Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Prose (1880-1890)
Author: Pascarella, Cesare
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Prose (1880-1890)" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                           CESARE PASCARELLA


                                 PROSE

                             (1880 — 1890)


                           _Edizione curata,
               integrata e sola riconosciuta dall'Autore_



                              S. T. E. N.
                 SOCIETÀ TIPOGRAFICO-EDITRICE NAZIONALE
        (già Roux e Viarengo — Marcello Capra — Angelo Panizza)
                             Torino, 1920.



                            TUTTI I DIRITTI
      DI RIPRODUZIONE, DI TRADUZIONE, D'ADATTAMENTO E D'ESECUZIONE
                    SONO RISERVATI PER TUTTI I PAESI

     Copyright 1920, by the SOCIETÀ TIPOGRAFICO-EDITRICE NAZIONALE
                           (S.T.E.N.), Turin.



_Gli scritti che si raccolgono in questo volume, meno il _Caffè Greco_,
furono pubblicati fra il 1880 e il 1890 nel «Capitan Fracassa», nella
«Nuova Antologia», nel «Fanfulla» e nel «Fanfulla della Domenica»._

_Il _Caffè Greco_, letto dall'Autore nel 1890 a Padova nell'aula della
Gran Guardia e a Firenze nella sala maggiore del Circolo artistico, si
stampa ora per la prima volta._



MEMORIE D'UNO SMEMORATO


Nello studio dove eravamo non si poteva più vivere. Si stava in una
soffitta al sesto piano di un casamento altissimo, dove, nell'estate si
bruciava come in un forno, e nell'inverno, nei giorni di pioggia, anche
i quadri ad olio diventavano all'acquarello. E come se questo fosse
poco, sotto a noi abitava la più numerosa e più filarmonica famiglia
che io abbia mai conosciuto, il cui capo, un omone con un barbone nero
che gli scendeva fin sulla pancia, era impiegato nelle regie poste
e suonava il trombone. Quando tornava in casa, mentre la moglie gli
apprestava il desinare, egli si metteva a soffiare nel suo strumento e
cominciava il terremoto.

Le sue figliuole poi, non facevano altro che tormentare un povero
pianoforte con la coda, il quale mandava certi suoni, emetteva certi
lamenti e certi guaiti, come se gliela pestassero.

Un giorno, mentre il trombone del nostro vicino brontolava più
fastidiosamente del solito, il mio compagno di studio, misurando
l'angusta soffitta col passo dell'uomo che ha da dire cose gravi, mi
confidò come un nuovo tormento venisse ad aggiungersi al trombone e al
pianoforte.

— A coda! — mormorai io.

— Già. Ed è a coda anche il nuovo istrumento di tortura.

— Cioè?

— Guarda! — mi disse allora l'amico; e aperta la finestra mi accennò
una gabbia di vimini, entro la quale nereggiava un merlo spennacchiato.
Poi richiuse le imposte e incominciò a discorrere per provarmi
che noi due, lì dentro quella soffitta, ci logoravamo inutilmente
l'intelligenza; che bisognava trovare uno studio decente; che non era
possibile rimanere più a lungo in quel bugigattolo. E incrociando
le braccia sul petto concluse: — Non hai mai pensato che se ci
dessero l'ordinazione di dipingere un gran quadro saremmo costretti a
rifiutarla per mancanza di spazio?

— Sarebbe doloroso.

— Per noi e per l'arte nazionale.

Insomma, restammo d'accordo sulla necessità assoluta di metterci alla
ricerca di uno studio, dove, se mai qualcuno ce l'avesse chiesto,
avremmo potuto dipingere il gran quadro, senza i borborigmi del
trombone, senza i guaiti del pianoforte e senza i fischi del merlo.

                                   *
                                  * *

Di studii se ne videro molti in via Sistina e lungo la via Margutta,
nei nuovi quartieri e pei vicoli popolosi e pittoreschi della vecchia
Roma. Alcuni avevano l'ampio finestrone aperto sui giardini e sui
cortili, altri ricevevano la luce da una larga finestra aperta nel
mezzo del soffitto. Quasi tutti conservavano sulle pareti le tracce di
coloro che li avevano abitati, e sulle porte riverniciate di fresco si
leggevano ancora nomi d'artisti e di modelle, sentenze e appuntamenti
commentati allegramente da caricature e disegni.

Su la porta di uno di tali studii leggemmo questa iscrizione, che non
m'è più uscita dalla memoria: _Quando si sta dentro e non s'apre a chi
bussa è una porcheria. Sono stufo di camminare e metto le carte in mano
all'avvocato._

Quale dramma, racchiuso in così poche parole!

Fra i tanti studii da noi visitati l'unico che ci piacque fu un comodo
stanzone in via Margutta; ma quel che non ci piacque affatto furono le
ottanta lire al mese che ne chiedevano di pigione.

— Ottanta lire, come vedono, è tutt'altro che caro — ci diceva il
suo proprietario accompagnandoci e sbatacchiando due chiavette con la
destra. — E poi, come vedono — proseguiva — questo studio ha tutti i
comodi: due porte, — e strizzava maliziosamente un occhio — acqua da
bere...

— E questo è il guaio.

— Perchè?

— Perchè, — ripresi subito io mestamente — c'è qui il mio amico che
all'età di sette anni ebbe la sventura di morire annegato nel Tevere,
e da quel momento non può più soffrire la vista dell'acqua. — E mentre
il padrone, che aveva finito di giocherellare con le chiavette, ci
guardava trasecolato, noi ce ne andammo.

Finalmente, lo studio che ci conveniva lo trovammo in un misero
fabbricato fra le vigne e gli orti, fuor di una porta della città.

Il fabbricato dai muri scalcinati e anneriti, sui quali si
abbarbicavano piante parassite, si sarebbe scambiato a prima vista
per un vecchio fienile se sulla porta d'ingresso non vi fosse stata
inchiodata una targa di legno su cui sbiadita dal tempo si leggeva
questa iscrizione: STABILIMENTO DI STUDII DI PITTURA E SCULTURA.

Difatti in quella casa c'erano parecchi studii per pittori e scultori.
I primi occupavano il primo piano che era anche l'ultimo; i secondi
stavano nelle camere terrene. Ma oltre alle stanze che servivano
d'incomodo asilo agli artisti, nello _stabilimento_ ce n'erano anche
altre tre le quali, benchè in origine fossero state costruite anche
loro per essere consacrate all'arte, avean finito con l'esser destinate
all'industria. Nella prima abitava una torma di lavandaie e di
stiratrici; nell'altra dimorava un vecchio contadino le cui figliuole
all'occorrenza si adattavano anche a far da modelle; l'ultima era nè
più nè meno che uno spedale per i cani, diretto da una vecchia popolana
che a vederla quando cuoceva i medicamenti per le sue bestie inferme
tra il fumo che usciva dalle pentole, pareva una strega che preparasse
filtri per qualche incantesimo.

Il padrone dello _stabilimento_ quando andammo a proporgli di cederci
in affitto una stanza che stava per essere abbandonata da un pittore
triestino, ci accolse affabilmente. Era in manica di camicia; e poichè
il sole splendeva in quel giorno più del solito, ci forzò a sederci su
un murello, accanto alla porta della sua casa, per fare insieme quattro
chiacchiere. Ci parlò del Vaticano, della Sistina, del Bramante, di
Michelangiolo, di Raffaello, e poi volle anche raccontarci la eroica
difesa di Roma del quarantanove alla quale egli aveva preso parte;
e non smise, se non quando la sua serva venne ad annunciargli che il
pranzo era pronto. Allora, dopo averci chiesto i nostri nomi, e averli
segnati con un mozzicone di lapis in un libricciuolo foderato di
cartapecora, ci lasciò dicendoci che nel pomeriggio potevamo andare a
pigliar possesso dello studio.

— Andateci pure — ci disse — e il triestino prima di andarsene vi
consegnerà le chiavi.

Nel pomeriggio tornammo nello _stabilimento_ con le nostre cartelle;
salimmo una scaletta; traversammo un corridoio oscuro, e picchiammo
alla porta del triestino.

Un concerto di furiosi abbaiamenti e guaiti ci rispose dal fondo del
corridoio.

S'udì una voce urlare per rabbonire i cani irritati, e poi... Silenzio.

Bussai di nuovo più forte.

— E avanti perdio! — tuonò, allora, una voce minacciosa di dentro allo
studio. E noi, entrammo e restammo ritti, impalati vicino all'uscio.

Nello stanzone un giovinotto radunava in una cartella alcuni disegni.
Qualche quadretto stava gittato in terra, e un tavolino a tre gambe
s'appoggiava al muro per non cadere.

— Buon giorno — disse il giovinotto senza neppure guardarci.

— Buon giorno! — rispondemmo noi all'unisono, e, posate in terra le
nostre cartelle, restammo silenziosi a guardare la figura magra e
donchisciottesca del pittore che dopo di aver chiuso nella cartella i
disegni s'era messo a raccogliere in una piccola valigia alcuni pezzi
di stoffa.

Quand'ebbe chiuso con una cordicella la valigetta si volse verso di noi
e: — Se vogliono accomodarsi — ci disse — non facciano complimenti. —
Nella stanza non c'era neanche l'ombra di una sedia.

Il pittore, allora, radunò entro un largo foglio di carta sudicia una
quantità di boccette vuote, di pennelli logori e di colori andati a
male; s'avvicinò al finestrone e li gittò fuori; quindi andò in un
angolo dello studio, prese due ciabatte vecchie e le lanciò con forza
fuori della finestra. Le due ciabatte mulinarono un istante sul cielo
nuvoloso come due uccellacci neri, e scomparvero.

Intanto aveva cominciato a piovere, e il giovinetto come se ne provasse
piacere, seguitava sempre a gittare gli oggetti inutili dalla finestra;
poi, crescendo la furia dell'acqua, richiuse la vetrata e portandosi
le mani ai fianchi, facendo arco della schiena, mugolò con voce nera:
— Accidenti alla pittura e a chi l'ha inventata — E volgendosi ancora
a noi, che eravamo sempre lì ritti come due coristi, seguitò: — Me lo
sanno dire loro chi l'ha inventato questo flagello di Dio?

— I greci! — risposi io prontamente.

— Allora accidenti alla Grecia! — riprese con voce sicura il
giovinotto; e appoggiando i gomiti al davanzale della finestra, rimase
a guardare, col naso sui vetri, la campagna grigia che si distendeva
sotto la pioggia dirotta fino ai colli ultimi ove si perdeva nel cielo
tempestoso.

— Bah! — borbottò poi volgendosi bruscamente, come se volesse scacciare
i pensieri tristi — non ci pensiamo! — E presa la valigetta e una
cartella, soggiunse: — Stiano bene. Me ne vado. Ecco la chiave.

— Con quest'acqua?

— Ci sono abituato — ribattè il pittore alzando le spalle; e pigliato
un disegno che aveva lasciato sul tavolino a tre gambe (una testina di
ciociara segnata coi pastelli) porgendolo a noi, disse sorridendo: — Lo
terranno per mio ricordo.

— Grazie! Ma lei non se ne va, ora. — disse il mio amico sbarrandogli
la via dell'uscio.

— Non posso trattenermi, debbo partire.

— Parte?

— Vado a Napoli.

— Ma allora, le vogliamo augurare il buon viaggio. Qui sotto c'è
un'osteria?

— Pur troppo! — fece il pittore.

L'acqua intanto rinforzava e il mio amico uscì e tornò di lì a poco,
con un litro e tre bicchieri.

— Alla vostra salute e alla vostra fortuna.

— Alla vostra — soggiunse il pittore, e urtammo i tre bicchieri che
mandarono un trillo allegro in quello stanzone triste.

— Evviva... Evviva... — esclamò allora una voce di sotto alle tavole
del pavimento. — Nel mio studio piove acqua e nel tuo piove vino, eh!

— Oh, Mario! vieni su! — gridò il triestino, chinando la testa verso
l'assito.

— Vengo. — rispose la voce di sotto al pavimento di tavole, e s'udì il
colpo d'un uscio che si chiudeva.

— È lo scultore che sta qui sotto. — Ci disse il pittore: e non
aveva finito di dirlo quando la porta dello studio s'aprì ed entrò un
giovinotto tarchiato, vestito d'un camiciotto di tela gialla, con in
capo un berretto rosso alla turca. Restò sorpreso nel vederci e poi
chiese al triestino: — Non sei partito?

— Parto stasera. Bevi! — E vuotato il resto del vino in un bicchiere,
lo porse allo scultore, dicendogli: — Ti presento i nuovi inquilini.

Noi ci inchinammo ed egli dopo aver toccati col suo bicchiere i nostri:
domandò al pittore: — E tu? Non bevi?

Il litro era vuoto.

— Aspetta! — fece lo scultore, ed uscì.

— Bravo giovinotto! Bravo giovinotto! — ci disse il triestino posando
il bicchiere vuoto sul tavolino: — È un siciliano; e loro che si
trattengono qui...

— Accidenti come vien giù! — esclamò lo scultore rientrando di
corsa, fradicio d'acqua, cavando un litro e un bicchiere di sotto al
camiciotto.

Vuotato il nuovo litro, il triestino ne volle pagare uno anche lui, e
allora ognuno trasse di tasca la pipa e s'incominciò a parlare come se
ci fossimo conosciuti da cento anni.

                                   *
                                  * *

Quando abbandonammo lo studio, sul cielo rasserenato brillavano le
stelle e un venticello freddo e leggiero faceva svolazzare il fiocco
della cravatta allo scultore, che, calcatosi in testa il cappello a
cencio, parlava furiosamente, trinciando l'aria con le mani aperte.

— Michelangelo, Tiziano, Raffaello, Correggio! — diceva — Eccoli
qua questi quattro nomi che ci stanno sospesi eternamente sul capo
come quattro spade di Damocle. La forma, il colore, la grazia e il
chiaroscuro. E noi eccoci qua a bussare alla porta del gran teatro
dell'arte, dove si rappresenta quella bella commedia che è il vero.
Cari amici, i buoni posti son presi. Non ci resta se non qualche posto
di piccionaia. — E si sbottonava nervosamente la giacca. Poi accese un
mozzicone di sigaro e scotendo la testa continuò: — Lavoriamo, sudiamo,
sgobbiamo, facciamo la grande statua, il gran quadro; e l'ultimo
imbecille che gitterà, passando frettoloso, una occhiata sulla nostra
opera che sarà costata a noi tante lacrime e tanto sudore, mormorerà
allontanandosi il solito Michelangelo per la forma, l'inevitabile
Tiziano pel colore, l'ineluttabile Raffaello per la grazia e
l'immancabile Correggio pel chiaroscuro. Siamo nati troppo tardi. I
buoni posti son presi.

E gittando via il sigaro, ripigliava animandosi sempre più: — E il
bello è, che ad ogni istante mi sento urlare alle calcagna da cento
voci: lavora! lavora! Ma per chi debbo lavorare? Per il pubblico?
Giusto! Proprio per questo ignorante e pitocco che dice di amare i suoi
Michelangeli, i suoi Tiziani, i suoi Raffaelli e i suoi Correggi perchè
il dirlo non costa niente. Per la gloria? E chi l'ha mai conosciuta
questa strega? Dunque? Per chi debbo lavorare? Per chi? — E s'era
fermato in mezzo alla via con le mani sui fianchi fissando il terreno
fangoso.

— Per i posteri! — gli rispose il triestino, posando in terra la
valigetta che tentava di liberarsi dalla cordicella che la stringeva
troppo.

— Bravo! — riprese allora lo scultore — Proprio per loro voglio
logorarmi la vita! Per questi scrocconi dell'umanità. E che obbligo ho
io di lavorare per i posteri? Forse per dare il gusto, di qui a mille
anni, a un lustrascarpe milionario di comperare una mia statua per
un milione di scudi? Bella soddisfazione! E poi scusa, perchè mai io
dovrei lavorare per i posteri? Che cosa hanno fatto loro per noi?

— Niente! — sentenziò il triestino — Niente!

Intanto il vento fresco fischiava nella stradicciuola solitaria, sul
cielo brillavano le stelle e dalle vicine campagne venivano i canti
tremolanti dei grilli e il gracidare rauco delle rane.

                                   *
                                  * *

Il giorno dopo andai a far visita allo scultore e lo trovai che
lavorava attorno a un busto di creta. Ci stringemmo la mano come vecchi
amici e mentre volgevo gli occhi verso il suo lavoro: — Per carità —
esclamò — non guardi. È roba da morire. Lavoro dalla fotografia ed è
proprio un martirio! Ma come si fa? Vivere bisogna!

— Per altro somiglia. — dissi confrontando il busto con una fotografia
che l'artista m'aveva presentata.

— Sentiremo che cosa ne penserà il committente. Giusto ora deve venire.

— Allora vuol dire che gli ultimi colpi di stecca glie li darà avendo
a modello il vero.

— No, no — mi rispose egli ridendo. — Il committente è il figlio di
questo busto.

— Dunque il busto...

— È morto. — soggiunse lo scultore accarezzandogli il naso col pollice;
— lo modello per commissione del figlio che mi ha mandato questa
orribile fotografia.

A questo punto s'udì picchiare alla porta.

— Le sono d'incomodo? — dimandai.

— No, resti — riprese; e volgendosi verso la porta, disse ad alta voce:
— Avanti!

Un uomo sorridente, avvolto in un mantello di panno nero foderato di
lanetta verde, comparve su l'uscio esclamando: — Bongiorno!

— Bongiorno! — rispose il giovinotto stringendogli la mano con
effusione e forzandolo a non togliersi il cappello a cono.

Io intanto m'ero seduto in un angolo di un canapè, su la cui stolta
sdruscita ai ghirigori del tessuto si mescolavano schizzi di gesso e
sberleffi di argilla secca.

— Dunque? — chiese il provinciale sempre sorridente, asciugandosi con
un ampio fazzoletto turchino il sudore che gli scolava giù per le gote
infiammate.

Lo scultore s'era avvicinato al cavalletto e aspettava, con le mani
nelle tasche dei calzoni, fermo accanto alla testa di creta. Nel
silenzio s'udiva il ronzio di un moscone impigliatosi in una tela di
ragno su l'ultimo vetro del finestrone.

— Dunque? Il busto? — riprese il buon uomo sempre sorridendo e girando
qua e là per lo studio gli occhi tondi.

— Eccolo. — disse alla fine il giovinotto, accennando la sua ultima
creazione.

Ci fu un altro istante di silenzio; poi il provinciale smise di
sorridere e appuntando l'indice teso verso il busto e gli occhi
spalancati in volto all'artista, esclamò con voce rassegnata: — Questo
è mio padre?

— Non le piace? — domandò il giovinotto, aggrottando le ciglia.

— Mah!

— Mah! caro lei — interruppe allora il mio amico animandosi — caro lei,
dalla fotografia, capirà che si lavora a un di presso.

— Eh! Già! Capisco! La fotografia è un di presso — balbettò il
pover'uomo; — ma la _bona memoria_ di mio padre non aveva la barba.

— Non aveva la barba? E questa che cosa è? — dimandò allora lo scultore
impazientito, mostrando al provinciale il ritratto da cui aveva
ricavato il busto.

Il buon uomo lo prese in mano, e come l'ebbe guardato esclamò: — Ma
questo non è mio padre!

Era avvenuto un equivoco deplorevole. Il fotografo incaricato di
spedire all'artista la fotografia, in luogo di un ritratto ne aveva
mandato un altro.

— Ed ora — chiese lo scultore — come s'accomoda? Lei m'ha mandato una
fotografia, m'ha scritto di ritrarne un busto; il busto l'ho fatto.
Dunque?

Seppi di poi come s'erano accomodati. Per venticinque lire di più sul
prezzo stabilito, l'alunno di Fidia s'era impegnato a togliere la barba
al busto, e a consegnarlo in tutto e per tutto somigliante al nuovo
ritratto che gli sarebbe stato mandato.

                                   *
                                  * *

La stanza vicina alla nostra era stata presa in affitto da tre pittori
paesisti. Tre figure, che a vederle insieme non si poteva fare a meno
di sorridere. Il primo, grassoccio, e alto come un granatiere, andava
sempre attorno vestito con un costume di velluto che, a seconda della
maggiore o minor quantità di luce che vi pioveva sopra, cangiava di
colore. Perciò lo chiamavano il camaleonte. Il secondo, un giovinetto
lungo, secco e nervoso come una donna isterica, portava sempre in
dosso una lunga palandrana nera, sempre sbottonata, che gli scendeva
fino alle calcagna; l'ultimo, basso e tarchiato, con la faccia grassa
come una luna piena, con una selva di capelli rossastri e ricciuti,
girava per il mondo, tanto d'estate quanto d'inverno, con un soprabito
verdastro e un paio di stivaloni alla scudiera. I primi due più che
dipingerlo il paesaggio, lo ragionavano. Il terzo ascoltava sempre i
suoi compagni accigliato e silenzioso, e all'ultimo, quando i due per
il lungo parlare restavano senza voce, chiudeva tutte le discussioni
con queste parole: — Non si può essere esclusivisti. È questione di
coscienza. L'arte è una laguna.

Il camaleonte non ammetteva che si potesse togliere nemmeno un filo
d'erba dalla scena che si ricopiava dal vero. L'altro invece gridava
con la sua vocetta di galletto di primo canto, che il vero si deve
copiarlo non come si vede, ma come si ama. E lui, lo amava come lo
avevano amato Claudio di Lorena e il Pussino. Nutriva un odio furioso
contro gli ortolani, e faceva risalire a quei poveri lavoratori della
terra la causa della mancanza di buoni maestri di paesaggio.

— Ma se piantano gli alberi dove non stanno bene! — gridava, torcendosi
come una biscia. E soggiungeva subito: — Fino a quando gli ortolani e
i vignaroli non conosceranno il _Liber Veritatis_ del grande Claudio,
— e qui, se lo aveva in testa, si levava il cappello — fino a quando
essi non sapranno piantar gli alberi dove devono essere piantati
perchè stiano bene nel paesaggio, non avremo mai grandi paesisti. E io
preferirò sempre di farmelo da me il mio paesaggio e di compormelo come
lo amo io.

Allora il camaleonte, faceva una carica a fondo contro Claudio di
Lorena; e quello dai capelli ricciuti, dondolando il suo testone,
ripeteva invariabilmente: — Non si può essere esclusivisti. È questione
di coscienza. L'arte è una laguna.

Del resto, benchè tutti e tre i nostri vicini avessero differenti idee
sul paesaggio, in una cosa andavano perfettamente d'accordo: nel non
dipingerlo mai.

Accanto ai tre paesisti abitava un vecchio copista, e tutti lo
chiamavano il professore Calendario.

— Ma perchè mai lo chiamate così? — chiesi un giorno allo scultore
siciliano col quale eravamo divenuti intimi.

— Perchè si tinge la barba.

— E che cosa c'entra la barba col calendario?

— C'entra benissimo. Vedi: il mese, come sai, è composto di quattro
settimane.

— Ebbene?

— Ebbene: il professore si tinge la barba una volta al mese; per cui
dal primo giorno del mese all'ottavo, la sua barba è nera. Dall'otto
ai sedici diviene marrone; dai sedici al ventiquattro tutti i peli del
professore diventano rossicci; dal ventiquattro in su diventano gialli,
e quando la barba del professore è gialla, vuol dire che siamo alla
fine del mese.

— E allora è orribile essere al verde — ripresi io ridendo.

Vicino allo studio del professore s'apriva una terrazzina scoperta
dove i modelli andavano a sgranchire le membra nei momenti di riposo,
e per solito dalle dieci alle dieci e mezza, tempo permettendolo, c'era
rappresentazione: ci andavano spessissimo a passeggiare Torquati Tassi
e Beatrici Cenci, cardinali Ippoliti e moschettieri, Danti e conti
goldoniani, frati dalle tonache scolorite e guerrieri medioevali,
apostoli ed evangelisti; e, qualche volta non era difficile di vederci
qualche Padreterno con gli occhiali che fumava la pipa, leggendo il
giornale, o discorreva a tu per tu con una ciociara di Sora.

Dalla terrazza salendo una scalettina di legno si andava in una specie
di piccionaia, dove abitavano una pittrice tedesca vecchia come
una mummia, e un giovinetto magro e sparuto che era venuto a Roma,
mandatovi in pensione dal municipio di una piccola città delle Puglie.

Il giovinetto non appena arrivato qui era andato a visitare il museo
vaticano per studiarvi la Trasfigurazione di Raffaello. Lassù aveva
conosciuto la vecchia tedesca che copiava il quadro del grande maestro
e avevan finito con l'unirsi, accomunando, a maggior gloria dell'arte,
la loro miseria e il culto per il divino urbinate. Il giorno andavano
in giro per i musei; all'imbrunire tornavano nel loro bugigattolo e
quello che facessero là dentro nessuno lo ha mai saputo.

Un giorno, il pugliese venne nel nostro studio a dimandarmi non so più
quale cosa, e mi raccontò che il suo municipio lo aveva mandato a Roma
togliendolo dalla campagna dove guidava le pecore.

— Fin da fanciullo io scolpivo col temperino nel legno i ritratti dei
miei compagni. — mi disse il pugliese, e cavato dalla tasca un quaderno
che gli dava noia nel gestire, perchè parlando il giovinetto agitava
nervosamente le braccia lunghe e magre, lo posò sul mio tavolino. Io
gittai lo sguardo sul quaderno e vi lessi in cima alla prima pagina,
scritto in bel carattere rotondo, questo titolo: _Del modo come ti
dovrai regolare per dipingere vecchie megere irate e brutte a guisa di
furie infernali._

Non mi potei trattenere dal ridere, e come egli s'avvide che avevo
letto il suo manoscritto, divenne di bragia, e con un atto brusco coprì
con la mano il quaderno.

— Ma perchè — gli dissi — nasconde il suo lavoro e arrossisce? Dovrebbe
esserne orgoglioso, mi pare.

E siccome io lo lodava del suo amore per l'arte si rabbonì e incominciò
a parlarmi di un quadro che egli stava dipingendo (quadro che nessuno
vide mai), e di certe preparazioni esperimentate con molta fortuna.

— È inutile illudersi — mi disse poi — gli antichi preparavano tutti. E
questa è la ragione dell'eccellenza della loro arte. — Ah! se potessi
avere nelle mani un quadro di Tiziano! Glielo vorrei far vedere io
quello che c'è sotto.

— E che cosa vuole che ci sia?

— Ma lei si vuol levare un gusto? — riprese allora interrompendomi il
pugliese. — Lei vada in una galleria, gratti il cielo di un quadro di
Tiziano e vedrà che ci trova sotto...

— Per lo meno un paio d'anni di manicomio! — esclamai io, ridendo.

— Ma lasci andare gli scherzi! Lei raschi un cielo di Tiziano e vedrà
che sotto al turchino ci troverà il cinabro. Eh! caro lei, oggi la
pittura si fa a orecchio. Oggi non si prepara più. Non si vela più: e
pure, dica quello che vuole, ma la forza dei veneziani consiste appunto
nelle velature e nelle preparazioni. — E, mentre io lo ascoltavo, prese
a discorrermi di Cennino Cennini, e di un professore suo amico che gli
aveva dato consigli e precetti di pittura; e dopo di avermi spiegate
talune astruserie sui varii sistemi di dipingere «in fresco», all'olio
e all'acquarello; sprofondò una mano nella tasca del suo abito e ne
cavò fuori due uova.

— Due uova? — dissi interrogandolo con gli occhi.

— Già, due uova. E sa che ne farò?

— Lo immagino.

— No... No... Con queste uova rafforzerò la spina dorsale del mio
quadro.

Io lo guardavo sorpreso, ed egli contento della mia ignoranza posò le
uova sul tavolino e rificcata la mano nella tasca ne cavò un involtino.

— Che cosa è? — gli chiesi.

— Guardi — disse aprendo la carta. — È miele, e ci dipingerò il terreno
del mio quadro.

E siccome io rideva, egli alzando il pollice nel vuoto, riprese a dire:
— Guardi bene. Qui nero d'avorio — E agitava il pollice come se desse
il colore sulla sua tela. — Qui sopra una brava velatura di giallo
battuto impastato col miele; e quando sarà diseccata, una buona lavata
con questo.

— E lì che altro c'è? — chiesi additando un altro involto che egli avea
cavato di tasca.

— È sapone. — E in così dire mi mostrò un pezzo di sapone nero da
lavandaia.

Io non osando più di contradirlo allungai lo sguardo su un nuovo
involto che gli usciva da un'altra tasca dell'abito. Il pugliese
appena s'avvide della mia curiosità, cavò fuori anche quella carta e la
svolse. C'era dentro una fetta di pane.

— E se è lecito con quello che cosa ci dipingerà? — ripresi io
sorridendo e accennando il pane.

— Il mio pranzo, — ripigliò il pugliese fieramente: e se ne andò.

Il giorno dopo gli domandai quale successo avessero avuto i suoi
esperimenti. Egli diventò rosso, annaspò poche parole, mi stese la mano
e si allontanò.

Compresi tutto. Il disgraziato non aveva avuto la forza di resistere
agli stimoli dello stomaco vuoto, e così il miele che dovea stemperar
coi colori per il terreno del suo quadro, lo avea spalmato sulla fetta
di pane; le due uova, invece di amalgamarle ai colori del cielo per
dar luce e smalto al dipinto, le avea cotte al tegame, e il sapone...
Oh! il sapone era l'unica cosa da lui serbata per la pittura: almeno a
giudicarne dalle sue mani!

                                   *
                                  * *

Ma forse il più bel tipo fra tutti era il segretario dello
_stabilimento_: un vecchietto magrolino, con una barbettina biancastra
su le guance rugose color di terra cotta, coi riccioli incolti della
capigliatura che gli uscivano di sotto alla tesa unta di un cappellino
a cencio. E perchè camminava a passi brevi e misurati con una certa
languidezza di movimenti, benchè i suoi genitori lo avessero battezzato
col nome di Nicola, lo chiamavano tutti Nicoletta.

Lo chiamavano anche segretario; perchè era lui che spazzava gli studii,
faceva gli sgomberi, e portava in giro i quadri; infine perchè era
lui che faceva qualunque altro servizio potesse occorrere agli artisti
dello _stabilimento_.

Per lunghi anni aveva esercitata la professione del modello;
ma poi l'aveva abbandonata perchè, come soleva dire, _li tempi
s'annuvolaveno_. E mettendo insieme poche tegole tolte alle case
vicine, qualche tavola tarlata presa negli studii e qualche albero
secco portato via dagli orti vicini, s'era costruita una specie di
capanna a ridosso di un muro dello _stabilimento_, e in quel rifugio
passava tranquillamente le sue giornate, fumando la pipa e fabbricando
torce di resina.

— _So' solo!_ — diceva sempre — _So' solo, e sarv'ognuno, quanno ho
magnato io, hanno magnato tutti._

Egli avea incominciato a posare da angioletto per Thorwaldsen; avea
posato da Redentore nello studio di Podesti e da Immacolata Concezione
in quello dell'Agricola. Tenerani lo avea effigiato in marmo con un
paludamento greco: aveva indossato un robone serico da consigliere
della Repubblica veneta nello studio del Celentano; Fracassini lo avea
dipinto, ricoperto di stoffe preziose, in costume da grande di Spagna;
Rosales da romano antico e Fortuny da vecchio nobile del settecento.
Poi il buon Nicoletta, visto che _li tempi s'annuvolaveno_, si era
ritirato dalla professione. Ma pur fabbricando torce a vento era
rimasto ognora affezionato agli artisti che, anche se vecchi, egli
chiamava «_quelli regazzi!_» Alle loro dimande rispondeva sempre: —
Penso io! — Pur di rendere un servigio a un artista si sarebbe gettato
dalla finestra. Dolcissimo di carattere, avea però due odii i quali non
s'erano spenti in lui neanche dopo di aver abbandonato il mestiere del
modello: odiava ferocemente la pittura di paesaggio e i manichini. I
quadri di paesaggio a suo giudizio erano robetta da gentuccia volgare
che, come solea dire, _nun ci ha gnente nè qui_ — e così dicendo
s'appuntava l'indice sulla fronte — _nè qui_ — e si batteva con la
destra il taschino vuoto del suo corpetto.

Così egli definiva l'arte del paesaggio. E soggiungeva poi: — _A
dipigne' l'arberi tutti so' boni. Puro le donne!_

Ma per vedere andar fuori dei gangheri il buon vecchietto, bisognava
nominargli il manichino. Allora non ragionava più. Stralunava
gli occhi, stringeva i pugni e urlava con voce irata: — _Canajie
che rubbeno er pane a li poveri modelli!_ — diventando rosso e
digrignando i pochi denti che gli erano rimasti, se ne andava tossendo
rabbiosamente. Ma quando saliva negli studii per spazzarli, se gli
riusciva di farlo senza che alcuno potesse vederlo, andava ad allentare
le chiavi che servono a moderare le giunture ai manichini; e quando
vedeva un povero manichino dinoccolato e cascante, s'allontanava
saltellando e sghignazzando appagato e contento.

                                   *
                                  * *

Dalla parte ove s'era composta la capanna il modello fabbricante di
torce a vento, v'erano altri tre studii da scultore e una cantina
che veniva chiamata il museo, dove si raccoglievano continuamente gli
oggetti utili ed inutili che gli artisti, partendo, lasciavano nelle
stanze o perchè fosse loro impossibile di trasportarli altrove, o più
spesso in pagamento di qualche mese di fitto.

Visitai una volta il museo col padrone degli studii al quale avevo
chiesto un cavalletto. Là dentro nella penombra si accumulavano
alla rinfusa cavalletti e tavolini, cornici vecchie e divani con la
stoffa strappata, cuscini sventrati e sedie senza paglia, cassette da
dipingere sgangherate e disegni andati a male, busti di gesso senza
naso e fagotti di cenci, statue senza testa e manichini ammuffiti,
scheletri d'ombrelli da pittore e chitarre rotte, quadri sfondati e
pennelli logori; e cento altri oggetti diversi.

Il museo si apriva quando qualche nuovo arrivato avea bisogno di
un mobile per il suo studio, o quando se ne andava qualche vecchio
inquilino; ma verso gli ultimi del mese, rimaneva sempre aperto chè
ogni mese arrivavano nuovi affittuari.

Ne ho vista di gente arrivare e partire da quegli studii! Per lo più
ci venivano molti giovinotti che facevano risuonare allegramente gli
ampii stanzoni con la letizia dei loro canti. Arrivavano tutti con una
cartella sotto il braccio, un pane in tasca e una pipa in bocca; si
fermavano per qualche mese e se ne andavano allegramente, alcuni pochi
per avviarsi a conquistare un posto nella storia dell'arte, e molti
altri per andare a finire i loro giorni in un lettuccio di qualche
ospedale.

Pure, di tanto in tanto, vi capitavano alcuni vecchi col volto giallo
dalla fame e con gli abiti dimessi: quasi sempre figure sconosciute di
copisti di galleria.

I copisti!

Io non ho mai conosciuta una classe di persone più tragicamente comica,
e più dolorosamente umoristica dei copisti di galleria.

Bisogna vederli quando al mattino di buon'ora se ne vanno taciturni
e serii al loro lavoro; bisogna osservarli quando seduti innanzi
alle loro tele con le larghe e morbide pennellesse di martora velano
di lacca rosea le carni delle veneri e delle ninfe nel cospetto dei
capolavori dell'arte antica ed ascoltarli quando nei momenti di riposo,
adunati in crocchio, parlano dei loro maestri favoriti: già, perchè
ogni copista ha il suo autore prediletto. Anzi ce n'è di quelli che
riproducono soltanto un quadro di un dato autore, e a lungo andare
finiscono col persuadersi che il quadro copiato sia opera loro.

Uno di tali copisti lo incontrai nella galleria Borghese. Era sui
cinquant'anni, e a vederlo, di primo acchito, si sarebbe scambiato per
un alto impiegato delle pompe funebri. Soprabito nero, cravatta nera,
cilindro nero, camicia... stavo per dire nera.

Lo conobbi quando era in voga l'autore che copiava, anzi il quadro
dell'autore da lui riprodotto; perchè egli non faceva che riprodurre
sempre il medesimo quadro: la Speranza di Guido Reni. Ne aveva fatte
tante e tante di riproduzioni, tante e tante che nel suo mondo era
chiamato: lo speranzoso. E sugli ultimi le sue copie le faceva a
memoria. Ne dipingeva due al mese, e campava col frutto di quel suo
lavoro. Ma un bel giorno, non so per qual ragione, ci fu ristagno nello
smercio delle Speranze di Guido Reni, e al povero copista finirono i
guadagni.

Lo rividi qualche tempo dopo, quando venne a chiedere in fitto una
stanza nello _stabilimento di studii_. L'ebbe; e vi trasportò un cumulo
di Speranze deluse. Poichè al povero copista che aveva continuato per
tanti e tanti anni di seguito a dipinger due copie al mese del quadro
di Guido, la forza dell'abitudine non gli permetteva di smettere.
Per lui dipingere due Speranze di Guido Reni al mese era divenuta una
necessità alla quale provava inutilmente di ribellarsi.

Verso i quindici di ogni mese egli diveniva malinconico, taciturno,
intrattabile; la nostalgia del quadro del nobile e dolce pittore
bolognese lo conquistava, e non ritrovava la pace se non di dopo
essersi chiuso nello studio e d'aver dipinto le due copie mensili della
ineluttabile Speranza, le quali, manco a dirlo, andavano ad accrescere
il cumulo delle altre sue speranze purtroppo irrealizzabili.

Ne conobbi un altro che copiava sempre un affresco attribuito
a Leonardo da Vinci. I quadri del Vinci li chiamava «i nostri
capolavori». Sapeva a memoria la vita del grande pittore e la narrava
così, come se raccontasse la propria. Le giornate le passava quasi
tutte in S. Onofrio, e la sera, appena tornava in casa, andava a un
tavolino, vi posava sù le mani aperte, chiamava Leonardo e ci si
metteva a discorrere, chiedendogli pareri, giudizi e consigli. Un
giorno ci narrò con le lagrime agli occhi come avesse litigato con
Leonardo per una certa velatura di lacca che il grande pittore voleva
si desse a una ultima opera del copista, e finì esclamando con voce
desolata: — Non capisce che se gli diamo la velatura roviniamo il
quadro.

La lite durò parecchio tempo e prese anche una brutta piega. Difatti
qualche giorno dopo lo incontrammo con un braccio al collo.

— Guardate! come m'ha conciato Leonardo — ci disse mostrandoci il
braccio appeso al fazzoletto. — L'altra sera sempre per quella tal
velatura abbiamo questionato di nuovo e mi ha dato un pugno che ancora
ne sono indolenzito. — E come noi ci provavamo a consolarlo egli
incalzò: — Ma che forza ha quel grande! Eh! già, altre tempre! Altri
uomini i nostri vecchi! — E guardandoci come se volesse rimproverarci
la nostra fiacchezza si allontanò. Lo rivedemmo poi felice e contento.
Ci venne incontro con un'aria di letizia ineffabile e ci disse: —
Abbiamo rifatta la pace! Abbiamo rifatta la pace! Guardate un po'
— e in così dire ci mostrava una palla da bigliardo che poi ripose
immediatamente in tasca — ora non mi scappa più; l'ho fatto entrare qui
dentro. Siamo ridiventati amici. Ieri sera l'ho condotto a teatro. Come
s'è divertito! Era così contento che me lo sentivo ballar qui, qui! —
e si toccava il cocuzzolo con la mano scarna. La manìa dello spiritismo
lo aveva fatto impazzire.

Una delle sue fissazioni negli ultimi tempi era quella di comperare
qualche uccellino e di lasciarlo libero. Così faceva Leonardo.

L'ultima volta che lo vidi fu una domenica di maggio a piazza del
Popolo nell'ora del passeggio. Aveva comperato un mazzo di palloncini
da due soldi gonfi di gas e sciogliendoli lentamente uno ad uno li
mandava in aria, fra gli schiamazzi dei monelli, gridando che così
faceva Leonardo.

Due guardie lo condussero, fra le risa della folla, prima in guardiola
e poi al manicomio.

                                   *
                                  * *

Ma fra i vecchi artisti che capitavano qualche volta fra noi i più
ridicoli eran quelli i quali, benchè induriti nei vieti precetti
dell'Accademia, avendo visto i giovani muovere a combattere in difesa
dell'arte nuova che in quei giorni si chiamava «il vero», tentavano
invano di sciogliersi dai tenaci legami che li avvincevano all'arte del
Camuccini e dell'Agricola.

Non scorderò mai vino di costoro, che dovendo effigiare in un quadro
d'altare il battesimo di Gesù, e non potendo andare a dipingere il
suo quadro sulle rive del Giordano e non volendo d'altra parte perder
l'effetto della verità, costrinse i suoi modelli, uno vestito da Gesù
e l'altro da San Giovanni Battista, a restare in posa coi loro piedi
immersi in una catinella, piena d'acqua marcia.

Però, ripeto, i vecchi che capitavano fra noi erano sempre pochi. Per
lo più ci venivano molti giovinotti; sostavano qualche mese e se ne
andavano lietamente.

                                   *
                                  * *

Ma uno che ci venne pieno di letizia e raggiante di speranza, ci rimase.

Era un buon figliuolo, piccolo e bruno venuto di Spagna. Il giorno
lavorava sempre cantando e la notte dormiva nello studio fra i suoi
bozzetti e la sua miseria. Quando sull'imbrunire noi uscivamo dallo
_stabilimento_, passando innanzi alla sua stanza, gli davamo la buona
notte, ed egli di dentro ci rispondeva cantando a squarciagola una
canzone dei suoi paesi: una canzone dove c'entravano un re moro e
una gitana di Siviglia; e mentre ci allontanavamo tenendogli bordone,
sentivamo la sua voce a poco a poco affievolirsi, e volgendoci, sul
cielo d'un azzurro scuro vedevamo rosseggiare per la luce della lampada
il finestrone dello studio, dove egli passava le sue notti, lieto e
spensierato, fra i suoi bozzetti di creta, e la sua miseria. Una sera
come al solito gli urlammo la buona notte, ma la canzone del re moro
non risuonò nella quiete della campagna. Bussammo alla porta. Una
ciociara venne a dirci che lo spagnuolo aveva la febbre. Entrammo.
Lo scultore si levò a sedere sul lettuccio e facendosi schermo con le
mani agli occhi per non vedere la luce che lo infastidiva ci ringraziò,
sorridendo e soggiunse: — Non è niente. È un po' di febbre. Grazie! —
E si raggomitolò fra le coltri.

Uscimmo rattristati e la ciociara rimase a vegliarlo.

L'indomani sapemmo che il poveretto era stato colto da una perniciosa.
Venne un medico e l'ubriacò di chinino. Volevamo condurlo via dallo
studio; ma il medico ci disse alzando le spalle:

— Oggi non è possibile. Sarebbe peggio. Vedremo domani, se il male
scema. — E mentre parlava guardava curiosamente i bozzetti ch'erano
disseminati nello studio. — Vedremo domani — disse ancora, e, dopo
un'altra guardata ai bozzetti, se ne andò.

L'indomani lo scultore peggiorò, e, perduta la ragione, prese a
discorrere del suo paese e della sua casa paterna. Delirava, e non
appena il delirio cessava, ricadeva stordito sul lettuccio e il sudore
gli gocciolava dalla fronte giù per le gote infiammate.

Agli ultimi momenti ebbe una allucinazione, che forse fu il suo estremo
conforto.

A chi lo assisteva, dava nomi spagnuoli, forse quelli dei suoi cari;
e quando l'agonia cominciò a straziarlo abbracciò teneramente la
ciociara, che singhiozzava, e chiamandola con un filo di voce col dolce
nome di mamma, baciandola e ribaciandola, le morì fra le braccia.

                                   *
                                  * *

Ero innanzi allo studio del povero scultore, quando un signore
vestito di nero, che Nicoletta, inchinandosi di quando in quando
rispettosamente, onorava col titolo di signor commissario, venne a
suggellarne la porta.

Nicoletta reggeva una candela, e il signore vestito di nero con qualche
fettuccia bianca nella sinistra e un suggello in bocca, bruciava la
ceralacca rossa sulla fiamma. Alcuni monelli, nè tristi nè lieti,
interrotti i loro giuochi, stavano a guardarli. Il sole illuminava
giocondamente il prato verde davanti allo _stabilimento_ e i mandorli
in fiore biancheggiavano sul cielo sereno. Un quadro!

Sopraggiunse una modella che andava in cerca di lavoro e vedendo i due
che ponevano i suggelli alla porta, mi venne vicino e mi domandò che
cosa stessero facendo.

— È morto! — le risposi.

— Chi?

— Lo spagnuolo.

— Poveretto! — esclamò la modella; e rimase a capo chino, per un
poco immobile; poi rialzò la testa, guardò il signor commissario che
accendeva il sigaro alla candela, e soggiunse, sospirando: — _Proprio
adesso che m'aveva promesso un par de stivaletti de brunella!_



IL MODELLO


Mario, quand'io lo conobbi, era un povero vecchio tutto ossa e pelle,
con una barba bianca bianca, che gli cadeva sul petto, e con una
lunga zazzera che scendendogli come una pioggia di fili d'argento su
le spalle, gli copriva quasi la metà d'una giacca di velluto marrone,
deturpata e rosicata dagli anni.

Al Vicoletto della Scalaccia, ove andava a dormire in un cortiletto
umido e nero, lo chiamavano _er mago_: e le comari del vicinato al
vederlo gli andavano incontro ridendo e gli chiedevano tre numeri
sicuri. Egli si schermiva come meglio poteva, s'afferrava con le mani
scarne la barba, e scuotendo la testa si allontanava brontolando: —
_L'arte è ita! L'arte è ita!_ E qualche volta soggiungeva: — _Mo Mario
è vecchio! Che ve ne fate? Buttatelo a fiume!_

Povero Mario! Allora l'_arte nun era ita_, nè egli pensava alla
vecchiaja e alle bionde acque del Tevere, quando all'Accademia di belle
arti, gonfiava, fra l'ammirazione degli artisti, i muscoli dell'ampio
torace piegando la persona a raffigurare il Gallo moribondo o il
Discobulo, l'_Orazio ar ponte_ o il _Muzio Scevola all'ara_. Allora
l'_arte nun era ita_, quando egli andava di corsa _su pe' le spallette
d'Acquacetosa pe' mantenesse sciorta la muscolatura_, e saliva al museo
del Campidoglio _p'annà' a vede' come camminaveno e come se moveveno
l'antichi romani_. Perchè egli allora, e lo diceva a voce alta, non
era adatto a tenere azioni da imbecille: ma azioni _da potè' dà' er
movimento a la vita e a la storia_. Allora! Ma quando io lo conobbi, il
vecchio modello affogato sino agli occhi nella miseria, _de li tempi
antichi_ se ne ricordava soltanto se qualche volta passava sotto i
finestroni della sala del nudo, dell'Accademia e se poteva avvicinare
qualche studente per parlargli di amori russi e di Padreterni in
gloria, d'eroi del mondo greco e romano e di tanti artisti ai quali
lui, proprio lui, aveva dato il mezzo di divenir celebri. E si doveva
rider di cuore a sentirgli raccontare come una volta a uno straniero
che voleva farlo posare _da Giuda_ avesse risposto: — _Musiù, 'sta
faccia nun è faccia da traditore!_ — Ed era proprio una cosa pietosa il
sentir dire da quel povero vecchio affamato com'egli avesse più volte
acconsentito a posar da modello a un giovanotto che non poteva pagarlo,
solo contento d'aver aiutato uno che un giorno sarebbe diventato un
_pezzo grosso dell'arte_.

                                   *
                                  * *

Mario, quand'era ancora giovanissimo, faceva il taglialegna.

Un giorno, stanco dalla fatica lunga, s'era buttato in terra e s'era
addormentato al sole. Con la testa abbandonata all'indietro, saldamente
piantata su d'un collo taurino, egli sembrava in quell'atto un
gladiatore che si riposasse dalle fatiche del circo.

Un pittore, che per caso si trovò a passare, rimase colpito dalla
maschia beltà del dormiente; s'avvicinò a lui; lo risvegliò e gli
chiese se voleva posargli da modello.

Il giovinotto rimase un po' con gli occhi sbarrati a guardare
curiosamente l'artista, senza capir nulla; ma alla fine sorrise e
accettò; e l'indomani salì a via Sistina allo studio del pittore.
Questi, ritto su di una scaletta, riproduceva col carbone sopra una
tela ampissima e già piena di figure abbozzate, il contorno di una
fanciulla, che stava in mezzo alla stanza, immobile come una statua.
Ella era seminuda e i capelli neri ornati da alcuni ramoscelli d'edera
le cadevano su le spalle bianche e sul seno: reggeva con la sinistra
la pelle di una tigre, morta chi sa da quanto tempo, e con la destra
levava in alto una tazza di legno dorato. Accanto a lei una vecchia
ciociara faceva la calza.

Come il pittore vide il taglialegna, che appena entrato nello studio
s'era fermato col cappello in mano, scese subito dalla scaletta, e dopo
di aver detto alla fanciulla: — Vestitevi! — si avvicinò al giovinotto
e gli disse: — Spogliatevi!

Mario divenne di bragia e non si mosse.

— Coraggio! — riprese, sorridendo, l'artista, e allora il giovinotto,
mentre la fanciulla e la vecchia lo guardavano e ridevano, si levò
lentamente di dosso la giacca; poi si tolse il corpetto; poi con
un gesto energico si liberò dalla camicia e rimase col torso ignudo
dinanzi al pittore.

                                   *
                                  * *

Dopo qualche settimana lo spaccalegna non trovava il tempo per
soddisfare tutti gli artisti che desideravano di disegnare, dipingere
o scolpire la sua persona; e i professori dell'Accademia, quando alla
fine dell'anno scolastico dovettero eleggere il modello da dare agli
studenti dell'ultimo corso come soggetto per lo studio del nudo, fra
quanti modelli si presentarono, scelsero Mario, e gli dettero per tema
della posa l'azione del Combattente; ed egli la creò fra l'ammirazione
unanime e la sostenne per quattro ore di seguito senza muoversi di
una linea: un miracolo! Ma un bel giorno, mentre tutti gli artisti si
disputavano l'intelligente modello, questi sparì da Roma. Nelle sale
dell'Accademia, negli studii di scultura e specialmente in quelli
di pittura se ne dissero di ogni colore. Qualcheduno arrivò perfino
a raccontare come un altro modello, ingelosito dei successi del suo
collega, lo avesse strangolato e gettato in un pozzo; altri strizzando
gli occhi sussurrarono il nome di una signora polacca; molti, invece,
giurarono che Mario se l'era portato via un signore russo, il quale,
oltre all'avere molti milioni, aveva un culto anche per le belle arti.

Quasi tutti avevano dimenticato la strana avventura quando arrivò
a Roma un bell'uomo con barba grigia e le dita piene di anelli, il
quale, fumando sigari dell'Avana in un enorme bocchino d'ambra, andava
visitando gli studii per acquistar quadri. Alcuni affermarono, non
so con quanta ragione, che quell'amatore che parlava malamente il
francese, scusandosi col dire che in Russia si parlava così, fosse
Mario, non altri che Mario. Anzi i più arditi osarono di chiedere
direttamente a lui che veniva da Pietroburgo notizia di un certo
modello che doveva laggiù menar vita da gran signore; ma il mecenate
rispose di non averlo mai conosciuto. — D'altronde — aveva soggiunto
alzando le spalle e sorridendo — la Russia è tanto grande!

                                   *
                                  * *

Ma in sul morir dell'autunno del settantasette, Mario, il vero Mario,
tornò in Roma, e siccome vi fece ritorno con le tasche quasi vuote,
invecchiato e pieno di malanni, nessuno s'occupò di lui.

Fino a quando potè farlo frequentò un'osteria ove i modelli andavano a
giuocarsi, alle carte, i guadagni della giornata; e quando i quattrini
finirono, si trascinò all'Accademia e chiese lavoro.

— Fatevi rivedere fra una settimana. — gli dissero. Egli si fece
rivedere e fu fermato per una azione.

Il vecchio modello, che era stato là dentro, giovane e forte, provò
come un senso di vergogna nel doversi spogliare; ma si spogliò; entrò
nella sala piena di studenti, salì sul palco, incrociò le braccia sul
petto ed aspettò che lo mettessero in posa.

— Provate! — gli gridarono dai banchi.

A quell'invito egli si sentì affluire il sangue in faccia; per un
attimo un'onda di gioventù gli circolò nelle vene, e volle tentare
l'azione del Combattente: protese il petto in avanti, strinse le pugna,
e stralunando gli occhi, restò immobile. Tutti risero al vedere la
figura contorta e grottesca del povero vecchio.

Mario si appoggiò al muro per riposarsi da quella fatica divenuta
immane per lui, poi, col petto ansante, tornò innanzi e provò l'azione
del Discobulo e poi tentò di provare anche quella del Gladiatore.

Giù nei banchi si rideva sempre e qualcuno borbottava che non era
possibile di studiare con simili atteggiamenti. Alla fine un professore
si fece avanti; mise il vecchio ritto, stecchito, con le mani
ciondoloni e se ne andò scotendo il capo.

— Signori, la posa è messa. — gridò una voce, e gli studenti
cominciarono a lavorare di mala voglia.

Il disgraziato non sapeva capire perchè l'azione da cui aveva avuto la
fama, ora non piacesse più, e sentiva delle vampate di fuoco salirgli
su la faccia, gli girava il capo, la luce che gli pioveva ne gli occhi
l'accecava, fece un passo indietro e cadde come un cencio. Lo portarono
via e qualche studente, dando un frego sul disegno, del quale non era
riuscito a metter giù l'insieme, disse che era un'indecenza il far
posare un vecchio di quell'età: un vecchio manierato e scimunito che
non sapeva nemmeno alzare le braccia.

Il giorno dopo egli tornò all'Accademia per continuare la posa;
gli diedero qualche soldo e lo licenziarono, e un inserviente molto
intelligente e caritatevole gli spiegò che l'arte non era più quella
di una volta; che i professori antichi non c'erano più e che allora si
volevano modelli veri.

— _Ma, dunque io so' finto?_ — ruggì lo sciagurato afferrandosi con le
mani ossute la barba bianca.

L'inserviente rise alle parole del vecchio; ma lo accompagnò ugualmente
alla porta.

Mario allora girandolò di qua e di là per gli studii a mendicare
qualche ora di lavoro, ma tranne qualche breve posa, nello studio di
un professore conosciuto col nomignolo d'indiano perchè mandava nelle
Indie i suoi quadri raffiguranti per lo più martirii di missionari, e
tranne qualche seduta nella soffitta di un giovinotto che modellava per
commissione del municipio del suo paese natale un busto di Garibaldi,
non trovò altro.

                                   *
                                  * *

Passò ancora qualche anno.

Verso la fine dell'ottantacinque, in una rigida mattina piovosa, gli
studenti dell'ultimo corso dell'Accademia di belle arti, aspettando che
il modello dopo il consueto riposo tornasse sul palco per continuare
l'azione, avevano abbandonata la sala del nudo sparpagliandosi per i
corridoi pieni di statue di gesso che mettevano freddo a guardarle.
Molti s'erano già aggruppati intorno a una stufa di ghisa il cui
condotto fumigante si arrampicava in mezzo a una parete bianca fra
molte riproduzioni di disegni dei grandi maestri, quando alcuni
studenti, i quali passeggiavano con le mani in tasca, avendo visto un
loro compagno immerso nella lettura di un giornale gli si accostarono
e gli chiesero che cosa stesse leggendo.

— La storia di un modello, che si butta a fiume! — rispose lo studente.

— L'hai scritta tu? — gli dimandò uno, ridendo.

L'altro non rispose; e, succhiando la cannuccia di una pipetta di
radica che egli aveva fra le labbra, rimise gli occhi sul giornale.

— Leggi forte! esclamò qualcuno. E tutti quelli che gli si erano
avvicinati, non ignorando come il loro compagno, oltre al sapersi
sporcare le mani coi colori e talvolta con l'inchiostro, sapesse anche
leggere assai bene, gli si strinsero addosso esortandolo a cominciare
la lettura.

— Ma è troppo lunga! — osservò lo studente, mostrando il giornale.

— E che importa? Lèggine un pezzo. Tira via!

— E quale?

— Quello che vuoi.

Egli allora, lusingato dalle richieste insistenti dei suoi compagni
sorrise, e, prima di mettersi a fare il cantastorie ci pensò un
momento; ma poi si avvicinò alla stufa, vi battè sopra leggermente
la pipetta per farne uscire la cenere, narrò in succinto quanto aveva
letto dianzi, chinò la testa sul giornale e cominciò con voce sonora:
— «Spintovi dalla fame un giorno tornò all'Accademia...».

— Chi? — interruppe uno arrivato allora.

— Zitto! — gridarono tutti volgendosi verso l'interruttore e facendogli
cenno di tacere: e uno soggiunse a voce alta: — Si tratta di un modello
che si butta a fiume! Silenzio!

Il lettore tentennò il capo e, pronunciando lentamente le parole,
ricominciò: — «Spintovi dalla fame un giorno tornò all'Accademia e ne
fu scacciato». — E dopo una breve pausa riprese: — «Allora il povero
vecchio, appoggiandosi a un bastone, si trascinò fin sulla piazza
dell'Aracoeli dove egli era solito di passare gran parte delle sue
dolorose giornate. Colà...».

— Silenzio! — esclamarono anche una volta tutti insieme gli studenti e,
voltando le teste, videro un professore che si avvicinava parlando con
un usciere.

— Che cosa state a fare? — chiese il maestro, il quale infiorando, di
solito, il suo insegnamento con molte barzellette era assai stimato dai
suoi scolari.

— Stiamo a sentire la storia di un disgraziato. — gli risposero.

— Si tratta di un modello che si butta a fiume!

— tornò a dire la solita voce; ma questa volta sigillando le parole con
un sospiro profondo.

— Ci si butta? Dunque vuol dire che non ci si è ancora buttato?

— Non ancora; ma siamo lì!

— Allora corro ad avvertire la Società degli asfittici! — esclamò
il professore; e, allontanandosi in fretta con le mani nei capelli
svolazzanti, aggiunse:

— Forse arriviamo in tempo!

Dopo una risata doverosa tutti si volsero verso il lettore dicendogli:
— Vai avanti! — Ed egli aspettò che tutti si quietassero e, come vide
che tutti lo guardavano in silenzio con le orecchie intente, riprese:
— «Colà si sdrajò su uno dei primi gradini della grande scalinata della
chiesa e s'addormentò. Quando riaperse gli occhi dall'alto della torre
capitolina, dorata dagli ultimi raggi del sole cadevano sulla piazza i
rintocchi di una campana. Il vecchio all'udire quel suono che prima di
spegnersi ondeggiava gravemente nell'aria fredda si alzò e, scorgendo
sulla cima della cordonata le statue colossali dei Dioscuri su le
quali l'ombra già cominciava a salire, si ricordò di Marco Aurelio,
e avvicinatosi a una delle balaustrate, dietro a cui fra il fogliame
bruno dei ligustri cinguettavano i passeri, vi si appoggiò tentando di
trascinarsi sulla piazza michelangiolesca; ma dopo pochi passi dovette
fermarsi: le gambe gli tremavano. Tornò indietro ansimando e raccolta
nel cavo delle mani un po' d'acqua gelida che dalla bocca di un leone
di basalto cadeva in una conca di travertino la bebbe avidamente. Poi,
dopo di aver guardato ancora la torre ormai fiammeggiante di sole
soltanto nel vertice, e di aver abbassato anche una volta gli occhi
velati dalle lagrime sulla cordonata, su quella cordonata dove egli
in gioventù era passato tante volte correndo per andare a contemplare
nel museo capitolino quelle statue, delle quali egli soleva con la sua
bella persona imitare gli atteggiamenti, discese adagio adagio nella
via angusta e solitaria di Torre degli Specchi, ove qualche lampione
già acceso mandava un po' di luce giallognola su le mura squallide
di un antico monastero; attraversò la piazza Montanara, e arrivò alla
discesa di Monte Savello».

«Quivi alcuni _robivecchi_ che uscivano, cantando a squarciagola,
da una osteria lo presero a dileggiare: uno di loro gli mise le mani
addosso e lo spinse su le pietre nere di un portone enorme, bagnate
di liquido immondo, e un altro aprendo la bocca di un sacco gli andò
incontro sghignazzando e dicendogli di volercelo mettere dentro. Il
vecchio lo schivò; ma non s'era chinato per raccogliere un sasso, che
una ciabatta lanciatagli alle spalle da uno di quei bruti gli portò
via il cappello. Allora quanto più presto egli potè farlo si allontanò
e, mentre gli ubriachi gonfiando le gote barbute e ponendosi le mani
sudice sulle labbra congiunte e contratte continuavano a perseguitarlo
con suoni osceni e scurrili, entrò nel ponte Fabricio»...

— Cioè? — chiese uno.

— Ponte Quattro Capi!... Ignorante! — gli rispose un altro.

Tutti sorrisero; e il lettore, dopo un gesto d'impazienza, riprese:
— «... entrò nel ponte Fabricio, dove stremato di forze si appoggiò
a un'erma quadrifronte, e abbassato il capo ignudo e canuto rimase a
guardare il Tevere giallo e melmoso. Dopo qualche istante gli parve che
il fiume si fermasse e il ponte incominciasse a muoversi e, sentendosi
soffocato da un senso penoso di nausea, chiuse gli occhi; ma appena li
riaperse gli sembrò che il moto del ponte si accelerasse e che questo,
correndo sempre più veloce sulle acque immobili lo portasse verso un
punto lontano lontano dell'orizzonte ove, sopra una linea di casipole
brune, interrotta da qualche cupola e da qualche torre, moriva a poco
a poco l'ultima luce del giorno.

Allora il povero vecchio fu vinto dalla vertigine; si aggrappò con le
mani tremanti al parapetto del ponte; vi strisciò sopra e scomparve».


Gli applausi che avevano salutata la fine della dolorosa e commovente
storia del vecchio modello, letta con tanto garbo dal giovine aedo,
non s'erano ancora spenti, quando dal fondo del corridoio bianco, uscì
fuori un bidello nero, assai grave d'anni, col berretto grave d'anni
anch'esso, ma gallonato d'oro.

Al vedere il veglio onesto, degno di tanta riverenza in vista, che
fermatosi sotto una delle statue di gesso aveva preso a battere le mani
come se proprio volesse dire: — Qual negligenza, quale stare è questo?
— gli studenti lasciarono il corridoio, rientrarono nella grande
sala, ove sul palco era già risalito il modello (un giovane ignudo,
alto, forte e bellissimo), ripresero i loro posti e ricominciarono a
disegnare in silenzio.



IL MANICHINO


A ONORATO CARLANDI.


  _Mio caro Onorato,_

_Se un anno addietro mi avessero detto che io sarei entrato a far parte
di quei tali seccatori del prossimo, conosciuti volgarmente sotto il
nome di conferenzieri, avrei scommesso chi sa qual somma strepitando
il contrario. Ma è purtroppo vero che a questo mondo si sa come si
nasce e non come si muore! Un anno è passato, ed eccomi qua battezzato
conferenziere e per di più conferenziere stampato._

_Del resto, caro Onorato, se l'Italia conta ora un seccatore di più il
merito mi par che sia tuo._

_Ti ricordi? Eravamo in dieci o dodici nella taverna del nostro Circolo
artistico e parlavamo delle conferenze che allora si tenevano nella
sua sala maggiore: ed io ricordo di aver detto, che le conferenze,
quando non divertono, annoiano. Poi il discorso seguitò fra il giocondo
tintinnìo dei bicchieri e ci dividemmo in due campi. Tu per fare con
la voce squillante l'elogio delle conferenze: io invece per dimostrare
come l'uomo a questo mondo fosse già troppo infelice per infliggergli
anche cotesto martirio._

_Non potendoci mettere d'accordo, si passò a discutere se le conferenze
si dovessero dire o leggere._

— _Si devono leggere._ — _dicevi tu._

_ — No. Si debbono dire. — ripigliavo io._

_ — Non si debbono nè leggere nè dire. — ammonivano gli altri pestando
i piedi._

_Mentre il dibattito era più acuto, con uno di quegli scatti nervosi
che ti sono abituali, tendendo le mani verso di me gridasti: — Tu dici
che le conferenze non si debbono leggere? Ebbene, provalo, dinne una
tu._

_Io mi schermii osservando come le mie convinzioni politiche non mi
permettessero di tenere conferenze artistiche. E tu allora ripigliasti:
— Dunque sei buono solo a far ciarle! — E soggiungesti: — Guarda! Se tu
fai una conferenza io scommetto duecento lire..._

_Quelle duecento lire ipotetiche, che riluccicarono all'improvviso fra
il fumo delle pipe, fecero cessare il baccano. Io mi alzai e accettai
la scommessa._

_Ci stringemmo la mano, e, dinanzi a quattro amici come testimoni,
furono stabiliti i patti._

_La conferenza doveva durare non meno di tre quarti d'ora: nel dirla
non dovevo avere nessun foglietto scritto sotto gli occhi e dovevo
tenerla nella maggior sala del nostro Circolo artistico durante la
stagione invernale._

_Rimaneva da cercare il titolo._

_ — Dev'essere una conferenza artistica. — dissero tutti in coro._

_ — Benissimo. Il tema della conferenza l'ho già trovato._

_ — Quale è? — dimandarono molti._

_ — Il manichino! — risposi io._

_Il vino sprizzò su la tavola dai vetri urtati festosamente. Passò
qualche mese ed io, l'avversario accanito delle conferenze, il
motteggiatore dei conferenzieri, divenni conferenziere a mia volta: e
per un'ora e mezza parlai innanzi ad una folla di signore e di artisti,
alla cui bontà dovetti il successo che ne riportai._

_Ora, caro Onorato, la conferenza a cui tu hai dato origine con l'idea
della scommessa, è data alle stampe, e voglio che il tuo nome vada
unito al mio nella pubblicazione._

_Convieni con me che in quest'affare della conferenza, non ti potevano
capitare fastidi maggiori. Perduta la scommessa ora devi sopportare
perfino la dedica di questa farragine di scioccherie._

_Le disgrazie non capitano mai sole._

_Sta' bene e ricevi una affettuosissima stretta di mano dal tuo_

  _1º gennaio 1885._

                                                 _Cesare Pascarella._


  SIGNORE E SIGNORI,

Sapete? C'è stato un momento, un'ora fa, quando ho posto il piede in
queste sale, che spaventato da un esercito interminabile di sedie vuote
(Non potete immaginare quale effetto disastroso producano nell'animo di
un conferenziere le sedie vuote!) spaurito da tutto questo apparecchio
di tappeti verdi, e di bottiglie piene d'acqua inzuccherata ho avuto
improvvisamente l'idea di ripigliarmi lo scialletto e il cappello, e
d'andarmene.

Voi sorridete, Signora? Capisco ciò che significa il vostro
sorriso. Voi pensate che se io me ne fossi andato, a quest'ora a voi
sarebbe risparmiata la noia di ascoltarmi e a me lo scorno di stare
quassù impacciato davanti a questo tavolino. Ma ora, o Signora, il
rammaricarsi è vano; perchè io ci sono, voi, eh! voi ci siete; insomma
noi ci siamo; e conviene, bene o male, a me di parlare e a voi di
ascoltarmi.

Non potete immaginare quanto mi dispiaccia di non essere un valido
e forte conferenziere! Eh, se lo fossi a quest'ora avrei già
abbozzato una diecina di righe di preambolo, me ne sarei scivolato
giù nell'argomento, e una volta nell'argomento felicissima notte!
Poichè è proprio vero, che il difficile sta nel cominciare. Una volta
incominciato, in fondo ci si arriva. Le idee son come le ciliege; una
ne tira un'altra. Di ciliegia in ciliegia si arriva in fondo al piatto,
come, bene o male, di idea in idea si arriva in fondo alla conferenza.
Ma io, purtroppo! non sono un valido conferenziere. Io sono venuto
quassù impacciato con la testa fra le nuvole; tanto che se io avessi
bisogno di un bicchier d'acqua dovrei stare bene attento a non far
accadere una inondazione su questo tavolino.

E giacchè sono in vena di fare delle confessioni, ci metto anche
questa. Cinque minuti fa, quando sono sceso da quella stanza che mi
parve l'anticamera dei sospiri, per venir qui, attraversando la sala ho
gittato timidamente uno sguardo tra la folla ed ho visto tanti amici
che mi guardavano ridendo e tante belle signore che mi osservavano
curiosamente attraverso alle lenti degli occhialetti. I primi mi hanno
rammentato la folla pigiata sotto ai funamboli che salgono sul soffitto
del teatro per eseguire i loro difficili esperimenti, e mi è balzata
alla memoria la considerazione che fa il popolano al vedere la vita dei
poveri acrobati esposta al pericolo. Ricordate?

    _Quer che te dà piacere, poi, è l'artezza_
    _Indove stanno a lavorà' 'sti giochi:_
    _Si quarcuno viè' giù nu' la rippezza!_

E a dirvi la verità, non vorrei davvero proprio io, stasera, _venir
giù_ dal soffitto di questa conferenza!

Le seconde, le signore, oh! le signore mi hanno ricordato la folla
elegante che si stringe attorno alla fiala di vetro, ove nuota nello
spirito un mostricino presentato dal Barnum in abito nero e cravatta
bianca, come un fenomeno _très intéressant_.

Forse, a cercarlo bene, il mostricino c'è; ma se c'è il mostricino,
manca lo spirito.

Difatti...

(_Il conferenziere ad un signore che, sbuffando, si dimena
fastidiosamente su la sedia_):

Come? Che cosa dice? Ah! Il manichino? Scusi tanto. Chiacchierando
lo avevo dimenticato. Ma, prego, non s'impazienti! Guardi, incomincio
subito.

(_Qui l'oratore fa un passo indietro, si inchina e con voce solenne
incomincia_):

Quand'è, o signori, che è comparso sulla scena del mondo il manichino?
Quand'è? Quand'è? Curiosa davvero! Sento di essermi dimenticato di
qualche cosa e non riesco a capire di che. Ah, per bacco! scusate
tanto, nientemeno che m'ero dimenticato di bere il bicchier d'acqua di
rito.

Io veramente non ho sete; ma siccome ho visto come tutti i
conferenzieri prima di entrare nell'argomento bevano un bicchier
d'acqua, io, ripeto, non ho sete, ma per non infrangere la
consuetudine, giacchè lo bevono tutti, lo bevo anch'io.

(_L'oratore vuota un bicchiere, poi manda un sospiro di contentezza e
sorride_).

Ah! ora capisco perchè si beve il bicchier d'acqua. Ma davvero che
questo bicchiere d'acqua mi ha dato una larghezza di vedute, una
lucidità di mente tale, che incomincio a credere sul serio di arrivare
fino in fondo senza fermarmi mai più. Dunque dicevamo? Ah! dicevamo:
quand'è, o signori, che è comparso sulla superficie della terra
il manichino? Per rispondere a questa dimanda sento il bisogno di
ricorrere ad una frase fatta. L'origine del manichino, o signori, si
perde, pur troppo, nella notte dei tempi. Ed ora, giacchè ci sono,
sèguito. Accendiamo dunque il lanternino della storia, o per dir
meglio, delle induzioni; e ricerchiamo questa origine.

Ci sono molti i quali affermano che il manichino c'era già prima che il
mondo esistesse; e costoro aggiungono che basta gittare lo sguardo su
tanti quadri, per vedere come su quelle pitture colui che si affanna
con le braccia spalancate a creare tutto questo po' po' di mondaccio
birbone, non sia altri che un manichino rivestito di stoffe aranciate
e azzurre, campeggiante in una bella aureola di giallo di Napoli:
ma questa può sembrare un pochino sballata, e così pare anche a me.
Non teniamone conto. Scartiamola, e procediamo diritti per la nostra
via. Però prima di addentrarci nella selva selvaggia delle induzioni,
stabiliamo bene una cosa. Si conoscono o non si conoscono manichini
preistorici? Qualcuno di voi potrebbe dirmi che i manichini preistorici
esistono, e sono posseduti dal signor Dovizielli[1]; ma questo sarebbe
uno scherzo e la gravità della mia conferenza ne andrebbe perduta. No,
i manichini preistorici fino ad ora non si conoscono. Forse fra qualche
mese, fra qualche anno, la scienza, che progredisce sempre nelle
scoperte utili, inventerà anche il manichino fossile; ed allora sarà il
caso di riparlarne: allora Temistocle Gradi ci farà sù un bel racconto.
Paolo Lioy ci scriverà sopra un articolo per il _Fanfulla della
domenica_ e un Pascarella dell'avvenire lo illustrerà con una nuova
conferenza. Auguro a quel Pascarella dell'avvenire la fortuna di avere
innanzi a lui un pubblico così colto, numeroso, e gentile come questo
che ora mi ascolta. Assodato, adunque, come i manichini preistorici non
esistano, io mi risparmio di sciorinarvi le teorie darwiniane, e vado
innanzi.

Assolutamente è chiaro, o signori, che il manichino ha dovuto comparire
sulla superficie della terra subito dopo che l'uomo nella sua qualità
di essere ragionevole, e di principe della natura, ha sentito il
desiderio di possedere qualche cosa di falso somigliante al vero, ma
che però cotesto vero non riuscisse a raggiungerlo mai. Mi spiego. Per
ricercare l'origine del manichino, o signori, è necessario, logicamente
parlando, di ricercare la origine dell'arte. Quando, o signori, è nata
l'arte nel mondo?

Belle dimande direte, voi. Ma che sul serio, dico, vogliamo credere
alla storiella dei due amanti di Sidone? All'amante maschio che
parte proiettando nettamente sul muro l'ombra della sua persona, e
all'amante femmina che resta, e che vedendo sul muro l'ombra del suo
innamorato corre a graffiarne il contorno con un chiodo o con una
lisca? Scioccherie. L'arte è nata con l'uomo, e l'uomo non appena è
comparso su la scena del mondo, ha inteso la necessità, il bisogno
ineluttabile dell'arte. E io me lo figuro, quest'uomo primitivo, che,
aperti gli occhi alla luce, appena ha cominciato a passeggiare per le
vie del mondo, invece di fabbricarsi un paio di brache per ripararsi
dal freddo, un ombrello, magari da pochi soldi, per difendersi dalle
piogge torrenziali, io me lo figuro, reggendosi con una mano la foglia
di fico — l'unico _tout de même_ allora di moda — segnare con l'altra,
su di una pietra non ancora ricoperta di muschi, con una silice dura
il ritratto del suo babbo, della sua mamma e della sua innamorata;
me lo figuro e lo compiango. Badate bene però, che non mi arrischio
di metterlo fuori qui questo compianto, perchè qui troppi pittori
mi ascoltano. Anzi io qui dirò come l'arte sia prepotente bisogno
nell'uomo e qualche volta anche nella donna, e sosterrò come l'uomo
perfetto sia colui che dipinge quadri. Solamente io spero che lor
signori vorranno essere tanto ragionevoli da lasciarmi aggiungere
all'uomo perfetto che dipinge quadri, l'uomo perfettissimo: quello che
li compra!

Accertata adunque l'esistenza del pittore nelle prime epoche mondiali,
è appunto a quelle epoche che risale l'origine del manichino. Difatti,
ammesso una volta il pittore, bisognerà logicamente ammettere la
differenza d'ingegno di codesti pittori. E, se ci sono pittori a corto
di moneta, ora che governi, comuni e Provincie Dio solo sa quanto
spendono e spandono per proteggere l'arte e gli artisti; se vi sono
pittori con le tasche vuote ora che si pagano migliaia e migliaia
di lire pochi palmi quadrati di tela dipinta; ma figuratevi quali
eserciti interminabili di pittori affamati han dovuto passeggiare
sulla superficie della terra quando non esistevano nè governi, nè
comuni, nè provincie; quando non c'erano Accademie entro le cui pareti
si raccogliessero le speranze migliori dell'arte; quando non c'erano
mecenati; quando ancora non eran nate quelle famose lotterie per
vendere i rimasugli delle Esposizioni; quando non c'erano negozianti
di belle arti; quando, o signori, non esistevano neanche gli americani,
poichè a quell'epoca l'America ancora non era stata inventata.

Concludiamo. Ammesso il pittore, abbiam dovuto logicamente ammettere il
pittore affamato. Ammesso il pittore affamato, il problema dell'origine
del manichino è risoluto.

A me par di vederlo cotesto sventurato inventore. Un giovinotto alto
e largo quattro volte me, con una folta capigliatura nera, spiovente
sulle sue spalle quadrate con una barbettina a pizzo sul mento. A
me par di vederlo, cotesto pittore allupato dell'antichità, con le
mani strette nervosamente su la pancia vuota, passeggiare a passi
concitati innanzi alla porta del suo studio. Figuratevi che studio! Una
capanna immensa costruita coi rami di quegli alberi che ora si vedono
verdeggiare soltanto negli scenari delle operette fantastiche. Mi par
di vederlo passeggiare e mi par di udirlo bestemmiare in sanscrito,
come un turco, perchè il modello da lui fissato non arriva ancora.

«Per gli Iddii immortali!...» è il pittore allupato che parla ed
io traduco liberamente; «per gli Iddii immortali! Quel birbante di
modello questa non me la doveva fare. È vero che gli son debitore di
parecchie lire sanscrite; ma non gli ho io forse promesso di pagarlo
ad usura quando il mio quadro otterrà il lauro della vittoria laggiù
nella foresta delle sigillarie ove si terrà la prima esposizione
mondiale? La stessa cosa ho promessa al padrone di studio, all'oste, al
negoziante di colori, al corniciaio, che mi porterà qui fra non molto
una bella cornice di felce dorata, e tutti costoro accondiscesero,
e come possono si danno moto perchè il mio quadro abbia successo; e
tu solo, vile ciociaro dell'Iran, birbante di un modello, tu solo,
mentre tutti si danno moto perchè il mio quadro abbia successo, tu
solo, mentre tutti si danno moto non vuoi star fermo? Va, sciagurato,
anche senza il concorso della tua persona il mio quadro sarà finito
ugualmente!». Questo mi par di sentir dire al pittore sanscrita e mi
par di vederlo rientrare nel suo studio; mi par di vedergli adattare
intorno a un bastone gli indumenti primitivi, che doveva indossare
il modello, stringerli con una fune, rannodarli, allargarli, dargli
approssimativamente la parvenza di una forma umana, e cominciare poi
tranquillamente il lavoro.

Non altrimenti, signori, è nato il manichino. Così.

Però codesto manichino come lo abbiam visto ora uscire dalla fantasia
del pittore famelico, non era se non un germe, non era che un embrione
del manichino da noi ora conosciuto. Che lungo viaggio ha dovuto egli
fare, prima di acquistare quella perfezione di forme, quella gravità di
movimenti che lo fa somigliare così bene all'uomo pensante! Quale lunga
evoluzione dal pittore affamato che lo intuì, fino a giungere a frate
Bartolomeo della Porta da cui egli ebbe l'ultimo tocco!

E, nella lunga evoluzione, nel lungo viaggio molte altre razze di
manichini nacquero e si sbandarono qua e là per il mondo, abbandonando
il grosso della turba che sempre, sotto ogni stella, seguì la fortuna
dell'artista. Alcuni non contenti di somigliare all'uomo per le forme,
vollero somigliare all'uomo anche per la parola. E abbandonarono i
facili trionfi dell'immobilità, per la difficile arte di Talia, e
corsero il mondo empiendo di cose strane con la loro voce ridicola,
che vollero dare ad intendere di avere acquistata, le anguste e
sudice scene dei teatrucoli di legno. Ma come scontarono amaramente
la fregola del parlare e l'ambizione della gloria! Di grandi e forti
che erano, divennero piccini, mingherlini, malaticci; abituati alla
luce viva dello studio furono costretti a star pigiati, al buio,
entro i cassoni dei loro padroni, l'uno sull'altro, come le sardelle;
avvezzi alle piene lodi e ai complimenti di quanti li riconoscevano nei
quadri dipinti dai professori più illustri, furono obbligati a subire
l'ignominia della folla, che gittò loro, ridendo, sul muso ammaccato
dai patimenti e dalle sofferenze il nome ingrato di burattini. Altri
vollero ricoprire le loro persone di abiti scintillanti d'oro e di
porpora; vollero ornare le loro teste di corone gemmate; ma a qual
prezzo dovettero acquistare tali ornamenti! Chiusi nelle vetrine
dei musei ove non hanno accanto se non mummie, uccelli impagliati,
mostri nuotanti nello spirito, oh! come debbono ripensare con dolore
all'allegra dimora che abbandonarono! Altri più superbi, chiesero,
oltre allo scintillìo delle vesti e al fulgore delle corone, anche
l'omaggio e la venerazione, e salirono su gli altari.

Eppure, fra i manichini sbandati, ve ne sono anche dei più disgraziati
di costoro. Ricordate, nelle fiere di provincia, quei poveri manichini
costretti a servire da bersaglio ai tiratori novellini? Che orrore! E
quelli altri che, senza averci nè colpa nè peccato, sono esposti nei
gabinetti storici sotto i nomi dei più terribili malfattori, non vi
hanno mai intenerito?

Avete mai visitato quei gabinetti?

Fuori, al chiarore rossiccio delle padelle di sego che fumigano,
insozzando i tabelloni su cui stanno dipinte storie orribili di sangue,
il povero saltimbanco passeggia gridando con la voce rauca dal sonno e
dal digiuno: «Non si lascino rincrescere! Dieci centesimi non sono la
rovina di una famiglia, nè la morte di un individuo. Favorischino in
del nostro gabinetto indovechè noi ci andiamo a mostrare venti e passa
assassini uno più interessante dell'altro. Osserveranno il terribile
brigante Stoppa, il terribile Falsacappa, il terribile Ninco-Nanco e
in ultimo passeranno a osservare il terribile Tropmann. Quest'ultimo lo
vedranno, o signori, vita natural vivente, come me, come lui, come voi.
Lo vedranno doppo di avere ucciso venti e passa individui fra maschi e
femmine nonchè altri delitti ferocissimi, lo vedranno quando la mano
della giustizia sta per colpirlo; ma il malfattore si butta in del
fiume per salvare col suo proprio noto la sua propria esistenza. Ma la
mano della giustizia lo colpisce, la mano della giustizia lo rattrappa,
la mano della giustizia lo piglia, lo lega come un Cristo e lo conduce
in questo nostro gabinetto, ove noi, o signori, abbiamo l'onore di
presentarvelo».

Qualche raro visitatore, gittando i due soldi nel bacile di stagno
ammaccato, entra nel gabinetto. I poveri manichini, al chiarore fioco
di pochi lumi, stanno allineati su di un tavolaccio sudicio: chi
stringe una lama, chi brandisce un'accetta, chi impugna una pistola,
chi si stringe al petto un fucilacelo arrugginito. Poveri manichini!
costretti là dentro a rappresentare la parte del malfattore e del
brigante mentre in fondo poi chi sa che bravi e che onesti manichini
saranno.

Vedete: certe volte, riflettendo alle orribili torture alle quali
vengono assoggettati, io non vi so dire quanto dolore provi nel pensare
come ancora non si sia fondata una società di protezione per i poveri
manichini. Ce ne son tante; ce ne potrebbe essere ben una anche per
loro.

Figuratevi! Voi bella e gentile signora quando andate dal vostro
guantaio non vi siete mai sentita agghiacciare il sangue nelle vene, al
vedere quella mano nera, quella mano rossa, che penzola su l'insegna,
pensando a quel povero manichino a cui l'hanno strappata?

E quando passate innanzi alle vetrine dei parrucchieri, non vi siete
mai sentita spezzare il cuore nel petto al vedere quelle povere
figurine di manichini così belle, così giovani, e già così tanto
infelici! costrette a girare eternamente, come un pollo infilzato allo
spiedo, fra i vasetti di pomate e di balsami miracolosi? Quelle povere
figurine hanno tutte, sul volto dipinto di cinabro, il sorriso; ma quel
sorriso che hanno sui labbri non lo hanno nel cuore.

Ma noi abbiamo già troppo a lungo discorso dei manichini che
abbandonarono lo studio. Lasciamoli ai loro rimorsi e fermiamoci a
parlare del manichino rimasto ognora fedele all'artista nella fausta
sorte e nella ria.

Proprio così; poichè, o gentili dame che mi ascoltate, non crediate
che nello studio si rida sempre. Nello studio, purtroppo, si succedono
talvolta giorni di dolore e di scoraggiamento.

Oh! in quei giorni come è triste quello stanzone che voi, dame gentili,
vi figurate sempre come la sede della spensieratezza e dell'allegria!
Allora, su l'ampio finestrone, batte assidua la pioggia; nell'aria
non s'odono più le vibrazioni sonore della chitarra, di cotesto
scacciapensieri dell'artista; sul tavolino i fiori, colti nel prato,
diventano un mucchio di erbaccia fradicia; sui quadri la polvere oscura
le tinte; sulla tavolozza i colori induriscono, e persino il vecchio
orologio si dimentica di battere l'ora del pranzo! Nello stanzone
s'ode l'eco d'un picchiettare assiduo, d'un martellare nervoso. È un
giovinotto che nelle stanze terrene tormenta, con la punta d'acciaio,
il seno bianco di una Venere di marmo. E l'acqua cade sempre sui
vetri, attraverso ai quali si disegnano languidamente i colli lontani
affondati nella nebbia grigia che ricopre gli orti e i pometi.

Allora, il pittore, solo nello studio, sdraiato sopra un divano
ricoperto di stoffe orientali, dai cui angoli escono bioccoli di borra,
fumando nella vecchia pipa, che gorgoglia rocamente, mentre il fumo
sale, come un nastro, in alto, verso la tela, tesa a celare lo sconcio
rincorrersi delle travi, sulla tela ove s'allungano le macchie nerastre
dell'acqua, va dietro con la fantasia alle visioni dell'avvenire. A lui
appaiono i meriggi assolati e le biade mature sotto l'azzurro purissimo
delle giornate di luglio; a lui appaiono le fantasime della gloria che
gli porgono con le braccia ignude corone di lauri; tutto quanto v'ha
di bello e di lusinghiero appare alla fantasia dell'artista: anche
l'esposizione mondiale di Roma! Poi, l'incantesimo cangia, all'azzurro
succede il nero e allo sguardo sbarrato del pittore appare un lungo
e squallido corridoio, ove si allinea una fila di lettucci; poi un
carro nero che va sulla via fangosa fra due filari di cipressi bruni
mentre nell'aria muore l'ultimo rintocco dell'_Angelus_. Allora egli si
scuote, gitta sul tavolino ingombro di libri, di versi, di tavolozze,
di penne e di pennelli, la pipa spenta e gira lo sguardo in un angolo
dello studio, ove il manichino sta impassibile ad osservare. Oh!
allora chi mi sa dire i muti colloqui che avvengono fra il manichino e
l'artista?

Chi mi sa dire tutto ciò che egli in quei momenti confida al suo fedele
compagno?

Ma il manichino non parla.

Guai se così non fosse.

E che direste voi se un manichino indiscreto e ciarliero, vi venisse
a raccontare gli amori di un professore bianco per antico pelo con
una gentile modella dalle trecce nere cadenti voluttuosamente sulla
stoffa di un cuscino giallastro, e se venisse a raccontarvi le pose, i
gesti, i corrugamenti di ciglia di un artista innanzi allo specchio,
per istudiare un discorso da improvvisarsi più tardi in un Circolo
artistico, in un Congresso artistico o innanzi a una bara bagnata di
lagrime e ricoperta di fiori? Ma il manichino è discreto, il manichino
non parla.

Ma sapete che scenette deliziose avverrebbero se il manichino parlasse!

Per esempio, incontrate per via un artista, e voi naturalmente
fermandolo gli domandate: — Come va?

— Benone! — vi risponde lui tirandosi i peli radi della barbetta
mefistofelica.

— Che fai?

— Lavoro.

— E il quadro?

— Quello piccolo? L'ho venduto.

— E quello grande?

— Ah, quello grande non ci penso neppure a venderlo.

— Come? Non pensi a venderlo?

— No; perchè quello grande l'ho fatto per me. Ho venduto il piccino
a un americano per ventimila lire. È poco, lo so; ma glie l'ho dato
perchè la galleria in cui sarà esposto è una galleria di primo ordine;
ci sono Meissonier, Gérome, Laurens, Makart. Via, si sta in buona
compagnia. D'altronde, anche ventimila lire per un quadrettino non sono
poche: capisco ciò che vuoi dirmi; ma, sai, i tempi sono cattivi...

— Davvero. Guarda, giusto ora sta per piovere, ciao!

Che direste se il manichino di quel pittore vi venisse a rivelare che
il quadro venduto all'americano per ventimila lire, invece di stare
esposto nella galleria di New York, sta sepolto in un armadio, nello
studio, preda dei topi e delle tignuole?

E che direste se, per esempio, vedendo passare un professore serio
serio, impettito nell'abito nero, superbo del suo cappello a cilindro
lucente tra la folla dei cappellini a cencio, coi nastri delle commende
all'occhiello; che direste se un manichino vi venisse a dire, come
lui quel professore lo abbia conosciuto quando, con la camicia che gli
usciva dalle maniche rotte della giacca, urlava contro le Accademie,
e quando, non potendo altrimenti dileggiare quelle istituzioni, di
cui ora è orgoglioso di far parte, chiamava il suo cane col titolo di
professore?

Ma il manichino, signori, è discreto, il manichino non parla. Ed è per
questo che, quando la porta dello studio non s'apre ai colpi reiterati
delle amiche e degli amici egli sta nello studio. Sta nello studio
perchè non dirà a nessuno se una macchina fotografica prese il posto
della tela sul cavalletto; nè farà sapere a nessuno se un quadro sarà
accarezzato da un pennello e firmato da un altro.

Però, o signori, non tutti i manichini sono manichini, e come tra gli
uomini così anche fra i loro ve ne sono di quelli che disonorano la
loro razza.

Costoro hanno vita dolorosissima: randagi d'indole, vanno vagando senza
posa da questo a quello studio; feroci e maneschi, sovente attaccano
briga con l'artista, e non giovano cure e castighi per farli uscire da
quella via di perdizione.

Io ne ho conosciuto uno di cotesti sciagurati. Che brutta figura!
Scommetto che se l'aveste incontrato per via, gli avreste dato
l'orologio e il portafogli, purchè vi avesse lasciata salva la vita.
Aveva sul muso i tratti caratteristici del delitto, così bene marcati
che io son certo che se il professore Lombroso lo avesse visto, non
dico tastato, lo avrebbe giudicato come il prototipo del manichino
delinquente. Di star fermo, non volea saperne. Vi lasciava incominciare
un lavoro; poi, quando vi vedeva a lavoro inoltrato, crac, faceva un
movimento brusco e addio pieghe, addio lavoro.

Lo mettevate ritto nella posa del guerriero che ritorna vincitore?
Dopo cinque minuti, il guerriero vincitore si metteva a sedere. Lo
atteggiavate seduto, nella posa del Tasso, che declama i suoi versi
alla sorella del duca di Ferrara? Dopo aver letto appena due ottave
Torquato Tasso si gettava in terra. Lo mettevate seduto in terra, nella
posa dell'onesto agricoltore, che si riposa dalla fatica lunga della
giornata o nella posa del gladiatore moribondo? Dopo pochi istanti,
l'onesto agricoltore si stendeva lungo sul pavimento a dormire e il
gladiatore moribondo era morto. Io ho visto, signori, dei pittori
perdere la pazienza, afferrare un bastone e suonar giù botte da orbi.
Come dire al muro!

A un pittore, che gli assestò un colpo di bastone sul cranio spelato,
egli rispose gittandosi vigliaccamente per terra e allungandogli con
la gamba legnosa un calcio sul volto che, se lo pigliava in pieno, lo
spediva al Creatore.

Pure, io non li odio cotesti poveri manichini degenerati, perchè penso
che il loro pervertimento è causato dall'organismo loro e dalla loro
costruzione, e ripeto con Seneca: _Fatis agimur cedite fatis!_

Del resto, se vi sono manichini delinquenti e perversi, oh! infinito
è il numero di quelli buoni, fedeli, incapaci di recare il più piccolo
danno ai loro padroni.

Una notte, i ladri salirono in uno studio per rubare. Al chiarore
freddo della luna, che battendo sui vetri del finestrone illuminava
languidamente la stanza, videro in fondo ad essa un antico romano che
vegliava, e fuggirono. Signori, quell'antico romano che vegliava, era
un manichino.

Potrei citare centinaia di fatti comprovanti la bontà d'animo, il
coraggio e le rare doti del manichino; ma non voglio dilungarmi troppo,
e ne citerò uno solo rimasto pietosamente scolpito nella memoria di
quanti ne furono testimoni. Nel dicembre del milleottocentosettanta,
quando il Tevere dilagando per le vie di Roma fu cagione di tante
sventure, uno scultore era restato chiuso dalle acque nel suo studio.

La via Flaminia era allagata; e il fiume trasportando alberi divelti
dalle lontane campagne, carogne di buoi e di pecore, e frantumi di
capanne urtava schiumando su gli stipiti marmorei della Porta del
Popolo.

Lo scultore, spintovi dall'incessante salire delle acque, era già
salito a sua volta sopra un armadio, e stava aspettando angosciosamente
la morte, quando udì venire dalla prima stanza del suo studio un rumore
come di qualche persona che si avvicinasse. Gridò. Nessuno rispose.
Ma quando una più forte ondata entrò nella camera, spalancando mezza
imposta dell'uscio, egli vide il suo manichino, nuotante placidamente,
avvicinarsi a lui con le braccia levate e con le labbra sorridenti.
Un urlo di gioia, come non si era mai più udito l'eguale, da quando i
naufraghi della _Medusa_ videro su l'infinito mare biancheggiare una
vela, risuonò nello studio, e poco dopo le turbe invocanti il soccorso
dai tetti delle case di via Flaminia, videro lo scultore e il manichino
abbracciati strettamente, galleggiare sicuri su la furiosa fiumana.

Povero manichino! per opera sua lo scultore fu conservato all'onore
dell'arte e alla speranza dei creditori; ma lui morì fradicio. E la sua
lunga agonia non fu neanche confortata da un cenciolino di medaglia al
valore civile!


Ed ora dirigo la mia parola agli artisti.

Vedete: se il manichino qualche volta non fa quanto gli domandate, non
è che ci metta della cattiva volontà; è proprio perchè non può. Dovete
anzi pensare che non v'ha cosa meglio maneggevole di lui; anzi, questa
volta proprio si può dire che potete girarvelo come meglio vi talenta
e accomodarvelo come meglio vi piace. Certo, però, che vi abbisogna un
pochino di pazienza e anche un pochino d'occhio; perchè, è uno sbaglio
il credere che tutti i manichini possano essere capaci delle stesse
azioni.

Ve ne sono alcuni di forte e solida costruzione, che sdegnano di ornare
la loro persona coi rasi e coi broccatelli del secolo scorso. Ve ne
sono altri a cui si richiede invano di chiudere il loro esile torace
nella corazza brunita del medio evo. Ve n'ha di quelli che amano la
posa eroica e di quelli che prediligono la posa umile. Ve ne sono
moltissimi che non possono posare se non seduti mollemente sui morbidi
cuscini dei ricchi e malinconici sedioni medioevali.

È vero, pur troppo, che esistono manichini senza carattere, sempre
disposti a posare indifferentemente e per Dio e pel Diavolo, per
san Michele Arcangelo e per quello che gli sta sotto. Ma se vi sono
manichini di questo stampo, non sono tutti così: se ne trovano anche
di quelli che hanno un carattere, una fede, una coscienza: e i secondi
sono di gran lunga più numerosi dei primi.

Alle volte non potete immaginare a quali torture si assoggettino
i poveri manichini, costretti dai loro padroni a raffigurare cose
e persone da essi odiate, da essi non sentite. Io ho conosciuto un
valente acquarellista che volle costringere il suo manichino a posargli
nientemeno che da tomba di Cecilia Metella e da acquedotto della
campagna romana, e il poveretto piegò la sua persona a raffigurare quei
bruni ruderi della civiltà latina; ma quali spasimi, quali dolori non
deve aver provato quel povero manichino?

Io non conosco pena maggiore di quella di veder soffrire un povero
manichino.

Egli è là, nella posa da lui non sentita, e non amata; è là muto, con
gli occhi sbarrati, con la faccia pallida, con le dita nervosamente
contratte, e soffre in silenzio senza mandare un lamento; solo di
tanto in tanto s'ode uno scricchiolìo. Il pittore si stizzisce ed
egli sgranchite le giunture ritorna immobile. Chi sa mai quali torture
affliggono quella testa di legno? Chi può dire quali tristi pensieri
passino, s'affollino in quella figura all'apparenza così calma e
paziente? Chi sa quanti poveri manichini, malati, cagionevoli di
salute... Già, poichè, non crediate, o signori, che il manichino non
abbia anch'egli le sue malattie. Ne ha due fierissime: la calvizie e la
debolezza.

La prima è incurabile, però non è mortale; la seconda è mortale, ma
per compenso la si può curare facilmente. Il rimedio a codesto male,
voglio dire alla debolezza, è il medesimo oggidì tanto in voga. Ma non
crediate che il manichino se ne serva ora solo che viene indicato su le
quarte pagine come la panacea universale. Quando il ferro, o signori,
non era ancora conosciuto come efficacissimo rimedio, egli lo aveva
già da lungo tempo nelle sue medicine. E bisogna vedere, quali effetti
miracolosi produca il ferro negli organismi malati dei manichini. Io, o
signori, ne ho visti alcuni infermi al punto da non reggersi sui piedi,
io li ho visti, subito dopo aver ingoiato un palo di ferro, risorgere
forti e robusti come per miracolo.

E bisogna vedere con quale stoicismo essi si assoggettano alle più
difficili operazioni!

A un povero manichino s'era infradiciato l'omero. Rimasto abbandonato
per parecchio tempo in una cantina, l'umidità gli aveva intaccato i
tessuti e minacciava di incancrenirgli il torace.

Fu deciso di segargli il braccio.

Cosa incredibile! Durante la difficile e dolorosissima operazione non
un lamento uscì dalla sua bocca, non uno sguardo doloroso contristò
la sua faccia serena. E notate che non si era adoperato neanche il
cloroformio!


  SIGNORE, SIGNORI,

Il tempo fugge e già che, fortunatamente per voi, siamo ormai vicini al
termine di questa mia chiacchierata, permettetemi di enumerarvi talune
di quelle opere alle quali il manichino si gloria di aver dato origine.

Nelle arti belle, quando non sono brutte, egli ha ispirato quadri e
statue in grandissimo numero, sì che sarebbe impossibile il contarle.

Nell'arte dei capperi ha ispirato al maestro Fétis «Il Manichino
di Bergamo», un'opera comica di grande interesse nella storia del
melodramma, perchè il suo autore scrivendola tentò per la prima
volta di introdurre sul palcoscenico brani di musica scritti in
note e parole. Nel campo letterario ha dato il modo a Guglielmo
Teodoro Hoffmann, il simpatico narratore di istorie incredibili, di
scrivere una delle sue più belle pagine raccontando l'amore ardente
di uno studente di Gottinga per un manichino. Sulla scena di prosa
il manichino ha avuto anche i suoi trionfi. Vi sovviene della farsa
deliziosa «Il modello di legno?» Nella poesia egli ha pagine splendide
e pagine sublimi e pietose ha nella forte e sana letteratura popolare.
Ricordate la dolorosa e commovente istoria di quel povero pittore,
il quale «per dispiaceri amorosi e anche più per l'esposizione, muore
barbaramente suicidandosi con le sue proprie mani»?

Ve la dirò dal principio:

    V'era un giovin di buona famiglia
      Il quale, Peppino nomato
      Che all'età di vent'anni arrivato
      Si decise di fare il pittor.

    La famiglia sua propria e i parenti
      Gli dicevano no ad ogni costo;
      Ma Peppino fuggì di nascosto,
      Per studiare soletto da sè.

    Era il tempo dell'anno passato
      Quando v'era la gran discussione
      Sul palazzo dell'esposizione
      Che a novembre s'aveva da aprir.

    Ma che invece per molte ragioni,
      E anche più, perchè ancora quel sito
      A novembre non era finito.
      Si decise di aprirlo più in là.

    E Peppino pensato il suo quadro
      Ch'è la morte del conte Ugolino
      Lo dipinse e al suo proprio destino
      Lo mandava nell'esposizion.

    Ma in quel tempo s'infiamma d'amore
      D'una vaga, gentil damigella,
      Che faceva il mestier di modella
      E la volse per forza sposar.

    Da principio fu sempre fedele
      A Peppino la vaga sua sposa,
      Ma più lardi poi fu un'altra cosa;
      Sciagurata! Lo volse tradir.

    Chè di lui un amico sincero,
      Che fu poi un gran traditore,
      Pria gli tolse la pace e l'onore,
      Poi fu causa di gran crudeltà.

    Ma intanto si apre il palazzo
      Con le opere all'esposizione.
      Interviene la gran commissione
      Con i corpi dell'autorità.

    E la morte del conte Ugolino
      Vien da tutti i giornali lodato.
      Il gran premio gli vien decretato,
      Ma nessuno lo vole comprar.

    Ma la sera in cui stava al quint'ordine
      Dell'Apollo, nel mese passato,
      Col biglietto d'onor d'invitato,
      Viene e bussa il suo fido portier.

    E gli reca un tremendo dispaccio,
      Dove lui vi rompe il sigillo.
      Cade in terra facendo uno strillo,
      Che anche i sassi ne senton pietà.

    Quando s'alza che torna in sè stesso
      Corre a casa e che trova? La moglie
      Che gridando fra orribili doglie
      Di due figli lo fa genitor.

    Lui li prende e li guarda i visetti
      E li vede che sono il ritratto
      Di colui che compiva il misfatto
      Di quel vile del suo traditor.

    E fu allora che ai gran dispiaceri
      Del suo quadro, nonchè la consorte,
      Lui decide di darsi la morte
      Suicidando se stesso da sè.

    E impugnato un tubetto di biacca.
      Lo sorbiva piangendo, e tapino
      Ed in braccio del suo manichino
      Lui moriva fra grandi dolor.


  SIGNORE E SIGNORI,

Nei secoli venturi molte cose nuove compariranno nel mondo, moltissime
altre dilegueranno; ma il manichino, o signori, non potrà mai perire
perchè sta troppo saldamente piantato su due basi, dalle quali nessuna
forza umana lo potrà mai rovesciare: sull'economia e sulla morale.
Sull'economia? Eh! Dio buono, finchè il mondo sarà mondo, esisteranno
pittori; finchè vi saranno pittori, siatene certi, vi saranno sempre
pittori affamati, e fino a che vi saranno pittori affamati vi sarà
il manichino. Sulla morale? Eh, lo so bene che verranno tempi in cui
i procaci atteggiamenti degli ignudi dei modelli e delle modelle che
non son sempre modelle di virtù, pervertiranno i popoli; e allora il
manichino si allontanerà in volontario esilio; ma quando gli uomini
e, forse, le donne torneranno a chiedere nei quadri e nelle statue i
concetti seri e pensati e la nota classica, allora egli ricomparirà a
domandare il suo posto. Allora la folla delle damine che si raccattano
il gonnellino, la processione dei conti e delle contessine, l'esercito
dei cavalieri della rosa e dei moschettieri che fumano la pipa, che si
arricciano i mustacchi e che alzano il bicchiere, gli sciami languidi e
dinoccolati degli _incroyables_ e delle _merveilleuses_ fuggiranno, con
le loro smorfie e i loro sdilinquimenti, e il manichino avvolto nelle
rigide pieghe del suo mantello ricomparirà vittorioso. E, spazzato via
tutto quel ciarpame di velluti, di rasi e di sete, di nastri, di frange
e di trine, sarà lui, il manichino, che si pianterà fiero e gagliardo
sulle travi rotte e cadenti del ponte Sublicio a rattenere l'impeto
delle orde etrusche invadenti l'antica Roma; sarà lui che si coprirà
il capo ordinando che i suoi figliuoli sien tratti al supplizio; sarà
lui che stenderà il braccio sui carboni ardenti, innanzi alla faccia
barbuta del re Porsenna; sarà lui che, avvolgendosi nella toga bianca,
cadendo trafitto a morte in Senato sotto la statua di Pompeo, esclamerà
dolorosamente con l'eloquenza del gesto: — _Tu quoque Brute, fili mi_:
sarà lui infine che, ramingo per le terre d'Italia, cieco e vecchio,
andrà supplicando la pietà dei passanti, mormorando col gesto triste:
_Date obolum Belisario!_ E quando sulle rovine dei bassi tempi sorgerà
il gentil fiore azzurro dell'ideale, sarà lui, il manichino, che
ritornerà di Terra Santa a cavallo d'un caval a riabbracciare la sua
donna che lo attese per ben sette anni sul verone del maniero avito.
Lui scenderà cinto di maglia nel torneo di Tolosa, e galopperà su un
leardo pomellato, con la salda lancia in resta; lui, col liuto su la
schiena, cacciato in bando, s'aggirerà solingo e pensoso nella selva
bruna, fuggendo ogni chiaror fuor che la luna! Lui, infine, salirà
trepidante, fra il fogliame verde scuro dell'edera, sopra il veron di
gotica torretta, e lassù si stringerà al petto la castellana infedele,
mentre la scaletta di seta oscillerà lievemente, nel bujo, baciata
dalla tepida e dolce aura notturna!

E poi, o signori, dalla scimmia non dirò che ci siate venuti voi; ma io
ci son venuto di certo. Chi potrà dire che cosa verrà dal manichino?

Forse nelle lontane epoche dell'avvenire, egli saprà rimediare al
malanno che ora lo affligge, la calvizie, e saprà ornare di una bella
barbettina bionda le sue gote pallide. Forse allora, egli avrà non più
nelle vuote orbite due punti neri inanimati; ma due lucenti e mobili
occhi, e nel suo corpo batterà un cuore ove pulseranno onde purissime
di sangue. Sarà bene? Non lo credo.

Ah, meglio il manichino di legno che il manichino di carne e d'ossa!

Il manichino di legno non vi secca con la sua parola sciocca e vanesia,
non vi annoia, per divertirvi, zufolandovi all'orecchio le ariette e le
frasi udite ai concerti e nei teatri, non vi infastidisce ripetendovi
le discussioni politiche da lui udite fra il fumo dei sigari, su le
panche dei caffè, non vi punge con gli spilli della maldicenza, non
vi scaglia nella schiena la freccia avvelenata della calunnia, non
viene ad ammirare i vostri quadri per poi andare a sparlare delle
opere vostre, non penetra amicamente nei vostri studii a rubarvi i
bozzetti. Oh, meglio, meglio il manichino di legno, credete. Pure, la
trasformazione si compirà, e sarà ancora una volta provato l'assioma
della dottrina darwiniana sulla evoluzione, così detta, perfettiva
degli esseri. Verrà un giorno in cui anche i manichini si agiteranno
a chiedere diritti e guarentigie, a vociare discorsi e a unirsi in
falange compatta e ordinata per soverchiare le prepotenti forze degli
umani. In quel giorno il pittore sarà costretto dal suo manichino a
posargli da modello. Forse allora i manichini invaderanno i pubblici
uffici, le università, il parlamento, il senato, la reggia; e andranno
a scacciare dalle cattedre delle Accademie di belle arti i professori,
per diventare essi professori a loro volta. Il più onestamente
mite si limiterà a chiedere il grado di sottotenente nella milizia
territoriale. I più irrequieti chiederanno di far parte del Circolo
artistico, e uno di costoro, acclamato dal plauso unanime, seduto sul
seggio presidenziale avrà l'onore di governare le legioni artistiche.

Forse uno di loro chiederà al consiglio direttivo il permesso di
annoiare il prossimo suo e terrà un corso di conferenze nella maggior
sala dell'Associazione. E, quel manichino riconoscente, inizierà
la serie tenendo una conferenza su questo bel soggetto: «Cesare
Pascarella».



IN CIOCIARIA


I.

Dormivo profondamente, quando alla stazione di Valmontone lo sportello
della vettura fu aperto ed una comitiva di uomini e donne entrò nel
vagone.

Svegliatomi di soprassalto mi rincantucciai in un angolo dello
scompartimento, e con gli occhi socchiusi, mi misi a guardare con
curiosità i miei nuovi compagni di viaggio e le valige, le cappelliere,
le sacche da notte ricamate di lana rossa e gialla, le borse di pelle e
di tela, i canestri ed i fagotti di tutte le misure, che avevan portato
con loro.

Un uomo sui sessant'anni, grasso e grosso, pareva essere il direttore
della compagnia, e appena entrato nella vettura, non curandosi dei
saluti dei _vignaroli_ e dei contadini ch'eran venuti ad accompagnarlo
fino agliu vapore e gli gridavano: — _Forte, sor Piè'! addio sor
Piè'! Stacce bene, sor Piè'!_ — egli si mise, seriamente, a disporre
in alto su la rete le valige più buone ed a spingere sotto ai sedili
i canestri ed i fagotti. Le ragazze, intanto, si litigavano i posti
vicini agli sportelli, e ridendo si indicavano a dito l'una con l'altra
i paesi arrampicati sulle montagne lontane, e chiamavano replicatamente
Peppino e Maddalena perchè accorressero anch'essi a vedere, _li ponti
su li fiumi, piccoli piccoli, e le montagne che toccaveno el celo_.
Ma Peppino e Maddalena non si muovevano: seduti strettamente vicini
si guardavano negli occhi, si sorridevano e, di tanto in tanto, si
scambiavano qualche parola.

Mentre il treno correva afferrai questo brano di dialogo: — _Dimme
un po', Peppino, è vero che in certi punti nun se ne vede la fine?_
— E lui, pesando le parole: — _Se capisce! Subito che el mare fenisce
addòve comincia el cielo!_

Quando sur un colle apparvero le case di Frosinone, il sor Pietro, dopo
di aver paragonata la lentezza insopportabile delle diligenze con la
rapidità fulminea delle ferrovie, si levò la giacca e diede el segnale
della colazione, durante la quale, i discorsi e i bicchieri di vino
rosso s'incrociarono con tanta abbondanza che io dopo appena cinque
minuti, già sapevo vita, morte e miracoli del sor Pietro, i nomi dei
componenti la comitiva, dove andavano, quanto tempo avevano deciso di
fermarsi in riva al Sebeto, e, perfino, che la _Guida di Napoli_ il sor
Pietro l'aveva avuta in prestito da un parente di papa Pecci.

Verso la fine del pasto interminabile Maddalena, stuzzicandosi i denti
con un ossicino di pollo, dimandava alquanto preoccupata a Peppino: —
_Ma come sarà che el mare è turchino?_

E Peppino con gli occhi lustri, vuotando ancora un bicchiere: — _Se
capisce! In tutto el mondo l'acqua turchina è tutta salata. Il mare è
tutto salato: dunque lui deve essere turchino per forza._

E s'addormentò.

Finita la colazione sopravvenne un po' di calma. Le donne si levarono
i cappelli e il sor Pietro masticando un sigaro forte, che non tirava,
e lagnandosi del caldo _troppo troppicale_, si tolse il panciotto.

Alla stazione di Pofi, metà della comitiva dormiva e il sor Pietro
sbuffando si toglieva solino, polsini e cravatta, mandando un accidente
a chi aveva inventato _tutte quelle porcherie da signori_.

Quando, a Ceprano, io lasciai il treno, egli s'era cavata anche una
scarpa, accusando _un forte dolore alla noce del piede_, e s'era
rimboccate le maniche della camicia, mostrando due braccia nere e
pelose, come le code di due gatti infuriati.

Dio mio! Che cos'altro si sarà tolto di dosso il sor Pietro, prima di
arrivare a Napoli?

                                   *
                                  * *

Sullo spiazzo, dietro la stazione di Ceprano, un legno a cui erano
attaccati tre cavalli scheletriti, flagellati da nugoli di tafani,
stava ad arroventarsi al sole; il vetturino, un tipo selvaggio, dalla
faccia annerita, dormiva sopra un mucchio di fieno, poco lungi,
e russava profondamente. Altri legni per andare a Fontanaliri non
v'erano. Mi avvicinai al vetturino e tentai di svegliarlo. Era di sonno
duro. Allora una contadina, che stava, poco lungi, seduta, si alzò,
e avvicinatasi al dormiente gli applicò due calci ove finiva la sua
schiena, gridandogli: — _Arrizzate, Ciccantò', ca s'è fatto juorno!_

Ciccantonio, si alzò stropicciandosi gli occhi e la schiena e facendo
brillare al sole, sul collo nero, una filza di medaglie; mi salutò
con un: _ben arrivato a signoria!_ e incominciò subito a decantarmi
la comodità della sua carrozza, la bontà de' suoi cavalli e la sua
_grannissima abbeletà_ nel condurli. Io, poco persuaso della verità di
tante lodi, accennai qualche dubbio, ma egli ribattè: — _Lei, signoria,
non indubiti: saglìte e sarete insoddisfatto._ — Ed io convintissimo di
quanto egli asseriva, comperai quattro arance da una bella ragazza, che
vendeva anche ciambelle, vino e frutta, e salii nel legno ponendomi la
valigia fra i piedi.

Ciccantonio saltò in cassetta, tempestò di frustate i cavalli, che non
volevano muovere il primo passo, sfilò una corona di bestemmie di tutte
le qualità e dimensioni, e allora le rozze si mossero finalmente, e giù
di trotto per la via bianca e polverosa di Ceprano.

Bel tipo il mio vetturino! Egli bestemmia come un turco, dico come un
turco perchè si dice così, ma io non credo che i turchi siano giunti
a tanta perfezione, e a ogni chiesuola che incontra, a ogni croce che
vede, si toglie il cappello, sul quale tiene legata una immagine sacra
e grida: — _Madonna aiutece!_

Lungo la via, ove, di tratto in tratto, dalle siepi, bianche di
polvere, sbucano branchi di gallinacci, condotti da qualche fanciulla
alla pastura, incontriamo contadini sui somari che vanno al molino,
mezzadri che portano ad abbeverare le vacche, e lunghe file di donne
che scendono verso Ceprano, recando in testa pesanti canestre ricolme
di ortaglie.

Mi tornano alla memoria _li pupazzi der presepio_.

Quando ci fermiamo davanti alle prime case di Ceprano, Ciccantonio
s'accosta allo sportello della vettura e col cappello in mano, mi dice:
— _Simmai lei nun s'incommoda, metto lu belancino._

— E quanto ci vorrà a mettere questo bilancino?

— _Quanto piace a signoria!_ — mi risponde Ciccantonio, come un
cortigiano antico.

— Alla mia signoria piace che tu tra un'ora ti trovi qui col bilancino.

— _Servo a signoria!_ — replica il vetturino inchinandosi; e dati a
reggere i cavalli a un ragazzetto, si allontana fischiando.

Io per non saper che altro fare, comincio a girandolare per le vie di
Ceprano, seguito da uno sciame di ragazzi gialli e verdi per la lebbre
malarica, credo, e qualcuno forse anche per la fame.

Su la piazza, fuori della Porta, vi trovai il mercato.

Le venditrici di ortaglie e di frutta, di grano, di pane, di ciambelle,
di stoviglie di creta e d'altri utensili famigliari erano disposte in
lunghe file. Io mi addentrai tra quelle file, e ammirai gruppi di donne
veramente stupendi. Finalmente, rimasto abbagliato dai colori vivaci
delle vesti, dei busti, e degli scialli smaglianti al sole, sul fondo
grigio de monti lontani, entrai in una modesta trattoria ove per pochi
soldi, mangiai una buona bistecca e molte frutta così belle, fresche
e saporite che le nipoti di Atlante me le avrebbero invidiate. Poi
seguendo una strada lunga e polverosa, dopo di aver salutato il nome
di Dante Alighieri che si leggeva scritto vistosamente su l'angolo di
un vicolo, ov'era men che notte e men che giorno, pervenni in fondo al
paese e sboccai in una piazza piena di sole e di mucchi di canapa ove
sorge le cattedrale dedicata a Sant'Arduino.

Più innanzi trovai un piccolo ponte di ferro che serve a traversare il
Liri, le cui acque allora scarseggiavano. Su la ghiaia lunghe file di
contadine cantando canzoni piene di malinconia battevano la canapa.
Il paesaggio lieto di sole, le donne che lavavano e maciullavano
la canapa, i canti pieni di malinconia mi risvegliarono gl'istinti
poetici, tanto che non potendo più frenarmi, scesi giù sulla sponda
lirica e mi accinsi a scrivere una medesima; ma avevo appena cavato
di tasca il taccuino, quando sentii gridare: — _Signoria! Signoria!_ —
Alzai la testa e vidi Ciccantonio che su dal ponte mi faceva cenno di
risalire. Guardai l'orologio. In luogo di un'ora, senz'accorgermene,
girando qua e là, ne avevo perdute due. Risalito sul ponte, egli mi
disse subito ch'era stato sin allora a cercarmi per tutta Ceprano; che
era tardi, che le salite da superare per andare a Fontanaliri erano
molte e che bisognava partire senza indugio. Il legno era pronto.
Innanzi ai tre cavalli era stato attaccato il bilancino, un misero
cavalluccio bianco, pieno di gobbe e di piaghe e con la testa ornata da
un pennacchio di penne di cappone.

Rientrai nella vettura, e, dopo le solite frustate e le solite
bestemmie, i cavalli partirono al trotto.

                                   *
                                  * *

Il caldo comincia a farsi sentire molesto e Ciccantonio, dicendomi: —
Lei, permettete? — si toglie la camicia, apre un cassetto sul davanti
della vettura, ne trae un giubbettino di tela e se lo infila. Durante
l'operazione, quando il mio vetturino rimase col torace nudo, mi
sembrò di avere dinanzi agli occhi il tatuato di Birma. Egli aveva nel
mezzo del petto una larga incisione colorita di blu rappresentante la
Santa Casa di Loreto, sotto la quale v'era una data: 29 giugno 1855,
contornata da una quantità di geroglifici; poi sul braccio destro e
sul sinistro portava incisi i segni della Passione, un Sacramento e una
immagine della Madonna di Loreto.

Quando io gli manifestai la maraviglia che provavo nel vedere i suoi
tatuaggi, egli mi disse che, dopo essersi fatto _stampà'_, era stato
lì lì per rimetterci la pelle. Ora però mostra con orgoglio le sue
_stampe_, e spiega con piacere il metodo che s'usa laggiù, alla Santa
Casa, _pe stampà' li cristiani_.

Ecco la spiegazione, che io trascrissi così come ei me la disse: —
_Apprima ce passeno lu rasore. Apò, strignenno la pelle, ce passeno via
via co' 'na penna d'acciare, su la stampa che ci avo fatto apprima. Apò
ce metteno lo gnuostro (_inchiostro_) e la fav'ascì'._

Quando egli ebbe finito di parlare, si baciò il braccio sinistro,
ov'era effigiata la Madonna di Loreto e riprese subito a frustare i
cavalli, e a bestemmiare.

                                   *
                                  * *

Di tempo in tempo incontriamo molti carri enormi che vengono innanzi
lentamente fra nugoli di polvere: trasportano a Roma i prodotti dei
lanificii e delle cartiere che sorgono su le ripe amene e pittoresche
del Fibreno e del Liri.

Alcuni di cotesti carri sono tirati fin da dieci e dodici cavalli,
d'ogni razza e paese, tutti infronzolati da arnesi di metallo lucente
che brillano al sole.

Le bestie sanno già la via che debbono percorrere, e, mentre i
carrettieri sono vinti dal sonno, procedono lungo la strada bianca al
suono monotono dei campanelli, scuotendo i ricchi pennacchi multicolori
e i grossi fiocchi di lana rossa, che sbattono loro sul muso. Giù, in
fondo, si levano sul cielo turchino le montagne di Sora, azzurre come
il mare.

A _Colle la noce_, ove anticamente era il ponte di confine, fra lo
Stato Pontificio e il Regno di Napoli, c'imbattiamo in una torma di
uomini e di donne recanti in braccio bambini, verdi e macilenti.

La torma viene avanti sotto l'arsura del solleone, cantando le
litanie. Dalle gole inaridite dalla polvere soffocante escono voci
rauche ed affannate. Un vecchio cencioso, reggendo una croce, cammina
faticosamente innanzi a tutti suonando un campanello, e di tanto in
tanto, volgendosi a guardare i compagni che lo seguono, si ferma e
intona le preci.

Domando a Ciccantonio dove vada tutta quella gente ed egli mi risponde
secco secco: — _A Santo Dominico_.

— È distante di qui?

— _Eh! sicuro!_

— E ci vanno a piedi?

— _'Nu poco a piede e 'nu poco cammenenno._

La torma s'era già allontanata d'un bel tratto, quando vidi avanzar
solitaria una figura scarna e gialla di donna: portava su la testa un
canestro coperto da un pezzo di panno rosso tutto sdruscito e le gambe
di un bimbo vi penzolavano fuori: camminava appoggiandosi a un bastone
su cui era legato con una corona un ramo d'ulivo; e, si sforzava di
raggiungere le compagne che si allontanavano cantando. Le gettai pochi
soldi. Essa si fermò, li radunò col bastone, si curvò a stento, li
raccolse e, dopo di avermi ringraziato con un cenno, seguitò la strada.

La vista di quella poveretta mi mise di malumore. Accesi la pipa e per
non più vedere mi rincantucciai nel fondo della vettura, e vi rimasi
fino a quando Ciccantonio non mi indicò, con la punta della frusta, un
paese su la cima di un monte.

— Che paese è? — gli domandai infastidito.

— _Chello è Verule._ — mi rispose. — _Là ci av'acciso Chiavone
bon'alema_ (buon'anima). E in tono patetico mormorò fra i denti: —
_Povero Chiavone!_

Gli chiesi se l'avesse conosciuto; ma egli invece di rispondermi, si
mise subito a dar la voce ai cavalli. Decisamente il mio vetturino deve
averlo conosciuto molto da vicino il famoso brigante.

Il paesaggio intanto comincia a cambiare. Su la destra le montagne
vicine mostrano già i fianchi grigi di selce. Su una di coteste
montagne s'aggrappa un paese non molto grande. Un antico castello
diroccato, che s'intaglia bruno nel cielo sul vertice del monte,
deve avergli dato il nome di Arce. Ora non si veggono più sui fianchi
dei monti i lunghi filari di olmi, sui quali si appoggiano i tralci
verdeggianti della vite, e su la terra smossa le pannocchie gialle del
granturco; ma sul fondo grigio e ferrigno delle rocce, si contorcono
freddi e monotoni soltanto gli ulivi.

Passato _Santo Lauterio_, un largo prato bagnato dal Liri, mi giunge
alle nari un acuto odore di zolfo. Ne chiedo spiegazione al mio
vetturino, ed egli accennando un filare di pioppi, mi dice che _arreto
a chelli chiuppi_ c'è un lago chiamato _Zulufraga_, ove vanno a
gettarsi cinque o sei rigagnoli di acqua minerale della quale si fa un
modesto commercio. Difatti nella notte se ne empiono piccoli fiaschi,
e a dorso d'asino o sui carretti, all'alba, i venditori la van gridando
per le vie d'Isola, d'Arpino e di Sora, a un soldo il fiaschetto, come
la nostra acqua acetosa. I contadini, le attribuiscono una quantità di
speciali virtù, e ne sono avidissimi.

                                   *
                                  * *

Sulla sinistra il paesaggio seguita a divenire sempre più selvaggio.
Ovunque massi enormi che sembrano dover rotolar giù al più lieve
soffio di vento. Non più alcuna vegetazione, nè meno gli ulivi: solo le
ginestre giallissime tra i sassi bianchi e grigiastri.

Ciccantonio mi addita un'enorme buca sul fianco dirupato di un monte.

— Che cos'è? — gli domando.

— _Chella, signoria lei, che siete 'struito lo sapete miejo de noi. È
tutta robba vulcaneca_ — Egli mi risponde e mi narra una lunga serie di
cose straordinarie, tutte, s'intende, a proposito della grotta che qui
chiamano _fossa agliu monte_; e finisce col dirmi che gettandovi dentro
un'arancia, questa dopo aver girato per lungo e per largo nel ventre
della montagna, finisce con lo sbucare nel lago di _Zulufraga_.

Io, lo confesso con vergogna, avevo ancora una arancia, l'ultima delle
quattro, comperate a Ceprano, ma in luogo di tentare l'esperienza
mentre la salita incominciava a farsi ripidissima e i cavalli, fra
gli urli e le bestemmie di Ciccantonio che si perdevano a valle,
arrancavano disperatamente, l'ho mangiata.

                                   *
                                  * *

Il sole cadeva dietro le case di Banco quando io con l'ossa rotte e
bianco di polvere, entrai in un paesuccolo nero, sul sommo sassoso
d'un monte vestito di ulivi, di querce e di frassini. Ero giunto a
Fontanaliri.


II.

Un po' prima dell'anno mille era signore di Sora un tal conte Pietro,
uomo di pessima vita. San Domenico lo andò a visitare, e il tiranno,
tócco dalla divina misericordia, gli si gettò ai piedi chiedendogli la
benedizione. Il Santo lo benedisse e lo abbracciò, e allora il conte
Pietro gli parlò così: — Tu mi hai ridonato la divina salute; dimmi ora
che cosa posso fare per ricompensarti.

E San Domenico, il quale non pensava ad altro che a fondare conventi
e già ne aveva fabbricati o fatti fabbricare non so quanti in
Umbria, nella Sabina e nell'Abruzzo, gli rispose subito: — Edifica un
monastero. — Egli annuì, e l'indomani il Santo ed il conte galoppavano
su due cavalli nei dintorni di Sora in cerca del sito più adatto alla
costruzione della badia; e galoppa galoppa, quando arrivarono colà
ove le limpide acque del Fibreno si gettano in quelle del Liri, San
Domenico fermò il cavallo e disse a Pietro: — Ecco il luogo.

— _Fiat!_ — rispose il conte, e mentre il Santo se ne partiva per monte
Montano a sorvegliare i lavori di un'altra abbazia, egli incominciò
subito la fabbricazione del sacro edifizio; ma quando l'ebbe compiuta
chiamò il suo maggiordomo e gli disse: — Badi bene che in questo
cenobio io non ci voglio uomini.

— _Servo a Signoria!_ — balbettò il maggiordomo intelligente ed
inchinandosi uscì.

E così il monastero, che doveva accogliere tra le sue mura i monaci, si
cambiò in monastero di monache dove il conte Pietro si recava spesso a
pregare.

Ma egli aveva fatto, come si suol dire, i conti senza l'oste. E l'oste
che venne a rivedere i conti al conte fu Domineddio in persona, il
quale mandò a San Domenico un angelo che, un pochino rosso in volto, lo
informò di come andavano le cose nel sacro albergo del conte. Il Santo
inorridì; e senza perder tempo ritornò subito a Sora, dove incontrato
appena il suo uomo gli disse: — Oh, signor Pietro, a che giuoco
giuochiamo?

Il peccatore si fece toccare per la seconda volta dalla divina
misericordia e si ritirò nuovamente nel suo castello, e il Santo
purificate le mura del monastero, vi chiamò i suoi monaci e ci rimase
fino alla morte. Ora il suo corpo sta sepolto sotto l'altare massimo
della chiesa, tutto intero, meno un dente che fu recato come reliquia
a Cucullo.

Il dente ha oggi una virtù prodigiosa, poichè guarisce, a guardarlo
solamente, morsi di cani rabbiosi e punture di vipere; e qui, quando
qualche contadino vien punto o morso da uno di codesti animali, prima
di correre _agliu medeco_ se ne fugge a Cucullo, dove sa che toccare
il prodigioso dente e risanare è tutta una cosa. E laggiù a Cucullo,
nel primo giovedì di maggio, si porta in giro pel paese la famosa
reliquia, e i contadini e le loro donne la seguono cantando le lodi di
San Domenico e attorcigliandosi intorno alle braccia, al collo e alle
gambe nude una quantità di serpentelli.

Queste e tante altre cose mi veniva raccontando un pretonzolo di Sora,
mio compagno di viaggio, mentre i cavalli della _messaggera_, scuotendo
le ricche sonagliere, trottavano su la via d'Isola del Liri, e io,
tutto orecchio nell'ascoltarle, le fissavo nella memoria per indi
trascriverle nel mio taccuino, rallegrandomi di aver trovato, mentre
mi recavo alla festa di _Santo Dominico_, un servo di Dio che mi avesse
narrato la storia del celebre santuario.

                                   *
                                  * *

Quando arrivammo all'Isola del Liri le nove ore della notte battevano
all'orologio della torre nera e quadrata dell'antico palazzo dei
Boncompagni, e lunghe file di _sciarabbà_ pieni di gente che gridava e
cantava salivano di carriera la via delle Forme.

Le Forme sono un'appendice dell'Isola del Liri; una città nuova,
che s'allunga fino al santuario. Sessant'anni addietro su la via che
dall'Isola mena a Sora, non vi erano che poche e misere casupole di
contadini; ma le industrie dei nostri tempi, servendosi a meraviglia
delle acque del Liri e del Fibreno, fecero sorgere su le sponde dei due
fiumi cartiere, lanifici, molini e ville splendide, che in pochi anni
han cambiato quei luoghi, prima squallidi e deserti, in una regione
ricca e popolata, piena di attività industriale e commerciale.

Sull'azzurro cupo del cielo s'allungano i pioppi e di tanto in tanto
gruppi colossali di platani allargano nell'aria scura i rami fronzuti.

Gli _sciarabbà_ passano di carriera, e i cocchieri, schioccando la
frusta, gridano a squarciagola: — _Santo Dominico! Santo Dominico!_

Giù in fondo alla via, sul cielo sereno, fra miriadi di lanternine,
rosse, gialle e azzurre, rischiarato dalle faci delle baracche, sorge
il santuario.

Più si va innanzi, più la folla aumenta, e si cammina a stento fra
lunghe file di _sciarabbà_, di vetture e di carretti, mentre dalle
_bancarelle_, che si seguono numerose, s'alzano canti, grida, squilli
di trombe, suoni di tamburelli e d'organetti e s'effondono odori acuti
e nauseabondi di _ciammaruche_ (lumache) fritte, di polli arrostiti, di
pannocchie di granturco abbrustolite su la bragia, di _cacicavallitti_
e di _muzzarelle_.

Di tanto in tanto fra i contadini che già presi dal vino saltano
furiosamente al suono degli organetti, delle zampogne e delle chitarre,
mentre le loro donne battendo le mani cantano con le voci stridule
volgari canzoni d'amore, passano file interminabili di pellegrini coi
bordoni ornati da sacri amuleti e dalle immagini di San Domenico e
della Madonna di Canneto: passano, e aprendosi a stento una via tra la
folla festante entrano nella chiesa, si gettano in terra e incominciano
_le penitenze_, trascinandosi con le mani sotto le ginocchia verso
l'altare maggiore, segnando con la lingua sul suolo lunghe croci e
lasciandosi dietro orribili strisce di bava e di sangue. Ma non tutti
hanno la forza di farle _le penitenze_; poichè molti stracchi, spossati
e sfiniti come sono dagli affanni e i disagi del duro viaggio, coi
piedi gonfi, rotti e sanguinanti per il lungo cammino, appena toccano
con le ginocchia il pavimento del santuario vi si stendono sopra e
s'addormentano.

Sui gradini degli altari, dentro e intorno ai confessionali, lungo
le balaustrate delle cappelle e accanto alle basi delle colonne, di
cotesti sciagurati ne vidi a centinaia distesi come se fossero morti,
uomini e donne, vecchi e fanciulli tutti confusi insieme sotto la luce
gialla e tremula delle candele che illuminava le loro membra coperte di
stracci. Talvolta dai gruppi dei dormienti udii venire qualche lamento.
Qualcuno, vinto dagli stimoli della fame, lo vidi destarsi e rompere
il digiuno succhiando bucce di meloni e di cocomeri, raccolte da terra.
Uno lo vidi correre a bere nella tazza dell'acqua santa.

In fondo alla chiesa, molto grande e tutta bianca, vi sono due scale
per salire all'altare maggiore, e fra le due scale v'è la porta per
scendere nel sotterraneo ove sta la sepoltura del santo. Vi discesi e
lo trovai pieno di pellegrini che si affollavano a baciare una testa
scolpita a bassorilievo sul davanti di un altare e a stropicciarvi
sopra i loro bordoni. I baci schioccavano sonoramente. Una ricca
lampada argentea mandava sprazzi di luce sui sordidi cenci dei
contadini, che prima di lasciare il luogo sacro, mormorando preci,
abbracciavano e baciavano le colonne tortili che sostengono le volte
basse della cripta.

Quando uscii dal sotterraneo una folla di pellegrini che andava verso
una cappella, ove sur un tavolino, tra quattro candele, sorgeva la
statua di un santo, mi costrinse a seguire una donna, che sorretta da
due uomini levava in alto un bambino che le si torceva fra le braccia
piangendo. La poveretta appena arrivò dinanzi al simulacro lo baciò;
poi, mentre i suoi vicini urlavano lamentevolmente: _Grazia! Grazia!
Grazia!_, si cavò dal petto una pezzuola e dopo di averla strofinata
sulla statua la passò più e più volte sugli occhi del suo bambino,
mentre quelli che la circondavano, tutti con le mani tese verso la
immagine sacra seguitavano sempre a urlare: _Grazia! Grazia! Grazia!_

Il povero bimbo era cieco, e la sua mamma per fargli riacquistare la
vista era venuta a piedi non so da qual paese lontano, per recarlo
davanti a quel pezzo di legno dipinto!

Esasperato dagli urli di quegli esaltati e commosso e turbato dalla
vista di tante sciagure mi liberai dalla folla che continuava sempre
a gridare: _Grazia! Grazia! Grazia!_, mi avvicinai alla porta della
chiesa, ove un vecchio ben pasciuto, vestito di un sacco nero,
scuotendo una scatola di latta piena di soldi gridava con voce
imperiosa: — _Fate l'elemosina a Santo Dominico!_ — uscii e, per avere
un po' di pace, me ne andai in riva al Fibreno le cui acque inargentate
dalla luna correvano sotto amene selvette di pioppi e di salici, fra il
delizioso ondeggiare degli effluvii dei mentastri fioriti e il tremolio
ininterrotto delle voci stridule dei grilli cantatori. M'ero appena
seduto in terra con le spalle appoggiate al tronco scabro di un salice
per ascoltare il canto soave di un rosignuolo, quando arrivarono due
pellegrini: s'inginocchiarono, e rivolti verso la chiesa con le mani
giunte incominciarono a pregare. Dopo un poco il più giovane si alzò,
mi venne vicino e mi stese la mano aperta, chiedendomi qualche soldo.
— Di dove siete? — gli domandai.

— Di Veroli. — mi rispose.

— E da dove venite?

— _Da la Madonna de Canneto._ — riprese il pellegrino, e soggiunse: —
_So' quattro giorni, signoria, che jamo cammenenno giorno e notte pe'
le montagne!_

Gli rivolsi altre domande, ed egli allora mi raccontò come laggiù a
Canneto vi sia un fiume con una corrente rapidissima e che passandolo a
nuoto nove volte, si lucrano un sacco d'indulgenze; mi disse che _addò'
ce sta la chiesia ce jesce 'no capo d'acqua gelata_, e che insieme
coll'acqua _ce jesceno melioni de stellucce d'oro_, e finì col dirmi
che la Madonna di Canneto era _sorella bona a Santo Dominico_.

Gli chiesi notizia di quei luoghi ove sta il santuario di Canneto, e il
contadino me li dipinse efficacemente con queste poche parole: — _La
chiesia, signoria, sta in fonno a 'na montagna pessima assaie, e loco
a terra, ohi mamma! nun vidi 'no pajese!_

Quando il giovinetto tornò al compagno, che seguitava sempre a pregare,
lo riscosse e gli diede i soldi che io gli aveva regalati, e lui come
li ebbe in mano li contò, baciò la terra e si allontanò per andarli
a mettere nel bussolotto del vecchio, che gridava sempre: — _Fate
l'elemosina a Santo Dominico!_

                                   *
                                  * *

All'alba tornai nel santuario. Le lampade e le candele erano quasi
tutte spente e una luce bianca e fresca entrava dalla porta spalancata;
qualcuno si batteva ancora il petto innanzi alla statua del santo, e un
sagrestano, fischiando, spazzava via dalla chiesa le bucce di melone
e di cocomero e le altre molte immondizie che vi avevano lasciato i
pellegrini.

Fuori della chiesa, davanti alle baracche, le venditrici insonnolite,
avvolte in panni listati di rosso, di giallo e di verde, gridavano
con voci rauche, sperando di invogliare i pochi rimasti a comperare
ancora qualche chilo di frutta, qualche ciambella, qualche padellata
di _ciammaruche_, e intorno a loro, qua e là sui mucchi di fieno, sotto
ai carretti, fra le canestre, gli orci e i barili vuoti molti contadini
briachi fradici dormivano profondamente.

Poco lungi, al di là di un prato umido di rugiada e cosparso di fiori,
su la via provinciale passavano di tanto in tanto le diligenze di Sora
e Roccasecca coi cavalli sonanti e risonanti di tintinnanti sonagli.

                                   *
                                  * *

Prima di partire mi venne il desiderio di comperarmi un ricordo della
festa e chiesi a un pellegrino se voleva vendermi un suo bellissimo
bordone, ornato di medaglie, di immagini sacre e di stelle lucenti di
carta di argento.

— _Gnornò._ — mi rispose seccamente il pellegrino guardandomi con
sospetto — _Chessa è robba de la Madonna: nun se venne_.

— Ti do una lira.

— _Gnornò, chessa è robba de la Madonna, nun se venne._

— Te ne do due.

— _Gnornò._

— Se me lo dai te ne do cinque. — ripresi io; ma niente! Il contadino
stringeva sempre più tenacemente fra le mani il bordone e ripeteva
sempre: _Gnornò, gnornò, chessa è robba de la Madonna: nun se venne!_

La sua cocciutaggine mi indispettì; cavai fuori dal portafogli una
carta da dieci lire, gliela mostrai e tentando un'ultima prova gli
dissi: — Se me lo dai ti do questa! — Egli mi guardò rimanendo per
qualche istante incerto se dovesse pigliarla o no, poi tremando allungò
la mano verso il biglietto; ma come l'ebbe toccato fece un salto
indietro; si strinse al petto il bordone, e facendosi il segno della
croce se ne fuggì.

Sarei davvero curioso di sapere quante volle quel povero contadino
avrà già raccontato ai suoi amici come qualmente mentre egli si trovava
dinanzi alla chiesa di San Domenico, _gliu diavolo, vestute da signore,
co' 'no cappillitto janco in testa e co' 'na pipparella 'mmocca, che
jettava fumo e foco, glie comparì innante e glie disse_...


III.

Il sole tramontava dietro l'_Ara degliu Volupitto_ mentre io e
l'arciprete di Fonlanaliri, seduti al fresco, sotto gli olmi della
_Fontana a balle_, parlavamo della festa che doveva essere celebrata
a Monte San Giovanni Campano per commemorare il cinquantenario della
Madonna Santissima del Suffragio; festa della quale si discorreva già
da tanto tempo in tutte le farmacie e in tutte le sacrestie di tutta
la diocesi di Veroli. L'arciprete dopo di aver speso molte parole,
qualcuna anche in lingua latina!, per invogliarmi ad andarci si alzò,
ed aprendo le braccia in atto di maraviglia, fini col dirmi che la
festa sarebbe stata una festa di _tre bande_.

— Di _tre bande_?

— Di _tre bande_! — ripetè l'arciprete, e pronunciando le tre parole
lentamente, in modo che fra l'una e l'altra ci fosse una breve pausa,
piegò la persona sul lato destro; sprofondò la mano grassa nella tasca
della sottana; ne trasse una scatolina di madreperla sul cui coperchio
era dipinta una immagine dell'Addolorata; l'aprì, vi ficcò dentro
il pollice e l'indice, e s'empì il naso di tabacco. Io gli lasciai
compiere la delicata operazione e poi gli chiesi quale sarebbe stato
a suo giudizio il mezzo migliore per andarci a cotesta festa, ed egli,
dopo di aver starnutato tre volte mi rispose: — L'asino. — E soggiunse
subito che sol che io l'avessi voluto egli si sarebbe volentieri
incaricato di provvedermi della bestia e della guida. Io lo ringraziai
della gentile offerta, e all'indomani quando mi recai, come s'era
convenuto, a San Rocco, dinanzi alla chiesina bianca, illuminata dai
primi raggi del sole, vi trovai un bell'asinello magnificamente bardato
e un bel ciociaretto vestito col suo più bell'abito da festa: corpetto
rosso, giacchetta turchina, calzoni gialli, camicia ricamata e cappello
a cencio ornato di nastri multicolori e di penne di pavone.

Il ciociaretto appena mi vide mi venne incontro sorridendo e, dopo
di avermi dati i saluti di don Michele, mi porse un foglio di carta
rossa ove era stampato il programma dello spettacolo; anzi di tutti
gli spettacoli che in quel giorno dovevano allietare i popoli di Monte
San Giovanni Campano. Incominciai subito a leggerlo, e così, mentre
l'asino trotterellava fiutando con la testa alta e le froge aperte la
fresca auretta mattutina, seppi come «nella Collegiata riccamente e a
studiato disegno parata» la musica dei vespri sarebbe stata diretta
dal maestro Melchiade Martufi e cantata da «distinte voci romane»;
appresi come nella «Collegiata» si sarebbe fatta discendere «dalla
propria nicchia la statua di Maria Santissima del Suffragio che dal
merito artistico pare divinamente scolpita», e in qual modo, finita
la festa, la statua suddetta si sarebbe fatta tornare «nella propria
nicchia»; imparai quanto i concerti di San Donato e di Sezze avrebbero
reso «vieppiù brillante il trattenimento», e infine come molte migliaia
di colpi di mortari avrebbero dato «continuo segno di gioia religiosa».
Non vi parlo dei globi areostatici da innalzarsi nell'aria, dei fuochi
artificiali preparati da valente pirotecnico e dell'estrazione di
una tombola con relativo incasso devoluto naturalmente a scopo di
beneficenza.

Dopo la lettura del programma, incominciai quella della mia guida, e
domandai al mio ciociaretto: — Come si chiama quest'asino?

Ed egli mi rispose subito: — _Vicienzino_.

— E tu come ti chiami?

— _Io? Come a isso. Vicienzino paro._

— E quest'asino è tuo? — ripresi io ridendo.

— _Gnorsì, è d'un amico degliu mia._

                                   *
                                  * *

La via si fa malinconica ed uggiosa; a destra e a sinistra, sempre gli
eterni pioppi.

Su le rocce di tanto in tanto appare qualche casetta abbandonata e fra
gli ulivi qualche chiesina, con curiose scene della vita dei santi,
dipinte su le mura screpolate. Al Fosso della Faina lasciamo la via
provinciale ed entriamo nelle scorciatoie, ora serpeggianti fra le
rocce nude, ora fra la terra nera su cui s'allungano filari di ortaglie
verdissime; e fra Capo Ciuffone, un monticello che porta tal nome
perchè vi stette conficcato sopra un palo il capo di un brigante, e la
Fonte Cupa incontriamo uno stuolo di contadini che va a seppellire un
morto.

Innanzi a tutti un chierico reca un Cristo dipinto su una croce nera:
lo segue un prete con la stola nera orlata di ghirigori gialli sul
petto e con un fazzoletto bianco sulla berretta; poi viene la bara
sorretta da quattro contadini e dietro la bara incedono alcune donne
con le mani incrociate sul seno. Il prete ad ogni cinque o sei passi
biascica paternostri e intanto, con un coltelluccio, va sfrondando
accuratamente un ramo di nocciuolo per farsene un frustino, e le
contadine, sempre con le mani incrociate sul seno, chiacchierano ad
alta voce.

Quando il piccolo corteo arriva _agliu Caputonno_, il prete si tira
sù la sottana sino alla cintola, il contadino si mette il Cristo su la
spalla, e tutti pigliano la via della montagna.

                                   *
                                  * *

All'Anatrella sur un ponte di ferro passiamo il Liri che scorre
spumante fra una quantità di scogli maculati di musco e traversiamo
i fabbricati della cartiera del conte Lucernari, tutti circondati da
ridenti giardini. Sotto ai boschetti dei lauri e degli oleandri fioriti
non solo godiamo un po' di frescura, ma riceviamo anche i rauchi omaggi
di un bellissimo pavone, il quale appena ci vede scende dalla scogliera
di una fontana quasi coperta dalle foglie larghe delle ninfee e dai
fiori gialli e purpurei dei nenufari, e ci viene incontro aprendo la
coda occhiuta e movendo graziosamente il collo smeraldino. Chi l'ha
detto che i pavoni sono superbi?

Dopo l'ultima aiuola dell'ultimo giardino la via a poco a poco si
restringe tanto da divenire un sentiero, e il sentiero a sua volta
si fa così ripido e sassoso da obbligarmi a mandare dietro a me i due
_Vicienzini_ pel timore che cadendo non mi vengano addosso.

A mezza costa io e i miei due _Vicienzini_ chiediamo tutti e tre
un po' d'ombra alle vecchie mura di una chiesuola, e intanto che ci
riposiamo ci passano davanti dei contadini vestiti a festa seguìti
dalle loro donne. Alcune di esse invece delle cioce hanno ai piedi
enormi scarponi chiodati che ogni tanto le fanno sdrucciolare e le
costringono a battere sulle pietre arse dal sollione quelle parti del
loro corpo delle quali si servono ordinariamente per mettersi a sedere.
Ne ricordo ancora una di coteste contadine con la veste di seta verde e
col petto coperto di collane d'oro, che dopo di esser caduta due volte
si accoccolò per qualche istante accanto a una siepe, e rialzatasi coi
piedi ignudi prese a salire, agile come una gatta, su per l'erta del
monte reggendo con la sinistra le calzette ricamate e con la destra i
due scarponi i cui chiodi brillavano al sole.

                                   *
                                  * *

Arrivati alle prime casupole del paese ordinai a _Vicienzino_ di
provvedere di un comodo alloggio l'altro _Vicienzino_, e incominciai a
salire i gradini di una infinità di vicolettacci neri inghirlandati di
lauro. Non finivano mai! Quando finirono mi trovai in una piazza ove
una quantità di gente ammirava a bocca aperta un lampadaro di carta
dipinta. E l'ammirai anch'io, tanto più che sentii dire da tutti come
il lampadaro una volta che fosse stato acceso avrebbe dovuto fare
«un'eccellente visuale».

Nella piazza ove erano sonnambule che predicevano il più
lontano avvenire, tavolini sui quali si giuocava ai dadi e
alle carte e molte baracche, ove si vendevano orologi d'oro
da un soldo, fiori artificiali, dolciumi di tutte le forme
e bibite di tutti i colori, v'era anche un grande panorama
«pittorico-artistico-scientifico-nazionale», davanti a cui un tipo
olivastro dalla barba a pizzo, mentre una ragazza dalle chiome
bionde, divorando una fetta di pane girava il manubrio di un organetto
sfiatato, gridava: — _Favorischino!_ _Favorischino, signori!_ — Ma,
ahimè, i signori non favorivano e andavano invece verso la «Collegiata»
per sentire le «distinte voci romane». Ci andai anche io; ma quando
vi arrivai e vidi che razza di lavoro s'aveva da fare per sentirle,
mi allontanai tanto da loro che arrivai in fondo al paese ove in un
prato, fra mucchi di peperoni e piramidi di pomidori, fra ceste di pere
vizze e bigonce di fichi era stato innalzato un arco trionfale nel cui
attico, sotto una immagine di Maria Santissima tremolante al vento, si
leggeva questa epigrafe:

                      VENITE A CELEBRARE CON GIOIA
                      LA FESTIVITÀ DI COLEI CHE FA
                    L'ALLEGREZZA DI TUTTO IL MONDO.

Mentre io stavo ammirando l'arco, accanto a me due eleganti del paese
parlavano del merito dell'iscrizione.

— La terzina è bella; però una terzina senza rime, io non la capisco.

— Ma io credo che «fosse» come dicono adesso una terzina «barbera».
— osservò l'altro frustandosi le gambe con un bastoncino di canna
d'India verniciato di rosso; e non aveva finito di osservarlo quando
un assordante squillar di campane e un fragoroso rimbombar di mortari
fecero tremare la terra ed il cielo.

— Che cosa succede? — chiesi a un contadino che mi passò accanto
correndo.

— _Jesce la pricissione!_ — mi rispose; e via come un daino. Io lo
seguii e a forza di gomiti e di ginocchia mi riuscì di penetrare in
un vicolo ove la _pricissione_ già incominciava a sfilare. Aprendosi a
stento una via tra la folla passarono lunghe file di contadini vestiti
con càmici bianchi, gialli, rossi e neri, e recanti, secondo il loro
grado, candele, croci, insegne e stendardi di cento forme e colori;
passarono preti allampanati con le persone ossute coperte dalle cotte
bianche pieghettate, e canonici obesi con su le spalle ricche mozzette
violacee, e finalmente, preceduta da un gruppo numeroso di cantori
e di chierici che agitavano preziosi turiboli d'argento e da alcuni
diaconi che circondavano ed assistevano un vecchio col capo canuto
onorato da una mitria di broccato bianco, e seguìta da un concerto e da
una moltitudine di donne, giù in fondo al vicolo, fra nuvole azzurre
d'incenso e sotto a una pioggia di fiori, apparve la _màchena_ tutta
d'oro, su cui, tra una gloria di angeli, vestita di un ricchissimo
abito di seta cilestrina ricamato di stelle d'argento e coronata da un
alto diadema scintillante di gemme di molto valore, sorgeva la statua
della Madonna del Suffragio.

La _màchena_ ondeggiava su la folla come una barca sur un mare in
burrasca e avanzava adagio adagio fra gli urli e le imprecazioni di
quelli che la trascinavano, i quali, poveretti!, gocciolanti sudore e
rossi dalla fatica insopportabile non sapevano come fare per tenere
indietro coloro che per devozione volevano ad ogni costo toccare
l'immagine miracolosa. Uno di cotesti poveretti, un contadino, mentre
allontanava con le braccia nerborute un gruppo di fanatici che voleva
per forza avvicinarsi alla _màchena_, lo udii gridare: — _Arrèto!
Arrèto, perdia! che la Madonna se va a fa' fotte'!_

La processione scese e salì una quantità di vicoli e di vie, traversò
diverse piazze e piazzette, passò sotto l'arco trionfale che io aveva
dianzi ammirato, uscì dal paese, serpeggiò su le rocce fra gli ulivi,
dai quali alcuni fanciulli agitando panni colorati gittavano fiori,
arrivò in cima a un poggio davanti a una chiesetta inghirlandata da
festoni di lauro e di mortella e si fermò. Dopo qualche istante tutti
s'inginocchiarono in silenzio, e il vecchio con la mitria, aiutato
dai diaconi, salì sulla _màchena_, alzò le braccia tremanti al cielo
e diede la benedizione. Allora un grido solo uscì da mille bocche,
le insegne e gli stendardi furono agitati festosamente, le trombe
squillarono e centinaia e centinaia di colpi di mortari recarono
l'annunzio della solenne cerimonia fino ai più rimoti paesi che di
lassù si scorgevano appena biancheggiare sugli ultimi monti lontani.

                                   *
                                  * *

Finita la processione le bettole e le taverne incominciarono a
riempirsi di gente. Girai per lungo e per largo il paese in cerca di
una trattoria, ma le mie più diligenti ricerche rimasero infruttuose.
Allora, trovatomi davanti a una osteria su la cui porti fra le foglie
secche di un ramo di quercia sventolava una bandieretta rossa, vi
entrai.

Nella prima camera simile in tutto a una bolgia dantesca v'era la
cucina.

In un camino profondo, scavato nella parete, entro caldaie nere,
bollivano i maccheroni. E tra il fumo, che stringeva la gola,
ondeggiavano effluvii di peperoni fritti e di pomidori cotti su la
bragia. Appena giunsi nella seconda stanza ove alcune famiglie di
contadini mangiavano, gridavano e bevevano, chiamai l'oste e gli dissi:
— Voglio mangiare. Hai altre stanze?

— _Gnorsì, gnorsì. Saglite in coppa, signoria, saglite!_ — egli mi
rispose subito cavandosi il berretto; ed io _saglii_ su una scaletta
di legno e accompagnato da lui entrai nelle camere superiori... non
davvero ad ogni elogio.

V'era anche lassù gente che mangiava, e insieme alla gente che mangiava
v'erano accostati alle pareti pagliericci e banchi di letti e mucchi di
lenzuola.

L'oste mi portò in una stanza ove un enorme letto s'appoggiava alla
parete più lunga e mi disse: — _Cà, signoria, lei state come 'nu papa._

Io cavai il fazzoletto e fingendo di soffiarmi il naso: — Non avresti
un luogo all'aria aperta? — gli dissi.

— _Vôi l'aria aperta, signoria?_ — riprese il bettoliere, e senza
aspettare la risposta corse ad aprire la finestra.

— Che cosa mi dai da mangiare? — gli domandai ridendo.

— _Ah! A chesso apò ce penso io. Nun te n'incaricà', signoria. Làssete
servì' da Loretuccio e saraie contento._ — mi rispose l'oste portandosi
le mani al petto, ed uscì.

Rimasto solo mi sedetti vicino alla finestra e mi misi a osservare la
stanza ove al dire di Loretuccio io avrei dovuto stare come _'nu papa_.

Incontro a me v'era il talamo, non saprei dire se inaccesso o no, e sul
talamo una quantità di giacche e di cappelli di contadini. Altri abiti
ed altri cappelli erano appesi alle pareti colorate di giallo sulle
quali spiccavano molte stampe dipinte raffiguranti la fuga di Mazzeppa
e moltissime immagini sacre di tutti i paesi. La camera era anche
adornata da parecchie grandi canestre ricolme di pomidori, di peperoni
e di granturco, e da alcuni mobili tanto mobili, che io avendone urtato
uno, poco mancò che tutte le Madonne e le crocette e lampadine che vi
erano sopra non precipitassero a terra.

Quando Dio volle venne un ragazzetto. Egli trascinò un tavolino in
mezzo alla stanza; lo ricoprì di un panno bianco e vi posò sopra
un boccale di vino nero, un piatto, che a prima vista, scambiai per
una concolina, e una enorme pagnotta di pane scuro. Poco dopo tornò
Loretuccio con una padella dove in un intingolo rosso, nuotavano,
friggendo, i pezzi d'un pollo.

— _Chesto pullo, signoria, te l'àio acciso, appostatamente per lei_
— mi disse versandomelo nel piatto, e poi soggiunse: — _Co' licenzia
parlanno, signoria, t'hai da leccà' le deta._

Io gli feci osservare che non avevo nè forchetta nè coltello; ma
Loretuccio, asciugandosi il sudore col dorso della mano, mi rispose:
— _Be', signoria, che vôi da me? Adàttete, si' benedetto! So'
circostanzie eccezionabbile!_

Ed io visto e considerato come le _circostanzie_ fossero veramente
_eccezionabbile_, mi adattai ed adattandomi mi avvidi che il povero
Loretuccio, per servirmi a dovere, aveva tirato il collo a un
gallinaceo il quale avrebbe fatto la fortuna di un gabinetto di
curiosità ornitologiche. Difatti, dai pezzi che mi vennero fra le mani
mi accorsi, come con quelli, si sarebbe potuto ricostruire un pollastro
che, in quanto a teste, avrebbe potuto gareggiare con l'idra di Lerna;
e io, novello Ercole, non facevo in tempo a distruggerle tutte. Una ne
distruggevo e un'altra me ne saltava dinanzi. Alla fine non possedendo
i polsi nè le mascelle dell'eroe, mi diedi per vinto e abbandonai il
campo, sicuro che altri, con più fortuna di me, avrebbe continuata la
lotta.

                                   *
                                  * *

Nell'uscire dall'osteria di Loretuccio assistetti per pochi istanti a
una scena orribile.

In mezzo a molti contadini, avvinazzati, che ridevano, gridavano
e sghignazzavano, due, ritti in piedi, si riempivano la strozza di
maccheroni. Era una sfida. Entro un bicchiere, sulla tavola ingombra
di bucce di cocomero, v'erano due monete da una lira, destinate al
vincitore, cioè a colui che avrebbe ingozzato più maccheroni. I piatti
di maccheroni si rinnovavano sempre fumanti e i due contadini già sazii
si spingevano giù nella gola manate di pasta, imbrattandosi di pomidoro
la camicia e il petto su cui scintillavano gli abitini della Vergine e
le medaglie benedette. Un orrore!

Tornai sulla piazza. Il sole bruciava. Qualche cane spelacchiato
si leccava le zampe al sole e il proprietario del gran panorama
«pittorico-artistico-scientifico-nazionale» dormiva su una stuoia
gialla col volto nascosto fra le mani. Erano le due. La tombola era
annunciata per le cinque. Non sapendo ove andarmi a nascondere, per
ripararmi dai raggi del sole ardente, dopo aver sorbito due caffè, mi
rifugiai in una bottega di barbiere, sul cui sporto riluceva un grande
bacile di ottone.

Il figaro stanco del lungo lavoro compiuto durante la mattina, dormiva;
ma quando udì il rumore dei miei passi s'alzò, e fregandosi la schiena
indolenzita mi accennò una sedia, l'unica che era là dentro; poi, si
armò di una lunga forbice e mi si avvicinò dicendomi: — _Vôi il caróso,
signoria?_

— No, no! — esclamai io, spaventato, incominciando a pentirmi di essere
entrato là dentro — Fammi la barba.

— _La barba?_ — riprese il contadino tastando la mia guancia con le sue
dita di legno — _Nun ci hai gniente, signoria, che te vôi fa'? Chello
che nun ci hai?_

Io restai mortificato. Egli allora appese le forbici a un chiodo
infisso nella parete, coperta da una infinità di giornali illustrati,
mi impiastricciò il volto di sapone, aprì un rasoio e incominciò a
radermi _chello che nun ci avevo_.

Mentre mi levava la lanugine dalle gote, egli mi assicurò che non aveva
appreso da nessuno a rader barbe: — _Credi, signoria_, — mi disse con
un certo senso di orgoglio — _credi ch'è stata tutta volontà de la
natura_.

Uscito dalle granfie del figaro fui preso dal desiderio di andarmi
a sdraiare su un po' d'erba. Traversai una strada fiancheggiata
da altissimi pioppi e dopo non molto arrivai sur un colle, ove
fra bellissimi ulivi che svariavano vagamente al dolce soffiar del
ponentino sorgeva una vecchia ed alta torre pronta a narrare a chi
volesse ascoltarla la storia di Monte San Giovanni Campano. Benchè
essa fosse più discreta di tanti illustri nostri autori, i quali,
quando vogliono raccontare la storia di una città nostra, nata qualche
secolo dopo l'êra volgare, ne iniziano la narrazione col racconto
della creazione del mondo e i più svelti con le biografie di Adamo e
d'Eva; benchè essa, la mia bella torre ai cui piedi io m'era coricato,
la storia del suo paese la cominciasse soltanto da Carlo VIII, fui
vinto dal sonno, chiusi gli occhi e non li riapersi se non quando
ricominciarono _li bòtti_.

Ma è incredibile il numero dei quintali di polvere che si sciupa in
queste contrade per manifestare la gioia religiosa! _Li bòtti_ mi
riportarono nel paese, ove sulla piazza della Cittadella un concerto,
circondato da una folla di contadini, alcuni dei quali ballavano con le
loro donne il salterello, suonava l'«Oh dolce voluttà!» di Marchetti.
I musicanti, con le uniformi rosse e con su la testa gli elmi lucenti
sormontati da lunghi pennacchi bianchi, quando ebbero finito di
suonare, guidati dal loro capobanda che si trascinava dietro uno
sciabolone in forma di scimitarra, traversarono il paese e si recarono,
seguiti dal popolo, in un prato in mezzo a cui sorgeva un palco per
l'estrazione della tombola. Colà il concerto rosso si unì ad altri due
concerti e tutti e tre, fra l'entusiasmo generale, suonarono insieme
una «sonata molteplice», così la sentii chiamare da un giovinotto che
mi era vicino, e si puliva il cappello ricoperto di polvere con la
manica del suo abito turchino.

Dopo la «sonata molteplice», s'incominciò l'estrazione dei numeri
della tombola, e io, non avendo cartelle da bucare, ma avendo invece
molto tempo da perdere, me ne andai a visitare la cattedrale, per
vedere come era stata «riccamente e a studiato disegno parata dal
signor Angelo Novembre», e la trovai tutta coperta da lunghe strisce di
lana rossa, verde e gialla, da larghe trine d'oro e da lunghi galloni
d'argento, che s'avvolgevano alle colonne rivestite di percallina
bianca lardellata da pezzetti di talco, di tutti i colori, e da stelle
di carta dorata, di tutte le grandezze.

Il signor Angelo Novembre del resto non aveva «parato» soltanto
l'interno della chiesa, ma anche l'esterno. Egli ne aveva ornata la
facciata con lunghi festoni di lauro e con due cartelloni, sui quali
erano dipinte due figure più grandi del vero, che volevano essere San
Pietro e San Paolo, ma non ci riuscivano.

Il sole era oramai prossimo al tramonto e le ombre s'allungavano.
Riflettendo come il primo tratto della via del ritorno l'avrei
dovuto percorrere in sentieri scoscesi e sassosi, decisi di
lasciare il paese prima che annottasse e mi misi alla ricerca di
Vicienzino. Dopo di averlo cercato invano fra la folla impaziente di
vedere appicciare _gliu sparo_, lo trovai davanti al gran panorama
«pittorico-artistico-scientifico-nazionale» che seguiva a bocca aperta
e con gli occhi spalancati i gesti del cerretano il quale descriveva le
meraviglie che si vedevano nell'«interno». Lo riscossi e gli dissi; —
Vicenzino! È ora di andarcene.

— _Come? Te ne vôi ji, signoria? E gliu sparo?_

— Lo vedremo strada facendo. — gli risposi.

Il povero Vicenzino abbassò il capo, come se una immensa sciagura lo
avesse colpito, e mi seguì lentamente, volgendo a ogni passo gli occhi
verso il panorama, che al chiarore giallo di due fiaccole di sego
accese allora allora sorgeva luminoso su la massa scura del contadiname
affollato.

Arrivati in un vicolo deserto che andava a morire in un oliveto il
mio ciociaretto entrò in una stalla per sellarvi l'asinello, ed io
per aspettarlo mi sedetti sur una pietra. Ero lì quando due donne,
tenendosi strette per la mano, mi passarono accanto senza vedermi.
Una aveva il capo quasi nascosto da un fazzoletto rosso dalle cui
pieghe uscivano ciuffi increspati di capelli neri, l'altra, una
giovane contadina, vestiva il costume del paese. Dopo pochi passi
si fermarono, e quella che aveva il fazzoletto rosso, girati intorno
gli occhi sospettosi, prese fra le sue mani una mano dell'altra; vi
avvicinò sopra la testa e incominciò a parlare a voce bassa: poi si
cavò dal seno un cordoncino bianco, lo baciò e lo annodò al polso
della contadina, che dopo di essere rimasta ancora per qualche istante
immobile con la testa bassa, corse a raggiungere una sua amica che
l'aspettava nascosta dietro al tronco di un vecchio ulivo.

Le due contadine rimasero un momento insieme a discorrere e si
allontanarono in fondo all'uliveto, e la donna col fazzoletto rosso,
dopo di aver mandato un grido gutturale e strano si avviò adagio adagio
verso il paese, ove incominciava a brillar qualche lume.

Senza volerlo avevo assistito ad un sortilegio.

                                   *
                                  * *

La luna era già sorta dal monte di Rocca d'Arce e le girandole _degliu
sparo_ scoppiettando sul cielo tingevano di vivaci colori le rocce e
gli alberi, quando io scendeva verso il Liri, le cui acque si sentivano
crosciar da lontano. Prima di arrivarvi, oltrepassato appena un
piccolo e misero borgo, mi trovai davanti alle rovine di una chiesa
antichissima, da dove, nel silenzio, veniva il miagolare di un gatto.

— Come si chiama quella chiesa? — domandai a Vicenzino, ed egli
insonnolito com'era, appoggiandosi al collo del suo omonimo mi rispose:
— _La chiesta sgarrupata._

Mentre l'asinello mi riportava a casa, non sapendo che altro fare di
meglio per ingannar l'uggia della via apersi il mio album e sciupai una
delle sue pagine bianche scrivendovi sopra col lapis queste quattordici
mezze righe rimate:

    Batte la luna gialla su l'arcate
      cadenti d'una chiesa bizantina
      e, ne la calma tepida d'estate,
      ne lumeggia la splendida rovina.

    E giù, nel buio, stridono volate
      di vipistrelli e cade la calcina
      sopra le sepolture istoriate
      da la solenne epigrafe latina.

    Fra i rottami del tetto alto, s'intaglia
      sul cielo un caprifico e da le rare
      pitture, che ricopron la muraglia,

    guardano le madonne e nel chiarore
      giallastro, su la pietra d'un altare,
      due gatti bianchi spasiman d'amore.


IV.

Non era ancora giorno; quando, seguendo la mia guida, un vecchio
contadino, battevo le scorciatoie per andare a Santopadre.

L'alba ci trovò in un bosco di vecchi castagni vicino a una fonte,
detta di Santo Spirito. Sotto agli alberi altissimi fra enormi
scogli rivestiti di musco e di capelveneri un rigagnoletto correva
gorgogliando.

Un ciociaretto, curvo fra le foglie larghe delle piante, come un
satiretto, beveva avidamente raccogliendo nel cavo delle mani l'acqua
cristallina che ricadeva sull'erba verde e molle di rugiada come una
pioggia di perle. Alcune capre bianche, arrampicate qua e là su gli
scogli salutavano il giorno nascente, mandando belati. Poco lungi una
fanciulletta seminuda guardava un branco di pecore brune.

Quando riprendemmo il cammino io recitai ad alta voce qualche verso di
Virgilio, che il paesaggio mi aveva riportato alla memoria: e la guida
al sentirmi slatinare mi guardò fiso e mi disse: — _Lei, signoria,
scusate, siete milòrdo frangese, è vero?_

— Io? Ma tu sei matto, — gli risposi ridendo — io sono di qua.

— _Eh! Lei pazziate! Lei, signoria, ci avete 'na faccia frangese
assaie!_

Mingaccio, — tale era il nome della mia guida — non ci fu modo di
persuaderlo. Io per lui dovevo essere _frangese_ e per di più anche
_milòrdo_, e fino a quando non glielo impedii, egli nel dirigermi la
parola, mi onorò sempre con questi due appellativi.

                                   *
                                  * *

Prima di lasciare la boscaglia di castagni, entrammo in una chiesetta,
vicina a poche casupole di contadini, e vi trovammo su due panche
coperte di fiori, fra due candele, una bambina morta. Ella era tutta
vestita di seta e intorno al collo aveva avvolti due vezzi di coralli
rossi. Due grandi orecchini d'oro a cerchio, le pendevano dai lobi
degli orecchi, rilucendo su le guance cinerognole: fra le manine
incrociate sul petto teneva un crocifisso d'argento.

Vicino alla coltrice improvvisata, una donna accovacciata in terra
agitava un ramoscello di rosmarino, scacciando le vespe e le mosche,
che come punti d'oro, vibranti ne l'aria, sciamavano attorno alla
morticina: me le avvicinai per darle qualche soldo ma la disgraziata
crollò le spalle, e si nascose il volto fra le mani. Quel rifiuto, mi
arrivò al core. Uscii dalla chiesetta e vi rientrai con un mazzo di
ciclamini. Mentre li stavo spargendo su la morticina, due contadini
si fermarono su la porta e guardarono dentro. Dopo un istante il più
vecchio alzando la voce e le spalle disse alla donna, che scoteva
sempre nell'aria il ramoscello di rosmarino: — _Fulomè!_... _nun ce
pensà', ca chillo c'à fatto chessa ne fa n'àuta!_

La poveretta nascose ancora una volta il viso tra le mani, e i
contadini si allontanarono e sparirono nel folto del bosco.

Appena ripigliammo il cammino Mingaccio incominciò a parlare e a darmi
notizie sulle usanze funebri di queste contrade. Qui, quando avviene
che alcuno muoia, quelli che hanno avuto la disgrazia di perderla
prima lo piangono sfogando il dolore con grida angosciose, e poi si
mettono a banchettare. Il banchetto per solito s'inizia con un piatto
di fave, a cui seguono i maccheroni e altra roba, se ce n'è. Il vino
si beve a boccali, e l'ultimo si tracanna alla salute di quello _che
se n'è ghiuto_! Non di rado accade che al levar delle mense molti dei
convitati non trovino la forza di alzarsi. E cotesto banchettare non
dura poco, poichè tutti i parenti e gli amici del morto sono obbligati
ad offrire alla famiglia di lui il loro pranzo, e naturalmente fra gli
offerenti è una gara a chi può dare il migliore.

Mingaccio seguitava ancora a parlare di cerimonie funebri,
raccontandomi cose che mi facevano ripensare alla _conclamatio_, al
_silicernium_, alla _coena novendialis_ ed ai _ludi novendiales_,
quando al di là di una siepe, sur un colle, apparve una torre antica,
intorno a cui si aggruppavano molte casette non meno antiche di lei,
come un branco di pecore sorpreso dal temporale si aggrupperebbe
intorno al pastore.

— È Santopadre? — domandai.

— _Gnorsì!_

Poco dopo al principio di una salita Mingaccio mi chiese licenza
di andare a salutare certi suoi parenti e mi lasciò. Io seguitai la
strada e arrivato alle prime case del paese dimandai ad alcune donne,
che erano intorno a una fontana, dove avrei potuto trovare un caffè,
e quelle donne mi risposero: — Dal tabaccaio. — Mi misi allora alla
ricerca del tabaccaio; ma la ricerca fu vana. Alfine, perduta la
pazienza, chiesi a un contadino: — Ma, dimmi un po', in questo paese
dove si compra il tabacco? — Egli mi guardò curiosamente due volte
dalla testa ai piedi e mi rispose: — Dal caffettiere.

— E dove sta il caffettiere?

— Il caffettiere sta in quella bottega _addove tu vedi quella frasca di
cerqua_.

— Ma quella è un'osteria.

— _Non ci pensare!_ — riprese il contadino — _Tu vai lì, e lei
troverete tutto quello che gli serve._

Vi andai, e, dopo di aver letto sur una targa che era sopra all'arco
della porta: GENERI DIVERSI, vi entrai.

Nella bottega non c'era nessuno. Picchiai. Dopo un po' un bambino
uscì fuori da un cumulo di «generi diversi» e mi disse che il padrone
era andato alla messa e che bisognava aspettare. Non sapendo quanto
tempo avrei dovuto rimanere là dentro, dopo di avere osservato quanto
mai fosse diversa la diversità dei «generi diversi» che ingombravano
gli scaffali della bottega, stavo per andarmene, quando entrò un uomo
alto, magro, vestito di panno bigio e con un cappellino a cencio che
gli copriva appena la metà della chioma folta, crespa e rossastra; si
avvicinò al banco e vi picchiò sopra ripetutamente col pugno, facendo
ondeggiare i piatti di una stadera e rovesciando un bicchierino senza
piede che si appoggiava a una bottiglia nera su la cui pancia rimaneva
ancora qualche lettera della parola «Champagne»; tornò a picchiare e
poi, scotendo il capo, esclamò: — _Quest'animale l'è a la messa!_

— Già! — ripetei io — l'animale l'è alla messa.

Allora egli si volse a guardarmi e aggrottando le ciglia, e storcendo
la bocca mugolò: — Che paese!

— Che paese! — ripetei ancora io; poi cercando di farlo parlare, gli
chiesi: — Ma voi siete di Santopadre?

— Io? _Mi son de Milan!_ — mi rispose subito, e toccandosi il
cappellino a cencio e inchinandosi soggiunse: — Fotografo, a servirla.

— Fotografo! E come mai siete quassù?

— _Mah!_ — rispose, sospirando — _Che cosa mai vuol che gli dica?
La vita porca!_ — Tacque per un momento, e poi vedendo quanto io mi
interessassi alle porcherie della sua vita, dopo di avermi assicurato
che la sua macchina fotografica con la quale aveva _eseguito_
centinaia di Consigli comunali era una macchina _strafinissima_, prese
a dirmi che lui vendeva anche un mastice vegetale di sua invenzione
per accomodare _in modo invisibile le rotture di vetri, bicchieri,
bottiglie ed altri simili generi di terraglie_, mastice a cui egli
aveva dato il nome di _attaccatutto_: che aveva un _deposito_ di
oleografie sacre e profane, _che parevano vere_: e che, qualora se
ne fosse presentato _il bisogno_ egli, non soltanto avrebbe saputo
_adattarsi all'arte meccanica, ritornando al suo stato primitivo
bastoni, ombrelli ed altre simili bigiotterie_, ma _in caso disperato_
avrebbe potuto anche cavare sangue, impiombare denti e guarire mille
altre malattie _tanto palesi quanto segrete_. E concluse col dirmi: —
_Eppure, signore, con tutte queste abilità se si campa la vita, bisogna
proprio dire che l'è un vero miracolo eccezionale!_

Intanto che il milanese parlava, la bottega si era venuta popolando di
tre contadini, di due cani e di un prete. Finalmente arrivò il padrone,
un vecchio tremolante il quale si mise a soddisfar le richieste dei
contadini con una tale lentezza che io sgomento uscii insieme col
fotografo, che non la finiva più di _portare a mia conoscenza_ le
sue tristissime condizioni e di tessermi l'elogio della sua macchina
_strafinissima_. Comprendendo dove voleva arrivare, per abbreviargli la
strada gli dissi: — Volete farmi il ritratto?

— Ma di certo. — mi rispose lui, con gli occhietti che gli brillavano
per la contentezza.

— Però bisogna farlo subito.

— Subitissimo.

— E dove avete la macchina?

— Nel mio laboratorio, qui vicino. — E incominciò a camminare. E io
dietro!

Quando arrivammo in una viuzza ch'era un rompicollo, egli si fermò
davanti a una porta sgangherata, l'aprì con un calcio, e, pregandomi
di aspettarlo, vi entrò. Vi entrai anch'io, e appoggiandomi a un muro
scalcinato e ammuffito, scesi due gradini di una scaletta, allungai il
collo e vidi, fra due file di botti, il mio fotografo che illuminato da
una debole luce rossa, frugava con le mani in una cassetta e ne cavava
fagotti e involti che qualche gatto andava ad annusare. Poco dopo tornò
su, e dicendomi che in un paese come quello in cui ci trovavamo non si
potevano avere pretese e bisognava adattarsi, mi condusse in un orto;
spolverò con la manica del suo abito la macchina _strafinissima_, la
mise con non piccola fatica al _punto focatico_ e mi fotografò. Poi si
pose sulle spalle la macchina, e seguito da una torma di bambini andò a
sviluppare la sua negativa: e io aspettando l'ora di sviluppare la mia
colazione, mi arrampicai in un sentiero coperto di rovi e me ne andai
a veder da vicino quella torre che avevo già visto da lontano.

Mentre la stavo osservando il fotografo venne ad annunciarmi come la
fotografia fosse riuscita _in modo superlativo_, ed io, commosso fino
alle lacrime, lo invitai a voler dividere con me un po' di pane, un
po' di vino, una fetta di formaggio di Scanno e poche frutta che avevo
fatto comperare da Mingaccio. Mangiammo su l'erba, all'ombra della
torre, e poi ci recammo sul colle Campea per vedere le rovine di una
chiesa antica, dedicata a S. Pietro, e alcuni ruderi romani i quali per
i santopadresi sono nientemeno che gli avanzi di una villa appartenuta
a Giunio Decimo Giovenale, il poeta satirico di Aquino.

Ma il mio fotografo, dopo di avere esaminati minuziosamente i ruderi
e di averli anche contati, mi disse che, secondo lui, la villa di
Giovenale _l'era una bala_.

— E perchè? — gli dimandai.

— _Perchè?_ — mi rispose subito con una sicurezza da non ammettere
replica — _Perchè l'è umanamente impossibile che un antico romano di
talento il quale avrebbe potuto farsi una villa nella sua capitale se
ne sia venuto a fabbricare una in un paese come Santopadre_.

Il suo ragionamento filava! E poco dopo filò anche lui, dovendo andare
a _preparare i preparati_ e a _caricare la macchina_ per eseguire il
Consiglio comunale. Prima che mi lasciasse gli chiesi ridendo: — Quanti
altri giorni rimarrete qui?

— _Mah!_ — mi rispose, alzando le braccia — _Subet che avrò eseguito il
Consiglio comunale scapperò via, fuggendo_. — E si allontanò in fretta.

                                   *
                                  * *

Io rimasi ancora lassù. Tornai a visitare le rovine della chiesa, e
dopo di aver ammirato un olivo gigantesco e una quercia enorme il cui
tronco misurava otto metri di circonferenza, mi sedetti su l'erba,
appoggiai le spalle ad un rudero, accesi la pipa e mi misi ad ascoltare
Mingaccio, il quale, cedendo alle mie dimande, prese a raccontarmi
alcune istorielle su don Folco, il prete arguto e beone, sacrilego e
buffone a cui il paese di Santopadre va debitore di quella fama che
esso gode nelle contrade di tutta la Ciociaria. Tali storielle non
mi arrivavano nuove poichè le avevo già udite a narrare qua e là nei
paeselli che avevo già visitati; ma le risentivo con piacere: prima
perchè le ascoltavo nel luogo istesso dove erano nate, e poi perchè
sulla bocca e nelle mani di Mingaccio acquistavano un sapore di
comicità irresistibile.

Quasi tutte quelle che egli mi ripeteva si riferivano alla lunga lotta
sostenuta dal prete di Santopadre contro il vescovo di Sora: lotta che
finì sempre con la vittoria di don Folco, il quale rifugiandosi, quando
lo credeva opportuno, fra le rupi delle sue montagne, ove nè la mano nè
il piede del suo superiore potevano raggiungerlo, era sempre padrone di
fare tutto quello che gli pareva e piaceva infischiandosene altamente
di tutti i rimproveri e di tutti i gastighi che gli venivano mandati da
Sora. Del resto nella lotta egli era spalleggiato dai suoi compaesani,
i quali tenevano l'insigne prelato in conto di un solennissimo
jettatore, poichè quando questi in un giro che fece per visitare le
parrocchie della sua diocesi si fermò in Santopadre, una forte scossa
di terremoto costrinse i santopadresi a fuggire all'aperto e a dormire
in terra, nei campi.

Il primo fatto, anzi il primo misfatto per il quale don Folco dovette
andare a Sora per farvi la conoscenza del vescovo, se Mingaccio non
mi ha male informato, fu il seguente. Poco lungi da Santopadre in una
capanna agonizzava un contadino, e don Folco andò a dargli l'estrema
unzione. Fece tutto quello che doveva fare e poi si rimise in cammino
per ritornarsene a casa. Disgraziatamente, il diavolo, il quale ha la
perversa abitudine di seminare di tentazioni le vie battute da coloro
che ei vuol perdere, volendo insidiare la virtù del povero prete, fra
la capanna da dove questi veniva e la casa verso cui andava ci seminò
una osteria con entrovi alcuni contadini che giuocavano il _tòcco_, un
giuoco che si giuoca annaffiandolo con molto vino.

I contadini appena videro passare don Folco lo salutarono cordialmente
e don Folco rispose cordialmente ai saluti; gli offrirono da bere e
don Folco bebbe; lo invitarono ad entrare nell'osteria e don Folco vi
entrò; gli chiesero di giuocare e don Folco giuocò. E giuoca e bevi e
bevi e giuoca, insomma il povero prete finì col doversi coricare sopra
una panca. Nel coricarsi sentì in una delle tasche qualche cosa che
gli dava noia; vi mise dentro la mano, ne cavò quella qualche cosa che
lo infastidiva, la posò sur una botte e chiuse gli occhi. Quando li
riaperse era notte. Due contadini lo ricondussero a casa. All'indomani
l'oste spazzando la sua bottega vide in terra un oggetto che luccicava.
Era il vasellino dell'olio santo.

Cinque minuti dopo tutto il paese risapeva l'orribile sacrilegio, e
qualche giorno appresso don Folco riceveva l'ordine di recarsi a Sora
per render conto del suo peccaminoso operare. Vi andò, e allor che il
vescovo prese a tempestarlo di rimproveri egli rimase umilmente a capo
chino, in silenzio, aspettando la fine della tempesta; ma quando vide
che la tempesta non finiva più si decise di finirla lui, e, rialzato il
capo rosso come un pomidoro maturo, si mise a gridare: — _Neh, 'gnore
vescove, ma che te cride ca co' l'uoglie ch'ajo lassato alla taverna ci
avo fatto l'ansalata? Pe' regula de Signoria, dinto a lu vasillo ce ne
steva accusi poco ca nun ce n'asciva manco pe' cundi' quatte peparuole.
Sì capito mo tu?_ — E senza aspettare che il vescovo gli rispondesse,
gli voltò le spalle e discese in istrada, ove per calmare i nervi
esasperati non potè fare a meno di entrare in un caffè e di chiedere
una qualche cosa _stommateca_. Il cameriere gli recò un bicchierino
di vino squisito. Don Folco lo bebbe; si leccò le labbra e ne chiese
un altro. Poi fece portare sul tavolino la bottiglia, e cercandone il
fondo, dimandò al garzone: — _Neh, chesto vino che nome tiene?_

— _Lacrima Christi._ — gli rispose il cameriere.

— _Veramènte?_ — ripigliò don Folco che cominciava a risentir gli
effetti di quella _lacrima_.

— Ma certo! Noi non vendiamo roba adulterata.

— _E allora_ — si mise a urlare il prete, battendo il pugno sul
tavolino — _e allora nun ce lo potevate fa' sta' sino a mo in croce
quanno che faceva 'ste lacrime_?

Pochi giorni dopo don Folco venne privato dell'esercizio del suo sacro
ministero. Quando egli seppe che non avrebbe più potuto celebrare
la messa, ritornò a Sora, si appostò in un luogo ove egli sapeva che
il vescovo avrebbe dovuto passare, e non appena lo vide da lungi gli
gridò: — _Neh, 'gnore Vescove, me si tuota la messa? E tu schiatta! Ca
te cride che pe' campà' àjo bisogno de magnà' Cristo tutti li juorni?
Io campo co gliu mia._ — E prima che riuscissero ad agguantarlo se ne
scappò su le montagne di Santopadre.

                                   *
                                  * *

Una volta il busto di san Folco, che è appunto il patrono di
Santopadre, era stato recato processionalmente fuori del paese in una
chiesina e colà era stato lasciato esposto per qualche giorno alla
venerazione dei fedeli. Finita l'esposizione il simulacro del santo
doveva essere riportato al suo domicilio reale, cioè su l'altare
maggiore della chiesa da dove era stato tolto, e don Folco si prese
l'incarico di trasportarvelo. Andò nella chiesina, si mise sulle spalle
il busto, e seguito da qualche contadino che biascicava paternostri,
si avviò verso il paese. A metà di una scorciatoia piena d'inciampi,
ov'egli s'era messo per abbreviare la via, sdrucciola, e il busto gli
esce dalle mani, e brillando al sole si mette a rotolare fra i sassi.
Egli prova a ripigliarlo; ma non ci riesce. Allora, rosso di collera si
rizza sulla punta dei piedi e allungando le mani verso il santo che se
ne andava precipitando a valle gli urla dietro: _Ca te pozzino accide',
voglio vedè' addò' te vai a fa' fotte'!_

I contadini fuggono ancora.

                                   *
                                  * *

Un'altra volta don Folco venne chiamato in una borgata vicina al suo
paese per celebrarvi un triduo e per recitarvi un sermone. Egli appena
salito sul pulpito si volge alle donne e incomincia a gridare senza
tanti preamboli che la causa della loro perdizione era _'nu pezzetto
de carne_. I contadini sgranano tanto d'occhi e le contadine divengono
rosse come i loro corpetti di scarlatto. Ma il sacro oratore prosegue
imperterrito: — _Sì. È 'nu pezzetto de carne._ — E soggiunge: — _Lo
volite véde' qual è?_ — Le donne abbassano gli occhi pudibonde e
don Folco cava fuori un palmo di lingua e ci appunta su il dito. Una
clamorosa risata scoppia fra le bianche pareti della chiesa.

Finita la predica don Folco scende dal pulpito, sale i gradini
dell'altare maggiore e di lassù dà la benedizione col santissimo.
Mentre egli solleva in alto il sacramento un bambino incomincia a
miagolare. La sua mamma tenta invano di rabbonirlo. Don Folco si
stizzisce, gli va vicino e mostrandogli l'ostensorio: — _Ohè, guagliò'_
— gli grida — _vi' ca chesto è bòbbo, e se non le stai quèto le se
tuoglie_! Dopo la benedizione la chiesa si vuota e _gliu prèute_ ripone
il sacramento nella sua custodia e la chiude; ma quando va per estrarre
la chiavetta dalla serratura la chiavetta non esce. Egli le tenta tutte
per farla uscire; alfine perde la pazienza; dà un pugno sul ciborio ed
esclama: — _E che ce sta ca dinto? Gliu diavolo!_

Il sagrestano che aveva incominciato a spazzare la chiesa gettò la
scopa, si fece il segno della croce e scappò via inorridito.

                                   *
                                  * *

Ma don Folco oltre alle molte virtù con le quali soleva ornare
l'esercizio del suo ministero sacro, ne possedeva anche moltissime
altre per adornare, qualora se ne fosse presentata l'occasione,
l'esercizio del suo ministero profano; poichè non aveva rivali nel
vendere giumente guerce, asini ciechi, vacche zoppe, e nello spacciare
merci di cattiva qualità come se fossero state ottime. Egli era così
furbo ed arguto e così pronto nella chiacchiera che trovava quasi
sempre il gonzo da infinocchiare.

Un giorno andò in un paesello, ove tenevasi una fiera di bestiame, e vi
portò un cavallo a cui per esser perfetto non gli mancava altro se non
la parola. Un vecchio contadino lo comperò a buonissimo patto; ma dopo
di averlo comperato s'avvide che alla povera bestia le mancava la metà
della lingua.


V.

Il sentiero che da Santopadre porta a Casalvieri, dopo di aver
serpeggiato per valli umide e verdi in fondo alle quali corrono rapidi
i torrenti, s'arrampica sui fianchi rocciosi di monti aspri e selvaggi
e va innanzi ora scoperto su pietre aride e brulle, ora nascosto sotto
paurosi boschi di querce. Seguendo il mio fido Mingaccio io avevo
già percorso un lungo tratto di cotesto sentiero e salivo il monte
dei Sette Dolori, un monte coronato da una chiesuolina dinanzi a cui
sorgono sette croci, quando il cielo incominciò a coprirsi di nubi e
gli alberi sotto la sferza di un vento caldo e fastidioso principiarono
ad agitare sonoramente i loro rami carichi di ghiande.

— _Tócca, tócca, signoria, ca ce cuoglie gliu temporale!_ — grugniva
di tanto in tanto Mingaccio, esortandomi ad allungare il passo; ed
io, difendendomi come potevo dalle raffiche del vento, lo seguivo
ansimando.

A monte Cuoccio il vento cessò e caddero le prime gocce di pioggia
segnando di punti neri il terreno; poi dal cielo oscuro precipitò il
diluvio universale.

— _Tócca, tócca!_ — gridava sempre Mingaccio, facendosi il segno della
croce ad ogni balenare di lampi. — _Tócca, tócca!_ — Ed io toccavo con
le mani e coi piedi quanto mai fosse piacevole e divertente il salire
un monte sotto la furia _degliu temporale_. Quando Dio volle, bagnati
fin nelle midolla ci potemmo rifugiare in un piccolo santuario. Colà,
appena entratovi, Mingaccio trovò in una buca un leprotto morto. Ciò
lo mise in grande allegria; aprì un coltelluccio e incominciò subito
a scuoiarlo, e scuoiandolo, eccitato forse dal luogo che gli ricordava
i giorni lontani della giovinezza, prese a raccontarmi una quantità di
storie brigantesche.

— _Nun me fa' parlà'!_ — mi diceva ad ogni frase; e mentre i tuoni
scoppiavano nell'aria fosca rimbombando fragorosamente sotto di noi,
nelle forre dei monti Januli, seguitava a parlare, indicandomi con la
punta insanguinata del suo coltelluccio i luoghi ove i fatti che mi
narrava erano avvenuti.

— _Vedi chélla mòrra?_ — mi disse non appena ebbe finito di raccontarmi
una storia piena di schioppettate, di morti e di feriti, accennandomi
un monte velato dall'infuriare della pioggia: — _Vedi chélla mòrra?
Se tu sapessi quanto foco c'è ascito derèto a chelle prète! Se tu
sapessi!_ — ripetè ancora, scotendo il capo: e poco dopo com'ebbe
terminato di spellare il leprotto ne gittò le membra fuori del
santuario, ne ripiegò con molta cura la pelle e se la pose in tasca;
poi stringendo le pugna macchiate di sangue e guardandomi negli occhi
esclamò dolorosamente: — _Eh, signoria, a chélli tiempe che te dico io
ce steva la gioventù e la moneta; mo simmo viecchi! Nun c'è che fa'!_

La pioggia continuava sempre. Uscire non si poteva, ond'io non sapendo
come passare il tempo mi misi a leggere sulle pareti del nostro
ricovero le innumerevoli iscrizioni lasciatevi da coloro che vi si eran
fermati. Una di coteste iscrizioni incisa con un chiodo o forse con la
punta di un coltello sul manto turchino di una immagine diceva così: —
_Onorio Rechia latitande di Casalviero di matina di pesima piogia assai
sono ricoverato qui senza timore delli nemici mia._ Era il documento
visibile di una delle istorie narrate allora allora da Mingaccio.

Alfine la pioggia cessò e potemmo lasciare il rifugio. Un raggio di
sole pallido pallido cadeva da una immensa nube cinerea sulle croci del
monte dei Sette Dolori, e da una valle lontana veniva nell'aria fredda
un lungo e lamentoso rintoccar di campane.

— Che cosa dicono queste campane? — dimandai alla mia guida; ed essa
portandosi le mani agli orecchi per meglio raccogliere il suono, dopo
di essere rimasta per qualche istante in ascolto con la testa bassa,
aggrottò le ciglia e mi rispose con voce commossa: — _Sona a gràndina._

— Dove?

— _A Casalvieri._ — E il buon vecchio, appena incominciammo a scendere
il monte, dopo di essersi fatto il segno della croce, prese a recitare
alcune preghiere le quali secondo lui dovevano avere un effetto
portentoso contro il flagello della grandine, e non si tacque se
non quando arrivammo a Colle Fosso, una borgatella di una ventina di
casupole dorate dal sole già vicino all'orizzonte. Colà, per riposarci,
ci sedemmo sul margine di una fontana. Intorno a noi gli alberi
ancora bagnati brillavano sul cielo purificato dall'uragano, e giù dai
sentieri che scendevan dai monti e si perdevano fra l'erba verdissima
cosparsa di fiori ravvivati dalla pioggia, sotto al languido svariar
degli ulivi dai poderosi tronchi rintorti e maculati di musco, gruppi
di contadine vestite di nero e col capo quasi nascosto da larghi e
lunghi panni bianchi ricamati si avvicinavano alla fonte, cantando e
reggendo orci di terra gialla ornati di pitture sanguigne. La foggia
del vestire di coteste contadine mi piacque tanto, che volendo serbarne
una memoria nella cartella dei miei disegni, non appena arrivai a
Casalvieri ordinai a Mingaccio di trovare una donna disposta a servirmi
da modello e di portarmela. Egli si allontanò ridendo e poco dopo
ritornò tenendo per la mano una bambina col piccolo capo ricciuto
oppresso dal peso di una enorme brocca di rame, e presentandomela mi
disse: — _Chessa, signoria, è chéllo che t'aggio potuto trovà'; chelle
grande àvo pavura._

Bisognava adattarsi. Atteggiai la bambina come meglio potei, e mentre
la mia guida mi lasciava di nuovo per andare a cercare un luogo dove
passare la notte, incominciai a disegnarla. Una folla di curiosi mi
circondò subito con tutta la sua ammirazione e con tutti i suoi più
strani e goffi comenti, fra i quali ne udii con terrore uno che mi
bollava, niente di meno! quale un esattore delle imposte mandato dal
Governo a Casalvieri per mettere nuove tasse. Avevo appena incominciato
a cercare il modo più persuasivo per ispiegare alle genti come io non
avessi niente da spartire col fisco e le gabelle, quando all'improvviso
una vecchia orribile sfondò il cerchio dei miei ammiratori e mi venne
addosso agitando furiosamente le braccia. All'apparire della megera la
modellina se ne fuggì spaventata ed io rimasi sbalordito ed attonito in
mezzo ai popoli di Casalvieri, i quali ridevano e strepitavano dietro
alla vecchia, che dopo di aver raccolta la brocca di rame lasciata in
terra dalla bambina si allontanava urlando: — _'Ste cose jàtele a fa'
a li paesi vostri! Chesta è carne ca nun se venne! Apprima la voglio
accide' co' le mano mee!..._

Per cercar di comprendere la ragione dei gesti e delle parole della
vecchia mi approssimai a un contadino interrogandolo con lo sguardo
ed egli mi rispose seriamente: — _È ignoranzità. Già. Lei mi capite,
ci attaccano idea._ — E dopo di avermi squadrato dall'alto in basso e
viceversa, mi chiese a bruciapelo: — _Ma, scusa, tu di dove sei?_

— Di Roma.

— _E si sei de Roma che venghi a fa' da 'ste parte?_

Non sapendo come rispondergli mi diedi per ingegnere, e allora lui alzò
le ciglia e, guardandomi con aria furbacchiotta, mi disse a voce bassa:
— _È inutile che fai, ho capito tutto. Tu venghi a fare il traforo._

— Bravo! — gli risposi subito, e avevo già principiato ad insegnargli
il modo più pratico ed economico per bucare le montagne, quando
Mingaccio venne ad annunciarmi di aver trovato il luogo ove avremmo
potuto andare a dormire. Cominciava a farsi buio e ci mettemmo
immediatamente in cammino. E cammina cammina, dopo di avere
attraversato il paese e di avere percorsa una strada lunga e larga,
sassosa e fangosa, fiancheggiata da vecchi olmi, arrivammo dinanzi a
un grande casamento nero ove fummo accolti graziosamente dal furioso
abbaiare di molti cani incatenati sotto a parecchi carretti carichi di
ceste e di bigonce dalle quali usciva e si disperdeva nell'aria umida
e tepida un calido e piacevole odore di frutta.

Mentre Mingaccio badava a rabbonire i cani e chiamava ad alta voce
il padrone della locanda, gli occhi mi andarono in cima all'arco di
un androne, che metteva ad un cortile pieno d'altri cani e di altri
carretti, e rischiarata dalla luce fioca di una lanterna, intorno a cui
svolazzava qualche nottola, vi lessi questa iscrizione: — SI AFFITTANO
LETTI CON COMMODO DI STALLA.

Avevo appena finito di leggere le parole male auguranti e stavo
aspettando, con la mia guida a lato, il locandiere, quando i cagnacci
ripresero ad abbaiare con maggior furia. Allora qualche persona si
mosse sui carretti, fra le bigonce e le ceste; alcune voci rauche ed
irate ferirono l'aria oscura; una bestemmia fece tremare la terra; ma
l'albergatore non venne. Aspettammo ancora. Alfine, dopo altre grida
di Mingaccio, le quali inferocirono maggiormente i cani, il fondo buio
del cortile incominciò a colorarsi di un debole chiarore rossigno; il
chiarore a poco a poco divenne più chiaro e finalmente illuminato dalla
fiammella oscillante di una misera candela da un soldo, che egli aveva
in mano, e accompagnato da un grosso mastino, apparve il padreterno o,
per esser più precisi, il padrone della locanda: un vecchio bianco per
antichissimo pelo, il quale, dopo di averci rivolta qualche parola in
un linguaggio incomprensibile, e di averci fatto salire una scaletta
di legno molleggiante e scricchiolante sotto il peso delle nostre
persone, ci introdusse in una stanza, ove su un letto enorme, fra
una quantità di ombrelle di tutte le forme e di tutti i colori, stava
seduto un altro vecchio che aveva sulle ginocchia una grande ombrella
verde, aperta, e la rabberciava al lume di una lucerna di ottone il cui
lucignolo fumigante ammorbava l'aria di un puzzo acre e fastidioso di
moccolaia.

Il vecchio appena ci sentì entrare sollevò il muso bianco dall'ombrella
verde e guardandoci con gli occhi di bragia incominciò a brontolare
e a lamentarsi. Insomma, tutti i letti della locanda erano occupati e
l'unico letto disponibile era quello dell'ombrellaio! Ridiscesi subito
la scaletta di legno lasciando il canuto rabberciatore di ombrelle
nel suo nido e mi rimisi in viaggio verso il paese trascinandomi
dietro oltre a Mingaccio anche la speranza di trovare colà un letto
senza «commodo di stalla». All'alba io e lui lo cercavamo ancora; e,
mentre l'aurora con le sue dita rosate tentava invano di allargare
le crepe di un denso velo di nubi, morti di sonno come eravamo, dopo
di avere ingoiato una bevanda nera ribelle a qualunque addolcimento,
montammo sopra a uno _sciarabbà_, pronto a partire per Atina, e ci
addormentammo.

Quando io mi svegliai il cavalluccio della vettura, scotendo la testa
coperta di fiocchi di lana e di medaglie, di coccarde e di sonagli, di
pennacchi e di campanelli, col pettorale, la groppiera, il sottopancia
e le tirelle di cuoio nero ornato da fregi di ottone lustro, arrancando
e soffiando, ci trascinava su per una salita ripidissima, in cima a
cui fra il verdeggiare cupo di querce antichissime si intravvedevano le
case lontane di Atina.

Prima di arrivarci, ricordo di avere osservato con gli occhi non ancora
bene liberati dal sonno, sui fianchi del monte Meta, la cui cima
perdevasi nel cielo nebbioso, i paeselli di Settefrati e Picinisco;
ricordo di aver visto le case di San Donato adagiarsi nella valle del
Comino fra il verde giallognolo delle messi segate, e quelle di Alvito
arrampicarsi sopra a un colle in cima a cui torreggiava un vecchio
castello; rammento anche di avere ammirato un raggio di sole che uscito
dal cielo plumbeo andò a spegnersi subito su le case brune di Vicalvo,
e poi... e poi ricordo di non avere ammirato più nulla, perchè appena
lo _sciarabbà_ si fermò in uno sterrato fra piramidi di cipolle e di
pomidori, di melloni e di angurie e di altri ortaggi, incominciò a
piovere con tanta forza ch'io non vidi più niente, tranne un Cristo
di pietra in cima a una porta, il quale stendendo la destra verso
di noi, bagnato com'era, pareva che invece di benedirci ci chiedesse
un'ombrella.

                                   *
                                  * *

La porta di Atina vista dal di fuori appare tutta rammodernata e
dipinta a strisce bianche e rosse; ma nel suo interno conserva ancora
intatta la costruzione medioevale. E una impronta medioevale ha tutto
il paese. Ovunque, nelle vie e per i vicoli, sulle case annerite
dai secoli o bianchissime per la intonacatura recente qua e là si
scorgono avanzi di portici, finestrelle binate, colonne, capitelli e
frammenti di scolture romaniche. In fondo alla via principale sorge
un castello dominato da una torre merlata. Una volta nel castello
abitavano i signori di Alvito; adesso invece vi stanno di casa due
muse, la Tragedia e la Commedia, cioè le carceri e il teatro. Quando
lo visitai, dinanzi alla sua porta trovai due beccai che scannavano
un bue. La povera bestia, legata con grosse funi ad una trave, si
dibatteva furiosamente tentando di spezzarle e mandava fuori dalla
gola squarciata da una ferita orrenda muggiti lunghi e lamentosi. Un
ragazzetto raccoglieva in una secchia di legno il sangue che sgorgando
con violenza dal collo calloso della bestia agonizzante, gli schizzava
sul volto e gli tingeva di rosso i piedi ignudi imbrattati di mota e di
sterco.

Mentre i due beccai arruotavano le manaiuole e le coltella,
stropicciando con forza il filo dell'una su quello dell'altra, e si
apparecchiavano a squartare il bue, io attraversai un andito oscuro ed
entrai nel cortile del castello. Colà, una pioggerellina fina fina,
lenta lenta, queta queta velava di mestizia profonda le mura alte
ed antiche nelle cui crepe verdeggiavano le paretarie e le malve, le
ortiche e i grispignoli. Sopra le pietre lisce, del color dell'acciaio,
le gocce d'acqua scivolavano lentamente, brillavano per un istante
come gemme preziose e cadevano nel fango. In un angolo, sotto a
una tettoia mezzo rovinata, fra mucchi di fieno e di strame v'erano
riparati muli e cavalli con le groppe coperte da ruvidi panni rossi e
da pezzi di tela incerata. Quando una bestia raspava con lo zoccolo il
terreno rammorbidito dalla pioggia, o chinava la testa verso lo strame
s'udiva il tintinno di qualche sonaglio. Sui gradini di una scala
parecchi ragazzi giocavano alle noci, e di tanto in tanto parlavano
coi carcerati i quali accostando il volto alle sbarre delle inferriate
rugginose s'interessavano alle sorti delle partite. Uno di cotesti
sciagurati col braccio fuori di una inferriata stendeva la mano a una
contadina che, reggendo un bambino, si rizzava sulla punta dei piedi
per arrivare a stringergliela.

Sentendomi soffocare da tanta miseria stavo per lasciare il cortile
quando alcuni carcerati mi chiamarono, e cavata fuori dalle spranghe
di una grata una lunga canna dalla cui punta penzolava una borsetta
di tela, dopo di avermi chiesto qualche soldo e un po' di tabacco,
incominciarono a cantare. Mentre ascoltavo con le orecchie attente il
canto grave, lento e malinconico, e seguendone il disegno melodico,
mi sforzavo di intenderne le parole, da una chiesa vicina venne il
suono funebre di una campana che piangeva un morto; allora le voci
appassionate dei reclusi e i rintocchi lugubri della campana s'unirono
insieme dolorosamente e risonarono fra le mura squallide del vecchio
cortile fino a che non si persero tremolando nell'aria livida e
lacrimosa.

Per andare alla locanda, ove Mingaccio mi aveva già fissato una camera,
uscendo dal castello dovetti ripassare davanti ai macellari, e li
rividi che spezzavano le membra del bue le cui interiora fumanti,
appese a un grosso rampino, esalavano un fetore insopportabile. Intorno
ad essi parecchi cagnacci macri e spelacchiati, si mordevano fra di
loro, guaivano e leccavano avidamente il sangue, che sgocciolando dalle
carni macellate scorreva lungo il muro e andava a rosseggiare nelle
pozzanghere. Poco lungi, ai piedi di una statua decollata, due buoi
aggiogati accanto a un baroccio, per null'affatto commossi dalla vista
e dall'odore del sangue fraterno, guardavano con gli occhi tondi ora
i cani ed ora i macellari, e di quando in quando sgretolavano adagio
adagio qualche cannuccia tenera e verde.

                                   *
                                  * *

Nella locanda di Atina ebbi una bellissima stanza piena di luce e
d'aria e tutta rallegrata dal profumo delizioso di molti fiori di
lana, dai canti soavi di molti uccellini imbalsamati e dalla santità
immarcescibile di parecchie generazioni di Gesù bambini di cera. Nel
salire a cotesta stanza, attraversando un corridoio, vidi sopra a una
sedia un cavalletto da pittore.

— C'è un pittore, qui? — dimandai alla locandiera.

— _Sissignore, musiù!_

— E chi è?

— _È 'nu frangese de Pariggi._

— Si può vedere?

— _Certamènte_ — mi rispose la buona donna — _ma mo sta in campagna a
pazzià co' li colori. Lei lo potrete vedere subbito che ritorna._

E difatti _subbito che ritornò_ lo vidi, gli parlai e con mia grande
maraviglia appresi da lui che egli non era francese, ma napoletano; e
con non minore maraviglia ei seppe da me che io ero romano, perchè la
padrona della locanda come aveva detto a me che lui era _'nu frangese
de Pariggi_ così aveva detto a lui che io ero _'nu pariggino de
Frangia_.

A desinare ebbi l'alto onore di avere a commensale un mercante
di grano, un bell'uomo panciuto, espansivo, comunicativo e tutto
risplendente di oro e di brillanti, il quale, dopo di avermi chiesto
molte notizie intorno al papa, al re, alla regina, ai ministri e
al parlamento, mi dimandò se fosse proprio vero che nella piazza di
Colonna _Trojana_ volessero buttar giù la colonna per cercare sotto al
suo piedistallo un tesoro chiuso in una enorme cassa d'argento.

— Eh, pur troppo, mio caro — gli risposi — a quest'ora la colonna sarà
già stata abbattuta.

-_-Ma lei mi parlate sul serio?_ — esclamò il mio uomo, spalancando gli
occhi bovini e percuotendo col pugno robusto la tavola su cui i piatti,
le bottiglie e i bicchieri tintinnarono allegramente.

— Così non fosse! — gli risposi ancora — Così non fosse! — E con queste
parole lo lasciai a digerire il suo pranzo, non che il suo rammarico
per la distruzione _igonoclastica dell'ultimo avanzo della guerra di
Troja_, e me ne andai a passeggiare all'aperto.

Tornando alla locanda, m'ero fermato un momento vicino al tronco di un
vecchio olmo per contemplare le vaghe stelle dell'orsa, scintillanti
sopra il verde glauco di un uliveto, quando mi sentii picchiare
dolcemente sopra a una spalla: mi volsi e mi trovai accanto un omino
sbarbato e profumato il quale, dopo una profonda riverenza, mi disse
con una vocina languida e tremolante: — _Lei, musiù, siete pittore?_

— Qualche volta! — gli risposi. Egli allora sorrise, strizzò gli occhi
e facendo un gesto ambiguo, mi dimandò: — _Vi serve una bella donna di
campagna da dipingere?_

Poco dopo, mentre nella mia stanza io stava dipingendo la _bella donna
di campagna_, nella camera vicina alla mia, ove era il mercante di
grano, intesi risuonare gioiosamente una risata argentina. Non v'era da
dubitare. Il mercante di grano dipingeva anche lui.



IL PIANTO DELLE ZITELLE


I.

Benchè una voce stentorea avesse già gridato più volte: — Partenza!
Partenza! Partenza! — il treno non s'era ancora mosso che i miei
compagni di viaggio, tutti soci più o meno valorosi del Club Alpino, mi
avevano già messo due limoni sulla bocca dello stomaco, un barometro e
un contapassi nei taschini del panciotto, una bussola nella borsetta
del tabacco, e due carte geografiche nelle saccocce della giacca:
due maledette carte geografiche, le quali, quando per disgrazia mia
venivano aperte non c'era più modo di poterle richiudere. Tutto questo
materiale scientifico di cui i miei amici mi avevano infarcito mi fece
pensare subito che io forse m'ero messo con soverchia leggerezza in una
impresa troppo difficile per le mie gambe, e mentre la voce stentorea
seguitava a gridare: — Partenza! Partenza! Partenza! — fui vinto dal
vile pensiero di scendere e di squagliarmi; ma, ohime! proprio quando
il mio pensiero stava per tramutarsi in azione, il treno sussultò,
prese a muoversi piano piano, uscì dalla stazione e principiò a
galoppare per la campagna.

_Alea jacta est_, mormorai fra me e me per darmi coraggio; guardai col
cuore stretto la cupola di San Pietro che correva a nascondersi dietro
gli archi di un acquedotto alla cui ombra riposavano alcuni buoi, e
mi addormentai. I sogni che funestarono il mio sonno furono orribili.
Prima mi parve di essere inseguito da un orso bianco il quale mi
divorava con tutte le carte geografiche e le bussole che avevo indosso,
cagionandomi il grandissimo dispiacere di non saper più da qual parte
orientarmi; poi mi sembrò di essere non so più a quante migliaia
di gradi sotto lo zero e diventare una granita di limone; da ultimo
sognai di cadere da una montagna altissima in una valle bassissima: per
l'effetto della caduta il barometro si spezzava, il mercurio scappava
via e io dietro, di corsa, cercando di raccattarlo col cappello. E la
corsa non fu breve davvero! Figuratevi che io il mio mercurio non lo
potei ripigliare se non nella stazione di Frosinone, ove il treno si
fermò ed io mi svegliai.

Fuori della stazione di Frosinone stavano ad aspettarci due vetture; vi
salimmo, e dopo di aver percorsa una pianura gialla, ove scintillavano
qua e là i falcetti dei mietitori, e di avere attraversato alquanti
colli rivestiti di ulivi, di olmi, di querce e di pioppi arrivammo
in Alatri. Colà ci ristorammo con un piatto di spaghetti eccellenti;
visitammo le mura ciclopiche, eccellenti anche esse; entrammo in
qualche chiesa; ci fermammo davanti agli avanzi di alcuni edifici
gotico-romani; leggemmo due o tre iscrizioni latine; ci riposammo un
momento nel Caffè della Dodicesima Legislatura e ripartimmo subito per
Guarcino.

A Guarcino ci fermiamo in mezzo a una piazza, piena di bambini e di
galline, per dare un po' di respiro ai cavalli; ed io ne approfitto
per avvicinarmi a un omnibus verde, carico di attrezzi da circo,
su cui leggo questa misteriosa iscrizione: _Compagnia Cavallerizza
Colorita_. Accanto all'omnibus verde un cavallo bianco, magro e gobbo
dorme sulle quattro zampe, e due saltimbanchi, curvi su una caldaia
nera, rimescolano una broda giallastra. Quando lasciamo Guarcino il
cielo si copre di nuvole, la pioggia cade e ci segue fino all'Osteria
d'Arcinazzo. Quivi lasciamo le vetture, e mentre il cielo ritorna
sereno, incominciamo a salire pian piano verso Vallepietra. A destra
sotto di noi dal fondo della valle, il cui verde, velato dall'ombra
del giorno morente, incupisce, s'ode venire un continuo rumore d'acque
cadenti. È il Simbrivio, il quale appena nato scende già frettoloso
verso Cominacchio per ivi finire la sua vita breve nelle acque
dell'Aniene. Mentre il Simbrivio scende e noi saliamo per la ripida
via mulattiera, da lontano, fra i rami degli alberi, vediamo brillar
qualche lume. Poco dopo udiamo anche qualche voce e ci troviamo in
mezzo a una torma di pellegrini che sale al santuario della Trinità.

— Da quale paese venite? — dimando a un'ombra, passandole accanto, e
l'ombra mi risponde: — Da Ferentino.

— E quando ci arriverete alla Trinità?

— Domani.

E domani ci arriveremo anche noi; poichè noi non ci siamo mossi da
Roma soltanto per fare dell'alpinismo, o, per esser più precisi,
dell'apenninismo; ma anche per assistere ad una cerimonia sacra e
caratteristica che si celebrerà dopo dimani nel santuario della
Trinità; santuario fondato nel quinto secolo dai monaci di San
Benedetto sur una rupe del monte Autore, poco lungi da Vallepietra, a
mille e trecento metri di altezza. La cerimonia sacra a cui assisteremo
si chiama _Il Pianto delle zitelle_: ed è, a quel che mi dicono,
una rappresentazione della passione e morte di nostro Signore: un
rimasuglio, forse, di quei componimenti ispirati quasi sempre dalla
Bibbia, i quali, come tutti sanno, fin nel più lontano medio evo
venivano recitati prima in forma di dialogo e poi come veri e propri
drammi, e servivano con l'allettamento dell'arte a tener viva nei
cuori la fede nei dogmi e ferma nelle menti la memoria delle leggende
e dei miracoli della nostra religione. Cotesta rappresentazione ha
luogo ogni anno nella domenica seguente alla Pentecoste, e per vederla
migliaia e migliaia di pellegrini si partono dalle città, dai paesi e
dai borghi del Lazio, dell'Abruzzo e della lontana Campania e salgono
al santuario.

Ma il _Pianto_ lo sentiremo piangere dalle zitelle dopo dimani;
per intanto ci lasciamo dietro i pellegrini che salgono il monte
lentamente, cantando di tempo in tempo giaculatorie, e dopo un altro
po' di cammino arriviamo a Vallepietra. È già notte buia. Traversiamo
il paese e andiamo subito a trovar l'arciprete, amico nostro e del
Club Alpino, che gli ha affidato la direzione di un osservatorio
termo-pluviometrico. Egli ci accoglie a braccia aperte, e dopo un
po' di conversazione rallegrata da parecchi bicchieri di un vinetto
squisito e riscaldata da un focherello scoppiettante in un enorme
camino, ci conduce in una stanza, apre una finestra e ci mostra il
suo osservatorio: due vasi di matricaria, un vasetto di basilico,
un cassettoncino di pomidori, un piccolo recipiente di zinco ed un
termometro.

Appena la finestra dell'osservatorio si richiude, la porta della stanza
si riapre e appare ai nostri occhi la figura corpulenta e gioconda del
signor Gazzetti, l'oste di Vallepietra, il quale col più dolce dei suoi
sorrisi ci dà l'annuncio che la cena è pronta e ci invita a seguirlo.
Lo seguiamo subito, ed egli appena è in istrada, prima ci manifesta
tutta la sua allegrezza per aver ottenuto dalla sezione di Roma l'alto
onore di poter fregiare la propria taverna con lo stemma del Club
Alpino Italiano; e poi ci dice che volendo di cotesto onore rendersi
degno ha pensato di recarsi nella prossima estate sulla cima del monte
Velino _da dove si gode un colpo d'occhio impossibile, perchè da una
parte si vede il mare e dall'altra l'istesso_. Noi lo incoraggiamo a
tentare l'ardua ascensione, ed il buon uomo tutto ringalluzzito ci
precede a gran passi, ansando; ma arrivato a una piazzetta, con la
scusa di farci osservare due lunghi pali di faggio, innalzati davanti
a una chiesa, si ferma. I due pali secondo un'antichissima consuetudine
vengono confitti nel terreno dai fanciulli e dai giovinotti del paese,
ogni anno, nel primo giorno di maggio e sono chiamati _Kalendi_. Il più
alto è quello dei giovinotti ed ha sul vertice un ramo di frassino,
l'altro ha la punta ornata da una frasca di ginepro. Sulla piazza
vediamo anche un palazzo nero, e sul cielo palpitante di stelle una
torre quadrata e merlata, costruita sei secoli addietro da un nipote
di Bonifacio ottavo. Torre e palazzo appartennero già ai Caetani, poi
agli Astalli, quindi ai Marefoschi ed ai Piccolomini, e ora sono dei
Troili, i quali ne dividono le proprietà coi topi, coi pipistrelli,
coi gufi e le civette. Il Gazzetti ci fa ancora ammirare, accanto a
una delle finestre del palazzo, una vecchia trave infissa nel muro, la
quale nei suoi bei giorni serviva a distribuire i tratti di corda a
quei vallepietrani che se ne erano resi meritevoli; e poi ci conduce
nella sua taverna, ove finalmente troviamo imbandita la cena, il cui
piatto principale consiste in uno squisito arrosto di vitella con la
barba, ovverosia di capra.

L'oste, servendoci in tavola, non perde una sillaba dei nostri
discorsi, i quali su per giù, ma più giù che sù, si riferiscono a varie
ascensioni e discese di aspre montagne, e ne rimane tanto entusiasmato
da non saper più trattenersi dal confessarci il desiderio suo di salire
il Gran Sasso: e quando la cena è finita egli, salendo col pensiero
anche più in alto, non sa nasconderci la speranza di potere in un
avvenire non troppo lontano recarsi su qualche vetta delle Alpi. Noi
gli auguriamo di gran cuore che le sue speranze si realizzino; beviamo
ancora un bicchiere e usciamo dalla bettola. L'oste ci segue e dopo
qualche passo si avvicina a uno di noi, e trattenendolo per la giacca,
con una circospezione grandissima, gli sussurra all'orecchio che _il
barlometro è di una difficoltà impossibile_.

— Ma non hai letto il libro che ti è stato mandato? — gli chiede il
nostro compagno.

— _L'ho letto_ — ripiglia l'oste, aprendo le braccia — _ma non ci ho
potuto capirci la più piccola parola._

— Vuol dire che non lo hai letto con attenzione. Capirai, sono cose
scientifiche.

— _Ho capito._ — balbetta allora il povero oste. — _Ho capito._ —
E ripetendo fra sè: — _Sono cose scentifiche!_ — ci augura la buona
notte, e si allontana lentamente a testa bassa, cogitabondo.

                                   *
                                  * *

La dolorosa e commovente istoria dell'oste di Vallepietra e del suo
barometro vale la pena di essere tramandata ai posteri non soltanto per
rallegrarli, ma anche per insegnar loro di quanto male sia cagione il
cibarsi del pane della scienza quando non si possegga lo stomaco adatto
a digerirlo.

Qualche mese addietro due alpinisti della sezione romana, scendendo
dalla cima dell'Autore, si fermarono nell'osteria del Gazzetti; e
stanchi ed accaldati com'erano, per godere un po' di frescura, si
tolsero le giacche e deposero sopra a un tavolino due binocoli, una
macchina fotografica, alcune carte topografiche, qualche libro, un
termometro ed un barometro aneroide. L'oste, mentre i due giovinotti
gli chiedevano un po' di vino, di pane e di prosciutto, non seppe
dominare la curiosità di cui gli era cagione la vista dell'aneroide,
e appena ebbe messo dinanzi ai due tutto quello che gli avevano
chiesto, dimandò loro timidamente a qual razza di orologi appartenesse
quell'orologio del quale egli non aveva mai visto l'uguale.

— Ma questo non è un orologio. — gli rispose sorridendo uno dei due
giovinotti, pigliando in mano l'aneroide — Questo è un barometro.

— _Ho capito._ — balbettò l'oste — _Questo è un barlometro._ — E tolto
dalle mani dell'alpinista l'aneroide, dopo di averlo esaminato da ogni
parte con grandissima attenzione, se lo avvicinò agli orecchi, e non
sentendolo palpitare, esclamò: — _Si ha fermato! Bisogna caricarlo._

— Ma il barometro non si carica.

— _Ho capito. Nun se carica, ma però, si lui nun se carica, come
cammina?_

— Ma non deve camminare. — ribattè il giovinotto, e soggiunse, ridendo:
— Basta che cammini quello che lo porta.

— _Ho capito. Nun deve camminà'. Ma però si lui nun cammina che ve ne
fate?_

Allora l'alpinista, incominciando a divertirsi della curiosità del
buon uomo, fra un sorso e l'altro di vino e fra una fetta e l'altra
di prosciutto, prese a spiegargli come il barometro non servisse per
distinguervi le ore, ma sì bene per misurare l'altezza dei monti e per
prevedere il tempo buono e il tempo cattivo, il sereno e la pioggia.

— _Ho capito!_ — esclamò l'oste, spalancando gli occhi — _Ho capito!_ —
E, dopo qualche istante di silenzio, chiese: — _Dunque uno de noi, con
uno de questi giocarelli in mano, lui potrebbe sapé' quando che piove?_

— Potrebbe.

— _E per comprà' uno de questi giocarelli quanto si impiega?_

— Mah, una quarantina di lire.

— _Ho capito. E dove se vendeno?_

— Dall'ottico.

— _Ho capito. Dal lottico._ — balbettò ancora l'oste.

E non fiatò più. Ma da quel momento decise irrevocabilmente che non
appena gli si fosse presentata l'occasione di andare a Roma avrebbe
comperato un _barlometro_. Difatti qualche settimana dopo, avendo
dovuto scendere nell'Urbe per sbrigare alcune faccende, si recò da un
_lottico_ ed acquistò un aneroide. Naturalmente il _lottico_, prima
di consegnarglielo gli spiegò il modo di servirsene; ma alle parole
dell'uomo della scienza l'uomo dell'ignoranza ci badò poco; e tutta
la parte che si riferiva al modo di leggere i diversi gradi delle
altitudini, come gli entrò da una orecchia così gli uscì dall'altra.
Il _barlometro_ non l'aveva comperato per questo! A lui il sapere di
trovarsi un metro più su o un metro più giù importava poco; quello
che gli importava moltissimo era il poter prevedere le variazioni
dell'atmosfera, e, per precisar meglio il suo pensiero, il poter sapere
prima degli altri quando il tempo sarebbe stato bello e quando brutto.
E per capir questo non occorrevano spiegazioni. L'aneroide con la sua
bella lancetta lustra e con le sue belle parole stampate sulla mostra
parlava da sè. E l'oste, sbrigate le sue faccende, se ne partì da Roma
felice e contento.

Ma, ahimè, la sua felicità e la sua contentezza dovette lasciarle per
istrada; poichè lungo il viaggio da Roma a Frosinone e da Frosinone
all'Arcinazzo, benchè il tempo fosse bellissimo, egli vide l'indice
del suo _barlometro_ inclinarsi su quel punto dove si leggeva:
pioggia; e quando arrivò a Vallepietra, mentre il sole cadeva in una
gloria di luce, s'accòrse con sua grande maraviglia che il suddetto
indice non solo era sceso ancora, ma s'era fermato su quella parte
della mostra ove si leggeva scritta a grandi lettere la parola:
tempesta. Come mai? Che l'aneroide si sia guastato? — si domandò il
pover uomo; ma si rispose subito: — Impossibile! — E allora? Allora
come egli aveva dinanzi il _barlometro_, così si pose dinanzi le
corna del seguente dilemma: — Va avanti lui o va indietro il tempo?
Accomodò le cose pensando che l'aneroide anticipasse più di quanto
avrebbe dovuto l'annuncio della burrasca; e, sicuro del fatto suo,
andò attorno profetizzando agli amici e conoscenti che l'indomani
sarebbe stato un tempo da lupi. Tutti credettero che scherzasse, e
qualcuno arrivò perfino a dimandargli se non si fosse impazzito; ma
il profeta, incrollabile nella sua fede, rispose agli increduli: —
_Ce ne riparleremo a domani!_ — E se ne tornò a casa. Quivi riprese
in mano l'aneroide. Segnava sempre: tempesta. Prima di andarsene a
letto esaminò a parte a parte il cielo per vedere se per caso qualche
nuvoletta non incominciasse già a turbare l'immacolata serenità del
firmamento; ma, pur troppo, dovunque ei rivolse gli occhi scrutatori
non vide che un infinito scintillare di stelle. Si coricò e passò la
notte sognando che molti diluvii universali e parecchie cascate del
Niagara gli annacquavano il vino in tutte le botti della sua cantina,
e quando i galli incominciarono a cantare e la prima luce del giorno
nascente fugò le tenebre e i sogni, corse alla finestra, l'aprì e
vide dinanzi a lui tutti i monti che circondano Vallepietra, come un
vasto anfiteatro, alzare le cime azzurre e ridenti nell'aria serena;
vide a poco a poco tutto il cielo divenire di porpora e d'oro; e vide
finalmente sorgere il sole: non il solito sole di tutti i giorni;
ma, direi quasi, un sole festivo: un sole talmente bello, radioso e
abbagliante quale egli non l'aveva mai visto.

E il _barlometro_? Il _barlometro_ segnava sempre: tempesta.

Per cercare di spiegarsi il procedere scandaloso del suo aneroide il
povero oste le pensò tutte; ma non ci riuscì: non ci riusci perchè le
pensò tutte meno una: quella cioè che tali barometri sogliono spostare
il loro indice a seconda dell'elevazione dei luoghi ove vengono
portati: così che se la lancetta del suo aneroide non s'era più mossa
dalla parte ove era stampata la parola tempesta, ciò avveniva perchè
cotesta maledetta parola trovavasi scritta proprio in quel punto
della mostra ove l'indice doveva necessariamente fermarsi per segnare
l'altitudine di Vallepietra.

Tutto quello che il povero oste soffrì per causa del suo barometro ve
lo lascio immaginare.

Alfine, non ne potendo più, pensò di scrivere ai signori del Club
Alpino perchè gli mandassero _una istruzione che fosse bona a far
camminare il suo barlometro, il quale subbito che era arrivato a
Vallepietra, abbenchè il tempo fosse splentito, si aveva fermato con la
sua sfera sulla tempesta e non c'era caso di farlo più movere_.

Un'anima perversa gli mandò un vecchio opuscolo, pubblicato dalla Reale
Accademia dei Lincei.

Il pover'uomo lo lesse, non ci capì nulla; ma concluse che _il
barlometro è di una difficoltà impossibile_.

                                   *
                                  * *

Ieri sera avevo già spento il lume, quando nella stanza vicina alla
mia udii risuonare una voce femminile la quale dimandava che cosa
fosse il _Glubbe Albino_. Dopo qualche istante di silenzio un'altra
voce, maschile, le rispose gravemente così: — _Il Glubbe Albino, cara
Filomena, è una cosa che qui a Vallepietra poco se conosce: ma in
quelle parte dove che lei è conosciuta la conoscheno tutti_.


II.

Il sole è già alto e noi saliamo verso il santuario della Trinità, ove
stanotte dormiremo alla meglio in una capanna, e domani assisteremo
alla sacra cerimonia del _Pianto_ e vedremo le _zitelle_. Quando la
salita incomincia a farsi sentire ci fermiamo dinanzi a certe rocce
dalle quali sgorga un filo di acqua, e sappiamo da un giovinetto di
Vallepietra che il luogo ove siamo si chiama l'Acqua delle Donne.

— Perchè? — gli chieggo.

— _Perchè le donne quanno che loro ritorneno dalla Ternità se ce laveno
sotto pe' devozione._ — mi risponde il giovinetto, ridendo; e appena
ci rimettiamo in cammino mi mostra un'altra sorgente chiamata l'Acqua
Cornetta: e poichè vede l'interesse col quale io l'ascolto, dopo di
avermi additata una cappelletta bianca che porta il nome non molto
poetico di Porco Grasso, si ferma sotto a una quercia sul cui vecchio
tronco nereggia una croce, e mi dice che la _cerqua_ si chiama li
Quarti de Baragà.

Sorpreso della stranezza del nome dell'albero rivolgo all'adolescente
qualche dimanda, e dalle sue risposte riesco a sapere una storia
orribile.

Molti anni addietro un francese, un tal Baragas, sotto _alla cerqua_
vi uccise un pastore per derubarlo. Il francese fu arrestato e portato
a Napoli e colà fu impiccato: poi il suo corpo venne chiuso in una
bigoncia e _spedito_ a Vallepietra, ove il maestro di giustizia, dopo
di averlo squartato ne mise _li quattro quarti_ su la schiena di un
asino, li portò _sulla faccia del logo del delitto_ e li appese ai rami
della _cerqua_ sotto alla quale era stato assassinato il pastore.

Mentre raccoglievo dalle labbra del giovinetto il racconto macabro
alcuni pellegrini che passavano si fermarono dinanzi all'albero; si
inginocchiarono, biascicarono qualche avemaria, buttarono qualche sasso
sulla croce e si allontanarono. Dimandai per qual ragione i pellegrini,
dopo di aver pregato avessero gittato i sassi sulla croce; ma nessuno
me lo seppe dire. Mi risposero tutti: — _Hanno fatto accusì, perchè
fanno sempre accusì_. Immaginai che forse la preghiera fosse per
l'anima della vittima e il sasso per quella dell'assassino, e ripresi
a camminare pensando come ad ogni modo la costumanza dovesse essere
certamente un detrito dell'antichissima _litholatria_. E non mi parve
per nulla affatto strano il veder conservato un tal culto in un paese
ove di sassi ce ne sono anche troppi!

L'arciprete di Vallepietra che ci precede cavalcando un muletto
interrompe le mie meditazioni pietrose, fermandosi per indicarmi una
sua proprietà che ha nome Belvedere. Un burlone gli suggerisce subito
di piantarvi molti cavoli per rivenderne i torsi ai musei. Oltrepassato
il podere dell'arciprete il sentiero ove siamo, girando e rigirando
in un labirinto di rocce, ci porta sul sommo di una altura e di lassù
vediamo in tutta la sua imponenza la rupe gigantesca ai cui piedi
il santuario sembra un giocattolo. La rupe di calcare azzurrino,
macchiato qua e là dal giallo ranciato dell'ossido di ferro, sorge
sul ripido pendio della montagna come una parete enorme, e si inalza
a perpendicolo per circa duecento cinquanta metri. Mentre siam fermi
ad ammirarla ci viene agli orecchi un romore di canti e di grida,
interrotto di quando in quando da qualche fucilata.

— S'ammazzano? — chieggo, ridendo, all'arciprete.

— No — mi risponde serio serio dall'alto del suo muletto il buon
prete — festeggiano la Trinità; — e scotendo il capo mi dice come
cotesto modo di festeggiarla sia spesso cagione di gravi disgrazie,
poichè al rintronare delle schioppettate dalla rupe solcata da enormi
screpolature i sassi cadono sulla folla, sì che ogni anno qualcuno
torna a casa, se pur ci ritorna, con la testa rotta.

Seguitiamo a salire, e a poco a poco sotto alla rupe incominciamo a
distinguere qualche cosa somigliante a un brulicare nero di formiche
intorno a piccoli cespugli: saliamo ancora, e via via i piccoli
cespugli si trasformano in querce, in aceri ed in faggi colossali,
le formiche diventano persone, e ci troviamo in mezzo a migliaia e
migliaia di uomini e di donne di tutte le età, che pregando, cantando,
urlando, e di tanto in tanto distribuendosi a vicenda solennissimi
cazzotti, cercano di avvicinarsi al santuario. Il santuario, non molto
grande, è tutto scavato nella roccia, e per entrarvi bisogna salire
due scalette e passare su un terrazzino; ed è appunto sotto alle due
scalette che la folla s'agita più fitta e più romorosa. Alcuni uomini
armati di fucili provano a mettere un po' d'ordine nella moltitudine
invasata dal furore religioso e dal desiderio di penetrare nel luogo
sacro, ma non arrivano ad altro che ad accrescere il disordine. Quando
dopo una lotta degna di miglior causa io riesco ad avvicinarmi ad una
delle scalette, mi trovo accanto a uno stendardo su cui leggo scritto
a grandi lettere: Compagnia di Anagni. Lo stendardo è sorretto da due
donne e tutti quelli che vi sono intorno strillando: — _Largo! Largo!
Largo!_ — si chinano verso il terreno come se cercassero qualche
cosa. Guardo anch'io ove tutti guardano, e veggo con ribrezzo due
uomini e una donna che andando carponi con la faccia nel fango si
muovono lentamente fra i piedi dei loro vicini. I tre sciagurati hanno
incominciato a camminare con le ginocchia appena han visto da lontano
per la prima volta il santuario, e per mantenere una promessa fatta
alla Trinità, dovrebbero arrivare camminando sempre così fino dinanzi
alla sua immagine miracolosa; ma al primo gradino della scaletta si
fermano e non possono andare più oltre. La folla tenta di animarli coi
gesti e con le parole, li esorta a proseguire e li stimola ad adempiere
il voto; ma i tre disgraziati nello stato di esaurimento in cui sono
non veggono e non sentono più nulla e rimangono immobili. Qualcuno
spruzza sui loro volti un poco di aceto. Tutto è inutile. Allora si
fanno avanti alcuni contadini; li legano con lunghe corde, e uno alla
volta li traggono su in cima alla scaletta come se fossero fagotti di
cenci, e mentre tutti alzando le braccia urlano: — _Grazia! Grazia!
Grazia!_ — li spingono nel santuario, ove li segue tutta la Compagnia.

Poco dopo, vincendo il turbamento cagionatomi da tanta abiezione, li
seguo anch'io e li riveggo inginocchiati dinanzi a un altare chiuso
dentro a una cancellata dalle cui sbarre di ferro pendono fucili,
pistole, stampelle, vesti, grembiuli ed altri oggetti coperti di
polvere messi lì a testimonianza delle «grazie ricevute». I due uomini
coi volti insozzati di fango, col naso insanguinato e con gli occhi
fuori delle orbite agitavano le braccia verso una pittura antica; e la
donna, anche lei col viso imbrattato di mota e con gli occhi sbarrati,
brancicava con le mani luride la tovaglia bianca dell'altare e tossiva;
e ad ogni scoppio di tosse il sangue le usciva dalle labbra escoriate,
le scendeva giù pel collo e le macchiava la camicia. Il resto della
Compagnia era fuori della cancellata. Uomini e donne di ogni età,
tutti ammucchiati in terra uno addosso all'altro pregavano, e di tanto
in tanto, alzando le mani tremule, prorompevano in grida e lamenti
che rintronavano sotto la volta bassa del santuario. Qualche lampada
spandeva un po' di luce giallognola nell'aria densa impregnata di
esalazioni stomachevoli.

Accanto all'altare due preti, seduti comodamente su due seggioloni,
appoggiavano i gomiti sopra a un tavolino su cui erano un gran libro
aperto e un piatto di metallo: il libro per notarvi tutte le messe,
piane o cantate che, a richiesta dei fedeli, dovevano poi celebrarsi
in suffragio dei morti, e il piatto per raccoglierne subito il prezzo
a vantaggio dei vivi.

Difatti non appena qualcuno sorgendo dalla folla prostrata a terra e
genuflessa si approssimava al tavolino, vedevansi i due preti curvarsi
sul libro aperto e udivasi il rumore squillante dei soldi cadenti nel
piatto metallico.

Nel breve tempo che rimasi con la Compagnia d'Anagni io vidi molte
donne appressarsi al tavolino per lasciarvi i loro risparmi nelle mani
dei preti; una fra le altre che oltre ai quattrini vi lasciò anche un
involto. Uno dei preti lo prese con un gesto d'impazienza, l'aprì,
e, scotendo il capo, ne cavò fuori due bellissime trecce di capelli
biondi; le guardò un momento e le porse al suo vicino, e questi a
sua volta le dette a un sagrestano che le appese a una sbarra della
cancellata fra un mazzo di coltelli arrugginiti e una pistola rotta.

— _È robba d'un'ossessa._ — mi disse subito un contadino; e seguitò:
— _Ah, signoria! Si tu l'avessi vista un anno de là! Era la più
bella de lo paese! Era bianca e rossa come 'na rosa! Ibbè? Quanno che
gliu diavolo, Dio ne libbera me, gli entrava in cuorpo e la scoteva,
addoventava 'na pazza! Mo la Ternità gli ha fatto la grazia e lei se ha
tagliato le trecce e ce l'ha donate._

Il contadino aveva appena finito di parlare quando i due preti, alzando
e agitando le braccia, incominciarono a gridare: — _Su, che basta! Jate
fòra!_

Nessuno si mosse.

— _Su, che basta! Jate fòra!_ — ripeterono i preti, e fatti rizzare
per forza i tre inginocchiati dinanzi all'altare li mandarono fuori
della cancellata. Allora si udì squillare un campanello: alcuni uomini
armati di fucili, gridando anche loro: _Fòra! Fòra! Fòra!_ entrarono
nel santuario, e un po' con le buone e un po' con le cattive riuscirono
a fare alzare i pellegrini e a spingerli verso la porta.

Mentre tutti se ne andavano, volgendosi di tanto in tanto a guardare
l'altare, una donna rimasta indietro si trasse dal petto una moneta e
la diede sottomano a un prete.

— _Lassate chesta._ — borbottò una voce: e la contadina fissando
con gli occhi sfavillanti di gioia l'immagine della Trinità andò a
rimpiattarsi nell'ombra.

Uscendo dal santuario m'incontrai in un giovinetto col volto rigato
di sangue. Due contadini lo portavano a spalla e lo seguiva una donna
piangente. Altre donne intorno a lei urlavano: _Grazia!_ _Grazia!_
_Grazia!_ Che cosa era successo? Un sasso, uno di quei sassi dei
quali mi aveva parlato poco prima l'arciprete di Vallepietra, s'era
staccato dalla rupe ed era caduto sul capo del giovinetto facendolo
stramazzare a terra privo di sentimento: l'avevano rialzato ed ora lo
portavano dinanzi alla Trinità. E la Trinità per guarirlo non si fece
pregar molto. Affaccendata in tante faccende sbrigò le cose alla lesta!
Difatti poco dopo, ripassando davanti al santuario, l'adolescente
moribondo lo rividi in ottima salute: stava genuflesso devotamente e
pregava con le mani giunte; e un vecchio gli tagliava i capelli intorno
alla ferita bagnandogli di tanto in tanto la testa con un cencio
intriso d'acqua santa.

                                   *
                                  * *

La folla aumenta sempre. I pellegrini arrivano a torme da tutti i
sentieri che dal fondo delle valli salgono al santuario, e le Compagnie
si seguono una all'altra continuamente. Ogni Compagnia appena è giunta
alla meta sospirata del suo viaggio si sceglie sotto gli alberi o
fra le rocce al riparo dal vento il luogo dove passare la notte, e vi
innalza subito una catasta di legna, il cui fuoco dovrà difenderla dal
freddo. Sulla costa del monte, che pende sotto ed intorno al santuario,
di coteste cataste formate per lo più di bellissimi e robusti rami di
querce, di faggi e di carpini, tutte coronate da una croce, ve ne sono
a centinaia, e accanto ad esse s'aggruppano migliaia di pellegrini.
Alcuni vinti dalla fatica del lungo cammino col capo posato sui loro
fagotti di cenci dormono; altri mangiano avidamente _pane ruscio_ e
formaggio o masticano guainelle e lupini; qualcuno rallegra i compagni
col suono della cornamusa; qualche donna cava da una cesta di vimini
piena di stracci un bimbo, lo bacia, se lo porta al seno e lo allatta;
i più, eccitati dal fervore religioso e felici di trovarsi finalmente
accanto alla _casa addove abbita la Santissima Ternitane_, cantano con
le voci rauche e gutturali preghiere monotone senza mai fine.

Dopo di aver girato qua e là fra la folla dei pellegrini, mi rifugio
in una capanna, costruita dalla sezione romana del Club Alpino
addosso alla rupe, poco lungi dal santuario, per cercarvi un po' di
riposo, e ci trovo invece diversi preti che stanno prendendo le ultime
disposizioni per la festa di domani.

La capanna è, si può dire, il quartier generale della preterìa:
ovunque, sulle panche e alle pareti vi sono fiori di carta e di talco,
fasci di candele, arredi sacri, stendardi, croci e alcuni fucili, senza
dei quali in questi paesi pare che non sia possibile di celebrare
nessuna festa nè religiosa nè profana. Di tempo in tempo qualche
_festarolo_, cioè qualcuno di quei contadini _grassi_ i quali si
assumono la direzione e l'impegno pecuniario della festa, entra nella
capanna e va a confabulare coi preti. A uno di cotesti contadini uno
dei preti dimanda: — Come va la cera?

— _Nun c'è male._

— E le messe?

— _Ringraziamo Iddio; se potemo cuntentà'._

— E per il Pianto è pronto tutto?

— _Tutto! Ogni cosa è al suo ordine._

Un altro _festarolo_ si affaccia alla porta, guarda dentro e alzando un
dito si avvicina a un prete dicendogli: — _Don Luviggi! Una parola!_

— Che vuoi? — chiede _don Luviggi_; e il contadino gli si avvicina
ancora e gli dice abbassando la voce:

— _C'è 'nu peccatore che vo' la confessione._

— Ma questo non è il momento! — esclama il prete alzando le spalle.

— _Don Luviggi!_ — ripiglia subito il contadino aprendo le braccia —
_Don Luviggi! Quello tiene 'nu mazzo de cera accusì!_

— Be', allora digli che aspetti: intanto piglia la cera — ordina il
prete; e il _festarolo_ esce, e poco dopo rientra con un fascio di
candele.

Appresso a lui viene nella capanna un omicciattolo barbuto, una
specie di gnomo con un cappellaccio da prete sul capo ricciuto e con
un vecchio mantello color tabacco sulle spalle. È il romito che vive
quassù ed ha in custodia il santuario. Egli appena mi vede mi presenta
una scatola di latta facendovi ballare i soldi che vi sono dentro, e
guardandomi con gli occhietti furbi mi dice: — _Signò', stamo tutto
l'anno qua per aspettà' 'ste giornate!_

Uno dei preti lo guarda sorridendo e gli domanda:

— Come va?

— _Oggi va 'nu poco moscio: speramo a domani._

Il romito finisce per interessarmi e gli rivolgo qualche parola; ma
appena egli incomincia a rispondermi son costretto a lasciarlo, poichè
i miei compagni mi mandano a dire che mi aspettano per andare sulla
cima del monte. I miei amici, che son tutti intorno alla guida, un
omino piccolino, ma con tanto di fucile in spalla, quando mi veggono
da lontano prendono subito a camminare, ed io li raggiungo e li seguo.
Dopo non molto in un luogo chiamato il Campo della Pietra ove troviamo
la neve, sentiamo suonare la marcia dell'_Aida_, e vediamo da lontano
uno stendardo sotto cui si muovono molte persone le quali sulla bella
distesa bianca sembrano tanti bacherozzoli. Lo stendardo si avvicina, e
vi leggiamo scritto disopra: Compagnia di Riofreddo. I pellegrini han
lasciato ieri l'ameno paesetto che piglia il nome dal gelido ruscello
il quale separa la provincia romana dalla Marsica; han camminato tutta
la notte ed ora scendono al santuario. Una vecchia è innanzi a tutti
seduta su un somaro e canta; quattro musicanti in uniforme militare la
seguono e suonano; gli altri affondando i piedi nella neve, camminano
e pregano. Li lasciamo passare; poi, quando i canti, i suoni e le
preghiere si spengono nella lontananza ripigliamo la salita; arriviamo
al Fosso dei Volatri, e ci fermiamo. Quivi l'omino che ci accompagna
mi viene accanto e indicandomi con un largo gesto il luogo in cui
siamo mi dice: — _Qua mo ce sta la neve, e lei, signoria, nun potete
vedere gnente; ma, si lei vieni qua nel tempo che la neve è finita, lei
vederessi una cosa che te piacerebbe assai!_

— Cioè? — gli domando ridendo, ed egli per tutta risposta scava un po'
di neve, discopre un tronco di faggio pieno di acqua congelata, e me
lo mostra dicendomi: — _De chesti scifi sai quanti ce ne stanno qua
sotto? Centinara!_ — Poi spezza il ghiaccio che vela la superficie
dello scifo e soggiunge: — _Nell'està' a chesti scifi ce vengheno a
béve' le bestie, e si lei puro vòi beve', sentirai che quest'acqua è
più fredda de la neve._ — Bevo un sorso dell'acqua gelata e mi affretto
a raggiungere i miei compagni in un bosco di faggi altissimi sotto i
quali si deve camminare con molta attenzione per non mettere i piedi
fra i ramponi aguzzati di qualche tagliuola preparata per prendere i
lupi, ma disposta, se mai le capitano, ad agguantare anche gli uomini,
e poco dopo arriviamo sulla cima del monte dove godiamo una vista
maravigliosa. Già, l'Autore per se stesso è bellissimo: densi e verdi
boschi di faggi secolari lo rivestono quasi tutto; vasti e pingui
altipiani, alcuni dei quali come quelli di Camposecco di Livata e
dell'Ossa, sono sui mille e cinquecento metri di altezza, lo allietano
con la loro verdura; ed è ricchissimo di acqua. Tutti i rivi cadenti
nell'Aniene spumante e veloce sono dell'Autore e si può dire che a Roma
è lui che dà da bere: l'acqua Marcia è roba sua.

Ma la vista che si gode dalla sua cima è maravigliosa! Tutte le
montagne più alte dell'Appennino centrale: il Vettore, il Gran Sasso,
il Velino, la Majella, il Cotento, il Viglio, il Sirente, il Fanfilli e
la Semprevisa; gli sorgono intorno e par che si affaccino su gli altri
monti per ammirarlo. E l'ammiriamo anche noi, mentre gli stiamo seduti
sopra con la schiena appoggiata a una torretta di sassi; ma poi quando,
come tutte le cose umane, la nostra ammirazione finisce, ci alziamo; ci
grattiamo la schiena indolenzita e incominciamo la discesa. Scendendo
io rimango colpito dall'allegrezza dei miei compagni; e allorchè
osservo la gioia che provano nel levare i loro piedi dalle rocce aride
e dure e nel posarli su l'erbetta verde tenera e fresca di un umido e
dolce declivo vagamente fiorito di trifogli, di genziane, di verbene,
di primule e di orchidee, e tutto odoroso di mentastri e di salvie,
di maggiorane e di timi, comincio a pensare che l'uomo non è stato
creato per salire, ma per discendere, e finisco col credere che se egli
qualche volta si sobbarca alla dura fatica di arrampicarsi su un monte
lo faccia per procurarsi oltre a tanti altri piaceri anche il piacere
grandissimo di ritornarsene subito al piano.

                                   *
                                  * *

Prima di arrivare al santuario c'incontriamo in un bel vecchio vestito
di una larga palandrana e col capo canuto ricoperto da una berretta di
panno verde, il quale, segando le corde di un violoncello più antico di
lui, canta con un filo di voce lamentosa una lunga canzone. Egli sta
sotto a un alto faggio i cui rami fronzuti e dorati dal sole cadente
si stendono su alcuni scogli enormi coperti da un morbido tappeto
di musco. Gruppi numerosi di pellegrini lo circondano e lo stanno a
sentire. Quando l'aedo ha finito di cantare appoggia lo strumento
al tronco annoso del grande albero, cava da una borsa di pelle un
pacco di canzoni stampate, si leva la vecchia berretta, e le offre _a
lor signori dietro il modesto compenso di un solo e semplice soldo,
cadauna_. Due ne vende e due ne compero.

La prima che ha per titolo: «Canzone in lode della S. S. Trinità che si
venera sulle montagne di Vallepietra», incomincia così:

    Ti confesso in tre persone
      Tutte e tre in un'essenza
      Tutte e tre d'una potenza
      Tutte e tre d'una maestà.

E prosegue narrando «un gran prodigio operato di recente» dalle
sullodate tre persone. Ma sarà meglio di lasciar parlare il Poeta.

    Si trovava sopra un poggio
      Con i bovi un buon pastore
      Quando un forte e gran rumore
      Tutto quanto il rivestì.

    E li bovi furon presi
      Da sì forte e gran paura
      Che cadendo da l'altura
      Nell'abisso cadder giù.

    A tal vista il meschinello
      Si rimase afflitto e muto
      Che credea d'aver perduto
      Il suo paio d'animal.

    Chi narrar la meraviglia
      Può che s'ebbe quel villano
      Quando vidde giù nel piano
      I suoi bovi pascolar?

    Egli allora ambe le palme
      Verso il ciel levò la mente...

e ringraziò la SS. Trinità; ma, non aveva finito di ringraziarla, che

    Vide, il dico? Tre persone
      Tutte e tre d'una statura
      Tutte e tre d'una figura
      Tutte e tre d'una beltà.

    Egli attonito a tal vista
      Cade a terra come morto
      E parea che il beccamorto
      Lo dovesse sotterrar.

Ma appena gli riesce di alzarsi e di tornare «in se stesso» vede

    Da quei duri ed alti scogli
      Scaturir viva sorgente
      D'acqua pura che repente
      In gran copia si versò.

E allora

    Va di corsa a quel paese
      E racconta il caso strano
      Il qual nulla avea d'umano
      Ma era opera del ciel.

    E a tal nuova, quelle genti
      Colà vanno in processione,
      A lodar le tre persone
      Che degnaronsi mostrar.

    E al vedere che quell'acqua
      Scaturisce da un gran masso
      Resta ognun come di sasso
      Per sì grande novità.

    E quell'acqua, non la sete
      Spegne sol, ma ancora i mali
      I più acerbi e più fatali
      che fan guerra al miser uom.

La seconda canzone è di un altro genere, ma può stare degnamente
accanto alla prima. In essa si tratta niente di meno di S. Anna
benedetta, la quale «paga tre mesi di pigione»

    A tre povere figlie
      Afflitte e sconsolate
      Che n'ebbero restate
      Prive di genitor.

Una cosa da intenerire un macigno!

    Piangevan le figliuole
      Il cor più gli s'affanna
      — Fatelo per S. Anna.
      Di qui non ci scacciar.

    Ed il padron gli disse
      Non serve più lamento
      Voglio l'accasamento
      Ad altri appigionar.

Allora le tre povere figlie, vedendo che dal loro padrone di casa non
c'è da sperar nulla, decidono di andarsi a raccomandare a S. Anna:
escono «dall'accasamento»

    E mentre che camminano
      La più grossa zitella
      Entra nella cappella
      Che incontro al mare sta.

    Dicendo all'altre due
      Sorelle più minore
      — S. Anna di buon core
      Qui la vogliam pregar.

    Ne furono inginocchiate
      Disser: — Sant'Anna mia
      Aprici tu la via
      Come possiamo far.

    Schiudeci a noi le porte
      E manda in conseguenza
      La santa provvidenza
      Per potere pagar.

Insomma, mentre le tre povere zitelle sono «nella cappella che incontro
al mare sta», S. Anna va «all'accasamento» del padrone di casa «barbaro
e inumano» e

    Picchiando quella porta
    Gli dice voglio entrar.

Il padrone di casa apre l'uscio, e Sant'Anna, gli domanda subito:

    Signor padron di casa
      Dite, quanto avanzate?
      Di pigioni arretrate
      Ve le voglio pagar.

    Tirate presto il conto
      E più non dubitate.
      Le pigioni arretrate
      S. Anna le pagò.

Ma il «signor padron di casa» il quale se è «barbaro e inumano» è anche
un ometto che ama di fare le sue cose con regolarità scrupolosa, dopo
di avere intascato il denaro, si volge a S. Anna e le dice: —

    Per farti ricevuta
      Di quanto tu hai pagato.
      Il nome ed il casato
      Qui bramo di saper.

Ed essa gli risponde: —

    Anna delle Marie
      Io mi faccio chiamare,
      Sto di casa accanto al mare.
      Che sopra al monte sta.

    E in quell'istante istesso
      Divenne tutta d'oro,
      Sant'Anna, con decoro.
      Dagli occhi suoi sparì.

    Ed il padron di casa
      Restò meravigliato.
      — Sant'Anna mi ha pagato!
      Esclama con ragion.

    Così, tutto contento.
      Diceva andando via:
      — Sant'Anna in casa mia!
      Oh, che felicità!

Ed ora, se permettete, vado a pregare S. Anna per conto mio.


III.

Albeggia. Dal fondo oscuro della valle, ove s'ode crosciare il
Simbrivio, leggieri strati di nebbia salgono a poco a poco a velare
la rupe colossale, che, poggiato il capo enorme sul cielo, pare che
dorma. Il piccolo santuario veglia e prega. Tutte le grandi cataste
di legna le cui belle fiamme durante la notte allietarono il monte
di luce e di calore sono diventate mucchi di cenere bigia sui quali
cigola qualche tizzone moribondo. Qua e là fra le rocce e i sassi,
fra l'erba e gli alberi, fin dove lo sguardo può andare, non si vede
che gente distesa, immobile e immersa nel sonno. Di quando in quando
però qualche dormiente offeso dal freddo si sveglia, rabbrividisce, si
accosta alla cenere, vi allunga il piede e ne fa scaturire un nastro
di fumo azzurro, che sale a perdersi nel cielo ove tremano ancora le
stelle. Due carabinieri seduti su un fascio di paglia, davanti a una
fragile baracca di tela, dalla quale si spargono intorno nauseabondi
effluvii di cose fritte nell'olio, bevono, fumano, sputano e parlano
un dialetto dell'Alta Italia. Appena mi mettono gli occhi addosso mi
salutano e sorridono, come se volessero dirmi: — Anche lei, quassù?
— Dietro alla baracca, da un luogo chiuso con frasche di dove viene
odor di letame, esce di tanto in tanto e risona allegramente qualche
nitrito. All'improvviso sotto i rami folti di un bosco di faggi scoppia
una fucilata, e subito dopo una voce rauca grida: _Evviva la Santissima
Ternitane!_ Altre grida ed altre schioppettate le rispondono, e uno
stormo di uccelli neri lascia, schiamazzando, la sommità della rupe,
gira due o tre volte su gli alberi, che incominciano a muovere le
foglie, e s'allontana verso l'oriente ove principia già ad apparire il
roseo color dell'aurora.

Mentre, badando a non pestare quelli che dormono ancora, cerco di
avvicinarmi al santuario, dalla cui porta spalancata e illuminata
viene un canto lento e monotono, da una porticina fra le scalette veggo
uscir fuori due contadini. L'uno e l'altro camminano come se fossero
ubriachi, girano intorno gli occhi afflitti dalla luce del giorno, e
con le mani tremanti tentano di nettarsi gli abiti fradici d'acqua e
insudiciati dal fango.

— Che cosa c'è là dentro? — dimando a uno di loro, indicandogli
il luogo da dove sono usciti; ed egli alzando la faccia pallida e
lagrimosa e battendo i denti per il freddo balbetta: — _Signò', là
dinto ce stavo li sotterranei benedetti._

Mi approssimo alla porticina dalla quale emana un fetore insopportabile
di cose putrefatte, e facendo forza a me stesso vi entro e mi trovo
in una cantina, dove un filo di luce bianca, attraversando le sbarre
nere di una inferriata e strisciando sulle pareti ricoperte di muffa
verdognola, illumina fiocamente alcune ombre giacenti nel fango sotto
l'acqua che sgocciola dal soffitto.

— Che diamine state a fare qua dentro? — chieggo a una di coteste
ombre, e l'ombra aprendo lentamente le braccia mi risponde: — _Signò',
tengo li dolori pe' l'osse; nun pozzo chiù lavora': tengo moglie e
figli piccerilli; so' poverello e voglio la grazia dalla Santissima
Ternitane!_

                                   *
                                  * *

Appena il primo raggio del sole nascente orla di un filo d'oro le
cime azzurre dei monti lontani, i pellegrini si adunano a poco a poco
intorno a uno scoglio, sul quale, fra il formicolare della folla,
davanti a una immagine sacra si veggono brillare sei candelieri di
argento.

— Che cosa succede? — dimando.

— _J'esce la messa._ — mi rispondono più voci ad un tempo. Difatti,
annunciato dallo squillare di un campanello, un sacerdote vestito
di una pianeta d'oro appare su la porta del santuario, e preceduto
da un uomo col fucile in spalla, che gli fa largo, e seguito da un
chierico col messale, si avvicina all'immagine sotto cui è una pietra
consacrata, e incomincia a celebrare. Il momento della elevazione,
quando egli rimane immobile col simbolo del sagrifizio alzato sulla
moltitudine tutta prostrata ai suoi piedi e tutta raccolta in un
silenzio profondo, è proprio di una solennità incomparabile. Ma
è un momento; poichè non appena il prete si apparecchia a dare la
comunione, intorno a lui scoppia un tumulto indescrivibile. Uomini e
donne, impazienti di avvicinarglisi, cercano di sopraffarsi in tutti i
modi, e, pur di arrivare ad ottenere la sacra particola, si ricambiano
non solo molte cattive parole, ma anche molti buonissimi fatti, cioè
scapaccioni, urtoni, calci, spinte, pugni ed altre simili tenere
carezze, e se le ricambiano con tanto calore profano e con così vivo
fervore religioso che alcuni contadini coi fucili in pugno, schierati
innanzi all'immagine per regolare la distribuzione del pane eucaristico
non riescono a tenere indietro gli affamati. Quando Dio vuole, la
messa finisce e il prete s'allontana. Nessuno si cura più di lui e
tutti si danno alla ricerca di un buon posto per vedere il Pianto e le
_zitelle_.

I posti migliori sarebbero certamente quelli nel breve spazio davanti
al santuario; poichè sulla sua terrazzina avrà luogo la funzione;
difatti tutti vorrebbero occuparli; ma i più non potendo riuscirci,
si rassegnano ad adattarsi dove e come possono, e si arrampicano
sulle sporgenze e nelle fenditure della rupe; salgono sugli alberi;
si appollaiano fra gli scogli e le rocce; s'accoccolano fra le
balze e i greppi; montano sopra le sedie, le panche e le tavole;
s'aggrappano alle armature delle baracche; insomma, si accomodano dove
e come possono farlo meglio, e aspettano con una pazienza esemplare.
E l'attesa non è corta! Alfine s'ode uno scoppiettio, e tutti si
volgono dalla parte donde viene il rumore, e gridando: — _Èssele_!...
_Èssele_!... _Vèneno_!... _Vèneno_!... — si additano a vicenda un
punto della valle in cui si vede una nuvoletta di fumo. Poco dopo la
nuvoletta si dilegua, e sul verde smeraldino di un prato lontano appare
qualche cosa che si muove e biancheggia. È il _Pianto_. La processione
viene da Vallepietra, e, ora nascondendosi sotto al verdeggiare degli
alberi, ora camminando fra le rocce ignude, sale a poco a poco il dorso
della montagna e s'avvicina al santuario.

Innanzi a tutti s'avanzano parecchi contadini vestiti di festa e armati
di fucili. Di quando in quando essi si fermano e caricano gli schioppi;
poi, gridando e agitando i cappelli ornati di fettucce multicolori, di
fiori e di pezzetti di talco scintillanti, sparano e scompaiono sotto
un velo di fumo. Dietro ai contadini ondeggia uno stendardo: lo precede
un vecchio suonando il tamburo e lo seguono alcuni fanciulletti coperti
di risplendenti tuniche argentee e con le ali di cartone indorato su le
spalle, i quali di tanto in tanto affondano le manine in una canestra
sostenuta dal più grandicello fra loro, ne traggono rose, violette e
manciate di fiori di ginestra e le spargono, sorridendo, su la folla
inginocchiata. Una ventina di giovinette viene appresso ai fanciulli.
Sono le _zitelle_ che piangeranno il _Pianto_. Abbigliate di abiti
bianchi ricamati a fiori d'oro e d'argento e addobbate di lunghi veli
candidi esse incedono a due a due, lentamente, in silenzio, a capo
chino, tutte con la mano sinistra posata sul cuore, e reggendo con la
destra un simbolo della Passione. Dopo di loro sorretta da una diecina
di adolescenti, passa una bara adornata di fiori su cui sta disteso
il simulacro di un Cristo morto, scolpito e dipinto così bene che,
come dicono tutti, pare vivo. Due chierici con gl'incensieri, qualche
prete, cinque o sei musicanti, i quali, quando il sentiero non è troppo
erto, danno un po' di fiato alle trombe, e un gruppo di _festaroli_,
sorreggendo i doni da offrirsi alla Trinità, seguono la bara; e un
drappello di contadini, simile in tutto a quello che l'apre, chiude la
_pricissione_, mescolando di tanto in tanto il fumo puzzolente dei suoi
fucili a quello odoroso dei turiboli ondeggianti e rilucenti al sole
nelle mani dei chierici.

La _pricissione_ s'apre il cammino fra la calca, giunge al santuario,
e vi entra. Le grida, i canti, i suoni e le schioppettate cessano, e
quando due chierici vengono ad ornare il davanzale della terrazzina con
un tappeto giallo, il silenzio è tale che s'odono soltanto i piccoli
gridi delle rondini volanti intorno ai nidi innumerevoli, attaccati
alla rupe, ormai tutta quanta illuminata dal sole: non altro. Appena
i chierici se ne vanno, un prete con la persona magra ricoperta di
una bella cotta candida e pieghettata e con un libro sotto al braccio
esce dalla porta della chiesuola. È il suggeritore. Egli si ferma un
momento a guardare dall'alto la moltitudine, che giù da basso, immobile
e silenziosa guarda lui; si appoggia con le spalle al muro; apre il
libro; fa un cenno con la testa; e la rappresentazione incomincia.

Tre _zitelle_ si fanno avanti adagio adagio; s'inchinano e si mettono
a cantare una specie di prologo che s'inizia con questa invocazione:

    Sant'Amore in noi venite
    E del vostro dolce affetto
    Riempite il nostro petto
    Nè da noi giammai partite.

Tutti le ascoltano con piacere e salutano la loro partenza con un lungo
mormorio di approvazione. Poco dopo vien fuori un'altra _zitella_
avvolta in un manto turchino, tenendo in mano un calice di legno
dorato; descrive con parole strazianti gli spasimi di Nostro Signore
nell'orto, e finisce col dire che il Nazareno

    In terra cade per dolore interno.

Due giovinette la seguono. La prima ci fa vedere due gomitoli di
cordicella, e ci dice che quei gomitoli sono le corde con le quali
fu legato il Salvatore; e la seconda, presentandoci un guanto bianco
imbottito di bambagia ci fa sapere che quel guanto, niente di meno, è
la mano che ha schiaffeggiato Gesù; e prima di andarsene, alzando il
guanto perchè tutti lo veggano, canta:

    Destr'empia che rendesti sì dolente
    Quella faccia divina e più che umana
    Maledetta sarai eternamente.

Appresso alle due giovinette ne viene una terza, sostenendo una corona
di spine, e principia subito a recitar la sua parte; parla bene, ma
nel meglio s'impappina, ammutolisce e scoppia in un pianto dirotto. Il
prete stacca le spalle dal muro, le si accosta e cerca di rimetterla
sulla buona via; ma la poverina non ci va. La folla s'agita e mormora,
e un contadino che mi sta accanto, tentennando il capo, osserva con
voce severa che _quanno uno nun tene fritto non si àve da espone'_!

Tre belle ragazze nel pieno vigore della loro sana e gagliarda
giovinezza fan dimenticare subito a tutti il pietoso incidente. Le
ragazze, appena incominciano a muovere le labbra rosee, ci dicono con
nostra grande maraviglia che esse sono Erode, Pilato e il Cireneo; e
come se fossero proprio il buon Simone di Cirene, il noto prefetto
romano e il ferocissimo sire della Giudea, rimangono tutte e tre a
ragionare seriamente fra loro, e poi se ne vanno, cedendo il luogo
ad alcune fanciullette, che ci portano a far vedere tre cimelii
preziosissimi: una canna, tre chiodi e una lancia. Dopo l'esposizione
dei cimelii entra in scena la Veronica, e appresso a lei si fa innanzi
un'altra femina che alzando le braccia e sporgendosi col seno fuori del
terrazzino grida con la voce squillante:

    È morto Gesù Cristo e non v'inganno.

All'orribile annuncio s'ode qualche singulto, e la messaggiera, dopo di
avere eseguita una controscena che le ottiene l'approvazione unanime,
lascia il posto a una strana e misteriosa figura muliebre col volto
nascosto sotto un fitto velo nero, coperta da un manto rosso ed armata
di una lunga spada brunita, lampeggiante al sole. È Giuda! Appena essa
senza dire una parola si allontana, seguìta da qualche commento ostile,
una zitella di grandi forme si avanza maestosamente reggendo una croce
di legno: rimane per qualche istante con la testa bassa come se tosse
trafitta dal più profondo dolore; poi, alzando un braccio in atto di
comando e volgendosi verso il santuario, esclama:

    O angeli correte assai veloce
    Di Gesù Cristo a sostener la croce.

Quattro bambini, con le ali di carta indorata tremolanti sulle loro
tenere spalle, escono subito saltellando dalla chiesuola, si appressano
alla donna, le si aggruppano intorno e rimanendo immobili in varii
atteggiamenti studiati, formano insieme con lei un quadro vivente che
tutti quanti ammirano e lodano. Quando il quadro se ne va, la folla
passa rapidamente dall'ammirazione all'impazienza e comincia a dar
segni visibili di una commozione vivissima: ondeggia come un campo
di biade mosso dal ponente, s'increspa come la superficie di un lago
sotto la brezza mattutina, e ritorna immobile; ma nella sua immobilità
ci si sente l'annuncio di qualche cosa di grosso che sta per accadere:
difatti mentre tutti son fermi e ritti sulle punte dei piedi, quelli
intorno a me io li sento esclamare: — _Èsselo veh_!... _Èsselo veh_!...
_È isso_!... _Mo vène_!... _Mo arriva_!...

— Chi arriva? — dimando a una contadina.

— _Gliu Cristo de la bara_! — mi risponde subito la donna con voce
tremante; e, stringendosi al seno un bambino, si volge con gli
occhi lustri per la tenerezza verso il santuario dalla cui porta
escono quattro giovinette, reggendo i lembi di un lenzuolo bianco
che rappresenta anch'esso la sua parte, quella di sacra sindone. Le
adolescenti vengono avanti pianino pianino, in silenzio; e la folla le
accoglie silenziosamente; ma quando si accorge che nel loro lenzuolo
c'è dentro _gliu Cristo de la bara_ non sa trattenersi dal salutarlo
con le stesse parole e con gli stessi gesti coi quali il pubblico di
una arena saluterebbe l'entrata in scena del suo attore favorito.

Le quattro giovinette incominciano a cantare, e la folla, dopo di aver
manifestata con un lungo mormorio la propria soddisfazione, si accheta
per ascoltarle; ma appena esse cavan fuori dalla sacra sindone il
simulacro del Cristo morto e piagato, scoppia in un urlo formidabile
che rintrona sotto la rupe colossale. Allora tutti i fucili sparano
insieme; le detonazioni interminabili di centinaia e centinaia di
mortaletti rimbombano nelle forre della montagna, e il cielo, le rupi
e gli alberi si velano di un fumo acre e soffocante entro cui migliaia
e migliaia di uomini e di donne, di vecchi e di fanciulli presi
tutti da una follia spaventosa gridano, battono le mani, gittano i
cappelli in aria, sventolano i fazzoletti, le sciarpe e le giacchette,
s'inginocchiano, baciano la terra, si contorcono, ed eccitandosi a
vicenda si abbraccian fra di loro, piangono, ridono, tendono le mani
verso l'immagine miracolosa dicendole parole insensate, ed anche
ingiurie; e seguitano così per un pezzo, fino a quando, mezzo stroncati
dalla tensione eccessiva dei nervi e stremati di forze, non cadono a
poco a poco inerti, insensibili e istupiditi in una calma bestiale.

Il fumo delle schioppettate e dei mortaletti si dilegua e una donna,
l'ultima delle _zitelle_, s'affaccia al parapetto del terrazzino,
recita in fretta pochi versi di commiato e rientra subito nella
chiesuola. Il prete chiude il libro e la segue. Allora alla
rappresentazione sacra tien dietro un'altra profana; poichè tutta la
gente volta immediatamente le spalle al santuario e si allontana con
tanta rapidità che, in brevissimo tempo, i luoghi ove si accalcavano
tante migliaia e migliaia di persone rimangono deserti: e tutto il
dorso del monte si vede istantaneamente gremito da torme interminabili
e variopinte di pellegrini, che simili a fiumane vorticose, invadendo
i sentieri e le scorciatoie, scendono al piano cantando e portandosi
via lunghi rami frondosi di faggio, ottimi per bacchiare le noci e
le mandorle; orciuoli rilucenti pieni d'acqua benedetta, eccellente
per estinguere la sete e le tentazioni del demonio; e fasci di erbe
aromatiche verdi e fiorite, raccolte intorno alla _casa addove abbita
la Santissima Ternitane_, e da servire all'occasione come rimedio
infallibile contro le insidie di quei mali «che fan guerra al miser
uom».

Finchè lo potei, io seguii con lo sguardo commosso le turbe che
divenivano via via sempre più piccole e sempre più lontane; e quando
le vidi sparire nell'ombra della valle pensai che come le nubi salgono
sui monti per ivi disciogliersi in pioggia e ritornare al mare, così
quei pellegrini dopo di esser saliti sulla montagna ora ricalcando la
via per cui eran venuti se ne scendevano ai loro paesi per ritornare
nel gran mare delle fatiche penose e delle tribolazioni infinite; nel
gran mare del dolore, ove la più gran parte di loro non avrebbe mai e
poi mai avuto la speranza di un porto!

                                   *
                                  * *

Prima che il santuario venisse chiuso vi rientrai; e mentre un chierico
si affaccendava a riporre in un cassone alcuni arredi sacri, potei
osservare con agio l'affresco sopra all'altare. Esso rappresenta la
Trinità, e mi pare curiosissimo, perchè il mistero fondamentale e
impenetrabile della nostra santa religione non è raffigurato come
al solito da un vecchio, da un giovane e da una colomba; ma da tre
persone, le quali, come dice benissimo la lauda che comperai dal
vecchio aedo, sono:

    Tutte e tre d'una statura,
    Tutte e tre d'una figura,
    Tutte e tre d'una beltà.

Cotesta immagine della Santissima Trinità non odora un po' d'eresia?
Forse. Ma, ad ogni modo se la Chiesa la tollera, non veggo per qual
ragione non dovrei tollerarla anch'io. Alcune pitture raffiguranti
varii episodi della nostra Redenzione adornano le pareti del santuario,
e secondo il parere di chi se ne intende o finge d'intendersene,
dovrebbero risalire fino al settimo secolo, ma non glie la fanno, tanto
son deturpate dai restauri; tuttavia fra quelle pochissime riuscite a
salvarsi, non so come, dalla scopa del restauratore, potei osservare
l'immagine di un fraticello pieno di grazia, di sentimento e di
iscrizioni lasciategli addosso dai suoi ammiratori. Altre iscrizioni
scarabocchiate col carbone o incise con una punta nell'intonaco vidi
anche sparse qua e là sulle mura: talune in greco, molte in latino e
la maggior parte in italiano, più o meno italiano. Mentre il chierico,
fischiando, seguitava a riporre gli arredi sacri nel cassone, ne lessi
parecchie e ne ricopiai queste tre:

        Hic fuit Antono Batista de
              Talacozzo     12 de Austo
                                 1536
        Hic fuit sacerdos
              Joannes de Cellis
                    sub Alino 1491
                             dic. XV.
        Hic fuit Antonius Malosius
          1402      die ... Januarij.

Sazio alfine di iscrizioni e di pitture, di pellegrini e di preti,
di Trinità e di Redenzioni lasciai il santuario e me ne andai a far
quattro passi lungo il sentiero che costeggia la rupe. Camminavo già da
qualche tempo in mezzo a un incanto di odori e di colori, respirando un
puro e fresco venticello di ponente, quando una qualche cosa che vidi
biancheggiare sotto un groviglio di rovi e di sterpi mi fermò. Ruppi
col bastone le spinose piante salvatiche e scopersi un femore umano.
Mossi ancora un po' di terra e uscirono fuori altre ossa. Mentre io
le stavo radunando sopraggiunse un contadino: le guardò ridendo e mi
disse:

— Signò' chesso è asino.

— Ma che asino! — gli risposi — Chesso è uomo.

— Nonsignora, è asino. — ribadì il contadino.

— È un uomo. — ripetei io, e, dopo di aver disposto le ossa in modo
che apparisse lo scheletro, — lo vedi? — gli dissi. Egli allora
divenne serio, si fece il segno della croce, e se ne andò lentamente,
borbottando: — _È robba de briganti._

                                   *
                                  * *

Nel pomeriggio torniamo a Vallepietra, per dormire; e al primo
schiarire del giorno, seguendo il corso del Simbrivio scendiamo
a Cominacchio, ove il fiumicello irrequieto confonde le sue acque
sonore con quelle dell'Aniene. Ivi all'ombra amica di una selvetta
di arboscelli accanto a un vecchio ponte medioevale divoriamo la
colazione; quindi riprendiamo il cammino e, costeggiando sempre il
fiume veloce, dopo di esserci arrampicati sui fianchi dirupati di un
monte, sul cui vertice illuminato dal sole ridevano nel cielo sereno le
casette di Jenne, per visitarvi una caverna paurosa che porta il nome
di Grotta dell'Inferniglio, e dopo di aver percorso una lunga valle
formata dalle pendici del Livata e da quelle del monte Carpineto, così
chiamato, credo, perchè le sue balze scoscese son tutte rivestite da
grandiosi boschi di carpini, perveniamo dinanzi a una parete di rocce,
in cima alla quale, dietro ai rami contorti di annose piante di ulivi
e presso a un bosco di lecci secolari, vediamo risplendere da lontano
i vetri delle finestre innumerevoli del superbo monastero di Santa
Scolastica.

Eravamo fermi a contemplare il paesaggio maraviglioso rallegrato dal
crosciare dell'Aniene fuggente di balza in balza fra quei greppi
ove su le rovine della villa di Nerone nacque, diffondendosi poi
prodigiosamente nel mondo, l'ordine monastico occidentale, e, risalendo
col pensiero il corso lungo dei secoli, cercavamo su le sponde verdi
del fiume famoso le ombre gigantesche degli imperatori e dei santi,
dei papi e degli abati, dei cardinali e dei guerrieri; quando una
vecchia cenciosa con un fascio di strame sopra le spalle ossute,
sbucando all'improvviso da un viottolo incorniciato da due siepi
spinose, ci venne incontro, e appena si accorse che noi, seguendo il
costume di coloro che ritornano dal santuario della Trinità, avevamo
i cappelli ornati da mazzetti di fiori di carta e da qualche immagine
sacra, ci chiese se potevamo darle notizie di un grandissimo miracolo
operato dalla _Santissima Ternitane_ su una giovane posseduta dal
demonio. Sorpresi dalla dimanda della vecchia noi non sapemmo che cosa
rispondere; e allora essa, mentre la guardavamo sorridendo, prese a
narrarcelo lei il grandissimo miracolo, e, poi che ce ne ebbe descritte
tutte le fasi con una ricchezza di particolari veramente sorprendente,
chiuse il racconto con queste precise parole: — _Vòi v'avete da pensà'
che quanno gliu prete l'ha benedetta, alla povera figlia c'è ascito
dagliu cuorpo 'nu pesce longo tanto co' la testa d'animale!_

— Ma, dimmi un po', tu ci sei stata al santuario della Trinità? — le
chiesi.

— _Nonsignora_.

— E allora tutte queste cose come le sai?

— _Le so perchè me l'ha ditte un'amica mia ch'è revenuta mo._ — mi
rispose subito la vecchia con la voce ferma, guardandomi negli occhi;
e, agitate in fretta le mani scarne in segno di saluto, traversò la
strada ed entrò in un sentiero, ove dopo qualche passo si fermò, si
volse e con quanto fiato aveva in corpo gridò: — _Evviva la Santissima
Ternitane!_

— Evviva! — le rispondemmo tutti noi ad una voce; e quando curva sotto
il peso dello strame la vedemmo alfine scomparire fra le rocce sulle
quali s'allungavano le ombre azzurre degli ulivi dorati dal sole
cadente, riprendemmo il cammino, e accompagnati dal suono continuo
di una campana che veniva dal monastero di San Benedetto, poco dopo
eravamo a Subiaco.



MONTE GIANO


I.

Nel vagone di terza classe viaggiano con noi un buttero dalla barba
folta, che sonnecchia avvolto nel suo cappotto nero foderato di lana
verde, una donna con un bambino sulle ginocchia, e un bel pretone il
quale passa il tempo pigliando tabacco, starnutando e recitando il
breviario. Quando sui colli della riva sinistra del Tevere incominciano
ad apparire i vigneti già dispogliati del loro frutto succoso, la donna
ci dice che _a Arbano c'è ancora da fa' quindici giorni a la mózza_, e
il buttero sentenzia che _da quelle parte de monno l'arie so' assai più
frigide de queste_.

S'ode gridare il nome di una stazione. Il prete si affaccia al
finestrino della vettura e chiede a un inserviente di aprire; ma questi
gli risponde: — Non si muova, reverendo, la macchina fa manovra e si
parte subito.

Nelle stazioni seguenti il prete torna ad affacciarsi e ad implorare
qualche minuto di fermata; ma il treno continua vertiginosamente la sua
corsa inesorabile. Finalmente rallenta un poco il suo moto veloce, lo
rallenta ancora e si arresta dinanzi ad una cisterna perchè la macchina
deve far acqua. Il prete scende e fa altrettanto.

Quando torniamo a muoverci, il paesaggio principia a diventar montuoso.
Narni, la patria di Coccejo Nerva, di Giovanni decimoterzo e del
Gattamelata, non avendo niente altro da fare, sdraiata sur un colle,
fra gli ulivi, guarda un fiume verdastro dalle cui acque schiumose
emergono gli avanzi di un ponte romano e di una torre medioevale. Lo
guardo anch'io, e dimando al buttero: — Come si chiama questo fiume?

— La Nera. — mi risponde subito il buon uomo, ammirando la mia
ignoranza, e prosegue, quasi cantando:

    _Il Tevere nun sarebbe Tevere,_
    _Si la Nera nun je dasse da bevere._

A Terni scendiamo dal treno di Ancona e montiamo su quello di Aquila,
accomodandoci alla meglio in una vettura, ove abbiamo la fortuna di
trovare un signore il quale, appena arriviamo a Papigno, un paesello
dietro a cui si vede un pezzetto di Cascata delle Marmore, ci dice con
voce commossa che la linea Terni-Aquila non solo è la più bella linea
ferroviaria della penisola, ma anche la più ardita, perchè in alcuni
punti raggiunge una pendenza fra i trentacinque e trentasette gradi.

Lungo la via tutte le stazioni son piene di gente che ci saluta
battendo le mani: in quella di Rieti oltre alla gente ed agli applausi
ci troviamo anche dieci minuti di fermata, e noi ne approfittiamo
volentieri per sorbire un caffè e per riverire la culla dei Flavii. Non
appena ci rimettiamo in cammino il signore delle pendenze china a poco
a poco la testa sul petto, chiude gli occhi e comincia a ronfare come
un contrabbasso: lo lascio stare, ma quando arriviamo a Cittaducale,
una città che nel mille e trecento fu messa da Roberto d'Angiò, duca di
Calabria, su la groppa di un colle, ove sta ancora, io, infastidito dal
suo russare, lo risveglio e gli chieggo premurosamente: — Scusi, che
pendenza abbiamo?

— Le cinque meno venti. — mi risponde subito lui, guardando con gli
occhi velati dal sonno l'orologio, e dopo un lungo sospiro se ne
ritorna fra le braccia di Morfeo.

Il treno intanto attraversa in gran fretta una vasta pianura e
s'arresta davanti ai Casali di Paterno. Un acuto odore di zolfo, due
laghetti, in uno dei quali, secondo Dionigi d'Alicarnasso, c'era una
volta un'isola galleggiante dedicata dai Sabini alla dea Vacuna, e
alcuni ruderi informi ci informano che siamo nel luogo ove un tempo
fiorì l'antica città di Cutilia, tenuta da Marco Terenzio Varrone come
l'ombelico d'Italia, e famosa per le sue acque ferruginose e sulfuree,
buone, anzi buonissime per guarire da qualunque malanno: tant'è vero
che Vespasiano essendosene servito per curarsi di non so quale sua
malattia finì col lasciarci imperialmente la pelle.

Oltre i Casali di Paterno il treno varca più volte su ponti di ferro
il Velino, s'indugia in vallette amene e solitarie, passa dinanzi a
casolari fumanti, penetra fischiando in gallerie nere di fuligine,
ne esce fra nuvole di vapore, e, dopo qualche istante di riposo,
incomincia a inerpicarsi, brontolando, sui fianchi dirupati di un
monte dietro a cui sorgono altri monti coi fianchi coperti di faggi e
con le cime risplendenti di neve. Il signore delle pendenze, che s'è
risvegliato definitivamente, s'avvicina al finestrino della vettura;
guarda tutto estatico i monti, gli alberi, la neve e il cielo; apre
le braccia in atto di maraviglia ed esclama: — Questa è la Svizzera
dell'Italia!

— È vero — soggiungo io. — Ma però, signor mio, se lei conoscesse
l'Italia della Svizzera....

— In Svizzera non ci sono mai stato. — mi risponde lui.

— E io nemmeno. — gli rispondo io; e appena ho finito di dirglielo il
treno manda una salva di fischi e si ferma. Siamo a Antrodoco.

                                   *
                                  * *

Antrodoco giace in riva al Velino; e accerchiata com'è da gole
profonde, ha la fortuna inestimabile di trovarsi ai piedi del monte
Giano, in una posizione strategica di prim'ordine; la quale posizione
le ha procurato il grandissimo piacere di essere stata distrutta
e riedificata non so più quante volte e di essere stata sempre il
teatro sanguinoso di orrende carneficine. Per tali ragioni essa,
pur vantandosi di poter leggere il suo nome nel quinto libro della
geografia di Strabone, non possiede nessuna reliquia illustre della
grandezza passata. Difatti, quando vi andai, di cose e di case le
quali mi rammentassero i tempi dell'insigne geografo greco, io non vi
trovai se non l'albergo dell'Europa e il suo desinare. Però se alla
piccola città abruzzese non è dato di poter mostrare ai visitatori nè
mura, nè archi, nè terme, nè templi, nè castelli, nè torri, li può
sempre rallegrare e confortare con la salubre abbondanza delle sue
acque sane, limpide e sonanti, con la frescura delle sue valli ombrose,
verdi e fiorite, e con la vista dei monti che le sono d'intorno e la
proteggono, levando sul cielo immacolato, quando non è nuvolo, i loro
capi venerandi canuti di neve.

Dopo il desinare i miei compagni aprirono una carta geografica e si
misero a cercarvi il modo per salire sulla vetta del monte Giano;
ed io, lasciandoli alla geografia, me ne andai a far quattro passi
nelle vie solitarie della cittaduccia, illuminata senza risparmio dal
plenilunio sereno, nella speranza di incontrarmi in qualche cosa degna
di ammirazione.

Fui fortunato. In una strada che saliva dolcemente verso la campagna
e vi si perdeva, m'imbattei in alcuni contadini che facevano una
serenata. Un vecchio, soffiando nel cannello di una cornamusa e
stringendosene al petto l'otre rigonfio ne traeva suoni gravi e
solenni come quelli che talvolta s'odono echeggiare sotto le volte
delle chiese: accanto a lui un giovinetto, alzando di tanto in tanto
un braccio verso una finestrella illuminata da un modesto chiarore
rossiccio, cantava con voce fresca, giusta, piana e soave: gli altri
nell'ombra, avvolti in ampii mantelli scuri, con le spalle appoggiate
al muro, fumavano, e, pestando coi piedi il terreno, accennavano il
movimento e le divisioni del canto. Le parole appassionate del cantore
salivano soavissimamente nell'albore lunare, quando dalla parte
della via, ove sopra alle ultime case appariva un ceruleo ondeggiare
di monti, venne il rintoccare di un campanaccio. Il vecchio staccò
le labbra dal cannello del suo strumento, e, mentre l'otre gli si
sgonfiava fra le braccia, disse ridendo: — Le pecore!

— Le pecore! — replicò il giovinetto.

E l'uno e l'altro si avvicinarono ai loro compagni, e tutti insieme,
ridendo, sparirono nel vano oscuro di un angiporto.

I rintocchi del campanaccio si fecero più vicini; divennero più forti e
una pecorella bianca uscì dall'ombra azzurra, che velava il fondo della
strada, si guardò intorno sospettosa e si fermò, belando. Un'altra
pecorella la seguì subito e le si strinse accanto. Ne vennero altre
e poi altre, e poi altre ancora, e si fermarono tutte formando una
massa compatta, biancastra ed immota. S'udì un fischio rapido e acuto,
e due grossi cani neri saltarono innanzi, abbaiando. Le pecorelle
ondeggiarono un poco e ritornarono immobili. Allora un pastore ne
afferrò una per il collo, se la trascinò appresso per qualche passo e
tutte le altre la seguirono. Quante ne passarono? Migliaia! Scaturivano
dall'ombra come l'acqua da una sorgente, percorrevano un tratto di
strada inargentato dalla luna, alzando ed abbassando la testa con
moto uniforme, e scomparivano nell'ombra. Talora si fermavano tutte
istantaneamente; ma un grido ed un sibilo bastavano a farle camminare
di nuovo. Quante ne passarono? Migliaia! Non finivano mai! Quando
finirono, dietro un vergaio, incominciarono a passare le capre. A
branchi. Ogni branco era preceduto da qualche uomo intabarrato, che
se allungava il passo mostrava di aver le gambe ricoperte da pelli
villose, ed era seguìto da alcuni caproni barbuti i quali di tratto
in tratto si alzavano sulle zampe posteriori e davano spettacolo,
urtandosi fra di loro con le corna poderose. Appresso alle capre
sfilarono asini e muli stracarichi di attrezzi pastorali, parecchie
pecore azzoppate e diversi grossi cani con la gola coperta da collari
di ferro irti di punte per salvargliela dai morsi dei lupi. Ultimo
in fondo alla via, annunciato da un allegro tintinnìo di campanelli e
sonagli, apparve un carretto. Venne innanzi trascinato da tre cavalli,
adagio adagio, scricchiolando, e quando mi fu vicino si fermò. Sui
carretto fra una confusione indescrivibile di arnesi di legno, di
seggiole, di panche, di casse, d'imbasti, di fiscelle, di fagotti,
di secchie, di caldaie e di canestre, insieme con una donna, c'erano
tre vecchi, tutti inviluppati in ruvide coperte di lana bianca:
tre patriarchi! Uno di costoro, con le spalle addossate a una cesta
intessuta di salci, da cui uscivano belati argentini e tremolanti,
cavò un braccio fuori dalla coperta e me lo stese chiedendomi qualche
fiammifero.

— Da dove venite? — gli chiesi, dandogli la scatola dei cerini.

— _Dalla montagna_.

— E dove andate?

— _Allo piano_.

Il carretto riprese a camminare lentamente, sgretolando con le
ruote cigolanti i sassi che incontrava sul terreno, e si allontanò
barcollando fra un pittoresco alternarsi di ombre azzurre e di luci
argentee, alle quali si unì per due o tre volte anche il chiarore rosso
dei miei cerini; raggiunse l'estremo lembo della strada da dove veniva
ancora qualche belato, e si dileguò nella notte.

Avevo già incominciato a dileguarmi anch'io e scendevo piano piano la
via silenziosa, tutta piena dì polvere e di un grave lezzo caprino,
ripensando alle emigrazioni delle genti ariane sui pingui altipiani
dell'Asia bagnati dall'Indo, nonchè ai miei compagni, i quali forse
mi aspettavano con impazienza sui non pingui altipiani dell'albergo
dell'Europa bagnati dal Velino, quando dietro a me udii risuonare di
nuovo gli accordi della cornamusa. Mi voltai. I contadini erano tornati
ai loro posti e ripigliavano la serenata.

Il giovinetto con la voce resa più chiara dal breve riposo cantava:

    _Gliu tempo a darme freddo e io tremare,_
    _L'amore a darme pena e io suffrire._

La luna piena, immobile sulle nevi del monte Giano, dopo di avere
illuminata la strada ai pastori, pareva che si fosse fermata in mezzo
al cielo per ascoltare il giovinetto innamorato.


II.

Fra i non molti piaceri, elevati e profondi, dei quali un alpinista può
godere nella sua breve permanenza in questa misera valle di lagrime io
credo che non ve ne sia uno superiore a quello di trovarsi nel cuore
della notte, su un monte, dinanzi a due sentieri, e non sapere quale
scegliere. Prima di decidersi a mettere i piedi stanchi nell'uno o
nell'altro, bisogna consultare la carta geografica; ma per poterla
consultare è necessario di accendere la lanterna, e dieci volte su
nove, quando dopo molto cercare s'è trovata la lanterna, non si trova
la candela; e se si trova la candela, non si trova la lanterna.

E allora? Eh, allora si tenta di illuminare la geografia coi cerini.
Il vento gelido ve li spegne fra le dita. Intanto da lontano vengono
lunghi abbaiamenti. Son cani di guardia in qualche addiaccio i quali
vi lasciano interamente liberi nella scelta del sentiero, ma vi
avvertono di non accostarvi nemmeno per burla alle reti ove riposano
le pecorelle, perchè se no, saranno guai! Insomma, dopo una lunga
sosta davanti ai due sentieri, non potendo pigliarli tutti e due, si
finisce per pigliarne uno, e dopo qualche ora di cammino faticoso si
finisce anche, ohimè, con l'accorgersi che se si voleva andare diritti
bisognava pigliare l'altro, quello che s'è lasciato! Qualche cosa di
simile, su per giù, accadde a noi la notte che lasciammo Antrodoco per
salire sulla vetta di monte Giano. Dal fondo della valle eravamo già
arrivati felicemente a metà del monte quando, per nostra disgrazia,
sperando di risparmiarci un tratto di salita, entrammo nella gola di
un fosso, del più perverso e malvagio dei fossi, il quale ci seppe così
bene ingannare che noi, dopo qualche ora di aspro e disagioso cammino,
invece di trovarci in cima a un monte, ci trovammo in cima a un piano,
sotto Rocca di Corno, senza poter vedere nè la Rocca nè il Corno;
perchè la luna se ne era andata per i fatti suoi, lasciandoci al buio.

— E ora che cosa si fa qua in mezzo? — dimandò uno di noi. Per fortuna
la risposta gliela diede subito un lumicino che incominciò a brillare
da lontano nelle tenebre. Quel lumicino fu per noi il più bel giorno di
quella notte! Difatti guidati dai suoi deboli raggi, dopo di esserci
perduti e ritrovati un'altra volta, potemmo finalmente entrare in
una umile capanna, ove, oltre a uno stizzo verde ardente da l'un dei
capi e gemente e cigolante dantescamente dall'altro per il vento che
andava via, vi trovammo una bottiglia d'acquavite, tre contadini, una
donna addormentata sur una sedia, e un vecchio seduto sopra una madia
il quale si infilava un paio di brache rattoppate. I miei compagni,
appena ebbero saputo dal vecchio il nome e cognome del luogo ove
eravamo, ripresero subito a studiar geografia, umettandola con qualche
sorsatina di acquavite; io non potendo più reggere al supplizio del
fumo uscii dalla capanna con gli occhi lagrimosi e mi trovai davanti
a un porco grasso e grosso il quale levando il grifo verso l'oriente,
ove apparivano già i primi bagliori antelucani, mi diede fraternamente
e fragorosamente il buon giorno. Ohimè! Quale delusione! Sapete? Se
qualcuno vi viene a dire che i porci abruzzesi sono violetti guardatevi
bene dal crederlo; se no, capitando una volta o l'altra quassù, voi
dovrete subire, come è avvenuto a me, la più atroce delle delusioni.
No! I porci abruzzesi non sono violetti, ma sono dello stesso colore
di quelli romani, nè più nè meno. Tutto il mondo è paese. Ma a
proposito di delusioni. Quando io e i miei compagni ci radunammo in
una stanza del Club Alpino per mettere insieme il programma della
nostra escursione a monte Giano, qualcuno, come avviene sempre in
simili circostanze, prese ad enumerare le molte maraviglie e d'arte e
di natura che avremmo incontrate per via. Lo lasciai dire; ma appena
egli finì di parlare delle cose mirabili, io a mia volta incominciai
a favellare di quelle incredibili di cui, secondo alcuni, si gloria
questa Terra Vergine, forte e gentile.

— Vedrete, vedrete! — dicevo ai miei amici. — Vedrete quale
straordinario paese è l'Abruzzo. — E mentre qualcuno per principiare a
vedere s'aggiustava sul naso gli occhiali, io seguitavo: — Figuratevi!
Una quercia nei nostri paesi da qualunque parte uno la guarda è sempre
una quercia, non è vero? Ebbene in Abruzzo invece una quercia non è
mai una quercia, ma è sempre un atleta che leva le braccia al cielo. E
i pioppi? Qui da noi i pioppi sono di legno; nel paesaggio abruzzese
invece sono di metallo come i soldatini da quarantotto centesimi la
scatola. Ridete? Ma laggiù non solo troveremo di metallo gli alberi, ma
anche le persone, perchè gli uomini e le donne colà sono o di rame o di
bronzo: da questi due metalli non s'esce. E fra gli uomini ne troveremo
certamente anche qualcuno fuso in bronzo antico; e quando lo avremo
trovato, lo sentiremo vibrare, perchè nelle contrade abruzzesi tutte le
cose vibrano in modo così sonoro da sembrare perfino impossibile.

— Ma tu ci dài a bere frottole alquanto madornali! — esclamavano in
coro i miei amici, ridendo.

— Frottole? — ribattevo io. — Frottole? Ma verità sacrosante, scritte
e stampate — e seguitavo: — Vedete, da per tutto la luna, quando
c'è è d'argento; in Abruzzo invece è di platino ed ha il vantaggio
inestimabile di non essere mai attaccata dall'ossido dell'aria;
colà il cielo per lo più è di cobalto e le nubi son quasi sempre di
madreperla come i bottoni delle mie mutande; gli alberi or sì e or no
sono consapevoli, ma le loro radiche son tutte fatte di vipere morte;
i fiumi sono ognora fedeli ed hanno la superficie piena di piastre
d'oro e di lamine d'argento: e quando gli uomini vi nuotano dentro
cotesti uomini diventano immediatamente tutti cefali bianchi; difatti
ai pescatori di canna avviene spessissimo di dover sbrogliare l'amo
dalla bocca di qualche nuotatore e di doverlo ributtare nell'acqua
dicendogli: — Scusi tanto, sa, l'avevo preso per un cefalo. — Ma tutto
questo poi è nulla in confronto di quanto vi farò vedere io che conosco
i luoghi.

— Come? Conosci i luoghi? Ma se tu in Abruzzo non ci sei mai stato.

— E che vuol dire? Se non ci sono mai stato ne ho lette, viste e
sentite tante descrizioni in prosa e in poesia, in pittura e in musica
che è come se ci fossi nato. Ed è proprio per questo che io, quando
saremo laggiù, vi potrò far vedere certe cose non solo incredibili,
ma incredibilissime. In Abruzzo noi ci resteremo per qualche giorno.
Ebbene, in una sera di uno di cotesti giorni, non appena i velami
insensibili del crepuscolo saranno discesi a poco a poco sulle cime del
pioppi discreti, io vi condurrò sulla riva di un fiumicello e colà,
mentre le cose dormiranno in un letargo vegetale nella mansuetudine
della luna, io vi mostrerò....

— Che cosa?

— La Venere d'acqua dolce.

— Cioè?

— La Venere d'acqua dolce.

— Ma sei matto? — mi chiedevano gli amici, sbarrando tanto d'occhi.

— Matto? — ripigliavo io. — Matto? Ma più savio di tutti e sette i savi
messi insieme. — e continuavo: — Del resto la vostra sorpresa non mi
sorprende. Voi ignorate che la Venere d'acqua dolce....

— Ma, insomma, questa Venere d'acqua dolce che cos'è?

— La Venere d'acqua dolce è il più maraviglioso fenomeno che mente
umana possa immaginare. Esso avviene in Abruzzo, e si svolge, tempo
permettendolo, in parte sulle rive e in parte nelle acque dei suoi
fiumicelli. E quando uno lo vuol vedere, non ha da far altro che
scendere sulle sponde di uno di cotesti fiumicelli, mettersi a sedere
su l'erba, fra il rabbrividire delle canne tendenti a rifiorire, e
aspettare: il resto viene da sè. E questo resto non solo viene da
sè, ma, tranne qualche piccola variante, viene sempre nello stesso
modo. Tu, per esempio, sei seduto e aspetti? Ebbene, quando meno te
lo aspetti, all'improvviso, il vento ti reca un sentore di carne.
Tu ti volti dalla parte del sentore, e vedi scendere verso il fiume
una donna dalla pelle bronzina di mulatta, florida e bionda non che
seminuda. È la Venere fluviale! Tu la lasci scendere e rimani fermo a
vedere che cosa succede. Una cosa semplicissima! Ella appena è arrivata
sulla sponda della riviera prima, per necessità della rima, si mette
a fiutare il vento come una levriera, e poi si gitta nel fiume e vi si
immerge, fra un gregge di foglie, fino all'ombelico. Tu la lasci fare,
ma quando ti sembra arrivato il momento opportuno incominci a bramire
come un cervo in disio. Allora la donna dalla pelle bronzina si volta
e, invece di scappar via o di pigliarti per matto, si mette a imitare
anche lei il bramito del cervo, e di bramito in bramito ti viene
accanto. Tu allora, senza tanti complimenti, la pigli per le braccia
e irrigidisci come forse non ti sei mai irrigidito e come certamente
non t'irrigidirai mai più. E questo è tutto! Però qualche volta ci
potrebbe essere anche dell'altro, perchè se mai l'irrigidimento
accadesse nel plenilunio di calendimaggio allora nel momento più
culminante dell'irrigidimento suddetto i pioppi che sono consapevoli
incomincerebbero a cantare in coro e il letargo vegetale sarebbe
rotto da un fragoroso scampanìo. Ma del resto anche se ciò avvenisse
non ci si dovrebbe badare, prima perchè i pioppi se sono consapevoli
sono anche discreti, e poi perchè lo scampanìo non verrebbe da nessun
campanile vicino, ma dal peccato d'Eva squillante a gran martello nelle
giovini carni come sopra sonore lamine di metallo.

Ohimè! Come ve la potrei descrivere la sorpresa dalla quale io fui
fulminato, quando appena messo il piede in Abruzzo io mi avvidi che di
tutte quante le cose mirabili ed incredibili delle quali avevo parlato
ai miei amici, qui, in questa Terra Vergine non ne esisteva neppure
l'ombra?

Ohimè! Le querce e i pioppi? Ma che metalli d'Egitto! Sono proprio
di legno come gli alberelli della nostra Via Nazionale. Gli uomini e
le donne? Ho picchiato con le nocca sulle loro carni, perchè talvolta
l'apparenza inganna, e invece di trovarli di bronzo e di rame, li ho
trovati tutti di carne e d'ossa come noi. La luna di platino, il cielo
di cobalto, le nubi di madreperla, le foreste di ametista, le radiche
degli alberi fatte di vipere morte, i pioppi consapevoli e discreti,
i fiumi fedeli, i cefali bianchi e le altre mille cose straordinarie,
che io avevo lette tante volte in poesia, ed ero certo di trovare
qui in prosa, le ho ancora da vedere. Son rimasto seduto non so più
quanto su le rive di un fiumicello in attesa della Venere fluviale: è
venuta una contadina: le ho fatto il bramito del cervo in disio, e se
non scappavo presto m'accoppava! Ho seguito per lunghe e lunghe ore
la gente delle città e delle campagne nella speranza di udire qualche
vibrazione: tempo buttato! Le nari non le ho sentite vibrare altro che
quando questo popolo forte e gentile si soffia il naso, magari con le
dita; le terga.... Ah! le vibrazioni delle terga le ho intese una volta
e m'auguro di non sentirle mai più.

Eppure anche senza vibrazioni poetiche di alcun suono e senza cose
e persone provenienti da preziose fonderie letterarie questa degli
Abruzzi è certamente la bellissima fra le più belle regioni d'Italia.
Ricordo ancora le parole di maraviglia che fiorirono sulle labbra dei
miei amici allorchè essi, usciti dalla capanna miserabile, ove ci aveva
portati l'inganno tenebroso del fosso maledetto, videro il sole sorgere
trionfalmente dalla cima candida del monte Giano e percuotere coi suoi
raggi d'oro un rincorrersi glorioso e infinito di montagne azzurre e
violacee rivestite di castagni e di querce, di faggi e di carpini, e
sfavillanti di neve.

Era una di quelle mattine limpide ed abbaglianti d'autunno nelle quali
talvolta il cielo e la terra, i monti e le acque, gli alberi e le
piante, prima di inoltrarsi nella tristezza invernale, par che vogliano
ancora una volta allietare il viandante con gli incanti innumerevoli
delle loro forme e dei loro colori. Dovunque volgevamo gli sguardi, fra
l'erbetta verde, e rilucente di rugiada, migliaia e migliaia di piccoli
fiori gialli, rossi, bianchi e turchini tremolavano e risplendevano
nell'aria vitrea e profumata sotto al sonoro ronzio delle api.
Intorno a noi, via via che il sole s'innalzava sui monti, tutto pareva
ingrandirsi a poco a poco e farsi più bello, più lucente, più vivo: e
un venticello frizzante, ma piacevole ci invogliava a camminare.

Per isfuggire alle insidie di altri fossi prendemmo con noi un
contadino esperto conoscitore dei luoghi, e mentre dalle macchie basse
e vicine veniva un festoso zirlare di tordi, lasciammo la strada bianca
che porta a Rocca di Corno, e per sentieri umidi di brina, fra le cui
siepi vive svolazzavano i pettirossi e gli scriccioli, salimmo alle
Vignòle, ove alcuni pochi filari di viti avean già coperto il terreno
con le loro foglie gialle e cineree; entrammo nel letto ghiaioso di un
torrente e incominciammo la salita del monte. All'improvviso la terra
ci tremò sotto ai piedi e dietro a noi scoppiò un fragore infernale. Un
treno uscì dalla bocca nera di una galleria, traversò fischiando come
un rettile enorme un breve spazio di roccia, entrò in un'altra bocca
nera di un'altra galleria, che sembrò inghiottirlo, e disparve. Figlio
d'un cane! Gli bastarono pochi istanti per insudiciare col fumo del
carbone il cielo sereno e per impuzzolire l'aria pura con un nauseoso
fetore di olio rancido e di grasso abbruciacchiato.

A liberarci dal fetore ferroviario ripigliamo subito il cammino, e
quando, dopo una non piccola fatica, ci riesce di levare i piedi
dal letto del torrente ci troviamo dinanzi a macigni colossali:
strisciandovi addosso con molta pazienza li giriamo, e allora, fra le
giogaie vicine del monte Terminillo e quelle lontane del Gran Sasso
appare ai nostri occhi una immensa pianura ondulata e verde, solcata da
fiumi e seminata di paesi, digradante nell'azzurro fino all'Adriatico.
Alla vista del maraviglioso spettacolo noi ci sentiamo conquistare
da una letizia indicibile; ma il contadino che ci accompagna, serio e
taciturno, la nostra letizia non la divide per niente affatto.

Il superbo panorama di cui noi godiamo ei non lo degna neppure del più
modesto dei suoi sguardi, e tutta l'attenzione della quale egli può
disporre la concentra sulle nostre umili persone e rimane a guardarci
a bocca aperta. Insomma per lui il suo panorama siamo noi! Ciascuno ha
il panorama che si merita.

Dopo un breve riposo proseguiamo la salita: traversiamo a gran fatica
vasti campi di neve molle, affondandovi fino a mezza gamba; torniamo
ad arrampicarci su rocce aspre, e dopo di aver pestata ancora neve e
superate altre rocce, finalmente arriviamo sulla cima. Un vento che
ci porta via ci costringe ad accovacciarci subito fra alcuni scogli;
e quivi al riparo della formidabile borea confortiamo i nostri occhi
con la vista di un panorama magnifico. e il nostro stomaco con una
modestissima colazione. Ma appena finisce la colazione finisce anche
il vento, e col vento finisce, ahimè, anche il panorama; poichè gruppi
numerosi di nuvole grige, salendo a poco a poco da tutti i lati del
monte, ci avvolgono, piovigginando, in una nebbia fitta fitta, e ci
consigliano di incominciare la discesa.

Poco prima di rientrare in Antrodoco incontriamo l'ombra umida della
sera, che, uscita appena dalle gole del Velino, incomincia a salire
adagio adagio sul monte da cui noi discendiamo. Le auguriamo il buon
viaggio, e, dopo una breve sosta nell'albergo dell'Europa, ci rechiamo
alla stazione. Colà un vecchio contadino mi si avvicina, guarda con
molta attenzione le mie scarpe, e mi dice a voce bassa, come se volesse
rubarmi un gran segreto:

— _Che sei stato a fa' lassù in cima?_

— Dove?

— _Lassù in cima!_ — ripete il contadino, indicandomi il monte Giano su
la cui vetta si spengono gli ultimi chiarori del crepuscolo.

— Niente! — gli rispondo — Lassù in cima ci sono stato per divertimento.

— _Per divertimento?_ — esclama il vecchio con voce incredula. —
_Per divertimento?_ — e rimane per qualche istante in silenzio: poi
guardandomi con gli occhietti arguti, soggiunge tentennando il capo:
— _Ma scusa, lei non tieni niente de meglio da fare a casa tua per
venirete a scapiccollà' fra 'sti sassi?_

Fortunatamente il treno arriva in buon punto per liberarmi dal
contadino e dalla risposta che pur troppo, dovrei rispondergli.



UN CONGRESSO ALPINO

(1887)


Due anni addietro, allor che fui sul punto di lasciar Roma per recarmi
a visitare i mercati di Bombay, le rovine dell'antica Delhi e il sacro
Gange, nelle cui acque si specchiano i templi della santa Benares,
le parole di commiato che mi sentii ripetere a sazietà da quanti
si interessavano al mio viaggio furono queste: — Preparati bene la
tua valigia delle Indie, e di laggiù scrivici: non far l'indiano! —
Nell'estate dell'anno scorso mentre stavo per andarmene in Ispagna
non mi riusciva di incontrare un amico senza che egli non mi offrisse
un vermouth per poi potermi dire: — Bevi ora, perchè quando sarai in
riva al Manzanare non beverai più. Lo spagnuolo non beve! — E quando
infine qualche giorno fa partii da Roma per pigliar parte alle gite
del decimonono congresso del Club Alpino Italiano, le parole che mi
perseguitarono non soltanto lungo le vie dell'Urbe, ma anche durante il
viaggio furono le seguenti: — Se vai al congresso alpino, divertiti; ma
non ascendere il Monte di Pietà! — E le suddette parole mi molestarono
tanto che, per non sentirmele più ripetere, feci ovunque ogni sforzo
per dissimulare la mia qualità d'alpinista, e appena il treno arrivò a
Vicenza, e un signore con una coccarda azzurra all'occhiello mi venne
incontro a dimandare se io era del Club Alpino io senza rispondergli,
fuggii fuori della stazione e salii nell'omnibus dell'albergo dei Due
Mori ove il signor Tito Libetta aveva già pigliato posto con la sua
valigia, sul cui dorso il nome e cognome di lui si leggevano ricamati
in seta rossa non che in bellissima calligrafia.

Mentre l'omnibus attraversava una vastissima piazza ombrata da
splendidi filari d'ippocastani, il signor Tito mi fece sapere che
veniva a Vicenza per farvi delle ricerche storiche, e non appena il
carrozzone entrò nella porta della città, ove una torre medioevale
illuminata dal sole rosseggiava sul cielo azzurro mi confidò che la
storia di Vicenza era una storia molto interessante.

Non temete che io vi ripeta tutto quello che egli mi disse, mentre
l'omnibus sobbalzava sulle pietre delle vie vicentine imbandierate.
Sarebbe anche inutile, perchè la storia antica di una nostra città
moderna è sempre la medesima storia; e chiunque, sol ch'ei lo voglia,
se la può cucinare da sè. Ne volete la ricetta? Eccola. «Si pigliano
degli aborigeni, dei pelasgi, degli etruschi, dei greci e dei
romani con qualche Giulio Cesare, dei galli e, se se ne trovano, dei
cartaginesi con due o tre pezzetti di Annibale, figlio di Amilcare
Barca, e si mescolano insieme. Quando sono bene uniti ci si mette
sopra un po' di Costantino con un pizzico di «quanto mal fu matre», e
si fanno cuocere a fuoco lento. Poi, appena incominciano a rosolarsi,
si insaporiscono con una salsa di goti, visigoti, ostrogoti, vandali,
unni, longobardi e franchi con uno spicchio di Carlo Magno, con una
cucchiaiata di Leone terzo e con un pochino di Pipino (volendo, secondo
i gusti, vi si possono aggiungere anche dei guelfi e ghibellini con
qualche filetto di Barbarossa), si levano dal fuoco, si lasciano
raffreddare, e al momento opportuno si serve in tavola».

                                   *
                                  * *

Prima di visitare la città mi recai alla sede della sezione vicentina
del Club Alpino dove trovai moltissimi alpinisti di tutti i monti
e di tutte le pianure della penisola, che ritiravano le tessere per
prender parte alle gite indicate nel programma del congresso. Della
sezione romana vidi pel primo il nostro segretario Abbate, poi il
pittore Zoppi, il roseo e biondo Bonfiglietti, Memmo Ricci, l'ingegnere
Minerbi e l'amico Dino Spadini, valente alpinista e incomparabile
costruttore di bisticci, di freddure e di altre simili scimunitaggini.
All'uscire m'imbattei con Guido Fusinato, che, arrivato allor allora
da Torino, veniva anch'egli a ritirare le sue tessere. Non ci eravamo
più visti fin da quando avevamo lasciato la Spagna, e dopo esserci
abbracciati rievocammo con calda parola i ricordi di Madrid, di Toledo
e di Barcellona. L'amico Spadini osservò subito che non valeva la
pena di starci tanto a commuovere, perchè tra il viaggio di Spagna e
questo di Vicenza non v'era per noi altra differenza se non un semplice
e meschino «i». Difatti — ci disse — in Ispagna eravate sui colli
iberici, qui invece siete su quelli berici.

                                   *
                                  * *

In piazza dei Signori sorge la mirabile basilica: il vecchio palazzo
della Ragione, che il Palladio restaurò, aggiungendovi le logge
esterne. Come tutte le opere del sommo architetto, la grande fabbrica
va famosa per la semplice eleganza delle linee e per la grandiosa
correttezza delle proporzioni. Ora, nella maggior sala dell'edificio
nobilissimo, v'è un'esposizione di piccole industrie, ordinata a cura
della sezione vicentina del Club Alpino Italiano.

Visitai la piazza dei Signori, in compagnia dello Spadini mentre
l'ultimo raggio del sole dorava la cima della torre maggiore, che
sorge a fianco della basilica, i cui marmi son pittorescamente coloriti
dal tempo, il quale, dopo il Tiziano, è il più grande coloritore che
io mi conosca. In fondo alla piazza un grande palco per l'estrazione
di una tombola sorgeva sulla folla nera, fra due colonne antiche,
sopra una delle quali sta fieramente posato il Leone di S. Marco,
e su l'altra sta mite e ignudo il Redentore, che guardando il suo
vicino sembra dirgli: — Tu hai le ali; ma io come faccio se voglio
scendere? — Dai balconi si affacciavano gruppi pittoreschi di donne, e
di tempo in tempo s'udiva fra il brusìo della folla la voce stentorea
di un banditore che annunciava i numeri che un signore vestito di
nero estraeva da un'urna di vetro. Mentre ero lì lo sguardo m'andava
insistentemente sulla altissima torre, ove una lapide ricorda i nomi
dei vicentini che caddero difendendo le loro terre dalle soldatesche
austriache. Fu appunto sulla sua cima che nel 1848 venne inalzata la
bandiera bianca per annunciare agli assedianti che la città, flagellata
dalle artiglierie, straziata dalla fame e da mille tormenti era
costretta a chieder tregua; ma al vederla il popolo ruggì di rabbia, e,
tumultuando, urlò che si abbattesse. Allora s'udirono echeggiare alcuni
colpi di moschetto. Gli eroi non soffrendo tanta umiliazione, colpivano
con le ultime cartucce rimaste nelle loro giberne il segno della resa.

Uno squillo di tromba mi fece tornare alla realtà del momento presente.
Un rimescolio avveniva fra la folla, in mezzo alla quale un uomo
agitando il cappello ed aprendosi a stento un varco andava a riscuotere
il premio della tombola.

Quando il fortunato vincitore, accompagnato da una tempesta di fischi,
riuscì a salire sul palco, e la vasta piazza cominciò a spopolarsi,
io e lo Spadini riuscimmo ad avvicinarci al monumento del Palladio,
che sorge accanto alla basilica. Il feroce freddurista, appena vide
che intorno alla statua c'erano molte venditrici di ortaglie, dopo
di avermi indicato i mucchi di pomodori, di zucche, di melloni e di
angurie, disposti in bell'ordine, come un ricco tappeto multicolore,
ai piedi del monumento non si lasciò scappare l'occasione di farmi
osservare come tutti quegli ortaggi fossero giustamente al posto loro,
perchè il grande architetto avendo passata la vita a lavorare sulle
piante lo si poteva considerare come un insigne botanico.

La freddura atroce mi agghiacciò lo stomaco: e poichè qualche fiammella
di gas incominciava già a illuminare, oltre alle colonne e agli
archi degli edifici palladiani, anche il mio appetito, mi rifugiai
in una trattoria in piazza del Duomo ove ebbi il piacere di trovare
un Vittorio Emanuele di marmo, il quale per tutto il tempo del mio
desinare si degnò di rimanere davanti a me, reggendo con la destra il
suo elmo piumato, in atto di reverente saluto.

Dopo pranzo andai alla Società del Casino nelle cui sale, affollate di
congressisti, vidi il sindaco di Vicenza Giovanni Zanella, fratello del
poeta della «Conchiglia fossile»; il presidente del Club Alpino Lioy;
Almerigo da Schio presidente della sezione vicentina; il segretario
della medesima Alessandro Cita... E non cito più altri nomi perchè
altrimenti non la finirei più.

Nelle belle sale del Casino rimasi fino a ora tarda, ammirandole,
e bevendo birra; poi, dopo di aver presentato i miei ossequii al
simpatico presidente dell'associazione, l'avvocato Gasparella, uscii.

Mentre m'avviavo verso l'albergo dei Due Mori con l'amico Spadini il
quale non la finiva più di manifestarmi la sorpresa da lui provata
dianzi nell'avere rimarcato che l'avvocato Gasparella non aveva
gli occhiali, perchè secondo lui tutti gli avvocati debbono esser
sempre «con su lenti», a un tratto da una finestra aperta, in una via
silenziosa, venne il suono di un pianoforte. Stavo per fermarmi ad
ascoltare quando il mio amico, afferratomi per un braccio, mi trascinò
via dicendomi: — Vedi, io amo tutti gli strumenti, compresi quelli
notarili, ma, abituato come sono a vivere sui monti, non posso soffrire
il piano, massime quando è forte. Vieni! — Dovetti rassegnarmi a
seguirlo e a sentire ancora altre scemenze: difatti, appena arrivammo
davanti alla porta dell'albergo, egli intanto che i chiodi delle sue
scarpe, urtando sulle pietre, mandavano scintille, dopo di avermi
fatto osservare quale e quanta importanza avessero nella vita del vero
alpinista le freddure e la poesia, mi disse — vedi: io fra tutti i
poeti preferisco il Monti. E tu?

— Anch'io — gli risposi —; ma quando il cielo non è Foscolo!

E lo lasciai con le sue lepidezze. La mezzanotte era di già passata
e alle sei dovevamo trovarci tutti in piazza Castello per andare a
visitare i colli berici. Lo lasciai, dunque. Ma l'avevo appena lasciato
che egli mi richiamò subito per raccomandarmi di non guardar mai i due
mori che reggevano l'insegna della locanda perchè tanto l'uno quanto
l'altro erano tutti e due «con turbanti».

                                   *
                                  * *

Dopo qualche ora di sonno mi recai al convegno e vi trovai pochi
congressisti che aspettavano gli altri. Aspettai anch'io, fino a che la
piazza si venne popolando di una infinita varietà di tipi, fra i quali
ne osservai uno, che mi fece fare gravi riflessioni sull'alpinismo e
sulle dolorose conseguenze che può arrecare a chi ne abusa. Egli aveva
il capo a metà nascosto da un elmo coloniale allietato da un mazzetto
di _edelweiss_; indossava una giacca verde all'ussera con alamari neri
e un paio di brache di velluto marrone, e aveva gli stinchi foderati
da un paio di gambali di cuoio giallo; e camminava a gran passi,
facendo risuonare i chiodi delle scarpe sulle pietre della via, e
palleggiando un lungo bastone di faggio, con la punta ferrata e con la
sommità ornata da un corno di camoscio, sul quale si leggevano scritti
in italiano, in francese e in tedesco i nomi delle montagne sulle cui
vette egli certamente non era mai stato.

Lo Spadini, che fin allora ci aveva rallegrati ed abbrutiti con
le sue freddure, appena lo vide, gli andò incontro, lo salutò, se
lo prese a braccetto e rimase a parlare con lui; poi atteggiando
comicamente il volto a una inconsolabile mestizia venne a dirci che
quell'infelice gli aveva confessato di essersi dato all'alpinismo per
dispiaceri domestici. E illustrando le parole bislacche con gesti
ridicoli seguitò: — Egli mi ha detto che la sua vita era un Gran
Paradiso, quando per sua disgrazia, innamoratosi di una giovanetta:
di una _Iungfrau_, come direbbero in Svizzera, la sposò. Da allora
la esistenza di lui divenne un ghiacciaio della Tribolazione: insomma
il disgraziato ha le prove di essere un Cervino... — E mentre noi lo
urlavamo concluse: — Ora non gli resta altro di meglio da fare che
legarsi un Gran Sasso al Colle del Gigante e di andarsi a buttare nel
Bacchiglione.

                                   *
                                  * *

Quando Dio volle ci mettemmo in cammino, e seguendo un lungo porticato
ove i venditori di immagini sacre, di rosarii e di scapolari avevano
alzato le loro baracche, arrivammo alla Madonna del Monte, a fianco
della quale in memoria delle battaglie ivi combattute nel 1848 sorge un
monumento scolpito dal Tantardini. Poco lontano da esso ve n'è un altro
inalzato nel 1860 dall'Austria ai suoi soldati che caddero come dice
l'epigrafe: _pro Austriae incolumitate_.

Dopo una visita al Santuario ove ammirammo il famoso quadro del
Veronese, _La cena di San Gregorio Magno_, ci avviammo verso la villa
Pasini, uno splendido edificio del settecento, un pezzo di paradiso fra
l'azzurro del cielo, i colori smaglianti dei fiori e il verde intenso
degli alberi secolari. Colà, il padrone di casa Eleonoro Pasini ci
offrì una colazione, dopo la quale tornammo a Vicenza, recando con noi
un ricordo incancellabile dell'affettuosa accoglienza prodigataci dal
gentiluomo vicentino.

Nel pomeriggio mi recai al teatro Olimpico per assistere al decimonono
congresso degli alpinisti italiani. Il grandioso teatro, che il
Palladio incominciò a costruire per deliberazione degli accademici
olimpici, e lo Scamozzi, sui disegni del grande architetto, trasse
a fine, lo trovai affollato di alpinisti, di signore e di statue.
Parlava ai convenuti con dotta parola Almerigo da Schio. Trovandomi
disgraziatamente molto lontano dall'egregio oratore, purtroppo del
suo lungo discorso non posso riferirvi, ahimè!, che queste parole che
ritrovo segnate in una pagina del mio album: — «...difatti, o signori,
il mecaschisto... eccoci dunque arrivati al periodo pliocenico...
perchè, o signori, non si può... l'origine di tali conglomerati è
di tale natura... le dolomiti non sono che... e troviamo il calcare
schistoso... lo gneis... le rocce metamorfiche... nel periodo
giurassico... il trias... il gres... i lepidodendri... le licopoditi...
le aracauriti... le rocce mesozoiche... i sedimenti». — Coi sedimenti
l'orazione convincente ed efficace dell'insigne geologo ebbe termine e
un fragoroso applauso risuonò nella sala vastissima.

Ma il momento della più alta commozione fu quando il presidente e il
vicepresidente del Club Alpino tridentino furono invitati da Paolo
Lioy a voler salire al suo fianco per dividere con lui la presidenza
del congresso. Il barone Emanuele Malfatti e il professor Giovanni
Marinelli s'avvicinarono al Lioy, e come questi li ebbe vicini,
esclamò: — Ora il Club Alpino Italiano è completo!

Un uragano di evviva e d'auguri scoppiò nella vasta sala a quelle
parole e seguitò per lungo tempo fra la commozione unanime.

Quando la calma ritornò fra gli adunati, seguirono le relazioni, le
discussioni, le proposte e le letture, e appena il congresso ebbe
fine s'usci e s'andò tutti al teatro Eretenio, ove ci attendeva un
banchetto: il banchetto sociale. In platea e sul palcoscenico erano
state imbandite le tavole, ed era veramente uno spettacolo lietissimo
il vedere tanta gente mangiare e bere allegramente mentre dall'alto dei
palchetti affollati di signore piovevano fiori e sorrisi. A metà del
pranzo coi fiori e coi sorrisi piovvero anche i discorsi.

I discorsi! C'è molta gente che li odia; io li amo. L'unica cosa che
distingue qualche volta l'uomo dalla bestia non è la parola? Immaginate
che un cignale domestico potesse dire: — Io sono un porco — e dovrete
convenire con me che quel cignale domestico non sarebbe più un porco;
ma sarebbe un uomo. — Si! I discorsi, massime quelli che dopo di
averli scritti e mandati a memoria si improvvisano fra l'arrosto e
l'insalata, a me piacciono molto. Quelli poi che udii pronunciare al
teatro Eretenio debbo dirvi che mi piacquero moltissimo. Parlarono
Lioy, Grober, Malfatti, Brentari, Marinelli, Budden, Almerigo da Schio
e per ultimo il caro Magnaghi, sollevando intorno a lui la più schietti
allegria.

Dopo il banchetto molti si recarono a udir l'Africana al Politeama
comunale e moltissimi altri si sparsero per le vie illuminate dalla
luna per ammirare i superbi edifici del Palladio, dello Scamozzi e
dell'Arnaldi.

                                   *
                                  * *

Eravamo una diecina e si passeggiava pel Corso Umberto, una via stretta
e irregolare, ma ricca di palagi maravigliosi, quando uno di noi si
fermò dinanzi a una bottega di tabaccaio. Stava per entrarvi, ma lo
Spadini, che ne faceva una ad ogni pie' sospinto, sbarrandogli la via
prese a dirgli: — Per l'amor di Dio! Férmati! Non mettere in pericolo
la tua fama di alpinista!

— E perchè? — gli chiese il nostro amico.

Per tutta risposta l'implacabile freddurista gli indicò con la punta
del suo bastone l'insegna della bottega, ove sotto uno stemma si
leggevano queste maleauguranti parole:

                           SALI E TABBACCHI.



GITA SENTIMENTALE


Un tempo i popoli che abitarono i monti e le valli dei Sette Comuni,
cioè i romani, i reti, i tigurini, gli alemanni, i franchi, i goti, i
cimbri, gli unni e gli altri, lavoravano a seppellire nel suolo lance
e fibule, monete e medaglie, idoli e pentole a onore e gloria degli
archeologi, degli storici e dei filologi di là da venire; ora invece
i moderni abitanti degli altipiani, adoperando il legno degli abeti
che verdeggiano severamente attorno alle loro capanne, fanno scatole,
fabbricano cappelli di paglia, seguendo per tradizione le norme recate
di Levante nel secolo passato da un tal Nicoletto del Sasso, e parlano
la lingua cimbra. L'industria delle scatole procede benissimo, quella
dei cappelli di paglia così così; ma quella del parlar cimbro va
di molto male. Purtroppo questo linguaggio nel quale le consonanti
sembrano starnuti e le vocali sbadigli, va trascinando la sua lenta
agonia per le bocche sdentate dei vecchi e fra non molto sparirà da
queste terre.

Tutto passa quaggiù! Tutto cade, come cadono le nostre illusioni,
simili alle foglie che, divelle alle rame degli alberi dai primi venti
autunnali, vanno a finire nei fango! Cadono; ma coloro che ci vengono
appresso nel cammino faticoso della vita, trovandole in terra le
raccolgono, le ripuliscono, e se le ripongono gelosamente nel cuore,
riperdendole magari poco dopo per farle ritrovare agli altri che li
seguiranno. Il vecchio è sempre nuovo. Ma quanto è più triste pensare
che il nuovo è sempre vecchio!

Questi ed altri malinconici pensieri mi venivano in capo mentre,
precedendo una numerosa comitiva di alpinisti, in compagnia di alcuni
amici taciti e pensierosi, traversavo, nel silenzio di una notte
serena, l'altipiano di Asiago per andare a Valstagna. Ma appena il sole
fiammeggiante uscì dai monti facendo brillare i prati molli di rugiada,
e appena gli uccelli principiarono a cantare noi smettemmo di pensare
e incominciammo tutti a discorrere.

Un solo, dopo di avere bisbigliata qualche parola continuò a tacere: un
giovinetto biondo il quale di tanto in tanto, arrampicandosi sui rialzi
che fiancheggiavano la strada andava raccogliendo margherite.

Il caro ragazzo era di una città del Trentino: recatosi a Vicenza
per assistere alle feste in onore degli alpinisti, ora tornava a casa
seguendo il nostro itinerario. Ci era venuto sempre appresso, e ovunque
aveva visto una bandiera tricolore, s'era fermato col cuore palpitante;
in qualsiasi luogo aveva udito suonare l'inno reale, aveva pianto di
tenerezza.

— Vuoi un _edelweiss_? — gli chiesi un giorno offrendogliene uno.

Egli mi guardò crucciato, e poi abbracciandomi affettuosamente: — Senti
— mi disse; — fammi il piacere di non chiamare mai più questi bei fiori
con quel brutto nome!

— E come vuoi ch'io li chiami?

— Chiamali «stelle delle Alpi» — mi rispose, e, vedendomi sorridere,
con accento soavissimo soggiunse: — Chiamali così, fammi il piacere, ti
prego!

Una sera, ricordo, ci eravamo fermati in un paese a ristorarci.
Al momento di partire il trentino mancava all'appello. Andammo in
parecchi, battendo sentieri diversi per rintracciarlo, ed io, dopo di
avere inutilmente urlato più volte il suo nome, stavo per tornarmene
indietro, quando mi venne agli orecchi il suono flebile di un violino
che miagolava l'inno di Garibaldi. Pensai subito che il giovinetto
dovesse essere innanzi a quello strumento: infatti, com'ebbi superata
una rupe, lo trovai davanti a quattro figure grottesche di suonatori:
quattro contadini che noi avevamo scacciato poco prima ed egli aveva
seguiti per far loro suonare i nostri inni patriottici.

Mi fermai commosso; poi me gli avvicinai e gli dissi: — Vieni! Si
parte! Andiamo!

— _Eh! ciò! Che furia!_ — mi rispose; e dopo di avere pagati i
suonatori, i quali, riposti gli strumenti nelle borse di panno, se ne
andarono per un sentiero che si perdeva in un bosco di abeti, mi seguì
esclamando: — _Ti capissi che gh'averò da star chissà mai quanto tempo
senza sentirla più 'sta musica benedeta!_

                                   *
                                  * *

Il sole era già alto quando, dopo un malagevole cammino, arrivammo
innanzi ad una caverna scavata dalle acque di un fiume che va a
gittarsi nel Brenta. La grotta viene chiamata il _Buso_, e si crede,
non senza ragione, che in certe notti vi si diano convegno l'orco,
le streghe e i _sanguanelli_: nani piccolissimi e saltellanti, per
lo più vestiti di fiamme, i quali godono moltissimo quando possono
scompigliare le chiome dei bimbi o annodare inestricabilmente le code
e le criniere dei cavalli. Poco lungi dalla caverna ride un candido
santuario fabbricato in onore della Vergine da un eremita di Agordo. Ci
fermammo pochi istanti accanto alla chiesetta, poi, mentre un'aquila
roteava sul cielo, ripigliammo la via. A un certo punto uno di noi
fermandosi esclamò ridendo: — Sembriamo contrabbandieri! — Nessuno
gli rispose; ma a me quella esclamazione fece tornare in mente una
_malga_ che pochi dì innanzi avevo visitato sul Pian della Fugazza: una
_malga_, ove cinque contrabbandieri accumulavano, coprendole di strame
e di stracci, molte cassette di latta piene di spirito. Debbo dirlo?
Quei cinque contadini idioti in mezzo a tanto spirito, mi fecero tanta
nausea che mi rammaricai di non essere una guardia doganale. Ma già,
se fossi stato una guardia doganale, forse non avrei fatto niente di
meglio di quello che faceva quel finanziere che incontrai poco dopo: il
quale, fischiando il quartetto del Rigoletto, se ne andava a spasso,
con la daga sul fianco, col fucile ad armacollo e con un romanzo
sbrendolato di Paul de Kock che gli usciva allegramente dallo sparato
della tunica sbottonata.

                                   *
                                  * *

Davanti alle prime casette di Valstagna trovammo due stendardi di
mussolina bianca, rossa e verde, legati in cima a due antenne, e un
calzolaio in maniche di camicia, il quale, abbandonati sul deschetto
unto due paia di stivali da rattoppare, andava incollando sulla porta
di una vecchia osteria il suo giovanile entusiasmo o, per meglio
dire, alcune strisce di carta rossa sulle quali chi sapeva di lettere
poteva forse anche leggere: «W. gli Alpinisti». Due asinelli biondi,
attaccati ad una carretta piena di casse, di bauli, di valige e di
fagotti, presenziavano muti e seri il lavoro del calzolaio. Intorno
alla carretta dormivano in terra molte donne e moltissimi bambini:
erano emigranti che abbandonavano i loro paesi per andare a lavorare
in quelli d'America. Il crosciare delle acque del Brenta conciliava il
sonno di quella povera gente, e il sole, battendo in cima alla porta
della bettola, illuminava senza risparmio un antico leone di marmo, il
quale aprendo le ali e mostrando il Vangelo su cui c'era scritto: «Vino
e Cucina» pareva che dicesse, ruggendo a voce bassa: — Oh! guardate un
po' anche a me la sorte a qual duro ufficio mi ha serbato! Oh! guardate
un po'!

Mi allontanai commosso, e seguitando una strada in riva al fiume, poco
dopo, entro una trattoria modestamente intitolata Il Mondo ritrovai i
miei compagni in una stanza piena di sole, di oleografie patriottiche
e di mosche.

Eravamo tutti già da un pezzo là dentro a mangiare quando insieme al
suono di un organino che balbettava il _miserere_ del _Trovatore_ entrò
nella stanza un vecchio senza un braccio.

Uno di noi, osservando come il poveretto sotto la giacca rattoppata
lasciasse vedere una camicia rossa, gli domandò: — Sei stato con
Garibaldi?

— Sì — rispose il vecchio.

— Allora guarda là, guarda là! — ripigliò il nostro compagno
accennandogli una delle oleografie appese al muro, nella quale era
volgarmente effigiata una battaglia garibaldina. Il mutilato si
avvicinò lentamente alla oleografia e rimase immobile con la testa alta
a guardarla. Mi accostai anch'io ad osservarla e avendo visto fra le
figure dei combattenti quella di un frate, mi volsi al vecchio e gliela
indicai.

— Oh — egli mi rispose subito, sorridendo — in Sicilia con noi ce
n'erano parecchi. Poi, dopo un istante di silenzio seguitò: — Ne
ricordo uno piccolo, nero, agile come una scimmia. Quando aveva
caricato il fucile s'inginocchiava e recitava una preghiera: poi si
alzava e _bum_! Un borbonico cadeva in terra. Tirava benissimo. Una
volta gli chiesi perchè recitasse quelle orazioni prima di sparare, ed
egli mi rispose: — Raccomando l'anima di quello che ammazzo.

Mentre il garibaldino parlava, sempre guardando l'oleografia,
dalla porta spalancata venivano più che mai strazianti i gemiti
dell'organino; poi s'udì una girandola di stonature e il suono cessò.
Allora egli s'aggiustò sulla spalla la manica vuota della giacca,
cavò fuori dalla camicia un piattino di stagno, e girò per la stanza a
mendicare qualche soldo.

Quando mi tornò accanto non appena mi vide mettere la mano in tasca per
trarne una moneta, ritirò prontamente il piattino e accennandomi con
lo sguardo la pipa che avevo accesa allora mi disse a voce bassa: — Mi
regali piuttosto da fumare.

— Ma il fumo non esclude l'arrosto — gli risposi; e gli diedi un po' di
tabacco e pochi soldi.

Più tardi, seguendo la strada in riva al Brenta per andare a Fonzaso,
rividi ancora una volta il vecchio che aiutato da un ragazzo trascinava
un piccolo carretto sul quale era legato l'organino.

Egli mi riconobbe da lungi. Fermò il carrettino, corse al manubrio e
riprese a suonare il _miserere_ del _Trovatore_. Lo salutai sventolando
il cappello; lo risalutai ancora; poi entrammo tutti in un sentiero
nell'ombra verde e trasparente di un bosco di querce e lo perdetti di
vista.

                                   *
                                  * *

Fra Valstagna e Fonzaso stanno i forti militari di _Fastro_ e del
_Tombione_: nell'attraversarli facendo stridere i chiodi aguzzi delle
scarpe su le lastre di ferro dei ponti levatoi, guardando le torri,
dalle cui finestre s'affacciavano, sbadigliando i cannoni, io non
potei fare a meno di ripensare a quei tempi beati quando _dugento
fanti cum sui schioppetti over archibusi_, riparati in una meschina
ridotta bastavano a fermare un esercito. E i _dugento fanti cum sui
schioppetti_ mi accompagnarono fino alle porte di Fonzaso.

Oltrepassato il paese, sotto un gruppo di case, su la sponda del
fiume Cismone, vidi da lontano una folla di contadini ferma attorno
ad una carrozza su cui una figura ritta gesticolava energicamente.
Credendo che fosse un ciarlatano il quale vendesse i suoi medicamenti
specifici affrettai il passo. La figura ritta sulla carrozza era
invece una povera pazza che veniva condotta via dal paese per esser
forse rinchiusa in un manicomio. La poveretta, giovine e bella, urlava
parole strambe, e agitando nell'aria le mani aperte, rideva, mentre
copiose lacrime le colavano per le guance infiammate. I più vicini per
chetarla, accarezzandola le sussurravano parole affettuose, con la gola
stretta dal pianto; i più lontani ridevano.

La demente appena mi vide, protese verso di me le braccia, e,
accennandomi a quelli che la circondavano, prese ad urlare: — Enrico!
Enrico! Enrico! — Allora un uomo alto, pallido e barbuto si fece
innanzi e diede al vetturino una valigia che questi si pose subito
fra i piedi; abbracciò una vecchiarella vestita di nero che piangeva
dirottamente; e ingrossando la voce, comandò alla mentecatta di
sedersi. La disgraziata si rannicchiò in fondo alla carrozza tremando;
l'uomo le sedette accanto, il vetturino schioccò la frusta, il cerchio
dei curiosi s'aprì e la vettura sollevando nuvoli di polvere si
allontanò rapidamente sulla via bianca arroventata dal sole.

Raggiunsi i miei compagni avendo negli orecchi le grida della pazza;
e nella mente un tumulto di pensieri tristissimi. Sui lati della
strada di tratto in tratto sulle rocce grigie fra folti cespugli
d'erbacce giallastre appariva qualche croce di legno; in fondo alla
valle di quando in quando un vecchio ponte vestito di erica e di
piante salvatiche cavalcava il fiume veloce e sulle vette dei monti,
coperti di oscure foreste di abeti, si scorgevano le rovine di grandi
castelli popolate spesso di corvi neri e crocidanti e sempre di paurose
leggende.

Mentre passavamo sotto uno di cotesti castelli il giovinetto trentino
mi si accostò per dirmi con voce commossa che eravamo poco lontani dal
confine. Non so più quali cose io gli dissi per consolarlo, ma ricordo
che egli, seguitando a camminarmi accanto, sospirando, si tolse dal
cappello le margherite, e le ripose a una a una, insieme con qualche
lacrima, entro le pagine di un taccuino.

Dopo un poco mi afferrò per un braccio e forzandomi a restar fermo: —
_Varda!_ — mi disse, additandomi una casinetta bianca — _Varda! La xe
l'ultima casetta italiana._

Ci fermammo qualche istante a guardar la casetta che dall'alto di un
poggio verde sembrava salutasse il fiume Cismone che arrivava fresco
fresco dall'Austria e seguitammo la via.

                                   *
                                  * *

Al _Pontetto_ è il confine.

Uscendo dall'Italia, a destra sta la casa della imperial regia dogana;
a sinistra quella dei nostri doganieri. Un'osteria è vicina alla
casa italiana, e una stamberga di legno, sulle cui tavole imbiancate
di recente si legge scritto col carbone: _Otel zur Kaiser Krone_,
si appoggia alle mura della imperial regia dogana austriaca. Appena
entriamo in un portico basso, ove sono allineate parecchie carrozze e
legati molti muli e cavalli, un doganiere biondo e roseo, tutto vestito
di nero, visita solennemente i nostri sacchi volgendosi di tanto in
tanto a sorridere alla moglie del suo brigadiere, affacciata a guardare
sulla porta della casetta austriaca.

— «Non contrabbando, signore?» — mi domandò l'imperial regio doganiere,
dopo aver rovistato nel mio sacco, accennandomi alle tasche dalla parte
del cuore e volgendosi ancora a sorridere alla donna.

— No. — gli risposi. E vedendo che la donna guardando il doganiere
movea le labbra a un sorriso, pensando che egli forse non avrebbe
potuto rispondere, come io risposi a lui, se il suo brigadiere
indicandogli le tasche dalla parte del cuore gli avesse chiesto: «Non
contrabbando?» mi allontanai.

Eravamo in Austria. Eppure non pareva. Intorno a noi gli alberi
sorgevano lieti e verdi come quelli delle nostre terre; il Cismone
spumeggiava fra i sassi, giù in fondo alla valle, così come lo avevamo
visto spumeggiare poco prima nelle gole dei nostri monti; gli uomini
ci salutavano, dicendo: «buon viaggio!»; le donne al pari delle
nostre donne conducevano i buoi all'abbeveratoio; i cani abbaiavano
scodinzolando attorno ai casolari, nè più nè meno dei cani delle nostre
campagne: qua e là negli orti in riva al fiume le zucche fiorivano
rigogliose simili in tutto alle zucche italiane, e gli asini ragliavano
sonoramente col muso all'aria come gli asini dei nostri paesi.

— Allegro, tu! Allegro! — dissi allora al giovinetto trentino,
picchiandogli sulla spalla, mentre scendevamo nella valle di Primiero,
ma egli mi guardò con gli occhietti azzurri, e piegando il capo
sospirò: — _La xe un altra aria! La xe un'altra aria!_ — E in così dire
due lagrime gli scendevano per le gote.

Seguitammo tutti a camminare in silenzio, e poco prima del cadere del
sole arrivammo a Fiera.

La piccola città la trovammo appiattata fra il verde dei campi di
canape e fra le piantagioni di tabacco in riva al Cismone, sotto alle
cime della Pala di S. Martino, del Cimon della Pala, della Fradusta,
della Rosetta e del Sasso Maggiore. Essa nel mille e trecento ebbe
un glorioso succedersi di giorni lietissimi quando in un monte che
le sorge accanto vennero scoperte alcune vene di argento. Allora una
moltitudine di uomini, di donne, di vecchi e di fanciulli invase la
valle silenziosa ove abitava il monte milionario. Oh! che giornata deve
essere stata quella per lui che fin allora aveva vissuto selvaggio e
solingo, quando un bel mattino risvegliatosi al primo apparir della
luce e levato il capo dal roseo origliere di nubi udì da mille bocche
cantar le sue lodi e sentì intorno a sè un festoso e continuo picchiare
di mazze e di martelli. Certo che, se le avesse avute, il povero monte
si sarebbe fregate le mani per l'allegrezza. Ma ohimè vennero anche
per lui i giorni dolorosi della miseria, poichè tutta quella gente che
gli era intorno vivendo alle sue spalle col suo argento, appena gli
ebbe vuotate le tasche e gli ebbe tolto fin l'ultimo picciolo se ne
andò altrove, senza neppur voltarsi a salutarlo, lasciandolo solo come
un cane! Poveraccio! Il giorno che andai a fargli visita quando, dopo
di essermi aperta con fatica una via fra selvette spinose di cardi
e di piante cineree sotto i cui fiori gialli e violacei guizzavano
i ramarri, io mi trovai dinanzi a una delle sue buche di dove tanta
gente aveva tratto fuori tanta ricchezza, fui preso da una pietà così
profonda che se non fossi stato vinto dal timore di offendere la sua
dignitosa miseria gli avrei dato cinque lire.

Ma ora Fiera s'è data pace della fine delle sue miniere, le quali, come
dice efficacemente un nobile scrittore, «appartengono alla storia»,
la quale non sa che farsene!, e vive modestamente, con quel poco che
le è rimasto, in riva al Cismone, dove a chi ha la fortuna di andarla
a vedere essa mostra subito quel che possiede: una chiesa gotica con
un alto campanile a fianco, un teatro, un imperial regio capitanato
distrettuale, un ufficio di posta e telegrafo, un negozio di generi di
privativa, una bottega dove si vendono pipe tirolesi, si fabbricano
dolciumi e si imbalsamano uccelli, un palazzone nero ove una volta
si rinchiudevano le streghe, le donne possedute dal demonio, e, se si
potevano acchiappare senza bruciarsi le dita, anche i _sanguanelli_; e
nessun monumento a nessun grande uomo.

Tutte queste belle cose, meno l'ultima, s'intende, chi vuol vederle le
trova subito, senza camminar molto, in tre vie che si distinguono coi
nomi di contrada lunga, contrada di sopra e contrada di sotto, e in una
piazza che non solo si chiama modestamente piazza di sotto; ma verso le
cinque pomeridiane viene anche adoperata come sferisterio. Allora che
vi andai, difatti, vi trovai sei giovinotti che vi stavano a giocare
una partita alla palla. Avevo appena incominciato a seguire le sorti
della partita quando un giuocatore mal destro mandò una palla sur una
finestra del regio imperial capitanato distrettuale e un vetro andò in
frantumi. Caspita! pensai subito, ora viene il regio imperial capitano
distrettuale e ci impicca tutti; ma non avevo finito di pensarlo che
invece del regio imperial capitano distrettuale venne un gendarme
grasso e rubicondo con la canna di una lunga pipa di porcellana fra le
labbra. Egli aprì adagio adagio la finestra, guardò il vetro rotto,
sorrise e buttò a basso la palla che era rimasta sul davanzale, e
dietro alla palla un'occhiata che pareva volesse dire: — Eh, cari miei,
altre palle ci vogliono per farmi perdere la pazienza! — Poi sorrise di
nuovo, richiuse adagio adagio la finestra e se ne andò.

I sei giovinotti ripresero, ridendo, il loro giuoco e un omino storpio
accoccolato sopra una sedia seguitò a gridare con voce stridula i punti
della partita.

                                   *
                                  * *

Un delizioso giardinetto allieta il maggior albergo di Fiera. Dopo di
aver desinato in gaia compagnia vi scesi, mentre un chiarore opalino
che andava a poco a poco spargendosi nel cielo annunciava il sorgere
della luna. Per vederla uscire dalle cime dei monti io m'era appena
seduto sotto una pianta di rose, i cui rami spinosi abbracciavano
il tronco di un larice, quando un canto doloroso ruppe il silenzio
del piccolo giardino. I singulti dell'_Ich grolle nicht_ di Schumann
venivano da una finestra dell'albergo, si fermavano per qualche istante
sulle rose e si perdevano nell'aria impregnata di acuti aromi resinosi.
Appena il canto si tacque mi parve di sentire una voce che sussurrasse:
— Enrico! Enrico!... — e un fiore mi cadde sul cappello. Balzai in
piedi; alzai la testa e udii subito il cigolio di una finestra che si
richiudeva in fretta.

Raccolsi il fiore e, ripensando alla pazza di Fonzaso, mi avviai
lentamente verso la mia stanza.

Nel corridoio vi trovai una donna con un bambino sulle ginocchia, che
dondolandosi sur una sedia, canterellava con un filo di voce:

    _Quanno che la mi' mamma me cunava_
    _Cantava 'na canzona de Turchia._
    _Le fasse co' le quale me fassava_
    _Era' tessute de malinconia._
    _Quanno che la mi' mamma me cunava_
    _Cantava 'na canzona de Turchia!_

Mi trattenni un poco ad ascoltare la cantilena, forse recata anch'essa
dall'Oriente con le norme per la fabbricazione dei cappelli di paglia
da Nicoletto del Sasso, e ne fermai, come meglio potei, sur un pezzo di
carta, le parole; poi entrai nella mia cameretta ed apersi la finestra.

L'ultimo quarto della luna inargentava le acque del Cismone, che
correvano scrosciando. Anche loro cantavano la ninna nanna ai larici
ed agli abeti che sotto il cielo stellato s'addormentavano, sulle
ginocchia della notte, nell'ombra tacita e densa delle umide sponde
scoscese.



LE “CAPANNE„ DI RIPETTA


Il barcarolo che mi traghettava ieri all'altra sponda del Tevere, dove,
sotto ai begli alberi fronzuti, sorgono dall'acqua bionda le stuoie
gialle dello stabilimento dei bagni, mi diceva con molta serietà: —
_Caro lei, troppi stabilimenti! Troppi! Napoli, Livorno, Civitavecchia,
Vicarello! Ar giorno d'oggi ce so' più stabilimenti che bagnanti: se
capisce che l'affari vanno male._

Il Caronte che per due soldi trasporta le anime e i corpi dall'una
all'altra riva tiberina e viceversa, è un vero lupo di fiume: magro; ma
robusto, con la barba bianca e lanosa che gli onora la faccia abbrunita
dal sole, siede gravemente sulla poppa di una sua barca, chiamata
l'arca di Noè, e non abbandona il suo posto se non per raccogliere
dignitosamente nella berretta il prezzo del breve viaggio fluviatile.
Ordinariamente non è molto verboso. Le gravi responsabilità della
navigazione non gli permettono di perdersi in chiacchiere; tuttavia
se i «passeggeri» son pochi e di sua conoscenza, mentre egli maneggia
il vecchio timone, che sa le tempeste e ad ogni scossa miagola come un
gatto soriano, parla volentieri.

I suoi discorsi favoriti non mai più lunghi della traversata, sono
due: _la spiegazione der machinismo de la girella_, che scorrendo
sulla corda tesa fra le due rive del fiume tiene assicurata la
barca; e la descrizione di un viaggio da lui fatto in gioventù per
risalire il Tevere da Ripetta a Stimigliano; un viaggio con burrasche,
burraschette, _riggiri_, _mulinelli_, _crescenti_, _crescentini_,
_murelle_, _pennelli_, _mollacce e mollaccioni_: roba, Dio ne scampi e
liberi tutti, da non ritornare più a casa.

È inutile dire che tanto il primo quanto il secondo discorso
finiscono sempre con questa giaculatoria: — _Caro lei, tutto va bene;
ma ar giorno d'oggi ce so' troppi stabbilimenti. Napoli, Livorno,
Civitavecchia, Vicarello! Troppi stabbilimenti! Li tempi de 'na vorta
so' finiti._

_Li tempi de 'na vorta!_ Allora, difatti, quando al cominciar
dell'estate non era ancora venuta la moda di fuggirsene sulle rive del
Tirreno azzurro e dell'Adriatico verde, l'inaugurazione delle «Capanne»
era davvero per la vita romana un avvenimento; ma adesso invece è
divenuta la cosa più semplice del mondo. Quando le tende e le stuoie
sono distese sui pali ben confitti nell'arena del fiume; quando tutte
le sedie sono allineate e la pesante scrivania è al suo posto, si
appende sulla porta d'ingresso una tabella su cui sta scritto a lettere
di scatola: SI PAGA ANTICIPATO, e la stagione dei bagni fluviali è
inaugurata.

                                   *
                                  * *

Appena si entra nelle «Capanne» è di rito il domandare gravemente al
primo che vi capita dinanzi: — Com'è l'acqua?

— Bu... bu... bu... o... na — vi risponde invariabilmente
l'interpellato, asciugandosi il petto con l'asciugamano.

Esaurita la prima domanda si deve passare subito alla seconda: — Fredda?

— Un br... br... br... o... do! — replica allora egli battendo i denti
e tremando.

Ottenute alle due domande rituali le due risposte inevitabili, potete
pure consegnare, se li avete, i vostri valori al proprietario dello
stabilimento, ricevendone in cambio una medaglietta infilata a una
cordicella, e, dopo di aver pagato il prezzo del bagno, siete padroni
di fare quel che vi pare e piace, anche di annegarvi, tanto potete
esser certi che in ogni caso il maestro di nuoto vi verrà a ripescare.

Il maestro di nuoto, come non è difficile di immaginarlo, dopo il
_pizzardone_, il quale vigila per conto del municipio sulla morale
dello stabilimento, cioè sulla maggiore o minor lunghezza delle
mutandine dei signori bagnanti, è la prima autorità delle «Capanne».
Egli, oltre alle lezioni di nuoto che impartisce con una chiarezza
di eloquio ed una sicurezza di metodo veramente ammirabili ai suoi
scolari, è sempre disposto, dietro un modesto compenso, ad insegnare
a loro, ogni qual volta lo desiderino, anche i primi rudimenti di un
suo speciale sistema scientifico di ginnastica educativa, consistente
in capriole, salti mortali e lotta romana; ed è sempre dispostissimo,
qualora se ne presenti l'occasione, a salvare dalla morte quegli
sciagurati, i quali, volenti o no, si trovano in procinto di andare
a fare _conversazione co' li pescetti_. Difatti, il brav'uomo nelle
grandi solennità nazionali ed estive non si priva mai del piacere
di esporre sul suo petto all'ammirazione pubblica parecchie medaglie
d'argento, di bronzo e di altri metalli più o meno artefiziati, avute
in premio per i molti salvamenti da lui felicemente compiuti. Però,
bisogna dirlo a suo elogio, alle medaglie ci bada poco: quello a cui
tiene assai è di fare il proprio dovere e di riscuotere quell'ambìto
guiderdone col quale i parenti dei salvati, da che il mondo è mondo,
sogliono rimeritare i salvatori.

Una volta, ricordo, fra una lezione di nuoto e un'altra di ginnastica
educativa, mise gli occhi addosso a un giovinetto il quale fra le
sue abitudini, non tutte buone, aveva anche quella di affogarsi una
volta al mese. Il giovinetto era il figlio di un padre discretamente
danaroso, e il bravo maestro, immaginando quale dolore il figlio
avrebbe arrecato al padre, se mai fosse andato in fondo al Tevere
a fare _conversazione co' li pascetti_, come lo vedeva allontanarsi
dalla sponda lo seguiva con gli occhi vigili e al momento opportuno lo
salvava.

Il povero padre aveva già ricompensato per ben due fiate il filantropo,
unendo al vile metallo i più cordiali ringraziamenti, quando, con sua
grande meraviglia, se lo vide ricomparire dinanzi ancora una volta con
la notizia di un terzo salvataggio. Giacchè non c'era modo di poter
fare altrimenti, il povero genitore tornò a rimunerare e a ringraziare
il salvatore; ma poi, impensierito della triplicità dei naufragi e
relativi salvamenti, gli disse: — Sentite, se mai d'ora innanzi vi
accadesse di vedere mio figlio che se ne va giù in fondo al Tevere,
lasciatecelo andare, perchè se lo salverete una quarta volta io non vi
darò più nemmeno un centesimo.

Non occorre dire che da quel giorno il giovinetto, che aveva contratta
la brutta abitudine di affogarsi una volta al mese, non s'affogò più.

Ma il maestro di nuoto delle «Capanne» di Ripetta non è soltanto un
filantropo a tutta prova, un nuotatore pronto a sfidare ogni rischio e
un ginnasta degno di qualunque circo, anche equestre; ma è eziandio un
pescatore senza rivali e un navigatore espertissimo, poichè il letto
del Tevere lo conosce assai meglio di quell'altro letto ove ei suol
dormire con la sua signora. E, come se ciò già non bastasse, a coteste
belle qualità fisiche e morali che adornano il suo corpo e la sua anima
egli ne può aggiungere ancora un'altra simpaticissima: quella di essere
un maestro impareggiabile nell'architettare burle e mistificazioni, le
quali ei suole romanamente nobilitare col nome di _fregature_, e di
saperle mettere in esecuzione con una salsa così saporita di serietà
allegra da conciliarsi quasi sempre il perdono dei burlati.

Una volta, ricordo, venne annunciato sui giornali l'arrivo a Roma di
un americano, un certo capitano Boyton, inventore di un vestiario nero
nonchè insommergibile, che permetteva al suo proprietario di poter
galleggiare in tutti i mari, per tutti i fiumi e su tutti i laghi del
Globo. L'americano aveva l'atto sapere, con manifesti appiccicati alle
cantonate, il giorno, e press'a poco anche l'ora, in cui egli sarebbe
giunto a Roma da Terni, percorrendo la Nera ed il Tevere, per mostrare
la sua invenzione impermeabile ai pronipoti del console Cajo Duilio.

I pronipoti del console s'erano già affollati sulle rive del fiume,
ansiosi di ammirare l'_omo galleggiante_, quand'ecco che scorgono da
lontano un gruppo di barchette imbandierate. Le barchette s'avvicinano
e, mentre i vogatori gridano a perdifiato: — Viva il Capitano! Viva
Boyton! Viva Cristoforo Colombo! Viva la scoperta dell'America! — in
mezzo a moltissimi nuotatori, che galleggiano muovendo furiosamente le
braccia e le gambe, tutti distinguono un uomo vestito di nero, disteso
sulle acque bionde passare immobile, trasportato dalla corrente.

Dalle finestre, dalle loggette, dai mignani e dalle terrazze delle
case, che si specchiano da secoli nelle onde gialle del fiume
famoso all'universo, vien cavata fuori qualche bandiera; la folla
accalcata sui gradini del porto di Ripetta applaude e saluta l'_omo
galleggiante_; e questi, sempre immobile sul pelo dell'acqua, prosegue
il suo viaggio fra una cagnara di casa del diavolo, e, arrivato a ponte
S. Angelo, prende terra fra un multicolore sventolìo di stendardi
e fra un assordante scoppiettare di crepitacoli e di applausi che
l'acqua, buona conduttrice del suono, questa volta, aiutata anche dalla
corrente, porta lontano lontano, forse fino al mare.

L'animoso Boyton, il quale non era altri se non il maestro di nuoto
delle «Capanne», prima di lasciare la riva di Castel S. Angelo
ringraziò e salutò con suoni e con gesti, veramente non tutti
americani, la gente addensata sul ponte Elio; e quindi, accompagnato
rumorosamente dai suoi seguaci, se ne tornò glorioso e trionfante
a Ripetta, ove sotto gli alberi fronzuti numerosi ammiratori gli
offrirono un solennissimo e lauto simposio, non che i mezzi per potere
agevolmente dimostrare come e quanto ei sapesse essere insommergibile
non soltanto nell'acqua, ma anche nel vino.

Ma il più bello di tutto fu questo: che poco più tardi quando il
vero capitano Boyton arrivò a Roma, sia che tutti temessero una nuova
mistificazione o sia che tutti avessero esaurita, non importa come, la
provvista del loro entusiasmo, il fatto sta che al vero Boyton non ci
credette nessuno, e l'audace capitano nonchè notatore insommergibile
dovette notare quanto mai sia difficile, anche sulle rive del Tevere,
alla verità di poter galleggiare su l'apparenza.

                                   *
                                  * *

Le «Capanne» si dividono in due parti. La prima formata da un largo
recinto di stuoie, libero a tutti, viene chiamata superbamente il
«Capannone»; la seconda, una lunga fila di piccoli recinti, porta il
modesto nome di «Capannelle».

Come le «Capanne» si dividono in «Capannone» e «Capannelle», così
i loro assidui frequentanti si possono distinguere in nuotatori che
nuotano e in nuotatori che non nuotano.

Il nuotatore che nuota lo si riconosce subito: quasi sempre indossa,
quando lo indossa, un costume molto scostumato: è l'amico di tutti,
saluta tutti, e scherza volentieri con tutti, massime con quelli
che non hanno nessuna voglia di scherzare; conversa ad alta voce e
in gergo coi «capannari»; stringe la mano e dà del tu al maestro di
nuoto; organizza merende all'aria aperta e banchetti all'aria chiusa,
mette sù barchettate ai Polverini e partite di pesca nell'Aniene; e
parla continuamente dell'Albero Bello, una parte del Tevere, fra ponte
Milvio e Ripetta, malamente famosa per i molti suoi mulinelli vortici
e gorghi pronti ad inghiottire i nuotatori inesperti. Egli appena
entra nell'onda esce subito dalle «Capanne», e il suo bagno se lo va
a pigliare nel bel mezzo del fiume ove fischia, canta e schiamazza
affinchè tutti possano ammirare la sua forza e la sua destrezza nei
più difficili esercizi del nuoto; ma se mai rimane nel «capannone»
_arranca_ sempre, cioè va sempre contro corrente.

Il nuotatore che non nuota, invece, come si può facilmente pensare,
è la perfetta antitesi del nuotatore che nuota. Egli, benchè faccia
sempre le sue evoluzioni natatorie _indove ce se tocca_, è sempre
inappuntabilmente vestito di un costume irreprensibile; parla poco,
è timido, è sospettoso, non dà confidenza a nessuno, e non accetta
scherzi, specialmente nell'acqua; e quando entra nel «capannone» gli si
sviluppa in tutto il suo essere una simpatia straordinaria per i pali,
tant'è vero che appena ne vede sorgere uno rigido e muto dall'onda
sonora e corrente, si sente immediatamente attratto verso di lui da una
forza irresistibile; gli si avvicina, se lo stringe al petto e non lo
lascia più. Ma per solito il nuotatore che non nuota il suo bagno se lo
piglia di nascosto, solo, in una «capannella» fischiando quasi sempre
la romanza più in voga.

Ai nuotatori che non nuotano bisogna aggiungere gli _apprendisti_,
ossia quei tali frequentatori delle «Capanne», i quali, pur non
avendo nessuna attitudine al salutare esercizio del nuoto, cercano
in tutti i modi di ottenere con la volontà quello a cui la natura li
ha irremissibilmente negati. Ve ne sono di tutte le età e di tutte le
condizioni: vecchi venerandi dalle lunghe barbe fluenti e giovinetti di
primo pelo, capi divisione nei pubblici ministeri e studenti di quarta
ginnasiale, signori e poveretti, uomini di guerra e uomini di pace,
professionisti e artigiani. La prima caratteristica dell'_apprendista_
è quella di amare, almeno fino a quando rimane nell'acqua, il prossimo
suo più di se stesso. Difatti l'attaccamento da lui sentito per il
suo simile diviene in certi momenti così allarmante da far ripensare
a quella massima dello Schopenhauer che dice: — Se l'uomo conoscesse
i pericoli che provengono dall'attaccamento, se ne andrebbe a vivere
nella foresta, solo, come un rinoceronte.

Del resto gli _apprendisti_ per lo più si attaccano tra loro; poichè
nel «capannone» non ci vanno mai a uno a uno, ma sempre a due a due
come i frati minori e le monache maggiori, come le guardie di pubblica
sicurezza e i reali carabinieri, e come le uova al tegame: e una volta
nell'acqua si consigliano, studiano, non apprendono e bevono.

La quantità di Tevere che essi son capaci di ingurgitare durante i loro
studi natatorii è incalcolabile; tanto incalcolabile che se il Nestore
e la Chiana, il Topino e la Paglia, la Nera e l'Aniene finissero di
soccorrerlo con le loro linfe abbondanti, io credo che il nostro povero
vecchio Tevere finirebbe col seccarsi.

Ma prima che egli si secchi, e prima che vi secchiate anche voi,
sarà bene di rammentare, sia pure brevemente, due altri gruppi di
frequentatori delle «Capanne»: quello dei cacciatori i quali portano
con loro i proprii cani per risciacquarli nelle acque tiberine, e
quello di quanti vanno alle «Capanne» per diventar neri. Questi per
lo più amano la solitudine: se posseggono una barchetta sono capaci
di risalire il fiume per ore ed ore, vogando; se non posseggono la
barchetta nè un amico a cui chiederla in prestito, si scelgono un luogo
della sponda ove il sole batte più rovente, si stendono su l'arena
torrida, e nuotando nel proprio sudore, rimangono lì a crogiolarsi in
una specie di torpore stupido, dal quale non si destano se non per
accertarsi del progresso del loro annerimento. I cacciatori invece
amano la compagnia, non più dei proprii cani, s'intende; ma l'amano,
e amano anche di chiacchierare. Difatti, mentre si spogliano, non la
finiscono più di parlare di quaglie, di starne, di pernici, di lepri,
di cignali e di caprioli, punteggiando i lunghi discorsi con certi
_bum-bum_ che fanno trasalire dallo spavento la guardia municipale la
quale, dormendo su una sedia, vigila sempre per conto del municipio
sulla moralità dello stabilimento; e quando si sono spogliati si
mettono a insaponare e a lavare i loro cani sulla riva bollente sotto
il tormento del sole ardentissimo. Qualche volta però il sole produce
i suoi effetti! Io ricordo di aver visto coi miei occhi mortali uno di
cotesti cacciatori che dopo di avere insaponato e ben bene risciacquato
il suo cane pretendeva niente di meno che la povera bestia imparasse a
fare il _braccetto_.

                                   *
                                  * *

Dopo di esser uscito fuor del pelago alla riva, di aver guatato l'acqua
perigliosa e gialla e di essersi bene asciugato, il nuotatore che
si rispetta, prima di rivestirsi, per risvegliare col moto il calore
nelle sue membra infreddolite dal bagno, giuoca una partita a morra.
La partita viene giuocata in due e più spesso in quattro, e il premio
del vincitore, o vincitori che siano, è sempre un bicchierino di un
certo liquido giallognolo imprigionato in una bottiglia nera ed antica,
la quale, forse in un tempo assai lontano, ospitò fra le sue fragili
pareti di vetro un litro di quel vino bianco scelto e aromatico a cui
il Rigutini e il Fanfani danno il nome di vermutte.

I frequentatori delle «Capanne» il liquido giallognolo lo chiamano
arnica.

Una volta i vincitori della morra solevano aggiungere all'arnica
qualche pagnottella imbottita o qualche croccante amaretto che un
vecchio storpio a cui avevano dato il nome di Spillman, cioè il nome
del più famoso fra i pasticcieri romani, difendeva accanitamente dalle
mosche agitando di continuo una verghetta flessibile sul cui vertice
ondeggiava un fiocchetto minuscolo di carta velina; ma adesso il povero
storpio, dopo di aver perduto ogni speranza di vedersi onorato in modo
soddisfacente dagli ambiti comandi della sua rispettabile clientela,
sulle rive del Tevere non ci viene più, e i bevitori di arnica alla
pagnottella e al croccante ci han dovuto rinunziare.

Povero Spillman! Dove sarà andato ora a vendere i suoi dolciumi?

Le ultime volte che venne alle «Capanne», sebbene si sforzasse a
dissimularlo, era di un umore assai nero. Vedendo che ogni giorno la
sua clientela rispettabile si allontanava sempre più da lui, presentiva
l'avvento del giorno fatale in cui egli avrebbe dovuto a sua volta
allontanarsi da lei.

— Come va? — gli domandavano al vederlo; e lui, sostenendo a fatica
sul petto la canestra dei dolci, mentre si avvicinava alla scrivania
del proprietario dello stabilimento accanto alla quale era solito di
mettersi a sedere, rispondeva, alzando gli occhietti verdastri verso
il tetto delle «Capanne»: — Ringraziamo il Signore! — E, dopo di aver
ringraziato il Signore, posava la canestra sur una sedia e aspettando
invano gli ambiti comandi dei signori bagnanti incominciava a _caccià'
le mosche_.

Un giorno un «capannaro» molto intelligente gli manifestò il dubbio che
forse i bevitori di arnica non si avvicinavano volentieri alla canestra
perchè erano impensieriti dalle troppe mosche che ci volavano sopra, e
gli suggerì di coprirla con un velo.

Spillman trovò il suggerimento molto ragionevole e difatti la mattina
appresso adornò le pagnottelle imbottite e i croccanti amaretti di
un velo candidissimo simile a quello con cui quel dolce di Calliope
labbro, prima di renderlo in grembo a Venere celeste, adornò Amore,
nudo in Grecia e nudo in Roma; ma i signori bagnanti pur ammirando la
leggerezza del velo e approvando senza riserve il mezzo ingegnoso col
quale egli aveva saputo difendere la sua pasticceria dagli oltraggi
dei ditteri fastidiosi, i quali, se è vero quel che dice Plutarco,
venivano adorati dagli Acarnani, di pasticceria ne comperarono
poca. Allora il «capannaro» che prendeva sempre molto a cuore le
tribolazioni del povero Spillman, anche perchè alla fine della giornata
soleva riscuotere una piccola percentuale sui meschini incassi del
pasticciere, vedendo come il velo non avesse raggiunto gli effetti
sperati, lo consigliò di unire ai dolci, articolo di vendita dubbia,
un articolo di esito certo: il sapone. E gli disse: — _La pasticceria,
sì, è un genere bellissimo; però si nun se venne subito s'inacidisce e
bisogna buttalla; ma er sapone, no. Er sapone è sempre sapone e sfida
li secoli peggio der travertino. Dunque?_

— Proviamo! — mugolò lo stroppiato, e qualche giorno dopo mise accanto
alle pagnottelle e ai croccanti due dozzine di saponette rosse, gialle,
verdi e turchine, le quali, non solo promettevano di essere più dure
del travertino, ma facevano venire la colica soltanto a guardarle.

E fu proprio allora, quando vide sfondarsi tutte le speranze da
lui fondate sul felice esito delle saponette, che il disgraziato mi
dimostrò come col racconto della sua vita il poeta Dante Alighieri
avrebbe potuto scrivere un romanzo di Perino.

Era, ricordo, un tepido e luminoso pomeriggio di agosto. I passeri
cinguettavano sul tetto delle «Capanne». Una luce quieta e dorata,
traversando i giunchi e le cannucce fesse delle stuoie, scendeva
dall'alto a rallegrare le acque bionde del fiume; e di quando in quando
qualche barchetta nera radendo la sponda limacciosa, ombreggiata dalle
acacie verdi fra i cui rami frondosi strillavano le cicale, passava
adagio adagio lasciandosi dietro, oltre al rumore tenue e cadenzato dei
remi, una frangia d'oro vaghissima.

Mentre i passeri cinguettavano, le cicale strillavano e le barchette
passavano, lo stroppiato, volgendo di tratto in tratto gli occhietti
verdastri e rassegnati verso le saponette invendute, mi confidò che
egli era nato negli agi e mi disse che essendo rimasto orfano di pochi
anni venne affidato alle cure di un tutore il quale a poco a poco gli
mangiò tutto il suo avere. Uscito appena dalla adolescenza il meschino
fu colpito da una grave malattia: riavutosi si trovò solo e costretto
a dover risolvere giorno per giorno, ora per ora il difficile problema
della esistenza. Provando e riprovando lo risolvette mettendosi a fare
il materassaio. Dopo di avere impuntito non so più quante migliaia di
materasse, si impiegò nella «Nettezza Urbana», e per qualche tempo,
secondo quel che mi disse, campò «portando via la nettezza dalle
case». Alfine, dopo di avere esercitati parecchi mestieri, uno meno
rimunerativo dell'altro, cercando di sbarcare il suo lunario, sbarcò,
dopo molte tempeste, in una bottega di pasticciere, e gli riuscì di
mettere insieme, fra un pasticcio e l'altro, un modesto peculio. Se la
passava discretamente bene quando per sua disgrazia gli venne in capo
l'idea di voler aggiungere alle dolcezze dei pasticci anche quelle del
matrimonio, e si ammogliò. La moglie, passato qualche mese, gli morì ed
egli stesso cadde gravemente ammalato. I pochi quattrini messi insieme
con tante fatiche se ne andarono in medicine, e lo sciagurato quando
dopo lunghe sofferenze ritrovò la salute perdette l'uso delle gambe; e
allora, non potendo quasi più camminare, divenne pasticciere ambulante:
si legò al collo con una cordicella un paniere di vimini; l'empì di
robe dolci, e reggendosi a stento sulle cianche rattrappite, incominciò
a strascicare amaramente la vita per le vie dolorose del mondo nella
speranza di trovarci gente allegra e festante, disposta a comperare e
a gustare dolciumi.

Povero e caro Spillman dove sei ora con le tue pagnottelle, coi tuoi
croccanti e con le tue saponette? Chi potrebbe dirlo? Quello però di
cui tutti son certi è che le «Capanne» con la tua partenza han perduto
il più buono e più simpatico dei loro frequentatori; e quello che io
posso dire è che il ricordo dei tuoi croccanti mi resterà sempre dolce
nella memoria. Ma, se hai creduto bene di andartene, è inutile di
starsi a rammaricare; tanto più che oramai, qui sulle due belle nostre
rive del Tevere, noi ci siamo assuefatti e rassegnati da tempo a vedere
che tutto se ne va. Tutto! Non soltanto i tuoi croccanti amaretti, le
tue pagnottelle imbottite e le tue saponette rosse, gialle, verdi e
turchine, caro e povero Spillman; ma le usanze e i costumi, gli abiti
e le abitudini, i giuochi e le feste, i gesti e le parole, i giardini
e le ville, le mura e i palazzi, le strade e le botteghe, gli alberi e
le torri, le Porte e i monumenti. Tutto!

E fra non molto, ahimè!, dovranno andarsene anche le «Capanne»;
scacciate dai muraglioni, bianchi, monotoni e uggiosi dei Lungo
Tevere, i quali tra poco si metteranno a sedere sulle sponde boscose
e pittoresche del nostro bel fiume biondo ed antico, per non rialzarsi
mai più, dovranno andarsene anch'esse.

E poichè tutto se ne va, poso la penna e, per non restar solo, me ne
vado anch'io.



IL MIO PELLEGRINAGGIO


— Ma lei ci vada — mi disse la signora Ermelinda, un'affittacamere che
da molti anni mi onora della sua benevolenza, — ci vada, e vedrà che
quando ritorna non avrà parole per ringraziarmi. Ecco il biglietto. Ma
faccia presto, corra, altrimenti non arriverà in tempo.

Presi il biglietto, scesi in istrada, salii su una vettura e dissi al
vetturino: — A San Pietro!

                                   *
                                  * *

Il vetturino, appena il cavallo si muove, incomincia subito a
chiacchierare, e fra una frustata e l'altra mi descrive diffusamente le
antiche funzioni papali, mi partecipa le ultime notizie della salute di
Coccapieller, mi _spiega l'interno de Castel Sant'Angelo_, avvertendomi
che si può anche chiamarlo _la mola adriana per via che è tonno_; e
quando entriamo in piazza Rusticucci, indicandomi con la punta della
frusta _la più gran cuppola dell'Umanità_, mi dice sorridendo come se
pregustasse la mia sorpresa: — _La vede quella palla che de quaggiù a
lei gli pare un merangolo? Be', lì drento per sua regola sappia che ci
vanno non meno di sette persone._

— Ma davvero?

— _Non meno_. — ribadisce il vetturino; poi, felice della mia sorpresa
accennando, sempre con la punta della frusta, le due fontane in mezzo
alle quali passiamo, continua: — _E queste due fontane le vede? Sono
due bellissime fontane perenne che le fece fare Sisto Quinto assieme
all'obilisco di Nerone: e dice la storia che quanno lui le fece vedere
ar re de Napoli, er re de Napoli se crese che fossero finte e disse
ar papa..._ Un cordone di bersaglieri impedisce alla vettura di poter
andare più innanzi, ed io son costretto a lasciarla insieme a Nerone,
a papa Sisto e al re di Napoli.

Mentre la lascio, il grande orologio del Valadier con la sua voce
sonora mi avverte che sono le dieci e tre quarti. Non c'è tempo da
perdere: e mi avvio a passo accelerato verso la Sagrestia, davanti alla
cui porta ci trovo una folla di preti, frati, monache e seminaristi che
si stringe addosso a due «sampietrini».

Aiutandomi coi gomiti mi faccio innanzi insieme ad alcune «figlie di
Maria», e presento il mio biglietto a uno dei «sampietrini», il quale
appena lo vede mi dice: — _Questo nun è bono_.

— Come? Non è buono?

— _No. Lei è un pellegrino e li pellegrini deveno entrà' dar
Portone...._ — Sfido io!

— _...de bronzo_.

Vado al Portone di bronzo; colà mostro il biglietto a un gruppo di
signori in abito nero e cravatta bianca, ed entro. Appena muovo i primi
passi nel corridoio del Bernini, uno svizzero mi si avvicina e mi offre
una crocetta di panno bianco e una breve carta su cui sono stampate
le istruzioni per le udienze pontificie. Ringrazio il pronipote di
Guglielmo Hötel, scendo nel vestibolo della basilica, saluto i miei due
vecchi amici Carlo Magno e Costantino ed entro nel tempio.

Sotto alla colossale pila dell'acquasanta due gendarmi _cór bonettóne
a pelo_ si appoggiano alle loro durlindane. I due putti giganteschi
li guardano e sorridono. Alcuni pellegrini con le gambe aperte e con
la testa bassa son fermi ad osservare e forse a leggere le iscrizioni
che segnano sul pavimento la misura delle principali chiese d'Europa;
altri, parlando a voce alta, passeggiano facendo stridere i chiodi
delle scarpe sulle pietre lucide e perfino su quel porfido ove un tempo
gl'imperatori venivano a farsi incoronare; ma la chiesa è vuota.

— Come mai? — domando a una guardia palatina.

— _Eh_ — mi risponde il pacifico armigero, guardandomi dall'alto in
basso, — _che gli rimane di novo? Non lo sa che ne la gran grandezza
tutto pare piccolo e che San Pietro pare sempre vòto? Lei giri e vederà
si quanta gente incontra_.

Seguo subito il consiglio palatino: mi unisco a parecchi pellegrini
sardi i quali camminano adagio adagio, fermandosi di quando in quando
a guardare in alto con le bocche aperte, e arrivo alla Confessione ove
c'è un brulichio di gente nera che le famose ottantanove lampade di
Mattia De Rossi non arrivano a illuminare. Mentre sto ammirando una
guardia nobile, che deve essere certamente molto più nobile di quello
che pare, arriva un branco di pellegrini d'ambo i sessi guidato da un
pretonzolo sul cui volto pallido brillano due cristalli incastrati in
due cerchietti d'oro.

Egli appena si ferma alza subito un braccio verso una delle quattro
colossali colonne di bronzo e incomincia a dire: «Questo, signori, è il
famoso baldacchino del Bernini. Per costruire questa mole superba il
grande artista impiegò un milione ottocento sessantatre mila trecento
novantadue libbre di metallo e per dorarla spese quarantamila scudi;
circa duecento mila lire della nostra moneta corrente».

I pellegrini manifestano coi gesti e con le parole la loro meraviglia,
e il pretonzolo con la voce monotona, come se recitasse una lezione
mandata a memoria, continua imperturbabile: «La mole superba che
abbiamo dinanzi è alta ventotto metri; e il sommo pontefice Urbano
ottavo la inaugurò nel giorno della festa di San Pietro nell'anno
milleseicentotrentatre».

Arrivato all'anno milleseicentotrentatre il pretucolo si concede un
attimo di riposo; poi girando lentamente intorno a se stesso sempre col
braccio alzato ripiglia: «Le quattro statue colossali che lor signori
vedono nelle nicchie dei quattro pilastri che sostengono la cupola
rappresentano San Longino, Sant'Elena, Santa Veronica e Sant'Andrea.
Nella loggia che sta sopra alla statua di Santa Veronica, nelle grandi
festività, vengono mostrate alla venerazione dei fedeli le sagre
reliquie che fanno sommamente venerabile questa basilica, la quale,
oltre alla metà dei corpi dei santissimi apostoli Pietro e Paolo,
possiede il santissimo Sudario, la lancia che trafisse il santissimo
costato di nostro Signore, un gran pezzo della Croce su cui si compì
la nostra redenzione, la testa ed un braccio di Sant'Andrea apostolo,
una spalla di San Stefano protomartire, la testa di San Sebastiano, il
corpo di Santa Petronilla figlia di San Pietro, ed oltre ad infinite
altre reliquie, che sarebbe troppo lungo ora di ricordare, i corpi dei
primi dieci pontefici».

Appena compiuta l'enumerazione del tesoro sagro posseduto dalla
basilica vaticana, il pretonzolo fa un gesto brusco con la mano aperta
come se volesse dire: sbrighiamoci!, e si mette a camminare a passo
svelto verso il monumento di Alessandro settimo. Tutti lo seguono;
ed io mi avvicino _ar Chiavettaro_, e, dopo di esser rimasto fermo un
momento a guardare la gente che gli si accalca intorno per baciargli
il piede, entro nella navata destra. C'è folla. Preti di tutti i gradi,
frati di tutte le razze, monache di tutti i colori, contadini di tutti
i paesi e pellegrini di tutti gli odori si ammassano sotto al sarcofago
di Gregorio decimoquarto, ove, davanti a un panneggiamento di stoffe
rosse orlate di una frangia d'oro, veggo biancheggiare da lontano la
spalliera di una sedia e riluccicare la punta di qualche alabarda.

Ignorando il programma dello spettacolo mi rivolgo a un canonico e gli
chieggo: — Scusi, reverendo, il papa...

— Sì, figlio, viene di qua. — mi risponde lui subito, senza neppure
lasciarmi finire la dimanda.

— Ma ritarda! — esclama una donna.

Il canonico cava fuori la sua _saponetta_, se l'accosta all'orecchia,
la guarda e aggrotta le ciglia. Sono le undici e tre quarti.

— _La ponctualité c'est la politesse des rois_. — mormora un signore,
sorridendo.

— Sì, ma il papa non è più re, — osservo io.

Il canonico si inchina maestosamente e s'allontana.

E m'allontano anch'io per avvicinarmi a una bella pellegrina, seduta
sul dorso marmoreo di una balaustra, nella speranza di poterle dire
qualche cosa; ma ohimè prima che io le domandi: «Che vuoi dirmi in tua
favella?» essa mi annuncia che il papa non verrà più con _le ventole_.

— Ma ne è proprio sicura?

— Sicurissima.

Per liberarmi dal dubbio angoscioso fermo un bellissimo «sediaro»
roseo e paffuto il quale passa pavoneggiandosi nel suo vistoso abito
cremisino e gli chieggo: — Scusi, è vero che Sua Santità non verrà più
in sedia gestatoria?

— _Fijo mio_ — egli mi risponde alzando il mento e aprendo le braccia
— _aveva da venì' in sedia; ma pare che abbia cambiato idea_.

— E allora come verrà?

— _In portantina_.

— Sarà sempre una bella cosa, però! — insisto io, e il «sediaro»
inchina lentamente il capo assentendo; ma storce la bocca.

Dal fondo della navata viene un brusìo confuso: mi volto e veggo su la
massa oscura e ondeggiante qualche cosa che brilla.

— È una croce? — domando.

— _Macchè croce! So' bajonette!_ — mi risponde subito una popolana alta
come un granatiere; e una monachella piccola piccola che, poverina,
per quanto provi a rizzarsi sulle punte dei piedi non arriva a veder
nulla, commenta con una vocetta deliziosa: — _Si lei mi assicura che
sono propio baglionette, allora vuol dire che viene lui._

Un rumore di voci bianche e nere, vicine e lontane esclamanti tutte
insieme: — Viva il papa-re! Viva il santo padre! — e uno sventolìo
prolungato di fazzoletti ci dicono che la monachella ha ragione.

Quando la calma e i fazzoletti rientrano nelle tasche e negli animi dei
pellegrini, sotto le volte aurate della basilica enorme si fa un gran
silenzio; ed io allungando il collo riesco a distinguere da lontano fra
un gruppo di cardinali purpurei, di monsignori violacei, di guardie
nobili rosse e di svizzeri multicolori, il sommo pontefice che si
soffia il naso.

Dopo un po' ritorno ad allungare il collo e veggo ancora il papa,
vestito di una mozzetta paonazza rallegrata da una ricchissima stola
d'oro, volgersi con la persona magra ora a destra ora a sinistra,
alzando e abbassando le braccia.

Le cose vanno per le lunghe, e intorno a me tutti si dolgono di non
poter sentir nulla. Per fortuna la popolana, trovandosi in grado con la
sua alta statura di arrivare a vedere qualche cosa, di tanto in tanto
ci informa di quello che succede, e a un certo punto con la sua bella
pronuncia armoniosa ci dice: — _Sapete? Er papa sta a fa' un bellissimo
discorso; ma disgraziatamente la voce nun l'assiste!_

La monachella che fino ad ora, poverina, per quanti sforzi abbia fatto
non è riuscita a poter vedere neppure un pezzetto di papa, abbassa gli
occhi e sorride; e la popolana esclama: — _Ah, Pio nono! Quello davero
era un sommo pontefice! Me ricordo che er giorno de la messa novella
quanno s'affacciò a la loggia pe' dacce la benedizione inurbis e torbis
disse un orèmuse che s'intese a Monte Cavallo._

Tutti ridono, e una guardia palatina, raccogliendo il discorso della
popolana dove essa lo ha lasciato cadere, continua a tessere le lodi
dì Pio nono; e di lode in lode, scandalizzando e spaventando la povera
monachella, arriva a raccontare _le bojate de la notte der sedici
lujo_, ossia di quella notte memoranda in cui la salma del pontefice al
lume discreto e pio de _le torce de li preti_ e al chiarore indiscreto
e reo _de li bengalli de li frammassoni_ fu trasportata da San Pietro
a San Lorenzo for de le mura.

_Quanno fossimo a li novi quartieri_ — seguita a dire la guardia,
commentando le parole con gesti solenni — _le serciate se spregaveno.
A me me ne passò una qui, che si fortunatamente nun pijava su la schina
de Pippo, io nun ritornavo più a casa_.

Un lungo applauso tronca sul più bello, con mio rincrescimento, il
racconto della guardia palatina; i fazzoletti come uno sciame di
farfalle bianche ricominciano a svolazzare sulla folla bruna, e una
voce robusta grida: — Viva il sommo pontefice, cattolico, apostolico,
romano! — Un lungo batter di mani segue il grido, e quando lo
scoppiettìo degli applausi sta per cessare una vocetta stridula di
galletto accapponato urla: — Abbasso Umberto! — Due gendarmi _cór
bonettóne a pelo_ pongono subito le loro quattro mani inguantate
addosso al galletto accapponato e lo portano via, forse per rimetterlo
in gabbia. Intanto la folla si riversa correndo nella navata centrale:
mi ci riverso anch'io e aspetto con lei il passaggio del papa il quale
a dir vero non si fa molto desiderare; difatti dopo qualche minuto di
attesa fra due file di guardie palatine col fucile, di svizzeri con
le alabarde e di guardie nobili con le scimitarre sfoderate, seguendo
un crocifero incominciano a passarci davanti seminaristi con le cotte
bianche pieghettate, chierici con le zimarre nere e col roccetto,
canonici con le mozzette pelose, prelati vestiti di seta, frati con
le tonache di panno ruvido, e cento altre figure con gli abiti di
tutte le stoffe, di tutte le forme e di tutti i colori, le quali al
loro apparire suscitano la curiosità della folla e provocano commenti
bizzarri, motti impertinenti e dimande e risposte spesso ridicole, ma
qualche volta anche argute.

Di un signore lungo come una pertica, con le spalle coperte da un ricco
mantello di saja scarlatta, sento dire che egli nella Corte pontificia
deve avere una carica altissima. Un altro, piccoletto, con la testa
grossa, il petto largo e le gambe corte lo sento qualificare per il
segretario dei brevi.

Una donna vedendo un vescovo barbuto, con la dalmatica e con una specie
di corno dogale in testa, che incede solennemente in mezzo ad altri
vescovi imberbi, domanda: — _E lui perchè ci ha la barba? — Perchè nun
ci avrà avuto tempo de farsela!_ — le rispondono.

Un signore attempato, vestito di nero come Carlo quinto, che cammina
tronfio e pettoruto, lo veggo additare da tutti come un cameriere di
spada e scappa.

Un cantore della cappella Sistina dalla chioma grigia lucida, folta e
profumata, passandoci accanto, volge verso di noi il suo volto simile
a una prugna gialla insecchita e ci guarda con gli occhietti languidi
velati di mestizia. — _Poveretto!_ — mormora una donna del popolo — _se
deve esse' perso quarche cosa!_

La processione si ferma un momento come se volesse ripigliar fiato, e
si rimette subito in moto.

Un sardo che mi sta vicino, impettito nel suo giubbone di pelle gialla,
con la faldetta nera e con le brache bianche entro le ghette di orbace
che gli arrivano al ginocchio, rimane sorpreso nel veder passare un bel
tipo alto, robusto e rubicondo, in sottana e mantellone, e domanda chi
egli sia. Una ragazza gli risponde, non so con quanta ragione: — È uno
scopatore segreto.

Il sardo poco pratico delle diverse qualifiche, più o meno onorevoli,
che allietano i componenti della numerosa Famiglia pontificia, credendo
che la giovane voglia scherzare, alza le spalle e sorride nella barba
ispida e nera; ma un giovinotto voltandosi verso la ragazza le osserva
come lo scopatore non possa essere uno scopatore segreto, perchè se
egli scopasse veramente in segreto lei non potrebbe saperlo.

Ella si mette a ridere, mostrando per qualche istante fra le sue labbra
rosee i denti bellissimi, e si volta subito a guardare la portantina
che arriva.

Attorniata da molti svizzeri e guardie nobili, preceduta da un gruppo
numeroso di cardinali e seguìta da una folla acclamante, la portantina
sostenuta dai «sediari» ci passa davanti adagio adagio. Molti si
inginocchiano strillando: — Santo padre! La benedizione! — e, appena
veggono uscir fuori dalla finestra della bussola un braccio a benedire,
alzano le mani piene di rosarii, di medagliuzze, di immagini sacre e di
scapolari perchè la benedizione papale scenda non soltanto su le loro
teste, ma anche sui loro «generi di devozione».

La portantina, intanto, fra un ricco e variopinto ondeggiare di rasi,
di sete, di saje, di velluti, di frangie, di fiocchi, di pennacchi e di
piume, nel quale, tra un velo azzurrino e leggero di incenso, di quando
in quando lampeggiano croci e corazze, pastorali e alabarde, candelieri
e fucili, si allontana a poco a poco, seguìta dalle acclamazioni; piega
a sinistra ed entra nella cappella del Sagramento. Colà, mentre la
folla rimane di fuori dei cancelli del Borromini, sempre acclamando e
sventolando i fazzoletti, alcuni cavano fuori il papa dalla bussola,
gli mettono su le spalle magre un mantello di scarlatto; gli coprono il
capo canuto con un cappello rosso, alla don Basilio, e lo accompagnano
verso una porticina. Egli vi rimane fermo davanti per qualche istante;
poi, mentre tutti si inchinano, vi entra e sparisce.

La funzione è finita.

La gente alza ancora qualche grido che non arriva di certo alle
orecchie di musaico degli apostoli e dei profeti i quali ci guardano
dall'alto, e s'avvia allegramente, in fretta, parlando a voce
altissima, verso la porta spalancata del tempio.

Mentre scendo nel vestibolo della basilica e mi rallegro nel rivedere
il cielo azzurro, una donnetta vestita di nero con una lunga mantiglia
di seta tagliata all'antica mi si avvicina, osservando le asole della
mia giacca e mi dice: — Guardi che lei non ha la croce.

— Ma io non sono cavaliere, — le rispondo: ed essa mettendosi subito
un dito sul petto, ove tiene appuntata una crocetta di panno bianco,
ripiglia: — No, no, io dicevo di questa: parlavo della croce del
pellegrinaggio; — e vedendo che io non capisco mi guarda con gli
occhietti acuti e mi chiede: — Ma lei è pellegrino o non è pellegrino?

— Pellegrinissimo!

— E dunque perchè non ha la sua croce?

Non sapendo dirle altro apro le braccia e balbetto: — L'ho smarrita.

— Smarrita?! E le indulgenze?

— Quali?

— Ma come? Non lo sa?

Io accenno col capo di non saper nulla, e allora lei, scandalizzata
della mia lagrimevole ignoranza, dopo di avermi detto più volte: —
Ma legga, legga il suo biglietto! — se ne va tentennando la testa
e scrollando le spalle come se volesse dire: — Ma guardate un po',
Signore mio Dio, se che bei tipi di pellegrini vanno in pellegrinaggio
per il mondo!

Quando la donnetta è lontana ripesco in una delle mie tasche il
biglietto offertomi dalla signora Ermelinda, lo leggo ed imparo che se
quella crocetta di panno bianco che lo svizzero mi diede nel corridoio
del Bernini, invece di averla regalata poco dopo a un bambino piangente
per farlo star quieto, me la fossi appuntata sul petto, io non soltanto
avrei lucrato «tutte» le indulgenze, ma sol che lo avessi voluto avrei
potuto «applicarle in modo di suffragio anche alle anime sante del
purgatorio».

Sarà per un'altra volta!

                                   *
                                  * *

Entrando nella via di Borgo Nuovo un ingombro di vetture mi costringe
a fermarmi accanto a un gruppo di gente che parla lamentandosi di
Sua Santità perchè non è scesa nella basilica in sedia gestatoria coi
flabelli; e sento dire a una donna: — _Per me er papa è sempre er papa;
ma però, si lui non viè' co' le ventole, nun vale gnente_.



CARCIOFOLATA


Su l'angolo del vicolo solitario, ove non s'ode altro romore se non
il gorgòglio di una fonte invisibile, un lumicino rischiara fiocamente
una madonnina. Intorno a lei, fra mazzetti di fiori appassiti, luccica
qualche cuore d'argento. Le casupole una appoggiata all'altra come le
pecorelle nelle reti, dormono quasi nascoste da molte file di panni di
tutte le forme, risciacquati nella giornata e appesi a canne e a corde
perchè il vento della notte gli asciughi. Sui parapetti delle finestre
i ramoscelli dei garofani e delle viole a ciocche si aggrovigliano
intorno ai vasetti di matricaria, di ruta, di persa e di basilico
e scendono addosso ai muri umidi e scuri, ove fra i mattoni rotti o
corrosi dai secoli, s'intravvedono nell'ombra tronconi di colonne,
pezzi di capitelli e frammenti di sculture antiche. Qua e là, tra le
inferriate, le scalette e le loggette di legno, ingombrate da oggetti
inutili, qualche condotto di latta arrugginita serpeggia nel buio e
sale a congiungersi con le gronde da cui pendono ciuffi d'erbacce nere.
Giù in fondo su la miseria dei tetti bruni, ove tra le tegole e i docci
sorgono innumerevoli cappe di camino, sul cielo palpitante di stelle,
campeggia una cupola enorme, coi vetri della lanterna inargentati dalla
luna.

                                   *
                                  * *

Nel silenzio viene da lontano un trillare leggiero di mandolini e le
ultime case del vicolo si veggono colorire a poco a poco da una pallida
luce giallognola. Due gatti balzan fuori da un mondezzaio e spariscono
nella feritoia d'una cantina, e un cane «lupetto» si mette a correre
verso il chiarore, abbaiando.

I trilli dei mandolini si avvicinano; il chiarore cresce e
all'improvviso una festa di luce e di colori, una allegrezza di suoni
e di canti invade la stradicciuola. Le finestrelle, le loggette e i
mignani s'empiono subito di ragazze dai begli occhi neri e curiosi
e i portoncini e le scalette si affollano di giovinotti e di vecchi
che allungano il collo verso il fondo del vicolo, da dove rischiarato
con fiaccole e bengala s'avanza un gruppo numeroso e pittoresco di
suonatori strimpellando mandolini e chitarre. Essi hanno in capo
grandi tube ornate di fiori e son tutti vestiti con abiti vistosi di
forme disusate, i quali fan ridere i giovani e ricordano ai vecchi
gli anni lontani della loro adolescenza. Le esclamazioni di sorpresa
e le dimande si incrociano fra i portoncini e le finestrelle: — _Che
è successo?... — Che d'è?... — È ritornato carnevale?... — Chi so'?_
E una voce, superando il frastuono delle voci, degli strumenti e delle
risate di cui ormai il vicolo è pieno, risponde: — _So' li pittori che
vanno a magnà' li carciofoli, in Ghetto_. — All'udire tali parole gli
uomini battono le mani e le donne sorridono. Forse qualche giovinetta
ripensa alla Fornarina e qualche vecchio, rammenta Bartolomeo Pinelli.

_Li pittori_ intanto, mentre fiori e foglie di erbette odorose
cadono sui loro cappelli, seguendo i suonatori, passano, tenendosi a
braccetto, ridendo, cantando e rispondendo ai saluti ed ai sorrisi con
un arguto scoppiettare di motti; penetrano in altri vicoletti, sboccano
in una piazzetta, la traversano fra una folla di gente che è là da
qualche ora ad aspettarli per vederli passare, ed entrano nell'osteria
di Pacifico, dalla cui porta pacificamente spalancata esce un odore
acuto e appetitoso di carciofi fritti nell'olio.

In tutte le stanze dell'osteria sul candore delle tovaglie di bucato
sotto il tremolare delle fiammelle innumerevoli delle lumiere i piatti
e i bicchieri luccicano; le forchette e i coltelli brillano e le lunghe
file di bottiglie, piene di un vino che ha il colore dell'ambra mandano
qua e là su le salviette, ornate di rose sprazzi di luce gialla. Le
tavole vengon prese d'assalto e ciascuno, come può, si conquista il
suo posto. Gli attaccapanni inchiodati alle pareti, ove sono dipinti
varii paesaggi che fan ripensare a Claudio di Lorena e al Pussino,
spariscono in un attimo sotto a cumuli di giacche, di tabarri, di
fasce e di cappelli, sui quali vengon posati in pittoresco disordine
mandolini, chitarre e tamburelli; e comincia subito un rumore infernale
di stoviglie percosse. A questo chiasso se ne aggiunge un altro; quello
che fa la folla fuori dell'osteria.

Molti vogliono entrare per forza. Il sor Pacifico, un bell'uomo
panciuto e prosperoso, rubicondo e ricciuto, un po' con le buone e un
po' con le cattive, cerca di persuaderli ad andarsene, dicendo loro:
— _Me dispiace, signori: ma stasera nun se pò!... Stasera el locale è
tutto preso da li pittori... Stasera chi nun è pittore nun magna_. —
Poi, quando vede che le sue ragioni non vengono ascoltate, chiude la
porta in faccia a tutti mandandoli tutti all'inferno. Ma quelli sempre
più ostinati a voler entrare, non ci vanno e seguitano a far baccano.
Un vetro va in frantumi. Bisogna sbarrare l'entrata dell'osteria con un
tavolino. Durante il lavoro dello sbarramento il rumore delle stoviglie
percosse si attenua e un bel tipo ne approfitta subito per alzarsi
e per mettersi a parlare: — Signori! — egli dice seriamente — Prima
di mettervi a mangiare sarà bene che voi sappiate come il carciofo
appartenga alla famiglia delle composte ed alla singenesia di Linneo.
Coltivasi negli orti... — Un urlo formidabile costringe lo sconsigliato
oratore a smettere e non appena egli si siede, ricomincia più che mai
violento un fracasso di mille strepiti insieme, in mezzo al quale si
sentono squillar cento voci che chieggono i carciofi con cento favelle:
— _Volemo li carciofoli... Les artichauts... Los alcachofas... Die
artischochen... The artichokes..._

Il sor Pacifico si fa innanzi, accolto da una tramontanata di fischi,
di urli, di applausi e di risate, sale sur una sedia e con le mani
alzate fa cenni per implorare un po' di pazienza; poi scende ed apre la
porta di un meschino cortiletto, dove alcuni omini vestiti di bianco,
fra nuvole di fumo azzurro, si affaccendano intorno a caldaie nere,
piene d'olio bollente, per estrarne i carciofi, che sembrano d'oro, e
gittarli entro a canestre coperte da candidi tovaglioli.

Appena il sor Pacifico apre la porta della cucina ne esce subito
uno degli uomini bianchi, sorreggendo con le braccia robuste una di
coteste canestre. Dopo qualche istante è vuota! Altre canestre colme di
carciofi vengono recate sulle tavole, altre e poi altre, e non appena
vi sono posate mostrano il fondo.

Tutti mangiano ghiottamente e bevono. I carciofi, si sa, prosciugano la
gola e il vino per bagnarla non è mai troppo. I litri si vuotano senza
contarli. E il vino dà un dolce calore alle vene, arrossa i volti,
rinforza i corpi e intenerisce gli animi. I «filetti di baccalà», una
specialità del locale!, vengono dopo i carciofi ad accrescere in tutti
la voglia di bere; e quando una enorme zuppa inglese, scortata da
qualche bottiglia di liquore, segue i «filetti», i ricordi gli aneddoti
le rimembranze e le memorie si propagano da una tavola all'altra,
recandovi ora una sincera allegrezza ora una soave mestizia.

Un vecchio parla, e i suoi vicini coi gomiti sulla tovaglia lo
ascoltano assaporando le parole.

— Se l'ho conosciuto?! — dice il vecchio staccando le labbra dall'orlo
di un bicchierino di alchèrmes e rispondendo a una domanda che gli
viene rivolta — Se l'ho conosciuto?! Ma fin dai primi giorni che venne
a Roma. Aveva lo studio fuori della Porta del Popolo, a Papagiulio.
Quanto lavorava! Sempre! Ricordo ancora quale impressione noi provavamo
la domenica tutte le volte che andavamo a cercarlo; quando, dopo di
aver percorso la via Flaminia, piena di gente allegra e spensierata,
che si recava a Ponte Molle a far bisboccia, lo trovavamo nel suo
studio, davanti al suo cavalletto. Solo! Quanto lavorava!

— Povero Fortuny! — esclama qualcuno.

Altri rammentano un altro pittore spagnuolo: Eduardo Rosales.

E pensare — osserva uno battendo col pugno la tavola su cui una rosa
accartoccia i petali, manifestando il dolore che prova nel trovarsi in
mezzo a scorze di arance, a foglie di finocchi e a croste di pane! —
E pensare che quando egli morì, qui in Roma, si dovette ricorrere alla
pietà degli amici per le piccole spese, occorrenti ai modesti funerali!

Le pipe cominciano a mandare verso il cielo delle stanze qualche
nuvoletta azzurra di fumo e le bottiglie seguitano a vuotarsi. E a
riempirsi.

Alcuni giovani parlano di un quadro del Faruffini. Uno di loro
allontana con un gesto rapido bicchieri e bottiglie e con l'unghia
traccia poche linee sulla tovaglia. Cinque o sei teste si chinano
a guardarle. E intorno alle linee divampa un violento dibattito,
al quale piglian parte dieci o dodici, parlando tutti in una volta.
Gridano, strepitano e, come avviene sempre quando quelli che disputano,
sono parecchi, e i bicchieri vuotati sono anche di più, così passano
rapidamente da un argomento all'altro, con una facilità che pare fino
impossibile.

Più in là, tra il fumo del tabacco e del caffè, sorge un'altra
discussione. L'accende un giovanetto, rammentando Salvator Rosa e
recitando qualche verso delle sue satire; l'attizza uno scultore,
dicendo, fra l'altro, che il Thorwaldsen una volta, essendo stato
invitato a una festa dal re di Danimarca, vi andò col petto ornato
dalla sola commenda dell'ordine del bajocco, che egli aveva ricevuta
nelle grotte di Cervara; e la spegne un bel vecchio con una lunga barba
bianca, che gli scende sul petto, il quale, dopo di aver raccontato
come lui si ricordasse di aver visto in gioventù l'Overbeck scendere
in ciabatte dal suo studio e percorrere così un lungo tratto della via
Sistina per entrare in una modesta bottega, ove egli aveva l'abitudine
di andare ogni giorno a sorbire il caffè, conclude con l'affermare
gravemente che una volta la vita dell'artista era più semplice.

Mentre tutti convengono in questa affermazione rampollata dal caffè e
dalle ciabatte dell'Overbeck, due giovinotti pigliano due chitarre,
ne risvegliano, pizzicandole, le corde indormentate; ne cavano
alcuni accordi, ai quali s'unisce subito il trillare di un mandolino
e si mettono a suonare il _passagallo_: quelle poche note lunghe,
insistenti, strascicate penosamente in un ritmo lento e monotono,
che talvolta i popolani, obliandosi, amano di cantare, allorquando il
sole indora i selciati delle piazzette trasteverine o il plenilunio
inargenta le acque del Tevere, popolando di fantasmi le rive deserte.
Tutti ascoltano in silenzio e più d'uno, con la sensibilità propria
dell'artista, acuita dall'eccitazione del vino, negli accordi gravi e
solenni delle chitarre, ritrova lo squallore tragico e sublime della
nostra campagna, il tardo e paziente incedere dei buoi che trascinano
gli aratri e il roteare maestoso delle pojane su le vaste solitudini
fra il Tevere e l'Aniene; e nei trilli rapidi e argentini del mandolino
rivede in fantasia le _mozzatore_ che tornano danzando dalla vendemmia
con le chiome nere ornate di pampini, i salterelli ballati sotto le
pergole e fra i roseti nei giardini del Monte Testaccio e i cocchi
infiorati e veloci, pieni di _minenti_ e di fanciulle che, sonando
gnacchere e tamburelli, gittano alla luce infocata dei tramonti
d'ottobre gli appassionati stornelli d'amore.

Quando il _passagallo_ finisce e gli ultimi arpeggi delle chitarre
si dileguano nell'aria, oramai tutta annebbiata dal fumo delle pipe,
le stanze dell'osteria si vuotano a poco a poco, e appena gli ultimi
ne sono usciti, sorreggendosi alle sedie, vi entrano varie donne coi
capelli crespi e negletti le quali, mentre il sor Pacifico si mette
a segnare col gesso qualche numero sur una piccola lavagna, aprono
le finestre; raccolgono le salviette biancheggianti qua e là sotto
le tavole; rialzano le sedie rovesciate; gittano in terra insieme
ai bicchieri rotti, i rimasugli delle vivande che imbrattano le
tovaglie; sparecchiano e di tanto in tanto si avvicinano alla porta
e rimangono a guardare ridendo _li pittori_ che adunati accanto a una
fontana vivamente colorata dai bengala, gridano: — Al Colosseo!... Al
Colosseo!...

— Al Colosseo? La via è lunga! — osserva qualcuno. Ma i suonatori,
dopo di avere accordati gli strumenti, principiano a strimpellare
la marcia del _Carlo il Guastatore_, s'avviano verso un vicolo e vi
entrano. Il vicolo muore oscuramente davanti a un voltone enorme,
sorretto da alcune colonne scannellate. Tutti vi passan sotto
cantando e rammentando il Piranesi; poi traversano in silenzio la
piazza Montanara, ove qua e là, sul selciato, dormono gruppi di
contadini, aspettando che l'alba li svegli; girano in un labirinto
di stradicciuole deserte e, lasciandosi dietro un grande e vecchio
palazzo nero e disabitato, il quale per non morire di inedia s'è dovuto
mettere a fare il magazzino di legname, proseguono verso una torre così
rovinata e desolata che par che mediti il suicidio, e sboccano alfine
in un largo sterrato, dirimpetto una strada lunga diritta e solitaria
in fondo a cui, sul cielo scintillante di stelle, sorge un colle,
coronato di cipressi: il Palatino.

— Qui, una volta, si tagliavano le teste! — dice un vecchio. Nessuno
aggiunge niente, e tutti seguitano a camminare finchè un altro,
fermandosi davanti ad alcuni ruderi, esclama: — Ecco tutto quello che
rimane del Circo Massimo! — E dopo una breve pausa, alzando le braccia,
soggiunge:

    Muoiono le città, muoiono i regni:
    Copre i fasti e le pompe arena ed erba.

Nell'aria fresca, che incomincia a odorare di erbette aromatiche, viene
da lungi l'uggiolare di un cane.

— Avanti!... Camminate!... — gridano diverse voci, e uno che già sente
la lunghezza della strada, polverosa, dimanda: — Ma dove andiamo? A
Frascati?

Le abitazioni cedono via via il posto alle siepi di pruni e di sterpi,
interrotte di tempo in tempo da qualche albero annoso, da qualche
casolare abbandonato o da viottole che si perdono nel buio. Indicandomi
una di coteste viottole, un pittore un po' innanzi negli anni mi dice:
— Guarda! Qui ci nascondemmo per salvarci dai gendarmi pontifici.

— Quando? — dimandano parecchi.

— Nel sessantasette.

— Tombola! — esclama subito uno, che sorretto pietosamente da altri
due, gli cammina alle spalle.

Il pittore si volta, lo guarda, sorride e continua: — Ci avevano detto
di andare ad assaltare la caserma di San Paolo. — Ma le armi? — Andate
a villa Matteini — ci risposero — e le troverete. Andammo a villa
Matteini e laggiù, invece di trovarci le armi, ci trovammo i gendarmi.
Mi pare ieri! Mi par proprio di risentire lo scalpitare dei cavalli
dei dragoni sulla terra dura e i passi spietati delle pattuglie che ci
davano la caccia.

— Ma camminate! — gridano ancora altre voci lontane — Vi pesano le
gambe? Muovetevi! — E noi ci muoviamo ed entriamo in uno stradone
fiancheggiato da vecchi olmi che non finiscono mai; raggiungiamo un
arco gigantesco e, finalmente, dinanzi a noi, appare il Colosseo.

Le chitarre e i mandolini ripigliano a suonare; e mentre faci e bengala
ci avvolgono in un puzzo di zolfo insoffribile, passiamo sotto ad
arcate maestose su le cui pietre antiche le nostre ombre moderne si
allungano e si accorciano bizzarramente, ed entriamo nell'arena. Una
civetta ci vola sul capo, stridendo, e alcuni pipistrelli, spaventati
dal chiarore insolito, ci svolazzano intorno.

Prima che le faci e i bengala si spengano uno si arrampica sopra a un
rudero e accompagnandola col suono della chitarra canta con voce stanca
una canzone; e non appena l'ha finita, un altro prende subito a dire:
— Signori! In questo luogo, ove i cristiani divoravano le belve... —
Seguita per un po' a infilzare scemenze; ma poi le parole gli muoiono
sulle labbra e s'azzitta. La grandezza tragica del luogo non vuole
scherzi. Difatti a poco a poco ognuno sentendosi oppresso dal peso
delle memorie, finisce col tacere e incomincia a sentire il desiderio
di andarsene. E appena uno guardando l'orologio mormora: — È tardi!
Mi pare che sarebbe ora di ritornare... a Roma! — e s'avvia verso
l'uscita dell'arena tutti lo seguono a piccoli passi, in silenzio,
quasi temessero di svegliare la Storia che dorme nelle rovine auguste.

                                   *
                                  * *

Quando tutti son fuori dell'anfiteatro un mandolino, a cui è rimasta la
metà delle corde, aiutato da una chitarra scordata, intona una marcia
e tutti si allontanano in fretta.

Due che camminano barellando, rimangono indietro. All'improvviso uno
di loro piega le ginocchia e si ferma: guarda qua e là in terra, come
se cercasse qualche cosa, poi, levando lentamente l'indice della mano
destra verso il cielo stellato, si volge all'amico che lo sostiene
e gli dice: — Vedi: il Colosseo, non si può negarlo, è una gran cosa
antica; è una grandissima cosa storica; però tu puoi esser certo che se
domani, al mondo, non ci fosse più il Colosseo, il mondo seguiterebbe
a camminare lo stesso; ma se, invece, domani, al mondo non ci fosse
più il vino, tu devi convenire, con me, che il mondo non potrebbe più
camminare. Ne convieni?

— Ne convengo. — gli risponde l'altro, ridendo e sorreggendolo. E
mentre lo sorregge e ride, pensa che il mondo non cammina più, anche
quando ne ha bevuto troppo.



IL CAFFÈ GRECO



AL MARCHESE GIUSEPPE VITELLESCHI.


Il Caffè Greco, o per dir meglio l'«Antico Caffè Greco», come si
legge sulla insegna in cima alla sua porta d'entrata, la quale non
disdegna di esercitare a tempo e luogo anche il modesto ufficio di
porta d'uscita, abita in Roma nel suo domicilio legale in via Condotti
numero ottantasei, ove vive agiatamente con la mobilia inalterata, come
le vecchie abitudini, in tre stanze e mezza: dico tre stanze e mezza
perchè se la prima, la seconda e la terza hanno su per giù cinque metri
di larghezza ed altrettanti di lunghezza, l'ultima, denominata per
la sua forma l'_omnibus_, è larga appena due metri e lunga otto metri
all'incirca.

La prima camera non è molto ricca di luce; tuttavia quella che riceve
dalla strada la divide con la seconda: a illuminare la terza ci
pensa l'_omnibus_, il quale ha per soffitto una invetriata su cui
sovente i gatti del vicinato amano di andare a passeggiare con le loro
innamorate.

Tre specchi, quattro quadri raffiguranti alcune vedute di Venezia,
opera di Ippolito Caffi, e un orologio, che potrebbe gareggiare in
precisione col più esatto cronometro ginevrino se disgraziatamente
oltre al tic e tac non avesse di quando in quando anche il tic di
suonare il mezzogiorno verso le cinque pomeridiane, adornano la prima
stanza; due specchi e sei quadri decorano le pareti della seconda;
la terza invece si accontenta di avere per suo abbellimento un solo
specchio ed un busto di gesso, il quale, poveretto, non è mai riuscito
a sapere chi egli sia.

Una ridente veste di esilaranti pitture ricopre per tutta la lunghezza
le mura dell'_omnibus_. A chi le guarda dovrebbero far credere, anche
nelle più rigide serate dell'inverno più crudo, di trovarsi in un
delizioso giardino fra il cui verde fogliame illuminato e riscaldato
dal sole primaverile s'aprano, imbalsamando l'aria coi loro profumi
inebrianti, centinaia e centinaia di rose di ogni forma e colore; ma,
purtroppo, nessuno fra quanti ora si siedono nello stanzino presta più
fede alla finzione. E non vi crede più nemmeno il padrone del negozio:
difatti egli ha ficcato un chiodo nel cielo azzurro sopra al roseto e
vi ha impiccato un orologio, che in tutte le sue ore è sempre in lite
con quello della prima stanza. Ma alla discordia dei due orologi i
frequentatori della bottega ci badano poco, perchè per essi il tempo
non ha valore. Dice una antica massima inglese: il tempo è moneta. Se
la massima oltre all'essere antica ed inglese fosse anche vera, Dio
mio! chi mai saprebbe calcolarlo il numero dei milioni che si sciupa in
capo all'anno nell'«Antico Caffè Greco»?

Dietro all'_omnibus_ sta il bancone del negozio, e sul bancone, chiuse
in una specie di gabbia, vi sono le paste. Esse si distinguono in due
categorie: semplici e composte. Le semplici valgono un soldo l'una, e
se il loro aspetto è alquanto modesto non sono per ciò meno buone di
quelle composte, le quali costano due soldi, e spesso hanno le loro
forme esuberanti rivestite di un manto di colori così vivaci da vincere
al paragone il più variopinto pappagallo che abbia mai passeggiato e
chiacchierato su le lontane rive dell'immenso Orenoco. Del resto tanto
le une quanto le altre passano la vita, non breve, lungi da qualunque
umano contatto nella loro dolce prigione dalla quale non desiderano
di allontanarsi: difatti, se talvolta, per caso, la gabbia ove sono
rinchiuse rimane aperta, esse non si muovono, perchè sanno, per
dolorosa esperienza, che se ne uscissero vi tornerebbero indubbiamente
con l'epidermide graffiata, con le carni ferite, con le ossa rotte.

Un giovane scultore tutte le volte che entrava nella bottega soleva
chiedere al cameriere caffè e paste, e questi, secondo il costume del
locale, glie ne portava tre in un piattino. L'alunno di Fidia, appena
il cameriere si allontanava, con una operazione rapidissima, in cui
egli sapeva mettere tutta la sua abilità di modellatore eccellente,
dalle tre paste faceva uscire una quarta e se la mangiava; beveva
il caffè che qualche volta pagava, e le paste con un pretesto o con
l'altro le rimandava sempre indietro.

Non dico poi che cosa accadesse di solito a certe paste le quali, per
loro disgrazia, avevano la pancia rigonfia di crema. Come uscivano
dalla gabbia vi rientravano sempre con la pancia vuota: e il loro
padrone, prima di andarsene a letto, doveva nuovamente e pietosamente
tornare a riempirle di panna. Stanco alfine di compiere ogni sera
cotesto delicato lavoro sospese la fabbricazione delle così dette bombe
alla vainiglia. Pure, bisogna dirlo a sua lode, benchè all'onest'uomo
il fabbricar dolciumi abbia ognora fruttato molte amarezze egli
continuò sempre a stampar paste, seguendo in tutto e per tutto, per
la forma e il peso, per le dimensioni e i colori, i semplici, leali
e diritti procedimenti dei suoi antecessori; al punto che se oggi,
nell'anno di grazia mille ottocentonovanta, le vaghe e imbellettate
dame di qualità, seguite dai vezzi dei cicisbei e dai madrigali degli
abati, potessero tornare nella bottega di via Condotti, io credo che
oggi, come allora, vi troverebbero le stesse paste.

Vi meravigliate forse nel sentirmi parlare di dame di qualità, di
cicisbei, di madrigali e di abati? Ma il Caffè Greco non è venuto al
mondo oggi; e tutti sanno come in sui primi anni della seconda metà
del settecento abitasse già in via Condotti. Questo lo sanno tutti;
ma, purtroppo, la data esatta della sua nascita, come quella della
fondazione di Ninive, di Babilonia e di Memfi, non la conosce nessuno:
però, come fortunatamente ognuno sa che Memfi, Babilonia e Ninive
furono fondate da Nino, da Belo e da Menete, così tutti noi possiamo
andare orgogliosi di sapere che il Caffè Greco fu messo al mondo da un
greco, il quale, a quanto si legge nelle pagine di un vecchio registro
della parrocchia di S. Lorenzo in Lucina, si chiamava Nicola della
Maddalena.

L'infanzia del Caffè non fu troppo lieta, e il suo babbo dopo di averlo
tenuto parecchi anni, ricavandone non grandi utili, lo cedette a un
tal Carnesecchi, il quale, anche lui, dopo di averci speso molto e
guadagnato poco, lo diede a un certo Salvioni.

Venuto nelle mani del Salvioni il Caffè, passando da un padrone
all'altro, era anche passato dall'infanzia all'adolescenza: le vecchie
vesti non s'addicevano più al suo nuovo stato, e il buon uomo lo
fece ricoprire di pitture da un certo Maderno, e lo corredò di nuova
mobilia. Tutto bene; ma il povero Caffè, anche così rinnovato e
abbellito, seguitò a tirare innanzi la vita stentatamente come il suo
padrone. Questi però non pensò mai di abbandonarlo. E di non averlo
abbandonato non ebbe davvero a pentirsi; poichè coll'avanzar degli
anni la bottega fondata dall'uomo di Levante, uscendo finalmente
dall'adolescenza debole e malsicura ed entrando in una virilità
gagliarda e prosperosa, seppe così ben ricompensare il suo padrone di
Ponente da assicurargli, se non la ricchezza, un'agiatezza invidiabile.

La gratitudine, questa dolcissima catena i cui anelli una volta
arrivavano perfino a stringere con legami di benevolenza un Caffè che
riceveva un benefizio al padrone che glielo aveva fatto, chi me lo sa
dire dove si trova più ai giorni nostri?

La cosa da cui il Caffè Greco trasse i mezzi per poter rimunerare con
buona moneta sonante il suo benefattore fu giusto appunto quella da cui
tutta l'Europa ebbe tanti dolori: il Blocco continentale.

Le strade nelle quali si diletta di camminare la Provvidenza per
assettare i cosi ed i casi di questo mondo, facendo quasi sempre
il bene degli uni col male degli altri e viceversa, sono davvero
incalcolabili! Chi mai lo avrebbe pensato che essa per favorire l'umile
bottega di via Condotti si sarebbe servita di Napoleone, dettandogli a
Berlino, nel novembre del 1806, quel decreto dal quale egli doveva poi
esser messo sulla via di Sant'Elena? Eppure fu così. Il decreto famoso,
vietando ogni commercio ed ogni corrispondenza fra il Continente e le
Isole Britanniche, fece salire i prezzi dei così detti generi coloniali
a tale altezza che gli uomini più alti, anche rizzandosi sulle punte
dei piedi, non arrivavano a toccarli: il caffè, quando se ne trovava,
valeva uno scudo alla libbra, e i caffettieri romani non sapendo più
quali cose mettere a bollire nelle cogome, invece dei semi della coffea
arabica, ci mettevano i ceci, i fagiuoli e le castagne di Ciociaria.

Il Salvioni ebbe una idea felicissima da cui derivò la sua fortuna:
rimpicciolì di un terzo la misura delle tazze che, ricolme della
aromatica bevanda, nella sua bottega valevano allora due baiocchi e
mezzo, e per cinque le offrì ai suoi avventori ripiene di vero caffè.
Più tardi, cessato il Blocco, il galantuomo tornò a riempire, sempre
di caffè eccellente, per due baiocchi e mezzo le antiche tazze; gli
avventori vecchi non si mossero; i nuovi, chiamati in gran numero dalla
sua idea felicissima, non se ne andarono, e la fama del Caffè Greco
fu assicurata. E via via arricchitosi di nuove stanze, ornatosi di
altre pitture e confortato da sempre maggior numero di frequentatori
procedette sicuro e tranquillo per la sua strada gloriosa senza mai più
incontrare ostacoli sul suo cammino; e pur vedendo intorno a sè mutarsi
e rimutarsi tante e tante parti della terra, salire e discendere dalla
cattedra di S. Pietro tanti pontefici, apparire e sparire dalla scena
del mondo tanti re e imperatori, sorgere e tramontare tante rinomanze e
nascere e morire tanti suoi colleghi, il vecchio Caffè romano, in mezzo
a così immenso, tumultuoso, tragico e comico avvicendarsi di uomini e
di cose, se pur talvolta fu obbligato a cangiar padrone, non cangiò mai
bandiera e rimase ognora un Caffè onesto e morale.

Onesto? Eh, il caffè col quale conforta lo stomaco dei suoi
frequentatori odierni... e notturni costa tre soldi alla tazza, nè
più nè meno di quanto costava ai bei tempi in cui ebbe l'alto onore di
essere visitato da Ippolito Taine, il quale, nel suo _Voyage en Italie_
così scrive, rammentandolo: _C'est une longue pièce, basse, enfumée;
point du tout brillante ni coquette, mais commode. Il est vrai que
presque tout y est bon et à bas prix; le café, qui est excellent, coute
trois sous la tasse_.

Dal 1864 molte cose son cambiate su tutti e sette i Colli; ma nella
bottega di via Condotti il prezzo del caffè è rimasto inalterato a tre
soldi la tazza.

E come nè il desiderio smodato di maggiori guadagni nè l'avidità di
laute ricchezze ebbero mai la potenza di far alzare al Caffè Greco
quei bassi prezzi di cui parla il Taine, così nessuna cosa al mondo
ebbe mai la forza di farlo uscire da quel diritto sentiero di moralità
austera nel quale camminò sempre, sorretto e seguìto dalla sua virtuosa
clientela. Altri Caffè sursero a centinaia intorno a lui e cercarono
coi lenocinii delle forme, con gli splendori abbaglianti delle lumiere
e con gli adescamenti lascivi delle cantatrici e dei mimi, di attrarre
nelle loro sale un numero sempre maggiore di frequentatori; ma il Caffè
Greco, ah no, mai si abbassò a tanto, e rimase ognora, mi è caro il
ripeterlo, un Caffè onesto, morale e a tre soldi.

Ma a queste tre qualità, già più che sufficienti da sole ad
assicurargli la stima e il rispetto di ogni uomo dabbene, esso ne può
aggiungere un'altra onorevolissima: quella di essere stato anche un
Caffè liberale e della vigilia, difatti i sentimenti del suo amore
per la libertà, se pure non si vuol tener conto delle prediche che,
a quanto afferma l'Ojetti, Ennio Quirino Visconti vi faceva fra il
1797 e il 1799, risalgono, almeno a quanto io ne so, al 1831; poichè
fu appunto in uno di quei moti scoppiati qui in Roma in quell'anno,
i quali se furono non tutti belli nè di grande importanza, servirono
tuttavia ad educare gli animi alla virilità dei sacrifici, fu proprio
in uno di quei moti che il Caffè Greco manifestò coraggiosamente la sua
fede nell'idea liberale.

La rivoluzione dei Ducati s'era già propagata nello Stato Pontificio,
e già durante i pontificati di Leone XII e di Pio VIII, erano avvenute
qui fra il Vaticano e il Quirinale sollevazioni e ribellioni, più o
meno sanguinosamente represse dalla polizia, quando parecchi artisti
romani, alcuni pensionati dell'Accademia di Francia e qualche medico
dell'ospedale di S. Spirito, per reagire contro le inquisizioni, gli
arresti, le condanne, le delazioni, le proscrizioni e i supplizi che
rendevano la vita intollerabile, decisero di assaltare una caserma di
granatieri, in piazza Colonna, precisamente nel piano terreno di un
vasto edificio ove era l'archivio pubblico e dove fu poi costruito il
portico di Vejo. Per mettere in esecuzione il loro ardito disegno essi
scelsero una sera di carnevale: una sera in cui nel palazzo Piombino si
festeggiava il matrimonio di Costanza Boncompagni col Duca di Fiano.

All'ora stabilita, quei pensionati dell'Accademia francese che avevano
giurato di pigliar parte alla non facile impresa, scesero al Caffè
Greco e vi trovarono i romani ai quali all'ultimo momento s'erano
uniti taluni romagnoli: quivi, secondo quanto io appresi da un vecchio
frequentatore della bottega, il quale mi raccontava di essersi trovato
presente al momento solenne, i francesi, i romani e i romagnoli prima
si abbracciarono e baciarono ripetutamente a vicenda e poi usciti
dal Caffè, in silenzio, si diressero verso piazza Colonna, dove altri
congiurati, quasi tutti popolani, stavano ad aspettarli.

Uno scultore, un certo Lupi, figlio di un medico di Santo Spirito,
guidava gli artisti. Egli, sempre a quanto mi narrava il mio vecchio
amico, ci vedeva poco e camminava appoggiandosi a un suo compagno;
e quando arrivò in piazza Colonna disse alla sua guida di condurlo
quanto più potesse accosto alla sentinella di piantone sulla porta del
quartiere, e appena questa ve l'ebbe condotto, il Lupi tirò un colpo
di pistola al soldato. Altri colpi di pistola risuonarono qua e là
nella piazza; e mentre la gente radunata sotto alle finestre illuminate
del palazzo ove celebravasi la festa nuziale fuggiva in preda allo
spavento, un gruppo di congiurati balzò fuori dalla penombra che velava
il vicolo Cacciabove, e gridando: _Viva Filippo Primo!_ corse verso la
caserma esortando i granatieri a non pigliare i fucili; ma questi li
presero, li spianarono contro i ribelli, e spararono.

Il Lupi sanguinante per una ferita non grave fu arrestato subito; la
maggior parte degli altri riescì a salvarsi con la fuga, e due soldati
rientrarono nel quartiere feriti leggermente. Chi pagò per tutti fu
il povero portiere di casa Piombino, il quale mentre si affrettava a
chiudere il portone del palazzo fu colpito da una palla, stramazzò in
terra, e non si alzò più.

Nei giorni seguenti la polizia essendo venuta a sapere qual parte
avessero avuto gli artisti nella zuffa, ne mandò qualcuno a villeggiare
in Castel S. Angelo, e ordinò ai carabinieri di sorvegliare la bottega
di via Condotti. Ma non per questo i liberali smisero di frequentarla.
In quei giorni i pensionati dell'Accademia francese s'univano spesso
ai confratelli italiani, massime con quelli di fede liberale, e questi
li accoglievano sempre a braccia aperte, anche perchè, qualora ce ne
fosse stato bisogno, sapevano di poter trovare presso di loro aiuti e
protezioni contro le insidie poliziesche: l'Accademia di Francia allora
godeva del diritto di asilo, ed era vicina al Caffè Greco.

L'_entente cordiale_ fra gli artisti nostri e quelli francesi continuò
strettissima per molti anni, poi venne a poco a poco allentandosi
finchè nel 1849 si spezzò violentemente. Mentre le bombe dell'Oudinot
piovevano su Roma, un pensionato dell'Accademia commise la grande
imprudenza di entrare nella bottega di via Condotti, e quella anche
più grande di entrare in una discussione che alcuni tenevano sugli
avvenimenti del giorno, e, poveraccio, finì con l'uscire dalla
discussione e dal Caffè portandosi via due solennissimi schiaffi
datigli da un certo Casciani, un pittore romano, il quale sapeva
adoperare le mani meglio dei pennelli.

Ristabilita la dominazione pontificia, di quando in quando, qualcuno
dei pensionati francesi rientrò nelle stanze del Greco, è vero; ma
ormai il legame che univa l'Accademia di Francia alla bottega di
via Condotti s'era spezzato, e un po' per le vicende politiche e un
po' per altre ragioni bene bene non si riallacciò più mai. Invece i
legami fra la bottega famosa e i liberali nostri divennero sempre più
stretti, poichè con l'avanzar degli anni la maggior parte di coloro che
venivano in Roma dalle diverse provincie, o per scopo di propaganda
o per altri motivi, preferì sempre agli altri luoghi di ritrovo il
Caffè Greco. Si capisce facilmente come a costoro, che di solito
giustificavano la verità dei loro nomi falsi con passaporti americani,
inglesi, maltesi o di altre parti del mondo, tornasse comodo di darsi
per artisti e di intrufolarsi fra i frequentatori di un luogo il cui
pubblico in massima parte era composto di stranieri. Gli sbirri, è
vero, talvolta visitavano la bottega nonchè le tasche degli avventori,
ma prima di andare più in là ci pensavano due volte e anche quattro,
perchè temevano, in caso di un errore, di dover poi fare i conti con
le diverse ambasciate, i quali conti, dopo somme non indifferenti di
rimostranze e di rabuffi, finivano sempre, dopo procedimenti lunghi e
fastidiosi, con un totale di scuse umilianti che la polizia pontificia
era costretta a fare ai rappresentanti dei governi esteri. Per questo
dunque la bottega del Greco divenne uno dei ritrovi più favoriti dei
liberali; e negli anni vicini al 1870 servì spessissimo come luogo di
riunione per cospirazioni o per la preparazione di moti e di imprese
patriottiche di ogni genere.

Giuseppe Monti, quando fu invitato ad unirsi a Gaetano Tognetti per
esplorare i sotterranei della caserma Serristori e poi collocarvi i
barili di polvere necessari a far crollare una parte dell'edificio,
alle esortazioni assidue di chi lo istigava ad assumersi la difficile
e perigliosa fatica rispondeva sempre: — Ma io ho moglie! Ho un figlio
che non ha ancora due anni! Questo lavoro che mi chiedete di fare
non potrebbe esser fatto da un altro? — Per sua disgrazia era scritto
che il lavoro funesto dovesse farlo proprio lui! E una sera, alcuni
ideatori di quel programma d'insurrezione; il quale, se doveva dare
alla storia del nostro Risorgimento i due gloriosissimi episodi di
Villa Glori e del Lanificio Ajani, doveva anche, purtroppo, interamente
fallire, per indurre il Monti ad unirsi al Tognetti, lo condussero nel
Caffè di via Condotti, dove, fra le molte persone ivi raccolte, gli
indicarono un signore (Leone Vicchi vuole che fosse il Castellazzo)
seduto incontro a loro a un tavolino presso il quale era altra gente,
e poscia che glie lo ebbero qualificato come un personaggio di grande
importanza, mandato qui dal Rattazzi per dirigere la ribellione
destinata ad aprire all'Italia le porte di Roma, gli dissero: — Vedi,
se tu accetti di fare quanto ti si chiede, comunque vadano le cose,
puoi essere sicuro di non avere niente da temere, perchè il governo
italiano non ti abbandonerà mai, e quel signore ti darà sempre tutto
quello di cui avrai bisogno per sistemare stabilmente l'avvenire tuo,
della tua moglie e del tuo figliuoletto. — Il Monti che era un povero
muratore e sosteneva la sua famiglia lavorando a tanto la giornata in
una delle prime case che sorgevano in via Nazionale, tracciata allora
allora dal De Merode, prima di impegnarsi tentennò ancora; ma alfine,
soppraffatto dalle molte parole e forse ammaliato dalle promesse
lusinghiere, uscì dalla bottega accettando di unirsi al Tognetti e di
eseguire insieme con lui quanto gli domandavano.

L'indomani, lo portarono con molta cautela in una casa in via del
Pantheon ove ritrovò il gran personaggio da lui visto la sera innanzi
al Caffè Greco, e glielo fecero giurare solennemente. Povero Monti!
Superando ostacoli e difficoltà inenarrabili, egli quanto aveva giurato
di fare, lo fece, e finì col lasciare, unitamente al suo compagno, la
gioventù e là vita su le tavole insanguinate di un patibolo.

Ma la bottega di via Condotti, negli anni vicini al 1870, fu per i
liberali qualcosa di più di un luogo di riunione; poichè essi ogni
qualvolta ne avessero avuto bisogno erano sicuri di trovarvi in
tutte le ore qualcuno pronto, dietro certi segnali di riconoscimento
stabiliti, a ricevere notizie urgenti, a dar loro ordini e consigli o,
se fosse necessario, a metterli in contatto coi capi del «Comitato di
azione».

Fra le molte testimonianze da me raccolte, le quali confermano la
verità di quanto io dico, mi basta riferirne una sola.

Anni addietro, trovandomi in Udine, ebbi la fortuna di conoscere
colà Giusto Muratti, uno dei Settanta di Villa Glori; e spesso
nelle mie escursioni nel Friuli mi rallegrai di averlo compagno
caro, indimenticabile, e guida preziosissima. Quasi sempre, mentre
trottavamo lungo le strade e i sentieri della dolce campagna friulana,
io desiderando vivamente di sentire narrare da lui qualcuno degli
episodi gloriosi del nostro Risorgimento, a cui egli aveva dato tanta
parte della giovinezza, gli rivolgevo qualche dimanda; ma per quella
repugnanza che han sempre gli uomini d'azione, quando hanno veramente
e disinteressatamente agito, a parlare di se stessi, schivava di
rispondermi: e se talvolta si piegava alle mie insistenze vi si piegava
in modo così breve da farmi perdere la voglia di più dimandare.

Nondimeno, durante le nostre gite, io le tentavo tutte per indurlo a
discorrere e talora riuscivo a metterlo sulla buona via; ma dopo poche
parole una cosa qualunque su cui mettesse gli occhi era per lui un
eccellente pretesto per non andare più innanzi: una contadina curva
sotto il carico di una grossa gerla ricolma di foglie; un vecchio,
che, seduto davanti all'uscio di una casa rustica, tenendo sulle
ginocchia un bambino e fumando la pipa si godeva gli ultimi raggi del
sole cadente; due ragazzi che ruzzavano con un cane; qualche cascina,
col tetto pieno di voli festosi e canori di passeri, dalla cui porta
spalancata usciva, insieme con qualche mugghio, un acre e pur piacevole
odore di stabbio; un gruppetto pittoresco di alberi annosi; la forma
slava e il colore ferrigno di un campanile coronato di colombi; una
macchia di lichene sopra una pietra antica; un fiore che si piegava
sotto il peso di un'ape; una linea di montagne azzurre, in cima alle
quali s'eran fermate alcune nuvolette rosee, come se avessero voluto
riposarsi un poco prima di rimettersi a camminare per le vie del
firmamento; insomma, una cosa qualunque bastava a sviarlo dal soggetto
dove io l'avevo portato con tanta pazienza, ed era più che sufficiente
a fargli rompere il filo del discorso in modo tale da non poterlo più
riannodare. E come se tutte coteste cose e coteste case, non fossero
state già bastanti a farmi disperare, non di rado a render vani i
miei tentativi ci si mescolavano anche Giulio Cesare con la decima
legione, Attila con gli unni, Paolo Diacono e Gisulfo coi longobardi,
e Napoleone con Campoformio! Se a costoro riesciva di penetrare, ospiti
da me non desiderati nè graditi, nei nostri ragionamenti non c'era più
verso di mandarli via. Un giorno, ricordo, in un discorso, provocato da
una delle mie solite domande, vi entrarono i patriarchi d'Aquileja, e
il disastro fu irreparabile.

Ma una volta, proprio quando meno me lo sarei creduto, il mio caro
amico, che avevo tante volte importunato invano, potei finalmente
sentirlo parlare come io desideravo.

La cosa andò così. In una delle nostre gite, attirati da un lieto
verzicare di alcune collinette lontane, avevamo abbandonata la strada
che porta a Cividale, e per raggiungerle ci eravamo messi a camminare
nei campi; quando, non so come, ci trovammo in una vallicella in
mezzo a un labirinto di piccoli fossi legati fra loro da un intrico
di ruscelletti allegri e sonori, i quali indorati dal sole prossimo
a tramontare, come se fossero impauriti dalla nostra presenza,
luccicavano per qualche istante e correvano a rimpiattarsi nel folto
dell'erba densa, grassa e giallognola. Dopo di esserci impantanati più
volte, un sentiero molle e appiccicoso coperto di foglie morte ci fece
la carità di riportarci sulla via maestra.

Il sole era scomparso. Un po' di luce violacea agonizzava ancora
nell'aria e mandava un debole riflesso sulla campagna grigia ove
incominciava a sbocciar qualche lume. Faceva freddo e noi dopo di aver
pestato più volte coi piedi il terreno solido e asciutto ci avviammo in
fretta verso un chiarore lontano che sorgendo dietro a una prominenza
bruna si diffondeva dolcemente sul cielo stellato.

— Udine! — disse il Muratti accennando il chiarore. E dopo di aver
percorso in silenzio un breve tratto di strada mi chiese: — E tu a Roma
dove passi le serate?

Io in quel tempo ero solito di andare quasi ogni sera nella bottega di
via Condotti, e però gli risposi: — Al Caffè Greco.

— Al Caffè Greco? — esclamò il mio amico fermandosi di botto.

— Al Caffè Greco. — Replicai io fermandomi a mia volta e sorpreso della
sua sorpresa.

— Vicino a piazza di Spagna?

— Precisamente.

— Ah! — seguitò il Muratti — lo conosco bene. Quando fui a Roma
prima del settanta vi andai sovente insieme al Cucchi, al Guerzoni,
all'Adamoli e ad altri. — E dopo una breve pausa, abbassando il capo e
la voce, soggiunse: — L'ultima volta che ci sono stato fu quando Enrico
Cairoli mi ci mandò da Villa Glori.

— Ti ci mandò Enrico Cairoli? — gli chiesi subito io. — E perchè?

— Perchè? — ripetè il mio amico, macchinalmente; e per tutta risposta
fece un gesto brusco, agitò nell'aria scura le mani aperte e,
scrollando le spalle, riprese a camminare.

Ma questa volta io non lasciai cadere l'occasione di sentirlo
discorrere. L'argomento mi interessava troppo; e perciò messo da parte
ogni riguardo ed abusando magari della sua pazienza tante glie ne feci
e tante glie ne dissi che egli alfine impietosito dalle mie preghiere,
o forse anche per liberarsi dalle mie domande insistenti, rallentò un
poco il passo; fissò un momento gli occhi nel chiarore che veniva via
via crescendo in fondo alla strada, e masticando le parole incominciò
a parlare lentamente così: — La ragione per cui, invece di sbarcare
alla Passeggiata di Ripetta, noi dovemmo fermarci poco prima di Ponte
Milvio la conosci: l'hai scritta così bene in poesia, dunque è inutile
di starla a ripetere, perchè la tua poesia...

— Ma lascia stare la mia poesia! Racconta!

— Ecco. Dunque, come sai, dopo di aver passato la notte in un canneto
sulla riva sinistra del fiume, non sapendo quale esito avesse avuto
l'insurrezione di Roma, che noi volevamo aiutare, nella speranza di
vedere arrivare qualcuno con qualche ordine, all'alba, salimmo a Villa
Glori. Lassù in alto, in ogni caso, ci saremmo sempre potuti difendere
meglio di quanto avremmo potuto farlo giù in basso sulla sponda del
Tevere. È chiaro?

— Chiarissimo. E allora?

— Eh, allora le cose non si mettevano bene. La necessità di avere
notizie da Roma per noi si faceva sempre più urgente, ma le ore
passavano e da Roma non veniva nessuno. Enrico Cairoli, prima di salire
a Villa Glori, aveva mandato a Roma uno dei nostri, un romano, un
certo Candida; ma non tornò più. Allora Enrico mi chiamò e mi disse: —
Senti, Giusto, quassù non possiamo rimanerci troppo a lungo: occorre di
pigliare una decisione; ma prima di pigliarla, è necessario di sapere
che diamine è successo a Roma. Su Candida oramai non ci si può più
contare. Bisogna che vai tu.

A sentirmi dare quest'ordine io feci un gesto di sorpresa; e non potei
fare a meno di pronunziare qualche parola di rammarico.

Enrico Cairoli, come sai, era di carattere impulsivo; e, appena vide
il mio turbamento, aggrottò le ciglia e guardandomi in faccia esclamò:
«Ah! Non vuoi andare?», e, senza darmi il tempo di rispondere, seguitò:
«Va bene! Allora vado io». Mi voltò le spalle e si mise a camminare
con passo risoluto verso il cancello della Villa. Io gli corsi subito
dietro, lo fermai e gli dissi: «No, guarda, Enrico, delle mie parole
non tenerne conto; mi sono state suggerite dal dolore che provo nel
dovermi allontanare da te, da Giovannino e dai compagni: del resto,
se tu credi che a Roma ci debbo andare proprio io, comandami». «Sì,
devi andar tu», mi rispose Enrico con voce ferma. E dopo un istante
di silenzio continuò: «Dispiace anche a me di doverti chiedere questo
sacrificio; ma non si può fare altrimenti. Tu a Roma ci sei già
stato; a Roma conosci molti dei nostri amici; sai in quale strada
si trova il luogo dove ti debbo mandare; dunque bisogna che vai tu».
Io chinai la testa in silenzio, ed Enrico, dopo di essersi guardato
intorno, mi si avvicinò, abbassò la voce e mi disse: «Ecco, Giusto,
quello che devi fare: appena sarai a Roma vai in via Condotti; entra
nel Caffè Greco; siediti a un tavolino e fai i nostri gesti d'intesa.
Certamente qualcuno ti verrà vicino, ti saluterà con le parole che sai;
ti stenderà la destra e risponderà ai tuoi cenni coi cenni relativi:
quando ti sarai assicurato bene di tutto, fagli conoscere la nostra
posizione, digli quanti siamo e domandagli come ci dobbiamo regolare:
sentilo e cerca di ritornare più presto che puoi. Vai!»

Io, come forse non ignori, ero il furiere dei Settanta; avevo nel mio
sacco una cartella comperata a Terni; la presi, ci misi dentro due o
tre fogli di carta pulita e mi avviai verso il cancello della Villa.

— Perchè pigliasti la cartella? — gli chiesi.

— Ma, ti dirò, io sapevo quanti studi di pittura e di scultura vi
fossero lungo la via Flaminia: dovevo entrare a Roma per la Porta del
Popolo: se mai mi avessero fermato mi sarei dato per pittore tedesco
— rispose. E seguitò: — Dunque, come ti dicevo, mi avviai verso il
cancello. Passando davanti alla casetta del guardiano incontrai un
ragazzetto di circa otto o nove anni. Carino! Aveva una faccetta
intelligente quanto mai! Appena lo vidi, mi venne subito l'idea di
portarlo con me. Se sarò costretto a fingermi pittore, lo farò passare
per un mio modellino, pensai; e pensai ancora che forse avrebbe potuto
indicarmi qualche scorciatoia. Insomma, me gli avvicinai e gli dissi:
— Vuoi venire a Roma? — Il caro ragazzo si mise a ridere e acconsentì
prontamente. Io gli diedi la cartella e scendemmo insieme a Porta del
Popolo.

La Porta la trovammo barricata. Una sentinella ci fermò. Venne un
graduato, ci rivolse qualche domanda, si persuase della verità di
quanto gli rispondemmo e ci lasciò passare; ma appena io entrai
in Piazza del Popolo alcuni carabinieri mi fermarono di nuovo e mi
portarono in una caserma, che era lì presso alla Porta. C'è ancora?

— Si — gli risposi sorridendo — sì, la caserma c'è ancora; ma i
carabinieri pontifici non ci sono più. Adesso, grazie a Dio, ci sono i
nostri.

Il Muratti sorrise anche lui, e dopo un istante di silenzio riprese:
— Nella caserma fui interrogato lungamente da un ufficiale che poi
m'ingiunse di seguire uno dei suoi uomini. Costui mi fece entrare
in una stanza; chiuse le finestre e mi ordinò di spogliarmi. M'ero
appena levata la camicia quando all'improvviso dal di fuori venne un
rumore confuso. Tesi le orecchie e nel rumore distinsi uno scalpitare
di cavalli. Il carabiniere buttò subito sopra a una sedia la mia
giacca che aveva incominciato a esaminare minuziosamente, corse verso
la porta e scomparve; ed io rimasi lì, solo, a passeggiare in su e
in giù nella camera come il padre Adamo nel paradiso terrestre. Di
lì a poco il calpestìo dei cavalli risuonò più forte; diminuì come
se si allontanasse e si spense. Udii ancora qualche grido e poi non
sentii più nulla. Avvicinai pianino pianino la testa ai vetri di una
finestra e vidi un soldato che correva, qualche cavallo e cinque o
sei uomini intorno a un ufficiale che parlava facendo gesti energici e
concitati. — Deve esser successo qualche cosa di grave —, dissi fra me,
e un pensiero orribile incominciò a ficcarmisi nel cervello. Per non
lasciarmi andar giù, ripresi a passeggiare per la camera.

Dopo un quarto d'ora, lungo come un quarto di secolo, l'uscio della
stanza s'aprì e apparve un altro carabiniere: rimase un momento
sorpreso nel vedermi e mi chiese con mala grazia: «Che cosa state a
fare qua dentro?». Gli risposi in tedesco: «Aspetto la visita». Capisse
o no, alzò le spalle bruscamente, mi guardò con gli occhi torvi e
additando la porta grugnì: «Andate via!». Figurati! Mi rivestii in un
attimo, uscii dalla caserma, chiamai con un cenno il ragazzo che stava
ad aspettarmi, seduto con la cartella sulle ginocchia su la scalinata
di una chiesa, e mi diressi verso il Babuino. Naturalmente io cercai
di conoscere quale fosse stata la cagione di tutto quel chiasso da
me udito poco prima, e seppi che mentre io mi trovavo coi carabinieri
una pattuglia di dragoni era arrivata da Ponte Milvio; s'era fermata
davanti al quartiere annunciando l'entrata di Garibaldi a Villa Glori,
e aveva proseguito al trotto giù per il Corso. I nostri, dunque, erano
stati scoperti. Mi si gelò il cuore! Affrettai il passo; attraversai
volando la piazza di Spagna ed entrai nel Caffè Greco.

La bottega era quasi deserta. Mi sedetti a un tavolino, chiesi un
caffè e feci i nostri gesti. Un giovanotto mi si avvicinò sorridendo
e salutandomi come doveva; mi diede la mano; rispose puntualmente a
qualche parola che gli dissi e mi invitò con un cenno della testa ad
uscire. Appena fummo in istrada egli si fermò davanti alla vetrina di
un negozio di oreficeria e indicando gli oggetti esposti bisbigliò:
«Dobbiamo andare da Piatti in Via Panico». E senz'altro s'incamminò
verso il Corso. Io lo lasciai allontanare di un centinaio di passi e
poi gli andai appresso, avendo sempre a lato il mio ragazzetto con la
cartella sotto al braccio.

In via Panico non ci si arrivava mai!

Finalmente il giovanotto dopo di essersi fermato un momento davanti a
un portoncino di una vecchia casa e di essersi voltato a guardarmi vi
entrò. Lo raggiunsi per le scale: salimmo insieme fino all'ultimo piano
e trovammo il Piatti. Senza aspettare di essere interrogato, gli dissi
subito chi ero, da dove venivo e chi mi mandava. Il Piatti si turbò,
strinse le pugna, e con voce sommessa, accostando le sue labbra al mio
orecchio, balbettò: «La rivoluzione è fallita. Non c'è più niente da
fare. Bisogna tornare immediatamente a Villa Glori e dire ai Cairoli
che si ritirino. Non c'è un minuto da perdere!».

Atterrito dalle sue parole gli stesi la mano per licenziarmi; ma lui mi
fece cenno di aspettare. Prese un foglietto di carta velina, vi scrisse
sopra qualche parola col lapis; piegò e ripiegò più volte il foglietto
e lo fece diventare una pallottola della grossezza di un cece, rivestì
la pallottola con un involucro di stagnola e me la diede ripetendo
ancora: «Bisogna far presto! Non c'è un minuto da perdere. Fra poco
i papalini saranno a Villa Glori!». Mi misi in bocca la pallottola;
scesi giù per le scale a precipizio, e col mio fedele ragazzetto che
avevo lasciato in istrada, corsi a Porta del Popolo. «Non si passa!».
Parlando un po' in tedesco e un po' in italiano pregai un ufficiale
di permettermi di ritornare nel mio studio di pittura a Papagiulio,
dove gli dissi che abitavo; ma non ottenni nulla. Le provai tutte
e tutte inutilmente. Figurati! Arrivai perfino a proporgli di farmi
accompagnare da un milite!

— Caspita! — interruppi io — Se l'ufficiale avesse acconsentito, ti
saresti trovato in un bell'impiccio! Che avresti fatto?

— Ah! — rispose il Muratti, calmo calmo — Se l'ufficiale avesse
accettato di farmi accompagnare da un carabiniere, io sarei uscito; ma
puoi esser certo che il carabiniere nella città eterna non ci sarebbe
più entrato.

Non stentai a crederlo. Qual forza il Muratti avesse nelle mani lo
sapevo. Pochi giorni innanzi me ne aveva offerto un piccolo saggio.
Passando vicino ad una venditrice di frutta che aveva accanto un
canestro ricolmo di mele, egli ne aveva presa una, se l'era messa fra
l'indice e il medio della sua destra, e con la sola pressione delle due
dita l'aveva spaccata come se fosse stata di burro.

— Dunque non potesti uscire? — ripresi io, affrettandomi a riallacciare
il racconto spezzato dalla mia interruzione.

— Non fu possibile. — rispose seccamente il mio amico; e dopo qualche
istante di silenzio, spintovi da un'altra mia domanda, seguitò:
— Che volevi che facessi? Quando fui persuaso della inutilità di
ogni insistenza tornai indietro; feci un lungo giro e andai a Porta
Salaria; anche lì non potei far nulla. Provai a Porta Pia: tutti
i miei tentativi furono vani. Allora, perduta assolutamente ogni
speranza di poter passare, guardando il ragazzetto che m'era venuto
sempre appresso e mi stava davanti con la cartella sotto al braccio,
mi venne in mente che quello che non riusciva a me avrebbe potuto
riuscire a lui. Ci pensai sù qualche minuto, e mi decisi. D'altronde
non si rischiava niente. Lo portai in un punto di un vicolo dove non
potevamo essere osservati e gli dissi: «Dimmi un po', tu saresti buono
di ritornare a Villa Glori, solo?». «Sicuro!», rispose prontamente il
ragazzo. «Bravo!» esclamai io subito; e mostrandogli la pallottola
che racchiudeva il biglietto del Piatti, continuai: «Vedi questo
'confetto'? Se tu riesci a portarlo a quei signori che stanno a
Villa Glori, quei signori ti faranno un gran regalo. Vuoi andare?».
«Sicuro!», tornò a rispondere il ragazzo, tendendo il braccio verso
il 'confetto'. «No, guarda», gli dissi io, allora «questo 'confetto'
non lo devi portare in mano e nemmeno in saccoccia, perchè potresti
perderlo: l'hai da tenere come l'ho tenuto io fino ad ora: apri la
bocca!». Il caro figlietto, ridendo, mi guardò con gli occhietti
intelligenti e aprì la boccuccia. Io, raccomandandogli di stare bene
attento a non inghiottirlo, gli ci misi dentro il 'confetto'; poi
lo accarezzai, gli diedi un bacetto, gli raccomandai ancora di non
inghiottire il 'confetto', e lo lasciai partire.

Dopo di aver fatto una cinquantina di passi egli si voltò sorridendo e
mi disse addio con la manina. Gli risposi. Mi si inumidirono gli occhi
e non lo vidi più.

— E gliela fece a passare?

— Gliela fece! — esclamò il Muratti, battendo una su l'altra le palme
delle mani: poi, aprendo le braccia, soggiunse: — Come e dove riuscisse
a passare non lo so e non lo saprò mai; ma passò: tornò a Villa Glori
e diede il 'confetto' a Enrico. Ma ormai Enrico aveva già risoluto di
non indietreggiare.

Quello che avvenne poco dopo lo sai.

Appena egli ebbe finito di parlare rimase un istante con gli occhi
fissi nel chiarore della città vicina, divenuto ormai più vivido sotto
il cielo stellato; poi abbassò la testa sul petto, diede un calcio a
una pietra, mandandola a ruzzolare sulla proda della via, e allungò il
passo quasi che si volesse allontanare in fretta dalle ultime parole
con le quali aveva chiuso il racconto!

Percorremmo, senza dire più nulla, un brutto borgo oscuro, fermandoci
di quando in quando per lasciar passare qualche carretto; traversammo
un lungo portico scarsamente illuminato da pochi fanali, e rientrammo
in Udine.


Trascorso appena un anno dalla sera memorabile in cui egli, cedendo
alle mie reiterate preghiere, mi aveva narrato il commovente episodio
dell'animosa sua giovinezza, il Muratti venne a Roma: vi rimase
parecchi giorni, ed io ebbi la gioia di poter salire con lui a Villa
Glori.

Nella luce sfolgorante del dolce pomeriggio primaverile il cielo
sereno inchinandosi sui monti rosei della Sabina e del Lazio pigliava
nel toccarli la trasparenza e il colore dell'ambra. Al di là delle
siepi, sulle quali accanto a qualche bacca lucida e rossa fioriva già
il biancospino, le biade alte e verdi ondeggiavano lentamente; e gli
ulivi, movendo le foglie brillavano sul fondo luminoso della campagna
come se fossero stati d'argento. Ovunque, sotto alle ficaje, fra gli
olmi e i gelsi, tra i ciliegi e i peri, fra i mandorli e i peschi,
insieme al continuo ronzìo delle pecchie, delle vespe, dei calabroni
e delle cantaridi rilucenti di fiore in fiore, nel sole, risuonava un
fischiettare giulivo di capinere, di cardellini, di fringuelli e un
cinguettìo prolungato e vivace di cingallegre e di passeri. Di tempo in
tempo una lucertoletta ci guizzava fra i piedi; si fermava a guardarci
con la testina alzata, e spariva in una fenditura del terreno cosparso
di margheritine e di anemoni, o fra le pietre e i tufi d'una vecchia
macèra; e qualche calandra balzando fuori all'improvviso da una zolla
rossastra s'alzava rapida a volo, cantando: saliva in alto, più in alto
ancora, e sempre cantando si perdeva nello spazio.

Superata una breve viottola erta e sassosa arrivammo alfine davanti
all'‘albero dei Cairoli’, fra i cui rami fioriti, mossi lievemente da
un'auretta soave, e risplendenti nell'azzurro, scorgevasi lo scheletro
di una corona votiva dalla quale pendeva, tremolando, un nastro
mortuario consunto dal tempo.

Il Muratti, passandosi di tratto in tratto le mani sugli occhi, rimase
per qualche tempo in silenzio col capo chinato sul petto, dinanzi al
mandorlo sacro; poi sempre in silenzio si avviò a passo lento verso la
villa. Quando vi giunse si avvicinò alle vecchie mura; e dopo di averle
osservate con molta attenzione, alzando la destra, m'indicò alcuni
buchi che apparivano chiaramente nell'intonaco.

— I papalini? — gli domandai.

Egli abbassò più volte il capo; e avvicinatosi a un cespo di rose
bengaline, ne colse una appena sbocciata; guardò un momento il suo
colore sanguigno e me la diede; poi, come se si destasse da un sogno,
mi chiese: — Dov'è il Tevere?

— Qui sotto — gli risposi accennandogli un piccolo bosco verzicante,
dove qua e là sui rami ignudi delle querce accanto alle gemme pronte ad
aprirsi c'era ancora qualche foglia ingiallita.

— Andiamoci! — ripigliò subito il mio amico. — Vorrei rivedere il luogo
dove siamo sbarcati.

Dopo di aver rotto coi bastoni un impaccio inestricabile di pruni
rigidi e feroci che s'attaccavano ai panni, e di esserci liberati da
una sterpaglia di ramoscelli sfrondati stretti insieme tenacemente
dall'edera, penetrammo in un boschetto di querciole, di acacie, d'elci,
di allori e d'ailanti, e affondando i piedi in un viluppo d'erbacce
umide che ad ogni passo ci mandava sul viso ora una tanfata di
fracidume e di muffa, ora un delicato e delizioso profumo di violette,
lo traversammo e scendemmo in un canneto sulla riva melmosa del fiume.

Il Muratti esitò alquanto prima di riconoscere il punto preciso dove
egli era sbarcato coi Settanta; ma alfine, dopo di aver girato più
volte gli occhi intorno attentamente e lentamente, aguzzando le ciglia,
additandomi un vetrice gobbo e rugoso che si specchiava nell'acqua
immota di una piccola insenatura della sponda, esclamò con voce
risonante: — Là, là sbarcammo! Proprio là! — e lasciandosi dietro sulla
creta le impronte dei passi frettolosi si avvicinò al vecchio albero e
ne accarezzò con la mano aperta e leggera il tronco deforme, e, mentre
un ramoscello da lui appena toccato si rialzava oscillando, rimase a
guardare all'oriente verso Mentana.

Una rondine strisciò col petto bianco sull'acqua gialla, si posò per un
attimo sulla riva assolata e s'allontanò stridendo.

Lungo la via del ritorno egli mi rivolse appena qualche breve parola;
ma quando rientrammo in piazza del Popolo, dopo essersi fermato davanti
alla caserma dei carabinieri e di averla guardata a parte a parte,
prima di ritornare a muoversi mi disse: — Vedi, se tu mi porti in via
Panico, io son sicuro di ritrovare quella casa dove andai con quel
giovanotto che conobbi al Caffè Greco. — E, toccandosi la fronte,
aggiunse: — Ho la certezza di ritrovarla perchè la sua immagine ce l'ho
stampata qui dentro.

Il sole illuminava ancora la più alta balaustrata del Pincio,
l'obelisco e le cupole. Andammo in via Panico e colà, verso Monte
Giordano, egli riconobbe facilmente la casa del Piatti.

— E dimmi un po' — gli chiesi poi sorridendo — al Caffè Greco non ci
vuoi ritornare?

— Sì! — mi rispose subito — Sì, andiamoci, e così avrò rivisto tutto.
Però — soggiunse, mentre imboccavamo l'antica e pittoresca via dei
Coronari, — però non lo riconoscerò più.

— Non dubitare; chè lo riconoscerai perfettamente. — gli risposi.
Difatti, appena egli vi entrò, non seppe nascondermi il suo stupore e,
prima di mettersi a sedere, aprendo le braccia in atto di maraviglia,
esclamò: — Hai ragione, è proprio tale e quale. Non v'è nulla di
cambiato. Nulla. D'altronde io credevo che dopo tanti anni...

— Ah! — lo interruppi io ridendo — gli anni per il Caffè Greco non
contano; forse i secoli.

Nella bottega, tutta immersa in una penombra deliziosa non v'era
nessuno, e noi vi rimanemmo fino a quando accesero i lumi. Allora
ci alzammo, e dopo di esserci fermati qualche momento nella prima
stanza per ammirare ancora una volta le pitture di Ippolito Caffi,
morto gloriosamente a Lissa, sulla _Palestro_ al fianco di Alfredo
Cappellini, uscimmo.

                                   *
                                  * *

Forse la prima descrizione che sia stata fatta del Caffè Greco è
quella che Giacomo Casanova ci ha lasciato di quel 'Caffè di strada
Condotta' ove egli, chiamatovi dall'abate Gama, entrò nell'ottobre del
1743, trovandovi quella eletta radunanza di maldicenti, di ruffiani,
di castrati e di abati che ci descrive con tanta vivezza: dico forse,
perchè l'avventurier farabutto, allora al servizio del cardinale
Acquaviva, il nome del 'Caffè di strada Condotta' non lo dice. Chi lo
dice in tutte lettere è Pierre Prudhon, il quale essendovisi recato
qualche volta insieme col suo amico Bertrand ne disegna la fisonomia
artistica con queste precise parole: — _Là tous les maitres sont passés
en revue et ne sont point épargnés. On critique celui-ci, on dechire
celui-là. Tous ceux qui ne peuvent entrer en comparaison avec Raphäel
sont proscrits. Raphäel lui-mème est blàmé de ne s'ètre pas assez servi
de l'antique. Le mieux de tout cela, c'est que tous ces messieurs les
beaux parleurs n'étudient ni l'antique ni Raphäel et s'amusent chez eux
à ne rien faire qui vaille._

Qualche mese dopo che il dolce e malinconico pittore borgognone
scriveva al suo amico Fauconnier queste parole, Wolfango Goethe era in
Roma. Vi andò forse egli mai, il gran pagano, nella bottega fondata
dal greco? Non saprei dirlo: ma se, come è certo, il Tischbein ed il
Moritz, suoi intimi amici, la frequentarono, è probabile che qualche
volta vi sia andato anche lui; tanto più che non soltanto da una
lettera del Moritz, ma da alcuni scritti dello scultore Schaeffer e da
qualche pagina del romanziere Gian Giacomo Guglielmo Heinse impariamo
come fin dal 1780 il Caffè Greco fosse già, per i tedeschi residenti
o di passaggio in Roma, un luogo di ritrovo. Difatti più tardi vi si
radunarono i «nazareni»: quegli artisti i quali, venuti qui dalle varie
provincie della Germania e aggruppatisi intorno a Federigo Overbeck,
essendo rimasti profondamente impressionati dalla suntuosità delle
chiese romane, dalla magnificenza delle funzioni papali, dai Miserere
della cappella Sistina e dalla bontà del vino _de li Castelli_, si
fecero cattolici, iniziando in sul principio del secolo nostro quel
periodo di conversioni che per lunghi anni nella colonia tedesca di
Roma fu una specie di contagio.

Per loro l'arte era una preghiera, e i quadri e le statue non avevano
altra ragione di essere se non quella di recare lustro e decoro alla
religione: si erano radunati nel piccolo convento di S. Isidoro,
abbandonato allora allora dai francescani irlandesi, e ci vivevano
tutt'insieme. Al primo apparire del giorno, chiamati da una campana,
si riunivano tutti in una cappella, e dopo aver cantato in coro il
_Veni creator spiritus_, se ne tornavano nelle celle a lavorare.
Niente ignudi, s'intende; niente donne, niente anatomia e sopratutto
niente mitologia. Degli Dei pagani non se ne doveva parlare nemmeno per
burla. Agli abitatori ed alle abitatrici dell'Olimpo, gente immorale
quant'altra mai, non si aveva da chieder nulla: per qualunque cosa
occorresse, San Luca bastava e avanzava.

Cotesti «nazareni» (così li chiamò per derisione la mala lingua dello
scultore Wagner), allorchè l'ombra della sera scendeva sul cenobio,
avevano l'abitudine di scendere a loro volta al Caffè Greco e di
trattenervisi per qualche ora. Lo Schopenhauer, quando venne a Roma,
ve li trovò ancora quasi tutti, e non è difficile immaginare come e
quanto li punzecchiasse col suo sarcasmo, esortandoli a dipingere ed a
scolpire gli Dei di Omero: li punse tanto che alfine i poveretti, non
ne potendo più, gli fecero dire che avrebbe fatto bene ad andarsene
con la sua filosofia e a non più ritornare a intorbidare con le sue
bestemmie i loro caffè e latte e le loro coscienze.

Una sera il filosofo di Danzica, seguìto come al solito dal suo cane
barbone bianco, a cui aveva dato il modesto nome di Alma, che voleva
dire 'anima del mondo', entrò nel Caffè; e arrivato nella stanza ove
erano i «nazareni», dopo di averli salutati, disse loro: — Vedete: la
nazione tedesca è la più stupida delle nazioni della terra; tuttavia in
un punto è superiore a tutte le altre: cioè nel poter fare a meno della
religione, e voi... — Uno scoppio formidabile di urli e di contumelie
coprì le parole del filosofo; e tutti, levatisi di scatto dai loro
posti, alzando i bastoni e le ombrelle, lo spinsero verso la porta
della bottega; ed egli sempre seguìto dal suo cane barbone, ovverosia
dall'anima del mondo, se ne andò mormorando: — La patria tedesca in me
non s'è allevato un patriota! — Se ne andò, e nel Caffè Greco non mise
più il piede.

Ma neppur loro, i «nazareni», durarono ancora molto a radunarvisi,
poichè il Cornelius fu chiamato a Monaco per dirigervi l'Accademia di
belle arti, e colà, chiusa la Bibbia dalla quale da buon «nazareno»
ei traeva i soggetti dei suoi quadri, prese a dipingere gli episodi
più celebri delle leggende germaniche; Schadow, eletto direttore della
Scuola d'arte a Düsseldorf, prese la via dell'insegnamento; il Woghel,
lasciati i temi chiesastici, si mise ad illustrare il Dante; Weit andò
a Francoforte: e così lo Schnoor, il Pför, i due Müller, Colombo e gli
altri lasciarono via via la bella Roma, ove Dio pensa a tutto, e se ne
tornarono ai loro paesi. Soltanto l'Overbeck non si mosse: e qualche
anno dopo scriveva al Weit: «Io mi aggiro solitario fra le rovine di
Roma e mi pare che io stesso sia diventato una rovina».

Presso a poco nello stesso tempo in cui il Caffè Greco veniva
abbandonato dai «nazareni», esso ebbe l'onore di accogliere lo
Stendhal, il quale vi capitò spintovi da una circostanza che vale la
pena di essere riferita.

L'autore della _Chartreuse de Parme_ era andato a vedere la Cascata
delle Marmore; e, dopo averla ammirata dal basso e dall'alto, se ne
scendeva a Papigno, quando s'imbattè in una contadina che gli andò
incontro salutandolo come una vecchia conoscenza. Sorpreso dalle parole
e dagli atti della donna egli rivolge qualche domanda a un giovinetto
che lo accompagnava, e questi gli risponde, guardandolo furbescamente:
— Eh, ho capito; voi, signor Stefano, non volete essere riconosciuto. —
Mentre alcune altre donne gli vanno incontro manifestandogli il piacere
che provano nel rivederlo, egli torna ad interrogare il giovinetto, e
dalle sue risposte arriva finalmente a sapere che tutti lo pigliavano
per il signor Stefano Forby, un pittore francese il quale pochi mesi
innanzi aveva dimorato in Papigno per dipingere i diversi punti di
vista della Cascata famosa. Rallegrato dalla comicità dello scambio,
lo Stendhal lasciò correre; ma quando arrivato alle prime case del
paese si trovò in mezzo a una folla giubilante di uomini, di donne e di
bambini, cercò di mettere le cose a posto. Tutto fu inutile. Più lui si
sgolava a dimostrare di non essere il Forby, e più tutti gli dicevano
ridendo: — Ah, signor Stefano, ma voi volete scherzare! — Insomma,
giacchè non c'era altro da fare, l'autore della _Chartreuse_ accettò
di buon grado _le role_ del pittore; rispose come meglio potè alle
dimostrazioni di affetto di quanti gli si stringevano addosso; li portò
tutti da un 'salamiere'; offrì a tutti da mangiare e da bere; rimase
con loro allegramente fino al cadere del giorno e se ne scese a Terni
seguìto dalle loro benedizioni.

Ritornato a Roma lo Stendhal seppe che il Forby frequentava il
Caffè Greco: vi andò subito e, ohimè!, fu _choqué_ di trovare nel
pittore a cui egli somigliava tanto un uomo _sans doute fort bien au
moral mais si peu beau_!... — La qual cosa fa chiudere all'illustre
psicologo il racconto della sua comica avventura con questa malinconica
osservazione: — _Il est singulier combien l'homme le moins fat pervient
encore à se faire illusion sur sa taille et sa figure!_

Fra l'autunno del 1830 e l'inverno del 1831 la bottega di via
Condotti, arrivata all'apogeo della sua fama, ebbe, fra gli altri
molti, due illustri visitatori; forse sarebbe meglio dire due illustri
denigratori: il Berlioz e Felice Mendelssohn-Bartholdi. Difatti il
Mendelssohn, in una lettera al suo babbo, del povero Caffè Greco ne
parla così: «L'una stanza piccola e buia, larga circa otto passi, e da
un lato di quello stambugio si può fumar tabacco, dall'altro no. Tutti
siedono all'intorno sui banchi con in testa larghi cappelli e con tutto
il viso e il collo coperto dai capelli; fanno un fumo orribile e denso
e si dicono reciprocamente delle volgarità: hanno accanto grossi cani
da macellaio, i quali sono incaricati della diffusione degl'insetti.
Ciò che sul loro volto è libero dalla barba è coperto dagli occhiali;
un fazzoletto da collo e un frack sarebbero novità; ingoiano caffè e
parlano di Tiziano e di Pordenone come se questi sedessero accanto a
loro». Non c'è male! Ma anche il Berlioz, che vi andò subito appena
arrivò a Roma, la sera stessa del suo ingresso all'Accademia di
Francia, non scherza: ecco con quali graziose parole egli ne tesse
l'elogio: — _Le fameux Café Greco c'est bien la plus detestable taverne
qu'on puisse trouver: sale, obscure et humide, rien ne peut justifier
la préférence que lui accordent les artistes de toutes le nations fixés
a Rome._

Povero Caffè Greco! Nondimeno se tutti ne dicono male, tutti ci vanno,
e lo stesso Berlioz deve confessare che la _plus detestable taverne
qu'on puisse trouver_ quando egli vi andò era talmente frequentata
dagli artisti stranieri che la maggior parte di essi vi si faceva
indirizzare la corrispondenza, e deve dire che gli artisti, arrivando
a Roma, se volevano trovare i loro compatrioti dovevano cercarli al
Caffè Greco. Difatti non mai come allora la bottega di via Condotti
fu onorata da un così gran numero di avventori illustri; non mai come
allora, quando i due celebri alunni di Euterpe ne parlavano con tanto
dispregio.

Per ricordare soltanto gli stranieri che la frequentarono in quei
giorni, o poco più tardi, basta nominare fra gli altri e su gli altri
lo scultore danese Alberto Thorwaldsen, Mickiewicz, Orazio Vernet,
Ampère, che visitando i nostri monumenti e osservando i nostri costumi
raccoglieva già gli elementi per la sua _Histoire Romaine a Rome_,
Thomas il futuro autore dell'«Amleto» e della «Mignon», Barbier il
poeta della _Curée_, dell'_Idole_ e del _Pianto_, Delaroche, Corot,
Dupré, il mistico Orsel, lo Schnetz, che doveva poi essere eletto per
due volte direttore dell'Accademia di Francia, e Leopold Robert il
pittore dei _Moissonneurs_ e di quegli altri molti quadri raffiguranti
i vari episodi della vita dei briganti; i quali quadri e i quali
briganti diedero a lui la gloria e a noi quella tal rinomanza da cui
non ci siamo ancora liberati. Ma però la verità bisogna dirla tutta:
s'egli è certo che cotesta non davvero invidiabile rinomanza il Robert
fu il primo a procurarcela non è nemmeno dubbio che gli artisti nostri
fecero quanto poterono perchè ci venisse conservata!

Il Raggi in un opuscolo da lui stampato nel 1836 intorno alla vita e
alle opere di Bartolomeo Pinelli, dopo di aver ammonito gli artisti
di astenersi dal dipingere e dallo scolpire «gli orridi fatti di quei
malandrini che in sulle vie assalivano lo infelice viaggiatore che
spesse fiate per le scellerate mani di quegli empi rinveniva la morte»
e dopo di averci detto che il Pinelli «tali spettacoli orrendi, che
sono un'onta per l'umanità, li ritraeva sì al vero che glie ne venivano
commessi moltissimi», ci fa sapere come il conte Gourieffe, oltre a
cinque quadri, allogasse all'artista trasteverino anche ventiquattro
incisioni (i cui rami poi vennero portati in Russia) nelle quali
dovevano essere rappresentate «le principali azioni di una mano di
perfida gente che infestava le vicinanze di Frascati».

Del resto quando si pensa con quale insaziabile brama gli «orrendi
spettacoli» dei quali parla il Raggi, effigiati sulle tele o scolpiti
nel marmo, venissero allora ricercati, ammirati e, quel che più
importa, comperati da tanti e tanti amatori, fra i quali erano in prima
linea il re del Belgio, il re di Prussia, il re d'Olanda, i Bonaparte,
i Demidoff, i Souwaroff, i Rothschild, i Fitz-James, i Basilewski, i
Metternich e gli Schoenbrunn, non può davvero recar maraviglia se gli
artisti nostri invece di fermarsi ad ascoltare il Raggi si mettessero
a camminare per la strada brigantesca aperta dal Robert. Che se poi si
volesse dimostrare fino a qual punto essi desiderassero di percorrerla
cotesta via, basterebbe solamente ricordare come il Robert per
soddisfare le richieste insistenti di coloro che volevano acquistare
uno dei suoi quadri intitolato: _Femme de brigand veillant sur le
sommeil de son mari_, fosse costretto a doverne dipingere in poco tempo
quattordici repliche! E basterebbe dire che molti, quando perdettero la
speranza di avere il quadro, pur di ottenere dal pittore qualche cosa
dipinta da lui, lo supplicarono ad accontentarli dicendogli: — _Mon
cher monsieur Robert, un petit brigand, S. V. P.!_

Ma la causa che spinse il Robert ad illustrare col suo pennello la
vita dei malandrini fu abbastanza curiosa. Egli non era certamente
venuto a Roma dal Canton di Neufchatel per questo! Tanto è vero che
quando arrivò qui, benchè il brigantaggio infierisse da per tutto nello
Stato Pontificio, agli avvenimenti briganteschi ei non chiese alcun
soggetto per i suoi quadri, e mentre le bande del famigerato Gasperone
assalivano le strade fin presso alle porte dell'Urbe, e le numerose
squadre dei carabinieri facevano inutilmente del loro meglio e del loro
peggio per disperderle, riproduceva nelle sue tele interni di chiese
e di sacrestie, scorci di vie e di cortili e prospettive di chiostri:
e, forse, da cotesto genere di pittura non si sarebbe allontanato se
la polizia, fra le tante cose che in quei giorni pensava e metteva in
opera per distruggere i banditi, non ne avesse pensata una la quale non
distrusse niente e diede al modesto pittore di interni non solo il modo
di diventare un grande artista, ma anche i mezzi per poter divulgare
con la sua arte le gesta dei masnadieri e renderle popolari in tutto il
mondo.

La bella pensata della polizia fu questa: arrestare l'intero paese di
Sonnino, ove essa riteneva che si formassero le bande dei malviventi,
e portarlo a Roma! Difatti un bel giorno (Veramente per i sonninesi il
giorno dovette esser brutto!), una formidabile armata di carabinieri
salì dalle paludi Pontine verso il paese, lo circondò, incatenò quasi
tutti i suoi abitanti e li portò trionfalmente a Roma, dove uomini,
donne e bambini, vennero chiusi parte in Castel S. Angelo e parte in un
vasto edificio a Termini, accanto alle Terme di Diocleziano.

Il Robert andò a vederli e rimase profondamente colpito dall'energia
e dalla purezza delle loro fisonomie, dalla linea statuaria delle loro
persone, dalla eleganza e fierezza dei loro gesti, e specialmente dalla
originalità dei colori e delle forme dei costumi che indossavano. Tornò
ancora a visitarli e ammaliato dalla bellezza superba di due donne, una
certa Teresina e una tal Maria-Grazia, le quali poi rimasero in Roma e
divennero due modelle famose fece chiedere a Monsignor Governatore, il
Bernetti, un permesso per poterle andare a disegnare: l'ottenne e dopo
qualche mese di lavoro assiduo espose nel suo studio, con i ritratti
delle due belle sonninesi, alcuni quadri di soggetto brigantesco, i
quali sì per la novità del genere come per la maestria con cui eran
composti, disegnati e dipinti ebbero un successo straordinario, e
furono l'origine di quella enorme quantità di pitture, sculture,
disegni, incisioni e litografie di scene e rappresentazioni della
vita dei banditi, che spargendosi per il mondo ci procurò, come dissi
dianzi, quella fama, non del tutto immeritata, del resto, in grazia
della quale chiunque veniva fra noi vedeva briganti da per tutto.
Perfino nel Caffè Greco! Par credibile? Eppure è così.

In un volumetto pubblicato a Parigi nel 1869, un certo Auguste Villemot
incomincia un suo scritto, intitolato Brigands et Voleurs, precisamente
con queste parole: — _En 1847 j'étais à Rome. J'y frequentais le Café
Grec, établissement très pittoresque_... e lo prosegue dicendoci come
proprio in cotesto _établissement_ egli avesse il piacere di conoscere
un signore sulla sessantina, con occhiali e parrucca, il quale,
niente di meno, era il famoso capobrigante Carmagnola, che, ritiratosi
dalla professione con quarantamila scudi, viveva in uno dei migliori
alberghi di Roma e recavasi tutte le sere nella bottega di via Condotti
per leggervi le gazzette e per giuocare qualche partita a dòmino,
conversando piacevolmente con gli amici.

Lo scritto del Villemot non ha di certo una grande importanza nella
storia della letteratura francese, ma ne ha, mi pare, una grandissima
in quella del nostro Caffè, poichè ci dimostra come questo, sol che
lo volesse, potrebbe onorarsi di avere ospitato nelle sue stanze, fra
le tante persone celebri, anche un capobrigante. Potrebbe; ma, siatene
certi, non lo farà. La bottega illustre, che pur avendo la fortuna di
poter annoverare nella lunga serie dei suoi avventori un re, non se ne
è mai vantata; figuriamoci un po' se vorrà farsi avanti per gloriarsi
di avere accolto fra le sue oneste pareti il famoso Carmagnola!

Lasciamo stare dunque il brigante e parliamo del re.

Luigi primo di Baviera nei lunghi soggiorni che fece in Roma, per
passarvi ogni anno lietamente i mesi dell'inverno, dall'alto della
sua Villa Malta, in cui abitava, scese spesso nel Caffè Greco per
cercarvi i suoi amici tedeschi, dai quali era adorato, e per portarli
in qualche osteria romanesca. Le osterie dove, senza far torto alle
altre, egli soleva più di frequente condurre gli artisti, eran due:
una in riva al Tevere presso Ripagrande, sempre fornita di eccellente
marsala, e un'altra all'insegna della Campanella, in piazza Montanara,
ove il Goethe incontrò la bella Faustina da lui poi immortalata nelle
Elegie Romane. Con quale gioia gli artisti accogliessero gli inviti del
buon Luigi e con quanta prontezza abbandonassero per seguirlo il loro
ritrovo abituale, non occorre dirlo; ma non occorre dire nemmeno che vi
ritornavano presto.

    _Der Kaffée in dem Kaffé Grec_
    _Den Katzenjammer jaget weg._

Questi due versi che ci fan sapere come il caffè del Caffè Greco fosse
allora ritenuto dagli artisti tedeschi un rimedio eccellente per far
svanire i fumi delle sbornie, possono servire, io credo, anche a farci
intendere come, in ogni caso, la loro lontananza dalla via Condotti
non dovesse certamente prolungarsi al di là dello stretto necessario!
Vi tornavano dunque; ma appena Luigi veniva a rivolger loro nuovi
inviti, se ne allontanavano ancora per seguire il buon re nelle sue
osterie predilette, ove egli amava di mangiare e di bere allegramente
ammirando, se se ne presentava l'occasione, le belle popolane di
Trastevere, cantando le dolci canzoni della patria lontana, e recitando
fra un bicchiere e l'altro qualche epigramma composto nella giornata.
Uno appunto di cotesti epigrammi del re Luigi ha per argomento la
bottega di via Condotti; e lo Schiaparelli lo ha tradotto così:

    D'alemanni ritrovo meglio tedesco chiamarte,
    Ma noi stringe coi greci l'affinità dell'arte.

E fra gli artisti italiani quali furono quelli che più o meno
assiduamente visitarono il Caffè? Tutti. O, almeno, quasi tutti; poichè
si può dire, senza esagerare, che fino al 1870 il Circolo artistico
internazionale di Roma fu il Caffè Greco.

Negli anni oramai lontani, quando incominciai a frequentare la bottega
di via Condotti, al vecchio Frezza, che precedette nell'esercizio del
locale l'attuale proprietario, io solevo chiedere spesso notizie sulla
preistoria del negozio allora suo, e ricordo che dopo di avermele date
egli mi diceva sempre di averle apprese sfogliando un grosso libro
posseduto da un certo Raffaele, un vecchio cameriere da lui trovato
nella bottega e conservato per qualche tempo al suo servizio. Il libro,
a quanto affermava il Frezza, era «un museo», e conteneva firme,
indirizzi, poesie, pezzi di musica, disegni, caricature e motti di
coloro che avevano frequentato o visitato il Caffè.

Dove sarà andato a finire il cimelio prezioso? E chi lo sa!

Un giorno che il Frezza mi parlava lungamente del libro, dicendomi, fra
l'altro, di averci vista una pagina scritta da un famoso romanziere
russo, il quale abitava in via Sistina ed era assiduo frequentatore
della bottega (doveva essere certamente il Gogol), io gli chiesi
se ricordasse di averci visto anche qualche cosa del Pinelli e del
Leopardi; ma non mi seppe rispondere.

Il Leopardi durante la sua permanenza in Roma, ove corse il pericolo
di vestirsi da prelato e di andare con l'abito paonazzo a governare
una provincia, dimorò precisamente nella casa vicina a quella dove
abitava, ed abita ancora, il Caffè Greco; dunque può darsi che il poeta
della Ginestra, se non altro per rapporto di buon vicinato, almeno una
visita alla bottega famosa gliel'abbia fatta; ma il Pinelli io credo
che non vi sia mai andato. L'amaro e reo caffè al sor Meo piaceva
poco. Al caffè di Portorico e di Moka egli preferiva il caffè _de li
Castelli_, e specialmente quello che matura e s'indora nell'autunno sui
dolci colli tuscolani. Per ciò tutto, non si rischia di correr troppo
pensando che se pure il bizzarro artista romanesco vi è entrato qualche
volta, nelle stanze del Greco, vi sia entrato per sbaglio.

Al Frezza un'altra volta io ricordo di aver dimandato se fra i disegni
conservati nel libro, di cui s'è discorso, rammentasse di averne visto
qualcuno di Massimo d'Azeglio, ed ei mi rispose affermativamente e mi
parlò di un «guerriero a cavallo». Del resto il buon uomo, quando io lo
invitavo a darmi qualche notizia sugli artisti che avevano frequentata
la bottega prima che questa fosse divenuta sua, dopo di avermene
discorso brevemente a voce bassa e solenne, come se si trattasse dei
suoi antenati, forse temendo di non ricordar bene, taceva; ma se invece
io gli chiedevo quali persone illustri egli potesse dire di aver visto
coi suoi occhi entrare e trattenersi nel suo Caffè, allora il caro
vecchio si animava tutto, sorrideva, si accarezzava con la piccola
mano aperta la bella barbetta argentea, alzava un pochetto la voce e
vinto da una commozione profonda in cui si sentiva un po' d'orgoglio
mi nominava Wagner, Liszt, Gounod e Bizet, Gregorovius, Gibson e
la sua allieva Enrichetta Hossmer, che, fuggita a sedici anni dalla
famiglia, venne qui, sola, dall'America per studiare scultura; Barrias,
Wurzinger, Harpignies, Hamon, Rosales e Mariano Fortuny, il Riedel,
Regnault, Hébert, Celentano, Morelli, il Catel, il Mayer, che morì di
un colpo apopletico proprio nella bottega, il Pollak, Carlo Coleman e
Federigo Faruffini; poi, dopo di avermi indicato il posto ove alcuni
di costoro erano soliti di mettersi a sedere, finiva quasi sempre col
mostrarmi una vecchia fotografia di un quadro dipinto nel 1845 dal
Passini: un quadro in cui è effigiata la prima stanza del Caffè, ove
allora era il banco, che adesso invece sta nell'ultima, e mostrandomela
mi faceva osservare fra le figure quella del cameriere che è appunto
il ritratto di quel tal Raffaele, il proprietario del libro ove era, si
può dire, la storia del Caffè Greco.

Ma dove sarà andato a finire il cimelio prezioso? E chi lo sa?!

                                   *
                                  * *

Da quanto può vedersi nel quadro del Passini, parrebbe che quando ei
lo dipinse nella bottega di Via Condotti di cameriere ve ne fosse uno
solo; ora invece ve ne son due, i quali rispondono, ma non con troppa
premura, ai nomi di Nunzio e Salvatore.

Nunzio e Salvatore pur essendo abbastanza vecchi vengono comunemente
chiamati «i due giovani», e tanto l'uno quanto l'altro dal continuo
contatto con gli artisti hanno appreso un certo disprezzo per le
forme esteriori, massime per ciò che riguarda il rispetto verso gli
avventori, e un'aria di indipendenza indomabile che molto li onora.
Ambedue servono, è vero; però quando vanno attorno per le stanze
sorreggendo i vassoi scintillanti sui quali tintinnano e fumigano
urtandosi insieme i bricchi, le tazze e i bicchieri, il loro passo,
come direbbe la buon'anima di Francesco Domenico Guerrazzi, è quello
di servi liberi in Caffè libero. Del resto tutti e due dalla lunga
permanenza nella bottega e dal diuturno esercizio delle loro funzioni
hanno imparata una certa tal qual filosofia, non senza una discreta
dose di pessimismo bonario, che li porta a pigliare il mondo come
viene e l'avventore come Dio lo manda. E questo di solito per i
gusti e per le abitudini differisce assai dal maggior numero dei
suoi simili i quali popolano ordinariamente tutti i Caffè dell'orbe
terracqueo. Una delle sue caratteristiche, se non la prima, è quella
di preferire l'acqua a tutte le bevande multicolori più o meno dolci
ed amare. Difatti il numero dei bicchieri d'acqua che giornalmente
e seralmente si consuma nelle pittoresche sale del Greco è inaudito.
Chi di cotesti bicchieri volesse farne in capo all'anno un computo,
anche approssimativo, dovrebbe, io credo, prima di mettersi al lavoro,
inventare molti numeri nuovi! Ma a proposito di acqua mi torna a mente
una graziosa storiella.

Un giovanotto, assiduo frequentatore del Caffè, oltre all'aver molto
ingegno, aveva, cosa molto naturale, un picciol debito col padrone del
negozio e, cosa più naturale ancora, cotesto debito non lo pagava mai.
_Rebus sic stantibus_ il suo nome, che più tardi doveva esser scritto
a lettere d'oro nel libro glorioso dell'arte, per allora rimaneva,
purtroppo, vergato col nero inchiostro in un vile scartafaccio ove
erano annotati i nomi di coloro che dovevano denaro alla bottega.

Il giovanotto, ogni giorno, giuocava or con questo or con quello
qualche partita a scacchi e, abilissimo com'era, vinceva quasi
sempre la posta: il prezzo di una tazza di caffè. Una volta i suoi
amici furono sorpresi di sentirgli chiedere al cameriere, invece
dell'abituale «tazza nera», un bicchierino di un liquore bianco
ferocissimo, fabbricato, Dio ce ne scampi e liberi tutti!, coi nòccioli
delle ciliegie.

— Non pigli il caffè? — gli chiesero.

— No — rispose il giovanotto, vuotando in fretta il bicchierino — no.
Il caffè m'urta troppo i nervi.

La risposta era persuasiva: gli amici non gli domandarono più nulla
e lui seguitò ad annaffiare le sue vittorie con l'infernale mistura:
non gli domandarono più nulla; ma ogni volta che veniva pronunciato
il suo nome, non sapevano trattenersi dall'esclamare: — Che peccato!
Buono, bravo, giovane... Rovinarsi così! — E se qualcuno chiedeva qual
cosa facesse egli mai per rovinarsi così, gli rispondevano con voce
accorata: — S'è dato ai liquori. — E soggiungevano: — Li beve come noi
beviamo l'acqua.

Proprio vero!, poichè la bottiglia del famoso liquore bianco,
fabbricato coi nòccioli delle ciliegie, conteneva soltanto acqua pura.

In conclusione egli beveva bicchierini di acqua; gli altri li pagavano
come se fossero pieni di liquore, e il cameriere, che sapeva tutto,
portava il danaro al suo padrone. E fu così che il bravo giovanotto si
fece, è vero, la fama di un indurito ubriacone, ma pagò il suo debito
fino all'ultimo centesimo.

Ma oltre al grande amore ch'ei nutre per l'acqua l'avventore del Caffè
Greco si differenzia non di rado dai frequentatori degli altri Caffè
per il conto in cui tiene la negra infusione arabica; poichè, mentre
ovunque cotesta infusione si suol berla per digerire il desinare che
s'è mangiato, nella bottega di via Condotti invece la si beve sovente
per digerire il pranzo che non si mangerà. Gli artisti, è risaputo,
più di ogni altra classe di persone, vanno soggetti a distrarsi, e
perciò come talora si dimenticano di pagare la pigione dello studio,
così qualche volta si scordano di desinare. Io di artisti afflitti
da cotesti fastidiosi svagamenti dello spirito ne ho visti parecchi.
Ne ricordo uno fra gli altri, che mi venne presentato da un mio
conoscente, il quale, avendo con lui una certa affinità di temperamento
si onorava di essergli discepolo.

Era un francese; parlava poco e male il nostro linguaggio; e benchè
sapesse lavorare discretamente, un po' per colpa sua e un po' per
colpa degli altri, quando arrivava alla fine della giornata gli ci
mancavano sempre venti soldi a mettere insieme una lira. Poveretto!
Aveva continuato per varii anni a combattere contro l'avversa fortuna,
e dalla lotta terribile alfine era uscito così malconcio che, forse
per consolarsi, s'era messo a studiare astronomia. Quando io ebbi
il piacere di stringergli la mano, egli nella scienza degli astri
aveva già fatto progressi spaventosi: tali, quali Ipparco, Tolomeo,
Copernico, Keplero, Galileo, Newton e Laplace non glieli avrebbero
sicuramente invidiati. La volta del cielo era, si può dire, per lui
la volta della sua camera da letto. Le stelle le conosceva tutte e di
ciascuna sapeva il nome, il cognome, la patria e la condizione: nessuna
delle loro abitudini gli era ignota, e poteva descrivere esattamente le
più segrete caratteristiche della loro fisonomia.

Il suo discepolo, trovandosi senza dubbio in condizioni tali da
poterlo affermare senza correr pericolo di essere smentito, una sera mi
assicurò che il suo maestro se lo avesse voluto avrebbe potuto anche
parlarci, con le stelle, perchè ne conosceva la lingua. Veramente di
questo io ho sempre un po' dubitato; quello però di cui non sono mai
stato dubbioso è che il francese spesso nelle notti serene s'inoltrava
nella campagna con una lanternina e una cartella per andare a
ritrattare una stella della quale s'era invaghito. Quando la trovava
già alta nel cielo si metteva subito a disegnarla; se invece al cader
della notte non era ancor sorta, l'aspettava; e appena la vedeva
brillare fra le nebbie del lontano e sconsolato orizzonte accendeva la
lanternina, vi accostava un foglio di carta e incominciava a lavorare;
e al primo apparire del giorno spegneva il lumicino, e mentre intorno
a lui si alzavano a volo trillando festosamente le allodole, se ne
tornava a Roma, voltandosi di tanto in tanto per salutare la sua stella
che vaniva tremolando nella luce fredda dell'alba.

Il discepolo io lo vedevo spesso, perchè, avendo saputo che io
scrivevo nel «Capitan Fracassa», nella speranza di potermi indurre a
stampare sui giornali qualche poesia in onore del suo maestro, godeva
a intrattenersi con me per raccontarmene le gesta; e io a dire la
verità godevo non poco a sentirlo parlare. Una volta gli chiesi se alle
gite notturne, delle quali mi discorreva sovente, prendesse parte, e
mi rispose, turbandosi, di sentirsi troppo piccolo per poter andare
in campagna di notte con un uomo tanto grande. La risposta non mi
parve molto chiara: gli rivolsi altre domande e mi riuscì di fargli
confessare come una notte certi brutti cani, attirati dal chiarore
della lanterna del maestro, lo avessero assalito e quasi divorato.

— Sicchè da quella notte...

— Non ci sono più andato. — mi rispose subito; e, dopo di aver fatto
un gesto di terrore, alzò una gamba, si toccò il polpaccio e riprese
con grande sincerità: — Non ci sono più andato perchè, sebbene la
mia venerazione per il mio maestro e per la sua arte astronomica sia
eccezionale, io la vita umana la ritengo una cosa troppo sacra per
essere data in pasto ai cani. Dico male?

— Benissimo! Però il vostro maestro ci va sempre in campagna, di notte?

— Sempre. Del resto — aggiunse, crollando il capo — per tutto quello
che riguarda la vita non abbiamo, purtroppo!, le stesse idee. Le nostre
opinioni sono molto diverse.

— Cioè?

— Ma, per esempio: lui non porta mai la camicia perchè la crede
inutile, io invece la trovo necessaria; lui dice che meno si mangia
e meglio si sta, io invece questo non lo posso ammettere; lui mi
raccomanda sempre nel caso trovassi uno che mi offrisse un milione, di
buttarglielo in faccia, e io questa raccomandazione la trovo...

— Superflua?

— No, ingiusta. E per quale ragione io dovrei rispondere con una
villania a chi mi vuol fare una gentilezza? Ma niente affatto! Se
domani uno viene da me e mi dice: «Giovannino, eccovi un milione»,
io lo ringrazio, mi piglio il milione, e me lo metto nel portafoglio.
Ma non basta. Lui, per esempio, vorrebbe anche persuadermi che se mi
abituassi a mangiare il carbon fossile io potrei correre e fischiare
come una locomotiva, e questa sua idea, a dire la verità, io la credo
molto discutibile. Insomma, se lui mi ragiona sull'arte astronomica,
io, secondo le mie forze, sono sempre disposto ad andargli appresso con
gli occhi chiusi; ma se invece mi parla delle cose che riguardano la
vita, io non lo posso seguire.

— Ma l'andare in campagna, di notte, a disegnare le stelle mi pare che
sia una cosa che riguarda l'arte.

— Ah! mille perdoni! È una cosa che riguarda l'arte, sì; ma anche la
vita, perchè ci sono i cani. — mi rispose; e ripetendo quel gesto di
terrore, già fatto poco prima, e tornando a toccarsi il polpaccio,
seguitò: — Del resto lui è lui, e certe cose se le può permettere. E
poi se non se le permettesse, non potrebbe fare quello che fa.

— Ma che cosa fa? — gli domandai: ed egli, felice di potersi
allontanare dai cani, il cui ricordo gli faceva ancora vedere le
stelle, s'aggrappò immediatamente alla mia domanda e incominciò a
discorrere con grande enfasi cercando di spiegarmi quale e quanta
fosse la grandezza fisica e morale dell'opera sublime del suo maestro
incomparabile. Non ci potei capir nulla. Ma appunto per questo fui
assillato dalla curiosità di vedere che diamine di roba il maestro
incomparabile mettesse sulla carta nelle sue gite notturne; e qualche
giorno dopo avendolo incontrato nel Caffè Greco, me gli avvicinai e gli
chiesi se mi permetteva di visitare il suo studio.

— _Impossibil!_ — mi rispose subito, e alzando lentamente l'indice
della destra verso il soffitto della stanza, proseguì; — Il mio
_atelier_ non rimane sulla terra; _mais_ si trova in cielo, e si apre
_seulement quand vous dormez_.

Rimasi male. Allora egli, che in fondo era buono e gentile, avvistosi
della impressione sgradevole cagionatami dalle sue parole, mi disse,
sorridendo: — _Mais pourtant_ non vi dispiacete: _si vous_ non potete
_pas venir_ da me, _j'aurais le plaisir_ di venir io a cercare voi
_chez vous_. — Il giorno dopo, difatti, mantenne la promessa e mi portò
a far vedere una cartella piena zeppa di fogli di carta di tutti i
colori, sui quali tra un inferno di linee c'erano disegnate centinaia
e centinaia di figure geometriche contornate da migliaia di punti, di
virgole e di parole incomprensibili. Rimasi sbalordito; e non sapendo
dir altro gli domandai a qual cosa avrebbe mai potuto servirgli
tutta quella roba: e lui, dopo di avermi detto più volte, ridendo,
che gli astronomi erano _des fous, absolument des fous_, divenne
istantaneamente serio, e, abbassando la voce, come se mi svelasse un
gran secreto, mi disse che ne avrebbe ricavato una serie di disegni
astronomici per riordinare da cima a fondo tutto il sistema planetario
dell'universo.

Purtroppo l'impresa formidabile lo sciagurato non potè condurla a
termine; poichè dopo qualche settimana ch'egli m'avea palesato il suo
arcano, due caprari lo trovarono morto poco lungi dalle mura aureliane
in un campo d'erbe selvatiche rilucenti di rugiada al primo bacio del
sole.

Il suo discepolo inconsolabile ce ne portò l'annuncio al Caffè Greco
dicendoci fra le altre cose come il poveretto dovesse certamente esser
morto di fame perchè erano tre giorni che non mangiava.

— Tre giorni! — esclamò con voce incredula un bell'uomo panciuto;
e avvicinata alle sue tumide labbra una tazza fumante colma di buon
caffè la rimise in fretta sul piattino; vi gittò dentro due pezzetti di
zucchero e dopo qualche istante di silenzio dimandò: — Ma come si fa a
rimanere tre giorni senza mangiare? — Fissò con gli occhietti lustri
il vuoto quasi per cercarvi la risposta, poi, rimescolò il caffè,
guardò i suoi vicini e, facendo spallucce, soggiunse: — Eh, già! Sempre
originali gli artisti.

Proprio vero! Sempre originali gli artisti. Ma del resto tale
originalità nelle stanze del Greco è più comune di quanto si crede;
poichè, come osservava giustamente il mio amico Angelo Conti, è scritto
nel libro del Fato che i pazzi più strani, quelli che noi potremmo
chiamare l'aristocrazia della demenza, siano essi romani, italiani o
dei più remoti paesi, debbono lasciare un segno della loro esistenza
nella bottega di via Condotti.

Una sera, rammento, entrò nel Caffè un vecchietto macro, rosso in
volto e vestito di nero. Nessuno di noi l'aveva mai visto, ma egli
ci strinse a tutti la mano; poi, dopo un inchino solenne, ci disse
che egli era Donato Sacchetta, albergatore in Bomba, un piccolo paese
dell'Abruzzo, ed ex professore di filologia comparata; e, con nostra
grande meraviglia, ci comunicò di esser venuto apposta a Roma per
esporre agli amici del Caffè Greco il suo sistema di cosmologia. Chiese
un caffè, se lo bevve, e poi, mentre noi non ci eravamo ancora rimessi
dalla sorpresa, incominciò a dire a voce alta: — Illustri signori! Il
vero mezzo per scoprire la ragione delle cose è offerto dal linguaggio.
Ogni parola racchiude la rivelazione di un mistero dell'esistenza
universale. In questa maniera io ho potuto tuffarmi nel gran mare
dell'Essere fra l'eterno flusso e l'eterno riflusso. Ora, se lo
permettete, lo farò vedere a voi tutti. Io sono il mistico cignale che
trionferà sul carro del possibile contro l'impossibile, io sostituirò
alla matematica la filologia, io...

A questo punto, mentre tutti tacevano guardandolo esterrefatti, e
qualcuno si allontanava prudentemente, si fece avanti il professore
Spetrino, autore di un saggio critico e inedito, su Jean-Baptiste
Racine e libero docente di lingue vive e morte nella nostra Università.
Allora fra i due professori si accese una disputa furibonda, tanto
furibonda che per farla cessare dovettero intervenire altri tre
interlocutori: il barbuto e placido proprietario del Caffè e due
guardie di pubblica sicurezza. E forse non fu il sistema di Donato
Sacchetta che, pochi giorni dopo, spinse lo Spetrino ad entrare nella
caserma dell'artiglieria al Macao ove prese a bastonare i cannoni,
gridando che era giunta l'ora di distruggere tutte quelle orribili
macchine da guerra? Povero Spetrino! Lo fermarono, lo legarono e,
mentre egli urlava: — Portatemi nel tempio della Fratellanza e della
Pace! — lo portarono al manicomio.

Un altro ne ricordo: un pittore milanese caduto rapidamente da una
gloriosa giovinezza in una oscura e precoce vecchiaia. Lo riveggo
ancora, vestito d'estate e d'inverno con un soprabitone di colore
giallognolo non fatto certo per le sue spalle, entrare nella bottega,
traversarla a piccoli passi e andarsi a mettere a sedere in un angolo
quasi buio. Non parlava mai con nessuno. Il suo volto scarno aveva
l'impassibilità di una maschera. Se mai qualcuno gli rivolgeva la
parola, rispondeva con un lento movimento del capo e ritornava subito
immobile. Un giorno lo trovarono insanguinato e morente sopra uno dei
gradini dell'obelisco del Popolo. S'era tagliate con un pezzo di vetro
le vene dei polsi, e dopo di avere scritto sul travertino col proprio
sangue: «Siate onesti», era caduto. Il disgraziato, fra i commenti
della folla, venne condotto all'ospedale, e le due parole formidabili
furono cancellate subito con l'acqua di Trevi delle vicine fontane.
Ma prima che le cancellassero, mentre illuminate dal sole spiccavano
ancora fosche su la pietra gialla, un signore le lesse e domandò chi le
avesse scritte. Tutti gli risposero: — Un pazzo.

Non sempre però il sanguigno e lugubre ammanto della tragedia ricopre
le persone di coloro che nelle stanze del Greco rappresentano la follìa
artistica internazionale. Fra cotesti illustri rappresentanti me ne
torna alla memoria uno il quale sapeva travestire con tale sottile
ironia e con tanta volgare buffoneria il suo nero pessimismo, inasprito
continuamente dai disinganni e dalla fame, che al vederlo e all'udirlo
non si poteva fare a meno di ridere. Di quanto gli era accaduto o gli
accadeva realmente, non parlava quasi mai: lo lasciava raccontare alle
rughe numerose e profonde del suo volto, al suo abito sbrandellato ove
erano più asole che bottoni, ed a tutta la sua figura macra ed ossuta.
I suoi discorsi, spesso illuminati da lampi inaspettati di comicità
irresistibile e da stravaganze inaudite, si aggiravano ognora intorno
a invenzioni meravigliose o sopra a visioni fantastiche di mondi strani
e sconosciuti, e finivano quasi sempre con motti feroci che stroncavano
una reputazione scroccata o frantumavano un'opera, così detta, d'arte,
o frustavano a sangue un artista mediocre favorito dalla fortuna.

Un giorno entrò nel Caffè e ci disse di aver trovato finalmente dopo
molte prove e riprove il modo di fare l'oro. Qualcuno sorrise; e un
pittore, noto a tutti per i favori ottenuti umiliandosi dinanzi ai
potenti, volendolo canzonare gli disse: — Fai l'oro? Ciò mi fa piacere,
ma non mi sorprende. Io faccio l'argento. — Già! Come le lumache:
strisciando. — gli rispose il pazzo; e per quel giorno di oro e di
argento non si parlò più.

Un'altra volta ci fece un lungo discorso sul noto proverbio: Impara
l'arte e mettila da parte; e, dopo di averci dimostrato come per
lui fosse giunto il momento di mettere da parte l'arte e di darsi
all'industria, ci comunicò di avere impiantato un opificio per
fabbricare i pennelli con le code dei pesci. Ma l'industria non gli
riuscì. Allora si diede a fabbricar colori, e ne inventò uno giallo
che aveva la densità delle terre, e, sia detto senza malizia, la
trasparenza delle lacche, e, non so perchè, gli diede il nome di
«capitone». Era buono. Lo vendeva a una lira il tubetto e molti lo
comperarono; ma adoperandolo, turbati da qualche sospetto, furono
assillati dal desiderio di voler sapere con quali sostanze venisse
fabbricato. Ohimè! un giorno strinsero il suo inventore con molte
dimande, gli nominarono la materia prima con la quale essi temevano che
il «capitone» fosse composto e si sentirono da lui rispondere: — Può
essere!

La rivelazione del segreto rovinò interamente l'industria del
«capitone»; quei che ne avevano ancora si affrettarono a buttarlo via,
e il suo inventore per passare in più spirabil aere si mise a scrivere
un «opuscolo di estetica» intitolato: _Viaggio patologico nella
clinica dell'arte moderna in Italia_, nel quale dissertava sui premi
di incoraggiamento istituiti dal Governo a vantaggio degli artisti.
Egli ragionava così: — I premi per qual fine sono stati decretati? Per
comprare col danaro del pubblico le opere degli artisti. Benissimo!
Ma quando un'opera d'arte è veramente buona, chi la compera lo si
trova sempre. Colui, dunque, che vende il suo lavoro non ha bisogno di
essere incoraggiato da nessuno: si incoraggia da sè. Coloro i quali non
vendono i loro quadri e le loro statue, coloro che producono pessime
opere d'arte, questi debbono essere incoraggiati perchè, se a costoro
non pensa il Governo ad aiutarli, chi mai ci penserà?

Dopo qualche mese che io avevo viaggiato patologicamente con lui in una
stanza del Caffè Greco, mentre una luce tenue e dorata entrava dalla
porta socchiusa e spargevasi dolcemente nelle camere silenziose, ove
i camerieri dormicchiavano sdraiati su le panche vedove di avventori,
lo incontrai per istrada, precisamente in via Nazionale, ove allora
allora s'era chiusa una esposizione di belle arti. Appena egli mi
vide da lontano, mi venne subito incontro agitando un giornale aperto
e mi disse: — Ha visto? Ha inteso? Ha letto quali quadri sono stati
comperati dalla Giunta Superiore per adornarne la Galleria di arte
moderna? Si ricorda? Se la rammenta la mia lettura? Lo vede come la mia
idea si fa strada? Lo capisce ora come il mio modo di pensare s'impone?
— E, senza darmi il tempo di poter aprire la bocca, scoppiò in una
risata fragorosa che fece fermare i passanti, mi voltò le spalle e
agitando ripetutamente il giornale si allontanò.

                                   *
                                  * *

Il pubblico del Caffè Greco non è più adesso simile a quello che io vi
trovai quando incominciai a frequentarlo. Oggi molti di coloro che vi
conobbi allora o son savi o son sepolti; tuttavia la massima parte di
quanti vi si recano al presente è data dagli artisti; e nelle serate in
cui la pioggia è vicina, mentre i barometri romani inclinano gl'indici
verso il segno della tempesta, vi si accendono ancora discussioni
furibonde su argomenti più o meno artistici, le quali non si spengono
se non quando la pioggia principia a cadere fragorosamente sul soffitto
di vetri dell'ultima stanza. Non sempre però la pioggia arriva in tempo
a pacificare gli animi inacerbiti.

Una sera due giovinotti, dopo di aver sorbito i loro caffè e di averli
trovati semplicemente borgiani, non avendo altro di meglio da fare,
impresero ad esaminare quale delle due arti sorelle fosse più difficile
ad essere esercitata, se la pittura o la scultura. I due contendevano
già da un pezzo su l'arduo argomento quando un loro vicino, buttando
via un mozzicone di sigaro, da lui dichiarato assolutamente infumabile,
entrò buon terzo nella discussione: poco dopo, lagnandosi delle scarpe
che glieli stringevano troppo, vi mise i piedi un altro; poi un altro
ancora, e la controversia si ingigantì talmente che la stanza dove
essa era nata non bastando più a contenerla, si sparse a poco a poco
nelle altre camere della bottega. Allora tutto il Caffè si divise
in due schiere di combattenti: una guidata dagli scultori e l'altra
dai pittori. La lotta ardeva furiosa e gli urli, le contumelie, le
risate e gli applausi coprivano a volta a volta le voci squillanti
degli oratori, quando un signore, senza riflettere a quanto avrebbe
per avventura potuto capitargli fra capo e collo, ebbe il fegato di
farsi avanti ad affermare che, secondo Spencer, la scultura era un'arte
inferiore. All'udire il nome del filosofo gli scultori rimasero per
qualche istante silenziosi, ma riavutisi subito dalla sorpresa chiusero
la discussione con tali argomenti che il pover'uomo, se ancora campa,
se li deve ancora ricordare.

Quietato il baccano, mentre le prime gocce di pioggia incominciavano a
battere sui vetri del soffitto dell'ultima stanza, uno chiese: — E chi
è questo Spencer?

— E chi vuoi che sia? — gli risposero in parecchi. — Sarà uno dei
soliti giornalisti.

Perchè queste parole siano intese nel loro giusto valore, è bene
avvertire che per la maggior parte dei frequentatori della bottega di
via Condotti, il vocabolo giornalista, massime se viene pronunciato
atteggiando le labbra a una smorfia di disprezzo, non serve mai a
designare chi scrive in un giornale, ma colui che in un giornale scrive
di 'cose d'arte' in genere e di quadri e di statue in specie. Del
resto giornalisti veri e proprii io nel Caffè Greco non ce ne ho mai
visti. Qualcuno forse può esserci capitato; ma se mai sarà stato un
giornalista senza giornale, e allora sarà andato a confondersi fra quei
frequentatori, dirò così, sporadici della bottega, fra i quali non è
difficile di incontrare maestri di musica che non conoscono altre note
all'infuori di quelle del trattore e del sarto, professori di pittura
in qualche ospizio di ciechi, architetti senza archi e, quel ch'è
peggio, senza tetto, ingegneri privi oltre a tante altre cose anche
d'ingegno, medici che non esercitano più la professione, forse per
filantropia, vecchi impiegati giubilati i quali non hanno altro giubilo
tranne quello, come sogliono dire, di avere un'anima di artista,
negozianti senza negozi, avvocati senza cause e quindi senza effetti,
poeti in cerca di una lira, e talvolta qualche modello.

Fra questi, nei primi anni che io frequentai la bottega, ne conobbi uno
che non ho mai più scordato.

Era un moro. Alcuni missionarii ritornando in Italia dall'Africa,
dove avevano predicato la verità evangelica agli infedeli, se l'erano
portato appresso, e lo avevano battezzato imponendogli il nome
lietissimo di Natale: ma, purtroppo, il nostro buon Dio del povero
Natale non si era curato tanto quanto forse, se l'avessero lasciato
stare a casa sua, se ne sarebbe curato il suo Allah; difatti, quando io
lo incontrai in un angolo del Caffè Greco, il povero africano moriva
di fame peggio di un europeo, e passava le sue giornate cercando
inutilmente un'ora di lavoro, masticando qualche pezzo di sigaro,
tossendo di tanto in tanto convulsivamente e bevendo a sorsettini
lentissimamente, se poteva procurarselo, qualche bicchierino di rum di
cui era ghiottissimo. Non era bello, no; ma le forme caratteristiche
della sua persona, le sue movenze svelte e sempre eleganti e il modo
singolare con cui soleva manifestare i suoi pochi pensieri e le sue
molte sensazioni me lo rendevano simpatico, e se entrando nel Caffè mi
avveniva di vederlo da lontano, rannicchiato dietro il marmo bianco di
un tavolino, me gli avvicinavo e dopo di avergli stretta la mano lunga,
ossuta, scimmiesca, provando l'impressione di toccare un tessuto di
seta, gli sedevo accanto.

Quasi sempre io gli offrivo un bicchierino di rum, ed egli
avvicinandovi le labbra grosse e guardandomi di sotto in sù con gli
occhietti socchiusi, mi ringraziava mandando fuori dalla gola un suono
roco e tremolante simile a quello che fanno i gatti quando si accarezza
loro la nuca. Parlava poco e alle mie domande rispondeva sempre con
monosillabi; ma la povertà del suo dizionario sapeva compensare con
gesti efficacissimi. I suoi discorsi li finiva sempre con le mani.
Talvolta sorrideva mostrando i denti forti e bianchi, ma non rideva
mai. Poveretto! Dove ei fosse nato non sapeva dirlo: quelli che lo
avevano messo al mondo non li aveva conosciuti; e se gli chiedevo di
raccontarmi qualche cosa della sua infanzia, alzava le spalle e le
riabbassava dicendomi: — Non so. — Le sue rimembranze non andavano
al di là della sua adolescenza, ed erano tutte assai più nere della
sua epidermide. Quei tali che l'avevano lavato dal peccato originale,
stimando forse con cotesta operazione idraulica di essersi liberati da
qualsiasi altro obbligo verso di lui, lo avevano abbandonato, ed egli,
discesi ad uno ad uno i gradini dolorosi della più obbrobriosa miseria
aveva finito a trovarsi in mezzo a certi saltimbanchi girovaghi, i
quali, dopo di averlo incatenato e rinchiuso in una gabbia di ferro,
lo andavano mostrando come un ferocissimo antropofago vivente e
proveniente dalle foreste vergini della Patagonia: e, come se questo
non bastasse, ogni sera, affinchè il rispettabile pubblico potesse
avere una piccola idea del modo col quale il povero Natale divorava il
suo simile, gli gittavano nella gabbia una gallina, ed egli, urlando
e contorcendosi come un ossesso e scuotendo orribilmente le catene,
la ghermiva, la spennava e la strangolava dinanzi agli spettatori
inorriditi.

Dopo di averne fatte più di Carlo in Francia, capitato in Roma,
senz'arte nè parte, si incontrò con un pittore il quale cercava un
nero per effigiarlo, non so veramente con quanta esattezza storica, in
un quadro rappresentante lo sbarco di Cristoforo Colombo in America,
e da allora incominciò a frequentare gli studi ove trovò una certa
Rosina, la figliuola di un ubriacone, che girava per le strade suonando
un organetto a manovella, e se ne innamorò. Non la lasciava mai, e
quando essa era a posare in qualche studio, se non poteva esserle
vicino, l'aspettava in istrada pazientemente per poi accompagnarla
fino all'uscio sgangherato di una casupola miserabile in un vicoletto
nei pressi di Santa Maria Maggiore, ove ella abitava col padre e con
l'organetto a manovella.

Un mio amico che li conobbe al tempo dei dolci sospiri, un giorno mi
diceva sorridendo, come ogni volta che li aveva visti salire, tenendosi
stretti per la mano, su per la scalinata della Trinità dei Monti,
ove morivano i rintocchi dell'avemaria, e ogni volta che li aveva
incontrati in via Sistina, mentre nella luce azzurra del crepuscolo
tremolavano le fiamme gialle dei lampioni, non avesse mai potuto fare a
meno di pensare allo Shakespeare. E, forse, chi sa? Chi sa se la povera
Rosina non si fosse veramente innamorata dell'africano udendolo narrare
le sue sventure? E chi sa se egli, il moro, non la ripagasse di amore
per la pietà che n'ebbe?

Erano arrivati al punto di volersi sposare; ma questa volta Brabanzio
giunse in tempo per impedire alla natura di cadere in tanto errore. Non
valsero nè pianti, nè preghiere. Se la disgraziata osava di nominargli
il suo Natale, la risposta del birbaccione era sempre una: — _Nun
vojo turchi a casa mia._ — E se la poveretta, pur avendo di lui un
terrore indicibile, gli faceva osservare che Natale era un cristiano,
egli ribatteva prontamente: — _Io a li cristiani neri nun ce credo._
— Viveva alle spalle della sua figliuola e non voleva che gliela
portassero via: ecco la verità. Non si sposarono dunque; ma seguitarono
sempre a volersi bene, e si può dire che l'africano la sua Rosina non
la lasciò se non quando, vinto da una tisi galoppante, fu obbligato
di ritornarsene nel grembo del nostro Dio o forse in quello del suo
Allah. La poveretta lo pianse con molte lacrime e poi passò ad altri
amori meno neri, ma non meno disgraziati e, perduto il padre, cadde
sotto le ugne di un brutto tipo: un formatore, il quale impadronitosi
dell'organetto a manovella prese a suonarlo per le strade e più spesso
sotto gli olmi, i ligustri e le acacie delle varie osterie suburbane;
ma poi, annoiato dal dover sempre sentire la stessa musica, vi incollò
sopra un foglio di carta con questa iscrizione: — _Da vendersi o da
affittare. Per le trattative diriggersi a me._ — E quando in seguito a
_trattative_ laboriosissime gli riescì di disfarsene, dopo di essersi
mangiato, giocato, e bevuto quel poco che ne aveva ritratto, ritornò
a sporcarsi le mani col gesso, e, cavate le impronte di quasi tutte le
parti del corpo della misera Rosina, che egli soleva chiamare ghignando
«la mia signora» le andava offrendo per pochi baiocchi ai signori
pittori di via Margutta.

Tutti e due finirono male. Lui, dopo di averne fatte tante, una meno
legale dell'altra, non sapendo che cosa fare di peggio, essendosi
messo a riempire con un metallo bianco di sua invenzione, molto simile
all'argento, le forme cave di certe monetine da due lire, un giorno fu
visto in mezzo a due guardie di pubblica sicurezza e non se ne sentì
più parlare; lei, povera figlia!, una sera uscendo da una bettola si
trovò trascinata, senza volerlo, in una rissa e fu raccolta morente
per una grave ferita di coltello. La portarono in un ospedale e colà,
dopo qualche ora di tormenti atroci, quella pace che ella aveva cercato
tante e tante volte invano nella vita la trovò nella morte.

                                   *
                                  * *

Ed ora, giacchè è necessario di concludere, permettimi, o amico
lettore, che io chiuda questo mio «Caffè» più o meno «Greco», il quale
conclude questo volume, rivolgendoti una domanda.

Dimmi la verità, ti ho annoiato?

Senti: una sera io mi trovavo nella vecchia bottega fra le cui storiche
pareti ho cercato di intrattenerti come meglio ho potuto, quando un
signore venne a sedersi a un tavolino accanto a me; chiese un caffè e
se lo bevve in fretta; poi torcendo le labbra in segno di disgusto,
chiamò con voce alterata il cameriere, e, dopo di avergli accennato
con un'occhiata bieca il vassojo, gli disse: — Non vi vergognate di
avvelenare il prossimo con questi intrugli?... Non vi vergognate?...

Il cameriere lo lasciò sfogare; guardò la tazza ove di caffè non ce
n'era rimasta neppure una goccia, e gli rispose: — Caro signore, che
cosa vuol farci? Oramai l'ha bevuto!


NOTE:

[1] Venditore di colori e di manichini, conosciutissimo a Roma.



INDICE


  MEMORIE D'UNO SMEMORATO               _Pag_.   9
  IL MODELLO                              »     39
  IL MANICHINO                            »     53
  IN CIOCIARIA:
    I.                                    »     89
   II.                                    »    101
  III.                                    »    113
   IV.                                    »    131
    V.                                    »    147
  IL PIANTO DELLE ZITELLE                 »    161
  MONTE GIANO                             »    205
  UN CONGRESSO ALPINO (1887)              »    225
  GITA SENTIMENTALE                       »    239
  LE «CAPANNE» DI RIPETTA                 »    255
  IL MIO PELLEGRINAGGIO                   »    273
  CARCIOFOLATA                            »    287
  IL CAFFÈ GRECO                          »    301



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Prose (1880-1890)" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home