Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Viaggio pel lago di Como
Author: Giovio, Giambattista
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Viaggio pel lago di Como" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                                VIAGGIO
                                  PEL
                              LAGO DI COMO


                                   DI

                           POLIANTE LARIANO.



                                  COMO
                      PRESSO CARLANTONIO OSTINELLI
                         STAMPATORE PROVINCIALE
                                 1817.



PREFAZIONE.


Al forastiero, che dottamente curioso viene a visitare l'inclita
Como per indi intraprendere il delizioso viaggio del massimo Lario,
non può per nostro avviso riescir discaro, che prima di porgergli
la descrizione del Lario del conte Giambattista Giovio, gli si offra
qualche rapido cenno sull'antica storia di questa gloriosa Città, ed
alcuna notizia eziandio dei molti insigni cui ella diede i natali, e
di quanto infine v'ha in essa che si meriti considerazione. Però noi
stimiamo prezzo dell'opera il farci a brevemente fornirgli siffatte
cognizioni, che principalmente dall'opere del mentovato Conte andrem
desumendo; al che siamo spinti ancora dal por mente, che ove per
avventura il lago burrascoso gli interdica la navigazione, avrà così di
che ben impiegar l'ore di sua dimora in Como.


§. I.

L'origine della Città di Como perdesi, al pari di quella di quasi tutte
le altre Città d'Italia, fralle tenebre della più rimota antichità.
Cajo Plinio Seniore ne conservò bensì l'opinion di Catone, che attribuì
la fondazion di Como agli Orobj; ma lo stesso Catone confessava poi
d'ignorare onninamente qual si fosse questo popolo, nè di gran momento
è la sentenza di Cornelio Alessandro, il quale stimò gli Orobj derivati
dai Greci anche per l'interpretazione del nome, che in greca favella
suona _abitatori dei monti_. Altri celebri eruditi studiaronsi di
trovare onde le genti Orobie discendessero; ma troppo mal fermo fu
il risultamento delle loro investigazioni: per la qual cosa noi ci
accontenteremo di ritenere tanto più antica, quanto più imperscrutabile
l'origine di Como.

Insiem cogli Orobj vennero in seguito, come ne attesta Livio, ad
occupar le terre del Lario gli Etrusci o Toscani; i quali poi nell'anno
600 avanti l'Era volgare sconfitti da Belloveso, nipote di Ambigato
che reggeva la Gallia Celtica ai tempi di Tarquinio Prisco, dovettero
ritirarsi fra quelle contrade, che guardano l'oriente dell'alpi
e volgonsi al mezzogiorno: e di tal modo nella region Comasca si
stabilirono i Galli Bellovesiani che già Insubri erano denominati,
conservandosi però Como per più secoli un popolo distinto ed
indipendente nel governo di se stesso.

Ma nell'anno di Roma 557 Marco Claudio Marcello trionfando degli
Insubri e de' Comaschi rese Como soggetta al dominio di Roma. Como
sotto i Romani salì in grande dignità acquistando da prima in parte,
poi in tutto i diritti e le prerogative della Romana cittadinanza sino
a sollevarsi dalla condizione di suddita a quella di partecipe della
sovranità. E qui è bello il ricordare i nomi di Pompeo Strabone, padre
del gran Pompeo, di C. Scipione, e di Giulio Cesare; perocchè tutti a
gara la favorirono e l'onorarono. Notisi altronde contro l'asserzion
dell'Enciclopedia all'articolo _Como_, che i Romani chiamarono questa
città _Novum Comum_ per ciò solo, ch'essi vi dedussero nuove colonie,
onde ristorarla dai danni, che i Reti vi avevano cagionati.

Como istette con Roma; finchè venuta l'Italia in poter de' barbari,
colla caduta dell'impero Romano nell'occidente, dovette anch'essa,
partecipando alle comuni sciagure, passar prima sotto il dominio
de' Goti, poi sotto quello dei Longobardi, indi sotto i Franchi, e
finalmente sotto la clemente signoria dei Germani.

È a questo punto, che noi possiamo ravvisare nella Città di Como i
destini d'una novella Troja; perciocchè intorno all'anno 1117 a cagione
della sanguinosa irruzion de' Comaschi fatta sopra Landolfo Carcano
vescovo intruso scese per consiglio del milanese arcivescovo Giordan da
Clivio tutta Insubria contro la sola Como, ed appena dopo dieci anni e
col soccorso di venti popoli pervenne a domarla. Però ai 27 d'agosto
del 1127 i vincitori Milanesi mal serbando la data fede ai resisi
Comaschi abbatterono sin dalle fondamenta tutta quanta la misera Città
di Como[1]. In questo disastro perirono ancora i preziosi monumenti,
che a' Comaschi restavano della Romana grandezza; il che è a dire come
un'arena ed un teatro che a Giulio Cesare sono attribuiti, non che le
celebri loggie di L. Calpurnio Fabato: e quindi Como si giacque più
anni depressa sino ai giorni di Federico Barbarossa.

I Milanesi, secondochè narra l'abate Uspergese, l'anno 1156 rinnovarono
le rovine di Como; ma i Comaschi fecero poi le loro vendette, quando
nel 1162 insiem co' Cesariani e cogli Alleati intervennero alla
distruzion di Milano, comandata da Federico.

Umiliato poscia l'Imperadore alla famosa battaglia di Legnano, i
Comaschi si accostarono alla lega, ed ebbero indi parte alla memorabil
pace segnata in Costanza ai 25 di giugno dell'anno 1183.

Il primo avanzo dell'antichità de' secoli barbarici, che al forastiero,
il quale muova verso Como, s'appresenti, si è la torre di Baradello,
posta sopra una collina che da mezzodì soprasta la città. Questa rocca
celebre nelle storie fu edificata da Luitprando Re de' Longobardi
l'anno dell'era volgare 724; e venne poi smantellata dal famoso Antonio
de Leva generale di Carlo V. nell'anno 1527 non rimanendone che la
superba torre, e qualch'altro sfasciume[2].


§. II.

Ma bastino questi brevi tratti sull'antica storia di Como, e passiamo a
riconoscere questa terra altrice d'onoratissimi ingegni, non toccandone
però che i sommi.

Egli è ben dritto che per noi si cominci dall'amico di Vespasiano
e di Tito, da quegli che conservò la memoria degli antichi miracoli
delle belle arti, dal più sapiente indagatore della natura, da Cajo
Plinio Secondo[3]. Nacque egli in Como intorno all'anno XXII. dell'Era
volgare; fu per senno e per dottrina la meraviglia de' contemporanei
e de' posteri; e il suo genio osservatore lo condusse a morire alle
falde del Vesuvio nella ancor giovane età d'anni 56[4]. Rimangono di
lui trentasette libri della Storia Naturale, opera avuta costantemente
da tutti in grandissimo pregio.

Nipote e figlio adottivo del memorato è Cajo Plinio Cecilio Secondo.
Egli era carissimo a Trajano, di cui scrisse sì alto le lodi; ei fu
l'amico di tutti i dotti del suo tempo; e pel suo merito fu decorato
delle più cospicue cariche dell'impero sino alla dignità Consolare.
Hannosi di lui coltissime lettere, il celebre panegirico di Trajano, ed
altre opere stimatissime.

D'amendue i ricordati Plinj scorgonsi le statue con apposite iscrizioni
sulla facciata della superba Cattedrale di Como, onorevoli monumenti
consacrati alla memoria di que' sommi dai grati loro concittadini
l'anno 1498.

Nativo di Como è pur Cecilio, poeta dell'aureo secolo, e al cui onore
basterebbe il rammentare l'amicizia e la stima, che professavagli
Catullo. Da un faleucio indirizzatogli dall'amico Catullo si raccoglie
che il poeta comasco avesse incominciato un poema sopra Cibele; e
Benedetto Giovio, seguito dal conte Giovanni Battista, è d'opinione,
che il poemetto che leggesi nelle poesie di Catullo sopra Ati, sia
opera del Comasco Cecilio.

Ma trapassando Cassio, Cornelio Nipote, Severo, Attilio, Floro,
Rutilio, Pomponio e qualch'altro antico, che dal conte Giovanni
Battista Giovio s'argomentano Comaschi, io vengo a' chiarissimi
fratelli Benedetto e Paolo Giovio. Il primo nacque in Como nel 1471
il secondo nel 1484 da Luigi Giovio e Lisabetta Benzi. Benedetto era
tenuto in sì alto pregio, che Andrea Alciato non dubitò d'attribuirgli
il dignitoso nome di Varrone della Lombardia; e Carlo V. in Bologna
lo dichiarò Conte Consigliere Aulico Cavaliere aurato insiem co' suoi
figli, e col fratello Monsignor Paolo. Lasciò moltissime opere, fra
le quali una colta Storia Patria. Morì nel 1544, e nelle pareti della
Cattedrale di Como esiste tuttavia la nobile sua tomba. Di non minor
valore di Benedetto fu pure il di lui fratello Paolo. Scrisse questi
infinite opere, di cui le più rinomate sono una Storia generale in 45
libri, le Vite degli uomini illustri, gli Elogi dei grandi uomini, e
le Vite dei XII Visconti Sovrani di Milano. È però qualificato celebre
storico, che che ne dica in contrario il Dizionario di Bayle; e da
Leon X. fu giudicato un Livio novello. Clemente VII. il creò Vescovo di
Nocera. Il Duca di Milano, i Farnesi, gli Estensi, i Duchi d'Urbino, i
Gonzaghi, e Cosimo de' Medici Duca di Firenze l'ebbero tutti caro, e lo
distinsero a gara. Cessò di vivere nel 1552 in età d'anni settantanove.

Anco a Benedetto Odescalchi, poi Innocenzo XI., diede Como i natali.
Ei nacque di Livio, e di Paola Castelli nel 1611; fu da Innocenzo
X. eletto Cardinale nel 1645, ed acclamato Pontefice nel 1676. Uscì
di vita nel 1689, e il solo suo nome basta a renderlo immortale. Da'
Comaschi Rezzonici è altresì oriondo Clemente XIII.

Voglionsi ora ricordare due celebri Rezzonici. Il primo è il Conte
Anton Gioseffo nato in Como nel 1709. Fu Cavaliere di San Jago,
Maresciallo di Campo, Gentiluomo di Camera di S. A. R. l'Infante Duca
di Parma, e Governatore di quella Città. Si distinse nella facoltà
poetica e nell'oratoria; ma la maggiore fralle sue opere edite sono
le eruditissime Pliniane Disquisizioni, che versano sulla patria,
sulla vita, e sugli scritti di Plinio maggiore. Il secondo, figlio
del nominato, è il Conte Carlo Castone nato in Como nel 1742. Fu
questi Colonnello e Gentiluomo di Camera di di S. A. R. l'Infante di
Parma, Segretario di quella R. Accademia, e Cavaliere Gerosolimitano.
Insieme colle filosofiche discipline coltivò egli felicemente le
lettere umane, e riuscì uno de' più colti scrittori de' suoi giorni.
Il dotto professore Francesco Mocchetti va ora pubblicando la raccolta
dell'opere di questo insigne Comasco, il di cui nome è caro alle
lettere del pari e alle belle arti.

Nè è da passar con silenzio quello fra' poeti Comaschi, che fece della
poesia il miglior uso, rivolgendola al suo più nobil fine: e parlasi di
Francesco Rezzano. Venne Francesco alla luce nel 1731 agli 8 di marzo;
diedesi alla via ecclesiastica, e fu canonico. Recò egli in dignitose
ottave il libro di Giobbe; scrisse un poema in verso sciolto intitolato
il Trionfo della Chiesa, e con sacri cantici latini ed italiani fece
risuonare le sponde del Lario di Davidica armonia. Ai 27 maggio 1780
uscì di una vita per lui tribolatissima.

E gloriasi pur Como de' natali del Marchese Giuseppe Rovelli, natovi
nel 1738. Dettò egli in patria con molta lode le istituzioni di
Giustiniano; ed è autore della più bella Storia patria che s'abbiano
i Comaschi. Riconoscenti i di lui concittadini gli consacrarono una
onorevolissima lapide, che esiste in una delle sale della patria
amministrazione Municipale. Morì nell'anno 1813.

Del più volte nominato Conte Giovanni Battista Giovio convien ora che
facciamo la debita ricordanza. Nacque egli in Como alli 10 di dicembre
del 1748 discendendo dalla nobile famiglia de' Giovj summentovati[5].
Fu Cavaliere del sagro militar Ordine di Santo Stefano, e Ciambellano
di S. M. I. R. A. Fe' dono al pubblico di molte opere pregiatissime;
molte ancora lasciò inedite, e fu reputato un grandissimo erudito. In
ispecial guisa poi è egli benemerito di sua patria, che illustrò con
dottissimi scritti d'ogni maniera. Morì nell'anno 1814.

In gran fama salì ancora don Ignazio Martignoni, nato in Como nel 1754.
Fu professore di Diritto nel patrio Liceo; pubblicò varie opere, e con
esse acquistossi un nome distintissimo in letteratura ed in diritto.
Nelle materie che il Martignoni imprese a trattare pochissimi gli
possono stare a fronte, tanto egli scrisse maestrevolmente. Cessò di
vivere nell'anno 1814[6].

Fra celebri viventi Comaschi vuolsi primo nominare il degnissimo sacro
Pastore, che ne regge la Diocesi, l'illustrissimo e reverendissimo
Monsignor Vescovo Carlo Rovelli. È questi fratello del dianzi ricordato
Marchese; conosce profondamente le lingue orientali; e a chiuder tutto
in uno, è per dottrina e per santità di vita specchiatissimo.

Altro che fra' Comaschi merita particolar menzione si è il sig.
Giuseppe Nessi, nato nel 1741. Stette egli molti anni professore
d'Ostetricia sull'Università di Pavia, ed ora n'è Professore emerito.
Mise in luce più opere, che gli procacciarono non volgar rinomanza.

È pure da memorare l'illustrissimo sig. don Antonio Della Porta,
professore di filosofia razionale, morale e Pedagogia, chiaro nella
repubblica letteraria per molte produzioni.

Il sig. dottor fisico Carlo Carloni professore di Storia naturale nel
R. Liceo, è uomo prudentissimo nella medicina e in ogni ramo di scienze
fisiche. Egli possiede una raccolta di minerali che merita di essere
veduta.

Il dottor Francesco Mocchetti di cui poc'anzi avemmo menzione, versato
in ogni maniera di bella erudizione possiede un'ammiranda collezione di
libri del quattrocento.

Nè vuolsi passare sotto silenzio il sig. Giuseppe Malachisio chiaro per
molte sue produzioni poetiche; chè egli ha pieno la lingua e il petto
di quell'antico savere che cotanto onora l'uomo.

Il dottor fisico Onorato Solari uomo pur esso assai dotto possiede una
collezione di Storia naturale molto doviziosa in conchiglie, fra le
quali vedonsene molte di assai rare e peregrine.

Presso il medesimo si trova una serie assai numerosa di medaglie
antiche d'ogni metallo sì greche che latine ecc. Trovansi pure bronzi,
urne, lucerne, vasi di diverse forme e materia, idoli sì Egiziani
che Romani, bassi rilievi, pagodi, avorj, dittici, e molti altri
commendevoli storici monumenti ecc. Come pure possiede molti oggetti
di curiosità e molte tavole dei migliori pennelli massime Fiamminghi.
Vi si vedono per esempio i Caracci, gli Holbein, i Poussin, i Vandik,
i Vander-Werf, i Morales ecc.

Ed eccoci a chi sovra ogni altro illustra Como co' suoi natali, al
massimo rigeneratore delle fisiche discipline, ad Alessandro Volta.
Nacque egli in Como da Filippo uomo patrizio, e da Maddalena de' Conti
Inzaghi nel 1745. Innanzi a lui tutta s'inchina la filosofica famiglia;
del suo nome si fa bella Italia; di sua fama è piena tutta Europa; e
a noi basterà ripetere il detto dell'oracolo: _Tanto homini nullum par
elogium_.

Sono questi per comune avviso i primi illustri Comaschi; e Como
argomentando sull'odierna sua gioventù può nudrir ferma speranza di
crescerne il numero fra non guari.


§. III.

Quanto alle cose, che possono in Como trattenere l'erudita curiosità
del forastiero, deesi prima collocare la superba Cattedrale posta sulla
piazza maggiore. Cominciossi nel 1396; fu l'opera di più secoli; e fu
unicamente eseguita colle devote beneficenze de' splendidi cittadini.
Il forastiero vi potrà ammirare l'ampiezza e gli ornamenti d'ogni
sorta; e dopo aver tutto esaminato dovrà conchiudere, che questa
magnifica mole tutta marmorea non conosce superiori, tranne S. Pietro
di Roma, S. Paolo di Londra e il Duomo di Milano.

Dietro il Duomo sorge un'altra dignitosa fabbrica dedicata al colto ed
onesto divertimento de' cittadini. È questo il nuovo Teatro, eretto da
pochi anni con particolare splendidezza; e il forastiero dopo averne
trovata graziosa l'arena, bellissimi i ridotti, maestoso tutto il
fabbricato, sarà pur forza che ne confessi leggiadrissimo il Teatro.

In vicinanza di Porta Milano, fatta nell'ampia torre stata costrutta
nel 1182, da cui dassi anche altro nome alla Porta, scorgesi la recente
suntuosa fabbrica del Liceo, che già volge al suo compimento, e la
cui facciata è sostenuta da otto rare colonne fra l'altre, che da
Benedetto Giovio e dagl'intendenti voglionsi di marmo greco[7]. Il
Liceo è fornito d'una buona biblioteca, che la munificenza del Governo
va continuamente arricchendo; d'un gabinetto fisico ben provvisto
di fisiche suppellettili; d'una serra e d'un giardin botanico. È poi
specialmente distinto per ottimi professori.

Prima però di uscir di città amiamo di annunciare all'amator delle
belle arti gli angelici freschi, che adornano l'altar della Vergine
nella Chiesa di S. Fedele, e che ritengonsi di Camillo Porcaccino; il
Museo Gioviano posseduto in parte dal Conte Paolo Giovio, e in parte
dagli illustrissimi fratelli Giovj Conte Cavaliere don Francesco e
Cavaliere don Paolo, presso i quali esiste ancora una sceltissima
biblioteca; infine varj quadri e dipinti di pregevoli pennelli, che
trovansi presso l'illustrissimo sig. don Benigno Natta, l'illustrissimo
sig. Conte Mugiasca, attuale I. R. Consigliere di Governo, e
l'illustrissimo sig. Ciceri don Camillo.

Fuori della Città, all'amena spiaggia dell'Olmo in capo al Borgo Vico,
degnissimo è d'essere ammirato il grandioso edifizio dell'illustrissimo
sig. Marchese Innocenzo Odescalco. La sala maggiore di questo palazzo,
splendida per marmi e per molt'oro, non sa punto invidiare le aule
reali.

Quella parte del Vico che giace in riva al lago è resa signorile e
deliziosa dai molti nobilissimi suburbani che vi torreggiano.

Il Collegio Gallio vicino a Porta Sala ossia Svizzera è meritevole
della considerazione del forastiero. Fu questo Collegio fondato dal
Cardinal Tolomeo Gallio nel 1583 ed affidato ai Padri Somaschi che vi
entrarono nel 1589. È il Collegio presentemente in fiore, e a tutta
ragione, poichè ottima è l'educazione che dagli attuali Padri vi si
presta. Rettore del Gallio n'è l'esimio sig. don Carlo Locatelli, e n'è
grande ornamento l'ellenista sig. abate don Giuseppe Pagani professor
di rettorica.

Non guari lunge dal Gallio è posto il celeberrimo Santuario del
Crocifisso. Il Simulacro che vi si venera credesi lasciato in Como
da una Francese compagnia di Bianchi intorno all'anno 1400, ed è
rinomatissimo per molti insigni miracoli operati. In questo ricco
Tempio avvi pure un organo di tanta eccellenza che fassi per uno de'
primi d'Italia.

Dal Crocifisso è breve il passaggio allo Spedal Maggiore. Questa vasta
fabbrica è osservabile per le ampie e ben ventilate crociere. Il Luogo
Pio è saviamente regolato da una Congregazione di Gentiluomini, avente
per capo l'I. R. Delegato Provinciale.

Al principio del Sobborgo di S. Rocco, e in capo a quello di S. Martino
ritrovansi le due comasche fabbriche di pannilani. Si acquistarono
esse molta riputazione per l'eccellenza de' panni che ne sortono. La
prima spetta alla ragguardevole famiglia Luraschi; la seconda, più
grandiosa ancor dell'altra, appartiene alla nobile Famiglia Guaita, che
si meritò premii e distinzioni dal cessato Governo per avere condotto
l'arte a rara perfezione: e l'amatore delle buone arti non tralasci di
visitarle.

Como poi oltre le succennate cose vanta ancora un Seminario Vescovile;
un Conservatorio, ed un monastero di Salesiane per l'educazione delle
fanciulle.

La Comasca popolazione ascende a 14000 in 15000 abitanti[8]. Il suo
principal commercio è in seta, onde conta molte ottime fabbriche di
seterie. Sul carattere infine de' Lariani recheremo, conchiudendo, la
osservazione del celebre Bettinelli, _trovarsi intorno al Lago di Como
il più ingegnoso ed industrioso terreno forse d'Europa_. Entus. pag.
362.



AVVISO

AL LETTORE BENIGNO.


Il viaggio che qui ne diamo del Conte Giambattista Giovio fu
scritto nel 1795. Essendo la prima edizione di tal viaggio divenuta
rara, abbiamo creduto di fare cosa grata agli amatori del Lario il
riprodurlo in luce co' nostri tipi accresciuto di note ove gli avvenuti
cambiamenti le domandavano. E vivi felice.



_Viaggio pel Lario e descrizione._


Avviandoci al porto per intraprendere la navigazion nostra sul Lario,
avvertiremo che quel seno e quel molo non sono cosa antica. Nel 1225
i[9] Comaschi ne aveano cavato uno presso alla piazza de' Liochi, che
appellato venne del Vescovado. Altro pure assai ampio ed opportuno
vi aveva all'altro fianco della città, il quale per lunga incuria
interriossi, e venne in questi ultimi anni ceduto ai cittadini Nolfi,
che in parte ad uso il convertirono di giardino. Nè di piccioli moli
facea mestieri ai Comaschi avvolti sovente in guerre navali; or ci
può bastar questo, ma non dovremmo ommettere di purgarlo nella stagion
d'acque basse da quella fitta che il deturpa, e guasterallo un giorno.

Esciamone a manca e intraprendiamo lunghesso la sponda sinistra il
viaggio. Tosto ci si presenta la spiaggia ampia del Pasquerio partita
in due dal torrente Cosia che si sfoga ivi nel lago. Poco oltre
a trent'anni fa avea egli le foci rivolte verso il sobborgo; ora
col murato alveo fu costretto a piegarsi a dritta. Se le misure si
osservino di quel pubblico pascolo rilevate da periti in sul principio
del secolo, vedrassi che ne crebbe alquanto l'estensione; nè fia
maraviglia per chi ponga mente alle sabbie che versa il Cosia in quelle
vicinanze, ed ai venti che agitando le onde vanno collocandole lungo
que' lidi. Saria pensier saggio che fosse vietato il cavarle per uso
delle fabbriche, tranne il sol letto del torrente, mentre in tal guisa
accrescerebbesi ai posteri una pianura tanto più pregevole fra spazio
breve rinchiuso da' monti. Ottimo fu pure il pensamento che ne rialzò
una parte in questi ultimi anni col dispendio di scudi sei mila: così
più salubre si rese e men soggetta alle inondazioni. Potrebbe con ampie
piantagioni quadrate rendersi agevolmente più ameno quel passeggio,
nè gli si torrebbe il comodo di schierarvi, come pure si costuma,
le truppe. Fannosi fra tigli ed olmi presso Strasburgo i militari
esercizj, nè il diletto de' cittadini opponsi al porvi soldati in
marcia in finte zuffe. Bello spettacolo sarà per chi navighi il volger
gli occhi in giro, sì che le vette, che la città e il pian d'intorno
coronano, esamini d'un colpo, e quinci il celebre Baradello or nido ai
gufi, e quindi l'unica porta[10] d'antica munizione che tuttora resti
sulla costa di s. Martino osservi, e in mezzo piramidar tante torri
e campanili. Ma già presso il finir del Pasquerio comincia la parte
più leggiadra del Vico. [BORGO VICO] Primo di tutti ne si offre quel
palazzetto che pur or costrusse Antonio Baldovino, e dietro quello
sta l'ampio ed amenissimo ritiro de' Carmelitani[11] scalzi, entro
cui al principio del secolo scorso era il _Giardino_ celebre ricovero
del dotto nostro Girolamo Borsieri. Spira a tutto questo lato dalla
valle e dal rivo del Molinello una fresca aura consolatrice. Passata
appena l'arcipretal chiesa di s. Giorgio, entro angusti confini sorge
il casino del professore Bassian Carminati, ma il Soave architetto
domò la difficoltà del luogo col ben partir la casa ed idearla.
Segue la villa dei Barbò marchesi di Soresina; indi con ampio lusso
il suburbano d'Eleonora marchesa Villani nata Doria Sforza. La culta
dama, che signorilmente dimoravi, prese da' suoi viaggi il gusto di
ammobigliarlo con eleganza; magnifica a stucchi lustri, piena d'aria
e di sole è l'oval sala di mezzo. Parte del giardino locossi sovra
quadrate muraglie che vedevansi sotto acqua a lago cheto, e servivan
forse all'isoletta selvosa che Paolo Giovio[12] avea al fianco destro
del Museo. Di tal amenissimo e celebre suburbano ragionano anco gli
esteri, e il notano le geografiche carte. Marco Abate Gallio nipote
di Tolommeo cardinale compratolo il distrusse barbaramente nel 1616.
Sigismondo Boldoni[13] deplora l'impresa del Gallio, il qual pur faceva
di tutto perchè il nome si obbliasse del chiarissimo[14] fondatore. Ma
se in quell'occasione perirono pitture a fresco piene d'anima, di cui
anche fa menzione il Doni[15], se spezzaronsi marmi sculti con belle
sentenze d'ingegno piene; almeno le tavole e le tele rappresentanti
i volti degli uomini illustri e le medaglie e le rarità Indiane ed
Americane[16] trassero i Giovj nelle lor case di città; ed ivi sorse
col nome di Gallia un novel palagio magnifico, che da trent'anni circa
spetta a Don Pietro Fossani milanese patrizio. Degne son da vedersi
le pitture dell'ampia sala, e qualche fregio del cavalier Isidoro.
Ciò è quanto lasciovvi d'antico il novello signore, distrusse esso il
restante. Il Museo e poi la Gallia si edificarono sugli annosi vestigj
della villa di Caninio Rufo, il quale vi abitava a giorni di Traiano,
la cui guerra in Dacia seppe degnamente cantare in greci eroici, e son
note le pistole a lui del giovane Plinio. A due passi dalla Gallia il
sunnominato possessore moderno di quella alzò in quegli anni ultimi
una ridente abitazione, distruttivi alcuni meschini abituri. Contiguo
a questa è l'alloggio del cavaliere Aurelio Rezzonico non dell'antica
patria immemore, e il di lui orto si specchia nel lago. Più ampie e con
giardini a tergo ed in faccia al prospetto del Lario stanno le case del
conte Resta, che sullo spazio eressele appartenente a' Padri Minimi,
e pria alla badia di Vico. Indietro giace quel vaghissimo ritiro
appartenente al Conte Giovanni Salazar per retaggio della comense di
lui moglie Marianna della Porta. Ivi nè vasto vi manca il passeggio,
nè copia d'acque, nè l'ombra d'annosi tigli, nè la solitudine della
prossima e facil montagna. Ma chiamane a se l'Olmo ove il marchese
Innocenzo Odescalchi v'adopera ben ampie fortune, ed una mole si
estolle che sfida i secoli. Il marmo, l'oro e gli stucchi lustri vi son
profusi. Questo palagio chiude lungo il lago il sobborgo di Vico; avvi
però di là strada atta alle carrozze che guida fino a Grumello.[17]
[GRUMELLO] Fu quella villa edificata da Tommaso d'Adda, cui nel 1578
dal Consiglio decurionale venne concesso l'irrevocabil diritto di
raccogliere sulla costa di Monte Olimpino[18] le acque onde alimentar
la fontana. L'ebbe poscia a delizia il[19] Vescovo di Modona Sisto
Vicedomini, possedettela indi il cavalier Porta, da ultimo i fratelli
Carlo e Benedetto Odescalchi, il qual secondo fu Papa col nome di
Innocenzo XI. La acquistarono indi i vescovi sotto Monsignor Neuroni
come amministratori del luogo pio de' Catecumeni, e v'abitarono. Il
piacentino don Carlo Galli l'ebbe poscia. Ora appartiene al cavaliere
conte Giambattista Giovio cui piacque di lodarne in una sua pistola al
Conte Roberti[20] il prospetto amenissimo: ed in vero angol non v'ha
di monte, non sen di lago che sfugga al guardo lusingato e pago. Di là
a pochi passi s'interna nel curvo lido il caserino della Zuccotta[21]
[ZUCCOTTA] erettovi dai Volpi a solingo diporto. Per l'economia delle
celle anguste possiam d'isgradarne quasi il lavor geometrico d'un
alveare. Ma giù per la valletta che stagli a tergo scende poi non
molto dopo il meriggio un frettoloso ponentello che increspa le onde,
e _fideicomisso_[22] nei mesi della state non manca mai.

Segue il Ceresajo, il quale a' giorni di Girolamo Borsieri era ancor
colle alpestre, ed allor si ridusse a vigne ed a fertilità d'ottimi
frutti, fra' quali hanno vanto i fichi. Poco oltre incontrasi
Tavernola, [TAVERNOLA] che in questi ultimi anni fiorì per l'eleganza
degli ospiti suoi, appigionata, com'ella fu, all'Intendente generale
delle Finanze baron di Lottinger. Da una colonnetta ivi spuntante a
fior d'acqua si determina da quel lato il confine della pescagione
riservata al possessore di Grumello. È sul tappeto che il calle
angusto dall'Olmo a Tavernola s'abbia da formare in agevole strada
larga per braccia dieci[23]. L'amenità allora di tutta quella piaggia
crescerà a dismisura, e forse alle falde dell'Olimpino cresceranno
più ville che si specchino nel Lario. Nè l'opera viene consigliata
soltanto dall'amenità, perciocchè su quella via, non senza esempio di
sventure, si traggono le farine alla città sulle schiene de' muli,
le quali allora verrebbonvi sulle carra, come pure i fieni che si
falciano moltissimi nel piano della Bregia, e debbono ora con lungo
giro guidarsi intorno al giogo dell'Olimpino per guadagnare con fatica
retrograda l'altra strada, che a Como mette ed agli Svizzeri.

Ma da Tavernola per ire a Cernobio la via Regina discostasi assai dai
lidi del Lario,[23] e per vigneti e campi e praterie inoltrasi in
quella grande piaggiata, che forse ne' secoli scorsi formossi tutta
colle inondazioni del fiumicello Bregia, [BREGIA] il quale non di rado
poi romoreggia strabocchevole torrente; e va crescendo ognora il lido
con sassi e ghiaje al suo sbocco. Alle di lui foci nell'autunno si
prendono nobili trote, le quali amano di guizzare a ritroso sui sassi
per deporvi le uova. Una gran parte delle perenni acque della Bregia
è divertita all'uso de' mulini. Giace al di là di quelle, dentro un
seno lunato, Cernobio, [CERNOBIO] cui forse venne il nome dal vocabol
latino _Cœnobium_. Eravi infatti un tempo un munistero di Cluniacesi,
e poi vi succedette un convento di religiose, che da Giuseppe II
insieme con tante altre vennero soppresse. Ma quella terra già prima
di Pretore ornata, e de' suoi particolari statuti, fu distrutta e
saccheggiata da Vincenzo Vegio, speditovi da Filippo Visconti duca
di Milano; perciocchè i di lei abitanti aveano liberati a forza in
Bellagio i debitori della camera fiscale. Ora ella è il soggiorno di
piloti celebri e di esperti pescatori, nè scarseggia d'ameni casini,
fra' quali vuole ricordarsi quello del marchese Tiberio Crivelli, dei
Sala, del fu chiaro e pio poeta canonico Rezzano, e dei Clerici notaj e
conti palatini. Pretendono alcuni che l'acqua della Colletta spicciante
nel prossimo colle sia molto salubre, ma finora v'è controversia sulla
di lei analisi. Dietro a Cernobio sorge con altissima vetta il Bisbino,
[BISBINO] sulla cui cima sta un tempio a Maria Vergine che dal popolo
divoto frequentasi. È incredibile l'orizzonte che da quel cucuzzol
discopresi, e qualora gli si aggirino dintorno le nebbie, se ne trae
presagio in Como di pioggia imminente, onde avvi il proverbio

    _Vanne a prendere il mantello,_
    _Che il Bisbino ha il suo cappello._

Sulle falde di questa montagna ampia [PIAZZA] si veggon le terre di
Piazza e Rovenna [ROVENNA] patria del celebre pittore Angiol Michele
Colonna. Vi si raccoglie frumento di grani sì belli e grossi, che
volontieri cuocesi in minestra alla foggia del farro e dell'orzo.
A pochi passi da Rovenna avvi una caverna detta il _Pertugio della
Volpe_, e malgrado il difficile ingresso vi si mise dentro il dottor
fisico Onorato Solari. Trovolla estendersi per 900 piedi parigini, e
n'estrasse lunghi pezzi d'alabastro assai bello.

All'escir primo da Cernobio s'incontra il torrente Garro, presso
cui intorno al 1568 il Cardinal Tolomeo Gallio cominciò il nobil
palagio, che appellasi Garrovo, [GARROVO] e spetta ora al marchese
Calderara[24]. Volontieri v'approderà il viaggiatore, nè ommetterà
di scorrere il viale, che sale sul monte, ed ha quinci e quindi due
rivoli, che per centinaia di conche fluiscono scarpellate nel granito.

Prossimo gli sta Pizzo [PIZZO] villa dei conti Mugiasca, i cui maggiori
forzarono il dorso del monte a prestar loro ameni giardini di sol pieni
e d'agrumi; poi curvandosi in circolo le rupi e la via regina si scopre
Moltrasio, [MOLTRASIO] ove il conte Andrea Passalacqua costrusse non
ha guari abitazion vasta e giardini a gran piani scendenti al lago
più magnifici ancora. Ivi presso il baron Durini conservasi un Museo
d'uccelli vivi, singolarissima cosa, e vi s'ode lo stridor minaccioso
dell'aquila e il pianto armonico dell'usignuolo.

Nel petroso fianco del monte si cavan ivi le tegole pei tetti, e le
caverne praticatevi e l'esperienza maestra ne fecero edificare celle
parecchie per conservare il vino eccellenti, onde senza le cure, che
usavano tante i Romani, possiamo bervi annosi liquori e sfidarli quasi
nel lusso di quelle cene, per cui spillavano botti che ricevute aveano
le uve pigiate sotto Consol remoto.

Singolare è il contrasto di tanta frescura e del calor insieme, che
la sferza cocente del sole eccita in que' sassi. Ma il fiumicello che
parte Moltrasio con non mutulo gemito, e lava piombando a dritto e
rovescio gran massi, spruzza l'accesa aria sì, che abbeveri i polmoni
purissima, e s'abbrividisca nel sollione.

Segue Urio [URIO] per cammino dritto, ove alla villa Castelbarri,
dinanzi Porta, avvi dal lago nobile accesso per una scaléa a due
branche, nè lungi mostrasi Carate, [CARATE] nel qual paese mantiensi
quasi per retaggio l'arte del costrurre le barche. Poscia in molte
villette sparso vedesi Laglio [LAGLIO] per uliveti osservabile. V'ha
chi opina che gli venisse il nome dalla romana gente de' Lallii, altri
poi gliel deduce dal Dio Ajo,[25] che i politeisti venerarono sul
Tebro. A tutte queste terre sta in faccia dall'altro lido Torno già
luogo celebre, e la fonte Pliniana.

Ma seguendo noi la punta di Torrigia, [TORRIGIA] che un promontorio
pietroso spinge nel Lario a ristringerlo d'assai, siamo per abbandonare
quel lungo catino, che gode sempre del popoloso prospetto d'una parte
di Borgo Vico, ed entreremo in una scena di lago più deserta e severa.
Mi maraviglio insieme con Sigismondo Boldoni, come abbia Paolo Giovio
amata tanto Torrigia da scrivere poi che dovessero ivi fabbricare
coll'antica eleganza i favoriti della fortuna.

Ripiegando presso al promontorio la prora costeggiamo le montagne a
manca tutte poste a castagneti, fra' quali scorre qualche ruscello, che
diriano i poeti, d'argento, e diria Magalotti, che ivi in molte ore del
giorno potremmo farla da antipode, mentre altri pure si tapina sotto
a' raggi del sole, o calafatasi dentro un appartamento. Dopo non breve
remeggio giungesi a Brienno, [BRIENNO] ove le casucce degli abitanti
son poste quasi a ridosso l'una dell'altra, e presentano da lungi co'
tetti l'immagine quasi d'una scala. Le sollazzevoli rime del padre
Giuseppe Stampa, in cui si raccolsero que' motti, onde fra loro si
proverbiano i nocchieri delle varie terre, narrano che a' Briennesi si
lanci il titolo di allocchi, ma già nol sono punto, e forse a' vecchi
tempi era la loro patria ancor più distinta. Ce ne possono far fede le
due lapide,[26] colle quali Publio Cesio Archigene sciolse i suoi voti
alle Matrone ed a Giove. Queste si scopersero a' giorni di Girolamo
Borsieri.

Il cognome d'Archigene[27] [ARGEGNO] suona qualche cosa di simile
alla prossima terra d'Argegno, e forse Lucio Cesio l'ebbe per suolo
natale. V'ha chi lo creda popolato un giorno da que' Greci che i
vincitori Romani traslocarono fra noi,[28] e potrebbe a tal sospetto
giovar anco l'appellazione grecanica di Picra, che tuttora rimane a
quella terra che in vetta sta dell'ardua montagna sorgente al fianco
d'Arcennio, alla quale se con aspra fatica di salire ci venga talento,
v'ammireremo grani di mirabil candore e grossezza, non che rape rivali
di quelle di Norcia. Là su quel vertice stanno vestigj d'antica rocca,
come pure di un'altra ad Argegno, il qual posto quasi in un golfo del
Lario viene in due partito dal fiumicello, che ivi scarica la Valle
d'Intelvi [VALL'INTELVI] sì celebre per l'industria de' suoi abitanti.
Traversandola per il lungo sboccasi con viaggio di miglia circa
sette al lago di Lugano. Incontransi per il viaggio caravane di muli
carichi per lo più di carbone che sfogasi ad Argegno per imbarcarlo.
È singolare che non vi siano marmi nella Valle Intelvi, e però gli
abitanti di quelle piaggie si dierono alle opere di gesso lustrato,
nelle quali sono abilissimi.

Anche il dizionario Geografico del Ladvocat, prodotto col nome
di Brouckner, nell'articolo _Como_ attesta che da questa valle
uscirono[29] scultori, pittori, stuccatori, architetti eccellenti.
Taluno vuole anche derivarle il nome dall'intelletto.

Seguendo noi il viaggio nostro lungo la riviera incontreremo Cologno
[COLOGNO] piccola terra e il fiumicello Camogia, [CAMOGIA] il quale
rigonfio bagna talora di sua spruzzaglia l'arco del ponte. Vuolsi che
quest'acqua per le viscere del monte sgorghi figlia del lago di Lugano.
Ma presso a quella una chiara e fresca fonte zampilla e cade spumosa
detta Oliviera dalle piante che d'ogn'intorno l'inombrano, e tutta
quella costiera rendon di squisito olio feconda.

Ma già voghiamo nello stretto seno fra la famosa Isola Comacina[30]
[ISOLA COMACINA] e il lido, in cui avvi Sala [SALA] popolosa di
pescatori, che molta preda fanno in quel golfo pescosissimo, detto
nelle sue lettere dal giovin Plinio il _cannal gemmeo_.

Di fianco all'Isoletta sul prossimo territorio avvi una terra che da
essa ricevette il nome d'Isola, [ISOLA] a cui non manca un'arcipretale
collegiata antichissima, presso la quale conservansi assai vetuste
pergamene. Sparsi qua e là sul monte vi sono gruppi di case, a cui non
manca l'appellazion propria, e dipendono da quell'arciprete. Fra queste
ricordo Ossucio, [OSSUCIO] ove avvi l'iscrizione che soggiungo, poichè
ignoro che sia stata giammai pubblicata.[31]

                        MATRONIS . ET . GENIIS .
                      AVSVCIATIVM . CONSECRAVIT .
                     ARVIVS . NIGRI . F . NOMINE .
                SVO . ET . C . SEMPRONII . NIGRI . ET .
                    BANIONIS . CVCALONIS . FILIAE .
                          PARENTIVM . SVORVM .

Nella terra non lungi dalla chiesa collegiata _i Giovj, che l'origine
traggono dall'Isola[32] Comacina, v'hanno memoria delle ricchezze de'
lor maggiori l'ospedale e la chiesa di S. Maria Maddalena, a cui con
liberal pietà contribuirono terreni smembrati dalle loro possessioni
per nodrire i poveri e i viandanti, e resta fino al dì d'oggi in
quella famiglia per più di ottocento anni l'autorità e la prerogativa
incorrotta di mettervi[33] un ministro. Portano quindi i Giovj per
insegna, in testimonio dell'origin loro, il castello posto in mezzo
dell'isola. A questo si aggiunse l'aquila da Federico Barbarossa,
e s'inquartarono poi le arme dei Medici per dono di Leone X., e le
colonne d'Ercole per diploma di Carlo V. Cesare si sovrapposero._

Ma sul confine della terra sorge poi Balbiano, [BALBIANO] già
sobborgo dell'Isola, e delizia ora del Cardinale Angel Maria Durini.
Ivi sul principio del secolo sedicesimo duravano tuttora magnifiche
reliquie[34] della villa de' Giovj. Queste nel 1596 vendette Ottavio
Giovio a Tolomeo Gallio conte delle Tre Pievi, poi duca d'Alvito,
quindi spinto e dalla bellezza del luogo e dal vetusto diritto
ricomperò quella villa nel 1778 il cavaliere conte Giambattista Giovio,
il quale dovettela poi cedere nel 1787 già ristorata alle lunghe brame
del Cardinale, che coll'ampliazione de' giardini, e col profondo vial
carrozzabile di se la rese degnissima. Vi s'innoltri il viaggiatore
e verragli incontro l'amenità, in fine poi d'esso l'orror sagro della
valle e lo spruzzo quasi della Perlana saluterallo. Talora però queste
acque rigonfiansi a torrente infestissimo, e radendo Balbiano si
scaricano nel lago.

Vedesi in alto il venerabile santuario di M. V. del Soccorso,
[SANTUARIO DEL SOCCORSO] ed a chi salga il monte aspro, danno sollievo
alcune cappelle, che i misteri raccolgono della Incarnazione salutifera
rappresentati con belle figure plastiche colorite. Dolcissimo e
maestoso scende giù nel piano il suono di quelle armoniose campane, per
cui volontieri Monsignor Giovanni della Casa avria fatto un epigramma
in laude, ei, che pur dettò que' latini versi sì acerbi contro lo
squillar rimbombante de' bronzi sagri.

Se il ponte si passi, che al fianco di Balbiano sta sulla Perlana,
tosto si è a Campo, [CAMPO] ove pochi anni sono un convento v'era di
monache, ridotto ora quasi a seconda villa dal Cardinal Durini, che
su tutte quelle spiagge profuse danaro, e cultissimo vi raccolse con
dignità il beato ozio delle muse.

Da Campo per breve via giugnesi a Lenno, ma noi costeggeremo il selvoso
dorso di Lavedo, [LAVEDO ossia BALBIANINO] sulla cui punta altro
casino[35] formossi il prelodato Cardinale di ridente prospetto, da
cui domina a cavaliere su due catini del Lario, e tutta vagheggia la
Tremezzina. Entro lo scoglio del molo avvi una fessura, da cui ricavò
alcuni bei pezzi di spato cristallizzato il dottor fisico Onorato
Solari. Questa punta di monte, che spingesi nel lago, quella si è
che il Boldoni vago di pellegrini vocaboli denominò il dorso di Abido
alludendo a quell'asiatico stretto celebre pel caso infausto di Leandro
e pei versi di Museo. Noi varcandola dirizzeremo la prora lungo la riva
manca spaziando col guardo satollo in più ampio pelago, e giungeremo in
tranquillissimo seno, dove i Caroè hanno una villa.

Tosto lì presso sta Lenno [LENNO] per qualche reliquia del gentilesimo
tuttora venerabile. L'antiquario recherassi quindi alla chiesa
arcipretale, e troveravvi un picciol sotterraneo tempio sostenuto
da colonne di cipollino, e vedravvi un'ara e qualche altro pezzo di
marmo candido. Hannovi anche de' condotti di terra cotta in foggia
quadrangolare, nè saprebbesi qual ne potesse esser l'uso. Ben per
lo contrario si sa che alla stagione degli oracoli de' Gentili si
praticavano i templi o dentro caverne dalla natura fabbricate, o in
luoghi dove l'arte avesse procurati dei sotterranei. Tali antri eran
conciliatori d'orror sagro, e col pretesto delle esalazioni divine
giovavano alle furberie de' ministri degli idoli, onde poi que'
sacerdoti ne foravan talora le statue, e col mezzo di tubi arcani
facevano gorgogliare dai loro numi le voci misteriose. Vive medico
condotto in Lenno il giovane ingegnoso Francesco Mocchetti nato in
Como[36], il qual avvolge ben degnamente al suo crine il lauro d'Apollo
e quel d'Esculapio, ed ora compie una dotta sua peregrinazione in
Lamagna per visitarvi que' dotti e conoscerli ancora di volto, tanto
più che può favellare il lor linguaggio non men che l'inglese. Siegua
egli ad onorar la sua patria!

Vuolsi che su questo lido depresso ed agevole il giovin Plinio avesse
la villa sua detta _Commedia_, perciocchè gli attori di quelle in
sulla scena escivano[37] con borzacchini del coturno tragico più umili.
Scorgesi sulla montagna, che s'alza a tergo di Lenno, l'Acquafredda,
[ACQUAFREDDA] già monastero di Cistercensi, e pria de' Cluniacesi, che
vi si annidarono intorno al 1140; soltanto pochi anni sono ne partirono
i Cistercensi, quando loro fu data la Certosa di Pavia. Ivi dimorava
il dotto Padre don Pompeo Casati, i cui occhi non lasciavano intatta
pergamena alcuna di chiostro o d'archivio, e d'esse n'era ricco quel
monastero. Or le case e i fondi si comprarono dal sig. Ignazio Mainoni,
il cui fratello Barnabita don Francesco, detto più volte dal Cardinal
Burini _il puro Sacerdote delle muse_; è noto per la facile sua vena, e
merita ancora d'esser più noto pel culto ingegno e le sociali maniere.

Quindi piegansi alquanto i colli pieni di vigne e di uliveti, e questi
sono le falde e gli zoccoli quasi dell'eccelse rupi, in cui vedesi uno
amplissimo strato di pietra orizzontale, che ne favella di rivoluzioni
grandi. In alto sta Bolzanico, ove il conte Andrea Passalacqua Lucini
ha casa venutagli col pinguissimo materno retaggio Brentan Monticelli.

Lungo la spiaggia del lago corre amenissima la strada regina[38]; e
tutta quella parte, che col generale vocabolo appellasi Tremezzina,
[TREMEZZINA] presenta l'aspetto d'una città continua, tanto vi sono
vagamente sparse le case e i palazzi. Niun luogo gode di sol più amico
ne' verni sul Lario, e la stagione ivi tien fede ai boschi d'agrumi,
nè osano le notturne o mattutine arie mordervi i cedri. I signori
Mainoni, il Duca Serbelloni alla Quiete, gli eruditi fratelli conte
Andrea e preposito de Carli, e i Brentani di cui molta in que' contorni
fu la progenie, altrove anche trapiantata, v'hanno alloggi e giardini
ridenti.

Notissimo è l'albergo della Cadenabbia, [CADENABBIA] che altri Brentani
di fresco eressero con felice evento e pel lucro loro e per la comodità
de' passeggieri. Ivi più volte si ridussero nel verno a passarvi
qualche settimana i RR. Arciduchi venendovi da Milano, ed è di moda
che qualche inglese vi passi le intere mesate. Come quasi a metà del
Lario v'approdano i nocchieri e vi riprendono lena. Quindi tiensi che
il nome venisse da _Cà di naulo_. Porcacchi e Giovio lodano il vino,
che gli ostieri di quelle contrade apprestavano ai vogatori. Prima di
giungervi vedesi la villa Clerici posta in alto con giardini a piani
varj e scalée, che vi conducono[39]. Il nobil soggiorno spetta ora alla
contessa Claudia Biglia figlia ed erede del marchese Generale, che
in quel luogo esercitò lo splendore e la magnificenza cinto d'ospiti
numerosi a banchetti Lucullei.

Segue un lido sabbioso, su cui il lago va le arene accumulando per
anni, e poi talora in un solo quasi tutte le inghiotte[40]. Sta sovra
esso la Majolica[41], [MAJOLICA ossia LONDON-HÔTEL] casa, cui venne il
nome[42] dall'esservi stata tempo fa l'arte de' piatti esercitata dagli
esperti vasaj. Nel curvarsi del seno scopronsi anche meglio i poggi
di Griante, [GRIANTE] paese celebre per commendati vini, che, soavi al
gusto, si giudicano pure giovevoli allo stomaco.

Indi sotto alla rupe che appellasi il sasso di S. Martino, vedesi una
novella opera che assicura il varco ai passeggieri; perciocchè pochi
anni sono ivi nell'aumentarsi del lago era di mestieri che i viandanti
prendessero qualche barca per tragittare un piccolo spazio, dove le
acque giungevano a coprire in qualche mese la strada regina. Vi si
provvide con ampio ammasso di pietroni, i quai però di sovente vi si
sconnettono dal flagellare de' flutti adirati.

Ma già pieghiamo alla costiera, che mette a Menaggio. [MENAGGIO]
Questo borgo venne non ha guari ornato di Pretor regio, nè più risente
i danni che gli recarono le guerre nel secolo XVI, anzi i di lui
abitanti godono fin l'agio di non pagare la tassa personale, perciocchè
a tal peso del Censo soddisfanno abbondevolmente colle rendite
della Comunità. A manca del Borgo mette foce nel lago la Sanagra[43]
fiumicello, cui si vollero attribuire molte guarigioni, massime per
male di gambe; ma gli osservatori trovarono quelle acque freddissime
e lievi senza mistura alcuna di minerale. Giova però quel fiumicello
al commercio non poco, perciocchè tenendosi in collo quelle acque con
argini, si strascinano poi alla spiaggia le gran piante che recidonsi
sulle montagne. Non esiste più in quel borgo il chiostro de' Canonici
regolari, ma tuttora v'esiste la gran lapida al nome sagra di Lucio
Flavio Minicio Esorato Flamine di Tito e carico pure d'altri titoli
militari e pontificj. Questo sasso vi si fece recare dall'erudito
impressore librajo Minicio Calvo nel secolo XVI, che tratto avealo
dalla spiaggia presso Rezzonico. Vedesi questa incastrata qual base
nella chiesuccia di santa Marta, presso cui don Paolo Paravicini eresse
un casino agiato, che serve a quel cavaliere di riposo nel suo viaggio
da Como alla Valtellina. Nè manca a Menaggio il soggiorno perpetuo
di famiglie nobili, la Castelli, la Magnocavallo, e quella de' Conti
Bolza, un cui rampollo fiorisce in Sassonia, e venne rammemorato dal re
di Prussia nella storia della guerra settenaria. Anche i Guaita, che
soggiornan pel più a Codogna, hanno a Menaggio abitazione signorile,
piantata veramente sulle onde del lago, onde, se soffrono l'incomodo
del fremito di quelle, godono poi tutta l'amenità d'un prospetto
invidiabile. Non vuolsi pure ommettere il recente edifizio de'
Campioni, i quali arricchiscono colle miniere e le opere del ferro.

Apresi da Menaggio l'ingresso della valle che mette a Porlezza,
[PORLEZZA] ed a Cavargnoni. [CAVARGNA] Hannovi sul passaggio più terre
Croce, Cardano, Codogna chiara per l'origine e ville di più famiglie
dei Guaita; da lato poi Grona, Bene, Naccio. A mezzo incontrasi un
laghetto pescoso, a cui di recente si aperse più retto ed ampio
sfogo in quel di Lugano presso Porlezza, e si acquistarono campi
all'agricoltura collo scemarlo e il distruggersi della palude. Più in
là scorre il Cuccio, che piomba da Val Cavargna. Ma degli abitatori
d'essa tante furono e sì paurose le descrizioni, che saria colpa
risparmiarne un motto. Boldoni[44] li dipinse come il più sanguinario
popolo; ma i Cavargnoni sono dolci cogli ospiti, e solo hanno alquanto
dell'indole Corsa per la vendetta. Poveri e in cima e in fondo delle
loro alpi natie procurano di non soggiacere ai diritti sul tabacco e
sul sale prefissi. Castagne e latte sono il lor vitto, e nelle feste
del Natale si formano un pan duro, che lor serve per mesi, ed appendesi
alle soffitte, quasi come que' lustri, che il lusso appicca alle volte
delle sale dorate, ed aggiornan con ardenti cere le notti. Può dunque
de' Cavargnoni estinguersi alquanto la mala voce. Il soggiorno fralle
rupi alimenta costumi rozzi, ma innocenti; vi si conserva l'ospitalità
de' secoli Omerici; l'aer puro sottile sereno, in cui vivono que'
montanari, sovrasta non di rado al tuono ed alla folgore, come suol
dirsi, che l'animo del sapiente s'aggiri sovra l'atmosfera delle[45]
passioni, e sol forse può rinvenirsi o serbarsi un tal savio fra le
vette solinghe e le selve.

Da queste valli nuovamente il pensier rivolgendo a Menaggio seconderemo
il curvo lido che guida a Nobiallo [NOBIALLO] terra nota per le cave
dei gessi, e per la divozione de' popoli verso un tempio di Maria
Vergine. Fin là quasi piana ed amena corre la via regina interrotta poi
dagli aspri scogli di Sasso Rancio. Conviene ivi salir sopra con rapida
ascesa e per quelle balze scoscese ne' vecchi tempi tagliossi la via
maestra che guida a Grigioni. Ottimamente scrisse Paolo Giovio, che uom
di cervello non passeravvi a cavallo almeno per qualche tiro d'arco,
poichè la caduta stritolerebbe le ossa d'un infelice innanzi, che le
ingojasse il profondissimo lago.

Le spalle de' monti vedonsi qua e là foracchiate da que' giornalieri,
che vi estraggono l'ocra di ferro satolla. Indi Gaeta [GAETA] gioisce
d'un golfo leggiadro, e le di lei falde sono così bene al sole esposte,
che tre secoli fa i coltivatori d'esse vi trapiantarono le malvagíe di
Candia, che vi provarono ottimamente. Anche al principio dello scorso
il Borsieri lodava quelle uve moscatelle, e dovrebbono aspirare di bel
nuovo quelle genti alla gloria degli antichi vigneti. Antico sembra
pure il nome del luogo, e tiensi che gli venisse dalla somiglianza
col lido della Romana Gaeta, mentre in lingua laconica suona tale
appellazione _lido incurvato_.

Gli scogli di Sasso Rancio finiscono poi finalmente, dove spumeggia
il ruscello dell'Acqua Seria, che giù scende incognito quasi per valle
solitaria, ove le care ombre fanno trovar giovane l'alba nel meriggio
d'agosto. In alto della valle sta Breja. Ma sul lido avvi chiostro
con Chiesa di Domenicani, i quai però ora non vi abitano. Siegue indi
Rezzonico [REZZONICO] terra, che diede il nome ad illustre famiglia,
un cui rampollo trapiantatosi a Venezia produsse quel Pontefice
d'ammirabile mansuetudine Clemente XIII, ed altri fioriscono a Milano e
in Como. Vuolsi eziandio, che tal gente fosse una sola colla Torriana
che dominò molto in Lombardia; e traslocossi anche nel Friuli. Presso
il fu eruditissimo Conte Anton Gioseffo Rezzonico conservavasi il
Breve di Pio II, in cui favellasi del padronato sulla Chiesa Domenicana
spettante a' _diletti figli i Nobili della Torre di Rezzonico_. Varie
appellazioni vernacole giusta i tempi ebbe questa famiglia e questa
terra, e sì l'una che l'altra furono quindi anche Arzonico e Ronzonico.
Cultissime sono le falde delle montagne che dietro le stanno, poi
a certa altezza i castagneti, indi verdeggiano i pascoli saporosi.
A pochi passi da Rezzonico scorgesi locata sovra un promontorio la
rocca vetusta, per cui ci si conserva una immagine viva delle antiche
castella merlate.

Le picciole terre di Pianello e di Cremia[46] [PIANELLO CREMIA] non
ci arresteranno, volonterosi troppo di favellare di Musso [MUSSO] già
prima dominio, e poi sul finire del secolo XVI feudo dei Malagrida,
ora marchesato dei Bossi. La rupe aspra conserva tuttora i vestigi
di quella triplice fortificazione innalzatavi dal famoso Triulzi
Giangiacomo seguace belligero de' re francesi Lodovico XII e Francesco
I. In questa fortezza si mise poi entro nel 1522, ed accrebbela
Giangiacomo Medici, ed ignorasi anche se vi riuscisse per fraude,
o col favore di lettera del Duca Francesco II Sforza. Egli la rese
una rocca quasi inespugnabile, e di là portò il terrore su tutto
il lago. Destreggiandosi egli ora con Carlo V Cesare, ora col re
Francesco seppe mantenervisi contro gli sforzi del Duca, e dei suoi
alleali Grigioni e Svizzeri. Se miriamo al valor di costui militare,
non può negarglisi l'ammirazione, ma se le rapine, e le stragi e i
danni cagionati si considerino, viene orror di que' tempi. Oltre i
nostri storici, parlarono di quelle imprese Galeazzo Cappella, Marco
Antonio Missaglia, ed il Fiammingo Enrico Puteano discepolo illustre e
successore di Giusto Lipsio. Il Medici[47] rappresentò nel XVI secolo
quei condottieri d'arme del XV, e ne torna al pensiero il Barbiano e
il Braccio. Ma finalmente poi venne a patti collo Sforza nel 1532, ed
ebbe dal Duca il marchesato di Marignano e trentacinque mila zecchini.
Ostaggio del trattato fu Giannangelo di lui fratello, poi Papa Pio
IV. Si distrusse allora la rocca, di cui pochi rimangono vestigj. Ma
se l'occhio spingasi alquanto alto sulla rupe, vi si scopre una fossa
ampia e profonda tagliata nel ceppo vivo, dalla quale anche sola può
arguirsi, qual forza potesse avere e qual difesa il Medici, cui sebbene
da taluno si neghi fino che sapesse scrivere il proprio[48] nome,
pure non può negarsi che non abbondasse d'accorgimento, di mezzi e di
valore, e ne diè pruove fralle truppe di Carlo V, e poi comandando
per Cosmo Duca di Firenze domò malgrado gli ajuti di Arrigo II la
repubblica di Siena. Mentre però coll'aspre piraterie sue il Medici
travagliava i Comaschi, molto si valse dell'opera intrepida di Luigi
Borsieri, a cui fu fratello Giambattista l'avolo dell'eruditissimo
nostro cittadino Girolamo.

Presso Musso corre il Carlazzo torrente quasi ignoto, ma che nell'anno
1793 gonfiossi sì stranamente da menarne il guasto grande. Or l'alveo
incanalossi di bel nuovo, e gli si sovrimpose un ponte di pietra, e il
cielo voglia che non lo sdegni[49] quanto l'Armeno Arasse. Veggonsi nel
dorso del monte le antiche cave, da cui si trassero i marmi bianchi pel
maggior tempio di Como.

Sfuggon poscia a foggia quasi di mezzo cerchio le montagne dal lido, e
nella vallata s'incontrano le terre di Garzeno e Stazzona. Avvi di là
strada, che ognora per gioghi e per valli sbocca a Bellinzona.

Dongo poi [DONGO] giace sulla concava e tranquilla spiaggia borgo
illustre per le miniere di ferro[50], non che pei molti campi e
vicinanze sue, e per le oneste famiglie che l'abitano, come Musso e
Gravedona.

Ampia e ridente pianura separa Dongo da Gravedona, [GRAVEDONA] e per le
più rigogliose praterie hannovi viottoli, che invitano al passeggio.
Una rapida fiumana, che muove dalle rupi lontane, divide l'un paese
dall'altro, e si pensa ora di sostituire a quel di legno un ponte di
solide pietre. Gravedona è castello illustre, e meritò menzione nelle
paci di Federico Barbarossa. Godette sino a questi ultimi tempi di
leggi sue proprie in materia di vittovaglie, quantunque già da due
secoli soggiacesse per ragione di feudo insieme colle pievi di Sorico
e Dongo alla famiglia Gallio dei Duchi di Alvito, che ivi mantenevano
un Commissario, pel quale s'amministrava giustizia. Son pochi anni, che
non senza successo vi s'introdusse una fiera di bestie bovine, le quali
vengonvi dagli Svizzeri, e di là per la strada di San Jovio, la quale
pertanto fu descritta fralle provinciali, si sbocca ai contorni di
Bellinzona. Le circostanze del paese non permisero però di porvi ancor
mano, e vorrebbesi eziandio diminuirne la lunghezza, e la solitudine
del viaggio con qualche opportuno edifizio.

Sul lido un po' dal borgo distante sta la chiesa colleggiata, e presso
a quella, come costume era de' templi vetusti, il battistero separato.
Non perderà il viaggiator colto l'occasione di visitarli, e senza
dubbio ve lo alletteranno l'opera d'antica foggia, le due iscrizioni
d'Agnela ed Onoria appartenenti al secolo V, e qualche annosa pittura,
che da lor anche sole distruggerebbono il parer del Vasari, il qual
vorrebbe, che il risorgimento dell'arte bellissima s'attribuisse
soltanto a suoi toscani il Cimabue e il Giotto. Il fresco nel
battistero rappresenta il miracolo della Vergine narrato dal Sigonio,
e che vuolsi accaduto nel 823.

Bella mostra fanno di se le case dei Gravedonesi a vario ordin locate
sulla sorgente collina, cui tengon dietro le montagne più ardue, ma
coltivate. L'arcidiacono Luigi Volta per retaggio Stampa vi possedeva
una casa, che tutto domina il lago per miglia venti, e coi giardini vi
scende. Presentano questi colle muraglie l'immagine d'una fortezza,
e corre voce, che verso la metà di questo secolo gli Spagnuoli
scambiasser da lungi quelle muraglie per la rocca di Fuentes, al cui
assedio si recavano. Ma tutti supera i palazzi del lago il vastissimo
edifizio eretto in Gravedona da Tolomeo Cardinal Gallio[51]. È fama,
che sì gran mole v'ergesse quel favorito della fortuna, perchè già con
maneggi presso Filippo II si fosse adoperato di avere in feudo anche
tutta la Valtellina, che a cinque miglia le sta di fianco. Quattro
torri fiancheggiano il palagio, e sale e stanze non mancanvi; vi mancan
bensì i giardini, abbenchè l'iscrizion postavi dal Cardinale parli di
orti e di fontane. Ma le pareti nudate fanno doglia, e chi ami saper
come le ornasse Tolomeo, può leggerne la descrizione di Sigismondo
Boldoni, il quale specialmente impiega i vezzi dello stile intorno a
quella tavola, in cui s'ammiravan le Grazie con Cerere, Venere e Bacco,
ed a quell'altra, che rappresentava il ceteratore Arione sedente in
sul delfino. Venne nello scorso secolo spogliato il palazzo d'ogni sua
ricchezza, e dicesi, che perisse la nave, sulla quale s'erano collocati
molti quadri, perchè da Genova a Napoli si recassero. Del resto qualor
pensisi all'impresa di un Cardinal sì magnifico, non che alle leggi da
lui dettate col più accorto testamento, e tutte pure infrante col favor
delle leggi, sentesi quasi un presidio per non essere infermi giammai
di posteromania. Effetto immobile della sua volontà altro non resta,
che l'opera pia per dottare in Como donzelle povere.

Vogliono pure qualche nostra parola le montagne sopra Gravedona, nè
son senza terre, Traversa, Vercana, Caino, Dosso, Livo, e Peglio.
In questa ultima v'hanno belle pitture, e fra queste meritan nome i
freschi rappresentanti con tocchi fortissimi il giudizio universale,
per cui si nobilita la parrocchiale. In queste montagne veston le donne
a foggia di cappuccini, e vuolsi che l'usanza venisse loro per voto
fatto nel secolo scorso in occasione di peste; perciocchè costumando
già per immemorabil tempo di recarsi in Sicilia gli uomini di queste
contrade, e veggendo ivi le pinzocchere in Palermo devote a santa
Rosalìa vestirsi di tal foggia, recaron costoro alle lor mogli il
pensiero di tale abbigliamento. Hannovi tra queste montanare persone
assai benestanti, le quali però mantengonsi fedeli al lor panno tané,
e soltanto osano servirsi di lana più fina, e come ognuna di queste
femmine porta una cintura da grande fibbia verso l'ombelico fermata,
così le ricche avrannola anche d'oro, e il collare che scende sul petto
e le spalle, sarà per esse di ben tessuti merletti. Del resto l'aria
della salute spicca nei volti loro, ed abbenchè parecchie vengano a
Como ne' giorni della maggior settimana per venerarvi il Simulacro del
Crocifisso, pure la singolar moda loro attira sempre i guardi nostri,
nè io seppi negar mai i miei pensieri alla religion loro, robustezza,
e libertà, se i lor beni conoscano, fortunatissima.

Con breve intervallo di lago, ed anche per agevole via si giunge a
Domaso [DOMASO] luogo di vivo commercio, che in questi anni ultimi
crebbe anche non poco. Molto ivi si esercita la filatura de' bozzoli, e
se prenderà piede la costumanza di filarli ad acqua fredda, giusta il
sistema prescritto dal chiaro preposto Castelli, meno diserterannosi
i monti di legne. Non v'ha spiaggia, dove la Breva (che il vento è
del meriggio) eserciti l'impero e la durata maggiore. Quindi e il
soffio d'essa e il vicin fiume fanno, che vi si addensin le ghiaje, e
cresca il lido; ma pure non sono moltissimi anni, che sprofondossi un
promontorio, che spingevasi nel lago. Il caseggiato di Domaso è molto
decente. Ivi ha villa il marchese Calderara, i cui maggiori trassero di
là l'origine. Nè tacerò l'ameno casino erettovi non ha guari dal musico
Giambattista Vasquez, il qual vi giojsce d'un ozio beato, e ritirossi
in questa sua patria dopo aver figurato alla corte di Portogallo, dalla
quale ha uno stabile assegno. Io mi trattenni al gravicembalo di questo
amabile filarmonico, cui pure non manca una piccola biblioteca. Il
Mancini nelle _riflessioni sul canto_ collocò il Vasquez fra i cantori
del primo rango, e la celebre Madama di Bocage, che[52] giovinetto
udillo in Roma, nominollo con lode il _Battistino_.

Buone case hanno pure in Domaso i fratelli Venini di quella famiglia
a cui appartiene l'illustre scrittore abate Francesco; ed in altra
pure agiata d'assai, che già fu del maggiore Pietro Paolo Paravicini,
esercitò meco l'ospitalità più gentile il dottore di leggi Innocenzo
Roselli, cui toccò in sorte la più invidiabil moglie, che tutti sa
compiere gli ufficj dimestici, e predica coll'esempio, che le madri
sane denno essere le nutrici de' figli loro.

Ameni sono i passeggi presso Domaso, e giù fra prati, dove le acque
scorrono copiose; avvi una considerabile fabbrica, in cui segansi i
gran tronchi, che per la Mera o per l'Adda giungono al Lago.

Le falde de' monti producono vino potente e grano non poco, nè
vi mancano più terre Buggiallo, Trezzone, ed altre. Egli è da un
quinquennio che riattossi da Domaso fino a' confini del Lario la via
regina, e secondando noi quella col naviglio nostro incontreremo Gera,
[GERA] cui venne senza dubbio il nome dal vocabolo latino _Glarea_. A
foggia d'arco giace questa contrada sul lido, ma le arene, che vi si
ammonticchiano, cominciano a rendere la navigazione in quei contorni
più difficile. Non avvi luogo più pescoso sul Lario, e molta ed insigne
è la quantità delle trote, che ivi si prendono. Ma le lunghe febbri
e i visi pallidi degli abitanti per l'inclemente aere afflitti non si
compensano dall'utilità della preda. Può vedersi a Gera il raffinatojo
del sale, che pe' Grigioni si appresta, e possono pure osservarsi le
ruine della villa appartenente già all'erudito storico Conte Giorgio
Giulini, i cui maggiori traevan di là l'origine. Il vicin torrente
devastolla con orrido impeto, nè più quasi altro vi resta, che le
peschiere.

Succedono i miserabili avanzi di Sorico [SORICO] già capo di pieve
e popoloso. Or le case vuote d'abitatori e cadenti a brani divenner
ripostigli di fieno. Stavan lì presso i vestigj dell'antico ponte[53]
_sublicio_, il qual vi si formò dal chiaro generale Nicola Picinino
per affrettarsi in soccorso de' Ghibellini in Valtellina fautori del
Duca Filippo Visconti, e restonne memoria, poichè ruppe indi a poco i
Veneziani, e fevvi anche prigione Giorgio Cornaro. Del qual fatto resta
un monumento la chiesa presso Delebio eretta alla Vergine dal Duca
grato per tanta vittoria.

Noi pel basso fondo spingendo la barca nostra risolviamci di vogare a
ritroso perciocchè qui ristringesi il lago a canale, per cui le acque
scorron congiunte dell'Adda e della Mera, che dal lago esce di Mezzola,
il quale spetta ai Grigioni. Annovi su lui la villa di Sommolago
illustre per lo martirio di S. Fedele ai giorni di Massimiano Cesare,
e dall'altro fianco Novate, [NOVATE] ove gran copia si reca d'abeti e
di larici per segarli. Da questo laghetto con otto miglia di viaggio
terrestre si giunge a Chiavenna. Egli fu ne' contorni di Novate, che
arrestossi nello scorso anno[54] Semonville, il quale colle gemme
di Francia e la sua eloquenza recavasi ambasciadore di sua nazione a
Costantinopoli.

Ma con breve giro ritorniamo alle sponde del Lario, e solchiamolo lungo
i canneti, che occultano al guardo le paludi del piano di Colico. Esse
sfogano lentamente per varii canali le pigre lor acque. Fra queste
la fossa di Borgo Francone ne accenna il nome di quel greco capitano
Francilione, il quale pe' Cesari d'Oriente governò ne' nostri contorni
contro l'irruzione de' Longobardi. Vuolsi altresì che in questa parte
esistesse una piccola città dal di lui nome appellata, e certamente
non lungi v'era il famoso castello di Torre d'Olonia. Apresi in faccia
a noi la Valtellina paese per la fertilità sua, popolazione, numero di
terre, e di famiglie nobili assai considerabile, e che recò occasione
di fatti d'armi e di passaggi guerreschi anche nel secolo XVII, quando
la Spagna stava pe' di lei abitatori, e la Francia pe' Grigioni, che ne
sono signori sotto però certi patti giurati.[55] Il primo borgo, che
ne occorra in esso è Morbegno. A contener l'impeto de' Reti fabbricò
il Conte di Fuentes il forte, [FORTE DI FUENTES] che tenne il di lui
nome, nè picciol tesoro costò. Giuseppe II vendettelo a privato uomo
nel tempo, che gli venne il pensiero di abbandonar molte rocche e
smantellar anche più città delle Fiandre. Del resto, benchè abbiavi una
collina, che alquanto il domina, il Forte di Fuentes era posto di lunga
difesa per gli stagni, che il circondano. Il degno nostro cavaliere
Maggior Pietro Paolo Paravicini, che i buoni piansero rapitoci da
morte nel 1790, potè sostenervisi per ben tre mesi nel 1743, e merita
memoria, che inviatovi egli dal Principe di Liectenstein vi si avviò
con trecento uomini da Coira, e seppe introdurvisi col favor della
nebbia, abbenchè già il Generale Spagnolo Villafuerta avesse bloccata
la piazza con 1500 soldati.

È da bramarsi, che tanta palude inutile, e cagion perenne d'insalubrità
si cangi in campi, dove fiorirebbe l'agricoltura. Ciò si otterrebbe,
quando si dilatassero alquanto, e s'approfondissero gli emissarj del
lago, del che si parlò estesamente dal Preposto Castelli nel libretto
sugli stagni di Colico.[56] [COLICO] La fecondità di que' contorni ne
prometterebbe la riuscita ottima. Tengono alcuni che il nome di questa
terra, i cui abitanti per l'intemperie dell'aria a cinquant'anni sono
già decrepiti, proceda dal latin verbo _colligere_. Deh sarà mai, che
di bel nuovo un giorno, dove stridono le ranocchie, ronzano i tafani, e
s'appiattano i beccaccini, sarà mai, che sulle messi bionde s'affatichi
il mietitore?[57] Ora ne' mesi estivi fuggono gli uomini lungi da
micidiali miasmi, e si ricoverano sulle vette rimote. Quando il pelo
si abbassasse alquanto del lago, facil cosa sarebbe il dar innocuo
il corso ai molti ruscelli e torrenti, che giù scendono dall'immenso
Legnone, dalle cui radici può dirsi, che una catena di monti s'accumoli
e giunga sino in Dalmazia[58].

Doro è il luogo primo, che incontrasi [DORO] dopo, ed è, come tutta
quasi quella riviera, addetto al rito ed Arcivescovo Ambrosiano. Di
là cominciavano i feudi, di cui fu ornata la famiglia illustre degli
Sfondrati, or da pochi anni estinta.

Non lungi sotto a gran massi di monte si scorge Corenno, [CORENNO]
da cui traggon l'origine i Conti Adriani. Un d'essi dopo la scoperta
di Montgolfier fu un de' primi aeronauti, ed avventurossi con felice
audacia al pallone aereostatico. S'ergon presso Corenno vestigj
d'antica rocca, e tra questa terra il prossimo Dervio scorre il Varrone
figlio di montagne ricche di ferro. Devesi a questo fiume l'ampia
spiaggia, che si spinge nel Lario, e che formò egli strascinandovi le
arene e i ciottoli. L'industria degli agricoltori seppe poi renderla
feconda, e divenne una pianura fertilissima.

Dervio [DERVIO] quindi gode di vasti equabili campi, e fa di se
mostra leggiadra ai naviganti, ma non ha comodo accesso alla prossima
valle d'Introzzo. Di bel nome gli furon larghi gli scrittor nostri,
che l'appellarono Delfo in latino, come pur toccò in sorte per essi
a Corenno quel di Corinto. Soggiace alla Pieve di Dervio la valle
d'Introzzo; e la compongon con altre pure le terre di Sueglio,
Tremenico, e Vestreno. Giuseppe II nel 1786 avendo stabilite nella
Lombardia Austriaca otto politiche prefetture pensò a meglio dividere
le province, e perchè le cure d'ogni municipalità meglio vi potessero
provvedere, e perchè tutte al possibile si avvicinassero le province
ad una eguaglianza di carico. Quindi non sol tutte queste parti di lago
dieronsi da Cesare ai Comaschi, ma ben anche le feraci Pievi di Casale
d'Incino, Garlate, Oggionno ed altre. Ma infelicemente poi il tutto
tantosto cadde a vuoto, e la città nostra seguirà a patire il danno,
che già soffre da quasi tre secoli colla perdita della Valtellina
ceduta a Grigioni, e de' Baliaggi, che godono in Italia gli Svizzeri,
abbenchè il sagrifizio di tanto territorio abbia assicurato il resto
dell'Insubria ai Duchi di Milano.

Sebben queste doglie d'amor patrio sedinsi alquanto coll'ilarità della
navigazione, che già ne guida a Bellano [BELLANO] celebre borgo e
simile a nobil città. Ne accoglie il porto ampio di quadrate pietre
costrutto, e i guardi nostri si attraggono dagli edifizj decenti,
quantunque le guerre l'abbiano assai danneggiato. Sulla maggior chiesa,
a' fortissimi martiri Celso e Nazario dedicata, conservansi ancora gli
stemmi dei Torriani e Visconti. Il tempio marmoreo vi fu innalzato per
Azzo Visconti e lo Zio Giovanni Milanese Arcivescovo. Nicola Boldoni
avo, e più Sigismondo il nipote accrebbero al luogo la fama colle doti
dell'ingegno. Godono i Bellanesi di mitissima estate, ma nel verno
travagliali una pungente aria, che accrescesi dalla Pioverna e dalla
prossima Valsasina. Nel di lei distretto quantunque alpestre v'hanno
Comunità ventotto, delle quali però non facciam motto, siccome remote
dal guardo di chi navighi. La caduta della Pioverna attira ognor
forastieri a Bellano. Questo fiume scaturisce non lungi da Introzzo, e
piomba da scogli altissimi: altre fonti l'accrescono fino a[59] Corte
Nuova. I paesani vogliono, che ivi per ciechi sfoghi si diminuiscono
le di lui acque, e queste col girare de' secoli fra i massi del monte,
che le strozzava, si approfondarono a perpendicolo un alveo, che meglio
non avria potuto farlo la polvere a forza di mine, e la costanza e la
spesa pazza di più scarpellini. Vassi a vederne la spumante romorosa
cascata, ed avvi ponte sopra, che raccomandato a catene fisse nello
scoglio accresce coll'orrore la maestà dello spettacolo, indi con più
larghe sponde va la Pioverna al Lago[60]. Non si può a parole spiegar
il sasso scavato a foggia di laguna, nè il muggir del fiume. Bello è
il contrasto d'aperta luce a pochi passi, bella la tenebrìa muta d'ogni
raggio, pel che talor vi s'aggira anche nel meriggio la nottola.

Dopo lo severo spettacolo tanto fanno maggior l'impressione le
felicissime campagne, cui diedero i maggior nostri l'appellazion di
Cultonio. Queste si terminano dal promontorio di Murcò, e già si scopre
Varenna [VARENNA] locata sopra scogli. A que' soli in quel lido ben
si può ignorare il decembre tristo, o l'ispido gennajo. Infatti non
i lauri soltanto o le mortelle o i melaranci, ma fin gli aloe e le
_melie azederach_ vi fioriscono spontanee, e molti in que' dirupi si
provvidero di quella pianta siriaca e de' cerei ambiti. Di sì beata
temperie scrisse elegantemente in verso l'abate Francesco Venini al
patrizio nostro don Antonio Canarisi, anteponendo a sì caro soggiorno
il fumo, il fango e lo strepito Parigino. All'eccidio degl'Isolani deve
Varenna i principj suoi, ivi quella bellicosa gente ricovrossi, e il
Roman rito introdusse fralle piagge ambrosiane. I maggiori Giovj là
pur si ridussero per qualche tempo, come apparve per la vetusta lapida
da Gianmario Scoto trasmessa a Benedetto Giovio; ma presto mutaron
sede, ed erano già Comaschi nel secolo XIII. Sono degni da vedersi i
giardini del conte Angel Serponti, e di là può l'occhio scorrere sovra
la maggiore ampiezza del Lario, il quale ivi si parte alla foggia della
greca ypsilon, il che accennossi da Paolo Giovio, che scrisse ivi il
Lario accostarsi[61] alla figura della lettera pittagorica. I monti
sopra Varenna non sono infecondi di tartufi fraganti; del qual genere
non punto scarseggia il Comasco.[62]

Scorgesi indi presso la riva un palagio, che già fu chiostro; ma quelle
vergini con salutare consiglio stimò di trasportare altrove Carlo
Cardinale Borromeo per la santità de' costumi ad ognun venerabile.

Sarebbe lunga cosa l'indagare i prodigj del Latteo, dal quale
fiumicello prende nome la prossima terra di Fiume Latte. [FIUME
LATTE] In questi contorni Ercole Sfondrato edificò la Capuana ricca di
fontane. Il Boldoni con eleganza descrissela in due pagine, e con un
libricciuolo il padre Giovanni Bonanome nel 1646; ma chi può leggerlo
povero di cose e guasto tutto de' bisticci e delle lascivie dello stil
secentistico? Spetta ora la Capuana al Conte Alessandro Serbelloni, a
cui pervenne l'eredità dell'ultimo Sfondrato Conte della Riviera.

Costeggiano indi il Lario vigne perpetue; dopo sieguono i due piccioli
promontorj di Vetergnano. Poco da quelli dista Lierna [LIERNA] cinta da
non ingrato territorio. Lodansi i di lei vini per coloro, che soffran
di calcoli e podagre, perciocchè al sapor graziosamente tagliente
congiungono la facilità d'esser passanti. Nè già mancan d'oliveti
quei campi, ma più fecondi ancor ne sono i prossimi, che dierono il
nome ad Olcio [OLCIO] terra di qualche fama anche pel marmo Luculléo
ossia nero, di cui i maggior nostri si valsero per alcuni pilastri del
maggior tempio in Como, e Girolamo Borsieri crede, che ne usassero non
già per mancanza di marmo candido, ma per accrescere maestà.

Di qui tantosto orrida innalzasi una balza aspra e forte in varj massi
squarciata, la qual copre Mandello, [MANDELLO] borgo e pel numero
degli abitanti e per gli edifizj e per la fertil pianura, che lo
circonda, a niun altro secondo del Lario. Ivi i Marchesi Airoldi hanno
un palagio, che per la sua mole cede soltanto al Gallio di Gravedona.
Soggiace Mandello per l'ecclesiastica giurisdizione al Vescovo di Como,
e soggiacciono a quell'Arciprete Plebano Vassena, Olcio, Lierna, S.
Lorenzo sopra Adda, e Grebbio. Se non che la bellezza del lido piano,
reca talora a Mandello qualche insalubrità d'aere, allorchè il Lario
soverchiamente gonfio straripisi in esso. Celebre fatto d'armi accadde
in vista del borgo nel 1532, quando azzuffatesi le navi Sforzesche con
quelle di Giangiacomo Medici vennero disperse dal minor numero delle
Medicee, ma il Castellano di Musso vi perdette sul fior degli anni il
fratel suo Gabriele fortissimo giovane, e lui squarciato nel fianco da
una bombarda coperse Giangiacomo, perchè i soldati da compassion tocchi
non si lasciassero fuggir di man la vittoria; e poco dopo perdette pure
la vita Luigi Borsieri Ammiraglio del predator Mussiano.

Dal promontorio Roboreo si chiudono le campagne di Mandello. In dentro
è la Chiesa di S. Giorgio, poi Teolo, indi il Tempio di S. Lorenzo, e
il Villaggio della Abbadìa, [ABBADÌA] ove stettero anticamente Monaci
Benedettini, e in fin quasi della punta il chiostro già dei Serviti,
or vuoto, dacchè si ridussero essi in Como al chiostro di S. Chiara
presso la Cosia, abbandonando anche l'altro di S. Girolamo presso le
mura della città.

Giungesi poi là dove il lago stretto dalle montagne non ha larghezza
che di tre quarti appena d'un miglio. Ivi ebbero i Capitani Sforzeschi
il vano pensiero di tirare una catena, onde frenare le scorrerie delle
guerre civili. Ma di bel nuovo fuggono le rupi a foggia di gomito, e
per rotti massi schiudesi il varco alle contrade di Gessima per vini
austeri nota e per buone cave di calce. Questi scogli son tuttora
infami per la miserabil morte di Lodovico Savelli, della quale parlò
Paolo Giovio. Sdrucciolovvi quel giovane infelice, e nel cadere
avvenutosi ad un ramo abbrancollo. Frattanto, chi lo vide pendente
dall'altissimo scoglio, invan tentò di soccorrerlo; cinque ore bruciato
dal sole stette egli pendente, alfin le forze abbandonandolo cadde, nè
gli giovaron punto i letti, che s'eran sul terreno distesi, perciocchè
l'urto dell'aria l'estinse pria, che giungesse a terra.

Comincia poscia il fertil territorio di Lecco, [LECCO] da cui anche
avvi strada, che mette in Valsasina[63]. Lecco già sede di Conti Rurali
sotto i Re di Germania è castello ampio. Le manifatture del ferro
possono intrattenervi l'osservatore: molto pure è il traffico d'ogni
sorte, che esercitasi da' suoi abitanti. Avvi anche un mercato di
grani, a cui concorrono i popoli limitrofi. Ma ciò, che più distingue
Lecco, è la gloria del ferro, e lo diria il maggior Plinio nobilitato
da quello, come a' suoi tempi lo erano Como e Tarragona in Ispagna.
Dal rivo detto il _fiumicello_ si aggirano ben più che cento edifizj.
Vi si fila il ferro ancor sottilissimo, ma i conoscitori della chimica
vorriano, che si perfezionasser le macchine per render meno insalubre
il travaglio agli artefici. In iscambio ei non è guari, che vi si
aperse una fonderia di vasi da cucina foggiati con quella massa di
ferro più scabbra e spumosa, che appellasi _ghisa_, e certamente è da
bramarsi per le viscere umane, che bandiscasi il rame, onde, se non
vogliamo imitar gl'inglesi, che usan l'acciajo, dovremmo almeno cenare
come Agatocle Re in piatti di terra cotta. Ma se ora in queste piaggie
ferve il commercio, altre volte squillavan le trombe d'intorno a Lecco.
Ne' tempi andati faceasi molto conto di quella rocca. L'assediarono
i Veneti nella guerra da essi rotta a Filippo ultimo Duca Visconti, e
lunga pezza ve gli stancò Eusebio Crivelli. Romor di conflitti sonovvi
pure d'intorno sul principio del secolo XVI: Francesi, Sforzeschi,
Antonio da Leva per Carlo V, e il summentovato Giangiacomo Medici vi
si stabilirono a vicenda. A pochi passi sotto Lecco si ristringon le
acque a canale, e scorre troppo placidamente l'Adda, su cui quasi
cinque secoli fa i Visconti edificarono di nobil opera un ponte.
Ma non esistono più su quello le ritonde torricelle, colle quali a
difesa l'avean munito que' Principi. Giovio ne favella, e vi restavano
ai giorni di Boldoni appena i vestigj de' lavori vetusti. Lenta per
vizioso declive e sabbie strascinasi l'Adda, che di bel nuovo stagna
nel ricettacol di Moggio, che appellossi anche di Pescarenico, Rauso
e Garlate. A manca d'esso signoreggiano i Veneti, e Vercurate è loro.
Ma di spinger più oltre la gondoletta nostra ne sconsigliano i pigri
stagni, che si succedono resi deformi da tanti edifizj pescarecci:
laonde convien quasi di navigarvi per lo filo della sinopia, e l'aer
grave ne sprona al ritorno non men, che il dolore che a buon Comasco
recasi dall'aspetto di tanti disordini, contro i quali pur riclamasi
invano[64].

Poco oltre il ponte di Lecco veggiam tosto al nostro ritorno sul lido
manco la villa del Marchese Recalcati, la cui vedova e degna madre è il
rampollo ultimo de' nostri Conti Lambertenghi.

Giacciono qui le radici del Monte Barro, nella cui destra spalla
Desiderio re de' Longobardi ultimo innalzò tempio a Michele Arcangelo,
nè di là lunge i di lui predecessori dotato aveano il monastero di
Civate. Ma i pensier vaganti richiama alle spiagge Lariane l'amenità
di Malgrate, [MALGRATE] il qual guarda Lecco di fronte. Ivi è dove
principalmente radunansi coloro, che mercanteggian di calce. Siegue
Parezzo, alle cui spalle si apre pianura, che guida alla Pieve di
Incino. Sorge poi altissimo monte Reale, e le radici spinge ben
addentro nel Lario dirimpetto alla punta di Roboreo nell'altro lido,
onde questa è la maggior angustia de' di lui flutti.

Poi sotto macigni nudi curvi su lui sta locato infelicemente Onio,
[ONIO E VALASSINA] e di là schiudesi il varco alla Valle Ascina, che
il nome ebbe dal principal borgo. Ivi scavossi una lapida, che venne
illustrata dall'Alciato, e tuttor vi sussiste. Il marmo ha queste
parole:

                              GENIO. ASCI.
                          P. PLINIVS. BVRRVS.
                            ET. C. PLINIVS.
                                AETERNI.

In essa, come ognun vede, spira un gusto d'antichità venerabile, e vi
si scorgono mentovati due Plinj, Pubblio e Cajo. Quindi tante memorie
della gente Plinia fra noi e contorni nostri, e niuna altrove, rendono
sempre più inferma la pretesa de' Veronesi per rapirci lo storico
naturale. Nella valle di Vicino, che trovasi tra Onno ed Asso, avvi
torbiera, di cui si potrebbe trarre profitto con miglioramento anche
de' campi e dell'aere. Valbrona non n'è lungi, e di là scendesi agli
scoglj, che stanno rimpetto a Mandello, ed alla Badìa. V'ha legge,
che vi siano piloti ognor pronti per tragittare i viandanti, e questi
sono perciò stipendiati dalle prossime comunità. Vocian quindi alto i
passeggieri, se bramano il tragitto di Mandello, o danno fiato ad un
corno, se giunger vogliano alla Badìa. Ma di sovente que' barcajuoli
mancano ai dover loro, abbenchè dall'altro lido si superin le voci
degli Achèi Omerici, o squillisi il corno in metro più lungo, che mai
nol sentissero giusta Bojardo e l'Ariosto le foreste in Francia al
tempo dei Paladini e del Re Carlo.

Nativi d'Onio sono que' fratelli Torri, i quali co' fuochi artificiali
e co' razzi divenner ricchi a Parigi, ed accrebbero concorso al Vaux
Hall di Londra sì mal imitato altrove.

Dopo Onio non sì aspri succedono i monti; ricompajon le vigne e le
selve, e fra queste è Vassenna. Breve tragitto [VASSENNA E LIMONTA] ne
guida a Limonta, che fu nel 835 donata da Lotario Augusto a' Monaci
di Sant'Ambrogio, i quali v'esercitan pertanto i diritti sacerdotali
e principeschi. Leggiam nel diploma, che lor si desse per ricavarne
l'olio per le lampadi, onde deducesi, che anco in que' tempi per
l'Italia non lieti vi prosperassero gli uliveti. In questo soggiorno
trattenevasi nel secolo XVI il monaco Roberto Rusca, di cui alcuni
libri conservansi presso i collettori di cose patrie, ma scarseggiano
di quella critica, della quale fa di mestieri in opere di tal genere.
Civenna pure fra monti soggiace al feudo de' monaci Ambrosiani, i
quali hanno somiglianti signorie sul lago di Lugano a Campione terra
felice, della quale escirono artisti illustri, qual fu quell'Enrico nel
1322 scultor della torre e pulpito nella cattedral modonese, e quel
Matteo nel XIV secolo architetto del tempio Monzese, e quel Giacomo
che adoperato venne nella Metropolitana di Milano nel 1386, non che
all'edifizio della Certosa Pavese; vi nacque pure il pittor degno
Isidoro Bianchi. Sebbene dal Ceresio ritorniamo al Lario.

Non breve tratto or dobbiamo scorrere di piaggia deserta, ma finalmente
a varj piani scendenti discopronsi i giardini di Villa Giulia ne' quali
il signor loro impiegò molto oro, ma non si avvinse alla linea retta,
e volle anzi secondare il curvo ed angoloso protendersi e ritrarsi del
lido. Qui tacciamo di Villa Giulia, perchè avremo a parlarne quando
rinavigheremo per il ramo di Como.

Siegue Pescallo già chiostro di Vergini, ora dal 1580 circa vuoto
d'esse, e quasi senza nome. L'orrore de' nudi scogli e della cima
del monte salente su dritto accompagna il promontorio di Bellagio,
[BELLAGIO] ma nel tempo stesso una vicina foresta di pini rallegra il
guardo. Il nome del luogo suona troppo chiaramente il latino vocabolo
di _Bilaco_ o _Bilacio_, e tiensi con ottimo giudizio, che qui Plinio
avesse quell'altra sua villa detta _Tragedia_, perciocchè dagli scogli
sostenevasi quasi come dai coturni l'attore sovra il teatro. Nè questa
collocazione della Tragedia è congettura, mentre Plinio nella lettera
a Voconio Romano VII del IX libro dice chiaramente che quella villa
_coll'alta schiera del monte divideva due laghi_. Trovò il Boldoni,
che il Bellagin promontorio più d'ogni altro somiglia al Miseno. Vi
fu già in vetta d'esso una rocca di pietre quadrate, ove annidavasi
alcuni assassini, ma con salutare consiglio Gian Galeazzo padre di
Filippo Visconti Duca diroccolla nel 1375. Poscia a mezzo del giogo
Stanga[65] _Marchesino_, come colui, che l'affetto godeva e l'oro del
Duca Lodovico il Moro Sforza, potè ergervi signoril villa, la quale
incendiossi dall'ira de' Cavargnoni. Ivi gli Sfondrati edificarono
il palagio loro volto a meriggio, il qual ora appartiene al loro
erede Conte Alessandro Serbelloni. L'edifizio egli è più grande, che
leggiadro. Vi si trova l'inscrizion seguente:

    M. PLIN....
    OVF. SA....
    IIII. VIR. I.
    T. V.
Non saprei, se tal marmo quello sia, che accennasi da Benedetto Giovio
nella sua collettanea, mentre il dotto uomo il riferisce soltanto
colle lettere M. PLIN.... e dice, che il sasso sia bruno, quando
l'inscrizione da noi qui recata, vedesi scolpita sovra una pietra
cenerognola. Ma quel che io so, egli è che i parecchi monumenti
Pliniani favellano tutti in favor de' Comaschi, nè lasciano appiglio a
Veronesi, perchè possano vantar loro il maggior Plinio[66]. Aggiungasi,
che il di lui nipote ed erede nato dalla gente Cecilia possedeva
sul Lario beni materni, come appare dalla lettera al prosuocero suo
Calpurnio Fabato XI del libro VII. Ma tale questione altrove trattossi
da noi, e può anche vedersi nel dizionario degli Illustri Comaschi.

Scendesi dalla Villa Serbelloni al borgo di Bellagio partito in due sì,
che dell'un popolo ha cura un preposito, dell'altro l'arciprete. Fra
mezzo apresi l'accesso a Villa Giulia così detta dal nome della gentil
moglie sua, ed edificata con grave dispendio da don Pietro Venini.
[VILLA GIULIA] Apparteneva prima il luogo ai Camuzj. Il Venini fra gli
ampi fondi, che acquistovvi d'intorno, e mise in istato d'agricoltura
eccellente, vasto e profondo aprì viale, che sbocca alla Villa. Duol
però all'occhio, che per certo gusto del padrone non vi siano le pareti
laterali vestite di verdi spalliere, e duol poi anche più, che il viale
non dirigesi al mezzo della casa. Contuttociò l'ardimento dell'opera
fu grande, si spezzarono scogli, s'alzaron valli, s'appianarono dorsi
di colline, e magnanimo fu il progetto d'unire con una Villa il ramo
di Lecco e quel di Como. Più vicina al primo stassi l'ampia e comoda
casa, in cui oltre ogni altro agio avvi anche lusso di scelte stampe
in rame, ed una sala dipinta assai bene dagli ultimi Bibiena. Se fosse
dato di vederla a quel gentile spirito del Conte Francesco Algarotti,
non diria egli già, che in quelle prospettive ed architetture vi _si
passi il limite[67] del vero e del verisimile_. Al di là della casa
apresi un pian vasto, e per averlo forzossi la natura del luogo;
l'occhio si perde nelle montagne aspre, che fiancheggiano il lido del
Lario volgentesi a Lecco, ed hannovi ai lati le scale per lunga discesa
al porto, e per più breve a varj piani dei giardini ricchi di elette
frutta. In questo soggiorno visse più volte col fratel suo quel maestro
solenne del pulpito Italiano Ignazio Venini dopo, che dal XIV Clemente
fu prescritta la quiete alla Compagnia di Gesù.

E nacque a Bellagio, e dimoravi nei tempi liberi il chiaro professore
Giacomo Rezia, le cui preparazioni anatomiche arricchirono l'Università
Pavese prima, che vi giungesse il celebre Antonio Scarpa. Del resto va
intorno anche qualche libretto del Rezia, che il mostra fornito della
più sapiente diligenza, dote per la profession sua l'eccellentissima,
e che lo rese ancora scopritore.

In questa beata spiaggia, che tutta ha di contro la fiorentissima
Tremezzina, seguono poi le ville Ciceri e Trotti[68]. [VILLE MELZI
CICERI E TROTTI] Nella prima il fu conte Ignazio Caimo villeggiò
molti anni splendidamente nella state, come colui, che univa l'amore
dell'ospitalità all'ampiezza della fortuna accresciutagli dalle
sostanze della famiglia, da cui nacque Carlo Ciceri vescovo nostro
sotto Innocenzo XI e Cardinale di Santa Chiesa. Giace questa a mezzo
il poggio difesa dal mezzo-giorno. Non gode quindi l'aspetto ampio
del Lario; però a supplimento in sulle sabbie flagellate dalle onde
locossi il caserino detto il _Quattrocchio_. Ma i giardini in vece
del marchese Trotti si specchian nel lago, ed abbenchè non siano della
maniera ultima, sono agli occhi coll'ampiezza e il lor compartimento
gratissimi, e i viali a docili carpinate ed a ramosa rotondità
d'ombriferi tigli si nobilitano anche da nativi tartufi. Nè duolmi
punto, che tal giardino sia della foggia antica, perciocchè quando lo
spazio non sia vastissimo, l'anglomania d'imitar coll'arte la natura
ci riduce sempre a sforzi meschini, e un gobbo quindi nel giardino
s'appella collina, e foresta un picciolo intralciamento di rami, fra
quale si lascia germinare l'ortica e il cardo. Sebben tal fantasie son
nulla rimpetto a quelle, che fin d'ossa spolpate e di scheletri vollero
popolare le lor delizie strane.

Si può dalla Lombardia giungere a Bellagio per terra, e forse anche per
tal motivo i conti Taverna[69], ed Anguisciola pensano ora di alzarvi
una fabbrica di diporto. I due rami del Lario formano colle terre
di Pieve d'Incino e la Valle Assina[70] un ampio triangolo nel quale
stanno e monti aspri, e valli feconde! Qualche terra ci rammenta anche
il culto de' Gentili, come Castel Marte, e Proserpio, che ci ricorda la
consorte di Plutone. Tutto questo gran corpo di contadi sbocca per così
dire per varie vie al promontorio di Bellagio.

Tosto però, che da quel lido ci scostiamo alquanto, già mutasi scena,
e l'aspetto ne attende severo della Grosgalla inospita. Frangonsi
i flutti del lago adirato per ben due miglia contro gli scogli di
questa montagna, e stanzian volontieri tra que' sassi que' pesci, cui
noi diamo il volgar nome di _carpani_. Finalmente il deserto lido
oltrepassata di poco la linea del promontorio di Lavedo ricomincia
a spargersi di case, ed ivi è Lezzeno, [LEZZENO] di cui corre il
proverbio, che sia senza luna d'estate, e senza sole nel verno. I vini
infatti, che si raccolgono ivi, hanno dell'acquoso, e solo ebbero fama
per l'autorità di Lodovico Duca Sforza, il quale consigliato da' medici
usavali a giovamento delle aduste viscere e delle ferventi podagre. A
giorni di Paolo Giovio era il costume di mischiarli con nobil tempera
a quei di Griante o di Varenna, quando i mosti bollivan tuttora. I
Vigoni, e i Bellini, che vivono a Milano, v'hanno buone abitazioni:
più remota dal luogo è l'origine dei conti Silva. Perpetue vigne e
castagneti ne guidano alla punta della Cavagnola, [CAVAGNOLA] dove
amano d'approdare i nocchieri per riprendervi lena con una giara di vin
robusto. Sono già tre secoli, che sul campanile della chiesa, che or
più non esiste, tenevasi una lanterna col lume, acciocchè i naviganti
avessero una scorta nel bujo, quando scendevano dal faro di Lavedo.

Di qui s'apre quel seno d'otto miglia piegandosi fortemente fino ai
lidi de' Tornaschi. In questo ottiene le glorie prime Nesso, [NESSO]
capo di Pieve, distinto di antichissima arcipretura. Per una valle,
che il divide, spumeggia un fiumicello, e puossi ivi godere nel caldo
un zefiro perenne. Mette Nesso per dirupate vie alle terre di Veleso e
Zelbio, le quali ad onta delle alte rupi pur raccolgono grani, e vassi
pure al famoso pian del Tivano[71]. Su queste montagne venne di recente
introdotta una buona manifattura di coltri di lana.

Lungo il lido non si veggono più terre. Ma sul dorso de' monti stanno
Careno, Pognana, Lemna, Molina non iscarse d'uomini, che per commercio
sparsi nel mondo si ridussero a tetti loro arricchiti. Avvi a Molina
sovra un picciol torrente un arco di due balze, che quasi insieme
si congiungono. Ma Palanza gode ancora di più vago sito, e le di lei
cipolle paragona il Merula con quelle d'Ascalona lodate da Strabone.
Sulle creste verdeggiano i pascoli, ove mugolano per tutta la state le
mandrie, e a giorni di Paolo Giovio vi s'incontravano i cervi sovente,
ma non so io, che ora i pastori ve li veggano.

Ma ecco la sponda in tutto il lario la celebratissima; [PLINIANA] il
rumor della spumante acqua ne invita, e il nobile edifizio, e più il
miracol del fonte venerabile per la memoria, che ne fecero i nostri
due Plinj. Saria colpa il non rivolgere al porto la prora. Giovanni
conte Anguisciola per Filippo II Re delle Spagne Governatore di Como
vi alzò sulla rupe il palagio, che tuttor vi si ammira; impiegovvisi
il Conte nel 1570, come narrasi dal[72] Ballarini, ma poco il godette,
perciocchè nel 1579 cercato a morte da un sicario avvolto nell'abito
di minor conventuale, tanta ne prese doglia, che chiuse in breve i[73]
suoi giorni, e nel ministero succedettegli il nipote Orazio Marchese
Pallavicini. Ma il superbo edifizio godettesi dal Conte Fabbio Visconte
Borromeo; acquistossi sulla fine del XVI secolo dai Canarisi, il cui
successore è il Marchese Francesco. Corre fama, che l'Anguisciola
fosse uno de' quattro piacentini patrizj, per cui cadde trafitto Pier
Luigi Farnese Duca figlio del Pontefice Paolo III, ma morto lui da'
congiurati nel 1547, come mai l'Anguisciola temette insidie in tutta la
vita sua? Pure si narra, che ivi egli si ricoverasse da quelle quando
Como era per lui l'asilo migliore. Allori e cipressi misti a faggi
pioppi castagni coronan la villa. Dal portico di ordine dorico mirasi
la fonte indietro e grande avanti spazio di lago. Non più esiste la
bella statua di Milon Crotoniate dal Boldoni descritta.[74]

Succedono le selve e i vigneti dei Tornaschi, [TORNO] ma quella uva
poco esposta al sole, e più la sciocca manìa di coglierla acerba danno
vini lazzi, che però in conto alcuno non possono rammemorarsi con quel
liquor languido[75] che Orazio bevette in onor di Corvino. Era però nel
paese ancor cinque lustri fa incredibile il raccolto, e poteasi dir con
Virgilio, che dai colmi tini spumasse la vendemmia, ma niun quasi ora
surroga alle piante vecchie i giovani maglioli. Però, se quel popolo
avesse la pazienza d'attendere l'ottobre per cogliere i grappoli,
premerebbe migliore il vino, e saria allora tentato di rinnovare la
vigna. Egli è noto per le sperienze riferite nel Dizionario Chimico
di Macquer accresciuto dallo Scopoli con acini pur verdi e colti in
Parigi nella state, i quai si lasciarono fermentare collo zucchero
frammescolatovi, essersi premuto vino eccellente. Or la stagione e
il sole infondono questo zucchero natìo negli acini, e se il Galileo
disse un tratto _il vino essere un composto d'umore e di luce_, fin dal
secolo XIV il nostro Dante, se non erro di memoria, cantava:

    _Mira il calor del sol, che si fa vino_
    _Misto all'umor, che dalla vite cola._

Ma della agricoltura non si curano molto quelli di Torno, poichè non
avvi contrada del Lario, che mandi maggior numero de' suoi a girar
pel mondo, e quindi ritornano essi alla patria ben di sovente con non
poco danaro. Prima di queste procelle ultime politiche moltissimi
andavano in Francia, ed è notevole, che i Tornaschi patiron disagi
moltissimi, e fin l'eccidio del lor paese, perchè sotto Luigi XII e
Francesco I seguivano le parti Galliche. Quindi andaron raminghi e
profughi, e soltanto nel 1532 ai 13 aprile lor ridonò Francesco II
Sforza la grazia sua[76]. Dopo rialzossi a felice stato quel luogo col
favor del commercio, e vi furono lanifizj di nome, ma tutto svanì poi
sul principio del secolo XVII. Girolamo Borsieri nella descrizione
manoscritta del territorio Comense ci lasciò memoria de' pannilani,
che si tessevano in Torno, e particolarmente nomina quelli, che si
chiamavano _meschie_. Narra in oltre, che verso il 1545 l'avessero
mediocremente ristorato i di lui abitatori, e che quelli per venti
e più anni si fossero aggirati sul Bergamasco. Forse l'incremento
di quelle fabbriche si deve a questi esuli addetti troppo al nome
Francese.[77]

Del resto presenta Torno a' naviganti una prospettiva giocondissima
posto in lunga estensione a' più piani. Collocati al lago sono i
giardini amenissimi del Canonico Canarisi, e vi biondeggiano a dovizia
i limoni; sovr'essi stanno quelli già de' Tridi, or del Ruspino, che
arricchitosi in Russia quelli ed altri fondi comperò. Vedesi al porto
l'antica prepositurale; ma più addentro nella terra ed elevata è la
Chiesa di S. Giovanni, dove con molta riverenza conservasi uno de'
chiodi, da cui vuolsi, che fosse confitto il Salvator nostro. Questa
chiesa venne dal Borsieri giudicata fattura dei tempi di Giustiniano,
poichè a' suoi giorni vi si conservavano due epitafj cristiani di
quell'epoca. Ma sulla cresta del primo giogo, cui dietro più alti ne
sorgon altri, vedonsi i vestigi e le ruine di Monte Piatto, dove v'avea
convento di monache a santa Elisabetta dedicato, e le ultime abitatrici
d'esso si recarono al santuario della Madonna sopra Varese. Era già
stato eletto il chiostro di Monte Piatto, cel narra il Borsieri, come
atto a rappresentare i luoghi santi di Gerusalemme, ma la riforma fatta
ne' Minori Osservanti interruppe i disegni, che si volsero al monte
di Varallo; e perdette quindi il Lario nostro una sì bella occasion di
concorso.

Comincia a Torno da questo lato la Pieve di Zezio superiore, la qual
abbraccia pure Blevio e Brunate, e sull'altra sponda Urio, Moltrasio,
Rovenna, Piazza, Cernobbio, Maslianico. Male alcuni l'appellarono
Pieve di Zelbio. Non fuvvi mai alcuna terra col nome Zesio, ma questo
è un vocabol corrotto della voce _ecclesia_. I Canonici della Chiesa
maggiore eran ne' vecchi secoli i parrochi di tutti questi distretti.
Essi al presente in certi giorni fissi si recano a quelle Chiese
in contrassegno dell'antica prerogativa; pure questo diritto delle
stazioni soffre ora le controversie mercè l'umana inquietudine contro
vetuste giurisdizioni.[78]

Ora noi voghiamo in quella parte di acque, che il prospetto ne offre
di tanti edifizj, che adornano il Borgo Vico, ma pieghiamoci a manca
radendo il lido, dove piomba sovra lunghissime erbe il Toé, picciol
ruscello talvolta secco, che dal monte mettesi tenebroso al sasso,
d'onde cade precipitevole. Già ne alletta il guardo Perlasca, ma il
nome non ne inganni. Altre volte Perlasca era terra per la nobiltà de'
suoi abitatori e la eleganza degli edifizj assai celebre. Se ne veggono
tuttor le ruine in parte, e sofferse quella la fortuna medesima, che
Torno. Ora coll'appellazione stessa stassi al lido la villa de' Conti
Tanzi. Appartenevan anticamente le di lor case alla pontifizia famiglia
Odescalchi, e corre anzi voce, che in una di quelle nascesse Innocenzo
XI[79]; ma io so, che fu battezzato in S. Benedetto di Como nel 1611,
come il dimostrano i libri del parroco a pagina 70.

La villa dei Tanzi fu onorata da Leopoldo II, il qual fermovvisi
a pranzo nel 1791. [PERLASCA o VILLA TANZI] L'allegria e il gusto
dei giardini v'attirano i curiosi. Avvi senza stento una idea delle
vaghezze Inglesi e Cinesi. Spuntan dagli scogli gli aloè, e varj
arbusti americani. I mirti e i leandri non vi temono il freddo. Vi
si forzò anche la natura, e la scabbra spalla del monte riformossi a
leggiadro viale, che cinto di ben vegnenti alberi producesi fin quasi
a Torno. Qua e là si nudarono a bella posta i macigni della terra,
che v'era. Per lo contrario dall'altro lato hannovi orti più larghi,
e v'ha pensiero d'estenderli fin verso allo scoglio, da cui scopresi
Blevio.[80]

Blevio dividesi in sette gruppi di case, [BLEVIO] onde corre il
proverbio delle _sette città_. Vi manca pianura, ma non vi mancan
vigne. Guardano però il sol cadente, onde i vini son piccioli. Vive
in Vienna nativo di questa terra l'Artaria, che ha commercio grande
di tipografia, di musica e di stampe in rame. Presso Blevio pure
soggiorna talora in un suo ameno casino da lui detto facetamente
_Versaglia_ Pasqual Ricci maestro di cappella in Como, ed uomo noto a'
filarmonici.[81]

Ma da Blevio poi succedono scogli sino a Geno. [GENO] La fontana
magna e il tugurio detto il Mirabello non meritano il nome, di cui
godono. Voglion bensì menzione da noi i bei giardini, che circondano
l'agiata abitazion recente della marchesa Cristina Menafoglio Ghilini.
Comperò ella, mentre il Luogo pio stavasi sotto al regime d'un sol
amministrator regio, nel 1790 que' fondi e quelle case dall'Ospedal
di Como, le quali serviron già per ricovero agli appestati e per
lazzaretto, e denominavansi S. Clemente di Zeno, ove pria ancora v'era
un chiostro d'Umiliate. Quando v'edificò la Marchesa, dovettesi toccar
anche la chiesuccia, e si scoperse allora una lapide con triplice
iscrizione. Quindi vi si sospettò antica villa e sepolcreto d'illustri
Romani. Ma questi epitafi son cosa cristiana sotto il Consolato di
Flavio Cecina Basilio, il qual acadde nel 463 dell'era nostra. Il sig.
Don Antonio dei Marchesi Andreoli ebbe la bontà di ricopiarmeli con una
penna diligentissima e sono i seguenti:

    HIC REQVIESCIT A.....
    GRATA DEO PVELLA QVÆ VIXIT
    IN SECVLO. ANN. PL. M. LV.
    HIC REQVIESCIT. PRINCIPIVS
    QVI VIXIT IN SECVLO ANN. PL. M. III.
    HIC REQVIESCIT AVRORA SPECTA
    BILIS ET. PENETENS F. QVÆ VIXIT IN
    SECVLO ANN. PL. M. LX DEPOSITA
    SVB. D. KAL. SEPTEBRIS. BASILIO
    V. C. CONSVLE.

Nel fatal contagio del 1630 si tumulavan ivi i cadaveri degli infelici,
come potei rilevare dai libri mortuarj dell'Arcipretura di S. Agostino.
Qual orrore non è egli mai lo scorrere le carte di que' dì, e vedervi
i testamenti rogarsi sulle strade, e sulle piazze da notai, che passano
frettolosamente a cavallo, e dalle finestre odono le ultime volontà dei
moribondi!

Giacchè da tal pensiero il cuor si commuove, e risentesi l'umanità, non
so pur contenermi dal metter querela, perchè o prima, o nell'atto del
vendersi Geno mai non siasi diroccata parte dei muri fiancheggianti
il lago, onde formarvi una spiaggia, che le vite avria salvate di
tanti! Non v'è promontorio per naufragi più infame, nè basta a torre le
calamità il convenuto porto, onde io reco opinione, che ben volontieri
la provincia tutta Comense dovrebbe concorrere alla salutare spesa di
formar poco sopra Geno un banco d'arene a gran pietroni frammescolate,
su cui potessero gittarsi i naviganti contro le rabbie dei venti
turbinose.

Appoggiasi a volgar voce l'esistenza d'un antica strada, ma ne' tempi,
che il Lario tenevasi a più umil livello, vi sarà stata spiaggia
continua da Como a Geno lungo il lido. Anche ora in qualche vernata
le acque sono sì basse, che si può andarvi sulle ghiaje, ma quando vi
si formasse una strada, non vi potria essere ne' mesi freddi più atto
passeggio, mentre quel lato è dal sole investito in guisa, che vi si
scambia in maggio il gennajo.[82]

Quasi sul nudo dorso del monte stassi il casin del Sasso, ove
il fratello di Cristoforo Arnaboldi educa bei fiori, mentre poi
Cristoforo, che già si fece noto col valore del canto prosiegue ad
arricchirsi in Russia colle felici vendite e compere, e la singolar
cognizione in gemme e cammei, il perchè imprende frequenti in Italia i
viaggi.

Alla Nocetta son pur due villette di cittadini ben collocate pel
verno, e d'indi a pochi passi comincia il sobborgo di Curignola
ossia Coloniola, che oggi dalla Chiesa arcipretale prende il nome di
Sant'Agostino.

Su questo lido stanno le Lavandaje col viso abbrostito al sole, nè
vi mancano i setificj. Ivi compiam la navigazion nostra, e dopo lungo
riposo nella gondola non potrà, che riuscirci caro un passeggio nel bel
suburbano della Gallietta spettante al Cavalier Flaminio della Torre
di Rezzonico,[83] nel quale troveremo unita l'eleganza all'amenità.
Nell'ingresso, e nell'uscita da quel suburbano non ci sia grave di
donare un guardo alle muraglie, che già il chiostro cingevano degli
Eremitani. In essa a fresco rappresentasi l'apparizione del Redentore a
S. Agostino in foggia di pellegrino. Mi sorprese quella anche assai più
fin che non iscopersi essere una copia della nona tavola di quel libro
eccellente, in cui nel 1624 lo Scheldt Bolswert effigiò la vita di quel
solenne dottore con bulino, che seppe emular le opere di Vandick, e
Rubens.


IL FINE.



NOTE


[1] La guerra de' Milanesi e de' Comaschi fu rozzamente descritta in un
poema latino dal contemporaneo Anonimo Cumano, che vuolsi dell'illustre
casa Raimondi; e l'eccidio di Como fu nobilmente cantato dal Conte
Carlo Castone della Torre di Rezzonico in un poemetto italiano stampato
nel tom. II, p. 135 delle di lui opere.

[2] Nella fortezza di Baradello morì miseramente nell'anno 1278 Napo
Torriani, fattovi rinchiudere da Otton Visconti in una gabbia di
travi. La morte di Napo somministrò l'argomento d'una tragedia al sig.
Giovanni Battista Nasi attual R. I. Direttore delle Poste in Como,
Pastor Arcade, e Socio di varie accademie. Al sig. Nasi non si può
negare facil vena in poesia.

[3] I Veronesi sforzansi di contrastare a' Comaschi la pertinenza di
Plinio Seniore; ma iscorge affatto vani i loro sforzi chiunque voglia
appena consultare le Pliniane disquisizioni del Conte Anton Gioseffo
Rezzonico. La pubblica opinione però rese giustizia a Como, e questo
Plinio leggesi Comasco nelle tavole cronologiche inserite nel Compendio
di Geografia Universale del Guthrie.

[4] Vedesi la morte di Plinio dipinta sul sipario del nuovo Teatro di
Como. Per altro Plinio su d'un sipario, ed un sipario rappresentante
una morte le sono cose, che a molti non sanno troppo quadrare.

[5] Sono già otto secoli che l'illustre Casato dei Giovj gode singolari
diritti e distinzioni. Federico Barbarossa gli concesse di portar nello
stemma l'Aquila Romana; Carlo Quinto Imperadore vi aggiunse le colonne
d'Ercole; e Leon X. gli accordò d'inserirvi l'arme Medicee.

[6] A Martignoni fece l'elogio il sig. Luigi Catenazzi. Dalla maniera
ond'è scritto quest'elogio, si riconosce agevolmente in Catenazzi il
professore del bel dire.

[7] Alcuni portano opinione che le dette colonne non sieno altrimenti
di marmo greco, ma bensì di marmo delle montagne del Lario.

[8] È da notarsi l'enorme inesattezza del Nuovo Dizionario Geografico,
stampato da Giovanni Bernardoni, Milano 1813, ove alla voce _Como_
restringesi la popolazione di questa Città a 7278 abitanti.

[9] Bened. Jovii. Hist. Patr. p. 206. = _Portus, qui nunc habetur, haud
ita non multo ante tam frequens erat, sed alius portus fuit, qui modo
Episcopatus appellatur, anno Domini XXV. supra M. et CC. conditus,
qui, quia aucto lacu semiobrutus esset, alium construxere. Ad hunc
autem antiquiorem portum, illac, ubi nunc horti sunt Episcopi, recta
procedebant, unde Divi Probini ædem incursu ripæ ædificatam legimus,
quo tempore regio illa frequentissima erat. Sed postquam in civitatula
ab Azone Vicecomite condita fuit clausa, paucos habuit incolas, et
vero per tempora libertatis Mediolanensis destructa, frequentior fieri
cœpit._

[10] Questa fu testè demolita, essendosi aperta la nuova strada di
Lecco. _L'Editore._

[11] Fralle inedite lettere del Borsieri avvene una a Lodovico
Carretti, in cui vedesi che gli Scalzi faceano pratiche per aver
sul nostro territorio una solitudine da fabbricarvi un chiostro. Il
Borsieri proponeva la Valle d'Intelvi, ma soggiungeva pure = _Chi sa
che non cerchin da lunge per trovar d'appresso_? = E così fu, divennero
essi pochi anni dopo possessori del _Giardino_ del Borsieri. In altra
di lui lettera al conte Costanzo d'Adda se ne legge la descrizione.
V'eran dentro pitture del vecchio Luino, di Calisto Lodigiano, di
Carlo Cremasco, di Giacomo Bassano, di Giacomo Tintoretto, di Giacomo
Palma, di Camillo Boccaccino, di Domenico ed Andrea Pellegrini, di Pier
Francesco Morazzone. Non vi mancavano belle ajuole con fiori, ombrose
selve, industri fonti, armadj con libri eletti. Aveva poi anche il
Borsieri nelle case di città qualche raccolta di marmi antichi. Ma
Como può ripetere quel verso del Petrarca = _Ben fera stella fu sotto
ch'io nacqui_ = tutte si dispersero più volte le cose belle radunate
da qualche egregio suo cittadino. Il Vescovo Archinti pria, poscia
l'altro suo Vescovo Lazzaro Carafino lo spogliarono di molte iscrizioni
che arricchirono Milano e Cremona. — Questo ritiro è stato soppresso.
_L'Editore._

[12] Paolo Giovio in principio del volume = _Elogia Virorum literis
illustrium_ = nella descrizione del Museo ad Ottavio Farnese fa cenno
dell'isoletta = _Insula exsurgit firmissimo pariete circumsepta,
jucundaque eminentibus pomiferis arboribus._

[13] Larius Sigismondi Boldoni = _Neque ego quemquam esse tam barbarum
putarim, qui, si illac transiens surgentem novarum ædium molem
aspexerit, atque inde disturbatos sæva pietate muros, et jacentem
tot eruditorum operum congeriem et obliteratas imagines contempletur,
lacrymas tam insigni ruina manantes tenere possit._

[14] Fra le inedite lettere del Borsieri ve ne hanno al geografo
Magini, ed allo stesso abate Marco Gallio, e da quelle scopresi il
furore che avea quell'abate di cancellare la memoria di Paolo e de'
Giovj, cui pur doveasi la sorte della di lui famiglia. Così operò pure
per Balbiano e a forza d'oro fece che qualche tedesco desse il nome
d'Alvito alla celebre Isola Comacina. Nella pubblica biblioteca Comense
de' Dottor Collegiati avvi un Codice della Storia Patria di Benedetto
Giovio, e in più luoghi nel margine del libro in cui de' templi si
tratta e de' chiostri, viene malmenato il Gallio, e in un passo quasi
a colmo di delitto si aggiunge = _qui etiam Jovianum Museum funditus
evertit._

[15] Nella lettera al Domenichi del 1543 ai 17 luglio, e nell'altra al
conte Agostino Landi del 20 del detto mese ed anno.

[16] Veggasi l'itinerario dello Scoto, e il Salmon, e più altri. Fra
questi il conte Giambattista Giovio nell'elogio di Monsignor Paolo
Giovio in tutta quella parte del testo che corrisponde alle note
dall'ottantesima quinta alla centesima sesta.

[17] Qui ha principio la strada carrozzabile fatta costruire da S. A.
R. la Principessa di Galles, e che termina alla di lei Villa d'Este
dopo Cernobio. _L'Editore._

[18] Veggasi il volume delle Ordinazioni Decurionali scorrente dal 1577
al 1581. Ivi sotto il 5 d'agosto del 1578 leggesi la concessione perchè
quelle acque = _Villæ Grumelli magnifice ædificatæ ad hilaritatem fere
publicam, maximam sint allaturæ hilaritatem._

[19] Borsieri Descrizione manoscritta del territorio Comasco =
Ballarini, Croniche pag. 316 = Rusca Luigi ne' suoi Madrigali sul Lario
= Lettere di Francesco Vicedomini in Como pel Turato 1623, sul fin del
volume.

[20] Lettera dei conte Abate Giambattista Roberti al cavaliere conte
Giambattista Giovio, e risposta del medesimo sopra Giacomo da Ponte
pittore detto il Bassan Vecchio. Lugano 1777 alla pag. 58 e seguenti.

[21] Ora villa deliziosa del sig. Configliachi Professore nell'I. R.
Università di Pavia. _L'Editore._

[22] Una questa è delle espressioni care e ghiotte adoperate dal conte
Magalotti nella lettera, in cui descrisse con istile sì bello, la sua
villa di Lonchio.

[23] Vedi la nota 17 alla pag. 12. _L'Editore._

[24] Presentemente la Villa d'Este di S. A. R. la Principessa di
Galles. _L'Editore._

[25] Nume assai poco noto, a cui Roma attribuì la sua salvezza, poichè
favoleggiossi che parlasse fra il silenzio della notte, ed annunziasse
ai Magistrati l'avvicinarsi dei Galli. Veggasi Tullio _de Divinatione_.

[26] Eccole. = _Matronis P. Cæsius. Archigenes. V. S. L. M._ = _Jovi.
O. M. P. Cæsius. Archigenes. V. S. L. M._ Furon queste due memorie
tra quelle raccolte dal Vescovo di Como Lazaro Carafino, e che poi
da' suoi eredi vennero trasportate a Cremona. Ivi tuttora esistono con
molte altre nostre, come può scorgersi dal volume del chiaro D. Isidoro
Bianchi intitolato i _Marmi Cremonesi_, a cui potrebbe aggiungersi
anche _e Comaschi_. Quai fossero le matrone è controversia lunga. Se
fossero quelle i _Genj_ delle donne, come ancor le _Giunoni_ od altro,
si disputa dagli eruditi, ma come anche il dottissimo marchese Maffei
trovò tenebroso un tal punto, noi non pretenderemo di schiarirlo.

[27] È noto che i Romani avean prenome, nome e cognome, e in
quell'ordine appunto che noi pronunziamo le parole _Marco Tullio
Cicerone_, ovvero _Cajo Plinio Secondo_. Quindi scorgesi la debolezza
di quelli, che per torci Plinio il naturalista, lo fanno pazzamente
della famiglia Seconda, quando il _Secondo_ non era _nome_ di genti, ma
_cognome_ di persona.

[28] Si sa per altro, che poco i Greci restaron fra noi; pure il
P. Stampa nella sua _Accademia_ de' _Nocchieri_ manoscritta accenna
l'opinione.

[29] Bella prova potria darne la scuola di disegno, ch'era già
stata destinata per ispecial privilegio a questa Valle dalla sovrana
munificenza, non che il collegio di Laino che vi fiorì molti anni sotto
la saggia direzione di quel Prevosto. _L'Editore._

[30] Quest'isola tenuta più volte per inespugnabile e celebre tanto
dal secolo VI al XII forse fu denominata _Comacina_ fino dai tempi
dell'itinerario di Antonino. Non ben si scopre navigando, mentre il di
lei dorso confondesi colle montagne sorgenti sul vicin lido. In essa
dell'antica grandezza sua nulla ora resta, e sola avvi una chiesa nel
di lei colmo. Sarebbe lungo il riferire gli assedj gravissimi e le
ostinate difese che la resero celebre a' tempi de' re longobardi e di
Federico Imperador Barbarossa; laonde rimettiamo il curioso lettore
a Paolo Diacono, al Sigonio nel regno d'Italia, al Muratori negli
Annali, alla storia patria di Benedetto Giovio ed a quella del Marchese
Rovelli, i quali hanno fatto cenno chi d'una, chi d'altra notizia.
_L'Editore._

[31] Fummi comunicata dal dotto padre abate Casati, a cui dobbiamo
l'edizione delle latine lettere del Cicerejo, ossia Ciceri. Nella
lapida dopo la parola _consecravit_, avvi scolpito un cuore, come
appunto costumavano i Gentili nelle are che dedicavano agli Iddj.
Questi cuori negli epitafi indicano talora la fine del vocabolo, ma
talora anche l'intersecano. Ecco anche qui _Genj_ e _Matrone_.

[32] Parole tratte dall'opera del Porcacchi impressa nel 1568 in
Venezia da Gabriel Giolito de' Ferrari, ed intitolata _la Nobiltà di
Como_. Libro secondo pagina 101. Veggasi pure Paolo Giovio _Descriptio
Larii_.

[33] Il Giuspadronato è però laicale, e ne fu infatti ministro d'anni
12 nel 1720 il conte Francesco Giovio, nel 1710 Giambattista, nel 1662
Giulio padre, avo e bisavolo del cavaliere conte Giambattista. Quindi
può anche rilevarsi l'inerudito errore del monaco Roberto Rusca, il
quale credette che Leone X. facesse dono dell'ospedale di S. Maria
Maddalena a Paolo Giovio. Vedasi l'elogio d'esso Paolo scritto dal
conte G. B. Giovio alla nota 3 e 4, come pure l'elogio del Vescovo
Paolo Giovio il giovane scritto dal medesimo autore in quella parte del
testo che corrisponde alle note 57 e 58.

[34] Pauli Jovii Descriptio Larii Lacus = _Balbianum, quod Insulæ
suburbanum fuit, ubi Majorum nostrorum reliquias, fundum scilicet, et
ruinosas magnificentiæ singularis ædes possidemus._

[35] N'è ora possessore il Conte Luigi Porro-Lambertenghi, il quale
eresse non ha guari nella sua villa presso Fino la grande filanda de'
bozzoli a vapori. _L'Editore._

[36] Ora professore di fisica generale e sperimentale nell'I. R. Liceo
di Como. _L'Editore._

[37] Boldoni nel Lario dubita che la _Commedia_ fosse a Lierna,
ma soggiunge _nisi Pauli Jovii doctissimi viri aliter sentientis
auctoritas deterreret... summi viri auctoritatem, eruditionem,
doctrinam atque illam cum optimis quibusque priscorum conferendam
eloquentiam reveriti ultro manus damus atque illius coelessis
hominis sententiæ acquiescimus._ Vedi Plinio lettera VII. del libro
IX. Da essa quanto non ricavasi a favore della sentenza di Paolo
Giovio? Basta osservarvi la piacevole concavità di quel seno, di
cui l'autore ragiona. Aggiungasi inoltre, che Lenno non era punto
povero d'anticaglie, e infatti Boldoni istesso scrisse nel suo Lario
= _Durat adhuc incorruptum ab omni temporis contumelia... templum...
Ratio igitur illius fani, non quæ nunc est, sed quam periti quique
Architectorum fuisse conjectantur, antequam imperitorum manibus
tangeretur, illa erat, quæ Vitruvio dicitur Peripteros, et a fronte
et a tergo et a lateribus cincta porticibus... sed rudis et ignara
posteritas apertis ad latera templi parietibus obstructisque pilaram
intervallis interiores fecit, quæ prius exterius sitæ erant porticus,
innumerasque ex marmore tabulas, quibus sepulchrorum epigrammata
probatæ antiquitatis erant insculpta per summam vecordiam vel erasis
vel commutatis litteris in propria epithaphia convertit._

[38] Questa strada da Campo sino alla Cadenabbia è stata assai bene
riattata, ed è uno de' più bei passeggi, ove alla libertà campestre
si vede andar unita l'eleganza di que' signori e signore che o vi
dimorano, o villeggian ivi. _L'Editore._

[39] Questa bellissima villa spetta ora al signor Sommariva, il quale
vi va di giorno in giorno raccogliendo ampio tesoro di pitture sì
antiche che moderne de' più celebri pennelli. Per lo che il passeggiero
di questa nobil arte intelligente può impiegar ivi una giornata intera
col più grande diletto. _L'Editore._

[40] Agevolossi ora fra l'arena la strada, e meno incomoda si rese fino
al borgo di Menaggio. _L'Editore._

[41] Un Porto ampio e sicuro sorse a questi dì fabbricato a spese della
signora Bellini-Riva. Vi si trova un Albergo elegantemente montato,
con tutti i comodi pei signori viaggiatori, cui si diede il nome di
_London-Hôtel_ in omaggio dell'affluenza d'Inglesi, che nel visitare
questo lago vi si fermano a preferenza degli altri alberghi. La
situazione infatti è una delle più belle, ed offre dei punti di vista
su tutto il lago veramente pittoreschi. _L'Editore._

[42] La majolica si vuol detta da' Francesi _Fayance_, perchè l'arte
s'inventasse a Faenza. Ora la terra inglese da pippe detta terraglia
diede lo scacco molto alla majolica.

[43] Quasi _sanat ægros_.

[44] _Corpora procera... adde et sæviorem quam Hircanis feris rabiem...
par et in fœminis durities animi_, e soggiunge le imprese da pirati da
costoro fatte a suoi dì, e represse soltanto da Ercole Sfondrato. Il
Giovio pure scrisse = _Caverniones... genus hominum ingenio factioso,
sagaci maxime, cruento perpetuas dirasque in ea vicinia contentiones
exercet._

[45] Jean Jacques Rousseau, Nouvelle Héloïse. P. 1. Lettre XXIII. parla
de' monti del Valese e scrive = _image trop vaine de l'ame du sage,
dont l'exemple n'exista jamais, ou n'existe, qu'aux mêmes lieux, d'où
l'on a tiré l'emblème_.

[46] Nella parrocchiale di Cremia merita parziale attenzione un quadro
bellissimo rappresentante S. Michele, che atterra l'angelo rubelle.
_L'Editore._

[47] Que' condottieri mantenevano soldati, il cui sangue e i servigi
vendevano poscia ai Principi, i quali non accostumavano allora d'aver
sempre armate al loro soldo.

[48] Avvi per altro presso il conte G. B. Giovio una lettera del
marchese di Marignano, la cui sottoscrizione in mal carattere è di
lui, e dice _Io Jacobo de Medisi_. In essa ragguaglia Monsignor Giulio
Giovio ai 29 agosto 1554 dal Campo sopra Monterigioni della vittoria
avuta contro il maresciallo di Francia Strozzi e contro Senesi.

[49] Allusione al verso 728 del libro VIII dell'Eneide

    _Indomitique Dahæ et pontem indignatus Araxes._

[50] Quivi le miniere di ferro e i forni del sig. Rubini possono
arrestare alquanto il Viaggiatore ad ammirarvi que' seminudi ciclopi,
che vi lavorano a fondere il ferro, e le macchine romorose de' magli.
Senza punto detrarre agli altri stabilimenti di tal natura, questo è
sicuramente il più perfetto e cospicuo di tutto il Regno. _L'Editore._

[51] Ora spetta ai signori fratelli del Pero. _L'Editore._

[52] Œuvres. Lyon. 1764.

[53] Ponte Sublicio appellavasi in Roma, od anche Emilio, il ponte di
legno sul Tevere nel colle Aventino.

[54] Cioè nell'anno 1794. _L'Editore._

[55] Ora la Valtellina forma una delle Province del Governo di Milano
nel Regno nostro, sotto nome di Provincia di Sondrio, che n'è il
Capo-Luogo. _L'Editore._

[56] Qui ha principio la strada postale che attraversa la Valtellina
sino a Tirano, e vi si trovano Diligenze giornaliere a comodo dei
Viaggiatori. _L'Editore._

[57] Il sig. Rouselin ha ottenuto dal Governo la proprietà delle
paludi, che la maggior parte con sommo dispendio sono state asciugate
e rese coltive, per cui l'aria è divenuta meno insalubre, e più ferace
il territorio; mandando così ad effetto almen in parte l'augurio del
nostro autore. _L'Editore._

[58] »Ma il principe di tutti i nostri monti, disse altrove il
nostro scrittore, è poi senza controversia il _Legnone_. Assorti in
meditazioni potremmo lassù sentirci sotto ai piedi muggire il tuono e
guizzare la folgore. Qual vasta mole! oh magnificenza di creazione!
Sfida il _Legnone_ colla sublimità del suo capo il Pitchinca e il
Coracon gioghi d'America? Dannosi al _Legnone_ piedi 7716 d'altezza
perpendicolare sopra la riva del lago.« _L'Editore._

[59] Che significa in questi greppi il nome di Corte Nuova? Sarebbe
ella mai stata una Villa regia, come Corte d'Olona nel Pavese, e
Cassano presso Adda detta Corte di S. Ambrogio nell'877? Tutto m'è
scuro. Forse i Torriani, che signoreggiaron Valsasina, vi misero tal
nome, perchè Moschino prese in moglie una figlia d'Ottone di Corte
Nuova. Da questi Torriani per mezzo d'Areco, e d'Arechino deduceva
la sua discendenza il nostro conte Anton Gioseffo della Torre di
Rezzonico, come dimostrollo l'avvocato Giovanni Sironi di Scozia nella
vita del Beato Antonio della Torre scritta dal P. Giambattista Cotta,
ed impressa in Perugia nel 1730. Quindi anche il La Lande nel suo
viaggio d'Italia favellando di Parma dice, che il sullodato Conte allor
vivente a quella Corte venisse dai Torriani.

[60] Nello scorso anno 1816 si è nottetempo staccato un masso della
montagna, che seco strascinò il suddescritto ponte. _L'Editore._

[61] Larius = _Ibi enim maxima latitudo Larii trifariam se in diversa
proscindentis ad Pythagoreæ litteræ similitudinem_. Pittagora servissi
del simbolo della ypsilon per dinotare le due vie, che s'aprono innanzi
agli uomini, quella della virtù, e quella del vizio. Per sapere che il
Filosofo di Samo facesse uso di tal simbolo, mi convenne, come accade
talvolta anche nelle cose più facili, scartabellare di molti libri,
onde quasi per l'ypsilon sagrificar potrei il centesimo dell'_Ecatombe_
(_cento buoi_), che svenò Pittagora alle muse pel problema sciolto
dell'Ipotenusa.

[62] Qui presso avvi una bella fabbrica di lastre e di vasi di vetro
d'ogni maniera, di proprietà de' signori Venini. _L'Editore._

[63] In questa valle sul monte Codeno fu dove la nostra sig. Elena
Perpenti trovò la nuova Campanula _Raineri_, di cui veggasi la Bibl.
Ital. fascicolo di novembre 1816. _L'Edit._

[64] I signori fratelli Mauri hanno in Lecco recentemente ampliato
il loro albergo all'insegna del Leon d'oro colla maggior possibile
proprietà, comodi alloggi, scuderie, rimesse. Quindi vagheggiasi lungo
tratto amenissimo del Lago. _L'Editore._

[65] Così accostumarono d'appellarlo gli storici, ma egli era Marchese,
e per vezzo usavasi il diminutivo. La di lui famiglia fiorisce in
Cremona.

[66] Vedi le pagine 80 e 84.

[67] Opere T. VI ediz. di Livorno pag. 85 e 86. Può vedersi anche la
nota 21 e 22 nell'Elogio del Palladio scritto dal Conte G. B. Giovio.

[68] Prima di giungere a queste due ville vedesi alto torreggiare il
magnifico palagio del defunto Duca Melzi d'Eril. Quivi ammirasi un
edifizio di gusto moderno, ornato di pitture a fresco dell'Appiani, del
Bossi e d'altri pittori non inferiori molto, non che di una raccolta
di carte de' migliori bulini. Negli ampli giardini poi ond'è cinto
d'intorno, merita parziale attenzione la statua del celebre Professore
Comolli rappresentante Beatrice che mena Dante in Paradiso, ed un busto
del tragico d'Asti di veramente maestro scarpello. _L'Editore._

[69] Il conte Taverna ha poi fabbricato una villa per buon gusto
d'architettura e pei comodi molto elegante e pregievole. _L'Edit._

[70] Stassi ora costruendo un'ampia strada atta alle carra ed a' cocchi
che dalla Brianza mena comodamente a Bellagio, ed a quest'ora sarà
praticabile. _L'Editore._

[71] »Ivi per due miglia di giro avvi una prateria, la quale ha pure
uno sbocco da Sormano per Asso e tutta vien cinta da più alte vette.
Bello è vedervi fiorir gli anemoni e i ranomoli fra non rari sorbi
da uccellatori. Le acque che vi si raccolgono hanno esito in mezzo al
piano per ampia caverna. Vuolsi che anticamente ivi fosse uno stagno.
La tradizione ci dice le gran novelle sul pian del Tivano. Il Ballarini
nella parte 3 delle sue Croniche a pag. 320 vuol che ivi Andefleda
moglie di Teodorico re fabbricasse per sue delizie un castello. Il
Tatti nel tom. I degli Annali Sagri pag. 509 impugna il racconto,
siccome non appoggiato ad antico scrittore. Ma il Ballarini narra poi
come testimonio contemporaneo, che ivi cavandosi siansi rinvenute gemme
e pezzi d'oro e medaglie d'Imperador diversi. Or per questi fatti non
ha bisogno il Ballarini d'antichi scrittori. Anche a' tempi nostri si
trovarono delle monete, disotterrate perfin dalle talpe. Ciò che più
rileva si è, che copiosa ivi si trova la cacciagione d'ogni genere,
e la vasta pianura posta su quella eminenza ci fa parere di vivere in
tutt'altro clima, in tutt'altre terre.« _L'Editore._

[72] Compendio delle Croniche di Como 1619. Pel Turato p. 315 e 316.

[73] Lo stesso a pag. 65, e il Tatti Annali di Como. T. III pag. 692.

[74] »La fonte che dai nomi de' due Plinj salì in tanta venerazione
è degna di tutta l'attenzione. Si ritenne molto tempo che il crescere
di lei ed il decrescere fosse così regolare che avvenisse sempre nel
periodo d'un'ora. Accade bensì questo fenomeno, ma i periodi del flusso
e riflusso sono affatto irregolari. Avvi anche memoria che siasi questa
fonte veduta del tutto inaridirsi in un anno per mancanza di pioggia, e
per lo contrario in un altro pel soverchio piovere farsi sì gonfia che
nè il flusso serbasse degl'incrementi, nè il riflusso del decrescere.
Nè è qui mio pensiero di entrare co' fisici a disvelare le cause che
la natura prodigiosa mantengono di questo fonte; non riescirà però
discaro il veder qui unita la traduzione della lettera di Plinio su
questo proposito diretta a Licinio Sura: »Tu puoi assiderti sul di lui
margine, e ber della freschissima onda, che or s'avanza, ritirasi ora.
Ponivi un anello, o che che meglio t'aggradi, in luogo secco, e il
vedrai tosto immolarsi dall'onda sorgente, e poi di nuovo restare in
asciutto... qualche aria racchiusa in grembo della terra diserrerebbe
ella, e chiuderia la sorgente di questa fontana o col premerla di
fianco, o col partirne scacciata in quella guisa appunto, che veggiamo
accadere nei fiaschi inversi, dai quali libera non n'esce l'acqua, ma
con interrompimento di resistente fiato e simil quasi a singhiozzo?
Oppure qual è dell'oceano l'indole, tal è del fonte? ed in quella
foggia che l'oceano spignesi ed assorbesi, così il picciolo umor del
fonte sopprimesi, o cacciasi fuora? Sarebbe egli mai d'esso, come de'
fiumi, i quali al mare sen vanno, e ciò non ostante o dal contrasto dei
venti o dall'incontro del flusso costringonsi a ritrocedere? Diremo
noi, che nelle ascose vene abbiavi certa capacità, onde mentre vi si
raccoglie lo sparso, impigrisca il rivo, e quando poi la capacità sia
colma, fuor ne' zampilli più snello e rigonfio? o forse avvi qualche
libramento arcano nell'antro del fonte di modo, che quando ei sia
men colmo, più agevolmente ne scorrano le acque, e per lo contrario
dal troppo impeto si trattengano quelle accresciute, e n'escano quasi
bulicame? A Te s'aspetta di scoprire, a noi d'apprendere le cause del
prodigio veraci. Io son pago, se il fatto t'esposi bene. Sta sano.»
_L'Editore._

[75] Ode XXI libro III.

[76] Come da un esemplare del Decreto Ducale e Senatorio presso di me.

[77] I begli arazzi, che pendono fra le arcate del nostro Duomo,
voglionsi appunto fabbricati a Torno. _L'Editore._

[78] Queste stazioni non esistono più, che nello Stato Elvetico.
_L'Editore._

[79] Vuolsi di più che una tal casa fosse quella, di cui sopra la Tanzi
miransi ancora le muraglie di facciata su cui serpeggia l'ellera, e
che formano un grato contrasto di anticaglia coll'elegante sottoposto
edifizio. _L'Editore._

[80] L'ultimo casino situato su questa estremità, detto _La Roda_, e
che formava parte della Tanzi appartiene ora a madama Ribier. Un bel
frutteto, un ameno viale di tigli e di platani, un comodo porto ed
altri lavori, che già vi si veggono, opera di pochi mesi, fanno fede
che sorgerà in breve altra villa emulatrice delle due veramente belle,
cui è posta in mezzo _La Roda_. _L'Editore._

[81] Il _Versailles_ del Ricci è convertito ora in una delle più belle
ville, detta _Sannazzaro_, dal nome di quella signora Contessa che vi
soggiorna. Oltre l'eleganza dell'abitazione, vi si ammira un giardino
all'inglese veramente delizioso, dove è sì folto il boschetto, che
anche di pien meriggio vi si può spaziar senza temer offesa dai raggi
solari. _L'Editore._

[82] Il marchese Cornaggia n'è l'attual possessore. Anche quivi avvi un
passeggio benissimo sotto arbori arcate, che dalla casa giunge sino al
cimitero, in cui si raccolsero gli avanzi degli appestati, di cui si
disse sopra, e dal giardino sino alla Nocetta verso Como è continuato
il viale fra ben coltivati campi e vigne; dove il _gennajo_ si scambia
appunto in _maggio_. _L'Editore._

[83] Spetta ora all'illustre famiglia Giovio. _L'Editore._



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Viaggio pel lago di Como" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home