innanzi a tali fatti, di cui niuno potrebbe negare la triste realtà,
non è egli conveniente, o signori, per salvare la morale e sopratutto
noi stessi, di fondare un’associazione che, pel suo numero, per la
solidità de’ suoi principi, dia una lezione alle nostre giovani donne
di Nuova York? _(sì, bravo!)_ Questa associazione già esiste, noi ne
formiamo l’anima, ma bisogna propagarla ed estenderla. È duopo mettere
le signorine stravaganti in quarantena _(sì! sì!)_ È mestieri pertanto
proclamare che noi amiamo se non altro la semplicità; che non c’è
bisogno, per piacerci, di spendere per un vestito la rendita di un
mese ed anche di un anno! _(bravo!)_ Rimanendo celibi, signori, noi
ci guarentiamo da un flagello cento volte più a temersi del colera e
della peste. E voi vedrete che colla nostra risoluzione costringeremo
le giovani a ravvedersi. Noi possiamo fare a meno di esse, elleno non
potrebbero fare a meno di noi.

»Il giorno in cui il loro cuore si aprirà ai sentimenti del vero
affetto, in cui il dollaro non sarà più il loro Dio; quando il
buon senso sarà rientrato nel loro cervello, allora soltanto noi
consentiremo a infrangere i nostri voti per immolarci nuovamente
sull’altare dell’imene. Per ora, il nostro giuramento sia quello del
perpetuo celibato. Morte al lusso! Viva le semplicità e l’economia! Non
più matrimonio! Ecco la nostra parola d’ordine. _(Applausi prolungati;
tutti si precipitano in folla per congratularsi coll’oratore)_.

A questo discorso dell’onorevole presidente del _meeting_, altri ne
seguirono più concitati e più violenti. Tutti i membri della società
vollero prendere la parola per lanciare una rampogna, un crudele
sarcasmo contro il sesso incriminato.

Noi non riporteremo quelle invettive, le quali, per essere più
spietate, danno una maggior evidenza ai fatti ed alle argomentazioni
dell’onorevole Gozléz di Salamba.

Ma perchè la questione sia posata dinanzi ai nostri lettori in guisa
da escludere per parte nostra qualsivoglia sospetto di parzialità,
non indugieremo a riprodurre le vivaci proteste del sesso accusato,
quali pel labbro di una avvenente donna vennero formulate in una breve
arringa.

Miss Conninghs Hewers fu l’ultima a prendere la parola nel famoso
_meeting_ di Nuova York e—affrettiamoci a dirlo—i maggiori applausi
furono per lei. Tutta l’indignazione di un sesso calunniato trabordava
dal suo volto, dai suoi sguardi, dalla sua eloquenza fulminea. La
leonessa ferita ruggì terribilmente, e tutta l’assemblea mascolina
n’ebbe terrore.

Alla fine del suo discorso, miss Conninghs Hewers fu portata in
trionfo dalle fanciulle intervenute all’adunanza—e i molti giovani
appartenenti alla setta dei _Celibi–massoni_ si ritrassero col
pentimento nel cuore.

Per parte nostra non ci lasceremo influenzare da questo trionfo
dell’eloquenza femminile. Riconoscendo una parte di vero nelle parole
proferite dalla giovane americana in difesa del proprio sesso e in
accusa del nostro, attenderemo che i nostri spiriti si ricompongano a
perfetta calma per proferire un giudizio definitivo.

Frattanto eccovi il discorso di miss Hewers:

»Di chi è la colpa, o signori?—ecco la questione—di chi è la colpa,
domanderò io colla mia debole voce di donna—poichè voi, nell’impeto
cieco dei vostri risentimenti, avete obliato che questa dovrebbe
essere la prima questione!—Avete raccolto dei documenti per dimostrare
le calamità provenienti dal nostro lusso—e fu inutile fatica, o
signori, perchè noi siamo le prime a convenire di questa deplorabile
verità.

»Chi ha creato a noi donne la necessità del lusso, chi ha fomentato nei
nostri cuori le ambizioni smodate? chi ci ha sospinte in questo vortice
fatale che inghiotte tante vittime umane?—Voi... _(tumulti e segni
negativi dalle tribune massoniche)_. Voi... lo ripeto con tutta la mia
voce, rinvigorita in questo momento dalla più ferma convinzione!....
Sì! il nostro lusso non è che una conseguenza inesorabile dei vostri
disordini, delle vostre follìe—e poichè tutto si ha da dire—della
vostra brutalità _(sensazione)_.

»Voi avete torto di accusare le nostre esigenze giovanili. A sedici
anni non vi è fanciulla che domandi di soffocare sotto gli ornamenti
artificiali le rose seducenti della sua primavera. Le fanciulle amano
la semplicità—si sentono troppo forti delle loro attrattive naturali
per invocare il soccorso delle stoffe e dei metalli. Una mussola di
venti lire, un nastro di pochi soldi, un cappellino di paglia, due
fiori—ecco ciò che domandano le fanciulle!—Tale è l’istinto di di
questi giovani cuori pieni di poesia, che vi fanno l’onore—o bruti
della specie mascolina—di credervi animali ragionevoli, dotati di
qualche istinto gentile!

»Orbene: ditemi un poco, o grossi orangotani col cappello a
cilindro—qual è di voi che riveli tanto buon gusto da apprezzare il
semplice e modesto abbigliamento di una giovinetta?

»Le rose naturali di un freschissimo volto non hanno attrattive per
voi. Voi disdegnate i puri contorni, le forme palpitanti che si
esprimono attraverso una gonnella di mussola e di lino.

»Voi correte all’artificiale ed al falso. Un volto di quarant’anni
ingrommato di polvere di riso e di belletto, due sopracciglia
affumicate, un cumulo di capelli che non osate chiamare parrucca,
una crinolina vaporosa... ecco ciò che vi attrae, ciò che voi
preferite.—Voi volgete le spalle alle vergini figlie della natura,
e cadete in ginocchio davanti ad una guardaroba che vuol essere una
donna!—Ci rimproverate il nostro lusso, e poi andate in estasi per una
stoffa di broccato, e correte a baciare dei volti che ogni mattina si
fabbricano una epidermide al prezzo di venti franchi _(applausi)_.

»E quando noi diventiamo vostre mogli? È triste cosa per una donna
quale io mi sono, dover rivelare certi misteri dinanzi ad un’assemblea
così numerosa. Ma io lo farò, perchè l’onore del mio sesso lo esige.

»Dopo aver consumato la vostra prima giovinezza nel libertinaggio
e nelle crapule, corrosi dalle malattie, estenuati, qualche volta
ributtanti per cicatrici ingloriose, voi ci elevate agli onori del
vostro talamo glaciale, promettendoci delle dolcezze, che dopo un mese
non sarete in grado di mantenerci _(sensazione)_.

»L’onorevole presidente di questa assemblea ha osato accusare la
nostra sterilità. Io lo pregherei di cercare nel suo sesso le origini
di questo fenomeno, d’altronde naturalissimo! _(Alcuni membri
dell’assemblea abbassano la testa)_. Quei nostri antenati che si
ammogliavano per avere _dei figli_, recavano alle loro donne dei
mezzi abbastanza idonei allo scopo, non erano tanto stolti da esigere
che tutto si facesse da noi. _(Applausi prolungati dai banchi delle
signore)_.

»Un _focolare_... una _famiglia_!—Siamo noi che vi ricusiamo
le intime gioie del focolare domestico? Noi che passiamo nelle
case la massima parte delle giornate—noi che nei primi mesi di
matrimonio vi attendiamo alla notte colla trepidazione nel cuore, che
corriamo all’uscio per ogni menomo rumore nella speranza di vedervi
sopraggiungere—che vegliamo spesse volte infino all’alba colle pupille
lacrimose, mentre voi gozzovigliate alla bettola per rientrare briachi
a infastidirci di un amplesso impotente! _(Il presidente dell’assemblea
nasconde la faccia sotto il banco)_.

»E cosa venite a dirci? Qual è il conforto che voi recate al nostro
amore? «Com’era bella questa sera la moglie dell’ambasciatore
brasiliano col suo fulgido diadema di brillanti!... Com’era seducente
la prima donna dell’opera italiana con quella sua _bernouse_ tempestata
di fiori d’oro!» E osate perfino... osate rammentarci le mantenute, le
cortigiane, tutta la mandra che si prostituisce... E vantando la loro
civetteria, quasi ci animate a prenderne esempio!

«Vi rovinate per noi! Ciò può avvenire qualche volta, ma noi vi
_roviniamo_ per compiacervi. L’istigazione è partita da voi. La nostra
semplicità, il nostro amore vi trova indifferenti—noi procuriamo di
sedurvi, di tenervi legati a noi colle attrattive degli adornamenti,
con quell’orpello che il vostro gusto pervertito apprezza più dell’oro.

»Che dirò poi dei fatui mariti, dei mariti capponi, dei mariti nati
cervi, i quali non d’altro si compiacciono che di esporre le loro mogli
all’ammirazione del pubblico, e vogliono dire ad ogni costo: mia moglie
era la meglio abbigliata alla festa—la mia signora attirava tutti gli
sguardi col prestigio della sua _toilette_—la mia signora era l’idolo
di tutti!—E poi si lagnano del lusso! E poi dicono che noi... siamo
causa della loro rovina!...

»Poveri cervelli vuoti che non potete riconoscere la vostra
insensatezza! Noi vi rechiamo una moglie, e i vostri pensieri,
le vostre sollecitudini son tutti rivolti a farne una meretrice!
_(Sensazione profonda)_.

»Orbene, poichè siamo giunti a discutere le nostre ragioni ed i nostri
torti, si sospendano pure le nostre relazioni.

»Le fanciulle di Nuova York si associno al vostro grido: _non più
matrimonio!_ E quanti sono in America e nelle altre parti del mondo
cuori di donna che sentono la propria dignità, faranno eco al nostro
voto!

»Rimaniamo pulzelle!—Se infino ad oggi abbiamo potuto transigere
colla brutalità dei mariti nella illusione di poter incivilire questa
razza—ora, dacchè essi ingratamente e stolidamente ci accusano dei
loro torti, non è più lecito verun accomodamento fra i due sessi.

»Vergini di Nuova York: la vostra linea è tracciata—abbominio a questi
mostri che ci pervertono e ci accusano! abbominio ai mariti!»

Come abbiamo detto, alla fine della arringa, miss Conninghs Hewers fu
portata in trionfo per le strade principali di Nuova York.


                        FINE DEL LIBRO SEGRETO.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Libro segreto" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home