Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Fra Tommaso Campanella, Vol. 2 - la sua congiura, i suoi processi e la sua pazzia
Author: Amabile, Luigi
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Fra Tommaso Campanella, Vol. 2 - la sua congiura, i suoi processi e la sua pazzia" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



(This file was produced from images generously made
available by the Bibliothèque nationale de France
(BnF/Gallica) at http://gallica.bnf.fr)



                        FRA TOMMASO CAMPANELLA


                   LA SUA CONGIURA, I SUOI PROCESSI
                           E LA SUA PAZZIA


                              NARRAZIONE
    CON MOLTI DOCUMENTI INEDITI POLITICI E GIUDIZIARII, CON L'INTERO
     PROCESSO DI ERESIA E 67 POESIE DI FRA TOMMASO FINOGGI IGNORATE,


                                 PER


                             LUIGI AMABILE
  già prof. ord. di Anatomia patologica nella R. Università di Napoli,
                  già Deputato al Parlamento Nazionale.


                          «La così detta congiura, che il Baldacchini e
                          i più dei biografi Campanelliani qualificano
                          eterno ed insolubile problema degli
                          eruditi».--Berti, T. CAMPANELLA, 1878


                               VOL. II.
                         NARRAZIONE, PARTE II.


                                NAPOLI
              CAV. ANTONIO MORANO, EDITORE _371, Via Roma, 372_
                                 1882



L'editore avverte che avendo adempiute tutte le formalità prescritte
dalla legge sulla proprietà letteraria, intende valersi della
protezione che le leggi stesse accordano.



                                CAP. IV.

             PROCESSI DI NAPOLI E PAZZIA DEL CAMPANELLA.

A.--Processo della congiura (primi mesi del 1600).


I. Al declinare del giorno 8 novembre 1599, le quattro galere
provenienti dalla Calabria giungevano in vista di Napoli, e poco dopo
un battello spiccavasi dal Regio «tarcenale», come allora si diceva, ed
andava ad incontrarle. Nella sera, all'entrare in porto, dalle antenne
di ciascuna galera si vide spenzolare un uomo appiccato, e due altri
si videro squartare in mezzo alle galere medesime, «per spavento del
populo di questa città, concorso in numero infinito alla fama di questi
funesti spettacoli»[1]. L'indomani, i carcerati venivano sbarcati e
rinchiusi parte nel Castel nuovo e parte nel Castello dell'uovo.

Ecco come era andata la faccenda di queste esecuzioni: ce ne danno
notizie abbastanza precise in ispecie tre documenti autentici da noi
raccolti, una lettera Vicereale del 9 novembre rinvenuta in Simancas, e
due certificati scritti più tardi da' sacerdoti che avevano assistito
alcuni di quegl'infelici, inserti poi nel processo di eresia. Il Vicerè
scriveva a S. M.^{tà}: «D. Garzia di Toledo con le quattro galere
giunse ieri con Carlo Spinelli e i prigioni di Calabria, de' quali si
aveano da giustiziare in Monteleone sei che erano convinti e confessi,
e per non trattenere le galere li condussero con gli altri. Prima di
sera mi avvertirono di quanto accadeva, e comandai che andassero ad
incontrare le galere alcuni Religiosi i quali li aiutassero a ben
morire, e che all'entrata del porto ne appiccassero quattro alle
antenne e ne squartassero due, come si fece; ma ordinai che dapprima li
strozzassero, ed essi morirono molto bene confessando i loro delitti,
quantunque uno rimanesse pertinace sino all'ultimo ed infine morisse
come gli altri. Oggi i prigioni sono stati posti ne' Castelli» etc.[2].
Adunque l'ordine delle esecuzioni anche questa volta fu dato dal
Vicerè; e da una lettera del Nunzio, come vedremo più sotto, risulta
che le galere si fermarono in Nisida per entrare la sera nel porto, od
almeno che si era diffusa la voce di questo avvenimento, senza dubbio
insieme con la fama del funesto spettacolo, secondo l'espressione del
Residente Veneto. Nè fu vero che que' due infelici venissero squartati
vivi, siccome dissero di poi il Parrino e il Giannone ed anzi lo stesso
Residente, il quale lo riferì al suo Governo del pari il 9 novembre,
mostrando bene che tale era stata l'impressione avutane in Napoli; il
Vicerè fu tanto caritatevole da pensare non solo a questo, ma anche
a far salvare le anime di quegl'infelici coll'invio de' Religiosi,
mentre sulle galere non mancavano mai i rispettivi Cappellani, sicchè
in Madrid doverono rimanerne edificatissimi. Un certificato appunto
del Cappellano della galera denominata S.^{ta} Maria, D. Eligio
Marti, che poi con la stessa qualità passò a servire nell'ospedale
degl'Incurabili, ed un certificato di Gio. Luca de Crescenzio de'
Padri Ministri degl'infermi, o Padri della Crocella com'erano chiamati
volgarmente, ci rivelano il resto, mostrandoci a quale ordine di
Religiosi il Vicerè fosse ricorso[3]. Erano allora in gran voga, e
giustamente, i Padri Ministri degli infermi: lo stesso venerabile
Camillo de Lellis li avea condotti in Napoli nel 1588, ed avea fatto
grandemente apprezzare la loro caritatevole istituzione, sicchè ben
presto, per le beneficenze di D.^a Giulia Castelli, ebbero una distinta
casa di Noviziato di rimpetto al Castello dell'ovo (alle Crocelle),
oltrechè s'istallarono negli ospedali dell'Annunziata, degl'Incurabili,
di S. Giacomo, venendo poi anche il De Lellis pel servizio _corporale_
degl'infermi all'Annunziata; solo più tardi, col crescere della loro
fortuna, preferirono il servizio _spirituale_, onde finirono per
mantenersi in riputazione principalmente con la volgare credenza che
avessero una speciale preghiera per abbreviare l'agonia degl'infermi
accelerandone la morte! Più Religiosi di quest'ordine andarono a
confortare quelli che doveano essere giustiziati, e al De Crescenzio
toccò di confortare Gio. Battista Vitale, «il quale fu all'hora
affocato dalli ministri di giustitia sopra uno schiffo e poi squartato
in mezzo alle dette galere»; ma «in quel medesimo tempo che stava per
morire, publice et in presentia nostra, e del fiscale sciarava, che
si ritrovava in dette galere con detto Carlo Spinello, dichiarò, che
quello che esso havea detto contro quelle persone da lui nominate
nelle sue depositioni, e specialmente contro monaci, tanto in materia
di Ribellione, quanto in materia di heresia non era vero, ma che il
tutto havea detto per dolori de' tormenti datili dal predetto fiscale
sciarava». Al Marti poi toccò di udire la stessa dichiarazione, durante
il viaggio, non solo dal Vitale ma anche dai Caccia e dal Pisano, e da
ultimo toccò di trovarsi presente ed aiutare a ben morire «apparandosi
detto acto di giustitia sopra la detta galiera S.^{ta} Maria» per
Gio. Battista Vitale e per Gio. Tommaso Caccia, i quali ad alta voce
innanzi al fiscale Sciarava là presente ripeterono la dichiarazione
e volevano che fosse scritta; «qual dechiaratione da loro facta, fu
eseguita la detta giustitia, et furono li predetti Gio. Battista et
Gio. Thomaso affoghati sopra uno schifo, et poi squartati in mezo di
dette Galiere». Intanto come mai il Vicerè non disse nulla su tale
proposito, e parlò invece della temporanea pertinacia irreligiosa
mostrata da uno di questi infelici? Verosimilmente essi fecero
dichiarazioni di discolpe, ma parziali, avendo in realtà rivelato per
atroci torture più di quello che conoscevano, e noi l'abbiamo fatto
avvertire a suo tempo, nè il Vitale potè smentire ciò che avea rivelato
in materia di eresia, mentre non era stato mai interrogato su tale
materia; quanto poi alla pertinacia di uno di loro, la cosa fu vera
ed accadde appunto in persona del Vitale. Difatti si ebbe in sèguito
la testimonianza di Maurizio, il quale sul punto di morte narrò a'
Delegati del S.^{to} Officio che suo cognato «che fu giustitiato qua in
Napoli sopra, il molo dentro mare... non si voleva convertere, perchè
diceva havere inteso da fra Dionisio che non ci era Christo, ciò e,
che non ci credeva»[4]. Si ebbe poi anche, nel processo di eresia,
la testimonianza del Barone di Cropani, il quale a detto altrui,
giacchè soffrendo il mal di mare non vide nulla, disse che «tre che
furo giustificiati sopra la galera», dove egli si trovava, gridavano
essere stato loro estorto co' tormenti quanto aveano rivelato intorno
alla ribellione, aggiungendo che «un Gio. Battista de Nicastro quale
fu giustificato non si voleva convertire, ma disse che voleva andare
a casa del diavolo, et ivi aspettare don loyse sciarava, si ben ala
fine si ridusse et morì devotamente»[5]. È facile ravvisare che si
alluderebbe qui propriamente a Gio. Battista Bonazza, il quale come
vedremo or ora dovè essere giustiziato del pari; se non che in quanto
alla pertinacia irreligiosa da lui mostrata probabilmente il Barone
equivocò, confondendolo con Gio. Battista Vitale.

Ma, oltre il Caccia e il Vitale, vi furono quattro altri semplicemente
appiccati, e su' nomi di costoro non abbiamo la benchè menoma notizia.
Forse nell'Archivio de' Padri Ministri degi'infermi, che dicono
trovarsi in Roma, potrebbe aversene qualche cenno; ma è difficile
che costoro abbiano avuti registri particolareggiati come vedremo
averli i Bianchi di giustizia, i quali confortarono alcuni altri più
tardi, e sicuramente non ne dicono nulla nè gli Annali del Lenzo, nè
le Memorie storiche del Regi, che abbiamo appositamente consultato.
Nondimeno per tre di loro, anche dietro l'indizio datone dal Barone di
Cropani, possiamo dire essere stati con ogni probabilità quelli presi
dal Soldaniero e già condannati a morte, cioè Gio. Battista Bonazza
alias Cosentino, Fabio Furci e Scipio lo Jacono; il quarto dovè essere
uno della stessa comitiva, ovvero Gio. Ludovico Tedesco che fu preso
con fra Dionisio, col Vitale e col Maurizio, ma non abbiamo qualche
elemento di una certa consistenza per affermarlo. Il Campanella nella
sua Narrazione disse: «4 banditi nè confessi, nè nominati in cosa di
ribellione appiccaro nel molo Xarava e Spinelli, perchè si dicesse in
Ispagna, ch'era verificata la ribellione»; ma almeno i tre sopracitati
erano confessi, ed il primo di loro, il Bonazza o Cosentino, era stato
nominato dal Pizzoni oltrechè dal Soldaniero.

Del rimanente è verissimo che lo stesso Vicerè esagerava l'importanza
dell'affare, per magnificare il servizio reso alla Corona di Spagna e
per far valere le pretensioni del potere civile verso l'ecclesiastico:
ce lo dimostrano le relazioni del Residente Veneto e del Nunzio
Pontificio. Il Residente, nel giorno medesimo dello sbarco de'
carcerati, si diè premura di vedere il Vicerè, che gli disse il loro
numero essere di 156, de' quali «ottantasei rei convinti da non poter
fuggir la morte et gli altri indiciati»! Egli trasmise questa notizia
al suo Governo, e contemporaneamente partecipò anche il genere di morte
ideato dallo Spinelli per Maurizio (ciò che farebbe credere essergli
stato del pari comunicato dal Vicerè), partecipò il supplizio inflitto
a sei de' carcerati sulle galere, ed aggiunse che il Campanella ed il
Ponzio negavano la ribellione ma confessavano l'eresia, per tentare,
come credevasi, di «prolongar la pena con esser condotti a Roma»;
quest'ultimo apprezzamento usciva in campo per la prima volta e potè
forse provenire dal medesimo Vicerè, ma senza dubbio il fatto era
riferibile agli altri frati e clerici e non già a' due che venivano
citati. Il Nunzio poi avea veduto anche prima il Vicerè, «havendo...
havuto notitia che le Galere erano a Nisida per entrar al notte (_sic_)
in porto», allo scopo di ricordargli che ordinasse al carceriere
del Castello di tenere a sua istanza gli ecclesiastici carcerati,
i quali avea saputo essere al numero di 14 (al di sotto del vero);
e il Vicerè gli disse che tutti i carcerati erano 160, che tra gli
ecclesiastici vi erano 8 clerici selvaggi della diocesi del Vescovo di
Mileto (la qual cosa non era vera), che aveva anche qualche indizio
contro il Teologo di quel Vescovo (tale era stato nell'anno precedente
il Campanella), e perciò scrivesse al Vescovo di venire a Napoli
insieme col Teologo, aggiungendo che farebbe tenere i carcerati nel
Castello ad istanza di lui, ma in quanto alla congiura era necessario
l'intervento di qualcuno de' suoi ufficiali negli esami. Ricordiamo
che, nel settembre, il Vicerè aveva espresso desiderio che si mandasse
in Calabria un delegato del Nunzio, il quale sarebbe intervenuto negli
esami degli ecclesiastici da farsi innanzi agli ufficiali Regii, e
da Roma si era scritto che la causa degli ecclesiastici dovea farsi
in Napoli dal Nunzio, vale a dire nel modo normale: ora, venuti i
carcerati in Napoli, il Vicerè affacciava la medesima pretensione, ma
naturalmente sotto forma diversa e senza dubbio più temperata, e per
appoggiarla metteva innanzi, ad occasione del processo di congiura, i
clerici selvaggi, Mons.^r di Mileto e il suo Teologo, mentre sapeva
bene che non c'era alcuna relazione tra essi e la congiura. Da ciò si
vede pure che non nacque allora la contesa giurisdizionale, siccome
scrissero poi il Parrino e il Giannone, ma soltanto si rinfocolò, non
potendo nemmeno entrare in mente che per vederla nascere dovessero
passare oltre due mesi, quando tra l'uno Stato e l'altro non si faceva
che lottare per la giurisdizione ogni giorno. Il Nunzio non tardò a
trasmettere a Roma le pretensioni del Vicerè, tanto sul modo di formare
il tribunale, quanto sul far venire a Napoli Mons.^r di Mileto, e
in tale circostanza partecipò le esecuzioni fatte, aggiungendo che
avea mandato una prima volta il suo Mastrodatti in Castello, e non si
era potuto dargli udienza, l'avea mandato una seconda volta e gli si
era detto che i carcerati erano tenuti ad istanza del Vicerè! Faceva
inoltre conoscere che si era presentato a lui fra Cornelio del Monte
e gli aveva consegnato gli esami raccolti in Calabria d'ordine del
Card.^l di S.^{ta} Severina, annunziando che dirigevasi a Roma per
dar conto del suo operato, ed egli intanto avrebbe letto questi esami
per valersene a tempo opportuno.--Come ben s'intende, fra Cornelio
consegnava il processo di Monteleone e quello di Gerace, che d'allora
in poi rimasero nelle mani del Nunzio, mentre una copia ne era stata
già mandata dalla Calabria a Roma; ed è notevole, da una parte, che il
Nunzio non aveva mai saputo nulla de' processi fatti in Calabria da
ecclesiastici, e d'altra parte, che nemmeno questa volta fra Marco di
Marcianise credè opportuno di mostrarsi, la qual cosa apparisce da una
lettera posteriore scritta dal Nunzio al Vescovo di Gerace[6].

Pertanto il Vicerè si era già dato pensiero del tribunale pei laici,
avea fatta la scelta del personale, e nella stessa sua lettera del
9 novembre l'annunziava a Madrid. «Avendo trattato nel Consiglio
Collaterale della gravità di questo negozio e come conveniva procedervi
con molta ponderazione, ho stabilito di nominare in qualità di Delegato
Marco Antonio d'Aponte del Consiglio di S.^{ta} Chiara, che è un uomo
molto letterato, molto savio e di molta prudenza, e in qualità di
Fiscale D. Giovarmi Sanchez del medesimo Consiglio, che lo assistesse
il dottor D. Luigi Xarava Avvocato fiscale di Catanzaro, e che mi
dessero conto nel Collaterale di tutto ciò che si andrebbe facendo,
perchè lì si risolvesse ciò che fosse più conveniente. Credo bene che
S. S.^{tà} debba volere quanto all'eresia che il Nunzio giudichi i
frati e i clerici, quanto alla ribellione procurerò che giudichiamo
tutti». Noi abbiamo potuto trovare nell'Archivio di Stato in Napoli la
lettera Vicereale di commissione, la quale venne spedita a' suddetti
Consiglieri il 15 novembre, e ci dà anche il nome del Mastrodatti
di cui si prescrisse servirsi, che fu Giuliano Canale. Ricordato
l'invio dello Spinelli in Calabria per la congiura che vi si trattava,
l'informazione e gli atti da lui compiti, il gastigo dato a' più
colpevoli e il trasporto in Napoli di tutti gli altri contro i quali
non era «tanta subsistentia et chiarezza», il Vicerè si esprimeva in
questi termini: «vi dicemo et ordiniamo, che reconoscendo le dette
informationi et atti, debbiate nomine regio et nostro, summarie,
simpliciter et de plano, sine strepitu et figura Judicii procedere
ad omnes et singulos actus usque ad sententiam exclusive, però delli
incidenti di maggior momento, che in ciò occorreranno, ci ne verrete
a far relatione nel regio collaterale consiglio, et quando seranno le
cause a sententia, debbiate similmente venire a farcine relatione,
attal' che in presentia nostra si possano votare et sententiare, e
dopoi essequirle (_sic_) quello che serà sententiato, et potrete
procedere a tutti li atti incumbenti etiam in dì festivi et feriali,
non compiendo che si vada ritardando in questo la bona et breve
administratione della giustitia» etc.[7]. È una grande iattura che
sieno perduti appunto i volumi intitolati _Notamentorum_ relativi a
questo periodo: in essi si sarebbero certamente trovate, co' processi
verbali del Consiglio, le notizie, i pareri e le risoluzioni prese
nei suddetti incidenti di maggior momento e nelle sentenze da doversi
emettere[8]. La perdita è rincrescevolissima, poichè siamo ridotti ad
avere a nostra disposizione un numero ristrettissimo di documenti,
mentre sappiamo che il processo ebbe a travagliare almeno un 130
persone, e sebbene fosse stato spinto innanzi con quella sollecitudine
che il Vicerè aveva ordinata, rimase aperto per più anni, come crediamo
di poter dimostrare con sicurezza.--Per ora gioverà dare qualche
notizia su' Consiglieri delegati a formare il tribunale pe' laici. Essi
erano entrambi assai distinti personaggi. Marco Antonio d'Aponte, o
de Ponte, apparteneva alla nobile famiglia di questo nome ascritta al
Seggio di Portauova, alla quale, oltre varie Signorie, vennero mano
mano i titoli di Marchesi di Morcone, di S. Angelo, della Padula, di
Collonise, e poi anche quello di Duchi di Flumeri. Marco Antonio era
del ramo di Nicolò 3.^o de Ponte, primogenito di Gio. Felice Signore
di S. Angelo e di Vincenza Galeota; Consigliere fin dal 1594 in luogo
di Pompeo Salernitano, Prefetto dei Deputati della pecunia nel 1598,
divenne poi Membro del supremo Consiglio d'Italia, 1.^o Marchese di S.
Angelo, Presidente del sacro Regio Consiglio, Reggente del Collaterale.
Il Santanna nella sua Storia de' De Ponte, ce ne diede il ritratto, che
lo rivela uomo autorevole ed austero: molti ce ne trasmisero le lodi,
un Codice manoscritto, che si conserva nella Nazionale di Napoli, ci
trasmise le pessime qualità de' tre suoi figliuoli che ne amareggiarono
gli ultimi anni[9]. Quanto a D. Giovanni Sances de Luna, apparteneva
anch'egli ad una nobile famiglia di origine spagnuola, ascritta al
Seggio di Montagna nel 1570, ed insignita del Marchesato di Grottola
nel 1574. Era secondogenito di D. Alonso iuniore 1.^o Marchese di
Grottola, Tesoriere Generale, Consigliere del Collaterale e Grasciere,
e di D.^a Caterina de Luna figlia di D. Giovanni Martinez de Luna
Castellano di Milano per Carlo V.^o e poi Generale d'armata. Divenne,
per donazione del padre, Signore di S. Arpino, comunque glie ne fosse
stato contrastato il possesso da' suoi parenti con molte liti transatte
più tardi[10]. Consigliere fin dal 1593 godè sempre moltissima
riputazione, «fu amato, riverito e dopo morte desiderato» come dice
il De Lellis. Una circostanza del suo parentado merita qui speciale
menzione: la sua cugina D. Anna Sances, figlia di D. Loise Sances
fratello del 1.^o Marchese di Grottola, avea sposato Gio. Battista
Morano Barone di Gagliato e quindi era cognata di Gio. Geronimo Morano:
trovavasi poi già intavolato a questo periodo un matrimonio tra
l'unica e ricca erede del Barone, D.^a Camilla Morano, e un altro D.
Giovanni Sances cugino di lei e del Consigliere, figlio di D. Giulio
Sances. Potremmo aggiungere ancora che una sua nipote D.^a Caterina
Sances, nata da D. Alonso 2.^o Marchese di Grottola e D.^a Beatrice
de Marinis, sposò il fratello di Carlo Spinelli D. Gio. Battista, che
divenne Marchese di Buonalbergo[11]. Abbiamo già notato altrove, che il
Campanella ha reso la circostanza del parentado del Sances col Morano
assai importante per la nostra narrazione.

Mentre il tribunale pe' laici si costituiva, il Nunzio incontrava
difficoltà perfino a far ammettere che gli ecclesiastici fossero
tenuti nel Castello come carcerati suoi, la qual cosa pure era stata
antecedentemente consentita. Dapprima andò presso di lui lo Xarava, a
fine di persuaderlo che essendo costoro imputati di ribellione, non
si dovevano rimettere al foro ecclesiastico; di poi vi andò D. Alonso
Manrrique a nome del Vicerè per lo stesso oggetto, e quest'ultimo si
servì di un mezzo abbastanza adoperato dagli alti ufficiali spagnuoli,
quello cioè di mantenersi nelle grazie di Roma e al tempo stesso nelle
grazie della Corte di Madrid che si mostrava tanto tenera per Roma,
scovrendo e compromettendo gli alti ufficiali napoletani; «questi
Ministri, egli diceva, che pretendono che nel caso di ribellione possa
procedere il Principe di propria autorità, potrebbero fare qualche
male offitio alla Corte di S. M.^{ia} contro S. E.». Ma il Nunzio, che
a queste parole riconosceva subito la grande devozione del Manrrique
verso Sua B.^{no}, non poteva cedere, e in una udienza avuta dal Vicerè
sostenne assolutamente che gli ecclesiastici dovessero tenersi come
carcerati suoi, giusta gli ordini che da un pezzo e ripetutamente aveva
avuti da Roma; tuttavia «per facilitare il negotio» diè «speranza»
che S. S.^{ta} avrebbe accordato l'intervento di un ufficiale Regio
negli esami di essi intorno alla congiura, tanto più che il Vicerè
gli fece destramente intendere che voleva intervenirvi di persona, ed
egli ne rimase preoccupato. Così, in dato, del 12 novembre, fu scritto
dal Vicerè al Castellano, che tenesse gli ecclesiastici carcerati in
nome del Nunzio, e da costui, con la relazione di tutto l'andamento
dell'affare, fu scritto a Roma che sarebbe bene accordare l'intervento
di un ufficiale Regio negli esami degli ecclesiastici.--Pertanto,
procuratasi una copia del biglietto del Vicerè, il Nunzio mandò subito
a chiedere al Castellano se il biglietto gli fosse pervenuto, e il
Castellano rispose che l'avea ricevuto, ma che nel tempo medesimo gli
era stato detto di non dargli esecuzione se il Nunzio non si fosse
recato personalmente in Castello! Queste tergiversazioni continue,
e il disegno mostrato dal Vicerè d'intervenire egli medesimo negli
esami degli ecclesiastici, davano a pensare al Nunzio che si volesse
intaccarne la giurisdizione. E in siffatto senso, il 16 novembre, egli
scriveva a Roma, aggiungendo che, se fosse costretto a fare qualche
cosa, proporrebbe di lasciar trattare prima la causa dell'eresia, per
la quale si dava anche premura di notare che era disponibile soltanto
il Vicario Arcivescovile di Napoli, trovandosi assente il Vescovo di
Caserta, e però bisognava ordinare chi dovesse sostituirlo, laddove
così fosse sembrato a Roma[12]. Il Vescovo di Caserta D. Benedetto
Mandina de' Clerici regolari, già Nunzio in Polonia, era a quel tempo
il «Ministro della S.^{ta} ed universale Inquisizione» o «Inquisizione
de Urbe», successo in tale ufficio al Vescovo di Sorrento Mons.^r
Baldino morto nell'aprile 1598; trattandosi di un processo clamoroso e
non ordinario, dovendovi essere un tribunale più largamente costituito,
egli appariva un giudice naturalmente designato.

Si può ben dire che dalla parte del Vicerè e de' suoi ufficiali, più
del solito fine di custodire la giurisdizione Regia, vi fosse una
grande diffidenza verso Roma; questo riuscirà sempre più chiaro in
sèguito, ma fin d'ora è già chiaro abbastanza. Quantunque ognuno de'
Regii si fosse affrettato a dire che evidentemente il Papa non teneva
mano a' disegni del Campanella, in fondo nessuno dimenticò giammai che
il nome del Papa era stato pronunziato come quello del gran motore
dell'impresa; e così, per anni ed anni, il sospetto di una segreta
protezione di Roma non fu mai abbandonato da tutti i Vicerè ed alti
ufficiali, e influì anche troppo sulle loro determinazioni intorno al
Campanella. Dalla parte di Roma, quasi non occorre dirlo, non eravi
il benchè menomo interesse pel povero frate, ma tutti i pensieri
erano rivolti a far «conoscere la superiorità ecclesiastica» giusta
un'espressione del Nunzio; eppure avrebbe dovuto oramai farvisi strada
anche il sospetto, poichè i dubbii già concepiti sulla bontà de'
procedimenti usati con quegli ecclesiastici, nella Calabria, ricevevano
una potente conferma dalle spiegazioni orali che fra Cornelio dava in
Roma appunto a quei giorni.

Fra Cornelio, venuto co' carcerati in Napoli, dopo di aver consegnato
al Nunzio i processi ne' quali avea rappresentata quella parte che
conosciamo, si disponeva ad andar subito a Roma, e da una lettera del
Nunzio si rileva che dovè partire il 12 novembre[13]. Intanto non
avea mancato di visitare nel Castel nuovo almeno taluno de' frati
carcerati. Dalla testimonianza di un altro carcerato per delitti
comuni, inserta nel processo di eresia, sappiamo che visitò fra
Silvestre di Lauriana, ed ecco in che modo fu riferita questa visita:
«venne una volta un certo frate rossetto compagno del visitatore di
Calabria, et fra Silvestre li dimandò alcuni dinari quali erano stati
contribuiti in Calabria dali conventi, et massime che fra Silvestre
disse haver detto tutto quello che havea voluto detto frate rosso llà
in Calabria, et questo frate rosso lo consolò, dicendo che non poteva
patere cosa alcuna perchè esso era solo testimonio, è così li diede
nove carlini»[14]. Naturalmente dovè vedere ancora qualche altro, ma
non ce n'è rimasta alcuna notizia: sappiamo invece che giunto col
procaccio in Roma, fu subito interrogato dal S.^{to} Officio, e i
risultamenti dell'interrogatorio si leggono ne' Sommarii del processo
di eresia[15]. Noi abbiamo già avuta occasione di darne un cenno
altrove (ved. vol. 1.^o pag. 259). In sostanza venne a dichiarare che
prima fra Domenico da Polistina e poi il Soldaniero, e il Vescovo di
Catanzaro e gli ufficiali Regii gli comunicarono tutte quelle cose che
egli registrò nel processo; non potè determinare e neanche legittimare
la provenienza di parecchie gravi accuse contro il Campanella, espresse
nelle lettere che avea già scritte al Generale dell'Ordine e al Card.^l
di S.^{ta} Severina, sia quanto a detti e fatti del Campanella, sia
quanto alla diffusione delle eresie di costui in molti paesi che avea
specificatamente indicati; non potè dare altre informazioni al di là di
quelle inserte nel processo, mentre in più lettere aveva affermato di
poterle dare meglio a voce. Per tutti i versi egli «non soddisfece»,
e in verità sarebbe stato ragionevole un buon processo contro questo
malvagio frate; ma si conosce che uno de' lati più deboli del S.^{to}
Officio, sia amministrato da' Commissarii speciali sia dagli Ordinarii,
era appunto il rispettare coloro i quali bene o male davano prova
di zelo nella scoperta delle cose d'Inquisizione. Così la città di
Napoli non potè mai ottenere, malgrado i più insistenti reclami,
che ad evitare le tante testimonianze false nelle cause di S.^{to}
Officio fosse lecito di conoscere i nomi de' testimoni; Roma vi si
negò ostinatamente, non dissimulando che preferiva il rischio di avere
testimoni falsi al rischio di non trovar testimoni, e contentandosi di
ovviare alle testimonianze incerte con le ripetute, pazienti, laboriose
informazioni. Vedremo che questo precisamente accadde nella causa
del Campanella, non senza aggravare nell'animo del Vicerè e de' suoi
ufficiali il sospetto che si volesse, con le lungaggini, sottrarre il
Campanella e i frati inquisiti al gastigo che si meritavano. Ma se
in Roma non rimaneva più dubbio che il processo era stato iniziato
malamente, non si sarebbe anche dovuto ingenerare il sospetto per
l'intervento degli ufficiali Regii nella causa della ribellione e
tanto più rifiutarsi ad ammetterlo? Così avrebbe dovuto essere; ma si
conosce, o almeno si conosceva ottimamente da' padri nostri, che Roma
scansa volentieri la lotta con chi si mostra duro.

Il 17 novembre il Card.^l S. Giorgio scriveva che S. S.^{tà} stimava
ragionevole l'intervento di qualche ufficiale Regio nella causa della
congiura, e parimente la venuta del Vescovo di Mileto alla presenza
del Vicerè; stimava insomma ragionevoli tutte le dimande Vicereali,
se non che dichiarava dovere il Nunzio permettere all'ufficiale Regio
«d'intervenire in effetto _ma non già d'ingerirsi nel resto_, et
spetialmente nelle materie tangenti al S.^{to} Officio», dovere inoltre
ad ogni modo assicurarsi bene che fossero i prigioni «custoditi come
prigioni suoi, et _tenuti a sua libera dispositione_». Evidentemente
c'era un singolare contrasto d'idee, una indeterminazione curiosa, una
voglia mal celata di rendere la concessione illusoria. In un'altra
lettera del 19 si ripetevano le medesime cose, dicendosi, quanto agli
esami degli ecclesiastici, che S. S.^{tà} «giudicava conveniente
che mentre s'interrogavano delle materie concernenti tal congiura,
v'intervenisse qualcheduno per il Fisco Regio conforme all'instanza
del Vicerè», donde parrebbe che volesse concedersi tutt'al più la
presenza di un Avvocato fiscale Regio: dichiaravasi poi S. S^{tà}
molto soddisfatta del vigore mostrato dal Nunzio nella difesa della
giurisdizione, avendo «preteso vanamente i Ministri regii di procedere
di propria autorità nel caso, et nelle persone de i sodetti». Ma la
Corte di Napoli non aveva preteso di assistere vanamente al giudizio,
sibbene di prendervi parte, poichè aveva anzi preteso che il tribunale
dovesse comporsi tutto di laici, e i Ministri Regii non erano tanto
dolci da contentarsi delle semplici apparenze, onde la quistione ebbe
a durare ancora un pezzo.--Nella stessa data del 19, il Nunzio poteva
finalmente scrivere a Roma che il Vicerè, dietro le sue lagnanze, avea
mandato al Castellano un altro biglietto, col quale gli ordinava di
ammettere chiunque fosse stato da lui inviato per eseguire qualunque
suo ordine. E scriveva pure al Card.^l di S.^{ta} Severina, dicendo
che gli ecclesiastici inquisiti erano 14 (ancora non sapeva che erano
in maggior numero), e la carcere sua era «una sola et non interamente
sicura per simili huomini», e però avea ricercato il Vicerè che si
contentasse metterli in Castel nuovo a sua istanza come era seguito:
donde risulta sempre più manifesto non esservi stata veramente
mai, tra il potere civile e l'ecclesiastico, una quistione intorno
al doversi quegl'inquisiti tenere nelle carceri Regie o in quella
del Nunzio, il quale, al pari di tutti i suoi predecessori e dello
stesso Arcivescovo, continuamente profittava delle carceri Regie per
gì'inquisiti ed anche pe' condannati di una certa importanza. Infine
scriveva ancora il Nunzio a' Vescovi di Squillace e di Gerace, dicendo
che i carcerati erano giunti e si doveano con loro eseguire gli ordini
che S. S.^{ta} avrebbe dati. Ci mancano le lettere di questi Vescovi, e
così pure quella del Card.^l di S.^{ta} Severina, alle quali il Nunzio
rispondeva, e però non conosciamo il motivo preciso di queste risposte
del Nunzio abbastanza oscure; ma parrebbe che il Card.^l di S.^{ta}
Severina avesse giudicato poco corretto che gl'inquisiti ecclesiastici
fossero tuttora rimasti in mano delle forze Regie, e che i Vescovi di
Squillace e di Gerace avessero fatto tardivamente avvertire che si
badasse bene alle qualità di clerici nelle persone del Caccia e del
Pisano.

Non si saprebbe dire veramente perchè il Nunzio avesse tardato fino
al 23 novembre per mandare a riconoscere gli ecclesiastici carcerati,
mentre ne aveva facoltà fin dal 15: comunque sia, a quella data egli
mandò il suo Auditore, il Rev.^do Antonio Peri fiorentino, che vedremo
figurare anche troppo durante il processo di eresia, poichè il Nunzio,
occupato in altri affari, si fece sovente sostituire da lui. Lo mandò
al Castellano con un suo biglietto che può leggersi tra' Documenti; qui
occorre soltanto notare essere stato questa volta il Castellano più che
gentile, avendo non solo fatta dare una stanza per gl'interrogatorii,
ma anche «offerto ministri et ogni altra cosa per la tortura»!
Nell'udire un simile sfoggio di cortesia da parte del Castellano,
Mons.^r Nunzio, che fino allora non era riuscito a nulla con lui,
dovè rimanerne lusingato tanto, che non mancò di riferire anche
quell'offerta a Roma[16].--È necessario pertanto fare la conoscenza
di questo Castellano. Egli era D. Alonso de Mendozza e Alarcon, di
nobilissima famiglia, discendente da quel D. Ferdinando di Alarcon, il
quale tenne prigione Re Francesco di Francia dopo la rotta di Pavia, fu
creato Marchese della Valle Siciliana e poi anche di Rende, e maritando
l'unica sua figlia a un Mendozza, volle che tutti i successori
prendessero perfino il suo nome, onde si ebbe una serie di Ferdinandi
de Mendozza e Alarcon Marchesi della Valle, che ingarbuglia un poco
la storia della famiglia. D. Alonso era terzogenito di D. Diego de
Mendozza, quarto figlio di D. Ferdinando Pietro Gonzales de Mendozza,
2.^o Marchese della Valle, che morì governando lo Stato di Milano;
egli avea sposato D. Maria de Mendozza figlia di suo zio D. Alvaro
e di D. Anna di Toledo. Secondo il costume del tempo, l'ufficio di
Castellano del Castel nuovo era da anni nelle mani dei Mendozza. Dopo
la morte di D. Ferdinando Pietro Gonzales, 2.^o Marchese della Valle,
era passato al figlio D. Alvaro, e in una delle assenze di costui, che
guerreggiò in Fiandra con molto valore, fu retto da D. Diego padre di
D. Alonso; più tardi, nel 1595, D. Alvaro medesimo con licenza del Re
ne fece rinunzia a D. Alonso suo genero, e tale rinunzia fu confermata
nel 1596, continuando poi nel medesimo ufficio, dopo la morte di D.
Alonso, anche i due figliuoli di costui D. Alvaro e D. Diego iuniori
successivamente[17]. Tutti questi particolari non debbono reputarsi
inutili, che anzi dovremo darne ancora altri più in là, essendo stato
il Campanella in relazione con qualche persona della famiglia Mendozza
e della parentela di essa.

Ecco ora un saggio della ricognizione fatta dall'Auditore del Nunzio il
23 novembre; ne prendiamo alcuni brani dal 1.^o volume del processo di
eresia, dove essa trovasi inserta. Precisamente come scrisse il Nunzio
a Roma nella stessa data, si volle rilevare quali e quanti fossero gli
ecclesiastici inquisiti, i loro nomi ed il luogo in cui si trovavano
carcerati: così per la prima volta s'incontra un breve interrogatorio
del Campanella e di tutti gli altri ecclesiastici, con la descrizione
degli abiti di coloro che furono presi travestiti da secolari; non
di rado vi s'incontra pure la notizia della patria, parenti, età
e circostanze in cui ciascuno fu preso[18]. Il Campanella venne
interrogato prima di ogni altro, e diamo qui la descrizione che se ne
fece, e le due risposte che si ebbero alle due interrogazioni fattegli.
«Fu esaminato un certo giovane, con barba nera, vestito di abiti
laicali, con cappello nero, casacca nera, calzoni di pelle, ferraiolo
di lana come volgarmente si dice panno di Morano arbaso, e deferitogli
il giuramento» etc. rispose: «Signore, Io mi chiamo Fra Thomasi
Campanella dell'ordine di San Domenico, sono di una terra chiamata
Stilo in Calabria ultra, mio patre si domanda Geronimo Campanella et
mia matre Catherina basile. L'essercitio mio è di Religioso, dire
l'offitio, messa, predicare et confessare, et l'habitatione mia è in
Stilo nel convento detto Santa Maria di Gesù di detto ordine di S.
Domenico, et si ben mi ritrovo vestito di questa maniera, è perchè
fuggiva l'ira di miei inimici che mi persequitavano, cioè l'Avocato
fiscale Don luisi Sciarava et Gio. Geronimo Morano che mi veniva
appresso»... «Nell'anno 1581 mi pare ch'io entrassi nella Religione,
et per prima era chierico». Due cose si fanno qui notare: l'una è che
sua madre vien detta Caterina Basile, mentre è stato assicurato che
ne' libri parrocchiali leggevasi Caterina Martello, e su questo ci
siamo già spiegati fin dal principio della nostra narrazione (ved.
vol. 1.^o pag. 2); l'altra è che il Campanella scusa qui la sua fuga
dicendo che gli «veniva appresso» Gio. Geronimo Morano, non Maurizio
de Rinaldis.--Seguì l'interrogatorio fatto a fra Pietro di Stilo, nel
quale si parlò ancora del Campanella, e ne diamo semplicemente le
risposte. «Havrà da dudeci anni ch'io sono entrato nella Religione, et
havrà da undici anni che hò fatto la professione, et di presente quando
fui preso carcerato steva à Stilo nel monisterio di S.^{ta} Maria
del Gesù dove io era vicario»... «In detto convento vi erano quattro
sacerdoti di messa et uno laico assistenti computati con me, et fra
Dionisio Pontio ci soleva venire come una furia, et andava et veniva;
li quattro sacerdoti sono prima io, il secondo fra Thomasi Campanella,
il terzo fra Domenico di Riaci, il quarto fra Simone della Motta (si
noti che il Petrolo non c'era), et non fu di altri che fugissero di
detti frati solo il Campanella avertito da fra Dionisio pontio che
venne à dire che era stato avisato che veniva il s.^r Carlo Spinello
contro di loro, et così si ne partirno, et questo è quello ch'io so
della fuga loro».--Lasciando poi tutti gli altri interrogatorii,
riporteremo soltanto quelli di fra Domenico Petrolo, di fra Giuseppe
Bitonto e di fra Dionisio, con la descrizione de' loro travestimenti.
Quanto a fra Domenico si scrisse: «Fu esaminato un certo giovane con
piccola barba, vestito di abiti laicali, con casacca nera di panno
d'arbascio, calzoni di panno color lionato, con ferraiolo egualmente di
panno nero d'arbascio, dietro giuramento» etc. rispose, «Io mi chiamo
fra Domenico de Stignano dell'ordine di S.^{to} Domenico, et son figlio
ad Augustino petrone (_sic_) et a lucretia pelegia, et l'essercitio
mio è di studente sacerdote di Messa, et ha dui anni ch'hò predicato
et sono stato assignato al convento di Cosensa et deputato al convento
di S.^{ta} Maria di Gesù di Stilo»; nè gli fu dimandato altro. Quanto
a fra Giuseppe Bitonto, troviamo: «Fu esaminato un certo giovane con
barba castagnaccia, vestito di abiti laicali, con giubba bianca,
cappello nero e calzoni di arbascio nero e ferraiolo di panno nero,
con giuramento interrogato» etc. rispose, «Io mi chiamo fra Gioseppe
Bitonto di san Giorgio et sono sacerdote di Messa et lettore» etc.
«Quando fui preso carcerato fui preso in casa fuori alla vigna d'un
mio zio, che mi ni era ritirato là per pagura di non essere preso, già
che si diceva che tutti l'amici del Campanella dovevano essere presi
et però mi ritrovo in questo habito che mi presero che steva dormendo,
et li sbirri mi levorno la tunica et l'habito, et in questo carcere di
notte e giorno stò solo». Infine quanto a fra Dionisio si scrisse: «Fu
esaminato un certo giovane con barba nera vestito di abiti laicali, con
casacca di ciambellotto, calzoni di scottano nero e ferraiolo nero,
con giuramento interrogato» etc. rispose, «Io mi chiamo fra Dionisio
Pontio da Nicastro et son frate dell'ordine di S.^{to} Domenico et
l'essercitio mio è di sacerdote lettore et predicatore et mio padre
si chiamò Jacovo pontio et mia madre si chiamò lisabetta monizza»...
«Io fui preso carcerato à Monopoli dove io era fugito et scappato da
molti soldati nel convento di piczoni, perche mi fu detto da claudio
crispo che erano venuti detti homini per carcerare li frati in detto
monisterio». Si può qui notare che egli dicevasi avvertito dal Crispo,
il quale era stato solito di dimorare in quel convento e forse allora
vi mancava, non già dal Caccia il quale veramente l'aveva avvertito, e
non conveniva che fosse nominato, per nascondere che era là venuto in
sua compagnia.--Facendo questa rassegna, l'Auditore ebbe a trovare non
14 ma 21 ecclesiastici, come si rileva dalla Ricognizione originale, ed
ebbe a sapere che altri tre di loro erano stati rinchiusi nel Castello
dell'uovo, probabilmente per semplice disavvertenza: questi erano
infatti fra Pietro Ponzio, Cesare Pisano e Giulio Contestabile, ma
nella lista che ne fu redatta lo stesso giorno e che può leggersi tra'
Documenti[19], fu messo non già il Contestabile, sibbene Gio. Tommaso
Caccia che era stato già giustiziato! Chi si permise tale sostituzione
evidentemente dolosa? Sarebbe difficile dirlo; ma poichè insieme
coll'Auditore non v'era alcuno ufficiale Regio che avrebbe potuto far
nascere tale equivoco, bisogna piuttosto dire che l'abbia fatto nascere
il Nunzio medesimo, per mostrarsi ignaro di questo grave e d'altronde
irrimediabile oltraggio arrecato alla giurisdizione. Il Vescovo di
Squillace fin dal giorno 11 avea scritto un'altra volta al Nunzio
nominandogli in particolare un clerico, naturalmente della propria
diocesi, che con ogni probabilità dovè essere il Caccia; il Nunzio gli
rispose che questo clerico era stato condotto in Napoli, e intorno a
lui doveva eseguirsi l'ordine che S. S.^{tà} darebbe, come altra volta
gli avea scritto[20]; sicchè il trovarselo nella lista gli potè servire
di ottima scusa. Ma se questo non fosse stato un artificio suo, avrebbe
dovuto poi venire il giorno delle lagnanze e de' risentimenti presso
il Vicerè, allo scoprirsi dell'inganno; ora siffatto giorno non venne
mai, e ciò mostra che Mons.^r Nunzio non vide perchè non volle vedere,
o per lo meno che le sue grandi cure intorno alla giurisdizione non
erano dirette a proteggere le persone ecclesiastiche, le quali potevano
perfino scomparire senza che egli se ne avvedesse.

Nel medesimo giorno 23 novembre il Nunzio mandò a Roma la notizia
della ricognizione fatta e la lista de' carcerati ecclesiastici, che
raggiungevano appunto il numero di 23, con l'osservazione che se
n'erano trovati 9 di più ed un solo clerico selvaggio. Nel giorno 26
tornò sull'argomento e ripetè l'istanza che venisse l'ordine circa
le persone le quali doveano costituire il tribunale per l'eresia,
accertando che in questa materia i Ministri Regii non avevano alcuna
pretensione d'intervenire, ma soggiunse: «temo bene che nel capo
della congiura e ribellione non sia per bastare à medesimi Ministri
l'intervenire, ma che vorranno apparirci principali, et che sotto lor
nome si faccino i Processi non ostante che di ragione non convenga,
per che ritraggo che dicono altra volta haverlo usato, et che sia
solito de Principi in simili casi proceder de facto». Questo gli venne
confermato poco dopo dal medesimo Vicerè in una udienza avuta, e
mentre egli insisteva sulla necessità «che tutto apparisse fatto coram
Judice ecclesiastico», il Vicerè mandò a chiamare il Reggente d'Aponte
(che era Gio. Francesco Marchese di Morcone, cugino del Consigliere,
figlio di Gio. Antonio e di Costanza Lanaria), e costui disse che
«havevano trovato che con altre occasioni era stato dalli Antecessori
di S. S.^{tà} commesso ad uno de Ministri Regii che intervenisse come
delegato Apostolico in trattar simili cause»; il Vicerè soggiunse che
se ne farebbe istanza a Roma. Il Nunzio allora non obiettò altro, ma
chiese che i tre ecclesiastici rinchiusi nel Castello dell'ovo si
facessero condurre in Castel nuovo, e l'ordine in questo senso fu
subito dato; fece in pari tempo notare che i carcerati ecclesiastici
si erano trovati in maggior numero, ma un solo veramente era clerico
selvaggio, e il Vicerè disse che non pensava che erano tanti! Insomma
il Vicerè all'occorrenza rappresentava anche la parte dell'ingenuo, e
mostrava sufficiente abilità in questo armeggio.

Non si tardò a commettere le trattative all'Ambasciatore di Spagna
ed all'Agente Vicereale in Roma. Una lettera del Vicerè, in data del
30 novembre, ci pone in grado di conoscere lo stato delle cose dalla
parte del Governo di Napoli: sarà bene riportarla qui tutta intera in
italiano[21]. «Già tengo dato conto a V. M.^{tà} dell'aver tradotto
qua i prigioni di Calabria, e della giustizia che si fece di sei di
loro all'entrata del porto. Contro i laici si va procedendo, avendo
delegato per Giudice il Consigliere Marco Antonio de Aponte, e per
Fiscale D. Giovanni Sanchez, con ordine che ci vadano sempre dando
conto in Collaterale di quanto si farà. I frati e clerici tengo posti
tutti in Castel nuovo, con ordine che stiano lì in nome di S. S.^{tà}
e del Nunzio che risiede qui per lui, ma segretamente ho ordinato al
Castellano che non lasci trarre di là nessuno. S. S.^{tà} inviò ordine
al Nunzio che risiede qui, perchè con lui, o col Giudice che egli
deputerebbe pel compimento di questa causa, entrasse sempre un'altra
persona di parte mia. Io non mi sono contentato con questo, e però
faccio istanza per mezzo del Duca di Sessa e di D. Alonso Manrrique
che mi rimetta la causa, e quando non potessi ottener questo, che S.
S.^{tà} nomini i Giudici che io le presenterò, o mi mandi un Breve
perchè io possa presto nominarli in suo nome. Perciò ho trovato un
decreto emanato al tempo delle rivolte del Principe di Salerno da
due Reggenti di questo Collaterale, nel quale si nominano Giudici
creati da S. S.^{tà} e S. M.^{tà}, e così con questo ed altre ragioni
convenienti faccio l'istanza suddetta, e in tale stato tengo il
negozio. L'Inquisizione ancora, da parte sua, tratta di volere coloro
che sono inquisiti di eresia; io vado rispondendo a tutto con buone
ragioni e parole, e almeno procurerò che i capi principali, per una via
o per l'altra, non escano di qui senza aver giustizia di loro» etc.
Quest'ultima proposizione si vedrà affermata ancora più energicamente
nelle lettere Vicereali consecutive, ed essa fa intendere il deciso
proponimento del Governo contro il Campanella e socii, malgrado che da
parte di Roma non apparisse alcuna premura di secondarlo.

Naturalmente a Roma tutta questa insistenza per farle sacrificare i
dritti giurisdizionali non piaceva punto, e già, mettendo in un sol
fascio i negozii comuni e quello de' carcerati per la congiura (26
novembre), il Card.^l S. Giorgio dolevasi col Nunzio, perchè i Ministri
Regii non sapevano lasciare i loro abusi e il Vicerè non riusciva
quale si era mostrato da principio: allorchè poi comparve D. Alonso
Manrrique (2 dicembre) con quella specie di dimande sopra menzionate,
si affrettava a partecipare al Nunzio la maraviglia destata dal vedere
che i Ministri Regii pretendevano «di fare la causa soli». Ma non tardò
nemmeno a fargli sapere (4 e 5 dicembre) la risoluzione di S. S.^{tà},
che la causa della congiura dovesse farsi da lui «et da un Ministro
Regio non coniugato in sua compagnia, che non essendo Chierico pigli la
prima Tonsura per questa occasione, non essendosi lasciato persuadere
S. B.^{ne} di delegare persona meramente Laica»; ed aggiunse pure
l'altra risoluzione di S. S.^{tà} «di far venire a Roma... finita la
causa della congiura» coloro tra gli ecclesiastici che erano inquisiti
o sospetti di eresia, onde non solo non accadeva di deputare alcuno in
luogo del Vescovo di Caserta, ma neanche si doveano agitare in Napoli
siffatte materie. Evidentemente con quest'ultima risoluzione la Curia
Pontificia rinfocolava i sospetti e si preparava un'altra difficoltà,
imperocchè non poteva presumersi con qualche fondamento l'assoluzione
di tutti gli ecclesiastici, in una causa di congiura in cui vi erario
già state dieci condanne di morte con otto esecuzioni, nè doveva
attendersi agevolmente il rinvio a Roma di coloro i quali sarebbero
riusciti condannati, senza far loro espiare la pena nel Regno. Intanto,
poco dopo, il Card.^l S. Giorgio fece anche sapere che sì spedirebbe
un Breve particolare sopra il tribunale della congiura, ma desiderando
il Vicerè che la causa non si differisse ulteriormente, S. S.^{tà}
voleva che il Nunzio vi mettesse subito mano, senza nemmeno aspettare
il Breve, contentandosi inoltre «che il Fiscale e il Notaro sieno
quali il Vicerè gli vorrà».--Come si vede, pretendendo sempre di più e
con gran fretta, quasi non lasciando tempo alle repliche, il Governo
guadagnò molto e sollecitamente. Il Papa non si riserbò nemmeno la
conoscenza personale del Ministro Regio che doveva intitolarsi Delegato
Apostolico e procedere in nome della S.^{ta} Sede: bastava che, essendo
celibe, avesse la tonsura, e non avendola se la procurasse, senza
contare che avrebbe poi dovuto sempre il Nunzio trovarsi d'accordo con
questo Ministro Regio, poichè in caso di disparità chi mai avrebbe
sciolta la differenza? Ben di rado la sostanza fu tanto barbaramente
sacrificata alla forma. Una relazione di D. Alonso Manrrique in data
di Roma 4 dicembre, la quale fu poi mandata in copia a Madrid, ci fa
conoscere i particolari delle trattative da lui fatte, e le notizie
e i consigli che dava[22]. Ci basterà notare che nelle trattative
egli svolse l'argomento, che il Vicerè non si fermava in puntigli di
giurisdizione, ma solo desiderava riuscire ad accertare il delitto e
gastigarlo per soddisfazione del suo Re, e a tal fine era un mezzo più
a proposito quello de' Ministri di S. M.^{tà} che quello del Nunzio:
quanto poi alle notizie ed a' consigli che dava, gioverà riportare le
sue stesse parole. «In tal negozio mi rimane solo a dire che desidero
infinitamente che si riesca a mettere in luce la verità, essendo molti
di avviso che non vi sia nulla da accertare in riguardo al Re, e che
a' prigioni non debba mancare il tutore, come altre volte ho scritto
a V. E.; oltracciò ho potuto capire che hanno in progetto lasciar
finire questa causa, e subilo che sia conchiusa, richiedere i prigioni
per la causa della fede, e tradurli qua, dove, dicono alcuni, se si
giustificano intorno alla fede, sfuggiranno quest'altra pena, o per
lo meno ne sarà l'esecuzione poco rigorosa, come accade nelle cause
dell'inquisizione. V. E. vedrà ciò che si conviene fare. Abbastanza
buono sarebbe che agisse in guisa da far commettere al Nunzio la causa
della fede, perchè fatte costi le prove e riusciti convinti di qualcuno
de' due delitti, non avendo null'altro da far provare, si possa meglio
insistere per l'esecuzione della sentenza, chè se non si rimette costà
il fare questa causa, passa pericolo che si porti qua». Il consiglio
del Manrrique, senza mostrare un negoziatore di alta levatura, mostra
un uomo accorto, ed è superfluo dire che fu presto seguito.

Il Nunzio ricevè le lettere del Card.^l S. Giorgio per mezzo dello
stesso Governo di Napoli, poichè sovente le staffette Regie servivano
anche per lui, e il 10 dicembre, avuta un'udienza, fece conoscere la
risoluzione di Roma al Vicerè, il quale già ne era informato e potè
comunicargli la risoluzione sua di deputare il Consigliere D. Pietro
de Vera d'Aragona clerico di prima tonsura. Costui era spagnuolo e
veramente assai distinto magistrato, Consigliere dal 1588, «erudito
e giusto» come lo disse il Toppi[23]; ma apparteneva ad una famiglia
tutta devotissima al Governo, avendo pure un cugino, Diego de Vera, in
funzione di Pro-segretario del Vicerè appunto a quel tempo, inoltre
uno zio, Francesco de Vera, Ambasciatore di S. M.^{tà} presso la
Repubblica Veneta. Il Nunzio, che lo conosceva, ebbe a dichiararlo
«uno de' principali del detto Consiglio, così in lettere come in altre
qualità»[24]. E si offerse subito a cominciare la causa «etiam senza il
Breve»; ma riferendo queste cose a Roma espresse pure la sua opinione
che passerebbe altro tempo prima di cominciare, ed intanto potea venire
il Breve, «per non haver a mettere le lettere in processo per fondar
la giuriditione». Più tardi, il 17 dicembre, riferì la comunicazione
fattagli dal Vicerè dell'aver già nominato il De Vera per Giudice e lo
stesso D. Giovanni Sances per Fiscale, la visita fattagli da costoro
in sèguito di questa nomina, e la sua novella offerta di esser pronto
a trattare la causa; ma aggiunse che il Vicerè stimava a proposito
«aspettar detto Breve quanto alli ecclesiastici, poichè intanto si
potea trattar contro laici».--Oramai, concluso l'affare, il Vicerè
non avea più tanta fretta, o voleva egli pure un documento il quale
suggellasse ciò che si era ottenuto e che lo rendeva molto soddisfatto.
Questa sua soddisfazione rilevasi da una lettera che mandava a Madrid
fin dal 13 dicembre, insieme con una copia della relazione di D. Alonso
Manrrique, rilevandosi in pari tempo la sua costante premura che il
Campanella fosse gastigato e l'annunzio della prossima esecuzione di
altri laici già condannati[25] «... S. S.^{tà} si risolvè di fare
quanto V. M^tà potrà comandar di vedere da questa copia di lettera di
D. Alonso, che non mi pare si sia fatto poco; e così ho nominato D.
Pietro De Vera, che è il Decano del Consiglio, tanto per le molte e
buone parti che tiene, quanto per essere tonsurato, e credo che l'avrà
per molto bene; stimai anche nominare fiscale lo stesso D. Giovanni
Sanchez, e Mastrodatti il medesimo; così comincerà subito a procedersi
nel negozio, e di ciò che farà il dottore Marco Antonio de Ponte co'
laici si darà copia a D. Pietro de Vera e al suo compagno pel procedere
contro i frati e clerici. Odo che contro il Campanella sono ben provati
tanto il delitto della ribellione quanto il delitto dell'eresia;
procurerò, se posso, che si faccia giustizia pel primo, sebbene non
riesca a persuadermi che li vogliano tradurre a Roma per l'eresia; ma,
per sì o per no, farò istanza che quanto riguarda l'Inquisizione si
rimetta qui al Nunzio. Di alcuni de' laici che sono convinti o confessi
comincerà a farsi giustizia secondo la colpa di ciascuno; di ciò che si
farà andrò dando conto a V. M.{tà}» etc.

Adunque il Vicerè poteva tenersi certo che il Campanella non la
scamperebbe, e facendo trattare in Napoli anche la causa dell'eresia,
per lo meno veniva ad assicurarsi che il povero frate non sarebbe mai
più sfuggito dalle sue mani. Vedremo che il far trattare la causa
dell'eresia in Napoli, non offendendo la giurisdizione, fu accordato
senza la menoma difficoltà, laonde non si ebbero controversie da
questo lato, e con la promessa del Breve sulla costituzione del
tribunale per la congiura nel modo convenuto, ebbe realmente termine
la contesa giurisdizionale. Noi abbiamo voluto esporla in tutti
i suoi più minuti particolari, giacchè essa non rappresenta una
delle contese ordinarie, e i suoi particolari soltanto possono dare
qualche luce su' fatti che si svolsero di poi, sull'andamento e sugli
esiti de' processi. Naturalmente il processo di congiura pe' laici
sottostava all'azione, legale a que' tempi, del Vicerè e del Consiglio
Collaterale, e il processo di eresia per gli ecclesiastici sottostava
all'azione legale del Papa e della Sacra Congregazione Cardinalizia;
basta dire che le sentenze erano profferite dai Giudici così come le
imponevano le risoluzioni superiori dietro la relazione de' fatti
delle cause. Ma sul processo di congiura per gli ecclesiastici chi
avrebbe avuto influenza? Certamente col Breve Papale il Nunzio ed
il Consigliere sarebbero risultati «Delegati Apostolici», ma poteva
attendersi dal Consigliere che si fosse posto alla dipendenza del Papa
e non già del Vicerè? Il fatto è che ciascuna delle due parti avea
presa la sua strada, che il corso delle trattative ci fa vedere in un
modo abbastanza chiaro, e ci permette di giudicare in un modo meno
fallace. Dalla parte del Vicerè si voleva il gastigo del Campanella e
degli ecclesiastici più compromessi, conforme al gastigo che già era
stato dato e si continuava a dare ai laici; bene o male si credeva
alla congiura e la si voleva punita. Dalla parte del Papa si voleva
riconosciuta «la superiorità ecclesiastica», che «tutto apparisse
fatto coram Judice ecclesiastico» secondo le espressioni del Nunzio; e
ritenendosi non esservi «nulla da accertare in quanto al Re», si voleva
che non mancasse «il tutore» agl'inquisiti, secondo l'espressione del
Manrrique. Ora se così ritenevasi, se conoscevasi pure essere stato
malamente condotto in Calabria il processo primo e fondamentale da fra
Cornelio, occorreva una tutela efficace, ed è agevole intendere che
quel Breve sarebbe venuto a tutelare i diritti giurisdizionali, non le
persone degl'inquisiti; è agevole anzi intendere che il desiderio di un
tutore rappresentava piuttosto un argomento per non lasciarsi strappare
del tutto le prerogative ecclesiastiche. Anche ammettendo, come noi
ammettiamo, che il Campanella fosse stato giuridicamente colpevole,
sarebbe stata giusta l'istituzione di un tribunale che avesse data
guarentigia d'imparzialità, e l'espediente al quale si era ricorso
non poteva riuscire a darla; poteva solo creare nuovi imbarazzi, come
difatti li creò, senza giovare efficacemente al povero Campanella.
Vedremo a suo luogo i termini ne' quali il Breve fu redatto, vedremo
anche la condotta che tenne il Nunzio ulteriormente, e rimarrà
dimostrato appieno ciò che qui affermiamo.

È tempo ora di occuparci della vita che menava il Campanella e tutta
la turba degl'infelici venuti di Calabria: ecco quanto possiamo
dirne, secondo le notizie che si trovano sparse qua e là nel processo
e nelle altre scritture di S.{to} Officio. Una parte de' carcerati
trovavasi nel Castello dell'uovo, e fra essi il Barone di Cropani,
Ferrante Ponzio, Gio. Paolo e Tiberio Carnevale, Jacobo e Ferrante
Moretti, Francesco Antonio d'Oliviero, Marco Antonio Giovino, Geronimo
di Francesco, Giuseppe Grillo, Felice Gagliardo; la parte maggiore
trovavasi nel Castel nuovo, e ci basterà nominare solamente Geronimo
del Tufo, Maurizio de Rinaldis, e insieme con tutti gli altri
ecclesiastici ed anche co' parenti suoi il Campanella. Mano mano molti
carcerati dal Castello dell'uovo passarono del pari nel Castel nuovo,
e segnatamente Ferrante Ponzio, Francesco Antonio d'Oliviero etc.; ma
perfino un anno e mezzo dopo questo tempo di cui parliamo ve n'erano
sempre alcuni nel Castello dell'uovo, p. es. il Gagliardo. Gioverà
rammentare in breve qualche particolarità del Castel nuovo, poichè
non ci mancano elementi per definire la parte di esso occupata da'
carcerati calabresi, il torrione in cui il Campanella fu rinchiuso,
ciò che ci sembra dover riuscire interessante al cuore di ogni persona
bennata. Come conoscono gli amatori delle cose patrie, nel Castel
nuovo si distingue il maschio o castello Angioino del 1283, fornito
delle cinque maestose torri, due delle quali verso il mare e tre
verso terra, e la falsabraca o revellino Aragonese del 1486, con le
sue torri e cortine molto basse, poi successivamente elevate, che a'
giorni nostri abbiamo visto con poco giudizio spianare. A' tempi de'
quali trattiamo, la falsabraca con le sue torri in gran parte quadre
era incomparabilmente più bassa di quanto possiamo ben ricordare averla
vista, e le cinque torri del maschio, veri torrioni si elevavano
un poco di più sul livello de' bastioni rispettivi, i quali non
raggiungevano l'altezza attuale, come si può vedere abbastanza bene p.
es. dalla gran carta di Napoli incisa da Alessandro Baratta nel 1628,
che ogni amatore delle cose belle della città ha certamente ammirata
nel Museo di S. Martino. E possiamo aggiungere che a que' tempi si
chiamava impropriamente «reveglino» lo spazio compreso tra il maschio
e la falsabraca; infatti nel processo vedremo parlarsi di uno scritto
buttato giù dalla «cancella... al reveglino _tra le due porte_, che
risponde ala finestra dela carcere del Campanella», in un momento in
cui egli veniva sorpreso da una visita del luogotenente del Castello
in cerca di scritti. Le cinque torri Angioine poi si chiamavano, la
prima sul mare, ad oriente, Bibirella, nome improntato certamente
da quella porzione di mare che essa guarda e che ancor oggi dicesi
dal volgo _beveriello_, l'altra egualmente sul mare, ad occidente,
Talassia, vale a dire marina, dal nome greco corrispondente; le due
laterali alla porta maggiore verso terra, costeggianti il magnifico
Arco d'Alfonso, si chiamavano torri della porta; l'ultima, ad oriente,
sì chiamava dell'Incoronata, dei Governatore o del Castellano, perchè
vi abitava appunto il Castellano. Siffatti nomi non s'incontrano nel
processo, ma nelle scritture ed anche ne' libri del tempo (basti
citare il Capaccio), ed importa conoscerli per potersi intendere: nel
processo s'incontra solamente più volte citata «la loggetta delle
carceri,.. il piano della loggetta,.. l'arco e il corridoio della
loggetta», dove potevano in alcune ore i carcerati minori salire e
passeggiare, ed inoltre citato, il «torrione» da cui il Campanella
dava i suoi Sonetti a Maurizio «calandoli con uno filacciolo», «il
torrione» da cui il Campanella, mostratosi pazzo, predicava la crociata
al «populo che andava a vedere ad impiccar uno», il quale spettacolo si
conosce che eccezionalmente si dava nella piazza del Castello, mentre
ordinariamente si dava nella piazza del Mercato. E vedremo da' Registri
de' Bianchi di giustizia risultare, che l'esecuzione di Cesare Pisano
fu fatta fare «vicino la Guardiola del Castello» (presso a poco dove
fino a' giorni nostri e stata la posta delle lettere), e quella di
Maurizio innanzi la «Chiesa di Monserrato» (che sta quasi dirimpetto)
vale a dire all' ingresso dell'attuale Strada di Porto, che allora
dicevasi Piazza dell'Olmo, vale a dire di prospetto alla torre del
Castellano, senza dubbio per metterle sotto gli occhi del Campanella e
de' suoi calabresi. Da tutto ciò può desumersi con bastante certezza
che il Campanella sia stato rinchiuso nella torre del Castellano, sotto
gli appartamenti di D. Alonso de Mondezza, e che le carceri occupavano
i piani inferiori di questa torre e i bastioni vicini, tanto verso la
torre Bibirella, quanto verso la torre corrispondente della porta,
trovandosi appunto sulla sommità di questi bastioni la loggetta del
Castello. La massa de' calabresi era mista con altri là detenuti, per
imputazione o per condanna, sia in nome del potere civile sia in nomo
del potere ecclesiastico, e ne vedremo figurare parecchi noi corso
di questa narrazione: occupavano molti il carcere così detto «del
civile», occupavano altri il carcere criminale che stava più in alto
e componevasi di camere più piccole, dove erano rinchiusi uno, due e
fin quattro individui, secondo l'importanza di essi, disponendo per
solito di un sol letto ogni coppia e venendo spesso tramutati da una
camera nell'altra. I miserabili ricevevano un carlino al giorno (circa
40 centesimi), e sappiamo che così vivevano moltissimi, tra gli altri
il padre del Campanella, il Tirotta, gli stessi frati, come fra Paolo
della Grotteria, fra Pietro di Stilo, il Petrolo, il Bitonto, e senza
dubbio anche il Campanella, dopochè fra Cornelio si aveva appropriato
il danaro raccolto in Calabria per loro. Mercè qualche inserviente,
e sopratutto qualche parente venuto di Calabria per assisterli, i
carcerati potevano provvedersi delle cose necessarie al vitto, che
erano soggette a visita quando s'introducevano nel Castello; e così
sappiamo che un giovanetto Aquilio Marrapodi figlio di Gio. Angelo,
oltre il padre, serviva i Ponzii, il Petrolo, il Lauriana e il Pizzoni,
comprando «per questi monaci foglie, fave, carcioffi, radici et altre
cose da mangiare»[26]; potremmo perfino dare qualche lista della
magra spesa quotidiana che si faceva anche per taluni de' carcerati
del Castello dell'uovo, essendo notata sul rovescio di alcune carte
sequestrate al Gagliardo ed allegate nel processo[27]. Naturalmente
i carcerati non mancavano di profittare di questo mezzo e di qualche
altro ancora per mandarsi cartoline e biglietti, ciò che per altro
era proibito; ma solamente più tardi dando pochi soldi a uno de' due
carcerieri Alonso Martines ed Onofrio, nominati anche nella Narrazione
del Campanella, riuscirono ad avere diverse concessioni che a tempo
proprio vedremo. Gli ecclesiastici, servendosi, principalmente di
motti latini, poterono con tanto maggiore facilità mettersi in qualche
relazione tra loro dalle finestre: poichè sappiamo con certezza
essere stati perfino i più compromessi, dal primo momento, posti
nelle «segrete», ossia in camere capaci di una sola persona e tenute
strettamente chiuse, non già nelle così dette «fosse»; in queste furono
posti al tempo de' loro esami, quando i Giudici solevano darne l'ordine
per indurli a confessare. Le fosse si trovavano a piede del torrione
del Castello, e ricevevano luce da aperture che corrispondevano
alla parete dell'antico fossato, il quale circondava il Castello e
in origine poteva anche ricevere acqua dal mare; del resto non ne
mancavano di quelle affatto oscure, e rinomata fra tutte era la fossa
del _miglio_ o del coccodrillo, nota fin dal tempo degli Aragonesi,
nella quale il Campanella narrò di essere stato posto prima del
tormento. Alcuni lavori fatti durante la prima metà di questo secolo,
ad occasione dell'ampliamento della fonderia di cannoni là eretta,
posero in mostra queste fosse con lagrimevoli iscrizioni ed anche con
qualche residuo di scheletro, la qual cosa ribadisce che il torrione
delle carceri, dimora del Campanella, sia stato quello che abbiamo
indicato[28]. Si aveano dunque, da sotto in sopra, le fosse, la carcere
del civile a pian terreno, le carceri criminali che occupavano i due
piani superiori: e sappiamo che nel primo periodo della prigionia il
Campanella trovavasi in una carcere criminale del piano più elevato, e
Maurizio in un'altra del piano più basso immediatamente sottoposta alla
prima, sicchè poterono talvolta scambiarsi qualche parola, e perfino,
mediante un filo, trasmettersi qualche carta[29]. Ogni lettore umano,
passando in vista del Castel nuovo, vorrà, speriamo, rivolgere uno
sguardo a quel torrione, con un pio ricordo de' generosi, che tanto vi
patirono senza che l'opera loro sia stata nemmeno riconosciuta.

A due cose attese il Campanella assiduamente fin da' primi tempi della
sua prigionia in Napoli, sollecitare la ritrattazione da coloro i
quali aveano rivelato, dare animo a coloro i quali si erano mantenuti
negativi o in qualunque modo gli si mostravano tuttora amici. Come
già in Calabria, così in Napoli, egli rivolse le sollecitazioni
particolarmente al Pizzoni e al Petrolo; non occorse che sollecitasse
il Lauriana, perchè anzi costui in Gerace gli avea scritta egli
medesimo una lettera, nella quale, gli comunicava l'esame di
Monteleone, gli prometteva con giuramento che si sarebbe ritrattato,
e finiva per dimandargli il modo di potersi ritrattare. Nè stentiamo
a credere che talvolta le sollecitazioni del Campanella non sieno
state espresse in forma di preghiere, onde i sollecitati poterono
dire di avere avuto da lui «minacce»; se non che i pochi documenti
che ne sono rimasti non lo confermano, e d'altronde vi furono tanti
motivi di asserire e di smentire a vicenda queste cose, da non poterne
facilmente assodare la verità. Al Petrolo, come dicemmo a tempo e
luogo, avea fatte alcune sollecitazioni per via, tra Squillace e
Gerace, direttamente; altre glie ne potè fare mediante Cesare Pisano
in Monteleone, e poi ancora altre in Napoli ne fece di persona dalla
finestra. Così gli avrebbe detto che bisognava ritrattarsi o altrimenti
capiterebbe male, che era caduto in irregolarità avendo deposto in
causa capitale contro particolari etc.; ma vedremo ulteriormente,
che quando si pose a scrivere Poesie gli scrisse anche un Sonetto al
medesimo scopo, ed in esso non si leggono minacce bensì le maggiori
lusinghe. Al Pizzoni poi avea pure fatte sollecitazioni mediante fra
Pietro Ponzio in Gerace, ed altre glie ne fece in Napoli per lo stesso
mezzo, giacchè vedremo con certezza aver lui potuto parlare con fra
Pietro dalla finestra; ma poi gli riuscì di mettersi in comunicazione
diretta col Pizzoni mediante lo scambio di un Breviario, e ciò che se
ne disse in sèguito mostra che nemmeno vi furono minacce; ecco pertanto
come il fatto venne riferito[30]. Si trovavano ciascuno in una segreta.
Il Campanella dimandò al carceriere Alonso Martines un Breviario, e
il carceriere gli portò quello del Pizzoni. Nel Breviario «fra Gio.
Battista pose molti signacoli di carta larghi, fatti à posta di certi
modelli di musica rigati con le note, et d'una lettera nella quale
si vedea che li fosse stato dato avviso, che la Causa era già stata
rimessa al sig.^r Nuntio et à Don Pietro di Vera, et in detti signaculi
scriveva ch'esso fra Gio. Battista havea detto à frà Silvestro che
insieme seco deponesse cose di santo officio per scampar quella gran
furia, perchè in quel muodo la Corte secolare à viva forza l'harebbe
punito per l'heresie, e Ribellione, il che non harebbe fatto per la
sola ribellione, ma di fatto l'harebbe appiccati, già che quelli di
Catanzaro, che la revelorno, dissero, ch'il Papa la favoriva» etc.
Dimandava anche il Pizzoni, in quelle cartoline, chi fosse stato quel
frate che, secondo la cronaca di S. Domenico, ebbe dalla B.^{ta}
Vergine la rivelazione che mai monaco di S. Domenico sarebbe stato
eretico, se molto tempo innanzi non avesse deposto l'abito, e diceva
di confidare che avrebbe potuto facilmente ritrattarsi, e ricordava
diverse autorità, come il Cipolla Veronese, che permetteva dir cose di
eresia a' condannati a morte per essere protetti dal S.^{to} Officio,
e S. Girolamo che concedeva il mendacio ad _evadendam mortem_. E il
Campanella, conservando presso di sè alcune cartoline più importanti,
scrisse sulle altre «che havea fatto molto bene, et che frà Domenico
Petrolo à sua persuasione havea seguitato l'esempio d'esso frà Gio.
battista, con l'istesso intento di ritrattarsi, et che quel frate della
revelatione ut supra fù Reginaldo si ben si ricordava etc., et li diede
esso Campanella molte altre authoritati per tal difesa». Ma passato
e ripassato tra loro questo Breviario, ed esaurite le cartoline,
cominciarono a scrivere sul Breviario medesimo, ove poteasi vedere di
mano del Campanella scritto «bene et fideliter... ut lacrimas emiserim
prae laetitia», ed inoltre «Micheas propter timorem mortis prophetavit
falsum, et adiuratus se se retractavit, 3.^o Reg. 24». E il Campanella
si diè anche premura di far sapere queste cose a fra Dionisio che stava
in un'altra segreta; ed avendogli mandata scritta «dentro un pasticcio
una cartella di simili andamenti, entrati in sospetto li carcerieri,
aprirono il pasticcio, et trovata la cartella quella presentarono al
Vice Rè, come anco per veder così scritto et scacacciato il Breviario,
quello anco presentorono al medesimo Vice Rè, et si disse, che furono
da lui rimandate al fiscale». Siffatte cose, verificatesi durante un
certo periodo di tempo, furono poi riferite da fra Dionisio; e potrebb'
essere che vi sia stata qualche esagerazione da parte del relatore,
ma bisogna convenire che nulla vi s'incontra d'inverosimile, salva
sempre la quistione della serietà delle cose che si comunicavano i due
scrittori nelle cartoline e nel Breviario. Poichè all'uno ed all'altro,
sotto tutti gli aspetti, conveniva scrivere in quel senso; ma si
può dubitare che esprimesse la verità il Pizzoni, il quale infatti
non fece di poi nulla di ciò che scrisse, e si deve dubitare che
esprimesse la verità il Campanella, il quale, mentre dicevasi allietato
fino alle lagrime, ad ogni buon fine metteva in tasca qualcuna delle
cartoline scritte dal Pizzoni, che egli oramai avea potuto ravvisare
«bilingue». Vedremo infatti che al momento in cui il Campanella fu
spogliato per essere sottoposto alla tortura, gli fu trovata una delle
dette cartoline, ed anche un sunto dell'esame del Lauriana certamente
scrittogli da costui, il quale soltanto può dirsi avere agito in
buona fede, ma sotto l'impero di una stringente necessità; poichè
evidentemente, spinto dal Pizzoni, si era posto in un brutto garbuglio,
da cui non sapeva in qual modo districarsi, e temeva molto che
ritrattandosi sarebbe capitato male.--Dobbiamo aggiungere che pure con
Maurizio il Campanella si mantenne in relazione, e, a quanto sembra,
dalla finestra, verbalmente, profittando del trovarsi le rispettive
carceri l'una sopra l'altra; ma non dovè di certo sollecitarne la
ritrattazione, ed invece si dovè forse scusare presso di lui. Come si
seppe in sèguito, continuò a dirgli qualche particolare sugli uomini e
sulle cose della ribellione disegnata e tanto acerbamente prevenuta:
ma una volta Maurizio, abbandonata ogni illusione, gli disse che
in que' travagli loro «era tempo di riconoscere Iddio, e che stava
scandalizzato di quella parola che havea detto in Stilo, che Giesu
christo era un'huomo da bene», immaginandosi esser lui «in opinione che
christo non fusse vero figliolo di Dio»; e il Campanella gli rispose
che lui, Maurizio, «non intendeva bene li negotii» nè si curò di
fornirgli spiegazioni.

D'altra parte, dicevamo, il Campanella attese a dare animo agli
amici: questo fece componendo Poesie, siccome troviamo ricordato dal
_Syntagma_, dove per altro se ne parla con una completa confusione di
tempi. Per fortuna, la raccolta che noi pubblichiamo, essendo stata
fatta in un periodo ben determinato e relativamente breve, ci mette
in grado di potere fino ad un certo punto assegnare alle diverse
poesie la propria data, oltrechè ci fornisce precisamente quelle
composte fin da principio e con lo scopo di rinforzare l'animo degli
amici, rimaste poi naturalmente inedite perchè compromettenti. Ma è
facile intendere che pochissime potrebbero riferirsi ad un periodo
anteriore al cominciamento de' processi, perocchè a questi si pose
mano con sollecitudine, e il maggior numero si collega con le vicende
del processo della congiura così de' laici come degli ecclesiastici;
laonde, per non scindere di troppo l'esposizione di queste poesie,
gioverà dapprima narrare ciò che sappiamo del processo della congiura,
e in sèguito ricercare le poesie da doversi dire composte nel periodo
in cui il detto processo fu istituito e svolto.


II. Veniamo dunque al processo della congiura pe' laici[31]. Dicemmo
che la commissione Vicereale fu data il 15 novembre a Marco Antonio
d'Aponte e a D. Giovanni Sanchez o Sances, con l'ordine di riconoscere
le informazioni e gli atti di Calabria, procedere sommariamente
_sine strepitu et forma Judicii_, e non ritardare la buona e breve
amministrazione della giustizia, servendosi di Giuliano Canale
per Mastrodatti. Vedemmo pure avere il Vicerè provveduto che lo
Xarava aiutasse il Sances, e scritto a Madrid, il 30 novembre, che
si andava già procedendo contro i laici, e il 13 dicembre, che si
sarebbe cominciato a far giustizia di alcuni. Gli ordini del Vicerè
furono eseguiti puntualmente, ed è chiaro che non si perdè tempo;
solo dobbiamo notare che a Giuliano Canale venne sostituito Marcello
Barrese, il quale servì da Mastrodatti egualmente nella causa della
congiura per gli ecclesiastici, e di tale sostituzione ci rimane
tuttora ignoto il motivo.

Secondo il costume del tempo, si procedeva separatamente e
successivamente per un determinato individuo o per un determinato
gruppo d'individui, e si sentenziava a misura che si compivano gli atti
ad essi relativi: così vi furono condanne ed esecuzioni in Calabria,
e poi in Napoli, ed analogamente vi furono altre condanne od invece
assoluzioni di tempo in tempo. Trovandosi due già condannati a morte in
Calabria, Maurizio de Rinaldis e Cesare Pisano, sopra di essi appunto
cominciò a svolgersi l'opera del tribunale, certamente per averne, se
fosse stato possibile, rivelazioni in danno anche degli altri, al quale
scopo si era giudicato meglio tenerli ancora in vita; con gli atti
relativi a costoro ebbe ad iniziarsi il 3.^o volume del processo, al
sèguito di quelli compiuti in Calabria. Maurizio non avea confessato
nulla malgrado gli orribili tormenti avuti; ricominciarono per lui
in Napoli gli esami e ricominciarono i tormenti non meno crudeli. Il
Campanella medesimo cantò che Maurizio il primo avea vinto i tormenti
antichi e sprezzato i nuovi, che avea sofferto tormenti inusitati per
trecento ore[32]. È facile qui vedere una esagerazione poetica, ma,
come abbiamo già avuta occasione di dire altrove, Mons.^r Mandina,
il quale fu più tardi Giudice dell'eresia e potè saperlo in modo
autentico, affermò che era stato tormentato per settanta ore, alludendo
con ogni probabilità a' soli tormenti avuti in Napoli. Per quanto
possiamo giudicarne, egli dovè soffrire due volte, a breve intervallo,
il tormento della veglia, ne' modi e forme che vedremo con tutti i loro
particolari in persona del Campanella, il quale lo soffrì in sèguito,
per una volta sola, nella causa dell'eresia. Comunque il tormento della
veglia dovesse durare quaranta ore, pe' modi enormemente aspri con cui
si amministrava sopratutto in Roma e in Napoli, quasi mai si giungeva a
siffatto termine, senza che il paziente cadesse in tale prostrazione da
far cessare la prova innanzi tempo, tanto più che il Giudice era tenuto
a rispondere della morte di lui se avesse soccombuto nel tormento; e la
prostrazione, quando gl'individui erano di buona tempra, ordinariamente
si verificava fra le trenta e le trentacinque ore, ed ecco le settanta
ore di tormento affermate dal Mandina. Nè rappresenta una difficoltà il
leggersi «tormenti inusitati», poichè appunto tra questi era annoverata
la veglia, e vi si ricorreva soltanto per casi straordinarii, mentre
poi d'altra parte i Giudici di professione, a differenza de' «Capitani
a guerra», doveano pure contenersi in quelle categorie di tormenti,
che erano ammesse da' Giuristi e dalle consuetudini di ciascun
paese[33]. Ad ogni modo le prove furono terribili, eppure vennero
nobilmente superate da Maurizio: il fortissimo uomo non fece la menoma
rivelazione, soffocando qualunque rancore, mentre già conosceva di
essere stato nominato fin troppo nella Dichiarazione del Campanella!
Ma durante i tormenti venne senza dubbio fatta la protesta che lo
s'interrogava «citra prejudicium probatorum»; e poi, benchè non
confesso, era pur sempre convinto, e gli si potè confermare la sentenza
di morte, condannandolo ad essere appiccato e squartato certamente con
la formola del tempo, «suspendatur in furcis adeo quod anima a corpore
segregetur, eiusque cadaver in quatuor frustra dividatur». È superfluo
poi dire che la sua casa doveva essere demolita ed aspersa di sale,
e i suoi beni dovevano essere confiscati: «domus propria diruatur
funditus, et solo aequata, in ea sale asperso, destruatur; singula
eius bona publicentur, et fisci commodis applicentur». Vi fu dunque
la conferma della sentenza di morte già pubblicata in Calabria, e non
poteva essere altrimenti; deve dirsi inoltre che vi fu una mitigazione
nella specie del supplizio, in paragone di quello tanto spaventoso
sentenziato dallo Spinelli forse a proposta dello Xarava, ed anche da
questo lato non poteva essere altrimenti, perocchè il tribunale non era
come il precedente «ad modum belli». Dopo ciò è facile giudicare quanto
il Campanella scrisse molto più tardi, nella sua Narrazione, circa
l'influenza che avrebbe avuta nella condanna di Maurizio l'amicizia e
la parentela del Sances col Morano, il quale desiderava la morte di
Maurizio per ereditarne un feudo e stringere una nuova parentela col
Sances mediante un matrimonio. Con un po' di confusione di tempo e di
circostanze, mostrato già in corso e bene avviato il processo degli
ecclesiastici che invece non era cominciato ancora, il Campanella
scrisse: «Sendo stato fatto fiscale in luoco di Xarava D. Gio. Sances,
la cui sorella havea per marito il Baron di Gagliato, fratel di Giovan
Geronimo Morano, il cui figlio per dispensa venuta del Papa stava
per pigliar la figlia unica del Barone, nepote del Sances, e perchè
detto Morano havea scorso il regno e preso Mauritio e F. Dionisio
carcerati con molto vantaggio e sperava dal Rè un Marchesato, come si
vantava publicamente, e di più desiderava la morte di Mauritio, perchè
morendo senza herede mascolo esso Mauritio, il Morano hereditava di
quello un feudo, come poi l'hereditò. Per questo il Sances oltra le
sue pretendenze et amicitia delli processanti non cercò s'era vera
la ribellione ma si sforzò verificarla, e far morir Mauritio». La
parentela del Sances col Morano è fuori contestazione, ma è un fatto
che il Sances non poteva non trovar vera la ribellione, e che Maurizio
non poteva in alcun modo scansare la morte, come nemmeno la scansò
quando più tardi fece sotto il patibolo una spontanea confessione di
ogni cosa. E dobbiamo aggiungere che alla mano della figlia unica del
Barone di Gagliato, D.^a Camilla Morano, a quel tempo di soli dodici
anni, aspirava il cugino del Fiscale, un altro D. Giovanni Sances,
figlio di D. Giulio, che difatti la sposò più tardi, nel novembre
1605, avendone in dote la terra di Gagliato e il rinomato feudo di
Burgorusso in tenimento di Stilo, e fu lui che divenne poi Marchese di
Gagliato. Non sarebbe veramente difficile che vi avesse aspirato anche
il figlio di Gio. Geronimo Morano, giacchè abbiamo nel Grande Archivio
documenti i quali mostrano la gran cura del Governo nel far tenere D.^a
Camilla in Monastero, secondo i principii dell'ingerenza governativa
ne' matrimonii de' nobili a' tempi feudali[34]. Ma è evidente che in un
simile conflitto di rivali non avrebbe potuto esservi nemmeno amicizia
tra il Sances e Gio. Geronimo. Vedremo poi come finirono i beni di
Maurizio, il quale forse potè essere semplicemente subfeudatario di
una parte di Borgorusso, mentre le ricerche più ostinate su tale punto
non ci hanno fatto sinora scovrire alcun feudo speciale di quella
regione da lui posseduto. Nella detta ipotesi la morte di Maurizio
nemmeno avrebbe profittato a Gio. Geronimo, ma a D.^a Camilla; ad ogni
modo quanto era già avvenuto, anche prima che la causa si agitasse
in Napoli, mostra nel modo più chiaro che il Sances non poteva che
dimandare ed ottenere la condanna di morte per Maurizio[35].

Intorno a Cesare Pisano, che il Nunzio aveva nella sua lista qual
clerico, e il Governo riteneva doversi continuare a trattare qual
laico, non sappiamo come si sia veramente proceduto nel tribunale
di Napoli: sappiamo solo ciò che ne disse il Nunzio quando venne a
conoscere l'esito del giudizio, scrivendone una lettera di lagnanza
al Vicerè, nella quale lo avvertiva aver inteso che contro del Pisano
«si procede con tanto rigore per il capo della ribellione, che senza
ammettergli ne anche la probanza del Clericato è stato condannato à
morte». Forse il tribunale stimò che avesse confessato abbastanza,
e che invece di far nascere la quistione giurisdizionale col rumore
di nuovi esami e nuovi tormenti, fosse preferibile dare un saggio di
vigore confermando la condanna ed eseguendola senza curarsi d'altro.
Lo argomentiamo dal conoscere la prolissa maniera di rispondere,
che il Pisano era solito di usare ne' suoi interrogatorii, onde non
sarebbe mancata poi la citazione di qualche notizia tratta da un nuovo
interrogatorio, laddove questo ci fosse stato.

La condanna di Maurizio, e così pure quella analoga del Pisano,
doverono pronunziarsi o almeno decidersi nel Consiglio Collaterale
il 10 o 12 dicembre, poichè il 13 già si trasmetteva a Madrid la
notizia di prossime esecuzioni. Difatti pel giorno 20 si allestiva
certamente l'esecuzione di Maurizio, e molto probabilmente anche
quella del Pisano, onde il Nunzio nel giorno 19 potè conoscere che
costui era stato condannato a morte, e potè scriverne in fretta al
Vicerè, facendogli notare, che non solo come clerico il Pisano avrebbe
dovuto essere giudicato pure da lui «secondo l'appuntamento fatto con
S. S.^{tà}», ma anche come molto informato dell'eresie suscitate dal
Campanella, «e forse della medesima setta», dovea essere riserbato;
«non per campargli la vita, egli scriveva, se merita perderla per
il capo della ribellione, ma per riscontro et castigo di quel che
appartenesse al S.^{to} Officio», supplicandolo di «non permettere che
la causa della ribellione humana si solleciti tanto che pregiudichi
à quella della ribellione divina, perchè si sarà in tempo di castigar
l'una et l'altra»[36]. Il Vicerè sospese allora la faccenda in quanto
al Pisano, per farla sopire e darle poi corso più tardi a modo suo,
di sorpresa. Rispose al Nunzio in termini generali, che in tutto ciò
che si poteva servirlo, stesse certo, che lo si farebbe, e sarebbero
liberati coloro che non paressero colpevoli in delitti così gravi,
etc.[37]; non prese quindi alcuno impegno determinato, ed egualmente
fece allorchè più tardi il Nunzio glie ne parlò, dimostrandogli che
bisognava sempre mantener vivo il Pisano per riscontro delle cose
del S.^{to} Officio, anche quando i suoi Ministri non lo ritenessero
clerico, come non lo ritenevano perchè non avea nemmeno indossato
l'abito clericale «non ostante che mostrasse di haver preso gli anni
passati gli ordini minori»[38]. Il Vicerè non lasciò intendere la sua
opinione, e frattanto, con molta unzione, si diè premura d'intercedere
a Roma, perchè fosse assoluto il Principe di Scilla, già scomunicato
per l'affare di Marco Antonio Capito dal Vescovo di Mileto.

Ma in quanto a Maurizio, il 20 dicembre si andò per l'esecuzione; se
non che una circostanza affatto impreveduta la fece poi sospendere
per quel giorno. Massime il relativo documento da noi trovato
nell'Archivio de' Bianchi di giustizia, ed inoltre una lettera del
Residente Veneto, ce ne dànno sufficienti particolari. Giusta la
consuetudine, il condannato doveva uscire dalle carceri della Vicaria,
ed a spettacolo pubblico traversare una gran parte della città,
percorrendo la via oggi detta de' Tribunali, scendendo pel vico Nilo
(che perciò dicevasi «degl'Impisi» e fino a' giorni nostri fu detto
«Bisi»), per dirigersi di là alla piazza del Mercato, ovvero scendendo
per la via di Toledo e girando presso Palazzo (e ben s'intende che
qui si parla del Palazzo vecchio), per dirigersi alle adiacenze di
Castel nuovo. Maurizio fu egli pure tradotto dapprima alla Vicaria, e
poi di là, sopra un carro, certamente perchè inabilitato a muoversi
dietro le torture sofferte, facendo il lungo giro sopraindicato fu
tradotto «a vista del Castel novo»; ma giunto sotto la forca egli
dichiarò di voler rivelare ogni cosa, ed allora l'esecuzione fu
sospesa. Ecco come il fatto trovasi esposto nel Registro de' Bianchi
di giustizia: «et à di xx di xbre se andò in Vicaria con tutta la
compagnia, et uscì la giustitia sopra un carro, et essendo già sotto
la forca se risolse detto Mauritio confessare et rivelare li complici
della ribellione, et così non si eseguì la giustitia et ritornò in
Vicaria con essersi trattenuta la compagnia un pezzo dentro la chiesa
di Monserrato»[39]. Come mai Maurizio fece questa risoluzione? Egli
stesso nelle sue ultime rivelazioni a' Delegati del S.^{to} Officio,
sul punto di essere definitivamente condotto alla forca, lo spiegò
in questi termini: «Io sapendo che frà Thomaso si era esaminato
contra di me, havendo io avuto più volte la corda, non hò voluto
mai dire cosa alcuna contra di essi frati, è si bene poi hò ditto
la verità, è stato perche sono stato consigliato che era obligato a
dirlo per scarico dela mia conscientia, si come me hà ditto lo mio
confessore dela Compagnia di quelli che confortano quelli che si vanno
à giustitiare»[40]. Non altrimenti ne scrisse pure a Roma il Nunzio
medesimo quando era già cominciata la causa degli ecclesiastici, ed
egli, come Giudice di quella causa, poteva e doveva saperlo: «condotto
alle forche si risolvette à dire spontaneamente, et per scarico di
conscienza, tutto quello che sempre haveva negato nei tormenti»[41].
Inoltre, poco dopo l'accaduto, come vedremo più sotto, il Residente
Veneto ne fece relazione al suo Governo negli stessi sensi, aggiungendo
qualche altra circostanza degna di nota. Ma il Campanella, dapprima
nella sua Difesa che noi pubblichiamo, poi nelle Lettere del 1606-07
pubblicate dal Centofanti, da ultimo nella sua Narrazione pubblicate
dal Capialbi, riferì le cose assai diversamente, con circostanze che
meritano di essere ben chiarite, poichè ognuno comprende l'estrema
importanza del fatto, da cui, secondo la diversa interpetrazione,
riesce suggellata o invece scossa profondamente l'esistenza della
congiura o almeno la parte presavi dal Campanella. Dapprima dunque
nella Difesa asserì che Maurizio «volle vendicarsi di quanto fra
Tommaso scrisse in Castelvetere contro di lui», e che «ebbe speranza di
redimersi all' ultimo momento col far dichiarazioni contro fra Tommaso,
poichè così lo persuase _un certo fiscale_ in abito di confrate
promettendogli la vita sotto parola del Re come poi fra Tommaso udì
dalla bocca di lui» (queste ultime proposizioni furono aggiunte per
uso de' Giudici propriamente dell'eresia). Nelle Lettere al Papa, al
Card.^l Farnese, al Card.^l S. Giorgio, al Re di Spagna, rinforzò le
assertive anteriori scrivendo, che «sotto verbo Regio fecero confessar
a Mauritio mille bugie», che Maurizio «_per altra causa morendo sulle
forche_ persuaso dal falso fiscale e confessore tornò in prigione e
disse mirabilia et non subsistentia», che gli «fu promessa la vita
sub verbo regio che dicesse su la forca quel ch'in mille tormenti
negato havea», che «fu ingannato sotto parola della vita dopo molti
tormenti quando andava a morire e disse mille bugie»[42]. Infine
nella Narrazione, scritta tanto più tardi, espose i fatti con tanto
maggiore disinvoltura in questi termini. «Però vedendo esso Sances,
che non si potea verificare la ribellione, perchè Mauritio con torture
terribilissime in Calabria non havea confessato con tutto che Xarava lo
torturò un'altra volta dopo condannato e confessato, dicendoli ch'il
confessore era un secolare vestito di monaco per spiarlo: nè pur in
Napoli poi confessò tormentato di novo: si vestir di confrati bianchi
certi Consiglieri, _fingendo che volean farlo morire_: et esso Sances
con un Gesuino confessor del Vicerè, li promisero la vita in verbo
regio, se confessava la ribellione sopra la forca, perchè havesse color
di verità. E Mauritio _temendo morir de mandato regio perchè havea
ucciso un suo cugino et una femina, et andato sopra le galere turche_
per scampar la vita confessò sopra la forca quando andò _fintamente_
ad appiccarsi». Pur troppo questo garbuglio del Campanella è de' più
dolorosi, e si può intendere ma non si può assolvere che egli abbia
dovuto infamare Maurizio in tal modo. La condanna di Maurizio alla
morte, come convinto di ribellione, era stata pronunziata già una
volta in Calabria, e principalmente per colpa del Campanella medesimo;
nè bisognava affaticarsi perchè la ribellione acquistasse «color
di verità», quando il Campanella l'aveva così bene affermata nella
sua Dichiarazione dando anche la spiegazione precisa dell'andata di
Maurizio sulle galere turche, e già ad otto persone era stato inflitto
l'estremo supplizio per essa. Il confondere gli omicidii anteriori di
Maurizio col suo caso ultimo, il voler far credere che avrebbe potuto
scampar la vita confessando quella ribellione per la quale era condotto
alla forca, l'asserire che «andò fintamente ad appiccarsi» quasi che
non vi fosse stata una precedente condanna in tal senso, tutto ciò
è ben poco serio; ed egualmente è ben poco serio, o meglio iniquo,
il voler mostrare Maurizio divenuto vigliacco a un tratto, dopo le
splendide prove di fermezza da lui date, dopo gli splendidi attestati
del Campanella medesimo espressi già nella Dichiarazione e in sèguito
nelle Poesie. Può bene ammettersi nel Sances e nel Gesuita confessore
del Vicerè (P.^e Ferrante de Mendozza) ogni specie di tentativo per
indurre Maurizio a confessare la ribellione, ma non in Maurizio tanta
dose d'ingenuità da cedere segnatamente a quella specie di promessa
che il Campanella si fece a narrare. Quanto poi all'esservi stati
Consiglieri vestiti da confrati bianchi, i quali esercitarono la loro
influenza su Maurizio per farlo confessare, la cosa potrebbe ritenersi
nel senso, che qualche confrate addetto a confortare Maurizio allorchè
andava a giustiziarsi, per eccesso di zelo, abbia avuto premura di
suscitarne gli scrupoli e mostrargli la necessità di confessare per
salvarsi l' anima. Si potrebbe ritenerlo in astratto, poichè, come
ricordano i nostri Storici ed attestano varii documenti, non una volta
a quella benemerita Compagnia de' Bianchi furono mosse accuse di
questo genere ed anche di genere opposto, da' particolari ovvero dal
Governo, essendovi stato motivo di ritenere che i confrati avessero
spinto qualche condannato alle confessioni ovvero alle discolpe; ma
dobbiamo pure soggiungere che nel caso concreto Maurizio medesimo
ebbe più tardi a dichiararlo a' Delegati del S.^{to} Officio; se non
che sarebbe difficile sostenere essere stato spinto alla confessione
dolosamente e dietro manovre del Sances e del Governo. Per disgrazia
questa volta non abbiamo nemmeno i nomi de' confrati intervenuti, che
i Registri della Compagnia dànno sempre, specificando anche coloro i
quali hanno assistito il condannato all'ufficio, per la strada, alla
porta, alla scala o al talamo secondo le specie del supplizio: essendo
mancata l'esecuzione, non vi fu un annotamento apposito, ma vi fu la
seconda volta, quando l'esecuzione si compì, e non sarebbe troppo
arrischiato l'ammettere che pure la prima volta fossero intervenuti i
confrati medesimi. Laddove questa ipotesi dovesse ammettersi, potremmo
dire certamente non essere intervenuti Consiglieri nè Fiscali, essere
stati i due principali confortatori, che maggiormente avrebbero
avuto ad influire, il P.^e Palescandolo governatore della Compagnia
il quale avrebbe assistito Maurizio lungo la strada, e D. Scipione
Stinca egualmente sacerdote oltrechè dottore (ed avremo a vederlo più
tardi difensore officioso della maggior parte de' frati nella causa
dell'eresia), il quale avrebbe assistito Maurizio alla scala, dove
appunto egli dichiarò voler fare le sue rivelazioni: vi fossero poi
stati anche Consiglieri e Fiscali, si sa che la Compagnia ne annoverava
molti, insieme co' più distinti personaggi del paese[43]. Ad ogni modo
può dirsi certo che Maurizio non fu indotto a confessare da alcuna
ragione vituperosa, bensì da una ragione che può non essere stimata
giusta, ma non può non essere rispettata, tanto più che trovasi in
tutto conforme a' precedenti di lui. Da niuno fu detto mai, in quel
tempo, che avesse confessato per vigliaccheria o per capitolazione,
e fortunatamente abbiamo la relazione del Residente Veneto, la quale
ci fa conoscere assai bene i desiderii e le condizioni che Maurizio
espresse dopo la condanna e al momento dell'esecuzione; è superfluo
dire che vi si può credere senza riserve, non trattandosi di fatti
avvenuti fuori Napoli ovvero in segreto, pe' quali soltanto riesce
difficile aspettarsi l'esattezza dal Residente, come s'incontra in
realtà anche questa volta per talune circostanze che leggonsi in fine
del suo dispaccio. Eccolo questo dispaccio, che porta la data del 28
dicembre, e che, unito alle affermazioni del Nunzio sopra citate, ci
pare che venga a togliere ogni dubbio sul fatto in quistione. «Quel
Mauritio Rinaldi famoso per essere stato capo della congiura et non
meno perchè ogniuno sapeva, che dal signor Carlo Spinelli era stato
condannato di esser segato vivo tra due tavole, condotto di ordine
del Vicerè a' 23 del presente a vista del Castelnovo per dover essere
impiccato, et poi squartato, non havendogli giovato di offerire sei
mille ducati più di alcuni suoi beni liberi confiscati, per ottenere
che per non derogar al suo nascimento di nobiltà gli fosse solamente
tagliata la testa, giunto al luogo del supplicio, tutto converso a
Dio, disse, che havendo in questa sua prigiona sofferto in tre mesi
quaranta hore di corda, et altri tormenti per i quali si trovava tutto
attratto et quasi morto senza haver mai confessato alcuna cosa, haveva
à bastanza comprobato che egli per viltà non consentiva di mancar di
fede a' suoi collegati, ma che allhora, essendo all'ultimo cimento
dell'anima, per non seppelirla nell'Inferno voleva scoprir tutte le
cose trattate senza niuna conditione di salvarsi la vita. Fu però per
ordine di Sua Eccellenza trapposto più tempo alla sua morte, et hà egli
manifestate cose maggiori che non si sapevano, et nominato persone
di qualità per infette della heresia et della rebellione, onde, non
ostante gli ordini di Spagna che furono che si procurasse di poner in
silentio quanto prima questa materia, incominciano pur hora i processi
et le retentioni»[44].

Ripigliamo il racconto particolareggiato di quanto accadde, dopochè
Maurizio manifestò la risoluzione di voler confessare ogni cosa.
L'esecuzione fu sospesa ed egli venne ricondotto nelle carceri della
Vicaria, come ci fa conoscere il documento esistente nell'Archivio de'
Bianchi. Nè confessò sotto la forca, come risulterebbe dalla dicitura
poco precisa della Narrazione del Campanella ed anche di qualcuno de'
documenti per gli ecclesiastici conservati in Firenze, ma confessò
per lo meno il giorno dopo nel tribunale. Questo si argomenta da una
lettera del Vicerè, il quale trasmise subito a Madrid, il giorno
21, la risoluzione presa da Maurizio, ma solamente più tardi potè
annunziare che avea confessato «e molto bene», senza per altro dire i
particolari della confessione[45]. Si argomenta inoltre dall'ampiezza
della confessione medesima, la quale, scritta, occupò per lo meno 32
fogli, come si rileva da' numeri notati pei brani di essa inserti ne'
suddetti documenti conservati in Firenze. Aggiungiamo che da questi
documenti si rileva pure essere stato tale atto tenuto sciolto, ma al
sèguito del 3.^o volume del processo; la qual cosa si spiega benissimo,
considerando che erano stati già compìti tutti gli atti relativi a
Maurizio ed anche quelli relativi al Pisano, allorchè si ebbe la lunga
confessione del tutto inaspettata.

Ecco ora quanto sappiamo delle cose confessate da Maurizio, poichè
ne sappiamo appena quella parte che si trova inserta a brani ne'
documenti per gli ecclesiastici sopra citati, e quindi siamo ben
lontani dal possedere tutta intera la confessione[46]. Maurizio andò
una notte al monastero di S.^{ta} Maria di Gesù a Stilo, dove trovò
fra Tommaso ed altri; fra Tommaso parlò in lode delle armi e della
campagna. E mentre così parlava nella sua camera, fra Pietro di Stilo
entrava ed usciva. Di poi, egualmente a Stilo, in casa di D. Gio.
Jacovo Sabinis, vennero a trovarlo fra Tommaso, fra Dionisio e Gio.
Gregorio Prestinace, ma c'era gente e si parlò d'altro. Nella notte
seguente o in quella dell'indomani tornarono (Maurizio non ricordava se
ci fosse stato anche il Prestinace), e fra Tommaso cominciò a citare
esempî di uomini che dal niente erano diventati grandi, allegando
il Macchiavelli ed altri autori; animandolo alle armi disse che vi
sarebbero mutazioni, che egli voleva fare repubblica, che bisognava
trovare amici a questo effetto, e parlando contro la nuova numerazione
disse che le anime di Dio erano contate come animali bruti, che si
offendeva Dio, che quando David volle numerare il suo Regno, Dio non
gastigò David ma i popoli che si erano lasciati numerare. Maurizio
allora si offrì. C'era anche Giulio Contestabile, il quale stava
sempre insieme con fra Tommaso e non si scovriva perchè inimico a
Maurizio: ma durante la carcerazione nel Castello fra Tommaso avea
detto a Maurizio che Giulio con tutta la casa sua era consapevole. E
una volta, stando del pari in casa Sabinis, essendosi visti certi legni
in mare, fra Tommaso e fra Dionisio (Maurizio non ricordava se ci fosse
stato anche il Petrolo), dissero di volere scendere per trattare co'
turchi di questo negozio, e fra Dionisio si avviò con scusa di voler
andare a riscattare un suo fratello. Fra Tommaso intanto gli diceva
di stare in ordine e trovar compagni, non dovendosi perder tempo,
di avere già molti con lui, averne parlato a persone principali e
tra gli altri a D. Lelio Orsini; Maurizio disse non voler cominciare
nè portar gente, se prima non vedesse cominciata la guerra, e fra
Tommaso gli dimandò se quando si cominciasse a ribellare Catanzaro
non avrebbe accudito, ed allora egli acconsentì. Inoltre Maurizio gli
obiettò che non si potevano mettere ad un'impresa così grande senza
danari, e fra Tommaso gli disse che avea persone le quali li avrebbero
dati e specialmente sarebbero venuti dal Castello di Arena, di dove
Marcantonio Contestabile confidava poterli pigliare, la qual cosa fra
Tommaso gli confermò anche dopo la carcerazione. Si concluse di mandare
fra Dionisio là presente a Catanzaro, per cercare ed indurre gente a
far parte dell'impresa; e fra Dionisio vi andò, e al ritorno disse a
Maurizio in Davoli che avea trattato con alcuni gentiluomini, e gli
nominò Fabio di Lauro, Gio. Battista Biblia e il Barone di Cropani.
Risolverono poi di chiamare Gio. Paolo di Cordova e Gio. Tommaso di
Franza che Maurizio preferiva come uomini di valore, e Maurizio, a
consiglio di fra Tommaso, scrisse loro sotto colore di trattare della
loro natività: questi vennero con Orazio Rania a Davoli, ove Maurizio
si trovava in casa di D. Marco Antonio Pittella, e fra Tommaso vi
era venuto la notte precedente col Petrolo e Fabrizio Campanella;
l'indomani parlarono in S.^{ta} Maria del Trono, nel castagneto, e fra
Tommaso discorse delle prossime guerre e dell'utilità del trovarsi
pronti in armi, e trattenutisi più di due ore con fra Tommaso, dissero
di poi che fra Tommaso era un grande uomo ed avea parlato della loro
natività. Ancora fra Tommaso disse a Maurizio che v'intervenivano
Claudio Crispo e Gio. Francesco d'Alessandria, fra Gio. Battista
Pizzoni, e forse anche Giulio Soldaniero, ma Maurizio non si ricordava
bene se glie lo avesse detto prima o dopo la carcerazione; e voleva
che Maurizio fosse andato a Pizzoni, ma Maurizio non volle andarvi
ed andò invece il Petrolo. Fin da che si trattò del negozio con fra
Tommaso, fra Dionisio, Gio. Gregorio Prestinace e Gio. Jacovo Sabinis,
si stabilì che quando apparissero galere turche, o fra Tommaso, o
fra Dionisio, o il Petrolo, andrebbero a trattare co' turchi perchè
volessero dare aiuto e favore. E poi vi andò spontaneamente egli
stesso, Maurizio, senza alcuna missione del Campanella, o trattò con
Morat Rais detta ribellione, e al ritorno mostrò il salvacondotto a
Gio. Gregorio Prestinace, fra Tommaso Campanella, D. Marco Antonio
Pittella ed altri, a' quali disse ciò che avea trattato e conchiuso
con Morat Rais, o ne giubilarono lodandolo e dicendogli che avea fatto
assai di quello che desideravano; ben vero il Pittella non mostrò
contento come gli altri, poichè non era così addentro al negozio
come gli altri. E in somma conclusero tutt'insieme, Maurizio, fra
Tommaso e fra Dionisio, che quando costui avesse finito di trattare
ed avuto il consenso di quelli di Catanzaro, avviserebbe, e si
sarebbe pigliato espediente di effettuare la ribellione ed entrare in
Catanzaro, e fra Tommaso diceva doversi gridare libertà, scassinare
le carceri e ammazzare gli ufficiali.--Fu questa la confessione di
Maurizio, che abbiamo cercato di riordinare diligentemente secondo i
numeri de' folii notati per ciascun brano di essa, e l'analogia delle
circostanze espresse in ciascun brano. Facciamo subito avvertire, che
se la confessione apparisce addirittura acre verso il Campanella, fra
Dionisio, il Petrolo ecc., ciò avviene perchè i brani di essa a noi
pervenuti son quelli soli che il Mastrodatti sceglieva pe' riassunti
degl'indizii contro costoro: ma è facile comprendere che tutta intera
avrebbe un altro aspetto, senza per altro rimanerne alterati i fatti
sopra riferiti, mentre poi anche in questa parte a noi nota si vede
che Maurizio non risparmia punto sè stesso. Nè i fatti vi riescono
essenzialmente diversi da quelli esposti dal Campanella nella sua
Dichiarazione, essendovi solo la differenza che nella confessione di
Maurizio fra Tommaso risulta il motore fondamentale di ogni menomo
passo. Ora intorno a ciò basta considerare che non si sarebbe proceduto
nell'impresa, senza quelle tali profezie e previsioni di avvenimenti,
dapprima più lontani, poi divenuti imminenti, siccome il Campanella li
concepiva, e d'altronde si sconoscerebbe del tutto e il carattere, e la
posizione, e il credito del Campanella, quando si volesse pensare che
egli si fosse lasciato condurre invece di condurre; anche il contegno
suo nel carcere ci apparisce nè più nè meno che quello di un capo, sia
quando prosegue a discorrere di queste cose con Maurizio, sia quando
lo giudica, lo esalta o lo vitupera, come fa del resto con tutti gli
altri. Qualche lieve inesattezza nella successione de' fatti esposti
da Maurizio, qualche vacillamento di memoria, si spiega agevolmente
con lo stato della sua persona affranta e stritolata dalle torture.
Ma non v'è luogo ad ammettere che il Fiscale abbia profittato di una
simile condizione per fargli dire ciò che gli premeva che dicesse.
Vedremo l'altra confessione di Maurizio innanzi a' Delegati del
S.^{to} Officio, fatta oltre un mese più tardi, in un momento supremo
e lungi dall'influenza di Giudici d'ogni sorta, nella quale, benchè si
espongano cose di altro genere, non si nota la menoma dissonanza ed
invece si ha una sufficiente corrispondenza con le cose esposte nella
presente confessione; e questo ci pare un argomento fortissimo per
ritenerla del tutto vera.

La confessione di Maurizio, perchè acquistasse forza contro i
complici, come allora si costumava, venne ratificata con una nuova
tortura. Questa, secondo i procedimenti in vigore, dovè applicarsi non
più tardi del giorno consecutivo, leggendo _de verbo ad verbum_ tutte
le cose deposte, e facendo dichiarare al paziente sospeso alla corda
che egli le confermava _in omnibus et de omnibus_. Quindi, come fu poi
scritto a Madrid, parve bene al Vicerè, «avendone tenuto consulta col
Collaterale, di trattenere l'esecuzione di Maurizio sino a confrontarlo
con fra Tommaso Campanella»[47]. Credevasi allora che non dovesse
tardare di molto l'arrivo del Breve Papale, con cui veniva ad essere
costituito il tribunale della congiura per gli ecclesiastici; ma invece
esso tardò ancora, e frattanto il tribunale pei laici continuò nel
còmpito suo.

Le notizie ulteriori intorno all'opera di questo tribunale pei
laici sono tanto deficienti, che in verità non abbiamo troppe cose
a dire. Possiamo affermare con sicurezza che furono esaminati tutti
gl'inquisiti già carcerati, amministrando o ripetendo torture
più o meno crudeli a parecchi fra loro; oltracciò furono presi i
provvedimenti più gravi contro i contumaci, e il tribunale restò
aperto per varii anni. Il Campanella, mettendo insieme gl'inquisiti
ecclesiastici e i laici, nelle sue lettere del 1606-07, una volta
scrisse che vi erano stati 80 tormentati _ad pompam_, un'altra volta
scrisse che i tormentati erano stati quasi 100, ed aggiunse che
niuno avea confessato[48]; nella Narrazione poi ridusse di molto
queste cifre, e scrisse che «furo tormentati... da cinquanta e nullo
confessò cosa alcuna», nominando de' laici appena un Geronimo Politi
procuratore di fra Dionisio (nome nuovo) e taluni fra' rivelanti
tardivi di Catanzaro, Gio. Tommaso di Franza, Mario Flaccavento,
Tommaso Striveri. Or sapendo che furono tormentati non più di sei o
sette ecclesiastici, è facile vedere il numero de' laici tormentati,
per quanto le cifre suddette lo consentono; e ben s'intende che nessuno
di costoro confessò cosa alcuna relativamente a sè stesso, non già
relativamente al Campanella e a fra Dionisio. Massime que' tre di
Catanzaro sopranominati non poterono certamente contraddire le prime
loro deposizioni; e difatti anche nel processo di eresia ebbe a vedersi
più tardi Mario Flaccavento, insieme con Felice Gagliardo e con Camillo
Adimari, sollecitare Giuseppe Grillo perchè deponesse contro fra
Dionisio[49]. Il Campanella scrisse pure che lo Xarava diede a due de'
sopra nominati le cartelle «di quello haveano a dire»: evidentemente
le cartelle, se ve ne furono, doverono contenere il ricordo di ciò che
essi avevano deposto in Calabria. Da parte nostra possiamo aggiungere
soltanto il nome di qualche altro de' laici, che figurò pure nel
processo di eresia ed ebbe ivi occasione di far motto del tormento
sofferto: tale fu Felice Gagliardo, che disse avere avuto «a morire»
nella «seconda corda» che gli diedero in Napoli; ma ciò avveniva
abbastanza più tardi, nientemeno che verso il marzo 1602, onde rimane
dimostrato che tutto questo lavoro durò molto a lungo.

Circa i contumaci poi, dietro documenti da noi trovati nel Grande
Archivio, possiamo dire che non si mancò di venire alla «forgiudica»
per parecchi di loro, e non sempre in sèguito di indizii gravissimi.
Come abbiamo accennato altrove, con questa parola «forgiudica», parola
non giuridica ma di uso comune nel Regno, s'intendeva di costituire
gl'inquisiti fuori ogni adito al giudizio, ovvero di giudicarli fuori
giudizio, se a questo non si presentassero fra un certo termine; il
quale termine le Costituzioni del Regno prescrivevano dover essere
un anno, ma la licenza del Principe potea ridurre a pochi giorni e
perfino ad ore! Si pubblicavano i bandi per citare gl'inquisiti a
comparire personalmente «ad informare ed a' capitoli», e i bandi,
intrinsecamente mortali, erano connessi all'annotazione de' beni: fatta
poi e letta la sentenza, i rei si avevano per confessi, non potevano
appellarsi nè supplicare, nè erano ascoltati nella causa principale;
si ritenevano morti e i loro beni venivano confiscati, ognuno poteva
ucciderli impunemente e i loro cadaveri non potevano esser seppeliti,
potevano bensì, con certe regole, essere rilasciati per l'anatomia.
Del resto, tanto prima che dopo la sentenza, si potevano opporre non
poche eccezioni e capitoli, sia dagl'inquisiti medesimi, sia da' loro
consanguinei. Una prima lettera Vicereale concesse a Marc'Antonio
d'Aponte facoltà di dichiarare forgiudicati, con termine abbreviato,
parecchi che a relazione di lui e di D. Giovanni Sances erano stati
dichiarati contumaci _ad informandum et ad capitula_ nella causa della
«sedutione de congiura»: la lettera reca la data del 31 dicembre
1599. I contumaci erano: «Alexandro tranfo di tropea, Gio. francesco
d'alexandria di Monte lione, Marco ant.^o Contestabile di stilo,
Matteo famareda di Catanzaro, Geronimo baldaya di Squillace, pietro
paulo santa guida, Antonio verlino di S.^{ta} Caterina, francesco
antonio de lo Joyo di girifalco et Tolivio de lo doce de satriano»: il
Vicerè accordava «di possere abreviare il termine dela forgiudicatione
alli sopradetti contumaci, prefigendoli termine di giorni venti à
comparere... non obstante la constitution del Regno, che vole il
circolo dell'anno per possere declarare forgiudicati»[50]. Riesce
certamente notevole il non vedere compreso in questo elenco l'amico
intimo del Campanella e compare di Maurizio, Gio. Gregorio Prestinace:
ma venne più tardi anche la volta sua; abbiamo difatti rinvenuta
un'altra lettera nel senso medesimo, esclusivamente per lui, ma scritta
circa dieci mesi dopo la sopradetta, nell'ottobre 1600, e ciò conferma
che pure da questo lato il lavoro fu lungo[51]. Con ogni probabilità
non mancarono altre deliberazioni contro altri contumaci di Calabria:
le evidenti e sconfortanti lacune, che presentano le scritture
rimasteci nel Grande Archivio, ci autorizzano a ritenerlo. D'altronde
l'elenco soprariferito ci presenta non solo nomi d'individui de' quali
abbiamo avuto notizie più o meno ampie dagli Atti processuali che ci
sono rimasti, ma anche qualche nome d'individuo che ci riesce del tutto
nuovo. Non parliamo di Marcantonio Contestabile e di Gio. Francesco
d'Alessandria, citati ampiamente da moltissimi testimoni: ricordiamo
soltanto che il Famareda fu citato da Fabio di Lauro come particolare
amico ed ospite di Maurizio de Rinaldis, il Baldaia fu perquisito e
trovato possessore di una lettera di Maurizio a Gio. Francesco Ferraima
e di poi citato dal Vitale qual complice in colloquio con Maurizio e
raccoglitore di fuorusciti per conto di lui, il Dell'Joy fu citato dal
Biblia e poi dal Mileri come complice in colloquio col Campanella e fra
Dionisio, il Dolce fu citato dal Pistacchio come compagno di Maurizio
nell'andata a Davoli, il Santaguida fu citato da più testimoni come
uno degl'individui di S.^{ta} Caterina i quali salirono sulle galere
turche e vi rimasero più di un'ora, ciò che verosimilmente fece del
pari il Verlino (_leg._ Merlino) anch' egli di S.^{ta} Caterina. Ma
quell'Alessandro Tranfo non si rinviene citato da alcuno negli Atti
processuali in nostro potere finoggi, e ciò mostra che non conosciamo
davvero quanto si fece pe' laici, e che ve ne furono altri, forse
in numero ragguardevole, tuttora rimasti ignoti. Notiamo qui che
documenti da noi trovati ci mostrano questo Alessandro Tranfo, figlio
di Jacovo Giovanni Barone di Precacore (o Crepacore) e di S. Agata,
qualificato Barone egli medesimo poco dopo il periodo di tempo di
cui trattiamo, con ogni probabilità per «refutazione» fattagli dal
padre, il quale morì più tardi, nel 1611[52]. A tempo della congiura
avrebbe avuto appena 19 anni, e dovè essere di quelli ricercati da
Maurizio dopo il convegno di Davoli, allorchè Maurizio andò in giro
per parlare a Gio. Battista Soldano (egualmente di Tropea) e ad
altri. Insieme col Barone di Cropani, egli va compreso nel gruppo
dei «Baroni Provinciali», che secondo il Giannone parteciparono alla
congiura del Campanella «in numero ben grande», e non furono da lui
nominati nella sua Istoria civile per rispetto alle loro famiglie: noi
pertanto conosciamo solamente i due anzidetti, e dobbiamo dire che
ve ne furono senza dubbio parecchi altri. Dietro laboriose ricerche
siamo veramente pervenuti a sapere che varie famiglie dei carcerati
di Calabria possedevano feudi rustici, e basterà citare i feudi di
Guarna e Palermiti per gli Striveri, Pantano Pratovecchio e Tornafranza
pe' Susanna, Caiazza pe' Salerno, Montalto pe' Dolce, S. Andrea
con Turchisi e Caria pe' Vella imparentati mercè matrimonio a Gio.
Gregorio Prestinace; ma non ci consta che a que' tempi i possessori
di feudi rustici si fregiassero del titolo di Baroni, e ci sembra
chiaro doversi dire che più individui siano rimasti ignoti, avendo la
congiura, o almeno la repressione della congiura, avuto proporzioni
assai più larghe di quelle che siamo in grado di ammettere finoggi,
come per altro apparisce assai bene dall'estensione del territorio che
diede inquisiti. Del resto, se non sappiamo i nomi de' molti Baroni
propriamente detti, sappiamo che molti tra' carcerati appartenevano
a famiglie nobili riconosciute: basterà fare avvertire che tra' soli
carcerati di Catanzaro, oltre quelli sopra nominati, anche il Franza,
i due Cordova, il Famareda, il Giovino, appartenevano a «famiglie
nobili serrate», come rilevasi dal D'Amato, che ne fa distinta menzione
e ne offre i rispettivi stemmi[53].--Notiamo poi che il tribunale
di Napoli, coll'anzidetto elenco di forgiudicati, ci si mostra
più severo di quello di Calabria: poichè se pel Baldaia, lasciato
dapprima in pace, emerse la testimonianza posteriore del Vitale che
aggravò gl'indizii contro di lui, pel Merlino e pel Santaguida non
s'intende quali nuovi indizii fossero venuti in campo, mentre un altro
Santaguida ecclesiastico, come vedremo a suo tempo, fu incolpato dello
stesso fatto e subito apparve catturato senza fondamento. Dobbiamo
del resto aggiungere, che se fu spiegata tanta severità per alcuni,
nessun provvedimento risulta preso per altri non meno gravemente
indiziati, come in verità è accaduto sempre in tali faccende sino a'
giorni nostri. Ognuno p. es. crederebbe che i fuorusciti nominati dal
Campanella nella sua Dichiarazione scritta, i figli di Jacobo Grasso,
il figlio di Nino Martino, Carlo Bravo, i Baroni di Reggio, fossero
stati immancabilmente perseguitati; lo stesso si crederebbe p. es. per
Geronimo Camarda, colto nientemeno che in corrispondenza con Claudio
Crispo; invece documenti che abbiamo trovato intorno a tutti costoro
mostrano persecuzioni e catture pe' loro delitti comuni, senza che
sia mai citato il delitto di ribellione, onde si deve conchiudere che
da questo lato siano stati veramente lasciati in pace. Ma di ciò più
tardi, quando con la nostra narrazione giungeremo agli anni successivi,
ne' quali vedremo da una parte assoluzioni e rilasci, da un'altra parte
la cattura e l'invio in Napoli di taluno de' forgiudicati sopradetti e
del rispettivo manutengolo.

Sorgeva intanto il nuovo anno 1600, e il Breve Papale, per cominciare
a procedere contro gli ecclesiastici, non arrivava ancora. Come
dicevamo, durante l'aspettativa, il Vicerè aveva interceduto a Roma per
l'assoluzione del Principe di Scilla dalla scomunica che il Vescovo
di Mileto gli aveva già da un pezzo inflitta; in pari tempo aveva
sempre continuato ad insistere presso il Nunzio per la venuta del
Vescovo medesimo in Napoli. Da Roma fu presto data al Nunzio, fin dal
22 dicembre, la facoltà di assolvere il Principe, a patto che fossero
state già adempite tutte le necessarie condizioni. E il Principe venne
assoluto, e in tale occasione egli medesimo fece istanza che venissero
assoluti egualmente il suo Vice-Principe dottor Fabrizio Poerio e D.
Luise Xarava, i quali erano stati scomunicati insieme con lui. Questo
fu pure più tardi concesso, e con lungo giro eseguito pel Poerio,
mercè facoltà trasmessa all'Arcivescovo di Reggio, ma non risulta
che sia stato eseguito del pari per lo Xarava, il quale sappiamo che
assai più tardi, nel 1605, richiese al Gran Duca di Toscana che gli
ottenesse da S. S.^{ta} la dispensa da qualunque irregolarità commessa
pel passato[54]: così non a torto il Campanella scrisse essere stato
lo Xarava perseverante nella scomunica. Arrivava poi nella capitale,
la prima settimana del nuovo anno, il Vescovo di Mileto, che aveva
impiegato circa un mese per venirsene a tutto suo comodo da Calabria,
onde il Vicerè pretendeva doversi ritenerlo contumace. Una lettera del
Nunzio, in data 11 gennaio 1600, narra tutti i particolari dell'udienza
datagli dal Vicerè, essendovi lui pure intervenuto, e ci fa conoscere
gli appunti e le ammonizioni dal lato del Vicerè, e le discolpe e la
richiesta di un passaporto dal lato del Vescovo, con la conclusione del
rilascio del passaporto senza difficoltà. Uno degli appunti che riesce
importante per la nostra narrazione fu questo, che il Vescovo «desse
occasione di sospettar di lui, come haveva fatto adesso col difendere
qualch'uno di quelli che si pretendevono complici della ribellione
seguìta in Calabria; come era un Clerico Cesare Pisano, in favore del
quale si trovava fatto ex officio un Processo per Giustificatione del
suo Clericato per essimerlo dalla Corte Secolare quando si trattava
d'un negotio così grave». Il Vescovo disse «che il Processo del
Clericato di quel Cesare era stato fatto avanti si sapesse nulla della
congiura, ò ribellione, ad altro fine come poteva vedersi»[55]. Ma
finalmente, nella stessa data 11 gennaio, arrivò pure il Breve Papale,
e D. Pietro de Vera lo portò di persona al Nunzio. E già costoro si
disponevano a dare cominciamento al processo, quando il Vicerè, avuto
il Breve, e trovandosi ancora in Napoli il Vescovo di Mileto, diede
improvvisamente ordine che Cesare Pisano fosse giustiziato.

Il Pisano, secondo il solito, fu tradotto alle carceri della Vicaria,
e un documento, che abbiamo allegato al processo di eresia, ce lo
mostra il sabato 15 gennaio 1600 entro la cappella segreta di quelle
carceri, in presenza de' Rev.^{di} Orazio Venezia, Curzio Palumbo e
Geronimo Perruccio, ufficiali della Curia Arcivescovile appartenenti
alla Congregazione diocesana del S.^{to} Officio, alla quale, mediante
i Confrati bianchi, vicino ad essere giustiziato, egli avea fatto
istanza di voler confessare per disgravio della sua coscienza. La lunga
confessione che egli fece, e che secondo lo stile del S.^{to} Officio
è detta denunzia poichè in fondo con essa riusciva a denunziare sè
medesimo e gli altri, lo rivela turbato, confuso, in qualche punto
speciale contradittorio, ma nel complesso coerente in tutte le cose
di eresia che altre volte avea deposte, con qualche rettificazione
verso fra Dionisio, con qualche circostanza aggravante verso il
Campanella ed anche verso sè medesimo, riconoscendo di aver creduto
a quelle opinioni, la qual cosa aveva altra volta negata. I lettori
troveranno questa confessione riportata nella sua integrità tra gli
altri Documenti, e potranno scorgere le varianti in raffronto delle
deposizioni anteriori[56]; qui basterà citarne i punti più importanti
per la nostra narrazione. Intorno al Campanella, egli rivelò che fra
Tommaso, nelle carceri di Squillace, gli avea raccomandato di non
voler «ruinare li amici» col suo esame, quando non poteva salvare
sè stesso; che inoltre, a tempo della gita da Monasterace a Stilo
(cosa da lui precedentemente negata) fra Tommaso gli avea parlato
dell'analogia de' nostri corpi con quelli dei cavalli e giumente, e
della conversione delle anime nostre «in non essere» non trovandosi
inferno, purgatorio e paradiso, ma circa l'esistenza di Dio avea detto
dovergli bastare quanto gli aveano comunicato que' frati, essendo
cose troppo alte per poterle capire; infine accennò all'essere stato
visitato da fra Tommaso nelle carceri di Castelvetere a' primi tempi
della sua carcerazione. Intorno a fra Dionisio, revocò di aver saputo
da lui le cattive relazioni tra S. Giovanni e Gesù, ma non altro che
questo, e intorno a fra Bitonto e fra Jatrinoli non revocò nulla; che
anzi ripetè ancora una volta tutti i discorsi di eresie fatti da'
frati da lui accompagnati nelle gite a Bagnara e a Messina, e poi a
Stignano in casa Grillo etc., come pure i discorsi consimili da lui
stesso tenuti nelle carceri di Castelvetere col Gagliardo, che vi
partecipava, e col Santacroce, col Marrapodi e coll'Adimari, che egli
voleva indurre in quelle opinioni, delle quali infine si pentiva e
voleva far penitenza, vedendo «di havere da morire fra breve termino».
Tutto ciò dovè sembrare di troppa gravità agli ufficiali della Curia,
i quali non presero alcuna risoluzione; sicchè l'indomani, 16 gennaio,
intervenne il Vicario Arcivescovile in persona, Ercole Vaccari, che poi
troveremo come Giudice nella causa dell'eresia, e costui, fatta qualche
altra interrogazione, decretò che per rendere valida la deposizione
anche contro i complici «et ad omnem alium bonum finem et effectum»
fosse al Pisano amministrata la tortura con la corda per un ottavo di
ora. Ed immediatamente la tortura venne amministrata, ed i lettori
troveranno fra' Documenti il primo processo verbale di questo genere.
Spogliato, legato ed attaccato alla corda, di poi tratto in alto,
il Pisano dovè più volte dichiarare che le cose dette erano vere,
verissime; e soggiunse «lhò ditto per scaricarmi in tutto è per tutto
la conscientia, è per salvarmi l'anima, et se non l'havesse ditto, lo
tornaria a dire». Poi soggiunse ancora: «Monsignor mio, misericordia,
che hò ditto la verità, et sono quattro giorni che non hò mangiato, è
mi trovo debole»; ed allora, con la solita formola, il Vicario ordinò
che fosse deposto, che gli fossero accomodate le braccia e venisse
rivestito, quindi lo condannò come eretico formale, imponendogli
l'abiura ed alcune penitenze «in questo poco spacio di tempo di vita»
che gli rimaneva. La sentenza fu subito letta dal Mastrodatti della
Curia Gio. Camillo Prezioso, l'abiura fatta e sottoscritta dal Pisano
e l'assoluzione data dal Vaccari, nell'Audienza criminale della
Vicaria.--Ma in pari tempo anche i Confrati bianchi ricevevano dal
Pisano talune «esculpationi» intorno alla congiura, come ci mostra
il documento relativo alla sua esecuzione, e queste meritano bene di
essere ricordate[57]. In fondo il Pisano si ritrattava sul conto di
talune persone che avea nominate ne' tormenti sofferti in Squillace,
e negli «ultimi tormenti» sofferti in Gerace. In Squillace egli avea
dichiarato che il fratello di Orazio Santacroce avrebbe dato aiuto
«al trattato della rebellione», ed inoltre che avea parlato pure con
Geronimo Conia di detto trattato, e questo non era vero. In Gerace
avea dichiarato che i fratelli Moretti consentivano al trattato e che
fra Dionisio glie l'avea detto, come pure che Gio. Angelo Marrapodi
avea promesso di portar gente in aiuto, e tutto questo nemmeno era
vero.--Tali furono gli atti estremi del Pisano, che nel medesimo
giorno, malgrado fosse di Domenica, venne condotto al supplizio; ci
corre pertanto il debito di giudicarli. A rigore, la confessione delle
eresie potrebbe dirsi fatta con la speranza di suscitare direttamente
nel S.^{to} Officio la premura di avocare la causa al suo tribunale,
e quindi intercedere perchè l'esecuzione fosse sospesa; tuttavia il
tenore di essa è tale da poterla credere sincera, mostrando un uomo
per quanto turbato altrettanto scevro d'illusioni, mentre d'altra
parte tutta la vita anteriore di lui ce lo rivela di costumi tristi,
ma leggiero più che malizioso. Le discolpe poi intorno alla congiura,
le quali attenuano la responsabilità di parecchi ed anche esonerano
perfino fra Dionisio circa un punto speciale, non fanno motto nè
del Gagliardo, nè del Bitonto, nè del Jatrinoli, e però implicano
evidentemente una conferma dell'esistenza del concerto per la
ribellione: se non era vero che il tale e il tal altro vi avessero
avuta parte o che ve l'avessero avuta nella misura prima deposta, era
vero che vi avessero avuta parte in una misura più circoscritta e che
ve l'avessero avuta tutti i rimanenti. Di certo non gli era mancata
l'opportunità di disdirsi in tutto e per tutto, e gli sarebbe riuscito
tanto più facile il farlo in poche parole qualora la coscienza glie
l'avesse consentito. Dopo ciò bisogna dire che fu assai male informato
il Campanella, quando nella sua Narrazione scrisse che «il Pisano si
ritrattò più volte, e poi dicendo che l'heresia lo havea salvato,
lo fecero morir di domenica, avanti che si presentasse la bolla del
clericato per lunedì, e nella sua morte si scommosse il cielo el mare,
e s'annegaro 8 navi e galere in porto di Napoli». Che propriamente
nella notte del 16 gennaio, ed anzi sull'alba del 17, vi sia stato un
uragano, pel quale perirono in Napoli 7 navi e diverse altre egualmente
nelle spiagge vicine, è ricordato da' nostri Storici, e meglio anche
dagli Agenti di Toscana e di Venezia ne' loro Carteggi, e su ciò non
v'è nulla da dire[58]. Che l'esecuzione sia stata fatta di Domenica
per ragione non del Vicerè ma del S.^{to} Officio, si rileva da quanto
abbiamo narrato con la scorta de' documenti autentici ed anche dal
documento de' Bianchi che dice: «a questa giustitia andò la compagnia
il sabato prima 15 del mese et aspettò sino a 2 hore di notte, et poi
fu licenziata per non possere l'afflitto essere assoluto del s.^{to}
officio». Che non la bolla ma l'informazione del clericato abbia dovuto
già essere stata esibita al tribunale innanzi questa data, si è visto
dall'averne il Vicerè fatto perfino un appunto al Vescovo di Mileto.
Che infine il Pisano non siasi ritrattato mai, ed invece con una
desolante persistenza abbia ripetuto, più o meno, le cose dell'eresia
e della congiura innanzi qualsiasi tribunale, è accertato da tutti gli
esami e rivelazioni che di lui possediamo, e precisamente nella persona
di lui la raccolta che possediamo è completa.

I particolari del supplizio del Pisano ci vengono forniti dallo
stesso documento dell'Archivio de' Bianchi. Col lunghissimo giro
altrove accennato, dalla Vicaria «s'andò per palazzo»; e si eseguì
la «giustitia per ordine di S. E. ad appiccare et squartare vicino
la guardiola del Castello». Anche nelle scritture di S.^{to}
Officio relative alle persone di questa causa, troviamo che Felice
Gagliardo, menzionando Cesare Pisano, lo disse «giustitiato al
largo del Castello»[59]. Così quest'infelice giovane, di 26 anni,
servì di spettacolo non solo al popolo della fedelissima città, ma
anche a' suoi compagni di sventura, che dalle carceri del Castello
doveano vederlo. E meritano pure di essere notate ed interpetrate due
circostanze che si trovano riferite dal Residente Veneto[60]. La prima,
che il Vicerè fece affrettare l'esecuzione, poichè il Pisano nelle
carceri avea disegnato di avvelenare Maurizio, il quale continuava a
svelare il negozio della congiura; e fu questa verosimilmente una voce
sparsa dal Governo medesimo, per giustificare un abuso giurisdizionale
aggravato anche dal modo tenuto. La seconda, che il Pisano, essendo
prete, fu impiccato in abito di prete; e questa circostanza dovè esser
vera unicamente nel senso che si fece andare il Pisano al patibolo col
ferraiolo nero di clerico; poichè non solo trovasi attestato dalla
lettera del Residente il fatto dell'impiccato coll'abito di prete,
ma anche trovasi riferito da tutti gli Avvisi del tempo essere stato
impiccato un sacerdote, anzi lo stesso Campanella, ciò che significa
esservi stata tale credenza, originata verosimilmente dal fatto
dell'abito, che va interpetrato come uno sfregio inflitto al potere
ecclesiastico.--Per certo il Nunzio ebbe a rimanere duramente deluso
nella sua aspettativa intorno al Pisano, e non se ne potè neanche
lagnare immediatamente in Corte, essendosene il Vicerè andato fuori
Napoli: ne fece bensì risentimento con D. Giovanni Sances, e ne diè
conto al Card.^l S. Giorgio con la sua lettera del 21 gennaio, senza
far motto della circostanza dell'abito di clerico fatto indossare al
Pisano. Più tardi potè parlarne al Vicerè, il quale disse che di queste
cose se ne rimetteva a' suoi ufficiali e che non avea saputo nulla
di tale esecuzione; ed al Nunzio parve che le sue lagnanze avessero
lasciato il Vicerè «confuso» e perciò si era espresso in quel modo
«punto verisimile»! Per non intralciare la narrazione, aggiungiamo che
ancora più tardi ne dovè dar conto egualmente al Card.^l di S.^{ta}
Severina, il quale glie ne scrisse inculcando di risentirsene; ed egli
fece del pari conoscere di averne già parlato al Vicerè, e di essergli
stato da lui risposto «che non haveva saputa tal esecutione», come pure
di averne parlato a' Ministri e di esserne costoro «rimasti confusi
ad ogni modo»[61]. In verità bisogna dire che il Nunzio non rifuggiva
dai concetti più arrischiati, quando si trattava di scusare la sua non
rara indolenza in queste materie così delicate, che egli aveva per lo
meno il torto di mettere allo stesso livello de' negozii ordinarii. Due
volte la Compagnia de' Bianchi era andata in Vicaria pel Pisano, due
volte il S.^{to} Officio si era trattenuto col povero condannato, e il
Nunzio non ne avea saputo nulla. Il vero è che egli soleva scansare ad
ogni costo le imprese laboriose: così avea fatto pel Caccìa, così fece
pel Pisano, così lo vedremo fare anche in qualche altra occasione.


III. Intanto, dietro l'arrivo del Breve Papale, il tribunale della
congiura per gli ecclesiastici si costituiva, e sollecitamente
cominciava a funzionare. L'11 gennaio il Breve era stato presentato
al Nunzio da D. Pietro de Vera e letto da entrambi; il 16 la nomina
del medesimo D. Giovanni Sances per fiscale e di Marcello Barrese per
Mastrodatti fu trasmessa ufficialmente, da parte del Vicerè, a D.
Pietro de Vera con l'incarico di comunicarla al Nunzio; il 18 si tenne
la prima seduta. Queste date risultano dagli Atti che si conservano in
Firenze, posti al sèguito del Breve, parzialmente anche dal Carteggio
del Nunzio, e dal Carteggio del Vicerè, infine da un documento che
abbiamo rinvenuto nell'Archivio di Stato[62]: ma prima d'inoltrarci
nella narrazione di ciò che si fece nel tribunale, non sarà inutile
dare un'occhiata al Breve. Esso vedesi diretto al Vescovo di Troia
Nunzio Apostolico e a Pietro de Vera Consigliere, e reca la data
dell'8 gennaio. Con quella dicitura contorta e stentata di Marcello
Vestrio Barbiano Segretario de' Brevi, e con quel piglio altiero ed
ingiurioso tanto comune ad incontrarsi ne' documenti della Curia,
Clemente VIII comincia dal ricordare la partecipazione avuta «pocofà»
dal Vicerè, che taluni frati e clerici «figli dell'iniquità» aveano
cospirato nello Stato del carissimo figlio Filippo e trattato di dare
la Calabria «nelle mani de' turchi nemici del nome cristiano», e la
dimanda dello stesso Vicerè, che si fosse degnato di provvedere con la
benignità Apostolica perchè i parecchi carcerati avessero il meritato
gastigo; ond'egli stimando que' «ribaldi e sediziosi uomini indegni
dell'immunità e libertà ecclesiastica», concede alla fraternità del
Vescovo, e alla discrezione di Pietro, facoltà di esaminare carcerati
e carcerandi, complici, testi etc. Finquì ognuno avrà notato quel
«pocofà» da doversi riferire a tre mesi indietro, una definizione della
congiura che la Curia sapeva da un pezzo non esser la vera con qualche
sospetto che la congiura medesima fosse destituita di fondamento,
inoltre una durezza estrema di linguaggio verso individui i quali
tuttora non erano che semplici imputati: si faccia un confronto col
linguaggio tenuto dal Vicerè nell'istituire il tribunale pe' laici
(Doc. 209 p. 109) e si vegga la differenza. Ma cosa voleva dire
quell'essere i ribaldi e sediziosi uomini indegni dell'ecclesiastica
immunità? Era forse un tribunale laico quello che s'istituiva per essi?
Senza dubbio si derogava ai Canoni e alla procedura ordinaria, massime
coll'intervento del Fiscale Sances e del Mastrodatti Barrese, individui
laici nominati dal Vicerè; ma coloro i quali doveano in ultima analisi
giudicare e sentenziare erano sempre il Nunzio, giudice naturale
segnatamente de' frati, e il de Vera clerico, proposto dal Vicerè ma
nominato giudice dal Papa, e quindi funzionario Papale, precisamente
come p. es. erano i Vescovi proposti dal Governo e nominati dal Papa
senza potersi dire perciò funzionarii Governativi. Difatti «Commissarii
Apostolici, Delegati Apostolici», si dissero poi sempre il Nunzio e
il De Vera, e solo per le facoltà avute direttamente dal Papa essi
furono in grado di esaminare gl'imputati, prescrivere i tormenti,
emettere le sentenze; se il Campanella in sèguito pose sempre innanzi
il Sances e le sue crudeltà, è chiaro che lo fece unicamente per
mettere nell'ombra le persone e le crudeltà de' Commissarii Apostolici
de' quali non gli conveniva sparlare. Si chiami dunque «tribunale
misto» il tribunale creato col Breve, ma s'intenda bene la costituzione
sua, e non se ne sconosca la natura al punto da attribuire al Governo
Vicereale ciò che esso fece: sicuramente esso fu costituito in modo da
dover servire in tutto e per tutto il Governo Vicereale, ma rimanendo
pur sempre un tribunale i cui Giudici funzionavano in nome del Papa,
coll'autorità avuta dal Papa. Non meno importante poi riesce il notare
l'estensione de' poteri accordati a questi Giudici verso gli inquisiti:
concediamo, diceva il Breve, facoltà «di sottoporli alla tortura ed
altri tormenti giusta le disposizioni del dritto,... di procedere fino
alla sentenza _esclusivamente_, e di consegnare e rilasciare alla Curia
secolare, senza pericolo di censure.., colpiti dalle condegne pene
giusta le sanzioni canoniche coloro i quali a voi sia constato essere
legittimamente convinti e confessi». Ecco un abbandono insolito di ciò
che le Autorità, tanto ecclesiastiche quanto laiche, ordinariamente
si riserbavano; ma si noti che i Delegati potevano agire fino alla
sentenza di condanna «esclusivamente», sicchè quando una tale sentenza
si fosse dovuta emettere, sarebbe occorsa l'approvazione del Papa. Con
ciò risulta chiarita anche meglio la natura del tribunale; e s'intende
che l'approvazione del Papa non sarebbe mancata, ma s'intende pure
che per salvare l'apparenza della superiorità ecclesiastica, il Papa
consentiva ad assumere di dritto la responsabilità di ciò che sarebbe
avvenuto, mentre abbandonava di fatto gli ecclesiastici inquisiti
all'influenza prepotente del Governo Vicereale; non si neghi dunque
tale responsabilità, e si riconosca questo abbandono del Campanella
e socii fin dal momento della istituzione del tribunale col detto
Breve.--Poniamo qui che il Campanella, nella sua Narrazione e poi
anche in una delle sue lettere pubblicate dal Baldacchini[63], disse
questo Breve «sorrettitio ch'esponea ribellione», ed affermò che
«el S. Papa Clemente 8.^o donò licenza che si facesse questa causa
nelli carceri regi per confrontar li frati con li laici carcerati e
mostrar che lui non era consapevole». In verità la concessione del
Breve fu indipendente dal fatto della confronta, che venne in campo
più tardi; quanto poi all'esporre ribellione, certamente il Breve non
poteva esporre altro, e solamente avrebbe potuto esporla in migliori
termini; sappiamo poi che già da un pezzo il Governo Vicereale si era
mostrato o aveva finto di mostrarsi persuaso che il Papa non fosse
consapevole della congiura. Assai meglio di questo avrebbe potuto il
Campanella dire intorno al Breve; ma, come sempre, nelle parole di lui
bisogna leggere lo sforzo costante di appoggiarsi a qualunque specie di
argomento, e al tempo medesimo di non dare motivi di disgusto al Papa,
dal quale soltanto potea sperare la sua liberazione.

Dicevamo che il 17 e 18 gennaio si tennero le prime sedute del
tribunale. Probabilmente il 17 si tenne seduta preparatoria facendo
la rassegna degli Atti raccolti a carico degl'inquisiti, ma il 18 si
produsse il rescritto Vicereale che nominava il Sances e il Barrese, e
si deliberò di conservarlo ed eseguirlo, quindi si dovè subito metter
mano all'interrogatorio del Campanella: così venne iniziato il 4.^o
ed ultimo volume di tutto il processo, consacrato appunto alla causa
della congiura per gli ecclesiastici. La «deposizione» del Campanella
è solo menzionata negli Atti esistenti in Firenze, e ciò si spiega
con la circostanza che essa risultò negativa: quegli Atti per altro
mostrano che si estese dal fol. 3 a 9 del volume e quindi fu molto
lunga[64]. Una lettera del Nunzio, in data del 21 gennaio, fa conoscere
precisamente che il Campanella negava, e che forse l'indomani si
sarebbe fatta la confronta: «sono stato, egli dice, già due volte con
il Sig.^r D. Pietro di Vera in Castello, et essaminato (_sic_) fra
Thomaso Campanella il quale stà sù la negativa, ma hà tanti che gli
testificano contro, de' quali forse domani si farà la confrontatione,
che credo bisognerà si risolva à dir il fatto come stà circa la
congiura, et ribellione». Ma la confronta si fece solamente il giorno
23 gennaio, come risulta da una lettera del medesimo Nunzio scritta
l'indomani, e non vi furono altri Atti fra l'esame del Campanella e
la confronta, vedendosi questa occupare nel volume il fol. 10 ed 11,
come è notato negli Atti sopra menzionati. Si ricominciò coll'esame
del Campanella rammentandogli la Dichiarazione da lui scritta, ed
egli, secondo il Nunzio, la negò egualmente, ed allora si venne alla
confronta; ma forse il Nunzio volle dire che negò la ribellione della
quale aveva altra volta scritto, e non deve far meraviglia questa
distrazione da parte del Nunzio, che sempre, così nella causa della
congiura come in quella dell'eresia, lasciò fare a' suoi colleghi,
intervenendo solo in qualche occasione nella quale gli pareva che
potesse «far conoscere la superiorità ecclesiastica». Ecco come egli
riferì il fatto nella sua lettera del 24 gennaio. «.. Hieri stando
pur frà Thomaso Campanella sù la negativa, etiam d'una narratione
del fatto scritta di sua mano sin nel principio che fu preso, se
gli condusse à petto, et per riscontro cinque, et particolarmente
un' Mauritio de Rinaldi che fù quello che condotto alle forche si
risolvette à dire spontaneamente, et per scarico di conscienza, tutto
quello che sempre havea negato nei tormenti, il quale disse sul viso
à detto Campanella il trattato della Ribellione che havevano havuto
insieme, e che per questo era stato sù le Galere Turchesche, e tutto
quello ch'era seguito; et egli pure stette sù la negativa, onde il
fiscale fece instanza che si venisse à tortura»[65]. Prima d'inoltrarci
nell'incidente della tortura, dobbiamo dire che se nel giorno suddetto
vi furono soltanto cinque confronte come il Nunzio asserì, ve ne furono
di poi altre due, poichè sette ce ne mostrano fuori ogni dubbio,
successivamente avvenute, gli Atti esistenti in Firenze; da' quali
apparisce pure che queste confronte non durarono a lungo, occupando
appena il fol. 10 ed 11 del volume[66]. Difatti, secondo la procedura
che costantemente accade d'incontrare in qualunque processo del tempo,
s'introduceva il teste, gli si deferiva il giuramento in presenza
dell'inquisito, gli si dimandava se conoscesse costui, e verificatosi
che lo conosceva, gli si dimandava in termini generali se le cose che
avea deposte contro di lui fossero vere; ed allora, riuscendo negativa
la confronta, mentre il teste diceva che tutto era vero, verissimo,
l'inquisito diceva che non era vero, che tutto era bugia, che il teste
ne mentiva per la gola; così la confronta finiva in pochi momenti. I
sette confrontati furono, oltre Maurizio, Gio. Tommaso di Franza, Gio.
Paolo di Cordova, Tommaso Tirotta, Felice Gagliardo, Geronimo Conia,
fra Silvestro di Lauriana. Le parole del Nunzio sopra riportate ci
mostrano che Maurizio, alla presenza del Campanella, non dovè limitarsi
alla semplice rafferma della sua confessione in termini generali, ma
trasportato dal suo zelo per l'anima dovè rammentare qualche cosa del
progetto e de' preparativi di ribellione, e segnatamente dell'andata
sulle galere turche deliberata d'accordo con lui. Quanto a Gio. Tommaso
di Franza, Gio. Paolo di Cordova e Tommaso Tirotta, evidentemente la
loro confronta dovè servire a raffermare il fatto del convegno di
Davoli e de' discorsi ivi tenuti; quanto a Felice Gagliardo e Geronimo
Conia, la loro confronta dovè raffermare segnatamente il fatto della
visita del Campanella a Cesare Pisano nelle carceri di Castelvetere
e le parole ivi scambiate, giacchè vedremo essere stato questo uno
dei principali capi dell'accusa che il fiscale scrisse contro il
Campanella. Infine quanto al Lauriana, la sua confronta dovè raffermare
il fatto del convegno di Pizzoni e delle parole del Campanella ai
congregati, ed è manifesto che al cospetto de' Giudici caddero tutti
i proponimenti di ritrattazione che il Lauriana aveva esternati al
Campanella. Vedremo altre confronte di altri inquisiti col Campanella
nel tratto successivo: intanto già fin dalle prime confronte il fiscale
dimandò a' Giudici che si ordinasse di amministrare la tortura, ma il
Nunzio volle che prima se ne informasse S. S.^{tà} per ottenerne la
licenza.

Ecco in che modo il Nunzio riferì questo incidente. «.. Il fiscale fece
instanza che si venisse à tortura, et mettendogli io in consideratione
che se il detto Campanella domandava la copia delli inditii non vedevo
come se li potessero negare, disse, e mostrò che secondo l'uso della
Vicaria e di tutte l'udienze di Regno, ne casi così enormi si veniva
à tortura per il processo informativo.., et che anche questo si era
fatto nell'ultimo caso di ribellione dove intervenne un deputato dalla
sedia Apostolica et che me lo mostrerebbe; gli replicai che era più
espediente saper sopra questo il comandamento di S. S.^{tà} che ne può
dispensare, et però mi son risoluto à scriverne per la staffetta, tanto
più quanto intendo che questo medesimo è stato usato dalli Offitiali
dell'Arcivescovato in casi d'importanza, et è stato ottenuto licenza
di poter venire à tortura nel processo informativo senza farne altra
copia, che certo conosco che in questo negotio sarebbe cosa di molta
difficoltà, e lunghezza, ma non voglia (_sic_) consentire à nulla di
straordinario secondo l'uso di quà senza particolare ordine il quale
desidero quanto prima, acciò il negotio si possa tirar avanti conforme
al desiderio del sig.^r Vicerè». Abbiamo voluto riportare per intero
questo brano di lettera, per potere ben valutare l'incidente. Da esso
si dovrebbe inferire che fosse ben poca nel Nunzio la conoscenza del
dritto e la pratica del tribunale, mentre pure ne presedeva uno e di
non poco rilievo. Poichè se la Curia Arcivescovile ne' casi importanti
doveva ottenere licenza da Roma per amministrare la tortura durante il
processo informativo, senza dare all'inquisito la copia degl'indizii,
ciò accadeva perchè ne' casi importanti la Curia Romana voleva essere
intesa di tutto, e dirigere essa medesima il processo in ogni sua
parte. D'altronde l'amministrare la tortura durante il processo
informativo non era un uso particolare di Napoli, bensì un principio
riconosciuto da tutti i Giuristi, ogni qual volta si trattasse di casi
gravissimi e specialmente di lesa Maestà. Adunque la tortura dimandata
dal fiscale, nel caso del Campanella, non usciva da' limiti del dritto
e delle facoltà date dal Papa a' Giudici col suo Breve, essendovi
tra le altre quella di poter sottoporre gl'inquisiti «alla tortura
ed altri tormenti giusta le disposizioni del dritto». Non potendosi
ammettere nel Nunzio tanta ignoranza del dritto, bisogna piuttosto
conchiudere che egli abbia voluto dar prova di saper sostenere la
superiorità ecclesiastica, mostrando che in tutto si doveva dipendere
da Roma; e con ciò non giovava alla causa del Campanella e socii, ma la
danneggiava senza dubbio, poichè rinfocolava la sorda diffidenza della
Corte di Napoli verso quella di Roma nella faccenda de' frati. Bisogna
tener presenti queste cose, poichè esse influirono certamente sulla
condotta ulteriore del Governo Vicereale.--La richiesta della nuova
facoltà per dare la tortura al Campanella fu subito fatta dal Nunzio,
mediante una staffetta spedita dal Vicerè, e si ebbe cura di farla in
modo da comprendervi anche gli altri, che il Nunzio in una sua lettera
di sollecitazione, in data del 4 febbraio, qualificava «inditiati per
non dir convinti». Naturalmente la richiesta venne accordata senza
la menoma difficoltà, trattandosi di una quistione di forma, non di
sostanza; ma la lettera che l'accordava si fece attendere alcuni giorni.

Intanto il tribunale non perdeva tempo. Dopo l'esame e le confronte
suddette del Campanella, immediatamente dopo, si venne all'esame di fra
Dionisio, come si rileva dal trovare la deposizione di costui, negli
Atti conservati in Firenze, notata col fol. 12 del volume[67]: anche
di essa per altro quegli Atti non dànno che la semplice menzione, e
certamente perchè risultò del pari negativa. Se non c'è una lacuna,
del resto poco notevole, nelle notizie dei folii del volume, dopo fra
Dionisio fu esaminato fra Gio. Battista di Pizzoni. Dichiarazioni
fatte più tardi nel processo di eresia massime da fra Dionisio[68],
quindi ripetute dal Campanella nelle sue Difese[69] e poi ancora nella
Narrazione, tenderebbero a far credere che le cose fossero passate nel
modo seguente. Il Pizzoni dapprima si ritrattò, onde fu posto in una
fossa, dove col carbone scrisse sul muro il suo nome aggiungendovi
«positus ut dicat mendacium ad instantiam fiscalium»; ma il Lauriana
dalle carceri del civile, dietro il consiglio di un dottore Domenico
Monaco, che là si trovava e che aveva consigliato lui stesso a non
ritrattarsi perchè sarebbe stato punito come falsario, potè con lo
stesso argomento indurre il Pizzoni a revocare la ritrattazione; così
uno o due giorni dopo costui dimandò di essere udito di nuovo e revocò
quanto avea dapprima ritrattato. Di tutto questo non si ha veramente
notizia negli Atti sopra citati; solo vi si trova l'esame del Pizzoni
qualificato «deposizione ultima di fra Gio. Battista che accetta quella
fatta innanzi al Vescovo di Gerace», e da ciò potrebbe desumersi che
le suddette dichiarazioni esprimessero il vero. Ma dobbiamo notare
che possediamo tale deposizione di fra Gio. Battista integralmente
riportata nel processo di eresia, perocchè venne trasmessa in copia
dall'uno all'altro tribunale, e non vi scorgiamo alcuno indizio di un
esame anteriore che con essa il Pizzoni si facesse a revocare[70]. La
deposizione porta la data del 29 gennaio. I Giudici dimandano dapprima,
«come si ritrova esso deposante carcerato in questo Regio Castello», ed
egli dichiara come e quando e da chi venne carcerato in Calabria «acciò
deponesse... contra fra Thomase Campanella et fra Dionisio Ponsio de le
cose, che esso deposante havea denuntiato tanto al'Avvocato fiscale di
Calavria in scritto quanto per lettre al Generale»: poi, dietro altre
dimande, dice di essere stato già esaminato dal Visitatore ed anche dal
Vescovo di Gerace e si rimette a questi esami, spiega come non depose
già per timore ed insiste ad atteggiarsi a denunziante, rettifica la
parola «complici» che fu scritta nel suo esame a proposito degli altri
frati da lui nominati, nega assolutamente di aver mai consentito alla
ribellione, dicendo che piuttosto vorrebbe gli «fosse stata tagliata
la lingua». Vedremo or ora che ben diversamente fu redatto il processo
verbale dell'esame del Petrolo, il quale davvero prima si ritrattò e
poi revocò la ritrattazione: ad ogni modo, la deposizione del Pizzoni
che rimase e servì nello svolgimento ulteriore del processo fu quella
sopradetta.--Non appena raccolta tale deposizione, fu immantinente
chiamato il Campanella per fare la confronta, e come sempre era
avvenuto, il Pizzoni disse che era vero quanto avea dichiarato nelle
sue deposizioni contro di lui, e il Campanella disse che egli mentiva
per la gola. Si passò allora alla confronta del Pizzoni con fra
Dionisio; quindi si fece la confronta del Lauriana con lo stesso fra
Dionisio, e il risultamento fu sempre identico, come si rileva dagli
Atti che pubblichiamo tra i Documenti[71].

Nel giorno medesimo 29 gennaio si venne anche all'esame di fra
Domenico Petrolo, e costui positivamente si ritrattò, ma poi revocò la
ritrattazione aggravando fuor di misura la condizione del Campanella.
Possediamo egualmente questi Atti nella loro integrità, giacchè vennero
inserti in copia nel processo di eresia[72]. I Giudici dimandarono, al
solito, come e perchè egli si trovasse carcerato, e il Petrolo rispose
che credeva essere stato carcerato per deporre contro il Campanella:
poi, dietro altre dimande, rispose di aver deposto che il Campanella
volea ribellare la provincia di Calabria coll'aiuto de' turchi e de'
fuorusciti, di averlo deposto a suggerimento di fra Cornelio, che
lo persuase di dirlo per non essere maltrattato in Calabria e venir
rimesso a' proprii superiori; quindi espose tutte le circostanze
della sua fuga insieme col Campanella temendo che Maurizio volesse
ammazzarlo, tutte le circostanze della loro cattura e carcerazione. Ma
i Giudici gli obiettarono che avea deposto spontaneamente e poi avea
ratificato la deposizione innanzi al Vescovo di Gerace, ed egli rispose
che non avea ratificato nulla e che quanto avea deposto non era vero;
infine gli dimandarono se era vero che avesse concertato col Campanella
di ribellare la Calabria e farla repubblica, ed egli rispose, «non è
vero, Giesù»! Si può ritenere per certo che i Giudici fecero allora
porre il Petrolo nella fossa, onde egli ben presto si raccomandò al
carceriere, dicendo che volea manifestare la verità.--Così nella
seduta del 31 gennaio il Petrolo fu sottoposto a un nuovo esame; e nel
processo verbale trovasi consacrato che, essendo venuti i Giudici, il
carceriere fece loro intendere il desiderio del Petrolo, e che costui
tradotto nel luogo dell'Audienza ed interrogato se volesse manifestare
la verità come avea dichiarato, disse di avere negato il primo esame
per le minacce fattegli dal Campanella a nome suo ed anche a nome di
fra Dionisio in più circostanze. E cominciò dal riferire i motti latini
scambiati tra il Campanella e lui durante il tragitto da Squillace
a Gerace, la cartolina mandatagli dal Campanella appunto in Gerace,
l'ambasciata fattagli a Monteleone per mezzo del Pisano, le parole
direttegli in Napoli dalla finestra del carcere; inoltre riferì le
sollecitazioni avute perchè deponesse falsamente contro Mesuraca, il
Principe della Roccella e Giulio Contestabile, e concluse che dubitando
di poterne aver danno si era ritrattato. Lettogli quindi il primo
esame, lo confermò, rettificando ed aggiungendo qualche cosa pur sempre
a carico del Campanella ed a scusa propria. Così disse che solo il
Campanella gli avea manifestato più liberamente doversi far ribellare
Catanzaro, ma «lo dì prima della cattura»; che poi «alla Roccella» gli
avea manifestato aver lui, il Campanella, questi pensieri nello stomaco
da tredici anni e fin d'allora averli comunicati a fra Dionisio, avere
inoltre mandato fra Dionisio alla Piana per mettere in ordine la gente
e i fuorusciti, infine venire per lui trenta vascelli turchi dietro le
trattative fatte da Maurizio, con altre circostanze relative a' fatti
e detti di que' giorni. Interrogato aggiunse pure che il Campanella
avea detto bastargli essere amico di Maurizio perchè i turchi non lo
facessero schiavo; ed aggiunse inoltre spontaneamente, che una volta
in Stilo essendosi il Campanella vantato di aver fatto nominare dodici
Vescovi, ed avendogli lui detto «piacesse a Dio che tu fossi fatto
Cardinale per fare bene a noi altri», il Campanella avea risposto, «io
Cardinale? io voglio fare altri Cardinali, et non aspettare che me
faccino à me». Fu questa la deposizione ultima del Petrolo, la quale,
come ben si vede, riassumeva in brevissimi tratti perfino la storia
de' disegni del Campanella, senza tralasciare nemmeno di far capire
l'altissimo grado che egli si riserbava nel nuovo Stato da doversi
fondare: e comparando i fatti accennati dal Petrolo con quanto sappiamo
da tutti gli altri fonti, tenendo presente l'indole stessa del Petrolo,
si può conchiudere che egli non abbia mentito, eccettochè nell'asserire
di aver ben conosciuti i disegni della congiura solamente negli ultimi
giorni e alla Roccella. Pertanto i Giudici fecero subito una confronta
del Petrolo col Campanella, come si rileva da' soliti Atti, ne' quali
la «deposizione» o «seconda deposizione» del Petrolo trovasi notata
co' fol. 18 a 20, e la confronta col fol. 21[73]. Si ebbe così la
nona ed ultima confronta in persona del Campanella, e non sarà strano
l'ammettere che il risultamento di essa sia stato pur sempre identico a
quello delle altre.

Molto probabilmente allora appunto, il 31 gennaio, essendosi mostrato
negativo con tanta ostinazione, il Campanella venne rinchiuso a sua
volta nella fossa, donde non fu tratto che per essere sottoposto alla
tortura: e veramente, nella sua Narrazione, il Campanella ne parla come
di un fatto avvenuto dopo le confronte di Maurizio non solo con lui ma
anche con fra Dionisio, ciò che sappiamo essere avvenuto immediatamente
dopo la confronta sua col Petrolo. Ecco in che modo egli racconta il
fatto. «Per questo il Sances credendosi haver trionfato di tutta la
causa, pose il Campanella dentro la fossa del _niglio_ in Castelnovo,
che và quasi sotto mare, oscurissima humidissima dicendoli e facendoli
dire che senza altro havea a morire e li davan de mangiar malamente
solo una volta il giorno, stava con li ferri alle gambe, dormia in
terra; e li vennero flussi di sangue. E così infermo poi lo posero nel
tormento». Non stentiamo a credere che la fossa in cui venne posto il
Campanella sia stata la più terribile, detta del coccodrillo, ovvero
anche del _miglio_, non _niglio_ come si legge nella Narrazione[74].
La menzione di questa fossa risale al tempo degli Aragonesi e vedesi
continuata fino a' giorni nostri, senza per altro poter dire dove essa
sia veramente stata, giacchè parrebbe essersi successivamente così
chiamata ogni fossa molto profonda e quasi del tutto oscura; notiamo
solamente esser probabile che il livello sottomarino di detta fossa sia
stato asserito dietro la nozione della profondità dell'intero fossato,
dove ne' primi tempi, come abbiamo accennato in altro luogo, potevasi
immettere l'acqua del mare. Vedremo che il Campanella vi rimase solo
per una settimana.

Intanto si fece ancora qualche confronta e segnatamente quella di
Maurizio con fra Dionisio: subito dopo si esaminò pure il Bitonto, e
non può esser dubbio che risultò parimente negativo; quindi si passò
a fra Paolo della Grotteria, intorno al quale sappiamo di certo che
negò ogni cosa[75]. Non apparisce poi che siano stati esaminati nè
fra Pietro di Stilo nè fra Pietro Ponzio: ne' Riassunti degl'indizii
compilati contro di essi, come contro diversi altri, non è ricordata
una loro deposizione in qualunque senso, a differenza di quanto si
vede per quelli sopra nominati e per qualche altro ancora. Apparisce
invece essere stato esaminato fra Scipione Politi, il quale disse
che avea conosciuto il Campanella, e che nel gennaio 99 lo andò a
visitare per averne una lettera in favore di un suo parente, e poi,
essendo l'ora molto tarda, rimase a dormire con lui; che più volte
andò a visitarlo di nuovo per parlargli di cose letterarie, ma non gli
riuscì possibile per le molte persone che si trattenevano con lui,
«et precise quando stava con Gio. Gregorio Prestinaci, et Gio. Jacovo
Sabinis, si ponea à ragionare con quelli et lasciava tutti». Aggiunse
che dopo la venuta di Carlo Spinelli si era detto «che lo fra Tomase,
fra Dionisio, Mauritio et altri forasciti trattavano di dare, primo si
disse, in poter del Papa questo Regno, et poi si disse che lo volevano
dare in mano deli Turchi, et l'hà inteso generalmente, ma dopò che
fu carcerato frà Tomase, l'intese dire questo dal Capitan Francesco
Plotino, et si dicea, che Mauritio havea trattato con li Turchi et
fra Dionisio ancora, et frà Tomase con altre persune et forasciti seu
delinquenti»[76]. Così questo fra Scipione, già intimo del Campanella,
se la cavò felicemente, e non può dirsi che il tribunale sia stato
severo con lui.

Ma dobbiamo tornare a Maurizio, il quale aveva esaurito il còmpito
per cui era stato fin allora serbato in vita, onde non si tardò a
farne l'esecuzione. La confronta con fra Dionisio fu l'ultimo atto
giudiziario certo della sua vita. Il Campanella, nella Narrazione,
scrisse pure che «lo portaro... a conurtar F. Pietro di Stilo prelato
del Campanella che confessasse per salvarsi come lui havea fatto, e poi
fatto questo officio iniquo, mandò il carcerere Alonso de Martinez,
et Onofrio a dir al Gesuino, che l'osservasse la parola: el Gesuino
rispose, che non si osserva _palabra con ladrones_, e fu appiccato
con perdita del corpo et dell'anima». Lasciamo da parte queste ultime
asserzioni, che vedremo bilanciate da altre diametralmente opposte,
e che ad ogni modo rappresentano la continuazione del disgustoso
atteggiamento preso dal Campanella verso Maurizio. Quanto all'incarico
che gli avrebbero dato di esortare fra Pietro di Stilo, il fatto non
può recare sorpresa, visto lo zelo religioso eccitato in Maurizio,
che era anche parente di fra Pietro; ma è singolare che non se ne
trovi qualche traccia nel processo di eresia, dove gl'incidenti della
causa sogliono trovarsi menzionati in gran numero. Vedremo per altro
che qualche poesia del Campanella si spiegherebbe ottimamente con
questo fatto, e del pari con esso può spiegarsi in gran parte il non
essere stato poi fra Pietro nemmeno chiamato all'esame: conoscevano
che sarebbe risultato ostinatamente negativo, e gli esami negativi
non tornavano convenienti, poichè gl'indizii raccolti a carico
degl'inquisiti principali ne rimanevano sempre alquanto vulnerati.

Il 3 febbraio era già avvenuto il passaggio di Maurizio dalle carceri
del Castello a quelle della Vicaria, e le scritture di S.^{to} Officio
ce lo mostrano appunto a quella data, come già il Pisano, innanzi a'
Delegati della Curia Arcivescovile, che questa volta furono i Rev.^{di}
Orazio Venezia e Curzio Palumbo Consultori e Marco Antonio Genovese
Avvocato fiscale, riuniti nell'Audienza criminale della Vicaria. Non
bisogna credere che simiglianti ricorsi al S.^{to} Officio, in punto
di morte, si fossero verificati soltanto in persona dei condannati
per la causa presente: era un uso molto comune a quei tempi, spesso
verificatosi senz'altro motivo che quello di ritardare per qualche
giorno l'esecuzione. Tra le carte venute nelle nostre mani abbiamo p.
es. due lettere del Card.^l di S.^{ta} Severina, che trattano delle
deposizioni di uno Scipione Prestinace egualmente di Stilo, celebre
bandito menzionato in qualche documento del Grande Archivio[77] e
decapitato il 17 febbraio 1597, il quale avea dimandato ed ottenuto di
confessare al S.^{to} Officio: e vedremo pure Felice Gagliardo, sul
punto di essere giustiziato più tardi per delitto comune, fare una
lunga deposizione innanzi a quel tribunale. Relativamente a Maurizio
non si potrebbe supporre il motivo sopra indicato, giacchè l'esecuzione
sua era stata già differita anche troppo; oltracciò non lo troviamo a
rivelare in S.^{to} Officio il giorno medesimo dell'esecuzione, come
abbiamo visto in persona di Cesare Pisano, ma mentre l'esecuzione
era stabilita pel 4 febbraio, egli il giorno precedente trovavasi
innanzi agli ufficiali della Curia Arcivescovile da lui richiesti pur
sempre con la clausola «a scarico della mia conscientia secondo me hà
imposto il mio padre spirituale»[78]. Ed ecco in breve quanto, giusta
lo stile del S.^{to} Officio, egli «denunziò» contro il Campanella e
fra Dionisio: gioverà conoscere il complesso delle sue rivelazioni,
anche a costo di annoiarsi trovando una ripetizione di cose già
narrate. In primo luogo depose che presso D. Gio. Jacobo Sabinis il
Campanella avea detto essere stato Cristo un grande uomo da bene, ed
aveva anche detto bene de' turchi (allora era di obbligo dirne male),
ond'egli poi in Castello ebbe ad avvertirlo che stava scandalizzato
di quelle parole, e fra Tommaso gli rispose che lui non conosceva
bene li negozii. Dippiù, che pure nella stessa data, «con occasione
della guerra che voleva cominciare, ò fattione che voleva fare contra
il Re», fra Tommaso disse che voleva «fare brusciare tutti li libri
latini perche era un inbrogliare le gente», senza precisare quali libri
e senza scovrirsi molto con lui per cose di religione, giacchè egli
era stato sempre saldo nelle cose della fede, «anzi chiarivi al detto
frà Thomaso che di queste cose di religione non bisognava trattarne,
perche non ci haveria mai consentito», e fra Tommaso rispose che egli
voleva solamente riformare gli abusi della religione. Inoltre che avea
saputo da Gio. Gregorio Prestinace volere il Campanella «fare una
republica dove si havesse da vivere in commune», ciò che fra Tommaso
medesimo gli confermò, dicendogli «che la generatione humana si dovea
fare dagli huomini buoni» cioè gagliardi e valorosi, e che «con la
medesima occasione della guerra... voleva aprire li sette sigilli»,
ricordando che in Calabria dicevasi pubblicamente «che la scientia di
detto frà thomaso sia del demonio ò di Iddio, perche ogn'uno che parla
con esso lo ritira dove vole esso con la scientia e con la persuasione
sua». Aggiunse pure infine, che intese da fra Tommaso «come quando
voleva fare le guerre haveria fatto deli miracoli, et mostrato con
la scientia è raggione che quello che mostrava esso era ben fatto».
Relativamente poi a fra Dionisio, dichiarò che costui aveva una volta
raccontato il solito fatto osceno in dispregio dell'ostia consacrata,
ed anche l'annegamento di quel sacerdote che a tempo dell'inondazione
del Tevere volea salvare il SS. Sacramento; che un'altra volta, stando
lui, Maurizio, inginocchiato nella chiesa del convento, fra Dionisio
gli disse che così voleva gli uomini, che sapessero fingere; e un'altra
volta, stando a desinare, fra Dionisio, ovvero fra Tommaso, avea detto
che i Cardinali non digiunavano, e le riforme si facevano per tutti
ma non per loro. Aggiunse, dietro domanda di rivelare i complici, che
ricordava solo di avere inteso dal Vitale suo cognato, giustiziato
in mare, che fra Dionisio, avendo celebrato la messa in Nardò dentro
la sua cella, gittò a terra l'ostia, nè credeva a Cristo, nè alla
verginità di Maria. Da ultimo, interrogato se avesse deposto per odio,
per inimicizia o per passione, egli appunto allora ricordò che non
avea mai rivelato nulla contro quei frati, malgrado ripetute torture,
e malgrado sapesse che fra Tommaso si era esaminato contro di lui, nè
aveva poi detta la verità per altro, se non perchè il suo confessore
della Compagnia de' Bianchi lo aveva consigliato a farlo per obbligo di
coscienza.--Così, in fondo, non si ebbero rivelazioni nuove o numerose
di Maurizio, il quale non potea nemmeno ignorare che vi erano state
anche troppe rivelazioni di eresia, o per debolezza, o per artificio,
allo scopo di passare alla Curia ecclesiastica: nè vi fu bisogno per
lui di assoluzione e di abiura, poichè egli non era imputabile in
siffatta materia. Ma l'importanza delle dette rivelazioni per noi sta
in questo, che esse dànno una notevole impronta di autenticità a'
tratti principali dei disegni del Campanella e delle riforme politiche
e religiose da lui progettate, come anche alla via seguita da fra
Dionisio in questa faccenda; poichè, quasi non occorre dirlo, noi
crediamo pienamente sincere quelle rivelazioni, senza alcuna riserva, e
però siamo stati anche solleciti di riferirle con le parole testuali.
In un momento supremo, quando ogni speranza di salvar la vita, se mai
ve n'era stata, avea dovuto rimanere del tutto spenta, vedere Maurizio
non già ritrattare le confessioni fatte nel tribunale, ma aggiungere
rivelazioni in termini tali da suggellarle, è certamente un fatto di
suprema importanza; nè cesseremo dal dire egualmente da questo lato,
che la condotta di Maurizio si può giudicare inaccettabile ma non mai
indegna di rispetto, e chi volesse ad ogni modo biasimarla dovrebbe
rivolgere i suoi biasimi piuttosto a coloro i quali abusarono di
quell'anima tutta imbevuta della fede in cui era stata educata. Ci
rimane intanto una somma di notizie in tal guisa raccolte, che non
ammettono dubbio.

Il giorno seguente, 4 febbraio, con lo stesso corteggio della prima
volta, Maurizio venne condotto al patibolo, e di rimpetto al torrione
del Castel nuovo, dal quale i suoi compagni di sventura poteano
vederlo, lasciò miseramente la vita col capestro a soli 28 anni. Il
Registro de' Bianchi lo ricorda in questi termini: «A dì 4 di febraro
Venerdì 1600, per ordine di S. Ecc.^a fù giustitia di Mauritio Rinaldi
de Guardavalle appresso Stilo, lascia una figliuola d'anni tre, nomine
Costanza in potere de sua matre nomine Giulia Vitale; et una sorella
d'anni 30 vidua nomine Costanza. Ve intervennero» etc. Il Campanella,
nell'Informazione, scrisse che «li fecero perder l'anima e 'l corpo,
e non li donaro tempo di ritrattarsi se non alli confrati»: bisogna
dire che egli non abbia conosciuto nulla delle rivelazioni fatte
in S.^{to} Officio, e poi sappiamo oggi ciò che avvenne presso i
confrati; se mai vi fossero state discolpe, nel Registro de' confrati
si leggerebbero come si leggono quelle del Pisano.--Dobbiamo aggiungere
che il Residente Veneto, l'8 febbraio, riferiva l'avvenimento al suo
Governo con qualche altra circostanza degna di nota e ne' termini più
lusinghieri per Maurizio; non possiamo dispensarci dall'esporre qui il
suo dispaccio e tutto intero, senza rimandare i lettori a' Documenti.
«Quel Mauritio Rinaldi doppo haver ratificato alla presentia de i frati
autori della ribellione tutte le cose fra loro accordate in Calavria,
propose da sè stesso di lasciarle comprobate senza più dilatione con
la sua morte perche non habbia loro à restar più speranza di poterle
negar nei tormenti; con che finì la vita nel luogo et modo istesso
dove anco la prima volta era stato condotto pubblicamente. Le attioni
fatte da costui, et vivendo, et morendo sono generalmente stimate di
tanto momento che da esse si possa far giudicio qual fossero stati i
suoi progressi se fosse riuscito l'effetto della congiura. Et havendo
colla volontaria revellatione, per solo zelo dell'anima sua, mosso
l'animo del V. Re, non parendo a S. Ecc.^{za} in caso di M.^{tà} lesa
di dover permutargli la pena della vita, hà fatto, con atto magnanimo,
che la facoltà sua, già per la sententia confiscata, sia hora divisa
in tre parti, una delle quali sia data per Dio, et una alla madre, et
l'altra ad una figliuola nubile di esso infelice, con la qual gratia
gli è parso morendo rinascere al mantenimento di persone a lui tanto
congiunte». Una testimonianza del tutto disinteressata, come questa
del Residente Veneto, su fatti avvenuti in Napoli, regge assai bene a
fronte delle molte, delle troppe affermazioni vituperose del Campanella
verso Maurizio. Forse, come tanto spesso, non tutte le circostanze da
lui riferite debbono ritenersi esatte. Verosimilmente non sarà esatto
che Maurizio abbia proposto di voler comprovare con la sua morte le
cose da lui rivelate a carico de' frati, giacchè per lo meno questo
non era punto necessario; del pari non sarà forse esatto che egli abbia
saputo in precedenza, con sua letizia, la revoca almeno parziale della
confisca de' suoi beni, non essendo facilmente ammessibile un così
pronto senso di pietà Vicereale verso un ribelle. Possiamo ritenere
che la confisca non abbia avuto effetto, e forse per questo motivo son
riuscite vane finora tutte le nostre ricerche nell'Archivio di Stato
su tale argomento: vi era l'interesse di «Dio», cioè de' monasteri, a'
quali con siffatto titolo tanto indegnamente adoperato si prodigava la
roba altrui, e vi era anche il gusto Vicereale di mostrarsi in gara
di commozione ne' casi di coscienza commossa. Ma ci basta sapere che
i contemporanei giudicarono Maurizio ben diversamente da quanto il
Campanella ci lasciò scritto, e crediamo che oramai il nome di Maurizio
debba registrarsi nel martirologio italiano, dandogli lo splendido
posto che gli compete.

Continuava intanto nel tribunale lo svolgimento delle prove a carico
di fra Dionisio. Furono esaminati Mario Flaccavento e Gio. Battista
Sanseverino, i quali confermarono di essere stati da lui sollecitati
a prender parte nella congiura. Anche Fabio di Lauro e Gio. Battista
Biblia fecero la confronta con fra Dionisio; e forse si udì pure
qualche altro contro di lui, giacchè si nota a questo punto una
piccola lacuna nella numerazione de' folii del volume[79].--Ma giunse
finalmente da Roma la lettera che dava licenza di amministrare la
tortura al Campanella e agli altri indiziati. Il Nunzio si affrettò a
comunicarla al Vicerè, e dovè pure esser subito emanato dal tribunale
il decreto per l'esecuzione. Questa lettera è menzionata in un'altra
posteriore del Nunzio[80], e non si trova nel Carteggio, sicuramente
perchè venne inserta nel processo, come allora solevasi fare.

Il 7 febbraio 1600 venne amministrata la tortura al povero Campanella,
e la specie prescelta fu quella così detta del polledro. Ciò rilevasi
da un documento trasmesso dall'uno all'altro tribunale ed inserto
nel processo di eresia, il quale comincia così: «à tempo si dede lo
polletro à fra thomase campanella ali 7 di febraro» etc.[81]. Di questa
specie di tortura, tutta napoletana, non ci è costato poco il rinvenire
i particolari; e li abbiamo finalmente rinvenuti in un trattato di
Medicina legale intitolato _Il Medico fiscale_ di Orazio Greco fisico
della Gran Corte della Vicaria, trattato totalmente ignoto agli Storici
dell'arte, essendo stato annesso ad un'opera legale[82]. Il concetto
del polledro apparisce preso da quel chiuso fatto con barre di legno
che adoperavasi per fermare i polledri indomiti, attaccandone gli arti
alle barre mediante funicelle. Non era un tormento comune: usavasi in
casi d'importanza, ed il Greco, che scriveva oltre un secolo dopo il
tempo di cui trattiamo, accertò che «sin dalle popolari revolutioni
(_int_. quelle di Masaniello) non si era più pratticato». Il paziente
veniva situato come in una cornice di legno a modo di scala piramidale,
munita di traverse tagliate ad angolo acuto per cruciare tutta la parte
posteriore del corpo, dalla nuca a' talloni: il capo era incassato
come in una cuffia di legno nella quale la scala terminava; un foro si
trovava nella parte posterior-superiore della cuffia, e fori analoghi
si trovavano lungo gli assi della scala, per far passare gli estremi
di tante funicelle che doveano stringere il capo e gli arti in più
punti. Oltre due funicelle fortemente applicate a' polsi per tenerli
uniti insieme, un'altra ne era applicata alla fronte, due alle braccia,
otto alle cosce e gambe; in tutto 13 funicelle, i cui estremi passati
pe' fori suddetti erano ritorti mediante bastoncelli di legno, così
che le carni venivano strette sulle ossa; e perchè gli arti inferiori
non si allontanassero tra loro, una funicella supplementare era
passata intorno agli alluci. Del resto il Greco ebbe cura di darcene
un disegno, e noi abbiamo creduto che valesse la pena di riprodurlo,
per avere una nozione più chiara di tale tormento, e così intendere
ciò che il disgraziato filosofo ne disse nella sua Narrazione[83].
Il Campanella dovè essere tratto dalla fossa del miglio per avere
questa tortura, e però può contarsi che venne a dimorare nella fossa
sette giorni. Un primo fatto da essere notato nella sua tortura fu
questo, che mentre veniva spogliato gli cadde una carta contenente la
relazione dell'esame del Lauriana, che costui gli avea scritta, e D.
Giovanni Sances la lesse, e il Campanella gli disse che quella carta
volea presentarla; D. Giovanni affermò che l'avrebbe presentata egli
medesimo, ed allora il Campanella gli consegnò pure una o due cartoline
scrittegli dal Pizzoni, dicendo che le presentasse egualmente. Queste
cose furono poi da fra Dionisio riferite al Vescovo di Termoli, Giudice
nel tribunale dell'eresia, il quale volle da lui una relazione su'
documenti attestanti la corrispondenza passata tra il Pizzoni e il
Campanella; ed il Vescovo, avutane notizia, fece richiesta de' detti
documenti al tribunale della congiura, ed in tal guisa se ne trova una
copia nel processo di eresia. Ma notiamo che si ebbe la copia di una
sola delle cartoline che sarebbero state scritte dal Pizzoni, oltre la
carta che sarebbe stata scritta dal Lauriana: e la cartolina reca la
semplice assicurazione che egli non avea detto nè direbbe mai essere
que' tali Signori (certamente i Del Tufo, Orsini, Sangro etc.) fautori
del preteso delitto, ma amici della persona e delle opere di lui; la
carta poi reca veramente l'esame del Lauriana innanzi al Visitatore e
a fra Cornelio, scritto abbastanza fedelmente, e con ogni probabilità
secondo la vera maniera d'interrogare tenuta dagl'Inquisitori[84].

Questa prima tortura data al Campanella non durò molto. Egli non
resse allo strazio, dichiarò di voler confessare e fece una lunga
confessione, tanto lunga da occupare due sedute in due giorni diversi:
dovè quindi esser posto due volte nel tormento del polledro con la
solita formola «continuando et non iterando» per mantenere gli effetti
legali di una confessione «in tormentis»; così possiamo spiegarci
il trovarsi in una Lettera del Campanella al Papa il 1607, da noi
pubblicata, la menzione di «dui polledri», e in uno de' brani della
sua confessione pervenuti fino a noi la circostanza espressa con le
parole «come disse l'altro dì»[85]. In fondo nella sua confessione il
Campanella ammise che aveva avuto il progetto di fare la repubblica
e che doveva con altri suoi compagni predicarla, ma solo nel caso in
cui fossero accadute le mutazioni da lui previste, al quale proposito
espose quanto avea raccolto ne' suoi profetali; inoltre sostenne che
avea consigliato di ricorrere alle armi ma per difendersi, e rigettò
poi sempre su Maurizio le trattative fatte col Turco. Ma un momento di
tanta importanza merita bene di essere esposto con tutta la possibile
larghezza. Vediamo dapprima ciò che ne disse egli medesimo nella sua
Narrazione, avvertendo che egli pone in molto rilievo l'infermità
contratta nella fossa del miglio e qualche altro suo incomodo,
certamente perchè dovea sentirsi umiliato dal fatto dell'avere lui
solo confessato, mentre tutti gli altri ecclesiastici, che vennero
dopo di lui egualmente tormentati, non confessarono nulla, o non
aggiunsero nulla a quanto aveano già detto. «E così infermo lo posero
nel tormento del polledro senza lasciar che andasse prima del corpo...
Il Campanella antevidendo, che era forzato morire, tanto più che il
Sances disse al boja che lo tormentasse a morte e fù stretto con le
funi al polledro con tanta strittura, che si rompevano tutte, e subito
le raddoppiava: et il dolor cresceva tanto horrendamente che lo fecero
spasmare, et uscir di cervello: per questo, secondo havea previsto,
conoscendo che di certo moria se non diceva; però per dar tempo disse,
che volea confessare. E perchè il Sances e li giudici non sapeano di
Theologia et Astrologia li levò dalla legge a queste altre scienze
con arte; dicendo ch'era vero, che lui predicò che si dovea mutar il
mondo, el regno, et che s'havea a far una repubblica nova universale
secondo molte revelationi di Santi e d'Astrologi, e che quando questo
fosse succeduto, lui voleva predicarla e farla, e che sendo dimandato
da molti disse a quelli, che attendessero all'armi, perchè occorrendo
mutatione fatale da qualsivoglia banda si difendessero, e facessero la
repubblica antevista nell'Apocalissi di S. Giovanni e nominò molti che
consentiano a questo parere. Ma però non confessò heresia alcuna nè
ribellione nè voluntà di ribellare. Anzi dice nella sua confessione,
ch'interrogato da Mauritio come potea far questo, li rispose, che essi
non havean d'assaltar il regno; ma con questa conditionale _se venia
mutatione_, volean far la repubblica nelle montagne difendendosi come
li Spagnoli nelle montagne quando entraro li Mori. E parlava in tal
modo che li giudici si credeano che confessava, e che solo negava la
prattica con Turchi, la quale nega espressamente, e dice haver ripreso
Mauritio perche era andato su le galere d'Amurat. E perche essi giudici
non sanno quel che dice Arquàto Astrologo, et Scaligero, et Cardàno, e
Ticòne e Gemma Frisio et altri Astrologi della mutatione instante al
secol nostro: nè quel che dicon li Santi Caterina, Brigida, Vincenzo,
Dionisio Cartusiano... pensare che queste profezie fossero finte dal
Campanella per tirar la gente a ribellare, e ch'erano false; e si
contentare di tal confessione, sperando anche che poi nel tribunal del
S. Officio confessasse che quella republica che dicea voler fare havea
d'esser heretica: e così saria stato brugiato». In verità i Giudici
della tentata ribellione non aveano alcun motivo di preoccuparsi della
qualità eretica della repubblica voluta dal Campanella, qualità che
si sarebbe dimostrata più tardi in un altro tribunale. Bastava loro
che venisse da lui confessato il _trattato di far repubblica_, per
ritenerlo un reo confesso con tutte le terribili conseguenze legali;
e non importava neanche troppo se per tale repubblica avessero dovuto
aversi o no certe condizioni, se avessero dovuto usarsi le armi in
difesa ovvero in offesa, se avessero dovuto esservi gli aiuti de'
potentati esterni e segnatamente del Turco, da qualunque de' complici
invocato. Le conseguenze legali non variavano punto per tutto ciò, e
tale fu infatti l'opinione che ne portarono i Giudici; lo rileviamo
benissimo da una lettera del Nunzio, in data 11 febbraio. «Nella
causa della ribellione finalmente con poco tormento, per vigor della
facoltà venuta et per la sua (_int_. la lettera del Card.^l S. Giorgio)
de' 24 del passato, che comunicai subito con S. E., si cavò da quel
Campanella tutto il fatto come era passato, se bene non hà mai voluto
chiamarlo ribellione ma detto che voleva far Repubblica la provincia di
Calabria per mezo delle Armi e delle Prediche, quando però seguissino
i garbugli in Italia, che lui si era presupposto, et intanto andava
disponendo gli animi et procurando seguito; il trattar col Turco dice
che fù concetto di quel Mauritio di Rinaldo, che poi hanno fatto
appiccare, non di meno _il negotio resta di maniera scoperto che non
par che possa haver difesa_, alla qual cosa se gli è di già dato il
termine, e la commodità, et intanto si seguirà contra complici ch'egli
hà nominato, con i quali si terrà il medesimo modo che si è tenuto con
seco, poichè _è riuscito bene_». Vedesi qui manifestamente che neppure
il Nunzio diede alcuna importanza a' Profetali esposti dal Campanella
in rapporto al disegno della repubblica da lui concepito e promosso,
e ritenne puramente e semplicemente essersi avuta la confessione di
una congiura o trattato di ribellione, per lo quale il Campanella era
andato disponendo gli animi e procurando sèguito, nè deve sfuggire che
egli mostrò chiaro qual fosse l'animo suo, ed anche l'animo della Curia
alla quale scriveva e doveva ingegnarsi di dar buone notizie, dicendo
che il modo tenuto era _riuscito bene_, mentre il povero filosofo si
era avviato all'estrema rovina. Da un lato solo l'esposizione de'
Profetali dovè colpirlo ed incutergli anche un certo timore, dal lato
della profonda erudizione e dottrina che il Campanella palesava;
poichè nella stessa data egli si diè subito a chiedere al Card.^l S.
Giorgio ed anche al Card.^l di S.^{ta} Severina, per la prossima causa
dell'eresia, l'intervento di «persone pratiche e buoni Theologhi per
disputare con quel Campanella, che _per haver abiurato altra volta_,
_com'egli stesso dice_, vorrà forse in questo dar che fare dinuovo»,
notando che aveva «umore in difendere le sue opinioni»[86]. Da
queste parole del Nunzio rimangono appieno giustificate quelle della
Narrazione riferibili più direttamente a lui, che cioè «li giudici
non sapeano di Theologia et Astrologia»: e ci sembra conveniente
aggiungere, che da quanto sappiamo dell'andamento della confessione
potrebbero risultare giustificate anche certe parole del Giannone
intorno alla medesima. Il Campanella ci lasciò scritto, e non stentiamo
a crederlo, che gli orrendi spasimi lo fecero «uscir di cervello»; da
parte sua, almeno nel 1^o giorno, chi sa in qual modo il Mastrodatti
potè seguirlo nelle considerazioni apocalittiche dettate con una
inevitabile confusione; non può quindi sorprendere l'impressione avuta
dal Giannone quando ebbe a leggere nella copia del processo «la sua
lunga deposizione fatta nel mese di febbraio... nella quale (egli
dice) a guisa di fanatico e di forsennato, sia per malizia, sia per lo
terrore, ora affermando, ora negando, tutto s'intriga e s'inviluppa».

C'incombe pertanto l'obbligo di vedere più da vicino ed anche
commentare sobriamente la confessione del Campanella, adunando i brani
a noi pervenuti con gli Atti esistenti in Firenze, e riportandoli
secondo il testo del sunto fattone dal Mastrodatti[87]. Non si avrà
l'intera confessione e tanto meno la precisa fisonomia di essa,
ma se ne avranno i punti di maggior rilievo, pe' quali risulterà
sempre più chiara la posizione derivatane a lui medesimo ed a'
compagni suoi propriamente ecclesiastici. Notiamo innanzi tutto che
ci mancano i brani relativi alle Profezie ed a' pronostici, i quali
doveano verosimilmente occupare i fol. 28 e 29 del processo, ed
abbiamo solamente alcuni di quelli compresi tra il fol. 30 e 34; essi
cominciano dalla esposizione del partito che il Campanella intendeva
trarre dagli avvenimenti previsti, e furono riferiti dal suo Avvocato
nella Difesa. «Che soccedendono detti romori, et revolutioni, che lui
per Profetie et altri segni prevedea, con detta occasione si volea
forzare fare detta Provincia di Calabria Republica, che con pigliare
li monti si hariano mantenuti, et con questo il Papa et Rè di Spagna
li hariano lasciati vivere in Repubblica, Che dicendoli Mauritio che
detta Republica non si possea fare senza aiuto di Potentati esterni,
Lui rispose che non havevano d'assaltare il Regno, et per questo non
haveano bisogno di potenza esterna; mà che con la mutatione del Regno,
che havea da soccedere secondo havea trovato per Profetie, loro soli
bastavano con l'eloquenza et con gl'amici. Che l'Imperio Torchesco
s'havea da dividere in due parti, Et una saria stata da parte de
Christiani, Et un'altra dalla parte Maumettana, et che di quella parte
di Christiani se n'haveriano visto dove per fato inclinavano. Che
havendoli ditto Mauritio, che lui era andato sopra le Galere Torchesche
à parlare con Morat Rais, che l'havesse voluto dare aiuto in fare detta
Republica, esso fra Thomaso lo riprese di questo, che non havea fatto
bene, per che li turchi sempre sogliono essere infedeli et inimici.
Che lui dicea che succedendono detti romori, et mutationi nel Regno,
si seriano fatti grandi, ò della parte del papa, ò della parte del Rè.
Che in detto anno del 600 havea da essere unum ovile et unus Pastor,
et che lui con li compagni suoi Monaci con detta occasione haveriano
predicato in favore di detta Republica profetizata in benefitio del
Papa». Ma dovè nominare quelli co' quali egli avea fatti tali discorsi,
in ispecie poi i frati compagni suoi che avrebbero predicato con lui,
giacchè il tribunale doveva occuparsi appunto degli ecclesiastici;
ed ecco nominati parecchi, e s'intende che a noi sono propriamente
pervenuti i nomi degli ecclesiastici già carcerati. Forse si era al
secondo giorno, ed egli avea dovuto riflettere a' casi suoi; ad ogni
modo troviamo qui pure l'animo suo, come sempre, soggetto all'impeto
de' risentimenti, malgrado la confusione suscitata dall'atrocità de'
dolori. Scorgesi infatti senza riguardi verso il Pizzoni, il Lauriana,
il Petrolo, che si erano da poco tempo confrontati con lui a suo
danno, abbastanza riguardoso verso fra Dionisio e naturalmente anche
più verso fra Pietro di Stilo, abbastanza riguardoso perfino verso
Giulio Contestabile, al quale già prima in Calabria, per lo stesso
motivo de' risentimenti, aveva usato tutt'altro che riguardi. «In
interrogatione chi sono questi altri religiosi, che volevano agiutare
col predicare et eloquentia in detta Republica et Novità? dice che era
esso deposante, Fra Gio. Battista de Pizzoni, frà Dominico Petrolo,
frà Silvestro de Lauriana, frà Dionisio Pontio, et frà Pietro de Stilo
lo seppe all'ultimo quando stavamo per fugire, et non seppe manco
tutto lo negotio, et non ci confidiamo comunicarli questo, per che era
un pazzo»! Con questo titolo di pazzo, dato al più giudizioso della
compagnia, evidentemente egli quasi venne a porre fra Pietro di Stilo
fuori causa. Rispetto a fra Dionisio non potea fare altrettanto, e
si limitò a dire che «era consapevole di quanto si trattava, et esso
fra Dionisio havea trattato, et parlato di questo negotio di fare
republica la provintia in genere con fra Gioseppo Yatrinoli et fra
Gioseppo Bitonti, et con Cesare Pisano, li quali vennero una sera à
Stilo, et la matina per tempo si partero et non li parlò». Rispetto
al Pizzoni fu più largo ed anche molto ostile, a differenza di quanto
avea fatto nella Dichiarazione scritta in Calabria. «La prima volta
che esso frà Thomaso ne parlò con detto frà Gio. Battista fù l'anno
passato del mese di Settembre 98 in Stilo, conferendo certe conclusioni
che esso frà Gio. Battista havea da tenere nel capitolo». In dette
conclusioni «trattò... de statu optimae Reipublicae, et dicendoci Io
le legge di quella, Lui disse, volesse Dio, che si trovasse, ma è
quella di Platone, che non si trovò mai, et Io le risposi che s'haverà
da trovare questa republica innanzi la fine del mondo per compire li
desiderij humani del secolo d'oro, et che così era profetato, et non
se ne parlò più, et dopò à Giugnetto 99. venne fra Gio. Battista à
Stilo, et per strada ragionammo, et li disse io tengo per fermo che
l'anno 600 facendosi mutationi, ne haveriamo fatti grandi ò da la parte
del Papa, ò da la parte del Rè, et lo frà Gio. Battista cominciò à
dire venesse presto questa mutatione, finalmente disse che io volesse
andare à Pizzoni à parlare con Claudio Crispo et animarlo con questa
novità, che non pigliasse moglie. Et in conformità di questo quando
frà Gio. Battista me disse che volea portare Claudio Crispo in Arena
li persuadesse che non si maritasse, per che volea che ll'agiutasse
à fare le sue vendette, et finalmente dopò d'essere andato à Pizzoni
rechiesto da frà Gio. Battista, mi parlò Claudio, et ragionammo un
giorno sopra l'astrolabio, acciò che con questa occasione havesse
possuto subintrare a trattare con detto Claudio de la mutatione del
mondo, et persuaderlo à volersi trovare pronto à la novità predetta,
et à fare la Provintia di Calabria Republica, et in quella occasione
havendosi aboccato esso deposante con Claudio Crispo presente fra
Gio. Battista Pizzoni li dissi, che la fine del mondo era presta, et
che innanzi à questo havea da essere una Republica la più mirabile
del mondo, et che li monaci di san Domenico l'haveano da preparare
secondo l'apocalissi, et che havea da cominciare dall'anno 600, et esso
Claudio s'offerse stare in ordine, et se ricorda ancora esso deposante
che in Arena li mostrò una lettra, à Claudio Crispo, et à fra Gio.
Battista Pizzoni di Giulio Condestabile, dove l'avisava che Mauritio
era andato sopra le galere in Costantinopoli (_sic_). Et dice de più
che frà Gio. Battista Pizzoni, et Claudio Crispo mandorno à chiamare
Eusebio Soldaniero da Serrata per frà Silvestro Lauriana, et non ci
volse venire. A frà Silvestro Lauriana esso deposante non hà parlato di
questo negotio, se non genericamente, dicendo, volesse Dio, che fusse
tutto quello, che aspettamo, presupponendo, che lo sapesse per quanto
frà Gio. Battista m'havea referito». Citò pertanto (e questo forse era
un po' troppo) anche il Lauriana tra quelli «che volevano agiutare
col predicare et eloquenza... con li quali da Pasqua di resurrettione
dell'anno passato 99 in quà havea trattato di fare detta Republica,
et mutatione». Rispetto al Petrolo dichiarò avergli «parlato à Stilo
dicendoli che nell'anno 1600 havea da cominciare ad essere Unum ovile,
et Unus Pastor, et che noi haveriamo predicato in favore di questa
republica profetizata in beneficio del Papa, et che il Papa l'haveria
esaltati perchè loro si voleano pigliare alcuna parte della Provintia,
et esso fra Domenico si ne contentava, et di questo ne hà parlato
più volte, et esso fra Domenico era tutto cosa di esso deposante, et
sempre lo hà sequitato, et cossì se offerse sequitarlo in questo». Onde
lo citò egualmente tra' futuri predicatori, ed aggiunse che «con fra
Domenico petruolo et fabritio Campanella andammo a Davoli, et trovò
Mauritio che stava in casa di donno Marco antonio pittella, et per
lettre Mauritio mandò a chiamare da Catanzaro Gio. thomase franza, et
Gioan paulo de Cordoa». Infine rispetto a Giulio Contestabile confermò
che era intervenuto al trattato, «quale si contentava trovarsici et era
uno delli capi», aggiungendo «ch'un giorno del mese di Maggio il detto
Giulio steva in camera d'esso fra Tomaso, et dicea male del Capitano
di Stilo ch'era spagnolo, et in questo il vento fe cascare in terra il
ritratto del Rè nostro Sig.^{re}, et detto Clerico Giulio uscendo la
porta l'incontrò innanti, et lo calpestrò, dicendo, mira à che stamo
soggetti, à uno sbarbato, Re dell'uccelli». Fu dunque il vento che
fece cadere il ritratto del Re, e Giulio l'incontrò innanti e così
ebbe a calpestarlo, non già che lo prese e se lo pose sotto i piedi,
secondochè il Campanella medesimo avea dichiarato in Calabria: non è
dubbio qui che il risentimento con Giulio Contestabile si era calmato,
e il fatto di lui veniva attenuato; invece col Pizzoni, col Lauriana e
col Petrolo, il risentimento era vivissimo, e i fatti occorsi con loro
venivano aspramente asserti.

Da' suddetti brani, i soli che ne rimangono e così trivialmente
redatti, possiamo rilevare che la confessione orale in tortura non
suggellava soltanto la dichiarazione scritta, ma faceva anche emergere
manifesto il disegno del Campanella di rendere il paese indipendente
da Spagna e costituirlo in repubblica, essendone autore non altri che
lui, ed avendolo ad istanza di lui accettato diversi frati che doveano
d'accordo predicarlo, come pure diversi laici, specialmente fuorusciti,
che doveano con le armi per lo meno sostenerlo. Vero è che tale disegno
presentavasi subordinato alla condizione di future rivolte e mutazioni;
ma questo importava poco, non potendosi ammettere nemmeno con riserva
l'apostolato per una forma di Governo diversa da quella costituita,
e tanto meno il preparativo dell'azione rappresentato dalle ricerche
e concerti di persone che doveano promuovere quella forma di Governo
con la parola e con le armi. D'altronde non appariva decifrabile per
opera di chi sarebbero avvenute le rivolte e le mutazioni antivedute
con le Profezie e co' segni astronomici, nè in qual modo la detta
repubblica dovesse riuscire tollerata dal Papa e dal Re, essendo stata
profetizzata in beneficio del Papa; egualmente non appariva decifrabile
che il Campanella, mentre non voleva l'aiuto de' turchi per la detta
repubblica ed avea rimproverato Maurizio che si era spinto a chiederlo,
ammettesse doversi una parte de' turchi porre dal lato dei Cristiani,
ed avesse continuato a trattare con Maurizio il quale avea concordato
l'aiuto de' turchi, e a confabulare con persone disposte o chiamate a
fare delle armi un uso più spinto e più pronto. Con ciò manifestamente
veniva confermato quanto il Pizzoni, il Lauriana, il Petrolo, oltrechè
molti laici, aveano deposto contro di lui, quanto aveano denunziato
Biblia e Lauro, potendo solo ammettersi che l'avessero denunziato
con la più grande ed iniqua esagerazione. E veniva in pari tempo
giustificato quanto il Governo avea detto e fatto sin allora, potendo
solo ammettersi che avesse tollerato negli ufficiali suoi lo sfogo
della loro ambizione e rapacità sulla povera Calabria, considerandola
già ribellata, e però «macchiandola di falsa ribellione», come ebbe
a scrivere il Campanella, e come si trova anche scritto, con le
medesime parole, dal Residente Veneto, benchè, al pari di altri Agenti
accreditati in Napoli, non avesse mai posto in dubbio la congiura o il
tentativo di ribellione[88].--Al Campanella potè sembrare, come nella
Narrazione ci lasciò scritto, che non avesse confessato «nè ribellione
nè voluntà di ribellare» e che i Giudici «accortisi che la confessione
era erronea, perchè li altri non pigliassero la medesima fuga, non
fecero ch'esso Campanella facesse la confronta a F. Dionisio, et a
gli altri, come la facean fare da tutti l'altri che confessavano». Ma
naturalmente i Giudici, per quanto videro chiara e limpida, e niente
affatto erronea, la confessione di aver voluto ribellare, altrettanto
videro oscura e misteriosa, ed al postutto indifferente, la condizione
alla quale si diceva subordinata: nè ebbero a temere che fra Dionisio
e gli altri, con la confronta avrebbero pigliato «la medesima fuga»,
poichè non accordavano alcun valore a questa fuga, la quale, per
essere stata così denominata dal nostro filosofo, dovrebbe tradursi
sotterfugio, onde le profezie e le vedute astrologiche risulterebbero,
se non finte, certamente evocate «per tirar la gente a ribellare».
E conviene aggiungere che fu una buona fortuna pel Campanella il
non essere stata ordinata dai Giudici la sua confronta con fra
Dionisio e compagni, poichè null'altro poteva seguirne, se non che
costoro sarebbero risultati _convinti per opera sua_; e fra Dionisio
principalmente, che dovè senza dubbio irritarsi per la confessione del
Campanella e ne vedremo una prova più in là, avrebbe ben a ragione
finito con odiarlo a morte dopo una confronta. In conclusione non può
recare maraviglia che i Commissarii Apostolici si fossero trovati
d'accordo nel giudicare il Campanella «confesso»; in tal guisa egli
trovasi qualificato negli Atti due volte, ed è superfluo dirne le
conseguenze[89].

Secondo la procedura del tempo, in questi giudizii celeri, non
appena esauriti per ciascuno inquisito tutti gli Atti informativi ed
offensivi, fatta anche ratificare la confessione nel giorno seguente a
quello della tortura allorchè essa era stata amministrata, i Giudici
emanavano un decreto che ordinava la consegna di una copia degli Atti
all'inquisito con la conclusione del Fiscale, assegnando un termine
di pochi giorni per la difesa, ed all'occorrenza deputando anche un
Avvocato di ufficio. Il Mastrodatti allora, che avea già preparato ogni
cosa, trasmetteva in via legale la copia degli Atti, l'assegnazione
del termine etc. all'inquisito, ed anche un Riassunto degl'indizii
a' Giudici. L'Avvocato quindi ponevasi in relazione col giudicabile,
scriveva l'Atto di difesa, che comunicava al tribunale nel termine
stabilito, e poi attendeva la notificazione di un altro decreto ad
dicendum per la trattazione della difesa, ciò che del resto importava
solo la dimanda se avesse altro da aggiungere alla Difesa scritta.
Debbono dunque riferirsi al tempo cui siamo giunti, alla 2^a metà del
mese di febbraio 1600 il Riassunto degl'indizii, alle prime settimane
di marzo la Difesa scritta dall'Avvocato pel Campanella, ed anche
la Replica scritta dal Fiscale, i quali Atti, come quelli analoghi
successivamente compilati per gli altri incriminati ecclesiastici,
rimasero nelle mani del Nunzio, e pervennero quindi con altre carte di
lui nell'Archivio di Firenze[90]. Riserbandoci di esporre a suo tempo
gli Atti sopra menzionati, qui dobbiamo notare che al Campanella fu
assegnato per difensore il dott.^r Gio. Battista de Leonardis Regio
Avvocato de' poveri, e da una poesia di fra Tommaso a lui diretta
vedremo che costui ebbe l'incarico di difendere anche gli altri frati
inquisiti. Allorchè il Vescovo di Termoli, uno de' Giudici dell'eresia,
scrisse a Roma la sua opinione su questa causa della congiura, tra le
altre cose fece conoscere che «non si trovò un dottore il quale avesse
voluto scrivere in jure a loro favore»[91]. Ciò deve intendersi nel
senso che si cercò e non si trovò un Avvocato particolare, e con ogni
probabilità il Vescovo intese parlare segnatamente di fra Dionisio,
poichè il Campanella e gli altri non ne avrebbero avuto i mezzi; ad
ogni modo poi l'Avvocato de' poveri non era una persona da nulla. Nato
in Cicciano presso Nola, da umili origini, Gio. Battista de Leonardis
si era dapprima mostrato uomo di lettere tale da venir chiamato ad
insegnarle pubblicamente in Cosenza, dove cominciò anche l'esercizio
dell'avvocatura; ridottosi poi in Napoli e studiato accuratamente il
diritto, era già un dottore ben conosciuto, quando con Privilegio del
30 settembre 1599, visto e promulgato il 26 gennaio 1600, fu chiamato
all'ufficio di Avvocato de' poveri della Vicaria in luogo di Antonio
Catalano[92].--Ma nel medesimo tempo avvenne pure un altro fatto, che
il Campanella ci fece conoscere nella sua Narrazione e che finora non
ci risulta da verun altro fonte; sicchè gioverà tanto più esporlo qui
con le parole medesime della Narrazione. «Però dandoli le difese poi
al Campanella e l'Avvocato de' poveri...[93] il Sances Fiscale finse
che per curiosità desiderava sapere in che profetie fondava questi suoi
detti, e li fece scriver dal suo notario dettando il Campanella molti
articoli profetali: li quali esso Sances portò a' Gesuini, et ad altri,
e molti di quelli dissero, che Campanella havea ragione e che non eran
finte per ribellare. Però li mandò molti Gesuini, e Theologi Spagnoli a
disputare. Li quali si divisero, altri dicendo che diceva bene, altri
che no. El Campanella allegò li predetti Santi, et Astrologi et il
Cardinale anche Bellarmino. E poi disse, che quando pur fosser false le
profezie sue, questa non era confessione di ribellare, ma di falsificar
la Theologia, et appartiene al S. Officio, non a loro». Ci fermiamo a
questo punto, non senza raccomandare a' lettori di percorrere tutto il
resto che il Campanella narrò a tale proposito. E ripetiamo che non
vi sono altre notizie capaci d'illustrare il fatto, ma dobbiamo ad
ogni modo avvertire che questi Articoli profetali di cui qui si parla,
dettati al notaro della causa della ribellione ad istanza del Sances,
non debbono confondersi con quelli che il Campanella scrisse egli
medesimo come una delle sue difese: noi li abbiamo trovati nel processo
di eresia, presentati in giugno dell'anno seguente, e dovremo parlarne
più in là.

Come abbiamo visto dalla lettera del Nunzio sopra riportata, l'11
febbraio già si era dato al Campanella «il termine e la commodità»
per la difesa, e si era deciso di seguire con gli altri lo stesso
metodo, cioè quello delle torture acri. Infatti può ritenersi con
sicurezza che i fol. 35 e 36 del volume siano stati occupati dalla
ratificazione della confessione del Campanella e dal decreto per
l'assegno del termine e deputazione dell'Avvocato; ed ecco il fol. 37
occupato dall'Atto della tortura data a fra Dionisio[94]. Il Riassunto
degl'indizii contro costui ci dice che gli fu dato egualmente il
polledro e non confessò nulla, e un brano di lettera del Vescovo di
Termoli, inserto ne' Sommarii del processo di eresia, ci fa conoscere
che «fu tormentato con 'l tormento del polledro, et delle 19 funicelle
(_sic_) con le quali era tormentato 7 se ne ruppero nell'atto della
tortura datali per ribellione»[95]; vedremo nel medesimo processo che
fino a tutto giugno egli non potè firmare gli Atti che lo riguardavano,
e dovè segnarli portando la penna stretta tra' denti, giacchè i polsi
torturati non si prestavano. Dopo fra Dionisio venne la volta del
Pizzoni, il quale ebbe la corda aggravata da' funicelli per quasi due
ore, e nemmeno confessò[96]: come riferì lo stesso Vescovo di Termoli,
«fù ligato con li funicelli e posto alla corda per la causa della
ribellione et è restato stroppiato d'un brazzo»; infatti vedremo che
una delle sue spalle non guarì mai più, e questa lesione l'avviò alla
morte durante il processo di eresia. Nella stessa seduta, o in una
seduta successiva, furono interrogati il Clerico Gio. Battista Cortese
e il Sacerdote D. Andrea Milano, che si ricorderà essersi trovati
nominati in una lettera di Claudio Crispo a Geronimo Camarda, la quale
parlava della congiura e futura vittoria nel mese di settembre: non
sappiamo ciò che essi risposero, ma possiamo ritenere per certo che
non si passò oltre contro di loro. E si ripigliarono subito le torture
col Petrolo, che ebbe la corda per due ore ed egualmente non confessò:
sappiamo da lui medesimo la specie di tortura avuta, poichè quando
l'ebbe di nuovo nel 1603 per l'eresia, rivolto al Nunzio esclamava,
«hoggi fanno tre anni, e fù pur Sabbato come hoggi che hebbi un'altra
volta la corda». Poi si venne a Giulio Contestabile che non era stato
interrogato ancora, onde si raccolse la sua deposizione che riuscì
negativa; e si passò al Bitonto e gli si diede la tortura «ad sciendum
complices et fautores citra prejudicium probatorum», ed egli come tutti
gli altri, ad eccezione del Campanella, non confessò, sicchè il metodo
vantato dal Nunzio non riuscì. Possiamo affermare che non vi furono
altre torture di frati, e però in conclusione l'ebbero solamente il
Campanella e fra Dionisio mercè il polledro, il Pizzoni, il Petrolo
e il Bitonto mercè la corda forse in tutti aggravata da' funicelli
per due ore: questo risulta dal cenno fattone in coda a' rispettivi
Riassunti degl'indizii che si conservano in Firenze; e dietro la scorta
del medesimo fonte dobbiamo dire che per fra Paolo della Grotteria si
procedè al solo interrogatorio, mentre pel Lauriana, per fra Pietro di
Stilo e fra Pietro Ponzio non vi furono nemmeno altri interrogatorii,
e si ritennero sufficienti quelli fatti da fra Marco e fra Cornelio e
dal Vescovo di Gerace.--Immediatamente dopo il Bitonto ebbe la tortura
anche Giulio Contestabile, per quasi due ore _cum funiculis_ come dice
il Riassunto degl'indizii compilato contro di lui, ed egli nemmeno
confessò: naturalmente così a lui come a tutti gli altri, mano mano
che si esaurivano gli Atti offensivi, era decretata la consegna della
copia del processo, l'assegno del termine per le difese, la deputazione
dell'Avvocato ufficioso qualora non avessero un Avvocato particolare;
e vedremo tra poco che il Contestabile si provvide di un Avvocato
particolare.

Tutto ciò fu compìto nella 2.^a metà di febbraio e 1.^a metà di marzo,
con molta sollecitudine, poichè intendevasi finir presto ogni cosa, per
liberare i parecchi prigioni poco o punto indiziati e quindi passare
alla causa dell'eresia, come il Nunzio facea sapere a Roma. Difatti
nello stesso periodo or ora indicato furono liberati dapprima otto,
poi altri quattro, in tutto dodici incriminati ecclesiastici, come si
rileva da due lettere del Nunzio, l'una del 3 e l'altra del 10 marzo,
che gioverà riportare testualmente. «La causa della ribellione si tira
avanti con ogni diligenza, et di già si è ordinato la liberatione di
8 fra Frati et Clerici che si trovavono presi per diversi sospetti
senza fondamento et 4 altri spero ne liberaremo domani, poichè i
principali sono tutti essaminati, et di già si vede in che il negotio
potrà principalmente parare, et per che la medesima Ecc.^{za} mi hà
richiesto che i Calabresi che dovranno come hò detto liberarsi non si
lascino così subito ritornare in Calabria, gli hò detto che si farà con
un Precetto che non partino di Napoli senza licenza, parendomi cosa
che come propone possa esser di qualche consideratione, che tornino
là persone avanti che il negotio si finisca che sieno informati come
gira, et ne suscitino qualche nuovo bisbiglio; procurerò che si risolva
quanto prima per manco incommodo di quei poveri huomini» (3 marzo). «La
causa della ribellione si tira avanti con la solita diligenza, et di
già se ne sono liberati 12 fra regolari et Clerici, et la prohibitione
del partirsi che le scrissi con altra si è ristretta à due frati
Domenicani, che non tornino in Calabria senza licenza, et altrove
vadino dove vogliono» (10 marzo). Non si potea veramente procedere con
maggior sollecitudine: il tribunale teneva sedute quasi ogni giorno,
come si rileva da un'altra lettera del Nunzio della stessa data (10
marzo) che dice, «dal Venerdì in poi che l'occupo in dettar lettere,
et le feste, gli altri tutti si va in Castello»[97]. Trattandosi
d'individui non trovati delinquenti, ai termini del Breve i Giudici
aveano facoltà di pronunciare senz'altro la sentenza; per essi non
c'era la limitazione di procedere _usque_ _ad sententiam exclusive_,
ed è poi facile conoscerne i nomi guardando l'Elenco degl'incriminati
ecclesiastici[98]. I primi otto furono: D. Gio. Battista Cortese, D.
Gio. Andrea Milano, fra Scipione Politi, fra Francesco di Tiriolo,
D. Marco Petrolo, fra Pietro Musso, D. Domenico Pulerà, fra Vittorio
d'Aquaro; gli altri quattro furono D. Colafrancesco Santaguida, fra
Giuseppe Perrone di Polistina, Giovanni Ursetta e Valentino Samà. Di
tutti costoro vennero esaminati solamente il Cortese e il Milano; e
i due Domenicani, a' quali si vietò di tornare in Calabria, doverono
essere il Tiriolo ed il Musso, mentre contro fra Giuseppe di Polistina,
come contro qualche altro, non si potè neanche compilare un Riassunto
d'indizii, non essendosi trovata in processo cosa alcuna. Rimasero
dunque in carcere nove frati Domenicani compreso il Campanella, e
dippiù il clerico Giulio Contestabile; vi pervenne poi molto più tardi,
come vedremo a suo tempo, il clerico D. Marco Antonio Pittella, il
quale era scappato di mano alle guardie in Calabria, ma fu ripigliato
nel 1601. E non è dubbio che gli Atti difensivi ebbero immediatamente
corso pel Campanella, per fra Dionisio e per gli altri frati; così pure
per Giulio Contestabile, e vi è motivo di ritenere che co' suoi mezzi
costui abbia potuto far precedere la difesa della sua causa, essendo
stato in grado di presentare in suo favore, senza ritardo, documenti,
testimoni ed un Avvocato proprio.

La Difesa scritta per Giulio Contestabile ci fa intendere le accuse
formolate dal Fiscale contro di lui, e ci dà notizia de' documenti
e testimoni da lui presentati[99]. Secondo il Fiscale, Giulio
Contestabile dovea dirsi uno de' capi della congiura dietro la
Dichiarazione del Campanella, la cui amicizia con Giulio era confermata
da sei testimoni uditi in Calabria, come pure dietro le deposizioni del
Caccia, del Vitale e dello stesso Maurizio nell'ultima sua confessione;
inoltre dovea dirsi reo di fatti e detti in dispregio di S. M.^{tà}
dietro le rivelazioni del Campanella e del Petrolo, e indirettamente
anche di fra Pietro di Stilo. I documenti prodotti da Giulio furono:
un certificato di buona vita e fama, rilasciato dall'Università, clero
e particolari di Stilo; l'istrumento pubblico di pace tra' Contestabili
e Carnevali, stipulato mercè l'opera del Campanella e non ratificato;
le fedi di tre Confessori che aiutarono a ben morire il Caccìa,
attestanti la revoca della sua confessione fatta per forza di tormenti.
I testimoni furono quattro: essi affermarono principalmente (con poca
verità) che Giulio e il Campanella erano nemici prima del maggio 1599,
fin dal gennaio di quell'anno, ma dal maggio «nè si parlavano, nè si
cavavano la berretta». E l'Avvocato si appoggiò moltissimo a questa
circostanza dell'inimicizia anteriore, e cercò di confermarla anche
col fatto, che appena venuto lo Spinelli in Calabria, Giulio avea dato
accuse scritte contro il Campanella, e procurata presso D. Carlo Ruffo
commissionato dello Spinelli una commissione pel cognato Di Francesco
in persecuzione del Campanella e complici, come pure il Campanella avea
date egualmente accuse scritte contro Giulio ed avea sedotto il Petrolo
a far lo stesso, mentre poi le sue affermazioni non poteano far fede,
essendo lui «notato d'infamia per avere abiurato _de vehementi_»[100].
Invalidò inoltre le deposizioni del Caccìa, notando che costui non avea
determinato il genere di discorsi passati tra Giulio e il Campanella,
che era stato esaminato da un tribunale incompetente, e poi in ultimo
avea revocato i suoi esami presso i Confessori. Invalidò la deposizione
del Vitale, notando che non era stata fatta la ripetizione di lui
innanzi a' Commissarii Apostolici, nè egli avea potuto conoscere da
Maurizio la partecipazione di Giulio nella congiura, mentre Maurizio
medesimo avea rivelato che la cosa gli era stata detta dal Campanella
nelle carceri di Napoli, ed allora il Vitale era stato già giustiziato.
Invalidò ancora la rivelazione di Maurizio, notando sempre che non era
stata fatta la ripetizione di lui innanzi a' Commissarii Apostolici, ed
aggiungendo che egli non avea potuto parlare col Campanella trovandosi
rinchiusi non solo in carceri separate ma anche in torrioni separati
(fatto non vero), nè poteva credersi che Giulio fosse entrato in un
concerto nel quale erano capi il Campanella e Maurizio, entrambi
notorii nemici suoi. Infine, quanto all'avere Giulio oltraggiato il
ritratto del Re, gli bastò mettere in rilievo le contraddizioni tra
le rivelazioni del Campanella e quelle del Petrolo, e tra le prime ed
ultime rivelazioni del Campanella medesimo.--Con siffatti argomenti
l'Avvocato potè far ritenere Giulio Contestabile qual semplice
sospetto di complicità, e così poi, allorchè molto più tardi si venne
alla sentenza, il Contestabile, aiutato forse anche dalle potenti
raccomandazioni delle quali vedremo che disponeva, riuscì a cavarsela
con la condanna ad una pena relativamente mite.

Poco dopo, o tutt'al più contemporaneamente, venne fuori la Difesa
del Campanella scritta dal De Leonardis: e in sèguito di essa una
Replica di D. Gio. Sances. Ad entrambi questi Atti possiamo facilmente
assegnare la data delle prime settimane di marzo, poichè certamente
durante il marzo le difese doverono essere discusse: vedremo infatti
esservi state negli ultimi giorni di marzo e primi di aprile le feste
di Pasqua, e poco dopo, il 12 aprile, la richiesta del Sances a'
Giudici di venire alla spedizione della causa. La Difesa scritta dal
De Leonardis mostra che pel Campanella non ci furono nè documenti
nè testimoni a discarico: nulla di simile vi si trova citato, e
chiaramente vi si scorge che l'Avvocato sentiva di scrivere per una
causa persa, giacchè il Campanella non poteva non dirsi convinto
e confesso qual capo della congiura o tentata ribellione[101].
Fin dall'esordio della Difesa l'Avvocato non potè fare a meno di
riconoscere una criminosa cospirazione contro la Real M.^{tà}; se
non che goffamente magnificò la clemenza e la bontà di Filippo
III, per avere ordinata questa Difesa, ed affermò che da parte sua
avrebbe voluto dilaniare e fare a brani con Neronica voluttà «simili
facinorosi delinquenti», e dichiarò che per obbedienza agli ordini
del Vicerè presentava al Nunzio e al De Vera «dottissimi e religiosi
Giudici Apostolici» le ragioni che gli parevano favorevoli alla causa.
Due questioni egli vide nella causa: la 1^a, se il Campanella, dato
che fosse reo di tale delitto di lesa Maestà, _potesse_ consegnarsi
alla Curia secolare, e siffatta questione egli dovè riconoscere già
sciolta col Breve Papale, che ne avea dato larga facoltà a' Giudici
Apostolici; la 2^a, se il Campanella avesse commesso tale delitto
di lesa Maestà, che _dovesse_ consegnarsi alla Curia secolare, ciò
che equivaleva a condannarlo alla morte, e sopra tale questione egli
stimò aversi a considerare le circostanze del fatto e la qualità della
persona. Notò quindi che il Campanella non gli pareva «legittimamente
convinto» giusta i termini del Breve, poichè tutti i testimoni erano
socii del delitto, i quali bastavano a provare la congiura, ma non
bastavano a far condannare alla pena di morte, massime in persona
di un Clerico _in sacris_, contro il quale occorreva sempre una
forma più privilegiata che nel Laico; oltracciò tutti i testimoni
lo aveano detto capo della congiura, e per esservi congiura avrebbe
dovuto esservi concerto di molti a fine di sovvertire lo Stato, ma i
testimoni medesimi aveano detto che doveano fatalmente avvenire rumori
e rivoluzioni nel Regno, ed allora egli avrebbe sottratta la Provincia
alla potestà Regia, ma allora si era già verificata la sovversione
dello Stato. Non gli pareva poi nemmeno confesso di congiura e per
questo legittimamente convinto, mentre dalla sua confessione non
risultava «una così grande ed acerba cospirazione quale era stata
asserta da' testimoni», perchè appunto egli voleva far la repubblica
quando fatalmente succedessero rumori e rivoluzioni, e non aveva mai
approvato l'aiuto de' turchi. Aggiunse inoltre che la congiura non
doveva avere una esecuzione prossima ed immediata, e poteva anche
non verificarsi o poteva verificarsi in un senso buono, essendo
preferibile nel caso di grossi trambusti, che si costituisse la
repubblica dall'inquisito con la volontà del Papa e del Re, rimanendo
impedita la conquista a' nemici invasori. In somma trattavasi della
preparazione ad un mutamento in caso di un futuro evento dubbio, e
l'inquisito non era suddito del Re e non avrebbe quindi dovuto mandarsi
a morte come se il delitto fosse stato consumato o vi fosse stato
disegno di uccidere il Re; non era poi l'inquisito nemmeno tale da
poter sovvertire uno Stato, e quindi la pietà e l'equità de' Giudici
Apostolici poteva fargli scansare la morte, «salvo sempre il più sano
giudizio e l'autorità della Sede Apostolica», in servizio della quale
e del Re Filippo egli, l'Avvocato, avrebbe voluto volentieri morire
se fosse stato necessario!--Messe da parte le goffe ampollosità del
tempo, rimane che il De Leonardis cercò, per quanto potè, di salvare
il Campanella dalla morte: tutti i suoi sforzi furono concentrati su
questo punto, riuscendo impossibile negare ciò che fra Tommaso avea
confessato, e parecchie osservazioni dell'Avvocato, che i lettori
vorranno senza dubbio più minutamente conoscere percorrendo la Difesa
da lui scritta, offrono tutti gli elementi di una critica di quel
Breve Papale che avea tanto largamente concesso di rilasciare alla
Curia secolare gli ecclesiastici legittimamente convinti o confessi
«di ribellione o prodizione, o altri delitti di lesa Maestà», senza
tener conto di alcuna delle circostanze restrittive ammesse dalla
giurisprudenza del tempo. Una sola cosa a noi profani in giurisprudenza
apparisce imputabile al De Leonardis, la mancanza dell'argomento
che i testimoni nella più gran parte non erano stati esaminati o
ripetuti nel foro competente, e però non potevano dirsi capaci di
legittimamente convincere: ma bisogna pur riconoscere che si era fatta
una inestricabile confusione di fori, mentre da' «Giudici Apostolici»,
e segnatamente dal Nunzio, si era tollerato che figurassero nel
processo, e quindi ne' Riassunti, come elementi del giudizio, perfino
le deposizioni raccolte da fra Marco e fra Cornelio, ed anche dal
Vescovo di Gerace, nel foro di S.^{to} Officio; così la mancanza del
detto argomento non potè davvero influire in nulla. Avremo poi a
vedere che il Campanella medesimo, nella Difesa sua propria, venuta in
luce più tardi ed inserta nel processo di eresia, non trovò argomenti
migliori di quelli del De Leonardis, e distinguendo il _crimen
volitum_ e il _crimen patratum_ (distinzione che ne' delitti di lesa
Maestà non giovava) concluse doverglisi dare piuttosto la pena del
carcere perpetuo e non la pena di morte. Assai più tardi poi, nella
sua Narrazione, scrisse che il suo Avvocato «più presto avvocò contra
per diventar Consigliero»: ma anche questa volta bisogna riconoscere,
che le necessità sue l'abbiano spinto a scrivere senza alcun ritegno
tutto ciò che potè sembrargli utile a farlo uscire da una tristissima
posizione.

Venendo all'Allegazione del Sances in risposta a quella del De
Leonardis, abbiamo poco da dire[102]. Egli, rivolgendosi allo Ill.^{mo}
Presidente e al dottissimo Magistrato, stimò del tutto naturale che
il Campanella, «legittimamente convinto e confesso» del delitto di
lesa Maestà, dovesse «essere attualmente degradato e consegnato
alla Curia secolare, tanto per disposizione del dritto, quanto in
forza del rescritto di commissione del SS.^{mo} Padre». E confutando
le ragioni dell'Avvocato, fece notare che, circa la qualità della
persona, trattavasi di un frate di mancata vita monastica, assiduo co'
malfattori, già condannato ad abiurare, cospiratore contro gli Stati
del Re Cattolico per menare vita lussuriosa e seminare eresie, autore e
capo di tutto, convinto da testimoni come il Franza, il Cordova e due
altri già carcerati col Pisano (sicuramente il Gagliardo e il Conia),
i quali, sebbene socii nel delitto, in questo di lesa Maestà per una
speciale disposizione del dritto provavano; che inoltre era confesso,
come essi medesimi i «Padri» lo avevano udito, di avere eccitato a
prendere le armi e procurare amici, confesso di formata macchinazione,
soggetto ad essere degradato e consegnato alla Curia secolare anche
per un rescritto espresso del Papa, il quale volle mostrare quanto
difendesse e proteggesse gli Stati di S. M.^{tà}. Nè egli faceva
istanza che fosse condannato perchè avea già cacciato il Re e fatta la
Repubblica, ma per avere macchinato e sedotto a farla le persone che
si erano mostrate pronte, dovendosi nel delitto di lesa Maestà, per
dritto, punire con la stessa pena così la volontà come l'effetto; la
macchinazione era seguìta, e i Giudici poteano degradare questo clerico
ribelle alla Maestà Divina ed umana, causa della perdita della vita,
de' beni e dell'onore, per tanti infelici, e de' beni e della patria
per molti contumaci, costituiti anche in pericolo di vita, essendo
stato lui di ogni cosa duce, autore e capo.

Una Difesa scritta, analoga a quella pel Campanella, parrebbe che
avesse dovuto esservi anche per conto di fra Dionisio; giacchè il
Sances chiese di poi a' Giudici che spedissero la causa tanto del
Campanella quanto di fra Dionisio. Forse, essendo in sèguito costui
scappato senza rimedio, il Nunzio credè inutile conservare tale
Difesa e così essa non sarebbe a noi pervenuta; ma forse anche, con
maggior probabilità, avendo lui dichiarato di volersi servire di un
Avvocato proprio, e non essendo poi riuscito a trovarlo, rimase senza
Difesa scritta, giacchè, nel decretare il termine per le difese, i
Giudici solevano dichiarare che badasse l'inquisito a provvedersi
di un Avvocato o a chiedere quello di ufficio, mentre in difetto,
scorso il termine, il tribunale avrebbe spedita la causa anche senza
l'Avvocato. Ciò per altro non vuol dire che fra Dionisio non si sia
difeso da sè, oralmente e presentando documenti; che anzi dobbiamo
ritenerlo, trovandosi in coda al Riassunto degl'indizii contro di
lui l'annotazione «habuit defensiones _quas fecit_». Non potremmo
dire lo stesso pel Campanella, mentre in coda del relativo Riassunto
degl'indizii troviamo scritto solamente «habuit defensiones»: la
qual cosa riesce difficile a spiegarsi, e bisognerebbe ammettere che
veramente non sia stato chiamato a parlare, come di poi si dolse;
ma forse egli avea dichiarato che intendeva presentare una propria
Difesa scritta ed anche difendersi oralmente, e non giunse in tempo a
presentare la Difesa scritta, come vedremo più in là, e i Giudici poco
giustamente passarono oltre ritenendo decaduta la sua dichiarazione.
Ad ogni modo la sorte del Campanella, e così pure di fra Dionisio, non
poteva esser dubbia, e stiamo per vedere che il Nunzio non ne fece un
mistero.

Di certo durante il marzo vi fu un poco di rilasciamento nell'attività
del tribunale; le feste di Pasqua poi, negli ultimi giorni di marzo e
primi di aprile, vennero a sospenderne affatto le sedute. Durante il
marzo la causa del Contestabile, con l'esame de' quattro testimoni, non
potè occupare molte sedute, tanto meno la Difesa orale di fra Dionisio,
ancor meno la Difesa scritta dell'Avvocato del Campanella, e d'altronde
conosciamo che i termini per le difese solevano essere brevissimi.
Bisogna dunque ammettere qualche ragione estrinseca, e questa potrebbe
ravvisarsi nell'assenza del Vicerè da Napoli in tale periodo: poichè
egli dovè finalmente adempiere la missione già troppo ritardata, di
Ambasciatore straordinario di obbedienza al Papa in nome di Filippo
III, e così venne meno la sua inesorabile insistenza[103]. Il 9 marzo
egli era partito da Napoli, insieme con la Viceregina ed una distinta
comitiva di Nobili, che erano felici di potersi mostrare servitori
affezionati a S. M.^{tà} e di poter guadagnare anche le indulgenze
del Giubileo in Roma, nè fu di ritorno prima del 27 aprile. Potremmo
narrare una grande quantità di aneddoti intorno a questo viaggio, ma ce
ne asteniamo. Diremo solamente, per quanto riflette i casi della nostra
narrazione, che tra' nobili i quali ottennero l'onore molto ambìto
di accompagnare il Vicerè vi fu il Principe della Roccella, insieme
col suo primogenito Girolamo Marchese di Castelvetere, la qual cosa
venne ritenuta un favore particolare del Vicerè dietro la brillante
condotta del Principe nella cattura del Campanella: oltracciò il Nunzio
espose al Card.^l S. Giorgio il desiderio che si trattassero in Roma
direttamente col Vicerè gli affari più gravi, e tra questi non v'era
compreso l'affare del Campanella, ma del resto, malgrado le promesse
del Cardinale, non se ne fece nulla. Era rimasto in Napoli Luogotenente
del Regno il figliuolo secondogenito del Vicerè, D. Francesco de
Castro, giovane di anni e maturo di senno, il quale non fu tiepido nel
volere spedita la causa del Campanella, ma non avea la voce autorevole
del padre, e il Nunzio poteva tanto più opporgli la sua. Il 12 aprile,
forse in previsione del prossimo ritorno del Vicerè, ma piuttosto in
sèguito di una novità manifestatasi nel Campanella, come vedremo più
oltre, il Sances chiese istantemente a' Giudici che si spedissero le
cause del Campanella e di fra Dionisio: il Nunzio si avvide allora,
abbastanza tardi, degl'inconvenienti a' quali si andava incontro,
e si oppose, e volle che si attendesse per avere nuove istruzioni
da Roma. Ecco come egli ne scrisse al Card.^l S. Giorgio in una sua
lettera del 14 aprile, che importa tener tutta sott'occhio, mentre
da essa si rileva qual fosse la posizione giuridica del Campanella e
di fra Dionisio, con la corrispondente condanna in vista. «Tornammo
due giorni sono à trattar della causa della ribellione, et perchè il
Fiscale di essa mi fece una gagliarda instanza della speditione quanto
alla persona di fra Thomaso Campanella et di fra Dionigi Pontio, non
volsi consentire che si trattasse della fine, non si sapendo ancora
dove N. S.^{re} voglia si conoschino le materie appartenenti al S.^{to}
Offitio, oltre che _reputandosi l'uno confesso che è il Campanella,
et l'altro convinto che è il Pontio, potrà facilmente essere la fine
delle loro cause il degradarli, e darli alla Curia secolare_, ma non
mi è parso che questo si deva fare in modo alcuno, senza parteciparlo
prima con S. S.^{tà} rimanendo sospesa la causa del S.^{to} Offitio. Et
se bene di questo se ne potrà fare espressa riserva, ho non dimeno per
un certo che di convenienza reputato sia bene che S. B.^{ne} lo sappia,
et comandi se in ciò gli occorre altro, questo medesimo risposi hieri
al Sig.^r D. Francesco de Castro che à suggestione, per quanto credo,
del medesimo fiscale me ne parlò tanto efficacemente, non si volendo
far capace delle ragioni che mi movevano à voler prima parteciparlo
costà, che mi hebbi à risentire, parendomi d'esser troppo stretto, et à
dire risolutamente che non ne voleva far nulla et che mi pareva strano
che in un negotio che hà durato più di 6 mesi mi si volesse ridurre ad
un' giorno, quando per haver una risposta di costà ne bisognavano 10
ò 12 che non erano anche tanti che si convenisse negarmeli, et perciò
desidero haver di questo risposta quanto prima».

La posizione del Campanella, e così pure quella di fra Dionisio, erano
dunque nettamente definite: il Campanella ritenevasi confesso, fra
Dionisio convinto, e secondo la giurisprudenza e i termini chiari ed
espliciti del Breve Papale dovevano essere, previa la degradazione,
consegnati al braccio secolare, naturalmente con quella rutinaria
preghiera altrove menzionata che la pena fosse «senza pericolo di
morte» etc., preghiera che la giurisprudenza imponeva, e che era
sottinteso non doversi tenere dal braccio secolare in alcun conto[104].
Erano dunque accolte le conclusioni del Sances, e senza dubbio,
pronunziata la condanna di degradazione e consegna alla Curia secolare,
la Curia Pontificia non avrebbe più ricevuto il Campanella nelle sue
mani per sottoporlo al processo dell'eresia, segnatamente essendovi
l'intenzione, come appunto il Papa l'avea una volta manifestata, che
gl'interessati nel negozio dell'Inquisizione si mandassero a Roma.
Il Nunzio ebbe a capire quanto male a proposito si era procrastinato
il giudizio dell'eresia, e nel tempo stesso si era largheggiato in
concessioni pel giudizio della congiura; ed il pericolo di non poter
più fare il giudizio dell'eresia, non già la menoma idea di salvare
il Campanella, indusse lui ad esigere e Roma ad approvare che si
soprassedesse alla spedizione della causa. Intanto siffatta sospensione
giunse realmente a salvare dalla morte il Campanella e così pure fra
Dionisio; ma il Governo Vicereale dovè ritenerla una manovra dalla
parte di Roma in beneficio de' frati ribelli, e dovè legarsela al dito,
poichè a' termini del Breve Papale non c'era da rivolgersi ancora
a Roma ed «aspettare il comandamento di S. S.^{tà}», ma potevasi
concretare la sentenza e poi aspettarlo. Ad ogni modo la sospensiva non
fu messa innanzi dal Governo perchè non sapeva come condannare que'
frati innocenti, secondo che è stato affermato da altri scrittori; e
vedremo anzi quanto esso insistè, durante più anni, perchè si compisse
una volta la spedizione della causa, finchè non sopraggiunsero altri
fatti, pe' quali sorse un grave sospetto che Roma volesse addirittura
salvare que' frati in dispregio del potere civile.

Da Roma, il 22 aprile, si scrisse al Nunzio che tra poco si manderebbe
una risposta risoluta, e intanto si lodava che egli non avesse
consentito alla spedizione della causa della ribellione, mentre pendeva
la deliberazione da prendersi per quella dell'eresia. Effettivamente
venne poi, alcuni giorni dopo, comunicata la deliberazione che vi
si procedesse in Napoli, e già durante tutto questo tempo si era
continuato lo svolgimento del processo della congiura, trattandosi le
difese degli altri frati. Questo si rileva dalle lettere del Nunzio
del 24 e del 28 aprile, nella quale ultima si dice «che i prigioni per
la ribellione... seguono le loro difese, nelle quali non ci è parso
restringerli, se bene i termini concessi à tal effetto erano passati».
Quali siano state le difese de' rimanenti frati non conosciamo: alcuna
Difesa scritta per loro dal De Leonardis non ci è pervenuta, e questo
ci fa pensare che forse essi siano rimasti senza Difesa scritta.
Del rimanente ecco quanto troviamo in coda a' rispettivi Riassunti
degl'indizii, dove si ebbe cura di registrare ciò che si fece da questo
lato. Pel Pizzoni troviamo, «habuit defensiones _quas fecit_», e da ciò
desumiamo che egli siasi difeso da sè. Pel Petrolo, e così pure pel
Bitonto, troviamo semplicemente «habuit defensiones», donde desumeremmo
che questi due si siano rimessi alla giustizia del tribunale senza
difendersi, la qual cosa collimerebbe col loro grado di cultura molto
più basso. Per gli altri frati poi, cioè il Lauriana, fra Paolo della
Grotteria, fra Pietro di Stilo e fra Pietro Ponzio, non troviamo alcuna
annotazione, e dovremmo desumerne che il Sances abbia rinunciato
all'azione penale contro di loro. È quasi superfluo aggiungere che pe'
frati suddetti, come pel Campanella e fra Dionisio, e parimente pel
Contestabile, furono compiute le difese ma restò sospesa la spedizione
della causa: essi dovevano, o come principali o come testimoni,
sottostare al processo dell'eresia, e la Curia Romana avea deliberato
che dovesse prima svolgersi quest'altro processo. Così la sorte di
tutti costoro rimase sospesa durante molto altro tempo, e da ciò rimase
danneggiato singolarmente fra Pietro Ponzio, il quale non era implicato
in nessuno dei due processi e restava intanto nel carcere; ma vedremo
tra poco che appunto nel carcere erano già cominciati a sorgere alcuni
sospetti contro di lui.--La deliberazione che il processo dell'eresia
dovesse trattarsi in Napoli fu annunziata dal Card.^l di S.^{ta}
Severina, con lettera del 28 aprile che troveremo a capo del relativo
processo: questa lettera pervenne al Nunzio verso i primi di maggio,
come si rileva dall'altra che egli scrisse al Card.^l S. Giorgio in
data del 5 maggio. Si fu dunque perfettamente in tempo a cominciare
il processo dell'eresia mentre terminava il processo della congiura
per gl'inquisiti ecclesiastici fin allora presi; e come la spedizione
di quest'ultimo processo rimase sospesa, così dobbiamo anche noi
sospendere il racconto dell'esito riserbandolo pel tempo suo.

Ci occorre pertanto narrare un fatto importantissimo, che si era
già verificato in persona del Campanella fin dai primi di aprile.
Con un accesso subitaneo e violento si era manifestata in lui la
pazzia: questo incidente, non senza conseguenze giuridiche per lui,
merita tutta la nostra attenzione, e cominceremo dal vedere dapprima
quanto egli medesimo ne lasciò scritto. Nelle lettere del 1606-1607,
pubblicate dal Centofanti, una volta scrisse, «furono negate le
difese, e per questo sopraggiunse la pazzia»; un'altra volta scrisse,
«mi fecero pazzo essi con tanti tormenti et con non lasciarmi
difensare»[105]. Più tardi (il 1614) in una delle note nelle sue Poesie
scrisse, «bruciò il letto, e divenne pazzo ò vero ò finto»[106]. Più
tardi ancora (il 1620), nella sua Narrazione, tornò alla prima versione
del fatto e con molta larghezza scrisse, che il Sances «con altri di
sua fattura» (e questi non potrebbero essere stati che il Nunzio e il
De Vera), udendo le ragioni da lui addotte in sua discolpa, «levaro al
Campanella la commodità di scrivere, e d'esaminare, e difensarsi, e
li libri e il commertio con avvocati, e lo posero dentro al torrione
inferrato dicendoli, che dovea morir per ragion di stato e che
s'apparecchiasse i sacramenti, non a difensarsi, e li mandaro Gesuini,
e frati a conortarlo a morire, e volendo presentar il Campanella li
libri da lui fatti sopra la mutatione del mondo e la monarchia di
Christo, d'una greggia sotto un pastore, presto apparitura in tutto
il mondo, data da lui al Cardinal Sangiorgi dui anni avanti perchè si
vedesse che non era invention contra la chiesa, nè contra il Re fatta
novamente (_sic_). E di più volea presentar un volume scritto della
Monarchia di Spagna molto utile alla corona, e la tragedia della Regina
di Scotia fatta da lui per Spagna contro Inghilterra, e li discorsi
alli Principi d'Italia, che per ben comune non devono contradir a
detta monarchia, e questi libri fece venir dalla padria subito. Ma
il Sances non volse che si presentassero, nè si sapessero, e però
lo ristrinse nel torrione con le fenestre serrate, e mise timore a
chiunque parlava d'aiutarlo, e li fè tanti stratii al povero Campanella
che lo fè impazzire, brugiò il letto, e lo trovaro la mattina mezzo
morto, e pazziò cinquanta dì».--Parecchie riserve debbono farsi intorno
alle circostanze qui esposte. Vedremo che la sua pazzia durò anche
oltre 14 mesi, e scorso questo tempo fu provata col più atroce de'
tormenti; saremmo perfino tentati di credere che vi sia stata in tal
punto una lezione sbagliata. Vedremo dippiù che i libri i quali volea
presentare non vennero dalla patria subito, e nella Difesa scritta da
lui medesimo, compiuta dopo la manifestazione della pazzia e venuta in
luce 14 mesi più tardi, egli chiedeva a' Giudici che gli si dessero
i libri, menzionando i Discorsi politici inviati all'Imperatore,
il Dialogo contro gli eretici esistente presso Mario del Tufo, la
Monarchia dei Cristiani data al S. Giorgio, la Tragedia e il libro Del
Reggimento della Chiesa che diceva trovarsi in Stilo tra le sue piccole
masserizie, ed aggiungendovi di seconda mano la Monarchia di Spagna,
che diceva trovarsi pure in Stilo tra le sue piccole masserizie, «in
meis sarcinulis». Ognuno poi avrà già notato che i tormenti gli erano
stati dati il 7 e 8 febbraio, mentre la pazzia cominciò a' primi di
aprile, e circa il non essergli state date le comodità di difendersi,
bisogna tener presente che nella prima delle sue Lettere del 1606 a
Paolo V egli scrisse esplicitamente, «quando mi citaro mi protestai
che voleva io difensarmi di propria bocca almen che (_sic_) non mi
lasciaro articolare, e 'l Nuntio passato non mi fè chiamare, che penso
non ci l'han detto nè potea» (accennando all'Aldobrandini, che mostrò
di scusare poichè scriveva a un Papa): e certamente il Nunzio, che
benissimo lo potea, non è scusabile di non averlo fatto chiamare, ma
bisogna riconoscere che erano state date le comodità per la difesa, e,
come vedremo tra poco, egli non giunse in tempo a presentare la Difesa
scritta, e venne poi, il 2 aprile, a manifestarsi pazzo; sicchè riesce
del tutto credibile essere sorta la pazzia quando dovè persuadersi che
pel momento non dovea più pensare alla difesa, e per giunta mostravasi
imminente il processo di eresia tanto più spaventevole per lui. Infine
anche la circostanza dell'essere stato trattato con rigore maggiore
del solito mentre dovea fare le difese, merita di essere accolta con
riserva; poichè, all'opposto, nel detto tempo si soleva trattare
gl'inquisiti con larghezza, e vedremo tra poco da una deposizione del
carceriere Alonso Martinez confermata la cosa in persona sua. Tutte
le altre circostanze poi debbono essere riconosciute esatte, giacchè
concordano con quanto emerse in sèguito nel processo dell'eresia, onde
siamo in grado di dare la data precisa dell'incidente e tutti i suoi
particolari.

Non può dubitarsi che fornirono l'occasione o il pretesto per la pazzia
le esorbitanze di confessori, che specialmente a motivo della Pasqua
frequentavano allora più del solito il Castello. Vi erano assidui il
P.^e Pepe gesuita, il P.^e Muzio, un P.^e Pietro Gonzales Domenicano,
e quest'ultimo specialmente confessava i frati carcerati, come trovasi
attestato nelle loro deposizioni. Notiamo che fra Pietro di Stilo ebbe
a dire del Gonzales: «soleva venire spesse volte quà, è ci faceva
delle belle esortationi, et andava anco dal Campanella spesse volte
per quanto mi è stato detto, è li faceva delle brutte riprensioni».
Più esplicitamente il Vescovo di Termoli scrisse a Roma: «dubito
che la pazzia sia nata che andando il Padre Maestro Pietro Gonzales
à confessar et communicar alcuni di questi carcerati prima che io
venisse à Napoli, andava dal Campanella et l'essortava ad haver cura
dell'anima perchè il corpo era spedito». Ben si vede che il Gonzales
non godeva pienamente le simpatie del Vescovo di Termoli, e possiamo
aggiungere che tanto meno godeva quelle del Nunzio, nel cui Carteggio
si trovano più lettere contro di esso, dalle quali apparisce molto
amico di fra Serafino di Nocera tanto affezionato al Campanella[107]:
inoltre egli conosceva assai da vicino qualcuno de' frati carcerati,
p. es. il Petrolo, che era stato con lui in Milano; e per tutti questi
motivi rimane dubbio se egli avesse agito a quel modo per leggerezza ed
imprudenza, o invece per malizia, vale a dire d'accordo col Campanella
medesimo, a fine di rendere spiegabile l'inatteso manifestarsi della
pazzia. Ecco ora in che maniera il Campanella si mostrò pazzo, secondo
che depose il carceriere Alonso Martines quando ne fu interrogato.
«La matina di pasqua del spirito santo prossime passato havendo io
la sera precedente lassato una lucerna accesa dentro la priggione di
detto frà Thomaso quale poteva durare circa un'hora, è mezza à far
lume acciò egli vedesse à mangiare, la matina secondo il mio solito,
visitando tutti li carcerati, ritrovai che frà Thomaso havea brusciato
la lettèra, le asse, le tavole, un saccone di paglia, et una coperta,
et la priggione era tutta piena di fumo, et frà Thomaso era gettato in
terra, et io credevo che fusse morto, mà poi io udj che si lamentava,
et io lo levai da terra, et lo messi in un'altro loco, et rivenne
quanto alle forze del corpo, et ritornato da esso _per condurlo alla
messa che alhora havea licenza di condurlo_, detto frà Thomaso mi
venne à dosso è poco ci mancò che non mi levasse il naso dalla faccia,
è, da questa hora in quà hà parlato spropositatamente, et anco con
altri»[108]. Da diversi fonti all'uopo ricercati abbiamo potuto trarre
che la Pasqua nel 1600 si celebrò il 2 aprile: fu questa dunque la data
precisa in cui si manifestò la pazzia del Campanella, ed essa spiega
pienamente così l'opportunità e convenienza della pazzia dal lato
suo, come l'urgenza estrema della spedizione della causa dal lato del
Sances. Reca poi senza dubbio una grande meraviglia il fatto, che il
Nunzio non abbia partecipata a Roma tale novità; nel suo Carteggio non
se ne trova menzione per lungo tempo, e il primo a parteciparla a Roma
apparisce nel processo di eresia il Vescovo di Termoli, in data del 25
maggio[109].

Non appena ebbe notizia dell'incidente, il Sances ordinò che si
spiassero gli andamenti del Campanella, per conoscere se la pazzia
fosse vera o simulata; e fin dal 4 aprile alcuni scrivani andarono
nelle ore della notte ad appiattarsi presso il carcere del Campanella
per raccogliere ciò che avrebbero udito. Ebbe così due relazioni, che
esponevano due colloquii notturni tra il Campanella e fra Pietro Ponzio
rinchiusi in due carceri vicine, in data l'una del 10 e l'altra del
14 aprile: queste relazioni furono più tardi trasmesse in copia a'
Giudici dell'eresia, i quali le inserirono nel loro processo, e in tal
guisa ci è venuto tra mano non solo un documento importantissimo per
intendere le cose del Campanella e la condotta del Governo Vicereale
verso di lui, ma anche il racconto di uno de' più drammatici episodii
del tempo de' processi[110]. Una delle relazioni scritta da Marcello
de Andreanis, scrivano fiscale ordinario della Banca di Marcello
Barrese, dice che essendosi insieme con Francesco Tartaglia, scrivano
straordinario della medesima Banca, recato per ordine del Sances
nelle carceri del Castello, e propriamente in un corridoio vicino
alle carceri del Campanella e di fra Pietro Ponzio, accostatisi pian
piano nel detto corridoio, il 10 aprile, a tre ore di notte, udirono
il seguente dialogo. Il Campanella dimandava: che n'è di mio fratello
e di mio padre? E fra Pietro rispondeva: stanno nelle carceri del
civile con Giuseppe Grillo e Francesco Antonio di Oliviero. Ancora il
Campanella: e di tuo fratello che n'è? E fra Pietro: Ferrante sta con
quella marmaglia delle carceri del civile. Continuava il Campanella:
oh che pietà, che ne sa quel poveretto Francesco Antonio di Oliviero!
E fra Pietro: tu vedi! Ripigliava fra Pietro in latino: hai scritto
abbastanza oggi? E il Campanella: assaissimo, tutto. Ancora fra
Pietro: il Martines è rimasto fuori del Castello ed Onofrio (l'altro
carceriere) è stato chiamato dal Capitano; noi possiamo parlare? E
il Campanella, in latino: tu non conosci la razza degli spagnuoli;
e fra Pietro, in latino: conosco la razza e la scelleratezza degli
spagnuoli. Continuando quasi sempre in latino, il Campanella diceva:
sai se Tommaso d'Assaro è stato liberato? E fra Pietro: no, dimandane
a colui che sta nel carcere superiore (_intend._ superiore a quello
di fra Pietro). E il Campanella: non posso; aggiungendo: fa in modo
che dimani possa dare una pagina scritta a fra Pietro (certamente fra
Pietro di Stilo), perchè non posso parlare e sento un odore di uomo!
E fra Pietro: scongiurali, e parla in latino, giacchè sono idioti e
non conoscono la lingua latina. Rimasti quindi un poco in silenzio,
fra Pietro ricominciò: non ci è nessuno, perchè il vizio li porta
via, tu hai lume? E il Campanella: no, affatto; e soggiunse: andiamo
a dormire perchè ho visto un lume. E fra Pietro: andiamo a dormire.
Fu questo uno de' colloquii. Notiamo che Tommaso d'Assaro trovavasi
carcerato e doveva essere vicino ad uscire in libertà, vedendosi il
suo nome più tardi nella lista de' testimoni dimoranti in Napoli,
dati da fra Dionisio nella causa dell'eresia, per fatti avvenuti nel
carcere[111]. Ma ciò che riesce notevolissimo è il sapere che il
Campanella scriveva, che aveva in quel giorno scritto «assaissimo,
tutto», come pure una pagina da doversi passare a fra Pietro di Stilo,
e che fra Pietro Ponzio ne pigliava molto interesse. Cosa scriveva il
Campanella? Non mancheremo d'indagarlo più in là.--Veniamo all'altro
colloquio. Esso è riferito da Francesco Tartaglia sopra nominato, il
quale dice di essersi recato per dodici notti successive nel Castello,
dietro ordine del Sances, e più volte ha udito il Campanella discorrere
con fra Pietro «de bonissimo modo», e segnatamente la notte del 14
aprile, in compagnia anche de' carcerieri Martines ed Onofrio, udì
le seguenti parole. Fra Pietro chiamò quattro volte il Campanella
dicendo, o fra Tommaso... non senti no o cor mio? E il Campanella:
bona sera, bona sera. E fra Pietro: o cor mio, come stai, che fai, sta
di buon animo, perchè domani verrà il Nunzio e sapremo qualche cosa.
Ed il Campanella: o fra Pietro, perchè non trovi qualche modo per
potere dormire insieme e godere? E fra Pietro: volesse Iddio, anche a
dover pagare dieci ducati al carceriere, a te, cor mio, vorrei dare
venti baci per ora; ho sparso per tutta Napoli i tuoi Sonetti, li so
tutti a memoria e nulla mi dà più gran gusto che il leggere qualche
frutto dell'ingegno tuo. E il Campanella: voglio ora comporne uno pel
Nunzio. E fra Pietro: sì cor mio, ma ti chiedo in grazia di comporre
prima quelli per me o quelli che desidero per mio fratello, e poi
comporrai quelli pel Nunzio. E il Campanella: va a riposare, buona
sera. Ben si rileva qui la tenera ed irremovibile amicizia di fra
Pietro pel Campanella, e il suo ardore per averne le poesie, spinto
fino all'indiscrezione di volerne per sè e per suo fratello, mentre il
povero filosofo ne meditava qualcuna che riuscisse a rendergli propizii
i potenti nella sua terribile condizione; e si rileva al tempo medesimo
l'animo depresso del filosofo, e il suo vivo bisogno della compagnia di
un amico come fra Pietro. Si vide poi tale affettuoso colloquio dare
al Vescovo di Caserta motivo di sospettare nientemeno che dell'onestà
delle relazioni tra il Campanella e fra Pietro: evidentemente questi
due giudicabili erano assai migliori di alcuni de' loro Giudici! Ma
dunque il Campanella componeva Poesie, oltrechè scriveva pagine da
doversi trasmettere a fra Pietro di Stilo, e il Sances già ne sapeva
qualche cosa: e come mai poteva egli meditare un Sonetto pel Nunzio?
Non ne troviamo alcuno con questo indirizzo nella raccolta fattane da
fra Pietro, e bisogna dire che o lo scrivano sia caduto in un equivoco,
o il Campanella abbia voluto alludere al Sonetto indirizzato al Papa,
da doversi per vie trasversali far capitare nelle mani del Nunzio, il
quale si sarebbe poi fatto un dovere d'inviarlo al Papa. Si può intanto
immaginare quale concetto abbia dovuto formarsi il Sances intorno a
questa pazzia, durante la quale il Campanella scriveva Sonetti perfino
al Nunzio: evidentemente egli non poteva che chiedere d'urgenza la
spedizione della causa.

Ed eccoci condotti a narrare la vita intima del Campanella,
considerandola propriamente dal lato delle sue opere d'ingegno, in
questo primo periodo della sua prigionia di Napoli, rappresentato dal
tempo in cui venne istituito e svolto il processo della congiura così
pe' laici come per gli ecclesiastici. Dicemmo già che fin dai primi
momenti dell'arrivo egli compose Poesie per dare animo agli amici,
che nel _Syntagma_ se ne ha il ricordo ma con una completa confusione
di tempi, che la Raccolta fattane da fra Pietro ci mette in grado di
potere fino ad un certo punto distinguere ed assegnare alle diverse
poesie la propria data. E veramente nel _Syntagma_ si parla delle
poesie in questi termini: «Fui condotto a Napoli qual reo di Maestà, ed
ivi, mentre si negava l'aiuto de' libri, composi molti versi latini ed
italiani, sul primo Senno e prima Possanza, sul primo Amore, sul Bene,
sul Bello e simili, che tutti scriveva di nascosto quando ne aveva
l'agio. Di essi vennero formati sette libri intitolati La Cantica,
de' quali in parte Tobia Adami pubblicò una scelta, fatta secondo
il giudizio suo, sotto il nome di Settimontano Squilla, aggiuntavi
l'esposizione. Composi parimente Elegie sulle sventure mie e degli
amici, inoltre Ritmi profetali ed una quadruplice Salmodia su Dio
e su tutte le opere sue, e a questo modo con le poesie diedi anche
vigore agli amici acciò non si abbattessero ne' tormenti». Ora tra
le poesie raccolte da fra Pietro, alla cui composizione quasi totale
possiamo assegnare un tempo certo, compreso tra il 10 novembre 1599 e
il 2 agosto 1601, non si trovano le Canzoni, le Elegie, le Salmodie
ricordate nel _Syntagma_ e poi pubblicate veramente dall'Adami; nè
occorre dire che vi si troverebbero, qualora fossero state composte
nel tempo anzidetto. Appena vi si trovano i Ritmi profetali, sicchè
bisogna rimandare le poesie sopra ricordate ad un periodo posteriore
di molto; nel qual caso, gli amici rinvigoriti con esse ne' tormenti
dal Campanella sarebbero i soli pochi frati tormentati per l'eresia,
ciò che vedremo accaduto nel gennaio 1603; invece la raccolta fatta
da fra Pietro ci presenta le poesie del primo periodo, e tra esse
quelle che servirono a rinvigorire gli amici tutti ne' tormenti per
la congiura. La detta Raccolta non serba un ordine strettamente
cronologico, ed abbiamo già rilevato altrove che contiene pure qualche
poesia certamente del tempo della prigionia di Roma, conservataci
per reminiscenze comunicate dal Campanella al raccoglitore: ma essa
nemmeno procede scompigliata del tutto, e in generale vi si possono
molto bene riconoscere due gruppi che indichiamo subito, assegnando
al primo il periodo del quale ci siamo finora occupati, vale a dire
dal novembre 1599 all'aprile 1600. Questo primo gruppo è rappresentato
essenzialmente dalle prime 24 poesie, che mostrano un distacco
sensibile dalle rimanenti, tra le quali per altro è capitata ancora
qualcuna da doversi riferire al primo gruppo, mentre poi nell'uno
e nell'altro gruppo son capitate quelle poche di reminiscenza, già
composte ne' tempi anteriori[112]. Il primo Sonetto col quale si apre
la Raccolta di fra Pietro, ben conosciuto perchè fu poi pubblicato
dall'Adami, è quello «sul presente stato d'Italia» che comincia col
verso

         «La gran Donna ch'a Cesare comparse»:

in verità noi lo crederemmo scritto piuttosto ne' giorni de'
preparativi, in Calabria, contemplandosi in esso che per la patria
infelice, dominata da stranieri, non c'era più da sperare nè nel
Principato nè nel Sacerdozio, ma bisognava tornare a' puri principii
del Cristianesimo e della Sapienza greca; ad ogni modo riesce
abbastanza interessante il sapere che un Sonetto simile, decorato del
sacro nome d'Italia e tutto sollecitudine per le sciagure di essa,
sia di vecchia data ed abbia circolato tra le mani de' congiurati o
de' perseguitati per la congiura[113]. Più sicuramente appartiene al
primissimo tempo della prigionia di Napoli, e forse è stato davvero il
primo composto nel Castello nuovo, quello che viene in 2^o luogo «sopra
l'istesso stato d'Italia» (titolo verosimilmente dato da fra Pietro),
avendo tutta l'impronta dell'attualità, esprimendo la preoccupazione
che il Conte di Lemos avesse a menar buoni i tristi processi fatti in
Calabria, promettendo in tal caso più grave la rovina profetizzata
agli oppressori, ed esalando il dolore del filosofo ancora sotto
l'impressione della bieca accoglienza popolare sofferta nel viaggio da
Gerace a Bivona:

         «Il fato dell'Italia hoggi dipende
         dall'esser vera ò falsa rebellione
         questa, ch'à calavresi Carlo impone
         e Sciarava, ch'el Regno el Rè n'offende.
          E s'il Conte che regge ancor pretende
         che lor finte ragion sian vere e buone
         .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
         più grave fia l'antevista ruina.
         .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
           Ahi cieca Italia nella tua rapina!
         sin quando il senno tuo sopito langue?
         s'io ben ti desiai, che t'ho fatt'io?»

Sarebbe poco ragionevole voler qui trovare una Musa felice e splendida,
e lo stesso va detto per tante altre poesie di questa raccolta: il
filosofo dovea sentirsi disposto a tutt'altro che a poetare; d'altronde
poesie simili bastavano per que' rozzi ma generosi patriotti. Il 3^o
Sonetto, intitolato dall'autore «a sè stesso», può ritenersi bene al
suo posto, valendo ad ispirare conforto e fiducia a' compagni suoi in
un modo generale, e sempre promettendo la vendetta divina:

          «Spesso m'han combattuto, io dico anchora,
         fin dalla giovanezza, ahi troppo spesso,
         .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
         ma la spada del ciel per me lavora».

Non così l'altro intitolato anche «a sè stesso», con la giunta dovuta
a fra Pietro, e certamente errata, cioè «subito fu preso»: esso venne
pubblicato dall'Adami senza questa giunta, che forse potè essere
suggerita a fra Pietro dalle parole che si leggono nel 2^o verso, «il
fiero stuol confondo»; ma tutte le circostanze, che accompagnano queste
parole, le mostrano riferibili a' Giudici, Fiscale e contradittori
intervenuti nelle confronte, sicchè il Sonetto risulta precisamente
del tempo degli esami e confronte del Campanella, che aveano dovuto
sembrargli tali da poterne menar vanto. Passiamo quindi sopra di esso,
e del pari sopra il seguente, che gli apparisce collegato e che dinota
un grave sconforto succeduto ad una viva fiducia; ci troviamo così
in presenza del Sonetto «in lode di carcerati e tormentati», che ci
conduce al periodo in cui si pose mano alle torture cominciando da
Maurizio.

Siamo dunque alle prime settimane del dicembre 1599, al tempo del
massimo fervore nel processo della congiura pe' laici. Maurizio avea
sostenuto con fermezza terribili e lunghissimi tormenti, e gli altri
avrebbero dovuto imitarne l'esempio; il Campanella lo esalta con
entusiasmo, e merita di essere notato che attribuisce allo «ardore di
libertà e di ragione» il superare que' tormenti, armi del tiranno:

          «Veggio spirti rivolti al Creatore
         schernir tormenti e morte, del tyranno
         armi sovrare, e scherzar con l'affanno
         .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
          Di libertà e ragion tanto è l'ardore
         che dolcezza il dolor, ricchezza il danno,
         seguendo l'orme di color che sanno,
         stimano, armati di gloria et honore.
          Rinaldi il primo sei notti e sei giorni
         vince i tormenti antichi e i nuovi sprezza
         .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
         esempio a gl'altri d'invitta fermezza»[114].

Ma il poeta dovea sentirsi anche personalmente grato a Maurizio, il
quale, non avendo confessato, aveva contribuito assaissimo a farne
migliorare la causa; ed ecco quel Madrigale:

          «Generoso Rinaldi
         vera stirpe del syr di Monte Albano» etc.

Nè deve fare impressione qualche concetto come quello di «aver reso
il pegno di fedeltà al Re». Bisogna tener presente che stavano
entrambi in carcere e sotto un processo capitale; la poesia avrebbe
potuto essere sorpresa da' carcerieri e trasmessa al Sances, onde
naturalmente non può darsi molto peso a qualche concetto che esprima
innocenza, ed invece deve darsene molto a quelli che esprimono
sentimenti di libertà.--Ma giunge il 20 dicembre, e Maurizio sotto le
forche si decide a confessare per iscrupolo di coscienza: si rivolta
allora l'animo del poeta, e scrive quel «Madrigale di Palinodia»,
che è triste dover ricordare, e che i lettori troveranno dopo il
precedente; un passaggio così brusco dalla lode al vituperio stringe
veramente il cuore. Conoscendo poi che egli credè, più o meno,
all'influenza del Gesuita confessore del Vicerè, il Padre Mendozza,
che avrebbe determinato Maurizio alle rivelazioni, ci parrebbe
naturale collegare con tale fatto quel Sonetto che potè anche scrivere
più tardi, col titolo «contro i G......» ossia «contro i Gesuiti»,
pubblicato negli anni successivi dall'Adami col titolo più prudente
«contro gl'ipocriti»: che esso debba riferirsi a' Gesuiti risulta
manifestamente da' primi versi,

          «Gli affetti di Pluton portano in core
         il nome di Giesù segnano in fronte»;

ben doveva il poeta trovarsi in grande eccitamento contro costoro,
allorchè accennava alle loro malizie, e non soltanto per aggiustare la
rima egli scriveva

         «questo veggendo fà ch'io mi dischiome»[115]

Nè scorgiamo altre poesie da doversi con qualche probabilità riferire
a' fatti concernenti i laici, fra' quali pel solo Maurizio si vede
che il Campanella poetò, mentre da una cancellatura fatta da fra
Pietro nella sua raccolta rilevasi che perfino il Sonetto «in lode di
carcerati e tormentati» aveva dapprima il titolo di Sonetto «in lode di
Mauritio Rinaldo».

Ma nelle prime settimane del gennaio 1600 già si conosceva non lontano
il cominciamento del processo della congiura per gli ecclesiastici, e
le poesie furono più frequenti. Non è arrischiato l'ammettere che siano
stati composti in tale data que' due Sonetti profetali, l'uno ancora
inedito che comincia col verso

         «Toglie i dì sacri il Tebro e calca Roma»,

e l'altro già pubblicato dall'Adami che comincia col verso

         «Veggio in candida roba il Padre Santo».

Questi Sonetti con qualche altro analogo, che trovasi disperso nel
2^o gruppo e che vedremo altrove, sarebbero appunto i Ritmi profetali
menzionati nel _Syntagma_; e non debbono sfuggire que' versi del primo
rimasto inedito, forse rimasto inedito per essi,

          «La giustizia si compra, el verbo santo
         sotto favole e scisme ogn'hor si vende»[116].

Egualmente è verosimile che siano stati composti in tale data quei tre
Sonetti concernenti lo Sciarava, i due primi di maledizione, il terzo,
diremmo, d'insinuazione[117]. Il primo che comincia co' versi

          «Campanella d'heretici e rubelli
         Capo in Calavria mai non s'è trovato»

offre anche una discolpa, oltre la maledizione nella quale son compresi
tutti i persecutori di alto grado

         «Ruffi, Garraffi, Morani, e Spinelli».

Il secondo, che ci sembra abbastanza bello, e che comincia co' versi

          «Mentre l'albergo mio non vede esangue
         e gli spirti poggiar tremanti al cielo»,

offre una maledizione ed anche una preghiera, la quale mostra che
l'autore riteneva del tutto imminente la chiamata agli esami,

          «Deh Sig.^r forte, in me volgi tua faccia,
         dà authorità più espressa al mio sermone
         ond'i ministri di Sathan disfaccia».

Il terzo, che porta veramente il titolo «in lode di spagnuoli», offre
una insinuazione contro lo Sciarava e una protesta di devozione
a Spagna, la quale certamente nessuno vorrà prendere sul serio:
bisognava pure che il poeta si preparasse qualche argomento in suo
favore pel caso di una scoperta delle poesie, massime quando avea
mostrato tanto poco rispetto verso un funzionario importante del
Governo spagnuolo e tuttora deputato ad assistere il Sances durante
il processo. Poniamo inoltre qui il «Sonetto di rinfacciamento a
Musuraca», senza dubbio mal situato tra le poesie del 2^o gruppo, e
sempre capace di eccitare gli amici a rimaner tali anche «a tempo
d'infelice stato»[118]. Con tanto maggior ragione poniamo qui anche il
«Sonetto fatto a tutti carcerati», che del rimanente potrebbe esser
posto anche tra le poche poesie del tempo del processo de' laici[119]:
in esso si dice che era negata, oltre la favella e il commercio,
benanco la difesa, ciò che si spiega col fatto dell'amministrazione
delle torture decretata durante il processo informativo, senza dare
anticipatamente la copia degli atti; e tra' varii istrumenti di
morte è citata pure la sega, ciò che aggiunge qualche cosa anche
alla credibilità dello strano supplizio già destinato a Maurizio in
Calabria. Vi brillano poi i concetti elevati e i consigli virili al
maggior segno; vi si canta

          «.... sol la virtù de' vostri petti
         l'orgoglio del tyranno affrena e lega»;

vi si esalta il glorioso e bel morire per la libertà, e vi si dice

          «Qui dolce libertà l'alma gentile
         ritrova, e prova il ver, che senza lei
         sarebbe anchor il paradiso vile».

Ma oltre gli eccitamenti in generale, diretti a' frati rimastigli
fedeli, il Campanella diresse anche qualche eccitamento in particolare,
p. es. al Petrolo, che sperava poter ricondurre a fedeltà; così dettò
quel Sonetto che fra Pietro intitolò «in lode di fra Domenico Petrolo»,
e che veramente si deve dire di sollecitazione a ritrattarsi:

          «Venuto è 'l tempo homai che si discuopra,
         Petrolo mio, l'industriosa fede
         che serbasti all'amico, e già si vede
         ch'à tutte l'altre questa tua và sopra.
          Mortifera, infedel, empia, ingrata opra
         far simolasti, ch'a lui vita diede» etc.[120].

Non si sarebbe potuto adoperare modi più insinuanti, facendo ottimo
viso a pessimo gioco; s'intende quindi che il Petrolo ne sia rimasto
convertito, come mostrò con la sua deposizione del 29 gennaio, ma pur
troppo per brevissimo tempo.

Cominciata in sèguito la causa, sostenuto l'esame ed essendo in corso
le confronte, precisamente al cadere del gennaio 1600, il Campanella
rincorato dovè scrivere quel magnifico Sonetto «a sè stesso», che fu
poi pubblicato dall'Adami e che comincia coi noti versi:

          «Legato e sciolto, accompagnato e solo
         chieto, gridando, il fiero stuol confondo,
         folle all'occhio mortal del basso mondo» etc.[121];

le quali ultime parole dinoterebbero il valore dato da' Giudici alle
profezie e presagi, che egli dichiarò averlo guidato a ritenere
imminenti grandi mutazioni. Di poi sofferta la dimora nella fossa del
miglio e quindi la tortura, fatta in questa la sua confessione, non
dovè mantenersi in tanta fiducia, e lo mostrerebbe il Sonetto «alla
Beata Ursula napolitana a cui si raccomanda», inserto nella raccolta
dopo il precedente[122]: tutto il Sonetto esala lo sconforto del
Campanella, che in quel momento sperava soltanto in una protezione
superiore;

          «Pregoti per l'honor del sacro manto
         di cui spogliato incorsi in gran ruina,
         .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
         E canterò tornando al mio bel nido
         il fin de' miei travagli» etc.

inutili speranze, desolanti ricordi. Ma non dovè tardare a sentire
tanto maggiormente il bisogno di ravvivare la fede ed anche l'affetto
de' suoi compagni, e crederemmo che dapprima gli abbia data una
buona occasione la fermezza di fra Pietro di Stilo nel respingere
le esortazioni di Maurizio a seguire l'esempio suo e a confessare:
così alla 2^a metà di febbraio e 1^a di marzo ci parrebbe potersi
assegnare i due Sonetti «in lode di fra Pietro di Stilo» seguìti da'
tre «in lode del Rev.^{do} P.^e fra Dionisio Pontio»[123]; l'essere
stati posti nella Raccolta in ordine inverso ben può spiegarsi con la
classificazione della relativa importanza data da fra Pietro Ponzio a'
frati compagni del Campanella. Fra Pietro di Stilo, che aveva tanto
poco partecipato alle speranze ed a' maneggi della congiura, soffriva
tanti disagi e maltrattamenti per l'affetto al Campanella, su cui
vegliava assiduamente e senza ritrarsi per qualsivoglia motivo; così
ben si spiega tutto il contesto de' due Sonetti, ne' quali si vede pure
il Campanella tuttora sconfortato:

          «Sino all'inferno un cavalier seguìo
         l'avventurato amico à grande impresa.
         .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
          Frati, amici, parenti, chi mi nega,
         chi più ingrato mi trade, e mi maligna (_int. il Pizzoni_)
         chi non volendo nel mio mal si piega (_int. il Lauriana_).
          Solo il travaglio e la rabbia maligna
         titulo in fronte del tuo honor dispiega
         Rè della fede chi mai non traligna.
         . . . . . . . . . . . . . .
          Fedel combattitor, mai non s'estingue
         più il nome tuo, poiche serbasti solo
         virtù, religion, patria, et amici».

In tal guisa il Campanella, pieno di gratitudine, onorava fra Pietro
Presterà, «Pietro suo», come poi lo disse nell'opera ricomposta Del
Senso delle cose: ma per fra Dionisio il caso era abbastanza diverso.
«Senza dubbio fra Dionisio avea motivo di dolersi del Campanella, che
già prima nella Dichiarazione, ma poi anche peggio nella confessione in
tortura, avea rivelato l'esistenza di un concerto per fare la Calabria
repubblica compromettendo lui; ed avendo sostenuto il polledro con
tanta fermezza, verosimilmente la sua vanità lo conduceva tanto più a
sparlare del Campanella, il quale, fin dal 1^o Sonetto, «senza voce,
afflitto e lento» ne carezza al maggior segno la vanità:

    «Cantai l'altrui virtuti, (_int. di Maurizio_), hor me ne pento
   Dionigi mio, non havean senno vero» etc.

Umiliato per non essere riuscito, all'opposto di lui, nella prova del
polledro, il Campanella spiega la cosa con una finzione poetica, ma
anche più curialesca, e infine si rivela disposto a soggiacere a tutto:

          «In me tanto martìre io non soffersi
         ch'in te stava il valor, el senno mio,
         e solo al viver tuo fur ben conversi.
          S'a te par, io men vado, o frate, a Dio
         nè chieggio marmi, nè prose, nè versi,
         ma tu vivendo sol viverò anch'io».

Il 2^o Sonetto, che risente troppo del gusto triviale del tempo, torna
sull'argomento e glorifica fra Dionisio perfino con la testimonianza
degli spiriti di Averno; ma vi si fanno notare i seguenti versi,

          «Sfogaro mille Spagne e mille Rome,
         al tuo martir unite, l'odio interno».

Il 3^o Sonetto loda fra Dionisio per l'altro atto suo, per le
confronte, le quali davvero non si scorge da qual lato potrebbero dirsi
gloriose; e l'innesto, che vi si trova, dell'arme de' Ponzii, del
giuoco degli scacchi e cose simili, apparisce una concessione al gusto
non solo de' tempi ma anche de' Ponzii: nè bastarono i tre Sonetti, e
più tardi ce ne volle ancora un quarto. Ma bisogna per ora aggiungere
che oltre a questi sinora detti vi fu anche il Sonetto «al sig.^r Gio.
Leonardi Avvocato de' poveri», Sonetto tirato addirittura co' denti,
manifestamente obliato tra le poesie del 1^o gruppo e posto di ripiego
tra quelle del 2^o: esso deve riportarsi per lo meno alla fine del
febbraio, poichè allude alle difese che il De Leonardis già scriveva,
ed agli argomenti che preparava quale Avvocato comune a tutti i frati

         «Contra l'ombra di morte accesa lampa»[124].

Sicuramente poi nel marzo e prima metà di aprile la mente del
Campanella fu tutta rivolta alla prosa e non alla poesia: basta
ricordarsi de' due colloquii notturni passati tra lui e fra Pietro
Ponzio, il 10 e il 14 aprile. Ma a quest'ultima data appunto fra
Pietro gli annunziava di avere «sparso per tutta Napoli» i Sonetti, il
Campanella annunziava di volerne comporre uno pel Nunzio, fra Pietro
gli chiedeva in grazia di voler comporre prima quelli per lui e per
suo fratello. Attenendoci più che è possibile all'ordine serbato
nella raccolta di fra Pietro, dobbiamo dire che il Campanella siasi
adattato a compiacere il suo amico, ma componendo un solo Sonetto,
in cui abbracciò insieme fra Pietro, il fratello Ferrante, ed anche
l'altro fratello fra Dionisio; di poi compose quello pel Nunzio, o
meglio, come abbiamo già detto altrove, quello pel Papa da doversi
far capitare nelle mani del Nunzio[125]. Il Sonetto «in lode de'
tre fratelli di Pontio» concede loro per attributi nientemeno che
i tre principii metafisici, e li mostra un riflesso della Trinità:
Ferrante rappresenterebbe la potenza, fra Dionisio la sapienza, fra
Pietro l'amore; e ci basti sapere che fra Pietro abbia rappresentato
pel Campanella l'amore o «il buon zelo». Quanto al Sonetto «al
Papa», l'ultimo del gruppo che abbiamo fin qui esaminato, esso può
considerarsi come l'embrione di quelle «appellationi segrete» che il
Campanella intese poi di avere inviate al Papa massimamente con le sue
lettere del 1606-1607: egli si raccomanda come meglio può, e riescono
notevoli sopratutto i seguenti versi:

          «Non vedi congiurati a farli guerra
         i nemici alla patria Italia bella,
         ch'egli al valor anticho rinovella,
         dove il zelante suo parlar s'afferra».

Ignoriamo se il Sonetto sia stato trasmesso al Papa: nel Carteggio del
Nunzio non ne troviamo il menomo indizio, e del rimanente, laddove
fosse stato trasmesso, niuno potrebbe meravigliarsi che il ricordo
della patria Italia bella, e del valore antico da rinnovellarvisi,
avesse trovato il cuore SS.^{mo} indifferente o peggio; basta che esso
sia giunto a noi, per farci sempre meglio conoscere ed apprezzare
gl'intendimenti del Campanella.

Passiamo ora a vedere le prose, delle quali il Campanella si occupò
nel tempo suddetto. Ve ne sarebbero a considerare innanzi tutto tre,
la _1^a Delineatio defensionum_, la _2^a Delineatio... Articuli
prophetales_, l'_Appendix ad amicum pro Apologia_: le due prime, che
rappresentano le Difese presso i Giudici, comparvero più tardi, il
3 giugno 1601, durante il processo di eresia per mano di fra Pietro
di Stilo[126]; l'ultima, che rappresenta una difesa presso un amico,
comparve varii anni dopo, con ogni probabilità nel 1607, in coda
agli Articoli profetali ricomposti allora in una forma più larga,
verosimilmente essa pure ricomposta in una forma più larga di quella
della composizione primitiva[127]. Si può affermare con certezza, e ne
vedremo tra poco le ragioni, che appunto in quest'ordine di successione
le dette tre scritture siano state composte, essendone cominciata la
composizione un po' prima della 2^a metà di febbraio. Si ricordi che
agli 11 febbraio era stato già accordato al Campanella «il termine e
la commodità» alle difese, e che allora il Sances volle da lui una
esposizione delle profezie sulle quali fondava le sue credenze di
vicine mutazioni, onde egli dettò al Barrese notaro della causa molti
Articoli profetali (ved. pag. 72 e 73). È naturale ammettere che il
Campanella abbia posto subito mano a scrivere le sue Difese, stimando
indispensabile aggiungervi anche gli Articoli profetali, mentre al
Sances era parso conveniente acquistarne una nozione meno vaga mediante
uno scritto. Ma tutto questo lavoro non potè esser pronto che pel 10
aprile, e il Campanella, giudicando che la causa sarebbe presto finita
male e che bisognava pure aprirsi una via di uscita dall'imminente
processo di eresia, avea dovuto manifestarsi pazzo fin dal 2 aprile:
così le Difese scritte non poterono venir presentate in tempo, ma
il Campanella continuò a lavorarvi di nascosto, senza dubbio nella
speranza fallace che qualora non fosse stata giuridicamente convalidata
la pazzia, esse avrebbero ancora potuto servire. Che il lavoro sia
stato compiuto il 10 aprile, si desume dal colloquio notturno tenuto
a quella data con fra Pietro Ponzio, il quale, avendo domandato al
Campanella se avesse scritto abbastanza in quel giorno, ne ebbe per
risposta «assaissimo, tutto»; l'aver poi il Campanella soggiunto che
avea bisogno di dare l'indomani una pagina scritta a fra Pietro di
Stilo, farebbe credere che in quel giorno medesimo egli avesse composta
pure l'Appendice in forma di lettera, rappresentata da quella pagina
scritta; sicchè la data di essa sarebbe il 10 aprile, ma resti ben
fermato non potersi sostenere che essa sia stata allora scritta ne'
termini precisi ne' quali è pervenuta a noi. Dopo le dette scritture
abbiamo fondata ragione di ammettere che il Campanella si sia occupato
di ricomporre l'opera già composta in Calabria «Della Monarchia di
Spagna», volendosi servire anche di essa per sua difesa, quando si
fosso ripigliata la spedizione della causa rimasta sospesa in que'
giorni; e nella ricomposizione di detta opera ebbe ad impiegare il
tempo immediatamente consecutivo, dal maggio 1600 ad una parte del
1601, mentre era in pieno svolgimento il processo di eresia.

Prima di esporre i particolari della Difesa, vogliamo notare alcune
interessanti singolarità, che colpiscono vedendo in qual modo le Difese
si trovano scritte: ne risulterà provato l'ordine di successione con
cui vennero composte tutte le scritture sopra menzionate, ed anche
chiarita la quistione de' libri, che il Campanella in sèguito affermò
aver voluto presentare in sua discolpa, e in parte aver fatto subito
venire dalla sua patria, ma che il Sances non volle si presentassero
nè si sapessero (ved. pag. 84). Le Difese con gli Articoli, così come
furono trasmesse più tardi a' Giudici dell'eresia, non appariscono
scritte di mano del Campanella, bensì trascritte da due copisti, de'
quali il primo che trascrisse la «1^a Delineatio» è rimasto ignoto, ma
vedremo a suo tempo essere stato procurato da un Vincenzo Ubaldini di
Stilo, l'altro che trascrisse gli Articoli fu certamente fra Pietro
Ponzio, come apparisce dal carattere e come fu chiarito anche presso il
tribunale per l'eresia: costoro ebbero a porre in ordine il contenuto
di tante carte e cartoline staccate avute dal Campanella, il quale
poi lo rivide, lo corresse, vi appose qualche postilla e qualche
aggiunta di mano sua, ciò che merita la nostra attenzione[128]. Fin
dalla prima pagina colpisce il vedere enumerati quali libri suoi,
atti a mostrare la sua affezione al Re e alla Spagna, i Discorsi a'
Principi d'Italia che avea mandati all'Imperatore, il Dialogo contro
i Luterani mandato a Massimiliano ed esistente anche presso Mario
del Tufo, la Tragedia della Regina di Scozia conosciuta in Stilo e
dal Principe della Roccella, e poi anche la Monarchia di Spagna, ma
questa con un'aggiunta posteriore autografa, e con le circostanze
dell'essere stata scritta «ad instantiam praetoris» e del trovarsi
«in suis sarcinulis», naturalmente in Stilo; la cosa medesima si veda
nell'ultima pagina degli Articoli profetali, dove sono enumerati i
libri suoi atti a chiarire le cose enunciate negli Articoli, cioè la
Monarchia de' Cristiani esistente presso il Card.^l S. Giorgio, e il
libro Del Regime della Chiesa esistente in Stilo «in suis sarcinulis»
e poi anche, e sempre con un'aggiunta autografa, la Monarchia di
Spagna, con la circostanza del trovarsi parimente in Stilo. Adunque il
libro della Monarchia di Spagna dovè essere scritto dopo le Difese,
probabilmente in rifazione di un esemplare perduto in Stilo durante
le sue peripezie, ma non potè essere presentato perchè il Campanella
mantenevasi tuttora pazzo, onde v'è ragione di credere che invece
di farlo venire subito da Stilo, lo abbia mandato a Stilo per farlo
trovare in quel posto e giustificare in tutto e per tutto la sua
asserzione; questo per un altro verso si dovrebbe dire egualmente del
libro del Regime della Chiesa, perchè sappiamo che era stato scritto
fin dal tempo della dimora in Padova ed era stato mandato a Mario del
Tufo, e con ogni probabilità, mentre premeva che fosse venuto nelle
mani de' Giudici, non si volle compromettere ulteriormente l'amico e
protettore che ne possedeva un esemplare; deve d'altronde ritenersi
molto naturale che in Calabria la prima composizione della Monarchia
di Spagna si fosse perduta durante le peripezie del Campanella, mentre
sappiamo con certezza che pure l'originale del Regime della Chiesa fu
ivi «rubato da infedeli amici» come si legge nel _Syntagma_. Un'altra
importante aggiunta autografa nella «1^a Delineatio» si legge poco dopo
quella finora esposta e commentata: avendo affermato che dalle profezie
si rileverebbe non aver finto «ad malum tegendum», di seconda mano
aggiunse che ciò si rileverebbe «et ex articulis prophetalibus ab eo
additis» etc.; deve dunque dirsi che gli Articoli siano stati veramente
scritti dopo la «1^a Delineatio», che ad essi quindi si riferiva la
dimanda fatta nel colloquio notturno da fra Pietro Ponzio il quale era
impegnato a ricopiarli, e la data del 10 aprile sarebbe senz'altro la
data in cui il Campanella dovè finirne la composizione. Mettiamo poi
in un fascio tutte le altre aggiunte sparse nella «1^a Delineatio», le
quali recano essere stati i testimoni uniformi nelle profezie e varii
nel rimanente, essere stato Maurizio persuaso a rivelare da un Fiscale
in abito di confrate, essersi ritrattati il Caccia e il Vitale, essersi
una volta ritrattato anche il Pizzoni; tutto ciò mostrerebbe che la
composizione della «1^a Delineatio» dovè cominciare anche prima che
fosse stata consegnata la copia degli Atti processuali, rappresentando
le dette aggiunte, quasi tutte, notizie raccolte dagli Atti; nè osta
che in una si legga «detur copia processus et demonstrabitur», poichè
ve ne sono altre che dicono «ut patet ex processu» e il Campanella
avrebbe voluto non solo gli Atti concernenti la persona sua ma anche
quelli concernenti i suoi compagni, che del resto dovè avere almeno
in frammenti di soppiatto. Può dunque dirsi che egli abbia cominciato
a scrivere questa «1^a Delineatio» non appena sofferto il polledro e
fatta la confessione, quando n'ebbe immediatamente «la comodità», ma
deve anche dirsi che l'abbia compiuta dopo di avere avuto conoscenza
della Difesa scritta dal De Leonardis e della replica del Sances,
poichè vedremo or ora, nell'ultima parte di essa, non solo discusse
con calore le identiche quistioni di dritto, ma anche respinte le
cose che il Sances avea notate su' costumi, sulle passate imputazioni
di eresia, sull'aver dato motivo di far morire molte persone: e gli
Articoli profetali, da non doversi confondere con gli Articoli analoghi
dettati al Barrese dietro richiesta del Sances, e rimasti senza dubbio
nelle mani del Sances, naturalmente doverono essere scritti, nella loro
ultima parte, tra le angustie della dimostrazione di pazzia e tra'
pericoli della rigorosa sorveglianza.

Veniamo a' particolari delle Difese, che ci sembra conveniente esporre
con larghezza e poi commentare un poco, sebbene venute tanto più tardi
in luce, non presentate al tribunale competente e rimaste affatto
perdute pel Campanella. Teniamo per fermo che i lettori vorranno
conoscerle nella loro integrità testuale, ma ciò non ci dispensa
dall'obbligo di farne una minuta esposizione: deve anzi dirsi una
fortuna poter udire subito dopo lo svolgimento del processo la voce
dell'imputato, e poterne trarre una conclusione meno fallace intorno
alla sua colpabilità ottenebrata da tanti interessi diversi.

Nella «1^a Delineatio», appellandosi a' Libri sacri come fonte di
ogni legge, il Campanella comincia dal notare che in essi son detti
colpevoli di lesa Maestà solamente quelli che prendono le armi contro
il Re giusto o per malevolenza o per ambizione, non quelli che perfino
consumarono la ribellione guidati dalla profezia e comunque fossero
cattivi soggetti, adducendo gli esempi di Siba e di Chore da una
parte, e di Jeroboam, di Jehu e di Joiada dall'altra. E soggiunge:
«ma fra Tommaso Campanella, insieme con quelli i quali aderirono a
lui con retta intenzione, non fu mosso a cospirare nè dall'ambizione
nè dalla malevolenza, se pure cospirò, bensì guidato dalla profezia
umana e divina; nè la sua fu una cospirazione contro il Re, ma una
certa cautela contro le incursioni de' barbari e un'ammonizione a'
conterranei perchè si mantenessero incolumi ne' monti, se per fatalità
avvenisse quanto si prediceva, laonde egli non è ribelle nè degno di
morte». Passa quindi a dimostrare che non lo fece per ambizione di
Regno, perchè era impossibile a lui poveretto distrarre il Regno o la
provincia dal dominio di un Re tanto forte, e bisognava esser matto per
ingannarsi fino a questo punto; e dice che per natura e per fortuna
egli era impotente a tali desiderii, e rassegna i suoi precedenti, e
nota le sue carcerazioni e malattie anteriori, il ritorno in patria
per salute a consiglio de' medici Tancredi, Politi e Carnevale, i suoi
studii alieni dalle armi, le sue predicazioni per indurre il popolo
a fabbricare una Chiesa di cui il convento difettava ed egli scavò
i fondamenti; e nota il libro _Sulla predestinazione_ che scriveva
contro Molina per S. Tommaso, e la _Tragedia della Regina di Scozia_
contro gli Anglicani in favore del Re, la sua vita di studioso e
religioso, la sua opera di pacificatore, e perfino la sua timidità
provata nel tormento, citando come testimoni fra Pietro di Stilo, il
Petrolo, tutti i suoi compagni di dimora, e conchiudendo che «dissero
cosa mostruosa coloro i quali gli attribuirono la cupidigia di
Monarchia». Dimostra poi che non cospirò per malevolenza verso il Re
e il suo dominio, perchè aveva sempre ottenuto favore dagli spagnuoli
ed austriaci, come dal Reggente Marthos (Reggente di Cancelleria in
Napoli) e dall'Ambasciatore di Roma (il Duca di Sessa), e parimente
dall'Arciduca Massimiliano e dall'Imperatore, i quali scrissero a
Roma in favore di lui e di Gio. Battista Clario carcerati; onde per
gratitudine egli compose il _Trattato_ in cui sosteneva che l'Italia
per suo bene dovea desiderare il dominio del Re di Spagna, Trattato
che mandò all'Imperatore mediante Gio. Battista Clario, ed egualmente
il _Dialogo_ contro gli Stati del settentrione calvinisti e luterani,
che mandò a Massimiliano e che trovavasi in copia presso D. Mario del
Tufo, come pure l'anzidetta Tragedia, nota a Stilo ed al Principe della
Roccella, ed il libro della Monarchia di Spagna, scritto ad istanza
del pretore (Governatore de Roxas?) e colmo di lodi per gli spagnuoli,
che trovavasi nelle sue poche masserizie. Nota infine la sua amicizia
col pretore spagnuolo e co' Presidi della Provincia (gli Auditori?),
l'essere stato sempre invitato dal governatore a predicare, e l'aver
detto nelle sue prediche tante cose in favore del Re: che Dio avea
dato la Monarchia agli spagnuoli perchè aveano combattuto 700 anni
contro i mori nemici della fede, mentre gli altri Principi cristiani
si combattevano tra loro; che il Re avrebbe distrutto i turchi quando
costoro si sarebbero divisi giusta la predizione di Arquato astrologo;
che se nel Regno esisteva qualche durezza, essa dovevasi ai difetti del
popolo e de' ministri, non già del Re; che nella prossima mutazione del
mondo il Re Filippo avrebbe rappresentata la parte di Ciro, secondo
i detti di Esdra e di Isaia, poichè dovea liberare la Chiesa dalla
Babilonia de' turchi e degli eretici, edificare Gerusalemme, cioè
Roma, e stabilire il vero sacrificio dovunque nel mondo, girando il
suo imperio col sole, ogni ora facendo giorno in qualche parte del
Regno suo e celebrandosi continuamente la Messa in siffatto giro, la
quale sentenza era invalsa tanto, che Fulvio Vua sindaco di Stilo
l'avea riprodotta nel recitare il prologo di una rappresentazione
della Passione di Cristo, citando il Campanella fra' battimani
generali. Così egli era stato sempre pel Re ed avea procurato che gli
altri lo fossero, ne conservava l'immagine ed amava coloro che le
facevano onore, come erano in grado di attestare fra Pietro di Stilo,
il Petrolo, fra Scipione Politi, tutti gli Stilesi; nè poteva dirsi
che egli si fosse infinto, mentre avrebbe agito contro sè medesimo,
perocchè se voleva tra due mesi distruggere il dominio del Re, come
mai così accanitamente l'edificava? e come mai il Popolo poteva
credergli in tanta contraddizione? conchiudendo: «l'edificazione è
attestata da molti e probi uomini, la distruzione segreta da pochi e
scellerati, a chi crederete voi o giusti giudici?». Escluso quindi il
movente dell'ambizione e della malevolenza contro la Maestà, rimaneva
il movente della profezia, e non già contro ma a tutela della Maestà.
E qui egli si fa a citare tutte le previsioni, tutt'i prodigi, tutte
le profezie ad una ad una (sono state già accennate troppe volte
e possiamo dispensarcene), aggiungendo di avere interpretate le
imminenti mutazioni a favore del Re e della Chiesa, col servirsi delle
affermazioni de' Profeti e de' Santi, col sostenere che prima della
fine del mondo doveva esservi «un solo ovile ed un solo pastore in una
sola Repubblica cristiana, a capo della quale il Pontefice Romano», che
«il Re avrebbe adunato i Regni e il Papa li avrebbe accolti nel suo
ovile con maggior potestà». E dice che i frati di S. Domenico doveano
preparare tale repubblica, e con autorità sacre e profane dimostra
la futura repubblica, preludio della celeste, desiderio degli uomini
pii e de' Profeti, de' Poeti e de' Filosofi, da verificarsi con la
fusione di tutti i principati in un Regno Sacerdotale ammesso anche da
Platone; e nota che riusciva esaltato il Re Filippo, posto da Dio per
soggiogare tutte le genti e i Regni, onde il senso della repubblica
predetta «era utile al Re prima che al Papa». Aggiunge non poter essere
condannato nemmeno quando le mutazioni predette non si avverassero,
poichè egli seguiva i Padri e i Santi, che pure errarono; egli non
era Profeta ma seguiva i Profeti, e d'altronde nota che chi scorge i
segni è tenuto a mostrarli, citando in ciò l'esempio di Geremia e il
precetto di S. Pietro. Prevede intanto un argomento del Fisco, l'avere
cioè lui detto che bisognava «fare la repubblica con l'eloquenza e
con le armi ne' monti»: e risponde che spettava a' Domenicani il
prepararla, e lo dimostra con molte autorità, aggiungendo che pure a'
filosofi spetta trattare della repubblica, ed egli, filosofo cristiano,
come S. Tommaso, Egidio ed altri, ne trattò scrivendo il libro della
Monarchia universale dei Cristiani che trovavasi presso il Card.^l
S. Giorgio, ed in Stilo scriveva un libro sulla maniera di formare
quella Monarchia secondochè avea promesso nel libro anteriore; donde
bellamente provavasi «che egli non avea voluto preparare la repubblica
per sè stesso, ma preparare pel Papa e pel Re un seminario di uomini
grandi nelle lettere e nelle armi, acciò potessero essere inviati dal
Re e dal Papa pe' negozii di pace e di guerra, e mostrare il preludio
della repubblica grande universale» etc. Prevede ancora un'obiezione,
cioè, chi gli avea data una missione simile? E risponde che avea «avuto
nell'animo un istinto divino appoggiato da segni e da profezie», che
Dio gli avea dato de' segni, ed egli avea considerato a proposito
servirsi del cattivo evento in bene, e così «ciò che disse non fu
un tentativo di ribellione ma una cautela contro il male imminente,
perocchè non avrebbe fatta la republica se non si fosse avverata
la mutazione; secondochè provasi dalla confessione sua»; e come i
Veneti non furono ribelli, quando per mettersi al sicuro da' barbari
occuparono gli scogli e il mare Adriatico e fecero la repubblica, così
essi pure non lo sarebbero stati nell'occupare i monti se la mutazione
si fosse avverata.

Continuando, passa a ribattere le testimonianze raccolte contro
di lui. I testimoni aveano deposto «che egli voleva ribellarsi
appoggiato agli aiuti de' turchi, de' banditi e de' predicatori»: ma
non lo convincevano intorno a ciò, sia perchè egli non poteva ambire
l'impossibile ed era amico degli spagnuoli, come avea già provato, sia
perchè que' testimoni o parlavano per detto altrui, o erano complici ed
uomini scelleratissimi, ed anche aveano fatte confessioni estorte per
forza e per inimicizie. Tutti aveano detto che egli metteva innanzi le
mutazioni, laonde non vi era intenzione di ribellarsi ma di difendersi
da' nemici del Re e del Papa; quanto essi aveano aggiunto proveniva o
da cattiva intelligenza, o da inimicizia, o da malvagità, e nelle cose
aggiunte a lui sfavorevoli erano «varii», e nella cosa principale a
lui favorevole, cioè la profezia, erano uniformi, onde risultavano a
discarico più che a carico. D'altronde la profezia di una mutazione
è sempre apparsa così vicina alla ribellione medesima, che tutti i
Profeti, come Michea, Geremia, Amos e del pari gli Apostoli e Cristo
Signor nostro, furono incolpati di tale delitto; qual meraviglia che
lo sia stato lui poveretto? Ma egli non si appoggiò mai all'aiuto
de' turchi; nessuno lo disse se non per detto altrui, e lo stesso
Maurizio che parlò co' turchi non disse che vi era stato mandato da
fra Tommaso, ma che vi era andato spontaneamente; e ciò quantunque
gli fosse nemico. Gli era nemico, perchè dubitò che esso fra Tommaso,
il quale lo rimproverò pel salvacondotto stabilito co' turchi, lo
rivelasse; inoltre perchè esso fra Tommaso, mediante una domestica,
avvertì Giulio Contestabile che Maurizio si era nascosto nella piazza
di Stilo per ucciderlo, e questo non succedendogli, nello stesso giorno
Maurizio si portò a S. Maria di Titi per uccidere fra Tommaso e lo
perseguitò per 7 miglia. E però Maurizio risultava degno di fede quando
negava di essere stato mandato presso i turchi da lui, non già quando
deponeva contro di lui per inimicizia; poichè era testimone unico,
nemico, e facinoroso, che aveva ucciso più persone e volle vendicarsi
di ciò che esso fra Tommaso avea deposto in iscritto contro di lui in
Castelvetere, come rilevavasi dal processo. Allorchè esso fra Tommaso
lasciò Davoli e Maurizio, trovandosi insieme con fra Domenico, veduti
in mare i turchi li sfuggì, malgrado avesse visto il salvacondotto dato
da essi a Maurizio; e però non avea confidenza ne' turchi, sebbene
avesse detto doversi essi dividere sotto due Re secondo la profezia
di Arquato astrologo, ed uno di costoro dover venire alla fede ed
alla repubblica; ma Maurizio faceva queste cose perchè fosse temuto
ed avesse danaro dagli amici, servendosi male de' detti di esso fra
Tommaso, al pari degli scellerati ed eretici i quali abusano anche dei
detti degli Apostoli. E poi Maurizio ridotto agli estremi ebbe speranza
di salvarsi, deponendogli contro; giacchè glie lo persuase un certo
fiscale in abito di confratello, promettendogli la vita sotto la parola
Regia, come in sèguito udì dalla bocca di lui esso fra Tommaso, e vi
erano per testimoni sacerdoti e persone dabbene che l'affermavano. «Nè
esso fra Tommaso volle servirsi de' banditi come nemici del Re, ma
come uomini armati, volgendoli al bene: perocchè propose di servirsi
anche di uomini probi non banditi, come rilevasi dal processo. A'
Principi amici poi egli dichiara non aver rivelato nulla, non perchè
fosse cosa cattiva, ma perchè agli uomini felici ogni presagio di
mutazione rincresce». Quanto a Claudio Crispo, costui rivelò per
orribili tormenti non scritti in processo; ed era bandito, omicida e
nemico di esso fra Tommaso, il quale non avea voluto trattarne il
matrimonio ed avea detto al Pizzoni che avvertisse il Signore del luogo
che Claudio voleva ammazzarlo, onde si rifiutò di recarsi a Davoli
quando egli ve lo chiamò per mezzo del Petrolo; adunque non meritava
fede. Quanto al Caccia, al pari del Pisano, era stato esaminato in
foro non ecclesiastico, ed era bandito ed omicida, nemico egualmente
di esso fra Tommaso, il quale ricettò nella sua cella Marcantonio
Contestabile quando egli voleva ucciderlo per averne avuto un colpo di
archibugio; ed avea detto di aver parlato con fra Tommaso nel giugno,
mentre aveagli parlato nella settimana santa, e poi sul punto di morte
si era ritrattato. Quanto al Pisano e a Gio. Battista Vitale, oltrechè
erano scelleratissimi, non aveano mai parlato con fra Tommaso; e nel
carcere di Castelvetere non si parlò di quello che disse il Pisano,
come lo provavano la sconvenienza della cosa e le testimonianze del
Bitonto e di fra Dionisio; il Vitale poi sul punto di morte si era
ritrattato. Quanto al Pizzoni, esso era scandaloso, scellerato ed
infame (e qui nota ad una ad una tutte le colpe di lui minutissimamente
ed anche ingenerosamente, con un odio manifesto); avea promesso di
ritrattarsi nelle cartoline scritte entro il Breviario, e si era una
volta ritrattato, e poi era tornato alle prime dichiarazioni, onde
dovea dirsi bilingue, detestato da Dio nell'ecclesiastico, e qual fede
potea fare? Il Lauriana era falsario, come lo provavano le sue lettere
mandate a fra Dionisio ed a' fratelli Ponzii, e varie altre circostanze
rilevate nel processo; era infame, come lo provava la sua vita
anteriore; ed esso fra Tommaso nella sua confessione non lo nominò,
poichè essendo infame non aveagli mai parlato, ed anzi si rifiutò di
farlo accogliere nel convento di Stilo, onde gli divenne nemico. Fra
Domenico Petrolo poi nemmeno meritava fede, perchè si lasciò persuadere
dal Lauriana mentre era nella medesima fossa, nella quale scrisse
esservi stato posto perchè dicesse il falso; inoltre in Lombardia aveva
avuto penitenze come manesco.

Dopo di aver combattuto i testimoni, il Campanella combatte i primi
giudici, accenna all'imputazione di eresia, discute le quistioni di
dritto, e formola la sua conclusione. Fra Marco di Marcianise era
vecchio nemico di fra Dionisio per le controversie de' frati Riformati.
Fra Cornelio lombardo era egualmente nemico di fra Dionisio per molte
cause fratesche, e poi avea preso danaro; 100 ducati da Mesuraca per
fare un processo capitale, 50 ducati da' parenti di Cesare Pisano per
favorirlo, 100 ducati da fra Vincenzo Rodino e fra Alessandro di S.
Giorgio per liberarli dalla carcere. Lo Sciarava, giudice nell'altro
foro, era stato giudice e parte, avea magnificata la causa della
ribellione per magnificare sè medesimo presso il Re, trovavasi da due
anni scomunicato dal Vescovo di Mileto patrono di esso fra Tommaso;
avea preteso la ribellione essere fomentata da Prelati e da Principi,
ed aveva amministrati tali e tanti tormenti da far dire ad ognuno più
di quanto sapesse, mentre anche i calabresi, per natura loro, credono
di esonerarsi col dire più di quanto sanno non solo contro i nemici
ma anche contro gli amici. E poi soggiunge: «Non deve pregiudicare
ciò che falsi testimoni affermano, l'aver lui voluto fondare eresia,
poichè questo deve discutersi non già ritenersi in anticipazione, nè
egli ne fu mai confesso o convinto, benchè ne sia stato veementemente
sospetto; e la sospizione si è verificata anche in persona di Profeti
e di Santi, che trovansi condannati come eretici e seduttori. Nè in
Calabria è possibile fondare eresia senza le forze de' Principi,
siccome egli disputò nel libro della Monarchia, e se avesse avuta
questa intenzione sarebbe andato in Germania o a Costantinopoli. Così
mostransi riprensibili le parole sue mal comprese, non già la sua
vita e i suoi costumi, circa i quali egli chiede di essere inquisito
benchè si trovi diffamato. E i suoi travagli passati non lo rendono
cattivo, ma forse piuttosto timido, giacchè la cattiva azione fa l'uomo
cattivo.... Oramai si è fatto palese che i pensieri di fra Tommaso
erano rivolti all'unione de' Cristiani». Soggiunge ancora: le pruove
testimoniali dicono tutto al più aver lui voluto ribellare solamente di
seconda intenzione, cioè nel caso in cui fossero avvenute mutazioni.
Ma bisogna distinguere il reato commesso e il reato semplicemente
voluto, e quello contro la persona del Re e quello contro il Regno.
Chi l'abbia commesso merita la morte e non può darglisi di più; chi
l'abbia solamente voluto merita qualche cosa di meno; chi l'abbia
voluto di seconda intenzione merita anche meno di chi l'abbia voluto
di prima intenzione; e chi non è suddito merita meno del suddito, e il
frate meno del clerico secolare, poichè la Religione Domenicana dipende
immediatamente dal Papa; chi poi dice bene del Re merita anche meno.
Inoltre non ci fu mai un concerto, ma ci furono colloquii accidentali.
Così nella casa di Gio. Jacopo Sabinis esso fra Tommaso andò a far la
pace tra' Contestabili e Carnevali; erano presenti Maurizio e Gio.
Gregorio Prestinace suo compare venuti per la pacificazione, e cadde
il discorso sulle mutazioni, ma nessuno intervenne per la ribellione,
che nessuno di loro avea mai ideata. A Pizzoni esso fra Tommaso andò
sollecitato tre volte da fra Gio. Battista, e comunque vi fossero
altre persone, il colloquio si tenne solamente tra lui, fra Gio.
Battista e Claudio Crispo: non erano presenti fra Dionisio e gli altri,
e però non ci fu concerto; esso fra Tommaso parlò al Crispo dietro
istanza di fra Gio. Battista per trattenerlo nella difesa di lui, non
già per la ribellione, e andò pure a vedere una fabbrica di carta,
ed aveva compagni perchè la strada non era sicura. A Davoli neanche
vi fu concerto, poichè il Rania e Maurizio non furono presenti al
colloquio che esso fra Tommaso ebbe con Gio. Paolo di Cordova e Gio.
Tommaso di Franza, «onde riesce chiaro non esservi stato da parte di
fra Tommaso fermo consiglio, se fatalmente le mutazioni non avessero
fornita l'occasione». Egli non merita pena, avendo solo razionalmente
dubitato pe' segni o per le profezie; nè è responsabile dell'essere
molti morti per questa causa, poichè tutti erano omicidi, e Dio
permise che morissero per avere abusato de' detti di fra Tommaso e per
gli altri loro peccati. Anche le predicazioni degli Apostoli e de'
Profeti eccitarono molti rumori, ma la predicazione di fra Tommaso
fu a vantaggio della repubblica sì del Re che del Papa. I socii di
Catilina convinti e confessi di congiura per mettere a fuoco la patria
e distruggere il Senato, avendo giurato col bere sangue misto con
vino, perchè non giunsero a consumare la loro scelleraggine, trovarono
una parte di Senatori che con Cesare disse non doversi dare loro
la morte: e non troverà misericordia presso cristiani fra Tommaso,
che non commise scelleraggine, non si ricinse di armi, non mosse a
sedizione,... nè è suddito, nè Principe o potente da cui possa temersi
qualche cosa? I Dottori dicono, che è in facoltà del giudice consegnare
o no un clerico alla Curia secolare, vista la condizione della persona:
la condizione deve intendersi relativamente all'atto in quistione non
già relativamente ad ogni altra cosa, e qui c'è difetto di condizione
spettante alla sostanza dell'atto, poichè essendo fra Tommaso inabile
a ribellare e per natura, e per fortuna, e per professione, non deve
credersi che abbia cercato di ribellare, anche quando fosse un cattivo
soggetto. Oltracciò il Papa nel suo Breve dice che si consegnino alla
Curia secolare coloro i quali sono legittimamente convinti, e fra
Tommaso non è convinto, sia perchè manca il corpo del delitto, sia
perchè i testimoni sono complici, nemici e scellerati, ed anche varii
intorno alla cosa, al modo, al luogo e al tempo. E la convinzione deve
intendersi nel senso del reato commesso, non già soltanto voluto, e
se la convinzione manca, la condanna deve pronunziarsi secondo il
dritto canonico, non secondo il dritto civile: nè la ragione politica
lo consiglia, poichè è odioso lo spargere il sangue di un sacerdote,
massime pel motivo di profezia; e il popolo lo loderebbe quando
avvenisse qualche sciagura. Tutti i testimoni ne' tormenti negano di
essersi accordati con fra Tommaso intorno alla repubblica; adunque
fra Tommaso fu solo a volerla, ciò che è impossibile, e così essi
lo assolvono, e «mostrano fra Tommaso aver detto questo nella sua
confessione pel minor male, sotto l'impressione del tormento, macerato
dal carcere, dalla fossa e dall'inedia».

Ed ecco la conclusione: «Meglio è che sia messo in custodia fino al
tempo della predizione sua, sì che il popolo ne vegga la falsità,
ovvero si penta acciò non accadano i mali quando siano veri; come
avvisava Geremia... Che se avvenga danno al Regno, egli si offre di
risarcirlo al doppio; poichè della morte sua il Regno non rimane
edificato ma scandalizzato, laddove si verifichi qualche sciagura,
come apparisce dalla perdita delle navi sofferta[129]. La morte è una
cautela di mali futuri, non già de' passati: a ciò meglio provvede
il carcere in materia di predizioni e novità». E ripigliando le sue
considerazioni sul processo aggiunge di non dover morire, perchè non è
ribelle nè di 1^a nè di 2^a intenzione, perchè non è convinto, perchè
seguendo il fato predisse e desiderò preparare un bene da un male; e
le inimicizie, tra tutti quelli che volevano ciò, mostrano non esservi
stato tra loro alcun proposito di ribellare, poichè la cospirazione
esige l'unione degli animi e molta confidenza, e tra loro non ve ne
fu; vi fu abuso delle predizioni da parte di taluno. La ribellione non
venne dimostrata con qualche atto, ma solo concepita nell'intenzione;
null'altro il fisco può provare dal processo, ma non si può provarlo
nemmeno dalle parole di fra Tommaso agli altri, poichè egli poteva
altro dire ed altro intendere; ma dalle parole sue nel tormento non
si prova l'intenzione di ribellare, bensì il contrario, e però contro
di lui non c'è nulla. Finisce chiedendo i suoi libri e la facoltà di
essere esaminato, e dimostrando che non si deve seguire il Palermitano,
il quale dice che nel caso di delitto di ribellione il clerico ha da
essere consegnato alla Curia secolare, poichè le teoriche di costui non
sono soltanto erronee ma perfino eretiche[130].

La «2^a Delineatio» è rappresentata dagli Articoli profetali. Sono
15 articoli ne' quali il Campanella mostra la necessità di occuparsi
de' segni e delle profezie, espone e giustifica quanto avea raccolto
in tale materia, ed infine ricorda anche i segni speciali visti
in Calabria, onde era stato condotto a determinare l'inizio delle
imminenti mutazioni nel 1600 e nel primo settenario del nuovo secolo.
Andremmo troppo in lungo nel volerne dar conto; e trattandosi di cose
le quali riescono a chiarire il punto di partenza della sua azione, ma
non propriamente la sua azione ne' fatti della congiura, crediamo bene
potercene dispensare. Egli li scrisse in aggiunta alla sua 1^a Difesa,
per dimostrare «che non si era infinto allo scopo di covrire un male»,
come appunto ivi dichiarò; non rappresentavano quindi propriamente una
difesa, ma un allegato della difesa, e questo si rileva anche dalla
loro intestazione. Il Campanella si proponeva di svolgerli innanzi
a' Giudici coll'aiuto del libro sulla Monarchia de' Cristiani e del
libro sul Regime della Chiesa, l'uno in potere del Card.^l S. Giorgio,
l'altro lasciato in Stilo; e chiedeva questi libri, e si protestava
della nullità degli atti se i libri non fossero dati, come si legge
appunto nella fine degli articoli.

Dobbiamo ora fare qualche commento su queste Difese, e segnatamente
sulla 1^a di esse. Lasciando da parte la forma, notiamo che varii
tentennamenti appariscono ne' concetti medesimi esposti dal
Campanella, ed in ultima analisi non è assolutamente negato il fatto
di un disegno partecipato con sollecitazioni a diversi aderenti,
banditi e non banditi, di un concerto per far la repubblica nei
monti, avvalendosi di mutazioni in vista ed aiutandosi con le armi e
le prediche; ma questo fatto è semplicemente attenuato e fornito di
spiegazioni, il cui valore doveva senza dubbio riuscire quistionabile
assai nella mente de' Giudici. D'altronde non si vede efficacemente
combattuto il cumulo di testimonianze raccolte contro di lui, ma
anch'esso appena attenuato e fornito di spiegazioni non sempre felici;
sicchè non è pienamente negata la reità, ma solo rimpiccolita al
punto da respingere per essa la pena di morte ed ammettere la pena
del carcere indefinito. Mentre si propone di sostenere che non abbia
cospirato, comincia col dimostrare che «non fu mosso a cospirare nè
dall'ambizione nè dalla malevolenza, ma guidato dalla profezia»;
intende di provare non esservi stato concerto, e frattanto parla
di «coloro i quali aderirono a lui con retta intenzione», e spiega
che «volle servirsi de' banditi non come nemici del Re, ma come
uomini armati convertendoli al bene, e propose di servirsi anche di
uomini probi non banditi»; ed è superfluo insistere sul buio fitto
della natura delle mutazioni, della condizione della repubblica da
fondarsi, del Regno sacerdotale unico «utile al Re prima che al Papa»,
dell'essersi mosso a preparare la repubblica «per istinto divino e
perchè spettava a' Domenicani il prepararla», e parimente degli scopi
singolari affibbiati a tale repubblica. Non riesce poi certamente
a combattere i testimoni dicendoli «complici e scelleratissimi»,
giacchè l'esistenza del reato veniva con ciò tristamente ribadita, e
per la giurisprudenza del tempo nel reato di Maestà anche i complici
valevano a convincere; nè riesce esatto dicendo che «tutti ne'
tormenti aveano negato di essersi accordati con fra Tommaso intorno
alla repubblica» e però fra Tommaso sarebbe stato il solo a volerla,
mentre invece taluni erano risultati confessi di avervi direttamente
o indirettamente aderito. E guardando alle obiezioni avverso ciascun
testimone, debolissime riescono p. es. quelle fatte al Petrolo, e
quanto al Pizzoni, niente di serio prova l'enumerazione delle sue
scelleraggini ed infamie passate, le quali non aveano mai impedito
che fosse corsa tra lui e il Campanella una grande intimità; nè prova
molto la ritrattazione da lui fatta ma non mantenuta, e l'essere stato
bilingue prova tutt'al più che gli avea mancato di fede, denunziandolo
in un reato nel quale erano complici, ma non che il reato era stato da
lui inventato. Quanto al Caccìa ed al Crispo, non riescono facilmente
ammissibili le spiegazioni date per mostrare la loro inimicizia
verso di lui, mentre egli si era mantenuto in istretta relazione con
loro, e massime con l'ultimo avea tenuto una corrispondenza scritta,
assai compromettente e caduta nelle mani del fisco; quanto al Pisano
ed al Vitale, è vero che costoro non aveano mai parlato con lui,
ma aveano pur troppo parlato co' due suoi più attivi compagni, fra
Dionisio e Maurizio, l'uno lasciato dal Campanella assolutamente
nell'ombra, l'altro posto sotto una luce orribile; d'altronde, circa
le ritrattazioni avvenute per taluni di costoro in punto di morte,
esse a quel tempo nemmeno godevano molto credito, sapendosi che erano
troppo spesso dovute alle istanze de' superstiti, e alla credenza
che fosse opera cristiana e meritoria l'aiutarli. Quanto a Maurizio,
l'inimicizia di costui non riesce concepibile, mentre in tanti tormenti
sofferti non aveva mai nominato il Campanella, e le storie postume
di tale inimicizia, come il movente delle ultime rivelazioni da lui
fatte, appariscono asserzioni inventate pe' bisogni della causa: sul
fatto medesimo dell'avere Maurizio deposto che il Campanella non
avea voluto il soccorso de' turchi, fatto ripetuto costantemente
dal Campanella, c'era un po' di equivoco, giacchè Maurizio avea con
lealtà deposto di essere spontaneamente andato presso i turchi, non
già che il Campanella fosse propriamente contrario alla dimanda di
questo soccorso, mentre invece egli appunto ne avea fatto sorgere il
pensiero. Ma del resto lasciando anche da parte tutte le testimonianze
di questi «complici e scelleratissimi», c'era la testimonianza dello
stesso Campanella, la Dichiarazione scritta in Castelvetere, suggellata
dalla confessione orale in tortura; e il Campanella nella sua Difesa
accenna appena a questa confessione, la quale era sempre della più
alta importanza, giacchè, pur quando avesse potuto dimostrare di non
essere stato convinto, gli rimaneva ancora a dimostrare di non essere
stato confesso; egli si limita a dire, col solito tentennamento, una
volta che «dalla sua confessione si provava solo che non avrebbe fatta
la repubblica se non quando fosse avvenuta mutazione», ed un'altra
volta che «dalle sue parole nel tormento non si provava l'intenzione
di ribellare, bensì il contrario», laonde questo lato importantissimo
della difesa apparisce deficiente. Infine torna anche inutile per
lui ricordare che i primi Giudici erano nemici e venali, quando le
imputazioni risultavano confermate innanzi a' successivi; inutile far
notare che lo Sciarava si era servito di tormenti gravissimi, quando la
giurisprudenza concedeva di potersene servire nel caso di lesa Maestà;
inutile distinguere il reato commesso e il reato semplicemente voluto
quando la giurisprudenza nel caso di lesa Maestà assegnava la pena
medesima all'uno ed all'altro; inutile discutere le condizioni in cui
si poteva consegnare il Clerico alla Curia secolare, quando il Breve
Papale aveva conceduto che le si consegnassero quelli «legittimamente
convinti o confessi». In conclusione le Difese del Campanella non
avrebbero potuto distruggere l'imputazione fattagli, perchè la sua
causa disgraziatamente era insostenibile con efficacia. Gli Articoli
profetali da lui scritti, senza contare quello serbato in petto
concernente la Monarchia a lui profetizzata dall'astrologo, valevano
bene a dimostrare che egli penetrato di certi principii superiori
aveva agito in conseguenza di essi: ma non era stata per anco fatta
a que' tempi la grandiosa scoperta della _forza irresistibile_, e
l'opera sua, comunque ricinta di certe condizioni, non era e non
poteva essere che una congiura, un disegno di ribellione, e i Giudici
non avrebbero potuto profferire altra sentenza che quella di consegna
alla Curia secolare. Egli medesimo si contentava allora di ciò che lo
rese scontento in sèguito, quando il caso glie lo fece ottenere, di
esser messo in custodia fino all'avveramento della predizione sua; e
si sa che il tempo ne era definito sino ad un certo punto, lasciando
un margine più che largo, come rilevasi chiaramente dalla stessa
edizione posteriore de' suoi Articoli profetali. Dopo tutto ciò può
ognuno formarsi un criterio intorno alla colpabilità del Campanella nel
delitto appostogli; a noi essa apparisce manifesta.

Ci rimane a parlare dell'Appendice o Lettera «ad amicum pro Apologia»,
scritta, come abbiamo veduto, subito dopo le Difese. Quale oggi la
possediamo, essa trovasi in coda a ciascuna delle tre copie ms. degli
Articuli prophetales, ultima ricomposizione, che si conservano in
Roma nella Casanatense, in Napoli ed anche in Madrid nelle rispettive
biblioteche nazionali. Il Berti fu il primo a scovrirla nella
Casanatense, e nel 1878 ne diè un sunto molto preciso, giudicandola
documento valevolissimo a smentire l'esistenza della congiura. Noi
la diamo per esteso, nella lezione della Casanatense e in quella
di Napoli, giacchè ognuna di esse è molto scorretta e può l'una
correggersi con l'altra, raccomandando a' lettori di percorrerla
nella sua integrità: essi la giudicheranno probabilmente, come noi
la giudichiamo, un documento apologetico, al pari delle lettere del
1606-1607 e della Narrazione che il Campanella scrisse tanto più tardi,
per giustificarsi alla meglio e in tutti i modi, i quali d'altronde
non escono dall'ordine de' modi da lui adottati e ripetuti sempre;
nè sfuggirà certamente la concordanza de' concetti in essa svolti
con quelli svolti nella Difesa. Diciamo d'un tratto che la Lettera
apparisce scritta ad un compagno di carcere similmente frate, con ogni
probabilità a fra Dionisio, durante la causa della congiura, dietro il
risentimento di costui perchè le mutazioni previste non erano succedute
o erano succedute a rovescio, ed anche perchè avea confessato di voler
predicare la repubblica. Ma eccone una rassegna particolareggiata. Il
Campanella vi ricorda aver detto che dall'anno 1600 in poi sarebbero
succedute grandi novità, ed afferma che sul negozio di Calabria l'amico
dovea sdegnarsi non già contro di lui ma contro sè stesso, che avea
parlato di ciò che meno comprendeva. Che egli vide una cometa marziale
la quale correva dall'oriente all'occidente, ed argomentò che sarebbe
venuta gente estranea contro i Reggitori della Provincia, ma non potè
vedere che razza di gente si fosse, e vennero i Capitani Regii e
desolarono il paese (infatti venne Carlo Spinelli avverso a De Roxas
Preside della Provincia, ma di questo pronostico sbagliato da cima a
fondo avrebbero potuto forse rimanere capacitati i Giudici, non mai
l'amico suo). Ed estendendosi ne' prodigi apparsi «che poteano muovere
ogni savio a parlare», dice che nelle sue predizioni non tocca questo
Regno più che lo stesso mondo, di cui preconizza la fine (veramente
nella Dichiarazione avea ammesso di aver predetto le mutazioni pel
Regno di Napoli), ed annunzia la fine del mondo e la Santa repubblica
aspettata da' profeti, da' filosofi e dalle genti; e dice che l'amico
non può far difese se egli non parli ai Giudici, la qual cosa non si
permette (ma pure fino ad un certo punto ne aveva parlato a' Giudici
ed anche dettato uno scritto per uso del Sances). Predice all'amico
che la congiunzione magna gli sarà fatale e non potrà sfuggire agli
spagnuoli, che gli sovrasta la morte ne' 38 anni di età, come a sè
stesso sovrasta ne' 43, e quindi gli raccomanda di trovar mezzi perchè
la causa sia finita prima di tre anni (donde si dovrebbe inferire che
la lettera fosse stata scritta dopo la sospensiva prodottasi nella
spedizione della causa, vale a dire dopo il 12 aprile, ma bisogna
sempre tener presente che si ha sott'occhio un esemplare della lettera
rifatta). Passa a giustificarsi dell'aver confessato di voler predicare
la desiderata repubblica, se fatalmente fosse avvenuta la rovina del
Regno e della Provincia, raccogliendone i residui su' monti: io,
egli dice, non ho confessato eresia nè ribellione, ma di aver voluto
profittare di un male volgendolo in bene; così non furono i Veneti
ribelli all'Impero, quando percossa Aquileia da Attila ripararono
nelle lagune e costituirono una nuova repubblica libera dall'Impero.
E poi dice che spettava a' Domenicani predicare tale repubblica, e
lo dimostra co' testi ecclesiastici, con S. Vincenzo Ferrer, S.^{ta}
Caterina, l'Apocalisse, e cita fra Rusticano, Savonarola, M.^o
Catarino, il B.^{to} Raimondo etc., e nota che quelli i quali tengono
la fede per ragion di Stato giudicano che essi pure abbiano parlato
per acquistare uno Stato, ma chi crede per ragione Divina li difende
con Davide e S. Paolo. Aggiunge che egli è umiliato troppo, che tutti
sono umiliati e flagellati troppo, che egli meritava un premio, che
quelli che non credono nelle sue predizioni se ne avvedranno, e qui
cita S. Pietro, Isaia etc. concludendo che le profezie si adempiranno,
e raccomandando a tutti di agire virilmente e sollevare il loro
cuore.--Che questa lettera si debba ritenere diretta a fra Dionisio,
come il Berti ottimamente afferma sebbene non ne dica le ragioni,
apparisce dal vederla scritta ad uno che si era sdegnato coll'autore,
che avea già prima parlato a sproposito, che era in pericolo di non
potere sfuggire agli spagnuoli, circostanze tutte riferibili appunto a
fra Dionisio. Vi sarebbe solo da obiettare che avendogli il Campanella
predetta la morte a 38 anni, nel tempo della congiunzione magna, vale
a dire nel 24 10bre 1603 come ci lasciò scritto anche nelle Poesie,
fra Dionisio avrebbe dovuto nel 1600 avere 35 anni di età; e sebbene
ci facciano difetto le notizie intorno a ciò, mancandone sempre tutti
i costituti suoi, l'età di 35 anni nel 1600 non può dirsi probabile
per lui, tanto più che conosciamo avere allora il germano fra Pietro
l'età di 31 anno, e l'altro germano Ferrante 29[131]; tuttavia fra
le moltissime scorrezioni di entrambi i manoscritti questa potrebbe
esser una, e invece di 38 dovrebbe forse leggersi 35. Ma ciò che non
persuade si è, che in una lettera confidenziale occorresse esporre
tutte quelle giustificazioni estranee a' rimproveri che erano stati
mossi, e ripetere tutte quelle profezie e citazioni che fra Dionisio
e gli altri compagni aveano dovuto udire già troppe volte, come lo
mostrano le deposizioni fatte da alcuni di loro in Calabria. Bisogna
quindi dire che in ultima analisi, come gli Articoli profetali delle
biblioteche sono certamente un'edizione posteriore rifatta ed ampliata
degli Articoli scritti al tempo de' processi, così la lettera che
sta in appendice a quelli Articoli dev'essere un'edizione rifatta ed
ampliata della lettera scritta dapprima, e quindi un'edizione adattata
alle circostanze dell'autore a' tempi ne' quali essa venne rifatta.
Vedremo che gli Articoli profetali vennero rifatti nel 1607, con la
speranza che sarebbero stati presentati ad alti personaggi, de' quali
il Campanella sollecitava l'aiuto; e così l'Appendice avrebbe servito
presso costoro, ripetendo gli argomenti che si trovano addotti nella
«1^a Delineatio defensionum» e poi nelle lettere del 1606-1607, svolti
di nuovo in sèguito nella Narrazione; laonde bene a ragione dicevamo
trattarsi di un documento apologetico non dissimile da tutti gli altri
che si conoscono, e da doversi apprezzare co' criterii medesimi co'
quali i detti documenti vanno apprezzati.

Nulla abbiamo poi a dire circa la ricomposizione del libro della
_Monarchia di Spagna_; ci basterà solo far avvertire che essa venne
eseguita realmente nel corso del processo dell'eresia, essendo rimasta
sospesa la spedizione della causa della congiura, e continuando il
Campanella a dimostrarsi pazzo.

Ma non c'ingolferemo nel racconto del lungo processo dell'eresia,
senza parlare de' premii che da un pezzo i denunzianti e i persecutori
della congiura dimandavano, il Vicerè sollecitava, e il Governo di
Madrid venne accordando mano mano e senza alcuna fretta. «Non era
negotio questo da passar irremunerato; furono riconosciuti non solo
dal Conte, ma anche da S. M.^{tà} in molte maniere»: così scrisse il
Capaccio vissuto a que' tempi, discorrendo di Fabio di Lauro e Gio.
Battista Biblia[132]. Disgraziatamente i Registri _Mercedum_ rimastici
nell'Archivio di Stato, ne' quali insieme con le ricompense si sogliono
trovare specificati i servigi, cominciano solo dall'anno 1606; ma altre
categorie di scritture forniscono anche notizie di concessioni fatte
a questi due sciagurati, ricordando il loro servigio speciale della
scoperta della congiura. Per Fabio di Lauro, ne' Registri _Sigillorum_
in data di aprile 1600, troviamo una grazia fatta a sei individui che
avevano assassinato fra Maurizio Barracco, altra nostra conoscenza,
sicuramente dietro la sua intercessione o «nominatione» come allora
si diceva, «stante lo servitio fatto in scoprire la congiura tentata
in Calabria, in deservitio de Dio et de sua M.^{tà}» etc.[133]:
ma troviamo pure in data del 3 gennaio 1602 e 3 aprile 1604 una
licenza d'arme per lui con altri tre compagni, la qual cosa potrebbe
indicare che era obbligato a guardarsi da qualche vendetta[134]. Per
Gio. Battista Biblia poi, abbiamo veduto essergli stato ucciso il
fratello Marco Antonio fin dal novembre o dicembre 1599: questo Marco
Antonio, dapprima sostituto credenziere, era stato in sèguito nominato
percettore della gabella della seta di Catanzaro, con privilegi notati
per le esecutorie fin dall'ultimo di febbraio e 12 maggio 1595; ed
ecco Gio. Battista Biblia succedergli in questo ufficio con privilegio
notato per l'esecutoria il 16 dicembre 1600, ma naturalmente concesso
alcuni mesi prima[135]. Oltracciò i Registri _Privilegiorum_ ce lo
mostrano con la data del 12 giugno 1602 insignito del titolo e grado
di nobiltà, trasmissibili a' suoi discendenti: e in siffatta occasione
troviamo menzionato «il singolare servizio» di avere partecipato
al Sovrano «la congiura e perfidia di taluni della stessa città di
Catanzaro»[136]. È del tutto verosimile che la medesima onorificenza,
con qualche altra lauta carica, abbia avuta egualmente Fabio di Lauro,
e lo confermerebbe il fatto, che alcuni anni dopo il Campanella, nelle
sue lettere del 1606, parlò de' «revelanti falsi fatti cavalieri»;
ma non ci è riuscito trovarne i documenti. Lo stesso ci è avvenuto
per Gio. Geronimo Morano, pel quale le ricompense doverono essere
certamente più laute: possiamo soltanto dire che egli non si mosse da
Catanzaro e continuò a spadroneggiarvi, ma vi fu gravemente avversato
dagli Spina. È certo poi che da Madrid, allorchè si trattava di pure
lettere di complimenti, queste non si facevano troppo attendere, ma
allorchè si trattava di ricompense sode, queste venivano con comodo e
dopo maturi consigli. E p. es. il Principe della Roccella non tardò
ad avere, in data de' 27 aprile 1600, una lettera del Re, pubblicata
dall'Adimari nella Storia della famiglia Carafa e ripubblicata dal
Baldacchini, con la quale Filippo III diceva che avrebbe nelle
occasioni tenuto presente l'avviso avuto dal Vicerè «de la promptitud
con que acudistes à la defensa de las cosas de Calabria, en la ocasion
dela venida dela Armada Turquesca el año passado, y el cuydado con
que os empleastes en atajar la coniuracion que algunos tratavan en
aquella Provincia». Ma, utilitario qual era, il Principe si fece anche
cedere dal Conte di Condeianni D. Gio. Battista Marullo le difese di
Bianco e Condeianni involte in una grossa vertenza col Fisco, e iniziò
una favorevole transazione su questo capo, inoltre chiese un comando
di gente d'arme (titolo di alto onore, con buon soldo, senza obbligo
di servizio); scorse allora molto tempo, ma infine ottenne, oltre la
transazione desiderata, un posto di Consigliere del Collaterale, con
la promessa che dandosi l'occasione sarebbe stato tenuto presente
pel posto di Capitano di gente d'arme[137]. Quanto a Carlo Spinelli,
fatta una dimanda formale, con l'esposizione di tutti i suoi meriti,
e tra gli altri quello della diligenza e premura usata «en acquietar
y guardar la provincia de Calabria dela armada del Turco y alboroto
que alli occurrìo el año passado», onde sollecitava o la proprietà
del comando della cavalleria che teneva interinalmente, o l'aumento
della pensione di. D.^{ti} 400 che godeva, sempre con la facoltà della
trasmissione a vita a un suo nipote, dovè attendere che il Vicerè
e il Consiglio Collaterale dessero il loro parere sulla dimanda. I
lettori troveranno ne' Documenti da noi raccolti la lettera Regia con
la quale veniva ordinato l'invio di tale parere[138]; ed aggiungiamo
che non prima del 4 settembre 1601 fu accordato allo Spinelli il posto
di Capitano della cavalleria pesante, «avendo per aggiunto con futura
successione D. Scipione Sanseverino Marchese di S. Donato suo pronipote
da sorella» che egli nominò[139]; così questo giovane cavaliere,
Marchese dal 1598 e subito promosso Duca il 20 settembre 1602, favorito
dallo zio Spinelli e dal padrigno Reggente Costanzo, divenne sempreppiù
scapestrato e prepotente, nè a caso parliamo di lui, dovendo incontrare
anche la sua sorella nel corso di questa narrazione. Maggior tempo
ancora dovè attendere D. Carlo Ruffo, per vedere accolte le dimande
fatte: abbiamo intorno a lui solamente il Privilegio col quale gli si
concede la dignità e il grado di Duca di Bagnara, con la circostanza
dell'averlo dimandato; esso è in data del 19 gennaio 1603[140]. Come
si vede, D. Carlo saltò da Barone a Duca, pe' meriti suoi, di tutta la
sua famiglia e de' maggiori, secondo l'espressione del Privilegio; e il
Campanella fu pur troppo la causa principale di tante grandezze.

Naturalmente non venne dimenticato lo Xarava e neanche fra Cornelio.
Documenti rinvenuti nell'Archivio di Napoli ci mostrano che il Conte
di Lemos propose immediatamente lo Xarava al posto di Consigliere del
Sacro Regio Consiglio di Capuana, non appena vi fu una vacanza per la
morte di D. Alonso Ximenes; ma in Madrid si affacciarono dubbî sulla
sua capacità, integrità e prudenza, il Re volle esserne bene informato,
e per quella volta fu nominato Consigliere il Ruiz de Baldevieto, del
quale accadrà pure di dover parlare in sèguito[141]. Nel frattempo vacò
un altro posto di Consigliere per la morte di D. Francisco Bermudez de
Castro, e l'ebbe l'Avvocato De Leonardis, stato già promosso a Fiscale
della Vicaria; ne vacò poi un terzo pel passaggio di D. Pietro De Vera
a Presidente, ed allora lo Xarava, recatosi personalmente a Madrid,
potè essere nominato Consigliere, ma ciò avvenne non prima del 14
aprile 1603[142]. Vedremo che al nuovo ufficio agevolò ancora la via
un altro avvenimento, che eccitò sempre più a' rigori verso i frati
incriminati, a' quali rigori lo Xarava si offrì in un modo perfino
strano: per ora aggiungiamo che tanto più tardi, nel 1615, ottenne
ancora una pensione annua di D.^i 300, e sempre venendo annoverati tra'
meriti i servigi resi in Calabria da Avvocato fiscale[143]. Quanto
a fra Cornelio, anch'egli dovè aspettare, ma impaziente qual era,
d'accordo col Vicerè e con le commendatizie di Carlo Spinelli, nel
marzo 1601 si recò a Madrid, e vedremo che subito fra Dionisio lo fece
conoscere a Roma, essendosi ritenuto che avesse intrapreso tale viaggio
per dar notizia al Governo dell'andamento del processo dell'eresia già
in corso, nel quale si trovava a ridire sul conto suo, e sul conto di
fra Marco da Marcianise come di tutti coloro i quali aveano tenuto
mano o a perseguitare o a giudicare i frati; se non che, oltre questo
scopo, dovè esservi anche l'altro di sollecitare almeno una pensione,
ed è certo che finì per ottenerla. Lo abbiamo desunto da due documenti
raccolti tra diversi altri nell'Archivio di Torino, essendo stato fra
Cornelio il protagonista di un incidente che avvenne parecchi anni dopo
e che accenneremo in breve. Trovavasi Vicerè di Napoli il 2^o Conte di
Lemos, e fra Cornelio era ben veduto da lui: con lettere commendatizie
del Card.^l Aldobrandini, e con un atteggiamento di suddito fedele a
casa Savoia, progettò un matrimonio tra il Re di Spagna e Maria di
Savoia terzogenita del Duca Carlo Emmanuele; in giugno 1613 impegnò
nella faccenda l'Agente del Duca in Napoli Melchiorre Reviglione, e ne
fece fare la proposta al Conte di Lemos, offrendosi di andar lui in
Spagna, giacchè essendo «pensionato del Re» nessuno avrebbe mai potuto
intendere lo scopo del viaggio, che sarebbe stato attribuito ai suoi
particolari interessi. La guerra pel Monferrato assopì la faccenda,
ma nel novembre 1616 fra Cornelio se ne andò a Roma per parlarne al
Ministro di Savoia, l'Abate Scaglia Conte della Verrua, al quale già
si era offerto prima quale agente di fiducia mandandogli una cifra e
qualche lettera di poca importanza: l'Abate non lo ritenne altrimenti
che un furbo, desideroso di assicurarsi in Madrid la pensione, posta
in pericolo dall'essere succeduto il Duca di Ossuna al Conte di Lemos,
mentre egli trovavasi «da tanto tempo pensionato dal Re»; infine poi
fra Cornelio, divenuto già gottoso, non volle contentarsi di 300 ducati
d'oro fattigli offrire dal Duca pel viaggio, ma a noi basta che sia
accertato il fatto della pensione già ottenuta da antica data[144].
Così non a torto poi il Campanella ebbe a mettere innanzi i tanti
premii che il Re avea dati; e s'intende che per un servigio di quel
genere i premii erano un fatto naturalissimo, ma veder premiato e
notoriamente premiato anche fra Cornelio giudice di S.^{to} Officio,
senza che il Nunzio Aldobrandini se ne fosse mai curato in alcun modo,
non può non dirsi un fatto veramente scandaloso.

Dobbiamo aggiungere ancora qualche parola sulla promozione avuta
egualmente dall'Avvocato De Leonardis, di cui il Campanella poi nella
Narrazione disse che avea «più presto avvocato contra per diventar
Consigliero». Non pare che l'appunto possa qui dirsi fondato. Oltrechè
abbiamo testualmente la Difesa scritta dal De Leonardis, ed ognuno
è in grado di valutarla, sappiamo che egli non diventò Consigliere
a un tratto, ma prima passò all'ufficio di Fiscale della Vicaria, e
più tardi all'ufficio di Consigliere; percorse quindi la carriera
giudiziaria comune, nella quale non poteva incontrare obiezioni,
giacchè era universalmente riconosciuta la sua cultura e la sua buona
morale, come l'attestano varie scritture del tempo. Non siamo riusciti
a trovare nell'Archivio di Stato il Privilegio della sua nomina ad
Avvocato Fiscale, dove avrebbe veramente potuto esservi qualche parola
di ricordo de' suoi meriti speciali anche per la causa degl'incriminati
della congiura, giacchè il Governo spagnuolo non si sarebbe fatto
scrupolo di parlarne; abbiamo soltanto trovato l'esecutoria di tale
Privilegio in data del 2 novembre 1601. Ed abbiamo poi trovato anche il
Privilegio della nomina a Consigliere in data di Valladolid 3 aprile
1602, la comunicazione fattane al Consiglio in data del 1^o maggio, e
l'annotamento dell'esecutoria in data dell'11 ottobre detto anno; nè il
Privilegio reca alcuna menzione del servizio prestato nella causa della
congiura, come s'incontra p. es. in persona dello Xarava[145]. Dopo ciò
possiamo venire all'esposizione del processo dell'eresia.

NOTE:

[1] Così nel Carteggio del Residente di Venezia; ved. Doc. 184, pag. 94.

[2] Ved. nel Carteggio Vicereale il Doc. 36, pag. 42.

[3] Ved. Doc. 382, pag. 395.

[4] Ved. Doc. 307, pag. 256.

[5] Ved. Doc. 373, pag. 383.

[6] Ved. Doc. 61, pag. 53.

[7] Ved. Doc. 209, pag. 109.

[8] La serie de' _Notamentorum_ che si è salvata dalle tante sciagure
dell'Archivio di Stato comincia appena col 1610, e non vi manca la
risoluzione presa quando, dopo 26 anni, il Campanella fu liberato; così
avremmo avute egualmente tutte le altre risoluzioni prese ogni volta
intorno a' principali imputati e a' diversi gruppi degl'imputati minori.

[9] Pel De Ponte come Consigliere, ved. Reg. _Sigillorum_ v. 30, a.
1594, a 17 10bre; come Deputato della pecunia, ved. Reg. _Curiae_ v.
43, fol. 11, let. del 18 giugno 1598. Intorno alla famiglia o alle
notizie biografiche ved. Santanna, Della Storia genealogica della
famiglia del Ponte, Nap. 1708, pag. 98 etc.

[10] Ved. Registri _Privilegiorum_ vol. 141, fol. 120.

[11] Ved. per tutte lo notizie sul Sances, De Lellis, Discorsi delle
famiglie nobili del Regno di Napoli, Nap. 1654-71, voi. 2.^o part.
3^a p. 390; pel parentado co' Morano ved. specialmente Della Marra
Duca della Guardia, Discorsi delle famiglie estinte, forastiere, o non
comprese ne' Seggi di Napoli, Nap. 1642 p. 264.

[12] Ved. Doc. 54, pag. 51.

[13] Ved. Doc. 52, pag. 50.

[14] Ved. Doc. 365, pag. 365.

[15] Ved. Doc. 394, pag. 455 e seg.^{ti}.

[16] Ved. Doc. 62 e 65, pag. 54 e 55.

[17] Ved. Registri _Sigillorum_ vol. 31 (an. 1595) 1^o 10bre; vol. 32
(an. 1596) 9 7bre e 16 7bre. Inoltre De Lellis, Discorsi delle famiglie
nobili etc. Nap. 1654 vol. 1^o, pag. 399.

[18] Cons. Doc. 304, pag. 246.

[19] Ved. Doc. 64, pag. 54.

[20] Ved. Doc. 67, pag. 56.

[21] Ved. Doc. 37, pag. 42.

[22] Ved. Doc. 39, pag. 13.

[23] Ved. Toppi, De origine omnium tribunalium, Neap. 1655-66, vol.
2^o, pag. 187.

[24] Il Nunzio gli era anche molto amico, siccome si rileva da un'altra
sua lettera del 1^o giugno 1601, dove si legge: «Fra tutti i Ministri
che son qua di S. M.^{tà} Cattolica non ho maggiore domestichezza che
con il Consigl. Pietro di Vera d'Aragonia, che mi fu dato per Collega
da N. S.^{re} nella causa della rebellione».

[25] Ved. Doc. 38, pag. 43.

[26] Ved. Doc. 325, pag. 276.

[27] Ved. la nostra Copia ms. de' processi ecclesiast. tom. 2^o fol.
173-1/2.

[28] Un ms. posseduto dal Minieri-Riccio dà notizie delle fosse
oscure, delle iscrizioni, delle ossa «rinvenute ne' sotterranei della
torre Aragonese in occasione della fabbrica di una stufa per la nuova
fonderia, di cannoni di ferro». La qualificazione della torre è uno
sbaglio del raccoglitore delle iscrizioni, poichè la fonderia esiste
sempre ed è facile vedere dove corrispondano i suoi fornelli. Le
iscrizioni trovate leggibili rimontano solo al 1660; una del 1698 è
di un tale che da 27 giorni vi si trova per essere andato incontro al
Cardinale Principe di Savoia; spaventevole è quella di un tale, che
impreca a' suoi parenti, i quali, per salvarsi, l'hanno fatto menare in
quel posto, senza luce e tutto nudo, ove cerca la morte per finire di
penare, e residui di scheletro ivi giacenti fanno pensare che vi trovò
la morte. Ved. Catalogo de' MS. della Bibl. di Minieri-Riccio voi. 3^o
Nap. 1869, pag. 158.

[29] Ved. Doc. 421, pag. 527. Quivi specificatamente si notano tutte
queste cose, attestate da fra Pietro Ponzio; e fra Pietro, per sua
scusa, potè bene inventare che il Campanella trasmettesse i suoi
Sonetti a Maurizio, calandoli giù dalla finestra, ma non inventare
che la finestra di Maurizio si trovasse sotto quella del Campanella.
D'altronde anche nella confessione ultima di Maurizio vedremo fatta
menzione di parole scambiate tra lui e il Campanella nelle carceri di
Napoli, e questo non potè accadere che dalle finestre.

[30] Ved. Doc. 376, pag. 386.

[31] Rimanga ben chiaro che il processo fu propriamente intitolato
«di tentata ribellione»; solo pel vantaggio della brevità noi diciamo
«processo della congiura», la quale maniera di esprimerci è del resto
consentanea all'altra anzidetta, e certamente preferibile a quella
che troviamo pure usata negli Atti e ne' Carteggi, cioè «processo di
ribellione».

[32] Ved. i Doc. 441 e 442, pag. 551.

[33] Abbiamo fatto avvertire altrove (vol. 1.^o p. 303) che potevano i
Giudici, pe' delitti di lesa Maestà servirsi de' più gravi tormenti,
ma non di tormenti nuovi. Qui aggiungiamo che lo stesso Farinacio cita
la _veglia_, aggravata da successive modificazioni, col precetto «non
habeatur nisi in vere atrocissimis ut laesa Majestate, assassiniis
famosis et similibus» (De indiciis et tortura Ven. 1649 p. 348).
Aggiungiamo ancora che Maurizio, malgrado fosse nobile, poteva essere
sottoposto a tortura trattandosi di lesa Maestà, ed anzi a tortura più
atroce, perchè «Nobilitas saepe auget delictum» secondo la massima del
Gigante (De crimine les. Majest. Ven. 1588 fol. 67).

[34] 1.^o Ne' Reg.^i _Curiae_, vol. 46, (an. 1599-1601) fol. 10 si
legge: «All'Audientia di Calabria ultra. Per alcune cause et degni
rispetti moventi nostra mente ce è parso provedere et ordinare che
D. Camilla morano figlia del q.^m Barone di Gagliati di questa città
di Catanzaro non sia amossa dal Mon.^{io} di S.^{ta} Chiara di
detta città, dove al presente se ritrova per ordine di quessa R.^a
Audientia.... 18 julii 1601».--2.^o Ibid. vol. 49. (an. 1599-1601) fol.
114 t.^o si legge: «All'Auditor don Sancio di miranda. Per lettera
delli 15 del passato mese de luglio havemo visto quanto per voi è stato
provisto nel particolare del matrimonio di donna Camilla Morana figlia
del barone di Gagliano havendola posta nel monasterio di S.^{ta} Chiara
di quessa città che il tutto sta molto ben fatto. et circa quello che
ci dite che donna Anna sancez matre di detta donna Camilla tiene per
sospetto il detto monasterio et per darli satisfatione l'haveti offerto
un altro, gia che le parte senne contentano, vi dicimo che debbiate dar
sodisfatione à detta donna anna circa il mutare detta donna Camilla
sua figlia in altro monasterio come vi parerà meglio, non obstante
l'ordine nostro che non si dovesse mutare da detto monasterio senza
altro ordine che tale è mia voluntà et intentione. Datum neap. die 4
augusti 1601».--Il primo figlio di Gio. Geronimo Morano, Gio. Antonio,
invece di D.^a Camilla sua cugina sposò D.^a Cornelia Ricca de' Signori
dell'Isola (ved. Duca della Guardia. Discorsi delle famiglie nobili
etc. Nap. 1641 pag. 264).

[35] Il feudo di Burgorusso, già difesa per le razze de' cavalli di
Corte sotto gli Aragonesi, concesso poi al Conte di S.^a Severina,
era passato fin dal cadere del 1400 a Geronimo de Connestavulo
subfeudatario del d.^{to} Conte, e Francesca de Connestavulo lo recò
in dote a Gio. Francesco Morano fin dal principio del 1500; era quindi
già da un secolo posseduto da' Morano, onde poi con D.^a Camilla Morano
passò al Sances sud.^{to} che divenne anche Marchese di Gagliato (ved.
Reg.^i delle _Significatorie de' Relevii_ vol. 4.^o fol. 112 t.^o,
e confr. Id. vol. 32.^o fol. 154 t.^o, inoltre _Quinternioni_ n.^o
175, fol. 191). Non c'è notizia che qualche porzione del feudo di
Burgorusso fosse stata concessa in subfeudo a' De Rinaldis, e si sa
che le notizie de' subfeudi si possono trovare solo accidentalmente
nell'Archivio di Stato. Eppure, secondo il cenno datone dal Campanella,
non avrebbe nemmeno dovuto trattarsi di quella specie detta _subfeudum
planum_ o _de tabula_, giacchè in altrettali suffeudi, tanto della
varietà militare quanto della varietà rustica, per le costituzioni
di Federico II succedevano anche le donne; avrebbe dovuto invece
trattarsi di quella specie detta _subfeudum quaternatum secundum quid_,
che veniva concessa col consenso anche del Re, giacchè in tal caso
veramente, per estinzione di linea maschile od anche per solo crimine,
succedeva il Barone sotto cui il feudo era tenuto. Ma rimane sempre che
Burgorusso apparteneva a D.^a Camilla, e che agli zii Gio. Geronimo,
Scipione e Pietro, secondogeniti di Gio. Battista, spettava solamente
la vita-milizia in D.^{ti} 72, come risulta dal sud.^{to} vol. 32.^o
delle _Significatorie_, fol. 154 t.^o. Piuttosto Gio. Geronimo avrebbe
potuto pretendere ed ottenere in mercede qualche feudo appartenente
a' De Rinaldis dopo la confisca fattane, ma è singolare che non si
abbiano notizie di feudi de De' Rinaldis per tutto il 1500, nè se ne
abbiano di Gio. Geronimo Morano e figli per l'anno 1600 e seguenti.
Per la fine del 1400 abbiamo trovato notizia del feudo di S. Marco in
Calabria citra (detto anche S. Maoro nell'anno 1488) «concesso per
la M.^{ta} del S.^{or} Re a Mosca de Raynaldo regio cavallarizo» e i
feudi di Prato e di Cocchiato «concessi ad Michelangelo de Ranaldo»;
ma in sèguito questi feudi si trovano tutti restituiti al Principe
di Bisignano, e i due ultimi venduti da lui ad altri. In Stilo e
Guardavalle poi verso i primi anni del 1600, oltre Burgorusso, si
trova il feudo di Ragusa appartenente a' Tomacelli, da Lucrezia 2.^a
figlia di Geronimo e d'Ippolita Ruffo portato in dote a D. Filippo
Colonna, che per morte del fratello Marcantonio divenne Duca di Paliano
e Tagliacozzo e Gran Contestabile del Regno (amico del Campanella più
tardi, e forse con l'occasione del feudo). Si trova inoltre il feudo
di Arcamone, disputato tra Salvatore Reycitano e Cesario Salerno; e
si trova infine il feudo Colicestra ed Agapito, acquistato da Berto
Presterà. Il nome di Gio. Geronimo Morano non vi s'incontra affatto.
Ciò darebbe ragione di creder vera la destinazione de' beni di Maurizio
nel modo che vedremo affermato dal Residente Veneto.

[36] Ved. Doc. 78, pag. 59.

[37] Ved. Doc. 79, pag. 59. Questa copia di biglietto Vicereale senza
data e senza indirizzo, ma inserta fra le lettere del periodo di cui
trattiamo nel Carteggio del Nunzio, ci pare appunto che rappresenti la
risposta del Vicerè alla lettera anzidetta.

[38] Così scrisse poi il Nunzio a Roma con la sua lettera del 21
gennaio 1600; ved. Doc. 83, pag. 60.

[39] Ved. Doc. 239, pag. 125. Chi conosce Napoli sa che la Chiesa di
Monserrato trovasi all'ingresso dell'attuale Strada di Porto e di
rimpetto alla torre del Castellano.

[40] Ved. Doc. 307, pag. 256.

[41] Ved. Doc. 84, pag. 61.

[42] Per ciò che è scritto nella Difesa, ved. Doc. 401, pag. 484. Per
ciò che è scritto nelle Lettere, ved. Archivio Storico Italiano an.
1866, pag. 24, 59, 68 e 90.

[43] Facevano parte della Compagnia quasi sempre il Card.^l Arcivescovo
della città, molti Vescovi, Nobili titolati, Signori, Dottori,
Sacerdoti, e per istituto un numero determinato di P.^i Gesuiti e
P.^i dell'Oratorio, non che P.^i di altri ordini. Ne faceva allora
parte anche D. Gabriele Sances Cappellano maggiore, fratello di D.
Giovanni; lo Stinca vi si era ascritto fin dal 6 gennaio 1585; più
tardi, nel 1603, vi si ascrisse lo stesso Nunzio Jacopo Aldobrandini
Vescovo di Troia. Annualmente uno de' fratelli era eletto all'ufficio
di «scrivano». Costui registrava le relazioni delle giustizie, con
la lista de' parenti del giustiziato, che la Compagnia aveva il
carico di assistere e soccorrere, e con le discolpe e ritrattazioni
se ve ne erano, oltrechè raccoglieva in altri libri i testamenti dei
giustiziati, gli originali delle Autorità che ordinavano od invitavano
la Compagnia alle giustizie etc. etc. Secondo l'attività dello scrivano
e l'importanza del caso, si ha qualche notevolissima relazione,
come quella della giustizia di fra Tommaso Pignatelli allievo del
Campanella, che fu scritta da D. Antonio d'Aytona, e che trovata
in copia nella Biblioteca Brancacciana dal chiar. prof. De Blasiis
servì di base al suo bel lavoro intitolato Una seconda congiura del
Campanella (ved. Giornale Napoletano di filos. e lett. giugno 1875).
Nella Biblioteca dell'Abate Cuomo, ora Municipale, si hanno parecchie
relazioni di giustizie, segnatamente de' tempi di Masaniello, che
trascrisse da' Registri della Compagnia lo stesso compianto Abate.

[44] I suddetti ordini di Spagna rappresentano senza dubbio una delle
voci diffuse allora ad arte; abbiamo altrove riferita la lettera del
Re, che mostra gli ordini veri e ben diversi. Rappresenta del pari
una voce diffusa ad arte quella che il Residente avea già trasmessa
in un dispaccio anteriore (ved. Doc. 185, pag. 94) e che fornì al
Mutinelli l'occasione di una nota sul tono di un idillio. Da' Registri
_Sigillorum_ di quel tempo si può vedere come S. M.^{tà} di Spagna
avesse pietà della borsa de' napoletani, facendo diluviare le grazie
co' diversi titoli, di pensioni, avantagii, intertenimienti, piazze
morte, sempre nell'interesse degli spagnuoli; e il fatto è illustrato
assai bene da un'affannosa lettera del Vicerè che noi pubblichiamo
(ved. Doc. 41, pag. 45). Si comprende poi che non si può fare alcuno
assegnamento su quanto il Residente dice che Maurizio avrebbe
confessato, trattandosi di un atto processuale del tutto segreto; e
non abbiamo veramente notizia che fossero «cominciati» allora altri
processi e catture dietro le confessioni di Maurizio.

[45] Ved. Doc. 40, pag. 44.

[46] Ved. Doc. 244 pag. 141-142-143; D. 247 pag. 159; D. 248 p.
160-161; D. 250 p. 163; D. 252 p. 166; D. 263 p. 175; D. 265 p. 182; D.
266 p. 184.

[47] Ved. Doc. 40, pag. 44.

[48] Ved. la Lett. al Card.^l Farnese e quella latina al Papa e
Cardinali, Arch. Storico Italiano 1866 p. 59 e 82.

[49] Ved. Copia ms. de' processi eccles. tom. 1.^o fol. 132.

[50] Ved. Doc. 217, pag. 115.

[51] Ved. Doc. 218, pag. 115.

[52] Nella Numerazione de' fuochi di Tropea per l'anno 1595, vol.
1398 della collezione, si legge: «n.^o 60. M. Jacovo Giovanne Tranfo
a. 65; M. Ipolita Barone moglie a. 56; (*) M. Alessandro f.^o a. 15;
Isabella f.^a a. 18; Cassandra f.^a a. 11; Caterina schiava a. 30;
Pietro schiavo an. 35; Giovanne schiavo a. 10; Fabritio schiavo a. 5.
Barone de la terra de crepacore (_sic_) et del Casale de sant'Agata»
etc.--Per la successione di Alessandro Tranfo al padre ved. i Rog.
delle _Significatorie de' Relevii_.--Un altro documento intorno a lui
troverà posto nel sèguito della narrazione.

[53] Ved. D'Amato, Memorie historiche dell'illustr.^{ma} famos.^{ma} e
fedel.^{ma} città di Catanzaro, Nap. 1670.

[54] Ved. i nostri Doc. 83, 86, 89, pag. 61, 63, 64; e le notizie date
nella nota a pag. 127 del vol. 1^o di questa narrazione.

[55] Ved. Doc. 81, pag. 59.

[56] Ved. Doc. 306, pag. 248.

[57] Ved. Doc. 238, pag. 124.

[58] Ved. nell'Arch. Mediceo, filz. 4087, Let.^{ra} del Battaglino del
18 gennaio 1600: «Horrendo spettacolo hebbi hieri nella mia loggia col
veder perire inesorabilmente sette navi con quantità di marinari, fra
esse è il galeone di Giorgio d'ulista carico di grani di Puglia come
le altre cinque navi; il settimo fu un vascello Brettone chiamato da'
nostri Vecchietti c'havea cominciato a caricar alberi et remi per andar
in Spagna» etc. Un'altra del Turamini, ibid. stessa data, lo ripete.
Inoltre ved. la Lett. dello Scaramelli, stessa data; Doc. 188, pag. 96.

[59] Ved. la nostra Copia ms. de' processi eccles. tom. 2.^o fol. 236.

[60] Ved. il Doc. anzid.^{to}

[61] Ved. Doc. 85 pag. 62, e Doc. 88 pag. 63.

[62] Ved. il Breve e gli altri Atti suddetti ne' Doc. 242 e 243 pag.
129; le Lett. del Nunzio degli 11 e 21 gennaio, Doc. 81 e 83, pag, 60 e
61; la Let. Vicereale de' 18 gennaio, Doc. 40 pag. 44; e l'altra Let.
scritta d'ordine del Vicerè egualmente il 18 gennaio, Doc. 216 pag. 115.

[63] Ved. in Baldacchini la Lett. a Cassiano del Pozzo del 25 giugno
1624.

[64] Ved. Doc. 244, pag. 143.

[65] Ved. Doc. 84, pag. 61.

[66] Loc. cit. Doc. 244, pag. 143.

[67] Ved. Doc. 247, pag. 160.

[68] Ved. Doc. 376, pag. 387.

[69] Ved. Doc. 401, pag. 485.

[70] Ved. Doc. 378, pag. 389.

[71] Ved. Doc. 379, pag. 390.

[72] Ved. Doc. 380, pag. 391.

[73] Ved. Doc. 252, pag. 167.

[74] È questo uno de' punti della Narrazione che gioverebbe rivedere.
Il Capialbi lesse _niglio_, ed aggiunse in nota «niglio, coccodrillo»,
citando l'Afflitto (Scrittori del Regno di Napoli, pag. 46, art.
Acquaviva) che avrebbe forse alluso alla medesima fossa. Ma non ci
è noto che la parola plebea niglio corrisponda a coccodrillo, bensì
sappiamo che corrisponde a nibbio, sparviero; e l'Afflitto dice
fossa del _miglio_, ed egualmente dice il Confratello de' Bianchi di
giustizia che ci lasciò il ricordo degli ultimi momenti di fra Tommaso
Pignatelli.

[75] Ved. Doc. 254, pag. 170.

[76] Ved. Doc. 256, pag. 172.

[77] Ved. Registri _Curiae_ vol. 38.^o (an. 1595-99) fol. 13, Let.
Vicereale del 23 febbr. 1596.

[78] Ved. Doc. 307, pag. 254.

[79] Ved. Doc. 247, pag. 160.

[80] Ved. Doc. 87, pag. 62; ma bisogna notare che la data del 24
gennaio, quivi assegnata alla lettera in quistione, potrebb'essere
errata, poichè il 4 febbraio essa era ancora attesa.

[81] Ved. Doc. 381, pag. 394.

[82] Sarno (Anelli de) Novissima praxis civilis et criminalis, cura
observationibus... ac singulari tractatu inscripto Il Medico fiscale
pro optima cognitione delictorum in genere, videlicet cadaveris
venenati, virginis defloratae, pueri constuprati et aliorum consimilium
Doctoris Horatii Graeci Medici phisici Regiae Curiae etc. Neap. 1717.

[83] Ecco il fac-simile del disegno del polledro datoci dal Greco (op.
cit. pag. 499). Non rifuggano i lettori dal contemplarlo, specialmente
quelli, che per caso menassero vanto di principii repubblicani;
vedranno cosa costava a' padri nostri il professarli, e rileveranno
bene la differenza:

[Illustrazione]

[84] Ved. Doc. cit. 381, pag. 394.

[85] Ved. Doc. 250, pag. 163.

[86] Ved. Doc. 87 e 88, pag. 62 e 63.

[87] Ved. Doc. 245, pag. 145-46; Doc. 247, pag. 160; Doc. 248, pag.
161; Doc. 253, pag. 169; Doc. 250, pag. 163; Doc. 251, pag. 165; Doc.
252, pag. 167; Doc. 265, pag. 183; Doc. 263, pag. 175, e Doc. 264, pag.
176.

[88] Ved. Doc. 192, pag. 97.

[89] Ved. Doc. 241, pag. 127, e Doc. 244, pag. 143.

[90] Alludiamo a' Doc. 244-266, pag. 129-183. Il Notamentum (Doc.
241, pag. 127) dovè essergli trasmesso o nell'inizio del processo, o
piuttosto nel periodo di cui trattiamo, essendovi poi stato aggiunte
a lato di ciascun nome le annotazioni relative all'esito del giudizio
mano mano che questo si compiva per ciascuno inquisito.

[91] Ved. Doc. 394, pag. 456.

[92] Il Toppi (De Origine omnium tribunalium etc. Neap. 1655-66, vol.
2.^o pag. 319), nel dare le notizie del Leonardis, non riesce esatto
intorno alla data della nomina di lui ad Avvocato de' poveri, indicando
per essa il 30 luglio 1601, che urta con la cronologia del processo
del Campanella, nel quale si sa avere il Leonardis funzionato. Invece
abbiamo trovato ne' Registri _Privilegiorum_ le date sopraindicate
pel Privilegio di nomina ad _Avvocato de' Poveri_ (Ved. _Privileg_.
vol. 120, an. 1599-600 fol. 188), e ne' Reg.^i _Sigillorum_ la data 30
luglio 1601 come quella del pagamento per l'esecutoria del Privilegio
col quale venne poi nominato _Avvocato fiscale della Vicaria_ (Ved.
Sigil. vol. 38, an. 1601, introiti del 21 novembre). A complemento
della rettificazione aggiungiamo che negli stessi Reg.^i _Sigillorum_
abbiamo trovato l'esecutoria del Privilegio di Avvocato de' poveri pel
Catalano in data 16 febbraio 1594 (vol. 29), poi la nomina provvisoria
di Jo. Vincenzo Cavaliero «mentre sua M.^{tà} e sua Ecc.^a provederà»
in data 25 gennaio 1599 (vol. 35), infine l'esecutoria del Privilegio
pel Leonardis in data 29 febbraio 1600 (vol. 37). Indubitatamente
questo modo di successione, ed inoltre la data stessa del Privilegio
del Leonardis «Metimnae coeli 30 7bris 1599», mostrano che il Leonardis
non dovè essere nominato a bella posta nell'occasione di questo
processo: sarebbe stato necessario un periodo di tempo molto maggiore
per far giungere in Ispagna la proposta ed avere la decretazione di
essa nella data suddetta.

[93] Naturalmente furono i Giudici quelli che ordinarono la consegna
degli Atti al Campanella e gli assegnarono anche l'Avvocato; ma il
Campanella parimente qui si studia di mettere nell'ombra i Giudici e di
far comparire il Sances.

[94] Ved. Doc. 247 pag. 160; e risc. l'Illustr.^{ne} II, pag. 619, per
tutti gl'inquisiti che seguono.

[95] Ved. la nostra Copia ms. de' processi eccles. tom. 1.^o, fol. 377.

[96] Il dottor Orazio Greco, che abbiamo citato a proposito del
polledro, ci fa conoscere a proposito delle funicelle che se ne
applicavano quattro, due ai carpi con uno o più nodi, le quali sempre
recavano un'incisione della cute più o meno superficiale, e due alle
braccia, a quattro dita sotto i capi degli omeri: preparato in tal
guisa il paziente era poi elevato in alto con la corda, e finiva per
rimanervi in uno stato orribile, che il Greco descrive minutamente.

[97] Ved. Doc. 93, pag. 65.

[98] Ved. Doc. 241, pag. 127.

[99] Ved. Doc. 264, pag. 175.

[100] Si avverta questa osservazione fatta dall'Avvocato, che si
accorda con quanto avea già detto il Nunzio (ved. pag. 66) e che
vedremo poi accordarsi anche con le affermazioni del Fiscale e infine
con le affermazioni del Campanella medesimo nella sua Difesa; quattro
affermazioni parallele emerse co' processi di Napoli. Nè si creda
un'esagerazione curialesca il _notatus infamia_ con le sue conseguenze.
Era massima del S.^{to} Officio che la sola carcerazione per delitto
di eresia apportasse «notabile infamia» al carcerato, e i confessori,
i medici, i maestri di scuola, i quali avessero abiurato come
veementemente sospetti d'eresia, non solevano restituirsi o abilitarsi
a' loro primitivi ufficii se non di espresso ordine e grazia del sommo
Pontefice (Ved. Masini, Sacro Arsenale overo Pratica della S.^{ta}
Inquisitione, Roma 1639, pag. 309). La condanna poi in eresia formale
colpiva d'infamia, di privazione di ufficio ed anche di successione i
discendenti, e il potere civile in Napoli lo riconosceva. Ecco un breve
documento in proposito, molto significativo e appunto del tempo del
quale trattiamo: esso leggesi ne' Registri _Sigillorum_ vol. 34, an.
1598, sotto la data 26 settembre: «Lettera per la quale se reintegra
hercole miglionico a la dignità del dottorato et altri honori e officii
publici e successione per lo delitto del eresia de suo avo»!

[101] Ved. Doc. 245, pag. 144.

[102] Ved. Doc. 246, pag. 149. Le parole, dalle quali risulta
che questa Allegazione sia stata scritta in risposta a quella
dell'Avvocato, si leggono a pag. 151:--«nos non instamus puniri eum,
quod iam ejecerit Regem a Regno, Rempublicam fecerit, quod dicit se
facturum procurasse, et hoc sub conditione et spe futuri eventus, _ut
advocatus partis fatetur_» etc.

[103] È bello conoscere l'atteggiamento de' giuristi napoletani e del
Consiglio Collaterale, fin dalla prima notizia di questo passo della
Corona di Spagna verso Roma: ce l'insegnano due brani di dispacci del
Residente Veneto scritto il 14 7bre e 26 8bre 1599.--1.^o «Intorno alla
investitura del Reame persistono tuttavia quelli che nelle materie
feudali sono stimati più intendenti, che non dovesse la M.^{tà}
Cattolica condescender mai a dimandarla, poichè il Re suo padre,
nell'atto che allhora era necessario per la rinuncia fatta vivendo
dall'Imperator Carlo, fù investito da Papa Giulio terzo per sè et
legitimi heredi, et discendenti secondo l'obligo et uso delle antiche
et moderne infeudationi».--2.^o «Il Consiglio non può accomodarsi che
sia la persona sua (_int._ del Vicerè) che faccia l'atto di prestar
l'obedientia al Papa, facendo in ciò molte considerationi, et movendo
consequenze importanti per gli interessi di questo Regno con la Sede
Apostolica, le quali tutte sono state con esso corriero rappresentate
alla M.^{tà} Cattolica».--Ma le rimostranze furono vane, e al Vicerè fu
rinnovato l'ordine di recarsi a Roma.

[104] Confr. vol. I.^o pag. 70.

[105] Ved. nell'Archivio Storico Italiano an. 1866 la Lett. latina al
Papa, a pag. 82, e la Lett. al Re di Spagna a pag. 91.

[106] Ved. le Poesie ediz. d'Ancona p. 100. Anche nelle Lettere più
volte accenna a riconoscere che la pazzia fosse simulata.

[107] Ved. il Carteggio del Nunzio filz. 231, Lett. del 13 aprile, 25
maggio e 15 giugno.

[108] Ved. Doc. 392, pag. 416.

[109] Ved. la nostra Copia ms. de' processi eccles. tom. 1.^o fol.
362-1/2. Dal brano della lettera del Vescovo risulterebbe che il Nunzio
avesse fatto molti giorni prima osservare il Campanella, e gli fosse
stato riferito che in segreto egli parlava assennatamente: ma fu questa
senza dubbio una piccola vanteria del Nunzio, mentre l'osservazione del
Campanella venne ordinata dal Sances, il quale dovè poi discorrerne al
Nunzio; difatti le relazioni avute dal Sances si raccolsero in sèguito
nel processo di eresia, non le relazioni avute dal Nunzio, il quale si
curava ben poco del Campanella e de' frati.

[110] Ved. Doc. 350, pag. 327.

[111] Ved. Doc. 361, pag. 356. Ma non è sicuro che questo d'Assaro
fosse carcerato per la congiura: un Cesare d'Assaro, clerico, trovasi
nominato qual prigione nel Carteggio del Nunzio; egli era incriminato
di assassinio, con la tortura avea purgato gl'indizii, e non vedendosi
liberato fuggì di Castello in compagnia del cav.^r Capece ma fu
ripigliato. Ved. Lett. da Roma, filz. 210 e 211, let. del 18 8bre 1597,
13 marzo 1598 etc. etc.

[112] Si dia uno sguardo all'indice delle poesie che pubblichiamo. E
ci si permetta di aggiungere che quando fra Pietro fu poi interrogato
circa le poesie, tra le diverse provenienze, indicò «per la maggior
parte che sono più di 25» quella da altri carcerati, i quali dicevano
averle avute da Maurizio, cui sarebbero state date direttamente dal
Campanella etc. Non ci fermiamo su questa scusa di fra Pietro che cita
il morto, scusa manifestamente inventata anche perchè sarebbe difficile
riferire tante poesie al breve periodo in cui Maurizio rimase nelle
grazie del Campanella, vale a dire dal 9 9bre al 19 10bre, o poi gli
argomenti di molte fra esse alludono fuori ogni dubbio a circostanze
posteriori a tale periodo; ma notiamo la distinzione di questo numero
di «più di 25» poesie, che rappresenterebbero un gruppo speciale più
antico.

[113] Ved. Doc. 436, pag. 549, e i seguenti.

[114] Ved. Doc. 441, pag. 551, e i seguenti.

[115] Ved. Doc. 459, pag. 558.

[116] Le favole da una parte, gli scismi dall'altra. Vedi Doc. 456,
pag. 556.

[117] Ved. Doc. 452, 453 e 457, pag. 555 e 557.

[118] Ved. Doc. 489, pag. 569.

[119] Ved. Doc. 447, pag. 553.

[120] Ved. Doc. 451, pag. 554.

[121] Ved. Doc. 439, pag. 550.

[122] Ved. Doc. 440, ib.

[123] Ved. Doc. 449 e 450, pag. 554; dippiù gli anteriori 444-46, e
448, pag. 552-53.

[124] Ved. Doc. 464, pag. 559.

[125] Ved. Doc. 455, pag. 556.

[126] Ved. Doc. 400, pag. 475.

[127] Ved. Doc. 268, pag. 188.

[128] Anche nella stampa di questi documenti ci siamo ingegnati di
riprodurre le postille e le aggiunte in modo da poterle distinguere
dallo scritto primitivo impiegandovi altro carattere: preghiamo i
lettori di guardarli, in riscontro a quanto stiamo per dire; ved. Doc.
401, pag. 478.

[129] Allude manifestamente alla perdita delle navi che si ebbe al
tempo in cui si fece morire il clerico Cesare Pisano.

[130] Intendi Niccolò Tedeschi, Benedettino Catanese, Arcivescovo di
Palermo, poi Cardinale, detto anche l'Abate Palermitano. Di lui si
hanno molte opere; morì nel 1445.

[131] Ved. per Ferrante la Numerazione de' fuochi riportata nella
nota alla pag. 10 del vol. 1.^o; per fra Pietro ved. la sua prima
deposizione innanzi al Vescovo di Gerace (Doc. 294, pag. 226).

[132] Ved. Capaccio, Il Forastiero, Nap. 1634, pag. 503.

[133] Ved. Doc. 229 pag. 120. Il poter «nominare» delinquenti, per
farli indultare, era uno de' diversi modi di compensi _pro meritis_:
nel caso del Lauro la nominazione fatta non è espressa, ma s'intende,
mentre in altri casi è espressa. Ne citiamo uno relativo ad un soggetto
del quale anche si è parlato in questa narrazione: «a 17 de marzo 1594
indulto et gratia facta à Prospero morales de peczolo per l'homicidio
commesso in persona de mutio costantino stante lo servitio facto per
battista de amicis d'havere dato in mano dela corte Marco sciarra e
nominatione facta in persona de decto prospero». Ma generalmente era
questa una delle concessioni minori, che si accompagnavano ad altre di
maggiore entità.

[134] Ved. i Reg. _Sigillorum_ vol. 40 e 42.--1.^o «3 Gennaro 1602.
Licentia de arme in persona de Fabio de Lauro, pietro de lauro,
mauritio spina et ferrante de lauro».--2.^o «3 de aprile 1604. Licentia
de arme in persona de fabio de lauro, pietro de lauro, mutio spina
(sic) et ferrante de lauro».

[135] Ved. i Reg. _Sigillorum_ vol. 31 (an. 1595) e vol. 37 (an.
1600); in quest'ultimo si legge: «A dì 16 xbro, Privilegio del off.^o
di perceptore della seta della città di Catanzaro in persona de Gio.
Battista Biblia».

[136] Ved. Doc. 231, pag. 120.

[137] Ved. i _Reg. Litterarum S. M.^{tis}_ vol. 12, (an. 1602-1610)
fol. 545. Re Filippo dice al Vicerè che approva la transazione proposta
dal Principe, ed aggiunge: «y por obligar le mas, he tenido por bien
de le honrrar y hazer merced de una plaça del Conseio Collateral de
que se le embiara su Titulo como se lo dereis de mi parte, y que en
lo de la Compania de gente de armas que pide, en las ocasiones que se
offroscieren se tenra con su persona y meritos la cuenta que es razon
para hazer le la merced que huviere lugar». La lettera è in data del 12
luglio 1606.

[138] Ved. Doc. 232, pag. 121.

[139] Ved. i Reg. _Privilegiorum_ vol. 125 (an. 1602) fol. 13. t.^o; e
confr. i Reg. _Officiorum Suae Maj.^{tis}_ vol. 1.^o fol. 202.

[140] Reg. _Privilegiorum_ vol. 123 (an. 1602-1603) fol. 128.

[141] Ved. Doc. 233, pag. 122.

[142] Ved. Doc. 235, pag. 123. Il suo viaggio a Madrid è ricordato in
una delle sue lettere al Gran Duca di Toscana, che abbiamo già citata
altrove; ved. vol. 1.^o pag. 127 in nota.

[143] Ved. i Reg. _Mercedum_, vol. 2^o, fol. 203. La pensione dicesi
data pe' «multa grataque obsequia... per spacium triginta quatuor
annorum singulari fide, vigilantia et integritate tam in dicto Consilio
quam in officio Advocati fiscalis nostri Provintiae Calabriae ac
interim in rebus magni ponderis nobis praestita».

[144] Ved. nell'Arch. di Stato in Torino _Lettere Ministri Due
Sicilie_, maz. 2.^o, let. del 4 e del 14 giugno 1613, dell'8 novembre
1616 e 6 gennaio 1617; inoltre _Lettere Ministri Roma_ maz. 27, fasc.
2^o, let. del 26 novembre 1616.

[145] Per le esecutorie di entrambi i Privilegi successivamente avuti,
ved. i Registri _Sigillorum_ vol. 38 e 39 alle date suddette. Pel
Privilegio della nomina a Consigliere, ved. i Reg.^i _Privilegiorum_
vol. 123 fol. 168: quivi i meriti della sua persona sono espressi ne'
seguenti termini, «cuius nobis et eruditio ac diligentia, et quidem
probitas atque prudentia probantur, quandiu hactenus officium Advocati
fiscalis nostrae Magnae Curiae Vicariae et alia munia cum laude
exercuisti». Per la comunicazione fattane al Consiglio, ved. i Reg.^i
_Notamentorum_ _S. R. C._ ab anno 1599 usque et per totum annum 1609,
data suddetta.



                               CAP. V.

SÈGUITO DE' PROCESSI DI NAPOLI E DELLA PAZZIA DEL CAMPANELLA.

B.--Processo dell'eresia (maggio 1600 a settembre 1602).


I. Rammentiamo innanzi tutto, circa l'eresia, che dapprima il Papa
avea manifestato di volere a Roma gl'incriminati o sospetti in
tale materia finita la causa della congiura (4 10bre 1599); ma in
sèguito, vista senza dubbio l'impossibilità della cosa, giacchè il
Governo Vicereale non si sarebbe lasciato trarre di mano i frati che
il processo della congiura mostrava colpevoli, avea spedito ordine
mediante il Card.^l di S.^{ta} Severina che se ne occupasse il Nunzio,
con ogni probabilità perchè il Vescovo di Caserta Ministro della
S.^{ta} Inquisizione Romana nel Regno trovavasi assente, in compagnia
del Vicario Arcivescovile della Curia napoletana, il quale presedeva
il tribunale diocesano di S.^{to} Officio (4 febbraio 1600)[146]; il
Nunzio poi, che molto volentieri ne avrebbe fatto di meno, vista la
profonda dottrina del Campanella, il quale sviluppava tante profezie
e produceva tante citazioni in suo favore, scrisse subito al Card.^l
S. Giorgio, ed anche al Card.^l di S.^{ta} Severina, che «se pur tal
negotio dovea spedirsi qua» in Napoli, reputava necessario l'intervento
di qualche persona pratica e buon Teologo (11 febbraio). Così scorse
ancora un certo tempo, sino a che non fu disponibile l'uomo capace di
stare a fronte del Campanella secondo le preoccupazioni del Nunzio,
e solo verso la fine di aprile si potè costituire il tribunale per
l'eresia, associando a' due Giudici prima designati il Vescovo di
Termoli. Era costui quel fra Alberto Tragagliolo da Firenzuola
Domenicano, che abbiamo già visto Commissario generale del S.^{to}
Officio sin dall'ottobre 1592 e durante i processi avuti in Roma dal
Campanella nel 1594-1595, divenuto molto benevolo verso il filosofo in
tale occasione e senza dubbio assai competente ed opportuno nel caso
attuale. Malamente designato dal Fontana col nome di «frater Albertus
Tragnolus» e poi anche con quello di fra Alberto Drago[147], così
ritenuto dall'Ughelli e dopo di lui anche da Quétif ed Echard[148],
malamente creduto Firenzuola e non Tragagliolo dal Capialbi[149], egli
cognominavasi Tragagliolo ed era nativo di Firenzuola nel Piacentino:
avea già funzionato da Commissario del S.^{to} Officio in Faenza, in
Genova, in Milano, quando venne chiamato Commissario generale in Roma
da Clemente VIII; poi dietro la morte di Mons.^r Francesco Scoto fu
promosso al Vescovato di Termoli, secondo il Fontana e l'Ughelli il
29 novembre 1599, ma certamente provvisto di _exequatur_ soltanto
all'ultimo di febbraio 1600, con esecutoria in data degli 8 marzo,
come risulta dalle scritture esistenti nell'Archivio di Napoli[150].
Può dirsi con sicurezza che si pensò a lui per la causa del Campanella
più che all'ultima ora, essendogli stata mandata a Napoli la nomina di
Commissario della causa dopo la sua partenza da Roma; ond'egli assai
probabilmente non giunse nemmeno a vedere la sua Chiesa, obbligato ad
un lavoro assiduo pel processo di cui andiamo ad occuparci, fino al
tempo della sua morte, che avvenne disgraziatamente otto mesi dopo,
succedendogli nel carico di giudice D. Benedetto Mandina Vescovo di
Caserta. Quanto al Vicario Arcivescovile, abbiamo già avuta occasione
di rilevare che teneva detto officio il Rev.^{do} Ercole Vaccari
(ved. pag. 44): qui dobbiamo aggiungere che per le molteplici e gravi
faccende della Curia Arcivescovile erano allora i carichi distribuiti a
più persone in qualità di Vicarii, e nelle scritture del tempo, oltre
il Vaccari, designato «Vicarius generalis capitularis et locumtenens
in spiritualibus», troviamo il Rev.^{do} Curzio Palumbo, designato
«Vicarius generalis Monialium et locumtenens in civilibus»; e vedremo
nel processo figurare da giudice o «congiudice» prima il Vaccari con
la qualità di Delegato, poi il Palumbo con la qualità di subdelegato,
poi ancora il Rev.^{do} Alessandro Graziano successo al Vaccari dopo la
morte dell'Arcivescovo Card.^l Gesualdo.

Il 18 aprile 1600, alle istanze del Nunzio, il quale in data del 14
aveva ancora mostrato di non sapere dove S. S.^{tà} volea che si
trattassero le materie appartenenti al S.^{to} Officio, il Card.^l di
S.^{ta} Severina rispondeva, avere S. S.^{tà} «per satisfare a cotesti
Signori et Ministri Regii» risoluto che la causa spettante al S.^{to}
Officio si trattasse in Napoli dal Nunzio, dal Vicario Arcivescovile e
dal Vescovo di Termoli, il quale da tre giorni era partito per Napoli,
onde egli dirigeva al Nunzio medesimo la lettera scritta per lui;
e soggiungeva essere intenzione di S. S.^{tà}, che procurassero di
terminar presto la causa, ma ne inviassero a Roma un breve Sommario,
coll'avviso su' meriti del processo, e col parer loro intorno alla
spedizione, prima di dare la sentenza. Analogamente egli scriveva pure
al Vescovo di Termoli ed al Vicario Arcivescovile, aggiungendo al
Vescovo, che per essere persona «molto ben pratica, et anco informata
delle altre cause conosciute in questa santa Inquisitione contra
il Campanella, ove abiurò come sospetto vehementemente di heresia
l'anno 1591», non gli diceva altro, bensì offriva di mandargliene le
scritture se lo reputasse necessario: dalle quali parole risultano
chiariti assai bene gli antecedenti così del Vescovo di Termoli come
del Campanella, e chiarita la posizione giuridica in cui il Campanella
veniva a trovarsi, cioè la posizione di _relapso_, qualora le nuove
accuse di eresia fossero state provate. Siffatte lettere leggonsi nel
processo di Napoli, 2^o volume dell'intero processo, costituendone i
primi atti[151]. Sappiamo poi dal Carteggio del Nunzio che egli vide il
Vescovo di Termoli il 5 maggio, e in tale data gli consegnò ad un tempo
la lettera del Card.^l di S.^{ta} Severina e il processo di Calabria
portato da fra Cornelio fin dal novembre e giacente presso di lui. Così
al Vescovo di Termoli veniva in realtà «deferita ogni cosa», come il
Nunzio ebbe a dire più tardi, ed egli, presa stanza nel convento di S.
Luigi dell'ordine de' Minimi di S. Francesco di Paola, posto presso
Palazzo Reale, si diede con molta alacrità a compiere il suo mandato.
Gli altri colleghi si occuparono della causa piuttosto con la semplice
loro presenza, ed il Nunzio, benchè figurasse come il principale tra'
Giudici, nemmeno della presenza sua onorò largamente il tribunale; egli
aveva pur allora ottenuto dal Papa di passare la Pasqua rosata nella
sua Chiesa di Troia, ove non apparisce che si fosse mai recato fino a
quel momento, e nel dichiararsi pronto a trattare la causa, riservavasi
di voler andare a Troia per la Pasqua, la quale si celebrava il 22 del
mese, come ci mostrano diverse scritture del 1600.

Il 10 maggio, in una camera del Castel nuovo, si diè principio agli
esami, continuandoli poscia il 15, il 17, il 19, il 26, il 28; ma
fin dalla 3^a seduta, in sostituzione del Nunzio assente intervenne
l'Auditore di lui, il Rev.^{do} Antonio Peri fiorentino: come Notaro e
Mastrodatti, servì sempre, dal principio alla fine della causa, Gio.
Camillo Prezioso, uno de' vecchi Notari della Curia Arcivescovile, che
figura nella più gran parte de' processi del tribunale diocesano della
fine del 1599 e principio del 1600[152]. Fu esaminato dapprima il
Pizzoni. Confermando in termini generali quanto avea deposto innanzi
al Visitatore in Calabria, egli aggiunse che era stato più volte da
parte del Campanella minacciato di farlo trovare in maggiore intrigo
se non si ritrattasse specialmente sulle materie di S.^{to} Officio,
una 1^a volta in Gerace mediante fra Pietro Ponzio che avea ricevuta
per questo una cartolina da fra Tommaso, una 2^a volta alla presenza
di fra Paolo della Grotteria in Bivona, quando erano per imbarcarsi,
mediante un soldato del capitano Figueroa, una 3^a volta in Napoli
mediante lo stesso fra Pietro Ponzio, che avea ricevuto per questo
nuove lettere da fra Tommaso. Aggiunse pure che nell'udire la lettura
del suo esame in Napoli (certamente a proposito della congiura), si era
avveduto trovarvisi detti _complici_ quelli che egli aveva indicati
come _familiari_ del Campanella, verosimilmente consapevoli delle
opinioni eretiche di lui, e ripetè che costoro erano fra Pietro di
Stilo, il Petrolo, fra Paolo della Grotteria, il Bitonto, il Jatrinoli.
Ripetè l'occasione con la quale nel luglio scorso il Campanella aveagli
parlato delle sue eresie, e come fra Dionisio, due giorni prima, gli
aveva esternato le medesime eresie dicendogli di tenerle per vere.
Aggiunse infine, che aveva rimproverato e cacciato il Campanella da
Pizzoni, aveva informato di ogni cosa per lettera del 1^o agosto il
Generale in Roma, ne aveva anche informato di persona il Visitatore in
Soriano il 28 agosto. Tale fu la deposizione del Pizzoni, che egli non
potè sottoscrivere e dovè soltanto crocesegnare, trovandosi col braccio
offeso dalla tortura avuta nell'altro tribunale[153]. Persistente nelle
accuse contro il Campanella, aggravandone la responsabilità col fatto
delle minacce, egli cercò di scusare sè medesimo con la cacciata del
Campanella da Pizzoni e con gli avvisi datine a' superiori.--Vollero
allora i Giudici udire su tale asserzione il Visitatore ed anche fra
Cornelio, il quale era già tornato da Roma a Napoli in quel tempo
(circostanza probabilmente ignorata dal Pizzoni). Entrambi, l'un dopo
l'altro, nella 2^a seduta del tribunale, il 15 maggio, ricordando
qualche faccenda trattata col Pizzoni in Soriano, negarono di aver
avuta quivi da lui alcuna notizia delle cose del Campanella[154].
Aggiungiamo che poco dopo il Vescovo di Termoli dovè pure interrogare
per lettera il P.^e Generale Beccaria, poichè se ne trova nel processo
la risposta in data del 12 giugno dal convento di S. Tommaso, vale a
dire da Napoli, dove a que' giorni era venuto pel Capitolo generale
che vi si tenne, e dove qualche mese dopo, il 3 agosto, morì col
compianto de' cittadini e in voce di santità e di miracoli. Non
contento delle reminiscenze proprie, il P.^e Generale volle consultare
anche quelle del suo P.^e compagno, e venne a dichiarare che non si era
mai avuta dal Pizzoni lettera alcuna contenente l'avviso asserto[155].
E per verità così il Visitatore come il Generale, al menomo avviso,
non avrebbero potuto mancare di provvedere immediatamente contro il
Campanella e fra Dionisio; e già riesce manifesta la pessima via
in cui il Pizzoni si era posto e si manteneva.--Frattanto, nella
stessa seduta, fu esaminato pure il Petrolo. Costui volle che gli si
rileggesse la deposizione fatta in Calabria, e trovò solamente a ridire
che non avea deposto con quelle precise parole che erano state scritte.
Ripetè ad una ad una le eresie udite dal Campanella, quasi tutte quelle
deposte in Calabria, dicendo di averle udite nel passeggiare con lui a'
Lanzari presso Stilo, nel mese di maggio, e ripetendo i nomi de' frati
e secolari co' quali il Campanella dava segni d'indevozione e parlava
delle sue opinioni, ma non tanto apertamente, sicchè a lui non constava
che fossero veramente complici; ripeteva pertanto di aver saputo da
fra Pietro di Stilo che il Lauriana gli aveva dette certe parole
pronunziate da fra Dionisio in dispregio dell'eucaristia. Inoltre si
dichiarò egualmente minacciato dal Campanella perchè si ritrattasse,
una 1^a volta per via dal Campanella in persona che gli disse «per
Deum oportet te retractare alioquin agam ut mecum moriaris», una 2^a
volta in Monteleone per mezzo di Cesare Pisano, una 3^a volta in Napoli
parimente dal Campanella in persona dalla finestra della carcere[156].
Come ben si vede, anche costui non faceva che aggravare la posizione
del Campanella cercando di salvare la propria, e quanto alle minacce
avute, noi ci siamo già manifestati nel senso che poterono esservi,
dovendo il Campanella sentirsi esasperato contro questi suoi scempiati
compagni, i quali avevano dapprima udito benevolmente le sue opinioni,
si erano anche impegnati a propagarle, e poi le avevano manifestate a'
Giudici rigettandone sopra di lui tutta la responsabilità.

Il 17 maggio, 3^a seduta del tribunale, in cui cominciò ad intervenire
l'Auditore Antonio Peri invece del Nunzio, si procedè all'esame
del Campanella; ma egli, già mostratosi pazzo innanzi che si desse
principio alla causa, continuò a mostrarsi tale. Gli si deferì il
solito giuramento, ed egli non diè segno di capire; gli si disse di
lasciare le finzioni, poichè altrimenti, per avere la risposta precisa,
si sarebbe ricorso a' rimedi opportuni, vale a dire alla tortura, e
gli si offerse il Diurno, sul quale avrebbe dovuto giurare toccandolo,
ma egli rispose «voletemelo legere» continuando a mostrare di non
capire; allora fu rimandato alla sua carcere[157]. E si passò a fra
Pietro di Stilo, il quale, con fina ironia, disse che non avrebbe
voluto mancare di dire la verità per uomini quali il Campanella e fra
Dionisio, mentre dal volgo erano allora chiamati inimici di Dio e del
Re; negò di aver mai parlato con alcuno delle opinioni del Campanella,
e solo ammise di averlo lodato come sapiente quale era stimato da
tutti, affermando che un gran numero di persone di ogni ceto accorreva
a vederlo, e ripetendo i nomi de' più particolari amici di lui, il Vua,
Marcantonio Contestabile e il Prestinace (tutti già posti in salvo),
il Caccia «quale fu squartato dalle galere, et Giulio Contestabile
quale veneva più presto per il fratello che per il Campanella» (non più
dichiarato intimo amico costui, ora che si trovava in pericolo ed erano
già sbolliti i primi rancori). E noverò tra loro anche il Soldaniero,
cui egli avea portata una lettera del Campanella, continuando a
negare di aver mai saputo ciò che quella lettera contenesse, negando
anche di aver saputo mai che fra Dionisio fosse stato in relazione
col Soldaniero. Egualmente negò di aver mai persuaso o tentato di
persuadere alcuno (cioè il Soldaniero) che non rivelasse le opinioni
eretiche di fra Dionisio, che volesse credere alle opinioni di costui,
e che andasse dal Campanella. Quanto poi alle opinioni eretiche del
Campanella, disse di aver solamente saputo da alcuni birri i quali
accompagnavano i prigioni, che il Campanella diceva di esser profeta e
negava l'inferno e il paradiso, ma direttamente egli avea da lui udito
soltanto che vi era poca differenza tra' peccati di lussuria ritenuti
assai diversamente gravi (attenuazione notevole). Sempre dietro
dimande, ripetè che il Campanella gli avea due volte detto di dover
essere monarca, come gli era stato vaticinato pure da un astrologo;
e in quanto a sè, ripetè di aver detto per burla voler prendere
moglie, e di non aver mai sognato che avesse a predicare contro la
fede[158]. Così, evidentemente, fra Pietro continuava a non negare ciò
che riusciva impossibile negare, e difendendo sè stesso si sforzava
di difendere in pari tempo il Campanella, attenuando perfino le cose
altre volte da lui medesimo deposte.--Si venne allora all'esame anche
di fra Silvestro di Lauriana, di fra Paolo della Grotteria, di fra
Giuseppe Bitonto. Il Lauriana disse non aver altro a dire se non che
pativa continue minacce da parte del Campanella ed egualmente di fra
Dionisio perchè si ritrattasse, rivelando che costoro continuamente si
scrivevano cartoline, e che qualora si facesse ricerca sulle persone
di fra Pietro e di Ferrante Ponzio, forse si troverebbe qualche cosa;
onde i Giudici fecero fare immediatamente questa ricerca sulla persona
di fra Pietro che era in Castel nuovo, mentre Ferrante era in Castello
dell'uovo, ma non si trovò nulla. Inoltre, dietro interrogazioni, il
Lauriana affermò di essere andato col Pizzoni presso il Visitatore,
per denunciare i fatti del Campanella, dopochè il Campanella era
stato nel loro convento; e disse di non sapere propriamente che
persona fosse il Pizzoni, non avendolo avuto in pratica, ed attenuò
di molto ciò che altra volta avea dichiarato a carico di lui, dicendo
che mentre leggevano insieme un libro del Campanella, il Pizzoni,
da lui interrogato, avea risposto che alcune cose del Campanella
gli piacevano ed altre no (scuse sicuramente concertate tra loro).
Fra Paolo poi disse non occorrergli dire altro, e negò di aver mai
saputo tentativi di qualche carcerato verso altri carcerati perchè
revocassero le deposizioni fatte; negò di aver mai trattato cosa alcuna
col Campanella; affermò che quel libretto di cose superstiziose,
trovato sulla sua persona, era stato in suo potere due giorni soli,
e spiegò che avea avuta la condanna alla galera per aver minacciato
il P.^e Provinciale Pietro Ponzio, il quale fu poi ucciso mentre egli
già trovavasi alla catena. Finalmente il Bitonto disse che avea bensì
visitato due volte il Campanella, di cui era familiare, ma senza avere
avuto nemmeno agio di trattenersi con lui; nominò quelli che aveano
in sua compagnia visitato il Campanella, e li dichiarò tutti uomini
dabbene, all'infuori del Pisano, che era tristo e volle accompagnarlo
senza potersene liberare, ed abitò con lui otto giorni (contraddicendo
con ciò la sua prima deposizione); disse pure non aver mai udito
eresie da alcuno, ma solo nelle carceri avere udito dal Pizzoni e dal
Lauriana che il Campanella e fra Dionisio aveano sparse eresie, e
fattagli l'osservazione che sapevasi nel tribunale aver lui applaudito
a certi discorsi eretici e segnatamente alla proposizione che la Messa
si celebrava per bere ancora una volta, egli rispose di non saperne
nulla[159].

Dobbiamo qui aggiungere che nella stessa data del 17 maggio venne
presentata al Vescovo di Termoli una denunzia contro il Campanella
da parte di fra Agostino Cavallo di Cosenza. Sappiamo che costui era
Provinciale di Calabria in quell'anno[160], ed avea dovuto venire in
qualità di definitore del Capitolo generale che allora celebravasi in
Napoli, al pari di fra Giuseppe Dattilo egualmente di Cosenza, stato
già Provinciale due altre volte ed appartenente alla fazione del
Polistina. Fra Agostino consegnò al Vescovo di Termoli una scritta
in cui esponeva che, avendo udito essere stata a lui affidata la
causa del Campanella, per disgravio della sua coscienza gli faceva
conoscere che il Campanella già da dieci anni in circa, stando in
Cosenza, avea stretta amicizia con un ebreo chiamato Abramo, sospetto
negromante e possessore di spiriti familiari, amico stretto anche
di fra Dionisio; che col detto ebreo erasi il Campanella partito da
Calabria, e di tutto ciò poteva aversi notizia anche da fra Giuseppe
Dattilo.--L'indomani, d'ordine del Vescovo di Termoli, il Prezioso
andò a raccogliere la deposizione di fra Agostino, ed alcuni giorni
più tardi raccolse pure quella di fra Giuseppe Dattilo. Fra Agostino
confermò la pratica dell'ebreo col Campanella in Cosenza, in Montalto,
in Altomonte (_sic_), di dove poi essi se ne andarono insieme a Napoli,
con tutte quelle particolarità da noi già esposte a tempo debito in
questa narrazione: confermò pure la pratica dell'ebreo con fra Dionisio
in Catanzaro, notando che era corsa voce essere stato poi quell'ebreo
giustiziato in Napoli come spia del turco, ed aggiungendo che allora
dicevasi aver lui vaticinato al Campanella la Monarchia del mondo e che
era stato lui, l'ebreo, la rovina del Campanella. Fra Giuseppe Dattilo
fu meno esplicito: attribuì la scoverta di ogni cosa a fra Domenico
di Polistina, e disse che a relazione di costui rimproverò in quel
tempo il Campanella, perchè volea svestirsi dell'abito religioso, ciò
che poi non fece, ma solamente se ne andò con l'ebreo a Napoli; disse
che non si ricordava bene se fosse partito con sua licenza o no, e
che in Calabria era corsa voce essere stato l'ebreo «brugiato in Roma
per ordine del Santo officio». Quanto alla pratica dell'ebreo con fra
Dionisio, non ne fece parola (e veramente il fatto era più che dubbio).
I lettori troveranno ne' Documenti la denuncia e le deposizioni dei
due frati[161], e leggendole sentiranno forse, come noi lo sentiamo,
il sospetto che a quelle rivelazioni tardive potè dare la spinta fra
Domenico di Polistina più volte in esso citato, tanto più che dalle
parole e da' concetti di que' frati, comunque pezzi grossi dell'ordine,
si rileva manifesta la loro melensaggine, della quale i nemici del
Campanella, e ancor più di fra Dionisio, aveano tutto l'interesse di
profittare. È difficile intendere che fra Agostino, così tenero della
sua coscienza, avesse aspettato dieci anni a sgravarsela, e che fra
Giuseppe Dattilo, così smemorato, avesse potuto ricordare la voce corsa
che l'ebreo era stato bruciato dal S.^{to} Officio, senza che qualcuno
si fosse data la premura di eccitarne gli scrupoli e ravvivarne la
memoria: del resto c'è anche da sospettare che costoro si mostrassero
melensi per progetto, trovandosi ascritti alla fazione del Polistina, e
volendo farsi credere ingenui.

Dobbiamo d'altra parte aggiungere che il Vescovo di Termoli si era
presto messo in corrispondenza con Roma, dando ragguaglio al Card.^l
di S.^{ta} Severina di ciò che veniva rilevando negli esami de' frati,
e di ciò che gli riusciva sapere anche per vie estragiudiziarie;
poichè con una premura lodevolissima, oppostamente all'incuria
sempre addimostrata dal Nunzio, cercava la luce dovunque, non solo
dagl'inquisiti, ma anche da fra Cornelio, dallo Sciarava, perfino
da Fabio di Lauro, oltrechè da D. Pietro de Vera, parlando loro
privatamente. Abituato a quelle ricerche diligentissime che si
adoperavano nel giudicare le materie di S.^{to} Officio, colpito dalla
feroce prepotenza de' Giudici Regii e dalla condotta per lo meno
deplorabile de' Giudici ecclesiastici nella Calabria, consapevole degli
odii feroci e criminosi che campeggiavano segnatamente nell'ordine
Domenicano al quale egli stesso apparteneva, forse anche trasportato
dall'ammirazione e dalla benevolenza che da un pezzo nutriva pel povero
fra Tommaso, non credè mai di aver fatto abbastanza per iscoprire
la verità, e vedremo che, fino alla sua morte, egli, tanto pratico
nelle cose giudiziarie, rimase perplesso e dubbioso su tutto. Delle
sue lettere non conosciamo che i punti più notevoli, i quali vennero
inserti negli ultimi Sommarii de' processi, e senza le date che pure
favorirebbero tanto più la buona nozione dell'argomento; laonde non
possiamo riportarli, come vorremmo, a proprio tempo e luogo, ma ci
vediamo obbligati a riunirli tutti in un fascio al sèguito degli atti
compiuti da quel Vescovo. Conosciamo per altro le date delle prime
lettere, che furono il 12 e il 19 maggio[162]. Il 12 maggio il Card.^l
di S.^{ta} Severina gli mandava il Sommario del processo, o meglio
de' processi ecclesiastici di Calabria (di Monteleone, di Gerace
ed anche di Squillace), Sommario compilato nel S.^{to} Officio di
Roma dal Rev.^{do} Procuratore fiscale, che era quello stesso Giulio
Monterenzio, il cui nome figura anche ne' documenti del processo
di Giordano Bruno: infatti oltre la lettera di S.^{ta} Severina ne
abbiamo un'altra posteriore di questo Monterenzio, che spiega un
dubbio sorto sopra un punto del suo Sommario, ciò che dimostra pure
la diligenza grandissima con la quale il Vescovo di Termoli attendeva
alla causa[163]. Nella stessa data, due giorni dopo la prima seduta
del tribunale, il Vescovo scriveva al Card.^l di S.^{ta} Severina
partecipandogli senza dubbio che la trattazione della causa era già
cominciata: il 19 maggio poi, due giorni dopo che il Campanella
chiamato all'esame erasi mostrato pazzo, egli scriveva la sua 2^a
lettera, con la quale manifestava di credere che la pazzia del
Campanella fosse simulata, che il Nunzio da molti giorni l'avea fatto
sorvegliare ed avea saputo che parlava assennatamente, che stimava
doversi venire alla tortura «pro praecisa responsione» (secondo la
giurisprudenza del tempo); ed aggiungeva essere a sua notizia che il
Campanella non temeva la tortura, e che la pazzia era nata da che il
P.^e Gonzales, confessore di alcuni tra' carcerati, prima della sua
venuta a Napoli, aveva esortato il Campanella ad aver cura dell'anima
perchè il corpo era spedito[164]. Come mai questi ultimi fatti, di
ordine assolutamente riposto, erano venuti a notizia del Vescovo
di Termoli? Vedremo fra Pietro di Stilo, assai più tardi, esporre
ai Giudici la circostanza delle esortazioni e riprensioni del P.^e
Gonzales; è chiaro quindi che il Vescovo non rifuggiva dall'informarsi
dell'andamento delle cose da' frati medesimi, mostrandosi con loro
Giudice severo ma tutt'altro che inumano.

Si ripigliavano intanto più e più volte gli esami de' frati, e poi
si passava a quello de' testimoni. Nel medesimo giorno, 19 maggio,
si esaminavano ancora fra Paolo, il Bitonto, il Petrolo, fra Pietro
di Stilo, il Lauriana[165]. Fra Paolo fu interrogato di nuovo circa
quel libretto di cose superstiziose, e richiesto del motivo pel quale
vi si leggeva un segreto per non confessare alla corda, onde si
poteva dedurre che egli temesse di averla a soffrire; fu interrogato
ancora su' detti e fatti del Campanella, su' frati i quali si erano
congregati in Pizzoni, sull'impegno preso di dover predicare contro
la fede al tempo della ribellione. Ed egli in fondo negò ogni cosa,
nominò i congregati in Pizzoni, e all'ultima dimanda rispose «son frate
semplice et non intendo Latino, come volea predicare»?--Il Bitonto fu
interrogato circa la sua conoscenza con Felice Gagliardo e con Cesare
Pisano, l'andata in Messina con Cesare, i discorsi fatti in tale
occasione, la consacrazione di diverse ostie e lo scellerato abuso
fattone, come pure circa il motivo pel quale avea lasciato l'abito e
tolta la corona al tempo della sua cattura. Ed egli, qualificando il
Gagliardo, come il Pisano, tristissimo uomo, ricordando le circostanze
per le quali avea dovuto trovarsi con loro, negò energicamente tutti
i fatti criminosi che se gl'imputavano; e addusse una sua malattia e
il trovarsi in una vigna, per ispiegare il fatto dell'abito e della
corona, conchiudendo sul fatto dell'ostia consacrata, «mi potete fare
mettere nel foco e farmi ingiottire così come datum, et abiron, se
mai hò ditto, ne fatto tal cosa».--Il Petrolo fu esortato a dire la
verità, se gli fossero piaciute le opinioni del Campanella, mentre
l'aveva tanto spesso udito parlare di eresie ed aveva continuato sempre
a trattarlo, fino ad associarglisi nella fuga travestito quando era
ricercato dal S.^{to} Officio, e poi trovavansi nel processo tante cose
contro di lui da doversi ritenere convinto. Ed egli si scusò sopra
ciascuno addebito, persistendo pur sempre nel sistema di denunziare
senza parsimonia i detti e fatti del Campanella, onde ripetè che fra
Tommaso presso la Roccella gli avea detto essere stato da lui mandato
Maurizio presso i turchi, come pure esser baie le credenze sul fico
mangiato da Adamo, e in Squillace avea detto a un capo di squadra
non trovarsi morte ma mutazione di essere, conchiudendo, «in altro
son grandissimo peccatore, ma contra la fede non hò peccato».--Fra
Pietro di Stilo fu esortato egualmente a dire la verità, se fosse
stato consapevole de' fatti e detti del Campanella contro la fede
ed impegnato a predicare in questo senso a tempo della ribellione,
ciò che rendevasi credibile, essendo lui intimo del Campanella e
di fra Dionisio, ed avendo anche esortato qualcuno (intendasi il
Soldaniero) a non rivelare ed anzi a credere quelle eresie, come
constava nel processo. Ed egli negò di aver mai saputo cosa alcuna
del Campanella contro la fede, negò di essere amico di fra Dionisio,
mentre era invece amico del Polistina, confermando che fra Dionisio
era scelleratamente abituato a parlare senza ritegno della più turpe
lussuria, ed egli avea rimproverato il Campanella perchè conversava con
lui; inoltre negò di aver mai parlato con alcuno in lode del Campanella
se non per cose di filosofia.--Da ultimo il Lauriana fu interrogato sul
motivo pel quale avea suonate le campane all'armi quando i ministri
del S.^{to} Officio erano venuti a catturare certi imputati, e fu
eccitato a dire la verità, mentre era tanto amico del Campanella e di
fra Dionisio da doversi ritenere non pure consapevole ma complice delle
loro eresie ed impegnato a predicarle, come era noto per deposizioni.
Ed egli si scusò, dicendosi suddito del Pizzoni ed obbligato ad
eseguirne gli ordini ricevuti dietro erronei apprezzamenti; fece
avvertire che non era letterato e quindi non era capace di predicare,
ed aggiunse che avea comunicato al Pizzoni quanto gli era accaduto di
sapere, che aveva pure scritta una lettera dettata dal Pizzoni per
dar notizia al P.^e Generale della ribellione e di alcune cose di
S.^{to} Officio, che aveva egli medesimo portata questa lettera alla
posta di Monteleone. In tal guisa procedevano gli esami, condotti con
molta perizia e conoscenza della causa, come risulta da' documenti;
questi mostrano inoltre lo studio che il Vescovo di Termoli vi faceva,
notando al margine di essi non solo i punti più importanti, ma anche i
raffronti con gli esami anteriori, le menome varianti e le cose che gli
sembravano inverosimili.

Si produsse allora un primo incidente tra' parecchi che in questa
causa si verificarono. Fra Pietro Ponzio, sulla cui persona era stata
fatta una ricerca di corrispondenze provocata dal Lauriana, si pose
con tanto maggiore accanimento, egli e fra Dionisio, a sorvegliare
il Lauriana e il Pizzoni, che tenevano corrispondenza tra loro. Il
Lauriana trovavasi nella carcere da basso con più di venti individui,
ed il Pizzoni stava in una delle carceri superiori con Gio. Angelo
Marrapodi, Geronimo Conia e Marcantonio Stanganella: Aquilio Marrapodi,
giovanetto quattordicenne, figlio di Gio. Angelo, serviva questi
ultimi ed anche il Lauriana, fra Pietro e fra Dionisio, ed eludendo
la vigilanza de' carcerieri portava le corrispondenze; un giorno fra
Dionisio lo sorprese, gli tolse una lettera che teneva nascosta in
petto, lettera senza firma e senza indirizzo, ma scritta certamente dal
Lauriana al Pizzoni. Con essa il Lauriana diceva di avere inviate prima
altre lettere, raccomandando di lacerarle, e di aver fatto capitare
a fra Francesco da Tiriolo (che ricordiamo aver visto carcerato per
la causa della congiura e già liberato) alcuni memoriali da doversi
presentare; infine raccontava minutamente l'ultimo esame cui era stato
sottoposto. La lettera fu mandata da fra Dionisio, mediante lo stesso
Aquilio, a fra Pietro Ponzio, e da costui fu presentata al Vescovo di
Termoli, qualificandola «un concetto importante pel progresso della
presente causa»; immediatamente, il 26 maggio, il tribunale venne ad
occuparsene[166]. Fu interrogato fra Pietro, che disse avere avuta
la lettera da quel servitorello, e crederla scritta dal Lauriana al
Pizzoni. Fu interrogato in genere il Lauriana, che negò ogni cosa. Fu
interrogato Aquilio, che affermò di servire suo padre ed anche que'
monaci pei quali comprava cose da mangiare; affermò di aver portato
lettere di secolari alla posta ma non di monaci, aggiungendo con grande
disinvoltura, «se si trova che habbia portato pur un viglietto di
questi monaci, voglio che mi sia tagliata la testa». Gli fu presentata
allora la lettera, dimandandogli se sapeva leggere e scrivere; ed
egli disse di saper «legere quando la lettera è bona et un poco
scrivere», ma affermò di non conoscere quella scrittura. I Giudici,
per convincerlo, fecero subito venire fra Pietro, il quale gli ricordò
che avea portato biglietti e lettere del Lauriana e del Pizzoni, e
n'era stato rimproverato da lui ed anche da un altro carcerato, Cesare
Bianco; ed Aquilio dovè confessare ogni cosa, e licenziato fra Pietro,
richiesto perchè non avesse detto prima la verità, con non minore
disinvoltura rispose che non se n'era ricordato, aggiungendo di aver
portato un'altra volta al Pizzoni un biglietto che il Lauriana gli avea
detto essere memoriale, che non credeva di essere stato veduto ma che
Cesare Bianco l'avea realmente rimproverato; e dietro altre dimande
rispose che il Pizzoni non potea scrivere (aveva la spalla offesa),
ma che con lui stavano suo padre e il Conia e lo Stanganella, i quali
sapevano scrivere. I Giudici vollero ancora interrogare Cesare Bianco,
che era di Nicastro e trovavasi carcerato per la congiura, e costui
confermò di aver visto il Lauriana dare il biglietto pel Pizzoni e
di averne mosso rimprovero ad Aquilio: e fatto venire il Lauriana lo
confrontarono con costui, ed egli giunse a dire, «Dio mi mandi alle
pene dell'inferno se mai hò fatto tal cosa», e licenziato il Bianco
e richiamato Aquilio, confrontarono il Lauriana anche con lui, e il
Lauriana continuò sempre a negare, e rimasto solo e presentatagli la
lettera, disse che non avea fatta tale scrittura, che essa non era
di mano sua ed egli non avea comunicato il suo esame ad alcuno. Ma
le notizie dell'esame erano precise, e potevano essere state date
solo o dai componenti il tribunale, o da lui, che aveva in tal guisa
tradito pure il segreto solito ad imporsi dal tribunale ad ognuno che
si esaminava: rimase quindi ben provato che il Pizzoni e il Lauriana
si concertavano tra loro, per esimersi dalla responsabilità che più o
meno aveano comune con gli altri frati da loro accusati; erano perciò
sospetti, ed anzi falsi, se non in quanto agli altri, certamente in
quanto alle persone proprie.

Nella stessa seduta fu esaminato di nuovo il Pizzoni[167]; e prima
di tutto gli si dimandò se avesse mai ricevuto lettere e memoriali
dal Lauriana, ed egli rispose negativamente. Si volle allora che
ripetesse le circostanze in cui il Campanella gli avea parlato delle
profezie e delle rivoluzioni che dovevano accadere, e dicesse come e
perchè fra Dionisio gli avea già parlato prima dell'eresie medesime
ripetutegli in seguito dal Campanella, opponendo essere inverosimile
che, mentre il Campanella indignato di non poter avere da lui
fuorusciti a sua divozione aveva esclamato «ben mi fu detto da M.^o
Gio. Battista (Polistina) che tu sei un traditore», si era tuttavia
lasciato andare a rivelargli tante eresie e tante empietà; inoltre gli
si dimandò se conoscesse complici degli errori del Campanella e di
fra Dionisio. Evidentemente si voleva cogliere il Pizzoni in qualche
contraddizione, ma egli imperturbato ripetè le circostanze di que'
discorsi, e l'occasione avutane dall'essere stati ricordati i travagli
patiti in Roma dal Campanella, e le opere composte da lui; disse che la
qualificazione di traditore, secondo l'avviso di M.^o Gio. Battista di
Polistina, gli fu data dal Campanella dopo i discorsi della ribellione
e dell'eresia e non già prima; infine dichiarò di non conoscere
complici.

Il 29 maggio si ritornò ad esaminare il Lauriana ed il Petrolo[168].
Al Lauriana si dimandò dapprima se si fosse risoluto a dire la verità
sulla faccenda della lettera mandata al Pizzoni, ed egli rispose di
averla detta la verità. Poi gli si dimandò una quantità di circostanze
in cui avea dovuto udire le eresie del Campanella e di fra Dionisio,
e se le avesse udite anche da altri, e come si fosse accorto che il
Pizzoni vi partecipava, e se veramente fosse stato dal Pizzoni esortato
a credere le eresie del Campanella, secondochè avea dichiarato nel
primo esame sostenuto in Monteleone e ratificato in Gerace. Ed egli
ripetè soltanto la scusa già data altra volta su quest'ultimo fatto,
ma per tutto il resto disse sempre di non potersene rammentare, e si
riportò costantemente al suo primo esame; «vedete llà ala mia esamina
che llà lo trovareti».--Quanto al Petrolo, gli si dimandarono diversi
chiarimenti sulle cose dette negli esami sostenuti in Calabria, e
massime come e dove il Campanella dicesse le sue eresie a frati e
secolari, come fosse egli venuto a conoscere la cifra che il Campanella
e il Pizzoni adoperavano tra loro, come e dove ed a chi il Campanella
esponesse le rivoluzioni che doveano accadere e le profezie che vi si
riferivano, e quando ed a chi dicesse di voler predicare la libertà.
E il Petrolo ripeteva le cose già deposte, conformando sempre che il
Campanella non parlava di eresie agli altri così liberamente come
faceva con lui, ma per motti e in diversi luoghi; che alla Roccella
avea vista la cifra in una scrittura, la quale il Campanella gli disse
essere una lettera del Pizzoni; che le profezie e le rivoluzioni
erano state esposte dal Campanella dapprima nella Chiesa di Stilo,
predicando all'altare sopra una sedia, ed a lui solamente il Campanella
avea detto, «par che queste profezie parlino di me»; infine che non
ricordava dove, e quando, e con chi il Campanella avesse detto voler
predicare la libertà.

Continuarono gli esami nel giugno seguente, e in essi potè intervenire
il Nunzio, essendo tornato in Napoli dalla sua Chiesa di Troia; ma
dopo quattro sole sedute egli mandò di nuovo in sua vece l'Auditore
Antonio Peri, che lo sostituì per tutto il rimanente dell'anno, sicchè
nella più gran parte del processo offensivo, in tutto il ripetitivo, ed
anche in quasi tutto il difensivo, il Nunzio non assistè menomamente.
Dal suo Carteggio rilevasi che in questo ritorno da Troia egli potè
vedere quale fosse la sicurezza delle strade, ed essere informato
sopra i luoghi intorno alle criminose relazioni tra banditi ed
ecclesiastici: non sarà inutile riportare qui un brano di lettera da
lui scritta al Card.^l S. Giorgio su tale argomento, poichè interessa
conoscere pienamente i tempi e farsi un concetto giusto di quella
abominevole miscela di frati, clerici e banditi, la quale non era
propria della Calabria a' tempi del Campanella, ma comune a tutto il
Regno anzi a tutto il mondo che diceasi civile, venendo dalle autorità
ecclesiastiche riguardata in un modo per lo meno singolare[169]. «Le
replicarò che quanto alla ricettatione de' banditi et al commercio che
tengono con loro molti Clerici, et tutti i religiosi che stanno in
certi Conventi, dove per il poco numero non si osserva regola alcuna, è
necessario provedervi in qualche modo acciò non segua così spesso che
le Chiese et i Conventi sieno violate da questi Ministri Regii (ecco
il vero e proprio inconveniente agli occhi del Nunzio), che gridono
alle stelle che dette Chiese et Conventi sieno ricetto di tristi et
d'assassini come riscontro pur troppo vero, et al ritorno di Troia
è bisognato che mi proveda di chi mi assicuri la strada, poichè la
sera che arrivai ad Ariano intesi che poco avanti erano stati rubati
due mercanti Raugei et menati via da una truppa di Banditi per farne
ricatti, onde scrissi al Vicerè della Provincia che è il Conte del
Sacco, il quale non solo mi mandò 20 Archibusieri ma venne ancora lui
su la strada per aboccarsi con me, et mi fece gran querela di quanto
hò detto, con soggiugnere che fra gli altri certi Monaci di M.^{te}
Vergine che stanno à S. Guglielmo, luogo in quelle campagne[170], non
solo raccettano, ma partecipano i loro furti, portano ambasciate fra
di loro, et sono mezi alli ricatti» etc. etc.--Continuarono dunque
gli esami coll'intervento del Nunzio, e il 7 giugno si udì per la
3^a volta il Pizzoni, rimanendo dal suo esame occupata l'intera
seduta[171]. Diremo in breve che, sempre dietro dimande, egli dichiarò
di avere udito una volta sola parlare di eresie e di ribellione tanto
il Campanella quanto fra Dionisio; e redarguito, perchè nel primo
esame avea detto di avere udito eresie dal Campanella in Stilo ed in
Pizzoni, dichiarò che in Gerace non gli era stato letto il primo esame,
e che il processo del Visitatore conteneva falsità. Addusse un altro
motivo della sua andata a Stilo, un pagamento che dovea fare ad un
frate, e ne fu redarguito da' Giudici. Narrò la sua andata a Stilo,
seguita dall'altra ad Arena, insieme col Campanella accompagnato da'
parenti armati. Disse di aver conosciuto già prima il Soldaniero, capo
di banditi, che gli avea mandato una lettera minatoria, e di averlo
poi visto passeggiare col Visitatore e fra Cornelio nel convento di
Soriano il 28 agosto, ma di non sapere se egli fosse informato delle
eresie del Campanella, sapere bensì che avea parlato con fra Dionisio;
e redarguito, perchè nel primo esame avea detto che il Soldaniero era
informato di tutto, dichiarò che fra Cornelio lo scrisse di sua volontà
e poi non glie lo lesse. Negò di avere usato mai cifre col Campanella;
confermò di avere scritto al P.^e Generale e di aver dettata la lettera
al Lauriana; stretto dalle dimande dovè negare che il Campanella e
fra Dionisio gli avessero in Pizzoni parlato di eresie alla presenza
d'altri, e dichiarare che fra Dionisio non si trovò mai in Pizzoni
in compagnia del Campanella (dovè quindi dare una grave smentita
al Lauriana). Accettò di avere ordinato al Lauriana che suonasse
le campane all'armi nel tempo della loro cattura, ma aggiunse di
averglielo subito vietato quando seppe che trattavasi della venuta de'
soldati del Battaglione. Confermò di aver prima parlato al Visitatore
delle eresie udite, notando che vi era andato egli solo: ma i Giudici
gli obiettarono che se avesse davvero parlato prima al Visitatore di
quelle eresie estragiudizialmente, non gli sarebbe stato possibile
il volerle poi occultare, quando fu tratto in giudizio innanzi al
medesimo Visitatore; ed egli si scusò adducendo il terrore avuto perchè
ognuno gli annunciava la morte, l'essergli stato quindi necessario
che il Visitatore e fra Cornelio gli ricordassero ogni cosa con una
nota scritta che tenevano nelle mani, aggiungendo pure che aveva fin
d'allora avuto minacce dal Campanella per mezzo di Gio. Tommaso Caccia.
Nè dopo tutto questo i Giudici ritennero esaurito l'esame del Pizzoni.

Il 17 giugno furono esaminati nuovamente il Lauriana, il Petrolo, fra
Pietro di Stilo; il 20 giugno fu esaminato per la 4^a volta il Pizzoni.
Stretto dalle dimande, il Lauriana confermò che quando il Campanella
si fece a parlare di eresie c'era anche fra Dionisio oltre il Pizzoni
(ed in ciò per lo meno la memoria non l'assisteva bene). Citò due
occasioni per le quali il Campanella avea manifestato eresie: l'una,
l'essere stata condotta dal Casale di Vazzano a Pizzoni una donna
spiritata, e il Campanella la giudicò pazza, e nel dopo pranzo disse,
«mi portano innanzi queste donne spiritate e matte, et io non tengo che
ci siano ne spiriti, ne diaboli, ne inferno, e ne paradiso»; l'altra,
l'avere il Campanella letto un capitolo di Plinio in cui parlavasi
della natura, onde disse che Dio era la natura con tutte le altre
proposizioni altra volta deposte (singolare raffronto con ciò che avea
pure già dichiarato il Caccia, ma attribuendolo al Pizzoni). Disse
che fra Dionisio gli avea solamente parlato contro l'eucaristia, ma
presente il Campanella e il Pizzoni; e che il Pizzoni non avea mostrato
di credere all'eresie, ma di approvare alcune opinioni scritte dal
Campanella in un suo libro, aggiungendo che in quel libro trattavasi
di opinioni contro S. Tommaso.--Il Petrolo poi dovè rispondere ancora
una volta intorno a' complici del Campanella; e continuò a dire che
non ne conosceva, e che il Campanella non avea manifestato mai eresie
formali in presenza di altri, sibbene si esprimeva per motti, de'
quali fornì qualche esempio.--Infine fra Pietro di Stilo dovè dare
chiarimenti intorno a ciò che il Campanella avea detto della elezione
del Papa e de' miracoli; e fattosi leggere il primo esame cercò di
attenuarne la misura, dolendosi anche di fra Cornelio che scriveva
troppo diffusamente, ma conchiuse che confermava quanto nell'esame
trovavasi scritto.--Ben più lungo fu l'esame del Pizzoni, che di nuovo
occupò l'intera seduta. Sempre dietro dimande, dovè dichiarare in qual
luogo fosse stato ammalato negli ultimi tre anni, e se in Stilo (che
egli aveva taciuto nella sua rassegna) avesse avuto stanza anche il
Campanella al tempo della sua malattia. Dovè dichiarare di nuovo se in
Pizzoni, quando il Campanella parlò di eresie, fosse stato presente
fra Dionisio; e dettogli che un testimone suo amico affermava che fra
Dionisio c'era, fu costretto a smentirlo definitivamente, dicendo
che quel testimone (il Lauriana) sapeva di tali cose quanto il muro
della stanza, che quel testimone, alla presenza di quasi tutti i frati
ed altri secolari, aveva in Monteleone confessato che non sapeva
addirittura nulla nè di ribellione nè di cose di eresia, e che avea
parlato per paura e per subornazione del Visitatore, di fra Cornelio
ed anche di D. Carlo Ruffo, con la speranza di essere subito liberato
anzi premiato, e la paura era stata tale che avrebbe deposto perfino
contro suo padre; che quanto avea deposto eragli noto solamente per la
lettera al P.^e Generale scritta di sua mano sotto la dettatura di esso
Pizzoni. Intorno a tutte le altre citazioni di deposizioni testimoniali
contrarie (riferibili segnatamente al Caccìa, senza che il nome di lui
fosse pronunziato), egli dichiarò che doveano provenire da persone
infami e bugiarde, o inimiche, o sedotte, ovvero anche da falsità
di scrittura, dando per sospetto il Visitatore e fra Cornelio, ed
affermando che in Monteleone il Pisano e il Caccìa se n'erano lamentati
con gli altri prigioni, perchè gli aveano carpiti 100 scudi per uno
ed altri donativi, con la promessa di sottrarli alla Corte secolare,
e così gli aveano fatto dire quello che aveano voluto; inoltre il
Caccìa avea dimandato perdono ad esso Pizzoni, per aver deposto
dietro insinuazione di que' due frati, che gli dicevano essersi
avute deposizioni del Pizzoni contro di lui, e poi anche dietro gli
atroci tormenti sofferti mentre era travagliato dalla febbre. Negò
di nuovo la cifra; confermò che il Lauriana gli avea detto essere
rimasto scandalizzato, perchè il Campanella in una predica in Stilo
aveva esclamato, «oh si mi fusse lecito estendermi in questa materia»,
parlando del governo de' Principi e Prelati, non già di eresia; infine
ripudiò ad una ad una tutte le eresie che gli erano state addebitate.

L'indomani, 21 giugno, fu esaminato di nuovo il Bitonto, e poi, per la
prima volta, fra Dionisio[172]. Il Bitonto dovè dar conto di ciascuno
di que' molti fatti che avea deposti il Pisano, e che direttamente o
indirettamente lo riguardavano (senza che il nome del Pisano fosse mai
pronunziato): ed egli rispose costantemente «non ho mai inteso tal
cosa», qualche volta anche «l'ho inteso da che son qua carcerato»,
ovvero «l'ho inteso quando so stato esaminato dalli giudici et in
particolare in hierace», aggiungendo che quivi fu esaminato dal Vescovo
e dal Visitatore, essendo presente anche Carlo Spinelli; e conchiuse
che tutte quelle cose avevano dovuto esser deposte da qualche infame
o nemico suo.--Si passò quindi a fra Dionisio. Costui, sempre dietro
dimande, disse di aver saputo dal Sances e dal carceriere che era stato
imputato in cose di S.^{to} Officio insieme col Campanella, e negò con
la più grande energia di aver peccato nella fede. Diè una lunga lista
de' suoi nemici, a cominciare da' Polistina e dagl'inquisiti per la
morte dello zio M.^o Pietro, e venendo sino a fra Pietro di Stilo che
disse creatura del Polistina, al Pizzoni finto amico nelle sue liti
col Polistina e ladro di molti suoi scritti predicabili onde dovè
infamarlo, al Lauriana partecipe del furto degli scritti ed incaricato
della vendita di essi, oltrechè legato in nefande relazioni col nipote
del Pizzoni, fra Fabio, e col Pizzoni medesimo, onde dovè scacciarlo
dal convento di Nicastro dove esso fra Dionisio trovavasi Priore.
Negò di aver mai trattato con qualche ebreo in Cosenza, dichiarando
spontaneamente che a tempo di quell'ebreo, allorchè venne eletto il
P.^e Generale Beccaria (cioè nel 1588), egli trovavasi in Napoli, nel
convento di S.^{ta} Caterina a formello, e che seppe in Napoli da una
lettera di suo zio M.^o Pietro avere il Campanella avuto conversazione
con quell'ebreo di cattiva fama in Cosenza, essere fuggito in compagnia
di lui da Calabria ed avere arrecato questa fuga grande scandalo,
onde gl'ingiungeva di non avere più relazione col Campanella;
dichiarò anche, dietro dimande, di non avere mai più avuta notizia di
quell'ebreo, nè occasione di parlare col Campanella, che non vide più
per 7 od 8 anni dopo quel tempo. Negò assolutamente di avere mai avuto
scandalo dal Campanella per cose di fede, mentre pure avea cercato di
chiarirsene, poichè dicevasi che avea diavoli, comandava diavoli e
credeva poco: aggiunse di aver saputo da lui che era stato inquisito
nel S.^{to} Officio per un Sonetto bruttissimo contro la fede e contro
Cristo, quale Sonetto gli recitò, che l'accusatore era stato condannato
in galera ed esso Campanella liberato senza abiura, non avendo mai
voluto accettare di avere abiurato, mentre di poi in Napoli ebbe a
sapere che l'abiura c'era stata (onde dovrebbe dirsi che pure tra loro
amici intimi si manteneva l'equivoco, confondendo l'esito di processi
diversi). Tale fu la prima deposizione di fra Dionisio, che egli non
potè sottoscrivere per la tortura avuta nel tribunale della congiura, e
che crocesegnò tenendo la penna stretta tra' denti.

Fu poi fra Dionisio esaminato di nuovo tre altre volte successivamente,
il 20 e 28 giugno, ed il 13 luglio, continuando sempre ad intervenire
agli esami non il Nunzio, ma l'Auditore di lui Antonio Peri. Il 26
giugno fra Dionisio cominciò dal dire spontaneamente che avea ricevute
dal Lauriana due lettere, con le quali gli narrava l'esame sostenuto
in Calabria e gli chiedeva perdono, avendolo a torto accusato di
proposizioni eretiche contro l'eucaristia, a suggestione del Pizzoni e
per uscire dalle mani de' secolari; che queste lettere gli erano state
tolte da' carcerieri, ed egli riteneva dovessero trovarsi nell'altro
processo; che da esse rilevavasi essere stato deposto dal Lauriana di
avere udite le eresie in un discorso tenuto dal Campanella in Pizzoni
con lui, fra Dionisio, e con fra Gio. Battista di Pizzoni, e tale
fatto era la più grande menzogna, non essendosi lui fra Dionisio mai
trovato in Pizzoni contemporaneamente al Campanella (il fatto era
fondamentale, e il vederlo a notizia di fra Dionisio mostrava che
le lettere c'erano state, salva la quistione di sapere se in esse
si parlava realmente di accuse ingiuste e di domanda di perdono).
Narrò poi, interrogato, le circostanze della sua cattura e di quanto
gli era avvenuto ne' giorni consecutivi (ciò che fu da noi esposto
a suo tempo). Fornì spiegazioni sulla sua lettera trovata presso
fra Vincenzo Rodino, sulla sua conoscenza col Pisano, sull'andata
con costui a Messina e sull'andata successiva col Campanella e col
Bitonto a Castelvetere, dove il Pisano trovavasi carcerato pel furto
di una giumenta del Principe, riconoscendo di aver voluto aiutarne
la liberazione, ma semplicemente per l'onore della famiglia di esso.
Fornì spiegazioni sul fatto dell'inglese che in Roma avea dato un pugno
all'ostia consacrata, dicendo di averlo veramente narrato perfino
dal pulpito «etiam cum lachrimis», per dimostrare la gran bontà e
tolleranza di Dio: dichiarò di non aver mai conosciuto l'avvenimento
del prete annegatosi con l'ostia, e ripudiò assolutamente il fatto
osceno commesso con l'ostia, facendone rilevare l'inverosimiglianza.
Infine negò di aver mai parlato in dispregio dell'eucaristia, e disse
che le precise parole, con le quali gli si faceva tale dimanda, si
trovavano nelle lettere del Lauriana (altra prova che tali lettere
c'erano state); notando che in Pizzoni egli non potea dire tali
cose, poichè c'erano soltanto suoi nemici e un vigliacco fuoruscito
(certamente il Caccìa), il quale poi si disdisse nell'atto di essere
giustiziato.--Il 28 giugno, esaminato per la 3^a volta, fra Dionisio
negò ad una ad una tutte le eresie e tutte le accuse che gli erano
state apposte (dal Soldaniero, dal Lauriana, dal Pisano etc.) e che i
Giudici gli vennero successivamente formolando, non senza dare qualche
spiegazione in sua difesa. Così, a proposito del pugno da lui dato a
un'immagine del crocifisso in Soriano, dichiarò che il Priore e Lettore
di quel convento erano suoi nemici, che vi si trovava anche un gran
fuoruscito a nome Giulio Soldaniero stato per tutta la quaresima in
relazione con fra Gio. Battista di Polistina, ed egli avea temuto di
essere ucciso o almeno bastonato da lui, e gli avea parlato sempre
in pubblico. A proposito di altre eresie che si era deposto aver lui
udite dal Campanella e lodate ed insinuate ad altri, dichiarò che il
Petrolo, già da circa un mese, passando innanzi alla sua prigione si
era avvicinato alla finestrina di essa e gli avea dimandato perdono,
facendogli sapere che avea deposto essere stato detto dal Campanella,
in presenza di lui fra Dionisio, che non c'era purgatorio nè inferno;
onde temeva che questo potesse nuocergli, sebbene avesse pure aggiunto
alla deposizione che il Campanella prima diceva le eresie a lui e poi
le diceva anche agli altri, ma in modo che esso Petrolo non sapeva se
gli altri le intendessero (e questo mostrava che veramente il Petrolo
avea dovuto parlargliene). Infine negò di aver mai saputo che il
Campanella si fosse proposto di predicare, e che egli medesimo dovesse
predicare contro la Chiesa.--Il 13 luglio, esaminato per la 4^a volta,
dovè dar conto di altre eresie ed accuse, sulle quali non era stato
ancora interrogato (quelle deposte da Maurizio per propria scienza
o per detto del Vitale, come pure quelle raccolte nel processo di
Squillace). Ed egli negò egualmente ogni cosa; ed a proposito del fatto
dell'ostia che pretendevasi avere una volta consacrata e poi gettata a
terra, disse di aver saputo da Maurizio, nel venire a Napoli, che tale
fatto era stato deposto da Gio. Battista Vitale «credendosi schifare la
morte almeno per alcuno giorno», e fece rilevare che il Vitale prima di
essere squartato avea revocata quella deposizione (c'era quindi stato
ad ogni modo un colloquio con Maurizio su tale fatto, salva rimanendo
la quistione di sapere se Maurizio avesse realmente attribuito il
motivo suddetto alla deposizione, ed anzi se vi fosse stata realmente
una deposizione del fatto innanzi a' Giudici da parte del Vitale).
Potè poi questa volta dopo cinque mesi, stando meglio co' suoi polsi,
sottoscrivere il processo verbale dell'esame sostenuto.

Dobbiamo aggiungere che nella seduta medesima fu esaminato ancora
Giulio Contestabile, qualificato non solo teste, ma anche principale,
senza dubbio per avere troppo conversato col Campanella[173]. Egli
disse di conoscere il Campanella e fra Dionisio, e di stimarli uomini
tristi mentre erano inquisiti di cose triste; disse di sapere che il
Campanella ora stato già prima processato per eresia, ma non sapere
altro, e di avere due volte sole parlato col Campanella in Stilo, in
casa sua, per la conchiusione della pace tra la famiglia sua e quella
de' Carnevali; ma Geronimo suo fratello scrisse da Napoli che non
volea si trattasse con persona già processata per eresia, ed avendo
lui divulgata la lettera, il Campanella gli divenne nemico. Dichiarò
di non aver mai udito il Campanella parlare di Cristo nè di Mosè, e
fece rilevare che in Stilo c'era un altro Giulio Contestabile figlio di
Lucio, Maestro della confraternita del Rosario e perciò molto assiduo
nel convento dei Domenicani (il fatto era vero[174], ma rappresentava
una scusa grossolana).

Il 1^o luglio fu interrogato Giulio Soldaniero, testimone importante,
che si dovè far venire dalla Provincia. Il Carteggio del Nunzio ci
mostra che egli non trovavasi più in Calabria, ma in terra d'Otranto,
e che lo si fece venire per mezzo del Vescovo di Nardò; parrebbe pure
dall'esame suo che fosse stato tenuto in prigione fin dal marzo,
sicuramente ad istanza del S.^{to} Officio. Lo stesso Carteggio ci
mostra che appunto per lui la trattazione della causa soffrì un ritardo
nelle prime settimane di luglio; poichè alla sua venuta era stato
rinchiuso in Castel dell'ovo, e quando si volle esaminarlo, si trovò
il solito intoppo del non esserci ordine alcuno del Vicerè, onde il
Nunzio ebbe a fare istanza che o si desse quest'ordine o si conducesse
il prigione in Castel nuovo[175]. Vedremo in sèguito che si fece venire
anche il suo fido Valerio Bruno, ed entrambi furono rinchiusi in Castel
nuovo insieme co' frati inquisiti. Il Soldaniero, dietro dimande,
disse che era stato esaminato da fra Cornelio, e successivamente
dal Vescovo di Gerace, dopo di aver mandato il Priore di Soriano al
Visitatore per rivelare le cose dettegli da fra Dionisio; e ripetè
talune di queste cose, affermando che quando vennero dette o fatte, era
presente e consenziente il Pizzoni, e tutto proveniva dal Campanella.
Invitato ad esporre ciò che fra Dionisio gli avea detto di provenienza
del Campanella, non seppe dire più nulla e si richiamò all'esame
precedente, poichè non se ne poteva ricordare. Aggiunse di aver visto
in sèguito fra Pietro di Stilo, che gli raccomandò di non dir nulla di
quanto gli avea detto fra Dionisio, ma egli già avea raccontato tutto
al Priore e Lettore di Soriano: non potè ricordarsi se fra Pietro
gli avesse parlato di eresie, ma negò di aver ricevuto lettere del
Campanella. Disse che avea raccontato pure ogni cosa a fra Domenico e
fra Gio. Battista di Polistina e costoro se ne maravigliarono, che vide
fra Dionisio una sola volta (prima avea detto due volte), e parlò al
Priore ed al Lettore perchè lo cacciassero dal convento[176].

Ma il fatto più importante della seduta del 18 luglio fu il tormento
della corda dato al Campanella per un'ora, fatto ricordato poi da lui
medesimo nella sua Narrazione, là dove dice: «el Campanella sendo
impazzito hebbe un'hora di corda, e restò per pazzo quando era il
Tragagliola». Già fin dal 12 maggio, dietro la richiesta del vescovo
di Termoli, il Card.^l di S.^{ta} Severina avea scritto: «quanto al
particolare che ella avvisa, che fra Tomaso Campanella si finge pazzo,
et non vuol giurare ne rispondere à quello, che se gli domanda, le dico
che S. S.^{tà} rimette all'arbitrio di Monsignor Nuntio e di V. S.,
e del Generale Vicario Archiepiscopale di dargli la corda per havere
da lui la precisa risposta, con avvertire di non interrogarlo de'
capi del negotio principale per non debilitare le ragioni del Fisco».
Adunque, dopo il Soldaniero, venne introdotto il Campanella[177], e
questa volta egli toccò il libro su cui fu invitato a giurare, ma
fin dalla prima dimanda che gli venne diretta rispose in modo strano
ed incoerente. «Volsero pigliare fratimo, et poi si concitorno tutti
contra di me, et mi hanno spogliato, et mi ritrovo in questo modo, et
hò fatto tanti libri, et poi me li hanno cambiati» etc. Era sempre
vestito da secolare, col suo cappello nero tra mano, e diceva: «questo
cappello è tutto stracciato, et tutte queste veste che hò sopra sono
stracciate»; e volle coprirsi il capo ma l'aguzzino glie lo scoprì,
onde egli si rizzò contro l'aguzzino dicendo, «guarda costui che mi
vuol levare il cappello», e soggiunse «bisogna che venghi il Papa et
sbroglia queste cose» etc. Fu quindi fatto condurre alla stanza del
tormento e là venne spogliato e ligato alla corda, con le proteste che
il S.^{ta} Severina avea raccomandate: ed elevato in alto cominciò a
dire «hoimè che moro, ah traditori, figlioli di cornuti, bagascie, mi
hanno ammazzato, madonna santissima aiutami». Rinunziamo a continuare
questa atroce rassegna di dolori, che d'altronde i lettori troveranno
nel relativo Documento: solo diremo che il povero Campanella, talvolta
furioso, talvolta abbattuto, ingiuriava o invece blandiva chiedendo
pietà, e spesso invocava il Papa o a lui si appellava, nota dominante
per tutto il tempo della sua pazzia; allorchè si rivolse a qualcuno
de' Giudici in particolare, per muoverlo a misericordia, si rivolse
sempre al «frate», cioè al Vescovo di Termoli. Tra le svariate dimande
fattegli vanno notate le seguenti: quanto tempo fu carcerato in Roma,
se era stato visitato da qualche medico nelle carceri, come si
chiamava il Commissario del S.^{to} Officio in Roma al tempo in cui
fu carcerato, ed anche, con ludibrio indegno, cosa avrebbe avuto di
buono a pranzo, e dopo di avergli due volte minacciato il polledro, che
dimandasse qualche grazia. E il Campanella, obbligato allora appunto
a soddisfare a' suoi bisogni naturali stando sospeso alla corda,
replicò all'ultima domanda che lo lasciassero... fare; nè rispose mai
a proposito, e tra' diversi suoi detti incoerenti nominò il Marchese
d'Arena, dicendo che «se havesse fatto (_sic_), non pateria questo»,
nominò Paolo Campanella, che avea disegnato una figura di S. Rocco,
nominò Cicco Vono, qualificandolo suo nemico. Infine, scorsa un'ora,
venne definitivamente deposto e sciolto, e secondo l'uso gli aguzzini
gli ricomposero le braccia, quindi lo rivestirono e lo ricondussero
nella sua carcere.

Subito dopo furono esaminati Geronimo padre e Gio. Pietro fratello del
Campanella[178]. Geronimo si dichiarò di Stignano, dell'età di circa
65 anni, e dovè rispondere intorno alla causa della carcerazione di
suo figlio, intorno a un libro che costui avea scritto ed egli avea
lodato come superiore anche a quello degli Apostoli, intorno alle
divinazioni fattegli sull'avvenire degli altri figli, intorno al
rifiuto di predicare espressogli da fra Tommaso e motivato col non
voler fare l'ufficio di saltimbanco, intorno al pranzo di Stignano in
casa Grillo, dove egli avea fornite vivande ed avea dovuto udire eresie
da fra Dionisio. Il povero vecchio disse di sapere solamente che suo
figlio era stato carcerato da Carlo Spinelli, o per detto d'altri che
avea scritto un libro in Napoli, mentre quanto a sè egli non sapea
leggere nè scrivere, soggiungendo, «alhora tutti mi dicevano beato et
hora tutti mi dicono sfortunato». Quanto alle divinazioni, disse che
suo figlio era stato quattordici anni fuori di Calabria, ed al ritorno
appena lo riconosceva per padre, trattando solo con Principi e Signori,
come il Principe della Roccella e il Marchese di Arena; quanto poi
al rifiuto della predicazione, disse che veramente avea pregato fra
Tommaso di accettare l'offerta fattane da que' di Stilo col compenso di
200 ducati, «per aiutare alcune figlie femine che hò è sono pezzenti»,
ma fra Tommaso non volle, dicendogli che sapeva quel che si faceva.
Accettò di aver visitato fra Dionisio in casa Grillo, ma negò di aver
fornite vivande, aggiungendo, «non hò per me, et hò nove tra figlie
et nipote femine»; negò pure energicamente di avere udito discorsi
eretici, ed aggiunse, «si fra Dominico (Petrolo) lo dice, fatime
mettere un chiappo al collo et impendere». Da ultimo s'inginocchiò
innanzi a' Giudici e disse, «Signori, siamo tutti spersi per povero
regno, et si questi monaci hanno fatto male, vi prego, castigateli
per amore di Dio»: con ciò, s'intende, egli volea dire che facessero
presto, perchè così sarebbe presto tornato a casa sua ove l'attendeva
una frotta di giovani donne rimaste nell'abbandono e nella miseria; e
il suo desiderio era naturalissimo, ma faceva dimenticargli che tra'
monaci i quali avrebbero dovuto essere gastigati, e non lievemente,
c'era anche il migliore de' suoi figliuoli.--Molto più breve fu l'esame
di Gio. Pietro Campanella, che si dichiarò di 28 anni in circa e di
mestiere calzolaio. Gli chiesero se avesse mai udito suo fratello
fra Tommaso parlare di rivoluzioni da dover accadere nel 1600; ed
egli rispose che poche volte gli avea parlato e non mai di tali cose.
Al pari di suo padre, non sapendo scrivere, segnò con una croce il
processo verbale dell'esame.

Il 20 luglio venne il Campanella ricondotto innanzi a' Giudici, e
continuò a mostrarsi pazzo[179]. Non voleva rimanere nella sala di
udienza, si tirava indietro, e poi cominciò a baciare certe figure
disegnate nel foglio del Calendario. Gli si fecero dimande strane;
quante sorelle aveva, dove trovavasi il suo padre carnale e da quanto
tempo non l'aveva veduto, se possedeva il breviario etc. poi lo si
avvertì di cessare dal fingersi pazzo. Ed egli nominò più sorelle,
Costanza che era Badessa, Emilia maritata, Giulia da doversi maritare
con Michele Castellano; parlò del padre in modo incoerente, ricordò
che gli aveano presi tutti i suoi libri, accennò ad una «Signora
grande», a soldati che l'aveano perseguitato, ad una sua fuga di 20
miglia. Lamentavasi per avere le braccia addolorate in sèguito della
tortura, e da ultimo disse, «dammi da bere frate, quattro confortini
(confortatori) negri negri vengono ogni sera et mi ammazzano...». Dal
processo verbale si rileva che avrebbe sottoscritto l'esame, se non
avesse avuto le braccia debilitate.

Fu di poi, nella stessa seduta, interrogato nuovamente il Soldaniero,
quindi Giuseppe Grillo; inoltre furono richiamati fra Dionisio ed il
Pizzoni, per dare qualche chiarimento[180]. Al Soldaniero si fecero
molte dimande; come mai fra Dionisio avesse cominciato a parlare con
lui contro la fede mentre non c'era mai stata familiarità tra loro,
se fra Dionisio fosse venuto a Soriano egli solo o in compagnia di
qualcuno, come si fosse comportato il Pizzoni in quella circostanza,
in quale giorno si fosse mangiato carne, a quale scopo que' frati
gli avessero dette tante eresie. E il Soldaniero narrò di nuovo i
particolari della venuta di fra Dionisio a Soriano, ed affermò che
questa accadde di martedì, nel quale giorno, avendo precedentemente
riportata una ferita di archibugio, egli non mangiava carne per
divozione alla Madonna dell'Idria (cioè di Costantinopoli), ma
fra Dionisio mangiò carne ed eccitò lui a mangiarne; non potè poi
ricordarsi se il Pizzoni fosse presente, ma dichiarò che gli pareva di
sì, e che costui confermava le opinioni di fra Dionisio, dicendo che
erano opinioni del Campanella. I Giudici gli fecero notare che nella
prima deposizione avea detto non essere stato presente il Pizzoni,
essere avvenuto il fatto in giorno di venerdì, non avere fra Dionisio
mangiato carne (l'aveva solamente desiderata per mangiarla), e che
badasse quindi a non dire menzogne: egli rispose più volte che non se
ne poteva ricordare e si rimetteva al suo primo esame, conchiudendo
che le eresie gli erano state raccontate perchè le credesse.--Giuseppe
Grillo, fatto venire dal Castello dell'ovo in cui era rinchiuso,
dietro dimande, dichiarò di aver conosciuto anteriormente fra Dionisio
e gli altri frati che poi vennero a pranzo in casa sua in Stignano,
e di averne buonissima opinione, ma non così Cesare Pisano che vide
allora per la prima volta; dichiarò che durante il pranzo fra Dionisio
avea detto doversi «rengratiar Dio di tante gracie che ci fà e cose
simile», ma non avea detto nulla contro la fede, perchè egli «saria
ricorso da superiori», ed anzi lo stesso fra Dionisio fece poi un
sermone in Chiesa, in Stignano, presenti tre dottori e moltitudine
di popolo, e fu lodato assai. Avvertito di non dir bugie, il Grillo
soggiunse che avea detto la verità; che dal Petrolo, per mezzo del
figlio di Desiderio Lucane, gli era stato raccomandato di volersi
esaminare in favor suo; che da Mario Flaccavento come pure da Felice
Gagliardo e Camillo Ademari, prima di venire dal Castello dell'ovo, gli
era stato raccomandato di voler dire che in Stignano si era mangiato
carne in giorno di venerdì o sabato, e che egli stesso l'avea mangiata
inavvertentemente, poichè così trovavasi affermato in processo, e non
dicendo così anche lui, avrebbe avuto la corda, ma egli avea risposto
di non voler dire la bugia (tanti erano impegnati a non far alleviare
la posizione degl'inquisiti, o invece tanto era furbo questo giovanotto
che inventava sollecitazioni per procurarsi credito).--Si fece poi
venire fra Dionisio, per sapere in che giorno fosse stato in Soriano,
e se il Pizzoni vi fosse stato con lui. Dietro varii tentennamenti di
reminiscenze, egli conchiuse che vi fu col Pizzoni il mercoledì, e il
Pizzoni si partì subito pel suo conventino poco distante da Soriano,
che in quella sera si mangiò co' frati, e l'indomani, giovedì, si
mangiò nel dormitorio col Priore, col Lettore, con alcuni spagnuoli,
ed anche con Giulio Soldaniero.--Da ultimo si fece venire il Pizzoni
per udirlo sullo stesso fatto, ed egli lo negò assolutamente (senza
dubbio a torto); e dietro dimande disse che non era mai stato a
Soriano con fra Dionisio, che non aveva mai confermato eresie nè
biasimata l'astinenza dal mangiar carne per divozione, e che questa
era un'infamia in suo danno da parte di fra Dionisio e del Campanella
conformemente alle loro minacce!

A questo punto si erano già raccolti esami sufficienti per poter
passare dal processo informativo, che dicevasi pure offensivo, al
processo ripetitivo: difatti il 31 luglio, sull'istanza del Procuratore
fiscale, la Corte emanò i suoi Decreti in questo senso, ed abbiamo
ragione di credere che non poco v'influì Mons.^r Nunzio, il quale
era spesso sollecitato dal Vicerè a terminare la causa dell'eresia,
acciò si potesse procedere alla spedizione di quella della congiura.
Ma il Vescovo di Termoli, che avea realmente studiata la causa ed
era abituato alla ricerca della verità senza transazioni, scorgendo
un cumulo di circostanze poco atte a rassicurare la sua coscienza,
volle che fossero interrogati dal tribunale il Priore e il Lettore di
Soriano, fra Domenico da Polistina e così pure Valerio Bruno, inoltre
fra Gio. Battista di Placanica e fra Francesco Merlino già interrogati
dal Vescovo di Squillace in Calabria: e però fin dal 18 luglio avea con
una sua lettera commesso a quel Vescovo di mandare tutti que' frati in
Napoli, e di chiarire con nuovi esami alcuni punti del processo già da
lui fatto nell'anno precedente; ed il Vescovo eseguì la commissione
con ogni sollecitudine, procurando la comparsa de' frati al tribunale
di Napoli ed inviando poi anche l'Informazione supplementare da lui
presa, che per tal modo trovasi inserta nel processo di Napoli. Come si
rileva dai documenti che fanno parte di questa Informazione, il Priore
di Soriano era già venuto in Napoli chiamatovi dal P.^e Generale, e
fra Domenico da Polistina, funzionante da compagno del Provinciale di
Calabria, fu da costui immediatamente inviato; a fra Gio. Battista da
Placanica e a fra Francesco Merlino fu fatto dal Vescovo di Squillace,
con la comminatoria di molte e gravi pene, precetto di presentarsi
al tribunale in Napoli, l'uno nel termine di 20, l'altro nel termine
di 25 giorni; al Lettore di Soriano fu fatto un uguale precetto,
col termine di 30 giorni.--Si ebbe quindi una serie di altri esami,
alcuni de' quali si compirono mentre già il processo ripetitivo faceva
il suo corso: noi li poniamo tutti qui in continuazione degli esami
precedenti, senza attenerci con rigore assoluto alla cronologia de'
diversi atti processuali, per non intralciare di troppo il corso della
nostra narrazione.

Ed in prima l'8 e l'11 agosto, nel convento di S. Luigi ove risedeva il
Vescovo di Termoli, furono esaminati e riesaminati fra Giuseppe d'Amico
Priore di Soriano e fra Domenico di Polistina[181]. L'esame del giorno
8 fu fatto innanzi all'intero tribunale. Fra Giuseppe d'Amico, dietro
dimande, disse che fra Dionisio e il Pizzoni vennero insieme a Soriano,
un giorno di giovedì al tardi, ed allora nel convento trovavasi pure
il Soldaniero, uomo di mala vita, che Mons.^r di Mileto non voleva
fosse cacciato, come anche Valerio Bruno, servitore del Soldaniero
ed egualmente fuoruscito; che il Pizzoni l'indomani se n'andò al suo
convento di Pizzoni, d'onde tornò il sabato con Claudio Crispo e si
diresse tosto ad Arena ove trovavasi il Campanella; che fra Dionisio,
rimasto il venerdì a Soriano, partì egli pure il sabato per Arena, poco
dopo ch'era partito il Pizzoni, dicendo di temere che costui conducesse
il Campanella a Pizzoni mentre egli volea condurlo a Soriano, e poi
l'istesso giorno tornò a Soriano e vi rimase la domenica per farvi una
predica, dopo la quale definitivamente se ne partì. Disse che, appena
giunto, fra Dionisio dimandò del Soldaniero, e si recò in camera di
lui e vi si trattenne un pezzo in colloquio, e ciò accadde nel giugno
o luglio 99; che da otto a quindici giorni dopo, il Soldaniero parlò
ad esso fra Giuseppe della ribellione, ma solo nel mese di agosto gli
raccontò diverse eresie dette da fra Dionisio; che poi, trovandosi esso
fra Giuseppe presso il Visitatore in Monteleone, quando già la congiura
era scoverta e fra Dionisio era fuggito con una cavalla presa nel
convento, riferì ogni cosa al Visitatore ed al Provinciale, ed avvertì
al suo ritorno il Soldaniero di quanto avea fatto; che il Soldaniero
allora gli rispose di dover essere esaminato, perchè avrebbe deposto
anche di più, ma non aveva mai pregato lui che cacciasse fra Dionisio
dal convento. Aggiunse che il Soldaniero non gli aveva mai discorso del
Pizzoni come fautore di eresie, bensì come sollecitatore perchè «si
havesse voluto trovare con l'intentione loro», e solo di fra Dionisio
gli raccontò le diverse eresie, che egli si fece a ripetere; (così era
certo l'armeggio per la ribellione da parte di tutti costoro insieme
col Campanella, ma la faccenda dell'eresia era imputabile solo a fra
Dionisio, che veramente ne faceva professione almeno come di un'arma
di guerra).--Quanto a fra Domenico di Polistina, costui confermò che
agli 8 o 9 di agosto dell'anno precedente, dopo l'incontro avuto col
Campanella in Davoli, la sua fuga da quel posto per minacce di banditi
e il suo arrivo in Soriano, seppe dal Soldaniero che fra Dionisio
gli aveva esposto un gran numero di eresie, il fatto osceno contro
l'ostia etc., eresie che fra Dionisio e il Campanella doveano predicare
al tempo della ribellione, ed egli poi ne parlò a fra Cornelio del
Monte; che del Campanella non seppe al di là delle cose dette, e con
fra Cornelio non parlò del Campanella per conto dell'ostia consacrata
(così fra Cornelio risultava falso, ma rimaneva pure a vedere se non
era falso in ciò fra Domenico, e fino a qual punto costui fosse stato
informato dal Soldaniero o viceversa). Aggiunse poi, spontaneamente,
che il Campanella molti anni prima avea voluto uscire dalla Religione,
e si era detto pubblicamente che avea lasciato la Calabria in compagnia
di un certo Abramo ebreo o caldeo; (era sempre lui fra Domenico
che evocava tale fatto, e questa volta per detto altrui, non per
propria scienza).--Il nuovo esame di costoro, l'11 agosto, fu fatto
innanzi al solo Vescovo di Termoli. Fra Domenico da Polistina narrò
qualche circostanza di poco valore relativamente al suo incontro
col Soldaniero. Fra Giuseppe d'Amico aggiunse che, parlando della
ribellione col Soldaniero nell'agosto, ebbe a vedere nelle mani di lui
una lettera del Campanella scritta di suo pugno, giacchè ne conosceva
il carattere, la quale finiva col dire al Soldaniero che su quanto
gli avea discorso fra Dionisio, se ne rimetteva al suo luogotenente
fra Gio. Battista di Pizzoni; (così fra Giuseppe parlava sempre de'
soli fatti della ribellione, ma è pur vero che non avrebbe potuto
parlare de' fatti di eresia laddove fossero stati a sua notizia fin da
principio, mentre non si era curato di denunziarli per tanto tempo).
Infine, dietro dimanda, depose che il Campanella, quando si partì
dalla Calabria, diceva di partirsene per la persecuzione che soffriva
dal Provinciale di quel tempo P.^e Pietro Ponzio, e si disse che era
partito con un Abramo, ebreo molto scienziato ma che esso fra Giuseppe
non avea veduto; (nessuno dunque avea veduto questo ebreo, ma è pur
vero che a nessuno conveniva ammettere di averlo veduto).

Di poi, il 21 agosto, fu interrogato in Castel nuovo Valerio
Bruno[182]. Costui disse che era stato per circa un anno col Soldaniero
nel convento di Soriano, che avea là veduto fra Dionisio rimastovi due
giorni, durante i quali venne pure il Pizzoni, e che li avea veduti
cacciare entrambi dal Priore a richiesta del Soldaniero, scandalizzato
perchè gli avevano palesate molte eresie, le quali egli si fece a
ripetere. Disse che fra Dionisio e il Soldaniero aveano mangiato
insieme un giorno di martedì o venerdì; giorno in cui il Soldaniero
si asteneva dalla carne per voto fatto in sèguito di un colpo di
archibugio ricevuto, ed egli avea udito fra Dionisio maravigliarsene;
che non seppe altro di ciò, ma poi l'indomani, essendo venuto il
Pizzoni ed avendo confermato le eresie dette da fra Dionisio, ad un'ora
o due in circa di giorno udì il Soldaniero che «comminciò a gridare che
cose son queste che mi dite, à par mio dite queste cose, è comminciò
à chiamare il Priore, Padre Priore venite, cacciati questi»; che il
Priore il quale nella sera precedente avea cercato di scusare fra
Dionisio dicendo che era briaco, ed avea raccomandato al Soldaniero,
per amore di Dio, l'onore della Religione, finì per accorrere insieme
col Lettore ed altri e così cacciarono que' due frati. Insomma,
accumulando circostanze in modo abbastanza comico, questo furfante
procurò di rendere sempre più credibile il suo racconto, ma avvertito
da' Giudici che era caduto in qualche contradizione e che badasse
di non dire bugie, cominciò lui a turbarsi veramente e ad esclamare
«misericordia Signore, per l'amor di Dio, che questa cosa hà un anno
che è passata che non mene ricordo;... io non son dottore, facilmente
si può pigliare et errare una parola, habbiatimi compassione Signore».
Infine dichiarò di non avere udito egli stesso, nè da altri all'infuori
del Soldaniero, cose contrarie alla fede provenienti da fra Dionisio
e dal Pizzoni; (evidentemente Valerio Bruno si era messo anche questa
volta d'accordo col Soldaniero, per appoggiarne le deposizioni).

Vennero in sèguito da Calabria fra Gio. Battista da Placanica e fra
Francesco Merlino, e il 30 agosto e il 2 7bre, quando già il processo
ripetitivo faceva il suo corso, e furono sottoposti al primo esame e
all'esame ripetitivo nel solito convento di S. Luigi presso Palazzo:
venne egualmente fra Vincenzo di Lungro Lettore di Soriano, e poco
dopo, il 7 7bre, fu egli pure esaminato nel medesimo convento innanzi
all'intero tribunale[183]. I due primi riuscirono di speciale interesse
circa la persona del Campanella, l'altro circa la persona di fra
Dionisio e i fatti di costui in Soriano. Fra Gio. Battista di Placanica
disse di stare «di mal cervello, ciò e, di mal memoria», e si riferì
costantemente all'esame già fatto dieci mesi innanzi in Squillace;
fu interrogato su' concetti che il Campanella aveva espressi intorno
all'immortalità dell'anima, alla fornicazione, alla scomunica, alle
cerimonie de' turchi, alle religioni claustrali, e in genere non se ne
seppe più di quanto se n'era saputo prima; può dirsi che fu esplicito
solamente nell'attestare che il Campanella parlava della fornicazione
in modo da sembrare che quasi dicesse non esser peccato, ed oltracciò
nell'attestare che non potè avere nè dal Vescovo di Squillace nè dal
P.^e Provinciale la licenza di confessare e predicare in Monasterace.
Nell'esame ripetitivo in sostanza disse di aver conosciuto il
Campanella quando esso era novizio in Placanica, non aver mai udito
direttamente da lui cose di eresie, aver solamente udito da lui dire
«che inferno, che inferno» nel parlare a' suoi discepoli e segnatamente
a Fulvio Vua e Giulio Contestabile, come pure che gli atti carnali non
erano peccati tanto grandi quanto si ritenevano, poichè «Dio havea
fatto il membro genitale...» per usarne.--Fra Francesco Merlino, nel
primo esame, riferendosi lui pure all'esame sostenuto in Calabria,
disse di avere solamente udito dire che il Campanella negava i miracoli
fatti da Mosè, che avea mangiato più volte carne in giorni proibiti e
segnatamente una porchetta insieme co' banditi in Pizzoni, che teneva
con sè il demonio, e per arte diabolica conosceva tutto quello che
sapeva; disse pure, a proposito del disprezzo della scomunica, che egli
si trovava studente in S. Domenico di Napoli, quando il Campanella
dimorava pure in questa città presso Mario del Tufo, e che venuto un
giorno in S. Domenico il Campanella fu preso e tradotto nelle carceri
del Nunzio, essendosi allora dato per motivo della carcerazione che
aveva spiriti, ma essendosi poi saputo che ci erano altri motivi, e
in ispecie che parlando della scomunica per coloro i quali estraevano
libri dalla libreria avea detto, «come è questa scomunica, che, si
mangia»? Nell'esame ripetitivo poi dichiarò, che avea cominciato a
conoscere di vista il Campanella nel convento di Placanica, di cui esso
Campanella era figlio, che in sèguito l'avea conosciuto in Napoli,
quindi di nuovo l'avea visto in Calabria, essendosi più volte visitati,
che non sapeva che avesse detto eresie, che altri aveano palesate
più cose contro la fede da lui dette o fatte, le quali egli si diè a
ripetere; che in Stilo passava per uomo onesto, che si era detto essere
partito dalla Calabria coll'ebreo Abramo, ed avere la sua scienza per
arte diabolica, ma egli non credeva questo, avendo conosciuto «che hà
bello ingegno et hà studiato assai». Inoltre che si era detto «che
esso si voleva fare nominare il Messia della verità», ma di questa,
come di altre cose, si parlò dopo la carcerazione, e più di una volta
fece notare tale circostanza, dicendo, «molte cose sono state dette
subito che questi fratri furono presi, et non so come uscessero», (ben
si vede che in fondo il Campanella non riusciva aggravato di troppo da
tali deposizioni).--Quanto a fra Vincenzo, Lettore di Soriano, egli
narrò la venuta di fra Dionisio e del Pizzoni in Soriano con lievissime
differenze dal modo in cui l'avea narrata il Priore fra Giuseppe:
soltanto aggiunse di più, che quando fra Dionisio andò momentaneamente
ad Arena per condurre il Campanella a Soriano, il Campanella non volle
venirvi; inoltre che veramente, 4 o 5 giorni dopo la dipartita di
fra Dionisio, il Soldaniero gli disse che fra Dionisio era venuto a
trattare della ribellione contro il Re, avendo molti Signori per lui,
e gli disse pure che fra Dionisio non credeva a nulla, comunicandogli
il fatto del pugno dato al crocifisso e il fatto osceno contro l'ostia
perpetrato da fra Dionisio medesimo, cose «approbate da fra Dionisio
come cose del Campanella». Negò assolutamente che il Soldaniero avesse
comunicato al Priore i detti e fatti contro la fede, se non dopo un
mese o dieci giorni in circa; e per quanto i Giudici avessero insistito
con le loro dimande, negò che il Soldaniero avesse mai parlato di
tali cose mentre fra Dionisio era in Soriano per farlo cacciare dal
convento, come pure che avesse attribuite le eresie anche al Pizzoni,
dichiarando che il Soldaniero «ben diceva, che frà Thomaso Campanella,
frà Dionisio Pontio, frà Gio. Battista di Pizzoni, frà Silvestro di
Lauriana, frà Pietro de Stilo, et frà Dominico di Stignano erano
tutto una cosa insiemi, mà non mi parlò di heresie contra frà Gio.
Battista predetto». (Si sarebbe tentati di credere che il Pizzoni, per
essersi stretto a fra Dionisio e al Campanella, dovea dapprima venire
spietatamente involto nel medesimo destino loro, ma avendo poi fatto il
suo orribile voltafaccia, questi frati di Soriano, appartenenti alla
fazione del Polistina, doveano oramai proteggerlo: intanto per fra
Vincenzo il Campanella riusciva egli pure imputabile delle peggiori
cose contro la fede, e il Soldaniero rimaneva per entrambi que' frati
scoperto).

Mentre in Napoli si facevano questi esami, in Squillace nello
stesso tempo, dall'8 agosto all'8 7bre, il Vescovo esauriva la sua
Informazione supplementare, la quale riguardava interamente la persona
del Campanella. Mediante i diaconi selvaggi della sua Corte citò
ciascun teste a comparire personalmente innanzi a lui, sotto le solite
gravi pene ecclesiastiche, in brevissimi termini: ed egli medesimo nel
suo Palazzo, col suo Vicario Sir Agazio Colobraro e coll' Auditore
Andrea Mantegna, procedè a quasi tutti gli esami[184].--Eccone un
sunto. Vespasiano Vosco dottore di Girifalco dichiarò, che dopo
la carcerazione del Campanella udì nella piazza di Squillace dire
pubblicamente che costui riteneva Cristo essere un semplice eremita
e Maria Maddalena sua concubina.--Gio. Battista Rinaldis dottore
di Guardavalle dichiarò di aver saputo dalla sua suocera Dianora
Santaguida, vedova di Ottavio Carnevale, che fra Scipione Politi le
aveva detto che il Campanella «per stratiare et burlare li patri
cappoccini, mentre andavano in Chiesa, li dicia dove andati, ad adorare
un appiccato».--Marcello Fonte di Stignano confermò di aver saputo
da Geronimo padre del Campanella, che costui non volle predicare in
Stilo dicendo di non voler fare l'officio di Cantimbanco.--Il Rev.
Scipione Ciordo di Camini confermò di avere udito da alcune persone del
suo paese che il Campanella diceva «che la buggera (la fornicazione)
non era peccato».--Fabio Contestabile di Stilo confermò che gli era
stato detto dal Campanella di pigliarsi spassi e piaceri quanto più
poteva «che del resto è pensiero di chi è».--La Sig.^{ra} Dianora
Santaguida di S.^{ta} Caterina (questa sola innanzi all'Auditore
Mantegna espressamente inviato) dichiarò che da Luzio Paparo suo
parente avea saputo di aver lui udito dire che il Campanella diceva,
«non vi ca (_int._ non vedi che) adorano uno impiso»; dichiarò che non
avea saputo questo fatto da fra Scipione Politi, poichè costui non era
venuto in casa sua, ma nello studio di suo figlio, separato dalla casa
sua; aggiunse che l'aveva poi comunicato a Marcello Contestabile suo
nipote.--Marcello Contestabile di Guardavalle raccontò ne' seguenti
termini un discorso avuto con sua zia la Sig.^{ra} Santaguida, a tempo
della persecuzione fatta da Carlo Spinelli e dall'Avvocato fiscale;
essa disse, «o Marcello figlio mio, secondo si intende questo fra
Thomaso che vene a S.^{to} Nicola alli monaci è peccato non me e
abrusciato, et io le disse S.^{ra} zia che cosa passa, et la detta
mi rispose dicendomi figlio mio io tremo de dirti questi paroli, et
raggionandomi disse credi Marcello che uno homo da bene che sta sotto
parte illoco, nominando il nome ma non mi si ricorda come lo nominò ma
per quanto mi ricordo mi pare che lo chiamò mastro Jacopo, et disse che
quello l'havea detto che lo detto fra thomaso solia venire in S.^{to}
Nicola monesterio de dominichini di detta terra, et illà con li monaci
facia banchetti et dopo si faciano portare uno leuto et sonavano et
detti monaci et altri seculari ballavano et che... (un luridume da non
riportarsi)... et detta donna me lo dicia con gran modestia sugiungendo
che lo detto pure li disse che lo detto fra Thomaso raggionando di
Jesu Christo disse, dati credito ad uno che morio impiso, et di questa
parola spaventati io et la detta mia zia dicendone Jesu Jesu Vergine
maria mi levai» etc.--Jacopo Squillacioti di S.^{ta} Caterina (il
mastro Jacopo della Santaguida) negò assolutamente di aver mai saputo
e detto alla Sig.^{ra} il lurido fatto che la modesta e pia donna
riferiva, e cosi pure qualche concetto eretico che il Campanella e suoi
compagni avessero in qualunque modo espresso: unicamente attestò avere
udito dire «che era venuto a S.^{to} Nicola delli dominichini uno fra
Thomaso, et diciano li genti di S.^{ta} Catherina che non guardava hom'
in faccia ma sempre si guardava la ungnia».--Fu questa l'Informazione
supplementare di Squillace, dalla quale sicuramente non emerse nulla
di nuovo, e se qualche aneddoto venne in luce, esso fu smentito sul
nascere; può dirsi di più che rimase quasi sempre infruttuosa la
ricerca della provenienza de' fatti in quistione, e sopratutto la
ricerca delle persone presenti allorchè essi erano stati enunciati,
oggetto principale dell'Informazione, per quanto dalle interrogazioni
ivi registrate è lecito argomentare.


II. Possiamo ora occuparci del processo ripetitivo, per lo quale, come
abbiamo fatto avvertire più sopra, la Corte fin dal 31 luglio 1600
aveva già emanati i suoi decreti. E gioverà innanzi tutto dire in che
consistevano le ripetizioni, e in qual modo vi si procedeva secondo la
giurisprudenza del tempo. Le ripetizioni concernevano essenzialmente
i testimoni del fisco. Il Procuratore fiscale, che compariva in dati
momenti senza assistere alle sedute della Corte, facendo lo spoglio
degli esami raccolti compilava tanti Articoli, capi, o posizioni,
esprimenti tanti fatti o detti incriminabili da' quali emergeva il
delitto onde si intitolava la causa. Questi articoli egli redigeva
ed esibiva per far constare chiaramente il delitto, e in ciascuno di
essi poneva, offriva, e voleva e intendeva provare ciascun fatto o
detto, ciò che per altro era stato ed era vero, pubblico, notorio,
pubblica voce e fama, e però egli, il fiscale, protestava di non
ritenersi costretto ad una prova superflua! Presentando gli articoli
conditi di un simile noioso formulario, faceva istanza e chiedeva che
si venisse alla ripetizione; e la Corte, veduti gli atti e l'istanza
del fiscale, emanava un Decreto, col quale ordinava la consegna di
una copia degli articoli all'imputato, e stabiliva un termine entro
il quale l'imputato dovea formare e produrre gl'Interrogatorii da
farsi a' testimoni del fisco sopra quegli articoli, ed anche dimandare
un Avvocato e procuratore, dichiarando che in contrario si sarebbe
proceduto alla ripetizione de' testimoni senza interrogatorii; per
solito la Corte deputava pure fin d'allora, _ex nunc prout ex tunc_,
un Avvocato e difensore di ufficio quando prevedeva che l'imputato non
l'avrebbe chiesto da sè, ed infine ordinava di notificare ogni cosa
all'imputato. Nello stesso giorno il Mastrodatti faceva la consegna
degli articoli e la notificazione del termine con la deputazione
dell'Avvocato, e ne redigeva un atto in presenza di quattro testimoni,
ordinariamente carcerati e carcerieri. Quindi l'Avvocato presentava
a nome dell'imputato gl'interrogatorii da rivolgersi a' testimoni
contro gli articoli, e faceva istanza ed umilmente chiedeva che i
testimoni prima di esaminarsi su ciascuno articolo rispondessero
a quegl'interrogatorii, in contrario con riverenza protestava.
Quest'interrogatorii erano preceduti rutinariamente da alcune
ammonizioni che si doveano fare a ciascun testimonio, cioè, di essere
obbligato a dire la pura e semplice verità, sotto pena di scomunica ed
altre molte e gravi pene, di tener presente che si commetteva falsità
non solo col proferire il falso ma anche col tacere il vero, e che
commettendo, Dio non voglia, la falsità, era sempre tenuto a restituire
la fama. E non meno rutinariamente esigevano che ciascun testimone
dicesse il suo nome, cognome, padre, madre, patria, esercizio, a spese
di chi vivesse, quanto possedesse, se fosse solito confessarsi e
comunicarsi, e presso quale confessore e in quale chiesa e da quanto
tempo l'avesse fatto, se fosse stato mai scomunicato, e da quanto tempo
e per quale causa: e poi, se conoscesse l'imputato, da quanto tempo e
per quale causa, se gli fosse amico o nemico e perchè, se ci avesse mai
conversato intrinsecamente e quale opinione ne avesse circa le cose
della fede; e poi, venendo a ciascuna imputazione, se avesse udito
qualche volta parlare l'imputato del tale argomento e in che senso, e
con quali parole, e in qual luogo, e in qual parte di quel luogo, e
con quale occasione, e in presenza di chi, e quante volte, e in quale
ora, giorno, mese ed anno, e se determinatamente o d'improvviso, e se
con assenso o con dissenso del testimone, e in caso di dissenso, con
quali parole questo fu espresso e quali risposte ebbe etc. etc. etc. Ci
rimangono saggi d'interrogatorii che costituiscono veri monumenti di
fecondità in sottigliezze, e sempre allo scopo di far trovare qualche
contradizione ne' testimoni, o di stancare interroganti ed interrogati
e prender tempo. Era poi anche in facoltà dell'Avvocato di aggiungere
qualche speciale interrogatorio, oltre quelli calcati sugli articoli,
e perfino d'indicare qualche persona speciale cui quell'interrogatorio
aggiunto dovea rivolgersi: d'altra parte, è quasi superfluo il dirlo,
i Giudici non mancavano quasi mai di rivolgere di tempo in tempo a
ciascun testimone, oltre la detta doppia serie di dimande, qualche loro
particolare dimanda d'ufficio.

In tal modo fu iniziato e condotto anche il processo ripetitivo nella
causa del Campanella e socii. Procuratore fiscale fu il Reverendo
Andrea Sebastiano, fiscale della Curia Arcivescovile, che trovasi
nella massima parte delle scritture processuali di quel tempo, avendo
poi avuto a successore nel 1603 il Rev.^{do} Silvestro Santorello:
egli diede gli articoli soltanto contro ciascuno de' tre imputati
principali, il Campanella, il Pizzoni e fra Dionisio, incolpandoli
tutti egualmente «de haeretica pravitate et atheismo»; ma vedremo
che durante la causa svanì l'ateismo e rimase unicamente l'eretica
pravità. Il tribunale emanò tre Decreti, uno per ciascuno de' tre
imputati, assegnando il termine di soli 4 giorni perchè si producessero
gl'interrogatorii, ma veramente tollerò che questi fossero prodotti
fin 16 giorni dopo, come si vede accaduto appunto pel Campanella,
essendo stati gl'interrogatorii in nome suo presentati il 16 agosto.
Nel Decreto relativo al Campanella si disse: «atteso che fra Tommaso
Campanella simula o sembra simulare la pazzia, i Signori giudici,
senza deliberar nulla sopra di ciò, perchè la giustizia non patisca
danno in qualche parte e per abbondanza di cautela, decretarono che ad
esso fra Tommaso Campanella venga assegnato d'ufficio come si assegna
per curatore ed avvocato il Rev.^{do} Attilio Cracco»[185]. Questo
medesimo Cracco fu assegnato per Avvocato e difensore al Pizzoni e a
fra Dionisio, nel caso in cui costoro non avessero da loro medesimi
chiesto un Avvocato e procuratore. Per quanto ci consta da diverse
scritture di quel tempo, il Rev.^{do} Attilio Cracco era l'avvocato
officioso quotidiano nelle cause del S.^{to} Officio in Napoli, salvo
l'assistervi o no con la debita diligenza; così nel corso di questo
medesimo processo troviamo una supplica di fra Dionisio a' Giudici
perchè provvedessero a far andare presso di lui il Cracco che non
ci andava. Da una nota confidenziale, scritta da costui a piè di un
atto del processo, rilevasi che egli era compare del Mastrodatti
Prezioso e certamente coll'avvocatura di officio faceva la sua carriera
nella Curia: difatti in una scrittura del 23 luglio 1615, durante
l'Arcivescovato del Card.^l Carafa, essendo Curzio Palumbo Vicario
delle Monache e Commissario delle cause di S.^{to} Officio, troviamo il
Rev.^{do} Attilio Cracco Canonico ed Avvocato fiscale.

Ecco ora con la maggior brevità possibile i particolari degli articoli
e degl'interrogatorii dati per ciascuno de' tre inquisiti, contro i
quali si fece il processo ripetitivo.--Contro il Campanella furono
dati dal fiscale non meno di 20 articoli, riproducendo anche tutte le
scritture, atti e processi formati contro di lui[186]. Co' 20 articoli,
corredati delle formole sopra esposte, il Fiscale volle provare avere
il Campanella detto apertamente e pubblicamente: che non c'era Dio, che
la Trinità era una chimera, che Cristo non era Dio ma un pezzente, che
l'ecclissi del sole a tempo della passione di Cristo non fu miracolosa
nè universale, che la risurrezione di Cristo non fu vera e il corpo di
lui, al pari di quelli di certi legislatori, fu rubato, che Maria non
rimase vergine, che nell'Eucaristia non c'era il corpo di Cristo ed
essa fu istituita per semplice commemorazione, che i Sacramenti erano
invenzioni di uomini ed istituiti per ragione di Stato, che i miracoli
di Cristo non erano veri ed ognuno potea farne, e Mosè passò il mare
profittando del flusso e riflusso e Lazzaro risuscitò per finzione,
che era una stoltezza adorare il crocifisso, che non c'era purgatorio
nè paradiso nè inferno e le anime tornavano nel nulla, che l'anima
era mortale, che non c'erano i diavoli, che egli volea predicare una
nuova legge migliore di quella de' Cristiani, che il peccato era tale
in quanto così credevasi dagli uomini e non era peccato quello che
commettevasi di nascosto, che gli atti venerei non erano peccati e
la Chiesa avea fatto male a proibirli, che le Sacre Scritture erano
invenzioni degli Apostoli ad oggetto d'introdurre la fede di Cristo,
che era lecito cibarsi di carne in ogni tempo, che egli sapeva fare
miracoli o poteva farli, che la legge de' turchi era migliore di quella
de' Cristiani. Come si vede, egli presentò i fatti emersi dai varii
processi, accogliendoli con tutta la larghezza possibile e così come
erano stati deposti. Naturalmente anche l'Avvocato riprodusse le cose
medesime per conto suo negl'interrogatorii con tutto il formulario
d'uso; nè aggiunse alcuna cosa di proprio per combattere le accuse, ma
invocò la dottrina, bontà e religione de' Signori della Corte, notando
che in simili casi conveniva che essi fossero non solo giudici ma anche
patroni per indagare la verità[187].

Quanto al Pizzoni, gli articoli del fiscale contro di lui furono
solamente 4, volendo provare aver lui detto, creduto ed anche tentato
d'insegnare, che non c'era Dio, che non c'era Trinità, che era vano
astenersi dal mangiar carne, ed in complesso tutte le eresie che si
pretendevano dette dal Campanella, per lo che aveva con costui una
cifra secondo la quale si scrivevano scambievolmente. E l'Avvocato si
attenne alle stesse cose negl'interrogatorii, e per l'articolo in cui
si affermava avere il Pizzoni professate tutte le eresie del Campanella
volle che ogni testimone dicesse: se conosceva che il Pizzoni e il
Campanella fossero familiari tra loro e da quali segni l'avea rilevato,
se aveva mai udito costoro parlare di cose contro la fede e di quali
cose, dove, e quando, e alla presenza di chi, e in modo aperto e chiaro
o piuttosto oscuro, se aveva poi riferito ad altri queste cose, e a
chi, e dove, e quando, e con quale occasione e a quale scopo, se infine
conosceva quali fossero le opinioni del Campanella e che le esponesse
etc. etc. Diede dippiù altri interrogatorii aggiunti, volendo che ogni
testimone dicesse se era stato persuaso da qualche giudice a deporre
contro il Pizzoni, segnatamente perchè il Pizzoni avea deposto contro
di lui, se sapeva che fossero state scambiate lettere tra il Pizzoni e
il Campanella, e cosa esse contenessero e in quale carattere fossero
scritte, se sapeva che il Campanella e fra Dionisio avessero minacciato
il Pizzoni e procurate fedi testimoniali false, se sapeva che il
Pizzoni fosse stato lettore e predicatore di buone dottrine cattoliche
o si fosse mai detto il contrario, se infine esso testimone era stato
mai inquisito, processato e condannato, e da chi, e dove e per quale
causa.

Da ultimo, quanto a fra Dionisio, vi furono per parte del fiscale
17 articoli, volendo provare aver lui detto, creduto ed insegnato
o tentato d'insegnare: che non c'era Dio, che la Trinità era una
chimera... insomma quasi tutte le cose affermate contro il Campanella,
aggiuntovi il fatto osceno in dispregio dell'ostia che sarebbe stato da
esso fra Dionisio perpetrato, e con la conchiusione dopo tanto lusso di
articoli, che aveva tenuto, creduto, insegnato o tentato d'insegnare
tutte e ciascuna delle opinioni eretiche le quali si pretendeva aver
tenute, credute e insegnate il Campanella. È superfluo dire che
l'Avvocato seguì puntualmente il fiscale negl'interrogatorii; ma
bisogna notare che aggiunse un'altra quantità d'interrogatorii divisa
in tre gruppi, l'uno circa la persona del Pizzoni, l'altro circa la
persona del Lauriana, il terzo circa la persona del Soldaniero. E col
1^o volle che fosse il Pizzoni interrogato sopra più fatti: se esso
Pizzoni fosse stato amico o nemico di fra Dionisio ed essendogli nemico
come mai avesse fra Dionisio potuto comunicargli tanto gravi eresie,
se fosse vero l'aver rubato molti scritti e prediche di fra Dionisio
e l'essersene costui lagnato co' superiori, se avesse fatto fuggire
fra Gio. Battista di Polistina quando fra Dionisio cercava di farlo
carcerare per l'omicidio del P.^e Ponzio, se fosse stato mai cacciato
da qualche convento in cui fra Dionisio era Priore, se nel luglio 99
incontratosi con fra Dionisio in Stilo avesse cercato di parlargli e
fra Dionisio vi si fosse rifiutato, se avesse dimorato più a lungo col
Campanella ed avutane maggior conoscenza in paragone di fra Dionisio.
Col 2^o gruppo d'interrogatorii volle che il Lauriana dicesse: se
esso Lauriana avesse cercato di vendere a fra Vincenzo Perugino certi
scritti, che fra Vincenzo non volle comprare avendo conosciuto che
apparteneano a fra Dionisio, se fosse stato mai suddito di fra Dionisio
e da costui pubblicamente gastigato ed espulso dal convento per mala
vita, se nel convento di Pizzoni ci fosse un passaggio per la cella del
Vicario volendo andare alla cucina, se in Pizzoni fra Dionisio fosse
stato prima o contemporaneamente al Campanella. Infine col 3^o gruppo
d'interrogatorii volle che il Soldaniero dicesse: se esso Soldaniero
fosse andato nella camera in cui trovavasi carcerato fra Dionisio per
parlargli, avendogli pure fatto visite, assistenza, spese, e prestato
danaro quando fra Dionisio era infermo, allo scopo di conciliarsi con
lui; inoltre se nelle carceri gli avesse rivelate le deposizioni fatte
contro di lui, e divulgate alcune circostanze deposte nel suo esame.

Evidentemente gl'interrogatorii aggiunti, pel Pizzoni e per fra
Dionisio, venivano da costoro medesimi suggeriti all'Avvocato
con lo scopo di prepararsi il terreno alle difese. E così pel
povero Campanella, che continuava a mostrarsi pazzo, non vi furono
interrogatorii aggiunti, ed invece di essi vi furono le semplici
raccomandazioni a' Signori Giudici.

Il 21 agosto 1600, nella seduta medesima in cui si faceva l'esame
informativo di Valerio Bruno, procedevasi alle ripetizioni, cominciando
da quelle contro il Campanella, che furono in breve esaurite nelle
sedute successive del 22 e 23, aggiungendovisi una ripetizione
supplementare il 29 agosto. Furono ripetuti il Soldaniero, il Pizzoni,
il Lauriana, il Petrolo, fra Pietro di Stilo; la ripetizione del
Petrolo ebbe bisogno di un supplimento, per chiarire alcuni punti su'
quali non parve di avere avute risposte da poter contentare[188]. Ad
ognuno di costoro si lesse dapprima, con le debite ammonizioni, ogni
singolo interrogatorio, di poi ogni singolo articolo «della parte
avversa», a meno che la persona del testimone non vi fosse del tutto
estranea, aggiuntavi pure qua e là qualche dimanda _ex officio_; e
però nel processo si trovano inserti prima gl'interrogatorii con le
ammonizioni e poi gli articoli, secondo l'ordine col quale doveano
rivolgersi al testimone per averne le risposte. I lettori intenderanno
che noi non potremmo in alcun modo riferire tutta la serie di queste
risposte, le quali veramente dànno una quantità notevole di notizie,
onde simili atti processuali riescono sempre di una grande importanza:
moltissime notizie, da essi rilevate, hanno servito di base alla nostra
narrazione degli antecedenti del Campanella, della congiura ed anche
de' primi atti del processo; qui terremo conto essenzialmente delle
cose che riflettono i punti più cospicui della causa.

Il Soldaniero (21 agosto) dovè dichiarare che era stato una volta
scomunicato «per havere preso alcuni ribelli in chiesa» senza dire se
fosse stato assoluto; e vedremo che pure di questo fatto si servì poi
fra Dionisio per infermare la validità della sua testimonianza. Del
rimanente continuò a dire che non aveva mai conosciuto il Campanella,
non aveva mai ricevuta da lui alcuna lettera, e ne aveva avuta
relazione solo da fra Dionisio, dal Pizzoni e da fra Pietro di Stilo,
il quale ultimo non gli disse nulla del Campanella contro la fede,
mentre i due primi gli dissero che il Campanella era uomo d'importanza,
poteva fare miracoli, poteva risuscitar morti (null'altro che questo).
Continuò a dire che mandò il Priore di Soriano a rivelare ogni cosa al
Visitatore, e dichiarò di non avere avuta niuna promessa per deporre
nel modo in cui depose. Naturalmente, non avendo mai conosciuto il
Campanella, non potè attestare niuna delle cose affermate ne' 20
articoli del fiscale.--Il Pizzoni (22 agosto) ripetè le solite cose.
Aveva conosciuto il Campanella da lungo tempo, ma solo quella volta
che lo vide in luglio, lo udì parlare di eresie. Accennò (abbastanza
goffamente) alle argomentazioni con le quali si era sforzato di
ribattere le eresie che il Campanella aveva proferite, ed alla lettera
che scrisse al P.^e Generale, con l'opera del Lauriana, per informarlo
di tutto; aggiunse che non potè fare altra dimostrazione contro di
lui, perchè egli era accompagnato da tre o quattro banditi, come il
Caccia e Marcantonio Contestabile; (sempre senza riguardo alcuno verso
il Campanella e solo intento a salvare sè medesimo con la menzogna).
Confermò che al suo esame innanzi a fra Cornelio era presente D. Carlo
Ruffo, che quell'esame conteneva molti errori e non gli era stato
letto come era stato scritto. Sopra ciascuna eresia, che avrebbe
udita dal Campanella, molto spesso si riportò agli esami fatti, non
ricordandosi bene (circostanza da notarsi), ed infine aggiunse che
quando parlava degli esami fatti, intendeva parlare di quelli fatti in
Napoli, perchè in quelli fatti in Calabria ci erano «mille errori del
scrittore».--Il Lauriana (nella seduta medesima) disse che conosceva il
Campanella da due anni, e pel rimanente non fece che risponder sempre,
«vedete al mio esamine che sarà llà,.. non mi posso ricordare,.. vedete
llà all'esamine». Aggiunse infine, «queste cose le mantenerò in faccia
à fra Dionisio et à fra Thomaso»; ed allora i Giudici gli fecero
l'obiezione naturalissima, «come potrà sostenere quelle cose che dice
di non sapere e non ricordare»; ed egli, «io lo sostenerò perchè essi
l'hanno detto»; e i Giudici, «quali sono queste cose che i predetti
dissero»; ed egli, «stanno scritte all'esamine, vedetelo llà»; e i
Giudici, «dica le cose che si contengono in detto esame»; ed egli,
«io non me ne ricordo»! Confermò del pari che a Monteleone D. Carlo
Ruffo fu presente all'esame; e poi, venendo agli articoli, sul primo,
cioè che il Campanella aveva detto non esservi Dio, rispose, «vedete
l'esamine che mi pare che lo dica, et esso havea un libro in mano,
che trattava de Deo, et si chiama Plinio»; su tutti gli altri rispose
che non se ne ricordava, appellandosi continuamente al suo esame.--Il
Petrolo (23 agosto) disse di avere conosciuto il Campanella prima che
fosse frate, «che esso era prevetello», e poi negli ultimi due anni.
Quindi, molto diffusamente, citando una quantità di circostanze,
confermò ciascuna delle cose che avea deposte contro di lui. Narrò le
pressioni sofferte la prima volta da parte di fra Cornelio per farlo
deporre, la lettura fattagli privatamente dell'esame del Pizzoni
per avere da lui le deposizioni medesime; e poi la presenza di D.
Carlo Ruffo, del Capitano di campagna e di molti birri, nell'esame
di Gerace, le pressioni ivi sofferte da parte di fra Cornelio per
fargli sottoscrivere un esame che conteneva più di quello che aveva
detto, l'andata alla stanza della tortura con lo Sciarava, le violenze
di costui che prendendolo pel petto l'obbligò a sottoscrivere; onde
si rimise all'esame fatto in Napoli «perchè quello di Calabria non
fu scritto come egli diceva». Intanto venne ripetendo le eresie che
il Campanella gli aveva espresse in discorsi confidenziali, negando
quelle non deposte da lui e taluna malamente scritta in Calabria,
come pure le diverse esagerazioni accumulate su quelle da lui deposte
(che il fiscale aveva tratte dalle deposizioni del Caccia, del Pisano
etc.).--Fra Pietro di Stilo (nella seduta medesima) dicendo che si
era confessato al P.^e Gonzales, aggiunse che costui faceva a tutti
belle esortazioni, ed andava spesse volte dal Campanella e gli faceva
«brutte riprensioni». Narrò la sua conoscenza col Campanella «da che
era figliolo», accennando anche ad un progetto di matrimonio tra un
fratello suo ed una sorella del Campanella, che poi non si concluse
«per questi romori». Confermò di non aver mai udito il Campanella
parlare contro la fede, e di averlo solamente dovuto rimproverare
come superiore del convento, ammonendolo che non praticasse tanto con
secolari. Espose assai minutamente le circostanze verificatesi nel suo
primo esame in Squillace, ricordando le dimande fattegli e le risposte
date, e il non essersi voluto scrivere il processo verbale, e l'essere
stato minacciato di consegna alla Corte Regia da parte del Visitatore e
più ancora di fra Cornelio, presenti i birri della Corte; poi le cose
medesime verificatesi in Gerace, presenti il Capitano di campagna e i
suoi soldati, e l'avergli fra Cornelio mostrati certi ferri co' quali
voleva fargli stringere il petto, e d'altra banda l'avergli promesso
libertà se dicesse di avere udito eresie dal Campanella, aggiungendo
che fra Cornelio aveva preso molti danari da' conventi ed altre robe
da' particolari per fornirne gl'inquisiti, e intanto nessuno avea
ricevuto nulla. Intorno alla Trinità, a' Sacramenti ed in ispecie
all'Eucaristia, e così pure intorno alle Sacre Scritture, non solo
negò che il Campanella ne avesse parlato male, ma attestò che alle
volte disputando con dottori e con Cappuccini, alle volte predicando
in Chiesa, ne aveva parlato sempre bene; del resto egli disse, «io non
mi intendo di queste cose perchè son ignorante». Intorno all'ecclissi
avvenuta a tempo della morte di Cristo rispose, «sò che il Campanella
parlava di stelle, de lune, di clisse, è di terremoti et di tutte
le scientie del mondo, è mi parevano cose curiose, è buone, mà dela
oscuratione fatta à tempo dela morte di christo non ne sò niente»:
intorno a' miracoli poi, pur negando che il Campanella avesse parlato
de' miracoli di Cristo come era stato malamente scritto in Gerace,
ammise che una volta, mentre il Campanella diceva che le opere sue
si potevano comprovare con miracoli, avendo taluno, che forse era il
Prestinace, argomentato in materia di miracoli, il Campanella mostrò
di sprezzare quegli argomenti ed accennò ad una certa «elevatione di
mente». Passando agli articoli, fin dal 1^o disse, «poi che il fiscale
dice questo, et è comprobato dalla Santa Chiesa che il Campanella è
tenuto per uno heretico, vi dico che per l'avenire lo voglio tenere
anchora io per heretico, ma però di queste cose contenute in questo
articolo non ne sò niente»; ed egualmente per tutti gli altri articoli
disse non saperne niente.--Infine il Petrolo (29 agosto) fu esaminato
di nuovo, per dare chiarimenti intorno ad alcune cose che aveva
ammesso per dette dal Campanella ovvero enunciate in modo confuso, e
segnatamente intorno alle superstizioni che c'erano nell'Eucaristia,
intorno all'ecclissi a tempo della morte di Cristo, intorno all'essere
stato il sacramento dell'Eucaristia istituito per ragione di Stato. Ed
egli, negando quest'ultima proposizione, che disse di non intendere ed
attribuì totalmente a fra Cornelio, negando che il Campanella avesse
mai parlato di quella tale ecclissi ed ammettendo invece che avea detto
essere il sole calato alcune miglia, dichiarò di non ricordarsi delle
superstizioni che c'erano nell'Eucaristia. Ed aggiunse: «per l'amore
di Dio, le Signorie Vostre non habbiano tanto riguardo alle cose fatte
in Calabria, perchè le cose furono fatte tanto imbrogliate, è sotto
sopra che non si potria dire»; e ricordò avere un prete di Gerace detto
che loro frati si cavavano gli occhi l'un l'altro, ed essere stati dal
Mesuraca dati 100 scudi a fra Cornelio perchè processasse mortalmente
il Campanella ed egli potesse così guadagnarsi il taglione dalla Corte
Regia, narrando di nuovo tutte le circostanze della fuga e cattura sua
insieme col Campanella per opera del Mesuraca.

Se ci facciamo a valutare i risultamenti delle ripetizioni contro il
Campanella, troviamo le seguenti cose. Riuscirono: assai meno gravi
e quasi insignificanti le testimonianze del Soldaniero, già prima
poggiate essenzialmente sopra vaghi detti e congetture; abbastanza
chiaramente false le deposizioni del Lauriana, già dettate da
suggestioni ed ingrossate per bestiale scempiaggine; pur sempre
molto gravi e compromettenti le testimonianze del Pizzoni, già date
senza dubbio per doppiezza e speranza d'impunità; non meno gravi,
comunque attenuate di molto, le testimonianze del Petrolo, già rese
per eccessiva timidezza piuttosto che per malvagità; sempre più
favorevoli e giustificative da ogni lato le testimonianze di fra Pietro
di Stilo, già prima niente affatto lievi per avveduto apprezzamento
de' tempi, de' luoghi e delle circostanze. Riuscirono poi unanimi le
dichiarazioni di mala condotta de' primi processanti da parte dei
frati d'ogni colore, ma se esse giungevano ad infondere gravi dubbî
sulla legittimità del processo fondamentale di Calabria, non potevano
giungere a scuotere la convinzione che molte eresie aveano dovuto
essere manifestate dal Campanella almeno ne' discorsi confidenziali,
poichè, mentre p. es. il Pizzoni diceva che «mille errori del
scrittore» erano corsi nel suo esame, e il Petrolo diceva che «le cose
furono fatte sotto sopra», in fondo entrambi confermavano in tutto o in
gran parte le loro testimonianze precedenti.

Ecco ora i particolari degli esami ripetitivi contro il Pizzoni. Essi
si fecero immediatamente dopo quelli del Campanella ed occuparono due
sedute, il 23 e 24 agosto: furono ripetuti, il Soldaniero (in due
volte), il Lauriana, Valerio Bruno e il Petrolo.--Il Soldaniero disse
di avere già conosciuto il Pizzoni qualche tempo prima che confermasse
le eresie di fra Dionisio, perchè veniva spesso in Soriano; che
quando vi venne con fra Dionisio, in due giorni successivi confermò
le eresie che costui diceva, cioè che il Sacramento dell'altare non
era vero, che egli se n'era servito per un uso osceno, e che i sette
peccati (_sic_) erano stati fatti per ragion di Stato, rimettendosi
in tutto il resto all'esame primitivo giacchè non se ne ricordava.
Persistè nell'asserire che ne avvertì il Priore ed il Lettore fin dal
1^o giorno, e poi, nel 2^o giorno, procurò che que' frati fossero
cacciati dal convento, affermando che il Pizzoni avea detto potersi
sempre mangiar carne, ed avea lodato il Campanella e le sue opinioni
eretiche, ond'egli congetturò che tutti e tre que' frati si avessero
comunicate le eresie tra loro. Inoltre confermò di aver narrato il
fatto a fra Domenico e poi a fra Gio. Battista di Polistina, e dietro
dimanda d'ufficio, attestò che credeva costoro uomini da bene; disse
di non conoscere lettere scambiate tra il Pizzoni e il Campanella,
e infine dovè dichiarare di essere stato processato, secondo lui
falsamente, per l'omicidio di due fratelli Soldaniero parenti suoi.
Quanto alle cose contenute negli articoli del fiscale, disse che non
si ricordava se il Pizzoni avesse o no parlato dell'esistenza di Dio e
della Trinità, che avea parlato del potersi mangiar carne ogni giorno,
e che egli riteneva avergli discorso di eresie in que' due giorni per
insegnargliele!--Il Lauriana disse di aver conosciuto il Pizzoni da
oltre sei anni, non averlo mai visto fare o dire qualche cosa contro la
fede, e solo averlo udito dire, a proposito di un libro del Campanella,
che alcune delle cose scritte in quel libro gli parevano buone ed altre
no, mentre esso Lauriana non le riteneva buone, perchè erano contro S.
Tommaso, non già contro la fede. Confermò che in Pizzoni il Campanella
e il Pizzoni stettero insieme sette giorni, e che quando il Campanella
parlò di eresie era presente anche fra Dionisio. Disse di non sapere
che il Pizzoni avesse professate le eresie del Campanella, di sapere
che costoro si scrivevano ma di non averne mai visto i caratteri,
infine di non essere a sua notizia che alcuno avesse minacciato il
Pizzoni e procurato fedi false contro di lui. Quanto alla materia degli
articoli del fiscale, sopra ognuno di questi rispose o di non averne
udito nulla o di non ricordarne nulla.--Valerio Bruno disse di aver
conosciuto il Pizzoni in Soriano, ma non avergli mai parlato; di aver
udito dal Soldaniero, quando lo fece cacciare dal convento insieme con
fra Dionisio, che avea detto mille cose contro la fede, ma non avere
saputo nulla di particolare. Non avea saputo nemmeno che avesse detto
potersi mangiar carne ogni giorno. Così non potè dare alcuna notizia
precisa, e su ciascuno articolo rispose non saperne nulla.--Finalmente
il Petrolo disse di aver conosciuto il Pizzoni da due anni, ma non aver
mai trattato con lui, di sapere che il Campanella era stato in Pizzoni
e che gli era amico, onde si visitavano l'un l'altro; di non potere
dir nulla delle opinioni di lui non avendolo trattato. Confermò che
alla Roccella, un giorno o due prima della cattura, avea visto lettere
venute al Campanella e scritte in cifra, che il Campanella gli disse
provenienti dal Pizzoni e da non potersi intendere che tra loro due;
dietro dimande d'ufficio, disse dapprima che la lettera in cifra non
avea sottoscrizione, di poi che non sapeva se avesse sottoscrizione e
che egli non la lesse nè poteva leggerla; (si ricordi che di questa
cifra esisteva in processo la sola sottoscrizione del Pizzoni e del
Campanella, vergate di mano di fra Cornelio). E in somma non potè dare
la benchè menoma notizia delle cose che s'imputavano al Pizzoni, e fu
negativo in tutto, dicendo che avea solo congetturato che il Pizzoni e
il Campanella fossero amici intrinseci, perchè si scrivevano in cifra
tra di loro.

Come si vede, le prove testimoniali contro il Pizzoni si andavano
attenuando in un modo sensibile. Il Petrolo e Valerio Bruno non
attestavano quasi nulla, mentre il fatto della cifra, deposto
e conformato dal Petrolo, poteva riguardare la congiura, non
l'eresia, e quel tanto che in genere deponeva Valerio Bruno si
fondeva nella deposizione del Soldaniero. Il Lauriana disimpegnavasi
straordinariamente bene, con ogni probabilità guidato dallo stesso
Pizzoni attenuando le cose già deposte. Il Soldaniero medesimo
attestava meno del solito, e d'altronde, continuando a sostenere
che il Pizzoni era stato presente in due giorni a' colloquii di fra
Dionisio con lui e che egli era ricorso al Priore e al Lettore contro
quei frati, cose, specialmente in riguardo al Pizzoni, già ben provate
false, non poteva punto conciliarsi la fede de' Giudici. E si può dire
che il peggior testimone rimasto a carico del Pizzoni era il Pizzoni
medesimo, che con le sue tante rivelazioni contro il Campanella, e
col fatto, già ben provato falso, dell'essere ricorso contro costui
al P.^e Generale e al P.^e Visitatore, infondeva grave sospetto che
veramente avesse trattato di eresie col Campanella, egli che n'era
stato uno degli amici più intimi ed operosi; di tal che la furberia e
doppiezza che gli erano naturali, eccitate dalle pressioni inique di
fra Cornelio, mentre tanto nocquero al Campanella, nocquero non meno a
lui medesimo.

Ci rimane a dire degli esami ripetitivi contro fra Dionisio. Essi si
fecero il 26, 28 e 29 agosto, aggiungendovisi anche una ripetizione
supplementare nell'ultima seduta. Furono esaminati il Bruno, il
Soldaniero, il Pizzoni, il Lauriana, il Petrolo e fra Pietro di
Stilo.--Valerio Bruno (26 agosto) disse di conoscere fra Dionisio
da un anno, di non avere mai parlato con lui, e di crederlo un uomo
dabbene e buon cristiano (singolare credenza mentre andava di nuovo
a farlo dichiarare eretico). Attestò di avere solamente udito dal
Soldaniero che avea detto «alcune cose contra Dio,... non so che per
raggione di Stato, e contra li sette peccati mortali»; inoltre, nel
corso degl'interrogatorii, disse di avere anche udito dal medesimo
Soldaniero, quando due volte ricorse al Priore e al Lettore contro
di lui e del Pizzoni, che avea parlato della Trinità, dell'abuso
osceno dell'ostia, del disegno di predicare una nuova legge; per
altro dichiarò pure che in que' giorni avea predicato in Soriano,
«et li gentilhomini dicevano che predicava buono, mà io non sò quel
che si dicesse, mà mi pareva che parlasse de le cose di missere
Domine dio, è che parlasse bene». Aggiunse di aver veduto discorrere
tra loro alla tavola fra Dionisio e il Soldaniero, ma discorrevano
piano, e non sapeva quel che dicessero, nè sapeva «che tra di loro
venessero a parole»; di poi dichiarò che fra Dionisio non avea
mangiato carne, e avea detto al Soldaniero «Signore, cammarati,
perchè non è peccato mangiare caso, ova, e latticini, e niente
più occorse» (chiare contradizioni con le deposizioni precedenti).
Dimandato d'ufficio se avesse veduto in Napoli il Soldaniero da
che trovavasi in carcere, rispose di averlo veduto due volte e di
averne solamente avuto conforto, con dire che stesse allegramente, e
di averlo poi veduto anche dopo di essere stato esaminato ma senza
parlargli. Infine, venendo agli articoli del fiscale, riaffermò le
cose dette negl'interrogatorii, e di nuovo attestò di non sapere che
fra Dionisio avesse detto esser lecito il mangiare carne ogni giorno
indifferentemente.--Il Soldaniero (nella stessa seduta) confermò
di aver veduto a Soriano per la prima volta in giugnetto, cioè in
luglio, fra Dionisio che gli «fece de basciamano» e rimase a Soriano
due giorni, aggiungendo di non averlo mai più veduto in sèguito se
non carcerato, a Gerace, a Monteleone, sulle galere, e poi in Napoli,
dove trovandosi lui ammalato a letto, esso Soldaniero lo avea guardato
dalla porta, senza entrare nella camera. E ripetè ciascuno de' detti
e fatti di fra Dionisio contro la fede, presente ed accettante il
Pizzoni (poichè ciascuno interrogatorio gli dava modo di ricordarsene),
e disse che que' frati aveano definito «impressioni di testa» i voti
e le divozioni, come pure i miracoli, che aveano detto essere stati
istituiti i Sacramenti dalla Chiesa «ad trahendum ad se»; del resto,
nel ripetere ciascuno de' capi da lui deposti, per maggior cautela
si riferì sempre al primo esame, dicendo anche una volta, «non esca
da queste carceri se quanto ho detto nel mio esamine non è vero». E
confermò di averne avvertito il Priore ed il Lettore, ma dovè non di
meno attestare che fra Dionisio, ad istanza di un Rutilio di Pucci,
predicò, e a lui parve che predicasse dottrine cattoliche (non era
stato dunque cacciato a sua istanza dal convento). Non mancarono poi i
Giudici di rivolgergli gl'interrogatorii dati espressamente per lui,
se cioè avesse visitato, assistito, cibato con le mani sue e fornito
di danaro a prestito fra Dionisio, mentre costui trovavasi infermo,
per riconciliarsi con lui: il Soldaniero rispose negativamente su
tutto. Infine, su ciascuno articolo, non occorre dire che ripetè quanto
negl'interrogatorii avea dichiarato.--Il Pizzoni (28 agosto) disse di
aver conosciuto fra Dionisio fin da che era studente del Fiorentino, e
di essere poi stato suddito di lui nel convento di Nicastro: aggiunse
che gli era divenuto nemico da che esso Pizzoni ne avea riconosciute
le eresie, onde ne avea avute mille minacce. Confermò quindi avergli
fra Dionisio in Pizzoni manifestate quelle medesime eresie, che tre
o quattro giorni dopo anche il Campanella gli manifestò, e che esso
Pizzoni poi espose al Visitatore e scrisse al Generale, servendosi del
Lauriana, il quale così venne egli pure ad averne notizia. Addusse
taluni degli argomenti co' quali combattè fra Dionisio, affermando
che per quelle così dette verità, mentre erano eresie, non si poteva
dir savio il Campanella, dal quale fra Dionisio le faceva derivare;
narrò come costui finì per dargli dell'asino, ed egli lo scacciò dal
convento, ricordando una quantità di circostanze, di tempo, di luogo,
d'occasione (che poteva bene citare a modo suo poichè non c'era stato
presente alcun altro). Venne così confermando ciascun capo di accusa
a misura che gl'interrogatorii li riducevano alla sua memoria; e
sugl'interrogatorii dati espressamente per lui rispose, che veramente
fra Dionisio aveva persi alcuni scritti sull'Apocalisse e gliene aveva
chiesto conto, mentre egli non ne sapeva niente, che non aveva fatto
fuggire fra Gio. Battista di Polistina quando fra Dionisio cercava di
farlo carcerare, che costui mentiva quando diceva essere lui stato
espulso da un convento per delitti e furti, che nel luglio 99 erano
andati insieme ad Arena e quindi avevano di necessità dovuto conversare
tra loro, che in Stilo fra Dionisio e il Campanella aveano perfino
dormito insieme e quindi erano intrinseci amici. Sugli articoli del
fiscale si riferì a quanto avea detto sugl'interrogatorii, talvolta
anche a quanto avea detto negli esami precedenti, ripudiando ciò
che non aveva udito o visto (come p. es. il fatto del pugno dato al
crocifisso, del quale veramente avea parlato il Soldaniero) e tornando
a ripetere che l'esame di Calabria era stato falsificato dal Visitatore
e da fra Cornelio, i quali aveano preso anche danari dal Pisano e dal
Caccia e gli aveano fatti rimanere ingannati, come costoro dicevano in
Monteleone alla presenza di molti frati e secolari mentre stavano tutti
in una carcere. Conchiuse col dire che egli aveva inteso di sgravare la
sua coscienza, e non di gravare quella degli altri indebitamente.--Il
Lauriana (nella seduta medesima) disse di aver conosciuto fra Dionisio
da quattro anni, perchè era stato suddito di lui in Nicastro, e di
esserne rimasto in Pizzoni scandalizzato per una proposizione da lui
detta contro l'Eucaristia; ma ostinatamente disse di non ricordarsi
di tale proposizione, e se ne riferì al primo esame, come fece anche
per tutta la serie degl'interrogatorii senza che i Giudici avessero
mai potuto cavarne alcuna spiegazione. Dietro dimanda d'ufficio, disse
che il Pizzoni gli aveva fatto scrivere al P.^e Generale una lettera
in cui gli pareva «più presto de sì che altramente» che si fosse fatta
menzione di fra Dionisio, parlandosi di ribellione e di cose di S.^{to}
Officio. Sugl'interrogatorii speciali per lui, disse che il Pizzoni lo
aveva una volta mandato a vendere per sei ducati un libro di prediche
a fra Vincenzo Perugino, il quale non lo volle, ed egli non ricordava
che fra Vincenzo avesse detto che erano prediche di fra Dionisio; che
egli aveva una volta avuto penitenze da fra Dionisio; che nel convento
di Pizzoni, per salire alla cucina, si doveva passare per la cella del
Vicario; sul resto si riferì al primo esame. Finalmente sugli articoli
del fiscale si riferì del pari al primo esame, poichè non ricordava
alcuna cosa.

Continuarono il 29 agosto gli esami ripetitivi contro fra Dionisio.--E
dapprima il Petrolo disse di avere, fin da quando era novizio,
conosciuto fra Dionisio, ed averlo poi veduto due volte in Stilo
di passaggio, oltrechè in Stignano, l'ottava del Corpo di Cristo,
quando fece una predica sul SS.^{mo} Sacramento che non si poteva
sentire più bella «et tutti la laudorno» (la predica egli menzionava,
il pranzo in casa Grillo no). Disse di non aver mai udito eresie
dalla bocca di lui, ma solamente udito da fra Pietro di Stilo che
egli, fra Dionisio, aveva dette al Lauriana alcune parole contro il
SS.^{mo} Sacramento, oltrechè aveva commesso qualche peccato di carne
della peggiore specie. Rispose quindi su tutti gli interrogatorii
negativamente: e dietro dimande d'ufficio disse che fra Dionisio era
veramente amico del Campanella, ma egli non sapeva che il Campanella
gli avesse comunicato eresie, nè aveva mai detto che il Campanella
discorresse di eresie alla scoperta, mentre invece ne discorreva in
modo che solamente qualcuno poteva intenderle. Sugli articoli del
fiscale rispose del pari negativamente.--Fra Pietro di Stilo disse di
aver conosciuto fra Dionisio ed averlo veduto tre volte in Calabria,
due volte in Stilo ed una volta in Briatico quando andava contro fra
Gio. Battista di Polistina; e dichiarò di averlo ritenuto sempre un
ciarliero e vendicativo, ma non cattivo nelle cose di fede. Dimandato
di ufficio se avesse almeno udito dire qualche cosa contro di lui
in materia di fede, rispose che una volta il Lauriana gli cominciò
a dire qualche cosa contro di lui, «ma non finì»; ed avvertito di
non dir bugie, rispose che non aveva potuto comprenderlo (oramai
fra Pietro era in vena di difender tutti, anche tirandola un po'
troppo). Insomma non ebbe nulla a dire contro fra Dionisio, eccetto
che era «scaccione, ciò e chiacchiarone», e riuscì negativo su tutti
gl'interrogatorii e così pure sugli articoli: segnatamente sull'ultimo
articolo, che diceva avere fra Dionisio creduto, insegnato o cercato
d'insegnare tutte le opinioni eretiche del Campanella, egli rispose
di non aver mai udito dire tali cose contro la fede da niuno di loro.
Ed aggiunse, spontaneamente, che stando in Pizzoni ed avendo udito
frati e secolari sparlare di fra Dionisio pe' suoi discorsi di cose
lascive, avendogli anzi Claudio Crispo detto che pure nel discorrere
la prima volta col Soldaniero si era comportato egualmente e costui
n'era rimasto scandalizzato, egli nel passare per Soriano andando ad
Arena, poichè il Soldaniero l'interrogò circa il Campanella e gli
disse che fra Dionisio era un cervellino, lo pregò di tacere quanto
fra Dionisio gli aveva detto, essendo nella natura di lui il ciarlare
con tutti, ed intese di alludere a' discorsi di cose lascive; (così
volle sopprimere la circostanza dell'aver lui portato una lettera del
Campanella al Soldaniero, e veramente la tirò un po' troppo).--Da
ultimo il Soldaniero, e successivamente Valerio Bruno, vennero entrambi
interrogati in via supplementare sul fatto dell'espulsione di fra
Dionisio e del Pizzoni dal convento di Soriano per parte del Priore
e del Lettore. Il Soldaniero confermò che nel secondo giorno in cui
que' frati gli aveano parlato di eresie, il Priore, dietro il suo
reclamo, li cacciò entrambi, e poi gli disse, «che ti pare, non te l'ho
fatti sfrattare?» ed egli rispose, «havete fatto bene». Valerio Bruno
confermò egli pure che que' frati furono cacciati nel secondo giorno
in cui il Soldaniero avea parlato al Priore ed al Lettore, ed aggiunse
che gli aveva veduti partire; (ma oltrechè il Priore e il Lettore lo
negavano, era stato pure da entrambi questi testimoni affermato che fra
Dionisio aveva fatta una predica in Soriano, e ciò non si accordava
coll'espulsione).

Evidentemente anche per fra Dionisio le prove testimoniali riuscivano
sempre meno gravi in questi esami ripetitivi. Fra Pietro di Stilo
deponeva a favore di lui, e il Petrolo non l'accusava menomamente.
L'accusava bensì il Lauriana, ma costui, che non sapeva più dar conto
di nulla, era stato già dichiarato testimone falso dal Pizzoni medesimo
che ne aveva diretto i passi. Non rimanevano dunque contro fra Dionisio
che il Pizzoni e Giulio Soldaniero con Valerio Bruno: tuttavia il
Pizzoni si andava scovrendo di una morale assai disputabile, ed intento
solo ad accusare gli altri per iscusare sè medesimo; il Soldaniero poi
non poteva riuscire ad accreditarsi, mentre sosteneva essergli state
fatte tante confidenze in materia di eresie durante una prima visita di
fra Dionisio (bisognava conoscere a fondo il modo di agire di costui
per ammetterlo), ed oltracciò confessava di aver prima confabulato co'
Polistina nemici capitali di fra Dionisio, continuava a deporre fatti
indubitatamente falsi come l'espulsione di fra Dionisio e del Pizzoni
dal convento, e mostrava abbastanza chiaramente di avere indettato
il suo fido Valerio Bruno (come il Pizzoni avea fatto col Lauriana)
e spintolo a deporre ciò che ad esso Valerio non constava, per far
risultare più credibili le proprie deposizioni. Nè occorre dire che la
condotta iniqua de' primi processanti, entrambi devoti alla fazione
de' Polistina, accertata anche dal Pizzoni testimone del maggior
peso contro fra Dionisio, faceva apparire per lo meno esagerata la
colpabilità di costui e di tutti gli altri inquisiti.

Siffatti apprezzamenti, che sorgono spontanei nell'animo di chiunque
sia fornito di una dose anche discreta di equanimità, non potevano
non sorgere nell'animo del Vescovo di Termoli, che al rigore di un
vecchio Commissario del S.^{to} Officio sapeva accoppiare un senso
squisitissimo di giustizia. E ci è rimasto di lui un documento che
lo dimostra abbastanza bene, rivelandoci ciò che l'agitava a questo
periodo della causa: poichè precisamente alla fine del volume che
comprende il processo offensivo e ripetitivo, in uno de' folii
esuberanti rimasti in bianco, troviamo un quadro di note ed appunti
che egli redigeva intorno alla colpabilità di ciascuno inquisito, note
ed appunti incompleti e in qualche tratto vergati con parole tanto
abbreviate da rendersi poco intelligibili, ma in somma esprimenti le
diverse contradizioni, inverosimiglianze, falsità, ed accuse rimaste
infondate, che emergevano dalle deposizioni raccolte. I lettori
troveranno questo quadro tra' Documenti[189]: d'altronde vedremo in
sèguito, dopo il processo difensivo, ciò che il Vescovo scriveva a
Roma intorno alla causa, e il concetto che in ultima analisi se n'era
formato.

Non appena esaurite le ripetizioni, nello stesso giorno 29 agosto
1600 i Giudici deliberarono di devenire alla spedizione della causa
e al processo difensivo: pertanto disposero che fosse subito inviato
al S.^{to} Officio di Roma una copia del processo tanto informativo
che ripetitivo; e sappiamo che l'8 settembre questa copia fu mandata
al Nunzio dal Vescovo di Termoli insieme con una sua lettera, e
che nella stessa data il Nunzio la trasmise al Card.^l di S.^{ta}
Severina, accompagnandola con un'altra lettera sua, in cui partecipava
le sollecitazioni che spesso riceveva da' ministri Regii desiderosi
di potere spedire la causa della ribellione[190]. Diremo ora anche
qui, innanzi tutto, in che modo si procedeva nelle difese. Un decreto
fermava che ciascuno inquisito avesse una copia del processo (copia
repertorum), ma senza nome e cognome di coloro i quali aveano deposto,
«secondo lo stile del S.^{to} Officio»; che inoltre fosse avvertito
aver facoltà di scegliersi un Avvocato e procuratore a suo piacere,
bensì persona cognita ed approvata dalla Curia, fornita de' requisiti
necessarii, e con ciò un termine di tanti giorni per fare ogni e
qualunque difesa, se intendesse e volesse farne: questo decreto era
da' Giudici medesimi partecipato di persona a ciascuno inquisito, che
facevano tradurre al loro cospetto separatamente. Scelto l'Avvocato, o
dall'inquisito, o in mancanza dai Giudici, d'ufficio, costui recavasi
nella casa di qualcuno de' Giudici a prestare il giuramento nelle mani
di lui, inginocchiato, toccando i Santi Evangeli e promettendo di
fare «le giuste difese» del tal di tale secondo lo stile del S.^{to}
Officio. Il Notaro e Mastrodatti consegnava allora al più presto le
copie de' reperti a ciascuno inquisito, e redigeva sempre un atto
di questa consegna e del seguìto ricevimento in presenza di quattro
testimoni (i soliti carcerieri e carcerati) decorrendo dalla data di
quest'atto il termine per le difese: talvolta pure, sia d'ordine de'
Giudici, sia dietro spontanea deliberazione dell'inquisito, redigeva
o autenticava una dichiarazione, in cui l'inquisito manifestava di
volersi difendere, ovvero di non volersi difendere riposando nella
giustizia e pietà dei Giudici, ed avendo per rato, fermo e valido
quanto essi ordinerebbero, ciò che poteva farsi anche durante lo
svolgimento delle difese. Mettendosi d'accordo coll'Avvocato, allorchè
voleva difendersi, l'inquisito redigeva e presentava una serie di
così dette eccezioni ossia articoli, in ciascuno de' quali eccepiva,
poneva e voleva provare un dato fatto in sua discolpa, affermando per
solito ogni volta che esso era vero, verissimo, come constava a coloro
che lo sapevano o l'avevano udito: e quasi sempre cominciando dai
fatti della sua buona vita fin dalla tenera età, passava, mano mano,
a' fatti delle inimicizie che aveva incontrate, alla mala condotta
e speciale odiosità de' testimoni che intendeva o supponeva aver
deposto a suo carico[191], alla falsità ed erroneità delle imputazioni
fattegli, a tutti gl'incidenti che spesso si verificavano durante i
processi. Oltracciò dava una lista di testimoni a difesa, indicandone
anche la residenza, i quali dovevano essere esaminati sopra tutti o
sopra alcuni determinati articoli. Dal canto suo il fiscale, sugli
articoli presentati, faceva ed esibiva i suoi interrogatorii, ed
istantemente chiedeva che i testimoni fossero esaminati prima sopra
di essi e poi sugli articoli: gl'interrogatorii erano preceduti dalle
solite ammonizioni, ed esigevano le solite informazioni sulla persona
del testimone, e poi le informazioni su' fatti posti negli articoli
con tutte le relative circostanze, terminando con un appello alla
diligenza de' Signori Giudici. In somma si teneva la via medesima del
processo ripetitivo ma all'inversa: gli articoli erano presentati
dall'inquisito assistito dal suo Avvocato, e gl'interrogatorii erano
presentati dal fiscale; e però questi ultimi erano sempre redatti senza
tante sottigliezze e con molto maggiore concisione. Dobbiamo anche
dire che i Giudici talvolta cassavano qualche articolo contenente
fatti già enunciati in altri articoli, e il processo presente ce
n'offre un esempio; inoltre non accoglievano mai tutti i testimoni
dati se erano assai numerosi, come sovente accadeva, ma ne sceglievano
un certo numero a loro piacere. S'intende poi che l'Avvocato non
assisteva alle sedute del tribunale, ma poteva all'occorrenza fare una
comparsa e più tardi presentare una vera e propria Difesa scritta,
come ne conosciamo in gran numero pervenute sino a noi[192]. Figurava
poi sempre quando esauriti gli esami testimoniali e consegnatane una
copia all'inquisito, costui era citato «ad dicendum», e neanche nel
tribunale ma nella casa di abitazione di uno de' Giudici. Quest'ultima
circostanza mostra sempre più chiaramente che non l'inquisito ma il suo
Avvocato presentavasi allora in nome di lui, era interrogato se dovesse
dire altro e potea forse presentare anche una Replica scritta; ma non
apparisce che fossero ammesse le arringhe.

Come dicevamo, il 29 agosto i Giudici deliberarono che si procedesse
alle difese; nello stesso giorno fecero tradurre alla loro presenza,
l'uno dopo l'altro, il Petrolo, fra Pietro di Stilo, il Pizzoni, il
Lauriana, il Bitonto, fra Paolo della Grotteria, e a ciascuno di essi
separatamente parteciparono la loro deliberazione, assegnando per le
difese il termine di otto giorni; poi si recarono alla carcere di
fra Dionisio, che trovavasi ammalato a quel tempo, e parteciparono
anche a lui la loro deliberazione e il termine stabilito di otto
giorni. Sappiamo infatti che fra Dionisio fu ammalato una prima volta
nell'agosto del 1600: ce lo mostra un conto di spese che vedremo più
tardi fatte pe' frati inquisiti, e che contiene la nota delle medicine
fornite a fra Dionisio dallo Speziale del Castello Ottavio Cesarano,
con l'indicazione de' giorni in cui esse vennero fornite; e fu in
questo frattempo che il Soldaniero vide fra Dionisio, gli prestò
qualche assistenza e forse anche gli chiese perdono pe' travagli
procuratigli coll'opera sua, come fra Dionisio asserì e il Soldaniero
negò negli esami ripetitivi. Dobbiamo intanto notare che pel Campanella
non fu tenuto lo stesso procedimento, senza dubbio a motivo della sua
pazzia, ma ebbe in sèguito un Avvocato: per fra Pietro Ponzio poi non
vi fu provvedimento alcuno, giacchè davvero in questa causa, come
in quella della congiura, nulla gli si potè addebitare, all'infuori
dell'intima amicizia col Campanella, provata specialmente con la
scoperta delle conversazioni notturne tenute tra loro.

Il 5 settembre nel convento di S. Luigi il Vescovo di Termoli, presente
anche l'Auditore del Nunzio Antonio Peri, ricevè il giuramento del
dot.^r Carlo Grimaldi Avvocato del Pizzoni; il 15 settembre ricevè
ancora, egli solo, quello di Gio. Filippo Montella Avvocato del
Petrolo, di fra Pietro di Stilo, del Lauriana, di fra Paolo e del
Bitonto; il Montella nello stesso giorno prestò giuramento anche nelle
mani del Vicario Arcivescovile, ma, non si saprebbe dire perchè, venne
più tardi sostituito dal Rev.^{do} dot.^r Scipione Stinca, il quale
prestò giuramento il 13 ottobre, e trovasi qualificato «avvocato
deputato» per la difesa de' frati suddetti. Alla mancanza del Montella,
seguita dalla deputazione dello Stinca, si deve forse riferire un
memoriale de' frati al Vescovo di Termoli per dimandare un Avvocato,
memoriale senza data, ed inserto nel processo un po' a caso, dopo le
difese di fra Dionisio[193]. Nessuno Avvocato si trova nominato per
fra Dionisio, comunque in una lettera, da lui scritta nell'inviare
taluni articoli a' Giudici, si legga che non avea «potuto accapar dal
suo Avocato la compilatione di tutti gli articoli... per la lunghezza
del processo et occupationi d'infiniti altri negotii di detto suo
Avocato». Il 17 settembre fu consegnata a fra Dionisio la copia de'
reperti della sua causa secondo lo stile del S.^{to} Officio, e il
giorno seguente una copia analoga fu consegnata al Pizzoni; di poi (15
e 18 ottobre) fu consegnata allo Stinca la copia de' reperti della
causa de' diversi frati che egli doveva difendere. Aggiungiamo che
ancora più tardi (31 ottobre) fu prestato il giuramento dal dottore di
leggi Gio. Battista dello Grugno in qualità di Avvocato difensore del
Campanella, certamente «Avvocato deputato» anche lui, comunque di una
simile qualificazione non si trovi alcun ricordo[194]. Dobbiamo dire
che l'opera di questi Avvocati nel presente processo apparisce anche
meno del solito. Vedremo mancanti del nome dell'Avvocato non solo gli
articoli di fra Dionisio, che forse li compilò da sè, ma anche quelli
del Pizzoni, ne' quali per altro la mano dell'Avvocato si rivela da
qualche errore materiale circa le persone, errore che l'inquisito non
avrebbe certamente commesso; pel Campanella poi vedremo una comparsa
del procuratore rimasto anonimo, ma vedremo anche qualche altro atto in
cui il nome dell'Avvocato non manca; infine per gli altri frati vedremo
che non ci fu occasione di comparsa dell'Avvocato, perchè non si fece
nulla.--Ci crediamo pertanto nel dovere di dare qualche notizia intorno
a' suddetti Avvocati. Carlo Grimaldi era un dottore non ispregevole;
pervenne all'ufficio di Giudice della Gran Corte della Vicaria nel
1622-23, come è attestato anche dal Toppi[195]. Il dot.^r Scipione
Stinca è stato da noi già incontrato una volta nel corso di questa
narrazione, sotto le forche preparate pel povero Maurizio, che egli
ebbe ad assistere nell'estremo momento. Apparteneva ad una famiglia
illustre per magistrati, nella quale figurava tuttora il dot.^r Ottavio
Stinca, che abbiamo pure avuta occasione di nominare qual difensore
del Duca di Vietri, ed avremo occasione di nominare ulteriormente a
proposito di qualche altra singolare persona la quale verrà in iscena
più tardi. Era Avvocato e sacerdote, come tanto spesso accadeva a
quei tempi: nel processo è detto «Presbyter Neapolitanus» e possiamo
aggiungere che era ascritto all'ordine de' Cappellani Regii, poichè
abbiamo trovato il suo nome nell'elenco di que' Cappellani, ripetuto
dal 1595 al 1603, nelle scritture della Cappellania maggiore esistenti
nel Grande Archivio[196]. Quanto al dot.^r Gio. Battista dello Grugno
Avvocato del Campanella, egli era un uomo ancor più distinto. Nominato
lettore delle _Instituta e glose_ nel pubblico studio di Napoli,
in sèguito dell'ingresso di Giulio Berlingieri nella Congregazione
de' Gerolamini (31 8bre 1598), fu poi promosso alla lettura _De
Actionibus_, vacata per morte di Gio. Maria Cossa, con provvisione
raddoppiata in omaggio alla sua persona (ult.^o di febbr. 1601); ed in
tale qualità morì verso la fine del 1604, avendo a successore Ottavio
Limatola, come ci risulta da' documenti sparsi nelle medesime Scritture
della Cappellania maggiore[197]. Bisogna dunque riconoscere che le
difese de' frati, e massime del Campanella, non si trovavano affidate
a dottori di poco conto; solo si può dire che la ricerca di essi fu
laboriosa, poichè durò circa due mesi, e forse, oltre il Montella,
parecchi altri rifiutarono il carico di queste difese; d'altronde
occorre anche vedere se vi attesero con diligenza, e su questo punto li
giudicheremo all'opera.

Il 30 settembre si diè principio agli esami difensivi per fra Dionisio,
co' quali si aprì il 3^o volume del processo dell'eresia. Egli aveva
scritto a' Giudici di non aver potuto ancora ottenere dall'Avvocato la
compilazione di tutti gli articoli a sua difesa, e di averne intanto
formato da sè un certo numero, pregando che sopra di questi venissero
esaminati «alcuni carcerati, quali per essere stati habilitati
facilmente partiranno per la Calabria»; ed è superfluo dire quanto
sia per noi degna di nota siffatta circostanza, poichè ci rivela lo
stato del processo della congiura pe' laici a quel tempo, e il destino
di taluni tra loro, i cui nomi si leggono nella lista de' testimoni
dati da fra Dionisio contemporaneamente a' suoi articoli. Appena sette
furono gli articoli allora presentati da fra Dionisio, e con essi
poneva e voleva provare la falsità delle deposizioni del Lauriana,
e così pure del Soldaniero e di Valerio Bruno. Intorno al Lauriana,
egli affermava, che costui avea già detto nelle carceri di Squillace e
poi in quelle di Gerace, presenti molti, di essersi esaminato contro
fra Dionisio ed altri, deponendo falsamente in materia di eresia e di
ribellione persuaso dal Pizzoni, e di volersi ritrattare per scrupolo
di coscienza; che poi nelle carceri di Napoli si era consigliato circa
tale ritrattazione con un dot.^r Domenico Monaco egualmente carcerato,
il quale gli avea detto che ritrattandosi avrebbe avuta la corda e
sarebbe stato mandato in galera; che quando in Napoli ratificò il primo
esame, rimproverato da molti a' quali avea detto di essersi esaminato
falsamente, avea risposto, «che sempre c'era tempo per accomodar la
conscientia, ma non sempre c'era tempo d'evitar la corda, et la Galera,
et che più facilmente si potea accomodar con Dio, che con gl'huomini,
et officiali»; che dopo ciò, quando nelle litanie si giungeva al
verso _a falsis testibus libera nos Domine_, tutti guardavano in
faccia al Lauriana e ridevano, ed egli arrossiva, e quando toccava
a lui dir le litanie, ometteva quel verso con grandissimo riso di
tutti; che infine avea negli ultimi giorni cercato perdono ad esso
fra Dionisio, facendosi più volte chiudere per questo nella stessa
carcere con lui dal carceriere. Intorno al Soldaniero e Valerio Bruno
affermava, che il Soldaniero, egualmente per ottenere il perdono
delle falsità deposte contro di lui, gli avea fatto visite, servigi,
regali e prestito di danaro; che inoltre teneva continuamente presso
di sè Valerio Bruno suo servitore, e poteva presumersi avergli fatto
deporre il falso, essendosi da entrambi dichiarato ne' rispettivi
costituti che non aveano mai parlato tra loro, mentre a tutti era noto
il contrario. Sopra siffatti articoli dava per testimoni, variamente
sopra ciascuno di essi, oltre fra Pietro di Stilo e fra Paolo,
Geronimo Marra, Francesco Salerno, Nardo Rampano, Cesare Bianco e
tutti gli altri carcerati di Catanzaro, Giuseppe Grillo di Oppido,
Domenico Monaco il dottore, Aquilio Marrapodi suo servitore e il
carceriere. D'altra parte il fiscale (sempre D. Andrea Sebastiano)
presentava i suoi interrogatorii al n.^o di 18, preceduti dalle solite
ammonizioni, e contenenti le informazioni di rutina e le informazioni
su' fatti asserti negli articoli[198].--I Giudici si limitarono ad
esaminare Geronimo Marra, Francesco Paterno (o forse Salerno) e un
Minico Mandarino, tutti giovani sarti di Catanzaro carcerati per la
congiura; e li udirono su tutti gl'interrogatorii e tutti gli articoli
indifferentemente, impiegandovi la sola seduta del 30 settembre. Le
deposizioni di costoro non diedero alcun risultamento serio. Nessuno
sapeva nulla; nessuno avea veduto nulla. Il solo Geronimo Marra
dichiarò di avere udito in Napoli il Lauriana, dopo di essere stato
esaminato, dire ad alcuni carcerati, «quando uscirò, Dio provederà
all'anima», ma senza aver capito a quale scopo avesse dette tali
parole[199]. Perfino intorno a Valerio Bruno rimase assodato che stava
in una camera diversa da quella del Soldaniero, ma non si giunse a
sapere nemmeno se facesse l'ufficio di servitore presso di lui (i guai
sofferti aveano resi quei testimoni più che riservati).

Una lunga interruzione si verificò dopo questa seduta, la qual cosa
reca un po' di meraviglia, mentre non si può negare che fino allora
si era proceduto con la più grande celerità, e se molto tempo si era
impiegato nello svolgimento del processo, ciò era accaduto unicamente
per l'intrinseca qualità della procedura, che nelle cause di S.^{to}
Officio era sempre scrupolosamente osservata. Bisogna dire che i
Giudici ebbero a persuadersi non poter convenire questi esami sopra
articoli in numero ridotto, dopo i quali si era costretti a fare nuovi
esami sopra articoli in numero completo. E in tal guisa riesce di
spiegarsi che il Notaro e Mastrodatti Prezioso, d'ordine del Vescovo
di Termoli, il 6 ottobre si recò presso fra Dionisio, gli chiese
formalmente se volesse o no difendersi, ed innanzi a testimoni rogò
un atto in cui fra Dionisio dichiarò che voleva ed effettivamente
intendeva fare le sue difese, e si sottoscrisse confermando tale sua
volontà[200]. Ma senza dubbio non potè presentare le sue eccezioni
od articoli se non a' primi del mese consecutivo, poichè si venne
agli esami sopra di essi soltanto il 6 novembre. Verosimilmente fu
sollecitato anche il Pizzoni a voler presentare i suoi articoli,
essendo scorso da un pezzo il termine assegnato di otto giorni, ciò
che era sempre tollerato dal S.^{to} Officio, ma non poteva poi durare
indefinitamente; così, mentre si menavano innanzi gli esami difensivi
per fra Dionisio, si fecero ancora quelli pel Pizzoni. E certamente
l'Avvocato del Campanella, non appena prestato il suo giuramento il
31 ottobre, dovè essere sollecitato del pari; giacchè poco dopo fu
presentata al tribunale una comparsa, con la quale si diceva essere il
Campanella pazzo, non potersene fare le difese, chiedersi un termine
per provare la pazzia; e nello stesso giorno 6 novembre, quando
cominciarono gli esami difensivi per fra Dionisio, cominciarono pure
gli esami informativi sulla pazzia del Campanella. Sicchè dal 6 al 16
del mese venne simultaneamente esaurito tutto ciò che rifletteva la
difesa degl'inquisiti principali: ma per procedere ordinatamente, sarà
bene narrare prima gli esami difensivi per fra Dionisio, che erano
stati già in parte iniziati, poi gli esami difensivi pel Pizzoni,
che rappresentano il contrapposto degli anzidetti, infine gli esami
informativi sulla pazzia del Campanella.

Le eccezioni od articoli, che fra Dionisio definitivamente presentò in
sua difesa, ascesero nientemeno al numero di 58; e noi pur troppo non
possiamo dispensarci dal darne conto, tanto più che in sostanza vi si
comprendono le difese di tutti gli altri frati all'infuori del Pizzoni
e del Lauriana, non escluso il Campanella che per la pazzia rimaneva
ecclissato[201]. Con le sue eccezioni fra Dionisio affermò i suoi
titoli di onore, cominciando dalla tenera età e passando a' tempi della
vita monastica, ricordando pure l'andata presso Clemente VIII come
procuratore della città di Nicastro per la faccenda dell'interdetto,
e la premura spiegata per «manifestar l'innocenza del sangue del P.^e
M.^o Pietro Pontio suo zio ucciso proditoriamente da alcuni monaci»,
come potea rilevarsi dagli Atti esistenti nella Corte del Nunzio, onde
si acquistò le inimicizie di tutti gl'inquisiti e loro parenti, e
massime de' due Polistina. Affermò che costoro, d'accordo col Priore di
Soriano eccitarono il Soldaniero contro di lui, e fecero circondare di
birri il convento per costringere il Soldaniero ad accettare l'indulto
offertogli da fra Cornelio altro suo nemico, e così poteva intendersi
l'inverosimiglianza dell'avere esso fra Dionisio confidate a un tratto
tante gravissime cose al Soldaniero. Che costui era di pessima vita
e cattivo cristiano al punto di persistere tuttora nella scomunica
inflittagli in Calabria, teneva per servitore Valerio Bruno nelle
carceri di Napoli e dichiarava di non aver mai parlato, ed avea più
volte cercato perdono ad esso fra Dionisio narrandogli i particolari
del fatto di Soriano; che mentre era impossibile accordare la cacciata
di esso fra Dionisio da Soriano e la predica contemporaneamente
permessagli dal Priore, dovea notarsi aver lui deposto dopo il Pizzoni,
quando da fra Cornelio gli fu detto che il Pizzoni l'aveva nominato
come uno de' capi della congiura. Che esso fra Dionisio avea nella
predica di Soriano, a santo e pio fine, parlato di qualche fatto
esecrabile commesso contro il SS.^{mo} Sacramento, per mostrare
l'infinita pazienza di Dio; che lo stesso Valerio Bruno avea con più
persone lodata la predica di lui in Soriano, dicendo che era riuscita
a farlo piangere, la qual cosa non gli era mai accaduta; che se il
Priore e il Lettore di Soriano avessero deposto di aver cacciato esso
fra Dionisio dal convento, risulterebbero mendaci, poichè gli aveano
permesso di predicare e non aveano partecipato nulla a' superiori. Che
il Pizzoni gli era nemico, atteso il furto degli scritti per lo quale
esso fra Dionisio l'aveva svergognato; che era sempre stato amico de'
nemici di lui, ed avea fatto fuggire il Polistina, procurando che
fra Pietro di Stilo l'avvertisse, quando esso fra Dionisio cercava
di farlo carcerare; che era sempre stato di pessima vita, soggetto
a penitenze per molti furti (citato uno per uno), affetto da mal
francese etc., scappato in pianelle, senza cappello e senza cappa
dal Capitolo di Catanzaro per fuggire la prigionia, obbligato a
circondarsi di fuorusciti per salvarsi dalle vendette di coloro che
aveva offeso con le sue disonestà. Che nella causa della congiura,
negando dapprima l'esame di Calabria, il Pizzoni aveva espressamente
affermato di aver detto anche in materia di eresia molti mendacii,
amplificati ed accresciuti da fra Cornelio e dal Visitatore, e nella
fossa in cui fu posto avea pure scritto sul muro di esservi stato
posto perchè si volea che dicesse bugie, come tuttora potea vedersi,
ma poi persuaso dal Lauriana confermò di nuovo il primo esame. Che
aveva scritto al Campanella, entro il suo breviario, essere state da
lui deposte le eresie per eccitare gelosie di giurisdizione tra il
Papa e il Re, ma essere risoluto di ritrattarle, e due cartoline di
questo genere furono prese dal Sances sul Campanella, quando costui fu
tormentato. Che veramente il Pizzoni avea praticato col Campanella
più lungamente di esso fra Dionisio, ed avrebbe potuto piuttosto il
Pizzoni dire a lui, che lui al Pizzoni, le cose del Campanella; e poi
a molti avea dichiarato essergli state da fra Dionisio dette le eresie
non assertive ma _recitative tantum_; e poi nel vespro di quel giorno
di luglio in cui parlarono tra loro in Pizzoni, esso fra Dionisio fu
visto parlargli sdegnato e bravarlo, poichè gli dimandava conto del
furto degli scritti (lato questo il più debole della difesa per essere
stato troppo spinto). Che il Lauriana gli era nemico perchè creatura
del Pizzoni, perseguitato fin dal P.^e Pietro Ponzio pe' suoi vizii
e disonestà, complice del furto degli scritti che cercò di vendere
al P.^e Perugino, scacciato da esso fra Dionisio dal convento di
Nicastro per le turpi relazioni con fra Fabio nipote del Pizzoni; che
avea scritto due lettere ad esso fra Dionisio chiedendogli perdono,
come l'avea pure chiesto a voce a traverso un foro esistente tra le
carceri rispettive, ed inoltre l'avea chiesto anche a Ferrante Ponzio
per lettere delle quali esibiva una in data 10 ottobre 99. Che nelle
carceri aveva tenuta corrispondenza col Pizzoni ed animatolo a star
saldo sulle cose deposte, perchè si trovassero uniformi nelle falsità,
come fu provato durante il processo, rimanendo anche convinto di averlo
falsamente negato; che avea fatto sapere a molti essere stato costretto
a deporre il falso da fra Cornelio e dal Visitatore; che sopratutto
avea falsamente deposto essersi trovati in Pizzoni al tempo medesimo
esso fra Dionisio e il Campanella, mentre esso fra Dionisio vi era
stato molti giorni prima; che avea detto a molti volersi ritrattare,
cercando anche perdono a fra Pietro Ponzio, e poi consigliato da un
Domenico Monaco non l'avea fatto ed aveva indotto il Pizzoni a non
farlo; che n'era stato rimproverato da molti, ed era ritenuto falso
testimone e deriso nel dir le litanie; che avea chiesto anche negli
ultimi giorni perdono ad esso fra Dionisio infermo (come negli altri
articoli già dati precedentemente). Che il Visitatore gli era stato
sempre nemico, perchè esso fra Dionisio avea dovuto presentare al Papa
memoriali contro di lui nelle quistioni de' Riformati e poi nel tempo
de' torbidi di S. Domenico di Napoli; che aveva in Calabria forzato i
testimoni a deporre contro esso fra Dionisio, e l'aveva condannato a
gravi penitenze negandosi sempre a perdonarlo. Che fra Cornelio gli
era nemico per fatti personali occorsi tra loro (già narrati altrove);
che si era perciò unito a' Polistina, insieme co' quali avea sedotto
e forzato il Soldaniero a deporre come avea deposto, procurandogli
l'indulto. Che il Petrolo gli era nemico, perchè riteneva derivati
da esso fra Dionisio tutti i suoi travagli, e perciò, come si era
espresso con molti, l'aveva conciato a dovere ne' suoi costituti[202];
oltracciò nell'altro tribunale si era dapprima disdetto, dichiarando
che il Campanella l'aveva indotto ad imitare il Pizzoni nell'esporre
eresie per sottrarsi alla furia secolare; che poi, al pari del Pizzoni,
non era rimasto saldo in tali assertive, ed entrambi rimproverati
per questo da molti carcerati aveano detto esservisi determinati pe'
maltrattamenti del fisco e le visibili propensioni de' Giudici. Che
fra Pietro di Stilo gli era egualmente nemico, perchè creatura del
Polistina, che si diè premura di far fuggire quando esso fra Dionisio
cercava di farlo carcerare; nè avea voluto andare al convento di
Nicastro dove era stato assegnato quando esso fra Dionisio vi si
trovava Priore. Che infine per tutto il tempo, in cui esso fra Dionisio
era stato carcerato, ognuno avea dovuto persuadersi esser lui vittima
di falsità fatte deporre dal Visitatore, da fra Cornelio e dallo
Sciarava, ed essere cosa impossibile in lui la colpa specialmente di
eresia.

In prova di così numerose affermazioni, fra Dionisio diè testimoni non
meno numerosi, oltre 60 individui, secolari ed ecclesiastici[203].
Alcuni tra loro erano individui liberi dimoranti in Napoli, ed altri
già carcerati e rimasti in Napoli, come p. es. Tommaso d'Assaro,
Pietrantonio Tirotta, Cesare Forte[204]; altri già carcerati e tornati
in Calabria, come D. Marco Petrolo, D. Minico Pulerà, Gio. Francesco
Paterno e Geronimo Marra, su' quali ultimi abbiamo così la data precisa
della liberazione; altri tuttora carcerati, sia per le cause presenti,
sia per cause diverse come vedremo più sotto. Vi erano poi egualmente
tra' testimoni frati disseminati in tutti i conventi di Napoli, come
pure dimoranti in Calabria e in altre provincie, perfino in Siena e in
Venezia. Ognuno de' testimoni era indicato per la prova di determinati
articoli; ed oltracciò erano prodotti diversi documenti, e date le
indicazioni per averne altri de' quali gli articoli facevano menzione.
Così troviamo inserte nel processo, al sèguito delle difese di fra
Dionisio: la procura originale in pergamena fattagli dalla città di
Nicastro per trattare anche presso il Papa la faccenda dell'interdetto;
la lettera del 10 ottobre 99 scritta dal Lauriana a Ferrante Ponzio,
per iscusarsi delle falsità deposte insieme col Pizzoni contro fra
Dionisio, e pregarlo che trovasse modo di farlo venire a nuovo esame
per ritrattarsi; e poi una fede dell'Università di Fiumefreddo sulle
eccellenti predicazioni ed opere di carità fatte da fra Dionisio in
quella terra; inoltre le fedi di Gio. Luca de Crescenzio de' P.^i
Ministri degl'infermi e di D. Eligio Marti Cappellano della galera
S.^{ta} Maria, già confortatori di Gio. Battista Vitale e Gio. Tommaso
Caccia sul punto di essere giustiziati, attestanti che da costoro
si era dichiarato aver deposto il falso per forza de' tormenti dati
dallo Sciarava[205]. A questi documenti si aggiunsero poi quelli che
il Vescovo di Termoli, sulle indicazioni date da fra Dionisio, venne
procurando sopratutto dall'altro tribunale; ma allora si era già agli
esami difensivi, e di essi conviene oramai occuparci.

Naturalmente non tutti i testimoni dati da fra Dionisio furono chiamati
all'esame, ma soltanto i frati inquisiti (all'infuori del Pizzoni e
del Lauriana), parecchi carcerati per la causa della ribellione, tra'
quali il Contestabile, il Di Francesco, Geronimo padre del Campanella e
il Barone di Cropani, dippiù quattro carcerati per altre cause, e con
tutti costoro il carceriere. Su' quattro carcerati per altre cause ci
crediamo in dovere di dare qualche notizia speciale; troveremo due di
loro celebrati dal Campanella nelle sue poesie, da doversi considerare
come suoi amici ed anche benefattori, e per parte nostra non avverrà
mai che un amico e benefattore del povero filosofo rimanga in alcun
modo trascurato; d'altronde importa pure conoscere un po' addentro le
qualità de' testimoni, per essere in grado di valutare la fede che le
loro testimonianze possono meritare. Essi furono: Cesare Spinola, D.
Francesco Castiglia, fra Antonio Capece cav. Gerosolimitano, Domenico
Giustiniano marinaro. Cesare Spinola nel suo esame si dichiarò
genovese, dell'età di 30 anni in circa, celibe, benestante tale da
potere spendere 100 scudi al mese: senza dubbio egli era uno di que'
numerosi Spinola, che al pari di moltissimi altri Liguri ammassavano
ricchezze con le loro speculazioni e facevano continui acquisti di
rendite in Napoli. Di altrettali Spinola l'Archivio di Stato fornisce
una serie infinita al cadere del secolo 16.^o, anche con frequenti
omonimi; ma per fortuna col nome di Cesare se ne trova solamente uno
detto «q.^m Stephani q.^m Bartholomaei», e varii documenti lo mostrano
abitante dapprima in Genova, dove stava anche una sua sorella a nome
Antonia, monaca in S. Silvestro de Pisis, possidente del pari di varie
rendite acquistate dal padre, massime sulla gabella della seta ma anche
sopra altri cespiti. Da uno de' documenti raccolti Cesare apparisce
inoltre parente, forse cugino, del Marchese Ambrogio Spinola, essendo
insieme col Marchese erede di una parte delle facoltà di Lorenzo
Spinola; da altri documenti apparisce sotto la tutela di alcuni suoi
parenti nel 1588, ed abitante già in Napoli nel 1602, circostanze
tutte che rispondono a quelle notate nel processo[206]. Ci rimane
tuttora ignoto il motivo della sua prigionia: ma sappiamo che nel
1599 un Cesare Spinola trovavasi affittatore del feudo di S. Nicola,
e con ogni probabilità era appunto il Cesare del quale si è discorso,
avendo sempre avuto i genovesi di ogni ceto il lodevole costume di
lanciarsi nelle speculazioni[207]; nè è difficile intendere che per
quistioni insorte, col metodo spiccio di quel tempo, egli fosse stato
imprigionato. Vedremo che di poi il Campanella in un suo Sonetto, fra
mille lodi, lo ringraziò anche della difesa che di lui avea fatta.
Quanto a D. Francesco di Castiglia, era costui uno de' tanti spagnuoli
che facevano la loro carriera nelle provincie napolitane, ma era nato a
Verona, ed avea già i suoi 40 anni: ne' Registri _Officiorum Viceregum_
lo troviamo nominato Capitano di Rossano pel 1594, poi Capitano di
Ostuni pel 1598[208]; e mentre era al governo di Ostuni fu carcerato
in Lecce e tradotto nel Castel nuovo di Napoli; il Campanella lo lodò
non solo come un alto personaggio, ciò che era quasi di obbligo con uno
spagnuolo, ma perfino come poeta, cantore delle Donne sante e de' suoi
cocenti amori, della vinta Antiochia e dell'abominio che si meritavano
le Corti false e bugiarde (dopo di averne persa la protezione).
Quanto a fra Antonio Capece, la sua storia è molto brutta: il suo
esame ne dice poco o nulla, ma ce l'insegnano ampiamente moltissime
Lettere esistenti nel Carteggio del Nunzio, ed anche qualche documento
de' Registri Curiae dell'Archivio napoletano. Era uno de' tanti
Cavalieri di Malta, che profittando delle guarentigie giurisdizionali
cominciavano per fare i prepotenti, e poi ben presto finivano per
fare gli assassini di strada insieme co' compagni a' quali erano
costretti ad appoggiarsi. Di nobile famiglia napoletana, dimorante
nel vicino paesello di Melito, aveva appena 26 anni e già fin dal 9
marzo 1595 trovavasi carcerato in Castel nuovo perchè le carceri del
Nunzio erano malsicure per lui, essendosi distinto per molti e gravi
delitti, omicidii, scarcerazione violenta di detenuti, svaligiamento
del procaccio di Puglia, ricatti, furti ed assassinii al passo tra
Melito ed Aversa, furto e ricatto di notte nella stessa città di Napoli
in casa di Ascanio Palmieri fuori la porta del pertuso (quella che fu
poi detta porta Medina e non ha guari è stata diroccata): fuggito una
volta dalle galere mentre lo traducevano a Malta per esservi giudicato,
nel 1598 era riuscito a fuggire anche dal Castel nuovo con un altro
carcerato del Nunzio, Cesare d'Assero clerico, ma semplicemente «perchè
il carceriere havea lassata la porta aperta et egli voleva buttarsi
alli piedi di S. S.^{tà}», siccome scrisse a Roma quando fu ripreso
in Gaeta e ricondotto in Castel nuovo; e poichè tutti i suoi compagni
nelle scelleraggini, i quali aveano testificato contro di lui, erano
stati prontamente appiccati dalla Corte Regia e non potevano più farsi
gli esami ripetitivi per convincerlo, il Nunzio lo teneva così in
carcere senza sapere cosa dovesse farne[209]. Ci affrettiamo a dire
che la Musa del Campanella non si mosse per lui. Finalmente quanto a
Domenico Giustiniano, sappiamo dal processo che era un povero marinaro
di Scio, preso da' turchi all'età di 7 od 8 anni e divenuto così
maomettano, poi tornato in grembo alla madre Chiesa, ed in espiazione
della colpa di rinnegato già da 10 anni in carcere, con otto grani al
giorno pel vitto: il suo contegno ce lo mostra un uomo semplice ed
ingenuo, senza ombra di fiele, e sì che egli poteva ben raccontare
quanto fosse dura la via del paradiso; dimenticato nel carcere, quivi
morì il 28 marzo 1607, come si legge ne' libri parrocchiali del
Castello.

Il 6 novembre si tenne la prima seduta, ed ecco le deposizioni che si
raccolsero[210]. D. Francesco di Castiglia disse correr voce tra i
carcerati in generale che i frati si accusavano l'un l'altro; avere
udito che Valerio Bruno teneva pratica col Soldaniero ma non averlo
visto; aver saputo direttamente dal Soldaniero che era stato assediato
nel convento di Soriano e forzato a dire ciò che gli era stato
domandato.--Di poi fu interrogato Giulio Contestabile, che riuscì un
testimone di grande importanza. Egli disse avere udito da molti, e li
nominò, che il Lauriana avea lasciato intendere di essersi esaminato
contro il Campanella e fra Dionisio per istigazione del Pizzoni e per
timore di D. Carlo Ruffo, Carlo Spinelli, Sciarava, fra Cornelio; aver
lui medesimo veduto in Calabria, mentre fra Cornelio esaminava, que'
secolari assistere con molta distinzione alle sedute e interrogare;
avere più tardi saputo che il Lauriana volea ritrattarsi in Napoli, e
non l'avea fatto per consiglio di un dottore; esser vero che tutti lo
ritenevano testimonio falso e che arrossiva quando nelle litanie si
diceva _a falsis testibus_; aver veduto lui stesso il Lauriana entrare
nella camera di fra Dionisio, e così pure il Soldaniero più volte,
avendogli costui inviato anche regali e fatto fare il pranzo da Valerio
Bruno che lo serviva sempre, come ben sapeva perchè era compagno di
stanza del Soldaniero. Aggiunse essere stato presente, quando Cesare
Spinola disse al Soldaniero non dover procurare tanta rovina a que'
frati, e il Soldaniero si scusò raccontando come era stato costretto di
deporre contro fra Dionisio dopochè fu circondato il convento in cui
stava per opera de' Polistina e del Priore; avere lui stesso udito il
Soldaniero lamentarsi, perchè i frati l'aveano ridotto nelle mani del
diavolo e non poteva ritrattarsi senza essere appiccato; aver veduto
l'indulto concesso al Soldaniero da Carlo Spinelli coll'intercessione
di fra Cornelio, e sapere che trovavasi depositato alla banca di
Barrese. Aggiunse aver saputo in Napoli direttamente tanto dal Pizzoni
quanto dal Petrolo, che in Calabria fra Cornelio diceva loro doversi
dare soddisfazione a' Giudici laici, che essi aveano dovuto deporre
eresie per isfuggire da' secolari e tentare di esser chiamati a Roma,
e che «per verità tutto era stato inventione»; aver saputo anche dal
Di Francesco suo cognato, carcerato insieme col Pizzoni in Gerace, che
fra Cornelio «con bravate, e con bone parole lo suggerì ad esaminarsi
contra non so chi frati». Conchiuse aver dovuto giudicare, dietro le
cose sapute dal Soldaniero, dal Pizzoni e dal Petrolo, che erano state
dette molte falsità (e vede ognuno di qual peso riusciva una simile
testimonianza da parte del Contestabile, convertito oramai in deciso
difensore de' frati).

Il 7 novembre s'iniziò la seconda seduta col cavaliere fra Antonio
Capece[211], il quale disse aver veduto una volta un frate rossetto,
compagno del Visitatore di Calabria, venire a visitare il Lauriana
nel carcere, e costui ricordargli che avea deposto quanto egli avea
voluto, e dimandargli qualche somma de' danari che erano stati
contribuiti da' conventi di Calabria, ricevendone buone parole e nove
carlini; aver poi saputo dallo stesso Lauriana che era sicuro di aver
la corda, ma non se ne curava per amore del Pizzoni suo maestro, che
lui veramente non conosceva nulla di quanto avea deposto, ma l'avea
deposto per liberarsi dalla Corte temporale e non essere «inforcato et
fatto in pezzi», e si voleva veramente ritrattare; essersi ritenuto
pubblicamente che si sarebbe ritrattato, ma non lo avea fatto dietro
consiglio dato dal dot.^r Monaco, presente Domenico Giustiniano;
essere state una sera omesse da lui nella litania le parole _a falsis
testibus_, ed avergli fra Pietro di Stilo detto «che non si vergognasse
ma che le dicesse» (vigile ed accorto sempre quel fra Pietro); essere
corsa pubblicamente la voce che avea chiesto perdono a fra Dionisio
per le deposizioni fatte contro di lui. Aggiunse aver veduto il
Soldaniero visitare e servire fra Dionisio ammalato, presenti anche
il Contestabile, fra Pietro Ponzio e il carceriere. Inoltre aver
veduto una lettera che fra Pietro Ponzio diceva scritta al Pizzoni dal
Lauriana; avere udito lui stesso il Pizzoni da una fossa parlare al
Lauriana in latino e perciò non averlo capito; aver saputo dal Pizzoni
medesimo, che andava in quella fossa per non aver voluto confermare
l'esame di Calabria fatto per uscire dalle mani de' laici e tutto
falso; aver saputo dal Pizzoni e dal Lauriana che il Visitatore e
fra Cornelio li avevano esortati a confessare per dar soddisfazione
a' Giudici secolari, «che poi passata quella furia sarebbero andati
in Roma per il S.^{to} officio è llà si saria accomodato ogni cosa»
(testimonianze per certo troppo esplicite, e troppe volte poggiate
su notizie raccolte direttamente).--Di poi Cesare Forte di Nicastro,
conciatore di pelli, carcerato per la congiura[212], confermò avere
udito tra i carcerati che il Lauriana si voleva ritrattare ma un
Domenico Monaco lo sconsigliò; essere ritenuto testimonio falso,
rifiutandosi a dire le parole _a falsis testibus_, onde i carcerati
ne mormoravano; su tutto il resto disse non saper nulla.--In sèguito
Cesare Spinola[213] attestò aver veduto un giorno fra Dionisio e il
Lauriana in alterco, aver domandato allora al Lauriana come mai nel
Castello «non c'era cane nè gatto che lo potesse vedere, et alhora
fra Silvestro rispose Dio perdoni à chi n'è causa», e dietro le
sue insistenze gli palesò esserne stato causa il Pizzoni che gli
avea fatto deporre quanto avea deposto. Aggiunse di sapere che il
Soldaniero aveva parlato a fra Dionisio quando costui era ammalato,
e che aveva a' suoi servigi Valerio Bruno; di avere una volta veduto
il Soldaniero tornare dall'esame col viso infuocato, ed avergli detto
«non più contra questi poveri frati, che tante cose? et esso rispose,
che voi che io faccia? per Dio che non posso far di manco per trovarmi
haver detto contra di essi monaci», e raccontò il fatto dell'essere
stato circondato in un convento ed obbligato da un monaco a deporre
contro fra Dionisio per non essere consegnato alla Corte; ond'egli,
lo Spinola, volgendosi al Contestabile che era presente, ebbe a
dirgli in disparte «mira che anima negra». Aggiunse di conoscere
che il Soldaniero aveva avuto l'indulto da Carlo Spinelli, ma non
conoscere ad istanza di chi (testimonianze tutte gravi anche per la
loro provenienza da un uomo non volgare).--Venne quindi la volta di
Domenico Giustiniano, il quale dichiarò avergli un giorno il Lauriana
dimandato consiglio, dicendo «che non havea faccia di comparere avanti
di fra Thomaso Campanella perche si havea esaminato falsamente contra
di lui, e detto milli falsità»; avergli lui risposto essere in obbligo
di dire la verità, ma temendo il Lauriana che avrebbe la corda, essersi
deciso consultare qualche letterato; «e così chiamassemo un giovane
nominato Gio. Vincenzo mezzo monaco il quale non si volse impacciare,
chiamassemo poi Domenico Monaco Dottore, et fra Silvestro li proposse
il caso, et il dottore li disse, Io te hò ditto più volte che tu
debbi star saldo alla prima esamina che altramente sarrebbe andato in
una galera». Confermò avergli il Lauriana detto che i suoi superiori
l'aveano forzato a deporre in quel modo, essere da tutti ritenuto falso
testimone, avere una volta nelle litanie omesse le parole _a falsis
testibus_, onde fra Pietro di Stilo lo rimproverò e tutti ne risero.
Aggiunse di sapere che il Pizzoni e il Lauriana erano stati più mesi
insieme nella carcere civile, ma non sapere che si fossero concertati o
no fra loro (testimonianze rese ancora più gravi dall'ingenuità della
persona).--Infine Giuseppe Grillo, che già conosciamo, dichiarò essere
stato presente allorchè nelle carceri di Gerace il Lauriana si scusò
con fra Pietro Ponzio perchè non si era ritrattato, dicendo che «esso
era andato con animo di disdirsi pensando di trovare solo la Corte
spirituale, mà che ci era anco presente Carlo Spinello et l'Avvocato
fiscale Regio, è che lo spaventavano solamente à guardarlo». Confermò
tutto il resto intorno allo stesso Lauriana, ma solamente per detto di
altri. Confermò che il Lauriana e così pure il Soldaniero e Valerio
Bruno aveano parlato con fra Dionisio, ciò che avea visto egli medesimo.

L'8 novembre fu dapprima interrogato, senza il formulario solito, il
carceriere Alonso Martines di Medina del Seco[214], il quale disse:
«frà Dionisio Pontio stette male à morte, et il sig.^r Don Giovanni
Sanges mi ordinò che io li dovesse dare un compagno, et che dovesse
lassar aperta la porta dela priggione nella quale era il detto frà
Dionisio»: e quindi vi entrò più volte il Soldaniero, che con le
proprie mani imboccava fra Dionisio quando mangiava, e diceva di farlo
per carità; vi entrò pure Valerio Bruno, che portò a fra Dionisio
da parte del Soldaniero «qualche regalillo di frutta», ed anche il
Lauriana, che una volta rimase a parlare con fra Dionisio per un'ora.
Egli vide tutto ciò, e quando erano partiti il Soldaniero e il
Lauriana, fra Dionisio gli disse, «guarda costoro, si sono esaminati
contra di me, et adesso mi vengono à dire che non si erano essaminati
contro... niente» (non disse dunque che gli avessero dimandato perdono,
ma d'altro canto perchè il Soldaniero specialmente negava con tanta
ostinazione la visita fatta?).--Nardo Rampano di Catanzaro, sarto,
carcerato per la congiura, disse essere stato sempre compagno del
Lauriana nelle carceri di Squillace e poi anche in quelle di Napoli,
avere udito più volte fra Pietro di Stilo in Squillace dare del
falsario al Lauriana, che «piangeva e diceva che lo lassasse stare
con li guai suoi»; aver veduto ancora in Napoli venire alle mani il
Lauriana ed il Petrolo, il quale anche dava del falsario al Lauriana.
Confermò tutto il resto circa il Lauriana, ed aggiunse inoltre di
avere lui stesso udito il Pizzoni parlare dalla fossa col Lauriana
«per un pertuso che risponde fuori, et parlavano latinamente» e dopo
tre giorni il Pizzoni fu tolto dalla fossa e rimase da basso per più
di due mesi in compagnia del Lauriana che lo governava; (senza mettere
in dubbio l'orribile condotta del Lauriana, bisogna pur dire che tutti
i frati d'ogni colore, eccetto il Pizzoni, seppero organizzare una
vera crociata contro di lui).--Di poi Marcello Salerno di Guardavalle,
sarto, carcerato egualmente per la congiura, confermò di avere udito
tutte le voci che correvano su' fatti del Lauriana, tra le altre «che
un certo dottore chiamato Dominico era stato la salute di frà Silvestro
et la ruina dela causa». Aggiunse di aver udito prima fra Dionisio e
il Lauriana quistionare e gridare tra loro e poi quietamente parlare
insieme; aver veduto anche il Soldaniero visitare fra Dionisio. Non
potè pertanto attestare di aver veduto in Squillace il Lauriana
dimandare perdono a fra Pietro Ponzio per le falsità dette contro fra
Dionisio, perchè allora esso Marcello aveva avuta la corda e stava
male; attestò solamente di averlo udito dire da altri carcerati, come
pure di aver udito che il Lauriana era stato sedotto a deporre in
quel modo da un frate chiamato fra Cornelio. Aggiunse che veramente
il Lauriana e il Pizzoni erano stati in un medesimo carcere più
mesi; (nulla di nuovo, ma una concordanza notevole).--Quindi Cesare
Bianco di Nicastro, domestico, carcerato come sopra, confermò le voci
che correvano intorno al Lauriana, che tutti lo dicevano falsario,
aggiungendo prudentemente, «quanto à me lo tengo per religioso da messa
di S. Domenico». Attestò di aver veduto lui medesimo il Soldaniero ed
anche Valerio Bruno parlare con fra Dionisio; ricordò di avere già
deposto circa la lettera che il Lauriana avea mandata al Pizzoni;
negò di avere udito il Lauriana dire che ci era tempo ad accomodare
la coscienza, avendolo invece saputo per detto di altri carcerati;
conchiuse dicendo, «fra Dionisio publicamente si tiene per homo da bene
come lo tengo io, è per buon religioso, è predicatore, et publicamente
si è ditto, è si dice particolarmente tra li carcerati che le cose che
li sono state apposte sono state falsità»; (una testimonianza simile
da un uomo piuttosto prudente merita di essere considerata).--Venne
poi esaminato Geronimo padre del Campanella[215], che questa volta
si disse di Stilo, calzolaio, costretto a vivere col carlino al
giorno che a lui dava la Corte (come agli altri compagni poveri), e
dichiarò di non saper nulla su quasi tutte le dimande che gli furono
fatte. Attestò che dicevasi il Lauriana essere falsario, aggiungendo
«et esso se lo sape». Attestò che avea veduto il Lauriana visitare
fra Dionisio e parlargli, come pure il Soldaniero, non così Valerio
Bruno, il quale serviva di cucina il Soldaniero; (il povero vecchio
era sempre di molto cattivo umore).--Successivamente venne esaminato
Gio. Battista Ricciuto di Monteleone, orefice, che dichiarò del pari
non saper nulla su quasi tutti i punti e volle barcamenarsi. Disse il
Lauriana ritenuto «appresso di alcuni per buono et appresso di alcuni
altri non»; aver recitato la litania «giusta», ma lui, Gio. Battista,
non saper «lettera»; non sapere se il Lauriana avesse visitato o no
fra Dionisio, ma la camera di costui essere rimasta aperta a tutti.
Quanto al Soldaniero fu più esplicito; l'avea veduto in camera di fra
Dionisio, avea veduto Valerio Bruno servirlo, avea saputo da costui
l'indulto accordatogli.--Finalmente Tommaso Tirotta, già servitore del
povero Maurizio e carcerato e tormentato per questo, dovè rispondere
solo intorno al Soldaniero e a Valerio Bruno: e disse aver conosciuto
l'uno e l'altro fin da quando stavano ritirati nel convento di Soriano,
sapere che il Bruno serviva il Soldaniero anche nel Castello, sapere
che il Soldaniero avea visitato fra Dionisio, non sapere che il Bruno
l'avesse egualmente visitato ed anche servito, poter attestare aver lui
medesimo, Tirotta, cucinato due polli per fra Dionisio nel focolare del
Soldaniero col consenso di costui (testimonianza insignificante per
questa causa).

Il giorno seguente, 9 novembre, si cominciò ad interrogare i
frati[216]. E dapprima fra Paolo confermò che il Lauriana da tutti era
stimato falsario, ricordando specialmente che così l'avea chiamato
pure il Petrolo nel venire alle mani tra loro. Disse aver udito in
Gerace perfino da' birri, ma non dal Lauriana, che costui avea detto
volersi ritrattare e poi non l'avea fatto per timore, aggiungendo, a
dimanda d'ufficio, che lo Spinelli e lo Sciarava erano presenti agli
esami e minacciavano, ed il Capitano di campagna era anche presente
e insolentiva, come avea provato egli stesso e parimente il Petrolo.
Confermò aver udito in Gerace e in Monteleone che il Lauriana non
conosceva nulla di quanto avea deposto, ma l'avea deposto per timore di
fra Marco e del suo compagno, i quali dicevano volerlo consegnare alla
Corte secolare se non confessava. Dichiarò aver veduto nella carcere di
fra Dionisio, in colloquio con costui, il Lauriana, e così pure altra
volta il Soldaniero; d'avervi veduto egualmente Valerio Bruno, che era
servitore del Soldaniero, tanto che pur in que' giorni, essendo il
Soldaniero passato al Castello dell'ovo, gli preparava il pranzo e glie
lo mandava aggiungendo che da Valerio era stato detto di aver udito
quanto avea deposto non da fra Dionisio ma dal Soldaniero. Attestò che
trovandosi in Pizzoni, vide fra Dionisio venuto per ricuperare certi
scritti dal Pizzoni e sdegnato verso costui uscire dalla Chiesa dove
gli avea parlato (testimonianza troppo tardiva e quindi sospetta).
Attestò le cattive qualità del Pizzoni, i furti, il mal francese, le
disonestà che gli erano addebitate. Disse di sapere che in Pizzoni,
quando vi fu fra Dionisio, non c'era il Campanella; confermò che fra
Pietro di Stilo non era amico di fra Dionisio, ed invece lo era del
Polistina; (così fra Paolo si mostrava ben diverso da quello di prima,
ma perciò appunto non poteva conciliarsi molta fede).--Successivamente
fu interrogato fra Pietro di Stilo, che abbondò moltissimo ne'
particolari, profittando della circostanza per far entrare nelle
difese in un modo anche più largo la persona del Campanella, sicchè
la sua deposizione riesce di una importanza straordinaria. Dichiarò
aver saputo direttamente dal Lauriana, in Squillace e in Monteleone,
che avea deposto «tutto buggie ad instantia di frà Cornelio, è di frà
Gio. Battista de Pizzoni», ed espose l'occasione a questo modo: «io
dissi à fra Silvestro, come è possibile che tu che sei inimico di frà
Dionisio perche ti persequitò per conto di frà fabio in Nicastro....
et tù sempre sei stato lontano da frà Thomaso, che essi ti habbiano
communicato queste cose à te, et à me che ero amico di fra Thomaso, e
paesano, non habbia ditto niente, Et fra Silvestro alhora mi disse, non
per Dio, io mai seppi queste cose, mà me l'ha fatto dire il maledetto
frà Gio. Battista da Pizzoni, in servitio del quale hò posto l'onore,
è molte volte in pericolo la vita, Et io dissi come è possibile che si
hai deposto contra frà Dionisio, et il Campanella ad instantia di frà
Gio. Battista, che tu poi habbi accusato fra Gio. Battista, esso mi
rispose che quelli doi ciò è il Campanella, è frà Dionisio li dovesse
nominare come in effetto li nominai, et io da me aggionsi fra Gio.
Battista per terzo, massime che frà Gio. Battista mi havea ditto di
haver udito heresie dal Campanella, è da frà Dionisio» (rivelazioni
molto sottili). Attestò che pure alla presenza di molti di Catanzaro
il Lauriana disse di aver deposte falsità, ed esso fra Pietro glie ne
fece rimprovero. Attestò di aver saputo dal Dottore Monaco il consiglio
dimandatogli dal Lauriana; disse che uguale consiglio fu dimandato al
Giustiniano e poi ad esso fra Pietro medesimo, onde ebbe a rispondere,
«che si havea detto la verità stasse saldo, et moressero li tristi,
è si havea detto la falsità mirasse a sè, è che li testimonii falsi
condennorno il figliolo di Dio alla morte». Confermò che il Lauriana
era falsario, anche perchè avea deposto di avere udito eresie da fra
Dionisio, dal Campanella e dal Pizzoni, «e non dimeno, egli disse,
frà Dionisio non è stato mai in Pizzoni con frà Thomaso Campanella,
perche io era in Pizzoni in questo tempo, et l'haveria saputo si ci
fusse stato», indicando testimoni, per sapere la verità, fra Paolo
e il Pizzoni medesimo. Confermò aver fatto un appunto al Lauriana
durante le litanie, quando si giunse alle parole _a falsis testibus_,
poichè «parve che à fra Silvestro s'ingroppasse, è non potesse dire».
Attestò che un giorno fra Dionisio e il Lauriana vennero a briga
tra loro per le falsità, e poi la sera li vide discorrere insieme,
come il Lauriana medesimo gli disse l'indomani. Attestò aver veduto
più volte il Soldaniero parlare con fra Dionisio; quanto a Valerio
Bruno, aver saputo lo stesso da carcerati. Dichiarò aver saputo da
Giulio Contestabile che il Soldaniero gli avea detto essere stato da
fra Cornelio forzato a deporre, ma attestò averlo poi saputo anche
direttamente ed ecco in quale occasione: «al Soldaniero dissi che frà
Gio. Battista di Pizzone se li raccomandava per amore di Dio, et Giulio
rispose che non li volea perdonare, mà roinarlo, perche esso fù il
primo che accusò il Soldaniero che con trenta persone voleva uscire
in campagna per la ribellione, et che li rencresceva bene di haver
detto contra frà Dionisio, perche la sospittione che havea contra frà
Dionisio che se la tenesse con Eusepio suo inimico non era stata vera,
è disse di haver fatto il debito suo verso frà Dionisio in camera di
frà Dionisio, ma che al Pizzone lo voleva convincere col detto di
valerio bruno suo servitore _de loco, et tempore_, perche da quello
servitore faceva dire quel che lui voleva, è questo sarà il servitio
che voglio fare à fra Gio. Battista, Et dopò questo biastemò San Gio.
Battista, S. Giovanni evangelista, è Santo Cornelio, Et soggionse se
venessero persone che havessero questi nomi io non li crederia mai, ne
tan poco voglio credere à questi Santi per tali nomi, perche questi,
ciò è frà Cornelio del Monte, e Maestro Gio. Battista Polistina, sono
stati causa, che hò perso l'anima, la robba, e dubbito che perderò la
vita, Et poi cacciò una carta reale, è disse questa mi costa un'anima,
è tre mila docati, et confortandolo io che saria remesso, mi rispose
questo è l'indulto, et maledicì quando mai fu indultato, et che era
meglio per esso che fosse stato alli passi» (rivelazioni sempre
più sottili ed anche abbastanza teatrali, un pochino inverosimili
trattandosi non di un uomo semplice ma di un capo di fuorusciti qual
era il Soldaniero). Dichiarò inoltre avergli lo stesso Soldaniero
affermato, che i fatti esecrabili commessi contro l'ostia consacrata
erano stati narrati da fra Dionisio nella predica di Soriano a pio fine
(unico testimone fra Pietro su questo articolo tanto scabroso); avergli
dippiù Valerio Bruno lodato grandemente quella predica. Accettò di aver
fatto molto opportunamente fuggire il Polistina quando era perseguitato
da fra Dionisio (con che si accreditava come testimone a favore di
costui), e confermò ad una ad una le accuse di furto, malattie e «cose
di donne» addebitate al Pizzoni, mostrandosi personalmente informato di
tutto. Riconobbe che il Campanella avea trattato molto col Pizzoni,
ma disse di non poter entrare a giudicare se dovesse ritenersi più
probabile che il Pizzoni avesse manifestate a fra Dionisio opinioni del
Campanella, o invece il contrario. Affermò di avere tanto lui quanto
il Petrolo saputo dal Pizzoni che fra Dionisio avea parlato di eresie
disputativamente, e soggiunse essergli stato detto dal Pizzoni, nelle
carceri di Monteleone, che volea ritrattarsi di quanto avea deposto
contro fra Dionisio e il Campanella, allegando «molte raggioni per
le quali esso havea confessato la prima volta, è fra l'altre... il
timore della morte, e la speranza di libertà, l'odio che havea con frà
Dionisio, et l'occasione dela soversione delle cose, che alhora pareva
che il mondo tutto andasse sotto sopra» (non si poteva dir meglio); al
quale proposito ritornò sulle minacce fatte da D. Carlo Ruffo, da fra
Cornelio, dal Visitatore, da Ottavio Gagliardo, e ricordò quello che
costoro aveano fatto contro lui medesimo. Ma la lunghezza di questo
esame obbligò i Giudici a rimandarne il sèguito ad altra seduta.

L'indomani 10 novembre fu ripigliato l'esame di fra Pietro di Stilo.
Ed egli continuò sull'articolo delle minacce fatte in Calabria a
ciascuno de' frati inquisiti, esponendo anche a lungo gli eccitamenti
avuti da fra Gio. Battista di Polistina unito con fra Cornelio, poco
prima di montare sulle galere in partenza per Napoli, perchè deponesse
contro fra Dionisio, onde giudicò che in questa faccenda si trattasse
di una vendetta particolare del Polistina. Confermò l'inimicizia del
Lauriana con fra Dionisio, avendolo costui perseguitato per le pessime
relazioni tra lui e fra Fabio Pizzoni: attestò di aver veduto la
lettera scritta dal Lauriana a Ferrante Ponzio, di avere udito più di
quaranta volte dal Lauriana che era stato sedotto dal Pizzoni e da fra
Cornelio, esponendo tutti i particolari del modo di procedere tenuto
per gli esami in Calabria, la lettura dell'esame del Pizzoni agli
altri che dovevano esaminarsi, la presenza de' laici che interrogavano
anche in materia di eresia perfino in Gerace, facendosi gli esami
innanzi al Vescovo. Così mano mano confermò ciascuno articolo su cui
venne interrogato, sempre di scienza propria: e nel parlare del mulo
rubato dal Pizzoni ad un uomo di Stilo, dichiarò che egli, insieme
col Campanella e col Sig.^r Francesco Petrillo, s'interpose per
accomodare la faccenda; nel parlare degli eccitamenti del Visitatore
perchè si deponesse contro fra Dionisio, aggiunse di essere stato
eccitato a deporre anche contro il Campanella. Così pure, nel parlare
della conferma dell'esame di Calabria fatta in Napoli dal Pizzoni a
consiglio del Lauriana, aggiunse che egualmente il Petrolo (accusatore
del Campanella) confermò l'esame a consiglio del Lauriana datogli
allo stesso modo; nel parlare poi dell'inimicizia tra Dionisio e il
Petrolo, dichiarò che non ne sapeva nulla, ma che sapeva bene esservi
inimicizia tra il Petrolo e il Campanella, «perche si disse che una
sorella di frà Dominico era innamorata di frà Thomaso, et che havevano
peccato insiemi, et per questo si disse che frà Dominico cercò di
fare ammazzare il Campanella dal Mauritio, mà Mauritio non lo volse
fare; quando poi si suscitorno questi rumori di ribellione il Mauritio
cercò di ammazzare il Campanella, è fra Dominico, mà non potè si ben
li sequitò per alcune miglia»! Finalmente, nel parlare del motivo
per cui il Pizzoni e il Petrolo dicevano aver dovuto confermare i
rispettivi esami, cioè l'insistenza minacciosa del fisco, non solo
dichiarò averlo udito da que' frati mentre discorrevano tra loro di
notte, ma soggiunse averlo udito particolarmente dal Petrolo mentre
lo diceva al Campanella per iscusarsi (e ben si vede che il povero
fra Pietro si spingeva quanto più poteva, certamente un po' troppo,
per giovare al suo disgraziato amico).--Dopo di lui fu esaminato il
Petrolo, ma sopra un numero di articoli assai limitato. Egli attestò
aver saputo direttamente dal Lauriana che avea deposto contro il
Campanella, fra Dionisio e il Pizzoni, che vi era stato colto da fra
Cornelio e dal Visitatore mentre non sapeva nulla di quanto depose, che
voleva ritrattarsi almeno relativamente al Pizzoni suo maestro, ma non
già che avesse deposto il falso ad istigazione del Pizzoni; e spiegò
le confidenze fattegli, dicendo essere stato assistito dal Lauriana
dopochè ebbe due ore di corda (naturalmente per la congiura). Attestò
essere il Lauriana ritenuto pubblicamente falsario, persistente nel
falso a consiglio di un dottore «furbo e mariolo», riluttante a dire
le parole a falsis testibus nelle litanie per quanto avea saputo da
fra Pietro di Stilo. Attestò aver veduto il Lauriana e fra Dionisio
parlare insieme, sibbene fuori la carcere; aver udito il Soldaniero
bestemmiare santo diavolo[217] e borbottare minacce contro i Polistina,
ciò che il Bitonto gli spiegò col dire che i Polistina lo avevano
costretto a deporre ciò che depose; inoltre aver veduto il Soldaniero
visitare fra Dionisio dentro la carcere e prestargli danaro, come pure
aver veduto nella carcere di fra Dionisio Valerio Bruno servitore del
Soldaniero. Dichiarò di avere non solo udito il Soldaniero lamentarsi
dei Polistina, ma ricevute lui stesso in Bivona raccomandazioni dirette
da fra Gio. Battista di Polistina perchè non risparmiasse fra Dionisio,
e nella medesima occasione veduto anche il Polistina riscaldarsi con
fra Pietro di Stilo. Dichiarò di aver udito il Soldaniero dire che in
Calabria avea dovuto fare il birro per salvarsi la vita; di sapere
che il Pizzoni era stato in relazioni molto strette col Campanella;
di avere udito dal Pizzoni che le cose dettegli da fra Dionisio
erano state dette _recitative_ e poi egli l'aveva accomodate nella
sua deposizione a modo di disputa; di avere avuto preghiera dal
Pizzoni, perchè raccomandasse al Lauriana di persistere nella discolpa
conoscendo che l'aveva discolpato; di sapere che il Campanella non
era stato a Pizzoni quando vi fu fra Dionisio, perchè il Pizzoni e il
Lauriana glie l'aveano detto, ed anzi il Lauriana, preoccupato di
aver detto il contrario, lo pregò di raccomandare a fra Paolo che non
lo scovrisse su questo punto. Infine dichiarò di sapere che il Pizzoni
e il Lauriana erano stati più mesi insieme nelle carceri civili, e di
credere che si fossero là messi d'accordo a voce dopochè aveano cercato
di farlo in iscritto; (così oramai il Petrolo, col contatto de' frati,
si era modificato di molto, ed avea capito che la causa di ognuno
rifletteva quella di tutti; ma si era troppo spinto innanzi per tornare
francamente indietro).--Fu interrogato da ultimo il Bitonto, e costui
dichiarò di aver saputo dal Lauriana in Gerace, che si era esaminato
contro fra Dionisio e il Campanella a persuasione del Pizzoni, che
non si era ritrattato per timore di Carlo Spinelli, ma che si sarebbe
ritrattato in Napoli, dimandando ad esso Bitonto se si dovesse o no
ritrattare. Attestò di aver veduto un giorno fra Dionisio e il Lauriana
quistionare insieme ed aver poi saputo dallo stesso Lauriana che la
sera era andato a cercare perdono a fra Dionisio per le falsità deposte
contro di lui; aver veduto il Soldaniero visitare fra Dionisio nella
carcere e portargli cose da mangiare, ed aver veduto egualmente presso
fra Dionisio Valerio Bruno servitore del Soldaniero. Attestò aver udito
dal Soldaniero che non gli si teneva conto del guidatico, e che i
Polistina e fra Cornelio lo avevano consigliato e costretto a deporre
le cose di eresie. Attestò che il Pizzoni avea fatto fuggire fra Gio.
Battista di Polistina quando fra Dionisio cercava farlo carcerare, che
in Calabria era reputato un cattivo soggetto, avea rubati scritti a fra
Dionisio e commessi altri furti, aveva avuto il mal francese e fatto
udire molte cose in materia di donne. Attestò egualmente di propria
scienza la pessima condotta del Lauriana in materia di costumi, e per
detto altrui le lettere che avea scritte a Ferrante Ponzio revocando
le cose affermate contro fra Dionisio e il Campanella. Infine attestò
l'amicizia di fra Pietro di Stilo per fra Gio. Battista di Polistina
nemico di fra Dionisio (come si vede, nulla di nuovo, e d'altronde il
testimone era troppo ligato a fra Dionisio per potergli accordare molta
fede).

Il 16 novembre si tenne l'ultima seduta, e furono interrogati il
Barone di Cropani e Geronimo di Francesco, fatti venire dal Castello
dell'ovo. Il Barone di Cropani, Antonino Sersale[218], narrò come egli
si fosse adoperato per far perdonare dal Provinciale fra Dionisio
quando costui ebbe grave punizione per aver bastonato un frate, come
inutilmente avesse in tale circostanza procurato i buoni ufficii del
Vescovo di Catanzaro e dell'Auditore De Lega presso il Visitatore,
con la conseguenza rincrescevole per lui di essere ritenuto a motivo
di queste trattative con fra Dionisio, «sospetto come li altri
calabresi carcerati». Attestò per scienza propria le ottime qualità
di fra Dionisio, e per detto altrui l'ostilità del Visitatore verso
questo frate dietro antichi dissensi circa le controversie de' frati
Riformati, come pure l'amicizia del Visitatore per fra Gio. Battista
di Polistina nemicissimo di fra Dionisio. Attestò aver saputo da due
Padri Gesuiti, mentre si trovava nelle carceri di Monteleone, che il
Mileri e il Crispo, quando vennero giustiziati, dicevano con alte grida
aver tutto deposto in materia di ribellione per forza di tormenti avuti
dallo Sciarava; e la cosa medesima essersi detta di altri tre che
vennero giustiziati sulla galera in cui egli si trovava, sebbene non
l'avesse udito di persona poichè soffriva il mal di mare, specialmente
di Gio. Battista di Nicastro (il Bonazza), che per questo motivo non
voleva nemmeno riconciliarsi con Dio ma poi si piegò. Aggiunse essere
anche in materia di fede fra Dionisio «da tutti tenuto per bonissimo
Catholico».--Geronimo di Francesco disse di avere appena conosciuto
fra Dionisio, e di poter attestare che tutte le accuse fatte a questi
frati erano falsità, come aveva in parte udito e in parte saputo dal
Pizzoni, aggiungendo che i due giustiziati in Catanzaro (Mileri e
Crispo) avevano confessato di aver tutto deposto per forza di tormenti
e persuasione dello Sciarava; (e così entrambi i testimoni confondevano
troppo la materia della ribellione e quella dell'eresia).

Abbiamo già avuta occasione di dire che in questo stesso periodo di
tempo, oltre gli esami difensivi per fra Dionisio, si fecero anche
quelli pel Pizzoni. Costui presentò in sua difesa 34 articoli, e poi
ne diede in supplemento pure qualche altro nell'ultima ora scrivendolo
di suo pugno (sicchè a quel tempo dovè la lesione della spalla dargli
un po' di tregua), ma i Giudici non vi badarono nemmeno[219]. Secondo
il solito volle provare che fin dal suo ingresso nella vita monastica
avea vissuto religiosamente, e poi predicato ed insegnato ne' conventi
principali, aggiungendo di avere strettamente digiunato ogni sabato
e di non essere stato mai inquisito nè processato. Che il processo
fatto da fra Marco e fra Cornelio era falso, avendo ricevuto danari e
donativi da diverse persone per fare un processo tale da guadagnarsi
un premio. Che que' frati eccitavano gl'inquisiti l'uno contro l'altro
dicendo che l'uno avea deposto contro l'altro, leggevano in precedenza
all'uno l'esame raccolto dall'altro, facevano co' tormenti dire quanto
loro piaceva. Che senza precedente denunzia, inquisizione o querela,
aveano fatto carcerare esso Pizzoni, dicendolo pubblicamente nemico
di Cristo e del Re. Che il fisco e gli ufficiali Regii promettevano
premii e diedero indulti per far deporre contro la propria coscienza.
Che un testimone del fisco, il Caccia, aveva in punto di morte
dichiarato di aver deposto il falso e se n'era fatta fede che esso
Pizzoni riproduceva; inoltre questo Caccia era stato sottoposto alla
tortura mentre aveva la febbre e in tale condizione era stato sedotto
da que' frati a nominare esso Pizzoni! Che i due Polistina erano suoi
nemici, essendo lui stato a Roma contro di loro quando concorrevano
al Provincialato. Che Giulio Soldaniero gli era nemico capitale e
l'avea più volte minacciato, pretendendo che avesse nascosto Eusebio
Soldaniero; e poi era stato eccitato da' Polistina a deporre contro di
lui. Che Valerio Bruno era compagno di delitti e servo stipendiato del
Soldaniero, e quindi non meritava fede; e poi egli medesimo confuso per
le sue falsità avea detto a' Giudici, «misericordia signore, che sono
ignorante». Che esso Pizzoni non era stato mai cacciato dal convento
di Soriano, ma sempre accoltovi con affetto, e vi avea pure cantata la
messa in presenza del Visitatore nel giorno di S.^{to} Agostino (vale
a dire il 28 agosto). Che il Campanella e fra Dionisio non aveano
mai parlato di quelle cose che esso Pizzoni avea deposte, se non
separatamente e fuori la presenza di alcuno; e il libro del Campanella
stampato in Napoli non era scritto contro S. Tommaso ma contro Antonio
Marta napoletano, e S. Tommaso vi si trovava nominato sempre colla
massima riverenza (in questo contradiceva al Lauriana, col quale oramai
il disaccordo era completo). Che avea sempre letto e predicato dottrine
approvate dalla Chiesa. Che fra Dionisio gli era divenuto nemico
mortalissimo da che esso Pizzoni avea deposto contro di lui molte cose
intorno alla congiura e alla fede; fra Domenico Petrolo era stato
eccitato a deporre contro esso Pizzoni da fra Cornelio, il quale glie
ne lesse pure l'esame, oltrechè non avea potuto vederlo ammalato in
Pizzoni due anni prima, perchè allora esso Pizzoni si trovava in altri
posti. Che mai vi era stata tra lui e il Campanella corrispondenza in
cifra, che non era mai il Campanella venuto altre volte a Pizzoni,
che quando ci venne fu perchè volea vedere i Vescovi di Mileto e di
Nicotera i quali dovevano là venire, che dopo di averlo esso Pizzoni
cacciato dal convento, non gli scrisse mai più. Che se esso Pizzoni
lo vide in Stilo, ciò fu per certo danaro che dovea restituire a un
fra Marcello Basile, e per certo altro danaro che doveva esigere andò
a vederlo presso il Marchese di Arena. Che avvertì il P.^e Generale
facendo scrivere la lettera al Lauriana e mandandola egualmente per
costui alla posta di Monteleone, non appena seppe le cose delittuose
del Campanella e di fra Dionisio. Che tutte le deposizioni de' frati
furono fatte innanzi ad ufficiali Regii, ed anche innanzi a D. Carlo
Ruffo, il quale era speciale nemico di esso Pizzoni per controversie
passate tra loro. Che nel convento di Pizzoni egli non era stato se non
durante tre mesi prima della sua carcerazione, mandatovi a forza da'
Superiori suoi nemici, ed avea supplicato inutilmente di poter lasciare
quel posto, solito ad essere frequentato da fuorusciti protetti dal
Vescovo di Mileto, onde due Vicarii suoi predecessori aveano dovuto
scapparne di soppiatto.

A questi articoli, redatti con un po' di disordine e con diversi errori
di nomi, attestanti la poca cura dell'Avvocato e l'affievolimento del
Pizzoni pur sempre infermo, venne aggiunto un elenco di testimoni
rappresentati da tutti i frati inquisiti all'infuori di fra Dionisio
(oltrechè del Campanella come ben s'intende), da molti frati de'
conventi di Calabria, e da taluni de' conventi di Napoli, dal
Contestabile e dal di Francesco carcerati per la ribellione, dallo
Spinola e dal Castiglia ed anche da un D. Francesco di Genova carcerati
per altre cause, da Fabio Pisano disgraziato padre di Cesare dimorante
in Calabria. E con una fiacchezza di accorgimento sempre più notevole,
vennero tutti i frati inquisiti indicati come testimoni su tutti gli
articoli indifferentemente, sicchè p. es. il Petrolo ed il Lauriana
doveano provare anche le affermazioni contenute negli articoli addotti
contro di loro; e può dirsi senza esitazione, che la difesa del
Pizzoni, già essenzialmente scabrosa, fu mal condotta davvero.--Il
fiscale Sebastiano diede dal canto suo appena 6 interrogatorii,
contenenti le solite ammonizioni e generalità rutinarie, senza brigarsi
menomamente de' fatti affermati negli articoli, tanto dovea sentirsi
sicuro che non ve n'era bisogno. I Giudici poi chiamarono all'esame
soltanto i frati inquisiti, lo Spinola e il Castiglia, il Contestabile
e il Di Francesco, e in due sedute successive, il 14 e 15 novembre,
esaurirono le difese del Pizzoni[220].

Il 14 novembre fu interrogato dapprima fra Paolo della Grotteria, il
quale disse di conoscere da poco tempo il Pizzoni e non poter dare
testimonianze sulla vita di lui; avere udito con molti altri carcerati
in Monteleone Cesare Pisano affermare, che da suo padre era stato dato
danaro ed altro al Visitatore e compagno, per passarlo dalla Corte
temporale all'ecclesiastica; esser vero che il Visitatore e compagno,
presenti Spinelli, Sciarava e il Vescovo di Gerace, minacciarono
esso testimone se non avesse deposto contro il Pizzoni intorno al
mangiar carne in tempo proibito; che D. Carlo Ruffo con suoi famigli
era venuto nelle carceri a sedurlo e così pure fra Cornelio; che
avea veduto minacce di pugni e di consegna alla Curia secolare, la
quale procedeva a modo di campagna, fatte al Petrolo e a fra Pietro
di Stilo. Avere udito parlare della fede fatta dal Caccia a tempo
della sua morte, ma non averla veduta; poter attestare che il Caccia
fu tormentato mentre avea la febbre, ma non sapere se il Visitatore
e compagno fossero stati presenti. Avere udito da un birro che i due
Polistina coll'intervento di un secolare, il quale doveva essere
Giulio Soldaniero, avevano fatta una lista di accuse, non sapere se il
Campanella e fra Dionisio avessero parlato o no di eresia, ma poter
attestare che il Pizzoni si era con lui lamentato del Visitatore e
compagno, perchè con buone parole e promesse di liberazione, al pari
di D. Carlo Ruffo, l'aveano indotto a deporre contro que' due frati,
ed egli l'avea fatto tanto più perchè pensava di non avere a nuocere
a fra Dionisio che era fuggito; potere inoltre attestare che nella
Chiesa di Pizzoni fra Dionisio avea parlato al Pizzoni con sdegno.
Su tutto il resto disse non saper nulla (la difesa del Pizzoni già
cominciava a risultare ben altro che difesa, e se venivano a galla
tutte le infamie del Visitatore e di fra Cornelio, non per questo il
Pizzoni se ne giovava).--In sèguito il Petrolo disse del pari aver
conosciuto poco il Pizzoni, avendolo veduto appena una volta in Stilo
e poi nel carcere; sapere che era buon predicatore e letterato ma
assai maledico, e che avea cominciato a digiunare il sabato da sole
tre o quattro settimane! Aver udito in Gerace che il Mesuraca avea
dato 100 scudi a fra Cornelio per far processare mortalmente i frati
inquisiti, a fine di guadagnarsi il taglione sopra il Campanella ed
esso Petrolo; aver udito in Monteleone da Cesare Pisano ed anche dal
padre di costui, presenti altri frati, che erano stati dati 100 scudi
e robe di tela a fra Cornelio, convenendo di far dire cose di eresie
per passare al foro ecclesiastico. Essergli stato da fra Cornelio letto
in gran parte l'esame del Pizzoni, ma non detto che dovesse deporre
contro il Pizzoni. Essergli stato detto dal Pizzoni che fra Cornelio,
presente Geronimo di Francesco, l'istruiva nella carcere su quanto
avrebbe dovuto deporre; poter assicurare che esso testimone medesimo
era stato visitato nella carcere da fra Cornelio, il quale voleva
fargli sottoscrivere un verbale che egli non voleva sottoscrivere, «e
disse con giuramento, dicendo per queste mani, monstrando le mani sue,
che tu non hai da uscire da questo Castello se non in pezzi, et io mi
humiliai, et esso col visitatore mi sputavano in faccia con dire non
basta questo, ma volevano che io dicesse delle cose che non sapeva..,
et il Sciarava mi pigliò una volta per il petto, è mi condusse alla
banca sotto la corda, et voleva che confirmasse lo mio esamine quale io
non voleva confirmare per le falsità che contineva». Dichiarò inoltre
che tutti i frati di S. Domenico erano chiamati ribelli, che ognuno de'
persecutori si aspettava un premio, e di fra Cornelio si diceva che
sarebbe stato fatto Arcivescovo di Toledo! Avere udito che il Caccìa
avea fatto fare una fede per ismentire le falsità deposte, e che era
stato tormentato mentre avea la febbre; aver saputo da lui medesimo,
in Squillace e poi in Monteleone, che era stato esaminato contro il
Pizzoni e avea deposto il falso; ma i Giudici gli fecero osservare
d'officio che dal processo si rilevava essersi le deposizioni del
Caccìa avute senza tormento, e il Petrolo ripetè che in Gerace aveva
avuta la corda (erano state confuse negli articoli le deposizioni
sulla congiura e quelle sull'eresia, e i testimoni continuavano in
tale confusione). Avere udito che il Pizzoni non era nemico ma amico
del Polistina (confusione di due periodi diversi); aver saputo dal
Pizzoni medesimo che fra Dionisio non gli avea dette tante eresie; e
che glie le avea dette recitativamente; nulla poi aver saputo intorno
al Campanella. Poter assicurare che il Pizzoni era stato esaminato
innanzi al Visitatore e compagno, allo Spinelli e allo Sciarava, come
esso medesimo era stato esaminato; che anzi lo Spinelli e lo Sciarava
volevano esaminarlo soli ed egli si rifiutò di rispondere dicendo che
era ecclesiastico, ma Sciarava gli disse che non lo era più, perchè
aveva allora lasciato l'abito, e finirono per interrogarlo (ma questo
era accaduto in Gerace, e il Pizzoni avea già deposte tante cose
propriamente in Monteleone, fuori la presenza dello Spinelli e dello
Sciarava). Sugli articoli che concernevano direttamente la persona sua,
confermò essergli stato da fra Cornelio letto in gran parte l'esame
del Pizzoni ma non fatto eccitamento a deporre contro il Pizzoni;
confermò inoltre aver veduta una lettera in cifra che il Campanella
gli disse essere stata scritta dal Pizzoni. Su tutto il resto dichiarò
non saper nulla.--Venne poi la volta del Lauriana, il quale disse aver
conosciuto il Pizzoni da molto tempo, non essergli amico nè nemico,
sapere che era buon predicatore ma non che digiunasse o no. Aver udito
dal Pisano e dal padre di costui il pagamento e regalo fatto a fra
Cornelio; aver saputo dal Caccia essere stato spinto a deporre contro
il Pizzoni dietro assicurazione che il Pizzoni avea deposto contro di
lui. Avere lui medesimo avuta dal Visitatore e compagno la minaccia
di essere consegnato allo Sciarava, il quale diceva volergli dare la
corda. Avere udito dal Caccia che molte cose erano state da lui deposte
contro il Pizzoni e che venendo in Napoli si sarebbe ritrattato; sapere
che il Caccia era stato sottoposto alla corda mentre aveva la febbre,
ma non sapere se il Visitatore e compagno vi fossero intervenuti. Avere
il Soldaniero scritto a Claudio Crispo lamentandosi che in Pizzoni
si desse ricetto ad Eusebio suo nemico, la qual cosa non era vera.
Riferirsi al suo esame circa la presenza contemporanea del Campanella
e fra Dionisio in Pizzoni quando si parlò di eresia, e così pure circa
la lettura del libro stampato dal Campanella. Esser vero che il Pizzoni
leggeva la dottrina di S. Tommaso, che era stato Teologo del Vescovo
di Nicotera, che era andato presso il Campanella per le ragioni da lui
addotte. Avere scritto realmente la lettera al Generale, con cui il
Pizzoni rivelava le cose del Campanella e di fra Dionisio, ed averla
lui medesimo portata alla posta. Nel suo primo esame non esservi stati
altri esaminatori che il Visitatore e fra Cornelio, senza intervento
di persone laiche. Esser vero che il Pizzoni si lamentava sempre del
Provinciale e del Polistina i quali l'avevano mandato nel convento
di Pizzoni, e che in questo convento erano stati sempre ricoverati
banditi, da' quali una volta il Vicario predecessore del Pizzoni aveva
avuto minaccia di essere buttato dalla finestra.

Il 15 novembre si venne agli esami di tutti gli altri testimoni. E
dapprima fu esaminato fra Pietro di Stilo, il quale, come sempre, ebbe
di mira principalmente la difesa del Campanella, sicchè il Pizzoni
non potè punto giovarsene. Egli disse aver conosciuto il Pizzoni da
otto anni, averlo avuto a lettore in Briatico, essergli amico, essere
rimasto con lui una volta che gli altri scolari gli si ribellarono;
sapere che era buon lettore e buon predicatore, ma di vita scandalosa.
Confermò di avere udito da alcuni preti in Gerace che a fra Cornelio
erano stati dati danari da Misuraca, perchè aggravasse la condizione
de' frati e così egli guadagnasse la taglia; si diffuse sull'argomento
de' premii e quindi della falsità del processo, dicendo, «chi
pretendeva per questa causa di voler essere vescovo, chi cardinale, chi
conte, chi una cosa, et chi un'altra, et comunemente fra Cornelio et
il visitatore si tenevano vescovi, et quelli preti dissero con pietà,
la causa di questi monaci non può andare bene perchè li istessi monaci
li cacciano, et altro non mi racordo per ora, Et poi si il processo
sia falso, dico che frà Gio. Battista da Pizzone et frà Silvestro de
Lauriana separatamente l'uno dall'altro mi hanno detto che hanno detto
la falsità, et per questo bisogna che il processo sia falso, quanto
poi alli Giudici ciò e, Visitatore, et compagno, facevano, è dicevano
tante cose, come saria pigliavano me, è mi conducevano avanti li
giudici secolari, et dicevano, ve lo consegno per tre hore, facciati
quel che vi piace, è se partivano..., di più dicevano si tu confessi
non morirai, è sarai libero, et haverai premio, et altre parole simili,
et l'istesso anco mi è stato fatto da don Carlo Ruffo è da quello di
casa guagliardo (_intend._ Ottavio Gagliardo) à Monteleone...; fra
Cornelio si monstrava non amico, mà servitore deli giudici secolari,
et l'istesso visitatore pareva che dependesse da frà Cornelio, et
per tutte queste cose, et altre, hò anco sospetto che per mali modi
tenuti dal visitatore, è compagno che il processo sia falso». Disse
poi non sapere che si leggessero prima a' testimoni gli esami raccolti
contro di loro, ma saper bene che i giudici «fingevano et dicevano
parecchie cose contra il Campanella, frà Dionisio, et il Mauritio, che
erano tristi, et scelerati, et heretici, è che fra thomaso Campanella
havea predicato publicamente le heresie, Et io facendo instantia di
vedere le cose che mi dicevano non me le volevano monstrare, è poi
mi dicevano hor su tu vuoi morire...». Ed inoltre: «fra Cornelio con
belle parole, è lusinghe mi voleva persuadere à dire quel che lui
voleva, ciò e, che io accettasse l'esamina deli altri, dicendomi
tu solo non puoi portare il carro et si tu solo sarai pertinace,
tu solo morirai, monstrando certe pietà, è forfanterie con me, et
ultimamente sempre mi lassava con bravarie... Facevano gran cose per
fare confessare, e massime frà Cornelio, il quale mi minacciava la
morte, et io risposi pacientia, più presto la morte che offendere
Dio». Dichiarò non conoscere che il Caccia avesse fatta una carta di
ritrattazione, ma conoscere che fu tormentato mentre avea la febbre
senza essere informato se v'intervenisse o no il Visitatore ovvero fra
Cornelio; poter poi attestare, avendolo udito dal Caccia medesimo, che
si lamentava di fra Cornelio perchè l'avea sedotto a dire la falsità
con l'assicurazione che avrebbe così evitata la corda, onde diceva
aver deposto la falsità per la corda (evidente ripiego per profittare
in qualche modo di un articolo scioccamente redatto). Disse di sapere
che il Soldaniero si era lamentato di fra Dionisio (anche di fra
Dionisio), del Pizzoni e del Lauriana, perchè ospitavano Eusebio
fuoruscito suo nemico; sapere per detto di fra Paolo che il Soldaniero
si era concertato col Polistina in questa faccenda, e che a lui parea
vero, mentre il Polistina avea tentato di sedurre lui medesimo perchè
deponesse contro fra Dionisio (ma non si pronunziò sulla inimicizia
sorta tra il Pizzoni e i Polistina). Dichiarò non potere esser vero che
fra Dionisio avesse dette eresie al Pizzoni, mentre nel principio di
luglio, essendo in Stilo e sapendo che vi era venuto il Pizzoni, corse
a prendere un candeliere dall'altar maggiore per ucciderlo, a motivo
di certi scritti rubatigli da lui; ed esso testimone col Campanella
doverono quietarli, promettendo il Pizzoni che avrebbe restituiti gli
scritti e mandatili ad Arena (mezzo di difesa venuto in campo negli
ultimi tempi). Dichiarò non sapere che il Pizzoni avesse accusato fra
Dionisio a' superiori; potere invece attestare, che il Pizzoni voleva
persuadere esso testimone a dire che avea veduta una lettera da lui
scritta allo Sciarava e che costui glie l'avea mostrata, la qual cosa
era «bugia tremendissima»; potere attestare ancora che il Lauriana avea
detto ad esso testimone non esser vero che avesse portato alla posta
una lettera del Pizzoni al P.^e Generale (troppe confidenze ricevute).
Quanto a fra Domenico Petrolo, dichiarò non sapere che costui avesse
avuto terrori da fra Cornelio perchè deponesse contro il Pizzoni, ma
avere udito dal Petrolo medesimo che aveva avuto terrori per deporre
contro il Campanella e fra Dionisio (sempre confidenze da tutti
costoro, che pure lo conoscevano amico intimo del Campanella). Quanto
al non avere più il Pizzoni trattato col Campanella dopo di averlo
cacciato dal suo convento, dichiarò constargli il contrario, mentre
essendo il Campanella in Pizzoni verso la fine di luglio, fu pregato di
volervi rimanere ulteriormente, e vi rimase tre giorni più di quanto
si era proposto; aver sempre il Pizzoni pregato il Campanella che si
recasse al convento di Pizzoni, averlo anche in Arena pregato in tal
senso, sicchè per queste falsità non avrebbe dovuto farlo esaminare
come testimone! Esser vero che quando il Pizzoni venne a Stilo portò
certi danari a M.^o Marcello Basile, come «ne portò anche al speciale
che li curò il mal francese»! Sapere che fra Gio. Battista di Polistina
l'avea processato per i suoi delitti; sapere che in Pizzoni vi erano
banditi, ma non sapere che vi fossero prima che ci andasse per Vicario
il Pizzoni (altro che difesa; il Pizzoni amico infedele, doveva essere
trattato come un deciso nemico, oltrechè dimostrato testimonio falso
per le seduzioni e il terrore incussogli da fra Cornelio).--Venne di
poi il Bitonto, il quale disse aver conosciuto il Pizzoni da dodici
anni, averlo saputo di mala vita, essere stato tenuto per scandaloso e
maligno. Avere udito da Fabio Pisano la faccenda de' danari e regali
dati a fra Cornelio per far liberare il figlio dalla morte, e da'
carcerati la faccenda de' danari pagati allo stesso fra Cornelio dal
Mesuraca, per far processare mortalmente il Petrolo e il Campanella.
Avere fra Cornelio detto a lui medesimo che il Pizzoni gli si era
esaminato contro, eccitandolo così a deporre contro il Pizzoni; e
dicendo lui che non sapeva nulla, avere avuto da fra Cornelio minaccia
di consegna a' Giudici secolari. Sui cattivi modi di esame, e sulle
speranze de' premii da parte de' Giudici e persecutori, disse: «usorno
milli stracie verso di noi il fra Cornelio, et l'Avocato fiscale, et
Carlo Spinello, acciò per le stracie dicessimo quello che volevano
loro..., quello che pigliò à me pretendeva di acquistare una baronia,
è don Carlo Ruffo, pretendeva essere Prencipe de Stilo, è frà Cornelio
per quanto disse l'Avocato fiscale se li saria procurato un vescovato,
et io udì quando che il fiscale disse questo in risposta che diceva non
haveria mancato di fare tutto quello che havesse possuto in servitio
del Re Catholico al quale era devoto». Intorno al Caccìa disse sapere
che gli fu data la corda mentre aveva la febbre e che in particolare
gli fu dimandato del Pizzoni, ma non sapere chi ci fosse presente e se
vi fosse intervenuto il Commissario e compagno. Intorno alle relazioni
tra il Pizzoni e il Polistina, disse sapere che il Pizzoni era andato
a Roma per mostrare che l'elezione del Polistina al Provincialato non
era valida. Confermò che il libro del Campanella era scritto contro
un certo Marta napoletano (egli solo tra' testi si trovò in possesso
di tale notizia). Confermò che il Petrolo era stato eccitato da fra
Cornelio a deporre il falso contro il Pizzoni, dicendo averlo saputo
dallo stesso Petrolo ed aggiungendo essere stato lui medesimo presente
alle bravate di fra Cornelio verso il Petrolo. Su molti altri articoli,
sulla condotta del Soldaniero messosi di accordo co' Polistina, su'
fatti del convento di Soriano, sulle relazioni del Pizzoni con fra
Dionisio e il Campanella disse non saper nulla; sulla presenza di
banditi nel convento di Pizzoni disse aver saputo dal Lauriana che
c'erano già prima che il Pizzoni ci andasse per Vicario (e ben si vede
che le testimonianze del Bitonto furono pel Pizzoni assai migliori di
quanto si poteva attendere).

Nella stessa seduta furono esaminati i rimanenti testimoni, chiamati a
deporre sopra determinati articoli.--Cesare Spinola disse di conoscere
un frate chiamato fra Gio. Battista di Pizzoni ma non avergli mai
parlato; non sapere che il Soldaniero si fosse messo d'accordo co'
Polistina contro il Pizzoni; sapere bensì che Valerio Bruno passava per
servitore del Soldaniero.--Giulio Contestabile disse aver conosciuto
il Pizzoni nelle carceri; poter attestare che il Caccìa avea deposto
contro esso testimone e al momento dell'estremo supplizio si era
ritrattato, onde egli se ne avea procurata dai confortatori una
fede che aveva presentata in giudizio a sua difesa; non conoscere
i Polistina e non sapere che si fossero concertati col Soldaniero
a danno del Pizzoni, sapere che Valerio Bruno era da tutti tenuto
per servitore del Soldaniero.--D. Francesco di Castiglia disse non
conoscere il Pizzoni personalmente, non saper nulla del concerto del
Soldaniero co' Polistina, sapere che Valerio Bruno era servitore del
Soldaniero.--Infine Geronimo di Francesco disse aver conosciuto il
Pizzoni solamente nelle carceri di Gerace, dove stava con lui in una
medesima camera, ed aggiunse: «essendo priggione con frà Gio. Battista
di Pizzoni, venne un frate rossetto, di bassa statura, e giovane quale
lo chiamavano il compagno del visitatore, e per nome intendo si chiama
frà Cornelio, et parlando con fra Gio. Battista udii che disse: Padre
frà Gio. Battista mio bisogna per sutterfuger lo giudicio temporale
che deponestivo in materia dal Santo Officio, et confermassi l'esamina
fatta, et à questo modo si daria satisfatione à questi Signori, ciò
e, al Advocato fiscale di Calabria, et saressi forzato di andare in
Roma per ordine del Santo officio, Et questo detto si appartorno un
poco da me che io non potesse udire et raggionorno quasi mezza hora
secretamente che non udii, mà dopò frà Gio. Battista mi disse che
il Compagno non havea parlato solamente come da se, mà mandato dal
Padre visitatore à posta per persuaderlo à quanto hò ditto di sopra».
Ed interrogato d'ufficio dichiarò ancora: «frà Gio. Battista disse
così confusamente per che io non volsi sapere quel che havea deposto,
che esso si era esaminato avanti don Carlo Ruffo, et che era molto
attimorato, è mi giurò sopra li ordini che lui tiene, che delle cose
che lui havea deposto, non ne sapeva niente, et che si Dio li faceva
gratia di venire in buona sanità, che alhora havea certi discensi molto
fastidiosi nelle braccia, voleva morire in una corda per mantenere
la verità, essendo che quello che haveva detto non era la verità,
et à questo niuno altro fù presente perche noi doi soli eravamo in
quello carcere» (troppe confidenze). Intorno alle sevizie da parte
del Visitatore e compagno dichiarò, che al Petrolo esaminato da fra
Cornelio, «perche non disse come voleva esso, li levò il ferrarolo,
et il cappello essendo alhora in habito secolare nel quale era stato
preso, et lo fece tornare alla carcere che pareva un pescatore, et
io lo viddi senza cappello, e senza ferrarolo, per il che mi mossi à
dimandarli perche non havea il cappello, et il ferrarolo, et esso mi
racontò quanto hò ditto». Intorno al Caccìa, disse che «fu tormentato
à tempo che havea la febre, et l'Avocato fiscale fece venire un
medico, il quale dubitando di non essere carcerato, disse per quanto
si è inteso che si li poteva dare la corda». Dichiarò per altro
non sapere che il Visitatore e compagno vi fossero intervenuti, ed
aggiunse: «quando questo Gio. Thomaso Caccìa et Gio. Battista Vitale
furono giustitiati io mi trovai presente su le galere, et questi doi
publicamente dissero, havendo anco chiamato prima l'Avocato fiscale, è
li padri dela Crocella, et Maestro Cesare Pergola franciscano che era
passiggiero, che quanto havevano detto contra di loro nelli tormenti,
poiche non voleva credere detto fiscale che fusse mentita, è falsità,
e perciò si contentavano di morire; mà in quello che toccava li altri
dichiaravano che quanto havevano detto tanto in materia di ribellione
come del Santo officio tutto era falsità, è fecero instantia che
ne facesse fare atto publico, mà esso non volse» (dichiarazioni
evidentemente troppo larghe, estese anche alla congiura, della quale lo
stesso Di Francesco era stato almeno persecutore; in quanto al Pizzoni
poi testimonianze di accusa, non di difesa). E così ebbero termine gli
esami difensivi pel Pizzoni.

Ecco ora gli esami informativi sulla pazzia del Campanella, che si
fecero contemporaneamente agli anzidetti, in due sedute, il 6 e il
15 novembre, ad istanza del suo procuratore. Senza dubbio vi erano
state da parte de' Giudici sollecitazioni per procedere alle difese
del Campanella, poichè il Dello Grugno era entrato in funzione non
prima del 31 ottobre, e ben presto fu presentata una comparsa scritta
chiedendo un'informazione sulla pazzia; onde con appena sei giorni
d'intervallo le si diè principio[221]. La comparsa, che trovasi inserta
nel processo, non reca il nome di chi la scrisse, ed è redatta in
latino ne' seguenti termini che diamo tradotti: «Innanzi agl'Ill.^{mi}
e Rev.^{mi} Signori giudici delegati dal Santiss.^{mo} S.^r N.^o nella
causa di fra Tommaso Campanella dell'ordine dei predicatori carcerato
nelle carceri del Castel nuovo, comparisce il procuratore dello stesso
e dice, che il detto frate, da alcuni mesi in quà, è stato ed è in
manifesta demenza, è stato ed è privo totalmente d'intelletto, siccome
è apparso ed evidentemente apparisce dalle sue parole e da' suoi gesti,
poichè a modo dei matti sempre ha detto e continuamente dice parole
risibili, non a proposito, stravaganti; e però che non si possono
fare per lui difese intorno alle cose delle quali trovasi inquisito,
mentre a volerle fare bisognerebbe cavarle dalla bocca sua. Laonde
chiede gli si conceda un termine conveniente per provare la predetta
demenza, e frattanto si sospenda ogni cosa, premessa la protesta di
non decorrenza del termine concesso per le difese...» etc. I Giudici
diedero immediatamente corso alla dimanda, e cominciando dal carceriere
esaminarono dieci testimoni, de' quali poterono aver notizia da' primi
esaminati. Dobbiamo anche dire che nella prima seduta intervennero il
Vescovo di Termoli, il Vicario Arcivescovile di Napoli e l'Auditore
Antonio Peri (il Nunzio era pur sempre occupato in altre faccende), e
nella seconda seduta raccolse gli esami il solo Notaro e Mastrodatti
Prezioso per mandato dei Giudici. Daremo con tutta la larghezza
possibile le cose raccolte, poichè esse non solo addimostrano la vita,
almeno la vita apparente, del povero filosofo, ma anche rivelano le sue
vedute e le sue tendenze in questo periodo molto importante della sua
prigionia.

Il 6 novembre Alonso Martinez, carceriere, esaminato disse avere
più volte parlato al Campanella, che gli avea risposto sempre
«spropositatamente», e narrò come l'avea trovato la prima volta pazzo
nel giorno di Pasqua, col letto bruciato e la prigione piena di
fumo, giacente a terra e poco dopo furioso al punto da esserglisi
avventato contro per morderlo; tutte le circostanze già da noi dette
altrove (ved. pag. 86). Interrogato se credesse che simulava la
pazzia per isfuggire le pene forse dovutegli, rispose, «à giudicio
mio il Campanella è pazzo». Indicò lo Spinola, il Castiglia, il
Contestabile, il Grillo, tra coloro che potevano essere esaminati
sull'incidente.--Giuseppe Grillo disse non avere parlato al Campanella,
ma averlo visto quando il carceriere andava a dargli da mangiare;
narrò che «diceva parole spropositate, è che voleva faro la bibbia,
è la Cruciata, et pigliava le scarpe, è quando altra cosa, et faceva
cose da pazzo». Indicò come contesti il Salerno, il Ricciuto, il
Marrapodi, lo Stanganella, il Tirotta: interrogato se credesse che
era finto pazzo, rispose crederlo «pazzo vero, perche la fintione in
tanto tempo saria scoperta».--Cesare Spinola disse: «io hò visto et
parlato col Campanella molte volte, secondo l'occasioni, et sempre
hà parlato spropositatissimamente, et io alle volte ci hò posto
pensiero particolare per vedere si era cosa finta ò reale questa
sua pazzia, et in somma à mio giudicio è pazzo per le cose che l'hò
sentito à dire, è dice che aspetta il Papa, et l'indulgentia per la
cruciata, che bisogna che il Papa sia Monarcha, et à me diceva che mi
voleva fare Confaloniero della Cruciata, mà con patto che io dovesse
digiunare quaranta giorni, et quaranta notti»! (non poteva riuscire
più esplicito).--Giulio Contestabile disse: «dicono che frà Thomaso
Campanella sia pazzo, è così quando il carceriero li porta da mangiare
sono andato à vederlo et sentire li spropositi che lui diceva, non che
io l'habbia parlato in secreto ne di cose particolari»; inoltre, «dalle
cose che lui ha ditto è fatto io lo giudico per pazzo, e potrebbe
essere che lui simulasse, mà però dagli effetti lo giudico pazzo»
(sempre riservato e cinto di cautele; era compatriotta del Campanella e
clerico).--Marcello Salerno disse: «sempre dice parole al sproposito,
et hier sera cercando del pane da noi altri carcerati, et non havendo,
esso Campanella disse, questi diavoli di soldati che hò mandato alla
Cruciata tutto se lo mangiano...; subito cominciato una cosa passa
in un'altra...; io per quello che hò visto lo giudico pazzo».--D.
Francesco di Castiglia disse: «io hò udito frà Thomaso Campanella
parlare dalla porta della priggione, quando si li dava da mangiare,
et anco dala finestra, è li raggionamenti suoi sono stati sempre mai
spropositati, et io hò posto particolar cura per farlo parlare alcuna
cosa à proposito in materia di filosofia, ò in altra cosa curiosa, et
esso sempre risponde, di fare la Cruciata, et che spetta (_intend._
aspetta) sua Santità, è dalla fenestra cominciò à dimandare il populo
che andava à vedere ad impiccar uno, è diceva che li voleva dare il
confalone dela cruciata che faceva, è milli altri spropositi...;
l'animo suo non lo posso giudicare, ma dico bene che le parole sue,
et atti sono da pazzo, ne mai l'hò potuto cavare da bocca cosa al
proposito, et quando ultimamente li fù data la corda si lamentava che
li forausciti l'havevano robbato trenta carlini, et l'havevano battuto
assai in milli modi, senza dir parola che li fosse stata data la corda
per ordine delle Signorie Vostre».

Il 15 novembre furono dal Prezioso esaminati i rimanenti testimoni.
Gio. Angelo Marrapodi disse: «molte volte io hò udito à parlare fra
thomase Campanella dentro le carceri dove stà, et il parlare suo è al
sproposito dicendo delle parole spropositate, et parla pazzescamente,
perche comincia a dire una cosa, et lassa quel parlare, et entra in
altre parole...; lo tengo per pazzo come è tenuto dali altri...»--Gio.
Battista Ricciuto disse: «da che si è ditto che frà thomaso Campanella
sia pazzo, io con curiosità più volte lhò parlato, et anco inteso
quando altri li hanno parlato, à tempo che il carceriero hà aperto la
porta dela carcere dove stà per darli da mangiare, et ogni volta che
hà parlato con altri hà parlato molto spropositatamente come soleno
parlare li pazzi, et quando io, ò altri lhavemo dimandato qualche
cosa non ha risposto à proposito, uscendo à diversi raggionamenti,
che non ci era proposito, et hò visto che quando parla fà atti di
pazzo, non stà fermo in un loco dela carcere, mà passeggia, è si hà
soluto affacciare alla fenestra dela sua carcere, è chiamare dicendo ò
Jaconi del convento, che si fà, venete quà che ci mancano cavalli, è
dice che vole fare lo confaloniero, et che vole fare la cruciata, et
chi vole fare capitano, è chi alfieri, è sargente maggiore, et che il
Papa lhave scritto che metta in ordine li cavalli, e li soldati, tal
che sempre lhò inteso parlare al sproposito, e fuori di raggione come
soleno parlare li pazzi, et dicontinuo dice di simili cose, et quando
parla fa molti segni con la bocca, è con li occhi, et con le mani, et
alle volte piglia lo terreno dall'astraco dela carcere, è la butta in
faccia di quelli che li parlano, et quando piglia li suoi scarponi
che porta in piedi, è con quelli dà, et sequita quelli che sono ne
la sua carcere...; da tutti quà in castello è tenuto per pazzo... et
à giudicio mio dico che è pazzo, che si non fusse tale qualche volta
parlaria al proposito».--Marco Antonio Stanganella, oltre le solite
cose, disse: «alle volte salta, alle volte gioca di mano ad alcuno, e
con li suoi scarpuni dà à quelli che li parlano, e li tira mò ad uno,
et mò ad un altro, et alle volte hà detto che aspetta il Papa, e che
voleva far confaloniero il Sig.^r Cesare, et alle volte si accosta
ala fenestra dela sua carcere, è gridando, dice ò Jaconi Jaconi del
convento mettetivi in ordine che viene il Papa, e così sempre io lhò
visto fare atti al sproposito, è parlare al sproposito...; è tenuto
da tutti li carcerati per pazzo, ed anco da altri che vengono in
castello che lo sentono parlare, et io lo tengo per pazzo».--Da ultimo
Tommaso Tirotta disse: «sempre vole parlar esso, et hà udito che ha
detto parole al sproposito, et dice che vole fare la Cruciata, et che
aspetta il Papa, et diceva ò là scopati bene, acconciati le stantie per
il Papa, et che have tanta migliara di cavalli, et vole fare soldati,
et che vole fare confaloniero il Sig.^r Cesare Spinola che stà quà
carcerato, et à me disse una volta che mi voleva fare artiglieri, che
havesse cura dell'artegliarie, et chiama li Jaconi del convento, et
per nome sole chiamare frà Giovannello, e fra luca, e fra nicodemo,
e sole chiamare Scannaribecco[222], e così di continuo hà parlato, e
sole menare à quelli che li parlano terreno in faccia, li scarpuni
che porta in piedi, et và saltando per le carceri, e fà altri atti
al sproposito, et parla spropositatamente, giusto come li pazzi, et
quando ebbe la corda quà ultimamente, non si lamentava dela corda, ma
diceva solo che li forasciti lhavevano tirato delle archabusciate,
e dato delle bastonate, e che ne voleva scrivere al Papa, et mai hà
parlato ne risposto à proposito, et hieri per ultimo lo viddi e fece
il medesimo...; a giudicio mio lo tengo per pazzo, et così è tenuto
dalli altri, et in quanto à me non lo posso passare per sapio, mentre
parla al sproposito e risponde al sproposito, e fatti atti (_sic_)
spropositatamente, come ho ditto».--Adunque tutti e dieci i testimoni
affermarono che il Campanella era realmente pazzo; quasi tutti poi
affermarono la sua mira verso il Papa, che doveva essere Monarca
secondo la testimonianza dello Spinola, che doveva fare la Crociata
secondo la testimonianza della massima parte; e si conosce che questo
disegno della Crociata era una delle idee fisse di Clemente VIII, e si
comprende che essa conveniva molto al Campanella accusato di connivenza
col Turco. I carcerati accorrevano presso di lui quando il carceriere
ne apriva la prigione, e così pure coloro i quali solevano venire a
visitare i carcerati, per la curiosità di vedere il pazzo.

Esauriti gli Atti pe' tre inquisiti principali, si sarebbe dovuto
passare a quelli per gli altri frati; ma per essi non si fece nulla.
Probabilmente i Giudici ritennero che le difese di costoro si trovavano
incluse in quelle de' principali; tuttavia non ne abbiamo veramente
alcuno indizio. Abbiamo soltanto una comparsa di fra Pietro di Stilo,
il quale, col suo squisito buon senso, esponeva «che li giorni passati
essendoli stati à bocca dichiarati dal Sig.^r Avvocato Scipione
Stinca alcuni capi sopra li quali li fu da quello, come anco dalle
SS.^{rie} V.^{re} detto che si volesse difendere.... hà risoluto,
conoscendo penitus la sua innocentia sensa niuna culpa, renuntiar dette
sue defese... havendo per rato, fermo, et valido quanto faranno le
ss.^{rie} loro». Ciò in data 17 novembre, vale a dire immediatamente
dopo terminati gli Atti pe' principali.

Nello stesso giorno 17 novembre una copia degli Atti, formata
a misura che essi si compivano, fu inviata con una lettera del
Vescovo di Termoli al S.^{to} Officio di Roma, secondochè rilevasi
da un'annotazione inserta nel processo originale ed anche da una
lettera del Nunzio al S.^{ta} Severina in pari data[223]. Certamente
insieme con la copia degli Atti dovè essere inviata anche una copia
de' documenti che fra Dionisio avea presentati, e così pure de'
documenti che aveva indicati e che il Vescovo di Termoli si era dato
a raccogliere con la più viva premura. Il Vescovo avea raccolto
dall'altro tribunale la copia dell'indulto concesso al Soldaniero e a
Valerio Bruno da Carlo Spinelli per opera di fra Cornelio, le copie
dell'esame del Pizzoni, delle confronte del medesimo Pizzoni col
Campanella e con fra Dionisio, del primo e secondo esame del Petrolo,
delle cartoline trovate sulla persona del Campanella quando ebbe
il tormento del polledro; e così ci sono pervenuti questi preziosi
documenti inserti nel processo dell'eresia[224]. Egli aveva chiesto
pure una copia delle lettere inviate dal Lauriana a fra Dionisio, che
avrebbero dovuto trovarsi egualmente nel processo fatto dall'altro
tribunale; ma, come si rileva da quanto ne scrisse a Roma e fu
rammentato ne' Sommarii de' processi, le lettere non vi si trovavano
ed erano state forse perdute. Aveva inoltre chiesto il Breviario
del Pizzoni, che recava la corrispondenza scritta tra esso Pizzoni
e il Campanella, ed ebbe a sapere che questo Breviario nemmeno si
trovava ed era stato sicuramente perduto. Non potendo rassegnarsi
a questa perdita, il buon Vescovo pensò allora di rivolgersi a fra
Dionisio medesimo, dimandandogli a nome del tribunale una relazione
particolareggiata sulla faccenda del Breviario; e la relazione,
trascritta da fra Pietro Ponzio, venne anch'essa inserta nel processo
tra' documenti a difesa di fra Dionisio[225]. Diciamo qui di passaggio
che molto più tardi a questa massa di documenti fu aggiunta anche una
fede di alcuni frati carcerati, compreso il Lauriana, e di alcuni
laici, attestanti che il Pizzoni più volte, e segnatamente tre giorni
prima della sua morte, avea dichiarato di essere debitore di fra
Dionisio degli scritti dell'Apocalisse da lui presi (confessione del
furto fatto) del valore di D.^i 10, come pure di D.^i 4 avuti in
prestito, commettendo al Lauriana di notificare a fra Dionisio dove si
trovavano le sue robe in Calabria acciò sopra quelle fosse soddisfatto;
inoltre, sempre più tardi, una fede del clero di Fiumefreddo,
attestante le ottime qualità di fra Dionisio dimostrate due volte
in quel paese con la predicazione cattolica, la bontà della vita e
il fervore di carità, e questa fede potè essere inserta solamente
nel 4^o volume del processo. Aggiungiamo pure che il Vescovo di
Termoli provvide che fosse interrogato di ufficio fra Pietro Ponzio
sulla asserta domanda di perdono fattagli dal Lauriana in Gerace, ed
egualmente che fosse istituita una perizia calligrafica sulla lettera
che era stata presentata come scritta dal Lauriana a Ferrante Ponzio; e
furono questi gli ultimi Atti processuali complementari, che si fecero
durante la commissione tenuta da quel rispettabile Prelato.

Il 21 novembre, d'ordine de' Signori Giudici, il Prezioso riceveva in
Castel nuovo la deposizione di fra Pietro Ponzio[226], il quale, con
molte particolarità e citando i testimoni, espose la comunicazione
fattagli dal Lauriana in Gerace nella carcere detta la Marchisa;
l'inquietudine da lui mostrata perchè si trovava «in mano del diavolo»
avendo deposto molte falsità in materia di S.^{to} Officio contro
fra Dionisio e il Campanella, ad istanza del Pizzoni e parimente del
Visitatore e compagno dietro minacce e promesse; la determinazione
del Lauriana di volersi ritrattare con la dimanda del come dovesse
procedere, e il rifiuto fattogli da esso fra Pietro di volersene
occupare, per non trovarsi intrigato in queste faccende dubitando di
commettere errore; la consegna di una lettera scritta dal Lauriana
a Ferrante Ponzio per dimandare a costui il consiglio rifiutatogli
da esso fra Pietro, e l'invio di detta lettera al suo destino; la
non avvenuta ritrattazione del Lauriana in Gerace per paura dello
Spinelli e dello Sciarava, e la dimanda di perdono avuta da lui in
tale occasione; la nuova comunicazione fattagli in Napoli di volersi
ritrattare, con l'invio di un'altra lettera a Ferrante Ponzio, la quale
ultima lettera era stata presentata nella causa della congiura, mentre
la prima, passata nelle mani di fra Dionisio, era stata presentata
nella causa dell'eresia.

Il 3 e 4 dicembre furono raccolte le deposizioni di due periti
calligrafi su questa lettera dal Vicario napoletano Ercole Vaccari
«congiudice» nella Curia Arcivescovile. Gio. Antonio Trentacapilli
«scrittore» disse che «essendo prattico, et versato nel scrivere
diverse sorte di lettere cossi cancellaresche, come tonde, et corsive,
potria conoscere per qualche similitudine di tratti, e di sillabe et
di ligature di sillabe, et conietturare si fussero scritte da una mano
istessa»; e mostratagli la lettera del Lauriana in data di Gerace 10
ottobre 1599 ed alcune sottoscrizioni del Lauriana medesimo agli Atti
processuali, disse: «fatta la comparatione da lettera à lettera, da
sillaba à sillaba, da tratto à tratto, e da carattere à carattere della
lettera, et sottoscrittioni di fra Silvestro da Lauriana, dico che la
sudetta lettera è stata scritta con inchiostro bianco, et con penna
accomodata sottile, et le sottoscrittioni... sono state scritte con
inchiostro più negro, et con penna accomodata più grossa, et per tale
differentia non si può conoscere chiaramente che siano scritte di una
istessa mano, però come esperto et al mio giudicio giudico et dico che
alcune lettere delle sottoscrittioni... hanno similitudine in parte
colle lettere della sottoscrittione della lettera sudetta».--Di poi
Alfonso Peres esercitato in tenere la scola di scrivere et di abbaco»,
interrogato, egualmente, col formulario medesimo conchiuse: «dico et
confermo come esperto et prattico di diverse sorte di lettere scritte à
mano, che tanto la sottoscrittione che stà in piedi di dette lettere...
come anco le sottoscrittioni che dicono lo frà Silvestro de lauriana
hò deposto ut supra sono state et sono scritte da una stessa mano».
Così mentre uno de' periti rimaneva in dubbio, l'altro affermava che la
lettera in quistione era veramente del Lauriana.

Dopo tutto ciò non sapremmo dire quale fosse stata, intorno a'
meriti della causa, l'opinione formatasi dal Vicario Arcivescovile
e dall'Auditore del Nunzio, mentre della persona stessa del Nunzio,
tenutasi così a lungo lontana, non accade dover parlare per ora; ma
in quanto al Vescovo di Termoli sappiamo benissimo che rimase sempre
più perplesso e dubbioso, nè soltanto sull'eresia, ma di rimbalzo
anche, e maggiormente, sulla congiura; lo sappiamo da' cenni della sua
corrispondenza con Roma, inserti negli ultimi Sommarii del processo
compilati in Napoli, e parimente da un brano di lettera del Nunzio
scritta più tardi. Il Nunzio, in una circostanza in cui ebbe a parlare
di fra Marco Visitatore, disse di sapere che costui «era mal sodisfatto
del Vescovo di Termoli... per l'opinione che teneva, et se ne lasciava
intendere, che l'essamine fatte da lui et da fra Cornelio in Calabria
fussero state fatte più per sodisfattione de Ministri Regii che per
la verità»[227]; e realmente anche più di questo troviamo ne' cenni
delle lettere scritte dal Vescovo a Roma, de' quali è tempo oramai
di tener parola. Abbiamo già avuta altrove (vedi pag. 126) occasione
di dire che il Vescovo diede continuamente ragguagli al Card.^l di
S.^{ta} Severina di ciò che veniva rilevando negli esami de' frati,
e di ciò che gli riusciva di sapere anche per vie estragiudiziarie:
così il 19 maggio, due giorni dopo che il Campanella erasi nell'esame
mostrato pazzo, diè ragguagli su questa pazzia, sulle ragioni che
l'aveano fatta nascere, su' motivi che c'erano per crederla simulata,
sulla necessità di adoperare la tortura. Egualmente intorno al Pizzoni,
mostratosi con la spalla lesa, fece conoscere che era rimasto storpio
per la tortura avuta nell'altro tribunale; intorno a fra Dionisio,
mostratosi anche impossibilitato a sottoscrivere i processi verbali,
fece sapere in qual modo atroce fosse stato tormentato. Nè mancò
poi di scrivere, «non sembra verosimile che fra Dionisio, senza
grande familiarità col Soldaniero giovane a 22 anni, avesse voluto
comunicargli tante eresie»; e d'altra parte, «Aloisi spagnolo già
Fiscale in Calabria (lo Sciarava) mi hà detto, che fra Gio. Battista
da Pizzone non voleva confessare contro il Campanella avanti il
visitatore, ma che esso li disse non hai tu detto la tale, è tale cosa
d'heresia? et che all'hora testificò». Ancora non mancò di far sapere
che «quando Cesare Pisano fu esaminato, il 19 ottobre 1599, già il
Campanella era carcerato». E circa il processo di Calabria scrisse
senza esitazione: «questo mi pare malissimamente fondato, et primo per
quel che spetta à tutto il processo non si vede fondamento alcuno, et
quella scrittura, che è stata posta inanzi al processo (l'elenco delle
36 proposizioni ereticali), è un compendio fatto di tutto il processo
dopo che è stato finito, come mi hà detto à bocca frà Cornelio e dalla
scrittura istessa appare». Circa poi la congiura fece sapere avergli
fra Cornelio detto «che Fabio di Lauro di anni 20 fu il primo che gli
rivelò il capitolo della ribellione, il quale Fabio riferì ad esso
Vescovo medesimo avergli fra Dionisio manifestato che il Papa voleva
il Regno di Napoli e molte altre cose inverosimili, dalle quali si
desume essere il primo fondamento di tale Ribellione molto tenue anzi
falso». Non mancò nemmeno di far rilevare la nessuna delicatezza de'
primi Giudici scrivendo: «si fecero dar molti denari per provedere à
questi carcerati et non gli è stato provisto, mà frà Cornelio li ha
spesi in venir à Roma, et si come intendo ne diede conto alli superiori
in Calabria»[228]. Passando al processo di Napoli e toccando i fatti
accaduti prima del suo arrivo, fece conoscere che le due lettere
scritte dal Lauriana a fra Dionisio circa l'esame fatto in Calabria, e
sorprese da' carcerieri, non si trovavano nel processo della congiura,
e che «D. Pietro De Vera gli riferì che erano state forse perdute
giacchè erano state portate al Vicerè»; e così pure che il Breviario in
cui si conteneva la corrispondenza del Pizzoni col Campanella nemmeno
si trovava, come «gli riferì il notaro della causa», aggiungendo che
del pari «D. Pietro De Vera gli disse che il detto Breviario era
stato perduto, giacchè dato al Vicerè ed all'Arcivescovo di Taranto»
(fratello confidente del Vicerè); le quali ultime notizie su' danari
di Calabria, sulle lettere e sul Breviario, in fondo venivano a
mostrare tutta l'incuria del Nunzio, al quale, e come Nunzio e come
Giudice della causa della congiura, incombeva l'obbligo di guardare
alle cose de' frati con ogni diligenza. La conclusione del Vescovo
presso il Card.^l di S.^{ta} Severina fu questa: «i frati carcerati
debbono essere tradotti alle carceri del S. Officio in Roma per cavarne
la verità»; e su tale conclusione insistè anche con altre lettere,
scrivendo: «questi rei non furono ben difesi, perchè furono perdute
due lettere e il Breviario di cui diè notizia fra Dionisio Ponzio,
e perchè non fu trovato un Dottore che avesse voluto scrivere in
dritto a favor loro, e credo che in questa causa i testimoni habbiano
deposto per isfuggire il foro secolare, per li essempi quotidiani che
havevano avanti all'occhi, il qual timore si vede che persevera in
essi mentre sono nelle forze de i ministri Regii, ma tengo per cosa
certa che se fussero fatti venire à Roma si scopriria la pura verità
dei negocii passati, et parmi apunto che questo negocio sia simile a
quello di bitonto»[229]. Aggiungiamo che il Vescovo trasmise pure a
Roma un memoriale di fra Dionisio intorno alla causa della congiura,
concepito negli stessi sensi. Il memoriale, di cui ci dànno notizia
egualmente i Sommarii de' processi, era diretto a S. S.^{tà}, e fra
Dionisio vi diceva essere innocentissimo tanto per l'eresia quanto per
la ribellione, credere di averlo abbastanza provato per l'eresia, ma
dubitare di poterlo pienamente provare per la ribellione, allegando
le molte ingiustizie patite da parte de' Ministri Regii, a' quali
importava grandemente che non si scovrisse la sua innocenza, e il non
aver potuto trovare un procuratore che non gli fosse sospetto. Faceva
conoscere che molti condannati all'ultimo supplizio aveano disdette
le cose deposte contro gli altri tanto in materia di ribellione che
di fede, ma i Ministri Regii aveano proibito che si mettesse in
iscritto qualche cosa intorno a ciò; esponeva la crudelissima tortura
avuta e le inumanità sofferte in sèguito; conchiudeva supplicando il
SS.^{mo} si degnasse comandare che gli fosse data opportuna facoltà
di potersi legittimamente difendere, che fosse rimosso dalle carceri
secolari e tradotto nelle ecclesiastiche poichè in tal modo avrebbe
potuto difendersi, che la causa della ribellione non fosse spedita
sul processo sin'allora fatto come nullo ed invalido, appellandosi
al SS.^{mo} e protestando della nullità di tutta la causa e di
qualsivoglia Atto di essa.

Senza alcun dubbio i frati non avrebbero potuto avere un Giudice
più del Vescovo di Termoli benigno verso di loro, pur essendo ad un
tempo severo applicatore della giurisprudenza inquisitoriale. La
sua benignità emerge da tutti gli esami fatti e rifatti con tanta
diligenza, e massime dalle diverse sue dimande d'ufficio rivolte
agl'inquisiti; ma rifulge straordinariamente nel giudizio che si
permise di enunciare intorno alla congiura, e nella conclusione alla
quale si dichiarò pervenuto intorno a tutta la causa. Egli giudicò
il primo fondamento, su cui era stata poggiata la faccenda della
congiura, «molto tenue, anzi falso», ciò che per altro disse unicamente
a riguardo delle ciarle che Fabio di Lauro riferiva essergli state
manifestate da fra Dionisio, e ci preme assai che non rimangano
equivoci su tale punto; ma il vedere quel fatto messo in rilievo da
lui, che non aveva l'obbligo di occuparsene, mostra bene qual fosse
l'animo suo verso gl'inquisiti. E sempre meglio ancora lo mostra la
conclusione da lui palesata, che cioè i rei dovessero essere tradotti
nelle carceri di Roma, sottratti al terrore delle forze de' Ministri
Regii, «che se fossero fatti venire a Roma si scopriria la pura verità
de i negocii passati»; con la quale conclusione egli non disse già
que' frati innocenti, degni di essere liberati, ed anche qui ci preme
che non rimangano equivoci, ma accolse appieno i desiderii loro, i
desiderii adombrati da fra Dionisio nel suo memoriale e abbastanza
apertamente espressi anche dal Campanella, che nella sua pazzia e
durante la tortura gridava «al Papa al Papa, quà bisogna che venga
il Papa». Senza dubbio il Vescovo di Termoli, ignaro de' riguardi e
delle transazioni abituali tra le due Corti, onde talora giungevasi
fino a conculcare la giustizia e a sacrificare gl'innocenti, non
teneva conto delle difficoltà che si opponevano all'adempimento
della sua conclusione; dovea quindi di necessità trovarsi in un
ordine d'idee ben diverso da quello del Nunzio, che già abbiamo visto
esclusivamente tenero della buona amicizia tra il Papa e il Vicerè,
condiscendente alle richieste Vicereali purchè si salvasse l'apparenza,
incurante non solo degl'interessi degl'imputati ma perfino del buono
andamento della giustizia verso di loro, e, come vedremo in sèguito,
censore singolarissimo dell'opera del suo collega, ciò che per certo
rappresenta il migliore elogio di costui. Animato dal puro e semplice
amore per la verità, il Vescovo di Termoli dovea sentirsi imbarazzato
vedendo quante circostanze aveano concorso ad ottenebrarla, la
prepotenza ed immanità de' Giudici Regii, la nequizia de' primi Giudici
ecclesiastici, la ferocia degli odii frateschi, lo spirito di profitto
da una parte, la sete di vendetta dall'altra, il terrore incusso
agl'inquisiti da tutti i lati; e dovea soffrirne pure non poco, amiamo
crederlo, per quel sentimento di affetto che il Campanella avea saputo
da lungo tempo ispirargli, e che se non giunse mai a farlo deviare un
solo momento da' suoi doveri d'Inquisitore, lo rese certamente sempre
più caldo nella ricerca della verità. Ma la morte venne a toglierlo da
tanta inquietudine, e venne anche a togliere a' frati inquisiti l'unico
sostegno, su cui potevano contare nella loro infelice condizione.


III. L'anno 1601 s'iniziava con tristi auspicii pe' poveri frati.
Il 1^o gennaio il Vescovo di Termoli moriva nel convento di S.^{ta}
Caterina a Formello, presso la porta Capuana, convento del suo ordine,
in cui si era negli ultimi mesi recato, abbandonando quello di S.
Luigi, e il 2 gennaio era sepolto nell'attigua Chiesa di S.^{ta}
Caterina. Nessuna memoria speciale ricorda il buon Prelato, ma in una
lapide posta non lungi dalla sacristia, rilevata dall'Engenio[230]
e poi, a quanto pare, dispersa, si leggevano i «Nomi e Cognomi
dell'Ill^{mi} Cardinali, e Rev.^{mi} Arcivescovi et Vescovi che sono
sepolti in questa venerabil Chiesa, come quivi di sotto sono scritti,
e la maggior parte sono sepolti con li Padri sacerdoti», e l'ultimo
dell'elenco, l'11^o, era «il Rev.^{mo} Maestro Alberto di Firenzuola
del medem' ordine Vescovo di Termoli, morì à 3 di Gennaio 1601» (sic).
Le circostanze della sua morte ci sono interamente ignote finora.
Nel Carteggio del Nunzio una lettera del 3 gennaio, dopo notizie di
tutt'altro genere, reca anche questa: «hieri si diede sepoltura al
Vescovo di Termoli in S.^{ta} Caterina à Formello, dove si era ritirato
come frate di quella Religione di S. Domenico»[231]; nè si trova una
parola sola di chiarimento e anche meno di compianto per la perdita
del collega Giudice in una causa di tanto rilievo! La Narrazione del
Campanella poi, a proposito di questa morte, reca qualche parola che
ha tutto l'aspetto di una insinuazione, oltre le solite affermazioni
spinto che il Campanella sapeva ben trovare a sua difesa: «Sendo per
la causa del S. Officio venuto dal Papa per Commissario il Vescovo
di Termoli M. Alberto Tragagliola, e si scoperse la falsità del
processo di ribellione per le molte ritrattation che fur fatte dalli
testimoni vivi e morendo; e per le contradittioni, e sconvenienze, e
manifeste scolpationi dell'heresie trovate per schifar la pena della
finta ribellione, el detto Vescovo si fè intendere, che volea liberar
tutti, anche che il Vicerè e Fiscali con promesse e minacce lo voleano
levar di questo proposito, e venne a morte, Dio sà perchè, e disse
morendo «mi dispiace ch'io moro, e non ho liberato questi frati» e lo
scrisse al Papa». Adunque la morte del Vescovo sarebbe stata forse
procurata nientemeno che dal Vicerè e da' fiscali: ma nulla veramente
autorizza ad accogliere un sospetto si grave, nè quel Vescovo avea
propriamente scoperta la falsità del processo della congiura, il quale
trovavasi fuori la sua ingerenza, nè volea propriamente liberare tutti
i frati; e se avesse scritto al Papa in questo senso, i Sommarii de'
processi ecclesiastici non avrebbero mancato di riferirlo. Ben potè
rincrescergli che morendo rimanevano i frati senza alcuno appoggio; e
dal complesso delle affermazioni del Campanella deve anche conchiudersi
che il Vescovo effettivamente non faceva un mistero assoluto delle
opinioni che su que' negozii si avea formate, e «se ne lasciava
intendere», come il Nunzio scrisse più tardi a Roma.

Naturalmente un'interruzione si verificò nel corso del processo, non
solo perchè dovè sostituirsi un nuovo Giudice al Vescovo di Termoli,
ma anche perchè doverono in Roma studiarsi gli Atti processuali fin
allora compiuti per mandare a Napoli istruzioni su quanto rimanesse a
farsi ulteriormente. E frattanto il Governo Vicereale raddoppiò le sue
insistenze, perchè si terminasse una volta la causa dell'eresia, e si
potesse così spedire quella della congiura. Già abbiamo visto che fin
dall'8 settembre, nel mandare a Roma la copia del processo offensivo e
ripetitivo, il Nunzio avea partecipato le premure fattegli dal Vicerè e
da' suoi Ministri; ma dopo di aver mandata la copia anche del processo
difensivo, non cessò mai di sollecitare una risoluzione, e di far
conoscere le vive istanze dei Ministri Regii e de' «Deputati insieme
seco nella causa della ribellione», vale a dire anche di D. Pietro
de Vera certamente dietro doglianze del Vicerè. Così nella lettera
stessa di annunzio della morte del Vescovo di Termoli, e in molte altre
successive, del 19 e 26 gennaio, del 2, 16 e 23 febbraio e del 15
marzo, non si trova altro che una serie di comunicazioni nello stesso
senso, leggendosi: sono stato sollecitato «nè solo hora ma infinite
altre volte per il passato, si che hò havuto et hò che disputare»...;
«vengo di nuovo sollecitato molto per la speditione della causa de'
frati»...; «son di continuo molestato da questi Ministri Regii per la
speditione della causa della ribellione» etc.[232]. Queste lettere, non
pubblicate dal Palermo, son rimaste ignorate; ma vede ognuno quanta
importanza esse abbiano per raddrizzare certi giudizii molto inesatti,
che sono stati proferiti sulla condotta del Governo spagnuolo nella
faccenda del Campanella.

Il 24 marzo (non maggio come fu letto dal Palermo) il Card.^l di
S.^{ta} Severina partecipava finalmente al Nunzio la risoluzione di S.
S.^{tà}, che Mons.^r Vescovo di Caserta intervenisse nella causa del
Campanella e complici «nell'istesso modo che faceva Mons.^r Vescovo
di Termoli»; oltracciò l'ordine dato, dopo aver visti i processi,
di far nuove diligenze col ripetere alcuni testimoni ed esaminarne
altri, come pure di far «diligenze sopra la simulatione della pazzia
di esso Campanella» secondo che scriveva a lungo a Mons.^r di Caserta,
il quale glie l'avrebbe comunicato[233]. E nel processo dell'eresia
abbiamo appunto la lettera del Card.^l di S.^{ta} Severina al Vescovo
di Caserta; ma crediamo bene dar prima qualche notizia sulla persona
del Giudice, cui doveva oramai deferirsi ogni cosa, come già al suo
predecessore.--Vescovo di Caserta era D. Benedetto Mandina, nato
in Melfi di nobile famiglia. Aveva già prima esercitato in Napoli
l'avvocatura con un certo credito, e poi, illuminato da un grave calcio
di cavallo ricevuto ad una gamba mentre cavalcava con gran sèguito di
suoi clienti, era entrato nella Congregazione de' Chierici regolari al
convento di S. Paolo nel 1583. Successivamente trasferitosi a Roma,
perchè pure in S. Paolo era sempre consultato per faccende legali,
gli accadde la cosa medesima da parte delle diverse Congregazioni,
onde venne in credito tanto maggiore, e da Clemente VIII fu creato
Vescovo di Caserta nell'ultimo di gennaio 1594[234]; poco dopo, nel
1595, fu inviato come Nunzio in Germania, in Boemia, in Polonia,
presso Massimiliano, Rodolfo, Sigismondo ed altri Principi, a' quali
fece un'orazione nel convegno di Varsavia, determinandoli alla lega
contro i turchi e a quella guerra in cui si ebbe la famosa rotta di
Agria che abbiamo già avuta occasione di ricordare a proposito del
Bassà Cicala. Al suo ritorno, dopo la morte di Mons.^r Carlo Baldino
Arcivescovo di Sorrento avvenuta nel 1598, gli fu affidata anche la
carica di Ministro della S.^{ta} ed Universale Inquisizione Romana
nel Regno, e però, naturalmente, avrebbe dovuto a lui esser commessa
la causa del Campanella se fin da principio si fosse trovato presente
in Napoli. Tutti questi elevati ufficii da lui tenuti, a' quali venne
poi ad aggiungersi anche la sopraintendenza della Chiesa Arcivescovile
di Napoli dopo la morte del Card.^l Gesualdo, fanno intendere
l'opportunità della sua vocazione a Chierico Regolare, e fanno anche
intendere la profusione di lodi cantategli da' suoi biografi[235]. Era
caritatevolissimo, generosissimo, giustissimo; lo si disse perfino
morto in concetto di santità come il P.^e Beccaria (solo pel Vescovo
di Termoli non ci fu alcuno che sentisse il menomo odore di santità).
Erasi fin dal tempo del suo laicato «esercitato in tutte le opere di
carità nel sodalizio della SS.^{ma} Trinità de' Pellegrini al quale
avea dato il suo nome»; la generosità ed umiltà sua l'aveano ridotto
al punto che si rappezzava le vesti da sè medesimo etc. etc. Inoltre
«nell'amministrar la giustizia era innocentissimo», ma severo co'
delinquenti, ed una volta, in Caserta, gli fu dato il veleno nel vino
con cui celebrava la Messa, ed egli se ne avvide, e perdonando chiunque
glie l'avesse dato, se ne venne immediatamente a Napoli per curarsi. Da
parte nostra non ci saremmo permesso il menomo dubbio su così splendide
virtù, se non avessimo trovato fatti assolutamente opposti nella
trattazione della causa del Campanella e socii.

Ecco ora in breve quanto il Card.^l di S.^{ta} Severina scriveva al
Vescovo di Caserta nella stessa data 24 marzo; la lettera fu inserta
nel processo, iniziando con essa la serie degli atti compresi nel 4^o
volume[236]. Per ordine di S. S.^{tà} egli doveva intervenire nella
causa del Campanella «con l'istesso modo, et autorità che faceva il
Vescovo di Termole», e però gli si mandava una copia del Sommario
del processo. Dovevano farsi alcune nuove diligenze «co' testimonii
tra' quali può essere contestura, à fine di convincere il detto
Campanella, poichè degl'inditii ve ne sono assai», ma ciò nella diocesi
di Squillace, dal Vescovo di quella diocesi che allora trovavasi in
Roma e presto se ne sarebbe tornato; si erano quindi redatti in Roma
alcuni articoli addizionali per la ripetizione de' testimoni, e se ne
mandava la copia a Napoli per farli presentare in processo e darne
comunicazione legale al procuratore del Campanella, il quale avrebbe
redatti gl'interrogatorii da doversi fare sopra i detti articoli e da
doversi mandare a Squillace. Trovandosi carcerati in Napoli due di que'
testimoni, cioè Giulio Contestabile e Geronimo di Francesco (e ben si
vede che il S.^{ta} Severina non conosceva la condanna all'esilio già
in corso pel Contestabile), dovevano essere egualmente esaminati, ed
anche ripetuti su' medesimi interrogatorii ed articoli laddove avessero
deposto cose rilevanti. Infine dovevano pure per ordine di S. S.^{tà}
farsi le diligenze necessarie per scoprire la simulazione della pazzia
del Campanella a questo modo: «che si faccia visitare da Medici più
volte, et poi si habbia il loro parere in scritti, et anco se gli
dia il tormento della veglia con quella circonspettione che parerà
conveniente per scoprire, et ritrovare questa simulatione di pazzia».
Tutte queste cose egli dovea comunicare a' suoi colleghi, al Nunzio ed
al Vicario Arcivescovile.

Mandava perciò il Card.^l di S.^{ta} Severina l'elenco delle
diligenze da doversi fare in Squillace e parzialmente in Napoli,
coll'indicazione de' testimoni da doversi esaminare e ripetere su
ciascuno de' fatti che si volevano provare; inoltre gli articoli, ne'
quali si trovavano espressi i più cospicui tra codesti fatti[237].
I testimoni erano parecchi. E dapprima fra Simone e fra Dionisio di
Placanica, e fra Domenico di Riace; questi erano stati nominati da fra
Gio. Battista di Placanica, siccome presenti alle due affermazioni del
Campanella, la fornicazione non essere peccato, e la legge dei turchi
essere migliore di quella de' cristiani. Dippiù Tiberio e Scipione
Marullo, Fulvio Vua, Gio. Gregorio Prestinace, Giulio Contestabile
e Geronimo di Francesco, Giulio Presterà, Francesco Bono, Fabrizio
e Paolo Campanella, fra Scipione Politi, tutti nominati dal Petrolo
come coloro a' quali il Campanella avea comunicate diverse eresie
delle quali si dava un ricordo. Dippiù altri ed altri ancora, nominati
nel primo processo del Vescovo di Squillace, siccome presenti alle
affermazioni del Campanella, del potersi salvare anche senza il
battesimo, del non esser valida la Messa celebrata da chi si trovasse
in peccato mortale. Infine anche D. Marco Petrolo, nominato da
Cesare Pisano come presente al sermone di fra Dionisio nella casa di
Gio. Alfonso Grillo; nella quale occasione poteva esaminarsi anche
Tiberio Lamberto che avea detto volere il Campanella predicare una
nuova legge.--Gli articoli, compilati dal solito Procuratore fiscale
Rev.^{do} Giulio Monterenzio bolognese, furono solamente quattro,
attestanti avere il Campanella osato affermare «etiam cum pertinacia»,
che non valeva, e dava solo qualche vantaggio temporale, la Messa
celebrata essendo il sacerdote o l'instante in peccato mortale, che
poteva esservi salvazione senza battesimo, che non occorrevano tante
religioni di frati, le quali cose erano notorie nella diocesi di
Squillace e qua e là nella Calabria anche prima della carcerazione del
Campanella. Il fatto di maggiore importanza in questi articoli fu la
qualificazione della causa del Campanella, che venne detta «di eresia
e di relapso»; per la prima volta non si parlò più di ateismo e si
cominciò invece a parlare giudizialmente di relapso, ciò che era ben
più grave nelle sue conseguenze, come abbiamo già avuta occasione di
mostrare altrove[238].

Avuta la lettera e gli atti or ora indicati, il Vescovo di Caserta
recatosi dal Nunzio, secondochè ci fa sapere una lettera di costui
del 30 marzo[239], disse che per allora gli occorreva andare alla
sua Chiesa, ma sarebbe presto tornato per condurre a termine la
causa. Ed intanto si provvide che fin dallo stesso giorno 30 marzo
fosse data all'Avvocato assegnato al Campanella la copia degli
articoli addizionali, col termine di due soli giorni per produrre
gl'interrogatorii; e il 2 aprile, il magnifico Gio. Battista dello
Grugno, che questa volta si nominò, produsse 11 interrogatorii, scritti
nelle solite maniere, ma meno banali, più conducenti allo scopo, e
in diversi punti non senza un certo acume. P. es. a proposito del
non essere necessarie tante religioni, egli volle che i testimoni
dicessero se ciò era stato affermato nel senso che non fossero
necessarie nelle città, ovvero nel senso che non fossero buoni
mezzi di salute; a proposito del potersi salvare senza battesimo,
egli volle che i testimoni dicessero se ciò era stato affermato
parlando del battesimo in re, ovvero del battesimo _in voto_. Del
resto, come Atti riguardanti la persona del Campanella, noi ci siamo
creduti in debito di riportarli tra' documenti, e i lettori potranno
giudicarli[240].--Mettiamo qui, per non intralciare la narrazione,
che gli articoli del fisco vennero subito mandati a Squillace, ma in
ultima analisi non si potè quivi conchiuder nulla, come ci mostrano
due lettere del Card.^l di S.^{ta} Severina, l'una al Nunzio scritta
il 30 marzo, l'altra al Vescovo di Caserta scritta parecchi mesi
dopo[241]. I testimoni in generale probabilmente aveano fin perduta la
memoria di quelle proposizioni; parecchi tra loro e i più importanti,
come il Vua e il Prestinace, erano irreperibili, poichè si tenevano
nascosti per isfuggire i rigori del Governo; ed oltre a tutto ciò fra
non molto tempo, nel giugno di quell'anno, il Vescovo di Squillace
se ne morì, onde la Sacra Congregazione di Roma dovè persuadersi che
non c'era più nulla a sperare da quella via. Dalla via di Napoli poi
nemmeno si potè raccapezzare qualche cosa, e il risultamento più
certo dovè esser questo, che il Governo Vicereale rimase tanto più
sospettoso ed irritato per quelle lungaggini, le quali doveano parergli
tergiversazioni.

Il 7 aprile fu esaminato Geronimo di Francesco, uno de' due testimoni
da doversi interrogare in Napoli secondo le ultime prescrizioni di
Roma. Il Vescovo di Caserta si era già istallato in Napoli, ciò che
mostra in lui molta alacrità nel compiere l'ufficio suo, e conosciamo
che prese stanza nelle case di S. Andrea delle monache, propriamente
nel palazzo posto all'angolo tra la via di Costantinopoli e quella
della Sapienza. Aggiungiamo che il Nunzio medesimo, al contrario di
quanto avea fatto durante la vita del Vescovo di Termoli, non mancò
mai più alle sedute, o almeno alle sedute riguardanti la trattazione
dell'argomento principale. Il di Francesco, interrogato, disse di
conoscere molto bene il Petrolo e il Campanella patriotti suoi, di
aver trattato poco col Petrolo, ma aver desiderato di far amicizia col
Campanella «per la nominata che sentiva di esso, di essere litterato,
et nominata di esser dotto»: ma soggiunse che fu colto da una infermità
che lo tenne a letto cinque mesi, onde non potè trattare con lui, e
poi per un cattivo ufficio fattogli da esso Campanella presso certi
suoi parenti, al punto da metterlo in questione con loro, gli divenne
nemico. Dietro altre interrogazioni, disse di non aver mai trattato
da solo a solo col Campanella, di avergli parlato una volta di cose
comuni insieme con fra Pietro di Stilo, di averlo un'altra volta visto
«in sua cella dove legeva di filosofia» essendosi lui fermato alla
porta senza parlargli, e di avergli forse qualche altra volta parlato
in piazza, senza ricordarsi di che, presenti Marcello Dolce, morto, e
Gio. Francesco d'Alessandria (che sappiamo nascosto e forgiudicato;
sempre testimoni irreperibili). Soggiunse di non ricordarsi che in
presenza sua il Campanella avesse mai parlato di cose di fede. Con ciò
manifestamente non v'era alcun luogo a ripetizione, e gl'interrogatorii
e gli articoli doveano mettersi da banda.--Ci sarebbe stato da
esaminare anche Giulio Contestabile; ma non si sapeva nemmeno dove si
trovasse, ed è certo che, oltre un mese dopo questo al quale siamo
pervenuti, il Nunzio non era riuscito ad averne notizia, come rilevasi
da una sua lettera al Vescovo di Squillace[242].

Fu quindi sospesa la trattazione della causa, probabilmente con la
speranza di trovare la persona del Contestabile, ed anche con la
speranza di avere qualche risultamento dalle informazioni commesse a
Squillace. Scorsero cosi presso a poco due mesi senza far nulla, e può
intendersi con quanta mala soddisfazione del Governo Vicereale: ma si
verificarono in questo periodo di tempo diversi avvenimenti, de' quali
andiamo a dar conto. E dapprima furono ripigliate le sedute dell'altro
tribunale per trattare la causa del clerico Marcantonio Pittella, che
le forze Regie aveano catturato nuovamente dopo la sua fuga: ma di
questo, che non entra nell'argomento attuale della nostra narrazione,
discorreremo altrove. Un avvenimento, da doversi qui ricordare,
fu l'invio di un memoriale di fra Pietro Ponzio a S. S.^{tà}, per
reclamare un provvedimento intorno alla sua singolare posizione. Non
ci è venuto sott'occhio il testo del memoriale, ma ne abbiamo trovato
qualche altro consimile inviato più tardi dallo stesso fra Pietro,
che non cessò mai dall'inviarne; e in sostanza egli, non vedendosi
incriminato in nulla, chiedeva di essere giudicato, e non trattenuto
in carcere solamente perchè germano di fra Dionisio. Il Nunzio, cui
fu trasmesso il memoriale dal Card.^l S. Giorgio, con sua lettera del
6 aprile rispose, esser vero che fra Pietro «fu preso come fratello
di fra Dionigi Pontio capo insieme con il Campanella della pretensa
ribellione, pretendendolo informato di essa, et non havendo trovato
contra di lui cosa di fondamento, si sarebbe liberato con molti altri
che si liberarono, se egli stesso con i ragionamenti fatti di notte
con il Campanella da certe finestre non si fosse reso sospetto d'esser
informato del tutto; et perchè questa causa della ribellione resta
sospesa da quella della Inquisitione, per questo non si è passato più
avanti contro di lui; quando si tratti di nuovo di questo negotio, che
potrà esser presto, per la speditione che si deve dare ad un Clerico
(_int_. il Pittella), che dopo d'essere stato un pezzo latitante è
venuto finalmente in mano della Corte, et la sua causa è in speditione,
procurerò si tratti anche di spedir quella di questo fra Pietro, che
per quanto vado considerando deve essere anche lui di mala razza»[243].
Vegga ognuno se possa dirsi questo il linguaggio di un Giudice serio e
giusto: d'altronde egli non fece nulla di quanto promise; scorso poco
più di un mese il Pittella era già fuori carcere come si rileva dalla
sua lettera al Vescovo di Squillace, e fra Pietro rimaneva a languire
nel Castel nuovo[244].

Un altro avvenimento d'importanza anche maggiore fu l'invio di un
memoriale di fra Dionisio a S. S.^{tà}, per far conoscere che fra
Marco di Marcianise avea mandato fra Cornelio in Ispagna, la quale
circostanza poteva ben connettersi con le loro gesta in Calabria contro
i poveri frati[245]. S. S.^{tà}, per mezzo del Card.^l di S.^{ta}
Severina, ingiunse al Nunzio che s'informasse di tale partenza di fra
Cornelio per la Spagna, «da chi vi sia mandato, et à che effetto»; ed
il Nunzio, con sue lettere del 6 e del 20 aprile, rispondeva in certi
termini che meritano di essere testualmente riferiti e ben considerati.
«Quanto al particolare che mi domanda di quel fra Cornelio, posso dirle
che hò parlato à chi l'hà visto in Genova per la volta di Spagna, et
hò ritratto che è andato con partecipatione del Sig.^r Vicerè, nè son
lontano à credere che sia stato di consiglio et d'ordine di quel fra
Marco da Marcianise, il quale sò che era mal sodisfatto del Vescovo di
Termoli, che Dio habbia in gloria, per l'opinione che teneva, et se ne
lasciava intendere, che le essamine fatte da lui et da fra Cornelio
in Calabria fussero state fatte più per sodisfattione de Ministri
Regii che per la verità, et Dio voglia che l'opinione in ciò di detto
Vescovo non l'habbia fatto più largo di quel che conveniva in dar
adito à quei frati di ritrattare le loro confessioni, come mi lasciai
un tratto intendere che mi pareva, et ne avvertii, se bene lasciavo
guidare à lui il negotio, come pratico et essercitato lungo tempo in
cotesto S.^{to} officio dal quale era stato deputato, ma per le molte
occupationi non potei sempre trovarmi à quelle lunghe repetitioni
et difese che potettero fare, vi mandai bene il mio Auditore quelle
volte che non potei esser io. Se sarà vero, come temo, che detto fra
Cornelio sia andato alla Corte per scusare tal fatto, ò per far altro
officio concernente questo interesse, lo reputerò molto errore et del
Marcianese et di lui, perchè se erano mal sodisfatti dovevano pigliare
altra strada». Ed in sèguito: «Hò havuto occasione di parlare con il
Padre Fra Marco da Marcianise, il quale mi hà detto che egli (fra
Cornelio) è andato in Spagna principalmente per un negotio del Sig.^r
Carlo Spinello, et che sapeva che haveva parlato al Sig.^r Vicerè
avanti partisse, et che poteva esser che trattasse là del negotio della
ribellione et dell'Inquisitone, poi che si era trovato in Calabria à
quei Processi, ma che sopra di ciò non gli haveva ordinato cosa alcuna.
Come si sia, non voglio dubitar punto che ne parlerà, et questo non sò
se potrà piacere; saprà V. S. Ill.^{ma} quello che dovrà farsi»[246].
Con ogni probabilità il Card.^l di S.^{ta} Severina non fece nulla
contro que' frati: ma ciò che riesce ancor più interessante per noi
è il vedere il Nunzio riscaldarsi tanto, sol perchè poteva essere
alla Corte di Spagna riferita sotto mala luce l'opera de' Giudici
ecclesiastici di Napoli, e con questa preoccupazione, intento solo a
salvare sè medesimo, spingersi fino a censurare l'opera del defunto
Vescovo di Termoli. Egli che non aveva forse nemmeno letto il processo
di Calabria, egli che certamente non aveva avuto cura de' più sacri
dritti degl'inquisiti nel tribunale della congiura e d'altra parte
aveva assistito ben poco alle sedute del tribunale dell'eresia, egli
osava mettere innanzi i suoi scrupoli, perchè il Vescovo di Termoli
era stato largo nel dare agl'inquisiti agio di ritrattarsi, ed aveva
professata l'opinione che i processi di Calabria fossero stati fatti
piuttosto per dar soddisfazione a' Ministri Regii. Ed era proprio
bene scelto il momento per fare queste osservazioni, mentre que' due
ribaldi davano la miglior dimostrazione che il Vescovo di Termoli
era nel vero, e facevano manifesta la loro scelleraggine, ricorrendo
a Spagna d'accordo col Vicerè e con Carlo Spinelli. Ma bisognava
dunque schiacciarli ciecamente quegl'inquisiti per non turbare le
buone relazioni con la Corte di Spagna, bisognava sacrificarli alla
«ragione di Stato», della quale ben si vede che non a torto si dolse
continuamente in versi ed in prosa il Campanella. Per verità il
Campanella e socii potevano essere molto colpevoli, ed anzi per noi
giuridicamente lo erano, ma meritavano senza dubbio Giudici assai
migliori di quelli che ebbero.

L'ultimo avvenimento, che si verificò nel periodo di tempo al quale
siamo pervenuti, fu la morte dello sciagurato fra Gio. Battista di
Pizzoni. Il 14 maggio, dopo tante sofferenze per la spalla slogata
e suppurata, dopo un'apoplessia che gli tolse la parola per quattro
giorni (circostanza da notarsi), egli spirò nelle carceri del Castello:
lo mostra un'informazione, che d'ordine de' Giudici fu presa da Gio.
Camillo Prezioso, e sulla data della morte concorda anche la notizia
che ne abbiamo trovata ne' libri Parrocchiali della Chiesa del Castel
nuovo. Difatti in un elenco di morti posto al sèguito del libro III,
col titolo «Memoria de quilli che morino in questo Castello novo dal
di 23 de giugno fatta 1597» si legge: «A di 14 de maggio 1601 morse
fra gio. batt.^a calabrese». Con questa vaga indicazione, impossibile
a decifrarsi senza l'aiuto di altri documenti, trovasi registrato
l'amico intimo divenuto poi accusatore del Campanella, colui che fornì
la base principale a quei processi, onde il povero filosofo ebbe a
patire tante miserie, ed egli medesimo fu tratto ad una precoce fine
odiato e malmenato da tutti.--L'informazione su questa morte fu presa
il 1^o giugno, e fu inserta nel 3^o volume del processo, al sèguito
delle difese che il Pizzoni avea fatte. Vennero esaminati Alonso
Martines carceriere, Antonio de Torres carceriere anche lui e socio del
Martines, inoltre Marcello Salerno carcerato per la ribellione, che
già abbiamo conosciuto in altri Atti precedenti. Il Martines espose
la malattia e la morte del Pizzoni a questo modo: «l'infermità sua fù
che havea un braccio guasto per la tortura che hebbe quà in questo
Castello per ordine delli Officiali Regii per la causa della ribellione
(si vede bene che il Nunzio, la tonsura di D. Pietro De Vera, il Breve
e Clemente VIII, non bastarono per far credere nemmeno al Prezioso,
che raccolse la deposizione, essere sul serio quel tribunale per
la ribellione un tribunale ecclesiastico); et per tal causa a lo
braccio se li fece una postema, et dalla postema poi... se li fece una
piaga, et li sopravenne un discenso grande che li levò la parola, et
sequitandoli quella infirmità trà quattro giorni se morì, et morse la
notte de li quattordici di detto mese di maggio, alle cinque hore, et
io lo viddi morto ad una camera dove stava, e morse in questo regio
Castello novo, et non solo lo viddi morto ma anco lo viddi sepellire
alla sepoltura dove si soleno sepellire li preti, et di detta morte
di frà Gio. Battista de pizzone ne è stata et è publica voce et fama
in questo Castello novo trà quelli che lo conoscevano, è così è la
verità». Le cose medesime esposero in sostanza anche gli altri, con un
identico formulario; potrebbe appena rilevarsi che aggiunsero essere
stato il Pizzoni leso nel braccio destro, avere usato molti rimedii
inutilmente, avere avuta la visita di due medici etc. In conchiusione
la morte di lui risultò con siffatte testimonianze legalmente accertata.

Intanto fin dagli ultimi giorni di maggio erano in corso i preparativi
per ripigliare il processo, in adempimento delle diligenze ordinate
da Roma a fine di scovrire la pazzia simulata del Campanella. Si era
provveduto che due medici visitassero più volte il Campanella, come
risulta da una delle fedi che costoro scrissero e come d'altronde era
stato da Roma ordinato; ma senza attendere tali fedi, si era provveduto
anche quanto occorreva pel tormento della veglia; per questo dovè farsi
venire ogni cosa dalle carceri della Vicaria, poichè sappiamo di certo
essere stato della Vicaria uno degli aguzzini che a suo tempo vedremo
entrare in iscena. Siffatti preparativi, che non potevano tenersi
nascosti, posero in agitazione vivissima i poveri inquisiti: apparve
a tutti che specialmente o fra Dionisio o il Campanella fossero sul
punto di avere un tormento de' più gravi, e che di poi sarebbe venuta
la volta degli altri; si pensò quindi di fare qualche tentativo capace
almeno di trattenere un poco l'amministrazione del tormento.

Il 3 giugno fra Pietro di Stilo trasmise con una sua lettera al
Vescovo di Caserta alcune carte del Campanella, sulla provenienza
delle quali, dovendo nascondere il vero, fece una narrazione
abbastanza inverosimile[247]. Erano le proprie Difese con gli Articoli
Profetali, che il Campanella aveva scritte durante il processo della
congiura, e che non aveano potuto essere presentate a tempo debito.
Fra Pietro, che fin dall'inizio di questi processi avea prescelto
di far la parte dell'ignorante, mostrando di non conoscere che cosa
quelle carte rappresentassero, scriveva al Vescovo di aver ricevuto
dal Campanella già da un anno, poco dopo il suo primo tormento (il
tormento del polledro), alcune carte scritte di sua mano, con preghiera
che le facesse copiare e le conservasse, perchè erano cose di molta
importanza; ed egli le avea prese, e perchè non le intendeva, le avea
fatte leggere all'_olim_ fra Gio. Battista di Pizzoni (sempre citato
il morto o l'assente) acciò vedesse se ci fossero cose di S.^{to}
Officio da poterlo compromettere, nè avea mai più potuto riaverle,
dicendogli il Pizzoni che le avea perdute e che erano cose sospette;
ma appunto nella sera precedente le avea riconosciute tra altre carte
lasciate dal Pizzoni, e per suo discarico le consegnava a S. S.^a
Ill.^{ma}, perchè vedesse se c'erano cose di eresia come il Pizzoni
avea detto, e provvedesse secondo giustizia, assicurando che quelle
carte erano «il vero trasunto di quelli scritti del detto frà Thomaso
Campanella».--Da parte sua fra Dionisio, il 4 giugno, trasmise con una
sua lettera a' Giudici, perchè provvedessero come meglio fosse loro
parso di giustizia, una lettera a lui diretta dal Petrolo fin dal 28
maggio, nella quale costui, dicendosi infermo ed abbandonato, scriveva:
«intendo che si fanno molti preparamenti di tormenti, e dubito che
non siano per V.^a Reverenza, o per il Padre Campanella, io, come hò
possuto vedere nella copia del processo suo, non m'hò esaminato contra
V.^a paternità in niente, perche non ci era occasione, si bene mi hò
esaminato contra di frà Thomaso ad un certo fine, ch'io esposi in un
memoriale all'Ill.^{mo} Sig.^r vescovo di Termoli olim commissario di
questa causa (pia menzogna, sempre citando il morto), per il quale
memoriale credeva io che fossemo tutti rimessi alli nostri superiori,
ma vedo che non ha fatto effetto mentre cquà si tormenta, dunque vostra
paternità mi favorisca di avvisare li signori superiori e protestarsi
che facciano la causa nelle carceri delli nostri superiori (ciò era
stato già eseguito appunto da fra Dionisio), ò vero che prima che
procedano a cosa alcuna mi reesaminino» etc.[248]. Evidentemente
questa lettera, fatta scrivere dal Petrolo infermo, era un pretesto
per pigliar tempo e scansare il tormento almeno per qualche giorno;
la lettera medesima di fra Pietro di Stilo, senza dubbio poggiata su
qualche cosa assai più concludente, non aveva uno scopo diverso; ma i
Giudici cominciarono per fare amministrare il tormento, e di poi, anzi
durante il tormento, si occuparono di tali lettere ad essi inviate.

Il 4 giugno dunque il povero Campanella ebbe quell'atroce tormento
detto la veglia, prolungato senza misericordia fino alla metà del
giorno successivo. E prima di tutto dobbiamo spiegare in che consisteva
la veglia, ed inoltre rammentare in che modo lo stesso Campanella
ne parlò specialmente nella sua Narrazione. Anche qui le più esatte
notizie ci sono fornite da un medico, e questa volta de' più celebri,
da Paolo Zacchia. Si conosce che la veglia fu inventata nella 1^a metà
del 1500 da Ippolito de Marsiliis, famoso criminalista bolognese e
Giudice nella Valle Lugana, «avverso gli ostinati e coloro i quali non
temevano i tormenti». Egli si serviva soltanto di uno scanno di legno
su cui faceva sedere l'inquisito per 40 ore, con due uomini a lato, i
quali, ogni qual volta l'inquisito accennava a dormire, gli davano con
la mano sul capo e glie lo sollevavano per tenerlo desto, venendo di
tempo in tempo surrogati da altri, mentre i primi andavano a riposare;
e il De Marsiliis si applaudiva molto di questo suo trovato, il quale,
come egli scrisse, eragli parso piuttosto una cosa da ridere che un
tormento, prima che ne avesse fatta l'esperienza, mentre invece ebbe
a vedere «non trovarsi alcuno tanto feroce da potervi resistere» (era
feroce l'inquisito, non il Giudice); al più tardi in due notti ed un
giorno, con la promessa del riposo, l'inquisito confessava tutto, e
però bisognava rammentarsi di questo genere di tormento che era della
massima potenza e non affliggeva il corpo, «sicchè per esso il Giudice
non incorreva mai in sindacato». Immediatamente i suoi contemporanei
e successori se ne giovarono, accertandone tutti i vantaggi, come li
accertò p. es. Paolo Grillando nel suo trattato. Ma il progresso si
fece sentire anche in questo tormento, e si cominciò coll'aggiungervi
copioso cibo e vino in precedenza, acciò il sonno divenisse tanto
più grave, e si finì col modificare lo scanno ed associarvi altre
specie di tormenti per accrescerne l'efficacia. Così diedesi allo
scanno una maggiore altezza affinchè i piedi dell'inquisito non
poggiassero a terra, ed anche una superficie non piana ma ad angolo,
denominando perciò lo scanno _capra_, _cavallo_ o _cavalletto_,
affinchè le parti deretane dell'inquisito ne venissero travagliate.
E vi si associò pure la sospensione dell'inquisito alla corda con
le braccia torte in dietro, nei soliti modi, ed anche con gli omeri
fermati mediante funicelli alle mura laterali della stanza, talora
perfino col petto fermato mediante una fascia al muro corrispondente
al dorso, senza dubbio per impedire che l'inquisito col dondolarsi
potesse sfuggire l'azione dello scanno. Infine vi si aggiunse lo
scostamento, e l'elevazione forzata degli arti inferiori, mediante un
lungo bastone posto per traverso, sulle cui estremità venivano ligati
i piedi con altri funicelli, mentre un terzo funicello attaccato alla
parte media del bastone lo attirava verso il muro di fronte, senza
dubbio per impedire del pari che il tormentato, con lo stringere
le cosce sullo scanno, potesse di tempo in tempo sottrarre le sue
parti deretane all'azione di esso. Prospero Farinaceo, criminalista
appunto del tempo del quale trattiamo, volle mostrarsi umanitario
rifiutandosi di descrivere il tormento della veglia, perchè, egli
disse, non era «nè aguzzino nè birro»; ma l'Ambrosino accennò alle
condizioni dello scanno, alto 7 o 8 palmi, fornito di tre piedi e a
superficie angolare ottusa, su cui doveva poggiare l'inquisito con
le parti deretane nude, aggiungendo di aver visto talvolta lo scanno
ad angolo acuto, che poteva uccidere il torturato venendogli rotte e
perforate quelle parti. Paolo Zacchia, di poco posteriore per tempo,
ci diede la descrizione completa del tormento quale allora si usava,
e non è dubbio averlo dovuto il Campanella sostenere presso a poco
in quella maniera perfezionata, che lo Zacchia descrisse e che noi
abbiamo stimato necessario riferire[249]. Che al Campanella sia stata
amministrata la veglia secondo gli ultimi perfezionamenti risulta
dall'Atto del suo tormento, in cui oltre lo scanno di legno detto
il cavallo, la sospensione alla corda con le mani ligate dietro la
schiena, l'aguzzino sedutogli accanto che lo toccava ed avvertiva di
non dormire, è citato anche il funicello applicato a' piedi, che il
povero tormentato chiedeva si portasse più in alto perchè i piedi gli
bruciavano; e risulta egualmente da quanto ne lasciò scritto in ispecie
nelle _Quaestionum moralium_, non che dalle parole stesse della sua
Narrazione, in cui i funicelli sono ricordati in primo luogo, e sono
ricordati anche i guasti verificatisi nelle sue parti inferiori. «Al
tempo del Manini (_int._ Mandina) fu ad istanza del Sances Fiscale,
ch'andò fin a Roma _personaliter_ per tal licenza, tormentato 40 hore
di funicelli _usque ad ossa_, legato nella corda a braccia torte,
pendendo sopra un legno tagliente et acuto, che si dice la Viglia:
che li tagliò di sotto una libra di carne, e molta poi n'uscìo pesta
et infracidata, e fu curato per sei mesi con tagliarli tanta carne,
e n'uscir più di 15 libre di sangue delle vene et arterie rotte, et
sanò delle mani, e parti inferiori contra la speranza di medici quasi
per miracolo, nè confessò heresia nè ribellione, è restò per pazzo non
finto come diceano». E qui non possiamo dispensarci dal far avvertire
che questa menzione del Sances, fatta già anche nella lettera a Paolo
V, ci apparisce uno de' più spinti ripieghi del Campanella per mettere
nella penombra l'opera dei Giudici ecclesiastici e far risaltare la
ferocia degli ufficiali Regii; il ripiego gli riuscì bene, se non
presso Roma, presso il resto del mondo, poichè fino a' giorni nostri è
stata sempre attribuita agli ufficiali Regii l'amministrazione della
veglia, rimanendo pure dimenticato il canone allora vigente, «clericus
regulariter torqueri non potest per laycum». Non intendiamo mettere in
dubbio che il Governo Vicereale, e per commissione di esso il Sances,
abbia potuto insistere presso la Curia, perchè si badasse bene a
provare energicamente la pazzia la quale si avea ragione di credere
simulata; ma crediamo assai difficile poter ammettere che da tali
insistenze fosse nata l'idea di amministrare il tormento della veglia.
Da un lato non si comprende in che modo il Sances avrebbe potuto
sapere, o mostrar di sapere, lo stato della causa di S.^{to} Officio
e prendervi un'ingerenza diretta; d'altro lato in Roma non aveano
bisogno di eccitamenti per ordinare l'amministrazione della veglia,
non solo perchè era massima di giurisprudenza che agl'inquisiti finti
pazzi si potevano e dovevano amministrare i tormenti gagliardi, tanto
più che ritenevasi esservi con loro minor pericolo di morte[250], ma
ancora perchè, ogni qual volta a Roma appariva necessario un tormento
gagliardo, solevasi in quel tempo ordinare l'amministrazione della
veglia. Difatti dal Carteggio del Nunzio si rileva che, meno di un
anno dopo di aver data la veglia al Campanella, ad un altro frate
Domenicano, fra Raimo dell'Olevano, essendo stata inutilmente adoperata
la corda nel tribunale della Nunziatura, dietro licenza di Roma fu data
pure la veglia e del pari senza cavarne nulla, sì che fu poi mandato
alle galere: vero è che questo frate trovasi qualificato «Theologo et
Predicatore se bene un gran tristo», già evaso dalle carceri del Nunzio
fin dal 1593, ripigliato dalla Corte nel 1601 in abito di assassino con
7 palle in tasca, stato in campagna ed imputato di 6 delitti capitali
ed un ricatto; ma l'imputazione del Campanella non era niente meno
grave per la Curia Romana[251].

Ecco ora il doloroso racconto di quanto accadde durante la veglia
data al Campanella, come risulta dall'Atto che ne fu disteso e che
pubblichiamo tra' Documenti[252]. Tutti i Giudici erano al loro posto:
il Campanella introdotto dal carceriere Martines e richiesto del
giuramento disse, Juravit Dominus, Deus in adiutorium...; ammonito su'
guai a' quali andava incontro rispose, dieci cavalli bianchi; toccato
dal cursore della Curia Arcivescovile gli disse, non mi toccare che
sei scomunicato per la bolla in coena Domini. Alle ore 7 del mattino
(ora 11^a) fu ligato alla corda e sospeso sul cavalletto: nell'essere
ligato diceva, ligatemi bene, badate che mi storpiate; poi con alte
grida cominciò a dolersi, massime per la forte strettura de' polsi,
dicendo son morto, non feci niente, e tante altre cose fuor di
proposito, che era un santo, che era un Patriarca, che aspettava il
Breve della Crociata etc. chiamando uno de' Giudici Monsignore, e il
Vicario Arcivescovile «zio Arciprete». Chiese che gli si pulisse il
naso, e si dolse di nuovo fortemente quando gli furono ligati i piedi;
toccato dall'aguzzino gli disse, non mi toccare, che sii squartato.
Udì suonare le trombe sulle galere ormeggiate al molo presso il Castel
nuovo, e disse, suonate, suonate, sono ammazzato frate; guardò la
porta della camera che stava aperta e disse all'aguzzino, aprimi, oh
frate, oh frate. Poi abbassò il capo e tacque per un pezzo, e toccato
dall'aguzzino disse, oh frate, e continuò a stare per un'ora col capo
e col petto abbassati. Richiesto se volesse discendere, giurare e
rispondere, accennò di sì, ma non volle proferire parola: lo fecero
poi discendere perchè soddisfacesse a' bisogni naturali. Quindi fu
posto di nuovo al tormento (2^a volta) e disse, ora mi ammazzate
ohimè, e tacque: l'aguzzino gli ricordava di non dormire, ed egli
diceva, siedi, siedi alla sedia, taci, taci, nè rispose mai alle
continue ammonizioni di mettere da parte la pazzia, ed alle diverse
interrogazioni sulla sua patria, sulla sua età etc.; si lagnava di
tempo in tempo, ma alle interrogazioni non rispondeva. Si giunse così
alle 8 della sera (ora 24^a) essendo questa volta rimasto sempre nel
tormento senza interruzione, nè altro si udì da lui che, ohimè, ohimè;
e battute le 9 (1^a ora di notte) chiese da bere e l'ebbe, nè mai
rispose alle interrogazioni, ma si notò che mostrava di udire con cura
e di percepire le parole e le ammonizioni a lui dirette, e guardava
anche i circostanti. Di poi disse, Cicco Vono l'ammazzò; e dichiarò che
era di Stilo, Domenicano da Messa, che aveva impiantato il monastero
di S. Stefano, che aveva preso l'abito alla Motta Gioiosa, e nominò
Lucrezia sua sorella e Giulio suo fratello ivi dimoranti, nominò anche
Emilia figlia di suo zio che egli aveva maritata. Più tardi chiese da
bere vino e l'ebbe, e ricominciò a lagnarsi, a dire che chiamassero suo
padre, quindi si ripose a tacere, e gli dicevano, «Tommaso Campanella
che dici? non parli?», ed egli non rispondeva, e solo volgevasi di
qua e di là guardando i vicini. Sorse così il giorno e furono aperte
le finestre e spenti i lumi, ed egli, sempre taciturno, appena diceva
qualche volta, moro, moro, non posso più, non posso più, per Dio. Ma
poco dopo parve che svenisse, onde i Giudici ordinarono di toglierlo
dal tormento e porlo a sedere; quindi gli concessero di soddisfare
a certa sua necessità, e poco dopo batterono le 7 (erano già 24 ore
di tormento). L'infelice chiese allora qualche uovo da bere, e glie
ne furono date tre, aggiuntovi del vino; disse che sentivasi morire,
e chiestogli se volesse confessare i suoi peccati, rispose di sì e
che gli chiamassero un confessore. Ma non se ne fece nulla essendosi
ristabilito, e venne ordinato che fosse riposto nel tormento, ed egli
incominciò a dire, lasciatemi stare, aspettate frate mio; gli fu
detto allora perchè mai avesse tanta cura del corpo e non dell'anima,
ed egli, «l'anima è immortale». Fu dunque riposto nel tormento (3^a
volta), e rimase taciturno, ma poi chiese all'aguzzino che portasse più
in alto il funicello con cui erano ligati i piedi, perchè questi gli
bruciavano; e i Giudici lo concessero. Continuò a star quieto, gli si
dimandò se volesse dormire e disse di sì, gli si promise che avrebbe
avuta comodità di dormire dopo di aver risposto alle interrogazioni, ed
egli non parlò più, e talora si lamentò dicendo, oh mamma mia. Erano le
11 del mattino (ora 15^a); i Giudici aveano profittato di quella seduta
per esaminare fra Dionisio sulle lettere che avea presentate; gli
ordinarono quindi di parlare al Campanella che stava nel tormento, e
di persuaderlo a rispondere formalmente, ad evitare i tormenti che per
lui erano affatto inutili, avvertendolo che il S.^{to} Officio avrebbe
procurato di ottenere da lui le risposte in tutti i modi! Fra Dionisio,
come si notò nell'Atto, «adempì l'incarico con bastante diligenza
e carità», discusse, disputò, e il Campanella gli disse che voleva
rispondere alle interrogazioni. I Giudici allora concessero che fosse
deposto dal tormento, oltrechè venisse ristorato con cibo e bevanda;
intanto gli accordarono che andasse a soddisfare certe sue necessità,
lasciandolo accompagnare da fra Dionisio, e in ciò scorse più di un'ora
di tempo (così fra Dionisio ebbe tutto l'agio di consigliarlo, ma si
può supporre in qual senso). Fecero di poi sedere il Campanella presso
il loro tavolo, l'eccitarono a rispondere e gli dimandarono perchè si
trovasse carcerato nel Castello; il Campanella rispose, che volete da
me? Avendone solo parole, lo fecero riporre nel tormento (4^a volta),
e il Campanella vi rimase taciturno, insensibile, appena dicendo di
tempo in tempo, moro, moro. E quando videro che vi stava senza dire
la menoma parola, senza muoversi, senza dar segno di dolore, finirono
per ordinare che lo deponessero, gli accomodassero le braccia, lo
vestissero e riportassero alla sua carcere, dopo di essere stato nel
tormento per circa 36 ore.

La prova data dal Campanella fu certamente grande, tanto più grande
perchè nel tormento del polledro non gli era riuscito di mostrarsi
forte. Quattro volte successive, con brevi intervalli, era stato posto
allo strazio e vi avea resistito un giorno e mezzo: i suoi amici ne
rimasero ammirati, e vedremo segnatamente fra Pietro di Stilo farne gli
elogi più entusiastici. Cosa ne avessero concluso i Giudici, si può
rilevarlo dal Carteggio dell'Agente di Toscana. Era morto allora il
Battaglino fin dalla notte di Natale dell'anno precedente, ed eragli
successo Alessandro Turaminis senese, venuto nel 1592 ad insegnare con
forte stipendio il «Jus civile della sera» nello studio pubblico di
Napoli, rimanendo anche avvocato di S. Altezza il Gran Duca per gli
affari di Capestrano e in buone relazioni col Nunzio: il Turaminis fin
dal 2^o giorno del tormento, essendone l'esito tuttora ignoto, avea
scritto a Firenze che il Campanella veniva provato «nella sveglia ad
istanza del S.^{to} Officio» sul fatto della pazzia; e il 12 giugno
scrisse, che avea lasciato «dopo hore 37 di risveglia confuso ognuno,
et in dubio più che mai se fosse savio o matto»[253]. Rimase dunque
scossa l'opinione che la pazzia fosse simulata, se dobbiamo credere
al Turaminis, che potè veramente saperlo dal Nunzio; ma vedremo tra
poco che ad ogni modo si ebbe presto motivo di non recedere da quella
opinione, ed intanto conviene fermarci un poco sulle lesioni riportate
dall'infelice filosofo in questo che fu l'ultimo de' suoi tormenti.
Ciò che abbiamo visto da lui scritto su tale proposito nella sua
Narrazione trovasi già riferito anche in più Lettere ed in qualcuna
delle sue opere, col ricordo che era stato «sette volte tormentato»; e
per l'ultimo tormento trovasi detto, più o meno, che avea perduta «una
libbra di carne nelle parti deretane e diece libbre di sangue», che
«era uscito sano dalla fossa (int. dalla sua tristissima condizione)
dopo sei mesi», che avea «riacquistata la sanità per la diligenza
dell'ottimo uomo, il chirurgo Scamardelli»[254]. Senza dubbio in tutto
ciò deve riconoscersi qualche esagerazione ed anche una inesattezza
tipografica. Per intendere che il Campanella sia stato sette volte
tormentato, bisogna computare ciascuna delle quattro riposizioni nel
tormento verificatesi durante la veglia, e perciò noi abbiamo procurato
di notarle: il conto torna solo col sommare le quattro riposizioni
nella veglia, la corda semplice avuta a tempo del Vescovo di Termoli,
e le due riposizioni nel polledro avuto per la congiura; nè sarà
inutile ripetere ancora una volta che tutti questi tormenti furono
dati sempre da Giudici deputati dal Papa, dietro ordine o consenso
espresso del Papa, sicchè non riesce giusto attribuirli agl'inumani
spagnuoli, pur riconoscendo che questi avrebbero fatto molto peggio
se avessero potuto. Non è dubbio poi che la veglia abbia prodotto una
ferita lacero-contusa con mortificazione ed emorragie consecutive,
sebbene le valutazioni della carne e del sangue perduto appariscano
fatte con molta larghezza: di certo vedremo risultare dal processo, che
due mesi e mezzo dopo il tormento il Campanella trovavasi pur sempre
a letto, assistito da suo padre e suo fratello ancora prigioni. Chi
era intanto l'ottimo uomo, il chirurgo Scamardelli che gli prestò le
sue cure? Ognuno comprenderà facilmente quale interesse egli ci abbia
destato, ma nessuno potrà mai immaginare quanti sforzi ci abbia costato
il conoscerlo, sino a che non ci venne l'idea di consultare i libri
parrocchiali della Chiesa del Castello nuovo. Sapevamo che in ogni
Castello si tenevano a que' tempi, con misero stipendio, un medico ed
un chirurgo, e pel Castello di S. Elmo ci era riuscito di trovare che
funzionava allora da medico-chirurgo un Bonifazio del Castillo con
cui senza dubbio il Campanella dovè aver che fare quando più tardi
fu trasportato a S. Elmo, ma pel Castello nuovo le scritture di più
Archivii non ci aveano rivelato che il medico Gio. Geronimo Orabona
fino all'anno 1591[255]: d'altronde nel processo attuale trovavamo,
per altre cure delle quali si parlerà in sèguito, nominato il chirurgo
Scipione, e da un pezzo ci eravamo accorti che in tutte le opere del
Campanella, non impresse sotto gli occhi suoi, le storpiature di nomi
sono abbastanza frequenti. I libri parrocchiali del Castello nuovo
ci hanno appunto mostrato che il chirurgo era Scipione Camardella (o
Cammardella), appartenente ad una famiglia da molti anni dimorante in
quella fortezza e stretta in parentela con molte persone ivi impiegate:
onore a lui, che seppe ricondurre a sanità il povero filosofo, e
meritarne la stima e la riconoscenza[256].

Come abbiamo accennato, il 5 giugno, 2^o giorno del tormento del
Campanella, i Giudici vollero profittare del trovarsi riuniti, per
esaminare fra Dionisio intorno alle lettere che avea presentate.
Trattavasi di sapere se appartenesse veramente a lui la lettera o
memoriale diretto a' Giudici, se appartenesse al Petrolo la lettera
inviata con quel memoriale ed in che modo esso fra Dionisio l'avesse
ricevuta. Fra Dionisio accertò quanto si volea sapere, dicendo di aver
ricevuta la lettera del Petrolo già da otto o nove giorni per mezzo
di Felice Gagliardo carcerato per la congiura, il quale glie l'avea
data passandola per la fessura superiore della porta del carcere,
in cui si trovava egli solo e sempre chiuso. E i Giudici non se ne
brigarono ulteriormente, nè chiamarono a nuovo esame il Petrolo come
costui dimandava.--Si fecero invece, nella stessa seduta, ad esaminare
fra Pietro di Stilo intorno alla sua lettera ed alle scritture,
del Campanella con essa inviate, cioè le Difese con gli Articoli
profetali[257]. Fra Pietro, sempre dietro dimande, disse che fin
dall'anno scorso, nel principio di quaresima, il Campanella gli avea
mandate certe carte scritte per mezzo di un figliuolo che serviva nelle
carceri ed egli non sapeva dire chi fosse; costui glie le passò per
la fessura inferiore della porta a nome del Campanella, dicendogli
per ambasciata che le facesse copiare e le tenesse a sua richiesta,
perchè erano carte che gl'importavano. Ed egli, nella settimana santa,
fece copiare il 1^o fascicolo da fra Pietro Ponzio venuto allora a
stare nel suo carcere, e diede l'altro ad un compatriotta, Vincenzo
Ubaldini di Stilo, il quale dimorava in Napoli con un suo fratello,
presso un Signore che non sapea dire chi fosse e che avea udito essere
andato alla guerra, e il detto Ubaldini l'avea fatto copiare da un
copista[258]. Aggiunse che gli originali non c'erano più, perchè il
copista non volle restituire quello a lui consegnato, dicendo che era
cosa curiosa, e l'altro, consegnato a fra Pietro Ponzio perchè lo
copiasse, fu dato al Pizzoni insieme con la copia, e costui non volle
restituir nulla dicendo che erano cose sospette; quando poi trovò
quelle scritture, nel cercare un foglio di carta sotto il materasso del
letto in cui era morto il Pizzoni, trovò pure l'originale predetto,
ma fatto a pezzi e ridotto in altro uso, e c'erano stati presenti il
Bitonto, fra Paolo ed anche il Petrolo ammalato. Aggiunse che aveva
bensì lette quelle scritture, ma senza capir nulla dei profetali, e
facendosi spiegare da fra Pietro Ponzio qualche cosa del fascicolo che
egli copiava: inoltre che il martedì o un altro giorno della settimana
santa, il Campanella «che non si era ancora publicato pazzo» mandò a
chiedergli le copie fatte e se le tenne dalla mattina alla sera e poi
glie le rimandò; ed allora vi appose certe note, che riconobbe essere
di mano del Campanella ma scritte con carattere più piccolo del solito.
Aggiunse infine che non avea mostrato ad alcun altro quelle scritture,
nè sapeva che alcun altro le avesse viste all'infuori de' già nominati,
e che non le avea presentate prima perchè non le avea potuto aver
prima.--È superfluo dire che molte circostanze di tale racconto erano
mentite: lasciamo da parte il non conoscere il figliuolo che a nome
del Campanella avea portato gli originali delle scritture (forse
Aquilio Marrapodi) e il copista laico che avea trascritto una di esse;
lasciamo da parte che quelle scritture erano state sempre nelle mani
del Pizzoni, e poi ancora rimaste ignorate sotto il materasso fino a
circa tre mesi dopo la morte di lui; ci limitiamo a dire esserci noto
con bastante certezza, che il Campanella attendeva a comporre quelle
scritture anche quando si era già mostrato pazzo, che di tempo in tempo
mandava qualche pagina scritta a fra Pietro di Stilo, e che i frati
vi annettevano anch'essi molta importanza, sperandone forse un grande
effetto pel buon esito de' loro processi. Abbiamo a tempo opportuno
esposto con larghezza la materia di tali scritture, che rappresentavano
le Difese del Campanella nella causa della congiura: potrebbe sembrare
che il Nunzio, uno de' Giudici in detta causa, avesse dovuto sentir
l'obbligo di trasmetterle al tribunale proprio; ma per Verità quella
causa era finita pel Campanella, e non rimaneva a' Giudici che
mettersi d'accordo sulla sentenza da doversi pronunziare. Un Giudice
coscienzioso non avrebbe certamente mancato di occuparsene ad ogni
modo, ma tale non era il Nunzio, su cui, ben più che sul Sances, il
Campanella avrebbe fatto senza dubbio cadere i suoi risentimenti, se
non si fosse trovato nella necessità di parlarne il meno possibile; non
farà quindi meraviglia che quelle Difese fossero rimaste inserte nel
processo dell'eresia, utili solamente a noi, che abbiamo così potuto
avere la comodità di esaminarle. Ma perchè furono esse presentate al
tribunale dell'eresia? Evidentemente, nel presentarle, fra Pietro
di Stilo non potè aver altro scopo, che quello di fare un tentativo
disperato per allontanare almeno temporaneamente l'amministrazione
della veglia, senza punto sospettare ch'esse avrebbero potuto andare
perdute. E il tentativo non riuscì, ed anche la perdita non influì in
alcun modo sull'esito della causa della congiura.

Dopo il tormento della veglia si ebbero le relazioni de' medici periti;
il 7 giugno fu scritta quella del magnifico Pietro Vecchione, il 15
quella del magnifico Giulio Jasolino. Costoro appartenevano alla più
elevata categoria de' medici allora in voga, e non sarà inutile darne
qualche notizia, onde riuscirà manifesto che le ricerche sulla pazzia
del Campanella, se vennero condotte con precipitazione, almeno in
quanto alle persone de' periti vennero prese certamente sul serio.
Pietro Vecchione da Nola, col suo esercizio d'insegnante privato,
secondo il costume napoletano, aveasi acquistato tanta riputazione,
che giovane ancora, di circa 33 anni, sulla proposta del Cappellano
maggiore era stato dal Conte di Lemos il 15 ottobre 1599 nominato
lettore della «theorica della medicina ordinaria», cattedra fra le più
stimate, alla quale sovente si chiamavano anche i non napoletani, e già
occupata da Filippo Ingrassia (insieme con la pratica) dal 1547 al
1553, da Giovanni Argenterio nel 1556, dal Covillas nel 1560, da Gio.
Geronimo di Cotrone da Nola (o viceversa) nel 1565, da Salvio Sclano
nel 1570, da Innocenzio Canti nel 1577, da Quinzio Buongiovanni nel
1579, da Latino Tancredi in qualità di straordinario nel 1589, tutta
una serie di uomini stimati altamente. Esercitava poi la pratica con
immenso successo, ma del resto era uno de' molti, anzi troppi, che
non avevano scritto mai nulla, facendo parte di quella beata falange
degli uomini illustri _inediti_, specialità non napoletana soltanto ma
italiana, ancor oggi niente affatto estinta, e prova sciagurata che
la sua è la via meno disputabile per ottenere la pubblica stima, le
alte cariche, i primi onori: il Vecchione infatti ebbe frequentemente
accresciuto il suo stipendio, nel 7 giugno 1612 passò alla lettura di
pratica, succedendo al Buongiovanni, morì Protomedico nell'aprile 1619.
Quanto a Giulio Jasolino, Jazzolino o Azzolino, calabrese[259], già
distinto allievo dell'Ingrassia, era un vecchio cultore di anatomia
e chirurgia assai accreditato, e basta dire che fu maestro di Marco
Aurelio Severino: non ebbe lettura pubblica essendo allora la cattedra
di chirurgia ed anatomia occupata da Giuseppe Perrotta di Fratta, che
fu il primo a riunire insieme nel pubblico studio in un modo definitivo
queste due branche d'insegnamento; ma scrisse alcuni opuscoli, tuttora
pregiati da que' pochissimi che si occupano di cose patrie, ed anche
illustrò le acque termominerali d'Ischia. Avea già circa 60 anni al
tempo di cui trattiamo, e stando in Ischia dettò la sua relazione
sul Campanella; morì vecchissimo nel 1633, e fu sepolto nella Chiesa
di S.^{ta} Chiara.--Ecco ora ciò che essi riferivano intorno al
Campanella[260]. Pietro Vecchione scrisse, che invitato a visitare
più volte fra Tommaso per riconoscere se fosse davvero desipiente e
melanconico o simulasse tale malattia, per quanto avea potuto esplorare
con la mente, con la conversazione e coll'opera, avea ben rilevato
che egli aberrava nell'immaginativa, nel discorso e nella memoria;
ma poichè non avea visto alcuno de' sintomi che sogliono trovarsi
negl'infermi di tale malattia e v'erano grandi cause per simulare, era
venuto nel dubbio che quella pazzia fosse simulata. Aggiunse che ad
esplorarla con maggiore certezza occorreva lungo tempo e gran diligenza
degli astanti, ciò che non si era potuto eseguire nelle carceri in cui
esso Campanella si trovava, ond'egli non poteva affermare nulla di
certo; ma conchiuse, «per quanto mi è dato scorgere congetturalmente,
giudico che colui simuli la malattia». D'altra parte Giulio Jasolino,
con un lungo scritto, venne nella medesima conclusione, ricingendosi
di alquanto maggiori riserve, ed appoggiandosi ad un nugolo di
citazioni d'Ippocrate e di Galeno. Ciò che fa riuscire notevole per
noi questa sua relazione si è qualche notizia che vi si rileva intorno
al modo tenuto nell'osservare il povero Campanella, e qualche motivo
di congettura che vi si adduce intorno alla persona del filosofo. Il
Jasolino osservò fra Tommaso e gli parlò, a quanto pare, una sola
volta, ma certamente in presenza del Nunzio, del Vescovo di Caserta e
del Vicario napoletano: ne ebbe risposte non a proposito, e lo vide
«melancolico» nell'abito del corpo e nel colore; ma dichiarò non
potersi giovare di quest'ultimo fatto, non avendo prima conosciuto il
Campanella e non sapendo se tale temperamento fosse il suo naturale
ovvero «acquistato per il lungo patimento delle carcere et per il
gran timore et mestitia» (non si parla di altre specie di sofferenze,
e questo mostra che la visita precedè la veglia). Invece notò che
«essendo costui persona malitiosa, come si dice, vafer, callidus, et
astutus, se hà da dubitare che la sua pazzia sia simulata»: ma aggiunse
che intorno a ciò non intendeva affermare nulla di certo, e dichiarò
che una lunga osservazione poteva farsi da' custodi, e questa avrebbe
voluto, conchiudendo «che cossi si potrà chiarire della verità della
fitta, che io stimo ò pure vera pazzia». Adunque, tra il sì e il no,
il Jasolino stava egli pure per la pazzia simulata, e il giudizio de'
periti in questo senso riusciva uniforme.

Più tardi, il 20 luglio, un'altra circostanza venne a provare a'
Giudici che la pazzia doveva essere simulata[261]. L'aguzzino che aveva
dato il tormento della veglia al Campanella e l'aveva anche riportato
nelle carceri, un Jacovo Ferraro di Trani, fu esaminato dal Vescovo
di Caserta ed interrogato sopra le «parole che si lasciò dire fra
Thomaso Campanella dopò che fu sceso dal tormento». Ed egli rispose:
«essendo io intervenuto come ministro dela gran Corte dela Vicaria à
dare lo tormento dela veglia à frà thomaso Campanella predetto, dove io
intervenni continuamente, havendomelo posto in collo per consegnarlo
allo carceriero delle carceri di detto Castello novo, et cacciatolo
cossì in collo dala camera dove hebbe lo tormento fino alla Sala
reale, detto fra thomaso Campanella mi disse da sè le formate ò simili
parole, che si pensavano che io era co...... (_int._ sciocco) che
voleva parlare? et à queste parole non ci fu nessuna persona presente».
A voler giudicare la cosa secondo quel che sappiamo della natura
del Campanella, bisognerebbe senz'altro ritenerlo del tutto vera;
ma l'essersi verificata dopo un tormento di 36 ore, in quello stato
descrittoci dall'Atto che ne fu raccolto, riesce sorprendente in modo,
da potersi perfino accogliere l'opinione di chi dicesse procurata dal
Sances l'assertiva dell'aguzzino; intanto, deposta sotto giuramento
da una persona disinteressata, essa aveva ad ogni modo un valore
incontrastabile.

Ma non ostante siffatte prove ed indizii, la giurisprudenza del tempo
accordava al tormento una forza tale, da annullare tutte le altre prove
e «purgare gl'indizii»; e giacchè il tormento era stato gagliardo e non
ordinario, tanto più l'inquisito veniva a giovarsi dell'esito avuto,
secondo le dottrine de' criminalisti più in voga. Così il Campanella
dovea giuridicamente ritenersi pazzo, quantunque tutti fossero persuasi
che egli simulasse la pazzia. E la conseguenza nel tribunale di S.^{to}
Officio non era indifferente: come «relapso» egli anche pentito
avrebbe dovuto essere degradato e consegnato alla Curia secolare, che
l'avrebbe fatto morire; essendo pazzo, non poteva più patire condanna,
e laddove fosse stato già condannato dovevagli essere risparmiata la
pena di morte, sul riflesso che avrebbe potuto un giorno rinsavire e
pentirsi[262]. Non occorre dire quanto siffatto principio sia degno di
nota, per valutare giustamente la risoluzione che da Roma venne presa
più tardi intorno al Campanella.

Le copie di tutti questi Atti processuali erano inviate mano mano
a Roma, secondochè mostrano le note di tempo in tempo inserte nel
processo dal Notaro Prezioso: ma dopo tanto movimento si ebbe una
lunga fermata, sicuramente perchè i forti calori della stagione estiva
solevano tenere lontano da Napoli il Vescovo di Caserta, e poi più
tardi perchè la malattia la quale afflisse il Vicerè, e finì per trarlo
alla tomba, fece mancare un assiduo ed istancabile sollecitatore della
causa. Appena un solo altro Atto fu compiuto nel resto dell'anno, e con
molta fiacchezza, per un novello incidente sorto in questo tempo.

Il 2 agosto avveniva tra frati e laici carcerati una rissa, della
quale non si potrebbero in modo assoluto affermare le particolarità
precise, poichè fu seguita da fatti ne' quali dovè intervenire il
tribunale, e naturalmente ogni inquisito si fece a narrare le cose a
modo suo: ne diremo quanto si potè raccogliere intorno ad essa dalle
migliori testimonianze non soltanto degl'inquisiti ma anche degli
ufficiali del Castello. Quello spirito irrequieto di Felice Gagliardo
era stato dapprima in compagnia di Orazio S.^{ta} Croce nel Castello
dell'ovo per 17 mesi, ed ivi, oltre al mantenere corrispondenza co'
banditi delle vicinanze di Reggio, che stavano in relazioni col
padrigno suo Pietro Veronese, oltre al comporre prose e versi, un po'
per bizzarria un po' per bisogno si diede a coltivare la negromanzia:
il Castellano D. Melchiorre Mexia de Figueroa, che già l'avea fatto
rinchiudere in un criminale, avvertito da' carcerati, e tra questi
anche da Jacobo Moretto, che presso di lui si trovavano molte carte di
negromanzia e già molte altre dello stesso genere ne avea lacerate,
fece egli medesimo una ricerca e prese tutte le carte che trovò, delle
quali alcune trasmise a D. Giovanni Sances, altre tenne presso di
sè, altre lasciò prendere da Scipione Moccia Auditore del Castello.
Tradotto poi nel Castel nuovo, il Gagliardo venne posto in una medesima
camera con Orazio S.^{ta} Croce, con fra Paolo della Grotteria, fra
Giuseppe Bitonto e Giuseppe Grillo, di poi insieme col S.^{ta} Croce
passò a stare col Soldaniero, più tardi fu di nuovo allogato nella
camera in cui si trovavano fra Paolo e il Bitonto, e con essi il
Petrolo e fra Pietro Ponzio: naturalmente egli si strinse subito in
amicizia con fra Paolo, che sappiamo amatore di segreti e sortilegi, e
col Bitonto, che già conosceva e che si mostrò egualmente proclive a
questo genere di cose; un altro carcerato Cesare d'Azzia napoletano,
li aiutò grandemente ne' loro studî, prestando una copia manoscritta
della così detta Clavicola di Salomone, ancor oggi tenuta in onore
dagl'imbecilli che si occupano di divinazioni segnatamente pel giuoco
del lotto, inoltre un libro manoscritto di segreti, ricette, scongiuri
ed artifizii magici[263]. Il Gagliardo e il Bitonto si diedero subito
a trarre una copia di tali scritture, e s'intesero tra loro al punto,
che o per amicizia o piuttosto dietro qualche piccolo compenso, facile
ad assumere ogni maniera di responsabilità quasi bravando i rigori del
tribunale, il Gagliardo rilasciò al Bitonto una dichiarazione scritta
in presenza del Curato del Castello ed altri testimoni; con questa
affermava non esser vero quanto in processo leggevasi deposto da lui
contro il Bitonto, cioè che costui gli avea detto di stare in ordine
perchè presto vedrebbe succeder guerre, ma esservi stato falsamente
inserto da quelli che formarono il processo. Tali scritture, con altre
ancora, si conservavano in una cassa appartenente al Bitonto, e questa
cassa, non molto tempo prima dell'avvenimento che dobbiamo narrare,
fu portata dal Bitonto nella camera di fra Dionisio, ritenutane la
chiave in poter suo, pel motivo o pel pretesto che nella camera in
cui stava erasi verificato qualche furto. Ora appunto il 2 agosto fra
Pietro Ponzio disse al carceriere che facesse uscire il Gagliardo
dalla camera dove trovavasi in compagnia di loro frati, e gli suggerì
di allogarlo in un'altra camera in cui si trovava Camillo Adimari col
Marrapodi, Conia, Soldaniero e S.^{ta} Croce. L'Adimari uscito fuori
sulla loggetta del corridoio, se ne risentì, perchè già stavano troppi
letti in quella camera, e venne alle mani con fra Pietro il quale gli
diede uno schiaffo. Accorsero allora i laici da una parte e i frati
dall'altra, gli uni in difesa dell'Adimari e gli altri in difesa di fra
Pietro: segnatamente il Soldaniero, il S.^{ta} Croce e il Gagliardo, si
azzuffarono col Petrolo, col Bitonto ed inoltre con fra Dionisio uscito
dalla sua camera per quel rumore, avendo i frati «sarcene alle mani e
seggiolelle di paglia» (fascetti di legna da ardere e sedie comuni), e
servendosi i laici de' loro cinturoni di cuoio come allora si usavano.
I soldati del Castello e il carceriere intervennero e separarono i
contendenti, cacciandoli nelle rispettive camere; ma fra Dionisio fu
trovato ferito alla fronte, e dapprima disse che l'aveano ferito il
S.^{ta} Croce e il Gagliardo, poi, venuto nel Castello l'inframmettente
Padre Mendozza, disse a costui che l'avea ferito il Soldaniero.

Nella sera dello stesso giorno, da un lato il Soldaniero si presentò
al luogotenente del Castello D. Cristofaro de Moya, d'altro lato il
S.^{ta} Croce e nientemeno anche il Gagliardo si presentarono al
sergente Francesco Alarcon, dicendo che per servizio di Dio e di S.
M.^{tà} facessero fare una ricerca nella camera di fra Dionisio,
rovistando tutta la camera ed una cassa che là si trovava, perchè
sarebbero venute fuori «scritture e carte triste e prohibite»; e
quegli ufficiali, insieme con due soldati e col carceriere Martines,
si portarono a fare la ricerca non solo nella camera di fra Dionisio,
facendolo stare presente, ma anche nella camera degli altri frati e in
quella del Campanella. Presso fra Dionisio fu trovata qualche lettera
e segnatamente una lettera di un Sertorio del Buono da Fiumefreddo a
lui diretta; fu trovata inoltre la cassa di pioppo bianco ma senza la
chiave, e fattala trasportare alla camera del Castellano ed avuta la
chiave dal Bitonto, ne furono estratte le «carte di fattocchiarie»,
la dichiarazione rilasciata dal Gagliardo in favore del Bitonto ed
anche le scritture concernenti la persona di fra Dionisio nella
causa di eresia, vale a dire gli articoli del fiscale contro di
lui, gli articoli suoi in sua difesa, e dippiù una «Consideratione
dell'essamina et lettura del processo de pretensa rebellione». Presso
fra Pietro Ponzio fu trovato «dentro uno marzapane grande tondo»
(canestro tondo di vimini fornito di coverchio) un libretto di Poesie
rivestito di pergamena, «con zagarelle di seta pavonazze e rangiate»
per fermagli; erano le poesie del Campanella che fra Pietro si occupava
di raccogliere e divulgare. Presso gli altri frati la ricerca riuscì
infruttuosa, ed unicamente sotto il capezzale del letto del Gagliardo,
che stava con loro, furono trovate scritture di magia con circoli e
segni; ma più si sarebbe trovato se la ricerca fosse stata condotta con
maggior diligenza, e difatti più tardi ne vennero fuora altre carte di
sortilegi. Infine presso il Campanella fu trovata qualche altra cosa,
e ne lasciamo il racconto al sergente Alarcon che così si espresse
quando fu poi esaminato più tardi su tale incidente: «Andassemo ancora
à cercare la camera di frà Thomaso Campanella, et non vi trovai altro
eccetto che una lettera serrata, non mi ricordo à chi era diretta, et
perche lui stava malato in letto, ce stava un suo fratello dentro la
camera, non mi ricordo il nome, et il patre stava fuori la camera,
et mentre si faceva la cerca, se accorse lo tenente che il fratello
di Campanella era stato alla cancella, et entrò suspetto che non
havesse buttato alcuna cosa dala fenestra, et quando fummo à basso
al reveglino trà le due porte del Castello, trovassemo una scrittura
di diece ò dodici fogli in circa scritti, quali anco io pigliai è
portai al Sig.^r Castellano»[264]. Vedremo più tardi cosa fosse
questo scritto del Campanella: diremo intanto che il Castellano D.
Alonso de Mendozza, viste le carte, il giorno dopo ordinò che fossero
rinchiusi nel torrione del Castello, in due criminali separati, fra
Pietro Ponzio primo motore della rissa e fra Dionisio ritenuto autore
delle carte proibite; ordinò inoltre che tutte le carte trovate nella
ricerca fatta fossero portate al Vicerè dallo stesso luogotenente De
Moya. Con ogni probabilità allora appunto, nell'essere fra Dionisio
preso e tradotto al torrione, vennero trovate ancora nella camera di
costui quattro lettere di fra Pietro di Stilo, in data del 3 agosto,
scritte pochi momenti prima da fra Pietro a persone amiche e parenti
di Gio. Gregorio Prestinace. Ecco ora quanto accadde delle carte
portate al Vicerè, secondochè narrò il De Moya quando fu poi chiamato
a deporre: «Le fici portare... à sua Eccellenza del vicerè di questo
Regno, che stava alhora à chiaya alle case è giardino di Don Pietro
di toledo, et io proprio in nome di detto Sig.^r Alonso castellano le
consegnai al vicerè alla presentia di Don Pietro Castelletta Regente
di Cancellaria, è di Don Giovanni sanges de luna, dandoli conto
come si erano trovate è dove, et in particolare dissi che alcune di
quelle scritture erano state trovate dentro di una cassetta di detto
fra Dionisio pontio, et detto Don Pietro et Don Giovanni le veddero è
lessero, et alhora medemo il vicerè ordinò fussero date sicome foro
date al detto Sig.^r don Giovanni sanges de luna, il quale se le
pigliò in suo potere, e ben vero che tre à quattro di quelle carte
restorno in potere del vicerè, il quale ordinò che se notassero che
scritture fussero, et credo che don Giovanni le notasse, et quali
foro quelle che si pigliò il vicerè io non le so, è mi ricordo che
io ci viddi una carta nella quale era una mano pinta, ò fatta con la
penna et inchiostro, altro in particolare non mi ricordo, è poi io mi
licentiai dal vicerè et me n'andai»[265]. Probabilmente le scritture
che il Vicerè tenne presso di sè furono quelle di segreti, ricette
e sortilegi, le quali destavano curiosità: ad ogni modo doverono
certamente destare curiosità sopra tutte le altre quelle della difesa
di fra Dionisio nella causa di eresia, per le quali si potè avere una
notizia abbastanza precisa di detta causa. Riesce poi notevole che il
Vicerè non abbia fatto trasmettere al S.^{to} Officio le carte che
cadevano sotto il dominio di quel tribunale: è impossibile ammettere
che egli non vi avesse dato importanza, ma si può meglio ritenere
che egli non le abbia trasmesse per evitare un motivo di ulteriori
lungaggini. Invece se ne diè moltissima cura fra Dionisio, che non
quietò, finchè non venne ordinato di pigliare informazione su questa
faccenda delle scritture.

Non appena potè, fra Dionisio mandò al Vescovo di Caserta un memoriale,
supplicandolo di venire in Castello «per cose importantissime di
S.^{to} Officio»; e il 26 agosto, innanzi al Vicario Arcivescovile e
al Rev.^{do} Antonio Peri, trovandosi impedito il Nunzio ed assente il
Vescovo di Caserta, fu interrogato circa il memoriale mandato[266].
Egli disse che coloro i quali gli si erano esaminati contro, in
materia di eresia e di ribellione, avevano assaltato lui ed il germano
fra Pietro, l'avevano ferito alla fronte con effusione di sangue, e
poco dopo, fatta una ricerca nella sua camera, erano state trovate
scritture proibite in una cassa, la quale apparteneva al Bitonto,
che l'avea portata presso di lui perchè la conservasse; e ne' giorni
seguenti aveva visto quelle scritture in mano del Barrese, venuto in
Castello per dimandargli se fossero sue, e credeva che il Bitonto gli
avesse «fatto il tradimento» d'accordo col S.^{ta} Croce, Soldaniero
e Gagliardo, tanto più che fra Pietro, il quale si trovava, come egli
stesso, in un criminale, avea minacciato costoro di volerli denunziare
al S.^{to} Officio per cose gravissime. Chiese quindi che si pigliasse
informazione intorno a quelle scritture, che ne fossero gastigati gli
autori o possessori, che si desse a fra Pietro suo germano il modo di
poter presentare i capi di accusa contro que' suoi nemici, che fossero
costoro «separati e posti in clausura», tanto perchè potesse scovrirsi
la loro perversità, quanto perchè erano incorsi nella scomunica.
Dietro dimande, disse che avea conosciuto essere quelle scritture di
carattere del Gagliardo, aggiungendo che insieme con esse avea veduto
in mano al Barrese anche le sue scritture di difesa e i capi del fisco
in materia di S.^{to} Officio (così profittava dell'occasione, se pure
non l'aveva egli stesso provocata, per giustificare i suoi ritardi e
prender tempo ulteriormente): disse ancora che tutti e tre que' ribaldi
l'aveano percosso, ma il S.^{ta} Croce l'avea ferito, mostrando la
ferita, medicatagli «dal chirurgo del Castello nomine Scipione» di
cui non sapeva il cognome (Scipione Camardella). Diede l'elenco de'
testimoni, e dichiarò causa della rissa l'aver voluto fra Pietro Ponzio
discacciare dalla camera sua il Gagliardo «per alcuni furti et perche
haveva inteso che andava vendendo magarie»; aggiunse che la cassa del
Bitonto era stata solamente circa otto giorni in camera sua.--Verso lo
stesso tempo, Camillo Adimari sporse querela al Vicario Arcivescovile
contro fra Pietro Ponzio, perchè aveva insultato esso querelante
pacifico e quieto, e gli avea dato uno schiaffo in presenza della
maggior parte de' carcerati, onde chiedeva una diligente informazione
su questa insolenza e un provvedimento di giustizia. Naturalmente
fra Pietro non poteva starsene tranquillo, dovea rispondere alla
provocazione e già avea mostrato, per mezzo di fra Dionisio, che non
gli mancava la materia per la risposta. D'altra parte ancora, non
si saprebbe dire perchè, il Lauriana mandò al Rev.^{mo} Vicario un
memoriale, supplicando di essere riesaminato. Ma il tribunale non
si riscaldò menomamente, non diè segno di vita per tutto il resto
dell'anno, nè ripigliò poi le sedute senza una sollecitazione del
Card.^l di S.^{ta} Severina. Evidentemente le sollecitazioni efficaci
dalla parte del Governo di Napoli erano venute meno.

Come abbiamo avuta occasione di accennare, il Vicerè fu in questo
tempo afflitto da una malattia che lo condusse alla tomba. Fin dal
giugno erasi recato a Pozzuoli, con la speranza di guarire da certi
edemi che gli erano comparsi e che si dicevano «pienezza di carne»;
quindi era tornato a Napoli prendendo stanza a Chiaia. Ma a' primi
di settembre già susurravasi essere la malattia dell'intestino retto
e dover finire con una «fistola penetrante»; se ne indicava anche
la cagione, attribuendola alla intemperanza dell'infermo, per la
proclività ad accettare i banchetti offertigli continuamente da' Nobili
e forse graditi alla sua Signora più che a lui. I medici erano in
moto, e come faceva sapere il Residente Veneto al suo Governo, il 18
7bre ritenevasi ottenuto un miglioramento, per una medicina che «una
parte de' medici si era arrischiata a dargli dopo molti dispareri». Una
insignificante relazione sullo stato dell'infermo, con richiesta di
consiglio e rimedio, fu inviata dalla casa del Vicerè al dottor Diaz
a Pisa, e leggesi in quel grande emporio di notizie che è l'Archivio
di Firenze[267]: ma un medico di provincia, che abbiamo già avuta
occasione di nominare, Giacomo Bonaventura, predisse francamente
male, e questo esatto pronostico gli valse l'onore di esser chiamato
al servizio di Clemente VIII, avendo Gio. Geronimo Provenzale dovuto
recarsi all'Arcivescovado di Sorrento, che gli era stato concesso nel
1598 e che si godè fino al 1612[268]. Dopo di aver molto penato, «con
febbre, flusso, siero e fistola penetrante», il 19 ottobre il Vicerè
venne a morte; a 57 anni di età, dopo 57 giorni di malattia, come
notarono gli studiosi de' numeri di quel tempo, calcolando il principio
della malattia dal giorno in cui pel suo aggravamento si divulgò; essi
notarono ancora che a breve intervallo venne a morte anche il fratello
suo da lui tanto stimato, l'Arcivescovo di Taranto. Il Parrino ci ha
tramandato le notizie delle pompe funebri, con l'elenco de' distinti
personaggi che portarono sulle loro spalle la salma del Vicerè, tra
i quali Carlo Spinelli; così pure le lodi dell'estinto, il compianto
dei cittadini etc. etc. e questa volta bisogna dire che abbia ragione,
poichè dopo la condotta per lo meno scempiata del Conte Olivares
suo predecessore, la condotta del Conte di Lemos apparve tanto più
degna di encomio. Non mancarono a' canti delle vie, come già in certi
altri momenti del suo governo, le così dette pasquinate e i cartelli
infamatorii, sfogo abbastanza frequente e per lo più espresso in modi
goffi, ma che pure gioverebbe e non sarebbe sempre difficile conoscere
rovistando le antiche scritture: bisogna pertanto notare che p. es.
il Residente Veneto biasimò sempre tali manifestazioni contro il
Lemos, e talora con parole estremamente acerbe[269].--Successe come
Luogotenente generale D. Francesco de Castro secondogenito del Lemos,
il quale pure altra volta, in assenza del padre andato a Roma, avea
governato il Regno con lo stesso titolo. Già sappiamo che allora non
mancò d'insistere perchè il negozio de' frati avesse un termine, ma non
apparisce che avesse fatto sollecitazioni in questo periodo del suo
governo, avendo invece cominciato a farle molto più tardi.

Intanto i frati languivano già da un pezzo e continuarono a languire
nella più squallida miseria, circostanza da notarsi per comprendere
alcune delle poesie del Campanella, che a suo tempo dovremo passare a
rassegna. Una lettera del Nunzio, scritta fin dal 7 7bre al Provinciale
de' Domenicani di Calabria[270], ci fa sapere che da' conventi di
quella Provincia erano stati una volta mandati danari perchè fossero
distribuiti a' carcerati, ma che appunto il Campanella, il quale ne
avea «bisogno più che gli altri come malato, non hebbe nulla»; e
però il Nunzio aveva ordinato che fosse risarcito con la somma che
allora si diceva pronta per lo stesso oggetto, e che tutti i danari
rimanessero in mano di un corrispondente del Campanella in Napoli, il
quale l'avrebbe provveduto di quel che gli fosse occorso, ed avrebbe
badato, «sendo mentecatto», che non gli fossero rubati; aggiungeva
poi il Nunzio che di tempo in tempo avrebbero dovuto mandarsi altre
somme. Ma non apparisce che i danari, i quali si dicevano allora
pronti, fossero stati così presto disponibili; essi doveano passare per
varie mani e poteano per lo meno incagliare per via. Difatti vedremo
più in là che una somma di D.^{ti} 200 inviati da Calabria, con ogni
probabilità quella medesima per la quale avea scritto il Nunzio, ebbe
a patire la detta traversìa ed anche qualche cosa di peggio. Nè ci
mancano documenti da' quali si desume che i poveri carcerati, nel tempo
cui siamo pervenuti, doverono reclamare più volte a Roma e poi anche a
Napoli, perchè si provvedesse alle cose necessarie pel loro vitto.


IV. L'anno 1602 cominciò con una sollecitazione del Card.^l di S.^{ta}
Severina al Vescovo di Caserta, per la quale si vide presto cessata la
sospensione della causa[271]. Il 4 gennaio, a nome della Congregazione
de' Cardinali colleghi il S.^{ta} Severina scriveva che non si era
saputo più nulla intorno alla causa, che oramai per la morte del
Vescovo di Squillace, pel lungo tempo trascorso etc. non c'era nulla da
attendersi sulle informazioni commesse in quella diocesi, che infine
si voleva conoscere se fosse stato provvisto al vitto de' carcerati,
come più volte erasi da Roma ordinato a' loro superiori.--E gli 11
gennaio i carcerati dirigevano anch'essi un memoriale al Vescovo[272]
facendogli sapere che in quel giorno si era recato presso di loro lo
scrivano dell'Inquisizione (forse il Prezioso) per intendere i loro
bisogni, ma avea «dimostrato non troppa intentione di charità», e
quindi supplicavano che si provvedesse. Tutti i frati apposero la loro
firma a quel memoriale, ma pel Campanella l'appose il carceriere Alonso
Martines, e da ciò ben si rileva che egli continuava sempre a mostrarsi
pazzo.

Il 13 gennaio, innanzi al Vescovo di Caserta e al pro-Vicario
generale Curzio Palumbo, che a questo periodo del processo sostituì
definitivamente il Vaccari nell'assistenza alle sedute, fu esaminato
di nuovo fra Dionisio e gli fu dimandato se volesse dire altro,
poichè le risse e le inimicizie da lui deposte non erano materia di
S.^{to} Officio. Fra Dionisio rispose che aveva inteso deporre sulle
scritture trovate in camera sua e mostrategli dal Barrese, per le quali
voleva essere punito se mai fosse risultato colpevole. Aggiunse poi
che il Soldaniero, comunque scomunicato per averlo percosso, e già
prima scomunicato anche dal Vescovo di Tropea per violata immunità
ecclesiastica, non se n'era mai curato nè se ne curava, continuando
ad ascoltare la Messa nella Chiesa del Castello.--Certamente il
tribunale dovè allora rivolgersi a S. Eccellenza per avere le scritture
in quistione, giacchè poco oltre un mese dopo, per ordine di S.
Eccellenza, le scritture gli furono inviate: ma non credè di dover
ritardare per questo la spedizione della causa principale, non si curò
dell'avere fra Dionisio esposto che gli erano state tolte anche le
scritture di difesa e i capi del fisco, procedè agli atti ulteriori e
poco dopo abilitò, come allora si diceva, il Soldaniero ad uscire dal
carcere. Fra Dionisio ebbe a sentirsene gravemente offeso, e pensò
allora di rivolgersi al S.^{to} Officio di Roma, dal quale vedremo in
sèguito ordinato di procedere alla debita informazione sulla faccenda
delle scritture. Non meno ebbe a sentirsene offeso fra Pietro Ponzio,
il quale poco tempo prima avea potuto finalmente presentare i suoi capi
di accusa, una denunzia formale in materia di S.^{to} Officio contro i
laici intervenuti nella rissa e qualche loro aderente, tra gli altri
contro il Soldaniero. Entrambi i Ponzii erano stati tenuti quattro mesi
ne' criminali del torrione, e può intendersi facilmente come fossero
anche per questo divenuti furiosi.

Dobbiamo qui dire che nella stessa data, 13 gennaio 1602, fu iniziato
un processo secondario contro Orazio S.^{ta} Croce continuato poi
contro Felice Gagliardo, sulla base appunto della denunzia presentata
da fra Pietro Ponzio, la quale veramente, oltre il S.^{ta} Croce e il
Gagliardo comprendeva anche Giulio Soldaniero e un Ferrante Calderon
dottore spagnuolo del pari carcerato[273]. I lettori intenderanno che
riuscirebbe impossibile seguire tutti i particolari di questo processo,
condotto a sbalzi per due anni interi, senza intralciare orribilmente
la narrazione del processo principale ed anche correre il rischio di
non finirla più; ma non possiamo dispensarci dal darne alcuni cenni,
i quali veramente sono necessarii a chiarire certi fatti del processo
principale, senza contare che ci fanno apprendere come si passava la
vita nel Castel nuovo quando c'era il Campanella. La denunzia di fra
Pietro mandata al Card.^{le} Arcivescovo di Napoli, recava le seguenti
cose, illustrate ed ampliate poi nel corso del processo a questo modo:
1^o Contro il S.^{ta} Croce; che era un pubblico bestemmiatore e diceva
anche continuamente «santo diavolo» (esclamazione calabrese ancor oggi
comunissima); che giocando a dadi col carceriere avea detto «Dio, non
ti credo, se la prima volta ch'io giocarò con Martines non mi farai
uscire da questo Castello con un Crocifisso alle mani et un chiappo in
canna» (un laccio al collo per essere appiccato), e poi avea seguitato
a giocare col Martines; che avea detto essere «il diavolo assai più
potente di Dio, perchè Dio non aiuta gl'innocenti e il diavolo aiuta li
suoi vassalli li tristi»; che non dava alcun segno di devozione, non
andava a Messa nè recitava officio nè rosario, e ne' giorni solenni
era visitato da una certa Delia sua antica concubina, con la quale
stava di giorno e di notte, mangiava e giaceva in presenza anche de'
frati, ed essendogli stato ciò proibito avea proferita una laidissima
proposizione (la quale perciò sarà meglio non ripetere); che avea
ferito fra Dionisio nella rissa, e trovandosi scomunicato non se n'era
dato mai pensiero, anzi alle osservazioni fattegli avea risposto con
un proverbio calabrese, «meglio essere scomunicato che comunicato
all'imprescia» (comunicato in fretta). 2^o Contro il Gagliardo; che
era un pubblico mago e disegnava circoli con nomi di demonii, ed un
libro con circoli disegnati trovavasi nelle mani degli ufficiali del
Castello, anzi una volta un soldato con una gamba di legno, che stava
al Castello dell'ovo, venuto ad esigere danari da lui avea detto che
in quel Castello gli erano state trovate carte contro Dio; inoltre
che nel Castel nuovo un certo Marcantonio Buono calabrese veniva a
visitarlo per cose magiche, ed un giorno rimasti soli fecero insieme
suffumigi con zolfo «e una pignatella piena di mill'imbroglie», e
Geronimo Campanella entrando nella camera se n'uscì subito spaventato e
cacciato dal puzzo gridando che là «ci erano cento mila diavoli», che
in presenza de' carcerati si era vantato di rapporti carnali avuti con
la suocera e la sorella della suocera, dicendo che era più dolce avere
di tali rapporti con le parenti, e bene avea fatto Mosè a prescriverli;
che pubblicamente ritenevasi aver lui scritto col proprio sangue
una carta al diavolo donandogli anima e corpo; che era ladro, e in
tutte le sue azioni avea sempre mostrato poco timore di Dio. 3^o
Contro il Soldaniero; che da due anni scomunicato per Cedoloni affissi
alla Cattedrale di Tropea, e poi incorso nuovamente nella scomunica
per aver percosso sacerdoti _suadente diabolo_ non si era curato
dell'assoluzione, continuando a udir la Messa e conversare con tutti
_absque resipiscentia_. 4^o Contro il Calderon; che avendo chiesto
a fra Pietro su che si fondava il Campanella per sostenere prossimo
il dì del giudizio, ed avendo udite citazioni della scrittura e de'
Padri, e tra esse qualcuna di Esdra, si era lasciato dire essere Esdra
semplice storico e non profeta; che avendo udita la citazione di S.
Vincenzo Ferreri, cui Cristo aveva ordinato di predicare nell'occidente
la prossima ora del giudizio, come leggevasi nel Breviario, si era
lasciato dire queste essere ciarle fratesche per accrescere onore alla
religione; che discorrendo della fede ne' beati ed in noi viatori,
si era lasciato dire altro essere ciò che noi crediamo ed altro ciò
che quelli vedono, ed esservi differenza non solo nel principio e
nel mezzo, ma anche nelle conclusioni della fede; che infine si era
lasciato dire la fede vera procedere dall'esperienza e non dall'udito,
nè voler credere se non ciò che vedeva.

Co' criterii odierni non si potrebbe comprendere come mai fosse stato
tratto in iscena questo povero dottore; ma bisogna sapere che nelle
cose di S.^{to} Officio non si transigeva facilmente in quel tempo, ed
al contrario di quanto generalmente si ritiene, lungi dall'essere il
tribunale della fede mal tollerato, vi si accorreva molto volentieri,
come lo dimostrano le «spontanee comparse» contro la propria persona,
numerose al punto da far rimanere stupiti allorchè si esamina una
collezione di scritture di questo genere. Ad ogni modo sulla denunzia
suddetta di fra Pietro Ponzio, cui si aggiunse la querela di Camillo
Adimari contro fra Pietro per lo schiaffo che costui gli avea dato,
querela del resto malamente diretta al tribunale della fede e però
inutile, si diè principio al processo in quistione. Funzionarono
quali Giudici il Vescovo di Caserta, Curzio Palumbo ed Antonio Peri,
nella sola prima seduta; poi Curzio Palumbo e D. Manno Brundusio
Fundano, clerico, Segretario del Vescovo di Caserta, nella 2^a seduta
e in qualche altra[274]; più tardi funzionò il solo Curzio Palumbo
qual deputato speciale, e talvolta senza questo titolo, che anzi
in qualche decretazione figurò il Cardinale Arcivescovo Gesualdo, e
il nuovo Vicario generale Alessandro Graziano. Un notevole elenco
di testimoni fu dato da fra Pietro ed anche dall'Adimari, e questo
riesce di molta importanza per noi. Oltre i frati, D. Francesco
Castiglia, il carceriere Martines e il sottocarceriere Antonio Ettorres
(_sic_), vi figuravano pure Francesco Gentile, Geronimo e Gio. Pietro
Campanella, il Marrapodi, il Conia, l'Adimari medesimo (dato da fra
Pietro); Geronimo Baldaia, Marcello Salerno: il Notaro Prezioso, che
dovea farne la ricerca, scrisse i nomi di questi ultimi, eccetto
quello di Gio. Pietro Campanella forse per dimenticanza, e vi segnò
a lato il rispettivo domicilio, onde si legge, «Geronimo Campanella
è in Stignano, Geronimo Conia à Castellovetere, Camillo Adimari è
d'altomonte non si sà dove sia» etc; quanto a Francesco Gentile si
legge, «è stato carcerato e liberato, non se sape dove habita», e
poi, «à mezzo cannone alla banda de la fontana, sagliendo ad alto
passata la fontana» (una via di Napoli molto conosciuta). Raccomandando
all'attenzione de' lettori questa notizia sul Gentile di cui avremo
ad occuparci più in là, osserviamo per tutti i calabresi suddetti
che erano già liberi nel tempo in cui fu scritta dal Prezioso quella
lista, ed anche l'Adimari era libero, onde aggiungevasi quest'altro
motivo perchè la sua querela rimanesse abbandonata: il processo della
congiura era dunque finito per essi prosperamente, nè il S.^{to}
Officio avea posta l'_empara_ per quelli che aveva esaminati in materia
di fede, vale a dire Marrapodi, Conia, Adimari e d'altra parte Geronimo
Campanella, sicchè avea lasciato cadere le imputazioni dapprima accolte
contro di loro. Ma la data in cui fu scritta la lista del Prezioso non
è determinata; si può solamente dire che dovè essere scritta tra il
febbraio e l'aprile 1602, e però tale sarebbe la data approssimativa
del rilascio della maggior parte di que' carcerati, mentre sappiamo che
taluni di loro, come il Baldaia ed anche il Salerno, erano liberi da un
pezzo; difatti dobbiamo ritenere essere stata scritta la lista quando
trovavasi ancora in ufficio il Martines, che dal processo sappiamo aver
patita l'esonerazione in maggio, mentre poi il processo fu avviato
realmente nel mese di marzo, e continuato a riprese in luglio, agosto,
settembre e novembre. Dapprima, il 13 e 19 gennaio, fu esaminato fra
Pietro Ponzio per lo svolgimento della denunzia presentata; di poi
si attese fino al 6 marzo per esaminare il Soldaniero, il quale già
trovavasi fuori carcere e ad ogni modo pervenne a giustificarsi,
affermando che nella rissa si era limitato a dividere i contendenti, e
che in Tropea non era stato scomunicato lui ma un Camillo di Fiore al
quale egli era subordinato; inoltre il 7 e 19 marzo furono esaminati
quali testimoni fra Pietro di Stilo e il Petrolo, che confermarono
i fatti asserti nella denunzia, e gl'illustrarono fornendo tutti i
particolari sopra esposti. Si effettuò poco dopo la pace tra i Ponzii
e il S.^{ta} Croce, e costui, assolto dalle censure, venne quindi
esaminato intorno alla rissa (28 marzo), nella quale affermò aver presa
parte solo per dividere i contendenti, ed essere la ferita di fra
Dionisio imputabile non a lui ma al Soldaniero. Dopo questo esame il
processo rimase lungamente interrotto, nè venne ripigliato che scorsi
quattro altri mesi, nel luglio; dobbiamo dunque anche noi interromperne
l'esposizione.

Dicevamo che il tribunale non credè di dover ritardare la spedizione
della causa principale per qualsiasi motivo, e difatti il 19 gennaio
1602 ordinò che fosse condotto alla sua presenza fra Dionisio, e gli
assegnò un termine preciso e perentorio di altri 15 giorni per fare
qualunque difesa se volesse farne; e fra Dionisio espose che non
aveva Avvocato, e che gli occorreva la copia delle difese sin allora
fatte. Nel giorno medesimo tenne lo stesso procedimento col Petrolo,
col Lauriana, con fra Pietro di Stilo, con fra Paolo, col Bitonto,
chiamandoli in massa alla sua presenza, e non ricordando che fra
Pietro di Stilo aveva già da un pezzo rinunziato alle difese.--Ma il
26 gennaio fra Paolo e il Bitonto presentarono egualmente la loro
rinunzia e dimandarono di essere spediti secondo gli Atti del processo
che ritenevano legittimamente compilato, dicendosi poverissimi ed
innocentissimi, cruciati da lungo carcere «per _la tentata ribellione_
pretesa e figurata in aria, con riverenza, e per l'eresia»: lo stesso
poi fecero, il 29 gennaio, il Lauriana e il Petrolo, dicendosi del pari
innocenti, innocentissimi, cruciati da lungo carcere e l'ultimo di
loro anche da un lungo tormento. Il tribunale allora, il 31 gennaio,
citò questi frati compreso fra Pietro di Stilo, ed il loro Avvocato
Stinca e Procuratore Montella, perchè dopo di essere stata intimata
tale citazione venissero sulle 19 ore (verso mezzogiorno) alle case de'
Giudici, per dire ed allegare su' capi spettanti al S.^{to} Officio ciò
che volessero, tanto a voce che in iscritto, nel diritto e nel fatto; e
l'intimazione fu eseguita il 2 febbraio. Certamente non si potè fare lo
stesso con fra Dionisio, poichè bisognava prima fornirlo de' documenti
che gli mancavano e che egli aveva indicati al tribunale per poter
fare le sue difese; e così forse accadde di dover procurare dall'altro
tribunale la copia dell'esame di Cesare Pisano innanzi allo Sciarava,
copia che trovasi inserta nel processo tra gli Atti del tempo al quale
siamo giunti, senza saperne il motivo[275].

Deliberavasi intanto l'«abilitazione» del Soldaniero, e il 12 febbraio,
fattolo venire alla presenza de' Giudici nel palazzo del Nunzio,
lo si avvertì che dovea tenere per carcere la città di Napoli, in
guisa da non poterne partire senza licenza ottenuta da' Giudici in
iscritto, sotto pena di D.^i mille in beneficio del fisco apostolico;
e il Soldaniero si obbligò alla detta pena dando in garanzia tutti
i suoi beni, ed indicò qual suo domicilio l'alloggio di Lucrezia la
bottegaia alla Carità.--Ma i frati già avevano concertato di far
cadere interamente sopra di lui la responsabilità delle scritture di
sortilegio, e senza alcun dubbio si diedero premura di far accedere
anche Felice Gagliardo al loro disegno. Così, fin dal 2 febbraio, fra
Dionisio potè presentare al tribunale una Dichiarazione in questo
senso, scritta da Felice Gagliardo e da fra Giuseppe Bitonto, a' quali
si aggiunse inoltre fra Pietro di Stilo e fino ad un certo punto anche
il S.^{ta} Croce: costoro, più o meno, dichiaravano che alla loro
presenza, mentre stavano sulla loggetta del Castello e il Bitonto
portava la sua cassa nella camera di fra Dionisio, Giulio Soldaniero
lo avea pregato di conservargli certe sue scritture d'importanza, le
quali erano chiuse e suggellate, e il Bitonto per fargli servigio
aveva aperta la cassa e rinchiuse in essa quelle scritture[276]. Il
Gagliardo, che n'era stato per lo meno il copista insieme col Bitonto,
con la solita disinvoltura aggiunse nella dichiarazione sua che quando
il Soldaniero, dopo la rissa, fece istanza al luogotenente e sergente
del Castello perchè procedessero ad una ricerca di carte presso fra
Dionisio, disse a lui Gagliardo, «non dubitare, ch'io cilo carricata
(_int._ ce l'ho caricata) a fra Dionisio, et adesso sì che lo farò
bruggiare, perche quelli scritture che me vedesti porre in quella
cassa sono pieni di negromantie et d'invocatione di diavoli, et sarà
il complimento della sua rovina, et poco li gioveranno le defensione
sue ch'ha fatte». Quanto al Bitonto, si capisce che cadendo su lui la
responsabilità principale in questa faccenda, avea tutto l'interesse
di fare e di procurare che altri facessero simili dichiarazioni: fra
Pietro di Stilo poi vi si prestava gentilmente nell'interesse di tutti
i frati, e si vede bene che i comuni pericoli aveano in lui cancellata
ogni traccia della ripugnanza che avea sempre sentita per la persona di
fra Dionisio. A questi tre venne ad aggiungersi ancora Orazio S.^{ta}
Croce, il quale per altro attestò solamente di aver veduto il Bitonto
portare la sua cassa in camera di fra Dionisio e là deporla: con ogni
probabilità egli dovè rilasciare questa dichiarazione, del resto
veridica, a fine di cattivarsi i Ponzii co' quali gli premeva di far la
pace, che difatti fu segnata tra loro nel seguente mese e gli procurò
l'assoluzione dalla scomunica in cui era incorso. Fecero da testimoni
nell'anzidetta dichiarazione il Curato e il Sagrestano del Castello,
D. Gaspare d'Accetto e D. Francesco della Porta, inoltre il sergente
Alarcon e due altri: essi certificarono le firme de' dichiaranti, ma
solo quelle de' primi tre, la qual cosa dà motivo di ritenere che il
S.^{ta} Croce dovè intervenire più tardi.

E si ebbero finalmente le scritture che si aspettavano, verso il
20 febbraio. A questa data, secondochè si legge nella prima carta
del volume in cui quasi tutte furono riunite come allegati, D. Juan
Lezcano, segretario di S. Eccellenza, partecipò al Vescovo di Caserta
che S. E. aveva ordinato a D. Giovanni Sances di consegnare a S.
S.^{ia} R.^{ma} le scritture trovate nella cassa di fra Dionisio
Ponzio, ed insieme con esse una relazione di Marcello Barrese sul come
erano state trovate. Questa relazione o non fu fatta, o non rimase
nel processo, ciò che riesce più probabile; ma le scritture furono
consegnate tutte, per quanto è lecito giudicare dagli Atti processuali
che ne trattarono, comprese quelle trovate fuori la cassa, ed esclusa
soltanto la lettera trovata chiusa presso il Campanella, della quale
non si fece mai più parola. Alcune vennero senz'altro inserte tra gli
Atti, e queste furono: la lettera di Sertorio del Buono a fra Dionisio,
le quattro lettere di fra Pietro di Stilo a diversi, e la dichiarazione
di Felice Gagliardo a favore del Bitonto circa le cose che avea deposte
in materia di ribellione (ved. pag. 231); quest'ultima scrittura, se i
Giudici, e segnatamente il Nunzio, fossero stati più teneri del loro
dovere, avrebbe dovuto essere trasmessa al tribunale della congiura,
ma invece rimase nel processo dell'eresia. Tutte le altre scritture,
divise in due gruppi, vennero sottoposte al giudizio del P.^e Cherubino
Veronese Agostiniano, Teologo qualificatore della Curia Arcivescovile;
nel 1^o gruppo si contenevano quelle che sappiamo essere state
trovate nella camera di fra Dionisio e presso gli altri frati, e però
imputabili più o meno a' frati; nel 2^o gruppo si contenevano quelle
trovate presso il Gagliardo, secondochè rilevasi dal processo, e tale
distinzione, fatta sin da principio, mostrerebbe che ci dovè essere la
relazione del Barrese, quando le scritture furono consegnate. Vedremo
che al 2^o gruppo si aggiunse ancora un'altra scrittura, composta
dal medesimo Gagliardo nientemeno mentre il tribunale procedeva agli
esami su tale argomento; e poi si formò inoltre un 3^o gruppo con le
scritture appartenenti del pari al Gagliardo, trovate quando egli era
rinchiuso in Castello dell'ovo e consegnate più tardi dal Castellano D.
Melchiorre Mexia de Figueroa. Così il Padre Cherubino ebbe a fare tre
relazioni successive, le prime in data del 15 e del 17 marzo, e questa
con una aggiunta, la terza in data del 24 aprile; le scritture furono
messe insieme in un volume col titolo «Scritture o Segreti manoscritti
proibiti trovati nella cassa di fra Dionisio Ponzio in Castel nuovo
con le relazioni del Rev.^{do} Teologo sulle loro qualità», mentre
non tutte erano state trovate in Castel nuovo e nella cassa di fra
Dionisio, e già sapevasi che la cassa non apparteneva a fra Dionisio ma
al Bitonto.

Innanzi di procedere oltre, importa dar conto di tali scritture ed
anche della qualificazione espressa dal P.^e Cherubino su quelle
che egli ebbe ad esaminare. Cominciamo dalle scritture inserte
immediatamente tra gli atti del 4^o volume del processo, e dapprima
dalla lettera di Sertorio del Buono di Fiumefreddo in data del 9
luglio 1601[277]. Costui rilevasi un amico affettuosissimo di fra
Dionisio e del fratello Ferrante, dal quale avea pur allora ricevuto
canzonette spagnuole (anche Ferrante era virtuoso in poesia), e
promette una fede del Clero di Fiumefreddo in favore di fra Dionisio,
la quale difatti giunse e trovasi in questo volume del processo che
non brilla per l'ordine dato a' documenti in esso contenuti: spera
poi ardentemente la liberazione di tutti, manda un abbraccio al P.^e
fra Pietro «et all'amico», ricorda «la natività» e promette «alcuna
cosella»; sulla soprascritta si dice quella lettera «data in potere
della S.^{ra} Donna Ippolita cavaniglia al castel nuovo». Vedremo
che fu poi dichiarato essere appunto il Campanella l'amico, dal
quale il Del Buono si aspettava che consultasse l'oroscopo e desse
la natività di un suo figliuolo; e vuoi essere intanto notato il
nome di colei alla quale era raccomandata la lettera, D. Ippolita
Cavaniglia, pietosa Signora che troveremo esaltata nelle poesie del
Campanella come sua grande benefattrice, onde avremo ad occuparci
di lei debitamente.--Passiamo alle quattro lettere di fra Pietro di
Stilo[278]. Esse risultano scritte con la data del 3 agosto e dirette
tutte a Stilo, alla Sig.^{ra} Giulia Prestinace sorella di Gio.
Gregorio[279], alla Sig.^{ra} Porzia Vella suocera dello stesso, a
Suora Francesca Prestinace monaca di S.^{ta} Chiara altra sorella, ed
al P.^e Domenico Caristo vecchio frate ed amico comune. In sostanza,
più o meno, con parole coperte e sentenze curiose vi si ammonisce che
l'amico (Gio. Gregorio Prestinace) non si fidi nelle assicurazioni
del fratello, partito da Napoli credendo «di haver effettuato ogni
cosa à loro sodisfattione»; aspetti che la forgiudica sia tolta, la
qual cosa solamente il giudice Marc'Antonio di Ponte può sapere quando
accadrà, e non si piglino «viziche per lanterne» ma si ascoltino «li
consigli delli mal patiti»; e badi l'amico «che con vane speranze
se ne ritorni alla patria» e pensi che vi sono nemici «et massime
nci è illoco Giuda Scarioto» (forse Giulio Contestabile), e che nel
Castello «ci sono emoli... quali non cessano dalla loro anticha
perfidia» (certamente Geronimo di Francesco come fu poi dichiarato),
e finita ogni cosa ne darà avviso «et allora l'amico potrà far la sua
risolutione di appresentarsi». Contemporaneamente vi si dà speranza
di prossima fine della causa con buon esito, perchè il Campanella ha
vittoriosamente superato un grosso tormento e deve averne un altro, e
fra Dionisio pure dovrà averne un altro per le scritture di segreti
che si scoversero, ma un altro ne avrà anche il Petrolo, e su costui
non si può contare come su' due primi, e però bisogna stare a vedere:
questi concetti che esprimono i giudizii, le speranze e i timori, senza
dubbio divisi dallo stesso Campanella, meritano di essere testualmente
conosciuti. Fiero del suo fra Tommaso per l'ottima prova da lui data,
alla Sig.^{ra} Giulia fra Pietro dice: «Campanella hebbe quaranta
hore di tormento chiamato viglia, che fè stupir il mondo, et basta la
fè più di un lione scatinato, et speramo haver purgato le cose della
inquisitione; adesso aspetta un altro tormento di polledro chiamato,
pessimo tormento, quale sostenuto Campanella serà assoluto da ogni
cosa, per tanto vidiamo (_int._ aspettiamo a vedere) questo fine, de
più si hà di tormentare frà Dionisio per li secreti adesso si sebbero
(_int._ le scritture di secreti che adesso si seppero) et si scoversero
per vere, et si à questi dui non temeti come huomeni di honore, che
diremo di fra Domenico di Stignano, quale rovinò tutta questa causa,
quale harà di avere uno grave tormento?» E alla Sig.^{ra} Porzia:
«Campanella dopò lo tormento di quaranta ore, sostenuto valorosamente
come leone, si dice per verissimo che in materia di ribellione lui et
frà Dionisio haranno à esser tormentati un'altra volta et assoluti da
ogni male, al che non dovemo certo dubbitare, lo dubbio è che ha di
esser tormentato frà Domenico petrolo, rovina della causa si bene si hà
ritrattato, et per questo hà di esser tormentato, et per l'esperienza
fatta non li dovemo haver credito». E a suora Francesca: «Campanella...
queste settimane passate sostentò uno horribile tormento di quaranta
ore non senza grande honor suo et bene quanto alla inquisitione; ben
presto per materia di ribellione harà un altro pochetto di tormento
insieme con frà Dionisio, quali dopò questo tormento saranno liberi
et assoluti omnino da tutte le cose pretenze, et di questo non teneti
dubbio; lo dubbio è che hà di esser tormentato frà Domenico petrolo
di stignano, del quale la persona può dubitare et deve assai per la
sua mala riuscita et pazzia, ma più tosto viltà che iniquità». E si
adopera sempre a confortare ognuno, ed appunto a suora Francesca, dopo
di avere con delicata attenuazione parlato del «pochetto di tormento»
da doversi sostenere da' due principali inquisiti, scherzosamente
dice che al suo ritorno le darà gran penitenza, perchè non ha pregato
Dio per lui: confortatore egli che avrebbe pure avuto bisogno di
conforto, quantunque ignaro che un tormento era riserbato del pari
alla persona sua, questo frate dabbene non può non destare la più viva
simpatia. Pertanto interessa notare que' suoi giudizii sul Petrolo,
giudizii assolutamente confidenziali e quindi schietti: il Petrolo
è dichiarato da lui non già inventore delle cose di ribellione, ma
uomo di mala riuscita e di niuno accorgimento, vigliacco piuttosto
che iniquo.--Circa la dichiarazione rilasciata da Felice Gagliardo
in favore del Bitonto abbiamo poco da dire: essa risulta scritta in
data del 5 giugno 1601, ed oltre la firma del dichiarante reca quella,
scioccamente vergata, del Curato del Castello, ed anche quelle de'
due clerici assistenti la Chiesa. Come abbiamo già esposto altrove,
il Gagliardo con essa negava di aver detto ciò che trovavasi da lui
deposto contro il Bitonto in materia di ribellione: ed afferma che
è falsità «falsamente posta, con reverenza, da quelli che faceano il
processo»!

Veniamo alle scritture costituenti il volume di allegati e qualificate
dal P.^e Cherubino. Cominciando da quelle del 1^o gruppo appartenenti
a' frati o attribuite a' frati, si ha in primo luogo la così detta
Clavicola di Salomone in molti fogli e con la seguente nota: «fatta
experientia per il Re di franza, per il Gran Duca di fiorenza et altri
Signori, et hoggi in questo Regno un solo la tiene et il Prencipe di
Conca sta dando opera di far tal arte»[280]. Il carattere di tale
scrittura non è da per tutto uniforme, sia per essere stata copiata
in più volte, sia per essere stata copiata da diversi individui:
vedremo che il S.^{ta} Croce, molto competente, la disse di mano del
Gagliardo, ma costui la disse in parte di mano sua e in parte di mano
del Bitonto, avendo entrambi alternatamente lavorato per quella copia,
e così confermò pure in punto di morte, aggiungendo che ne aveano avuto
l'originale da Cesare d'Azzia egualmente carcerato, ed aveano data
quella copia a fra Dionisio perchè la conservasse nella camera sua,
dove poi fu trovata. Il P.^e Cherubino, nel qualificarla, riconosce che
è una copia, e rammenta che nell'Indice Romano allora stampato essa
è notata nella prima classe delle opere proibite di autori incerti,
risultando dichiarati veementemente sospetti di eresia coloro che la
leggono, la posseggono e si servono delle cose in essa contenute, e
formalmente eretici coloro che credono vere le cose in essa insegnate.
Si hanno poi diverse scritture di minor mole che recano quasi sempre
scongiuri, per trovare un tesoro, per rintracciare un furto, per
avere uno spirito in forma di cavallo, per rendersi invisibile etc.
etc. sovente tratti dalla Clavicola di Salomone; per taluna di esse
potrebbe dirsi che sia stata copiata dal Bitonto, ma generalmente il
carattere è quello del Gagliardo, e il P.^e Cherubino appone ad ognuna
il «sapit haeresim manifeste». Inoltre si ha un opuscoletto sulla
musica evidentemente di mano del Pizzoni, rimasto in potere di qualcuno
de' frati[281]. Ancora un grosso fascicolo con moltissime ricette e
«percantazioni» curiose; per non far dormire alcuni, per non esser
preso, per far divenire zoppo un cavallo, per indurre discordia, per
sciogliere un ligato o per chi non potesse stare con la moglie etc.,
tutto di mano del Gagliardo e qualificato dal P.^e Cherubino nel solito
modo; alla fine poi di questo fascicolo si trova una poesia in dialetto
calabrese distinta in due parti col titolo di «Amorosa» e «Partenza»,
di mano del Gagliardo e con ogni probabilità di sua composizione, non
vista o non curata dal Notaro e dal P.^e Cherubino. Sono 24 stanze,
alcune sufficientemente belle, e gioverà riportarne un saggio per
conoscere le qualità dell'autore. Dell'«Amorosa» scegliamo le seguenti:

           «Quandu ti viju a sa fenestra stari
         mi pari in celu un Angela vidiri
         e poi mu ti viju amacciari[282]
         mi piglu pena affannu e dispiaciri
         ca chi raggiuni non mi voi parlari
         chi ti haiju fattu lu vorria sapiri
         poi ca lu mancu non mi voi guardari
         fingi chi _non_ mi vidi e non fuijri[283].

           Volsi provari lu luntanu stari
         forsi di menti mi potevi usciri
         l'amuri a autra banda volsi dari
         e ijri arrassu per non ti vidiri
         st'afflittu cori dissi nun lu fari
         non ti scordari di lu ben serviri
         mill'anni mi paria lu riturnari
         cara patruna mia per ti vidiri.

           Si vidi un'ursa in silva tetra et scura
         aspra silvaggia, mansueta fari
         si vidi un scogliu et una petra dura
         spissu cadendu l'acqua arrimollari
         e vui chi siti humana creatura
         non vi potiti cu piantu placari
         eccu chi siti ingrata di natura
         essendo amata non voliti amari».

E queste altre della «Partenza»:

           «Cori mi partu e mi ndi vogliu ijri
         restati in guardia dilu miu sustegnu
         e di lu pettu so mai ti partiri
         ch'in cambiu la sua imagini mi tegnu
         avisami per via dili suspiri
         si illa ti tratta cu amuri o cu sdegnu
         e si canusci chi mi ha da tradiri
         ijetta un suspiru chi subbito vegnu.

           Gula d'argentu cinta di ligustri
         pettu chi si la bianca nivi equali
         bucca suavi chi parlando mustri
         vivi rubini e perni orientali
         occhi sireni più di un suli lustri
         . . . . . . . . . . . . . .»

Ma ciò basta per mostrarci l'ingegno e la fantasia del Gagliardo.
Finalmente tra le scritture di questo gruppo si ha un libretto
coperto di pergamena, contenente le poesie raccolte da fra Pietro
Ponzio, composte dal Campanella: esse si veggono, con un principio
di dedica, indirizzate da fra Pietro al Sig.^r Francesco Gentile
patrizio genovese, e ci dànno un quadro de' pensieri, delle azioni,
della vita intima del Campanella nel carcere fino al 2 agosto 1601,
vale a dire fino a 2 mesi dopo la veglia, laonde meritano di essere
diligentemente considerate ed illustrate; noi l'abbiamo già fatto in
parte e seguiteremo a farlo più in là, limitandoci per ora a notare
che il P.^e Cherubino le qualificò in latino ed italiano «Carmina in
laudem et improperium multorum, ad amorem alliciendum; in quibus sunt
multa quae videntur sapere idolatriam. Scrive a la donna da lui amata
chiamandola Sommo bene. Dicteria multa, quae videntur sapere libellum
infamatorium». Decisamente il P.^e Cherubino era disposto a trovarvi
il peggio possibile. Dobbiamo poi aggiungere che in questo gruppo di
scritture si sarebbe dovuto avere anche quella trovata nel reveglino
del Castello, sotto la finestra del carcere del filosofo, gettatavi
dal fratello Gio. Pietro al momento in cui venivano gli ufficiali in
cerca di scritture; ma essa non vi si trova, non essendo stata aggiunta
alle altre inviate al P.^e Cherubino e nemmeno inserta puramente e
semplicemente nel processo, mentre senza dubbio fu dal Sances trasmessa
a' Giudici del tribunale di eresia, nelle cui mani si trovava il 6
marzo 1602, quando fu esaminato il sergente Alarcon! La scomparsa di
questa scrittura merita di esser notata, ma non si può interpretrarla
in modo plausibile, se non ammettendo in qualcuno de' Giudici, o de'
loro auditori e segretarii, il gusto di possedere un'opera filosofica
del Campanella, giacchè con la scorta dell'unico cenno datone
nell'esaminare l'Alarcon si rileva che tale era detta scrittura.
Vedremo infatti tra poco registrato in questo esame che essa, composta
di 32 fogli, in carattere minuto e senza coperta, cominciava con le
parole «Per che teco menare la vita non posso», e finiva con le altre,
«ma che ne fece poi voi lo sapete»; donde si rileva che trattavasi
delle due prime parti dell'_Epilogo_ di filosofia, edito poi in latino
dall'Adami nel 1623 col titolo di _Philosophia realis epilogistica_;
e ci rimangono tuttora due copie manoscritte, nelle quali si leggono
appunto le dette parole, ma di ciò parleremo più opportunamente in
altro luogo di questa narrazione. Qui vogliamo soltanto notare che se
i Giudici avessero avuto un vivo sentimento del proprio dovere, senza
dubbio si sarebbero guardati dal lasciar perdere una scrittura, nella
quale fin da' primi versi e da' primi capitoli si trattava di Dio, di
Dio creatore e della Provvidenza Divina, mentre il Campanella era stato
incolpato di ateismo oltrechè di eresia: d'altra parte dobbiamo notare
che il Sances e il Governo Vicereale, nelle cui mani venne dapprima la
detta scrittura, ebbero sicuramente ad avvertire che il Campanella era
tutt'altro che pazzo, mentre si trovava occupato in un'opera simile.

Ben poco ci tratterranno le scritture del 2^o gruppo, appartenenti
esclusivamente al Gagliardo presso cui furono rinvenute. Una sola, in
lingua latina, rappresenta una breve consultazione o meglio istruzione
di un dottore intorno al valore giuridico della tortura, che è
dichiarato potentissimo con l'autorità di Alberico e di Farinacio
e con l'appoggio di qualche caso pratico atto a far vedere che la
tortura immoderata, riuscendo negativa, giova sempre anche al delitto
principale malgrado la protesta del _citra prejudicium probatorum_,
poichè il Giudice rimane obbligato a punirlo con pene miti: vedremo
poi come il Gagliardo profittò moltissimo di tale istruzione. Le
rimanenti scritture, quasi sempre di una sola carta ognuna ed anche
costituite da piccole cartoline, mostrano talora semplici ricette e
disegni astrologici, talora segreti e sortilegi. Vi sono ricette per
fare lo stagno, la tintura d'oro, un'acqua mirabile per la vista; vi
sono figure di circoli e pianeti, e il P.^e Cherubino per queste come
per la scrittura precedente dichiara «nihil contrà fidem». Vi sono
d'altra parte segreti molto spesso _ad amorem_, con oscenità da non
potersi ripetere, scongiuri, evocazioni, divinazioni; una scrittura
tra le altre reca il disegno di una mano a grandezza naturale, in più
punti della quale son segnate certe parole, e qua e là, invocazioni di
demonii, abuso di nomi sacri etc.; per tutte queste scritture il P.^e
Cherubino dice «sapiunt haeresim manifeste». Tali furono le scritture
dapprima raccolte, alle quali altre se ne aggiunsero ma un po' più
tardi.

Ripigliamo ora la narrazione dello svolgimento ulteriore del processo.
Il 1^o marzo 1602 il Card.^l di S.^{ta} Severina scriveva al Vescovo
di Caserta[284], che avendo fra Dionisio presentato memoriale, con cui
esponeva essergli state tolte dagli ufficiali Regii le scritture della
sua causa, ed essere state trovate in camera sua scritture cattive
appartenenti al Bitonto, delle quali doveva rispondere il Bitonto e
non esso fra Dionisio, S. S.^{tà} avea ordinato che si procurasse
di ricuperare le scritture delle cause di S.^{to} Officio, e che si
pigliasse la debita informazione contro il Bitonto od altri colpevoli
per quelle scritture che risultassero cattive. In verità, come abbiam
visto, il tribunale avea già procurato di ricuperare quelle scritture,
ed anzi le avea ricuperate fin dal 20 febbraio: solo non si era dato
pensiero di restituire a fra Dionisio le scritture della causa, nè
glie le restituì fino a quando non ebbe ad esaminarlo sull'incidente.
Ma dietro l'ordine venuto da Roma, procedè subito all'informazione
prescritta, e dal 6 marzo al 1^o maggio esaurì gli esami sulle
scritture già raccolte e su qualche altra ancora presentata durante
l'informazione; al tempo medesimo non lasciò di provvedere intorno alle
ultime difese che avea da fare fra Dionisio nella causa principale,
tollerando che il termine accordatogli fosse già scaduto. Diremo
dapprima dell'informazione presa sopra le scritture.

Il 6 e 7 marzo, e poi il 19 il 21 e 22 dello stesso mese, quasi sempre
innanzi al Vescovo di Caserta, al Vicario Curzio Palumbo e all'Auditore
Peri, si venne agli esami de' testimoni e degl'interessati. Nella prima
seduta del 6 marzo, si cominciò dall'interrogare il sergente Francisco
Alarcon[285], il quale narrò minutamente la causa ed i particolari
della ricerca fatta dal tenente del Castello e da lui nelle camere
di fra Dionisio, di ira Pietro Ponzio e del Campanella; parlò in
generale di scritture trovate all'aperto, presso fra Dionisio e presso
fra Pietro, e della cassa di pioppo che ne conteneva altre, le quali
poterono prendersi dal Castellano dopo di avere avuta la chiave da un
altro frate, a cui, secondo fra Dionisio, quella cassa apparteneva.
Disse che tutte le scritture furono portate al Castellano e da costui
trasmesse al Vicerè Conte de Lemos bona memoria, che egli non aveva
nemmeno viste le scritture trovate dentro la cassa, ed aggiunse, «se
io vedesse quella scrittura ritrovata al reveglino trà le due porte,
menata, per quanto si potte sospettare da me et dal tenente, dal
fratello di frà thomaso, la riconosceria, l'altre non mi confideria di
conoscerle»; aggiunse ancora che, dopo la pacificazione di fra Dionisio
col S.^{ta} Croce e col Gagliardo dentro la Chiesa del Castello innanzi
al P.^e Cura chiamato D. Gaspare d'Accetto, egli come testimone avea
sottoscritta una carta nella quale si dichiarava che fra Dionisio
non avea colpa in quella faccenda delle scritture. E mostratagli la
scrittura di 32 fogli che cominciava con le parole «Per che teco
menare la vita non posso», e finiva con le altre «ma che ne fece poi
voi lo sapete», disse, «questa mi pare la scrittura che fù trovata al
reveglino trà le due porte, che risponde ala fenestra dela carcere del
Campanella, che si sospettò che fusse stata buttata dal fratello del
Campanella, et mi pare alla lettera minuta, è che non ci era coperta,
però quello che si contenga in detta scrittura non lo sò perche non
lhò letta».--Si passò quindi all'esame di fra Pietro di Stilo[286]
e mostrategli le 4 lettere che gli appartenevano, disse che erano
state scritte di sua mano nella camera di fra Dionisio ma non ancora
mandate, e riteneva essere state prese con le altre scritture. Dietro
dimande spiegò che l'amico del quale si parlava in quelle lettere,
raccomandando che si guardasse dall'essere pigliato, era Gio. Gregorio
Prestinace, fratello di Suor Francesca e della Sig.^{ra} Giulia, e
genero della Sig.^{ra} Porzia Vella; che non sapeva «la causa di che
era inquisito e lo vero negocio», ma da carcerati suoi compatriotti
aveva udito «che lo detto Gio. Gregorio si era appartato per la causa
dela ribellione» (sempre nell'atteggiamento d'ignorante e d'ingenuo);
che costui gli era amico ed anche parente, ed avea scritto con tanto
calore avendo udito che Geronimo Francesco, pur suo parente e parente
di Gio. Gregorio, «procurava farlo pigliare ò vivo ò morto, perche li
era inimico, et di ciò ne havea dato memoriale al vicere del Regno,
et lhavea trattato lo fratello di Giulio contestabile, li quali tutti
erano inimici del detto» (studiata confusione di due periodi diversi, e
diffidenza non cessata mai; nominato il fratello di Giulio, invece di
Giulio Contestabile, per riguardi facili ad intendersi). Dimandato se
il Prestinace praticava col Campanella nel convento di Stilo e se mai
il Campanella avesse parlato di cose appartenenti alla fede in presenza
di esso deponente, rispose che Gio. Gregorio vi praticava e conversava
come gli altri, e pel resto si rimise a quanto ne avea detto negli
esami anteriori. Dimandato inoltre su' segreti de' quali avea parlato
nella lettera alla Sig.^{ra} Giulia Prestinace rispose, «sono secreti
di taverna, che ogni uno che viene porta novelle di quello che sente,
è le dicono quà in castello, et non so veri, et di questi secreti
io scriveva» (accorta confusione di cose per non dare spiegazioni
compromettenti).--Venne poi la volta di fra Dionisio[287]. Egli disse
che teneva le scritture, le quali gli furono trovate, in parte nelle
sue tasche, in parte sotto la materassa, ma le scritture della causa
erano state a sua dimanda poste nella cassa allorchè il Bitonto glie la
portò in camera; e soggiunse essersi oramai scoverto che il Soldaniero,
suo nemicissimo, avea date le scritture proibite al Bitonto per farle
trovare nella camera sua, e presentò le dichiarazioni rilasciatene dal
Gagliardo, dal Bitonto, da fra Pietro di Stilo e dal S.^{ta} Croce.
Disse non aver viste le scritture proibite se non in mano del Barrese,
poichè la cassa in cui si trovavano fu portata chiusa al Castellano, e
le scritture tolte da essa furono poi date a D. Gio. Sances e quindi
portate in Castello dal Barrese, il quale glie le mostrò e voleva
esaminarlo sopra di esse. Presentategli alcune scritture (quelle
del 1^o gruppo, escluse le poesie trovate a fra Pietro Ponzio), le
riconobbe di mano del Gagliardo, ed una sola di esse, quella sulla
musica, di mano del Pizzoni; riconobbe anche le scritture della sua
causa, ed invitato poi a dare spiegazioni sulla lettera di Sertorio
del Buono e massime sulla «natività» che costui gli chiedeva, rispose:
«mi scriveva che io mi ricordasse dela natività di un suo figliolo, la
quale mi cercò che lhavesse fatta fare da frà Thomaso Campanella che
havea inteso che si delettava di queste cose, et me la cercò quando fù
in napoli l'anno santo del 1600 dopò pasqua che tornò da Roma, et io
per darli parole le dissi che fra thomaso non stava in cervello, et che
si mai stesse in cervello ce lhaveria fatta fare, si ben io non so che
frà thomaso ne sappia fare, è sò certo che non ne sape fare, si ben lui
diceva de sì, et cosi passa lo fatto di questa natività, perche io non
so fare tal cosa». Nel rimandarlo, i Giudici ordinarono che gli fossero
restituite le scritture della causa.--Il giorno seguente (7 marzo) fu
esaminato fra Giuseppe Bitonto. Egli disse che non aveva mai posseduto
scritture ma solo qualche lettera, e con un poco di biancheria la
teneva in una cassa, la quale portò presso fra Dionisio, perchè nella
camera di costui, che stava solo, poteva essere meglio custodita; che
mentre portava detta cassa, Giulio Soldaniero lo pregò di conservargli
in essa un pacco di carte legato e suggellato con pasta od ostia,
dicendo essere un suo processo che gl'importava più di 1000 o 1500
ducati, presenti fra Pietro di Stilo, il Gagliardo ed altri; che fra
Dionisio volle pure conservare in detta cassa certi scritti concernenti
la sua difesa. Dietro dimande poi narrò come la cassa fu presa dagli
ufficiali del Castello, esponendo la rissa nella quale il Soldaniero,
il Gagliardo e il S.^{ta} Croce vennero contro di loro frati «et li
maltrattorno assai, con pugni, et con lo stregneturo (stringitoio,
cinturone) et roppero la testa à frà Dionisio», la ricerca di scritture
proibite fatta ad istanza de' tre sopramenzionati, come gli fu riferito
da molti «et in particolare da Scipione medico di questo Castello» (già
nominato anche da fra Dionisio altra volta), e quindi la presa della
cassa che gli fu più tardi restituita. Aggiunse di aver poi saputo che
in detta cassa erano state trovate «la Clavicola di Salomone et altre
cose di magarie», le quali il Gagliardo gli avea confessato esser sue,
ed averlo saputo dal Marrapodi e dal Conia, i quali gli dissero che
avendo fatta quistione tra loro il Soldaniero e il Gagliardo, costui
gli rinfacciava di aver dovuto fare questo tradimento a' frati per
servir lui, oltrechè il Gagliardo medesimo avea loro detto che era
stato fatto concerto di porre le dette scritture sotto il capezzale
del letto di fra Dionisio, ma poi aveano potuto riporle nella cassa
(un mucchio di menzogne e una doppiezza veramente fratesca). Infine
citò anche la dichiarazione rilasciata dal Gagliardo su tale proposito
(ma nella dichiarazione il Gagliardo non diceva che quelle scritture
fossero sue proprie). I Giudici vollero allora che riconoscesse dette
scritture, e mostratagli la copia della Clavicola di Salomone, disse
che «alli sigilli di pasta» che recava quella scrittura gli pareva
essere l'involto datogli dal Soldaniero; e richiesto delle qualità del
Gagliardo e della causa per cui si trovava in carcere, disse che era di
mala coscienza, ladro, bestemmiatore, odiato da' suoi parenti medesimi,
i quali l'aveano fatto carcerare ed aveano detto ad esso deponente che
si era dato al demonio mercè una carta scritta col proprio sangue,
e si trovava poi carcerato in Napoli per conto della ribellione;
aggiunse che essendo stato durante un anno in Castello dell'ovo, il
Castellano di quel tempo, a nome Figueroa, avea pure trovato presso
di lui scritture sortileghe, come si era saputo da un soldato di
detto Castello con la gamba di legno a nome Navarro, che era venuto a
riscuotere da lui certo danaro per un letto datogli in fitto, ed avea
detto di volerlo accusare per quelle scritture. Dopo ciò riconobbe
che la Clavicola di Salomone era di mano del Gagliardo, e così pure
tutte le altre scritture sortileghe a misura che gli furono mostrate
(quelle del 1^o gruppo) insieme con la poesia «materno idiomate in
octava rima»; riconobbe che il trattatello di musica era di mano del
quondam Pizzoni «quale si delettava di musica et ne sapeva molto»; e
richiesto se nella camera sua fossero state trovate scritture, disse
che alcune furono trovate sotto il capezzale del letto del Gagliardo,
altre in un canestro tondo appartenente a fra Pietro Ponzio, ma più
tardi, nell'accomodare il letto comune ad esso deponente e a fra
Paolo, trovarono entrambi «un libro stampato grande, in quarto foglio,
di astrologia, con molti caratteri, et un pezzo di carta dentro, nel
quale erano scritti secreti contra la corda con nomi di demonii, et
ci era il nome di felice gagliardo, et questo libro e foglio, overo
pezzo di carta, restorno in potere di fra Pietro Pontio». Infine gli fu
mostrato anche il libretto di poesie «lingua paterna» (le poesie del
Campanella), e riconobbe che era di mano del suddetto fra Pietro.

Il 19 marzo, con un ritardo verosimilmente prodotto dalla necessità di
trovare il Figueroa e il Navarro, vennero esaminati Felice Gagliardo
e fra Pietro Ponzio. Il Gagliardo disse essere stato carcerato in
Castelvetere per un colpo di fucile tirato in rissa ad un suo cognato,
e poi essere stato tradotto in Napoli per la causa della ribellione,
dopochè Cesare Pisano, venuto nelle stesse carceri di Castelvetere
e quivi visitato da fra Dionisio e dal Campanella, lo avea nominato
in tortura qual complice nella detta ribellione. Chiesero allora i
Giudici di che aveano parlato al Pisano il Campanella e fra Dionisio;
ed egli rispose che aveano parlato segretamente, e non ne sapeva nulla,
ma che fra Dionisio gli aveva poi detto che avesse dato credito a
quanto gli diceva Cesare Pisano, e soggiunse, «io credo che mi volesse
significare che havesse credito à quello mi diceva detto Cesare à
prestarli dinari, di che ne hò fatto fede à detto frà Dionisio»
(ben si vede che rilasciava fedi senza difficoltà, e senza nemmeno
curarsi delle contradizioni in materie tanto gravi). Dietro altre
dimande disse che de' frati avea conosciuto solo il Bitonto venuto a
predicare in Condeianni; e fattagli l'obiezione, come mai, non avendo
prima conosciuto nè visto fra Dionisio, costui avesse potuto dirgli
che prestasse danaro a Cesare Pisano, rispose, «lo detto Cesare havea
detto che io era felice gagliardo gentilhomo di hierace, et cossì detto
fra Dionisio me disse quelle parole»! Ma infine si venne alla faccenda
delle scritture, e dietro varie dimande rispose, che ciascuno de'
frati carcerati, co' quali si trovava di camera, aveva una cassa, ma
egli non aveva nè cassa, nè scritture, nè libri, e solamente qualche
lettera; che in luglio «perchè in detta camera ci entrava ogn'uno et
non so che si perdío,... frà Paolo portò la sua cassa alla camera di
Geronimo Campanella patre di frà thomaso Campanella, e frà Gioseppe
(Bitonto) portò la sua cassa in camera di fra Dionisio pontio»; che il
Soldaniero diede allora al Bitonto un involto di scritture sigillate
perchè glie lo conservasse, ed egli non sapeva che scritture fossero,
ma poi il Soldaniero gli avea detto che erano scritture proibite, senza
manifestargli altri particolari sopra di esse, e che le avea fatte
trovare in camera di fra Dionisio per rovinarlo, ond'egli ne avea
rilasciata una fede, alla quale si rimetteva. Mostratagli questa fede,
la ratificò, negando di sapere che specie di scritture fossero state
trovate nella cassa. Chiesero allora i Giudici se il Pisano avesse
parlato con lui di cose ereticali e se egli ne avesse fatta denunzia
a' superiori come era obbligato; ed egli rispose che il Pisano ne avea
parlato anche in presenza dell'Adimari, del Conia e del Marrapodi, e
consigliatosi col suo confessore D. Pietro Manno, dietro ordine di
costui egli scrisse e mandò per D. Pietro medesimo un memoriale al
Principe della Roccella, il quale lo partecipò al Vescovo di Gerace,
e il Vescovo quando poi vennero «li rumori universali di Calabria»
mandò un Commissario che l'esaminò. Così finì la sua deposizione,
con un nuovo garbuglio, per lo quale venne poi commesso dalla Sacra
Congregazione di Roma e sollecitato dal Vescovo di Caserta l'esame di
D. Pietro Manno in Gerace.--Fu quindi esaminato fra Pietro Ponzio[288],
ed egli narrò il trasporto della cassa del Bitonto presso fra Dionisio,
per furti verificatisi nella camera in cui si trovavano e dovuti al
Gagliardo, la sua istanza al carceriere che ponesse costui in altra
camera e la rissa avvenuta per questo, la voce corsa che il Soldaniero
e il S.^{ta} Croce si erano concertati di far trovare le scritture
proibite presso fra Dionisio, la ricerca fatta anche in camera sua con
la scoverta di un libretto di poesie che egli teneva sul letto, e di
altre scritture che stavano sotto la materassa del Gagliardo. Riconobbe
il libretto di poesie e disse, «è scritto di mano mia et è intitolato
(_int._ dedicato a) francesco gentile, e son sonetti del Campanella
e di diversi altri autori, che sono andato radunando, et vanno per
tutta questa città di napoli». Fece avvertire che il Gagliardo soleva
scrivere con caratteri di diverse maniere, ed aggiunse che avea visto
presso il Bitonto una carta con un circolo e un segreto «per havere
una donna», che il Gagliardo avea rilasciato ad un paggio carcerato in
Castello a nome Nicolò, ottenendone per compenso un vestito di velluto.
Confermò inoltre che, dopo la ricerca delle scritture, fra Paolo avea
trovato un libro stampato di astrologia con un circolo e un segreto
contro la tortura di mano del Gagliardo, e disse averlo letto insieme
con gli altri frati e poi consegnato al luogotenente del Castello.
Scovrivasi per tal modo un nuovo fatto e sempre a danno del Gagliardo,
contro il quale non agiva soltanto fra Pietro per iscagionare suo
fratello, ma si erano rizelati senza ritegno principalmente i già suoi
complici in materie sortileghe per iscagionare le persone proprie, e la
quistione delle scritture proibite veniva ad allargarsi sempre più.

Il 21 marzo fu di nuovo esaminato il Bitonto per quest'altra scrittura
del Gagliardo da lui scoverta, e disse che ne' giorni scorsi avea
veduto il Gagliardo scrivere una carta e poi darla segretamente a un
paggio di D. Andrea de Mendozza figlio della Marchesa della Valle,
carcerato per ordine della Marchesa e chiamato Nicolò, il quale avuta
la carta venne a farla leggere ad esso Bitonto per sapere se poteva
starci bene in coscienza, e udito che la carta recava la scomunica
a chi la teneva, glie la lasciò. Ed esibì la strana scrittura a'
Giudici, i quali la fecero unire con le altre scritture proibite.
Dietro altra domanda poi disse, che pure un Marc'Antonio Bruno di
Condeianni, dimorante in Napoli alla piazza dell'olmo, era venuto
più volte nel carcere, ed avea avuto segreti dal Gagliardo, e si era
lamentato che gli avea fatto spendere 10 ducati senza alcun profitto,
aggiungendo che spesso si chiudevano in camera e scrivevano, ed una
volta «haveano fatto non sò che pignatello al foco, pieno di capelli et
ossa, cera et altre forfantarie che il fuoco ce havea immorbati tutti,
et questo lo vedde ancora fra Paolo della grottaria e fra Domenico
di stignano» (ma c'è ragione di credere che costoro, e massime il
Bitonto, fossero consenzienti a queste prove di suffumigi). Aggiungiamo
che la novella scrittura fu subito mandata al P.^e Cherubino, che la
qualificò col «sapit haeresim manifeste», e fu unita con le altre
costituenti il 2^o gruppo o gruppo delle scritture appartenenti al
Gagliardo[289].--Frattanto venne subito chiamato Nicolò Napolella,
giovane a venti anni, nativo di Napoli e paggio come sopra si è detto,
il quale credè opportuno mettersi in assoluta negativa, onde il suo
interrogatorio ci risulta un modello di pervicacia nell'inquisito e di
pazienza ne' Giudici. Sempre dietro dimande disse aver conosciuto il
Gagliardo nel Castello, ma non aver mai trattato di segreti con lui;
averlo visto sei o sette giorni prima, ed avergli parlato in frotta con
molti, «e si raggionò come stai, come la passi, e vi bascio la mano»!
Disse aver conosciuto anche il Bitonto, ma non avergli mai parlato
di scritture nè chiesto consigli, aggiungendo, «faccionosi li fatti
loro, è mi lascino stare, è non mi vadano inbrogliando à queste cose».
E i Giudici, «che dica chi sono quelli che lo voleno inbrogliare, et
in che»; ed egli si fece allora a narrare che la sera precedente fra
Pietro l'avea chiamato in disparte, dicendogli di avere informato il
tribunale del segreto per amore dato al Gagliardo e raccomandandogli
di deporre che era vero, ed egli avea risposto «buono» (_int._ «bene»,
espresso alla spagnuola); poi l'avea condotto presso il Bitonto che
gli disse e gli raccomandò la cosa medesima, ed egli avea promesso, ma
nella notte ci avea pensato meglio e si era deciso a non farne nulla,
dicendo, «mi sono risoluto di non dannare l'anima mia». E i Giudici,
«in che cosa si pensava di dannare l'anima sua»: ed egli, «in dire
una falsità; avanti voglio che si perda tutta la Calabria che dire
una falsità»! E i Giudici dimandarono chi fosse stato presente alla
chiamata di fra Pietro, e l'ammonirono di nuovo di dire la verità sul
fatto del segreto; ed egli nominò Ferrante Caldarone e Simone Garzia
spagnuoli, ed anche fra Paolo; ma sul fatto del segreto disse, «non
è vero niente».--Immediatamente vennero esaminati i tre testimoni
indicati dal Napolella. Simone Garzia disse che in quel momento
medesimo il Napolella gli avea parlato della chiamata avuta da fra
Pietro nella sera precedente, ed egli avea risposto che non sapeva tal
cosa. Il dottore Calderon della città di Pax, di anni trenta, disse che
nel passeggiare sulla loggetta col Garzia e col Napolella avea veduto
fra Pietro accompagnato da un altro frate, chiamare il Napolella in
disparte, parlargli segretamente e poi condurlo alla camera in cui
stavano il Petrolo e il Bitonto. Infine fra Paolo accertò egli pure
la stessa cosa.--Fu allora interrogato fra Pietro, e costui disse
che veramente avea chiamato il Napolella in presenza di fra Pietro
di Stilo, e l'aveva avvertito che dietro la sua deposizione intorno
al segreto sarebbe stato certamente esaminato, e però attendesse a
dire la verità; che il Napolella si era mostrato dolente del Bitonto,
perchè avea divulgato il fatto del segreto, che egli non volea si
sapesse da alcuno e specialmente dalla Marchesa della Valle; che
allora lo condusse dentro la camera in cui stava il Bitonto, il quale
gli fece intendere che trattandosi di cosa di S.^{to} Officio era
stato obbligato di agire come aveva agito.--Ed ecco in iscena fra
Pietro di Stilo, il quale confermò ogni cosa, spiegando essere il
Napolella dolentissimo che il Bitonto avesse pubblicata la faccenda
del segreto, perchè «stando lui male con la Sig.^{ra} Marchesa dela
valle che havesse fatto casare lo figlio per via di magarie, si saria
confermata in questa opinione et non l'haveria mai fatto escarcerare
de Castello»[290]. Aggiunse aver visto la carta del segreto in mano al
Bitonto, ed aver avuto preghiere da fra Paolo e dal dottore Calderon
perchè facesse buono ufficio verso il Napolella acciò non fosse
rovinato presso la Marchesa; aver avuto inoltre preghiera dal medesimo
fra Paolo, perchè non facesse cattivo ufficio verso il Gagliardo e il
S.^{ta} Croce, considerando che erano calabresi (tutto ciò dava forza
grandissima al fatto in quistione, rimasto vacillante per l'assoluta
negativa del Napolella).--Infine fu esaminato anche il Bitonto, il
quale confermò che il Napolella era venuto con fra Pietro presso di
lui, ed avea detto che quando fosse stato interrogato sul fatto del
segreto, avrebbe manifestato la verità.

Ma non erano ancora scorse 24 ore, e il Napolella, riflettendo meglio
sul caso suo, mediante il carceriere Martines mandò al Vescovo di
Caserta un memoriale, con cui esponeva che per essere stato esaminato
all'improvviso aveva avuta tanta paura da non aver saputo cosa si
dicesse (eppure avea mostrato di saperlo molto bene); laonde supplicava
Monsignore, che si degnasse «di restar servita di novo venirlo a
saminarlo, che dirra la ystessa e pura verità come passa chi li ha dato
detti scritti».

Così il giorno seguente, 22 marzo, innanzi al Vescovo di Caserta
assistito dal suo segretario D. Manno Brundusio, fu esaminato dapprima
il Napolella, che riconobbe il memoriale mandato e confessò di aver
narrato al Gagliardo che «amava una donna ma non sapeva se si era
dismenticata» di lui, onde il Gagliardo gli volle dare quel rimedio
perchè la donna non se ne scordasse; e riconobbe lo scritto avuto e
attestò di averlo mostrato al Bitonto e di averlo poi lasciato nelle
mani di lui quando udì che recava la scomunica. Dietro dimande, disse
che non in questa circostanza, ma fin da tre mesi scorsi, il Gagliardo
gli avea chiesto «un paro di calzoni usati per amor de Iddio» ed
esso glie l'avea donati; che dopo il suo esame avea udito tenere il
Gagliardo «mala fama di queste poltronerie». Infine scusò il non aver
detto prima la verità, allegando l'essere «giovanetto di poca età... è
travagliato di carcere longo tempo», e l'aver dubitato che accettando
quel fatto ne sarebbe venuta la rovina sua.--Si passò allora all'esame
di Orazio S.^{ta} Croce, il quale, sempre dietro dimande, disse che
era stato già carcerato in Siderno e a Castelvetere il 22 luglio
1599, per aver bastonato un tale che gli aveva uccisa una giumenta,
e poi era stato incolpato della ribellione e tradotto in Napoli; che
nelle carceri di Castelvetere udì esservi già venuti il 2 luglio il
Campanella e fra Dionisio per far liberare Cesare Pisano; che costui
parlava di cose contro la fede e tutti i carcerati ne presentarono
memoriale al Principe della Roccella per mezzo di Mario Scadova
carceriere. Inoltre che conosceva Felice Gagliardo, gentiluomo di
Gerace, che non aveva mai udito dir male di lui, e solo da pochi giorni
aveva udito che veniva processato «per fatochiaro». Ed avendo detto che
era in grado di conoscerne il carattere, gli furono mostrate le solite
scritture (tanto del 1^o che del 2^o gruppo), e le riconobbe tutte di
mano del Gagliardo, eccettuandone quella sulla musica che gli veniva
mostrata insieme con le altre, ed includendovi quella contenente la
poesia in dialetto calabrese, a proposito della quale disse crederla
di mano del Gagliardo «tanto più che lui fà professione di fare versi
è sonetti volgari» (non gli fu mostrata la scrittura contenente il
segreto dato al Napolella, forse perchè era stata trasmessa al P.^e
Cherubino, ma intanto per tutte le altre potea dirsi decisivo il
giudizio del S.^{ta} Croce, uomo competentissimo e non sospetto).--Si
continuò ancora l'informazione esaminando fra Pietro Ponzio[291]. Si
volle sapere da lui se conosceva il carattere del Gagliardo e se era
a sua notizia che si dilettasse di far versi; ed egli rispose che lo
conosceva, e che veramente il Gagliardo si piccava di far versi e
sonetti, tanto che nei giorni scorsi avea fatto versi a fra Dionisio,
cercando di pacificarsi con lui e chiedendogli perdono. Gli furono
quindi mostrate tutte le scritture che si reputavano di mano del
Gagliardo (come si era fatto pel S.^{ta} Croce), ed egli confermò che
veramente lo erano, escludendone solo quella sulla musica che disse di
mano del Pizzoni: poi gli si chiese conto delle poesie trovate a lui,
quelle del Campanella, ed in ciò importa conoscere la dimanda e la
risposta testualmente. «Et dimandato alcuni sonetti che stanno scritti
al libro n.^o septimo, che sono maledicenti, altri che trattano di
cose oscene (_sic_), et ci sono alcune cose scritte à donne amate che
sapiunt idolatriam, da chi sono stati composti detti sonetti. Resp.^t
io un altra volta me ricordo di havere deposto che ad instantia di
francesco Gentile haveva io radunato questi sonetti insiemi, deli
quali parte mene havea dato esso gentile di mano sua, li quali non so
l'authore, et alcuni altri me li hà dato il Sig. Cesare Spinola, et
particolarmente li sonetti che sono dedicati alla Sig.^{ra} Maria et
alla Sig.^{ra} donna Anna et uno à se stesso, et io ne hò avuto la
maggior parte che sono più di venticinque lhò avuti da altri carcerati,
li quali dicevano che erano stati composti da frà thomaso Campanella,
et che il Campanella lhavesse dati à Mauritio de rinaldo calandoli con
uno filacciolo dala fenestra del torrione, et che depoi la morte di
Mauritio lhavea dati alli altri carcerati uno Cesare forse che havea
servito detto Mauritio, et altri ne hò havuto da fra Giovan Battista de
pizzone» (il Vescovo di Caserta ne dava il giudizio del Qualificatore
peggiorato, e fra Pietro si schermiva almeno per quelli più scabrosi,
massime perchè composti nel tempo della pazzia, mettendo perfino in
dubbio l'autore ed al solito traendo in iscena gli assenti e i morti).
Infine gli si chiese pure conto del come avesse parlato al Napolella
delle cose che avea deposte, mentre gli era ingiunto l'obbligo del
silenzio: e fra Pietro si scusò, allegando il suo zelo di carità, e
il desiderio di accertarsi che il Bitonto gli avesse detto il vero
intorno alla scrittura data dal Gagliardo al Napolella.--Da ultimo
fu esaminato anche fra Paolo della Grotteria il quale disse di non
conoscere il carattere del Gagliardo, non avendo avuto mai amicizia con
lui, comunque egli dimorasse in una medesima stanza e scrivesse tutta
la notte (negativa tirata un po' troppo). Dietro dimande, attestò
che il Gagliardo avea pessima fama, dicendo, «et ognuno se ne lamenta
e ne dice male, et mò inganna uno et mò un altro, et dà ad intendere
molte cose de fattochiarie»; attestò ancora che la cassa trovata nella
camera di fra Dionisio vi era stata portata dal Bitonto, «che nella
ricerca fatta dagli ufficiali in camera sua molte scritture furono
trovate sotto il capezzale del Gagliardo, e andati via gli Ufficiali
il Bitonto trovò a terra un libro e disse dover essere quello il libro
che il Gagliardo dolevasi di avere perduto». Così mentre il Bitonto
deponeva che il libro era stato trovato da fra Paolo, costui deponeva
essere stato trovato dal Bitonto, e tutto induce a far ritenere che
il libro stava nelle mani di entrambi, come pure che il Gagliardo
avea bensì copiate di sua mano le più notevoli tra quelle scritture,
ma in servigio specialmente del Bitonto, il quale vi annetteva molto
interesse e le teneva suggellate e chiuse nella sua cassa. Pertanto si
riuscì a far cadere ogni cosa sulle spalle del Gagliardo, ed anche,
fino ad un certo punto, se ne trasse profitto per la difesa della
causa principale, mostrando nel Soldaniero un fatto di animosità ed
inimicizia, che costui non avea nemmeno sognato.

Rimanevano tuttavia ad esaminarsi il Moya già luogotenente del
Castello a tempo della ricerca delle scritture, oltrechè il Figueroa
già Castellano del Castel dell'uovo, e il Navarro soldato del
medesimo Castello, per le altre scritture ivi trovate al Gagliardo
anteriormente. Il Moya, divenuto capitano e non più dimorante nel
Castel nuovo, fu citato più volte a voce ma non si curò di comparire;
laonde il 28 marzo fu ordinato dal Vescovo di Caserta ed intimata dal
cursore una nuova citazione in iscritto esistente in processo, con
monitorio di dover comparire l'indomani personalmente sotto pena di
scomunica _ipso facto incurrenda_, e malgrado ciò anche questa volta
egli non comparve. Ma comparve il Navarro e poi il Figueroa (20 e 22
aprile). Francesco Navarro, di Montbeltran nella nuova Castiglia,
disse aver conosciuto il Gagliardo fin dall'anno precedente carcerato
nel Castello dell'uovo, essergli state trovate dal Castellano di quel
tempo certe scritture che furono date a Scipione Moccia Auditore e
potersene avere più distinta notizia dal detto Castellano Figueroa.--D.
Melchiorre Mexia de Figueroa, di Messico nella Nuova Spagna[292],
disse di aver tenuto carcerato nel Castello dell'uovo il Gagliardo,
e perchè era molto inquieto, avere ordinato che fosse chiuso in un
criminale lui ed anche Orazio S.^{ta} Croce; narrò la ricerca di
scritture fattagli dietro avviso di altri carcerati, e la scoverta
di molte carte di negromanzia, per le quali fece relazione a D. Gio.
Sances, non nascondendo che alcune di quelle scritture furono prese
dall'Auditor Moccia, ed altre rimasero presso di lui, le quali offrì
di esibire al tribunale dopo di averne fatto parola al Sances. Dietro
altra dimanda disse che il Gagliardo avea «molta mala fama e di huomo
pessimo, et in particolare di essere necromante et fattochiaro, e
di essersi dato al demonio in anima et in corpo, et che ne li havea
fatta una scritta col suo sangue».--Venne poi finalmente ridotto
anche il Moya a comparire. Il 26 aprile il Vescovo di Caserta ordinò
contro di lui una nuova citazione per sentirsi dichiarare scomunicato
coll'affissione de' cedoloni, e non avendo il Moya neanche questa volta
obbedito, il 29 aprile lo dichiarò scomunicato, ordinando che fosse
come tale pubblicato mediante i cedoloni affissi ne' luoghi pubblici
della città, dandone all'uopo la relativa bozza[293]. Ed ecco, affissi
i cedoloni, immediatamente il Moya innanzi al Vescovo di Caserta,
il 1^o maggio, a scusarsi, dichiararsi pronto a deporre, dimandare
l'assoluzione; e nella stessa data, raccolto l'esame ed emanato il
decreto di assoluzione, venendo questa commessa al Curato di S. Anna
di Palazzo, che senza perdita di tempo assolvè il Moya ed anche i
domestici di lui, accorsi a chiedere egualmente l'assoluzione per avere
parlato con lui ne' due giorni ne' quali egli trovavasi scomunicato.
Ben poco intanto ci tratterrà il suo esame che fu raccolto dal solo
Notaro Prezioso[294]. D. Cristofaro de Moya, della città di Mensiner
nella nuova Castiglia, narrò l'istanza fattagli da un carcerato
calabrese, di cui non si rammentava il nome, perchè avesse proceduto
ad una ricerca di scritture proibite nella camera e cassa di fra
Dionisio; la ricerca eseguita alla sua presenza dal sergente Alarcon,
dal carceriere Martines ed altri; la scoperta di scritture in quella
camera ed anche in altre camere di frati delle quali non si rammentava
in particolare; la presa della cassa che fu portata al Castellano; e la
scoperta di altre scritture in essa contenute; infine la sua andata al
Vicerè con le scritture raccolte, per ordine del Castellano, e tutti i
particolari che su questo proposito abbiamo a suo tempo esposti. Dietro
dimande, disse di non aver lette quelle scritture, e solo ricordarsi di
avervi visto disegnata una mano, come pure certe ruote o circoli, e di
avere udito nel Castello, e forse anche dal Vicerè, «che erano cose di
fattochiarie»; ricordarsi inoltre che la ricerca di quelle scritture
venne fatta dietro una rissa tra carcerati nella quale fra Dionisio fu
ferito nel capo. Mostrategli le scritture, riconobbe i circoli e la
mano disegnata che altra volta avea visto, e cadendogli sott'occhio
il libretto di poesie (le poesie del Campanella) disse, «et questo
libro ancora riconosco che portai al vicere con l'altre scritture, et
lo riconosco alla coperta, et alle zagarelle, benissimo». Notiamo che
nulla egli accennò intorno alla scrittura trovata sotto la finestra
della camera del Campanella, non essendone stato nemmeno interrogato, e
però deve ritenersi che a questa data essa era già scomparsa.

Intanto il Figueroa, ottenuto certamente l'assenso del Sances, avea
subito consegnate al tribunale le carte trovate al Gagliardo nel
Castello dell'ovo e rimaste presso di lui; il P.^e Cherubino le aveva
immediatamente qualificate con una sua relazione in data del 24 aprile,
e il tribunale, costituendone un 3^o gruppo, le avea fatte riunire
alle altre. Esse vennero in tal guisa ad aumentare indebitamente il
volume delle così dette scritture proibite trovate nella cassa di
fra Dionisio Ponzio, tanto più indebitamente perchè non erano punto
proibite, riguardando tutt'altro che negromanzia. Forse il Figueroa si
studiò di non consegnare quelle che potevano farlo trovare alle prese
coll'autorità ecclesiastica come sciente e non rivelante od anche
come semplice detentore di carte proibite, avendo già altra volta,
e precisamente nell'anno al quale si riferiva la sua deposizione,
sperimentato i rigori dell'autorità ecclesiastica.[295]

Gioverà non di meno occuparci di queste carte, perocchè quantunque
riguardino materie comuni, servono bene a mostrare in tutta la sua
luce il Gagliardo, e di costui c'interessa molto acquistare una piena
conoscenza, a motivo di certe altre rivelazioni da lui avute in
sèguito. Per ordine di data precede una lettera di Pietro Veronese
padrigno del Gagliardo scritta da Gerace il 3 gennaio 1600; con essa
il Veronese gli dà notizia della salute della moglie, sorelle e madre,
lo eccita «a far cose honorate», e riverisce il Signor Orazio (S.^{ta}
Croce) dal quale ha avuta una lettera, come pure i due fratelli
Moretti. Segue una lettera di Marcello Gagliardo, scritta da Gerace
il 12 9bre 1600 forse ad Orazio S.^{ta} Croce (manca la carta della
soprascritta); e in essa si parla pure di Felice Gagliardo, si tratta
di un invio di danaro, si fa sperare la dimanda di remissione da parte
del Principe (il Principe della Roccella che era Signore di Condeianni)
etc. Segue un'altra lettera di Pietro Veronese scritta da Gerace il
14 10bre 1600, quando egli tornava in patria dopo di aver visitato il
figliastro in Napoli: con essa il Veronese gli dà notizia della salute
de' parenti, ossequia i due Moretti, il Sig. Orazio (S.^{ta} Croce)
«et tutti quelli Signori», e gli partecipa che a Gerace «fu amaczato
gelonardo regitano come vile». Questo disgraziato verosimilmente
apparteneva alla famiglia del cognato di Felice Gagliardo a nome
Francesco Regitano, che il Gagliardo avea ferito con un colpo di
fucile, causa della sua carcerazione; l'essere stato ammazzato come
vile, nel gergo de' facinorosi ancor oggi in uso, vuol dire che era
stato ammazzato per non aver saputo tacere sulle mosse loro. Pertanto a
siffatto annunzio esulta il Gagliardo e scrive una poesia in dialetto
calabrese, intitolata «Capitolo delo scaduto», che rappresenta un'altra
delle scritture raccolte. Son 25 strofe, e ne riportiamo le prime per
saggio:

           «Piangia Geraci, hor ridarà eterno,
         per ch'e guarito delo antiquo mali,
         hora che Gio. lonardo iju a lo inferno.

           Ridi Siderno, che Matteo Spetiali
         dessi li cunti à lo amaro scaduto
         ridimu tutti, riditi ho (_sic_) Casali.

           Non darà parapezzi[296] lu tributu,
         no sarà chiu Brombaci assassinatu
         hora che fu amazatu stu fallutu.

           Tu Condianni statti arritiratu
         e fa allegriza d'ogni cantu e locu
         chi li frutti anderanno à bon mercatu.

           E vui massari fati festa e giocu
         cu li sacculli vostri sempri chini (int. pieni),
         hora che Riggitan' e intra lu focu» etc.

E continua così fino all'ultima strofa, con vituperii ed insolenze
contro il povero morto, terminando coll'accertare che lo scaduto è
andato all'inferno e che sarà da tutti ringraziato colui che l'ha
ucciso; e il P.^e Cherubino, che in tutte le scritture del presente
gruppo non trova «nihil contra fidem vel bonos mores» definisce la
detta poesia «una facetia ridiculosa», mostrando bene che pure i
Teologi qualificatori sottostavano all'influenza de' gusti del tempo.
Seguono due lettere di un Don Gioseppe di Capoa al Gagliardo, l'una
scritta «dala per me oscura selva li 22 di xbre 1600», l'altra da
Reggio, convento di S. Francesco, gli 11 gennaio 1601: sono due lettere
brigantesche, atte a chiarire molto bene i procedimenti de' fuorusciti
di que' tempi, e massime a tal fine ci è parso bene riportarle tra'
documenti[297]. D. Giuseppe di Capoa, come si rileva dalle lettere, era
un capo di fuorusciti con 43 compagni, tra' quali Luzio fratello del
Gagliardo ed altri «amici sui et del Sig.^r Veronese che li comanda»,
tutti del resto in relazioni strette col Veronese, alla cui chiamata,
dopo il 12 10bre, partivano sotto il comando di D. Giuseppe per Gerace
senza saperne la causa; e D. Giuseppe, che avea pure nella banda un suo
parente Andrea, unitosi con lui per avere ucciso Carlo Barone e figlio,
teneva molto a non diventare un ladrone di strada, onde scriveva al
Gagliardo, «ho dato licenza a Caporale Giulio et compagni per haver
fatto un atto brutto, che si unirno con minichello et lutio il vostro,
et hanno boscato molti migliara di scuti et volevano dar parte a me, ma
per nessuno modo la volse, che tant'anni sono in campagna ho vissuto
con le mie intrate, ne habbia dio ordinato tal furfanteria». Poi agli
11 gennaio, dietro la persecuzione da parte di un Auditore che faceva
ogni sforzo per prendere que' fuorusciti, D. Giuseppe con tutti i 48
compagni erasi rifugiato nel convento di S. Francesco in Reggio, di
dove scriveva la sua seconda lettera; ed avea già raccomandato al
Gagliardo di scrivergli dirigendosi al cognato, ed allora raccomandava
la lettera propria ad un tale, che non è nominato, con queste parole
caratteristiche, «la gentileza d' V. S. et la protetione che come
Cavaliere Cristiano tine (_sic_) de miseri gentilhuomeni travagliati
attortamente dalla fortuna et dalla giustitia ne danno animo». Il
Gagliardo avea scritto a D. Giuseppe che presto sarebbe uscito dal
carcere, che un Cavaliere suo amico, in procinto di ottenere la
commissione di capitano, aveva offerta a lui l'insegna (il posto di
alfiere) per arrolar gente, che tutta la banda avrebbe potuto andarsene
con lui alla guerra; e D. Giuseppe si dichiarava in ordine con tutti i
suoi compagni, aspettandosi di essere guidato per questo, come allora
si usava, e faceva esibizioni al Gagliardo, e si disponeva a mandargli
sei canne di tabbì per un vestito da dovergli servire all'uscita dal
carcere, ma anche con la franchezza del bandito gli diceva, «tutto
quello che V. S. ha patuto lo meritava, per haver corso con il cervello
suo balzano et non con consiglio di amici»; poi, all'ultima data,
s'impazientiva e dichiarava di ritirare la sua parola se fra un mese il
Gagliardo non avesse l'insegna, sottoscrivendo la lettera insieme con
altri compagni, «Lutio Gagleardo suo fratello, Caporal Antonio Bregandi
alias il Siciliano, Gio. bennardo Sdragona et Minichello Mullura»[298].
Non sapremmo dire se la proposta di andare alla guerra, fatta dal
Gagliardo a D. Giuseppe fosse stata un'invenzione del cervello suo
balzano, ovvero un disegno fondato sopra un fatto positivo; ma dobbiamo
attestare esserci noto da altri fonti che a quel tempo si trovava pure
carcerato nel Castello dell'ovo Alessandro Piccolomini, 5^o Duca di
Amalfi, il quale dopo avere avuto già 12 anni di carcere per parte
del Governo Vicereale ed una condanna a 10 altri anni da doversi
espiare nel Castello di Aquila, dopo di avere avuto anche un processo
di S.^{to} Officio, per bestemmie ereticali e ricerche di segreti e
sortilegi, finito con la condanna all'abiura e ad un anno di carcere,
chiedeva allora appunto la grazia di uscire dal carcere coll'obbligo
di andare a servire nelle guerre di Fiandra; ed ebbe questa grazia
dal Conte di Lemos e gli fu commutata la pena da Clemente VIII con
rescritto del 6 gennaio 1600, sicchè riesce probabile aver lui appunto
offerto il posto d'alfiere al Gagliardo[299]. Ad ogni modo riesce
maravigliosa la fiducia del Gagliardo nella sua prossima liberazione,
mentre nulla veramente poteva fargliela supporre. In ciò bisogna
vedere un effetto della sua fantasia, della quale sono egualmente
un parto le sue poche altre scritture di questo gruppo che dobbiamo
ancora menzionare. E dapprima vi sono due prologhi di commedie (oltre
una storia di S. Agata e S.^{ta} Dorotea e un principio di racconto
mitologico), che si mostrano infiorati di concetti non ispregevoli,
certamente raccolti da trattati di siffatta materia, e che potrebbero
pure rappresentare semplici ricordi di prologhi composti da altri e
da lui recitati, ma sempre scritti col colore locale e con que' suoi
curiosi modi calabresi[300]. Vi è poi una Lettera in versi italiani,
in cui finge una Lucrezia o Cieca, (forse volea dire Ciecia da doversi
intendere Zeza, vezzeggiativo di Lucrezia) innamorata di lui per averla
udita recitare in una commedia, adoperatasi a trarlo in libertà, e
finalmente rimastane ingannata, perchè egli con la scusa di andare a
visitare le antichità di Pozzuoli se n'è partito per la Calabria; una
specie di Didone abbandonata, invano confortata dalla sua nutrice Tolla
(a que' tempi vezzeggiativo di Vittoria), che sfoga il suo affanno, e
narra e rampogna e prega il seduttore che ritorni, stemperandosi in
oltre 300 endecasillabi, qualche volta zoppi, non di rado privi di
senso ovvero sconnessi, ma quasi sempre più o meno sonori, e diretti
«Al S. F. G. dela C. di G.» (evidentemente Al Sig.^r Felice Gagliardo
dela Città di Gerace).

           «Questi mesti sospiri è questi versi
         da le mie proprie man vergt' e scritte (_sic_)
         coss' cantando, e sospirando muore
         del bel Meandro in su l'herbose rive
         il bianco Cigno à la sua morte appresso
         se cancellanti (_sic_) e malamente intesi
         seranno i tristi miei dolenti versi
         fia solo (oime) perche sarà la carta
         dal proprio sangue mio machiata e lorda
         allor dovean l'invidiose parche
         che dispensan l' vite de i mortali
         haver finito d'avoltare il fuso
         lo stame di mia vita all'hor potei (_sic_)
         chiudere in bella et honorata sera
         i miei sì belli et honorati giorni
         quando te vidi in quella Real Sala
         rapresentare in detti versi belli
         il pastor Ergasto».......

E così via via, prendendo raramente fiato e non giungendo neanche a
dire l'ultima parola con tanto diluvio di versi. Il P.^e Cherubino
dichiarò questa scrittura «litera amorosa,.. simpliciter enarratur
amor unius ad alterum, neque miscentur aliqua, quae aliquo modo
sapiant haeresim». Ci resta infine a menzionare ancora un'altra
lettera che dovè essere stata scritta al Gagliardo, in caratteri molto
grossi segnati con la matita o forse col carbone, da uno che stava
nella segreta, in questi termini: «Patron mio V. S. me mandi per il
Carceriero il suo pastor fido et la fida ninfa che non so quello mi
fare il giorno, mandatime si avete alcuno altro spassatempo, il grinto
voli ch'io amo scosse che vostra Matri ami o la cara del Carpio et il
carniero del barone (gergo di convenzione tra carcerati), avisatime
alcuna cosa et dite al Sig. Scipione (Scipione Moccia Auditore del
Castello), e al sig. Gio. Paulo (ignoto) che si adattano al favorirme
con il Sig. Castellano farne uscire de qua o farme unire con mio
Compare» (notiamo che Orazio S.^{ta} Croce dicevasi compare del
Gagliardo e trovavasi allora egli pure in segreta).--Così uno de'
«passatempi» del Gagliardo era la poesia, un altro la negromanzia, e
tutto ciò che di lui abbiamo potuto conoscere ci mostra che questo
giovane a 22 anni, audace, pieno d'ingegno e di fantasia, potè poi
realmente, nel trovarsi a contatto col Campanella in Castel nuovo,
di venirgli accetto, guadagnarne la confidenza, averne comunicazione
di cose le più intime che posteriormente si fece a rivelare in
punto di morte; ma pur troppo senza ombra di coscienza, capace di
tutte le improntitudini, egli può ispirarci fede limitatamente, e
le sue assertive dovranno sempre essere vagliate con la più grande
circospezione.

Non essendo le ultime scritture suddette del dominio del S.^{to}
Officio, con le deposizioni del Figueroa e del Moya chiudevasi la
lunga e noiosa informazione sulle scritture proibite. Noi abbiamo
voluto esporla in tutti i suoi particolari, non solo per dar notizia
di tutti gl'incidenti verificatisi durante il processo, singolarmente
poi di questo che ci fece avere le Poesie del Campanella, ma anche per
mettere in luce tutti gli elementi capaci di farci intendere le qualità
del Gagliardo. Aggiungiamo che i colpevoli delle scritture proibite
pervennero con le loro deposizioni a far cadere ogni cosa sulle spalle
precisamente del Gagliardo, sicchè costui ebbe a darne conto egli solo:
fu dunque stralciato questo carico dal processo principale e riunito
agli altri della ferita inflitta in rissa a fra Dionisio e delle
proposizioni eretiche, onde abbiamo veduto istituito quel processo
secondario contro il S.^{ta} Croce e lo stesso Gagliardo, che avrebbe
dovuto comprendere anche il Soldaniero e Ferrante Calderon (cfr. pag.
239-240). E per finirla intorno a questo processo, notiamo qui, che
contro il Calderon dovè aprirsi un processo speciale, poichè non lo
troviamo esaminato ulteriormente; contro il Soldaniero, non avendo lui
osservato l'obbligo di rimanere in Napoli ed essendosene partito per
la Calabria, si prescrisse una apposita informazione, si confiscò la
cauzione data, si ordinò a' Cursori quarumvis Curiarum di citarlo a
comparire fra tre giorni, sotto pena di essere dichiarato scomunicato
oltrechè confesso e convinto del delitto appostogli, e fu carcerato di
nuovo in Calabria ma dopo qualche tempo, sicchè avremo agio di parlarne
con comodo; relativamente poi al Napolella, essendo stato perdonato
dalla Marchesa della Valle, supplicò il Vescovo di Caserta per la sua
liberazione, impedita dall'_empara_ interposta dal S.^{to} Officio, e
l'ottenne (9 luglio 1602) con la fideiussione di 25 once d'oro prestata
da un Michele Cervellone palermitano[301]. In tal guisa rimasero
sotto il processo già istituito i soli S.^{ta} Croce e Gagliardo. Si
ripigliarono dunque gli esami, il 12 luglio, cominciando dal S.^{ta}
Croce, il quale si ricorderà che fin dal marzo era stato già esaminato
intorno alla rissa e alla ferita inflitta a fra Dionisio (ved. pag.
241-42). Egli fu questa volta esaminato intorno alle cose della
fede, e disse che si trovava «lo più maravegliato huomo del mondo»
per tale imputazione, negando ad uno ad uno tutti i capi di accusa e
qualificandoli invenzioni de' suoi nemici, vale a dire de' frati ed
anche del Martines, al quale egli avea «fatto perdere le chiavi» perchè
convivea pubblicamente con la cognata nel Castello ed angariava i
carcerati con le estorsioni; d'altra parte fece intendere che sebbene
in Calabria «li villani e rustici sogliono dire questa parola Santo
diavolo, tutta volta li gentil homini e persone civile non lo dicono»,
ed espose i buoni principii che professava e le divozioni che faceva,
ed affermò che prima della rissa pagava cinque grana alla guardia, come
le pagavano anche gli altri carcerati, per essere condotto alla Messa.
Ma nel giorno medesimo fu esaminato qual testimone il Bitonto, che
ribadì la maggior parte delle accuse e diè pure cattive informazioni
sul Gagliardo. Con tutto ciò il S.^{ta} Croce fu, come allora dicevasi,
«abilitato» ad uscire dal carcere, coll'obbligo di tenere per carcere
il domicilio che avrebbe indicato in Napoli e di dare per questo una
cauzione di 25 once d'oro, che fornì un Rev.^{do} D. Marcello Palermo
(18 e 23 luglio): in sèguito trovò più comoda per lui una casa «nel
fondico d'Eliseo alla carità dove si dice la pigna secca», e si rinnovò
l'obbligo impostogli e la fideiussione del Palermo; deve dunque dirsi
che per lui era finito egualmente con un'assolutoria il processo della
congiura. Gli fu poi dato per Avvocato, a sua richiesta, il solito D.
Attilio Cracco, e gli furono dati i capitoli del fisco col termine di
due giorni per formare gl'interrogatorii (29 agosto): ma egli espose
che tutto procedeva dalle inimicizie capitali contratte, con Alonso
Martines per avergli fatto perdere l'ufficio, co' frati in generale
a motivo della rissa, col Bitonto in particolare «perchè mandato da
fra Dionisio alla casa di esso comparente fu, insieme coll'altro,
autore di farlo trovare inquisito di ribellione»; e però dava la
ripulsa a tutti i testimoni e chiedeva essere spedito secondo gli Atti
medesimi (12 settembre). Ad istanza del fisco fu esaminato ancora
il Martines già carceriere, il quale confermò le accuse principali,
senza punto mostrarsi nemico del S.^{ta} Croce. Ma costui, prima che
la causa fosse spedita, pensò bene di partirsene per la Calabria,
come spessissimo facevano gli «abilitati», lasciando i fideiussori
alle prese col fisco, e dando a questo, per siffatta via, un cespite
ragguardevole di entrata. Furono allora esaminate dal Prezioso, per
commissione del Vicario, Lucrezia Papa l'albergatrice con altre due
donne (17 novembre), ed accertata la fuga del S.^{ta} Croce venne
«incusata» la cauzione e carcerato D. Marcello Palermo, il quale,
per la fideiussione prestata e per qualche altro conto che dovea
saldare, riuscì appena a liberarsi nel principio dell'anno successivo,
sborsando D.^{ti} 30, avuti, come egli disse, «per carità d'alcuno
timoroso d'Iddio».--Quanto al Gagliardo, le cose andarono molto più
in lungo, poichè si era commesso al Vescovo di Gerace l'esame di
quel D. Pietro Manno, che egli avea nominato qual suo confessore pel
tempo in cui trovavasi nel carcere di Castelvetere, (ved. pag. 255) e
gli Atti relativi a tale commissione, benchè compiuti con la maggior
sollecitudine, giunsero nelle mani del Vescovo di Caserta non prima
del 1603, ed il processo potè proseguirsi e terminarsi stentatamente
dal maggio 1603 al marzo 1604. Per tutto questo tempo non breve, il
Gagliardo continuò a rimanere in mezzo a' frati; intanto la commissione
data a Gerace risultò negativa, ed egli, esaminato dal Vicario Curzio
Palumbo per delegazione dei Commissarii della causa principale, non
mancò di profittare del trovarsi già fuori carcere, a quel tempo, fra
Dionisio e il Bitonto, e scovrendo specialmente quest'ultimo cercò di
scusarsi mercè una serie di garbugli sostenuti con una improntitudine
singolare[302]. Narrò che al tempo del suo primo esame que' due frati
gli consigliarono di negare ogni cosa, perchè altrimenti sarebbe
stato bruciato dal S.^{to} Officio, ma volendo ora manifestare la
verità, riconosceva che quelle scritture erano di mano sua nella
più gran parte, avendole copiate per conto del Bitonto ed anche del
Pizzoni (il morto), i quali gli davano in compenso un carlino al
giorno e gli dicevano che erano cose di filosofia; e mostrategli le
scritture, indicò specificatamente quali di esse, ed anche quali parti
di esse, erano state copiate da lui e quali dal Bitonto, affermando
di non sapere da chi fosse venuto ed a chi fosse stato poi restituito
l'originale; ammise che la carta data al Napolella era stata scritta
da lui, ma sotto la dettatura del Bitonto, il quale diceva essere un
segreto contro la corda che volea mandare ad un suo amico, e poi gli
«fece il tradimento» col sedurre il Napolella e suggerire a costui un
secondo esame in contradizione del primo, acciò apparisse che era un
segreto di tutt'altro genere avuto da esso Gagliardo, aggiunse che il
Bitonto gli era divenuto nemico, perchè amoreggiava con una donna la
quale stava sotto la loro carcere e corrispondeva con loro per un buco
fatto al pavimento, ed egli aveva anche lui le sue pretensioni verso
quella donna, e infine tutto era stato inventato da' frati, perchè egli
si era esaminato contro fra Dionisio, il Campanella e il Bitonto, nella
causa della ribellione. Negò poi di essersi vantato di aver segreti per
corrompere le donne, di aver conosciuto carnalmente la suocera e la
sorella della suocera trovando più dolce il concubito con le persone
parenti, di aver lodato per questo la legge di Mosè (giusta le accuse
originate dalla denunzia di fra Pietro Ponzio); negò inoltre di aver
mai aderito alle eresie che da Cesare Pisano erano state annunziate
nelle carceri di Castelvetere. Ed ebbe i capitoli del fisco, e gli
fu assegnato il solito Avvocato Cracco; ma rinunziò alle difese, ed
innanzi al Nunzio ed a' due Vicarii, Graziano e Palumbo, sostenne
un'ora di corda senza rivelar nulla, onde fattane relazione a Roma,
coll'assenso della Sacra Congregazione fu decretata per lui l'abiura
_de levi_, l'imposizione di alcune penitenze salutari, e il rilascio in
libertà dietro fideiussione, obbligandosi di non partire dalla città
di Napoli. Tutto ciò fu eseguito; diedero per lui cauzione di 50 once
d'oro Sigismondo Campo di Oppido e Tarquinio Granata di Tortorella, e
così il 2 marzo 1604 potè uscire dal Castello nuovo, dovendosi dire
già assoluto circa la congiura nel principio del 1602, dietro la grave
tortura sofferta con esito egualmente favorevole. È quasi superfluo
dire che senza licenza se ne partì per la Calabria. Ma avendo poi là
commesso un omicidio, fu ricondotto in Napoli e quivi giustiziato due
anni dopo, e in tale occasione venne a trovarsi di nuovo alla presenza
del S.^{to} Officio, avendo voluto fare una deposizione in disgravio
della sua coscienza; questa deposizione, molto importante per noi, ci
darà ancora motivo di parlare di lui.

Possiamo oramai tornare a' frati, e innanzi tutto ci conviene dire,
che durante l'informazione sulle scritture proibite giunse per loro
la sovvenzione prescritta da Roma a' conventi di Calabria, ed attesa
fin dal settembre dell'anno precedente; ma non ci volle poco per
ricuperarla, e ne fu pure distratta una parte. Si era in marzo 1602;
sapevasi che 200 Ducati erano giunti a Napoli con lettera di cambio
nelle mani di un frate del convento di S. Domenico, e questo frate
non compariva: il Vescovo di Caserta, in data 23 marzo, mandò un
precetto al P.^e Arcangelo da Napoli priore di S. Domenico, perchè
sotto pena di privazione del suo ufficio nel presente, e d'inabilità
a qualunque altra dignità e prerogativa nell'avvenire, carcerasse in
quel medesimo giorno il frate che avea ricevuto il danaro, e mandasse
una fede dell'eseguita carcerazione da doversi trasmettere a S.
S.^{tà} in Roma. Con tutto ciò non risulta che il danaro fosse stato
immediatamente ricuperato, giacchè, malgrado l'urgentissimo bisogno
che se ne sentiva, si cominciò a disporne solamente il 23 maggio. A
questa data il Vescovo di Caserta emise i primi ordini di pagamento,
ed il Notaro Prezioso li eseguì, essendo stata a lui girata tutta la
somma, posta in deposito nel Banco del Sacro Monte della Pietà; nella
stessa guisa continuò a farsi di tempo in tempo fino al 9 giugno 1604,
giorno in cui stava ancora in cassa un piccolo residuo della somma, e
i frati reclamavano, il Vescovo ordinava, Prezioso nicchiava, e vi fu
bisogno di un ordine al Prezioso sotto pena di scomunica _ipso jure
incurrenda_! Tutti gli ordini di pagamento, le copie delle polizze di
Banco, i ricevi di ciascuno de' frati co' nomi de' testimoni presenti,
ed anche i memoriali de' frati medesimi ogni qual volta reclamavano la
sovvenzione, furono riuniti in un fascicolo allegato al processo, che
rappresenta il conto reso dal Prezioso ed è per noi di un'importanza
grandissima: poichè esso non ci mostra solamente come e quando il
danaro sia stato distribuito, ma anche ci fa conoscere le miserevoli
condizioni de' frati e la condizione speciale del Campanella, il
quale fu sempre riguardato qual pazzo, sicchè dapprima fra Pietro
Ponzio e poi fra Pietro di Stilo riceverono per lui la rata che gli
spettava; inoltre ci fa conoscere la data delle vicende successive de'
frati rimasti in Castel nuovo, e così rilevare quando fra Dionisio e
il Bitonto riuscirono a mettersi in salvo, quando fra Pietro Ponzio
fu rilasciato, quando il Campanella fu segregato e posto in carcere
duro. Circa la distribuzione del danaro, dobbiamo dire che esso non
fu veramente impiegato tutto nei bisogni de' frati: per la massima
parte fu loro distribuito, dando a ciascuno dapprima 8 ducati, poi
2, 3, 1 ducato etc., e nella distribuzione di 1 ducato fra Pietro
Ponzio non volle ricevere tale miseria dicendo di non averne bisogno;
fu anche pagata in due rate una somma per medicinali forniti a fra
Dionisio infermo dallo speziale del Castello Ottavio Cesarano, ma una
somma di D.^{ti} 14 e tarì 2 fu data al Prezioso per la copia degli
Atti offensivi e difensivi mandati a Roma, ed anzi il primo ordine
di pagamento fu per questa somma. Un ordine simile da parte del
Vescovo di Caserta risulta indubitatamente biasimevole sotto tutti gli
aspetti: egli non prese in benefizio suo, come avea già fatto altra
volta fra Cornelio del Monte, ma destinò in benefizio altrui una somma
che doveva esser sacra e non mai distratta dallo scopo pel quale era
stata raccolta; d'altronde trasgredì le prescrizioni categoriche di
un decreto Papale, che era stato emesso appena nell'anno antecedente.
Le prescrizioni erano: che per le cause del S.^{to} Officio non si
esigesse nulla da nessuno, e che si mandassero anche _gratis_ a Roma
gli Atti de' Segretarii, Cancellieri etc.; il Vescovo di Caserta non
poteva ignorarlo[303].

Ma veniamo al processo, al cui compimento occorreva solo esaurire le
ultime difese di fra Dionisio. Abbiamo già detto che il tribunale non
lasciò di provvedere intorno a queste difese durante l'informazione
sulle scritture proibite: esso fin dal 19 gennaio 1602 aveva assegnato
a fra Dionisio un nuovo termine perentorio di 15 giorni; ma fra
Dionisio chiese che gli fossero prima date le copie degli esami de'
testimoni, come pure che gli fosse assegnato un Avvocato e procuratore,
che fosse esaminato di nuovo il Petrolo, che fosse presa informazione
sulla ritrattazione fatta dal Pizzoni in punto di morte. Il 6 marzo,
quando fu chiamato all'esame sulle scritture proibite, egli rinnovò
tali dimande con una comparsa e protesta scritta esistente in processo,
dimandando di più che prima si vedesse nel tribunale «caritativo e
santo dell'inquisitione» la falsità de' testimoni a suo carico, avendo
questi medesimi deposto falsamente nella causa della ribellione, ciò
che egli non avea potuto dimostrare in quella causa per la potenza del
fisco. Così dicendo egli alludeva anche al Soldaniero, contro cui nella
stessa seduta presentava le dichiarazioni scritte del Gagliardo, del
Bitonto, di fra Pietro di Stilo e del S.^{ta} Croce, attestanti quasi
tutte, che le scritture proibite erano state fatte trovare nella camera
di fra Dionisio per astuzia del Soldaniero. Il 27 marzo, il tribunale
assegnò per Avvocato il Rev.^{do} Attilio Cracco, ordinò la consegna
della copia degli esami testimoniali fatti in difesa di fra Dionisio
e prescrisse al Cracco un termine di 10 giorni per venire innanzi a'
Giudici, nel palazzo del Nunzio, _ad dicendum_. Il 30 marzo, non appena
intimato questo decreto a fra Dionisio, costui mandò un memoriale a'
Giudici, supplicando che facessero andare il Cracco presso di lui,
poichè altrimenti il termine passerebbe invano, trovandosi infermo
e povero, e non essendosi ancora vista la sovvenzione ordinata ai
conventi di Calabria. Ma senza dubbio l'informazione sulle scritture
proibite, riuscita più lunga di quanto potevasi credere, impedì a'
Giudici di andare innanzi speditamente; d'altra parte fra Dionisio, il
15 aprile, presentò una nuova comparsa, per chiedere copia di altri
esami che non trovava fra quelli consegnatigli (l'esame del Soldaniero
in Gerace, e quelli del Priore e del Lettore di Soriano), come pure
«lettere e monitorii contro coloro che tenevano o in qualsivoglia
modo conoscevano la ritrattatione fatta dal Pizzoni»; nè prima del 19
aprile furono da lui presentati gli ultimi articoli di difesa scritti
di sua mano, ma senza l'elenco de' testimoni da doversi esaminare sopra
questi articoli[304]. L'indomani, 20 aprile, i Giudici ordinarono che
fra Dionisio, o il suo Avvocato, tra due giorni presentasse la copia
degli esami consegnatigli, perchè verificata la mancanza di quelli
nuovamente richiesti ne fosse provveduto; inoltre che del pari fra due
giorni presentasse l'elenco de' testimoni, pe' quali avea dimandate
le lettere e i monitorii. Questo elenco fu presentato il 24 aprile, e
con esso dovè presentarsi ancora la copia degli esami già consegnati
e trovarsi vera la mancanza di quelli indicati: infatti si vede nel
processo registrata la consegna de' documenti mancanti, tra' quali
pure la confessione ultima di Cesare Pisano in punto di morte, che fra
Dionisio richiese posteriormente, ed inoltre si vede registrata una
seconda consegna finale di tutti gli esami raccolti a tempo del Vescovo
di Termoli; la prima consegna reca la data del 31 aprile, la seconda
quella del 18 maggio, sicchè solamente a tale data si potè davvero
esser pronti, e il 21 maggio si potè passare agli esami testimoniali.

Gli ultimi articoli presentati da fra Dionisio non furono più di
tre[305]. Col 1.^o egli affermava che il Pizzoni venendo a morte, per
disgravio di sua coscienza, avea detto in presenza di più e diverse
persone aver deposto il falso contro fra Dionisio ed altri in materia
di S.^{to} Officio e di ribellione, ed avere solamente aspettato,
per ritrattarsi, che fosse posto in carceri ecclesiastiche. Col
2.^o affermava che il Petrolo avea dichiarato ad infinite persone
volersi ritrattare su quanto avea deposto contro fra Dionisio ed
altri in materia di S.^{to} Officio, voler mostrare tutta la radice
della falsità del processo, ed avere perciò fatto due volte istanza
a' Sig.^{ri} ufficiali di essere riesaminato. Col 3.^o affermava
che Giulio Soldaniero «per dar credenza alle falsità da lui deposte
contro esso fra Dionisio» avea fatto mettere scritture proibite in
una cassetta dentro la sua camera e poi fatta fare la ricerca dagli
ufficiali, onde egli era stato chiuso in un torrione per sei mesi
e il Soldaniero l'avea diffamato dovunque. Con questi tre articoli
semplicissimi evidentemente fra Dionisio giocava una grossa partita;
ed ecco i testimoni che egli dava per comprovarli. Sul 1.^o, Alonso
Martines _olim_ carceriere (era stato licenziato, come si è detto
altrove, appunto nel maggio), il dot.^r Michele Caracciolo, D.
Francesco di Castiglia, il clerico Masillo Blanco (Gio. Tommaso
Blanch), il clerico Cesare d'Azzia, Gio. Francesco d'Apuzzo: ma il
D'Azzia era stato già liberato dal carcere, e con diversi altri fu
scartato dal Vescovo di Caserta, rimanendo solo il Castiglia, il
Blanch, il D'Apuzzo, ai quali vennero poi aggiunti d'ufficio il Curato
del Castello D. Gaspare d'Accetto e il Sagrestano D. Francesco della
Porta, che aveano dovuto vedere il Pizzoni vicino a morire. Sul 2.^o
articolo, oltre i suddetti, erano dati fra Antonio Capece (il cav.^{re}
gerosolimitano), il Bitonto, fra Pietro di Stilo e il Petrolo; ma tra
questi ultimi il Vescovo di Caserta accolse solamente il Petrolo e
il Capece. Sul 3.^o articolo era riprodotta la dichiarazione scritta
di Felice Gagliardo ed altri, coll'istanza che fossero esaminati
i dichiaranti nel caso in cui non lo fossero stati ancora; ma il
Vescovo di Caserta li ritenne già esaminati (la qual cosa era vera
per alcuni e non per tutti) sicchè di tale articolo non si parlò
più.--Vogliamo intanto, giusta il nostro costume, dar qualche notizia
delle persone de' testimoni accettati, ciò che riesce indispensabile
in questo momento di tanta importanza: trasanderemo quelli altra volta
conosciuti, e diremo qualche cosa del Blanch e del D'Apuzzo, come pure
del D'Accetto e del Della Porta che abbiamo bensì conosciuti ma un po'
troppo alla sfuggita. Cominciando da D. Gaspare d'Accetto, le scritture
della Cappellania maggiore che si conservano nel Grande Archivio, ed
egualmente i libri parrocchiali della Chiesa del Castel nuovo, ci fanno
conoscere i punti più notevoli della sua vita. Era di Massa Lubrense
nel Sorrentino, ed a 50 anni, nel 1591, ebbe l'ufficio di Sagrestano
della Chiesa del Castello, ufficio perduto da un D. Cesare Boffa,
dietro un processo fattogli nel tribunale della Cappellania maggiore
col titolo _De raptu et fuga uxoris Francisci Alugia militis_: pertanto
nell'anno medesimo D. Gaspare fu sottoposto anch'egli a processo, per
l'omicidio in persona di un D. Gio. Carlo Coppola, che dovea sposare
una nipote di D. Gaspare, non avea voluto più sposarla e fu trovato
ucciso; ma ne riuscì assoluto, e nel 1592 trovasi già in funzione di
P.^e Cura ne' libri parrocchiali. D'intelletto molto limitato, come lo
mostrano gli Atti del processo del Campanella ne' quali prese parte,
non apparisce punto inframmettente, e nel tempo di cui trattiamo tirava
innanzi con una licenza annuale di poter confessare e amministrare
gli altri sacramenti nel Castel nuovo, al pari di tutti gli altri
ecclesiastici dello stesso ordine, mentre anche il Cappellano maggiore,
D. Gabriele Sances fratello di D. Giovanni, sottostava a riconoscimenti
temporanei da parte di Roma, in seguito di una fiera lotta
giurisdizionale allora sorta. D. Gaspare tenne l'ufficio fino all'anno
seguente, anno in cui morì. Quanto a D. Francesco della Porta, costui
era della Diocesi di Oria, più svelto di D. Gaspare, e forse per questa
ragione meno gradito: infatti non divenne P.^e Cura che verso il 1609,
mentre alla morte di D. Gaspare, per decreto del Cappellano maggiore
in data del 3 agosto, lo divenne D. Alessio de Magistro napoletano,
«precedente (dice il decreto) la nomina nobis fatta da Maria de
Mendozza moglie e procuratrice di D. Alonso de Mendozza Castellano
del d.^o Castello»; fino a tale punto si estendevano le ingerenze
delle mogli de' Castellani[306]. Veniamo a Masillo Blanco ossia Gio.
Tommaso Blanch, come leggesi sotto la sua deposizione. In questa egli
si disse figlio del Barone di Olivito (_int._ Oliveto) dell'età di 19
anni, carcerato da oltre 13 mesi per un «preteso insulto» in persona
di Ottavio Stinca (l'insigne avvocato che abbiamo avuto occasione di
menzionare in questa narrazione); gli scrittori di cose nobiliari e
sopratutto il Carteggio del Nunzio, ci dicono il resto[307]. Era uno
de' più giovani figli di Francesco Blanch, 2^o Barone di Oliveto, e
di Lucrezia Capecelatro, la cui discendenza brillò moltissimo nella
carriera militare: il terzogenito di costoro, Alfonso Blanch, si
distinse più di tutti nelle guerre del Piemonte e morì in Fiandra,
nell'assalto di Capelle, avendo sotto i suoi ordini il fratello Mario
cavaliere gerosolimitano, che fu poi ucciso da' vassalli in Oliveto;
il De Lellis non parla di questa brutta fine di Mario, ma ne parla
il Nunzio nel suo Carteggio, perocchè il principale tra gli uccisori
fu un clerico, ed opponendo le solite difficoltà delle prerogative
ecclesiastiche il Vicario della diocesi non volle consegnarlo per più
anni, finchè il Governo, stanco delle tergiversazioni, lo fece prendere
e sommariamente impiccare. Forse nella difesa di questo clerico ebbe
parte lo Stinca, onde i due fratelli Vincenzo e Gio. Tommaso Blanch,
entrambi clerici per poter godere delle prerogative ecclesiastiche,
gli fecero «un brutto assassinamento con ferite et in casa propria»
secondochè scrisse il Nunzio a Roma; e il disgraziato dottore, un
po' troppo tardi, si munì di licenza d'arme «con 4 suoi creati» come
si legge ne' Registri _Sigillorum_[308]. Vincenzo Blanch riuscì a
mettersi in salvo, ma Gio. Tommaso fu preso, e penò molto ad ottenere
la remissione al foro ecclesiastico. Aggiungiamo che tanto Vincenzo,
quanto Gio. Tommaso medesimo ed anche l'altro fratello Michele,
finirono con abbracciare la carriera militare e vi si distinsero tutti.
Vincenzo morì in Fiandra alla presa di Ostenda, Gio. Tommaso, divenuto
Capitano d'infanteria, si segnalò nell'assedio di Vercelli, fu promosso
Sergente maggiore nel Barese e sposò D. Anna Gattola: ma al tempo
del quale trattiamo, essendo giovanissimo e spensierato, non farebbe
meraviglia se si fosse accordato co' frati per assumere la parte che
rappresentò nell'informazione della quale andiamo ad occuparci. Rimane
a parlare di Gio. Francesco d'Apuzzo. Egli era di Acerra, avea 23
anni, trovavasi imputato nientemeno che di parricidio, ed avea già
due volte avuta la tortura: nel Grande Archivio non manca intorno a
lui un documento che conferma la specie dell'imputazione fattagli, la
quale imputazione senza dubbio non lo raccomandava presso i Giudici
menomamente[309].

Il 21 maggio, dal Vescovo di Caserta e dal Peri vennero esaminati
tutti i testimoni[310]. D. Francesco di Castiglia depose aver veduto
il Pizzoni poco prima che morisse, chiamato dal carceriere Martines
insieme col Blanch e con un altro (il d'Apuzzo), ed avere udito dal
Pizzoni che volea sgravare la sua coscienza, essendosi esaminato
contro fra Dionisio e il Campanella perchè così gl'impose un monaco
di cui esso deponente non ricordava il nome (fra Cornelio), a fine di
declinare la giurisdizione laica e liberarsi; che perciò ne avessero
fatta testimonianza scritta, avendone lui già discorso col Curato e
con altre persone, ma esso deponente non volle intrigarsi in questa
faccenda, tanto più che il Pizzoni diceva esservi altre persone che
lo sapevano. Dietro dimande aggiunse che non era stato ricercato da
fra Dionisio nè da alcuno de' fratelli Ponzii per tale testimonianza,
e non ignorava quanto importasse far testimonianza falsa specialmente
in materia di S.^{to} Officio. Nulla gli fu dimandato intorno alle
dichiarazioni di volersi ritrattare fatte dal Petrolo.--Si passò
al Blanch, il quale depose esser andato presso il Pizzoni infermo,
richiesto dal Martines insieme con Gio. Francesco dell'Acerra, perchè
il Pizzoni volea dichiarare di aver deposto il falso in Calabria
e in Napoli contro fra Dionisio e il Campanella per sottrarsi al
foro temporale; aver trovato nella camera del Pizzoni il Castiglia,
ed aver udito dal Pizzoni che erano attesi perchè volea si facesse
detta scrittura, la quale fu distesa da Gio. Francesco (d'Apuzzo) e
sottoscritta da lui, dal Martines e dallo stesso Pizzoni ma con la
mano sinistra, essendo storpiato a destra. Dietro dimanda aggiunse
aver conosciuto il Petrolo, che più volte gli avea dichiarato voler
ritrattare le sue deposizioni contro il Campanella e fra Dionisio, le
quali erano false, ed aver presentato per questo un memoriale al Nunzio
ed un altro al Papa; aggiunse pure esser morto il Pizzoni pochi giorni
dopo fatta quella scrittura, la quale rimase in potere dello stesso
Pizzoni, che volea darla al suo confessore perchè fosse presentata.
È da notarsi che i Giudici non lo interrogarono sul contegno del
Castiglia in quella circostanza.--D. Gaspare d'Accetto depose non aver
mai trattato nulla col Pizzoni nè prima nè dopo l'infermità da cui
fu colto; essere stato a Massa (suo paese nativo) ed al ritorno aver
trovato il Pizzoni senza la favella; esser possibile che Don Francesco
della Porta, il quale lo sostituì nell'ufficio di Curato, sapesse
qualche notizia della dichiarazione per cui veniva interrogato.--Gio.
Francesco d'Apuzzo disse essere stato condotto dal Martines presso
il Pizzoni insieme col Blanch, e non ricordarsi bene se il Castiglia
fosse venuto con loro o si fosse trovato già nella camera del Pizzoni;
avergli il Martines detto che il Pizzoni si volea ritrattare per
disgravio di coscienza e che ne facesse scrittura, ond'egli si pose a
scrivere quanto il Pizzoni diceva, ed infatti diceva di ritrattare ciò
che avea detto contro il Campanella e fra Dionisio, così in materia
di eresia come di ribellione, avendolo detto per isfuggire il foro
temporale; essere stata quella carta sottoscritta da lui, dal Blanch
e dal Pizzoni (non più anche dal carceriere), «atteso francesco de
Castiglia non ci si volse intromettere», ed essere rimasta quella carta
in potere del Pizzoni, che diceva volerla dare al suo confessore.
Dietro dimande aggiunse essersi lui offerto di fare questa deposizione,
ed esserne stato quindi ricercato da fra Dionisio; aggiunse inoltre
avere più volte udito dire dal Petrolo che si volea ritrattare di
quanto avea deposto, e che avea dato più volte memoriali a questo
fine.--D. Francesco della Porta disse aver confessato il Pizzoni
solamente pochi giorni prima che morisse, avergli anche amministrata
l'estrema unzione, ma non essersi mai parlato di ritrattazione tra
loro, essersi invece parlato pel Castello di una scritta fatta dal
Pizzoni vicino a morire; aggiunse aver udito che il confessore di
questi frati Domenicani era un Domenicano vecchio.--Fu poi esaminato
il Petrolo circa la sua pretesa volontà di ritrattarsi, espressa e
comunicata a più persone, ed ecco l'importantissima deposizione che
egli fece: «Signori, la verità è che io non posso vivere in queste
carceri alle persecutioni che mi fanno li frati, non solo li carcerati,
et altri dela religione, mà hanno sollevato tutta la Calabria contra
di me, con dire che io habbia infamata la provintia è la religione con
quello che hò deposto, et che per ciò io per defendermi et mantenermi,
vado dicendo con li carcerati è con altri per posser vivere con poco
di quiete, et per non essere offeso, che mi voglio retrattare sempre
che haverò commodità, per mantenerli così in speranza perche non mi
offendano, mentre stò quà, et anco che non facciano offendere li miei
in Calabria, mà la verità è che non lhò ditto mai con animo di volerlo
mettere ad effetto, perche quanto hò deposto avanti di Monsignor
Vescovo di termole bona memoria è stata la pura è semplice verità. Et
per questo non hò di che retrattarmi, et per amore di Iddio vi prego
che questo negotio stia secreto, perche altrimente pericolaria dela
vita et dell'anima». E i Giudici ordinarono che di questa deposizione
non si rilasciasse copia[311].--Infine fu esaminato il Capece sul 2^o
articolo, sul quale era stato dato per testimone, vale a dire sulla
volontà di ritrattarsi espressa dal Petrolo a più persone; e il Capece
depose non saperne nulla.

Così quest'ultima difesa di fra Dionisio, che sarebbe stata utilissima
egualmente al Campanella, non riusciva punto bene. Il 3.^o articolo
non era neanche messo in discussione; il 2.^o articolo provocava
la deposizione del Petrolo tanto brutalmente esplicita; il 1.^o
articolo veniva infermato notabilmente dalle deposizioni del Curato
e del Sagrestano male a proposito citati dal Castiglia. Da questo
lato dobbiamo rilevare che il Castiglia, il quale veramente avrebbe
potuto fare impressione su' Giudici, si mostrò abbastanza impacciato
nella sua deposizione; ma ad ogni modo attestò il fatto essenziale,
e non si comprende come i Giudici non si fossero creduti in obbligo
di udire su quel fatto il Martines ed anche il Domenicano confessore
del Pizzoni, che avrebbero potuto recarvi luce grandissima. Tuttavia
bisogna ricordare che si era avuta una dichiarazione scritta per
conto del Pizzoni vicino a morire, avendo lui voluta sgravare la sua
coscienza per quegli scritti di fra Dionisio che si aveva appropriati
(ved. pag. 200); e non avrebbe dovuto allora sgravare la sua coscienza,
se veramente questa gli rimordeva, sul fatto tanto incomparabilmente
più grave che era la sua falsa deposizione? E non avrebbe dovuto fra
Dionisio dare per testimone quel Domenicano confessore del Pizzoni,
che dicevasi avere avuta la dichiarazione scritta intorno a quel
fatto? Relativamente al Petrolo, ben si apponeva fra Pietro di Stilo,
che ne dubitava in modo assoluto nello scrivere alle persone di casa
Prestinace; il Petrolo non ebbe neanche bisogno del tormento per
confermare quanto avea deposto. Temè d'incorrere nell'accusa di falsa
testimonianza col disdirsi, o veramente la sua coscienza non gli
permise di disdirsi? Tutto sommato, riesce difficile non abbracciare
questa seconda opinione; ad ogni modo egli non si disdisse nè sulla
ribellione nè sull'eresia come si era sperato. Quando le copie degli
esami raccolti furono date a fra Dionisio, costui, non trovando quella
dell'esame del Petrolo, potè capire come la cosa fosse andata: non di
meno il Campanella, dapprima nelle sue Lettere tanto spesso citate, più
tardi nella Narrazione ed anche nell'Informazione, scrisse che «fatto
poi processo nel S. Officio... tutti li testimoni si ritrattaro in
utraque causa», come pure che «li monaci fur in S. Officio ritrattati o
convinti di falsità». Per lo meno il Campanella non fu bene informato:
solamente il Lauriana fu sufficientemente provato falso testimone, ma
il Pizzoni e il Petrolo, i due testimoni davvero gravi per lui, non si
poterono dimostrare ritrattati niente affatto, ed è superfluo notare
quanto la cosa debba dirsi importante.

Il 24 maggio, il Vescovo di Caserta decretò che fossero consegnate
a fra Dionisio le copie degli ultimi esami, ma tale consegna non fu
eseguita prima del 18 giugno[312]. Per l'abitudine poi di quel Vescovo
di trattenersi fuori Napoli durante i forti calori estivi, la causa
de' frati non progredì nel luglio e nell'agosto. Soltanto si procedè
a qualche Atto per Valerio Bruno, il quale con un primo memoriale al
Vicario Palumbo, e poi con un secondo al Vescovo di Caserta (20 e
28 agosto) reclamò contro l'_empara_ interposta dal S.^{to} Officio
alla sua liberazione mentre era stato «liberato dalle altre cause», e
supplicò di essere spedito e abilitato. Il Vicario emise l'opinione che
fosse di nuovo interrogato e poi spedito, e il Vescovo emanò da Caserta
un decreto per l'abilitazione, la quale fu accolta anche dal Nunzio e
dal Vicario generale Graziano e subito eseguita, con la fideiussione
prestata dal padre del Bruno, e con l'obbligo di non partire da Napoli
sotto pena di D.^i mille e della galera ad arbitrio de' Giudici: nella
quale fideiussione una circostanza degna di nota si è, che dal Bruno
venne indicata per domicilio legale la casa di Carlo Spinelli a S.^{ta}
Lucia a mare, donde si scorge che lo Spinelli non abbandonava coloro i
quali gli aveano reso servigi. E stando pur sempre in Caserta, il 30
agosto, il Vescovo spedì un ordine in nome suo e dei suoi colleghi,
perchè fosse citato fra Dionisio _ad dicendum_ nel palazzo del Nunzio,
dove coll'Avvocato di lui sarebbe stata spedita la causa nella sua
prossima venuta a Napoli[313]. Quest'ordine singolare, con l'assegno
di un giorno non determinato, era un modo di mostrarsi obbediente alle
ingiunzioni che venivano da Roma dietro le sollecitazioni che il Nunzio
riceveva in Napoli dal Vicerè. Abbiamo infatti dal Carteggio del Nunzio
che il Governo Vicereale non cessava di tener d'occhio l'andamento del
tribunale di S.^{to} Officio, ed ogni qual volta ne vedeva sospese
le sedute, ricominciava le sue lagnanze. Così il 2 agosto il Nunzio
scriveva al Card.^l Borghese (successo nelle cose dell'Inquisizione al
Card.^l di S.^{ta} Severina morto il 1.^o giugno 1602), che più volte
il Vicerè gli avea ricordata la spedizione de' frati inquisiti di
eresia «per che poi si potesse spedir anche il negotio della Ribellione
trattato son già circa due anni», e il giorno precedente gli avea
pure fatto scrivere dal suo Segretario Lezcano un biglietto in tale
proposito; laonde pregava che si desse ordine a Mons.^r di Caserta di
mandare a Roma le scritture e quanto si era fatto per la spedizione
della causa. Il 9 agosto ripeteva le istanze, dietro sollecitazioni
avute da D. Gio. Sances «Fiscale di permissione di N. S.^{re} nella
causa della rebellione di Calabria»; e nella stessa data il Card.^l
Borghese gli facea sapere, che scriveva contemporaneamente al Vescovo
di Caserta di mandare «il resto delle scritture co' voti de' signori
Congiudici», sicchè verso la metà di agosto pervenivano finalmente
gli ordini di concludere, e il Vescovo di Caserta era obbligato ad
occuparsene senza ritardo.

Dobbiamo aggiungere che in questo tempo fra Pietro Ponzio supplicò di
nuovo S. S.^{tà} perchè la sua causa fosse spedita, non essendosi in
lui trovata alcuna colpa[314]. Il 17 agosto il Card.^l S. Giorgio lo
partecipava al Nunzio, richiedendolo a nome di S. S.^{tà} che desse
informazione sul caso di fra Pietro, e mandandogli perciò una copia del
memoriale. In esso fra Pietro dolevasi di aver sofferto innocentemente
tre anni di carcere, di essere più volte ricorso al Vicerè, al Nunzio,
a D. Pietro de Vera senza aver mai ottenuto nulla, di trovarsi in
carcere solamente perchè fratello di fra Dionisio, concludendo col
supplicare S. S.^{tà} che si degnasse «ordinare à Mons.^r Nuntio,
et altri Giudici, che debbano con effetto provederlo di giustitia,
giudicandolo secondo la sua propria colpa ò innocenza, et non secondo
la ragion di Stato di Ministri temporali, la quale dopo tanto tempo
dovria cessare». E il Nunzio, il 23 agosto, rispondeva come già altra
volta (ved. pag. 212), che veramente fra Pietro era stato carcerato
«più per essere fratello di fra Dionisio... che per delitto che si
pretendesse contra di lui», ma «pe' suoi ragionamenti molto domestici»
avuti di notte col Campanella, era stato ritenuto conscio del fatto e
quindi da dover rimanere in carcere fino a che la causa fosse spedita:
«intanto (egli aggiungeva) il Campanella si scoperse matto, et si
fermò il negotio ne termini che si trovava, che veramente è alla fine,
et si potrebbe ogni volta spedire, ma si è soprasseduto per la causa
dell'Inquisitione»; questa si era protratta tanto che i Ministri Regii
ne aveano molte volte fatto rumore, ma già al Vescovo di Caserta era
stato ingiunto di procurarne la fine, e alla venuta di lui in Napoli
dovea ripigliarsi, ed allora egli avrebbe procurata la spedizione di
fra Pietro[315].

In fondo pel povero fra Pietro non c'erano che buone parole. Come
già una prima volta nell'anno precedente, così anche questa volta il
Nunzio promise e non attenne: benchè riconosciuto innocente, fra Pietro
aspettò invano un provvedimento speciale per lui, e dovè rassegnarsi a
vedere prima terminata la causa di eresia per tutti gl'inquisiti, tra'
quali apparve egli pure compreso, mentre neanche il Nunzio nella sua
lettera a Roma avea mostrato di essersene mai avveduto! Fortunatamente
si era già ordinato di venire alla conclusione intorno all'eresia, per
poi passare alla conclusione intorno alla congiura, ciò che ci resta
appunto a narrare esponendo gli esiti de' processi.


V. Sarà bene pertanto occuparci delle opere scritte dal Campanella in
questo lungo periodo di tempo, che comprende oltre due anni, dal maggio
1600 al settembre 1602: potremo così dare anche un qualche sollievo
all'infinita noia inflitta a' lettori coll'esposizione del processo
di eresia, inflitta veramente non per colpa nostra, ma per colpa de'
Giudici. Come avea cominciato fin da' primi momenti dell'arrivo nelle
carceri di Napoli, egli continuò a comporre poesie e prose, e per
determinare nel miglior modo la data rispettiva, sarà bene dividere
in due il periodo anzidetto. Nel 1^o, che va dal maggio 1600 al 2
agosto 1601, data della ricerca di scritture fatta dagli ufficiali
del Castello, egli senza dubbio compose tutte le Poesie che furono
trovate presso fra Pietro Ponzio, all'infuori di quelle che abbiamo
veduto costituire un primo gruppo riferibile al periodo antecedente;
inoltre compose o meglio ricompose il libro della _Monarchia di
Spagna_. Nel 2^o, che va dal 2 agosto 1601 in poi, egli pose mano alle
opere filosofiche, cominciando dal portare a compimento l'_Epilogo di
Filosofia_, o la Filosofia epilogistica, che si ricorderà essere stata
trovata sotto la finestra del suo carcere, buttata giù al momento in
cui vi entravano gli ufficiali del Castello.

Al libro della _Monarchia di Spagna_ egli attese certamente con
la maggiore assiduità, avendolo ritenuto molto giovevole per la
difesa della causa della congiura: dopo gli _Articoli profetali_,
probabilmente dalla 2^a metà del maggio 1600, dovè esser questa la sua
unica occupazione seria, onde potè poi aggiungere di seconda mano il
ricordo del libro nelle Difese già ricopiate. Noi ci siamo spiegati a
lungo altrove intorno alla data della composizione della _Monarchia_
(ved. vol. 1^o, pag. 146-47) e ne abbiamo anche detto qualche altra
cosa parlando delle Difese (ved. qui pag. 99 e 113); non sentiamo
quindi la necessità di discorrerne ulteriormente. Solo diremo, che
prima del giugno 1601, data in cui fra Pietro di Stilo presentò le
Difese al tribunale, il libro dovè essere stato già scritto e mandato
a Stilo, per farlo trovare in quel posto e farne menzione appunto
nelle Difese. Nè ci dissimuliamo che siffatto termine di un anno,
impiegato nella ricomposizione di un libro da parte di un uomo come il
Campanella, sapendosi non averne allora scritto alcun altro, riesce
estremamente lungo, sicchè tanto più si avrebbe motivo di pensare che
il libro sia stato davvero composto, non già ricomposto nel carcere; ma
ricordiamo pure che per tutto l'anno il Campanella fu guardato di molto
a causa della sua pazzia, finchè poi non ebbe a provarla col tormento
della veglia. Del resto, come abbiamo già fatto notare altrove, importa
poco che il libro sia stato composto nella fine del 1598 o nel 2^o
semestre del 1600, non essendovi gran differenza tra l'essere stato
scritto quando si meditava una congiura o quando si voleva dimostrare
che non c'era stata congiura; importa solo sapere che non fu composto
dopo dieci anni di prigionia, e che fu ad ogni modo un libro di
occasione, destinato ad addormentare od a placare la Spagna, onde
non gli si può dare la significazione che gli è stata data, e bisogna
trattenersi dal vedervi il saggio di una delle grandi aspirazioni del
Campanella.

L'autore poi dovè certamente rivedere in sèguito questo libro, e
per lo meno ritoccarne il proemio e la conchiusione, là dove, negli
esemplari manoscritti che tuttavia se ne hanno in gran copia, esso
reca l'indirizzo ora semplicemente a un D. Alonso, ora al Reggente
Marthos Gorostiola, ed ora è sfornito di provenienza e di data, ora
reca la provenienza dal conventino di Stilo e la data del dicembre
1598, aggiuntavi talvolta anche l'età dell'autore. Nel _Syntagma de
libris propriis_ troviamo registrato che egli compose la _Monarchia_
dapprima in italiano, e poi essa «giunse nelle mani di tutti,
nella lingua italiana e nella latina, dalle collezioni di Gaspare
Scioppio e di Cristoforo Flugio». Vedremo più in là che il Flugio
fu presso di lui nel 1603 e ne ebbe certamente la Filosofia che
il Campanella finì di scrivere dopo la _Monarchia_; non ci sembra
quindi arrischiato l'ammettere che abbia avuta anche la _Monarchia_
in siffatta occasione; lo Scioppio poi ebbe egli pure la _Monarchia_
con diverse altre opere verso la metà del 1607. Volendo prestar fede
al _Syntagma_, bisognerebbe dire che il Campanella abbia voltata in
latino la _Monarchia_ innanzi il 1607: ad ogni modo ci pare che le
due date diverse della consegna di questo libro, il 1603 e il 1607,
dieno la ragione del trovarlo indirizzato una volta semplicemente
a D. Alonso, e un'altra volta al Reggente Marthos con tutte quelle
altre sfolgoranti circostanze della provenienza e della data. Giacchè
appunto nel frattempo, alla fine del gennaio 1604, come si rileva
anche dal Carteggio del Residente Veneto, era trapassato il Marthos;
avea quindi potuto il nome di lui esser posto in luogo di quello di
D. Alonso, rimanendo così eliminata ogni reminiscenza del De Roxas,
e fornita una prova più limpida dell'affezione dell'autore agli
spagnuoli, se non presso il Governo Vicereale che lo conosceva bene,
presso la Curia Romana, l'Imperatore, gli Arciduchi di Austria e il
medesimo Re di Spagna, presso tutti i potenti Principi a' quali il
povero filosofo ebbe a rivolgersi. Ma non vennero fatte nel libro
altre innovazioni, e si può dire che le piccole varianti introdottevi
sieno piuttosto dovute a' cattivi amanuensi, giacchè per lungo tempo
l'opera, assai ricercata, corse solamente manoscritta tra gli eruditi;
del resto un confronto qualunque de' diversi esemplari non è stato
mai fatto, e varrebbe la pena di farlo così per questa come per ogni
altra opera del Campanella rimasta lungamente manoscritta, poichè nelle
varianti potrebbe rilevarsi meglio la mano dell'autore e scoprirsene
anche l'animo o piuttosto i bisogni ne' diversi tempi successivi. Si
conosce che la _Monarchia_ fu pubblicata per le stampe dapprima in
tedesco, senza indicazione di luogo, nel 1623, a cura di Cristoforo
Besoldo, il quale l'ebbe certamente dal suo amico Tobia Adami cui fu
consegnata dal Campanella con le altre opere sue nel 1613; molto più
tardi fu pubblicata in latino, scorso un anno dalla morte dell'autore,
in due luoghi e con più edizioni a breve intervallo (Hardevici 1640,
Amsteleodami 1640 e poi ancora 1641 e 1643); quindi fu tradotta anche
in inglese da Ed. Chilmead con pref. di Wil. Prinae in Londra 1649,
ma nell'originale italiano fu pubblicata solamente a' giorni nostri
a cura del D'Ancona in Torino 1854[316]. Una lettera inedita del
Campanella, che noi pubblichiamo, ci mostra che l'autore fino agli
ultimi anni della sua prigionia desiderò vivamente che l'opera, insieme
con un'altra analoga, fosse data alle stampe, e ne fece dimanda al
Vicerè[317]; ma sicuramente, allorchè fu libero, non dovè più gradirne
la pubblicazione. Pertanto in Italia, durante la vita dell'autore
ed anche dopo, se ne fecero molte copie manoscritte, ed ancora ne
rimangono parecchie in varie Biblioteche, non meno di quattro in Napoli
(tre nella Bibl. naz. ed una nella Bibl. de' PP. Gerolamini), una in
Firenze, una in Lucca; e non meno di tre ne passarono a Parigi (Bibl.
Naz. Ital. num. nuov. 875, 984 e 985) e una ne giunse pure a Londra
(Mus. Brit. Egerton-collection n^o 10,689) che reca essere stata
eseguita «anno 1634 a quinto di Septembre». Non paia eccessiva tutta
questa discussione, trattandosi della _Monarchia di Spagna_, che per lo
meno riguarda troppo da vicino l'argomento nostro.

Aggiungiamo che si potrebbe credere essersi il Campanella in questo
periodo occupato pure della revisione de' «Discorsi a' Principi
d'Italia» etc. che tanta attinenza aveano col libro della _Monarchia
di Spagna_ e che furono menzionati egualmente nella sua Difesa. Ma
ricordiamo che egli ne fece menzione dicendoli inviati a Massimiliano,
e d'altronde, così come li possediamo, offrono la citazione di qualche
opera scritta ancora più tardi; bisogna quindi rimandarne l'avvenimento
della revisione a una data posteriore.

Venendo alle _Poesie_, innanzi tutto dobbiamo dire che non può non
recar maraviglia la loro quantità con indirizzi anche a persone
diverse, taluna delle quali persona veramente ufficiale, come
p. es. la Sig.^{ra} D.^a Anna che vedremo dover essere stata una
parente di D. Alonso il Castellano, in un tempo in cui il Campanella
mostravasi pazzo! Possiamo in verità rimandare le poche poesie con
siffatto indirizzo al tempo posteriore all'amministrazione della
veglia; ma neanche possiamo rimandarle tutte come vedremo, e dobbiamo
ricordare che quel tempo non raggiunse due mesi, essendo circoscritto
dal 4 giugno al 2 agosto, e la Musa doveva mostrarsi allora ben
riluttante, sicchè un numero molto tenue è lecito assegnarne al
detto bimestre; d'altronde sono anche troppe le poesie indirizzate a
persone, specialmente del bel sesso, in rapporti più o meno diretti
con la famiglia del Castellano, nè poi il Campanella dopo la veglia
avea peranco cessato di mostrarsi pazzo. Bisogna dunque conchiudere
che nel Castello, perfino presso il ceto autorevole, non mancarono
persone pietose e ben disposte verso il prigioniero; nè egli mancò
di procurarsene la benevolenza e mostrarsene grato, esaltandone le
virtù, carezzandone anche la vanità, abbandonandosi perfino al genere
erotico e lascivo, sempre col gusto de' tempi, non senza comporre versi
egualmente per conto di altri, spesso per procurarsene qualche favore
e sovvenzione nella squallida miseria in cui si trovava. Non farà
quindi maraviglia se queste poesie riescano quasi tutte scadenti, di
niun valore letterario, ma in compenso di molto valore storico; nè farà
maraviglia se in quelle poche, le quali trattano soggetti più elevati,
si notino principii politici e religiosi comuni, mentre l'autore avea
bisogno di giustificarsi, e le sue poesie doveano circolare tra persone
sovente attaccate al Governo, più sovente attaccate alla religione nel
senso volgare. Si comprende agevolmente, che non potremmo fare una
rassegna minuta di tutte queste poesie senza allungar troppo la nostra
narrazione, ma si comprende pure che non possiamo passarcela di volo,
dovendo rilevarne specialmente ciò che può chiarire la vita intima del
Campanella, ed anche la vita riposta per quanto è possibile, in questo
notevole periodo della sua prigionia.

Poniamo in primo luogo alcuni Sonetti profetali, che si trovano
disseminati nel presente gruppo di poesie, come ne abbiamo visto
disseminati anche nel gruppo appartenente al periodo anteriore, e
menzionati nel _Syntagma_ quali Ritmi consolatorii, diretti a dar
vigore agli amici. Uno di essi comincia col verso

           «La scola inimicissima del vero»

e l'altro col verso

           «Mentre l'aquila invola e l'orso freme»[318].

Entrambi ebbero l'onore della stampa per cura dell'Adami, ma non senza
mende, come del pari l'ebbe un terzo, che mostra quanto il Campanella
tornasse volentieri su questo tema, per ricordare «il fine instante
delle cose umane»: esso fu dettato ad occasione di una richiesta avuta
di scrivere qualche Commedia, e comincia col noto verso

           «Non piaccia a Dio che di comedie vane» etc.[319].

Chi mai potè fare tale richiesta al Campanella? Oseremmo dire Felice
Gagliardo, che si è visto avere scritti più Prologhi di Commedie.
Un altro Sonetto consolatorio di genere diverso è quello poco
convenientemente intitolato «Al Principe di Bisignano», che è veramente
un ricordo dell'essere stato il Principe rinchiuso nella medesima
prigione, e dell'esserne poi finalmente uscito, onde il poeta ha motivo
di dire

           «Gran forza e speme tanto essempio adduce»[320]:

vi si possono fare varie osservazioni circa il numero di anni passati
dal Principe in prigione, circa i motivi della prigionia, ed anche
circa i motivi del ritorno in libertà, ma a' poveri calabresi la sola
«cessata ragione di Stato» dovea sembrare un motivo soddisfacente.

Passando alle Poesie politiche, ne troviamo solamente cinque,
intitolate all'Italia, a Genova, a Venezia, a Roma, e «Roma a
Germania»[321]. Le tre prime furono poi pubblicate, le altre due
furono scartate; ma quella all'Italia fu pubblicata sotto la forma di
Canzone, mentre originariamente era stata composta in forma di Sonetto
con appendici, e fu anche intitolata «Agl'italiani che attendono a
poetare con le favole greche», mentre originariamente non aveva titolo
determinato; nè sarà superfluo far avvertire, che le prime notizie
delle proprie Poesie date dal Campanella nella lettera al Card.^l
Farnese del 1606, seguita dalle altre al Card.^l S. Giorgio e al Re
di Spagna, poi anche nel Memoriale al Papa del 1611, fanno distinta e
principale menzione di tali poesie politiche[322].

Quella all'Italia può dirsi un vero Inno al primato italiano, nel quale
son pure notevoli diversi concetti generali e particolari: l'essere
cioè «sepoltura de' lumi suoi, d'esterni candeliere», il ferir sempre
di nuovi affanni «lo stilense» il quale «quella patria honora che poi
lui dishonora», il non cessar mai «di servir chi la paga d'ignoranza,
discordia e servitute» alludendo certamente a Spagna ed a' Principotti
italiani. Non parliamo poi del Sonetto a Genova nè di quello a
Venezia, permettendoci solamente di ricordare ancora una volta, che
da quest'ultimo, e non da ciò che dovè scrivere in certi momenti
tristissimi, conviene desumere i convincimenti del Campanella intorno a
quella mirabile repubblica, fondata sul sapere e sul potere, condotta
senza fiacchezze sentimentali, e perciò durata tanti anni. Circa il
Sonetto a Roma, conviene notarvi quel concetto osservabile

         «Deh non pianger l'Imperio, Italia mia,
         ch'hoggi l'hai vie più certo e venerando»,

mentre nel primissimo Sonetto all'Italia, composto in altre
circostanze, il poeta si era doluto che non si vedeva già più
«vergognarsi per l'onor di Dina» nè Simeone nè Levi. Ecco dunque uno
spiccato ritorno indietro, e non di poco momento: ma non deve sfuggire
che il Sonetto fu scartato quando si venne alla pubblicazione delle
poesie, e si può anche osservare, che mentre ne' versi originarii della
poesia menzionata più sopra e diretta «Agl'italiani» etc. si leggeva

         «...... la gran Roma
         dove anche ha Dio suo tribunal costrutto»,

ne' versi rifatti posteriormente e così dati alle stampe si lesse

         «E del cielo alle chiavi alfin pervenne»;

cioè a dire, fu sostituito un encomio di abilità politica ad un
riconoscimento di dono soprannaturale. Circa il Sonetto «Roma
a Germania», esso segna il passaggio alle poesie religiose,
rappresentando una tirata contro la riforma, e questo veramente
non è affatto nuovo nell'ordine delle idee del Campanella, cui la
dissociazione nella fede cristiana riuscì sempre assai molesta: ma è
nuovo quel tuono da pergamo accompagnato da vaticinii d'immancabile
rovina, e bisogna tener presente che questo Sonetto fu pure scartato,
e manifestamente uno studio dello scarto fatto riescirebbe davvero
istruttivo.--Citiamo qui, al sèguito degli anzidetti, il Sonetto «Sovra
il monte di Stilo»[323], poesia di niun valore, ma espressione di un
caro ricordo del povero prigioniero, e passiamo subito a' Sonetti
religiosi. Essi sono al numero di sei, de' quali furono poi pubblicati
quattro, e riflettono la morte di Cristo, il sepolcro di Cristo, la
Croce, l'Ostia consacrata[324]. In tutti brilla la professione di
cristianesimo senza riserve, il concetto di Cristo vero figliuolo di
Dio, ciò che il processo mostrava essere stato da lui negato; intorno
alla Croce, egli spiega la sua poca simpatia verso la tendenza a
mettere in mostra Cristo crocifisso invece di Cristo trionfante, ed
anche in ciò si trova una giustificazione riferibile alle cose emerse
dal processo. De' due, che non furono poi pubblicati, l'uno tratta
ancora del sepolcro di Cristo ma in tuono assolutamente predicatorio,
l'altro rappresenta un fervorino sull'Ostia consacrata, e risulta esso
pure una giustificazione. Si direbbero tutti questi Sonetti composti
nella Pasqua del 1601.

Giungiamo alle poesie con indirizzo o menzione di persone diverse,
talora non determinate, talora più o meno determinate, delle quali,
potendo, c'ingegneremo sempre di dare qualche notizia, massime
allorchè si tratti di persone benefattrici del povero prigioniero. Ci
liberiamo dapprima di due Sonetti, l'uno per l'entrata di un alunno
incognito nell'ordine monastico de' Somaschi, l'altro per l'entrata
di un'Artemisia del pari incognita in un convento[325]. Citiamo poi
due Sonetti indirizzati a due persone delle quali già abbiamo fatto
conoscenza[326]: l'uno al Sig.^r Cesare Spinola «splendor d'Italia,
difensor di virtù», che l'autore encomia e ringrazia

         «Del Campanella per la defensione
         contro lo stuol traditoresco e rio»,

e manifestamente esso deve dirsi scritto poco dopo il 15 novembre
1600, giacchè a questa data lo Spinola lo difese mentre era chiamato
qual testimone dal Pizzoni; l'altro, senza dubbio di pari data e per
la stessa circostanza, indirizzato a D. Francesco di Castiglia, che
l'autore loda molto anche come poeta, cantore di donne sante, di
cocenti amori, e perfino di Antiochia vinta. E forse egualmente al
Castiglia, seguace del Tasso, deve dirsi indirizzato il Sonetto che
nella Raccolta vien subito dopo[327]: esso rappresenta una gentile
ammonizione al seguace del Tasso, cui addita una meta più alta e
abbastanza notevole per l'argomento della nostra narrazione, quella
meta per la quale, il poeta dice, gioverebbe avere a guida Dante e
Petrarca, scaldarsi al «fuoco de' lor petti», sentirsi il cuore punto
«da giuste ire», elevarsi ed elevare

         «Al degno oggetto dell'umana mente».

Ricordiamo inoltre qui il Sonetto indirizzato a un Sig.^r Aurelio[328],
un «canoro Cigno» tra' molti che si riunivano nelle Accademie
napoletane, tanto più pullulanti quanto più avversate da Spagna. Non
sapremmo, tra' mille Accademici di quel tempo, chi abbia potuto essere
questo Sig.^r Aurelio: ad ogni modo egli dovè vedere il Campanella ed
eccitarlo a cantare di Cesare, e il Campanella se ne scusò adducendo le
sue tristi condizioni,

         «Che in atra tomba piango i miei dolori
         sol pianto rimbombando il ferro e il sasso».

Ecco ora un Sonetto al Sig.^r Troiano Magnati[329], un cavaliere
del quale possiamo dare qualche notizia sicura. Primogenito di D.^a
Ippolita Cavaniglia, che vedremo tra poco celebrata egualmente, egli
faceva parte della Compagnia de' così detti Continui, una specie di
Guardia del corpo del Re, e per esso del Vicerè, composta per metà
di spagnuoli e per metà di napoletani, scelti sempre tra le persone
nobili, e ne' primordii dell'istituzione tra le persone nobili di
prim'ordine: una cedola di pagamento del soldo per l'anno 1596, ed una
dimanda di licenza al Vicerè per l'anno 1610, che si leggono nelle
scritture dell'Archivio di Stato, ci hanno fatto conoscere questa
sua condizione di Continuo[330]. Il Campanella, dopo lodi enfatiche
e seicentesche, gli chiede umilmente protezione per sè e pei suoi
compagni:

         «. . . . . . vendichi l'onte
         fatte a tanti virtuosi e a me meschino».

Veniamo a D.^a Ippolita Cavaniglia, la più alta benefattrice del
Campanella e de' frati; a lei sono indirizzate non meno di tre
poesie[331]. Un documento, da noi rinvenuto nell'Archivio di Stato, ci
mostra questa Signora esser figliuola di D. Garzia Cavaniglia Conte di
Montella, ma forse figliuola naturale, già vedova fin dal 1593 di Fabio
Magnati, e madre di Troiano, Flaminio, Gio. Battista e Geronimo[332].
Si sa che i Cavaniglia, gente valorosa e fida e di sangue regio,
vantavano l'essersi stabiliti nel Regno col 1.^o D. Garzia, venuto da
Valenza in Napoli con Alfonso d'Aragona, fatto Conte di Troia nel 1445
e celebrato dal Sannazzaro (la Contea di Montella sopraggiunse più
tardi, nel 1477, con D. Diego, l'amante della sorella di Ferdinando
Aragonese): ne abbiamo un trattato scritto dal Sarrubbo, oltre le
notizie registrate dal De Lellis nei suoi ms. che si conservano nella
Bibl. nazionale di Napoli; ma le donne non figurano mai nel Sarrubbo,
e il De Lellis ricorda solamente, quali figlie del 2.^o D. Garzia,
Cornelia e Fulvia monache; e tuttavia il documento suddetto non lascia
dubbio sulla origine di D.^a Ippolita, mentre d'altra parte i libri
parrocchiali della Chiesa del Castel nuovo fanno spesso menzione di
lei e de' suoi[333]. Quanto a Fabio Magnati, il Capaccio mostra la
famiglia de' Magnati proveniente da Bologna, dove essa era una delle
40, venuta in Napoli con Carlo 1.^o, e dichiara Fabio «dottore di
leggi, gentil' huomo virtuosissimo»[334]: non è improbabile che egli
fosse Auditore del Castel nuovo, ma ad ogni modo là abitava con la sua
famiglia. Nel corso di questa narrazione abbiamo visto raccomandata a
D.^a Ippolita la lettera inviata da Sertorio del Buono a fra Dionisio,
che fu poi trovata il 2 agosto 1601 dagli ufficiali del Castello.
Nelle poesie, oltre la sua nobiltà affermata con le nozioni storielle
suddette, oltre la maestosa bellezza e tanti altri pregi, vediamo
esaltata la sua

         «Generosa pietà, man liberale»

e sempre col maggior rispetto, e con una impronta di serietà sovente
lasciata da parte nelle altre poesie dirette al bel sesso; onde si vede
che effettivamente il Campanella sentiva per lei quanto le esprimeva
nel verso

         «L'altre femine son, tu donna sei».

Ma nella terza delle poesie, che è un Madrigale, il Campanella rivela
tutta l'intensità della sua gratitudine:

         «. . mille grazie e benefizii farmi
         volesti ancor; felici ferri e sassi,
         che stringete i miei passi,
         ringraziar non poss'io
         nè gioir del sol mio,
         ringrazio voi e di voi più non mi doglio» etc.

Abbastanza analoga a codeste poesie, comunque meno fervorosa, è l'altra
seguente, indirizzata a una Sig.^{ra} Olimpia[335]: non ci è riuscito
interpetrare chi abbia potuto esser questa Signora e parrebbe che non
abitasse nel Castello, poichè i libri parrocchiali non fanno alcuna
menzione di un nome simile; il Campanella ne loda essenzialmente
«l'umanità». Lo stesso dobbiamo dire della Sig.^{ra} Maria, della quale
il Campanella esalta la grande bellezza ed invoca la cortesia e la
pietà, mostrando pure che glie ne avesse dato prova una volta e poi si
fosse posta in contegno[336]: tali circostanze ci hanno fatto per un
momento pensare che potesse trattarsi della Castellana medesima, cugina
e moglie di D. Alonso, che varii documenti e perfino il Carteggio
dell'Agente Toscano attestano sovranamente bella, e che per la sua
posizione sarebbe stata veramente in grado di giovare il Campanella con
la pietà; ma non può ritenersi punto consentaneo all'indole de' tempi
veder chiamata la Castellana di casa Mendozza col nome di «Sig.^{ra}
Maria», e difatti «D.^a Maria» o semplicemente «Maria» si trova sempre
chiamata ne' libri parrocchiali del Castello. Potrebbe essere stata una
Maria Gentile o una Maria Spinola, e piuttosto quest'ultima, poichè le
si vede anche indirizzato ad istanza del Sig.^r Francesco Gentile un
Madrigale tutto smancerie e peggio secondo il gusto de' tempi; e vi
sarebbe una Maria Spinola Centurione da potersi supporre quella di cui
qui si tratta, ma non vale la pena di sciupare il tempo in supposizioni
troppo vaghe. Giungiamo alla Sig.^{ra} «D.^a Anna». Qui il titolo è tale
da dover fare ammettere senz'altro una Signora di casa Mendozza, ma,
secondochè insegnano i libri di materie nobiliari e i libri parrocchiali
del Castello, vi furono non meno di tre Signore di questo nome; 1.^o
D.^a Anna di Toledo figlia di D. Pietro il Vicerè, maritata a D. Alvaro
di Mendozza già Castellano e madre di D.^a Maria la Castellana moglie
di D. Alonso, rimaritata a D. Lope di Moscoso Osorio 4.^o Conte di
Altamura, onde ne' libri parrocchiali trovasi anche detta «Anna
Moscosa»; 2.^o D.^a Anna sorella del predetto D. Alvaro, quindi zia
di D.^a Maria ed anche dello sposo di lei D. Alonso il Castellano che
le era cugino, maritata a Lelio Carafa e rimaritata al Conte di S.
Angelo, lungamente vedova e fondatrice della Chiesa di Pizzofalcone,
spesso detta ne' libri parrocchiali Contessa di S. Angelo; 3.^o D.^a
Anna ultima sorella di D. Alonso il Castellano, malamente detta
Claudia dal De Lellis, maritata nel 1594 a D. Ferrante de Bernaudo e
dimorante senza dubbio nel Castello, detta sempre «D.^a Anna» ne' libri
parrocchiali[337]. Forse a quest'ultima, forse anche meglio alla prima
D.^a Anna, la quale era tuttavia una delle belle, fu indirizzato il
Sonetto dal filosofo; ma a qualunque delle dette Signore sia stato esso
indirizzato, si tratterebbe sempre di persone in parentela stretta col
Castellano, ed in ciò precisamente risiede la singolarità del fatto,
mentre il filosofo mostravasi a quel tempo nel colmo della sua pazzia.
Quanto ai concetti espressi nel Sonetto, vi si trova lodata la bellezza
e nobiltà di D.^a Anna, se ne vede invocato l'amore, con quegli spasimi
a freddo che è maraviglioso come abbiano potuto regnare in poesia tanti
e tanti anni senza nauseare[338]: lo stesso si trova egualmente in più
composizioni del Campanella, delle quali dobbiamo ancora discorrere,
onde si rileva che pure da questo lato egli abbia sacrificato al gusto
e alla necessità de' tempi senza esitazione.

Ed eccoci all'ultimo gruppetto di poesie, nelle quali generalmente
il pessimo gusto signoreggia sovrano. Le facciamo cominciare dal
Sonetto che fra Pietro Ponzio trascrisse senza titolo, ma che mostrasi
indirizzato ad un Gentile[339]. Non è dubbio che si tratti qui del
Sig.^r Francesco Gentile, per conto del quale fra Pietro raccoglieva
le poesie del Campanella nel libretto che gli fu poi trovato dagli
ufficiali; e possiamo affermare di non aver risparmiato assolutamente
nulla per sapere chi fosse questo Sig.^r Francesco Gentile, ma pur
troppo senza esservi riusciti. Dalle poesie egli apparisce parente di
una Sig.^{ra} Giulia Gentile, alla quale il Campanella non manca di
scrivere un Sonetto e un Madrigale, innamorato di una Flerida, alla
quale il Campanella scrive poesie per conto di lui e poi anche per
conto proprio, e spesso e vivacemente: ad istanza di lui ancora il
Campanella scrive il Madrigale alla Sig.^{ra} Maria già ricordato qui
sopra, e crediamo che per conto egualmente di lui sieno state composte
molte poesie di amore anche lascivo, mentre alcune altre dello stesso
genere appariscono pure indubitatamente scritte dall'autore per conto
proprio. Avevamo dapprima pensato che potesse essere Francesco Gentile
da Barletta, nipote della Sig.^{ra} Giulia Gentile, presso la quale
stava ritirata D.^a Ilaria Sifola sposata a D. Andrea de Mendozza
figlio di D.^a Isabella Marchesa della Valle con grandissimo sdegno di
costei (confr. pag. 258): questo D. Francesco, nobile di prim'ordine
ed amico delle buone lettere come lo provano due Commedie che di lui
ci rimangono[340], avea potuto venire con la sua zia in Napoli, per
placare la Marchesa e cercare un accomodamento nella lite di nullità
intentata da lei a proposito del matrimonio di suo figlio. Ma al tempo
del quale trattiamo egli doveva essere molto giovane, e la Marchesa
trovavasi nel maggior colmo de' suoi furori: abbiamo infatti visto che
il povero Nicolò Napolella ne soffrì le conseguenze fino ad una parte
del 1602, e i libri parrocchiali del Castel nuovo ci mostrano D.^a
Ilaria riunita a D. Andrea non prima del 1618. D'altronde fra Pietro
Ponzio nel principio di dedica della Raccolta delle poesie lo dice
Patrizio Genovese, e il processo dell'eresia ci mostra nel 14 novembre
1600 dato per testimone dal Pizzoni nelle sue difese un D. Francesco
di Genova che verosimilmente è il Gentile, inoltre ci mostra dopo il 2
agosto 1601 dato per testimone da fra Pietro nella denunzia contro gli
offensori de' frati il Sig.^r Francesco Gentile, di cui il Mastrodatti
dice, «è stato carcerato e liberato...» etc. (ved. pag. 241). Dovè
dunque essere compagno di carcere de' frati, forse uno della famiglia
de' Gentili che tenevano Banco in Napoli, del quale Banco esistono
tuttora nel Grande Archivio tre libri che vanno dal 1592 al 1599; e
ne' libri parrocchiali della Chiesa del Castel nuovo egli figura qual
padrino in un Battesimo del 18 aprile 1601. Ad ogni modo egli non
era persona volgare, e nel Sonetto già citato, dicendosi pazzo, il
Campanella gli chiede aiuto per sè e pe' suoi in nome dell'amore che
egli porta a Flerida,

         «Ond'io m'inchino a lei e per lei ti priego
         ch'a lei, et a te, et a noi Gentil ti mostri
         il fatal pazzo Campanella aitando».

Ma alla Sig.^{ra} Giulia il poeta chiede nè più nè meno che amore e in
un Sonetto la dice

         «Gioia, idea, vita, luce, idolo, amore»,

e in un Madrigale ne loda la bellezza al punto, che dichiarandola
superiore a Lia e Rachele egli si compiacerebbe di essere schiavo
per sette e sette anni[341]. Intanto ad istanza del Sig.^r Francesco
Gentile scrive un Madrigale per Flerida, forse anche il Sonetto che
segue, più probabilmente ancora un altro Sonetto posto nella Raccolta
dopo quello indirizzato a lui[342]; e scrive inoltre il Madrigale alla
Sig.^{ra} Maria, dal quale si vede che il Gentile si compiaceva di fare
il cascante a dritta ed a manca[343]. Vogliamo credere che egualmente
per lui egli indirizzi a Flerida un Madrigale, da cui si rileverebbe
essere stati ammalati entrambi ed essere ciò accaduto alla fine
dell'anno, naturalmente alla fine del 1600[344]; dippiù il Sonetto col
quale ne loda i nèi sul labbro e sul ginocchio, da' quali il poeta si
lascia trasportare perfino

         «. . . . . sul consecrato fonte
         dell'immortalitate all'appetito»[345],

onde poi riesce di comprendere quel Madrigale, in cui si accenna a un
certo fiasco fatto e spiegato non senza sufficiente industria[346];
finalmente anche il Sonetto in cui ringrazia Amore, l'altro
sull'inestricabile laberinto d'Amore, e poi le Ottave e il Sonetto di
sdegno, che dinotano una rottura completa e perfino villana[347].

Ma non siamo sicuri che tutte le poesie amorose dirette a Flerida
siano state scritte per conto del Gentile, e una parte di esse ha
potuto essere stata scritta per conto dell'autore, massime dopo la
rottura anzidetta: è certo d'altro lato che l'autore credè egli pure
dilettevoli o piuttosto comodi simiglianti passatempi, onde abbiamo
almeno sei Sonetti di relazioni amorose indubbiamente sue, non mancando
nemmeno nel titolo di alcuni fra essi indicato specificatamente
«l'Autore». Forse presso Flerida ed anche qualche altra fanciulla egli
trovò distrazioni, come di sicuro ne trovò presso una Dianora, al cui
indirizzo la Raccolta ci offre un Sonetto; vedremo poi, nel sèguito
della nostra narrazione, attestato da lui medesimo in una sua lettera
il ricordo di scherzi a' quali certe donzelle lo invitavano dalle
finestre, ed attestato dal Gagliardo in alcune sue deposizioni il
ricordo di una certa Oriana, o secondo l'uso del paese D. Oriana, nome
ingarbugliato che risponde bene a quello di Dianora, la quale abitava
sotto la prigione e gli conservava libri e scritti, fornendoli ad ogni
sua richiesta mediante una cordicina. La Dianora parrebbe una suora
francescana, a giudicarne da' versi co' quali comincia il Sonetto

         «Donna che in terra fai vita celeste
         sotto la guida di colui che in Cristo
         amando trasformossi»:

a lei il Campanella fa ringraziamenti, ma si dichiara nel tempo stesso
devoto abbastanza intimo co' versi

         «Stella DIAN, ORA al mio fragil legno
         che solca un mar d'affanni, onde non parte
         l'occhio del mio desire e della mente»;

nè ci manca ne' Reg.^i _Partium_ la notizia di una «Sore Elionora
Barisana», e, ciò che vale dippiù, ne' libri parrocchiali del Castel
nuovo la notizia di una «Sore Dianora Barisciana di Barletta»[348].
Per questa donna, che potrebbe supporsi appartenente alla famiglia
del «torriero» come allora si diceva il guardiano della torre, o per
Flerida e altre fanciulle che potrebbero supporsi appartenenti alla
bassa famiglia de' Mendozza, egli dovè scrivere i rimanenti cinque
Sonetti ne' quali canta il suo intrigo amoroso, un laccio di capelli
da lui dimandato ed avuto, un presente di pere inviatogli, un bagno
fornitogli in sollievo de' suoi dolori, ed anche una scena erotica
abbastanza vivace accaduta a traverso il muro della prigione[349].
Mettendo da parte siffatta scena che i lettori potranno rilevare col
loro comodo, notiamo quella singolare dichiarazione che il Campanella
fa nel Sonetto sul presente di pere

         «Che solo Amor può darci il sommo bene
         lo qual filosofando io non trovai»[350];

notiamo poi con tanto maggiore interesse la circostanza, che
l'avvenimento del bagno fornitogli dalla sua donna si deve riferire al
tempo che scorse dopo il tormento della veglia, onde il povero filosofo
si sentì ristorato ed anzi poeticamente risanato,

         «Tolsi l'acqua, applicaila al corpo mio
         già fracassato dopo lunga guerra
         per gran tormento ch'ogni forte atterra,
         del medesmo liquor bivendo anch'io»[351].

Abbiamo dunque un Sonetto composto certamente dopo la veglia, a tempo
de' bagni, vale a dire in luglio secondo il costume del paese: ma esso
non fu il solo, e possiamo con ogni probabilità aggiungervi anche
con precedenza due altri Sonetti indirizzati a un «Sig.^r Petrillo»;
nè ci trattiene il rinvenirli a capo di tutto il gruppo delle poesie
appartenenti al periodo di cui discorriamo, giacchè questo potrebbe
significare solamente una speciale distinzione[352]. Dal primo de'
due Sonetti questo Sig.^r Petrillo apparisce un fanciullo, o più
verosimilmente un giovanetto, leggiadro e riservato, che consola il
povero filosofo con la sua presenza, e l'eccita a scrivere nuovamente
qualche poesia,

         «Il vecchio canto a ripigliar m'invita»;

e il filosofo dicendosi pazzo ed incapace di poetare con gusto,
apparisce addolorato e affranto addirittura,

         «Carme ti rendo d'ogni gusto parco,
         ch'esce da bocca di dolcezza lungi,
         ch'agli ultimi sospiri è fatta varco»;

ci parrebbe impossibile riferire simiglianti espressioni, e tutto
il resto, ad un tempo diverso da quello che seguì immediatamente la
veglia. Con l'altro Sonetto il filosofo loda la bellezza del fanciullo
e gli comunica eccellenti riflessioni morali, ma continua sempre ad
apparire profondamente mesto, ed anche oppresso dal pensiero dei
tradimenti che nella vita si patiscono; e chi era dunque questo Sig.^r
Petrillo? I libri parrocchiali del Castel nuovo ci dànno un po' di
luce anche in questa come ce l'hanno data in altre circostanze: vi era
un «Petrillo» figlio dello speziale del Castello Ottavio Cesarano e
di Polissena Cammardella; nato nel 1583, egli morì nel 1603, ed avea
quindi poco più di 17 anni allorchè comparve al filosofo, e doveva
essere leggiadro come uno di que' fiorellini i quali, al vederli, fanno
temere che ben presto piegheranno il capo[353]. Grande meraviglia ci
avea recato il non trovare qualche poesia diretta dal filosofo al
suo migliore aiuto, al chirurgo Scipione Cammardella; ma ecco che
lo vediamo onorato in persona del nipote, il quale verosimilmente
l'accompagnò in taluna delle prime visite e poi più tardi, quando
il filosofo era sempre assai sofferente, e in principio tuttora non
fiducioso al punto da fargli comprendere la simulazione della pazzia,
in sèguito divenuto fiducioso in modo da mostrarglisi un vero e buono
sapiente.

Furono queste le poesie che il Campanella compose dal maggio 1600 al
2 agosto 1601, e tutt'al più una sola di esse potrebbe dirsi apocrifa
nella Raccolta fattane da fra Pietro, quella intitolata «Sonetto di
Horatio di G.» etc.[354]. Sicuramente dopo il detto periodo egli non
cessò dal poetare, ed anzi allora appunto compose le maggiori sue
poesie, che si leggono nella Scelta pubblicatane più tardi dall'Adami:
cercheremo a tempo e luogo di determinare, se sarà possibile, la data
almeno di taluna di esse.

Veniamo alle opere alle quali il Campanella attese consecutivamente,
e per ora a quelle composte dall'agosto 1601 fin verso la fine del
1602, cioè fino a che si compì il processo dell'eresia. Gioverà qui
avvertire una volta per sempre che i fonti migliori, per determinare
in un modo meno fallace le date di quanto egli compose negli anni più
difficili della prigionia, saranno sempre le sue Lettere del 1606-1607
a' Card.^{li} Farnese e S. Giorgio e al Re di Spagna, alle quali
egli annesse l'elenco delle opere fin allora composte; meglio ancora
la lettera allo Scioppio, egualmente del 1607, posta come proemio
all'«Ateismo» e pubblicata dallo Struvio, nella quale citò ad una ad
una con un certo ordine, ma nemmeno con un ordine cronologico esatto,
le opere che realmente teneva a sua disposizione e che infatti gli
mandò, avendole rivedute, ritoccate, ovvero composte di pianta, e
facendo menzione anche di taluna che avea composta e perduta o stava
componendo e non potea mandare ancora; inoltre il Memoriale del 1611
al Papa pubblicato dal Baldacchini, al quale fu pure annesso un elenco
delle opere, e in generale tutte le lettere del Campanella scritte
durante la prigionia. Ma ad un grado limitatissimo potrà servire il
_Syntagma de libris propriis_, pubblicato tanti anni dopo su note
confusamente raccolte dal Naudeo, e manifestamente disordinato intorno
alle opere scritte nel carcere, come si può rilevare dalle notizie che
fornisce il processo dell'eresia, da quelle che forniscono i documenti
anzidetti, non che dalla lettura medesima del libro[355]. Pel momento
il processo dell'eresia è ancora il fonte certo, su cui si può contare
senza riserva, e da esso sappiamo che il 2 agosto 1601 il Campanella
già metteva mano a compiere l'_Epilogo di Filosofia_, o la _Filosofia
epilogistica_.

Rammentino i lettori il manoscritto buttato giù dalla finestra del
carcere del Campanella il 2 agosto, mentre venivano a visitarlo gli
ufficiali del Castello. Oggi ancora vi sono in Italia due Manoscritti
col titolo di «Epilogo...» o «Epilogo magno di quello che della natura
delle cose ha filosofato e disputato fra Thomaso Campanella servo
di Dio»: analogamente al manoscritto buttato giù dalla finestra del
carcere, l'uno, della Magliabechiana, comincia con le parole, «Perchè
teco menar la vita non posso Signore, come il desiderio _suo_ grande
della virtù vorrebbe», l'altro, della Casanatense comincia con le
parole, «Perchè menar teco la vita non posso Signore» etc.; entrambi
finiscono con le parole, «quel che ne fece poi voi lo sapete», alle
quali parole nell'esemplare della Magliabechiana succede un epigramma
latino in lode del Campanella, e nell'esemplare della Casanatense
succede un piccolo numero di brevissime note e postille. L'opera poi in
latino, stampata a cura dell'Adami nel 1623 col titolo di «Philosophiae
realis epilogisticae partes quatuor», comincia con le parole, «Quoniam
tecum vitam ducere, charissime, non datur, ut avidissime cupis» etc.,
e nella sua 2^a parte, che rappresenta l'_Etica_, finisce con le
parole tradotte alquanto liberamente, «quid autem subinde fecerit,
historia docet». Come si vede, trattasi qui dell'opera che sappiamo
cominciata in Roma verso la fine del 1594 col titolo di «Compendio di
Fisiologia», quando il Campanella non potea «menar la vita» con Mario
del Tufo cui la mandò, continuata poi in Napoli nel 1598 con l'aggiunta
anche dell'_Etica_. Dopo due mesi dal tormento della veglia, stando
sempre a letto, il Campanella già attendeva a rivedere quest'opera e
ne meditava il compimento: perduta la copia che ne aveva avuta senza
dubbio da Mario del Tufo, è naturale ammettere che se n'abbia procurata
un'altra, ma intanto, senza sospendere il suo lavoro, compose gli
_Aforismi politici_ e l'_Economica_, poi ritoccò l'_Etica_ e compose
ancora la _Città del Sole_ menando così a termine tutta l'opera.
Questi particolari del modo in cui il lavoro fu condotto si rilevano
dal _Syntagma_, e fino ad un certo punto riescono confermati da ciò
che mostrano intorno all'opera gli elenchi annessi alle lettere del
1606-1607 ed anche del 1611, come ancora da ciò che mostra il confronto
dei Manoscritti in italiano con la parte corrispondente dell'opera
stampata in latino. Gli elenchi del 1606-1607 mostrano l'opera col
titolo di «Epilogo magno di ciò che ha filosofato» etc., e quello
del 1611 la mostra col titolo di «Epilogismo delle scienze naturali
e morali e politiche» etc., citando poi separatamente i libri degli
_Aforismi_ e della _Città del Sole_ o «De propria Republica»; il
confronto degli esemplari manoscritti in italiano coll'opera stampata
in latino mostra nell'_Etica_ molte varianti, sebbene vi si serbino
interi lunghi tratti della composizione originaria non che la chiusura;
e potremmo dare molti altri ragguagli, ma per lo scopo nostro ci pare
che queste poche cose bastino. Così l'«Epilogo» o «Epilogo magno», come
sono intitolati i Manoscritti della Magliabechiana e della Casanatense,
sebbene con titolo rinnovato, rappresentano sempre l'opera quale fu
continuata il 1598 in Napoli, e ci manca un manoscritto in italiano
con l'Etica nel modo in cui fu ritoccata verso la fine del 1601 nel
carcere; abbiamo bensi gli Aforismi e la _Città del Sole_ in italiano
separatamente, quali furono composti nel detto tempo ma con precedenza,
mancandovi ancora l'Economica. Tutte queste circostanze mostrano
in pari tempo che veramente al _Syntagma_ si può aggiustar fede in
quanto a' particolari della composizione, se non in quanto alle date,
mentre vi si legge: «Scrissi inoltre gli _Aforismi politici_, che poi
distinsi in capitoli, e così composi la scienza politica; e vi aggiunsi
l'_Economica_, utilissima; ed instaurai nuovamente l'_Etica_ secondo
la dottrina delle Primalità, e vi posi in ultimo un'idea di Repubblica
che chiamo _Città del Sole_, molto più eccellente della Platonica e di
qualunque altra» etc.

Adunque gli _Aforismi politici_, al numero di 150, furono composti
con molta probabilità nel medesimo mese di agosto, sicuramente non
più tardi del mese di settembre o ottobre 1601, mentre il povero
filosofo stava ancora a letto col corpo lacerato dal tormento della
veglia! Di poi fu scritta l'_Economica_, ed avuta forse un'altra copia
dell'«Epilogo» fu rimaneggiata l'_Etica_. Degli Aforismi intanto
molte copie si diffusero, prima che venissero ricomposti in capitoli
e tradotti in latino. Se ne hanno tuttora in Napoli, nella Biblioteca
nazionale, due copie, una delle quali è la copia già inviata allo
Scioppio che ha note e postille autografe del Campanella, con citazioni
di altre opere sue posteriori, come la Monarchia del Messia e i libri
Astronomici; ce n'è una in Lucca nella Bibl. pubblica (cod. 2618),
una in Firenze già nella Magliabechiana ed ora nell'Archivio di Stato
tra le scritture Medicee miscellanee[356], una in Torino nella Bibl.
dell'Università; ed anche a Parigi ne pervenne una copia nella Bibl.
dell'Arsenale. Le due copie napoletane, al pari della fiorentina,
hanno qua e là piccole aggiunte e specchietti in latino per taluni
aforismi; ed offrono poi un piccolo garbuglio di distribuzione della
materia, onde apparisce un numero di Aforismi un po' minore de' 150,
mentre la materia c'è tutta. Si conosce che siamo debitori al D'Ancona
della stampa degli Aforismi in italiano, così come furono composti
originariamente dal Campanella: egli si potè servire solamente di una
copia tratta da due Manoscritti parigini entrambi scorrettissimi,
e dovè lavorare di molto a ridurla; le copie napoletane potrebbero
ottimamente servire per qualche altra edizione.

Relativamente alla _Città del Sole_, la più importante per noi, di
certo essa non fu composta dal suo autore «avanti che entrasse nel
carcere» come è sembrato al Berti[357]: era bensì nella mente e nel
cuore di lui in quel tempo, ed anche sulle sue labbra a sprazzi, ma
fu posta in iscritto solamente nel carcere, durante il 1602. Con ogni
probabilità fu cominciata a' principii del 1602, scorsi i 6 mesi di
cura che sappiamo essergli stati necessarii dopo la veglia, quando il
suo corpo era tornato florido e il suo spirito trovavasi grandemente
confortato; giacchè sostenuta bene la veglia, provata giuridicamente
la sua pazzia, egli poteva reputarsi salvo, in forza di quel principio
che registrò di poi in una delle note annesse alle sue poesie, cioè
che «_de jure gentium_ i pazzi son salvi»[358]; ed oltracciò, vedendo
condotto così in lungo il processo dell'eresia, donde un ritardo sempre
maggiore nella conchiusione del processo della congiura, dovea trarne
la conseguenza che la ragion di Stato, della quale egli ritenevasi
vittima, si sarebbe trovata verso di lui già calmata. E per verità,
senza ammettere queste rosee speranze, non si potrebbe comprendere
il suo ritorno a' cari sogni di un tempo, nel quale doveva allora
sentirsi rivivere; non si potrebbe spiegare la sua audacia nel dar
fuori, anche nascostamente e in mano di fidi amici, l'idea «della
propria Repubblica» come egli l'intitolò di poi nelle sue Lettere a'
Cardinali e al Re ed egualmente nel suo Memoriale al Papa; imperocchè
grande davvero fu l'audacia sua nello scrivere un libro simile, mentre
era in carcere e la sua sorte pendeva tuttora indecisa. Anche i
biografi Campanelliani restii ad ammettere che il Campanella si fosse
mai spinto a cospirare, segnatamente il Berti, hanno riconosciuto che
nella _Città del Sole_ sia stata da lui adombrata la Repubblica che si
sarebbe fatta in Calabria, «nella quale esso si riprometteva non poca
autorità»[359]; il Nunzio, che tenea sott'occhio al tempo medesimo
i processi puramente ecclesiastici come p. es. quello di Squillace,
ove erano registrate tante particolarità ammesse poi nella _Città del
Sole_, potea formarsi un criterio gravissimo della colpabilità del
Campanella intorno alla congiura e intorno all'eresia, nè occorre dire
come dovesse ad ogni modo formarselo il Governo Vicereale, nel caso in
cui gli fosse rimasto qualche dubbio intorno alla congiura. Ma l'indole
del Campanella era appunto tale, da offrire una pieghevolezza eccessiva
ed una temerità a tutta prova.--Il libro, come tutti gli altri finquì
detti che vennero a costituire la «Filosofia epilogistica», fu scritto
in italiano secondo il costume adottato dal Campanella già da qualche
tempo, e fu da lui tradotto in latino più tardi, verso il 1613, quale
si vede nella pubblicazione fattane dall'Adami il 1623; più tardi
ancora fu ripubblicato egualmente in latino a cura dell'autore ormai
libero in Parigi il 1636. Ma si comprende che esso dovè eccitare la
curiosità al più alto grado, onde ne furono sin da principio fatte
molte copie, delle quali ne rimangono tuttora alcune, sovente annesse
agli Aforismi. In Napoli ve ne sono due, una delle quali è la stessa
già data allo Scioppio, non corretta dall'autore ma abbastanza
buona, e l'altra è d'altra mano e molto buona; una copia ve n'è pure
in Roma nella Casanatense, un'altra in Firenze, parte di un codice
Riccardiano, un'altra in Lucca parte del codice sud.^{to} della Bibl.
pubblica; ed anche in Madrid rammentiamo di aver preso nota di un'altra
copia là esistente senza il nome dell'autore. Le copie di Napoli,
che abbiamo avuto tutto l'agio di esaminare, ci hanno mostrato due
fatti importanti, non ancora avvertiti per quanto sappiamo: 1^o, che
esse rappresentano la composizione originaria del libro in una forma
molto rozza, ma robusta e ad ogni modo caratteristica; 2^o, che varii
ritocchi successivi furono fatti al libro quando venne tradotto in
latino nel 1613, e perfino quando ne fu preparata la ristampa, ciò che
deve riferirsi a dopo il 1629. E poichè questo libro offre un saggio
notevolissimo delle opinioni politico-religiose riposte dell'autore,
meritano di essere ponderate le modificazioni successive introdottevi
in tre date diverse, corrispondenti agli anni 1602, 1613, 1629; l'esame
di tali modificazioni, mentre rivela l'animo dell'autore nelle dette
date, rivela in pari tempo che le opinioni espresse in quel libro
non furono da lui abbandonate giammai non ostante tutte le apparenze
in contrario, come del resto si desume egualmente dalle _Quistioni
sull'ottima repubblica_ scritte in difesa della _Città del Sole_
tanto più tardi, e fino ad un certo punto anche dalla dedica della
2^a edizione del libro _De Sensu Rerum_ fatta nel 1637 al Card.^l
Richelieu, dal quale, niente meno, l'autore disse di attendersi
l'edificazione della Città del Sole[360]. Facciamo voti che questo
libro, di cui si sono eseguite diverse traduzioni e edizioni, sia
pubblicato anche con le varianti delle diverse date suddette. Più
edizioni sono totalmente esaurite: l'ultima del Daelli (Bibl. rara,
Milano 1863), che abbiamo non ha guari potuto avere, è stata condotta
sulla 2^a ediz. di Lugano 1850, analogamente a quella più diffusa del
D'Ancona, il quale non potè servirsi del codice Riccardiano perchè
scorrettissimo. Entrambe quindi rappresentano un volgarizzamento dal
latino, e per verità non ritraggono nel miglior modo la fisonomia
del Campanella, de' suoi tempi e de' suoi luoghi, come lo farebbe
l'italiano originale; basterebbe avere di esso almeno alcuni tratti,
e possono sotto tutti i rispetti servire molto bene per una nuova
edizione i codici napoletani.

Dopo la _Città del Sole_ il Campanella attese certamente a comporre la
sua _Metafisica_; e conoscendo essere stata questa un'opera voluminosa
possiamo ritenere che ebbe a lavorarvi per tutto il resto del 1602.
Essa andò poi perduta, almeno per un certo tempo come vedremo, e
non avendo altro fonte dal quale trarne maggiori notizie, dobbiamo
ricorrere al _Syntagma_, il quale per fortuna apparisce esatto in tale
circostanza. Ecco quanto vi si legge: «Poco di poi a Napoli scrissi
una _Metafisica_ in italiano, distinta in tre parti e quindici libri,
ove trattai de' principii dell'essere, del conoscere e dell'operare, e
posi allora le cause, i principii e le primalità dell'ente, sopra la
Necessità, il Fato e l'Armonia escogitati prima da me: e questa ricevè
dalle mie mani Geronimo Tufo Marchese di Lavello nell'anno 1603, nè
me la restituì più mai». Adunque il Marchese di Lavello ebbe a fargli
una visita in Castel nuovo il 1603, ed è verosimile che glie l'abbia
fatta ai principii dell'anno, quando il processo dell'eresia era
finito, ed anche la sentenza era stata comunicata al Campanella, ciò
che vedremo accaduto in gennaio 1603; non sarebbe quindi arrischiato
l'ammettere che a tale data la _Metafisica_ fosse stata già menata a
termine. Circa il non essergli stata restituita la detta opera, vedremo
che egualmente nella lettera del 1607 allo Scioppio il Campanella si
dolse di «un Marchese discepolo ingrato» che se la riteneva, e quindi
non a Gio. Geronimo, ma al figliuolo di lui che avea dovuto essergli
discepolo, il Campanella credevasi in dritto di muover rimprovero;
difatti nel _Syntagma_ medesimo si trovano registrate le peripezie
sofferte dal libro «essendo morto il Marchese», peripezie le quali con
ogni probabilità il Campanella non conosceva ancora allorchè scriveva
la lettera allo Scioppio.

Ci fermiamo qui per contenerci nel periodo che ci siamo prefisso.
Aggiungiamo solamente che di tempo in tempo il Campanella dovè scrivere
ancora altre poesie dopo quelle già menzionate, e fuori ogni dubbio una
gran parte di esse, di natura intima, dovè essere eliminata quando si
fece la scelta che fu poi pubblicata a cura dell'Adami: intanto, con un
poco di buona volontà, si può pervenire a riconoscere qualcuna delle
rimaste appartenente al periodo attuale. Ne indichiamo p. es. una che
si rivela del tempo in cui l'autore scriveva la _Città del Sole_; è il
Sonetto annoverato tra' Profetali che ha quella chiusa:

          «Se in fatti di mio e di tuo sia il mondo privo
         nell'util, nel giocondo e nell'onesto,
         cangiarsi in Paradiso il veggo, e scrivo:

          E il cieco amor in occhiuto e modesto,
         l'astuzia ed ignoranza in saper vivo,
         e 'n fratellanza l'imperio funesto»[361].


NOTE:

[146] Questa lettera del S.^{ta} Severina non si trova nel Carteggio
esistente in Firenze, ma è citata nelle due lettere del Nunzio al S.
Giorgio e al S.^{ta} Severina degli 11 febbraio (ved. Doc. 87 e 88,
pag. 63). L'assenza del Vescovo di Caserta dal Regno rilevasi dalla
lettera precedente del Nunzio del 16 novembre 1599 (vedi Doc. 54, pag.
51).

[147] Fontana, Sacrum Theatrum Dominicanorum, Rom. 1666, pag. 589 e 544.

[148] Ughelli, Italia Sacra, Venet. 1720, t. 8, p. 37.--Quétif et
Echard, Scriptores ordinis Praedicatorum, Lutet. Parisior. 1721, t. 2,
p. 343-44.

[149] Nella sua Narrazione il Campanella lo nomina due volte, dicendolo
Tragagliola, e il Capialbi lo corregge sempre dicendo «leg. da
Firenzuola»; inoltre il Capialbi lo dice di Firenzuola in Toscana, ma
anche l'Ughelli l'avea già dichiarato «Insuber».

[150] Vedi i Registri _Comune_ vol. 29 (an. 1599-1603) fol. 28 t.^o,
dove il Vescovo è cognominato «tragaiolo», e i Registri _Sigillorum_
vol. 37 (an. 1600), data 8 marzo, dove si legge: «Exequotoria de bulle
apostolice del Vescovato della città di termole in persona del Rev.
frate Alberto tragarola taxato nihil solvat» etc. Anche nel processo
del Campanella non di rado il cognome del Vescovo trovasi scorretto;
ma nel Carteggio del Nunzio (Lettere dal 1597 al 1598, Filza 210)
può vedersene la firma autografa sotto una Fede rilasciata per aver
ricevuto un frate prigione inviato da Napoli, e del pari se ne legge
molto esattamente il cognome ne' preziosi documenti del processo di
Giordano Bruno raccolti dal Berti.

[151] Vedi Doc. 308, pag. 256.

[152] Anche nel Carteggio del Nunzio si trovano parecchie notizie sul
Prezioso, ma posteriori al periodo di cui ci stiamo occupando. Egli
era in continui contrasti con Giacomo Protonotaro, altro Mastrodatti
della Curia, invadendone senza posa le attribuzioni; e fu precisamente
lui, che alcuni anni più tardi, per una quistione intorno a un processo
di bigamia, essendosi negato di consegnare il processo all'autorità
civile, fu senz'altro preso e mandato in galera, onde ne nacque la
scomunica al Reggente de Ponte ed una delle più rumorose controversie
giurisdizionali.

[153] Ved. Doc. 309, pag. 258.

[154] Ved. Doc. 310, pag. 260.

[155] Ved. Doc. 331, pag. 284.

[156] Ved. Doc. 311, pag. 261.

[157] Ved. Doc. 312, pag. 263.

[158] Ved. Doc. 313, pag. 264.

[159] Ved. Doc. 314, 315, 316, pag. 265 e 266.

[160] P.^e Fiore, Della Calabria illustrata, Nap. 1691, vol. 2^o, pag.
394.

[161] Ved. Doc. 328 e 329, pag. 281 e 282.

[162] Si rilevano dalla risposta del Card.^l di S. Severina; ved. Doc.
330, pag. 284.

[163] Ved. la nostra Copia ms. de' processi eccles. tom. 1.^o, fol.
111-1/2.

[164] Ibid. fol. 362-1/2-63.

[165] Ved. Doc. 317 a 321, pag. 268 a 273.

[166] Ved. Doc. 322 a 326, pag. 274 a 277.

[167] Ved. Doc. 327, pag. 279.

[168] Ved. la nostra copia ms. de' processi eccles. tom. 1.^o fol.
96-1/2.

[169] Ved. Lett. del Nunzio del 16 giugno 1600 filz. 230.

[170] Cioè al Monastero di Monte Vergine propriamente detto, sul
monte Partenio presso Avellino. Chi scrive questa narrazione serba
dolorosissimi ricordi familiari di fatti dello stesso genere, avvenuti
in questi nostri tempi sul detto monte.

[171] Ved. la nostra Copia ms. de' processi eccles. tom. 1.^o fol.
98-1/2; così pure per gli esami seguenti.

[172] Ved. Doc. 332, pag. 284; quivi anche gli esami seguenti di fra
Dionisio.

[173] Ved. Doc. 333, pag. 295.

[174] Nella _Numerazione de' fuochi_ di Stilo (vol. 1385 della collez.)
fasc. dell'anno 1636, l'elenco «veteris numerationis (1596) per
comprobationem», oltre Giulio figlio di Paulo Contestabile di an. 26
sotto il n.^o 200, reca anche: «n.^o 256, Giulio Contestabile a. 35,
Caterina uxor an. 20, Lucretia filia a. 2». Ne' Registri _Partium_
vol. 1390 fol. 28 (an. 1596) si trova «Giulio Contestabile de Theseo»;
invece nel processo leggesi «di Lucio».

[175] Ved. Let. del Nunzio al Vescovo di Nardò, del 28 giugno, e Let.
del Nunzio al Vicerè del 4 luglio; Doc. 103 e 104, pag. 67.

[176] Ved. Doc. 334, pag. 296.

[177] Per la lettera del S.^{ta} Severina ved. Doc. già cit.^{to} 330,
pag. 284. Per l'atto del tormento del Campanella ved. Doc. 335, pag.
298.

[178] Ved. Doc. 336 e 337, pag. 300 e 301.

[179] Ved. Doc. 338, pag. 301.

[180] Ved. la nostra Copia ms. de' proces. eccles. tom. 1.^o fol. 130 e
seg.^{ti}

[181] Pel D'Amico ved. la nostra Copia ms. de' processi tom. 1.^o fol.
134 e 137; pel Polistina ved. Doc. 339 pag. 302.

[182] Ved. Doc. 340, pag. 303.

[183] Ved. Doc. 351 a 355, pag. 329 a 337.

[184] Ved. la nostra Copia ms. de' proces. eccles. tom. 1^o fol. 308 e
seg.^{ti}

[185] Ved. Doc. 341, pag. 306.

[186] Ved. Doc. 343, pag. 309.

[187] Ved. Doc. 342, pag. 306.

[188] Ved. Doc. 344 a 349, pag. 311 a 326.

[189] Ved. Doc. 358, pag. 340.

[190] Ved. nel Carteggio del Nunzio, Doc. 105, pag. 68.

[191] Ricordiamo che questa odiosità o inimicizia capitale avea sempre
una importanza particolare nelle cause di S.^{to} Officio; ved. la nota
a pag. 260 del 1^o volume di questa narrazione.

[192] Quando negli esami difensivi si vede interrogato un testimone
sopra una serie di articoli, e poi sopra altri, saltatine alcuni con
la formola «omissis aliis de voluntate producentis», s'intende che
questa omissione non è fatta per volontà di persona presente, ma per
volontà espressa dall'inquisito, d'accordo col suo Avvocato, nel dare
la lista de' testimoni, avendo indicato che quel testimone doveva
essere udito sopra determinati articoli. L'Avvocato dunque non era
presente agl'interrogatorii. Circa le Difese scritte, anche tra' MS.
della Biblioteca Nazionale di Napoli c'è una così detta «Collezione
di processi per carcerati nel S.^{to} Officio della Curia Napolitana»
(XI, B, 34), che veramente è una Collezione di Difese per carcerati nel
S.^{to} Officio e in piccola parte anche per cause civili e criminali
del foro ecclesiastico. Naturalmente in ogni Difesa, spesso intitolata
«Tutamen pro...» etc., la «enucleatio facti» dà una certa contezza
sommaria del processo. Le Difese per cause di S.^{to} Officio, riunite
in quella Collezione, vanno dal 1673 al 1680 ed appartengono quasi
tutte a un D. Clemente Ferrelli avvocato de' poveri: i testimoni vi
si veggono indicati con lettere A, B, C, talora anche l'inquisito,
specialmente se è sacerdote, è indicato con N. N. Possediamo poi una
Difesa anche stampata per causa di S.^{to} Officio, ed è la sola che
abbiamo incontrata fra tanti opuscoletti da noi veduti.

[193] Ved. la Copia ms. tom. 1^o, fol. 267. Il Memoriale, scritto dal
Lauriana e degno di lui, vedesi firmato appunto da' frati affidati
alle difese del Montella e poi dello Stinca, ed attesta la bontà del
Vescovo di Termoli per que' frati. Fu inserto nel processo a lato di
una comparsa di fra Pietro di Stilo del 17 novembre, con la quale fra
Pietro rinunziava alle difese. Ma essendovi nel memoriale, con cui si
dimandava un Avvocato, la firma anche di fra Pietro di Stilo, è chiaro
che la data di tale scrittura deve riferirsi a un periodo anteriore, e
verosimilmente a' primi di ottobre.

[194] Ved. Doc. 357, pag. 339.

[195] Ved. Toppi, De origine omnium tribunalium etc. Neap. 1655-66,
vol. 3^o p. 29.

[196] Questo elenco annuale de' Cappellani Regii fu redatto in quel
tempo per la franchigia del pagamento del «grano a rotolo» ed inviato
a' Deputati della pecunia dal Cappellano maggiore. Vi si legge: «Rev.
dot.^r Scipione stinca con doi servitori». Notiamo che dall'anno 1604
in poi non fu inviato un elenco nominativo, e però non si trova più
registrato il nome dello Stinca.

[197] Ved. i _Certificati de' lettori_, che il Cappellano maggiore
inviava allo Scrivano di razione pe' pagamenti. La provvisione
raddoppiata, concessa al Dello Grugno, raggiungeva appena D.^i 80
annui; così poco costava a que' tempi un buon lettore.

[198] Ved. Doc. 359 e 360, pag. 341 e 342.

[199] Ved. Doc. 362, pag. 359.

[200] Ved. Doc. 356, pag. 339.

[201] Ved. Doc. 361, pag. 344.

[202] Questo è il significato della espressione che si legge nell'art.
53, che cioè «non l'aveva mandato a Roma per penitenza», modo volgare
ancor oggi abbastanza usato nel mezzogiorno d'Italia.

[203] Ved. Doc. cit. pag. 356.

[204] Costoro sappiamo certamente essere stati già carcerati, poichè se
ne fa menzione in diverse parti del processo. Su molti altri, compresi
nella medesima categoria de' testimoni dimoranti in Napoli, non abbiamo
uguale certezza: potrebbe supporsi che fossero stati anche carcerati,
poichè fra Dionisio li dà per testimoni precisamente sull'art. 58,
vale a dire sulla sua condotta «da tutto il tempo in qua che è stato
carcerato»; ma riesce notevole che non abbia dato alcuno di loro per
testimone anche su qualche fatto avvenuto nel carcere, come si verifica
in persona di quelli che sappiamo essere stati certamente carcerati.
È più probabile quindi che si tratti di frequentatori del carcere per
ragione di visite, come si ha per Aquilio Marrapodi compreso nella
stessa categoria, frequentatore del carcere per ragione di servizii;
e così ci è parso doverli escludere dall'elenco de' carcerati che ci
siamo ingegnati di compilare (ved. nel vol. III, Illustraz. IV, pag.
644). Diamo tutte queste spiegazioni perchè la cosa rifletterebbe
individui di conto, tra gli altri il Dot. Gio. Vincenzo Serra e il Dot.
Ottavio Serra, sul quale ultimo dal documento inserto nel processo si
ha che trovavasi Sindaco di Nicastro quando fra Dionisio fu inviato al
Papa per la faccenda dell'interdetto, e molti altri documenti potremmo
produrre esistenti nel Grande Archivio.

[205] Ved. Doc. 382, pag. 395.

[206] Ved. i Reg.^i _Partium_ vol. 1165 bis e 1181 fol. 126; 1244
bis fol. 6; 1271 fol. 193; 1275 fol. 205 etc. etc. Inoltre i Reg.^i
_Privilegiorum_ vol. 91 folio 137; e gli stessi Reg.^i _Partium_ vol.
1317 fol. 100 t.^o, e vol. 1508 fol. 133.

[207] Ved. Reg. _Sigillorum_ vol. 35 (an. 1599), sotto la data 21
giugno. Quivi si legge: «Licentia d'arme a Cesare Spinola affittatore
de S.^{to} Nicola, Massari e garzoni, taxato tarì uno».

[208] Ved. Reg. _Officiorum Viceregum_ vol. 6 (an. 1593-96) fol.
75, e vol. 7 (an. 1595-98) fol. 155. Quivi si legge: «Expedita fuit
provisio Patens officii Capitaneatus. Hostuni in personam mag.^{ci}
Don Francisci de Castiglia pro uno anno integro, et deinde in antea ad
beneplacitum, cum provisione, lucris, gagiis, et emolumentis solitis,
et consuetis, et cum clausulis in forma Regiae Cancellariae, qui etiam
praestitit Juramentum in posse mag.^{ci} et circumspecti D. Petri de
Castellet regii Collateralis Consilii ac Regiam Cancellariam Regentis.
Neapoli die 31 mensis Januari m.^o d.^o nonagesimo octavo. El Conde
de Olivares».--Per l'esecutoria ved. Reg.^i _Sigillorum_ vol. 34 (an.
1598) sotto la data 20 febbraio.

[209] Non mancavano frattanto in favore di questo pessimo soggetto
commendatizie perfino da Cardinali come il Bellarmino; ed il Nunzio,
dopo la fuga e la ripresa di lui in Gaeta, scriveva che il suo negozio
era «aggravato con intiera sua colpa, che s'è lassato ripigliare», nè
seppe far di meglio che consegnarlo nel 1605 alla Religione di Malta
che lo reclamò. Il Vicerè fin da principio avea fatto istanza che fosse
giudicato dal Nunzio coll'intervento di un ufficiale Regio (come si
fece pel Campanella più tardi), ma S. S.^{tà} non volle concederlo,
benchè si trattasse di un così volgare assassino. Ved. il Carteggio del
Nunzio in Firenze: Lett. da Roma del 5 maggio 1595, 8 novembre 1600,
14 giugno 1602, 12 novembre 1604; e Lett. da Napoli 3 marzo 1598, 17
marzo e 5 maggio 1600, 17 maggio e 22 giugno 1602, 14 e 30 luglio e
28 ottobre 1605. Inoltre i Reg.^i _Curiae_ in Napoli: vol. 40 (an.
1595-99) fol. 181, 12 marzo 1598; e vol. 47 (an. 1599-600) fol. 15
t.^o, 31 agosto 1599.

[210] Ved. Doc. 363 e 364, pag. 360 e 361.

[211] Ved. Doc. 365, pag. 364.

[212] Ved. Doc. 366, pag. 366.

[213] Ved. Doc. 367, pag. 367.

[214] Ved. Doc. 368, pag. 369.

[215] Ved. Doc. 369, pag. 370.

[216] Ved. Doc. 370 a 372, pag. 371 a 379.

[217] Esclamazione comunissima tra' calabresi.

[218] Ved. Doc. 373, pag. 381.

[219] Ved. Doc. 384, pag. 397.

[220] Ved. Doc. 385 a 391, pag. 402 a 414.

[221] Ved. Doc. 392, pag. 415.

[222] Intendi Scanderbeg; nel volgare napoletano dicevasi
Scannaribecco, e del resto «Scannalibec» e «Scandalibechi» leggesi
anche in molte scritture pubbliche, p. es. ne' processi della Sommaria.

[223] Ved. Doc. 106, pag. 68. La ricevuta del processo fu da Roma
annunziata il 16 10bre, ved. Doc. 107, ibid.

[224] Ved. Doc. 377 a 381, pag. 388 a 394.

[225] Ved. Doc. 376, pag. 386.

[226] Ved. Doc. 374 e 375, pag. 383 e 384.

[227] Ved. Let. del 6 aprile 1601, Doc. 120, pag. 71.

[228] Ved. Doc. 394, pag. 448, 455, 456, 449. Per le parecchie altre
proposizioni ved. la nostra Copia ms. tom. 1^o, fol. 362-1/2, 363,
380-1/2, 377, 394, 398, 392-1/2. Son questi tutti gl'importanti brani
del Carteggio del Vescovo.

[229] Ved. Doc. cit. pag. 457.--Molte ricerche abbiamo fatte su tale
negozio di Bitonto (nota città della Puglia), ed abbiamo trovato
questi tre documenti, che ci sembrano riferibili al negozio cui
allude il Vescovo di Termoli: essi si leggono ne' Reg.^i _Curiae_
vol. 34, fol. 216, 270 e 277 t.^o--1^o «Al m.^{co} giodice di butonto
(_sic_). Havemo visto quanto ci scrivete per la vostra delli 14 del
mese passato intorno al particolare della carceratione fatta per lo
Rev.^{do} Vicario di quessa città della donna fattocchiara contra la
quale pretende procedere nella sua corte ecclesiastica prosopponendo
che il sortilegio fatto per detta donna sia hereticale et per voi si
pretende procedere nella vostra corte per le cause et raggioni che
in detta vostra ci allegate dandoci del tutto aviso acciò havessimo
ordinato quello havessivo dovuto exequire, al che respondendo vi
dicimo che essendosi per noi ben considerato quanto ci scrivete ci è
parso di ordinarvi che non vi debbiate intromettervi in quella causa
ma in quella lassarete procederci dal detto vicario nella detta sua
corte Ecclesiastica, et cossi l'essequirete non facendo lo contrario
per quanto se hà cara la gratia della predetta M.^{ta} Dat. neap.
die 8 aprilis 1593. El c. de Miranda».--2.^o «Al m.^{co} Jodice de
bitonto... Per la vostra de li XI de febraro che havete scritta
all'infrascritto mag.^{co} et circumspetto Reg.^{te} Moles havemo visto
l'aviso che li date deli sortilegii, et magarie che si fanno in quessa
terra. In resposta dela quale vi decimo che havete fatto bene a dar
l'aviso predetto et vi ordinamo che da mano in mano ci debiate donar
particolare aviso di quello che accaderà in simili negotii acciò per
noi se possa provedere et ordinare quello che più meglio ci parerà che
convenghi et cossi lo debiate exequire che tal è nostra voluntà. Dat.
neap. die 24 mens. martii 1594. El c. de Miranda».--3.^o «Al Capitano
della città de Bitonto... Nelle carcere della Viscoval corte de questa
città de Bitonto sa ritrovano ritenute alcune donne e un giovanetto
vaxallo del stato ecclesiastico per cause gravi de apostasia dalla
santa fede impietà magarie et altre cose spettanti al santo officio
del inquisitione, et per che conviene per il servitio de nostro Signor
iddio che quelli se mandino in questa fidelissima città de Napoli nel
miglior modo che si potrà, o con sicurta o pleggiaria se l'haveranno o
vorranno dare, overo non dandola o volendola dare con farli condurre
preggioni secondo sarà giudicato per il Rev.^{do} Vescovo de questa
predetta città, per ciò ci e parso farvi la presente per la quale ve
dicimo, et ordinamo che al ricevere d'essa parendo al d.^{to} Rev.^{do}
Vescovo dare quella pleggiaria che al d.^{to} Rev.^{do} Vescovo parirà
doversi dare, la quale per quella quantità sia buona et sufficiente de
venire retto tramite et presentarsi nelle carcere della Vicaria etc.
Dat. Neap. die 23 augusti 1594. El Conde de Miranda». Sembra manifesto
che gl'imputati venuti a Napoli sieno stati mandati a Roma, dove le
imputazioni furono poi trovate insussistenti.

[230] Engenio, Napoli sacra, Nap. 1623, pag. 151-152.

[231] Ved. Doc. 108, pag. 68.

[232] Ved. Doc. 108 a 115, pag. 68 a 70.

[233] Ved. Doc. 116, pag. 70.

[234] Vedi l'Ughelli loc. cit.--La data dell'_exequatur_ fu il 25 feb.
1594, come si rileva da' Reg. _Sigillorum_, vol. 27 (an. 1586-95) fol.
213 t.^o.

[235] Ved. l'Engenio, Napoli sacra, Nap. 1623, p. 562; Silos,
Historiarum clericorum regularium t. 2. Rom. 1655, p. 67 e 156.

[236] Ved. Doc. 396, pag. 470.

[237] Ved. Doc. 396 e 398, pag. 461 e 473.

[238] Ved. vol. 1^o, pag. 70.

[239] Ved. Doc. 117, pag. 70.

[240] Ved. Doc. 398 b, pag. 473.

[241] Ved. Doc. 118 pag. 70, e Doc. 407 pag. 507.

[242] Ved. Let. del 18 maggio 1601; Doc. 122, pag. 72.

[243] Ved. Doc. 119, pag. 71.

[244] Ved. il cit. Doc. 122, pag. 72. In questa lettera si parla anche
di patenti e licenze da trasmettersi al Pittella e al Contestabile: non
riesce agevole intendere di che si tratti, ma parrebbe trattarsi di
fornir loro i permessi di andare a deporre in Squillace circa le nuove
diligenze ordinate da Roma, poichè per la condanna avuta essi dovevano
rimanere «extra provinciam Calabriae».

[245] Il fatto è registrato anche dal Campanella nella sua
Informazione, ed interpetrato naturalmente così: «fra Cornelio era
di mala conscienza, poi c'ha venduto il sangue di suoi fratelli, et
andò fin a Spagna per la paga allo ingannato Re». È da notarsi che il
Campanella non aggravò mai la mano sopra fra Marco e lo disse perfino
«huomo buono ingannato da loro, che stava tanquam idolum et pastor»,
mentre tutto il processo, ed anche la parte del Carteggio del Nunzio
di cui ci stiamo occupando, mostrano il contrario; parrebbe che al
Campanella premesse di non tirarla troppo.

[246] Ved. Doc. 118, pag. 70, e 120-121, pag. 71-72.

[247] Ved. Doc. 400, pag. 475.

[248] Ved. Doc. 399, pag. 474.

[249] Ved. Hippolyti De Marsiliis Bononiensis, In nonnullos ff. et
C. titulos Comment. et Repetit. etc. Venet. 1635 p. 45: «Aliud est
tormentum, quo saepe usus sum contra obstinatos et contra non timentes
tormenta, et vere nemo ita ferox invenitur qui huic tormento possit
resistere, et est tormentum non laedens corpus, tamen est maximae
potentiae, et antequam de ipso fecissem experientiam, videbatur mihi
potius res ridiculosa quam tormentum, quod tormentum tale est. Nam
ponitur reus super uno scamno ad sedendum, et ibi adsunt duo qui eum
custodiunt ut non dormiat, nec de die nec de nocte, et cum ipse reus
inclinet caput in una parte propter somnum, ille famulus qui est ibi
ab illa parte dat cum manu sibi in capite, et excitat eum et elevat
sibi caput, et idem faciat alter famulus quando inclinat caput ab alia
parte versus eum, et quando illi duo sunt fessi et volunt dormire,
alii duo novi subrogantur in locum illorum, et non permittunt unquam
dictum reum dormire nec quiescere, in tantum quam ad tardius in duabus
noctibus et uno die, reus omnia confitebitur promissa sibi quiete...»
etc.--Grillandus Paulus Castilioneus, Tractatus de hereticis et
sortilegiis omnifariam coitus etc. Lugd. 1536 fol. 94 t.^o. «Profecto
vidi ea quae prius non credebam, quod illud affert maximum tormentum
et fastidium in corpore, absque aliqua membrorum lesione».--Ambrosini
Tranquilli Senogalliensis Processus informativus; acced. Bernardini
Franc. Mediolanensis Scholia, et Farinacei Prosp. Decisiones de
indiciis et tortura Venet. 1649, pag. 348: «Quomodo haec duo tormenta
dentur (ignis et Vigilia) consule alios, ego enim non sum apparitor
aut birruarius». E pag. 237: «Tormentum vigiliae est scamnum quoddam
altum a terra per septem vel octo palmos in circa tribus inhaerens
hastis tanquam fulcris, non planum sed paulum acclive et in medio
elevatum, conficiens angulum sed obtusum, super quo angulo manet reus
ano denudato. Dixi angulum obtusum, quia si esset acutus, ut quandoque
vidi, posset tortum ipsum fractis et foratis sibi inferioribus
partibus interimere».--Zacchia Paul. Quaestiones Medico-legales,
ed. 4.^a Avenion. 1655, t. 1, pag. 411: «Secundum tormentum, quo in
praesentiarum utuntur, illud est quod tormentum Vigiliae nominant,
quod quidem ex nonnullis conditionibus atrocius multo videtur quam
tormentum funis; est autem hoc tormentum hujusmodi. Reus in totum
denudatus, illique pilis omnibus etiam reconditarum partium derasis,
brachiis versus spinam retro contortis, ut in tormento chordae,
alligatur tanquam fune torquendus. Tripes tum scamnum in promptu est,
quod Capram, vel Equum, vel vulgo il Cavalletto nuncupant, sexipedalis
altitudinis, cujus summitas ex quadrangulari tabula lignea est
pollicaris crassitudinis, latitudinis undique bipalmaris: ejus tabulae
superficies plana quidom in totum non est, sed sensim paulatimque
versus medium ex singulis latibus sese elevans, in obtusum angulum
desinit seu potius obtusam planitiem efformat. Reus eo modo chordae ex
trochlea pendenti alligatus hic sedens sistitur. Lata insuper fascia
ad pectus inditur, ac retro in proximo pariete firmatur; uterque
humerus muris hic inde a lateribus existentibus longo funiculo medius
deligatur; tum ad pedes longus inditur baculus ipsos pedes divaricans,
ne eos Reus jungere possit; hic baculus per alium funiculum, quo
medius ligatur, sursum elatus pedes etiam, et crura Rei attollit,
adversoque parieti firmatur. Hoc modo relinquitur misellus per decem,
duodecim, quindecim, aut viginti, et plures horas ad Judicis libitum,
nisi delicta confiteatur, ea tamen cautela adhibita, ne brachia retro
contorta per crassiorem funem trochleae appensam nimis extendantur; fit
enim, ut miseri Rei multum extensis brachiis de vita periclitentur» etc.

[250] Ved. Eymerici Nicol. Directorium Inquisitorum etc. Rom. 1578, p.
136: «Saepe contingit huic fictae insaniae remedium afferre torturam;
nam dolor non facile patitur jocum et fictionem, atque in hoc casu
nullum videtur periculum ad explorandum animi morbum..... cum nullum
hic mortis periculum timeatur».

[251] Intorno a questo fra Raimo ved. nell'Archivio di Firenze il
Carteggio del Nunzio; Lett. da Napoli 19 febb. 1593; 1^o giugno e
28 10bre 1601; 25 febb.^o e 20 9bre 1602; e Lett. da Roma 16 feb.^o
1602; 28 mag. e 4 giugno 1604. Fra Raimo non confessò nulla nemmeno
alla veglia e fu mandato alle galere Papali; ma giunse a farsi credere
inabile e quindi a farsi liberare dal Generale delle galere; di poi fu
nuovamente carcerato per indebita liberazione. Può servire per esempio
del come andassero le cose a que' tempi.

[252] Ved. Doc. 402, pag. 498. Per le frequenti parole in dialetto
ed anche per l'abbondanza del latino, onde l'Atto potrebbe riuscire
oscuro ad alcuni lettori, ci crediamo obbligati ad esporlo qui senza
restrizioni, mentre avremmo tanto volentieri fatto il contrario.

[253] Ved. Doc. 168 e 169, pag. 86.

[254] Nella lettera al Card.^l Farnese del 30 agosto 1606 pubblicata
dal Centofanti si legge: «Quello Altissimo Dio, che mi liberò di sette
tormenti horrendi»; e in quella al Papa e Cardinali del 12 aprile 1607:
«bis tormentum eculei sustinui; semel torturam brachiorum; et 40 horas
suspensus fune et funiculis ad ossa penetrantibus, insidens acutissimo
ligno quod devoravit carnes meas ad duas libras, et sanguinem ad octo
sextertia exhausit plagis decurrentibus».--Nella Lett. al Papa del
1607 pubblicata da noi: «oltre li tormenti asprissimi di corda, e dui
polledri, et 40 hore di veglia con funicelli sin'all'ossa, et sedendo
sopra un acutissimo legno, chi mi secaro più di due libre di carne
e più che vinti di sangue in diverse volte»; e in quella a Mons.^r
Querengo dell'8 luglio 1607: «per sapientiam et per stultitiam 7
volte dalla presentissima morte il Senno eterno mi liberò; et inanti
à questi 8 anni stetti in carcere più volte, che non posso numerar un
mese di vera libertà se non di relegatione: hebbi tormenti inusitati
e li più spaventosi del mondo cinque fiate e sempre in timore e
dolore»; (non contemplandosi qui il solo caso dell'ultima prigionia
di Napoli, le cinque fiate darebbero motivo di sospettare che vi sia
stato anche un tormento in Roma nel 1591, ma bisognerebbe ammetterne
dippiù un altro in Padova nella 1^a prigionia della fine del 1592,
altrimenti il conto non tornerebbe, e non abbiamo criterii bastevoli
a chiarirlo).--Nelle _Poesie filosofiche_, ediz. d'Ancona a p. 110,
si legge: «Cinquanta prigioni, sette tormenti Passai...»; e a pag.
117, «Il corpo sette volte tormentato».--Nella Lett. allo Scioppio
posta come proemio al ms. dell'Atheismus triumphatus e pubblicata
dallo Struvio, a pag. 6: «Vide quaeso simne asinus ipsorum qui quidem
jam in quinquaginta carceribus huc usque clausus, afflictusque fui,
septies tormento durissimo examinatus, postremumque perduravit horis
quadraginta, funiculis arctissimis ossa usque secantibus ligatus,
pendens manibus retro de fune super acutissimum lignum, qui carnis
sextertium in posterioribus mihi devoravit, et decem sanguinis
libras tellus ebibit. Tandem sanatus post sex menses divino auxilio
fossa demersus sum».--Nelle _Disputationum_ in quatuor partes suae
philosophiae realis, _Quaestionum moralium_ pag. 8: «Id ego expertus
sum 40 horis pendens de fune tortis brachiis ligatus et funiculis
simul usque ad ossa adstrictis; super acuminatum lignum insidens,
ita ut si velim brachiis me subtinere contortis, nimis affligerentur
brachia scapulae, et pectus, et collum, si me demitterem a ligno nates
devorabantur: quae distentae usque ad vessicae collum et radices
genitalium, sanguinem multum emittebant, donec tanquam mortuum post 40
horas torquere cessarunt. Homines alii me maledicebant, et intendebant
dolores, funem excutiendo: alii laudabant clanculum fortitudinem».--E
ne' _Medicinalium_ juxta propria principia lib. 6, pag. 58: «Mihi autem
et venas et arterias disrupit nedum carnes laceravit cruciatus equulei
in posterioribus partibus, et tamen diligentia Chirurgi Scamardelli,
optimi viri, sanitatem adeptus sum».

[255] Nelle _Cedole di Tesoreria e Cassa Militare_ vol. 439 (an. 1610),
fol. 869 si legge: «a ultimo de maggio 1610... a Bonifatio del Castillo
medico Cirugico del r.^o castello di Sant'Elmo per suo soldo de mesi
ventidue etc. a ragione de d.^{ti} 3 il mese, D.^i 72,3,--». Pel medico
Orabona ved. segnatamente i _Processi della Cappellania maggiore_.

[256] Nel _Lib. I. Baptizatorum ab. an. 1544 usque 1600_ si legge:
«A di 3 de Agosto 1566 Lucretia Camardella fig. de Gio. Antonio
Camardella et Mad.^a lavina Camardella» etc. Nel _Lib. III Baptizatorum
et Mortuorum_, all'elenco de' morti si legge: «A dì 22 de febraro
1601 morse lavina madre de sipione (_sic_) camardella medico»;
inoltre «A dì 29 de luglio 1631 morì Scipione Cammardella Gerusico
del Castello sepolto alla sep.^{ra} de Sacerdoti nella Chiesa».--È
facile intendere che le parole scritte da fra Tommaso «diligentia
Chirurgi S. Camardelli (Scipionis Camardelli)» sieno state nella stampa
interpetrate «diligentia Chirurgi Scamardelli». Così nella stessa opera
_Medicinalium_ a p. 350 si parla di «Cioccio del Tupho», evidentemente
Ciccio ossia Francesco del Tufo; a pag. 378 si parla del «medicus
Santarellus nolanus», alludendo senza alcun dubbio al medico Antonio
Santorelli da Nola, celebratissimo in quell'età, lettore di pratica
nello studio pubblico dopo il Cannizales nel feb.^o 1613, poi lettore
di filosofia dietro il ritiro di Latino Tancredi nell'8bre 1617 etc.
etc. In somma è difficile avere un nome senza storpiatura, ciò che
s'incontra egualmente ne' non pochi libri italiani del tempo, dati a
stampare all'estero senza la revisione degli autori.

[257] Ved. il cit.^{to} Doc. 400, pag. 476.

[258] Questo Vincenzo Ubaldini non ci riesce ignoto. Era di Stilo e
insieme con tutta la famiglia dimorava in Napoli. Andato a Stilo col
fratello Francesco, fu carcerato insieme col fratello e tradotto in
Vicaria; l'Archivio di Stato ci fa conoscere la famiglia loro ed anche
il motivo della loro carcerazione; trovandosi in Vicaria ebbero più
tardi ad essere chiamati quali testimoni in una informazione di S.^{to}
Officio presa appunto contro fra Pietro di Stilo.--1^o _Numerazione de'
fuochi_, vol. 1385. Fuochi di Stilo della vecchia numerazione (1598)
estinti: «n.^o 39. Bartolo Baldino a. 48; Livia uxor a. 30; Vincenzo
f.^o a. 18; Francesco f.^o a. 15; Mutio f.^o a. 5; Dalfina Brescia
famula a. 18».--2^o Reg.^i _Curiae_ vol. 55 fol. 9 t.^o «All'Audientia
di Calabria ultra..... Da alcune Monache del Mon.^{io} di S. Maria
della gratia de' Vergini della città di Stilo ci viene scritto
dell'insulto, et parole ingiuriose fattoli, da Vincenzo et Francesco
baldini dell'istessa città in detto loro monasterio...» (segue l'ordine
di prendere informazione, assicurarsi delle persone ed avvisare) 29
maggio 1603.--3^o Contra fratrem Petrum Dominicanum etc. nella n.^a
Copia ms. de' proces. eccles. tom. 2^o, fol. 267.

[259] Nei suoi scritti si disse sempre «Hipponiata», dando così luogo
ad interpetrazioni diverse, onde fu dichiarato di Monteleone, di S.
Eufemia, di Gerace, di Taverna. In un curioso documento da noi trovato,
del 1614, egli si dice napoletano, di circa 72 anni, figlio del q.^m
Mario e Lucrezia Galfuna. Intanto ci consta pure che dopo il Perrotta,
dal 23 8bre 1607 fino al 1622, tenne la cattedra di chirurgia ed
anatomia un Mario de Burgos y Azolin; potrebbe stare che questo Mario
fosse un parente di Giulio, accomodatosi a ripigliare l'originario
cognome spagnuolo per ottenere più facilmente la cattedra; se così
fosse, s'intende che riescirebbe accertata l'origine spagnuola di
Giulio Jasolino, ma è indubitabile che egli era nato in Calabria, e
ci consta da altri fonti che aveva due fratelli in Napoli, Orazio e
Ferrante, oltrechè vi fu contemporaneamente qualche altro dottore
Jazzolinus di Taverna in Calabria (ved. per quest'ultimo nel Grande
Archivio la _Collectio Salernitana_ vol. 170 fasc. 1.^o f. 47; il tom.
1.^o fasc. del 1588 della stessa Collezione ha un autografo di Giulio
Jasolino).

[260] Ved. Doc. 403, pag. 502.

[261] Ved. Doc. 404, pag. 503.

[262] Ved. Pegna, Scholia in Eymerici Directorium Inquisitorum, Romae
1578, Schol. XXV pag. 136; «Quid si revera haereticus in furorem
incidat,... quomodo ejus causa tractanda? Respondeo custodiendum esse
omnino, donec ad sanam mentem revertatur: nec potest damnari priusquam
in furore moriatur, quia fortassis resipiscet et reconciliabitur
Ecclesiae: nec ob id dicetur recedere impunitus, cum satis ipso furore
puniatur». Anche se l'eretico fosse divenuto pazzo mentre era già
condannato all'ultimo supplizio, bisognava sospenderne l'esecuzione:
«Minus malum videtur eum impunitum relinquere, quam puniendo animam
perdere; differendum est igitur aut etiam amovendum penitus omne
supplicium» (Ibid.).

[263] Su questo Cesare d'Azzia potremmo dare varie notizie, ma ci
basterà dire che era di famiglia nobilissima, bensì di costumi molto
tristi. Anche nell'Arch. di Stato in Torino, _Lettere-Ministri_ Due
Sicilie maz. 1^o, lett. dell'Agente Melchiorre Reviglione 28 mag. e 7
giugno 1602, trovasi qualche cosa intorno a lui; poichè egli era Cav.
di S. Lazzaro fin dal 1560 e possedeva le commende di Ariano, Barletta,
Venosa e Rocca-Rainola. Il Reviglione suggerì di farlo processare e
privare dell'abito dal Nunzio Pontificio, del quale il Duca di Savoia
si serviva in simili casi.

[264] Ved. Doc. 417, pag. 521. Si ricordi che dopo la veglia il
Campanella fu posto in una camera presso la Sala Reale, ed ora si badi
che lo scritto fu trovato nel reveglino tra le due porte del castello:
a chi conosce il luogo è chiaro che il Campanella dovea trovarsi nel
bastione che rimane tra i due torrioni, quello detto Bibirella e quello
detto del Castellano, ma più dappresso a quest'ultimo e nel 2^o piano.

[265] Ved. Doc. 423, pag. 528.

[266] Ved. Doc. 405, pag. 504.

[267] Ved. Filza 4089, _Lettere di particolari scritte da Napoli al
Sig.^r Lorenzo Usimbardi l'anno 1601 et 1602_. La relazione è senza
data, ma precede di poco l'annunzio della morte del Vicerè; per altro
le Lettere stanno in quella Filza assai disordinatamente.

[268] L'Ughelli, Italia Sacra t. 6^o p. 624, qualifica il Provenzale
«nobile Filosofo e Teologo» non già medico; ma dice che Clemente VIII
si servì dell'opera sua e cita i libri medici di lui.--Quanto al
Bonaventura, può leggersi il Carteggio del Nunzio, Let. di Napoli 2
9bre e 7 10bre, 4 8bre 1602 e 26 7bre 1603; e Lett. di Roma del 30 9bre
1601, 13 7bre 1602, 15 maggio 1604.--Notiamo che negli ultimi giorni
della malattia del Vicerè il Nunzio non si trovava in Napoli; avea
dovuto recarsi, con suo vivo dispiacere, a Larino, dove il popolo avea
chiuso le porte della città in faccia al suo Vescovo Mons.^r Vello, e
vi si era fatto accompagnare da 50 soldati a cavallo concessigli dal
Governo; ved. il suo Carteggio, Lett. da Napoli del 21 7bre, 5 e 15
8bre 1601 etc. e il Carteggio Veneto, Let. del 9 8bre 1601.

[269] Anche ne' Diurnali di Scipione Guerra, ms. della Biblioteca
Nazionale di Napoli (X, B, 11) si trova un Sonetto apparso al tempo
della morte del Lemos, che canzona la sua intemperanza e comincia così:

          «Giungi roba al pignato Satanasso
         vien teco a cena l'alma di un ghiottone
         che andò mangiando per ogni pontone
         con scusa di portar la moglie a spasso» etc.

Nel Carteggio poi del Residente Veneto, una volta in data del 7
7bre 1599, a proposito delle doglianze affisse pe' cantoni circa la
carestia, si biasima «la smoderata presunzione et superbia del popolo»;
un'altra volta in data del 19 8bre 1601, a proposito delle accuse che
si facevano al Lemos estinto, trovasi un'osservazione molto amara, ma
che è bene conoscere, perchè rimossa l'esagerazione potrebbe anche
offrire qualche cosa da apprendere, ed essa è, che i napoletani «per
natura danno sempre per fatto da altri quello che fariano essi se
havessero la potestà»!

[270] Ved. Doc. 123, pag. 72.

[271] Ved. Doc. 407, pag. 507.

[272] Ved. Doc. 406, pag. 506.

[273] Ved. la nostra Copia ms. de' proces. eccles. tom. 2^o, fol. 180 e
seg.^{ti}.

[274] D. Manno Brundusio di Fondi era stato dapprima Segretario del
Vescovo di Lucera, e poi divenne Segretario del Vescovo di Caserta;
secondo alcuni suoi reclami nè l'uno nè l'altro gli avrebbero dato mai
compenso; vedi nel Carteggio del Nunzio Aldobrandini Lett.^e di Roma
del 1^o 7bre 1600 e 24 10bre 1604; e Lett.^{re} di Napoli del 21 genn.
1605. Suo fratello parrebbe che fosse stato quell'«Appio Brundusio
Fundano filosofo e medico preclarissimo» il quale diresse ad Antonio
Serra l'economista alcune poesie che si leggono in fronte all'opera
di costui intitolata: Delle cause che possono far abbondare gli Regni
d'oro et d'argento, Nap. 1613.

[275] Ved. Doc. 408, pag. 507.

[276] Ved. Doc. 415, pag. 519.

[277] Ved. Doc. 410, pag. 509.

[278] Ved. Doc. 411, pag. 510.

[279] Questa Sig.^{ra} Giulia fu poi moglie del medico e filosofo
celebratissimo a' tempi suoi, Francesco Leotta, di cui fanno menzione
il P.^e Fiore, il P.^e Elia de Amato etc. etc. Nella _Numerazione de'
fuochi_ di Stilo, fasc. del 1630 si legge: «n.^o 411. Dott.^r Francesco
Leotta (assente nella città di Roma); Giulia Prestinace moglie a. 62»
(con due serve).

[280] Il Principe di Conca, di cui qui si parla, non potrebb'essere
altri che quel Matteo di Capoa, «grande Ammirante del Regno» fin dal
1597, cav.^{re} del Toson d'oro etc. che abbiamo visto testimone a
carico di Colantonio Stigliola nel processo che costui ebbe dal S.^{to}
Officio (confr. vol. 1^o, pag. 95 in nota).

[281] Questo opuscoletto, di carte 11-1/2 non numerate, comincia così:
«Pithagoram, cum occultam musices rationem admiratum esse legeretur,
et ex fabrorum malleis juxta pondera invenisse: eumdem quoque ad
hominum natales et genituras descendisse videtur. Ideoque hominis
partum vitalem esse, quum armonias explesse (?) videtur: perfectiorem
vero nonimestrem, eo quod pluribus simphoniis confectum esse dicitur
(?): septimestris igitur ideo armonicus, quum id tempus ex triginta
quinque (?) per senarium ductum constat. Triginta quinque vero ex
sonoris numeris colligitur, quibus homo formatur in utero. Nam primis
sex diebus semen ut lac decoquitur, sequentibus octo erubescit in
sanguinem: subsequentibus 9 fit caro: postremis 12 organizatur et in
hominem formatur. Unde per armonias transit. Nam a primis sex ad octo
Diatesseron est: et ad novem Diapente: et ad duodecim Diapason: ex
quibus triginta quinque confiantur; cui si denarium adas, quatraginta
quinque conficies; quem si per senarium ducas efficies 270, quem
numerum, si in menses dividas, novem menses faciunt. Denarium si per
unum, duo tria et quatuor dividas totum decem faciunt: si binarium ad
unitatem comparabis Diapason videbis: Ternarius ad binarium Diapente:
Quaternarius ad ternarium Diatessaron: e contra vero Quaternarius ad
unitatem Bis diapason: Ternarius ad unitatem Diapason cum diapente.
Quae cum plures sint, nonimestris vitalis erit; Octomestris vero cum
nullas istas habeat proportiones, immusicus est, et non vivet quod in
eo nascitur mense, ut clarius in hoc exemplo schematis hujus patet».
Segue una tavola schematica, che lasciamo, come tutto il resto,
anche perchè la scrittura riesce di una lezione molto difficile; vi
scapiteranno solamente i Musici e i Fisiologi, che avrebbero forse
visto con piacere accomunati i più sublimi principii delle rispettive
discipline.

[282] Pare che debba leggersi: «a mucciari» che vuol dire «a
nascondere»; ma è scritto «amacciari».

[283] Veramente l'originale dice: «fingi chi mi vidi» etc.; ma non
andrebbe nè il senso nè il verso.

[284] Ved. Doc. 409, pag. 509.

[285] Ved. Doc. 417, pag. 521.

[286] Ved. Doc. 418, pag. 522.

[287] Ved. Doc. 419, pag. 524.

[288] Ved. Doc. 420, pag. 525.

[289] Eccola questa scrittura; è brevissima, e possiamo soddisfare chi
voglia un saggio di tali scempiaggini: «Aric sequi Cunaim Enamenìcon
Amael settantol Coniuro vos per Dom. nostr. Jes. Christ. et Mariae
(_sic_) Virginis matris eius ut statim talis in amore meo corrumpere
faciatis.» E poi: Abagator Amon Averamon canus masque pedasque
conturbant te [Illustrazione]

[290] Su questa faccenda del matrimonio di D. Andrea de Mendozza,
figlio di D. Isabella de Mendozza 2^a moglie e già vedova di D. Pietro
Gonzales de Mendozza 4^o Marchese della Valle Siciliana e Rende,
abbiamo trovato notizie quasi complete nel Carteggio del Nunzio,
notizie che non dà il De Lellis (Discorsi delle famiglie nobili del
Regno di Napoli 1654 part. 1^a p. 398); ed è bene saperne qualche cosa,
poichè madre e figlio abitavano nel Castel nuovo, e in questa faccenda
del matrimonio si trovano implicate certe persone che hanno potuto
aver relazione col Campanella. Adunque D. Andrea, essendo capitano
d'infanteria spagnuola in guarnigione a Bisceglie, s'invaghì di D.^a
Ilaria Sifola, che abitava in quella città con la madre Beatrice
Sassi, ed apparteneva a famiglia nobilissima e potentissima in quella
regione, tanto da far correre il proverbio notato dagli scrittori di
cose nobiliari, «pe' Sifoli e Palagani non si può vivere in Trani». D.
Andrea la sposò e vi si unì, ma la madre Marchesa della Valle montò in
tanta collera da far istituire un processo di rescissione di matrimonio
nel tribunale del Nunzio; D.^a Ilaria Sifola, contro la volontà
della Marchesa che avrebbe preferito vederla in un convento, venne
sequestrata presso una nobile Signora di Barletta D.^a Giulia Gentile,
certamente de' nobilissimi Gentili che vantavano nella loro famiglia
14 Conti di Lesina (ved. Zazzera, della nobiltà dell'Italia, Nap. 1625
t.^o 2.^o pag. 81) sorella di Michele 2^o Gentile e di Tommaso, che
da D.^a Eleonora della Gatta ebbe Francesco Gentile. Il Carteggio del
Nunzio offre alcuni memoriali della madre della Sifola ed anche di D.
Alonso de Mendozza il Castellano, che era fratello della Marchesa della
Valle e quindi zio di D. Andrea, diverse lettere di Roma e di Napoli
su questi memoriali, ed una lettera del Nunzio medesimo a D. Artuso
Pappacoda, che sappiamo essere anche parente della Marchesa della
Valle (marito della zia D.^a Caterina de Mendozza) ed inoltre a quel
tempo Governatore della Capitanata, onde avea voluto ingerirsi nella
quistione, tentando, a quanto sembra, far uscire D.^a Ilaria dalla casa
Gentile per ingarbugliare semprepiù la lite sul matrimonio (ved. Lett.
di Roma 13 7bre, 11 8bre e 1^o e 29 9bre 1602; e Lett. di Napoli 18
7bre, 25 8bre, 22 9bre e 6 10bre 1602). Ma il matrimonio fu da ultimo
dichiarato valido, sicchè D. Andrea si unì di nuovo a D.^a Ilaria e
n'ebbe figli e figlie, una delle quali si maritò ancora a un Gentile:
i libri parrocchiali della Chiesa del Castel nuovo recano i nomi di
taluno de' discendenti di D.^a Ilaria e D. Andrea, cominciando peraltro
D.^a Ilaria a figurarvi non prima dell'anno 1618.

[291] Ved. Doc. 421, pag. 526.

[292] Ved. Doc. 422, pag. 527.

[293] Riportiamo qui la bozza de' cedoloni; vi apparisce anche
il fisco per pura e semplice finzione legale: «Hic auctoritate
Apostolica denuntiatur et publicatur Excomunicatus, et ab omnibus
christi fidelibus arctius evitandus Capitaneus Moya, qui fuit
locumtenens Regii Castri novi hujus Civitatis, ob non paritionem
mandatorum Apostolicorum eidem intimatorum, instante fisco et
petente.--.... locus sigilli.--Donnus Benedictus Episcopus Casertanus
et Commissarius.--Amoventes, et lacerantes, aut quomolibet (_sic_)
deturpantes sint etiam Excomunicati».

[294] Ved. Doc. 423, pag. 528.

[295] Nel Carteggio del Nunzio (Let. da Napoli filz. 230) trovasi la
seguente lettera del Nunzio al Card.^l di S.^{ta} Severina: «17 marzo
1600. Hò ordinato mi sia chiamato quel Melchiorre Mescia de Figueroa
che V. S. Ill.^{ma} mi scrive per la sua de' 10 del corrente che sta
in Castello dell'ovo et è scomunicato, acciò sappia che hò facoltà di
assolverlo, come l'assolverò tuttavia che venga conforme al suo ordine».

[296] Contrada nel territorio di Gerace.

[297] Ved. Doc. 435, pag. 547.

[298] Nel Grande Archivio non mancano notizie intorno ad alcuni di
costoro, e propriamente intorno a quelli che hanno maggiore attinenza
co' soggetti della nostra narrazione. Luzio Gagliardo finì ammazzato
con taglia promessa dal Governo, come si rileva dal seguente dispaccio
Vicereale all'Audienza di Calabria ultra: «Magn.^{ci} viri etc. Per
parte de Vincenzo Schinosi ci e stato fatto intendere come ritrovandosi
Cap.^{to} della città di S. Agata di quessa Prov.^a andando in
perseq.^{ne} di Banditi ammazzò lutio Gagliardo Capo di Banditi, la
testa del quale ha presentato a D. Garsia de Toledo olim Governatore
di quessa prov.^a et per tal causa li spettano D.^i cento in virtù
deli regii banni.....» (dietro la dimanda di pagamento il Vicerè
vuole informazioni) 14 10bre 1603. Ved. Reg. _Curiae_ vol. 55, an.
1603-1604, fol. 78.--Ed anche il Veronese dovè saldare qualche conto,
come si rileva da un altro dispaccio parimente diretto all'Audienza di
Calabria ultra: «Magn.^{ci} viri etc. Si è ricevuta l'informatione che
ci havete inviata con la vostra delli 4 di maggio prox.^o passato presa
di nostro ordine in Gerace ad instantia del Rev.^{do} Vescovo di quella
città contra alcuni particolari laici di essa, et essendosi vista per
noi et referitaci in questo regio Collaterale cons.^o ci è parso per
risposta di detta vostra dirvi sincome per questa ve dicimo et ordinamo
che al recevere di questa la debbiate (_sic_) incontinente con ogni
diligenza procurare de haver in mano Pietro Veronese inquisito tra
l'altri in essa et carcerato che l'havereti debbiate incontinentemente
mandarlo sotto buona e cauta custodia nelle carcere della gran Corte
della Vicaria con vostro aviso a noi, verum offerendove plegiaria di
venirsene à presentare fra termine di un mese dandola di d.^{ti} mille
debbiati liberarlo e permettere che venga inviandoci copia di detta
plegiaria et aviso del dì della sua scarceratione acciò che non venendo
fra d.^{to} tempo si possa procedere all'accusa di quella. Dat. neap.
die 30 junii 1612. El c.^{de} de lemos». Ved. Reg. _Curiae_ vol. 83,
an. 1612-1616, fol. 24 t.^o.

[299] I Registri _Curiae_ (vol. 30 an. 1581-1588, fol. 241) recano
solamente, in data del 21 gennaio 1587, l'ordine al dot.^r Vello,
Commissario di campagna contro fuorusciti e malfattori, di avere
in ogni modo nelle mani il Duca di Amalfi. Il processo di eresia,
che abbiamo potuto esaminare, reca la notizia della carcerazione
sofferta, secondo i diversi tempi, nella Vicaria, nel Castello nuovo,
nel Castello dell'uovo, e così pure quella della condanna avuta e
della grazia concessa, oltre tutti i particolari de' fatti in materia
di S.^{to} Officio. Vi abbiamo notato fra' testimoni «carcerati in
Castello» fin dal 1595, anche il Sig. Cesare d'Azzia (che fu in
relazione col Gagliardo nella faccenda delle scritture proibite)
insieme con altri nobili di primo ordine, come Alvise d'Aragona,
Arimanno Pignone, Francesco Loffredo. Il duca aveva posseduto egli
pure una copia della Clavicola di Salomone, e fin dai primi anni suoi,
nel 1579, passando per Venezia, con un monaco del convento de' Frari
si era occupato di sortilegi, continuati poi di tratto in tratto con
altri frati e preti in modi spesso curiosi. Abiurò il 21 agosto nella
Chiesa di S. Maria a Cappella, dove fu tradotto dal vicino Castello
dell'uovo. Il rescritto di abilitazione da parte di Clemente VIII, in
data del 6 gennaio 1600, fu firmato anche da fra Alberto (Tragagliolo)
Vescovo di Termoli Commissario generale del S.^{to} Officio; e la
commutazione dell'anno di carcere in penitenze salutari fu decretata
dallo stesso fra Alberto il 13 gennaio 1600. La rimozione dell'empara
fu fatta il 24 marzo 1600, e a questa data il Duca dovè uscire in
libertà, ma alla guerra andò nell'anno seguente e durò molti anni nella
vita militare.--Il Residente Veneto, effettuata l'abiura, la partecipò
al suo Governo in data del 7 7bre 1599 in questi termini: «Il Sig. D.
Alessandro Piccolomini Duca di Amalfi, che per antichità di titolo era
uno de' primi SS.^i di questo Regno, dopò havere alienato il stato et
consumato affatto ogni altro suo havere, et permesso che sua moglie
con potestà Pontificia si sia sacrata monaca, et essendo poi lui per
diverse colpe stato dal Conte d'Olivares confinnato xij anni in Castel
novo si è questi ultimi giorni nella Chiesa di Capella alle mure della
Città abiurato in valida forma di cose hereticali». Di poi, il 23
maggio 1600, partecipò il desiderio del Duca «già libero» di servire la
Repubblica Veneta. Infine, il 9 gennaio 1601, partecipò l'andata del
Principe di Avellino alla guerra con 24 compagnie e 43 capitani, tra'
quali il Duca di Amalfi.

[300] Ne diamo alcuni brani per saggio. «Prologho (_sic_). Se 'l verno
coprisse di continuo la terra di giaccio, e di neve, e gli estivi, et
tepidi soli non la disfacessero, come potrebono gli alberi e gli pianti
produrre i fiori et frutti? cossì se qualche breve riposo non iscemasse
tal volta la fatica, et alleggiasse il peso de' continui fastidj, et
de noiosi pensieri ch'agravano gli animi nostri, come potremmo noi
lungamente vivere? non à dubio che per ripararci dell'arma della morte
più che si può, ne fa bisogno d'alcun soccorso honesto, ò utile, ò
dilettevole, et che soccorso può dunque trovarsi più convenevole che
la Comedia, che à in se tutte questi tre parti, è honesta, perche
fu trovata per ritrarre gli huomeni dell'ampia strada de vitii, et
guidarli per lo stretto sentiero della virtù...» etc. «Ma all'età
nostra si prezzano si poco che rarissime si ne veggono a rapresentare,
nè so si di ciò debba incolpare l'avaritia o il poco amore che si
porta alla virtù, dall'un canto mi cade nel pensiero di darne cagione
all'avaritia poi che non e chi voglia scomodarsi di un mino danaro
(_sic_) per fare una scena, e dall'altro canto m'induco ad accusare il
poco amore della virtù, per che gli ascoltanti, vedendosi porgere a
gli occhi un vitio, del quale essi sono machiati, temono in presentia
dell'altri non arrosirse, et conferma questa mia oppinione il vedere
che non voglino in quelle poche comedie che si fanno, che si reprendino
vitii ma solo si dicano ciance et cose ridicole e di nisuna sostantia,
servendosi della Comedia per uno spasso et per un gioco, e non a quel
fine che fu ritrovata, et sono alcune persone che essendo elle degne di
riso, come sentonu una parte che move meraviglia à dolorore (_sic_) à
compassione ò ad altro effetto contrario o diverso dal riso si sentono
svenire, et bisogna apparechiare lo aceto per unger loro i polsi, et
stimano più una chiachiarata all'improviso et fori di proposito d'un
vecchio venetiano o di un trastullo accompagnata di quattro accione
disonesti et vili usati farsi da bagattellieri, che una Comedia grave
che si serra stentato tre anni a comporla et sei mesi a recitarla,
vedete a chi termine e ridotto il poeta Comico, che essendo stato
ripotato da ingegni eccellentiss.^{mi} più difficile a comporre che
lo Epico e 'l tragico, non mancano infiniti che non havendo pure una
minima notitia di poesia solo con un certo loro discorso naturale, o
per dir meglio materiale, et con l'osservanza secca c'hanno fatta in
leggere quattro o sei comedie, stimandosi dotti senza arte presummono
darne giudicio, et poi come sentono una protassis, una epitassis, una
catastrophe, o simil altra sorte di voci convien loro di ricorrere ogni
tratto al Calepino: et perciò (_intend._ se perciò) l'autore havesse
pensato di contentare tutti i cervelli non si sarrebbe mai messo a
durare questa fatica, perche non à tanta albaglia (_sic_) nel capo,
che presumma esser miglore di Plauto, e di terentio, et di gli altri
Autori moderni eccellenti, le Comedie de i quali non hanno potuto
passare senza reprensione per li mani di certi Maestri Aristarchi,
che con la barba quadra et col mantello lungo, col passo della picca,
col far carestia delle parole et non dire che non sieno sesquipedali
et preugne di sententie, aquistono credito appresso gli ignoranti et
fanno profissione di havere i nasi critici che sentono l'odore insino
al vetro, et non componendo essi mai, sono severissimi Giudici delle
compositione altrui...» etc. «La Comedia è nova non più recitata e
pur hora uscita di sotto il pennello del pittore e chiamasi torti
Amorosi, da torti grandi che fa Amore alle persone che ne intervengono,
facendole seguir chi le fugge scacciar chi li brama e i desiderii loro
difformi et non corrispondenti, ma acortosi al fine che la Comedia sì
rapresenta in Gerace che è questa che vedete, che è lugo (_sic_) dove
si puniscono severamente le ingiustitie et i torti ben che legerissimi,
et però temendo che costoro non ricorressero per gustitia (_sic_) al
tribonal dello sdegno, si risolve far raggione a ciascuno, et farlo
rimaner contento. Di silentio non ardisco ricercarvi, perchè mi
parrebbe far inguria (_sic_) alla cortesia et alla gentileza vostra
vedendove stare cossi chieti, attendeti che adesso si derra principio».

[301] Notiamo di passaggio che questo Michele Cervellone, propriamente
messinese, fu poi uno de' 4 principali imputati nella così detta
2^a congiura del Campanella, che finì col supplizio di fra Tommaso
Pignatelli il 1634.

[302] Ved. la nostra Copia ms. de' proces. ecclesiast. tom. 2^o, fol.
215-1/2.

[303] Il decreto leggesi nel Carteggio del Nunzio, Filz. 216. Esso è
stampato, e fu così trasmesso al Nunzio per farlo conoscere a tutti,
con lett. del 18 10bre 1602; bensì la sua data è anteriore, e rimonta
al 1601. Le ragioni del decreto sono espresse ne' considerandi: «Ut
causae et negocia quovismodo spectantia ad Sanctam Inquisitionem
cognoscantur et expediantur omni qua docet integritate, amotis
quibusvis sordibus ac pecuniariis solutionibus» etc. Vero è che la
Camera Apostolica non dava mai nulla e non compensava neanche il
Ministro Generale della S.^{ta} Inquisizione; si attesta infatti in una
lettera a proposito della morte di Mons. Carlo Baldino predecessore
del Vescovo di Caserta, che egli avea «servito 30 anni all'officio
dell'Inquisitione senza mercede» (Lett. di Roma del 10 aprile 1598,
Filz. 211). In che modo dunque dovea provvedersi alle spese? Ne'
tribunali Diocesani vi provvedeva il Vescovo con l'entrate del
Vescovado, e infatti in un'altra lettera, scritta a tempo della vacanza
della Chiesa Napoletana per la morte del Card.^l Gesualdo, si ordina
al Nunzio, amministratore temporaneo, che faccia pagare dall'entrate
dell'Arcivescovado «le spese del vitto et altre necessarie occorrenti
per li carcerati del S.^{to} offitio et speditioni delle loro cause»
(Lett. di Roma del 23 maggio 1603, Filz. 218): ma nel tribunale del
Ministro Generale dell'Inquisizione potevano sopperire alle spese
unicamente le confische delle cauzioni degli «abilitati»; ad ogni modo
non avrebbero mai dovuto sopperirvi l'elemosine raccolte in sollievo
de' poveri carcerati.

[304] Ved. Doc. 412, pag. 513.

[305] Ved. Doc. cit.

[306] Le scritture della Cappellania maggiore, dalle quali abbiamo
desunto i particolari suddetti, sono rappresentate da' _Processi della
Cappellania maggiore_, che avemmo a studiare nel far le ricerche sul
chirurgo Scipione Camardella.

[307] Ved. De Lellis, Discorsi delle famiglie nobili del Regno di
Napoli, Nap. 1654-71, vol. 2^o, part. 3^a, pag. 349.--Carteggio del
Nunzio, Lett. di Roma 30 nov. 1601, 23 feb. 1602, 24 genn. 1603; e
Lett. di Napoli 14 10bre 1601, 25 gen. 1602, 21 marzo 1603, 24 marzo
1605.

[308] Ved. Reg. _Sigillorum_ vol. 38 (an. 1601) sotto la data 24 di
maggio.

[309] Ved. Reg. _Curiae_ vol. 52 (an. 1601-1603) fol. 17, ove leggesi
il seguente memoriale: «Gio. Francesco de Apuczo expone a V. Ecc.^{tia}
come sono octo mesi e più che se ritrova carcerato senza haver' fatto
male sotto pretesto fosse consapevole dela morte del q.^m notar' Gio.
Carlo d'Apuczo suo padre per il che fu delegato per la felicis.^{ma}
memoria dell'Ecc.^{tia} del Conte di lemos in detta causa il giudice
Gio. Andrea Auletta, il quale come delegato procedè in detta causa
et hà tormentato atrocissimamente esso supplicante mediante il quale
(_sic_) è ridotto in tanta poca salute che si ritrova in pericolo di
morte senza posser' ricorrere à persona alcuna che lo proveda per non
haver' giodice...» etc. (supplica che gli si faccia giustizia, e S. E.
all'ultimo di ottobre 1601 delega per la causa il giudice Tirone).

[310] Ved. Doc. 413, pag. 514.

[311] Ved. Doc. 414, pag. 518.

[312] Ved. Doc. 416, pag. 520.

[313] Ved. Doc. cit.

[314] Ved. Doc. 127, pag. 73.

[315] Ved. Doc. 128, pag. 74.

[316] Da una lettera del Campanella del 10 agosto 1624 a Cassiano del
Pozzo, lettera pubblicata dal Baldacchini, apparisce che il Campanella
riteneva essere stata la _Monarchia_ tradotta anche in ispagnuolo e
che questo accresceva le sue speranze di liberazione: per lo meno
se fu tradotta in ispagnuolo, non fu stampata in questa lingua,
avendola noi invano cercata nella Bibl. naz. di Madrid e in quella
dell'Escuriale. Il Bosoldo poi ebbe cura di tradurla o farla tradurre
in tedesco, perchè la politica era uno de' suoi studii prediletti, ma
non si comprende perchè non l'avrebbe pubblicata in latino, se fosse
stata già tradotta in latino, e questo ci dà motivo di sospettare che
le affermazioni del _Syntagma_ sopra citate possano essere inesatte.
Quanto alla pubblicazione in italiano, essa fu condotta sulla copia
scorrettissima esistente in Firenze, e il D'Ancona dovè lavorarvi assai
e se la cavò con molto suo onore; ma ci sia lecito ripetere il voto,
che laddove abbia a rifarsene l'edizione si tengano presenti le copie
napoletane che si prestano tanto bene a' confronti.

[317] Ved. Doc. 524, pag. 604.

[318] Ved. Doc. 497 e 498, pag. 572 e 573.

[319] Ved. Doc. 494, pag. 571.

[320] Ved. Doc. 488, pag. 569.

[321] Ved. Doc. 504, 512, 515, 513, 517, pag. 575, 579, 580, 581.

[322] Nella lett. al Card.^l Farnese si legge: «un volume di sonetti
e canzoni a varie repubbliche regni et amici e salmodie...» etc.
Nel Memoriale al Papa, pubblicato dal Baldacchini e riprodotto dal
D'Ancona, si legge: «un volume di varie rime e Salmodie... morali e
politiche».

[323] Ved. Doc. 502, pag. 574.

[324] Ved. Doc. 507, 505, 506, 509, 510, 508; pag. 576-577.

[325] Ved. Doc. 495, pag. 571; e 511, pag. 579.

[326] Ved. Doc. 462, pag. 559; e 491, pag. 570.

[327] Ved. Doc. 492, pag. 570.

[328] Ved. Doc. 499, pag. 573.

[329] Ved. Doc. 463, pag. 559.

[330] Ved. le _Cedole di Tesoreria_ vol. 427, an. 1596, pagamento in
data 30 giugno di D.^i 150 per soldo de anno uno; e le _Carte diverse
del Governo dei Vicerè_, fasc. 2^o, an. 1610, dimanda in data 10
luglio, con la quale D. Troiano chiede licenza di poter rimanere un
anno fuori Napoli.

[331] Ved. Doc. 467, 468, 477; pag. 560, 561, 564.

[332] Ved. i Registri _Privilegiorum_ vol. 104, an. 1593-95, fol.
84. Sospettiamo che la madre di D.^a Ippolita non sia stata Porzia
Pignatelli moglie di D. Garzia, giacchè in questo documento, oltre
l'assegno in moneta fattole dal padre, si ricorda anche questa
promessa da lui avuta, «vita durante della madre di d.^{ta} D. Ipolita
consignarli ogni anno mensatim tomola ventiquattro di grano».

[333] Ved. Sarrubbo, Trattato della famiglia Cavaniglia, Nap. 1637,
e De Lellis, Famiglie nobili di Napoli, ms. della Bibl. naz. nap.
X, A, 3. fol. 263, e X, A, 8, fol. 175-193.--Negli stessi Reg.^i
_Privilegiorum_ vol. 86, an. 1587-88, fol. 96, trovasi la donazione
della parte legittima de' suoi beni fatta da Cornelia Cavaniglia nel
vestirsi monaca, e in essa si citano la madre Porzia Pignatelli e i
fratelli Troiano, Scipione, Fabrizio e Mario. Ne' libri parrocchiali
della Chiesa di Castel nuovo è citato più volte Fabio Magnati fino
al 1585, e Troiano Magnati due volte, nel 1596 e 1598; D.^a Ippolita
Cavaniglia poi è citata un grandissimo numero di volte, specialmente
come madrina, anche in compagnia di D.^a Anna e di D.^a Maria de
Mendozza, talora in compagnia del Principe di Bisignano quando costui
era carcerato; e da ultimo l'elenco de' morti reca, «A dì 29 de xbre
1615 morì D.^a Polita Cavaniglia, sepolta nel ihs vecchio» (_intend._
nella Chiesa del Gesù vecchio).

[334] Capaccio, Il Forastiero, Nap. 1634, pag. 774.

[335] Ved. Doc. 469, pag. 561.

[336] Ved. Doc. 465, pag. 560.

[337] D.^a Anna de Mendozza, figlia di D. Diego e D.^a Claudia de Caro
fu sposa a D. Ferrante de Bernaudo (ved. Reg.^i _Sigillorum_ 18 7bre
1595) e ne ebbe varii figli, Claudia, Francesco, Diego, Beatrice (ved.
i libri parrocchiali per gli an. 1595-98-99 etc.); era dunque figlia
e non moglie al Bernaudo, che fu poi creato Duca, la Claudia di cui
parla il De Lellis (Discorsi delle famiglie nobili etc. Nap. 1564 vol.
1^o pag. 399). Aggiungiamo che vi fu una Claudia Antonia de Mendozza,
ultima figlia di D.^a Isabella Marchesa della Valle e quindi nipote di
D. Alonso il Castellano, la quale nel 30 8bre 1614 sposò Alessandro
Ridolfi di famiglia fiorentina, generale del Papa, Ambasciatore
straordinario di Mattia Re d'Ungheria al Re di Spagna, divenuto in
Napoli Consigliere del Collaterale, pensionato con D.^{ti} 1000, ed
anche Marchese di Baselice: costui parecchi anni più tardi fu in
relazione col Campanella, il quale parlò appunto di lui in una Lettera
al Papa del 9 aprile 1635, che è tra quelle pubblicate dal Berti,
quando disse che co' fratelli Ludovico ed Ottavio (Ridolfi) stava «in
Castel di Napoli dove era accasato il Marchese et io carcerato».

[338] Ved. Doc. 466, pag. 560.

[339] Ved. Doc. 473, pag. 562.

[340] Ved. in Allacci Drammaturgia, Venez. 1775, pag. 522 e 779. Le
Commedie sarebbero: «La memoria di Dario e Grisante» e «I trastulli
d'Amore» Viterbo 1647.

[341] Ved. Doc. 470, pag. 561; e 478 pag. 564.

[342] Ved. Doc. 471, pag. 562; 472, ib.; e 474, pag. 563.

[343] Ved. Doc. 475, pag. 563.

[344] Ved. Doc. 479, pag. 564.

[345] Ved. Doc. 476, pag. 563. Pel Campanella la filoprogenitura è
una ingannevole tendenza naturale ad eternarsi o immortalarsi, come
si può rilevare anche da un brano della lettera al Flugio, che fu da
noi pubblicata; da ciò emerge chiaro quale sia il fonte consecrato
all'appetito dell'immortalità.

[346] Ved. Doc. 484, pag. 568.

[347] Ved. Doc. 483, pag. 567: 482, ib.; 480, pag. 564; 481, pag. 566.

[348] Pel Sonetto ved. Doc. 501, pag. 574. I Reg.^i _Partium_, volume
1420, an. 1597-1599, fol. 133, nell'elenco de' possessori di rendite
pagabili sull'arrendamento del vino recano, «Sore Elionora Barisana
D.^i 14»; i libri parrocchiali del Castel nuovo, nell'elenco de' morti,
fol. 93, recano, «A di ij de marzo 1620 morì Sore Dianora Barisana de
Barletta sepolta a Monte Calvario». Si sa che la Dianora del dialetto
vuol dire Eleonora.

[349] Ved. Doc. 516, pag. 581.

[350] Ved. Doc. 485, pag. 568.

[351] Ved. Doc. 486, ib.

[352] Ved. Doc. 460 e 461, pag. 558.

[353] Nel 1^o de' Libri parrocchiali si legge, «1583 12 marzo, se
battezò Gioseph Horatio figlio de Ottavio Cesarano e de pulisena
Camardella»; nel 3^o poi l'elenco de' morti reca, «a dì 16 de marzo
1603 morse petrillo Cesarano».

[354] Ved. Doc. 490, pag. 570.

[355] Percorrendo infatti l'art. 3^o del _Syntagma_, dove appunto si
parla de' libri composti o ricomposti nel carcere, non è difficile
scorgere che la cronologia in genere e in ispecie è stata addirittura
negletta. Lasciamo da parte le _Poesie_, sulle quali ci siamo già
spiegati nel trattarne fin da principio. Dopo le Poesie si parla degli
_Aforismi politici_ etc., che siamo per vedere essere stati scritti
non prima della 2^a metà del 1601; poi della _Monarchia di Spagna_,
che abbiamo veduta indubitatamente già ricomposta, se non composta,
prima degli Aforismi; poi si parla de' 15 _Articoli profetali_, che
sicuramente furono scritti anche prima della _Monarchia di Spagna_.
In sèguito si parla de' libri _Medicinali_ e degli _Astrologici_, che
non sono nominati ancora negli elenchi del 1606; e passando sopra a'
libri _Astronomici_ e alle _Quistioni_, osserviamo che dopo tutto
ciò, con un notevole salto indietro, si legge, «poco di poi in Napoli
scrissi una _Metafisica_... e questa ricevè dalle mie mani Geronimo
Tufo Marchese di Lavello nell'anno 1603»! In sèguito si passa a parlare
de' libri di _Teologia_, del _Reminiscentur_, delle _Orazioni_ alle 4
grandi nazioni con la data del 1617 e 1618, e quindi, come aggiunte
a' libri anzidetti, si parla della _Monarchia della Sapienza eterna_
e del _Dritto del Re Cattolico sul nuovo mondo_, libri che si trovano
registrati tra quelli inviati allo Scioppio nella sua lettera del
1607! Tralasciamo la _Metafisica_ scritta nel 1611 e la _Consultazione
sulle entrate del Regno_ che vedremo scritta più anni prima, e
notiamo che a questo punto, essendo stati già citati libri perfino
con la data del 1618, si dice, «tutti i suddetti libri lo Scioppio
da me ricevè nell'anno 1608, quando venne mandato da Paolo V^o...
ed anche gli diedi l'_Ateismo debellato_»! Così mostrasi fuori ogni
dubbio mal fondato tutto ciò che è stato detto in tale materia sempre
con la scorta del _Syntagma_, il quale può servire pe' particolari
della composizione, non per la data di essa, verosimilmente perchè
fu redatto su note staccate. Aggiungiamo che negli elenchi annessi
alle lettere del 1606 sopra menzionate si dà talvolta per compiuta
qualche opera che ancora non l'era, p. es. i 18 _Articoli profetali_
(ultima composizione accresciuta), e si afferma anche essere le opere
«tutte salve» ciò che per alcune non era vero, e basta citare l'opera
«De rerum universitate», quella «De Philosophia Pithagoreorum»,
la «Tragedia della Regina di Scozia». Nella lettera allo Scioppio
poi si citano le opere con l'ordine seguente: Monarchia di Spagna,
Discorsi a' Principi, Dialogo contro i Luterani, Del senso delle
cose, Pronostici astrologici, Compendio (epilogo) di Filosofia etc.
etc.; e ben si vede che l'ordine cronologico non è serbato, e insomma
unicamente con accurati confronti, e tenendo sott'occhio le opere
stesse e tutto l'epistolario del Campanella dal momento in cui cominciò
a scriver lettere stando in prigione, si può venire a capo di questo
importantissimo lavoro.

[356] Avremo altrove occasione di vedere che questa copia fu involata
dalla Magliabechiana, e poi tornò nelle mani del Governo con altre
scritture, per le quali ebbe posto nell'Archivio. Ma vogliamo dire che
dal Magliabechi in qua si trova sempre citata col titolo di _Concetti
methodici_ etc., mentre veramente il suo titolo è _150 Concetti
methodici_ etc.

[357] Ved. Lett. inedite di T. Campanella e Catalogo de' suoi scritti,
Roma 1878, pag. 74.

[358] Ved. la nota alle Poesie Filosofiche nell'ediz.^e D'Ancona pag.
100.

[359] Ved. Berti, Tommaso Campanella, Nuova Antologia, luglio 1878, p.
217.

[360] La cosa è di un'importanza capitale per l'argomento che
trattiamo, e ci si permetterà di riprodurre qui taluni confronti già
notati nella 1.^a nostra pubblicazione sul Campanella (Il Codice delle
lettere etc.) esprimenti certe differenze contemplabili, nella forma
e nella sostanza, tra la composizione originaria del libro fatta nel
1602 e rappresentata da' codici napoletani, la versione latina fatta
nel 1613 e pubblicata dall'Adami in Frankfort, la 2^a edizione della
versione latina preparata dopo il 1629 e pubblicata dall'autore in
Parigi; quest'ultima veramente differisce dalla penultima quasi sempre
per qualche aggiunzione, e volgarizzata a cura di un editore Luganese
fu poi riprodotta dal D'Ancona, sicchè possiamo citare l'edizione
D'Ancona nell'esporre i confronti, anche perchè essa è più diffusa
e popolare.--Circa la forma, si direbbe che con la magniloquenza
latina fosse apparso necessario magnificare perfino gl'interlocutori
del dialogo, i quali nella composizione originaria del libro erano
«Hospitalario, Genovese marinaro», col latino furono promossi ad
«Hospitalarius magnus, et Nautarum Gubernator Genuensis hospes», e col
volgarizzamento divennero «Il Gran Maestro degli Ospitalieri ed un
Ammiraglio Genovese di lui ospite». Oltracciò il Capo Supremo della
Repubblica, che dapprima era semplicemente O (con o senza un punto nel
mezzo, cioè a dire il _Sole_, come si mantenne nell'esemplare latino
dell'Adami) divenne in sèguito _Hoh_. Naturalmente anche la dicitura
italiana primitiva, convertita in latino e poi ritornata italiana, si
vede trasformata di molto. P. es.: (cod. nap.) «S'io havesse tenuto à
mente e non havesse pressa e paura, io te sfondacaria gran cose, ma
perdo la nave se non mi parto»; (ediz. D'Anc.) «Oh! se mi ricordassi
d'ogni cosa e non mi stesse a cuore la partenza, e più se nulla
temessi, ti direi altro e ben più sorprendente, ma perdo la nave se non
mi affretto a prendere il largo». Ancora: (cod. nap.) «Nulla femina
si sottopone à maschio se non arriva a' 19 anni, ne il maschio si
mette à generatione innanzi il 21»; (ed. D'Anc.) «Alcuna donna prima
del decimonono anno non può consacrarsi à questo ministerio, e gli
uomini debbono aver passato il ventesimo primo». Così la forma venne
ingentilita, ma cessò di esser caratteristica, e ciò che è peggio
non sempre riuscì a serbare la precisione. P. es.: (cod. nap.) «Una
fiata mangiano carne, una pesce, et una herbe, e poi tornano alla
carne per circolo»; (ed. D'Anc.) «Dapprima mangiano carni, poi pesci,
infine erbaggi. Ricominciano poscia con le carni,»--etc. Ma ciò che
maggiormente interessa è la diversità nella sostanza in più luoghi.
Da una parte le cose relative a filosofia e religione sono più spinte
nella 1^a maniera e più attenuate nelle posteriori. P. es. (cod.
nap.) «Son nemici di Aristotile, l'appellano pedante»; (ed. D'Anc.)
«Sprezzano l'opinione di Aristotile, che chiamano logico non filosofo».
Ancora: (cod. nap.) «trovai Moisè, Osiri, Giove Mercurio Macometto
et altri assai, et in luoco assai onorato era Giesù Christo et li 12
Apostoli, che ne tengono gran conto. Ond'io ammirato come sapeano
quelle historie» etc.; (ed. D'Anc. con molto maggiori distinzioni e
qualificazioni) «ho veduto Mosè, Osiride, Giove, Mercurio, Licurgo,
Pompilio, Pitagora, Zamolxi..... e moltissimi altri. Che più? Hanno
dipinto lo stesso Maometto che però reputano fallace ed inonesto
legislatore. Ma vidi l'immagine di Gesù Cristo essere stata collocata
in un posto eminentissimo, assieme a quelle dei dodici Apostoli da essi
altamente venerati e creduti siccome superiori agli uomini. Sotto i
portici esterni osservai dipinti Cesare, Alessandro, Pirro, Annibale
ed altri sommi la maggior parte cittadini romani.... Ed avendo con
maraviglia chiesto come essi conoscessero le nostre istorie» etc.
Inoltre: (cod. nap.) «tengono per cosa certa l'immortalità dell'anima
et che s'accompagni morendo con spiriti buoni o rei secondo il merito;
ma li luochi delle pene e premii non l'hanno per tanto certo (_sic_)
ma assai ragionevole, pare che sia il cielo et i luochi sotterranei.
Stanno anche molto curiosi di sapere se queste pene sono eterne ò nò.
Di più son certi che ci siano angeli buoni e tristi come avviene tra
gli huomini; ma quel che sarà di loro aspettano aviso dal cielo. Stanno
in dubbio, se ci siano altri mondi fuori di questo»; (ed. D'Anc.)
«credono all'immortalità dell'anime, ed alla loro associazione dopo la
sortita del corpo cogli angeli buoni o cattivi secondo le azioni della
presente vita, e questo perchè le cose simili amano i loro simili.
Differente della nostra è la loro opinione intorno ai luoghi delle pene
e de' premii. Dubitano se esistano altri mondi fuori del nostro». Come
si vede, la prima composizione era ben cruda e molto più spinta, e le
attenuazioni venute in sèguito non furono lievi. D'altro lato poi per
un fatto risguardante la persona dell'autore troviamo tutta la riserva
possibile nella prima composizione, e l'abbandono di ogni riserva in
sèguito: 1^o (cod. nap.) «dicono che se in 40 hore di tormento un
huomo non si lascia dire quel che si risolve tacere, manco le stelle
che inclinano con modi lontani ponno sforzare» etc.; 2^o (ed. D'Anc.),
«dicono che se un sommo filosofo per quaranta ore venne crudelmente
tormentato da' suoi nemici senza mai potergli strappare di bocca una
parola su quanto essi domandavano, perchè nel fondo dell'animo avea
determinato di tacere, così nemmeno le stelle che movonsi in distanza
e con lentezza non possono costringerci» etc. Adunque scrivendo il
libro nel 1602 non palesò la faccenda della sua pazzia simulata, la
palesò invece nel 1613, quando diede il libro tradotto all'Adami; e per
verità sarebbe stata una pazzia vera il farlo prima. V'introdusse poi
varie aggiunzioni mano mano, ed anche, quando preparò l'edizione di
Parigi. Così, mentre nell'esemplare primitivo si trova notata soltanto
l'invenzione del volare (che nel libro de _Sensu rerum et Magia_ è
riconosciuta in un calabrese), in quello latino dato all'Adami si
trova notata anche l'invenzione degli strumenti oculari per vedere
le occulte stelle (riconoscimento delle cose del Galileo sulle quali
egli già cominciava a riflettere), e degl'istrumenti auricolari per
udire le armonie de' cieli (presagi del telefono ad un'altezza non
ancora raggiunta): ma è singolare che non vi si trovi l'invenzione sua,
attribuendola agli abitanti della città del Sole, del modo di navigare
senza vele e senza remi, ciò che pure avea già promesso con le lettere
del 1606-1607 a' Cardinali e al Re di Spagna. Invece essa si trova
nella 2^a ed ultima edizione della versione latina, dove è registrata
pure la scoperta del modo di _evitare il fato sidereo_, attribuita
sempre agli abitanti della città del Sole, da doversi riferire al
libro da lui composto _De fato siderali vitando_; ed in pari tempo
è registrata la proibizione dell'Astrologia da parte del Papa, ciò
che prima egli non reputava ben fatto e poi si credè in obbligo di
accettare e difendere col suo opuscolo _An Bullae Sixti V.^i et Urbani
VIII.^i contra judiciarios calumniam in aliquo patiantur_. Per le
quali ultime circostanze abbiamo detto che la 2^a edizione del libro
dovè essere preparata dopo il 1629; giacchè dal _Syntagma_ sappiamo
con certezza che il libro _De fato siderali_ etc. fu scritto nel S.
Ufficio di Roma dopo la liberazione dal lunghissimo carcere di Napoli,
vale a dire tra il 1626 e il 1629. Non è arrischiato l'ammettere che le
modificazioni successive introdotte dall'autore nel modo di esprimere
le sue opinioni circa Gesù, e circa i premii e le pene e l'eternità di
esse, rappresentino pure e semplici attenuazioni _pro bono pacis_: e
merita di essere considerata la sua persistenza in altrettali opinioni
fino agli ultimi anni della sua vita, benchè abbia contemporaneamente
abbondato nella composizione di libri di assolute credenze Cristiane
Cattoliche.

[361] Ved. Poesie, ed. D'Ancona, p. 95.



                                CAP. VI.

ESITI DE' DUE PROCESSI, FINE DELLA PAZZIA E CONCHIUSIONE.
(dal settembre 1602 al novembre 1604 e seg.^{ti})


I. Nel settembre 1602, ritornando a Napoli, il Vescovo di Caserta
giusta gli ordini avuti dovè riunirsi col Nunzio e col Vicario Palumbo,
procedere con loro a' voti su ciascuno de' frati, e poi partecipare
questi voti a Roma. Egli avea fatto redigere un completo «Sommario del
processo», sulla base di quello formato in Roma dal Monterenzio con
l'aggiunta delle cose raccolte posteriormente, ed anche un «Riassunto
degl'indizii» per ciascuno degl'inquisiti, in fine del quale si
registrò di poi il voto di ciascun Giudice. Queste scritture, composte
quasi tutte dal Segretario del Vescovo D. Manno Brundusio, insieme con
le bozze e con le copie de' Riassunti fornite di numerose postille di
carattere del Vescovo, sono pervenute in mano nostra: esse non fanno
parte del processo propriamente detto, ma ne compiono molto bene la
conoscenza[362]. Il Vescovo medesimo scrisse di suo pugno un elenco de'
giudicabili in testa delle Copie de' Riassunti, e segnò queste con un
numero progressivo in corrispondenza dell'elenco suddetto: naturalmente
dobbiamo credere che nell'ordine medesimo si procedè alle votazioni; e
siccome troviamo in primo luogo fra Pietro Ponzio, sul quale certamente
nella 2^a metà di agosto non si era votato ancora (ved. pag. 282),
possiamo desumere che le votazioni cominciarono al più presto in
settembre, verosimilmente nella 2^a metà di settembre.

Si votò dunque dapprima su fra Pietro Ponzio. Il Riassunto contro
costui recava: non essere stato nominato nel processo di Calabria ma
carcerato d'ordine del Visitatore e per detto di D. Carlo Ruffo come
germano di fra Dionisio: essere stato più volte accusato dal Pizzoni
di minacce fatte nelle carceri da parte del Campanella, perchè esso
Pizzoni si ritrattasse, ma avere ciò negato fra Paolo citato per
conteste; essere stato sorpreso in colloquio notturno col Campanella
che fingevasi pazzo, dal quale colloquio risultava «non lieve sospetto
di familiarità lasciva e disonestissima tra di loro, sebbene fra
Pietro fosse innanzi negli anni, rilevandosi dalla sua deposizione,
e dall'aspetto, di maggiore età, di anni trenta»; infine non essere
stato nè reputato nè esaminato come reo dal Vescovo di Termoli e da'
colleghi (si sarebbe dunque potuto e dovuto lasciarlo in pace da molto
tempo). Il Nunzio, il Vescovo medesimo ed il Vicario Palumbo, a voti
uniformi giudicarono dover essere rilasciato per ciò che spettava
al S.^{to} Officio, ma con fideiussione, potendo forse risultare
qualche cosa contro di lui nel progresso delle cause del Campanella
e fra Dionisio.--Da questo primo Riassunto può già rilevarsi l'animo
e l'andamento del Vescovo di Caserta; preciso nella esposizione de'
fatti, come del rimanente ci consta per tutti i Giudici di S.^{to}
Officio la cui opera abbiamo potuto studiare, ma feroce e senz'ombra
di carità nella valutazione ed interpetrazione de' fatti esposti,
ad un grado che ben raramente ci è accaduto d'incontrare. I lettori
conoscono il colloquio notturno del Campanella e fra Pietro che il
Vescovo citava (ved. pag. 88); come mai costui potè dargli quella
brutale interpetrazione? È la cosa che più ci offende da parte di
questo Vescovo, e che mostrerebbe veramente in lui un'anima abietta al
maggior segno: si può solo perdonargli, conoscendo come fra tutte le
grandi soddisfazioni, che altrettali soggetti possono godere, è del
tutto negata loro quella di una tenera e sentita amicizia, onde debbono
finire col perderne assolutamente ogni senso.

Si venne poi a fra Paolo della Grotteria. Recavasi contro di lui
essergli stato trovato un libercolo di segreti e sortilegi, scritto non
di sua mano, pel quale avea prodotto scuse varie e non mai accertate;
essere stato nominato tra' complici del Campanella dal Pizzoni, dal
Soldaniero, dal Petrolo, ma da una parte averlo poi fra Dionisio
negato, e d'altra parte avere il Pizzoni chiarito che non dovea dirsi
complice ma familiare, ed anche avere il Petrolo chiarito che lo
conosceva amico del Campanella solo per detto altrui. Considerando che
il libercolo, per relazione del P.^e Cherubino, conteneva semplici
superstizioni soltanto, e per diretta ispezione, appena due volte
mostrava abuso di parole sacre, tutti e tre i Giudici, a voti uniformi,
decisero doversi fra Paolo rilasciare con fideiussione, pel medesimo
motivo detto innanzi, valutando qual pena il carcere sofferto.--Così
verso questo frate de' più fangosi, e già galeotto, il tribunale fu
piuttosto benigno, tanto che vedremo la Sacra Congregazione di Roma
giudicare necessaria per lui qualche pena spirituale.

E si passò al Bitonto. Ricordavasi per costui la sua amicizia
intrinseca col Campanella e fra Dionisio attestata da diversi, la
visita da lui fatta al Campanella, la dichiarazione del Pizzoni di
essere complice del Campanella; inoltre l'essere stato preso in abito
secolare, l'avere conversato con secolari di pessima vita, tra gli
altri con Cesare Pisano; principalmente poi venivano messe in mostra
le ripetute deposizioni del Pisano, il viaggio fatto con lui a Messina
e le molte eresie formali dette in tale occasione, rilevate anche
nell'altro foro innanzi allo Sciarava, senza sapersi con quale autorità
raccolte da costui, confermate poi in punto di morte, ratificate col
tormento, e non invalidate da una deposizione di Giuseppe Grillo.
I Giudici, del pari a voti uniformi, decisero doversi al Bitonto
amministrare la tortura per un'ora, e non risultando altro doversi
rilasciare con fideiussione.--Venne poi notato, dopo la discussione
sul Bitonto, che gl'indizii medesimi constavano tutti anche per fra
Giuseppe di Jatrinoli, contro cui non erasi mai proceduto ad Atto
alcuno, forse perchè non si trovava preso, ignorandosi anche se ne
fosse stata mai ordinata la cattura o la citazione; e però i Giudici
emisero il voto che fosse carcerato e si procedesse contro di lui.

Contro fra Pietro di Stilo rammentavasi la sua familiarità ed amicizia
intrinseca col Campanella fin dalla puerizia; la testimonianza del
Lauriana, che il Campanella ne faceva gran capitale e parlava con
lui delle eresie; la testimonianza del Soldaniero che fra Pietro era
venuto presso di lui a sollecitarlo perchè andasse a visitare il
Campanella; l'aver lui portata una lettera al detto Soldaniero, ciò che
lo dimostrava consapevole de' segreti del Campanella. Inoltre il non
aver denunziato il Campanella, mentre ne conosceva alcune eresie, e
come religioso e come Vicario del convento era strettamente obbligato
a denunciarlo e a fuggirlo; averlo invece continuato a commendare
per uomo dotto e sapiente, ed essersi poi negato a deporre, nel 1^o
processo, ciò che egli ne conosceva. E qui, accennate le divergenti
opinioni de' dottori intorno al doversi o no ritenere veementemente
sospetto di eresia lo sciente e non rivelante, concludevasi per
l'affermativa, aggiungendo che tale veemente sospetto di eresia veniva
comprovato dall'avere fra Pietro più volte dichiarato di volere
ammogliarsi, benchè si fosse poi scusato allegando di averlo detto
in via di scherzo. E però il Vescovo di Caserta emetteva il voto che
gli si dovesse amministrare la tortura per purgare gl'indizii: ma
il Vicario Palumbo opinò che dovesse prima sottostare ad un nuovo
interrogatorio più diligente e poi darglisi una lieve tortura, e
non risultando nulla, dovesse abiurare come lievemente sospetto di
eresia ed essere rilasciato, ma col bando dalla Calabria; il Nunzio,
da parte sua, si uniformò al voto del Palumbo.--Così questa volta la
maggioranza del tribunale non seguì la foga del Vescovo di Caserta, il
quale evidentemente potea riuscire tollerabile come accusatore ma non
come Giudice. Egli confondeva nel più basso modo curialesco i fatti
concernenti la ribellione con quelli concernenti l'eresia, non teneva
conto dell'essere stato il Lauriana dimostrato falso testimone, non
teneva conto dell'essere stato il Soldaniero dimostrato di pessime
qualità e forzato da fra Cornelio a dire quel che disse, non teneva
conto degli esecrabili procedimenti di fra Cornelio, onde fra Pietro
non avea creduto di dover rispondere nell'esame al quale costui l'avea
chiamato. I Sommarii de' processi offrivano capitoli speciali contro
il Lauriana, contro il Soldaniero, contro fra Cornelio e lo stesso
Visitatore, ma questi capitoli pel Vescovo di Caserta rimanevano
inavvertiti. Eseguita poi la votazione, il Vescovo aggiungeva che le
lettere di fra Pietro ultimamente scoverte (le lettere alle Sig.^{re}
Prestinaci etc.) aumentavano i sospetti contro di lui (quasi che quelle
lettere alludessero ad eresie)! Poteva e doveva fra Pietro ritenersi
colpevole, ma molti degli argomenti addotti dal Vescovo potevano e
dovevano tralasciarsi.

Contro il Petrolo allegavasi l'amicizia, conversazione intrinseca e
confidenza col Campanella, di cui era discepolo; la fuga insieme presa
in abito secolare; la comunicazione fattagli dal Campanella di più e
diverse eresie oltrechè del segreto della ribellione, come esso Petrolo
avea confessato, senza mai allontanarsene e senza denunziarlo, avendo
appena deposto tali cose sotto le minacce e i terrori da parte del
Visitatore. Inoltre la confessione ultima di Cesare Pisano ratificata
in tortura, che rivelava molte eresie dette da fra Dionisio essere
state confermate dal Petrolo; la testimonianza del Lauriana che egli
fosse complice nella ribellione; la sua stessa condotta variabile
tenuta nell'affermare, nel ritrattarsi, nel dichiarare falsa la sua
ritrattazione. Laonde il Vescovo di Caserta opinava che gli si dovesse
amministrare due volte la tortura, e non risultando altro, si dovesse
farlo abiurare come veementemente sospetto di eresia e bandirlo dalla
Calabria rilasciandolo sotto fideiussione; il Nunzio si uniformò a
questo voto, ma il Vicario Palumbo votò per una tortura sola bensì
gagliarda, accettando tutto il resto.--Come si vede, erano sempre messe
in fascio la ribellione e l'eresia; e quantunque ciò accadesse ora in
un campo più generale e più comportabile, non si può non riconoscere
che il tribunale sconfinava, ed ammetteva un fatto, il quale non
gli constava direttamente, e non era nemmeno passato ancora in cosa
giudicata nelle persone de' frati. D'altronde pel Petrolo bastavano le
proprie confessioni, rivedute e corrette con quelle del Pisano, ma il
Vescovo di Caserta si credeva in obbligo di raccogliere tutto il peggio
possibile, senza curarsi troppo di farne la scelta.

Contro il Lauriana ponderavasi la sua qualità di discepolo e confidente
del Pizzoni «indiziato e quasi convinto delle eresie e degli altri
delitti del Campanella»; la testimonianza del Soldaniero, che fosse
uno degli eletti a predicare; l'avere udite eresie dal Campanella e
dallo stesso Pizzoni senza averle rivelate; l'aver suonato la campana
all'armi quando si andò a carcerarlo, con che mostrava «aver avuto
coscienza e partecipazione de' delitti del Campanella». Inoltre il
non aver deposto in giudizio se non dopo di essergli state comminate
pene più gravi; e poi l'aver variato nelle deposizioni, l'aver cercato
per lettere intorno ad esse consigli al Pizzoni e scuse a Ferrante
Ponzio, negando in sèguito questi fatti e rimanendo convinto di
mendacio; l'aver menato vita criminosa con costumi riprensibili etc.
E però il Vescovo di Caserta espresse anche per lui il voto che gli
si dovesse dare due volte la tortura, e non risultando nulla, dovesse
abiurare come veementemente sospetto di eresia ed essere rilasciato
con fideiussione: il Nunzio acconsentì a questo voto, ma il Vicario
Palumbo votò per una tortura sola e per l'abiura come lievemente
sospetto.--Senza dubbio contro questo abietto frate si sarebbe stato
assai più nel vero procedendo per falsa testimonianza; ma non si
usava, senza evidentissime ragioni, passar sopra alla quistione
dell'eresia.

Con la votazione sul Lauriana chiudevasi la discussione sui frati i
quali aveano rinunziato alle difese, e per tutti costoro i Giudici
concordemente emisero pure il voto, che dovessero essere esiliati da
entrambe le provincie di Calabria, e tenuti in monasteri ne' quali
i loro Superiori potessero osservarne la vita e i procedimenti.
Notiamo qui che non ci è pervenuta alcuna notizia di votazione fatta
intorno al Campanella, e che verosimilmente non ce ne fu, a motivo
della sua pazzia legalmente accertata, la quale facea sospendere ogni
Atto ulteriore contro di lui. Ma non deve sfuggire che ne' Riassunti
degl'indizii sopra riferiti, e basta guardare quello del Lauriana,
trovasi espresso in termini non equivoci il giudizio di colpabilità
sul Campanella, e così pure sul Pizzoni defunto. Notiamo ancora che in
tutte le votazioni fatte il Nunzio non mostrò mai un'opinione propria,
mentre pure egli che sedeva al tempo stesso nel tribunale della
congiura, e conosceva intimamente molte e molte cose estragiudiziali,
avrebbe potuto e dovuto tenerla; ma indubitatamente egli non avea
studiato nè seguito con premura lo svolgimento del processo, fu quindi
obbligato a rimettersene a' colleghi, e pur troppo preferì quasi
sempre uniformarsi al voto del collega peggiore. Invece il Vicario
Palumbo mostrò sovente un'opinione propria: i motivi da lui addotti per
sostenerla non furono registrati, ma possono intendersi agevolmente da
quanto sappiamo intorno al processo, e bisogna dire che questa opinione
riuscì molto più giusta; vedremo che la Sacra Congregazione di Roma la
preferì costantemente.

Non rimaneva che procedere alla discussione e votazione su fra
Dionisio. Il 20 settembre i Giudici emisero l'ordine di citarne
l'Avvocato D. Attilio Cracco, perchè l'indomani comparisse nelle
case loro a dire ed allegare quanto volesse, a voce ed in iscritto,
avvertendolo che avrebbero spedita la causa anche senza la sua
comparsa. E subito dopo doverono imprendere la discussione de' meriti
della causa, poichè nel Riassunto degl'indizii troviamo affermato
essersi i Giudici più volte riuniti a tale oggetto, e nel processo
troviamo registrata la loro decisione in data del 24 settembre[363].

Ben lungo e circostanziato fu il Riassunto degl'indizii, scritto
interamente dal Vescovo di Caserta, contro fra Dionisio: e poichè esso
da tanti lati riguarda anche la persona del Campanella, contro cui non
abbiamo un'analoga scrittura, lo riporteremo per quanto è possibile
minutamente, accompagnandolo pure con qualche appunto; del resto
raccomandiamo di consultare il documento originale[364]. Rammentavasi
contro fra Dionisio la 1^a deposizione del Pizzoni in Calabria ed anche
la ripetizione del medesimo in Napoli; la deposizione del Lauriana, e
quelle del Soldaniero, del Pisano, del Conia; la sua fuga dal convento
di Pizzoni mentre procedevasi all'arresto del Pizzoni, e la sua cattura
avvenuta in Monopoli mentre cercava mettersi in salvo con Maurizio; la
sua amicizia strettissima e piena confidenza col Campanella, durata
anche dopo che lo zio P.^e Pietro Ponzio glie l'aveva inibita sotto
pena di maledizione; la sua lettera al P.^e Vincenzo Rodino, in cui
parlava di molti segreti che non conveniva affidare alla penna, la
sua qualità e i suoi costumi di poco buono odore, le vanterie di
brutti peccati commessi, l'irrequietezza e il continuo vagare per la
provincia anche «in compagnia de' giovanetti Cesare Pisano e Alfonso
Grillo» (evidentemente il Vescovo aveva una speciale tendenza a vedere
certi vizii da per tutto); infine l'ultima rivelazione di Maurizio,
che non avendo mai confessato nulla con 70 ore di tortura, volle poi
sgravare la sua coscienza, e «comportandosi abbastanza sobriamente,
disse soltanto ciò che avea saputo dal suo cognato Gio. Battista
Vitale» (era proprio certo che dovesse saperne di più). Allegavasi poi
e combattevasi ciò che fra Dionisio si era sforzato di dimostrare nelle
sue difese contro le persone e i detti de' testimoni a suo carico. E
circa il Pizzoni, notavasi che gli era stato nemico e gli avea rubati
alcuni scritti, ma osservavasi che già si erano riconciliati tra loro
onde conversavano sempre insieme e si trovarono riuniti anche nel
momento dell'arresto del Pizzoni; notavasi che il Pizzoni avea pessimi
costumi, ma con una classica frase osservavasi che in ciò «nulla avea
da dire Catilina a Cetego»; notavasi che era stato vario in certi fatti
ed avea osservato molte cose essere state inserte falsamente negli
esami da fra Cornelio, ma osservavasi che si erano avute «correzioni
piuttosto che varianti», e si dovea credere a quel testimone tanto
più, perchè in fondo avea sempre persistito nella prima deposizione
malgrado i tanti esami fatti e rifatti dal Vescovo di Termoli (e qui un
calcio d'asino al suo predecessore); nè doveasi prestar fede all'ultima
assertiva di ritrattazione scritta dal Pizzoni in punto di morte e
consegnata al suo confessore, poichè questa non s'era trovata e il
confessore P.^e Pietro Peres (forse Gonzales) non era di buoni costumi
ed avea confessato di nascosto, senza il permesso de' Commissarii
e del Curato, e poi per comune sentenza de' dottori non si dovea
tener conto delle dichiarazioni de' morenti, estorte da confessori
e confortatori, non essendo neanche ogni morente un S. Giovanni
Battista (ma in tutti i modi, lasciando in pace S. Giovanni Battista,
bisognava cercarla quella confessione e non essere verso i costumi del
confessore più severo che verso quelli del Pizzoni, del Lauriana e del
Soldaniero). Circa il Lauriana notavasi esserne stata messa in mostra
l'intima amicizia col Pizzoni, la mala vita, l'opinione acquistata
di testimone falso; ma osservavasi che queste ragioni erano frivole,
e bisognava tener conto della diffamazione procuratagli da' Ponzii
medesimi e dagli altri frati; che anzi le sue deposizioni erano assai
verosimili, mentre già da un pezzo prima, quando non vi era sospetto
d'inquisizione, per iscrupolo egli aveva attestato qualche cosa contro
fra Dionisio, e poi non risparmiò neanche il suo maestro Pizzoni, e
catturato con lui all'improvviso, senza precedente concerto, si trovò
d'accordo con lui, nè cedè alle minacce de' Ponzii, «i più furbi ed
astuti tra' calabresi» (e le suggestioni di fra Cornelio provate
per tante vie? e le incertezze posteriori e i mendaci provati dallo
stesso Pizzoni?). Circa il Soldaniero notavasi essere stata allegata
la seduzione per parte de' Polistina, sotto promessa dell'indulto
che poi gli fu concesso dallo Spinelli, le sue molte varianti con sè
medesimo e con Valerio Bruno suo domestico, il mendacio provato con le
deposizioni del priore e lettore di Soriano sulla circostanza dell'aver
fatto cacciare fra Dionisio e il Pizzoni dal convento: ma osservavasi
che nulla constava della pretesa seduzione (pertanto il nome di fra
Cornelio figurava nell'indulto), e il Soldaniero era stato dichiarato
dal Pizzoni già anteriormente consapevole di tutto, per comunicazione
fattagli dal Campanella mediante fra Dionisio, ciò che era del pari
provato dal priore e lettore di Soriano, e poi il Campanella medesimo
gli avea mandato per fra Pietro di Stilo una lettera, come era
confessato da fra Pietro ed attestato dal priore e dal lettore che la
videro (ma la lettera non parlava di eresia, e si trovano qui sempre
studiatamente confuse l'eresia e la congiura); nè le differenze tra
lui e Valerio Bruno erano sostanziali, e Valerio, scorso un anno, avea
potuto dimenticare qualche cosa ed anche mentirla, sussistendo non di
meno una conformità tra il Soldaniero ed altri testimoni non sospetti.
Circa il Pisano, si era allegata un'antica inimicizia per la parte
da lui presa nella causa di fra Dionisio contro i Polistina, e la
deposizione del Bitonto e del Petrolo, come pure di Giuseppe Grillo,
attestanti non essersi fatti discorsi di eresia nella casa del Grillo:
ma l'inimicizia era senza dubbio estinta, mentre fra Dionisio era
andato col Pisano fino a Messina, e più tardi, insieme col Campanella,
era andato a visitarlo nelle carceri di Castelvetere, per procurarne la
liberazione, come aveva anche scritto al P.^e Rodino; nè poteva tenersi
conto delle deposizioni negative del Bitonto e del Petrolo, essendo
costoro complici e socii nel delitto, nè di quella del Grillo, essendo
inverosimile che i frati avrebbero parlato di cose tanto gravi in
presenza di persone non sicure, e d'altronde la deposizione del Pisano
era stata convalidata pure in punto di morte e ratificata in tortura.
Circa il ì, si era allegata una fede del Cappellano della galera su
cui fu confortato a ben morire, attestante aver dichiarato false le
cose da lui deposte contro monaci, in materia di ribellione e di
eresia, essendogli state estorte con le torture dategli dallo Sciarava:
ma questa fede non aveva alcun valore, perchè non rappresentava una
deposizione giurata, perchè citava come contesti i P.^i Ministri
degl'infermi ed uno di essi nella sua fede parlò del Vitale e non del
Caccìa, perchè riguardava le deposizioni fatte innanzi allo Sciarava
e non quelle fatte spontaneamente innanzi al Vescovo di Gerace etc.
Aggiungevasi che erano state pure prodotte fedi di alcune università
che attestavano avervi fra Dionisio predicato con edificazione
dottrine cattoliche, ma, naturalmente, ciò non bastava. E ricordata
una quistione trattata dal Pegna nelle sue aggiunte all'Eimerico, che
cioè essendo i testimoni legittimi e degni di fede, ma diversi per
luogo e per tempo, non si aveva una convinzione piena e tale da fare
assegnare la pena ordinaria per l'eretico negativo ed impenitente (vale
a dire la degradazione e la morte), ricordata d'altro lato la gravità
degl'indizii, presunzioni e congetture, segnatamente la circostanza del
trovarsi «pienamente convinto nella connessa causa della ribellione»,
si veniva a' voti. Ed uniformemente tutti e tre i Giudici votarono la
doppia tortura, seguita dall'abiura per veemente sospetto di eresia,
aggiungendovi la relegazione, dopo scontata la pena per la causa della
ribellione che doveva ancora essere spedita, in un convento fuori la
provincia, a scelta de' Sig.^{ri} Cardinali supremi inquisitori, con
l'obbligo di alcune penitenze salutari vita durante.

Gli appunti sparsamente fatti nell'esporre questo Riassunto ci
dispensano da ogni ulteriore commento sopra di esso. Principalmente
fra Dionisio era più che colpevole in eresia, ma il Vescovo di Caserta
spiegava contro di lui insinuazioni su tutto e su tutti, equivoci
volontarii, interpetrazioni doppie, giudizii benignissimi sui testimoni
a carico e severissimi su' testimoni a discarico, premura nel trovare
la colpa più che la verità, indifferenza per gli odii ferocissimi delle
fazioni fratesche e per la nequizia de' primi inquisitori, che avevano
tanto influito nella formazione del processo: insomma, l'abbiamo detto
altra volta, i frati erano colpevoli, ma meritavano migliori Giudici;
un solo ne ebbero veramente buono, il Vescovo di Termoli, e fu tolto
loro dalla morte, e il Vescovo di Caserta non risparmiò le insinuazioni
nemmeno verso di lui. Giova conoscere testualmente ciò che egli ne
disse: «ognuno che si faccia a guardare rettamente il modo tenuto dal
predetto Vescovo nel ripetere tante volte i testimoni del processo
offensivo, benchè debba piamente credere che il Vescovo l'abbia usato
per investigare e ricercare la verità, pure vi trova non saprebbe
dirsi quale umano desiderio di voler cogliere in falso i testimoni
del fisco e distruggere il processo di Calabria». Non era umano ma
divino desiderio quello di legger chiaro in un processo nato sotto
tanti maligni influssi e brutto per tante irregolarità; il Vescovo
di Caserta, scrivendo a quel modo, mostrava bene che il senso della
giustizia non era in lui molto sviluppato. Il Campanella, nella sua
Narrazione, come deplorò la morte del Vescovo di Termoli così giudicò
il Vescovo di Caserta, e disse che costui «con dar tormenti et esser
troppo fiscale non provò altro»: la qualità di «troppo fiscale» era
il meno che potesse dire, e bisogna tener presente che nelle sue
condizioni il Campanella dovea mostrare i più grandi riguardi alle
persone e alle cose di S.^{ta} Chiesa.

Esaurite le discussioni e le votazioni, doverono mandarsi a Roma
i Riassunti degl'indizii co' voti de' Giudici, ed una copia, con
le relative bozze, ne rimase presso il Vescovo, ed è quella a noi
pervenuta: ma dobbiamo notare che il Riassunto contro fra Dionisio vi
si trova solamente in bozza, non ricopiato, donde si desumerebbe che
tutto questo lavoro durò fin oltre il 16 ottobre, e che il Riassunto
contro fra Dionisio forse non fu mandato, come non dovè essere
mandato nemmeno quello contro il Bitonto, poichè costoro a quella
data riuscirono a mettersi in salvo.--Intanto deve notarsi che nel
processo fu registrata la decisione presa su fra Dionisio con la data
de' 24 settembre: questo fatto riesce singolare, poichè i voti de'
Giudici servivano solamente per proposte da sottomettersi alla Sacra
Congregazione Romana de' Cardinali Inquisitori, dalla quale poi veniva
presa la risoluzione che doveva essere seguita da' Giudici nella
spedizione della causa. Noi crediamo assai verosimile che la decisione
su fra Dionisio sia stata inserta nel processo molto più tardi,
quando tutto fu esaurito, per far trovare un ricordo e non lasciare
addirittura senza conclusione la causa di un soggetto principalissimo,
su cui si aggirava la più gran parte del voluminoso processo.

Come dicevamo, fra Dionisio ed il Bitonto riuscirono a mettersi
in salvo il 16 ottobre; essi fuggirono dal Castello insieme col
carceriere, e senza dubbio tale fuga dovè essere preceduta da
lunghi concerti, pe' quali probabilmente occorsero tutte quelle
tergiversazioni, tutti quegl'incidenti fatti nascere da fra Dionisio
negli ultimi tempi, non esclusa forse la rissa medesima con tutte
le sue conseguenze prevedute e calcolate. Il Nunzio, il Vescovo di
Caserta, e parimente il Card.^l Gesualdo Arcivescovo di Napoli, tutti
mandarono a Roma la notizia della fuga, che appunto dal Carteggio del
Nunzio si rileva nella sua data e qualità precisa. In Roma se n'ebbe
dispiacere, come si rileva da una lettera del Card.^l Borghese in
risposta a quella del Nunzio, al quale fu raccomandato caldamente di
adoperarsi per riavere nelle mani i frati fuggiaschi[365]. In Napoli
se n'ebbe «universale meraviglia», come si rileva da una lettera
del Residente Veneto Anton Maria Vincenti[366]; e sicuramente il
Vicerè dovè ordinare un'apposita inchiesta, ma di tale ordine non
c'è riuscito trovare alcuna traccia. Abbiamo bensì trovato ordini
vigorosi in questo senso, venuti da Madrid non appena vi giunse la
notizia della fuga, e con essi menzionata una carta di avvertenze da
doversi tener presenti, la quale carta per altro non fu trasmessa
all'Archivio di Stato: con ogni probabilità le avvertenze principali
riflettevano la convenienza e la maniera di conoscere se Roma avesse
tenuto mano in tale faccenda. Abbiamo trovato inoltre che lo Xarava,
recatosi a Madrid per sollecitare la sua nomina a Consigliere, profittò
dell'avvenimento per offrirsi ad «impinguare», come allora si diceva,
l'inchiesta, e finqui la cosa riesce naturale: ma ciò che riesce
strano si è l'essersi offerto pure nientemeno che a procedere nella
causa di eresia tanto di fra Dionisio quanto del Campanella, siccome
bene informato di tutti i loro disegni, e l'essersi da Madrid ordinato
al Vicerè di vedere cosa convenisse fare circa l'intervento dello
Xarava; decisamente la fuga di fra Dionisio avea fatto volgere la più
viva attenzione verso Roma. Questo si può argomentare da due Lettere
Regie esistenti nell'Archivio di Stato[367]; ma anche senza di esse,
si comprende che, dopo le lungaggini verificatesi nello svolgimento
della causa, il Governo Vicereale dovè rimanerne tanto più diffidente
e sospettoso. Nulla poi conosciamo intorno a' particolari della fuga,
la quale del resto non era un fatto assolutamente straordinario; basta
ricordare che ne abbiamo già citato un altro esempio in persona del
cav.^{re} gerosolomitano fra Antonio Capece. Non potremmo nemmeno
dire con certezza chi fosse stato il carceriere che se ne andò co'
fuggiaschi. Senza dubbio non fu il Martines, che avea già da un pezzo
perduto l'ufficio; ma tutto induce a credere che sia stato Antonio
de Torres detto «sotto-carceriero» nella denunzia e ricorso di
Camillo Adimari contro fra Pietro Ponzio, e successo interinalmente
al Martines, perchè ne' libri parrocchiali della Chiesa del Castel
nuovo, dopo di aver figurato più volte a motivo di paternità dal 7 8bre
1587 al 4 7bre 1601, egli scomparisce affatto senza lasciare alcuna
traccia di sè, e d'altra parte Onofrio Martorel, che dovrebb'essere
l'Onofrio sotto-carceriere citato nel processo e nella Narrazione del
Campanella, dopo di avervi figurato del pari assai sovente fin dal
1583, è registrato nell'elenco de' morti in data del 14 gennaio 1605;
aggiungiamo poi che nel processo, fin da' primi giorni del 1603, poco
dopo la data di cui qui si tratta, incontrasi il nome di un nuovo
carceriere, Martino Sances. Conosciamo per altro che fra Dionisio
se ne andò a Costantinopoli e quivi abbracciò la fede Maomettana:
ma le ricerche da noi istituite nell'Archivio Veneto, rovistando il
grandioso Carteggio de' Baili, ci han fatto sapere che egli giunse a
Costantinopoli nel maggio dell'anno seguente, essendosi trattenuto
segretamente sulle galere di Malta, ed avendole lasciate nel trambusto
di una fazione vittoriosa di quelle galere contro il castello di
Lepanto. Avremo campo di parlarne più in là: per ora notiamo che questo
incidente faceva peggiorare moltissimo la causa del Campanella.

Apparve allora un ordine di cattura «a' cursori, aguzzini ed
inservienti di qualsivoglia Curia, tanto ecclesiastica quanto secolare,
in qualsivoglia luogo, ecclesiastico, secolare, regolare ed anche
di Monache comunque dotato di esenzione, non ostante qualunque
privilegio», venendo dal tribunale accordate le veci e le voci
proprie, ed inculcato a tutti e singoli, ecclesiastici e secolari, di
dare aiuto, consiglio e favore necessario ed opportuno all'effetto
predetto[368]. Quest'ordine si trova in processo senza data, ma non
è dubbio che dovè essere emanato propriamente il 17 ottobre; poichè
vi si rileva questa circostanza, che al momento in cui fu scritto,
vi si parlò solamente della cattura di fra Dionisio fuggito, e poi,
con una postilla in margine, vi si aggiunse anche il Bitonto; e non
ci manca nemmeno un documento fuori il processo, che attesta essere
dapprima venuta al Vescovo di Caserta la notizia della fuga del solo
fra Dionisio[369]. Un'altra circostanza dobbiamo notare nell'ordine
suddetto. Esso fu emanato a nome del Nunzio, del Vescovo di Caserta e
del Vicario Alessandro Graziano: era costui il nuovo Vicario generale
successo al Vaccari, e da questo momento in poi trovasi in quasi tutti
gli Atti co' quali ebbe termine il processo principale.

Ma finalmente con lettera del 29 novembre il Card.^l Borghese
partecipava la risoluzione della Sacra Congregazione de'
Cardinali[370], ed ecco quanto alla presenza di S. S.^{tà} si era
risoluto. Pel Campanella, «che sia condannato alle carceri di questo
santo Uffitio (_int._ di Roma) ove perpetuamente sia ritenuto senza
speranza alcuna di esserne liberato»; pel Lauriana e fra Pietro di
Stilo, «che si dia loro la corda moderatamente... et non sopravenendo
cosa che gli aggravi, si facciano abiurare come leggiermente sospetti
di heresia, con impor loro alcune penitenze salutari»; pel Petrolo,
«che se gli dia la corda più acremente... et non risultando altro, si
faccia abiurare come sospetto vehementemente di heresia con imporgli
alcune penitenze salutari»; e si aggiungeva per questi ultimi tre
frati «l'essilio da tutto cotesto Regno» e l'assegnazione «da' loro
superiori» in conventi ne' quali si vivesse con maggiore osservanza,
notando essere «mente di N. S.^{re} che per le dette pene... non si
pregiudichi nè si ritardi la speditione della causa della pretensa
ribellione da farsi da' giudici sopra ciò deputati da S. S.^{tà}».
Quanto a fra Paolo, si era risoluto: «che sia rilasciato con imporgli
alcune penitenze salutari»; e quanto a fra Pietro Ponzio, «che sia
rilasciato liberamente dalle carceri per quello che spetta al santo
Uffitio».

Ben si vede che in Roma furono accolti i voti de' Giudici nel senso più
mite; solo per fra Paolo furono aggiunte le penitenze salutari, e per
gli altri fu accolto propriamente il voto del Vicario Arcivescovile,
che si era mostrato mite più di tutti. Ma pel Campanella, pel quale non
vi furono o non giunsero fino a noi i voti de' Giudici, si prese una
risoluzione abbastanza difficile a spiegarsi. Secondo la giurisprudenza
del S.^{to} Officio che abbiamo già altra volta avuta occasione di
ricordare, come pazzo, quale era legalmente riuscito a dimostrarsi
col tormento della veglia, il Campanella non avrebbe dovuto essere
_condannato_, ma ritenuto in carcere, fino a che o rinsavisse o
morisse, potendo solo in uno di questi due casi avere una condanna (è
noto che in materia di eresia anche i morti non venivano risparmiati);
invece come sano di mente, per la sua qualità di relapso, avrebbe
dovuto essere condannato alla degradazione e consegna alla Curia
secolare, dalla quale sarebbe stato giustiziato. Il carcere perpetuo ed
irremissibile, ovvero la così detta «immurazione» che avea lo stesso
significato, era la pena dell'eretico pentito, e più propriamente,
secondo una prescrizione del Concilio Tolosano, la pena dell'eretico,
che _pel timore della morte_ o per qualunque altro motivo, ma non di
spontanea sua volontà, era tornato in grembo alla Chiesa: posto che
_pel timore della morte_ il Campanella si fosse finto pazzo, egli non
avea però dato alcun segno di ritorno in grembo alla Chiesa. D'altronde
la condanna al carcere perpetuo avrebbe dovuto sempre essere preceduta
dall'abiura pubblica ed anche dalla degradazione, almeno verbale se
non attuale, come ordinava un rescritto di Urbano IV; e di ciò, a
proposito del Campanella, non si fece alcuna parola, nè realmente si
vide poi alcun Atto in sèguito. Bisogna del resto ricordare ancora che
nè il carcere perpetuo, nè l'irremissibile, importavano assolutamente
la ritenzione vita durante, come dalla loro denominazione si potrebbe
inferire; il S.^{to} Officio non isconosceva del tutto la massima del
foro laico, che cioè il carcere doveva servire a custodia e non a
pena, e quindi soleva condonare il carcere perpetuo dopo tre anni, ed
il carcere irremissibile dopo otto anni[371].--Queste considerazioni
non poterono certamente sfuggire al Governo Vicereale, che a simili
argomenti attendeva con molta premura in que' tempi, ma non ci pare che
siano state fatte da coloro i quali si sono occupati del Campanella;
e però si sono avuti giudizii veramente un po' strani sullo spirito
della condanna che il Campanella ebbe da Roma, sull'atroce condotta
del Governo Vicereale verso di lui, sulla stessa determinazione
presa in Roma, quando, dopo tanti anni di ritenzione in Napoli, il
Campanella giunto nelle carceri Romane finì per acquistare la libertà.
Certamente il Campanella fu da Roma giudicato colpevole in eresia, e
non sapremmo punto ammettere che il S.^{to} Officio gli avesse dato
una condanna al carcere irremissibile senza motivo, o per semplice
finzione con lo scopo di trarlo a Roma: se i compagni del Campanella
furono sottoposti a tortura ed obbligati ad abiurare come sospetti
leggermente o veementemente di eresia, come mai si può concepire
che egli non sia stato giudicato eretico? Forse potè non essere
ritenuto plenariamente convinto, come si era riconosciuto dai Giudici
per fra Dionisio; ma anche ammesso ciò pel Campanella, il cui caso
era veramente più grave di quello di fra Dionisio, rimane sempre a
spiegarsi come mai potè avere la condanna che ebbe. Se ci è lecito
esprimere una nostra opinione, essa è, che da Roma si volle dare a
questa faccenda un termine ad ogni costo, poichè con la semplice
ritenzione nel carcere, per aspettare il rinsavimento o la morte del
Campanella e poi venire alla condanna, la faccenda sarebbe durata
indefinitamente, e questo era divenuto impossibile: si mutò quindi la
ritenzione continua in carcere perpetuo _sine spe_, senza prescrivere
l'abiura e la degradazione, che nello stato in cui il Campanella si
trovava, o più veramente fingeva di trovarsi, non si sarebbe nemmeno
riusciti ad effettuare, e con tale ripiego si apriva la via di dare
un termine anche alla causa della congiura, essendo esaurita quella
dell'eresia. La condizione poi del doversi la pena scontare nel carcere
di Roma non fu nemmeno speciale, perocchè trattandosi del giudizio
di un tribunale non diocesano, l'andata a Roma era di regola, e se
si credè conveniente di esprimerla nella risoluzione, ciò si fece
per evitare ulteriori controversie col Governo Vicereale, oltrechè
per affermare quella «superiorità ecclesiastica» sempre ambita da
Roma più di ogni altra cosa e non del tutto riconosciuta dal Governo
in tale faccenda: d'altronde l'andata a Roma si sarebbe effettuata
dopo la spedizione della causa della congiura, che non doveva essere
«nè pregiudicata nè ritardata», e se per questa causa il Campanella
avesse riportata la condanna della degradazione e consegna alla Curia
secolare, come D. Giovanni Sances avea già chiesto, egli non sarebbe
andato a Roma certamente. Adunque la risoluzione della Congregazione
Romana non avea punto lo scopo di trarre il Campanella da Napoli
a Roma: essa facilitava solamente, e di molto, ciò che il Governo
Vicereale bramava, la spedizione della causa della congiura; essa
dava modo di far proferire una condanna in quella causa, come una
condanna era stata proferita nella causa dell'eresia, senza tener conto
della pazzia legalmente accertata! Con ciò non diremo che il Governo
Vicereale avesse dovuto rimanerne contento e soddisfatto. Si comprende
che esso avrebbe preferita una condanna di degradazione e consegna
alla Curia secolare, essendo il Campanella relapso in eresia, come D.
Giovanni Sances non avea mancato di ricordare nella sua Allegazione:
d'altronde non poteva fargli un'ottima impressione quella condanna di
ripiego ad un carcere irremissibile che tale non era di fatto, quel
ricordo di doversi codesta pena scontare in Roma, dopo «la speditione
della causa della pretensa ribellione da farsi da' giudici sopra
ciò deputati da S. S.^{tà}», quasi che tale causa potesse terminare
con una condanna a pena insignificante o con un semplice rilascio.
Quando vi erano già state tante ragioni od occasioni di sospetti
e diffidenze, riesce ben naturale ammettere che tutto ciò venisse
ad aggiungere qualche cosa a' sospetti e alle diffidenze. Eppure
non abbiamo alcuno indizio che il Governo Vicereale fosse rimasto
irritato dalla risoluzione di Roma: se ne rinverrebbe qualche traccia
nel Carteggio del Nunzio, come la si rinviene ogni qual volta vi era
stato un positivo scontento da parte del Governo. Invece se dovessimo
credere a ciò che ne disse poi il Campanella nella sua Narrazione,
tutto fu fatto per compiacere il Governo; e per verità, quanto a sè,
egli aveva ragione di dirlo, poichè Roma avea mostrato di non ritenerlo
pazzo, mentre egli avea comprovata col più solenne de' tormenti la
sua pazzia. Non sarà inutile ricordare qui le parole del Campanella.
«Dopo questo (dopo il suo tormento) fuggio F. Dionisio dalli carceri,
e li altri fur liberati; ma solo li frati furo esiliati dal regno
per soddisfar alli regi Fiscali, el Campanella in perpetuo carcere
del S. Officio in Roma _sine spe_. Ma perchè li frati condannati a
compiacenza d'officiali regi subito in Napoli et altri in Roma fur
aggratiati e diventaro priori et officiali nella Religione, e si vide
che questa condanna era _ad ostentationem_ fatta dalli ecclesiastici;
e sapendo ch'il Campanella senza esser esaminato fu condannato, e la
sentenza è nulla per questo e per le appellationi secrete che prima e
poi mandò a Roma, non volsero mai permettere che andasse alli carceri
di Roma; nè che si facesse la causa sua di ribellione a Napoli» etc.
Ma i frati, nella più gran parte, furono liberati dopo tortura e
solenne abiura, e se furono di poi graziati dell'esilio, ciò accadeva
sempre nelle condanne del S.^{to} Officio, e sarebbe del pari accaduto
per lo stesso carcere perpetuo del Campanella: e dopo tutto quello
che abbiamo visto, potrebbe mai ritenersi che le condanne con le
torture fossero state date a compiacenza degli officiali Regii e _ad
ostentationem_? A noi basta assodare che non vi fu, come non vi poteva
essere, una grave dispiacenza del Governo Vicereale per quella specie
di condanne, e che esso non ne rimase irritato più di quanto lo era
già per molti altri fatti, ed in ultimo luogo pel lunghissimo tempo
impiegato nello svolgimento della causa e per la fuga di fra Dionisio;
vedremo in sèguito che la sua irritazione crebbe veramente più tardi
per qualche altro fatto, il quale esacerbò la diffidenza e il sospetto,
aggiungendovi il risentimento e il puntiglio della peggiore specie.

Pervenuta in Napoli la risoluzione di Roma, non rimaneva che spedire la
causa secondo il dettato di essa. Si sarebbe potuto farlo in pochissimi
giorni, ed invece, non sapremmo dire per quale motivo, scorse oltre un
mese, e le sentenze e gli atti ultimi non si compirono che al principio
dell'anno seguente: lo stesso fra Pietro Ponzio, per lo quale era stato
ordinato il rilascio semplice, e già il Nunzio avea più volte dato a
Roma promesse formali di sollecita spedizione, non si vide libero e
dovè attendere ancora. Il Nunzio si limitò a partecipare al Card.^l
Borghese di aver ricevuta la risoluzione presa intorno alla causa del
S.^{to} Officio, e di aver fatto sapere al Vescovo di Caserta, che era
sempre pronto ad intervenire nella spedizione di detta causa[372].

L'8 gennaio 1603 si venne finalmente alla spedizione della causa.
Secondo lo stile del S.^{to} Officio, le sentenze furono prima scritte,
e quindi promulgate e lette dal Notaro della causa agl'interessati,
non essendo lecito fare altrimenti sotto pena di nullità. Si cominciò
dal Campanella[373]. La sentenza, sottoscritta da' tre Giudici,
diceva che, viste le informazioni e gli Atti, visto il tenore della
lettera del Card.^l Borghese scritta il 29 novembre 1602 d'ordine
de' Cardinali sommi Inquisitori, in esecuzione di detta lettera
essi Giudici provvedevano e decretavano, che per le cause di eresia
per le quali trovavasi carcerato e detenuto il Campanella doveva
essere condannato, come con quel decreto era condannato, sua vita
durante alle carceri formali della S.^{ta} Inquisizione in Roma etc.
etc., ripetendo la condanna e la pena ne' termini precisi da Roma
trasmessi. Nel medesimo giorno suddetto il Prezioso, chiamato il
Campanella con l'intervento di due testimoni, i Rev.^{di} D. Antonio
Peri e D. Vincenzo Pagano, gl'intimò e lesse la sentenza _audiente et
intelligente_, e ne rogò un Atto appunto in questi termini. Dunque il
Campanella udiva e comprendeva, e non tenevasi più conto della sua
pazzia, circostanza di cui non avea da dolersi certamente il Governo
Vicereale: intanto, in una ricevuta di piccolo sussidio tratto dalla
somma venuta di Calabria, alla data del 30 marzo 1603, trovasi che
la parte spettante al Campanella era ancora esatta da fra Pietro
di Stilo, il quale dichiarava di aver «pensiero» della persona del
Campanella, naturalmente perchè pazzo[374]. Si venne poi a fra Paolo
della Grotteria, per lo quale la sentenza, scritta con lo stesso
formulario, decretava il rilascio dalle carceri con l'indicazione
delle penitenze impostegli (recitare in giorni determinati l'ufficio
de' morti, il Credo, i Salmi penitenziali e le Litanie, recitare ogni
giorno il Rosario, digiunare il sabato) «riservatane la moderazione,
la mitigazione e la commutazione a' Cardinali sommi Inquisitori». Ed
egualmente il Prezioso, con le cautele medesime, gli lesse la sentenza
_audiente et bene intelligente_, _et omnia acceptante_; più tardi poi,
scorse oltre due settimane, gli consegnò la copia delle dette penitenze
salutari, rogandone un altro Atto innanzi a due altri testimoni,
uno de' quali era Martino Sances carceriere. Ma bisogna notare che
il rilascio di fra Paolo rifletteva le cause di S.^{to} Officio, e
poichè egli era inquisito anche della ribellione, continuò a rimanere
in carcere.--Si passò quindi a fra Pietro Ponzio, cui fu decretato
il rilascio per le cause spettanti al S.^{to} Officio, sempre in
esecuzione della lettera di Roma; e il Prezioso gli lesse la sentenza
_audiente et intelligente_. Fra Pietro fu veramente posto in libertà:
non abbiamo notizia della data precisa in cui uscì dalle carceri, ma
verosimilmente ciò accadde senza molto ritardo, non essendovi empara
per lui; possiamo solamente dire con certezza che nell'ordine di
pagamento del piccolo sussidio menzionato sopra, alla data del 22
marzo, egli non era più computato tra' frati esistenti in Castello e
non figurava di poi nella ricevuta. Lo troveremo in sèguito nel suo
convento di Nicastro, poichè ci darà ancora occasione di parlare di lui.

Nello stesso giorno 8 gennaio, innanzi al Nunzio, al Vescovo di Caserta
e al Vicario Graziano, si amministrò la tortura, prima a fra Pietro
di Stilo e poi a fra Silvestro di Lauriana[375], tortura moderata,
di poco più di mezz'ora, dimandando loro se fossero vere le cose che
aveano deposte contro gli altri, e se avessero aderito all'eresie che
avevano udite (precisamente come in Roma era stato risoluto). Possiamo
dire che l'uno e l'altro si mostrarono quali li abbiamo visti finora
in tutto il processo. Fra Pietro di Stilo, lettogli il testo della sua
deposizione fatta in Gerace, dichiarò vere le cose che avea deposto
avere udite dal Campanella in Calabria, e quanto all'avervi aderito,
disse che egli non avea nemmeno capito tutto quello che il Campanella
diceva, anche perchè come Vicario del convento non gli riusciva star
sempre fermo e poter udire tutto il discorso: incalzato dalle domande,
se avesse creduto a ciò che aveva udito intorno a' miracoli, che era
manifesta eresia, e se sapesse che un cristiano avea l'obbligo di
farne denunzia a' superiori ecclesiastici, disse che non vi aveva mai
creduto, che non aveva nemmeno immaginato essere quella un'eresia, che
aveva appreso l'obbligo della denunzia solamente dopo di essere stato
carcerato (sempre la parte dell'ignorante). Posto allora alla corda,
fra le solite grida di dolore confermò ad una ad una le risposte date,
ed avendogli i Giudici domandato se volesse scendere per poter dire
più comodamente la verità, disse «io non voglio scendere et non sò
altro che dire, è la verità è detta». Poi oppresso dall'atrocità del
dolore si fece a dire, «scenditimi, scenditimi che dirrò la verità»;
ma mentre i Giudici ne davano l'ordine gridò, «non mi scenditi, non mi
scenditi, perchè la verità l'hò ditta» (il povero fra Pietro diffidava
di sè medesimo, e si sforzava in tutti i modi di non lasciarsi andare
a dire cose compromettenti). Infine non potè più resistere e volle
scendere, ma disse «per Dio che non hò da dire niente, nè posso dire
altro per Dio»; e più volte mantenuto in alto, più volte sceso, dicendo
sempre che la verità l'avea detta, con segni di grandi sofferenze,
essendo scorsa oltre mezz'ora, fu lasciato definitivamente.--Quanto al
Lauriana, lettogli il testo della deposizione fatta in Monteleone alla
presenza di fra Cornelio, e dimandatogli se le cose quivi deposte erano
vere, disse, «io sono stato essaminato un'altra volta in Napoli dinanzi
al Vescovo di Termoli» (sempre un appello a deposizioni anteriori);
circa poi l'avere aderito all'eresie, lo negò con gravissimi
giuramenti; dimandatogli se sapesse che c'era l'obbligo della denunzia,
disse di sì, ed osservatogli che non avea subito fatta la denunzia
a' superiori disse «mi riferisco all'essamine». Posto alla corda,
emettendo le solite grida, deplorando di aver conosciuto quelle persone
che aveano proferito eresie, rispondendo sempre di aver detto la
verità, fra le angosce del suo dolore esclamò, «Monsignore aiutatemi,
Frà Campanella è luterano marcio, abrusciatelo»! Ed allora gli venne
domandato in che fosse luterano fra Tommaso Campanella, ed egli «me
rimetto alle mie essamine» (sempre ignorante e brutale). Infine,
essendo anche per lui trascorsa mezz'ora e più, fu fatto scendere.

Gli 11 gennaio, del pari innanzi a tutti e tre i Giudici, si amministrò
la tortura a fra Domenico Petrolo, secondo le prescrizioni di Roma,
più acremente e rivolgendogli le solite dimande[376]. Con molti
particolari, come era suo costume, egli disse avere udito le cose
deposte non tutte in Stilo, dalla bocca del Campanella, ma averne udite
anche in Castelvetere, quando fra Tommaso gli persuase di imitare il
Pizzoni, di farsi leggere la deposizione di costui e deporre alcune
delle cose che costui avea deposte ad oggetto di scampare dalle mani
de' secolari: ond'egli così fece, e fra Cornelio scrisse aggravando
la deposizione, ed egli non si curò di questo aggravamento perchè fra
Tommaso gli avea detto che così gli piaceva; ma poi, innanzi al Vescovo
di Termoli, avea corretto il primo esame, spogliandolo di tutto ciò che
fra Cornelio aveva aggiunto. E lettegli le deposizioni fatte innanzi al
Vescovo di Termoli, egli dichiarò che le cose in esse contenute erano
vere, ed aggiunse che non aveva mai aderito alle proposizioni eretiche,
ed aspettava che il Campanella le avesse proferite alla presenza di
altri, per poterlo denunziare e far constare le cose da testimoni.
Fu allora posto alla corda, sempre in esecuzione di quanto era stato
ordinato con la lettera di Roma, che venne costantemente ricordata
in tutti questi Atti. Le sue sofferenze furono vivissime, le sue
esclamazioni strazianti continue: rivolgevasi al Nunzio, rivolgevasi
al Vicario, diceva loro che si sentiva aprire il petto e si protestava
che moriva; al Nunzio ricordò pure che compivano appunto allora tre
anni, ed era egualmente giorno di sabato, quando aveva altra volta
avuta la corda (per la congiura). Del rimanente confermò sempre che le
cose deposte erano vere, e che non aveva aderito all'eresie udite: ed
essendo scorsa un'ora intera, fu ordinato, come per tutti gli altri,
che lo scendessero, lo slegassero, gli accomodassero le braccia, lo
rivestissero e lo riponessero nel suo carcere.

Immantinente si passò a dar fuori le sentenze già scritte, e a
promulgarle e leggerle, procedendo anche alla consegna delle copie
delle penitenze, agli Atti dell'abiura e a quelli dell'assoluzione
dalla scomunica, tanto pel Petrolo quanto per fra Pietro di Stilo
e pel Lauriana successivamente; sicchè tutto venne esaurito nello
stesso giorno 11 gennaio 1603[377]. Le sentenze furono questa volta,
secondo il rituale, scritte con maggiore solennità ed in lingua
volgare. I Giudici, dichiarandosi speciali delegati de' Cardinali
sommi Inquisitori, e rivolgendo la loro parola all'inquisito, gli
ricordavano la sua causa: trovarsi lui nel tribunale del S.^{to}
Officio per avere udito «da alcuni religiosi» proferire eresie formali
e non averle denunziate, avere avuto un termine per le difese senza
averle fatte, essersi proposta e discussa la causa e fattane relazione
a' Cardinali sommi Inquisitori, e dietro loro risoluzione essersi
proceduto all'esame rigoroso (la tortura) con le debite proteste
del Procuratore fiscale, e visti e considerati i meriti della causa,
essersi deliberato di venire alla spedizione e alla sentenza anche
d'ordine particolare di detti Cardinali. Invocato quindi il nome di
Gesù Cristo e di Maria Vergine, nella causa vertente tra il Procuratore
fiscale e lui «reo, inquisito et processato», sedendo _pro tribunali_,
dicevano, pronunziavano, sentenziavano e dichiaravano essere stato lui
giudicato sospetto di eresia (veementemente o lievemente) e perciò
incorso nelle censure: ed affinchè togliesse dalle menti loro e di
altri fedeli questo sospetto contro di lui concepito, ordinavano che
avanti di loro, nella Chiesa del Castello, pubblicamente e in giorno
festivo abiurasse, maledicesse, detestasse ed anatemizzasse questa
ed ogni altra eresia nella forma che da loro sarebbe stata data,
contentandosi, dopo ciò, di assolverlo dalla scomunica incorsa. E per
non far rimanere que' gravi errori totalmente impuniti e dare esempio
agli altri, lo condannavano all'esilio fuori Regno vita durante o pel
tempo che parrebbe a' detti Cardinali, e alla permanenza in un convento
assegnato dal suo superiore regolare, dando cauzione di 25 once d'oro
per l'osservanza dell'esilio, e in difetto obbligandosi a servire
«per un remigante alle galere della S.^{ta} Sede» per un tempo ad
arbitrio di detti Cardinali. Gl'imponevano poi per penitenze salutari
la confessione una volta la settimana, la frequente celebrazione della
Messa e il Rosario ogni giorno, dichiarando che questa condanna non
dovea ritardare nè impedire la spedizione della causa della ribellione,
e riservando la moderazione, commutazione e mitigazione delle dette
pene e penitenze a' Cardinali sommi Inquisitori. Conchiudevano: «Et
così dicemo, pronontiamo, sententiamo, condanniamo, penitentiamo, et
riserviamo in questo et in ogn'altro miglior modo et forma che di
raggione potemo et dovemo», sottoscrivendosi ognuno col suo titolo
e con la qualità di Commissario Apostolico.--Una simile sentenza di
veemente sospetto fu dal Notaro della causa promulgata e letta dapprima
al Petrolo, _audiente et intelligente_, alla presenza di 7 testimoni, e
subito dopo, avuta anche la copia delle penitenze salutari impostegli,
tutto addolorato com'era, il Petrolo fu tradotto nella Chiesa del
Castello, ed ivi inginocchiato innanzi ai Giudici pronunziò la solenne
abiura, secondo la scritta già preparata, e vi appose la sua firma.
L'abiura conteneva la notizia della causa e della condanna, calcata sul
formulario della sentenza. L'inquisito dichiarava che, inginocchiato
innanzi a' Giudici e toccando i Santi Evangeli, confessava e si doleva
di avere gravemente errato contro la Chiesa, perchè avendo da alcuni
religiosi udito proferire eresie formali non li aveva denunziati; ed
essendo stato giudicato veementemente sospetto di eresia, per rimuovere
dalla mente di tutti i fedeli questo veemente sospetto abiurava etc.
etc., promettendo e giurando di non mai più ascoltare eretici, di
denunziarli subito qualora gli accadesse di conoscerli e udirli per
l'avvenire, di adempiere a tutte le pene e penitenze impostegli, ed
infine ricercando il Notaro là presente di scrivere quella cedola di
abiura recitata parola a parola, non sapendo lui bene scrivere (!) e di
fare d'ogni cosa pubblico istrumento (ciò che per altro era stato già
preparato). Da ultimo il Curato D. Gaspare di Accetto, con le solite
cerimonie, procedeva alle assoluzioni dalla scomunica, censura e pene
incorse; ed anche di questo fu rogato un Atto.--Allo stesso modo si
fece di poi per fra Pietro di Stilo e pel Lauriana colpiti di lieve
sospetto: l'uno dopo l'altro adempirono agli Atti e formalità di cui si
è finora discorso.

Rimaneva intanto a compiersi ancora la parte più difficile pei poveri
frati, la fideiussione di 25 once d'oro per ciascuno. Naturalmente,
nella loro condizione, era quasi impossibile trovare anche uno degli
strozzini i quali solevano fare questa specie di affari, e i Giudici
l'aveano preveduto nella loro sentenza. Mandarono dunque un memoriale
con cui diceano volersi obbligare alla pena della galera invece di
dare la fideiussione, giacchè «per essere forastieri» non aveano
fideiussori. E il 16 marzo il Notaro Prezioso, andato in Castel nuovo,
rogò un Atto coll'intervento di cinque testimoni, e tra essi Felice
Gagliardo, pel quale i tre frati, «sciolti da' ceppi e dalle catene
e costituiti in libera libertà» secondo la formola solita in questi
casi, spontaneamente dichiararono che non avendo trovato fideiussori
si obbligavano a servire da remiganti sulle galere della S.^{ta} Sede,
per un tempo ad arbitrio de' Cardinali sommi Inquisitori, nel caso di
contravvenzione all'esilio fuori Regno vita durante, e alla permanenza
in un convento assegnato dal loro superiore giusta la sentenza[378].
Il 21 marzo la copia delle sentenze, decreti, abiure, ed obbligo della
galera fu mandata a Roma.

Così nel marzo 1603 ebbe veramente termine il processo di eresia del
Campanella e socii, durato, soltanto in Napoli, poco meno di tre anni,
dal 10 maggio 1600 al marzo 1603, e finito con sole quattro condanne di
frati propriamente per l'eresia: ve ne sarebbero state sei, qualora fra
Dionisio e il Bitonto non fossero riusciti a fuggire, e computandovi
anche il Pizzoni morto nel carcere, si sarebbero in tutto avuti, dopo
tanto scalpore, sette frati solamente più o meno eretici. Ecco a quali
proporzioni si riducevano le cose circa l'eresia, ed essendoci note
le condizioni di taluni di questi frati, sopratutto del Lauriana ed
anche del Petrolo, di fra Pietro di Stilo e del Bitonto, dobbiamo
assolutamente ridurre le cose sempre più, accordando a' soli tre
nominati nel processo in modo più spiccato, Campanella, fra Dionisio e
Pizzoni, la possibilità di una opera efficace nel senso di una riforma
religiosa, e riconoscendo unicamente nel Campanella la capacità di
concepirla ed insinuarla.--Pertanto i frati rimasti in carcere, cioè il
Campanella, il Petrolo, fra Pietro di Stilo, il Lauriana ed anche fra
Paolo della Grotteria, erano in grado oramai di saldare il loro conto
col tribunale per la congiura: ma vedremo che vi furono altri incidenti
e si andò incontro a lungaggini egualmente da questo lato, nè si potè
cominciare a prendere una risoluzione a loro riguardo che nel luglio
dell'anno seguente!

Dobbiamo aggiungere che il tribunale per l'eresia ebbe ancora a
compiere qualche altro Atto circa il Soldaniero e Valerio Bruno, mentre
per Orazio S.^{ta} Croce e Felice Gagliardo avea provvisto con quello
speciale processo secondario affidato al tribunale diocesano, le cui
vicende abbiamo anche già narrato. Circa Valerio Bruno, rammentiamo
che dietro due suoi memoriali, favorevolmente accolti dal Vicario
Palumbo e dal Vescovo di Caserta, egli fu abilitato con fideiussione
e coll'obbligo di non partire da Napoli, legalmente domiciliato
presso Carlo Spinelli, avendo il Vicario Palumbo opinato che dovesse
essere interrogato di nuovo e poi spedito. Fu quindi, il 19 luglio
1603, decretato un nuovo esame pel Bruno, ad oggetto di sapere se
veramente il Soldaniero avesse chiesta al priore e al lettore di
Soriano l'espulsione di fra Dionisio e del Pizzoni da quel convento,
per l'eresie che aveano manifestate. Costretto a ripresentarsi in
tribunale, il 19 agosto fu esaminato dal Vicario Palumbo «sostituto e
deputato», e nell'esame si ricordò solamente di aver conosciuto fra
Dionisio e il Pizzoni in Soriano, ma pel resto mostrò non ricordarsi
più di nulla, dicendo, «dopò che hebbi la corda (_int._ per qualche
incidente od anche per la sola ratificazione delle cose deposte nella
causa della congiura) hò persa la memoria, è da quà ad un Credo non
mi ricordarò di quello che V. S. me hà dimandato»[379]. Così il 19
novembre fu emanato per lui un decreto di rilascio ma pur sempre
con fideiussione; e questa volta, il 28 gennaio 1604, si trovarono
due disgraziati, un tessitore ed un calzolaio, che si obbligarono a
presentarlo ad ogni richiesta nelle carceri Arcivescovili sotto pena
di 50 once d'oro, obbligandosi il Bruno medesimo alla pena della
galera, e tutti e tre indicarono per domicilio legale la casa di
Carlo Spinelli, onde si vede che costoro erano tutti dipendenti dallo
Spinelli.--Circa il Soldaniero, rammentiamo che essendo nel marzo
1602 partito per la Calabria in contravvenzione all'obbligo assunto
di rimanere in Napoli, accertato il fatto con una informazione, venne
confiscata la cauzione data e prescritta la citazione a comparire
fra tre giorni sotto pena di essere dichiarato scomunicato oltrechè
confesso e convinto del delitto appostogli, onde finì poi per essere
carcerato di nuovo in Calabria. L'informazione eseguita dal Prezioso
nel domicilio del Soldaniero in Napoli, esaminando la sua albergatrice
Lucrezia Marmana bottegaia alla Carità, Beatrice d'Avanno maritata ad
un genovese e divenuta amante del Soldaniero, inoltre anche Agostino
S.^{ta} Croce clerico, fratello di Orazio ed albergato del pari in casa
della Marmana, avea fatto conoscere che il Soldaniero se n'era andato
in Calabria per arrolare soldati, avendo avuto l'ufficio di alfiere dal
capitano Gio. Paolo de Corduba; poichè i banditi davano un contingente
notevole all'esercito, come del resto dovunque, e nelle occorrenze
il Governo concedeva anche indulti agli assassini coll'obbligo di
servire alla guerra per un numero di anni determinato, facendo
desolare segnatamente le provincie di Fiandra e facendo maledire il
nome napoletano con altrettali soggetti. Il Soldaniero si schermì per
non breve tempo, ma cadde finalmente in potere delle forze Regie, e
venne chiuso nelle carceri dell'Audienza di Calabria a disposizione
del Vescovo di Caserta. Carlo Spinelli s'interessò allora anche per
lui, lo raccomandò a voce e scrisse di poi una lettera al Vescovo,
che fu perfino inserta nel processo e ne mostra la firma autografa,
presentando i nomi di varii individui capaci di fornire la cauzione pel
Soldaniero, tra' quali nientemeno che il nome di Valerio Bruno[380]. La
lettera fu scritta il 23 gennaio 1604, e il 26 il Vescovo di Caserta
emanò un decreto di rilascio pel Soldaniero dalle carceri della R.^a
Audienza di Calabria, con la cauzione di 50 once d'oro e l'obbligo di
presentarsi fra quindici giorni nelle carceri Arcivescovili di Napoli.
Una significatoria di tale decreto fu subito spedita al Governatore
e alla R.^a Audienza di Calabria, ma senza aspettarne l'esecuzione,
il 28 gennaio 1604, nella stessa data in cui rogavasi la fideiussione
per Valerio Bruno, fu rogata anche quella pel Soldaniero, rimanendo
accettato per fideiussore, insieme con due altri individui, appunto
Valerio Bruno, e sempre indicata per domicilio la casa di Carlo
Spinelli presso la Chiesa di S. Lucia a mare. Evidentemente lo Spinelli
e il Vescovo di Caserta erano due anime fatte per intendersi senza
la menoma difficoltà: abbiamo motivo di ritenere che il Soldaniero
sia stato lasciato in pace, non trovandosi alcun altro esame di lui,
e conviene dire che con tanta benignità verso due furfanti quali il
Soldaniero e il Bruno, dopo tanto rigore verso i poveri frati, il
Vescovo di Caserta nella fine della causa abbia emulato la condotta
tenuta nel principio da fra Cornelio. Ma conviene anche dire che non
dal tribunale, bensì dal solo Vescovo di Caserta, furono compiuti
questi ultimi Atti, co' quali rimase definitivamente chiuso il lungo
processo dell'eresia.


II. Passiamo all'esito del processo della congiura; e qui esporremo
dapprima le poche altre notizie che ci è riuscito raccogliere intorno
agli Atti ulteriori del tribunale pe' laici, il quale non cessò mai
di funzionare durante il lungo tempo in cui funzionò il tribunale
dell'eresia, ed anzi si tenne ancora aperto per qualche anno dopo.
Abbiamo già detto altrove, che secondo il costume del tempo si
sentenziava separatamente e successivamente per ciascuno inquisito
e per gruppi speciali d'inquisiti; vi furono quindi, di tratto in
tratto, sentenze non solo pe' catturati, ma anche pe' contumaci che con
pubblico bando erano stati dichiarati «forgiudicati». Possiamo dire
con certezza che non si ebbero altri supplizii, poichè conoscendo i
nomi de' principali inquisiti, li avremmo senza dubbio ravvisati ne'
Registri dell'Archivio de' Bianchi di giustizia: si ebbero invece gravi
condanne a parecchi anni di carcere, come per taluno degl'inquisiti
ci risulta da documenti che abbiamo trovati nel Grande Archivio; e si
ebbero ancora più numerose assoluzioni e rilasci, come ci risulta dalle
notizie autentiche, registrate nel processo dell'eresia, circa coloro i
quali figurarono egualmente in tale processo o vi furono semplicemente
nominati.

Cominciando da quest'ultima categoria, non abbiamo che a riassumere
le notizie sparsamente apprese dal processo di eresia. Ricordiamo
dunque, che verso la fine di settembre 1600 erano stati abilitati e
si trovavano pronti a partire per la Calabria tutti o quasi tutti
gl'inquisiti di Catanzaro, segnatamente Geronimo Marra, Francesco
Salerno, Nardo Rampano, e con costoro probabilmente anche il Franza,
il Flaccavento, gli Striveri etc., onde a tale data nel processo
dell'eresia fra Dionisio chiedeva che fossero interrogati di urgenza,
prima che partissero. Ricordiamo che Felice Gagliardo, già torturato
una prima volta in Calabria, ebbe un'altra tortura per la ribellione,
un po' prima del 19 marzo 1602, quando fra Pietro Ponzio ne fece
menzione come di un fatto non remoto[381]; e la tortura fu acre,
verosimilmente _tamquam in cadaver_ come allora si soleva prescrivere
ne' delitti gravi, onde il Gagliardo medesimo disse di aver avuto «a
morire», ma non confessò nulla e dovè essere assoluto, poichè non
trovò alcuno ostacolo all'uscita dal carcere quando finì di saldare i
suoi conti col S.^{to} Officio. Ricordiamo inoltre che tra il febbraio
e l'aprile 1602 erano già stati assoluti il Conia, il Marrapodi,
l'Adimari, probabilmente anche il S.^{ta} Croce, tutto il gruppo
degl'inquisiti che insieme col Gagliardo e col Pisano si trovarono
rinchiusi nelle carceri di Castelvetere; e i primi tre aveano pure
fatto ritorno in Calabria subito dopo l'assoluzione, mentre il S.^{ta}
Croce rimase in carcere essendo implicato nelle materie di S.^{to}
Officio. Ricordiamo infine che nel tempo medesimo era stato egualmente
assoluto Geronimo Campanella e forse anche Gio. Pietro Campanella (ved.
pag. 241): l'ultima notizia avuta intorno a Geronimo si fu l'assistenza
che egli faceva insieme con Gio. Pietro, il 2 agosto 1601, al povero
fra Tommaso ancora ammalato pel grave tormento sofferto; più tardi, tra
il febbraio e l'aprile 1602, egli era già tornato a Stignano.

Relativamente a' contumaci forgiudicati, dallo stesso processo di
eresia abbiamo appreso che Gio. Gregorio Prestinace nell'agosto 1601
voleva presentarsi, e fra Pietro di Stilo vivamente raccomandava che
se ne astenesse: nè altro sappiamo intorno alla fine di questo amico
intimo del Campanella, come pure dell'altro egualmente fuggiasco,
Fulvio Vua, mentre intorno a Tiberio e Scipione Marullo possiamo
ritenere che non patirono gravi molestie, poichè troviamo Scipione
registrato tra coloro i quali si dottorarono nell'aprile o maggio 1604,
e però bisogna ammettere che egli abbia potuto fare i suoi studii
negli anni precedenti[382]. Abbiamo appreso poi da documenti, che ci è
riuscito del pari trovare nel Grande Archivio, talune altre notizie sul
Baldaia, sul Dolce, sull'Alessandria, sul Tranfo, inscritti, come si è
veduto a suo tempo, in una lunga lista di forgiudicati.

Geronimo Baldaia di Squillace verso la fine del 1603 scorreva la
campagna con comitiva di fuorusciti, ed aveva pur allora commesso un
omicidio, d'accordo, a quanto pare, col capitano di Petrizzi (tanta
era la confusione e corruzione amministrativa a que' tempi): la Corte
del Principe di Squillace lo catturò, e pretese di farne essa la
causa, ma l'Audienza di Calabria ultra si diede a raccogliere contro
di lui informazioni «de più delitti»; nel luglio poi 1604 il Vicerè
ordinò che queste informazioni gli fossero trasmesse, come pure che
il Baldaia fosse dalle carceri di Squillace tradotto a Napoli, senza
per altro fare alcun cenno della sua condizione di forgiudicato per
la causa della congiura, sicchè dovrebbe dirsi essere stata quella
condizione affatto dimenticata[383]. Quanto a Tolibio Dolce di
Satriano, nel giugno 1604 il Capitano di Stilo aveva già catturato
un Gio. Antonio Lucano, che gli avea dato ricetto mentre trovavasi
«forgiudicato per la causa di ribellione», e poi finì per essere
catturato egli medesimo, nell'ottobre di quell'anno, per opera di D.
Carlo di Cardines Marchese di Laino, Governatore di Calabria ultra
in quel tempo: il documento che lo riguarda non fa menzione di altri
delitti da lui commessi, ma lo dichiara solamente «forgiudicato nella
causa della pretensa ribellione», ed inviato a Napoli perchè quivi
«in detta causa... si procede per delegatione», onde il Vicerè loda
molto nel Marchese «la diligentia de un cossi accertato et signalato
servitio»[384]. Da ciò rilevasi che al cadere del 1604 il tribunale
speciale della congiura pe' laici era sempre aperto; ed aggiungiamo
che un altro documento ci mostra il Dolce tuttora nelle carceri del
Castel nuovo nel 1610[385]. Passando a Gio. Francesco d'Alessandria,
dobbiamo dire che egli continuava nella sua mala vita di fuoruscito
in compagnia pure di Antonio suo padre, e nel 1605 venne finalmente
catturato: un reclamo contro di lui lo dichiara «carcerato inquisito
per la causa della Rebellione», sottoposto ad informazione per un
omicidio in persona di un Antonio Lapronia e per «altri homicidii et
enormi delitti»; un reclamo poi contro l'Auditore Ferrante Barbuto,
successo all'Auditore Hoquenda come delegato a tale informazione,
rivela che il Barbuto ebbe per mezzo di Carlo di Paola, nostra vecchia
conoscenza, D.^{ti} 200 «acciò guastasse l'informatione presa»[386].
Entrambi questi documenti meritano di essere consultati per acquistare
una nozione de' tempi sempre più esatta, ma principalmente il secondo,
scritto dal figlio di Gio. Geronimo Morano, altra nostra conoscenza,
merita di essere consultato in tutta la sua estensione: poichè esso,
oltre l'Alessandria, menziona diversi inquisiti, tra' quali Paolo e
Scipione Grasso figli di Jacovo, presi con bando che concedeva indulto
a chi li consegnasse vivi o morti; ed anche Gio. Domenico Martino
famoso fuoruscito, probabilmente «il figlio di Nino Martino», che
insieme co' «figli di Jacovo Grasso» il Campanella nominò nella sua
Dichiarazione scritta come individui sui quali i Contestabili facevano
assegnamento per la ribellione. Nessuno di costoro trovasi qualificato
«inquisito per la causa della ribellione» come s'incontra in persona
del D'Alessandria; e notiamo qui che la cosa medesima accade pure per
altri fuorusciti egualmente nominati dal Campanella come amici di
Maurizio disposti alla ribellione, cioè per Carlo Bravo e pe' Baroni
di Reggio, secondochè ci mostrano altri documenti dello stesso tempo,
onde si può dire che essi nemmeno vennero perseguitati per questa
causa[387]. Infine quanto ad Alessandro Tranfo, un documento del
Grande Archivio ce lo mostra nel 1606 nella sua Baronia di Precacore,
ma non perseguitato, sibbene in conflitto con un altro individuo di
nostra conoscenza, quel furfantello di Aquilio Marrapodi figlio di
Gio. Angelo (ved. pag. 129). Verosimilmente egli si presentò e riescì
ad opporre qualcuna delle eccezioni consentite dalla giurisprudenza
del tempo anche a' forgiudicati, e dovè difendersi in modo da rimanere
assoluto: cosi, trovandosi nel luglio 1606 in compagnia del Capitano
di Precacore, ed essendogli passato arrogantemente dinanzi Aquilio
Marrapodi già divenuto contumace per cause criminali, diede ordine
che fosse preso, ma ne ebbe immediatamente minaccia di morte e dovè
lasciarlo andare; nè manca qualche documento che accenna alle violenze
ed omicidii commessi così da Aquilio come dal medesimo Gio. Angelo
Marrapodi suo padre[388]. Di Marcantonio Contestabile, del Famareda,
dell'Joy etc. non c'è riuscito trovare altra traccia; non ci farebbe
meraviglia che, dopo un'ecclisse durante qualche tempo, abbia ognuno
ripigliata la sua solita maniera di vivere, rimanendo nella mala vita
coloro i quali vi erano abituati; senza dubbio questo s'incontra
per parecchi già imprigionati e tormentati per la congiura, con
essersi in loro verificato un peggioramento di vita dietro i travagli
sofferti[389]. Ma in somma, per quanto finora sappiamo, col 1605
cessano le notizie intorno al processo della congiura pe' laici, e non
abbiamo motivo di ritenere che siasi ulteriormente proceduto per essa.
Ci resta solo la notizia di una relegazione del D'Alessandria all'isola
di Capri nel 1615, senza alcun cenno della causa; ma verosimilmente fu
questa una mitigazione della pena negli ultimi anni che dovevano ancora
scontarsi, secondo il costume del tempo[390].

Veniamo ora all'esito del processo della congiura per gli
ecclesiastici. Anche da questo lato dobbiamo dire innanzi tutto,
che il tribunale Apostolico non solo rimase aperto, ma tenne pure
altre sedute, dopo che ebbe liberati i 12 inquisiti presi per
sospetti senza fondamento, e trattate le cause di tutti gli altri
ecclesiastici incriminati, riservando la spedizione di esse fino a
che ciascuno, o come principale o come testimone, avesse esaurito il
suo còmpito nel processo dell'eresia. Così per Giulio Contestabile,
visto nel corso di quest'ultimo processo che egli risultava non più
incriminabile come principale ed era stato già più volte interrogato
qual testimone, dopo il suo ultimo esame del 15 novembre 1600 il
tribunale dovè immediatamente riunirsi per spedirne la causa della
congiura, e sappiamo che emanò una sentenza di condanna a cinque anni
di esilio da Napoli e da entrambe le provincie di Calabria. Tale esito
della sua causa trovasi notato in coda del Riassunto degl'indizii
compilato contro di lui[391]; e che la sentenza abbia dovuto essere
pronunziata appunto nel novembre 1600, si desume da' documenti relativi
all'espiazione della pena assegnatagli. Infatti una lettera del Card.^l
S. Giorgio al Nunzio, in data del 15 novembre 1602, fa conoscere
che il Contestabile avea supplicato S. S.^{tà} di rimettergli per
grazia tre anni di esilio che gli rimanevano da scontare, avendone
già _scontati due_, e S. S.^{tà} volea sapere qual fosse l'opinione
del Nunzio intorno a ciò[392]. Fermandoci un momento a questo punto,
dobbiamo indispensabilmente notare che circa tale condanna il tribunale
non chiese a Roma la risoluzione da doversi prendere, ed anzi non ne
diede nemmeno partecipazione alla Curia, come si può desumere dal non
vederne fatto alcun cenno in questo senso nel Carteggio del Nunzio:
eppure il Breve avea prescritto di procedere «usque ad sententiam
_exclusive_»; sicchè bisogna dire esservi stato un tacito abuso da
parte del tribunale e una tacita acquiescenza da parte di Roma. Ciò
forse diè poi motivo o pretesto al Campanella di credere che il Breve
avesse prescritto di procedere «usque ad sententiam _inclusive_», come
egli scrisse in una Lettera del 1624 a Cassiano del Pozzo pubblicata
dal Baldacchini, dolendosi perchè nella persona sua non aveano neanche
osservato il Breve che così prescriveva: ma invece è certo che il
Breve avea la parola _exclusive_ (noi l'abbiamo riscontrata tanto
nella copia che se ne conserva in Firenze quanto nella copia che se
ne conserva in Simancas), e bisogna pur dire che coll'abbandono di
tale riserva divenne tacitamente compiuto in fatto, mentre non stava
in dritto, l'abbandono degli ecclesiastici all'influenza del Governo
Vicereale, essendo questa predominante per l'apatia del Nunzio verso di
loro. Tornando ora alla grazia chiesta dal Contestabile a S. S.^{tà},
dobbiamo dire che il Nunzio, in data del 22 novembre 1602, rispondeva
che non stimava conveniente alcuna grazia prima che il negozio fosse
finito, «perchè, diceva, come viene rimproverato da questi Ministri
Regii la tardanza in tale speditione, non ne venisse rimproverato
anche questo»[393]: e per verità in Roma non si teneva abbastanza conto
dell'irritazione non del tutto ingiusta del Governo Vicereale, e deve
anzi notarsi che nella stessa Lettera suddetta del Card.^l S. Giorgio
il Contestabile era indicato al Nunzio quale «bandito da V. S. di
Calabria et di Napoli», come se D. Pietro De Vera non fosse esistito.
Nè l'opinione del Nunzio valse a nulla. Non appena deliberata da Roma
la sentenza da doversi pronunziare nella causa dell'eresia, il Card.^l
S. Giorgio nella data medesima scrisse al Nunzio essere cessato il
rispetto che si opponeva alla grazia chiesta dal Contestabile, poichè
nella Congregazione del S.^{to} Officio era stata «spedita la causa
del Campanella»; il Nunzio naturalmente rispose, che quando non si era
mostrato favorevole alla grazia perchè il negozio non era finito, aveva
inteso dire che dovesse aspettarsi la fine del processo della congiura,
nel quale il Contestabile era stato condannato, ma che poi se ne
rimetteva a quanto in Roma si stimasse meglio[394]. E si può ritenere
per fermo essersi in Roma stimato meglio accordare la grazia, poichè
troppo vive furono le insistenze del Card.^l S. Giorgio, troppo potenti
le raccomandazioni delle quali godeva il Contestabile; nè occorre
dire come il Governo Vicereale dovesse rimanere disgustato ed anche
sospettoso relativamente agli altri giudicabili, massime relativamente
al Campanella, vedendo che da un momento all'altro poteva esser
concessa da Roma una grazia la quale rendeva frustranea ogni condanna,
mentre esso avea tanto penato perchè alla determinazione di questa
condanna avesse preso parte un Giudice di sua fiducia.

Dopo il Contestabile venne la volta di D. Marco Antonio Pittella, che
scappato già in Calabria fu poi ripigliato e tradotto a Napoli verso
il marzo del 1601: in tale data il tribunale dovè riunirsi di nuovo
e procedere allo svolgimento di questa nuova causa, la quale compì
nell'aprile seguente, come rilevasi da una lettera del Nunzio che
abbiamo pure avuta altrove occasione di menzionare[395]. Potremmo dire
in breve che questa causa procedè e finì come quella del Contestabile,
cioè con una tortura e con una condanna a 5 anni di esilio; ma appunto
perchè si tratta di una causa finita con una condanna, gioverà sapere
come e perchè essa si ebbe. Oltre il Riassunto degl'indizii contro
il Pittella, ci è pervenuta pure la Difesa scritta per lui dallo
stesso Regio Avvocato de' poveri Gio. Battista de Leonardis che difese
il Campanella: questa Difesa del Pittella non solo ci fa intendere
le accuse del fisco, ma anche rischiara tutto lo svolgimento della
causa[396]. Si ricorderà che il Pittella a Davoli accoglieva in casa
sua Maurizio e poi il Campanella ed altri incriminati di congiura.
Esaminato affermò che Maurizio veniva in una casa la quale egli
avea data in fitto ad un Astolfo Vitale parente di lui, e quanto al
Campanella egli non lo conosceva: fu sottoposto ad oltre un'ora di
corda e non confessò nulla; infine ebbe il decreto per le difese. Il
fisco pretese che dovea dirsi colpevole di conversazione con Maurizio
e col Campanella e di ricetto di Maurizio, sciente la ribellione
e preparato a prendervi parte dietro la testimonianza del Vitale,
convinto sciente e non rivelante dietro le testimonianze del Vitale e
di Maurizio; e questa volta il Leonardis, avendo una buona causa per le
mani, fu piuttosto audace nel farne la difesa. Dopo di aver ricordato
che la conversazione e il ricetto si effettuarono in agosto e che il
Bando proibitivo fu emanato il 17 e 18 settembre, il Leonardis fece
anche notare che quel Bando, emanato da un Giudice laico, non poteva
colpire il Pittella clerico; che la deposizione del Vitale, testimone
unico e socio nel delitto, non provava nulla e non avrebbe dovuto
neanche bastare a far dare la tortura, tanto più che era stata fatta
innanzi ad un Giudice laico, tanto più che era controbilanciata da
un'altra testimonianza in contrario fatta da Maurizio capo di quella
fazione; che per altro il Pittella con la tortura sofferta si era
scolpato di tutto; che il Vitale e Maurizio, socii nel delitto ed
infami, non potevano convincere nemmeno nel delitto di lesa Maestà,
tanto più che erano stati esaminati in un foro laico ed incompetente,
non ripetuti nel foro ecclesiastico, nè poi il Pittella, clerico, era
obbligato a rivelare la ribellione contro il Principe di cui non era
suddito. Malgrado tutte queste ragioni, il tribunale lo condannò a
cinque anni di esilio da Napoli e da entrambe le provincie di Calabria,
come avea fatto pel Contestabile, verosimilmente ritenendolo del pari
sospetto di complicità nella progettata ribellione. Ognuno troverà
senza dubbio un po' grave questo giudizio e la relativa condanna,
poichè il Pittella avea per sè la testimonianza decisiva di Maurizio
in punto di morte, attestante che egli non era nella congiura come gli
altri, nè mostrava di goderne come gli altri; si vede bene quindi che
il tribunale Apostolico non avea punto smesso il suo rigore, comunque
il tempo trascorso avesse dovuto calmare i furori primitivi. Nè occorre
dire che esso riteneva sempre la tentata ribellione qual fatto vero
ed indiscutibile, mentre condannava il Contestabile e il Pittella a
quel modo, donde è facile desumere abbastanza chiaramente come avrebbe
trattato il Campanella e gli altri frati più compromessi. E possiamo
oramai occuparci appunto di costoro.

Il Campanella e gli altri frati, avuta la condanna per l'eresia ed
esauriti tutti gli Atti relativi a questa condanna, nel febbraio o
tutt'al più nel marzo 1603 avrebbero potuto vedere spedita la loro
causa della congiura. Ma da una parte avvenne allora un mutamento
di Vicerè, succedendo il 3 aprile a D. Francesco de Castro D.
Alonso Pimentel d'Herrera Conte di Benavente, e sempre, fin dalle
prime notizie di prossima mutazione, gli affari d'ogni genere
solevano rimanere più o meno incagliati; d'altra parte sopraggiunse
direttamente, nello stesso tribunale per la congiura, una difficoltà
inaspettata. D. Pietro de Vera, già divenuto sin dall'aprile 1601
pro-Presidente del Sacro Regio Consiglio per morte di Vincenzo de
Franchis, poi dal 16 10bre 1602 passato a Presidente per la promozione
di Fulvio Costanzo a Reggente di Cancelleria[397], comunque in età
più che matura, era preoccupato del non aver discendenza e trattava
un matrimonio. Non era questa veramente la prima volta che a D.
Pietro fosse venuto tale pensiero; il Residente Veneto, che non si
lasciava sfuggir nulla ed anche di siffatte cose teneva informato il
suo Governo, nel 1598 (25 7bre) scriveva che D. Pietro era sul punto
di sposare la figlia di D. Hernando Mayorca già Segretario di più
Vicerè, il quale, egli diceva, «prima non avea che la penna» ed allora,
morendo, lasciava alla figlia 50 mila duc.^{ti} di dote, ad un figlio
15 mila duc.^{ti} di entrata. Ma poi non se ne fece nulla, ed al tempo
al quale siamo pervenuti, come accade col progresso dell'età, D. Pietro
non andava più in cerca di ricca dote ma di bellezza e gioventù, ed
aveva intavolate trattative con la figliastra appunto del Reggente
Fulvio Costanzo, D.^a Livia Sanseverino, sorella di D. Scipione che
abbiamo visto Marchese e poco dopo Duca di S. Donato (confr. pag. 115):
era questa, come dice un manoscritto di Ferrante Bucca che l'aveva
probabilmente conosciuta, «la più bella e bizzarra dama dell'età sua»,
e quasi non occorre dirlo, D. Pietro fu tutto occupato a vagheggi