Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Ricordi intorno alle Cinque Giornate di Milano - (18-22 marzo 1848) Seconda edizione con aggiunte
Author: Torelli, Luigi
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Ricordi intorno alle Cinque Giornate di Milano - (18-22 marzo 1848) Seconda edizione con aggiunte" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                                RICORDI
                              INTORNO ALLE
                            CINQUE GIORNATE
                               DI MILANO

                           (18-22 Marzo 1848)

                                   DI
                             LUIGI TORELLI

                           SENATORE DEL REGNO


                           _SECONDA EDIZIONE_

         con l'aggiunta della ritirata dell'esercito piemontese
                      dopo la battaglia di Custoza
            e della descrizione del 5 agosto 1848 in Milano.



                                 MILANO
                           FRATELLI DUMOLARD
                        _Corso Vitt. Eman., 21_
                                 1883.



        Milano, 1883. — Tip. Golio, via S. Pietro all'Orto, 23.



INDICE


  PREFAZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE                          _Pag._  1
  PREFAZIONE ALLA PRIMA EDIZIONE                               »    5
  CAPITOLO I. — Cenni intorno alle cause che prepararono
    la rivoluzione — Cause _generali_ comuni agli altri
    paesi d'Europa, cause _italiane_ e cause speciali
    _locali_                                                   »   17
  CAPITOLO II. — Condizioni dell'autore — Sua
    indipendenza — Suo viaggio politico in Italia nel 1841
    — Sue relazioni in Piemonte — Scrive i _Pensieri
    sull'Italia di un anonimo lombardo_ — Suo viaggio in
    Piemonte ai primi di marzo 1848                            »   40
  CAPITOLO III. — Annuncio delle concessioni del Governo
    austriaco pubblicate la mattina del 18 marzo 1848 — Milano
    si agita — Grande dimostrazione per ottenere altre
    concessioni — Invasione del palazzo di Governo — Primo
    atto di ostilità — Milano si copre di barricate            »   51
  CAPITOLO IV. — Il mattino del 19 marzo — L'autore è
    sequestrato in casa — Modo col quale si sottrae — Si reca
    alla barricata di S. Babila — Combattimento e morte del
    giovine Broggi — L'autore si reca alla provvisoria
    residenza del Municipio, in casa Taverna nella via
    dei Bigli                                                  »   69
  CAPITOLO V. — L'autore con Augusto Anfossi, capo dei
    combattenti, si recano al Comando Generale nella via di
    Brera per intimare la resa ad un battaglione di Ungheresi,
    ma senza frutto — Alla sera del 19 l'autore è chiamato a
    giudicare uno scritto del vice Presidente O'Donnell,
    ritenuto prigioniero in casa Taverna, sede del Municipio
    — Il 20 marzo i Tedeschi abbandonano la Polizia ed il
    Duomo; l'autore reca la prima bandiera tricolore sul
    Duomo — Il Municipio si trasforma in Governo Provvisorio   »   88
  CAPITOLO VI. — La sera del 20 marzo l'Anfossi
    coll'autore e con tre altri combattenti, si recano sul
    campanile di S. Bartolomeo — È instituito un _Comitato di
    difesa_, e l'autore è chiamato a farne parte come Capo
    delle pattuglie; sue osservazioni in contrario; sua
    accettazione — Avvenimento nella Canonica di
    S. Bartolomeo                                              »  106
  CAPITOLO VII. — Proposta della sospensione delle
    ostilità, fatta da Radetzki; si chiama a Consiglio il
    Comitato di Guerra e quello di Difesa — Viene
    respinta — Spedizione dell'autore per mettere a dovere la
    direttrice dello stabilimento d'educazione di S.
    Filippo — Sua visita allo stabilimento Castiglioni         »  120
  CAPITOLO VIII. — La presa del Genio — Morte d'Augusto
    Anfossi — Nella notte il Genio è nuovamente ripreso
    dai Tedeschi — Avvenimento nel Genio stesso; tentativo
    per riprenderlo — I Tedeschi lo abbandonano di
    nuovo nella notte stessa — Essi abbandonano anche il
    Gran Comando e l'autore ne prende possesso in nome
    del Governo                                                »  130
  CAPITOLO IX. — Combattimento a Porta Tosa il 22
    marzo — Barricate mobili — Proposta di alcuni barabba di
    prendere due cannoni, a patto che si dessero loro
    trentamila lire; è rifiutata dall'autore — Altra proposta
    di un negoziante di vino di far saltare il bastione di
    Porta Tosa — Il depositario delle polveri rifiuta di
    somministrarne per tale scopo — Progetto d'una sorpresa a
    S. Eustorgio — Ultimo combattimento a Porta Tosa — L'autore
    si avvia a Porta Ticinese — È forzato a riposare nella
    Piazza de' Mercanti — Si reca a Porta Ticinese; sua
    avventura colà                                             »  146
   CAPITOLO X. — I Tedeschi abbandonano Milano nella
    notte dal 22 al 23 marzo — Durante la giornata del 23 si
    continua a far barricate — L'autore disapprova quel zelo
    postumo — Suo colloquio con un membro del Governo
    Provvisorio — L'autore cade ammalato per lo strapazzo
    dei giorni passati — Sua pronta guarigione — Viene spedito
    in Valtellina per provvedere alla difesa dello Stelvio
    e del Tonale — Fatti di Como — Sua gita a Sondrio
    ed allo Stelvio — Suo ritorno a Milano                     »  160
  CAPITOLO XI. — L'autore riferisce al Governo
    Provvisorio l'esito della sua missione — Grandi esequie
    pei morti delle Cinque Giornate, celebrate nel Duomo il
    3 aprile — Il colonnello del Genio, Miani, fornisce
    all'autore lo schiarimento intorno ai Tedeschi che entrarono
    nel Genio nella notte dal 21 al 22 marzo; si spiega allora
    quell'avvenimento, che era sempre stato per lui un enigma  »  177
  CAPITOLO XII. — Narrazione particolareggiata
    dell'avvenimento nella Canonica di S. Bartolomeo nella
    mattina del 21 marzo                                       »  188
  CAPITOLO XIII. — L'autore entra in alcuni particolari
    intorno alle condizioni di Milano durante le Cinque Giornate
    rapporto alla circolazione, al vitto, alla sicurezza,
    non che intorno al contegno del bel sesso                  »  196
  CAPITOLO XIV. — Tratta dei millantatori e di reduci
    dei volontari e forzati esigli, delle adulazioni al popolo;
    cita il preteso arrivo di un corpo ausiliare polacco — Narra
    un fatto avvenuto all'autore con un ciarlatano — Tentativo
    del 29 maggio contro lo stesso Governo Provvisorio         »  209
  CAPITOLO XV. — Dello spirito pubblico che dominò in
    Milano ed in tutta la Lombardia nei primi due mesi — Esercito
    delle Alpi — La divisione lombarda e Luciano
    Manara — Combattimento di Goito dell'8 aprile — Entusiasmo
    generale — La leva — Nuova missione nella Valtellina data
    dal Governo Provvisorio all'autore — Plebiscito — Prove
    della prontezza delle popolazioni ad assoggettarsi
    a sacrifici                                                »  219
  CAPITOLO XVI. — L'orizzonte s'intorbida — Avvenimenti
    di Napoli — Il Re delle due Sicilie ed il Papa ritirano le
    truppe — L'autore va al campo ed entra nell'esercito
    sardo — Descrizione intorno alla parte presa dal clero
    lombardo negli avvenimenti del 1848 ed influenza esercitata
    da Pio IX                                                  »  229
  CAPITOLO XVII. _Conclusione._ — L'autore entra in
    alcuni particolari intorno all'andamento attuale della cosa
    pubblica — Crede che il rimedio debba venire da una maggiore
    attività da parte dei cittadini indipendenti per mezzi e
    posizione sociale — Cita l'esempio dei grandi uomini che
    contava Milano nella fine del secolo passato — Tocca
    delle grandi questioni sociali che minacciano la civiltà e
    chiude esortando gli uomini indipendenti a volersi occupare
    un po' più degli affari pubblici                           »  246

  AGGIUNTE ALLA SECONDA EDIZIONE

  RITIRATA DELL'ESERCITO PIEMONTESE
  DOPO LA BATTAGLIA DI CUSTOZA.

  CAPITOLO XVIII. — Corrispondenze intercettate — Piano
    dei nemici di dividere l'esercito piemontese — Il quartier
    generale viene trasferito a Marmirolo — Battaglia di
    Staffale — Battaglia di Custoza — Ritirata su Goito — Ripresa
    di Volta — Nuovo abbandono — Deputazione inviata al campo
    nemico — Proposte fatte dal generale Hess                  »  269
  CAPITOLO XIX. — Carlo Alberto rifiuta le proposte — Si
    riprende la ritirata — Sofferenze dei soldati — Buone
    disposizioni dei Comitati — Episodio di Codogno — Fatto
    d'armi di Cremona — Difesa della linea dell'Adda — Il
    general Sommariva si ritira su Piacenza — Episodio
    di Pizzighettone — Arrivo dell'esercito sotto
    Milano — Battaglia del 4 agosto — Il quartier generale
    principale viene stabilito in Casa Greppi — Il mattino del
    5 agosto l'autore si reca al quartier generale — Ostacoli
    che incontra presso il palazzo Greppi — Ivi apprende
    l'armistizio conchiuso nella notte — Una deputazione di
    cittadini si presenta al re Carlo Alberto — Sua deliberazione
    di difendere Milano — L'autore è incaricato di stendere
    il Manifesto — Effetto che produce la sua
    pubblicazione — Impossibilità della difesa dimostrata dai
    Capi di Corpo — Il podestà Bassi viene per far presente i
    pericoli d'una ripresa d'ostilità — Il re Carlo Alberto si
    rassegna e fa riprendere le trattative per
    l'armistizio — Scene avanti il palazzo Greppi — L'autore
    sorte a notte avanzata per liberare il Re conducendo due
    battaglioni delle Guardie accampate fuori Porta Romana — Il
    colonnello Alfonso La Marmora sorte di sua spontanea volontà
    e conduce da Porta Orientale un battaglione della Brigata
    Piemonte ed una compagnia Bersaglieri e libera il Re — Pochi
    minuti dopo arriva l'autore coi due battaglioni — Ha ordine
    di proteggere quanti ancora si trovano nel palazzo Greppi  »  295

  ALLEGATI.

  ALLEGATO I. — La questione della bandiera — Lettera
                  di Luigi Torelli — Risposta del Commendator
                  Fava — Lettera di Achille Mauri              »  335
     »    II. — Lettera al Comm. Maurizio Farina, ecc.         »  345
     »   III. — Vicende dell'originale del Manifesto 5
                  agosto 1848 del re Carlo Alberto in Milano   »  349



PREFAZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE


Questa seconda edizione[1] si presenta aumentata di alcuni particolari
intorno alla ritirata dell'esercito piemontese dopo la battaglia di
Custoza del 25 luglio 1848 ed alla terribile giornata del 5 agosto
successivo in Milano.

Il periodo storico che comincia colla dichiarazione di guerra del
23 marzo 1848 del Re di Sardegna all'Imperatore d'Austria e termina
coll'armistizio di Milano del 6 agosto detto anno, è fra i più
interessanti nella serie complessiva delle campagne per l'indipendenza
italiana i cui estremi sono il già menzionato 23 marzo 1848 ed il 20
settembre 1870.

Il primo periodo si suddivide alla sua volta, in due ben distinte fasi;
l'una comprende i giorni fausti di successi e liete speranze, l'altra,
i giorni di sventura, i giorni di scoraggiamento, di dolore.

I ricordi intorno alle Cinque Giornate di Milano rischiarano,
ossia tendono a rischiarare l'avvenimento principale del periodo
felice e quello che narrai, poco di certo, quello è vero, non teme
contraddizione.

Queste aggiunte risguardano il periodo di dolore.

Ciò che narro è avvenuto sotto i miei occhi, e posso garantire con
piena sicurezza.

Limitato entro questi confini non può esser molto, ma quello che è, sia
pur poco è scrupolosamente vero, il futuro storico può prenderlo come
buon materiale.

Ho voluto aggiungere una breve appendice che potrà sembrare a taluno
forse un po' troppo personale, relativa alle vicende del Manifesto del
5 agosto del Re Carlo Alberto, ma si conceda qualcosa anche ad un uomo
che in quella terribile giornata, fu posto a durissime prove e sentì
grave il peso della pubblica sventura.

  Torino, il 24 giugno 1883.

                                                       LUIGI TORELLI.



PREFAZIONE DELLA PRIMA EDIZIONE


La sollevazione di Milano del 1848, che la storia ha consacrato
sotto il nome delle _Cinque Giornate_, fu uno degli avvenimenti
più importanti di quell'anno sì memorabile, tanto pel fatto in sè
stesso, quanto per le sue conseguenze. Ventisette anni[2] sono decorsi
da quello, e molti di coloro che furono attori principali in quel
terribile dramma, sono scomparsi dalla scena. Frattanto una generazione
intera è sorta, la quale fu completamente estranea a quei fatti e
comprende quanti oggi non hanno oltrepassato i 35 anni, poichè non
è certo ad 8 o 9 anni che si possa, non che prendervi parte, nemmeno
afferrare il concetto di siffatti avvenimenti, in guisa da potersene
chiamare testimonii. Assai più ristretto ancora è il numero di coloro
che furono non solo contemporanei ma attori; l'una e l'altra di queste
classi va assottigliandosi ogni anno per far luogo a coloro per i quali
quel fatto non è più che un ricordo storico, che apprendono dai libri
o dalla tradizione popolare.

L'avvenimento stesso poi soggiacque alla legge generale dei grandi
fatti storici; più si allontana l'epoca nella quale ebbero luogo,
più ne scompaiono i particolari e se ne veggono solo i grandi
contorni. Quindi esso dovette cedere parte del posto che occupava
agli avvenimenti successivi, i quali reclamarono alla loro volta dalla
storia di essere collocati anch'essi nel suo gran libro. Non pertanto
se havvi avvenimento che pure meriterebbe di essere conosciuto anche
ne' suoi particolari più minuti è quello delle _Cinque Giornate
di Milano_, il quale fu così straordinario che conserverà sempre
un'attrattiva speciale per chiunque si diletta di particolarità
storiche, ma sopratutto pei Milanesi. Or si può egli dire che esista
una storia genuina, scevra di esagerazioni od errori? Non lo credo e
non è difficile il rintracciarne la causa. Un avvenimento è tanto più
facile ad essere alterato quanto più colpisce l'immaginazione e giunge
inatteso ed inesplicabile. Tale fu per l'Europa intera l'annuncio
della ritirata delle truppe austriache dopo la sollevazione di Milano.
Il fatto non poteva rivocarsi in dubbio, ma conveniva spiegarlo. Il
generale che comandava l'esercito austriaco era provetto guerriero
e godeva fama di valente; l'esercito poteva ben essere inviso agli
Italiani come istromento di oppressione, ma essi e molto meno gli
estranei non l'avevano in conto di poco animoso od inetto a combattere;
una spiegazione ci voleva e pronta; e quindi col primo annuncio, col
primo spandersi della fama del grande avvenimento alla narrazione
dei fatti veri si mescolarono fatti supposti ed esagerazioni che si
ripeterono anche in buona fede e spesso ancora nel ripetersi vennero
ingrandite. Molti fra gli attori principali già nei primi giorni dopo
il fatto abbandonarono Milano per recarsi a combattere la guerra sia
come volontari, sia come arruolati nell'esercito sardo e pur troppo
molti più non tornarono. All'opposto altri che dell'avvenimento
volevano trarre vantaggi personali magnificarono la parte da loro
presa, scrivendo o facendo scrivere ogni genere di stravaganze. I fogli
pubblici di Europa erano ancor pieni di simili descrizioni quando
sopravvennero i rovesci che cambiarono totalmente la scena; i vinti
si dispersero ai quattro venti ed i vincitori non si contentarono
di mettere in evidenza le esagerazioni, ma negarono anche i fatti
veri, li spiegarono a modo loro, sì che la verità oscurata prima
dagli uni, lo fu dappoi anche dagli altri. Per undici anni circa
il vincitore tenne ancora il campo, e ben si comprende come in quel
periodo di tempo non potessero venir pubblicate storie genuine nel
luogo stesso che fu teatro dei fatti. Fuori di esso, e sopratutto
là dove stavano a rifugio gli emigrati, non si mancò di rispondere
a quelle menzognere pubblicazioni, nè furono pochi gli scritti che
allora comparvero in Piemonte ed altrove; ma la passione domina quegli
scritti; essi sono pieni di recriminazioni e di reciproche accuse dei
diversi partiti politici; la serenità, la calma che vuole la storia,
vi si cerca invano. Allorquando poi la fortuna delle armi arrise
di nuovo all'Italia ed il campo d'azione dei fatti del 1848 fu reso
libero, altri gravissimi avvenimenti occuparono l'attenzione pubblica,
circondati dall'aureola di più durevole vittoria.

È facile il comprendere da questo complesso di circostanze come abbia
dovuto essere difficile che si trovasse uno storico, il quale fosse
in grado di tessere una genuina narrazione che ricordasse uomini e
fatti meritevoli di memoria ma scevra di ogni esagerazione. Eppure,
sia permesso ripeterlo, l'opera sarebbe veramente meritoria. Da
queste premesse potrebbe forse taluno dedurre la conseguenza che io
mi accinga a colmare la lacuna che ho segnalata; ma sono ben lontano
da tale pretensione; già il titolo di questo mio scritto indica che
il mio intendimento è assai più modesto; esso mira a somministrare
ad altri qualche elemento di storia. Io voglio narrare que' fatti dei
quali fui testimonio oculare e ad alcuni dei quali ho preso parte. Non
ammettendo transazione alcuna colla verità se dev'essere elemento di
storia, non assumo la garanzia che di quanto posso accertare io stesso.
Il campo è molto ristretto, ma io non mi sento in grado di allargarlo;
per quanto può esser accettevole un compenso, spero che se ne troverà
uno nella certezza che quanto qui si narra è vero; e la verità ha tale
potenza che rende buoni anche gli scritti mediocri, come la mancanza
di tal qualità non redime quelli che solo vogliono accreditarsi colla
ricercatezza delle frasi o le lusinghe dello stile. Un fatto alterato
non è più che la caricatura del fatto e la storia severa lo ha per
un insulto. Come potrei con tali principî assumere la garanzia di
narrazioni di fatti già esposti diversamente dagli uni o dagli altri,
mancandomi gli elementi per esser giudice? Non volendo correre il
pericolo di errare conviene che mi restringa nel campo limitato di
quanto posso dire senza tema di fondata contraddizione.

_Ma perchè mai_, si potrebbe chiedere, _avete aspettato ventisette anni
a narrare cotesti fatti? Non è egli possibile che sì lungo spazio di
tempo abbia affievolita la vostra memoria intorno a taluno di essi e
che, anche non volendo, siate caduto in errore?_

La dimanda è così giusta e naturale che volli prevenirla e rispondervi.

La parte che avevo preso nel predisporre gli animi de' miei compaesani
al tentativo di liberarsi colla forza dalla dominazione straniera e
quindi la parte presa nella lotta stessa di Milano, mi obbligarono ad
emigrare e mi stabilii a Torino. Libero da ogni vincolo obbligatorio
non fu il tempo che allora siami mancato ma la spinta e la volontà.
L'esito finale del 1848 era stato infelice ed io non poteva rammentare
quegli sforzi, quel sangue versato, quei sacrifici d'ogni genere che
la nazione aveva sostenuto, senza un sentimento di dolore, perchè
erano stati sostenuti indarno. Quando poi gli avvenimenti del 1859
riaccreditarono anche quelli del 1848, e permisero che entrassero
essi pure quali fattori dell'indipendenza d'Italia, allora non
fui più libero del mio tempo reclamato da speciali doveri che mi
vincolarono fino al 1866. Ora avvenne che trovandomi io a Milano nei
primi mesi di detto anno, volli rivedere i luoghi ove erano seguìti
alcuni fatti ai quali io avevo preso parte. Non posso esprimere quale
fu la mia sorpresa nello scorgere con quanta fedeltà la mia memoria
aveva conservato quei ricordi. Alcuni di quei luoghi li aveva veduti
in quell'occasione per la prima volta e taluni solo di notte; or
bene se in luogo di 18 anni da quell'epoca fossero decorsi solo 18
giorni, l'impressione non poteva essere più viva, sì prontamente io li
riconosceva. Fui tentato di ascriverlo ad una felicità straordinaria
di memoria; ma l'illusione non durò a lungo, perchè recatomi, fra
gli altri luoghi sul campanile di S. Bartolomeo, accompagnato da quel
sagrestano medesimo che in una certa notte delle cinque giornate mi
aveva pure seguito colassù, trovai che rammentava anch'esso con tutta
precisione ogni anche più minuta circostanza, di quanto allora era
occorso, mentre nel resto era proprio un vero tipo di sagrestano. Da
ciò mi venne facile il convincermi che il fenomeno di sì fedeli ricordi
non deriva già da privilegiata memoria, sibbene dalla circostanza che
gli avvenimenti straordinarii, assorbendo ogni facoltà dell'animo, si
imprimono con tal forza nella mente da conservarsene fedele e perenne
la memoria. Non pertanto quella prova era riescita rassicurante e
concepii allora l'idea di scrivere questi _Ricordi_. Se non che io
non seppi rimaner fedele alla determinazione di mantenermi libero da
ogni pubblico incarico; altro ne accettai che mi tenne vincolato fino
al 1872, quando finalmente, libero davvero, diedi seguito alla mia
determinazione di sei anni addietro.

Mi sia però concesso d'invocare il lungo tempo decorso come prova del
non essere stato spinto da vanità. Certo la mia narrazione potrà venir
qualificata un brano di autobiografia, ma se l'amor proprio avesse
avuto predominio su di me, avrei scritto questi _Ricordi_ molti anni
prima e quando il tempo era tutto a mia disposizione. Ben comprendo
come l'essermi esclusivamente ristretto ai fatti dei quali posso dar
guarentigia sia il lato debole del mio lavoro; ma ripeterò ancora,
che non ho scritto la storia delle _Cinque Giornate_, ma ho solo
somministrato alcuni elementi certi ai futuri storici.

Non sarà forse inutile, per i pochi almeno che mi leggeranno, che
faccia un cenno anche del modo col quale io procedetti, nel mio lavoro;
il che darà ragione anche di qualche lacuna che vi si trova.

L'ordine cronologico nel quale si sono avverati i fatti è quello
che io ho seguito, ma nell'accertar questo io non ammisi altro
elemento, non volli altro soccorso che quello della mia memoria. Una
carta topografica di Milano di quell'epoca, per richiamare i nomi di
qualche via secondaria, è tutto il corredo del quale mi sono servito.
Io avrei potuto interrogare non poche persone di mia conoscenza
intorno a determinati fatti che non mi parevano ben chiari, ma il
timore che aggiungendo essi nuove circostanze ch'io più non poteva
verificare, alterasse in me quella norma indeclinabile di non dire
che quanto rammentava io stesso, fece sì che mi astenni da ogni
interpellanza, preferendo o tacere, o dispensarmi dall'entrare in
maggiori particolarità. Lo stesso devo dire dei nomi delle persone;
di molte colle quali mi sono incontrato non conobbi mai il nome, e di
quello d'altre allora conosciuto non seppi più risovvenirmi. Ora io
ho preferito confessare la dimenticanza piuttosto che voler tentare
di indicare tai nomi dopo 27 anni, poichè se fossi caduto in errore
intorno al nome della persona, potevasi dubitare anche del fatto;
infine io ho subordinato tutto alla condizione che deve campeggiare nel
mio scritto, la verità.

È più specialmente presso i giovani che io vorrei trovar buona
accoglienza. L'avidità di apprendere alcuni particolari di quelle
memorabili giornate, dimostratami da taluni di essi, l'ebbi quale
buono augurio e forse contribuì a farmi risolvere a scrivere questi
_Ricordi_. Difficilmente si ripetono gli stessi fatti; ma le passioni
umane essendo sempre le medesime possono generare circostanze
egualmente difficili; or siccome in quei giorni fu necessario alla
popolazione milanese spiegar coraggio, sobbarcarsi a privazioni e
sacrifici, e ne uscì con gloria ed onore, è pur bene che i posteri
abbiano avanti agli occhi quell'esempio de' loro padri e lo seguano.

  Milano, 10 novembre 1874.

                                                                L. T.



CAPITOLO PRIMO

    Cenni intorno alle cause che prepararono la rivoluzione — Cause
      _generali_ comuni agli altri paesi d'Europa, cause _italiane_
      e cause speciali _locali_.


Il voler dare un'idea della sollevazione di Milano del marzo 1848,
senza premettere alcuni cenni intorno alle cause che la generarono,
sarebbe cosa irragionevole, anzi assurda. Un avvenimento così grande
non poteva aver luogo senza cause o spinte adeguate, ed il conoscere
queste è indispensabile anche per farsi ragione dei fatti medesimi; se
non che questa investigazione preliminare non è cosa facile, e tanto
meno poi l'assegnare alle diverse cause la parte che loro spetta e
determinare come s'intrecciarono e come l'una reagì sull'altra. Non
pertanto è giocoforza incominciare con simile investigazione, ed io mi
studierò di venirne a capo colla maggior brevità possibile.

Credo sia difficile il solo annunciare tutte le cause che hanno
contribuito a produrre quell'avvenimento, ma esaminando l'effetto di
ciascuna, credo che si possa dire che talune furono _generali_, ossia
cause che conviene cercare nello spirito dominante del tempo, non già
solo in Italia, ma nell'Europa intera; altre possono dirsi _italiane_,
altre infine _locali_.

Coloro che hanno vissuto in quell'epoca non dureranno fatica a
richiamare alla mente quello stato di cose, quell'insieme veramente
eccezionale, che presentò non solo il 1848 ma già prima tutto il 1847.
Ad un periodo di apparente ristagnamento politico ed al progresso
regolare ma senza scosse nello sviluppo delle idee di libertà ed
indipendenza, come nello sviluppo delle industrie e del commercio
dell'intera Europa, che durò una generazione intera, ossia dal 1815
al 1845-46, subentrava un altro periodo che doveva comprendere esso
pure lo spazio di una generazione, ma di un'attività e di un progresso
straordinario che si svolse su ben altra scala, e dal lato politico e
dal materiale.

Per quanto vasto sia il campo della storia che si misura a secoli,
egli è indubitato che il trentennio che passò dal 1843-44 al 1873-74
rimarrà, fra i più memorabili nella storia per i grandi mutamenti
sociali in tutta l'Europa, che cambiarono non solo la sua carta
politica, ma le relazioni fra popolo e popolo, e modificarono usi ed
abitudini penetrando da per tutto, influendo su tutto.

È in quel periodo che cade, non già l'invenzione, sibbene l'esecuzione
delle strade ferrate sopra scala grandissima non mai sognata come
possibile al principio del periodo medesimo: lo stesso dicasi
del telegrafo elettrico e di molte altre invenzioni che tendono a
ravvicinar gli uomini, e quindi riescono a moltiplicazione di forze
morali nell'ideare, concretare ed eseguire piani ed opere comuni, nello
scrutare e studiare le leggi della natura. Alle scoperte della scienza
tennero dietro innumerevoli applicazioni pratiche nelle arti e nelle
industrie; un popolo reagì sull'altro; tutto si mosse, si rimescolò con
celerità ignota al passato.

Fu tutto pel meglio? È una grave questione. Nel complesso parmi che
non si debba dubitarne, ma meno d'ogni altro dovrebbe dubitarne un
Italiano, poichè in questo periodo di tanti rivolgimenti politici
e materiali, il popolo che alla fine di esso si presenta sulla
scena coi successi più felici ed inattesi, è il popolo italiano. —
_L'Italia indipendente ed una._ — Che ciò potesse essere, anzi che
fosse nel desiderio di molti, ben si comprende; ma che sul serio, or
sono trent'anni, si ritenesse fra le cose di probabile attuazione,
non havvi uomo di buona fede che possa ammetterlo. — Che più? Questo
stesso periodo così lungo nella vita d'un uomo, così breve nella
vita d'un popolo ci presenta stranissimi contrasti. Chi mai nel 1853
quando l'Austria dominava da Amburgo ad Ancona, quando fallito il
sublime tentativo del 1848 e morto in lontano volontario esilio il
suo attore principale, l'Italia aveva veduto insediarsi di nuovo sui
loro troni gli antichi principi a nulla più intesi che a prevenire i
casi che li avevano balzati di seggio, o costretti a far concessioni
liberali ai loro popoli; chi mai, ripeto, avrebbe detto in quell'anno
che, non sarebbe corso nemmeno un decennio e que' principi sarebbero
definitivamente scomparsi, i loro troni rovesciati per sempre, ed i
loro Stati sarebbonsi fusi in un solo tranne una parte tenuta dalla
potentissima Austria e un'altra piccola per estensione, ma grande per
importanza, lasciata al Papa per un pregiudizio secolare diviso da
nazioni intere, della necessità, cioè, per la religione cattolica che
il suo capo sia anche principe temporale? Stando a ciò che chiamasi
l'opinione pubblica, a quei giudizî che la moltitudine degli uomini
suol pronunciare sull'appoggio dei fatti dominanti, l'anno 1853 avrebbe
dovuto presentare minori probabilità per l'unificazione d'Italia,
che non avevano presentato gli anni 1843-44. Ma vi sono leggi e forze
morali che fanno il loro corso e direbbesi perfino malgrado i propositi
degli uomini. Se fu mirabile la soluzione della questione italiana
nel 1859-60, più sorprendenti ancora furono quelle del 1866 e del
1870, quando non per forza e virtù nostra, ma per avvenimenti che si
verificarono in terra straniera, si potè compiere l'indipendenza o
l'unità d'Italia, quando così le vittorie come le sconfitte di due
grandi nazioni, ci furono egualmente utili, ed in conseguenza di quelle
si sciolse anche la secolare questione del potere temporale del Papa;
fatto che a molti parve sì grave che durarono fatica a credere nella
sua stabilità e ci vollero ancora quattro o cinque anni perchè non
fosse più lecito un ragionevole dubbio.

Ora è debito dell'Italia di mostrarsi degna di tanta fortuna.
Pur troppo, come spesso avviene che gli eredi di ricchi patrimonî
facilmente li sciupino, ignari delle fatiche che costarono a chi li
raccolse, può darsi pure il caso di nazioni, che non sappiano valutare
o peggio anche scialacquino gli inapprezzabili beni dell'unità e della
libertà. Quanto maggior senno vi sarebbe se ognuno che è chiamato a
reggere la cosa pubblica in grande o piccola sfera tenesse del continuo
presente lo stato antico dell'Italia e ripensasse che cosa fosse la
dipendenza dallo straniero e lo sconfinato arbitrio di dominatori anche
nazionali, la maggior parte ben peggiori dello straniero! La storia
è chiamata a tale ufficio, e a ridestare quelle memorie, ma la storia
imparziale difficilmente la scrivono i contemporanei; la missione di
questi più che altro è quella di prepararne i materiali genuini sì che
i posteri, quando saranno scomparsi dalla scena tutti gli attori di
ogni ordine, possano scevri di passione giudicare freddamente degli
avvenimenti, e pesare i meriti di quelli che vi presero parte attiva.

Forse parrà che io prenda le mosse troppo dall'alto; ma non che
aspirare a far breccia, io vorrei solo mostrare chiaramente il nesso
che lega anche il fatto dell'insurrezione di Milano alla storia
generale dell'epoca; esso fu un episodio della medesima e si può
descrivere parzialmente, ma non si comprenderebbe o male assai, se
staccare si volesse dall'insieme o spiegare con ragioni eccezionali che
non trovano la loro soluzione nello spirito del tempo. Fu un episodio
che conta pagine sublimi; episodio che i rovesci sopravvenuti alle
armi italiane del 1848 avevano relegato fra i fatti degni piuttosto di
scusa e di pietà che di ammirazione, ma che poi la fortuna delle armi
italo-francesi ha rimesso in onore.

Il principio della nazionalità come base degli Stati può dirsi aver
fatto tanto più cammino quanto più si allontanò l'epoca del celebre
congresso di Vienna del 1815, che lo aveva non solo posto in non
cale, ma deriso come un'utopia. L'Europa alla caduta di Napoleone I
era troppo spossata per reagire contro i principii messi innanzi e
recati in atto dalla così detta Santa Alleanza; essa aveva bisogno
anzitutto di pace, e quanto a libertà, benchè vivessero ancora molti
fautori delle idee proclamate dalla Repubblica francese, erano
queste state stranamente alterate nel concetto dei popoli, prima
dagli eccessi dell'epoca repubblicana e poi dal regime napoleonico
glorioso, ma despotico in tal grado, che poco ebbero ad aggiungervi i
nuovi dominatori. Il Congresso di Lubiana del 1821, quello di Verona
del 1822, provocato dai moti d'Italia e di Spagna, riconfermarono in
modo solenne i principii del 1815 aggiungendovi la sanzione del fatto
coll'intervento in Italia ed in Spagna. Gli autori della Santa Alleanza
credettero sul serio d'aver trovato il mezzo di frenare il corso degli
avvenimenti; sognarono un eterno _statu quo_, assumendo in comune
la speciale missione di combattere le idee di libertà e nazionalità.
Ma colla forza materiale non si vincono le idee; esse hanno la loro
forza espansiva, e quando sono pervenute a far le loro conquiste
morali, allora si trova anche la forza che le vuol effettuare, allora
comincia la lotta con tutte le sue conseguenze, colla vicenda delle
vittorie e delle sconfitte, delle tregue e delle riscosse; ogni fase
conta le sue vittime, ma l'idea cammina e non si ferma finchè non
trovi una condizione di cose che valga a tradurre le idee in fatti.
Per quanto formidabile potesse chiamarsi la forza materiale della
quale disponevano i collegati nella Santa Alleanza, per quanto severa
si esercitasse la censura onde impedire che gli scritti intorno ai
diritti dei popoli, all'indipendenza ed alla libertà si spargessero,
non fu possibile l'impedire che quel tema divenisse dominante,
allorquando scoppiò la rivoluzione greca pochi anni dopo il congresso
di Verona. Non furono certo i sovrani collegati che le fecero il buon
viso, ma già sì potente era l'opinione pubblica in Europa che non
ardirono affrontarla. Or che cosa voleva la Grecia se non la propria
indipendenza? Da ogni parte d'Europa si mandarono a quei sollevati
soccorsi di uomini e di denari; non havvi nazione che non conti i
suoi morti nei volontari che accorsero su quella terra illustrata
da sì gloriosi ricordi, e non solo la pubblica opinione fece scudo a
quanti favorivano quell'insurrezione, ma costrinse i governi medesimi
a prendervi parte e fra questi il russo che pareva il giustiziere
della Santa Alleanza. La Grecia trionfò, ma lo stesso trionfo porta
l'impronta della mala volontà de' governi predominati dall'idea del
pericolo. Si costituì un nuovo Stato, un regno di 800,000 abitanti con
un debito enormissimo, fuori d'ogni proporzione colle sue entrate, sì
che la questione finanziaria, vitale in ogni Stato, non venne colà mai
risoluta, e fu l'ostacolo principale allo sviluppo che attendevasi da
quella nazione.

Ma frattanto fu quella una gran vittoria del principio di libertà ed
indipendenza; poeti, prosatori, romanzieri celebrarono la risurrezione
della Grecia che veniva a prendere posto fra le nazioni rette a
governo libero e costituzionale, talchè consacravansi col fatto ad
un tempo i due principii di indipendenza e libertà. Poco dopo la casa
dei Borboni, dominatrice di Francia, alla quale pareva che la libertà
vi trasmodasse, si avvisò di frenarla, e il tentativo bastò a far
rovesciare in tre giorni dinastia e governo, senza che alcuno venisse
in loro soccorso. Nè gli avvenimenti si fermarono a quel punto, ma il
Belgio, insorto poco dopo contro la dominazione dell'Olanda in nome
della propria nazionalità, venne soccorso dalla Francia senza che i
sovrani che avversavano quel principio tentassero d'impedire un sì
grave fatto. Fra tutti i popoli d'Europa uno dei più interessati al
felice svolgimento d'ogni idea di nazionalità era il popolo italiano.
Quantunque il regno di Napoleone I fosse stato breve e despotico,
non pertanto era bastato per provare al mondo che la stoffa per
formar valenti soldati, e quella per formar buoni amministratori non
mancava all'Italia. Dopo il corso di più secoli ne' quali il solo
popolo piemontese che costituiva non più di un quinto della famiglia
italiana durò sempre ad essere belligero, l'Europa vide truppe italiane
segnalarsi sui campi di battaglia in Germania, in Spagna ed in Russia.
L'Italia ebbe il sentimento della propria forza e concepì la speranza
d'una esistenza autonoma allorquando la pace del 1815 rovesciò
l'opera napoleonica e rimise in trono gli antichi sovrani che tosto si
accinsero ad annullare ogni ordine, ogni provvedimento, che proveniva
dal governo ai loro occhi usurpatore ed illegittimo. Ma non fu in loro
facoltà d'estinguere il nuovo sentimento di libertà ed indipendenza,
che s'era acceso ne' petti italiani, e che ben lungi dall'affievolirsi
per le persecuzioni, più si rendeva tenace e vivo. I ricordi gloriosi
d'un passato non ancora lontano, i tanti attori del gran dramma
napoleonico che ancora vivevano, tennero desta un'agitazione che
mise capo ai moti del 1821 e dopo la loro repressione, indi a un
decennio, esplose colla sollevazione delle Romagne del 1831. Come
venisse soffocato anche quel tentativo è troppo noto. Non sarà
però fuor di luogo il ricordare come fra i giovani accorsi sotto la
bandiera de' sollevati, si contassero due giovani principi, figli di
Luigi Bonaparte, già re d'Olanda e della regina Ortensia; i fratelli
Carlo Napoleone e Luigi Napoleone Bonaparte. Il primo soccombeva a
un'infiammazione per eccesso di insolite fatiche a Forlì il 17 marzo
1831; il secondo era riservato a ricomparir sulla scena non dell'Italia
sola, ma dell'Europa e ad essere spettacolo al mondo di straordinaria
fortuna e potenza e di non meno straordinaria sventura.

Ai moti infelici del 1831 subentrò una calma apparente in rispetto a
nuovi tentativi a mano armata, ma più intenso invece e più generale
divenne il lavoro di diffusione delle idee di libertà e di indipendenza
per mezzo della stampa, che assunse il carattere d'una vera
_propaganda_. Sotto tale rapporto non vuolsi passar sotto silenzio un
cambiamento essenziale che potrebbesi chiamar di tattica e che, a mio
avviso, contribuì grandemente al trionfo di quelle idee. Il cambiamento
fu l'abbandono della via delle congiure per entrare in quella d'una
lotta a viso aperto, dacchè man mano si procacciò d'infondere nelle
masse il sentimento e il bisogno dell'indipendenza del proprio paese
dallo straniero, affinchè il giorno nel quale si dovesse fare appello
alla forza, il giorno nel quale si sarebbe chiesto ai concittadini
sangue e sostanze, li trovasse ben informati e già caldi per la
causa nazionale. Non è mio scopo l'entrar qui in particolarità di
citazioni, ma parrebbemi ingiustizia grave il non far cenno di Cesare
Balbo che fra i primi tracciò ben chiaramente quella via colla sua
opera _Le Speranze d'Italia_. Quel libro mostrò a tutti quelli che
tenevano dietro alla questione della redenzione dell'Italia, quanto
cammino essa aveva già fatto in poco più d'un decennio, ossia dal
1831-32 al 1842-43. Una persona ben nota qual'era già a quell'epoca il
Balbo, appartenente all'alta aristocrazia del Piemonte, stampa nella
capitale[3] di quello Stato un'opera nella quale si discute pacatamente
la probabilità, o dirò meglio riferendomi a quei tempi, la possibilità
che l'Italia possa ricuperare la propria indipendenza. Evidentemente
una grande modificazione doveva già essere avvenuta nello spirito
dello stesso governo, e siccome allora il governo si identificava
colla persona del sovrano, era impossibile che questi ignorasse quella
pubblicazione ed il suo effetto. Ora quel sovrano, benchè solo di
piccolo Stato, disponeva di un esercito nazionale e sebbene le gloriose
tradizioni militari risalissero al secolo, anzi ai secoli addietro,
erano tali e tante che circondavano pur sempre di un'aureola di gloria
l'esercito medesimo arruolato fra lo stesso popolo e guidato allora,
come per lo addietro, in gran parte dall'aristocrazia del paese,
l'unica in tutta Italia che chiamar potevasi guerriera. Non è a dire
quanto ciò dovesse sorridere agli uomini positivi che dalla storia
avevano appreso come un governo potente non abbandoni un paese soggetto
che costretto dalla forza e quindi sul campo di battaglia, ove hanno
principio e fine le dominazioni straniere. Le speranze non potevano
più dirsi aeree; non si trattava più di disegni preparati da pochi
nel silenzio che scoppiando ad un tratto sorprendono le popolazioni le
quali chiedono attonite dove sta la forza organizzata per opporsi ad
eserciti organizzati; si trattava di disegni pubblicamente discussi
fra tutte le classi dei cittadini, di disegni che conducevano per
retta conseguenza alla guerra fra Stato e Stato; guerra grossa, guerra
combattuta con tutti gli espedienti della strategia e della tattica.
Ognuno sentiva la gravità dell'impresa, ma come il coraggio genera
coraggio, quella discussione pubblica sì libera, sì nuova, portava
in sè qualcosa della natura di un buon successo ed esaltava gli
animi. Ma se in Italia parlavasi allora anzitutto di indipendenza,
perchè di là dovevasi pur cominciare per giungere alla libertà, di
questa con eguale franchezza parlavasi contemporaneamente presso le
altre nazioni. Un nuovo spirito aveva invaso l'Europa. In Germania
si discuteva la necessità del governo costituzionale, più tardi se ne
discusse pubblicamente nell'Austria stessa; in Boemia, in Ungheria, si
parlava di autonomia dei singoli regni; si richiamavano alla memoria
mercè storie e racconti le epoche gloriose passate, in tempi, se non
di libertà, almeno di indipendenza, e tutti quegli scritti spingevano
verso una meta che non potevasi raggiungere se non a traverso di
conflitti sanguinosi. Per quanto grande dovesse parere agli uomini
del freddo calcolo l'ostacolo dei potenti eserciti che stavano a
disposizione dei governi i quali non solo non intendevano di accettare
quelle mutazioni, ma apertamente le combattevano, non pertanto lo
spettacolo di quella tendenza comune di tutti i popoli doveva aver pure
un gran peso nelle loro considerazioni. Alla fine anche in Austria più
d'un freddo ragionatore si trovò ridotto a dire: quello che vogliono
gli Italiani è quello che vogliono pure i Boemi e gli Ungheresi, e la
libertà, la vuole la stessa popolazione austriaca, nè altrimenti si
pensa in Germania. In effetto un medesimo spirito prevaleva nell'Europa
intera; un paese incalzava l'altro; una nuova atmosfera involgeva
tutti. Tale era lo stato degli animi nel 1845-46, allorquando in Italia
avvenne un fatto importantissimo che diede al corso degli avvenimenti
un nuovo impulso, di guisa che se prima poteva dirsi che s'andasse a
passo accelerato, questo si cambiò in un vero passo di carica. Quel
fatto fu l'elezione di Pio IX al seggio pontificio e l'immediato
cambiamento nella politica del suo governo.

Poco meno d'una generazione intera ci separa ora da quell'epoca
memorabile; la gioventù d'oggi nella massima parte non ha sentito
parlare di Pio IX che come di un nemico d'Italia e guarda con sospetto
chi lo difende; però non solo la storia conserva le più irrefragabili
prove ch'egli sulle prime non fu d'Italia nemico, ma ad attestarlo
sopravvivono ancora, benchè scemati assai di numero, quelli che erano
giovani allora e presero parte agli avvenimenti di que' giorni, e si
contano a migliaia fra le popolazioni italiane.

I primi atti di Pio IX sbalordirono tutti, tanto gli amici quanto i
nemici delle idee di indipendenza e di libertà; nessuno si attendeva
vederlo camminare così risolutamente una via cotanto opposta a quella
de' suoi antecessori. La sua amnistia fu delle più generose, e tosto
eseguita provocò verso di lui un impeto di ammirazione e di entusiasmo
che toccava al delirio. Non vi è penna che sia capace di esprimere lo
stato morale di quell'anno e mezzo che corse dal luglio 1846 a tutto il
1847. Un Papa liberale! Un Papa che desiderava l'indipendenza d'Italia!
Ad aumentare l'entusiasmo contribuiva una specie di vaticinio contenuto
nell'opera del celebre Gioberti: _Il primato morale e civile degli
Italiani_, che voleva fare del Sommo Pontefice il paciere universale,
Pio IX comparso poco dopo sulla scena parve avverare il vaticinio.
Il clero, che sopratutto nell'Alta Italia contò sempre caldi fautori
dell'idea dell'indipendenza, si vide fatto segno di dimostrazioni
di simpatia, sicchè coloro che prima si erano tenuti neutrali si
decisero; i caldi divennero caldissimi. Il clero posto nel mezzo
fra la classe educata ed agiata e le masse che vivono di lavoro, il
clero col libero accesso ai palazzi ed alle più umili abitazioni del
coltivatore e dell'operaio, fu istrumento efficace a rendere popolare
il concetto dell'Italia padrona di sè: il che in Lombardia e nel
Veneto si traduceva anche per l'uomo il meno istrutto, ma pur dotato di
senso comune, nel concetto d'una lotta coll'Austria. Dell'entusiasmo
nelle altre parti dell'Italia non posso parlare che riferendomi alle
relazioni, agli scritti, agli indirizzi d'ogni genere e d'ogni classe
che venivano pubblicati, e che tutti concordavano nel rappresentare il
grado sommo d'esaltamento nel quale si trovava l'intera Italia.

Egualmente intimo traspariva l'accordo col clero, sopratutto col basso
clero. Arrivare alla meta senza scosse, per quanto riguarda le credenze
religiose, senza l'intralcio di quistioni eterogenee, era tale fortuna
che nessuno avrebbe osato sperare e quindi più che giustificato era
quell'entusiasmo anche agli occhi degli uomini più serii e più pacati.
Infine il nome di Pio IX divenne sinonimo di libertà ed indipendenza;
il suo ritratto sotto tutte le forme possibili fu sparso a centinaia
di mille esemplari; si portava in foggia di spillone sul petto dagli
uomini e sui braccialetti dalle donne; ve n'erano di quelli contornati
da diamanti del valore di centinaia e migliaia di lire, e di quelli
del valore di pochi soldi per le infime classi. Il motto _Viva Pio
IX_ si trovava scritto in tutti i luoghi; ogni giorno si narrava un
nuovo aneddoto per provare e confermare i di lui sentimenti liberali,
e siccome già sapevasi che incontrava l'opposizione nelle alte sfere
del clero, si raccontavano i modi coi quali aveva vinta questa o
quella difficoltà, superato questo o quell'ostacolo; insomma Pio IX fu
trasformato in un vero ente simbolico, in un mito.

Se gli amici dell'indipendenza d'Italia erano stati sorpresi nel senso
del vedersi sorretti da un aiuto cotanto inaspettato, i nemici naturali
di tutte le innovazioni non erano stati sorpresi meno. Il primo e più
potente fra questi era il governo austriaco, pel quale il Papa veniva
ad aggravare una condizione di cose già complicata. Non poteva esso
chiamar nuovo lo spirito di libertà e le aspirazioni all'indipendenza
de' suoi popoli italiani, ma il nembo non sorgeva solo da questa parte,
perchè contemporaneamente si addensava in Boemia ed in Ungheria. Non
era una forza materiale che poteva aggiungere il Papa, ma una forza
morale di grande influenza, e quindi del di lui contegno l'Austria
rimase oltremodo indispettita e sgomenta. Il 1847 passò in mezzo ad
una grande ansietà, sia da parte delle popolazioni, sia da parte del
governo; la cui incertezza si tradì più volte in ordini e contr'ordini
fra loro repugnanti. Prevedendo vicino uno scoppio esso pensò ad
aumentare la forza materiale e chiamò i contingenti sotto le armi;
cercò opporre zelo a zelo, facendo dal suo canto appello alla solerzia
dei propri amici e dipendenti, annunciando provvedimenti rigorosi
contro i perturbatori e i riottosi, ch'erano le espressioni con cui
si qualificavano i novatori politici; ma quelle disposizioni medesime
non facevano che accendere maggiormente il fuoco, tanto più che le
minaccie non erano seguìte che eccezionalmente da fatti e la titubanza
era manifesta. Come avviene sempre in simili casi, lo zelo di taluno
degli esecutori andò oltre, ed ecco sorgere autorità municipali che con
linguaggio rispettoso nella forma, ma nella sostanza affatto nuovo ed
insolito, denunciano apertamente gli abusi degli agenti governativi;
indi corpi rispettabili, come le Deputazioni Provinciali che esprimono
il desiderio di riforme liberali, e per ultimo la Congregazione
Centrale che in nome del paese invoca del pari liberali riforme.

Ma, non era solo la questione interna ossia quella fra il governo ed i
sudditi che aveva fatto cammino; un progresso eguale e forse maggiore
l'aveva fatto una questione esterna, ossia una questione insorta fra
il governo austriaco ed il governo piemontese. Nel 1847 il re Carlo
Alberto aveva promulgato riforme liberali nella sua amministrazione, e
già non faceva più mistero che non si sarebbe fermato a quelle, ma si
sarebbe spinto sino a dare una costituzione, benchè non si illudesse
sul pericolo dei conflitti che potevano sorgere col governo austriaco.
Il conflitto non tardò a verificarsi, e fu non un conflitto a mano
armata, ma di quelli che si possono chiamare i prodromi di guerra,
perchè incominciano con note diplomatiche per terminare col tiro del
cannone.

Nel 1846 il governo sardo concesse il transito per i suoi Stati
d'una determinata quantità di sale diretta alla Svizzera; il governo
austriaco al quale ne veniva danno, poichè lo forniva esso colle sue
saline del Tirolo, ravvisò in quella concessione un atto a lui ostile e
per rappresaglia duplicò il dazio d'entrata dei vini dello Stato sardo
nella Lombardia, il che equivaleva ad una proibizione.

Il re Carlo Alberto annunciò egli stesso il fatto ai suoi popoli
facendo comprendere quanto fosse ingiusto il procedere dell'Austria, e
menzionando quella determinazione adoperò il termine di _rappresaglia_.
È facile l'immaginare quanto un linguaggio simile dovesse far piacere
a coloro che, cogli occhi rivolti a Carlo Alberto ed al suo esercito,
speravano in essi. Le circostanze volgevano tutte favorevoli, e per
quanto sproporzionata fosse la lotta, per quanto dispari le forze, le
complicazioni degli avvenimenti che andavano svolgendosi a minaccia
dell'antico ordine di cose, potevano riuscir tali da contarvi sopra
come su d'un potente alleato.

Fu in tali condizioni interne ed esterne che si entrò nel _fatato_ anno
1848. Il governo austriaco, che più non si illudeva sull'attitudine
del re Carlo Alberto, risolvette procedere con energia contro i
fautori delle idee di libertà ed indipendenza e farla finita con
qualche prova di rigore che valesse a dimostrare l'impotenza de' suoi
nemici interni. Le popolazioni alla loro volta erano invece sempre
più risolute a provare quanto accarezzassero le nuove speranze, ed
accettavano con avidità ogni pretesto per tradurre in atto quel loro
modo di sentire. Di ciò davano frequenti prove con dimostrazioni per
sè stesse inconcludenti, ma che assumevano importanza pel significato
politico che loro si annetteva. Segnalata per le sue conseguenze
rimase la dimostrazione in tutta la Lombardia di non voler più fumare
cominciando dal 1º gennaio 1848, non tanto nello scopo di far un danno
all'erario, che ben meschino sarebbe riuscito, poichè nessuno poteva
impedire che si fumasse fra le domestiche pareti, ma nello scopo di
attestare il sentimento del paese con un atto pubblico, generale,
di pronto e facile eseguimento anche nei più meschini villaggi. E
lo scopo fu raggiunto. Che nel fatto vi siano state alcune violenze
parziali e perfino insulti a chi voleva fumare, non può negarsi; ma si
può asserire con certezza che furono rare eccezioni; la grandissima
massa dei cittadini fumatori cessò dal fumare in pubblico, e, posto
pure che taluni se ne astenessero solo per non affrontare l'opinione
pubblica, egli è certo che tanto nelle città quanto nelle campagne si
cessò dal fumare col 1º gennaio 1848. Il centro dal quale partiva la
parola d'ordine delle dimostrazioni era Milano, perciò dal suo canto il
governo deliberò di prendere argomento da quella dimostrazione per dare
una buona lezione ai Milanesi, e venne prescelto all'uopo il 3 gennaio.
Verso la sera di quel giorno si videro soldati e borghesi percorrere,
fumando, la città in tutti i sensi, a due, a tre, e dietro ad essi a
poca distanza venivano pattuglie di guardie di polizia. I cittadini non
tardarono a scoprire in alcuni fumatori borghesi, guardie di polizia
travestite e come era facile a prevedersi, si diedero a fischiarle; di
che esse si corrucciarono ed invelenirono, onde, com'era nei desiderii,
si passò alle vie di fatto. Ed ecco a un segnale dato irrompere
i soldati (sopratutto cavalleria) nelle strade principali menando
colpi di sciabola a destra e sinistra. Come suol sempre avvenire,
n'andarono di mezzo i più lenti a fuggire e quelli che ignorando ogni
cosa uscivano in quel punto dalle loro case. Vi ebbero molti feriti e
non pochi morti e fra questi un vecchio consigliere d'appello ed il
cuoco del conte Fiquelmont. Era questi un personaggio ragguardevole
ch'era venuto a Milano mandato da Vienna con missione non pubblica, ma
dicevasi con quella di riferire fedelmente al governo centrale lo stato
delle cose in Lombardia. Grande fu l'irritazione prodotta da quell'atto
di provocazione; ma coloro che lo consigliarono ritennero che il suo
effetto lo avesse prodotto e si potesse chiamarlo una lezione utile,
poichè mentre i cittadini contavano tanti feriti ed anche morti, non
eravi un soldato solo che avesse riportato una graffiatura. Anche gli
stessi attinenti al governo che avevano disapprovata quella misura,
furono costretti al silenzio dinanzi al momentaneo buon successo;
dobbiamo anzi soggiungere, perchè anche questo è vero, che circa quella
provocazione in origine censurata persino da generali, rimasero tutti
d'accordo a ritenerla ben riescita. Da qui venne nel governo quella
fatal sicurezza che si comunicò anche ai capi militari, i quali si
persuasero che Milano non avrebbe osato insorgere contro di essi ed in
ogni caso avrebbe avuto la peggio. Il trarre una simile conseguenza dal
fatto del 3 gennaio era uno sragionare, dacchè non tenevasi calcolo
della sorpresa; ma la passione già dominava i governanti civili e
militari, dei quali non pochi ostentavano un disprezzo, di che i
cittadini ogni dì più s'irritavano, onde in essi nacque una vera sete
di vendetta.

Eccoci al punto che possiamo chiamare culminante e foriero
dell'inevitabile crisi, quando tutte le cause di qualsiasi natura
hanno prodotto i loro effetti. Le riassumerò in brevissimi termini.
Le idee di maggiori libertà pei popoli e dell'ingerenza loro nel
maneggio della cosa pubblica mediante il sistema rappresentativo
costituiscono le cause che chiamai _generali_, perchè comuni ad altri
popoli, con questa differenza fra cotesti e l'italiano, che mentre
altrove erano le predominanti, in Italia invece erano in seconda
linea al confronto dell'idea dell'indipendenza nazionale, sopratutto
nell'Italia austriaca. In tutta la penisola ben si comprendeva da ogni
persona colta e intelligente di materie politiche che la base vera,
l'unica, stabile, anche della libertà era l'indipendenza di diritto e
di fatto da ogni dominazione straniera; e quella causa poteva dirsi
l'_italiana_. Ben pronunciata in tutti i centri d'intelligenza lo
era in grado massimo a Milano, uno dei più segnalati. A queste cause
comuni con tutti gli altri paesi d'Italia, colà vennero a sovrapporsi
le _locali_ ossia le speciali per quella città. Poco prima dello
scoppio della rivoluzione erano stati presi alcuni giovani appartenenti
a famiglie distinte e spediti in Austria per misura di precauzione.
È vero che non si torse loro un capello e furono trattati con ogni
riguardo, ma questo non si seppe che dopo gli avvenimenti e frattanto
quell'atto contribuì ad indispettire la popolazione; ma su ben altra
scala ed in modo ben più risentito aveva contribuito a quell'effetto
la provocazione del 3 gennaio e quello scherno che non pochi dei più
devoti al governo dimostravano per i cittadini, sui quali credevano
aver riportata una vittoria in quell'infausta giornata. Così quali
fuochi concentrici tutte quelle cause si condensavano in Milano,
e la lotta desiderata da molti in ogni parte d'Italia, in nessun
luogo lo era con tanto ardore quanto in quella città. L'annuncio dei
massacri di Milano, come chiamaronsi, produsse come era da attendersi
un effetto gravissimo in tutta la Lombardia; non è a dire poi quale
partito ne traessero coloro che tenevano al corrente d'ogni cosa il
governo piemontese scongiurandolo di prepararsi alla guerra. Esso
non istava inoperoso, e siccome già presentiva inevitabile la lotta,
aveva incominciato a chiamare più classi sotto le armi; ma anche in
Piemonte non tutti la pensavano nello stesso modo, non già che vi
fosse un partito che chiamar si potesse austriaco, ma vi erano persone
spaventate dalla terribile lotta da impegnarsi con armi tanto impari
per numero, e perciò ad una determinazione energica ne seguiva talvolta
un'altra che la temperava; nel complesso però prendeva sempre più
favore il partito risoluto.

Il giorno 8 febbraio il re Carlo Alberto promise solennemente lo
Statuto, altro nuovo importantissimo passo che dalla sua data stessa
trae grande importanza, poichè precedette lo scoppio della rivoluzione
francese.

Il governo austriaco alla sua volta era entrato in una fase di
lusinghevoli promesse, per la ragione dianzi accennata, che vedeva
sorger nembi da tutte le parti del vasto suo impero. Quindi si
accavallavano ed avvicendavano partiti di prudenza e partiti di
severità; si ingiungeva la consegna delle armi e si faceva sentire alle
autorità municipali, che reclamavano contro gli arbitrî della polizia,
che si sarebbero esaminati e presi in considerazione i desiderii delle
popolazioni, perchè tale era l'intenzione dello stesso governo; ma le
popolazioni, e sopratutto quelle delle città, comprendevano benissimo
quale fosse la causa del linguaggio insolito e non vi prestavano fede.

In tale stato di tensione somma degli animi nel quale si trovavano
governanti e governati del grande impero austriaco, avvenne la
rivoluzione di Francia, o, a dir meglio, di Parigi, del 28 febbraio,
che rovesciò il trono di Luigi Filippo e proclamò la repubblica.

Quel fatto presentò l'apice delle complicazioni, ma nello stesso tempo
il principio del loro scioglimento dappoichè si entrò allora in un
nuovo periodo, in quello dell'azione e della lotta. Se l'anno 1848
ebbe la qualifica di _fatato_ per i molti e strani avvenimenti che in
esso seguirono, il mese che si segnalò sopra gli altri nello stesso
anno, fu il mese di marzo. Il re Carlo Alberto promulgava nel giorno 4
di detto mese lo Statuto a' suoi popoli fra il tripudio del Piemonte
e l'entusiasmo di Torino. La chiamata di nuove classi sotto le armi
dimostrava come il neonato non si avesse a festeggiare solo con canti
ed inni di gioia, ma con preparativi serii di guerra; se non che tale
era l'entusiasmo, tale la convinzione già divenuta generale che ormai
la lotta era inevitabile che, ben lungi dal paventarla, i più la
desideravano. Il governo austriaco stesso la credeva tanto vicina che
aveva disposto a scaglioni molta forza lungo la frontiera piemontese,
aveva già formato il suo piano d'attacco e designata la città nel
territorio del nemico ove divisava fissare il quartiere generale; ma
a Vienna in que' giorni stessi la popolazione instava per farla finita
col regime assoluto e chiedeva libere istituzioni.

Il vice-re del regno Lombardo-Veneto, l'arciduca Raineri, non
credendosi più sicuro in Milano, partì con tutta la famiglia il 16
marzo per Verona, accompagnato da un reggimento di granatieri italiani,
che non si avvisava prudente lasciar in quella città; prima di lui era
pure partito il conte Spaur, governatore della Lombardia, sì che a capo
del governo vi era rimasto il vice-presidente conte O'Donnell.

La risoluzione che avevano preso i cittadini di Vienna di venire
assolutamente ad una conclusione, l'avevano presa anche alcuni
cittadini di Milano; volevano essi recarsi il 18 marzo al palazzo di
governo per fare la dimanda della libertà di stampa, della guardia
nazionale, d'un freno all'arbitrio della polizia e d'altre simili
franchigie. Certo fu una coincidenza fortuita quella degli stessi passi
fatti nei medesimi giorni dalle popolazioni delle due città senza che
l'una sapesse dell'altra, ma era effetto di quella singolare atmosfera
che tutti avvolgeva desiderando la stessa cosa, trovando i medesimi
ostacoli, di guisa che erano tutte due spinte sulla medesima via, senza
alcun speciale accordo.

Il mattino del 18 marzo un dispaccio governativo affisso a tutti i
canti di Milano annuncia ai cittadini che _sua Maestà aveva determinato
di concedere ai suoi popoli instituzioni liberali e convocava i
rappresentanti dei diversi paesi a Vienna pel 3 luglio prossimo
futuro_.

Quell'avviso fu la scintilla che diede il fuoco all'aere pirico del
quale era pregna l'atmosfera. _Vienna_, si disse, _è in rivoluzione_.
Il popolo stesso, la moltitudine dei cittadini, che due anni prima era
ancor completamente digiuna di politica, a forza di sentir a parlare
di statuti, di libertà, di garanzie, aveva fatto un po' di educazione
politica e comprese, come non era possibile che la cosa fosse passata
così linda a Vienna fra il popolo ed il governo. Ora, appena si ebbe
sentore del fatto, moltissimi sorsero a dire: _Se tanto si fa dai
Viennesi, come staremo noi tranquilli?_



CAPITOLO SECONDO

    Condizioni dell'autore — Sua indipendenza — Suo viaggio
      politico in Italia nel 1841 — Sue relazioni in Piemonte —
      Scrive i _Pensieri sull'Italia di un anonimo lombardo_ — Suo
      viaggio in Piemonte ai primi di marzo 1848.


Tale era lo stato di Milano poche ore prima dello scoppio della famosa
rivoluzione. Era necessario, anzi dirò indispensabile, il premettere
questi cenni poichè essi dànno la spiegazione dei fatti, e specialmente
del come la popolazione in massa comprendesse la situazione, talchè
poi ogni classe somministrò il suo contingente nella lotta e contò le
sue vittime nel grande episodio di quel movimento generale di tutta
Europa, al quale si collega. Nulla parmi più meschino della narrazione
dei nudi fatti senza che si comprenda come si sprigionasse tanta
forza latente fino a quel giorno; nulla abbassa più le famose Cinque
Giornate che rappresentarle come un fatto isolato organizzato da Tizio
o Sempronio, quasicchè se quelli non si fossero adoperati nulla sarebbe
avvenuto; ben più elevato appare il concetto di quell'insurrezione
considerandola come la esplosione di materia preparata da lunga mano,
accumulatasi quale effetto di molte cause operanti sulla massa intera
della popolazione. Sta in ciò la sua vera natura, che affermar non si
può senza provarne un intimo compiacimento.

Prima però che, abbandonando queste considerazioni generali, io
entri nella narrazione dei fatti parziali, conviene che il lettore
tolleri che gli faccia un cenno della mia condizione speciale. Per
quanto piccolo sia un individuo a fronte di sì grandi avvenimenti,
quando esso si fa a narrarli, gli diviene indispensabile non solo
il somministrar la prova della veracità dei fatti che possono essere
sindacati da altri contemporanei, ma ancora della sua competenza nel
dare i giudizj intorno alle condizioni di quei tempi, allo stato morale
delle popolazioni, il che non potrebbe ammettersi in uno che, rimasto
estraneo ai fatti stessi, fosse stato sorpreso dai medesimi senza che
prima avesse rivolto alcun pensiero alle loro cause. Non sarà difficile
il riconoscere come mi debba star a cuore di provare che non intendo
rivestire idee d'allora coll'abito d'oggi, nè indossare il facile manto
del profeta; ma non potrei ottener questo se non toccassi almeno di
volo la mia vita antecedente a quel grande episodio.

Allorchè avvennero i moti del 1831 in Italia, io mi trovava giovine
studente a Vienna, amico di ungheresi e di polacchi coetanei e
condiscepoli; cominciai col vagheggiare l'idea dell'indipendenza
nazionale come l'unica base possibile d'un sistema razionale che si
fonda non su avvenimenti dovuti alla forza od al capriccio dell'uomo,
ma su d'un fatto che non è creato da lui ma dalla natura e dalla
storia, sul fatto della nazionalità, e mi riscaldava non poco a quel
concetto divenuto anche il tema prediletto delle conversazioni cogli
amici non meno incaloriti di me. Compiti gli studii venni in Italia ed
entrai al servizio amministrativo del governo austriaco, tale essendo
il desiderio de' miei genitori, ma vi rimasi ben poco, perchè, dominato
sempre da quelle idee, non trovava cosa onesta servire un governo
ed adoperarsi per combatterlo. Quindi cominciai collo svincolarmi da
quell'impegno senza aver fatto un solo atto, durante il tempo del mio
servigio, che fosse in opposizione al giuramento che aveva prestato;
ma, ricuperata la mia piena libertà, mi proposi far tema dei miei
sforzi l'avveramento dell'idea dell'indipendenza d'Italia.

Due cose mi parevano emergere chiarissime dalla storia: l'una che una
grande potenza la quale dispone di un potente esercito, non si combatte
che con un esercito egualmente potente; l'altra che di tutti i modi
per venire a capo di liberarsi dal dominio austriaco il meno efficace
era quello delle congiure. L'Italia contava due eserciti nazionali; il
piemontese ed il napoletano; il primo stimato per fama tradizionale,
il secondo forte per numero; trovar modo di agire su quelli che
disponevano di quelle forze, far sì che afferrassero il concetto
della liberazione d'Italia, era la via più retta per approssimarsi
allo scopo. Quanto al pubblico conveniva educarlo a quelle idee, onde
il giorno della chiamata sapesse che cosa si voleva da lui e fosse
pronto ai sacrifici necessarii. Ben presto m'accorsi quanto fosse vana
la speranza di voler influire su d'un sovrano come il re Ferdinando
II di Napoli. Nel 1841 feci un viaggio d'esplorazione politica in
tutta Italia per convincermi delle sue condizioni reali; e a tal uopo
m'informava con prudenza dello spirito pubblico dominante nelle varie
contrade; pur troppo il livello dello spirito pubblico mi parve basso
e disuguale. A Napoli mi fermai più che altrove; vidi alcune manovre
di quelle truppe eseguite con maestria, ed una cavalleria bellissima
pel materiale; la forza non mancava, ma che dire dell'animo dei padroni
di quella forza? Avevo pochissime attinenze con persone del luogo,
ma ne feci con alcuni distinti stranieri, e fra questi con inglesi,
alcuni dei quali erano pienamente al fatto degli aneddoti di Corte
e dello spirito del governo. Si può facilmente immaginare di qual
natura fossero quei racconti e qual concetto potessi io desumerne pel
concorso di quella popolazione ad un'impresa che avesse per iscopo
l'indipendenza nazionale. In Toscana nessuno allora parlava male del
governo; ma eravi già un nucleo di persone che si occupava di politica
e che poneva per base del risorgimento italiano la cessazione del
dominio straniero; di che vieppiù mi persuasi nel 1843 in occasione
del Congresso di Lucca, al quale andai non già come scienziato, ma
come dilettante, e in realtà come esploratore politico. Il numero dei
_benpensanti_; termine che allora riassumeva l'idea dell'indipendenza,
si era notevolmente aumentato; se non che piccolo era l'aiuto che
la Toscana poteva dare, ammesso pure che il Granduca arrivasse sino
al punto di prendere le armi contro l'Austria, cosa allora ben poco
probabile. Il paese che solo mi pareva offrire una base solida, era il
Piemonte; io non aveva atteso sino allora ad andarvi. Avendo fatto in
Lombardia la conoscenza col commendatore Maurizio Farina, possidente
nel Canavese, liberale di vecchia data, e stretta seco lui amicizia,
lo accompagnai, prima ancora che intraprendessi il viaggio per tutta
Italia, al suo ritorno in Piemonte, ove appresi a conoscere Lorenzo
Valerio ed altri, che potevano chiamarsi i bersaglieri della futura
falange che doveva propugnare le idee d'indipendenza. Allora era ancor
piccola, ma in terreno propizio per svilupparsi; il Piemonte solo
presentava le condizioni serie per concorrere ad un tentativo di tale
portata; esso aveva un esercito pieno del sentimento del proprio onore:
il Re, che ne disponeva, trovava uno scopo nella guerra che avrebbe
potuto procurargli il Lombardo-Veneto; la cosa non era nè facile, nè
allora tampoco probabile, ma bastava che si potesse chiamare possibile,
perchè non si riguardasse un'utopia il fermarsi su quell'idea. Si
parlava sempre in modo velato (1841-43), ma si tendeva a quel fine.
Valerio fondava le _Letture di famiglia_, e vi presi parte anch'io; poi
fu costituita la _Società Agraria_ nel 1843 e fui fra i fondatori; era
un manto che ben presto divenne così trasparente, che nessuno più si
illudeva. Nel successivo 1844 apparve l'opera _Le Speranze d'Italia_
del Balbo, già da me menzionata. Io mi trovava in pieno accordo
seco lui nel modo di vedere, salvo nella questione intorno al potere
temporale del Papa, ch'ei voleva conservare. Quella discrepanza nel
modo di giudicare d'una delle questioni principali per l'Italia, fu una
delle ragioni che mi spinsero ad entrare nell'arringo degli scrittori
politici, che presero per tema il modo di procurare l'indipendenza
all'Italia, e nel 1845 scrissi i _Pensieri sull'Italia d'un Anonimo
lombardo_, stampati poi a Losanna nel successivo 1846. Le circostanze
di allora procurarono al mio libro pronta e felice accoglienza,
se è lecito arguirlo dallo spaccio delle copie.[4] Io mi proponeva
anzitutto il quesito _dell'indipendenza_; non parlai d'unità, poichè
io partiva dal principio che tutto dovesse farsi col sangue italiano.
Io pure capiva anche allora che l'Italia _una ed indipendente_ era un
ideale ben più seducente; ma come arrivarvi colle sole nostre forze?
L'esercito piemontese e Carlo Alberto suo condottiero, potevano forse
cimentarsi a una guerra contro l'Austria e dire in pari tempo agli
altri sovrani d'Italia: «Vogliamo cacciarvi dai vostri troni per
fare un solo Stato?» Un progetto simile era allora un delirio; una
soluzione in tal senso non si poteva ammettere, che accettando l'aiuto
straniero contro il quale io mi pronunciava risolutamente, osservando
che le nazioni non si redimono che ribattezzandosi nel sangue proprio
e che per la redenzione d'Italia doveva scorrere solo sangue italiano.
Ora, posta simile condizione, non si doveva complicare la questione e
cominciare col dividerci, col farci dei nemici anzichè degli alleati,
nella stessa Italia. Se la nazione, diceva io, si redimerà colle sole
sue forze, sarà stimata ed apprezzata anche dalle altre potenze, dagli
altri popoli, e noi stessi avremo maggior fede nei nostri destini.
Tuttavolta siccome in fondo al cuore stava pur anche il desiderio
di vedere l'Italia indipendente, senza augurarlo solo ai nostri
posteri, volli discutere anche il caso dell'intervento straniero e
quello specialmente della Francia che volevo meno degli altri, ma che
riconoscevo il più possibile fra tutti, perchè dicevo allora: _Alla
Francia si può cedere la Savoja non a sgravio di gratitudine, ma in
compenso del prestato aiuto_.

Vollero i destini d'Italia che quindici anni dopo si verificasse
precisamente quel caso; ma quando si pensa che cosa fu la battaglia
di Solferino e S. Martino, e che ci vollero gli sforzi più tenaci dei
due valorosissimi eserciti per vincere, si arriva facilmente alla
conseguenza che l'Italia colle sole sue forze non sarebbe riescita
a conquistare, nelle condizioni di allora, la propria indipendenza.
Però, dacchè l'aiuto straniero fu indispensabile e venne precisamente
dalla Francia, non è più lecito il transigere colla riconoscenza. Così
opinavo quando discutevo il quesito come un'ipotesi; così opino ora,
dappoichè l'ipotesi d'allora, quantunque non desiderata, fu invece
precisamente quella che condusse anzitutto al primo indispensabile
passo, la base di tutti gli altri, all'indipendenza verso lo straniero
e quindi all'unità. Mi si perdoni la piccola digressione; ma, per
verità, quando odo certi discorsi, quando leggo certi scritti relativi
all'aiuto prestato dalla Francia, chieggo se l'Italia non ha proprio
altra scelta che fra l'ingratitudine o la servilità, o se non ha
invece quella della gratitudine senza servilità: della prima ha debito
verso la Francia, dell'altra verso sè stessa. Risparmio al lettore
ogni particolarità di piani e di passi fatti cogli amici, d'un solo
però mi credo autorizzato a far un'eccezione, perchè ebbe una grande
influenza per spingere la mia attività. Nel 1846 io entrai in relazione
epistolare col conte di Castagneto, intendente del re Carlo Alberto. Fu
causa una bellissima aquila che mi permisi offrire allo stesso per il
real parco; nell'offrirla lanciai una frase sull'aquila, già glorioso
emblema d'Italia e di Casa Savoia. Pronta e gentile fu la risposta,
con un cenno d'allusione anche all'augurio. Mi bastò perchè, deposto
ogni velo, ogni frasario meno che chiarissimo, mi prendessi la libertà
di chiamar sul serio l'attenzione del signor Intendente generale del
Re sulla possibilità d'una guerra coll'Austria per l'indipendenza
del regno Lombardo-Veneto. Lo spirito dei tempi era così esaltato,
sopratutto dopo la nomina di Pio IX, che i fatti non tardavano mai a
confermare le mie previsioni sull'espandersi dei sentimenti di libertà
ed indipendenza e sugl'imbarazzi sempre crescenti dell'Austria. Il
carteggio si fece sempre più vivo; non lasciavo passar occasione per
dimostrare come quella doppia corrente rendesse sempre più possibile
un tentativo serio; però io mi guardava bene dall'esagerare e
dall'asserire cosa meno che esatta nell'uno o nell'altro senso. Godendo
di piena indipendenza, dimorando buona parte dell'anno in Milano,
andava e verificava io stesso, m'informava minutamente, e siccome le
mie relazioni furono trovate esatte, si cominciò a prestar loro piena
fede. Una di quelle relazioni diretta all'amico Farina, il medesimo
che fu poi deputato in molte legislature,[5] venne comunicata al
Brofferio, che io non conosceva che di nome; più tardi e senza dirmi
nulla, anche quando divenimmo colleghi nella Camera del Parlamento
sardo, ei pubblicò fra i documenti della sua _Storia del Parlamento
Sardo_, quella lettera che più non rammentavo, non essendo che una
delle tante scritte allora; ma, rivedutala, la riconobbi per mia;
ed ora la riprendo io stesso dalla sua opera e la cito qual prova
dello scrupolo che mettevo nel dare informazioni.[6] Le mie speranze
fondandosi precipuamente sull'esercito piemontese, non mi ero curato
molto di stringer numerose relazioni in Lombardia, e si limitavano
a quelle del conte Giulini e del conte Arese in Milano, del marchese
Valenti Gonzaga in Mantova, e di pochi altri. I convegni sopratutto col
primo, che mi offriva anche i mezzi sicuri per mandar le mie relazioni
in Piemonte, si fecero sempre più frequenti, e negli ultimi tempi erano
giornalieri. Di promuovere una insurrezione non si parlò mai se non a
guerra dichiarata; tuttavolta si prevedeva possibile uno scoppio non
solo in Milano, ma anche in altre città tanta era l'animosità fra'
cittadini e soldati, onde scene di sangue erano avvenute a Padova ed
a Pavia, non sì gravi come a Milano, ma bastevoli ad infiammare gli
animi alla vendetta. Ai primi di marzo di quell'anno la situazione
parve cotanto rischievole a me ed agli amici, che io temendo non la
si giudicasse con piena cognizione a Torino, mi decisi d'andarvi in
persona per riferire esattamente lo stato delle cose, scongiurando che
si venisse alla dichiarazione di guerra, giacchè tutto favoriva quel
passo per quanto arditissimo.

Essendomi già prima stato negato il passaporto pel Piemonte, mi valsi
d'uno per la Svizzera che avevo, e mediante un giro un po' vizioso,
ma fatto senza sostar mai, giunsi a Torino il 4 marzo, per mera
combinazione ignorando che per l'appunto in quel giorno si proclamava
lo Statuto. Fui quindi testimonio oculare dell'entusiasmo straordinario
di quei giorni. Appena arrivato mi recai dal conte Castagneto, nel
palazzo reale, e gli narrai lo stato della Lombardia e di Milano in
modo particolare, e come da un momento all'altro potessero scoppiare
ostilità. _Ebbene sappia_, mi rispose egli, _che noi abbiamo chiamato
anche l'ultima classe sotto le armi: ben vede se siamo deliberati_.

Le parole del conte di Castagneto (rispettabilissimo personaggio,
senator del Regno, uno dei pochi superstiti della prima nomina del
1848) mi rallegrarono; ma avendo voluto informarmi in modo preciso
anche della distribuzione della forza, rimasi sorpreso come fosse
ancora tanto sperperata, sì che sarebbero occorsi non pochi giorni
a concentrarla, mentre l'Austria continuava a mandar truppe verso
il confine. Non mancai di far presente a' miei amici quanto fosse
pericolosa quella situazione ed urgente il concentramento. Io
non dubitavo delle intenzioni, ma temevo che il partito contrario
tergiversasse la grande impresa più di quanto mi si era fatto supporre;
epperò quel fatto mi addolorò. Ritornato a Milano, narrai a pochi
fidati amici quanto mi aveva detto il conte di Castagneto e quanto
aveva io stesso veduto ed udito circa allo spirito della popolazione,
ma non celai la mia inquietudine per la lentezza del concentramento
delle truppe.

I pochi giorni che ancora decorsero prima dello scoppio della
rivoluzione, li spesi a mandar lettere pressanti col ragguaglio delle
forze dell'Austria, e nel fare continui calcoli del tempo che occorreva
pel concentramento delle truppe piemontesi, allorquando il mattino
del 18 marzo escì, a meraviglia di tutti, la strana notizia delle
summentovate concessioni liberali dell'Austria; notizia che valse, come
già dissi, quanto l'annuncio, che Vienna fosse insorta.

Spiegate così anche le mie condizioni personali, vengo alla narrazione
dei fatti.



CAPITOLO TERZO

    Annuncio delle concessioni del Governo austriaco pubblicate
      la mattina del 18 marzo 1848 — Milano si agita — Grande
      dimostrazione per ottenere altre concessioni — Invasione del
      palazzo di Governo — Primo atto di ostilità — Milano si copre
      di barricate.


Poco dopo l'affissione della notizia per la chiamata a Vienna pel
3 luglio, Milano aveva assunto un insolito aspetto; si formavano
capannelli in ogni via e da taluni escivano queste voci: _Oggi si
fa la dimostrazione al Governo_; _si radunano al Broletto_; da altri
esclamazioni più risolute: _Bisogna finirla, è insorta Vienna_; _non è
più tempo a dimostrazioni, fatti ci vogliono!_

Queste voci diverse accennavano alle due diverse correnti, alle quali
i cittadini eran proclivi: gli uni volevano passar per la via legale,
andar al Governo, chiedere le concessioni colle buone, ma altri non
volevano saperne di vie legali e parlavano d'armarsi. Verso le 10
antimeridiane tutta Milano era in moto. Io che, come dissi, non avevo
speranza che nell'esercito piemontese, non desideravo un'insurrezione
prima che rompesse la guerra, temendo non riuscisse che ad un
sciupamento di forze. Però giudicando che il conflitto era inevitabile,
pensai ad armarmi, ed andai da certo Colombo armaiuolo, che aveva la
bottega nella via _Mercanti d'oro_, una di quelle che oggi fanno parte
della via _Torino_, e costituiva precisamente il primo ramo che dalla
Piazza del Duomo riesciva alla via della _Palla_, altra via compresa
ora pure nella anzidetta nuova e grandiosa via.

Per una di quelle contraddizioni, che si spiegano solo colla
confusione che regnava anche fra i dominatori, mentre era stato
proclamato il giudizio statario, si erano lasciate aperte le botteghe
degli armaiuoli. Entrato in quella del Colombo, feci scelta di
alcune armi corte, che potessi nascondere sotto il pastrano; epperò
presi due grandi pistoloni ed una sciabola da guardie di finanza.
Ed ecco, intanto che io stava pagando, odesi un rumore insolito;
erano le botteghe che si chiudevano, ma con tal furia e fretta che
sarebbesi detto che ognuno riponeva la sua salvezza nel far presto
quell'operazione. Il povero Colombo, che io conosceva, perchè era il
mio armaiuolo ed era un buon uomo ed un operaio intelligente, comprese
benissimo che il nembo innocuo, per gli altri bottegai, poteva non
esserlo per lui, e smarrito e pallido mi chiese consiglio.

_Che volete?_ gli risposi io. _Se voi chiudete vi sfondano la bottega
e vi portano via tutto; fate a mio modo: mettete qui sul tavolo il
vostro registro, e dite a chi entra per prender armi che se non può
pagar tosto, noti quello che prende, e pagherà in appresso._ Ei seguì
il mio consiglio, e credo che qualcosa ricuperò, ma non molto, perchè
ben presto irruppe la folla e la sua bottega venne completamente
svaligiata; nè tal sorte toccò a lui solo, ma a tutti gli armaiuoli
e, col pretesto che erano armi, fu invasa e dispersa anche una bella
collezione di armi antiche di casa Arnaboldi.

Tosto ch'ebbi fatto il mio acquisto, io uscii dalla bottega, col
pastrano tutto chiuso e come imbottito, e, traversata la piazza del
Duomo, mentre mi avvicinava al Coperto dei Figini,[7] mi incontrai in
un drappello di artiglieri, che venivano a passo di carica dalla piazza
dei Mercanti diretti al palazzo di Corte, sicchè dovetti retrocedere
un passo per non urtare in quei soldati, e mi trovai in una posizione
un po' critica. Per quanto nascondessi le mie armi, si vedeva che aveva
qualcosa sotto l'abito, giacchè doveva sostenerle col braccio sinistro
serrato al petto. Fermarsi era pericoloso, ma retrocedere era forse
peggio; preferii il primo partito e rimasi, ostentando la più grande
indifferenza; per buona sorte il drappello era poco numeroso, e la
sua consegna era d'andare al palazzo di Corte, e presto. Mi sfilarono
avanti alla distanza d'un metro senza occuparsi punto di me; il che
però non tolse che, quando passò l'ultimo, mi sentissi sollevato,
perchè da quel giorno in poi, finchè durò la lotta, quanti si trovavano
colle armi alla mano venivano fucilati.

Come ebbi libero il passo, traversai il Coperto dei Figini e la
corsia de' Servi,[8] ed entrato nel corso di Porta Orientale,[9]
andai dal conte Arese a narrargli quanto aveva veduto. Sebbene fino
a quel momento io non potessi parlare di ostilità, era evidente
che non potevano tardare a scoppiare; e quindi lo pregai a partire
senza indugio di sorta per Torino, affine di sollecitare l'entrata
in campagna dell'esercito piemontese, già pronto, nessuno potendo
prevedere che cosa sarebbe succeduto di Milano.

A quel punto non era più il caso di discutere se quello scoppio
fosse un bene od un male; conveniva prendere il fatto com'era, ed
assecondarlo. L'Arese comprese benissimo la gravità della situazione
e mi disse che sarebbe partito senza porre tempo in mezzo. All'uscire
della sua casa vidi una gran folla presso San Babila, avviata verso
il borgo Monforte, dove eravi il palazzo del Governo (ora della R.
Prefettura) e la seguii. Componevasi d'ogni classe di persone, uomini,
donne e fanciulli, e procedeva lentamente, poichè il tratto di via dal
Leoncino di Porta Renza fino al palazzo di Governo, era già, quanto
è lungo, tutto gremito di gente. Rivoltomi ad una persona che parlava
con grande concitazione ai suoi vicini, gli chiesi qual fosse lo scopo
preciso che si aveva. _Si fa_, rispose, _una grande dimostrazione per
appoggiare le dimande di concessioni che si vogliono dal Governo, e
quanto prima verrà il Municipio ed il Delegato stesso[10] in persona._
Colui credeva nella possibilità di una soluzione pacifica, nè egli
solo era di tale opinione, ma molti; perchè rammento ancora in modo
preciso che, giunti noi a quella casa alta che si incontra a sinistra
sulla via di S. Romano dopo la chiesa di S. Babila, escì da una bottega
che, se non erro, era allora d'un tappezziere, un giovane con un ferro
corto, ma acuto e forte, per cominciare a smuovere il selciato e far
una barricata; ma più d'uno gridò: _No, no: a che pro vuoi rovinare la
strada_? E il giovane rientrò in bottega.

Giunto colla folla precisamente all'altura della via della Passione,
ossia a poche decine di metri dal palazzo del Governo, sento gridare:
_Sono quì, sono quì_. Era la Deputazione solenne che, tentando le
vie legali, veniva a chiedere le concessioni. Avanzava anch'essa
lentamente, perchè accerchiata da gran folla; ma per lo sforzo
combinato delle persone che, piene di buona volontà, le erano più
vicine, di alcuni uscieri e d'un drappello di pompieri, si manteneva
un po' di spazio libero nella sua strada. La deputazione era numerosa
e schierata sopra una sola linea, sì che occupava quasi tutta la
larghezza della via. Nel centro eravi il delegato provinciale, Antonio
Bellati; aveva alla sua destra il podestà conte Gabrio Casati; quindi,
dall'una e dall'altra parte venivano assessori del Municipio ed altri.
Alcune fra quelle rispettabili persone erano di mia conoscenza, e fra
gli altri il delegato Bellati, col quale aveva avuto contatto nel breve
tempo ch'io era stato impiegato presso il Governo in quel medesimo
palazzo ove ora si recava con tanta solennità la Commissione, della
quale egli era il più alto personaggio.

Arrivata che fu la Deputazione alla porta del palazzo, si fece un
grande sforzo da parte di quanti la attorniavano perchè potesse
entrare; ed io, che me le era avvicinato, approfittai del momento
per entrare anch'io nel cortile. La Deputazione si recò difilata al
piano superiore, per lo scalone a destra, sotto il portico dal lato
d'oriente; io rimasi pel momento nel cortile, attirato dallo spettacolo
che presentava, impossibile a descriversi. Il cortile, di non comune
ampiezza, tutto cinto da un porticato a colonne, era pieno zeppo
di gente d'ogni classe, d'ogni età e di ogni sesso, e vi regnava un
baccano tale che impediva di intendere distintamente cosa alcuna; nè
tal baccano era cagionato solo dalla folla che si trovava nel cortile,
ma pur da quella che si trovava ai piani superiori, sopratutto al primo
piano. Gli uffici erano stati tutti invasi, e tratto tratto si vedevano
volar per aria carte, fascicoli e libri, che cadevano sulla testa o
sulle spalle dei sottostanti; quindi urli grandissimi, nuovo baccano e
nuovo accorrere di chi voleva conoscerne la causa. Per qualche minuto
io rimasi immobile vicino alla colonna della prima arcata, affine di
essere urtato un po' meno, a contemplare quello spettacolo; ma poi,
fattosi momentaneamente sulla mia sinistra un po' di spazio libero,
mi cadde lo sguardo su un materasso in terra, presso la terza arcata.
Mi avvicinai e vidi che sporgevano fuori di sotto il materasso due
piedi colla calzatura propria dei soldati ungheresi, sì distanti
l'uno dall'altro, che ben comprendevasi ch'appartener dovevano a due
persone, evidentemente a due cadaveri. Feci un atto di sorpresa, ed uno
degli astanti mi disse: _Sono i due soldati ch'erano di sentinella al
palazzo_. Allorchè la folla irruppe, avendo que' soldati fatto atto di
voler difendere l'accesso, vennero uccisi l'uno con una pistolettata,
l'altro colla sua stessa baionetta, essendogli stato strappato di
mano il fucile; così mi venne allora narrato. Allo scopo poi di
sottrarre dalla vista del pubblico il sanguinoso spettacolo di que'
cadaveri si erano trascinati nel cortile, nel luogo da me accennato,
ed erano stati coperti da un materasso. Altro che dimostrazioni
pacifiche e concessioni! dissi io; ma ben presto, stanco di quelle
grida incomposte, di quei dialoghi tronchi, di quelle continue ondate
di popolo, salii agli uffici per vedere che cosa accadeva colà. La
folla vi era un po' meno fitta ed era stata posta una sentinella
alla porta che conduceva alle stanze ove trovavasi la Deputazione col
vice-presidente del governo O'Donnell, il quale allora esercitava le
funzioni di governatore. La sentinella mi lasciò passare; molti altri
erano però già passati, e se anche colà non era fitta la folla come
nel cortile, non si poteva andar avanti che a grande fatica. Trovai
parecchie persone di mia conoscenza, le une impensierite ed altre piene
dell'allegria che suscitava lo spettacolo della sottoposta corte,
ch'era veramente qualcosa di singolare; anche colà, negli uffici,
per esser intesi bisognava alzar la voce. Dopo un quarto d'ora circa
da che io mi trovava in quel luogo, si sente annunciare, e non già
da uscieri o da poche voci, ma da centinaia di voci in tutti i toni
possibili: _L'arcivescovo, l'arcivescovo! largo all'arcivescovo_! Era
infatti l'arcivescovo Romilli, che allora godeva di grande popolarità.
Succedeva esso all'arcivescovo cardinale Gaisruck, morto circa un anno
e mezzo prima, prelato riguardevole e di carattere fermo, che aveva
avuto una particolare cura dell'educazione del clero e che, dopo aver
saviamente retto per lunghi anni la vasta sua diocesi, lasciò di sè
memoria onorata. Il Romilli, che gli succedette, aveva fatto il suo
ingresso in Milano l'8 di settembre dell'anno antecedente, e da quella
solennità si era côlto pretesto di una dimostrazione a favore di Pio
IX, che ripetutasi la sera in piazza Fontana, su cui prospetta la
facciata del palazzo arcivescovile, aveva dato occasione d'infierire
alla polizia, la quale per impedirla aveva provocata una lotta, in
cui fu sparso sangue e v'ebbe perfino una vittima in un certo Abate,
negoziante di mobili. Il nuovo arcivescovo era disceso in piazza,
aveva contribuito a sedare il tafferuglio, e per quell'atto, ma più
ancora perchè rappresentava moralmente il Papa, era divenuto popolare.
All'udire l'esclamazione: _È qui l'arcivescovo, largo all'arcivescovo_,
noi, quanti eravamo nella stanza, ci affrettammo a far largo, ed
a serrarci per formar spalliera. Era egli accompagnato da un altro
sacerdote, e forse da più d'uno; ma siccome lo assiepava un codazzo di
curiosi, i quali probabilmente avevano afferrata quell'occasione per
entrare, così non posso asserire con certezza se non d'aver veduto un
sacerdote che gli stava al fianco. Il Romilli cercava mostrar coraggio,
salutava a destra e sinistra, sorridendo, ma si scorgeva ch'era molto
agitato. Quello che più mi colpì si fu il vedere che portava una
coccarda tricolore all'abito. Veniva ei pure ad unire i suoi sforzi
a quelli della Deputazione, affine d'ottenere le concessioni; ma il
dabben uomo, che ben presto doveva dar prova di una debolezza estrema,
mostrava di già, colla sua coccarda tricolore, quanto poco fosse
padrone di sè. Andare dal rappresentante del Governo per trovare il
modo di scongiurare pacificamente il nembo che sovrastava, ed andarvi
coll'emblema ch'era la negazione di quel Governo, poteva dirsi una
puerile incongruenza; ma quella coccarda era stata a lui appiccicata
mentre che saliva le scale, ed egli non aveva avuto il coraggio di
levarsela, almeno pel tempo che trattava col rappresentante del Governo
che pur volevasi ancor mantenere.

Il baccano nel cortile continuava sempre, perchè quelli che escivano
venivano surrogati da nuovi curiosi. Osservata dall'alto quell'onda
continua di popolo che agitavasi in modo sì rumoroso, e quella rapida
vicenda d'indistinti colloqui della gente che era nella corte con
quella già salita al primo ed anche al secondo piano, formava uno di
quei spettacoli che più non si dimenticano. Ma non andò guari che si
aprì l'uscio della stanza ove si trattava e ne uscì il conte Carlo
Taverna colla notizia della prima concessione.

Ecco ora che cos'era avvenuto in quella specie di _sancta sanctorum_;
io lo riferisco sulla fede dello stesso conte Taverna che fu mio
carissimo amico e più d'una volta mi narrò i particolari di quel fatto.

Il vicepresidente conte O'Donnell non aveva ceduto tosto alle istanze
della deputazione, la quale chiedeva che si accordasse la guardia
nazionale e ad essa si affidasse la polizia, per di più instava per
l'immediata libertà di stampa.

L'O'Donnell aveva cercato di far le sue rimostranze intorno alla
gravità delle domande, osservando pure, che quand'anche egli avesse
ceduto, le sue concessioni potevano venir disdette; ma i membri di
quella Commissione insistevano sull'impossibilità di poter altrimenti
frenare quel moto popolare che già aveva preso il disopra. Or siccome
egli era solo, nè alcuno veniva in suo aiuto, finì per cedere,
accordando le domande anzidette una dopo l'altra.

Appena ottenutasi la prima, venne, come dissi, ad annunciarla il conte
Carlo Taverna.

Immediatamente uno degli astanti che aveva una voce stentorea
s'avvicinò ad una finestra che dava sulla corte e si fece a gridare
con quanta voce aveva in petto: _Signori: il Governo ha fatta la
concessione di_ . . . . . . . . Ma per quanto forte gridasse, non
veniva inteso; il chiasso era tale che superava la sua voce, e indarno
si cercò di ottenere silenzio. Allora si ricorse ad un espediente
che raggiunse lo scopo, ma ebbe la sua parte comica. _Scriviamo la
concessione_, disse taluno, _e poi gettiamo il foglio nel cortile._
Si cerca penna, carta e calamaio, ma non si trova nulla; finalmente
a forza di frugare si rinviene un calamaio, ma non carta, non penne.
_La carta la troverò io_, grida uno, probabilmente un impiegato. _Quì
ci sono dei bollettini_ (delle leggi) _che hanno sempre qualche foglio
in bianco._ Detto, fatto: si prendono i primi bollettini che capitano
sotto la mano, e si estraggono quanti fogli bianchi contengono. Penne
non se ne hanno, ma si supplisce alla meglio; e più d'uno dei presenti
ed io stesso intingiamo il nostro indice nel calamaio e scriviamo sul
foglio la prima concessione. Si pensi che calligrafia, che caratteri;
ma erano leggibili. Gettiamo i fogli nel cortile da più finestre,
affinchè si spargessero meglio fra la gente sottostante. Si può
immaginare la curiosità; i fogli si leggono ad alta voce: chi capisce,
chi non capisce; ma le parole: Il _Governo ha conceduto_ colle quali
cominciava il testo, fecero capire all'ingrosso che le cose andavano
bene: quindi molte voci si alzavano più forti delle altri gridando:
_Evviva la concessione_ — _evviva il municipio_.

Questa scena si ripetè tutte tre le volte, ossia per ogni singola
concessione[11]. Il chiasso divenuto maggiore aveva attirato nuova
gente, e tutti gli spazî n'erano letteralmente stipati, non nel cortile
solo, ma per le scale e per gli uffici stessi ov'eravamo noi a fronte
della sentinella ch'era stata impotente a trattenere l'onda del popolo.
Miste agli evviva si udivano le esclamazioni: _Vogliamo armi, Vogliamo
armi_! Si toccava proprio l'apice del caos e del chiasso, quando una
gravissima notizia viene a metter fine a quella singolare scena, a quel
misto di serio e di comico, a quelle trattative per un ravvicinamento
divenuto impossibile dopo l'uccisione delle sentinelle. La notizia era
che a passo di corsa s'avanzava non poca truppa dal bastione di Porta
Romana. _I Tedeschi... i Tedeschi!_ sì udì presto ripetere, ed allora
cominciò la folla a fuggire d'ogni parte perchè in quella moltitudine
non ve n'era uno su cento che fosse armato. Per buona sorte, oltre
l'uscita principale, il palazzo comunica con una corte vicina che ha
pure uno sbocco sulla via, tanto che in poco tempo, cortile, portici,
uffici furono sgombri. La deputazione ch'era intenta a completare
la famosa opera di conciliazione, se n'andò ben presto anch'essa,
conducendo seco quale ostaggio lo stesso vicepresidente; sì rapido era
stato il cammino della rivoluzione che volevasi prevenire.

Uscito da quel palazzo, il municipio col suo prigioniero andò dapprima
in casa Vidiserti al Monte Napoleone, e più tardi si trasferì in casa
del conte Carlo Taverna nella contrada dei Bigli ove rimase per tutto
il tempo della lotta. Il Delegato con alcuni assessori andò al Broletto
dove sedeva allora la Delegazione ed il Municipio stesso.

Allorchè cominciò quel fuggi fuggi, alcuni cittadini per calmare lo
spavento, che avrebbe avuto per effetto il precipitoso rovesciarsi
degli uni sugli altri, gridarono ad alta voce che vi era tutto il
tempo, poichè i Tedeschi non erano che a un tal luogo che nominarono,
ma ora non rammento. Io prestai loro fede, tanto più che rimasero
anch'essi, sicchè partimmo fra gli ultimi, sgombre che furono le scale.

Traversando il cortile considerai un istante la bizzarra scena
che presentava, coperto com'era tutto di carta stracciata, di atti
d'ufficio, di fascicoli tutti pesti, e di libri conciati nello stesso
modo. Ma, cosa ancor più singolare, vi scorsi altresì alcuni mobili
e fra questi una bella culla di ferro, la quale posso ancora dire
in modo esatto che si trovava presso l'angolo ove giacevano sotto
il materasso le sventurate due sentinelle. D'onde venisse quella
culla e come si trovasse in quel luogo, non saprei dirlo di certo;
ma strana spettatrice di quel tramestìo, essa fu veduta da mille e
mille, moltissimi de' quali certo vivranno ancora e rammenteranno, con
quella fedeltà con che posso rammentarlo io, così curioso ed imponente
spettacolo.

Il Delegato coi membri del Municipio e col sèguito, erano venuti a
piedi come accennai; ma l'arcivescovo era venuto in carrozza; ora nel
tempo che durarono le famose trattative pel pacifico scioglimento,
erano già accaduti conflitti colla truppa in diversi punti della città;
il grido _barricate!_ _barricate!_ aveva risuonato, e come per incanto
già ne erano sorte in gran numero.

Fra le strade che vennero chiuse per le prime vi ebbe precisamente
quella di S. Romano che mette al ponte di S. Damiano ove comincia
la via di Monforte. Il ponte stesso poi era asserragliato ed erasi
chiuso principalmente con un gran carro carico di botti vuote che
a caso passava di là, cui erano state tolte le ruote: indi con
panche, usci, legnami, era stato formato un ammasso con grande studio
intrecciato, lasciando solo da un lato un piccolo passaggio per i
pedoni. L'arcivescovo non potendo più passare colla carrozza, entrò in
casa Mantegazza che è la penultima che trovasi a mano sinistra prima
d'arrivare al ponte venendo dal palazzo di Governo, e rimase colà
nascosto per quattro giorni, essendone uscito, a quanto mi si disse,
solo alla fine del quarto. Ma per quanto sollecita fosse stata la
gente a fuggire dal palazzo di Governo, non pertanto la via immediata
e i suoi accessi non erano ancora affatto sgombri allorchè arrivò la
truppa.

Taluni, o perchè fossero stati troppo lenti o perchè venendo da vie
laterali, ch'ivi sboccano come quella detta della Passione, ignoravano
il pericolo, si lasciarono sorprendere nello spazio ancor libero prima
di arrivar alle barricate.

I soldati, visti i due compagni uccisi, divennero furibondi e
cominciarono a dar la caccia a quanti vedevano e ne cadde più d'uno; ma
sventuratissimi sopra tutti furono due giovani di civil condizione che,
fuggendo, credettero salvarsi entrando in quella casa bassa che sta di
fronte alla soppressa chiesa di S. Damiano e nella quale eravi allora
un negozio di cartoleria. La porta era stata levata per formar la
barricata sul ponte e l'accesso era quindi libero a tutti. I cacciatori
tedeschi videro i fuggenti entrar in quella casa e li seguirono.
Allora i due giovani salirono su quante scale trovarono e finirono
per arrivare al tetto sul quale pure s'arrampicarono; ma colà vennero
raggiunti dai soldati, e sia che trascinati dalla corsa sul piano
inclinato del tetto cadessero, sia che prima venissero uccisi e poi
gettati nella strada, certo è che caddero entrambi l'uno presso l'altro
avanti la bottega del cartolaio. Colà rimasero tutto il tempo che durò
la lotta, ed erano talmente sfigurati che non fu possibile l'accertare
chi fossero; solo dal modo di vestire, dalla calzatura ricercata e
dagli orologi che portavano, si dedusse che appartenevano alla classe
civile. Breve tempo era corso dall'uccisione delle sentinelle e già
erano esse state vendicate ad usura, ed innocenti al pari di loro
erano le vittime designate dalla sorte, che ha tanta parte in siffatti
avvenimenti, ad espiare il loro inopinato eccidio. Divulgatasi la
notizia delle uccisioni del Borgo di Monforte, il popolo cominciò la
sua volta a dar la caccia ai soldati, e ciò che prova che gli stessi
ufficiali non credevano che potesse scoppiare un moto di tal portata,
si è che quattro di essi vennero fatti prigionieri mentre si trovavano
in città, ignari di quanto era avvenuto.

Allorchè io mi ritirai dal palazzo di Governo, avendo sempre i miei
due gran pistoloni e la sciabola, mi ero affrettato ad andare a
casa ove aveva munizioni nascoste. Io abitava nel palazzo Ciani, sul
corso di Porta Orientale di fronte al vicolo de' Capuccini, palazzo
allora di recente costruzione e notabile per la sua architettura.
Tolte le munizioni dal nascondiglio, caricai in fretta e alla meglio
i pistoloni e uscii di nuovo. Frattanto aveva principiato a piovere;
il rumore delle fucilate era cessato; pareva subentrata una sosta nel
combattimento; non pertanto io volli discendere nella via e vedere
che cosa avveniva e che cosa potevo fare. Vuoto completamente era
il corso; le porte presso la barriera, alla quale fa capo il corso
stesso, erano già occupate da truppa numerosa, ond'io m'avanzai verso
l'interno della città con precauzione. Giunto al ponte, scôrsi in poca
distanza, a circa metà del tratto che corre fra esso e la via della
Spiga, un cadavere presso il marciapiede a destra di chi discende.
Mi avvicinai e ravvisai in esso un uomo piuttosto avanzato d'età,
ch'era stato colpito da una palla nel mezzo della fronte ed era caduto
supino, una striscia di sangue diluito dall'acqua stendevasi lungo il
corso per non breve tratto. Non mi parve umano lasciar così esposto
quel cadavere all'intemperie, e curvatomi, lo afferrai pel vestito
affine di trascinarlo sotto qualche tetto; allora dalle botteghe o
case vicine mi vennero in aiuto tre persone, e sollevatolo di peso, lo
trasportammo entro quello strettissimo vicolo, che primo si incontra
passato il ponte a destra e chiamasi il vicolo de' Mulini, perchè
conduce realmente ad uno dei mulini che si trovano nella città, posto
in moto dalla caduta d'acqua d'uno dei tanti sostegni che i Milanesi
chiamano _conche_ del naviglio; molino che deve contar più secoli
d'esistenza. In fondo al vicolo sta un gran portone, e noi ci avanzammo
fino a quello e bussammo perchè aprissero. Sulle prime non ci si volle
aprire, e, deposto il cadavere, dovemmo parlamentare a lungo, spiegare
chi fossimo, che cosa volessimo, assicurare che tutto il corso era
libero di soldati, che non chiedevamo assolutamente altro se non che
si desse ricovero a quel cadavere, affine di non lasciarlo in una
strada sotto l'acqua. Mentre si perdeva il tempo parlamentando in
quel modo, una delle persone che mi avevano dato mano a trasportarlo,
credette riconoscerlo e disse che era un povero cuoco, la persona
più innocua che ci fosse, caduto vittima esso pure del triste suo
fato. Finalmente aprirono, e, deposto il cadavere nel primo luogo
coperto che si incontrò, ci disponemmo a tornare ciascuno ai fatti
nostri. Io precedeva gli altri, ma giunto allo sbocco del vicolo, vidi
avanzarsi da Porta Orientale una numerosa pattuglia; laonde feci cenno
ai compagni di fermarsi e ne spiegai loro la causa. Retrocedettero
essi andando giù verso il molino, fuori della linea retta del vicolo;
ma io mi fermai in quello strettissimo luogo, ove potevo rimanere
inosservato, tanto più che il giorno cominciava già a declinare.
Dal fondo del vicolo, come da un cannocchiale, stava attendendo d'un
momento all'altro che passasse quella pattuglia. Trascorso più d'un
quarto d'ora, mi avvicinai di nuovo allo sbocco e vidi che essa si era
fermata un po' più addietro del palazzo Serbelloni-Busca al di là del
ponte e che se ne staccava in quel punto un soldato che s'avanzava
sulla sinistra, ossia dal lato opposto a quello ove mi trovava.
Indietreggiai di alcuni passi, mi posi ben ritto al muro, impugnai
il mio pistolone per qualsiasi caso e stetti osservando. Quel soldato
era un granatiere, avvolto nel suo mantello grigio; s'avanzò con passo
lento, ma sicuro, sino a casa Castiglione, che è quella colle finestre
ad ornamenti di terra cotta nello stile della fine del Quattrocento, e
quivi si fermò osservando fisso verso il principio del corso presso San
Babila ov'era una barricata. Indi sollevò a poco a poco il fucile per
tirare in quella direzione, ma poi lo abbassò di nuovo tenendolo però
sempre orizzontale; tre volte fece quell'atto e tre volte abbassò il
fucile senza sparare; si vedeva chiaro che volta per volta gli sfuggiva
la mira e che da buon soldato non voleva sciupare il colpo; finalmente
desistette ed a passo misurato retrocedette andando a raggiungere
i compagni che tutti, fatto un dietro-fronte, s'avviarono verso la
barriera di Porta Orientale. Io andai allora ad annunciare agli altri
che la via era assolutamente sgombra e che potevano uscire da quel
luogo con tutta sicurezza, come feci io pure.

Allora decisi di rientrare a casa mia per meglio ordinare il piccolo
mio armamento. Le mie palle erano d'un calibro troppo piccolo per
quei pistoloni, ed io conoscevo troppo il maneggio delle armi per
non rimaner persuaso della pochissima efficacia che avrebbero avuto
i miei tiri con palla malferma. S'avvicinava la notte, e sebbene la
fucilata fosse cessata, era evidente che i Tedeschi si preparavano;
l'insurrezione ardita, inattesa, generale, li aveva sbalorditi.
I rintocchi delle campane a martello risuonavano da ogni parte, e
davano segno che si voleva dai cittadini continuare la lotta. Era
indispensabile anche pei nostri nemici il formar un piano preciso,
perchè era chiaro che il domani si sarebbero riprese le ostilità su
vasta scala. I Tedeschi infatti si erano ritirati anche da Porta
Orientale, lasciandovi solo tanti soldati quanti bastassero per
custodire la porta. Incoraggiati da ciò, i cittadini fecero una
barricata anche presso il ponte fra casa Serbelloni-Busca e l'altra
che gli sta di fronte. Rientrato a casa mia, passai buona parte della
notte a far cartuccie, ingrossando con tela le palle sì che entrassero
forzate e si avesse un colpo meno incerto.



CAPITOLO QUARTO

    Il mattino del 19 marzo — L'autore è sequestrato in casa — Modo
      col quale si sottrae — Si reca alla barricata di S. Babila —
      Combattimento e morte del giovine Broggi. — L'autore si reca
      al Municipio, in casa Taverna nella via dei Bigli.


Prima ancora che albeggiasse io era in piedi, risoluto a recarmi
nell'interno della città. Or qual fu la mia sorpresa allorchè seppi
dal portinaio che la casa era tutta circondata da Tedeschi. Per
quanto l'acqua fosse caduta a diluvio, erano venuti durante la notte,
avevano spazzato quella barricata che si era eretta verso sera presso
il ponte e si erano appostati in assai numero e con cannoni, a poca
distanza da quello. Dall'altro lato della casa Ciani havvi il così
detto Boschetto che fa parte del Giardino pubblico ed era pieno esso
pure di soldati, sì che l'uscire era assolutamente impossibile; anzi
era pure occupato un piccolo atrio aperto al pubblico dal lato del
corso, ove si erano ricoverati nella notte quei pochi che avevano
avuto la fortuna di potervi entrare e ripararsi dall'acqua. Siffatta
ricognizione mi contrariò molto, poichè sentivo la fucilata lontana
che cominciò prima ancora che albeggiasse, ma mi fu giuocoforza il
rassegnarmi ad attendere il giorno per verificar meglio la possibilità
di uscire, l'attitudine della truppa, il suo numero e tutto ciò che
potesse darmi lume sulla condizione delle cose. Io abitava un primo
piano del palazzo, ma interno e senza finestre sul corso; m'era
quindi necessità recarmi da qualche vicino il cui alloggio desse sulla
pubblica via, ma non potevo far ciò prima di giorno. All'alba si udì
anche il cannone e precisamente lungo il corso di Porta Orientale
(ora _Porta Venezia_). Abitava nella stessa casa al terzo piano, ma
con appartamento sul corso, il distinto pittore Carlo Bossoli, mio
amico; deliberai recarmi da lui e far la mia ricognizione dall'alto
al basso. Era già levato anch'esso, ed espostogli il mio desiderio,
mi condusse su d'un piccolo terrazzino che dominava sui circostanti
tetti per lungo tratto, non essendo ancora eretta quella gran mole
di caseggiato rosso, alla fine di quell'isolato di case, che più
tardi venne costrutta dallo stesso barone Ciani. Da quel terrazzino
vidi tutta la scena e potei giudicare del combattimento in quelle
parti. Uno dei punti ove lo schioppettìo più spesseggiava, era a S.
Babila, ove vi era lotta colla truppa, padrona della strada di S.
Damiano, non che con quella padrona del corso di Porta Orientale,
la quale componevasi di più battaglioni comandati da un colonnello
che avanzatasi con cannoni sin presso al ponte tirava a mitraglia ed
a palla. Era già chiaro giorno; il cielo era sempre nuvolo, sebbene
la pioggia fosse cessata. L'ispezione mia fu completa, e la feci con
un buon cannocchiale, ma tenendomi al più possibile nascosto, poichè
appena i soldati vedevano una persona od anche soltanto a muoversi
una persiana, subito tiravano, ed erano stesi in catena lungo il corso
dall'una e dall'altra parte col fucile sempre montato. Per quanto non
pensassi anch'io che al modo di combatterli, tuttavia quei poveri
soldati mi facevano compassione; le loro tracolle di pelle eransi
accartocciate come funi sotto il diluvio d'acqua caduto durante la
notte; gli aiutanti andavano e venivano di gran carriera. Di quando
in quando si vedevano soldati portar indietro un ferito, appartenente
a quelle pattuglie che spingevansi avanti a far fuoco contro le
barricate di S. Babila. I cittadini si difendevano bene dacchè erano
al coperto; ma dallo scarso numero dei feriti austriaci, giudicai che
avessero ben poche buone armi, come poi ebbi ad accertarmene, poichè
se anche la distanza non era piccola, pure i Tedeschi combattevano
colà allo scoperto. Verso i bastioni vedevasi un grande andirivieni
di truppe; le porte della città erano chiuse, ma lo stradone detto
di Loreto, che da quell'altura si dominava per lungo tratto, appariva
pieno zeppo di gente, ma disarmata, erano curiosi attirati da quello
spettacolo. Di quando in quando udivasi uno schioppettìo che veniva da
lontani e diversi punti della città, onde era evidente che si eseguiva
un piano concertato la sera innanzi e preparato nella notte. Dopo
esser rimasto là qualche tempo ed avere esaminata ogni cosa, discesi
sconfortato, riconoscendo l'impossibilità di poter uscir di casa da
quel lato. Mi recai allora all'opposto, ossia da quella parte di casa
Ciani che guarda sul Boschetto. Ivi non aveva bisogno di scomodar
nessuno poichè poteva fare ogni esame dal mio appartamento. I soldati
avevano abbandonato il Boschetto, ma non già per lasciarlo libero,
sibbene per dominarlo meglio stando al coperto; eransi cioè ritirati
nel giardino del palazzo reale detto la _villa Bonaparte_. Tutto il
fianco sinistro di quel giardino dà sul Boschetto, dal quale è diviso
per mezzo d'un fosso ove scorre acqua perenne che viene dalla Zecca;
al di là del fosso havvi il muro di cinta del giardino stesso che era
tutto guarnito di soldati appiattati dietro e che, vedendo una persona,
tiravano immediatamente, e così contro ogni finestra o persiana che
desse segno di movimento. Riconosciuto impossibile l'uscire anche da
quella parte non mi rimaneva che rassegnarmi e sperare che le sorti
volgendo favorevoli ai nostri, si dovessero i nemici ritirare dall'uno
o dall'altro di quei luoghi. Verso le dieci antimeridiane infatti il
colonnello ordinò che la fronte de' cannoni si ritirasse, e venne a
schierarsi poco avanti a casa Ciani, sicchè col suo aiutante finì col
trovarsi sulla linea dell'ultima finestra di quella casa andando verso
il _Dazio_, come chiamansi da' Milanesi le porte della città. Io che
non poteva star quieto, era asceso una seconda volta dall'amico Bossoli
ed avevo veduto il colonnello parlare con molto calore al suo aiutante.
Erano essi a cavallo ed i mezzanini di casa Ciani essendo piuttosto
bassi, col loro capo si trovavano ben poco al disotto dalle finestre,
distanti soltanto la larghezza del marciapiede. Perciò pensai che
entrato nel mezzanino, avrei potuto udire quanto dicevano. Fatto il mio
piccolo piano, discesi per eseguirlo. I mezzanini da quel lato erano
allora tenuti a pigione da un belga, ottimo uomo, ma un po' originale.
Borghese fattosi ricco col negoziar di libri, era venuto a godersi
tranquillamente la sua pace in Milano; era grande e grosso, non parlava
mai e fumava sempre: la sua famiglia si componeva della moglie e d'una
figlia, ed essendo amatore spasimato dei cani, non ne possedeva mai
meno di tre. Io non aveva mai stretta relazione con lui, ma avendo un
piccolo tratto di scala in comune, ci incontravamo di frequente e ci
salutavamo da buoni vicini. Ciò bastò perchè, in que' momenti nei quali
non si fanno complimenti, io mi rivolgessi senz'altro a lui ch'era
nella corte a passeggiare e fumare, e lo pregassi di volermi permettere
ch'entrassi nell'ultima sua stanza verso il corso per il motivo che il
lettore già conosce. _Ben volontieri_, mi rispose. _Ma allora abbia
la bontà_, ripresi io, _di chiudere i cani in altro luogo ove non
mi possano vedere_. _Giusto_, rispose, _giusto_, e precedendomi andò
a raccogliere quei suoi fidi, li condusse non so dove e poi venne a
dirmi: _La camera è a sua disposizione_. Siccome però io non era stato
mai in que' mezzanini, lo pregai di nuovo di voler essermi guida sino
alla stanza, anche perchè desiderava che vedesse qual fondamento aveva
la mia speranza. Annuì ancora e, deposta quella volta la pipa, andò
avanti con gran precauzione onde non far rumore di sorta e mi condusse
ad una stanza che aveva una finestra a mezzo tondo e trovavasi sotto
un terrazzino del piano superiore. Le persiane, internate nel muro,
erano chiuse e chiusi erano anche i vetri. _Questi bisogna aprirli_,
dissi al belga, ed egli che li aveva in pratica, con mirabile pazienza
li aprì senza fare il benchè minimo rumore. A traverso delle griglie
vedevamo i due uffiziali a cavallo a quattro o cinque metri da noi
distanti. Per qualche tempo stettero silenziosi e poi il colonnello
rivolto all'aiutante: _Vediamo un po'_, disse, _che forza abbiamo
ancor disponibile_. Io spalancai, come suol dirsi, le orecchie e
rimasi maravigliato all'udire il loro colloquio come se fossero stati
nella stanza. Il belga, benchè non conoscesse il tedesco, distingueva
perfettamente i suoni e riconobbe che io aveva avuto ragione di far
quel tentativo. Mi die' un saluto colla mano, e non potendo più reggere
senza fumare, si riprese la sua pipa e tornò nella corte, lasciandomi
padrone della stanza. Il colloquio fra il colonnello ed il suo aiutante
non fu lungo, ma rammento in modo esattissimo che l'aiutante disse:
_Di compagnie abbiamo la tale, più mezza compagnia_: ed indicò anche i
luoghi che ora non rammento; in qual senso egli parlasse, non seppi ben
comprendere, ma interpretai quel discorso in senso a noi favorevole,
massime che lo stesso suono della voce mi pareva che indicasse più
sconforto che confidenza. Evidentemente, dissi fra me e me, la truppa
è stanca, questo colonnello non ha più che una compagnia e mezza
ancor fresca, ossia che non è stata al fuoco, che non ha fatto alcun
tentativo; che buona notizia da dare, se potessi entrare in città! E
lì torno a fare il giro, su dal Bossoli poi giù nella corte: guardo
fuori da ogni buco, ma invano: i soldati erano sempre schierati dietro
il muro della _Villa_ e qua e là si vedeva spuntar su un fucile o la
cima d'un kepì; nè solo era cosa impossibile l'uscire, ma il lasciarsi
vedere perfino a traverso di un'apertura qualunque, come era pericoloso
il solo muovere una persiana come già dissi, e lo provò lo stesso mio
padrone di casa che in quei giorni era gravemente ammalato. Una donna
che si trovava nella sua stanza che dava sul corso in un appartamento
del primo piano, volle soddisfarsi della curiosità di veder meglio i
soldati e si arrischiò di allargare di qualche centimetro le persiane;
immediatamente ebbe un saluto di due o tre palle che, perforate le
persiane, fecero la loro parabola entro la stanza, con grande spavento
dell'ammalato che non si lasciò pregare a proibire quegli inutili atti
di curiosità. Offendere non si poteva da luogo non difeso, poichè se
fosse partito un colpo da una casa, essa era immediatamente invasa
con pericolo di vita per tutti; epperò non si tirava che da quelle che
avevano gli accessi protetti.

Allorchè mesto e scoraggiato ritornavo dalla mia ispezione verso la
parte del Boschetto, il pacifico belga, che vedeva la mia impazienza,
mi si avvicina e con tutta calma fra un buffo e l'altro di fumo mi
annuncia che i Tedeschi si erano ritirati ancor di più lungo il corso
di Porta Orientale verso i Giardini pubblici. L'avrei baciato per la
buona nuova, ma mi limitai a dirgli _merçi, grand merçi_, e su di volo
da Bossoli dal quale mi feci dar di nuovo il cannocchiale e riconobbi
ben bene le posizioni. Si erano ritirati al di là della porta grande
d'ingresso nei Giardini pubblici, nè si vedevano più pattuglie andar
avanti indietro; i cannonieri, benchè fossero sempre presso i loro
pezzi colle miccie accese, non tiravano più, e da quel punto non
si colpiva già più la barricata di S. Babila sempre la prima che si
incontrava da quella parte, per la ragione che dalla detta barricata
al punto ove era la truppa non corre più la linea retta; la truppa
aveva l'arme al piede. A quella vista mi decisi di sottrarmi alla mia
prigione. Due vie mi stavano innanzi coi loro vantaggi e pericoli;
l'una, quella di andar di casa in casa lungo i tetti guadagnando tutto
lo spazio fra il palazzo Ciani ed il vicolo che conduce al Boschetto;
l'altra, di uscire senz'altro dalla porta maestra a fronte dei Tedeschi
che però erano già a 400 metri di distanza. Il primo partito aveva il
vantaggio di allontanarmi ancora quella distanza di oltre 100 metri, ma
lo svantaggio, per la disuguaglianza dei tetti, di espormi al rischio
d'esser visto, preso di mira e colpito, non potendosi dubitare delle
intenzioni di un uomo che prendeva quella via. Il secondo partito era
più franco e più risoluto, ma mi metteva in maggior pericolo almeno
nei primi tre o quattro minuti. Fatti tutti i miei calcoli mi decisi
per questo secondo partito; montai nel mio appartamento, non dissi
nulla a mia moglie alla quale non spiaceva che mi fosse impossibile di
abbandonar la casa; in questa sicurezza, essa con una certa signora
Chiesa, era andata a tener un po' di compagnia al barone Ciani, dopo
quella famosa paura, ed ambedue si alternavano nell'opera pietosa
con una signora Greppi-Carcano che abitava pure in quella casa. Io
presi i miei pistoloni e la munizione e mi legai tutto fortemente al
petto con un buon fazzoletto, e chiuso bene l'abito e indossato su di
esso il _paletôt_, discesi risolutamente alla porta. Ivi sotto quel
piccolo elegante atrio concertai meco stesso il piano definitivo e feci
gli ultimi calcoli; con un piccolo cannocchialino misurai di nuovo
la distanza delle truppe e mi riconfermai nell'idea che non doveva
esser minore di 400 metri, e forse più che meno. Il tiro, mi dissi,
è incerto, ed hanno le armi al piede; prima che si pongano in misura
di tirare io avrò già fatto una diecina almeno di passi. Non sono
cacciatori, e quindi non è probabile che abbiano armi di precisione.
È vero che hanno i cannoni ma, se sono carichi a palla, non vorranno
tirare perchè sarebbe uno strano caso se mi pigliassero; se sono
carichi a mitraglia, a quella distanza la così detta _rosa_ è già sì
grande che se quella specie di proiettile può colpire una moltitudine,
non è probabile che colpisca un uomo solo. Così andava meco ragionando,
ma nel medesimo tempo non lasciava d'impensierirmi un fatto del mattino
stesso; un disgraziato che usciva da non so qual casa, aveva voluto
traversare il vicolo di S. Primo poco lungi dalla mia casa, ed era
stato steso morto: però il poveretto s'era dato a correre e con ciò
naturalmente destò subito maggior sospetto ai Tedeschi che erano allora
assai più vicini.

Io decisi di uscire a passo ordinario. Mi prenderanno, pensai, per una
persona che ha un affare di somma importanza, forse per un medico che
non può a meno di far le sue visite anche con pericolo, e forse non si
cureranno tampoco di me vedendomi così tranquillo. Del resto scoprii
in quest'ultimo istante una nuova difesa alla quale fino allora non
aveva fatto attenzione, quella dei fanali a gas colle loro colonne
che poste in linea come sono, benchè a distanza di circa 25 metri
l'uno dall'altro, formano una fronte di difesa non ispregevole. Fatto
un ultimo appello a me stesso, staccate bene le braccia dal petto e
colle mani sciolte onde si vedesse che non recavo nulla, uscii a passo
ordinario, tenendomi nel mezzo del marciapiede fra le case ed i fanali.
Io aveva troppa pratica del maneggio di armi per non sapere che non
sarebbe stato mai il colpo che poteva udire, quello che mi avrebbe
offeso; ma supposto poco probabile il caso di venir colpito tosto,
avrebbe pur sempre preceduto il fischio dei colpi falliti; epperò io mi
aspettava quel segnale dopo i primi dieci o dodici passi, poichè tanti
e non meno io calcolava di poterne fare prima che i Tedeschi fossero in
grado di tirare.

Non udii nulla e il cuore mi si allargò; l'istinto mi spingeva ad
affrettare il passo, ma la ragione mi diceva _adagio_, ed io ascoltai
la ragione e non solo proseguii con passo ordinario, ma, oltre il
contento di aver superato il primo grave pericolo, ebbi quello di veder
confermato il mio giudizio intorno alla difesa che potevano offrire
i fanali, poichè da casa Ciani al ponte tre ne contai ch'erano stati
schiantati dalle palle di cannone e giacevano fracassati a terra.
Giunto al ponte sul naviglio e gettatovi uno sguardo mi si presentò una
scena stranissima.

Il naviglio da quel punto e per circa 150 metri, e non meno, era
tutto pieno di mobili gettati alla rinfusa, e nel bacino stesso non si
scorgeva che poca acqua sporchissima. La conca ivi presso era aperta
e fra gli oggetti, ammonticchiati gli uni sugli altri, si notavano più
vetture di quelle dette _cittadine_, una delle quali per caso singolare
era caduta, direbbesi, in piedi, ossia trovavasi nel naviglio nella
sua posizione normale. Ora, siccome era piovuto tutta la notte, un
sottil velo d'acqua copriva la vernice del cielo della _cittadina_,
e faceva l'effetto d'uno specchio lucidissimo, il che aveva attirato
la mia attenzione. Le altre vetture meno fortunate erano colle gambe
per aria in mezzo a panche, scranne, usci, legnami, travi e travicelli
d'ogni dimensione. Insomma tale e sì strano era quello spettacolo,
che quantunque io non fossi ancor fuori di pericolo, poichè era sempre
sotto il tiro dei Tedeschi, pure mi fermai un istante a contemplarlo; e
dico un istante, poichè il passar quel limite sarebbe stata stoltezza
e quasi un voler tentare la fortuna; ma bastò quel momento perchè la
scena mi rimanesse vivamente impressa nella memoria. Però se quello
spettacolo mi dovette colpire per le bizzarre combinazioni che offriva
quell'ammasso di tanti oggetti diversi, non tardai a riconoscere la
causa che l'aveva prodotto, giacchè ravvisai subito che quello non
era altro che il materiale della barricata che gli abitanti di Porta
Orientale avevano eretta il giorno innanzi in prima sera a traverso il
corso. Ma altro è costruire una barricata ed altro poterla difendere, e
se ciò è difficile in qualsiasi luogo, quando si abbia avanti un nemico
risoluto, assai più lo era in quel luogo sì largo. I Tedeschi l'avevano
presa durante la notte ed avevano gettato tutto nel naviglio; la cosa
che allora non sapeva spiegarmi era la mancanza di acqua, ma seppi poi
che precisamente in quei giorni era stata tolta, affine di procedere a
quelle annue ordinarie riparazioni, ed agli espurghi che richiede quel
canale artificiale, e l'acqua gialla e sporca che aveva veduto, era la
poca limacciosa del fondo mista a quella caduta nella notte.

Soddisfatta la momentanea curiosità, io continuai il mio cammino, ma
non più sul medesimo lato, bensì piegando a sinistra sul ponte stesso
mi recai al lato opposto; e la ragione ne fu che a partire da quel
punto, andando sino a S. Babila, tutta quella linea rimane al coperto,
difesa dal gran palazzo Serbelloni-Busca, da qualsiasi colpo diretto
che venga dalla parte superiore del corso. Nel traversare il ponte
diedi una occhiata alle truppe che mi parvero lontane, lontane, e non è
a dire con quanta compiacenza, dopo pochi minuti secondi, m'accorgessi
ch'erano fuori di vista. Il pericolo era allora pienamente superato;
il primo passo adunque è fatto, mi dissi; or pensiamo a far bene anche
il secondo, il quale consisteva, non già nell'andare da quel luogo a
S. Babila, ma sibbene nel penetrare nella barricata, affine d'avervi
riparo dai colpi dei Tedeschi padroni della via di S. Damiano.

Io doveva avvicinarmi al punto più vicino della barricata non ancora
esposto e poi, approfittando d'un momento in cui non si sparasse,
darvi la scalata colla massima celerità possibile. Non mi pareva che il
pericolo dovesse esser grande perchè non sentiva colpi, e pochi secondi
potevano bastare per mettermi in salvo, mentre se i Tedeschi non
erano già pronti a tirare, difficilmente mi avrebbero colpito tirando
di furia. Del resto avevo già quella baldanza che suol dare il buon
successo ed il sentimento di aver propizia la fortuna.

Avviatomi pertanto con passo accelerato, non aveva forse fatto un
centinaio di metri allorchè, oltrepassata di poco la porta di casa
Castiglione, precisamente la stessa già descritta a proposito del
granatiere tedesco che il giorno innanzi si era inoltrato sino a quel
punto prendendo di mira la barricata di S. Babila, ecco presentarmisi
dal lato opposto del corso un nuovo interessante spettacolo. Di fronte
a quel luogo havvi il Seminario grande, o per meglio dire si vede la
porta barocca ma colossale, che dà accesso al vasto cortile interno
in fondo al quale poi sta il Seminario. Il portone era spalancato
ed il cortile pieno di chierici e di mucchi di materassi, cuscini
e pagliaricci; erano i materiali d'una barricata che i chierici
stavano combinando per attraversare con essa il corso, ed erano tutti
affaccendati nell'opera patriottica: chi andava di qua, chi andava di
là; alcuni erano perfino in manica di camicia. Era impossibile il non
fermarsi a quello spettacolo; non dirò d'essermi fermato molto, ma
certo assai più che avanti quello del naviglio, dacchè potevo farlo
impunemente. Del resto non era solo la singolarità di quello spettacolo
che lo rendeva caro a' miei occhi, ma anche la considerazione della
parte che già prendeva il clero al nazionale movimento. Se coloro che
tanto si affacendavano erano i giovani chierici del Seminario, era
evidente però che non agivano senz'essere di pieno accordo coi loro
superiori.

Continuando il mio cammino passai avanti a casa Arese, e veduto un
servitore sulla porta, mi fermai e lo richiesi se il padrone era
partito: mi rispose di sì e che era partito il giorno innanzi uscendo
dalla città pochi minuti prima che venissero chiuse le porte. Questo
mi fece gran piacere, poichè nessuno in quel momento poteva dire come
sarebbe finita la sollevazione; certa invece era la guerra ed a'
miei occhi ogni giorno che si fosse potuta anticiparla era un gran
guadagno. Da casa Arese si giunge ben presto a San Babila, e mano
mano che mi avvicinava, riconosceva che il supposto pericolo andava
sempre più diminuendo per causa della configurazione del terreno e
della disposizione della barricata. Questa era stata costrutta in modo
opportunissimo: partendo dalla prima casa sulla linea che volge a S.
Damiano, andava in isbieco a raggiungere l'angolo del caffè delle
Colonne, includendo la via Bagutta, il qual punto era interamente
coperto dalla chiesa di S. Babila e dalla colonna detta del _Leoncino
di Porta Renza_, mentre la parte esposta era soltanto quella che
si trovava di fronte alla via di S. Romano. Il mio ingresso fra i
combattenti venne quindi fatto senza che incontrassi alcun pericolo.
Non pertanto fui accolto festevolmente; era indubbiamente il primo
che dal mattino di quel giorno aveva attraversato il corso nella sua
lunghezza. Fino al ponte tutte le porte e le finestre erano chiuse;
dal ponte in giù dal lato destro ancora esposto, benchè in via di sola
possibilità, tutto del pari era chiuso; dal lato sinistro vedevasi
aperta qualche finestra e taluno si affacciava, ma sulla via non
un'anima. I compagni futuri di combattimento mi avevano scorto da
lungi allorchè era arrivato al ponte, e si erano rallegrati vedendomelo
traversare, e riconoscendo che era fuori di pericolo. Si fece subito
un cerchio attorno a me e cominciarono le dimande a furia: d'onde
veniva e che cosa sapeva. Io dissi loro tutto ciò che il lettore già
conosce intorno alla forza e posizione de' Tedeschi e narrai l'affare
dei chierici che fece molto piacere. Alla mia volta chiesi conto dei
combattimenti in città e se il fuoco era cessato da molto: mi risposero
ch'era da oltre un'ora che stavano tranquilli; di quanto avveniva nelle
altre parti non sapevano se non che si combatteva di certo a Porta
Nuova ed a S. Vicenzino. Chiesi ov'era il podestà e se eravi un capo
che dirigesse la sollevazione. Mi risposero che il podestà e i membri
del municipio, andati dapprima in casa Vidiserti, eransi trasferiti
in casa del conte Carlo Taverna nella contrada de' Bigli, come ho già
accennato, e che a capo militare era stato scelto un certo Anfossi,
emigrato piemontese che veniva dall'Egitto, uomo arditissimo.

Dopo che reciprocamente avemmo soddisfatta la nostra curiosità, io
volli visitare minutamente la barricata, della quale ora è difficile
il farsi un concetto esatto per i molti cambiamenti seguiti in quella
località. In luogo di quella casa alta con architettura veneziana,
che sta ora sull'angolo fra il corso e la via di S. Damiano, eravi
allora una casa ben più modesta ma che sporgeva assai, restringendo il
corso, tanto che a chi veniva dalla via del Durino non si affacciava
la colonna del Leoncino se non dopo oltrepassata quella stessa casa
d'angolo. La via in quel punto era d'un terzo almeno più stretta
dell'attuale, e la barricata che ho già descritto, e che partendo da
quell'angolo andava per isbieco ad appoggiarsi alla casa dove havvi il
caffè delle Colonne, era molto solida, poichè oltre le travature era
rivestita d'un rialzo di terra e ciottoli. Durante il mattino del 19
essa sostenne l'urto de' proiettili che venivano da Porta Orientale,
finchè le truppe coll'artiglieria rimasero nelle vicinanze del palazzo
Serbelloni-Busca. Per dare un'idea della forza che avevano taluni
proiettili, mi basterà l'accennare un fatto solo. Sull'angolo di quella
casa, ora scomparsa per far luogo all'allargamento, eravi un negozio
di vino con ispaccio al minuto, cioè una bettola che era aperta anche
in quel giorno. Or bene una palla da cannone attraversò netta tutta la
parete, ma all'altezza di due metri e cadde nell'interno; di guisa che
gli avventori si affrettarono a sgomberar la bottega.

Dopo aver ben visitato tutto, stimai opportuno di recarmi al municipio
per comunicare quanto io aveva veduto, ed anche udito, dagli stessi
Tedeschi a loro non saputa. Ben presto arrivai a casa Taverna e venni
tosto introdotto dal conte Casati che trovavasi con altri assessori in
una stanza del primo piano. Narrai quanto aveva veduto dal mattino in
poi, e mi fermai sulle parole testuali del colonnello che fecero un
gran senso. Assai domande mi vennero dirette da parecchi, i quali in
ispecie volevano sapere se la moltitudine che avevo veduto era armata,
e se potevasi sperar da essa un qualche aiuto. Risposi che la massa era
grande di certo, ma che per quanto io avessi guardato col cannocchiale
non aveva potuto scoprir armi e che la maggior parte mi erano sembrati
curiosi. Seppi dappoi che il colonnello annoiato da quella massa di
gente, allorchè sul tardi della giornata si era ritirato fin presso
alle porte, le fece aprire d'un tratto e ordinò una cannonata a
mitraglia. Fuggirono tutti d'ogni parte; alcuni rimasero feriti, e per
quel giorno non si lasciò più veder nessuno.

Fra i presenti in casa Taverna la persona colla quale avevo maggior
confidenza era il Giulini, quello che mandava per mezzi sicuri le mie
lettere in Piemonte e che allora fu de' più insistenti ad assediarmi
d'interrogazioni. Compiuto quell'atto di dovere, io tornai alla
barricata di S. Babila deliberato di rimanervi. Il numero dei difensori
non era grande potendo salire a quindici soli e male armati, taluni
avendo fucili da caccia ed altri alcune delle armi tolte ai corpi di
guardia disarmati che erano le migliori. Durava tuttavia una specie di
sospensione di ostilità, onde vi erano frammisti a combattenti molti
curiosi, quand'ecco odesi ad un tratto di nuovo il cannone da Porta
Orientale. I curiosi disparvero, i combattenti si avvicinarono alla
barricata, ed io scelsi il mio posto mettendo in ordine gli enormi
miei pistoloni, arma più sicura dei fucili da caccia. Qual fosse la
causa precisa, per cui dopo una lunga sosta venissero allora riprese le
ostilità, non saprei dirlo in modo esatto, ma è probabile che sia stata
la molestia che veniva alla truppa da un famoso tiratore che armato
d'ottima carabina svizzera era andato sino a casa Serbelloni seguendo
precisamente quel cammino sicuro che aveva fatto io venendo, ossia
rimontando a destra il corso da S. Babila sino al ponte. Quella casa,
che merita nome di grandioso palazzo, fa angolo fra il corso di Porta
Orientale sul quale ha la fronte principale e la via lungo il naviglio;
ma quella fronte non si unisce alla prima ad angolo retto, bensì
l'angolo stesso è tagliato, evidentemente a lasciare un maggiore spazio
per accedere alla via lungo il naviglio; onde resulta una piccola terza
fronte e tale che in essa si praticarono due finestre. Colà erasi posto
quel bravo tiratore per nome Broggi. Egli era al sicuro di ogni colpo
diretto; caricava la sua carabina e poi avanzandosi verso la fronte
del palazzo e sporgendo solo quanto era necessario per prendere la sua
mira, tirava sulla truppa, per quanto lontana. Convien dire che non lo
facesse sempre indarno, perchè fu allora che venne ripreso il fuoco che
non poteva esser diretto alla barricata, la quale più non vedevasi dal
punto ove si erano collocati i Tedeschi. Essi tiravano a palla e le
palle battendo, sul selciato facevano scherzi stranissimi deviando a
destra ed a sinistra, infrangendo stipiti ed arrivando coi loro salti
sino ai secondi piani. Ma dopo qualche tempo si avanzarono sino a che
due cannoni si trovarono sulla linea retta dalla parte della barricata
che si appoggiava all'angolo della via Bagutta. Noi rispondemmo alla
meglio col nostro fuoco, che però era innocuo per la troppa distanza,
ma anche il loro non ci cagionò danno alcuno essendo noi difesi dalla
barricata. Però un risultato funesto lo ebbe pur troppo, e fu la caduta
del povero Broggi. Dopo un'ora circa il fuoco cessò, e noi eravamo
ancora al nostro posto, quando seguendo quella via coperta già da
me descritta, arrivò un giovane piuttosto alto e che, se non erro,
udii chiamare col nome di Rusca. Io non lo conosceva, nè dopo quel
giorno più lo vidi; egli teneva in mano una carabina tutta intrisa
di sangue. _Che c'è?_ chiesi io che era tra i primi da quel lato: _Il
povero Broggi è morto_, mi rispose: _una palla di cannone di rimbalzo
deviando a sinistra lo colse in quel luogo ove si credeva sicuro e
lo tagliò netto in due_. Il Rusca ch'era poco lontano accorse, ma per
vedere quello spettacolo e per raccogliere la carabina. Grande fu in
tutti il dispiacere per quella morte, il Broggi valeva solo ben più di
molti assieme, pieni di buona volontà ma inesperti all'uso dell'armi;
egli univa tutte le qualità del buon tiratore; polso fermo, occhio
esercitato e pratica della sua carabina. Il Rusca andò al Municipio
a narrare l'accaduto, e poco dopo vedendo ch'era subentrata una nuova
calma, vi andai io pure per apprendere che cosa avveniva nelle altre
parti della città.



CAPITOLO QUINTO

    L'autore con Augusto Anfossi, capo dei combattenti, si recano
      al Comando Generale nella via di Brera per intimare la resa
      ad un battaglione di Ungheresi, ma senza frutto — Alla sera
      del 19 l'autore è chiamato a giudicare uno scritto del vice
      Presidente O'Donnell, ritenuto prigioniero in casa Taverna,
      sede del Municipio — Il 20 marzo i Tedeschi abbandonano
      la Polizia ed il Duomo; l'autore reca la prima bandiera
      tricolore sul Duomo — Il Municipio si trasforma in Governo
      Provvisorio.


Amico del padrone di casa, il conte Taverna, e del Giulini, conoscente
di buona parte degli altri, non solo venni lasciato passare, ma fui
introdotto nella sala principale, ove stavano riuniti i membri del
Municipio, ed era una stanza piuttosto grande che dava sul giardino.
Era quasi piena di gente, con un continuo andirivieni; animatissimi
erano i discorsi: chi narrava una cosa, chi l'altra, allorquando, forse
un quarto d'ora e non più dopo il mio arrivo, entrano due cittadini,
annunciando che sul piazzaletto avanti al Gran Comando[12], a Brera,
eravi una quantità di soldati che venivano ad atti fraterni colla
popolazione, e soggiungendo essere essi certi che se alcuno rivestito
di qualche autorità si fosse presentato, ed avesse intimata la resa,
il colpo non falliva. Parlavano con tale convinzione che non mancarono
di far tosto un grande effetto su tutti. _Ma come possono dir questo?_
chiese, non rammento se il Casati od altro, ma certo uno del Municipio;
_da quali fatti lo arguiscono?_

_Lo dicono_, risposero essi, _i soldati stessi_.

_Ma sono Italiani?_

_Sono Ungheresi ed Italiani. Ritengano che si arrendono; ma converrebbe
che andasse uno che conosce il tedesco, perchè gli ufficiali sono
tedeschi._

Erano momenti nei quali tutto si credeva possibile; da un giorno e
mezzo si erano già vedute tante cose, dapprima giudicate impossibili,
che si cominciò ad accogliere anche quell'idea.

_Mi dicano_, chiesi io, _sono molti?_

_Molti; è pieno tutto il piazzaletto avanti al Gran Comando._

_Sono mescolati i soldati alla popolazione?_ domandai io di nuovo.

_Questo no, perchè hanno paura degli ufficiali; ma alcuni che hanno
girato il canto di casa Castelbarco parlano coi cittadini._

_Davvero, se riuscisse_, dissi io, _sarebbe un bel colpo_. Or siccome
io aveva dovuto stare inerte mezza giornata, credetti che spettasse a
me l'arrischiarmi a far qualcosa di segnalato; onde rivolto al Casati:
_Signor podestà_, gli dissi, _vado io_. Dapprima v'ebbe un momentaneo
silenzio, ma tosto fu rotto da diverse esclamazioni di _bravo, bene!_
Io mi apparecchiava ad andare senz'altro; quando, fra la folla si
fa largo una persona che non avevo veduta mai, grande, con volto
abbronzito e pieno d'espressione, che mi dice: _Vengo anch'io_. Uno
del Municipio me lo presenta e mi dice: _Questo è il signor Anfossi_;
e presenta me a lui. Gli stendo la mano, e dico: _Andiamo_. Quando
appresi che vi erano Ungheresi, pensai che sarebbe bene rivolger loro
il saluto sempre caro all'orecchio ungherese, di _Eljen Madjar_, che
significa: _Evviva l'Ungheria_; ma, temendo di non pronunciarlo bene,
mi rivolsi ad un Litta Modigliani, ivi presente ch'era stato a Vienna,
ed in diplomazia, e gli chiesi se il mio modo di pronunciarlo andava
bene. Mi rispose che sì, ed armato di quel solo talismano, confidando
nella fortuna, ci ponemmo in cammino io e l'Anfossi; nessun altro
ci seguì. Usciti dalla via de' Bigli, ed avendo appreso che tutta la
via di Brera era occupata dai Tedeschi, andammo per le vie di Croce
Rossa, Borgo Nuovo e Fiori chiari, e sboccammo sulla larga via avanti
al palazzo di Brera. Colà arrivati, io trassi il fazzoletto bianco
che teneva alto in segno che venivamo con intenzioni pacifiche, ed
andammo diritti verso il fitto della soldatesca, che, del resto, era
totalmente separata dai cittadini. Al primo arrivare io pronunciai,
con tutto l'entusiasmo possibile, l'_Eljen Madjar_, gettandomi in mezzo
agli Ungheresi che in realtà formavano la grandissima parte di quella
truppa, e, per verità, v'ebbe un istante che credetti che il colpo
andasse bene. _Eljen, eljen!_ risposero non so quanti, e mi stringevano
la mano. Rivoltomi ad un maggiore che comandava quella truppa, ch'era
un battaglione intero, lo salutai col miglior garbo possibile, e quindi
entrai in argomento, dicendogli che, al punto in cui erano le cose,
mi pareva che l'umanità esigesse di non fare inutili sacrifici, e
perciò si arrendesse, e stesse certo che se gli avrebbero avuti tutti i
riguardi possibili. Il maggiore si trovava precisamente presso la prima
porta, sempre chiusa, che si incontra venendo dal centro della città;
piovigginava, ed egli era chiuso in un gran mantello impermeabile. Mi
ascoltò con mirabile freddezza, senza far gesto o movimento di sorta,
guardandomi con un'espressione piuttosto di curiosità che altro e
quand'ebbi finito: _No_, rispose, _non lo posso: non fate ostilità voi
e non ne faremo noi_.

Io rimasi sorpreso di questa risposta e la partecipai all'Anfossi. Un
gran cerchio di soldati s'era fatto attorno a noi. Rimanemmo alcuni
istanti perplessi, quando l'Anfossi si curva su di me e mi dice a bassa
voce: _Caro mio, andiamo; ci potrebbero condurre in castello_.

Nulla di certo avrebbe potuto impedirlo; ma non solo a me non era
passato pel capo quel pericolo, ma anche dopo che l'Anfossi mi rese
avvertito, non lo temetti, e ciò per la ragione che l'ufficiale
aveva pronunciate quelle parole con un'inflessione di voce quasi
dolce. L'Anfossi, che non conosceva il tedesco, non poteva trarne la
conseguenza trattane da me, che, in fondo, non solo non fosse ostile,
ma quasi desideroso di componimento. _Voglio tentare ancora_, dissi
all'Anfossi; ma egli non aspettò, e se ne partì. Avvicinatomi di nuovo
all'ufficiale, cominciai con un argomento che parevami della più chiara
evidenza: _È impossibile_, gli dissi, _che possiamo rimanere in tale
stato di cose: conviene che si venga ad una conclusione_; e tornai al
solito argomento de' poveri soldati sacrificati inutilmente, ma tutto
fu inutile. Ascoltò di nuovo la mia omelia, colla stessa freddezza, e
poi rispose: _Non fate nulla a noi, e noi non faremo nulla a voi_; ma
questa volta in modo più risoluto. Compresi che non mi rimaneva che
d'andarmene col mio fiasco. Salutato il maggiore, che rispose al mio
saluto, ripresi la stessa via che aveva fatto venendo. La piazzetta
avanti al Comando generale, fiancheggiata ora da una casa nuova alta,
lo era in allora da una chiesa o cappella intitolata a S. Eusebio ed
unita a casa Castelbarco, ed aveva arrotondato il canto, fra la stessa
piazza e la vicina di Brera. Girando quel canto, quasi di nascosto,
alcuni soldati si erano recati sul davanti di casa Castelbarco, ove
più non erano veduti dagli ufficiali. Io mi tenni presso quel lato, e
appena mi trovai fuori dallo sguardo degli uffiziali mi vidi avvicinato
da quattro soldati; uno italiano, gli altri Ungheresi. Mi balenò un
lampo di speranza, che almeno una conquista in piccolo io la potessi
fare, inducendo que' soldati a venir meco; ma, quale illusione! essi
mi chiesero tabacco. Io non ne aveva, perchè non fumo; epperò loro
dissi fra lo scherzo ed il serio: _Venite con me, e ve ne darò quanto
ne volete_; ma non vennero; solo l'italiano voleva che tentassi ancora
di persuadere l'ufficiale, ma gli risposi ch'era tempo perduto. Quel
piccolo fatto però accaduto a me stesso, mi spiegò come que' cittadini,
venuti colla piena convinzione che il colpo potesse riuscire, erano
in buona fede, e sbagliavano solo nel giudicare la condotta passibile
degli ufficiali. Tornando malinconico su' miei passi, pensava
all'efficacia della disciplina. Non pertanto, volli render conto della
mia missione ai membri del Municipio, che fino allora non avevano altra
veste. Il Casati mi ringraziò, e mi comunicò che mi avevano nominato
aiutante dell'Anfossi, il quale faceva da capo: eravi anche un altro
aiutante, del quale ho dimenticato il nome, ma che vidi, dopo il 1860,
maggiore nella guardia nazionale di Milano. Benchè il colpo andasse
fallito, non aveva mancato di fornirmi una prova che il morale de'
nostri sì potenti nemici era scosso; la risposta datami dal maggiore
non voleva uscirmi dal capo; una sospensione delle ostilità, senza
che l'una o l'altra parte rimanesse padrona della situazione, era
inconcepibile. Nel fondo io ci vedeva l'irresoluzione, e mi pareva già
molto.

La giornata del 19 volgeva alla fine; era stata importante; sopratutto
per il successo a Porta Nuova, dovuto principalmente all'Anfossi.
Quegli archi che i Milanesi chiamano _Portoni_, rappresentano, o,
diremo meglio, richiamano una delle conquiste più felici di que'
giorni; padroni di essi, noi avemmo una linea decisa di difesa. Dopo
essere uscito di nuovo, e fatta non mi rammento bene quale ispezione,
tornai a casa Taverna, ed entrato nella prima sala che trovasi
dopo il piccolo corridoio che s'incontra al primo piano, sentii il
Giulini che esclamava: _È qui il Torelli; ci rimettiamo a lui_. Come
è facile il supporre, io non compresi nulla di quella frase, ch'era
evidentemente la conclusione di qualche discussione; or ecco che
cosa vi aveva dato origine. Io ho già narrato come il Municipio,
ritirandosi dal palazzo di Governo, conducesse seco ostaggio il Vice
Presidente conte O'Donnell; in casa Taverna gli era stata assegnata
una bella stanza al primo piano con prospetto sul giardino attigua a
quella ove sedeva il Municipio stesso. Quantunque non potesse uscire
era vigilato anche colà da una guardia e questa avendolo veduto a
scrivere, mise il campo a rumore e provocò osservazioni e consulte.
Tosto taluno propose di impadronirsi dello scritto; altri reputava il
passo troppo duro, dacchè qualunque cosa avesse scritto, non ne poteva
sorger guaio non comunicando egli con nessuno. Si insisteva da una
parte e dall'altra; finalmente si venne ad una specie di compromesso
e fu questo, che si mostrasse lo scritto a persona di confidenza del
Municipio, e se questa assicurava che nulla conteneva da tornare a
nostro danno, si restituisse senza chieder conto dell'argomento. Lo
scritto era in tedesco, e fu giuocoforza andar in cerca di qualcuno
che conoscesse tal lingua. Io arrivai a caso in quell'istante e
veduto dal Giulini, gli diedi causa di uscire in quell'esclamazione
che al momento doveva essermi inesplicabile. Io era così lontano
dall'attendermi quell'incarico, chè sino a quel punto ignorava
completamente che l'ostaggio fosse colà e per di più non aveva veduto
mai quel personaggio. Accettai però l'incarico, che infine era la
mitigazione di un atto veramente duro, quale sarebbe stato quello di
togliergli senz'altro lo scritto. La stanza assegnata al prigioniero
era prossima ad un gabinetto stretto stretto che serviva da studio
all'ottimo Carlo Taverna, diviso solo per una scala interna, da quella.
Il prigioniero che il giorno innanzi era ancora il capo del Governo
di tutta la Lombardia e di diritto lo era ancora, fu fatto passare
in quel gabinetto ov'ebbe luogo il mio incontro con lui; egli era
accompagnato dal conte Casati che doveva presentarmi. In quali termini
fosse prima stata annunciata all'O'Donnell quella determinazione, io lo
ignoro; ma rammento in modo preciso che entrando nel gabinetto disse al
Casati queste parole: _Veggo che mi trattano proprio da prigioniero_.
Il buon Casati gli rispose protestando ed insinuandogli che volesse
far ragione alle circostanze ed alle difficoltà della sua posizione;
poi, molto commosso, sedette su un piccolo sofà. Io ed il prigioniero
ci avvicinammo ad un tavolino presso la finestra sul quale eravi una
lampada, ed egli estrasse il manoscritto che cominciò a leggere:
ma io lo interruppi dicendo: _Non permetto ch'ella si scomodi; la
scrittura è chiara; voglia favorirmela_. Il tono col quale pronunciai
quelle parole, esprimeva spiccatamente il rispetto alla sventura e
lo rincorò; sicchè a sua volta mi consegnò lo scritto con tale atto
che significava: Vi ringrazio del vostro contegno. Lo scritto era
una narrazione degli avvenimenti, un rapporto diretto al Ministero
di Vienna; ma in esso non era cosa alcuna in aggravio del Municipio
e dei cittadini, e invece ei si lagnava amaramente della polizia,
asserendo che essa non aveva mai conosciuto lo spirito pubblico,
correndo dietro a dicerie su tali e tali persone ed a pettegolezzi.
Il racconto giungeva sino al momento dell'abbandono forzato del
palazzo di Governo, e faceva precisamente menzione anche dell'arrivo
dell'arcivescovo, notando come avesse una coccarda tricolore sul
cappello (io l'aveva veduta alla bottoniera, ma l'O'Donnell diceva
positivamente sul _cappello_: credo che l'avesse in entrambi i luoghi).
Letta che ebbi quella relazione, dichiarai che conteneva assolutamente
nulla che potesse comprometterci; al momento non volli però dar conto
a nessuno del contenuto; lo narrai più tardi, finita la lotta, non
essendovi più ragione alcuna di farne un segreto. La soluzione venne
comunicata all'O'Donnell, al quale fu restituito il manoscritto me
presente, e parve esilararsi; era una bella persona e sopportava con
dignità la sua sventura. Uscito di nuovo coll'Anfossi, facemmo una
ispezione; poi, essendo già la notte molto avanzata, rientrammo e ci
coricammo nell'angolo di una sala e prendemmo alcune ore di riposo.
Il domani (20) eravamo in piedi prima dell'alba; io andai ai Portoni
di Porta Nuova ed a S. Babila, diedi alcune disposizioni e ritornai
a casa Taverna sempre di buon'ora. Al mio arrivo vidi un agitarsi
insolito nell'atrio e nel cortile, ove si udivano le parole _polizia_,
_duomo_: affrettatomi a salir le scale trovai la prima sala piena ed
appresi che i Tedeschi durante la notte avevano abbandonato la Polizia
ed il Duomo; tutti però non vi prestavano fede, e molti la credevano
una finzione, un'astuzia per attirare i cittadini e farne poi man
bassa. La Polizia ed il Duomo erano due punti essenzialissimi. Qui
è d'uopo però spiegare la parola _Polizia_. La gioventù e le persone
in genere che non hanno oltrepassato i 40 anni[13] non possono averne
un'idea esatta. Chiamavasi _Polizia_ tutto il complesso dei fabbricati
nella via Santa Margherita ove si trovavano gli uffici che in oggi
si chiamano di _Sicurezza pubblica_, non che le carceri preventive
e correzionali; ma il concetto che il popolo aveva di quell'insieme,
le idee che destava il nome di _polizia_ erano ben diverse da quelle
che desta la moderna denominazione. Oggi tutti sanno che nelle
carceri ovunque siano, non si conducono che quelli i quali attentano
alla vostra proprietà ed alla vostra vita; ma allora!! Si figuri il
giovine lettore che la frase: _L'hanno condotto in Santa Margherita_,
equivaleva a dire: _Per un pezzo quell'uomo non vede più luce_, — _è
scomparso_, — _starà a Milano, verrà condotto lontano, nessuno lo sa_.
Prima del 1848 non si andava però sino a temere della vita: nessuno
venne ucciso, come direbbesi, alla sordina, ad uso del medio evo.
L'Austria aveva fatto processi politici più o meno regolari, prima
d'allora; vi erano state condanne a morte, ma nessuna esecuzione; più
tardi vennero anche queste, ma fino al 1848 il patibolo non era stato
asceso di fatto da nessuno; non pertanto l'essere messo in prigione per
ragioni politiche, l'esser condotto a Santa Margherita era cosa che
faceva spavento. Fra gli agenti di polizia i più detestati erano gli
Italiani. Il popolo col suo buon senso comprendeva ch'era impossibile
che i Tedeschi ci potessero amare o potessero ammettere il nostro
diritto di voler comandar noi a casa nostra; ma non poteva tollerare
che gli Italiani fossero più zelanti persecutori de' Tedeschi stessi.
Vi erano commissarî di polizia che avevano accumulato sul loro capo un
odio indescrivibile; i nomi del Bolza e del De Betta erano popolarmente
esecrati, nè ci aveva classe di persone che non li conoscesse. Era
allora capo della polizia il barone Torresani Lanzenfeld, tirolese.
Non credo che personalmente fosse un cattivo uomo; ma aveva usurpata
la fama di uomo molto abile, non essendolo punto, come osservò lo
stesso O'Donnell. Il caseggiato materiale di Santa Margherita si
estendeva molto addentro dalla parte ove erano le carceri; non eravi
una divisione precisa fra carceri comuni e politiche; nella prima
che si trovava esser libera si metteva l'uno o l'altro arrestato,
senza però mescolare i detenuti, almeno per norma generale. Comunque
sia, in tutte le sfere della società il nome di Santa Margherita era
conosciuto e temuto. Allo scoppiar della rivoluzione quel locale, già
sempre ben munito, era stato rinforzato con truppe e si era difeso con
danno non piccolo dei cittadini; all'udire che lo avevano abbandonato
volontariamente durante la notte, sorse quel dubbio d'un tranello,
diviso dalla grande maggioranza degli accorsi a dare la notizia. Quanto
al Duomo era la stessa cosa. Il Duomo, quella meravigliosa cattedrale,
che è il vanto secolare di Milano, e s'identifica talmente con tutto
il suo essere passato e presente, che volendosi rappresentar la città
per mezzo d'un monumento, si sceglie sempre quella mole marmorea
cotanto caratteristica perchè gigantesca e gentile ad un tempo; il
Duomo, dico, ebbe una larga parte nella rivoluzione del 1848. Allorchè
scoppiarono i primi moti, il posto del Palazzo reale al fianco sinistro
del Duomo, venne rinforzato con truppa ed artiglieria. Vicino al
Palazzo reale havvi l'Arcivescovado, che i Tedeschi occupavano del
pari, tenendosi così padroni del vasto tratto compreso fra la via
dei Restelli, la via Larga, Piazza Fontana ed il fianco sinistro del
Duomo. Dall'Arcivescovado si entra in Duomo per mezzo di un passaggio
sotterraneo comodissimo, aperto, se non sempre, in molte occasioni
festive al pubblico; i Tedeschi entrarono per quel passaggio nella
chiesa e sbarrarono le porte, con che trasformarono il Duomo in una
vera fortezza. La parte superiore, che forma un seguito di vie, di
piazze, di androni di marmo lavorato con l'arte più squisita, divenne
la loro rôcca, il loro campo principale, il centro del loro fuoco.
Le innumerevoli guglie erano le loro barricate, e giammai, dacchè
si combattè dietro barricate, ve n'ebbero di così preziose. Non si
ha che a gettare uno sguardo su quel gigante che domina Milano, per
comprendere che cosa si poteva fare essendo padroni di quell'altura,
ove si può circolare con tutta sicurezza e che si presta egualmente
all'offesa ed alla difesa. Vi salirono cacciatori e fecero molto male,
sopratutto il primo giorno. Nella notte dal 19 al 20 abbandonarono
non solo quella posizione ch'era fortissima, ma tutto il circuito in
loro possesso, ossia il Palazzo reale e l'Arcivescovado. Se non che
per la stessa ragione adotta per la Polizia non si voleva credere alla
sincerità dell'abbandono. Si discuteva in casa Taverna sul da farsi:
taluno voleva che si accertasse subito il fatto; altri consigliava la
prudenza, dacchè presto la cosa si sarebbe chiarita senza sacrificar
nessuno; ma l'Anfossi, perduta la pazienza: _Finiamola_, disse, _io
vado alla Polizia e Torelli andrà al Duomo_. Detto fatto ci poniamo
in cammino. Ei volge a destra per la via S. Vittore 40 martiri[14]
ed io prendo la via S. Pietro all'Orto, perchè era la meno ingombra
di barricate. Essa sbocca sul Corso, che legalmente allora doveva
chiamarsi Corso Francesco, ma che il pubblico chiamava sempre, come
dissi, col nome antico e storico di Corsia de' Servi. Durante la
traversata della via di S. Pietro all'Orto, pensai che sarebbe stato
utile il munirmi d'una bandiera, onde arrivando sulla grande guglia
ove aveva deliberato di salire, potessi dar con quella un segnale anche
ai lontani, che i cittadini erano padroni del Duomo. Allorchè sboccai
sulla detta Corsia mi si presentò una scena molto animata; quasi tutti
i terrazzini, e non havvi casa che colà non ne abbia, erano pieni di
gente, uomini, donne, giovani, vecchi; parlavano forte, gesticolavano,
mostravano il loro tripudio; la notizia dell'abbandono del Duomo era
corsa ma congiunta ancora al sospetto che l'abbandono fosse simulato;
chi credeva, chi non credeva. Nella via vi era pochissima gente.
Recatomi sotto uno dei terrazzini, tappezzato di bandiere tricolori
e credo in vicinanza dell'Uomo di Pietra, pregai che mi si desse
una bandiera annunciando che voleva portarla sul Duomo. _Subito_,
mi rispose una signora molto gentile, e mi porse una bandiera. Era
di discreta grandezza con la sua asta proporzionata. Allorchè mi
avviava sempre solo, incontrai un giovine che aveva conosciuto alla
barricata di San Babila: gli dissi che andava sul Duomo e se voleva
accompagnarmi. _Accetto_, rispose, e continuammo assieme; il Duomo
ci era sempre in vista e già divorava cogli occhi la cupola, quando
arrivato allo sbocco della via di S. Radegonda sentii alcuni a dire:
_Ma dove va? — Sul Duomo_, risposi io. — _Ma badi che ci sono ancora
i Tedeschi._ A quel punto noi eravamo arrivati al fianco stesso del
Duomo, ed io studiava il passo perchè ero impazientissimo; ma giunto
a poca distanza dal _Coperto dei Figini_ alcuni cittadini, accortisi
ch'ero risoluto ad entrar in Duomo mi gridarono: _No, no, per carità,
vi è tradimento... vi è tradimento! Badi alla mina._ — Frattanto io
aveva percorso tutto il fianco e, giunto alla fronte, vidi aperta
la porta della chiesa e qualcuno sulla soglia. _Ebbene_, dissi ai
cittadini che dal portico dei Figini mi gridavano di non andare, _io
dico che sul Duomo non vi è più nessuno_. Era evidente che chiunque vi
fosse stato poteva dirsi un uomo perduto; ora i Tedeschi sapevano far
troppo bene la guerra per commettere simili errori. Pienamente persuaso
che nessuno più non vi fosse, e pressato dall'ansia di dare il famoso
segnale, salii di corsa la gradinata ed entrai in Duomo per la seconda
porta.

A quel punto eramisi aggiunto un terzo compagno, precisamente al
momento che girato il fianco del Duomo giudicai ch'esso era libero;
ed era un mio fratello per nome Giovanni Battista, il quale dimorava
nel borgo Monforte, e avendo preso parte al combattimento, veniva
a veder che cosa accadeva nel centro della città. _Vieni anche tu_,
gli dissi, e venne. Io precedeva i compagni colla bandiera e salii il
primo la stretta scala granitica che riesce al vertice del Duomo con
interminabili piccoli ripiani ove a stento possono darsi il cambio
due persone. Non so quanto tempo impiegassi, ma di fermo ben poco. Io
aveva una certa famigliarità col Duomo, perchè non passava mai anno
che in qualche limpida giornata non mi recassi sulla maggior guglia
a contemplare il bellissimo panorama che da quella si gode; il che
mi tornò utile assai, poichè chi non ha pratica, può perdere ben
molto tempo prima di trovar la via a superare tutti quei piani che
si incontrano dopo che dalla stretta scala interna si arriva al primo
ripiano.

Oltre l'ansia ben naturale di recare quel famoso segnale, aveva in
mira di persuadere al più presto possibile del loro errore i gridatori
_al tradimento; alla mina_. Giunto sul primo ripiano accennato,
traversai di corsa quella specie di corridoio o galleria marmorea
che si estende da un capo all'altro quanto è lungo il fianco verso
la Piazza Reale, e salii la lunghissima scala scoperta che conduce
al piano superiore. Siccome eravi chi stava all'erta se mi vedevano
arrivare, così non aveva ancor finito di traversar la galleria che
cominciarono gli evviva; io non mi fermai un istante, ma pervenuto alla
sommità della vôlta, andai ritto alla guglia, e salito per quelle scale
a chiocciola, quasi aeree, arrivai ben presto all'ultimo ballatoio
fin dove era possibile di giungere. Quivi feci il giro sventolando la
bandiera, fermandomi poi dalla parte verso la Corsia de' Servi, ove
molti, conoscendo lo scopo della mia missione, stavano sull'avviso. Uno
scoppio prolungato di evviva salutò l'apparire della bandiera. Io avevo
preceduto di qualche poco i miei compagni che tosto mi raggiunsero su
quel pinacolo, e insieme assicurammo a quell'altura la bandiera come
meglio si potè dal lato della Corsia menzionata. Dopo breve riposo
discendemmo, ma con calma, perchè eravamo stanchi. Allorchè dopo
rifatto il cammino allo scoperto, stavamo per discendere per la scala
incassata nello spessor del muro, osservai, a poca distanza dalla
porta, frantumi di bottiglie e tizzoni spenti. Di questi la provenienza
era chiara; i soldati avendo freddo si erano evidentemente riscaldati
accendendo fuoco, al che le molti travi d'ogni dimensione usate per
i ponti de' vari lavori in costruzione avevano loro somministrato il
materiale; non così chiara mi riusciva la presenza di quelle bottiglie,
ma seppi poi la provenienza anche di quelle. Io conosceva certo signor
Angelo Tavola, il quale, impiegato di Corte, avendogli io narrato
quel fatto, mi disse, che il giorno 19 i soldati mandarono a dire che
avevano sete e si inviasse loro da bere. Per far questa mandarono loro
delle bottiglie di Bordò, non rammento bene in qual numero, ma non
poche. Disceso dal Duomo andai a far la mia relazione, ben s'intende,
verbale. Seppi all'Ufficio che anche all'Anfossi era avvenuto la
stessa cosa; si gridò anche a lui di non avventurarsi, ma non diede
ascolto, e trovò il fabbricato interamente sgombro dai Tedeschi.
Frattanto in quello stesso giorno la Congregazione Municipale, che
fino allora non aveva mai parlato che come tale, fece il passo ardito
di trasformarsi in Governo Provvisorio di fatto, benchè nella sua
notificazione non adoperasse ancora quel termine, ma dicesse solo che
_viste le circostanze.... assumeva in via interinale la direzione di
ogni potere allo scopo della pubblica sicurezza_. Ai membri ordinari
della Congregazione, dei quali rammento aver visti in casa Taverna,
oltre il conte Gabrio Casati, podestà, gli assessori Antonio Beretta e
conte Cesare Giulini, aggiunse in via provvisoria i signori Vitaliano
Borromeo, Franco Borgia, Alessandro Porro, Teodoro Lecchi, Giuseppe
Durini, Anselmo Guerrieri, Enrico Guicciardi e Gaetano Strigelli.

Il Governo Provvisorio aveva creduto bene di nominare un Comitato di
guerra per coadiuvarlo, e l'indomani ne nominò altri, uno di difesa,
uno di pubblica sicurezza, uno di finanza, uno di sanità e per ultimo
uno di sussistenza.

Fra i primi atti del Comitato di guerra vi ebbe quello della
pubblicazione d'un ordine del giorno annunciante come il signor
Luigi Torelli di Valtellina ed il signor Scipione Baraggi di Treviso
avessero recato la prima bandiera tricolore sul Duomo. Non posso dire
di certo che la cosa mi spiacesse; ma sino d'allora e dal primo momento
dichiarai che non dava nessuna importanza a quel fatto, non essendo
persuaso che vi fosse a compierlo alcun pericolo; epperò lo ritenni,
più che altro, un favore della fortuna che volle far cadere su di me
quella missione che era stata certo utile, ma non pericolosa e tale da
meritar tanto premio. La sua utilità poi era stata di far noto anche ai
lontani come i cittadini fossero padroni del Duomo. Io credo che quanti
cannocchiali esistevano nella cerchia di molte e molte miglia intorno a
Milano, tutti erano rivolti verso la città ove da due giorni tuonava il
cannone, ove nessuno poteva nè penetrare, nè uscirne. Allorchè videro
quella bandiera, dovettero concludere naturalmente che la fortuna
piegava in favor dei cittadini, poichè se mai vi ebbe fuoco visibile
anche da lontano dovette esser quello fatto dai cacciatori dall'alto
del Duomo.

Ma alla gioia della popolazione per i due fatti accennati dello sgombro
della Polizia e del Duomo, onde era avvenuto che già cominciassero
a popolarsi le vie, sottentrò presto un grande sgomento, allorchè
cominciarono a piovere bombe e granate. Di nuovo si videro le strade
deserte. Il piano dei Tedeschi era chiaro; essi si erano ritirati
appunto perchè volevano bombardare la città; ma o fosse che la polvere
avesse sofferto o per qualsiasi altra causa, il fatto è che poche
granate scoppiavano, talchè lo spavento non durò a lungo. Fatti
speciali degni di menzione non avvennero nella cerchia ove io mi
trovava, solo a notte avanzata l'Anfossi mi propose una spedizione che
merita essere ricordata.



CAPITOLO SESTO

    La sera del 20 marzo l'Anfossi coll'autore e con tre altri
      combattenti, si recano sul campanile di S. Bartolomeo — È
      instituito un _Comitato di difesa_, e l'autore è chiamato a
      farne parte come Capo delle pattuglie; sue osservazioni in
      contrario; sua accettazione — Avvenimento nella Canonica di
      S. Bartolomeo.


Al di fuori de' Portoni di Porta Nuova eravi una chiesa detta di S.
Bartolomeo con un campanile non molto alto, ma sì perfettamente isolato
che dominava a grande distanza; era di forma quadrata e piuttosto
stretto, il che gli dava una certa eleganza. Su quel campanile eravi un
corpo di guardia di quattro individui, la cui posizione era ottima per
esplorare, ma pericolosa perchè non erano protetti dalle barricate che
finivano ai Portoni. Quel posto era anche dei più instancabili per il
continuo suonare delle campane a stormo, che dava ai nervi ai Tedeschi
in modo insopportabile. L'Anfossi volle dimostrare anche il conto che
faceva di quei giovani andando a trovarli sul posto. M'invitò ad andar
con lui, il che accettai di buon grado, e discendemmo nel cortile
di casa Taverna; quivi eranvi molti giovani, gli uni per riposarsi,
altri venuti a sentire le notizie della giornata. Vedendoci uscire con
quel passo risoluto di chi deve andar diritto ad uno scopo, venne ad
alcuni la curiosità di unirsi a noi. Io chiesi all'Anfossi se poteva
dir loro dove andavamo; ei rispose di no, perchè un bisogno non vi era
e chi voleva venire avrebbe visto dove si andava. Benchè rispondessi
in questo senso a quanti mi domandavano, alcuni vollero unirsi e ci
trovammo in dieci o dodici alla fine della contrada de' Bigli; ma
allorquando colà giunti si piegò a destra e si prese la via del Corso
di Porta Nuova lungo il palazzo d'Adda, e cominciò a chiarirsi dove
si andava, cioè che trattavasi di uscire dai Portoni fuori dalle
barricate, il numero andò diminuendo sì che giunti all'ultima di queste
ci trovammo in cinque. I Portoni conquistati il giorno innanzi non
avevano ancora che una barricata provvisoria, fatta in fretta e in
furia, che passammo senza stento, e presso alla quale mi cadde sotto lo
sguardo un oggetto che mi fece allora una dolorosa sensazione.

Gli attuali Portoni sono bensì gli stessi di allora, ma il loro
contorno è affatto diverso; non esistevano allora le due porte per i
pedoni; le case a destra e sinistra si avanzavano assai più, e pedoni
e vetture escivano ed entravano dai soli due archi centrali divisi dal
largo pilastrone coevo alla loro costruzione. Ora, precisamente al
centro di quel pilastrone eravi una panca sulla quale stava disteso
il cadavere di un ungherese. Io che sognava sempre insurrezioni in
Ungheria e calcolava sull'aiuto reciproco d'un movimento contemporaneo,
non poteva vedere un ungherese morto, senza che mi contristasse
l'animo, e tuttavolta al palazzo di Governo i primi cadaveri che
aveva veduti erano d'Ungheresi; altri ne aveva veduti il 19, ed
allora tornava ancora a veder nuove vittime di quella nazione, cadute
combattendo contro una causa che pur era vagheggiata nello stesso loro
paese.

La chiesa di S. Bartolomeo era il primo fabbricato che incontravasi a
sinistra uscendo dai Portoni. Era costrutta non parallela ai medesimi
ed al naviglio, ma in isbieco, in linea che piegava verso il nord-est.
Aveva una fronte stracarica di ornati e con colonne ognuna delle
quali portava una statua; era barocca assai, ma non senza una certa
grandiosità; attigua alla stessa eravi la canonica che presentava
una linea in senso opposto, talchè ove si univano le due linee,
formavano un angolo acuto con un piccolo piazzaletto quasi nascosto,
opportunissimo per proteggerci, poichè, come già dissi, noi eravamo
allo scoperto, fuori delle barricate. In un istante fummo tutti riuniti
in quel luogo, ed uno de' giovani che si erano uniti a noi andò a
battere con precauzione, ma tanto da farsi sentire, al portone della
canonica. Poco dopo si udì una voce che chiedeva _chi si fosse e che
cosa si volesse_. Rispose il giovane in pretto milanese, ch'era il
natural passaporto fra ignoti, esserci il capo dei combattenti che
voleva visitare il posto sul campanile; aprisse pure senza paura e
facesse presto. Il sagrestano che era la persona che parlamentava, aprì
allora e noi entrammo nella canonica. Chiedemmo del signor parroco
avanti al quale tosto ci condusse; trovammo un buon sacerdote che ci
accolse con gran gentilezza, ed a cui spiegammo lo scopo della visita.
Ordinò tosto al sagrestano di accendere la lanterna, ma poi rivolto a
noi: _Ma è impossibile_, disse, _che ci stiano in tanti; il campanile
non offre che un piccolo spazio già in parte occupato dai giovani che
stanno sopra. Mi pare che basterebbe che vi andassero due._ Siccome
in realtà non eravi ragione alcuna per andare in cinque: _Ebbene_,
rispose l'Anfossi, _anderemo noi due_, rivolgendosi a me. La casa del
curato communicava colla sagristia, e questa col campanile. Salivasi
sul medesimo dapprima per una scala stretta ma in vivo, e ciò sino
all'altezza della chiesa, ma poi conveniva passare per una scala a
piuoli non molto lunga ma ertissima; superata quella si trovava di
nuovo una scala eguale alla prima, ma coi gradini in legno e tanti
piccoli ripiani, ove la scala faceva il giro, e ciò sino in cima ov'era
il castello delle campane. Precedeva il sagrestano col lume. Sì tosto
la vigile sentinella udì del rumore, gridò dall'alto il _Chi va là_? Il
sagrestano da loro ben conosciuto, anche alla voce, rispose: _Amici_,
_amici_, e poi aggiunse in milanese: _Sono io con due signori_.

Sia per effetto di grande stanchezza o perchè si doveva andar cauti
e dietro quello scarso lume, il fatto sta che quella salita ci parve
interminabile. Finalmente si arrivò in cima. Io precedeva l'Anfossi,
ed annunciai a que' bravi giovani la sua visita. Essi cercarono subito
di far un po' di posto. I finestroni del castello delle campane dove
si trovavano, erano attraversati per il largo da due sbarre di ferro;
si accollarono stretti stretti a quelli ed anzi uno di essi per fare
ancora un po' più di posto, si pose a cavallo d'una di quelle sbarre.
L'Anfossi li lodò, li incoraggiò, e ben lo meritavano, perchè in
realtà erano, come dissi, i più esposti, e ben volentieri registrerei
i loro nomi se li conoscessi. Io non dimenticherò mai lo spettacolo
di quella notte da quel punto elevato; il cielo era bensì nuvoloso ma
rotto, e siccome splendeva la luna, quel misto d'ombre e di luce era
d'un effetto sorprendente. Da quell'altezza si vedeva nell'interno dei
cortili del Castello, ove ardevano fuochi che l'immaginazione trovava
di luce sinistra, perchè erano corse voci di crudeltà commesse sino dal
primo giorno. Un cupo silenzio dominava in quel momento sopra tutta la
città. Volli romperlo, e siccome era vicino ad una delle campane, preso
il batacchio, diedi quattro o cinque colpi concitati ad uso di campana
a martello; immediatamente non saprei dire da quanti altri campanili
venne risposto con egual segno per dimostrare che si vigilava.

Poco dopo prendemmo congedo da que' bravi giovani e discendemmo.
Precedeva il sagrestano colla piccola sua lanterna; veniva quindi
l'Anfossi, ed io per ultimo; il sagrestano era di già arrivato in
fondo alla scala in legno che ho descritto con tanti piccoli ripiani,
allorquando io ch'era ancora indietro di una ventina circa di gradini,
essendomi curvato di troppo, lasciai cadere il gran pistolone che
portava sempre nella saccoccia del petto per minor incomodo, atteso il
suo gran peso. _Povero me_, esclamai, perchè essendo carico a palla,
poteva esplodere cadendo, e ferir l'uno dei due che mi precedevano;
il pistolone batte e ribatte con gran fracasso, cadendo da un gradino
all'altro, e finisce in fondo presso al sagrestano con suo grande
spavento; ma fortunatamente tutto finì lì. Ritornati nel salottino
a piano terreno, dove ci aspettava il parroco cogli altri nostri
compagni, trovammo che il buon uomo ci aveva apparecchiato dello
zibibbo e del vino, e con cortese semplicità: _Siamo in quaresima_,
ci disse, _non posso offrir di più_. Noi lo ringraziammo, ma non
accettammo. Egli ci accompagnò nel tratto dalla sala alla porta di
strada. E qui voglio rammentare una particolarità per sè di nessuna
importanza, ma che dà un'idea delle fatiche di quei giorni; l'Anfossi
escì il penultimo ed io dopo di lui; l'Anfossi barcollava, per effetto
della gran stanchezza, aumentata probabilmente dalla discesa del
campanile con tanti piccoli giri sulla stessa linea; il parroco si
fermò alla prima idea che suol presentarsi quando si vede un uomo
a barcollare, e mi guardò senza proferir verbo, ma coll'espressione
chiara della sua meraviglia. Io risposi alla sua idea: _Oh no_, dissi,
_è la gran stanchezza ed il gran sonno_. — _Oh povero uomo_, esclamò
allora il parroco a mezza voce, ma con accento ed atto tale del capo
che voleva dire: _Che giudizio fu il mio! come si può essere ingiusti!_
Ed avvicinatosi all'Anfossi nel piccolo tragitto dal punto ove eravamo
alla porta per cui si doveva traversare un cortile, gli disse molte
gentilezze e s'accomiatò da lui con profondo inchino come per emendare
l'erroneo suo giudizio avanti a sè stesso ed avanti a me ch'era l'unico
che lo conosceva. Rientrati in città, i tre compagni giunti presso
la Croce Rossa si divisero da noi, io voleva che andassimo a casa
Taverna, ma l'Anfossi mi chiese di condurlo in piazza del Duomo; cercai
di persuaderlo ch'era inutile, ma, insistendo egli, dovetti andare, e
discendemmo lungo il Monte Napoleone e la corsia dei Servi. Arrivato
al Duomo non fu ancora contento: _E di là dove si va?_ mi richiese,
accennando alla via del Cappello: _Verso il centro_, risposi. _Vediamo
anche quella strada_, soggiunse; indi volle andare ancor più in là,
finchè arrivammo all'osteria del Falcone.

A quel punto gli dissi risolutamente: _Non vado più avanti; non vi è
scopo alcuno; voi siete stanco e lo sono anch'io, ritorniamo_. — _Avete
ragione_, mi rispose, e ritornammo. Si noti che anche quelle vie erano
più o meno irte di barricate. Al ritorno, nello sboccar sulla piazza
del Palazzo Reale, venendo dalla via del Cappello, ci si presentò il
fianco sinistro del Duomo in tutta la sua maestà, illuminato dalla
luna, essendo in quel momento, ed in quel punto, il cielo limpidissimo.
Ci fermammo un istante. — _Oh, è proprio imponente_, esclamò. — Andammo
quindi difilati a casa Taverna. Era già passata la mezza notte: al
nostro arrivo trovammo la prima sala tutta coperta di dormenti stesi a
terra su materassi. Si alzò uno di essi e ci fece passare nella seconda
sala, ove ci indicò un posto capace per due persone. L'Anfossi giunto
avanti quello, si lasciò cadere precisamente come fosse colpito da una
palla, e come cadde si addormentò immediatamente. Io mi coricai vicino
a lui. All'alba eravamo di nuovo in piedi. Uscimmo assieme, ma poi
ci dividemmo; io andai a far un'ispezione verso Porta Tosa[15], non
rammento ove andasse l'Anfossi, ma ci demmo appuntamento verso le 10 in
casa Vidiserti, che già prima era un luogo di convegno dei combattenti.

Nulla di essenziale in quel mattino avvenne nel cerchio ove mi trovai
io, ben s'intende, dacchè non parlo che di avvenimenti dei quali sono
stato testimonio oculare.

All'ora convenuta io mi recai in casa Vidiserti. Poco dopo viene un
signore da parte del Governo Provvisorio e mi annuncia che io sono
nominato membro del Comitato di Difesa, colla missione speciale di
_Direttore delle pattuglie e delle ronde_. Ci penso un istante e
poi dico che mi è impossibile accettare quell'incarico. _Per farsi
obbedire_, dissi, _conviene esser conosciuto od aver tali distintivi
esterni già noti, che indichino il grado, l'autorità, senza di che
ognuno ha diritto di dire: Chi è lei? Con qual diritto comanda?
In questi momenti bisogna prendere persone note alle masse delle
popolazioni, sicchè non sia necessario spiegare anzitutto la propria
individualità._ L'altro insisteva ed io teneva fermo, quando arriva
l'Anfossi puntuale al suo convegno. Io gli espongo la richiesta di quel
signore e come io non accettassi. Dapprima l'Anfossi: _Fate bene_,
disse, _state con me_; parole che mi rallegrarono, ma poi rimasto
un poco sopra pensiero, soggiunse: _No, dovete accettare_. Allora io
ripresi i miei ragionamenti; _Credetemi, io sarò nell'impossibilità di
agire; ma come volete che io sia conosciuto? Credete voi possibile che
la notizia di questa nomina si spanda tosto per Milano, che la gente ci
badi? E poi qual distintivo indica tale autorità? Come ordinerò io ad
un combattente di venir con me?_ L'incaricato del Governo, incoraggiato
dall'aiuto dell'Anfossi, insistette, e soggiunse, che trattandosi
appunto di fare l'organizzazione, il Governo si doveva rivolgere a
quelli che aveva imparato a conoscere. L'Anfossi troncò la questione
con uno di quelli argomenti che sono irresistibili: _Voi dovete
accettare_, disse, _perchè infine è uno dei posti più pericolosi_.
Quella ragione non cambiava punto la sostanza delle mie obbiezioni,
ma, come ripeto, metteva innanzi un argomento irresistibile. _Vedrete_,
dissi, _che non potrò far di più di quello che faccio ora_, ma dovetti
accettare. L'Anfossi venne chiamato dal Governo Provvisorio, e partì.
Io meditai tosto sulla possibilità di pur organizzare qualche cosa
anche per le pattuglie, ma toccai subito con mano, quanto fosse cosa
difficile. Le vie che facevano capo ai luoghi occupati dai Tedeschi
erano tutte coperte di barricate; la lotta era ridotta alle fucilate
e cannonate; avveniva in punti lontanissimi l'uno dall'altro, a Porta
Tosa, a S. Vicenzino, a Porta Ticinese; tutte le vie di communicazione
erano chiuse dalle barricate, sì che bisognavano ore e molte per
andare dall'uno all'altro luogo; la lotta generale nei primi giorni si
era resa locale, come richiedeva la stessa sua natura. Non pertanto
io ravvisava indispensabile un centro, e l'avere a disposizione un
nucleo d'armati, una specie di riserva certa, che non esisteva e che
non si poteva improvvisare. Tuttavolta mi tracciai un abbozzo di ciò
che si sarebbe dovuto fare; ma che? Il messo del Governo, sì tosto
ch'ebbe avuta la risposta affermativa, se ne era andato. Era colà un
altro membro del Comitato, certo signor Ceroni, che fu poi uffiziale
superiore nell'esercito, ed anzi era stato nominato direttore in
capo, ed eravi pure un altro membro del nuovo Comitato. Io avrei
voluto che fra noi ci intendessimo, ma fu impossibile. L'uno fu subito
chiamato per una ragione, l'altro aveva da trovarsi in un tal luogo
per un'altra; sì che nulla si potè concertare, e la cosa sola che fu
possibile combinare fu di far capo sempre lì in quella stanza, e se
non ci veniva fatto d'ivi incontrarci, scrivere. Andai quindi a casa
Taverna che è vicinissima, poichè la casa Vidiserti ha una fronte sul
Monte Napoleone e un'altra sulla via de' Bigli, la medesima dove si
trovava la casa Taverna ove sedeva il Governo Provvisorio.

Ivi appresi una notizia importante, quella che l'esercito piemontese
si metteva in moto. Questa notizia era stata portata dal conte Enrico
Martini che veniva da Torino ed era penetrato in Milano coll'aiuto
di un impiegato di dogana (come mi narrò più tardi egli stesso) che
lo fece passare per un varco fra i più bassi del bastione di Porta
Ticinese. Quale effetto dovesse fare su di me quella notizia è facile
l'indovinarlo. Io era stato sorpreso dalla rivoluzione di Milano, che
non entravo punto in tutto quel complesso di progetti, di scritti,
di concerti intorno a cui mi affaccendavo da sì gran tempo, non
risparmiando spese, fatiche, viaggi. Certo al punto al quale eravamo
allora arrivati, la rivoluzione si appalesava come un sublime episodio,
ma non cambiava le mie convinzioni che solo sul campo di battaglia
si sarebbero decise le sorti del paese e nulla di serio poteva
conchiudersi senza un esercito regolare.

Il 5 marzo, prima di abbandonar Torino, io aveva avuta l'assicurazione
dal conte di Castagneto che Carlo Alberto era risoluto a far la guerra;
io dunque non sognava, non sospirava che la calata dell'esercito
piemontese: ma per quanto mi facessi a sollecitar quel passo, non
ignorava le difficoltà che si incontrano nel riunire un esercito, nel
determinare bene tutte quelle disposizioni che precedono l'entrata in
campagna e la formale dichiarazione di guerra. Il piccolo Piemonte
doveva sfidar la potentissima Austria; il che oggi ancora sembra un
ardimento sì sconfinato da toccare alla follìa. Infatti un giovine
d'oggigiorno che non conoscesse per tradizione, e per gli studî fatti,
lo stato degli animi d'allora, le condizioni strane, inattese, nelle
quali si trovò quel potente impero minacciato non già solo in Italia,
ma in Boemia, in Ungheria e nella stessa Austria, anzi, nel suo cuore,
a Vienna; quel giovine, dico, pel quale que' tempi sono già lontani,
durerebbe fatica a spiegarsi il fatto, considerandolo isolato. Ma
que' periodi nella vita de' popoli durante i quali tutto si sposta o
minaccia spostarsi, non durano a lungo, e fortunati coloro che sanno
approfittarne volgendoli a benefizio di una grande causa! Noi eravamo
allora in uno di que' periodi; le autorità supreme a Vienna erano
incerte e smarrite; la disciplina delle milizie era scossa, e se forse
lo era meno di quello che si credeva, ad ogni modo, quella persuasione
contribuiva a dar coraggio. Dall'altro lato, ossia dal canto nostro,
tutto pareva che accennasse a concordia ed abnegazione: non si parlava
che di pace e fratellanza, e le popolazioni parevano pronte a sacrifici
d'ogni maniera; da ogni ordine di persone si voleva contribuire alle
necessità della patria. Con queste ragioni, che altro non sono se
non uno dei raggi della luce che rischiara quel periodo, si spiegano
que' moti arditi e quelle infuocate speranze. Dal momento che ebbi
la certezza dell'arrivo dell'esercito piemontese, io non titubai un
istante a credere che gli Austriaci si sarebbero ritirati verso la
base naturale delle loro operazioni, verso le fortezze, nel famoso
quadrilatero. Come italiano non amava certo il Radetzky, ma avevo
stima de' suoi talenti militari, e sopratutto della sua fredda calma;
come giudicassi lo Schönhals, ch'era il suo capo di stato maggiore, lo
prova la mia lettera anteriore allo scoppio della rivoluzione; io era
dunque persuaso che uomini simili non si sarebbero lasciati cogliere
a Milano da un esercito regolare. La certezza del fatto m'aveva infuso
nuovo ardore, andai a più d'una barricata annunciando la buona nuova e
commentandola. Quand'ecco spandersi per la città la notizia di stragi
seguite nella canonica di S. Bartolomeo precisamente dov'ero stato
la sera innanzi coll'Anfossi. Io vado al mio ufficio e sento che quel
luogo era stato invaso, e vi si era ucciso un sacerdote. _Ma del posto
sul campanile che avvenne?_ chiesi tosto. _Crediamo siasi salvato
per i tetti_, mi risposero. Pensai allora che al Governo dovevano
aver notizie più esatte, ed andai a casa Taverna. Seppi colà che i
Tedeschi stanziati alla Zecca, erano venuti in numero di cinquanta
circa, guidati da un ufficiale, fino alla canonica di S. Bartolomeo,
non già per la pubblica via, ma attraverso i giardini ed orti che
occupavano grande parte di quello spazio che stendevasi da quella
chiesa alla Zecca dietro la linea dei caseggiati della contrada allora
chiamata la Cavalchina[16]. Giunti inosservati alla canonica, annesse
alla quale erano altre abitazioni di privati, fecero prigionieri
quante persone trovarono, e le condussero in chiesa quali ostaggi;
lo scopo principale della spedizione era il posto sul campanile, per
far cessare quel continuo scampanìo a stormo. Ma fortunatamente i
giovani da quella sommità avevano veduto i soldati allorchè davano la
scalata all'ultimo muro divisorio ed erano stati in tempo per salvarsi
passando, dicevasi allora, sui tetti delle case che si collegavano
al campanile. Gli ostaggi, dopo essere stati tenuti in chiesa qualche
tempo, erano stati messi in libertà; ma intanto alcuni soldati si erano
introdotti nelle case, ed uno d'essi aveva ucciso un povero prete,
il predicatore quaresimale a S. Bartolomeo. Il fatto era poi stato
ingrandito, come avviene, e si parlava di eccidii di più persone e di
minaccie speciali ai preti, ma in realtà si limitò a quell'invadimento
e a quell'uccisione. La storia non finiva con quell'avvenimento, e
si parlava anche d'un soldato ferito portato in chiesa ma in modo
così confuso da non poterne cavare alcun costrutto. La sorte del
povero predicatore era certo deplorevole, e quell'aggressione ebbe
un carattere veramente selvaggio. Io mi consolai che l'ucciso non
fosse il parroco, e che i giovani del posto sul campanile avessero
potuto sottrarsi. I Tedeschi erano ritornati per la stessa via al
loro posto della Zecca, nè potevano andarvi altrimenti perchè la via
della Cavalchina era dominata dal corpo dei tiratori posto sopra i
Portoni, che rimase sempre ben guarnito. Io mi trovava precisamente in
casa Taverna allorchè arrivò il maggiore croato, latore della famosa
proposta di Radetzky di sospendere per tre giorni l'ostilità. Egli
ignorava il fatto di S. Bartolomeo venendo da tutt'altra parte, ma si
può facilmente immaginarsi come venne ricevuto. Il presidente Casati si
lamentò di quelle barbarie: l'ufficiale cercò di scusare la cosa come
meglio potè, assicurando che sarebbero dati ordini severi perchè non si
rinnovassero simili scene.



CAPITOLO SETTIMO

    Proposta della sospensione delle ostilità, fatta da Radetzki;
      si chiama a Consiglio il Comitato di Guerra e quello di
      Difesa — Viene respinta — Spedizione dell'autore per mettere
      a dovere la direttrice dello stabilimento d'educazione di S.
      Filippo — Sua visita allo stabilimento Castiglione.


Il fatto della sospensione delle ostilità proposto da Radetzky fu uno
dei fatti più notevoli in quella memorabile lotta di cinque giorni,
come fu uno di quelli intorno ai quali più si occupò la stampa per la
circostanza che un uomo ragguardevole e certo di ingegno non comune, il
noto pubblicista Carlo Cattaneo, volle appropriarsi il merito d'aver
esso provocato il rifiuto. Per quanto un fatto che si verificò alla
presenza di molti testimonî, non pochi dei quali vivono ancora, non
possa annoverarsi fra quelli che sia difficile l'appurare, non pertanto
io confesso che mi sentirei imbarazzato nel narrarlo per la ripugnanza
che provo nel combattere chi più non è in grado di difendersi. Tutti,
ma sopratutto gli amici d'un defunto, possono sempre dire: _Scrivereste
voi queste cose se vivesse ancora?_ Quand'anche si volesse rispondere:
_le scriverei tali e quali_, a nulla servirebbe, essendo impossibile la
prova; ma io volendo restringermi alla parte sostanziale di quel fatto
posso dire che non mi trovo in tale imbarazzo. Per una combinazione
meramente fortuita avvenne che io fossi di passaggio in Milano nel
1867, precisamente all'epoca delle elezioni politiche di quell'anno.
Fra i candidati del primo collegio eravi il Cattaneo e si venne al
ballottaggio fra esso e l'egregio cav. Giovanni Visconti-Venosta. La
lotta fu viva; i fautori della candidatura del Cattaneo per mettere
sempre più in evidenza i suoi meriti, non si peritarono di narrare quel
fatto nel senso accennato, come fosse la cosa più certa e che nessuno
potesse avere l'ardire di porre in dubbio. Quel linguaggio provocante
m'irritò, e richiesto dal direttore della _Perseveranza_ se non avevo
difficoltà di narrare come la cosa andò realmente, risposi non aver
difficoltà di sorta, e gli diressi la lettera che ora ricopio da quel
foglio[17]. Nulla aggiungo a quanto allora scrissi _lui vivente_, e
credo sia il modo più delicato di rispettare la sua memoria, senza
celare la verità.

Sono obbligato a citare un periodo di quel giornale che precede la
lettera stessa perchè i due scritti si collegano.

«Quanto all'altro vanto che s'è attribuito il Cattaneo da sè, e tanti
altri gli dànno, d'aver egli impedito l'accettazione dell'armistizio
proposto da Radetzky, nella terza delle Cinque Giornate, abbiamo
voluto interrogare una persona che era presente, il signor Torelli,
quel medesimo che portò il primo la bandiera sul Duomo, e venne posto
all'ordine del giorno durante le Cinque Giornate stesse.


Egli ci ha risposto colla seguente lettera:

«Essendo presente anch'io a quel Consiglio, posso darne qualche
ragguaglio. Riuniti in numero non minore al certo di 14 o 15, poichè
oltre il Governo Provvisorio, vi era il Comitato di guerra ed il
Comitato di difesa[18], il presidente Casati espose la domanda di
sospensione d'armi del generale Radetzky. Chi prendesse primo la
parola non rammento; certo, il signor Cattaneo fu uno di quelli che
parlarono contro, ma su quel numero di presenti tre soli opinarono per
l'accettazione, gli altri, senza aver d'uopo di sforzi di rettorica
di nessuno, la ripudiarono risolutamente, perchè era evidente che,
in ogni modo, era più utile a Radetzky che a noi. Quando venne il mio
turno, senza ripetere le ragioni degli altri, aggiunsi solo: che nella
mia qualità di capo delle pattuglie, doveva poi dire che si andava
ben errati, se mai si credeva che quand'anche si avesse accettata la
sospensione, i combattenti l'avrebbero rispettata; di disciplina non vi
era nemmen l'ombra. Inoltre potrei anche appellarmi ai molti che spero
ancora esistano, per rammentar loro come, durante il breve tragitto
da casa Vidiserti a casa Taverna, si gridasse ad alta voce, _no,
no, non accettiamo sospensione_, e questo fu ripetuto perfino nella
sala maggiore di casa Taverna, che precede quella dove si tenne il
Consiglio. Voi vedete dunque che senza nulla detrarre al merito reale
del signor Cattaneo, non è quella circostanza che si può addurre come
di gran servizio reso al paese.

                                                       _Tutto vostro_
                                                      LUIGI TORELLI.»

Ritornato a casa Vidiserti dopo aver assistito a quel Consiglio, trovai
un signore che veniva a chiedere mano forte contro la direttrice di uno
stabilimento d'educazione, certa madama Enrichetta Smith, superiora del
collegio detto di S. Filippo, dove venivano educate giovinette d'ogni
parte della Lombardia, appartenenti a famiglie distinte; il Governo vi
aveva ingerenza nella nomina della superiora, dei professori e delle
fanciulle ammesse ai posti gratuiti; passava per aristocratico, ma
aveva credito di buon istituto di femminile educazione.

Ora quel signore era venuto ad avvertire che il collegio era esposto
ad una possibile invasione de' Tedeschi accampati a poca distanza
sul bastione, ma che essendosi fatta la proposta alla direttrice
d'allontanarsi, essa erasi rifiutata non ravvisando il supposto
pericolo. La cosa non garbava per nulla ad alcuni parenti di alunne di
quel collegio, i quali insistevano per lo sgombro di esso; e già era
la seconda volta che veniva quel signore a tal uopo, dacchè la prima
volta non aveva trovato nessuno che avesse voluto ascoltarlo. Il fatto
di S. Bartolomeo può dirsi che venisse in suo aiuto; e come la città
era piena di racconti di invasioni, io al quale quel signore si era
rivolto, non potei a meno di riconoscere che se quell'istituto era
realmente così esposto, la cosa meritava seria attenzione. _Venga lei,
venga lei_, mi disse allora quel signore. _Davvero è una spedizione ben
poco marziale_, risposi scherzando; tuttavolta mettendomi nei panni
dei genitori lontani, mi determinai ad andar io, anche per vedere
se ci fosse tanta facilità per entrare in città da quella parte che
veniva notata come molto esposta. La persona ch'era venuta a chiedere
un atto di autorità contro madama Smith, partì tosto che ebbe la mia
risposta, per communicare la notizia ai parenti che lo avevano spedito.
Io conosceva bensì l'esistenza di quel collegio, ma ignorava il luogo
preciso dove si trovava; epperò recatomi nel vicino ampio corritoio e
visti alcuni giovani, chiesi chi di loro poteva condurmi a S. Filippo
ove voleva recarmi per quella missione. Si presentarono subito due
giovanotti e si partì senza indugio. Strada facendo combinammo il
piccolo nostro piano. Anzitutto io inviterò la direttrice, dissi a quei
giovani, col maggior garbo possibile, a voler accontentar i parenti
che hanno diritto di essere ascoltati, tanto più che essa non ci perde
nulla, nè vorrà darci ad intendere che le fanciulle studiano. Se poi
non si arrende, l'arresteremo, e le ragazze si condurranno altrove,
perchè in queste circostanze non si possono fare complimenti e bisogna
sbrigarsi presto. I due giovani erano contentissimi; quella spedizione
si presentava loro come una piccola avventura lieta in mezzo a tanti
fatti serii.

Il collegio di S. Filippo si trovava allora giù del ponte di Porta
Tosa, passato il palazzo Sormani presso l'istituto della Guastalla,
ma per arrivare alla fronte del collegio conveniva passare innanzi
a quell'istituto e piegar a sinistra, e dopo breve tratto si trovava
il fabbricato, oggetto della spedizione nostra. Noi eravamo già nella
via della Guastalla, ma non ancora allo sbocco, quando uno de' miei
giovinotti: _Ma eccole_, esclamò, _escono di già_, e lo disse quasi con
rammarico, perchè tutta l'avventura andava evidentemente in fumo.

Sulla sinistra della via della Guastalla, andando dal centro, e
precisamente quasi di contro alla chiesa di quell'istituto, si apre
una via interna rinserrata fra muri, che direbbesi un viale piuttosto
lungo che riesce al locale di S. Filippo, ma al lato opposto della
fronte. Era probabilmente l'accesso pei carri e per tutti i servizî
che richiede un grande stabilimento; la porta che mette sulla via era
spalancata, e quel viale presentava la scena la più allegra ed animata,
dacchè stavano ivi raccogliendosi le giovinette alunne saltellanti e
giulive che abbandonavano allora allora il collegio. Ci fermammo sui
due piedi a contemplare quello spettacolo. A me, che tutto il giorno
era stato sempre compreso d'idee gravi, torbide, tristi, parve d'essere
trasportato in un'oasi tranquilla e gioconda; trovava anzitutto
naturale quell'allegria nelle giovinette. Per esse la prima buona
conseguenza di quel grande trambusto era la sospensione d'ogni studio e
lavoro, non potendosi pretendere che in simili occasioni si abbia lena
e calma per attendere alle occupazioni consuete.

Del timore di un'invasione quelle non se ne davano pensiero, sicure
che se pericolo vi fosse, altri avrebbe provveduto: sentivano invece
la propria importanza. Come poi fosse avvenuta la conversione della
direttrice non saprei dirlo, poichè quando io vidi che lo scopo era
ottenuto, non mi diedi il pensiero di voler conoscere madama Smith.
Evidentemente o essa, senza attender altro, erasi impaurita del
pericolo ed aveva dato l'ordine della partenza anche prima di sapere
che veniva uno del Comitato a metterla al dovere, o si era affrettata
a darlo appena lo seppe. Il primo caso è più probabile, atteso il
poco tempo che io aveva posto fra la determinazione di andare e la sua
esecuzione. Erano lì presso il conte Luigi Belgiojoso e la contessa sua
moglie, e credo che per opera loro fossero condotte quelle fanciulle
nel centro della città. Se taluna di quelle giovinette, che ora saranno
mamme di altre consimili giovinette, avesse per avventura a leggere
questo scritto, non durerà fatica a richiamarsi alla memoria quella
scena di tripudio che allora tanto mi esilarò. Ma l'allegria doveva
durare ben poco.

Mentre stava per ritornare su' miei passi mi si presenta un signore che
si era informato della mia missione, e salutatomi con molta deferenza:
_Signore_, disse: _Ella è venuta per pietosa sollecitudine di queste
giovani che si ritenevano in pericolo, ma sappia che qui appresso havvi
un altro stabilimento di fanciulle assai più esposto. Non crederebbe
di provvedere anche per quelle?_ — _Io ignoro completamente_, risposi,
_l'esistenza di questo stabilimento, ma non può esservi dubbio
che bisogna pensare anche ad esso. Favorisca di condurmi_. Preso
commiato con le debite grazie dai due giovani ch'erano venuti meco
per la spedizione di S. Filippo, seguii la nuova guida. Fra i molti
stabilimenti di carità che annovera Milano, havvene uno destinato a
raccogliere orfane e figlie di poverissimi genitori che s'intitola,
dal suo fondatore, _Ospizio Castiglione_. È situato in vicinanza
della citata via della Guastalla, ma più verso il bastione di Porta
Tosa, da cui non era allora diviso che per un muro, il quale separava
un terreno posseduto dal detto stabilimento da altro terreno annesso
allo stabilimento di alienati, detto la _Senavretta_, che spingevasi
precisamente fino al bastione.

Quel signore, per far più presto, mi trasse a traverso gli orti,
e giunto colà, mi presentò alla superiora come uno del Comitato di
difesa che veniva per prevenire pericoli possibili. Oltre la superiora
trovai un sacerdote ed un'altra persona a cui parmi dessero titolo di
economo. Ambidue erano abbattuti; la superiora invece donna piccola,
ma piena di spirito, non dava segno di turbamento e rispose con calma e
precisione alle domande che le diressi. Quanto al pericolo a cui quello
stabilimento fosse esposto, basti il dire ch'era di gran lunga maggiore
che a S. Filippo. La superiora mi chiese se volessi vedere le allieve.
_Ben volentieri_, risposi.

Mi condusse allora in un locale a pian terreno ampio, con gran
finestroni tutto all'ingiro che scendevano sino a terra; si vedeva a
prima giunta ch'era stato fabbricato apposta ed aggiunto al rimanente
edifizio, nè poteva essere più opportuno allo scopo, dacchè era agevole
dargli quanta luce si voleva e cambiarvi l'aria ad ogni istante.

Esso era pieno di quelle giovani allieve, tutte sedute su panche, poste
in linea orizzontale a traverso della gran sala con un largo spazio
nel mezzo. Al mio entrare colla superiora, si alzarono; io pregai le
maestre che le facessero sedere, e cominciai a percorrerne le file.
Il loro aspetto inspirava tristezza, perchè si vedeva che le poverine
erano comprese dallo spavento, e pallide per notti insonni presentavano
un contrasto strano collo spettacolo che mi avevano offerto poco prima
le allieve di S. Filippo; mi pareva dicessero: _Noi poverine, noi
siamo di nessuno_. Vi erano giovinette di sei e sette anni, altre più
adulte. Accarezzando le più piccole, cominciai a dirigere loro delle
parole di conforto, e prima di partire tenni un breve discorso a tutte.
Dissi loro che le cose andavano bene, che si facessero coraggio, che
non si credessero abbandonate, che si pensava anche ad esse. Mi parve
che si rianimassero, ma io uscii di là col cuore serrato. Discorsi
quindi colla superiora intorno ai partiti da prendersi: condurle via
era impossibile pel troppo numero; ma avendo osservato certo muro di
cinta verso la città, pensai che praticando in esso un'apertura, si
poteva andar diritti in, non mi ricordo più quale via, abbreviando
il cammino, e collocandosi all'estremità del fondo verso il bastione
una sentinella, si poteva esser sicuri d'aver il tempo di fuggire.
Cotesto partito lo suggerii, ed ella mi disse che il medesimo consiglio
erale stato dato da non so quale ingegnere, e che l'avrebbe seguìto.
La consigliai anche di non tenere le alunne immobili, ma di svagarle
col farle movere, al che pure annuì. Dopo dati quei consigli, dissi
alla superiora che stava bene il vigilare come se i Tedeschi dovessero
venire, ma ch'io credeva la cosa poco probabile, perchè il fatto
ch'essi avevano lasciato volontariamente posizioni forti, dava indizio
che si concentravano per ritirarsi, onde era probabile che altro non
seguisse. _E lo stabilimento della Senavretta?_ mi disse, non so se
l'economo od il sacerdote che erano presenti. _Oh! io non saprei che
farci_, risposi; _se i Tedeschi vogliono pigliarsela coi matti, sono
padroni, ma non lo credano._ E preso commiato da quella brava donna
piena di spirito e da' suoi compagni rientrai nel centro della città
andando difilato a casa Vidiserti.



CAPITOLO OTTAVO

    La presa del Genio — Morte d'Augusto Anfossi — Nella notte
      il Genio è nuovamente ripreso dai Tedeschi — Avvenimento
      nel Genio stesso; tentativo per riprenderlo — I Tedeschi lo
      abbandonano di nuovo nella notte stessa — Essi abbandonano
      anche il Gran Comando e l'autore ne prende possesso in nome
      del Governo.


Qual fu il mio stupore, allorchè, entrato nel cortile dalla parte del
Monte Napoleone, vidi spalancate tutte le rimesse che si trovano sul
lato sinistro, e quelle piene di Tedeschi, alcuni de' quali erano
pure accovacciati nel cortile stesso! Compresi tosto che doveva
essere un posto che si fosse arreso. Erano infatti i soldati che si
trovavano nel locale del Genio situato nella via del Monte di Pietà,
e quella splendida fazione aveva avuto luogo precisamente durante la
mia spedizione suaccennata. Non è dire qual dispiacere io provassi
d'essermi trovato assente, ma una notizia più crudele, mi attendeva.
_L'Anfossi venne gravemente ferito_, mi disse un signore che conosceva
le mie relazioni con lui. — _Ma dov'è? Dove l'hanno portato?_ chiesi
tosto: _voglio andare a vederlo_. Egli tacque; ma un altro signore: _A
che serve celarlo?_ soggiunse; _non sono momenti questi da far perdere
tempo: il povero Anfossi è morto_. Mi coprii colla destra la faccia
per ascondere il mio dolore, e salii all'ufficio, ove ritrattomi in un
angolo volli rimaner solo per qualche istante; ma non vi era rimedio,
e l'unico mezzo per onorar la sua memoria era quello di crescere di
zelo e di attività nella lotta, in cui quel prode aveva messa la vita.
Chiesi se il Governo Provvisorio non aveva mandato a dire nulla; mi
risposero di sì, e che aveva dato avviso che nella notte i Tedeschi
volevano fare un nuovo sforzo. La notte era già vicina, sicchè andai
subito a far una ispezione ai Portoni di Porta Nuova.

Erano ben muniti e vi stava a difenderli il Manara; quella barricata
poi che il 19 era ancora provvisoria, sì che la passammo facilmente,
io, l'Anfossi ed i tre altri compagni, era stata sostituita da una
delle più solide e colossali che venissero costrutte. L'ultima parte
della casa d'Adda, ossia la nuova grande casa che fa angolo colla via
dell'Annunciata, era allora in costruzione; mucchi enormi di mattoni,
erano disposti qua e là a quel fine; il popolo si impossessò di quei
materiali e l'indomani della nostra visita a S. Bartolomeo aveva fatto
una barricata che andava quasi fino alla vôlta di ambo gli archi,
sì che per passare conveniva curvarsi e molto; enormissimo poi era
lo spessore di quella barricata, nè si avevano palle di cannone che
potessero trapassarla. Visitai qualche altro luogo, ed a notte già
inoltrata tornai all'ufficio, ove appresi che avevano mandato a dire di
curare anche il Genio di fresco conquistato. _Ma come mai_, dissi, _si
troveranno ora combattenti ancor disponibili? Farò il possibile._

Uscii ed andai di nuovo dal Manara, la cui posizione era fortissima e
difesa da un buon numero di uomini; lo pregai a cedermene alcuni pochi,
ma ei non volle, e protestò che non erano di troppo. Io rientrai nel
centro e riescii a raggranellarne quattro, ma due soli avevano fucile,
gli altri due erano disarmati e si esibivano a far quello che potevano.
Pensai allora che avrei potuto trarne partito col mandarli al piano
superiore del locale del Genio per difenderne da colà l'ingresso con
sassi e mattoni, benchè non sapessi troppo comprendere la probabilità
di quell'assalto in luogo tutto cinto da barricate.

Le tegole, i sassi e mattoni erano più temuti dai soldati delle stesse
palle; ogni casa che si credeva in pericolo ne aveva fatto provvista,
e nella stessa casa Taverna ove risiedeva il Governo Provvisorio,
eravi in una delle stanze che dànno sulla via de' Bigli un gran cumulo
di ciottoli. Anche i due armati potevano esser più utili tirando
dalle finestre. Fatto loro conoscere il mio divisamento, entrammo nel
locale del Genio. Occupava esso un vasto spazio, ossia all'incirca
quello ove sorge attualmente la Cassa di Risparmio ed aveva la fronte
principale sulla via del Monte di Pietà, estendendosi dal lato opposto
sino alla via degli Andegari che sbocca a S. Giuseppe. Fu precisamente
da quel lato che noi entrammo per una porta piccola alla quale pure
era stato dato il fuoco, come alla porta principale, sulla via del
Monte di Pietà. Io non era stato mai in quel locale, ma uno de' miei
compagni lo conosceva bene. Traversato un breve corritoio arrivammo al
cortile principale tutto cinto di porticato, di forma quadrilatera,
discretamente lungo, ma largo non più di 14 in 15 metri. Da quel
cortile traversando un fabbricato di mezzo, si passava ad altro
cortiletto piccolo in diretta comunicazione con un atrio ampio ma
basso, nel cui centro eravi la porta principale e da dove, a sinistra
entrando da quella, si saliva agli uffici. Tutto il locale nel suo
insieme era disadatto, con un sol piano, e credo fosse un antico
convento ricostrutto. Agli uffizi non salivasi però solo da quel lato
che ho accennato, ma anche dal grande cortile ove entrammo per una
scala situata al lato orientale sotto il portico. Al nostro arrivo
trovammo un individuo ch'era stato posto colà qual custode e che aveva
le chiavi del piano superiore. Io gli esposi lo scopo della nostra
missione e lo richiesi di aprirmi. _Ho lasciato le chiavi a casa_, mi
rispose, _ma abito vicino e vado tosto a prenderle._

Dopo un quarto d'ora circa, odo un colpo di fucile che parte dal
portone sulla via del Monte di Pietà. Vado colà e riconosco essere
stata la sentinella a far fuoco, ma che nulla accennava ad un assalto.
Il colpo non mi fece meraviglia perchè si tirava di troppo in onta alle
mie raccomandazioni, ch'erano sempre di andar cauti coi colpi perchè
le nostre munizioni si esaurivano. Allora nè dissi nulla nè chiesi
spiegazioni, perchè tale e tanta era la mia stanchezza che risparmiavo
anche le parole. Convinto che al momento nulla eravi da temere,
ritornai presso i miei colleghi, ma prima volli salutar la sentinella e
posta la mano destra sulla sua spalla, dissi: _Bravo, bravo_. Il locale
era oscurissimo e la sentinella trovavasi circa un tre passi addentro
dalla porta principale; non rispose motto, solo avendo piegato il capo
in avanti mi parve scorgere qualcosa che se le staccasse dal cappello
a guisa di pennacchio. Notai questo incidente nel modo più positivo,
ma in quel momento non mi recò meraviglia, perchè ognuno si vestiva a
piacimento e si vedevano cappelli e berretti d'ogni forma possibile.
Ritornato a' miei compagni dissi che non era nulla e che la sentinella
aveva tirato senza motivo. Nella vicina via di S. Giuseppe era
cominciato un enorme cannoneggiamento; cannoni postati a poca distanza
della contrada dell'Orso tiravano lungo la via di S. Giuseppe, con
grande fracasso, ma nessun frutto, perchè le palle andavano a battere
contro la barricata che chiudeva la via di S. Giuseppe. Frattanto
passa una mezz'ora, ed il custode che aveva detto di essere vicino,
non viene; dapprima sopportai senza inquietarmi quel ritardo, perchè
intanto prendeva un poco di quel riposo di cui aveva gran bisogno; ma
poi scorso un'altro quarto d'ora, cominciammo a discorrere fra di noi
sulle cause possibili di tanto ritardo, quand'ecco ad un tratto si
presentano due armati al lato opposto del porticato, spianano il fucile
e fanno fuoco sopra di noi, ritirandosi immediatamente. _I Tedeschi_,
esclamammo tutti. Per una di quelle strane combinazioni che si spiegano
coll'oscurità e con la furia, benchè ci facessero fuoco addosso alla
distanza di 14 o 15 metri e non più, e fossimo cinque in crocchio,
nessuno fu colpito. _Usciamo_, dissi io. Uscimmo per la stessa porta
dalla quale eravamo entrati; avevamo con noi due senz'armi, eravamo
incerti del numero dei Tedeschi, non vi era altro partito. Come
dovessi rimanere a quella strana sorpresa, è facile l'argomentarlo.
_I Tedeschi nel Genio! Ma d'onde venuti? e come? Per prima cosa_,
dissi ai miei compagni, _conviene annunciarlo subito; molti però, non
possono essere._ Usciti dalla via degli Andegari, ci recammo alla
Croce Rossa, e quivi cominciammo a trovare alcune persone. Allora
uno dei giovani annunciò il fatto. _Oh, impossibile!_ fu la prima
risposta; l'altro replica e si scalda e finalmente gli volge queste
precise parole (s'intende in dialetto): _ma per D. s. vuoi capirla che
ci hanno sparato sul muso in questo momento!_ Io aveva troppa fretta
per soffermarmi a questo piatire, e, comprendendo che dei due non
armati non poteva più trarre partito alcuno, dissi loro: _Io credo che
il meglio per essi sia che vadano in cerca di armati o dir loro che
vengano verso il Monte di Pietà_. Li salutai e m'incamminai subito,
e solo, per detta via, che da quel lato ha principio precisamente al
piazzaletto della Croce Rossa. Fatti un centinaio di passi, veggo un
crocchio animato, presso la casa del colonnello Arese, che ha sulla
fronte una cancellata; colà giunto dissi loro: _I Tedeschi sono nel
Genio_.

_Oh lo sappiamo, e già da un po', e vogliamo riprenderlo._

_Benissimo_, replico io.

Ma non erano tutti di questo avviso: _non sappiamo nulla sul numero_,
dicevano i dissidenti; _è oscuro; aspettiamo l'alba_.

Allora io dissi loro chi era e come io venissi precisamente dal Genio;
narrai brevemente la storia della sorpresa, ma per inferirne che
non potevano essere molti, forse tre quattro al più; del resto dalla
parte di dietro non erano passati, perchè prima vi era il custode e
poi vi fummo noi; essi dovevano saperne qualcosa rispetto alla parte
anteriore. _Io sono d'avviso_, conchiusi, _d'andar subito a riprender
quel locale._ Ma gli oppositori fecero nuove obbiezioni, quando alcuni
dei più risoluti, troncando la questione, si avviarono a corsa verso
il Genio, ed io immediatamente li seguii. In un momento superammo
il brevissimo tratto, che sta fra i due fabbricati. Giunti a pochi
metri dal portone del Genio s'odono due colpi, l'uno viene dal piano
terreno, l'altro dal primo piano, ed uno de' nostri cade a terra. Un
timor panico si impadronisce degli assalitori, che indietreggiano con
tale violenza che io che veniva il quinto o sesto, fui rovesciato. Ci
raccogliamo di nuovo, non più rimanendo in strada, ma entrando nella
casa Arese, passiamo il cortile facendo capo ad un locale, che credo
fosse una rimessa, e che è precisamente il primo dalla parte opposta
al portinaio e dà sulla via. Io non sapeva darmi pace e tornai ad
insistere per un nuovo assalto. _Dio mio! sono pochissimi_, dissi
loro; ma sorsero molti a gridare: _No, no, a domani, a domani; è
un'imprudenza, a domani_. In realtà essi avevano ragione, ma io dolente
di non aver preso parte nella giornata alla fazione del Genio, mi
faceva una specie di punto d'onore di riprender quel posto, che aveva
costato la vita al mio capo; e quando perorai in quel senso, annunciai
che sarei andato avanti io, poichè giammai in vita mia chiamai altri a
dividere pericoli che non affrontassi pel primo.

Prevalse l'opinione contraria ch'era in realtà il partito più sano.
Fattosi un po' di silenzio, si udirono grida di _soccorso_, di _aiuto_,
che provenivano dal ferito caduto a terra. Io che aveva data l'ultima
spinta al partito che voleva assalire, mi ritenni in dovere di andare
a soccorrerlo, e uscii di corsa, recandomi presso di lui. Tentai
dapprima di prenderlo per la vita, ma gridando esso che gli faceva
male, presi la risoluzione di gettarmi a terra tutto disteso vicino a
lui colla faccia rivolta al suolo, dicendogli che cercasse di coricarsi
sopra di me. Stavamo compiendo quell'operazione che aveva anch'essa le
sue difficoltà, quando ci venne ad entrambi un aiuto; un giovine si
presentò dicendo: _Son qui anch'io_. La cosa divenne allora facile;
prendemmo il ferito e lo trasportammo in quel locale ove si erano
raccolti i combattenti e lo deponemmo su d'una panca. Tutto questo
si fece press'a poco in una completa oscurità, poichè la notte era
nuvolosa e ventosa, e si passava da una luce abbastanza chiara a un
buio pesto. Per qual ragione poi non vi fosse nemmeno un lume in quel
locale, non saprei dirlo, ma il fatto è ch'io non vidi distintamente
la persona che trasportammo colà, nè mi sono curato mai di sapere
chi fosse. Del rimanente se essa vive tuttora, oh! davvero che deve
ricordarsi molto bene di quella sera e di quell'ora.

Un istante dopo che avevamo deposto il ferito sulla panca, mi sento
chiamare distintamente e per nome, da una vocina femminile. Esco
da quel locale e lì nella corte stessa, trovo una giovinetta che mi
chiede se son io il signor Torelli: _Per appunto_, risposi. — _Ebbene_,
replicò d'essa, _vi è un giovine quì in una porta vicina che chiede di
lei._

A Milano chiamasi _porta_ non solo l'apertura che dà accesso alla casa,
come si dice da per tutto; ma anche il locale che serve di abitazione
al portiere.

La giovine guida mi fece traversare la via e mi condusse nella prima
o seconda casa (non saprei bene precisare quale delle due) dopo casa
Confalonieri, andando verso la Croce Rossa. Entrato nel locale del
portiere vidi un giovine che aveva conosciuto alla barricata di S.
Babila; era seduto ed aveva un piede immerso in un catino d'acqua tinta
di sangue. _Sono tra quelli_, mi disse, _che andarono all'assalto del
Genio, ma nel ritornare fui ferito al tallone dalla fucilata che partì
dal piano superiore._ — In sostanza ei non voleva che farmi conoscere
la sua avventura e verificare il fatto con un testimonio che pure vi
aveva preso parte. Aveva l'aria ilare, come volesse dire: _Non si
dubiterà che mi sono battuto anch'io, e me la sono cavata ancora a
buon mercato: poteva esser peggio_. Allora conoscevo anche il nome
di quel giovine; ma lo dimenticai, mi ricordo però ch'era proto in
una stamperia posta, se non erro, in S. Pietro all'Orto. Esaminai la
ferita che non era grave, lo felicitai d'essere sfuggito con poco danno
al pericolo, e uscii. Colà non eravi più nulla da fare, ritenuto che
i combattenti, sempre riuniti in casa Arese, avrebbero da sè stessi
sorvegliato il Genio che si dominava anche dal fabbricato del vicino
Monte di Pietà. Continuando sempre il cannoneggiamento a S. Giuseppe,
risolvetti andar verso quella parte affine di scoprire, se era
possibile, la ragione di tanta persistenza.

Dalla Croce Rossa entrato nella corsia del Giardino[19], discesi
lungh'essa verso il locale del Lotto. Anche quella è una delle vie
che soggiacque a forti combattimenti; larga oggi e fiancheggiata da
ambo i lati da palazzi o case regolari, era allora molto stretta, e
tutto il lato destro, discendendo dal corso di Porta Nuova verso il
teatro della Scala, era costituito da casupole irregolari, l'una più
brutta dell'altra. A circa i due terzi da quella linea si incontrava
la chiesa soppressa di S. Maria del Giardino, che quantunque di stile
barrocco, aveva la particolarità di una vôlta ardita e larghissima,
ed era stata convertita in un deposito di carrozze. Dopo quella
veniva l'ampio locale erariale del Lotto, basso assai più del Genio,
con ampio cortile nel mezzo, contornato esso pure di portici. Ultimo
dopo quello veniva il Casino, l'unico di tutti i fabbricati su quella
linea che siasi conservato qual era in allora e chiamavasi il Casino
dei _Lions_, servendo a convegno delle persone del ceto signorile,
che pagavano una retribuzione piuttosto forte. I frequentatori erano
in fama di liberali, e perciò il Casino era molto sorvegliato dalla
Polizia, essendo non pochi de' suoi membri inscritti sulla lista dei
pericolosi o sospetti (_in linea politica_). Ne faceva parte anche io
e soleva recarmi colà per leggere i giornali stranieri, dei quali v'era
copia. Il Casino era l'ultimo limite al quale si poteva arrivare; esso
è attiguo al caffè Cova, così chiamato dal nome del suo proprietario
anche allora, che ha la sua fronte principale sulla via di S. Giuseppe.
Io non riesciva a concepire lo scopo di tutto quel cannoneggiamento,
nessuno rispondeva e tiravano di continuo. Ritornando da quella
ispezione e passando avanti al locale del Lotto, vidi sulla porta
un giovine grande di statura che teneva nell'una mano il berretto e
coll'altra agitava furiosamente la sua capigliatura, prorompendo in
esclamazioni di dolore.

— _Che cosa ha?_ chiesi io.

— _I Reisingher, i Reisingher_ (era il nome d'uno dei reggimenti
tedeschi); mi rispose.

— _Ma io non li vedo!_

— _Sì, i Reisingher. Hanno scavalcato ora il muro del giardino
Confalonieri._

— _Ma io vengo da quella parte; ne sono penetrati nel locale del Genio
alcuni pochi, non so come; ma esso ora è ben sorvegliato._

Prima che facessimo altre osservazioni, ecco avanzarsi, venendo dal
porticato che era in linea retta della porta, due giovani con in
mezzo un'altra persona. L'atteggiamento fiero dei giovani e quello
più dimesso dell'individuo da loro condotto, mi chiarì tosto ch'essi
traevano seco un prigioniero.

— _Chi è?_ chiesi al giovine desolato, ma che si era molto calmato
vedendo una persona suppergiù tranquilla e che non partecipava punto al
suo spavento.

— _È il consiglier Pagani_, rispose, _un austriaco marcio._

Io avevo sentito parlare di questo consigliere Pagani, ma non lo
conosceva nemmeno di vista; epperò garantisco la risposta datami, ma
non garantisco che fosse realmente il consiglier Pagani e tanto meno
che questi fosse un austriaco marcio.

Il giovane menzionato si unì al gruppo che conduceva il prigioniero ed
era evidente ch'era con loro, e rimasto a far guardia alla porta.

Quanto ai Reisingher altro non era che la conseguenza della voce
corsa che fosse stato ripreso il Genio, alla qual fazione s'era fatto
intervenire un reggimento; quanto poi all'arresto del Pagani, o di
chiunque fosse, era un atto di precauzione contro un sospetto di
tener mano ai Tedeschi. Siccome abitava in quel luogo ritennero la
possibilità di un'intelligenza e vollero assicurarsi della sua persona.
Non occorre nemmeno dire che non gli venne torto un capello.

Per quanto io fossi persuaso che nulla eravi rapporto ai Reisingher,
non pertanto siccome il fabbricato del Lotto confinava colla via degli
Andegari, che fiancheggiava in parte anche il giardino Confalonieri,
rimasto solo volli andare a verificare se in quella strada vi fosse
qualche novità, e traversato tutto quel porticato pel quale erano
venuti i giovani col prigioniero, salii la scala che conduceva al
piano superiore ch'era in fondo a destra del detto corritoio. Al
primo o secondo ripiano eravi una finestra bassa, oblunga, la quale si
apriva precisamente su quella via e si trovava quasi di fronte alla
porta abbruciata, per la quale eravamo prima entrati e poi usciti
precipitosamente dopo quel tale saluto. La via era completamente
deserta, non eravi anima vivente, nè udivasi rumore alcuno. Rassicurato
che assolutamente nulla era seguìto all'infuori dal fatto dei pochi
che erano penetrati nel locale del Genio, pensai andare al Governo
e rassicurarlo se mai quelle esagerazioni del reggimento Reisingher
fossero giunte a sua notizia. Benchè fosse già assai tardi nella notte,
trovai Casati e Borromeo ancora in piedi; narrai l'accaduto e come
già fosse stato esagerato. Ne erano già edotti, e l'uno dei due, non
rammento bene quale, ma credo il Borromeo, mi disse con certo sangue
freddo: _Non ci staranno a lungo_.

Ritiratomi in un canto, mi stesi in terra per riposare alcune ore.
Ai primi arbori era di nuovo in piedi; corro difilato al Genio, dalla
parte del Monte di Pietà, e trovo alcuni curiosi sulla porta.

— _Ma! e i Tedeschi?_ chieggo loro.

— _Non vi è più nessuno_, mi rispondono.

— _Non basta_, soggiunse uno di loro, _hanno abbandonato anche il
Comando Militare._

Questo era grave; corro a verificare il fatto: esso è vero, ed allora
torno al Governo Provvisorio; altri erano pur venuti a narrare la
stessa cosa, ed io la confermai come posta fuori d'ogni dubbio. Il
Governo mi pregò di andar colà io a prendere possesso del locale in
suo nome, scegliendo qualche persona a cui affidare l'incarico di
compilare un inventario regolare, quanto era possibile in quelle
circostanze. Vi ritornai; il piano terreno era già pieno zeppo di
gente, che faceva un gran baccano; i primi si erano accontentati di
entrare nei luoghi aperti, ma sopraggiunti alcuni facchini con mazze
di ferro, cominciarono ad abbattere le porte chiuse, irrompendo in
tutte le camere, e dietro ad essi la folla. Allorchè arrivai io, il
luogo presentava già l'aspetto di un campo di battaglia; entrando dal
gran portone si trovano subito a destra due o tre stanze destinate
allora ad uffici; il suolo era già gremito di carte, ed un ritratto
dell'imperatore era già fatto a pezzi.

Mentre ero colà, odo alcuno che dice: _Vanno in cantina, e laggiù
vi sono Tedeschi_. Io non aveva manifestato la mia qualità, perchè,
non avendo distintivi, era inutile il farlo se non si presentava
una circostanza che lo richiedesse. Il primo pensiero che mi si
presentò fu quello della nessuna probabilità di quel caso: i Tedeschi
avevano abbandonato quel locale a tutto loro agio durante la notte;
per qual motivo si sarebbe taluno nascosto nei sotterranei? Non
pertanto essendosi colà diretti quei facchini colle loro mazze, e già
rivoltandomi il loro contegno per quelle ridicole bravate pensai alla
possibilità effettiva del caso, e mi spinsi innanzi fra loro.

La discesa ai sotterranei, ove andammo, si trova a sinistra entrando,
passata la corte, e sotto un porticato che mette ora ad uffizi
militari; è una medesima scala che salendo mette capo al piano
superiore e discendendo riesce ai detti sotterranei. I facchini non
durarono fatica a calar giù, ed io li seguiva; quei locali servivano
allora più specialmente ad uso di legnaia, ed erano divisi in più
riparti da rastrelliere chiuse. Benchè bastasse piccolo sforzo per
aprirle, quei facchini si facevano un piacere di fracassar tutto,
accompagnando con grossolani improperi quegli atti. _La faremo veder
noi a questi Tedeschi_; e giù colpi tremendi, con cui disfacevano
inutilmente anche rastrelliere già aperte. _Ah se li troviamo!_ Uno
di questi venne fuori con una singolar espressione: _Che non vi fosse
anche quì qualche tradimento come al Genio?_

— _Ma che tradimento!_ esclamò uno della folla che compatta seguiva,
entrando da ogni parte.

— _Sì, il tradimento del Genio, di questa notte._

— _La faremo veder noi._

Si poteva scommettere con tutta sicurezza che non uno di quei facchini
aveva combattuto: ben quegli atti selvaggi mi persuadevano che se per
avventura taluno si fosse trovato colà, correva pericolo d'essere
da coloro massacrato, epperò era risoluto, in quel caso, di farmi
conoscere, e stava loro ai fianchi, pronto ad impedire una violenza
ad ogni costo. Ma il caso non si presentò e quella scena rivoltante
finì in modo buffo. Allorchè si abbattè l'ultimo scompartimento sulla
destra, in fondo ad un passaggio che divideva tutto il sotterraneo,
vediamo alzarsi un essere vivente; era un cane. Si capiva che la
povera bestia aveva fatto un grande sforzo, spaventata da quell'enorme
fracasso, e, raccolte le poche forze che le rimanevano, erasi levata
in piedi dal suo giaciglio, ma senza abbandonarlo; ci guardò con occhio
smarrito e semispento. Era un cane da caccia e bello, colà dimenticato
forse dal primo giorno della lotta e pressochè morto dalla fame. Quando
vide che nulla di male gli veniva fatto, cessato in lui lo spavento,
si lasciò cadere di nuovo sul suo giaciglio. La folla ch'era subito
entrata dietro di noi, cominciò ad esclamare: _Oh che bel cane!_ Si
sparge la voce: _Si è trovato_.

— _Cosa? Cosa?_ chiedono molti dei lontani.

— _Un cane._

Una risata generale accolse la notizia. La folla non divideva
punto l'artificiale ferocia di quei facchini; essa subiva, dirò, e
disapprovava quegli inutili vandalismi e quando vide il risultato della
spedizione si vendicò ridendo e con motti arguti. Ben contento anch'io
che così fosse finita, tornai sopra, non volendo perder altro tempo in
quel luogo. Cercai se eravi qualche persona alla quale potessi affidare
l'incarico della compilazione dell'inventario, e mi venne indicato
l'ingegnere Reschisi. Lo pregai voler assumere quella briga, ed avendo
esso accettato, mi affrettai ad andare dal Governo per annunciarlo
e poi mi recai al mio ufficio in casa Vidiserti, affine di conoscere
quanto colà sapevasi, poichè ivi convenivano anche gli altri colleghi
del Comitato.

I discorsi si aggiravano naturalmente sui due avvenimenti principali
della notte; l'abbandono del Comando Militare, l'invasione
inesplicabile del Genio e la ritirata non meno misteriosa da quel
luogo; chi la spiegava in un modo, chi in un altro; io dichiarai
essere convinto che i Tedeschi si sarebbero ritirati da Milano,
essendo evidente per me che Radetzky non avrebbe aspettato l'esercito
piemontese in quella posizione e si sarebbe concentrato. Facevano
ancora fuoco per conservare le loro posizioni e libera la circolazione
sui bastioni.



CAPITOLO NONO

    Combattimento a Porta Tosa il 22 marzo — Barricate mobili —
      Proposta di alcuni barabba di prendere due cannoni, a patto
      che si dessero loro trentamila lire; è rifiutata dall'autore
      — Altra proposta di un negoziante di vino di far saltare il
      bastione di Porta Tosa — Il depositario delle polveri rifiuta
      di somministrarne per tale scopo — Progetto d'una sorpresa a
      S. Eustorgio — Ultimo combattimento a Porta Tosa — L'autore
      si avvia a Porta Ticinese — È forzato a riposare nella Piazza
      de' Mercanti — Si reca a Porta Ticinese; sua avventura colà.


Uno dei luoghi ove si faceva il maggior fuoco era a Porta Tosa.
Mi recai colà, ove già erano state poste in attività le barricate
mobili, l'idea delle quali veniva allora attribuita ad un pittore,
del quale ho scordato il nome, e che furono molto utili. Consistevano
queste in fascinoni che si rotolavano, ed avevano una larghezza di
due a tre metri, con uno spessore di oltre un metro. Riuscirono esse
opportunissime in quella località, perchè il corso di Porta Tosa è
larghissimo e sarebbe stato impossibile il farvi barricate che si
estendessero dall'una all'altra parte. Si collocavano quindi dove
occorreva, spingendole avanti. Al mio arrivo, le ultime si avanzavano
sino ad un portone che da una legnaia d'uno stabilimento o Luogo Pio,
detto dei _Martinitt_, che accoglie orfani poveri per educarli ad
arti e mestieri, metteva sul corso accennato di Porta Tosa. Questo
stabilimento era allora l'ultimo grande fabbricato verso il bastione,
oltre il quale più non erano che orti. Dal bastione, precisamente di
fronte al detto locale, facevasi fuoco a mitraglia contro di esso, ma
i colpi riuscivano completamente innocui.

Nel primo piano di quell'istituto vi sono grandi cameroni con finestre
del pari molto grandi, che erano munite di grate in ferro. In basso,
a piano terreno, precisamente di fronte alla parete contro la quale
venivano a battere i proiettili, vi era la legnaia che ho accennato.
Noi stavamo tranquilli sotto di quella, mentre la mitraglia andava
a colpire le pareti di contro e le grate delle finestre. Or bene,
quella mitraglia aveva così poca forza che non rompeva la grata, ma
cadeva innocua al suolo. Vedendo io questo, approffittai d'un momento
di sosta, e mi recai al piede di quella parete per esaminare que'
proiettili. Era un miscuglio d'ogni genere di ferro rotto e raccolsi,
fra gli altri pezzi, un mezzo ferro da cavallo. Da quella breve
ispezione conchiusi che stavano male anche a mitraglia ed avevano
esaurito i proiettili a palla.

Tornato a casa Vidiserti, essendone stato assente parecchie ore, mi si
annuncia che vi erano alcuni giovani che volevano parlarmi.

— _Entrino pure_, risposi io.

Entrarono allora tre giovani di quella classe che si chiamano
_barabba_, e che, per darne un'idea a coloro ai quali suonasse nuovo
questo termine, corrispondono fra il popolo dei nostri tempi, a quelli
che una volta si dicevano _bravi_ e che i Toscani chiamano _beceri_.

L'oratore di que' tre giovani mi disse senza preamboli che essi con
altri loro compagni si proponevano di prendere d'assalto due cannoni
sulla piazza di S. Eustorgio, a porta Ticinese, ma volevano trentamila
lire.

L'impressione che mi fece quella proposta fu sfavorevole; ma nessuno
poteva essere trovato in una posizione più fortunata di me per uscirne
senza andare incontro a dispiaceri, quando pure avesse disapprovato,
come io disapprovava nel mio animo, quel progetto di un assalto per
denaro. Io non aveva che a dire: _Il Governo Provvisorio non mise a
mia disposizione un sol centesimo: vadano in casa Taverna e facciano
la loro proposta direttamente al Governo_. Ma non pensai a quella
scappatoia, per quanto ovvia e giusta, e volli considerar la cosa
in sè stessa, precisamente come se non dipendesse che da me l'aprire
un cassetto e dir loro: _Ecco, qui vi sono trentamila lire, prendano
i cannoni e queste sono per loro_. Trattando dunque la cosa come se
fosse in mio arbitrio, rifiutai; se non che a mia giustificazione devo
ricordare di nuovo ch'io era convinto che i Tedeschi si ritiravano,
e che quel sacrificio mi pareva inutile. Fuor di dubbio una buona
parte di quei _barabba_ sarebbe rimasta sul terreno; oltrecchè non
mi entrava che quel colpo s'avesse a tentare per uno scopo di lucro
in contraddizione con l'indole che fino d'allora aveva serbato la
nostra lotta. Avuto quel formale rifiuto, i _barabba_ si ritirarono
mormorando. Compresi che aveva commesso un errore a non lavarmene le
mani, ma vi sono momenti nei quali l'uomo dovendosi pronunciar sui due
piedi, si lascia trasportare anzitutto dal suo istinto. Quell'assalto
per trentamila lire mi ripugnava. Tuttavolta dall'altra parte, anche
il rifiuto mi dispiacque, ma era fatto. Stava ancor meditando su
quella proposta, allorchè, mi si annuncia certo signor Elia Polli.
Entra una persona civile, di statura avvantaggiata, e mi dice d'aver
un progetto da comunicarmi molto delicato. Ci ritirammo in un canto
della stanza, ed egli cominciò col farmi la confidenza ch'era un
negoziante di vino, che aveva molta pratica del bastione di Porta Tosa,
e che credeva che in un dato luogo si potesse collocare della polvere
e far saltare i Tedeschi quando vi passassero sopra. _L'intenzione è
ottima_, risposi, _ma badi che sono cose tutt'altro che facili a farsi.
Favorisca spiegarmi anzitutto come vuol praticar una mina nel centro
del bastione._

Era un po' titubante a dirmi come stava la cosa; ma poi cominciò a
dar qualche spiegazione, ed io compresi che si trattava d'un passaggio
esistente da parte a parte del bastione, forse, in origine, esclusivo
per le acque, e di cui si era tratto profitto per operazioni di
contrabbando; era la verità che venne fuori a poco a poco. Il Polli
asseriva che quel passaggio era sì grande che poteva passare per esso
un uomo; sicchè nel suo concetto si doveva porre della polvere nel
mezzo e poi introdurre una lunga miccia, e quando passava la truppa,
darvi il fuoco. Egli è chiaro che bastava che quel fuoco alla miccia si
desse un minuto prima od un minuto dopo del necessario, perchè il colpo
fallisse; ma quella difficoltà già grande, era un nulla al confronto
d'altra ben più seria, che includeva una vera impossibilità fisica. Si
trattava di collocar della polvere in un vero corritoio con due lati
aperti, chiudendoli alla meglio; ma come mai supporre che la polvere
accesa trovando due lati che cederebbero con tanta facilità, potesse
aver la forza di far saltare un bastione di più metri d'altezza e di
enorme larghezza? Si sarebbe richiesto un vero magazzino di polvere;
la quantità di polvere che rinchiusa in una mina fatta secondo le
norme della scienza, avrebbe bastato per far realmente saltare il
bastione, collocata in quel modo, non gli faceva il più piccolo danno,
e solo avrebbe lanciato lontano le due pareti mobili, colle quali si
sarebbero chiuse le aperture, e nulla più. Ma andate a dare una lezione
di balistica ad un mercante di vino, in quei momenti! D'altra parte,
la proposta partiva da un fondo generoso; non chiedeva nulla per sè,
e la credeva possibile; epperò, senza far atto alcuno d'impazienza che
tradisse la nessuna fede che io aveva nel mezzo proposto, decisi questa
volta di salvar me dalla responsabilità del rifiuto, e: _Senta_, gli
dissi, _ella converrà che per far saltare il bastione occorre una buona
quantità di polvere: ora io non so se la potremo avere. Andiamo qui
vicino dove havvi il deposito ad assicurarci anzitutto che vi sia._

Io dubitava assai che vi fosse, ma poi non credeva che l'avrebbero data
per un esperimento così incerto.

Ei trovò giustissima la mia idea, ed indispensabile l'assicurarsi che
vi fosse anzitutto la polvere.

A canto al locale destinato al Comitato del quale io faceva parte,
eravene un altro molto grande in fondo al corritoio, e quel locale
era il magazzino improvvisato per le munizioni. Vi stava a capo un
uomo piccolo con una gran barba nera, assistito da cinque o sei che si
cambiavano. Colà venivano a portar la polvere quelli che ne avevano ed
a prenderla quelli che l'adoperavano; era un andirivieni continuo, ed
è indubitato che quel Comitato o comunque si chiamasse, fu uno dei più
utili.

Entrato io col signor Polli, esposi il suo desiderio pregando il Polli
stesso a spiegar il suo concetto. Quel tale della barba nera ci rispose
secco: _Non ho polvere da gettar via_. Nel fondo io era contento;
non solo era quella la risposta che prevedeva, ma che desiderava, e
soltanto mi parve troppo dura nella forma. Il Polli prese la cosa per
suo conto e partì malcontento, ma io ch'era proprio stato urbanissimo,
rimasi meravigliato di quella risposta così poco garbata, di cui però
non mi fu difficile l'indovinare la causa. I _barabba_ del famoso
progetto delle trentamila lire erano andati a sfogarsi contro di me da
que' signori, e Dio sa che cosa avranno detto. Il loro progetto dopo
il mio rifiuto era indubbiamente ritenuto da loro ancor più bello e
di certa riuscita, ed io aveva troncato loro la via alla gloria ed
alla fortuna. È vero che se vi era qualcosa di certo, non poteva esser
altro, se non che parecchi degli assalitori non sarebbero tornati
addietro; ma di questo non si davano pensiero, facendo assegnamento i
più fra loro che sarebbero morti i compagni ed essi rimasti incolumi a
dividere la bella somma. Infine era evidente che tutti mi avevano dato
torto pel rifiuto delle trentamila lire. Avevano essi pure un mezzo per
ripararlo, consigliando i _barabba_ ad andare dal Governo Provvisorio,
ma nessuno vi pensò.

Io mi guardai bene dal voler dar spiegazioni quasi chè dubitassi della
convenienza della risposta. Credo oggi ancora di aver fatto bene, ma di
aver agito con poca prudenza quanto alla forma.

Uscito di là e recatomi non rammento ben dove, incontrai indi a
poco uno dei capi dei drappelli che s'improvvisavano, e col quale
m'ero trovato altra volta, ed ei mi fece la confidenza che si voleva
sorprendere un posto di Tedeschi a S. Eustorgio verso la mezzanotte. Mi
disse che non lo credeva difficile, perchè fino allora non era stato
inquietato. Le barricate finivano al naviglio; egli conosceva il modo
di passarlo ad un certo punto, e d'arrivar inosservati, passando per le
case che si trovavano presso al posto dei Tedeschi. Non solo encomiai
il progetto, ma dissi che mi sarei associato anch'io alla spedizione e
si convenne di trovarsi alle undici alle colonne di S. Lorenzo, avanzo
d'un monumento romano che piglia nome dalla chiesa contigua; esse sono
vicinissime al portone che sovrasta al naviglio.

Si avvicinava la sera, e si vedeva dalle alture un insolito movimento
verso i bastioni; la truppa si preparava a partire, e cominciò la
ritirata dopo le nove da diverse porte, da Porta Nuova, Porta Orientale
e Porta Tosa. Tutte erano munite di cannoni, ma la più munita era
Porta Tosa. Nelle ore pomeridiane di quel giorno era stata presa dai
nostri, e per questa ragione le venne dato il nome di Porta Vittoria.
Ma non rimase a lungo nelle nostre mani, perchè tornativi i Tedeschi
con cannoni, la ripresero, e siccome essi dirigevano il grosso delle
forze su Lodi, ed è quella la porta che mette alla strada più retta
verso quella città, rinforzarono assai quel posto, e facevano di là un
fuoco interminabile durante tutto il passaggio delle truppe, tirando
lungo il corso, a destra e sinistra, dove erano le barricate mobili,
delle quali ho fatto cenno. Una delle ultime case del corso, e presso
la porta medesima, era stata incendiata, onde s'ebbe per qualche tempo
uno spettacolo sublime e tremendo ad un tratto. L'incendio illuminava
un grande spazio del bastione e del corso di Porta Tosa, non che la
porta stessa. I cannoni tiravano furiosamente a casaccio lungo il
corso; dalle ultime barricate presso i _Martinitt_ si tirava da noi
sulla truppa, benchè con poco effetto, a causa della forte distanza;
le campane all'ingiro suonavano tutte a stormo; era un fine degno
di quel grandioso dramma che furono le Cinque giornate, compiendosi
precisamente allora la quinta. Anche quell'ultima ora ci costò però
una vittima; un signore civile, e non più giovine, si avanzò fuori
dell'ultima barricata, fu colpito nella testa e rimase morto. Io era lì
alla stessa barricata, e non volendo che il suo corpo fosse straziato
dalle palle, trascinai il cadavere entro il riparo, e si depositò sotto
la tettoia di quel luogo che ho più volte citato.

Tratto allora l'orologio, vidi che se voleva esser puntuale al convegno
alle colonne di S. Lorenzo, non aveva tempo da perdere. Prima volli
però fare ancora una corsa a casa Taverna, e narrare quanto succedeva
a Porta Tosa; quindi studiai il passo, mi sbrigai in breve tempo,
e mi posi in cammino per andare a Porta Ticinese. Scelsi la via di
S. Vittore 40 Martiri[20] e di là per la piazza di S. Fedele e per
la via S. Margherita, trassi alla piazza de' Mercanti, e ciò per la
ragione che le piazze erano meno ingombre di barricate, e quantunque
si allungasse, in apparenza il cammino, in realtà, si guadagnava nel
tempo. In quei quattro giorni di continuo esercizio, mi era molto
stancato, ma in quel giorno aveva talmente abusato delle mie gambe
che allorquando io arrivai in piazza de' Mercanti mi rifiutarono il
loro servizio così fattamente che non fui più capace d'andar avanti.
Però non mi smarrii d'animo, sapendo benissimo che ciò era effetto
dell'enorme stanchezza. _Ebbene_, dissi fra me stesso, _mi riposerò un
istante: dieci minuti mi basteranno._ Mi trovava allora a poca distanza
dalla statua di S. Ambrogio, alla base della quale si stendeva a destra
e sinistra una panchina di pietra; io m'assisi precisamente su quella a
destra del santo. Tale e tanta era la mia stanchezza che anche seduto
non mi pareva di sentir abbastanza il beneficio del riposo, e decisi
di pormi a giacere lungo disteso; allora mi parve di riposar davvero
e che tutti i muscoli del corpo sentissero sollievo. _Dieci minuti_,
diceva fra me, _di simile riposo bastano per ristorarmi_; ma io non
credo che ne passassero cinque che già ero immerso in profondo sonno,
ripetendo pur sempre finchè fui padrone dei miei sensi: _dieci minuti,
dieci minuti_. Quanto dormissi, mi è impossibile precisarlo, certo
ben oltre quel tempo, ma non più di mezz'ora, e ciò per una ragione
che non dipese da me. Mi svegliò lo squillo acutissimo della campana
che mi sovrastava. Anche qui è il caso di dover dire che soltanto un
milanese che conosca la campana di piazza de' Mercanti può comprendere
a pieno quale ha dovuto essere l'effetto di quello squillo concitato
della campana sopra un addormentato ai piedi della torre. La tradizione
popolare vuole che quella campana dati dall'epoca dei Visconti, e
che l'acutissimo suo suono si senta in tutta Milano. Ma checchè sia
di quella campana, certo si è che il suono ne è penetrante in modo
straordinario. Essa era stata una delle più instancabili durante
tutta la rivoluzione, e non stava mai a lungo in riposo. Al primo
squillo di quel furioso martellare io balzo in piedi esterrefatto;
non so raccapezzar nulla sulle prime, assolutamente nulla; mi opprime
un dolore fortissimo del cervello come se mi venisse conficcato uno
stile nel mezzo; porto ambo le mani al capo quasi volessi tenerlo
fermo e mi chieggo: _Ma dove son io?_ Tutto questo fu l'affare di
pochi minuti secondi. La ragione si fece ben presto strada anche a
traverso a quell'acerbo dolore. — _Tu dovevi andare a Porta Ticinese_,
mi dissi, _e ti lasciasti sorprendere dal sonno._ Allora battendomi la
fronte come se avessi commessa una vigliaccheria, mi misi a correre,
quasi volessi riguadagnare il tempo perduto, ed entrai nella via dei
Fustagnari. Tanta era ancora la confusione delle mie idee, che, giunto,
sempre correndo, al Cordusio, piegai a destra verso il Broletto; ma
giunto all'altura della via di S. Prospero m'accorsi del mio errore,
mi fermai per raccapezzarmi, e tracciarmi bene la linea da seguire. La
brevissima sosta mi recò un po' di sollievo all'acuto dolore di capo;
a passo accelerato, ma non di corsa, mi rimisi in cammino e, rifatto il
piazzaletto del Cordusio, mi recai per le vie degli Armorari e Spadari
sulla retta lunga linea che doveva condurmi alla meta. Passai la corsia
della Lupa, quella della Palla, quella di S. Giorgio in Palazzo[21],
e giunsi al Carobbio, d'onde piegando a sinistra, arrivai alle colonne
di S. Lorenzo. Tutte le vie da me percorse quale più quale meno erano
barricate, e lungo fu il cammino; ma il riposo mi aveva ristorato, e
il mal di capo era diminuito di assai, perchè esso aveva origine dal
modo violento col quale ero stato destato. Or qual fu la mia sorpresa,
allorchè avvicinatomi alle colonne di S. Lorenzo, ed avanzatomi fino al
portone che sovrasta al Naviglio, non vi trovai nessuno! La barricata
che lo chiudeva era gigantesca, e quasi ne toccava la sommità; di
che si può farsi anche oggi un'idea, perchè l'arco centrale non
patì alterazione, ma soltanto si sono mutati i suoi fianchi, essendo
state praticate anche colà le portine laterali. Mi arrampicai sulla
barricata; vidi il lungo corso tutto oscuro e deserto, e solo lontano
lontano qualche lumicino. Che più non avessi a trovare i compagni
della spedizione alla quale doveva unirmi, non mi giungeva strano,
poichè, se già prima delle dieci i Tedeschi uscivano da Porta Tosa, era
probabile che innanzi ancora di quell'ora avessero abbandonata Porta
Ticinese, sicchè era naturale che la spedizione non avesse luogo; ma il
non trovar colà nemmeno una sentinella, mi parve troppa trascuranza.
Disceso dalla barricata io mi posi a sedere su d'una panca tolta alla
vicina chiesa di S. Lorenzo, ed opportunamente colà posta per comodo
dei combattenti, allorquando dal vicino corpo di guardia esce un
individuo armato e mi chiede _chi sia e cosa faccia lì_.

— _Io sono_, risposi, _il capo delle pattuglie nominato dal Governo
Provvisorio e mi meraviglio di trovar la barricata senza un sol
difensore._

— _Ma che capo di pattuglie? che Governo Provvisorio? Ella verrà con
me._

— _Dove?_

— _Al corpo di guardia._

— _Non ci ho nessuna difficoltà._

Il corpo di guardia era vicinissimo. La mia osservazione aveva ferito
l'amor proprio di quell'individuo, ma pensai che al corpo di guardia
vi sarebbe un capo e che questi avrebbe saputo qualcosa della nomina
del Governo Provvisorio; ma io rimasi completamente deluso. Ripetei
la stessa cosa, e come avessi il diritto di far quell'osservazione,
giacchè se i Tedeschi erano partiti, il fatto era troppo recente perchè
alla barricata non si avesse da lasciar almeno una sentinella. _Noi non
sappiamo chi ella sia_, mi si rispose. _Noi riceviamo i nostri ordini
dal Comitato di casa Trivulzio e non dal Governo Provvisorio, ed ella
verrà a quel Comitato e si farà conoscere._

Che fare! Se io avessi avuta la mente calma e fredda come il mattino
addietro, allorchè io non voleva sapere di quell'incarico, avrei
trovato ch'era l'avvenimento più naturale e più comune, dacchè si
verificava precisamente ciò che io aveva preveduto. Non solo non mi
riconoscevano, ma ignoravano le nomine del Governo Provvisorio, la
cui autorità stessa era poco meno che sconosciuta. Ma anch'io non
era nel mio stato pienamente normale, benchè il dolor di capo fosse
diminuito non era ancor libero, era raffreddatissimo, e parlava a
stento; oltrechè il mio accento non era pretto milanese. La conclusione
fu che io, il capo legale e legittimo delle pattuglie, venni condotto
in mezzo a due armati, alla piazza di S. Alessandro in casa Trivulzio
ove risiedeva quel Comitato. Quivi fui tosto riconosciuto, e mi
dichiararono libero, ma io non fui contento; e siccome aveva messo
avanti quella qualità di capo delle pattuglie, volli che uno di loro
venisse al Governo Provvisorio, onde si vedesse che non aveva asserto
cosa non vera; lo dissi poi con tanta risolutezza che accondiscesero a
che uno di loro mi accompagnasse. Lungo il tragitto ebbi il tempo di
riflettere su quell'ultima peripezia. Come mai poteva meravigliarmi
che il capo posto a S. Lorenzo non conoscesse le nomine del Governo
Provvisorio, se esse erano ignote a quel posto centrale? Ogni
risentimento era già spento in me allorchè arrivammo a casa Taverna. Io
espressi brevemente la cosa, non rammento bene a chi, perchè più non
vi dava importanza; si fecero le meraviglie come non si conoscessero
decreti del Governo Provvisorio; ma quanto al fatto avvenutomi a S.
Lorenzo, siccome la persona che mi accompagnava vi era completamente
estranea, così dissi io stesso ch'era conseguenza naturale della
posizione nella quale m'era trovato d'esser ignoto, nè più era il caso
di parlarne, e con questo ebbe termine quella vicenda.



CAPITOLO DECIMO

    I Tedeschi abbandonano Milano nella notte dal 22 al 23 marzo
      — Durante la giornata del 23 si continua a far barricate —
      L'autore disapprova quel zelo postumo. — Suo colloquio con
      un membro del Governo Provvisorio — L'autore cade ammalato
      per lo strapazzo dei giorni passati — Sua pronta guarigione —
      Viene spedito in Valtellina per provvedere alla difesa dello
      Stelvio e del Tonale — Fatti di Como — Sua gita a Sondrio ed
      allo Stelvio — Suo ritorno a Milano.


La notte era molto avanzata, il cannoneggiamento era cessato, e con
tutta probabilità, l'ultimo pelottone austriaco aveva già abbandonato
Milano; la mia missione era finita, ed io decisi di recarmi a casa mia
per riposare le poche ore di notte che ancor rimanevano. Ma non fu il
mio sonno tranquillo e ristoratore. Dal giorno che aveva abbandonata
la mia casa a quel punto, un solo sentimento aveva in me dominato,
quello di contribuire a vincere la terribil lotta, ed a fronte di
quello, tutto era stato secondario; robusto, ma non assuefatto a quelle
fatiche, io aveva abusato delle mie forze fisiche, aveva trattato il
mio corpo come se non avesse leggi a cui obbedire, e gli aveva chiesto
l'impossibile. L'ansietà e il pensiero continuo d'un gran fine da
raggiungere avevano tenuto desto lo spirito che aveva fatto obbedire
il corpo, ma cessato quell'eccitamento, chiuso, direi, il periodo
dell'incertezza intorno alla riuscita della rivoluzione, il predominio
dello spirito cessò e le leggi fisiche presero il disopra. Agitatissimo
fu quel primo sonno passato in letto dopo quattro notti che non mi
era spogliato e non m'era riposato che poche ore; aveva il respiro
affannoso pel forte raffreddore, la gola gonfia, e mi opprimeva un
forte mal di capo, che nulla aveva a che fare col dolore acuto provato
in piazza de' Mercanti, ma era all'opposto un dolor cupo, sicchè mi
sembrava che avessi la testa piena di piombo. Alzatomi non pertanto il
mattino, pensai che il prender aria, il far moto, mi avrebbe giovato, e
uscii. Uno spettacolo inatteso mi si presenta; veggo un affaccendarsi
di moltissime persone non solo a rinforzare, ma a costruir barricate
in quel luogo sì largo: veggo farsi lo stesso più avanti verso la
Porta Orientale, nè già si accontentavano di portar cose mobili, ma
levavano i grandi lastroni di granito che servono di guida in mezzo al
selciato. Non sapeva capacitarmi di quella strana operazione, nè da chi
poteva venire quell'idea, e rivoltomi ad alcuni che con grande affanno
si adoperavano a quei lavori: _Ma chi vi diede_, li richiesi, _simile
ordine?_

— _Ma non vede_, mi risposero, _che lavorano tutti?_

— _I Tedeschi sono andati._

— _Le barricate si devono conservare._

Una stranezza simile è impossibile, dissi a mè stesso; infine io sono
sempre membro del Comitato di Difesa; andrò al Governo Provvisorio per
saperne qualcosa di preciso. Se quel primo spettacolo doveva riuscirmi
inatteso, non fu così il contegno generale della popolazione; si
vedevano i parenti e gli amici che si incontravano per la prima volta,
abbracciarsi, baciarsi, si sentivano narrarsi le vicende reciproche; ad
ogni tratto si udiva l'espressione: _Sono proprio andati_; intanto che
altri riferiva dov'erano le ultime colonne dei Tedeschi. Avvicinandomi
più al centro, cominciai a veder figure che non aveva veduto mai
durante il combattimento, persone tutte coperte d'armi, con sciabole
enormi, spade, pistole alla cinta, stili da ogni parte, che procedevano
con un'aria di fierezza, come uomini pei quali ciò che rimaneva da
farsi per annichilare i Tedeschi fosse cosa piuttosto da scherzo che
seria. Io già così mal disposto di salute, cominciai intraveder la
verità e sentir avversione per quella gente. Erano infatti persone che
non avevano preso parte alla lotta nei giorni passati, e sbucavano dai
loro nascondigli, cercando mostrarsi in quel giorno sì vicino ancora a
quelli dell'azione, perchè il pubblico credesse che avevano combattuto
anch'essi.

Arrivato a poca distanza da casa Taverna incontrai una persona di molta
distinzione, mia amica e che non era estranea al Governo Provvisorio;
ci stringemmo la mano.

— _Ebbene, sono partiti_, diss'io, _ma hai tu notizia dell'arrivo dei
Piemontesi?_

— _Troppo tardi!_

— _Ma come troppo tardi? che cosa mi dici?_

— _Che vuoi? non fa più effetto._

— _Ma Dio buono! la guerra ha ancora da cominciare! È chiaro che
Radetzky è partito quando fu certo che veniva l'esercito piemontese._

— _Per carità non dir questo; ti saltano agli occhi!_

— _Ma a che giuoco giuochiamo? credi tu forse che si possa far la
guerra senza un esercito regolare?_

E qui s'impegnò un lungo discorso che io non riprodurrò, perchè non lo
potrei garantire nelle sue particolarità come garantisco l'esordio che
ho citato.

Pur troppo, nel Governo Provvisorio non era solo quel mio ottimo amico
e bravissimo uomo, ad avere quell'opinione; nè io esprimo cosa nuova,
ma accertata allora in centinaia di casi, ed espressa anche in atti
pubblici più o meno velatamente.

Dapprima non voleva accompagnarlo che per breve tratto, ma poi
accaloratosi il discorso finii ad andar seco lui sino a casa sua, e
solo allora mi risovvenni del fine pel quale mi era avviato al Governo.

— _A proposito_, gli dissi prima di accomiatarmi, _chi ha dato ordine
che si costruissero ancora barricate?_

— _Nessuno di noi_, mi rispose.

Io gli narrai allora quanto avevo veduto a Porta Orientale, e come
importasse di metter fine a quella stoltezza dannosa e costosa pel
Municipio. Mi rispose che avrebbe parlato, e che comprendeva esso pure
che era un'esplosione di zelo un po' tardivo, a cui però bisognava
lasciare sfogo.

Il colloquio col mio amico mi addolorò. Che la popolazione potesse
abbandonarsi a simili illusioni, era facile a comprendersi; essa
aveva veduto quel potente Governo, che ad ogni tratto faceva sfilare
per Milano batterie su batterie, raccogliere que' medesimi cannoni ed
andarsene dopo cinque giorni di lotta sostenuta dai soli cittadini.
Che sapeva la gran massa, della difficoltà che potevano presentare le
fortezze, e come ben altra cosa sia il combattere dietro barricate ed
il combattere in campo aperto? Per essa si era verificato tal fatto
che sei giorni prima sarebbe sembrato impossibile; per essa mancavano
gli elementi di un giudizio pacato. Con altra direzione che le venisse
data, poteva forse rimettersi sulla retta via per quel fondo di buon
senso che d'ordinario prevale pur sempre nelle moltitudini. Se i
reggitori della cosa pubblica avessero avuto pei primi essi stessi la
calma necessaria a giudicare freddamente la posizione, se avessero
annunciato che la guerra grossa cominciava allora, egli è possibile
che il sublime episodio delle Cinque giornate avrebbe potuto essere
il principio di guerra ben più fortunata di quello che fu; ma si
procedette per via diametralmente opposta. Si sarebbe detto che i
Tedeschi erano scomparsi dalla faccia della terra, e non rimaneva che
dar la caccia agli ultimi e più lenti ad andarsene; non si sapeva più
pronunciar il nome di popolo senza aggiungervi l'epiteto di _eroico_,
e si finì a credere sul serio che la parte più essenziale e più
malagevole era bella e fatta, tanto che non pochi fra i primi che di
Piemonte, bandita che fu da Carlo Alberto la guerra d'indipendenza (23
marzo), s'incamminavano al campo, arrivati a Milano si sentivano dire:
_Che venite a fare?_

Ma forse che io intendo chiamar di ciò in colpa i soli reggitori
d'allora? No, di certo; ma questa è la storia di quello che allora
avvenne, ed io non la posso cambiare. Essa è d'altronde notissima,
ed io, dopo ventisette anni[22], non intendo aggravare la parte che
può spettare a que' reggitori, alcuni dei quali erano già allora miei
amici, e gli altri lo divennero quasi tutti in appresso; dirò invece
che la loro posizione era tutt'altro che facile quanto all'indirizzo
da dare all'opinione pubblica. Essi dovettero i primi sobbarcarsi
all'impero di quelle circostanze che s'imposero a tutti. Sarebbe
bisognato un uomo di mente superiore il quale, già noto, ed influente,
avesse avuto il coraggio di dire: _Questo non è che un primo principio;
pensiamo alla guerra, e a null'altro che alla guerra, ogni altro
pensiero sia secondario_.

Ma quest'uomo non vi era; i membri del Governo Provvisorio, tutte
persone intemerate e stimabilissime, dovevano il posto eminente che
occupavano, alla rivoluzione. Alcuni lo dovevano al caso di far parte
del Municipio, altri erano state chiamate a comporlo, allorquando il
Municipio, come narrai, si era trasformato in Governo Provvisorio;
tutti avevano corso pericolo di essere le prime vittime nel caso che
la rivoluzione fosse stata vinta, ed era naturale, che avendo invece
trionfato, essi pei primi ne fossero premiati col rimanere alla testa
delle cose, premio del resto tutto morale, dacchè nessuna retribuzione
mai ne ritrassero. Ma la causa prima, era sempre il combattimento
felice che apparteneva a tutta Milano. L'ebbrezza della gioia trascinò
anche i membri del Governo e forse chiunque fosse stato al posto loro,
sarebbesi trovato impotente a resistervi.

Aggiungasi che pur troppo non erano soltanto uomini di buona fede
ed amanti della causa pubblica che premessero sul Governo al primo
suo esordire; già erano sulla scena e si preparavano a salirvi in
gran numero quelli che con freddo calcolo volevano usufruttare la
vittoria, per i loro fini politici, diversi da quelli del Governo, o
per la vanità personale, e costoro per primo istrumento adoperavano
l'adulazione del popolo. Non erano corse 48 ore, dacchè gli Austriaci
avevano abbandonato Milano ed in ogn'angolo sorgevano predicatori
politici, inventori di nuove teorie sociali, fabbricatori di piani di
guerra, i quali tutti non riuscivano ad altro che a creare imbarazzi al
Governo Provvisorio. Commisti a loro percorrevano la città quegli eroi
armati da capo a piedi, improvvisatisi dopo la partenza de' Tedeschi,
e che il popolo, con motto arguto e vero ad un tempo, battezzò col
titolo di _eroi della sesta giornata_. Essi facevano a gara a chi più
adulava la popolazione, ed il tema immancabile era che l'essenziale per
l'indipendenza era fatto; si trattava ora di raccoglierne i frutti, ed
i volontarî bastavano; la truppa era un di più.

Non è a dire che mancassero uomini, i quali tosto deplorassero quella
piega dell'opinione pubblica e si sentissero rivoltare a quei delirî,
ma non ardivano tampoco esprimere il proprio avviso, per timore di
sentirsi dire: _Ella dunque non ha fede; i nostri hanno fatto miracoli
e ne faranno ancora_, e simili frasi.

Quanto a me, che non avevo ritegno a dire quello che sentiva, fui
presto fuori d'azione appunto in quei primi giorni, perchè il mio male
fisico si aggravò anzichè diminuire.

La curiosità mi aveva spinto a girar quasi tutto il giorno; uscito di
casa verso sera, nel passare per la via del Durino, mi vien chiesta la
_parola d'ordine_.

— _Ma che parola d'ordine? Chi ha ordinata questa buffonata?_

— _Che vuole?_ mi risponde la sentinella; _hanno dato questo ordine!_

In quell'istante passa un signore di mia conoscenza, mi saluta e mi
comunica la parola d'ordine, celiando su quella mostra di postumo
zelo e raccontandomi che vi erano perfino signorine le quali facevano
sentinella, e domandavano la parola d'ordine, emulando gli eroi della
sesta giornata. Le notizie recavano che i Tedeschi erano già a Lodi,
e si poteva perciò far la sentinella senza pericolo. Tutte quelle
disposizioni mi indispettivano, perchè se talune, come l'ultima, era
solamente ridicola, l'altra, relativa alle barricate, era dannosa,
e già parevami intravedere poca fermezza in chi comandava, onde
aumentava la mia avversione per quella parodia dei giorni della
lotta. L'indomani, ossia il 24 marzo, arrivò a Milano il mio amico
commendatore Maurizio Farina, piemontese, e venne difilato da me.
Ho già fatto cenno di lui e detto come fosse la persona che mi aveva
procurata la conoscenza del conte di Castagneto, ed indirettamente,
posto in communicazione col re Carlo Alberto. Fedele alla sua missione,
era venuto colla truppa a Novara; la dichiarazione di guerra era stata
pubblicata il giorno innanzi, ed ei veniva per assumere informazioni
esatte dello stato delle cose, affine riferirne al conte di Castagneto
ed al re. Mi trovò abbattuto, ma io non volli confessare quanto male
mi sentissi, ed entrai tosto in argomento. Egli si era già accorto,
ed aveva già avuto prove delle illusioni che si nutrivano intorno
alla guerra; ed io, deplorando quella strana cecità, non mancai di far
presente come la guerra non poteva a meno di essere ancora difficile,
padroni com'erano i Tedeschi delle fortezze. Se fosse possibile
raggiungerli prima che vi entrino, diceva io, quella sarebbe la più
felice delle combinazioni che si potesse dare. Per carità che non si
illudano almeno i Piemontesi! Ei volle ripartire la sera stessa per
Novara, ed io, che per tutto quel giorno non ero uscito di casa pel
male che mi opprimeva, volli accompagnarlo. Dirigendosi egli verso
Rhò, si andò al così detto Portello, ma colà si seppe che non si
poteva uscire, e conveniva andar al corpo di guardia ch'era al Comando
Generale, farsi conoscere, ed ottenere il permesso. Si andò, e trovammo
un tale che si dava una grande importanza. Chiese che mi facessi
conoscere. — _Probabilmente non avrò bisogno di andar lontano per
questo_, risposi io. Domandai se eravi nel locale l'ingegnere Reschisi.
Vi era infatti, ancora sempre occupato a compilare quell'inventario,
del quale l'aveva incaricato io stesso. Ei venne, ed allora tutto fu
appianato; l'amico partì ed io ritornai a casa; ma non reggeva più in
piedi, talchè mia moglie mi fece chiamar un medico che giunse a sera
inoltrata. Mi visitò, trovò che aveva una gran febbre ed una forte
infiammazione, e meravigliatosi che avessi tardato tanto a chiedere i
soccorsi dell'arte, mi prescrisse una copiosa sottrazione di sangue,
dicendomi che per una settimana almeno, non pensassi ad abbandonare
il letto. Egli stesso si diede premura di mandarmi tosto il chirurgo
che eseguì l'ordinazione del dottore. L'indomani, ritornato il medico,
rimase sorpreso di trovare il male diminuito in grado insolito nel
volgere di sole 9 in 10 ore. Io che il giorno innanzi non rispondeva
che a monosillabi, gli spiegai allora come non fossi stato mai
ammalato, e non avessi saputo persuadermi di esserlo, finchè potei
star in piedi; ma il rimedio aveva colpito giusto, era stato proprio
come gettar acqua sul fuoco, di guisa che quantunque fossi ben lungi
dal chiamarmi guarito, perchè sentiva la debolezza per causa della
forte sottrazione sanguigna, pure pensava che non avrei passata in
letto una settimana. Il buon dottore, che in questa seconda visita era
stato edotto dal portinaio o da qualche vicino ch'io era _quello della
bandiera sul Duomo_, come mi chiamavano per brevità, volle farmi i
suoi complimenti, e si felicitò meco che le cose andassero sì bene; mi
confessò che il giorno innanzi era stato molto in pensiero sul conto
mio, e mi raccomandò la pazienza, per l'indispensabile settimana.
L'indomani, ch'era il terzo giorno di cura, mi perviene una lettera
dal Comitato di guerra, colla quale mi dà l'incarico di andare in
Valtellina a provvedere alla difesa dello Stelvio, non che a quella del
Tonale, nella vicina Valcamonica; l'incarico mi fece piacere, perchè
parvemi un indizio che si prendessero le cose sul serio. Tuttavia
deliberai di non dir nulla al momento, d'aspettar la visita del giorno
dopo, del dottore, e poi andarmene. Frattanto cominciai ad affermare
che già stava bene, e volli alzarmi, almeno per qualche ora, ma se
la guarigione procedeva celere, nondimanco mi sentiva ancora debole.
Il giorno dopo, alla solita ora, venne il medico e fu soddisfatto; io
gli dissi che già avevo salute da vendere, ei non volle convenirne, e
raccomandò ancora la pazienza. Partito che fu, io mi alzai, e diedi
parte a mia moglie della risoluzione d'andare in Valtellina per la
missione avuta. Ella fece le sue objezioni, e trovò ch'ero ancora
troppo debole, ma io la persuasi che il poco che mi mancava a ricuperar
la primiera salute l'avrei trovato per istrada, e che sarei guarito più
presto e meglio che stando a Milano, anche perchè la missione mi andava
genio. Infine si arrese, ed io partii per Como, ove arrivai verso sera.
Giunto alla Camerlata, trovai che il cammino, da quel punto alla città,
era sbarrato da barricate; arguii che vi era stato combattimento anche
a Como, ed infatti, arrivato all'albergo, appresi i particolari del
combattimento che vi aveva avuto luogo il 22 e 23, e più specialmente,
in vicinanza della caserma di S. Francesco, che si trova fuori di Porta
Torre, a sinistra di chi esce dalla città. Vi erano state più vittime
anche da parte dei cittadini, ma i soldati, accerchiati da ogni parte,
avevano finito coll'arrendersi.

L'indomani, di buonissima ora, andai a visitar quei luoghi, e vidi
anche alcuni prigionieri, ch'erano rinchiusi in una chiesuola presso
il Duomo, sul suo fianco destro; erano Croati. Salito sul vapore alla
volta di Colico, essendo io conoscente del capitano, fui tosto messo a
contribuzione per soddisfare la sua curiosità, poichè l'affare della
bandiera aveva fatto il giro di tutti i giornali, e tutti volevano
sentir qualche particolare della rivoluzione di Milano; taluni di
quelli coi quali non aveva relazione di sorta, per farsi perdonare
la loro curiosità, cominciavano a guisa d'introduzione, ad esaltar
l'atto della bandiera, il che mi obbligava a protestare che non era
stato accompagnato da pericoli, come si supponeva; ad ogni modo dopo
quel complimento, non poteva esimermi dal rispondere qualche cosa,
e si può immaginare che le dimande si succedevano le une alle altre
senza interruzione. Alla mia volta però chiedeva anch'io informazioni
sugli avvenimenti di Como e lungo il lago, e sullo spirito che colà
dominava. Questo non poteva esser migliore. La confidenza nell'avvenire
era grande, e con retto buon senso udii dire da molti: — _Ci vorranno
grandi sacrifici, ma si faranno_. Avanti all'isola Comacina, il vapore
si fermò, e vidi cosa che mi fece gran piacere. Dalla parte della
prora vidi venir due facchini con due enormi ceste piene di carne. Era
la provvigione destinata ai soldati prigionieri, relegati nell'isola
Comacina; non rammento quanti fossero, ma non pochi, perchè la quantità
di carne era ingente e di ottima qualità; mi rallegrò il vedere quel
trattamento, e come dietro il soldato che aveva fatto il suo dovere,
difendendosi, più non si ravvisasse che l'uomo divenuto innocuo. Giunto
a Colico, dovetti sottostare ad altri interrogatorii, ma sbrigatomi
presto e presa una vettura per Sondrio, vi giunsi prima ancora che
cadesse il giorno. Avendo appreso che si era costituito un Comitato,
andai difilato a quello, e mostrate le mie credenziali, spiegai lo
scopo della mia missione. — _Ci abbiamo già pensato_, mi risposero. —
_Perfettamente!_ ripresi io, _e come?_ Mi narrarono allora come il 24
fosse stata insorta tutta la Valtellina; come si facessero prigionieri,
senza spargimento di sangue, i pochi soldati che vi erano; come
s'installasse a Sondrio un Comitato, e due giorni prima (eravamo al
29) avessero mandato allo Stelvio una ventina di giovani che a Tirano
si erano uniti con altri di quel luogo, avviati alla stessa meta.
Decisi allora di continuare il viaggio sino a Tirano e pernottare colà,
per andar poi l'indomani a Bormio ed allo Stelvio. Tardi nella notte
arrivai a Tirano, a casa mia, e tosto feci accendere un gran fuoco
in un certo salotto ove da anni girava su e giù pensando alla guerra
dell'indipendenza, ed ove aveva tenuto in proposito dei colloquii coi
due soli amici, ai quali confidava i passi che facevo e gli scritti che
mandava in Svizzera; col commendatore Farina e col più volte menzionato
marchese Giuseppe Valenti-Gonzaga di Mantova, che entrambi erano venuti
a trovarmi nel 1847. Non pareva vero anche a me che potessi dire: _Non
vi sono più_, ma una nube nera traversava subito quell'orizzonte sì
roseo: _Quì non vi sono più_, ripetevo, _ma sono ancora in Italia_. Con
tutto questo, per altro, in quel momento, e dopo quanto aveva veduto
sul lago di Como e traversando la Valtellina, confesso che anch'io
avevo fede viva nel successo; l'idea che s'avesse a soccombere nella
lotta, non voleva entrarmi. Benchè già fosse passata la mezzanotte,
il parroco seppe del mio arrivo, ed essendo uomo caldissimo per la
causa nazionale (preposto Zaffrani Carlo) venne a visitarmi, e parlò
meco a lungo, e mi narrò come tutto camminasse bene anche colà, ed il
giorno innanzi una dozzina, credo, di giovani, fosse andata a Bormio
e poi allo Stelvio, unendosi a quelli di Sondrio. L'indomani all'alba
ero in viaggio alla volta di Bormio, che dista sei ore, ove giunto,
andai diritto al Municipio. Anche colà erasi proclamata l'indipendenza
dall'Austria il 26, abbassandone gli stemmi, non essendovi nessuno
da combattere. Ma non si fermarono a quell'atto, bensì con un buon
senso pratico che encomiai, essi pei primi senza aspettare nè sapere
che venissero giovani armati da Sondrio e da Tirano, avevano mandato
dodici uomini armati alla quarta cantoniera dello Stelvio. Risalito in
vettura, o, dirò meglio, presa la slitta, mi avviai a quella volta, e
giunsi fra le 3 e le 4 pomeridiane alla suddetta quarta cantoniera.
Non dimenticherò mai lo spettacolo che mi si presentò. Il tempo era
freddo, ma bellissimo, la slitta scoperta, e non si vedeva che neve;
que' monti sterminati pareva facessero pompa d'insolita bellezza;
ad ogni risvolto della strada appariva qualche nuova lontana cima
spiccante sull'orizzonte d'un azzurro cupo bellissimo. I cavalli usi
a camminar sulla neve, andavano celerissimi anche in salita. Al mio
arrivo, annunciato da un interminabile schioppettìo di frusta che il
postiglione maneggiava con abilità non comune, tutta quella gioventù
venne sul piccolo ripiano che trovasi avanti la cantoniera, curiosa
di apprendere chi fosse; e riconosciutomi, e sapendo che venivo da
Milano, cominciarono le allegrie, le interrogazioni reciproche e
l'indispensabile grido intercalare di _Viva l'Italia_. Una delle prime
mie dimande fu come si era provveduto alla sicurezza del _Passo_ (così
chiamasi la vetta che forma confine fra la Valtellina ed il Tirolo).

— _Il passo è custodito_, mi risposero, _da cinque in sei metri di
neve._

Madre natura ci aveva prevenuti tutti. Si passò allegramente tutta la
sera e parte della notte fra il fuoco, il buon vino e le chiacchiere;
della malattia io non me ne ricordava più, benchè tutti mi trovassero
pallido, perchè la gioia mi elettrizzava; quell'aria poi mi dava nel
ridestato appetito, un riparatore straordinario. Il mattino seguente,
ed era l'ultimo di marzo, volli prendermi una soddisfazione, ordinando
un saluto ufficiale alla bandiera tricolore, e posta in linea tutta
quella gioventù sul piano avanti la cantoniera, che si trova a 2546
metri sul livello del mare[23], trassi una bandiera che aveva meco
e che venne festeggiata con spari ed evviva che l'eco dei monti
ripercuoteva.

Non volli però abbandonar il luogo senza aver fatto assolutamente
nulla. La neve ci era buon riparo, per allora, ma in maggio e giugno
doveva sparire; ora il passo dello Stelvio è ad un tempo facile o
difficile a difendersi, secondo che venga o non venga rispettata la
neutralità del suolo svizzero che in parte lo circonda. Pensai dar io
al Governo del Cantone Grigione la partecipazione dei fatti di Milano,
e dell'avere il Governo Provvisorio, che dovevasi preparare alla
guerra, mandato me allo Stelvio, il quale, al momento, non presentava
pericolo di sorta, ma, scomparsa la neve, era possibile che fosse
attaccato da quel lato, soggiungendo che come il soldato nostro avrebbe
religiosamente osservata la neutralità del territorio svizzero, così io
pregava, in nome del mio Governo, che si prendessero le debite cautele
onde si rispettasse anche da parte degli Austriaci. Non era cotesto
un atto di diffidenza verso la Svizzera, ma egli è certo che se i
Grigioni non mandavano i soldati appositamente, il confine era senza
sorveglianza, ed il passarlo, prendendo alle spalle il posto che si
trovasse all'altura dello Stelvio, ossia al vero passo che è ancora 300
e più metri sopra la quarta cantoniera, poteva esser l'affare di poche
ore.

Feci copiare la mia lettera da uno dei giovani che possedeva una bella
calligrafia, e spedii un messo ad impostarla a S. Maria, che è il
paese svizzero il più vicino, in una vallata detta di Monastero, che
comunica anche col Tirolo, sboccando nella vallata dell'Adige. Preso
quindi commiato da que' bravi giovani, mi ricondussi a Tirano, ove
riposai una giornata, assumendo informazioni intorno al Tonale, che
si trovava in analoghe condizioni dello Stelvio. Perciò non stimai
necessario il farvi apposita visita, sibbene, valendomi de' materiali
raccolti nei tempi andati, stesi una relazione particolareggiata de'
diversi passi esistenti fra la Valtellina ed il Tirolo, nonchè fra
questo e la Valcamonica, facendo risaltare come il Tonale fosse in
condizioni assai più pericolose dello Stelvio, e come, senza trascurare
quello, convenisse portarvi la più seria attenzione, potendo divenire
valicabile in aprile ed ai primi di maggio per essere notevolmente
più basso. Benchè fossero corsi sei o sette giorni e non più, che io
aveva abbandonato Milano, mi pareva un lunghissimo tempo, ed ardeva
dal desiderio di ritornarvi, sicchè alla sera del 2 aprile era già di
nuovo nella capitale lombarda. La vita attiva, l'aria salubre, l'ottimo
appetito, ma più di tutto la compiacenza di aver trovate le popolazioni
così ben disposte, mi avevano pienamente rimesso, sì che mia moglie
convenne che aveva avuto ragione quando le dicevo che il viaggio mi
avrebbe fatto bene.



CAPITOLO UNDECIMO

    L'autore riferisce al Governo Provvisorio l'esito della sua
      missione — Grandi esequie pei morti delle Cinque Giornate,
      celebrate nel Duomo il 3 aprile — Il colonnello del Genio,
      Miani, fornisce all'autore lo schiarimento intorno ai
      Tedeschi che entrarono nel Genio nella notte dal 21 al 22
      marzo; si spiega allora quell'avvenimento, che era sempre
      stato per lui un enigma.


L'indomani, 3 aprile, dopo aver rimesso al Comitato di guerra la mia
relazione, avendo avuta la commissione direttamente da lui, mi recai
presso il Governo Provvisorio a fargli pure la relazione verbale.
Mi trattenni a lungo col presidente Casati e col conte Durini,
ch'erano assieme; vollero udire tutte le particolarità, soffermandosi
specialmente sullo spirito delle popolazioni. Allorchè mi accomiatai:
— _Sappia_, mi disse il conte Durini, _che domani si celebra una messa
solenne in Duomo per i morti nelle cinque giornate. Ella favorisca
di venir con noi_. Io ignoravo quella determinazione, ma accettai
l'invito, che il buon Casati confermò con parole gentili. Il giorno 4
aprile, all'ora indicata, io mi trovai al Marino, la sede del Governo
Provvisorio; mi assegnarono un posto fra gli ufficiali. Or volle il
caso che, al momento di partire dal palazzo del Marino, mi trovassi
a fianco del maggiore del Genio (poi colonnello) Miani. Era desso un
uomo di vaglia, che aveva servito nel Genio sotto l'Austria, ma poi si
era ritirato a vita privata, ed aveva preso parte alla rivoluzione. Io
lo conosceva, come suol dirsi, di vista, ossia sapevo che era un ex
ufficiale del Genio e si chiamava Miani, e così alla sua volta egli
sapeva chi fossi io, ma non avevamo mai avuto occasione di parlarci.
Avviato il corteo verso il Duomo, entrammo in breve nella contrada
di S. Raffaello, che allora prolungavasi assai più verso S. Fedele,
essendone stata demolita una parte per formare uno dei grandiosi
accessi alla grandiosissima Galleria Vittorio Emanuele. Allora era
ancora in tutta la sua umiltà, ma sboccando sul fianco destro del
Duomo, la stessa sua ristrettezza faceva risaltare ancor più la mole
maestosa di quella cattedrale. Or bene, appena fummo in vista del
Duomo, il Miani ruppe primo il silenzio per incominciare a discorrere
meco, e, rivoltosi a me: — _Ella_, _mi disse, deve provare una gran
compiacenza nel vedere il Duomo; quanto la invidio per quella prima
bandiera!_ È facile immaginare che cosa dovetti rispondere, trattandosi
poi che parlava ad un ufficiale. Per la centesima volta, se non più,
protestai ch'era stata una spedizione senza pericolo, non negava per
questo di averne compiacenza, ma come d'un regalo della fortuna più che
di altro. Dacchè però il Miani mi aveva aperto l'adito a parlar seco
lui, colsi l'occasione per sapere se mai esso fosse in grado di darmi
qualche schiarimento intorno al guazzabuglio avvenuto nel locale del
Genio, nella notte dal 20 al 21. — _Quello fu un affare ben altrimenti
più serio_, dissi io, _e non sono stato mai capace di spiegarmelo.
Come vi entrarono i Tedeschi?_ — _Ebbene_, mi rispose esso, _io sono
in grado di servirla. Ella sa che i Tedeschi nella notte appunto del
20 al 21 abbandonarono il Gran Comando; essi ignoravano la resa del
posto del Genio; credevano che si fosse sempre difeso, e mandarono due
più risoluti cacciatori ad avvertire quel posto che si ritirasse esso
pure come meglio poteva. I soldati vi arrivarono infatti, protetti da
uno di quei momenti di profonda oscurità che si succedevano in quella
notte nuvolosa e ventosa, ma trovarono il Genio vuoto. Erano ancora
colà quando il mio povero servitore tornava colle chiavi per aprire il
piano superiore a lei ed ai suoi compagni, poichè sappia che il Genio
era stato consegnato a me, ed io aveva posto là il mio servitore, il
quale era il custode a cui ella si rivolse. Giunto esso a pochi passi
dalla porta, uno de' cacciatori che vi stava in sentinella sulla porta,
fece fuoco contro di lui e lo ferì in un braccio. Il mio servitore
tornò allora indietro, dando l'allarme; i due soldati non poterono più
uscire, ed avvenne poi tutta quella scena ch'ella conosce meglio di
me._

Allorchè il Miani terminava la sua relazione, noi eravamo giunti al
Duomo; il discorso venne troncato; io andai al posto assegnatomi e
cominciò la funzione.

Che preci si cantassero, in che consistesse la cerimonia, io non
sarei stato in grado di dirlo nemmeno lo stesso giorno, perchè quella
rivelazione mi occupò la mente in modo tale, che non pensai ad altro;
vedevo ed udivo, ma senza che nulla mi facesse sensazione; rammento
solo che eravi un posto riservato pei parenti delle vittime, e vi
erano anche signore in severa eleganza, e fra queste una signora
Guy, di mia conoscenza, cognata d'un negoziante Giuseppe Guy, rimasto
morto in un combattimento presso Porta Ticinese. Non è certo di grande
importanza il sapere che cosa si cantasse, non avendosi per questo che
a consultare il rituale, ma io ho voluto accennare quella circostanza
per dimostrare la profonda sensazione che mi fece la narrazione del
Miani. La sorte toccata al servitore, fu per me la chiave dell'enigma.

Se eravi stato un avvenimento che mi aveva preoccupato in modo da
avvicinarsi ad una idea fissa, era quello della ripresa del Genio
da parte dei Tedeschi. Il mio pensiero, ad ogni anche lontano cenno,
ricorreva a quel fatto; nella breve mia malattia, inchiodato in letto,
passavo in rivista tutte le possibilità senza potermi dar mai una
chiara ragione del fatto; in viaggio ripassai ancora quella ipotesi,
ma senza frutto; molte erano state le chiacchiere in proposito: chi
diceva che erano soldati nascosti che sbucarono fuori nella notte;
chi sosteneva ch'erano alcuni arditissimi, mandati dal conte Neipperg
per prendere una grossa somma di danaro che egli aveva colà; chi,
non sapendo come spiegar meglio il fatto, lo diceva effetto d'un
tradimento, ed in quel senso parlava pure quel facchino delle cui
prodezze mi toccò essere spettatore nei sotterranei del palazzo del
Gran Comando. Ma non tenuto conto dell'ultima assurda e ridicola
ipotesi, anche le altre non si spiegavano, e quindi io mi provava a
cercar altre ipotesi, ma sempre senza frutto. Per me eravi un punto di
partenza indubitato, una specie di caposaldo, intorno al quale non era
lecito il dubbio, ed era quello della sentinella. Che quella vi fosse,
nessuno lo poteva asserire con maggior sicurezza di me, che l'aveva
toccata, e gli aveva posto la mano sulla spalla, dicendogli:

— _Bravo, bravo._ Ma che cosa era mai avvenuto di quella sentinella?
che fece quando arrivarono i Tedeschi? come scomparve senza dir nulla?
Era quello il punto più oscuro che non era arrivato mai a potermi
chiarire. Or bene, appena il Miani mi narrò che il suo servitore era
stato di ritorno un quarto d'ora dopo colle chiavi e che era stato
salutato dalla fucilata da parte della sentinella, l'enigma si chiarì,
tutto si spiegò e nel modo più facile. Il Miani non aveva collocato
colà sentinella di sorta, e quella ch'io credei che fosse la nostra
sentinella, era il cacciatore austriaco. Forse potrà questo far senso
a più d'un lettore, ammesso ch'io ne possa avere un numero almeno
modesto, ma si ritenga pure che dalla rivelazione del Miani in poi,
non solo non fui giammai titubante nell'ammettere tale soluzione, ma
quanto mi riusciva prima inammissibile ogni altra, altrettanto facile
ed evidente m'apparve quella; e siccome (qualora l'amor proprio non
mi faccia velo) io credo che non possa dispiacere anche ad altri
il toccare intorno a ciò l'evidenza, mi permetterò di riassumere di
nuovo quel fatto, ponendolo in presenza di quella soluzione. Ho già
narrato come io coi miei quattro compagni[24] non entrassi dalla porta
principale che metteva sul Monte di Pietà, ma da una secondaria della
contrada degli Andegari, la quale, dopo uno stretto corritoio, metteva
in un grande cortile cinto da porticato. Colà trovai l'individuo
ch'era il servitore del Miani, il quale, richiesto che aprisse il piano
superiore, rispose _che andava subito a prendere le chiavi_, abitando
poco lungi. Dopo un quarto d'ora circa io udii un colpo di fucile dalla
parte verso strada che richiamò la mia attenzione, onde vi accorsi
immediatamente; ma nulla vi era che accennasse a lotta; l'individuo
che aveva fatto fuoco era a circa metà d'un atrio basso, oscurissimo.
La mia stanchezza era tale, che una parola al di là del necessario non
la dicevo: epperò, visto che nulla eravi, tornai ai miei compagni,
ma prima, per cortesia, salutai la sentinella con quell'espressione
di _bravo, bravo_, accompagnata dall'atto di toccargli la spalla.
Arrivato ai miei compagni dissi: — _Non è nulla: sono i soliti tiri
sciupati._ Da quel momento in poi noi contammo, direi, i minuti,
aspettando l'arrivo delle chiavi; se dapprima l'impazienza era
temperata dal riposo, mano mano che passò il tempo, essa aumentò, sì
che sentendomi poi anche riposato, cominciai a parlar forte. Ciò che
havvi di certissimo si è che dal colpo che ferì il servitore del Miani
alla scarica che poi fecero i due cacciatori austriaci contro di noi,
rimasti miracolosamente illesi, benchè a soli 15 metri di distanza, non
vi ebbe colpo intermedio, il che era naturale che avvenisse, qualora il
colpo da me udito fosse partito da una sentinella nostra. Per ultimo
havvi un'altra circostanza che, presa isolatamente, è di nessuna
importanza, ma n'acquista invece colla soluzione accennata.

Ho narrato già, e lo ripeto, che quando io, dopo salutata la sentinella
mi scostai da lui, vidi, nell'atto del ritirarmi, un pennacchio
ondeggiante staccarsi alquanto dal cappello del giovine che aveva
leggermente piegato il capo senza profferir verbo. Al momento non mi
fermai su quella circostanza, perchè, come dissi, si vedevano allora
tutte le forme possibili di cappelli e berretti; ma sì tosto il Miani
mi chiarì la cosa, allora mi spiegai anche l'affare del pennacchio, era
quello che portavano i cacciatori austriaci. Lontanissimo dal supporre
che la sentinella da me accarezzata potesse essere altri che uno dei
nostri, la circostanza per sè così inconcludente del pennacchio non si
era mai presentata alla mia memoria, perchè era un particolare connesso
con un supposto, fino allora inammissibile, quello della sentinella
austriaca; ma dato che il supposto era invece realtà, mi spiegai anche
il pennacchio, sul quale non aveva mai richiamato il mio pensiero.

Come questa soluzione chiarisce il fatto nella sua parte essenziale,
così ne chiarisce anche altri che potrei chiamare secondari, ma
attinenti allo stesso. Allorchè dopo l'inattesa scarica noi uscimmo,
credevamo essere i primi ad annunciare il fatto della ripresa del Genio
da parte dei Tedeschi; ma invece ho narrato come io trovassi presso
la casa del colonnello Arese un drappello di dodici quindici persone
che discutevano sul da farsi. La ragione si è che l'allarme era stato
dato dal servitore del Miani, ferito. In quella mezz'ora che noi lo
attendemmo invano, la notizia si era diffusa, e benchè non certo tanto
che ancor non vi fossero di quelli che l'ignoravano, di che ebbimo noi
stessi la prova alla Croce Rossa, rispetto ai primi coi quali parlammo,
ciò non pertanto già si era diffusa abbastanza, perchè si raccapezzasse
anche quel numero di giovani ch'io trovai in gran discussione avanti
alla casa summenzionata.

Per ultimo, la spiegazione Miani mi diede anche la ragione di
quell'interminabile cannoneggiamento da via S. Giuseppe, ch'io non
riusciva a comprendere. Ed infatti se l'uscire dal Genio per la via
Monte di Pietà, doveva esser cosa assai scabrosa, lo era invece molto
meno pigliando la via degli Andegari, ossia precisamente la porta per
la quale entrammo noi. Da questa, alla via S. Giuseppe, brevissimo era
il tratto; ora, tenendosi sbarazzata quella via, e cannoneggiandosi
sulla destra nella linea del teatro della Scala, come facevano gli
Austriaci, rimaneva libera la linea opposta rasente la chiesa di S.
Giuseppe, linea che dovevano tenere i soldati ritirandosi, essendo
i cannoni appostati presso allo sbocco della via di S. Giovanni alle
Quattro Faccie[25].

Infine, quanto a me, la chiave datami di quell'enigma, che tale fino
allora era stato per me l'avvenimento notturno del Genio, mi fece
l'effetto di tôrmi un vero peso dal petto, tanto mi aveva preoccupato
il pensiero di cercarne la spiegazione. Dovetti però convenire che la
mia fortuna di essermi incontrato in un soldato di quello stampo, non
fu piccola. La sua condotta non fu solo umana, ma non esito a dire
che fu generosa. Allorchè c'incontrammo la prima volta sotto l'atrio
del Genio, io era disarmato, ed egli comprese indubbiamente il mio
equivoco. Non poteva egli esser colà da molto tempo, poichè non vi era
allorchè uscì il servitore del Miani, e quindi venne nel tempo che
quello impiegò per ritornare. Tuttavolta, per quanto vi fosse anche
soltanto da poco, ei poteva distinguere meglio di me, che venendo
dal cortile debolmente rischiarato dalla luna, ma pur rischiarato, ed
entrando sotto l'oscuro atrio del Genio, non vidi che il contorno d'un
uomo. Forse io dovetti la mia salvezza all'essere disarmato ed alla
circostanza di non averlo interpellato. Che sarebbe avvenuto dell'uno e
dell'altro se io mi fossi accorto allora del mio errore, è impossibile
il dirlo, e le congetture sono inutili; ma che fra i due io fossi colui
ch'era a peggior partito è della più chiara evidenza; egli non aveva
che ad abbassar la baionetta per sbarazzarsi di me. Ma non fu quella
volta sola che si trovò in simile condizione, la stessa facilità l'ebbe
poco più di mezz'ora dopo, allorquando io ed il mio compagno andammo a
rilevare da terra il ferito che giaceva al suolo a pochi metri dalla
porta del Genio. Che mai potevamo noi fare colle braccia occupate?
Ma, dirà forse taluno, che l'uccidere persone mentre raccoglievano
un ferito, sarebbe stata una crudeltà. Pur troppo sono crudeltà che
si commettono bene spesso, e chi in epoche di calma, a mente fredda,
e senza aver avuto mai un'idea pratica della guerra, ragiona di essa
sopra quanto gli pare che si possa o non si possa fare, cade in grandi
errori ed illusioni. Per convincersi di ciò basta pensare agli orrori
delle guerre civili, nelle quali si sacrificano tanti innocenti e
donne e fanciulli, persone impotenti all'offesa. A questo paragone
che è mai l'uccisione di veri combattenti che, deposto un istante il
fucile, sollevano un ferito, ma per riprendere tosto l'arma e venir
contro di voi? È vero che nel nostro caso di due soli soldati bloccati
in quell'edificio, il partito più umano verso di noi era anche il più
utile per essi; ma non è piccola cosa in tali circostanze mantenere
il sangue freddo ed il ragionare. Del resto poi, fra i diversi motivi
possibili che possono avere indotto quel soldato a così agire, io devo
dar la preferenza al più generoso, trattandosi di un uomo che in meno
d'un'ora fu padrone due volte della mia vita.

Ventisette anni sono decorsi da quell'epoca. Or bene, oggi ancora io
farei, senza esitanza, le mille miglia per avere con quel soldato un
abboccamento di un'ora. E quante volte mi sono detto: _Oh s'ei vivesse
ancora e potessi sapere ove si trova, che non darei per interrogarlo
intorno al primo incontro! Che pensò mai quando io ponendogli la destra
sulla spalla gli dissi: bravo, bravo! Come venne e come partì?_ Molte
cose avrei a chiedergli; ma non è probabile che con tanti combattimenti
che poi ebbero luogo, ei viva ancora.

Ho detto che gli chiederei anche il modo col quale egli ed il suo
compagno si sottrassero, poichè anche questo fu per noi un mistero;
sicchè taluni, non potendolo spiegare, ricorsero all'idea del
tradimento. Io credo che dovettero la loro evasione ai capricci della
luna. Si sarebbe detto con frase volgare, ma giusta, che in quella
notte la luna giuocava ad ascondersi; essi approfittarono d'un momento
di completa oscurità per sottrarsi e, probabilmente, prendendo la via
di S. Giuseppe; è l'ipotesi più probabile.



CAPITOLO DODICESIMO

    Narrazione particolareggiata dell'avvenimento nella Canonica di
      S. Bartolomeo nella mattina del 21 marzo.


Se l'avvenimento del Genio era quello che più d'ogni altro mi stava a
cuore di decifrare, esso non era però il solo del quale desiderassi uno
schiarimento. Un altro ve n'era al quale non avevo preso parte diretta,
ma che assai mi stava a cuore per la sua complicazione, per le molte e
svariate versioni che n'eran corse e perchè toccava da vicino persone
che avevo appreso a stimare per la loro condotta. Alludo al fatto
avvenuto il 21 marzo nella canonica di S. Bartolomeo. Che cosa era
stato di quei bravi giovani che io visitai coll'Anfossi sul campanile?
Si era parlato di massacri di sacerdoti, ridotti poi ad uno solo; ma
quali vicende aveva passato il parroco che ci aveva accolto con tanta
benevolenza, e poi che cosa eravi di vero in quella voce di un soldato
ferito sul campanile? Per chiarirmi di tutto questo, pensai di recarmi
direttamente presso quel parroco e d'interrogarlo in proposito.

L'indomani delle esequie celebrate in Duomo per i morti nelle cinque
giornate, io andai alla canonica di S. Bartolomeo, e chiesi del
parroco. — _È in casa_, mi risponde la servente, ed annunciato che vi
era una persona che desiderava parlargli, apre l'uscio d'un salottino
a pian terreno, e mi invita a passare. Il parroco mi viene incontro,
ma io mi fermo sulla soglia, e prima di passarla gli chieggo se mi
riconosce.

Il parroco esitava: pareva propendesse più per il no che per il sì,
quando la servente, miglior fisionomista: — _Io sì_, esclama, _che lo
riconosco; è quello che è stato qui coll'Anfossi quella notte che sono
andati sul campanile._

Il buon parroco mi stese allora la mano, ma con tale atto di confidenza
come fossimo vecchi amici, e mi invitò a sedere.

— _Signor parroco_, gli dissi, _Ella deve perdonare la mia curiosità,
ma tante ne dissero intorno ai fatti avvenuti nella sua casa e nella
sua chiesa, che io mi sono preso la libertà di venire da lei per sapere
che cosa havvi di vero._

Quel parroco (o coadiutore, perchè S. Bartolomeo era chiesa sussidiaria
a S. Francesco da Paola), chiamavasi don Giovanni Lega. Egli soddisfece
pienamente alla mia curiosità, facendomi un racconto che ascoltai
attonito senza proferir motto, ma che poi, per parte mia, fu seguìto da
non so quante dimande ed esclamazioni ed atti di meraviglia. Io credo
d'essere rimasto seco lui poco meno di due ore, tanto mi interessò il
suo racconto, e assieme commentammo quei fatti.

Io cercherò ora di darne un sunto a' miei lettori. Con ciò io faccio,
in realtà, un'eccezione alla norma fondamentale di questi miei
_Ricordi_, che è quella di non narrare che fatti de' quali io posso
garantire personalmente la verità, perchè avvenuti sotto i miei occhi,
ma quest'eccezione mi verrà indubbiamente perdonata, perchè anzitutto
il narratore non era persona da alterare la verità, nè aveva ragione
alcuna per ciò fare, ed altresì pel motivo importante che non si
tratta di fatti avvenuti a quattr'occhi, sibbene in presenza di un buon
numero di testimonî, non pochi dei quali vivono indubbiamente ancora
e possono fare un sindacato, il più competente che idear si possa,
del mio racconto. Ben duolmi che non posso riprodurre la narrazione
dell'ottimo prete che in breve sunto, non volendo narrare più di quanto
ben chiaramente ancora la memoria ritenne di quel colloquio.

Una delle cose che più dava ai nervi dei Tedeschi era quel suonare
delle campane a stormo, e fra i molti campanili, uno de' più rumorosi,
sotto tale rapporto, era quello di S. Bartolomeo. In fondo alla
stessa via sulla quale sorgeva la chiesa e che chiamavasi la via della
Cavalchina[26], eravi la Zecca, vasto locale che fu sempre occupato
dai Tedeschi. Il capo di quel posto deliberò far tacere quel campanile
e togliersi quel fastidio. Quantunque la via più retta fosse quella
da me accennata, della Cavalchina, essa non poteva venir scelta,
perchè dominata dai Portoni, sul ripiano o terrazzo dei quali stavano
i nostri combattenti sempre in buon numero, sia per l'importanza del
luogo, sia per la felicissima sua posizione, potendovisi far fuoco
al coperto. Per arrivare alla meta ei prescelse quindi altra via, e
fu quella di traversare, come già accennai, una serie di giardini ed
orti che si trovavano dietro le case che fronteggiavano quella via,
e ciò per tutto il tratto dello stradone di S. Angelo, ove sorge la
Zecca, fino alla canonica od abitazione del parroco ch'era unita alla
chiesa, come questa al campanile. Il primo stabile nel quale i soldati
tedeschi entrarono, fu il giardino del duca Melzi, quindi veniva
una sequela di orti e giardini, sì che ebbero a scavalcare non pochi
muri. Erano una ventina guidati da un ufficiale. Superati tutti quegli
ostacoli, pervennero alla canonica, la quale però aveva comune con
altre case di privati, un cortile; giunti inosservati sin là, fecero
prigionieri quanti incontrarono, uomini, donne, fanciulli; in tutto, se
non erro, dodici o tredici, e fra questi il parroco ed il sagrestano.
Li condussero tutti nella chiesa presso l'altar maggiore, disposti
in semicerchio, e si collocò dietro ad ognuno di essi un soldato. Ciò
fatto, l'ufficiale rivolto loro: — _Giurate_, disse, _che non vi è più
nessuno sul campanile_.

Si può esser certi che non vi era forse un solo che ne sapesse
qualcosa, ma in quel momento la risposta negativa era quella che
presentava il minor pericolo, epperò giurarono che non vi era nessuno.
— _Ebbene_, disse allora l'ufficiale, _manderò a verificare_; e scelto
un caporale ed un altro soldato, ingiunse al sagrestano di precederli
sul campanile. Si può facilmente immaginare lo stato d'animo di quelle
persone durante tutto il tempo che rimasero assenti que' soldati, e che
durò poco meno di mezz'ora. Finalmente arrivano; ed ecco precedere il
caporale, il quale, uscendo da un uscio della sacristia, vicinissima
all'altar maggiore, sfigurato, coperto di sangue, appena entrato in
chiesa si getta sui gradini dell'altar maggiore, gridando e dimenandosi
orribilmente per dolori atrocissimi. Gli sgorgava sangue a torrenti
da una ferita fra lo stomaco e il ventre, e per di più aveva mutilata
anche la mano destra, sì che tutta la persona era coperta di sangue. A
quell'aspetto, l'ufficiale si avanza commosso, ed interroga il ferito,
ma in tedesco, talchè nulla compresero i prigionieri, che alla lor
volta si credettero perduti. Avuta la risposta, l'ufficiale dice in
italiano queste parole: — _Sul campanile non vi è nessuno; voi non
avete alcuna colpa di questo fatto, benchè possa provenire da qualche
vostro parente. Promettetemi di aver cura di questo ferito_.

I prigionieri respirarono, promisero di aver tutta la cura possibile
del soldato, e vennero rimessi in libertà.

— _Ma_, continuò nella sua relazione il Lega, _un altro fu meno
fortunato di noi. Io aveva alloggiato in casa il predicatore
quaresimalista, certo Lazzaro Lazzarini, ch'era nella sua stanza al
primo piano. Entrò in essa un soldato e l'uccise; nulla si è potuto
sapere intorno alla particolarità di quel fatto, non essendovi stati
testimonî: pare che l'uccisore sia stato un guastatore, e che lo
sventurato abbia tentato di far resistenza, essendoglisi trovati fra le
mani alcuni peli di quel grembiale peloso che portavano que' soldati.
Nella stanza non si trovò mancar nulla, sì che l'impulso di quell'atto
atroce par proprio sia stato uno sfogo della natura selvaggia di quel
soldato. Era stato ferito al capo, e quando entrammo nella sua camera,
partiti i Tedeschi, era già morto._

I Tedeschi ritornarono alla Zecca per la stessa via per la quale erano
venuti.

Io non volli interrompere la narrazione del parroco, ma finita che
l'ebbe, cominciarono le interrogazioni per ischiarimenti e per alcune
particolarità relative a quei fatti, intorno a che dirò anche a' miei
lettori quanto ancora rammento di più notabile.

— _Ma i giovani sul campanile_, fu la mia prima domanda, _dov'erano
andati?_

— _Sul campanile vi erano quattro giovani; fortunatamente, ma proprio
solo all'ultimo momento, si accorsero dell'invasione dei Tedeschi,
prima che scendessero nella canonica; tre di essi, discese le scale,
uscirono dalla casa: il quarto non credette esser più in tempo, e
si nascose sotto un trave del tetto della chiesa_ (ad un terzo circa
dell'altezza del campanile, si trovava una porticina che comunicava
col sotto tetto), _per sua fortuna oscurissimo, poichè uno dei soldati,
vista aperta la porticina, vi entrò, ed osservò qua e là; ma la grande
ampiezza del locale e l'oscurità, impedirono che potesse fare una
visita diligente e minuta, ed in tal modo si salvò anche quello._

— _Ma e l'affare del caporale? Da chi era stato ferito?_

— _Ecco come avvenne. I nostri avevano legato una bandiera tricolore al
parapetto in ferro, ed essa pendeva in fuori del campanile; allorchè
il caporale che arrivò in cima col sagrestano, vide quella bandiera,
volle strapparla; ma sul terrazzo dei vicinissimi portoni, vi erano i
nostri, i quali, nulla sapevano di quanto avveniva nella canonica, ma
visto quel soldato austriaco che strappava la bandiera, scaricarono i
loro fucili contro lo stesso, ed una palla gli traversò il corpo fra
lo stomaco ed il ventre, ed un'altra gli recise netta l'ultima falange
dell'indice della mano destra._

Io aveva all'ora freschissima la memoria di quel campanile; epperò
finita ch'ebbe la narrazione non potei astenermi dall'esclamare:

— _Ma come mai fu possibile che un uomo in quello stato discendesse le
scale di quel campanile, e sopratutto la scala a piuoli?_

— _Eppure_, replicò il parroco, _ei lo fece; rimasi sbalordito anch'io,
allorquando il sagrestano mi narrò i particolari di quel fatto._

— _Ma dell'ufficiale che ne dice? come spiega quel suo discorso?_

— _Che vuole! io non posso dir altro se non che noi dobbiamo ringraziar
la Provvidenza che ci fece capitare in un uomo ragionevole che
seppe padroneggiare il suo impeto; del resto quel momento quando il
caporale entrò in chiesa gettandosi a terra sui gradini dell'altare,
contorcendosi e gridando per gli atroci dolori, fu un momento
terribile; noi ci credemmo tutti perduti._

Tali furono i più notevoli particolari che mi narrò quell'ottimo
uomo intorno al fatto di S. Bartolomeo avvenuto nel mattino del 21
marzo. Tutto ora è colà cambiato: disparvero la chiesa, il campanile
e la canonica; e pur troppo è morto anche quel buon sacerdote; unici
rimangono ora i _Portoni_. Che quegli altri edifizî dovessero sparire
per far luogo ad una nuova e larga via (Principe Umberto), sta bene, e
vi ebbe guadagno; ma quanto a' _Portoni_ mi sia lecito il dire che la
loro distruzione porterebbe la perdita dell'unico ricordo che ancora
conserva Milano della famosa epoca del Barbarossa. Quali vediamo noi
i due archi centrali di quei portoni, tali li videro i Milanesi del
secolo XII e di sette altri secoli successivi; ora dovrebbero avere
un maggior pregio, dacchè più d'un ricordo delle Cinque giornate si
collega anche ad essi; dall'altro lato la generazione attuale e le
future godono di ben altra comodità e sicurezza, dacchè furono aperti
ai due fianchi i passaggi pei pedoni, talchè le due porte centrali
rimasero per il passaggio esclusivo dei rotanti. Or sarebbe egli un
chieder troppo per quell'unico ricordo che si volesse conservarlo, e si
cessasse dal metterne in forse la sussistenza a grado del primo venuto
a cui talenti di chiamare quegli archi inutili, o peggio, pericolosi
ingombri? Fra l'eccesso di chi vuole conservar troppo, e quello di chi
vuole distrugger tutto, non so qual sia il più nocivo, certo si è che
in Milano non è più possibile cadere nel primo, sibbene nel secondo;
ma, restringendomi a que' _Portoni_, io nutro fiducia che il buon senso
e la patria carità dei Milanesi li salveranno mai sempre da inconsulta
distruzione.



CAPITOLO TREDICESIMO

    L'autore entra in alcuni particolari intorno alle condizioni di
      Milano durante le Cinque giornate rapporto alla circolazione,
      al vitto, alla sicurezza, non che intorno al contegno del bel
      sesso.


Cogli schiarimenti che ho dato intorno ai fatti avvenuti al Genio ed
a S. Bartolomeo, che sono un'appendice alla narrazione principale,
io potrei dire di aver raggiunto lo scopo di questi _Ricordi_. Esso è
circoscritto a quanto avvenne sotto i miei occhi, salvo quella piccola
eccezione; ma se ristrettissimo è il mio campo, almeno è sicuro; ciò
non vuol dire che scrivendo dopo ventisette anni senza interrogar
nessuno nè consultar libri di sorta, non possa esser caduto in qualche
errore forse di data, trattandosi dei fatti di minor importanza.
Rispetto ai fatti principali escludo ogni inesattezza nel modo più
assoluto, nè temo contraddizioni. E se questo mio scritto avrà vita,
potrà essere collocato francamente fra i veridici; ma io non intendo
fermarmi a questo punto, credo poter aggiungere qualche altra nozione
che non sarà senza interesse, e quando verrò poi alla conclusione, ho
qualcosa da chiedere al lettore concittadino.

Ho notato un fatto circa cotesto grande episodio della guerra
dell'indipendenza italiana, ed è quello della premura ognor crescente
di voler apprendere i suoi particolari, il che del resto si spiega
facilmente. Si sa che molte cose furono esagerate e che la verità venne
travisata nel doppio senso che dopo il buon successo si esagerarono i
fatti e si mescolarono a favole, e subentrati i rovesci dell'agosto,
si negarono anche i fatti veri. La politica ci si mescolò anch'essa
e travolse il tutto nei suoi vortici. Ora, mentre gli attori vanno
scomparendo ogni giorno, non è egli naturale che la gioventù senta
il bisogno di esser ben edotta della verità e voglia conoscere i
fatti quali avvennero e non quali si vollero far comparire, e quindi
interroghi i superstiti fra i testimoni oculari e coloro sopratutto che
vi ebbero parte più o meno larga? Quante incertezze non lascia anche
un libro veridico? Quanti dubbii può sollevare senza che il lettore
sia in grado di averne la soluzione? Che dire poi se generale è la
convinzione che molti libri sono pieni di errori? Aggiungasi che anche
quelle preoccupazioni politiche, le quali contribuirono ad oscurare il
vero, non hanno cessato d'esercitare la loro influenza e possono ancor
ricevere schiarimenti da contemporanei.

Allorchè, fallito il generoso tentativo di Carlo Alberto, si chiuse,
coll'armistizio di Milano del 6 agosto 1848, quel periodo che aveva
avuto principio nella stessa città il 18 marzo colla miracolosa
rivoluzione, presi io pure la via dell'emigrazione, mi stabilii a
Torino e non rientrai in Lombardia che dopo i felici avvenimenti
del 1859. Poche volte in quel decennio mi avvenne di esser richiesto
di schiarimenti intorno alle Cinque giornate; alla mia volta non ne
parlava volontieri. Per quanto avessi la coscienza di aver fatto il
mio dovere, l'esito infelice dell'impresa dominava l'insieme di quei
ricordi. Ma quando la fortuna tolse il velo della sventura che copriva
gli avvenimenti del 1848, li riabilitò e dimostrò il valor pratico
che avevano, e li fece entrare come fattori del nuovo felice ordine
di cose, allora li contemplai anch'io con maggior compiacenza, nè
più mi pesò il parlarne. D'altra parte si fecero più frequenti anche
attorno a me le domande di schiarimenti. Chi voleva farsi un concetto
delle generalità; chi aver spiegazioni di fatti determinati; ma i
primi erano in maggior numero; il che ben si comprende, non essendo
cosa facile il farsi un concetto vero dello stato di Milano durante
le cinque giornate. Una città che è piazza di guerra si prepara, ogni
persona al minimo pericolo si provvede, per quanto lo consentono i suoi
mezzi, pensando che ogni comunicazione col di fuori sarà interrotta; ma
una città come Milano che contava già allora intorno a duecento mila
abitanti, che non era preparata, che aveva tante relazioni, sì estesi
commerci, che contava sì gran numero di persone viventi del lavoro
giornaliero; una città simile che vien chiusa ad un tratto e per cinque
giorni rimane totalmente segregata da ogni comunicazione col di fuori,
cosa che da lunghi secoli non era avvenuto, è naturale che abbia dovuto
trovarsi in condizioni nuove e tali che dànno luogo alla fantasia di
almanaccarvi sopra. Come viveva tutta quella moltitudine? Chi vegliava
alla sicurezza della città? Come si comportò il bel sesso, che non è
chiamato a combattere? Quali classi diedero i combattenti? Sono tutte
questioni che, sotto una forma o sotto l'altra mi vennero fatte, e
certo si fecero e si fanno ai contemporanei di quell'avvenimento, e
sopratutto a coloro che in maggiore o minor grado furono anche attori.

Or io voglio soddisfare a talune di queste curiosità, che del resto
ben si possono qualificar di legittime, poichè tendono anch'esse a dare
un'idea più esatta di quel grande avvenimento.

Prima però di entrare in quei particolari mi è d'uopo fare una
dichiarazione, e prego il lettore ad averla presente, ed è questa: che
io non intendo stabilire concetti generali, nè sostenere che quanto
avvenne nei luoghi ove io mi trovava, sia precisamente avvenuto in
ogni altro, dappoichè potrei cadere in errori che ho evitato nella
narrazione principale. Io seguo anche in questo la massima di narrare
quanto avvenne sotto i miei occhi; o, per meglio esprimermi, miro a
dedurre da que' fatti le conseguenze che mi si presentarono le più
ovvie, le più naturali; ma in un avvenimento che si estese su d'una
superficie così vasta, ove tante e sì diverse potevano essere le
condizioni, è certo che altri ha potuto venire a conclusioni diverse
senza che vi debba essere contraddizione fra le altrui conclusioni e le
mie nel senso che l'una escluda l'altra.

Dopo i fatti avvenuti al palazzo del Governo intorno al mezzogiorno
del 18 marzo, Milano si coprì di barricate, poichè ogni idea d'una
soluzione pacifica della gran quistione era completamente svanita. I
Tedeschi chiusero le porte della città, che erano tutte in loro potere,
e non permisero più a nessuno nè di entrare, nè di uscire. Nella notte
dal 18 al 19, quantunque diluviasse, si continuò a costruire barricate;
ma i Tedeschi alla lor volta ne distrussero non poche di quelle che,
fatte nella sera in luoghi molto larghi, non fu possibile il difendere,
come avvenne precisamente al ponte del corso di Porta Orientale e nelle
sue adiacenze. Quasi tutte le barricate interne della città rimasero
però sino alla fine, ma è impossibile il precisarne il numero, anche
per quel vero furore destatosi il 23 di far ancora barricate, dopo che
n'era cessato il bisogno. Un piano non vi era nè vi poteva essere; le
barricate avevano questo di comune, che si aprivano in senso opposto
l'una dall'altra, sicchè obbligavano ad andare a _zig-zag_ chi voleva
percorrere una via qualunque sbarrata con barricate. Diverse erano
pure le reciproche distanze che variavano dai 10 ai 20 e più metri; al
che davano norma anche gli sbocchi delle vie laterali. Il materiale
era fornito dal grosso mobilio di legno, da usci e porte, da panche
di chiese, da carrozze, carri, carretti, da botti e grandi fusti
vuoti, da travi, da legname di costruzione e in alcuni luoghi anche
da materassi, da balle di cotone, da pagliaricci e negli ultimi due
giorni, sopratutto le barricate esposte, venivano rinforzate da veri
argini di materiale del selciato.

Certo importerebbe conoscere anche il numero complessivo; ma sarà
sempre impossibile lo stabilirlo per la ragione che ho già accennato,
non potendosi chiamar barricate delle Cinque giornate, quelle
fabbricate il sesto dì, e furono molte. Ben volendo esprimere una
cifra per darne un'idea, io credo che superassero le due mila. Ma
su tal numero, poche, in proporzione, furono quelle che videro veri
combattimenti attivi. Quelle ove si sparse sangue, ove si morì, erano,
come è naturale, quelle poste agli sbocchi delle vie, come il 18 e
19, quelle di S. Babila, di S. Vicenzino, e quelle che chiudevano i
corsi, a Porta Nuova, a Porta Ticinese, ed altrove. La grandissima
massa, erano barricate di precauzione, pel caso che, superate le
prime, i Tedeschi si fossero avanzati. La conseguenza immediata che
ebbero sempre e per tutti, fu quella di rendere difficile o per meglio
dire, di allungare enormemente le vie di comunicazione. Per avanzare
100 metri conveniva farne 400, ove più, ove meno. Il bisogno aveva
suggerito qua e là qualche accorciatoia; io voglio ricordarne una
che certo venne praticata da molti ancora viventi. Una delle vie più
frequentate da combattenti e da quanti loro prestavano aiuto, era
quella del Monte Napoleone, poichè conduceva a casa Vidiserti ove era
il deposito delle polveri e munizioni in genere; quivi si era stabilita
la doppia corrente di quelli che ne portavano e di quelli che andavano
a prenderne; inoltre quella via conduceva, dopo breve tratto, per
quella di S. Vittore 40 Martiri, a quella de' Bigli, ove stava la sede
del Governo Provvisorio. Or bene, in detta via del Monte Napoleone
eravi una barricata, se non erro, poco lungi da casa Verri, che
aveva, a circa un terzo e non più da quello stesso lato, una vettura
(cittadina) che formava parte della barricata, senza ruote, ma ritta.
Qualcuno cominciò ad aprirne gli sportelli e transitarvi; dietro quello
vennero altri; indi fu un diritto acquisito per tutti il passare. Non
saprei dire le quante volte la traversai io pure, ma certo ben molte;
la prima volta mi fece un certo senso perchè era piuttosto elegante;
ed uso, com'ero, a traversar quegli ammassi d'ogni genere di cose
che costituivano le barricate, e a veder non pochi oggetti infranti
e guasti, quel contrapposto d'un passaggio per una bella vettura con
sedile a velluto nel mezzo, fermò la mia attenzione, ed ebbe senza
più la mia piena approvazione, perchè la susseguente barricata,
aprendosi dal medesimo lato, ne conseguiva un abbreviamento di cammino
relativamente non piccolo.

Quanto allo spavento e al timore del quale ha dovuto esser compresa
una parte almeno della popolazione, dirò che era assai meno di quello
che parrebbe quasi naturale che avrebbe dovuto essere. I fatti grandi
e straordinari che avvolgono tutti in un comune pericolo, reagiscono
in modo diverso sull'uomo, che i pericoli individuali. Prevalse tosto
una certa ebbrezza, un nobile esaltamento che più o meno invase tutti.
Certo molti non uscirono di casa, ma non si può dire altrettanto
del maggior numero. I bottegai avevano la più gran parte le botteghe
aperte; taluni di essi, come i venditori di commestibili, continuarono
i loro spacci, e, per quanto me ne consta, senza alzar i prezzi. I
salumai divennero i fornitori principali di tutti i combattenti che
non potevano più tornare alle case loro, perchè situate in quartieri
occupati dai Tedeschi. Pane, salame, formaggio ed un bicchier di vino,
fu il cibo di moltissimi in tutti quei giorni; ciò non vuol però
dire che chi aveva mezzi, non potesse anche procurarsi qualcosa di
meglio e più conforme ai suoi cibi soliti; ma non ci si pensava, e,
tanto meno a sedersi tranquillamente ad un desco, ciò sarebbe parso
un sciupamento di tempo. Un giorno, parmi fosse il 20, andato a casa
Taverna per riferire qualcosa, trovai il padrone di casa, il compianto
Carlo Taverna, rammentato più sopra: _Ho un grande appetito_, gli
dissi, _dammi qualcosa da mangiare_. — _Figurati_, mi rispose l'ottimo
amico, _vieni con me_, e mi condusse in una cucina a pian terreno, ove
eravi un pentolone in cui bolliva una quantità di carne già tagliata
a pezzi, e sopra d'una tavola eranvi molte forchette di ferro lunghe
lunghe. Quattro o cinque giovani, ciascuno col suo pezzo inforcato,
ed un pezzo di pane in mano, stavano mangiando in piedi. Il padrone di
casa prese una forchetta, andò egli stesso a pescarmi uno dei più bei
pezzi che comparvero a galla nella pentola e me lo porse. Frattanto un
servitore era corso a cercar una sedia, un tovagliuolo e che so io;
ma io non volli, e preferii star anch'io in piedi a mangiarmi la mia
carne con il mio pezzo di pane e bermi un bicchier di vino. Fu quello
il mio pasto più lauto di que' giorni; ma, sebbene avrei potuto averlo
sempre, più non ricorsi alla cucina dell'amico, perchè era divenuta
cosa secondaria il pensare al cibo; ed anche perchè quel genere di
vita strapazzata e il mangiar solo, quando più non si reggeva per la
fame, e si trovava tutto buono, non mi spiaceva. Del resto io credo che
nessuno abbia sofferto di fame, e certo nessuno di quelli che erano
provvisti di mezzi; agli altri deve aver supplito la generosità di
quelli che ne avevano, mentre io ritengo che Milano fosse e sia sempre
provvista assai più che per cinque giorni. Mancavano bensì alcuni
oggetti speciali che giornalmente vengono importati dalle campagne,
come la verdura, il latte e simili; ma sono inezie che non hanno
influenza di sorta. Negli ultimi giorni la mancanza di carne ha dovuto
farsi sentire nei grandi stabilimenti, e specialmente negli ospedali;
ma credo che in complesso vi si provvedesse abbastanza bene, non avendo
udito parlare di sofferenze; e già l'universale era sì favorevolmente
disposto che fuori di dubbio gli agiati cittadini si saranno condannati
a qualche privazione, anzichè permettere che mancasse il necessario
agli ammalati.

Rispetto alla pubblica sicurezza durante le Cinque giornate, può
dirsi che fu affidata a tutti in genere, a nessuno in modo speciale,
e fu piena, a quanto almeno io mi sappia. Anche questo potrebbe esser
argomento d'uno studio psicologico non senza interesse. In una città
di tanta popolazione che offre il giornaliero suo contingente di
reati a danno delle persone e della proprietà, la _polizia_ (uffici di
pubblica sicurezza) era interamente scomparsa; le guardie di polizia
oltremodo invise, si tenevano nascoste; dei gendarmi alcuni si erano
gettati nella rivoluzione, e davvero, se le cose andavano male la
passavano brutta; ma ad ogni modo non eravi forza alcuna organizzata
e rivolta a quello scopo. Eppure non si udì parlar di delitti, di
furti o violenze. Lo spirito pubblico reagiva anche sui tristi;
un delitto in quei giorni sarebbe di certo sembrato più grave, più
esecrabile che in qualunque altro tempo. Solo convien fare un'eccezione
rispetto ad un genere speciale di furti, quello delle armi. Io ho
già accennato come pochissime ve ne fossero in città e fra queste non
tutte atte a combattimenti; le migliori erano quelle state tolte ai
soldati tedeschi, le quali in realtà non erano proprietà di nessuno in
modo speciale, ma dei primi arrivati. In alcuni casi si erano prese
anche senza pericolo, come quelle delle guardie di polizia, che si
arresero; indi seguì una caccia generale alle armi, che si estese
anche a quelle di legittima proprietà privata. Fui vittima anch'io
di cotesta giurisprudenza speciale rispetto alle armi. Io aveva avuto
nella giornata del 21 un bellissimo fucile a prestito dall'ingegnere
Ferranti. A notte avanzata essendomi ritirato in un angolo d'una stanza
di casa Taverna per prendere un po' di riposo, e non fidandomi di
nessuno, mi coricai sul fucile stesso avviticchiandomi con un braccio
ed una gamba attorno ad esso; ma i miei brevi sonni erano sì profondi
che credo mi voltassero e rivoltassero senza svegliarmi. Il fatto sta
che quando mi destai il fucile era sparito, il che molto mi dolse,
sopratutto perchè non era mio; ma a fronte di quell'eccezione che
trova nella natura stessa dell'avvenimento la sua spiegazione, è certo
che fu un fatto degno di essere ben notato quello della sicurezza per
le persone e per le proprietà che godette Milano durante le Cinque
giornate.

Fui richiesto più d'una volta di saper dire che cosa eravi di vero
nell'asserzione ch'erano stati i giovanetti a far la rivoluzione. Per
rispondere convien prima farsi un concetto esatto, e precisare che
cosa s'intende per _giovanetto_, potendo esser più o meno vero il fatto
secondo l'estensione che si dà a quel termine.

Volendo chiamar tali solo quelli che hanno meno di 17 anni, perchè a
tale età già si accettano soldati in molti paesi, e non si possono più
chiamar giovanetti, io dirò che è vero il fatto che vi presero parte
anche giovani di 15, di 14 e 13 anni; ma questo fatto non va esagerato,
come sarebbe se si volesse far credere che costituirono il nucleo delle
forze insurrezionali. Che abbia dovuto far senso il veder combattere
giovanetti di 13 e 14 anni è ben naturale; ma io posso dire, con tutta
sicurezza, che vidi anche uomini coi capelli bianchi. Si può dire che
vi ebbero parte tutte le età e tutti i ceti; ma il vero nerbo, la lunga
lotta perseverante, fu sostenuta dal fior della gioventù fra i 20 e 30
anni, e se aver si potesse una lista esatta dei morti colle armi alla
mano, se ne deriverebbe la prova più sicura. Io ho visto parecchi morti
e feriti, ma se dovessi accertare quanti di questi erano giovanetti,
sarei imbarazzato; il che non vuol dire di certo che non ve n'ebbero,
ma in località diverse da quelle nelle quali mi trovai io. Ora egli
è un fatto che si possono ben dare individui fortunati che passano
incolumi l'intera vita o lunghi periodi di essa, fra i pericoli delle
battaglie, ma non corpi interi. Io credo che vi siano stati non pochi
soldati di Napoleone I, che hanno fatto tutte le sue campagne senza
toccar mai una ferita, ma non vi ebbe certo una compagnia intera che
potesse darsi questo vanto. Ora volendo dare nelle giornate di Milano
la preponderanza ai giovanetti, converrebbe supporre che fossero in
tal numero da formar almeno una compagnia, se anche non s'intenda
che dovessero esser uniti e combattere assieme; ma, ammesso pure che
fossero sparpagliati su tutti i punti ove si combattè, una perdita
proporzionale in morti e feriti, avrebbe dovuto esservi. Si lasci anche
in questo, che la verità sia qual'è, perchè coll'esagerarla si svisa e
si guasta; ma vi sono persone che non l'accolgono se non a condizione
che abbia un po' di belletto.

_Come si contenne in generale il bel sesso?_ Ecco un'altra delle
dimande che mi venne più volte diretta in questi od analoghi termini.

Nelle donne vi era un esaltamento più spiccato ancora che negli uomini,
e dirò, un esaltamento sublime. Taccio delle terribili angoscie provate
da moltissime che avevano mariti e figli impegnati nella lotta, non
potendo parlare che di quelle colle quali per qualsiasi ragione venni
a contatto o si mostrarono in pubblico. Era nelle donne un affannarsi
per cercare di far qualcosa anch'esse, per aiutare, per servire. Ho
già menzionato quella giovinetta che nella notte dal 21 al 22 mi venne
a chiamare a nome di quel proto ch'era stato ferito nell'affare del
Genio; la poverina era tutta spaventata a veder quel sangue, aveva
messo sottosopra la biancheria in quella stanza, voleva che le dicessi
se la ferita era grave, se sarebbe guarito presto. Io la tranquillai,
dicendole, che grave non era, che poteva forse chiedere un po' di
tempo a guarire, essendo questo un caso che si avvera nelle ferite al
tallone, ma che non essendo medico, non poteva dir nulla di positivo.

Io rammento d'aver visto pochi tripudii in mia vita così vivi ed
animati come quello delle signore sui balconi della Corsia de' Servi
nel tratto che percorsi da S. Pietro all'Orto al Duomo la mattina del
20, allorchè si sparse la notizia che i Tedeschi avevano abbandonato
la Polizia ed il Duomo. Tutti i balconi erano tappezzati di bandiere
tricolori; dove pigliassero tanta stoffa ed in un momento la
trasformassero in tante bandiere, non saprei dire.

Se chiedevasi qualcosa ad una bottegaia non vi lasciava finire che
si affrettava a servirvi. Un giorno, non rammento quale, ma negli
ultimi, entro in un caffè, arso dalla sete e chieggo una limonata; mi
vien fatta all'istante da una giovane; la bevo e pongo sul tavolo il
denaro. _Oh giust!_ mi risponde rifiutando. Non vi è che una persona
famigliare col dialetto milanese che possa ben comprender la forza di
quell'esclamazione _Oh giust!_ perchè vi contribuisce anche il modo
stesso col quale si pronuncia. Tradotta in altri termini, con frasi
della lingua colta, equivarrebbe a dire: _Ma le pare? Signore mi
meraviglio! Non mi faccia questo torto_, precisamente come se il non
pagare fosse la cosa più naturale.

_Signorina_, dovetti dirle, _se ella non mi permette di pagare, mi
toglie la libertà di entrare un'altra volta nella sua bottega._ Allora
si rassegnò ad essere pagata.



CAPITOLO QUATTORDICESIMO

    Tratta dei millantatori e di reduci dei volontari e forzati
      esigli, delle adulazioni al popolo; cita il preteso arrivo
      di un corpo ausiliare polacco — Narra un fatto avvenuto
      all'autore con un ciarlatano — Tentativo del 29 maggio contro
      lo stesso Governo Provvisorio.


Ho narrato fatti che, nel complesso, dànno un'idea favorevole della
rivoluzione e dello spirito che dominò durante la medesima, per quanto
anche que' fatti non possano rappresentare che una piccola parte di
tutto quel meraviglioso avvenimento.

Ho detto e ripetuto che colle verità si sparsero anche molte
esagerazioni.

Ora io mi sono chiesto se possa esser cosa utile di toccare anche
questo argomento, dando qualche prova di tali esagerazioni? Se dovessi
consultar solo la mia convenienza di scrittore, il desiderio di non
offendere alcuno, il dispiacere che può cagionare a taluni il mostrar
quello che dicesi il rovescio della medaglia, dovrei rispondere
negativamente, e non soffermarmi sopra un tema ingrato; ma io non
considero la questione da questo punto di vista. Nulla forse più nocque
al giusto apprezzamento delle Cinque Giornate, di quelle esagerazioni.
Testimonio e narratore di fatti veri e lodevoli, se passassi sotto
silenzio i meno veri od artifiziosamente ingranditi, potrei sembrare
che venga a transazione col mio proposito.

La parte bella, la rivoluzione nella sua essenza, nulla vi perde; le
esagerazioni sono specie di incrostazioni che non reggono al tempo, e
solo deturpano la bellezza del fondo su cui si attaccano.

Io mi accingo quindi a trattare la parte meno lusinghiera; ma lo faccio
per rendere un omaggio alla verità.

Io ho già fatto cenno della fisionomia che presentava Milano il 23
marzo, il primo giorno dopo la rivoluzione, quello che vide sorgere
un sì gran numero di combattenti ignoti nei giorni passati, che con
frase spiritosa vennero, come dissi, battezzati _gli eroi della sesta
giornata_. Io ho potuto occuparmi solo ben poco delle loro gesta,
poichè nei primi giorni immediati alla fine della rivoluzione ebbi
a lottare colla burrasca fisica che mi colse, e dopo fui mandato in
missione lontana, sì che passò una decina di giorni, senza che di loro
più mi occupassi, o, per meglio dire, senza che fossi condannato ad
udire le loro millanterie.

Al mio ritorno, ai primi di aprile, trovai che non erano essi soli i
padroni del campo. A quegli eroi si erano uniti i reduci dei forzati o
volontari esigli politici, con un far da maestro, con pretese strane,
incredibili. A udirli, erano essi i veri autori di tutto; l'Italia si
personificava in essi, e volevano posti, impieghi e premî, cominciando
non pochi di loro a far propaganda repubblicana. In una cosa si davano
la mano cogli eroi della sesta giornata, ed era quella di considerare
la guerra come un accessorio, generosamente accordato al Piemonte, da
ultimare; essi non si degnavano di scendere a quel tema, ma stavano
nelle alte sfere della forma di governo, del diritto del popolo a
fissarla, avendo desso conquistata la sua libertà; conseguenza naturale
si fu quella di creare e fomentare un dualismo fra la Lombardia ed il
Piemonte.

Tutto congiurava a pervertire il retto buon senso del popolo. Non
si doveva più pronunciare quel nome senza aggiungere la qualifica di
_eroico_, _capace di miracoli_.

Frattanto la guerra cominciava a mietere largamente le sue vittime; il
Piemonte mandava di continuo nuovi soldati in sostituzione di quelli
che il fuoco nemico, ma assai più del fuoco, gli stenti e la malaria,
facevano sparir dalla scena, ma non si badava ai soldati di un Re che
aspirava alla corona dell'Alta Italia, mettendovi però il primo la sua
vita e quella de' suoi figli.

Quand'ecco un bel giorno si sparge la notizia che deve arrivare a
Milano un corpo ausiliare polacco. Il più volgare buon senso non poteva
a meno di trovar strana quella notizia. Un corpo di Polacchi! Ma dove
si è formato questo corpo? Che cosa viene a fare a Milano? Perchè non
va al campo? E siccome di buon senso in Milano ve n'ha in dose non
certo minore che altrove, così più d'uno fece di simili interrogazioni.
Ma si era sulla china di far guerra al buon senso, e sapete cosa si
rispondeva? _Ah! non li volete, neh! perchè non sono Piemontesi!_ Non
solo poi si sostenne che veniva quel corpo, ma si fissò il giorno e
l'ora del suo ingresso per Porta Romana. Venne il giorno, e, prima
dell'ora fissata, il largo e lunghissimo corso di Porta Romana era
pieno zeppo di equipaggi, di vetture da nolo, di cittadini d'ogni
classe e d'ogni età. Il corpo ausiliare si faceva aspettare. Passa
l'ora indicata, ma si dice che ha dovuto ritardare, che però è già
molto al di qua di Melegnano; arriverà certo; passa ancora del gran
tempo e mai non arriva; taluni cominciano a perder la pazienza; ma si
diffonde la notizia che i Polacchi sono a mezz'ora di distanza; si fa
il sacrificio anche di quel tempo; finalmente si ode un grido, si vede
un agitarsi, un movimento straordinario presso Porta Romana. I lontani
credono sia proprio il corpo ausiliare; l'interminabile e fitta colonna
di popolo si apre a poco a poco, e s'avanzano tre vetture, con una
decina, se pure, di Polacchi, che agitavano il loro berretto nazionale,
gridando a squarcia gola: _Viva Milano! Viva gli eroi! Abbasso i
Tedeschi!_ e simili esclamazioni.

Un buon terzo degli operai di Milano perdette quella giornata. E poi
si rise alle spalle di coloro che avevano creduto alla storia del corpo
ausiliare polacco.

Non si voleva saperne di prendere la cosa sul serio; ciarlatani d'ogni
genere facevano a chi più sapesse ingannare il pubblico; a forza di
chiamar tutti eroi, finirono col credere che lo fossero anche quelli
che non erano usciti mai di casa. La parola Milano era stata sostituita
dalla frase: _Città delle Cinque Giornate_, alla quale nulla è
impossibile; si spiegavano su per le piazze le teorie della guerra, e
come il battere il nemico fosse, ben s'intende, la cosa la più facile;
posso citare in proposito un aneddoto che garantisco, perchè riguarda
un fatto che venne provocato da me.

Io passava a caso nella via dei Tre Re[27] venendo da via Larga e
dal Bottonuto. Dopo l'albergo Reale, che già trovavasi in detta via,
s'incontra, sulla destra, una chiesa, che chiamasi di S. Giovanni
Laterano, ed avanti alla medesima havvi un piazzaletto irregolare;
quel piazzaletto era pieno di gente che faceva cerchio attorno ad un
individuo che declamava. Spinto dalla curiosità, mi avvicino anch'io
per sentire cosa spiegava, ed era nientemeno che il modo col quale
si fabbricano i cannoni; ne diceva delle stranissime, che tollerai
in silenzio; ma, finalmente, venne fuori coll'asserzione che desso,
purchè avesse avuti i mezzi, poteva dare un cannone perfetto in
ventiquattr'ore. A tanto ciarlatanismo non potei resistere, e quasi
involontariamente esclamai: _Che cosa?_ All'udire quell'espressione,
pronunciata anche in modo che tradiva l'indignazione, tutti si
voltarono verso di me, ch'ero ancora all'estremo cerchio; ma uno de'
presenti mi riconobbe; disse agli altri chi era, e subito si adoperò
per farmi passare avanti, con quegli atti coi quali si vuole esprimere
deferenza; il ciarlatano comprese a colpo d'occhio ch'io non era
un qualunque, contro il quale si può aizzare il popolo, e, con una
presenza di spirito, che credo debba essere connaturale a chi esercita
un tal mestiere, dovendo pur essere preparati a scene consimili, dopo
l'interruzione cagionata dalla mia esclamazione, continuò imperterrito
il suo discorso, aggiungendo all'ultima frase pronunciata del _cannone
perfetto_, le parole: _ben s'intende poi che si deve provvedere
l'affusto ed altri accessorî_. Io risi di quell'aggiunta fatta con
tanta disinvoltura, ed il pubblico se n'accorse benissimo, e rise esso
pure. Io n'aveva già di troppo, e me n'andai pei fatti miei.

Ma se i ciarlatani d'ogni genere facevano il male come uno, cominciò
a farlo come cento una stampa la più sbrigliata che idear si possa.
Io non saprei dire quanti giornali uscissero alla luce; nè intendo
parlarne singolarmente, ma si può asserire che facevano a gara
per confondere ogni idea, per creare imbarazzi al governo, per far
trionfare ognuno le sue idee ed i suoi uomini. E non stettero paghi
a trattar quistioni d'ordine pubblico ed attinenti alla politica, ma
cominciarono a tiranneggiare i cittadini, entrando nelle domestiche
pareti, facendosi arbitri dell'onore, della riputazione e dell'onestà
dei privati, per quanto questi fossero alieni dall'immischiarsi in
cose pubbliche e non dessero motivo alcuno ai loro attacchi. Già
nell'aprile cominciarono ad apparire le descrizioni de' combattimenti e
dei fatti delle _cinque giornate_, talune scritte o per speculazione,
essendo grandissima l'avidità di apprendere i particolari di questa
rivoluzione, o per vanità, o per adulazione; quindi piene di favole,
e di esagerazioni e di casi immaginari; e questi essendo frammisti ai
veri, si può facilmente arguire come dovettero alterare ogni giusto
criterio, e qual fede possono meritare. Si videro citate persone
come attive e combattenti che non avevano mai posto il piede fuori
della porta di casa; magnificare atti di nessuna importanza, ed a
seconda dello scopo dell'autore, inalzare o deprimere gli uni o gli
altri; infine si arrivò al punto di asserire perfino cose fisicamente
impossibili[28].

Nel maggio quel caos aveva già raggiunto un grado allarmante. Tema
favorito dai declamatori era quello dell'inerzia dell'armata; come non
prendeva le fortezze, non dava battaglia; andavano innanzi e indietro
da Milano al campo sollecitatori, perchè si operasse, precisamente come
se il prender fortezze di primo ordine fosse la cosa più facile; non
mancavano poi i mestatori di mandare al campo tutti gli stampati che
predicavano la repubblica e criticavano le operazioni dell'armata, e si
osava perfino esprimere senza velo che sospettavasi della fede del Re;
si faceva sentire che la guerra del popolo sarebbe stato l'unico scampo
e la repubblica l'unico mezzo.

Ma i mestatori ed arruffapopoli non si contentarono di ambire la gloria
di educare le masse alle idee della libertà come essi l'intendevano, ma
ne fecero istromento per i loro fini, e fra questi eravi nullameno che
quello d'andar essi al potere a forza di dimostrazioni di piazza.

Si riunivano da quindici a venti e si recavano sulla piazza di San
Fedele, il cui lato che prospetta a mezzogiorno è tutto costituito da
una gran fronte del grandioso fabbricato detto del Marino, l'attuale
palazzo municipale e sede in allora del Governo provvisorio. Il piccolo
nucleo veniva tosto ingrossato dai curiosi, e quando eravi tal numero
di persone nella piazza, che già potesse dirsi di qualche rilevanza,
i mestatori cominciavano a gridare: _Fuori il Governo provvisorio_:
e se non si obbediva tosto, aumentavano il gridìo, e cominciavano a
far baccano, con che attiravano nuovi curiosi; in nome del popolo si
chiedevano notizie della guerra, e poi si esprimevano i desiderî del
popolo.

Nei primi tempi si credette dal Governo provvisorio che, appagandosi,
per quanto poteva farsi senza danno dell'andamento degli affari,
quel desiderio, si acquietassero; ma avvenne l'opposto e, visto che
pur ottenevano or l'una or l'altra cosa, cominciarono a imporre la
loro volontà in nome del popolo, e la famosa risoluzione di creare
un esercito lombardo distinto dal piemontese anche per il colore
dell'uniforme venne imposta od appoggiata, di certo, da una consimile
dimostrazione di piazza. Infine, un bel giorno, quegli arruffapopoli
deliberarono di fare il loro colpo di Stato. Il 29 maggio, un pugno di
persone le più oscure ed ignote, capitanate da un mercante di cavalli,
riunita, ne' soliti modi, una folla di popolo sulla piazza di San
Fedele, e chiamato al balcone il Governo provvisorio, dichiararono
che esso non godeva più la fiducia del popolo, e doveva andarsene;
e spinsero l'impudenza al punto di salire nel palazzo stesso e
presentarsi alla folla con un foglio che conteneva i nomi dei futuri
membri del nuovo Governo. Un atto di energia del presidente Casati pose
fine a quella sfrontata commedia che poteva convertirsi in tragedia,
e, strappato di mano all'oratore quel foglio, lo fece in pezzi, in
presenza di tutto il popolo, che applaudì.

Ma quell'atto di energia, che pure ottenne lo scopo di mandar a vuoto
l'insano tentativo, rimase un atto isolato; i mestatori non si diedero
per vinti, e continuarono a suscitare imbarazzi, con gran dolore di
molti che vedevano qual triste piega prendeva la cosa pubblica. Sono
sicuro che oggi ancora non si possono rammentare quelle scene senza
sentirne ribrezzo. I superstiti, che videro i tempi presenti, hanno
avuto largo risarcimento; ma quanti invece discesero nella tomba
persuasi che l'Italia non si sarebbe mai liberata dal giogo straniero,
e la libertà si sarebbe perduta in quelle scene di piazza!

Per questo è utile il rammentare anche quei fatti e mostrare i pericoli
del predominio della piazza, perchè di mestatori ed arruffapopoli non
vi sarà mai penuria; ma un popolo libero conviene che trovi del pari e
sempre cittadini che sappiano opporsi ai mestatori e mettersi dal lato
della legge e voler che questa sola imperi.

Ci vuole coraggio anche per questo, è vero.... ma se un popolo libero
non sa trovarne, ha cessato di esser libero, e non farà che cambiare di
schiavitù.



CAPITOLO QUINDICESIMO

    Dello spirito pubblico che dominò in Milano ed in tutta la
      Lombardia nei primi due mesi — Esercito delle Alpi — La
      divisione lombarda e Luciano Manara — Combattimento di
      Goito dell'8 aprile — Entusiasmo generale — La leva — Nuova
      missione nella Valtellina data dal Governo Provvisorio
      all'autore — Plebiscito — Prove della prontezza delle
      popolazioni ad assoggettarsi a sacrifici.


Se ho dovuto rammentare fatti ingrati ma che si collegano troppo
cogli avvenimenti più felici di quella rivoluzione per essere passati
completamente sotto silenzio, non voglio che il lettore rimanga sotto
la trista impressione che quelli possono destare.

Con maggior soddisfazione per me e pel lettore voglio dar un'idea dello
spirito pubblico che dominò in Milano ed in Lombardia in que' primi
tempi.

I quindici anni di esperienza politica[29] che ha fatto l'Italia,
dacchè forma un solo regno, mi dispensano dal dimostrare come il grido
di que' partiti non significasse punto che quello fosse l'opinione
dominante e tanto meno che fosse rappresentata dalla stampa; e ciò
rammento solo onde non si creda che siavi contraddizione fra quanto
ho narrato della confusione che i partiti seppero generare nel
campo governativo e quanto io narrerò intorno allo spirito pubblico
dominante, come ripeto, in Milano e nella Lombardia in quei primi
tempi.

Per precisar meglio il concetto dirò che chiamo primi tempi i due mesi
che succedettero alla rivoluzione di Milano, l'aprile ed il maggio.
Furono mesi di sublime entusiasmo, di dolci illusioni; viva ancora
era la fede nel successo e facile il perdono per gli errori, tutto
attribuendosi a tanti e sì repentini mutamenti. L'ansia nel successo,
la fede nella propria fortuna temperava i dubbii anche nelle persone
che più freddamente contemplavano la cosa, e per qualche tempo in
pubblico non ardivano di manifestarli.

Dal 18 marzo, giorno che ebbe principio la rivoluzione di Milano al 6
agosto, giorno dell'armistizio fra l'armata austriaca e piemontese, non
corsero che quattro mesi e mezzo; ma che non videro que' mesi rapporto
a tutto ciò che può risguardar l'esistenza d'un popolo? Sono epoche
che concentrano in sè gli effetti di anni, vere epoche storiche che
meritano di essere studiate possibilmente senza passione, benchè questo
sia più facile ai posteri che ai contemporanei.

Finita la lotta di Milano, il Governo provvisorio esordì con uno
di que' atti che nel giudicarli non vogliono mai essere disgiunti
dalle circostanze de' tempi e dallo stato di esaltamento degli
animi d'allora. Creò un esercito delle Alpi, cosa affatto diversa
dall'esercito lombardo, del quale ho già fatto cenno. Non era, non
poteva essere, nè fu mai cosa seria, poichè all'infuori di ciò che
si può fare firmando decreti di nomine di ufficiali d'ogni grado,
mancava di tutto, non esisteva nemmeno l'ombra d'un vero esercito;
non fanteria, non cavalleria, non artiglieria per quanto piccole
si vogliano ammettere le proporzioni. Aveva nominato generale di
quell'esercito Luciano Manara, uno fra quelli che più si erano distinti
nelle cinque giornate. Egli abbandonò tosto Milano recandosi verso
il lago di Garda; una moltitudine di gioventù, non saprei precisar
quanta, ma credo intorno a quattromila, lo seguì. Quali tentativi
egli facesse per introdurre un po' di organizzazione io ignoro, certo
si è che quel corpo non potè far cosa alcuna che avesse influenza
sulle sorti della campagna; ma il Manara era giovine di senno e fu
il primo a comprendere la falsa sua posizione e del suo corpo, ed in
breve dell'esercito delle Alpi più non si parlò, si sciolse ed i suoi
elementi si sparpagliarono entrando ne' diversi corpi de' volontari
che si formarono, ed uno di questi venne ancora capitanato dal Manara,
e credo sia stato dei pochi che pur conobbero qualche disciplina. Ma
se l'esercito improvvisato sulla carta ebbe in brevissimo tempo quella
fine, non toglie che il contingente pei futuri soldati che aveva dato
Milano non fosse buono, anzi ottimo. Fedele al suo capo, esso seppe
resistere agli sragionamenti di coloro che dopo i rovesci del luglio
e dell'agosto gridavano al tradimento ed alla necessaria guerra del
popolo. Nè a questo si fermò, ma quando nel successivo inverno 1848-49
si riorganizzò in Piemonte l'armata sarda sconnessa dai rovesci, si
formò anche una divisione lombarda ove si fusero i corpi di volontari,
e fra i nuovi battaglioni uno era comandato dal Manara che da generale
era divenuto maggiore, e con lui altri suoi compagni già in alti
gradi, furono ascritti quali come sottotenenti, quali come tenenti od
al più capitani, ed io menziono in modo speciale questo fatto perchè
torna a loro grande onore. Quasi tutti avevano combattuto nelle Cinque
Giornate; se anche dapprima vennero loro conferiti gradi elevati
di troppo, un titolo almeno lo avevano, non pertanto accettarono la
nuova più modesta posizione, perchè miravano anzitutto allo scopo, e
non perdettero la fede nelle sorti d'Italia dopo i rovesci del 1848,
ed entrarono francamente nel corpo che ancora presentava le maggiori
probabilità di lottare con successo, nell'esercito regolare del re
Carlo Alberto. La divisione lombarda e con essa il battaglione di
Manara era in linea di battaglia al momento della riscossa nel marzo
1849 e piena d'entusiasmo. La condotta inesplicabile di Ramorino,
che poi gli valse la fucilazione, tolse a quella la possibilità
di mostrare il suo valore. La missione di tutelare l'onore della
Lombardia anche nell'infausta giornata di Novara venne dalla sorte
affidata al battaglione valtellinese, capitanato da Enrico Guicciardi
ch'era stato aggregato alla brigata Solaroli,[30] che si trovava
all'estrema ala sinistra dell'esercito piemontese. Esso si distinse;
lasciò parecchi sul terreno, ebbe non pochi feriti, ma il re Vittorio
Emanuele lo premiò ponendolo all'ordine del giorno pel suo valore.
Qual fosse la valentìa dei componenti il battaglione Manara, lo provò
dappoi quando molti di que' giovani sempre uniti ancora e costituenti
il corpo che portava il nome del suo capo, combatterono sotto le
mura di Roma nell'aprile e nel giugno 1849, e molti vi trovarono la
morte, insieme al valoroso loro capo. Spero non dispiacerà la breve
digressione che ho fatto ed il fugace cenno alla memoria di Manara.
Era anche personalmente in ottima relazione seco lui, ed avevamo fatto
conoscenza, proprio in Roma, alcuni anni prima viaggiando entrambi per
nostro diletto l'Italia, negli ultimi tempi del papato di Gregorio XVI.

Ora ritornerò all'argomento dello spirito pubblico dominante in
Lombardia nei primi tempi dopo la rivoluzione.

Se gli eroi da caffè che avevano preso il posto di coloro che andarono
a combattere; se i tanti mestatori piovuti da ogni parte riempivano
l'aere delle loro gesta e dei loro progetti, e formavano la parte
chiassosa, ben altrimenti più forte per numero era la classe de'
cittadini, che erano indipendenti, che nulla avevano da chiedere al
Governo, e che dal risultamento della felice lotta gioivano di gioia
altrettanto pura quanto disinteressata. _Non vi sono più i Tedeschi!_
era una espressione che si sentiva le centinaia, anzi le migliaia di
volte al giorno e da ogni classe di persone, ed esprimeva un insieme
impossibile a concepirsi dalla gioventù d'oggi. Quell'espressione
voleva dire: _Ma infine ora siamo qualche cosa anche noi_ — _non saremo
più disprezzati._ — _Avremo anche noi degli uomini che potranno farsi
valere._ — _Una prova l'abbiamo data._ — _Non si potrà dire che non
meritiamo la libertà._

Certamente non si andava allora all'idea dell'unità d'Italia;
l'affermarlo, non solo sarebbe esagerazione, ma la cosa la più opposta
al vero, poichè la grande speranza, la base del vagheggiato successo
della guerra, stava nell'azione concorde di tutte le forze italiane,
e le notizie allora che più esaltavano erano quelle che la Toscana, il
Papa, il Re di Napoli, tutti si disponevano a mandar le loro forze alla
guerra d'indipendenza; ora che in compenso si volesse allora cacciare
i principi italiani dai loro Stati, era pensiero assurdo; e quindi si
era paghi dell'indipendenza, o, in altri termini, che l'Austria uscisse
dall'Italia, poichè sebbene non imperasse direttamente che sul Regno
Lombardo-Veneto, indirettamente signoreggiava tutta l'Italia.

Ad aumentare l'entusiasmo di que' primi tempi vennero le nuove della
battaglia di Goito dell'8 aprile. In realtà era stato ciò che si
può chiamare un combattimento brillante; aveva dato luogo ad atti di
presenza di spirito e di slancio, ma non si poteva attribuirgli le
proporzioni di una battaglia, tuttavia si preferì battezzarlo così e
ritenerlo come preludio della prossima presa delle fortezze.

Alle notizie che si potrebbero chiamar lombarde e che facevano tutte
capo a Milano, ove neonati giornali d'ogni colore le foggiavano poi
a modo loro perchè facessero colpo, vennero ad aggiungersi quelle
del Veneto: _Anche Venezia è libera_, si udì un bel mattino in quei
primi giorni. I Tedeschi partirono senza impegnare lotta, nulla
soffrì Venezia. I giorni memorabili del _fatato_ mese di marzo furono
precisamente i giorni 21 e 22 marzo anche per essa.

Tutto questo era avvenuto senza concerto alcuno di partito fra Milano
e Venezia, ma sibbene perchè le medesime cause avevano agito sull'una e
sull'altra città, avevano elettrizzate le popolazioni. L'esultanza per
queste notizie non si manifestò soltanto in atti di gioia, in sterili
declamazioni, ma con fatti che dimostrarono la buona disposizione
ad imporsi sacrifici. Per quanto l'avvenire si dipingesse roseo,
e non difficile la cacciata dello straniero, il retto buon senso e
precisamente colà dove non era stato offuscato da inattesi splendidi
successi, suggeriva che si sarebbero richiesti molti sacrifici di
danaro e di uomini, e le offerte alle Casse pubbliche, e quelle ai
Comitati speciali furono numerosissime e nel complesso per somme
ingenti; i piccoli centri gareggiavano coi grandi, la campagna colle
città. Allorchè nel maggio fu indetta la coscrizione nella Lombardia,
in base alla legge austriaca, giacchè non eravi tempo di cambiarla nè
motivo, fu un accorrere generale della gioventù, e si ebbero dei casi,
e non pochi, di giovani desolati perchè non vennero ritenuti abili, e
molti di quelli che furono favoriti dalla sorte estraendo numeri alti
non raggiunti dalla leva, entrarono come volontari nei diversi corpi
che andavano formandosi; infine non eravi sacrificio che la popolazione
in quei primi tempi di slancio e di speranza non fosse pronta a fare,
e questo è da dire di tutta la Lombardia, della quale posso parlare con
maggior cognizione di causa, benchè credo che lo stesso avvenisse anche
nel Veneto.

Nel maggio il Governo Provvisorio volle affidarmi una doppia missione
in Valtellina, quella di promuovere l'organizzazione della Guardia
Nazionale e quella di attivare le pratiche necessarie per la buona
riuscita di un prestito nazionale per la guerra. Alle missioni
pubbliche altra confidenziale erami stata affidata, quella di
predisporre gli animi al plebiscito per la riunione al Piemonte,
se cioè dovesse farsi immediatamente od a guerra finita. Il Governo
s'immaginava che gli sforzi che facevano i fautori della repubblica
trovassero un'eco nelle provincie, e temeva non poco che il loro numero
fosse di qualche entità, poichè convien sapere che _unione immediata_
voleva dire fondersi col Piemonte e formare un sol regno sotto Carlo
Alberto; _differire la votazione a guerra finita_, voleva dire preferir
la repubblica. Quanto alla missione della Guardia Nazionale non fu più
difficile di quella della difesa dello Stelvio, poichè le popolazioni
erano disposte a tutto, facile del pari fu quella del prestito per la
stessa ragione[31]; quanto all'altra del plebiscito intorno alla quale
aveva già assicurato il Governo che solamente minimo poteva essere
il numero dei dissidenti, venne singolarmente confermato dal fatto,
poichè il risultato di quella provincia _fu una votazione unanime per
l'immediata annessione_,[32] il che provò che quando le questioni
sono semplici ed il pubblico è veramente libero ne' suoi giudizî,
il buon senso trionfa. La Lombardia intera poi non diede che circa
l'uno per cento di dissidenti, ossia per citar cifre esatte, l'unione
immediata venne pronunciata da 560,000 voti, contro 681. Fu il primo
voto solenne di nove voti o plebisciti[33] che dovevano succedersi
dal maggio 1848 all'ottobre 1870, da quello pubblicato a Milano e
notificato a Garda[34] l'8 giugno detto anno al re Carlo Alberto, a
quello delle provincie romane ch'ebbe luogo il 2 ottobre 1870 ed in
seguito al quale con decreto del 9 dello stesso mese, il re Vittorio
Emanuele II dichiarava annesse quelle provincie all'Italia con che si
compiva la sua unità. Le due date distano 22 anni l'una dall'altra,
spazio favolosamente breve nella vita di un popolo che passa per tante
vicende, come passò l'Italia in quel periodo, ma lungo nella vita d'un
uomo sì che molti, ma molti, non videro che gli anni infelici, mentre
non pochi fra loro contribuirono, ed anche in grado notevole, alla
finale riuscita.

Verso la metà di maggio era già di ritorno anche da quella seconda
missione, e qui siami permesso l'aggiungere una circostanza che non è
da riferirsi a me solo, ma a molti, e la posso chiamar caratteristica
dei tempi. Per quelle missioni nè ebbi, nè cercai giammai rimborsi
di spese dal Governo; chiunque era in grado di sopportar le spese,
lo faceva, senza dar carico alla cassa dello Stato; primo a dar
l'esempio fu lo stesso Governo Provvisorio, come già accennai. In mezzo
all'entusiasmo ed alla disposizione generale sarebbe parso un'offesa
il predicare agli altri i sacrifici e non farne essi stessi, e taluni
sostennero missioni costose ma coi mezzi proprî.



CAPITOLO SEDICESIMO

    L'orizzonte s'intorbida — Avvenimenti di Napoli — Il Re delle
      due Sicilie ed il Papa ritirano le truppe — L'autore va al
      campo ed entra nell'esercito sardo — Descrizione intorno alla
      parte presa dal clero lombardo negli avvenimenti del 1848 ed
      influenza esercitata da Pio IX.


Col mese di maggio può dirsi che si chiuse l'epoca delle illusioni per
coloro almeno che conservavano tanta calma da giudicare gli avvenimenti
senza prevenzione.

La fredda realtà cominciò a dimostrare che la pretesa facilità
di prendere le fortezze poteva ben cambiarsi in una difficoltà
assai maggiore di quanto si credeva; i giovani volontari al campo
cominciarono a spedir relazioni sulla dura vita del soldato, e gli
ospedali a riempirsi di ammalati; un paese intero era già caduto
vittima della guerra (Castelnuovo Veronese), interamente abbruciato, i
corpi de' volontari, sfasciati per indisciplina, erano stati richiamati
ai centri e ricomposti. A Napoli il re Borbone aveva fatto il suo colpo
di Stato il 15 maggio, dimostrando di qual genere fosse la sua lealtà,
e mandando in pari tempo ordine alle sue truppe di retrocedere; il
Papa, senza sopprimere la costituzione, aveva ritirato esso pure le
sue truppe; dall'altra parte notizie sicure dalla Germania annunciavano
l'invio di grosse forze dell'Austria; l'orizzonte infine s'annuvolava
d'ogni parte.

Dopo aver compite le mie missioni pacifiche io determinai di andare
al campo ed entrare nell'esercito non avendo fede che in corpi
regolari, ma dovetti differire di alcuni giorni perchè faceva parte
d'una Commissione per un progetto di legge elettorale che aveva a suo
capo il conte Porro, già membro del Governo Provvisorio. Si era detto
che doveva durar poco; ma io cominciai allora ad imparare cosa sono
i partiti politici e le piccole furberie. In quella Commissione che
si riuniva a Brera, eravi il partito repubblicano in minoranza sì, ma
ben pronunciato; esso trascinò la discussione in lungo non solo, ma
quando si venne finalmente alla conclusione, non so per qual fine suo
proprio, a me ignoto, il relatore non dava mai la relazione, talchè io
avendo perduta la pazienza, piantai relatore e Commissione, ed ai primi
di giugno andai al campo ed entrai nell'esercito sardo in servizio
gratuito qual luogotenente di fanteria. Venni ascritto come tale al
5º Aosta fanteria, ma tosto aggregato allo Stato Maggiore Generale
sotto l'immediata dipendenza del generale Salasco. Il quartier generale
era allora a Valleggio e trovai colà addetti al medesimo corpo il mio
amico il conte Carlo Taverna ed i signori Achille Battaglia, il conte
Alberto Martini ed il signor Giovanni Curioni, tutti milanesi, non che
il signor Marco Minghetti, bolognese, ed il duca di Dino, francese, coi
quali tutti strinsi amicizia. Alla fine della campagna veniva promosso
a capitano effettivo di Stato Maggiore. Mi sia perdonato questo breve
cenno tutto personale, ma serva per provare che predicando agli altri
che l'Italia stava allora nel campo, seguiva anche nel fatto quella
massima; se cause da me indipendenti non mi permisero d'attuarla
prima, fui però in tempo di prender parte ai più serii eventi della
guerra, nei cui particolari non intendo però di entrare. Farò invece
un passo addietro, ritornando al mese memorabile che vide sprigionarsi
l'uragano, e porrò sotto agli occhi del lettore alcune considerazioni
intorno a due fra le principali ragioni che vi contribuirono, delle
quali ho bensì già fatto un cenno, di fuga, ma meritano essere
conosciute più davvicino, e queste si riferiscono al clero lombardo ed
a Pio IX.

Fra i molti fatti che dopo un lasso di 27 anni[35] difficilmente si
possono comprender bene ed anche giudicare a seconda del merito, sta
forse in prima linea quello dell'influenza di Pio IX e del clero.

Fedele al mio assunto di non parlare che di quanto posso garantire, io
non m'occuperò che del clero lombardo, benchè creda che la gran parte
di quanto narrerò si possa applicare a tutto il clero dell'Alta Italia.

La sua influenza fu grande, e tale che, se non esistessero
ancora testimonî a decine di migliaia, in ogni classe di persone,
difficilmente lo si crederebbe da chi dovesse apprendere soltanto dagli
scrittori di storia la narrazione di fatti, de' quali non potesse più
avvalorarsi di tante e sì svariate testimonianze. Il dimenticare di far
cenno della parte ch'ebbe il clero, sarebbe cosa ingiusta, un errore
storico dei più imperdonabili. Per quanto modesto sia il carattere di
questo scritto, e si debba qualificare piuttosto cronaca che storia, la
sua base caratteristica rimane sempre la verità, e questa sarebbe lesa
se tacessi di una delle cause più influenti dei fatti che narrai.

Queste premesse sono indispensabili non per i contemporanei degli
avvenimenti, ma per la gioventù che crebbe dopo, e che, trovandosi
educata in un'atmosfera affatto diversa, dura fatica a farsi un
concetto netto di que' tempi sotto tale rapporto.

Se un giorno, taluno, senza prevenzioni di sorta, si proverà a studiare
la storia dello svolgimento dell'idea dell'indipendenza nazionale
italiana, troverà un punto capitale che si presenta da sè quale
principio d'un periodo diverso dei precedenti nel suo andamento. Questo
punto capitale di partenza è l'elezione al trono papale di Pio IX.
Esso comincia a metà giugno 1846, trova il suo apogeo verso la fine
del successivo 1847, declina bensì dopo quell'epoca, ma per circa la
prima metà del 1848 i suoi effetti sono sempre grandissimi, e come tali
agiscono ancora durante le celebri Giornate di Milano.

Pio IX succedeva a Gregorio XVI, dotto cenobita, uomo non senza meriti,
ma vero tipo d'un pontefice quale lo svolgimento di tutta la storia del
papato aveva costretto ad essere il Papa, nella sua qualità di sovrano
temporale, cioè avverso ad ogni libertà, intollerante in materia
politica più ancora che in materia religiosa, diffidente de' principi
italiani, ed anche dell'Austria, ma costretto a riconoscerla come il
principal sostegno del suo trono.

L'opinione pubblica in Italia, e più specialmente negli Stati
Pontifici, erasi rassegnata a non ammettere nemmeno la possibilità
che un Papa potesse essere diverso da quel tipo, sì perfettamente
rappresentato da Gregorio XVI.

L'Italia, nel suo cammino verso la libertà, incontrò sempre il Papa
principe temporale qual suo nemico; coloro stessi che in piena buona
fede credevano che la condizione di essere sovrano indipendente
fosse necessaria pel capo supremo della Chiesa cattolica, non si
dissimulavano quelle difficoltà di speciale natura, che doveva generare
l'inevitabile lotta fra l'interesse nazionale e l'interesse del capo
della Chiesa. Quasi contemporaneamente alla nuova dell'elevazione al
trono del nuovo Papa, si sparge quella che sia di sentimenti liberali;
indi a poco arriva l'atto dell'amnistia così lata, così ampia, senza
restrizioni. L'effetto è indescrivibile, non già solo in Italia, ma
in tutta Europa, anzi in tutto l'orbe civilizzato. Pochi documenti
furono riprodotti così prontamente da tutti gli organi della pubblicità
come quello. Esso si raccomandava talmente per la sostanza e per la
forma, che fece l'effetto di un vero avvenimento, del quale tutti si
occupavano, nelle città e nei villaggi, in pubblico ed in privato.
Notizie venute da Roma non si limitavano a descrivere l'entusiasmo
generale per quanto già si era fatto, ma annunciavano riforme in senso
liberale, e l'inaugurazione netta e franca di una politica italiana,
ossia d'una politica tendente a procurarle la sua indipendenza; allora
l'entusiasmo anche negli altri Stati d'Italia non ebbe più freno. Pio
IX divenne l'inviato della Provvidenza per l'emancipazione nazionale;
il perno, il centro il più naturalmente indicato per la spinta morale
verso quella secolare aspirazione dei più insigni figli d'Italia. Un
Papa liberale! questo capovolgeva i ragionamenti di tanti scrittori e
pensatori antichi e moderni; ma nulla importava che venissero presi in
fallo; l'effetto era tanto maggiore anche per questo; che importava
mai che quegli scrittori e ragionatori avessero torto? L'essenziale
si era, che il preteso conflitto, l'ostacolo ritenuto tanto naturale
quanto inevitabile, non esisteva più; e la teoria, benchè appoggiata
sino allora dal fatto, veniva distrutta da un altro fatto più recente,
che doveva essere principio di un periodo opposto, convertendosi
in aiuto quello che fino allora si credeva un ostacolo. Sia pure il
primo Papa liberale, che si pone a capo della falange degli aspiranti
all'indipendenza nazionale, non è per questo meno potente, meno vero
o meno decisivo quel fatto. Il Papa è il capo della milizia la meglio
organizzata che si conosca e con una disciplina secolare, le cui
ramificazioni s'intrecciano con tutta la società, dalle classi alte
alle infime; i suoi ministri sono ricevuti nei palazzi e nei tugurî,
sono ascoltati dai ricchi e dai poveri, influiscono sugli individui
e sulle moltitudini, in pubblico ed in privato. È un esercito la cui
potenza morale è sempre grande, ed in quell'epoca era sconfinata.

L'idea dell'indipendenza nazionale aveva sempre trovato fautori nel
clero lombardo, ma la speciale missione del clero, la certezza che il
capo visibile della Chiesa era avverso ad ogni innovazione politica,
faceva sì che il maggior numero si tenesse estraneo ad ogni azione;
ma, dacchè si annunciò essere liberale il Papa stesso, cadde la
ragione del ritegno, ed il clero si fece caldo sostenitore dell'idea
dell'indipendenza italiana, e fu pel suo mezzo ch'essa divenne popolare
anche nelle campagne. Già un gran passo era stato fatto in quel senso
da scrittori che, condannando gli insani tentativi delle cospirazioni,
avevano accennato alla via opposta, ossia a rendere partecipi dello
scopo, cui si tende, le moltitudini, le quali soltanto potevano dare
i mezzi, ossia essere pronte ad offrir vita e sostanze; il che non
si ottiene che con una convinzione profonda, che conviene prima saper
generare. I molti scritti, che, dapprima in via indiretta e poi senza
velo, avevano agito sulla pubblica opinione, avevano già allargato
il numero non solo dei credenti nell'avvenire d'Italia, ma anche di
quelli che sarebbero stati pronti ai sacrifici; nullameno, per quanto
fosse grande questo numero, esso crebbe a dismisura allorquando tutto
l'esercito disciplinato del Papa si fece esso pure a diffondere
e commentare la possibilità d'una patria libera ed indipendente.
L'idea, già per sè generosa e seducente, non più contrastata, ma
all'opposto favorita dal clero, penetrò letteralmente in tutti gli
strati della società; ma con essa penetrò anche l'idea d'un inevitabile
conflitto coll'Austria. E si accettava anche l'idea della guerra,
e le probabilità di vincerla si deducevano da quella concordia
universale che si manifestava. A prezzo di grandi sacrifici già si
vedeva l'Italia padrona di sè, fare il suo cammino senza lotta fra
lo Stato e la Chiesa, senza nocumento per la religione. Non è a dire
quanto ciò contribuisse ad aumentare il numero di coloro che avevano
fede nei destini del paese e togliendo ostacoli in seno alle famiglie,
ravvicinando giovani e vecchi, che per quanto al sentimento nazionale,
alle idee fondamentali di indipendenza dallo straniero andavano
d'accordo, ma dissentivano intorno alla questione del potere temporale
del Papa; questione che veniva naturalmente ad eliminarsi, dacchè il
Papa stesso si faceva campione dell'indipendenza nazionale.

Quanto alla lotta inevitabile, già nel 1847 se ne viddero i prodromi
nelle misure che il Governo austriaco andava prendendo rapporto alla
nuova attitudine del clero. Credo fosse preparato ad ogni evento, meno
che a quello d'un Papa liberale; epperò rimase stranamente sconcertato.
Egli comprese perfettamente che non si poteva fondare unicamente sul
numero dei soldati, sulle baionette e sui cannoni per far fronte ad
un'opposizione diversa da quella preparata dalle sètte segrete; epperò
decise di combatterlo. Cominciò colle ammonizioni ai parroci, col far
sorvegliare e quasi sindacare le prediche; ma riusciva al risultato
opposto, poichè un parroco ammonito diveniva subito oggetto di
simpatia e di lode, come buon patriota. L'autorità governativa, ultima
nella gerarchia degli stipendiati, e che si trovava all'immediato
contatto delle popolazioni, era il commissario distrettuale. Oltre le
attribuzioni amministrative, aveva quelle della polizia propriamente
detta, la quale allora si divideva in due distinte categorie: la
polizia che corrisponde all'ufficio di pubblica sicurezza odierno
e la polizia politica. Rapporto alla prima, le condizioni fatte da
una sequela d'anni di governo forte erano buone, e per questo quelle
autorità avrebbero avuto, se non la simpatia delle popolazioni, certo
nessun odio da esse; ma in que' tempi, e nel bisogno in cui si trovò il
governo, allorchè dovette combattere anche il clero, la parte politica
prevalse.

Si fu a que' commissarî che venne ingiunta la sorveglianza sul clero,
sopratutto nelle campagne, ma l'effetto ne fu che i commissarî, già
poco benevisi, caddero ancor più basso, e vennero riguardati come gli
stromenti i più ciechi del governo; facilmente nacquero quindi le lotte
fra essi ed i parroci e le autorità comunali, che, per essere gratuite,
una certa indipendenza naturale pur l'avevano. Queste lotte erano
piccole, se vuolsi, prese una per una, e sovente la loro conoscenza
non varcava i modesti confini del Comune; ma suppliva il numero; era
il fermento che si faceva generale; dalle città veniva l'intonazione;
colà il gran chiasso, che poi nelle campagne si diffondeva su vasta
superficie.

Si fu in tale disposizione d'animi generale a tutta la Lombardia, che
sorse il 1848.

Coloro che con maggior attenzione tenevano dietro alle difficoltà
colle quali doveva lottare il Papa, si erano già accorti che non era
nè poteva essere quel tipo ideale che di lui aveva fatto l'opinione
pubblica dominante. Egli stesso aveva a più riprese dichiarato che
lo si voleva spingere oltre il limite al quale credeva poter andare;
ma nelle moltitudini nulla di questo era ancora trapelato; e siccome
poi anche fatte quelle sottrazioni, in realtà la parte da lui presa e
mantenuta ancor sempre in quell'epoca, costituiva un abisso fra Pio IX
ed i suoi antecessori, così grandissima era sempre la sua autorità e la
sua influenza, al principiare di quell'anno cotanto memorabile. Venuti
i giorni di lotta, vidersi anche i seminari gareggiare d'entusiasmo
colle università e coi licei, e molti chierici cambiar carriera
e prendere il fucile. Il clero già vincolato, fermo al suo posto,
porse tutto l'aiuto che poteva dare moralmente ed anche con sacrifici
materiali; vi ebbero esempî generosi, e non pochi; e può dirsi, senza
esitanza, che il più gran numero fece il suo dovere; ed io richiamo
quei meriti, anzitutto perchè è un fatto, una verità, ma poi perchè non
diviene mai tanto necessario il rendere giustizia quanto in tempi nei
quali è dimenticata o contrastata.


PAPA PIO IX.

Io non so se avverrà che si trovi lo storico che saprà tramandare ai
posteri il ritratto morale di Pio IX. Ne dubito molto, e sicuramente
sarà impresa difficile. I fatti ai quali si mescola la passione,
sono sempre i più difficili ad accertarsi nella loro vera natura.
L'entusiasmo e l'odio si possono paragonare a lenti che alterano
le proporzioni; rapporto a pochi uomini si passò dall'uno all'altro
eccesso, come rapporto a Pio IX. Per quanto grande fosse l'entusiasmo
in Lombardia nei primi anni del suo papato, credo che fosse superato
da quello destato in Roma, stando alle narrazioni di quel tempo. Più
ancora di quelle testimonianze valgono quelle dei contemporanei sempre
viventi; e questi narrano che nessun uomo, nessuna penna umana saprebbe
descrivere l'entusiasmo destato da Pio IX, allorquando, nel giugno
1846, affacciatosi al balcone del Quirinale, invocò la benedizione di
Dio sull'Italia. La vasta piazza era piena stipata di popolo d'ogni
ceto e d'ogni età.

La preghiera era sincera e venne esaudita.

Ventidue anni dopo a quel medesimo balcone si presentava Vittorio
Emanuele II, la personificazione dell'unità ed indipendenza italiana; i
frenetici applausi dalla piazza egualmente stipata accolsero il primo
re d'Italia. Fra i sacrificati, fra le vittime, direbbe la passione,
di questo grande periodo storico che riunisce il 1846 al 1870, vi ebbe
il Pontefice stesso; la benedizione si sarebbe rivolta contro di lui
nel concetto di coloro che dànno anche alla Provvidenza le passioni
umane, e, sempre ciechi, credono che la perdita del poter temporale si
possa paragonare ad un castigo. Verrà forse un giorno in cui si troverà
che fu il più grande beneficio per la religione; ed è in questo senso
che io dissi che la Provvidenza aveva accolta la sincera preghiera
di Pio IX al doppio beneficio dell'Italia e della religione. Egli è
però certo che quelle due estreme epoche, il 1846 e 1870, racchiudono
avvenimenti strani, inattesi, singolarissimi; gli amici diventano
nemici; l'entusiasmo si converte in odio; la religione vien chiamata in
aiuto a fini temporali, quando questi sono più contrastati e quella più
fiaccata; si confondono le idee; più non regna che la passione; ed, in
mezzo a tanto caos, l'impresa nazionale fa il suo cammino, giovandosi
della virtù e degli errori del grande protagonista, del quale si
vorrebbero ora mettere in evidenza solo gli errori, negando i meriti.
Sarebbe questo giustizia? Or come lo giudicheranno gli Italiani? Se
fosse possibile imporre silenzio alle passioni, io direi che non vi è
indulgenza che basti per giudicare Pio IX, sì grande è il debito che a
lui deve l'Italia. Ma non sarebbe forse anche questo un linguaggio che
sente la passione, potrebbe chiedere taluno?

Io non credo, e spero provarlo, ed a questa prova ci tengo, e ci devo
tenere, perchè almeno presso quei pochi che mi leggeranno vorrei pure
trovar credenza non invocata per generiche affermazioni di lealtà, ma
basata su antecedenti del narratore, i quali, per quanto siano modesti
ed individuali, portano alla conseguenza che merita la fede invocata.

Io ho già fatto cenno come, non contento di rinchiudere in me le
aspirazioni per l'indipendenza d'Italia, mi facessi a propugnare
quelle idee anche con scritti; il mio punto di partenza era quello:
che l'Italia _doveva redimersi da sè_. Partendo da simile base,
era impossibile il pensare all'unità, perchè, se era già un'impresa
arrischiata il combattere la potentissima Austria colle forze unite
delle quali potevano disporre i sovrani del Piemonte, della Toscana e
delle Due Sicilie, sarebbe stata impossibile se contemporaneamente si
fosse accesa una guerra civile; cosa inevitabile se si fosse voluto
sacrificare due di essi al terzo. D'altronde, dicevo allora, l'Italia
non solo ha bisogno di costituirsi, ma di sorger forte e che abbia
confidenza in sè stessa e si guadagni il rispetto e la stima delle
altre nazioni.

Ma per arrivare a questo è indispensabile che la propria redenzione
le venga, anzitutto, da sè stessa, e non da stranieri; è dessa che
deve versare il suo sangue; sacrificare i suoi tesori. D'altronde,
ove troverà gli uomini per governare se mancheranno le occasioni
per svilupparli, per porre in evidenza le sue attitudini militari e
politiche? Chi crederà alla solidità di un ordine creato non dalla
forza degli Italiani, ma dagli stranieri? Non è egli ovvio che si
dubiterà che possa consolidarsi ciò che non è sorto per forza propria?
Qual è mai il bambino politico che in tesi astratta non avrebbe
preferito un'Italia una! Ma come era possibile il farla senza che
nessuno l'aiutasse? La questione non era teoretica e di aspirazioni più
o meno generose, ma pratica; era la questione che decider si doveva
a cannoni e baionette sui campi di battaglia; e per l'Italia la sua
prima, la sua questione vitale non era quella dell'unità, sibbene
quella dell'indipendenza da ogni dominazione straniera. Si è su quel
tema che conveniva portar allora l'attenzione della nazione e calcolare
le sue forze, per vedere se poteva cimentarsi; ed, a mio avviso, lo
poteva in determinate condizioni, e lo doveva fare.

Nel mio concetto sacrificava l'unità all'indipendenza, purchè questa
fosse tutta opera nostra. Ero nemico dichiarato d'ogni intervento
straniero.

Nel fare la rassegna delle forze italiane, nel passare in rivista gli
ostacoli da vincere, potentissimo, per l'influenza morale mi pareva
ch'esser dovesse quello della guerra al principio del poter temporale
del Papa; ed era precisamente su quel tema che gli scrittori erano
divisi; autori di grandissimo merito, come il Balbo, che i posteri
apprezzeranno più assai dei contemporanei, non sapevano concepire
quella separazione senza grande perturbazione nelle coscienze, e quindi
con una pericolosa reazione anche sulla questione politica dell'Italia.
A me pareva diversamente; ma il giudicare in quel modo prima che
salisse al trono Pio IX, era cosa di ben piccolo merito, dacchè può
dirsi che fosse l'opinione dominante; ed io scriveva precisamente
correndo l'ultimo anno del papato di Gregorio XVI.

Fui obbligato ad entrare in queste particolarità, perchè in questo
caso la data costituisce il perno della questione. La condotta di Pio
IX durante il primo anno rovesciò quella credenza generale; capovolse,
colla persuasione de' fatti, i ragionamenti secolari; in tal modo che,
non solo non si trovò più nel 1846-47 chi sorgesse a predicare contro
il potere temporale del Papa, ma, invece, erano numerose e clamorose le
conversioni in senso opposto; fioccavano gli indirizzi ed i consigli
al datore della libertà, al primo italiano. Il Gioberti, persona di
tanta autorità, aveva sognato un Papa paciere universale. Pio IX parve
la realizzazione di quell'ideale del grande filosofo. Come dovessi
rimanere anch'io al vedere qual via prendeva il nuovo Papa è facile il
concepirlo. Un Papa liberale! I fatti, che si svolgevano sotto i miei
occhi, non ammettevano dubbio; tutti gli autori, sommati assieme, non
avevano prodotto, nel corso d'anni, un effetto eguale a quello ch'egli
produsse nel corso di pochi mesi; è vero che quelli prepararono il
terreno, ma quell'impulso da lui dato fu di così strana efficacia,
che, nell'effetto li vinse tutti. Vorrò io perseverare nella dottrina
dell'incompatibilità del potere temporale del Papa colla libertà ed
indipendenza d'Italia, mi chiesi allora?

Per una combinazione, i cui particolari risparmio al lettore, il mio
libro, ch'era stato stampato lontano, fuori d'Italia, non comparve
che quando già dominava l'entusiasmo per il nuovo Papa. Avevo avuto il
tempo di ricredermi, ma fatto, come si direbbe, l'esame di coscienza su
quella professione di fede, non arrivai a persuadermi della possibilità
che la libertà d'Italia fosse compatibile col dominio temporale del
Papa. Pio IX tenta l'impossibile, mi dissi; o desso cade in tale
impresa, od è obbligato a cambiar via.

Contento che la data provasse che io non scriveva per oppormi alla
corrente, la quale, naturalmente, non si lasciò punto commuovere
dall'avviso opposto di uno scrittore che non poteva battezzare nemmeno
col suo nome il povero suo scritto; io ammirai la condotta di Pio
IX forse più degli altri, vedendo come quest'uomo, già fatto segno
alle ire de' più grandi nostri nemici, s'incamminasse su d'una via
cotanto difficile per amore dell'Italia. Un Papa liberale voleva
dire, nell'opinione dei nostri nemici, un Papa fedifrago. Il Papa è
considerato come un usufruttuario d'un potere non suo; gli aspiranti
alla successione lo considereranno come un depositario infedele. Tutto
quel secolare complicato edifizio che si chiama il potere temporale del
Papa è basato sul principio d'uno sconfinato assolutismo, così lo prova
la storia; e che in egual modo lo giudicassero quanti avversavano la
causa italiana, lo provò la loro sorpresa, il loro sgomento, allorchè
viddero i primi atti di Pio IX. Era quella una norma, un termometro
per un italiano, e nessuno più di me fu contento d'aver torto, poichè,
per quanto fossi convinto che quell'individuo non poteva seguitare,
non ero sì stolto da ammettere che il mio giudizio fosse infallibile.
Ora quegli anni sono ben lontani, e come Pio IX cambiasse è a tutti
noto; non poche furono le debolezze da lui commesse, ma sono forse gli
Italiani che devono sorgere suoi acerrimi accusatori? Lasciate che io
commetta un anacronismo, se volete, ma io non voglio separarmi dal Pio
IX del 1847.

Conobbi e conosco politicanti e politicastri che nell'epoca del suo
grand'auge non trovavano abbastanza termini per inalzarlo; più tardi
non ve n'erano che bastassero ad esprimere la loro indignazione. Nulla
sanno perdonare all'uomo che pur fece tanto, le cui virtù ed i cui
errori tornarono egualmente utili all'Italia.

Per conto mio amo attribuire a lui solo le prime, e dico che divide
gli errori coi tristi suoi consiglieri. Che lo straniero nulla voglia
perdonare a Pio IX lo si comprende, benchè l'atteggiarsi di taluni,
come se fossimo ai tempi di papa Gregorio VII (Ildebrando), sia esso
pure un anacronismo; ma gli Italiani hanno l'obbligo di giudicarlo
diversamente dagli stranieri; essi non hanno diritto di ripudiare i
primi anni e sottrarre dalla storia gli effetti di quell'eccitamento
che diede alla loro causa; e questo contrappesa i molti errori che
nella difficilissima via ha commesso.

Nessuno fu meno sorpreso di me nel vederlo soccombere, ma pochi del
pari sentono tanto ribrezzo dei codardi insulti, e giova sperare che,
quando saranno spariti tutti coloro che vogliono far dimenticare gli
eccessi antichi coi nuovi, si sarà più giusti anche con Pio IX; e voi,
storici lontani, se mai la mia voce giungerà fino a voi, lasciate che
ripeta: che gli Italiani devono essere ben indulgenti nel giudicare Pio
IX.



CAPITOLO DICIASETTESIMO

    CONCLUSIONE — L'autore entra in alcuni particolari intorno
      all'andamento attuale della cosa pubblica — Crede che il
      rimedio debba venire da una maggiore attività da parte dei
      cittadini indipendenti per mezzi e posizione sociale — Cita
      l'esempio dei grandi uomini che contava Milano nella fine
      del secolo passato — Tocca delle grandi questioni sociali
      che minacciano la civiltà e chiude esortando gli uomini
      indipendenti a volersi occupare un po' più degli affari
      pubblici.


La narrazione dei fatti da parte mia è ultimata; e, come storico, o,
dirò meglio, come cronista, dovrei prendere congedo dal mio lettore; ma
ho un'ultima preghiera da fare; ho qualche pagina da aggiungere, che
pur vorrei fosse letta. Ripeterò quanto dissi nella prelazione, che
l'aver atteso 27 anni a scrivere questi _Ricordi_ mi libera, voglio
sperare, dal supposto che un amor proprio spinto sia stato la cagione
che mi indusse a narrare le vicende delle quali fui testimonio. Ora
vorrei aggiungere che i brevi consigli, che parmi essere in diritto di
poter dare in questa conclusione, furono una delle cause, e forse la
principale, che mi indussero a scriverli.

Il cammino che ha fatto l'Italia dal 1848 al 1870 ha del portentoso,
e vi sarebbe da andarne superbi, se si potesse dire che, almeno nella
sua maggior parte, lo si dovesse alla nostra virtù e non all'aiuto
straniero; ma, infine, quest'Italia una ed indipendente esiste, e gli
Italiani presenti e futuri hanno l'obbligo di renderla forte, onorata
e rispettata.

Coloro che caddero in tante lotte hanno diritto di reclamare che
il loro sacrificio frutti e non sia sciupato o convertito in preda
ignobile di basse vanità personali, fatto sgabello a sovvertitori
d'ogni genere, a predicanti di nuove teorie sociali, che avvolgerebbero
l'Italia nel caos, per poi finire con la guerra civile.

Dopo aver dato la vita per la patria, dopo aver dato il prezioso
cemento all'edifizio delle nazioni, che è il sangue, non solo non
devono mai essere dimenticati, ma si devono invocare quelli che lo
sparsero, come i genî tutelari, dai loro concittadini, ovunque siano
caduti, a qualsiasi paese essi appartennero; i loro nomi devono
essere sacri in tutta Italia; ma egli è naturale che la venerazione
più speciale, la ricordanza più viva venir debba dal paese natale,
e l'appello fatto in loro nome non dovrebbe mai essere fatto
invano. Milano ne conta molti, ed ho fatto conoscere, per quanto
imperfettamente, in quale famosa circostanza perisse buon numero di
essi.

Se ho qualche speranza che il mio lavoro sia bene accolto, si è nel
luogo che fu il campo di quegli avvenimenti, e pel quale divennero
storia patria nel più stretto senso della parola.

Ai concittadini di que' valentissimi mi rivolgerò di preferenza,
ponendomi sotto la tutela de' genî tutelari del loro paese, e parlerò
francamente.

_L'Italia è fatta._ Se i caduti per essa potessero udir solo quella
frase si riterrebbero largamente premiati del loro sacrificio; ma
sarebbero ben presto conturbati, se conoscessero anche il modo col
quale s'incammina.

Non vi ha dubbio di sorta che quando si pensa agli innumerevoli
interessi che si dovettero ledere nel fondere sette Stati in un
solo; alle centinaia di leggi diverse che si dovettero coordinare,
ai privilegi di diritto e di fatto che si dovettero abolire; si può
chiedere se il fatto stesso, che pur si vinsero quelle difficoltà, non
parli in favore di quella forza coordinatrice che pur si è trovata, per
quanto imperfetto sia ancora l'ordinamento del nuovo Stato. È questo
un ragionamento che si fece e si fa molte volte, ed ha del vero; ma
esso è di tal natura che ogni giorno perde della sua forza; se alla
sconnessione, cotanto naturale e perdonabile de' primi anni, non
subentra a poco a poco la solidità delle instituzioni, la regolarità
nelle amministrazioni, la fede nell'avvenire, si rimarrà coi danni dei
primi tempi, ma non più scusabili.

Da cinque anni[36] è chiuso il periodo che si può chiamare _militante_,
il periodo nel quale si possono perdonare anche molti errori
commessi; ma il lasso di cinque anni non è breve; ed anche volendoci
pur riferire al 1870, qual punto di partenza, possiamo noi dire
che la cosa pubblica, nel suo complesso, siasi atteggiata in modo
da riprometterci un avvenire tranquillo e decoroso, quale conviene
ad una nazione che è grande per numero d'abitanti, per ampiezza
di territorio, ed indipendente di fatto, e deve aspirare ad essere
considerata ed apprezzata dalle altre? Se non ci mancano anche motivi
di rallegrarci per progressi in qualche ramo speciale, possiamo noi
nasconderci i molti mali presenti, che minacciano ogni giorno di
divenir più serî, come gli sconcerti finanziari di tanti Comuni,
l'abbassamento nel concetto delle popolazioni dell'idea di giustizia
per opera della Giurìa, come oggi si chiama e come oggi è organizzata?
Forse che piccolo può ancora chiamarsi l'abuso della libertà per
parte della stampa? E se taluno volesse asserire il contrario, chi mai
illuderebbe desso? Forse qualche lontano che, nutrendo simpatia per
il nostro paese, crede volentieri quello che desidera. Incominciamo
a non illuderci noi; abbiamo la carità patria illuminata di svelare e
scrutare le nostre piaghe, studiare i nostri mali senza esagerarli, ma
anche senza volerli diminuire, e l'Italia camminerà.

Ogni epoca, ogni fase, nello svolgimento della vita d'un popolo,
richiede il suo speciale genere di coraggio per progredire al meglio.
Nel periodo della lotta era indispensabile il coraggio che si riassume
nel sacrificare la propria vita, e l'Italia lo trovò; nel periodo
della sua organizzazione, nel quale oggi ci troviamo, occorre quello
di chiamare le cose pel loro nome; occorre il coraggio della propria
opinione; occorre quello di saper combattere la tirannia della
piazza, tirannia effimera, ma tirannia essa pure; occorre, all'uopo,
il coraggio di saper affrontare la così detta impopolarità, e questo
coraggio scarseggia in Italia; eppure è indispensabile. Ei conviene che
si trovi, perchè la vita d'una nazione libera ed indipendente, quale si
è in oggi l'Italia, è vita di attività e di lotta di principî; nessun
cittadino onesto, chiamato dalle leggi ad un'ingerenza per quanto
modesta ed umile, deve chiamarsi estraneo; e, se molti si astengono nel
fatto, subiscano le conseguenze dell'attività altrui, anche sregolata,
anche rivolta a tutt'altro che al pubblico bene. Ma il gran male si
è che le tristi conseguenze non solo vengono subìte da quelli che le
meritano, ma si fanno subire anche a coloro che non vi hanno alcuna
colpa. Nessun cittadino deve rifiutarsi a concorrere all'andamento
della cosa pubblica. Questo è il principio fondamentale, sì poco curato
in Italia. Quanti cittadini indipendenti ed onestissimi, credono che
quando hanno soddisfatto le imposte, il loro cómpito sia finito, e
abbiano diritto di starsene tranquilli all'infuori d'ogni questione,
non pensando che ai fatti loro? Ebbene, sono in grave errore. La
legge, il paese chiede loro il sacrificio di una mezz'ora all'anno per
andare a votare per l'elezione di pochi consiglieri comunali (volendo
scegliere un esempio riferibile agli ultimi ordigni della macchina
sociale, ma che sono indispensabili essi pure); ma quella mezz'ora
non si trova, non si dà importanza all'atto, al proprio diritto. Si
ha la coscienza che, votando, si voterebbe senza secondi fini; si ha
la certezza che non tutti seguono quella massima, eppure si trascura
d'esercitare il proprio diritto, di portare un voto coscienzioso, e, se
occorre poi, si deplora il risultato delle elezioni.

Questo è il gran male, tanto più grande, quanto più generale.
Lo si comprende, lo si spiega esso pure senza fatica; la nessuna
partecipazione ai pubblici affari per lo addietro, seminò l'inerzia
e l'apatia; ma la spiegazione non è una scusa in presenza sopratutto
dei mali che genera, e questi non sono meno gravi. Come mai l'Italia,
all'indomani della sua rigenerazione, trova già stanchi tanti de' suoi
figli, e tanta svogliatezza da rifiutarle il più leggiero soccorso nel
nuovo suo cammino? Certo che non è sì facile; ma chi mai avrebbe posto
su eguale bilancia le difficoltà di farla camminare franca e risoluta
con quelle di redimerla, liberarla da tanti ceppi d'ogni genere,
d'ogni natura, antichi e moderni? Quell'ideale che vagheggiarono tanti
valent'uomini, pel corso di secoli, apparisce forse deformato, ora che
s'incarnò realmente nel fatto, tanto da perdere le sue attrattive? Oh,
non si faccia sì grave torto alla verità! Sarebbe un'ingiustizia verso
quanti si adoperarono a quel grande risultato, ed una crudeltà verso
i posteri. Che importa che l'Italia sia libera ed indipendente se non
è capace di rendersi forte e rispettata? Forsechè un'altra nazione,
che da secoli è una e indipendente anch'essa, la nazione spagnuola,
che pure è fornita di nobilissime doti, non è lì per mostrarci che
l'unità ed indipendenza non bastano per costituire la nazione in modo
stabile, che permetta lo svolgersi di tutte le sue forze, di tutte
le sue attitudini, tanto da rendersi prospera e rispettata? Se reca
meraviglia come una sì lunga lotta non abbia esaurite le forze vitali
di quella nazione, non si può a meno di considerare, dall'altra parte,
cosa sarebbe la Spagna se tutte quelle forze morali e materiali, che si
paralizzarono, fossero state impiegate in modo utile. Qual alto luogo
non occuperebbe dessa nella stima universale! Quale prosperità non
regnerebbe nel suo seno!

Oh! lasciate che l'Italia redenta abbia spavento di venir trascinata
sulla via della Spagna. Si faccia pure larga parte alle difficoltà
che si dovettero superare, ma, in nome e per amore di coloro che ci
fecero vincere, e, colla loro morte diedero la vita a questa gran
patria comune, che a noi consegnarono, non abbandoniamola, lasciando
che trascini fra stenti la sua esistenza. Ma chi la deve soccorrere?
_La grande massa_, rispondo, _degli onesti cittadini, che oggi si
chiamano estranei a qualunque ingerenza ne' pubblici affari, per
quanto sia modesta._ Nella massa de' cittadini indipendenti sta la
forza d'una nazione; ma, quando questi cittadini fanno il loro dovere.
Questa classe non è piccola in Italia; fate che dessa entri ovunque
ha diritto di entrare, e l'Italia camminerà colle sue leggi, colla
sua libertà; il buon senso domina, e, ben presto, coll'unione verrà la
forza, e con questa il coraggio che occorre in tutte le possibili sfere
ed amministrazioni; ed allo sconfortante pensiero di un avvenire che
s'intorbida sottentrerà la fede nei destini d'Italia, quella fede che
ravviva, che opera miracoli.

Ma... io mi accorgo che ho divagato, che ho battuto, come suol dirsi,
la campagna; mille e mille volte furono già dette queste cose; vennero
dati simili consigli, e non valsero gran fatto a scuotere l'inerzia e
l'apatia. Non per questo mi sgomento, nè cancello ciò che ho scritto,
e mi tengo al consiglio, al detto, tanto antico quanto autorevole:
_Battete, e vi sarà aperto_.

Ebbene, verrò anch'io a battere in nome di coloro che caddero, e forse
qualcuno mi ascolterà. Anzichè vagare, dissertando in tesi generali,
io entrerò in particolarità, e mi rivolgerò alla classe che, a mio
giudizio, fornisce gli elementi migliori, a quella de' cittadini
indipendenti, che non hanno nulla da chiedere, nulla da temere; quella
classe che, laddove fosse penetrata dal sentimento del dovere che
hanno tutti i cittadini, di contribuire al rassodamento ed all'onore
della patria comune, sarebbe in grado di somministrare il personale
necessario in tutti gli uffici amministrativi fondati sul principio
elettivo e sul principio delle funzioni gratuite, dal consigliere
comunale al deputato al Parlamento; dall'amministratore del patrimonio
d'un Luogo Pio, di poche migliaja di lire, a quello di milioni. Non
sono cose nè difficili, nè nuove. In Inghilterra, in Germania, una
persona, per quanto sia ricca, si propone un fine, una meta alla sua
operosità, perchè il far pompa di ricchezze che non giovano che al
possessore procura disprezzo anzichè stima; ogni persona che sente
dignità sdegna essere un inutile parassita nella grande famiglia alla
quale appartiene; se tali sentimenti divenissero popolari anche in
Italia, influirebbero ben presto a spingere quella classe di cittadini
all'attività pubblica.

Ma, per conseguir questo fine, per arrivare a render popolare queste
idee, occorrono fatti, le moltitudini si persuadono solo cogli esempî;
poco giovano le teorie. Al merito speciale di servire il proprio paese,
in qualunque ufficio o grado, che pur richiedesse anche un piccolo
sacrificio, aggiungeranno quello di migliorare, sotto tale rapporto,
l'opinione pubblica in Italia sulla ricchezza privata; perchè, se fra
noi si rispetterà forse ancora per lungo tempo più di quanto merita il
ricco ozioso, si considererà almeno come un ideale il ricco occupato ed
utile al paese.

L'Italia ha bisogno della considerazione e della stima delle altre
nazioni. Se v'ha questione nella quale l'illudersi e l'incensarsi
sarebbe proprio ridicolo, è sicuramente quella relativa alla stima
delle altre nazioni. La risposta al quesito: _Cosa vale l'Italia?_
non deve partir da noi, ma sibbene dobbiamo fornir noi gli elementi.
L'_estero_ (e chiamo con questo nome chi non è italiano), sa benissimo
che una gran parte del successo dell'Italia non si deve agli Italiani,
e nell'assegnargli la sua parte, è più severo di noi; e chi lo spinge
a quella severità sono le tendenze manifestate da taluni, e non pochi,
di voler menomare il soccorso prestato da altre nazioni all'Italia, e
sopratutto, parliamoci ben chiaro, il grande servizio che ci venne reso
dalla Francia.

Quanto più alta non sarebbe certo la stima per l'Italia se avesse
conquistato da sè sola la sua condizione attuale; ma, dacchè ciò non
era tampoco fra le cose possibili, non dobbiamo cercare di menomare
il merito altrui, perchè, in luogo di far crescere il nostro, lo
si diminuirebbe per l'ingrato senso che desta anche nelle nazioni
che furono neutrali, ogni idea di ingratitudine. L'Italia conta
abbastanza fatti splendidi ed annovera tal numero di vittime per
attestare che non fu piccola anche la sua parte nella grande opera, e
ne converranno tanto più facilmente anche gli estranei, quanto più noi
rispetteremo il merito altrui. Ad ogni modo, la questione è finita;
su questo campo non vi sono più allori da cogliere; e quanto al saper
conservare, occorrendo, colle armi, la posizione attuale è questione
dell'organizzazione del nostro esercito, nella quale non voglio, nè è
questo il luogo d'entrare.

Ma se l'Italia, oggigiorno, per via delle armi, non può cambiare
quella qualsiasi opinione che essa gode presso gli altri popoli, e
solo può prepararsi perchè, all'occasione, le sia dato di mostrarsi
vera potenza; ben può misurarsi seco loro e cogliere allori sopra
altri campi, quelli delle scienze, delle industrie e delle arti, il che
dipende solo da lei. Trent'anni or sono, un uomo, che l'Italia annovera
giustamente fra le sue celebrità, il Gioberti, scriveva un'opera sul
_Primato morale e civile degli Italiani_. Io non oserei sottoscrivere a
tutti gli elogi; e forse il valent'uomo stimò opportuno eccitare anche
in quel modo l'amor proprio degli Italiani per spingerli a propugnar
quella causa, che poi trionfò; ma, oggigiorno, si troverebbe mai uno
scrittore che ardisse sostenere che gl'Italiani mantengono ancora
quel primato morale e civile? Chi oserebbe discendere a sì stolta
adulazione?

Trent'anni è lo spazio di tempo assegnato ad una generazione; quella
che l'Italia annoverò fra il 1840 ed il 1870, non seppe mantenere
il posto assegnatole dal Gioberti: ma essa non ha da vergognarsi
avanti ai posteri; per essa vale in tutta l'estensione del termine la
ragione vera e reale che la grande impresa nazionale assorbì tutta la
sua attività e deviò le menti da studî severi, salvo lodevolissime
eccezioni. Se non ha prodotto scritti immortali, ha fatto l'Italia;
non la fece da sè sola, ma la fece. Non è dunque in via di rimprovero
che si dice che non si tenne a paro delle altre nazioni nel grande
progresso delle scienze; lo si dice per citare un fatto che ha la sua
giustificazione, un fatto che ora dovrebbe cessare. Dove ed in qual
classe d'uomini si possono riporre le speranze le più fondate, se non
in quella classe che non è preoccupata dal bisogno di lavorare per
vivere? Milano non ha bisogno di uscire dalle proprie mura per trovare
esempî da imitare. Verso la fine dello scorso secolo essa contò un
numero non piccolo di uomini, insigni tutti, appartenenti alla classe
elevata, indipendente; e taluni sono e rimarranno vere celebrità, come
il Beccaria, i due Verri, il Frisi, il Giulini, ed altri.

Quella classe l'abbiamo ancora, nè accennando a lei, si vuol
esprimere una minor stima pel concorso che viene dalle altre, delle
quali devesi anzi fare maggior conto per le difficoltà che debbono
vincere; e quanti non riescono a superarle, quanti uomini d'ingegno
non rimangono soffocati in quella lotta col bisogno? Se la classe
che non conosce quegli ostacoli studiasse, come pur studiarono i
valentissimi che ho citato, non è egli vero che mentre procurerebbe
maggior lustro a sè stessa, gioverebbe ai meno fortunati, poichè più
facilmente si scoprirebbero e si ajuterebbero i giovani d'ingegno?
Di questi fatti ve n'ha pure larga dovizia. I mecenati nel senso
più nobile del termine, ossia coloro che accoppiando intelligenza e
ricchezza porsero la mano a giovani ricchi d'ingegno, ma poveri di
fortuna e li ajutarono a divenir uomini utili e di onore al paese,
non furono rari in passato. Più si spande l'intelligenza nelle alte
e doviziose classi, più si aumenta la probabilità che si svolgano gli
ingegni nelle altre classi. In Inghilterra vi sono ricchi signori che
mantengono a loro spese astronomi, chimici, fisici e meccanici. Una
scoperta, un passo anche modesto nella scienza, che presero a coltivare
od amare e proteggere, è il loro premio, quand'anche non vi abbiano
contribuito che indirettamente. Per qual ragione non potrà avvenire
che si faccia qualcosa di simile anche in Italia? Non mancano fra noi
le fortune colossali, se anche non vi siano in numero così grande
come in Inghilterra; ciò che manca è lo spirito che anima l'alta
classe, è l'ambizione di dire, voglio esser qualcosa, non per le mie
ricchezze, ma per l'uso che ne saprò fare. Io non credo con questo di
far una censura, direi, generale a tutta la classe ricca in Italia;
certo come vi furono in passato non mancano anche oggi individui che
rispondono a quell'ideale di un ricco indipendente che lavora pel
bene del suo paese senza secondi fini; ma vorrei far comprendere che
se questo fu sempre utile, lo è assai più nelle condizioni nostre
e nell'organizzazione della nostra società quale ora si trova colla
sua base nella costituzione. Le vie sono aperte a tutti, la parola
_privilegio_ ha ormai perduto il suo significato, ma quale spettacolo
vede oggi l'Italia? Una ressa, una fretta di voler essere ricchi
ed influenti a qualunque costo; quindi caccie a posti in tutte le
gradazioni di amministrazioni possibili, di cui molte non vanno bene;
gli scandali si fanno frequenti; il pubblico, il grandissimo numero
de' cittadini comincia a sfiduciarsi nel vedere che il bene pubblico
non è il fine, ma il mezzo per saziar vanità o cupidigie. Dove trovar
il rimedio a questo stato di cose? Nella classe côlta ed indipendente,
nei cittadini stessi, nel senso di abnegazione di volersi imporre un
peso pel bene pubblico, al che ora rifuggono troppi assai di coloro
che lo potrebbero fare. Fate che gli uomini disinteressati ed istrutti
prendano in mano le redini delle amministrazioni e cammineranno. Le
due qualità vogliono essere unite, perchè l'onestà senza il sapere è
presto vittima del sapere senza onestà. Quando l'Italia prima del 1848,
frastagliata com'era, inceppata in tutti i suoi movimenti produceva
qualche scritto, qualche opera d'importanza esclamavasi e dentro e
fuori: _Che non darebbe l'Italia se fosse libera?_ Da 15 anni essa è
libera nella grandissima sua parte, e da un quinquennio lo è nella
totalità; or bene come ha corrisposto a quella speranza? Eppure in
Italia come in qualsiasi altro paese, il primo bisogno sarà sempre
quello d'aver uomini leali ed istrutti ad un tempo nella maggior copia
possibile. Perchè mai nella gioventù della classe indipendente non
sorge l'ambizione così giusta, così legittima di voler guidar essa
gli affari, spingendo pure lo sguardo sino all'ultima meta ora libera
a tutti, quella di rappresentante della nazione? Leggendo un giorno
la biografia d'uno dei più grandi uomini politici dell'Inghilterra,
appresi che giovine ancora ei vagheggiava l'idea di entrare a suo tempo
nel Parlamento; ei si accinse quindi a studiare tutto quel complesso
di scienze, che sono indispensabili ad un uomo politico: la storia,
le scienze economiche, la legislazione speciale del proprio paese,
i grandi oratori che ebbero influenza sui destini dell'Inghilterra,
quanto infine può aumentare il tesoro intellettuale di un uomo che si
propone di far anch'esso da legislatore. Lunghi anni prima che l'età
stessa gli permettesse di entrare in Parlamento si provava a declamare
avanti ad uno specchio, volendo educarsi anche nel modo di porgere.
Venne il suo giorno, entrò nell'ambìta aula e divenne uno dei più
grandi uomini di Stato. Il fatto è certo, quand'anche io non rammento
il nome di quel personaggio; ma è ben lungi dall'essere unico e raro
esempio; il fatto si sarà ripetuto e si ripetè forse spesso non solo
in Inghilterra, ma presso tutte le nazioni, ove le classi agiate e
le aristocrazie storiche hanno la nobile ambizione di servire il loro
paese, di avere in mano gli alti uffici dello Stato.

Perchè tale sentimento non si diffonderebbe anche in Italia in quelle
classi? La stessa prescrizione così assennata dello Statuto che
dichiara gratuita la funzione di deputato e di senatore, non è dessa un
invito a sì nobile missione?

Se in ogni tempo gli Stati ebbero bisogno di essere governati da uomini
istrutti, forse non fu mai sì grande tal necessità quanto oggi che
vediamo sorgere sull'orizzonte e farsi giganti questioni inattese,
della più alta gravità per l'ordine sociale, questioni che avvolgono
non uno o pochi, ma tutti gli Stati che si chiamano civili. Chi mai,
or sono trent'anni avrebbe detto che nella capitale d'uno de' popoli
più côlti, che a Parigi, i cui titoli di benemerenza pel progresso sono
innumerevoli e grandi, doveva dominare per più di due mesi la reazione
la più selvaggia contro ogni principio di società, contro la proprietà,
la religione, la famiglia? Come non vedere che quel fatto non fu
isolato, non fu il parto di fortuite circostanze, ma frutto di una
elaborazione di lunga mano che generò tanti elementi sovversivi che si
appoggiano alle più brutali passioni dell'uomo; passioni che si trovano
ovunque, ed in determinate circostanze possono suscitare i medesimi
imbarazzi, trovandosi ovunque apostoli di quelle empie dottrine?

Sono vere e grandi questioni internazionali, che si devono prendere
sul serio e non illudersi, credendo che possano vincersi senza lotta
morale e fors'anche materiale; sono questioni che non si devono studiar
solo in fugaci articoli di giornali, ma nella loro essenza e nelle
cause che vi diedero origine e ne prepararono lo svolgimento. Alle
molte questioni intricate e speciali d'ogni Stato, d'ogni luogo, or
si aggiungono queste minacciose per tutti, ed ogni nazione deve trovar
uomini energici che abbiano il coraggio ed il sapere di rintuzzar quel
nemico che prepara e vuol far trionfare una barbarie d'un nuovo genere
uscita dalla civiltà degenerata. L'Italia non deve star addietro alle
altre nazioni in questa coalizione che viene imposta dai sovvertitori
d'ogni ordine. I migliori elementi si troveranno ancora nella classe
che ha molto da perdere; ma i sacrifici de' singoli sono un nulla in
confronto del sovvertimento dell'ordine sociale; epperò la questione
non deve rimaner individuale, nè considerarsi in rispetto ai solo
interessati, ma deve elevarsi al vero naturale suo livello, cioè d'una
delle più gravi che agitar possono la società.

L'_Italia è libera_; ma non lo è da tutte le tirannie. È libera dalla
tirannia politica che dava ad un individuo, sotto qualsiasi nome o
titolo, l'autorità di comandare a suo talento. Era un gran male e
ci vollero nullameno di 22 anni per liberarsene interamente, ma la
libertà politica che si ottenne generò forse anche le altre che si
attendevano le popolazioni, quella del libero svolgimento di tutte le
opinioni, il rispetto all'onore dei cittadini, alle sue convinzioni
politiche e religiose? Sarebbe un'amara derisione il voler sostenere
in senso affermativo una tesi simile! Tirannuncoli d'ogni specie si
impossessarono della libertà ed a forza di intimidazioni fanno violenza
e trascinano altri, anche contro le proprie convinzioni, ed impediscono
di fatto che usino dei loro diritti. Da che proviene questo? Dalla
mancanza di coraggio della propria opinione; il qual coraggio deve
essere un elemento indispensabile nella vita d'un popolo libero. Sta
nei decreti della Provvidenza che una nazione non solo ha bisogno di
trovar uomini coraggiosi per redimersi se non è indipendente, ma che
anche dopo redenta non può prosperare se non trova altri cittadini
coraggiosi che non si lasciano sopraffare ed indurre ad agire contro
le proprie convinzioni. La libertà è per tutti, ed appunto per questo,
l'abuso degli uni si rivolge in tirannia contro gli altri. E sono
forse poche le parti in Italia nelle quali si esercitano pressioni
tiranniche, intimidazioni ed abusi? Si invocano leggi, si grida
contro la loro impotenza; ma non vi è legge che non divenga impotente,
quando i cittadini volontariamente abdicano alla propria indipendenza
e fingono rispettare uomini che disprezzano e rinnegano la loro
opinione, per farsi vilmente servi dell'opinione di quelli che temono.
_L'abuso è grande_, si dice, _non vi è persona per quanto si chiami
aliena dall'ingerirsi in pubblici affari, per quanto cerchi sottrarsi
agli sguardi altrui e seppellirsi fra le domestiche pareti, che sia
al coperto di insulti gratuiti, di maldicenze d'una stampa che non
conosce nè moderazione, nè leggi; or come pretendere che senza avere
un gran coraggio si possa esporsi a dover lottare con essa?_ Ma chi
dà influenza, chi mantiene sì baldanzosa questa stampa? È il vostro
esagerato timore, e il credere che dipende dal capriccio di chiunque
il dare o togliere definitivamente l'onore de' cittadini. Credete
voi, per venire ad una prova di fatto, che in Inghilterra dove havvi
pure libera la stampa, i cittadini si diano gran fastidio della stampa
maledica, che rispondano agli attacchi de' giornali screditati? Essi
cominciano anzitutto col non permettergli l'entrata nelle proprie case
e tanto meno poi li comprano per non concorrere a mantenerli in vita.
Un tal procedere, divenuto comune, obbliga la stampa ad andar guardinga
e moralizzarsi anche nel proprio interesse. Avviene precisamente
l'opposto di quanto avviene nei paesi, ove per timore si viene a patti
coi peggiori giornali, fosse pur solo per averli neutrali; il che ha
poi per effetto di incoraggiare i giornali stessi ad esercitare un
terrore del quale traggono profitto. Or dubitereste voi che se anche
in Italia si imitasse l'esempio dell'Inghilterra, non si avrebbero le
stesse conseguenze?

Ma... io sono forse caduto un po' basso nell'opinione del mio lettore!
Forse taluno, nel quale aveva destato qualche interesse, come cronista,
dirà o penserà che finisco male colla lezione che voglio dare.

Permetta il lettore delle ultime linee che anch'io esprima la
speranza, che non tutti, almeno, parteciperanno questo giudizio.
Quanto diversamente procederebbe la cosa pubblica in Italia se ognuno
avesse il coraggio della propria opinione, se quando è chiamato a dar
un voto od esprimere il proprio parere, consultasse non già quale sia
l'opinione di quelli che fanno più chiasso e si chiamano o si credono
i rappresentanti della pubblica opinione, ma unicamente la propria
convinzione! A me pare che potendo persuadere quanto debole sia la
forza dei tirannelli, che è basata anzitutto sull'altrui timidezza od
incuria, potendosi ottenere un po' di coraggio nella numerosa classe
dei cittadini chiamati dalle leggi a cooperare al governo del paese,
si vada per via diritta alla radice del male senza chieder nulla alle
autorità ed alle leggi. È un rimedio che sta nelle facoltà di ogni
singolo individuo e per questo io credo che non si possa abbastanza
insistere, perchè lo si raccomandi, lo si diffonda e lo si adoperi. Ma
a qual classe mai si potranno rivolgere questi eccitamenti con maggior
fiducia, se non a quella dei cittadini indipendenti, in condizione
d'aver bisogno di nessuno? Ad essi faccio l'ultimo appello e lo farò
nel nome di que' tanti che caddero perchè l'Italia giungesse a quella
meta che pur raggiunse, ma che non si manterrà, se ai nemici attivi,
oggi più interni che esterni e che lavorano alla sua dissoluzione, non
si contrappongono cittadini risoluti a difenderla ed a renderla onorata
e rispettata.



AGGIUNTE ALLA SECONDA EDIZIONE



RITIRATA DELL'ESERCITO PIEMONTESE DOPO LA BATTAGLIA DI CUSTOZA.



CAPITOLO DICIOTTESIMO

    Corrispondenze intercettate — Piano dei nemici di dividere
      l'esercito piemontese — Il quartier generale viene trasferito
      a Marmirolo — Battaglia di Staffale — Battaglia di Custoza
      — Ritirata su Goito — Ripresa di Volta — Nuovo abbandono
      — Deputazione inviata al campo nemico — Proposte fatte dal
      generale Hess.


Ho già fatto cenno come io recatomi ai primi di giugno all'esercito
piemontese, venissi accettato qual luogotenente nel 5º regg. Aosta
fanteria, ma immediatamente addetto allo Stato Maggiore Generale sotto
gli ordini del generale Salasco, comandante supremo di quel corpo. La
conoscenza della lingua tedesca contribuì a procurarmi quell'onorevole
destinazione, ma mi fu anche causa di un maggior lavoro in confronto
dei colleghi ed in due riprese fu abbastanza grave. Il 18 ed il
24 giugno i nostri avamposti sorpresero il corriere che recava la
corrispondenza da Mantova a Verona. In complesso erano da oltre 400
scritti fra rapporti ufficiali e lettere private, formando queste
la parte maggiore. Fino allora il nemico aveva sempre trovato il
mezzo di far pervenire la corrispondenza dall'una all'altra fortezza.
Ognuno vede qual bellissimo colpo sia quello di poter mettere la mano
su di una massa di lettere e su rapporti scritti nella persuasione
che giungano al loro destino incolumi, e quindi senza velo di sorta,
rispetto a ciò che contengono; se non che quel regalo della fortuna
cadde interamente sulle mie spalle.

Non solo era importante il conoscere il contenuto di tutto quel
carteggio, ma bisognava anche far presto; mi accinsi in entrambi i casi
con tutta la buona volontà consacrandovi oltre il giorno buona parte
della notte.

I rapporti ufficiali non contenevano cose di rilevanza; si riferivano
in gran parte a particolari di servizio, a promozioni, ad informazioni
sulle nostre posizioni; un solo che accennava a doversi rinforzare un
punto determinato aveva per noi un'importanza reale e lo tradussi per
esteso non facendo che un cenno degli altri; si scorgeva che le notizie
di più grave momento si trasmettevano per altro mezzo.

Di maggior interesse al confronto era la corrispondenza dei privati;
erano figli che scrivevano ai genitori e viceversa; amici ad amici;
oltre di ciò vi erano alcune lettere per ragioni commerciali. Feci
per prima la separazione fra queste diverse classi; fra le private più
d'una riassumeva a larghi tratti le vicende passate dalla ritirata da
Milano in poi; or bene non ve n'era una sola che parlando di quel fatto
non lo attribuisse alla venuta dell'esercito piemontese, ma tal verità
del resto già per sè stessa così chiara, non potevasi dire allora
perchè gli arruffapopoli avevano persuaso i Milanesi che Radetzki erasi
ritirato unicamente per la resistenza loro, ossia in causa delle Cinque
Giornate, e con tale argomento asserivano poi anche che il più era
fatto, e questo si osò dirlo persino in un proclama (25 marzo) d'un
capo partito.

Pur troppo le arti delle quali individui ambiziosi si servono per
ingannare i popoli ricadono anzitutto sui popoli stessi. Lo slancio
veramente sublime delle Cinque Giornate venne tosto usufruttato da
faziosi per mire parziali e non per l'utile della causa pubblica,
la quale richiedeva che tutti mirassero all'unico scopo della
guerra, e non vi mescolassero la politica; ma che dire se invece si
lasciava credere alle popolazioni non esservi quanto alla guerra che
da cogliere i frutti. Ma tornando al carteggio caduto nelle nostre
mani, oltre diverse nozioni speciali relative alla forza del nemico
che andava sempre ingrossando, eravi una lettera preziosissima di
un ufficiale di Stato Maggiore che scriveva ad un altro ufficiale a
Vienna. Quella lettera trattava del modo col quale era stata condotta
la campagna fino allora (20 giugno), e faceva acerba critica della
condotta del maresciallo Welden che aveva perduto tempo, uomini e
danari nell'impresa di Vicenza, mentre se fosse marciato diritto su
Verona senza darsi fastidio di quell'esercito impotente ad attaccarlo
seriamente, avrebbe dato il mezzo a Radetzki di combattere Carlo
Alberto, vinto il quale, ogni altra resistenza seria diveniva
impossibile; ma poi finiva colle testuali parole: _con tuttociò noi
speriamo fermamente di rompere la lunga linea piemontese che dalla
Corona_ (monte sopra Rivoli) _si estende a Governolo, e battere
quell'esercito_.

Si vedeva chiaro che la lettera era scritta da uno che conosceva
molto bene il suo mestiere epperò la tradussi tutta fedelmente (erano
6 pagine) e la portai al mio capo immediato, il colonnello Cossato,
facendone rimarcare la grande importanza; in pari tempo proposi che
annullati i rapporti ufficiali e le lettere che contenevano notizie
militari, e ciò per eccesso di precauzione, poichè nessuna diceva
cose nuove, si desse corso alle altre assolutamente innocue. Qual
conto poi si facesse di quel rapporto sì bene particolareggiato di
quell'ufficiale di Stato Maggiore, non so dirlo. Ho voluto citare
quel fatto perchè si rannoda ad altro ben più grave per noi, ossia
all'esecuzione precisa ed esatta del piano di dividere la gran linea e
poi battere separatamente i due corpi d'armata di Carlo Alberto; piano
che ebbe principio il 18 luglio coll'attacco delle posizioni del Monte
Corona e di Rivoli, ed ebbe fine il 4 agosto colla battaglia di Milano.
Furono 18 giorni di lotta continua che comprendono tre battaglie
(Staffale, Custoza e Milano), e combattimenti giornalieri più o meno
importanti, ma non vi ebbe un sol giorno senza sangue, senza strazio di
popolazioni, senza profondi dolori da parte di leali e onesti patrioti,
senza pazzie da parte di esaltati. Sono periodi del più alto interesse
nella storia dei popoli, e che meriterebbero la preferenza su d'ogni
altro di essere ben studiati, perchè in essi si condensano, dirò, gli
effetti di lunghi anni passati e pongono in evidenza vizî e virtù,
egoismi ed abnegazioni, viltà e coraggio.

Pur troppo la storia genuina di questi periodi è difficile a scriversi;
la passione si intromette sempre e la verità è offuscata dalla vanità e
presunzione di chi si ascrive successi felici oltre la misura che gli
si compete, e di chi invece assolve sè stesso e getta sugli altri le
sventure. La posizione subalterna che, giovine, io occupava allora, mi
salva da ogni responsabilità di importanti determinazioni prese; fedele
esecutore di ordini ricevuti, vidi però le cose sì davvicino che posso
narrarle con piena cognizione di causa, e come fu trovata pienamente
veritiera la mia narrazione delle Cinque Giornate, benchè circoscritta
solo a quanto poteva asserire nel modo il più sicuro, spero che
incontrerà eguale giudizio anche questa narrazione che comprende la
ritirata dell'esercito piemontese dopo la battaglia di Custoza, e la
giornata del 5 agosto in Milano. — Ora farò ritorno al campo piemontese
ed alla terra classica delle battaglie. — Col giorno 16 luglio erasi
trasferito il quartier generale principale da Roverbella a Marmirolo,
che dista pochi chilometri da Mantova. Ciò indicava che si voleva dare
alle operazioni d'assedio di quella fortezza una maggior vigorìa, ed
il 18 luglio aveva avuto luogo un combattimento a Governolo, favorevole
ai nostri, sotto il comando del generale Bava. Il modo col quale venne
annunciato fu, a dir vero, un po' troppo pomposo; si sarebbe detto
ch'era stata una vera battaglia campale; ma queste esagerazioni si
comprendono pensando alla necessità di rialzare l'animo de' soldati
e lo spirito pubblico ambidue fiaccati dalla lunga inazione. Se il
manifesto fu giudicato un po' esagerato da chi si trovava sulla faccia
dei luoghi, e poteva calcolare le conseguenze di quel combattimento,
non che i sagrifici che aveva costato e che erano assai limitati, non
lo si trovò tale a Milano ove lo si prese alla lettera, e come è uso
dei pubblicisti, che vogliono essi dirigere l'opinione pubblica, lo si
magnificò ancor più. I cuori si aprivano alla speranza.

Correva il 22 luglio e toccava a me il turno di guardia nella notte
dal 22 al 23 nell'ufficio dello Stato Maggiore, ch'era annesso
all'abitazione del general Salasco. Io stava leggicchiando non so
cosa, allorquando verso le 2 dopo la mezzanotte entra l'ordinanza che
vegliava alla sua volta nell'anticamera, mi annuncia l'arrivo di un
ufficiale che vuol parlarmi. Io gli vado incontro e veggo un ufficiale
di cavalleria, bel giovane, ma colla singolarità di una barba ad uso
del Mosè di Michelangelo. Era bagnato come se venisse tolto da un
pozzo perchè pioveva a diluvio. Gli dò il benvenuto e gli chieggo se
vuole asciugarsi, ma ei risponde che ha fretta di parlare col generale
Salasco e _pur troppo_ mi dice! _reco cattive nuove_ — _le cose vanno
male, abbiamo dovuto abbandonare le nostre posizioni e ritirarci in
furia e fretta_. Io mi sentii rimescolare il sangue; entrai tosto
dal general Salasco al quale annunciai l'arrivo di quell'ufficiale
dicendogli che aveva affari gravi ed urgenti da comunicargli. — Il
general Salasco lo ricevette immediatamente e trattenne l'ufficiale
circa una mezz'ora; uscitone io lo feci sedere e lo pregai di volermi
dare qualche notizia più particolareggiata. — Prima d'allora io
non aveva veduto mai quell'ufficiale; si cominciò col declinare
reciprocamente i nostri nomi; era desso il conte Clavesana, tenente di
cavalleria che veniva dal quartiere generale del Comandante il corpo
d'armata sulla destra del Mincio il generale De Sonnaz.

L'indomani (23) di buon mattino tutti eravamo in piedi; il Re,
chiamati i generali tenne un consiglio di guerra, e venne deciso di
abbandonare quella posizione e di andar incontro al nemico verso
Villafranca. Prima che tutto fosse in ordine ci volle del tempo e
buona parte della giornata andò perduta sì che non si potè partire che
dopo il mezzogiorno; il caldo era sì opprimente che in quella marcia
perdemmo più soldati per insolazione. Marmirolo dista 26 chilometri
da Villafranca; è una marcia che non sorte dalle ordinarie ma fatta
sotto il sole di luglio nelle ore calde abbatte più che una marcia
assai più lunga. Alla sera del 23 tutto il corpo ch'era a Marmirolo si
trovò a Villafranca. L'indomani (24 luglio) si partì, non sò per qual
causa, tardi da Villafranca, s'incontrò ben presto il nemico nelle
vicine colline, si venne alle prese in più punti, ma il combattimento
principale ebbe luogo in una località chiamata Staffale.

Anche la battaglia di Staffale non meritava nemmeno dessa il nome di
battaglia campale, ma era però stato un combattimento di maggiore
importanza di quello di Governolo e basti il dire che si fecero
nullameno di 800 e più prigionieri. Questo successo si dovette ad
un'abile manovra del Duca di Genova, quello fra i Principi di Casa
Savoja che aveva ereditato il genio militare. Gli Austriaci avevano
lasciato sul campo non pochi morti e fra questi alcuni ufficiali.

Come era ben naturale venne dato tosto l'annuncio di quella vittoria
al Governo di Milano, e venne ritenuta come un felice preludio della
battaglia che doveva seguire il giorno dopo, e tutto accennava a far
ritenere che quella sarebbe stata la vera battaglia campale e decisiva.
Buona parte della notte dal 24 al 25 venne passata da noi ufficiali di
Stato Maggiore nello stendere ordini e prendere disposizioni relative
alla battaglia dell'indomani.

Il mattino del 25 verso le ore 6 il general Salasco mi fa chiamare, mi
annuncia che sono stato prescelto a recare un ordine importantissimo
al generale De Sonnaz a Volta al di là del Mincio, e mi presenta al
general Bava; questi mi dà istruzioni più particolareggiate, mi dice di
passar per Goito, ove doveva pure comunicare certi ordini al comandante
delle truppe in quel luogo; il general Salasco mi consegna una lettera
pel generale De Sonnaz. Il tutto si riferiva ad un attacco che il De
Sonnaz doveva fare non più tardi del mezzogiorno sul fianco del nemico,
avanzando su Borghetto, ove doveva passare il Mincio ed operare a
Valeggio la congiunzione col corpo dello stesso Bava. Il giro ch'io
doveva fare era un po' lungo (poco meno di 30 chilometri), ma ammesso
che non avessi incontrate difficoltà, vi era il tempo da poter arrivare
fra le 9 e le 10, sì che non mancasse anche quello necessario perchè
la truppa, che già doveva ritenersi pronta, raggiungesse senza sforzo
il vicino ponte di Borghetto (6 chilometri da Volta). La stanza ove ci
trovavamo era immediata a quella del Re Carlo Alberto, il quale entrò
nella medesima e mi disse le precise parole. _Raccomandi anche a mio
nome al generale De Sonnaz che attacchi all'ora indicata._ Ringraziati
i generali dell'onore che mi facevano, e fatto il mio ossequio a
Sua Maestà, mi occupai tosto della partenza. Essendo impossibile che
il mio cavallo, se l'avessi adoperato in quella lunga corsa potessi
poi adoperarlo nella battaglia, noleggiai uno di quei leggerissimi
biroccini colà in uso, con un buon cavallo ed ingiunsi alla mia
ordinanza che allorquando la truppa sarebbe marciata su Valeggio, si
unisse a quella, conducendo colà il mio cavallo; così disposto ogni
cosa, io partii col mio condottiere, un giovine di circa vent'anni.
In breve io fui a Roverbella, ma quivi trovai la via verso Goito
barricata, e tutta la truppa disposta in ordine di battaglia.

Siccome temevasi che la guarnigione di Mantova facesse una sortita
per prendere il nostro esercito alle spalle od anche solo molestarlo,
si era dovuto lasciare della forza a Roverbella. Era un reggimento e
precisamente il 17 con un po' d'artiglieria e cavalleria; altra egual
forza erasi lasciata a Goito per difendersi da un attacco sulla destra
del Mincio pel caso che movesse sopra Volta.

Prendendo in mano la carta topografica ed esaminando la disposizione
delle nostre truppe in quel memorabile giorno si vede che non era
cattiva; il grave errore della lunghissima linea che aveva durato fino
ai 22 luglio era stato corretto colla marcia del 23 da parte della
truppa sulla sinistra del Mincio e dal concentramento della truppa
del generale De Sonnaz sulla destra, nessun corpo era cotanto lontano
l'uno dall'altro da non potersi aiutare a vicenda; ma pur troppo quel
concentramento non era stato l'effetto d'un piano concepito da una
mente direttrice che corregge in tempo un errore, ma era invece di già
una conseguenza dell'errore stesso, il movimento era stato imposto dal
nemico. Il corpo del generale De Sonnaz facendo uno sforzo inaudito di
precipitosa ritirata era bensì arrivato in luogo opportunissimo per
attaccare l'inimico, ma affranto ed in quel disordine che accompagna
sempre una ritirata precipitosa; certo però si è che la disposizione
del nostro esercito era buona. Infine il 24 luglio a sera i due
eserciti il piemontese e l'austriaco si trovavano in questa singolar
condizione che entrambi contavano un successo ed una sconfitta,
entrambi si erano concentrati col nerbo delle loro forze sulla sinistra
del Mincio ed entrambi potevano venir attaccati da tergo o sul fianco;
il piemontese da truppe che sortissero da Mantova, l'austriaco dal
corpo del generale De Sonnaz. Le colline che da Villafranca e Valleggio
si stendono verso Sommacampagna dovevano vedere lo scioglimento di quel
sanguinoso dramma.

Da quanto ho detto si comprende l'importanza che aveva la mia missione
e quanto ci tenessi ad eseguirla. Sì tosto giunsi a Roverbella chiesi
del comandante di quella forza, e comunicatogli lo scopo della mia
missione lo interrogai se aveva notizie degli Austriaci che potessero
venire da Mantova. _Sono già a Marengo_, mi risponde, _e mi attendo
di essere attaccato da un momento all'altro. La via da qui a Goito
è occupata dai Tedeschi; nulla di più impossibile di voler andare a
Goito._

Marengo[37] dista 5 chilometri e non più da Roverbella.

_A Goito posso rinunciare_, soggiunsi, _ma non a Volta. Io devo
assolutamente andarvi a qualunque costo!_

_Ma come vuol fare?_

Prendo la carta topografica e dico al colonnello: _andrò a Pozzolo_ e
passerò colà il Mincio.

_Ella farà quello che crede, ma badi che tutta la campagna, tutte le
vie da qui a Pozzolo sono in balìa dei Tedeschi; io ho poca truppa, non
posso darle scorta._

_Non importa, non ne chieggo, e forse mi sarebbe più di danno che di
utile. Io conosco un giovine di qui che mi servirà di guida e basterà._

Eravi a Roverbella un giovine arditissimo del quale mi era servito
altre volte per esplorazioni, ei conosceva ogni via, ogni sentiero; lo
faccio ricercare e per buona sorte era in paese.

_Senti_, gli dico, _mi hai servito altre volte, ma oggi devi rendermi
un servigio segnalato; tu mi devi condurre a Pozzolo, ho un biroccino
con un ottimo cavallo, ti darò un bel regalo._

Ei mi fa delle difficoltà, sapeva benissimo che i Tedeschi erano già
vicini a Roverbella e potevano essere anche a Pozzolo, ma io insisto e
faccio appello al suo amor proprio, al suo coraggio, al servizio grande
che può rendere al paese; ei pensa un po' e poi mi dice: _facendo un
giro verso Villafranca e poi ripiegando verso Pozzolo si può tentare_.

_Tu farai quanti giri vorrai_, rispondo io, _purchè mi conduca a
Pozzolo._

_Ebbene andiamo_, replica esso. Il cuore mi si allarga; ma il còmpito
non era finito; io doveva persuadere anche il vetturale che non era
della tempra di quel giovine, ma per esso aveva già il mio piano ben
risoluto. Gli annuncio la decisione presa: _In bocca ai Todeschi mi non
ghe vado_, mi risponde in veronese con due occhi fuori dell'orbita per
lo spavento; io cerco persuaderlo colle buone, gli dico che viene quel
giovine che ci farà da guida, che conosce tutte le vie e ci condurrà
dove non vi sono Tedeschi, ma d'esso non vuol udir ragioni e ripete di
continuo _in bocca ai Todeschi mi non ghe vado_.

Allora io ricorsi all'argomento decisivo. _Tu sai_, gli dico, _che
fummo d'accordo di darti 25 lire, ebbene te ne dò 50, ma tu verrai e
se non vuoi venire io ti sequestro cavallo e biroccio e vado con questo
giovine._

A quell'intimazione rimane muto, e siccome mi vedeva risolutissimo
comincia ad interrogare il giovine come farà per fuggire i Tedeschi,
la guida mi asseconda, gli dice che anch'esso non ama per nulla andar
in bocca ai Tedeschi, ma che evitando la breve strada che da Roverbella
conduce a Pozzolo sulla quale solo era probabile incontrarli, prendendo
una più lunga in senso opposto o non si sarebbero incontrati ovvero si
era in tempo di retrocedere verso Villafranca. Pare che quell'argomento
sia stato il più decisivo, si rassegnò.

Quella traversata mi provò cosa vale una buona guida; quanti giri ei
facesse mi è impossibile il dirlo; da una strada comunale, passava
ad una consorziale, da una larga ad una stretta; ogni volta che si
arrivava ad un crocicchio il baroccio si fermava ed ei discendeva ad
esplorare con occhi di lince la nuova via a percorrere; una volta ci
fece segno colla mano di non muovere; subito il mio conduttore esclama:
_I Todeschi, andemo in drio_.

_Vuoi finirla_, gli rispondo, _sarà nulla._ Era infatti una persona che
portava una falce che la guida aveva veduto dapprima in modo confuso,
ma poi riconobbe ch'era un villico. Infine per venire alle corte
noi arrivammo a Pozzolo sani e salvi; la guida mi procurò tosto una
barca per traversare il Mincio. Prima di partire stesi per iscritto
quanto aveva incarico di dire al comandante della truppa in Goito e
l'affidai ad un individuo che si recava colà dalla sponda destra del
Mincio ove non vi erano Tedeschi e quindi poteva farlo con sicurezza.
Pagati i miei due uomini e data una stretta di mano e ringraziata di
cuore la guida, passai il fiume su leggerissima barchetta. Erano le
9 antimeridiane passate e faceva già un gran caldo. Pozzolo dista da
Volta circa tre chilometri, dei quali circa due corrono in piano ed
uno in collina, ma tanta era l'ansia di arrivar in tempo che presa
un'accorciatoia traversai il tutto di corsa; la parte in collina era
un sentiero erto in mezzo a sassaie annerite dal sole; io arrivai a
Volta prima delle 10, ossia nel tempo che mi era stato prefisso, ne
aveva bensì perduto molto a Roverbella, ma evitando il giro di Goito lo
aveva riguadagnato. Contento di quel successo chieggo ai primi soldati
che trovo dove era il quartier generale. _In casa Guerrieri_, mi si
risponde. In vetta al colle e nel punto il più elevato del paese sta
quella casa grande e signorile, che prospetta con una delle sue fronti
verso Valleggio.

Traversare il Borgo e giudicare a colpo d'occhio che v'era stato
qualche cosa di ben grave fu una cosa sola. Tutte le vie erano piene di
soldati, ma stesi al suolo come persone affrante dalla fatica; non uno
in piedi od occupato. Arrivato a casa Guerrieri mi faccio annunciare
e vengo tosto ricevuto dal generale De Sonnaz, in una sala spaziosa,
ove vi erano molti ufficiali gli uni stesi sopra sofà, altri su sedie
appaiate, essi pure con l'impronta di una grande stanchezza. Alla mia
volta era sfigurato dalla immane fatica di quella corsa sotto il sole
e basterà il dire che aveva uniforme imbottita ed il sudore aveva
trapassato il tutto. _Si riposi_, _si riposi_, furono le prime parole
che mi rivolse il generale, ma io entrai tosto in argomento.

_Signor Generale_, gli dissi, _io reco un ordine della più alta
importanza come vedrà dalla lettera, ed ho poi incarico dallo stesso
Re di pregarla ad attaccare al più tardo per mezzogiorno dalla parte
di Borghetto._ Il generale legge la lettera e poi alza le spalle e mi
dice secco _è impossibile_, poi soggiunge, _le mie truppe non possono
muoversi per la stanchezza_.

Io rimango attonito, ma poi mi permetto di ripetere la calda
raccomandazione da parte del Re e lì s'impegnò un dialogo fra me ed il
generale; dei molti ufficiali presenti nessuno in sulle prime si muove,
nessuno viene in mio aiuto, finalmente si avanza un giovine biondo e
con voce dolce e quasi femminile, comincia a perorare anch'esso nel
mio senso; se non è possibile attaccare alle 12 si attacchi all'una,
alle due ma si attacchi; il generale resiste sempre, dice ch'egli
è il giudice di quanto è possibile, ma l'intervento di quel giovine
ufficiale ha una decisa influenza, egli insiste, il generale rimane un
po' silenzioso e poi dice forse fra le 3 e le 4. Io respiro e dico al
generale:

_Senta, signor generale: io doveva recarmi da qui a Borghetto colla
sua truppa, perchè credeva che si eseguisse tosto l'attacco, ma ora
veggo che ho il tempo di ritornare al campo per la stessa via pella
quale sono venuto; quanto meno potrò dire che attaccherà se anche più
tardi di quanto si desiderava. Abbia la bontà di darmi la risposta in
iscritto ed io riparto immediatamente._

_Ora mi devono servire il dejeunè_, mi risponde, _ed ella mi favorirà._

Io mi rassegnai a quell'atto di gentilezza, e dico, _mi rassegnai_,
perchè realmente mi pesava perder tempo; frattanto cominciai a
parlare anche con altri ufficiali e, come è ben naturale, il discorso
cadde sulla battaglia del giorno innanzi. Dalle finestre della gran
sala ove eravamo, vedevasi Valeggio; un ufficiale che guardava con
un cannocchiale, esclama ad un tratto: _I Tedeschi sono padroni
di Valeggio e stabiliscono una batteria sulla collina del vecchio
castello_, proprio ai piedi di quelle poetiche antiche torri. Piccola
è la distanza da Volta a Valeggio, in linea retta poco più di quattro
chilometri; tutti guardano col cannocchiale e guardo anch'io; la
batteria è pronta; si noti che dalle 9 antimeridiane era incominciata
la battaglia. I Tedeschi a Valeggio, vuol dire che si sono avanzati,
diss'io; le cose non vanno bene; mi si rimescola il sangue e mi rivolgo
al giovine, che, unico, aveva indovinato le mie sofferenze, e gli
dico: _Per carità mi lascino andare, prenderò un pane che mangerò per
via, ma io voglio andare_; il giovine (ch'era Govone ma che io non
conosceva) esclama allora, volgendosi ai colleghi: _ma oggi Federico
non ci dà più da colazione_. Il povero Federico, ch'era il cuoco, era
certo innocente, poichè in quelle circostanze non è facile l'aver tutto
puntualmente, ma infine poco dopo comparve il _dejeunè_; il generale mi
fa sedere alla sua destra e si discorre della battaglia di Staffale,
della quale ignoravano qualsiasi particolare, finalmente finisce
anche la refezione ed io prego di nuovo il generale a volermi dare
la risposta per iscritto. Ei si ritira col suo aiutante e poco dopo
ritorna e mi consegna una lettera diretta al general Salasco.

Io prendo commiato e parto rifacendo la stessa via da Volta a Pozzolo;
ma siccome era in discesa ed io pienamente ristorato di forze,
arrivai in breve tempo al Mincio di fronte al villaggio suddetto; ma
non havvi alcuna barca e non veggo anima vivente, nè su l'una nè su
l'altra sponda; largo assai è colà il fiume, io comincio a gridare ma
inutilmente. Mi rimane un sol partito, quello di traversar il Mincio
a nuoto; non solo era allora forte nuotatore, ma mi era esercitato
a nuotar anche vestito sì che non era per nulla titubante, se non
che nello stato nel quale mi trovava, il tentativo aveva non solo la
probabilità ma la quasi certezza di riuscir male; si pensi in quale
stato di sudore doveva essere un uomo che nell'ora più calda, ossia
fra le dodici e l'una, aveva fatto una corsa da Volta a Pozzolo. Se il
tratto da traversare fosse stato breve non avrei esitato un istante,
certo che per quanto dovessi soffrire immergendomi nell'acqua fredda,
l'avrei superato, ma invece era d'uopo rimanervi a lungo ed allora
era impossibile evitare le conseguenze di una reazione violenta,
decisi quindi di aspettare che fosse scemato il sudore e poi tentare
la traversata a nuoto; frattanto il cannoneggiamento si faceva più
fitto e cresceva in me l'ansia; di quando in quando gridava di nuovo
ma invano. Sulla sponda medesima del fiume sulla quale mi trovava ed a
poca distanza eravi una casa agricola; entro in quella e vi trovo una
donna con quattro ragazzi.

_Mia buona donna_, gli dico, _dovete farmi un gran piacere, dovete
aiutarmi perchè possa avvertire alcuno al di là del fiume onde venga
colla barca a prendermi._

_Ben volentieri_, mi risponde la buona donna, e sorte con tutta la sua
piccola brigata.

Posti in linea, ed io nel mezzo, ad un segnale dato gridiamo tutti
assieme con quanto fiato abbiamo in petto, ma nessuno risponde;
si riprende e finalmente non so bene se alla quinta o sesta prova,
ma certo dopo parecchie di esse, comparve una persona sulla sponda
opposta.

Trassi allora il fazzoletto facendo segno come desiderava transitare
e poco dopo si staccò una barchetta alla nostra volta. Ringraziai
la buona donna e salii in barca. Durante la traversata il barcaiuolo
mi narrò che i Tedeschi erano realmente venuti sino presso Pozzolo,
ragione per la quale tutti erano fuggiti, e si erano nascosti nelle
case perchè in quelle circostanze il solo mostrarsi può costare la
vita; seppi più tardi che a poca distanza da Goito avevano sorpreso
un'ordinanza che conduceva dei cavalli di un ufficiale superiore
(Villamarina) e li presero come preda di guerra; ma ritornando alla mia
missione, benchè quella sventurata combinazione mi avesse fatto perdere
un tempo preziosissimo, io mi trovava sulla sinistra del Mincio; mi
fu facile trovar un biroccino che mi conducesse a Villafranca, poichè
si andava in senso opposto alla direzione d'onde potevano venire i
Tedeschi. Colà arrivato trovai la mia buona ordinanza che non si
era mossa ed era molto inquieta sulla mia sorte; gl'ingiunsi che
apparecchiasse tosto il mio cavallo; il cannoneggiamento continuava
vivacissimo, ma sopra linea estesa; mentre stava attendendo il mio
cavallo nella piazza di Villafranca, veggo il conte di Castagneto,
il fedele Intendente del Re. Gli narro quanto mi era accaduto e gli
chieggo se sa dirmi ove trovisi il Re, ma ei non poteva precisar nulla;
la battaglia durava da molte ore e nessuna notizia era pervenuta
intorno al suo andamento. _Data quell'incertezza non sarebbe egli
prudente_, dissi io, _che si facesse una copia della lettera del
generale De Sonnaz e si facesse pervenire con altro mezzo? Supponga che
io cada prigioniero o morto, almeno vi è la possibilità che si sappia
cosa rispose._ Il conte di Castagneto trovò giusta la mia osservazione
e copiò ei stesso la lettera e s'incaricò di cercare chi la recasse.
Frattanto il mio cavallo era pronto; presa la lettera originale io
montai a cavallo ed a gran carriera m'avviai a casaccio verso il luogo
d'onde veniva più forte il rumor del cannone; in breve raggiunsi i
primi soldati e chieggo loro ove si trovi il Re, _più a sinistra verso
Valeggio_, essi rispondono, e sempre di gran carriera m'avanzo verso
quella parte, trovo un corpo più forte ed il colonnello mi sa dire in
modo preciso ove è il Re collo Stato Maggior Generale.

L'uscita degli Austriaci da Mantova e la loro dimostrazione contro
Roverbella e contro Goito, era nota al campo, ed i miei superiori
e colleghi ritenevano per fermo che io fossi rimasto prigioniero, o
morto, talchè quando io arrivai, ed erano le tre pomeridiane o poco
più, il general Salasco fece un atto di sorpresa, e mi chiese d'onde
veniva:

_Da Volta!_

_Ma da qual parte?_

_Da Pozzolo. Del resto ecco la risposta del generale De Sonnaz_, e gli
consegno la lettera. Ei la legge e fa un atto di dispetto, ed esclama
rivolgendosi a me: _Ma come! non vuol attaccare che alle cinque!_

_Io non posso dir altro_, risposi, _se non che non voleva attaccare
nè punto nè poco, lo pregai, lo scongiurai e mi promise d'attaccare
fra le tre e le quattro, allora lo richiesi di darmi la risposta per
iscritto._

Fino allora la battaglia era rimasta indecisa. Il generale Bava
sperando sempre nel sospirato attacco, teneva fermo, ma quando lesse
la lettera del generale De Sonnaz si decise a battere in ritirata e fu
verso le quattro pomeridiane. La ritirata venne operata in buon ordine
su Villafranca.

Gran parte della notte la consumai assieme ai miei colleghi nel dar
disposizioni per la ritirata dell'esercito su Goito, ed alle cinque
dell'indomani (26 luglio) eravamo in piedi di nuovo. La ritirata dopo
una sconfitta è qualcosa di ben grave, è un fatto militare che mette
alla prova l'abilità d'un generale in capo, la sua calma, la sua
presenza di spirito, la sua previdenza. Dipende da lui se il povero
soldato è lanciato piuttosto in una catastrofe dalla quale pochi
si salvano, ovvero se rimane ancora l'unità d'un corpo che sa farsi
rispettare, e conservarsi per tempi migliori.

Ei convien rendere giustizia al general Bava che fu all'altezza della
grave sua missione; la ritirata dapprima su Goito e quindi su Milano
venne operata con tutto quell'ordine, che le difficilissime condizioni
permisero, ma anche gli ufficiali dello Stato Maggiore nei gradi
inferiori non vennero risparmiati; dal 26 luglio che abbandonammo
Villafranca al 3 agosto che arrivammo a Milano, fu un lavoro continuo
di giorno e di notte, e vi ebbero momenti assai gravi, ma per non
anticipare, io tornerò alla prima dolorosa giornata, quella del 26
luglio.

Io e colleghi eravamo tutti intenti a dar le disposizioni per la marcia
delle truppe, quando udiamo delle grida che partono da una chiesa di
Villafranca, ma grida disperate e acutissime; si accorre per vedere che
cos'era, ci si presenta una scena spaventevole; una massa di feriti
de' nostri soldati, tutti in un orgasmo indescrivibile, supplicando
e gridando per essere trasportati via onde non cadere nelle mani dei
Tedeschi, ritenendo come cosa certa di essere massacrati. Io dichiaro
tosto che sono stolte, orribili calunnie; cerco persuaderli; _ma come
mai_, si dice loro, _potete credere una cosa simile, se abbiamo in
mano più di mille prigionieri?_ Ma che! Quei sventurati non ascoltano
ragione, il panico li ha invasi, e rinnovano le disperate grida;
che fare? Come e dove trovare, del resto, tanti carri per tutti quei
feriti, ed erano molti, e non vi era tempo da perdere. Infine, per
tentare di acquietarli e mostrare che si fa almeno quanto è possibile,
si requisiscono alcuni grandi carri tirati da buoi e si comincia a
caricare feriti; qui nasce una nuova scena straziante, tutti vogliono
essere prescelti, ma il numero è soverchiante; si fa una scelta a
casaccio, si promette agli altri che si cercheranno nuovi carri, e si
comincia col far avviare i primi verso Goito.

Frattanto tutta la truppa è in moto; ogni quarto d'ora il general Bava
manda un ufficiale a vedere se il nemico avanza, ei volle attorno a
sè tutti gli ufficiali addetti allo Stato Maggiore, credo che fra i
superstiti posso ancora annoverare il Minghetti, Vincenzo Ricasoli
ed il duca di Dino. Alle ore 7 ant. eravamo ancora nella piazza di
Villafranca e l'ultimo atto che si fece fu una lettera stesa su d'un
tavolino d'un piccolo caffè nella piazza stessa, diretta al comandante
dell'esercito nemico nella quale si raccomandavano i feriti alla sua
umanità, e venne consegnata ad un impiegato del Municipio pel ricapito.

Non occorre dire ch'era stesa in termini tali da non lasciar punto
travedere che si dubitasse d'un buon trattamento; e nessuno di noi
dubitava davvero; ma anche quell'atto si era dovuto fare per calmare
l'apprensione dei feriti che era impossibile di trasportare. Poco dopo
le sette un ufficiale mandato in ricognizione annuncia che il nemico è
in marcia; allora il general Bava e noi tutti abbandoniamo Villafranca
avviandoci verso Goito.

La marcia procedeva lenta ma regolata. Avevamo percorsi pochi
chilometri allorquando un corpo di cavalleria nemico di ussari, attaccò
la nostra retroguardia all'estrema destra, ch'era composta della
brigata Piemonte.

Fatto un dietro fronte que' bravi soldati impegnarono un combattimento
con tanta risolutezza che stesero al suolo un buon numero di assalitori
e dalle relazioni che apparvero dopo si seppe che fra i morti vi ebbe
un maggiore, precisamente un Seczeny, non sappiamo se della grande
famiglia ungherese, ma il fatto è certo.

Quei soldati in quella breve ma energica azione diedero proprio l'idea
del leone ferito al quale il dolore non scema ma aumenta la ferocia.
Il nemico desistette dall'attacco. — A circa mezza via raggiungemmo
il mesto convoglio de' feriti. Vi ebbe allora una sosta e per qualche
tempo io mi trovai di fianco ad uno di quei carri; erano di quelli che
colà si usano pel trasporto del fieno e sono assai grandi e muniti
all'ingiro di una specie di restelliera, i feriti erano assisi e
col dorso appoggiato a quella. Il caldo era opprimente ed alcuni di
questi sventurati si erano levata persino la camicia, si vedevano
torsi erculei, sopratutto di artiglieri, ma incredibili dovevano
essere le sofferenze di molti che si contorcevano sotto gli spasimi;
da ogni parte sgocciolava sangue. Per circa mezz'ora fui obbligato
di rimaner al fianco di que' carri di dolore, senza poter recare il
minimo sollievo e pur troppo non arrivarono nemmeno tutti vivi a Goito.
Allorchè si levarono da que' carri se ne trovarono due morti. Dio solo
ha contate le sofferenze di que' infelici, e se que' tristi, che colle
stolte dicerie di barbarie inventate, furono la vera causa di quella
morte, forse immatura, avessero avuto coscienza, avrebbero dovuto
sentirne rimorso, ma ben lungi da questa si può invece esser certi che
si saranno vantati di aver sparse quelle voci come mezzo d'infiammare
alla resistenza, senza pensare che su ben pochi poteva produrre
quell'effetto, e che moltissimi invece non chiamati a combattere
o divenuti impotenti, come precisamente i feriti, si sarebbero
spaventati. — Non è a dire il male che produsse quella scellerata
calunnia, che si sparse in tutta la Lombardia.

Tornando ai nostri sventurati i più fortunati furono quelli che non si
poterono trasportare e rimasero nelle ambulanze ove vennero trattati
dai Tedeschi con tutta umanità, precisamente come noi trattavamo i loro
feriti.

Verso le ore 3 si arrivò a Goito ma, come ripeto, noi formavamo
l'estrema retroguardia; il Re ed il grosso dell'esercito erano arrivati
molto prima. Colà apprendemmo un fatto grave; il giorno innanzi sì
tosto era stata decisa la ritirata, il generale in capo mandò un
ordine al generale De Sonnaz di tener fermo in Volta onde l'esercito
nostro, ossia quello sulla sinistra del Mincio, non venisse girato da
quella parte, e potesse fare la sua ritirata su Goito; quell'ordine
scritto in matita venne affidato al duca di Dino perchè lo recasse a
Volta. Era questi un bravo ufficiale francese appartenente alla più
alta aristocrazia di quella nazione, ed era venuto a far la guerra per
amore all'Italia, aveva grado di capitano ed era in ottima relazione
con tutti noi. Ei si diresse a me perchè gli spiegassi la via che
doveva tenere, ed io colla carta alla mano gli indicai sì chiaramente
la via da Villafranca a Pozzolo, precisamente quella che aveva fatto
al mio ritorno da Volta, ch'era impossibile ogni equivoco; per maggior
sicurezza il capo dello Stato Maggiore volle che fosse accompagnato
da una scorta di quattro carabinieri. Ei pervenne felicemente alla sua
meta, ma per sventura quell'ordine steso in fretta e forse mal scritto
venne interpretato a rovescio, ossia come un ordine di abbandonar
Volta e nel mattino del 26, il generale De Sonnaz fece la sua ritirata
su Goito. — Giunto colà il Re, sorpreso di trovarvi il corpo di quel
generale, montò in collera e gli ordinò di ritornare immediatamente a
Volta, e riprendere quella posizione. Obbedì esso e la truppa benchè
stanca rifece il cammino, e giunse verso le sei ai piedi della collina.
Quivi dopo breve sosta il generale ordinò l'attacco e s'impegnò una
lotta vivissima col nemico che aveva il vantaggio della posizione
dominando la pianura dall'alto, ma tale fu l'impeto dell'assalto,
sopratutto della brigata Savoja, che il nemico venne sloggiato e venne
ripresa Volta, ma con gran perdita da ambo le parti.

Fu l'ultimo fatto d'armi brillante da parte della nostra truppa.
Entrando in Goito, piccolo paese cinto da mura che ricordano il medio
evo, s'incontra a sinistra presso la porta una torre quadrata e tozza,
io con altri salimmo su quella e vedemmo da colà l'avanzarsi dei
nostri, e l'attacco proprio al cader del giorno. Rinacque un raggio di
speranza ma non doveva durare a lungo. — Nella notte si avanzò su Volta
il grosso dell'esercito nemico ed i nostri dovettero nel mattino del 27
abbandonar di nuovo Volta, e ripiegare ancora su Goito, ove si trovò
concentrato in quel giorno la gran parte del nostro esercito. Carlo
Alberto credette venuto il momento per trattar della pace, e mandò
al campo austriaco i generali Bes e Rossi ed il colonnello Alfonso La
Marmora ch'era capo dello Stato Maggiore della divisione comandata dal
duca di Genova. Partirono prima del mezzodì di detto giorno 27 luglio
e si recarono a Volta e quivi conferirono col maresciallo Hess, il
capo dello Stato Maggior Generale dell'esercito austriaco. Lunga fu
la conferenza non essendo ritornati que' tre incaricati che verso le 5
pomeridiane. Frattanto Carlo Alberto attorniato da suoi ajutanti e da
tutti gli uffiziali dello Stato Maggiore stava attendendo l'esito in un
campo a Cerlongo, qualche chilometro più innanzi da Goito verso Volta
seduto all'ombra d'un gelso, con un caldo canicolare. Eravamo su quel
campo di battaglia che aveva veduto sorridere la fortuna il 30 maggio,
ma in quel giorno invece tutto spirava mestizia, e ben poca speranza
potevasi nutrire dall'esito delle trattative.

Arrivati all'ora indicata i nostri incaricati presentarono al nostro
Re un progetto di armistizio elaborato dallo stesso Hess. Si prendeva
qual base, la linea dell'Adda, cedevasi dall'Austria a Carlo Alberto su
per giù, l'antico ducato di Milano. Si volle da taluno negare quella
proposta, ma il La Marmora divenuto più tardi ministro della guerra,
ricuperò il documento originale colla firma del maresciallo Hess,
datato da Valeggio del 27 luglio, ch'era rimasto presso il ministro Des
Ambrois che accompagnava il Re qual ministro responsabile, ed ora quel
documento si trova all'Archivio di Stato in Torino. La cosa non ha più
che un interesse storico, ma valgano questi particolari a dimostrare il
concetto che il nemico aveva dell'esercito piemontese, se per troncare
la guerra acconsentiva ancora ad un sacrificio, qual era quello della
cessione a Carlo Alberto di quasi tutto il paese che formava un giorno
l'antico ducato di Milano.



CAPITOLO DICIANNOVESIMO

    Carlo Alberto rifiuta le proposte — Si riprende la ritirata
      — Sofferenze dei soldati — Buone disposizioni dei Comitati
      — Episodio di Codogno — Fatto d'armi di Cremona — Difesa
      della linea dell'Adda — Il general Sommariva si ritira su
      Piacenza — Episodio di Pizzighettone — Arrivo dell'esercito
      sotto Milano — Battaglia del 4 agosto — Il quartier generale
      principale viene stabilito in casa Greppi.


L'offerta del generale Hess parve troppo esigua a Carlo Alberto
che rifiutò e quindi si dovette tosto pensare a proseguire la
ritirata. Ciò avveniva verso la sera del 27 e da quel momento
non fu interrotta che dalle soste per combattimento della nostra
retroguardia coll'avanguardia del nemico, e d'una mezza giornata per un
combattimento più lungo e serio sotto le mura di Cremona, avvenuto il
29.

Grandi furono le sofferenze dei poveri soldati pel disordine dei viveri
e pel gran caldo; si sarebbe detto che pioveva fuoco; si cercava far
camminare i soldati di preferenza nella notte, ma non sempre si poteva,
e spesso bisognava spiegarsi a destra ed a sinistra in attesa di un
attacco; aggiungasi a questo una polvere che avvolgeva le colonne
intere della truppa che, esausta ed arsa dalla sete doveva talvolta
tollerarla per lunghe ore. Per dar un'idea del caldo di que' giorni,
citerò un fatto che accadde a me, di nessuna importanza per sè, ma
espressivo qual prova dei caldo. Io recava a tracolla una tasca in
pelle divisa internamente da un diafragma; nell'una parte teneva il
cannocchialino da campagna e la carta geografica, nell'altra aveva una
piccola scorta di cioccolatta incartocciata. Un giorno volendo levare
il cannocchiale sbaglio lo scompartimento ed entro colla mano in quello
della cioccolatta e sento che le dita s'immergono in una poltiglia,
ritiro immediatamente la mano e veggo che quella densa poltiglia
altro non era che la cioccolatta che si era fusa precisamente come
se fosse stata posta sul fuoco; aveva rotta la carta e s'era sparsa
nella tasca di pelle. È vero ch'era a cavallo da molte ore e nelle
più calde e la borsa in pelle nera facilitava il concentramento del
calorico, ma si pensi a qual grado doveva salire per liquefare a quel
modo la cioccolatta. Ma il caldo, si dirà, doveva pur sentirlo anche il
nemico, era il medesimo sole che ci saettava e percorrevamo la stessa
via, e ciò è verissimo; ma se reagiva egualmente sul fisico, trovava
nel morale una resistenza ben diversa. Sotto tale rapporto noi eravamo
in condizioni diametralmente opposte; il Piemontese, vera stoffa da
soldato, sentiva profonda l'influenza morale, comprendeva che più non
si scongiurava la fortuna, ed alle sofferenze fisiche si univano quelle
dello spirito che abbattono più delle prime, e d'altronde eravi poi
anche questa differenza che quando l'esercito austriaco voleva riposare
era padrone di farlo, ma la stessa cosa non poteva dirsi del nostro che
anche in questo doveva subire la legge dal vincitore.

Una causa grave di sofferenze come già accennai fu quella del disordine
nella distribuzione dei viveri. Il servizio era male organizzato
ed al campo vi ebbe sempre contemporaneamente in un luogo difetto e
nell'altro abbondanza, privazioni e sciupamento; la massa viveri non
mancò mai, ma così mal distribuita e sopratutto poi nei giorni di
battaglia, che il povero soldato rimase più d'una volta 24 ore senza
cibo. Il vizio veramente organico stava in ciò, che il trasporto dei
viveri si faceva da imprese private, e non da un corpo con disciplina
militare; ora que' impresari temendo cader nelle mani del nemico e
perder carri e cavalli, si allarmavano anche per pericoli ideali e
ridicoli e trovandosi anche a grandi distanze dal nemico. Mentre io
(28 luglio) mi recava a Cremona per prendere disposizioni, incontro
un piccolo convoglio di quattro o cinque carri, tirati da buoi che
trottavano. Era nato un falso allarme per un preteso corpo austriaco
che si diceva vicino; coloro che conducevano quel convoglio presi
dallo spavento non contenti di battere le bestie perchè corressero,
avevano aguzzato dei bastoni e pungevano con questi i buoi a sangue,
al punto, che, quando io l'incontrai, o per meglio dire li raggiunsi,
trottavano alla lettera, come quelli che li pungevano. Sdegnato a
quella vista mi collocai anzitutto col mio cavallo avanti al primo
carro, intimai ai conducenti che si fermassero, e li apostrofai con
una vera scarica di epiteti uno più forte dell'altro, poi gli dissi:
che i Tedeschi non avevano le ali nemmeno essi, che fra loro e noi
v'erano più di 20 chilometri ed il nostro esercito di mezzo. Credesi
forse che reagissero? Nulla affatto; si pigliarono in buona pace
quel subisso d'insolenze, ma siccome erano stanchissimi essi pure
come i buoi che cacciavano, quell'assicurazione del nessun pericolo
per quanto condita bruscamente fece loro piacere, cominciarono a
scusarsi dicendo che avevano visto altri a fuggire, e senza cercar
altro fuggivano anch'essi; io divenni più mite e tornai sull'argomento
dimostrando loro colle buone, quanto assurdo fosse quel panico; mi
feci promettere che avrebbero continuata la loro via di passo e con
tutta calma, ed io proseguii il mio cammino. L'assicurare i viveri
all'esercito fu uno dei cómpiti più ardui che cadde sugli ufficiali
lombardi dello Stato Maggiore dal 27 luglio al 3 agosto: io non conobbi
più ciò che volesse dire riposare su d'un letto; durante la notte
procedeva sempre per intendermi coi Municipii e coi Comitati, onde
non mancasse il necessario; durante il giorno doveva portar ordini pei
movimenti militari. Una cosa dolorosa che mi dava non poca pena erano
le inevitabili dimande che mi facevano sulle probabili sorti della
guerra, tutti speravano che si facesse resistenza e si desse battaglia,
in modo che il loro paese non cadesse nelle mani dei Tedeschi; io non
voleva illuderli, ma nemmeno spaventarli, stava quindi sulle generali,
ma coloro che conservavano ancora calma di spirito, ben comprendevano
che la speranza di vincere non era grande. Ben potrei però accennare
ad onore di più d'un Municipio e d'un Comitato quanta premura e quanta
buona volontà vi mettessero. A Cremona, per esempio, ove io giunsi il
28 a notte avanzata trovai al Municipio il Comitato ancora riunito, e
non è a dire con quanta prontezza e benevolenza annuisse ad una dimanda
assai forte per razioni di viveri; ma chi mai ricorda ora, chi apprezza
que' meriti? Eppure quei servigi resi in circostanze cotanto difficili
e sventurate esser dovrebbero i più ricordati. Per essere almeno io
fedele a questa massima non voglio tacere un fatto che mi avvenne in
quei giorni e che torna ad onore del clero e dei cittadini di Codogno.

Era il 28 luglio verso il cader del giorno ed io mi recava in quel
paese portando ordini; lungo la via incontro un corpo di truppa che
camminava stanco, spossato; cavalco per qualche tempo a suoi fianchi
e veggo che un soldato che camminava in riva al fosso stradale lascia
cadere un pane che rotola nel fosso ma di poca profondità ed asciutto,
e nè esso nè altro fra i soldati si dànno il fastidio di raccoglierlo.
Mi rivolgo al primo ufficiale che trovo e gli narro l'accaduto. _Che
vuole_, mi risponde d'esso, _io ho dei soldati che non digeriscono
più il pane, tanto hanno lo stomaco alterato e quindi non mi reca
meraviglia quanto ella mi dice; tale poi è la stanchezza generale
che nessuno avrà voluto far la fatica di discendere nel fosso per
raccogliere quel pane._ Codogno è famoso pei suoi latticini, è un
gran centro produttore di burro e formaggi; mi viene in mente di trar
partito di quella sua ricchezza ed arrivato indi a poco colà, dopo
esaurito il còmpito affidatomi, vado diritto dal parroco, gli dico
che arriverà quanto prima un corpo esausto dalla fatica e tanto che a
molti ripugna perfino il pane; in un paese con tanti ricchi fittabili
si potevano fare delle polente ed unirvi un po' del famoso burro o del
formaggio, era persuaso che quel cibo caldo ed omogeneo ai soldati li
avrebbe ristorati. Il buon parroco chiamò tosto un suo coadiutore,
gli ordinò che cercasse subito tre o quattro altri sacerdoti e
si spargessero per Codogno esortando la popolazione a far polente
accompagnandole poi con un po' di burro o di formaggio che i soldati
sarebbero venuti a prenderle.

Alla prontezza del parroco e dei sacerdoti da lui chiamati in aiuto,
corrispose la bontà d'animo di quegli abitanti; in meno di due ore si
erano preparate polente in ogni parte di quel grosso borgo. Frattanto
era arrivato anche il corpo di truppa e si era accampato fuori del
paese. Mandai ad avvertire il comandante come gli abitanti di Codogno
avessero preparato una sorpresa pei soldati con polente e burro,
volesse mandare buon numero di soldati onde trasportarle al campo. Il
comandante non si fece pregare, e si videro file di soldati guidati
da sacerdoti e cittadini alle diverse case, che a due a due portarono
quelle polente, alcune delle quali erano di grandi dimensioni e tutte
avevano del burro e del formaggio. I soldati fecero gran festa a quel
regalo. Molti anni dopo trovandomi io in Firenze in una società ed
essendo caduto il discorso sul buon umore del soldato piemontese,
un ufficiale di artiglieria volendo addurne un esempio narrò: come
essendo egli ufficiale d'artiglieria in una batteria di campagna che
nella ritirata del 1848, sopra Milano erasi fermata a Codogno, quegli
abitanti avessero preparate delle polente con burro e formaggio,
del che era stata partecipe anche la sua batteria, e che egli aveva
dovuto fare le meraviglie vedendo come quel piccolo avvenimento avesse
tosto cambiato l'umore dei soldati, alcuni dei quali facevano dei
brindisi colla polenta agli abitanti di Codogno. Quando si pensa alle
enormi fatiche che avevano sostenuto, alla prostrazione d'animo che
generalmente dominava, non si può a meno di convenire nella sentenza
di quell'ufficiale, che poco basta per eccitare il buon umore nel
soldato piemontese. Ma perchè mai non dedicheremo due righe di lode
anche ai buoni cittadini di Codogno se anche solo dopo 35 anni? Quei
slanci svelano la buona natura della popolazione; ma perchè si avesse
a giudicare come merita, converrebbe potersi trasportare col pensiero
a quei giorni. Universale, come ripeto, era lo spavento per le asserte
calunniose crudeltà commesse dagli Austriaci contro inermi cittadini.

Lo stato della nostra armata diceva chiaro, come pur troppo passati
forse anche solo due giorni Codogno sarebbe stata occupata dai
Tedeschi; non pertanto si adoperavano con tanto zelo ed amore verso i
nostri poveri soldati. Certo fu ben piccola risorsa rapporto al numero
che poterono parteciparvi in confronto all'esercito intero, ma fu di
vero sollievo per quelli a cui toccò ed il contegno di quegli abitanti
merita esser ricordato poichè verranno indubbiamente altri tempi,
fosse anche solo in avvenire lontano, nei quali la carità cittadina
potrà essere di sollievo a soldati affranti dalle fatiche come quelli
della ritirata del 1848. Auguriamo pur sempre che la fortuna secondi
le nostre armi, ma non illudiamoci al punto da non ammettere come cosa
possibile anche rovesci e sventure. Ultimate le mie incombenze tornai
a Cremona.

Il 29 luglio ebbimo a sostenere presso quella città un attacco da parte
del nemico, vi ebbe un combattimento che durò più ore; l'esercito
nostro benchè già sconnesso tuttavia era però ancora abbastanza
compatto ed ordinato, che quantunque ceder dovesse a fronte della
gran superiorità di numero del nemico, non perdette nella ritirata nè
prigionieri nè un pezzo d'artiglieria.

Un grosso temporale venne anche in quel giorno a rinfrescare alquanto
l'aria infuocata.

Dopo l'abbandono di Cremona non rimaneva più che la linea dell'Adda
che ancora poteva prestarsi ad un piano di difesa, e realmente il
31 luglio il generale Bava aveva impartito istruzioni in proposito.
Ei contava sulla cooperazione del Comandante della 1ª Divisione, il
generale Sommariva D'Aix, il quale formava l'estrema sinistra, ed il
31 stesso mese aveva passato il fiume a Grotta d'Adda, ma il 1º agosto
sopraffatto dal nemico che aveva gettato un ponte in quelle vicinanze,
il generale Sommariva lungi dal poter dar la mano al generale Bava,
erasi recato a Piacenza con tutto il suo corpo; quello sconcertò il
piano della difesa dell'Adda al quale si rinunciò, e si dovettero
contromandare tutti gli ordini. Incaricato di una di quelle missioni, e
precisamente presso il generale Ferrero che si trovava in vicinanza di
Pizzighettone mi avvenne di essere presente ad uno di quei spettacoli
che difficilmente si ripetono, perchè prodotti da combinazioni
fortuite, e da determinazioni instantanee. Io andava in cerca del
generale Ferrero per recargli l'ordine di cambiare di direzione; giunto
a poca distanza da quella fortezza incontro il generale Passalacqua
che colla sua brigata seguiva la via tracciatagli in forza del piano
di difesa che dovevasi abbandonare, lo fermai e lo pregai sospendere
la marcia e di voler prender cognizione di quell'ordine che recavo al
generale Ferrero. Ei stava leggendo quell'ordine allorquando si ode un
colpo come di tuono cupo, ma tuttavia sì forte da far tremare la terra,
in pari tempo dal centro di Pizzighettone s'alza un'enorme colonna
di fumo, ma del diametro di più diecine di metri, e questa si slancia
ad un'altezza non minore di 50 o 60 metri poi ad un tratto si ferma,
la cima si trasforma in un enorme ombrello che ricade su sè stesso
formando gran vortici di fumo ed avvolge dilatandosi tutta la fortezza;
il generale Passalacqua sospende la lettura ed attonito al pari di me
e degli ufficiali che lo circondavano contempla quello spettacolo sì
imponente ma che non durò che pochi minuti.

Ecco qual'era la causa; a Pizzighettone v'era una grande provvisione
di polvere, più centinaia di barili; venuto l'ordine di sgombrare la
fortezza non volevasi che quella preziosa provvista cadesse in mano del
nemico, e d'altronde non eravi il tempo di trasportarla, si cominciò
a gettarne una grande quantità nell'Adda, ma quel mezzo di distruzione
non riuscendo abbastanza celere, venne il pensiero di accatastarne una
gran massa nella piazza centrale e darvi il fuoco, dopo prese le debite
precauzioni perchè tutti si allontanassero. La polvere non trovando
resistenza non produsse che quello scoppio cupo che ho menzionato,
ma la grande quantità generò quella sterminata colonna di fumo che
dapprima produsse l'effetto di un torrente che andava dal basso
all'alto, e finita la spinta si rovesciò sopra sè stesso, si allargò
dapprima a forma d'ombrello, e poi cadde generando una specie di nebbia
nera che avvolse tutta la fortezza; centinaia di mila lire andarono
distrutte in pochi momenti, eppure era ancora l'unico partito che
potevasi prendere. Salutato il generale Passalacqua, raggiunsi in breve
il generale Ferrero che diede tosto le disposizioni per la nuova via a
prendersi; ciò avveniva il 1º agosto e quando il quartier generale era
in Codogno. Colà si dovette il Re decidere, o ad andare su Piacenza,
ovvero su Milano; ragioni militari avrebbero consigliato la prima via,
ma Carlo Alberto dichiarò che voleva difendere Milano, che del resto
era sempre stata la sua idea e l'esercito mosse alla volta di quella
città. Il 2 agosto verso sera ebbimo ancora qualche scaramuccia col
nemico nella vicinanza di Lodi, ma di poca importanza, ed il 3 agosto
dopo il mezzogiorno arrivammo sotto Milano.

Dal 22 luglio, giorno della partenza da Marmirolo a quello menzionato,
non aveva più avuto notizia alcuna diretta da quella città. Durante
la breve fermata di Goito dopo la battaglia di Custoza, io che non mi
faceva illusioni di quanto era probabile, aveva scritto a mia moglie
che si ritirasse in Piemonte, ma poi non avevo più avuto notizia di lei
nè della famiglia. Alle preoccupazioni per ciò che riguardava la cosa
pubblica, aggiungevansi anche quelle relative alle affezioni private.
Sì tosto arrivato chiesi quindi al mio capo il permesso di potermi
recare a casa mia, al che acconsentì pregandomi però di ritornare il
più presto possibile. Fra tre ore sarò qui infallibilmente di ritorno.
Giunto a casa mia appresi che mia moglie era andata a Novara, il che
mi fece gran piacere. A custodia dell'appartamento era rimasta solo
una servente tutta spaventata per le dicerie che correvano, sicchè
cominciai col rassicurarla intorno alla falsità di quelle; sì tosto i
vicini di casa appresero il mio arrivo, vennero a trovarmi avidi di
avere notizie dell'esercito. Alla mia volta io non era meno ansioso
di conoscere cosa era avvenuto in Milano. Come è facile l'indovinare
fu un vero incrociarsi fra le loro dimande e le mie, e le reciproche
risposte; ciò ch'io poteva dir loro il lettore lo sa; io cercherò
riassumere in breve ciò ch'io appresi in quel primo colloquio
famigliare coi vicini fra i quali eranvi persone distinte, compreso un
alto impiegato dello stesso Governo provvisorio.

La notizia del fatto d'armi di Governolo del 18 luglio, elevato al
rango di battaglia, nonchè di quello più importante di Staffale del
24 dello stesso mese, aveva elettrizzato la popolazione; l'ultimo
in modo speciale era stato annunciato come una splendida vittoria,
ed i fogli pubblici erano pieni delle notizie più rassicuranti. Non
essendovi allora il telegrafo, richiedevasi più tempo perchè le notizie
potessero giungere, ed il pubblico non veniva in cognizione che circa
ventiquattro ore dopo ed anche più. Il 25 luglio, giorno della nostra
sconfitta toccata a Custoza, era stato un giorno di grande allegria
per Milano che festeggiava la vittoria di Staffale. Alla sera vi ebbe
illuminazione in più luoghi della città. Ma ritorniamo sul teatro della
guerra. La sera stessa della battaglia di Custoza, non che gran parte
della notte successiva, fummo tutti occupati a dar provvedimenti per
la ritirata, e credo che nessuno si assumesse l'ingrato incarico di
partecipare al Governo la perdita della battaglia stessa. Si potrebbe
osservare che non fu cosa molto regolare, ma in quei momenti si pensa
dai capi anzitutto all'armata, ed era poi tanto più perdonabile la
poca premura di dare quella notizia, in quanto che ignorandosi dal
maggior numero la sorte del corpo del generale De Sonnaz, eravi pur
sempre ancora la speranza di poter prendere qualche rivincita. Solo
il 26 luglio da Goito si cominciò a partecipare ufficialmente al
Governo provvisorio la nostra sventura. Ma come sempre avviene in
simili circostanze, le notizie date dai privati avevano preceduto le
ufficiali; già durante il giorno 26 qualche voce sinistra ha dovuto
circolare in Milano. Tuttavolta, siccome un privato non fa sempre
impunemente lo spargitore di notizie infauste, è molto probabile che
le prime fossero avvolte in frasi dubbiose; certo si è che il 26 la
gran massa del pubblico ignorava completamente il rovescio toccato il
25. Siccome però gli avvenimenti non davano tregua, così la realtà ha
dovuto farsi strada ben presto, con che le notizie sfavorevoli finirono
ad accavallarsi alle fortunate; entro la susseguente giornata del 27
cominciavano ad arrivare in Milano fuggitivi, non dell'armata, ma di
quella massa di privati, che o per ragione di contratti ed appalti per
sussistenze militari o per altra qualsiasi causa seguivano l'esercito.
Allora la verità si fece palese in tutta la sua realtà e siccome è
impossibile che non venga anche esagerata, per il che i fuggitivi
sono sempre stati famosi, ovunque ed in tutti i tempi, così accadde
che Milano passò bruscamente dall'esultanza per il trionfo ottenuto,
allo spavento per la successiva disfatta. Il 28 luglio fu la giornata
nella quale ebbe principio la triste fase di confusione e di spavento.
Le notizie dell'esercito si succedevano ma tutte sfavorevoli; si era
in piena ritirata. Il 28 suddetto si annuncia che _stava per cadere
Cremona_ e quantunque, militarmente parlando, non poteva avere grande
importanza, non essendo città fortificata da potere offrire un punto
d'appoggio per una resistenza; non è a dire quanto nel pubblico e
sulla massa dei cittadini dovesse far senso quell'annuncio che venne
tosto divulgato come fatto compito colle parole _sono già a Cremona
— è occupata Cremona — Cremona è caduta_. I cittadini se la presero
col Governo provvisorio al quale il giorno 29 luglio la piazza impose
un triumvirato che assunse il nome di _Comitato di pubblica difesa_ e
cominciò a dare provvedimenti in suo nome.

Queste furono le notizie più essenziali che potei avere in quel primo
colloquio coi vicini di casa; fui obbligato a troncarlo presto, volendo
essere esatto e ritornare al mio posto prima che spirassero le tre ore
che mi erano state accordate. Giunto al Quartier generale ch'era in
un'osteria fuori porta Romana, detta di San Giorgio, mi venne assegnato
un alloggio in una delle più vicine case. Le ore vespertine di quel
giorno vennero impiegate in preparativi per la battaglia divenuta
inevitabile per l'indomani. Le truppe vennero collocate fuori della
città in gran cerchio che appoggiavasi colla dritta al Naviglio di
Pavia; aveva il suo centro a Vigentino, Boffalora e Gamboloita, e colla
sinistra si avanzava oltre porta Orientale. La truppa era però affranta
dalla fatica e dalle sofferenze per il gran caldo.

Venuta la notte ebbi un po' di libertà e passai alcune ore con
due amici che mi vennero a trovare e con ottimo consiglio avevano
preparato un po' di pranzo in un'osteria vicina. Nel breve colloquio
a casa mia non aveva potuto avere conoscenza che delle notizie le
più essenziali intorno a quanto era avvenuto a Milano; ma con quei
amici, uno dei quali era ufficiale della Guardia Nazionale e l'altro
persona dell'alta società, vi ebbe un reciproco sfogo di notizie
intorno agli avvenimenti, non solo di que' ultimi giorni, ma rimontando
anche addietro. Essi mi narrarono come nei due mesi passati i partiti
avessero sconvolto Milano, come si fossero imposti alla popolazione
con una stampa la cui sfrenatezza non aveva nome, come molte famiglie
civili fossero andate in campagna per sottrarsi a quella tirannia.
Si predicava apertamente la necessità della Repubblica; ben prima di
quei giorni, il Mazzini aveva trovato modo d'influire direttamente
sul Governo dominando uno dei suoi membri. La piazza s'era fatta
onnipotente; si univano quindici o venti, si recavano in piazza S.
Fedele avanti al palazzo Marino ove sedeva il Governo, e cominciavano a
gridare ad alta voce, _fuori il Governo provvisorio_ e volevano notizie
dell'esercito e delle intenzioni del Governo. Come potesse camminare
l'amministrazione pubblica, in simili condizioni, è facile immaginarlo;
si facevano piani di campagna, e si discutevano, nei giornali i più
esaltati; si criticavano le operazioni dell'esercito ed obbligava
talvolta lo stesso Governo provvisorio ad ingerirsi con consigli che
provenivano da loro, nei piani di guerra. Quanto al futuro regime da
darsi alle Provincie liberate dal dominio straniero, doveva basarsi
sopra libertà ben altrimenti più larghe ancora di quella che godevano e
della quale tanto abusavano; la stampa infine si era convertita in vera
reale tirannia per i tranquilli cittadini, minacciati sempre di venire
denunciati di _Piemontesismo_ o di poco liberali, e perfino di aderenti
in segreto all'Austria. Segnalato sopra tutti ne andò il giornale detto
_L'Operaio_, redatto da certo Perego, era divenuto un vero flagello
pei cittadini; entrava nelle domestiche pareti mettendo a repentaglio
l'onoratezza e la buona fama di oneste persone[38].

Infine sarebbe cosa impossibile il descrivere la confusione che tutto
quell'insieme aveva generato nelle menti, e voler rappresentare lo
stato morale della città di Milano nel giugno e luglio del 1848. Non
occorre tampoco accennare come gli autori principali di quei disordini,
sì tosto pervennero le notizie sfavorevoli, si lanciassero contro
il Governo provvisorio reclamando la sua rimozione, dichiarandolo
inetto e non al livello dei tempi e delle gravi circostanze; se
nonchè allorquando il pericolo si fece maggiore e gli Austriaci si
avvicinavano a Milano, tutti quei caporioni se ne fuggirono ed i più
andarono a Lugano per sorvegliare, come dicevano, gli avvenimenti.

Venni assicurato che la confusione in Milano dal 30 luglio al 1º
agosto, ossia quando si sparse la notizia che i Tedeschi aveano passato
l'Adda, fu qualcosa d'indescrivibile. Chiunque poteva, voleva fuggire
dalla città, ma altri volevano invece che s'impedisse dicendo che
questo spaventava vieppiù coloro che non potevano assentarsi; prevalse
il partito più sano di lasciare che ognuno facesse quello che voleva
ed una massa veramente considerevole abbandonò Milano, e realmente
quando si giunse coll'esercito, si trovò assai squallida. Pur troppo
però quei giorni di grande esaltazione non andarono privi di gravi
sventure. Si parlò ancora di spie, di tradimenti, d'intelligenze col
nemico, e si volle trovare i colpevoli. I più esposti alle violenze
erano gli stranieri; uno di questi, trovato a contemplare il castello,
venne circondato da popolo che lo qualificò senz'altro da spia; lo
sventurato si smarrì ed allora gli furono addosso con calci e con
pugni; alcuni cittadini più calmi ed umani accorsi a quella scena
s'intromisero e protestando che lo volevano condurre all'ufficio
di Sicurezza Pubblica, lo presero di mezzo, se non chè, durante il
tragitto i più esaltati si lanciavano contro di lui dandogli pugni
nel ventre e nello stomaco, sicchè allorquando arrivato all'ufficio
venne introdotto nella camera stessa del Direttore gettatosi su di una
sedia, spirò. Venne poi riconosciuto che era un Ticinese, appaltatore
di opere stradali, ottimo uomo che non avea mai fatto male a nessuno.
Citai questo fatto, fra i non pochi che funestarono quei giorni, perchè
questo mi venne narrato dallo stesso Direttore, l'illustre Fava, che
fu presente alla morte dello sventurato. Così in quella città, ove nel
marzo dello stesso anno il popolo aveva rispettato un Bolza, ossia uno
dei capi più esecrati della Polizia austriaca, si inveiva anche per
lontani sospetti contro innocenti; tanto influisce anche sulle masse
la fortuna favorevole o contraria. La vittoria del marzo aveva elevato
il sentimento della popolazione, l'aveva inalzato alla generosità
ed al perdono e fu atto veramente nobilissimo quando si pensa che il
Bolza aveva tiranneggiato per lunghi anni, sicchè il suo nome godeva di
triste celebrità; all'opposto in quei giorni la sventura avea offuscato
le menti ed accesi gli sdegni che chiedevano uno sfogo che cadde sopra
innocenti. Nella popolazione vi era però sempre una parte buona, umana
e calma, come lo provò il tentativo per salvare l'infelice Ticinese
e come lo provarono molti dei nostri soldati. Da circa due settimane
nessuno aveva potuto cambiarsi, taluni erano laceri; l'indomani
dell'arrivo, ossia il giorno 4 agosto di buon mattino, vedevansi i
cittadini distribuir camicie ai soldati e recarne carri interi ai
campi; i soldati che per una ragione o altra entravano in città,
venivano accarezzati e si porgevano loro cibi e bevande; la gran massa
dei cittadini mostrava infine il suo buon cuore e capiva, col suo retto
senso, che quei poveri soldati erano ancora l'ultima loro speranza.
Nelle relazioni che trovansi stampate intorno a quei giorni nefasti,
si accenna in non poche di esse a fatti diametralmente opposti, ad
ufficiali ed a soldati insultati, non solo, ma contro i quali si
tirarono fucilate e vi ebbero dei feriti. Non credasi però che questo
includa una contraddizione. È vero l'uno e l'altro fatto, havvi fra i
due questa differenza, che quelli che io ho citati sono del 4 mattina,
e li posso garantire in tutta l'estensione del termine, poichè fui
presente io stesso alla distribuzione di biancheria, laddove i fatti
narrati di ostilità appartengono al 5 agosto, ossia quando, perduta
anche la battaglia sotto Milano, più non eravi speranza alcuna, e solo
i più esaltati dominavano nelle vie. Ma ritornando ora al convegno
coi miei amici, se io aveva chiesto molto a loro, non era poco nemmeno
quello che essi chiesero a me. Come è ben naturale, ciò che più d'ogni
cosa gli interessava, era di conoscere il vero stato dell'esercito, e
quale affidamento potevasi ancor fare sul medesimo per l'inevitabile
battaglia che doveva aver luogo l'indomani. Io non poteva ascondere i
miei dubbi e parlava con persone troppo franche per non usare anch'io
di egual franchezza; il fatto più grave che dovetti dir loro era la
sottrazione al nostro esercito di una divisione intiera, quella del
generale Sommariva che era andato a Piacenza; faceva parte di quella
divisione una delle brigate che più si erano segnalate nella campagna,
la brigata Aosta, e quanto dovesse influire quella sottrazione era
facile immaginarlo. Oltre di questo non poteva ascondere lo stato
veramente deplorevole in generale del nostro esercito; ma, come suol
dirsi, finchè havvi vita, havvi speranza, e non potevasi escludere una
possibilità di combattimento felice; si calcolava inoltre su certe
inondazioni che dovevano aver luogo e che avrebbero rese difficili
le mosse del nemico; se ne parlava di già a Lodi di questo piano di
allagamento. Soverchiante era il numero dei nemici, ma si sperava anche
qualche aiuto nella Guardia Nazionale, infine qualche speranza potevasi
pure ammettere. Tardi ci congedammo poichè e dall'una e dall'altra
parte eravi sempre qualcosa da chiedere.

L'indomani, 4 agosto, io mi trovava all'alba all'osteria di S. Giorgio
agli ordini del mio capo. Il re Carlo Alberto aveva colà passata la
notte. Le notizie del nemico confermavano sempre più che avrebbe in
breve attaccato; tuttavia se si fa astrazione di fucilate d'avamposti,
l'attacco formale che segnalò il principio della battaglia non ebbe
luogo che poco prima del mezzogiorno.

Il Re si trovava sulla via che conduce a Lodi, fuori di porta Romana ed
a circa mezzo chilometro, se pure, dalle mura della città. I Tedeschi
fecero lo sforzo principale su di un punto intermedio fra porta Romana
e porta Vicentina, detto Gamboloita; verso l'una l'azione era divenuta
generale; vi ebbe più di un morto e ferito a poca distanza dal Re, e
posso anzi narrare un fatto del quale fui testimonio. Il Re si trovava
in prima linea, ossia avanti tutto il suo seguito, e dietro ad esso
stavano due aiutanti ed il generale Salasco, e vicino a questi mi
trovava io; alquanto più addietro eranvi altri ufficiali ed addetti
allo Stato Maggior Generale, fra i quali un colonnello polacco.

Or bene una palla da cannone venne, facendo tal giro così singolare,
deviata probabilmente dall'aver battuto contro piante che entrò nel
gruppo degli ufficiali, che stavano dietro il generale Salasco, portò
via netto la testa del cavallo del colonnello polacco ed andò a ferire
un cavallo del Re, che uno staffiere teneva a mano come scorta e gli
fece sì profonda ferita che si dovette ammazzare tosto onde por fine
alle sue sofferenze. L'inondazione sulla quale si faceva assegno non
ebbe luogo. La Guardia nazionale però intervenne in numero non molto
grande, ma di certo vi era. Verso le tre sopravvenne un temporale con
tal violenza che sospese per qualche tempo la battaglia. Le sorti si
decisero a Gamboloita ove i Tedeschi presero due cannoni e dopo le
quattro venne ordinata la ritirata, ed il Re Carlo Alberto entrò in
città.

Chi fosse che ebbe l'idea di suggerire la scelta del palazzo Greppi,
per stabilirvi il Quartier generale non saprei dirlo. Certo si è che fu
un'idea infelicissima e forse devesi a quella scelta se l'indomani si
ebbero a lamentare quei disordini che resero così segnalato il giorno 5
agosto. Colà sceso anch'io dovetti pensare un po' anche ai casi miei,
e però presentatomi al generale Salasco lo pregai che mi permettesse
di andare a casa mia e potervi rimanere anche il mattino del giorno
dopo, trattandosi che era certo di dovere espatriare, ma non sapeva
se e quando avrei potuto ritornare; il generale acconsentendo volle
che indicassi io stesso l'ora che sarei tornato. Non più tardi delle 9
antimeridiane. Qui risparmio al lettore i particolari di quella notte
sì triste per me, dirò solo che la passai in bona parte raccogliendo
quanto potei in documenti e valori, mettendo un orribile scompiglio in
tutte le mie carte, assistito unicamente dalla servente che piangeva
comprendendo benissimo ch'io doveva partire per sempre ed essa rimaneva
incerta della sua sorte; in mezzo all'ansia che me pure opprimeva mi
toccava a farle coraggio di continuo e la tranquillizzai poi dicendole,
che giammai sarebbe stata licenziata in simili circostanze e poteva
sempre calcolare sul mio appoggio ovunque fossi. Riunito che ebbi le
mie carte a notte già bene avanzata presi un po' di riposo. L'indomani
di buon mattino era già in piedi, completai alcune disposizioni prese
la notte ed ordinai alla mia ordinanza che per le 8-1/2 tenesse pronto
il cavallo volendo essere esattissimo alla mia promessa.

Poco prima delle 9 antimeridiane del 5 agosto abbandonai la mia casa
per avviarmi al quartier generale principale in casa Greppi.

Lungo il corso di Porta Orientale (ora corso Venezia) vidi gruppi
di cittadini che parlavano con grande animazione, altri procedevano
mestissimi; allorchè arrivai presso la piazza del tempio di S. Carlo
due cittadini mi si avvicinarono e coi modi i più gentili, cominciando
col chiedere scusa se si permettevano di fermarmi mi interpellarono:
_se era vero che si era conchiuso un armistizio e l'indomani dovessero
entrare i Tedeschi_. Il loro aspetto esprimeva dolore profondo ed
aspettavano con ansietà la mia risposta. La parola _armistizio_ mi era
di già giunta all'orecchio partita da uno dei crocchi incontrati ove
si declamava ad alta voce; io aveva già tanta esperienza e conosceva
si bene lo stato dell'esercito da giudicar tosto come la cosa esser
dovesse non solo possibile ma inevitabile; tuttavia siccome io ignorava
in realtà quel che fosse seguito mi limitai a risponder loro: _io non
so nulla, esco in questo istante da casa e vado al Quartier generale_.
Fui contento di non dovere aggravare il loro dolore con una risposta
positiva, nè eravi ragione di dir loro cosa io ne pensava. _Oggi vuole
essere una giornata seria_, dissi però a me stesso: _Oggi più che mai
occorre prudenza e calma_, e feci proponimento di mantenerla.

Punto io pure dal desiderio di conoscere la verità spinsi il cavallo al
trotto e presa la via di _S. Paolo_ ed il vicolo di _S. Fedele_ entrai
nella via di _S. Giovanni alle case rotte_ che sbocca sulla corsia
detta allora _del Giardino_ (ora via Alessandro Manzoni) dove havvi
casa Greppi.

Io mi trovava di già vicino all'ingresso in quella via, allorquando
odo il rumore di grida confuse ed un individuo armato di fucile
mi viene incontro e gesticolando e movendo il fucile come fosse un
bastone prorompe in ingiurie e gridando confusamente ripete spesso
la parola _casa Greppi_. La via di _S. Giovanni alle case rotte_
continuava allora sino alla corsia fiancheggiata a destra dalle case,
che sussistono ancora, ed a sinistra dalla cinta di un giardino ed era
anzi piuttosto stretta; l'energumeno essendosi piantato nel mezzo e
movendo furiosamente in ogni senso il fucile la sbarrava letteralmente.
Io che non capiva nulla di quel suo schiamazzo, _signore_, gli dissi
senza scompormi, _io non so cosa ella voglia, io vado precisamente a
casa Greppi e non ho bisogno che nessuno mi insegni ov'è, faccia il
favore di sgombrarmi la via_. Queste parole le pronunciai in tuono
risoluto ma senza ira, quell'individuo rimase come paralizzato, non
replicò verbo, si ritirò da un lato ed io che non era più lontano
di un centinaio di metri da quella casa ben presto la raggiunsi. La
corsia del Giardino era zeppa di gente che faceva un chiasso enorme,
entrai nel cortile di casa Greppi pieno di soldati, consegnai il
mio cavallo ad un carabiniere e salii all'appartamento dov'eravi
il Re Carlo Alberto e l'ufficio dello Stato Maggior Generale, e mi
presentai al mio capo il generale Salasco. _Oh era ben sicuro_, mi
disse, _della sua puntualità_, e poi soggiunse. _Oggi è probabile che
noi avremo bisogno dei nostri bravi ufficiali lombardi. Può contarvi
con sicurezza_, risposi io e fatto il mio inchino ritornai nella sala
attigua dove vi erano i miei compagni. Appresi da loro cose gravi,
l'armistizio era stato conchiuso durante la notte e recava che entro il
mezzodì del giorno appresso (6 agosto) tutto l'esercito Sardo avrebbe
abbandonato Milano ritirandosi in Piemonte; quell'armistizio era stato
communicato al Municipio non che al Comitato che fungeva da Governo,
la voce era corsa e tutta Milano era piena di quella notizia. Era
naturale che il primo effetto esser dovesse quello dello spavento; le
voci per quanto false anzi prettamente calunniose di crudeltà commesse
contro prigionieri e sevizie contro cittadini erano penetrate anche in
Milano. Cadere nelle loro mani oggi che sono tanto irritati _questo
poi no_, si disse da molti ed in ogni parte della città; il ricordo
delle Cinque Giornate era sempre fresco; le condizioni totalmente
mutate dell'esercito austriaco erano ignorate dai più ed altri nel
loro esaltamento non si davano per intesi ed il grido _alle barricate,
alle barricate_ risuonò di nuovo in Milano. Frattanto alcuni fra
i più esaltati si erano recati al palazzo Greppi e volevano sapere
netto e chiaro cosa eravi di vero; impediti di salire cominciarono
a gridare nella via e poi si fissarono in capo di voler tenere come
prigionieri quanti si trovavano entro quel palazzo compreso il Re.
Si fu precisamente in quel momento di primo impeto che sopravvenni
anch'io ignaro di tutto e per questo non aveva compreso nulla di ciò
che volesse l'individuo che mi aveva fermato presso lo sbocco della
via di S. Giovanni alle case rotte. Anche in palazzo Greppi non si era
però tranquilli, cominciarono taluni a dire che dovendoci battere era
ben meglio batterci contro i Tedeschi che contro i propri cittadini e
come avviene che una corrente d'idee generosa nel suo fondo sebbene
d'impossibile esecuzione, prima di essere abbandonata conviene che
faccia il suo corso, perchè non si trova chi abbia il coraggio di
opporvisi, così a poco a poco s'impadronì dei presenti l'idea della
resistenza che più di tutti sorrideva a Carlo Alberto. Si era sotto il
dominio di questa idea allorquando a darle l'ultima spinta decisiva,
avvenne uno di quei fatti che sono caratteristici in quei momenti di
esaltamento.

Si annuncia una deputazione di cittadini appartenenti a ceto civile,
vengono non armati e chieggono di parlare a Carlo Alberto; egli ordina
di lasciarla passare e viene egli stesso nella sala maggiore piena
di ufficiali d'ogni grado. La folla si apre, compare da un lato la
grande, la maestosa figura di Carlo Alberto, dall'altro si avanzano tre
o quattro cittadini che vengono a parlare a nome del popolo milanese.
A capo era un individuo grande, tarchiato, un uomo sulla quarantina;
giunto alla presenza del Re si getta in ginocchio ed aprendo le
braccia: _Ah! Maestà_, esclama con voce stentorea, _salvi la sventurata
Milano_, e continuò di quel tuono; ma non volendo riferire che quanto
rammento in modo esattissimo mi limito a rammentare il preambolo del
suo discorso. Io era fra coloro che facevano spalliera fra il Re e
quei cittadini, e posso dire che fu spettacolo imponente il vedere
quell'individuo di forme atletiche in ginocchio colle braccia stese
davanti a Carlo Alberto, ritto, gigantesco, immobile. Certo quanti
ancor vivono fra coloro che furono presenti ricorderanno quella scena
colla precisione che la ricordo io. Quando l'individuo ebbe finito,
_si alzi_, disse Carlo Alberto, _ci penserò_. Si ritirò con alcuni
generali, ricevette ancora una deputazione e si decise di difendersi.
L'oratore che si era calmato corse coi compagni a dare ai Milanesi la
buona notizia.

La parola era data; non parve a quelli che contornavano il Re e
fors'anche a lui stesso che ciò bastasse per far conoscere la sua
intenzione; conveniva farlo in modo solenne e si deliberò farlo
mediante un manifesto.

Confuso coi miei compagni me ne stava ancora nella sala ove aveva avuto
luogo la scena che ho descritta allorquando mi si avvicina un ufficiale
e mi dice che il general Salasco desiderava parlarmi. Entro in un
locale vicino pieno anch'esso di ufficiali ed il generale Salasco mi
dice _favorisca stender lei il manifesto_. Si può facilmente immaginare
l'impressione che doveva farmi simile incarico. _Signor generale_,
risposi io, _obbedisco ma voglia avere la compiacenza di spiegarmi bene
il concetto che devo esprimere_.

_Ha udito che il Re vuol seguitare a difendersi_, rispose d'esso, e poi
soggiunse: _Caro Torelli, vegga di far presto_. Mi portarono un foglio
di carta ed un calamaio; ritiratomi in un canto della stessa stanza
in mezzo ai rumore di discorsi vivacissimi, lì sui due piedi, dovetti
stendere quel manifesto che fu poi il grand'atto di accusa contro
Carlo Alberto, che per puro atto cavalleresco, accarezzando l'ultimo
filo di speranza, aveva voluto recarsi a Milano anzichè a Piacenza
ben fortificata e dove poteva riposare e ricomporre l'esercito. Ma era
detto che solo i posteri dovevano rendere giustizia al Re Martire.

Nel breve tempo che impiegai a stendere quel manifesto mi venne vicino
il generale mio capo, per vedere se avrei presto finito, tanto era
impaziente. Non molti di certo si trovarono sì pressati ed in momenti
sì difficili e solenni a dover stendere un atto di tanta importanza in
nome d'un sovrano. Finito che ebbi di stenderlo lo lessi al generale
Salasco, ma accortomi che qualche frase meritava di esser corretta.
_Permetta_, gli dissi, _che lo ritocchi e lo copii. Ah no, va bene_
rispose e corse a mostrarlo a Carlo Alberto che l'approvò pienamente.
Allora più non vidi quel foglio che doveva avere esso pure le sue
vicende[39]. Venne recato alla stamperia più vicina, stampato, ed
immediatamente diffuso in tutta Milano.

Il dado era gettato, conveniva pensar seriamente alla difesa.

Gli ufficiali lombardi vengono requisiti per andare in giro a portare
gli ordini relativi ed io fra questi sono incaricato di andare nelle
parti più lontane di Porta Romana. Monto a cavallo e mi presento
alla porta di uscita, la via è sempre ingombra di persone che si
agitano, che gridano, che spiegano la cosa a nuovi che sopravvengono
con intenzioni ostili non conoscendo ancora la determinazione della
decretata difesa; infine tale era la folla che io dovetti alzar la
voce e spinsi il cavallo in quella folla, questa si aprì e mi lasciò
passare.

In luogo di prendere la diagonale, che mi obbligava a traversar
strade centrali, preferii andare diritto per la Corsia del Giardino
e quindi presi la via lungo il naviglio meno frequentata, ma dove
poteva spingere il cavallo anche al galoppo. Tralascio di descrivere
la sorpresa degli ufficiali superiori ai quali recai quegli ordini.
Essi ignoravano completamente ciò che era avvenuto in casa Greppi,
nè sapevano comprendere la possibilità di una difesa che avesse
probabilità di riuscita. Quella missione mi procurò la conoscenza
delle condizioni della città anche nei luoghi lontani dal centro —
chiuse la gran parte delle botteghe; la popolazione a capannelli, ma
scarsa; regnava ovunque la desolazione o lo spavento. Il collegio
Calchi Taeggi ove dovetti portar ordini fu l'ultima meta. Compiuta
la mia missione ripresi il mio cammino, se non che vedendo come quà
e là s'inalzavano barricate stimai non essere prudenza il tornare al
mio posto a cavallo, poichè era molto probabile che o non vi potessi
arrivare od arrivato non potessi più uscire. Giunto al ponte di
Porta Orientale mi recai a casa mia colà vicina, vi lasciai il mio
cavallo e per la via la più breve mi ricondussi a casa Greppi. Nella
via Monte Napoleone ed in quella di S. Vittore Quaranta Martiri (ora
Pietro Verri), nella via dei Bigli che sbocca sulla via del Giardino,
si erano già costrutte barricate, ma qual differenza col marzo dello
stesso anno! Mancava l'entusiasmo, mancava la fede nel successo; non
mancava per piccolezza d'animo, ma perchè ognuno sentiva che ben altre
erano le condizioni rapporto al nemico. Per quanto ognuno cercasse di
illudersi era troppo chiaro che l'esercito austriaco nulla aveva che
fare con quello del marzo passato; moltiplicato al decuplo e forse più,
compatto ed ebbro di vittoria, cosa mai aveva a che fare con quello che
era stato sorpreso a Milano dalla rivoluzione? L'esercito piemontese,
si era battuto gagliardamente, ma era stato vinto, la ritirata era
stata disastrosa, Milano aveva veduto il 3 agosto arrivare i soldati
affranti dalla stanchezza e taluni ridotti come mummie ed istupiditi,
eppure quell'esercito così rotto dalle fatiche si era ancor battuto il
giorno innanzi, aveva lasciato sul terreno più di un bravo ufficiale
e non pochi soldati, ma era stato soccombente. L'esercito austriaco
accerchiava sempre più da vicino la città e vasto si estendeva il suo
campo con innumerevole artiglieria; se anche i cittadini non sapevano
enumerare distintamente tutte quelle cause esse reagivano colla potenza
della realtà. Allorchè giunsi di nuovo a casa Greppi trovai la via
ancor sempre stipata da gente e continuava il gridìo, mi presento al
mio superiore, rendo conto della mia missione, ma tosto mi accorgo che
la scena è cambiata di nuovo. Più d'uno dei comandanti di corpo era
già arrivato e convien dire che giudicassero della possibilità di una
difesa come la giudicavano coloro ai quali aveva recato io gli ordini.
A togliere ogni speranza, a dare si direbbe l'ultimo colpo venne un
generale d'artiglieria il quale dichiarò che il gran parco a quell'ora
poteva già essere ben prossimo al Ticino. Or come si fa a difendersi
senza munizioni?

Ma come mai, chiederà forse taluno, ignoravasi questo allo Stato
Maggior Generale?

Guai, rispondo io, se chi è riposato e tranquillo ed in epoca di calma
ed andamento regolare della cosa pubblica, vuol giudicare di epoche e
momenti cotanto eccezionali colla stregua dei tempi normali; la prima
condizione è il sapersi investire di quelle circostanze e di quei
momenti cotanto critici, ed allora molte cose che sembrano impossibili
diventano spiegabili. La spiegazione più ovvia che si potrebbe dare si
è il dire: che oggi, assai più che in allora, la storia registrò fatti
ancor più gravi, quali conseguenze di confusioni in momenti difficili.
Per qualche tempo fu un continuo arrivo al palazzo Greppi di ufficiali
superiori, di aiutanti per chiedere spiegazioni. Frattanto anche nel
pubblico cominciava a trapelare la verità, ossia come la difesa fosse
cosa impossibile. Il proclama avea destato in alcuni entusiasmo, ma
in altri spavento; molti si chiesero se quella resistenza non avrebbe
potuto costar assai cara a Milano, ed in capo a questi eravi il Podestà
ossia la persona la più competente per parlare in nome della città;
quella carica cotanto importante in quei momenti era coperta dal nobile
Paolo Bassi, distinto patriotta, e ne diede allora solenne prova.
Piene erano le sale di casa Greppi di ufficiali d'ogni grado mesti e
silenziosi; io mi trovava nella maggiore di esse, allorquando quasi ad
interrompere quella monotona dolorosa situazione, si annuncia l'arrivo
del Podestà di Milano con due altri Assessori. S'informa immediatamente
il Re che viene incontro e si ferma precisamente in quella sala, e
direi quasi all'identico posto ove poche ore prima avea avuto luogo
la scena che ho descritto di quello che implorò pietà per Milano; si
preparava allora una scena opposta, ma quanto più sublime! Nel primo
caso era il dolore che acciecava la ragione, nel secondo era invece
la ragione che imponeva silenzio al dolore. Il podestà Bassi, piccolo
di statura ma d'una figura nobile piena di espressione, s'avanza
calmo, s'inchina avanti Carlo Alberto, e poi con voce commossa chiede
se si sono ben considerati anche i pericoli di quella lotta! Che non
esprimeva la sua maschia fisonomia in quel momento! Qual sacrificio ha
dovuto fare! Nessuno più di lui doveva desiderare la difesa se fosse
stata fra le cose possibili; ma a lui, il capo della città, non era
lecito il chiudere gli occhi alla realtà. Ei sapeva che questo gli
poteva anche costar caro, perchè vi erano esaltati che non volevano
udir ragione, ma egli, il vero patriotta, posponeva la sua persona
al bene del paese e veniva a compiere un atto doloroso ma che gli era
imposto dal suo dovere; il Bassi in quel momento fu veramente sublime
per la sua abnegazione.

_Pur troppo la difesa non è possibile_, fu la risposta di Carlo
Alberto, altro non disse e salutato il Podestà si ritirò. Il Bassi
rimase alcun poco con noi, io lo conosceva personalmente perchè ei
faceva parte di quella Commissione per la legge elettorale alla quale
apparteneva anch'io prima di andare al campo; tosto ritiratosi Carlo
Alberto mi stese la mano: _caro Torelli_, mi disse, _ci conoscemmo in
tempi migliori_. Quella Commissione avea seduto nell'aprile e maggio,
i mesi delle più belle speranze; strinsi la mano all'ottimo uomo, ma
non fui capace di aprir bocca, ero commosso di quella scena, di quella
lotta che lacerava il petto a quell'uomo virtuoso.

Partito anche il Podestà si pensò seriamente a venire ad accordi
definitivi col nemico, a riprendere le trattative per l'armistizio
che era stato conchiuso la notte prima, ma poi disdetto; in pari tempo
conveniva avvertire di nuovo i comandanti, che non erano venuti a casa
Greppi, che sospendessero ogni ostilità. Per questo furono di nuovo
messi in moto gli ufficiali lombardi dello Stato Maggiore; si pensi con
quale disposizione d'animo, affranti ed affaticati anche noi, dovevamo
comunicare questi ordini; e notisi che in causa delle barricate non
era più possibile valersi del cavallo. Allorquando finito anche quel
cómpito, io ritornai al Quartier Generale, mi trovai nella assoluta
impossibilità di rompere la folla; arrivai quando durava ancora quella
scena stranissima fra il popolo nella via e gli oratori al balcone
di casa Greppi; il popolo, ossia quella frazione minima del popolo
milanese che pretendeva rappresentarlo, voleva spiegazioni intorno
all'armistizio; taluno insisteva ancora sulla possibilità della difesa;
si invocavano le _Cinque Giornate_, si ammoniva contro la prepotenza
degli Austriaci che non avrebbero mantenuti i patti, si citava
l'esempio di Vicenza; tutto questo come se non dipendesse che dal
volere di chi comandava il riprendere le ostilità. Tuttavolta io che
aveva veduto ed era stato nel mezzo della folla del mattino, trovai che
la violenza era scemata di molto; si succedettero più oratori cercando
spiegare la necessità di sottomettersi, ed insistendo sopratutto sulla
garanzia pattuita delle persone e delle proprietà.

Finalmente cominciò a diradarsi la folla ed allora io entrai per la
terza volta in casa Greppi per non più uscire che a notte avanzata.
Tralascio di soffermarmi su quelle tristi ore, e dirò solo come
fattosi notte cominciarono a ricomparire di nuovo alcuni esaltati
che ripresero a gridare ed insultare, e si udì anche qualche colpo
di fucile. Si tollerò, ma forse il vedere che non si reagiva indusse
l'idea che si aveva timore. Però anche quel gridìo, quello schiamazzo
non era continuo, ma ad intervalli, talvolta si faceva più forte ed
udivasi qualche insolenza più distintamente come da persona che voleva
dimostrare che aveva più coraggio degli altri, talvolta cessava anche
interamente ogni rumore. Gli attori si cambiavano, discorrevano fra di
loro e ad alta voce, e vi ebbero anche soliloqui, era un continuo via
vai che durò più ore. Finalmente si decise di farla finita. Io me ne
stava presso l'apertura di una finestra, che pel gran caldo che faceva
erano tutte spalancate, allorquando un ufficiale mi avvisa che vuol
parlarmi il primo aiutante di Sua Maestà. Copriva quell'alta carica
il generale marchese Carlo La Marmora, principe di Masserano; egli era
ciò che si direbbe un vero tipo di gentiluomo, ma in pari tempo franco
come un soldato che va ritto al suo scopo. Entrando immediatamente
in argomento, mi chiede se io voleva assumermi di andare a prendere
e condurre colà due battaglioni delle guardie e disperdere quella
ciurmaglia che rumoreggiava intorno alla casa; ma con un tatto della
più squisita delicatezza mi fece comprendere che sapeva di darmi una
missione che non era senza pericoli.

_Signor generale_, gli risposi, _io parto immediatamente, abbia solo
la bontà di dirmi dove sono accampate le guardie. — Fuori di Porta
Romana_, mi rispose d'esso.

Disceso all'istante nel cortile ed entrato nell'atrio che mette
alla via e che era pieno di carabinieri chieggo al capo-posto che mi
apra. — Egli esita — _ma_... _Signor Ufficiale_... mi dice... _Signor
Ufficiale!_... Io comprendo benissimo la ragione della sua esitanza; ei
credeva che uscire ed esser fatto a pezzi dovesse esser la stessa cosa,
ma io non divideva quel timore e gli dissi: _apra pure; io ho molta
premura_. — Allora cominciò ad aprire a poco a poco e solo tanto che io
potessi passare per isbieco e quindi chiuse immediatamente.

Nessuno mi fece il menomo insulto; m'incamminai senza affrettarmi
verso la via Monte Napoleone e poi studiai il passo, e per il Borgo
Monforte ed il bastione di Porta Tosa e quello di Porta Romana mi
recai all'accampamento delle guardie che era un breve tratto ancora
fuori di quella porta. Ne informai tosto il maggiore anziano, che fece
mettere in armi due battaglioni il che però richiese qualche tempo.
Calcolando che se io li avessi condotti per le vie più brevi doveva
attraversare non poche barricate il che mi avrebbe fatto perdere gran
tempo deliberai condurli lungo i bastioni sino all'altura della Zecca
con che percorreva bensì un cammino assai più lungo ma guadagnava
tempo, potendo far marciare la truppa per frazioni spiegate.

Giunto coi battaglioni al bastione di Porta Orientale mi si fece
incontro il Duca di Savoja che era accampato precisamente colà e mi
chiede la ragione di quel movimento di truppa — io non aveva avuto
ancora l'onore di parlare col Duca di Savoja Vittorio Emanuele, allora
principe ereditario ed al quale la Provvidenza riservava sì alti
destini. Gli spiegai lo scopo della mia missione, e preso commiato,
continuai sino alla Zecca e discesi lungo il fabbricato della medesima,
nella via detta allora della Cavalchina (ora via Manin), mi avviai
difilato a casa Greppi, ma allorquando giunsi presso la chiesa di S.
Bartolomeo[40] e quindi vicinissimo ai portoni di Porta Nuova vidi
avanzarsi un corpo di truppa.

Faccio fermare quella che conduceva io, e grido: _chi va là?_

Mi si risponde, _Savoja_, e si ferma anche quella.

Io mi avanzo ed apprendo ivi essere il Re che usciva da casa Greppi,
con quella scorta s'avviava verso i bastioni[41]; chieggo tosto del
primo ajutante e gli dico come non mi era stato possibile l'arrivar
prima per la grande distanza alla quale fui obbligato di andare.

_Ella ha fatto benissimo il suo dovere_, mi risponde e la ringrazio.

_Ma ora_, riprendo io, _che faccio di questa truppa; deve tornare al
suo accampamento?_

_No_, replica il generale, _mi viene opportunissima. Ella vada a casa
Greppi, la circondi e vi rimanga finchè tutti siano usciti_.

In meno di dieci minuti fui colà, posi un cordone a tutti gli sbocchi
delle vie che fanno capo a quella del Giardino isolando così casa
Greppi. — Tuttavolta raccomandai di non far violenza che in caso di
provocazione e se taluno si presentava persuaderlo colle buone ad
andarsene; lo scopo era ottenuto, il Re era in salvo, io non voleva con
uno zelo intempestivo guastar l'opera e d'altronde anche a me non era
stata usata violenza di sorta; ciò fatto salii di nuovo e per l'ultima
volta in casa Greppi; vi erano alcuni inservienti di Corte affaccendati
a raccogliere oggetti della real Casa, ma siccome nessuno aveva
voglia di prolungare oltre il necessario quel soggiorno, si sbrigavano
presto. Io feci ancora una corsa lungo l'appartamento verso la via,
tutto era silenzio come silenziosa era la via, strano contrasto colle
scene che avevano avuto luogo durante la giornata. Verso la mezzanotte
abbandonai quella casa colla truppa, e preso commiato dal comandante
della medesima che ritornò all'accampamento io mi avviai verso casa mia
affranto non tanto per le fatiche di corpo benchè non fossero state
leggeri, quanto per l'amarezza d'animo per tante e sì diverse scene
dolorose delle quali era stato spettatore ed in alcune anche attore.

Fra le ragioni che mi tormentavano eravi anche quella dell'inatteso
scioglimento della mia ultima missione. Fallire lo scopo per dieci
minuti, era doloroso! Chi aveva liberato il Re prima di me? Ben
si comprende che in quella notte io aveva ben altro da fare che di
occuparmi a venire in chiaro di quel fatto, ma lo seppi dappoi ed ecco
cosa era avvenuto.

Fra gli ufficiali che si trovavano in casa Greppi, nella notte del 5
agosto, eravi il colonnello Alfonso La Marmora, capo di Stato Maggiore
della divisione comandata dal Duca di Genova, il medesimo del quale
ho già fatto parola, citando il fatto dei tre ufficiali superiori
inviati a Volta il 27 luglio. Ei conviene premettere che il Re Carlo
Alberto aveva ordinato che si evitasse possibilmente ogni violenza.
Il La Marmora conosceva quell'ordine; evidentemente si dovette poi
recedere e la stessa missione a me affidata ne è la prova. Il La
Marmora, stanco di tollerare più oltre quel chiasso e quelle insolenze,
deliberò di andare a chiamar truppa, ma confidò a nessuno la sua
risoluzione ed ignorava poi completamente l'incarico che io aveva
avuto dal suo fratello primogenito, il principe di Masserano. Egli
uscì solo e come mi disse quando anni dopo[42] ci narrammo i nostri
reciproci avvenimenti di quella memorabile notte, incontrò le medesime
difficoltà da parte dei bravi carabinieri; non volevano aprire nemmeno
a lui ed esso pure fu obbligato a passar per isbieco dalla porta aperta
solo quanto era necessario perchè uscir potesse in quel modo. Ei pure
non venne molestato. Non avendo obbligo alcuno di chiamare una truppa
piuttosto che un'altra e sapendo che la brigata Piemonte era accampata
a Porta Orientale, ossia in luogo ben altrimenti più vicino della
lontana Porta Romana, si diresse colà e preso seco un battaglione,
s'avviò verso casa Greppi.

Cammin facendo incontrò un bersagliere, al quale chiese ove era
acquartierata la sua compagnia — _qui vicino_, rispose d'esso; allora
il La Marmora andò colà prese anche quella, la pose in testa al
battaglione ed andò difilato a casa Greppi. Il Re con quanti erano seco
lui uscì immediatamente scortato da quella truppa e dopo pochi minuti
ci incontrammo, come narrai, presso i portoni di Porta Nuova. Io era
uscito molto prima di lui, poichè mentre non vi ebbe che la differenza
di pochi minuti nell'arrivo, io aveva dovuto fare il quadruplo o
quintuplo e forse ancor più di cammino. Fu un brutto tiro della
fortuna, ma se lo perdono a quella volubile Dea egli è perchè volle
che il premio toccasse ad un uomo quale si era Alfonso La Marmora,
uno dei più benemeriti d'Italia e del quale doveva ben presto divenire
sincerissimo ed affezionato amico.



ALLEGATI



ALLEGATO I

LA QUESTIONE DELLA BANDIERA.


Quando pubblicai questi miei ricordi nel 1876 era persuaso che non mi
sarebbero mancate anche critiche; furono minori di quanto mi attendeva,
ma fra le poche una ve n'ebbe che non posso lasciar passare sotto
silenzio, ed è quella relativa alla bandiera da me recata sul Duomo la
mattina del 20 marzo.

Il testo di questa seconda edizione è letteralmente eguale al primo
che fu oggetto di critica. Come scorgesi io non dava grande importanza
a quel fatto e non la darei nemmeno ora col dedicargli un'appendice se
la questione fosse sempre la medesima, ma la critica gli cambiò natura
non trattandosi più di sapere se fu un fatto d'un'importanza più o
meno mediocre, ma se può ammettersi che io abbia usurpato sui meriti
altrui. Se non vi fosse di mezzo quell'atto ufficiale del Governo
provvisorio che accordò la cittadinanza al sig. Dunant, ginevrino, in
seguito a molti titoli enunciati nella sua istanza, fra i quali quello
di aver portata sul Duomo la _prima bandiera tricolore_, potrei anche
dispensarmi di questa appendice, ma io non posso pretendere che altri
si occupino di questo punto storico proprio microscopico e cerchino
d'essi la verità. Tocca a me il metterla in evidenza e mostrare
il valore di quel decreto nella parte che risguarda la bandiera
_tricolore_ da lui collocata in _mezzo alla mitraglia dell'inimico_.

Si comprenderà come dopo 35 anni si possa facilmente essere disposti
ad una difesa pacata e senza fiele, ma resa necessaria dalla ragione
accennata.

Il primo argomento lo somministra lo stesso sig. Dunant. Nella
relazione che fa ei confessa che _già vi era una bandiera_ allorchè
ei portò la sua, ma asserisce che quella era una bandiera _bicolore_.
Non potendo negare che pur ve n'era già una, e volendo sostenere che
aveva desso portata la prima _tricolore_, dovette cambiare il numero
dei colori della prima senza, ben inteso, accennare quali fossero i
due colori. Cominciamo dunque a dire che d'esso non fu il primo che sia
andato sul Duomo; altri vi era stato. Per poco che si voglia calcolare
il pericolo di incontrarvi i Tedeschi, se non altro la possibilità vi
era e quella non l'affrontò egli di certo; ma ei sentiva perfettamente
che andarvi dopo che altri aveva constatato che realmente i Tedeschi
erano partiti non poteva costituire un merito e cosa ideò egli allora?
Di narrare che l'aveva piantata fra _la mitraglia dell'inimico_. Ora
ciò era impossibile; la mitraglia dell'inimico non poteva arrivare
al quinto e meno ancora della via che avrebbe dovuto percorrere dal
punto più vicino che si trovavano i Tedeschi ed era il bastione di
Porta Tosa. Ma come mai, si dirà, ha potuto il Governo provvisorio
convalidare quel fatto ammettendo quel merito? I titoli ai quali
appoggiò la dimanda di avere la nazionalità furono diversi ed io
sono ben lontano dal voler toccare agli altri, ma quanto a quello
della bandiera, a proposito della quale tutto il merito si concentra
nel fatto del _pericolo_ corso, rimane un assurdo anche a fronte del
decreto. Che direbbesi d'un decreto che dichiarasse che la cupola del
Duomo è alta 150 metri? La cupola non s'alzerebbe d'un millimetro a
fronte di quel decreto. Orbene rapporto alla _possibilità fisica_ è
egualmente assurdo il supporre che il Duomo si possa fare alzare con
un decreto, come il voler far credere che la mitraglia lanciata dai
Tedeschi nelle Cinque Giornate potesse arrivare sulla guglia del Duomo;
ammessa quell'impossibilità cosa mai rimane al signor Dunant?

Venendo poi all'asserta qualità di _bicolore_ della prima bandiera,
credesi forse che sia probabile che fosse tale? La signora che me la
porse doveva ingannarsi d'essa per la prima; io e quelli che erano
meco, dovevamo del pari ingannarsi; io la sventolava, faceva molinelli
per aria, fui trattenuto un istante dalla folla che gridava _no, no
per carità, è un tradimento, la mina, la mina_. Come mai nessuno fece
attenzione che non era una bandiera tricolore?

Del resto già nel 1848 sì tosto venni in cognizione dell'asserto da
parte del signor Dunant, scrissi dal campo piemontese, ove mi trovava
e precisamente da Valeggio, al presidente del Comitato di Pubblica
Sicurezza, l'illustre Angelo Fava, pregandolo di voler rettificare
d'ufficio quell'asserzione e ciò per la ragione che l'annuncio non era
partito da me, ma dal Comitato di Guerra.

Nel 1876 vivendo egli ancora in Milano, ove io pure soggiornava,
gli diressi una mia richiamando quella del 1848 ed allo stesso scopo
d'allora. Ei rispose come suol dirsi _a vista_ ed autorizzandomi a
stampare la sua risposta, il che feci, e la lettera dell'illustre
patriotta fu unita ad alcune copie non ancor vendute del mio libro.
Ora la riproduco, ma non è più sola, ma convalidata da un'altra per
me preziosa attestazione, quella dell'esimio senatore Achille Mauri,
ch'era membro del Governo provvisorio, e se io pubblico anche quella
sì lusinghiera, lo devo al modo violento col quale fui attaccato nel
1876 come usurpatore delle glorie altrui. Del resto si farà la parte
all'amicizia che corre fra noi due. Ora poi se dopo le dichiarazioni di
que' due personaggi, membri entrambi dell'autorità suprema del Governo
provvisorio nel 1848, havvi taluno che persiste a credere, che il
signor Dunant portò la prima bandiera tricolore sul Duomo il 20 marzo
1848 _in mezzo alla mitraglia dell'inimico_, può esser certo che non mi
incomodo più per combatterlo.


Lettera di Luigi Torelli.

                                            Milano, 9 marzo 1876.

      _Pregiatissimo signor Commendatore_,

  Ho d'uopo di ricorrere alla celebre potenza mnemonica di Vostra
  Signoria illustrissima per un favore, ed ecco di che si tratta:

  Io ho pubblicato un opuscolo intitolato: _Ricordi intorno alle
  Cinque Giornate di Milano_. Accennando i fatti del 20 marzo,
  menzionai come io venissi incaricato dall'Anfossi di andare a
  verificare se era vero che i Tedeschi avessero abbandonato il
  Duomo. Vi andai e per dare il segnale richiesi ad un gruppo
  di signore che si trovava su uno dei balconi nel corso, oggi
  Vittorio Emanuele, una bandiera tricolore, che mi venne tosto
  gentilmente sporta. Cammin facendo incontrai un giovine che
  avevo conosciuto alla barricata di san Babila e lo invitai a
  venir meco, e venne. I Tedeschi avevano realmente abbandonato
  il Duomo nella notte, benchè molti lo credessero una finta o
  un agguato e gridassero perfino: _badi alla mina_. Saliti sulla
  guglia maggiore vi collocammo la bandiera e poi ritornammo a fare
  la nostra relazione. Il Comitato di guerra costituitosi nello
  stesso mattino volle che la notizia venisse tosto divulgata e
  fece stampare un avviso, che annunciava come il _cittadino Luigi
  Torelli valtellinese e Scipione Bagaggia di Treviso, avessero
  collocata la prima bandiera tricolore sulla guglia del Duomo_.

  Più tardi, ma entro la giornata stessa, certo signor Dunant
  che aveva negozio di profumeria nella galleria De-Cristoforis,
  sostituì la bandiera da noi collocata con altra assai più grande
  e fece benissimo, perchè si vedeva assai meglio.

  Il 24 marzo ossia due giorni dopo la ritirata dei Tedeschi
  sortì il primo giornale che vide la luce nella Milano libera,
  e fu il _Pio IX_, redatto dal ben noto scrittore Vincenzo de
  Castro, e nel secondo numero di quel giornale, sotto la data del
  25 marzo, è contenuta la notizia intorno alla prima bandiera
  nel modo stesso che io l'accennai. Per due mesi interi ch'io
  rimasi a Milano, prima di entrare nell'esercito piemontese,
  nessuno elevò dubbi su quel fatto che venne riprodotto da tutti
  i giornali di quell'epoca. Nel giugno successivo trovandomi io
  al campo piemontese, un mio amico mi spedì un opuscolo di _fatti
  memorabili durante le Cinque Giornate_ senza nome d'autore, ma
  solo coll'indicazione generica che que' fatti erano avvalorati
  da 200 e più testimonî. In quell'opuscolo si narra come il
  signor Dunant recasse la prima bandiera tricolore sul Duomo in
  _mezzo alla mitraglia dell'inimico_. Ei trovò bensì che già
  vi era un'altra bandiera, ma quella era _bicolore_; l'amico
  soggiungeva che si rideva molto intorno a quella mitraglia
  ed alla trasformazione fatta subire alla mia bandiera. Io non
  ravvisai però la cosa sotto il solo punto di vista ridicolo;
  pensai che se i Milanesi avevano gli elementi per giudicare
  del valore di quelle asserzioni non potevasi dire altrettanto
  degli altri, ed era poi cosa ben strana che un fatto che non
  era partito da me, quello dell'annuncio al pubblico, venisse
  convertito in un aggravio a mio carico, e si potesse sospettare
  che mi era vantato di cosa non vera e per di più avessi usurpato
  sul merito altrui. Scrissi quindi alla S. V. in allora Presidente
  del Comitato centrale di Pubblica Sicurezza, protestando contro
  quell'asserzione, che la bandiera da me recata fosse una bandiera
  _bicolore_. Gli avvenimenti guerreschi che ben presto dovevano
  succedersi, fecero rivolgere l'attenzione di entrambi a ben
  altro; tuttavolta io non conservai il silenzio fino ad ora; ma
  nel 1853, avendo creduto mio dovere, dopo i fatti del febbraio di
  Milano, di ripubblicare i _Pensieri sull'Italia_ (del 1845), con
  aggiunte relative agli avvenimenti del 1848, menzionai l'affare
  della bandiera e lo combattei coi medesimi argomenti che ho
  ripetuto nel mio ultimo scritto.

  Ripeterò che sono ben lungi dal menomare i meriti reali che può
  aver avuto il signor Dunant per chiedere la cittadinanza che il
  Governo provvisorio gli accordò, ma davvero se anche venne da
  lui adotto quello della bandiera, non fu certo per esso che gli
  venne accordata, perchè questo condurrebbe all'assurdo, cioè, che
  rimane comprovato che la portò fra _la mitraglia dell'inimico_,
  il che costituiva il vero merito, ma invece era cosa impossibile
  dacchè la mitraglia non sarebbe arrivata al quinto e forse meno
  ancora della distanza, e d'altronde doveva pur trovarsi questa
  mitraglia sul tetto del Duomo.

  Ora a me pare che se dopo aver dato le prove dirette del mio
  assunto, vi aggiungo anche le indirette, ossia che nessuno elevò
  dubbio nei primi tempi e nemmeno il signor Dunant, benchè il _Pio
  IX_ si stampasse precisamente nella galleria De-Cristoforis, come
  ebbe ad osservarmi il chiarissimo De Castro, che non titubò a
  riconfermare ora anche pubblicamente quanto scrisse allora[43];
  ed io all'opposto protestai immediatamente, la questione
  dovrebbesi ritenere esaurita. Or dunque io prego la S. V. a voler
  attestare se sta il fatto che le scrivessi dal campo in quel
  senso. Scusi l'interpellanza, ma Ella comprende che ora la cosa
  non tocca solo l'amor proprio, ma anche l'onor mio e del mio
  compagno.

  Gradisca i miei rispetti.

                                                   _Devot. Serv._

                                       LUIGI TORELLI, _Senatore_.


Risposta del Commendatore Fava.

                                           Milano, 10 marzo 1876.

      _Egregio signor Senatore_,

  Mi affretto a rispondere alla dimanda che V. S. Ill. mi indirizzò
  colla pregiata sua di ieri, e le dico, senza preamboli, che
  quanto Ella espone nella medesima è perfettamente conforme a ciò
  che io ricordo relativamente ai fatti ivi accennati. Tutte le
  circostanze da Lei narrate sulla parte principalissima da Lei
  avuta nel collocamento della bandiera tricolore sulla guglia del
  Duomo, io le ho presenti al pensiero come fosse di ieri e per
  la memoria che serbo tenace degli avvenimenti del 1848, e per
  aver dovuto, a cagione del mio ufficio, occuparmene in modo più
  attento di molti altri. Rammento benissimo, come al _cittadino
  Torelli_ (stile del tempo), fosse dal pubblico grido attribuito
  l'onore di avere pel primo piantato sull'alto del Duomo il
  nostro vessillo nel mattino della terza giornata della lotta,
  rassicurando con tal segnale i cittadini per le strade adiacenti
  ed anche lontane. Il nome di Lei e d'un altro giovane che la
  aiutò nell'impresa, fu con lode annunziato in uno dei bollettini
  che il Comitato di Guerra pubblicava per dar notizia ai cittadini
  di quel che accadeva di più notabile, ed anzi, se ben rammento
  in quel bollettino oltre i nomi del Torelli e del suo compagno
  era indicata perfino l'ora in cui accadde quel fatto. È verissimo
  altresì ciò che Ella asserisce intorno alla seconda bandiera, più
  appariscente recata dal Dunant al posto della prima, ma quella
  opportunissima sostituzione non poteva aversi poi per un fatto
  molto eroico, dacchè i nemici eran già iti, ed altri aveva pel
  primo arrischiato il passo in luoghi dove le commosse fantasie
  sognavano agguati, e mine e tradimenti.

  È verissimo che Ella mi scrisse il giorno 15 giugno dal campo
  di Valleggio una lettera (che per strana ventura rimase fra le
  mie carte e conservo tuttavia), informandomi di cose rilevanti
  per la cosa pubblica e nello stesso tempo lagnandosi che il
  Dunant spingesse la sua vanità sino ad attribuire a sè stesso
  l'operato dagli altri. I casi gravissimi di quei giorni mi
  tolsero agio di ristabilire nelle forme legali la verità, ma
  posso dire che quanti vennero a sapere le vanterie del Dunant,
  o degli amici suoi, ne facevano grosse risa, sentendo parlar
  di pericoli superati, di mitraglia affrontata e di altre
  fantasticherie mentre era notissimo che quando fu collocata
  la seconda bandiera ogni ombra di pericolo era svanita. Tutti
  convenivano doversi a Lei il collocamento della prima bandiera.
  Del resto, mio caro Signore, se io sono ben contento di poterle
  colla mia testimonianza far cosa grata, mi permetta di esprimerle
  l'opinione, che dessa sia affatto superflua, quando una persona
  che sì meritamente gode la pubblica estimazione, afferma un fatto
  che la riguarda. Ad ogni modo faccia la S. V. Ill. delle mie
  dichiarazioni l'uso che crede, ed io mi reputerò fortunato ogni
  volta potrò mostrarle coi fatti la considerazione e la stima che
  nutro per Lei.

                                      _Suo devot. servo ed amico_

                                                     ANGELO FAVA.


Lettera di Achille Mauri.

                                            Roma, 15 aprile 1880.

      _Caro amico e pregiato collega_,

  Vi ringrazio dell'avermi fatta conoscere la bella lettera con che
  quel brav'uomo del comune amico Angelo Fava ha messo in chiara
  luce, essere stata da voi e non da altri, nelle prime ore della
  terza delle Cinque Giornate di Milano, portata e rizzata sul
  nostro Duomo la bandiera tricolore. Alla testimonianza autorevole
  ch'egli vi rende intorno a quel fatto, raccontato poi da voi
  nei vostri _Ricordi_ con quella semplicità e quella copia di
  particolari che sono il più sicuro suggello del vero, io posso
  aggiungere anche la mia, poichè delle circostanze da lui esposte
  ebbi piena contezza e serbo fedele memoria, avendo avuto l'onore
  di essere per l'appunto nella terza giornata, uno dei segretarî
  della Commissione Municipale trasformatasi in appresso nel
  Governo provvisorio di Milano. Ma c'è un incidente che rafforza
  la mia testimonianza, mentre dà risalto alla vostra modestia, e
  dimostra che voi siete di quegli uomini, i quali fanno le cose
  belle, utili, grandi senza punto menarne vanto, paghi solo che la
  coscienza loro ne rimanga contenta.

  Nel giornale che s'intitolava _Il 22 marzo_ io mandai fuori il
  29 marzo 1848 alcuni cenni biografici su quell'Augusto Anfossi
  di Nizza a mare, di cui ne' _Ricordi_ voi avete rammentate le
  eroiche prove nelle Cinque Giornate e la morte lamentevolissima.
  Di lui io diceva: «Nessuno ne' giorni della nostra lotta mostrò
  maggior attività: egli era dappertutto a consigliare, ad operare,
  a studiare posizioni, a preparare mezzi di difesa e d'offesa,
  ad erigere barricate, a confortare combattenti e cittadini, ora
  strategico ed ora meccanico, ora arringatore ed ora infermiere,
  sempre esempio chiarissimo del più fervente patriottismo. E da
  lui s'ispirava ed a vicenda eragli ispiratore _Giuseppe Torelli_,
  datogli ad aiutante, anime ambedue degne d'intendersi, intelletti
  degni d'associarsi alla liberazione di questa carissima patria.»
  Questo io scriveva, non conoscendovi allora di volto, e solo
  sapendo del vostro casato, tanto che trascorsi a battezzarvi per
  Giuseppe, mentre il vostro nome è _Luigi_. Era però pienamente
  consapevole di tutto ciò che avevate fatto in quei giorni
  memorabili di conserva con l'Anfossi, e dell'esservi con lui
  indettato d'andare a piantare sul Duomo la bandiera tricolore,
  intanto ch'egli traeva a raccertarsi, se gli Austriaci avevano
  sgombro il fabbricato della Polizia. La chiara notizia che avevo
  di tutto ciò, fece sì che v'appaiassi con quel vero martire
  della nostra liberazione, e vi rendessi un omaggio che avrebbe
  solleticato chiunque fosse stato vago d'applausi, poichè nessun
  nome era allora più popolare fra noi di quello dell'Anfossi. Ma
  voi, come non menaste scalpore dell'impresa del Duomo, così non
  accennaste aver sentore del giusto merito che vi era tributato,
  e nemmeno vi deste pensiero di rettificare l'errore corso
  circa il vostro nome. Furono conoscenti vostri che si portarono
  all'uffizio del _22 marzo_ ad avvertire lo svarione, e perciò nel
  foglio del 3 aprile successivo del giornale medesimo fu indicato
  che «l'aiutante dell'esimio Anfossi chiamasi Luigi Torelli e non
  Giuseppe.»

  Dopo la lettera del Fava io credo che nessuno oserà metter dubbio
  sul fatto a che essa si riferisce. Lasciate che vi ringrazii di
  nuovo d'avermela comunicata, anche perchè m'ha porta occasione di
  rinfrescarmi nella mente de' ricordi che pur in questi miei tardi
  anni mi riescono salutevoli, e giovano a scemarmi lo sconforto,
  onde mi stringono assai casi di questi giorni.

  Conservatemi la vostra preziosa benevolenza, e tenetemi

                             _Vostro affezionat. amico e collega_

                                                   ACHILLE MAURI.



ALLEGATO II


    LETTERA AL COMMENDATORE MAURIZIO FARINA, _pubblicata da Angelo
      Brofferio nel 1865, nella storia del Parlamento Subalpino_ —
      Milano (_Vol. I, pag. 444_).

                                            Milano, 8 marzo 1848.

      _Carissimo amico_,

  Gli avvenimenti incalzano e diventano preziosi i minuti.
  Ieri l'altro partirono apertamente e senza mistero otto altri
  cannoni per Pavia; ieri altri sei, per cui calcolati i 18 del
  27 febbraio, sommano a 32 quelli spediti alla frontiera, senza
  calcolare tutti quelli che già vi erano a Pavia.

  Corrono voci contrarie intorno ai disegni dell'Austria. Non è
  che siano senza fondamento quantunque opposte, ma si è, che altro
  avevano in mente prima della rivoluzione di Francia ed altro dopo
  quell'importante avvenimento.

  Si diceva cosa positiva che fosse venuto ordine da Vienna
  di attaccare e come tutti si consolassero non è a dire: ma
  conosciuta a Vienna la rivoluzione di Parigi, furono mandati
  contro-ordini con ingiunzione però di preparar tutto ancora come
  se attaccar si dovesse.

  Dire che non sanno più quello che si facciano è dir poco.

  Tre giorni sono vi fu consiglio fra il Vice-Re, il Governatore,
  Fiquelmont, Radetzky e Torresani — si disputò molto, e si
  concluse nulla. — Spaur parte domani lasciando le redini ad
  O'Donnell. — Fiquelmont parte oggi. — Ei fece visita a persona
  di mia conoscenza e disse che trovava impossibile sortire dalla
  situazione attuale senza guerra — fu l'unico motto politico: il
  resto furono discorsi inutili. Il governatore Spaur nel mandare
  agli impiegati la circolare che annunziava la sua partenza,
  disse che voleva concertarsi a Vienna intorno alle dimande della
  Congregazione Centrale. Domani in seduta della Congregazione
  Centrale si legge la risposta data da S. M. agli indirizzi della
  Centrale e Provinciale, la quale dice in sostanza che non si
  accorderà nulla di tutto quello che potrebbe alterare i vincoli
  del Regno L. V. col rimanente dell'Impero, ma solo qualche
  riforma amministrativa. Ho saputo che furono già spedite diverse
  copie di quella risposta per cui non ne mando io. Osservo però
  come si giuoca ridicolmente da questi signori dicendosi dall'uno
  che va a Vienna per concertare sopra dimande, i 9/10 delle quali
  sono già reiette.

  L'unica concessione che si _teme_ assai è quella del sale[44].

  Io ti ho già fatto osservare nella mia infelice gita, dalla quale
  sono tornato così mortificato[45], come fosse della massima
  urgenza che il vostro Re prevenisse il governo austriaco nel
  mettere in attività la legge sul sale. La cosa non ammette
  ragione contraria; poichè o l'Austria non ribassa ed egli
  innonda i confini lombardi del suo sale e guadagna assai più
  che il procrastinare sino a luglio e poi il vantaggio continua;
  o l'Austria ribassa realmente, ed allora nessuno crederà che
  lo abbia fatto volontariamente, ma che venne obbligata dal
  Piemonte; lascia poi fare a noi a spiegar questo ai paesani; ma
  ribassi tosto, altrimenti avverrà il contrario, e non mi farebbe
  meraviglia che sino al luglio si facesse il contrabbando dalla
  Lombardia al Piemonte se l'Austria precede.

  Le calunnie che la Polizia sparge contro il tuo paese e contro il
  Re sono incredibili per la loro sfrontatezza. Essa fece spargere
  che si era proclamata la Repubblica e ch'egli era fuggito;
  magnificò que' moti anti-gesuitici come cose di Stato, e poi
  ne disse tante così ridicole che non meritano essere ripetute.
  Essa crede con tal modo di paralizzare quella popolarità che gli
  procacciano le sue generose concessioni e che i suoi partigiani,
  ossia tutti quelli che amano l'Italia, vanno spargendo; ma per
  carità non ci abbandoni, nè si lasci imporre dalle dimostrazioni
  di Russia e Prussia che sono spaventatissime della nuova
  repubblica francese. Che ei venga, ma il più presto possibile
  mentre adesso tutto è confusione in Austria. Si parlava che
  Metternich si fosse dimesso: questo non sarebbe bene, perchè come
  ha cagionato il male, nessuno meglio di lui sa mantenerlo; ma
  senza curarsi di sapere se sia vera o no tal nuova, è certo che
  hanno perduto la bussola e se loro si dà tempo di rimettersi, si
  peggiora la condizione attuale.

  L'interno della Lombardia comincia ad essere sollevato dalla
  presenza di truppa che si concentra al confine, tenendo una linea
  lunghissima che da Modena e Piacenza si estende sino a Sesto
  Calende.

  La profondità dalle parti del confine che pare il più minacciato,
  cioè quello del Ticino, è al momento assai forte perchè arriva da
  quel punto a Saronno ossia 10 miglia, e sono sparpagliati a 300
  a 400 per villaggio.

  Di uomini di valore e di nota capacità, non si conta che il
  generale Schönhals, che dicono capo dello stato maggiore.

  Raccomando per carità quella tal risposta al N. S., altrimenti si
  è obbligati a rompere ogni trattativa e la cosa era pure di somma
  importanza[46].

  Insomma non posso che ripetere che il momento non può essere
  più propizio; gli animi dei Lombardi meglio disposti, le teste
  austriache più confuse. L'Europa è sbalordita dalla Francia;
  che il vostro Re piombi in Italia, ed in tre mesi non vi è più
  austriaco nel Regno. La guerra dopo sarà universale e nessuno
  teme più nè Russia, nè Austria, che s'avrà a rompersi con Francia
  e Italia e vi bastano e sono di soverchio. Addio; dammi nuove
  della salute del Re.

                                                      L. TORELLI.



ALLEGATO III

VICENDE DELL'ORIGINALE DEL MANIFESTO 5 AGOSTO 1848 DEL RE CARLO ALBERTO
IN MILANO.


Nella narrazione del modo col quale venne da me redatto il manifesto
del re Carlo Alberto in Milano del 5 agosto 1848, ossia in furia
e fretta, in mezzo ad un gran tramestìo, in piedi, appoggiato ad
un tavolo, aggiunsi che quell'originale stesso doveva avere le sue
vicende.

Or bene mi sia permesso accennarle. Può forse sospettarsi che si
mescoli un po' di vanità? Credo di no; credo aver diritto di dire che
è una legittima compiacenza. Sono passati trentacinque anni da quel
giorno che posso qualificare di terribile, ma già dopo l'undecimo anno
si verificava quel fatto che io sto per narrare, ne corsero dunque
altri ventiquattro senza che mi affrettassi a farlo conoscere e par che
basti per dire che non fui spinto da vanità.

Narrando que' fatti così dolorosi nella loro origine, ma che ebbero la
loro riparazione dalla campagna del 1859, deve ben esser lecito anche a
me il parlar della mia speciale riparazione, il partecipare agli amici
che sopravviveranno, e se n'avrò, a qualche lettore, anche un po' di
quella soddisfazione che provai quando toccò anche a me la mia parte
d'indennizzo.

Io sono qui obbligato a chiamar in scena uno degli uomini i più
rispettabili e simpatici che annovera l'Italia, anzi una delle sue
glorie, _Alessandro Manzoni_.

Fra le fortune della mia vita e precisamente fra quelle che dovetti
all'emigrazione, che ebbe il suo _passivo_, ma ebbe anche il suo
_attivo_, annovero la conoscenza di Alessandro Manzoni. Nè fu una
conoscenza fugace, che mi autorizzasse solo poter dire: _l'ho
conosciuto anch'io_; non si rimase stranieri l'un l'altro, fu
conoscenza che nata nel 1855, alimentata per più anni dal trovarsi
assieme più giorni ogni anno, si converti in famigliarità, sì che mi
onorava del dolce titolo di caro. Io dovetti questa fortuna al marchese
Giuseppe Arconati-Visconti, patriotta fra i celebri. Questi, assai
più innanzi di me negli anni, talchè aveva potuto essere condannato a
morte nel 1821 per ragione politica, ma sottrattosi in tempo, padrone
di vasti possessi nel Belgio, aveva colà passato tutto il periodo che
corse dal 1821 al 1847. All'annuncio dell'amnistia di Carlo Alberto,
volò l'ottimo patriotta in Piemonte, ponendo tosto la sua influenza
e le sue ricchezze al servizio della causa nazionale. Io lo conobbi
nel 1848, dopo i rovesci di Lombardia, a Torino, ov'erasi stabilito e
dove fissai io pure il mio domicilio. Entrati ambidue nel Parlamento,
egli come deputato di Vigevano ed io di Arona, divenimmo ben presto
amici. Ei soleva passare l'autunno in un suo vasto possesso nel Comune
di Cassolnovo in vicinanza di Vigevano. Nell'ampia casa signorile
convenivano colà amici e parenti. Fra questi e precisamente nella
doppia qualità di amico e parente veniva ogni anno a passar qualche
settimana l'illustre Alessandro Manzoni. Amico dell'Arconati prima del
1821 era entrato più tardi in parentela seco lui, poichè un fratello
della moglie dell'Arconati stesso, il marchese Lodovico Trotti, aveva
sposato una figlia di Manzoni. L'ottimo Arconati non mancava ogni anno
d'invitare me pure a passar qualche tempo alla sua campagna. Ora è
facile l'immaginare come non dovessi farmi pregare quando sopratutto
mi disse qual ospite avrei colà trovato. Il primo nostro incontro fu
nel 1854. Ci voleva il suo tempo prima che divenisse famigliare con una
persona che non conosceva, ma uomo del quale è realmente impossibile
il dire se erano in lui superiori le qualità della mente o del cuore,
quando cominciava ad aver simpatia, ad entrare in dimestichezza era
la più cara persona che è possibile l'immaginare. Di fondo ilare,
era talvolta inesauribile nel raccontare aneddoti, sopratutto della
rivoluzione di Francia della quale aveva conosciuto taluno dei corifei,
e si può immaginare di quanto interesse era la sua conversazione,
poichè alla vastissima dottrina, accoppiava un retto giudizio, uno
spirito di osservazione caratteristico anche nelle sue opere. Ora la
mia relazione con casa Arconati essendo intima, non durò a lungo che
assunse questa natura anche quella con Manzoni.

L'illustre uomo aveva le sue abitudini, fra le quali talune per
rispetti igienici, e fra queste la sua passeggiata di un'ora precisa
prima del pranzo, e di solito in Cassolnuovo si faceva dalle 3 alle
4. Ei doveva esser sempre accompagnato, era una necessità, solo non
poteva andare, ma non occorre il dire che non vi era mai difetto di
accompagnatori. Io non mancava mai, di solito eravamo tre; rado di
più, ma talvolta mi trovava esser solo. Quei giorni erano per me i più
felici. _Oggi è tutto mio_, diceva fra me e me.

Or egli avvenne che nel terzo o quarto anno che ci trovammo e quando
già si era in una relazione d'una amicizia famigliare, benevola, un
giorno fossi solo ad accompagnarlo. Il territorio di Cassolnuovo è
attraversato da un canale irrigatorio detto _della Sforzesca_ perchè
fatto scavare da uno dei duchi Sforza di Milano. Deriva l'acqua dal
Ticino poco al disopra del gran ponte che un giorno costituiva il
confine fra il regno Lombardo-Veneto ed il Piemonte. Quel canale reca
la fertilità nel Vigevanasco. La passeggiata lungo il medesimo era una
delle più favorite e quel giorno ci avviammo lungo le sue sponde.

Il discorso cadde sugli avvenimenti del 5 agosto 1848 in Milano.
Conviene premettere che Manzoni era avidissimo de' particolari,
anche i più minuti, di un fatto che molto l'interessasse. La parte
che il dovere, il caso e la fortuna mi aveva imposto in quel giorno
era stata piuttosto larga; posso dire che dalle 9 del mattino
a mezzanotte passata una commissione con incarico era succeduta
all'altra, era passato per emozioni le più diverse, aveva visto
scene e spettacoli strazianti ed ogni ora della terribil giornata,
era rimasta profondamente impressa nella mia mente e parlava di quei
fatti come fossero avvenuti pochi giorni prima; fra gli altri, nella
mia narrazione venni a quello cotanto caratteristico, anzi il più
grave, quello del _Manifesto_ per riprendere le ostilità... _Ma cosa
mi dice?_ esclama desso quando gli narrai come l'avessi steso io ed in
quali condizioni. Quando passeggiando seco si arrivava ad un punto del
discorso che richiamava in modo speciale la sua attenzione, si fermava,
ed allora fu precisamente il caso. Si fermò sui due piedi: _Che mi
dice?_ ripetè ancora una volta, scuotendo il capo e sorridendo per
qualche istante; ma poi venne con una vera tempesta di interrogazioni
intorno a quel Manifesto. Rimessi in cammino continuammo a parlar
sempre di quell'argomento.

La cosa non mi fece allora gran senso, attesa come dissi la sua
insaziabilità dei minuti particolari, tuttavolta mi pareva che quel
racconto gli avesse fatto più impressione degli altri, e di quando in
quando sorrideva scuotendo la testa.

La campagna del 1859 procurò, come è ben noto, la cessione della
Lombardia al Piemonte. Io aveva accettato d'andar a reggere la
provincia di Sondrio e mi trovava colà verso la fine di quello stesso
anno, allorchè un giorno mi perviene una lettera da Milano che apro
sbadatamente e mi casca sul tavolo un mezzofoglio scritto ed anzi
piuttosto sudicio; parmi la mia scrittura, osservo meglio, ma questo,
esclamo fra me, è il Manifesto del 5 agosto di Milano! allora guardo
tosto da chi vien la lettera e vi trovo — _Alessandro Manzoni_; la
lettera è tutta autografa.

Cosa provassi allora non saprei esprimere, divoro con febbrile
impazienza la lettera. — Cominciava col rammentare come in una delle
_amene passeggiate di Cassolnuovo_ io gli narrassi la storia del
Manifesto. Or bene quel manifesto era nelle sue mani, ed ecco come ne
era venuto al possesso.

Convien premettere che tosto che il 5 agosto 1848 circa le 10 ant. ebbi
consegnato al generale, mio superiore quello scritto, fu immediatamente
portato alla stamperia più vicina che era quella del noto Redaelli, in
relazione con Manzoni anzi l'editore dei _Promessi Sposi_, illustrati.
Per far presto a stampare divisero il foglio in due; la parte superiore
andò perduta, ma l'inferiore e più importante la conservò il Redaelli
stesso che la regalò al Manzoni. — Ecco per qual via semplice e breve
ei venne in possesso di quel foglio che alla sua volta egli regalava a
me.

Ora prego il lettore a considerare quale e quanta delicatezza vi era in
quell'uomo e vi fu in quell'atto.

Io non rammento bene se la nostra passeggiata avesse luogo piuttosto
nel 1856 che 1857, certo in uno dei due anni. Nulla lasciò allora
trapelare che fosse in possesso di quel foglio, benchè mi tempestasse
in quel modo di dimande, ed infatti qual valore aveva desso? Mi
richiamava un momento dolorosissimo di una giornata terribile. Ma
sì tosto la fortuna d'Italia cambiò le sorti della Lombardia, anche
quei fatti, quei dolori cambiarono per così dire natura; si potevano
richiamare senza che il pensiero si arrestasse a loro, si confondesse
colla nostra sconfitta coll'insuccesso del primo gran tentativo del
1848.

_Ora questo foglio_, pensò l'uomo dall'ottimo cuore, _deve far piacere
a Torelli_ e me lo invia con una lettera che è uno dei più preziosi
giojelli che si lasciano a' propri figli.

Qui il lettore deve permettere che mi soffermi un istante anch'io sulla
mia riparazione.

L'atto delicatissimo del Manzoni e la sua lettera mi fecero una grande
impressione.

Non vi era punto preparato. Rammento che essendo in piedi dovetti
sedermi; quivi come evocate a rassegna sfilarono avanti di me le
rimembranze di quella fatal giornata, ma con altra veste, facendo
diversa impressione delle tante volte che l'imaginazione anche suo
malgrado aveva dovuto soffermarsi su di essa; rividi la scena pazza
del mattino sulla via al mio arrivo in casa Greppi, la desolazione
di Milano quando la prima volta traversai gran parte della città per
recar ordini a Porta Romana per la ripresa d'ostilità del cui esito io
non mi faceva illusione; la scena sublime, ma sublime quanto valore si
può dare a questa parola, del podestà Bassi che si presenta a Carlo
Alberto col volto alterato dal dolore perchè si pensasse bene se
quella determinazione era possibile; sfilarono le scene successive;
quella della notte, la lunga corsa che stanco ed affranto mi toccò
fare fuori di Porta Romana, tutto sfilò dirò ancora avanti a miei
occhi; ma campeggiava su tutto quel Manifesto redatto con tanta buona
fede, non parliamo da parte del compilatore ch'altro non era che un
istrumento, un soldato obbediente come un monaco, ma del re Carlo
Alberto che credeva possibile la difesa ed al quale si rinfacciò come
un inganno. Quel Re, martire della libertà ed indipendenza dell'Italia
era spirato nel lontano esiglio del Portogallo senza che una speranza
confortasse i suoi ultimi giorni. — Tutto quel cumulo di ricordi colla
loro tinta sempre oscura in passato, già mi apparivano modificati
dal gran fatto che aveva cambiato le condizioni della Lombardia,
l'elemento vivificatore si era esteso a tutti; ma per me pur eravi
qualcosa di speciale; io poteva dire di aver sofferto più degli altri;
qualche riparazione lo doveva anche a me la fortuna e si servì di
Manzoni. Lessi, rilessi, contemplai a lungo que' cari caratteri le
sue espressioni così benevoli, così sincere, e poi mi dissi: — _Ebbi
anch'io la mia riparazione._

Oh perchè mai nulla di consimile potè avere quel grande sventurato che
morì in Oporto?

Ebbe avversa la fortuna, trovò ingiusti i suoi contemporanei. — Quando
la morte avrà spazzato anche gli ultimi di que' falsi patriotti
che tanto amareggiarono i suoi giorni e non rimarranno che posteri
neutrali, rammentino questi di tenere tanto più sacra e rispettata la
sua memoria in quanto che hanno da riparare l'ingiustizia di molti dei
loro padri.


                                 FINE.



NOTE:


[1] La prima data dal 1876. — Milano, Ulrico Hoepli.

[2] Dall'epoca della prima edizione, ossia dal 1875. — Ora converrebbe
dire 36 anni.

[3] La prima edizione dell'opera del Balbo _Le Speranze d'Italia_ venne
stampata a Torino, ma senza che venisse indicata quella città; sul
frontispizio eravi la parola _in Italia_...

[4] Si fecero due edizioni; la prima nel 1846 e la seconda nel 1847.
Essendosi un mio correttore, che inclinava al rosso, permesso di far
alterazioni nel testo, ordinai che si annullasse la prima edizione
già stampata e si facesse la seconda; questa venne fatta, ma l'editore
(Buonamico) trovò più comodo smerciarle entrambe e pagarmi poi con un
fallimento. Benchè stampate a Losanna si datarono da Parigi.

[5] Ora senatore del Regno.

[6] Vedi allegato N. 1.

[7] Era un fabbricato con portici, che sorgeva sull'area dell'attuale
piazza del Duomo, a sinistra di chi si presenta avanti alla facciata,
lungo quanto la piazza ma stretto assai.

[8] Così chiamavasi tutto il tratto che fiancheggia il Duomo venendo
sino al così detto Leoncino di Porta Renza, e la denominazione di
corsia de' Servi gli veniva dalla chiesa de' Servi, che sorgeva ove
oggi trovasi la piazza S. Carlo. Ufficialmente dal 1825 in poi si
chiamava _corso Francesco_, in onore dell'imperatore Francesco I, ma,
nel fatto, il popolo lo chiamò sempre _corsia de' Servi_. E il medesimo
tratto che chiamasi ora corso Vittorio Emanuele, e quella simpatica
denominazione pose realmente in obblio l'antica secolare _dei Servi_.

[9] L'attuale corso di Porta Venezia.

[10] Il Delegato corrisponde al Prefetto, e copriva allora quella
carica una distinta persona, il signor Antonio Bellati.

[11] _Guardia Nazionale_ — _Libertà di stampa_ — _Garanzie personali_.

[12] _Gran Comando_ è il termine allora molto usato a Milano per
indicare il grande palazzo, nella via di Brera, che, fino dai tempi di
Napoleone I, servì sempre, come serve tuttora, di residenza al Comando
Superiore militare.

[13] S'intende a partire dal 1876 quando io scriveva.

[14] Ora via Pietro Verri.

[15] Ora Porta Vittoria.

[16] Oggi via Manin.

[17] _Perseveranza_ del 17 marzo 1867.

[18] Del quale io faceva parte.

[19] Ora via Alessandro Manzoni.

[20] Ora via Pietro Verri.

[21] Tutte queste vie sono ora surrogate dalla _Via Torino_.

[22] Al 1875, epoca della prima edizione.

[23] In quella cantoniera havvi ora un Osservatorio Meteorologico,
fondato dal Club Alpino Valtellinese, e da me inaugurato il 2 settembre
1873, in occasione del IV Congresso degli Alpinisti Italiani. La sua
straordinaria elevazione, lo rende uno dei più utili Osservatorii.
Venne dedicato al celebre P. Secchi.

[24] Non seppi mai chi fossero: rammento però che allora taluno
mi disse che due erano figli di un ingegnere Albino Parea, giovani
entrambi; ma non posso garantire che fossero propriamente essi, dacchè
lo seppi da un terzo.

[25] Ora via Oriani.

[26] Ora via Manin.

[27] Ora via Tre Alberghi.

[28] Voglio dare una prova di questo, che relego però in una nota, non
volendo allungare il testo con racconti polemici.

La cito poi perchè altre vi potrebbero essere ugualmente concludenti,
ma nessuna in grado maggiore; ed oggi ancora, se mai qualcuno vorrà
darsi questo pensiero, è sempre facile il verificare la cosa.

Questa prova si riferisce precisamente al fatto della prima bandiera
inalberata sul Duomo, che io vi recai, come ho spiegato, senza correre
nessun pericolo.

Eravi in Milano un ginevrino certo Dunant profumiere. Poco dopo la
rivoluzione, ei chiese al Governo Provvisorio la cittadinanza italiana,
basandosi sopra quanto aveva fatto. Dopo aver enumerato una serie di
titoli veri, poichè mi dissero che realmente si era prestato non poco,
volle coronare l'esposizione con un fatto clamoroso, ed asserì ch'egli
aveva portato pel _primo la bandiera tricolore sul Duomo, in mezzo alla
mitraglia dell'inimico_.

Siccome però era impossibile il negare che pur qualche altro vi era
stato prima di lui che aveva portato colà una bandiera, che fece il
profumiere?

Asserì che quella era una bandiera _bicolore_ (senza accennare quali
fossero i due colori); dal che ne veniva che la sua, come bandiera
_tricolore_, era la prima. Ma, per quanto stranissima dovesse sembrare
quell'asserzione a fronte del fatto che la bandiera da me collocata era
stata tolta da una vera selva di bandiere tricolori, e consegnata alla
presenza di un gran numero di testimonî e poi salutata da centinaia
e centinaia, ed annunziata, per ultimo, come tale al pubblico da un
ordine del giorno del Comitato di Guerra; non pertanto il fatto non era
impossibile; ma letteralmente impossibile e contro le leggi fisiche era
la circostanza asserita dal Dunant di aver collocato colà la bandiera
in _mezzo alla mitraglia dell'inimico_, il che poi costituiva in realtà
il suo principal merito in quell'impresa.

Io ho menzionato come i Tedeschi, nell'ultimo giorno, tirassero a
mitraglia dal bastione di Porta Tosa verso lo stabilimento detto dei
_Martinitt_, ma ho aggiunto che la mitraglia non arrivava tampoco colla
forza da rompere le grate che difendono i finestroni del primo piano.
Or bene, fra tutte le località delle quali erano padroni i Tedeschi,
quella era la più vicina al Duomo; ma la distanza fra quel punto e il
Duomo è almeno del quintuplo di quella che si percorre per arrivare dal
detto bastione ai _Martinitt_. Or si pensi se quella mitraglia, che al
quinto della via era già innocua, poteva venir spinta sulla guglia del
Duomo; osservando inoltre che dal punto indicato i Tedeschi tiravano
sullo stabilimento menzionato tenendo il cannone quasi orizzontale,
laddove invece, per battere la guglia, avrebbero dovuto puntarlo sotto
un angolo molto aperto, ossia tirare dal sotto in su, il che avrebbe
moltiplicato ancora le difficoltà.

A malgrado di tale fisica impossibilità, tale singolare asserzione si
trova narrata in un libro, il cui titolo ben non rammento, ma credo sia
quello _De' fatti principali avvenuti nelle Cinque Giornate di Milano_,
o qualcosa di simile; ma rammento in modo preciso che vi è aggiunto che
que' fatti sono convalidati da 200 e più testimonî. Tuttavolta, di que'
200 testimonî non havvene uno solo firmato, e davvero ci voleva un bel
coraggio ad asserire d'aver visto il Dunant sulla guglia del Duomo, _in
mezzo alla mitraglia_.

Un mio amico mi spedì al campo quella narrazione, perchè ridessi,
dicendomi in quell'occasione ch'io forse non conosceva una circostanza
non spregevole nella storia della bandiera, ed era che la persona che
l'aveva data a me dal balcone era una bella signora per nome Introini,
il che era stato a lui narrato da una persona che faceva i commenti
sulla bandiera _bicolore_, trovata dal Dunant sul Duomo.

[29] Riferibilmente al 1875.

[30] L'autore di questo scritto si trovò alla battaglia di Novara qual
capo dello Stato Maggiore della suddetta brigata Solaroli con grado di
Maggiore.

[31] Doppia fu la via tenuta per raccogliere mezzi; l'una fu quella
del prestito fruttifero (credo di 40 milioni) e l'altra quella delle
oblazioni volontarie. Per queste eransi costituite Commissioni in
tutte le provincie, e le offerte furono numerosissime da ogni classe;
anelli, orecchini, crocettine d'oro, ma proprio di quelle colle quali
sogliono ornarsi le ultime classi in città e in campagna ve n'era
in tale quantità da attestare un linguaggio veramente d'oro, quanto
l'entusiasmo fosse universale e penetrato in tutti gli strati sociali.
Quanti di que' modesti ornamenti erano l'unica cosa preziosa di coloro
che li offrivano! Or bene, chi mai crederebbe che una gran parte
ebbe miseranda fine? Tutte quelle offerte facevano capo a Milano ove
appositi incaricati le ricevevano e pubblicavano i relativi elenchi,
che sarebbero oggi ancora documenti preziosissimi, testimonî parlanti
dello spirito pubblico di allora. Quando sopravvennero i nostri rovesci
fu tale la confusione delle menti di quegli incaricati o di quelle
persone qualunque alle quali in quell'epoca erano stati affidati quegli
oggetti preziosi che non seppero porli in salvo, benchè dalla disfatta
di Custoza (25 luglio) all'ingresso de' Tedeschi in Milano (6 agosto)
decorressero ben 11 giorni. Non conosco i particolari di quel fatto,
ma certo si è che caddero in mano dei Tedeschi, ed ecco come io lo
seppi. Mia moglie aveva offerto anch'essa una catena d'oro; l'astuccio
entro il quale veniva conservata, portava esternamente impresso il suo
nome e cognome scritto per esteso. Verso la fine d'agosto trovandomi
nell'emigrazione, mi viene fatta l'offerta di riscattare la collana
allo stesso prezzo ch'era stata acquistata all'asta tenuta dai Tedeschi
in Piazza Castello. Io non sapeva concepire quella strana provenienza,
ignorando il fatto che una massa ingente di quegli oggetti era divenuta
preda dei Tedeschi. L'acquisitore evidentemente si informò chi era
quella signora, ed ebbe la delicatezza di offrirmi il riscatto allo
stesso prezzo; ma tale era allora l'incertezza dell'avvenire che
non volli riscattarla, benchè il prezzo fosse vantaggioso. Questo
fatto mi provò che anche in quella classe che fornì gli acquisitori
di quegli oggetti, ed era di quella che non badava più che tanto
alla provenienza, vi ebbero lodevoli eccezioni. Pei buoni cittadini
ha dovuto essere uno spettacolo doppiamente doloroso quell'asta, di
catene d'oro, di orologi, di anelli, spilloni e gioielli d'ogni forma
e gradazione tenuta su diversi banchini in Piazza Castello.

[32] Compreso il voto del noto Maurizio Quadrio ch'era di Valtellina.

[33] Ecco la serie: Lombardia, giugno 1848; Toscana, marzo 1860;
Emilia, marzo 1860; Provincie napoletane, ottobre 1860; Sicilia,
ottobre 1860; Marche, novembre 1860; Umbria, novembre 1860; Venezia e
Mantova, ottobre 1866; Roma e provincie romane, ottobre 1870.

[34] Carlo Alberto era avviato coll'armata a Rivoli ove credeva dar
battaglia agli Austriaci, ma si ritirarono. — Nel luglio successivo ci
attaccarono però essi i primi in quel medesimo punto e fummo obbligati
noi a ritirarci.

[35] Nel 1883 dovrebbe dirsi 35.

[36] Riportandosi al 1876, epoca della prima edizione, ora (1883) sono
sette.

[37] È una cascina alla quale venne dato quel nome divenuto storico, o
l'aveva forse anche prima del 1800.

[38] Il nominato Perego, che si atteggiava a vera potenza nel campo
della stampa, al ritorno degli Austriaci si pose al loro soldo. Se lo
fosse anche prima non saprei, poichè nè io lo conobbi, nè mi occupai
gran fatto di lui; so di certo che aveva la sfrontatezza di mettere
in ridicolo il gran tentativo del 1848 ogni qualvolta gli veniva il
destro. Ei finì coll'essere redattore di un foglio ufficiale che si
pubblicava a Verona. Un giorno (credo nel 1858) si udì che assalito da
atrocissimi dolori era morto repentinamente. Nessuno lo compianse nè
più si parlò di lui.

[39] Vedi Allegato III.

[40] Quella chiesa è ora distrutta e sorgeva nel luogo ove si
incontrano le prime case della via Principe Umberto a sinistra venendo
dai Portoni sopra menzionati.

[41] Seppi poi che andò a riposarsi per poche ore al Collegio Convitto
Calchi-Taeggi, prossimo a Porta Romana, ed ove era alloggiato il
generale Bava.

[42] Questa frase, anni dopo, può riuscir oscura, taluno può chiedere
come si attesero anni? Voglio dar la ragione perchè torna a lode di
quell'uomo impareggiabile per lealtà, franchezza, nobiltà di carattere
e servigi resi che fu Alfonso La Marmora.

Il lettore conosce ora le vicende toccate ad ambidue in quella notte.
— Avevamo corso i medesimi pericoli ma desso era stato il fortunato.
Benchè divenissi amico già nel 1848 e perfino collega nel Ministero
Perrone S. Martino (il penultimo del re Carlo Alberto), non toccai
giammai quell'argomento. Se vuol parlarne, diceva fra me, prenderà
lui l'iniziativa; io, lo sventurato, potrei aver l'aria di sentir
dolore che altri mi abbia resi frustranei i pericoli e le fatiche, e
posso dire che non furono poche. Si arrivò fino al 1872 allorquando
il marchese Federico Corradini pubblicò una biografia del general
Fami. — Ei cita il fatto della liberazione del re Carlo Alberto, da
casa Greppi, come dovuta a noi due in comune. — I due arditi (sono sue
parole) si lanciarono da una finestra nel giardino interno del palazzo
e da questo scavalcando un muro riescono in un remoto viottolo.

Era una credenza generale che erasi propagata. — Ritenni mio dovere
rettificare que' fatti così narrati e lo feci perchè non venisse punto
menomato il merito del La Marmora che non era stato condiviso con
nessun altro. La lettera diretta all'Opinione, riprodotta dai fogli
principali cadde sotto gli occhi di La Marmora che cascò dalle nubi,
ignorava quel fatto. Ei volle ravvisare un atto di delicatezza nel mio
silenzio ed altro non minore nella rettifica e sotto questa impressione
mi scrisse una lettera la più espansiva che si possa imaginare, il
silenzio reciproco intorno a quel fatto aveva durato trent'anni, ma non
gli bastò e si sfogò in altra sua diretta al bravo capitano Chiala che
la rese di ragione pubblica.

Veramente non posso a meno di dire che va oltre il segno, si vede
l'uomo che ha bisogno di sfogarsi e l'argomento tocca un caro amico e
di questo me ne vanto. L'amicizia sincera di non pochi che furono fra
i più insigni attori della redenzione dell'Italia fu la più dolce delle
mie soddisfazioni, e fra i carissimi fu La Marmora.

[43] Vedi articolo inserito nel _Patriota_ di Pavia del 18 febbraio
1876, che ha per titolo: _Note Bibliografiche_, ed è firmato dai suo
autore.

[44] Questo passo merita maggior spiegazione. — In Lombardia si era
sparsa la voce che il governo austriaco voleva ribassare il prezzo
del sale; io n'ebbi sgomento, poichè vedeva che questo gli avrebbe
procurato popolarità e tosto scrissi in Piemonte che si facesse
altrettanto, ma presto. Ora sia che venisse accolto il mio consiglio o
sia che già fosse prima determinata quella misura, il fatto sta che mi
venne risposto che col 1º luglio si sarebbe recato in atto il ribasso.
Io dimostrava in quella lettera i pericoli del ritardo e la necessità
di prevenire l'Austria. — Gli avvenimenti che ben presto dovevano
succedere (10 giorni dopo la data di quella lettera) fecero dimenticare
e pur troppo resero impossibile quella misura.

[45] In causa d'aver riconosciuto il Piemonte non ben preparato alla
guerra.

[46] Si riferiva ai disertori.



MILANO — FRATELLI DUMOLARD — MILANO

ALTRE OPERE DI PROPRIA EDIZIONE


  =Bazzero Ambrogio.= LE ARMI ANTICHE NEL MUSEO PATRIO DI
    ARCHEOLOGIA IN MILANO. Seconda edizione. Milano 1882, 1 vol.
    in-16 di 32 pag. L. 1 —

  =De Castro Giovanni.= MILANO E LA REPUBBLICA CISALPINA giusta le
    poesie, le caricature ed altre testimonianze dei tempi. Milano
    1879, 1 vol. in-16 di 412 pag. con incisioni. L. 4 —

  — MILANO DURANTE LA DOMINAZIONE NAPOLEONICA giusta le poesie,
    le caricature ed altre testimonianze dei tempi. Milano 1880, 1
    vol. in-16 di 394 pag. L. 4 —

  =Gavazzi-Spech Giovanni.= SULLA LIBERTÀ DI STAMPA. Memoria
    premiata con medaglia d'oro al concorso Ravizza. Milano 1881,
    1 vol. in-16 di viii-363 pag. L. 3 50

  =Locatelli Paolo.= SORVEGLIANTI E SORVEGLIATI. Appunti di
    fisiologia sociale presi dal vero. Seconda edizione riveduta
    con aggiunte. Milano 1878, 1 vol. in-16 di 281 pag. L. 3 —

  — MISERIA E BENEFICENZA. Ricordi di un funzionario di pubblica
    sicurezza. Milano 1878, 1 vol. in-16 di 293 pag. L. 4 —

  =Lolli D.= L'AMORE DAL LATO FISIOLOGICO E SOCIALE. Milano, 1883.
    1 vol. in-16. L. 3 —

  =Lucrezio Tito Caro.= DELLA NATURA DELLE COSE. Traduzione di
    Francesco Deantonio. Milano 1883. 1 vol. in-16 di 296 pagine.
    L. 3 —

  =Manzoni Alessandro.= DIVERSE LETTERE seguite dall'elenco degli
    autografi di lui, trovati nel suo studio. Milano 1881, 1 vol.
    in-16 di xii-38 pag. L. 2 —

  =Marsillach Gioachino.= RICCARDO WAGNER. Saggio biografico
    critico, versione dallo spagnolo e prefazione di Daniele
    Rubbi. — SECONDO VIAGGIO NELLE REGIONI DELL'AVVENIRE, note ed
    appendice del dott. Filippo Filippi. Milano 1881, 1 vol. in-16
    di xxiii-304 pag. col ritratto di R. Wagner. L. 6 —

  =Montefredini Francesco.= LA VITA E LE OPERE DI GIACOMO LEOPARDI.
    Milano 1881, 1 vol. in-16 di viii-695 pag. L. 6 —

  =Negri Gaetano.= LA CRISI RELIGIOSA. Seconda edizione ampliata e
    corretta. Milano 1878, 1 vol. in-16 di vii-172 pagine. L. 2 50

  =Vernon Lee.= IL SETTECENTO IN ITALIA. Letteratura. — Teatro.
    — Musica. Edizione italiana. Milano 1882, 2 vol. in-18 di
    complessive xxiii-635 pag. L. 6 —

  =Vignoli Tito.= DELLE CONDIZIONI MORALI E CIVILI D'ITALIA. Note.
    Milano 1876, 1 vol. in-8 di 146 pag. L. 3 —

  — DELLE CONDIZIONI INTELLETTUALI D'ITALIA. Milano 1878, 1 vol.
    in-16 di 207 pag. L. 3 —



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, così come le
grafie alternative (qui/quì, còmpito/cómpito, scorsi/scôrsi e simili),
correggendo senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Ricordi intorno alle Cinque Giornate di Milano - (18-22 marzo 1848) Seconda edizione con aggiunte" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home