Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Èl Sgner Pirein
Author: Fiacchi, Antonio
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Èl Sgner Pirein" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



ÈL SGNER PIREIN


   [Illustrazione: ANTONIO FIACCHI]


                            ANTONIO FIACCHI


                            ÈL SGNER PIREIN


                    SCRITTI SCELTI EDITI ED INEDITI
                        A CURA DI ORESTE TREBBI.

                             CON PREFAZIONE
                         DI LORENZO STECCHETTI

                      TERZA EDIZIONE CON AGGIUNTE
                      E DISEGNI DI AUGUSTO MAJANI



                                BOLOGNA
                           NICOLA ZANICHELLI
                                EDITORE



                          PROPRIETÀ LETTERARIA



PREFAZIONE


E così fugge la vita, ora lieta, ora trista, lasciandosi dietro uno
strascico di ricordi e di rimpianti tormentatori dell'età che declina.
Così si riaffacciano alla mente le imagini dei morti che non vogliono
esser dimenticati, degli amici caduti lungo la strada che par seminata
di sepolcri come la Via Appia Antica.

E non è certo per la vanità dell'odiosissimo _io_ che ricordo l'ultima
volta in cui vidi Antonio Fiacchi appunto sull'Appia Via, funeralmente
silenziosa, in un grigio pomeriggio di ottobre, in faccia alla deserta
maestà della campagna romana. Forse la desolata solitudine del luogo e
la mestizia del giorno morente ci vincevano, opprimendoci con una vaga
sensazione di malessere che spuntava i motti e ci faceva parlare sotto
voce. Così, di quest'ultimo nostro colloquio, serbai e serbo un ricordo
velato di tristezza, come se udissi ancora i corvi gracchiare tra le
rovine.

E qualche cosa di triste era anche nella arguzia del Fiacchi, uomo di
ingegno assai più alto di quello che la sua modestia lasciasse credere
e che solo gli intendenti indovineranno sotto l'apparente facilità di
queste pagine buttate giù come per svago negli intervalli tra le cure
burocratiche, così ripugnanti alle cure dell'arte. Poichè è notevole
come l'amaro dell'umorismo pervada e contagi spesso le opere degli
stipendiati che si lasciarono tentare dal demonio delle lettere. Furono
impiegati il grandissimo Porta, il Belli, il Zorutti e tanti altri che
per avi ebbero il Berni, il Tassoni ed altrettanti illustri, costretti
ai lavori forzati dello scrittoio e degli uffici. L'Ariosto reggeva
un'umile podesteria in Garfagnana, il Rabelais fu correttore nella
tipografia del Grifio e il Dickens era resocontista parlamentare quando
esordiva coll'immortale Pickwick. Pare che l'arte di mascherare le
miserie della vita sotto il lepore della forma sia il retaggio della
famiglia di _Monsù Travet_!

Fatte le necessarie proporzioni, anche il Fiacchi fu di questi minuti
_funzionari_ la cui opera, spesso dialettale, lascia per lo più la
impressione salsa ed amara di una ingenuità disarmata contro gli
assalti della mala fortuna attribuita a personaggi deboli, candidi
e quasi deficienti, facile preda d'ogni più facile astuzia, vittime
destinate del superiore imbecille, della moglie inacetita, del collega
crudele o del primo raggiratore che capita. Tipi ferravilliani e pur
veri, tipi che da Giovannin Bongée ad Oronzo E. Marginati ci passano
accanto ogni giorno e che, appena esagerati dall'arte, ci muovono prima
alla ilarità, poi alla compassione.

Ai tempi dei tempi, viveva in Bologna un giornaletto ebdomadario nel
quale era in grande onore il dialetto e che perciò non usciva dalla
cerchia delle mura cittadine e in dialetto si intitolava «_Ehi! ch'al
scusa_...» formula garbata che si adopera per fermare qualcuno e
parlargli. E garbato era il giornaletto che aveva per impresa — «_Colle
persone usare modi gentili_» —, massima del Galateo. Non conosceva
politica e non si mischiava nelle piccole contese municipali, ma
si volgeva specialmente ad un pubblico simpatico di signorine e di
signore cui tributava l'omaggio di sonetti lusinghieri e di allusioni
urbanamente madrigaleggianti.

A questo giornaletto il Fiacchi recò fortuna colla creazione di un tipo
comico — _Èl sgner Pirein Sbolenfi_ — incarnazione di un _petroniano_
antiquato, pesce fuor d'acqua nella vita moderna, alle prese col tenue
bilancio famigliare e afflitto dalla moglie Lucrezia incresciosa e
pettegola e dalla figlia Argia, già allieva delle Scuole Normali,
sempre nubile, con pretese letterarie ed isterismi romantici che la
condussero poi a non bella notorietà. Le risibili tribolazioni del
povero uomo, esposte in lettere stravaganti ed infarcite di bizzarri
idiotismi, ebbero in Bologna così allegra fortuna che in un lieto
Carnevale fu eretto un villaggio di legno di cui fu acclamato Sindaco
_èl Sgner Pirein_, sotto le spoglie dei povero orefice Magagnoli
il quale fece discorsi, emanò regolamenti e mise fuori certi ameni
manifesti che molti Sindaci del Regno dovrebbero invidiargli per lo
spirito fine e l'acuto giudizio.

Ma il creatore del _Sgner Pirein_ era impiegato alle Poste e fu
trasferito a Roma. Lasciò qui gli amici, il giornaletto, le piacevoli
consuetudini ed ogni cosa più caramente diletta per andar lontano
dalla sua materna Bologna a riassumere _pratiche_, ad evader note e a
rivedere statistiche. Così la radice era strappata dal suolo nativo.
Mandò parecchie lettere datate «_dalle rive del Colosseo_», ma ben
presto il giornaletto sfiorì e morì ed anch'egli si spense quando la
vita gli sarebbe stata più benigna e ridente.

I bolognesi però non hanno dimenticato ancora il loro _Sgner Pirein_
e ricordano la sua cara e buona imagine, tanto argutamente sincera,
anche nella caricatura, così che ne vollero raccogliere alcune pagine
calde ancora della festività antica, non per sforzarne il valore oltre
quella misura che al Fiacchi piacque, ma come affettuoso e pietoso
ricordo di un egregio uomo che in altre condizioni avrebbe senza dubbio
prodotto di più e di meglio che un giocondo epistolario la cui vivace
genialità male si può intendere da chi non vive all'ombra della torre
degli Asinelli. Pietoso ufficio al quale attese con animo devoto il
signor Oreste Trebbi, amico e collaboratore del Fiacchi nei giorni
sereni in cui questi scherzi uscivano dalla facile vena di un umorista
che non potè e forse non volle tentare le aspre vie che conducono alle
cime. Pietoso omaggio di concittadini a chi tanto amò il suo nido natio
e lumeggiò, sia pure con lo sarcasmo che nasconde la pietà, l'uggia
dolorosa che incombe su quegli umili pei quali la rassegnazione è la
sola ragione del vivere.

Sia leggiera la terra del sepolcro al povero Fiacchi e leggero il
giudizio dei lettori per queste reliquie sue!

(1912)

                                                        L. STECCHETTI



LA FAMIGLIA SBOLENFI


   [Illustrazione: La nonna — Il nonno — Il papà]

             dall'_Ehi! ch'al scusa..._ del 9 febbraio e 16 aprile 1888.

   [Illustrazione: Èl sgner Pirein (dall'infanzia
   all'adolescenza) — La famiglia Sbolenfi]



LE VICISSITUDINI DÈL SGNER PIREIN



I M'HAN FATT CORRER?


Sissignore, se fosse vero non lo negherei e a dirè senza renitenza:
sè, èl prem dè d'avrel mi hanno fatto caminare; avrei èl curagg ed
direl... Percossa far di misteri?, dseva quèl ch' guardava èl pordgh
ed S. Lùcca, ma questa è un'idea dia mî famèja, che anche lui, quant
al sintirà comme è la fazzènda, converrà nella negativa. Dònca sabet,
l'era ott òur che am era livà in quèl mumèint e mi affibiavo i tirant
del bragh, lo so che non usano più, ma d'altra banda mî mujer l'am
dis sèimper ch'am tegna sù, e che mi tenghi su, per via del decoro,
e come si fa a tenersi su sèinza i tirant?! Al dis al fa, si metti la
cinghia, ma nossignore che quel restringimento a travers fa male alle
viscere del padre com l'ha fatt mal a quèlli dla fiola, il quale ci è
una delle mie ragazze che dòp che si ostinò a andare in cinta, dsevla
lî, e strecca e che te strecca, ha finito per prendersi un'applicazione
di cuore, una spezia d'urisma, che quando ci vengono gli eccessi la fa
pietà a tutti quelli che la circondano. Ma dscurrèin ed coss alligri,
dseva quèl marè ch'cuntava la mort ed la sô spòusa... e si torni
nell'argomento.

Dunque mi affibbiavo i tiranti, quand viene dentro la Lucrezia con una
cassettina che fava molta fatica a portarla... e dice: Pirein, auf! cum
l'è pèisa sebbèin che sia piccina... al la manda èl sgner Vermicelli e
ti prega ed purtarla alla Madonna grassa, da Stricchetti... bada però
ch' l'è èl prem dè d'avrel.

L'usservaziòn era giusta, chè mî mujer l'è una furba e mèzz, ma d'altra
part io non conoscevo èl sgner Vermicelli e tanto meno il signor
Stricchetti: su la cassettina c'era l'indirizzo, dunque? non ci poteva
essere inganno, qualunque nei suoi pagni avrebbe detto lo stesso.

A ciap sù la cassetta che pesava, e dalla porta della Mascarella dove
cè la civica mia abitazione, am l'avvei vers la Madonna grassa... una
bella aguliata! Quand a fo lè da Bentivoglio apponzai sul murizzolo la
cassareina, e sudavo come se fossi una bestia.

In quèl mèinter però che am spazzava la fronte ammatita di sudore, a
pinsava che l'era una cossa uriginal che uno che non sapevo chi fosse
mi caricasse di un carico da purtar a un'altra persona incognita...
ma poi pensavo quanto si è serviziali non bisogna guardare in faccia
a nessuno e prestarsi per la umanità in genere. E acsè a fe, con uno
strascino che en vlènd sagattar il continente nella cassetta che si
erano raccomandati che la portassi para, non potetti neppure profittare
dell'_Omnis_ e tanto meno del _Tramwaj_ che è quello senza le rotatorie
fora ed porta[1] che cè il caso che i cal, con rispetto dei piedi,
vadino a finire nella punta dei capelli e vice versa. Basta, uscito
di casa alle 9, arrivai dai signori Stricchetti al 12 e mèzz, tutto
trasudato, e anellante che mi favo compassione da per me. Mi viene
aprire una ragazza e mi si butta a riddere in faccia e mi pianta lì
come un palio.

Finalmente arriva un zuvnein ducatissimo, che con un ammasso di
complimenti, mi dice:

Am indspias, ma ci è un equivoco, quella cassettina che lì va a degli
altri Stricchetti che stanno alla porta di S. Felice, sono nostri
cucini; in quèl mèinter dedrî da di ùss saltava fora del tèst cun del
stiuppà, delle schioppettate, di ridere.... Bella ducazione! Eh, a
sfid, esclamai, l'è bèin lunghètta, ma bisugnarà rasegnarsi e andar
alla porta ed S. Flis.

Nella fretta d'uscir di casa am era dscurdà anch èl portafoi, una cossa
che mi va succedendo, e per conseguèinza aveva una gran fam, e non
potevo pagarla. Con quèl car pèis sotto il braccio e dei finimenti di
stomaco che si poteva vedere, arrivo al 2 ¼ alla porta ed S. Flis a
quèl nùmer che mi avevano anzidetto.

Ma dentro da quella porta an i stava endson che si chiamasse per
cognome, e tutti mi dicevano che provi a st'altra porta que attèis...ma
erano tutte chiuse, e attèis non ce n'era nessuna.

Oh sangue d'un fnocc', d'un fenocchio...che quant am vein sù i ciû...i
barbagianni, a biastèm com è un turch...questo l'è un vago affare...e
d'altronde ste sgner Vermicelli che io non conoscevo, cuss'arèl
pinsà ed me se non avessi consegnato quella benedetta cassettina così
pesante?!

E dmanda pur int el buttèigh, mo tùtt is mitteven a redder, ma nessuno
conosceva la famiglia Stricchetti, si vede che è gente ch'fa una vetta
artirà...e tal sia di loro.

Un ragazzèl d'un barbir, a cui mi ero rivolto per chiarificazioni, al
s'mett a redder e po al fa: badi che sarà un pesce!.... Acsè pèis?!
bazzurlone: mo senti bene questa cassettina premma ed dscòrrer, ah, che
pèss tamogn?! si cacciò in una sboccalata...e an savè cuss'as dir.

Basta, j eren el quatter che me a j era anch a batter a tùtti el port
ed S. Flis in cerca di questi signori Stricchetti, e con una sete che
se non era un ragazzol che mi concedesse un spiguel, uno spigolo di
arancio, am srê vgnò la poligola cum è al galleinn.

All'infine poi me aveva fatto il proprio dovere, e ero fuori dai
miei obblighi, che quanto siamo agli ultimi, io non ero obbligato
a ciapparum una malattî per far un piacere a uno che non conosco, e
decisi ed ripurtarum a cà la famòusa cassteina che avevo poi capito che
doveva contenere dla conftura perchè as sinteva che ci ballava dentro.

Arrivò in seno alla famiglia ch'l'era 5 òur sunà, stoff mort, moj
spòult, affamà comme un lupo.

Quel donn j eren in angostia perchè ci era una lettera urgente per
me, e fenna che in me vdeven non la potevano consegnare...sono state
abituvate così fenna da piccine...e sanno contenersi nelle traversioni
della vitta.

A âver la lettra: l'era èl sgner Vermicelli che al mi diceva che non
importava più che portassi il _noto collo_, al la ciama un col una
cassètta, a destino, e che me la regalava a me. Quanta gentilezza,
puvrètt, si vede che mi ha della fezione sèinza mî demerit.

Allòura fumo tutti felici, e quelle mattaciuole del mî fioli mi
cominciarono a saltare intorno che volevano la confettura.

Stà boni, lassà far a Biasi che fava le corna agli asini! ah, a seinter
questa materia, si può figurare che risat...hanno tutte il morbino, e
poi anche non l'avessero, a sfid a star seri anche il più mognone di
questa terra.

Basta, tolsi un coltello e a cminzipiò a cavar la copertura, ch'l'era
inciudà...mo s'imagini bene cossa ci era dentro? — Dla giara — dla più
bèla giarleina...ch' la pareva fatta a macchina. Si vede che era un
campione: èl sgner Vermicelli al srà un neguziant in quel genere che
lì.

Quel talp ed quel donn che non hanno idea della industria e dei
movimenti commerciali, el saltonn fora a redder e a dir che im aveven
fatt correr perchè l'era èl premm de d'avrel...e anch adèss sono
imedesimate in quel pensiero e non è possibile cavarglielo.

Ma io ce la feci bella: a ste asptar che el fossen andà dla tùtti, e po
a dess: Au! purtam que la brètta, gajardi...e a l'aveva in tèsta!!!....

Chi ha còurs?...Pirein nò ed zert....

— A me non _la si fa_, dseva quèl ch' studiava èl sulfègg...e tersuà a
lòur sgnòuri.

                              Dall'_Ehi! ch'al scusa..._, 8 aprile 1882.



OH! LA CUMÈTTA!!


Che cosa è una cometta?

Em dmandava l'alter dè l'Ergia, che ha sete di sapere, puvreina, e che
per l'istruzione l'andarè a cà ed clò, a casa di colui.

Adèss cè venuto in mente di studiare il todesco nelle scuole serali,
che se le facessero di giorno per me am srè più comod, ma ciò non vuol
dire che infine fa lo stesso.

A st'òura lî zò s'è cumprà la grammatica, e la sa bale com' as dis
pader, mader, pan in tudèsch che a tavla a la fèin po dscòrrer sèinza
capir nient, che l'è un piacere, e me e la Lucrezia si guardiamo
negli occhi che sono accosì belli, come dice il paggio Fernando, e si
commoviamo a vedere una ragazza che, povra diavla, quanto nacque la n'
in saveva rèbsa[2] e che ora è struita quasi più dei suvoi genitori,
che grazia Dio hanno fatto i suoi studi in rèigla, perchè mî mujer
l'è arliva del pùtti del padre Gallini là dal Zugh dèl ballon, ed io
ho fatto il corso regolare delle quattro prime operazioni, che se non
erano i maiestri che per gelosî, cunsionn mî pader a troncarmi a mezzo,
perchè dsevni lòur, l'era trî ann che non passavo in un'altra scuola,
adèss potrei essere com'è tant alter, o avvucat, o arziprit, o sendich,
o pussidèint, val a dir d'aver fatto una carriera per esser messo
poi fra i deputati comme sono quelli che sono attaccati su per i muri
adesso, che un consumo di cola comme si fa l'è un affar seri.

Ma èl pover mî pader non volle, e tal sia di me.

Sicura; l'alter dè, mentre si facevano due chiarle accosì per passare
il tempo dòp dsnà, quella spipola d'Ergia l'am salta fora a brusapèil,
digand: Papà, che cosa è una cometta?

Dichi mo che questa domanda l'avesse diretta a un asino, che figura ci
faceva?

Ed star zett, forsi, ma me nò, che per furtouna se n'era parlato poche
sere primma al caffè dove vado qualche volta tùtt el sir a fare un 150,
e dovve recapitano dei vomini com va, struiti, che leggono e che i san
arspòndrov anch se non li interrogate.

La cumètta l'è una strèla che ce venuto un buco, dseva èl nostr'amigh,
ed è un fatto.

Al dice al fa, che cossa è una stella? L'è un globo con dèinter una lùm
di materie infiammatorie. Dònca, fa mo cònt che in qla bòmba opaca ch'è
lè fora dove cè scritto: _vini e liquori_, ci venisse un bel busino,
grande come un centesimo da due, cossa succederebbe? Che ci salterebbe
fuori un codino di luce che quelli che passassero direbbero: Ohi,
guarda, a s'è ròtt la bòmba, quèl è sta una sassà...ed ecco che quant
una stella comune ciappa còntra a cvèl e sì rompe, nasce le stelle
comette.

Com a s' capess l'omen ch' passà la sô vetta int èl studi, l'è un
cupesta d'l'avvucat Sberli...a savèir ed quel stori lè, non bisogna
micca essere privi dell'uso della ragione.

E che mi scusi bene, a dmandò me, che mi piace ed ciarificar el coss,
come avengono poi queste rotture in cielo?

— Per l'affare delle costellazioni. Non si sa che cè l'ariete, il toro,
e una scurnà ed qui bî matton, basta per ròmper zenqv o sî strèl int
una volta, e farne tante comette. Al voi dir che noi non ne vediamo che
una, perchè si sa che a quelle altre a j è dinanz o una cà o un alber,
mo in cielo ve ne sono di quelle poche.

Sicchè, ricco ed sta bèla spiegaziòn, feci restare a bocca aperta la
intera famiglia che ci va a venir voglia d'andar a vèdder la cumètta.

Eh, mo siv matti! An savi che si alza nelle quattro e che per vèdderla
bisògna andar chissà dov, certo poi fuori di casa e che l'aria dl'alba
fa male ai nervi.

Non ci fu verso, el s'ficconn in tèsta, si gettarono in testa, ed
vlèirla vèdder e bisognò cuntintarli.

Allòura a stabilenn d'andar a letto prestino e po livars nelle 3.

Io andai un momento al caffè a seinter dal cupesta dovve si vedrebbe
meglio, lui mi disse su per la mura di Strada Stefano.

A tòuren a casa: j eren tùtt a lètt che dormivano.

Ah, sèimper spiritòusi el mî donn!!

Mo me furb, a pensò: se a vad a lètt ci è il caso che mi addormenti e
allòura chi ci chiama?

Mo sicuro! slèin livà dònca, e per distrarmi am mess a sgar di
zuccadein in cuseina. Non lo avessi mai fatto, che un aquilino ch'sta
lè dsòtta, gente senza ducazione, am ciama dalla fnèstra della corte,
e am cmèinza a dir degli intemperi, e che doppo mezzanotte non si deve
segare, e lassa pur dir, che al pareva lui il padrone e che me non
pagassi il fitto, per far i mî comod.

Me a j arspòus che il galateo lo conoscevo più di lui, e che non cè
nessun codice che proibisca tali operazioni in casa propria, quando
non ridondano a danno di terzi, dònca lù al s'ciamava Tortellini e non
aveva ragione di espellere lagnanze.

L'amigh al s'la tols persa, se la prese perduta, e rimase mutto, me a
seguitò a sgar, e dòp un mumèint a seint el mî ragazzoli urlar, e mî
mujer l'istess: — Mo Pirein dvèintet matt! far un diavleri acsè a j ho
cherdò che al sia èl tèrremot.

— Papà, che pora, tra che am insugnava la cô dla strèla!!

— Zitto tutte, e livav ch'l'è òura.

Al trèi e mèzz avreven la porta; appènna fora a vèdd ch'al suèbbia,
e l'è un bur ch'an si vèdd una gòzza, una goccia, a tòuren indrì a
tor l'umbrèla e vî, tùtt cunteint pensando allo spettaccolo che si
preparava.

Qla mattazzola d'Ergia, che a j aveva fatt impressiòn l'affar dal
busanein, non vedeva l'ora di vederlo.

Arrivèin dalla mura. En pinsand che a j era l'erba moja, volli fare
il bravo e a corr sù, ma mi manca un piede e a rozzel, rotolo per
terra insujandum, tùtt, e fagand cascar anch la Lucrezia che mi veniva
didietro. Per furtouna, allo infuori dla malta, che lassandla scar nel
mattino susseguente la si sgaramuflava, non ci facemmo la più lieve
conclusione, e quindi tutto finì in riddere che a j era quel ragazzi
che si trattenevano le costolette che non potevano più.

E raggiungessimo la meta, ma l'acqua vgneva zò più fort, e que la
cometta non si veddeva. Quel donn s'incominciavano a impazientire, e
la Ergia andava guardand con di vider affumgà che ci erano serviti per
veddere l'accless; ma an s' vdeva nient.

— Mo che as'siamen sbalià mura? a pinsò me, che nei frangenti più
critichi so conservarmi freddo, dseva quèl ch' lavurava int la nèiv,
e detto fatto a ciappèin sù arm e bagai e andiamo lì dalle guardie
daziarie con preghiera di schiarimenti.

E lì, gentile, si dice che bisogna andare nella mura di Saragozza
perchè l'era passà per d'là.

E que l'acqua cherseva. Mo ci eravamo... e vî ed scappà vers Saragozza
— un arloj sunava el 5 ½ e cominciava a slomberzare.

Arriviamo alla Porta di Saragozza, ma quella caduta che a botta
fresca non mi aveva fatto nulla, adesso mi faceva male e a caminava
zoppicando. Mî mujer l'arstò per di dè nezza abbenchè fosse nata in
Savoia.

Basta, a forza ed sforz arrivò int la mura, ma non si veddeva nulla.
Sòtta al pordgh dèl Mlunzèl a j era una lumeina, mo me a degh ch' l'era
un lampiòn; quel donn disen mo che fosse la stella, basta èl fatt è che
venne giorno, e l'acqua seguitava, sicchè a pinsò ch' l'era mei turnar
a casa, che a j eren moi spult, bagnati sepolti come pipiini.

Turnand zò a incuntrò un zuvnein, di questi sapientoni, che si mise
a riddere quanto ci dimandai come poteva essere che non si vedeva la
cometta.

— Imbecille! ai dess in cor mî, il riso non è una risposta.

E andonn a cà. Quant a fo dalla porta, a lassò andar sù quel donn
perchè a vols andar a tor dl'arnica perchè a sinteva che il male alla
parte offesa dla cascà, aumentava.

Ma non l'avessi mai fatto, chè in quèl mèinter che a turnava e saliva
le scale con la mi buccteina in man, am seint arrivar un bastòn zò
pr'el spall e una vòus ch' dseva:

Ah, t'em vu insgnar al galateo, asen d'un vècc, ciappi quèsti, e
impara a dsdar i can ch'dormen... te sèiga la lègna a un'òura dòpp
mèzzanott... e me at dag èl lègn zò per la vetta!

La mî furtouna fo che l'arnica rumpand la buccètta l'andò a spargujars
tra 'l bastòn e me ed mod tal che servì come antidoto alle funeste
conseguenze.

È inutile che ci dichi i versi di quelle donne nel vedersi così
maltrattate nella persona di suo padre...

Mi misero a letto, ma non vi fu luogo a procedere perchè èl duttòur,
sumaròn, non seppe distinguere le lividure prodotti dalla cascà, da
quelle del bastone...

Me però a cunfèss che almanch ql'amigh em fe vèdder sù pr'el scal qla
strèla che an aveven psò vèdder int la mura... Per cossa po non la
vedessimo? Mo, sarà sempre un mistero!

E po an s'ha da dir che el cumètt el porten dsgrazia?

                            Dall'_Ehi! ch'al scusa..._, 4 novembre 1882.



CHE BARBERO DESTINO!


  _Caressum sgner Derettòur_,

Che al staga bèin bòn, che a momenti l'am scappa!... I disen: sta
pazient com è quèl ch'durmeva int l'aldamara, scusi il termine, ma
la storia anch ch'la sia putrida, bisogna dirla, e io rispondo:
padrunessum ed durmir dove meglio l'agrada, che è quella strada
acquatica lè avsein alla Carità, ma me che non ho quel genio di dire
d'adagiarmi in quel letto non di rose, ho anche il deritto ed lassarum
scappar la pazeinzia, quanto vien messa ad una prova dura, com dseva
quèl tusètt che an i turnava èl cònt.

Corpo d'un fnocc'! è da qualche tempo che le ho tutte dietro: e se
avess da cascar un _còpp_ a sòn zert che al ciapp me in tla _còppa_...
Dònca, come ci narrai per l'affare della cometta, a cascò a rotoli
zò dalla mura, e se questo non basta, em favurenn anch del bastunà,
ingiustamente se vogliamo, che anzi l'aquilino che me le somministrò,
quanto sentì che me a vleva andar per la _via dei tribunali_, am
dscunsiò digand che era meglio che voltassi pel _borgo delle tovaglie_
e al m'invidò a dsnar dov quasi quasi arrivò int èl _bòurgh del cass_.

Questa cossa mi fece capire che l'era quistiòn ed bòn cor e ci
perdonai... mo crèddel che questo atto generoso mi portasse fortuna?
Ah! lei s'incanna, perchè dòp che fumo stati in buona armonia durante
la mensa e che me volevo andar sù per riabbracciare i miei cari, a
cmèinz a vèdder che am gira la tèsta sebbèin che me a staga fèirum;
chissà, forse effetto di stomaco mal digerito, ma niente pavura e drett
com è un anzein a insfilzò el scal... ma am inzamplò int la mî òmbra, e
patatrach, zò a ruzzlut; quant l'aquilein em livò sù a j era zopp stlà,
stellato.

Ma il peggio l'era che aveva battò la frònt nel manutengolo della
scala, che a ciappò ùna ed quel zuccà, piz che se avess tolt del cartèl
del prestito Lamasa, senza nessuna idea poetica, talchè la mî Lucrezia
ci toccò di star in pî tùtta nott, a seder lè avsein al mî lètt a
farmi di fumeint ed carta strazza bagnà int l'acqua zlà per evitare la
bergnoqla, infatti la matteina non ci fu verso che potessi indossare
èl ginnasi tant mi si era sollevata la fronte, e la gamba non la potevo
muovere più di così.

Com s' fava mo per esercitare il deritto della lezione, chè l'era
proprio il giorno che si dava il voto?

E qui bisogna che lo dichi, la fo propri la mî ragazzola che ci venne
questa idea, di dire che ci scrivessi una lettera e cossì feci come
segue:

  SIGNOR PRESIDENTE
  DELLA SEZIONE 31 VIA BOCCA DI LUPO, DALL'L ALL'X

                                                                 BOLOGNA

_Comme saprà mi trovo in condizioni di non potere indossare il
cappello, mercè le cure di mia moglie spero di mettermi presto al punto
di farlo._

_Se lei crede di tener in sospeso l'urna sino alla volta di martedì,
bene con bene, ed io verrò a vuotare, in caso contrario lo facci dare
alla ragazza che gli porta questa mia, la quale non solo è mia figlia
Ergìa, ma sa leggere e scrivere e fare la regola del tre. Lei sa le mie
intenzioni per il bene della patria e dell'umanità._

                                                       Suo Servo lettore

                                                         PIETRO SBOLENFI

E po alla tusètta ci diedi la mia brava scheda con cui approvavo
l'abolizione del sale, quella del macinato, e pregavo anche ed
pruvèdder perchè abbiamo la fuga ed cuseina che l'è un pzulètt che
tiene il fummo, e la mandai con Dio.

Mo dòp un poch, me la vedo turnar indietro tùtta spavintà perchè j
aveven dett che as sinteva la vòus ed Garibaldi che la dseva: All'urna,
all'urna! E lî puvreina, che è spaventosa in un modo straordinario, non
ci fu verso che la s'attintass più a purtar la lettra.

Basta, ci attaccai un francobollo e la feci mettere in busa, e così
quantunque infermo, ho portato il mio contingente per la prosperità
nazionale.

Mo credde che sia finito qui l'inventario delle mie disgrazie?! gnanch
per burla: mo cuss'oja fatt, ho forse morduto il seno alla genitrice?!
che senti cossa mi recapita.

L'era èl prem dè che sortivo di casa, e èl gennasi am striccava anch
per la zuccata come sopra.

A pass per la vî Nova, e c'erano dei monelli che si divertivano a
zugar al ballòn, chè adèss dòp Ziotti e Bossotto[3] e cossa soja me, i
biricchein j ein dvintà piz dèl _Moro_[4]: j han sèimper la balla.

Io tiravo dritto per il mio viaggio, quant am arriva un ballòn propri
in mèzz al cappèl e non solo me lo schiaccia, ma me lo compenetra in
modo che dû policeman accorsi a soccorrermi, e che j ein pratich ed
sti coss, non erano capaci di estrarlo, talchè si dovette ricorrere
a l'imputazione dl' alia perchè la bergnoqla iritata di bel nuovo,
l'aveva fat un livadur che mi tampellava da vgnir a cô, a coda.

E quei bardassi, in quella vece di mostrarsi spiacevoli dla dsgrazia,
i rideven senza ritegno e i dseven:

— T'al dsevia me, che ai vleva ciappar in mèzz?!

Am tuccò d'andar a cà con un fazzulètt ligà alla muntanara, e èl
gennasi in man, diviso in due parti, e coi monelli didietro... che mi
toglievano in giro.

Mo cossa oja fatt da essere perquisito a sta manira dal barbero
destino?! Me am dsbattzarè, dseva quell'ebreo, per savèir il perchè
tutti mi tolgono a streina, a brucciaticcio; se a foss una bèla macia,
_une belle tache_, com dis i franzis, eh! direi, meno male me lo sono
meritato, ma viceversa, credo di non esserlo, anzi, se mai am s'prè
intaccar di accessiva furbezza, eppur io sono sempre vittima... e
mai... carnefice.

L'alter dè a incònter ùn che an so gnanch chi al sia, e di punto in
bianco al m'affèirma e al dis: Scusi, ho dimenticato il portafogli a
casa, avrebbe da prestarmi due lire, che domani gliele restituisco?!

Ch'al scusa, sgner Derettòur, int i mi pagn, se ci andassero bene,
cussa arêl fatt?... Ben volontieri, a dess me, e ci diedi le due lire.

Lei non lo crederà! mo êl mo persuas che non ho più avuto indietro
neanche un centesimo... ma se lo incontro, viva il cielo, a j ho del
boni man, dseva quèl camarir ch'ciappava del manz, e ci farò capire che
an sòn brisa da tor int i rozzèl com è che a fùss un pèzz ed masègna...
ma sènnia o en sènnia un omen seri?!

E tùtt quèst que l'è anch nient, in confrònt dl' angùstia che a j
ho adoss, dòp èl fatt che ho letto nel giornale dovve si predice
nientemeno che la fein dèl mònd, causa una cumètta ch's'ha da inzuccar
int èl sòul! Bazzurlòuna! Lassà inzuccar èl vein, e tirà drètt pr'èl
voster viazz! Mo lî zert non darà nè retta, nè curva ai mî cunsei
e l'andarà a batter èl zùcch còntra al sgner Febo, e ci verrà la
bergnoccola sèinza carta strazza, che lassù di pastarû non ce ne sono,
e allora noi diverremo tant brustulein... o tante bistecche a scelta,
ma è più facile brustulein perchè del j anum ed zùcca a j n'è parecchie
in fra di noi...

Basta, se ciò avverrà, me am arcmand a lù, sgner Derettòur, che abbia
cura della mia famiglia che rimarebbe orba, cieca del genitore, il
quale me sarei sicuro che int una catastrofe acsè general ai armitrè la
vetta, con brusòur, mo ai l'armitrè.

E tersuà a lòur sgnòuri.

                           Dall'_Ehi! ch'al scusa..._, 11 novembre 1882.



EL TRIBULAZIÒN DÈL SGNER PIREIN IN CAUSA DLA «CORDELIA» ED GOBATTI[5]


  _Caressum sgner Derettòur_[6]

Chi dovesse dire: l'è cattiva, no, mentirebbe per la gola... che io non
ho mai capito cuss'al voja arrivar a dir, mo, l'è nojosa, ah, quèst
sè, perchè per esempio del volt am artir tardètt cossì mi _perdo_
con qualche amico che _ritrovo_, e si fanno venire quelle undici
e mezzo; ed ecco che quand arriv a casa, lî cminzeppia a coprirmi
d'interrogazioni e duv ît stà Pirein, ah tu ti dimentichi della tuva
Lucrezia, e lasciala pur dire a lei che non la finisse più... una vèira
petma, una epitome per direl un poco più in buona lingua.

D'altra banda torla sigh, l'è una benedetta donna acsè pigra, così
pecora, che a dispostarla ci vogliono gli argini, si figurano se io
potevo strascinarla fenna lassù, nel lubione del Comunale, per la
premma sira dla _Cordelia_. Eppur a fe, a fe, e poi ci caddi! Lî la
dseva bèin: va là Pirein, non strusciare quei soldi che possono far del
bene alla famiglia, ma Dio santo po, un poch ed divagamèint ci vuole,
e poi era un vago tira tira quello di questa opera del giovane maestro
che tutti dicevano si fa, eppoi no, che non si capiva niente.

Io per non aver noie, simulai un pretesto e dissi che andava a truvar
un mio amico èl quâl, puvrètt, è in letto che èl professòur Gotti ci ha
astratto le cattedrali dagli occhi con felice risultato, che lui diceva
con me: ah quel Gotti l'ha del _man_ che lù ai cava i _pî_ dapertùtt,
lù al lavòura int i _ucc'_ in mod da avanzar lè a _bòcca_ averta e
con tant ed _nas_ per la maravèja... oh l'è una gran _tèsta_! ed aveva
ragione.

Ma veniamo allo scopio per la quale ci scrivo, cioè a descriverci la
vitta che feci io, che dicco la verità, ci fu un momento così critico
che mi raccomandavo l'anima e vedevo la Lucrezia vedova per causa mia.

Alle 4 pomeridiane del dopo pranzo, arvujà int la mî caparlètta, mi
misi come suol dirsi colla schiena al muro còntra alla porta del
lubione e dicevo fra io: figli di buscherone, appena aprite chi è
il primo ad entrare? Mo Pirinein! e fanatizzato da questa risposta
spiritosa che mi davo da per me, a riddeva, perchè sono sempre allegro,
ed anche spiritosello, come dice lei, micca lei, lui sa, ma lei mia
moglie che mi credeva, povera ingenova, a far compagnia a quèl dalle
cattedrali.

Intanto si aggiungeva sempre ramo alla mescola, cioè la gente, e io mi
ero ridotto che non potevo tirare il fiato e mi adannavo a dire: L'è
inùtil chi spénzen; più in là di cossì non si va, cè la porta! Questa
cosa spiritòusa mise l'ilarità nel pubblico, e cominciarono a capire
che volevo poche litanie, e abbozzarono cercando d'ingrazianirsi.
Ùn em tuleva èl gennasi e se lo provava, ql'alter mi tirava per la
capparella, un ragazzèl tentava di pestarmi i piedi... Quèl mo nò, ci
dissi: caro mio ho con rispetto i callici... eh, a seinter sta matiria
ci si sarebbero cavati i denti dal gran redder... Per quello, aver
dello spirito è una gran fortuna, dseva quèl che si fava il caffè a
macchina... Ma non precipitiamo gli avvenimenti... Si sentono a levare
i catenacci, l'è la porta che si apre! e patapunfete tutti dentro a
togliere i biglietti... Me, che aveva sèimper tgnò in man èl franch
e mèzz, nella confusione non li trovo più... quèl ragazzèl che voleva
pestarmi i piedi mi salta davanti e sèinza andar in bisacca sborsa il
contante, strappa il biglietto e su per le scale com è un fulmine. Io
vorrei accendere un fiammiffero e cercare fra le gambe di tutte quelle
persone, ma l'è tèimp e sulfanein strascinati. Furtouna che avevo due
franchi di scorta e li dò all'omarino dai biglietti, il quale nella
confusione consegna il resto a un altro che non ero io... ma noti sono
micca un martuffo, e uso prudenza aspettando che tutti abbiano preso
il biglietto e che i sien andà sù, e poi dicco: Io ci ho dato due lire
e èl rèst lù al l'ha dà a un alter, e non lo neghi perchè ho visto con
questi occhi.

— E allòura percossa n'al dir sùbit?!

— Che bella ragione, soja me che quello là, invece di darli a me, tira
di lungo... lo credda in consenzia.

— Vedo che è un galantuomo, ma non so cossa farci...

— Oh del resto senta an sòn megga fiol ed dis bajoch, e con tùtt i mî
comud mi avviai sulle scale, brusand un puctein per aver speso 3 lire
e mezzo in una cossa che pegli altri costava 30 soldi, ma la passerà,
dseva quèl che aveva preso la cassa; coi concenti della musica tutto
sparisce... e sù che andava, ridènd al spall di quei disgraziati ch'j
eren còurs sù pr'el scal striflènds e facendosi venire la batteria di
cuore e l'affanno di respiro, o l'asma che dir si voglia.

Arriv finalmèint sù, e la maschera mi dice. — Al pol pruvar ma non ci
è più posto! — Ah, lo trovo io, lassà pur far a Pirein... e quello al
fa, al dice: Il biglietto?!

— Ohi, mo adèss che penso, non me l'ha micca dato... quel bazzurlone,
bisognerà che torni giù,... oh Dio, quèst mo am agriva, dseva quèl ch'
s'era scavzà l'oss dèl col...

— Mi dispiace, ma non si passa se non si ha il biglietto...

— Mo tu hai piucchè ragione, sei nei tuoi deritti, che diascane, credi
che ti volessi far prendere una bravata, pover spirt... eh, bisugnarà
rassegnarsi e turnar zò a reclamar... stasira non me ne va bene una.

La maschera però l'am zigava drì, mi piangeva dietro: Ch'al bada che è
pieno tutto, che non cè dubbio ch'al trovi posto...

— Stòfila pur cinein, tu non sai che a Pirein ci basta l'animo di farsi
strada... son voluto bene da tutti e po a j ho del relaziòn ed sgnòuri
di quelli che siedono su per la cassa della cera, quindi... non si ha
pavura.

Arriv zò, e appena mi presento dalla graticola dei biglietti a seint
che l'omarino al bròntla in fra i deint: Ah l'è que sta seccata!

— Scusi, io non secco nessuno, a sòn vgnò a tor èl bigliètt che nello
scompiglio lui non mi ha dato...

— Oh, una storia nova adèss, premma a j era èl rèst che non ha avuto,
adèss salta fora èl bigliètt, sa cossa ci devo dire che se si vuole
andare a teatro a scrocco non si viene qui...

— Ah, che scusi, ma misura i _termini_, che sono i _principî_ di
educazione, ma per chi mi ha tolto, sono un galantuomo incapace di dire
una cossa per un'altra... Se ci dicco non l'ho avuto l'è la verità.

A tale inserzione che me a fe in mod risolut, al dess: senta, torni
quando ho fatto i conti, e se al m'avanza fora è segno che cè dippiù ed
è il suo.

La cossa l'era ciara, mo come si faceva a sentir l'opera se i cont li
favano finito lo spettacolo?! E io che era senza un centesimo... comme
si fa?! Tornare a casa, la mi vèccia s'insospetta, duv oja da batter la
tèsta? dseva quèl marè ch'aveva pora d'sgarujar la muraja...

Mi viene un'idea, d'andare da un mî amigh con recapito al caffè
del Corso, io ci domando il prestito d'un franch e mèzz... detto
fatto, aslùng èl pass pr'i Placan... che veniva tardi e cominciava a
pernottare.

Quant arriv lè dalla Salgà ed strà Mazzòur, ci era alla fontanina dû
o trî di quei ragazzi, che hanno il morbino, e uno al fa al dice: Ehi
ch'al scusa, si fermi lì un momento sòtta al pordgh. Mo ben volontieri,
a degh me, che mi piacciano tanto i ragazzi allegri... e mi fermo; non
lo avessi mai fatto, quel mattarello mette il ditino nello spinello
della fontana e la spinge còntra ed me che in uno spillo, int un
agucciòn, rimango moj spòult, bagnato sepolto da cap a pî!

— Cuss' arêl fatt nei miei pagni... così bagnati?!

Io dissi, siete i gran bei originali... e mi dovetti risolvere a
scappar a cà che favo il vialino comme un cane che sia stato all'acqua.

Ma questo era nulla, la fazzènda l'era cossa dovevo dire alla mia
moglie, puvrètta, che mi vedeva giungere sotto le tegole coniugali in
quèl stat...

— Ohi, Pirein, cosa ti manca lo spirito sul più bello?! Lù forsi
esclama accosì, sgner Derettòur; ebbene, s'immagini mo cossa pinsò
Pirèin di dire alla sô dona, parlo della consorte e brisa dla serva che
non ho, lo indovina?

Aj dess che a j era acsè moj dal lagrum che aveva sparse èl mî amigh
per la ricuperata vesta... ma lei che non ha spirito, non l'ha creduta
e mi ha mandato a letto senza cena, dsandum dèl vècc' matt e coprendomi
d'improperi... furtouna ch' l'era ferschein.

Però èl zùff cè durato per diversi giorni e me am è dà fora un ferdòur
che mi tocca di respirare per le orecchie, e grazia che non mi vengano
i dolori particolari...

Ah, a quali estremiti mi ha strascinato la prima sera della
_Cordelia_... senza averla sentita!

                           Dall'_Ehi! ch'al scusa..._, 17 dicembre 1881.



ECHI DI CARNEVALE


  _Sgner Derettòur!_

Am pias ch'i disen: badate ai fatti suvoi, e nessuno v'infrangerà
le devozioni! Eh, questo è un averbio scrett da uno che non aveva
l'esperienza del mondo di dire che vi sono dei vomini nati a bella
posta per dar noja a j alter, quasi si direbbe le pulci, scusino il
paragone estivo, sissignore, le pulci della Società.

Se an tirava mo d' longh me, l'ultum dè ed carenval sòtta al pordgh
dèl Pavajon, e se non inculcavo mo io al mî ragazzi ed badar lè, e di
non guardare alle maschere ch'es passaven avsein, me an so chi l'avesse
potuto far meglio.

Mo cossa giovva essere prudenti e rettilinei, quanto vi sono dei
sfacciati che vi intralciano il camino, e che in s'arvisen brisa a loro
stessi, dal mumèint ch'j ein in maschera?

Ma si venghi al motivo per cui ci scrivo, che è vergogna, perchè
se la libera stampa non presta apoggio a un vero padre di famiglia
tolt in gir da della gente che non si conosce, me a dmand e dicco
dovve è andato a star di casa il principio che l'ha da èsser la fein
dei giornali cittadini di sostenere i pacifici viandanti, quando si
trovano nel frangente uguale al mio; ma car èl mî sgner Derettòur, mi
condoni èl sfugh dettato dai nezz che tuttora sopporto con erovica
rassegnazione, ma loro signori i prumetten dell'appoggio a tutti, e
po quanto siam nell'ultimo vi lasciano andar per terra anch che si
sia assiduvi lettori com a sòn me, il quale assalito dall'influenza
di mascarutt, mi trovai abassato nel marmo del portico, per mancanza
d'appoggio!

Èl duttòur al dis: non dovevate andare fra quei pazzarelli che si
vogliono divertirsi alle spalle altrui; ma io a j arspònd che dal
momento che uno paga la tassa di famiglia ha il deritto di menar
a spasso la medesima, sia pure anche l'ultimo giorno di carnevale,
sèinza avere molestie nè per sè, nè per le proprie figlie, che im li
scantalufonn in una manira che c'era l'Ergia che poverina l'andava
digand: babbo mi fanno la ghittole, non posso più dal riddere e tante
alter coss in italiano.

Ma quèst l'è ov e zùccher, e se si fossero limitati sino a lì, meno
male, as sa, si è di carnevale e anch'io a so compatir, so compiangere,
lo sfogo della giovinezza, ma quant mi trovai circondato da sette o
otto Turchi, che mi distaccano dal mî creatur, e cominciano a darum dei
soffittoni sul ginnasio, e a strapparum vî la caparèlla, che a j aveva
tgnò sòtta èl paltunzein che porto per la magione, un puctein lèis
negli avambracci, e con degli intoppi di stoffa diversa, opera dla mî
Lucrezia, che è una donna tutta di casa, ah quando mi si scoperchiano
in tal mod i rapezzamenti di una famiglia che vuol sostenersi nel
decoro esteriore, in mèzz a un Pavajòn, che scusi sgner Derettòur, se
lui la prende in riddere bisògna ch'al sia un gran asen, e questo lo
dicco perchè a so che non farà accosì, ma avrà delle parole biasimevoli
per quei Turchi che misero in mostra _coram populo_, nel cuore del
popolo, el mî miseri, rattopate dalla Lucrezia è vero, ma sempre
umilianti.

Intant el mi ragazzi el j eren sparè; duve giovani con èl paltò
all'erversa e un naso fittizio, se le erano prese sotto il braccio, e
ci dicevano delle galanterie, e me intant protestavo e chiedevo comme
di giostizia il rimborso dei danni, per vi 'd dèl ginnasi infranto
e del tabarrino trascinato nel fango della terra. E siccome loro
fingevano di non capire e seguitavano a riddere e a farum ballar per
forza, io dissi che il suo agire era da gente senza contegno, che se
l'avessero avuto quello era il sito da mostrarlo, perchè le persone...
come va? non c'è male, grazie, si conoscono in maschera, anch quant
non si conoscono! Uno dei mascarotti, forse un po' urtà dagli urti che
riceveva, am cminzeppia a dir una mùccia, una catasta, di insolenze.
Me credevo che scherzasse perchè la maschera tutta sorridente che lo
ricopriva non dava dei segni di collera, e io dicevo: mo va là, sta
zitto non dire bazurlonate... Ma lù per tùtta risposta al m'arriva un
cazzott int èl stòmgh, che mi tolse il respiro e po un alter int la
tèsta che mi fece schiamazzare per terra, e zò e zò che pareva una
gradinata. Arrivarono le guardie e mi liberarono dal Turch, che fu
costretto a cavars la maschera. Che s'immagini mo chi l'era?

Uno che non conosco, che mi dice: scusi l'avevo preso per un altro.

— Ma fiol mî, aggiungo io spazzandom, scopandomi il sangue che veniva
giù con rispetto dal nas, per le botte sofferte; mo fiol mî, percossa
torum in sbali, se me lo avessi detto prima si poteva risparmiare il
conflitto.

Al fatto sta che ci toccò d'andar entrambi sù in questura per depòrr,
me el bôtt che aveva avò, e il mio competitore la ragione incognita per
cui me le aveva somministrate.

I ragazzù, gentilmente si condussero fenna in Palazz zigands drî,
piangendoci dietro, _sabbion, sabbion_!

Esposte, trovatelle, al signor Delegato le proprie ragioni, si accordò
la libertà, doppo avermi detto che un padre di famiglia l'ha da usar
sèimper prudèinza e non insultare le persone che non si conoscono, e
che il mascherotto era da compiangere se sentendosi punto, con delle
parole, si era legittimamente difeso.

Lì giù dall'incordonà, che guida in questura, ci era il popolo che si
attendeva, i _Fratelli Amato_[7] con el bandir, ed altri coi stendardi,
e ci accolsero con una dimostrazione d'ucclà, chiamandomi per nome, chè
ero già stato conosciuto e dicevano: Ehi! sgner Pirein, el sòu ragazzi
el j ein alla birrarî dla Mort con dei giovenotti...

— A proposit, l'è vèira, mo il mio sangue...

— Al j è vgnò zò dal nas, con rispetto... arspundeva un mattazzol che
mi stava didietro.

Intant quèl che mi aveva dato i pugni, al fa al dice: Se non disturbo,
vengo anch'io alla birreria, così sigilliamo la pace con un mangino.

— Anzi, anzi, dicco io e andiamo là. Appènna dèinter, al cherdrel mo?
Era vero che el mî dòu fioli erano attavolate comme se niente fosse con
duve di quelli dal paltò all'erversa, col naso fittizio come sopra, che
se ne bevevano allegramente.

Ah! allòura, lo confesso mi venne un gruppo alla gola e non potetti
fare a meno di esclamare:

— Ingrati! mèinter voster pader è stato lì lì per scendere il patibolo,
vualter av dà in preda, in pietra, alle gozzoviglie, con dei nasi
ignoti?

Sti pover ragazzi, dietro a questa terribile mortificazione, tant
più che si era nella birreria della Morte, mi corsero al collo e mi
baciarono in più volte, talchè io dissi: basta, vi ho perdonate, e
presentand èl Turch che si era tornato a mettere la maschera, a dess:

— Presento quel signore che mi ha preso in isbaglio.

Quî dai nas si allevarono in piedi e si mettemmo al tavolino. Rivolto
al suddetto, a faz a degh:

— Cossa si prende?!

— Oh, se vi fossero gnocchi li gusterei, ho faticato un poco e mi sento
appetito. Me invez aveva un dulòur al stòmgh per il pugno avuto.

— Vengano i gnocchi, e io a turrò, toglierò, un piccolo rhum! A j era
lè po qui alter che avevano usato tante gentilezze al mî ragazzi,
raccogliendole quant el staven pr'arstar orbi dèl pader, e che ci
avevano dato da bere un bicchier di birra, dònca per indebitarmi con
loro ci dissi: Essi gradirebbero qualche cosa? Perchè no, prenderessimo
anche noi i gnocchi. Quel ragazzi ne facevano anch'esse la volontà,
percui si disse: sei porzioni di gnocchi, e po veins l'arfrèdd, e po
una zùcca ed Chianti... e di chifel per castigh. Tutti avevano buon
appetito, grazia Dio!

Quèl dai pogn po al tirò zò a caruzzein dscvert, a crèdd che al magnass
anch un pzol ed tavlein, anzi me per dir una barzelètta, a fazz: In
Turchia si mangia bene a quel che pare; e lù al fa:

— Au, cinein, dsmettla bèin sùbit, se nò a t'in dagh di alter!!

Capii l'antifona, e abuzzò, ordinando un po' di anicione.

Endson vols mortificarum, offrendo il pagamento della propria parte,
e io dovetti pagare per tutti. Fortuna che la figlia del padrone,
mi conosce e mi fece credenza perchè non ne avevo abbastanza. Èl
Turch volle anche dei zigari e l'andò vî mezz instizzè quasi sèinza
salutarum, i giovenotti dai nas ed cartòn esibirono il braccio al mî
tusètti e me am l'avvei con èl pover gennasi tùtt squizzà, ma quando
siamo fuori a seint un impressiòn atmosferica, e mi accorgo allora
della mancanza dla capparèla. A fazz a degh: Au ragazzoli andiamo mo lì
dall'Archigenasio a vèdder se cè anche il mio tabarro.

L'Ergia, che l'è sètt cott e una bujida, la saltò sù: Mo an j è dùbbi
papà, a quest'ora l'avranno già preso su. Difatti ci accolse, perchè an
j era nient.

Oh! armettri po la capparèla l'è tropp, tant più che era serata umida
e avevo pavura di prendermi delle affezioni romantiche.

Mo zò quant el coss el j han da èsser bisògna ch'el sien, perchè
an aveva fatt 20 pass che a vèdd vgnir in zò èl Turch con un alter
mascarott ch' l'aveva adoss un tabarr, ci guardo: êrel mo èl mî?!

Lo fermo e dicco: Scusi, quello che lì è mio.

— Ah l'è èl sô?! Me a l'ho cumprà da un ragazzol, a j ho dà 5 franch
ch'al sra una mèzzòura.

— Tropp giosta, adesso non tengo le cinque lire, al vol dir che se
dmatteina a passà in via tale, numero tale sarete rimborsato.

Èl Turch intant al s'in fumava sèinza dscòrrer; si vedde che si era
offeso del mio procedere.

Però am tuccò d'andar a casa in bèla vetta e guadagnarum un ferdòur.
Quant a fonn dalla porta, i giovenotti strinsero le mani al ragazzi e
a me, e se ne andarono. A degh: Chi êni mo quî lè?

— Che dmanda, dis l'Ergia, se si volessero far conoscere non andrebbero
in maschera!!

Sta risposta em zlò, non vi era modo di replicare. Andò a lètt, ma
il giorno appresso non ci fu verso di rilevarsi, ero tutto un nizzo
e bisognò chiamare il dottore che am fe far delle confricazioni colla
solita arnica.

Più tard veins quèl da la capparèla, che ci dovetti dare 10 lire
perchè, dsevel lù, a j era tuccà ed perder la giurnata a zercarum, non
ricordandosi l'indirizzo, e finalmèint veins la lesta dla birrarî: 14
franc!!

Ah! va pur là, che il carnevale è una gran bella istituzione!!

                        Dall'_Ehi! ch'al scusa..._ del 21 febbraio 1883.



ZOBIA GRASSA[8]


  _Gentilissimo Signore_,

Lui mi prega e, a dirci no, al parrev che volessi dargli una negativa,
mèinter l'è bèin tùtt alter, o sì! non lo dovrei dire perchè chi s'loda
s'insbroda, dseva quèl ch's'arbaltava la mnèstra sù pr'el bragh, ma
d'altra banda è così: io sono un vomo cardiaco, vale a dire che a j
ho dèl cor, e quanto mi toccano nella beneficenza, ecco che non mi so
tirare indietro, com dseva quèl ch'era còntra al mur.

Gran bèla cossa questa istituzione della carità cittadina di dire che
in quel mentre che si divertiamo, da un lato, as fa un po' ed bèin da
ql'alter e cossì anche quello che per mancanza di mezzi an s'po vstir
da puricinèlla, sente l'avantaggio ugualmente in causa dell'obolo come
sopra.

A proposit di carnevale, ed mascher, e di altre sciocchezze, che
al seinta cossa mi capita due anni fa, che se non si avesse della
ducazione el srenn coss da inquietars int èl seri.

Ero stato a pranzo dai Scattabrugi, una nobile famiglia ricaduta, e
per sô grazia hanno della differenza per me e per la Lucrezia, il quale
sentendosi predisposta aveva preferito ed star a casa e cossì dicasi di
quelle ragazze, che se non viene la mamma non veniamo neppur esse.

Allora la signora Scattabrugi, che è di una gentilezza che passa i
limiti, quant a sòn per vgnir vî, mi chiama in un angolo remoto dla
stanzia da dsnar, e mi tiene il seguente discorso:

— Che non se ne offendi, siccome la sô famèja non è potuto venire a
pranzo, quèst l'è un poch ed latt mel da purtari: e così dicendo,
estrae, la tira fora, dallo stracantone una bèla tarineina piena
di latte miele coi cialtroni, e me la mette int un tvajulein... e
felicissima notte.

Figurarsi la mî cuntintèzza per poter radolcire la bòcca al mî donn,
e vî e vî ch'andava col mio involucro astrech e par, per pora di non
rovesciarlo.

L'era l'ultum sabet ed carenval... e le maschere scorazzavano, el
scurazzaven per la città... Incontro un turch che mi dice: addio
Pirein, stala bèin l'Ergia? — Sè, sè benone... e vî d'longh... e
sin lì andò bene, che anzi el mascher acsè peini ed spirit em piasen
dimondi; ma non ho fatti pochi passi che am trov in mèzz a una massa ed
mascarutt che im cmèinzen a saltar d'intòuren.

Io ci dicco subito: fate piano ragazzi per vî'd dèl latt mel!!!

Non lo avessi mai detto... strapparum vî èl fagutein di mano, cavarum
èl cappèl e mettrum in tèsta la tareina cun èl latt mel, fu un punto
solo... e po vî che se la diedero a gambe in quel mentre che tutto
il liquido-solido em culava zò per la fazza che non facevo la parata
a leccarmi, con buon rispetto, e me lo sentivo compenetrare zò pr'i
sulein e lungo il filone della vitta.

An poss gnanch dir che al s' metta int i mî pagn, perchè si può
figurare in che stato erano ridotti... e cossa si faceva in quel
frangente? Eh, io leccai fino che potetti, poi am spazzè alla mei
cun èl tvaiol coadiuvato dai passeggeri i quali, secondo il solito,
riddevano del male altrui e dai biricchini che em vgneven dattòuren a
alcarum fenna dov i pseven.

E èl gennasi?! Mo sissignore che qui brùtt mascarutt mi avevano
trafugato èl cappèl, un cappello a cilindro quasi nov... oh, e nota che
io non li conobbi micca perchè j aveven la maschera... basta ql'affar
del mascher me an al poss mandar zò, dseva quèl ch' pluccava un oss
ed brasadla, perchè secondo me, va bene che si vadi in maschera, ma a
s'arè sèimper da dir: sono il tale dei tali, acsè quell'altro si regola
e sa con chi ha a che fare.

Comme nel caso mio pr'esèimpi da chi andàvia a dmandar èl mî gennasi?

Diedi io la rinuncia alla questura, ma quanto mi domandarono i
connotati dell'agressore e io ci dissi: naso lungo un 30 centimetri
circa, il delecato si gettò a riddere come un sesso, dicendo: non può
essere...

Ma che mi lasci finire, soggiunsi me: l'era èl nas dla maschera!!!
d'altronde io non ci potevo dare altri connotati... Oh quant a pèins a
qla sira!... E dir che èl carenval l'è fatt per divertirs!!!

Che stiino bene, e tersuà a lòur sgnòuri.

  _Bologna, febbraio 1885._



ALLA CÒURT D'ASSISI[9] (PR'ÈL PRUZÈSS DLA ZERBINI)


  _Caressum sgner Derettòur_,

Acciderboli!... Che non mi faccino bestemiare fuori della
convenienza... perchè ci dicco la verità che ne ho empie le tasche!!
Cossa ci va a venire in mente a quel sig. Ciliegia[10] di scrivere che
anzi fanno bene ad andarci, mentre tutti gli altri dicevano che non
sta bene perchè bisogna ogni tanto diventar rosse, il quale è una bella
fatica per chi ci avesse perduto l'abitudine. Il rosore per certuni l'è
com i lampion di trabai, che se il conduttore al se dscorda di cambiare
il vetro rimangono o bianchi, o verdi per tutta la vitta!!

Sicuro, dunque comme ci dicevo, la mia Ergia, fenna che i giornalisti
stampavano che le persone di sesso diverso, non conveniva andassero
alla causa e slanciavono del biasimo contro a quelle che c'erano, non
cercò mai d'andarci contentandosi ed lèzzer i bolettini dovve vi sono
le metafore ed mod che li potrebbe leggere anch un urbein, senza temma
d'arstar uffèis nell'amor proprio della suva famiglia.

Ma sissignore che un dè l'Ergia l'am corr incòntra con questo giornale
in mano digand: Papà che mi ci vi conducca, al le dis èl foi, guardi
qui l'è il sig. Ciliegia, lui dice che facciamo bene ad andarci, dunque
che al toja mo èl sô catubein (la pazzerella, chiama accosì il mio
cappello a cilindro), èl sô tabarrein, e si vadi alle Assisi!!

Cossa volni che avessi detto dal momento che mi presentava la carta
che canta ed il villano che dorme?! Detto fatto: a ciapp sù e colla mia
ragazza si avviamo al palazzo Baciucchi.

Appena entrati vediamo tanta gente ch' s'era messa a seder lè int la
còurt su pei moriccioli, fitonzini ed altri loco sigilli, per usare
una frase dei tribunali, tanta era l'influenza delle persone. L'Ergia
che le ha sempre pronte, la fa, la dis: an s' po negar che l'an sia la
_còurt d'assisi_!!

Nel momento confesso il mio debole, non l'avevo afferrata, mo quant dòp
una mèzz'òura, capii l'antigona, non potetti intrattenere il riso che
mi uscì copioso dalla bocca, com è un suldà che ci abbia fatto male èl
rang, il raglio.

Intanto cerchiamo d'infilzare le scale, ma cè tale una _ressa_ che
pare una _rissa_, la mia ragazza diventa _rossa_ e ai garantess che
lè in mèzz nessuno _russa_. Questo gioco di parole che mi venne fuori
spontaneo an so gnanca me da dovv, mentre im striccaven i pagn adoss,
fece riddere i vicini e la mî spepla saltò su: Bravo papà tu hai fatto
un meclemburg! Intant là, da un ussulein, si vede un po' di parapiglia
ma sembra che si trattasse di un piglia senza il para, perchè un
forestiere che è vicino a mia figlia dice: «Una femme ha donato un
sufflet a una guardia!!»

— Bona quèsta! a degh me: che vagh regal da far a una guardia, dal
mumèint che ha il pipì in tèsta, cossa se ne deve fare d'un sufflet?

Allòura èl furastir soggiunge: «Je comprend che vous ne comprenez pas
le français!»

Mî fiola che studia il tedesco da 6 anni e non sa neanche cossa s'
voia dir chartreuse, non ci parve vero ed metters a baccajar col
etranger comme dice lei, e sèinza l'incomud ed far i pirù si trovassimo
trasportati nell'aula.

Ai degh la verità che ne ho provato delle strettoje durante la mia
esistenza, ma quella che lì an m'la dscord per zio!! Io vedevo la mî
ragazza che suvo malgrado si era appiccicata al forastiero e che si
allontanava sèimper più dall'autorità paterna... meno male se fosse
stato un bolognese, si sa dal più al meno dove stanno di casa, ma
quello lì, se me la conduceva al suo pajese, dov l'andàvia a pscar per
combinare il matrimonio?

A proposit: quèl biricchein del copista l'ha piantata... ma adèss a
n'ho tèimp ed perdrum sugli assessori.

Appena entrato in sala e che gridavo: Ergia, attaccati al vecchio
genitore! mi impongono silenzio e i cmèinzen a dir: «Ehi! abbass il
gennasio! ohè! Vicolo quartiroli... al n'èl sa brisa che bisògna cavars
èl cappèl... Ehi sumaròn, si scopra, abbass, abbass!»

Io che ho sempre conosciuti e rispettati gli obblighi dei proprio
stato, io che la ducazione la insegnerei allo stesso Galateo, bruciavo
di questo apostrofo ingiusto poichè non mi era possibile muovere
le braccia rimaste coinvolte nella caparella e fra della gente che
spingeva da tutti i lati.

Me però che mi premeva di giustificarmi col sig. Presidente,
esclamai: Scusi! sono impotente!! Cossa volni vèdder! a questa dovuta
giustificazione si scatenò una ilarità generale... e uno che mi era
vicino e che aveva una mano libera, mi levò gentilmente il ginnasio,
ma invez di tenerlo in custodia lo cominciò a passare ad un amico, e
quello a un altro e così di seguito ed mod che io veddevo passeggiare
il mio cappello comme se fosse abitato, cossa che ci giuro che non mi
era mai succeduta! E io ero sempre nella condizione di un ragazzol ed
nassiòn, quando è fasciato comme uno zampone di Modena nel momento
della cucitura. Ormai èl mî pover cappèl era sparito e d'altra
banda cossa potevo fare per ricuperarlo?! Perduta la figlia, perduto
il cappello... che cossa mi rimaneva?! Oh! ce lo dicco subito: La
rassegnazione, e così feci, a lassò incossa in braccio agli eventi e mi
misi a stare attento alla causa del processo.

Am pias che dicono: sono vietati i rumori nella Corte... at lass po dir
se fossero permessi!

Mentre ero in quella ristrettezza di spazio che ci ho detto, a sinteva
lì giù propri int la còurt quî dai foj che i zigaven, piangevano i
bollettini del resoconto... dei cani che favano il bordello, e quindi
per quant stassi inorecchiato, an m'era fattebil capir quello che
dicevano quî dalla toga, che c'era uno che parlava di medicina, sebbèin
che al fatt succedesse a Bologna, e lascia pur dir a lui che per me non
avevo altro intento che il pensiero della ragazza che aveva già fatto
relazione con l'etranger e se la riddevano, lungi da questo povero
padre che a forza ed sacrifezzi a l'ho tirà su per le vie della onestà
e della temperanza.

E èl mî pover gennasiein che era già scomparso dalla superficie e che
non ci contavo più sopra?! Mah! sono vaghi fasti dell'esistenza umana e
chi lo avrebbe detto che uscito in cappello, a srè andà a cà in cavî?!

Intant lo stringimento era dvintà acsè terrebil che c'erano dei
discorsi a psèir avèir èl respir, quindi am veins la bona ispiraziòn
d'andar fora... ah, la presenza di spirito in certi casi l'è una gran
risòursa, dseva quèl ch'aveva veint 12 sold al luttein.

Percui sèinza gnanch salutar il signor Presidente che m'aveva
gentilmente permesso d'andar dèinter, a furia ed lavurar di gomito, a
riussè a vgnir fora!

Che s'imaginano bene cossa mi tocca di vedere? Èl mî cappèl mess sù
pr'una man di quelle statuve ch' j ein a custodia degli scaloni... e un
biricchein che stava lì a riddere e poi diceva:

— Quai a chi lo tocca!

Puvrein! Sintî ch' catarr!! dseva quèl ch'era custipà. Senza darci
neanche mente, ripresi il mio cappello e me l'avviai bestemmiando, si
lo confesso anche la bestemmia mi uscì dal labbro e a dess: Malendrein
i bambuzz!!! E vî ed scappà... ma quant a fo presso il Pavaglione am
vein in mèint che am era dscurdà la mî Ergia... Oh! pader snaturato, a
dess in cor mî, e retrocessi indietro, ma non sono appena dall'Istituto
technico, che adèss i disen Crescenti, e a vèdd tutto il popolo
che veniva fuori coi giudici che si erano già vestiti da vomini, mo
l'Ergia, niente... A dmand ai soldati della guardia che venivano via,
si mettono a riddere e mi rispondono in napoletano. A vad sù dalla
duneina dai baston che fava fagotto, niente, indson l'aveva vesta... e
per cavarsela i disen che non la conoscono.

Cossa avrebbe fatto lei, che lo dichi pure, sgner Derettòur?

Io per mia parte, comme uomo mi misi in una collera che arè magnà la mî
òmbra, ma comme padre che sa il proprio dovere, mi gettai a piangere e
dissi al portiere che caso la trovassero im la condusessen a casa che
si sarebbe dato una competente mancia...

A lass èl purtinar interessantissimo della cossa, e a vein zò per il
marciapiedi, quand a sòn lè da quel caffè in piazza dei Tribunali a
seint una gran risata e veggio l'Ergia sotto il braccio all'etranger
che erano stati a bere il vermutte.

Ingrata, sèinza ed me! e dir che la sa che quella bibita è la mia
passione!

Tersuà a lòur sgnòuri.

                            Dall'_Ehi! ch'al scusa..._, 2 febbraio 1884.

   [Illustrazione: ÈL SGNER PIREIN]



DIES IRAE[11]


  _Sgner Derettòur!_

Ah, che al vada pur là, ch'a sòn arrabè com è un can, non tanto contro
quello che l'ha scritto, quanto con lui che lo ha stampato. Ma mi scusi
bene, dov'è la ducazione di dire si insulta un collega, e io ci tengo
il bordone?

Perchè se lui non lo stampava, la cossa poteva rimanere in famiglia,
invez acsè me l'ha resa di pubblica ragione e lui ha avuto torto,
perchè che io faccia quello che diceva la povesia è una bella bugia,
che in ogni modo an s'in dscòrr brisa in un sonetto, fosse pure a rime
obbligate. Ah! la mî Ergia ha altro da pensare adèss che alle acque del
signor Coltelli, che è per quello che saranno di ferro, in causa che i
proprietari sono del medesimo. Ah, povra ragazzola, se vedessero comme
è diventata gialla, la fa cumpassiòn ai sass, com dseva quèl salghein.

Ed io non voglio digerire nient affatt l'insulto fattomi in testa al
giornale, che an s'po gnanch dir un insulto gratuito perchè al còsta
un sold. Ma cossa mi creddono perchè sono vecchio che an m'attrova anca
me la cavallarî adoss di dire che se offendono il mio sangue io non sia
pronto a spargerlo?

Sono paziente, ma se am suvramònta la mòsca al nas, a dvèint anca me
una bistia come lòur sgnòuri quanto giustamente vengono presi dalla
bile di dire mi hanno insultato e voglio la soddisfazione.

Ah, qualunque cossa ci mettessero in mezzo me ai saltarè per dsòura...
me a voj arrivari d'cô, dseva quèl ch'andava sù int la tòrr!

Poche litanie, e all'armi, che io sono pronto. L'è trî dè che a j
ho tolt fora la spada di quanto ero nella guardia tuccheina, e l'ho
confricata sù int èl stiar che è diventata lucida e aguzza comme che
ci avessi dato la pietra in taglio. A n'ho megga pora me, a j è la
mî Lucrezia che dice che non mi riconosce più, a vedermi cossì pieno
d'ergìa bellicosa, che tutto il giorno an fazz che eserzitarum còntra
a un umarein che ho dipinto nella muraglia con del lustro da scarpe,
e ci ho scritto sotto _avversario_ pr'en me sbagliar nel conflitto, e
per mantener vivo èl sparazisum dell'odio e dell'avversione. E vèdder
com a j acciap! A st'òura l'è tùtt sbusanà int'èl pètt che al par un
sculadur, e dalla muraja ai salta vî di pzû ed stablidura, che ci si
vedono le pietre che sembrano gli interiori del nemico.

Am sòn infurmà da delle persone pratiche, per fare le cosse in regola,
e mi hanno detto che intant io studi bene la scherma col sistema che
creddo meglio, e quanto sono in ordine che chieda la soddisfazione
onoraria, per avere nel sonetto medesimo della una cossa che desideravo
rimanesse fra noi — e po allòura ci tiro il guanto — anzi ci nacque
un po' di tafferuglio fra i pedrini, perchè io misi sulla tavola una
butteglia e di bicchir, questo si sa, ma anch il quesito se si poteva
usare come guanto di sfida uno di quelli di filo di scozia, anch un
poch ròtt nelle diverse estremità ditali. Chi dseva ed sè e chi dseva
ed nò, e si finì per stabilire così, e finalmente la cossa la finè
benone.

I pedrini che ho scelti io, che bisognava trovare degli vomini d'arum
pratich di cose di guerra, j ein èl piantòn ed S. Ptroni, che poveretto
al m'insgnò sùbit la ritirà in caso di sconfitta, e ql'alter l'è
alla sua volta èl piantòn dla mî parocchia, che per il giorno dello
scontro al m'ha prumess d'imperstarum la raviola con èl spnacc a
salice torchino per intimorire l'avversario, e un zuvnein ch' sta lè
dsòuvra si è esibito di darmi la sô visira di quanto andò nel corso
l'ann passà, sebbene che al l'ava ardotta come copripiatto, mittandi un
pomino che viene a riferire sulla punta del naso.

Ma quisti j ein assessori, dseva quèl sendich che presentava la giunta,
perchè l'esenzial l'è quel di difendere a qualunque costo l'onore della
famiglia e chiunque si faccia avanti, fosse anche èl sgner Dalpein[12]
io ci tiro il guanto, sebbèin che lui non sappia cosa farsene, che li
dà agli altri, poi ci mando i miei pedrini in fiacre, che siamo cossì
d'accordo perchè ai dà fastidi a correr, e voglio che i patti siano che
il primo che resta morto sia quello che ha torto, acsè io rimango in
vitta perchè tutti dicono che ho ragione, anche il giury d'onore che a
fe lè in casa con mî mujer e 'l mî ragazzi.

Dònca lù l'ha capè, sgner Derettòur, se l'avtore della povesia non si
fa avanti, io la faccio con lui, ma in un modo o in un'altro voglio la
soddisfazione d'andare sul terreno, che per lo più è sempre di nessuno
dei duve, per far veddere che quella cossa di dire: borghesi, alla
circostanza si sa essere militari, colla spada nel pugno alla difesa
della verità e della giustizia.

All'armi! all'armi!

                              Dall'_Ehi! ch'al scusa..._, 4 agosto 1883.



I BIGLIETT DLA LUTTARÌ


  _Caressum sgner Derettòur!_

Mo el j ein vaghi coss quèsti, dseva quèl sart ch' pruvava el brag
a Bergunzòn[13], che non si abbia d'avere un momento di pace! Finè
onna sòtta ql'altra e via che la vadi che è un vero piacere... Se ci
dicco che al mondo quando si nasse disgraziati, sarebbe meglio tornare
indietro... in ti n'i mod per quello che si gioisse, si è sempre a
tempo, l'è quèl che dice sempre la mia Lucrezia ed ha ragione, come
l'ho anch'io. Non faccio per farmi l'apologia, che an j è dùbbi che a
sia ed quî dai reclam, comme dicono adesso, a quelli che si arampigano
da per tutto...; mo non faccio del male neanche ad una mosca...
d'inverno spezialmèint... e sissignore che trovo sempre della gente
ch'em tol a streina, a bruciaticcio, e mi perseguita vitta natural
durante! Mo che senti cossa mi capita. L'era un pzulètt che quel
ragazzi mi stavano dietro dicendomi: vadi là babbo comperi i biglietti
della lotteria di Verona, che si può vincere per fino 20 lire... e a
dirla, non parlavono a un sòurd, come dice l'averbio, perchè i giuochi
d'azzardo sono la mia pasione e anzi, quant a mi trov, non guardo alla
spesa, che tùtt i ann per la lotteria dèl giovedè grass, am acquistava
èl mî brav bigliètt[14] in sozietà con la mî famèja e a dir la verità
però quelli che lì della lotteria di Verona erano bellini l'è vèira, ma
j eren anch carùzz, una lira l'ùn che capiranno che può essere anche un
discapito per chi non abbia che 19 soldi.

Basta, io però a stava sempre in cerca per vèdder di avere qualche
facilitazione, e un dè che transigevo per Via Rizzoli, a vèdd in mòstra
dal tabaccaio delle Spaderie dei biglietti che erano andati piuttosto
giù di colore a star lì alla polvere ed alle intemperie.

Io che sono filosofo, a fazz, nel mio interno, a degh: quelli che li
è certo che a una sibizione diminuita me li ammollano che non ci par
vero, e a m'inòulter int èl negozi e dicco: scusi, il prezzo ristretto
di quei bigliettini che lì? A j è poch ed prezi ristrètt, mi si
risponde: un franco l'uno. — Va bene pei nuovi, a degh me, ma non vede
quelli in mostra come sono deperiti nel colore, e qua e là, col debito
rispetto, vi sono delle evacuazioni moscovite?

Per tutta risposta mi si gettano a riddere in faccia come avessi
detto una facezia! Io faccio le mie giuste creminazioni... e loro
si macellano sempre più dal riddere... e me ne vado col sorriso
della compassione sopra i labbri, che voleva proprio dire: Poveretti
si capisse che non mi capite!! Ma non per questo avevo dimesso il
pensiero. Picchiate, picchiate e sarete aperto, com suzzèss a quèl ch'
j spaccon la tèsta, e anch'io feci lo stesso.

A dess colla mia famiglia... — Abbiate piacenza, lasiamo pasare la
smania della lotteria, e vedrete che li avremo a prezzi ridotti.

E quando me la sono messa in testa, dseva quèl ch' s'incollava la
pirocca, è difficile che me la levino.

La mia idea fitta l'era dònca di volere dei biglietti di Verona
a prezzo più basso. Infatti la decorsa settimana a pass per via
Broccaindosso e a vèdd due monelli che si divertivano a zugar con
questi biglietti, e ne dovevano avere otto o dieci e favano conto
ed zugar al cart. Ecco Pirein, mi dicco in un orecchio, il parmense
ti cade sui maccheroni, e mi avvicino con disinvoltura ai ragazzetti
esclamando: oh che bei bigliettini! Scommetto che se vi dò mezzo franco
cadauno me li cedete eh?

E poi mi venne lo scrupolo di dire: abuserei forse della sua
inespertezza? Sarebbe per caso un caso di truffa fraudolenta come
diccono alla Corte d'Assisie? e allora aggiunsi: badà che so che
costano un franco, ma j ein tant strafugnà che per quel prezzo l'è
diffezil vèndri.

Il maggiore di quell'altro, mi risponde: Mo ci pare, ce li diamo anche
per niente, capirà noi ci siamo divertiti abbastanza e li rigettiamo
via.

Allora mi son creduto nei propri deritti di accettarli pel prezzo
suddetto, piuttosto che lasciarli finire nel rusco, e a j ho sbursà
cinque lirette.

Vado a casa feliz e cuntèint, per la bazza comme sopra e scadagnon può
ben di leggeri figurarsi la gioja dell'intera famiglia.

L'Ergia che come sassi l'è la più struvita, chè l'è arliva del scol
ormal, la dis: Babbo per vedere se abbiamo vinto bisogna andar dal
sgner Bus, dal signor Buchi, che fa il cangia-valute lì in principio
del portico lì presso Scagliarini il cappellaio.

Non me lo faccio dire duve volte, e vado filato da lui, e faccio, dicco:

— Che scusi bene, arêl la pazenzia ed guardarum a sti bigliett di
Verona, che a j ho cumprà stamatteina? Non avevo finito la parola, che
lui si teneva duro l'epa tanto scrichiolava dalle risa... esclamando:

— Mo, stamatteina cossa? S' l'è un mèis che la vendita è finita, e
la luttarî è già stata estratta... mi dispiace dirle che lo hanno
mistificato, questa è carta sporca... e niente altro!!!

I vomini di spirito si riconoscono alle circostanze, e me mi hanno
appunto riconosciuto quando riprendendo i miei biglietti, me li sono
rimessi in saccoccia digand: benone, i sran bon pr'impiar la peppa.
Si figurino che fra le altre cose da dòp che a sòn al mònd a n'ho
mai spèis un zentesum nè in pepp, nè in bucchein, e gnanch in zigal;
insomma il fummo in genere mi rivolge lo stomaco, scusino, ma è così.
La cossa però era spiritosa lo stesso e fece furore...

Come po quî ragazzû avessero ancora dei biglietti mentre avevano
già fatta l'astrazione, quèst è quèl che nè io, nè la mia famiglia
arriveremo mai a capire.

Mo, al dè d'incû zo, bisògna asptarsli tùtti, com dseva quèl cuntadein
che i polisman cunduseven in Palazz.

Dal rèst però, s' crèddni che a brusa? com dseva quèl rustezz moi... e
tersuà a lòur sgnòuri.

                             Dall'_Ehi! ch'al scusa..._, 26 aprile 1884.



SAN MICHEL


  _Caressum sgner Derettòur!_

A tanto intercessor nulla si nega, dseva quèl ch'j assaltaven con èl
curtèl alla gòula... e cossì dicasi di me che non potrei mostrarmi
negativo alle suve preghiere, quantunque a dirla stièta, an sia brisa
int el mî pigh, com dseva quèl ch'era arpiatà int la cassètta d' la stû
e via discorrendo.

Che si figuri bene sgner Derettòur, che doppo quella cara battosta
per Padre Agostino[15] che come saprà im rumpenn, con bòn rispètt, una
custa, nel sortire da S. Petronio, se ce lo debbo dire, an sòn più sta
me, e quanto vuol fare il tempo cattivo sento delle fittole nelle parti
offese che vedo le stelle...

Ah! ma se ci dovessi descrivere che momento che fu quanto me la
ruppero; già venni meno e più èl mal em cherseva, e me sempre più
venivo meno, ed mod tal che a srev andà a finir int i nient, se mercè
la cura della mia Ergia coadiuvà dal piantòn ed S. Ptroni, che con
quella forza da leone di cui può disporre pr'el sollenità, mi sollevò
di peso e ajutà da altre otto o dieci persone, mi trasportò alla ditta
Zanelli sotto il portico della Banca con terra cattù romantica. Èl
sgner prof. Gambarein mi osservò la costoletta mancante, ossia che si
era stroncata causa un gòmd di un gentile signore che voleva passare
per forza, e mi disse che non era niente, e che mi facessi coraggio...
Io poi dicevo fra gli spasimi del dolore, perchè si ha un bel dire
che non è niente, come diceva lui, ma ognuno si sente il proprio, e
per parte mia bisògna che a degga che l'era grand dimondi e lo sa bene
la povera Lucrezia che ci toccò, poveretta, ed far la nott sterleina,
stellina, per i bagni freddi e per gli ululati che gettavo fuori da
svegliare gli aquilini che stanno disopra.

E tùtt per causa ed qla braghira dell'Ergia che, poverina, si era
accosì infanatichita ed quèl brav predicatòur, che lei tutti i giorni
la vleva assistere alla salita in carrozza... e finalmèint un dè, am
tuccò qla bèla bazza comme sopra.

Basta, adèss ha fatto gomma e consoliamosi perchè am pseva capitar ed
piz; am arcord un mî amigh, che cadde e si ruppe la chiavicola dalla
parte sinistra che lo curarono a forza ed balleina da stiopp, quella
che fa tanto male agli uccelli nel tempo della caccia.

Bèin dònca, in quèl mèinter che avrei bisogno di stare in riposo
per paura che mi si stacchi di nuovo, sissignore che mi capita fra
cap e col, e cavolo, èl San Michel, che èl zil l'ava in gloria, chè
un'ammazzamèint, un'uccisione, cumpagna non l'augurerei al più celere
nemico! La Lucrezia puvrètta i va a vgnir in mèint che la sia una cà
poch sana, perchè dònca am s'è scavzò la custa a me, perchè a l'Ergia
ai fe mal dl'arvèja e delle altre superstizioni. D'altronde io non
fui buono di farcelo entrare in testa, e bisognò che mi cacciassi a
zercar casa. Infatti passando per la vî di Malcunteint a vèdd dû che
guardavano alla casa Coloniesi con dei gesti.

— A fazz, a degh: Scusino, è d'affittare?

— Sissignore, risponde lui.

— Quante stanze, s'l'è lèzit? a dmand me.

— Quattro stanze e la cucina, granaio, cantina e èl stanziein del
galleinn!

— Eh! ma qui si va col vento in poppa, com dseva qla balia ch'era ai
zardein quant veins l'uragano, fa proprio per io, a dess me e da chi mi
debbo dirigere?

— Ecco, questo biglietto serve per lo scritto, lei l'otto maggio si
presenti con questo e ci saranno consegnate le chiavi. L'affitto è 250
lire!!

Mo cossa ci debbo dire?! L'è un atto di fiducia, che me a n'ho nè
parol, nè caldareina, bastevoli per dirci la mia gratitudine, e vî che
andai felice come si può imaginare. El bigliètt al dseva, tutto ben
stampato: «_Gaetano Serrazanetti rovina orologi. Da San Gervasio presso
l'Hôtel Brun_». Dònca me a j era int una bòtt ed fèr, com dessn'i
maranghein ch'arrivonn alla Banca, e come chiunque avrebbe fatto nei
suoi pagni, me an pinsò più ad alter.

Mî mujer, el mî fioli, vleven pur savèir dov l'era sta cà, ma io le
volevo tenere nell'aceto, com è i pevron, e gli rispondevo col vecchio
adagio: al cemento si vedrà!! Agli otto maggio lo saprete! talchè
misero il suo cuore in pace come di regola, e prepararono il tutto pel
San Michele Arcangelo. Intanto ci eravamo tolto l'encomiato e la nostra
cà appena si seppe, i l'affitonn sobit a una che tiene di dozzena,
quanto venne a vederla che ce la mostrò mia moglie, l'aveva sigh dòu
ragazzi che alla zira el pareven furastiri, vestite tutte di raso, e
infarinà che parevano da friggere.

Finalmèint vein i ott ed st'mazz. Quell masti del mî fioli en vdeven
l'òura d'andar alla cà nova e per savèir dov l'era. A cumbeinn con
un umarèl, che ha una bella biroccia, e po a toi un alter dsgrazià
e si prepara la prima carica di diverse ciangatole, e me glorioso e
trionfante ci faccio strada con int'una man le tre grazie del Casanova,
in gesso, ravoltolate in un _Secolo_, da quell'altra parte, la Madonna
dla scranna, che è una bellezza, e in bisacca il mio vecchio biglietto.

Quî pover umarì si adannavano a tirar sta brozza carga pulit, che ci
si accoppavano sotto, e a tors dalla porta di Castiglione senna in Via
Malcontenti l'è una bèla agugliata.

Alt! a fazz me, giunto che fui alla casa Coloniesi, e faccio per
suonare alla porta, quant im disen: se non è addetto ai lavori, an va
megga dèinter!

— Che lavori?!

— Ohi, an vèdd che i la fecchen zò?

— I la fecchen zò?! Difatti alzo gli occhi e cossa veddo? Il suddetto
atterramento. Allora capirà bene che giustamente a zèirch di quel
signor Serrazanetti... per dir le mie ragioni...

Mi si gettano a ridere in faccia come fossi un mentecato!

E quî dalla broza bestemmiavano comme turchi, e si cominciava a formare
dei campanelli di gente, di ruglett com a dsèin nualter.

Finalmèint passò una persona che si capiva istruita e di grande
ingegno, che la saltò fora con èl dùbbi che mi avessero tolto a gabbo,
e mi consigliò di persuadermi che una casa in demolizione non si poteva
abitare.

Com s' fava mo con quel donn della casa vecchia, che j asptaven ansanti
che le guidassi alla cà nova? E là che quèlla del duzinanti l'aveva
zò cminzipià a purtar un pianoforte vertebrale, una bèla spcira, un
divano rosso, e tanti bei quadri da non potersi descriversi, non poteva
più servire a noi. Dònca tradott in vulgar as trattava che un pover
galantomen e la sua famiglia si trovavano in mezzo ad una strada, senza
tetto, sèinza tètt, cossa che se a me non procurava forte disagio,
am figurava èl dspiasèir ed quell donn, che doppo tutto si sa che ci
tengono e giustamente, perchè la casa è il nido della famiglia. Viva
la fazza ed quî ch' viven con la tèsta int èl sach, com è i cavall di
fiaccaresta, almanch lòur non hanno di queste noje, che ci assicuro che
danno pensiero.

Eh! lì c'era poco da pensarci sopra, si trattava ed rimediari e alla
svelta, e così fu fatto.

A cminzipiò a vangare nella mia mente tutte le conoscenze che per sua
buona grazia avevo, e po via con la broza drî.

Da ùn, che va sèimper a lètt frèdd, ai depositò èl prit, che al
l'aggredè dimondi e così via discorrendo: da un alter quatter scrann,
da ql'alter la ruscarola, da di alter el trèi Grazi, fenna che sono
riuscito a metter tutto al coperto. Capisco ch'l'è un po' incomod
perchè pr'esèmpi èl mî cumà a l'ho mess da un amigh alla porta ed San
Flis e quant am vol un fazulètt da nas, bisògna che a vada senna là, da
fuori di Galliera perchè nualter si siamo rifuggiti colla sola vitta,
in casa d'una cuseina ed mî mujer, che si ha messi a durmir int la
medesima e che abita alla Zucca.

L'Ergia, èl sô tavlein da lavurir lo ha consegnato a una cumpagna
che sta in via Orfeo e l'alter dè per darsi dei punti non so dovve,
bisognò che a la condusess senna là; l'am par lùnga! com dseva quèl ch'
guardava alla tòrr di Asnî!

Basta, adèss mo mi hanno promesso che appena finè la via Indipendenza,
un quartierino sarà a nostra disposizione, e a dirla propri senza
l'ambagi ai n'ho pein el scattel, cossa che non possono sempre dire quî
ch' vènden i sulfanein.

La vitta nomade è fra i miei ideali, sissignore, ma fatta stando fermo
in quel sito medesimo, ma quèl correr a cà da quèst e da st'alter
per tor e la pistadura, e la rameina, e poi adoperati che si siano
riportarli ai singoli domicili, perchè mî mujer giustamente non vuole
che si confondino con quelli di suva cucina, l'è una cossa che a lungo
andare la finess per far male alle piante, con buon rispetto, dei
piedi.

A colmare po la misura ed sti noj, che facci mo la gentilezza di
aggiuntarci che l'Ergia l'è sta ciappà, accalappiata, dall'impressione
dei nervi per l'affare dell'idrofobia, che adèss purtropp è venuta
in voga, che il ciel lo liberi anche lui sgner Derettòur, che lî
puvreina appena che vedde un cane che viene in za, lî l'am scarta e
vuol rivoltare indietro con dei versi, che la par allujà... e dice
che non può vincersi... e che non può vincersi, e anche qui ci vuol
la pazienza di Giacobbe, che poveretto dormiva nel concime senza idea
d'ingrassarsi.

E anche se hanno la musarola per lei è lo stesso; si vede proprio che
l'è effetto del sangue, che comme giustamente osservano gli scienziati,
non è acqua.

Del resto anche questo passerà, come passano tutte le cosse di questo
mondo, e lui mi deve perdonare il giusto sfogo d'un povero vomo con
una costa accomodata di fresco, senza tetto proprio e con una fiola
impressionata pei cani di qualsiasi razza.

Tersuà a lòur sgnòuri.

                             Dall'_Ehi! ch'al scusa..._, 13 maggio 1885.



S' PO DAR ED PIZ?


Sicura, èl mî barbir mi dice: — Lù ch'al zèirca casa, vadi in Predalà
al N. 2 che mi hanno detto che cè un bel quartierino, al secònd pian,
trèi stanzi, la cuseina, granar e canteina...

— E èl prezi? a faz me, che ero in un momento di buon umore...

— Ah, prezzo da convenirsi... arspònd Zanein ridendo della mia materia.

— Ci vado subito! E sòuvra pinsir, am liv sù ch'aveva anch mèzza barba
con èl savòn, lo sappiamo.

— Ohè, sgner Pirein, cossa fal? Al posto! che a voi finir ed
dscurdgarel!!

— Tu sei sempre un bel burlone! E cossì fece. Me a tols sù el mî bravi
brasadel e a còurs a cà a togliere el mî donn perchè sono loro che ci
debbono stare più di noi... e po la mî Lucrezia è piuttosto epitome per
la cà, che se non ha il buco dei zolfi in quèl dal sit, e èl stanziein
dalla roba sporca, con rispetto, in ql'alter cantòn, lî non ha requia.

Dònca a ciappenn sù me, lî e l'Ergia, che non dovrei dirlo che è mia
figlia, ma ha messo su uno di quei catubini di felpa nera fatt con un
mî vècc gennasi tajà, che per fortuna l'unto n'era gnanch arrivà al
zùch, che sta d'un bene che tùtt j guarden drî e lî, povra ragazzèla,
a vedersi cossì ammirata la sguazza e anche noi che l'abbiamo fatta, as
vgnarè voja ed magnarla... ed bas, povra sfusgnètta!

Basta, arrivèin in Predalà al numero indicatomi e naturalmente io
suvono alla porta, un campanein dur che qla mattazzola d'l'Ergia la
dis:

— Bisogna darci l'olio!!

A crèdd d'èsser anch drî a redder; l'ha del scappà tùtti sòu.

Mo sòuna una volta, sòuna dòu, niente.

A degh me: Endson tira in sta cà?! e indignato come di dovere, am
attach al campanein propri da sradicarlo...

Finalmèint i tiren, mo int un mod che al pareva che la marlètta foss
dvintà matta. Arrivèin int la loza dove cè una corte e a seint da una
fnèstra lassù una vòus ch' la dis:

— A voi mo vèdder chi è quî villan ch' tiren zò èl campanein...

L'Ergia ch' l'è la furbarî in persòuna, la fa sobit: Babbo, credo che
dichino con noi!!....

A alz sù i ucc'e a vèdd un tstein che non capivo di chi fosse, che al
dis:

— Mo bravo i cuntadein, chi j insègna ed sunar acsè da matt?

— Mo scusi, a fazz me, che a n'ho brisa pora: nessuno tirava!

— A sfid me, i daven una sunà sòul, che i van dai Perpignani, che an j
è endson, e s'i veinen que bisògna daren dòu...

— Scusi, an al saveva brisa... Êl que ch'j è un quartir d'affittar?

— Ah, i veinen a vèdder la cà? Benone, l'è propri que... ch'i
s'accomoden pur... che i traversen la còurt, quel scal lè indrett...

E questo lo diceva con un riso così sardonico, che capî subito che
bruciava, e quant andaven sù, a dess con le mie donne:

— Oh! qui cè del brusco, com dseva quèl ch' magnava d'l'û aserba.
Arrivati ad un uscio che al dseva: _C. Cartilagini_, facciamo sosta,
perchè la Lucrezia a far le scale la vènd j anser, com dis qla
bazzurlòuna dl'Ergia, mo appena lì, ecco che si spalanca l'uscio e as
presèinta una dunneina, un prein sèch, un perino secco, con èl sô brav
scaldein sòtta al grimbal dovve c'erano i suoi bravi bucanini, per non
morire sfisiata, e con due occhi fuori di loro, la si salta ai medesimi
digand:

— Ah, j ein mo lòur, ch'ein d'accord con èl padròn per fars mandar vî?!
Crèddni che an al savamen, che j ein sta lòur che j han esibè deppiù...
brùtti... — e qui diceva delle cosse che mi dispiacevano per vî 'd
dla ragazzola — mo me a sòn bona ed ficcari zò dal scal con di calz
int èl..., loro già da un prèss e poch i capessen dov la s'intindeva
quell'osesa che non si lasciava gnanch èl tèimp d'avrir bòcca per
giustificars.

— Ma scusi, credda, ch' l'è sta èl barbir... il padrone non lo conosco.

— Ah, vèddel che al le dis anca lù ch' l'è sta èl barbir... quèl bèl
sgner Gheitanein, ch' l'è tant che al s' fa la guèrra...

— Credda che è un equibio...

— Mo bèin e lòur s' crèddni forsi ed psèir vèdder la cà? Puvrett lòur,
s'i stessen tant a magnar i murirenn bèin ed fam... brùtt ghignus
ed fastidi... Auf, t'en seint! fars dar èl cummià per vgniri a stari
lòur!!! Va mo là ch'el j ein bèli sagum... L'è pò lî la spasimati dèl
padròn... va mo là ch' l'ha fatt un bèl bùcc... la par la vèccia di
burattein... e lù al fa bèin a purtar la catobba, vècc bacùch!!!

— Ah, perzio! quèst è tropp! Fenna che la non si toccava nel onore, a
j ho dett: ti compatischi, l'è una povera donna in bruciore, che ci dà
fastidio il San Michele, e a j ho tasò, mo adèss che lei insulta la mia
Lucrezia, e l'an rispètta neanche sta povra ingenova che deve essere
aspettatrice delle contumelie, mi accingo a dirci l'animo mio...

— Mo ch'al dscòrra bèin in bulgnèis, sgner Tabarein, che an me fa megga
pora... s' crèddel che an al sava che èl padròn al s' manda vî per
metter que la sô... dona, ch' l'è maridà propri con ùn ch' va sèimper
in gennasi... com l'è lù... e al fa bèin... anzi bisugnarè che al le
purtass alt com è un campanell... Mo ch'is metten bèin in mèint che
in sta cà que in i veinen gnanch s'i zighen... fenna che a j è viva
la Giolia, che a sòn po me, lòur que in i batten barbein... garantè a
limòn... anch che i vegnen con quî dèl numrein... a sòn bona ed fari
ruzzlar tùtt zò dal scal!...

— Mo si persuadi che me an sòn brisa quello che crede; la mia Lucrezia
non fu mai fedifraga...

— Auf! insòmma falla finè ed dscòrrer tuscan e va vî con el tòu...
altrimenti at squezz èl catubòn con ste scaldèin...

Quando viddi che l'affare si fava serio, da vomo prudente, am l'avviò
con le mie donne cariche di tante ingiurie e apostrofate, sèinza che
cominciassero per vocale, che poverine el fàven pietà ai sass... e dire
che quella donna seguitava là dentro in casa a urlare dei nomi sconci
contro di me... che a sentirla, mi potevano prendere per un altro...

L'Ergia int'al vgnir zò la dseva: — Dio, babbo, che scavezzeria di
gambe...

E la Lucrezia lagrimando: — Essere stata presa per una di quelle!!

Io incoraggiavo l'una e l'altra e per sostenerle le presi a braccetto
ùna d'zà e una dlà, cosichè favo la pentola come si suol dirsi...
e arriviamo int la còurt... ma non siamo appena a metà, che ci
arriva adosso un squasso d'acqua... che non ci dicco la qualità...
che rimanemmo andgà addiritura... e questo accompagnato da delle
ingiurie... di quella donna che riddeva comme una matta, a vedersi in
quello stato...

Non dico che si mettano nei nostri pagni perchè j eren moi spult... èl
capplein d'l'Ergia al culava da tùtt i là... c'era fino della cenere
tra quèl pastrocc'... anzi creddo che fosse lascivia...

Èl fatto sta che ci ho dato quarela... e a rivedersi dal signor
Pretore...

Ah, povr'om me!

Tersuà a lòur sgnòuri.

                            Dall'_Ehi! ch'al scusa..._, 20 gennaio 1887.



E DÒU!


Ah, che stiano buvoni, che non si siamo neanche riavuti dalla battosta!
Mo pensare di dire: un capplein nov, che l'Ergia lo spianava quel
giorno che lì, essersi ridotto impotente a qualunque uso, sono cosse
che oltre l'aquerella che cè l'ho data nel mandamento di mezzogiorno,
bisugnarè togliersi la soddisfazione di andarci a dire l'animo suvo a
qla brùtta pettegola, senza educazione, tanto più che potiamo giurare
che a j eren inuzeint comme un bambino latitante!!... E non cè micca
verso ed rimediari; al purtò me alla scuffiara la mattina doppo
l'eccidio, che al lassò in stû tùtta nott, mo lei, poveretta, la dis,
la fa: L'è la fèilpa ch'ha patè, e la si è arruffata e po èl zùcch al
s'è dsculà... non ci è il prezzo dell'opera... e me ne sono tornato a
casa con èl mî capplein in bisacca.

E se ciò non bastasse el bragh che aveva me, e ch'el guzzaven com è
che al j avess messi int un'òlla, el sein artirà in mod che mi arrivano
appena alla cavicciola, sicchè alla povra Lucrezia è toccato ed mettri
una giunta, che per fortuna non è dimissionaria!

Mo a j importa bèin a lòur sgnòuri del mî miseri, e io mi rassegnerei
per forza alle controversie del destino crodele se avess truvà cà. Ma
purtroppo senòura a n'j è nient ch'hava garb! Del pisòn da far adrizzar
i cavî, e dei bucanini strett int un mod che pare impossibile in questi
tempi di dilatazione universale.

Perchè po a dirla qui che nessuno si senta, a j è anch quel poco di
decoro da tener su... quindi non conviene andare da bass — o in certe
strade, loro mi capiscono. — Me ne avevano proferito uno didietro da
Ranuzzi, mo a dir la verità ed sira el j ein strà poco luminose...
al par d'èsser int èl festival la premma sira e quelle donne hanno
cominciato a dire che el starên in pènna quant a foss fora...

Intanto con tùtti sti bèlli stori, a m'è tuccà d'andar in gir da per
me; e che gir... perchè ci sono poi dei begli spiriti ch'is diverten
a fare degli scherzi. Uno pr'esèmpi am dis che c'era un quartierino
in Via Mazzini al N. 1. Me che a j era alla porta ed Saragozza...
a sgambèttel fenna là: l'è la tòrr di Asni! Graziòus, puvrinein, si
creddono di fare i giovani disinvolti... ai vol alter!

Un alter am dà l'indirezz in via S. Isaia al N. 90; a corr, l'è èl
manicomi!

Finalmèint martedè un mî bòn amigh mi insegna un quartir, vî tal, nùmer
tal, che è d'affittare. — Vado là e mi viene aprire una ragazza che mi
dice che facci il piacere d'aspettare un momento che viene subito, e
l'am mett in un anticamareina che ha la luce da un cortile.

La casa è ben messa. Appesi alle pareti a j è i solit ritratt ed famèja
a oli, èl marè con la popla, èl goscè e èl baver ed vlud, con in man
una lettra che cè scritto: _Al signor Domenico Cantagalli Priore della
parocchia di S. Michele dei Leprosetti_ — e da ql'alter là, la mujer,
una bèla dona, tùtta peina ed gioj, com è una madona miracolòusa con in
testa una piuma a divers culur e in man un arloj d'or, per far vèdder
tùtt j ugètt prezius d' la famèja.

Sù pr'un tavlein tònd a j è in mèzz èl Dom ed Milan, lavoro di pazienza
fatt a forza ed foj d' carta rintajà, opera o dèl ragazzein nei giorni
di vacanza, o dèl sgner Cantagalli durante la convalescenza d'una
malattî ed feghet, perchè èl ritratt l'ha un culurit piuttost bruttazz,
a meno che an sia l'oli ch'è dvintà ranz.

Dintòuren al Dom ed Milan, che as j è dspiccà del gùlli forsi pr'èl
pèis dla polver, vi sono dei frutti di alabastro; una dunneina ed
purzlana con la tèsta attacca all'erversa con della cera lacca rossa
che sembra un caso di non riuscita decapitazione; un cabarunzein con
dei biglietti di visita; un vastein ed fiur fatt a forza ed perleini
a culur, opera di un qualche carcerato, e una bumbunira che hanno
accalappiato int èl còurs ql'ann che a j era èl carr del _strej_.

Lòur i diran che faccio l'inventario, mo Dio sgnòur cossa avevia da
far, se mi piantano lì e non si vedeva più nessuno! Quella ragazza la
dis: s'accomodi che vengo subito... car èl mî sùbit... andava guardand
l'arloj sù pr'èl caminètt mo l'era fèirum, e nutar che dsòuvra a j era
Gallileo Gallilei tùtt indurà con una carta in man ch' dseva: _Eppur si
muove!_

L'era propri èl cas ed dir: Lù al le vèdd e me an èl vèdd!!

Dedrì dall'arloj a j era un spècc che al fava una fazza lùnga e smorta
che am ciappò mèzza pora... mo a capè che l'era ùn ed quî ch'es
paghen a un tant al mèis, quindi si va per le lunghe... e bisògna
cuntintars...

Int una curniseina ed paja, ligà con di nastrein vird, a j era una
fotografì d'un ragazzol in pì int una scranna, tùtt pnà ch'al pareva
una passareina bagnà int l'acqua, e con l'amdaja dla duttreina
cristiana in mèzz al pètt, dedrî a j era scrett: _Al mio carro papà il
suo Gigietto Ducca in S. Steffano_.

E per far pandan a quèst, int una curniseina d'alabaster a j era èl
ritratt ed qla ragazza ch' m'era vgnò avrir. Anca lî la s'era fatta
ritrattar in via Indipendenza, con una man appuggià a una balaustrà,
dov j era sù un vas pein ed fiur...

Quèl ch'am fe un po' ed scurezz al fo un gatt arcamà in lana sù int
un cussein ch'era sù pr'èl sofà. Figurav che era un gatto bianco e
rosso con dû ucc' nigher ch'i parêven dòu gran d'ù sècca e i baffi ed
crèina...

Ma con tùtti sti bèli coss, que an s'vdeva endson e si faceva tardi...

Am fazz curagg, e a tir un campanein ch'era lì nella muraglia, mo era
finto, ossia avevano messo il tiro tutto ricamato, attaccà a un ciod e
nient alter...

Allòura a vad fora int èl prem sit e con rispètt, am sburgh: mi sborgo,
ma an seint un zitto. A batt a un ussulein paramuro e a seint una
vusleina ch' la dis:

— Avanti... l'è tant che a ciam!!

— E me l'è un pzol che aspètt... e cossì dicendo am introdus.

— Ajut! Ajut! Povra dona me! Lassum la vetta... Ajut! Ajut!

Chi era ch'urlava acsè, l'era una povra dona decente in letto per
indisposizione, e che vedendomi entrare senza conoscermi la mi tolse
per un altro...

Io m'adannavo a dir: No, scusi, mi hanno lasciato solo... ero venuto a
veddere il quartiere; mo lî; puvrètta, impressionata ci era venuto il
convulso e la vleva saltar zò dal lètt... con duve occhi stralunati che
favano spavento...

Quant a vèdd acsè... per impedirgli il raffreddore... la trattengo fra
le coltri e lî mi si avincola al collo digand:

— Assasino! assasino! lasciami la vitta! e po va fuori dei sensi e l'am
avanza agramplà con la crisi nervosa che an me pseva più mover...

Cossa avevia da far me?

A j era lè sù per la cumudeina una massa ed buttiglieini, ed
scattleini ed bcon... Mo cossa savevia me quali fossero i buvoni per la
circostanza?

Sunar, me an pseva perchè èl tir l'era luntan, e intant ql'altra
striccava, furandum con el j oss, puvrètta, che fava compassione...

— Mo che si faccia coraggio... sono un galantuvomo... Sono venuto a
veddere il quartiere e m'hanno piantato lì...

Basta, a forza ed dîren, cominciò a tornare in essa, e la potetti
rimettere al coperto, perchè dalle smanie l'aveva ficcà vî incossa, e
quant a l'avè ajustà, ci spiegai le cosse... come stavano...

— Se sapesse la pavura che m'ha fatto... l'è mèzz'òura che a sòun, e la
Carleina l'an s'fa viva... am crèdd ch'la sia lî invez l'era lù che an
al cgnoss brisa...

— Puvrètta, lei ha piucchè ragione, anca me a l'arè tolta pr'una ladra
se il fatto avveniva viceversa: quèst dipende da quella ciproca stimma
che ci abbiamo scambievolmente fra noi, uno all'inverso dell'altro.

— Oh! com al dscòrr pulid! Hâl mujer lù? Io son scapola... e soffro il
nervoso...

— Ah, poveretta, me invez ho moglie e una figlia ch'è un tesoro...

— Beata quella donna che è sua compagna... con quanto amore mi ha
soccorso... io ti deggio la vita, mio angelo...

— Ah, mo cossa dice!! ai degh che a j ho mujer... a j ho capè!
poveretta dà al zanfanello!

— È l'esterismo! sta qui a farmi compagnia... E la Carleina duv êla
andà... Dammi un amplesso!...

— A degh che ai gira la boccia! adèss se la m'insègna dov a j ho
d'andar per rinvenire la Carleina...

— Va in cucina... quell'uscio vicino all'armario, e poi torna... non mi
abbandonare...

— Sì, torno subito... Se a poss aviarumla, t'aspètt un bèl pzol...

A vad in cuseina... c'era comme suol dirsi il gatto nel fuoco... un
silenzio di tomba... alter che una gòzza d'acqua ch'batteva int èl
stiar, d'un calzèider ch'fava dann: int un furnèl a j era la cugma
ch'al pareva ch'ai foss vgnò mal perchè era finè èl carbòn dov l'era
appuggià...

Me a cmèinz a ciamar: Carleina! Carleina... ah! tempo perso!

La povera mentecata intant la sunava èl campanein com un'anma dannà,
urland: Ove sei bel garzone?!

A tòurn int èl prèm sit e a vèdd l'ùss ed cà in fèssa... a vad fora
e a guard zò per la tròmba del scal: Sissignore che sù int l'ùss
ed canteina a j era la Carleina che la s'in riddeva con un sargente
foriero del 89º reggimento, senza più ricordarsi di io che mi aveva
piantato nell'anticamera, e di quella patrona che ha il nervoso
testuale.

A fazz me, a degh: — Ehi quella giovene, venite ben su...

E lî sèinza movers:

— Ohi, guarda, l'è vèira che a j era la sù quèl tabalori... hâl vest la
cà, i piasla?

— Scusate, fate il piacerino di venir sù che ql'ammalà l'urla com è un
acquila... l'è un urladòura ed premma forza.

— Lassa pur ch'l'urla... acsè che a si sfuga la matiria!... Che al
lassa l'ùss in fèssa... e che al vada pr'i fatt sû...

Io a dir la verità non me lo feci dire due volte, l'era più d'un'òura
che a j era lè e ero atteso a casa... dònca andò zò; mo quanto fui
vicino alla Carleina e a quel sargente non potetti a meno di dirci:

— Scusate, ma non è micca questo il modo di far veddere le case e di
abbandonare la padrona inferma...

— E in canteina i val lù forsi?!

Allòura ci ho dato un'occhiata che voleva dire: se ci andassi non
toglierei meco l'esercito!

E li ho piantati lì polverizzati!

                            Dall'_Ehi! ch'al scusa..._, 5 febbraio 1887.



SÈIMPER DEL DSGRAZI!


A j degh po bèin la verità, dseva quèl ch' zurava èl fals, la vitta
l'è una gran sequella di dispiaceri, finè ùn sòtta ql'alter, com è j
avintur dai barbir, che se non fosse perchè si deve aver la forza di
lotare, a s'andarè per tèrra tùtt i mumeint, figurativamente parlando
per esprimere l'idea di dire che le ganosse fanno sogombere.

Sicuro, avèin avò la povra Ergia che è stata lì lì per trapassare che
quant a j pèins mi vengono i brigidi, come deve avere ogni padre quando
vede colpita la sua prole dal feretro della morte.

L'altra sira, eravamo lì intorno alla tavola, con l'aquilina che sta
disopra e che viene poi a conversazione da noi; la Lucrezia che fava
le staffette ai calzettini, e l'Ergia che lucidava la punta di un
fazzoletto per ricamo. Aveva dunque il disegno disoto e lei ci andava
disopra nella tela coll'apis. Ce l'ho detto tante volte: non prenderlo
in bocca che è un momento a scivolare giù, tanto più che è sottile.
Ma lei ostinata, ogniqualvolta che deve muovere il disegno e che ha
bisogno d'aver le mani libere ed indipendenti, ecco che se lo mette
in bocca... vizio buscherone! L'altra sera era in quell'attitudine che
lì, quando l'aquilina che ci viene sonno, grondava, accosì colla testa
avanti comme quanto si è ebri di obriachezza, e poverina mi guardò, e
io ci feci la bocca del riddere... Ah! quant a j appèins... era meglio
che avessi pianto! L'Ergiola a vèddrum me acsè, fece una sboccalata
e per trattenerla la mett fora l'aria all'erversa, per ql'alter bus
insòmma, e l'apis, ch'era tra i deint, ci va in gola...

Eh!! chi non ha visto quella scena, non è possibile che l'abbia veduta
comme la viddi io. Sta povra ragazza l'era dvintà pavonazza, pareva un
monsignore, cogli occhi fuvori dalla testa...

Sô mader, vèirda com è una luserta, ci dava dei pugni nella schiena,
che i pareven canunà; la sgnera Virgenia, l'aquilina, l'era andà a
tor una candèila da mettri zò per gòula e me a j era andà a zercar un
truvlein per vèdder se si poteva perforare l'apis e tirarlo su comme as
fa i toragioli delle bottiglie coi tirabusoni.

Ma bisògna direl che chi la liberò fo la povra Lucrezia, a forza ed
pùgn, che fecero sì che l'apis andò giù dal buco buvono, e accosì
la claringa rimase libera e l'aria tornò a zircular per la sua vera
strada.

Appena che potette inarticolare qualche parola, la puvreina, disse
subito: Ah mamma tu sei stata la mia liberatrice... se non pugnavi
accosì, a quest'ora sarei già sofogata, e qui ci mettessimo tutti a
piangere di gioia per lo scampato pericolo, anche l'aquilina che ha un
cuore che si liquifarebbe per tutti.

Passata la batosta, e dòp che l'Ergia ebbe dato sfogo a tutte le
conseguenze della pavura — riprendessimo il nostro lavoro, che me a j
era drì che a cruveva, con buon rispetto, una comodina con di scatlein
da sulfanein — che diventa una vera galanteria — quant la mî ragazza,
vera martire della fatalità, getta un urlo acsè acut che io credetti
nel momento che ci fosse passata una carrozza sù int un cal.

— Ah! carissimi genitori, per me l'è fatta!!

— Cossa è suzzèss? a faz, più mort che viv!

— Mo l'apis, invez d'vgnir sù, al n'è andà zò?! com faroja? l'è
impussebil che arriva a digerirel — a sòn speccia, sono spicchia?!

La Lucrezia a seinter acsè, a pensar ch' l'era vèira e che forse i suoi
pugni erano stati il movente, voleva darsi alla disperazione, quant am
veins una edea luminòusa, una specie d'edea lucciola, comme si direbbe
in figurato.

— Mo sta bona Ergia at ajost me, ti restauro io, basta che t'em dagh
mèint e che facci a mio modo.

Calmati bene — e non aver pavura che non è niente. — Mo scusami, io
ho visto un chinese che mangiava le spade com è niente, e anche doppo
stava benissimo...

— Mo e quello di Fiorenza che strangualciò una sforzina ed pacfom?!
Saltò sù a dir l'aquilina che puvrètta a parlare toscano non ci ha
derma, non morse micca per quello che lì, è campato tanto e stava bene,
e se è morto l'è mort ed vciaia!

— E quèl che dormiva a bocca aperta e che ci andò giù un topo, dess
la Lucrezia, ma dopo non si sentiva mo a rosegare int èl stòmgh,
e avendoci un gatto miacolato lì vicino, lui scappò per tutt'altra
strada?!

— Sì ma intanto mi sento un bruciore fra èl pein e èl vud, e il vuoto.

— Bèin! ecco che a j ho truvà èl rimedi!!

— Ah babbo, babbo me lo dichi subito.

— Mo dsi bèin sù, cuss'êl ch' fa andar vi l'apis?!

— La gomma elastica... Ah babbo mio che ingenio, che ingenio! E la mî
povra tusètta mi si atorciliò al collo chiamandomi il suo salvatore.

Per furtouna che ce n'era proprio lì su che l'adoperava per scancellare
il disegno se si sbaglia — e io ne tagliai un bel pezzetto e lo feci
trangugiare e cossì di seguito che sono tre giorni secutivi che fa la
cura suddetta, a tre pezzi al giorno e me a sper che l'apis al sia bale
andà vî tùtt. Lî puvreina, dice non lo sente. Eh! l'era tanto sotilino
e corto; j ein ed quî che si tengano nel catovino che ci dicono anche
il carmè, ma adesso mo tùtta sta gomma elastica ci ha gonfiato lo
stomaco e anche la panzina in modo che dico che a moversi per il letto
la fa di sbalanz; si vede che l'elastico non lo può degerire e se
seguita così ho pensato di darci l'olio, com s' fa ai battò, e credo
se ne libererà subito — acsè, sicur che è un incomodo — anch incù l'ha
urtà un poch fort con èl stòmgh còntra la tavla e sùbit l'ha cminzipià
a far di sbalanz per la stanzia, che se an sòn svelt a ciapparla,
chissà duv l'andava a finir.

                           Dall'_Ehi! ch'al al scusa..._, 6 aprile 1889.



EM CÀPITEN TÙTTI A ME!


  _Pregiatessum Sgner Derettòur!_

Mi fanno tanto riddere quanto diccono questo che qui non puvò essere,
quello che là è una fandonia, comme quando in questo giornale c'era
quella signora che raccontava le bazzurlonate della propria servente,
che anche a me, bisogna dirlo per debito di parzialità, mi fecero
esclamare: oh, questa è una lochina, inventata tanto per empiere il
foglio.

Adèss però a crèdd incossa, doppo i fatti della vigilia di Natale, me a
degh che tutto è possibile sotto la K del sole, sebbèin che sabet passà
an i foss èl sòul, e an se stess bèin che sotto la K del camino...
che si poteva dire proprio che era il camin di nostra vitta, tant as
sinteva ristaurà nelle sue vicinanze.

Ma questo non suffraga, dseva quèl prit ch' cantava èl Tantomergo
invez dèl Miserere, chè bisogna raccontare da rè a ròn[16] quello che
mi successe a me, la vigilia del Natale prossimo passato che sono di
quelle cosse da far avanzar ed strazz fenna èl separi ed Brunètt che è
tutto dire.

La mî Lucrezia, pochi giorni primma della vigilia, si era avuto un
pranzetto abbastanza lauto, e chissà per quale combinazione, proprio
accanto alla tavola ove aveva avuto luogo èl banchètt, il panchetto,
a j era cascà una scarfoia ed zivòlla; si vede che lei senza vederla
ci sopramontò sopra, e la t'um sblesga e nel volersi sostenere la
casca sul pavimento del piancito battènd i cavî per tèrra, e quindi
riscuotendone spasimo anch a la tèsta ch'j era sòtta. Le pronte cure
dell'amorosa famiglia a nulla valsero pr'impedir èl nezz, che poteva
avere serie conseguenze se, mettiamo, dovve urtò col capo, ai foss sta
un spunciòn ed fèr o un altro oggetto da far del male maggiore, e fu
un vero miracolo che non accadesse di peggio. Basta, la quistiòn l'era
che la fazza l'era dvintà culòur ed carota, e non era esponibile al
pùbblich, e comme si fava per la spesa, che me non sono pratico, quell
ragazzi non ci è la convenienza del decoro di dire d'andare in piazza;
e d'altra banda bisògna pur magnar!?

Allora mi venne una edea, cioè ed trovar una ragazzèla che per questi
giorni venisse a fare il servizio senna che la Lucrezia foss turnà
del suvo colore natio. Dett e fatt a incònter per la strà un'ortolana
che per di ann la dà èl latt alla mî cà, e ci dicco: — Dsì sù Ruseina,
avresti una ragazza accosì, accosì, ecetera, ecetera?

— Mo sissignori, ai mandarò mî fiola, una più bona diavla, svelta...
che farà al suo caso.

— Brava, mandamla per dmatteina che essendo la vigilia di Natale,
sebbèin che non lo sia, ne abbiamo bisogno.

— Che an s'indobita e al vdrà ch' j ein cunteint dia mî Jusfula.

— Êla mai sta a servir?

— Oh gnanch da burla, a faz giùst per fari un piasèir a lù, che la
mî tusètta, grazia Dio, n'ha megga bisògn... l'am aiuta a preparar j
erbagg...

— Va bèin, allòura, dmatteina al j ott ch' la sia a cà mî e dai sigh
dû card, un soquant casp d'insalà e dei prasegoli, pagamento a tre mesi
data, com dis i scambiavalut.

Infatti alla mattina alle otto in punto arriva la Jusfula, una
tassagnotta visibile, con un corgh in tèsta dov ai dseva èsser una
vinteina ed card e una piramida d'insalà che si sarebbe mangiato in
venti asini e più.

— Cuss è tùtta ql'erba fiola mî? a faz me, nel aprirci le imposte
dirette.

— La mama m'ha dett ch'ai porta dû card e...

— Ah, ma duve di numero, non per modo di dire.

— Oh, poch mal, ch'i droven quî ch'i volen, quî alter ai purtarò indrî
stasira.

— Brava, gajarda, vein mo a tor j urden da mî mujer che l'è anch a
lètt, perchè l'ha sbattò la tèsta per tèrra, puvrètta, e non si sente
bene, e la introduco dalla Lucrezia.

Mî mujer j òurdna un pèzz ed can, che è la mia passione, dòu tarantèl,
del j ov ed pèss, dl'oli fein, dèl pan spzial alla certosina e dèl
rinfrèsch del dottor Collina da S. Domenico, che è squisito. A tùtti el
spiegaziòn ch'i dà mî mujer per fari capir pulid ed cossa as tratta, lî
l'arspònd:

— Eh, diamine, an sòn megga una zuccòuna, a capess pr'aria, me... e pò
a forza ed dmandar as fa tùtt quèl ch' s' vol...

— Bravo Jusfeina, acsè am pias, fa perstein perchè èl can ci vuol del
tempo a cucirlo.

— Bravo Pirein, dseva la Lucrezia, ti mo andà a dstanar una ragazzèla
com va...

Sòuna el dis, sòuna el j onds, sòuna mezzodì, e la Jusfeina en s' vèdd.
Mia moglie comincia ad istare impensierita, e me a zèirch ed divagarla
perchè il pensare con la tèsta acsè nezza, gli può essere dannoso, mo
a Lei non glie lo nascondo, sgner Derettòur, a lù che chissà quant
ai n'ha vest ed sti cas, io ero angustiato più di lei, anch per la
responsabilità in fazza alla mader, no, perchè io dicevo: con l'umidità
che cè, se questa ragazza mi fa una caduta e che si rovini, con chi la
fa sua madre?! con me!!

Basta, quand Dio vols l'arrivò a cà che al dseva èsser un'òura, ròssa,
tùtta affanà, con el lagrum a j ucc.

— Mo di bèin sù duv ît sta fenna adèss? Coss'è quèl rotol ed carta,
cuss'è qla zùcca d'acqua rinfrescativa... Mo Sgnòur bendètt che diavel
hât imbrujà... oh povr'om me!

— Am maravèi che i dscòrren, se a cherdeva acsè an vgneva megga sani...
Arturo, al m'èl dseva che j ein tùtt mizz matt...

— Mo adasi bèin, cineina, perchè 'l j insulèinz non le deglutino...
cuss'è suzzèss? sintèin...

— Ohi, appènna fora a j ho dmandà dov a pseva truvar un quart ed can...

— Mo che quart?!

— Vlevel che al tuless tùtt intir per lòur ch'j ein in puch.

— Intir nò, mo anch un quart...

— Bisògna vèdder ed che razza, perchè se al foss un livrir che a j cava
el j oss, poch j avanza... basta, im han insgnà d'andar fenna fora dla
Mascarèla, con sta bèla stasunzeina e po quant a sòn sta là, i s'ein
mess a redder e i m'han dett che non ne vendono al minuto...

— Ah, che bistia, puvrètt me... e quèl rotol cuss êl?

— Ohi! a j ho dmandà dov s' còmpra el tarantèl, i m'han insgnà da
Trebbi quèl dla musica, ecco que a j n'ho tolt dòu, al dis che sono
bellissime.

— Ah, dsgrazià d'una stùpida, guardà que; _Tarantella, trascrizione per
piano_... asna, sumara... e l'acqua rinfrescativa per chi êla?...

— À sòn andà là dal sgner duttòur Collina e a j ho dett: a vrê un quèl
ed rinfrescativ... an m'arcord più pulid... E lù al dis: mo ch'al sia
rinfrèsch o acqua rinfrescativa?!

— Mo, an m'arcord più.

— J'è brisa di amalà in casa?

— Sissignore, a j è una dona a lètt...

— Allòura, l'è acqua rinfrescativa, e al m'ha dà sta zucca...

— Bravo Jusfeina! E èl pan spzial?

— Ah, quèl i l'han d'andar a tor lòur alla Zertòusa, cun ste paciugh a
n'i vad brisa...

— Anzi t'ha rasòn, e l'oli l'hât tolt?

— Ecco que!

— Coss'è sta pùzza? ma quèst l'è oli ed lein.

— Ohi, in han dett: ed lein?!

— Fein, brisa lein... Ah, va pur là la mî ctà, t'î una brava ragazza...

Mo com s' fa adèss?! Bisognarà pur magnar... Oh infein! a far i fatt
sù an s'insporca brisa el man, dseva quèl ch'era zò pr'un foss e ch'
cujeva del foj ed vid. Andarò me a far spèisa... e te sta lè a badar a
cà.

Infatti a ciapp sù, e me ne vado con la mî brava caparèla tratta sù
all'eroica per cruver la zùcca d'acqua rinfrescativa che a vleva tintar
di concambiare colla:

                          MELISSA CARMELITANA
                         ECCELLENTE ANTISTERICO
                         RICREANTE E STOMATICO
                          Stabilimento Chimico
                     _Piazza San Domenico Num. 502_

Passand avsein a una marunara am arcord che a j ho da tor i maron, che
sono la passione del mî ragazzoli e ne compro due soldi avvitichiati in
un _Secolo_ e a mi mett dèinter int èl gennasi onde si conservino più
caldi, e pr'en me far vèdder con un avvoltojo in man.

A dir la verità l'era un pzulètt che sentivo un calore in tèsta e
a dseva: mo bene come sono caldi, quand a incònter delle persone da
ariguardo che conosco, ed ero costretto a cavarum èl gennasi, difatti
alla mej faccio l'atto di salutare, mo sissignori che mi fermano; una
mamma con dòu fioli, e im cmèinzen a dmandar novelle ed ca mî.

In quèl mèinter un biricchein ch' passava al fa, al dis:

— Ehi! ai fùmma èl caminarol, èl canòn dla stû al brusa!!

Le mie interrogatrici a vèdd che mi guardano fisso il ginnasio, ed
esclamano:

— Ma scusi bene, lei abbrucia!

Istantaneamente a mett la man al cappèl, e una pioggia d'arrosti e
'd carta brusà casca adoss ai capplein del sgnureini e tùtt sù per la
mî capparèla, mèinter con l'aria che ci era compenetrata èl zùcc dèl
cappèl al fava la fiamma. Un zelant per vlèir mandar vî un pzol d'
carta impià che si era fermata int èl mi tabarr am dà un pogn int la
zùcca dall'acqua rinfrescativa e zò, tutto il liquido adoss a me e alle
suddette signore.

Io non ci do il prezzo di quella critica situazione, fatto segno alle
beffe dei monelli che riddevano e che i seguitaven a dir:

— Brusa la fuga! Eh! che pozza d'ùnt; accidenti! la par la padèla da
frezzer!

Le signore erano sparite, e me a scappò in piazzola ad acquistare un
alter cappèl.

Ql'asna dla marunara, as vèdd che tra j arrosti ci aveva lasciato una
bracia che a contatto del _Secolo_, che è di così facile inflammazione,
procreò l'incendio fatale.

Intant el _tarantèl_ che aveva tolt da purtar indrî a Trebbi el j
eren in cola, perchè la bisacca dov a li aveva si impinì di acqua
medicinale.

Mî mujer, intant dòp che a j era vgnò vî me, l'aveva dmandà alla
ragazèla s' l'era almanch bona ed preparar i card, arcmandandi che j
arstassen bianch.

Dòp un poch, ci arriva di là, con dû card invujà int un pèzz ed stura,
digand:

— Dov j oja da supplir, perchè per fari arstar bianch, nualter urtlan
a fèin acsè!!!

Arriv a cà me, e l'am cònta sta storia... e me a fazz: — A proposit, el
j ov ed pèss, che l'al j ava po tolti?!

Interrogata, risponde: — Nossignori, a sòn andà da tùtt el cuntadeini,
el j aveven del j ov ed toch, ed galleina, d'anadra, mo ed pèss in
n'aveven brisa!!

— Va in cuseina sùbit, e ringrazium se an t' fecch fora dall'ùss!!!

El mî ragazzi, puvreini, i l'aveven tolta in redder, e quant im vèsten
tùtt moj causa la rottura dla zùcca, ci si sarebbero estratti tutti i
denti dal gran riddere che favano, quel bazzurlunzèli!

Basta, quant Dio vols, volse, as messen a tavla; ma aveven appènna finè
la mnèstra, che la nostra brava Jusfula l'arriva dèinter spalancand
l'ùss e digand:

— Ehi ch'i baden mo que, che a j è di sgnòuri ch'j dmanden.

J'êren dû spazzacamein ch'êren vgnò all'ùss a dar el bonn fèst, e lî la
si cundus propri al noster cospetto in quèl mèinter che si inghiottiva
quel boccone di cena.

Dòp un poch i tòurnen a sunar, l'era un urbein che ci dava gli auguri
come sopra.

Ai dagh dû zentesum, perchè an me pias ed farum guardar drì da quî
dsgrazià, e po ai degh che la porta in tavla el zavatt ed mî mujer, che
a j aveva cumprà da bagnar int èl vein.

Spetta e spira an s' vdeva indson; a vad a vèdder coss'era suzzèss, e
a l'incònter con la lùm in man ch' la vgneva sù dal scal.

— Duv siv sta? a fazz me.

— Ohi! vdand ch'a j era anch el scal buri, a sòn sta a far lùm
all'urbein perchè an casca.

— Oh povr'om me, perchè ch'al vèdda i pirù n'è vèira? Puvrètt lù, e
più puvrètta te! Va là dònca porta sti zavatt ed mî mujer... metti sù
int'un cabarà.

Al cherdreni?! Dòp un poch as la vdèin arrivar nella _Salle a manger_,
comme dicono nelle locande, con el paposs ed la Lucrezia sù pr'èl
cabarà, le paposie che ci ricamò l'Ergia nel suo onomastico di lana con
fiori che sono bellissime e che, con rispetto, le incalza la mattina
allorchè ascende dal letto nunziale.

Quel tusètti che sono allegre sempre, si gettarono int una sbuccalà
da non poter più, e la mî Lucrezia quantunque indisposta la teins, si
tenne mettere a riddere alla sua volta, talchè la rabbia ch' m'era vgnò
rimase disarmata e a finè per torla anch'io con un sorriso.

Finè la zènna a ciamonn èl caffè, ma non l'aveva fatto perchè, dseva
lî, an s' vleva masnar per quant la prillass.

E sè che èl masnein è nov! porta que che a vèdda!... mo t'en vî, a sfid
me, t'ha mess el grann dèinter int la cassètta invez d' metterli que
sù.

Fa bèin a mî mod, mettet sù èl fazzulètt e at cundus sùbit da tô
mader...

In quèl mèinter a vèdd che lei vacilla, e che da alle onde, a guard
alla buttiglieina dèl rinfrèsch, preparata col servizio da caffè, e a
vèdd ch' l'è quasi vuda.

La ragazza intant la s' mett a zigar e l'am abbrazza basandum com
è che a foss stà èl sô mròus: l'era una durèzza, che ci aveva preso
in tenerezza con lagrime! Arriva mî mujer, el mî ragazzi: a vedere
quell'amplesso inorridiscono!

Lo dichi mo lei, se si può essere più disgraziati?

                           Dall'_Ehi! ch'al scusa..._, 30 dicembre 1882.



PINGUEDINE ARIOSA!


  _Sgner Derettòur!_

Hâl mai vest un pader furibònd? Che mi guardi io e ne avrà una pallida
edea, perchè a sòn smort com è una pèzza lavà, ben inteso. Vergògna!
non è il modo quello che lì di mettere nel repentaglio l'amòur propri
del genitore che l'ha riposto tutto nelle sue creature, zercand che
venghino su abbastanza nutrideini. Ma sta a vèdder adèss che ci debbono
essere le misure decimali altresì per il corpo del vomo, il quale
quanto andava a scola dicevamo che vale anche per la donna, se si usa
pel genere umano tutto intero, preso colativamente!

El j ein coss turchi! dseva quèl ch'j impalaven, che si abbia da
vedere esposte nelle vetrine... oh! mo cossa dirà Sant'Agata, megga
il professore[17], che lui poveretto son di quelle cosse che non se ne
occupa, ma voglio illudere propri a lei che è la protettrice.

Al dis: sono di gomma! sissignori nessuno vuol dire all'incontrario,
ma Dio buvono, cossa importava a scrivercelo di sopra?! Mettere accosì
l'alarme nella popolazione... i dubbi nei gioveni, il desiderio della
verifica, e che soja siasi di me...

Si sa dove si comincia, ma non si sa dove si vadi a finire, dseva quèl
ch' ruzlava zò dal scal.

Ah sgner Cassarini[18], lui mi ha amareggiato l'esistenza, e perchè?!
Lui dirà... Perchè l'Ergia che è vogliosa di tutto ciò che è il
progresso... l'ha cominciato a dire: Vadi là, papà, me ne compri, me ne
compri!!

— Mo, Ergia, senna adèss ti sei contentata accosì, che infine poi ve
ne sono di quelle che sono orfane adderittura, e perchè tùtt int una
volta t' vû armettert, mentre chi ci rimette sono io, che chi sa cossa
costano, che fanno pagare la novità e l'asparmi del nutrimento come
sopra.

A crèdd d'avèiri dett altre fiate che la mî ragazza è di fondo buono,
ma nella superficie l'è testarda com è un mùl, e questo gli provi
la mia parzialità anch se parlo del proprio sangue, ch' l'è la cossa
più cara che ci fosse al mondo fenna a l'alter dè, mo dòp la spèisa
che ci narro, la cossa più cara l'è dvintà quella che lì, e poi resa
inservibile dentro la giornata, come ci spiegherò in avanti.

Dònca la mia voce persuasiva a nulla valse: el rasòn che gli diceva
la mî Lucrezia, lei poveretta che si è sempre contentata del proprio
stato, non gli fecero nè caldo nè freddo, cominciò a calpestare i piedi
e a zigar digand: Le voglio!! le voglio!! che la pareva un ragazzol
lattitante, quand la balia l'è fora ed cà.

Cossa avrebbe fatto nella mia sitovazione? Siamo sempre lì, a stare
stranei, as dis: bisògna èsser furt, ma quando si hanno le mani in
pasta, dseva qla serva ch' fava la spoja, non si ha il coraggio e si
cede com fa la gòmma... Accidenti!! alla medesima, che era meglio che
non l'avessero scoperta!

Basta, si facci anche questo sacrificio, e via che andassimo da San
Salvatore.

La ragazza, dopo tanto diavolerio, non s'attentava di dire con quello
di dietro al banco: vorrei... accosì e si volle esprimere colla mimica
di dire, tacendo, le parole, — ma lui non capì bene e ci disse che se
aveva male allo stomaco favano bene j odur ed potassia, gli odori di
potassa.

Ecco ùn di cas in cui il padre l'è in obligh d'intervgnir colla
esperienza del mondo, per estrarre dall'imbarazzo qla povra età, ch'era
dvintà ròssa causa il giusto podore, e faccio, a degh: — Si tratta di
cossa puramente esteriore che è in mostra...

Allòura capì e ce ne fece vedere, spiegandoci il macchinismo di dire
bisògna suppiari dèinter a piacimento, conforme il desiderio e la
larghezza dell'abito, perchè as sa che ogni cossa ha un lemit, com
dseva quèl ch' stiuppava!

Stettimo lì a stiracchiare e finalmente si combinò in un prezzo,
che an i degh èl prezi, mo per le mie finanze assai gravoso: ce le
incartarono, e vî a casa drett, che qla mattazola non vedeva l'ora di
provare.

La Lucrezia e l'Endricca, per quant facessero le disinvolte, as capeva
che le avrebbero desiderate, e questa quì diceva: Ergia! me le impresti
una qualche volta?!

— Non voglio far altro, arspòus sùbit quèl spiricecc, che ha un po'
il defetto del govismo di dire: Dio me la diede guai a chi la tocca!
E questa preposizione che disse Napoleone 1º, quanto era dentro nella
corona ferruginosa, io potrei dirlo dla mî Ergia che l'è sbaldanzosa,
incapace di dare un sorcio d'acqua anche se morisse di sete!

Basta, io per mettere la pace in casa, a dess int una urèccia
all'Endricca che se stava buona e che abozzasse, arev vest di
procurarcene, sèinza grave dispendio, perchè una volta cgnussò la
teoria sulla quale is basen, si baciano, se ne possano costruvire in
famiglia.

L'Ergia intant smaniosa di fare l'esperimento, la si era già applicato
il macchinismo, e la povra Lucrezia, suppiandi dèinter come sopra,
otteneva quella misura prestabilita.

Bisògna cunvgnir però che non pareva più lei: sembrava che fosse
successo uno di quei cataplasmi che i descriven nelle storie, quand le
pianure diventarono montagne e il mare diventò terra e lascia pur dire,
che di liber a j n'ho vest magara.

Figurarsi, sè qla bazurlunzèla vleva star in casa, adesso che era
accosì ben pasiuta, mo gnanch a dirlo! infatti: Vadi là papà andiamo a
far due passi, mi conduchi dalle Sberli! che sono suve amiche, compagne
di educandato, quand j andaven al scol comunal, che non è per menarmi
il vanto, mo per l'educazione delle mie figliole a n'ho mai guardà a la
spèisa!

A la guid dai signori Sberli, eccelenti persone, gentili, che non si
va una volta che non vi esebiscono dell'acqua di limone, che la fa lui,
che l'è buonissima perchè non si sente la parte limonacea che è quella,
com dis èl sgner Aldvigh, che fa spadere i denti e gnanch il dolce
dello zucchero ch' fa la nauvsea di dire: guasta l'appetito e rovina
l'indigestione.

Appènna che si presentiamo, l'as veins avrir la sgnera Cleria e la fa:
— Oh chi è que?!

— Mo de' sù Ergia?! T' scherzerà? ma comme ti sei rimessa!!! Ragazzi
vgnî bèin que, vgnî a vèdder sta visita... mo ît sta in campagna?!
Vèner quant at incuntrò, ch' t'êr con la mammà, an m' n'accurzè megga
ed qla gnexa!!

Intant era arrivà anch el ragazzi, puvreini, che sono piuttosto
magrine, el guardaven mî fiola con occhio fra èl surprèis e
l'invidiòus.

La granda, che si doveva far la sposa e che poi andò al monte, la dis:

— Mo Ergia, com t'î bèla! Sat ch' t'î grassa nezza...

Io che so capire le sitovazioni, vdènd che mî fiola si confondeva, a
fazz a degh:

— L'è un fatto che da tre giorni che toglie l'olio di merluzzo, si
trova molto contenta e la si va mettendo in carne... e tanto per
divacare il discorso a degh:

— Eh! dovve manca natura arte procura, dseva quèl ch' s' mitteva j
ucc ed vèider! Cossa volni vèdder!! Finire queste parole, e l'intera
famiglia Sberli ficcars, slanciarsi int una risata, fu un punto solo.

L'Ergia, puvreina, si toglieva sempre più giù, e squasi squasi ci
minacciavano le lucciole agli occhi.

La più grande però, quella del matrimonio sfumato, capì che non istava
bene quell'indecenza del riddere, e prese l'Ergia per mano e si misero
a chiarlare, in quèl mèinter che quelle altre mi vollero favorire
la limonata, che era all'ultimo grado della perfezione, perchè an s'
sinteva nè l'amore del limone, nè eziandio quèl del zùccher.

La sgnera Cleria venne a farmi una massa di finezze e el sòu fioli el
j êren là tùtti d'intòuren all'Ergia a abbrazzarla e striccarla e io, a
dir la verità, a stava un poch in pènna, perchè soia me, el dsgrazi el
j ein sèimper preparà; è vero che saranno robuste, ma tuttavia...

Finalmente, se ne andiamo, e quant a fonn fora, l'Ergia l'am cònta
l'angostia che ha provato, perchè volevano il modello del corsetto e
che se lo cavasse lì di là.

Per fortuna che c'era venuto un lampo, una losna ed geni, dicendo che
i pton dèl cursètt erano accosì cattivi da fiubbar, che ci voleva èl
fiùbbaguant tùtti el volt.

Con sta stasunazza incostante, che dei momenti è caldo e degli altri
tira un zefiro freddo da ficcar per tèrra un omen, si era alzato un
po' d'aria fresca, e a fazz con l'Ergia: — Tienti ben appuntato lo
sciallino lì davanti!!

En l'avessia mai dett, che lî, puvreina, obbediente agli ordini del
genitore, si punta un uguccione proprio sovra il seno, in quèl sit che
i canten int la _Sonambula_.

Me a seint un feschi, come se partisse una locomotiva, con una currèint
d'aria che mi viene nella mia faccia, mo un cvèl che proprio si sentiva
ch' era aria di famiglia!

A guard a l'Ergia e la veggo impallidire int èl mustazz, e, un
momentino più giù, a turnar nello stato di prima!!!

L'infelice, si era perforata! Il dispendio del padre, le fatiche della
genitrice, tutto _fiato_ sprecato; in un istante le cosse erano tornate
allo stato primitivo...

Lî puvreina, la non sapeva in dove mettersi. Dû zuven che ci erano
all'impàri, a vèdderla a dimagrire così a vista d'occhio, i dessen
sùbit che si trattava di tisia fulminante, perchè erano di quelli che
ci diccono gli studenti di Medicina, mentre non sono di quel paese e
vanno all'università.

Ma, non risposi, e me la cavai con un atto di testa.

L'Ergia che lungo lo stradale, n'aveva mai avert bòcca, appènna a casa,
la dè int un ròtt ed piant, in uno spezzato di pianto, tant più quant
l'Endricca la j cminzipiò a dar la fuga, il camino, e a diri: — Ti sta
bene, ai govisti magari il doppio!

A n'ho rasòn d'essere fuori di sè, pensando che dòp aver speso tanto,
mi è rimasta la figlia sècca stlà, stellata, come era in antecedenza?

J' han da dir quèl ch'i volen, ma el coss d'aria, se an s' branca in
robba ed premma qualità, el duren da Nadal a San Steven.

                              Dall'_Ehi! ch'al scusa..._, 7 aprile 1883.



L'INÈST DÈL VAROL


Appena che si cominciò a balbettare dèl varol, la Lucrezia, sempre
salvaguardosa per la suva famiglia, la s' mess a piular... a piallare,
perchè si facessimo l'inaculazione del medesimo. Me che a dirla stièta,
meno am impacciugh, mi infango, a stagh mei, mi ci vi opposi, digand
che era effetto di destinazione e che se a s'era destinà d'avèirel,
al vgneva lo stesso anch coll'inaculazione... Mo un poch la pora, un
poco messo su dall'aquilina lè indrett che ci mise delle pulci od altro
nella testa, fatto sta che an s'aveva più un minut ed pas, e l'Ergia
che primma era disinvolta e la dseva: Anche se mi viene, lascia che
venga e se rimango bucanata chi se ne importa, chi mi vuol guardare,
bene, altrimenti si volti in là... e rideva; nossignore, che a forza
di dscurs ed sô mader, la finè anca lî per cunvertirs e spiattonarmi
perchè la facessi inaculare.

In quel mentre che stavo per piegarmi, am veins un'edea e a pinsò
dèinter ed me: Se mi facessi mo inacular io, in qualità ed cap ed cà e
per cònt ed tùtta la famèja? La srè più sbrigativa ed economica: a j ho
vest che int el lapid del volt al dis: per sè e suoi... dònca io faccio
altrettanto.

Con l'edea di farci una burla an degh nient in cà e vado dal duttòur
ed famèja, accosì buvono, accosì paziente, che conosce l'impasto della
mia casa come che lo avesse fatto lui... e ci espongo la cossa... per
inestarmi nel braccio... Lù al s' mett a redder e mi dice che in questo
caso èl pader non ha niente a che fare colle figlie... e colla moglie
e che bisognava che scadagnon se lo inestasse nel proprio.

La mia edea dunque non potette fettuarsi e si stabilì, che il giorno
precedente a quello dopo l'altro, lui sarebbe venuto per l'operazione.

Quand andò a cà e che ai dè la nova, l'estrazione, la Lucrezia la
dvintò culòur d'una pgnuccà e la cminzipiò a dir: Faral mo mal? e
l'Ergia, con tùtt èl sô spirit, l' am andava dmandand: Papà comme farà
a fare l'inaculazione? Che si senta mo male? Che si faccino mo dei
versi?! E tante altre domande che io non ci potevo risponderci, perchè
quant a nassè, non era ancora stato inventato il vaiolo e quindi nè io,
nè èl pover mî fradèl, che morì nel darsi alla luce, non si inacularono
mai!

Èl sgner duttòur poi mi aveva messo un poco nello imbarazzo, perchè al
m'aveva dmandà se volevamo il vaccino proprio di vacca o dal braccio al
braccio... e io a dirla schietta, non essendo mai stato su quella, an
capè la forza e per cavarumla, risposi invasivamente: A sentirò el mî
donn! Intant, per star int' èl sicur, venghi con l'uno e l'altro.

Quindi, era mio dovere o no, ed dmandar alla mî famèja qual sistema
preferiva?

Non l'avessi mai fatta! dseva quèl che veniva sorpreso da un polisman.
Papà, cossa vuol dire vacino? m'interscolava qla speppla dl'Ergia.

E sô mader tùtta arrabè, cominciò a darmi sulla voce, digandum dèl vècc
matt, a aggiungendo che non era prudente mettere il vacino nelle vene
d'una ragazza... che non si può mai sapere i felomeni... e che piottost
l'era da proferir il braccio, quando fosse d'un vero galantuomo...

Ma, d'altra banda, non potevo entrare in lotta, perchè non ero
competente, e finì per decidere che arè dezis èl sgner duttòur, èl quâl
avrebbe capito meglio di noi quèl ch' cunvgneva alla Ergia, che messa
sù dalla mader, la sgnulava che voleva il braccio!!

Finalmèint veins l'ora fissata e me aveva zò fatt preparar un cadein
pr'èl sangv, del pzoli, èl zirein, l'asà nel caso di qualche smalvino,
dèl lauden, avanzo delle precauzioni estive, e po con un certo convulso
stavamo tùtt inurcè, inorecchiati, per seinter l'arrivo del dottore.

Infatti, eccolo che arriva e dice subito che il braccio non cè e che
l'ha sigh èl vedrein dove ci sta il pus vacchico.

Mî mujer la cmèinza a dir che per la ragazza non vuole... che non ci
faccia muovere qualche cossa... che non si disturbino gli umori e che
non vadi incontro alla malattia umoristica... Me ai fava di zegn... che
la facesse finita perchè dal momento che lui se ne intende e di ragazze
e di vaccino, è segno che va bene accosì... Ma l'Ergia spaventà da
quel stori di sua madre... pareva che non volesse saperne e la dseva:
Oh Dio, arè da dvintar quèst... arè da dvintar st'alter... e lasciala
pur dire, che per le apoposi l'è nada a posta. Allòura èl duttòur, che
non ha tempo da perdere, che ha tanti avventori, mise giustamente la
schiena al muro e disse: Sù, che a vdamen! Andèin, Ergia che la sia
buneina! Mo la Lucrezia sempre più viperita la fa la dis: Ma sù cossa?
Scherzerà!!

Sù la mandga! arspònd èl duttòur con la pazeinzia ch'i scappa con
ogni diritto... E l'Ergia, puvreina, mansuefatta dal parere medico,
fa per tirarsi su la manica, mo quella moda messa fuori certo primma
della inaculazione, delle maniche ristrette, j impedess di sguainare
il braccio e non cè rimedio bisogna ricorrere all'altro mezzo, quello
ahimè, dla disfiubbadura dèl cursètt, e po dla maiteina e pò finalmèint
della camicia... che se si fosse immaginato, è certo che sarebbe potuta
essere più bianca... Sô mader puvreina corse a mettri un sciallein ed
lana bianca e zelèst... pervid del giusto riguardo e pel raffreddore
e cossì la presentò èl brazz alla operazione. Io ci misi sotto il
catino... e sô mader ci teneva la bozzolina dall'aceto dei sette
malfattori vicino alle narici del naso... Èl duttòur con una grande
disinvoltura tolse fuori il coltello e cminzipiò a tajar èl brazz ed
qla povra anma che la stava lè impassebil, con un curagg da leòn!
Me am sinteva èl sangv di pî che am vgneva alla tèsta, e al capeva
dalla pozza ed marucchein, perchè avevo le scarpe nuove!! Sô mader am
aspttava che venisse meno tant êrla bianca!!

Me a dess pian con èl duttòur: hal preparà la lazza per ligar el j
alteri?

Si gettò a riddere come un alienato, e mittand vî i pzû ed vedrein, che
non erano passati pel taglio fatto al braccio di quella martire eroica,
al dess: Mo che ligadura, ecco fatto tutto, adèss fasciamo ogni cosa e
stia riguardata dall'aria. Avanti, sgnera Lucrezia, a sòn que da lî...
Cussa vliv vèdder sta dona dvintar un mascaròn... L'è impussebil che
io m'assoggetti a spogliarmi... non cè dubbio, preferisco la pidemia
del vajolo... Mo va là bazurlòuna, il signor dottore si volta in là!
Mo cossa cè di male, si tratta per la salute... mo sfibbiati... non si
sa che il tempo tutto consuma... el vèira sgner duttòur?... d'altronde
ai suoi tempi l'ha fatto di bî arliv... e la nostra Ergia ne è la
prova... è vero com l'è fatta bèin!... Ma la Lucrezia non è possibile
persuaderla... e èl sgner duttòur doppo aver tentato ogni via, se la
prende perduta e si rivolge a me digand: Andèin, sgner Pirein, persuada
coll'esempio la suva signora...

Se debbo proprio dirla, am sintè un calzèider d'acqua giù per il filone
della vitta... mo l'amor proprio vinse e mi denudai la parte richiesta,
non sòul, mo ci stetti a guardare.

L'Ergia, che natoralmente si era fibiata e l'aveva ciappà dl' argoi,
dell'orgoglio, l'am dmandava: È vero, papà, che non si sente niente?
Pare un forotto di uno spillo o un becco di zinzella, non è vero?

— Accidenti! Ahi, quèst è sta piottost fort... Mo quant m'in fâl? Anch
in st'alter?

— Essendo padre di famiglia, am dess èl sgner duttòur, bisògna farien
sî!

— Com è el mistuccheini! saltò sù l'Ergia che ha suggito il spirito
dell'_Ehi! ch'al scusa..._

— Giustissima... e adèss sòtta te Lucrezia! Va mo là gajarda
ubidessum... se la quistione è per sbottonarti at stagh dinanz... così
non si vedrà il _deficit_...

— Preferisco morire!!...

Che si figuri che legge le pendici del _Secolo_ e quanto si altera
un poco, ci vengono delle edee tragiche: me che acgnoss l'umòur dla
bistia, non dovrei dirlo che è mia moglie, l'è mej farsla ed zira,
farsela di cera, e acsè a dess al sgner duttòur che, poveretto, avrebbe
pur voluto persuaderla...

La migliore l'è abbuzzar, schizzare, e lassarla int la sô edea... che
è più facile si ricredda...

Èl duttòur s' n'andò e sono cinque giorni che abbiamo le epistole nei
bracci, che a dirla em dan noja... brucciano e fanno scadore... a j è
l'Ergia che ci fa male solo se deve soppiarsi, con rispetto, il naso,
che ci tocca di prendere il fazzoletto con quest'altra mano...

E po, ce lo debbo dire? Sembra una sciocchezza, ma dopo il vacino l'ha
una zert inquietudin adoss... dorme male... si sogna sempre d'essere in
campagna in un bel casino... colle vacche, i bovi e el j alter bisti
assessori, che sono proprio della vigilatura... e qui ci si muove il
riddere che sghergnazza sempre come che ci facessero il sollecito.

Sô mader invez... gran dona ed spirit!!... non essendo inoculata la sta
benone...

Come si spiegano questi felonemi? Capessni cvèl lòur? Me nò!! Tersuà a
lòur sgnòuri!

                           Dall'_Ehi! ch'al scusa..._, 20 novembre 1886.



BAGN D' MAR... A DOMICILIO!


Al fa un vagh caldazz: per dinci, ci dicco la verità, che se an fùss
perchè an l'ho brisa, andarè a star in canteina. Una volta almanch
a j era i caftir che cercavano di creare delle allusioni, mittènd
fora un cartèl che diceva: _oggi si gela_, mo adèss, che ci vuole il
francobollo, lo fanno lo stesso, ma non lo dicono. E noti bene che noi
proprio non avressimo ragione di lagnarsi, perchè èl noster camerone è
abbastanza areoso, e a j è la Lucrezia che la sa conservare il fresco,
òura mittènd el fnèster in casòn, casoni, òura tgnand l'ùss sbadà...
anzi questa sbadatagine, fatta a posta, andò a rischio di pagarla
cara... ossia coi 47 centesimi ch' custava èl taj ed manz ch'aveven
tolt per fare il brodo e l'umido e una bistecchina per l'Ergia, che ce
l'ha ordinata il signor dottore.

Sicuro, dònca, essendoci l'uscio semi aperto, veins dèinter un gatt,
sotto mentite spoglie, e era proprio lì lì per comettere il borseggio
dla carne, quand se ne accorsero e l'Ergia la ci tirò dietro la
_Portatrice di pane_, che non ci prese, ma lo spaventò totalmente,
ch'al scappò per la fissura, che si sono persuase di tener chiusa...
L'era vari volt che ce lo dicevo: tgnî assrà la fissura che si possono
introdurre gli estranei... e lòur nò! Se sentisse babbo che buon
freschino... Adèss, doppo l'affare del gatto, i l'han accapè... e la
Lucrezia l'è la premma a tgnirla assrà.

Mo in questi giorni avèin passà un bèl stricott, che quando penso a
quello che ci poteva succedere, am vein schermlezz.

L'è tant che alla mî povra ragazzola ci vanno insinuando i bagni
di mare, che tutti dicono che per l'enemia sono un portento, che
robustiscano il fisico e si vedono dei miracoli. Infatti c'era una
sposa che stava lì di sopra nella casa di prima, che poverina aveva
una passione che si poteva veddere, di non fare dei bambini, e il
professore che andò al consulto di dire come potrei fare per diventare
madre, lui ci disse: vadi ai bagni del mare e niente paura...

Infatti colla cossa che avevano i mezzi, il marito fa l'oste, la
mandò a Rimini, e sissignori che si verificò la cossa di dire che
ebbe un bel bambino... che il marito non si sa dar pace della potenza
dell'Adriatico.

Sicuro, vedendo questi felomeni, anch'io arê pur vlò mandarci
l'Ergiola, che è proprio lì che fa compassione, mo la spesa è troppo
grave. Mandarla cogli scrupolosi degli ospizi marittimi, ha passato
l'età e la n'è brisa d' quel malattî per d' fora, comme le vogliono
loro.

Lî puvreina, che è capace di tutto, la vidde in un giornale di mode
e confezioni, un vestiario per bagni, blù e rosso, e lei, coi suvoi
risparmi, si comprò una più bella robina compagna a quella che là
e si fece il suvo bravo copripolvere per andar int l'acqua e cioè i
calzoncini a mezza gamba, il corsettino a mezza vitta e la scoffia a
mezza testa. Suva madre, che è sempre giustamente stata nemica della
scolaciatura, la la voleva su a collo e i calzoncini fino ai garetti...
Ma io ci feci riflettere che in quant al gambeini... erano accosì
insignificanti, i pareven dû sparz, da non temersi lo scandalo, in
quant al resto si era talmente in pianura, che non c'erano che duve
catenaccini che parevano el manètt d'un cantaran.

Mo il costume era il meno, il difficile era il mare...

Anche lì, me non l'ho mai capita, quella cossa di dire, siamo tutti
italiani, siam stretti ad un patto, paghiamo tutti le tasse nella
stessa maniera, e perchè mo dei concittadini si possono tuffare nelle
onde, che ne hanno sino alla gola, che è poi per quello che si anegano,
mèinter alter che i tùffen e che ne avrebbero di necessità, nossignori
che an s'in trova neanche un pentolino?!

Non cè la giostizia distributiva di dire si abbia tutti un mare e tutti
un'alpe! Ma non dovrebbe tardar molto l'epoca della vera uguaglianza,
che ognuno abbia la sua brava porzione di mare, di monte e di pianura,
da farsene quel che si vuole...

Basta l'Ergia, puvreina, non potendo sfogarsi in altro, si vestiva
cossì per casa in costume da bagno, che non dovrei dirlo che è mia
figlia, ma era una vera galanteria... Ci fu il signor curato che venne
a fare lo stato delle anime parochiali, col guardiano che ci portava il
calamajo, che puvrètt si gettò a ridere, e domandò se l'era il seguito
della edea fissa, osservando che per quant as trattass d'una semplice
esposizione ossea, però era bene che una giovinetta figlia dei miei
cari genitori, comme si chiama lei quanto ci scrive, vestisse da donna
compagno delle altre.

L'Ergia rimase mortificata, puvreina, e tèndra di attaccagnolo com'
l'è, quasi quasi fava la mestola, la mèsqla.

Quand dòn Vizinzein s'accorse d'avèir involontariamente murtificà la
famiglia, si voltò da me e al fa al dis:

— Ch'al scusa bèin se am sòn permèss d'ammunir lo sô ragazzeina... ma
è accosì miserina, che fa compassione... _ossibus et nervis compegisti
me_...

— Mo ci pare, sgner curat, a fe me, e per fari vèdder che un po di
latino al savèin anche noi, a j azzuntò: _quod difertur non aufertur_.

— _Cum spirito tuo_, saltò sù èl guardian, cherdand che a dsessen mèssa.

Dòp avèir tolt zò el nostr'anum, che zò el j ein sèimper quèlli, se ne
andarono un po' risentiti dalla terribile lezione che ci avevo dato.

La mî fiola, doppo avere combattuto corpo a corpo colle lacrime, non ci
fu verso, la teins scoppiare, con danno della suva salute.

— Mo sta bona, ci dicevo io, se ti ha trovata magrolina, ti
rimetterai... se potrai fare i bagni.

— Non me lo dichi, non me lo dichi! Comme posso fare se qui non abbiamo
onde?!

— Sta bona, che vedremo di arimediarci.

— Chi in fess mo vgnir una castlà da Remin? dess la Lucrezia, che per
qla sô ragazza l'andarè int'èl fugh...

— Magara! a fe me, per non dire nè sì nè no...

Mo da edea nasce edea, come dice l'averbio, quindi am veins in mèint
che lì in un cantone, fra gli oggetti del padrone di casa, c'era una
bella olla, appuntata, come le guardie di P. S., che si capiva che una
volta ci tenevano le ceneri dei camini, oh! un'olla granda, proprio da
famiglia.

— Mo fiola mî, a fazz me, e noi ci stiamo a capovolgere il cervello per
i bagni?... Mo qui dentro a quest'olla, tu fai tutti i bagni che vuoi,
sèinza muoverti di casa... e si divertiamo tutti...

— Ah, Pirein, t'î la più gran tèsta ch'hava acgnussò! Dess la Lucrezia
sbalzandomi sul seno e dandomi il bacio dell'ammirazione.

L'Ergia l'era arstà acsè fra la sorpresa e lo sconforto... perchè lei
diceva che nel mare cè il cielo azzurro e i dolfini che saltano, e i
marinari che tengono su quelle che studiano la nautica, e la brezza,
la brizzi, vespertina... tutte storie lette in qualche romanzo, che
è giusto quello che si è rovinata la salute, comma dice il signor
dottore, perchè corre sempre dietro a un edeale che non può mai
raggiungere e natoralmente la s'arscalda...

Mo fiola mî, lo sai pure che il lino e il resto an l'avè che Barbazza,
contentati dunque dell'olla, e la tua salute rifiorirà...

Senza induggio, a salt dèinter int l'òlla, e comincio a polirla dagli
avanzi delle ceneri, ci assicuro il suo bironzino, e po col pozzo che
per fortuna è lì nella corte, a cminzeppi, un calzidrein alla volta e
vuda e vuda, senna che l'òlla fo quasi peina...

Ci dicco io che avevo le braccia che non le sentivo più e a sudava...
che a j era l'Ergia che diceva... Povero babbo, quanta riconoscenza ti
deggio!

Intant la Lucrezia aveva mess sù una bèla caldareina d'acqua e me cossa
fazzia?!

Per darci sempre più l'edea del mare, a toj la pgnatta dèl sabbiòn e
la vuoto nell'olla, che a guardari là in fònd al pareva propri d'esser
alla spiaggia... e pò aveven int una bumbeina due pesci rossi, ùn tùtt
nèigher e ql'alter bianch... e dentro che li metto anche loro, che i
sguazzaven, e finalmente a toj un bèl pogn ed sal, per formare proprio
l'acqua marina e dèinter anca lù.

La caldareina bujeva e la Lucrezia la la fecca int l'òlla, sèinza
pensare ai pesci che puvrein vengono subito a gala bî e cutt!!

Per l'Ergia al fo una passione, perchè ci voleva bene e anche loro ci
erano affezionati, che ci dava da mangiare le ostie alla veneziana.

Essendo che erano salati e tutto, li mangiai io che erano eccellenti.

Cavà èl pèss, j andò la ragazzola, felice di poter sperimentare il
costume e me che a m'era mess in tèsta un vecchio palancà e al col un
fazzulètt ed sèida nèigra per farmi creddere un marinaio a sustgneva
la fiola che si debatteva felice e beata nelle onde, dicendo che si
sentiva già più arbosta.

Me a vdeva che l'acqua la dvintava ròssa, e l'abito del bagno dvintava
smort... e faccio e dicco: stai poco bene?

— No, marinaio, la fa lî scherzosa, sto benone... Non l'avesse mai
detto; se si arricordano l'olla era appuntata come sopra... Sia stato
il calorico, sia stato i scambiett che fava l'Ergia per nuotare, èl
fatto sta che tutto in un momento i punti si lasciano e l'òlla se
spacca in dû pizz... tutto il mare si reversa nel camerone che non ci
posso descrivere lo spettacolo... la povra mî fiola casca tra i sduzz
e ai vein mal. La Lucrezia crede che si sia annegata, e la voleva
prendere per i piedi e metterla in sgòzla...

Io la tranquillizai e moj spòult, sepolto, com a j era, la prendo su
di peso e la porto sul letto... sô mader si cinge a cavari il vestito
marino, che si imaginino bene! povra creatura, a j era avanzà stampà
in tùtt èl corp il quadronzino blù e rosso, che pareva sempre vestita
anche doppo che era spogliata.

As tuccò ed lavarla con dl'acqua rasa e poi in certe situazioni ci è
restato ancora l'ombra, che col sederci su speriamo che vadi via. Il
dottore ha detto che non è cosa pericolosa...

Questo non toglie che l'inondazione ci abbia fatto del danno, e che se
non c'ero io pel salvataggio, si sarebbe registrata un'altra vittima
dei bagni di mare.

Tersuà a lòur sgnòuri.

  Dall'_Ehi! ch'al scusa..._, 16 luglio 1887.



ÈL SCIOPER DI FURNAR


Sicuro, vado per prendere il pane... perchè bisogna che sappino che
in esequie all'asioma di M.me Pampadur che: A faire les zatins de la
maison on ne se sporch pas le mains, io la mattina vado a fare quelle
piccole provviste che nessuno se ne accorge nemmeno, perchè quanto si
ha il suo bravo fazzolettino da mettercela dentro, voglio vedere chi
la vede. L'è zert che se uno si mette a far l'enalisi vedendo che dal
fagottino saltano fuori i selleri, o èl col dell'impolina dall'olio,
allòura potranno dire quello è uno che ha la serva indisposta, mo per
la maggioranza che vanno dilungo per il suo viaggio e non si perdono
in quei 15 quattrini, pari a soldi 3 e frazione, il fagotino passa
inosservato e il decoro della famiglia resta invulnerabile.

Dunque l'altra mattina vado per prendere il pane, e il sig. Giovanni
che è tanti anni che ci vado, al fa al dice:

— Caro sig. Pierino, per oggi bisogna far senza!! E fava il disinvolto
ridendo, mo as capeva che riddeva coi dolori al ventre comme si suol
dirsi.

— Senza di che? a vleva dir, ma dando un'occhiata all'ingiro scopro il
pane che non c'era!!

— Cossa è suzzèss?! L'hanno forse valigiato?!

— Ah, è lo sciopero dei lavoranti.

— E daila! Mo questo è un bel incalio, perchè in questi giorni di
sudore, con rispetto, della fronte, cossa deve bagnare l'operaio onesto
se non ha il pane?!

C'era li un signore che rimase statico a questa giusta riflessione, e
mi disse: bravo! lei deve proteggere il proletariato, deve riconoscere
il dovere degli ambienti di darne a quelli che non ne hanno...

E mentre diceva accossì, am n'accorz che aveva seco una donina colla
sporta che ci saltava fuori un bel bastone di pane lungo e grosso comme
il mattarello della spoglia, e allora a faz a degh:

— Bravissimo, questi sono di quei sentimenti che non si trovano in
tutti gli usci, e allora mi faccio ardito di chiederci la metà di quel
pane che io non ho.

— Ah, questo che qui è mio, e se lei ne vuole se la distrighi, e vî che
al vultò, lasciandomi col palmo nel naso comme si suvol dirsi.

— Ohi! faccio io, al par che i fatti non corrispondino alle parole...
ma caro èl mî sgner Giovanni, lasciando da banda gli scherzi, comme
debbo fare a cibire la famiglia?!

— Vadi nella Borsa che ce n'è per castigo! dess una duneina che ne
aveva in braccio una tira che pareva un pargoletto.

— Se crede si facciamo compagnia, mi disse un galantuomo che passava,
anch'io ho bisogno di pane.

— Mo ben volentieri, aggiungo io, cossì si facciamo compagnia.

Quando siamo fuvori, il mio amico mi dice:

— Io ci debbo confidarci un segreto, che neanche l'aria lo sa.

— Facci conto di parlare con quella muraglia che lì.

— Sappia che lo sciopero durerà chissà quanto, e purtroppo finiremo per
morire tutti di fame!!

— Mo lui scherza! a fazz me, che mi veniva in mente la vignetta del
sig. Conte Ugolini.

— Scherzo?! Vedrà bene! Mo ci conta sopra lei alla Borsa?

— Oh Dio! per quel poco che cè dentro...

— Parlo del pane che oggi vendono là.

— Ah, non crede che duri?

— Ma che! adesso se va là non ne trova più neanche un grostino, ed è
finito per sempre!

— Mo sa che lei mi fa pavura sul serio — se dovessimo morire di fame,
mi dispiacerebbe.

— Non abbia pavura che sono qua io. Sappia che io ho modo in tutta
secretezza di farci avere il pane vitta natural durante, ma a patto che
non lo dichi con nessuno che sarei compromesso.

— S'accomodi, a fazz me sòuvra pensir — stia certo che l'è l'istèss
ch'al dscòrra con un fittòn, come sopra.

— Bene dunque: lei riceverà sino a casa giornalmente il pane che ci
occorre pei suvoi bisogni, di ottima qualità e sino che dicca basta.

— Ma lei è il nostro salvatore. L'averto che per la Lucrezia ci vuole
di quello tenero perchè l' ha pers, ha smarriti, diversi denti.

— Non dubiti che sarà servito. E quando ce ne abisogna al giorno?

— Oh, siamo in tre, compresa la figlia che il nervino ci toglie
l'apetito, sicchè con 3 soldi campiamo tutta la giornata.

— Va bene, mi favorischi il suvo indirizzo e l'ora del pasto...

— Vicolo Tentinaga, n. 3, colazione alle 12, pranzo alle 6.

— Benone. Adesso lei mi anticipa 5 franchi e accosì si assicura il
vitto per un mese. — Lasci pure che vengano tutti i scioperi.

— O comme ci sono obbligato, che garbata persona. E così dicendo ci
consegno un buvono da 5 franchi, che in quel momento, non mi vergogno
a dircelo, era tutta la mia sostanza; mo boschera! si trattava
d'assicurarsi l'esistenza e non si poteva far di meno!

— E, dissi poi io: per oggi comme faccio, chè a casa m'aspettano colla
spesa?!

— Non ci pensi, che fra mezz'ora riceveranno il pane pattovito, e così
di seguito... mo mi raccomando che non dichi che ce lo finisco, potrei
andare incontro a dispiaceri, lui mi capisce!

— Lo capisco tanto che ci sono finitamente obbligato, e arrivedersi.

Lui gentilmente mi striccò la mano e io pian piano me ne andai
verso casa, guardando con aria di compassione, tùtt quî dsgrazià che
correvano alla Borsa a cumprar èl pan — anzi trovai la serva degli
aquilini che stanno lì disopra e a fazz a degh:

Ohi Carolina, duv curriv con qla speinta?!

E lî, che parla il taliano la fa: — Mi tocca di andare fino in Palazzo
che dice che cè il pane...

Io mi gettai a riddere e ci feci vedere il fazzoletto della spesa
vuvoto.

— Comme non ne ha aritrovato?!

— Mah! Io spero che me lo portino fino a casa...

Quella matazola si mise a riddere anche lei, dicendo: Il sig. Pierino
ne ha sempre delle fresche... e via che scappò.

Allora capî la fortuna che avevo avuto e quant a fo a casa, quelle
donne mi vennero incontro: Babbo ai preso i radicci pel canerino?! e
il latte, e la bistecca per la nemìa e io senza parlare distendo il
fazzolettino vuvoto come il cielo l'aveva creato!

Eh! quell donn!! non è possibile descrivere lo strillo che fecero!

— Mo t'arà pers èl giudezzi!! Dseva la Lucrezia che si sentiva la
languidezza e che aveva la cogomina del caffè di janda in bollorre.

— Ah! babbo, io vengo meno dal finimento di stomaco, ripeteva la povera
Ergia, che aspettava il latte munto dalla bestia; un soldo ci dura
quattro giorni.

— Calma, calma, faccio io, perchè grazie al cielo siamo tutti di carne,
e se faccio senza io che sono il capo di casa, a crèdd che per un
giorno potiate fare altrettanto.

E qui ci venni a spiegare tutta la faccenda della sventura cittadina
dello sciopero e del pane nella Borsa e della minaccia di morir di
fame.

E l'Ergia andava dicendo: Ebbene se non c'era pane, perchè non hai
comprato il resto...

— Del Carlino, a fazz me, per tenerla ilare...

Ma lei che ha la nervalgia, e si arabisce per niente, grida:

— Io dicco perchè se non c'era pane non hai preso altre vettovaglie?!

— Perchè cara mia, se mi lasciaste parlare, quando parlo, sapreste
che per assicurarci la vitta in questi giorni il quale molti saranno
costretti a morir di fame, io ho speso i 5 franchi...

— Senza portare a casa neppure una festucca di cibo?! Esclamò l'Ergia
indignata in causa dei finimenti che ne soffre molto.

— Se hai pazienza, vedrai che avremo il pane fresco e abbondante...

— Chi lo deve portare?!

Allora raccontai tutta la storia di quel dabben uomo, che ci aveva
salvati da sicura morte, e la mia previdenza nell'assicurare il pane
per un mese.

— E comme si chiama questo vomo?! mi domanda la mî ragazzola, che è
furba più dei sette furbi!

— Oh, questo mo non ce l'ho domandato — mo adesso quanto viene a
portare la razione di oggi, ce lo domando subito.

E qui si dà la fatale combinazione, che si muove la sbadiglieria in
famiglia.

L'avranno provato anche loro, che quant'uno comincia l'altro attacca e
così di seguito sino alla settima generazione.

E d'altra banda non ci poteva darci torto, l'era da quell'altro giorno
alle 6 che an aveven guastà, sciupato, il digiuno, e un po' di fame si
faceva sentire.

— Come tarda! Andava digand l'Ergia fra un sbadacc e ql'alter!

— A cminzipièin mal, dseva la Lucrezia, la puntuvalità è la prelogativa
dei Sovrani...

— Però spendere tutte le 5 lire hai fatto male.., cossa si mangia poi
col pane!

— Mo fiola mî! e grazia che ci sia questo, che l'è il capo senziale. Èl
pan sùtt al fa i bî pùtt!

— Mo se non cè neppur questo!

— Abbi pazienza che arriverà...

                   *       *       *       *       *

È già notte, e an s'è vest endson!!! Il languore è al colmo...

All'Ergia cè venuto uno smalvino. Li abbiamo dato da nasare dell'aceto
romantico, che ci regalò un modenese... Dà qualche lontano segno di
vitta...

Si vedde che quel galantuomo ha perduto l'indirizzo!

L'Ergia fa un urlo improvviso che ci fa venire la pelle ochina a tutta
la famiglia:

— Babbo, avrei fame!

— Ah fiola mî, anch'io — ma se non si vede: chi ne ha la colpa?...

Anche a io comincia a capogirare la testa dalla debolezza... le mie
donne fanno già carozino, la vista si infusca; sempre più mi sento
venir meno!...

Tersuà a lòur sgnòuri.

             Dall'_Ehi! ch'al scusa... all'Esposizione_, 18 agosto 1888.



LA CROCE DEL POTERE[19]


Ah! l'aveva pur rasòn èl poveta quand al scriveva:

«Non è il mondan romor altro che un vento che esce ora da questo ora da
quello e muta nome perchè muta il lato!»

Basta am la sòn cavà, com dseva quèl ch'aveva la pirocca, e ne
ringrazio il cielo.

An capess davèira, come vi siano di quelli che abbiano l'ambenzione
di dire salisco in alto, sono potente... ma io preferisco d'essere
impotente e di starmene da bass, se per star sù, an s'ha da seinter che
dl'amarèzza, come dseva quèl ch' bveva èl lègn squassi!

Loro hanno già capito che am sòn artirà dalla carica che gentilmente
i m'aveven favurè, e che se la tenghino pure tutta per loro, che me ai
n'ho avò sagg e caparra... Mo, comme dicevo colle mie donne quand a j
eren lè a magnar quèl bcòn da dsnar, dovve è quella beata libertà di
dire faccio quel che mi pare e nessuno ci guarda? Invezi, non cè essere
più sindacato d'un sendich!

Alla matteina la Lucrezia, andava natoralmente col suvo cabà a far
la spesa e tùtt i zercaven di appiccicarci la roba più iniqua che
fosse nel mercato! Sono arrivati perfino a venderci del pesse di due
settimane primma, che quant la veins a casa al pars che ci venisse il
colera... e quant me andò a spalancar el fnèster dal lâ dla piazza, al
fo un urel di gioia per parte dei negozianti sottoposti, ch'j urlaven:
èl sendich l'ha la banda in casa!

La povra Lucrezia, d'altra part, non ne aveva colpa, perchè nel parto
d'Ergia perdette l'uso del naso, che se può andar bene fenna che a s'ha
i bambini piccoli, al dvéinta una dsgrazia, comme nel caso attovale,
quand si deve acquistare una partida ed pèss!

E queste schernie che dimostrano la baseza dei miei incrati suditi,
sono uova e zucchero, in paragòn delle calunnie il quale mi hanno fatto
segno da tùtt i lâ. Per darcene una edea smorta, pallida, basta che ci
dichi che per l'affare d'aver inavgurato i becchi del gas, mi dicevano:
èl sendich di becch, e una note lo venero a scrivere nei muri del
Monicipio col pane di gesso.

E questa guerra sorda, per fortuna suva, che almanch non sentiva le
ingiurie che mi dicevano, l'am era stà dichiarà dagli impiegati del
Comune, i quali lasciati in balìa di loro stessi, dai miei successori
baroni, bisògna direl, venuti primma di me, ci dava fastidi che me a
fùss andà là, coll'animo liberato di fare il suvo dovere e togliere j
abus, gli abuchi, che cè n'erano _sine fidicente_.

Per esempio, j aveven numinà medico condotto, che nessuno poi
conduceva, ùn che aveva studiato da ingeniere... di modo tale che io mi
credetti in obligo d'intervenire.

Premma però di domandarci che mi mostrasse il deploma medicinale, a
ciamò l'impiegato dello Stato Civile, che al s' fava vèdder ogni sette
o otto giorni, per sapere quanti morti si avevano...

Prese tempo una settimana perchè era in aretratto, e perchè lavorando
in casa, èl ragazzol ci aveva portato via qualche nato e due o tre
decessi.

Cossa arêni fatt lòur? Me an al so, mo per parte mia ci aggiunsi ed
purtar sùbit tutta la popolazione in Comune e a mettersi subito in
corrente, tant da psèir savèir, se non preciso, almanch un zirca, i
morti dentro l'anno.

Infatti doppo quindici giorni am purtò una carteina, dov risultava
che a lui non risultava nessun morto, però aveva sentito a dire che
nel cimitero era stà suplè un omarino, che infatti non si vedeva più a
girare per il paiese.

Stabilito quindi su dati statitici che la mortalità non c'era, an
vols più vèdder alter e dissi all'ingeniere che rimanesse pure al suvo
posto, che fava benone.

Il dazio di sportazione per esempio, non era micca osservato. Tanti
donn passaven con la sô brava sporta, e nessuno ci guardava dentro.

A ciamò el guardi daziari e a li amunè; non l'avessi mai fatto! Im
saltonn a j ucc' comme duve galletti, esclamando che la sua spezione
l'era quèlla di badare ch'in purtassen dèinter di bû viv e delle
castellate, e che l'era inùtil guardar al donn nella sporta come sopra.

Mo negli altri siti, comme ci dicevo io, i spunciòunen, punzecchiano,
fino i carri del lettame per vèdder che a n'i foss tramèzz, soja me,
un rifreddo, o una pasta margheritta, e qui invece danno dei calci
idraulici, per vî' d dèl moj ch'j è atach ai stival, a delle sorcenti
inesorabili di ricchezza mobile, mo è per quello che siete così in
bolletta, e se non vi decidete di fare il fisco anche qui, avrete
la bancarotta, com è quèlli del scol comunal, che non cè n'è una che
stia più insieme, tanto sono sguinguagnate. Pensate che sono appunto i
fischi, l'ultima espressione della vera libertà.

Questo io lo dicevo nel Consiglio Comunale, mo i cunsîr favano orecchi
da mercanti, perchè j eren giùst mercant, uno da porci all'ingrosso, ne
comprava uno d'ammazzar in dòu volt per averlo sempre fresco, un'alter
commerciava in erbagg, mazz ed sulfen, fava mareina, spazzareinn,
una specie di bottegajo e quindi quella cossa di dire del dazio ci
dava fastidio — e j aveven propost di metterlo, con un articolo che
esclodesse i consilieri e gli accessori comunali — e non il Sindaco? a
fazz me, dando un pugno sù int la tavla, ma dice uno, lui è estero, non
è dei nostri, quindi deve pagare. Capessni che belle edee di govismo di
dire a noi sì, a lui no?

Mo, non avevano micca da fare con un subiol, con un flauto, io dissi:
mettiamola ai voti, lòur erano duve e i messen int la pgnatta, che favo
servire per urna, un fagioleto bianco caduno e me, ne gettai un pugno
neri, e quant si fu allo scrotinio di lista, c'era 27 di maggioranza
contro duve.

Loro dissero che non era giusta, ma io risposi che nei grandi centri si
fa accosì, e i s' messen quiet. Èl purtir al sguazzò perchè, doppo il
voto, al s' fe la mnèstra... che era cellente.

Un nuovo cespite di risorsa comunale che avevo pensato di metter
su, l'era quèl della Società vespasiana, che essendo un paese
convulsivo piuttosto, si potevano fare ottimi affari, mo per farmi
dell'opposizione anche in questo, i cminzipionn a tirar in ball i
calcol che sono i nemici di tali industrie.

Da qui hanno da capir che strazz, che cencio di una babilogna a m'era
andà a tirar adoss; e che an me pseva aritrovar bene. Aggiunghino,
per piacere, l'aria che non conferiva alla famiglia, che a j era la mî
Ergia che sèimper l'am piulava, mi piallava, perchè la conducessi nel
villino, dsevla lî, che ci aveva detto che era nei pressi d'Ùngia ed
toch, perchè fra quelle mura telluriche non mi ci si posso veddere,
puvreina! La casa poi si capiva che era fatta di fresco, tant es
sintêvel a stari dèinter, con un umido, che ci siamo presi tutti dei
dolori romantici che l'è un piacere. Dal lato dell'interesse non è
possibile che me la cavi, com dseva la Lucrezia che per la colomia
domestica l'è nada a posta. E cossa doveva star a fare allora? Ci fù un
momento che al pareva che alla ragazza ci fosse capitato un partito,
mo sul più bello, l'era partito davèira e lei, poverina, ci venne
il magone, come d'uso, che pianse amaramente e disse: babbo, babbo
involiamoci da queste mura, che non ci hanno dato che dei dolori tanto
interni che di fuori!

Sapendo che i miei buoni amici _dell'Ehi! ch'al scusa..._ mi avrebbero
sempre ripreso di nuovo con essi, gettai il manico dietro l'accetta
e accettai i consigli delle mie donne, abbandonando l'ingrata unghia
tacchina e tornando alla mî Bulògna e nel camerone. È vero che sono
senza casa, ma la trovarò; la mî Ergia è feliz, la Lucrezia anche,
dunque mettiamosi tranquilli e speriamo in venti migliori.

Io poi ci scrivo tutto questo perchè am indspiasrè che i signori dla
_Gazzètta d'Ùngia ed Toch_[20] dovessero menarsi il vanto di dire che
sono essi che mi hanno tronizato, perchè non è vero. Si persuadino
pure che non mi hanno fatto nè caldo nè freddo. Quel suo organo l'era
propri sèinza cann... e se i consir non venivano alle sedute, che tanti
volt ho dovuto deliberare io e l'Ergia che fava da segretario, se non
si pagano le imposte, che giustamente dicano che non le hanno nelle
sue finestre, se gli impiegati comunali in van mai all'uffezzi, se il
dazio delle bestie viene mangiato dai cristiani, questo è usanza del
paiese, e brisa frut di quel giornaletto, che mi fava compassione e
nient'altro.

Am sòn artirà, l'è vèira, ma pr' èl frèdd, pel nervino dell'Ergia,
per la mancanza di mezzi, ma non perchè abbia avuto pavura di quegli
attacchi poverili.

Torno dunque fra voi a fare il vomo pubblico, ben felice di non essere
più al potere che tanti disicanni e amarezze mi ha procurato.

Tersuà a lòur sgnòuri.

                               Dall'_Ehi! ch'al scusa..._, 3 marzo 1888.



GIURÌ PEL VINO (ESPOSIZIONE DI BOLOGNA 1888)


E natoralmente acetai, trattandosi di vino. Dichino pure la verità, non
avrebbero acetato anche loro nei miei pagni?

La lettra la dseva: «Lei è invitato a far parte del giurì che deve
giudicare sulla bontà delle bevande vinose, alcovoliche ed arti
affini».

Non so comme quei signori del comitato âven savò che nella bevanda
non mi tiro indietro, ma po che sia compatente in materia, questo non
potrei giurarlo. Sicuro che se uno mi presenta ex abruto un bicchiere
esclamando: È nero o bianco? Ci rispondo di sì o di no conforme il
caso. Basta, è stata una prova di stimma e li ringrazio tanto.

L'altro giorno abbiamo avuto la seduta preparatoria e abbiamo parlato a
lungo sòuvra ai biron, che ve ne sono di diverse dimensioni e io dissi
una materiolina che fu piaciuta dagli intervenuti; a fazz a degh: Sti
biron, che siano mo parenti dèl famòus lord Biron, il poveta inglese?!
Per me del resto il più bel sistema di birone è quello che passa il
recipiente da parte a parte e, con una caveccia, si assicura dall'altra
banda.

Poi pasasimo a oservare i bovinelli e le salvavine, che fanno parte
delle arti affini perchè sono l'agnello di congiunzione, comme diceva
giustamente un giurì che mi era vicino, fra il liquido esteriore e il
recipiente, che va dalla zucca dell'acqua rinfrescativa sino a delle
botti accosì grandi che cè fino l'uscio per andarci dentro. Anzi io
feci l'osservazione dell'inconveniente di uno ch' se dscurdass l'ùss
avert quando cè il vino dentro, e si prese nota per fare l'abiezione
al fabricatore. Io ci misi dentro la testa e non vedendoci perchè
era buio, esclamai: botte da orbi! comme dice l'averbio. Anche questa
riflessione fece efetto e pasasimo ai turacci e bigonzi, tutte cosse
che hanno enologia fra di loro e che dicevano: per sapere l'enologia
bisogna avèir fatt di studi spezial, farmacisti, ma io lo nego,
perchè basta il buvon senso di dire: questo è compagno di questo o si
arvisa... ecco che l'è enologich... l'è tant ciar! com dseva quèl ch'
bveva dèl brod d'ustarì!

Doppo dessimo un'occhiata al pòndghi, ossia sorcie di vetro, quelle
che servano per i travasi che si succhia il vino dalla damigiana per
passarlo in un'altra bottiglia, senza bisogno di prenderla per la
pancia e rivoltarla, che cè il caso che si sfondi mentre il deposito
si dibatte, che è poi per quello che il vino diventa nuvolo e
s'intorbidisce... e quanto si va per berlo o fa le filacce o ha preso
il punto, che è poi per quello che i toscani dicono: non mi piace
_punto_, e hanno ragione.

Dietro le sorcie, si portarono da esaminare quelle altre trombe di
latta e quelle di gottaperca che sono le più comode perchè si possono
portare anch'in bisacca, un bisogno che uno vadi via a pranzo o vogli
bere sèinza tôr sù la butteglia, che ci mette dentro la suva brava
canna e sugge quanto ci pare.

Io proposi il premio e venne approvato alla unanimità di tre voti
contro sette contrari che votarono per la pòndga di vetro comme sopra.

A dir il vero però a cminzipiava averne piene le tasche di tutti questi
assessori, perchè per me quando il vino è buvono e sia mantenuto in
recipienti senza fondo, ossia che non facci il testo nella botte, che
sia poi dentro a un zuccone o a un fiasco, per me è lo stesso.

Ed infatti entrasimo nella stanza dovve c'era una gran tavola tutta
carica di bottiglie, con dei piatti d'olive salate, che è la mia
passione tanto mi piaciono, e diversi inservienti con un casetto di
tirabusoni, che anche quelli erano da sperimentare e cossì dicasi dei
bicchieri che ce n'erano dei grandi e dei piccoli, di quelli verdi per
chi soffre di male agli occhi, degli altri rossi per far credere che
si beve vino anche quando cè l'acqua e per togliere la vista disgustosa
delle mosche che ci cascano dentro.

Dei tirabusoni poi ve ne sono dei graziosissimi. Vi sono quelli che
s'introducono senza romper niente coi busanini nella punta che va a
pescare nel vino e lo fa venir fuori di sopra e doppo si levano via
e si chiude la perforazione con della cera compagna a quella che è
intorno al toraciolo, e pare impossibile che si sia già bevuto.

Quello lì serve per i serventi che vogliono bere i vini navigati, senza
che i padroni se ne accorghino.

Cè quell'altro che si attacca con due catene al soffitto doppo averlo
introdotto nel suvero, poi l'individuo ci si attacca di peso alla
bottiglia e giù, punf!

I più semplici erano quelli pei vini spumanti, che non c'erano, perchè
il turaciolo salta via da sè.

Quando avessimo finito, assegnando il premio a questi ultimi, ci
mettessimo a sedere intorno alla tavola e gli inservienti allòura
si fecero avanti e i messen al col a ognuno dei membri, un cartèl
con nome, cognome e indirizzo per poter sapere poi dov i s'aveven da
purtar, il quale l'ho poi capito doppo, perchè nel momento credetti
fosse uso nelle commissioni, per tenere quell'ordine di dire che uno
non si debba confondersi con un altro.

Il signor Presidente diede il segnale dichiarando che pr'incû, allora
era incû, ma adesso sarebbe un altro giorno, si sarebbero saggiati
quattordici fatta di vino, tutte della stessa famiglia e arti affini.

E per fare il parangone di dire questo è più buvono di quello lì
bisognava, diceva il signor Presidente, berle tutte 14 in una volta
colla divisoria di duve olive cadauna per rimettere il senso palatino
allo stato ormale.

E qui cominciò l'assaggio, e uno che ci piaceva dolce diceva: Come è
buvono! e quell'altro: Buvono! È una melagna, a me piace il vino grosso
di quello che, con rispetto, uccide i vermini ed è stomachevole.

Allora nacquero le diatride perchè dicevano che il giudizio an s'ha
brisa da basar sull'amore del vino, ma sulla qualità; che ve ne
puvò essere del grosso che abbia meno forza di quello che ha l'uno
e l'altro, e cossì per il colore che certuni dicevano il nero non mi
piace, invece un altro non ci piaceva il bianco.

Intanto però o nero o bianco, o grosso o sottile, qui si beveva giù
a cariolino scoperto... e sebbene in origine fossimo stranieri l'uno
per l'altro, fatta cezione per quelli che si conoscevano primma,
cominciassimo a prendersi della confidenza e a dire delle materioline
uno con l'altro, sicchè un signore vicino a me che aveva vuotato tutti
i quattordici bicchieri, mi arrivò all'improvviso uno scopazzone sul
ginnasio che aveva il permesso di tenerlo causa la caduta dei capelli.

A dir la verità am n'indspiasè perchè era un ginnasio quasi nuovo,
lùster col mio sistema, che quanto è unto sino a metà lo faccio ungere
sino in cima, accosì non si capisce più niente; ma il signor Presidente
che fava degli omarini sù int la tavla, bagnand el dida nei bicchieri,
si gettò a ridere comme un mantecato, e disse: Stia tranquillo che un
bel cappello ce lo faccio dare dal Comitato: ne hanno presi tanti!

Io lo ringraziai commosso perchè il vino mi rende tènder d' piccaja, di
attacagnolo, e si seguitò a bere.

Il segretario che doveva fare il verbale della seduta, al s' diverteva
a tirare nel naso agli intervenuti le anime d'oliva, e beveva senza
tener nota del parere che si diceva.

A poch a poch, e bèv e bèv, cominciassimo ad esilerarsi e intonassimo
il coro: _O fosco cielo_, _la notte bruna_... accompagnandosi con i
pugni sulla tavola, che faceva scodociare i bicchieri e le bottiglie.

Gli inservienti, che avevano bevuto a sorci il collo delle bottiglie
che andavano distoppando, si erano esilerati anche loro e ce n'era
uno che arrivava dei copponi al signor Presidente, che si era fatto un
cappello col regolamento della giuria, e cantava a squarzagola.

Un altro si era estratto la uniforme e cossì in busto di maniche diceva
che era Ziotti e giocava al ballone colle bottiglie di vino, insomma
bisogna dire che l'unica etichetta che fosse rimasta, era quella incolà
nel ventre delle medesime.

E qui si seguitava a bere e a mangiare le olive, io a dire proprio
la verità non avevo fatto colazione, perchè credevo che ci fosse lì
— perchè a pinsava che mentre si mangia un boccone si beve il vino, e
cossì ci sembrerà più saporito — laonde nel mio stomaco c'era appena
appena un caffè col latte, senza bagnarci niente dentro, e con èl
stomgh acsè vud, tutto quel vino di diverse qualità più le olive, mi
fece una brutta burla, cioè che mi girava la testa che a pareva sù int
la giostra.

Tùtt j urlaven, sèinza avèir mai fatt j urladur, e insòmma al pareva,
brisa l'ultum dè dèl giudezzi, mo ql'alter sùbit quant dèl giudezzi a
n'i n'è propri più.

E que il giramento seguitava, sicchè mi tenevo duro alla tavola, mentre
gli inservienti favano la corsa dintòuren, e anche loro retribuivano a
far crescere il giramento, sicchè am veins una spezia d'un vèil, di una
trina, dinanz a j ucc' e confesso che non capii più niente.

                   *       *       *       *       *

Dop dû dè am dsdò e mi trovai nel suo letto circondato dalle cure
della famiglia, che mi disse che mi avevano condotto a casa cargà int
un fiacher, assistito da due inservienti che dissero d'avèirum truvà
int la mùccia, ch' s'era furmà sotto la tavola in unione al signor
Presidente, e fortuna che ci erano i cartellini colle annotazioni,
altrimenti chissà dove andavamo a finire. Mi dicano quelle donne che
stettero in pena perchè a pareva un zoch e ci toccò perfino di estrarmi
le scarpe, con rispetto dei lettori gentilissimi; sicchè si temeva d'un
colpo popletico.

Ma poi si consolarono quant am mess a cantar: _Eri tu che bagnavi
quell'angolo_...

Domani si aduniamo per dare il voto, non ai bicchieri, ma proprio a
quelli che sono già stati stabiliti di darcelo, dovve non si sa, ma
pare nel salone dei concerti.

Non ci nascondo che a sòn sbumbanà, mi fanno male le ossa, ho la bocca
che sembra un pantano. Ma cossa sarà stato? Èl sgner duttòur dice che
fossero le olive che ci hanno fatto male, ma me a ritein invezi che sia
stato quel po' di vino a stomaco vuvoto.

Basta all'avèin scappà, l'abbiamo fuggita, e sia ringraziato il cielo.

Tersuà a lòur sgnòuri.

           Dall'_Ehi! ch'al scusa... all'Esposizione_, 4 settembre 1888.



DALLE RIVE DEL GOLISEO

(ÈL SGNER PIREIN A RÒMMA)



IMPRESIONI ROMANE


                                                 _Romma 23 giugno 1889._

... Chi lo avrebbe detto l'anno pasato che io ero a Bologna senza
nessuna edea di dire vado via, e invece quest'anno che sono qui
all'ombra del goliseo, comme dicano, ma che non è micca vero, perchè
invece cè un sole che si cuciscono le ova in bisacca, a quelli che le
avessero ben inteso.

La Lucrezia poveretta da para suva, si climatiza abastanza, non accosì
l'Ergia, che ha sempre l'agitazione di dire che passano gli anni e
sono sempre qui, e quanto poi sente che qualche signorina si è fatta
alla sposa, colle compartecipazioni tutte indorate a diversi colori,
ci torna la tosse nervina, che il professore dice che non è niente e
ci ordina la noce vomica, e non ha micca tuti i torti perchè si diventa
anzianete condanate a stare collo scaldino vicino al fuvoco comme quel
cane che va a dormire sul casonzino dalla legna da bruciare con dei
gnicchi che pare un omarino vero.

Non ci starò a descrivere le belezze della città dei Cesari Lugli[21]
che lo vedo sempre che fa il calegino e il giovinotto perchè già lui
le conosce che vi sono dei marmori e delle stoccature che le danno
anche qui che bisogna provare per crederlo. Quando si va dentro si
dice: è tutto qui? Ma poi basta misurare gli spargolini dall'acqua
santa per dire che strazz d'una cisa, che cencio di una chiesa! Quando
si viene fuvori i duve fontanoni che primma si vedevano davanti si
vedano didietro che fanno l'acqua polverizata e cossì quelli che per
la meraviglia restano a bocca aperta fanno le nalazioni a gratis e nel
mezo cè una punta di macigno con dei gerolifici che sono belli perchè
nessuno li capisce.

Su per la scalinata vi sono dei nidi di ciucciari vomini, donne e
piccolini che diccono che sono lì per beleza perchè sono artistichi
e quanto più sono sporchi, e più di accosì non si potrebbe, tanto più
sono artistichi, e che viene ad essere comme la corconzola, il quale
dicano che con più cè la muffa e i bigattini tanto più è buvona, ma io
primma ci vorrei dare la santonina. Non ci pare?

In quanto alle donne che si veddono, io ci guardo poco perchè la
Lucrezia è celosa, ma sono fatte senza colomia e i neonati posono dire:
va là mònd ch'a t'ho gudò, perchè sembrano proprio i macamondi di dire
questa è l'Africa e questa è l'America, quella che lì la via lattea e
via discorrendo.

I mezzi di trasporto sono infiniti e gli omnis che per tre soldi vi
conducano a spaso per delle mezze ore intere, siccome si va su e giù,
così ora vi sono quattro cavalli, ora tre, ora duve e ora si potrebbe
fare anche con nessuno, ciovè nelle disese che si andrebbe anche senza
tirare nessuno.

E la cirandola? Che la chiamano accosì per fare dei complimenti, comme
quando si invita a pranzo che si dice vieni a mangiare una suppa e
poi invece vi sono i tortellini e tante buvone piatanze, lo stesso ci
diccono una cirandola, eppoi sono dei più bei fuvochi con un palazzo
fatto a forza di luce che si resta inochiti per venti minuti circa.

Ma io ci vengo a contare delle cosse che lei sa benissimo, mentre èl
scopi di questa lettera era quello di farci tanti auguri di felicità,
prosit, grazie e... tersuà a lòur sgnòuri.

     Da una lettera gentilmente comunicata dalla signora Margherita
   Buldrini vedova Orlandi.



TRASLOCO INFAVSTO!


  _Caro signor Derettore,_

                                                _Romma, 10 maggio 1892_.

Anche che a lui non c'importi, io desidero di dirci che sono infranto,
scoraciato, causa quanto segue.

Comme saprà qui non vi sono i _sanmicheli_ propriamente detti, comme
si usa nella mia cara Bologna dove l'otto maggio squasi tutti i mobili
petroniani fanno una specie di primo suddetto, scendendo nella strada
comme un sol vomo, a zigar sulle barelle, spesso feriti a morte, con el
gamb ròtti o la pelle scuargiata, mentre gli uni saliscano, gli altri
discendano, e spesso ruzzolano giù dalle scale, e i più cattivi sebbèin
che j lighen com è salam, hanno il coraggio ed scapar vî dalla broza,
e spacarsi il cranio sui sassi, comme mi successe una volta con ùn ed
qui Napoleon prem ed zèss che un facchino anarchico, aveva mess a mia
insaputa in zemma al carr, sotto cui, am arcord, ligà una caldareina
che con melanconico dondolìo, secondava i sussulti del veicolo,
rimpiangendo forse l'abbandonato ramponzino nella vecchia cucina, e
spaventata sull'ignoto avvenire.

Bèin, questo stupendo spettacolo: una delle manifestazioni più
simpatiche della intelligenza bolognese che dice: ah! tu cambi
domicilio? ma lo voglio cambiare anch'io e nello stesso giorno...,
accosì non sarà tanto facile trovare i vomini e i veicoli pratici
della partita; e spenderemo un occhio della testa (del resto di occhi,
propriamente detti, non ne ho mai visti che lì!) perchè giustamente,
vogliono quel che vogliono e ricoreremo ai carri coi buvoi rurali, che,
molti esperti a caricare delle canape, non sanno poi mettere su un
canapè e succede non di rado che i metten di spicc' in fònd al carr,
e sòuvra j armari e i cumà, con quale egatombe è facile figurarsi se
si sa la fracilità della cristalleria in genere; bèin, questo stupendo
spettaculo non si puvò gustare nella città dei Cesari... dovve:
_tremendo egheggierà_, comme diceva la Norma presentendo forse lo
scoppio della polveriera[22].

                                   *

Ma turnand a Bulògna, dovve mette lei, sgner Derettòur, l'emozione che
si prova in questa gran giornata, quant a mèzzdè non si sono potute
avere ancora le chiavi del nuovo appartamento, perchè gli aquilini,
si sono bistigiati col padrone di casa, che aveva la strana pretesa
di voler la ratta di fitto e per farci dispetto, si tengono le chiavi
suddette, e la fanno con me, nuovo arrivato, che non ce ne ho nè colpa
nè peccato, come si suol dirsi, costringendomi a tenere il mobilio
imobile sopra il carro, magari sotto la sferza della pioggia, che non
so poi percossa abbiano dato la sferza al sole, mentre mi pare che la
vera sferza l'abbia l'acqua che viene giù che sembrano proprio tanti
curdseini d'arzèint.

D'altronde l'ott ed mazz, che piovi, nevichi o tempesti, an j è rimedi,
bisogna andarsene a spass colle zangatoline famigliari, mostrando a
tutti le proprie miserie, depositandole magari sotto un portico, se non
si potè trovare il buco che vi convenisse, pagando prima, s'intende,
perchè giustamente i proprietari non sanno disgrazie e dicono: una
volta dèinter chi si è visto si è visto!...

Qui a Romma invece che è la capitale del Regno, si cambia casa comme i
Ministeri quando si vuole, talchè nel cuvore della notte, si vedono dei
Sanmicheli... di gente che per non incomodare nessuno se lo fa da sè,
e così procurano al padrone di casa un quarto d'ora o anche 22 minuti
di buon umore, quando la mattina trova sulla scala la chiave di un
quartiere dal quale doveva avere il fitto di duve mesi, perfettamente
vuoto, e senza aver modo di seguire le orme dei pazzarelli che ci
fecero la burla, perchè, natoralmente, avevano dato un nome e cognome
falso comme quasi dicessi j urcein che indossa la mî Ergiola, e d'altra
banda dovve cercarli nella vastità di Romma che si sta dei mesi senza
incontrarsi l'uno coll'altro? Ma l'affare delle picioni scadibili di
mese in mese ha dei vantaggi che una persona d'ingegno può rilevare di
leggieri. Pr'esèimpi, a Bologna si capita in una casa dovve la cocina
ritiene il fummo e nosignore che bisogna stare per un anno a far la
vitta di bucchein ed spomma o di persùtt ed Vignola, mentre qui as tôl
sù arum e bagai e si va dovve ci sia una cocina più ragionevole e che
facci il suvo dovere.

Per questa facilità dei trasporti che si verificano ogni giorno, vi
sono delle società di fattorini pubblici, pratici di smaneggiare il
mobilio, e così anche che lo rompino, si può accomodare facilmente.

                   *       *       *       *       *

A me successe che per lo scoppio della polveriera si ruppero i
cristalli della finestra davanti che per fortuna, erano di carta.
Il padrone col pretesto della forza maggiore, non volle saperne di
rimetterceli del suvo e diceva che toccava a me, io invece sostenevo
che toccava a lui, basandum, baciandomi, sul concetto, che lo scoppio
di una polveriera non è cossa che succeda proprio tutti i giorni e che
nessuno poteva prevvedere primma che succedesse, dunque per stretta
locica, comme disse un avvocato che interpellai, doveva pensarci lui...
e lui forse ci pensava, ma un bel pensier non fu mai un lastrone!
comme dissi io per far la materiolina, e doppo che ci fummo presi un
bel mamone per cadauno, io, la Lucrezia e la mî cara Ergia, dormendo
sòul con i tlar che tengono poco, disdissi regolarmente il contratto
e fermai un bel quartierino al primo piano, cominciando dal disopra,
in via: _Testa spaccata_ che, comme sa, rimane vicino a via _Macel
dei Corvi_, nomi di strade che fanno venire la pelle ochina e vi
fanno pensare a duve appendici del _Secolo_ o a duve drammi di Ulisse
Barbieri, invece sono le strade più pacifiche e più... sporche della
vecchia Romma, amess che la Romma giovane sia meno sudicia di quella
che là.

                   *       *       *       *       *

Il quartierino fava al caso nostro e io lo fisai, depositando duve mesi
di picione, e pagando all'esattore incaricato dal padrone, anche il
primo mese anticipato comme si usa. Essendo vuoto, ai pseven andar a
nostro bene placido, ma quel donn, per far le cosse in regola ci volero
andare doppo un mese, cioè quanto cominciava il contratto. Allòura a
tolsen due fattorini con una bèla brozza e combinai il prezzo, più un
fiasco di vino per la suva buona grazia.

Il corteo era accosì composto: dinanz il caretto che uno tirava e
quell'altro spingeva, comme si usa anche fra noi quando non vi sono
asini, mulli o altri quadrupedi, con sopra il nostro mobilio, che
contrariamente all'uso del paese, quel donn j aveven vlò spulvrar,
mentre in generale, qui nei traslochi as porta vî incossa: el tèil
ed ragn, la pòlver alta un dit sù int i armari, e perfino le tende le
tolgono tal quali dalle finestre con i ridò, i fir e i curdon, nigher
comme la fuga, e coi ragnetti ed altre bestioline, che scorazzano
spaventate e spiacenti di dover faticare al nuovo domicilio a
rifabricarsi la tela.

La mî Ergiola invece, contraria alla massima: «Paese che vai usanza
che aritrovi» volle pulir tutto, e volle asistere al caricamento del
caretto che comme dissi, apriva la marcia. Alla destra, a j era me,
cun il Dvomo di Milano, di carta intaliata, dirò accosì, un mio errore
di giovinezza al quale però ho afezione perchè am custò dla fadiga e
otto soldi di gomma, che allora era di quella vera arabica, brisa com
è quella d'adesso che as lècca, as lècca e l'è l'istèss che niente. La
mî Ergia, puvreina, l'aveva in brazz la sô tulètta, coperta se vogliamo
da un burazino il quale lasciava però che si vedessero le forme
dell'oggetto in questione. La mî Lucrezia l'aveva dsfudrà una bursa
ed pèll, che io a dir la verità an j aveva mai vesta, un aricordo di
un suvo fratello morto in Russia congelato con Napoleone il grande, e
ci aveva messo dentro le gioie della famiglia, poche e, per la maggior
parte, matti, pazze, e in brazz da ql'altra banda l'aveva ùn ed qui
bambinein ed zira che sembrano vivi, e che lei tiene caro perchè dice
che assomiglia alla nostra Ergia quant l'era ceina.

                   *       *       *       *       *

Il tragitto dalla casa vecchia alla nuova era lungo e faticoso, èl sòul
al scùttava e propri ed bèl mèzzdè si toccò di traversare la piazza
dei cinquecento, che si chiama accosì perchè non cè mai un'anima. La
Lucrezia avendo le mani ingombre non potette ripararsi coll'ombrellino
da quel sole, che pareva di pasare la zona torbida, comme diccano
i viaggiatori, o quando fummo all'ombra, s'imaginano mo? Il povero
bambino era colato; la testina l'era arstà una balutteina tònda,
che pareva il pomo d'un bastone, e il resto del corpo l'era andà in
consumaziòn sicchè as vdeva èl fil ed fèr dello scheletro a trasparire.
Non ci descrivo la disperazione d' qla povra dona, e la suva rabbia nel
vedere che i fattorini, quella birichinella dell'Ergia ed i passanti,
favano le più grasse risate per quella cera che se l'era fatta di cera,
sotto la cappa del cielo.

Io la rincorai dicendoci che era meglio si fosse disfatto quel bambino
che lì che la nostra cara figliola, e dietro questa giusta ed afettuosa
riflessione non fece più lamenti e decise d'utilizzar la testina, comme
ha fatto, pr'inzirar èl rèif da cuser.

Finalmente giungemmo alla meta e a cminzipiaven a dscargar, quant veins
fora èl purtir, e con modi cortesi, perchè qui la cortesia è all'ordine
del giorno, al fa, al dis:

— Che tu possa morir amazzato! o che ve salta la fantasia de portar qui
sti stracci!

— Stracci?! a fazz me, mo prima di giudicare facci il piacere di
guardar pulito. Sòul ste quader che è di buona mano...

A seinter a dscòrrer di buona mano si fece subito più dolce dicendo:

— Ma che vieni a far qui, sangue delli mortacci tui, che è tutto pieno!

— Tu hai voglia di scherzare, a degh me, tuland fora il mio bravo
contratto di fitto...

E l'amico nel guardarci comincia a macellarsi dalle risa dicendo:

— Quello vale molto! L'è fatto dal sor Pagliacetti, l'esattore che è
scappato col vostro e tanti altri depositi, e il padrone si è messo ad
affittare per conto suvo e qui ora tutto è pieno...

Non ci nascondo che parve proprio che mi venisse un colpo!... ma pensi
alla nostra situvazione?

Scusi bene, sgner Derettòur, cossa avrebbe fatto Lei, con buon
rispetto, nei miei piedi?!

Lo sa lei? no?!... e neppure io!

Tersuà a lòur sgnòuri.

                                  Dall'_È permesso?..._, 15 maggio 1892.



ASSICURAZIONE «LA FONDIARIA»


  _Caressum sgner Derettòur_

                                                _Romma, 25 agosto 1892_.

Io se debbo dire la verità, alla teorì dla strèla, ci avevo sempre
creduto poco, mo a veddere la continva seguela di disgrazie che mi
succedono, succedendosi le une alle altre con una persistenza da mosca
autunnale, ho dovuto convenire che sia nato sotto una stella inversa,
che per quanto facci non riesco a malciparmi.

E senta se non ho ragione di dire accosì.

Ho fatto relazione con un mio compagno d'ufizio, un buvon omarino, che
per sua grazia qualche volta m'invita a bere un bichirott, in casa suva
colla famiglia, e si passa la sera in alegria.

Avevo visto che sul usio della casa sudetta c'era un cartellino di
metallo inchiodato che diceva: _La Fondiaria_, e ci domandai cossa
voleva dire, e lui mi spiegò che era l'assicurazione dei mobili contro
l'incendio che se a lui ci fosse attaccato fuoco, al ciappava duve mila
lire.

L'edea lì per lì mi piacque, poi an i pinsò più; quando l'altro mese,
passand un merquel da Campo dei fiori, che sarebbe la piazzola della
Capitale, mi viene sott'occhio in un banco d'un zavai un cartello
preciso di quello che là... un po' sucido, ma polibile facilmente. Mi
metto in trattative e con 30 centesimi me lo porto via e appena a casa
me lo apigigo sul usio dopo averlo lustrato con del petrolio che stava
benissimo.

L'Ergia era tutta contenta perchè diceva che ci dava dell'aria
signorile, chè quei cartelli che lì, li aveva visti nelle case nobili.

La Lucrezia, che ha sempre avuto pavura del fuoco, al pùnt che quand la
fo musgà da _Tabarein_, un cagnuolo di suva sorella, non ci fu verso
che si volesse lasciare cicatrizzare, l'era tùtta feliz, finalmente
siamo sicuri dagli incendi.

Credete mo alla ficacia di certi rimedi! adèss la va digand!! Sarà
l'affare di 10 giorni fa, anzi era sera, e la mî Ergiola che ha
duve mani più industriose della coda d'un castoro, aveva finito una
portierina per l'usio del salottino, fatta con la tela d'impalaggio,
che ci servì a coinvolgere le poche zangatoline quando si fece il
trasbordo da Bologna alla Capitale, e sopra ci aveva aricamato con del
cotone da calze e cose affini, di color sangue... diciamolo pure, ed
purzèl, d'un effetto straordinario. D'intòuren c'era un melandro fatto
accosì: [Illustrazione: bordo geometrico] e nel mezzo un arlichein con
una gambeina pr'aria, che pareva parlante.

Smaniosa di vedere l'effetto, la salta in pî int la scranna e soleva la
purtireina dicendo: guardate che bellezza!

Non aveva finito il concetto del suvo discorso, che con un pidein
la ciappa còntra a la tavla, il lume a petrolio di vetro s'arbalta
rompendosi propri adoss alla coda della portierina che si trascinava
per terra, le fiamme invadono il melandro e arlichein, la mî ragaza
urlando comme un osesa lascia la preda e cade svenuta fra le braccia di
suva madre che esclamava: Bel preservativo quèl cartlein! Ciarlatani,
incantabess, questo è un incendio bell'e buono!

Lî, puvrètta, aveva inteso male la missione di quella _Fondiaria_,
mo io invece, visto che il fogatino si era circoscritto in mèzz alla
stanzia, e si limitava al tavolino e a una scranna mèzza dscalastrà,
non mi perdetti d'animo e anzi a lassò correr fin che viddi che le
fiamme si facevano alte, e allora con due secchi d'acqua... perchè poi
secchi? a smurzò incossa lasciando intatte le macerie per la verifica,
comme mi aveva insegnato il colega.

L'Ergia, puvreina, per lo spavento, fu presa dal solito delirio e
diceva sempre: Voglio Arlecchino... Arde la Vampa... e tante altre
cosse sconese.

All'atto pratico, io pensava, non dicco che mi diano duve mila lire,
perchè il mobilio che si è bruciato non è molto, mo una buvona sometta
è certo che me la danno, tenuto conto anche che non ho chiamato i
vigili, perchè allòura l'era zert che andava pr'aria lo stabile intero.

Alla mattina appena in ufezzi, conto il fatto al colega che mi
consiglia d'andar subito all'ufizio della _Fondiaria_, a denunciare la
cossa perchè mandino la visita.

Difatti ci corro, e la prima cossa, mi domandano il nome
dell'assicurato: Pietro Sbolenfi a servirli, a fazz me.

— Sbol! sbol! sbol? diceva l'impiegato sfogliando la rubrica.

— Da quanto tempo ha presa l'assicurazione?

— Saranno due settimane a Campo dei fiori...

— A Campo dei fiori? ed ha pagato il premio?

— Premio? nossignore, il prezzo patovito in 30 centesimi.

— Ma lei scherza?

— Scherzo? se viene a casa mia gliela faccio vedere! l'ho attaccata
sopra l'usio...

— Ma quello non significa niente... caro lei!

— E i mobili che mi sono bruciati?

— Eh! non so che farci... e mettendosi a riddere come un pazzo am
piantò lè!!

Io però non mi dò vinto; ed ho deciso di mettere la cossa nelle mani
d'un avucat!

Tersuà a lòur sgnòuri.

                                  Dall'_È permesso?_..., 28 agosto 1892.



AMORE MODERNO


Nel fondo la Fedora, non sarebbe micca cattiva, ma sono i nervi,
puvreina, che la fanno soffrire.

Lui era uno studente, e non esendo pasato all'esame, diede dei pugni al
profesore di genastica, che avendoli presi tutti senza restituirli, si
capì che non aveva capito lo scopo della materia che insegnava ciovè il
pogilato, e lo licenziarono, poveretto, quasi accusato d'apropriazione
indebita.

Lî poverina faceva la grestaia, e leggeva le apendici. Naturalmente
si inamorarono a un Politeama Rappini di Romma... e, si sa bene,
ragazzi che non hanno pratica, vennero a star lì, senza ocuparsi
delle formalità che noi, vecchi del mestiere, faciamo col dire poi: è
contento di sposare, ecc. ecc.

Sulle prime, nualter, non essendo pratici di questo genere d'amore, as
ciapaven pora, la Lucrezia spezialmèint che diceva: — Mo Pierino, che
diavel fani? anca nù a sèin sta spus zuven, mo non abbiamo mai fatto
tant diavleri!

— Eh! allora non usavano i nervi, o a j era sòul quèl dèl sgner pader,
che vi arrivava nella schiena quand an s' zerlava brisa pr' èl drett.

Erano continue scorrerie; scrann ch' vulaven pr'aria; culp ed revolver;
urel; gemiti; rantoli; e, doppo una specie di assopimento generale, si
sentivano venir giù dalle scale: — Questa è vitta! la dseva lî, se tu
mi avessi a tradire colla Tosca, io uccido te, lei e poi me.

E lui ci rispondeva: — Ma tu non sai i deliri dei sensi; la sugestione
dello spirito; la psigolocia di questo fremito che si invade!!

E accosì parlando, lù al sugava èl sangv, ch'i fava un sgranfgnott
sòtta a un occ, e lî zercava ed cruvers èl nas che cominciava a far
l'iride pr'un pogn ricevuto nei momenti in cui l'afetto era al colmo!

Una sira, l'era d'inveren, a vad a cà e nella penombra della scala
am par ed vèdder un'òmbra a seder sui gradini della sucesiva, che
singhiozzava borbottando: — Sei un mostro! eppur t'adoro!!

Fatta l'abitudine alle tenebre, riconosco la Fedora. Si sa, quando si
ha la stofa del gentilvomo, anche che sia lèisa, la si sente sempre e,
faccio, dicco:

— Scusi bene, ha forse perduta la chiave? a star lì accosì si
prenderà un raffredore... se vuvole profittare, il mio tetto è a suva
disposizione...

— Ah signore, se sapesse... non mi vuvol aprire, perchè dice che sono
venuta a casa troppo tardi...

— Oh, si sa, a fagh me, ci vuvol altro, alle volte manca la coincidenza
del trabai: e poi sa, noi vomini, abbiamo dei momenti di cattivo
umore; bisogna compatirci. Guardi io, se per caso ho le scarpe strette,
divento una vipera senza saperlo...

— Caro signore, lei vuvol confortarmi... ma ho l'animo esasperato; il
cuore gonfio; lo spirito affranto... i nervi in convulsione...

— Se vuvole, la Lucrezia ci farà la camomilla, venghi dentro...

— Quanta bontà! quanta gentilezza! E nel dire accosì, poverina, la si
alza su e mi getta le braccia al collo, arstand inschè come la _lingua
di Menelich_ quant a si soppia dèinter.

La Lucrezia che mi sentiva borbotare, la spalanca l'ùss, e non avezza
ai tablò che adèss usano per chiudere i drami della vitta, la fa la
dis: Vècc matt! Pèisa in cà sùbit!

— Mo Lucrezia, non vedi l'infelice che mi spenzola dal collo? Sùbit la
camomella!!

Non avevo finito di pronunciare questa frase accosì calmante, che a
seint trî, quater culp ed revolver e un forsenato che si precipitava
dalle scale.

Lei, poverina, scossa da quel romore, scappa dèinter da no, e lui
comincia naturalmente a darum di cazzut da cunfsiòn. La Lucrezia cerca
di farmi scudo, mo lù al la ciapa per quel piccolo scodaino di capelli
che ancora ci rimane e la getta per terra int èl premm sit. La Fedora,
poverina, pratica della sitovazione, l'era andà a gattamion sòtta al
lètt.

Quello che non fece quel vomo in casa nostra è impossibile
descrivercelo. Ruppe parecchia cristaleria; al spudò int la faza a mî
mujer... e quand l'avè tirà fôra pr' el gamb quella povera martire, e
la vidde livida e contrafatta, si mise a gemere, dicendo:

— Perdonami Fedora... amor mio! mio angelo! mia vitta!!... E tutti
duve seduti per terra con el gamb sòtta al lètt, e la bandinèla dla
querta in tèsta, cominciarono a farsi tanti ziricocchini che, per non
disturbarli, ci dovessimo ritirare, sino a che, facendoci un mondo
di scuse, i saltonn fora tenendosi a braccetto, e ci abraciarono e
baciarono senza distinzione di sesso, al punto che ci dovessimo dire:
— Quando ci favoriscano fanno sempre un piacere.

                                   *

Ma... comme sia stato, non lo so. Quel furibondo è scomparso, e
Fedora fa una vitta più tranquilla; viene, ogni sera, un suvo zio, un
vomo serio, che ha per la nipote tante premure, sicchè lei dice con
la purtinara: — Eh, Palmira, non è meglio accosì? Meno pugni e più
quattrini.

Ed ha ragione. Non sarà amore moderno... anzi sarà affetto antico, ma
la cristaleria non sofre ed i nervi si limitano al puro necesario.

Tersuà a lòur sgnòuri.

                              Dal _Bologna che dorme_, 29 dicembre 1898.



DA UN MSTIR A QL'ALTER


  _Car èl mî sgner Derettòur..._

                                                      _Romma, dicembre._

Sono purtroppo a spasso... Per quello considerata la cossa dal per
d' fora, diremo, non è micca da disprezzarsi, perchè non più tardi di
ieri me ne andai al Pincio con un sole più bello che si poteva veddere,
cossì che qualunque fossi in gavardina, non davo nell'occhio, ma la
peggio era il per di dentro che, non mi vergogno a dirlo, e tanto
per non sentir molto gli stimoli della gola, ho trovato il sistema
che diviso il pane in tre parti, si giuocchiamo a briscola quel po'
di superfluvo che sarebbe il companatico, non essendovene per tutti,
e quello che vince mangia e gli altri duve stanno a veddere che si
divertano una massa comme è natorale.

Del resto la mî Lucrezia, che viene comme me da una buvona famiglia,
ci piace di salvare il decoro degli indumenti, e dice, con ragione,
che gli interiori nessuno li vede; io però mi guardo bene di fermarmi
di sera con la lus elettrica che mi percuota nella schiena perchè ho
timore di trasparire e che si vedda èl mî pover stòmgh poco persuaso
di quel nulla che ci vorrei sgabellare, per dire in classico, per
nutrimento da galantvuomo.

Mo se l'essere a spasso da un lato, comme ho detto, fa bene alla
salute, produce poi il danno delle scarpe che a dire la verità,
purtroppo, hanno le suole con qualche bucanino nella pianta sicchè mi
ci va dentro la polve... il quale sebbene sia polve d'eroi, comme dice
Pavolo nella Francesca t'amo, fa però un brutto sentire, pegio poi
quando, comme mi sucese ieri ci penetra qualche sasolino, che essendo
in compagnia dovevo fare il disinvolto, e ogni volta che deponevo il
piede in terra era uno spasimo; basta quando Dio volse, rimasi solo e
potei estrare il proietile provando grande sollievo. Beati quelli che
vanno a cavallo, a dseva, che almeno anch se j han el scarp ròtti non
soffrono i tormenti dei sassolini, ma io purtrop, non ho neanche quel
vantaggio che lì, e in questa circostanza sarebbe una vera providenza.

Non credda micca signor Derettore che io stia colle mani alla cintola,
comme si suol dirsi, chè fra gli alter coss an la port brisa, la
zengia. Mi sono andato a raccomandare da per tutto — sino in Vaticano,
chè mi avevano detto che c'era morto uno di quelli ch' dan al tèil ed
ragu alla Cappella del Papa, ma avevano già nominato il successore.

Avevo trovato un prenditore del lotto d'andarci il giovedì sera, che
mi dava una mezza lira e un busslott ed sgadezza, ma sventuratamente
capitò un signore che fece una giuocata di terni e quaderne per 14
lire e 75 centesimi e quando ebbe in mano i polizzini, mi disse che
aveva lasciato la borsa dentro ai pantaloni per casa, e che li andava
a prendere. Io natoralmente da persona educata risposi: mo ci pare!
facci pure il suvo comodo!! Ma o che non ritrovasse la borsa, o che
dimenticasse il numero della bottega, il fatto sta che, poveretto, non
si vidde più e chissà che notte d'angustia avrà passato.

Il padrone natoralmente se la prese con me, perchè diceva che non
si fa credito, e non solo non mi diede il mezzofranco pattovito, ma
avrebbe avuto la bella pretesa che pagassi io l'importo, sì, con questi
quattro? E sta a veddere che ci debbo stare davanti io se uno perde la
borsa!

Per fortuna che non cè n'è venuto neppur uno per quel verso!!

E così appena dischiusa una onorifica carriera, il fato viene a
troncarla miserabilmente.

L'altro giorno vedo fuori un avviso di concorso per posti d'allievo
macchinista nella R. Marina e io, spunzecchiato anche dalla Ergia,
che l'edea dell'ocevano ci piaceva per sentirsi, comme diceva lei,
sdondolarsi in braccio ai tridoni, vado e l'impiegato mi dice: Si
tratta di un suvo figlio?!

— Mo che figlio! Io non ne ho, e anche ne avessi non li slancerei in
alto mare senza che avessero la vitta stagionata dall'esperienza!

Questo giovinotto si mise a riddere comme per prendermi in giro; per
fortuna che lì vicino c'era un altro, una persona educata che mi disse:

— È dunque lei che vuole arolarsi?

— Sissignore, io Pietro Sbolenfi.

— E sta bene, ma bisogna che Lei si sottoponga alla visita medica e
m'introdusse in una camera chiamando altri tre o quattro, tutte persone
allegre, e mi ordinò di spoliarmi.

Fortuna che mi ero cambiato di camicia, la mattina, che anzi non
avendone più delle mie, ne avevo una dell'Ergia racorgiata con apposite
bastine sino alla misura ragionevole e ricamata a giorno nella orlatura
superiore colle maniche a balanzino.

Le mie, per quanto le avessi date ad una lavanderia a _vapore_, ci
metteva più tempo delle altre.

Benchè fosse freschino, mi spoliai proprio come un Adamo, se vogliamo,
a scartamento ridotto, perchè sono piuttosto mingolino, e solo chiesi
il permesso di tenere il ginasino per evitare di prendere il rafredore,
il che mi fu accordato ad unanimità.

Intanto quello che disse d'essere il medico cominciò a picchiarmi con
un certo vigore nelle costole, e a contare i paternoster della spina
orsale, dicendo che pareva ne mancasse uno: io l'assicurai che non mi
ricordavo d'averlo mai perduto, e si persuase.

Poi cominciò con di quei metri a cordella a misurarmi la grossezza
e la lunghezza di tutte le membra umane trovandole ora troppo lunghe
ora troppo corte; e dettando i numeri a uno che scriveva, comme fanno
i sarti quando si fa un paltonzino nuovo, cossa che io mi ricordo in
barlume.

Tutto era andato bene, quando sisignore che arrivato, con buon rispetto
al piede sinistro, trova che l'anulare è piegato ad arco da ponte,
e allora io pensai che è poi per quello che sotto ci passa l'acqua,
quando entra nei bucanini, e quindi disse che non potevo essere
ammesso.

Io ci feci notare che per stare in un bastimento...

— Nel bastimento sta bene, sogiunse lui, ma quando si va in terra?!

— Ah, credda signore, che se andassi in terra, troverei la forza di
rialzarmi per il bene inseparabile... ma ad onta della mia eroica
risposta, fui dichiarato inabile per anulare arcuato a schiena di
giumento, e cossì eccomi chiusa da un dito la via ad una brillante
carriera!

                   *       *       *       *       *

Avevo anche trovato d'andar a lèzzer i _Promessi_ _sposi_ a un vecchio
signore russo, sòurd com è una zùcca e che non capiva una parola
d'italiano.

Appènna che am vdeva al s' ficcava int un urèccia un coren che ci
forniva sua moglie, e io ci dovevo urlar dentro un capitolo al dè.

Una di quelle fatiche da rimeterci un polmone, mentre poi l'amigh non
se ne dava per inteso — e il peggio si era, che tanto lui che la suva
signora che non stava mai lì, ma era sempre di là a studiar l'italiano
con dei maestri sempre nuvovi e gioveni, non parlavano del molumento in
una lira per capitolo, non compresa la peste, che essendo il più lungo,
la signora disse che fava un conto a parte.

Finalmèint, spinto proprio dai bisogni più urgenti, finito il capitolo
aggiungo del mio, dèinter int èl coren: «Monsù, escusez bien... mais
arè besoin de bajochs».

Cossa volel vèdder, sgner Derettòur?! Se avess mess una brasa int
l'urèccia a un sumar, non avrebbe fatto il salto che fece quel russo
che lì, e poi mi cominciò a correre dietro per discendere a via di
fatto, mentre nella suva lingua mi diceva di quelle insolenze che ci
dicco la verità se non trovavo l'usio mi poteva accadere di peggio,
però una mi colpì nella testa che giunto a casa dovetti meterci della
carta cencia bagnà int l'acqua, ma la bergnocola ci venne e a purtò èl
nezz premma zall e po ròss e po nèigher che mi disero poi che era la
bandira rùssa.

Cossa dice mo lei che sia stato quel vago felomeno che lì, di quel vomo
che ci aveva già pasato per le orecchie 10 capitoli del Manzoni, senza
che dimostrasse di aver capito niente, e con quelle poche parole del
mio, che ci si sviluppa quèl strazz d'ira da scacciarmi quasi a furore
di popolo comme ci avessi detto più del suvo nomme?!

Natoralmente io non ci ho messo più piede e lui sarà là ad aspettare
la peste, se! cinein, avrai un bel da ziffolare se l'aspetti da me! ed
anche Lucrezia dice che ho ragione.

               Dall'_È permesso?..._, 4 dicembre 1892 e 8 dicembre 1894.



L'AMORE È UN DARDO...


                                               _Romma, 22 gennaio 1899._

Anzitutto li prego di non parlare colla mia buvona Lucrezia di questo
fatarelo, micca per niente, ma alle volte, è un momento a turbare
l'armonia, e loro sanno che tanto una famiglia comme il Liceo Rossini,
non sarebbero completi se an i foss l'armunì.

Sicuro ero lì per Via Nazionale, acosì tanto per far venir sera,
quando veddo una donina, smilza con duve piedi che parevano quelli di
suvo fratello, dei capelli comme la pirùcca di Messalina e la faccia
cosparsa di crusca da sembrare una pagnotta da suldà, e soridendomi
come quèll tèst ed tigra ch'han fora i plizzar, mi si rivolge dicendomi
diverse parole, da cui comprendo ch' l'era una furastira, perchè i
furastir j ein com'è èl mal ed stòmgh; is capéssen dalla lèingua.

— Scusi, a fazz me, ma non ho il bene di capirla... E ricordandomi
i vecchi studi d'inglese, ci sogiungo: _Ai not studerland_, che come
sanno, vuol dire: Non capisco!

Ma lei poverina, diventando rossa e verde com'è un fugh dal bengala,
pareva che non potese star ferma, e finalmente la dice:

— _Vater closet_...

— Ah, ho capito: non _closet_, vuol dire _soda-water_, venga meco, che
la conduco alla farmacia.

Ma lei, ostinata, fava di no colla testa e sempre più si smaniava.

— Si spieghi colla mimica, a fazz me. E ci faccio capire coi gesti, che
se aveva sete si tocase la boca, e via discorrendo: ciovè, tutt'altro
perchè accosì non si parla.

Ma si vede che, oltre non comprendere l'italiano, l'era anch zuccòuna
ed sô fatta, perchè tirand fora un apis, la scriv un 100 còntra la
muraja e me lo indica.

— Ah, finalmente! esclamo io, mi dispiace, ma non ne ho degli spicci;
eh! cambiar cento lire non è micca accosì facile... può provare da un
cambiavalute.

Intanto pasava un altro signore e lei, senza neanche dirmi grazie per
gli schiarimenti datici, va da lui e mi pianta lì; ma ci è stato bene,
perchè lei si vede che cercava il palazo delle Belle Arti, e quèl
sumaròn ci insegnò invece, poveretta, una di quelle che suvonano la
sera i soldati nella piazeta dei Servi, e che è li vicina.

Imbecille! Ma pure, ce lo debbo confesare? Quel breve coloquio intimo
con una signora che, senza dubio, era la figlia della bionda Albione,
mi risvegliò nell'animo una simpatia profonda, poichè compresi quanta
cultura e gentilezza di animo si racchiudevan sòtta a quèl capplein ed
tèila inzirà, nèigra, che ci dava l'aria d'una butteglia incatramà, e
mentre mi parlava, col vivo desiderio di essere capita, si leggeva su
quel viso poch sdazzà, ma sempatich, una lotta interna, da lasciarmi
capire che ci avevo fatto una certa impresione.

Accosì, quasi intratenuto da una forza irresistibile, a stè asptar; ma
si vedde che non c'era subito lì il guardia-portone a dirci che s'era
sbagliata, sicchè tardò un pochino a tornar fuvori, e, vedendomi lì,
diventò nuovamente rossa, e siccome stava chiudendo il catovino degli
spezzati di bronzo, preparò quattro soldi, e pare volesse darli a me,
ma poì si pentì... e sorridendo nel guardarmi la si avviò.

Ed io: dietro! Cossa avrà significato con quella mimica che lì di dire
dei quattro bajocchi? Chi lo conosce il gergo dell'amore per dlà dalla
Mandga?

Che abia voluto farmi veddere che è ricca e puvò accosì far felice il
vomo che la farà suva?

Basta, lei, ogni tanto, si voltava, e finalmente veddo che infila il
giardino del Quirinale e parla con una guardia che è sempre lì, poi si
mette a sedere togliendosi di tasca un giornale del suvo paese...

Io mi metto a fare il ronzinante intorno alla banchina e lei, per non
compromettersi, invez ed guardarum a me, pareva che facese l'ochietto
alla guardia, un piò brùtt rosp, e lui, per ingrazionirsi, fava il
geloso sorveliandomi comme che fosi un sogeto pericoloso. Comme sono
rari i vomini di spirito! com' dseva quèl che guardava una butteglia ed
rusoli fatta con èl bost ed Garibaldi!

Ma la fiama entro di me, incigantiva; l'edea di essere amato da
un cuvore straniero, era accosì nuova e accosì lusinghiera per me,
che senza dar tempo a nesuno di meravigliarsi e dòpp avèir spulvrà
alcune vecchie parole britaniche, mi getto a sedere nella banchina,
esclamando:

— _Vere vell zengu'ju!_

La guardia fa l'atto di prendermi — ma l'angelo mio, perchè in quel
momento era diventata un angelo, si mette a riddere... e ci fa cenno
di lasciarmi stare. Il sentire la propria lingua in terra straniera,
l'aveva comosa — poverina — e per dimostrarmi la sua gratitudine, la
fa, la dis:

— _Yes!_

— A per zio, a fazz me, la voce del cuvore deve essere uguale in tutto
l'universo, perchè i suvoi batiti hanno da per tuto la stesa cadenza...
e accosi tu devi capire il mio amore, sebene non te lo sapia tradure in
inglese. Lei seguitava a riddere e la guardia che capiva l'italiano,
riddeva più di lei... Si capisce! gente materiale che credde che il
feminismo consista fra una serva e quell'altra.

Però vedendo che per quanto quella donna mi amase, non riesciva a
capire quello che dicevo, ci domandai, coi gesti, l'apis con cui
poco primma aveva scritto il misterioso 100, int la muraja, e lei
gentilmente me lo favorì dandomi anche un pezo di carta che aveva in
tasca. Appena mi cinsi a scrivere, tutti mi furono sopra a veddere, e
dei bambini rampicantisi sulle mie genocchia dicevano: Bravo, ci facci
degli omarini!! Stufilà pur vualter, dicevo fra me, io stò lavorando
per la mia felicità, ed infatti presento a lei, poverina, l'opera mia:
un cuvore trapasato da una freccia.

Per disimolare naturalmente la propria pasione, la si mise a riddere
tenendosi le mani dove avrebbe dovuto avere la panzina, ma quegli
ineducati, che mi circondavano, compreso la guardia, cominciano a
fischiarmi e a tirarmi delle breccie contro il ginasio... Oh sta a
veddere che in duve minuti avrebero preteso che dipingesi chissà cossa.

È un lavoro fatto senza pretesa, e che solo lei deve capire ed aprezare.

Ma, non ci fu verso; j urel si favano sempre più forti e i ragazini non
mi lasciavano in pace — talchè essa lasciando cascare, chissà con quale
strazio, quella carta con il mio cuvore, la scappò zò dalla scalinà,
mentre io, fatto eroico dalla potenza del nostro afeto, ingiunsi alla
guardia di farmi largo in mezzo a quel monelismo di dire d'essere fatto
a bersalio dla giarleina municipale.

                   *       *       *       *       *

Sono pasati parecchi giorni — ma per quanto abbia gironzato preso gli
Alberghi e nei fori dovve vanno i forestieri, non mi fu più dato di
vederla, infelice, chissà comme sarà disperata!

Intanto l'unico conforto che mi resti è quello di andare tutte le
matine a basar quèl 100 scrito dalle sue belle manone int la muraja!

Tersuà a lòur sgnòuri.

                               Dal _Bologna che dorme_, 26 gennaio 1899.



ÈL TÈRRAMOT


                                                _Romma, 23 luglio 1899._

— Che cossa è il terremoto?

Èl tèrramot sono i sborborismi della terra, la quale, chissà che diavel
la magna, ci si sviluppa dell'aria nelle viscere e produce qui sù e zò
e quegli scuotimenti, comme succede nelle panzine umane.

Io ero lì sul letto che mi spezavo da solo il pane della sienza, quando
sento il giacilio che pareva volesse malciparsi... Ohe! giudizio,
signorine! a fazz me, ritenendo fosse una sciochezzina di alcune
bestiole, che alle volte, nostro malgrado, alignano int i paiazz, che
è poi per quello che si sente a dire che hanno bruciato il paglione.

Ma mentre facevo questa ipotisi, mi accorgo che anche altri ogeti
apesi alle pareti, parevano scudrinà; tutta la verità mi si afaciò d'un
tratto nella camera oscura dell'intelligenza... Non c'era dubbio: si
trattava del terremoto... e che tèrramot d'un tèrramot!! Mi pareva di
essere sull'altalena.

Intant la Lucrezia palida come il chiaror che vien dagli astri d'or;
con quî quatter splùch drett sù int la tèsta, de parèir una sdareina
fuori d'uso, con j ucc' fora dalla tèsta com è un ranocc' dscurdgà, la
m'ariva int la stanzia urland:

— Ah, Pierino! Pierino! si spalanca la voragine. Salvami!...

È certo che lo scherzo è bello quando è breve, e la sdundlà la
cminzipiava a èsser lùnga... Sicchè visto che non la voleva smettere,
mi decisi a vgnir zò dèl lètt; se lo scopo che si era prefisso era
questo, niente di meglio che livarum, per farlo cessare.

Infatti accossì fu, e la povra Lucrezia, riconoscente d'averci fatto
finire tanto il susultorio che l'ondulatorio, si slanciò fra le mie
braccia, ed io fra le sue che a pareven dòu vit sècchi di un vigneto
abbandonato.

Questo lungo amplesso col contato dei nostri seni, ci rinforzò comme
succede negli accumulatori dei trabai quando toccano il palo di carica
ed io sciogliendo quella specie di nodo gordiano, a fazz:

— Ah, se Dio vol, anch quèsta è fatta!

— Pierino mio, che pavura... ho creduto nel momento di essere io,
che mi venisse un improviso malore... e quando ho capito che era il
taramoto, son corsa da te che sei il mio rifugio... pensando: almeno si
schiaceremo asieme...

— Povra la mî cocca, il tipo vero della fedeltà coniugale di dire, se
si dobiamo strifolare, strifoliamoci asieme, propri io sono come quel
Polione, amante di Norma, che per quanto faccia per liberarsene, lei
ci dice: «_sul rogo isteso che ti divora, sotterra ancora sarò con
te_...». Che strazz d'una fedeltà!!

— E non deve essere accosì l'afeto che non ha confini, com è un Comune
senza cinta daziaria?!

— Sì cara, l'è però una dsgrazia pr'i presentein!

— Chi êni i presentein?...

— Le guardie daziarie... sotto il vecchio regime... e se ci levi la
cinta, cossa j arèsta, puver diavel?... la daga nò ed zert...

Ma mentre noi si giocarellava accosì di spirito per riaversi dal
sacussot, che fava più impressione a pensarci su, di quello che
nel momento culativo; sulle scale del casamento si sentiva un
bacano d'inferno e anche noi, per non parere di volersi mantenere
govisticamente estranei alle sventure cittadine, sortissimo sul
pianerotolo.

Non ci so dire la confusione: vomini in bùst ed mandg; delle signore
in corseto da note aperto davanti e che si facevano un X cole bracia
sul seno per via del pudore; delle serve con la bòcca sporca ed pomdor
pr'avèir pilucato èl cucciar ed l'ùmid; dei pargoli in patajola
per star più freschi; una ragazzeina esterica, tremante com è una
foja, centellinando un bichirein d'alchermes di S. Maria Novella...
l'incombenza inevitabile per chi si reca alla città dei fiori.

Tutti parlavano in una volta, tutti nel rispettivo piano, con la tèsta
vultà in sù com è ch'ai fùss un ballòn pr'aria, o vultà in zò com è
ch'ai fùss cascà èl calzèider in fònd al pòzz.

Tutti, natoralmente cuntaven cossa i staven fagand nel momento della
impazienza celeste, comme ci dirò poi che la spiegava quel fachino.

Sòul due sposini gioveni che stanno al quarto piano, smurt comme duve
pezze lavate, erano talmente imbacuchiti che uno diceva una cossa, uno
un'altra, e fra sti coss non si capiva cossa stavano facendo.

L'Ermenia, la serva dei Brigoli, stava macinando il caffè quant a j è
cascà adoss la scatla dèl lùster ch'era sù per la fuga, fagandi vgnir
èl nas nèigher com è èl Duttòur Balanzòn.

La signora Birilli, una vedovina tutta gas e benzina, apoponas e china
Migone, dice, che era disinta e stava scrivendo un carmine, perchè
si diletta di povesia, quando ha sentito quel affare, nel momento ha
creduto fosse uno stiramento di nervi, poverina, è tanto nervosa, ma
fatta consia della verità si è infilata la vestalia ed è corsa sulle
scale... e dicendo a così lascia vedere una gambina nera con delle
ciabattine già ricamate in lana.

Un socio dello sport fava lo spavaldo dicendo che appena aveva sentito
il terremoto si era messo a cantare: «Celeste Aida».

La portiera dal fondo del abiso, chiedeva se era vero che fra duve ore
sarebbe venuto il contracolpo, perchè, diceva, che la roba che si era
spostata doveva tornare a posto.

Un professore, che sta al mezzanino, che ha in corso di compilazione
una gramatica greca, al punto che la povera suva signora la tein purtar
un fazzulètt ligà com è quant s'ha la flussiòn, per vî 'd ed tgnir
a post el mandebol dal gran sbadacciar, si accinge a spiegare alla
portinaia che cossa sia il felomeno del terremoto...

Allòura molti stanno per ritirarsi nei proprî apartamenti, presi da
quel malesere che fa nascere il ricordo dei tempi felici nella miseria,
quando io dall'altezza del mio quinto piano svincolandomi dalla
Lucrezia che non mi vorebe lasciar parlare, per tema che dichi delle
bazurlonate, a fazz a degh:

— Scusi professore, permete che ce la dicca io la spiegazione del
terremoto comme la dava un fachino della mia città nativa?

— Facci, facci pure, m'arspònd il dotto vomo, arabè perchè ci rubavo il
mestiere.

— Jusfètt dmandava a Pirein: Te ch' t' cgnoss tanti coss, em sat dir,
cuss è èl tèrramot?

— Ai vol poch. Hât vest èl Pader eteren ch' l'ha èl mònd in man con in
zemma una crusteina?! Bèin, ogni tant al cava la cròus e al guarda zò.
Quand al vèdd che a fèin i matt, al dà una scussadeina digand: Ohe!
galantomen, druvà giudezzi!

Un rumagnol che sta al primo piano al fa:

— L'è vèccia più ch'è èl cùcch!

— Mo è bellina...

E i spuslein, el seruv, i padron, el ragazzi, i tusett, eccetera, i
turnonn rinfrancati dèinter in cà a finir le cose lasciate in sospeso.

Per parte mia, ad esser proprio sincero, con loro ormai posso dirci
tutto, un po' di impressione mi è rimasta, ma micca per quelo pasato,
ormai quelo non sdondola più, ma per i casi avenire, col distacamento
dei calcinaci, e le screpolature delle pareti, che si finirà di non
avere la libertà propria e as vivrà in una specie ed capunara com è el
galleinn, e quèst em sècca, com dseva quèl furmèint ch'i mitteven al
sòul.

Tersuà a lòur sgnòuri.

                                 Dal _Bologna che dorme_, 3 agosto 1899.



A CHE GIOVA LA CLOVACA MASSIMA?!


                                               _Romma, 22 ottobre 1899._

Sentino: dacchè sono al mondo, ne ho visti degli acquazzoni, che vien
giù, comme si dice, a gatinelle, ma il diluvio della scorsa settimana
qui a Romma, è rimasto indimenticabile; è proprio stato un diluvio
universale perchè c'era anche l'arca... che veniva dalle rispettive
fogne, comme ci spiegherò in seguito.

Io ero andato fuori per fare il chilo, doppo aver bevuto una tazetta
di caffè surogato, comme ci dicono adesso, e sicome c'era un po' di
nubiferio, la Lucrezia, sempre previdente, la fa la dis:

— Pierino, prendi bene l'ombrelo, non si puvò mai sapere! È un
omberlina che mi capitò non so comme, di quella seta di cotone gloria,
che si chiama accosì perchè quando ci si è sotto si vede il cielo comme
il _gloria in excelsis_ di presèpi.

Io la presi, mai pensando che mi dovesse servire, perchè le nubi
c'erano, ma accosì vagabonde che pareva impossibile si dovessero
combinare fra di loro...

Mi aviai verso il Panteon, e intanto la luce si fava sempre più serale
al punto che un capo scarico, che mi stava davanti, incontrando un
amico, al fa al dis:

— Oh! buona sera!

El j eren el dis e mèzz, e si figurino quindi se non si fecero
le grasse risate... io non potetti a meno di stringerci la mano
esclamando:

— Felice lei che è un vomo di spirito!

Ma non avevo terminato la parola, che mi sento nella coppa una gòzza
granda com è un scud, e po un'altra... e, in tèrra, il marciapiede era
diventato in un momento che al pareva un leopard.

Allora ricorsi al pensiero gentile della mia Lucrezia... aprii cioè
l'umberleina, che ad ogni gòzza ch'j arrivava adoss, non essendo ancora
bussata, la dava un termlutein, e lasciava passare alcuni spruzzetti
sulla faccia, com fava quèl barbir ed campagna, che non avendo il
polverizzatore, al tuleva una bcunà d'acqua e, con molta arte, al la
spudava in fazza all'avintòur.

Quel giovene di spirito intanto, al seguitava a diren ed quèlli da far
redder un par ed scarp novi.

— Se piovesse del vino, non sarebbe meglio?! accidenti! è acqua che
bagna, e simili barzelette.

Intant mi si era arotolato dietro, e siccome i goccioloni che servono
d'esordio alle piovute ben organizzate, si erano convertiti in tanti
cordoncini d'acqua fitti fitti che venivano diagonalmente sulle gambe
per via dello stravento, accosi corsi anch'io, con molti altri, sotto
il portico del Panteon, a quello che ci dicono il pronao, tanto per
rendere dificili anche le cosse più facili.

E il matacchione pure, fu fra quelli che mi seguirono, tanto più che
aveva dimenticato di prendere l'ombrello, un ombrello, comme mi diceva,
di seta e l'ossario di balena e il manico d'avorio con un intaglio
finissimo, rappresentante una battaglia navale.

— Per bacco! a fazz me, vada per la mia, che ha questa testa di cane,
che cè saltato via un occhio, povera bestia, eppoi nell'assieme è uno
straceto; però il suvo servizio lo fa.

E lui mi dice:

— Vede quelle finestre che là all'angolo della Maddalena, dovve cè quel
vaso di prasegoli?

— Benissimo!

— Bene, quella è la mia casa. Se lei mi presta il suo ombrello per
cinque minuti, io vado a prendere il mio, e accosì ci faccio veddere un
capolavoro.

— Mo ben volentieri, ci dicco io, prendi pure io sono al coperto.

Lui mi ringrazia e via di corsa con la mî umberleina, che a vèdderla in
man a un alter l'an me pareva più quèlla, avezzà com a j era a vèdderla
sèimper per dsòtta. Forsi al pruvarè l'istèssa impressiòn èl Papa, se
al s' dezidess a vgnir fora da S. Pir a vèdder la copola che da tant
ann al va vdènd sòul da dsòtta insù.

Mentre correva, si voltava indietro a salutarmi ridendo... e intanto
l'acquazone si era convertito in tale uno squinterno che, non so se
loro siano pratici di Romma, ma che faccino conto che la fontana di
Trevi e quella Pavolina del Gianicolo, el s' fossen vultà a gamb a
l'aria.

In un momento le strade erano rimaste deserte, non si vedeva, fra la
nebbia, che qualche carozela in cerca di naufraghi, traversare a guado
la fiumana che scorreva iruvente, sbocando da ogni viotolo e venendo
verso di noi, perchè, si sa che il Panteon rimane in una bassa.

Quelli che avevano l'ombrello e che sapevano l'idraulica di dire, fra
dieci minuti l'acqua ci arriverà alle ginocchia, preferirono sfidare
l'acqua di sopra, meno danosa di quella disoto, si diedero a saltare,
e delle signorine si favano portare in braccio da dei vomini del
mestiere, dietro equo compenso, sicchè mi pareva di asistere al rato
delle Sabine...

Ma io che favo? Oltre a essere senza ombrello, avevo l'apuntamento con
quel signore della battaglia navale, e non sarebbe stata da gentiluomo
abbandonare il posto. La gente mi diceva:

— Venghi anche lei! Si copri il ginasino col fazzoleto, guardi che
l'acqua crese, dovrà poi usire a nuvoto...

Ma io che so la ducazione li lasciavo dire e col soriso del martire del
dovere aspettavo, sì, non lo nascondo, spinto ancora dalla curiosità di
veddere un capolavoro.

D'altronde si capise che lui non poteva espore un ombrelo di quel
genere, alle intemperie cittadine.

Mo l'acqua cherseva e l'amico non si vedeva! Era già giunta alla
cavcèla... e la gente rifugiata sotto i portoni circostanti, mi urlava:

— Si salvi! si salvi!!

Le chiaviche rigurgitavano: invece di inghiottire, mandavano fuvori, si
vede che avevano lo stomaco guasto!

Allora, ci dicco la verità, provai comme un senso di timore di dire: io
grazie al cielo, non sono una clovaca, e se l'acqua mi vien dentro non
la metto più fuvori!!

A trovarmi poi lì solo, a dar spettacolo, mi sentii mortificato;
diedi un'ultima ochiata a via della Maddalena, per vèdder se vedevo la
mî umbrèla; pensai all'angustia di quel disgraziato che forse stava
smaniandosi fra le braccia della moglie che non lo voleva lasciare
uscire comme Roberto nei _Duve Sergenti_, e levatomi il capellino
che involtai in un giornale di scorta che porto sempre nella taschina
interna del paletò, mesomi in testa il fazoleto, che era rimasto sopra
al livello del mare, mi diedi a fendere le onde con le gambine che
erano coperte di rigurgito sino alle genocchia.

Fu allora che capii come l'arca... entrasse nel diluvio!

Il momento fu terribile! La cittadinanza trepidante assisteva a questa
specie di autosalvatagio... Qualche vocina di donna mi incoraggiava:

— Si facci animo!... Adagio che non si pianti nella fanghiglia.

E tanti altri saggi consigli...

Io sentivo che ero già fuvori dal pronao perchè la pioggia mi colpiva
il fazzoleto che mi ero messo legato sotto alla gola comme le caje
forosete; già il livello dell'acqua intorno a me era calato... quando
la fatalità vuvole che non mi ricordi più che c'era il gradino del
cancello, e patatrach che casco bocconi.

L'urto em fa scappar èl genasi, che si mette a galeggiare sulle
onde... fortuna vuvole che i pompieri arrivati in quel momento
per il salvatagio, mi sollevino e mi portino quasi in trionfo sino
dall'obelisco fra le turbe degli astanti, ed io lieto da un lato,
nel vedermi accosì ben voluto da tanta gente che non conoscevo, mi
adoloravo dall'altro a veddere il mio capellino che si manteneva a gala
dondolando sulle acque, comme succede delle sostanze untuvose, senza
che potessi riabracciarlo...

La pioggia intanto cadeva con più garbo, e la gente si era afolata
intorno a me che ero più bagnato d'un savuiard int una limunà, talchè
il cuvoco della _Rosetta_ che era uscito a veddere lo spettacolo, moso
a pietà del mio stato, mi ricoverò nella suva cucina. Io, nel seguirlo,
diedi una ultima occhiata al mio capellino ch' l'era là che al prillava
tònd su di un gorgo d'acqua che lo avrà assorbito, all'arversa d'un
stupai int èl tirabussòn!

Quel buvon uomo mi mise vicino al fuvoco, e mi lasciò asciugare i
pagni, anzi mi diede i burazi che poi servivano per i piatti, onde mi
pulisi le gambine dalla melma.

Le pietanze cuocevano con un odore delizioso... io avevo già fatto
il chilo... ma lui, natoralmente, non era il patrone... Quando mi
sentii asiuto, andai via a testa nuda, si capisce, non pioveva più, e
d'altronde crederanno che a vada lè a ql'altra porta!

Quand'arrivò a casa, la Lucrezia, al solit, andò sulle furie. Io
la mattina dopo andai in via della Maddalena a zercar quello dalla
battaglia navale, ma lo crederebbero?! non sono riuscito a trovarlo!

Vorrei vedere le pene di quel disgraziato che è costretto a tenere un
ombrello non suvo!!

Tersuà a lòur sgnòuri.

                               Dal _Bologna che dorme_, 26 ottobre 1899.



ÈL SGNER PIREIN FILOSOF



SI FISOFOLEGGIA!


Li prego prima di tutto di non chiedermi ancora notizie sulla
tormentosa pasione in precedenza descritta[23], essendomi già aperto
sino dovve potevo poichè si sa che quando si arriva, diciamo cossì,
alla linea del pudore, bisogna far sosta, più ubidienti del treno
d'Ancona ch'al seint a urlar: Fermo! e lù s'avveja l'istèss.

Lasino dunque che conservi in fondo alle catacombe dell'anima mia
i preziosi avanzi d'una pasione che si cuoce in sè stessa, com è la
panzètta, e incolland in quella tabella d'afisione, che è la faccia del
vomo, l'avviso della gaiezza, pasi a fare il filosofo.

                   *       *       *       *       *

Che cosa è la tomidezza?

La tomidezza l'è la mancanza dèl stupein! Sisignore! il timido sa,
come gli altri, preparare la girandola d'un discorso, il razzo d'una
burletta, lo scopiettio d'una bella dichiarazione di amore, ma in tùtt
sti fugh a j amanca èl stupein, per fari scuppiar, brillar, saltar
pr'aria!

Èl temid al sa benessum com s' fa a dar un stiaff, ma ci manca la molla
che ci facci alzar la mano! Non cè vomo che capisca meglio del timido
l'erovismo ed il coraggio, ma ci manca la forza per essere erove e
coragioso.

Al va da un calzular a cumprar un par ed scarp fatti. Se ne prova un
paio che ci sta dentro due volte.

— Ci vanno queste? Dis l'umarein che ce le ha messe, e ch' l'è anch in
znocc in tèrra.

— Mi sembrano un pochino vantaggiose...

— Proviamo queste altre! E ce le mette con tali sforzi da dvintar ròss
com è un gamber.

— E queste?

— Mi sembrano un tantino strettuccie...

— Ma scusi, non lo sa che la pelle cede? E poi ha delle calze così
grosse... quando le ha tenute un poco, le si adattano... sembrano fatte
su misura...

— Allora va bene... prenderò queste... ma adesso me le vorrei levare...

— Che levare! Ora bisogna le tenga per darvi la forma... Alè, giri!...
su via!...

— Ma cossì, al primmo momento, mi pare mi faccino male...

— Sfido! in confronto di queste due barche... Da chi le ha prese?
Scommetto alla Cooperativa... Conosco le suole di cartone... vuole che
ce le incarti?

— Anzi... ma mi pare che queste mi siano strette... a girare sento uno
spasimo...

— Che bella idea! Non sente che siroco: tutti abbiamo male ai piedi in
questi giorni... Non ha fatto cento passi fuvori dal negozio che non
sente più nulla...

— Allora... scusi se l'ho fatto impazzire, a rivederla.

E brancolando drî a la muraja, arriva ad aferare un omnibus, per
giungere a casa con i sudur fredd per cavars le duve morse che ha nei
piedi e rimettersi le vecchie, dòp avèir fatt, in tla stanzia da per
lù, una scena con èl calzular, dicendo tutto quello che aveva pensato
durante la suva seduta in botega, mo che a j era mancà èl stupein per
farel saltar fora!

La differenza fra il timido e lo stupido sta in questo: che l'uno ha
i fochi ma non ha lo stupino, e l'altro ha questo... ma ci manca il
resto.

Le idee del timido sono paralizzate nelle gambe, nascono, crescono, ma
non escono di casa; oppure sono talmente misantrope, da usire soltanto
quando nessuno le vede. Ed ecco la scena fatta da quèl del scarp
strètti, nella solitudine della propria stanza.

Am arcord una volta che a incuntrò un mî amigh, di quella razza, ch'
l'aveva in tèsta un caplein che ci stava lassù in cima alla testa, che
se ci veniva lo starnuto ai saltava da que a là...

— Cossa è suzzès? a fazz me, ti sei meso il capello di tuvo fratello il
piccolo?

Lui diventa rosso, poi dice:

— Cossa ha di straordinario? È di ultima moda!

— Benone, ma per un altro... Non vedi che non ti sta in testa!...

— El caplar al m'ha dett che andando incontro all'estate, è meglio che
becchi in stretto, perchè si suol farsi tosare a teso...

— Allora hai ragione, caro mio. E accosì dicendo ci astricai la mano
con tanta energia, che èl caplein cascò in terra, non dico con grave
scorno dell'amico, perchè era nubile.

                   *       *       *       *       *

Ma a vrè savèir una cossa.

Perchè mo mi è saltato in mente di dire tante sciocheze su quella
anemia dello spirito che è la tomidezza?

— Ah! forse perchè ieri sera la Clelia, che, poverina, va venendo a
farci compagnia mi domandò:

— Comme va, signor Pierino, che lui mi dà tanta soddizione?

— Ai voi poch a capirel: perchè tu ti senti più asina di me!

La materiolina ci piacque, e seguitò:

— Perchè quand s'ha suddiziòn si suda?

— Perchè ci sentiamo il bisogno di farci piccini, quindi la pèll
s'artira, e sforzando, i pori lassen vgnir fora la parte umida
dell'individuo, com è a striccar èl pimazzol int l'acqua ed rèmel, con
la quale si lavano i panni colorati.

— E com êla che quand a s'ha pora as trèmma?

— Perchè tutte le parti del corpo vrên scappar vî e siccome non lo
possono, perchè sono congatenate, l'animo umano rimane sospeso per
quelle forze che vorrebbero andarsene per suvo conto, comme un pinein
ch' fazza: vòula, vòula, e da lì la termarî.

— E il coraggio?

— Cara mia, tu vuvoi sapere troppo... sòul at dirò che al tempo che si
favano i colmi, io feci questo:

Il colmo del coraggio: Confessare di non averne.

Tersuà a lòur sgnòuri.

                                Dal _Bologna che dorme_, 18 maggio 1899.



PRENDI MARITO!!


Se la ricordano, la Clelia, quella povera ragaza invachita del
granatiere di dire che fava l'amore da sè perchè lui non se ne dava
per inteso, sebbèin lî povra ctà sospirasse com è un suppiadur ch'hava
ròtta la pelle di contorno; e, giacchè ci sono, noto, accosì di
pasagio, comme questo dòp el stû e le cucine a gas, sia diventato uno
strumento fuvori d'uso, e scometo che vi sono i nati della classe 1899
e anche primma che non sanno cossa sia?:

Èl suppiadur, perdonino la degresione, era una specie di polmone
artificiale che tirava il fiato per un bligolino e lo mandava fuvori da
un cannunzein sottoposto, spingendo per aria la cenere; ficcand vî el
bras e facendo ardere il fuoco quand era finè incossa.

Sicura, alla Cleliùzza ci è capitato un buon ragazzo che sta nella
stazione a dir: «Partenza per la linea di Milano, Torino, Genova!» con
una voce robusta, sapendo quelo che dice, brisa da papagal, la quale
ripete ciò che ci insegnano, che se un furastir ci domanda:

— Scusi, è partito il treno di Romma?

   [Illustrazione: L'ERGIA]

Lui ci risponde:

— Quello per la città dei Cesari, va via alle 21 e 30!

Facendo capire accosì coi Cesari, che conosce la storia antica, e con
il 21 e 30 quella moderna.

La paga per ora è pochina, ma i superiori, conoscendolo accosì struvito
ci hanno promesso un avanzamento, e se non ce lo danno dentro l'anno,
per quest'altro è sicuro, e allora passerebbe nell'interno a dire:
«Sortita! Sortita!» con due filetti int èl bertocch.

Lui è solo; suva madre, poveretta, ci morì nel dare alla luce suo
fratello, il padre non lo ha conosciuto di persona essendosi estinto
prima che venisse al mondo; e soltanto l'ha in fotografia, quasi
scomparso, perchè allora non ci facevano i bagni per fermarli, e i
poveretti, nella stagione estiva, se l'aviavano pian piano, lasciando
soltanto j ucc e i cavî ritoccati colla china... che allora non era
neanche Migone.

Ma mentre lui si capisce che ha preso la scufia, lei ha sempre il
pensiero a quel benedetto ufficiale che quando lo vede, la dis che si
sente èl solit calzèider d'acqua frèdda giù per il filone della vitta;
il cuore ch'i dà del zampà int èl pètt, com è un can assrà in cà, e el
gambeini s' pighen com fa quî meter ch'i porten in bisaca j inzgnir.

La dis:

— Signor Pierino mi consigli lei, cossa debbo fare?!

— Fiola cara, a fazz me, non lo sai, che la vitta si divide in duve
parti sostanziali. Quella fantastica, che se la fa e se la dice dentro
al pomo di quel bastonzino che si chiama il vomo, il quale senza
spendere un centesimo si crea delle gioie, delle felicità, dei gavdi
incredibili. Poi viene l'altra parte che l'è quella buvona ciovè le
esigenze fisiche di dire che bisogna formarsi una posizione; e qual'è
cara la mî Cleliùzza, la posizione della donna? Cè poco da eludersi,
se non ne ha del proprio, bisogna accetti quelo del vomo, che ci dice
comoso: Ecco il pane bagnato col sudore della fronte, mangialo per amor
mio e declina il tuo capo, doppo che ti sei liquefatto èl pulptunzein
tratenuto dalle forcinele, su nel cuscino di crine vegetale. Cossa
vuvoi rispondere, ragazza mia, a un galantuvomo che ti offre un par
ed linzû nuv, un po' ruvidi sulle prime, ma che non tarderanno a far
la plùmma; un letto di ferro con degli efeti di luna utgnò con la
madreperla; una spartura in cuseina che puzza d'olio cotto; delle
oleografie rappresentanti «Otello e Amleto» pagabili a duve lire la
settimana; una sveglia ch' salta pr'èl cumà per essere puntuvale
all'uficio e le scranine gialle impagliate a colori. Cossa vuvoi
pretendere di più?!

— Mi è antipatico!

— Oh, è quistione di abitudine, eppoi fino a che lasi atacata al chiodo
cardiaco l'efigie ed quèl capitani che se ne inziffola di te, l'è
inùtil, tutti ti sembreranno brutti, antipatici e che so io. — Ma se ti
muvore tua zia, poveretta, che il cielo te la conservi, com èl pèver èl
mî paltò da inveren, cossa vuvoi fare, disgraziata?!

— La maiestra!

— Ma se non hai la patente! E poi anche che l'avessi, credi che sia
facile trovare il collocamento di dire alla cantonale di Sant'Isaia o
di Azzo Gardino?

Sono obìe, cara la mî ragazzola, il vero mestiere della donna è quello
di essere la madre dei propri figli, artesta egreggia che fa delle
statovine movibili sèinza che ai sia bisògn ed cargarli dedrî; che
diccano papà e mammà sèinza che abbiano nello stomaghino una pivetta o
un urganein. Tu mi dirai: Ma si prova del male! Fiola cara, in tutte
le cosse prima si soffre e poi dopo si sta bene. Quand èl barbir vi
raschia la faccia, av fa vèdder el strèll doppo vi lava coll'acquina
profumata e provate un godimento intellettovale da non dirsi; un
contadino vi schiaccia un piede con tutto il suo peso, e voi provate
uno spasimo atroce, ma quando si decide a cavars la scarpa, provate un
sollievo senza precedenti.

— Ma, questo lo capisco se sposassi il mio ideale...

— Eh, ma non dire delle siocheze! l'ideale è una cossa di lusso, com è
la emicrania e le giaretiere da cinque lire, che io poi vorrei sapere
a cossa serve a spendere tanto, mentre se si ha intenzione di stare
comma si deve, andarè bèin anch un sfurzein... Diccono: ma se tira del
vento?! Eh, cossa vanno a pensare!! Se mai, se le mettino di marzo e
basta.

L'ideale l'è comme la propria ombra, che a si corr drî e non si
ragiunge mai, che ora è lunga, ora è corta, òura l'è dinanz, òura
dedrî, conforme la luce che la proieta, ma per quanto tu facci, resta
sempre sola, e non cè dubbio che tu ci vegga spuntare per mano un
ragazzol che saltella giulivo a caio, conscio che

    Il mondo è una danza
    Corriamo a danzar!

Se aspetti ed magnar dell'ideale in umido, farai la fine di quella
pulce che nacque col pudore di dire di non voler andare dovve vanno le
suve compagne, perchè aveva pavura di stare al buio, e morì d'inedia.

Aldvighein, l'è un ragazz, che puvò arrivare sino a capostazione con
dei filetti di più del tuvo capitano; che ti farà star bene anche
quando sei malata, mentre se prendesi un'altra carriera, se si sta
poco bene spesso, o vi licenzian, o nessuno vi guarda più. Pensa che
ti condurrà all'Arena a sentire la Signora dalle Camelie, in casa tuva
sarai la gran padrona, e se qualche volta per un malinteso ti dovesi
prendere un smataflòn, pasata la burasca, proverai la gioia inefabile
del rapatumarsi: ma solo la parola non ti dà l'edea ed spazzar vî ogni
lordura dalla strada della felicità?!

Va là, va là e fa prèst premma ch'al s' pintessa.

— E se quando sono legata, eternamente legata, dovessi incontrarmi in
quell'essere che è l'anima dell'anima mia?!

— Ma cossa vai a pensare a sti sciucchèzz, bazzurlòuna! Non si sa che
dov magna ùn magna dû!...

Tersuà a lòur sgnòuri.

                                Dal _Bologna che dorme_, 20 luglio 1899.



LO SPIRITO


Non si creddino micca che ci vogli parlare di quello spirito che vende
il signor Musi[24] ed arti affini, chè sarebbe un argomento che al
svapurarè sùbit o che intontirebbe in modo, da sentirsi poi a dir:
«duro!» dai piccoli gentilvomini delle scuvole comunali.

Questo è spirito che si lasia a quelli che vogliono conservare gli
sbagli della natura, il quale si dice poi: «la fe un mòster, un
maestro, e i l'han mess int un vas alla Specola, puvrein, al fa pora!
A sfid, andò a vedere la lanterna magica, che c'erano delle figure
spaventose e lo fece tal quale!».

Se non fosse perchè non voglio che dicchino che ho il vizio d'andar
fuori dal seminario, comme fanno quelli che non vogliono farsi preti,
ci direi degli studi che ho fati sull'influenza delle impressioni
esteriori sulla costruzione del vomo entro le visere materne, ma ne
parleremo un'altra volta e accosì acquistando tempo, non se ne parla
mai più.

Lo spirito che mi intendo io, ed è una grande fortuna, perchè quando
una cossa la capise quello che la dice, può andar superbo nel pensiero
che non morirà incompreso, come favano le erovine dei romanzi di una
volta, estinte dalla languideza o anegate nelle lagrime esteriche delle
lettrici che si sostentavano con el mnestreini d'ov e la tazteina
ed brod..., con la prèisa dèl pèver per incalorire lo stomaghino
sonechioso e imbazurlito per mancanza di lavoro, sicuro, lo spirito in
questione, sebbèin che endson degga nient, è quello che ogni vomo ha
in sè steso, non per la conomia vitale, che allòura as dirè l'anma, ma
quello che adeso, dopo il _Fanfulla_, il _Don Chisiotte_ e gli altri
sfogli umoristici, tutti voliono usare.

Uno dice un'insolenza e quell'altro se la prende, ridendo come un
mato, e questo è un vomo di spirito, com'è di spirito colui la quale
chiedendovi cinque lire in prestito non ve le restituvise più.

E lo strano è che chi volesse far la storia di questo spirito che qui,
atraverso i secoli si vedrebe che una cossa adeso spiritosa, in altri
tempi non lo era o viceversa, se si vuvole cominciare dall'altra parte.

Adeso duve amici s'incontrano e subito: «Addio stupido, imbecile,
cretino!» e ciò non di rado accompagnato da qualche pugno nella
schiena.

Questa specie di saluto, diciamo, alla rovescia, fa sì che il candidato
crede di esere tutto l'oposto, ciovè: spiritoso, svegliato, inteligente
e, meso su questa falsa via, finise per persuadersene e quel ch'è
pegio, se ne persuvadono anche gli altri, ed ecco per lo meno un
Consiliere Comunale, non senza nutrir speme d'arivare a Montecitorio.

Una volta si salutava diversamente o con èl _Salve, Salvete, Salvetote
vos!_ oppure retrocedendo ancora: _Ave Maria gratia plena!_ E le nostre
buvone genti del contado: «Ch' at ciappa un azzidèint! pust arrabir!...
ch'at vegna èl mal zittòn, l'è veint ann che an s' vdeven, boia d'un
Pirètt!!» e buon per il visitatore se an j arriva una sbadilà int la
scheina.

Ma scusino bene: la Lucrezia, micca mia moglie, poveretta, incapace
di far male a una mosca, fosse pure di Milano, mo la Lucrezia, quella
di Golatino che preferisce la cortelata alla macchia del disonore, ci
pare una donna di spirito? La vitta bisogna guardarla nelle suve linee
generali e non col dettaglio di dire marito e moglie, che sarebbero
i posti numerati, nel grande spettacolo della umanità, ma vomo e
dona presi colletivamente colla loro misione moltiplicativa senza
incaselamento enagrafico, lasciati in platea a chi tocca tocca, com è
i pondg e i burdigon, e questo si chiama avere dello spirito evitando
il delitto della cortelata sudeta, mentre poi puvò darsi benissimo
che interpelato il proprietario, avese preferito, diciamo il lapsus...
pasegero, alla perdita definitiva di quel bel pezzo di compagna della
suva assistenza. Ma non si capise che se non cè la colpa manca il
mezzo per la generosità del perdono? E la dolcezza delle lagrime di
pentimento, quando strangussand e detergendosi le nari, si mormora: An
èl farò mai più!

E non erano poveri di spirito quelli che andavano a fare la lotta
collo _Stiancone_ e dicevano: «Ciao Cesare, i muratori ti salutano?!»
e questo per ricordargli di fare la bandiga a quelli che avevano
costruvito il Goloseo?

Lo spirito moderno invezi insegna di conservare l'esistenza nella
lusinga che nella vitta tutta intelettovale che oggi si vive, posa
scaturire una qualche buvona edea, comme la logismografia; far èl vein
sèinza ù e i portafoi di pelle di coccodrillo che si mettono a piangere
doppo che hanno divorato i boni da mille!

L'unica esclamazione che nell'epoca attovale si puvò paragonare al
saluto dei lottatori romani l'è èl mùtel ch' fan el bisti buveini
in via per il macello, che sembra che capischino la non lontana
smazzolata.

Ed eccoci arrivati allo spirito di nuster vicc, uno spirito castigato
com è un ragazzol cattiv, ancora aranzinato par la pora dèl Sant
Ufezzi, e osequente delle Chiavi con la relativa manara, lontano quindi
anche da ogni ilusione politica o scolacciata.

E accosì la bestemmia... pensata, si convertiva sul labro in una
graziosa materiolina:

— Per d...is e dû dòds!

— Sangv ed la M...arscota!

— Per din dirin dòlla!

— Vat fa f...rezzer!

— Ch'at vegna trî trî e quèlla ed còpp.

Augurio questo finamente ironico, pensato, forse in qualche salotto
aristocratico, da un poco fortunato giocator di tresette.

Ma dovve lo spirito degli avoli era più acuto, si da far pensare
al sarcasta signor di Voltère, era nella frase graziosa, sallace,
esilarante...

Per esempio, volendo accennare di andare a casa:

— A vad a casalècc!

O parlando d'un bevitore:

— L'è dla bevrara!

Arrivando:

— A sòn que...nds e ùn sèds!

Cadendo un oggetto:

— Al s'afèirma per tèrra!

Detto questo, che racchiude la scienza di Nevton, colla arguzia di
Budelario:

— A vad a teater a casa Bianchetti; per indicare che si va a letto e
via di questo passo, mentre gli astanti non conoscendo nulla di meglio,
i rideven a crepa pelle, com fa el scarp ed pèll lùstra se si piglia la
zuccata.

Che cossa è l'umorismo?

— Le ghittole dell'intelligenza... e tersuà a lòur sgnòuri.

                                Dal _Bologna che dorme_, 1º giugno 1899.



LA GELOSÌ (FRA ME E UNA SECCATURA)


— Che cossa è la gelosî?

— La gelosî l'è qla gradleina ed lègn ch' sta int el fnèster ch'
guarden sòtta al portgh, comme risponderebbe uno stupido per far dello
spirito.

La gelosî invezi è il colmo del govismo in amore.

Al dice: — Si deve aver fede nella fedeltà della donna che si ama...
— Va benone, mo quando si è struviti e si è sentito il tenore che
canta: «la donna è mobile» e lo dice frulland una scranna, e spesso il
pubblico ne chiede il bis, diciamo bene la verità, anche il vomo più
cieco, l'avrà un uccein in fèssa, per sorvegliare la sitovazione di
dire: ma ho io abbastanza attrative per fermare «la piuma al vento?»

E si guarda nello specchio e ci pare di essere meno bello di un altro
che baziga nei pressi della dona del cuvore, vestito all'ultima moda,
con qualche baiocchino in tasca... e sente che se la fanciulla li mette
sù int la balanza della vitta pratica, lù al va pr'aria fagand vèdder
el bragh arpzà, e ql'alter se ne scende a posare patriarcalmente fra la
mamma che spera assicurato il grostino della vecchiaia e la figlia che
sogna gli sfronzoli, non mai sperabili da quèl boletari!

E ne viene il cozzo della pasione di dire di lui, poverino, che ha la
scufia sul serio; la ragaza che vorebe disfarsene con onore; la madre
che stringendo i freni, e non sonecchiando più nelle lunghe serate
invernali, la spera ed stufar èl ragazz.

Invece succede l'efetto all'incuntrari com è quèl ch' s'era mess el
scarp all'arversa e che cherdand d'andar zò in canteina al s'truvò sù
int èl granar.

Il mosconzino ronzante, eccita viepiù la pasione del fidanzato, che
si sente pungere nello amor proprio, sicchè a quelle donne succede
il fatto di una passareina ciappà con èl vesti che più si dibatte
per scappar, più ci si apicica èl stèch ed granà con la mandleina ed
pulèint.

— Ma quèsta la n'è megga gelosî, è un fondato timore di un rivale
pericoloso.

— Lei dice bene, ma la gelosia, diciamo accosì, per la gelosia, non
esiste, o la diventa una indisposizione fisica, — infatti quel vomo di
cacao e zucchero, che strozò la misera consorte comme un'anadra, ebbe
bisogno di una base: un mogighino, base debole, sisignori, tanto che
una lavandara la poteva perdere, ma pure se non c'era quella pezuola,
le insinovazioni del signor Jago, sbiòssi, sbiòssi non avrebbero
ragiunto la catastrofe racapriciante, riprodotta in oleografia.

E sicom io mi servo spesso e volentieri dei tenori per dar forza alla
filosofia di dire la cossa è accosì perchè è accosì, aggiungerò che
quando Nemorino canta nella _Sonambula_: «Son geloso dell'avra che
spira che ti scherza col crine e col velo». Non si tratta della gelosia
ed cioccolata comme sopra, ma del desiderio di non voler molestato un
oggetto caro, com fa quî ch' teinen el ciav dla porta dèinter int una
burseina ed pèll, e che i porten i ghett perchè i stival non abbiano a
soffrire il freddo.

Cè poi la gelosia che chiamerei: «Perchè la zèint en degga...» che è
forse la più comune, certo la più noiosa.

Èl sgner Carlein è zò vgnò trèi volt int un mèis a fari visita: bisògna
aluntanarel! Jusfein l'ha tolt a teater lo scanno vicino a noi; Pavolo
lo abbiamo incontrato duve volte nello stesso sito — quelli che veddono
diranno che cè la conivenza... e ridderanno alle mie spalle. Sono
certo che lei non ci pensa; posso anche dire che a me comme me, non mi
importerebbe niente... ma an voj che la zèint degga!... Sono mansueto
comme un agnello, mo am indspiasrè ed crèsser!...

— E accosì, secondo lei, la gelosia assoluta?

— Non cè; si tratta sempre di un composto o di un derivato di altre
debolezze umane; di invidia, quando si dice che si è gelosi del bene
altrui; di govismo perchè non si vuvole neanche che il prossimo posi
lo sguardo sull'ogeto del vostro cuvore; di ambizione di poter dire io
solo qui regno; di seticismo perchè non si crede alla saldezza degli
affetti ed alla onestà della dona...

La gelosia insomma, l'è una cossa di lusso, che serpeggia fra quelli
che hanno del tempo da perdere e che fanno la psigolocia. Quant a s'è
tirà int la sèiga tùtt èl dè, e che as va a cà stùff, a s'ha alter
in mèint che vstirs da moro e guardar sòtta al lètt... tant più che
dei fazzoletti non è accosì facile a trovarne... Quel giorno però
che la pisunèinta mett la pùlsa int l'urèccia... vengono in mente i
savi insegnamenti ed Sandròn. Èl mattarèl dalla spoja al dvèinta il
protagonista... Ecco la sola, la vera gelosia, insegnata col sistema
froebeliano...

Ma non ci pare che, acsè, as ciama assrar la stalla quand i bû j ein
scappà?

— Sè, i bû sran scappà, mo a j è arstà la...

Tersuà a lòur sgnòuri.

                                 Dal _Bologna che dorme_, 6 aprile 1899.



LA VITTA COLLETTIVA


Che cossa è la Società?

— Secondo: se la fa i ritratt, si chiama Società fotografica bolognese
con Sandrino Buvongiorgi, che per quanto finga di non saperlo, deve
avere più anni di un altro che sia meno vecchio di lui; se si sentono
delle schiopetate, è la Società del tiro a segno, anche che non
colpiscano nel medesimo; poi cè quella delle levatrici emiliane che
aiuta a nascere; quella della «_pro-scola_» che aiuta a insporcarsi le
mani coll'inchiostro; ql'altra del risveglio cittadino, che potevano
risparmiarsela, perchè non si gode altro che a dormire — meno male la
pro-Via Farini, che almeno uno se ha bisogno d'andar in Strasteven, la
percorre libero, o magari non ci passa perchè ci conviene meglio andare
pr'èl stradlein di Pèpol.

Mo dichino la verità, non ci pare che con questo abuso del pro, si
cominci a sentir la voglia di un po' di contro?!

Se si seguita accosì, èl capèl si chiamerà pro-testa; la stiopa:
pro-caccia e un giurnal, se è noioso: pro-cesso!

Mo cossa vado a tirar fuvori, mentre non ci ha niente a che fare col
mio discorso.

La Società l'è un nucleo di persone che si riunisce per vivere in
consorzio nazionale... tgnand èl cadnaz all'ùss, el fnèster assrà, èl
librètt dla Cassa d'arsparmi arpiattà int èl paiazz — che studia ed far
crèdder ed trattarsla brusand dla carta ùnta int l'òura che ai srè da
far l'arrost; zercand di guadagnare sul prossimo, che non è mica vero
che si ami comme sè stesso, prova ne sia che se un vicino muvore, ci
si va dietro pr'èsser zert ch'an tòurna brisa indrî, mentre ciò non si
farebbe se si trattasse del proprio corteo.

Nel momento del maggior gaudio, dirò sociale, quando per uno spettacolo
tutti accorrono nello stesso posto, ùn pesta i pî al fratello che gli
sta accanto o fa le materioline alla sorella che ci volta le spalle,
e ognuno si arrampica sulle membra del confinante nella speranza di
vedder meglio, e rompendo, non di rado, diverse costole ad un ostinato
che, messo fra lui e il muro, non ci lasciava libero il passo.

Ed ecco la poliambulanza che accomoda le costole al ferito, visto che
ora non ci è più bisogno di adoperarle per fare delle donnine, come il
Signore nel paradiso terrestre.

Certo che il vivere sociale ha dei grandi vantaggi, comme quello che ci
si incontra sulle scale senza dirsi neanche: a rivedersi; ma poi se si
va a domandare un fiamifero perchè i nostri si sono accesi tutti in una
volta, come le lampade eletriche in via Nazionale a Romma, si è sicuri
d'avèir l'usio sul naso; e non parliamo di nasi... perchè a fazz com
è èl fazzulètt di cuntadein che al scappa vî premma ch'j al tojen fora
d'in bisacca!

Lor signori forse dirano che io veddo tutto nero, com è quèl ch'
guardava dèinter int èl calamar; ma invece ci so dire che anch'io veddo
benissimo che ogni dritto ha il suo rovescio. Ed infatti, chi è quello,
per quanto ignorante, che non capisca se ùn al va in là o al vein in
zà?! Anch'io so aprezare i vantaggi della convivenza di tante migliaia
d'anime aglomerate entro la cinta daziaria, che la srè comme dire la
gusia d'un grande melone! Usite di casa e cè il lustrascarpe che ve
le fa diventare uno specchio; il giornalista che vi prepara il vostro
parere sulla sitovazione; èl tabaccar che vi somministra i zigari che
non tirano come i due ucelini atacati al carro di Venere: la quale,
hanno un bel dire che era una donina leggera, ma per tirarla su ce ne
volevano altro che duve!... non ci pare?

Eppure, o su o giù, è un fatto che nel vomo cè l'estinto di andare
dovve ve ne sono degli altri — se un benestante di campagna mette
assieme qualche bajocco, ecco che si sente trasinato verso il centro,
lasia la suva modesta casetta, circondata da latuga e cipolle, con
un'aria pura da non consentir spazio fra il pranzo e la cena, con Turco
che baia alla lòuna e Mascarein ch'al fa el canèl in grembo alla spòusa
vstè ed rigadein, si capisce, lî, megga èl gatt!

Viene in città, a un quinto piano, con del stanzieini, che la moglie
paragona ad un alveare; con disopra il proletario, che ubriaco, nel
cuor della note, bastona la compagna della suva miseria... e quattro
o cinque pezzi d'infanzia abandonata; con disotto alle finestre
il fumo d'uno stabilimento di bagni; con di faccia della gente che
vi fa l'inventario delle zangatole, magari a traverso i muri, e il
Don Giovannino che bombarda colle pupille quel boccon di carne che
sa di sole, dalla virtù incavtelata, perchè nata e cresciuta nella
solitudine.

O incavti! Avete trovato bene il parangone dell'alveare, data
l'angustia delle celle, con la differenza che quelle bestie che lì,
guidate dall'estinto, non sbagliano la strada... ma in zittà a se
sbaglia bus, spèss e vluntira!

E ci dicco la verità, che avendo in casa un poch ed zitrà ed magnes,
un persuttein attaccato al soffitto, una zùcca ed vein, una buttsteina
d'arnica pr'el bergnoquel dei pargoli, è pur sempre bella la solitaria
vitta dei campi da cui deve essere venuto il «campare» cioè vivere con
un occ rivolto alle stelle e ql'alter nel sorriso della famiglia. Se lo
figurano un uomo in questo stato? No? Mi dispiace per la pochezza della
loro imaginativa, invezi l'è una cossa che viene da sè, di raccogliere
ciovè da un lato il sentimento della natura e versarlo da quell'altro
sul seno dei propri cari...

Tersuà a lòur sgnòuri.

                                Dal _Bologna che dorme_, 29 giugno 1899.



LE PARENTESI DELLA VITTA (DA UNA CONFERENZA)


— Che cossa è una parentesi? Dmandava ùn. La parentesi, arspundeva
ql'alter, è un poco di epulone che copre un pezzetto della via del
discorso. Infatti quand una carozza dòp avèir ruzlà sù pr'i sass,
l'arriva in uno spazio coperto dal suddetto per infermità, parla
sommessa e riprende poi il suo tono normale quand la tòurna sù int la
tèrra nuda. La parentesi l'è, insomma, quella cossa di dire che non ha
niente a che fare nè con quello che cè primma, nè con quello che vien
doppo, segregato dal resto da quei duve quarti di luna che si guardan
sempre e non si toccan mai...

La parentesi sembra raffigurata in quelle due pistagnine dorate che
portano di dietro j uffizial ed stat mazzòur, e che potrebbe chiamarsi
la parentesi del... passato remoto; come i favoriti di camarir
potrebbero dirsi: parentesi facciali.

Èl Pavajòn si potrebbe dire una parentesi luminosa, in mèzz a Bologna
al bur, com'è una parentesi orchestrale la pscarì[25] per quant el dòu
ungià non chiudano bene tant dal là di via Rizzoli che da ql'alter,
sicchè la sinfonia si ripercuote sotto il naso dei buvoni petroniani,
poco frequentatori di quel cimitero del tèinch e di ranucc pscà int i
masnadur.

                   *       *       *       *       *

Tutto al mondo ha la suva parentesi: el ferrovî j han i tunnel: i fiùm
j han i pont: el zittà j han la cinta daziaria; i quattrein j han la
cassa-forta, j han èl catuein, j han èl buslot d'l'urbein sù int la
porta dla cisa. Èl vein, dalla zada ch'assrava la vegna, al passa int
la castlà, int èl tinazz, int la bòtt, int la butteglia, int èl bicchir
e in bòcca, l'ultima parentesi che per lui si apre e che lo giudica in
_articola mortis_. A j è infenna la parentesi commerciale, ciovè il
fallimento che si apre a richiesta d'un creditore feroce e si chiude
con il cinque per cento, dopo di che il negoziante riprende il suo
traffico comme primma.

E cossì la vitta ha il primmo periodo dell'infanzia che si comincia
col tenere il nasino fra le... parentesi del seno materno e si finisce
con le cinque elementari, dopo essere pasati per la trafila dla fersa,
del busanch e di quella tirania di dire di dovere andar vestiti a modo
degli altri con di bertuch fatt in cà, el calzètt confezionate dalla
nona, i cavî lùngh anch d'estad, magari col relativo scadore, perchè
il papà dice che al s'arvisa a Raffaello; con di pagn, o trop grand
perchè a s'è in crèsser, o trop cein perchè l'ha da far anch st'ann, e
tuttociò spesso condito con l'oli ed merlùzz, el scoppel dei fratelli
maggiori e el srigtà dèl sgner Mèster.

Questa l'è la parentesi che non ha proprio più a che veddere col resto
del periodo, mentre si apre quella più ghignòusa per sè e per gli
altri, ciovè la parentesi del baiocchismo di dire delle aspirazioni
premature e dei fanatismi di pasagio.

Ai più calmi ai vein pr'esèimpi la voja ed lavurar in cartòn, ma
presto passa il furore e la scatla da lavurir, fatta per la mammà,
rimane comme unico ricordo di questa breve parentesi, mentre di pzû
ed cartòn e èl caldarnein da la cola giacciano polverosi sù int èl
granar. Questo esercizio però non riesce del tutto inutile per la
pratica che si acquista nell'arte attaccaticcia, sì da riuscire periti
nell'appiccicare i francobolli sulla corrispondenza. Per altri invece a
j è il passeggero entusiasmo pr'i rintaj in lègn, quei nidi da polvere
fatt colle seghine, diremo, adolescenti, tanto son piccole: di questo
rimangono la curnis dèl ritratt della zia Carlotta, un porta musica
per la Clelia che suvona sul piano: «_Caro nome che il mio cor_» ed
anche questo pasatempo adestra la mano per di lavurir più in grand.
Gli arditi invez, quelli che ci fumma la cavallina, aprono la parentesi
con un prillamèint ed tèsta pr'avezzars a fumar: un nezz sòtta a un occ
pr'un pùgn di contracambio d'un collega liceale e con un scantalufott
alla serva, che gli procura una severa paternale condita da qualche
calcio int'èl _poggiascranna_, per ragione di patria potestà sulla
sudeta fantesca. Questa parentesi si chiude colla licenza da unire, in
seguito, a molte istanze per concorsi a pubblici impieghi, con esito
quasi sempre negativo.

                   *       *       *       *       *

E po ai vein la parentesi marziale, ciovè la chiamata sotto le armi,
ma anche questa nel chiudersi con il congedo, non lascia traccia nella
vitta, non restando, nel ritorno in famiglia, che la giacca da fatica
ed tèila d'Africa da purtar per cà; èl bertoch, privo del numero del
reggimento, pr'el galleinn che preparano il gesso nelle fabbriche in
costruzione ed il foglio del congedo.

La donna, invez, che vive più di tradizioni, non ha che una parentesi
comune che abbraccia, fortonata lei, tutta l'infanzia e la conseguente
crescimonia, chiudentesi con la patente di maestra o con un marito...
ed è qui che si apre l'altra parentesi cioè quando non più attaccata
alle sottane materne comincia a fare di propria iniziativa ed è poi
allora che, per certune, il cuvore, questo affittacamere, cosciente
della propria missione al lassa andar vî èl studèint pr'èl sgner
avvucat, il quale più fortunato del suo predecessore, al trova i linzû
ch' n'han più èl rovd dèl nov, e l'ùss ch'en ziga più int l'avrirel int
la camera ch'al tôl in affett.

Ogniuna di queste simpatie a fior di pelle o sti sbali, com j ciamen
indulgentemente le compagne di sventura, sono tante parentesi che fanno
da sè, non avendo alcun legame fra loro e non lasciando adentellato di
sorta.

Infatti, le amiche nel leggere la vitta di quella che si confidò con
loro, quand el j arriven a questi cambiamenti di aquilini, sèinza
asptar j 8 ed mazz, se li sussurrano all'orecchio, facendo accosì una
parentesi crudele in mezzo al discorso a voce alta, narrante la vitta
di figlia, di sposa e magari di madre, percorsa sulla via maestra
sèinza scappuzzar int èl pulòn. E tutti questi fatti, che hanno un
principio ed una fine determinanti, sono indipendenti dalla parentesi
madre, quella ciovè che segrega ciascun individuo dal discorso
collettivo e che si apre col primo vagito e si chiude con l'ultum
scarabaccein. Sotto di essa però scorre un filo di continuità, sul
quale si alternano da capo a fondo le duve forze elettriche: ùna ch'
fa andar èl tram della esistenza, l'altra ch' tein impià la lampada
dell'intelletto: _l'amore_ e il _sentimento_. Se su questo filo si apre
una parentesi, la corrente cessa e si diviene o inerti o snaturati.

                   *       *       *       *       *

L'amore l'è quèl ch'av ciappa tùtt e che voi assorbite com è una fètta
ed pan messa int èl vein, sicchè esso rimane intero ed intenso in
tutto voi, cominciando a parlarvi alto, anche che non si sia sordi, ai
primi baci della mamma e cessando coll'ultimo sospiro com è Margherita
Goutier.

Anche questo amore però ha le sue parentesi: le braccia del bimbo al
collo della mamma, le braccia dell'amante al collo dell'amata, con in
lontananza il canto: _addio mia bella addio..._

E così il sentimento non ammette parentesi, esso vibra potente
innanzi ad un splendido tramonto, com me a vèdder la ciozza con i
pulsein; ammira l'arte in tutte le suve manifestazioni dall'_Apollo
di Belvedere_ al figureini ed Santa Luzî, dalla _Divina Commedia_ al
_Casamia_; dalla _Gioconda_ di D'Annunzio al _Bologna che dorme_.

Mo qui minaccio d'andar fuvori d'argomento, com dseva quèl ch' n'aveva
brisa i bajucch pr'èl bigliètt dèl teater. E sanno da che dipende?
Debbano sapere che quando mia madre, poveretta, era incinta di io,
trovandosi in campagna, veniva spesso a Bologna con èl cuntadein che
aveva uno di quei soliti somarini ch'i volten a tùtt i purton, ed io
che mi trovavo in ebolizione, si vede che assorbetti questo vizio, e,
mio malgrado, a vad fora ed carzà, com dseva quèl ch'era cascà int èl
foss, scusino dunque e si torni sulla retta via del vero sentiero.

                   *       *       *       *       *

Lasino perciò, che a avra la parentesi delle parentesi, quèlla dèl
mònd che le _abbraccia tutte_, beato lui, ed ste pover mònd, che ci
sopporta da secoli e che anch adèss ne vede cominciare un altro, sempre
cogli stessi personaggi, cogli stessi venti, le stesse inondazioni;
l'eterna lotta tra Caino ed Abele e fra la _Gazzetta_ e il _Carlino_,
el soliti tajadèl sùtti, la solita storia di chi sale e chi scende
com è el mastèl int una zisterna; questo mondo accosì povero di
Lucrezie e accosì ricco di Lanciotti, costretto a cercare il godimento
intellettovale sòtta al vultòn dèl Pudstà, e di inghiottire gli
sbadigli alla Società del quartetto, è pur sempre la nostra custodia
naturale, com è quella del pussà d'arzèint, che offre un soffice
cuscino agli ospiti che sanno farvi l'impronta.

                   *       *       *       *       *

E questa del mondo è la grande parentesi che ci separa dall'infinito...
l'infinit; una cossa che non ha confine, ve la figurate voi? me nò,
avezzo comme sono a vèdder che incossa finess: dai baiucch in bisacca
ai stradlein murt, ai vicoli defunti.

E qui faccio sosta, com dseva quèl caval che ai vgneva l'arstein, doppo
avervi pregato di considerare questa cicalata, comme la più brutta
parentesi della mia vitta e tersuà a lòur sgnòuri.

(1899)



IL TARNASISMO UMANO


Êl un usèl? Punf, una stiuptà, e zò! Êl un pèss? Se il pescator non
dorme, ecco che al casca int la rèid e quindi passa nel corpo musicale
dla pscarî.

Lui è il padrone del mondo: al dscordga i gatt per far la gulètta dla
plezza; l'attacca i caval al tram per dimustrar comme quattr'oss in
cròus possano trascinare quaranta grassi borghesi; al smazzola i bû
per fars del bistèch; i can al j ajùsta a sô mod taiandi el j urècc e
la cô; al brusa el rugh; al bastòuna i palpastrî; al dà èl tabach al
lusert; al ròmp la teila ai ragn e el scatel al prossum: alle api al fa
da Luvein; el pùls le perseguita perchè el j fan scadòur; el zinzal le
asfissia con i fidibus Zampironi.

Lui è il re, e quindi può tagliar la testa al toro; far castelli in
aria, sciogliere il nodo gordiano, mettere la cuffia del silenzio,
cascare dalle nuvole sèinza fars nient.

Non cè buco in cui non metta il dito.

Cerca il pasato sottoterra, felice di trovare la tieina dovve gli
etruschi si cucivano le ova, e le ossa di bestie più grosse delle
attuvali; o alargando il foro romano per trovarvi delle vestali sèinza
tèsta o il _Lapis niger_, che fa perdere la medesima agli studiosi.

E non è solo il pasato che lo attira, ma anche, diciamo accosì,
l'avenire, ciovè va a cercare le terre sconosciute e adeso ci è venuta
anche la smania di arrivare a veddere dove s'impernia il mondo, che
poi ci vuol poco a figurarselo quando si è visto il globo teracqueo a
scuvola coi suvoi chiodini girovaghi dentro al meridiano.

E questa febbre di tarnasismo di dire: ho la sete del sapere, voglio
mettere il naso da per tutto! lo spinge, questo povero re della natura,
ad entrare anche dovve si direbbe: _È vietato l'ingresso a chi non
è adeto ai lavori_, e accosì se usite di casa con un paio di brache
nuove, non tardate molto a trovare l'amico il quale vi dice:

— Oh che bî pantalon, quant j hât dà?

Se dovesse rispondere il vero dovrebbe dire:

Dati?!... non ancora, ma glie li darò...

Invece per saziare la sete del sapere l'arspònd:

— 25 lire in oro!

E il sole non giunse ancora all'occaso... che tutti gli amici ed quèl
dal bragh novi, sanno che ci costarono 10 lire, poichè per tenere il
prosimo fra gli umili lo si tartassa sempre dal lato delle finanze.

E l'occhio indagatore, avido di scoprire, spinge le ricerche dèinter
dal fnèster; da qui l'inventezza delle tende onde evitare che il mondo
sapia a che ora precisa uno si è mutata la camicia, o ha fatto, con
rispetto, il codiluvio.

Lui è il sovrano; tutto è messo a suva disposizione: taglia le anose
quercie per far di steccadeint; congiunge i mari; cambia il corso ai
fiumi; trafora i monti al punto che èl mònd l'è dvintà una fètta ed
mental; al sèiga èl zervèll a i can per vèdder se i muden ed pensir;
con quèl che al mett fora al fa crèsser quèl ch'ha d'andar dèinter; al
sbraghira dapertùtt; int èl sòul; int el strèl; sott'acqua per coier el
spòngh, èl curaj, el perel.

Va fino a mettere le mani, brutto porcone, nel seno della terra, per
purtari vî l'or, èl fèrr, la sòulfna, coi relativi scioperi. A Vienna
ai veins in mèint ed studiar el bistieini dla fivra zalla, e fa morire
delle povere infermiere... al corr a Oporto a studiar la pèsta, mentre
con un po' di pazienza la poteva avere, magari a domicilio, sèinza
ricorrere al Portogall.

Lui squarta il suvo simile; ai tira fora j intestein; soprime le
superfluità a quelle soferenti di tanti disturbi, inutili per se e
molto noiose per gli altri; radrizza gli stropizzi; al da di pùnt al
cor com è s'al fùss una scarpa ròtta; al trapana èl crani, e al fa
dvintar supran un bass prufònd... s' l'è stùff ed star in tèrra al
va int èl ballòn; s' l'ha cald al va in Svezzera; s' l'ha frèdd al va
sòtta l'equatore, disperandosi poi pr'avèir pers la sô òmbra.

L'ha voja d'acqua, si getta nel Tevere; l'ha voja ed fugh, al s' dà una
stiuptà int la tèsta; l'ha voja ed saltar, al s' fecca zò dal Dom d'
Milan.

È lui il re! Fa nascere, fa vivere, fa morire! Al mett in gabbia dal
grell a l'elefant; al magna dai prugnù ch' fan int el zad, agli averi
delle vedove e dei pupilli; al bèv dal tè ed camamella, all'acido
prussico...

È lui il re...

Mo se l'incòntra dû ucciein che lo afasinano, al piga j usvei e al s'
mett a far caruzzein com è un pipiein ch'ava magnà un'agòccia, cade
in una specie di catalessi, e l'eroe, ucisore di fiere, perforatore di
monti, si lascia menare per il nasino, fanciulleggiando. E Dalila taja
i cavî a Sansòn... ed Ercole s' mett a filar com è la Vèccia d' mèzza
quarèisma...

O uccisore di microbi... perchè non schiacci quelli dell'amore?

Che bèla dmanda!...

Perchè quand i nassen, lù al perd el forz per fari murir... sono essi
che tengono vivo il sburzighlino di dire: vieni fra le mie braccia...
e tersuà a lòur sgnòuri.

                               Dal _Bologna che dorme_, 19 ottobre 1899.



APPENDICE



IL DRAMA DELLA VITTA

OVEROSIA

LA STAMPIGLIA DELL'UMANITÀ


SAGIO DI SIMBOLISMO


PROLOGO

Un'arcòvva con el purtir zò...

(_alcuni strilli_)

ATTO I

Una cmar, un filein ed sèida, una cadinèla d'acqua calda...

(_molti strilli_)

ATTO II

Un signor maestro, di liber strazzà, dla carta inscarabutà, qualche
scopola...

(_qualche strillo_)

ATTO III

Diversi professori, molte sigarette, una porta con sòuvra scrett:

                            DOTT. N. BARUCCO
                             _Consultazioni
                         dalle ore 14 alle 16_

(_uno strillo acutissimo_)

ATTO IV

_Per d' dèinter_: Una panza con sòuvra una sciarpa tricolore; piuttosto
usata; un rigester dov as firma anch quî ch'en san scriver, un ussir
ch'aspetta la manza.

_Per d' fora_: Una carozza ed Mazzètt; di fiur ed Gnudi; dei confetti
ed Viscardi...

(_lo strillo... del vapore_)

E que tòurna da cap la stampeglia, cminzipiand con l'arcòvva, magari
sèinza strilli... e così di seguito.

                   *       *       *       *       *

EPILOGO

Un falegname ch' pianta quatter ciud; alcune parole fra due liste nere
nei giornali cvotidiani; un poch ed tèrra mossa là fora ed Sant'Isî...
e tersuà a lòur sgnòuri.

                                Dal _Bologna che dorme_, 5 gennaio 1899.



LA CONFERENZA DÈL «SUMAREIN DÈL RUSCAROL»


  _Signore e signori_,

Am è d'avvis ed seinter tutto quello che giustamente diranno a vèddrumm
que su questo bergamo, dovve si sono seduti, anch stand in pî, delle
illustrazioni italiane, megga stampà dal sgner Treves, ma proprio vive
e palpitanti d'attualità.

Se loro quindi mi dibattono nel muso la taccia di temerario, io ci dirò
che ne sono più parsuvaso di lui, ma d'altronde io amo la popolarità e
quindi visto che le conferenze hanno preso non solo piede, ma eziandio
la gamba... perchè si parla fino di cosse dell'Alpinismo, che in fondo
poi non c'è niente, perchè se si salisse su di un _monte_ si fanno
tanti squarci, mentre se si va su di un _montone_ che è il superlativo,
nessuno si fa caso, sebbene che ve ne sono tanti...

Ma se sòuvra a un _Dant_ hanno durato a discorrere per dei mesi, e i
dseven che parlavono in un _canto_, mèinter erano nel mezzo del camin
di nostra vitta, che si può tradurre: «in metà dla fuga dla nostra
scheina?».

Non sarà poi da mettermi il bronzo, se anche me sono qui in questa
sala[26] carica di quadri di persone armoniche, che, cun rispètt di lor
signori, chi più chi manch j aran scrett chissà quant azzideint, che
nel gergo musicale sono i diesis, bî mol... in quant ai bî quader non
sarei del suvo parere perchè ve ne sono dei bruttini...

Ma qui non si tratta di fare la storia dell'ambiente, ristorato di
fresco, nè di tutte le cosse che ci si sono fatte dentro, dai congressi
ai saggi, dai concerti, alle volte sconcertati, ai discorsi spesso
più sconcertati di quei concerti, dalla musica detestabile alle
famose mattinate della Società del Quartetto sotto la verga magica dèl
sempatich Mancinelli, ci dicco la verità che per quant a hava còntra la
vesta el sbactà, quanto fosse lui che me le somministrasse le toglierei
volentieri... almanch a srè sicur che anderebbe in tempo!

Ma veniamo al dunque... ch' l'è òura.

A dir la verità sono stato un po' incerto premma ed dezidrum: espormi
al pubblico dall'alto di questo seggio, me, che non ho una felice
comunicazione, e con una pronunzia cossì infelice, che a sussezz...
salciccio... chè da cinein non mi tagliarono il filetto.

Tuttavia pinsand che ci fu uno una volta che fece una conferenza sòuvra
a Sarah Bernardt sèinza avèirla mai sintò, cossa di cui con ragione
lî ciappò cappèl, in modo che li vende Marchesini[27] da San Nicolà
dai Alber che secondo il solito c'è di tutto fuorchè degli alberi,
incoraggiato da quanto sopra, dissi fra io, dscurrand cun quel signore
gentilissimo che è, come si vede nella calce dell'avviso: Dichi bene,
senza complimenti, mi permetterebbe di fare una conferenza? Scusi bene
sa, ma mi è saltato il grillo: — Oh anzi si potrebbe fare a beneficio
della dote del Teatro Comunale.

— Oh come vuole lui, per io sono differente...

— E qual tema?

— Eh sicuro, un po' di pavura l'ho ma...

— Oh, intendo il soggetto...

— È quello che mi tiene in soggezione, cussa volel mai, a star int la
stalla, di suggètt non se ne trovano, tuttavia l'alter dè che tirava
del vento, a vest ruzzlar vî un balocch, un giuocatolo di pelo che
mi era crodato, e a pinsò: se favellassi mo sul pelo?... al srè un
argumèint che si presterebbe per me, che ai stagh in mèzz tùtt l'ann...
e così fu, e mi diedi a tutto asino a studiari sòuvra, quantunque non
sia di stagione, che è caldo.

Ed ora che sapete lo scoppio che qui mi ha strascinato, lassam rusgar
due granelli di biava gentilmente offertami da alcuni ammiratori e
poi entreremo nell'argomento che porta per titolo: _Del pelo nei suoi
rapporti colla natura e colla civiltà_.

  _Signori e signore!_

Io non sono sofistico e quindi non andrò a cercare il pel nell'ovo, nè
mi occuperò di accennare che èl sgner _Raoul_[28], quanto ebbe sentito
il titolo si tastò in testa e sentendo che di pelo ci era piuttosto
scarsezza, esclamò: per me siamo fuori d'argomento... e per parte mia
non creddo di tirarglielo pei capelli.

E qui non crediate micca che a voja andar a perdrum tra i cavî, il
quale volere o non volere è pelo bello e buono, ma la materia non
calza, e pr'un asen l'è una cossa che dispiace, tanto più che non
sarebbe nuova l'edea di dire che la natura si esprime col pelo suddetto
servendosi dei capelli biondi per dimostrare la bontà, la gentilezza,
la povesia che vi trascina, come per esprimere la risolutezza mette
fuori i capelli neri... e viceversa. Ma tutto quello che luce non è
oro, che il vomo ha trovato modo di incannare gli altri sottoponendo
il proprio pelo a dei bagni contro natura, e come da una casa vèccia
si può cavare una casa nova imbiancandla, altri invece agiscono
all'incontrario mettendo il nero sul bianco, senza essere scrittori, e
cossì una signora che la sera era eburnea, la matteina mi salta fuori
con i cavî ross o vird, di modo che non si sa più comme la pensi,
amesso che i cavî siano un segno esteriore del pensamento interno.

Ma non è di questo che qui che dobbiamo occuparsi, le conferenze sui
colori furono compiute e piuttosto am lemit a tuccar i cavî e el barb
nel loro andamento, val a dir quî a spein zervein dèl sgner Ricci[29],
che dimostrano èl desideri che hanno ed penetrar nella storia antica;
qui dèl prof. Ferri[30] che rientrando in loro stessi i pèinsen al
diversi misur di crani e in s' troven brisa sèimper d'accord fra d'
lòur, mèinter la barba dividènds in dòu pùnt, la corr drî ed cuntenuv
agli idei dèl sô padròn èl qual al corr drî alla sô barba; non accenno
a quelli dèl sgner prof. Mattioli[31] che non rispondono all'appello
per assenza giustificata.

Nè si voglia credere che i capelli i sien l'arfiad delle proprie idee,
perchè allòura quî ch'han la pirùcca chissà in che mod i la pinsarenn,
non essendo i veri proprietari della propria capigliatura.

Ma l'è del pelo di noi altre bestie, o cortesi uditori, che vi voglio
intrattenere. En guardadi al mî, che ormai non c'è più, a furia di
vicissitudini che sarebbe lungo l'indicare, ed anche, non mi vergogno
a dirlo, per età avanzata, che se passano per me debbono passare
anche per gli altri; ma me a voi faruv cgnosser quanta gratitudin
voi dobbiate a coloro il quale vi forniscono il pelo, specialmente le
signore.

Quand tira qui bî zagnoch, cum faressi se an avessi delle pelli di
belve cunzà, condite, che si fanno poi di quelle pelliccie così poco
espansive che el s' teinen incossa dèinter e che vi arrivano fino dai
piedi che parete, o belle uditrici, tante Madonne di Loreto foderate
di pelo? E voi fattori di campagna che venite a Bologna colla goletta
di lepre, come fareste a ripararvi se la medesima si facesse tosare
e andasse dal barbiere come fanno gli vomini che si cavano la barba
se si eccettua quelli che la tengono come il signor prof. Magni[32]
ed il signor Dallanoce[33] il cronichista _in partibus_ della _Stella
d'Italia_?

Come conservereste le vostre manine gentili, o sempatiche uditrici, se
non vi fossero i manicotti di pelo lustro che i paren murî d'anguella o
di quelle altre ch'i paren ed gatt strinà int la scheina, ovverosia di
castracane, e perfino di penna, che allora poi entrando in iscena gli
uccelli io non c'entro più, che i dan di bcutt e non li voglio a mano.

Ci fu un lusignolo che al dè un bcot int un occ a un sumarein mio
amico, il quale poverino al pers l'occ, smarrì l'occhio, e rimase
guerz, cardine, per tutta la vitta.

E al pelo quale espressione dei sentimenti umani non ci avete mai
pensato?

Cussa fa un gatt quanto vede un cane? l'arùffa èl pèil, quel pelo
che è sorgente delle falistre elettriche il quale sfergandel int la
scheina in una camera oscura si vede un luciore che pare una scatola di
fiammiferi.

E in generale tutte le bestie che vanno nella medesima, perchè accecate
dall'ira, si esprimono tutte per mezzo del pelo che si indirizza chi da
una parte chi dall'altra, se si eccettua quelle che non ne hanno, come
le mosche e i ricci porcellini, i quali sono calmi, per conseguenza...
infatti del mòsch arrabè non ne ho mai sentito a dire.

E che èl pèil sia un coifficiente della civiltà, ne sia prova che
dappertùtt lù al j èintra... dèinter int el scarp ed vivagn per
i dilettanti ed busanch... sù int i sach di suldà, dintòuren ai
paltunzein di uffizial ed cavallarî e di altre armi; e poi, ditemi
bene, senza pelo, sarebbe egli possibile lo czar di tutte le Russie?
O gnanch da burla; e questo vi provi che l'è propri il segnacolo
della civiltà... sebbèin che alla Corte di Russia più che Laurati,
prev guadagnar Facchein, quèl dalla canva, perchè dla corda se ne va
consumando!!

Ma ciò non toglie che èl pèil sia l'espressione del lusso e della
ricchezza! Qual è quèl rè di burattein che non abbia la gabbana
guarnita di conino?

Quale quel gran Sultano, per piccolo che sia, che non sia guernito di
pelo?

Quale quel trono che non abbia il suo bravo pelo di ermellino con i su
scudajein nigher?

Qual è quèl bavoll antigh che non abbia sul suo dorso la peluria messa
pr'ingannar gli insetti ch' fan termar l'estat la lana, il quale si
perdono fra quel pelo e non pensano ad entrarvi?

Nè crediate già che il pelo sia un'invenzione moderna, perchè sèinza
andar fenna a Adamo e a Eva, di cui si ignorano le opinioni in
proposito, noi troviamo Assalonne che arèsta impiccà pr'i cavî a un
alber, e questo prova che allòura n'usava nè i pètten nè el strègg;
abbiamo Sansone che aveva la forza nei capelli, e Dalila lo tosò,
scoprendo così l'arte del barbiere; ed infine ci è quel verso che dice:

«Un vecchio bianco per antico pelo» sicchè, se oltre all'esser bianco
l'era anch antico, mittiv in mèint in quali remoti tempi s' perdeva qla
caviara... simile forse a quella ed monsgnòur Gulfir[34], che distratt
cmod l'è, una volta al sustgneva d'èsser tusà alla Fieschi.

  _Signori e signore!_

Qui ha fine il mio dire, e persuaso come sono che vualter an avadi
brisa il cuor col pelo, a sper che avrete compassione di io che per
pruvaruv che l'asen perde il pelo ma non il vizio, am sòn intestardà
di tenere questa conferenza a cui Dio voglia manchi almeno un pelo, a
arvinar la riputaziòn dèl voster

                                                   SUMAREIN DÈL RUSCAROL

                             Dall'_Ehi! ch'al scusa..._, 30 giugno 1882.



ARRIVA LA MADÔNA[35]


— Ecco èl dòppi a S. Pavel... a momenti l'è que... Ergia, vein sù
pr'i pirù di Zelestein, guarda quanta zèint, che fess ch'as fa. Ergia,
bada que, cum t'î distratta... fala finè ed guardar qla schivèzza ed
ql'umarein.

— Mo ch' la staga mo bona... che non guardo a nessuno...

— S' l'è tùtt incû ch' t'en fa che filar... chi êl? me al vrev savèir.

— Mo nessuno...

— Un bolettari ed zert, se al foss un sgnòur an guardarev megga a te
ch' t'î una povra ragazza...

— Insomma, sa che è una bella noia lei con queste storie..

— An importa che a dscurradi in tuscan per dirum del j insulèinz,
che av dagh dû smataflon in bulgnèis... que in mèzz a la strà...
impertinèinta d'una sfazzà!

Perchè l'è stà alle scuole ormali, l'as crèdd d'èsser chissà cossa...
da' n rispettar più sô mader... e po t' vû tor marè con quèl caratter,
pover omen! an vrè gnanch èsser int el sòu zavatt... A ecco i tambur,
ecco la banda... l'è que, l'è que la vèira mader di Dio. Vein pur sù
pr'i pirû, acsè a vdèin benone sèinz'èsser asquizzà.

— Ci sarà poco da vedere.

— Zò! perchè as tratta d'una cossa religiòusa, quand as trattava
d'andar al còurs a fars infarinar, allòura a j era quâl da vèdder...
qui bî baccî ed qui carr... qui grazius... dl'_Ehi! ch'al scusa..._ che
im ficcon una spaluzzà ed zèss propri int èl cappèl che al n'è mai più
andà vî... allòura tùtt andava bèin... Fèinla finè, che a j è que la
prozessiòn. Ecco la banda, j ein quî dal pipî zal.

— Mamma, che dici? Kepì... e non...

— L'è l'istèss, dutturèssa ed santa mader cisa... guarda che fess, tùtt
drî alla banda, in mèzz ai sunadur, sèinza rèigla... guarda i pover
Sabadein armistià alla zèint... guarda èl sgner Luvigien che al s'
saluta... cheini bèin la tèsta, hât pora ed cumprumetter la nubiltà, a
salutar un Sabadein?... _Beata me dicent_... arspònd bèin: Santa _Maria
mater Dei_...

— Ecco dòn Ignente èl fiol dla furnara... Ehi, a degh con te, bada che
se t' seguit a filar con quèl ghignòus... a in fazz ùna del mî... Ecco
l'inno, st'ann al l'ha fatt pader Capanna... almanch che j èl cantassen
adèss! Guarda èl sgner Luvigein Bartolomasi... ch'al coj... quèl lè
in abit, eh! almanch che am vdess... che am darè una Madôna... ohi!
cminzeppia èl clero... ai voi cuntar: dû e dû quatter... Dòn Angiolini,
e dû sî... _ora pro nobis_... arspònd bèin anca te, t'en seint ch'i
disen el tani... _ora pro nobis_... e dû trèintadû... _ora pro nobis_,
Dòn Sberli... _ora pro nobis_... Però! j ein quasi un zintunar...
Bazzurlòuna! Tirar un tremlot perchè i liven èl dòppi ai Zelestein?!
Hât pora che at vegna in tèsta èl campanel?! Ecco i seminari... guarda
èl fiol dla sgnera Sùnta com al dvèinta grand... l'è ùn ed quî della
redità Pallotti... Eh! la vol èsser furtouna... sè, basta, lassèinla
lè... _Santa Maria mater Dei_...

— Ecco i curat; guarda èl noster! sta bèin cmod va... l'è zò èl più
bèl... che bèla stola, al fu èl regal dla rettòura l'ann passà, l'è
un arcam del sòr del Sacro Cuore... Auh! guarda èl guardian, al par un
cavalir.

— Cussa j è in quèl fagott vèird...

— Èl tabar e èl capèl dèl sgner curat... ohi, ohi; al guarda; dè bèin
del j uraziòn...

— Quèl zuvnein la, êl èl curat nov di Zelestein?

— Ah, quèl lè l'è dòn Carpanèl quèl dl'Eternità... lo que, quèl di
Zelestein, an pôl megga gnanch èsser in prozessiòn al n'ha gnanch avò
l'_exequatur_ da Ròmma.

— Cuss'êl po l'exequ...

— L'è èl bòl, che sèinza ed quèl lè, in polen entrar in pussèss...

Ecco èl Capetol ed S. Ptroni... dòn Tunein, quèl ch'ha qla gran vòus...

— Acsè cinein...

— Sè, ohi! cum'êla che an j è brisa monsgnòur Gulfir?!... Puvrètt,
guarda lè monsgnòur Bedetti, un sant omen... a j in vrev dimondi ed qui
lè...

— Ecco S. Pir, dòn Zarri, dòn Uless Parisein...

— È parente del maestro di musica che si veniva a insegnare le arie dei
motivi nelle scuole normali?

— Sô fradèl, e anca lù l'è un brav mèster ed musica... Ecco la Madôna!
Mettet in znocc e pregla ed cor che ti provvedda per l'avvenire, che
ti facci capitare un buon partitino... brisa quèl dsgrazià là... sta
bèin raccolta, _Ave Maria_... Guarda che fadiga ch' fa qui puver prit a
purtarla... _gratia plena_... guarda quanti gioj... _dominus tecum_...
tein zò qui ucc... _tu in mulieribus_... Ecco èl cardinal, guarda che
cô... puvreina, la nostra Madôna, anch per st'ann...

— Chi è quell'altro vicino all'Arcivescovo?...

— L'è èl vèscov Ratta che l'è vescov int'ùn ed qui sit dov j è i gatt
maimon, j omen salvadgh... Ecco tùtt i servitur con el torz... Casa
Bevilacqua, Marselli, Guidott, la Davî cun el solit livrè vèirdi, ecco
i fedeli... ohi! a j è anch la sgnera Claudia con èl sô candlott, eh!
è meglio tardi che mai, puvrètta: una volta l'aveva alter da pinsar
che alla prozessiòn... basta, lassèinla lè che an voi dir mal dèl
prossum... Oh che brùtta prozessiòn prèss'a una volta che a j era èl
senatòur, tùtt i professur d' l'università... e po la trùppa... la
guardia d'unòur ed qui ed Palazz... che i biricchein i la ciamaven po
la guardia tuccheina... a j era anch tô pader...

Seint èl dòppi ed S. Pir... che blèzza, adèss a stèin asptar ch' daga
zò la zèint e po a s' l'avvièin in cisa.

— Oh... voglio andare a spasso...

— Ergia, en me seccar... a mumenti cun quèl tstimoni lè impalà, a la
finess me... Andèin vein vî...

— Ma non l'abbiam già pregata la Madonna?

— Sè pulidein... ch' t'êr sèimper distratta... e po t' m'ha sèimper
fatt ciaccarar che a n'ho dett niente pr'èl drett, vein pur vî
gaiarda...

Eccoci, avsein a San Pir, seint te che sgumbei!

— _Povr'urbein, sgnòura_...

— A n'ho nient, puvrètt...

— _La Madôna e l'uraziòn, la panira e tùtt pr'un bagaròn_...

— Ohi! Valeri...[36]

— _Èl pover stroppi... quaranta al baiocch el caramèl... frische e
bona... gelata frische_...

— Che tèsta ch'i fan vgnir...

Seint Ergia che bèl dòppi, al dà consulaziòn!

_Bel, bal, bel, boon!_

                                               LA MUJER DÈL SGNER PIREIN



ME PTÈIGLA?![37] (MONOLOGO... IN DÛ PERSUNAGG)


     _Una stanzia mudèsta — Tavla peina d' lavurir — La sgnera
   Marieina a seder avsein a la tavla con èl scaldein sòtta al
   grimbal. Una scranna vuda indrett a lî dov as figura sia a seder
   la sgnera Neina._

MARIEINA. — ... Ah, che piasèir ch' l'ha m'ha fatt, la mî sgnera
Neina... l'era un gran pèzz ch'an s'êren vesti...

NEINA. — . . . . . . .

MAR. — Eh puvrètta, al so me ch' l'ha poch tèimp. E la sô Clelia com
vâla?

NEINA. — . . . . . . .

MAR. — Oh guarda! Puvrèina, acsè bleina!... Mo la vdrà che con la bona
stasòn la guarirà dèl tùtt. Sâla chi sta mal? la Viola.

NEINA. — . . . . . . .

MAR. — Sicura, benessum, la fiola dla sgnera Catareina...

NEINA. — . . . . . . .

MAR. — Com disla?

NEINA. — . . . . . . .

MAR. — Nò, nò, ed quèl lè la guarè. Adèss as tratta d'un mal ai polmon
— speriamo nella gioventù! Quèl ragazz ch'j andava, al n'i va più...

NEINA. — . . . . . . .

MAR. — Sicuro, as capeva ch' l'era un scalda-scrann, mo qla sô mader
per la smania ed maridarla l'avra l'ùss a tùtt...

NEINA. — . . . . . . .

MAR. — Bravo, la m'ha tolt la parola d'in bòcca... chissà che la causa
dèl mal non sia il matrimonio andato a monte... Viva la mî fazza che
d'omen an n'ho mai vlo savèir...

NEINA. — . . . . . . .

MAR. — Com disla? sè, sè, Aristide, una cossa prinzipià e finè, zert
ch'al srêv sta un bòn partè — mo quand a vèdd quèsta que indrett: la
Farnesi...

NEINA. — . . . . . . .

MAR. — L'an la cgnoss brisa?! Eh! l'è in sfròmbla tùtt èl dè. — Una
bèla dona — almanch j al disen — al le sa èl duttòur Carini, che al
la va a curar anch quand la sta bèin — acsè a j ho sintò dir, perchè
me a viv tra stel quatter muraj e an me cur di fatt di alter... hâla
abastanza fugh int èl scaldein... a j è que la palteina (_la tôl da la
tavla una palètta e l'armèsda èl sô scaldein_) l'an fazza cumplimeint!
l'è zindrein dèl furnar que zò... quèl ch'i disen che al mett la pòlver
ed marum tra 'l pan perchè ch'al pèisa... mo zò chi dess mèint al mali
lèingv... a fazz bèin me a badar ai prassû dla mî stanèla... Ah, la
redd, sgnera Neina, mo al n'è vèira?... Dònca, turnand alla Farnesi, sô
marè l'è minester int la drugarî dla semmia, e sebbèin ch' l'ava una
pagteina appènna, appènna, al fa un lusso che bisògna vèdder — scusum
cassètta se at dagh una strètta.

NEINA. — . . . . . . .

MAR. — Sicura, propri quèl bèl girungein, che al par un suspir ed Santa
Bregida, — e po l'ha una ch' sta int'èl Burghètt, una bèla ragazza, che
al la manda con tùtti el premmi mod, e se an bastass a j è el seruv che
an li lassa viver...

NEINA. — . . . . . . .

MAR. — Mo zò, in ein mai cunteint, l'alter dè a j era giùst tra la
grella, megga per star a sbraghirar, mo per ciappar un poch d'aria, e
in quèl mèinter che la sgnòura stava in anticamera col dottor Carini,
perchè soffre del nervoso, èl marè fava èl burdèl con un spaipètt d'una
brusa-pgnatt, ch' l'ai piantò po in s'dû pî, perchè in casa di quei
Principi as magna da magher anch i dè da grass. Gran bèla cosa badar ai
fatt sû, che an s'ha mai nient da dir con endson. A j è i Barletti ch'
stan a l'ùss que indrett, che i troven da litigar con tùtt — e se che
lî spezialmèint, l'arê un bèl da star zetta... l'è la protetta ed dòn
Bergonzi èl caplanein.

NEINA. — . . . . . . .

MAR. — Mo sicura. — Al la vein a cunfsar spèss, perchè, puvrètta,
ci dà fastidio a stare in chiesa. A proposito: êla stà a seinter èl
predicatòur ed San Pir?

NEINA. — . . . . . . .

MAR. — Nò?! ch' l'ai vada! Che brav omen! anch stamateina a in
dscurreva con èl mî cunfsòur, indegnamente, a sòn andà a far un poch ed
bèin...

NEINA. — . . . . . . .

MAR. — Ah, sè, cosa disla mai! una Santa? ai vol alter bèin, insòmma,
lassèinla lè; e am dseva che non ha mai sentito un oratore accosì
eloquente... Bèin dònca, turnand ai Barletti, j han del cuntenvi lit
con i Trivellini ch'i stan d' sòuvra, e me am divert po a seintri da
la fnèstra ed cuseina ch' la dà int l'istèssa court. — La Barletti
la vrè che quî d' sòuvra en s' muvessen mai, l'as figura ch'j han trî
ragazzû, èl più grand, Amonasro, l'ha ott ann, e la sgnera Peppina, la
Trivellini, ch' l'era una lavuranta d'Ambrosi e l'ha truvà èl bòn omen
ch' l'ha spusà, la j in dis ed tùtt i culur, e me am divert e a redd
com è una matta...

NEINA. — . . . . . . .

MAR. — L'incomod? L'incomod l'è stà èl sô, a vgnir sù da stel brùtti
scal, brùtti com è èl sô padròn, che i disen ch' l'ha mess insèm i
bajucch, a tirar i vidî sù per la mura...

NEINA. — . . . . . . .

MAR. — Ch' la staga bèin que un alter puctein...

NEINA. — . . . . . . .

MAR. — Andèin; la n'ha megga i tusett ch'aspètten la tètta... E pur
se tùtt fossen com a sèin nualter, da badar a sè, comme la società
andrebbe bene. Èl predicatòur l'alter dè al trattò, della maldicenza
int un mod che am era vgnò voja ed diri fort: bravo, bravo! t'ha
rasòn!... A proposito, a la predica a vest la Letizia, povra ctà...
l'è int el dsgrazi... almanch am pars ed vèdderla, s' la m'accapess...
Eh! al saveva me che ql'avvucatein non poteva dire sul serio con quèl
pover strafiri ch' l'ha dèl gran fùm ma poch arrost, colla patente da
maestra, sissignore, ma sèinza un bajocch... e lù l'è un zòuven ch' sta
bèin, ed bona famèja e che al farà carrira, sè a degh: l'è stà, lè, lè
per dvintar cunsîr comunal.

NEINA. — . . . . . . .

MAR. — Oh, an la voi tratgnir de più, perchè a star con me, a j è da
sbadacciar... ma d'altronde quant an s'è ptèigli, braghiri e che an s'
vôl dir mal dèl prossum, an s' sa com s' far a tratgnir la zèint...

NEINA. — . . . . . . .

MAR. — Al so benessum che anca lî l'è dla mî razza che an'i pias el
ciaccher, e l'è per quèl che ai vôi bèin...

NEINA. — . . . . . . .

MAR. — Oh, grazia (_si alza_), ch' l'am vegna dònca a truvar prèst, ai
cuntarò el scenn tra i Barletti e i Trivellini, che a j è da murir dal
redder... Trivellini al fa l'usurari e Barletti, i disen ch' l'è sta
dèinter perchè al fava el cambial falsi... (_s'avvia verso la porta
di destra fingendo di tener per mano la sua amica, senza però lasciar
lo scaldino che terrà sempre sotto il grembiule_) mo! anma sô, piccaia
sô... grazia tant dla bèla visita...

NEINA. — . . . . . . .

MAR. — Eh! mo cossa? La m'ha fatt un regal... un vèir regal (_entra e
prosegue a parlare_) a rivederla, tanti saluti alla sô bèla Clelia...
grazie, sè; a rivederla... (_Rumore di una porta che si chiude. Esce
con due scaldini in mano_). Con bèla manira la s' l'avviava con èl
scaldein... Auf! che noja! che strazz d'una lèingva!... puvreina
lî... e dir che con la Sbregoli l'ha dett che me a sòn una ptèigla!
me ptèigla?! e se ch' l'harê un bèl da star zetta. (_Nel frattanto
avrà messo a posto le sedie, messo in terra uno degli scaldini e
venendo avanti coll'altro che mescola e vi soffia per ravvivare il
fuoco_). (_Al pubblico_): Qla Clelia, una brùtta semmia, l'è sô fiola
(_indicando l'uscio da cui figura uscita la Neina_) ma... il padre?
Basta lasciamola lì, che dmatteina a j ho d'andar alla Pasqua!!
(_Via_).



A ME DL'OCA?! (fra Sozera e Nora)


— Me a j degh che da dòp che a sòn al mònd an ho mai sintò a dir che in
tla pgnatta a si metta dla pistinaga...

— E me av degh invezi ch' la si mett... Al m' l'insgnò èl cugh dla
Martinètta, ch' l'era un franzèis... eh, pover Monsù Luis, am l'arcord
com è che al foss adèss, am dseva: comme siete sciolì!!

— Al sra di ann dimondi... basta, me a j degh che anch che a j l'avess
insgnà èl cugh dèl Rè, me la pistinaga int la pgnatta an la voj brisa,
la dà un tùff al brod... tra che al par acqua!!

— Va bèìn, bravo Pinco! Dèl tùff la pistinaga, ch' l'è quèlla ch' l'ai
tol vî èl cattiv...

— Allòura a i in vrê del carra, perchè bisugnarè mettren fenna int èl
vein, ch' l'è robba ch'en s' pôl bèvver. Ai fo l'alter dè ch' veins la
mammà e l'aveva sèid, a j in dè un did appènna... l'al spudò vî... e
l'as maraviò com Endricco permettess che a bvess ed qla robba...

— Oh? davvèira?... perchè in cà tô t' bvev sèimper vein ed butteglia...
bordò da pasto, com al s' regalava Monsù Luis...

— Oh, brisa bordò, mo zert che in cà mî a s'è sèimper magnà pulid e
bvò mej... e an s'è mai mess la pistinaga int la pgnatta, che quant al
cuntò a la mammà a crèdd che la sia anch drî a redder... a si srè cavà
tùtt i deint...

— Tùtt? mo se a momenti la n'i n'ha più, puvrètta?

— Mo cossa? La mî mammà la n'ha più deint? Mo ch' l'am scusa, la
vaneggierà... A j ho capè, l'è la pistinaga ch'j è andà alla tèsta!!

— Nò impertinèinta! L'è, che quant a s'è vècci, bisògna direl, cum
a fazz me, e brisa far el zuvnètti... vressi dir forsi che la sgnera
Teresieina l'ha tùtt i deint?

— Oh, Dio, che rasòn, chi è mo quèl, anch zòuven, che an j in manca...
zert, povra mammà, ch' l'ha avò del flussiòn, e ai n'è salta vî... a j
in pra mancar una vinteina...

Bravo dònca, e cuss'hoja dett? Che a momenti la n'i n'ha più, am par,
a j n'avanza dis...

— A proposit! La degga bèin un'altra vinteina...

— Bravo Pinco! En savèir gnanch quant deint possa cumpurtar una
cariatura... e t' vû far la sapièinta...

— Basta, me a so che la mammà riddeva d' gùst po anch, e po dimondi, a
seinter cuntar che lî la mett la pistinaga int la pgnatta...

— Eh, a sfid, chi n'ha mai avò del relaziòn cun del persònn com va, con
zèint ch'ha dl'esperièinza... is fann cas d'incossa...

— Ah, davvèira? Per bacco! E sti persònn com va, el srenn po,
pr'esèimpi, èl sgner Cònt Lavapiatt in casa Martinetti...

— Monsù Luis, un lavapiatt? Asna d'un'ignuranta! Un omen ch'ha dà da
magnar a Napoleone il grande, ch' l'ha avò èl curagg ed metter a tavla
150 persònn cum è che nient fùss... En crèdder megga che el sien fôl,
perchè la sgnòura Martinètta, sè, era una dama della Croce Stellata, e
la stava ed cà, ch' l'era sô ed fònd, dov'adèss va a scola Dulfein, èl
fiol dla Sùnta que sù, int èl culègg ed Dòn Ungarèll...

— Mo cuss'è mai tùtti sti ciàccher che n'han nient a ch' far con
quèl che a dseven... cioè che me, capessla bèin, me, an voj brisa la
pistinaga int la pgnatta...

— E me invezi ai la mett, perchè la j è sèimper andà, perchè la j
andarà sèimper...

— Mo chi al dis?

— Mo me, la mader ed tô marè; quèl bòn cstian, che al s' lassa
infnucciar dal tòu ciacher...

— Bèin, perchè la dis acsè la vdrà se a n'i fazz proibir da Endricco ed
metter la pistinaga int la pgnatta... int l'ultum èl padròn l'è lù...

— Mo padròn ed cossa, per l'amòur d' San Fnocc'?! Padròn del j oss dla
pulèint!!

— Insòmma: chi è ch' mantein la famèja?

— Sè, l'è lù, cun el fadigh dla povra sô mader ch'am sòn struzzà per
arlivarel, mandarel al scol... che a j era Monsù Luis, bona anma, che
am dsèva sèimper: Povera Madama, voi faticate e Enrì le colisson, cum
al dseva lù, quanto serà anè, che al vol po dir grand, prenderà la
femme, e vu non sarete più la metress dla mason...

— Oh che bèl franzèis...

— Mei dèl tô, che t'en in sà una parola...

— Me an m'importa niente... mo in st' mèinter la pistinaga int la
pgnatta la n'i va brisa, ohi, ohi, la n'i va brisa...

— Clelia, fala finè, en me stuzzigar, che s'am scappa la pazeinzia,
t'in vèdd del bèli...

— Oh, zò, cun la educaziòn ch' l'ha lî, an j è dùbbi che a fazza el
maravèj a vèdder del piazzat...

— Oh, asna d'una insulèinta! Chi è ch' dscòrr d'educaziòn? Una villana
che quand la s' liva la mattèina, mai una volta ch' la degga: buon
giorno...

— Va bèin! a proposit; una volta che a j al dess la m'assrò l'ùss int
èl mustazz...

— Impustòura! busadra! adèss pr'en savèir cossa s' dir la va a dstanar
el j oss ed mî nona... T' sa mei ed me che al fo èl vèint... e te
istèssa t' n'arstass persuasa...

— Sè, per cuntintar Endricco...

— Ah sè? Bèin, allòura per cuntintarum me, a vad mo a metter la
pistinaga... una bèla pistinaga acsè lùnga int la pgnatta...

— E me a la cav...

— Mo nò! per quèl t' fa po èl piasirein d' lassarila!

— Nò, mammà, a la vad a cavar...

Tegna buscaròuna! A la vdrèin chi la veinz!!

Oh, a la veinz me, a còst ed ficcar la pgnatta cun la caren e tùtt, in
mèzz ed cuseina...

— Benone! Anzi, acsè t' fa vèdder la tô educaziòn feina...

— O feina o grossa, dl'educaziòn a crèdd d'avèiren più d' lî...

— Mo sè, com t' vû, am cunsòul che èl pover Monsù Luis, am dseva
sèimper che avevo un tratto da gran dama, e che se a foss andà a
Parig...

— Eh, l'arè fatt fanatisum...

— Ah, sicura!... Intant guarda mo, Clelia, che bèla pistinaga... e
adèss: zò int la pgnatta!...

— Al n'è brisa vèira!

— Guarda mo!

— Ah, mammà, ch' l'an me fazza andar fora dal mandgh!! Ch' la cava vî
qla pistinaga, o a tir pr'aria la pgnatta...

— Me ai la mett, te po fa quèl... t' vû...

— Ah, vèccia tarraghegna!...

— A me dla vèccia... brùtta sfazzà, porca...

— Porca, cossa? Avanti bèin... lî ch' l'è acsè educà!

— Ecco la pistinaga ch' boj...

— Ah sè?... la guarda mo coss a fazz...

— Ah, serpèint perfid: guarda!! Arbaltà incossa; èl brod corr vî per
cà... Me?! ah, lassa bèin ch' vada incossa, al vol dir che quand vein
a casa Endricco al magnarà la mnèstra cotta int l'acqua...

— Sè, an srà brisa la premma volta, e me ai dirò che an voj più star
que... che am arvein èl sangv... che am ciapp del j imbillà...

— Va bèin; e me stòppa! Sè, cineina, va pur là che t'i un bòn pzulein
ed caren... e dir che im dseven t'êr un'oca...

— Dl'oca a me? Ah! an la voj brisa... chi l'ha dett?

— Al l'ha dett... me al degh!!

   [Illustrazione: «TERSUÀ A LÒUR SGNÒURI»]

— Ah! lî?... Ch' la ciappa!!

— La pistinaga int la fazza... Ah l'è tropp!!!

— E quèst l'è un campiòn, vèccia buzzaròuna... teint a mèint che me
dl'oca an in voj...

— E allòura me at degh t'î un'oca...

— E te ciappa...

— A t'em pecc con la pistinaga, anma dannà! I sòunen all'ùss...

— Al srà Endricco...

— Sè, bèin, al vût savèir, l'era lù ch'al dseva ch' t'êr un'oca...

— Bèin! da mî marè a la tugh e an m' n'ho brisa permal, ma da lî nò,
vèccia... pistinaga!!

                             Dall'_Ehi! ch'al scusa..._, 10 giugno 1882.



INDICE


  PREFAZIONE                                           Pag.   v

  LE VICISSITUDINI DÈL SGNER PIREIN:
    I m'han fatt correr?                               Pag.   1
    Oh! la cumètta!!                                          6
    Che barbero destino!                                     13
    El tribulaziòn per la _Cordelia_ ed Gobatti              19
    Echi di carnevale                                        25
    Zobia grassa                                             32
    Alla Còurt d'Assisi                                      35
    Dies irae                                                41
    I bigliett dla luttarì                                   45
    San Michel                                               50
    S' po dar ed piz?                                        57
    E dòu!                                                   62
    Sèimper del dsgrazi!                                     70
    Em càpiten tùtti a me!                                   74
    Pinguedine ariosa!                                       84
    L'inèst dèl varol                                        91
    Bagn d' mar... a domicilio!                              97
    Èl scioper di furnar                                    104
    La croce del potere                                     111
    Giurì pel vino                                          117

  DALLE RIVE DEL GOLISEO:
    * Impresioni romane                                     127
    Trasloco infavsto!                                      130
    Assicurazione “La Fondiaria„                            138
    * Amore moderno                                         142
    Da un mstir a ql'alter                                  146
    * L'amore è un dardo                                    152
    Èl tèrramot                                             157
    A che giova la clovaca massima?!                        162

  ÈL SGNER PIREIN FILOSOF:
    Si fisofoleggia!                                        171
    Prendi marito!!                                         176
    Lo spirito                                              181
    La gelosì                                               186
    La vitta collettiva                                     190
    Le parentesi della vitta (_da una conferenza_)          194
    Il tarnasismo umano                                     201

  APPENDICE:
    Il Drama della Vitta                                    207
    La conferenza dèl Sumarein dèl ruscarol                 209
    Arriva la Madôna!                                       217
    Me ptèigla?! (_monologo_)                               222
    A me dl'oca?!                                           228

_N. B._ — Gli scritti contrassegnati con * sono stati aggiunti in
questa terza edizione.



                          _Finito di stampare
                          il dì 30 aprile 1920
                     nella Tipografia di Paolo Neri
                              in Bologna_



NOTE:


[1] Allude al _Tram pavé_ che per qualche anno percorse il tratto di
strada dalla Porta Saragozza al Meloncello.

[2] _rèbsa_, parola dialettale caduta in disuso, significa: _niente_,
_nulla_.

[3] Celebri giocatori.

[4] Soprannome di un facchino conosciutissimo e proverbiale per le sue
sbornie.

[5] _Cordelia_, opera del maestro Stefano Gobatti, fu rappresentata,
per la prima volta, al Teatro Comunale la sera del 6 dicembre 1881.

[6] S'intende sempre il Direttore del giornale in cui _èl sgner Pirein_
pubblicava i suoi scritti.

[7] Mascherata.

[8] Risposta del isgner Pirein al Presidente della Società carnevalesca
d'Imola che l'aveva invitato a collaborare ad un numero unico per
beneficenza.

[9] Il processo contro Enrica Zerbini, domestica del gioielliere
Luigi Coltelli, accusata d'aver assassinato il suo padrone a colpi di
martello sulla testa, fu uno dei più celebri processi bolognesi del
secolo scorso.

[10] _Ceresa_, pseudonimo del pubblicista e commediografo Cesare
Chiusoli.

[11] Questa lettera fu scritta in seguito alla pubblicazione nell'_Ehi
ch'al scusa..._ del 28 luglio 1883, di un sonetto di _Rafbèl_ (Raffaele
Belluzzi) in cui erano i versi seguenti:

    «_A Barbianèll èl_ sgner Pirein fa _èl sagn_
    _All'Ergia innamu'à com'è una mâta_»

[12] Dalpini, negoziante in guanti.

[13] Filippo Bergonzoni, attore drammatico assai corpulento. — Fu
direttore e proprietario di una delle prime compagnie italiane di
operette.

[14] Costava 10 centesimi.

[15] Padre Agostino da Montefeltro, frate predicatore che suscitò
vivissimo entusiasmo col suo quaresimale in S. Petronio.

[16] _Da rè a ròn_: dall'a alla zeta.

[17] Domenico Santagata, professore di chimica all'Università bolognese.

[18] Farmacista in Via Porta Nuova.

[19] El sgner Pirein fu eletto nel 1888 sindaco del villaggio d'_Ùngia
ed toch_, nel quale era stato artisticamente trasformato il Festival
carnevalesco di quell'anno.

[20] Giornale d'opposizione di cui uscirono due numeri. Era diretto dal
pubblicista Cesare Dalla Noce.

[21] Cesare Lugli allora deputato al Parlamento.

[22] Il 23 aprile 1891 scoppiò a Roma la polveriera del Forte Portese,
fuori della Porta omonima, producendo gravissimi danni.

[23] Assistendo al Congresso dei giornalisti, tenutosi in Roma
nel 1899, _èl sgner Pirein_ si era perdutamente innamorato di una
bellissima signora ungherese. (Vedi, _Bologna che dorme_ del 13 aprile
1899).

[24] Notissimo liquorista.

[25] Mercato del pesce già esistente fra via Rizzoli e via Caprarie.

[26] La sala del Liceo musicale.

[27] Cappellaio.

[28] Pseudonimo del cav. Oreste Cenacchi uno dei quattro fondatori
dell'_Ehi! ch'al scusa..._

[29] Corrado Ricci.

[30] Enrico Ferri.

[31] Giuseppe Camillo Mattioli, animoso patriota e professore
all'Istituto Tecnico.

[32] Celebre oculista.

[33] Cesare Dalla Noce (_Moscata_) collaboratore dell'_Ehi! ch'al
scusa..._ e fondatore dell'_È permesso?_

[34] Notissimo autore di centinaia di sonetti per messe, monacazioni,
matrimoni, ecc. ecc.

[35] Il successo di questo articolo fu tale, che dell'_Ehi ch'al
scusa..._ del 21 maggio 1881 in cui apparve, venne fatta una seconda
edizione.

[36] Notissimo storpio venditore d'Immagini sacre.

[37] Questo monologo, fino ad ora inedito, non fu mai rappresentato.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Èl Sgner Pirein" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home