Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Mezzo secolo di patriotismo - Saggi storici
Author: Bonfadini, Romualdo
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Mezzo secolo di patriotismo - Saggi storici" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                              MEZZO SECOLO
                             DI PATRIOTISMO

                             SAGGI STORICI

                                   DI
                              R. BONFADINI



                                 MILANO
                        FRATELLI TREVES, EDITORI
                                 1886.



                          PROPRIETÀ LETTERARIA

                  _Riservati i diritti di traduzione._

                          Milano. Tip. Treves.



AL NOBILE CARLO D'ADDA

SENATORE DEL REGNO.


  _Caro amico,_

A te, che mi precedi negli anni, nell'autorità e nel sapere, dirigo
questo mio volume, che vorrebbe richiamare i vecchi alle vigorose
emozioni della loro giovinezza e radicare nei giovani il rispetto per
le antiche operosità e pei patriotismi antichi.

Apparteniamo entrambi ad un'epoca, in cui la foga del vivere consuma e
getta molto pasto all'oblìo. Auguriamoci che non consumi almeno più di
quanto produce, e che dall'oblìo si salvi, dov'è possibile, il bene.
Dimentichiamo pure il male, o piuttosto perdoniamolo. Il perdono è più
virile dell'oblìo.

M'è accaduto più volte, scrivendo questo volume, di pensare alle rapide
evoluzioni che possono compiere, sotto la pressura degli interessi, le
amicizie politiche.

Noi siamo stati per mezzo secolo accaniti avversari di un Impero, al
quale ci legano ora vincoli d'alleanza, che credo leali e che spero
durevoli.

Ciò non mi ha impedito di evocare, come le abbiamo sentite, le
impressioni di quel cinquantennio e di tradurle col linguaggio e colla
logica di quegli anni. La storia, a parer mio, non si può scrivere
che così. Giacchè i fatti perderebbero la metà dei loro veri e dei
loro insegnamenti, se si volessero costringere alle stesse metamorfosi
che possono subire, e sono libere di subire, le idee. Il rispetto
per gli uni non turba l'adesione alle altre. Molto più che fra popoli
intelligenti nessuna lotta politica dura mai oltre la scomparsa della
causa giusta che la rendeva necessaria. E gli Italiani sono un popolo
intelligente. Sanno lottare al bisogno; ma lottano, secondo i consigli
del Vangelo, perchè il peccatore si converta, non perchè muoja.

In questi pensieri e in questi desiderj so di averti compagno; e ciò
mi lascia sperare che se il mio povero libro avrà censori severi, non
gli mancherà l'indulgenza del tuo giudizio. In ogni caso, lo scriverlo
e lo stamparlo non mi sarà stato inutile; poichè mi avrà permesso di
esprimerti pubblicamente, malgrado la tua fiera modestia, il molto bene
che penso di te.

  _Sondrio, 8 marzo 1886._

                                                           _Tuo aff._

                                                        R. BONFADINI.



                                INDICE.


                                   I.

                =Francesco Melzi e il periodo italiano.=
                             (pag. 1 a 56).

L'unità e la trinità del periodo. — Il Primo Console a Milano. — Le
nuove idee. — I nuovi ordinamenti. — Il Comitato di Governo. — G.
Battista Sommariva. — Corrotti e corruttori. — Carlo Porta e Francesco
Melzi. — La Consulta di Lione. — Un'assemblea parlamentare operosa.
— L'apogeo di Bonaparte. — Melzi e Talleyrand a Lione. — Una seduta
solenne. — La Repubblica Italiana. — Gli antecedenti di Francesco
Melzi. — Il _contino_ a Parigi. — L'ingresso del Vice-Presidente. — Il
governo di Melzi. — La lotta contro l'intrigo. — I generali francesi.
— Alto sentire ed alto linguaggio. — L'Impero. — Eugenio Beauharnais.
— Napoleone a Milano. — I delirj del dispotismo. — I consigli del duca
di Lodi. — Un vero uomo di Stato.

                                  II.

           =Giuseppe Prina e la fine dell'epoca Napoleonica.=
                            (pag. 57 a 128).

Il metodo e la fatalità nella storia. — Il primo Regno d'Italia. —
Splendori e violenze. — Le previdenze di Melzi. — Lo scroscio. — Il
duca di Lodi e il principe Eugenio. — I partiti politici a Milano
nel 1814. — Gli austriaci, i conservatori, gli italici. — Federico
Confalonieri e l'avvocato Traversi. — Il programma del duca di Lodi.
— Il conte Diego Guicciardi. — Le rimembranze austriache a Milano.
— Il Guicciardi in Senato. — La seduta del 17 aprile. — La protesta
dell'aristocrazia milanese. — Nel cortile del Senato. — Il conte Carlo
Verri e i prodromi della rivoluzione. — La fine del Senato. — La piazza
di S. Fedele e la casa del Prina. — Pellegrino Rossi ed Alessandro
Manzoni. — L'eccidio del 20 aprile. — Giuseppe Prina e le sue qualità.
— La plebe e l'aristocrazia. — Il generale Pino. — La condotta leale
di Eugenio Beauharnais. — Un episodio ignoto e un documento inedito. —
L'istinto della situazione. — I tumulti e le rivoluzioni.

                                  III.

                 =Confalonieri e i processi politici.=
                           (pag. 129 a 196).

I rapporti fra l'individuo e la società. — Le pressioni dell'ambiente.
— Un'epoca di repressione e di transizione. — Milano e l'Austria
dopo la restaurazione. — Il quieto vivere. — Ancora il Manzoni. — Le
società segrete e le polizie dei governi. — I delatori e le vittime.
— La _Prineide._ — La cospirazione del 1821 e il conte Federico
Confalonieri. — Una sfinge. — I Confalonieri dei secoli scorsi. — Le
prime mosse del conte Federico. — Teresa Casati Confalonieri. — Il
Confalonieri ed Eugenio Beauharnais. — Alle prese colla diplomazia
europea. — L'imperatore Francesco d'Austria. — Il programma italiano
di Federico Confalonieri. — Ugo Foscolo. — I viaggi e le iniziative.
— Il _Conciliatore_ e il conte Luigi Porro. — Illustri stranieri a
Milano. — Il processo dei Federati. — Il principe Della Cisterna. —
Giorgio Pallavicino e Gaetano Castillia. — Il barone Salvotti e la
Commissione inquirente. — Il maresciallo Bubna. — Audace contegno del
Gonfalonieri. — Suo arresto. — Un processo iniquo. — La fermezza di un
imputato. — I Confalonieri a Vienna. — L'Imperatore e l'Imperatrice.
— La grazia e la berlina. — Il colloquio col principe di Metternich. —
Un uomo di Stato e un delegato di pubblica sicurezza. — I prigionieri
dello Spielberg. — Le _Memorie_ autografe di Federico Confalonieri. —
La religione e l'amnistia. — Il Confalonieri in America. — A Parigi e
a Vichy. — Ritorno di Confalonieri a Milano. — La generazione del 1821.
— I funerali del conte.

                                  IV.

                 =Il quarantotto e le cinque giornate.=

                                   1.

                            LA PREPARAZIONE.
                           (pag. 197 a 257).

L'Europa del 1886. — Due caffè distrutti dal rinnovamento edilizio. —
Il caffè della Peppina. — Gli adepti della _Giovane Italia._ — Giuseppe
Mazzini. — La sua influenza, i suoi difetti, le sue virtù. — Il caffè
della Cecchina. — L'aristocrazia liberale. — I profughi milanesi.
— Cesare Correnti. — Carlo Cattaneo. — Il federalismo riformatore
e la rivoluzione unitaria. — La metamorfosi di Carlo Cattaneo. —
Il suo deplorabile opuscolo sull'_Insurrezione di Milano._ — Carlo
Alberto e i profughi del 21. — Un re patriota. — I primi rintocchi
della rivoluzione. — Gli scienziati a Milano. — Pellegrino Rossi al
Conclave. — L'elezione del nuovo Pontefice. — La lama di coltello e
la bottiglia di Champagne. — Le riforme e la popolarità di Pio IX. —
Metternich e Radetzki. — Una città in entusiasmo. — Le dimostrazioni.
— Gli scritti rivoluzionarj. — Il Comitato. — Gli studenti liceali.
— I giovani d'oggi. — Il cardinale Gaisruck. — Il conte Bolza. —
L'arcivescovo Romilli e il suo ingresso. — Le irritazioni dell'autorità
militare. — La politica del principe di Metternich. — G. B. Nazzari e
la Congregazione Centrale. — Il conte di Ficquelmont e Fanny Elssler.
— L'astensione dal tabacco. — Le prime provocazioni e il conte di
Neipperg. — La sera del 3 gennaio 1848. — L'assassinio per le vie. — Il
conte Gabrio Casati al palazzo Marino. — Monsignore Opizzoni e il conte
Vitaliano Borromeo. — Il partito conservatore e l'alta burocrazia.
— Il Procuratore camerale Enrico Guicciardi. — Lo stato d'assedio. —
L'inspirazione di una donna.

                                   2.

                            LA RIVOLUZIONE.
                           (pag. 259 a 332).

I tre stadj di un movimento. — La preparazione materiale. — Carlo
Alberto e Nino Bixio. — Il conte di Castagneto. — Carlo D'Adda a
Torino. — La storia di un biglietto. — I preparativi a Milano. — La
concordia degli animi. — Giuseppe Sandrini. — Le autorità governative
dopo la rivoluzione di Vienna. — In casa di Cattaneo. — La politica del
Municipio. — Il 18 marzo 1848. — Il primo sangue e il primo proclama.
— Angelo Fava e Carlo Cattaneo. — La prima barricata. — Il sistema
finanziario dell'epoca. — Uno per tutti e tutti per ciascuno. — Le
campane a stormo. — La questione diplomatica. — Il conte Francesco
Arese. — Enrico Martini ed Alessandro Manzoni. — La dichiarazione
di guerra. — Gl'inviati milanesi nel Consiglio dei Ministri. — La
questione politica e il programma municipale. — Le idee giuste e le
idee ingiuste di Carlo Cattaneo. — Il Governo Provvisorio e il Comitato
di Guerra. — La questione strategica. — Il discentramento e Luigi
Torelli. — Ogni giornata ha il suo carattere. — Luciano Manara. — I
combattenti borghesi. — Le sorprese e le incertezze del maresciallo
Radetzki. — Le trattative per l'armistizio. — Il barone d'Ettinghausen
e il conte Marco Greppi. — Una risposta di Vitaliano Borromeo. —
L'opinione del ministro della guerra sull'armistizio. — La seconda
trattativa. — Giuseppe Durini, Achille Mauri e Carlo Cattaneo. —
L'opinione dei combattenti. — I no della storia. — Ciò che è vero e ciò
che è giusto nella questione dell'armistizio. — Le cause della ritirata
dell'esercito austriaco. — Orgogli e delusioni.

                                   V.

                      =Il decennio di resistenza.=
                           (pag. 333 a 410).

Le tristezze del 1849. — I pensieri di Milano. — La resistenza. — Gli
emigrati. — Il partito albertista. — Cesare Giulini ed Emilio Dandolo.
— Carlo Tenca e il _Crepuscolo_. — Il partito d'azione. — Attilio
De-Luigi e Carlo De-Cristoforis. Emilio Visconti-Venosta. — Nobili,
borghesi, popolani. — Il vuoto intorno ai nemici. — I duelli. — Annetta
Olivari e le bastonature. — Il Comitato Centrale repubblicano. — Il
prestito di Mazzini. — La morte del Vandoni. — Il colpo di Stato in
Francia. — Il Piemonte risorge. — I Comitati provinciali lombardi.
— Antonio Lazzati a Mantova. — Morte eroica di Giuseppe Pezzotti.
— Il processo di Mantova. — Antonio Lazzati e Luigi Castellazzo. —
L'Impero in Francia e il conte di Cavour. — La decadenza del partito
repubblicano. — Il 6 febbraio 1853. — Illusioni e trepidazioni. — I
consigli della ragione. — I capi ed i gregarj. — Gli effetti del 6
febbraio. — L'indirizzo all'imperatore d'Austria. — La ricomposizione
dei partiti. — Prevalenza della politica moderata in Milano. — La fine
dell'influenza mazziniana. — La reazione militare. — Il Congresso
di Parigi e la mutazione della politica austriaca in Lombardia.
— L'Imperatore a Milano. — Il conte Archinto e Cesare Cantù. — I
conservatori milanesi e il loro programma. — L'arciduca Massimiliano e
i suoi consiglieri. — Il duca Lodovico Melzi. — Programmi e illusioni
dell'arciduca. — Le inquietudini del conte di Cavour. — Il barone di
Burger e il maresciallo Giulay. — La nascita dell'arciduca Rodolfo. —
Massimiliano a Vienna. — I consigli del duca Melzi. — Le incertezze
della situazione. — La virtù nazionale. — La morte del maresciallo
Radetzki. — I funerali di Emilio Dandolo. — Gli entusiasmi cittadini.
— Il coro della _Norma_. — L'emigrazione militare in Piemonte. —
L'ingresso di Vittorio Emanuele e di Napoleone III chiude la storia
municipale lombarda. — La nuova Italia e la morale dell'opera.



FRANCESCO MELZI E IL PERIODO ITALIANO.


Quel brano di storia milanese e lombarda che corre dalla battaglia di
Marengo alla catastrofe del Regno italico nel 1814 è stato, nei confusi
ricordi popolari e negli studj superficiali, considerato quasi come un
tutto omogeneo, fondato sugli stessi principj, fertile degli stessi
beneficj, illustrato dai medesimi nomi e dalle stesse tradizioni di
governo.

Nulla di più inesatto che questo modo di apprezzare quei tre lustri di
storia. Essi hanno invece, come l'odierna cultura ha bene stabilito
e sviscerato, tre stadj distinti di legislazione e d'influenze, tre
fisonomie politiche notevolmente diverse.

La prima epoca va dal ritorno degli eserciti francesi fino
alla Consulta di Lione; la seconda dalla Consulta di Lione alla
proclamazione dell'impero napoleonico; la terza dalla proclamazione
dell'impero al 20 aprile 1814.

La prima è l'epoca dei dubbj, delle confusioni, delle incertezze,
delle precarietà governative, ed è la seconda _Repubblica Cisalpina_,
conservatrice in teoria, anarchica in realtà, di poco superiore alla
prima per disciplina di menti e d'indirizzo. La seconda epoca comprende
gli anni della _Repubblica Italiana_, il vero periodo ricostruttore,
sollecito dei principj e degli interessi, dei costumi, delle leggi,
della pubblica dignità. Al terzo periodo, quello che la precisa dizione
storica chiama propriamente _Regno d'Italia_, corrisponde il movimento
più spiccato della legislazione, dei lavori pubblici, degli ordini
militari, ma insieme il principio d'una nuova corruzione, che lima e
sfata la libertà. Dallo stadio dell'intrigo e dell'agitazione infeconda
si passa a quello dell'operosità onesta e dell'austera semplicità,
per giungere allo stadio finale della magnificenza e dell'eccesso. Il
malato guariva, ma il convalescente abusava della rifatta salute, e
il cambiamento dei medici non riusciva sempre a vantaggio dell'igiene
preservatrice.

L'organismo politico e amministrativo della prima epoca era stato
deliberato e applicato negli otto giorni in cui Bonaparte rimase a
Milano, dopo Marengo.

Egli era stato accolto in Milano coll'eguale entusiasmo, ma non
si presentava più colle stesse forme e cogli stessi caratteri. In
quell'esistenza straordinaria, destinata ad un'attività di corpo e
di spirito che ci sembra ancora un enigma, tre anni dovevano bastare
a meravigliose trasformazioni. Infatti, non era più il generale
Bonaparte; era il Primo Console; un'altra fisonomia, fisica e morale;
un altro indirizzo; una volontà egualmente energica, ma diretta a scopi
diversi; un'intelligenza egualmente intuitiva, ma fatta più matura da
più larghe esperienze; un uomo insomma che era passato dalle ipotesi
dell'ambizione alle sue più sterminate realtà; che aveva divorato gli
ultimi brani di una rapida giovinezza e che si presentava a trent'anni
sulla scena del mondo con tre titoli nuovi aggiunti alla Campagna
d'Italia: l'Egitto, il 18 brumale e Marengo.

Si vede subito che un altro sistema politico si elaborava nella mente
del vincitore. Le sue parole ai magistrati cittadini, ai parroci,
suonavano la più recisa condanna delle antiche demagogie del triennio.
“Qu'on respecte les prêtres„ scriveva al Talleyrand “c'est le seul
moyen de vivre en paix avec les paysans italiens.„ Affermava, con
intera saviezza di programma politico, doversi riorganizzare come
libera e indipendente la Repubblica Cisalpina, doversi rispettare
l'esercizio della religione cattolica e punire ogni specie di oltraggio
contro i suoi ministri e i suoi riti, doversi rispettare le proprietà
di tutti senza eccezione, essere vietato usare denominazioni proprie
a risuscitare divisioni ed ire di parte. Un proclama comparso in
quei giorni sul _Moniteur_ diceva: “Peuple cisalpin, dès que votre
territoire sera délivré de l'ennemi, la république sera réorganisée
sur les bases fixes de la réligion, de l'égalité et du bon ordre.„
Dell'antica trilogia repubblicana non era già più rimasta che
l'eguaglianza. La religione e il buon ordine erano parole nuove, sorte
dopo il 18 brumale.

I nomi erano per Bonaparte guarentigia delle cose; e nella Consulta
legislativa, a cui spettava l'incarico di redigere le prime leggi di
urgenza e di preparare la Costituzione definitiva della Repubblica,
pose il Marliani, il Testi, il Luosi, il Serbelloni, il Moscati, il
Caprara, il Mascheroni, il Lamberti, il Cicognara, tutte le notabilità
di scienza, di nascita e di carattere che la politica del triennio
aveva potuto offendere o disgustare. Fece riaprire l'Università di
Pavia, chiusa durante i furori del precedente periodo e vi chiamò
o vi richiamò alle cattedre i nomi più splendidi dell'intelligenza
contemporanea, Gregorio Fontana, Lorenzo Mascheroni, Alessandro Volta,
Antonio Scarpa, Vincenzo Monti, Tommaso Nani.

Altri provvedimenti prese sulle materie militari e di finanza; buoni,
come al solito, i primi; duri, come al solito, i secondi; ma in quei
giorni non ci si badava; la gioja d'essere o di credersi per sempre
liberati da Russi e da Giacobini rendeva indulgenti sulle questioni
di tasse. Il prestigio di Bonaparte era ancora maggiore che durante
il triennio, perchè il genio era eguale, il potere cresciuto e la sua
politica offendeva minori interessi. Quel rispetto per la religione
conciliava alla repubblica patrizi e popolani senza riserva. Gli
entusiasmi non cessavano, e crescevano le adesioni pensate. Un
incidente, in apparenza spregevole, rivela questa mutazione in certe
classi sociali. Nel 1796, un tenore dalla voce bianca, l'idolo della
gioventù aristocratica, Marchesi, aveva osato rifiutarsi al generale
Bonaparte che mostrava desiderio di udirlo[1]; nel 1800 si offerse egli
stesso di cantare, e il Primo Console obliò generosamente l'antico
rifiuto. Anche la Grassini, celebre prima donna del tempo, cantò in
un concerto alla Scala così meravigliosamente, che Bonaparte volle
riudirla in palazzo. Pur troppo, se il generale s'era modificato,
l'uomo non era rimasto tal quale. La situazione psicologica subiva
anch'essa un processo di rivolgimento. Giuseppina Bonaparte ebbe torto
in quell'ora di essere a Parigi e non qui.

Però il Primo Console aveva fretta. Non poteva più abbandonarsi agli
ozj eleganti di Mombello o allo studio paziente degli affari d'Italia.
L'Europa cominciava a cadergli sulle braccia, ed all'Europa non poteva
pensare che da Parigi. Partì il 25 giugno, lasciando a Milano organismi
pubblici appena abbozzati, una Consulta legislativa piena di zelo
ma soverchiata dall'incerta e larga responsabilità, una Commissione
esecutiva troppo numerosa e poco omogenea, il generale Petiet come
Ministro straordinario e quasi tutore della rinata Repubblica; uomo
debole, incerto della propria azione, poco persuaso della sua autorità,
e che perciò non sapeva usarla nè contro le corruzioni dei politici
indigeni, nè contro gli abusi e gli arbitrj dei comandanti militari
francesi, Brune, Massena, Murat.

Queste cause di male cominciarono subito a svolgersi con pessimi
effetti, ed agli otto giorni di ordine e di lavoro che il Primo Console
aveva così bene inaugurati seguirono venti mesi d'un governo fiacco,
oscillante, senza prestigio e senza base; governo che se non potè dirsi
affatto tristo, fu solo perchè due altri, di tanto peggiori, lo avevano
preceduto.

La Consulta legislativa diede bensì notevoli esempj di attività
intelligente e feconda. Rimise in pieno vigore le leggi emanate durante
il triennio, eccettuate però le leggi deplorabili di finanza e di
culto. Revocò gli ordinamenti politici e i sequestri illegali ordinati
durante i tredici mesi; mantenendo però i giudicati già eseguiti, le
successioni già verificate, i pagamenti e i contratti fatti secondo
le leggi pubblicate nel periodo intermedio. Era un sistema savio e
liberale, soprattutto per tempi, in cui il cassare con un tratto di
penna tutto un insieme di ordinamenti e di diritti acquisiti pareva
l'inevitabile concetto legislativo sorgente da ogni mutamento di
governo, da ogni predominar di fazione.

I diritti civili furono poi subito argomento importante di studio per
la Consulta. E dopo un solo anno si potè a buon conto pubblicare il
Regolamento Giudiziario, unificazione salutare e progresso insperato
sugli antichi sistemi, prevalenti nelle varie provincie del nuovo
Stato, e anteriori per la massima parte alle stesse riforme prodotte
dai libri del Filangieri e del Beccaria. Si pubblicò un'amnistia
generale pei delitti politici, poi la legge 23 fiorile, anno 9.º
sull'ordinamento amministrativo e territoriale della Repubblica. I
provvedimenti militari furono spinti colla massima alacrità. Legge
sulla guardia nazionale, legge sulla gendarmeria nazionale, legge
sull'ampliamento della scuola militare di Modena; e finalmente la
legge 8 brumale sulla coscrizione militare, novità ardita e non subito
apprezzata dalle moltitudini, avvezze fino allora a vedere nella
milizia o lo stromento di una tirannia straniera o il triste rifugio
degli infingardi e dei mercenarj.

Ma a questo primo ripiglio dell'iniziativa italiana nell'opera
riformatrice, non corrispondeva, anzi contrastava acremente l'azione
del potere esecutivo.

Questo a poco a poco s'era venuto restringendo in mano agli elementi
più inetti. Il Melzi rifiutava ostinatamente di farne parte, per
manifesta sfiducia dei precarj ordinamenti, e continuava anzi a restare
in Ispagna, donde non si decise ad uscire se non pei replicati inviti
del Primo Console che lo volle a Parigi. A Parigi stava pure l'Aldini,
inviato per trattare riduzioni di tributi e repressioni di angherie
militari. Priva dei due intelletti maggiori, delle due esperienze
politiche più consumate, il potere esecutivo lombardo andò a tentoni,
finchè un decreto del plenipotenziario Petiet mutò ad un tratto la
Commissione esecutiva in Comitato di Governo e lo compose di tre soli
fra gli antichi commissarj, un Ruga, Francesco Visconti-Ajmi, e Gio.
Battista Sommariva, di Lodi.

Giusto era forse il concetto di rendere meno numeroso il Consiglio
esecutivo, ma ne guastò affatto i risultati la scelta infelice degli
uomini, dovuta alle peggiori influenze da cui il Primo Console non
seppe quella volta abbastanza schermirsi.

Francesco Visconti non era per verità uomo disonesto, e abbandonò
il potere appena vide che i suoi colleghi ne facevano stromento
di corruzioni. Ma per l'alta carica non aveva titoli sufficienti
d'ingegno; forse dovettero parer tali al generale Berthier,
influentissimo presso Bonaparte, e che, più costante del suo padrone,
continuava a considerare la contessa Visconti come l'ideale della
bellezza italiana.

Il Ruga, portato egli pure da influenze femminili, ebbe meno scrupoli
del suo collega, e quando uscì dal governo era dieci volte più ricco
che quando v'entrò.

Ma chi passò ogni misura di scandali nel salire, nel restare e nello
scendere dal potere fu Gio. Battista Sommariva, che, impersonando
in sè stesso il triumvirato, adunò anche sul proprio capo tutta la
responsabilità di quella malaugurata amministrazione.

Nato barbiere e fattosi, per sorprese di tempi, avvocato, s'era buttato
nel moto politico, imbrancandosi naturalmente fra i gruppi più romorosi
e più estremi. Per influenza della _Società popolare_ era stato
nominato segretario generale del Direttorio cisalpino, ed esercitava
così sugli ordini di governo una specie di sindacato costante, in nome
e per gl'interessi della democrazia scapigliata.

Al sopraggiungere degli Austro-Russi, il Sommariva era corso a
Parigi, e lì s'era accostato a tutti gli elementi equivoci della
gran Babilonia, s'era perfezionato nella conoscenza dell'intrigo,
nel maneggio degli uomini e nei segreti della corruzione. Così aveva
ottenuto la confidenza e l'appoggio di alcuni fra i più alti personaggi
del tempo, fra gli altri del Talleyrand e del generale Murat, che non
erano troppo schifiltosi sulle qualità morali dei loro amici.

Forte di queste aderenze parigine e di quella furberia che ai mestatori
tien luogo sempre d'ingegno, spadroneggiò presto nel Comitato di
Governo; ostentò apparenze moderate e lasciò le briglie sul collo a'
suoi antichi amici, perchè facessero rivivere le ire e le mascherate
del triennio; parlava linguaggio pomposo d'indipendenza, ma ai generali
francesi, protettori e complici suoi, accordava ogni più insana
domanda: governò male insomma per cinica risoluzione, sapendo che
soltanto dal malgoverno possono i cattivi cittadini trarre impunità e
occasioni di turpi lucri.

Così dal centro partiva la corruzione e intorno al centro si allargava.
Egli aveva segreti legami d'affari con un banchiere Marietti e con un
giojelliere ebreo, Formiggini; i quali scontavano al 40 per 100 i boni
rilasciati dallo stesso Sommariva per somministrazioni e per debiti
dello Stato.

Mentre a Parigi l'Aldini e il Serbelloni trattavano col Primo Console
per ridurre a due milioni mensili la contribuzione militare della
Repubblica, il Sommariva la stipulava con Petiet e con Murat in una
cifra di 2,700,000 lire. Si moltiplicarono misure finanziarie repentine
e rovinose; vendite di beni demaniali, lotterie, imposizioni di guerra,
prestiti sulle famiglie più ricche, senza criterj direttivi, senza
guarentigie di pubblicità; veri agguati notturni, da cui le popolazioni
uscivano impoverite e i governanti arricchiti. Il ministro della
guerra, Pietro Teulié, avvocato milanese, datosi per inclinazione alle
armi e divenuto uno dei generali più valenti dell'esercito napoleonico,
aveva dovuto dimettersi per la sua resistenza agli avidi appaltatori
militari, che il capo del governo, per solidarietà d'affari, turpemente
proteggeva.

Si può pensare che conseguenze dovesse produrre siffatto indirizzo
governativo. Tutti ne abusavano, a seconda dei loro istinti, di
prepotenza, di vaniloquio o di avidità. Brune e Massena avevano
ricominciato le loro estorsioni; il generale Miollis faceva rizzare un
albero di libertà e diceva che questo avrebbe fatto rivivere le virtù,
le scienze, le belle lettere e le arti. Il generale Varrin si faceva
sborsare 440 lire al giorno pel suo pranzo; chiedeva approvvigionamenti
anticipati pel doppio della forza che aveva sotto le armi; lacerava in
faccia al presidente dell'amministrazione provinciale i documenti che
questi allegava a sostegno delle sue ragioni.

Questa situazione non era ignota al Primo Console, a cui denunciavano
fatti e chiedevano provvedimenti Paolo Greppi, Ferdinando Marescalchi,
Antonio Aldini. E a quest'ultimo rispondeva Bonaparte: “So che laggiù
le cose vanno molto male; non si commettono che bestialità e si ruba
a precipizio. Quella è gente nata in uno stato mediocre, che si è
messa in testa di fare una gran fortuna, profittando del posto....
Scrivete loro ch'io so bene tutte le loro bricconate e che creerò una
Commissione per esaminarle.„

Ma intanto le altre cure del vasto Stato assorbivano il vasto
intelletto; e il Sommariva, corazzato contro ogni severità di parole,
continuava ad accrescere, coi metodi di corruzione, i complici d'oggi,
che sperava potessero diventare gli ajuti dell'indomani. Lasciava
quindi sempre maggiore libertà alle passioni, impunità maggiore ai
disordini. I liberatori si atteggiavano da capo a conquistatori; e
Carlo Porta flagellava di profondi sarcasmi i facili trionfi cittadini
della milizia francese.

Onde Francesco Melzi, che conosceva i suoi paesi e i suoi tempi,
scriveva al Primo Console, parlando dei Russi: “ils seront bien
plus tôt oubliés que les Français; celui qui opprime et qui tue
brutalement blesse encore moins que celui qui humilie.„ E infatti
erano ricominciate le vendette personali. L'ajutante generale Hector,
nel traversare piazza Fontana, veniva colpito da coltello al cuore;
altri ufficiali subivano qua e là dal ferro notturno dei popolani
la conseguenza dei rancori politici o più verosimilmente la pena di
galanti misfatti. Il paese insomma era travagliato da una profonda
malattia morale, e minacciava ricadere nell'odio per la libertà.


La Consulta di Lione ci trasse da queste abbiezioni e inaugurò
veramente in Lombardia il periodo della ristorazione morale.

Fu una curiosa pagina di storia italiana e che vorrebb'essere
illustrata più largamente di quanto non s'è fatto sinora.

Raccogliere la rappresentanza politica di un paese in una città
straniera; elaborarvi tutto intero un organismo di Stato per questo
paese; discutervi lo Statuto fondamentale; eleggervi come capo di
questo paese un generale pure straniero, che era nel tempo stesso il
primo magistrato della Repubblica in cui questa riunione avveniva; e
datare da tutto questo guazzabuglio la prima vera epoca di libertà e
d'indipendenza pel paese che si lasciava tranquillamente così regolare,
sono fenomeni che bisogna giudicare solamente coi criterj di quell'età;
straordinarj come i tempi, come gli eventi, come l'uomo che li dominava
e li correggeva.

Tutto andava male in Lombardia e bisognava quindi tutto rifare. Chi
poteva rifar tutto non era che un uomo, Napoleone Bonaparte. Egli però
non poteva far solo e doveva fare rapidamente. Non poteva assentarsi
dalla Francia, dove le sue mani movevano tutte le fila d'un febbrile
riordinamento amministrativo; non poteva restare a Parigi, dove i
rappresentanti italiani si sarebbero trovati in mezzo a troppe e troppo
vivaci influenze. Bisognava che alle nuove istituzioni presiedessero
gli uomini migliori, e che svanisse tra questi ogni gelosia personale,
ogni dissidio d'idee. Si doveva dare al nuovo Stato tutta la forza che
deriva da un'amministrazione autonoma, e impedire nel tempo stesso che
il suo governo, staccato da ogni potente legame, si trovasse rimpetto
a grosse complicazioni europee come

    Nave senza nocchiero in gran tempesta.

Questo complesso di cose difficili e necessarie fu sciolto in un modo
che allora non si poteva pensar migliore, mediante i Comizj di Lione.
Questa città, a mezza via fra Milano e Parigi, dove non giungevano
nè le influenze corruttrici del governo cisalpino, nè i propositi
dominatori delle consorterie parigine, parve e fu veramente adatto
luogo per quel convegno fra gli elementi italiani e gli elementi
francesi, da cui doveva nascere il nuovo Stato repubblicano dell'alta
Italia. Vi giunsero, nel cuore dell'inverno, frammezzo a intemperie
che avevano reso pericolosi tutti i passaggi delle Alpi, parecchie
centinaja di rappresentanti, nominati dal governo, dalle città, dalle
provincie, dalle università, dalle camere di commercio, dai tribunali,
dagli ecclesiastici, dalla guardia nazionale; vi stettero un mese e
mezzo, suddividendosi in comitati, lavorando, discutendo, consigliando,
studiando miglioramenti di cose ed elenchi di nomi.

Quel congresso presentò in embrione tutti i fenomeni buoni e i fenomeni
cattivi che costituiscono il regime parlamentare; ma i fenomeni buoni
vi prevalsero perchè erano alte le correnti del patriottismo. Vi
apparvero ambizioni puerili che furono dissipate dalla serietà; vi
si tentarono intrighi che si ruppero contro l'onestà. Il Prina, il
Guicciardi, il Mariani, lo Strigelli, il Marescalchi vi guadagnarono o
vi accrebbero la loro riputazione come oratori e come uomini di Stato.
Lo zelo e la rapidità nel fare erano gli elementi costitutivi di quel
patriotismo serio che la personalità del generale Bonaparte aveva
saputo trarre dai ruderi delle parole e modellare a sapiente energia.

Certo, parrebbe incredibile ai nostri giorni, così saturi di abuso e di
scetticismo in fatto di riunioni e di commissioni e di rappresentanze,
che di 452 cittadini eletti a formar parte della Consulta di Lione,
450 si siano recati al loro posto e vi siano rimasti fino all'ultimo
giorno. E sarà sempre un'umiliazione pei nostri meccanismi parlamentari
il ricordare che quell'Assemblea costituente di 450 deputati, venuti
da diverse provincie, nuovi per la massima parte a pubblici affari,
non illuminati da giornali politici o da comitati elettorali, abbia
trovato in sè stessa tanta forza e tanta virtù da deliberare e votare,
con utile effetto e con perfetta tranquillità, un'intera legislazione
politica, in un tempo minore di quello che oggi basterebbe appena per
discutere un bilancio dei lavori pubblici.

Il Primo Console arrivò a Lione la sera dell'11 gennajo 1802. La
Consulta vi era già radunata da un mese; egli s'era attardato in Parigi
per dare le ultime spinte ai negoziati intrapresi coll'Inghilterra
e che dovevano condurre alla posticcia pace d'Amiens. Arrivò come
un trionfatore, come un sovrano. Era allora in tutta la forza del
suo genio, al colmo della sua popolarità. La campagna d'Italia, il
riordinamento della Francia, la savia pace stipulata a Luneville
avevano circondato il suo nome di un'aureola che più fulgida potè
sembrare di poi, non mai più serena nè più meritata. Aveva saputo
domare l'anarchia senza elevarsi a tirannide, stravincere senza abusare
della vittoria, ricostituire in due anni un paese, sfasciato da così
lungo imperversare di guerre e di fazioni. Pochi uomini ricordava la
storia, di cui l'ingegno avesse in sì breve tempo lasciata sì vasta
orma. Onde la gratitudine toccava all'entusiasmo, e chi non amava,
ammirava. Sei mesi dopo, la Francia gli avrebbe dato il Consolato a
vita, e due anni dopo, l'Impero; ma fin d'allora il potere di Bonaparte
non aveva altri limiti che la sua moderazione. Sventuratamente, questa
doveva durare assai meno che il suo splendore.

La città di Lione aveva in quei giorni aspetto fantastico; Milano vi
si era rovesciata, e i Francesi guardavano con simpatica meraviglia
ad alcuni fra i nostri concittadini d'illustre nome, all'astronomo
Oriani, al Cagnoli, al Moscati, al Bossi, pittore, al Longhi, incisore,
ad Alessandro Volta, all'arcivescovo Filippo Visconti, che, vecchio
di 82 anni, aveva superato le Alpi e non doveva più rivederle[2].
Oltre ad essere provvisoriamente la capitale lombarda, Lione pareva
quasi divenuta, per una settimana, anche la capitale della Francia. I
prefetti e le autorità di venti dipartimenti vi si trovavano raccolti
ad aspettare l'arrivo del Primo Console. Una parte della guardia
consolare v'era stata inviata da Parigi; la gioventù lionese aveva
costituito per quella occasione un corpo di cavalleria d'onore dalle
ricche armi e dalle brillanti uniformi. Generali e ministri erano
accorsi da Parigi, da Milano, da Marsiglia; e più solenne di ogni
spettacolo la vista dell'esercito d'Egitto, reduce in quei giorni dalla
sfortunata epopea; laceri e gloriosi avanzi di Arcole, di Rivoli e
delle Piramidi, arrivati a Lione in tempo da vedere nel più alto grado
della potenza e dello splendore il generale che li aveva guidati a
vincere alle foci del Nilo come alle sorgenti del Po.

Il Primo Console era atteso già da più giorni. La popolazione bivaccava
nelle campagne per timore di perdere l'ora dell'arrivo; la cavalleria
lionese caracollava da quarantotto ore sulla strada maestra; la
città splendidamente illuminata; gli animi ebbri. Quando la carrozza
comparve, un lungo urlo: _viva Bonaparte_ lo accompagnò fino al palazzo
municipale. Colà scese, accompagnato da Giuseppina e dal giovinetto,
non ancor principe, Eugenio. Ricevette il dì dopo i magistrati della
città, le autorità civili e militari dei dipartimenti, lo stato
maggiore dell'esercito d'Egitto, i membri della Consulta, presentatigli
dal Marescalchi. A questi ultimi parlava in lingua italiana, seduzione
per italiani grandissima. La sera fu in teatro, ove rappresentossi la
_Merope_. Poi, la notte appresso, ad un ballo, a cui Giuseppina e le
signore del suo seguito comparvero abbigliate di sole stoffe lionesi.

In pochi giorni, col suo meraviglioso istinto d'affari, e sugli
schiarimenti che otteneva dal Marescalchi, dall'Aldini, dal Melzi,
dal Talleyrand, fu interamente edotto delle cose trattate e conchiuse,
delle difficoltà che restavano ad appianare. V'era stata lunga e sorda
lotta fra le idee che voleva applicare all'Italia il Talleyrand e
quelle da cui non dipartivasi Francesco Melzi. Prevalsero le ultime che
ottennero l'aperto suffragio del Primo Console. Il Talleyrand voleva
Stato piccolo, costituzioni vecchie, principe fiacco; Melzi insisteva
per istituzioni nuove, per ampio Stato governato da principe illustre.
Il ministro cortigiano insinuava che Giuseppe Bonaparte sarebbe stato
un egregio presidente della nuova Repubblica, e lo schietto cittadino
rimbeccava con fine spirito: “l'existence des archiducs a toujours
suivi, jamais précédé celle des rois dans les familles souveraines.„
Egli voleva il Primo Console a capo del suo paese, perchè in lui solo
aveva trovato, fra la turba degli statisti contemporanei, concetti
politici affini ai suoi e l'autorità necessaria per farli prevalere.
Non voleva uno Stato satellite che girasse intorno all'orbita del
pianeta; poichè un uomo solo era grande e a tutti pareva necessario,
voleva che quello, e non altri, assumesse, dopo la responsabilità del
creare, quella del dirigere e del mantenere.

Sicchè volse tutta l'influenza sua e quella de' suoi amici a far sì che
la Consulta acclamasse il Primo Console a Presidente; e la Consulta,
che già aveva designato nel Melzi il proprio candidato[3], misurando
da quell'alto disinteresse la forza della sua convinzione, si piegò
unanime a quel desiderio e incaricò un Comitato speciale di esprimere
a Bonaparte la preghiera dei rappresentanti italiani.

Fu nella solenne adunanza del 26 gennajo che lo scioglimento politico
si annunciò.

La Consulta era completa. Il Primo Console v'intervenne come a seduta
reale, accolto da grandi applausi, e andò a sedersi nella parte più
elevata della sala, accompagnato dalla sua famiglia, dai ministri
Talleyrand e Chaptal, da un gran numero di generali, da venti prefetti,
da quattro consiglieri di Stato. Quando l'acclamato Presidente si alzò
per parlare, nell'ampia sala non s'udiva un respiro. Si afferravano le
parole, s'indagavano gl'intenti. Bonaparte parlò in lingua italiana,
con pronuncia netta e vibrata. Il suo discorso, abilmente conciso e
improntato di quella grandiosa semplicità che distingueva il suo dir
pubblico, toccava delicatamente molte corde e ne trattava altre con
aspra franchezza. Si vedeva ch'egli s'era ricordato di parlare ad
Italiani, ma di parlare in mezzo a Francesi.

Sulla questione capitale della Presidenza disse senza ambagi: “non ho
trovato fra voi nessuno che avesse ancora abbastanza diritto sulla
pubblica opinione, che fosse abbastanza superiore ad ogni spirito
di località e che avesse resi tanto grandi servigi alla patria,
da potergli affidare la carica di Presidente.... mi sono quindi
determinato ad aderire al vostro voto, e, finchè le stesse circostanze
lo vorranno, io m'incaricherò del pensiero dei vostri affari.„

Sul programma di governo, soggiungeva poi con sintesi sagace, e
profonda: “voi non avete che leggi particolari ed avete bisogno
di leggi generali; il vostro popolo non ha che costumi locali ed è
necessario che acquisti costumi nazionali; voi finalmente non avete
armate e le potenze che potrebbero diventar vostre nemiche ne hanno
di molto forti.... Ma voi avete tutto ciò che può produrlo; una
popolazione numerosa, campagne fertili, e l'esempio che in tutte le
circostanze vi ha dato il primo popolo dell'Europa.„

Era difficile che tali parole, pronunciate in così straordinarie
circostanze e da così straordinario oratore, non commovessero ad
alto grado gli animi dei convenuti. Il discorso del Primo Console fu
interrotto ad ogni periodo da clamorosi e vivissimi applausi. L'affetto
della patria vibrava in tutti quei cuori. Li avvolgeva l'atmosfera
della grandezza, il sentimento dell'avvenire. Parlarono il cittadino
Mariani, il cittadino Prina, l'arcivescovo Codronchi. Si lessero gli
articoli della Costituzione. Si aspettava con ansietà la proclamazione
del nome del Vicepresidente che, in forza dell'art. 49, Titolo VIII,
era di libera ed assoluta scelta del Presidente. Il Primo Console, con
una di quelle mosse efficaci, di cui possedeva il segreto, levossi,
chiamò a sè il conte Melzi, lo abbracciò e lo collocò a sedere al
suo fianco; poi, presolo per la mano, lo additò all'Assemblea come
quegli in cui riponeva piena fiducia e lo proclamò _Vicepresidente
della Repubblica Italiana_. Il nome dell'uomo e il nome dello Stato
accrebbero gli entusiasmi; qualche memoria del tempo pretende perfino
che gli applausi al Melzi soverchiassero quelli dedicati a Bonaparte.
Ad ogni modo il Primo Console poteva essere contento dell'opera
sua. Aveva reso tutti contenti. Non gli doveva accader più nel corso
successivo della sua meravigliosa carriera.


Francesco Melzi aveva quarantotto anni allorchè assumeva così alto
incarico di governo frammezzo a così alte difficoltà. Avrebbe potuto
dirsi nella pienezza delle sue facoltà morali e fisiche, se queste
ultime non avessero già cominciato ad essere offese da frequenti
attacchi di gotta.

Figlio del conte Gaspare e di Teresa d'Eril, damigella spagnuola del
seguito della governatrice Rosa di Harrach, aveva appena 21 anni,
quando Maria Teresa lo nominò fra i decurioni municipali, tratta dalla
grande riputazione che in paese s'era già levata di lui per l'ingegno
pronto e l'amabile vivacità. Era stato educato, come la massima
parte dei patrizj d'allora, in un collegio di gesuiti, a Modena; ed
aveva dovuto resistere, con sagacia e volontà maggiore degli anni,
alle pressioni ed alle seduzioni di quei terribili educatori, che,
indovinando le forti qualità del loro allievo, avevano concepita la
speranza di chiuderlo nel loro bruno sodalizio.

Nella gioventù milanese ottenne presto quella prevalenza che non
isfugge all'ingegno, soprattutto quando è sorretto dalla ricchezza.
Era l'idolo delle riunioni gaje, l'oracolo delle adunanze pensose.
Cognato di Pietro Verri, che aveva sposato in ultime nozze sua
sorella Vincenza, era legato per mezzo suo a quel manipolo di preclari
intelletti, che, ormai sul tramonto, si vedevano con soddisfazione
rivivere in quel giovane forte, serio e gentile. Non era stato esente
da un vizio, pur troppo caratteristico delle società eleganti, quello
del giuoco; anzi vi si era abbandonato con una forza che ad alcuni
amici pareva minacciosa pel suo avvenire. La nobiltà della sua indole
doveva trionfare della bassa tentazione. Un giorno si trovava al verde,
e si recò a chiedere duemila scudi in prestito ad un amico in cui
riponeva grande fiducia. L'amico glieli rifiutò nettamente. “Sarebbero
pochi„ gli rispose “pel conte Melzi; sono troppi per un giuocatore.„ Il
giovane fu così tocco della severa risposta che abbandonò le bische e
non giocò più.

Auspicj femminili lo trassero dalla vita brillante e spensierata dei
circoli cittadini, per avviarlo a più vasti orizzonti. Primeggiava
allora fra le gentildonne milanesi la marchesa Paola Castiglioni,
colta e gentile Egeria di ogni Numa dell'epoca, la cui riputazione di
eleganza, di bellezza e di spirito, consacrata nei serali convegni,
traversò due generazioni per giungere ancora intera e vivace fino a
quella che immediatamente ci ha preceduti.

Francesco Melzi, che allora chiamavano il _contino_, non era fra gli
amici della marchesa il più trascurato. Anzi fu lui ch'essa volle
compagno in un viaggio che intraprese in Francia; ed essa gli dischiuse
l'ingresso in quelle celebrate riunioni parigine, dove, sotto la gonfia
dottrina degli enciclopedisti, romoreggiavano i nuovi e minacciosi
ardimenti degli uomini del terzo Stato. Fra quel meraviglioso turbinío
di stranieri non si smarrì l'ingegno del Melzi, non ancora trentenne.
Vi conobbe il D'Alembert, il Diderot, l'Helvetius, il Marmontel, il
barone di Holbach, Vittorio Alfieri. Stette con loro come uomo a cui
fosse famigliare qualunque forma di attività intellettuale. E non
parve piccino fra quei giganti; tanto che madama di Stael, nelle sue
_Considerazioni sulla Rivoluzione Francese_, ebbe a scrivere di lui:
“non esserci stato mai uomo più distinto, neppure in Francia, pel
sapore della conversazione, e nessuno averlo mai superato nell'arte di
conoscere ed apprezzare tutti quelli che sostenevano una parte sulla
scena politica.„

L'indole tutta italiana del Melzi non si sformò al contatto dei
ribollimenti francesi. Chè anzi grave materia di esperienza e di
studio trasse egli dallo spettacolo vivo di quella nazione, fra cui
si elaborava tanta mole di novità. E pur tenendo l'animo aperto alla
seduzione per ciò che v'era in quei concetti di generoso e di grande,
l'acuto senno ne misurava il pericolo e intravedeva già, dietro il
fascino delle parole, la futura intemperanza delle cose.

Innamoratosi dei viaggi e del largo osservare, dopo la Francia percorse
la Spagna, il Portogallo, sopratutto l'Inghilterra, studiando ed
annotando costumi, istituzioni, uomini, arti, paesi. Tornò, come
cinquant'anni dopo il conte di Cavour, ammiratore della costituzione
inglese, e convinto non essere possibile ad una nazione acquistare
ordini e forze di libertà senza il beneficio principalissimo
dell'indipendenza, cui egli giudicava fin d'allora doversi indirizzare
il desiderio e lo sforzo di quanti amavano possedere, come le altre
nazioni, una patria.

Così, nudrito di fatti e di pensieri nuovi, che lo rendevano, per
intelletto e per carattere, singolarmente idoneo a cose di Stato,
Francesco Melzi aspettava gli eventi.

Quando apparvero, soverchiando d'un tratto ogni argine di dottrina e
di ragione, non si sgomentò. Resistette alla fiumana demagogica come
doveva resistere più tardi al torrente del cesarismo. Ai giacobini fu
subito in uggia perchè non si umiliava dinanzi a loro. Lo accusarono,
nel loro stile barocco “di mettere il capo nel cielo e i piedi
nell'inferno per essere nel centro degli affari[4].„ Non era vero.
Nessuno più del Melzi era schivo di chiedere ed assumere importanza
politica. Più tardi fu anzi questo un difetto che il paese poteva a
buon diritto rimproverargli. Ma allora come poi, dir male degli uomini
virtuosi era pei viziosi il modo più sicuro e più spiccio di salire in
grazia alle turbe e far loro dimenticare le proprie magagne. I malvagi
strepitavano, il Melzi taceva; era una prova evidente del torto di
quest'ultimo e della ragione dei primi. Così fu imprigionato, sbandito,
richiamato.

Non era però il Melzi tal uomo che dello sfregio a sè fatto tenesse
broncio al paese. Onde, non appena la prevalenza degli uomini onesti
cominciò a risorgere e seppe essere richiesti i suoi servigi, non pose
tempo in mezzo a prestarli; e, come addetto ai Comitati di governo,
come inviato diplomatico a Rastadt, come consigliere di Bonaparte a
Mombello, come inviato a Parigi, come promotore e ordinatore della
Consulta di Lione, sollecito in ogni occasione degli interessi e della
dignità del paese, ben presto riebbe quella fiducia e quella stima che
i suoi concittadini non gli ritolsero poi per tutta la vita. Tanto è
vero che popolarità durevole ed unicamente apprezzabile non si acquista
col blandire ogni traviamento di moltitudini, per istrapparne un facile
applauso, ma coll'uniformare sempre la propria condotta ai dettami
di quella onesta coscienza, la quale allora solo è fallace quando
s'impaurisce o si fiacca per biasimi non meritati.

Tali erano i precedenti dell'uomo che il 7 febbraio 1802 entrava in
Milano, per assumere, con istituzioni nuove, le redini di uno Stato,
in cui tutto era sconvolto e tutto era da mutare e da rinnovare. Le
accoglienze, com'era da aspettarsi, furono assai festose e sincere. Da
un pezzo la Repubblica s'agitava nel vuoto; indispettita della larva di
governo cattivo che possedeva; ignara se ne avrebbe avuto uno migliore;
incerta fino agli ultimi giorni se dalla Consulta di Lione le sarebbero
giunte fortune o delusioni.

“Quel contino se la caverà con onore„ aveva scritto Vittorio Alfieri,
appena udita la nomina di Melzi a Vice-presidente. Ed era, più che il
pensiero, la speranza di tutti; essendo tutti ansiosi di uscire dal
lungo provvisorio e dalla lunga anarchia. Era inoltre confortato il
sentimento pubblico dall'idea che questa volta l'omaggio suo non si
volgeva ad uno spagnuolo, nè ad un francese, nè ad un tedesco, nè ad
un russo. Erano dei secoli che un italiano non appariva più come capo,
come guida politica di una così grossa e bella compagine di popolazioni
italiane! Onde l'istinto nazionale si sentiva rialzato nella sua
dignità e si aprivano gli animi a speranze maggiori di maggiori
compagini.

L'arte e la poesia celebravano a gara l'auspicato rinnovamento.

La Costituzione di Lione, firmata da Bonaparte, da Melzi, da
Marescalchi e da Guicciardi[5], si deponeva nell'Archivio pubblico,
dove tuttora si trova. Andrea Appiani aveva disegnato una medaglia, il
Manfredini ne incideva un'altra, Ugo Foscolo pubblicava la sua veemente
_Orazione a Bonaparte_, Vincenzo Monti cantava le lodi del nuovo
magistrato e lo chiamava

      il mio Melzi, a cui rivola
    Della patria il desío.

E il Melzi, serio e severo, perchè preoccupato della grave
responsabilità, entrava da Porta Vercellina, in una carrozza preceduta
e seguita da brillante accompagnamento di magistrati, di militari, di
popolo. Il generale Pino era nella carrozza con lui; il generale Murat
era corso ad incontrarlo a capo dello stato maggiore; nell'ultimo
posto, ed obliato da tutti, chiudeva umilmente il corteggio —
rappresentanza viva delle ironie della sorte — quel generale Despinoy,
che sei anni prima aveva trattato i milanesi con tanta impertinenza e
che aveva fatto arrestare, con brutalità soldatesca, Francesco Melzi.


Qui comincia il periodo dell'attività politica e della responsabilità
per l'uomo insigne che s'era fino allora mantenuto nei più facili
confini del consiglio e della censura. E non è piccola lode sua, non è
prova leggiera delle sue alte qualità di Stato il poter dire che Melzi
uscì con intatta, anzi con cresciuta riputazione, da questo periodo,
che è sempre così pericoloso e spesso così fatale per le ambizioni
politiche.

Non ci è dato poter qui giustificare questa asserzione. Per essere
fedeli alle necessità ed alle proporzioni del nostro studio, dobbiamo
respingere da tutte le parti argomenti e fatti che ci si affollano
innanzi alla mente; dobbiamo chiudere gli occhi por non vedere
il periodo, per dimenticare la moltiplicità degli ostacoli vinti,
delle riforme cominciate, delle leggi votate, dei lavori compiuti;
dobbiamo resistere alla tentazione di uscire dall'atmosfera dell'uomo
per entrare in quella delle cose. Ed è qui soprattutto che sentiamo
l'insufficienza del metodo che ci siamo imposti: è quì che dobbiamo
chiedere scusa ai lettori se la parola sarà impotente a condensare in
un capitolo la materia di un libro e se a questa irta contraddizione
fra lo spazio e l'intento ciascuno di essi crederà sacrificate quelle
speciali rimembranze e quelle glorie speciali, — militari, legislative,
edilizie, — onde s'è composta fra noi la ricca e simpatica tradizione
dell'amministrazione italiana.

A questa ha presieduto per più di tre anni Francesco Melzi, rialzando
veramente in ogni pubblica azienda quel concetto alto e morale che
s'era perduto durante gli ultimi rivolgimenti, e mettendo le basi a
quasi tutte le istituzioni che i nove anni successivi del Regno italico
avrebbero potuto svolgere e perfezionare.

Il governo di Melzi fu veramente un complesso di uomini, rispettabili
nella vita privata, capaci nella vita pubblica, pieni di zelo e di
attività salutare. Bonaparte gli aveva dato fin da Lione due soli
collaboratori, lo Spanocchi, Gran Giudice, magistrato di severa
dottrina e d'incorruttibile probità, e Diego Guicciardi, Segretario di
Stato, amministratore sagace e ricco di espedienti, che delle persone
e delle cose lombarde aveva conoscenza profonda e precisa.

Intorno a questo nucleo raccolse presto il Melzi gli altri elementi di
cui aveva bisogno; e si ajutò di Carlo Verri e del Villa per gli affari
interni, di Pietro Moscati per l'istruzione pubblica, di Prina e di
Veneri per le finanze, di Bovara e di Giudici per gli affari del culto;
all'importante dipartimento delle pubbliche costruzioni venne allora e
durò poi lunghi anni quel conte Paradisi, sotto la cui amministrazione
furono compiute così gigantesche opere stradali ed idrauliche, ed alla
cui scuola si educarono ai futuri prodigi tanti giovani illustri, fra
cui la nostra generazione non può dimenticare Elia Lombardini e Pietro
Paleocapa.

Soprattutto al concetto morale badava il Melzi, e faceva convergere a
rialzarlo tutti i suoi discorsi e l'opera sua. “L'uomo libero„ scriveva
al parroco di Magenta “non è che l'uomo probo.„ E pubblicava, dover
sopravvivere a tutte le divisioni passate quella sola che ponesse _un
muro di bronzo_ fra gli uomini onesti e quelli che non lo sono.

Gli erano dunque fieramente avversi tutti quegli elementi equivoci, che
nel primo triennio e dopo la battaglia di Marengo avevano fatto sulle
finanze pubbliche così turpi speculazioni. Il Sommariva, congedato
con severa frase dal Melzi, ordiva intrighi a Parigi per isbalzarlo.
Aveva tentato perfino di mettere contro di lui l'influenza ancora
efficace di Giuseppina, facendole offrire dal suo complice Formiggini
una collana del valore d'un milione. Giuseppina, onestissima malgrado
la sua vanità, respinse il dono, che sotto altre apparenze poteva
ricordare il famoso episodio fra Maria Antonietta e il cardinale di
Rohan. Ebbe minori scrupoli il Talleyrand, che ritenne, senza chiederne
la provenienza, un orologio a brillanti del valore di ottantamila lire.

Questo intrigo poteva essere tanto più pericoloso in quanto s'ajutava
di tutte le ostilità, segrete o palesi, a cui la politica schiettamente
italiana del Melzi dava pretesto. Giuseppe Bonaparte, che attribuiva
all'opposizione sua di non essere Presidente della Repubblica Italiana,
ostentava grandi accoglienze al Sommariva, che aveva sposato un'antica
amante di Gian Giacomo Rousseau e che teneva in sua casa corte
bandita per equivoci commensali, orpellando colle nuove ricchezze
l'antica volgarità. Fra i generali, avvezzi all'impunità degli abusi,
l'irremovibile severità del Vice-presidente suscitava fieri lamenti. Se
n'era fatto il più romoroso banditore Giuseppe Lechi, uomo altrettanto
immorale quanto valoroso, non molto dissimile per torbida indole dal
fratello Galeano, tiranno di Bormio. Il generale Marmont non era schivo
dal prestar mano a queste corruttele, che venivano ad allacciarsi
intorno al comandante supremo dell'esercito francese a Milano,
Gioachino Murat; cuore onesto, ma debole, che dal suo grado militare e
dalla sua stretta parentela col Primo Console traeva un certo disdegno
d'essere in qualunque paese il secondo, e a cui non era difficile
persuadere che gli spettasse esser primo.

Un pettegolezzo letterario, a cui questa coalizione d'interessi aveva
saputo dare le proporzioni d'una congiura, complicava la situazione
e accresceva gl'imbarazzi del Vice-presidente. Da Parigi venivano
ordini fulminanti, richieste di processi contro Cicognara, contro
Magenta, contro Teuliè, per alcune poesie d'un capitano Ceroni, che
affettava ostilità giacobine contro il governo del Primo Console. Il
quale s'avviava già, per insensibile pendio, su quello sdrucciolo di
despotismo violento, in fondo al quale doveva pochi anni dopo trovare
la fine della sua grandezza. Scriveva al Melzi, ordinandogli di
sfrattare dallo Stato una dama milanese, la signora Fossati, perchè
teneva circolo serale di elementi non favorevoli al regime francese.
E per queste minutaglie politiche si accalorava tanto da scrivere: “la
faiblesse du Gouvernement à Milan passe tout ce qu'il est possible de
concevoir.„

Melzi resistette a queste molteplici bufere con severa e tranquilla
dignità. “Le général Murat„ scriveva al Primo Console “a couvert de
son nom cette trame odieuse„, e se ne appellava alla stessa sorella di
Bonaparte, Carolina Murat, donna di maggior senno e di maggiore energia
del marito.

Degli intriganti parigini scriveva col più grande disdegno e si
meravigliava che presso le alte influenze del Governo avesse “le
plus grand jeu la faction de l'ancien gouvernement qui est celle des
voleurs.„

Circa le violenze poi che Bonaparte imponeva o consigliava contro
avversarj politici, rispondeva: “je crois fermement qu'il y aurait
de la folie à combattre les folies, les erreurs, les passions des
hommes par la force, car la force leur donne un caractère extrêmement
plus dangereux par la réaction qu'elle provoque. Je crois également
qu'il est juste et nécessaire de punir les actes ou faits qui portent
un caractère criminel. Toute ma conduite a été réglée sur cette
distinction.„

Non vi pare di veder qui riassunta con linguaggio preciso e liberale,
fin dal 1802, quella famosa teoria del prevenire e del reprimere, che
alcune ingenuità dottrinarie considerano come un trovato di tempi così
recenti?

Il Melzi chiudeva finalmente le sue corrispondenze, respingendo
alteramente qualunque sospetto intorno alla sua lealtà, ed offrendo,
come un primo ministro odierno, le sue dimissioni. “Comme il serait
aussi injuste qu'absurde d'accuser ma loyauté, ainsi il serait
au-dessous de moi de descendre à la justifier.... J'avais pu sacrifier
mon existence et mon repos au bonheur de ma patrie; mais je n'ai ni le
courage ni l'envie de sacrifier mon bonheur à de viles intrigues.„

Bonaparte, reso ai sentimenti nobili e giusti da questa fiera dignità
dell'amico suo, gli diede intera soddisfazione sopra ogni argomento.
Cacciò da Parigi il Sommariva e i complici suoi, scrisse a Murat,
biasimando la sua ostilità contro Melzi e dicendogli: “vivez bien avec
lui.„ Al Cicognara, al Magenta, al Teuliè restituì, dopo poco tempo,
libertà ed onori. Non accettò naturalmente le dimissioni offertegli,
dicendogli anzi: “il est impossible qu'avec la confiance que je vous
accorde, vous éprouviez aucune tracasserie.„ E, avendogli anche più
tardi, sotto un altro accesso di stanchezza e di gotta, ridomandate il
Melzi le sue dimissioni, Bonaparte gli rispondeva con una delle sue
frasi sovrane: “vous êtes engagé dans la lice; il faut désormais que
vous mouriez au milieu des hommes et des embarras du gouvernement des
nations.„

Di questa tempra alta e veramente liberale del Melzi si potrebbe
trovare la traccia in ognuna delle sue lettere, in ognuna delle sue
disposizioni di governo. Era un ingegno equilibrato e coerente, che
non aveva nessun pregiudizio di tempi e in parecchie cose preludeva a
progressi futuri.

Quando riordinò l'Università di Bologna, nominò alla cattedra di lingua
e letteratura greca una colta signora, Clotilde Tambroni. Costituì
vigorosamente il servizio pubblico dell'innesto del vajuolo, disciplina
ancora così discussa e così timidamente accettata, che Lorenzo
d'Orlando scriveva qualche anno prima al conte Giberto Borromeo: “Mi
rallegro con V. E. dell'esito felice d'una operazione tanto pericolosa
come è l'innesto del vajuolo.„

Sollecito di cultura pubblica, incoraggiava di sussidj e di commissioni
Ugo Foscolo, Francesco Soave, Andrea Appiani, Canova. Ordinò
l'Esposizione annuale periodica di Brera; stabilì dodici pensioni pei
giovani artisti che si recavano a Roma; destinava fondi dello Stato
a incoraggiare la grandiosa pubblicazione dei Classici Italiani;
sussidiava del proprio una splendida edizione dei celebri scritti
militari del bolognese Francesco Marchi.

Delle grandi necessità politiche poi aveva un sentimento alto e sicuro.
Patrocinava in ogni occasione l'ingrandimento territoriale della
Repubblica, la cui mostruosa conformazione, prima dell'annessione
del Veneto, diceva fonte di gravi danni e pericoli. Agli ordinamenti
militari poneva tutto il suo zelo, e fin dalla prima riunione del
Corpo Legislativo, aveva scritto nel suo Messaggio, con intonazione
affatto napoleonica: “Poichè le armate d'Europa riappresero il cammino
d'Italia, è pur forza sovvenirvi che a' suoi soldati apprese l'Italia
un giorno le vie del mondo.„


Dopo tre anni di un'amministrazione governata con tanta prudenza e
tanto affetto, ecco un nuovo turbine che scende dalle Alpi, l'Impero.

Un giorno, Francesco Melzi è invitato a recarsi senza indugio a Parigi
dal Primo Console Presidente. La novità della richiesta fa presagire
gravissimo abboccamento. Parte, lasciando il governo al Gran Giudice,
colla raccomandazione di consultare negli affari importanti il Moscati
e il Guicciardi. Giunge a Parigi a tarda notte, è subito condotto alla
presenza del Console, e rimangono quattro ore in segreto colloquio.
Quando ne usciva, la nuova rivoluzione politica era stabilita, la
Repubblica Italiana diventava il Regno d'Italia, Napoleone I cingeva
la sua corona e nominava Vicerè il suo figlio adottivo, il colonnello
Eugenio Beauharnais.

È la terza fase del periodo italiano che ora incomincia: fase che
ha usurpato, nella tradizione storica, tutta la gratitudine dovuta
all'intero periodo, soltanto per quella fatale preferenza che l'uomo
accorda sulle felicità oneste e tranquille alle glorie tragiche ed alle
romorose sventure.

Nulla si mutava in apparenza, tranne i nomi, gli spettacoli e le
uniformi; in realtà, delle due basi fondamentali su cui fino allora
il governo s'era fondato, la saviezza e l'energia, la prima cominciava
ad affondarsi, e la seconda, abbandonata dalla sua compagna, assumeva
sempre più uno solo degli aspetti sotto cui suole presentarsi, quello
della violenza.

Ad un uomo, invecchiato negli affari e nelle difficoltà politiche,
come Francesco Melzi, succedeva un giovane di 23 anni, inesperto degli
uomini, voglioso di piaceri e di gloria, che, soverchiato dalla immensa
grandezza del genitore, non si permetteva di discutere il menomo dei
cenni suoi.

Giacchè questa fu veramente la differenza caratteristica fra la
Repubblica e il Regno. Nella prima, agli ordini impensati, talvolta
impetuosi del Presidente era efficace correttivo la prudente fermezza
del Vice-presidente; nel secondo, le volontà imperiose e precipitose
del Re erano aggravate dalla leggerezza e dalla inesperienza del
Vicerè. L'equilibrio era rotto fra l'autorità lontana e la saviezza
vicina; questa spariva, quella cresceva; e gli eccessi napoleonici,
spintisi, per la rottura dei freni, alla ricerca dell'universale e
dell'impossibile, preparavano sordamente la riscossa dell'odio nelle
popolazioni balestrate da così mobile tirannia.

Napoleone, divenuto imperatore, scese due volte ancora dalle Alpi a
Milano; ma egli pure aveva subito la sua terza trasformazione. Non era
più il generale Bonaparte, vivace, entusiasta, colla patria sul labbro
e l'amore nel cuore; non era più il Primo Console, pensoso, gentile,
prudente nel parlare e savio nell'operare; era un uomo ingrassato di
corpo e irrigidito di animo, freddo, altiero, preoccupato di cerimonie
e di etichette, insofferente di ogni contraddizione, duro cogli uomini,
ineducato colle signore; il cui linguaggio era forza, la cui politica
era forza; un uomo che credeva legge morale il suo capriccio, e
giustizia la collera, e impertinenza la verità, e felicità del mondo la
sua soddisfatta ambizione.

L'antico giacobino era imbarazzato sotto il manto imperiale. Lo portava
talvolta con un fasto di cattivo gusto, talvolta se ne spogliava con
soldatesca ruvidezza. Metteva la dignità nell'essere brusco anzichè
nell'essere cortese. Sentenziava sopra ogni materia, e sovente, su
quelle di cui era digiuno, spropositava. Si fece incoronare con pompe
teatrali, con isfoggio di carrozze dorate, di cavalli bianchi, di
mantelli d'ermellino, di corone, di scettri, di globi d'oro. Obbligava
i parroci a vegliare di notte, nel rigido inverno, sulle porte delle
chiese, per incensarlo quand'egli passava in carrozza chiusa. Aveva
sulle braccia l'Europa, il blocco continentale, la prigionia del Papa,
e rimproverava la marchesa Busca, figlia del suo amico Serbelloni,
perchè si era presentata un giorno alla sua Corte collo stesso abito
che portava il dì prima.

Questo sovrano, tutto a sbalzi e ad effetti, sterminato di genio
e innamorato di forme, dava ad Eugenio consigli eccellenti in cose
di governo, ma poi, giunto a Parigi, li dimenticava affatto e gli
fulminava ordini e decreti in aperto contrasto coi consigli di prima.
Gli diceva a Milano: “supremo interesse per voi è di ben trattare
gl'Italiani:„ e da Parigi gli scriveva: “abbiate per divisa: la
Francia innanzi tutto[6].„ Dall'antica dicitura presidenziale: “Je
vous conseille, je crois nécessaire, je trouve convenable„ era passato
alla formola pura e semplice del padrone: “je veux, je vous ordonne.„
Prescriveva da Parigi la dislocazione dei corpi d'esercito e la
quantità di vino che doveva bere la vice-regina incinta. Negli ultimi
anni, il suo despotismo era divenuto veramente un delirio, ed ogni
traccia di genio spariva dietro il linguaggio brutale che usciva dal
suo pensiero malato. Sopprimeva, con un tratto di penna, una delle
istituzioni fondamentali dello Stato, il Corpo Legislativo; dava
ordine che si fucilasse Andrea Hofer, violando le promesse fattegli
all'epoca del suo arresto; in lotta col Papa, scriveva ad Eugenio
di fare _appiccare_ un librajo che ne pubblicava le encicliche,
di _mitragliare_ alla menoma apparenza di movimenti cittadini, di
_fucilare_ chi distribuisse coccarde papaline, fossero anche dei
cardinali. Le istruzioni che mandava al principe Eugenio, per mezzo
del maresciallo Duroc, respiravano una cinica frenesia di potere. “Si
vous demandez a S. M. ses ordres ou son avis pour changer le plafond de
vôtre chambre, vous devez les attendre; et si, Milan étant en feu, vous
les lui demandez pour l'éteindre, il faudrait laisser brûler Milan et
attendre les ordres...[7]„

Ci volevano questi ebbri furori per paralizzare i beneficj sorti dagli
ordini precedenti e gli splendori che erompevano a scatti dal genio
disordinato. Dal 1802 al 1814, la vita di Milano era stata grandiosa.
Sentiva per la prima volta, da Lodovico il Moro in poi, gli effetti
di una vera preminenza politica e civile. Era la capitale di un grande
Stato, che negli ultimi anni comprendeva ventiquattro dipartimenti ed
una popolazione aggirantesi intorno a sette milioni. Dopo tanti anni di
vita umile, isolata, ora compressa, ora fanatica, ma sempre secondaria,
il popolo milanese respirava in un ambiente largo, importante; vedeva
i grandi personaggi passeggiare per le sue vie; si sentiva legato,
per autorevoli solidarietà, coi grandi affari d'Europa. Lo spirito
pubblico, vivo e intelligente, si metteva a livello de' nuovi destini.
Elaborava uomini politici e generali d'esercito, che tenevano con
onore il loro posto in quella meravigliosa generazione europea.
La conversazione sociale e i discorsi popolari trovavano pascolo
educativo in fatti nuovi e memorabili, che li svezzavano dall'antico
pettegolezzo. Ora si vedeva aprire la via del Sempione, ora sorgevano
le fondamenta dell'Arco di Piazza d'Armi, ora si metteva mano alla
facciata del Duomo, ora si scavavano navigli e canali, a favore di
Milano, di Pavia, di Mantova, di Brescia. Oggi era l'incoronazione di
Napoleone, domani il matrimonio del Vicerè. Un giorno si discorreva
dell'annessione al Regno delle provincie venete o marchigiane, un altro
giorno del famoso decreto di Milano intorno al blocco continentale; poi
le glorie dei nostri militari infiammavano d'entusiasmo; si udiva con
dolore ed orgoglio che al Teuliè morto a Colberg l'esercito francese
innalzava un monumento; s'era altieri che Napoleone avesse detto
ad Aldini: “gl'Italiani ridiventeranno i primi soldati d'Europa.„
Splendidissime feste celebravano il ritorno dalle campagne germaniche
dell'eroica divisione di Pino. E dal fondo della Spagna giungevano
altre notizie del valore italiano, tenuto alto dal Palombini, dal
Severoli, dal sergente Bianchini. Il principe Eugenio, non felice negli
affari, presiedeva meglio alle feste e sosteneva bravamente le guerre.
La sua Corte era il regno dell'eleganza e dello splendore; vi teneva
uno scettro indisputato quella donna squisita di bellezza e di bontà
che era la Vice-regina Amalia di Baviera; e intorno ad essa brillavano
di splendori proprj alcune gentildonne universalmente ammirate; la
marchesa Litta, la contessa Parravicini, la contessa Arese; apparve più
tardi in quelle sale, e vi portò un profumo di fiera amabilità quella
gentile Teresa Casati-Confalonieri, predestinata ad essere di un cupo
e pietoso dramma la vittima e l'eroina.

In tutto questo periodo di romori e di magnificenze, Francesco Melzi
tiene silenziosamente ma efficacemente il posto suo. L'austero vecchio
vede esplicarsi e allargarsi le conseguenze dell'onesta attività da
lui impressa alle cose pubbliche, e se ne compiace; vede i pericoli
che preparano allo Stato le passioni sfrenate o frivole de' suoi
condottieri, e si rammarica di non poterli evitare; vede le popolazioni
cementarsi, malgrado ciò, in una forte ed omogenea comunanza di vita
politica, e ne trae lusinghiere speranze per un avvenire ch'egli non è
destinato a vedere.

L'imperatore Napoleone non gli scema, anzi gli accresce dimostrazioni
d'amicizia e di stima. Gli aveva proposto in moglie la sorella
Paolina, vedova del generale Leclerc; onore che Melzi declinò con
grande riconoscenza e con maggiore prudenza. Quando la Repubblica fu
tramutata in Regno, Napoleone lo nominò Gran Cancelliere Guardasigilli,
coll'onorario di trentasei mila franchi; poi gli accordò, unico fra
tutti gli Italiani, uno dei grandi feudi della Corona, col titolo di
duca di Lodi e un appannaggio di duecento mila lire. Quando venne a
Milano nel 1807, andò con grande ostentazione a visitare il Melzi nel
palazzo Serbelloni, e non permise che l'illustre gottoso si alzasse
dalla sua seggiola per riceverlo.

Le lettere poi che Napoleone scriveva da ogni angolo dell'Europa
all'antico amico suo respirano sempre la più grande benevolenza e la
più solida stima. “Je vois avec peine que vôtre santé n'est pas aussi
bonne que vôtre tête.„ “Depuis que vous gérez les affaires de l'État
son administration s'est considérablement ameliorée.„ Al principio del
1812, sul punto d'intraprendere la campagna di Russia, Napoleone sente
il bisogno di avere intorno alla lontana Italia informazioni sicure, ed
ordina a Melzi di fargli _ogni giorno_ un rapporto sulla situazione del
Regno. Nell'archivio della famiglia si conserva il protocollo di queste
relazioni giornaliere, che, senza offendere l'autorità diretta del
Vice-re, servivano forse, nel concetto dell'imperatore, a controllarne
l'inesperta politica.

Fu detto che Francesco Melzi fosse stato assai offeso di vedersi, negli
onori supremi del nuovo Regno, posposto ad un giovinetto senza titoli
come Eugenio Beauharnais, e che il suo contegno riservato negli ultimi
anni movesse da questa causa.

Tutti i precedenti dell'uomo, i suoi carteggi col principe Eugenio
e la sua condotta all'epoca della finale catastrofe dimostrano come
questa supposizione non regga. Può darsi che Melzi sentisse abbastanza
alteramente di sè da credersi meglio indicato e meglio atto del
principe Beauharnais a dirigere, sotto e contro Napoleone, gli affari
italiani. In ogni caso, era una opinione che sarebbe stato solo a non
avere fra gli uomini intelligenti al di qua delle Alpi. Ma nessuna
attitudine sua autorizza il sospetto che questa opinione lo avesse, nè
prima nè poi, reso più indifferente alle cose del Regno o meno zelante
a rimuovere, d'innanzi al principe Eugenio, le difficoltà del Governo.

La severità del carattere si univa in lui all'artritide per
allontanarlo da quelle pompe e da quelle pubblicità, onde troppo si
compiaceva la giovanile spensieratezza del figlio di Giuseppina. Ma dei
doveri della sua carica non fu dimentico mai e, quando vennero i tempi
grossi, non risparmiò ad Eugenio consigli insieme affettuosi e severi,
che, seguiti, avrebbero forse dato alle cose del Regno un avviamento
migliore e prevenuta la tragedia del 20 aprile 1814.

Intorno a questa, ed alle cause, dirette o indirette, che la
produssero, c'intratterremo con qualche larghezza nel successivo
capitolo.


Francesco Melzi sopravvisse pochi mesi a quella funesta rivoluzione.

Ridottosi a vita privata, alternava i soggiorni fra il palazzo di
Milano e l'artistica villa che s'era fabbricata a Bellagio; riceveva
pochi e sicuri amici; discorreva con essi di questioni politiche e
di riforme educative[8]; si spense, religiosamente tranquillo, il
16 gennajo 1816. Uomo di carattere antico e di cultura moderna, che
discende politicamente in retta linea dai grandi personaggi milanesi
dei secoli antecedenti, dal Simonetta, dal Morene, da Bartolomeo
Arese; austero come il primo, intelligente come il secondo; come il
terzo, bramoso di conciliazioni fra le asprezze del tempo. Liberale di
dottrina, perchè vissuto in mezzo ad abusi nobiliari ed a corruttele
plebee, tenne sempre alti, innanzi a sè, interessi di paese, non di
fazione; e per quelli non esitò ad affrontare nei pubblici uffizj Maria
Teresa come i Giacobini, come il Primo Console, come l'Imperatore.
Governò tempi di rivoluzione con guarentigie di conservazione; e dopo
di lui bisogna giungere fino al conte di Cavour per trovare un altro
italiano che abbia retto, con eguale autorità, compagine eguale di
popoli appena riuniti. Ebbe a programma di rinnovazione la politica
nazionale più unitaria che i tempi avessero consentito; come programma
di conservazione, adottò un sistema di governo che non usciva dai
limiti e non si perdeva per via; religione senza fanatismo, libertà
senza frasi, disciplina senza pedanteria, ordine senza violenza, un
gran sentimento di dignità dello Stato, una resistenza tranquilla ma
severa alle tirannie che discendono e a quelle che salgono.

Nel complesso, può dirsi in Italia il creatore del partito liberale
moderato negli ordini di governo; poichè, prima di lui, s'era governato
o con riforme di principi assoluti o con assolutismi di apostoli
democratici; e, se oggi vivesse, avrebbe poco a mutare degli scritti
suoi, poco a modificare de' suoi metodi e de' suoi principj nelle
questioni di Stato.

Quando morì, l'imperatore Francesco, pauroso della sua scomparsa come
della sua presenza, vietò che i giornali ne annunciassero la morte. Era
logico il sovrano straniero, desiderando di cancellare dall'affetto dei
contemporanei e dalla memoria dei posteri il cittadino che aveva tratto
governo riparatore da rivolgimento d'indipendenza. Ma non sarebbero
logici i concittadini suoi, se a sentimenti affatto contrarj non
dessero affermazione più decisa e più risoluta.

Milano ha tuttora un debito verso Francesco Melzi d'Eril, duca di Lodi.
E noi ci uniamo al desiderio già espresso da un valente illustratore di
storia patria[9], augurandoci che la nuova magistratura cittadina metta
fra i cómpiti suoi quello di trarre dalla prossima riforma edilizia
della città l'occasione di onorare in faccia ai posteri con durevole
forma la memoria dell'unico milanese che nel corso dei secoli abbia
governato sette milioni d'Italiani con metodi di libertà.



GIUSEPPE PRINA E LA FINE DELL'EPOCA NAPOLEONICA.


Si seguono ordinariamente due metodi nello studiare la storia. L'uno
(ed era il metodo caro sopratutto agli antichi) considera l'uomo come
fattore esclusivo dei fenomeni storici, come l'arbitro dei fatti
e dei casi. Con questo metodo, la storia diventa in certo modo un
dramma od una epopea. Lo svolgimento dei destini storici dipende dalla
passione d'un uomo, da un affetto di donna, da un'eccentricità. Si può
sostenere, per esempio, con questo metodo, che la Repubblica Romana è
perita perchè Cesare aveva dei debiti da pagare; che l'Austria esiste
perchè il pugnale di un fanatico, Ravaillac, ha spento trecent'anni
fa il più formidabile dei suoi avversarj; che la riforma religiosa è
divenuta potente in Europa perchè un Re libertino ha veduto due begli
occhi in volto ad Anna Bolena. È un'esagerazione, che spegnerebbe ogni
fede nelle ragioni del progresso e della civiltà.

Poi è venuto Bacone, è venuto G. B. Vico, è venuto Herder. La storia
ha cessato d'essere un caso ed è diventata una legge; dalle peripezie
del dramma è passata all'angolosa rigidezza della filosofia. Quello
che accade, è accaduto perchè doveva accadere; lo svolgimento storico
segue teorie prestabilite, malgrado e contro ogni risoluzione umana;
non è più il libero arbitrio che regge la storia, è la fatalità. Siamo
qui in un'altra esagerazione; e bisogna reagire, in nome del vero,
contro le inflessibilità sistematiche, così dell'uno come dell'altro
metodo. Cinquant'anni di storia non rappresentano che un atomo nello
svolgimento dell'umanità; ma rappresentano la fortuna o la sventura di
due intere generazioni, ed è possibilissimo che il genio o il vizio
d'un uomo diano a questi cinquant'anni un avviamento buono o fatale.
La storia non è nè tutta dramma, nè tutta legge; nè tutto metodo, nè
tutta fatalità; non devia, per capriccio d'uomini anche potenti, dalla
successione logica de' suoi sviluppi; ma non è neanche così rigida ne'
suoi contorni da non lasciare gran posto alle virtù o agli errori, alla
previdenza od alla spensieratezza degli uomini. Se fosse altrimenti,
non varrebbe neanche la pena di studiarla; bisognerebbe incrociare le
braccia e invocare il destino, a scusa delle nostre viltà.

Studiare la storia vuol dunque dire: esaminare quanta parte di
responsabilità abbiano i casi e quanta gli uomini nello svolgimento
o troppo tardo o troppo rapido delle grandi leggi morali; formarsi
un giusto criterio delle situazioni storiche comparabili o affini; e
cercare alla filosofia e alle scienze sociali il mezzo di coordinare
il moto degli uomini a quello degli eventi, il segreto di quelle
prudenze e di quelle tolleranze, per cui a questo duplice moto,
irresistibilmente fatale, possano essere risparmiati gli urti, cagioni
quasi sempre di dolori, talvolta di catastrofi.

Riflessioni di questa natura si presentano spontanee alla mente, quando
si volge lo studio all'epoca fortunosa che si chiuse colla rivoluzione
del 20 aprile 1814. Giacchè in poche catastrofi storiche si possono
vedere e sceverare più chiaramente le forze per così dire eruttive
degli avvenimenti; pochi esempj valgono più di questo a mostrare
come la passione degli uomini abbia turbato, credendo di aiutarla,
l'elaborazione degli effetti.


Eccederebbe troppo le proporzioni ordinarie di questi nostri saggi
storici il riassumere, anche nella forma più breve, il processo
evolutivo del primo Regno d'Italia. Creazione capricciosa e
artificiale, come tutte quelle che uscivano quasi settimanalmente
dal genio sfrenato e politicamente infecondo del primo Napoleone; un
complesso di casi e di uomini, costretti ad assumere forma plastica
e quasi compatta sotto l'influsso di quella potente volontà, aveva
dato però a questo organismo politico una fisonomia così forte e così
spiccata, da lasciare grandi speranze di una solidità maggiore e più
duratura.

Aveva cominciato con quattro milioni d'abitanti e quattordici
dipartimenti lombardi ed emiliani; vi si erano aggiunti man mano otto
dipartimenti veneti, tre dipartimenti marchigiani, un dipartimento
tirolese; aveva ormai raggiunto i sette milioni d'abitanti; era
lo Stato più forte d'Italia, dopo il regno di Napoli. Possedeva
un'amministrazione oculata e sopratutto energica; s'era fatto, dai
ruderi delle legislazioni anteriori, un codice di leggi chiare,
efficaci, assai previdenti; contava una plejade d'uomini distinti in
ogni ramo di scienza, di arti, di pubblica e pratica attività; aveva un
esercito nazionale di 80 mila uomini, condotto da brillanti generali,
al cui valore e alla cui disciplina Napoleone, giudice non indulgente
di questioni italiane, aveva reso più volte sincero omaggio[10]; vedeva
sorgere od ampliarsi, per avvedute iniziative di governo, istituzioni
pubbliche di alto e progressivo indirizzo, il Monte Napoleone, le
Università di Pavia e di Bologna, le Accademie di Belle Arti, il
Conservatorio di musica, il Collegio reale delle fanciulle. I lavori
pubblici, così edilizj, come stradali ed idraulici, ebbero allora un
impulso, per lo innanzi non ricordato mai; dalla strada del Sempione
ai canali navigabili del Mincio e del Po, dalla facciata del Duomo
all'arsenale di Venezia, dal parco di Monza alla villa di Stra, tutto
il Regno era invaso da una febbre di costruzioni, condotte con larghi
criterj e con isplendida munificenza. La politica finanziaria del
governo era fiscale, ma non taccagna. Si faceva pagare, ma si spendeva.

A questo bagliore di prosperità materiale faceva duro contrasto la
mancanza di libertà politica. L'arbitrio governativo era enorme; la
polizia onnipotente; la noncuranza di ogni garanzia legale di ordine
politico trasudava, per così dire, da tutti i pori dell'Amministrazione
suprema. Un dì era Melchiorre Gioja che si sfrattava dallo Stato per
avere scritto un opuscolo timidamente disapprovatore dei ministri in
carica; un'altra volta era un giornalista, il Lattanzi, che si chiudeva
— orribile a dirsi — in uno spedale di pazzi, per aver osato rivelare
un segreto di governo che sarebbe stato pubblico otto giorni dopo[11];
una sentenza politica d'inaudita implacabilità colpiva il comune di
Crespino e lo poneva per un anno fuori della legge, a discrezione di
un brigadiere di gendarmeria, per aver accolto con applausi, durante la
guerra, un drappello di nemici giunto ad impadronirsene.

Che più? il Corpo legislativo, stabilito dal terzo Statuto
costituzionale del Regno, avendo voluto _discutere_ un progetto
di legge sul Registro, mandato da Parigi, e _domandare_ qualche
modificazione alla tariffa, l'imperatore Napoleone prescrisse al
Vicerè che riproponesse tal quale il progetto al Corpo legislativo e lo
facesse votare senza ulteriore disamina. E malgrado che dalla servilità
di quell'assemblea avesse ottenuto quanto voleva, allorchè gli fu
presentato il successivo bilancio, in cui era naturalmente impostata la
cifra delle spese pel Corpo legislativo, si risparmiò anche la fatica
di un decreto di soppressione; si limitò a cancellare, con un tratto
di penna, la cifra assegnata a quel capitolo, e del Corpo Legislativo
in Italia non si parlò più. Vi sostituì, due anni dopo, un corpo più
ossequioso, di funzioni consulenti e d'indole non elettiva, il Senato.

Di questo miscuglio di beni e di mali aveva la responsabilità ufficiale
un giovane di animo generoso e di molta inesperienza politica, Eugenio
Beauharnais.

Assunto a Vicerè d'Italia in un'epoca, in cui pareva che la incredibile
grandezza della fortuna napoleonica dovesse vincere ogni legge di
tempo, il principe Eugenio s'inchinò coll'affetto d'un figlio e colla
devozione d'un discepolo a quella grandezza, e pose ogni zelo nel
secondarne gl'intenti, le volontà, il delirio. Persuaso che in quella
intelligente tirannia stesse il segreto del governo delle nazioni,
ubbidì come Napoleone voleva essere ubbidito, disapprovando talvolta
in cuor suo la violenza di quei comandi, cercando spesso addolcirne
la pratica esecuzione, assumendone sempre, con molto disinteresse, la
diretta responsabilità. Esposto alle facili seduzioni della vita in
quegli anni in cui l'austerità non invoglia, ebbe un primo periodo in
cui teneva volentieri per sè le soddisfazioni del governo, ne lasciava
i pesi e gli affari al suo segretario Méjean. Offese colle prime
molte suscettività, come il segretario offendeva dal canto suo molti
interessi. Verso gli ultimi anni del regno, divenuto più serio e più
pensoso, reagì nobilmente contro quelle prime spensieratezze giovanili,
gettandosi nelle cose militari, dove mostrò talenti distinti e raccolse
plauso ed onori. Ma neanche lì risparmiò raccolta di avversarj, scoppio
di rancori, addensati da rivalità di campo o da misure di disciplina.
Nel complesso, non era odiato, ma era impopolare; impersonava
diffidenze, pericoli, antipatie che avevano cagioni varie, non tutte
e non le più gravi imputabili a lui; nè bastava a rompere questa
corrente la dolce influenza della Vice-regina, Amalia di Baviera, a
cui le tradizioni dell'epoca attribuiscono concordi lo scettro della
gentilezza e della virtù.

Fra queste gare e queste influenze si veniva peggiorando lo spirito
pubblico, a cui era venuta meno la saggia impulsione di Francesco
Melzi. Infatti, il Gran Cancelliere, ridotto dal nuovo regime a
funzioni di parata piuttosto che a direzione d'affari, perdeva sempre
più l'occasione di esercitare sui suoi concittadini quell'influenza
salutare che per tanto tempo la sua esperienza e il suo carattere gli
avevano mantenuto. Il personale francese del gabinetto di Eugenio era
geloso di lui. Più ancora del conte Méjean lo astiava un favorito del
principe, Antonio Darnay, nominato, in uggia alla pubblica stima,
Direttore generale delle Poste, e che non si peritava di abusare
dell'ufficio suo per disuggellare le lettere e sorprendere i segreti
dei cittadini.

Melzi, troppo altiero per scendere ad avversarj così minori di lui,
si limitava ad offrire al Vicerè i suoi consigli, sempre assennati,
ma non sempre accolti con quella serietà di propositi con cui erano
dati. Egli vedeva le condizioni del Regno farsi sempre più gravi e
ne avvertiva il pericolo. Fin dal 1811, più di 250 aggressioni a mano
armata sulle pubbliche vie, più di cento invasioni nelle case private,
con assassinj e ferimenti, dimostravano a che debole filo tenesse la
pubblica sicurezza, il sintomo ordinario da cui si può giudicare il
pregio di un governo.

Quando comincia la campagna di Russia, e il principe Eugenio deve
partire per l'esercito, conducendo seco il fedele Méjean, le cure
dello Stato ricadono forzatamente sulle spalle del Duca di Lodi, la
cui corrispondenza col Vicerè e coll'Imperatore diventa più minuta
e più frequente. E, quando giungono le prime notizie dell'immane
disastro, che piomba nel lutto tante migliaja di famiglie italiane,
Melzi non esita ad informare Eugenio della molta concitazione di animi
che si manifesta a Milano e dell'avversione che comincia a destare una
politica così spensieratamente ed ostinatamente guerriera.

In cosiffatte circostanze, le preoccupazioni del Vicerè si rivolgevano
alla Corona di Ferro, e scriveva a Melzi (il 7 novembre 1813) che “se
si dovrà evacuare il territorio e ritirarsi a Torino, incarichi Pino
di recarsi a Monza e trasportare in salvo la Corona ferrea.„ Poi, da
Verona (il 27 novembre) risponde agli avvisi di Melzi una lettera piena
di amarezza, quantunque non priva di alti sentimenti. “Sono abbastanza
sicuro del mio carattere per garantire che quelli che non avranno
ferito che me non avranno motivo d'accorgersi che io mi sovvenga dei
loro torti.... Io meritavo meglio di quello che ho ricevuto.... mi
rimarrà, ne son certo, la stima degli uomini che, come voi, hanno
potuto e voluto valutare le mie intenzioni e giudicare le mie azioni.
L'opinione di questi mi basta[12].„

Ma il vecchio uomo di Stato non s'illudeva più da assai tempo intorno
alla crisi del sistema napoleonico. E invano l'imperatore gli scriveva
da Parigi il 18 novembre (1813): “J'ai ici 800,000 hommes en mouvement
et, quelque chose qui arrive, les Autrichiens ne resteront point
maîtres de l'Italie[13].„ Melzi accettava con rispettoso silenzio
queste ultime confidenze del genio morente, ma non si lasciava
avvolgere in quelle deliranti speranze.

Sicchè il 1.º febbrajo 1814, il principe Eugenio, che fronteggiava
sull'Adige le schiere nemiche, riceveva dal Gran Cancelliere una
lettera grave, che conteneva gravi consigli. Lo scongiurava a differire
il richiamo dei figli unici nella nuova coscrizione militare “pour
calmer la douleur des nombreuses familles qui y sont interessés.„
Gli pareva che importasse “dans l'heure qu'il est„ di allontanare
“tout sujet de desagrément autant qu'il est possible, et de ne
pas laisser _à l'ennemi_ l'occasion de se concilier l'affection du
peuple, en exécutant lui _quelques jours après_ ce que nous aurions
pu executer _quelques jours avant_[14].„ Soggiungeva il Melzi:
“l'expérience des mois passés nous a prouvé que sur _dix_ hommes
qu'on appelle, il y en a _six_ ou _huit_ qui deviennent réfractaires
et grossissent la masse des assassins„; tanta era già divenuta la
ripugnanza del popolo al servigio militare e tanta già l'impotenza
amministrativa a renderlo obbligatorio! Nè alle sole questioni militari
si limitavano i suoi consigli, ma sentendo già profondo anche il
malcontento finanziario, gli suggeriva di condonare parecchie quote
non soddisfatte di un prestito forzato che alcuni mesi prima, dal
suo quartier generale di Caldiero, il Vicerè aveva decretato, e che
il Melzi affermava “malissimo basato fin dal principio.„ Fu inutile.
Stimolato dalle pressioni dell'Imperatore, Eugenio metteva la sua
forza nell'obbedirgli, nel racimolare ad ogni costo, per le ultime sue
disperate campagne, armi, denari, soldati.


Gli è in queste circostanze che avviene e si annuncia lo scroscio del
sistema napoleonico. Desiderato da molti, previsto da pochi, questo
scroscio è cagione per tutti di una incertezza che s'avvicina allo
sgomento. S'era così avvezzi a girare intorno a quel sole! Il suo
sparire dovette fare su quelle generazioni l'effetto che cagiona una
caduta nel vuoto. Eppure l'Europa s'avanzava tutta in armi, accintasi a
debellare un uomo; e le nazioni allibite non sapevano a chi confidarsi,
tra quella fiumana di principi che, traendosi dietro un milione di
soldati, parlavano un linguaggio novo di pace, di nazionalità, e quel
colosso che si sprofondava in silenzio, guizzando lampi di gloria, tra
le bufere scatenate dall'irrequieto suo genio.

Fu verso la metà d'aprile che giunsero a Milano e in Lombardia le
prime notizie dei risultati finali della campagna del 1814 e della
capitolazione di Parigi. E sotto l'impulso di quella gran commozione
cominciò subito a svolgersi un dramma politico, che doveva finire, dopo
tre giorni, in una così turpe tragedia.

Milano era rimasta, per la condizione delle cose, quasi priva
di quelle forze complessive di governo che, nei momenti supremi,
sono la guarentigia dell'ordine pubblico. I ministri erano uomini
fiacchi, avvezzi alla continua e costante direzione che veniva da
Parigi, incapaci di assumere responsabilità e iniziative pari alle
nuove difficoltà. Le forze militari v'erano scarsissime e delle meno
efficaci. Tutto l'esercito valido e validamente organizzato era stato
naturalmente chiamato al campo sotto gli ordini del Vicerè. Al campo
era il ministro della guerra, generale Fontanelli; e in Milano,
oltre qualche drappello di dragoni e di veliti, erano rimasti i
convalescenti, i picchetti di guardia e una quarantina di granatieri;
più numerosa di tutti la Guardia Civica, forza equivoca ed oscillante
nei giorni d'interno commovimento.

Il Vicerè poi, costretto dalle mosse combinate degli Austriaci e di
Murat, s'era ritirato lentamente dall'Isonzo all'Adige, dall'Adige
al Mincio, e, ridottosi in Mantova, aveva, al primo annuncio della
catastrofe di Parigi, conchiuso col maresciallo Bellegarde l'armistizio
di Schiarino-Rizzino, che fu sottoscritto il 16 d'aprile. Di questa
Convenzione militare Eugenio aveva comunicato le basi fondamentali
al Gran Cancelliere fin dal dì prima. Gli aveva scritto che ciascun
esercito avrebbe mantenute le proprie posizioni, e che due deputati
avrebbero dovuto portare ai Sovrani Alleati l'espressione dei desiderj
di indipendenza e di buon governo. Gli suggeriva d'incaricare Prina,
Fontanelli o Testi di siffatta missione, e raccomandava ad ogni modo
che si scegliessero fra rappresentanti appartenenti alle due sponde del
Po. Si offriva, se i due deputati fossero passati per Mantova, di dar
loro commendatizie per l'imperatore Francesco.

Ma già fin dall'11 aprile i dispacci di Melzi rivelavano maggiori
preoccupazioni e proponevano risoluzioni più radicali. Egli affermava
necessario di convocare i Collegi Elettorali, far loro proclamare
l'indipendenza del Regno, che, ratificata poi dal Senato, sarebbe
divenuta una base forte e legale di riassetto politico anche in faccia
alle potenze coalizzate[15].

Questa iniziativa, afferrata allora con vigore pari alla previdenza,
avrebbe probabilmente evitata la crisi milanese e reso possibile il
regno indipendente d'Eugenio. Differita, fu, — come sempre avviene
— impugnata come arma efficace dagli avversarj, e al 20 aprile la
petizione pubblica per la riunione dei Collegi Elettorali divenne
il pretesto della rivoluzione. Il principe Eugenio portava forse
all'eccesso un sentimento generoso, quello della lealtà. Perciò non
seppe mai prestarsi alle sollecitudini, atte, nel pensiero di Melzi,
a rendergli negli ultimi giorni quella popolarità che la sua costante
obbedienza all'Imperatore gli aveva fatto perdere, e che era pure
così necessaria in quell'ora per le nuove combinazioni politiche. Ed
era nel medesimo intento che Melzi aveva invano insistito perchè la
Vice-regina, prossima al parto, rimanesse a Milano, invece di recarsi
a Mantova. La sua presenza nella città, dov'era a tutti simpatica,
era certamente una forza di governo, che il Gran Cancelliere, così
privo di altre, considerava assai efficace. La nascita eventuale d'un
principino, che sarebbe stato milanese fin dal primo giorno, avrebbe
potuto disegnare il grato principio d'una soluzione avvenire; e ad ogni
modo pareva al Melzi che, rimanendo la principessa Amalia in Milano,
un gran freno ne avrebbero sentiti i propositi di violenza che già
cominciavano a buccinarsi.

Ma a questi prudenti ed austeri consigli nessuno badava più.
L'Imperatore avrebbe voluto che la Vice-regina andasse a Parigi per
isgravarsi; il maresciallo Bellegarde le suggeriva Monza; Eugenio
naturalmente la desiderava presso di sè, ed ella partì da Milano alla
fine di marzo. Melzi non potè che esprimere schiettamente al Vicerè la
dolorosa impressione che quella partenza aveva lasciato nella società
milanese.

Nondimeno il duca di Lodi, vero uomo di Stato se mai ne fu, non
rinunciava, per le debolezze o per le esitazioni di Eugenio, a quella
che gli pareva la soluzione politica più favorevole agli interessi
della sua patria. Teneva fiso lo sguardo alla monarchia nazionale
sotto la famiglia Beauharnais, come all'unico modo di salvare un po'
d'indipendenza e di libertà, frammezzo alla tempesta di cui tutti gli
Stati d'Europa erano più o meno minacciati. Voleva quindi che, subito
dopo firmato l'armistizio, Eugenio venisse a Milano. Sentiva crescere
l'onda intorno a sè, e gli pareva d'essere solo a vederla, impotente,
solo, a respingerla. “J'ai dû me convaincre (gli rispondeva il 17)
que ces têtes sont dans une confusion inconcevable et tout-à-fait
incapables de se mettre au niveau des circonstances; ceux-même qui
ont voulu aider ont contribué plutôt à gâter les affaires[16].„ Nè
gli risparmiava, con franca parola, gli ultimi ammonimenti. “V. A.
va devenir Italien, et Elle doit _l'être uniquement_, c'est la seule
manière de réussir ici. En bon et fidèle serviteur je ne lui cache pas
qu'en gardant _ces Français_ autour d'Elle, Elle partagerait, sans la
mériter, _la haine_ qu'on leur porte[17].„

Ma Cassandra era, come al solito, inascoltata, e l'ora della violenza
giungeva. Abbandonato, o quasi, dal Vicerè, poco sorretto da ministri
impreparati agli eventi, insidiato da rivalità occulte e da una
polizia già scossa e pusillanime, il duca di Lodi si trovò soverchiato
dall'audacia dei partiti politici, che dalla situazione della capitale,
in momenti di un così grande sfascio d'autorità, traevano naturalmente
un'influenza maggiore e più appassionata.

Per audacia e risolutezza d'intenti prevaleva il partito austriaco
puro, di cui erano a un tempo gli stromenti e gl'inspiratori principali
il conte Ghislieri, bolognese, e un conte Gambarana, pavese. Questi
non avevano scrupoli; erano in corrispondenza diretta col principe di
Metternich e col quartier generale austriaco; cospiratori innamorati
di assolutismo, accettavano per ora la parte di delatori e di
organizzatori d'una rivolta, la cui fine sanguinosa è lecito credere
non fosse lontana dalle loro supposizioni.

Nel paese appartenevano a questo partito pochi signori tenaci di
vecchio e nuovo legittimismo; di cui i più capaci e più noti erano il
conte Alfonso Castiglioni e il conte Giacomo Mellerio.

Un'altra e più numerosa frazione dell'aristocrazia milanese si lasciava
pure adescare da simpatie austriache, ma non scendeva a propositi di
tumulti e di violenza. Erano uomini quieti, d'ordine, di affari, il
vero partito conservatore religioso del tempo; aveva sopratutto nel
Senato i suoi principali rappresentanti, il conte Diego Guicciardi e il
conte Carlo Verri.

Contro questi stavano i così detti _Italici_, nobili e borghesi che
s'erano, per varie cagioni, non tutte politiche, inaspriti col Vicerè,
e che speravano trovare, nello sconvolgimento europeo, una forma di
governo che rispettasse l'indipendenza del regno d'Italia, mutandone
il capo. Non erano però d'accordo sulla sostituzione, com'erano
d'accordo sulla negazione. Alcuni avrebbero volontieri veduto succedere
all'odiato Beauharnais un altro personaggio franco-italiano, Gioachino
Murat; altri fantasticava un re nazionale nel generale Domenico Pino,
a cui la vanità naturale e l'esempio dei marescialli francesi non
lasciava forse parere affatto assurda la speranza di una corona. Le
frazioni politiche del partito accarezzavano soluzioni diverse; l'una
accettava un principe austriaco, con separata costituzione pel Regno;
l'altra aveva posto gli occhi sopra un principe inglese, il duca di
Chiarenza, il secondo dei dodici figli di Giorgio III, e sperava con
ciò di attirarsi la protezione e le simpatie di lord Castelreagh,
l'onnipotente diplomatico della coalizione europea. Nè mancavano, come
vedremo più tardi, altri progetti più serj, ma piuttosto individuali
che di partito.

I personaggi più attivi fra questi gruppi erano senza dubbio il conte
Federico Confalonieri e l'avv. Traversi; ma l'uno, aristocratico
altiero e liberale, carattere rigido e forte, uomo d'istinti piuttosto
che di combinazioni, camminava per la sua via, mosso da una vivace
ambizione personale che non si disgiungeva da un alto sentimento
di patria, accettando alleanze piuttosto che ricercandole; l'altro,
vecchio ed astuto mestatore d'affari, volgare d'animo come d'ingegno,
stretto in solidarietà di intrighi politici con una moglie avida di
ricchezze e di onori, commensale e nel tempo stesso insidiatore del
ministro Prina, non aveva ripugnanze nè di mezzi, nè di scopi, nè di
alleati; e pare che su lui principalmente ricada la responsabilità
di cupi accordi col conte Gambarana, mediante i quali, Austriaci ed
Italici lasciarono poi tacita libertà di tumulto all'orda sanguinaria
del 20 aprile.

Un quarto o quinto partito caldeggiava invece la nomina del principe
Beauharnais, sottraendolo come sovrano indipendente ad ogni vincolo
verso la Francia o verso la famiglia del vinto Imperatore. Era il
partito di gran lunga men numeroso e pochissime aderenze noverava tra
i nobili milanesi. Aveva l'esercito per sè, ma l'esercito era lontano,
e subiva, quantunque valoroso, l'umiliazione della sconfitta. Aveva
per sè i ministri, ma erano uomini impopolari, e perchè di un passato
troppo ligio all'Imperatore e sopra tutto, bisogna dirlo, perchè
estranei a Milano, essendo modenesi il Luosi, il Vaccari, il Veneri,
bolognesi l'Aldini e il Marescalchi, novarese il Prina. L'autorità
maggiore a questo partito veniva dal Cancelliere Guardasigilli, il
duca Melzi d'Eril, uomo che naturalmente a tutti sovrastava per la
grandezza della situazione personale, per la integrità del carattere,
per la lunga e profonda esperienza delle cose di Stato. Sgraziatamente,
l'abbiamo già detto, l'influenza del duca di Lodi sopra i suoi
concittadini era sminuita; lo vedevano poco e lo avevano facilmente
dimenticato; ai giovani pareva troppo vecchio, ed ignoravano che nelle
questioni politiche l'età giovanile è piuttosto feconda di impeti che
di energie.

Infatti fu da questo vecchio acciaccoso e solitario che partì la prima
iniziativa virile, in tanta disgregazione di propositi; una iniziativa,
che, se fosse stata secondata dalla fiducia pubblica come era stata
concepita dal privato intelletto, avrebbe probabilmente dato alle
sorti del regno italico quella forma d'indipendenza che invano si
fantasticava per altre vie.


La sera del 16 aprile, un avviso di convocazione chiama il Senato
ad una seduta straordinaria pel giorno dopo. Si buccina per la
città che trattasi di un messaggio del duca di Lodi per invitare il
principe Eugenio ad assumere il titolo di Re d'Italia. La notizia
commove gli animi e dà la stura all'agitazione dei partiti. Gli
ostili si rinfocolano nelle ire, contestano la competenza del Senato,
deplorano, colla consueta ipocrisia dei partigiani, la _sorpresa_
di siffatta convocazione. Quasichè la sorpresa maggiore non venisse
dalla capitolazione di Parigi e quasichè in politica la peggiore delle
sorprese non fosse quella di lasciarsi sorprendere!

I senatori, di ogni partito, accorrono numerosi, e il presidente, conte
Veneri, raccomandando il segreto sugli oggetti posti all'ordine del
giorno, dà comunicazione al Senato del messaggio di Melzi.

Questi proponeva, dopo gli opportuni preamboli, che il Senato inviasse
all'imperatore d'Austria una deputazione, coll'incarico di richiedere
la sua mediazione presso le potenze alleate, affinchè: 1.º cessassero
tutte le ostilità nel territorio italiano; 2.º fosse consacrata e
riconosciuta l'indipendenza del Regno; 3.º fosse riconosciuto Re
il principe Eugenio, le cui virtù e la cui onorata condotta avevano
meritato l'amore del popolo e la stima dell'Europa.

L'iniziativa di Melzi era piena di avvedutezza politica. Sapeva egli,
per le sue vaste relazioni personali, che l'imperatore Alessandro
di Russia era favorevolissimo al Beauharnais[18]. Rivolgendosi
direttamente all'imperatore d'Austria, metteva questi nella necessità
di consultare il suo imperiale alleato; il cui sicuro consenso rendeva
poi difficile all'Austria di accampare per proprio conto pretese
territoriali. D'altronde, una deputazione consimile stava per partire,
in nome dell'esercito, secondo uno dei patti dell'armistizio conchiuso
il giorno 16 col maresciallo Bellegarde. Questa doppia dimostrazione,
che avrebbe additata una completa concordia degli elementi civili
e militari del Regno in favore del principe Eugenio, non poteva non
fare una grande impressione sui governi alleati, compromessi dalle
loro magniloquenti dichiarazioni di rispetto per la nazionalità e
l'indipendenza degli Stati. E finalmente, approfittando subito della
simpatia che aveva destato la condotta leale ed onesta del Vicerè, in
confronto di quella subdola ed ambiziosa del re di Napoli, si rendeva
più facile che, data la disposizione delle potenze a conservare in
Italia almeno una delle dinastie uscenti dalla famiglia napoleonica,
la scelta cadesse piuttosto su quella di Beauharnais che su quella di
Murat.

In un paese che avesse serbato, insieme col desiderio vago
dell'indipendenza, un concetto serio e giusto delle situazioni
politiche, il programma di Melzi avrebbe dovuto trovare un
incoraggiamento larghissimo nel paese ed una votazione unanime fra i
suoi rappresentanti. Ma non fu così. Svegliatosi per le questioni di
materiale interesse, l'intelletto del paese s'era attutito circa le
questioni di Stato. Il dispotismo napoleonico aveva irrigidito ogni
elasticità di pensiero pubblico. Gli uomini politici erano spariti; non
erano rimasti che degli amministratori e dei legulej.

L'opposizione scattò subito, dopo finita la lettura del messaggio di
Melzi; e ne fu l'oratore più autorevole e più accanito il conte Diego
Guicciardi.

Quest'uomo, già s'è detto, aveva riputazione di essere nel Senato
il capo del partito austriaco; n'era effettivamente al di fuori uno
dei capi. Però non bisogna credere che allora questa denominazione
avesse il significato odioso e antinazionale che ebbe più tardi. È
una delle abitudini che rendono più confusa la storia e più difficile
l'indagine critica quella di attribuire parole di un'epoca a fatti di
un'altra. Si creano delle storpiature morali, non dissimili da quelle
di cui si renderebbe colpevole un artista che dipingesse Cleopatra col
guardinfante o Carlo Magno colla parrucca di Luigi XIV.

A settant'anni di distanza, poche pagine possono essere utilmente
impiegate a delineare la fisonomia di un uomo che fu tra i più operosi
e i più influenti del tempo suo.

Ambizioso quanto attivo e sagace, fertile nelle difficoltà politiche
di espedienti e di transazioni, ricco d'ingegno più che di cultura,
di una esperienza d'affari da pochissimi superata in quei giorni, il
Guicciardi s'era mescolato di buon'ora ai pubblici negozi, e sotto
tutti i regimi aveva tenuto un posto importante.

Nato a Ponte, in Valtellina, era stato fino dai primi anni spettatore
della sordidissima dominazione che i Grigioni esercitavano sul suo
paese. Ne divenne tra i più caldi a volerne scuotere il giogo, e
concepì il pensiero di allacciare con solidi nodi alle provincie
italiane della sottoposta valle del Po, una provincia rimasta fino
allora pressochè digiuna di tradizioni italiane, sebbene teatro di
lunghe ed acerbe lotte, combattute, pel dominio d'Italia, da Svizzeri,
da Francesi, da Spagnuoli, da Tedeschi. Quel pensiero lo seguì per
tutta la vita e poteva certo bastare, in tempi così agitati, ad
occupare tutte le facoltà di una mente attivissima.

Le rivolture cisalpine del 1796 fornirono ai patrioti valtellinesi
la cercata occasione di sottrarsi al vassallaggio d'oltr'Alpi; e
fu principalmente per le influenze del Guicciardi che il generale
Bonaparte aderì allora ad emancipare la Valtellina, Chiavenna e Bormio,
dichiarando quei territori irrevocabilmente uniti alla Repubblica
Cisalpina.

D'allora potè datare il Guicciardi l'ingresso nella vita politica più
larga e più attiva. Piacque dapprima a Bonaparte, gran nemico degli
ideologhi, che ne fece un ministro dell'interno, per controbilanciare
il vuoto frasario demagogico degli amministratori cisalpini. Ai Comizi
di Lione, il Guicciardi fa, dopo il Melzi, nominato direttamente dal
Primo Console come Segretario di Stato della nuova Repubblica Italiana;
onore diviso unicamente con quell'altro eminente magistrato che fu il
Gran Giudice, Spanocchi.

Nè fra così alte vicende obliava il Guicciardi gl'interessi della sua
provincia nativa, a cui seppe mantenere, contro ogni sforzo di emule
diplomazie, l'irrevocabilità dell'annessione italiana. Questo affetto
di montanaro ostinato spiccava anzi nel Guicciardi così evidente,
che partecipandogli l'alto grado a lui conferito, Bonaparte credeva
necessario di scrivergli: “vous n'appartenez plus à aucun département.
N'ayez jamais en vue que l'interêt et la politique de la République
_entière_„[19].

Melzi non amava Guicciardi, e non lo nascondeva. Sicchè, fattisi
difficili i loro rapporti personali. Napoleone collocò Guicciardi
alla Consulta di Stato. Ma costituitosi poco dopo il Regno d'Italia,
lo volle ritornato a capo di un dicastero, e gli affidò la direzione
generale della Polizia. Bisogna dire, ad onore del Guicciardi, che
in tali funzioni egli non seppe interamente prestarsi alle sfrenate
volontà del sovrano. Uomo pratico, voleva la moderazione; uomo onesto,
voleva la legge. Onde scadde dalla fiducia dell'Imperatore, che gli
tolse la Direzione della Polizia e gli inflisse, con metodo imitato
spesso dappoi, la dignità di senatore del Regno.

Voltandosi all'Austria, contro il sistema francese, Diego Guicciardi
non poteva dunque dirsi nè un ingrato, nè uno spensierato. Aveva
servito con zelo il governo da cui era stato beneficato. Caduto quello,
ricuperava il sentimento della sua indipendenza politica, e credette
scorgere nell'Austria, vale a dire nel più forte dei governi allora
segnalati sull'orizzonte, la sola potenza capace di guarentire i due
scopi politici che gli erano cari: il mantenimento della Valtellina
nel regime lombardo ed una libertà onesta pel Regno. L'avvenire ha
dimostrato che s'ingannava almeno per metà. Ad ogni modo, la sua
evoluzione politica suscitò allora e mantenne intorno al suo nome
fino agli ultimi tempi un ambiente di sfiducia, a cui s'ispirarono con
troppa ingiustizia alcuni scrittori contemporanei. Dopo l'avversione
del Melzi, incontrò quella del Marescalchi; e irosamente ostile
gli fu sopra tutti Ugo Foscolo, che lo chiamava con suo sarcasmo:
_l'uomo valtellinese_, e che avrebbe dovuto, più d'ogni altro, essere
indulgente verso le debolezze dell'epoca.

In realtà, il Guicciardi, che tante antipatie s'era nella vita pubblica
ingrossate contro, aveva fra le pareti domestiche riputazione di animo
buono e probo, cui sempre giustificarono legami di affetto famigliare
vivi e durevoli. Ma il Guicciardi era figlio del suo tempo ed aveva
subìto, non corretto, l'ambiente in cui era vissuto. La mobilità
degli eventi, avendo educato tutta la generazione sua ad un certo
scetticismo utilitario, — che ora torna di moda, — non gli permise di
mostrare, nella sua vita pubblica, ciò che si è convenuti di chiamare
_carattere_; ma sarebbe ingiusto affermare, col Foscolo, che in quella
non si fosse proposto se non utili individuali. No, il Guicciardi
aveva il sentimento del paese, il concetto della vita politica. Non
gli sacrificava con larga generosità le sue convenienze personali e
famigliari, ma non può dirsi che abbia cercato queste a ritroso della
sua coscienza di uomo pubblico.

Gli è che il Guicciardi non poteva propriamente dirsi un uomo moderno.
Per l'educazione, per le tradizioni, per le necessità degli eventi
contro cui ebbe a lottare, egli apparteneva a quella scuola di statisti
italiani, che dal Macchiavelli, dal Morone, da Vittorio Amedeo avevano
imparato l'evoluzione dei metodi come unico avviamento ai successi
del bene. La saldezza delle convinzioni politiche, divenuta, sotto
l'influenza dell'odierno liberalismo, quasi guarentigia e sinonimo
della onestà degli uomini pubblici, non poteva sembrare qualità egregia
di governo in tempi, in cui contro la prepotenza dei dominatori unico
schermo era l'astuzia, ed unica preoccupazione quella di assicurare
quanto più si potesse delle vite e delle sostanze dei sudditi contro
l'imperversare delle mutabili tirannie. Onde accadeva sovente che
uomini di rette intenzioni e di vita illibata serbassero, nei loro
rapporti politici, andamenti così incerti e così brusche mobilità, da
eccitare la riprovazione di chi non abbia l'indulgenza, naturale allo
storico, per le incoerenze di cui ogni epoca è necessariamente feconda.

Il programma austriaco del Guicciardi poteva dunque essere, e fu, un
errore; ma non era un traviamento.

Dell'Austria non s'aveva allora fra gli uomini di governo quel concetto
che dopo il 1815 divenne popolare in Italia. Il Guicciardi non l'aveva
conosciuta che come potenza estera, e gli uomini di parte sua in Milano
ne ricordavano il mite regime teresiano e leopoldino come un ideale
di autonomia, in confronto delle prepotenze repubblicane e imperiali
piovuteci dalla Francia. Quegli uomini mancarono piuttosto, e mancarono
affatto, dell'esperienza politica, che s'acquista unicamente colla
meditazione e colla lettura. Furono vittima di quella illusione, che
seduce sempre le menti volgari, di credere che un partito o un governo,
abbandonato ad un dato punto della vita, sia rimasto immobile e si
possa riprendere e ripresentare colle stesse forme e cogli stessi
caratteri, allo stesso punto in cui s'è lasciato.

    Il dotto e il ricco ed il patrizio vulgo

che non vede, non sente, non istudia le modificazioni che intorno a lui
e in sè stesso cagiona la forza delle cose o lo spirito dei tempi, non
sa immaginare che si sia mutato o in bene o in male quel partito, quel
governo, quel sistema che da un pezzo ha perduto di vista. S'ostina a
respingerlo o a ribramarlo, sulla base delle passate nozioni, inconscio
dello squilibrio che vi può essere fra la sua ricordanza ed il vero; e
quando poi la fortuna dei casi lo ripone in contatto con quella forma,
desiderata o abborrita, dei tempi andati, s'accorge con sorpresa che
quella forma è mutata, che ha subìta, affrettata, compiuta quella
stessa evoluzione benefica o disastrosa da cui egli credeva che fosse
rimasta lontana od immune.

Questo complesso di circostanze e di idee, unito probabilmente ad
un senso di gelosia e ad un ricambio di antipatia pel duca di Lodi,
unito ad una certa sfiducia dell'uomo d'affari per quella vaghezza di
teorie e quella imprecisione di scopi che distinguevano il partito
degli Italici puri, pose risolutamente il Guicciardi campione della
resistenza contro il programma savio e patriottico esposto al Senato
nella seduta del 17 aprile.

Rifar qui la storia di quella discussione parlamentare non sarebbe
forse inutile, ma sarebbe certamente assai lungo; nel complesso, la sua
intonazione fu meschina e rivelava la pochezza dei valori intellettuali
rimasti in quella assemblea. È, del resto, uno dei fenomeni più
volte ripetutisi nella storia, che, alla vigilia delle grandi crisi,
l'eloquenza parlamentare si trovi quasi sempre inferiore all'urgenza
delle situazioni o schiacciata da quelle. Invece di affrontare la
discussione delle cose, si affronta quella delle apparenze; invece di
trarre i fatti dalla necessità delle parole, si cerca di oscurare i
primi sotto il viluppo delle seconde.

Il Guicciardi, secondato dai suoi, combattè innanzi tutto con mozioni
d'ordine; mostrò dubitare che il Guardasigilli avesse facoltà di
convocare straordinariamente il Senato; gli contestò il titolo di
rappresentante dello _Stato_, mentre, a suo credere, lo era soltanto
del _governo_; propose, vecchio espediente d'ogni nuova contesa,
la nomina di una Commissione per istudiare l'argomento. Propostosi
un Comitato segreto, per discutere subito l'affare e prendere una
deliberazione, il Guicciardi si oppose di nuovo, sostenendo che un
Regolamento organico del 1809 non consentiva al Senato il metodo dei
comitati segreti.

Per uscirne, fu deciso che una Commissione, secondo il suggerimento
di Guicciardi, si nominasse seduta stante e che il Senato fosse
riconvocato la sera stessa alle otto per udirne la relazione.
Guicciardi fu eletto naturalmente a far parte della Commissione, e fu
incaricato, col Verri e col Dandolo, di recarsi dal duca di Lodi per
udirne schiarimenti e notizie.

Questo colloquio e le gravi e dignitose parole del vecchio uomo di
Stato parvero scuotere la Commissione; la quale, scelto a relatore
il Dandolo, accettò e propose al Senato l'invio della Deputazione,
dirigendola però a tutte le Potenze Alleate e sostituendo alla domanda
esplicita del trono pel Vicerè un elogio cauto ed insignificante
delle sue virtù. Questo inciso aveva, nella sua forma ipocrita, una
significazione anche maggiore di indifferenza per la persona del
Principe; e in tal modo lo commentò Carlo Verri, lasciando intendere
che dubitava fossero i voti della nazione favorevoli a lui. L'imminenza
del voto decisivo scosse i senatori del partito vicereale, e il
Vaccari, il Paradisi, il Prina sostennero energicamente la forma
del messaggio Melzi, facendo notare a ragione che, escludendo la
domanda del principe a Re, lo scopo del decreto e della Deputazione si
risolveva in una inutilità. Al che Guicciardi rispose, che essendo,
per gli Statuti Costituzionali del Regno, erede diretto della corona
d'Italia il figlio legittimo dell'imperatore Napoleone, i senatori, che
erano tali in forza di quegli Statuti, non potevano chiedere un altro
Re. Il ragionamento era rigido, ma non era leale; giacchè a nessun uomo
di senno poteva sembrare possibile che la coalizione lasciasse un trono
al successore immediato dell'uomo contro cui s'era rovesciata; e si
ricadeva nel sofisma e nel bizantinismo, rifiutando di riconoscere la
situazione di fatto per aggrovigliarsi nelle situazioni di forma.

Ben lo fecero notare Prina e Luosi, proponendo una nuova dizione
che riservasse almeno _il diritto eventuale_ del principe Eugenio.
Guicciardi non cedette su nessun punto; ed essendosi venuti ai voti,
piuttosto per istanchezza che per esaurimento della discussione, come
accade nelle sedute parlamentari notturne, quasi tumultuariamente il
Senato approvò a grande maggioranza il progetto della Commissione,
nominando il Guicciardi e Luigi Castiglioni a deputati presso le
potenze alleate. E i due deputati, accettato, sebbene a malincuore,
l'incarico, e forniti dal duca di Lodi delle commendatizie necessarie
presso i governi europei, partirono infatti da Milano il giorno
susseguente e si trovarono in Mantova la sera del 19.


La seduta del 17 aprile ebbe un contraccolpo immediato sull'attitudine
dei partiti in Milano.

I cospiratori del partito austriaco, visto che nel Senato il governo
era ridotto ad una piccola minoranza, decisero di approfittare della
circostanza per sollecitare quella rivolta di piazza, che doveva, nel
pensier loro, rendere inevitabile l'intervento dell'esercito austriaco
e quindi la definitiva occupazione, a tutela dell'ordine pubblico.

Gli Italici poi, indispettiti perchè nel Senato stesso neanche una
voce si fosse levata a sostenere il loro programma, rivolsero i loro
sforzi contro il Senato stesso, considerandolo, nella loro cecità,
come l'unico ostacolo al trionfo della parte loro. Fra due partiti,
chiaritisi ostili ad un terzo, una coalizione per distruggere è presto
fatta. Gli _Austriaci_ accordarono il loro appoggio e le loro firme ad
una protesta che gli Italici presentavano, contro la deliberazione del
Senato, per domandare l'immediata convocazione dei Collegi Elettorali,
come unica legittima rappresentanza del Regno. Gli _Italici_ dovettero
tollerare, con trista e tacita complicità, l'agitazione popolare che
il Ghislieri, il Gambarana e il Traversi organizzavano con torbidi
elementi chiamati dal Pavese e dal Novarese.

La protesta in favore della convocazione dei Collegi Elettorali era
imponente per la stessa moderazione con cui era redatta, pel numero
e per la qualità delle firme ond'era accompagnata. Il primo nome
sottoscritto era quello del generale Domenico Pino, e dietro a lui
venivano tutti i nomi più noti dell'aristocrazia e dell'alto commercio,
i Porro, i Trivulzi, i Confalonieri, i Fagnani, i Borromei, i Visconti,
i Greppi, i D'Adda, i Cicogna, i Rasini, i Mellerio, i Sormani, i
Trotti, i Brambilla, gli Arese, i Ciani, i Busca, i Silva, i Bossi,
i Giovio, i Serbelloni, i Crivelli, i Castiglioni, gli Scotti, i
Castelbarco, i De-Capitani, i Balabbio, i Besana, i Barbò; v'era il
presidente del Consiglio comunale, conte Gian Luca Della Somaglia; vi
erano il podestà di Milano, conte Durini, e tutti i Savj municipali;
v'erano le illustrazioni intellettuali, Carlo Porta, il Monteggia,
il Cagnola, Carlo Rosmini, e un giovane già alto nella riputazione
cittadina, Alessandro Manzoni.

Questo documento parve atto così grave e così pieno d'incognite
minaccie a Carlo Verri, uomo di animo retto e fermo, non indegno dei
suoi illustri fratelli, che si recò senza indugio a casa del duca di
Lodi, supplicandolo a prendere, come depositario del supremo potere,
misure di previdenza. Fu inutile; il duca di Lodi, prostrato da un
accesso di gotta, ingannato dai rapporti di una polizia che s'era
fatta complice dei turbolenti, forse persuaso in cuor suo che ogni
cosa precipitava e non v'erano più probabilità di salute, non volle far
nulla. Era fatale che la catastrofe succedesse[20].

La mattina del 20 aprile era il giorno ordinario delle riunioni del
Senato; e, malgrado l'eccitazione popolare, che già si annunziava, il
presidente Veneri non ebbe il coraggio di sospendere la convocazione.
Pioveva; e i senatori s'avviavano nelle loro carrozze verso il palazzo
dove solevano radunarsi.

E allora, in quel palazzo dove oggi accorrono gli studiosi del tempo
antico a frugare le polverose cartelle degli Archivj di Stato, in
quel cortile dove un imperatore di bronzo aspetta, colla stessa
imperturbabilità di cui fu simbolo in vita, che si risolva il quesito
di giustizia storica e di libertà politica agitato intorno al suo
nome, accadde la seguente scena. Quando le carrozze dei senatori si
fermavano dinanzi al vestibolo, un uomo d'alta statura, domestico
di una casa signorile, montava sopra uno sgabello, si accostava allo
sportello e gettava alla folla il nome del senatore, dando egli stesso
il segnale dei fischi o degli applausi, secondochè il personaggio
appartenesse o no al partito vice-reale. La folla era variopinta:
v'erano giovani delle primarie famiglie, con ombrelle di seta, v'erano
lacchè, popolani, faccie truci come di sicarii assoldati, e perfino,
asserisce il Coraccini, delle dame di Corte. Quando giunse la carrozza
del conte Verri, fu accolta da applausi, voltisi poi in fischi nel
salire lo scalone; e il senatore vide distintamente il conte Federico
Confalonieri dare il segnale degli applausi. La folla cresceva ad ogni
momento, e assumeva, come avviene, aspetto più minaccioso e propositi
più torbidi dal maggior numero. Mentre il Senato, appena riunitosi,
cominciava la lettura della protesta e delle firme, un capitano Marini
fece annunciare che la Guardia Civica chiedeva di voler presidiare
essa il Senato, invece dei soldati di linea. Era il primo procedimento
metodico della rivoluzione. I senatori, già sgomentati di questi
preliminari, non seppero neanche dare risposta. E il capitano Begnino
Bossi, del partito italico, rimandando senza contrasto il picchetto
di linea e i dragoni ch'erano di servizio, fece occupare dalla Guardia
Civica il cortile e le scale. Voleva dire, e volle dire infatti, che la
turba fosse padrona d'invadere le scale e i cortili con assai maggiore
libertà di prima. Il romore della sommossa cominciò allora a penetrare
nella sala senatoria, e il pallore degli uscieri avvertì del crescente
pericolo. Il conte Carlo Verri, affidato alla notorietà del suo nome
e della sua famiglia, si offrì di uscire e di arringare la turba. Lo
fece infatti e più volte, man mano che si udiva ingrossare il tumulto.
Ma ad ogni arringa sua, vedeva più inquieta e più cupa l'attitudine
della folla, respinta più in alto la guardia, sempre più occupati dai
tumultuanti gli accessi e le scale del palazzo. La terza volta che
si presentò sul pianerottolo dello scalone, vide che ogni freno era
spezzato; che l'invasione delle sale era imminente. Gli ufficiali della
Guardia Civica gli si strinsero intorno, dicendosi pronti ad esporre
la loro vita per salvarlo; egli, impotente a farsi udire frammezzo
agli urli, agitò un fazzoletto bianco e visto poco lungi il conte
Confalonieri, lo chiamò ad alta voce per nome, invitandolo ad esporre
i lamenti e i desiderii dell'assembramento. Furono poche parole, ma
chiare: che si convochino immediatamente i Collegi Elettorali e che si
richiami la Deputazione del Senato. Poi, gli urli proruppero come prima
e più di prima, e assunsero quel tono foriero delle imminenti violenze:
abbasso il Vicerè! abbasso il Senato! che si sciolga la seduta!

Il Confalonieri si pose a lato del Verri, quasi per fargli scudo della
sua momentanea popolarità, e lo accompagnò fino all'uscio della sala,
rimanendo sul limitare. Nell'interno poi della sala, tutto il Consiglio
era scompigliato; i senatori, sbigottiti, non idonei per tempra ad
affrontare somiglianti tempeste, non chiedevano altro senonchè si
cedesse. Il Verri confermò loro che, senza un'immediata adesione ai
desiderii della folla, non si poteva guarentire la salvezza del Senato.
Non v'era bisogno di più forti scongiuri. Un senatore stese il decreto,
di forma semplicissima: _il Senato richiama la Deputazione, riunisce
i Collegi Elettorali, e la seduta è sciolta_. Il presidente Veneri
appose la firma; siccome la folla già batteva all'uscio ed occorreva
pubblicare il decreto, tutti i senatori e gl'impiegati si posero a
scriverne copie, che poi venivano gettate e diffuse tra il popolo
tumultuante.

Questa risoluzione salvò probabilmente i senatori da un possibile
eccidio; i capi della cospirazione riuscirono a calmare per un istante
le turbe, tanto che i senatori potessero, sgusciando ad uno ad uno,
sfilare lungo i corritoi, tra gli urli e i fischi di quella plebe
sfrenata. Poi cominciò il saccheggio. Il ritratto di Napoleone, dipinto
da Appiani, fu bucato dalla punta di un ombrello e gettato sul lastrico
della via. Poi, tavoli, sedie, usci, specchi, stufe, persiane, le carte
d'archivio e i libri della biblioteca, tutto fu rovesciato, divelto,
rotto in frantumi, buttato dalla finestra.

La prima parte della Rivoluzione era compiuta; il Senato era
esautorato, sgominato, poteva dirsi abolito. Gli ostacoli che parevano
gravi al partito italico s'erano superati. Ma restava l'altra metà del
programma; quella che stava più a cuore del partito austriaco puro;
e anche questa, poche ore dopo, era inesorabilmente e atrocemente
compiuta.

Bisogna ora che ci trasportiamo col pensiero in altra parte della
città; sopra un'altra area, pure oggi immemore della tremenda tragedia,
i cui edifici sono consacrati a quanto v'ha di sereno e di nobile nel
consorzio umano, la religione, l'arte, l'amministrazione cittadina,
l'ospitalità.

La piazza di S. Fedele non aveva allora nè quell'aspetto regolare nè
quella sufficiente ampiezza che oggi le si riconosce. L'edificio in cui
trovasi l'albergo della Bella Venezia si protendeva allora assai più
innanzi, con un massiccio quadrato, diviso dal prolungamento della via
del Marino dalla casa Imbonati, divenuta ora teatro Manzoni.

La facciata poi si prolungava tanto verso il palazzo Marino da lasciare
adito ad una viuzza strettissima ad angolo retto colla via del Marino;
tanto stretta quella viuzza che, come nota il compianto Cusani, obbligò
il celebre architetto di Tomaso Marino a costruire questa fronte del
suo palazzo senza euritmia; cosa che ognuno può verificare od avrà
verificato, notando che la porta centrale ha otto finestre a diritta e
soltanto sei a sinistra, per potere collocare quella porta d'ingresso
in faccia alla contrada dell'Agnello e sottrarla all'oscura strettoia,
per cui nessun rotabile avrebbe potuto passare.

Era quello il palazzo che la dizione pubblica chiamava _la casa del
Prina_; e dove quella immaginazione popolare malata, che è propria
di tutti i tempi e resiste a tutte le logiche della civiltà, vedeva
ammucchiati sterminati tesori. Il ministro delle finanze abitava
infatti in quella casa, che non era sua, ma che il Demanio aveva
comperata dall'Ospitale Maggiore. E lì, fin del mattino, era un via vai
di gente, che, avendo sentore dei preparati tumulti, instava perchè il
ministro cercasse fuori di casa un asilo.

Uno sconosciuto gli s'era presentato, porgendogli un biglietto anonimo,
in cui lo si consigliava a lasciar tosto Milano; due segretari del
ministro, Pavesi e Pioltini, lo esortavano a nascondersi, temendo per
sè stessi e per lui; il parroco di San Fedele si offriva di celarlo in
modo sicuro nel sotterraneo della chiesa; suo cugino, l'abate Prina,
professore a Pavia, stava presso di lui un quarto d'ora prima che la
folla irrompesse, e lo supplicava a fuggire secolui, avendo pronta a
poca distanza una vettura preparata a tal uopo.

Fosse imprevidenza, irresolutezza o coraggio, il Prina non badò a
nessuno di questi avvisi e non si mosse di casa[21]. La fatalità lo
traeva. Trentaquattro anni dopo, un altro ministro, egli pure avvertito
dei sicarii che lo attendevano, non volle mutare la sua via e corse
incontro alla morte: Pellegrino Rossi. Ed aveva egli pure alcune
spiccate analogie col ministro delle finanze del Regno d'Italia;
entrambi uomini rigidi, aspri, inflessibili, tenacissimi; entrambi
alteri dispregiatori di popolarità; entrambi ultimi sostenitori di un
potere che cadeva con essi.

Quando la turba ebbe finito di trionfare delle suppellettili del
Senato, una certa irresolutezza si manifestava nell'attitudine sua;
voleva evidentemente una vittima; e già s'era mossa, per cercarla,
verso il palazzo del duca di Lodi, quando una voce autorevole, forse
spinta — chi lo sa? — da un desiderio onesto di stornare per un
pericolo incerto e remoto un pericolo certo e prossimo, gettò nella
turba il nome di Prina. Dio solo sa a quest'ora se quella sia stata
la voce del conte Federico Confalonieri. Certe accuse, non basta
che siano ripetute dai contemporanei, perchè debbano supporsi vere.
L'epoca nostra ce lo insegna troppo. Guai se il giudizio dei posteri su
alcuno dei più illustri contemporanei nostri fosse basato sulle audaci
improntitudini di alcuni giornali!

Comunque sia, quella voce bastò a fermare la turba, che si precipitò
invece, come un torrente devastatore, verso la nuova direzione e il
nuovo nome additato ai suoi cupi disegni.

Giunse sulla piazza di S. Fedele, quando il cugino di Prina, visti
inutili i suoi tentativi, aveva spinto il ministro in una delle
ultime cameruccie dell'ultimo piano, gettandogli un abito da prete;
ridiscendendole scale, scontrò la ciurmaglia che già le saliva.

Ognuno ha innanzi alla memoria quelle pagine sublimi del romanzo
immortale, in cui Alessandro Manzoni descrive la sommossa del 1628
e l'assalto dato alla casa del Vicario di provvisione, che era, fra
parentesi, Lodovico Melzi, un antenato del duca di Lodi. È fama che
l'ispirazione di quelle pagine si dovesse all'impressione lasciata
nell'autore dall'eccidio del 20 aprile che succedeva a pochi passi
dalla sua contrada. Certo è che gli episodii si rassomigliano tutti;
l'inferocir della plebe, la viltà degli eccitamenti, l'intervento delle
scale e dei martelli demolitori, l'assenza di forza pubblica, la pietà
generosa e impotente di alcuni cittadini. Soltanto, al povero Prina
mancò l'aiuto di Ferrer.

Un Colombo, trovatello, falegname addetto al teatro della Scala, si
vantò finchè visse d'avere scoperto il ministro in quella stanzuccia
dove stava infilandosi le calze e l'abito da prete, nella speranza
che il travestimento potesse salvarlo. Mentre gli uomini pratici della
turba rompevano gli scrigni e mettevano in tasca i titoli di credito,
il rozzo operaio, più violento, ma forse meno spregevole, pensava alla
vendetta personale, che probabilmente gli avranno fatto credere giusta.

L'infelice ministro è ruzzolato giù per le scale, gettato da manigoldi
fuori di una finestra verso la contrada del Marino, e raccolto da
altri manigoldi sulla punta delle ombrelle e dei bastoni. Un manipolo
di pietosi — ce n'è sempre, in questi casi, per l'onore dell'umanità —
lo accerchia, finge d'essere il più accanito contro di lui e lo attira
nell'interno della casa Imbonati. Renzo doveva essere tra questi. Ma
i sicari prezzolati avvertono il tentativo e non lo lasciano compiere.
Prina è strappato di nuovo dal suo rifugio, condotto a spinte, a busse,
a colpi d'ombrello lungo la viuzza già accennata, tra la sua casa e
il palazzo Marino; lo si trascina verso l'angolo di S. Fedele e lì
la turba imbocca, schiamazzante e feroce, la via di S. Giovanni alle
Case Rotte. Invano tentano alcuni generosi di placare quelle iene; il
frate, poi cardinale Orioli, ajo del marchese Lorenzo Litta-Modignani,
il celebre cantante Filippo Galli dal suo balcone, Ugo Foscolo dalla
piazzetta della Scala spendono invano la loro pietà, la loro voce,
la loro eloquenza; soltanto quel drappello di generosi che non aveva
rinunciato alla sua speranza — bisogna nominare fra questi, a titolo
d'onore, un cameriere di G. Domenico Romagnosi, Angelo Castelli —
riuscì per la seconda volta a spingere la vittima trascinata entro
una porticina che metteva nel cortile di un mercante di vino, Perelli,
quasi di fronte alla casa, dove ora si trova la libreria Pirola.

Nascosto lì, dietro un mucchio d'assi del falegname Bonfanti, il misero
Prina, già livido di ferite, vide passare per l'ultima volta innanzi
a' suoi occhi la speranza dell'esistenza. Avrebbe potuto salvarlo
il caffettiere Borrani, aprendo un usciolo che dal cortile metteva
nella sua bottega e ad altre case; ma il caffettiere ebbe paura del
saccheggio e si rifiutò. Avrebbe potuto salvarlo il generale Pino,
coll'impiego di pochi soldati che avessero fatta una punta energica
in mezzo agli assassini, che sono sempre vili. Ma il generale Pino
si divertiva sulla piazza ad arringarli, gli assassini, in luogo di
disperderli; e gli assassini udivano l'arringa, ridevano sul viso
all'arringatore e proseguivano il loro truce divisamento.

Dopo un'ora di questa inutile aspettativa, avendo la turba già rotta la
porta e invaso il cortile e ammucchiato delle fascine per incendiare
la casa, il Prina rinunciò nobilmente all'esistenza, uscì dal suo
nascondiglio e si diede nelle mani dell'orda inferocita.

Qui ebbe luogo una scena d'orrore che soverchia ogni più atroce
concepimento di fantasie sbrigliate. La storia è talvolta più crudele
dell'immaginazione. L'infelice uomo fu da un colpo di martello
sul viso rovesciato a terra, fu legato pei piedi sopra un asse e
trascinato in quella foggia lungo le vie, col capo che rimbalzava sullo
sconnesso selciato della città. La pioggia dirotta e il cader della
notte dovevano aggiungere orrore a quella scena sinistra, certamente
rischiarata dalla luce sanguigna delle torcie di resina, più che
dai pallidi fanali cittadini dell'epoca. Giunta la folla, briaca
d'urli e di sangue, dinanzi all'ufficio del Demanio, sulla piazzetta
del Cordusio, rizzarono contro il muro quel semivivo lacerato, lo
denudarono, e cercavano sfondare la bottega di un vicino droghiere,
per trarne acqua ragia ed abbruciare il cadavere coll'edificio. Erano
i precursori del petrolio politico. Quando Dio volle, un picchetto
di Guardia Civica comparve sulla piazzetta e sgominò gli assassini.
Fu slegato e adagiato nel cortile del Broletto quell'informe avanzo
d'uomo; era morto; ma i chirurghi che lo visitarono non seppero
rinvenire, fra tante e così orribili contusioni, una ferita mortale;
s'era spento di spasimo e di angoscia.


Tal fine ebbe, per una spensierata coalizione di passioni, il conte
Giuseppe Prina, novarese, uomo che ad alcuni difetti, di forma più che
di indole, univa qualità preziose di amministratore e di ministro.
Era dal 1791 nei più alti uffici della finanza; dal 1802 ministro,
prima della Repubblica italiana, poi del Regno d'Italia. Nel 1797
aveva salvato le finanze del Regno di Sardegna, provocando, con una
misura allora assai coraggiosa, la vendita dei beni ecclesiastici. Nel
1798, era uscito dal potere perchè si rifiutò di emanare un decreto
fraudolento, con cui si voleva far perdere alla carta monetata due
terzi del suo valore nominale.

Questi due atti bastano a dimostrare quale fosse il vigore e
l'integrità del suo carattere. Come ministro delle finanze del Regno
d'Italia, l'unica pecca sua fu un'eccessiva devozione personale
all'imperatore Napoleone, alle cui esigenze di danaro non seppe
resistere come doveva. Del resto, portava negli affari una grande
oculatezza, una rigidità che contrastava colle abitudini dell'epoca
e coll'amabilità che lo distingueva nella vita privata. Basava il
suo sistema finanziario sulle imposte indirette piuttosto che sulle
dirette; queste caricava moderatamente per potere, nelle frequenti
occasioni di guerre, trarne aumenti straordinari di facile applicazione
e che gli parevano allora giustificati dal rialzo dei prezzi che la
guerra produceva, a favore dei proprietari fondiari. Così fu che nel
1805 e nel 1806 potè spingere l'imposta fondiaria da 48 a 60 centesimi,
senza che paresse opprimente, e nel 1813 si fece dare un'anticipazione
di due centesimi e mezzo, che l'estimo fondiario potè sopportare senza
troppo disagio. Aveva immaginato il dazio della macina, ma vi rinunciò
quando vide le enormi vessazioni a cui avrebbe dato adito quella forma
d'imposta. Immaginò e tenne fermo il bollo; e fu l'imposta che lo rese
più impopolare, quella che fu presa a pretesto del suo sterminio. Del
resto, la regolarità della sua amministrazione era esemplare; i suoi
resoconti, ch'egli, con esempio nuovo, rendeva pubblici ogni anno,
erano modelli di chiarezza, di semplicità e di esattezza nei risultati;
gl'impiegati del suo ministero non erano esuberanti; frammezzo alla
rovinosa politica dell'Imperatore, aveva potuto consacrare in nove anni
_settantacinque_ milioni, somma per allora enorme, ad opere pubbliche
nell'interno del Regno; le spese di esazione, sopra un bilancio di
centocinquanta milioni, non superavano l'8 ½ per cento. Era insomma,
come cittadino, un uomo della vecchia scuola, che preferiva il concetto
di giustizia a quello di libertà; come ministro, un finanziere sullo
stampo di Colbert e del barone Louis, che credeva la severità verso
gli individui guarentigia necessaria dell'imparzialità verso il
pubblico. Morì per non essersi saputo persuadere che, in un momento
di vertigine, una città mite e gentile, governata da magistrati e da
generali, potesse cercare nel cadavere d'un ministro la prova della sua
attitudine a reggersi come Stato liberale e indipendente.

La catastrofe del 20 aprile ebbe un'eco dolorosa in tutta la Lombardia,
e la pietà per la vittima non tardò a prevalere, dietro la guida
di un poeta gentile, che vendicò col vernacolo popolare il popolare
traviamento di quella giornata[22]. Sopra Milano pesò per lungo tempo
la cupa tradizione di quella tragedia. Eppure, bisogna essere giusti,
Milano non ne è responsabile che per metà. Tutto dimostra ormai che la
maggior parte dei saccheggiatori e degli assassini era stata chiamata
da fuori; dentro, pur troppo, erano gl'inspiratori, e questi la storia
deve cercarli e punirli piuttosto nelle classi colte che nelle classi
popolari della città.

La plebe milanese si trovò spinta al delitto dall'esempio attivo di
altre plebi rovesciatesi in mezzo a lei e dalla colpevole tolleranza
di uomini d'alto grado ch'essa era avvezza a rispettare. È un cumulo
di responsabilità, maggiori o minori, di prima o di poi, d'influenza
o di acquiescenza, che ormai nessuno può togliere più ad una parte
dell'aristocrazia milanese del 1814. Tanto è vero che subito dopo
molti sentirono la necessità di scolparsi, di giustificarsi, di
discutere. Gli stessi coalizzati, come avviene dopo un delitto o dopo
una sventura, si sconfessarono l'un l'altro, rispettivamente alle
singole ingerenze prese da ciascuno in quella settimana di storia. Il
generale Pino, il conte Confalonieri, il conte Guicciardi, il conte
Giovio, il senatore Armaroli scrissero tutti e subito intorno a quei
fatti, e non tutti li scrissero nel modo istesso. Carlo Verri lasciò
pure le sue memorie autografe; memorie che non sempre combaciano colle
altre scritture dei contemporanei, e che soltanto da due anni furono
pubblicate. Il Confalonieri protestò fieramente contro i sospetti da
cui si vedeva assalito, si appellò alla sua educazione, alla stessa
riputazione sua di nobiliare alterigia, per negare gli atti volgari e
violenti a lui attribuiti; invocò il giudizio e la stima del duca di
Lodi, che questi, in una sua lettera, pacatamente accordò[23]. Vere od
erronee quelle accuse dominarono per lunga pezza la vita successiva
del Confalonieri; il quale, nelle sue irrequiete cospirazioni,
nell'attività che pose ad ogni sviluppo d'istituzioni politiche ed
educative, nella stessa audace noncuranza con cui affrontò nel 1821
l'arresto ed il processo che facilmente avrebbe potuto schivare, parve
all'opinione pubblica invaso da un fervido desiderio di espiare con
patriottiche sofferenze un pensiero di colpa o di rimorso. La sua lunga
e nobile prigionia, la fiera calma del suo contegno in quel colloquio
col principe di Metternich, che ci ha rivelato recentemente il biografo
di Gino Capponi[24], hanno raggiunto quello scopo, se mai lo cercava;
ed oggidì il nome di Federico Confalonieri è un nome che suona onore
d'Italia, è il nome di un generoso che non si può rammentare senza
emozione e senza rispetto.

Quanto al generale Pino, la sua situazione innanzi alla storia è
tutt'altra. Pino s'è difeso con molti opuscoli contro le imputazioni
che gli vennero mosse; ha creduto dimostrare la propria energia,
asserendo di essere stato traverso la folla, alla casa del Prina,
mentre era invasa, di non avervi trovato il ministro e di aver dovuto
respingere degli insulti.... alle sue decorazioni. Ma i fatti sono
questi.

Già fin dal mattino del giorno 17, dopo la prima seduta del Senato,
il generale Pino aveva avuto un lungo abboccamento segreto con Giacomo
Luini, direttore generale della Polizia; e il giorno 20, quando già la
sommossa si disegnava, Giacomo Luini aveva mandato fuori di Milano due
compagnie di truppa regolare a difendere il passaggio del Ticino....
che nessuno assaliva. E poche ore dopo, nel fitto della Rivoluzione,
Giacomo Luini si nascondeva presso il conte Giberto Borromeo, uno dei
capi del partito favorevole all'Austria.

Quando il generale Bianchi-d'Adda, facente funzione di ministro
della guerra, dopo l'assalto al palazzo del Senato, incaricò Pino di
assumere il comando di tutte le forze ed ordinò al capitano Vercellon
di mettersi, con una quarantina di uomini, a disposizione del prefetto
della polizia dipartimentale, Giovanni Villa, fu un ajutante del
generale Pino che intimò a quello squadrone di retrocedere in castello,
mentre già la folla cominciava a fuggire, al primo avanzarsi di quei
granatieri per la via di S. Giuseppe.

L'intendente di finanza, Frigerio, che teneva duecento guardie doganali
a propria disposizione nel locale di S. Giovanni alle Case Rotte,
proprio nel centro della sommossa, mandò a chiedere a Pino la facoltà
di farle uscire, garantendo di vincere il tumulto e di liberare il
ministro. Il generale Pino non gli diede risposta. Ed il fatto era
udito pochi anni dopo, raccontato dallo stesso Frigerio, da una persona
vivente degna di tutta fede.

Non basta; il giorno dopo, essendosi arrestati parecchi sicarj, che
volevano continuare le turbolenze, Pino ordinò al generale Paini che
fossero tosto rimessi in libertà, e fu destituito il prefetto Villa,
che aveva cominciato i processi, malgrado gli ordini datigli di non far
nulla.

E finalmente, quando tre giorni dopo, i generali Teodoro Lechi,
Paolucci e Palombini vennero a Milano, nella speranza di persuadere
Pino a reagire contro gli avvenimenti e a tentare una resistenza armata
contro l'Austria, si udirono cinicamente rispondere dal loro collega!
“_la faccenda fu assai ben condotta, giacchè se volevasi una vittima,
bastò una sola, nè fu scelta male_.„

Quando sopra un uomo pesa la responsabilità di questi fatti e di queste
parole, lo storico non ha più un processo da fare, ha un giudizio da
pronunciare.


Colla giornata del 20 aprile fu raggiunto veramente lo scopo della
Rivoluzione e distrutta ogni base su cui poggiava il primo Regno
d'Italia. V'ebbero bensì tumulti e resistenze e saccheggi anche il dì
dopo; ma la stessa facilità con cui fu repressa in quel giorno l'azione
delle turbe sguinzagliate a disordini, prova quanto sia stata colpevole
l'autorità pubblica nella tolleranza del giorno prima.

Eugenio Beauharnais seppe il 21 mattina, per un corriere speditogli
durante la notte dal ministero della guerra, le prime notizie della
Rivoluzione milanese. Aveva appunto spedito al generale Pino l'abbozzo
di un decreto veramente esemplare per la legalità e lealtà delle
sue disposizioni. In esso riconosceva cessati i propri poteri, per
l'abdicazione dell'imperatore, da cui li aveva ricevuti; proponeva
l'immediata convocazione dei Collegi elettorali e la formazione di un
Governo provvisorio, presieduto dal duca di Lodi.

Le notizie di Milano ruppero bruscamente, con ogni sua speranza,
ogni previdenza sua. Leale verso il paese, come lo era stato verso
Napoleone, respinse le istanze di Teodoro Lechi, dirette a far
marciare sopra Milano una parte dell'esercito, per ripristinarvi
la sua autorità; pubblicò un proclama all'esercito ed uno al popolo
italiano, congedandosi da entrambi con generose parole; e al duca Melzi
scriveva, con mesta amarezza: “tous mes devoirs ont cessé... je n'ai
plus d'ordres à donner.„

Sette giorni dopo la strage di Milano, il principe Eugenio, soddisfatti
nobilmente tutti i doveri suoi, partiva da Mantova per Monaco,
ricevendo i saluti commossi de' suoi antichi compagni d'arme, e
accompagnando la convalescente Vice-regina, alla quale poco tempo
prima aveva detto, lagnandosi di offerte che mettevano a prezzo la sua
lealtà: “Oh stanne certa, giammai io sarò Re!„ E non lo fu mai infatti;
ma gli ultimi giorni del suo comando in Italia dimostrarono che, una
volta libero da prepotenti influenze — alle quali, per più ragioni,
gli riusciva difficile sottrarsi — avrebbe potuto essere un sovrano
illuminato e di alte qualità.

Le aveva probabilmente indovinate Francesco Melzi, patrocinando con
tanta intelligenza e con tanto disinteresse la soluzione politica,
che il 20 aprile 1814 gli soffocò nel tumulto e nel sangue. Intorno
alla qual soluzione, parecchie opposizioni furono mosse, fondate sulla
presunzione che mancasse di base pratica, dirimpetto all'attitudine ed
alla preponderanza assunta in Italia dall'Austria.

Il condannare, come utopie, programmi che si sono spezzati contro
la brutalità degli eventi è una filosofia facile pei programmi a cui
questa brutalità ha invece giovato.

Certo, è abbastanza grave per lo storico il dover talvolta spiegare
le cause di ciò che succede, perchè non si abbia ad esigere da lui
che cerchi le ragioni di ciò che non è accaduto. E le leggi che
reggono, a grandi distanze, i destini dei popoli possono essere così
previdenti nella loro complicazione, da rendere più utile una soluzione
momentaneamente cattiva, come necessario avviamento alla miglior
soluzione avvenire, da nessuno prevista.

Tuttavia, a dimostrare le probabilità ragionevoli che aveva, nel 1814,
il programma politico del duca di Lodi, crediamo opportuno aggiungere
alle considerazioni già esposte un documento nuovo; di cui non sembra
abbiano avuto cognizione, nè il Cusani, ne il Du Casse[25], nè lo
stesso Melzi D'Eril[26], che certamente lo avrebbero inserito, in tutto
o in parte, nelle loro diligenti e voluminose pubblicazioni.

È una lettera, d'indole riservatissima, che il principe Eugenio
scriveva il 18 gennaio 1814 al duca di Lodi, e in cui gli dava
ragguaglio d'una trattativa segreta, rimasta, crediamo, tale anche per
gli stessi storici successivi[27]. Preferiamo riprodurre intero il
documento, anzichè citarne dei brani a spizzico, affinchè i lettori
possano giudicare da loro stessi del carattere e dell'importanza di
questo episodio.


     _Monsieur le Duc de Lodi._

   Je me fais un plaisir de vous informer, _mais pour vous seul_,
   de ce que j'ai tenté depuis deux jours, et qui malheureusement
   ne m'a pas réussi.

   Un peu inquiet de tous les rapports que je recevais sur les
   intentions du roi de Naples, je me suis servi d'une occasion
   qui m'était offerte par le hasard, pour faire tâter l'ennemi,
   et voir s'il ne serait pas disposé à un armistice.

   Dans la conversation qui a eu lieu, et qui avait en apparence
   un objet bien différent de celui que je voulais atteindre,
   l'Aide de Camp du Général Bellegarde a exprimé, même au
   nom de son Général, les sentiments les plus honorables pour
   ma personne; il a ensuite témoigné quelque étonnement que
   l'Empereur ne m'eût pas autorisé _à traiter définitivement
   pour l'Italie_. Il a ajouté: “l'Empereur sait pourtant bien
   les intentions des alliés sur l'Italie. Ces intentions ont
   fixé nos limites à l'Adige. Mais si on ne traite pas ici, nous
   serons obligés d'aller en avant; l'Empereur perdra certainement
   toute l'Italie, puisque nous sommes plus nombreux que vous et
   que d'ailleurs le roi de Naples est décidement notre allié;
   et vous comprenez bien que si nous nous emparons de l'Italie,
   les conditions proposées aujourd'hui ne pourront plus être les
   mêmes.„

   Mon Aide de Camp a répliqué:

   “Mais puisque votre intention n'était pas de passer l'Adige,
   pourquoi marcheriez vous en avant? peut-être le prince
   consentirait-il à conclure un armistice qui nous laisserait
   vous et nous dans le _statu quo_, pour un temps quelconque,
   pendant lequel il est probable que la paix serait signée.„

   L'officier autrichien a repris:

   “Oh cela n'est pas possible. Le Duc de Bellegarde se croirait
   bien autorisé à conclure un armistice avec le vice-roi aux
   conditions _qui lui ont déjà été proposées_; mais il ne l'est
   pas et ne le serait certainement pas aux conditions dont vouz
   parlez.„

   La conférence a fini là. Je me suis fait devoir d'en informer
   l'Empereur. Je n'ai pas besoin de vous dire que pour mon compte
   je ne sortirai jamais de la ligne qui m'est tracée par mes
   devoirs et par mes serments.

   Il faut donc que nous nous abandonnions aux évenéments et que
   nous reportions nos espérances sur les négociations de Bâle.
   D'ici là, je ferai certainement tout ce qui sera en mon pouvoir
   pour garantir d'une invasion toute la partie du Royaume qui n'a
   pas encore été touchée, et je ne désespère pas d'y réussir.

   Les dernières nouvelles que j'ai reçu de Naples m'autorisent
   à croire que le Roi pourra bien être entraîné à signer un
   traité avec l'ennemi, mais qu'il persiste dans le réfus de
   porter ses armes contre le troupes de l'Empereur. D'un autre
   côté, les lettres les plus récentes de l'Allemagne et de la
   Suisse confirment les espérances de paix. — Sur ce, Mons. le
   Duc de Lodi, je vous renouvelle les assurances de mon estime
   particulière, et je prie Dieu qu'il vous ait en sa sainte
   garde.

     Écrit à notre quartier général de Verone, le 18 janvier 1814.

                                                EUGÈNE NAPOLÉON.

     _Monsieur le duc de Lodi_,

   En réfléchissant à la lettre que je vous ai adressée hier,
   il m'est venu une idée que je vous confie et dont vous ferez
   l'usage que vous jugerez convenable. Ne pensez vous pas que
   vous feriez bien d'écrire vous même à S. M. à peu prés dans
   le sens de la note que je joins â cette lettre?[28] Vous êtes
   mieux placé que moi pour dire tout cela, parce que vous êtes
   mieux à portée que moi de juger de l'intérieur. Au reste, vojez
   et ne faites que ce que vous jugerez convenable. Sur ce, ecc.,
   ecc.

Qui appajono palesemente due fatti: 1.º che l'abbandono della Lombardia
all'Austria non era in quell'epoca acconsentito, e che soltanto la
catastrofe del 20 aprile allargò le ambizioni territoriali austriache,
paralizzando naturalmente le resistenze degli alleati; 2º che
gl'interessi del regno italiano erano fatalmente sacrificati, finchè
Napoleone regnava, agli interessi francesi, e che urgeva svincolare gli
uni dagli altri, dando alla dinastia italiana una base indipendente,
come il Melzi voleva. Il primo fatto dimostra dunque la possibilità,
il secondo la saviezza del suo programma. Eugenio non volle, o non
osò, nel gennajo 1814, assumere la responsabilità di conchiudere questa
pace, senza il permesso dell'Imperatore; ma dalle sue lettere traspira
l'amarezza di non poterlo fare e la preoccupazione dell'avvenire.
Questo avvenire avrebbe ancora potuto essere salvato, quando il duca
di Lodi trasmise al Senato di Milano il suo messaggio del 17 aprile;
poichè le condizioni militari non erano mutate, non erano mutate
le disposizioni delle potenze, e la caduta di Napoleone rendeva
liberissimo il principe Eugenio di assumere quella responsabilità che
nel gennajo gli era parsa troppo temeraria.

Crediamo non occorrano più numerose ragioni a giustificare storicamente
e politicamente la condotta di Francesco Melzi. In quell'ora, egli ebbe
certamente l'istinto della situazione, e se avesse trovato nel Senato
la cooperazione rapida ed energica che i momenti esigevano, l'eccidio
di Prina si sarebbe potuto evitare, e con esso il dominio austriaco che
pesò per nove lustri sulle contrade lombarde.

Sarebbe stato, per la futura unità italiana, un bene od un male?
È un'altra “ardua sentenza,„ che neanche i “posteri„ saranno mai,
crediamo, in grado di pronunciare.


Quanto a Milano, la parabola del suo destino si compieva rapidamente.

I tentativi di reagire contro l'eccesso e di trarre a carattere
italiano le conseguenze della Rivoluzione, si ruppero presto contro
l'attività dei cospiratori austriaci e contro la forza ineluttabile
delle cose. Invano si costituì, a guisa di governo provvisorio, una
Reggenza di cittadini milanesi; invano questa Reggenza inviò deputati
alle grandi potenze, chiedendo il regno separato e la Costituzione
speciale. Confalonieri si udì rispondere da lord Castelreagh che contro
il paterno governo dell'Austria era una pretesa eccessiva il chiedere
delle guarentigie; e, poco più d'un mese dopo l'assassinio del Prina,
il maresciallo Bellegarde aveva preso possesso di Milano in nome
dell'imperatore d'Austria, _legittimo_ ed assoluto sovrano.

V'è qualche insegnamento a trarre da questi fatti? se v'è, crediamo
sia questo: che i grandi commovimenti popolari, quelli che lasciano
traccie, sono quasi sempre il portato di cause morali, anche quando
pigliano a pretesto moventi d'indole semplicemente economica. I popoli
sopportano facilmente anche gravi imbarazzi della vita pratica, quando
hanno la coscienza che l'anima loro è libera; al contrario, se si
sentono soffocata od uccisa la libertà, non sempre ne traggono lungo
conforto dal benessere amministrativo.

La Rivoluzione francese ha cominciato colle grida contro i monopoli
del grano; ma il primo atto di forza che il popolo ha potuto fare,
non l'ha rivolto contro i fornai, lo ha lanciato contro la Bastiglia.
L'insurrezione inglese contro gli Stuardi ha cominciato dal rifiuto di
Hampden a pagare un'imposta; ma il processo di Carlo I non fu incoato e
condotto a fine per pretesti di ordine amministrativo; fu una reazione
violenta contro lo spregio dei diritti e delle libertà popolari.

Gli è che vere rivoluzioni, rivoluzioni che producano effetti, non
si fanno se non sono promosse o condotte da classi pensanti. Non
è il braccio, è l'idea quella che cagiona nell'ordinamento degli
Stati mutazioni profonde e durature. Quando il braccio solo si move,
si producono tumulti, non rivoluzioni; e l'eroe si chiama allora
Masaniello, non Cromwell, non Mirabeau, non Cavour.

Il primo Regno d'Italia ha, colla sua completa negazione di libertà
politica, coalizzate contro sè stesso le classi pensanti e le classi
popolane, unitesi in un giorno nefasto nella trista spensieratezza
dell'odio che non ragiona. È un errore ed un pericolo che il secondo
Regno saprà certamente evitare. Noi non sappiamo per quali prove la
nostra generazione sarà chiamata a passare e di che intoppi lo sviluppo
del movimento italiano troverà ancora a sè dinanzi sbarrata la via.
Quello che speriamo ed auguriamo è che in nessun caso queste prove e
questi intoppi potranno piegare a catastrofi, se da un lato le classi
popolari sapranno non ispingere la tentazione della violenza fino
agli orrori della crudeltà, e se dall'altro le classi pensanti non
abuseranno della passione politica fino a calpestare il sentimento
morale.



CONFALONIERI E I PROCESSI POLITICI.


Si possono studiare in due modi, sotto due aspetti diversi, i rapporti
fra un individuo ed una società.

La forma più generalmente studiata, quella che seduce per una maggiore
precisione di cause ed uno svolgimento più evidente d'effetti, è
l'influenza che un uomo esercita sull'ambiente in cui vive, sull'epoca
da cui sorge. La forza dominante, in questi casi, appartiene
all'individualismo sulla collettività. È il genio che si sprigiona
dalle mistiche profondità dell'umanesimo, e combatte e vince fenomeni
universali, trasformandoli intorno a sè, obbligandoli a percorrere
traccie diverse, a subire leggi nuove, che talvolta si prolungano bene
al di là del tempo e dell'ambiente.

Aristotele, Dante, Bacone da Verulamio creano e modificano ambienti
sociali nella filosofia, nella letteratura, nella scienza; Giulio
Cesare, Carlo Magno impongono al mondo organismi politici, la cui
influenza durerà ben più lungamente che la vita degli individui
creatori.

Si capisce che questi fatti colpiscano fortemente l'immaginazione degli
scrittori; e che una folla di osservatori si stringa intorno a queste
esistenze privilegiate, che appunto per la loro scarsità e pei forti
contorni della loro fisonomia sono facili ad esaminare e a descrivere,
se non facili ad imitare.

Ma ben diverse e più complesse sono le questioni e gli studi,
allorchè si passa all'influenza che la collettività esercita
sull'individualismo; allorchè si esamina in qual modo agisca un'epoca,
con quale forza prema un ambiente sull'educazione, sulle attitudini,
sugli istinti, sul pensiero dell'uomo che vi nasce e vi cresce.

Quanti uomini di genio sono soffocati da un'epoca di compressione?
quante intelligenze lucide sono sviate o rese incerte da un'epoca di
transizione? quanti caratteri robusti ed interi diventano tiranni od
ipocriti, sotto la piegatura lenta e costante d'una società frolla,
o bacchettona, o crudele? Terribili quesiti, che devono renderci
bene indulgenti nel giudicare gli uomini, ben cauti nell'attribuire
esclusivamente all'indole loro, deficienze o contraddizioni od eccessi,
che talvolta a questa indole furono inoculati da forze estranee, da
impulsi irresistibili di responsabilità collettive.

Un uomo può nascere con attitudini spiccate alla scienza od alla
letteratura; gli basterebbe un incoraggiamento, un alito di libertà per
segnare forse una traccia durevole nei campi dell'intelletto. Invece,
si trova in mezzo ad un ambiente di compressione o di scetticismo;
un censore ignorante gli mutilerà il suo primo libro; un'accademia
formalista gli screditerà il suo trovato; avrà una fiera lotta da
sostenere contro un editore avido od un pubblico arido; il genio in
formazione si sentirà sfiduciato, schiacciato; l'_homunculus_ si
rimpiatterà nel suo germe; Tommaso Grossi farà rogiti di protesto
cambiario; Piatti morirà povero e senza fama.

In ogni forma di attività questo fenomeno può manifestarsi; ogni
carriera, ogni genio può essere alle prese colle rigide tenacità di un
ambiente, può soccombere sotto la mole di un'epoca o di una società.
Bonaparte, luogotenente d'artiglieria, trova innanzi a sè il mondo
ridotto a frantumi, e diventa il genio della guerra per ricostruirlo a
vantaggio suo; Cavour, scrittore di riviste, vede questo mondo bramoso
di uscire dai ceppi antichi, e diventa il genio della politica per
ricostruire la sua patria a vantaggio della libertà. Supponiamo che
quelle due forze, quei due intelletti bisognosi d'azione avessero
dovuto svolgersi nell'ambiente chiuso e tirannico in cui s'è trovata
l'Europa dal 1815 al 1830; forse Bonaparte sarebbe divenuto colonnello
nell'esercito del re di Francia; e il conte di Cavour avrebbe potuto
aspirare al posto di direttore generale delle gabelle.


Se applichiamo criteri indagatori consimili alla storia milanese che va
dall'eccidio del Prina agli albori del 1848, ci sarà forse più facile
trovare la ragione dell'esaurimento politico in cui era caduta questa
città, dove il periodo teresiano aveva prodotto gli eminenti economisti
e giuristi del secolo scorso, e dove il periodo napoleonico s'era
illustrato di Francesco Melzi, degli amministratori e dei generali,
sorti con lui.

Quella fu un'epoca insieme di repressione e di transizione; di
repressione in politica, di transizione nei costumi e nelle idee. Fu
allora che cominciarono a sostituirsi abitudini di fusione sociale alle
rigide distinzioni di classe dei tempi scorsi. Disparvero allora gli
ultimi codini, le ultime parrucche, le ultime calze di seta bianca,
gli ultimi spadini, le ultime giubbe ricamate e arabescate; l'abito
rappresentò coll'esterna uniformità quella comunanza di pensieri e
d'interessi che nobili e borghesi traevano dalla eguale umiliazione
politica; nelle case, ai ritrovi pomposi, ai balli cadenzati, ai mobili
pieni d'oro e di angoli, succedettero forme più famigliari, preferenze
sempre maggiori per le comodità e le vivacità della vita.

Gli ultimi Arcadi morivano, uccisi dal ridicolo, sotto i colpi di
quell'_audace scuola boreal_ che tutto l'ingegno di Vincenzo Monti non
era bastato a respingere ed a sfatare. Si sentiva tutto all'intorno un
mondo che si sfasciava; e tra i ruderi del vecchio e l'ossatura del
nuovo, gli spiriti erravano dubitosi, si slanciavano, retrocedevano,
ripiegavano; la società lottava contro sè stessa per uscire dal
passato, e si spaventava qualche volta d'avere già fatto troppo larghi
passi verso il futuro.

Politicamente poi, il timore e il silenzio erano divenuti i capo-saldi
della vita cittadina, della prudenza borghese. Dopo quelle sterminate
catastrofi che avevano segnalato gli ultimi anni del regime
napoleonico, dopo le coscrizioni doppie o anticipate che avevano
spopolate e addolorate le pareti domestiche, dopo l'impressione di
terrore che aveva lasciato negli spiriti l'ultima giornata del Regno
Italico, s'era prodotta in paese una sete di tranquillità e di pace che
nulla valeva a saziare.

Volevano corsi e carrozze e teatri e giornali di mode e sonni
tranquilli e gendarmi per le contrade. L'Austria soddisfaceva ed
ajutava questo indirizzo dello spirito pubblico. Venuta qui con
larghe promesse d'indipendenza e di libertà, si accorse presto che
poteva smentirle impunemente, e lo fece. In Europa le lasciavano ogni
arbitrio, nel paese non trovava sufficiente scatto di opposizione.
Ci diede il Codice civile e la Cassa di Risparmio, un Vicerè e una
Vice-regina che facevano ballare e trottavano sul corso in tiro a sei,
cantanti e ballerine di cartello, giornalisti che si accapigliavano
per la Taglioni o per la Cerrito, gendarmi e poliziotti in abbondanza,
sulle strade maestre, agli angoli delle vie, sotto i fumosi lampioni ad
olio di noce, sugli impalcati delle vetture postali.

Sotto questo regime gli uomini che avevano avuto l'abitudine dei
discorsi politici si racchiudevano nel silenzio; i giovani ne sentivano
difficilmente il bisogno; la polizia era divenuta la maggiore
istituzione europea, e il principe di Metternich voleva sapere da
Vienna di che cosa si discorresse sotto i platani del bastione o nei
palchi del teatro alla Scala. A poco a poco, il regime europeo ci
soverchiò e s'impose. L'Austria, che aveva vinto Napoleone, parve
divenuta la potenza invincibile, eterna, a cui l'Italia non sarebbe
sfuggita più.

Si accettò la vita com'era. Si andò ai balli del Governatore, del
Vicerè. Gli ufficiali austriaci, che ci avevano liberati dalla canaglia
del 20 aprile, avevano forme cortesi, si accettarono cortesemente.
Si leggevano i giornali ufficiali, la _Gazzetta di Milano_, la
_Biblioteca Italiana_; più sovente i giornali musicali e teatrali,
il _Figaro_, il _Pirata_; più tardi l'_Indicatore_ e l'_Eco della
Borsa_; i più rivoluzionari, leggevano il _Journal des Débats_. Ai
giovani che crescevano, i padri, sfiduciati di cose vecchie e paurosi
di cose nuove, raccomandavano prudenza, circospezione, rispetto ai
superiori; il discorso di politica non si affrontava che sotto voce,
fra gl'intimissimi, con mille reticenze di fatti e di nomi; si troncava
presto, come di argomento che implicasse disgusto o pericolo; si
parlava della Spagna o dell'Algeria, non dell'Italia. Le generazioni
crescevano in quest'afa, sotto questa pressione, e perdevano a poco a
poco ogni memoria, ogni coscienza di sè.

Com'era possibile uscire da queste molteplici difficoltà, vincere la
compressione, sovrapporsi alla transizione, e riprendere in Lombardia
la tradizione dei grandi caratteri e dei grandi intelletti?

Lo tentò e vi riuscì, con intero successo, un uomo solo, Alessandro
Manzoni. Ma vi riuscì, allontanandosi da ogni complicità, da ogni
attinenza colla politica contemporanea; vi riuscì, creando una
letteratura nuova e potente, sotto cui i dominatori non avevano potuto
indovinare nè punire l'alto sentimento di patria; vi riuscì, rigettando
il suo genio fra le tenebre dei secoli precedenti, per trovarvi
corruttele e discordie da flagellare, virtù ed audacie da segnalare, ad
esempio dei tempi suoi.

Però intorno e al di sotto di lui, il pensiero politico, la vita
pubblica trovavano pastoje difficili a superare, vincoli impossibili
a rompere. Quei pochi, fra cui si conservava il fuoco sacro, o avanzi
gloriosi del periodo militare napoleonico, o giovani sdegnosi di
curvare la loro vita all'ossequio ignominioso dell'epoca, si riunivano,
discutevano, deploravano, cercavano di sperare. Impotenti all'azione,
si buttarono alla cospirazione; necessità dolorosa nei governi di
servitù, deplorabile piaga nei liberi.

Quelle forme, quei segreti, quelle iniziazioni mistiche o paurose,
ch'erano state fino allora espedienti per dare importanza ai mediocri
od ai pessimi, cominciarono ad essere la seduzione dei cittadini
migliori. Le società segrete pullularono, si moltiplicarono, si
frazionarono secondo gli scopi, secondo le difficoltà materiali
o morali d'ogni singolo centro. L'Italia fu piena di loggie, di
vendite, di giuramenti, di motti, di segni di croce, di emblemi,
di spade incrociate, di parole incomprensibili scritte col sangue o
colla chimica. Tutti gli elementi di qualche valore intellettuale o
di qualche vigore patriottico si ascrissero, per illusione di libere
solidanze, ai frammassoni, ai carbonari, agli adelfi, ai federati,
più tardi alla Giovane Italia. Le polizie non tardarono a fiutare
i pericoli, a scoprire i misteri, e in ognuna di quelle illuse
consorterie penetrarono elementi infidi, agenti diretti; che si
acquistavano naturalmente fiducia, per essere sempre i più pronti e i
più arditi nel manifestarsi.

Così l'organismo sotterraneo italiano cessava d'essere pericoloso pei
governi e diventava invece un pericolo continuo pei patrioti. Il loro
elenco, il loro censimento ufficiale stavano sul tavolino di tutti i
direttori di polizia; i quali, ad ogni stormir di fronda, lanciavano
i loro agenti a impadronirsi delle fila di congiure appena abbozzate,
talvolta neanche pensate. E così passavano per le carceri, per le
torture, per le forche uomini egregi, responsabili d'un biglietto
ricevuto o d'un nome dato, ma che suscitavano colla loro riputazione
o colla loro virtù i timori di un dispotismo, oscillante sulla stessa
base della sua onnipotenza.

La storia d'Italia diventava null'altro che un protocollo di processi
politici; la città del Parini e del Manzoni diventava l'ignobile
anticamera d'una schiera di sbirri e di inquisitori, fra i quali erano
destinati a trista celebrità un Trevisani, un Torresani, un Bolza, un
Pachta, uno Zajotti, un Salvotti.

Il falso visconte di Saint-Aignan provocava e poi denunciava la
cospirazione militare milanese del 1815; un Torelli complottava nel
1831 e poi svelava i complotti; il Boccheciampe tradiva, dopo averla
incoraggiata, l'audace spedizione dei fratelli Bandiera; Attilio
Partesotti s'insinuava nelle grazie di Giuseppe Mazzini e svelava
all'Austria i nomi e i progetti dei mazziniani.

Infinita fu la schiera dei giovani deboli e degli uomini forti che da
queste insidie e da questi terrori furono tratti a rompere la vita
e l'ingegno contro le sbarre di una fiera prigione. Per non parlare
che dell'alta Italia, il processo del 1815 avvolse Teodoro Lechi,
Giovanni Rasori, Filippo Demester, Pietro Varese e una dozzina dei
loro compagni; il processo del 1818 condusse a duro carcere, fra molti
altri, Antonio Villa, Antonio Solera, Fortunato Oroboni, e quei due
maschi caratteri di Felice Foresti e di Giovanni Bachiega. Poi venne il
processo del 1820 contro Melchiorre Gioja, Domenico Romagnosi, Silvio
Pellico, Piero Maroncelli, il conte Giovanni Arrivabene ed altri. Poi
si arresta, come emissario d'una setta straniera, Alessandro Andryane;
poi nel 1821 il Confalonieri, il Pallavicino, il Castillia, Pietro
Borsieri, Andrea Tonelli. Poi, altri processi nel 31, nel 33, nel 35,
e sfuggono all'arresto Pietro de Luigi, Francesco Arese, e sono presi
con altri, Luigi Tinelli, uno Zambelli, Gabriele Rosa e Cesare Cantù.

La resistenza era tutta concentrata nelle classi superiori, fra
i nobili soprattutto e fra i letterati. Le masse popolari non
avevano ancora, come più tardi, aperte le loro fibre al fremito
dell'indipendenza. Si commovevano alle sofferenze dei patrioti; ma non
erano indifferenti alle feste dei persecutori. Subivano gli effetti
dell'epoca di transizione. E l'imperatore Francesco e il principe
di Metternich potevano, malgrado i processi iniqui e le più inique
condanne, venire due o tre volte a Milano, senza che la moltitudine
osasse turbare con atti di disapprovazione gli spettacoli e le
luminarie. Soltanto uno studente dell'Università di Pavia, Tommaso
Grossi, rispose nel 1819 alla sfida del viaggio imperiale, con una
vigorosa e felicissima satira in dialetto popolano, la _Prineide_, che
girò manoscritta e fu subito su tutte le bocche.


Fra questi tentativi politici, il più grave per la larghezza del
disegno, per la qualità dei cospiratori, per le conseguenze che
ne rimasero, fu certamente quello del 1821. E fra le vittime del
tentativo, la figura più altera, la personalità più drammatica, il nome
rimasto nella tradizione popolare e nel quesito istorico come il vero
protagonista di quel dramma affannoso fu un patrizio milanese, il conte
Federico Confalonieri.

Pochi uomini al tempo nostro sono stati più discussi di lui; pochi
hanno avuto più devota schiera d'amici, più larga corrente di
antipatie. Era nato al dolore e alla tragedia, come altri nascono
all'idillio o all'amore. In tutte le fasi della sua vita, ha una
pagina strana, che non lo porta mai al trionfo, ma che lo leva dal
comune degli uomini. Giovane, è involto nei cupi andamenti di una
rivoluzione che mette capo al delitto; sette anni dopo, gli si addossa
la responsabilità di un altro movimento che mette capo a sconfitte e a
supplizj; passa i quindici anni della sua virilità fra le nude pareti
di un tetro carcere, amareggiato da ogni specie di sofferenze fisiche
e di torture morali; muore, come pochi muojono, durante un viaggio,
di pieno inverno, senza conforto di parenti o d'amici, in un albergo
di villaggio, sulla cima del S. Gottardo. Il mistero s'è assiso, come
dicono i poeti, al suo capezzale; lo offende nel 1814, lo perseguita
nel 1821, esce con lui dallo Spielberg nel 1836, non lo risparmia
nemmeno fra le pareti domestiche, in mezzo all'atmosfera di eleganza e
di affetto che per pochi anni Teresa Casati ha potuto creargli intorno.
È suo destino che lo si possa credere atto a cose grandi, capace di
cose odiose. Nel complesso è una sfinge, contro cui non hanno cessato
mai di scrosciare i venti e le tempeste, ma che resiste immota alle
offese e che forza i viaggiatori del deserto a volgersi per guardarla
e per occuparsi di lei.

Ora può dirsi giunto il tempo d'interpretare l'enigma di questa
sfinge? possono dirsi vicini i posteri ad afferrare i confini di questa
personalità, a strappare dalle pieghe dell'anima sua qualcuno fra i
segreti, onde si compone e continuerà a comporsi la storia psicologica
dell'ente umano?

Forse certi fenomeni dell'atavismo potrebbero essere utilmente invocati
ad esplicare alcuni lati dell'indole di Federico Confalonieri.

Apparteneva al più antico patriziato milanese, senz'altro forse alla
famiglia più antica; poichè, senza voler rimontare alla tradizione di
S. Eustorgio, vi sono documenti del secolo ottavo, da cui appare già
il privilegio dei Confalonieri di accompagnare nel loro ingresso gli
arcivescovi di Milano. Fra i membri di quella prosapia parecchi avevano
avuto vicende strane. Un Corrado, dopo avere appiccato incendj, s'era
pentito, vedendo condannarsi alla morte un povero contadino pel delitto
suo, ed era corso a chiudersi in un eremo, presso Noto, dove stette
36 anni e d'onde uscì beato, poi santo. I Confalonieri furono alleati
di Carlo Magno e di Federico Barbarossa. Nel secolo XIII Stefano
Confalonieri va ad appostarsi sulla strada di Barlassina ed uccide
di sua mano, per fanatismo d'eretici, quel Pietro inquisitore che la
Chiesa ha poi canonizzato col nome di S. Pietro Martire. Non vi sarebbe
dunque a meravigliare se dall'insieme di queste tradizioni gentilizie
uscisse nel conte Federico un tipo rigidamente aristocratico, duramente
accentuato, e in lotta continua fra istinti vigorosi di ribellione e
vaghe aspirazioni a misticismo religioso.

Durante il Regno Italico, Federico Confalonieri non ci appare che
sotto le sembianze eleganti d'un giovane della buona società. È il
migliore cavallerizzo, il re delle danze, l'oracolo nelle questioni di
buon gusto, di spirito, di duelli. Il Cantù ha pubblicato in un suo
libro pieno di sbalzi: _il Conciliatore e i Carbonari_, alcuni versi
di Giovita Scalvini, da cui appare la grande seduzione che esercitava
il giovane Confalonieri sugli uomini.... e sulle donne. Teresa Casati,
bellissima e dolcissima fanciulla, gli rompe coll'amor suo la vita
da scapolo. Ed egli è felicissimo di quell'amore; la giovane coppia
conserva il primato delle simpatie cittadine; la Vice-regina vuole la
sposa Confalonieri a sua dama di corte, e lo sposo vi acconsente senza
entusiasmo.

Verso gli ultimi mesi del Regno, Federico Confalonieri comincia ad
assumere atteggiamento politico. Non accetta un ufficio di Corte che
Napoleone gli destina[29]; si astiene dallo intervenire ai ricevimenti
del Vice-re; parla alto e forte contro le follíe dell'Impero e le
sue guerre sterminatrici. Al 20 aprile, ha già fisi sopra di lui gli
sguardi del pubblico, ed ogni suo passo è spiato, ogni mossa giudicata,
piuttosto con diffidenza che con simpatia. È considerato già come il
capo del partito italico; e si separano tanto da lui i capi della
soluzione austriaca, il Verri, il Guicciardi, l'Armaroli, quanto
egli cerca separarsi dal Melzi, dal Prina, dai capi della soluzione
eugeniana. Come accade in tutte le giornate di tragiche commozioni, le
accuse e le difese s'incrociano e non riescono a illuminare la scena.
Il Verri asserisce di averlo visto nel cortile del Senato dare il
segnale di applausi, ed egli afferma in un opuscolo[30] “nessuno potrà
asserire d'avermi visto prender parte a que' clamori, sia di plauso,
sia d'improbazione.„ L'Armaroli attribuisce a lui personalmente l'atto
brutale di avere traforato coll'ombrello il ritratto dell'Imperatore
dipinto dall'Appiani e di averlo buttato dalla finestra; e il
Confalonieri risponde[31], denunciando al pubblico lo scrittore come
“un vile calunniatore„ e protestando di “non avere mai posto, nell'aula
del Senato, in quella giornata, il piede.„ Abbiamo visto come il duca
di Lodi, uscendo dal suo cauto e silenzioso riserbo, rispondesse ad
una lettera del Confalonieri, chiamando “uomini più che imprudenti„ i
pubblicatori di quelle accuse contro di lui.

Certo, il Confalonieri agì in tutta quella giornata con impeti
giovanili, dei quali pareva che il rancore, un rancore fiero e
personale contro il principe Eugenio, fosse l'inspiratore. E s'è molto
almanaccato, allora e poi, intorno a questo rancore. Gli si cercarono
ragioni speciali, molto intime, punto politiche. Si sono immaginate
imprudenze, passioni, vendette, di carattere medioevale.

Il nome, la gentilezza, la riputazione morale di Teresa Confalonieri
ci pare che bastino a collocare simili supposizioni fra quelle troppo
abusate a spiegare i fatti politici coll'elemento fantastico.

Può darsi che Federico Confalonieri fosse geloso. Lo si è quando si ama
e quando non si ama. In tal caso, Dio gli ha riserbata una punizione
ben grave. Ma dall'essere geloso ai cupi drammi che la tradizione
popolare ha raccolto intorno a quell'altera figura, ci corre assai.
Il principe Eugenio Beauharnais era un vagheggino; Teresa Confalonieri
era bellissima; Federico era marito ed era orgoglioso; il dramma umano
è lì, ma tutto induce a credere che sia stato unicamente lì. Ora, non
basta una semplice galanteria di modi o di linguaggio a spiegare il
contegno del Confalonieri verso il Vicerè. Un uomo dell'educazione
e delle abitudini del conte non poteva spingere all'odio qualche
momentanea irritazione per preferenze usate da un principe ad una bella
signora, in un'epoca in cui le relazioni sociali non s'inspiravano
a claustrali rigidità. D'altronde vi sono lettere del Confalonieri
a sua moglie, da Parigi, nel maggio 1814, in cui si esprime intorno
ad Eugenio nei termini della maggiore franchezza e intimità; con
quell'accento verace di comunanza negli affetti e nei giudizj, che
certo non avrebbe potuto usare, se il principe ormai spodestato fosse
stato, in qualunque tempo, fra lui e sua moglie una causa di dolorosi
rapporti. Si compiace con essa, p. es. perchè alla famiglia Beauharnais
non sia stata riserbata, nelle trattative diplomatiche, nessuna
_principauté_. Le dà ragguaglio d'un incontro fortuito avuto con lui
nell'anticamera di lord Castelreagh; e le aggiunge scherzosamente:
“Sostenni però la dignità della mia rappresentanza, ed egli certo
trovavasi più di me imbarazzato.„ Un'altra volta, invitato a pranzo
dal maresciallo Berthier, vi trova il conte Méjean, segretario di
Eugenio, che gli dice essere stato il principe assai spiacente di
non aver veduto da lui nessuno della Deputazione Italiana. E il
Confalonieri risponde calmo “che una Deputazione politica non poteva
agire individualmente e che anche la semplice urbanità doveva cedere
alla posizione gelosa in cui si trovava, dovendo rispondere di sè alla
nazione.„

Tutta questa corrispondenza insomma, dettagliata, intima, affettuosa,
dimostra che nessuna nube gettava tra Federico e Teresa il nome del
principe Eugenio. Sicchè è forza cercare una ragione veramente politica
alla condotta sdegnosa ed ostile del Confalonieri verso il più alto
rappresentante del regime napoleonico in Italia. A questo regime egli
era e s'era manifestato profondamente avverso. Come tutta la gioventù
non militare del tempo suo, disperava di un'ambizione che nessuna
strage poteva disarmare. Quella nuova Iliade aveva stancato; il nome
di Napoleone, ancora pieno di prestigio sugli uomini di guerra, aveva
cessato di rappresentare, innanzi agli uomini di pace e di governo,
nessuna speranza di benessere o di stabilità. Dopo la campagna di
Russia, un lutto profondo aveva regnato nelle famiglie lombarde; di
ventisette mila Italiani ascritti al grande esercito, soltanto mille
rivedevano, col generale Pino, la patria; altri ventidue mila erano
rimasti fra le zolle insanguinate di Spagna. Le guardie d'onore, meno
cinque, erano tutte perite[32]. Non bastava la gloria a consolare
tante madri. Onde la coscienza pubblica, attonita a questo duello
fra un uomo e l'Europa, non osava più ricordarsi dell'idolo antico,
a cui l'adorazione aveva pur troppo insegnata la via del male; e si
allontanava da quel gigante, sotto i cui passi, come sotto quelli del
dio d'Omero, tremava la terra.

V'è una lettera di Confalonieri a sua moglie, da Parigi, pochi giorni
dopo l'atto di abdicazione, in cui parla quasi con ira dell'uomo “che
ha fatto scannare centomila vittime in sostegno di tutt'altra causa che
la loro propria.„ Era veramente la nota dominante, il _grido di dolore_
dell'epoca.

E se a questa ragione di alta politica, un'altra dovesse unirsene
d'indole personale, a giustificare l'antipatia che il Confalonieri
nutriva pel Vicerè, non la cercheremmo in un amore ferito, ma
in un'ambizione offesa. Il principe Eugenio aveva offerto al
conte Federico di essere suo grande scudiere; e l'offerta dovette
singolarmente umiliarlo. Al giovane altiero, che si sentiva un valore
politico ed era forse troppo impaziente di politiche attività, quel
posto di Corte, che gli dava il diritto o l'obbligo di cavalcare sul
corso alla portiera del Vicerè, parve piuttosto un insulto che un segno
di favore. Rifiutò sdegnosamente, e forse di lì muovono i primi impulsi
alla sua tenace ostilità. Da una lettera sua alla moglie e da un'altra
a lui scritta da Lodovico De Breme traspare quanto orgoglio venisse
offeso da quell'incauta proposta vicereale.

Ad ogni modo, dopo la fatale giornata del 20 aprile, e malgrado
l'incerta fama che ne rimane su lui, l'influenza politica del
Confalonieri diventa subito grande.

La Reggenza Provvisoria di governo, tratta dal solo partito austriaco,
lo sceglie fra i deputati inviati a patrocinare presso le potenze
alleate le sorti del Regno. Ed egli, più giovane di tutti, è il
capo morale della Deputazione, l'oratore incaricato di affrontare le
questioni più delicate, i colloqui più decisivi.

Questa prima missione politica è piena di onore pel conte Federico. Il
brillante ordinatore dei minuetti milanesi si muove come un diplomatico
esperto frammezzo a quella plejade di imperatori e di marescialli.
Non è imbarazzato, non è timido, non è provocante. Vede giusto fino
dal primo giorno e non s'illude, nè illude. Il suo colloquio con lord
Castelreagh, in cui quel plenipotenziario inglese gli annuncia chiaro
e tondo che la Lombardia è data senza condizioni all'Austria, è stato
già pubblicato[33]; ma non sono pubblicate ancora le molte lettere sue
da Parigi alla moglie, in cui la informa della situazione di Parigi e
de' suoi colloqui coi sovrani di Russia e d'Austria.

È appena giunto, e scrive il 4 maggio: “Milano è nell'inganno. Egli
è ben doloroso il doverne sortire, quando l'inganno è dolce.... Un
mese prima eravamo ancora in tempo per far qualche passo alla nostra
politica esistenza; or non ci resta che ad implorarla. Ci verrà essa
accordata? l'Austria è l'arbitra, la padrona assoluta dei nostri
destini. Non trattasi più di domandare alle Alte Potenze costituzione
liberale, indipendenza, Regno, ecc. Trattasi d'implorare ciò che un
padrone ci vorrà accordare.„

Assiste all'ingresso in Parigi di Luigi XVIII, e, meravigliato degli
entusiasmi che l'accompagnano, scrive con vibrate parole: “Stordita
nazione, ha bisogno d'esser condotta colla catena e col flagello! 24
anni di disastri non l'hanno ancor resa alla ragione. Ma l'orgoglio,
ma la vanità francese è bassa.... si ubbidisce tremando a chi parla una
lingua straniera....„

I suoi abboccamenti coll'imperatore Alessandro e coll'imperatore
Francesco sono di notevole interesse storico. Alessandro riceve
gl'inviati milanesi come illustri italiani, non come Deputazione. È
garbato, ma breve e laconico, quasi per impedir loro affatto d'entrare
in materia. Invano il Confalonieri e Alberto Litta prendono due
volte la parola; egli la tronca con altiera urbanità sul labbro degli
oratori, dice loro delle cose graziose e li congeda coi complimenti
d'uso. Forse il contegno dell'imperatore Alessandro sarebbe stato
diverso, se la Deputazione milanese avesse avuto il mandato di
sollecitare una soluzione favorevole al principato indipendente di
Eugenio Beauharnais. Questa soluzione avrebbe avuto tutto il favore
dello Czar, che all'imperatrice Giuseppina lo aveva caldamente
promesso. E forse in quel punto Federico Confalonieri avrà dovuto
pensare come l'essere giovani e audaci non basti sempre a risolvere
bene i gravi argomenti, e come il vecchio Melzi avesse avuto, nel suo
tentativo politico di un mese prima, intuito più giusto e avvedimenti
più sagaci de' suoi.

Quanto all'imperatore Francesco, le sue accoglienze sono egualmente
cortesi, ma la sua volontà è inflessibile. “Voi mi appartenete per
diritto di cessione e per diritto di conquista, vi amo come miei buoni
sudditi, e come tali niente mi starà più a cuore del vostro bene;„ ecco
le prime parole con cui l'Imperatore accoglie la Deputazione lombarda.
E il Confalonieri scrive alla moglie: “nulla vi ha di lusingante e
di paterno che non ci abbia detto in più di mezz'ora di amichevole
conferenza, ma egli parlava da padrone, nè vi era luogo a patti.„
Richiesto se almeno acconsentiva che la Corona di Ferro brillasse sul
suo capo, unitamente alle altre, ma dalle altre staccata, rispose:
“Io non ho progetti ambiziosi, mi occuperò di questa idea, desidero
assai farvi contenti; Regno Italico no, perchè io non ispingo le mani a
quello che può essere d'altri.„ E cercava in quei giorni di spodestare
la dinastia di Savoja!

Alle richieste di Confalonieri per un esercito indigeno, per lo
sviluppo degli stabilimenti sorti durante il periodo italiano, per
la restituzione dei capi d'arte involati sotto il periodo francese,
rispondeva evasivamente: “Lo veggo, avete bisogno di una Corte; vi
manderò un Arciduca; sarà ammogliato.„ Quanta meschinità di criterj in
così grande sommovimento di cose!

L'Imperatore desiderava però compromettere più a fondo i delegati
milanesi; diceva loro che desiderava vederli altre volte per valersi
dei loro lumi. Al che rispondeva con prudente fermezza il Confalonieri
che “la Deputazione non poteva allontanarsi dallo scopo per cui era
stata mandata, senza avere nuove istruzioni.„

È rimasta nelle tradizioni storiche di quei giorni una grande oscurità
intorno alla vera soluzione che il partito italico avrebbe voluto
dare alle cose del Regno. Si conosce il programma dei Mellerio e
dei Ghislieri, l'Austria assoluta; si conosce quello dei Verri, dei
Guicciardi, della Reggenza, l'Austria con guarentigie amministrative;
si conosce quello dei Melzi, dei Paradisi, dei generali italiani, il
Regno autonomo colla dinastia di Beauharnais. Ma qual era il programma
di Confalonieri, che a nessuno di questi aderiva e che di tutti s'era
guadagnata l'ostilità?

Nessuno storico, a nostra conoscenza, l'ha finora accennato; ma fra
le carte della famiglia[34] si trovano accenni ad una soluzione, che
il conte Federico era forse allora solo a credere possibile, e che i
tempi resero più tardi la soluzione trionfante. “Stiano gl'Italiani
uniti„ scrive alla moglie fino dal 13 maggio 1814 “non presentino che
un solo voto, si dimentichino quel fatale e malinteso patriottismo di
città per non servire che al patriottismo di nazione; pronuncino pure
i loro sensi altamente, energicamente, li facciano giungere fin qua, e
la loro causa non è ancor disperata.„ E più tardi scrive: “Bando alle
idee municipali e pregiudicate; la miglior consistenza di uno Stato è
legata colla sua compattezza e conveniente linea di confini. Le città
non possono essere tutte capitali; e una città grande di uno Stato
grande val meglio di una capitale in uno Stato piccolo. Se nel sistema
delle reintegrazioni, la Casa di Savoja, già la più forte dell'Italia
nordica, dovesse divenirlo di più, è meglio appartenerle che aumentare
il numero o far parte dei frazionarj Ducati italiani.„

Da queste lettere spunta veramente un programma; un programma forse —
come il diplomatico di Scribe — unitario senza saperlo. Ma l'uomo che
fin dal 1814 vedeva nella Casa di Savoja, allora negletta ed umiliata,
la soluzione dell'avvenire; l'uomo che, affrontando con largo animo la
questione municipale, intuiva le discordie del 1848 e le concordie del
1859; l'uomo che fin d'allora consigliava a Milano, splendida capitale
d'un grande Stato, di abdicare, per intenti superiori di nazione, ad
orgogli che potevano sembrare legittimi, — quest'uomo doveva unire ad
un forte intelletto politico un alto sentimento di convenienza e di
generosità[35].

Chiuse le trattative e stabilito irrevocabilmente il destino della
Lombardia, Confalonieri non volle spiccarsi da Parigi senza visitar
Londra. La sua riputazione vi era giunta prima di lui, ed egli
ebbe ovazioni dal partito liberale e dai membri dell'opposizione
parlamentare, malcontenta già del trattato di Parigi e della condotta,
piena di assenso a tutte le avidità imperiali, che vi aveva tenuto
lord Castlereagh. Non volendo aggiungere pretesti a lotte politiche
in paese straniero, Confalonieri tornò subito a Milano. Vi prese
atteggiamento di altiera disapprovazione per la condotta governativa
dell'Austria e per la sleale dimenticanza delle sue promesse. Fu il
rigido regolatore del piccolo partito nazionale rimasto in Milano; ed
ebbe crude parole per le debolezze di amici suoi, del Pecchio fra gli
altri e di Ugo Foscolo; col quale corsero sfide, perchè il suo contegno
verso le autorità austriache non gli era parso così indipendente
com'egli giudicava che il Foscolo avrebbe dovuto serbarsi. E forse
dobbiamo alla severità morale del Confalonieri se quell'alto ingegno
s'è potuto in quei giorni fermare sulla china pericolosa verso cui
l'avviavano le spensierate prodigalità della sua vita gaudente; e se,
determinandosi ad emigrare in Isvizzera e a Londra, trovò poi modo
di rialzarsi a dignità di lavoro e di riconquistare l'amicizia dello
stesso Confalonieri e degli altri liberali che a Milano ne avevano
deplorata l'incerta condotta.

Dopo un anno di questa vita milanese, piena di virtù, di riflessioni,
forse di pentimenti, il Confalonieri si decide a viaggiare; viaggia
colla consorte, viaggia solo, con amici, percorre l'Italia, la
Svizzera, e da capo la Francia e l'Inghilterra. Viaggia con molta
serietà d'intenti, coll'animo sempre aperto alla patria e all'avvenire.
Monsignor Pacca, governatore di Roma, annunciando a chi vi poneva
interesse il passaggio per le Romagne del conte e della contessa
Confalonieri, notava che a Roma e a Bologna essi frequentavano “la
più cattiva compagnia.„ Voleva dire gli uomini che aspiravano a
rivolgimenti d'indipendenza.

A Napoli il Confalonieri conosce i Poerio, i Carrascosa, i Cuoco, i
Rossaroll e quei due generali Pepe, di uno dei quali, Guglielmo, scrive
con tacitiana sentenza: “divenuto famoso senza essere nato a fama.„

In Toscana si stringe di nobile amicizia con quel Gino Capponi che è
stato per tre generazioni il modello degli Italiani a cuor largo e a
politica generosa. In Isvizzera visita gli istituti di Fellemberg e
di Pestalozzi e vi si innamora delle questioni didattiche e dei metodi
educativi. In Inghilterra studia tenacemente le istituzioni liberali;
è ricevuto a braccia aperte da lord Holland, il patriarca dei liberali
inglesi, e un fratello del Re, il duca di Sussex, lo inscrive nella
loggia di Cambridge.

In Francia, si lascia attrarre dal vecchio Buonarroti nell'ambiente
delle società segrete; nelle quali accetta di entrare, quasi con
scettico disdegno, ricusando i giuramenti e gli altri vincoli
della setta. È accolto ospite gradito nella compagnia del venerando
Lafayette, e vi conosce i Broglie, i Dupin, i Constant, madama di
Stael e Larochefoucault-Liancourt e Degerando e Alessandro Laborde.
Dappertutto dove va, lo sentono uomo di valore e lo trattano come tale.

Al suo ritorno da questi viaggi, il suo nuovo programma è stabilito.
“Federico mio„ gli aveva scritto in quei giorni un amico, profondo, si
vede, nella conoscenza degli uomini “soffoca l'invidia colle azioni o
l'invidia soffocherà te colle parole[36].„

E il Confalonieri agisce. Raduna un gruppo d'amici, colti, operosi,
devotissimi all'Italia ed a lui. Si mettono a patrocinare nuove idee,
ad iniziare progressi nuovi, introducono macchine per lavorare il lino,
assettano la prima filanda a vapore, fanno solcare da un piroscafo di
prova il lago di Pusiano, tentano in un palazzo di Milano[37] il primo
esperimento d'illuminazione a gas. Il Confalonieri chiede al governo
il permesso di aprire scuole popolari fondate sul sistema del mutuo
insegnamento; sistema allora molto in voga per iniziative inglesi e
francesi, ma del quale, come sovente, poteva rivendicarsi l'invenzione
ad un nostro italiano, quel Castellino di Lecco la cui memoria è
ricordata da una lapide municipale sopra una casa della via Alessandro
Manzoni.

Il Governo accordava dapprima volentieri il permesso, ma poi,
sospettoso degli scopi e visto il gran numero di scuole che si
fondavano, ritirò l'autorizzazione e ne decretò la chiusura. Intanto,
la novità aveva servito ad allacciare molte relazioni, ad agitare
questioni d'istruzione pubblica, a mettere in evidenza la cultura e
l'amor del paese che nutrivano i liberali. Il Confalonieri s'era posto
in corrispondenza per tali imprese con uomini distinti d'ogni parte
d'Italia, col Mompiani di Brescia, col conte Giovanni Arrivabene di
Mantova; s'era fatto presentare per lettera da Gino Capponi a Carlo
Alberto, principe di Carignano.

Per allargare e rassodare questo movimento di spiriti che doveva,
secondo i suoi promotori, preludere a rinnovazioni politiche, si fondò
un giornale, il _Conciliatore_; macchina di nazionalità e di progresso,
di cui s'era avuto cinquant'anni prima l'inspirazione nel _Caffè_, e
di cui si avrebbe avuto trent'anni dopo nel _Crepuscolo_ una gloriosa
ripetizione.

Il conte Luigi Porro-Lambertenghi era il braccio destro di Confalonieri
in tutto questo tramestio. Anzi fu lui che sostenne le spese della
pubblicazione e ne diresse gli andamenti. E con lui sul _Conciliatore_
scrivevano, con pensieri rinnovatori, Gian Domenico Romagnosi, Giuseppe
Niccolini, Silvio Pellico, Lodovico De Breme, il Sismondi, Ermes
Visconti, Pietro Borsieri, Giuseppe Pecchio, Giovanni Arrivabene,
Giovanni Rasori, Filippo Ugoni, Giovanni Berchet, tutto lo stato
maggiore dell'ingegno lombardo, da cui sarebbero usciti i martiri e gli
esuli del patriotismo.

Questo simpatico sodalizio ridava a Milano un po' di tono; si usciva
ancora una volta dai discorsi volgari per muoversi in un'atmosfera
di novità intellettuali[38]; in casa Trivulzio, in casa Porro, in
casa Confalonieri, in casa Ciani, in casa Arconati si raccoglievano a
piacevoli e dotte conversazioni i più distinti e i più intelligenti
cittadini; non vi mancavano illustri stranieri, che ricercavano
con premura l'ingresso a quei circoli, — e lord Byron e M. Necker e
lord Brougham e Schlegel e il chimico Davy e il duca di Richelieu.
Lo stesso comandante supremo dell'esercito austriaco in Italia, il
maresciallo Bubna, frequentava quelle sale del patriziato; dacchè era
e si manifestava volentieri uomo di progresso; e nel paese, piuttosto
che l'elemento militare, si avversava in quell'epoca l'elemento civile
austriaco, perchè il vero colpevole delle smentite promesse e degli
abusi della polizia.

Questa non tardò infatti a fermare il moto e a perseguitare i motori.

Nell'ottobre del 1819, il _Conciliatore_ veniva soppresso; nell'ottobre
dell'anno successivo, si arrestavano Pellico, Gioja, Romagnosi, — il
processo dei Carbonari — e non s'era che al principio; l'anno seguente,
le carceri si riaprivano per nuovi illustri, e cominciava il mostruoso
processo dei Federati.

A questa setta avevano politicamente aderito il Confalonieri e gli
amici suoi lombardi; mentre la Carbonerìa aveva maggiormente invaso le
Provincie venete, marchigiane e napoletane.

In queste ultime l'insurrezione era scoppiata nell'estate del 1820, e
nell'inverno successivo cominciava a rumoreggiare in Piemonte.


Sui primi di marzo, parte da Parigi per Torino il principe Della
Cisterna, gentiluomo nobilissimo e rispettabile, padre di quella che fu
regina di Spagna e consorte ad Amedeo di Savoja. Un avviso segreto al
conte Lodi, ministro della polizia, gli partecipava che in un doppio
fondo della carrozza da viaggio del principe si sarebbero trovate
carte compromettenti. La carrozza è visitata, e le carte si trovano.
Si cominciano i primi arresti, lo stesso principe Della Cisterna, che
parve estraneo alla congiura ordita per mezzo suo, il colonnello Ettore
Perrone e il marchese di Priè. Quegli arresti provocano agitazioni, e a
furia di spinte e di controspinte si giunge a quel movimento militare,
il cui insuccesso procurò a Carlo Alberto così lunghe amarezze.

Il Confalonieri non voleva essere inerte spettatore delle novità
piemontesi. Ma era malato di febbre e non poteva viaggiare. Incaricò
due giovani amici suoi, Giorgio Pallavicino e Gaetano Castillia,
di recarsi a Torino a proporre accordi. Quelli andarono, videro il
generale Della Torre, parlarono a Carlo Alberto, e tornarono persuasi
che non v'erano sufficienti forze militari per attaccare gli Austriaci.
Saputo ciò, il Confalonieri disdisse prudentemente in Lombardia ogni
disposizione di moto, e scrisse anzi, trasmessa dal Pecchio, una
lettera al conte di San Marzano, sconsigliandolo dal tentare invasioni
inefficaci al di qua del Ticino[39].

La polizia austriaca aveva notato questi andirivieni e stava in
agguato. Fra le carte trovate nella carrozza del principe di Cisterna,
v'erano indirizzi di varj personaggi italiani, e fra i lombardi si
raccomandava Federico Confalonieri. Bastava perchè fosse attentamente
vigilato, come si vigilavano il Pallavicini e il Castillia. Questi
era inoltre sospetto per frequenti relazioni sue colla Spagna, allora
in auge presso i congiurati per la sua Costituzione del 1812 e per
l'appoggio che dava loro in Torino l'inviato diplomatico conte Bardaxi.
Sopra un anello che il Castillia portava in dito, si potè leggere un
motto che fu subito considerato come linguaggio settario: _leggi e non
Re; Italia c'è_. Si decide una perquisizione nella casa di Castillia e
il commissario Bolza trova, involta in una camicia, una lettera scritta
ad Emanuele Marliani, noto liberale italiano, allora in Ispagna. Ciò
basta perchè il Castillia venga imprigionato; ma non basta perchè
si scoprano complici e fatti. Per alcuni giorni si va a tentoni;
interrogando a destra e a sinistra, specialmente delle signore.[40]

Allora l'imperatore Francesco istituisce, per avviare il processo,
una Commissione straordinaria inquirente, affidandone la direzione
all'acuto ed accanito Salvotti. Questi ottiene dal consigliere Pagani,
direttore di polizia, una relazione scritta, per incarico suo, da Carlo
Castillia, fratello dell'arrestato, che, avendo fatto parte di una
seduta cospiratoria in casa di Pecchio, con Benigno Bossi, Borsieri
e il conte Arrivabene[41], ne aveva dato alla polizia i ragguagli ed
informava su molte cose attinenti alla rivoluzione piemontese allora
soffocata. Il processo comincia a prendere proporzioni e l'inquietudine
si sparge fra i liberali.

Forse però sarebbe stato difficile procedere ad altri arresti, essendo
il Pecchio fuori di Stato, se al marchese Giorgio Pallavicino, giovane
di caldi sensi e di animo generoso, non fosse balenata una ispirazione
che soltanto la mente affatto inesperta poteva fargli credere di antica
virtù.

Supponendo che il Castillia fosse arrestato pel suo viaggio in
Piemonte, si reca difilato dal direttore di polizia e gli dice:
“Gaetano Castillia fu da me trascinato in Piemonte; se quel viaggio
è riputato delitto, io solo sono il delinquente; io solo adunque sono
meritevole di pena.„

È facile pensare che l'atto inconsiderato del marchese Pallavicino
doveva perdere lui ed altri, non salvare nessuno. Per quel giorno
lasciarono ritornare l'incauto giovane a casa e tesero le loro reti. La
sera dopo, mentre il Pallavicino è nell'atrio del vecchio teatro Re,
si vede a un tratto dirimpetto il conte Bolza, ai lati due gendarmi
travestiti, e un altro commissario Cardani, che, con un sorriso
sulle labbra, da disgradarne quello dei birri a Renzo, al momento di
mettergli i manichini, gli dice rispettosamente: “signor marchese, il
direttore generale di polizia vorrebbe dirle una sola parola.„

È la frase d'obbligo del tempo e del caso. Il Pallavicino non resiste,
nè può resistere. Due giorni dopo, condotto innanzi alla Commissione
inquirente, il Salvotti gli mostra sopra un pezzo di carta la firma
del Confalonieri e gli dice che ha saputo da un esame suo tutte le
circostanze della cospirazione. L'insidia volgare riesce; al giovane,
già percosso di dolore e di stupore, richiamano alla memoria la madre
sua che lo adora. Uno de' commissarj, con cinico inganno, dichiara
d'averla or ora lasciata tutta convulsa ed in pianto. Il Pallavicino
ha scritto egli stesso, con molta lealtà, la confessione di quel
terribile quarto d'ora. “In quel momento io perdei l'uso della ragione;
farneticavo, sopraffatto dal dolore.... caddi nel laccio.„

La deposizione del Pallavicino allarga il processo; si fanno arresti
a Pavia, a Brescia, a Mantova. Invano lo sventurato, ravveduto dalla
commozione e dall'inganno, cerca ritrattarsi, confondere i giudici,
fingendosi pazzo e ostinandosi lungamente in questa finzione.
Era troppo chiaro che una pazzia venuta dopo non poteva infirmare
deposizioni fatte prima che quella sopraggiungesse.


Nella città intanto cresceva l'inquietudine, e tutti gli occhi si
volgevano al Confalonieri, ritenuto il capo e l'anima di ogni cosa. Si
arrestavano intorno a lui il Borsieri, il Tonelli, il colonnello Arese,
ed egli non si moveva. Aveva fatto costruire nella sua alcova una scala
segreta che metteva ad un abbaino, e aspettava. Invano gli amici lo
esortavano a mettersi in salvo. Il maresciallo Bubna, trovatosi una
sera colla contessa Confalonieri nel palco della duchessa Visconti
di Modrone, le disse con marcato accento: “perchè il conte Federico
non si reca in campagna? mi pare che l'aria libera gli farebbe gran
bene.„ Vuolsi che la stessa moglie del maresciallo, dama di squisita
educazione, avesse pregato, piangendo, la contessa Confalonieri a voler
allontanarsi da Milano con suo marito.

Fu inutile. Quanto più pareva che il governo austriaco esitasse a
mettere la mano sul gran colpevole, tanto più questi pareva ostinarsi a
sfidarne le esitazioni. Era il pensiero che la sua fuga avrebbe potuto
rendere più grave e più manifesta la colpa de' suoi amici nel carcere?
Era, come fu più volte supposto, l'inconscio desiderio di un'espiazione
patriottica per le responsabilità del 1814? Era, come altri gli
rimproverarono, l'orgoglio di un uomo che si atteggiava a potenza, e
che diceva, come Danton alla vigilia del suo arresto: _non oseranno?_

La sera del 31 dicembre 1821, Federico e Teresa sono soli in un
gabinetto, nella loro casa, ora Lattuada, tra la via Romagnosi e
il Monte di Pietà. Entra improvvisamente il solito conte Bolza con
due commissarj. Vogliono solamente rovistare alcune carte, ma il
Gonfalonieri ha visto nel cortile birri appiattati e comprende che
l'ora del dolore è suonata. Teresa dà al marito in uno sguardo un poema
di conforti, di ricordi e di addii. E mentre il commissario affetta di
visitare lo scrittojo, Federico chiede il permesso di mutarsi d'abiti,
entra nello spogliatojo ed apre l'usciuolo della scaletta segreta. Al
remore, che non può interamente dissimularsi, il Bolza si precipita
nella camera da letto, un altro commissario mette una pistola alla gola
della contessa Confalonieri, gendarmi e birri entrano nelle stanze e
inseguono su per le scale il fuggitivo. Questi giunge in tempo a calare
dietro di sè la pesante botola che copriva la scaletta e si slancia
verso il cancello dell'abbaino che ogni sera rimaneva aperto. Un urlo
d'angoscia! il cancello è chiuso e la chiave non è sull'uscio.

Invano fruga con febbrile ansietà; invano scuote le rigide barre
e cerca con disperato sforzo di sgretolare i mattoni; il tetto, lo
spazio, la libertà son lì a due passi le sue mani vi si distendono
traverso alle sbarre; ma la botola si risolleva; gli sbirri accorrono,
si abbattono sulla loro preda; Federico Confalonieri dà un mesto addio
al mondo, alla libertà, alla sua Teresa; è prigioniero.

Nessuno potè mai spiegare in qual modo la via di salvezza preparata
con tanta cura si sia trovata al momento del bisogno così fatalmente
ostruita. Un agente di casa Confalonieri asserì per molti anni che
soltanto per misura di sicurezza interna, il maggiordomo di casa,
ignaro del vero scopo di quell'apertura, avesse, qualche giorno
prima, fatto chiudere il cancello. Nella famiglia durò lungamente la
tradizione che un servitore, da poco tempo assunto, e boemo di nascita,
avesse in quel mattino chiuso il cancello e nascosto la chiave.

Il processo del conte Confalonieri è una delle maggiori iniquità
giuridiche di cui siano fecondi i moderni tribunali straordinarj.
Nulla fu rispettato, nè le forme, nè la coscienza, nè i diritti del
prigioniero. L'insidia e la ferocia ne vegliano le ore, durante il
carcere d'inquisizione e durante quello di pena.

Domanda un Codice penale, e gli viene rifiutato. Esige, a tenore
di legge, che due probiviri assistano agli interrogatorj per la
regolarità del processo, e gli destinano due giudici tratti dal seno
della Commissione straordinaria inquirente. Convintosi una volta
della falsità di una deposizione presentatagli a firmare, la riassume
nella sua risposta protocollata, ed il giudice gli straccia sul viso
deposizione e protocollo, perchè non ne rimanga traccia negli atti.
Si cerca interrogarlo di notte, rompendogli il sonno; durante accessi
di febbre; subito dopo qualche colloquio colla moglie, da cui esca
addolorato o commosso[42].

I capi d'accusa sono quattro. Gli contestano: 1.º di avere mandato
ad annodare intelligenze col principe di Carignano; risponde di
averlo fatto soltanto per gli scopi del mutuo insegnamento e sfida
a produrre lettere che parlino d'altro; 2.º di essere notato fra
le carte sequestrate al principe della Cisterna come l'individuo di
maggiore influenza a cui far capo in Lombardia; risponde, non avere
avuto corrispondenze di sorta, non essere responsabile di supposizioni
o di opinioni che altri esponga sul conto suo; 3.º di essere entrato
in conciliaboli diretti ad assassinare il maresciallo Bubna; risponde
sdegnoso che le relazioni di amicizia personale esistente fra lui
e il maresciallo lo avrebbero fatto correre in sua difesa se lo
avesse supposto minacciato da altri; 4.º di avere insistito perchè i
rivoluzionarj di Torino entrassero in Lombardia; risponde, provando
d'avere scritto al San Marzano, per isconsigliarlo vigorosamente dal
passare il Ticino.

Sopra nessun punto è debole, in nessun argomento si lascia vincere
dallo sconforto. È un inquisito che mette in contraddizione i suoi
giudici, non lascia mettere sè. Non accusa nessuno, ma si scolpa d'ogni
imputazione[43]. Un tribunale onesto avrebbe dovuto dimetterlo per
mancanza di prove. La Commissione straordinaria lo condannò a morte.

Ma lo si voleva condannare. Volevano che non isfuggisse allo Spielberg
la sua maggior preda; che Milano fosse percossa di terrore, vedendo
troncato il suo più alto papavero. Un inquirente novizio, un giorno che
Salvotti era assente, gli aveva detto: “Della reità sua, signor conte,
nessuno può dubitare; ma il trovarne le prove è un affare imbrogliato.
Per condannare tutti gli altri a morte, abbiamo prove più del bisogno;
ma se non si potesse condannar lei, che cosa direbbe il pubblico?„
Un altro giorno finalmente lo stesso ingenuo gli dice: “Il Salvotti
ha studiato tutti questi giorni il suo processo, e questa mattina era
tutto _contento_, dicendo d'averla trovata anche per lei.„

Che cosa aveva trovato questa tigre contenta? null'altro ancora fuorchè
la lettera scritta al San Marzano per distoglierlo dalla spedizione. È
quella il capo d'accusa, l'argomento che lo fa condannare a morte. Il
Salvotti trova che non era scritta _con buono spirito_. “Le intenzioni„
risponde calmo il Confalonieri, “le vede Iddio. La mia lettera ha
servito ad impedire l'impresa e non a favorirla. Ecco tutto quello che
posso dire[44].„

Gli episodj che seguono la condanna del Confalonieri sono
strazianti. Bisognerebbe possedere la tavolozza di Ary Schäffer o
la penna dell'autore dell'_Ildegonda_ per descrivere le emozioni di
quell'infelice famiglia, la costernazione del pubblico sentimento; per
interpretare quell'immenso dolore e quell'immensa pietà.

Il vecchio padre Vitaliano, la giovane sposa, il fratello Carlo, il
giovinetto cognato Gabrio Casati partono precipitosamente per Vienna
il 2 dicembre (1823); il cupo imperatore li fa aspettare fino al 24; e
sceglie la vigilia di Natale per ricevere, non Teresa, che non volle
veder mai[45], ma il padre e i due giovani e annunciar loro che ha
confermato la sentenza di morte.

Il vecchio padre è per isvenire dal dolore a così crudele notizia.
Gabrio Casati, forte della sua giovinezza e della sua innocenza, parla,
prega, scongiura; e il Tiberio austriaco risponde freddo e sentenzioso:
“valga l'esempio di siffatto castigo a voi giovane e a tutta la
lombarda gioventù, perchè abborriate dalle congiure. Se vi preme
di abbracciare anche una volta il congiunto, correte precipitosi a
Milano.„ E quelli corrono, e con essi corre la sventurata Teresa, a cui
l'imperatrice Carolina, confondendo le proprie lagrime colle sue, aveva
promesso che insisterebbe colla maggior seduzione presso l'imperiale
marito.

E insiste infatti, e nella notte del Natale, giovata da un dubbio sulla
legalità del processo e dalla ingrata impressione fatta sulla città e
sull'aristocrazia viennese dall'implacabile linguaggio dell'Imperatore,
ottiene che una staffetta sia spedita a Milano coll'ordine di
sospendere l'esecuzione. La previdenza tutta femminile dell'imperatrice
le fa aggiungere l'invio di una seconda staffetta; e infatti è questa
che giunge in tempo, essendosi l'altra attardata per via.

Però, crudele perfin nel bene, Francesco II impedisce alla consorte di
partecipare questa notizia alla Teresa, che viaggia con tanta angoscia
nell'animo, mentre una parola avrebbe potuto lenirla d'assai.

A Milano sa che Federico è ancor vivo, ma non può rivederlo. Si
raccolgono firme per un indirizzo all'Imperatore, e la città commossa
ne offre a centinaja, prima fra queste quella di Alessandro Manzoni.
Gabrio Casati riparte a furia per Vienna, con queste firme, colle
preghiere di grazia del Vicerè, dell'arcivescovo Gaisruck, di Maria
Luigia, duchessa di Parma. E finalmente l'Imperatore, mosso piuttosto
da pressioni viennesi che da preghiere italiane, faceva grazia della
vita e permetteva che a Teresa fosse accordato un ultimo colloquio
collo sposo infelice. Non permise però, — cuore di marmo, — che a
Federico rimanesse un cuscino, trapunto dalle sue mani e su cui essa
aveva versato tutta un'intimità di baci e di lagrime, atta a consolare
per molti anni nella sua carcere il derelitto!

Il 20 gennajo 1824, i condannati, graziati della vita, furono
esposti alla berlina fuori del palazzo criminale. Soldati e gendarmi
circondavano il triste impalcato, e pur troppo non mancava una folla
di mascalzoni e di baldracche all'ignobile esposizione[46]. La città
fu quel giorno sotto l'incubo del terrore e dell'angoscia; le porte
dei palazzi signorili rimasero chiuse; nessuno uscì per visite o per
passeggio; al teatro della Scala i palchi furono coperti di nero.
S'aprì quel giorno tra il governo austriaco e l'aristocrazia milanese
un largo solco, che a poco a poco doveva diventare un abisso.

Prima di essere rinchiuso in quella cella sepolcrale dove gli restavano
a passare altri dodici anni di vita, il conte Federico Confalonieri
doveva però subire un'altra prova, sottoporsi ad un'altra insidia
politica.

Il Tabarrini ha già pubblicato in un suo libro intorno a Gino Capponi
quel brano delle memorie inedite di Confalonieri, in cui narra il suo
colloquio a Vienna col principe di Metternich. È una pagina epica.
Quel potentissimo uomo che si presenta al suo prigioniero come eguale
innanzi ad eguale, che gli discorre lungamente, come uomo di Stato ad
uomo di pensiero, che fa balenare innanzi a' suoi occhi tutti i miraggi
della vita, dell'eleganza, del grado sociale, dell'influenza politica,
per istrappare a questo prigioniero una rivelazione, una parola,
su cui l'uomo potentissimo fonda tutta una speranza di sistemi e di
combinazioni, — è un episodio storico degno di Polibio o di Tacito.

Quella parola, richiesta con tanta ansietà, il prigioniero non l'ha
pronunciata. Si voleva da lui qualche cosa che compromettesse Carlo
Alberto, che permettesse a' suoi nemici di chiudere ogni avvenire di
regno a un principe italiano che pel quarto d'ora aveva contro di sè il
sospetto e la sventura, ma nel quale l'Austria, infallibile nell'odio
suo, presentiva da lungi il futuro determinato nemico. Federico
Confalonieri ebbe in quell'ora nelle mani il destino d'Italia. E lo
salvò; coll'intuizione del patriota, se non con quella del genio; lo
salvò, sacrificando sè stesso, la sua gioventù, la sua gioja domestica.
Il principe di Metternich gli offrì invano un colloquio liberatore
coll'imperatore Francesco. Quel beneficio dell'augusta presenza, che
il capo di un grande impero negava così duramente alla virtuosa moglie
di un nobile gentiluomo, egli l'avrebbe accordato volentieri a quello
stesso gentiluomo, fattosi delatore.

Ma il forte italiano ruppe i cupi disegni che sorridevano
all'Imperatore e al ministro, e l'avvenire di Carlo Alberto fu libero.
Il principe di Metternich si congedò dal suo interlocutore come
un carnefice dalla sua vittima. “Signor conte„ gli disse colla più
ironica disinvoltura “debbo intervenire ad un ballo e non posso farmi
aspettare. Mi dispiace ch'ella si ostini a voler seguire diversa via.„
E, accendendo ad un doppiere il suo zigaro colla massima indifferenza,
s'inchinò come avrebbe fatto a Milano nel palazzo Confalonieri, ed uscì
dalla stanza.

Il richiudersi di quell'uscio dovette certamente essere pel conte
Federico un istante di tremenda emozione. Aveva avuto un'ora di
illusione dei vecchi tempi, degli urbani colloquj; ora gli si aprivano
anni di umiliazioni, di fame, di catene. Quell'austero carattere non
si piegò. Da quell'abboccamento il ministro usciva rimpicciolito, il
prigioniero ingrandito. Il primo era un uomo di Stato che si tramutava
in delegato di pubblica sicurezza, il secondo era un ribelle che si
tramutava in uomo di Stato. Il primo s'avviava, uscendo da quella
stanza, ai balli, ai congressi, a tutte le voluttà della vita, ma era e
si sentiva vinto da quel pallido galeotto, che, avviandosi invece verso
le regioni dello squallore, constatava ancora una volta in faccia alla
storia l'impotenza della tirannide contro la virtù[47].

Del lungo martirologio di Confalonieri allo Spielberg possono avere
esatta nozione tutti quelli che hanno letto i libri di Pellico o
di Maroncelli o di Andryane o di Giorgio Pallavicino. Divenuto un
numero, come tutti gli altri, Francesco imperatore li trattò tutti
insieme coll'eguale squisitezza del tormentare[48]. Aveva nel proprio
gabinetto il piano di quelle prigioni e credeva uno dei più sacri
doveri dell'eccelsa dignità sua dirigere personalmente la gradazione
di sofferenze de' suoi prigionieri. A lui si doveva ricorrere per
aumentare o diminuire la razione di fagiuoli che si accordava ai
condannati. Egli permise, dopo mesi di atroci dolori, che si amputasse
la gamba a Piero Maroncelli. Ci volle un chirografo imperiale per
munire il calvo capo di Costantino Munari d'una parrucca di pelo
di cane. Il passero addomesticato, che era divenuto l'amico del
prigioniero Bachiega, gli fu sequestrato, poi restituito, morto,
per ordine dell'Imperatore. Fu egli che fece rinchiudere Giorgio
Pallavicino in una cella con un matto furioso. Confalonieri pativa
di asma e l'imperatore d'Austria fece togliere un cuscino disotto al
capo dell'uomo che era stato ambasciatore presso di lui. La mente si
confonde a pensare quanta ferocia può accumulare un odio politico nel
cuore di un uomo che ha moglie, che ha figli, che prega Iddio! Perfino
questo conforto del pregare era stato avvelenato al Confalonieri;
ed egli, uomo di fede cattolica, dovette astenersi dalle pratiche
religiose, perchè il sacerdote delle carceri ne approfittava per
ispingerlo a confidenze, a rivelazioni, ad accuse contro Carlo Alberto.

Le discipline carcerarie erano vigilanti e rigorose; però gli affetti
ch'egli aveva lasciato fuori del carcere si coalizzavano con efficacia
ed erano riusciti a regolare un piano di fuga che aveva le maggiori
probabilità di successo. Venutone a cognizione, il Confalonieri si dice
avesse chiesto se al suo compagno di cospirazione e di carcere, Filippo
Adryane, sarebbe pure stato concesso il mezzo di fuga. Rispostogli
che la combinazione non poteva estendersi ad altri, senza certezza
d'insuccesso, ricusò di approfittare solo di questo sforzo d'amici. La
salute della contessa Confalonieri si aggravò del nuovo eroismo e del
nuovo dolore.

Scrisse in carcere le sue Memorie; dieci fascicoli di carattere fitto
che non si possono guardare senza emozione, pensando al luogo dove
furono scritte e alle lagrime che avranno costato.

Le dirigeva, con affettuose parole, alla consorte Teresa, di cui certo
in quegli anni avrà apprezzato l'amore più che in ogni altra epoca
della sua vita.

Si struggeva dal desiderio di poterla rivedere, e lo sperava. Ma
un giorno entra nel suo carcere un commissario ruvido e impettito.
“Numero sette„ gli dice “S. M. l'Imperatore si degna di farvi sapere
che vostra moglie è morta.„ La pagina che segue nelle sue Memorie
a questo annuncio è straziante. Cessa di scrivere perchè non ha più
il Nume che lo inspirava. Nelle ultime pagine, le sue riflessioni si
volgono di preferenza ad argomenti spirituali. Quando Francesco muore,
e il suo successore spalanca, non senza restrizioni, le porte delle
prigioni politiche, Confalonieri è un uomo, come Pellico e più di
Pellico, avvolto nell'atmosfera di un misticismo religioso profondo.
Sicchè dovette certo suonargli gradita l'epigrafe apposta ad un libro
che trovò a Gradisca, inviatogli dal suo condiscepolo e quasi fratello,
Alessandro Manzoni.

“Che può l'amicizia lontana per mitigare le angosce del carcere, le
amarezze dell'esiglio, la desolazione di una perdita irreparabile?
Qualche cosa quando preghi; chè, se sterile è il compianto che nasce
nell'uomo e finisce in lui, feconda è la preghiera che vien da Dio e a
Dio ritorna. — Milano, 23 aprile 1836.„

Rispettiamo l'evoluzione di queste coscienze, che, dopo 15 anni di
colloquio col proprio dolore, hanno trovato una via. Quante cose, al
mondo, sembrano diverse, guardate al lume della solitudine e della
sventura!

Federico Confalonieri fu, nell'ultima fase della sua vita, uomo e
patriota alto d'istinti, com'era stato nella prima. Il carcere non
lo aveva domato, la libertà non lo sbilanciò. Condottosi in America,
vi trovò accoglienze così romorose quali non potevano convenire
al suo carattere chiuso ed austero. Vi era stato preceduto da un
articolo dell'_Edimbourg Rewiew_ che ne faceva altissime lodi. Più,
v'era conosciuto e assai popolare il nuovo libro di Pellico: _Le mie
prigioni_, la cui traduzione si leggeva anche nei più meschini abituri.
Il Confalonieri fu dunque accolto con quegli entusiasmi, di cui la
razza anglo-sassone non cede in alcune occasioni il privilegio alle
razze latine. Lo chiamavano il _martire del miglioramento umano_; lo
pregavano di benedire, di battezzare i bambini; domandavano al suo
cameriere qualcuno dei suoi grigi capelli.

Il proscritto milanese si sottraeva, come e quando poteva, a simili
pubblicità. Studiava, secondo l'antica abitudine, uomini, istituzioni,
movimento scientifico; e v'è una sua lunga lettera, in cui parla
delle nuove applicazioni dell'elettricità, e suppone, con notevole
preveggenza, che questa forza debba potere in seguito adoperarsi pei
trasporti e per l'illuminazione.

In America trova Pietro Borsieri, suo compagno di sventura, e lo
soccorre con fraterna larghezza; trova il principe Luigi Bonaparte, che
lo colma di gentilezze, e vi risponde con severo riserbo.

Torna in Europa, va a Parigi, e Luigi Filippo lo sbandisce
entro ventiquattro ore dal regno, per compiacere alle richieste
dell'ambasciatore d'Austria.

Questi pretendeva che il Confalonieri avesse violato uno dei patti
dell'amnistia concessagli, cercando di vivere in Europa. E lasciava che
questa sua accusa si diffondesse, tanto che un giornale, il _Temps_,
la raccolse per conto suo e stampò un articolo abbastanza ingiusto
per l'esule milanese. Il Confalonieri non accettò di sopportare in
silenzio questa duplice ostilità. Scrisse al _Temps_ una lettera
dignitosa per rivendicare i suoi diritti e ristabilire la verità delle
cose[49]. L'incidente destò rumore; parve indegno che due governi si
unissero per togliere ad un uomo la libertà del suo domicilio; e il
ministero francese, spaventato dalle fiere proteste dell'opposizione
parlamentare, revocò il suo decreto.

A Vichy s'incontra per la prima volta, dopo lo Spielberg, con
Giorgio Pallavicino; e fra quei due uomini, così duramente provati
dal destino, la prima impressione è piuttosto d'imbarazzo che di
simpatia. Le origini del processo pesavano sulla loro memoria. Ma quel
broncio, in terra straniera, fra due vecchi patrioti, addolorava un
giovane patriota, e Carlo D'Adda si prese l'assunto di ravvicinarli e
riconciliarli. Strano a dirsi, non fu il Confalonieri l'uomo di cui si
dovettero vincere le esitazioni.

L'amnistia del 1838 riapre al profugo illustre le mura della sua
Milano, ed egli vi trova le antiche amicizie, risaldate dal rispetto
che impongono le sofferenze nobilmente patite. Trova la situazione
politica migliore di quella che vi aveva lasciata; perchè la
rivoluzione del 1830 ha data una nuova sconfitta alla reazione; e
perchè il suo sacrificio e quello dei suoi compagni ha ingagliardita
la fibra popolare, rialzando, colla virtù dell'esempio, le coscienze
prostrate. L'antico prigioniero è affranto, malaticcio, solitario,
aspro di umore e di carattere; ma il rispetto dei patrioti e dei
giovani lo accompagna; quando passa a cavallo, dinanzi al ginnasio
di S. Marta, gli scolari escono per vederlo e si scoprono il capo
dinanzi a lui; Giuseppe Mazzini gli scrive: “fin dai miei primi anni di
gioventù ho imparato a stimarvi e ad amarvi.... Parmi che uomini come
voi debbano essere serbati non solamente a _patire_, ma a _fare_. E
parmi che le occasioni non mancheranno.„

Sventuratamente, quando le occasioni vennero, Federico Confalonieri non
v'era più. V'è e rimane la fama di lui, che per l'insieme dei fatti e
per lo sdrucciolo delle odierne moralità politiche, bisogna sperare sia
più vicina a crescere che a diminuire.

Quella generazione del 1821, resa sacra dal patriotismo, non possedeva
nel suo complesso i requisiti necessari al còmpito che i tempi duri
le avevano assegnato. Fra uomini colti e miti, come il Pellico, come
l'Arrivabene, come l'Arconati, e giovani facilmente avventati, come il
Pallavicino, il Trecchi, il Borsieri, soltanto Federico Confalonieri
ebbe tutte le qualità del cospiratore, del capo di parte, dell'uomo
di Stato. La generosità dell'indole sua è provata dalla grande
solidità degli affetti che a molte persone superiori seppe inspirare.
Dove si trovava era il primo, e nessuna gelosia turbava questa sua
preminenza. Le lettere che gli scrivono Silvio Pellico, Lodovico de
Breme, Pellegrino Rossi, il Mompiani, gli Ugoni sono calde di una vera
amicizia. Teresa Casati crea per lui una leggenda di amor conjugale.
Il Mazzini e il Manzoni lo amano di pari affetto. Alessandro Andryane
gli dedica un culto idolatra. Quando i condannati camminano verso
lo Spielberg, circondano lui d'ogni dimostrazione di simpatia e di
rispetto. Il commissario che il conduce scrive: “sentivano essi ogni
sua fisica e morale alterazione, nè di altro si occupavano che dello
stato del Confalonieri[50].„

Un uomo che si concilia da persone così diverse, e in così diverse
situazioni, sentimenti così profondi, doveva essere uomo di qualità
superiori; la sola energia del carattere non sarebbe bastata a
giustificarli. Forse le occasioni soltanto gli mancarono per essere
un uomo grande. L'ambiente di compressione e l'epoca di transizione
dovettero unirsi per impedirgli maggiore svolgimento di facoltà e di
azione[51].

Quando il Confalonieri morì, i suoi funerali servirono al popolo ed
alla nobiltà milanese di occasione per confondersi insieme sulla
piazza di San Fedele e compiere la prima di quelle dimostrazioni
politiche, alla cui serie doveva seguire l'ammirabile concordia delle
cinque giornate. E certo quel generoso spirito dovette essere lieto
nell'infinito che il suo cadavere giovasse a così fecondo suggello
delle sue speranze. Era stato, vivendo, il martire; doveva essere,
morendo, il profeta del patriotismo. V'è qualche sintesi a trarre,
in vantaggio dei tempi nostri, dall'insieme doloroso e glorioso dei
fatti che siamo venuti esponendo o riassumendo? Se v'è, potrebb'essere
questa.

Per uno di quei contrasti che non sono nella storia infrequenti, sotto
un regime assetato di despotismo e di vigliaccheria s'era educata
una generazione di uomini forti e liberi che ci hanno preparata la
patria. Ora che la patria l'abbiamo, siamo insofferenti d'ogni difetto
di cose, e c'immaginiamo di poterli tutti correggere, improvvisando,
contro ogni difetto, ordinamenti e decreti. Mutiamo il metodo; volgiamo
l'intento nostro a fare dei caratteri e non dei decreti. Quando avremo
i primi, trarremo anche da decreti mediocri effetti buoni. Ma se ci
ostineremo esclusivamente intorno ai secondi, lasciando che dietro
ad essi sorgano generazioni fiacche e prive di fede, avremo fatto una
patria somigliante a quei busti di guerrieri a cavallo che si ammirano
nelle nostre armerie medio-evali. Le corazze saranno lucide, i gambali
perfetti, gli elmi eleganti; soltanto, il cavallo sarà di legno, e le
brune armature nasconderanno il vuoto.



IL QUARANTOTTO E LE CINQUE GIORNATE.


Tocchiamo coi nostri studi ad epoche d'indagazione scabrosa, e più che
mai sentiamo quanto sia difficile il camminare _per ignes_.

Parlare della rivoluzione del 1848 senza poterne fare la storia;
ricordare fatti di uomini vivi e di uomini morti, colla certezza di non
poter rendere nè a tutti i vivi, nè a tutti i morti quel giusto omaggio
che richiederebbe giorni e volumi; esporre questa mezza storia e questi
mezzi ricordi a giovani che non hanno sentita di quegli eventi neanche
l'ultima onda, ed a vecchi, a cui non disdirebbe la frase del poeta:
_quorum pars magna fui_; ecco certamente un'impresa che, come soverchia
le nostre forze, così dovrebbe soverchiare il nostro coraggio.

Senonchè un altro pensiero ci risospinge; ed è che dopo avere osato
evocare dal loro silenzio tanti e così diversi tipi storici milanesi,
da S. Ambrogio a Federico Confalonieri; dopo avere, per quasi tre
volumi, agitata la face dei dolori e delle discordie che ingemmarono
il nostro passato; potrebbe sembrare una ingiustizia od una viltà il
chiudere questo colloquio coi nostri lettori, senza tentare di farli
rivivere, almeno per un'ora, in quella sola epoca di combattimento che
fu una gloria per tutti, — in quel solo periodo, già pur troppo così
lontano, in cui gli animi e i cuori dei nostri concittadini si sono
trovati, per molti mesi, uniti da un solo pensiero, scaldati da un solo
affetto.

L'Europa del 1886 muove per vie affatto diverse da quelle su cui ci
eravamo incamminati trentasette anni fa. Quelle parole d'indipendenza,
di nazionalità, di libero scambio, di fratellanza sociale, che allora
ci facevano battere il cuore, sono divenute parole antiquate, idee
puerili, sulle quali discende l'olimpico sorriso di compassione o di
scetticismo degli uomini pratici. Oggi la nazionalità si seppellisce
sotto i protocolli diplomatici di Londra o di Berlino; l'indipendenza
si porta per l'Asia o per l'Africa a colpi di cannone; il libero
scambio fa innalzare a regni ed a repubbliche barriere di dogane
protezioniste; la fratellanza sociale si esplica, sotto repubbliche e
sotto regni, cercando i modi per cui s'impedisca agli operai stranieri
di cooperare coi nazionali nei prodigi del lavoro e dell'industria.

Quelle parole hanno avuto però la loro storia. Forse potranno riaverla.
Ad ogni modo, è quando l'egoismo degl'interessi materiali corrode le
società e “mena gli spirti nella sua rapina„ che bisogna irrigidirsi
dal lato opposto e tenere alta la fiaccola degli ideali. A questi —
tosto o tardi — ritornano le nazioni, quando giunge l'ora del dolore e
della sventura. Allora piace intrattenersi colle nobili ombre, e trarre
da nobili tradizioni la lena per rifare il cammino. E si comprende
allora — tardi — come debba vedere disalvearsi presto i fiumi della sua
prosperità materiale un popolo che lasci inaridire le fonti della sua
morale dignità.


I.

LA PREPARAZIONE.

Fra gli abituri che il rinnovamento edilizio di Milano ha trovato sul
suo passaggio e che ha irrevocabilmente sacrificato ai tardi orgogli
delle vie possibilmente larghe e passabilmente diritte, pochi ormai
ricordano due bottegucce da caffè, tanto modeste da non avere quasi
neanche un nome proprio, e che perciò si rifugiarono dietro il nome
vezzeggiativo delle singole proprietarie.

L'una esisteva dietro gli attuali portici occidentali della piazza del
Duomo tra le distrutte vie del Falcone e del Cappello, e si chiamava il
caffè della Peppina; l'altra stava quasi di fronte al maggior Teatro,
in quel massiccio di case che si dovette abbattere per preparare il
giardino dove sorge il monumento a Leonardo da Vinci, e si chiamava il
caffè della Cecchina.

Chi avesse frequentato, con ispirito di osservazione, quei due
bugigattoli, negli anni che corsero dal 1840 al 1848, vi avrebbe
spesse volte notato due gruppi d'amici, stretti a colloqui più intimi
degli altri avventori; facilmente occupati a sfogliare giornali, a
commentarli vivacemente, a ricevere e leggere biglietti, a scrivere
risposte, a mandare e ricevere messaggeri. E forse un osservatore
superficiale, pensando alle abitudini del tempo, all'età di quegli
avventori, all'ubicazione dei due stabilimenti, avrebbe potuto
immaginarsi che tutta quell'attività giovanile avesse per ultimo
risultato i sorrisi delle ballerine e delle cantanti che passavano
dinanzi al caffè della Cecchina o di deità anche minori che brulicavano
nei paraggi del caffè della Peppina.

Eppure proprio in quei due bugigattoli si venivano preparando audacie
grosse, e le due società intime che avevano scelti per le loro
confidenze i tavolini di quei due caffè rappresentavano su per giù
due diverse scuole di movimento politico, che riunendosi avrebbero
provocato la rivoluzione del 1848.

La schiera che si radunava al caffè della Peppina usciva direttamente
dalle numerose fila della _Giovane Italia_; e quando v'era a
dibattere qualche argomento più geloso o più pericoloso dei soliti,
si trasportava nella casa di uno dei suoi più intelligenti e più
risoluti centurioni, Attilio De Luigi, dimorante in una delle vie
curve e deserte dell'antica Milano, S. Ambrogio dei Disciplini. Lì
complottavano, con maggiore o minore efficacia, ma con intera devozione
e con intero sacrificio di sè; e l'osservatore vi avrebbe potuto
notare, tra gli altri, il dottor Pietro Maestri, allora direttore
della Casa di Salute a Porta Nuova, e Alberico Gerli, conosciuto nelle
intimità rivoluzionarie col nomignolo di _Pepe_, e due giovani, che
mescolavano la matematica colla politica, Giovanni Cantoni ed Angelo
Tagliaferri, e quel fiero Pezzotti, che prometteva ai compagni di
uccidersi, se fosse stato arrestato, e doveva più tardi mantenere la
parola; vi bazzicavano, con minore frequenza, ma con eguale attività di
preparazione, un altro matematico, già più alto nella scienza che negli
anni, Francesco Brioschi, e due giovani, destinati a lunga e dolorosa
sanzione di patriottismo, Giuseppe Finzi e il dott. Antonio Lazzati.

La _Giovane Italia_ era rimasta ormai la sola fra le società segrete
di carattere militante, dopo il naufragio che avevano fatto, colle
sconfitte del 18, del 20, del 21 e del 31, i carbonari, i federati, gli
adelfi. L'aveva fondata, nel 1832, un giovane, il cui nome cominciava
ad essere influentissimo sugli elementi patriottici, Giuseppe Mazzini.

Di fede ardente, di vita immacolata, di pensoso ingegno e di stile
concitato, il Mazzini pareva ordito veramente di quella stoffa di
cui si fanno gli apostoli. Dedicatosi giovanissimo alla disciplina
delle congiure, non seppe uscirne più per tutta la vita, e nella
seconda parte di questa meritò il rimprovero di avere qualche volta
sacrificato la realtà dello scopo all'amore del mezzo. La sua comparsa
nel moto politico italiano era stata veramente una scossa di pila
elettrica. Aveva dato alla società che fondava un intento assoluto
di unità nazionale; programma che abbiamo visto inalberato anche
trent'anni prima da pensatori e da uomini di Stato, ma a cui egli s'era
buttato con maggiore speranza d'ogni altro e con quella efficacia
di proselitismo che gli veniva dalla parola ardente, dall'aspetto
simpatico, dall'onnipotente patrocinio femminile. Quei suoi primi
pensieri, raccolti poi in tre volumi, sotto il titolo: _Scritti
letterarj d'un italiano vivente_, avevano ottenuto un grande successo,
specialmente fra i giovani, ai quali parevano aprire orizzonti
nuovi e larghi, meravigliosamente dissimili dai metodi compassati
di letteratura, di filosofia e di critica, a cui si tenevano fedeli
i professori dei licei e delle università. Quei nostri giovanili
intelletti trovavano a tante cognizioni vaghe, a studi pedanti,
troppe volte contrastati dal bigliardo, uno scopo nuovo, imprevisto,
tratteggiato con enfasi, — la patria. Non era più l'arte per l'arte.
La patria era il faro a cui doveva giungere la navigazione affannosa:
l'Italia una e libera, il nodo a cui si allacciavano con iscopi pratici
gli studj morali, i progressi fisici, le indagini di storia e di
geografia. Con questi ideali nell'animo si studiava di più, e lo studio
allargava, colle simpatie pel Mazzini, l'aderenza a' suoi concetti
politici, a' suoi organismi di setta.

Così cresceva l'influenza del grande agitatore genovese, che fu per
alcuni anni lo spauracchio di tutte le polizie d'Europa. Uomo, che ha
lasciato dietro a sè una fama assai contrastata, piuttosto, oseremmo
dire, per colpa dell'ambiente che sua. Certo, la contraddizione umana
non mancò in lui. Ebbe un indirizzo filosofico di alto spiritualismo,
e lasciò troppe volte che dal suo labbro o dalla sua mano uscissero
incoraggiamenti, diretti od indiretti, all'assassinio politico. S'era
dichiarato pronto a sacrificare per l'unità della patria i suoi impulsi
repubblicani, ed è morto nemico implacabile della monarchia che aveva
fatto l'Italia. Passerà nella storia come un gran cospiratore che
non aveva attitudini di governo, e crediamo che in questa, come in
altre occasioni, la storia s'ingannerà. Il Mazzini aveva attitudini di
governo; lo ha provato per pochi mesi, reggendo a Roma in situazione
difficilissima, con sagacia e moderazione maggiori di quelle che gli
si attribuivano. Forse anzi una esperienza più lunga di governo fu la
sola cosa che gli sia mancata, per trarre interamente nell'orbita di
una salutare efficacia le qualità politiche in lui sepolte sotto una
mistica fraseologia. Come cospiratore, era improvvido ed impotente.
Riceveva e dava confidenza, con una facilità di cui troppe volte
abusarono le astute polizie. Non sapeva conservare il segreto. I suoi
biglietti, i suoi indirizzi, le sue giaculatorie venivano sovente
in possesso dei commissarj e dei gendarmi, prima che delle persone
a cui erano dirette. Credeva ciecamente ad ogni informazione che gli
dipingesse sollevamenti pronti, e se ne valeva per prepararne altrove,
sulla base di queste ingannevoli cooperazioni.

È l'influenza personale di Mazzini che ha giovato alla patria; il suo
ingegno pieno di slancio, il suo prestigio di esule; e soltanto una
scuola fanaticamente innamorata d'ogni cosa sua ha potuto confonderne
le egregie qualità del cuore e dell'animo con quegli sforzi inorganici,
che erano invece il difetto o l'eccesso della sua inesperienza pratica.

A Giuseppe Mazzini l'Italia deve memoria grata e rispettosa per la vita
austera, pel lungo esiglio, per l'instancabile apostolato dell'unità
politica, per l'alto intento dato ai giovanili intelletti; non per le
sue cospirazioni, che non sono riuscite mai, in nessuna parte d'Italia,
dalla Calabria alla Valtellina; che dai moti savojardi del 1833 al
6 febbraio 1853 hanno dischiuso innanzi tempo il sepolcro a giovani
ed illusi patrioti, gettando sempre piuttosto impacci che ajuti sul
sentiero del risorgimento nazionale.

Tornando da questo illustre infelice ai più modesti casi del caffè
della Cecchina, bisogna dire che in questo si raccoglieva un'altra
schiera agitatrice, non meno generosa e non meno intelligente della
prima, ma uscita da tutt'altro ambiente e inchinevole a soluzione
diversa. Lì si adunavano specialmente i giovani delle famiglie ricche
e patrizie, che sottraendosi alle influenze, generalmente retrive, dei
vecchi genitori, guardavano al di là del Ticino cercandovi alleati
contro la dominazione straniera. L'osservatore che fosse venuto in
questi paraggi da quelli del Falcone, avrebbe facilmente riconosciuto
fra gli avventori della Cecchina alcuni dei giovani più eleganti e
nel tempo stesso più colti che brillassero nella società milanese:
Carlo e Giovanni D'Adda, Giovanni Curioni, Carlo Taverna, i fratelli
Guy, Alessandro Porro, i fratelli Prinetti, i fratelli Jacini, Rinaldo
e Cesare Giulini della Porta. Questi giovani, per patriotismo e per
tradizione politica, venivano in retta linea dalla generazione del
1821; avevano quasi tutti conosciuto e rispettato il Confalonieri,
dalla cui vita e dalle cui sventure traevano un esempio alto e
quasi un desiderio di patriottici sacrifici. Il loro programma era
sopratutto l'indipendenza; ma, determinati a raggiungerla per ogni
via, preferivano certamente quella che loro additavano i tentativi del
1821 e che da alcuni anni pareva schiudersi a maggiori probabilità per
l'attitudine nuovamente assunta da quell'altro illustre infelice che fu
Carlo Alberto, re di Sardegna.

Dopo le amnistie imperiali, erano ritornati in patria, oltre
i prigionieri dello Spielberg, altri milanesi distinti che le
persecuzioni di polizia avevano per alcuni anni costretto a vivere o a
Parigi o a Londra o a Ginevra o a Bruxelles. I Battaglia, i Majnoni, i
Rosales, Ignazio Prinetti, Francesco Arese, avendo vissuto lungamente
nei centri maggiori della società politica europea, portavano a Milano
le impressioni ultime e vere del loro esiglio; un desiderio cresciuto
di far partecipare la loro patria ai vantaggi di quella vita larga e
intellettuale a cui s'erano avvezzi; e insieme l'intonazione di una
politica non meno rivoluzionaria ma più moderata, di quella politica
che essi avevano veduto riuscire in Francia e nel Belgio a conciliare
le guarentigie della monarchia con quelle della libertà.


Fra questi due gruppi principali d'azione, di cui l'uno penetrava
colle sue influenze tutta la parte viva e popolare della città, l'altro
avvinceva alla causa dell'indipendenza i potenti interessi e le vaste
aderenze interne ed estere dell'aristocrazia lombarda, tenevano una
situazione speciale due notevoli individualità, due uomini indipendenti
allo stesso modo, ma per diversa ragione, da organismi compatti, —
Carlo Cattaneo e Cesare Correnti.

Ingegno facile e largo, indole simpatica piena di scatti, di seduzioni,
di entusiasmi e di mobilità, scrittore vibrato ed efficace di proclami,
di opuscoli, di bollettini e di almanacchi, dai quali l'opportunità
politica e il pensiero patriottico uscivano di mezzo a frasi nuove, a
concisioni nervose, a mistiche oscurità e ad audaci eleganze, Cesare
Correnti s'era buttato di buon'ora nel movimento e vi stava come
uomo determinato a non uscirne senza vittoria. Amico a moltissimi,
esercitava su tutti un ascendente che alcuni accettavano dall'ingegno,
altri dalla vivace parola, altri da un'attività giunta allora al suo
colmo. Che avesse un programma ben definito, nessuno lo saprebbe dire;
forse l'ingegno coltissimo non lasciava nascoste a lui le difficoltà
che ogni programma in quei giorni presentava e che altri non osava
neanche studiare. Ad ogni modo, voleva fortemente l'indipendenza, la
rivoluzione; e questo contribuì forse ad accrescere la sua influenza
e la sua popolarità; perocchè la gran massa della popolazione, per una
certa spensieratezza generosa che fu il carattere distintivo di tutta
quell'epoca, costringeva volentieri ogni programma nella sola formola
del _mandar via gli Austriaci_.

Questa conformità, non facile ad ottenersi, fra un uomo di
pensiero e una folla di azione, fece del Correnti in quei giorni la
personificazione più complessa del movimento. Se la rivoluzione del
48, contro la natura sua e la spontaneità de' suoi scoppj, avesse
potuto darsi il lusso di un capo, forse sarebbe stato lui. Certo s'è
ben lontani dal poter dire che abbia fatto ogni cosa, ma nessuna
cosa importante s'è fatta senza di lui. I vecchi si fidavano del
suo ardore, i giovani della sua dottrina. Quella stessa natura di
letterato e d'artista, che lo rendeva schivo di politiche rigidità,
lo metteva in grado di stare con molti e di agire su tutti con
intento di accordo e di cooperazione. Fra il caffè della Peppina e
quello della Cecchina era il vincolo naturale, la transizione più
utile e più accettata. Coetaneo e condiscepolo degli uni, coi quali
aveva divise, sui banchi universitarj, le aspirazioni della _Giovane
Italia_, era accettissimo agli altri, per l'ingegno elegante e per
le intime relazioni personali che aveva contratte coi Giulini, con
Alessandro Porro, con Francesco Visconti-Venosta. E se agli uni portava
l'assicurazione che il programma albertista non avrebbe impedito
alla nobiltà milanese di spendere denari e sangue per la battaglia
nazionale, garantiva altresì agli altri che nessun vincolo di setta
avrebbe frastornate quelle combinazioni che portassero aiuto di armi
fraterne e di monarchie militari a un popolo desideroso di combattere e
incapace di eccessi. Negli ultimi tempi, questa azione sua, giovata man
mano da altri elementi, da altre giovani e simpatiche individualità,
da Enrico Besana, da Francesco Simonetta, da Manfredo Camperio, da
Luciano Manara, era giunta a risultati completi; sicchè i due centri
d'agitazione patriottica si erano, per così dire, fusi in uno solo; o,
meglio, s'erano sminuzzati e moltiplicati in altrettanti sub-centri,
che, pure annodandosi a quei due principali, assumevano ciascuno
iniziative proprie e preparazioni speciali; certi tutti che qualunque
impulso, qualunque energia, qualunque imprudenza, avrebbe trovato
negli altri centri intera solidarietà, animi disposti ad affrontare
responsabilità e pericoli, comunque creati.

Tutt'altra attitudine aveva assunto, e a tutt'altri impulsi intendeva
l'animo, Carlo Cattaneo.

Era uomo di vasta cultura, di molta operosità intellettuale, di
carattere integro ma diffidente. Come il Correnti, era estraneo a
spiccati sodalizj politici; ma mentre il Correnti lo era perchè avrebbe
bramato essere con tutti d'accordo, il Cattaneo ne rifuggiva perchè
persuaso di avere con pochi solidarietà di opinione. Questi pochi
si radunavano la sera da lui: discorrevano molto di scienza e meno
di politica; erano gente di studio, piuttosto che di azione; antichi
scolari di Gian Domenico Romagnosi, filosofi, economisti, giuristi,
innamorati di cultura pubblica e di quesiti morali, ma che un certo
orgoglio d'intelletto teneva in parte disgiunti dalle impressioni
vivaci ed ingenue a cui la moltitudine si abbandonava con giovanile
ebbrezza.

Politicamente, il Cattaneo era agli antipodi da Giuseppe Mazzini. Dove
questi voleva unità d'Italia, congiure, impeti di popolo, idealità
generose, ma sfumate, di educazione patriottica, quegli voleva
ordinamenti di Stati piccoli, energie amministrative sostituite a
slanci rivoluzionarj, svolgimento di questioni pratiche e di interessi
positivi, di canali irrigatorj, di legislazione commerciale, di finanze
precise.

Sulla questione di repubblica o di monarchia, il Cattaneo non aveva
allora rigidezza di accentuazione. Vi fu un'epoca, dopo l'amnistia del
1838, in cui parve fortemente inchinevole ad accettare istituzioni
autonome e liberali da un principe della dinastia d'Absburgo. E da
alcuni articoli suoi sugli _Annali Universali di Statistica_ e sul
_Politecnico_ questa disposizione si lasciava, tra il prudente viluppo
delle frasi, chiaramente additare. In uno scritto, p. es. del marzo
1839, intorno alla piazza del Duomo, che cominciava a ventilarsi dopo
l'incoronazione dell'imperatore Ferdinando, scriveva con uno spirito
da cui ogni aspirazione repubblicana pareva esclusa: “Il nome di
_regno_, sovrapposto alle ristrette signorie dei tempi andati, divenne
una parola di riordinamento e di concordia; e la Corona Ferrea, non
più controversa reliquia d'età remote, divenne già due volte, fra i
penetrali del Duomo, segno vivo di forza e di unità.„ Non vi pare
di udire un Crispi di quarantasei anni fa, esclamare colla stessa
inspirazione di patriotismo: _La monarchia ci unisce, la repubblica ci
divide?_ Delle due volte in cui questa Corona Ferrea era stata, secondo
il Cattaneo, _segno vivo di forza e di unità_, una volta s'era posata
sopra un capo francese, l'imperatore Napoleone; ma l'altra non s'era
posata che sopra un capo austriaco; o Giuseppe II, o Ferdinando I;
due epoche diverse, ma una sola dinastia. Rincarava poi sulle stesse
idee e sulle stesse disposizioni, soggiungendo: “Una piazza del Duomo,
degna del tempio e della città, e del più bello ed ubertoso fra i
regni d'Europa, è divenuta un desiderio universale. E la rappresentanza
civica interpretò questo pubblico voto, deliberando appunto di aprire
una piazza del Duomo e d'inaugurarla col nome del Principe regnante
e a memoria del giorno solenne nel quale assunse la nostra nazionale
Corona.„

Gli è che veramente, più della repubblica o della monarchia,
l'idea politica fondamentale del Cattaneo era lo Stato piccolo,
la federazione, l'autonomia. Spirito liberale per eccellenza, gli
pareva di scorgere nelle grandi agglomerazioni politiche un pericolo
per gli svolgimenti individuali, e, tenero di questi, contro quelle
diventava feroce. Non si avvedeva che, restando largo nella questione
scientifica, diventava angusto nella questione politica; poichè
tutta l'Europa andava di corsa verso le grandi unità, e a non voler
inaugurare programma di reazione contro l'indirizzo europeo, bisognava
necessariamente, non opporsi ai grandi Stati, ma cercare i modi di far
camminare i grandi Stati colle ragioni della libertà.

Si capisce come, dominato da questi concetti, il Cattaneo vivesse, nei
mesi che precedettero le cinque giornate, sotto la tenda. Non aderiva
alla parte democratica che voleva l'unità mazziniana; non accettava
dalla parte aristocratica il progetto del regno dell'Alta Italia.

Forse si gettò alla repubblica per odio di questo; poichè era
veramente odio l'opposizione ch'egli moveva a tutto quanto sentisse
di albertismo, di piemontese, di unione territoriale coi paesi al di
là del Ticino. Nessuno discuteva con maggior passione di lui certe
questioni irritanti, su cui si cercava allora da tutti di scivolare:
monarchia o repubblica, fusione immediata o dilazione, Statuto o
Costituente, Milano o Torino. Pareva che preferisse, per una certa
asprezza dell'animo, ingrandire d'un tratto tutte le difficoltà d'una
soluzione ch'egli era impotente a sostituire.

S'era fatto da ultimo il vero patrocinatore, il capo d'un
programma municipale, d'uno Stato Lombardo, tutt'al più d'uno Stato
Lombardo-Veneto. Era ammiratore dell'antico Regno d'Italia, su cui
aveva cognizioni nette e profonde, e il suo ideale dell'avvenire non
si allontanava molto dall'ideale di quel passato. Il Piemonte in quel
passato non entrava e però non trovava posto nel suo avvenire. Quando
scoppiò, come un fulmine, l'insurrezione milanese, egli stava scrivendo
il primo numero di un giornale, che intitolava _Il Cisalpino_.
Perfin col nome voleva affermare la risurrezione di una compagine
territoriale, in cui soltanto egli vedeva tradizioni buone di jeri e
speranze migliori per l'indomani.

Chiediamo scusa se ci attardiamo intorno a questa fisonomia, che fu a
quell'epoca una delle più discusse, e che fu più tardi una delle più
ammirate. Appunto perciò ci pare che meriti quello studio largo a cui
gli uomini superiori hanno diritto. Giacchè non è uno dei fenomeni meno
strani che hanno segnalato la rivoluzione delle Cinque Giornate, questa
metamorfosi che ha prodotto nell'organismo politico di Carlo Cattaneo.
Ha trovato un uomo calmo, a istinti pratici, scrittore moderato sotto
governo autocratico, l'ha lanciato per alcuni giorni in una specie di
fornace ardente, e ne lo ha tratto scrittore furibondo contro governo
liberale, uomo politico a forti passioni, consigliero insieme al
Mazzini di audacie nazionali, che un patriota non dubbio come Giorgio
Pallavicino dovette combattere, che un uomo come il generale Garibaldi
dovette respingere come eccessive[52].

Non si potrebbero veramente credere usciti dalla stessa penna e dallo
stesso ingegno gli scritti anteriori al marzo 1848 e alcuni degli
scritti suoi posteriori, segnatamente quell'opuscolo sull'_Insurrezione
di Milano_, che fa così grave torto alla serietà ed all'equanimità del
suo criterio politico.

Negli scritti della prima fase è un ingegno pieno di pensieri; che li
svolge con logica vigorosa e mirabile chiarezza di esposizione; che
trae dalla scienza europea tutto il meglio ed il nuovo, lo assimila con
potente elaborazione, e lo riassume pe' suoi concittadini in opuscoli
ed articoli di rivista, certo i più efficaci e i più attraenti del
tempo suo. Nella seconda fase è uno scrittore pieno di violenza, che
pare abbia perduto il senso delle cose vere e dei fatti possibili;
un uomo a cui la foga della passione ha fatto obliare i caratteri che
distinguono dal libello il dolore patriottico. Nella prima fase è un
benemerito educatore del pubblico; da cui la generazione contemporanea
impara a staccarsi dagli antichi metodismi scientifici e a coordinare
tutte le conquiste intellettuali ad un nesso civile e patriottico;
nella seconda fase, par diventato l'eco d'ogni volgare aberrazione,
il fantastico interprete di quelle illusioni e di quelle millanterie
politiche, verso le quali affettava negli anni antecedenti un disdegno
intellettuale niente dissimulato.

Quale fu la genesi, l'evoluzione di questa mente preclara, or troppo
solitaria, or troppo cacciatasi nella folla?

Certo il Mazzini, per esempio, non iscrisse nulla che rasenti contro
Carlo Alberto il linguaggio a cui s'è creduto autorizzato il Cattaneo.
Il Mazzini, che nella sua famosa lettera a Carlo Alberto gli aveva
promesso d'essere nella liberazione d'Italia insieme a lui, ripeteva
anche nell'autunno del 1848, che se il Piemonte riprendeva la campagna,
lo avrebbe aiutato. E con ciò dimostrava, da uomo politico superiore,
di non credere a tutta quella leggenda d'intrighi, di viltà e di
tradimenti, che intorno a Carlo Alberto s'era ammucchiata, e che
ricorda, per la malata credulità dello spirito pubblico, gli untori del
1630.

Invece il Cattaneo, bollente d'ira dalla prima all'ultima pagina,
crede tutto o scrive come se a tutto credesse. Per lui è _inganno
regio_ il passaggio del Ticino, _tradimento_ la perdita delle
battaglie, _malvagia intenzione_ la venuta del Re a Milano, durante
la ritirata finale. I membri del municipio, del governo provvisorio,
sono _faccendieri_, _ciambellani_, _servi di Corte_; sono infidi,
tentennanti, _traditori_ i generali dell'esercito piemontese. Aveva
gridato il 24 marzo, giorno dell'ingresso delle truppe regie in
Lombardia: _viva il Piemonte, infamia a Carlo Alberto_[53]; chiude
il suo libro, nel settembre 1848 colla frase: _il Piemonte non è
necessario_.

Par di sognare a leggere oggi, dopo tanta esperienza, da un uomo di
tanto ingegno, così grandi fantasticherie. Parla di centomila Italiani
che sarebbero venuti, senza i Principi, a combattere la guerra di
Lombardia; al Comitato di Difesa, negli ultimi giorni, raccomanda
come _prima e suprema di tutte le difese_, nientemeno che questo:
“chiudere le porte, e rompere sotto pena di morte ogni comunicazione
coll'esercito del re, lasciandolo operare nella campagna come gli
convenisse[54].„ Insomma, è il linguaggio d'un uomo in delirio di
rivoluzione, e tale parve a quel venerando Giovanni Arrivabene, quando
s'intese dire da lui: “Arrivabene, buone nuove; i Piemontesi sono stati
battuti; ora saremo padroni di noi stessi[55].„


Appare tanto più eccentrica questa implacabilità del Cattaneo contro
Carlo Alberto, quando si pensa che, proprio in quei giorni, Carlo
Alberto era attorniato e acclamato quasi con entusiasmo da quegli
stessi patrioti ai quali sarebbe spettato il maggiore diritto, pei casi
del 1821, di essere assai guardinghi nella loro amnistia. Giacinto di
Collegno e Moffa di Lisio, cospiratori di quell'epoca e condannati per
quella, erano ministri suoi e nella sua politica intimità. Giorgio
Pallavicino, così atto per l'indole sua e per le acerbe sventure a
diffidare del principe al quale s'era nel 1821 inutilmente avvicinato,
patrocinava con generoso impulso l'immediata annessione delle provincie
lombarde alla corona di Carlo Alberto. E Giovanni Berchet, un altro dei
processati e degli esuli, l'autore delle fiere strofe che assalivano
il Carignano, supplicava in quei giorni gli amici suoi perchè si
stringessero intorno al severo e mistico Re, ch'egli onorava ora pel
suo energico patriottismo, quanto lo aveva nel passato percosso di
sospetti e di versi.

Infatti questo re, in uggia a molti, indovinato da pochi, celatosi
per molti anni quasi a sè stesso, usciva dal proprio paludamento, e si
presentava sulla scena, attore preparato a delusioni e a catastrofi,
risoluto dopo tante esitazioni, liberale dopo tante influenze di
clericato. Giacche egli pure era un patriota; e doveva darne presto
la prova nella più alta misura del sacrificio. Non era una religione
come il Mazzini, non era un sentimento come il Correnti, non era una
dottrina come il Cattaneo; il suo era un patriottismo da principe, non
meno vivo perchè si debba presentare sotto forme frenate, più difficile
perchè deve affrontare maggiori responsabilità. Un principe ha
naturalmente il dovere di cercare che una bandiera di libertà innalzata
a vantaggio d'altri, non provochi pericoli contro l'indipendenza dei
sudditi proprj. Uomini come il Cattaneo, come il Correnti, come il
Mazzini potevano balzare in mezzo ad armi e a congiure, senza che una
sconfitta danneggiasse di molto i paesi che spronavano a mutamenti.
Un uomo come Carlo Alberto doveva badare che moti intempestivi non
aggiungessero in Italia agli Stati già servi quello che i suoi maggiori
avevano, nel corso dei secoli, agglomerato e difeso contro durevoli
servitù.

I tempi e i documenti hanno già sparso una luce assai più benevola
intorno alla parte che spetta a Carlo Alberto nel sobbalzo
costituzionale del 1821. È ad augurarsi che interamente chiara riesca
a produrla, nella pubblicazione che sta preparando, l'autorevole
ingegno di Domenico Berti. Ad ogni modo, se quei fatti avevano reso la
situazione personale di Carlo Alberto dolorosa in faccia ai liberali
italiani, l'avevano anche resa in faccia all'Austria ed alla reazione
europea addirittura pericolosa.

I tentativi del principe di Metternich per dare al duca di Modena,
invece che alla linea di Carignano, l'eredità di Savoja, non avevano
smesso un istante. Abbiamo visto prima d'ora l'acuta ed insidiosa
insistenza con cui s'era cercato dal vecchio diplomatico di strappare
al Confalonieri prigione qualche segreto che potesse giovargli
contro il Carignano. E forse era una reazione di razza contro questi
tentativi, che aveva spinto un re di puro assolutismo come Carlo
Felice, a protestare contro ingerenze austriache e a riconciliarsi
interamente col principe di Carignano, in quel celebre colloquio al
letto di morte, il cui segreto non fu sino ad ora svelato.

Quando salì al trono, poco dopo la rivoluzione francese del 1830,
gli occhi di tutti i principi italiani e di tutti i despoti europei
si posarono con grande sospetto sopra di lui. L'Austria, dal Ticino,
teneva l'indice pronto sull'acciarino de' suoi fucili. Carlo Alberto
aveva bisogno di regnare per appellarsi alla storia contro i torti
della leggenda; e regnò, ostentando in faccia a questa Europa ostile
ipocriti furori di reazione, come i Borboni di Napoli avevano ostentato
dieci anni prima ipocriti amori di liberalismo. La storia giudicherà
quale di queste due ipocrisie abbia avuto dai fatti successivi
maggiori scuse. Onde s'ebbero allora i violenti processi del 1833 e la
prevalenza nelle regioni del governo di uomini freneticamente assoluti,
il Della Torre, il Della Scarena, il conte Solaro della Margherita.

Ma appena la situazione europea permise qualche alito di liberalismo, e
in Italia cominciò una pubblica opinione a preoccupare dei fatti proprj
ciascun governo, la politica di Carlo Alberto si accentuò con lento ma
sicuro cammino verso la guerra d'indipendenza.

Già nel 1838, all'epoca dell'incoronazione, Carlo Alberto non
aveva voluto venire, cogli altri sovrani d'Italia, a Milano. Nel
1840, rifiutava d'inserire nella _Gazzetta Ufficiale del Regno_ una
dichiarazione del governo austriaco, il quale minacciava di intervenire
in qualunque territorio italiano dove scoppiassero dei movimenti.
Nel 1844, diede al suo ministero una spinta liberale assai notata,
chiamando a reggere gli studi Cesare Alfieri, le finanze Ottavio Revel
e l'interno Luigi Desambrois, nomi che si sarebbero ripetuti con lode
anche durante l'epoca statutaria. Nel 1845 iniziava contro l'Austria
una lotta economica, nella quale i sali ed i vini erano pretesto per
affermare con altere parole l'indipendenza della politica sarda. Nel
1846 riceveva Massimo d'Azeglio, parlandogli linguaggio italiano; e più
tardi, salito Pio IX sulla cattedra di S. Pietro, scriveva al marchese
Villamarina: “Una guerra d'indipendenza nazionale che si unisse alla
difesa del Papa, sarebbe per me la più gran fortuna che mi potesse
toccare.„ Frattanto il Gioberti, il Balbo, il Durando pubblicavano
i loro libri, per allora audacemente patriottici. Ilarione Petitti e
Camillo di Cavour scrivevano di strade ferrate come di avviamenti a
solidanza italiana, si fondavano l'Associazione Agraria e l'_Antologia
italiana_, in cui gli uomini di pensiero scrivevano e parlavano
liberamente; si udivano insomma i primi rintocchi della rivoluzione.


Queste notizie cadevano l'una su l'altra sugli animi già commossi
in Milano, ed ognuna aggiungeva un'esca al fuoco, un proselite al
movimento. Nè soltanto le cose del Piemonte agitavano, ma fatti
e notizie piovevano da ogni parte, dall'Italia come dall'Europa;
nascevano in casa. Sorto il pensiero dei Congressi scientifici nelle
varie città, Milano l'ebbe nel 1844; e lo presiedette, con intenti e
destinazione piuttosto di politica che di scienza, il conte Vitaliano
Borromeo. Molti Piemontesi erano venuti allora a Milano; il Petitti,
amicissimo di Alessandro Porro, presentò ai nostri gli amici suoi, e
il Brofferio fece stupire per la vivacità e la libertà dell'ingegno. I
Piemontesi del 1844 fecero affatto dimenticare le diffidenze del 1821
e il programma della Cecchina cominciò a prevalere su quello della
Peppina.

Poi spesseggiarono le notizie più gravi e i commovimenti di carattere
europeo. L'occupazione di Cracovia e le stragi, — pensatamente
provocate dal governo austriaco, — dei proprietarj polacchi,
indebolivano tanto in Europa la politica del principe di Metternich
quanto aumentavano la ragionevolezza delle nostre proteste e la
simpatia che la nostra causa inspirava. Nella Svizzera, la guerra
del Sonderbund dava trionfo agli elementi liberali, e si guardava
con inconscia speranza a quelle milizie vincitrici così vicine, a
quegli ufficiali così propensi a guerra di libertà. L'anno 1846 era
stato, per condizioni climateriche, assai sventurato; il prezzo dei
grani accennava a bisogno di classi popolari; e le nostre signore,
doppiamente entusiaste per la carità e per la politica, raccoglievano
denari, cucivano abiti, portavano soccorsi negli ospedali e nelle case,
frammischiando alla parola del conforto quella parola della concordia
ch'era nell'animo di tutti e che si rivolgeva contro un nemico
impotente a trattenerla su labbra gentili.

Finalmente la morte di Gregorio XVI viene a stappare l'ultima valvola
del movimento italiano. Il 13 giugno 1846 s'era aperto il Conclave
e il 15 era già nominato il nuovo Papa. La pressione dello spirito
pubblico era stata così viva che il consesso cardinalizio aveva dovuto
ubbidirle. Quella politica papale tutta a processi, a sbirri e a
sanfedisti, che era stata lo sforzo di Gregorio XVI, non poteva reggere
più. Tutti lo sentivano, ma nessuno osava dirlo.

L'osò uno statista italiano, che l'ingegno suo e l'amicizia di Guizot
avevano fatto ambasciatore del governo francese. Pellegrino Rossi,
complimentando il Conclave, in nome del corpo diplomatico, uscì dalle
forme tradizionali fino a dire “essere miserabile la situazione degli
Stati Romani, gravi i falli del governo passato, urgenti i bisogni
del popolo, necessarie le riforme.„ Chiuse augurandosi, in nome
degli Italiani e del corpo diplomatico “che il Conclave scegliesse un
uomo capace di comprendere la grandezza del tempo e la volontà delle
popolazioni.„

Un tale linguaggio sulla bocca di un tale uomo era fatto per produrre
molta impressione sugli eccelsi elettori. Videro che bisognava far
presto e sceglier bene. Abbandonate le antiche gare e gli antichi
partiti, il Conclave si divise subito in due schiere: l'una che
voleva un Papa riformatore, l'altra che voleva un Papa di resistenza.
Il cardinal Lambruschini era il candidato di quest'ultima schiera;
gli altri erano incerti tra il cardinal Gizzi e il cardinale Mastai.
Parendo più probabile la scelta del primo, l'ambasciatore d'Austria si
affrettò a buon conto a valersi del suo privilegio per escluderlo. E un
biglietto ricevuto dal cardinal Lambruschini sotto la doppia etichetta
d'una bottiglia di Champagne, lo incoraggiava a lottare, poichè era in
viaggio il cardinale Gaisruck arcivescovo di Milano, che avrebbe col
suo grande ascendente rafforzata la schiera conservatrice.

Ma, poichè è destino che in ogni cosa debba cercarsi la _femme_,
anche il cardinale Bernetti, di parte liberale, riceveva, nel manico
cesellato d'un coltello da tavola, da cui si strappava la lama, un
altro biglietto d'una principessa romana, amica sua, in cui lo pregava
a votare e far votare pel cardinale Mastai[56].

La lama di coltello vinse la bottiglia di Champagne; e la parte
riformatrice del Sacro Collegio votò compatta pel Mastai-Ferretti
con 36 voti sopra 51. Le premeva di non lasciar giungere cardinali
avversari. E infatti il cardinale Gaisruck passava in quel giorno
i confini della Toscana. Aveva in tasca l'esclusione austriaca pel
cardinale Mastai. Quante cose diverse al mondo se il cardinale Gaisruck
fosse partito da Milano un giorno prima!

Il nuovo papa Pio IX giustificò subito, coi suoi primi andamenti,
le speranze che la sua elezione aveva destate. Riforme, amnistie,
larghezze di stampa e di riunione, parole di pace e di progresso che
uscivano da quelle labbra, da quelle sale, risuonavano per tutta la
penisola e afforzavano dappertutto il programma dell'indipendenza e
delle riforme interne. In sei mesi, Pio IX era l'uomo più popolare
d'Italia; non v'era angolo di paesuccio dove il suo ritratto non
fosse appeso alle pareti; non v'era donna o fanciullo che non
portasse medaglia o anello o ciondolo coll'immagine sua. Tutto si
faceva coll'invocazione, sotto il patrocinio di Pio IX; e nulla può
dare un'idea del fremito di emozione che corse dalle Alpi all'Etna,
quando s'udì che dal Vaticano il Pontefice aveva detto ad alta voce:
_benedite, gran Dio, l'Italia_.

Fu un terribile quarto d'ora pel vecchio e cocciuto principe di
Metternich, il quale diceva al marchese Ricci, inviato sardo: che
al mondo aveva tutto preveduto, — tranne un Papa liberale. Proprio
questa tegola gli cadeva sul capo; ed egli non potè renderne men grave
il colpo. Mandava a Roma esortazioni e ammonimenti che il cardinale
Gizzi, Segretario di Stato, riponeva sotto il calamajo. Sperando meglio
dall'antica violenza, ordinò al maresciallo Radetzki di occupare
la cittadella di Ferrara, come avvertenza minacciosa di non lontano
intervento. Fu peggio che mai. Protestò virilmente il Papa; protestò
la diplomazia; Carlo Alberto offerse le sue truppe a Pio IX, per
respingere gl'invasori; principi e popoli italiani furono d'accordo
contro l'Austria e a favore del Papa; Radetzki dovette sgombrare la
cittadella occupata, e questo nuovo scacco della politica di reazione
finì di eccitare al più alto grado l'entusiasmo delle popolazioni.


Allora si produsse in Lombardia un fenomeno, che non ha il suo simile
nella storia. Un popolo schiavo che diventa libero per la forza della
sua fiducia. Una città che diventa un sol uomo; e quest'uomo che
diventa un fanciullo, colla sua spensieratezza, col suo coraggio, colla
sua innocente allegria.

Quella gran potenza dell'Austria faceva ridere. Se ne burlavano i
monelli nelle strade, la sfidavano spose e fanciulle dai loro balconi
o nei ritrovi pubblici. Ogni giorno se ne inventava una. Dopochè la
religione aveva sanzionata la politica di liberazione, e il clero
milanese s'era unito di cuore ai propositi ed ai preparativi della
popolazione, tutto parve lecito, nessuna cosa imprudente o impossibile.

Un giorno veniva da Roma notizia di qualche liberalità del Pontefice,
e le signore comparivano subito in teatro coll'abito bianco e giallo.
Era la notizia della costituzione di Napoli? tutti gli uomini portavano
in un batter d'occhio il cappello alla calabrese. La polizia proibiva
i cappelli, e tre giorni dopo tutti vestivano abiti di velluto-cotone
della fabbrica di Vaprio. Che cosa voleva dire? nulla; ma la polizia
se ne inquietava ed era una ragione per farlo. Chi desse queste
istruzioni, chi regolasse queste dimostrazioni, non si sapeva e non
si cercava di sapere. Erano nell'aria, nell'istinto, nel cuore. Uno
sconosciuto vi mormorava nell'orecchio: domani a Porta Nuova, e si
andava a Porta Nuova; vi mettevano nelle mani un bigliettino: stasera
in piazza del Duomo, e la piazza del Duomo si stipava di gente.
A far che? non sempre lo si sapeva; nulla, molte volte; ma questa
concordia di voleri, questa facilità di comunicazioni e di diffusione
era una gran disciplina. Bisognava pure sapere se ad un dato momento,
se nell'ora del bisogno, del pericolo, i direttori di una rivolta
avrebbero potuto contare sulla popolazione, sull'attitudine sua a
moversi, a credere, ad ubbidire. A ciò giovavano le _dimostrazioni_.
E chi le pensava o le dirigeva — se erano pensate o dirette — compieva
ufficio serio e patriottico; esercitava a manovre senz'armi un popolo
a cui presto le armi dovevano darsi.

Per non so quale costituzione italiana, si disse un giorno che la
domenica successiva bisognava andar tutti in Duomo all'ultima messa.
La polizia fece spargere voce che avrebbe mandato travestiti trecento
satelliti, i quali, al menomo grido, avrebbero menato le armi a dritta
e a sinistra. Forse diecimila cittadini si assieparono in Duomo,
un migliajo di donne, nobili e popolane; e sulla piazza, dinanzi al
palazzo vice-reale, erano puntati i cannoni, intorno e dinanzi ai quali
si fermavano, con disdegnosa noncuranza, i cocchj dei _dimostranti_.

Il governo fremeva; aveva soldati e bombe e forche e guardie di
polizia, e non riusciva ad impedire una dimostrazione, a spaventare
un monello. Domandava a Vienna che cosa si dovesse fare, e da Vienna
rispondevano, meravigliandosi che non sapesse fare. Voleva trovare
ad ogni costo il _Comitato_ che metteva in tutto questo subbuglio la
città. Si disse allora — o probabilmente un bello spirito immaginò
— che un cittadino, affermando ad un commissario di polizia la sua
conoscenza dei segreti del Comitato, lo avesse condotto sulla guglia
del Duomo, e di là, mostrandogli il circuito delle mura, gli avesse
detto: eccovi il Comitato! Si stampavano e s'introducevano libri,
pubblicazioni, che il governo sapeva distribuite a migliaja e che non
riusciva a sequestrare. Le poesie del Giusti, gli scritti del Mazzini,
del Guerrazzi uscivano da tipografie clandestine. Il _Nipote del
Vesta-Verde_ creava a un linguaggio convenzionale che gli Austriaci non
capivano e che al popolo dava tono e speranze. Il Correnti scriveva
_l'Austria e il suo avvenire_, il Torelli i _Pensieri sull'Italia_
(Anonimo Lombardo), Anselmo Guerrieri, _l'Austria e la Lombardia_,
Luigi Sala intimava, in un opuscolo _Un ultimo consiglio all'Austria_,
le condizioni a cui avrebbe potuto il movimento rivoluzionario
rallentare del suo cammino e della sua energia.

E il governo non sapeva nulla, non trovava nulla. Arrestava a tentoni,
sbandiva ora l'uno ora l'altro, credendo di colpir giusto. Frugava
nomi tra la borghesia e la nobiltà; ora mandava a domicilio coatto
Ignazio Prinetti e Manfredo Camperio; ora deportava il conte Rosales,
il marchese Soncino, il principe Falcò.

Ma il _Comitato_ non si trovava; le dimostrazioni continuavano; i
monelli crescevano d'audacia e d'impunità. Sulla porta della casa
Arconati, dove abitava il maresciallo Radetzki, s'era scritto, proprio
a ridosso della sentinella: _appartamento d'affittare_; ogni notte
_l'Uomo di pietra_ era fregiato di motteggi e di _bosinate_; _infamia
a Bolza_, fu trovato una mattina inciso in pietra dinanzi alla porta
della sua casa; da un balcone di un palazzo disabitato sul corso di
Porta Romana penzolò per molte ore un pomo appeso ad un filo, colla
leggenda sopra un cartello: _il pomo è maturo_.

Gli studenti liceali erano oggetto di molta sorveglianza; ma era
materia difficile a plasmare. Un giorno, nel liceo di Porta Nuova,
compare con gran solennità il conte Folchino Schizzi, Direttore delle
Scuole; Achille Mauri, che faceva la sua lezione, cessa di parlare
senza scendere dalla cattedra. E noi zitti e attenti. Il conte Schizzi,
dopo un preambolo, ci spiega che il governo non può approvare, —
probabilmente per le condizioni dell'Europa — l'abitudine da noi
presa di portare la fibbia del nastro dei nostri cappelli a sinistra
piuttosto che a dritta. In un baleno le fibbie furono slacciate e i
nastri piovvero a dozzine sul pavimento. Il conte Schizzi si ritira in
buon ordine. Ma il giorno dopo s'era inventato di portare il cappello
senza nastro e di strisciare a rovescio una parte del pelo, in modo
da sembrare una piuma. La polizia s'inquietò ancora di queste piume.
Rinunciammo ai cilindri e adottammo il cappello all'Ernani. Si sarebbe
continuato così per mesi ed anni.

I giovani, a cui l'esperienza odierna dei pubblici affari è stata
maturata dalla fortuna di libertà già fatte e di più facili studj,
potranno certamente sorridere di queste politiche e di questi
entusiasmi. Ma gli uomini che vi sono passati attraverso, colla
coscienza di aver preparato con quegli entusiasmi la possibilità delle
future politiche, una cosa sola desidererebbero: poter cambiare qualche
anno di vita con una settimana di quella sublime spensieratezza; con un
giorno di quella forte voluttà della patria, cui nulla allora turbava,
— nè tarlo di sfiducia, nè ire implacabili di fazione, nè presagio
d'incredibili indifferenze.


Stanca di far ridere, l'Austria cercò di far piangere. E vi riuscì.
Quello a cui non riusciva mai, era d'impedire, di trattenere.

In tutto l'anno 1847 di collisioni sanguinose non v'era stata che
un'occasione, l'8 settembre, quando si celebrò con grande solennità
civile e chiesastica l'ingresso dell'arcivescovo Bartolomeo Romilli.

Il cardinale Gaisruck era morto alcuni mesi prima; austriaco di
nascita e di convinzioni, ma uomo assennato, benevolo, conciliante,
largo nelle idee religiose e nel consorzio sociale. Lo si diceva, —
con fondamento — figlio illegittimo dell'imperatore Leopoldo; certo
del padre aveva le tradizioni prudenti e riformatrici nelle questioni
ecclesiastiche. Voleva i preti in chiesa; avverso ai conventi, che
nella sua diocesi, finchè visse, non lasciò pullulare, teneva in
casa sua riunioni settimanali, di uomini e di signore. Migliore nel
complesso del successore suo; ma questi era italiano, era nominato
da Pio IX; bastava perchè destasse senz'altro l'entusiasmo o le forme
pensate dell'entusiasmo. L'illuminazione, la folla, le grida diedero
sui nervi alla polizia. _Viva il Papa_, era allora un grido fazioso, ma
era quello che sopratutto i popolani ripetevano con maggiore frequenza.
Il direttore generale Torresani se ne aperse coll'antico stromento
d'ogni iniquità poliziesca, il conte Bolza. Questi era uomo spregevole;
padre di famiglia, viveva in concubinato e lasciava che la moglie si
procurasse compensi; spartivano gli utili. Il governo austriaco se
ne serviva, ma lo dipingeva sinistramente; in un rapporto, trovato in
seguito, fra gli atti della Direzione generale di Polizia si dice di
lui: “Suo idolo è il danaro, da qualunque parte venga, poco importa;
napoleonista fanatico sino al 1815, dopo, austriaco in egual grado,
e domani turco, se entrasse Solimano in questi Stati; capace d'ogni
azione, tanto contro il nemico, quanto contro l'amico; non si conosce
la sua morale nè la sua religione.„ Turco non divenne, perchè Solimano
non era venuto; ma è morto vecchissimo, pochi anni fa, a Menaggio, in
odore di repubblicano.

Il Bolza era però uomo risoluto e non recedeva da nulla. Appostò
parecchie dozzine di satelliti nel cortile dell'arcivescovado, e
quelli, ad un ordine dato, uscirono sulla piazza Fontana e calarono
sulla folla fendenti di daghe. La folla, inerme, reagì; l'arcivescovo,
inorridito, scese tra il popolo a rimpiangere, a benedire; e la scena
si ripetè per due giorni. Parecchi rimasero feriti, uno fu morto. Il
municipio denunciò i fatti al Governatore, protestò altamente contro
i soprusi della polizia. S'incoarono processi contro arrestati, e i
processi finirono, — pure essendo tribunali austriaci — colla condanna
di agenti di polizia.

Nel complesso, quei fatti non ebbero altra conseguenza che di stringere
in maggiore solidarietà le masse popolari coi patrizj e coi borghesi,
di rendere più intenso ed universale il proposito della rivoluzione.

Visto che quel sangue non era bastato, si deliberò versarne in maggior
copia. E poichè della polizia trionfavano i tribunali, entrò di mezzo
l'esercito ad assumere francamente il cómpito dell'assassinio.

Il maresciallo Radetzki da lungo tempo domandava sussidio di truppe
e poteri militari straordinarj, per sostituire quella che gli pareva
fiacca politica dell'autorità civile, del Governatore, del Vicerè. Si
vantava che avrebbe fatto rinnovare a Milano le stragi di Tarnow; e
infatti s'era inviato a Pavia per contenere gli studenti il colonnello
Benedek, trucemente mescolatosi in quelle stragi, e a Brescia si
mandava un giudice Breindl, fratello al noto carnefice degli insorti
polacchi.

Ma il Metternich si baloccava in dispacci. Aveva pensato e scritto
per quarant'anni che gl'Italiani erano impotenti a battersi, e non
voleva all'ultima ora ammettere d'essersi potuto ingannare. Per far
qualche cosa mandò un diplomatico, il conte di Ficquelmont. E se ne
attendeva _mirabilia_. Sono veramente miserabili le istruzioni che
dettava, in circostanze così imponenti, il principe di Metternich. Al
Vicerè scriveva essere chiaro che “le Gouvernement lombardo-vénitien
reste paralisé s'il lui manque l'élément politique et diplomatique.
Il fallait donc offrir à Vôtre Altesse le concours de la diplomatie,
et c'est pour cela que le comte de Ficquelmont a été mis à votre
disposition. Je n'aurais pas pu faire un meilleur choix.„

A questo inviato poi, che doveva essere il _tocca e sana_ del Governo
lombardo-veneto, dava norme e informazioni meravigliose per ingenuità.
Lo incaricava, a quei lumi di luna, di “chercher à faire rentrer le
Piémont dans notre alliance.„ Trovava tutto il guajo in due cose:
_l'influence du club des Lions e le manque d'action gouvernementale
chez ceux qui sont chargés de gouverner_. Dichiarava che se avesse
governato a Milano, non avrebbe esitato — coraggio antico — a chiudere
il club; e, quanto al secondo guajo, ordinava con un decreto una
Conferenza giornaliera a Milano, composta del Vicerè, del Ficquelmont,
del generale Wratislaw, del Torresani e del barone Salvotti; metteva
questa Conferenza in relazione diretta con un'altra che si teneva a
Vienna sotto la presidenza del conte di Hartig. E, avendo così regolato
con due organismi burocratici _l'action gouvernementale_, credeva
d'essersi liberato della rivoluzione.

Questa intanto aveva preso, dalla missione stessa del Ficquelmont,
un avviamento anche maggiore. Agli antichi centri d'agitazione
patriottica, della borghesia, del patriziato, del clero, dei
popolani, se n'era aggiunto un altro, l'ultimo al quale si avrebbe
potuto pensare, l'unico che mancava: l'alta burocrazia, il partito
conservatore. L'Austria non aveva più nessuno per sè.

Alla Congregazione Centrale, larva rappresentativa di città e
di provincie, che aveva posto e grado e uniforme di magistratura
governativa, un bergamasco, il consigliere Giovan Battista Nazzari
presentò formale istanza perchè “scegliesse una Commissione, composta
d'altrettanti deputati quante sono le lombarde provincie, incaricata
di redigere un rapporto sulla condizione del paese e sulle cause del
malcontento del popolo.„ Come si vede, la proposta era discreta.
Una Commissione! quante non se ne nominano al dì d'oggi? Pure, la
situazione era così piena di brage, che l'atto parve audacissimo e
destò un altro entusiasmo. La Congregazione Centrale accolse subito
la proposta; le Congregazioni speciali delle varie provincie vi fecero
adesione; il Governatore tentò invano di snaturare la proposta; Nazzari
tenne fermo, e al suo domicilio furono portati quattro mila biglietti
di visita. Il maresciallo Radetzki dichiarò che quei quattro mila
biglietti esigevano quaranta mila soldati.

La mozione, discussa e votata dalla Congregazione Centrale, conchiudeva
a quella domanda di Costituzione speciale pel Lombardo-Veneto che il
generale Bellegarde aveva promesso fin dal 1814 e che era stata così
slealmente dimenticata.

Ma il principe di Metternich aveva, sulla questione lombarda, altre
idee. Scriveva al conte di Ficquelmont[57]: “Voulez-vous un jugement
de ma part que vous n'avez peut-être point encore entendu prononcer,
et qui, à mon avis, renferme la vérité sur l'une des grandes fautes
commises par notre Gouvernement dans ses relations avec ses administrés
italiens? vous le trouverez dans ce peu de mots: “Nous les avons
_ennuyés_.„ Le peuple qui veut le _panem et circenses_ ne veut pas être
_ennuyé_. Il veut être _gouverné_ avec une main ferme et _amusé_.„

E per tradurre in pratica un programma così solennemente annunciato,
il principe di Metternich e il conte di Ficquelmont deliberavano la
grave risoluzione politica di mandare a Milano.... Fanny Elssler, prima
ballerina nel teatro alla Scala.

A questa gran macchina politica rispose uno dei soliti inviti anonimi,
di cui amiamo citare un brano perchè ci riconduce nel più fitto di quel
singolare movimento:

                              AI MILANESI.

“Un altro sacrificio, fratelli! Bisogna assolutamente astenersi dal
teatro alle rappresentazioni dell'Elssler. Cedete il luogo ai Tedeschi
che vorranno applaudirla anche in nome nostro. L'Elssler fu benefica
verso i poveri, ed abbiasi tutta la riconoscenza, non il sacrificio
del nostro decoro. Perchè non si possa dire: i Milanesi furono vinti
dai vezzi di una ballerina, è necessario esserne lontani. La silfide
può diventare una sirena ed ammaliarvi. Il silenzio di mille può essere
guasto dall'applauso di pochi.„

È inutile soggiungere che il consiglio fu rigorosamente rispettato. La
Elssler danzò ad esclusivo uso e consumo degli ufficiali austriaci.
L'impresa della Scala fu una delle prime vittime del patriotismo. In
una di quelle sere non s'aprirono che quattro palchi e si fecero nove
biglietti. Una sera soltanto, gran folla e grande allegria; tutti i
palchi pieni di dame. Gli ufficiali austriaci non sapevano che pensare
di questa novità; — era giunta la notizia dell'insurrezione di Palermo.
Il teatro tornò vuoto il giorno dopo.


Fu ai primi di gennajo che il dramma volse a tragedia.

La dimostrazione escogitata pel primo giorno dell'anno era di
carattere più serio delle altre. Bisognava astenersi dal fumare,
per danneggiare anche ne' suoi cespiti più vitali la finanza degli
oppressori. L'invito che a quest'uopo era stato diramato s'appoggiava
ad argomenti curiosissimi. Diceva fra le altre cose: “mal s'addice il
fumo del tabacco fra le dolci aure olezzanti dei fiori d'Italia.„ La
rettorica fu perdonata al _Comitato_ in grazia della politica. Non era
un pensiero nuovo. Già fin dal 1760 in Lombardia s'era adottato per
alcuni giorni questo partito per dimostrare l'antipatia che suscitava
la Ferma Generale. In America, la rivolta delle colonie inglesi era
appunto cominciata con un'agitazione di questa natura, astenendosi
di prendere il thè per non pagare la gabella che lo aggravava. In
ventiquattr'ore, come al solito, il nuovo espediente fu conosciuto
in tutta la Lombardia, e dappertutto, come al solito, vi si obbedì.
Vecchi ed ostinati fumatori buttarono sulla via le loro provvigioni di
zigari e da un'ora all'altra quella che pareva abitudine impossibile a
sradicarsi completamente cessò.

Più che il danno, l'ira tolse ogni lume di moderazione alle autorità
militari. Senza accordi nè col Fiquelmont, nè col Governatore, nè col
Vicerè, trattarono Milano come paese di conquista. Il primo giorno, si
limitarono a fare sfoggio di zigari sulle labbra dei loro ufficiali. A
questi la moltitudine non si oppose; erano le persone in abito civile
che s'invitavano, prima colle buone, poi colle brusche, a gettare lo
zigaro. Solamente a un atto provocante di un giovane capitano, uscito
da magnanimi lombi, che sulla porta di un caffè[58] affettava di
cacciarsi in bocca tre o quattro zigari, fu risposto con una ceffata
che ruppe fra i denti gli zigari al petulante ufficiale. Era il
conte Gustavo di Neipperg, figlio di quell'Adamo Adalberto, conte di
Montenuovo, che trent'anni prima aveva consolato de' suoi omaggi la
moglie, non ancor vedova, del prigioniero di Sant'Elena.

Il secondo giorno, torme di sgherri travestiti, di canaglia uscita
dalle prigioni, percorsero, provocando, le vie, a zigaro acceso,
gettando il fumo negli occhi ai passanti. Alcuni si schivarono, altri
reagirono; vi furono baruffe, arresti, ma tutto finì senza sangue. Al
terzo giorno, si sguinzagliarono le torve brutalità. Lo Stato Maggiore
distribuì trentamila zigari alla guarnigione; poi, venuta la sera,
lanciò granatieri, croati, ussari, dragoni per le vie della sventurata
città, con istruzione di fumare, di obbligare altri a fumare, di
provocare, di usare delle armi. Si può immaginarsi che risultati doveva
produrre in quei cervelli ottusi, in quei corpi ebbri, il consiglio
d'essere turbolenti, — il disordine imposto in nome della disciplina.

Fu una terribile sera, il cui ricordo, oggi ancora, a 38 anni di
distanza, ci scuote l'animo come la visione di una tregenda.

Quei cittadini passeggiavano tranquilli, colle spose al fianco,
coi bimbi innanzi, sui noti selciati pacificamente percorsi da
quarant'anni. Irrompevano soldati, a due, a dieci, a cinquanta insieme
raccolti. Uscivano da un vicolo, da una bettola, affrontavano,
inseguivano, gridando, agitando braccia, sguainando sciabole,
bestemmiando. Le famigliuole fuggivano, le botteghe si chiudevano, le
lampade municipali illuminavano di fioca luce la scena. E in quella
semi-oscurità accaddero cose orrende. Giovanetti che si vollero
obbligare ad accendere uno zigaro, e che, resistendo, vennero colpiti
di bajonetta; uomini inoffensivi, padri di famiglia, operaj che
tornavano dal lavoro, inseguiti, gettati a terra, percossi di piatto
e di punta. Il terrore faceva fuggire alcuni, l'ira e il coraggio
facevano resistere altri. Ma erano inermi contro armati, pochi contro
molti. La zuffa era breve. Poi s'udiva lontano, dal fondo della via,
sorgere e crescere un romore noto e pauroso: la cavalleria. E questa
giungeva a galoppo, spazzava le contrade, calpestava i caduti, feriva
di lancia chi non era pronto a schermirsi. Poi, i dragoni dai mantelli
bianchi si allontanavano, e restavano sulla via deserta, oscura, i
poveri feriti, i poveri morti.

Pajono racconti da far paura ai bimbi, e son cose vere! Nessuna parte
della città fu risparmiata da questi assassinj. A Porta Comasina,
a S. Angelo, a S. Celso, all'Orso Olmetto, sul corso dei Servi. Chi
scrive s'è trovato con un amico appiccicato ad uno spigolo della chiusa
profumeria di Pasquale Scandelari nella Galleria De Cristoforis,
mentre un centinajo di granatieri ungheresi l'avevano invasa e la
percorrevano con libertà forsennata. Ebbimo urti e bestemmie e fumo
negli occhi, ma nessuna offesa. Un quarto d'ora dopo, a due passi
di lì, il settuagenario Manganini, consigliere d'appello e amico del
Torresani, ebbe il capo spaccato da un fendente di sciabola. Altrove,
trovossi nella folla investita, e perì di lancia, il cuoco del conte
di Ficquelmont[59]. Nella Piazza dei Mercanti, un sicario immergeva un
pugnale nei cuore ad un fabbro-ottonajo, perchè aveva preso le difese
d'un ragazzo maltrattato. Si disse allora e si stampò sulle bugiarde
effemeridi che erano stati trenta i feriti in quella occasione. Si sa
oggi, pei documenti raccolti, che furono _cinquantanove_ le vittime
dell'eccidio, _cinque_ morti sul colpo.

La carneficina del 3 gennajo ebbe un'eco immensa in Italia. In Milano
fu veramente il _boute-selle_, il rullo di tamburo della rivoluzione.

Dal Piemonte Roberto d'Azeglio, autorevole personaggio, rispose, con
un brindisi ad una società di fabbri-ferraj, augurandosi che presto non
avrebbero solamente usato il ferro come industria, ma come arma contro
nemici assassini. A Torino, a Genova, a Firenze, si fecero solenni
funerali per le vittime di Lombardia; e accorrevano in grande uniforme
i ministri e i diplomatici presso le Corti; da Vicenza, da Verona,
da Treviso, dove i funerali erano impossibili, giungevano soccorsi in
denaro e indirizzi di fratellanza; le contesse Bentivoglio e Michiel
sfidavano a Venezia le ire poliziesche, facendo pubblicamente questue
pei feriti di Milano; a Roma, la principessa di Belgiojoso organizzava
splendide esequie, a cui interveniva in pompa il gran dignitario
ecclesiastico milanese, monsignor Borromeo.

Ma dove le proteste suonavano ancora maggiori di virtù e di efficacia,
per l'aperto pericolo, era nella stessa città.

Il conte Gabrio Casati, podestà di Milano, non aveva potuto sfuggire
nella giornata del 3 gennajo alle improntitudini della sbirraglia.
Preso in mezzo da una pattuglia, mentre alzava la voce contro le
ignobili provocazioni, fu trascinato a pugni e a calciate di fucili.
Riconosciuto, lungo la via, da un delegato di pubblica sicurezza, non
volle essere posto in libertà, ma esigette d'essere condotto innanzi
al Direttore generale, barone Torresani, perchè vedesse come agivano i
suoi dipendenti. Uscito di lì, corse dove sperava poter trovare pronti
gli elementi d'una deputazione, al Casino allora dei Nobili, oggi
dell'Unione. Quattordici o quindici persone ivi raccolte lo seguirono
tutte, fra le quali ricordiamo Carlo D'Adda, Cesare Giulini, Manfredo
Camperio, Enrico Besana. Andarono al vicino palazzo Marino, dove
alloggiava il conte di Ficquelmont. Appena entrati nel cortile, le
porte si chiudono e si trovano in mezzo ad un vero accampamento, che
li guarda con bieca ostilità. Pochi minuti dopo, ecco scendere dallo
scalone lo stesso conte di Ficquelmont, accompagnato dal governatore,
conte di Spaur. Gabrio Casati si avanza come capo della deputazione
ed espone con vive parole lo stato della città e l'eccidio che vi si
consuma. Aggiunge fiere ed eloquenti parole il conte Cesare Giulini
Della Porta. I due alti dignitarj rispondono imbarazzati, con parole
incoerenti: “certo è deplorabile... daremo ordini... ma la colpa è
degli individui che provocano le autorità.„ Qui s'ode una voce, quella
di Carlo d'Adda che domanda con tono fra l'ironico e lo sdegnoso:
“forse che il cuoco del signor conte di Ficquelmont era d'accordo con
noi per provocare gli Austriaci?„

Il giorno dopo, le proteste diventano ancora più solenni e più gravi.
Il venerando arciprete del Duomo, monsignor Opizzoni, vecchio di 85
anni, si presenta al Vicerè e gli dice: “Altezza, ho visto a' miei
tempi i Russi, i Francesi e gli Austriaci invadere come nemici la
nostra Milano; ma un giorno come quello di jeri non lo vidi mai; si
assassinava per le strade, il mio ministero mi obbliga a ripeterlo, si
assassinava.„

Il conte Vitaliano Borromeo, fregiato del più eccelso ordine
cavalleresco dell'Austria, scriveva al Vicerè che se non si dava
soddisfazione al paese avrebbe restituito il Toson d'Oro, macchiato
di sangue. E l'arcivescovo, predicando dal pergamo del Duomo, diceva:
“unite le vostre preghiere alle mie, onde quelli che ci governano siano
più giusti e serbino modi più umani.„

Forse ancora più significativo e più caratteristico della situazione
era il contegno assunto dalle stesse autorità civili austriache, dagli
uomini più miti del partito conservatore.

Il conte Giorgio Giulini, padre di Cesare, era uno dei patrizj
che nel 1814 avevano contribuito, nella Reggenza di Governo, alla
ristorazione del regime austriaco. Ed egli era stato incaricato dal
conte di Ficquelmont di presentargli, insieme coll'avvocato Robecchi,
un rapporto sullo stato degli animi e sulle misure da prendersi. Questo
rapporto era finito e copiato il 1.º gennajo. Lo presentarono il giorno
4 con un breve poscritto che i due onorandi cittadini chiudevano così:
“Il sangue scava un abisso fra governanti e governati. Questi possono
essere ancora compressi dalla forza brutale; ma il regno della forza è
breve.„

Il cav. Decio, consigliere di Governo, presentò le sue dimissioni,
allegando di non voler più oltre servire sicarj. Il Delegato
Provinciale Bellati, uomo di studj e di coscienza, firmò la protesta
pei fatti del 3 gennajo, aggiungendovi una frase dolorosa: “colui che
diventò infame pel suo troppo attaccamento al governo austriaco.„
Più vigoroso di tutti, nella schiera dell'alta burocrazia, fu il
Procuratore Camerale Enrico Guicciardi[60], che, armandosi d'un
articolo elastico del Regolamento organico, denunciava al Governatore i
Capi supremi della polizia e dell'esercito come responsabili, per abuso
di competenza, degli ultimi fatti; e domandava, con alto sentimento del
proprio ufficio, che la sua denuncia fosse mandata a Vienna, qualora il
Governatore non si sentisse abbastanza autorizzato a provvedere, contro
questi abusi, da sè.

Quella protesta, che infatti venne spedita a Vienna, è un atto
notevole per la novità ardita e per l'acuta esposizione dei criterj
d'indole amministrativa e politica. Voleva essere, secondo le forme
burocratiche, un atto d'ufficio contenente “rispettose osservazioni.„
Ma a giudicare che tono avesse assunta in quei giorni, fra impiegati
italiani e superiorità austriache, una “rispettosa osservazione„
basterebbero questi periodi: “.... oltre l'abuso della forza di polizia
è intervenuta la forza militare per uccidere e ferire in seguito a
provocazioni del genere di sopra da me indicato, per parte di molti
militari, od isolati, od uniti in numero ben sensibile„. E altrove:
“.... A sedare i disordini si è usata la forza di polizia e la forza
militare. Come la medesima siasi usata, è troppo noto all'E. V. _Si
commisero degli atti che la sola barbara legge di guerra scuserebbe
in una città presa d'assalto._„ Chiudeva dicendo: “L'intervento della
forza militare, non richiesta da V. E., costituisce per subordinato
avviso del procuratore camerale, _un abuso di competenz_a delle
attribuzioni esclusivamente demandate dalle Sovrane Patenti all'E. V.
perchè _fa sottomettere alla polizia militare queste provincie, da S.
M. assoggettate unicamente alla polizia civile_„[61].

Che cosa fu risposto a tutte queste proteste?

Il Guicciardi fu immediatamente destituito; gli fu negato ogni diritto
a pensione e tolta anche la facoltà di esercitare privatamente
l'avvocatura. Il Vicerè pubblicava il 5 gennajo un proclama
ipocritamente mellifluo, nel quale deplorava “che la condotta dei
cittadini paralizzasse le sue più fondate speranze di ottenere dal
trono di S. M. benigni provvedimenti.„ Il Comando Militare faceva
leggere il giorno 6 alle truppe un _Befehl_ (ordine del giorno) nel
quale lodava “l'obbedienza e la fermezza mostrata dai militari nella
giornata del 3 corrente.„ L'imperatore Ferdinando pubblicava “non
essere inclinato a fare ulteriori concessioni; fidarsi unicamente
nella fedeltà e nel valore delle sue truppe.„ Finalmente, al giorno
22 febbrajo giunge l'ultima risposta e l'ultima concessione — la
proclamazione dello stato d'assedio col giudizio statario. Il Vicerè,
il Governatore, le alte autorità di governo partivano o stavano per
partire; il Regno Lombardo-Veneto era consegnato senza guarentigie
nelle mani dell'inflessibile maresciallo, che aveva detto, a proposito
dei casi di gennajo: _tre giorni di terrore, trent'anni di pace_.

Qui ha termine lo stadio di preparazione, e comincia lo stadio della
rivoluzione, di cui ci occuperemo più innanzi.

In tutto questo cupo periodo, un solo atto di bene scende dalle eccelse
regioni del governo straniero.

Da Vienna arriva un giorno un plico suggellato all'ufficio che dirigeva
la colletta apertasi pei feriti del 3 gennajo in casa Borromeo.
Conteneva diecimila lire, e le mandava l'imperatrice d'Austria, quella
Maria Anna, figlia di Vittorio Emanuele I, re di Sardegna, morta due
anni or sono.

Ci par bene e giusto ricordare che da una donna, da una italiana, da
una principessa di Casa Savoja era partita in quei giorni, frammezzo a
così truce ribollir di passioni, l'unica inspirazione alta di politica
e di umanità.


II.

LA RIVOLUZIONE.

Un moto popolare di natura politica ha bisogno, per essere efficace, di
tre diversi stadj o fenomeni: la preparazione morale, la preparazione
materiale e l'azione. Sopprimiamo la prima, avremo ordinariamente un
tumulto; sopprimiamo l'ultima, resteremo nei limiti di una congiura;
togliamo la preparazione materiale, cadremo, nove volte su dieci, in
una ribellione repressa.

Il moto milanese del 1848 fu una vera e propria rivoluzione, coronata
di successo, perchè non gli è mancato nessuno dei tre fenomeni
necessarj.

Abbiamo visto quanta _preparazione morale_ avessero ammassata gli anni
anteriori al 1848; dal 18 al 23 marzo l'_azione_ non poteva essere
più decisa e più vigorosa; ma il primo trimestre dell'anno aveva
veduto svolgersi una _preparazione materiale_, che sarebbe ingiusto
dimenticare, perchè non ebbe minori ostacoli nè minore virtù.

Infatti, le brutalità del 3 gennajo ebbero questo effetto immediato,
di persuadere i direttori del movimento che la preparazione morale era
completa e di spingerli a tutt'uomo verso la preparazione materiale.
Della popolazione non si poteva più dubitare. Aveva chiaro l'istinto
della situazione rivoluzionaria, aveva dimostrato di possedere in
grado eminente il desiderio e l'intelletto della disciplina. Occorreva
quindi stringere accordi rivolti a scopi pratici, avvicinarsi con altre
operazioni al momento decisivo, che le occasioni avrebbero determinato.

Rinnovatesi a Pavia le stragi di Milano, una circolare segreta
avvertiva che, per evitare nuovo sangue, si sarebbe posto fine alle
dimostrazioni di carattere pubblico. “Adesso possiamo aspettare senza
vergogna„ diceva; e infatti si aspettò, ma con una aspettazione piena
di febbrile energia.

L'intento della concordia s'era ormai raggiunto al di là d'ogni
previsione patriottica. I popolani ardevano dal desiderio di vendicare
i loro morti e feriti, e traevano da questo stesso desiderio una
fiducia, che nulla poteva scuotere, nei misteriosi scrittori dei
bollettini. La parte più conservativa del patriziato aveva smesso,
dopo il 3 gennajo, ogni esitazione; il conte Vitaliano Borromeo aveva
voluto conoscere di persona Cesare Correnti, e in un colloquio tenuto
in casa del marchese Anselmo Guerrieri, patrizio di scuola mazziniana
e di larghissime aspirazioni, s'erano appianate le ultime difficoltà,
schiarite e accettate le ultime modalità del programma.


Bisognavano denari, armi, alleanze; i tre nervi, le tre basi d'ogni
guerra.

Le collette raccolte in casa Borromeo avevano fruttato più di 150 mila
lire; primo fondo che servì a comperare utensili e mantenere operaj,
ad organizzare un po' di spionaggio e di stazioni nelle campagne. Ma
non era quella pel momento la maggiore preoccupazione. I forzieri del
patriziato si sapevano pronti ad ogni richiesta, e infatti, appena
sorsero le occasioni opportune, furono visti gareggiare di liberalità
e il duca Litta e il conte Arese e il duca Scotti e il marchese
Arconati e il conte Annoni e il duca Visconti di Modrone e quanti
insomma avevano pari all'antichità della stirpe o alla tradizione del
patriotismo la larghezza del censo[62].

Di alleanze non si poteva cercarne che al di là del Ticino. Un solo
Stato in Italia aveva esercito valido e politica indipendente; un solo
sovrano aveva mostrato da qualche tempo comunanza di aspirazioni coi
rinnovatori lombardi.

Carlo Alberto aveva infatti mantenuta ed accentuata, col progredir
degli eventi, la situazione politica e personale da lui presa in
Italia. Era sempre il Re cauto, ma deliberato, che fronteggiava
l'Austria nella questione italiana. Non aveva smesse ancora le forme
assolute di governo, ma se ne valeva per moversi più liberamente
nell'orbita sua, con intonazioni democratiche, di cui forse un
ministero costituzionale non gli avrebbe lasciato libertà. Visitando
Genova, durante il Congresso degli scienziati, s'era lasciato
avvicinare, senza titubanza, da un giovane, non illustre allora, ma
caldo di patriottismo, che ponendogli la mano ardita sulle briglie
del cavallo, gli aveva detto, con voce squillante: “Maestà, bisogna
prepararsi a combattere.„ Era Nino Bixio. Assai più tardi, recandosi a
Casale per inaugurarvi congressi d'agricoltura, aveva detto a Lorenzo
Valerio: “Quando l'ora sarà suonata, monterò a cavallo e combatterò per
la patria come Sciamyl combatte nel Caucaso.„

Coi patriotti lombardi aveva sempre conservato indirette comunicazioni,
specialmente per opera del suo segretario particolare, il conte di
Castagneto, uomo di specchiata probità e di lealissimi sensi, a cui
l'Italia deve, per quel periodo, una parte notevole della riconoscenza
che sembra avere esclusivamente serbata per altri. Col Castagneto
carteggiavano da parecchi mesi alcuni rappresentanti del patriziato,
segnatamente il conte Gabrio Casati, col quale si dibattevano, senza
chiasso, parecchie delle questioni fondamentali che l'unione presagita
del Piemonte e della Lombardia metteva in primissima linea. Dopo il
3 gennajo, parve che a queste relazioni indirette fosse necessario
sostituire azione più viva; che all'orecchio di Carlo Alberto dovesse
giungere, con maggiore frequenza ed intimità, la parola di chi fosse
più attivamente mescolato a tutta la situazione lombarda degli ultimi
tempi.

Carlo D'Adda fu scelto a questa missione; ed egli recossi, secondo
il desiderio degli amici, a Torino, dove il conte di Castagneto
lo accolse con grande simpatia e lo presentò senza indugio a Carlo
Alberto. Furono relazioni curiose quelle che si stabilirono allora fra
questo Re di diritto divino ed un inviato, senza credenziali, d'un
Comitato senza poteri. Carlo D'Adda saliva ordinariamente dal Re in
ore eccentriche, in abito dimesso, condotto dal Castagneto per usci
secreti, per corridoj polverosi, come un ladro... o come un adultero.
Il Re lo riceveva ad ogni richiesta, accettava senza esitazione questi
andamenti cospiratorj, voleva informazioni di persone e di fatti, dava
assicurazioni, non si sdegnava di consigli. Uscito di lì, ripigliava la
maschera severa, il linguaggio riservato e l'occhio freddo del monarca
legittimo. Nessuno avrebbe indovinato il patriota sotto quella rigida
fisonomia di Re; pochi si sarebbero accorti del Re, intrattenendo
famigliarmente il patriota.

Nessuno ha finora raccontato pubblicamente un aneddoto caratteristico.

Un giorno, si aspettavano a Novara certe condotte di polveri, che
dovevano essere tragittate in Lombardia. Le polveri non erano giunte
col tramite per cui dovevano essere state inviate. Carlo D'Adda riceve
un biglietto dal Comitato di Novara; un biglietto, scritto secondo
lo stile di quei giorni, come l'impeto dettava, in fretta e in furia:
“Nulla è arrivato, Carlo Alberto ci tradisce, come nel 1821.„ D'Adda
si reca difilato dal Castagneto e il Castagneto lo conduce difilato
dal Re. Ma v'è Consiglio di Ministri, e il Re non può assolutamente
ricevere. La cosa pareva al D'Adda pressante. “Vuol far passare quel
biglietto nelle mani di Sua Maestà?„ gli dice il conte di Castagneto.
L'inviato milanese lo guarda meravigliato; ma l'aspetto severo, sicuro,
dell'uomo non gli permette dubbio. E il biglietto crudele, naturalmente
anonimo, è portato, in una busta, sul tavolino del Re. Dieci minuti
di aspettazione, diciamo pure di ansia. Poi, un servitore gallonato,
riporta, chiuso in un'altra busta, lo stesso biglietto, con un breve
poscritto di mano reale: “Caro D'Adda, ho dato ordine in questo punto
che le polveri partano.„

Quel biglietto è andato smarrito. Oggi sarebbe uno dei documenti più
importanti e più curiosi della rivoluzione italiana.

Le polveri non si potevano adoperare senza le armi da fuoco. E a
questo pure si pensò in quei due mesi; e se molto non potè farsi,
certo si fece assai più che non consentissero le difficoltà e i rischj
gravissimi dell'impresa, più che non sia comunemente noto per le
pubblicazioni uscite intorno a quei fatti.

Nelle case dei cittadini saranno stati un trecento fucili da caccia,
non più; poche pistole, pochissime armi da punta e da taglio; la
vigilanza sulle botteghe d'armajuolo grandissima, e tale da non potersi
eludere senza provocare immediate misure di cittadino disarmo. Si
dovette dunque ricorrere all'importazione od alla riduzione di armi
vecchissime ed inservibili, esistenti in casse o in soffitte, talune
fin dall'epoca del primo Regno d'Italia. Pure, in poco tempo parecchie
case di Milano furono tramutate in depositi d'armi; quasi tutte si
munirono almeno di una per le sperate battaglie. I giovani del club
della Cecchina trovarono modo, a peso d'oro, d'introdurre in città
cento carabine inglesi e se le distribuirono. In casa Trotti, in casa
Porro, in casa Dandolo, in casa Spini, nelle case Prinetti, Simonetta,
Besana, in cento case v'era accolta di fucili e di pistole; Alessandro
Antongini aveva riempiuto d'armi un magazzino fuori porta; ma il
difficile era introdurle, e non si potè farlo che lentamente, senza
giungere in tempo a farlo completamente. Si recavano i giovani, come a
sollazzo, nelle osterie suburbane: rientravano, con apparenze gioconde,
portando sotto il tabarro invernale o sotto il panciotto una canna, un
calcio, una baionetta, i grilletti, tutte insomma le varie parti del
fucile che si sarebbero più tardi ricomposte. Vera giudizio statario;
ma chi vi badava? talvolta i pezzi non combaciavano, e la vita s'era
arrischiata per nulla; si ritornava il giorno dopo a prendere i pezzi
che combaciassero. Si diceva che queste armi erano male fabbricate, che
sarebbero scoppiate in mano agli insorgenti nel giorno della battaglia.
E altri giovani si prendevano il rischio e il compito di verificare le
cose. Andavano in una cascina suburbana, proprietà d'un patrizio, il
cui nome non permetteva sospetti austriaci, il conte Mellerio. S'erano
procurati la doppia complicità patriottica d'un fittabile e d'un
armajuolo; provavano le armi, facevano accomodare quelle che apparivano
difettose, le reintroducevano su carri agricoli, preparate e impagliate
come peri o albicocchi.

Nelle case poi, smessi gli usati passatempi, le signore fabbricavano
cartuccie, gli scienziati preparavano projettili e cotone fulminante;
gli esercizi d'arme e lo studio dei manuali militari, delle opere di
Iomini, di Montecuccoli, di Dufour, avevano sostituito i componimenti
rettorici e la lettura dei trattati politico-legali pubblicati
dai professori dell'Università di Pavia. Luciano Manara, Carlo de
Cristoforis, Francesco Simonetta attingevano a questi studj coscienza
di attitudini e di responsabilità militari; li seguivano, per ardore di
belliche discipline, giovani minori d'anni, ma eletti di mente, Pietro
Rasnesi, Emilio ed Enrico Dandolo, e quel simpatico e vivace ingegno
di Emilio Morosini, che avrebbe certamente occupato un posto notevole
nella vita politica contemporanea se una palla francese non gli avesse
spezzato, sulle mura di Roma, il giovane cuore.

Dei vivi non parliamo; son molti e prodi. Parlandone, offenderemmo
lunghe e silenziose modestie, provocheremmo vibrazioni importune di
commossi ricordi. D'altronde agli uomini di quell'epoca una coscienza
rimane intera: quella di non dovere, in così grande solidarietà di
fatti, rammaricarsi di nulla e di nessuno.

Un popolo intero era riuscito a vincere la legge delle eccezioni; e in
un tempo in cui il segreto della patria era su tutte le labbra, non si
ebbe ad arrossire nè di una corruzione nè di una viltà. Nessun'epoca
della storia dimostrò più validamente come un gran sentimento
patriottico equivalga a un gran sentimento morale.

Tutta questa agitazione non era sfuggita e non poteva sfuggire ai
dominatori. Sicchè non mancavano tentativi di seduzione, indagini,
sorprese, perquisizioni. Ma la complicità di tutti era all'erta contro
i pericoli di ciascuno. E quando la polizia si moveva, un istinto, un
Nume invisibile indicava dove sarebbe andata a scendere. Il vetturino
allungava la strada, il portinaio alzava la voce perchè udissero al
primo piano, il monello correva ad avvertire un amico, il cameriere
non aveva la chiave d'un uscio, la cuoca offriva alle guardie un
manicaretto, gl'inquilini aiutavano, le carte sparivano, le armi
uscivano o per gli abbaini o per le fogne; e la polizia ritornava il
più delle volte convinta d'essere stata mistificata, ma, come il demone
della Basvilliana:

    Vuota stringendo la terribil ugna.

Quando l'Austria fu stanca di queste inutili attività, venne finalmente
il decreto che ordinava le perquisizioni generali e l'immediato
disarmo, sotto le pene del giudizio statario. Ma allora era già
scoppiata la rivoluzione francese del 24 febbrajo, era già stato
proclamato lo Statuto di Carlo Alberto. Dappertutto in Europa suonava
il _dies iræ_. Giuseppe Sandrini, segretario del Governo, che aveva
intelligenze coi liberali, trovò modo di far differire di alcuni
giorni il principio delle perquisizioni. Quei giorni bastarono perchè
scoppiasse la rivoluzione di Vienna e perchè a Milano giungesse il
17 mattina la notizia che gli studenti e i Polacchi avevano fatto le
barricate e che il principe di Metternich abbandonava, ramingo, la
capitale dell'Impero.


Qui comincia veramente il periodo attivo della rivoluzione.

Le notizie di Vienna, producendo in Milano sulle varie autorità e
sui gruppi cittadini eguale commozione, avevano mosso impressioni e
risoluzioni assai diverse.

L'autorità governativa civile era piombata addirittura nello
scoraggiamento. Il Vicerè, subodorando gli eventi, aveva lasciato
la città fino dal giorno prima. Il Governatore Spaur, il conte di
Ficquelmont lo avevano preceduto a Vienna per altri provvedimenti.
Restava solo in Milano a sostenere una sterminata responsabilità il
Vice-presidente del Governo, conte O'Donnell, burocratico di buoni
istinti, ma affatto inadeguato a tempi e cose difficili. Aveva fatto
subito pubblicare un telegramma da Vienna, annunciante che s'era
abolita la censura e che pel giorno 3 luglio sarebbero state convocate
le rappresentanze lombardo-venete. Sperava che questo avrebbe calmata
la popolazione, e l'accese. Parvero promesse ridicole, e lo erano.
Annunciavano però una debolezza politica del governo straniero e il
momento opportuno per approfittarne.

Sulle autorità militari l'impressione fu alquanto diversa. Persuaso
che Milano fosse inetta a sforzi militari e che il terrore sparso
nelle giornate di gennajo avesse fiaccata efficacemente ogni reazione
cittadina, il maresciallo Radetzky s'adagiò nella fiducia che le
concessioni di Vienna avrebbero, almeno per qualche tempo, dato un
altro indirizzo alla pubblica agitazione. In questo senso parlò a'
suoi ufficiali e li prevenne che non dessero importanza a prossime
adunanze di popolo perchè sarebbero state dimostrazioni di gioja e
di fiducia nelle autorità. Non avevano veramente di queste illusioni
ne il Torresani nè i suoi commissarj di Polizia; ma posti fra lo
scoraggiamento dell'autorità civile e le ingenue speranze dell'autorità
militare, si sentivano recisi i nervi ad ogni iniziativa di lotta.

Per questa triplice inazione, la cittadinanza fu, nei giorni 17 e
18, interamente padrona del campo. E in tutto il giorno 17, e nella
notte dal 17 al 18, fu per la città, in tutte le riunioni private,
un gran discorrere di quello che s'avesse a fare il giorno dopo, un
grande incrociarsi di proposte, di piani, di accordi, di messaggi, di
combinazioni.

V'erano tre opinioni, tre metodi principali in contrasto.

Carlo Cattaneo si manteneva risolutamente fedele all'attitudine
presa. Non credeva opportuno e non giudicava fertile di successo un
movimento armato. Estraneo a tutte le dimostrazioni[63] che s'erano
fatte, e favorevole, tra queste, soltanto a quelle di carattere più
conservativo, come ai reclami delle Congregazioni e delle Camere
di Commercio, voleva che si facessero passi più larghi su quella
via, ma non fuori di quella[64]. Non credeva che esistessero armi,
disposizioni, attitudini militari. In una riunione che si tenne, la
sera del 17, in casa sua, alla presenza del Brioschi, del Gadda, di
Enrico Cernuschi, di altri, manifestò schiettamente questa opinione
sua; sconsigliò pronunciamenti popolari di carattere rivoluzionario;
disse doversi approfittare dei casi di Vienna per “stringere il
governo alla vita„ per “tenere i nemici nel duro e spinoso campo della
legalità„ per “estorcere immantinenti all'attonito governo quanto più
si potesse di armamenti e di libertà„[65]. Con questi intendimenti
preparava il primo numero del giornale che avrebbe pubblicato il giorno
dopo, e certo l'avrebbe scritto da par suo.

A siffatto metodo, che in circostanze ordinarie sarebbe parso il più
savio e il più sicuro, non s'acconciavano gli uomini del partito
d'azione, i giovani che da tanti mesi arrischiavano la loro vita
per adunare elementi d'insurrezione e di lotta. Temevano questi, —
e a ragione, — che dopo tanti eccitamenti dati alle classi popolari,
inalberare il vessillo della prudenza proprio nel momento in cui tutto
pareva favorire quello dell'audacia, avrebbe ingenerato sfiducie
o diffidenze difficili poi a dissipare più tardi. E d'altronde, il
moto di Vienna poteva essere represso; una nuova reazione succedere
nell'indirizzo del governo, e precipitare quelle misure di disarmo
che si erano fino allora così fortunatamente evitate. A queste idee
s'inspiravano i crocchi più attivi e più numerosi della città, e in una
riunione tenutasi, pure in quella sera, nella trattoria del Rebecchino,
alla presenza di Angelo Tagliaferri, del dott. Pietro Lazzati e di
altri, Cesare Correnti aveva promesso pel giorno dopo novità grosse ed
ardite.

Una terza schiera si proponeva d'agire con misti temperamenti. Si
raccoglieva intorno al Municipio e specialmente al Podestà, conte
Gabrio Casati, che per le sue molte aderenze cittadine, per le sue
relazioni col governo piemontese, per la condotta vigorosa tenuta nelle
giornate del settembre e del gennajo pareva l'uomo adatto a capitanare
programma di cose nuove.[66] Far capo al Podestà, funzionario di
nomina governativa, a nessuno doveva parere programma rivoluzionario.
Nel tempo stesso, la scomparsa o lo sgomento delle altre autorità
civili, autorizzava lo stesso Podestà ad assumere iniziative e poteri
nell'interesse della pubblica sicurezza. Il Municipio si sarebbe
tramutato man mano da autorità cittadina in autorità politica,
senza provocare immediate ostilità militari e guadagnando alcuni
giorni di tempo, per disporre l'insurrezione e sollecitare gli ajuti
dell'esercito piemontese.

Come di solito accade, le risoluzioni prese non rispondevano a nessuna
rigidità di programma; lasciavano al tempo, ai casi, all'energia delle
persone gli svolgimenti dell'avvenire.

All'alba del 18, ciò che era stato possibile di concertare fu
concertato. Nel pomeriggio, la popolazione si sarebbe agglomerata per
le vie; avrebbe accompagnato, senz'armi, una deputazione municipale
che si sarebbe recata dal Broletto al palazzo di governo per chiedere
riforme d'urgenza; poi si sarebbe pubblicato un proclama, si sarebbero
aperti gli arruolamenti per una guardia civica; poi si sarebbe veduto.

Alle due pomeridiane il programma era già sorpassato. La folla che
accompagnava Gabrio Casati al palazzo di governo aveva tutta quella
concitazione, quel fremito che non permette indugi, che non tollera
transazioni. La rivoluzione era già nell'ambiente. Il Podestà era
vestito di nero, con una coccarda tricolore all'occhiello, fra quattro
pompieri non armati; lo precedeva una bandiera dai colori nazionali;
forse ventimila persone lo seguivano. I balconi, le finestre, i tetti
delle case si riempivano di uomini, di signore, già deliranti di
entusiasmo, che agitavano fazzoletti, buttavano coccarde, gridavano:
“viva l'Italia.„ I monelli s'arrampicavano sulle colonne, sui
cornicioni. “Abbasso gli uomini„ si gridava dalla folla; e gli uomini
scendevano, ingrossavano il corteo, e le donne applaudivano, e la
commozione patriottica prorompeva.

Il primo sangue fu versato innanzi alla porta dello stesso palazzo.
Allo apparire sul ponte di S. Damiano, di quella folla imponente, due
sentinelle avevano commessa l'imprudenza di scaricare il fucile. Un tal
Zafferoni, studente, uscito di seminario, cavò una pistola di tasca e
ne uccise una; l'altra fu trapassata d'un colpo di bajonetta. Poi la
moltitudine invase il palazzo; il conte Giulio Porro Lambertenghi ebbe
la presenza di spirito di chiudere a chiave l'appartamento dove stava,
colla sua famiglia, la contessa Spaur ed impedì probabilmente qualche
deplorevole eccesso[67]. Enrico Cernuschi stanò il Vice-presidente
O'Donnell, che cercava nascondersi, e lo condusse in una stanza dove
Gabrio Casati, Anselmo Guerrieri, Marco Greppi, Antonio Beretta, Carlo
Taverna, il Correnti, il Clerici, l'Oldofredi stavano deliberando.

Fu lì che il povero rappresentante del governo austriaco firmò,
tramortito, i tre famosi decreti laconici, che istituivano la guardia
civica, destituivano la Direzione di Polizia, e incaricavano il
Municipio di provvedere alla pubblica sicurezza. E di lì, ottenuti
questi decreti, si restituiva la Deputazione municipale al Broletto,
conducendo seco prigioniero il conte O'Donnell; allorchè, giunta a
mezzo la via del Monte Napoleone, una scarica partita da un drappello
di soldati appostato al sommo della contrada, uccise un popolano,
Pietro Rainoldi; la folla si sbandò gridando armi e correndo a
cercarne; il Casati ed i suoi si chiudevano nella casa Vidiserti,
divenuta per dodici ore il quartier generale dell'insurrezione.

Mentre queste cose accadevano. Cesare Correnti aveva scritto il primo
proclama che domandava una Reggenza provvisoria del Regno, la libertà
della stampa e la riunione dei consigli comunali per la nomina dei
delegati all'Assemblea nazionale. Il difficile era di trovare in
quei momenti un tipografo abbastanza coraggioso da stampare siffatto
proclama. Due amici di Correnti s'incaricano della cosa; vanno dal
tipografo Guglielmini e gli mostrano il manoscritto. Il tipografo
resiste, reagisce, ricorda le disposizioni del giudizio statario,
dichiara che non cederebbe fuorchè alla violenza. Subito fatto. I due
amici estraggono tranquillamente un pajo di pistole e le appuntano al
petto del tipografo, che allora passa il manoscritto in stamperia. Ohi
ha conosciuto di persona questi due sicarj, questi uomini facinorosi
così pronti alla violenza ed al sangue, dovrà stupirsi sapendo che
portavano il nome di due fra i più colti e più miti uomini di lettere
del tempo nostro: Giulio Carcano ed Angelo Fava. _Haec mutatio dexteræ
excelsi_, avrebbe potuto dire anche in questa occasione il cardinal
Federigo[68].

Ritornava da questa spedizione Angelo Fava quando trovò nel vicolo di
Bagutta Carlo Cattaneo che s'avviava verso la contrada del Monte.

Il fiero dottrinario s'era bisticciato il mattino con alcuni amici
suoi che volevano trarlo nel movimento. Chiedeva quanti combattenti
avessero, quanti fucili, quali capi. E quelli rispondevano, colla
fede dell'entusiasmo, che tutta la città sarebbe sorta, che v'era il
Comitato, che v'erano fucili e più se ne attendevano dal Piemonte.
E quegli replicava scettico: “andate prima a vedere se sono
arrivati„[69]. Non s'erano potuti intendere ed egli era andato dallo
stampatore a consegnare il manoscritto del suo giornale. Angelo Fava
lo ferma e gli chiede de' suoi propositi per la giornata. “Quando i
fanciulli scendono in piazza,„ risponde Cattaneo “gli uomini vanno
a casa.„ Angelo Fava corse a casa egli pure; da buon cattolico, fece
udire una messa ai suoi allievi, Dandolo e Morosini; poi li baciò, li
vide armarsi, scendere sulla via; prese un fucile e scese con essi.


Il primo combattimento ebbe luogo al ponte di S. Damiano. Dopo quella
tumultuosa invasione del palazzo e dopo il suo sgombro, un drappello di
soldati, furiosi per l'uccisione delle due sentinelle, s'era raccozzato
e dal bastione di Monforte minacciava penetrare nell'interno della
città. In fretta e in furia s'innalzò la prima barricata a ridosso
del ponte. Tavoli, sedie, travi, mattoni, il selciato delle vie, tutto
servì a costruire quella prima difesa, a cui tante centinaja dovevano
seguitarne. Una buona donna cala da un terzo piano un suo mobiluccio e
raccomanda che glielo si guasti il meno possibile. Passava sul ponte
un carro, pieno di bariletti, quali vuoti, quali ancor pieni. In
un attimo, il carro è rovesciato e i bariletti si accatastano l'uno
sull'altro, a duplice uso, di terrapieno e di feritoja. Strilla il
bottajo, che vede sciupata in un baleno la merce a cui forse aveva
consacrati gli ultimi suoi risparmj. E quei reclami non sembrano,
neanche in quella pressura di casi, privi di ragione. Qualcuno fa
appello, come s'usava in quei giorni, alle borse guernite. Son lì
presso, e sentono questo appello, due patrizj che aiutavano a fare la
barricata. Giacomo Visconti Ajmi si fruga nelle tasche, non ha che
sessanta lire e le dà; il conte Litta-Modignani straccia una pagina
dal suo portafoglio, vi scrive un bono per L. 6000 e lo porge al
suo vicino, Antonio Lazzati, perchè se ne serva per quel caso e per
casi analoghi. Era il sistema finanziario delle cinque giornate che
s'inaugurava.

Da questo punto la storia perde la sua traccia e cominciano gli
episodj. Ciascuna contrada ha il suo, ciascun quartiere la sua epopea,
ciascuna casa il suo prode. Inutile cercar di riassumere in quadri
sinottici o in rubriche cronologiche centoventi ore di febbre d'una
città; impossibile delineare i sussulti, le depressioni, i delirj,
i periodi, le allucinazioni. Se ogni sintesi è ardua, quando i fatti
escono da volontà prefinite e disciplinate, eccede addirittura l'umano
intelletto, quando si tratta di iniziative individuali, sparse,
indipendenti, uniche nello scopo, ma affatto slegate nei mezzi e
nel tempo. Le cinque giornate milanesi furono come l'assedio di
Troja; Ajace che combatte da un lato; Diomede che resiste altrove;
Ettore che è vinto in una terza località; Minerva sola vede tutto
dall'alto dell'Olimpo, e scende dove la traggono le sue simpatie. Dove
appariva un nemico, cominciava un combattimento; ogni edificio dove
si chiudeva un drappello determinava un assedio. E l'ansia di quelle
lotte parziali, di quei certami quasi individuali riempiva il tempo,
l'attività d'ogni quartiere, d'ogni contrada, e non permetteva di
allargare a movimenti d'insieme un'offensiva che ciascuno concentrava
con energie personali intorno a sè. Pochi abbandonavano, per
informazioni, per intelligenze col quartier generale, la barricata
che avevano difeso, la caserma che avevano conquistato, l'amico che
s'erano visti cadere allato. Ciascuno pensava, combattendo e vincendo,
che tutti gli altri, vicini e lontani, avrebbero saputo combattere e
vincere. Quando v'era un'ora di tregua, si rafforzava una barricata
sfasciata dal cannone o se ne alzava un'altra venti metri più in là.
E al nemico che si allontanava d'altrettanto, trasportando morti
e feriti, rispondeva una nuova scarica dei combattenti, un nuovo
urlo di gioja dai tetti delle case, dove uomini, donne, fanciulli,
noncuranti delle granate che fendevano l'aria, tenevano pronti vasi,
tegole, mattoni, projettili, per lanciare sui nemici, a piedi o a
cavallo, che tentassero riprese offensive. E allora quei venti metri
di terreno rappresentavano una grande conquista, equivalevano ad una
grande vittoria. E si spiccavano messaggieri per annunciare al Comitato
questo trionfo; e il Comitato, che riceveva nel tempo stesso venti di
questi annunci, li riassumeva in un proclama che presagiva dappertutto
successi definitivi; e questi proclami, affissi sulle muraglie o
sulle barricate, destavano nuovi entusiasmi, determinavano impeti più
vigorosi e un'altra conquista di avamposti nemici.

Tutte le case erano aperte ai combattenti; di notte come di giorno.
Quando s'aveva fame o sete, s'infilava il primo uscio e si trovava
un domestico che vi offriva del pane, una fanciulla che vi porgeva
da bere. Le distinzioni, le antipatie della vita erano sparite
dinanzi al gran pensiero, al gran desiderio di tutti; il popolano
aveva dimenticato le invidie, il ricco non aveva più esclusivismi nè
ripugnanze. Vitaliano Borromeo faceva la guardia alle barricate con una
bajonetta ed una pistola; Giorgio Trivulzio era ferito da una fucilata
al ponte di S. Celso; la signora Beretta, visto cadere ferito un
giovane popolano in mezzo allo spesseggiare della mitraglia, stava per
lanciarsi essa a raccoglierlo, se quattro altri popolani non l'avessero
prevenuta. Non un furto disonorava quella fraterna e illimitata
larghezza di ospitalità. Le grandi case dei Belgiojoso, dei Trivulzio,
dei D'Adda, dei Beretta, dei Borromeo erano divenute istituti di
pubblica necessita; vi si fondevano palle da fucile, vi si conducevano
feriti da fasciare, prigionieri da custodire, provvigioni e munizioni
da distribuire; e le gentili padrone di casa, fattesi per l'occasione
infermiere, carceriere e magazziniere, sorreggevano dei loro entusiasmi
le cose difficili, correggevano le cose dure colla loro bontà.

Per questo s'è potuto vivere e vincere in quei giorni; perchè gli
elementi simpatici dominavano colla loro influenza le incognite del
pericolo e del terrore; perchè la gentilezza patrizia e la virtù
popolare, affratellate in un santo pensiero di resistenza, creavano
un ambiente di patria così alto, così sereno, che gli uomini vi
combattevano colla gioja sul viso, vi morivano colla speranza sul
labbro.

La battaglia cittadina s'è continuata per cinque giorni sotto questi
auspicj, in mezzo a queste effervescenze; dominate a loro volta
da un altro fenomeno costante, universale, di effetto strano, ma
irresistibile; il romore delle campane a martello, che per cinque
giorni e per cinque notti, da tutte le torri della vasta città,
interpretò, per così dire, l'anima guerriera della popolazione; romore
ora stridente, ora cupo, pieno di vibrazioni e di minaccie; che di
notte irritava i nemici, di giorno incoraggiava i cittadini; una
specie di _tam tam_ selvaggio che nè bombe, nè mitraglie valevano a
far tacere; la fanfara delle barricate, — che portava lontano, fra le
campagne e i villaggi, un grido di soccorso ed un appello all'esempio,
— che piombava sugli Austriaci come un suono pregno d'ignoti spaventi,
colla sua implacabile e fantastica continuità.

Alessandro Manzoni ha scolpito in una delle sue grandi pagine il
linguaggio della campana notturna, che atterrisce i bravi e libera
Menico. Moltiplicate quell'effetto per cinque giorni e per cinque
notti, unitelo al rombo dei cannoni e al crepitare della moschetteria,
ed avrete una pallida impressione di quel molteplice scampanío.

Dal labbro dei nemici si potrà, anche meglio che da qualunque
descrizione, ritrarre il meraviglioso spettacolo di quelle giornate.
“Milano è sconvolta dalle fondamenta„ scriveva il maresciallo Radetzki
al conte di Ficquelmont “la natura di questo popolo mi sembra per
incanto trasformata.„ E due ufficiali austriaci, fatti prigionieri a
San Celso e chiusi in una anticamera, udendo di un forte assalto che
i loro compagni davano in quel punto ad una delle barricate maggiori,
espressero il desiderio di poter seguire da una finestra le fasi del
combattimento. Al vedere quelle barricate imponenti, che si alzavano
ai secondi piani delle più alte case, quel formicolio di combattenti
e di difensori, quel coraggio con cui si affrontava la morte, quei
balconi e quei tetti pieni di offensori e di offese, all'udire quelle
grida umane, quei rintocchi del bronzo, quegli spari d'archibugio
che s'incrociavano, partendo dalle finestre, dalle vie, dai tetti,
dagli spiragli delle cantine, i due prigionieri si ritrassero attoniti
nell'interno della stanza, dicendo: “Misericordia! e il maresciallo
crede di poter riprendere questa città!„

Si capisce come, in una situazione siffatta, i partiti e i gruppi
sorti di poi abbiano potuto sbizzarrirsi a reclamare, ognuno per sè,
le glorio maggiori. Gli orizzonti erano molti e divisi, e ciascuno si
onorava giustamente del proprio, credendolo più vasto o più importante
degli altri. Probabilmente tutti i partiti furono veri nei fatti
esposti a merito proprio; soltanto può darsi che nessuno sia stato
esatto nell'esporre quelli a merito altrui. Ed anche può accordarsi a
tutti la mitigante della buona fede; giacche, non essendovi stata mai
una situazione dominante, molti possono credere d'essere stati i soli
od i primi a far ciò che altri pure, tratti dagli stessi casi e dalle
stesse necessità, avevano già fatto in altri luoghi, senza che gli uni
potessero sapere degli altri.

Lo storico solo può rendere a tutti ragione severa ed imparziale; può
dire che il popolo è stato sublime di coraggio e di devozione; che le
classi medie e patrizie hanno gareggiato di energia direttiva, non
risparmiando nè vita, nè ricchezze, nè responsabilità. Lo storico
può dire che, come esigeva Nelson alla vigilia della battaglia di
Trafalgar, tutti hanno fatto in quei giorni il loro dovere; può e
deve dire di più, — che chi volesse scemare ad alcuno fra gli attori
di quella rivoluzione qualche briciolo del loro patriottismo non
riuscirebbe ad altro che a far dubitare del proprio.


Queste le impressioni, questi i caratteri generali della rivoluzione
milanese.

Chè se si volesse tentare di riassumere in qualche modo con metodi
sintetici quella moltiplicità di episodj, bisognerebbe forse
raggrupparli intorno a tre questioni fondamentali; la questione
strategica, la questione politica, la questione diplomatica.

L'ultima può esaurirsi senza molte complicazioni. Non ebbe e non poteva
avere altro intento che l'ajuto del Re e dell'esercito piemontese.

Al primo rompere delle fucilate, il giorno 18, l'idea di spedire
immediatamente a Torino persona di fiducia per annunciare il moto di
Milano e chiedere l'intervento, era balenato agli uomini di senno,
qualunque fosse la loro opinione politica. Enrico Cernuschi, fin dalla
prima riunione in casa Vidiserti, ne aveva fatto formale proposta[70].
Ma già lo aveva prevenuto Luigi Torelli, che s'era recato dal conte
Francesco Arese, sollecitandolo ad incaricarsi di questa necessaria
missione.

L'Arese, messo alle strette dagli amici, rinuncia a malincuore alla
lotta in cui sperava essere attore. Si reca da una cognata[71] e le
consegna una forte somma in denaro, con ordine di distribuirne a quanti
si presenteranno a richiederne per bisogni patriottici. Poi, si ficca
in un carrozzino e corre alla più vicina barriera. Riesce a passarla,
alcuni minuti prima che le porte si chiudano; ma al Ticino trova
maggiori ostacoli, li supera e giunge a Torino la sera del 19.

Prima però ch'egli potesse adempiere la sua missione, il Re, avuto
sentore del movimento, aveva mandato a chiamare Carlo D'Adda, che,
ricevendo notizie per altra via, le aveva comunicate a Carlo Alberto
insieme colle più vive preghiere per un immediato intervento. Il Re
non gli aveva nascosto la risoluzione di venire alla guerra, ma gli
soggiungeva scherzando “sicchè dovrò andare a Milano a proclamare la
Repubblica.„ “Certo è, Sire„ rispondeva il D'Adda “che la Repubblica
sarà proclamata se Vostra Maestà non parte.„ Erano, su per giù,
le stesse parole che due giorni dopo il Cattaneo stampava nel suo
proclama: “la parola _gratitudine_ è la sola che possa far tacere
la parola _repubblica_.„ Da che si vede come, in situazioni diverse,
uomini diversissimi giudicassero pure con eguali criterj.

Subito dopo questo discorso, il conte Enrico Martini era stato inviato
a Milano con una missione confidenziale, ed era già partito quando il
conte Arese si presentò il 19, a tarda ora, e fu ricevuto dal Re.

A quell'egregio patriota ripetè Carlo Alberto con maggior precisione
quello che già aveva detto al D'Adda e al Martini; anzi lo invitò a
venire la mattina seguente nella piazza Castello per vedervi sfilare,
avviata alle frontiere, la brigata delle Guardie[72].

Dopo aver veduto anche il ministro degli affari esteri e dopo avere
assistito a quella consolante sfilata, l'Arese ripartiva immediatamente
per Novara, sperando poter rientrare in Milano. Ma trovati ostacoli
assai maggiori, e sapendo che il Martini aveva istruzioni più precise
delle sue, insofferente d'ozio, si mischiò ad una colonna di volontarj
improvvisati, varcò con essi il Ticino poco lungi da Oleggio e si
diresse verso la città bloccata, non più diplomatico, ma bersagliere.

Intanto Enrico Martini s'era aggirato per molte ore intorno alla
cinta esterna dei bastioni, senza trovar modo d'entrarvi. Finalmente,
la mattina del 21, combinatosi col signor Angelo Cattaneo, commesso
delle gabelle, che doveva portare del sale alle caserme in città, si
travestì da garzone del magazzino, si caricò d'un sacchetto di sale, e
potè non senza ostacoli e rischi, penetrare fino al quartier generale,
presentando le sue commendatizie.

Il Re desiderava due cose: che una mossa d'insorgenti o di disertori
trascinasse il nemico a qualche violazione del territorio sardo: che
gli venisse spedito un indirizzo, firmato da quanti più si potesse
cittadini notabili per censo, per intelletto, per ufficj coperti,
per influenze personali. Enrico Martini aggiungeva di suo, che si
costituisse subito un Governo Provvisorio, col mandato di offrire a
Carlo Alberto il dominio della Lombardia.

Quest'ultima proposta parve a tutti ancora intempestiva e non fu
da nessuno accettata. Lo furono le due prime; e mentre alcuni fra
i combattenti s'incaricavano di combinare una finta presso alla
frontiera, Achille Mauri stese l'indirizzo, che fu portato subito
da parecchi in giro per le case e fra le barricate, raccogliendo in
poche ore parecchie centinaja di firme. V'era tra queste il nome
di Alessandro Manzoni, che al conte Martini diceva: “prevenga Sua
Maestà che se la mia firma è un po' tremolante, non è perchè io
abbia paura, ma perchè sono vecchio.„ Parole che ricordano le altre
celebri dell'antico _maire_ di Parigi, Bailly, quando, trascinato alla
ghigliottina in gennajo, diceva: “je ne tremble pas de peur, mais de
froid.„

Queste trattative erano necessarie per attutire un po' i romori della
diplomazia europea; che a Torino pareva ostile ad ogni intervento
piemontese; tanto che lo stesso ministro della nuova Repubblica
Francese consigliava prudenza, e il ministro d'Inghilterra, signor
Ralph Abercromby aveva in quei giorni dipinto al suo governo sotto
cattivo aspetto la missione del conte Arese. Ad ogni modo, l'indirizzo
non fu portato a Carlo Alberto che il giorno 23, poichè nè il 21 nè il
22 era stato possibile al conte Martini di sorpassare i bastioni. E il
23 mattina, come si sa, Milano era libera.

Le prime notizie di questa liberazione erano ancora giunte, dai
paesi tra Milano e il Ticino, a Carlo D'Adda. E il Re lo aveva ancora
mandato a chiamare per saperle; poichè erano tempi in cui i semplici
cittadini conoscevano le cose prima dei governi. Giungono intanto
gli speciali inviati del Governo provvisorio lombardo; Enrico Martini
col suo indirizzo, e il conte Annoni con una lettera di Gabrio Casati
pel conte di Castagneto, in calce alla quale Pompeo Litta, storico e
veterano delle campagne napoleoniche, aveva aggiunto questo poscritto
pel Re: “_J'attends mon astre_, è una medaglia che mi fu spedita e
da me pubblicata. Le occasioni sono straordinarie e perciò rare. È la
Provvidenza, è Iddio che le manda. Possiamo rifiutarci?„

Carlo Alberto lesse questo poscritto con molta emozione e incaricò
Castagneto di esprimere all'illustre patriota i suoi sentimenti.

Frattanto una grande agitazione invadeva Torino. In quel giorno stesso,
era comparso sul _Risorgimento_, il periodico del patriziato liberale
piemontese, quell'energico articolo di Camillo Cavour che incominciava:
“L'ora suprema della dinastia sabauda è suonata.„ Già i volontarj
s'organizzavano e partivano in colonne da varie parti del Regno. Il
ministero, frenato sempre dalla diplomazia, esitava ancora a lanciare
la dichiarazione di guerra. E la moltitudine, desiderosa di risoluzioni
governative, s'assiepava intorno al palazzo reale, domandando notizie.

Era notte fatta, e la folla cresceva. Allora Carlo Alberto, questo re
dalle forme rigide e compassate, esce sul balcone, avendo da un lato
il Martini, dall'altro il D'Adda, con due valletti che portano, a
sinistra e a dritta, le torcie. E lì, dal balcone, di notte, con questo
apparato, a quella folla clamorosa, che all'inconsueta apparizione si
chiude in un silenzio religioso, il Re annuncia con brevi parole la
liberazione di Milano, e prendendo l'estremità di una fascia tricolore
che il D'Adda portava ai fianchi, l'agitò con gesto sicuro intorno
al suo capo, come simbolo di una bandiera sventolata. Equivaleva,
in quell'ora e da quell'uomo, a una dichiarazione di guerra. L'urlo
d'entusiasmo che si levò da quella folla in delirio è più facile
immaginarlo che descriverlo.

Poi, non essendo questa folla ancor soddisfatta, Carlo D'Adda scende
alla porta; vi trova una carrozza a due cavalli che stava attendendo
uno degli ospiti del palazzo; sale sul predellino del cocchiere, e in
piedi, sventolando un fazzoletto, patriottico novelliere, snocciola
lì per lì le notizie più diffuse e gli ultimi particolari della
liberazione di Milano. E allora la folla è soddisfatta e si scioglie.

Fu nella stessa sera che il Re convocò il Consiglio dei Ministri, per
notificare la deliberazione, già da lui presa, della guerra immediata
e per redigere il proclama da indirizzarsi alle popolazioni lombarde.

A quel Consiglio furono invitati i due inviati milanesi, Martini e
D'Adda; e bene intonava la situazione il vedere fra quelle Eccellenze,
tutte gravi, tutte in uniforme, due giovani in abito da viaggio o
da camera, che portavano la coccarda tricolore al posto degli ordini
cavallereschi e dei medaglioni.

Il conte Sclopis leggeva ad alta voce lo schema del famoso manifesto;
e il Re, volgendosi ai due milanesi, a preferenza che agli altri
ministri, diceva loro: “va bene così?„ Interpellati direttamente,
quelli credettero dover esporre la loro opinione. Nel manifesto si
faceva accenno alla protezione di Dio, ma non si parlava punto di
Pio IX. Carlo D'Adda si levò a suggerire che non mancasse in quel
solenne documento il nome dell'uomo, allora così acclamato, sotto
la cui invocazione tanti sacerdoti e tanti popolani s'erano battuti.
L'osservazione parve giusta e l'inciso relativo a Pio IX fu inserito
nel manifesto[73].

Della questione politica, durante le cinque giornate, si può sbrigarsi
anche in minori parole.

Il Municipio, posto dagli avvenimenti di fronte a una situazione così
piena d'ignoto e grossa di responsabilità, ebbe fin da principio un
concetto fondamentale generico: uscire il meno possibile dalla legge;
posarsi fra la città e il governo militare come autorità tutrice
e intermedia, che non ostentasse risoluzioni implacabili, ma che
rigettasse su altri la colpa d'uno stato di guerra, contro cui era ben
necessario che la popolazione si premunisse.

Per ciò, ad una prima brutale intimazione del maresciallo Radetzki, che
la sera stessa del 18 marzo, alle 6 e mezzo pom. ordinava al Municipio
di pubblicare immediatamente un proclama di biasimo e di disarmo,
sotto pena di bombardamento e con una spavalda allusione a centomila
uomini e a duecento cannoni, Gabrio Casati rispondeva con molta e
savia tranquillità: “Quanto il Municipio ha operato precedentemente,
lo ha fatto d'accordo col Capo attuale del Governo civile. La
Congregazione deve quindi riservarsi fino a domani per deliberare; ed
intanto interessa l'E. V. a sospendere ordini, atti a null'altro che a
partorire danni incalcolabili _per tutti_.„

Non era infatti nè il primo nè il secondo giorno d'un movimento, il cui
risultato pareva ancor dubbio ai più animosi, che il Municipio, tutore
naturale della città, dovesse spogliarsi interamente d'ogni mezzo e
d'ogni possibilità di una futura influenza mitigatrice. Di audaci la
città in quei giorni non aveva difetto; ed era pur bene che, seguendo
le costanti oscillazioni dei fatti umani, s'incaricasse qualcuno di
tener deste le ragioni della prudenza.

Sicchè al mattino del giorno 20, senza mutar nome, nè dare alla
propria autorità intonazioni ufficialmente provocatrici, il Municipio
si aggiunse sei collaboratori, che parevano ed erano richiesti dalla
maggior mole d'affari venuta a cadere sulle spalle della civica
magistratura. Scelse a tal uopo il conte Francesco Borgia, il generale
Teodoro Lechi, Alessandro Porro, Enrico Guicciardi, Anselmo Guerrieri
e Giuseppe Durini.

Era così riuscito ad evitare fino allora nel centro dirigente
dell'insurrezione la questione politica. Chi ve la portò fu, proprio
in quel giorno stesso, Carlo Cattaneo, apparso nelle sale del quartier
generale dopo due giorni di un'astensione gelosamente mantenuta e quasi
accentuata.

Fu assai rimproverata al Cattaneo questa sua tarda partecipazione ad un
movimento, in cui molti altri cittadini, di minore ingegno e di minore
influenza, avevano fin dal primo giorno risolutamente gettata la loro
responsabilità.

Forse questo rimprovero non è giusto. L'esitazione del Cattaneo
non moveva da mancanza di patriottismo; bensì da minor fede
nell'opportunità, nel consenso, nei mezzi della rivoluzione.
Era un'opinione, già lo abbiamo detto, assai rispettabile, e che
autorizzava per lo meno l'uomo da cui partiva a non assumere inziative
da lui giudicate imprudenti. E non torna a suo biasimo, sibbene a sua
lode se, esaminati gli andamenti di quei due giorni, e convintosi forse
che ad ogni modo era giunta l'ora di spingere a fine quanto non s'era
potuto da principio trattenere, il Cattaneo abbia creduto dover uscire
dalla sua inazione ed offrire ai capi del movimento l'ajuto del suo
consiglio e della sua attività.

Dove il Cattaneo ebbe torto fu nell'accentuare immediatamente un
dissidio politico; e nello atteggiarsi quasi a censore ed a giudice
degli uomini che fino allora, senza e prima di lui, avevano accettato,
in faccia ad un nemico implacabile, quel posto d'onore e di pericolo
che la forza delle cose, se anche non l'ingegno eminente, aveva loro
additato.

Il Cattaneo portò un'idea e posò una questione. Quella era buona,
questa era ingiusta. L'idea era di costituire un nucleo direttivo,
esclusivamente preoccupato delle cose di guerra, lasciando in disparte
ogni argomento relativo ad ordinamenti politici. E la proposta fu
subito accolta, restando anzi il Cattaneo stesso investito di siffatto
incarico, col Cernuschi, col Terzaghi, con Giorgio Clerici.

Ma egli aveva anche sollevata una questione di nomi. Diffidava così
dei membri del Municipio come dei loro collaboratori. Per lui, Casati
cercava un _padrone_; Durini e Porro erano _cortigiani_; non voleva
i Giulini, i Strigelli, i Borromei, perchè i loro padri, trentacinque
anni prima, erano stati coll'Austria contro Beauharnais; trattava con
un disdegnoso epiteto Enrico Guicciardi, che in quell'ora istessa
i generali austriaci cercavano a morte, invadendogli la casa e
cacciandone, tra le fucilate, i molti e piccoli figli.

Era strano che un pensatore come Cattaneo facesse così ricadere sui
figli, secondo la teoria biblica, le colpe dei padri. Ed era anche più
strano che proprio in quei giorni egli credesse necessario scoraggiare
con dure parole quei giovani, di cui appunto il patriottismo aveva
dovuto superare una prova maggiore, vincendo tradizioni di famiglia e
vincoli di paterna autorità.

Ad ogni modo, nè il Cattaneo trovò intorno a sè adesioni bastevoli a
rovesciare le influenze che non gli parevano buone, nè gli uomini da
lui combattuti posero il menomo ostacolo all'azione ed al patriottismo
di chi li combatteva.

Il Comitato di Guerra e la Commissione Municipale coesistettero,
durante il combattimento, senza intralciarsi; altri comitati anzi
furono istituiti per disciplinare le sussistenze, la polizia, le
finanze; la Commissione Municipale accentuò meglio ogni giorno la
sua trasformazione politica, e finalmente, ricostituitasi il giorno
22, sotto forma e nome di Governo Provvisorio, ne proclamava i
nuovi componenti. Casati, Borromeo, Durini, Pompeo Litta, Strigelli,
Giulini, Antonio Beretta, Marco Greppi, Alessandro Porro e Anselmo
Guerrieri. Cesare Correnti era nominato Segretario Generale; e,
secondo la richiesta dello stesso Cattaneo, Pompeo Litta era destinato
a presiedere un nuovo Comitato di Guerra, a cui si aggiungevano il
Lissoni, il Ceroni, il Carnevali, Luigi Torelli.

Fu nello stesso giorno che il Governo Provvisorio, posto fra diverse
esigenze, emanò quel proclama che doveva più tardi essere cagione di
tanti contrasti: “A causa vinta i nostri destini verranno discussi e
fissati dalla nazione.„

In quell'ultimo giorno la concordia politica era già piuttosto nei
sottintesi che nei propositi. Ad ogni modo, il dissidio sorse e si
mantenne nella piccola cerchia degli uomini che governavano, turbò ed
agitò assai più tardi gli uomini che combattevano.


In questi risiedeva davvero la questione strategica della rivoluzione;
questione difficile a cogliere, forse impossibile a precisare, ma
intorno a cui si svolsero pure gli episodj principali e i più numerosi
delle cinque giornate.

Uno dei caratteri più salienti di quella strategia fu l'assoluta
mancanza di capi strategici. Nei primi due giorni non ve ne fu neanche
il tentativo; al terzo giorno ne apparve uno, degnissimo, Augusto
Anfossi, che, appena nominato, cadde morto all'attacco del Genio
Militare. Teodoro Lechi, vecchio generale napoleonico, era stato
nominato comandante di tutte le forze insurrezionali, ma era stato
fatto prigioniero al Broletto, fino dal primo giorno del movimento. Al
quarto giorno si cercò dal Consiglio di Guerra sostituire in qualche
modo il generale in capo. Senonchè, rispettabilissimi per patriottismo
e per intelletto, quegli uomini parevano l'ironia del nome, nessuno
d'essi avendo fatto la guerra. D'altronde, i loro ordini non sempre
giungevano, traverso alle barricate, dove importava che giungessero.
E se giungevano, non sempre erano obbediti; conseguenza del tipo
necessariamente autonomo e dei molteplici ambienti di quella battaglia.
L'ottimo Torelli racconta a questo proposito un incidente occorsogli e
che basta a dipingere intera quella situazione strategica.

Era stato nominato _Direttore delle pattuglie_, e in tal qualità si
recava nel quartiere di Porta Ticinese per esaminare un posto. Al
piede d'una barricata due individui armati lo arrestano. Declina il
suo nome e il suo grado. “Ma che capo di pattuglie?„ rispondono “che
Governo Provvisorio? Noi riceviamo i nostri ordini dal Comitato di
casa Trivulzio e non da altri. Venga con noi.„ E il Direttore generale
di tutte le pattuglie dovette farsi riconoscere da un gentiluomo di
casa Trivulzio, perchè i popolani di Porta Ticinese lo lasciassero in
libertà. Questo era davvero discentramento.

L'istinto della difesa e il senso comune supplivano a questa mancanza
di direzione centrale. Ogni mattina il bisogno suggeriva l'attitudine
e ciascun giorno aveva la propria destinazione. Senza disposizioni
di Stato maggiore, può dirsi che in tutte le parti della città il
programma di quei cinque giorni fu identico.

Il 18 fu una sorpresa; l'insurrezione parve un problema a quelli
stessi che l'avevano incominciata; la sera e la notte passarono in una
completa incertezza sul carattere, sulle proporzioni, sulle conseguenze
del moto.

Il 19 cominciò la difesa; fu la giornata classica delle barricate; ogni
quartiere le innalzò coi mezzi e colle materie che aveva sotto mano,
nei punti da cui si poteva più facilmente respingere la cavalleria o
paralizzare l'artiglieria. I seminaristi adoperarono i loro letti e i
lastroni del Corso; al teatro alla Scala, le sedie e le panche della
platea; a Porta Romana, le carrozze di Corte trovate nella soppressa
chiesa di S. Giovanni in Conca; agli archi di Porta Nuova i materiali
di fabbrica del cominciato palazzo d'Adda; al Cordusio, i bollettarj
e le balle di carta degli ufficj di finanza; a S. Vicenzino, lastre
di granito e terra e attrezzi di ferro, legati con solide catene
attraverso la via. Si lasciava un pertugio della larghezza d'una
persona; vi si metteva un uomo di guardia, perchè domandasse una
parola d'ordine.... che tutti sapevano; e al buon umore ambrosiano non
era mancata l'idea di collocare sulla cima della barricata il gatto
tradizionale del proverbio lombardo[74].

Il 20 potrebbe dirsi la giornata della preparazione; si vollero sgombri
i posti nemici collocati nell'interno della città; il Duomo, il palazzo
di Corte, la Direzione di Polizia, il Broletto, le caserme. Fu in
quel giorno che il conte Bolza venne trovato nascosto in un abbaino
sotto un mucchio di fieno, allibito e contraffatto per la paura. Forse
in quell'ora gli passarono dinanzi alla corrotta coscienza le molte
vittime sue e il povero Confalonieri da lui ghermito con funesto ghigno
in un altro abbaino. È nota la condotta generosa che il popolo serbò
verso di lui e la frase, veramente alta e inspirata, di Carlo Cattaneo:
“se lo ammazzate, fate una cosa giusta; se non lo ammazzate, fate una
cosa santa.„

Il 21 l'operazione generale è l'attacco. Ciascuna zona, fattasi
le spalle sicure, cerca di allontanare l'inimico, di allargare
e indebolire la sua cerchia, di respingerlo agli ultimi baluardi
dell'esterna periferia. Questo è già concetto strategico, e alla sera
del quarto giorno l'operazione può dirsi riuscita; l'esercito nemico,
stanco e scorato, bivacca tutto sulle mura di Ferrante Gonzaga, ormai
cacciato dall'interno della città.

Finalmente il giorno 22 ha luogo la mossa definitiva, l'impeto sopra
un punto del cordone nemico, per isfondarlo e romperlo in due, aprendo
il varco alle comunicazioni colle campagne e colle città insorte di
Lombardia. Il Cattaneo aveva proposto a tal uopo l'attacco di Porta
Ticinese; fu scelta invece la Porta Tosa, e lì accadde il combattimento
più lungo e più ostinato dei cinque giorni; dove Luciano Manara si
coperse di gloria pel suo coraggio, dove Antonio Carnevali immaginava
quelle fascine rotolanti, dietro a cui s'avanzavano i nostri in fitte
schiere; dove si distinsero per freddo valore il pittore Borgo Carati e
Andrea Cazzamini e il Croff e il Mangiagalli e il Dal Bono molti vivi.

Quando Luciano Manara, avanzandosi a petto scoperto contro le palle
nemiche, appiccò di sua mano il fuoco a Porta Tosa, potè dirsi che
lo scopo dell'insurrezione cittadina era raggiunto. Milano otteneva
un risultato che in tutto il corso dei secoli non s'era visto mai:
rovesciare fuor dalle mura un esercito straniero che vi si era
accampato da anni e fornito di tutto ciò che ai cittadini mancava:
capi, armi, disciplina, stromenti di distruzione.

Come s'erano lasciati vincere i quattordici mila uomini del maresciallo
Radetzki? da quali armi s'erano lasciati snidare da tante caserme,
da tanti palazzi, così facilmente difendibili? da poche centinaja di
fucili buoni, da qualche migliaio di fucili cattivi, da 1523 barricate,
dal suono incessante di cento campane a martello. Tutto ciò, ben
inteso, aggiunto al valore individuale, che può essere elemento nuovo
o mirabile in cittadini, ma che è o dovrebb'essere caratteristica
costante e consueta in eserciti organizzati.

Questi combattenti borghesi potevano classificarsi in tre categorie.
— La prima comprendeva quei pochi avanzi dell'antico esercito italico
che avevano visto le guerre serie e i generali giganti. Ma erano per
la massima parte vecchi, acciaccosi e, per le stesse rimembranze delle
molte città conquistate e saccheggiate, poco inchinevoli a credere
nell'efficacia delle barricate e delle campane a martello. D'altronde,
Teodoro Lechi era stato, come dicemmo, fatto prigione fin dal primo
giorno della rivolta e non fu liberato che il 23. Pompeo Litta,
ballottato fra il Casati e il Cattaneo, s'ingegnava di metter pace
fra i due, perchè una seconda guerra non s'aggiungesse alla prima. Il
Lissoni, il Ceroni, il Iacopetti, il Cima si chiamavano ad organizzare
i nuovi istituti militari in formazione, piuttosto che a dirigere il
fuoco delle contrade. Soltanto Antonio Carnevali, ingegnere militare
distinto, aveva potuto a Porta Tosa prestare attivamente l'opera sua.

La seconda categoria di combattenti constava di uomini che, senza avere
partecipato a guerre importanti, avevano indossato assise militari
e preso parte a combattimenti, in eserciti e paesi stranieri, o in
Ispagna, o in Grecia o in Africa. Erano pochi, ma si distinsero tutti
per coraggio e per energia. Giuseppe Broggi, tiratore meraviglioso,
aveva, quasi solo, impedito nei primi due giorni, l'avanzarsi degli
Austriaci oltre i ponti di S. Damiano e del Corso, abbattendo gli
ufficiali superiori, il generale Wocher fra gli altri. Una palla di
cannone lo uccideva nel pomeriggio del giorno 19. Augusto Anfossi,
dopo avere diretto l'occupazione degli archi di Porta Nuova e del
palazzo del Genio, moriva di fucilata il giorno 20. Girolamo Borgazzi,
ispettore delle ferrovie, trovava modo di scalare ben quattro o
cinque volte le mura, per combinare col Comitato di Guerra attacchi
simultanei; e cadeva all'ultimo giorno, mentre più di quattromila
uomini radunati da lui davano a Porta Comasina l'ultimo assalto.
Il conte Ottaviano Vimercati diresse con fermezza il giorno 21 un
tentativo contro la Porta Vigentina, che alcune centinaja d'insorti
raccoltisi nelle campagne avrebbero voluto sfondare per portare
soccorsi nella città.

Ma la categoria di gran lunga più numerosa di combattenti era quella
dei cittadini rimasti quasi tutta la vita entro le mura della loro
città, e che per la prima volta imparavano a caricare una pistola
o a scaricare un fucile. E fra questi troviamo Luciano Manara,
elegantissimo, che il soffio di patria tramuta in un eroe di Plutarco;
Giovanni Meschia, lattivendolo, che, appostato dietro il fumaiuolo d'un
camino a Sant'Eustorgio, uccide ad uno ad uno i soldati saliti sopra
il campanile per moschettare le vie; Pasquale Sottocorno che, vecchio
e zoppo, correva a portar paglia e fuoco a Manfredo Camperio, mentre
abbatteva con una scure il portone del Genio; e Giuseppe Guy e Luigi
Stelzi, vittime dei primi giorni; e i Dandolo e Morosini e Mozzoni,
studenti di 18 anni, che si trovavano dappertutto dove si combatteva
e si moriva, al ponte di Porta Renza, agli archi di Porta Nuova, al
palazzo del Genio, all'assalto di Porta Tosa.

Che dinanzi a siffatti elementi il maresciallo Radetzki dovesse
trovare difficoltà grosse e lotte aspre, facilmente si capisce; ma
che abbia dovuto soccombere, co' suoi quattordicimila uomini, i suoi
duecento cannoni, il suo castello munito e le forti posizioni occupate
nell'interno della città, sarebbe un fenomeno nella storia delle guerre
quasi eccezionale, se non concorressero a spiegarlo altre ragioni
affatto estranee alla strategia.

Già era stata una sorpresa per gli Austriaci come pei cittadini la
giornata del 18 marzo. Se l'insurrezione avesse avuto un capo, nulla
sarebbe stato più facile che impadronirsi d'un colpo di tutto lo Stato
Maggiore austriaco; poichè il maresciallo, col generale Wallmoden,
tre altri generali e parecchi ufficiali, usciva dopo il tocco dalla
casa Cagnola dov'era la cancelleria militare, senza il menomo sentore
dell'agitazione che in quella stessa ora aveva già guadagnato le altre
parti della città.

Se ne accorse quando vide chiudersi le botteghe e scendere i primi
armati per le vie. E allora corse a furia in castello e deliberò la
prima ed unica operazione offensiva di qualche importanza che in quei
cinque giorni abbia potuto eseguire.

Pensando che alla sede del Municipio sarebbe stato il focolare della
sommossa e la residenza dei capi, mandò verso sera buon nerbo di truppe
ad accerchiare il Broletto, e dopo breve combattimento se ne impadronì.
Colse infatti parecchie dozzine di cittadini che stavano preparando
i quadri della guardia civica, e li fece trasportare, indegnamente
maltrattati, in castello. V'erano anche tra questi dei personaggi
d'influenza e di conto, il delegato Bellati, l'assessore Marco Greppi,
il generale Teodoro Lechi, tre conti Porro, Guglielmo Fortis, Pietro
Maestri, un Litta-Modignani, il Brioschi, il Tagliaferri ed altri. Ma
quelli che intorno al Casati costituivano veramente il nucleo direttivo
del movimento, fermati al palazzo Vidiserti da quella scarica di
fucileria, non avevano potuto più ricondursi al Broletto, e s'erano
invece trasportati, come in località più centrale e più difendibile,
nel palazzo del conte Carlo Taverna in Via dei Bigli.

Dopo quella mossa offensiva riuscita a mezzo, parve che il maresciallo
Radetzki avesse rinunciato ad ogni risoluto disegno di ostilità.
Il secondo giorno lo passò in attitudine piuttosto di osservazione
che di attacco. Lanciava da ogni largo imbocco di via scariche di
plotone, che uccidevano o ferivano, ma non riuscivano ad impedire la
costruzione delle barricate. Faceva avanzare drappelli di cavalleria,
che retrocedevano di galoppo alla prima viva fucilata venuta dai
cittadini. Eppure non è dubbio che, avendo in quel giorno ancora
occupate militarmente tante forti posizioni nell'interno della città, e
non essendo la difesa di questa nè completata dall'intero sistema delle
barricate nè spinta, come nei giorni successivi, al più alto grado
dell'energia e della cooperazione universale, un vigoroso movimento
di ripresa che fosse partito simultaneamente da tutte le porte della
città, aiutato dalla sortita di tutti i presidii collocati nelle
caserme e nei palazzi governativi, sarebbe bastato, certo non senza
molta lotta e molta strage, a strozzare l'insurrezione.

Ma evidentemente non vi fu nei consigli militari austriaci in quei
giorni nè calma, nè intelligenza. Lo scoppio così imprevisto di
una così grossa rivolta paralizzò i verbosi ardimenti del vecchio
maresciallo. Forse, le comunicazioni interrotte gli fecero credere
sorpresi e prigionieri fin dal secondo giorno i corpi di guardia
interni. Certo, pensava assai maggiore che non fosse la preparazione
strategica della città; poichè al Ficquelmont scriveva: “è chiaro
che direttori militari prestati dall'estero stanno a capo della
sollevazione.„ Era la stessa impressione che faceva scrivere un
dispaccio alla _Presse_ di Parigi: “25 mille insurgés armés sont
descendus dès le premier jour dans la rue„[75].

S'aggiungano le notizie di Vienna che, non lasciando ancora scorgere
intere le proporzioni e le conseguenze del moto, non permettevano di
abbandonarsi ai vecchi criteri di repressione militare sfrenata, coi
quali potevano trovarsi in aperto contrasto nuovi indirizzi di governo
e di governanti.

Tutto ciò rendeva in quei primi due giorni pieni di curiosa incertezza
gli andamenti dell'autorità militare. Pareva quasi ansiosa di trovare
ogni pretesto per mostrare spirito conciliativo. E alla duchessa
Litta che, valendosi di antiche relazioni personali, aveva scritto al
maresciallo, lagnandosi di guasti arrecati dalle truppe al suo palazzo,
rispondeva quegli con molta umiltà “avrebbe provveduto a che non si
rinnovassero, ma esortare egli pure la duchessa a non lasciare che le
sue genti maltrattassero o provocassero soldati.„

Finalmente al terzo giorno, quando vede tutta la città asserragliata
e l'insurrezione divampare minacciosa, si decide a moltiplicare i
colpi. Ma allora si accorge altresì che le munizioni da guerra non
rispondono agli intenti di distruzione. Quei trentaquattro anni di pace
avevano lasciato un po' di ruggine sui ferri del dominio straniero. Le
racchette fendevano l'aria e cadevano sui tetti senza scoppiare; le
bombe scoppiavano con tanto ritardo che, dopo le prime esperienze, i
fanciulli avevano il tempo di toglierne i luminelli e renderle innocue.

Forse quest'ultima ragione o le due insieme spinsero il maresciallo a
desiderare proposte di accomodamento.

E cominciarono allora quelle pratiche per un armistizio, che diedero
così gran pascolo alle immaginazioni ed alle passioni di parte.

Dai documenti del tempo, dai libri fra loro comparati e dalle
attestazioni dei testimonj superstiti si può ad ogni modo cogliere
intera la verità anche intorno a questo episodio.


Il maresciallo Radetzki aveva rilasciato sulla parola uno de' suoi
ostaggi, il conte Marco Greppi, assessore municipale, perchè si recasse
in città e giudicasse della convenienza di venire a qualche sospensione
d'armi. Contemporaneamente si presentava al quartier generale di casa
Taverna un ufficiale croato, il maggiore D'Ettinghausen, non già
come inviato del maresciallo, ma coll'offerta individuale di farsi
latore presso il maresciallo stesso “di proposizioni che valessero ad
arrestare l'effusione del sangue.„

La Commissione Municipale esaminò la situazione militare, considerò
la situazione politica e la propria responsabilità. S'era a mezzo di
quel terzo giorno, in cui la rivoluzione non aveva preso ancora il
suo maggior slancio. Per quanto le barricate fossero quasi dappertutto
compiute, nessun posto importante era stato occupato; i nemici erano
ancora padroni del tetto del Duomo, della Direzione di Polizia, del
palazzo del Genio, del Gran Comando, di tutte le grandi caserme della
città interna; dal di fuori non si sapeva nulla; il movimento delle
provincie non si conosceva; nelle campagne circostanti appena qualche
indizio di assembramenti si notava dall'alto dei campanili; nessuna
notizia dal Piemonte, nessun'altra da Vienna; non una informazione
sicura intorno allo spirito morale ed all'armamento del nemico che ci
stringeva da tutti i lati. In questo cumulo d'incertezze, respingere
qualunque proposta di accomodamento parve, e sarebbe stata, da parte
della Commissione Municipale, una vera temerità. Essa poteva dirsi
ancora rimasta nei limiti del suo primo programma; era autorità legale,
non potere rivoluzionario. Se una sconfitta, pur possibile, fosse
seguita, quante maledizioni non sarebbero piombate su quei poveri
capi, responsabili d'una risposta, e che sarebbero stati accusati
d'imprevidenza da quelli stessi che, dopo il successo, li accusarono di
debolezza!

Però, la Commissione Municipale propose patti larghissimi. La città
doveva avere libere comunicazioni, da tutte le porte, col vicino
contado. Il maresciallo doveva tener chiuse in otto determinati
punti tutte le truppe. La guardia civica doveva essere organizzata
regolarmente; mantenute tutte le situazioni occupate dai cittadini
e conservato in istato pienamente servibile il sistema di difesa
adottato. Su queste basi, la Commissione Municipale avrebbe autorizzato
il Podestà a trattare col maresciallo Radetzki per un armistizio di
quindici giorni.

Al barone d'Ettinghausen queste basi parvero inaccettabili. E allora
la Commissione Municipale, volendo persuaderlo ch'esse erano le più
moderate, anzi le uniche possibili, dirimpetto all'ardore guerriero
dei combattenti, invitò nella sala le persone che si trovavano nel
vicino appartamento del Consiglio di Guerra; ed entrarono infatti
Carlo Cattaneo, Achille Mauri, Cesare Correnti, Giulio Terzaghi,
Faustino Sanseverino ed Enrico Cernuschi. Esposta a questi signori la
situazione, furono tutti d'accordo che le basi proposte dal Municipio
erano anche troppo modeste; che i difensori delle barricate non
avrebbero probabilmente accettato neanche quelle; e Carlo Cattaneo
aggiunse che la conciliazione diverrebbe possibile soltanto quando il
maresciallo acconsentisse a ritirare dal regno le truppe straniere e a
comporre le guarnigioni con soldati italiani[76].

Discusso questo punto fra il Cattaneo e il maggiore croato, questi
dichiarò che non avrebbe osato proporre al maresciallo simili
condizioni; e la Commissione Municipale, facendo constatare al maggiore
che la propria autorità era naturalmente limitata dalla forza delle
cose, lo incaricò di riferire al maresciallo l'esito del colloquio,
lasciando a lui, se veramente era desideroso di umani procedimenti, il
considerare se altre basi gli paressero da proporre.

Fu allora che il D'Ettinghausen, sperando di trovare qualche
appoggio maggiore presso gli uomini forniti, a' suoi occhi, di
più alta responsabilità, si rivolse al conte Vitaliano Borromeo,
ch'egli considerava, quale dignitario del Toson d'Oro, come cugino
dell'imperatore, e gli domandò che cosa dovesse dire in suo nome al
maresciallo Radetzki. Cattaneo ha obliato nel suo libro di riferire la
risposta del conte Borromeo, che fu questa: “Dica al signor maresciallo
che se continuerà la battaglia, i nobili di Milano sapranno farsi
seppellire sotto le rovine dei loro palazzi.„

Le pratiche per l'armistizio non finirono lì. Furono riprese per
iniziativa dei Consoli esteri la mattina seguente, il giorno 21; e
furono essi che si presentarono al Castello, preceduti dal conte Marco
Greppi, il quale, andate a vuoto le trattative del giorno prima, veniva
lealmente a riconsegnarsi. Qui il maresciallo non volle essere meno
magnanimo del suo prigioniero; ma, ammirando il contegno suo, gli
concesse, senz'altre condizioni, la libertà. E, ristrettosi a colloquio
coi Consoli, li incaricò di portare altre proposte alla Commissione
Municipale.

Senonchè in questo frattempo la situazione militare e politica s'era
mutata d'assai. Nella giornata antecedente i successi dell'insurrezione
erano cresciuti; erano caduti in mano nostra parecchi dei presidj e
dei punti militari interni; s'era cominciato a vedere che i mezzi di
distruzione del maresciallo erano fiacchi; più, era giunto il messaggio
del conte Martini, e il prossimo intervento dell'esercito piemontese
appariva già una questione di ore. Non trattavasi dunque più d'un
armistizio di due settimane per lasciar luogo a trattative politiche
o ad istruzioni di Vienna; trattavasi d'un puro e semplice armistizio
militare, limitato a tre giorni, che ciascuna delle parti combattenti
doveva considerare sotto il solo punto di vista delle convenienze di
guerra.

Queste prestavano pure argomento a discussione. E discussione vi
fu. L'uomo che aveva visto, fra tutti quei governanti, le maggiori
battaglie, a cominciare da quella d'Austerlitz, il conte Pompeo Litta,
che il Cattaneo aveva scelto a presiedere il Comitato di Guerra,
si mostrò subito favorevole all'armistizio. Questo avrebbe dato,
si diceva, modo ai nostri di rifornirsi d'armi e di vettovaglie,
di ricomporre le barricate lacere dal cannone, e sopratutto avrebbe
lasciato giungere l'esercito piemontese in tempo da offrire battaglia
nelle più favorevoli condizioni. E non è dubbio infatti che se in
quell'ora si fosse trovato fra i generali di Carlo Alberto un uomo di
genio, in tre giorni si sarebbe trovato per la via di Piacenza sulla
linea dell'Adda, e l'esercito austriaco, preso fra quelle fresche
schiere e la città vittoriosa, non avrebbe potuto sottrarsi ad una
catastrofe.

Però non mancavano altre ragioni opposte, e prima fra tutte
l'impossibilità di esercitare sui combattenti cittadini l'autorità
necessaria per farli desistere, se l'armistizio non fosse stato nei
loro intendimenti. Correnti e Fava, presenti a quella discussione,
suggerirono allora che si mandassero persone a interrogare, prima di
decidersi, il voto dei combattenti. Furono scelti a tale incarico il
conte Sanseverino, il Mauri, il Cattaneo, il Cernuschi e il Terzaghi. E
non ebbero a far molta strada, perchè, al primo sentore delle proposte
conciliative, giungevano da tutti i quartieri della città incaricati
speciali, con raccomandazioni vivissime che non si scoraggiasse o si
sminuisse, con tregue d'incerto carattere, lo zelo dei valorosi ormai
determinati e certi di vincere.

Ritornati dunque nella sala i delegati, e apertasi la discussione
finale, il presidente Casati espose i patti proposti. Giuseppe Durini
parlò perchè fossero accolti, ed appoggiò questa opinione con alcune
parole il conte Borromeo. Parlò primo contro l'armistizio Achille
Mauri, e parlò con tanta evidenza che subito il Durini dichiarò di
rinunciare alla proposta sua. Parlarono poi, aggiungendo ragioni contro
l'armistizio, Carlo Cattaneo e Luigi Torelli; alla votazione che ne
seguì, su _quindici_ presenti, _tre_ soli opinarono per l'armistizio.
Il Casati disse ad alta voce: dunque non si accetta, e Cesare Correnti
portò primo fuori della sala la notizia del rifiuto, che fu accolta con
grandi applausi e subito fatta conoscere di barricata in barricata ai
combattenti giulivi.

Queste furono le circostanze fra cui si svolse il duplice episodio
dell'armistizio; circostanze che abbiamo scrupolosamente vagliate, e
sulle quali non temiamo di essere smentiti da nessuno dei testimonj
o degli attori, fortunatamente ancor vivi, dell'episodio stesso. Ora
ognuno può agevolmente vedere quanto dovrebbero allontanarsi dal vero
quelli che volessero adoperare dei morti per inasprire le passioni dei
vivi.

S'è tentato di sfruttare questo episodio per rimpicciolire il
significato grande del pensiero di una città. S'è acuito l'orecchio,
fra un coro innumerevole di negative, alla negativa di un uomo solo,
per farne l'onore esclusivo di quest'uomo.... o l'accusa di altri. E il
famoso no di Cattaneo è passato dall'immaginazione politica di Alberto
Mario[77] alle immaginazioni drammatiche del palco scenico[78].

La storia è tutta composta di sì e di no; ed un partito politico che
abbia lo sguardo nell'avvenire non ha interesse a confiscare questi
monosillabi che si ritorcerebbero in troppe altre occasioni contro di
esso. Infatti, se dei no si volessero fare delle bandiere politiche, vi
sono altri partiti che potrebbero reclamare per sè il _no_ di Vittorio
Emanuele al maresciallo Radetzki, dopo la battaglia di Novara, o il
no del barone Ricasoli ai diplomatici francesi che insistevano per
l'autonomia toscana, o il no del generale Lamarmora all'imperatore
d'Austria, che offriva di cedere il Veneto a patto che si lasciasse
sola la Prussia.

Fare di questo _no_ del 1848 il merito d'un solo cittadino, per quanto
illustre, equivale ad abbassare la meravigliosa unanimità di voleri che
fu il fenomeno caratteristico delle cinque giornate.

Forse che se Cattaneo avesse avuto, in un quarto d'ora di debolezza,
l'inspirazione di sostituire un sì ad un no, forse che il popolo
l'avrebbe seguito? lo ha seguito forse due giorni prima, quand'egli
voleva, con un altro _no_, che si sostituissero agitazioni pacifiche a
insurrezione popolare? Che sugo c'è, quando si hanno parecchi cittadini
a cui far risalire l'onore di una decisione virile, nel volerla
attribuire a beneficio di uno solo?

È tutta perdita per una nazione l'essere in pochi, peggio poi l'essere
uno solo a veder giusto. E a noi fa meraviglia come la democrazia,
smentendo di sè stessa la parola e l'idea, si affanni talvolta a
sfrondare essa di questa gloria la cittadinanza milanese, consultata
ne' suoi combattenti, per farne il patrimonio esclusivo di un uomo
che, quand'anche ne avesse avuto la volontà, non aveva in quell'ora il
potere di agitare, come Argante, fra le pieghe del suo mantello o la
pace o la guerra.

Quanto meglio avremmo provveduto alle ragioni del vero ed alla dignità
della nostra rivoluzione, se, abdicando almeno per cinque giorni sopra
un secolo alle passioni di parte, avessimo francamente riconosciuto la
lealtà e il patriottismo di tutti.

Giacchè è un'altra esagerazione, — è un'altra ingiustizia, dopo avere
fatto merito ad uno solo dell'opinione trionfante, l'avere addossata a
troppi l'opinione sconfitta. Quelle tre o quattro persone che l'avevano
patrocinata erano uomini rispettabili, di sicuro amor patrio, e i cui
argomenti, se anche non riconosciuti opportuni, s'inspiravano però a
quello stesso programma d'indipendenza a cui si appoggiava l'opinione
contraria. Negandolo, non si fa della storia, si scrivono dei libelli.

E il Cattaneo, che nella sua violenta pubblicazione non rifinisce
di chiamare i suoi avversarj del Governo Provvisorio i _servili_ o i
_ligi_ o i _municipali_ o i _ciambellani malcontenti_ o i _faccendieri
regi_, dimentica troppo che questi stessi uomini, poco tempo dopo,
respingevano, _contro il desiderio di Carlo Alberto_, la pace al
Mincio offerta loro dall'Austria; e ciò per un'altra preoccupazione
d'italianità, che oggi si può discutere, che si può forse biasimare, ma
che ad ogni modo moveva da intenti assai diversi e affatto contrarj a
quelli che il Cattaneo costantemente loro suppone[79].

Guai se l'orgoglio del successo ci fa dimenticare il quarto d'ora
dell'incertezza! guai se portiamo nel giudizio postumo sugli eventi
politici quella stessa intransigenza che talvolta è necessaria per
compierli!

Gli uomini che avrebbero accettato l'armistizio come un modo più sicuro
di vincere, non hanno poi esitato ad assumere intera, coi loro atti
e coi loro nomi, la responsabilità e le conseguenze dell'opinione
contraria, accettata dalla gran maggioranza. È tutto quello che si
può domandare, in una discussione patriottica, ad uomini di cuore.
Nè la storia giudica minore, nella spedizione di Marsala, la gloria
di Sirtori, benchè, nel consiglio che la precedette, avesse espresso
opinione contraria all'impresa.


Ci siamo alquanto dilungati intorno a questa pagina della rivoluzione
milanese, perchè ci pare veramente una di quelle, intorno a cui le
passioni o i pregiudizj di parte hanno piuttosto addensato il bujo che
cercato il vero.

Ora, noi pensiamo che uno storico — per minuscolo che sia il suo nome
o il valor suo — da nessuna passione deve lasciarsi investire, da
nessun pregiudizio dominare. Anzi, dove scorge o gli pare di scorgere
un pregiudizio od una passione, ivi è dover suo accumulare chiarezza
di esposizione e lealtà di argomenti perchè solo rifulga il vero, che
mette al loro posto uomini e partiti.

Viviamo in un tempo in cui l'indagine universale chiama alla propria
sbarra gli scrittori del tempo antico, per controllare le loro
asserzioni al lume di una critica inesorabile. Si sono pubblicati dei
volumi per dimostrare inesatto un passo di Erodoto o appassionata
un'affermazione di Tito Livio. Ci parrebbe dunque di andar contro
allo spirito dell'epoca nostra, lasciando, per quanto sta in noi, che
di cose accadute meno di quarant'anni fa, mentre son vive ancora le
persone a cui quegli eventi s'annodano, si radichi senza contrasto un
concetto sintetico pieno d'ingiustizia e di esagerazione. Le verità che
urtiamo del gomito non debbono esserci meno sacre di quelle da cui ci
dividono duemila anni.

E tanto più dobbiamo cercare e constatare lealmente questa verità
contemporanea, perchè il travisarla o l'abbujarla parrebbe non avere
ormai altro scopo che di gettare un'ombra sulla riputazione di tre o
quattro cittadini, a cui tutti abbiamo riconosciuto onestà di vita
e azione patriottica; mentre un morboso furore di riabilitazioni
umanitarie ci spinge a disseppellire Tiberio, Lucrezia Borgia e Filippo
II per rifar loro possibilmente fisonomie più dolci e virtuose.

Di errori nel 1848 se ne fecero più troppi che pochi; e la storia
imparziale li additerà. Forse nessuno, al suo cospetto, andrà immune
da rimproveri per quello che ha fatto o detto. È bene dunque cercare
fin d'ora che le fonti, a cui attingeranno gli storici futuri, siano
serene, e che a ciascuno si attribuisca non più e non meno di quello
che ha detto o fatto.


Le cinque giornate toccarono alla più alta espressione dei loro
entusiasmi la mattina del 23 marzo, quando, dopo il terribile
cannoneggiamento dell'intera notte, corse per la città il grido
frenetico che gli Austriaci erano partiti. Fu un'emozione immensa,
insuperabile, il cui ricordo oggi ancora fa dare un tuffo al sangue;
fu la frenesia della gioja, che per ventiquattr'ore fece di Milano una
sola famiglia, — che faceva prodigare a sconosciuti le dimostrazioni
d'affetto ordinariamente serbate all'intimità.

Il maresciallo Radetzki, decidendo di ritirarsi la sera del 22, ci
lanciava però un nuovo tizzone che avrebbe più tardi ridestata un'altra
delle nostre ardenti discussioni politiche.

Fu l'insurrezione cittadina o la sicurezza dell'intervento piemontese
che consigliò la ritirata del maresciallo? ecco il tema, che parve
di grande interesse il discutere alla massima parte di quelli che non
avevano combattuto. Eppure nessuna questione è più oziosa, nessuna è
più chiara. Gli eventi politici non hanno quasi mai una sola cagione. E
quanto sarebbe odioso il negare che l'insurrezione milanese sia stata
una vera e propria vittoria, altrettanto sarebbe puerile l'affermare
che, senza la marcia offensiva dell'esercito piemontese, Radetzki
avrebbe dovuto ritirarsi a Verona. Forse nessuno dei superstiti delle
cinque giornate oserebbe oggi sostenere siffatta tesi.

Nè questa è necessaria alla gloriosa riputazione di quella battaglia
cittadina. La quale, ripetutasi pochi mesi dopo, e certo con eroismo
non minore, fra le patriottiche mura di Brescia, è finita con una
tremenda catastrofe, appunto perchè nessun ajuto d'esercito ha potuto
secondare in campo aperto la difesa delle contrade.

Non torturiamo i fatti per trarne più di quello che possono dare.
Bisogna essere orgogliosi delle Cinque Giornate, perchè rappresentano
una somma di attività morali e di virtù militari, che il patriottismo
solo ha saputo far sorgere e disciplinare a splendidi risultati.

Non bisogna però avvezzare l'animo nostro a credere riassunta la
virilità di una nazione in questi scatti d'audacia; disinganni durevoli
seguirebbero da vicino la passeggiera vanità.

Dopo l'epopea delle cinque giornate, è venuta pur troppo un'elegia:
elegia lunga e dolorosa, di cui furono in gran parte responsabili
quelli stessi che erano stati fattori dell'epopea.

Vuol dire che nella vita dei popoli, come in quella degli individui, il
dolore tien dietro presto alla gioja e rompe i facili orgogli.

Quei cinque giorni di virtù, di concordia, di devozione a grandi ideali
partorirono quattro mesi di fiacchezze, di rancori, di lotte intestine
e ingenerose. Sembrammo indegni di una libertà che s'era conquistata
con tanto vigore. E la libertà ci abbandonò, infatti, presto. Ma,
fuggendo da noi, sostò al di là del Ticino, in mezzo ad una popolazione
forte, solidale con principato gagliardo.

E mentre essa rifaceva istituzioni, armi e politica, da noi si
rifacevano gli animi. Ci persuadevamo che a popoli moderni l'eroismo
non basta. Imparavamo a nostre spese che alle virtù necessarie per
crearsi una patria bisogna saper aggiungere, sotto pena di morte, le
virtù necessarie per conservarla.



IL DECENNIO DI RESISTENZA

(DAL 1849 AL 1859).


Nulla è più triste del 1849. Fu un'epoca di squallore del pensiero
politico in tutta Italia, un'epoca di naufragio dei sentimenti
ragionevoli e generosi.

Mentre la reazione od aveva vinto o si preparava a stravincere, il
liberalismo si nascondeva sfiduciato, e la rivoluzione sperdeva in
audacie, talvolta generose, ma sempre isolate e insufficienti, le
forze materiali e morali che il pensiero nazionale aveva faticosamente
raccolte.

Nessun governo indipendente in Italia, tranne quel piccolo Piemonte,
strozzato dalle indennità di guerra e dall'occupazione militare
austriaca. Radetzki padrone di Alessandria, D'Aspre di Firenze, Oudinot
di Roma, Hoyos di Bologna, Haynau di Brescia; a Milano si bastonavano
le donne, a Napoli s'accoppiavano Poerio e Spaventa cogli assassini;
Garibaldi si trafugava per tutte le sinuosità dell'Appennino,
traccheggiato da quattro eserciti e da cinque polizie; Venezia moriva
di bombardamento e di colera; l'Ungheria, svenata, cadeva bocconi
ai piedi dello Czar; e le nostre popolazioni, tradite nelle loro
speranze, vacillanti nella loro fede, erano malmenate da giornali e da
giornalisti senza pudore, che dopo averle abbeverate, nei giorni lieti,
d'odio e di menzogna, s'erano rifugiati, nei giorni tristi, fra le
schiere degli oppressori, mescolando il loro scettico ghigno al romore
delle fucilazioni dei patrioti, da loro aizzati e abbandonati[80].

Alle catastrofi militari s'aggiungeva la catastrofe intellettuale
e morale. Nulla di organico aveva potuto resistere ai colpi della
sfortuna. Le autorità personali erano sfatate; i metodi di governo
screditati; l'energia rivoluzionaria si svaporava in proclami, in
coccarde, in feste, in saturnali di palazzo e di piazza; si diffidava
degli onesti; si credeva ai birbi, che degli onesti sorgevano
accusatori. Gli elettori politici, traviati dall'orgia delle idee
false, preferivano un Pansoya al conte di Cavour. I patrioti erano
diventati traditori, i traditori diventavano a loro volta patrioti.
Era insomma un'aberrazione di menti da ricordare le follíe degli
untori, — un palleggiarsi di accuse e di recriminazioni, che lasciava
nelle maggioranze un infinito disgusto di cose pubbliche. I partiti
politici erano saliti.... o discesi alla più acuta espressione
dell'intolleranza. Monarchici e repubblicani, radicali e moderati,
unitarj e federali parevano odiarsi fra loro ancora più che non si
odiassero gli stranieri da ciascuno di loro. A Roma non si accordavano
Mazzini e Garibaldi; a Firenze, Montanelli e Guerrazzi si tenevano
il broncio; in Piemonte spesseggiavano le crisi ministeriali; Genova
insorgeva contro Torino, Napoli inveiva contro Messina. Lo stesso
esercito piemontese, — l'unica speranza dell'avvenire — era lacerato
dalle fazioni; e una parte dei soldati non volevano battersi, perchè
turbati da seduzioni clericali, e il generale Ramorino non si batteva
perchè corrotto da seduzioni repubblicane.

È facile immaginare che effetti dovesse cagionare lo spettacolo di
quest'anarchia italiana sulla popolazione milanese, ripiombata, dopo
quattro mesi di romorosa illusione, sotto un regime reso senza paragone
più duro dall'ebbrezza della vittoria e dal ricordo delle vicendevoli
offese.

Forse anzi fu questa stessa durezza che la salvò. Fu la terribile
realtà delle conseguenze che produce nella vita dei popoli la rettorica
sostituita all'esperienza, la petulanza sostituita all'ingegno,
che abbreviò meravigliosamente per Milano, e in genere per tutte
le provincie ricadute sotto la dominazione straniera, il periodo
della convalescenza. Milano si trovò come un ebbro sotto la doccia.
Quel bagno gelato dissipò in un minuto i fantastici orgogli e le
allucinazioni delle fibre eccitate. La città si trovò nuovamente di
fronte alle altere uniformi bianche, allo strascico delle sciabole
sui selciati, agli aspri suoni del linguaggio straniero, alle brutali
intimazioni di pattuglie e di sentinelle, alla pettoruta insolenza di
una bieca e irresponsabile polizia. Comprese che tutto ciò voleva dire
la fine di un'egloga e il principio di un dramma. Si guardò intorno e
si vide sola. Nessun ajuto possibile dall'interno, nessuna speranza,
neanche lontana, da fuori.

Allora Milano rientrò in sè stessa; vide di essere la sentinella
avanzata di un esercito impotente a riprendere l'offensiva; sentì la
nobiltà della sua missione, la fiera ma gloriosa inesorabilità del
suo dovere. Deliberò di restare al suo posto, finchè dietro ad essa
l'esercito avesse potuto ricomporsi. Raccolse le sue forze; non contò
i nemici, ma li guardò in faccia senza paura; e cominciò quella lotta
giornaliera, multiforme, implacabile contro ogni elemento, contro ogni
esigenza di dominio straniero; una lotta che il conquistatore leggeva
in ogni sguardo e sospettava in ogni parola; una lotta che avvolgeva in
una salda solidarietà d'affetti e d'intenti tutti i partiti, tutte le
classi, tutti i gruppi della cittadinanza; — quella lotta che, dal 1849
al 1859, fu una pagina illustre della virtù nazionale.

Questa lotta fu combattuta da tutti, in tutti i modi, secondo le forme
ed i metodi che a ciascuno, in ciascuna occasione, parvero preferibili.
Noi non pretendiamo raccontarla, cercheremo riassumerla nelle sue linee
principalissime. Chi la racconterà — assai più tardi — potrà essere
giusto con tutte le persone; noi non potremo ora che essere giusti
rispetto alle cose. Delle persone diremo con sobrietà quello soltanto
di cui siamo sicuri. E non di tutte; giacchè, naturalmente, nè tutte
conoscemmo, nè di molte sarebbe ancor bene dir tutto. A quelli che,
pur essendo stati in prima linea, fossero o si credessero dimenticati,
mandiamo fin d'ora schiettissime le nostre scuse. Si vendichino,
dicendo che questo nostro non è neanche un riassunto, è semplicemente
una sfumatura del poema. Noi non li smentiremo. Saremo paghi se gli
uomini imparziali riconosceranno la nostra imparzialità, e se diranno
che, avendo pure scritto il vero, abbiamo scritto soltanto il vero a
noi noto.


Caduta, con Venezia, l'ultima fioca speranza di ripresa politica,
l'opinione pubblica milanese subì un periodo sussultorio, quello che
segue davvicino inevitabilmente le grandi catastrofi. L'onda commossa
continua a spumeggiare sul lido lungo tempo dopo che la tempesta in
alto mare è cessata. Però il periodo fu breve; e il partito nazionale
si adagiò virilmente nella considerazione dell'avvenire, frazionandosi,
secondo l'indole delle cose e la fisonomia morale degli individui, in
tre compagini principali, che si proposero di camminare, con proprj
metodi, verso l'intento comune dell'indipendenza.

Queste compagini ebbero subito e necessariamente capi locali, mezzi
locali, direzioni indipendenti e locali. Le autorità intellettuali
che avevano creato il movimento, le influenze statevi fino allora
prevalenti erano tutte sparite. Gli uomini di maggiore notorietà
del precedente periodo avevano dovuto subire le conseguenze della
sconfitta. Il Cattaneo s'era ritratto a Lugano, inutilmente e
ingiustamente sdegnoso; il Correnti cercava di rifar programmi a
Torino, accarezzato pel fervido ingegno e per l'inquieto ideale;
Casati, Borromeo, Arese, Mauri, Burini, Torelli, Guerrieri-Gonzaga,
Giorgio Pallavicino, emigrati volontarj o forzati, reclutavano aderenze
e simpatie fra i nuclei politici a cui appartenevano, o a Genova o
a Torino o a Parigi. Luciano Manara era morto eroicamente coll'armi
in pugno; Cernuschi e Maestri, appartati dal movimento paesano o
imbronciati con esso, avevano trovato a Parigi, con diversa fortuna,
nuove occupazioni e nuove clientele.

Ned era facile allora — come fu possibile poi — avviare cogli emigrati
intelligenze dirette e costanti. Oltrechè, le necessità milanesi
esigevano evoluzioni così rapide e così varie, che ogni direzione da
fuori sarebbe stata inevitabilmente o tarda o inefficace o disastrosa.
Bisognò dunque, sino dai primi giorni, rifare i quadri; e trarre
da nuovi elementi, presenti sempre ed attivi, le virtù nuove rese
necessarie dalla mutata natura delle difficoltà e dei pericoli.

Per chiarezza e semplicità di programma, se non per numero — allora —
di aderenti, primeggiava quel nucleo di giovani patrizj che avevano
risolutamente accettata, fin dal primo stadio della rivoluzione,
l'iniziativa liberale e la direzione politica della monarchia
piemontese. Si dicevano e si lasciavano chiamare _albertisti_,
perchè in Carlo Alberto avevano confidato, come confidavano nel
giovane ed energico suo successore. Conservatori per educazione e per
interessi sociali, non erano men risoluti di ogni altro a volere, con
inflessibile tenacia, l'indipendenza; ma credevano che per raggiungerla
non fosse di troppo avere per sè le forze — momentaneamente impacciate
— d'un vecchio Stato, d'un esercito regolare, d'una illustre e leale
famiglia di principi italiani e costituzionali. L'esperienza delle
discordie politiche e delle impotenze amministrative durate nei quattro
mesi li avevano disgustati d'ogni soluzione provvisoria. Nè i capi, nè
i programmi repubblicani, sorti durante lo stesso periodo, erano lor
parsi tali da dover inspirare invincibili simpatie. Sicchè il Piemonte
restava l'unico faro che illuminasse di qualche luce il tetro avvenire;
ed essi, pur accettando dai loro amici di programma diverso ogni
necessità di cospirazione o di lotta contro i governanti stranieri,
mettevano la loro fede negli organismi della monarchia liberale;
coordinavano la loro azione, il loro impulso, la loro propaganda
morale alle situazioni che vedevano create o accettate da quelli fra
i loro amici rimasti a Torino, per appoggiare delle loro influenze
e rappresentare col loro nome la continuazione di una politica
d'indipendenza.

Autorevole in questo nucleo per solidità di studj e di convinzioni era
Alessandro Porro, ingegno calmo e colto, avvezzo a meditare prima di
risolvere, a non pentirsi dopo avere risolto. Più spigliato d'indole
e più mescolato agli aneddoti sociali ed a vivacità battagliere,
Carlo D'Adda ajutava questo programma di tutte le intimità che il suo
carattere e la sua schiettezza gli avevano ottenuto presso la Corte in
Torino, dove Carlo Alberto gli era stato largo di così patriottici e
confidenti colloquj. Uomini gravi e giovani intelligenti fra i Taverna,
fra i Prinetti, fra i Greppi, fra i Trotti, fra i Litta-Modignani
caldeggiavano simili aspirazioni, alle quali non mancava l'adesione,
piena di modesto riserbo, dell'uomo più illustre che contasse in Italia
il partito unitario, Alessandro Manzoni.

Due giovani però spiccavano sopra gli altri, in questo nucleo politico,
pei loro precedenti e per la vasta azione, — il conte Cesare Giulini e
il conte Emilio Dandolo.

Quest'ultimo, giovanissimo ancora e già ricco di fama, apportava al
gruppo _albertista_ tutto il profumo della squisitissima indole sua,
tutto il prestigio della leggenda, che cominciava già a formarsi
intorno alle vittime e ai difensori di Roma. Fratello, più che amico,
di Manara e di Morosini, morti entrambi, si può dire, nelle sue
braccia, Emilio Dandolo aveva potuto fare, a vent'anni, un'esperienza
degli uomini che pochi sanno acquistare a quaranta, un'esperienza del
dolore, che non lasciava più in lui nulla di frivolo o di spensierato.
Era stato sulla breccia, coll'armi in pugno, finchè in Italia era
rimasto un palmo di terra da difendere contro stranieri. Cessata la
lotta, ridiventava uomo di pensiero ed aveva scritto un opuscolo:
“_I volontarj ed i bersaglieri lombardi_„ nel quale affrontava con
molto coraggio civile alcuni fra i pregiudizj che avevano allora più
corso fra l'inesperta gioventù liberale. Il volontario, fido soldato
di Garibaldi e di Medici, non temeva di affermare che solamente da
eserciti regolari doveva l'Italia attendere la sua liberazione; il
valoroso difensore della Repubblica romana sosteneva vigorosamente
il programma dell'Italia monarchica, sotto la guida della dinastia di
Savoja. Più tardi, un'altra idea savia e feconda avrebbe sostenuto, in
apparente contrasto coll'azione sua giovanile, — l'alleanza con quella
Francia, i cui soldati avevano rotta, colle loro palle, la vita dei più
cari amici che avesse al mondo, suo fratello Enrico, il Morosini, il
Manara.

Ma non era da lui che potesse uscire il grido di un egoismo, o di una
passione, pure larvata da patriottiche ipocrisie. Entusiasta, come
lo s'è a vent'anni, sapeva però discernere un affetto individuale
dal grande interesse della patria. Sapeva che nelle grosse questioni
di politica internazionale, non sempre possono i governi — regni o
repubbliche — lasciarsi guidare dai soli impulsi simpatici. Vedeva
chiaro che gl'interessi della Francia avrebbero, tosto o tardi,
combaciato coi nostri, e faceva volontieri il sacrificio delle sue
rimembranze ai nuovi bisogni e alle nuove amicizie del suo paese.

Stringersi oggi a chi si ha combattuto jeri, o viceversa, è la legge
storica di tutte le relazioni internazionali, l'andamento normale di
quasi tutte le emancipazioni politiche. Guai se, adottando una politica
di fanciulli o di furibondi, c'immaginassimo che i nemici trovati
un giorno sopra un campo di battaglia vi fossero perchè ci odiavano!
Tramuteremmo l'Europa in altrettanti campi trincerati quanti sono i
popoli che, in una od altra epoca, si sono affrontati, e prostituiremmo
le alte necessità della patria dinanzi alle volgari manifestazioni del
rancore o della vendetta.

Uno Stato forte e intelligente prova anzi una certa voluttà virile
nell'avvicinarsi ad una potenza contro cui s'è lottato sul campo o
nella diplomazia. Le amicizie militari meglio sorrette dalla reciproca
stima nascono ordinariamente, dopo la pace, fra gli ufficiali che si
sono vigorosamente battuti durante la guerra. E se da un governo o da
un principe che ci ha offesi, viene l'istante in cui la patria trae
servigio o vantaggio, la grandezza d'animo consiste nel ricordarsi di
questo, non nel piatire, come un compratore fedifrago, per scemare il
prezzo d'una merce che s'è chiesta e accettata.

Così comprendeva il patriotismo Emilio Dandolo; e così, crediamo,
lo avrebbe compreso in ogni futura epoca della sua vita, se non
avesse dovuto soccombere, pochi anni dopo, al fiero morbo che già in
quell'epoca si leggeva devastatore sull'emaciato e pallido viso.

Per ora, il nobile giovane, in cui l'Italia ha certamente perduto un
uomo politico di prima riga, si accontentava d'essere un elemento
di coesione e di forza in mezzo a tante cause di sfiducia e di
dissoluzione. Simpatico di persona e di nome, gentile di modi, vigoroso
di animo, gettato così presto nel vortice delle grandi emozioni, il
Dandolo sentiva che il fragile tessuto della sua vita si logorava
rapidamente. Questa sicurezza dava ordinariamente al suo viso una
tinta di melanconia, ma nel tempo stesso — com'è natura del morbo —
gli rendeva più dolce l'indole e più fine l'ingegno. Di tutti gli amici
suoi, — di tutte le amiche — era l'idolo, e lo meritava. Nessuna cosa,
può dirsi, facevasi intorno a lui, senza il consiglio suo. Ed egli
della sua influenza non usava che per cose alte e fiere. Era di quegli
uomini destinati a servire, persin morendo, la patria che amano.

Lo precedeva d'una decina d'anni il conte Cesare Giulini Della Porta,
che alle stesse doti di animo e di cuore univa una vasta cultura appena
dissimulata sotto la semplicità del discorso, una portentosa memoria,
punto vulnerata dalle eccentriche distrazioni in lui proverbiali.
Gentiluomo d'antico stampo e di largo censo, usava d'ogni forza
sua, economica, intellettuale o sociale, per intenti di patria e di
progresso. Nessuna iniziativa di studj[81], di beneficenza, di vigore
politico, trovava chiusa la sua borsa o freddo il suo cuore. Le
numerose relazioni personali ch'egli manteneva e accresceva con una
instancabile corrispondenza, l'autorità che gli veniva dall'essere
stato nel Governo Provvisorio di Lombardia, la considerazione di
cui godeva in tutta l'aristocrazia lombarda e il molto bene che gli
volevano le classi popolari da lui beneficate[82], lo rendevano anche
rimpetto al Governo austriaco un uomo importante; ed egli ne approfittò
per osare quello che altri forse non avrebbe potuto, ma che, scoperto,
avrebbe tolto a lui come ad altri la libertà e probabilmente la vita.

In tutto il periodo che precedette i movimenti militari del 1859, fu il
conte Giulini il centro e l'anima di quel vasto movimento di volontarj
che s'avviavano ogni giorno al di là del Ticino, per accrescere
combattenti all'esercito piemontese e sottrarne alle coscrizioni
nemiche. Giovato dalle molte sue conoscenze e dall'affetto che avevano
per lui gli affittuarj e i coloni delle sue varie tenute, il Giulini
aggiungeva a questo lavoro quello di raccogliere tutti i dati relativi
ai concentramenti ed alle dislocazioni delle truppe austriache; dati
quasi sempre esattissimi e che, trasmessi giornalmente al quartier
generale dell'esercito franco-sardo, gli furono parecchie volte
d'inapprezzabile aiuto. Sprofondato in questa doppia bisogna egualmente
pericolosa, ma il cui vantaggio pratico per la causa nazionale era
egualmente chiaro, Cesare Giulini stette fino agli ultimi giorni in
Milano, malgrado che la polizia militare avesse occhi attenti sopra
di lui. Lo si vedeva nei soliti ritrovi serali, lo si incontrava
per le solite vie coll'abito negletto, il passo obliquo e il sorriso
distratto; ma la mente era pensosa, il cuore saldo, e tutte le sue
nobili facoltà si concentravano operose in quello che per allora gli
pareva il dover suo e il modo più immediato di giovare alla patria[83].

Il programma _albertista_ non era però nei primi anni diviso da un
altro nucleo di giovani intelligenti e coltissimi, che al Giulini, al
Dandolo, al D'Adda erano congiunti dai più stretti vincoli di stima e
di amicizia personale.

Erano gli antichi avventori del caffè della Peppina, a cui s'era
aggiunta la schiera, anche più giovane, degli scrittori e dei
pubblicisti maturati alla breve esperienza liberale dei quattro mesi.
Caduta Milano, avevano girovagato qua e là per l'Italia, scrivendo,
cospirando, stringendo relazioni letterarie e politiche, a Firenze,
a Roma, a Torino. Rientrando, dopo le catastrofi italiane, sotto il
domestico focolare, sentirono il bisogno di raccostarsi, di riprendere
il filo delle antiche intimità, di coordinare, se era possibile, la
loro singola azione allo svolgimento di un programma comune.

Quest'ultima ipotesi sembrava e si dimostrò infatti difficile. Le
impressioni individuali non erano identiche e condussero presto alla
formazione di due correnti patriottiche, concordi nello scopo, divise
nel metodo.

Una prima schiera accettò presto l'indirizzo che proponeva, con pensato
vigore, un uomo rimasto fino allora piuttosto soldato che capitano,
Carlo Tenca.

Ingegno più solido che vasto, più preciso che immaginoso, di
convinzioni austere, di alta coscienza e d'irremovibile tenacità,
il Tenca univa a tutte le fiere qualità della sua origine popolana
l'amore a tutte quelle eleganze d'intelletto, di studj e di istinti,
che sogliono ordinariamente essere la base educativa delle classi
superiori. Preparato alla politica, come tutta la gioventù d'allora,
dai libri del Foscolo e del Mazzini, durante i quattro mesi della
nostra effimera liberazione aveva scritto per qualche tempo nel
giornale ufficiale del Governo Provvisorio, da cui s'era allontanato
in seguito per desiderio di azione politica più indipendente. Non era
stato partigiano dell'atto di fusione colla monarchia piemontese, e
si mostrò severo censore di parecchie delle disposizioni che, a quello
scopo, s'erano prese o si travedevano.

Quando giunse l'epoca dei rovesci, e si trattò di sostituire al Governo
Provvisorio un Comitato di Difesa, che assumesse una specie di potere
dittatorio, il Tenca si oppose apertamente alla prima combinazione,
che si basava sui nomi del colonnello Varesi, del conte Francesco
Arese e di Cesare Correnti. Gli pareva una combinazione d carattere
troppo _fusionista_, e fu principalmente per le insistenze sue che
si procedette ad un'altra combinazione, in cui entrarono il generale
Fanti, il dottor Maestri e l'avvocato Restelli, rimanendo il Correnti
segretario del Comitato. Dopo l'infausta giornata del 5 agosto[84],
il Tenca, con altri amici suoi milanesi, s'era condotto a Firenze,
dove, seguendo sempre il concetto della rivincita popolare, collaborò
a giornali e ne fondò, aiutando talvolta, contrastando più spesso
l'indirizzo governativo, che gli pareva or fiacco or violento, di quei
governanti, in ispecie del Guerrazzi e del Montanelli.

Nel complesso, lo spettacolo di quei saturnali politici aveva fatto
grande impressione sul retto ed austero animo suo. Tornava a Milano,
dubitoso della efficacia d'ogni programma di azione immediata,
sconfortato delle prove fatte, dolorosamente persuaso che, se poco
felice era stata l'iniziativa del principato liberale, anche peggiore
era stata quella delle torbide democrazie. Sicchè patrocinava un
programma di ricostruzione intellettuale e morale, da lui posto come
base unica e logica d'ogni futura azione. Disposto a spingere, come
gli altri e più degli altri[85], il contegno di intransigenza contro
ogni elemento e contro ogni istituzione d'indole straniera, non credeva
però ad efficacia di congiure e non intendeva mescolarvisi. Voleva che
si lasciasse per allora deporre alla rivoluzione il suo limo, e che si
preparasse, con civile rinnovamento di studj filosofici, giuridici,
politici, economici, la generazione atta a governare più tardi con
maggiore competenza e maggiore esperienza l'ulteriore movimento che i
tempi avrebbero consigliato.

All'opinione sua aderirono presto parecchi fra quelli che a somiglianti
discussioni prendevano parte; e si deliberò la fondazione di un
giornale che a siffatte idee desse tono e avviamento. Così nacque il
_Crepuscolo_, che fu per nove anni l'efficace stromento di una vera
educazione pubblica, e di cui scrisse recentemente la storia uno dei
più autorevoli fra i suoi fondatori e scrittori[86].

Ma questo programma, di cui nessuno disconosceva la serietà e
l'utilità, sembrò non bastare ad un'altra schiera di giovani, o più
dominati da un prepotente bisogno di combattività, o meno disillusi
dei primi sull'antico meccanismo delle cospirazioni politiche. E
questi, raccogliendo intorno a sè gli antichi compagni e rannodando
le antiche fila, deliberarono di continuare, per loro conto e con loro
pericolo, quei metodi di propaganda rivoluzionaria che già erano parsi
buoni molti anni prima, e da cui speravano poter trarre ancora utili
occasioni di fortunate audacie.

Così venivano designandosi i tre partiti fra cui si sarebbero
suddivisi, secondo le varie attitudini, tutti gli elementi politici
della città. Partiti, diversi dagli attuali in ciò, che mentre questi
si combattono con accanimento, quelli non solo si rispettavano, ma si
aiutavano a vicenda; perchè certi che, qualunque programma trionfasse,
qualunque metodo prevalesse, erano programmi e metodi di uomini onesti,
devoti all'indipendenza, più che ad ogni altra fisima di organismi
speciali.

I primi avevano il loro programma deciso, l'unione alla monarchia
liberale; i secondi aspettavano che la monarchia facesse migliori
prove, preparando intanto vigorosi elementi intellettuali e morali a
una futura amministrazione politica; gli altri mantenevano la loro
fede all'ipotesi repubblicana, collegandosi ai primi ed ai secondi
ogniqualvolta il concetto dirigente della resistenza alla dominazione
straniera rendesse necessario accrescere e accomunare le forze.

Principalissimo in quest'ultima schiera, per vigore d'animo e studio
indefesso di ordini militari, era Carlo De-Cristoforis, un altro audace
di antica tempra, che la prima campagna garibaldina lasciò cadavere,
e che avrebbe forse emulato, nelle successive, i Sirtori, i Medici,
i Bixio. Gli era eguale per influenza e per attività quell'Attilio
De-Luigi che abbiamo già visto centro di preparazioni politiche e
militari, prima delle Cinque Giornate. E, senza notare i moltissimi,
ricordiamo fra i molti di questo nucleo il Pezzotti, il Majocchi, il
Gerli, i Lazzati, il Guttierez, il Piolti de' Bianchi, e un giovane
pavese allora in molta intrinsichezza coi nostri, Benedetto Cairoli.

Teneva una situazione quasi intermedia fra questi e il gruppo
capitanato dal Tenca, un altro giovane, di cui cominciava a farsi
autorevole il giudizio e simpatica l'influenza presso tutti gli
elementi patriottici di Milano, — Emilio Visconti-Venosta.

Nessuno infatti avrebbe potuto in quell'epoca, meglio di lui,
rappresentare quell'insieme di movenze che era necessario a tener
vivo e continuo il nesso fra le compagini politiche milanesi. Accetto
al patriziato liberale per le aderenze famigliari e personali e per
una certa eleganza di educazione che ne lasciava intatta la solidità;
amicissimo al Tenca e a' suoi collaboratori, fra i quali pigliava un
posto notevole pei suoi articoli magistrali di critica e di dottrina
politica; era nel tempo stesso in intime relazioni cogli uomini del
programma avanzato, delle cui speranze e delle cui illusioni era stato
fino allora e continuava, fino ad un certo punto, ad essere partecipe.

Il Visconti-Venosta usciva infatti politicamente egli pure da
quell'ardente atmosfera dell'apostolato mazziniano, in cui s'era
tuffata, come in un bagno di vapori patriottici, tutta la generazione
del tempo suo. Anch'egli chiamava Mazzini il _maestro_ e Mazzini
gli rispondeva non sappiamo se _figlio_ o _fratello_. Aveva scritto,
durante i quattro mesi, sull'_Italia del Popolo_, articoli ridondanti
di quella fraseologia mistica ed armoniosa che la scuola mazziniana
traeva, esagerandola forse, dal suo fondatore. E quando, negli
ultimi giorni, cessata la ragione dello scrivere, pareva ritornasse
l'opportunità del combattere, il discepolo seguì religiosamente il
maestro in quella colonna di volontarj a cui l'armistizio Salasco tolse
presto ogni occasione possibile di sacrificio.

Gli avvenimenti del 1849 avevano esercitata sul pensoso intelletto
suo, come su quello del Tenca, la loro azione o piuttosto la loro
reazione. Più giovane del Tenca, egli durò tuttavia, più a lungo in
quella cerchia di pensieri da cui aveva prima tratto la sua educazione
politica. Nelle discussioni che s'erano agitate intorno al futuro
indirizzo del partito nazionale, aveva optato per un programma di
cospirazione. E, pur lavorando cogli amici suoi del _Crepuscolo_
a creare un ambiente elevato negli ordini intellettuali, la sua
attitudine accennava ad azione più vibrata e a maggiori vincoli colla
parte democratica ancor dominata da ideali di popolari riscosse.
Così non fu degli ultimi a caldeggiare la ripresa di un'agitazione
rivoluzionaria disciplinata da concetti organici; e stancava in quei
giorni le vetture cittadine, recandosi con altri amici a raccogliere,
di casa in casa, i voti per la costituzione di un Comitato centrale
milanese, che riuscì infatti composto di Attilio De-Luigi, di Alberico
Gerli, del Pezzetti e di qualche altro.


Le condizioni, per così dire, strategiche della lotta che Milano si
preparava di nuovo a sostenere, s'erano mutate notevolmente, — così in
meglio come in peggio — dalle epoche antecedenti. Dal 1820 al 1844,
i combattenti appartenevano quasi esclusivamente alle classi nobili
o molto agiate della città. Dal 1844 al 1847 era scesa in campo,
ricca di forze, anche la borghesia. Ma la classe popolare, operaia,
era stata fino allora piuttosto spettatrice simpatica che energica
cooperatrice alla lotta. Solamente negli ultimi mesi innanzi al 18
marzo, l'entusiasmo bellicoso l'aveva guadagnata; ma più avevano potuto
sovr'essa le mistiche influenze del papato liberale e le giuste collere
provocate dalla ferocia dell'8 settembre e del 3 gennaio, anzichè una
chiara e viva percezione delle necessità che hanno i popoli di vivere
di vita loro, senza vincolo di esterne dominazioni.

Però i cinque giorni di combattimento e i quattro mesi di libertà
politica avevano prodotto anche fra le masse popolari un salutare
rivolgimento intellettivo. Ora si affacciavano alla resistenza, per
impulso proprio e per virtù di opinione, non solamente per vaghezza
di novità o per adesione a programmi altrui. Avevano visto riunioni,
letto giornali, discusso governi e governanti; cominciavano a capire
che della libertà erano partecipi, della schiavitù politica soltanto
stromenti o vittime. Sicchè le schiere nostre aumentavano di densità
e di tutta quella forza che apportano elementi nuovi e robusti,
sopratutto avvezzi, pei casi precedenti e per la fiducia personale
vicendevolmente cementata, a subire la disciplina, non a discuterla.

D'altro canto, s'aveva però di fronte un avversario più deciso, più
agguerrito, più inesorabile di prima. Tornando a Milano, dopo la
guerra, l'Austria non aveva più o non fingeva più di avere illusioni
di sorta. Sapeva di rientrare in una città nemica e di dover restarvi
colla miccia accesa e i cavalli sellati. Ogni ipocrisia di linguaggio o
di nomi era sparita. Gli Schwartzemberg, i Strasoldo, i Montecuccoli, i
Burger si alternavano, con intonazioni di maggiore o minor durezza, al
potere civile; ma il carattere intrinseco del governo era e restava una
dittatura militare, temperata soltanto dai varj e mutabili interessi
politici della dinastia imperiale. Sicchè gli stessi metodi della
lotta dovettero essere profondamente modificati. Bisognava evitare
assembramenti, che sarebbero subito diventati facile scopo a cariche di
cavalleria. Le _dimostrazioni_ cessarono, perchè non v'era più bisogno
di affermare la disciplina e v'era bisogno di risparmiar vite e sangue.
Ma cessarono nelle vie, per durare in permanenza nei ritrovi e nelle
sale private; rinunciarono ad essere collettive, per diventare più
tenacemente e più audacemente individuali.

Intorno agli elementi austriaci si fece il vuoto. Gli ufficiali
militari, gli alti impiegati del Governo civile e politico trovarono
chiuse le porte dei ritrovi famigliari e delle associazioni cittadine.
Nei teatri, pochissimi palchi d'affitto erano aperti all'ufficialità,
nessuno di proprietà privata. Si stipavano nelle sedie chiuse, al di là
della sbarra; e dava già per sè indizio della situazione morale, quel
vedere ogni sera, da un lato tutte uniformi, dall'altro tutti abiti
neri. Se ad un ballo, ad una cerimonia si prevedeva l'impossibilità
di escludere, per qualunque ragione, un ufficiale austriaco, il ballo
non si dava, la cerimonia si sospendeva. Ai balli che davano le alte
autorità politiche o militari, non intervenivano che impiegati o mogli
d'impiegati, costrette dalla pressione ufficiale. Se qualche signora
della società milanese osò talvolta od ebbe la debolezza di accettare
alcuno di questi inviti, leggeva subito la riprovazione sul viso dei
conoscenti e degli amici. Il vuoto si allargava anche intorno a queste
belle colpevoli di peccati veniali. La necessità della resistenza
politica rendeva inesorabili; si sacrificava al programma anche la
cortesia, anche l'educazione, anche l'amore.

I giovani poi s'erano fatta una legge di non tollerare, in faccia
agli elementi militari, neanche l'apparenza di una provocazione. Per
un gesto, per una parola, per uno sguardo rivolto ad una dama, si
flagellava l'ufficiale austriaco d'una fiera parola, d'una osservazione
umiliante che conduceva al duello. Luigi Della Porta iniziò questa
nuova forma di guerra, e ne restò sventuratamente la vittima. Il
Camperio, il Fadini, il Viola, il Battaglia, il Carcano, altri ancora
si misurarono sul terreno, con varia vicenda, non transigendo mai,
non accettando scuse, affermando altamente lo scopo e il carattere di
queste contese. Era veramente una guerra; ma non potendosi combattere,
alla moderna, coi grossi battaglioni, si combatteva, all'antica,
colle zuffe individuali, come i capitani d'Omero. Nè, a completare
la tradizione epica, mancava a quei combattenti l'aiuto delle Dee.
Minerva e Venere non scendevano sulla terra, ma v'erano già. Preludendo
ad un concetto che il generale Garibaldi svolse più tardi ne' suoi
proclami, il sorriso delle donne era serbato ai forti. L'implacabilità
politica non era meno consueta alle signore che agli uomini; forse,
per l'indole loro, più provocatrice. Certo, ebbero larga ed onorevole
parte in tutta questa disciplina di affetti e di rigori patriottici. E
fra le gentildonne che tenevano in quell'epoca riunioni più numerose
e più ricercate, non si possono dimenticare, per la gentile e fiera
influenza, Marianna Trivulzio, Mariquita d'Adda, Carolina Crivelli,
Ermellina Dandolo, Carmelita Manara. Sopra tutti va ricordato il
salotto letterario e politico di Clara Maffei; dove tutti gli elementi
nazionali od esteri di qualche valore trovavano libertà d'accesso e
intimità di ritrovi; e dove la padrona di casa, vincendo per necessità
politica l'indole sua, accettava dai suoi amici quella disciplina
d'intransigenza contro cui protestava la sua costante ed inesauribile
amabilità.

Indispettiti da questa giornaliera implacabilità di contegno, da questo
muro di bronzo che vedevano elevato fra essi ed ogni agevolezza di
vita sociale, gli ufficiali reagivano, accentuavano la loro qualità
di conquistatori e padroni, — aiutavano per ciò solo i desiderj
degli avversarj e il programma della resistenza. Talvolta, acciecati
dall'impotenza, diventavano brutali, perdevano il sentimento dei loro
doveri di uomini e di gentiluomini.

In uno dei giorni onomastici dell'imperatore d'Austria, avendo una
baldracca, molto intima cogli elementi soldateschi, Annetta Olivari,
esposto un tappeto giallo e nero sul suo balcone, posto quasi
dirimpetto alla Piazza del Duomo, lungo l'antica via dei Borsinari, un
assembramento minaccioso di popolani e popolane tentò invadere quella
casa e strappare quella bandiera. Si fecero degli arresti, e il giorno
dopo ufficiali austriaci non sentirono l'onta di assistere nel cortile
del Castello ai colpi di bastone che furono applicati sulle ignude reni
di due o tre fanciulle artigiane.

Questi esempj e questi spettacoli esacerbavano naturalmente l'animo
dei popolani, fra i quali trovò presto cooperatori audaci e sicuri la
frazione politica che mirava a congiure e a sommovimenti.

Com'è abitudine e necessità di questi programmi, l'unità dirigente
veniva meno. Gli organismi rivoluzionarj si moltiplicavano secondo i
gruppi d'amici personali, secondo le diverse solidarietà sociali da
cui partivano. Assumevano nomi speciali[87], avevano capi molteplici,
che ordinariamente non erano conosciuti dai settarj minori. I loro
scopi, i loro mezzi d'azione erano esclusivamente locali; abbozzavano
progetti, li mutavano, li abbandonavano, secondo le diverse esigenze
dei singoli avvenimenti milanesi. Solamente il Comitato Centrale, che
abbiamo visto presieduto da Attilio De-Luigi, s'era posto in diretta
comunicazione con Mazzini e con quel centro rivoluzionario europeo che
allora dirigeva da Londra una vasta agitazione, a cui, col Mazzini,
partecipavano il Kossuth, il Ruge, il Sirtori, Ledru-Rollin.

A poco a poco questo organismo di cospirazione era riuscito a darsi una
specie di ordinamento stabile, mediante sub-centri o Comitati, che in
ogni capoluogo di provincia agivano secondo le istruzioni del Comitato
Europeo. Il Mazzini osò allora quello che nessun cospiratore aveva
osato prima di lui, e che nessuno probabilmente oserà più, — aprire
un prestito rivoluzionario di dieci milioni, con apposite cartelle,
che si collocavano presso i privati di fede sicura o creduta sicura,
dagli agenti dei Comitati, incaricati poi di spedire a Londra i fondi
raccolti. Non sappiamo quanti di questi milioni siano giunti nelle
casse del Comitato Europeo; certo se ne devono essere perduti alcuni
per via. Ad ogni modo, il movimento di persone e di lettere, che
un'impresa di questa natura determinava, non potè lungamente tenersi
celato alle indagini di polizia.

Un tristo, il dottor Vandoni, protomedico addetto al Governo, denunciò
un impiegato suo, il dottor Ciceri, quale possessore di cartelle
del prestito Mazzini. Il denunciato non isfuggì al processo ed al
carcere. Ma non isfuggì il denunciatore alla vendetta settaria. In
pieno giorno, nella via del Durino, sotto gli occhi della famiglia,
che dal balcone aspettava il suo arrivo, Vandoni fa pugnalato e il
sicario sparì. L'indegnazione contro l'ucciso temperò quella contro
l'uccisore; perocchè è triste privilegio delle situazioni consimili di
abbuiare, nell'opinione pubblica, la limpidezza dei criterj morali.
Però da quel giorno, la tensione politica divenne ancora più aspra e
vibrata. L'autorità piegò maggiormente a tirannia, la cospirazione si
sprofondò ne' suoi metodi, il terrore dominò da una parte e dall'altra
le relazioni sociali.

Frattanto accadeva in Francia, il 2 dicembre 1851, il colpo di Stato
napoleonico; un'altra pagina storica che non si può giudicare nè a
tuono di frase nè a lampi di passione; ma che, indipendentemente da
ogni genesi e da ogni effetto francese, ebbe sulle cose d'Italia e
specialmente sull'attitudine dei Milanesi, un'influenza immediata e
profonda.

Il partito d'azione, che fino allora aveva sperato nella Repubblica
Francese, piuttosto per istinto che per ragionamento, sentì prepararsi
in Europa una situazione politica nuova, contro cui l'azione del
Mazzini e le sue iniziative sarebbero state impotenti. Quelli fra i
cospiratori — ed erano di gran lunga i più — ai quali la Repubblica
era parsa non altro che un metodo per raggiungere l'indipendenza,
cominciarono a raccogliere più severamente i loro pensieri, a guardare
con risorta fiducia verso il Piemonte, nelle cui sfere governative
era apparso intanto un astro nuovo, pieno di vita, d'incognite e
di speranze, — il conte Camillo di Cavour. Il gruppo dei patrioti
monarchici crebbe d'influenza e di riputazione; molto più essendosi
saputo che al conte Arese, amicissimo suo, il nuovo Presidente di
Francia aveva detto, poche settimane dopo la rivoluzione da lui
operata: “laissez-moi donner un peu d'ordre à la France, et puis je
penserai à l'Italie.„

Frutto di questa doppia modificazione fu la risoluzione presa dal
Comitato Centrale di temperare per qualche tempo la propria azione
e di invitare i Comitati provinciali a frenare essi pure l'ardore di
eccitamenti, sui quali la polizia stava già dappertutto in agguato. Fra
i Comitati provinciali lombardi, il più attivo ed ardito pareva quello
di Mantova, presieduto da un prete pio e deciso, Enrico Tazzoli, e di
cui teneva le fila e le carte Luigi Castellazzo. A Mantova dunque si
credè appunto necessario spedire un messaggiero di speciale fiducia,
per esprimere interi i concetti del Comitato, e fu scelto a tal uopo
il dottor Antonio Lazzati. Questi andò, parlò coi membri del Comitato
mantovano, assistette ad una riunione anche più numerosa in cui le
esigenze della situazione furono ventilate e discusse; ritornò a
Milano, fiducioso che la sua gita dovesse servire a rendere più cauta
e più segreta l'azione dei patrioti.

Invece, poco tempo dopo il suo ritorno, eccoti spesseggiare le indagini
e i sospetti della polizia. Il primo che si arresta è Pezzotti, uno dei
membri del Comitato Centrale. Quell'arresto mette in guardia tutti, ed
ognuno dei compromessi provvede a precauzioni speciali. Ma pochi giorni
dopo[88], il carceriere, entrando nella cella, vede il suo prigioniero
appiccato per un fazzoletto all'inferriata del carcere. L'infelice
giovane, presago di torture morali più che materiali, temeva che una
reticenza, che una frase imprudente conducesse gli acuti interrogatori
sulle traccie della cospirazione. Aveva promesso agli amici che,
arrestato, si sarebbe ucciso; — mantenne la parola. Tali erano e tali
si accettavano in quell'epoca le conseguenze delle audacie politiche,
divenute talvolta in seguito così impunemente verbose![89]

Pareva che la morte di quell'eroico taciturno avesse dovuto
interrompere le indagini, sviare gli andamenti dell'autorità. Ma
pochi mesi dopo cominciano arresti, a Mantova, a Verona, a Brescia.
I Comitati Provinciali forniscono il maggior contingente alle
persecuzioni; qualche viltà le accresce; la polizia vede e colpisce
giusto; in poco tempo più di duecento patrioti popolano le prigioni
lombardo-venete e si apre il cupo ed omicida processo di Mantova.

Alle vittime di questo processo, che non è cómpito nostro riassumere,
Milano diede il contingente minore. Il Cairoli, il De-Luigi, il Gerli
poterono sottrarsi a tempo e distruggere ogni traccia rivelatrice della
loro azione; Lazzati osò rimanere e fu arrestato con altri dei suoi
fratelli. Prigioniero, non ismentì la sua fama di robustezza fisica e
morale. Fu di quel glorioso manipolo che col Pinzi, col Cavalletto, col
Pastro, col Mori, con alcuni altri, attinse all'implacabile negativa
la virtù di non dare nè una traccia nè un nome all'insidiosa ricerca
dell'auditore militare. Condannato, perchè il segretario del Comitato
di Mantova, Castellazzo, affermò in suo confronto di ravvisare in lui
il messaggiero del Comitato milanese, sfuggì al patibolo, resistendo
sempre al laccio in cui caddero il Montanari, il Tazzoli ed altri, — di
dir qualcosa per guadagnarsi la grazia. Ad un uomo contro cui non s'era
potuto provar nulla di grave, la sentenza finale attribuì quindici
anni di ferri. Stette chiuso a Josephstadt fino all'amnistia imperiale
del 1857. Ne uscì col Finzi e cogli altri amici, a tempo per essere di
nuovo utili alla patria, per vederla libera, e per amarla sempre, — se
anche non sempre giusta.


È facile pensare che il tragico risultato di queste agitazioni[90]
contribuì ad allargare quella evoluzione che già vedemmo disegnarsi
nel pensiero politico milanese. Il consolidamento del nuovo ordine
di cose in Francia, mediante il plebiscito che creava l'Impero del 10
dicembre 1852, tolse interamente ad ogni spirito assennato l'illusione
che a moti repubblicani potesse sorridere eventualità d'appoggio
europeo. Le fila della cospirazione lombardo-veneta erano interamente
sgominate; fuggiaschi o prigionieri o impiccati i suoi capi. D'altro
canto la politica del Piemonte cominciava a dimostrare una saldezza ed
una saviezza che s'ammiravano in Europa; e il movimento parlamentare
avvenuto in quel torno di tempo, con notevole spostamento dei vecchi
partiti politici piemontesi, annunciava già nel conte di Cavour il capo
intelligente e risoluto di un vero partito nazionale italiano.

L'opinione pubblica milanese non tardò a divinare la nuova via
di salute apertasi innanzi al paese. L'iniziativa rivoluzionaria
autonoma perdette seguaci; ne acquistò il programma moderato, che
già abbandonava il suo nome di _albertista_ e preludeva a chiamarsi
_cavouriano_. Emilio Dandolo rese più frequenti le sue gite a Torino;
il Tenca accentuò nel _Crepuscolo_ questo indirizzo degli spiriti,
mediante la corrispondenza politica dal Piemonte e i forti studj di
economia rinnovatrice che vi andò pubblicando Antonio Allievi. Soltanto
il Mazzini, infervorato nei metodi suoi, architettando da Londra o da
Lugano un'Italia artificiale su cui studiava diagnosi e rimedj punto
consoni alla verità delle cose, — soltanto il Mazzini, diciamo, non
aderì a nessuna modificazione di condotta politica. Ricompose alla
meglio i suoi comitati e le sue centurie, sostituendo ai vecchi e
noti vessilliferi dell'idea repubblicana nuovi luogotenenti, devoti
ai cenni suoi, ma privi di larghe influenze fra le varie notabilità
cittadine. L'organismo rivoluzionario si restrinse e si sprofondò,
invece di salire e di allargarsi. La setta, impostasi al partito
politico, reclutò nella classe operaja _adepti_ di forte indole e di
forti passioni, come quell'eroico Sciesa, a cui Milano ha consacrata
una lapide, più giusta di molte altre[91].

Ricominciarono i viaggi di emissarj segreti, le segrete distribuzioni
di stili e di denari. Il Mazzini, che ad ogni primavera vedeva l'Europa
pronta a mettersi in fiamme, immaginò che Milano, nel 1853, doveva
essere il punto da cui l'incendio partisse. E così venimmo alla fatale
giornata del 6 febbrajo.

Ma l'instancabile cospiratore non pensò mai, fra tanta mole di
pensieri, ad un assioma confermato dagli insegnamenti della storia e
dall'esperienza della sua vita stessa. Le rivoluzioni che riescono non
sono ordinariamente quelle che si preparano. E la prova delle Cinque
Giornate non era lontana.


Il moto milanese del 6 febbrajo 1853 non era stato una sorpresa per
tutti. Se n'era discussa l'opportunità, la strategia, la data. Al
generale Klapka il Mazzini l'aveva annunciato tre giorni prima come
una grande rivoluzione. N'ebbe un fiero dolore quando seppe che era
riuscito un tragico tafferuglio.

Eppure nessuno dei patrioti di qualche esperienza in Milano aveva
creduto che siffatta congiura potesse ottenere effetti maggiori o
migliori. A tutti aveva inspirata una grande inquietudine la conoscenza
anticipata di così temerario divisamento. E alcuni avevano cercato di
sconsigliarla, prevedendone vittime inutili e ribollimento di reazioni
militari. Nel fatto, nessuna preparazione dello spirito pubblico a
rivolture violente; armi poche o punte: il Piemonte inteso a febbrile
riordinamento di partiti, di finanze, di esercito; la Francia nella
piena luna di miele d'una reazione politica; l'Austria armata fino ai
denti; l'Europa sospettosa d'ogni susurro, per timore di propagande
napoleoniche. Ed era in mezzo a queste condizioni generali europee
che il Mazzini si preparava tranquillamente a scagliare duecento
popolani contro le sentinelle austriache. Fossero stati duemila, era
difficile che la sorpresa scompigliasse le autorità militari più di
ventiquattr'ore. Il giorno dopo, da Mantova, da Verona, da Piacenza
sarebbero venute truppe e cannoni a josa. Eravamo ben lontani dalla
situazione specialissima del 1848. L'esercito austriaco in Italia era
forte per numero, per disciplina, per esatti armamenti. Nè Vienna era
in subbuglio, nè l'Ungheria minacciava, nè Pio IX benediceva l'Italia.
Per sognare che contro queste avversità estere una insurrezione
improvvisa, e di soli elementi milanesi, potesse riuscire, bisognava
davvero che la mente del Mazzini navigasse in un pelago sterminato di
illusioni e di fanatismi.

Nè questi nè quelle facevano velo in Milano agli uomini che fino
allora avevano diretta la politica di resistenza. Vedevano chiaro
che l'impresa progettata avrebbe finito con lutti e supplizj. Il
Majocchi, audacissimo di pensiero e d'azione, era assai esitante nel
favorirla; gli antichi combattenti delle Cinque Giornate ricusavano di
parteciparvi; la sconsigliarono fortemente il dottor Pietro Lazzati,
Carlo De-Cristoforis ed Enrico Besana, patriota d'ogni occasione,
d'ogni coraggio, d'ogni attività[92]. Piolti de Bianchi, sprofondato
più d'ogni altro in quella preparazione, invitò Emilio Visconti-Venosta
a dire le ragioni degli opponenti in un ritrovo di cospiratori. Ed
egli v'andò; parlò linguaggio di ragione e di patriotismo in mezzo
a gente inebbriata di visioni fantastiche[93]. Non fu ascoltato; si
ritirò mesto e scorato, colla risoluzione di uscire da sodalizj, dove
la discussione non era più considerata che come una ribellione alla
volontà di Mazzini. Nondimeno fece un ultimo tentativo per prevenire la
tragedia. Con Enrico Besana cercò di raggiungere il Mazzini a Lugano e
di persuaderlo a dare il contr'ordine. Partivano infatti; ma la neve,
la mancanza di vetture, la sorveglianza della polizia impedirono loro
di oltrepassare il confine. Tornarono inquieti a Milano; il giorno dopo
scoppiava il moto.

Lo aveva disposto, ne' suoi concetti strategici, un ingegnere Brizzi,
emissario mazziniano, delle provincie meridionali. Avrebbe dovuto
capitanarlo di persona un Assi, fabbricatore di cappelli, presidente
della _Fratellanza Repubblicana_[94]. Nè l'uno nè l'altro furono visti
nell'ora pericolosa. I popolani reclutati si avventarono animosi. Si
credevano parecchie migliaja, — furono centocinquanta. Avevano avuto
per istruzione di assalire le sentinelle e pugnalarle; ne uccisero
dieci, ne ferirono cinquantadue; povere vittime anch'esse della
medesima tirannia, che le traeva dai lontani tugurj di Croazia e di
Boemia per gettarle contro odj e vendette, di cui nemmeno capivano la
ragione.

Fu tutto. Due ore dopo, i Corpi di Guardia erano in pieno assetto di
guerra; le pattuglie di cavalleria spazzavano le contrade; settanta
popolani furono arrestati; sedici, impiccati due giorni dopo; e fra
questi, come sempre, degli innocenti: Alessandro Scannini per tacer
d'altri.

Quel sangue, — degli uni e degli altri — destò compassione ed
orrore; non parve a nessuno utilmente versato. Ben altra era la lotta
che i combattenti delle Cinque Giornate avevano cinque anni prima
inaugurata; ben altra quella che sosteneva tutta la cittadinanza
milanese, disdegnando apertamente ogni giorno relazioni coi dominatori
o affrontando colla spada alla mano ufficiali stranieri, colpevoli
personalmente, perchè liberi di continuare o di cessare il loro ajuto
all'oppressione di un popolo. A questa lotta di uomini si trattava ora
di sostituire una lotta di fiere; una sfida tra il pugnale e la corda.
Il sentimento pubblico vi ripugnava; onde l'effetto del 6 febbrajo fu
per alcuni giorni piuttosto di depressione che di ritempera.

Ne approfittarono senza indugio i governanti, racimolando firme ad un
indirizzo, che fu spedito all'imperatore d'Austria, scampato in quei
giorni egli pure a un tentativo d'assassinio politico. Lo firmarono un
centinajo di persone o appartenenti all'alto patriziato conservatore
o membri di Istituti Pubblici, di Corpi amministrativi tutelati dal
Governo o dipendenti gerarchicamente da esso; uomini insomma che non
erano stati o avevano cessato di essere nel moto politico attivo, e
che credettero contribuire con questo atto, non contrario a' principj
morali e religiosi, ad una mitigazione della reazione politica che
andava ferocemente invadendo tutto il paese.

La condotta di quei firmatarj fu variamente giudicata; e più tardi
i partiti politici, colla implacabilità che loro è consueta, fecero
alcuni di quei nomi — non tutti — bersaglio a clamorose invettive.
Allora, la situazione terribile del paese e la commozione degli animi
fecero considerare con indulgenza quell'indirizzo. Certo, neanche fra
quelli che lo firmarono, sarebbe parso possibile il 5 febbrajo. Visto
oggi, a più di trentanni dall'epoca, con animo sgombro di passione,
se non di affetto, pare piuttosto un atto di coraggio che di viltà.
Nessuno di quelli che apposero all'indirizzo il loro nome poteva temere
di essere considerato personalmente come partecipe, neanche lontano,
neanche involontario, dei truci fatti. Se la reazione avesse inferocito
anche più, su altri e non su loro ne sarebbero caduti i colpi.

Fu quella dunque — se anche inefficace od improvvida — una
rassegnazione accettata pel beneficio d'altri e non ostentata pel
proprio. E, del resto, in quell'ora, a Milano, non esigeva grande
fortezza d'animo il tacere o lo star nella folla. Il difficile era
d'uscirne.


Le conseguenze dirette ed immediate del tentativo furono proprio le più
opposte che si potessero pensare alla speranza ed all'intenzione di chi
lo aveva promosso.

Il partito repubblicano ne uscì fiaccato di credito e di autorità.
Quella terribile inesperienza, quella spensierata prodigalità di
vite umane indarno sacrificate allontanarono dalle sue fila il
nucleo più numeroso e più intelligente degli uomini che mettevano lo
scopo al disopra del metodo. In una sua celebre lettera ad Emilio
Visconti-Venosta, il Mazzini mostrò sentire la necessità di questa
ricomposizione politica; e si congedò da una parte de' suoi antichi
seguaci, esprimendosi con un tono di mestizia profetica, sotto cui
primeggiava quell'orgoglio de' proprj pensieri, che gli procurò più
tardi dal generale Garibaldi giudizio così severo[95]. I patrioti
milanesi accettarono senza esitazione questo distacco dal Mazzini; non
dimenticando i servigi resi dall'uomo e il rispetto che gli si doveva,
ma altrettanto convinti che r azione sua si trovava ora in completo
disaccordo col pubblico sentimento e non poteva giovar più agli scopi
nazionali, ormai avviati a soluzione diversa. Il ravvicinamento
fra le tre correnti politiche di cui s'afforzava il programma di
resistenza divenne sempre più stretto. Gli antichi albertisti trovarono
nell'appoggio di elementi giovani e vigorosi una ragione a mosse più
sicure e a maggiori ardimenti. Gli antichi repubblicani, scostatisi
dal Mazzini, si confusero colla schiera capitanata dal Tenca, da cui
soltanto questioni di opportunità li avevano anche in passato divisi.
D'altronde l'imperversare della reazione militare aveva costretto i più
noti cospiratori ad allontanarsi da Milano; il De-Cristoforis n'era
uscito, travestito da cocchiere d'un patrizio beneviso al Governo,
il Majocchi, sotto il vano d'una cassa in un carro pieno di calce. I
popolani, avvezzi all'impulsione delle società segrete, accettarono
quella che loro veniva da uomini noti e rispettati in paese, dei quali
conoscevano o la vita integra o l'indole generosa.

Senza essere ancora precisamente legati ad un vero programma comune
d'indole politica, tutti questi elementi cooperarono però d'allora in
poi con vicendevole stima e vicendevole responsabilità. Si rifaceva,
sotto la pressione delle necessità nazionali, una situazione cittadina
moralmente identica a quella che aveva precorso le Cinque Giornate; la
stessa fiducia nelle influenze patriottiche moderate; lo stesso vigore
di manifestazioni individuali; il disdegno egualmente calmo di tutte
le affettazioni di forza che il Governo moltiplicava. Solamente v'era
un'esperienza più seria delle cose pubbliche, — quella che il dolore
aveva maturata. Si comprendevano e si apprezzavano, meglio che nel
48, le relazioni fra gli Stati, le complesse necessità della politica
e della diplomazia. Il patriottismo era rimasto, la rettorica era
sparita. Non si metteva più la speranza della liberazione nei Polacchi,
nei Magiari, negli Slavi, nei Rumeni; la si sentiva nell'attitudine
operosa e virile della monarchia liberale italiana, nella vivace
fierezza del suo grande ministro, nell'insieme — pure sconnesso
e oscillante — della politica napoleonica, di cui la popolazione
milanese, con quell'istinto che viene dalla cotidiana e indagatrice
osservazione dei sofferenti, presagiva già inevitabile l'ultimo
postulato, — la guerra all'Austria. Gli studj accennavano ad una
rinata robustezza di fibra intellettuale e si volgevano ad argomenti
di pratica attualità. Il _Crepuscolo_ dava all'eletto manipolo de' suoi
scrittori un vastissimo campo di affermare criterj nuovi nel progresso
letterario e scientifico; un giovane di alto avvenire, Stefano Jacini,
pubblicava un libro pensato e fortunato sulle condizioni agricole ed
economiche del paese; alla Cassa d'Incoraggiamento d'Arti e Mestieri,
dov'erano ancor fresche le feconde iniziative del Kramer e del Mylius,
s'abbozzava un programma di laboriosità e di rinnovamento industriale,
sotto l'impulso di Lorenzo Taverna, di Ignazio Vigoni, di Antonio
Allievi, di Guido Susani.

Così si veniva preparando un'opinione pubblica illuminata, progressiva,
atta a sostenere o a combattere programmi di governo. L'intransigenza
politica, restando fiera, diventava effetto di logica più che di
passione. Cominciò allora la prevalenza di quel complesso di metodi e
di pensieri, che fa più tardi battezzato come politica moderata e che
durò in Milano fin verso gli avvenimenti parlamentari del 1876. Certo,
il Mazzini, dopo quell'epoca, non ebbe più in Milano l'efficacia da
trascinare nè una massa ne un uomo. Il prestigio delle sue dottrine
era caduto col mutarsi delle condizioni politiche a cui s'affacciava
l'Italia. La sua decadenza politica era incominciata. Conservò ancora
qualche influenza nelle provincie, dove la difficoltà di conoscere
nelle sue origini e ne' suoi particolari l'impresa del 6 febbrajo
prolungò di qualche anno le illusioni repubblicane. Ma il sistema suo
di consigliare insurrezioni, sempre e dappertutto, lasciando credere
che, dappertutto e sempre, vi fossero solidarietà insurrezionali,
unicamente sognate nel credulo e mistico ambiente in cui egli viveva,
svezzarono presto anche i più giovani dal metodo inefficace e antiquato
della cospirazione mazziniana.

Quando sorsero gli avvenimenti del 1859, si udì con meraviglia che una
quarantina d'individui in Italia aveva protestato contro l'alleanza
francese e contro l'arrivo dell'esercito che avrebbe combattuto a
Magenta e a Solferino. Parve una monomania come un'altra, e ne fu
discorso per cinque minuti. Poi cominciò a risplendere l'astro di
Garibaldi, e quello del vecchio profeta si ecclissò. A Samuele era
successo Davide, che uccideva i giganti a colpi di fionda. Quanto v'era
di patriotismo serio e bollente nella gioventù italiana stette con
Davide, che conduceva a guerre meravigliose e a smaglianti vittorie.
Samuele ebbe il torto di prolungare, oltre ogni misura, un periodo di
predicazione che gli avvenimenti avevano sopravanzato. La vecchiaja
di Mazzini fu triste. Ed è triste per tutti che un uomo della sua fede
non abbia potuto passare gli ultimi anni, tranquillo e rispettato, in
quella patria alla cui formazione aveva pur contribuito. Non fu colpa
certo de' suoi concittadini; fu sua. E Iddio, in cui egli credeva, gli
avrà certamente perdonato l'eccesso d'orgoglio, che è il tarlo della
sua fama e fu quello della sua pace.


La reazione militare che susseguì al tumulto del 6 febbrajo fu, come
accennammo, violenta.

Proclamato lo stato d'assedio e mantenuto per lungo tempo con tutte le
sue rigidezze; sfrattati tutti gli Svizzeri del Canton Ticino perchè
sospetti di relazioni rivoluzionarie; colpiti di sequestro i beni
dei fuorusciti, anche di quelli a cui il Governo stesso aveva negato
il ritorno e l'amnistia; chiuse le porte delle città; proibito il
circolare delle vetture; proibito il suono delle campane; impedito a
più di tre persone il raccogliersi; tutte le spese militari a carico
della città; ronde e pattuglie ad ogni ora, di giorno e di notte; le
sentinelle ricoverate entro recinti d'inferriate, quasi affettando
di considerare un sicario in ognuno dei cittadini. Vi furono dei
sordo-muti freddati dalla carabina delle scolte, per non aver potuto
udire nè rispondere al lugubre _halt wer da?_ (chi va là?) che ad ogni
tratto risuonava.

La cittadinanza lasciava passare questi furori e non mutava contegno.
Anzi la disciplina politica parve degli stessi furori avvantaggiarsi.
Le questioni dei ticinesi e dei sequestri, diventando internazionali,
provocavano difficoltà diplomatiche, da cui l'Austria non usciva sempre
con riputazione. Le note piemontesi crescevano di energia; Vienna
e Torino si restituivano a vicenda i loro ambasciatori, preludio di
maggiori ostilità. Milano si sentiva fatta il nodo della questione
italiana, e sopportava lietamente le proprie sofferenze, perchè
convinta che queste affrettavano i tempi nuovi.


Tutto ciò ebbe a mutare di punto in bianco sul principio dell'anno
1857. Allora la Lombardia parve divenuta il beniamino, il cucco della
dinastia degli Absburgo. L'imperatore Francesco Giuseppe venne a
Milano, preceduto da una completa amnistia pei prigionieri di Stato;
mostrò intenzioni piene di benevolenza; regalò milioni, a beneficio di
comuni, di terreni inondati, di teatri, per la costruzione del giardino
pubblico a Milano, per l'erezione di un monumento a Leonardo da Vinci.

Che cosa era avvenuto? nulla, di carattere milanese. Ma s'era in questo
frattempo combattuta e terminata la campagna di Crimea; s'era conchiusa
la pace di Parigi; il fiero plenipotenziario austriaco aveva dovuto
subire, da pari a pari, i rimproveri del plenipotenziario piemontese; e
la voce mesta ed affranta, ma interamente presaga, del vecchio principe
di Metternich, aveva esclamato: “il n'y a plus qu'un diplomate en
Europe, mais c'est le comte de Cavour.„

L'accoglienza simpatica che l'areopago europeo aveva fatta ai reclami
politici del ministro piemontese contro i governi di Napoli e di Roma
urtava in pieno petto, malgrado le ipocrisie ufficiali, l'Austria
dispotica in Lombardia. A Vienna sentirono che bisognava mutar tono
per non precipitare le cose, e fu deciso di sostituire politica di
concessioni a politica di compressioni.

Sfortunatamente — o fortunatamente — apparve ai centralisti austriaci
più facile proclamare la teoria che mettersi d'accordo sull'entità
e sul numero delle concessioni. I ministri che avevano accompagnato
l'Imperatore a Milano, discussero lungamente il da farsi. Non mancarono
di rivolgersi per consiglio a qualche notabilità cittadina, rimasta
fuori dal movimento politico. E il conte Giuseppe Archinto, gran
proprietario, fra i pochissimi che bazzicassero a Corte, presentò, in
nome d'un gruppo di cittadini, dei quali non si seppe mai precisamente
nè il numero nè la qualità, una Memoria sul nuovo ordinamento da darsi
alle Provincie lombardo-venete. Questa Memoria, a cui pare abbia
largamente cooperato di scritto e di consiglio Cesare Cantù, e che
il re Leopoldo del Belgio aveva veduta e appoggiata, proponeva molte
di quelle istituzioni autonome che settant'anni prima Pietro Verri
aveva chieste all'imperatore Leopoldo, e che nel 1848, Carlo Cattaneo
considerava come i capo-saldi del suo programma di riforme nazionali.
Vi si dimostravano i vantaggi dello scindere amministrativamente il
governo delle provincie italiane dalla centralità dell'Impero; vi
si chiedevano corpi consulenti locali, e forza militare locale, e
impiegati paesani, e finanza propria, con tributo determinato per
le spese generali della monarchia. Si proponeva a capo di questa
specie di Stato autonomo e vassallo l'arciduca Massimiliano, fratello
dell'Imperatore; giovane di qualità brillanti e simpatiche, occupato
in quei giorni a trovarsi una compagna della sua vita, che appunto il
conte Archinto andò poco dopo come ambasciatore suo, a chiedere alla
Corte di Brusselles, — la principessa Carlotta.

Di tutta questa fantasticheria di riforme, i ministri austriaci
accettarono soltanto quella che in fondo lasciava le cose com'erano:
la destinazione dell'arciduca Massimiliano a Governatore generale
del regno Lombardo-Veneto. Il De Bruck, il Bach, lo Schmerling erano
certamente liberali, ma a casa loro. Qui non sapevano spogliarsi della
solidarietà cogli elementi militari, i quali persistevano a dire che
la Lombardia era paese di conquista e non poteva essere trattata come
i territorj nazionali. Al postutto, non avevano torto.

Fu allora che apparve sulla scena politica un gruppo di conservatori,
rimasti fino allora interamente estranei alle varie oscillazioni del
movimento. E si manifestò con una mossa di cui è bene indagare le
origini e le ragioni; perchè valse a creare per qualche tempo una
situazione nuova, e minacciò di complicare con incidenti imprevisti
il programma, fino allora sterile ma immutato, della politica di
resistenza.

Erano appena finite, e non interamente, le pratiche per un nuovo
riordinamento delle ferrovie austro-italiche. S'era divisa la rete
complessiva in due gruppi, e nel Consiglio direttivo della rete che fu
poi detta dell'Alta Italia s'erano voluti introdurre, per garanzia di
molti interessi, alcuni dei patrizj lombardi e veneti di maggior nome
e noti per indole conservativa. Il duca di Galliera aveva proposto
per la Lombardia il cognato suo, duca Lodovico Melzi d'Eril, il conte
Giuseppe Archinto e il conte Renato Borromeo. Fu in tale qualità di
rappresentanti il Consiglio d'Amministrazione delle Ferrovie che il
Melzi e l'Archinto si recarono a ricevere l'Imperatore a Venezia. Nel
colloquio che necessariamente dovettero avere, il monarca austriaco,
venuto per essere famigliare, chiese a Melzi perchè i Lombardi non
fossero contenti del governo che annunciava con larga amnistia le sue
intenzioni rinnovatrici. Stretto dalla necessità di rispondere ad una
domanda che probabilmente non aveva preveduta, il patrizio milanese
affermò che di queste intenzioni i cittadini non potevano saper nulla,
perchè tra essi e le autorità politiche s'era innalzata la muraglia
della China. Il motto, data la qualità dei tempi e degli interlocutori,
potè sembrare audace e come tale fu ripetuto nelle sale dell'alta
società viennese.

Ma quando l'arciduca Massimiliano, accettata l'alta sua carica, venne a
Milano ad assumere le redini del Governo, si guardò intorno per cercare
su quali elementi cittadini avrebbe potuto appoggiarsi. Il colloquio
di Venezia indicava naturalmente fra questi il duca Melzi; e il conte
Zichy, presidente del Consiglio d'Amministrazione delle Ferrovie,
sollecitò vivamente il duca ad accettare presso il nuovo Governatore
del Regno un posto indipendente di fiducia, nel quale avrebbe potuto —
diceva lo Zichy — essere utile al paese, rimovendo equivoci e facendosi
interprete di molti bisogni.

I consiglieri intimi dell'Arciduca erano uomini rispettabili per
carattere e per ingegno; il conte di Bombelles, suo amico e confidente,
il conte Hadig, ungherese, di opinioni assai liberali, suo primo
ajutante di campo, il barone di Kubeck, suo consigliere diplomatico,
che fu poi ambasciatore a Roma presso il governo del Re d'Italia.
Il conte Andrea Cittadella Vigodarzere aveva accettato d'essere
gran maggiordomo dell'arciduchessa Carlotta, e il conte Pietro Bembo
collaborava come segretario arciducale ai progetti di materia economica
ed amministrativa, in cui era abbastanza versato.

A questo onorevole sodalizio, in cui lo si pregava di entrare, non
seppe il Melzi opporre un rifiuto; e vi stette per diciotto mesi,
vedendo frequentemente l'Arciduca, che gli confidava i suoi progetti o
le sue speranze di riordinamento italiano.

Per verità, il fratello dell'imperatore d'Austria esponeva, circa la
sua missione in Italia, concetti larghi, nei quali è dubbio ancora se
avesse vera fede o semplice compiacenza. Forse era un po' dell'una e un
po' dell'altra, poichè l'animo suo, naturalmente generoso ma disadatto
a serie meditazioni, oscillava spesso fra l'utopia e lo scoramento.
Rassomigliava in ciò grandemente al suo amico e protettore — pur troppo
inefficace pochi anni dopo — l'imperatore Napoleone III.

Politicamente, appoggiava il programma della federazione, presieduta
dal Papa; risalendo alle aspirazioni italiane di nove anni prima[96],
ma dimenticando che da quell'epoca in poi aveva mutato il Papa, come
aveva mutato l'Italia. Avrebbe aumentato dei Ducati transpadani il
territorio piemontese; voleva sbarazzarsi, con una pensione, del
duca di Modena; far pratiche perchè al regno Lombardo-Veneto si
aggiungessero le Legazioni. Pel conte di Cavour diceva nutrire gran
simpatia, e ad una signora molto intima di casa Melzi aveva detto, non
esser difficile ch'egli potesse ricevere ospite festeggiato a Milano il
re Vittorio Emanuele. Tanto sognava!

Amministrativamente poi, — e qui ci pare che la sua buona fede possa
essere stata intera, — voleva molta autonomia, una rappresentanza
del paese in due rami, con forme di elezione, un grande sviluppo
d'istruzione pubblica, la polizia sottratta ad ogni ingerenza militare
e data ai Comuni, le truppe austriache limitate alle due grandi
fortezze, e nel resto del territorio guarnigioni italiane con ufficiali
italiani.

Si capisce come un simile programma abbia potuto esercitare qualche
attrazione sul piccolo gruppo di Italiani che gli si erano avvicinati
e che potevano forse non avere nessuna precisa nozione delle molte
probabilità che già presentava in quell'ora il programma di una intiera
indipendenza, sotto monarchia nazionale e con guarentigie parlamentari.
Ed è giustizia ricordare che in quei giorni l'imperatore Napoleone,
quasi arbitro dell'Europa, ostentava larghissime simpatie per la
persona e per la politica di Massimiliano. Sicchè ad uomini tenutisi
o tenuti al bujo delle pratiche personali e quasi della cospirazione
diplomatica che il Cavour conduceva coll'imperatore francese, poteva
sembrare interesse vero di libertà l'accoglimento di quel largo
programma riformatore che le circostanze mutavano invece in un pericolo
per la formazione della patria.

E pericolosa veramente per qualche tempo sembrò al programma unitario
l'attitudine assunta dall'Arciduca in Lombardia. I liberali milanesi
dovettero accentuare anche con maggiore asprezza il loro contegno
intransigente, involgendovi pur quelli fra i loro concittadini che ai
propositi dell'Arciduca sembrassero poco o punto piegare. Il conte di
Cavour non si dissimulava le difficoltà che la sua politica avrebbe
potuto trovare in una transazione, anche di breve durata, fra la
popolazione lombarda e il suo governo. Mandava dire al conte Giulini:
“fate piuttosto mettere Milano in istato d'assedio.„ E in un colloquio
importante, ch'ebbe luogo in quell'anno tra Emilio Visconti-Venosta ed
Emilio Dandolo, questi espose lungamente, per espresso incarico del
Cavour, le trattative avviate e le ardite risoluzioni del Piemonte
e gli impegni in cui era già entrato l'imperatore Napoleone. In quel
colloquio furono gettate le basi di un'intima e definitiva adesione
dei liberali lombardi al programma ed alla direzione politica del conte
di Cavour; accordo che andò poi sempre crescendo e che non fu inutile
nè all'unità della patria nè alla fortuna politica del grande uomo di
Stato.

Una dopo l'altra, venivano poi ad avere sonora eco in Milano le notizie
delle altre parti d'Italia; la spedizione di Sapri, la questione
diplomatica pel _Cagliari_, la pubblicazione del libro _Toscana ed
Austria_, la dichiarazione del rispettato Manin, che con Garibaldi, con
Pallavicino, con La Farina, innalzava la bandiera: _Italia e Vittorio
Emanuele_. Tutto ciò rendeva Milano pensosa e decisa; sentiva essa che
finalmente, e non senza merito suo, la questione austro-lombarda s'era
tramutata in austro-italica; fiduciosa nella virtù nazionale, aspettava
il futuro, noncurante per esso dei dolori e dei sacrificj presenti.

Ad una popolazione munita di siffatti antidoti offriva invano
l'Arciduca Governatore i lenocinj della sua carezzevole
amministrazione. Faceva infatti studiare progetti e miglioramenti
d'ogni natura; largheggiava cogli artisti e coi letterati; dava
splendidi balli.... a quelle dieci o dodici ballerine che accettavano
d'intervenirvi; nella speranza d'essere grato al popolo, sfoggiava
eleganze nuove di cavalli, di equipaggi, di uniformi; e il popolo,
acuto e burlesco, ne storpiava il nome con un bisticcio di lontano
significato: “l'arciduca Mazza-Milano.„

Mandava ogni giorno a chiedere notizie del Manzoni ammalato; sperando
sopra un'occasione di visita o di colloquio, che il fiero vecchio
non accordò mai. Quando cominciò a discutersi dal _Crepuscolo_
e nei pubblici ritrovi la questione dei disastri agricoli nella
Valtellina, pregò Stefano Jacini di scrivere sull'argomento; e
l'opuscolo dell'egregio scrittore fu un'acerba requisitoria contro
l'amministrazione austriaca in quella provincia. Volendo far qualcosa e
non sapendo che fare, vi si recò di persona col Bembo e col Valmarana.
Da quelle autorità municipali ottenne fredde accoglienze e vigorosi
reclami. Vi lasciò del denaro, — la solita goccia d'acqua che è la
panacea dei dolori, pei principi assoluti e per gli amministratori
impotenti.

Senonchè queste armi benevole si rintuzzavano non solamente contro
la corazza patriottica dei milanesi, ma anche contro la disdegnosa
ostilità degli alti personaggi dell'Impero, militari e civili.

A Vienna si canzonavano queste velleità liberali del giovine principe.
Il barone di Burger, suo luogotenente in Lombardia, gli moveva una
sorda guerra e otteneva spesso dal Ministero imperiale istruzioni
affatto opposte a quelle che l'Arciduca gli soleva impartire. A queste
istruzioni poi l'Arciduca disubbidiva, e una sanatoria dell'augusto
fratello veniva ordinariamente a por fine a simili conflitti. Ma
il prestigio dell'autorità sua non ne avvantaggiava. Quando morì il
maresciallo Radetzki, e il suo successore Giulay trasportò da Verona
a Milano la residenza del Gran Comando militare, l'azione politica
di Massimiliano ne subì effetto d'indebolimento. S'annullò quasi
interamente, allorchè la nascita dell'arciduca Rodolfo diede al partito
centralista dinastico un dominio indisputato nelle eccelse regioni del
Governo imperiale. Fu agevole persuadere all'imperatore d'Austria che
il programma di Massimiliano, non aiutato neanche da nessun principio
di successo politico, metteva in pericolo quell'unità dell'Impero che
ormai trovava nel nato erede un nuovo avvenire di solidità.

L'Arciduca raccolse le sue casse di studii e di progetti, e si recò
a Vienna, nella speranza di vincere personalmente gli ostacoli che da
lontano lo trattenevano. Fu accolto cordialmente, ma non riuscì a far
discutere i suoi progetti. Lo tennero a bada, come uomo con cui fosse
pericoloso inimicarsi, ma di cui fosse inutile conoscere le idee.

Fu in quell'epoca, nell'estate del 1858, che il duca Lodovico Melzi,
trovandosi a Vienna, manifestò all'Arciduca la sua intenzione di
partire per Parigi. Massimiliano gli diede una lettera per l'imperatore
Napoleone, sulla quale fu allora almanaccato fra i giornali politici,
avvezzi a credere sempre fecondo di cose grosse ogni incidente di
carattere italiano.

Nel fatto, quella lettera non aveva altro obbiettivo che di cortesie
e di affari privati dell'arciduca Massimiliano. Questi però aveva
inspirato di sè tali diffidenze, che il Melzi parve ambasciatore
pericoloso, e il plenipotenziario austriaco, barone di Hübner,
colmandolo di gentilezze, seppe trovar modo che non vedesse Napoleone
da solo a solo.

Escluso dunque ogni discorso politico, Napoleone invitò Melzi alle
caccie di Fontainebleau, e frattanto partì per Plombières, dove ebbe
luogo il famoso colloquio col conte di Cavour. Di questo colloquio,
e della situazione che si stava preparando agli affari d'Italia, il
patrizio milanese ne potè sapere quanto bastava a persuaderlo che le
iniziative dell'arciduca Massimiliano mancavano ormai da un lato e
dall'altro di ogni solida base.

Ritornato a Milano, radunò subito i suoi colleghi, e propose loro di
dare le dimissioni, per non separarsi dal nuovo indirizzo che il paese
seguiva con migliori probabilità di successo. Anche all'Arciduca espose
rispettosamente i suoi dubbi, e lo pregò a considerare se non gli
convenisse personalmente rinunciare alla sua missione in Italia, avendo
perduto coll'appoggio dell'imperatore Napoleone la maggior forza su cui
poteva contare per l'esplicazione del suo programma.

L'Arciduca rispose che la sua fedeltà verso l'Imperatore d'Austria
gli imponeva di continuare una missione, di cui non si dissimulava
l'inutilità[97]. I conti Bembo e Cittadella dichiararono che, per
riguardi personali, non potevano abbandonare Massimiliano. Il duca
Melzi rassegnò per conto proprio il suo incarico a Corte e si ritirò a
Genova fino dopo gli avvenimenti del 1859.

Tale fu lo svolgimento e la fine di questo singolare episodio, di cui
fu discorso allora e dopo, nè con perfetta conoscenza di fatti, nè con
perfetta giustizia di apprezzamenti.

Fu assai rimproverata, specialmente al duca Melzi, la partecipazione
a siffatte trattative. E forse si può credere che non abbia il duca
interamente misurata la responsabilità impostagli dall'illustre
antenato, che aveva sostenuto quarantadue anni prima così diversa
politica.

È certo però che la condotta degli uomini pubblici vuol essere
considerata in rapporto alle circostanze, in rapporto all'ambiente che
suole determinarla.

Gli uomini che s'erano lasciati attrarre dalla soluzione politica
impersonata nell'arciduca Massimiliano avevano posto in prima riga
una questione di riforme liberali, laddove il momento storico dava
la preferenza ad una questione di agglomeramenti nazionali. Può
essere stata da parte loro mancanza di previdenza, non più. E, come
già abbiamo notato, nessuna ingerenza in altre politiche, in altre
speranze, probabilmente ignorate, può aggravare in questo caso la
mancanza di previdenza.

Appunto è dovere di quelli, al cui programma è stata prospera
la fortuna, di non ispingere più in là del bisogno di lotta la
riprovazione di un programma che è stato sconfitto. Le ipotesi che
valgono a salvare od a perdere una nazione son molte, e la certezza
della vittoria rade volte soccorre anche i capitani più eccelsi. Ned
era senza preoccupazioni il partito della resistenza intransigente,
pensando all'incerta fine di una politica, che una mancanza di successo
all'ultimo istante avrebbe potuto far apparire, nell'opinione delle
masse oscillanti, o meno savia o meno generosa di quello che fu.
Napoleone III avrebbe potuto soccombere al pugnale di un sicario,
la battaglia di Magenta poteva non essere una vittoria, il conte di
Cavour poteva essere assalito due anni prima dal morbo che lo spense
nel 1861. Ognuna di queste cause avrebbe obbligato ad una dura sosta
il programma belligero e data, di ripicco, un'auge impreveduta al
programma riformativo. D'altronde, al partito conservatore, che in
ogni epoca è un numero, in ogni Stato una forza, in ogni istituzione
una garanzia, non poteva negarsi il diritto di esprimere, col
primo spiraglio di tolleranza, le proprie idee. Le quali, a voler
essere giusti, rasentavano in quell'ora piuttosto l'audacia che la
timidezza riformatrice; talchè avrebbero potuto servire perfettamente
di base alla ricostruzione di uno Stato liberale, se la questione
dell'indipendenza non avesse di tanto soverchiato quella dell'assetto
organico. Ogni partito ha modi proprj di agire, che non si possono
mutare senza distruggere con essi la stessa fisonomia del partito.
E nella mutabilità dei pensieri e dei casi, vien sempre l'ora in cui
un partito può rendere alla patria servigi che altri non potrebbero
renderle più.

Sicchè, a voler guardare dopo trent'anni, e con criterj storici,
l'episodio dell'arciduca Massimiliano in Lombardia, non ci pare
che la tradizione italiana debba punto arrossirne. A buon conto ha
dimostrato due cose: che, nella fatale ipotesi del rovescio di una
politica, v'erano pronti degli elementi per sostituirne un'altra, atta
a frenare le inevitabili reazioni; e che il paese aveva una fibra così
energica e un apprezzamento così sicuro delle situazioni, da tracciare
direttamente esso la via a' suoi consiglieri e a' suoi duci. Nel 1848
aveva risposto al Cattaneo: piuttosto la rivoluzione che le riforme;
nel 1857 rispose al Melzi, all'Archinto, al Cantù: piuttosto che
le riforme, la tirannia. “Nous ne demandons pas que l'Autriche nous
gouverne bien„ scriveva da Parigi il Manin “nous lui demandons qu'elle
s'en aille.„ Si può oggi e si poteva allora discutere sulla maggiore o
minore convenienza pratica di questo concetto; ma non si può negare che
il concetto fosse alto, e che torni a grande onore dell'intelligenza
e della virtù nazionale l'averlo sostenuto in così diversi periodi con
tenacità così fiera.


Le ultime pagine spiccate di questo decennio di lotta s'aggirano
intorno a due tombe, a due funerali.

Quando morì, sul principio del 1858, vecchio di novantun anni, il
maresciallo Radetzki, alle pressioni governative perchè il Municipio
milanese onorasse della sua presenza il trasporto funebre, quei
magistrati, pur non eletti dai loro concittadini, ma nominati dal
Governo stesso, opposero un rigido rifiuto; memori di uno schifoso
decreto del 1853 che poneva a carico del tesoro municipale le corde
adoperate per le impiccagioni del 6 febbrajo. E v'erano pure fra quelli
uomini, tali che potevano sembrare d'indole assai temperata per avere
firmato in quell'epoca l'indirizzo all'imperatore d'Austria.

Ma quando, circa un anno dopo, si sparse per Milano la notizia che
il lungo morbo aveva finalmente spenta la vita di Emilio Dandolo,
la città si mosse tutta per onorare nel giovane morto l'eccellenza
di quegli affetti e di quegli ardori da cui i vivi si sentivano
penetrare. Fu invano che la polizia, indovinando questo scoppio di
patriotismo, desse istruzioni severe e scaglionasse gran forze intorno
alla casa, alla chiesa di S. Babila, lungo il percorso del corteggio
funereo. Forse cinquantamila persone accompagnarono al cimitero quella
nobile bara, trascinando in un fiotto irresistibile le stesse guardie
incaricate di fermarlo e respingerlo. Nessuna misura precauzionale
della polizia potette riuscire, nessun divieto suo fu rispettato.
Sul feretro, portato da giovani patrioti e da intimi della famiglia,
Lodovico Mancini ardì collocare una gigantesca corona di fiori, da cui
spiccavano distintissimi i tre colori nazionali, e che nessun agente di
polizia potè nè trattener prima, nè ghermir poi. Al cimitero parlarono
con vivaci intonazioni d'attualità politica Antonio Allievi e Gaetano
Bargnani. La polizia dovette quel giorno lasciar fare e lasciar dire,
perchè impotente a reprimere.

Il giorno dopo, osò più sicura. Mandò a perquisire e ad arrestare
quelli che trovò, un Carcano, il dottor Signoroni, Costantino
Garavaglia; si sottrassero a tempo altri, cercati, come Lodovico
Trotti, i fratelli Visconti-Venosta, Allievi, Bargnani, i fratelli
Mancini. Ma erano più sgomenti gli arrestatori che gli arrestati.
A questi i carcerieri si raccomandavano per essere perdonati della
forzata custodia; si offrivano di portar loro abiti, cibi, giornali.
La potenza era già passata dal terribile impero che aveva sul luogo
duecentomila bajonette, a quei giovani inermi che rappresentavano
unicamente un'idea.

Ma l'idea s'inoltrava. Già l'imperatore Napoleone aveva espresso al
barone di Hübner il dispiacere di non essere più d'accordo col suo
Governo; già il re Vittorio Emanuele aveva fatto echeggiare l'aula
del Parlamento di quel maschio “grido di dolore„ che scosse dal sommo
all'imo tutta l'atmosfera italiana. Contro queste due frasi l'Austria
inviava cannoni e squadroni di cavalleria e truppe croate e boeme, che
avrebbero voluto incutere terrore, e che i milanesi accoglievano con
battimani, perchè dinotavano l'irrevocabilità della guerra. E la guerra
si dichiarava proprio a voce alta nel teatro alla Scala, dove ogni
sera al famoso coro della Norma il pubblico della platea e dei palchi
si univa fremente d'entusiasmi, e a cui rispondevano irritati gli
ufficiali austriaci stipati nelle sedie chiuse, gesticolando minacciosi
ed estraendo a mezzo le sciabole dai foderi[98]. Nè queste erano guerre
che si sarebbero fermate alle strida; poichè ogni sera ed ogni mattina
i giovani schiamazzatori partivano solitarj o a drappelli, traversando,
dove potevano e come potevano, il Po o il Ticino o il Lago Maggiore,
per inscriversi nelle file dell'esercito sardo, o fra i volontarj di
Garibaldi, o nelle scuole di Pinerolo e d'Ivrea.

L'Austria faceva dire alle sue gazzette che erano settarj, sobillati
dalle fazioni anarchiche o mazziniane; e il conte di Cavour,
soffregandosi le mani, additava nelle sue lettere e ne' suoi colloquj
coi diplomatici europei i più bei nomi del patriziato storico lombardo,
gli eredi dei Trivulzio, dei Litta, dei Visconti, dei Belgiojoso,
dei Taverna, dei Del Majno, dei Borromei, arruolatisi come semplici
coscritti nei battaglioni sardi, e pronti, per sentimento di patria, a
portare sulle loro spalle le fascine pel rancio dei loro compagni.

In questa attitudine, che l'Austria avrebbe voluto più rivoluzionaria
per poterla colpire, ma che trovava modo di rendere la rivoluzione
efficace, trasportandola dall'interno all'estero, durò Milano fino alla
battaglia di Magenta ed al memorabile ingresso di Vittorio Emanuele e
di Napoleone III, dall'arco del Sempione.

In quell'urlo di entusiasmo, che ai superstiti dell'epoca servirà
sempre di antidoto contro le indifferenze o le ingiustizie dei posteri,
Milano estingueva, per così dire, il periodo millenario della storia
lombarda e si rannicchiava serenamente in un cantuccio della futura
storia italiana.


E noi chiuderemo a nostra volta la serie di queste ricordanze, dalle
quali avranno tratto certamente maggior noja i nostri lettori che noi.

Abbiamo voluto indagare come nascessero e da chi fossero fecondati in
Milano i germi di quella politica nazionale, che una legge storica
quasi costante, benchè inavvertita, condusse, attraverso i secoli,
alla fusione dei grandi municipj italiani nella sintesi di una patria.
E siamo giunti, quasi senza avvedercene, dal 300 al 1859, evocando
tipi e studiando caratteri, di cui ignoravamo noi stessi i contorni e
l'influenza.

Noi non affronteremo il problema politico, — se la nuova Italia
abbia fatto ne' suoi ordinamenti moderni una parte sufficiente a
questi illustri focolari dell'antico senno italiano, — se abbia
tratto durevole virtù di organismo da quel concetto unitario che le
popolazioni hanno seguito, piuttosto tratte da un alto istinto politico
che da una pensata filosofia.

A noi è bastato lumeggiare in parte il problema storico, citare
innanzi ai contemporanei gli attori del passato, per trarre da loro la
testimonianza delle necessità che ci hanno spinti su quella via e delle
virtù che ce l'hanno potuta spianare.

Ed ora che la fatica è finita, abbiamo voluto, come Renzo, cercare
se da questi fatti si possa imparare qualcosa. E ci par questo: che,
nelle cose pubbliche, il male è facile, il bene difficile; e che, a
voler servire davvero la patria e non un partito, bisogna diffidare
sopratutto di quelle conclusioni individuali, che paiono giuste
unicamente perchè rispondono ad una passione, — lottare contro le
impressioni momentanee, che il pregiudizio ingrossa in ventiquattr'ore,
ma che la ragione impiega degli anni, — talvolta dei secoli, — a
dissipare.


FINE.



NOTE:

[1] Narra il Constant nelle sue _Memorie_, che questo musico aveva
spinto allora la sua singolare impertinenza fino a rispondere: “Signor
général, si c'est oun bon air qu'il vous faut, vous en trouverez oun
excellent, en faisant oun petit tour de jardin.„ Il Marchesi, per
questa audace risposta, era stato messo in prigione.

[2] Morì d'improvviso, mentre sedeva ad un pranzo che il ministro
Talleyrand aveva offerto ai più distinti italiani. Fu l'ultimo
dei patrizj milanesi, che da S. Carlo in poi avevano retto, senza
interruzione, la diocesi ambrosiana. Era uomo di alta rispettabilità e
di grande influenza.

[3] Anzi il Coppi (_Annali d'Italia_) afferma che la Consulta
in una seduta avesse già nominato il Melzi Presidente e l'Aldini
Vice-Presidente.

[4] _Termometro politico_, anno 1796.

[5] Ha la data del 26 gennajo 1802, anno I.º

[6] Cusani, VI, pag. 165 e 318.

[7] Du Casse, _Mémoire et Correspondance du Prince Eugène_.

[8] Fra queste bisogna mettere in prima linea l'interesse vivo
e costante che portò ai nuovi metodi inglesi d'istruzione e di
educazione. Fu lui che acquistò nel 1812 da un Luigi Piccaluga l'antico
convento di S. Maria delle Grazie in Lodi, per insediarvi appunto una
di quelle istituzioni didattiche, venute più tardi in gran riputazione
fra noi, sotto la denominazione di _Dame inglesi_. I suoi eredi e
successori continuarono e completarono in questa materia le intenzioni
del loro glorioso antenato; e nel 1830 il duca Gio. Francesco cedette,
con pubblico istromento, alla signora Maria Cosway, rappresentata
da don Palamede Carpani, allora consigliere ispettore delle scuole
elementari, tutto l'edificio di Lodi, in cui ebbe sede d'allora in poi,
e mantenne alto il principio educativo, l'Istituto chiamato appunto
delle _Dame Inglesi_.

[9] Il nobile Felice Calvi, vice-presidente della Società Storica
Lombarda.

[10] Al generale Fontanelli diceva Napoleone, passando in rassegna nel
1813 la sua divisione “con centomila soldati pari ai vostri, Eugenio
sarebbe già sul Danubio.„

[11] FEDERICO CORACCINI, _Storia dell'Amministrazione del Regno
d'Italia durante il dominio francese_.

[12] Archivio Melzi d'Eril.

[13] Archivio Melzi.

[14] Archivio Melzi.

[15] FRANCESCO CUSANI, _Storia di Milano_, vol. II, cap. 35.

[16] Archivio Melzi.

[17] Id. ibid.

[18] Una lettera scritta a Melzi dal Vicerè proprio il 20 aprile, e
quindi tre giorni dopo che Melzi aveva presentato il suo programma
al Senato, gli diceva che avendo letto sul _Moniteur_ del giorno 12
l'abdicazione dell'Imperatore, aveva scritto subito ai Sovrani Alleati,
raccomandando loro l'indipendenza del Regno Italiano. Aggiungeva di
sapere che _specialmente l'Imperatore di Russia gli era favorevolissimo
e s'era espresso nel più simpatico modo coll'imperatrice Giuseppina_.
La lettera si conserva, con molti altri autografi importantissimi,
nell'archivio della famiglia.

Anche il Cusani, degnissimo di fede, racconta nella sua storia (Vol.
VII, cap. 34) d'avere udito dal conte B. Colleoni, che fino dal 1812
abitava Parigi ed era intimissimo dell'ex-imperatrice Giuseppina, far
menzione parecchie volte delle promesse di Alessandro, e ricordare lo
sdegno di lui alla notizia della rivoluzione di Milano, che gli tolse
di patrocinare la causa del Vicerè.

[19] Corresp. T. VII, pag. 478.

[20] Per una inesattezza, che è, bisogna dirlo, affatto eccezionale
nel diligente Cusani, questi asserisce nella sua storia che
“sopraggiunti Veneri e Guicciardi, confermarono il racconto, insistendo
sull'imminente pericolo del Prina.„ Ora questo può essere pel Veneri,
ma pel Guicciardi certamente non è, giacchè il Guicciardi era partito
col senatore Castiglioni, fin dal 18 per Mantova, dove giunsero il 19,
e fu lì, e alla stessa presenza del principe Eugenio, ch'essi udirono
i fatti occorsi a Milano, riferiti al principe dai fuggitivi ministri,
Vaccari e Méjean.

[21] _I saria nen Piemonteis_, dicono che rispondesse, con alpina
fierezza, a chi gli suggeriva la fuga, come unico modo di conservare la
vita.

[22] È quasi inutile avvertire che si allude qui alla _Prineide_ di
Tommaso Grossi.

[23] Per l'importanza del punto controverso e per la nobiltà dello
scritto, crediamo opportuno ripubblicare questa lettera, apparsa
soltanto in qualche opuscolo del tempo e nella voluminosa opera di
Giovanni Melzi che a pochi è concesso di leggere.

                                          Milano, 31 marzo 1815.

     _Signor Conte Confalonieri._

   Ho ricevuto la lettera apologetica ch'ella si è compiaciuta
   mandarmi. Fu sempre mio vivo desiderio che gli avvenimenti
   egualmente vergognosi che funesti per la nostra patria
   rimanessero sepolti in eterno oblìo. Ma dappoichè uomini
   più che imprudenti ne richiamano la memoria con imputazioni
   personali azzardate, trovo ben giusto che chi ne è
   indebitamente gravato alzi la voce per isdossarsene. Ella lo ha
   fatto con pari dignità che saviezza ed io la ringrazio della
   compiacenza che mi procura nel veder dissipate accuse che,
   comunque per me dubbie, mi erano penose, aggravando persona tra
   le principali del paese, di cui importa che la fama sia intatta
   onde i talenti possano esserne utili. Nel momento in cui siamo
   importa sopratutto di riunire gli sforzi degli onesti cittadini
   a temperare le animosità. Le ire non s'infiammano senza grave
   danno della pubblica e privata causa. La discordia non è
   conciliabile con nessuna speranza di bene. Non si deve usurpare
   il dominio del tempo, perchè non è mai senza compromettere
   l'avvenire.

   Ho l'onore di riverirla colla più distinta considerazione.

                                                   DUCA DI LODI.

[24] Il senatore Marco Tabarrini.

[25] _Mémoires et Correspondance du Prince Eugène_.

[26] MELZI D'ERIL, _Memorie_, _documenti_, ecc.

[27] Dobbiamo la conoscenza di questo documento e la facoltà di
renderlo pubblico alla molta cortesia del duca Lodovico Melzi d'Eril,
pronipote dell'illustre uomo di Stato.

[28] Fra le carte dell'archivio Melzi questa nota non è unita alla
lettera.

[29] CONFALONIERI, _Lettera ad un amico_.

[30] La succitata _Lettera ad un amico_ del 15 marzo 1815.

[31] Idem. ibid.

[32] _Ventinovesimo bollettino_, CUSANI, VII, 9.

[33] UGO FOSCOLO, _Prose politiche_. Appendice.

[34] Noi le abbiamo avute tutte a nostra disposizione, per larga e
squisita fiducia dell'egregio e colto giovane, conte Gabrio Casati,
abbiatico del celebre omonimo e bisnipote del Confalonieri. Cogliamo
questa occasione per esprimergliene qui, pubblicamente, la maggiore
riconoscenza.

[35] L'illustre Cantù, che nel suo libro _Conciliatore e Carbonari_,
ha pubblicato tante lettere e tanti aneddoti intorno a quell'epoca,
si sbriga, al solito, del Confalonieri con una frase spicciativa,
assai contrastata dalle stesse corrispondenze che stampa di lui
e intorno a lui. “Non era uomo di alto ingegno, neppure di voglie
generose.„ E basta. Non sappiamo se, conoscendo altre lettere ed
altri scritti, avrebbe modificato o sarebbe disposto a modificare quel
suo riciso giudizio. Ad ogni modo, dissentendo noi così radicalmente
dall'autorevole storico intorno a questo personaggio, abbiamo creduto
dover pubblicare alcuni brani di lettere che il Cantù non conobbe e che
forse ci fanno scusati del pensare diversamente da lui.

[36] CANTÙ, _Conciliatore_, pag. 15.

[37] Quello del conte Porro Lambertenghi, ora Bethlem, in via Monte di
pietà.

[38] Milan est aujourd'hui un foyer de pensées et il y a une espéce
d'opinion publique. (Lettera inedita dell'abate De Breme alla contessa
d'Albany, che noi possediamo.)

[39] Non sappiamo se sia stato concepimento di cospiratori o sogno di
polizie visionarie, un governo provvisorio di cui doveva essere allora
presidente il Confalonieri, vice-presidente l'avvocato Marocco, e
membri il Pecchio, l'Arese, il consigliere Alberti, il sacerdote Sozzi,
il conte Folchino Schizzi e un Olginati di Como. Il Cantù e il Cusani
affermano questo progetto e questi nomi; però il vedervi quello del
conte Schizzi, che fu poco dopo un assiduo ed operoso dignitario del
governo austriaco, ci lascia alquanto dubbiosi sulla realtà di siffatta
combinazione.

[40] Principali, fra queste, per vivacità e vigore di patriottismo, la
contessa Fracavalli, Camilla Fè, Bianca Milesi, Matilde Dembrowski.

[41] ARRIVABENE, _Memorie della mia vita_.

[42] Di queste circostanze, che appaiono dalle stesse _Memorie_,
ancora inedite, del Confalonieri, bisognerà che tengano conto i
futuri pubblicatori dei processi politici del 1821, che esistono in
bell'ordine e in regolari cartelle nel nostro Archivio di Stato. Noi
non dubitiamo che questi costituti (di cui _ottanta_ risguardano il
solo Confalonieri) saranno, nelle loro forme giudiziarie, ineccepibili.
Ma bisognerà andare assai cauti nello apprezzare la sostanza delle
deposizioni, raccolte da inquisitori così superiori agli scrupoli.
_Quis custodiet ipsos custodes?_

[43] .... “_Noi non abbiamo, è vero, raccolti maggiori fatti a carico
di Confalonieri, ma vorrà ciò dire che non esistevano?_„ Questo
ragionamento, assai singolare in bocca di un magistrato penale, è dello
stesso Salvotti, e basta a dinotare lo spirito di persecuzione e non di
giustizia, con cui s'istruiva quel colossale processo. È un brano di
relazione segreta, che il Cantù ha pubblicato nel summentovato libro:
_Il Conciliatore e i Carbonari_. E dello stesso Salvotti ha pubblicato
il Cusani (_Storia di Milano_, Vol. VIII.º) altri brani di un riassunto
processuale, in cui dichiarava: “_Le negative di Confalonieri tolsero
di spargere su la congiura lombarda tutta la luce che la sua sincera
confessione avrebbe irradiata._„

[44] Tutti questi particolari li abbiamo riassunti fedelmente dalle
stesse _Memorie_ del conte Federico, che auguriamo e speriamo vogliano
presto essere date in luce dal giovane conte, pronipote suo.

[45] Quantunque disposti, e per la grande autorità sua e per la sua
qualità di testimonio quasi contemporaneo, a mettere molta fede in
ciò che il Cantù scrive, relativamente a quei fatti, ci meravigliò
non poco il racconto di quel colloquio tra l'Imperatore e la contessa
Confalonieri, che si trova alla pagina 148 e 149 del libro _Il
Conciliatore e i Carbonari_. Quel colloquio, descritto con colori così
drammatici, può essere verosimile, ma non è vero. E come lo ha negato
recisamente il senator Poggi nella sua ottima _Storia d'Italia dal 1814
al 1846_, così possiamo negarlo noi, che ci ricordiamo d'aver udito il
racconto di quella scena, in casa del compianto conte Francesco Arese,
dallo stesso Gabrio Casati, testimonio ed interlocutore nel dialogo.

[46] Anche quì il Cantù, pur difendendo Milano a pagina 150, mediante
la pubblicazione del rapporto d'un impiegato dell'epoca, scappa fuori
ad accusarla a pagina 271, scrivendo: “il popolo e un vulgo ricco,
e fin signore assistettero come a spettacolo a quella scena. Dio lo
perdoni ai Milanesi!„ Noi abbiamo voluto raccogliere testimonianze di
egregi contemporanei, il signor Negri, il signor Landriani, il conte
Giberto Porro-Lambertenghi; e tutti ci hanno assicurato che il “popolo„
era proprio composto dell'ultima feccia, che il “vulgo ricco„ fremeva
di dolore o di terrore nelle proprie case; e quanto alle “signore„ pur
troppo vi assistette “come a spettacolo„ _una sola_; sventuratamente
nota per illustre casato come per eccessiva spensieratezza; e che un
alto ufficiale austriaco, il conte Batthiany, aveva trascinato ad una
finestra prospiciente il nefando spettacolo. Siamo un po' giusti anche
con questi poveri “Milanesi!„

[47] Domandiamo scusa ai lettori se ci crediamo obbligati a metterli
in avvertenza contro un'altra grave — forse la più grave — inesattezza
contenuta nel libro _Il Conciliatore e i Carbonari_. L'illustre
autore vorrebbe smentire, a pagina 152, ciò ch'egli allora chiamava
“la tradizione„ del colloquio fra il Confalonieri e il principe
di Metternich; e a pagina 192 ripete la sua smentita. Eppure già
l'Andryane e il Gualterio e Gino Capponi avevano parlato di quel
colloquio, che poi il Tabarrini riportò estesamente dallo stesso
manoscritto del Confalonieri. Forse al Cantù, che aveva già proclamato
quest'ultimo uomo _non generoso_ doleva di ammettere la verità di un
colloquio, che lo avrebbe senza dubbio obbligato a ricredersi. Anche
gli uomini di maggiore ingegno possono talvolta cadere in siffatte
contraddizioni dell'animo. Ad ogni modo, le ragioni per cui nega il
Cantù consistono tutte in una sottile analisi di una testimonianza
indiretta — molto indiretta — d'un commissario di polizia. In favore
della verità del colloquio abbiamo le dichiarazioni di Gino Capponi,
di Filippo Gualterio, di Marco Tabarrini, di Enrico Poggi, di Gabrio
Casati, di Alessandro Andryane e di... Federico Confalonieri. Ci pare
che bastino.

[48] CANTÙ, opera citata, pag. 271.

[49]

     _Signor Redattore_,

   “Nel punto di lasciare la Francia, lessi sul vostro giornale
   del 28 di questo mese l'articolo che mi riguarda. Qualunque sia
   il desiderio ch'io provo di non intrattenere il pubblico delle
   mie sventure, e qualunque e' sia il bisogno che ho di vivere
   nell'oscurità, cionondimeno mi sento obbligato, per difendere
   il mio onore che voi attaccate, di escire dal silenzio che io
   mi era così strettamente proposto.„

   “Lasciando da parte le prime asserzioni del vostro articolo, io
   devo tuttavia affermarvi positivamente che ho finora vissuto
   nella più completa ignoranza di tutti i fatti che vi siete
   permesso di asserire; ma mi trovo più particolarmente obbligato
   a smentire l'asserzione per la quale voi dite che, venendo io
   in Europa, ho mancato alla parola che avevo data al governo
   austriaco, di non lasciare l'America.„

   “Io dunque dichiaro formalmente che _non ho mai impegnato la
   mia parola_ in alcun modo e che nè io nè altri dei confinati,
   coi quali sono in perfetta parità di posizione, non abbiamo
   fatto altro che _sottoscrivere una pura e semplice accettazione
   della deportazione con tutte le condizioni gravi che vi si
   trovano annesse_; e fra queste condizioni trovasi che, tornando
   noi in Europa ed accadendo che fossimo ripresi dall'Austria,
   noi saremmo immediatamente ricondotti allo Spielberg.„

   “Conto abbastanza sulla vostra imparzialità, signor Redattore,
   per non dubitare punto che vorrete inserire questa mia
   dichiarazione nel vostro prossimo numero.„

   “Ho l'onore di essere, ecc. ecc.„

                                        “FEDERICO CONFALONIERI.„

     _Parigi, 29 settembre 1837_.

[50] CANTÙ, op. cit., p. 153.

[51] Non vogliamo chiudere questa rubrica delle impressioni e dei
giudizii altrui sul Confalonieri, senza aggiungervi il giudizio e
l'impressione di altre due persone notevoli, non legate al celebre
fuoruscito da nessuna comunanza di azione o solidarietà di sventura.

Il conte Francesco Arese, che di uomini eminenti ne conobbe e ne
praticò davvicino parecchi, trovandosi in America quando v'era il
maggior numero dei rifugiati politici, così scrive da New-York, il 13
marzo 1837, all'amicissimo suo Pietro De-Luigi, pur esule per causa
politica e rimasto a Londra: “... in totale, quello che per talento,
cognizioni e viste, val meglio è Confalonieri che si può dire essere un
uomo distinto„.

E quella donna quasi perfetta che fu la marchesa Costanza Alfieri
d'Azeglio così scrive al figlio Emanuele nel luglio 1843: “J'ai eu
le plaisir de connaître Confalonieri, qui vient sonvent chez Maxime
avec sa femme. C'est le point saillant de mon voyage. Je lui ai trouvé
comme à Pellico cette douceur dans les manières si affectueuses qui est
vraiment attachante. C'est un beau caractère. Soutenir avec fermeté
un malheur si prolongé, sans apparence d'en sortir que par la mort;
soutenir le malheur de leurs familles, sans se démentir jamais, quand,
en capitulant avec leur conscience, ils pouvaient se racheter; on a
beau dire, mais ce sont des hommes qui font honneur à notre époque,
qu'ils l'aient comprise ou non; et je me sens en leur présence une
vénération pour leur caractère et une satisfaction de les apprécier qui
me dédommage de tant de choses qui choquent et blessent mes sentîments
pour notre pays. C'est le contrepoids de tant de petitesses, bassesses
et misères qui passent sous nos yeux...„

[52] Si allude qui alla parte sostenuta dal Cattaneo a Napoli, quando
fervevano intorno al dittatore le dispute circa l'ordinamento politico
dell'Italia meridionale e la sua annessione — pronta o differita — al
Regno di Vittorio Emanuele.

[53] CATTANEO, _Insurrezione di Milano_, pag. 216.

[54] Ivi, pag. 205.

[55] GIOV. ARRIVABENE, _Memorie della mia Vita_. Vol. I, pag. 253.

[56] Nel riferire questo duplice aneddoto — che del resto lascia la
storia tal quale — avvertiamo che si legge in un libro del signor
Petrucelli della Gattina: _Preliminari della questione romana_.

[57] _Mémoires de Metternich_, vol. VII, pag. 585.

[58] Il caffè Merlo, allora esistente sull'angolo tra il Corso Vittorio
Emanuele (corsia dei Servi) e la piazzetta di San Paolo.

[59] Metternich, VII, 576.

[60] Figlio del conte Diego, di cui s'è parlato più volte nei
precedenti capitoli. Morì a Milano nell'anno 1857.

[61] La copia di questo rapporto come di quello sopraccennato, di
Giulini e Robecchi, si trovano entrambe fra i documenti raccolti nel
Museo civico del Risorgimento Italiano.

[62] I tre duchi versarono ciascuno centomila lire; novantottomila
il marchese Arconati. Più tardi poi, essendosi deciso di contrarre un
prestito di dodici milioni, che il banchiere cav. Brot s'era assunto di
collocare, i patrizi milanesi offersero l'ipoteca sulle loro terre, per
garantire, a pro dello Stato, gli assuntori del prestito.

[63] Aveva detto al marchese Villani, attivo _dimostratore_ egli pure:
“una compagnia di dragoni vi spazzerà tutti.„

[64] “Egli consigliava che il Lombardo-Veneto accettasse le riforme,
escludendo la presenza di soldati stranieri.„ ALBERTO MARIO, _Biografia
di Cattaneo_ nel _Risorgimento Italiano_, vol. I, dispensa V.

[65] _Dell'Insurrezione di Milano_, pag. 11, 17 e 21.

[66] È stato di moda per un certo tempo e per certi scrittori parlare
del conte Gabrio Casati come d'un uomo affatto impari, per ingegno,
alla situazione politica che il 1848 gli ha fatta. Eppure, se guardiamo
alla media degli intelletti e delle esperienze che durante quell'epoca
burrascosa si avvicendarono nelle regioni di governo, il Casati ci
pare ergersi dal livello piuttosto che sottostarvi. A noi, p. es.,
hanno fatto molta impressione alcune lettere politiche da lui scritte
in quegli anni e negli anni successivi, e che furono pubblicate nel
volume delle _Corrispondenze_ di Antonio Panizzi. Quelle lettere
rivelano, a non dubitarne, mente, cuore, sagacia, conoscenza di uomini.
Sbaglieremo, ma crediamo che con questi quattro elementi un uomo di
Stato è bell'e fatto.

[67] La sventurata signora fu poi tratta in salvo, subito dopo, per
cura di Camillo Casati e del conte Oldofredi.

[68] Una nota apposta dall'egregio Massarani al suo bello ed onesto
libro su Carlo Tenca (pag. 424.) sembra accennare ad un episodio
consimile, quando non fosse l'identico; con questa differenza, che,
invece del Carcano e del Fava, sarebbe stato lo stesso Tenca a portare,
dietro preghiera del Correnti, il proclama da stampare al tipografo
Guglielmini. Siccome la nota è tolta dagli stessi manoscritti del
Tenca, noi teniamo la cosa come indisputabile. D'altro canto, chi ha
riferito a noi questa particolarità e questi nomi è per ogni verso
autorevole, oltrechè è il solo vivo fra tanti morti. Egli, se vorrà o
potrà, ha modo di schiarire l'episodio. Fino a questi schiarimenti, a
noi non urta affatto il credere che si tratti di due proclami diversi
od anche di due copie dello stesso proclama, portate dal Correnti a
più amici, per meglio garantirne la stampa. La situazione, l'urgenza,
la stessa indole del Correnti renderebbero perfettamente credibile
siffatta combinazione.

[69] C. CATTANEO, _Dell'Insurrezione di Milano_, pag. 22.

[70] CARLO CASATI, _Nuove rivelazioni sui fatti di Milano_, ecc. ecc.
Hoepli, 1885.

[71] La nobile Elisabetta vedova Majnoni, figlia del generale
Fontanelli, antico ministro della guerra sotto il primo Regno d'Italia.

[72] ANTONIO CASATI, _Milano ed i principi di Savoja_. Torino 1859.

[73] In un volume bene scritto e bene pensato, _Casa di Savoja e la
Rivoluzione italiana_, storia popolare degli ultimi trent'anni, il
compianto prof. Giuseppe Riccardi ha pubblicato quel famoso proclama,
omettendo l'inciso di cui abbiamo dato la storia. Infatti il suo
capoverso dice così: “Seconderemo i vostri giusti desideri, fidando
nell'aiuto di quel Dio che con sì meravigliosi impulsi pose l'Italia
in grado di far da sè.„ Invece il Cantù (_Cronistoria_, vol. II, parte
II) e il Besana (_Storia della rivoluzione di Milano nel 1848_) danno
intiero quel capoverso, che forse il Riccardi ha tolto da qualche
prima bozza del proclama, rimasta fra le carte d'archivio. E i nostri
lettori vedranno agevolmente come in questo capoverso completato,
l'inciso relativo a Pio IX, suggerito dal D'Adda, riveli, nella
stessa evoluzione del periodo, i caratteri di un'aggiunta introdotta:
“Seconderemo i vostri giusti desideri, fidando nell'aiuto di quel Dio
che è visibilmente con noi, _di quel Dio che ha dato all'Italia Pio
IX_, di quel Dio che con sì meravigliosi impulsi pose l'Italia in grado
di far da sè.„

[74] A chi non conoscesse questo proverbio sarà bene far noto che in
Lombardia, per esprimere che una cosa non si può fare, che un desiderio
non si può raggiungere, che da un luogo non si può passare, s'usa anche
da gente colta la frase popolare: _gh'è su el gatt_.

[75] Nella _Presse_ del giorno 24 marzo.

[76] Casati, _Milano e i principi di Savoja, e_ C. Cattaneo,
_Dell'insurrezione di Milano_.

[77] Il signor Alberto Mario, patriota irreprensibile, ma uomo di parte
pronunciatissimo, ha scritto: “Ci sono 3 _no_ nella storia d'Italia;
il _no_ di Pier Capponi a Carlo VIII; il _no_ di Michelangelo al duca
Alessandro De Medici; il _no_ di Cattaneo al maresciallo Radetzki.„

[78] Nella primavera del 1884 si dava a Milano, sopra un teatro diurno,
una rappresentazione intitolata: “Il _no_ di Cattaneo.„

[79] Per l'importanza della trattativa e per la poca pubblicità che
hanno finora ottenuto, ci par bene pubblicare quì i due documenti
che riassumono la trattativa stessa, e che neanche il Cantù ne' suoi
quattro volumi della _Cronistoria_, così ricchi di scritture del tempo,
non ha voluto o potuto inserire:

                                        Innspruch, 13 juin 1848.

     _Monsieur le Comte_,

   S. M. Imperiale et Royale, guidée par des sentiments d'humanité
   et de paix, désire vivement voir mis bientôt un terme à la
   guerre qui désole ses provinces italiennes.

   À cet effet je suis autorisé à ouvrir avec le Gouvernement
   Provisoire établi à Milan une négociation qui serait basée sur
   la séparation et l'indépendance de la Lombardie.... (seguono
   le condizioni circa il debito pubblico, il commercio, gli
   impiegati, ecc. ecc.)...

   Vous voyez, M. le Comte, que j'aborde dès le commencement la
   question avec toute la franchise possible. Je vous informe
   en même temps que S. M. I. vient de donner des ordres pour la
   conclusion d'un armistice a laquelle le Gouvernement Provisoire
   aimera sans doute à concourir.

   Il ne resterà qu'à nommer de part et d'autre des
   Plénipotentiaires pour conduire la négociation en question au
   but désiré.

   Recevez, ecc. ecc.

                           _Le ministre des affaires étrangères_

                                            BARON DE WESSENBERG.

     _Au comte Casati Président du Gouv. Prov._


                                         Milano, 18 giugno 1848.

     _Al sig. Antonio Beretta_,

   Si affretta il Governo di porvi a parte della conferenza tenuta
   jeri dal Presidente e da alcuni altri suoi membri col sig.
   consigliere De Schnitzer, mandato dal ministro degli Affari
   Esteri austriaco, per trattare della pacificazione.

   Dal dispaccio del barone di Wessenberg, di cui si acchiude
   copia confidenziale e riservata, vedrete quali fossero le basi
   della negoziazione, e comprenderete subito come siansi dovute
   rigettare a bella prima, _dichiarandosi impossibile fare di
   una causa italiana una causa lombarda_. Speriamo che il Re,
   al quale vorrete comunicar la cosa, rigetterà pure qualunque
   proposizione d'armistizio che si accenna essersi egualmente
   incamminata.

                                    CASATI, GUERRIERI, BORROMEO.

[80] Basta citare, per tutti, due nomi famigerati, Pietro Perego ed
Angelo Mazzoldi.

[81] Spendeva una parte notevole delle sue rendite nell'acquisto di
libri italiani e stranieri, i migliori che in ogni ramo di studj si
pubblicassero. E la sua vasta biblioteca, specialmente moderna, era
a disposizione di tutti quelli — non solamente amici suoi — che ne
avessero vaghezza o bisogno. Spesso accadeva ch'egli comperasse a
gran prezzo opere voluminose, unicamente per aver sentito o saputo
che qualcuno degli studiosi del tempo avesse espresso il desiderio
di consultarle. L'abbiamo udito più d'una volta lagnarsi perchè
i suoi amici, di ristretta fortuna, spendessero qualche somma in
acquisto di libri che egli sarebbe stato felicissimo di mettere a loro
disposizione.

[82] Un comune amico, ancor vivo, e allora banchiere, dei più stimati,
lo vide un giorno entrare nel suo studio per chiedergli un prestito di
duemila lire. Avendogli l'amico espresso la sua meraviglia perchè di
così piccola somma il conte Giulini facesse un'operazione di credito,
lo udì rispondere quasi imbarazzato che questa somma doveva servire a
scopi di beneficenza, e che non osava più farsela dare dall'intendente
di casa, perchè gli aveva mosso osservazioni intorno alla frequenza di
questi capitoli di spesa.

[83] Non s'illudeva sulla fine che gli sarebbe probabilmente toccata,
se fosse stata scoperta l'opera sua. E ricordiamo d'averlo udito dire
un giorno, in un piccolo crocchio d'amici, collaboratori o devotissimi,
col suo schietto vernacolo e il tranquillo sorriso: “se no me impicchen
sta volta, me impicchen pù.„

[84] In cui ebbe luogo la capitolazione, e Milano fu turbata
dalle terribili commozioni popolari che precedettero il reingresso
dell'esercito austriaco.

[85] Ne diede prova, lasciandosi sopprimere la parte politica del
suo giornale e peggiorandone così le sorti finanziarie, piuttosto che
aderire a scrivervi il menomo cenno — neanche l'annuncio — della venuta
dell'imperatore d'Austria a Milano nel 1857.

[86] TULLO MASSARANI. — _Carlo Tenca e il pensiero civile del suo
tempo._ Milano, Hoepli, 1886.

[87] Una società speciale, p. es. si chiamava la _Voce_; un'altra la
_Fratellanza Repubblicana_, e così via.

[88] Il 17 giugno 1852.

[89] Abbiamo sentito esprimere meraviglia perchè finora nessun marmo,
nessuna inscrizione milanese renda onore di ricordo a questo Trasea
Peto dei tempi moderni. Forse che un'epoca così feconda di epiteti per
le glorie parlamentari non si creda obbligata a trovarne uno per un
uomo che ha preferito il morire al parlare? Giriamo a cui spetta questa
meraviglia, che ci pare interamente giusta e pensosa.

[90] Non meno di quattordici individui, a cominciare dal Dottesio e a
finire col Calvi, uomini tutti di alti spiriti e di colto intelletto,
erano stati in pochi mesi spacciati per man del boja. Le corti
marziali del Polesine e del Bolognese mandarono a morte vere folle
di uomini, fra i quali, per dir vero, gli assassini erano i più.
Nella sua _Cronistoria_ (Vol. III, parte prima) scrive il Cantù: “Si
asserisce che l'Austria, la quale dal 1814 al 1848 non avea mandato al
supplizio che settantuno assassini, e nessuno per colpa di Stato, in
tre anni facesse morire quattrocento trentadue persone; il che saputo,
l'imperatore inorridito ordinò si cessasse dalle procedure speciali, e
attenuò le pene portate dal feroce Codice marziale di Maria Teresa.„

[91] Può, per alcuni, non essere superfluo ricordare che all'operajo
Antonio Sciesa, avviato al patibolo per avere affisso sulle muraglie un
proclama di rivolta, si offerse di lasciarlo andar libero, se rivelava
da chi avesse avuto l'incarico di quell'affissione. Il leale operajo
rispose senza esitazione: _tiremm innanz_ (andiamo avanti); e certo la
storia dell'umana intrepidità non ricorda nessuna frase più alta, più
semplice, più generosa di questa. Lo impiccarono nel 1851.

[92] Fece tutte le campagne nazionali dal 1848 in poi. Scoppiato il
cholera a Genova nel 1855, si ricordò d'avere studiato medicina e
corse a rinchiudersi negli ospedali dei colerosi, dove rimase finchè il
contagio durò. Nel 1860 diresse, col Finzi, per incarico di Garibaldi,
l'amministrazione del milione dei fucili. Non l'abbiamo udito mai
vantarsi di nessuna di queste cose.

[93] Un proclama firmato — pare impossibile! — da uomini di pensiero,
Mazzini, Saffi, Maurizio Quadrio, diceva: “La superficie dell'Europa,
dalla Spagna a noi, dalla Grecia alla santa Polonia, è crosta
vulcanica. Dorme al disotto una lava, che si aprirà il varco a torrenti
alla scossa d'Italia. Fra le Alpi e l'ultimo mare di Sicilia stanno
venticinque milioni d'uomini nostri e centomila stranieri. _È lotta
d'un momento, sol che vogliate._„

[94] CESARE CANTÙ, _Cronistoria_, vol. III, parte prima.

[95] Mazzini ed io siamo vecchi; di conciliazione tra me e lui non si
parli: le infallibilità muojono, ma non si piegano. Conciliarsi con
Mazzini? vi è un solo modo possibile: ubbidirlo, e non me ne sento
capace. Per parte mia io dico alla democrazia:... se giungete ad
essere padroni delle sorti del vostro paese, non fate delle Babilonie.
Sopratutto non seguite i precetti di Mazzini: _siate tutti soldati,
tutti ufficiali, tutti generali_. Sarebbe cotesta la Babilonia delle
Babilonie. (_Epistolario di Giuseppe Garibaldi_, pubblicato dallo
XIMENES; lettera 21 ottobre 1871, all'avvocato Petroni. Vol. I, pag.
389.)

[96] Il proclama del 31 marzo 1848, col quale Cattaneo, Terzaghi,
Cernuschi e Clerici scioglievano il Comitato di Guerra, si chiudeva
con questa frase: “Possa Pio IX. presiedere fra pochi giorni in Roma il
vittorioso Congresso di tutti i popoli italiani!„

[97] Può essere gradito ai cercatori di coincidenze storiche il notare
che la stessa risposta aveva dato Eugenio Beauharnais ad un altro Melzi
che lo sollecitava invece ad assumere una corona.

[98] Fu nella stessa epoca che, rappresentandosi un'altra opera
del maestro Verdi, l'arguto spirito cittadino trovò nella parentela
dell'illustre compositore le cinque iniziali della frase: _Vittorio
Emanuele Re d'Italia_. E il grido: _viva Verdi_ divenne un'altra forma
— impune e coraggiosa nel tempo stesso — della manifestazione nazionale
altamente affermata.



MILANO NEI SUOI MOMENTI STORICI

di ROMUALDO BONFADINI.

VOL. I.

Sant'Ambrogio vescovo e cittadino. — Lanzone e la prima Repubblica.
— Milano e il Barbarossa. — I Torriani e la guerra civile. — Il
Carmagnola e la fine dei Visconti. — La Repubblica Ambrosiana. — Cicco
Simonetta e la corte di Lodovico il Moro.

Lire 4.

VOL. II.

Le prime invasioni e il maresciallo Trivulzio. — La congiura italiana
del cancellier Morone. — Il periodo spagnuolo e i Borromei. — Maria
Teresa e il settecento in Lombardia. — L'invasione francese e il
general Bonaparte. — Suwaroff e la reazione austro-russa.

Lire 4.

Questo volume forma il terzo ed ultimo della serie.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Mezzo secolo di patriotismo - Saggi storici" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home