Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: I Paralipomeni del Lucifero di Mario Rapisardi
Author: Capuana, Luigi
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "I Paralipomeni del Lucifero di Mario Rapisardi" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



http://dp-test.dm.unipi.it (This file was produced from


                                 * * *


                             I PARALIPOMENI
                                  DEL
                                LUCIFERO
                                   DI
                            MARIO RAPISARDI



                               IN BOLOGNA
                        PRESSO NICOLA ZANICHELLI
                             MDCCCLXXVIII.



                               L'EDITORE
                           ADEMPIUTI I DOVERI
                ESERCITERÀ I DIRITTI SANCITI DALLE LEGGI



AI LETTORI.


Il manoscritto del canto che qui appresso pubblichiamo ci venne recato
settimane fa dalla posta, insieme a una letterina molto gentile per
noi.

Ricevendo ogni giorno una quantità straordinaria di manoscritti di
versi, siamo (è facile capirlo) diventati un po' diffidenti in fatto
di autori sconosciuti. Questa volta però la nostra diffidenza fu subito
vinta dal vedere il caso alquanto strano di un poeta che ambendo, come
cortesemente egli si esprime, l'onore del nostro _elzeviro_, voleva
conservar l'anonimo persino col suo editore, anzi, _e sopratutti col
suo editore_, la letterina diceva.

Leggemmo dunque e da principio, lo confessiamo, con qualche sorpresa
e con piacere. Ma inoltrati vie più nella lettura ci sentimmo a poco
a poco sopraffatti da un sentimento di dubbio e di sospetto che sarà,
crediamo, partecipato dai lettori.

Avevamo fra le mani un lavoro scritto sul serio, o la satira fina ed
urbana di una forma poetica?

La prefazione, che spiegava il concetto morale e la ragione estetica
del lavoro, pretendeva si trattasse di una cosa sul serio.

«Non è senza profonda trepidanza che io metto fuori il primo canto di
un nuovo poema, mentre l'Italia, anzi l'Europa si è appena stancata
dall'applaudire il _Lucifero_; e quando sentiamo da ogni parte, a
proposito di esso, con insistenza ripetere che l'epopea se ne giaccia
morta da un buon paio di secoli e vano sia qualunque sforzo per
richiamarla alla vita.

«Mi affida alcun poco il fatto che, in onta all'acqua lustrale
spruzzata dai critici sulla supposta bara della _gran morta_, l'epopea
si mostri di quando in quando viva di vita immortale e apparisca
torreggiante nel regno dell'Arte come ai tempi più propizii alla sua
divina fioritura.....»

Ma il tono magistralmente severo della prefazione (l'abbiamo anche
riletta) non è punto bastato a serenarci la coscienza. Talchè ci siamo
indotti a pubblicar questo saggio un po' pel valore intrinseco che
ci è parso di scorgere in esso, un po' per la curiosità di conoscere
l'impressione delle persone competenti.

Stampando il primo canto dei _Paralipomeni del Lucifero_ non intendiamo
però incoraggiare l'ignoto autore ad inviarci gli altri dodici, che,
a detta sua, vengon dopo. E siamo questa volta tanto più sinceri con
lui, quanto meno intendiamo abusare della cortese accoglienza fatta dai
lettori italiani alle nostre edizioncine in _elzeviro_.

La imitazione del _Lucifero_ e nel tornio del verso e della frase
poetica, e nelle similitudini, e nella concezione del soggetto e nella
disposizione delle parti, insomma nei più minuti particolari dei pregi
e dei difetti di questo poema, ci par spinta nei _Paralipomeni_ a tal
estremo da togliere ad essi qualunque lievissimo valore di originalità.
E le opere di arte, secondo noi, buone o cattive che siano, è proprio
inutile il copiarle.

Che se poi trattasi (come leggendo nasce il sospetto) di un bizzarro
tentativo di caricatura letteraria, lo stesso poeta dovrebbe saperci
grado della nostra riserba.

In questo caso il pregio dell'opera consiste, particolarmente, nella
sua brevità. Col tirarla più a lungo si rischierebbe di farle perdere
quell'aria di leggiera canzonatura che a noi, e a quanti abbiamo fatto
leggere il manoscritto, è sembrato di scoprirvi.

Per ciò abbiamo osato di sopprimere la prefazione.

Ci siamo ingannati?

  _Bologna, 1 marzo 1878._

                                                           L'EDITORE.



CANTO PRIMO.



ARGOMENTO.

   _Felicità dell'universo dopo la vittoria di Lucifero. —
     Proposizione del poema ed apostrofe ai critici. — Si celebra
     in cielo il millennio della vittoria di Lucifero. — Belzebù
     matura nella selva il suo tradimento. — Descrizione della
     festa del millennio. — Lucifero invita il suo poeta a
     rallegrar la festa col canto. — Il Poeta. — Belzebù, a tarda
     notte, va al palazzo del Nulla._


    Del trionfato ciel sopra la volta
    Già sventolava da mill'anni il segno
    Redentor di Lucifero. Pei vasti
    Adamantini portici solenni
    Della reggia immortal suonava ancora,
    Terribilmente pauroso, l'inno
    Dell'immensa vittoria; ancor sul nome
    Del cattolico Iddio scherni possenti
    Avventavano i demoni, giocondi
    Abitatori di lassù. La terra
    Più templi non avea; salmi e preghiere
    Per l'äer lento non salian siccome
    Spire di fumo di annerita gola
    Di operoso camin, quando ai capaci
    Paiuoli sottopon aride foglie
    Di sacra quercia e ben spaccati tronchi
    La vigile massaia e il fuoco induce,
    Mentre dai campi coi sudati arnesi
    Riede il colono e da lontano odora
    Avido l'aglio della sua minestra.
    Non più salmi nè preci. Le mortali
    Menti non incombea sinistramente
    Fra tuoni e lampi il pavido terrore
    Di onnipossente forza. Era la legge
    Ispiratrice di ogni cor. Vestito
    Della luce del Ver spuntava il sole
    Dai sorrisi orizzonti e il precedea,
    Insieme all'Alba e alla rosata Aurora,
    Stuol di gioconde deità; la Pace
    Dal niveo peplo abbandonato ai venti;
    La timida Innocenza il crin ricinto
    Di candidetti gigli e di odorosi
    Mughetti che cadean siccome pioggia
    Di fatue stelle se del caldo agosto
    Le notti incende con celesti razzi.
    E veniva con lor la sospirata
    Pronuba Dea che di fecondi amplessi
    Letifica le genti e all'obbliato
    Indissolubil nodo i naturali
    Connubbii contrappone e i corpi unisce,
    Sol che l'istinto abbia legati i cuori.
    Così fioria sull'universa terra
    Non interrotta primavera. Un alito
    Profumato correa di plaga in plaga;
    E dai campi, dal mar, dagli azzurrini
    Spazii del cielo un'armonia filava
    Continua, dolcissima siccome
    Concerto d'invisibili strumenti.
      Incredula ridea l'umana stirpe
    Allor che udiva rammentar procelle
    Sulla terra e sull'onda, e vasti orrori
    Di naufragi; o rabidi vulcani
    Lancianti, come sputi, al ciel le ardenti
    Pomici e l'infocata solforosa
    Lava delle lor viscere, sepolcro
    Di popolose cittadine mura;
    O arenosi deserti immensurati
    Che, pari all'ocean, sconvoltamente
    Mescean la soffocante onda, fatale
    All'arabo mercante e al suo gibboso
    Compagno; o furibondi urti di arcane
    Forze terrestri che scoteano i monti
    Come lapilli, le cittadi e i regni
    Di morti seminando e di ruine.
    Tutto sogno parea, tutto una fola
    Surta nel vaneggiar di mente inferma
    Quanto di male producea la dira
    Possa del Nume che il fatal conquise
    Brando del gran Lucifero. Perduti
    Nell'umano linguaggio eran perfino
    I motti di dolor, d'odio, di pianto,
    Di vendetta, di colpa. Un accigliato
    Rovistator di muffidi papiri
    Si affannava talor d'indovinarne
    Il dubbio senso e con novelli _in-foglio_
    Accalcava le vostre assi, o silenti
    Scaffali, preparando un erudito
    Letto alla polve e pascoli indigesti
    Alle tignuole vindici.
                           Confusi
    Erano insomma paradiso e terra
    In un aspetto d'ineffabil gioia;
    E impossibil parea che l'infinita
    Felicità dell'universo alcuno
    Nascosto germe nutricar potesse
    Apportator di lagrimosi lutti.
    E non la terra ahimè ma la più pura
    Parte del cielo l'accogliea! Ma visto
    L'avea più volte la sublime reggia
    Del Rubelle santissimo adaggiarsi
    A piè del trono, sfolgorante il petto
    Di preziose invidiate insegne,
    Onor dei forti che, tremendo ardire!
    Sfidar la larva dell'Eterno e al mondo
    Aperser l'êra che non ebbe un Dio!
    Ma che non puote ambizion se infiamma
    Petto celeste?

                   E canterò l'estrema
    Epopea delle genti. E sulla sacra
    Cetra di Omero, con novelle armata
    Possenti corde dal chiomato figlio
    Dell'Etna, tenterò liberi suoni.
    Batterò sull'incude epica, dove
    I suoi strali foggiò la catanese
    Satanica Callïope i minori
    Umili canti miei, propiziando
    Con sacro rito all'immortal poeta,
    Onde dell'ombra sua qualche a me scenda
    Debole raggio che sariami eterno
    Nimbo fulgente sulla giovin testa.

      In pace lascerò voi, del flebeo
    Harem custodi; d'inveir coi morti
    Non si piace la Musa. Ancor di troppo
    Onor vi fece immeritato segno
    Il cantor di Lucifero. Perdura
    Sempre negli echi della terra il fischio
    Dell'apollineo suo staffil stridente
    Sulle natiche sozze e sulle guancie
    Incartapecorite ond'era un giorno
    Funestato il gentil campo dell'Arte,
    Noiosissimo gregge. Or basta l'eco
    Del cadenzato con maestra vice
    Suo sciolto endecasillabo al disprezzo
    Della vostra memoria! E chi ricorda
    I tuoi bavosi, puzzolenti erutti.
    Sagrestano Aristarco, allor che bello
    Della sua eterna gioventù, sdegnoso
    Del fiorentin rifiuto (l'aere intorno
    Corruscava di lampi e le narici
    Un acre accarezzava odor di zolfo)
    Posossi in cima alla slanciata guglia
    Della mediolana ardita mole
    Lucifero e si fè scanno la testa
    Bronzea di lei che diede al mondo un Dio?

      Tu invan strillasti mal pasciuta turba
    Che nella gora delle tue gazzette
    Gracidi le babeliche bestemmie
    Quotidian di sciocchi arido cibo.
    Ei venne, vide, vinse! Esterrefatta
    Corse la folla dei credenti all'are,
    E sulla spenta larva del suo Dio
    (Più che dal ferro del ribelle eterno
    Dal fiero verso catanese uccisa)
    Ululati gettò qual se l'estrema
    Notte incombesse sulla terra. Intanto
    Alle vetrine ove d'impresse carte
    L'almo tesoro si ministra, un'altra
    Folla plaudente s'accalcava; e quando,
    Deposto il prezzo delle quattro lire
    Sulla mano venal del bibliopola,
    La gente si partia grave del pondo
    Della novella Apocalisse, gli occhi
    Spremeano stille di contento e il core
    Superbamente le gonfiava in petto.

      Fuggíano allora come stuol di corvi
    Malaurosi, crocidanti i vili
    Cantastorie di Armando e di Maria,
    E quei che primo balbettò scomposte
    Strofe al ribelle Satana (carboni
    Già del rapisardèo fuoco alla vampa
    Mutati in limpidissimi diamanti)
    E quanti in riva dell'Olona, al verso
    Che rilutta impotenti, in sulle carte
    Versano d'immoral prosa il veleno
    Alle caste donzelle ed alle spose;
    Tutti sparir. Così nel greve autunno
    Sui campi e i colli pampinosi scende
    La mattiniera nebbia e sotto il manto
    Umido dei suo fumo il caro involve
    Sembiante di natura. Il sole intanto
    Sferza i nitrenti suoi destrieri al balzo
    Orientale e sciogliesi repente
    Il vel funesto, i vapori disperdonsi
    Di qua di là e pell'äer dileguano;
    E sui prati, sui colli, sopra i tetti
    Ospitali, sui laghi il suo fecondo
    Raggio saetta sorridendo Febo.

      Havvi nel cielo una remota parte
    Ove di mille gigantesche piante
    Si protendono i rami. Un sacro orrore
    Accolgon le sinistre ombre e il silenzio.
    Coi suoi piedi di feltro e la severa
    Dell'indice falange sulle pavide
    Labbra composta, vagola sottesso
    I curvi rami e perdesi fra i cupi
    Meandri dove non penetra il sole.
    Orma di belva non calcò le foglie
    Che lentamente dai maturi rami
    Spiccò l'Autunno di sua man, tesoro
    Di lieti ingrassi pel vegnente aprile;
    Ne tra le frondi di canoro augello
    Mai non udissi la volubil nota,
    Come allorquando del tepente maggio
    Molce le notti Filomena e piange.
      Qui, ròso il petto dalla edace cura
    E maturando la superba impresa
    Nell'inscrutabil mente, allor che il sole
    Feria la selva coll'occiduo raggio
    Venir soleva Belzebù, fuggendo
    D'ogni altro spirto il sodalizio. E quivi
    Ne venne allor che romoroso il cielo
    Festeggiava il millennio in cui le soglie
    Del Paradiso, mal vietate, incesse
    Lucifero e nel sen della gran Larva
    La vindice confisse ardita lama
    Che il tiranno del ciel spense per sempre.
    Eccheggiavan da lungi i di piropo
    Portici fiammeggianti all'alte grida
    Di gioia, agl'inni, alle fanfare: un vasto
    Incendio di doppieri era la reggia,
    Un trionfo di musiche e di danze
    Volteggiate sui piè rapidi, come
    Gorgo marino dove latra Scilla
    Ed insidia Cariddi. E tal per tutta
    L'immensità dei cieli era il tumulto
    Della memore festa e in tutti i cuori
    Tanta la gioia, che recenti avresti
    La vittoria creduta, e i superati
    Perigli, e il dubbio, per la sua grandezza,
    Dello stesso trionfo. Avea sembianza
    Il ciel di non mai visto immensurato
    Industre formicaio allor che versasi,
    Versasi degl'insetti il nero esercito
    E si fiuta, si mesce, e fitto brulica
    Al sol di luglio, e vuota i sotterranei
    Covi, e le larve attanagliate provvido
    Reca all'aperto e ferve attorno l'opera.

      Raccolte l'ali di una quercia al sommo
    Che dell'annosa sua cervice estolle
    Su di ogn'altra l'onor, sdegnosamente
    Fissava i lampeggianti occhi Belzèbo
    Sulla reggia lontana e dal commosso
    Petto, sfrenando alla parola il volo,
    In questi accenti prorompea:
                                 — Trionfa.
    O incontrastato vincitor di larve.
    Non men risibil dell'eroe perenne
    D'otri nemico e di mulini! È questa
    La tua vantata libertà di spirto?
    La tua redenzion? Questa di tanti
    Sforzi la meta? E liberar le genti
    Di una gran Larva dovevam per farle
    Adoratrici di più vana cosa?
    Incedi pettoruto e l'imperiale
    Coda del manto dietro te trascina,
    Mentre le file dei plaudenti schiavi
    Inarcano le docili agl'inchini
    Vertebri e fanno sul tremante petto
    Croce le braccia, come un dì le schiere
    Dei chèrubi e dei santi al cuspidato
    Padre eterno solean! Trionfa ancora,
    Facile vincitor di donnicciuole,
    Se pur la fama che ti diè di tanto
    Seduttor rinomanza assurda figlia
    Non fu d'invisa alle celesti suore
    Mente mortal![1] Ma verrà dì (presaga
    Mi si agita nel cor la visïone)
    Verrà dì che dal tuo scanno usurpato
    Ti lancerà pel vuoto aëre un nume
    Più possente di te, l'almo, il tremendo,
    Il glorioso, ineluttabil _Nulla_! —
      Tacque ciò detto e tremolavan gli occhi
    Di amarissime stille e tutte assorte
    Nel remoto futuro eran le posse
    Di quell'anima torva.

                          Entro la reggia
    Di Lucifero intanto al gran banchetto
    I celesti sedean. Fumanti dapi
    Dalle fonde cucine ad ora ad ora
    Recavano i minor demoni, e fiumi
    Versavan altri di spumanti vini
    Entro i calici d'oro. Era un tumulto,
    Un'orgia indescrivibile; e le mura
    Ne tremavano e i tetti. Alfin dall'alto
    Del suo trono divin (quel che fu un giorno,
    O semitica Larva, il tuo sgabello)
    Lucifero fè cenno, e l'ampia sala
    (Ampia così che armato occhio non giunge
    Lo spazio a misurarne) in trepidante
    Silenzio si ridusse. Egli i superbi
    Girò sguardi di sol sulla stipata
    Gente, e rivolto al suo cantor che a destra,
    A piè del trono gli sedea,
                               — C'intuona,
    Disse, qualcuno dei tuoi canti. —
                                      Plauso
    Fè allor la turba degli spirti al divo,
    Solenne invito, e sui rizzati scanni
    Con avida premura si compose.

      Assunto era da secoli alle stelle
    Il cantor di Lucifero e il sonante
    Verso mescea talvolta all'infinita
    Armonia delle cose, unico inganno
    Della incresciosa, irremissibil noia
    Ond'era afflitto il suo Signor. La fronte
    Rizzò con fiero atteggiamento e gli ampi
    Occhi fissando per l'immenso vano,
    Accarezzò con man dotta la chioma
    Nero-fluente pel suo cigneo collo.
    Più volte delle sue dita gentili
    Pettin facendo alle invadenti ciocche,
    Indi argine l'orecchio. Tormentosa
    Correa la destra intanto all'arcuato
    Onor del labbro e le affilate punte
    Ne attorcigliava con solenne gesto.
    Poi come al varco delle labbra imposti
    Furon gli estremi delle dita e il breve
    Triplice scoppio di sua tosse uscì,
    Dal picciol petto che il febeo consunse
    Terribil foco gorgogliante l'onda
    Dell'epico suo carme si devolse.

      E cantò come dai profondi abissi,
    Alle vampe sfuggito ed al bitume,
    Levasse il pellegrin volo alla vetta
    Del Caucaso l'Eroe, fremente l'alma
    Di umanitario amor, lieta giurando
    Vendetta all'uomo dei patiti oltraggi:
    E come di lassù, auspice l'antico
    Crocifisso di Giove, all'alta impresa
    Movesse e come ne tremasse il cielo
    Presago ornai di sua rovina.[2] Oh sante
    Aure di Tempe, ove l'eroe concesse
    Al fren d'Amore il suo libero spirto,
    Volente sottomesso, e in braccio ad Ebe
    I primi assaporò palpiti arcani
    Della creta novella![3] Oh tempestosi
    Gorghi, ove fiero del pietoso pondo
    Della bella Isolina in aspra lotta
    Lucifero sen stiè di contro al fato,
    E fu maggior del fato e di sè stesso![4]
    Oh terribile strazio, allor che tutta
    La teutonia gente i memorandi
    Oltraggi di Torgravia e di Rosbacco
    Vendicò sul gentil suolo di Francia:
    E fer più allegra la vendetta il diro
    Incendio, e la Licenza attorta il crine
    D'aspidi sozzi, e la fraterna strage
    Gavazzante in Lutezia![5] Inorridito
    Sen fugge il canto dell'Eroe sull'orme.
    Che le tue salutando infami sponde
    Pei roghi antichi e pel recente sangue,
    O giallo Manzanar, creduto al dorso
    Dell'ignifero pin, vola anelante
    Del vergin mondo di Colombo ai lidi.
      Fior fior del labbro si dipinse agli almi
    Celesti un riso quando udir l'arguta
    Disputa dell'Eroe col darviniano
    Pratoplaste dell'uomo, e palma a palma
    Picchiar per tanto di febea potenza
    Nitor che vide impallidir gli allori
    Dell'Alighieri e del Cantor d'Orlando.[6]
    Poi gelido per gli arti il terror corse
    Alla diva assemblea quando, maggiori
    Cose toccando, lor dipinse il verso
    Del giaguaro la lotta e dell'Eroe;
    Tremenda lotta, che per l'ampia selva
    Attonite già fè le testimoni
    Arbori gigantesche e sordi gli echi!
    E quando stretta colla bronzea destra
    L'aperta canna della belva, al core
    Tutta chiamando la riposta rabbia,
    Il favoloso Eroe nel cieco abisso
    Come lapillo la gettò rugghiando.
    Furor novello d'incessanti applausi
    Risuonò da ogni banda: così suole
    Per le elvetiche rupi inviolate
    Ratto scoppiar delle valanghe il tuono.[7]
      Ma a Te non meno che all'Eroe saliva
    Il plauso, a Te, che in non mai tocche sponde
    Dell'epico universo il piè posasti;
    E immensi schiusi continenti all'Arte,
    Altra corona non chiedesti al cielo
    Fuor che la fronda dall'industre e pia
    Man dell'amore al capo tuo contesta.

      Ben oltre il mezzo di suo corso spinto
    Già dell'umida Notte erasi il carro,
    E occiduo volgevasi degli astri
    Il seguace splendor; quando la selva
    Lasciando Belzebù, cauto per muti
    Ravvolgimenti torse il piè. Sul fronte
    Sinistro gli ghignava il maledetto
    Pensier del tradimento, e dalle nari
    Il feroce soffiava alito e il puzzo
    Che del pravo suo cor rendeano imago.
    Così protetto dal notturno orrore
    La cieca soglia penetrò del Nulla.


                           FINE DEL CANTO I.


NOTE.

[1] Lucifero, canto XIII.

[2] Lucifero, canto I.

[3] Lucifero, canti IV e V.

[4] Lucifero, canto VI.

[5] Lucifero, canto VIII.

[6] Lucifero, canto IX.

[7] Lucifero, canto X.



                          _Finito di stampare
                      il dì 19 marzo MDCCCLXXVIII
                   nella tipografia Zanichelli e soci
                              in Modena._



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "I Paralipomeni del Lucifero di Mario Rapisardi" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home