Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Storia del Quindici Maggio in Napoli - con l'esposizione di alcuni fatti che han preparato la catastrofe
Author: Cimino, Tommaso
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Storia del Quindici Maggio in Napoli - con l'esposizione di alcuni fatti che han preparato la catastrofe" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



cooperazione di correttori volontari, coordinati da Carlo
Traverso e Barbara Magni, utilizzando immagini rese
disponibili da Internet Archive
(https://archive.org/details/bub_gb_0MgMH6zVHIAC). Questo
progetto celebra il quindicesimo anniversario del
concomitante quinto anniversario di DP-Italia.



                                 STORIA
                     DEL QUINDICI MAGGIO IN NAPOLI

                           CON L'ESPOSIZIONE
                             D'ALCUNI FATTI
                    CHE HAN PREPARATO LA CATASTROFE


                            SCRITTA DA T. C.
                           TESTIMONE OCULARE.



                                FIRENZE
                         TIPOGRAFIA DEL VULCANO
                                 1848.



I

BREVE CENNO DELLE CONDIZIONI DEL REAME DI NAPOLI FINO AL 1847.


Tristi casi io vado ad esporre, al cui racconto i più remoti posteri
non aggiusteranno fede o chiameranno barbaro il secol nostro: ma
la tirannide non ha riconosciuto mai altro incivilimento che il
raffinamento delle sue pratiche. Se non ci attristano più tiranni
che arpeggiano al cospetto di città che ardono[1], o rinchiudono le
loro vittime in gabbie sospese sulle muraglie di una rocca[2], pure
la tirannide è sempre una, sempre la stessa l'influenza che esercita
sui popoli, quantunque quella d'oggi si copra col manto delle solenni
proteste d'animo umanissimo e delle pratiche religiose.

Colui che ancor porta il titolo di re del Regno delle due Sicilie,
e che la Provvidenza ha permesso che occupasse per 18 anni un
trono che i suoi maggiori han bruttato di turpezze e di stragi, ha
studiato i mezzi tutti onde conservarlo, se n'eccettui quello d'esser
generoso ed onesto; misura che essendo virtuosa, assicurerebbe
la durata di un potere che col progresso dei lumi va temperato e
riformato. Esso ha fatto tutto servire alle sue mire: ha intralciato
e ristagnato il commercio, perchè la gran ricchezza dei popoli lo
metteva in apprensione dando a quelli troppi mezzi. Ha stornato
sempre l'educazione di molte classi, onde la serva ignoranza tenesse
al buio le sue usurpazioni, ed ha insultato all'altare obbligandone
i sacerdoti a guastar l'indole suavissima del cattolicismo colle
larve dell'impostura, ed assegnando ai popoli appositi confessori
che insegnassero essere minor delitto il furto e l'uccisione, che
il mancamento all'obbedienza di suddito. — Codesto re ha trovato
anche il fatto suo nella sobrietà dei supplizii (sobrietà per altro
spiacevolissima ai tiranni) ma costoro han fatto che tutto servisse
alle loro mire. Così delle vittime designate dalla sua paura poca
parte, e la più temuta lasciava al carnefice, e le altre aggravava
di catene perpetue entro a fosse non rallegrate da raggio di sole. La
plebe, e con la plebe molti illusi l'han visto genuflesso dinanzi agli
altari e l'han creduto devoto; han contato il numero delle sue grazie
(ammetti che cogli assassini era indulgente sempre) e l'han creduto
di cuor pietoso! Ecco le conseguenze di quella brutale ignoranza
che codesto re ha lasciata crassa e pressochè selvaggia in tante e
tante migliaia d'uomini. Ma l'ordine ammirevole delle cose non gli
ha permesso a lungo di starsene a fare il tiranno dietro le cotte
dei preti e fralle nebbie della cecità; lo ha messo in un punto ove
era mestiere o fare il bene davvero, o puntare il cannone contro i
reclami dei popoli. Egli non ha esitato; ha usato la forza bruta, ed
ha abbandonato i suoi _dilettissimi popoli_ ad ogni genere di violenza,
ed i suoi scherani, ai quali nessuno oserà dar titolo di soldati, fidi
interpetri delle sue _paterne_ intenzioni, hanno tolto il freno ad
ogni pudore, e dopo inegualissima pugna si sono scagliati sugl'inermi
fanciulli e le donne colla libidine delle più nefande atrocità, ed
han riempito la mia patria, la leggiadrissima Napoli, di uccisioni,
di rapine e d'incendii — Innanzi a così lagrimevole narrazione mi vien
manco l'animo, ma nemmeno la carità della mia terra natale farà ch'io
alteri quello che mi è caduto sotto gli occhi, nè farà aggiungere
colori a quella catastrofe, alla quale ebbi parte io stesso, e da
cui la provvidenza permise io fossi campato per opera sua: santissimo
amor di vero, rispetto alla religione del giusto, ed ira cristiana mi
daranno lena onde io possa tracciare questo lagrimevole racconto.

Da troppi anni gemeva Napoli nel più duro e turpe servaggio; ingorda
la finanza, rallentata l'amministrazione, scemati gl'impieghi, solo
attivissima e fiorente la giandarmeria, impiegata ad obbligare i
morosi a esorbitanti tasse, e ciò con modi duri e oltraggiosi; agli
arresti di quei rei la cui più parte era trascinata al delitto dalla
miseria e dall'ozio, per la scarsezza dell'industria ed il ristagno
d'ogni speculazione scoraggiata e non voluta da un governo aspro e
pauroso: la classe più infelice era quella cui la natura avea dato
maggior dote di mente e cuore, la classe dei letterati: costoro mai
mancanti alla loro missione assiduamente predicavano, ed educavano la
giovinezza, per quanto il permettevano ad essi le minacce d'una polizia
insolente, e l'insidie delle spie; la stampa repressa e vigilata,
ed il giornalismo nella più assoluta decadenza — Furonvi alcuni che
avventurarono libertà ed avvenire stampando opericciuole nelle quali
versarono qualche semenza di liberalismo, e non ammisero alcuna
transizione tra la minaccia o la seduzione del potente, e la verginità
delle loro idee. Vi furono altri che venderono la penna e l'onore al
governo, e questi ultimi compilarono il giornale ufficiale riboccante
di sfrontate menzogne. È rattristante il vedere fino l'ingegno chinarsi
a far plauso alla tirannide...... ma che dico? non mai il genio, raggio
partito dalla corona di Dio, si è tolto dal suo divino santuario
ad informare cuori perversi... no! invece la pedante saccenteria e
ridicolosi grammaticuzzi hanno prestato la forma ai dettati del despota
in mancanza di consiglio virile e della ispirazione del trionfante
pensiero.

Ma si accuserà sempre il popolo di cui fo parte, di schifosa viltà,
se preferiva codesta esistenza lugubre e misera al glorioso morire
che s'incontra in un magnanimo tentativo? Si ponga mente ai tempi.
Grosso il partito del tiranno che esso impinguava col sangue che
suggea dalle vene del più povero: a lui fide e devote le armi, e
l'impero austriaco sempre minaccioso e potente in Italia: d'altronde
l'astuta e raffinata tirannide non lo portava mai a sottoporre le sue
sciagurate popolazioni allo stato di ultima violenza, ben intendendo
che allora insorge la massa e non cura la mitraglia, rompe le siepi
delle baionette, non sente la minaccia straniera, e col bastone e le
coltella sconfigge eserciti e spiana le rocche; così la mitezza di un
cielo incantato, la facilità dell'esistenza, la poca spesa del vitto
rallentavano la ferocia dei molti, mentre i ricchi erano spossati dai
vizi e sedotti dal prezioso sorriso del monarca, e la classe pensante
poca, sorvegliata e povera, miseramente languiva e fremeva invano...!
e vogliamo inorridire della ferocia di una belva che divora e strugge
fabbricando così la sua rovina, in paragone al malizioso despota delle
Sicilie che guasta o sperde i semi di ogni civile miglioramento,
conduce le masse tra le colpe e la miseria, ed avvizia il ricco
facendogli bere le aure contaminate della corte; funesta tirannide
che uccide i popoli prolungandone la morale agonia. La giovinezza
senza incoraggimento tra la scelta di aspre fatiche e la voluttà del
piacere, abbraccia più volentieri il secondo partito, e si fa guasta
tra i vizi finchè la miseria la conduca al delitto ed al patibolo. —
Oltre a ciò l'ipocrisia del principe usava circondarsi di ecclesiastici
avari furbi e lussuriosi, e facea predicare da costoro quelle virtù
che essi stessi sconoscevano[3]: e che? si pretendeva virtù tra i vizii
della tirannide? e la virtù del senso da esseri privi delle virtù del
cuore? il mezzo sicuro di dare al vizio nuova esca è il voler limpida
la corrente senza aver purgata la scaturigine: la religione può vincere
la seduzione del vizio, ma la religione non allignerà mai nell'animo
della spia o dell'egoista, e lo spionaggio e l'egoismo era l'opera del
governo di Ferdinando II.



II

RIFORME.

48.


Le opinioni politiche afforzate da esempio operativo si comunicano
colle celerità dell'elettricismo, e per quanto rigorose fossero le sue
misure, il governo non potè far sì che non si commovessero gli animi
de' Napolitani agli eventi di Roma. — I principi Piemontese e Toscano
da sè operarono e proclamarono quelle riforme che i popoli avrebbero
ottenute colle rivoluzioni e la strage, ed il plauso dei popoli rispose
alle regie concessioni: gli esuli tornarono ai lari disertati, e i
prigionieri videro un giorno non invano lungamente sperato: era felice
per l'Italia l'epoca in cui il vessillo di Cristo operava rivoluzioni
senza sangue basate sulla fiducia dei popoli ed il buon talento dei re:
e Ferdinando II che facea intanto? il popolo inerme si portava sotto
il suo palazzo a gridare — Viva Pio IX, vivano i Principi riformatori,
— ed egli rispondeva con decreti che condannavano simili dimostrazioni
come attentati all'ordine pubblico e rigorosamente punibili: e
s'empievano le carceri, e si instruivano processi.

Intanto simili dimostrazioni si eseguivano in Palermo. Ingordi
intendenti l'aveano ammiserita, e ad essa aveano preclusa ogni
via di civile progresso, e d'altra parte usava Ferdinando tenervi
grossa guarnigione: per essa era giunta l'ora che il fremito si
facea universale, le opinioni mature. Dapprima i Siciliani inviarono
pietosissime suppliche al re, che togliesse in considerazione lo
stato loro: non voler altro che miglioramento di amministrazione e
intendenti meno tirannici ed impudentemente ladri; a codeste suppliche
aggiungevano de' moniti prudentissimi; gli fecero intendere la natura
dei popoli che non vuol esser torturata a segno nè esser messa a tal
partito che ogni altro sia migliore.

Ed egli che facea?

Passeggiava Capodichino colle sue migliaia di soldati; s'affacciava dal
regio balcone, e di là guardava una darsena riboccante di cannoni, il
nuovo porto con parecchi vapori e fregate, e tale apparato ragionava
al suo cuore la santità del suo diritto, ed in esso vedeva il baluardo
contro i clamori dei popoli; e guardava cannoni, soldati e navi e con
quelli si preparava a far ragione a sette milioni di uomini. Quindi
nel 12 gennajo contro una dimostrazione inerme che seguiva in Palermo,
facea irromper la cavalleria sul popolo, ed il popolo la respingeva:
inviava i suoi battaglioni, ed il popolo li sperdeva: facea fumare
i suoi vapori ma contro un popolo intero e risoluto che s'unisce si
stringe e pugna per la libertà, è vana la potenza dell'oppressore, è
Dio contro lui.

E tanti tiranni trionfano? — I decreti del Signore sono
imperscrutabili, e l'albero prezioso della libertà va lungamente
educato onde i popoli possano gustarne le frutta suavissime.

Ferdinando nelle sue falangi scorse una spaventosa decimazione; nel
veder tornato un vapore carico delle vestimenta di soldati uccisi....
pianse! — e gli uccisi di Palermo che la sua impudenza addimandava
suoi figliuoli, non meritavano una sua lagrima paterna? sì pianse gli
uccisi: gli mancavano altrettante braccia a compiere le stragi che
designava. — Fu mestieri sgomberare Palermo e cedere le fortezze di
Castellamare: i Siciliani baciarono il nimico vinto, come ferocemente
l'avean battuto oppressore — Ma son prodigii di incivilimento codesti,
ma è l'eroismo dei cuori liberi! — aspetta e guarda come i Borbonici
sanno fare nel 15 maggio quando la città è in mano loro!... Sì, la
tirannide non riconosce incivilimento mai; la viziosa radice non darà
mai pomo che velenoso, e contaminato non fosse.

Le cose andavan male per esso: in tutti i punti del regno si
tumultuava: ei ripartiva le sue forze per le province, ma non
bastavano: la polizia spogliata della sua forza morale se ne
giaceva inerte; Napoli vedea di dì in dì moltiplicati i seguaci del
liberalismo, ed inermi migliaja ad alta voce reclamavano riforme.
Nel 27 gennajo si fè una sontuosa dimostrazione; vi prese parte
l'ultima plebe, la nobiltà, preti, professori, artigiani e mercatanti,
era tutto un paese che si commovea; innanzi agli occhi gli stava
l'esempio siciliano troppo recente; ma ei tentò un ultimo sforzo, fè
uscire il cannone e schierare la truppa, e la turba correa al soldato
e l'addimandava fratello, e raddoppiava la festa al cospetto del
cannone e della miccia fumante... seguì il 28, giorno di commozione,
di oscillazione: nel dì precedente il Borbone, avea gittato il guanto
di sfida, il popolo lo avea raccolto... S'aprì il dì 29 con un sole
fulgidissimo ed un cielo azzurro e le prime ore del mattino trascorsero
colla trepida espettazione di eventi decisivi.



III

COSTITUZIONE DATA DA FERDINANDO BORBONE.


E Ferdinando diè una Costituzione. Fu spontaneo l'atto col quale esso
prometteva dividere la sovranità col popolo accordandogli due Camere
legislative? La nostra illusione dovea poco durare, ma ebbri di una
libertà che non avea costato sangue, e sperando che una volta un re
avrebbe potuto, rovesciando un colosso cancrenoso di politica tortuosa
e perfida, coll'affidarsi all'indole generosa del popolo interrogando
i suoi bisogni ed operosamente cospirando alla sua felicità, ottenere
la propria sicurezza, che mal si cerca lasciandosi fronteggiare dal
cannone, e cingendosi da baionette: non potemmo credere per un istante
che le oppressioni e i delitti del governo avessero potuto esser
cagionate da un ministro prepotente e criminoso; il languore dello
Stato, le oscillazioni della finanza, il depauperamento delle province
da ministri ingordi e retrogradi: che costoro avesser con malefizi
alterato il buon vedere del re, che al più avesse potuto essere
accagionato di indolente fiducia; sì, io stesso non immaginava mai che
fra le dimostrazioni delle masse entusiasmate egli maturasse il disegno
di retribuirle di tradimento: noi plaudivamo; come erano sinceri i
nostri voti! come mi pareva invidiabile la posizione d'un re che può
innalzare i popoli a distinto incivilimento, a potenza, a libertà,
ed innalzare a sè stesso un monumento che i secoli non crolleranno
mai, perchè consacrato nella pagina dell'umanità. Sì, egli disegnava,
preparava la miseria di quelle popolazioni che lo festeggiavano.

Eccolo omai solo. — Il vecchio Governo più che dimesso è disfatto:
eccolo solo — a lui spetterà la gloria o l'infamia delle sue opere: è
opportunissimo il momento — romperà le vecchie simpatie dell'Austria?
concorrerà al risorgimento italiano coi suoi treni formidabili e il suo
esercito disciplinatissimo? sentirà il suo cuore qual differenza passi
tra il regnare pel plauso d'uomini liberi, o per lo spavento degli
schiavi? vediamo quel che fa: e da sè solo egli è alla ricostruzione
dell'edifizio. — Si mette in piedi un nuovo ministero. Osservate;
il primo passo che dà Ferdinando è quello di smembrare i comitati,
togliere i capi che regolavano la rivoluzione, collocarli nella nuova
amministrazione, e metterseli dattorno. — Vedemmo Bozzelli, fatto
ministro dello interno e della polizia, adire ai consigli della corte
e dello Stato. — Fu grave fallo pel nuovo ministro il separarsi dalle
masse che avean fiducia in lui e far causa diversa da esse: dovea
pensare che la macchina guasta e pesante dell'amministrazione sarebbe
andata con troppa lentezza, ed esso nel caos delle faccende, tralle
fatiche del riordinamento, tra i lunghissimi consigli di Stato,
non avrebbe potuto usare di quella vigoria necessaria a tant'uopo.
Un comitato non dovrebbe scomporsi mai per accettar cariche nel
nuovo governo; invece nel riordinamento delle nuove cose resterebbe
imparziale spettatore, e terrebbe sempre vigoroso e potente il
partito dell'opposizione; Bozzelli da privato avrebbe imposto al nuovo
ministero e col favore del popolo avrebbe dato al governo un forte
impulso, fino a che formate le leggi, istruite le plebi, fatti potenti
i cittadini, sarebbero riusciti tardi e vani gl'intrighi e le malizie
dei gabinetti; egli incorse in grave colpa; ed io ammetto che in
buona fede errò quando accettò la carica di ministro, ma l'errore fu
gravissimo per le conseguenze, giacchè adì il Consiglio ed il re, nè
pensava di che pericolo fosse lo splendore d'una corte corrotta! come
fan traviare le blandizie d'un re! quale influenza malefica esercita
sui migliori! e Bozzelli, non migliore di tutti coloro che hanno
frequentato le corti, se errava in buona fede dapprima, in breve si
pervertì: e gli ultimi fatti indicano con qual coscienza avesse egli
operato. Se ne eccettui che si lasciava vedere un po' più degli altri
suoi antecessori, e qualche cosa di familiare con cui diè udienza, egli
non si distinse nel breve spazio del suo primo ministero: egli fu lento
e retrogrado; non so se dapprima lo voleva essere, ma lo dovea: egli
vedea tutti i giorni Ferdinando che lo ricevea con carezze e _dandogli
i sigari di sua mano_. Arti meretricie! — L'organizzamento della
guardia nazionale fu incompleto — non fu armata che in parte e se ne
addebitò la deficienza de' fucili; si fecero delle pratiche, per averne
dalla Francia, se ne commisero 50,000 nel mese di gennajo, ed oggi che
scrivo (luglio) si aspettano ancora. Per lui tornarono vane le pratiche
d'accomodamento che si proponevano tra Napoli e Sicilia; egli fu lento,
indeciso, la sua politica fu incerta, ma così doveva condursi, giacchè
Ferdinando, di cui egli era l'organo, aspettava che il cannone avesse
dovuto esser l'arbitro sommo delle differenze tra popolo e re; no, un
trattato decisivo non era nei suoi divisamenti. Il reclamo potente del
popolo dimostrò chiaramente l'indignazione contro il ministro che nato
da esso così lo retribuiva.

Allora si avvide Ferdinando che non bastava al popolo napolitano
una Costituzione come quella che aveva dato. Questi con tutti i suoi
sforzi s'inoltrava nella via dell'incivilimento e della libertà: la
Costituzione co' suoi privilegi portava, libertà di reclamo, libertà
di stampa, libertà di associazione; coi reclami la volontà potente
della nazione lo costringeva ad operare e ad accordare, l'espulsione
dei gesuiti ch'ei mai non avrebbe ordinato da sè stesso, e l'invio in
Lombardia di spedizioni crociate. Ei non sentiva, non voleva, abborriva
da questa guerra: egli legato ai tedeschi di stretto e regio patto,
e da simpatia, egli che avea sorbito la politica di quella corte,
egli marito ad una austriaca, non poteva decidersi a mandare i suoi
cannoni, le sue navi, i suoi reggimenti contro l'esercito austriaco.
Ben'egli inviò alcune migliaia di uomini, ma lentissimi furono i
movimenti dell'armata a segno che dopo lungo viaggio giunse, ed appena
giunta tornossene di nuovo. — La libera stampa smascherava tutti i
vizii di un ministero che s'era fatto l'organo del despota, oltre a
ciò coll'invito della satira e del riso diffondeva per tutte le classi
sensi di liberalismo: v'era chi predicava all'ultimo popolo onde
educarlo alle libere istituzioni e fare ad esso intenderne i vantaggi
— eran due — uno, un tal Viscusi, uomo che oltre ad un'eloquenza plebea
non aveva altro merito; costui alle volte arringava il popolo in sulle
generali, e senza farlo migliore lo facea piegare al suo intendimento,
gli si mettea a capo e percorreva con esso la città; aggiungi che
la qualità di gran popolano _gli dava adito alla corte, ed il re lo
vedea spessissimo_ — quest'ultima circostanza farà conoscere appieno
l'animo e le massime di costui. — L'altro fu Angiolo Santilli — nato
in Terra di Lavoro, ricco di dottrine politiche, che ad una veemente
e generosa eloquenza accoppiava la limpidezza delle idee, l'onestà di
un'anima vergine e le fiamme d'un cuor liberalissimo. Costui toccava le
corde dei cuori: costui faceva alla plebe la spiegazione del vangelo
e della libertà: religione e liberalismo, fratellanza e amore, ecco i
santi principii su cui si volgeano le sue prediche che commovevano ed
istruivano, quelle prediche nelle quali trionfando chiarezza e forza
di principio, sono adatte all'intendimento di tutte le classi. Giovane
infelice! il tuo assassinio e quello di tanti virtuosi, ha provocato
l'ira divina, ha aguzzato le ire cittadine che già s'aggravano sul
tiranno e lo minacciano. Angiolo Santilli, genio nato a dirozzare
e ad illuminare la plebe napolitana, era una delle cause primarie
che fecero vedere al re come le sue malizie erano sventate, come la
sola buona fede ed il buon volere in un principe può farlo andare
d'accordo con un popolo libero ed avviato pel completo incivilimento:
e Ferdinando designò una controrivoluzione e si diè all'opera. — Più
volte fè correre sinistre voci d'allarme e fè uscire truppe e cannoni;
altra volta dietro l'espulsione dei gesuiti incitò la plebe per mezzo
dei suoi emissarii facendo credere che si dimandava la dissoluzione
del convento dei Carmelitani, e l'abolizione del santuario la di cui
custodia a quei padri è affidata: questa mena ebbe effetto, giacchè i
lazzari levati in massa e frementi si gittarono per le vie e giunsero
innanzi il palazzo reale usando violenze a quanti scontravano per le
vie e venendo a conflitto colla guardia nazionale. Poco mancò che
questo tentativo non avesse raggiunto il suo scopo. Ma la guardia
nazionale sventò le congiure e sorprese vari carri di sassi con
superficie formata da strati di aranci; così il buon talento dei
cittadini e la vigilanza della guardia civica non gli diè agio per
lungo tratto di mettere ad esecuzione i suoi disegni di sangue, ed egli
ne fremè, e su quella faccia di reprobo il Signore lasciava le tracce
del suo infernale rancore: in ultimo egli risolse di assumere esso
medesimo il carico d'una controrivoluzione e ne aspettò il momento.
Intanto con ogni blandizia procurò prepararsi gli animi dei suoi
soldati — parlava ad essi familiarmente, accordava ogni petizione,
dava tutto quello che gli chiedevano — e così, lasciava loro travedere,
avvicinarsi occasione in cui avrebbero avuto da fare; star pronti; come
star pronto egli stesso alle largizioni ed ai premii.

Nè men pensiero gli davano le truppe spedite in Lombardia: aveva
designato il tiranno con quelle fare alcun colpo che gravemente
danneggiasse la cosa italiana. Egli pensava: quindicimila uomini o
che proditoriamente o inerti o a rilento operassero, precipitare
le cose o arrestarne il corso: in ultimo avendo il disopra casa
d'Austria, egli conchiudeva, quelle truppe sarebbero state l'ultimo
crollo alla causa italiana, quindi trionfalmente avrebbero percorse
le terre soggiogate ed una buona mano di Tedeschi (giacchè Ferdinando
aspettava grossissimi rinforzi che la testa piccolissima dell'alleato
confederato imperatore promettea) colle truppe sarebbero tornati in
Napoli ove egli avrebbe con prudenza disposte le cose. — Quindi quella
Costituzione che era ai suoi occhi un pensiero molestissimo, sarebbe
stata revocata, oppure ristretta ai limiti angusti delle Costituzioni
della decrepita Europa, cioè a quelle Costituzioni che a fronte del
despota non fanno altro che accusarlo d'illegalità, senza prevenirne le
violenze, o validamente opporsi al suo arbitrio, quelle Costituzioni
che l'incivilimento e la giovine Italia non può riconoscere, poichè
ha mostrato come sà spargere il sangue. I sacrificii cui volenti si
sottopongono tanti generosi è la prova della sviluppata potenza degli
animi italiani, e l'iniziativa d'istituzioni liberissime a cui sono
avviati. Ma codesti disegni gli vennero attraversati: giacchè se è
maravigliosa la costante attività del tiranno con cui và rannodando le
fila che qua e là si spezzano, sublime è la mano del Signore che non
gli permette che trionfino le arti subdole ed infernali quando i popoli
contro i quali congiura, sono virtuosi ed arditi. — Re Ferdinando
s'ingannava quando tenea per certo essere quelle truppe stromento di
trionfo alla causa tedesca; il comandante supremo di quelle era il
general Pepe sul conto del quale non dirò altro che di animo ardente
e vigoroso, accagionato dei malaugurati avvenimenti del 1821, ad ogni
costo volea riscattarsi nella pubblica opinione col battersi contro
quel tedesco contro cui nol potè dianzi, e provare qui, in Italia,
al cospetto del cielo medesimo, che non animo italiano gli mancava,
nè animo agl'Italiani mancava, ma dal dito di Dio non esser indicata
quella come l'ora del nostro compiuto riscatto. È dettato notissimo,
che Dio non paga il sabato, e mal s'appongono quei tiranni che, passato
il sabato, credono per sempre passato il giorno dell'ira celeste e
della redenzione dei popoli. Le truppe napoletane una volta tolte alle
sozzure della loro giornata, ed all'influenza malefica che esercita la
presenza del loro corruttore, le arti di quest'ultimo riescono tarde,
e l'aspetto del territorio italiano e dei generosi suoi popoli sarebbe
stato per essi un battesimo, sarebbe cominciata una nuova vita, avrebbe
trionfato la sublime scintilla che il Signore diè alle anime italiane,
e l'incontrastabile valore dei Napoletani avrebbe trovato nuova energia
nello sviluppo dei sacri principii ai quali Ferdinando II preclude il
loro intelletto: di tuttociò egli si avvide, e capì ch'era ben tempo di
richiamarle. Il pretesto? un voluto tentativo dei repubblicani, quindi
ansiosamente ne aspettò il momento.

Egli trovò l'opportunità d'una controrivoluzione nell'inaugurazione
stessa della Rappresentanza nazionale, come nelle pratiche devote
e nel tempio di Dio ha tante volte cercato la corruzione dei popoli
napolitani.



IV

NOTTE DEL 14 AL 15 MAGGIO.


Cadeva il giorno 14 maggio.

Erano già compiuti i parati delle Camere legislative, ed il tempio
di S. Lorenzo era pomposamente apparecchiato per l'inaugurazione
della Rappresentanza nazionale. — Il popolo napolitano come è suo
uso aspettava con ansia il giorno 15; le classi pensanti come quello
che fosse l'iniziativa della sovranità popolare, e la plebe lo
considerava come quel giorno in cui avrebbe veduto affaccendarsi tanta
gente, avrebbe sentito tanto romore, si sarebbe gettata nella folla
per vedere anch'essa qualche cosa, ed avrebbe potuto legittimamente
bere e far baldoria. Gli spiriti erano calmi, i buoni vedeano nella
prossima apertura del Parlamento il termine di molte oscillazioni
politiche, e gli ardenti che conosceano l'entità ed il buon voler
dei Deputati, sedavano gli spiriti, lieti che nelle elezioni avesse
trionfato la opinione pubblica; insomma l'intera popolazione napolitana
tranquillamente chiudeva la sua giornata.

I Deputati si riunivano a deliberazione preparatoria nella sala di
Monteoliveto: era uscito in sulla sera del giorno antecedente un
cerimoniale che annunziava la solenne inaugurazione, e ne indicava il
rito; nessuna partecipazione erasi fatta ad essi, nè ancora proceduto
alla verificazione dei mandati che li costituivano deputati del popolo
— oltre a ciò il programma del cerimoniale annunziava che dai deputati
e dal re si sarebbe giurata la Costituzione del 12 febbraio senza
veruna condizione, mentre essendosi riconosciute le imperfezioni dello
Statuto con decreto del 3 aprile erasi dato al Parlamento la facoltà di
svolgerlo e di fecondarlo: l'obbietto della seduta era deliberar qual
condotta tenere nella circostanza, sopratutto chè essendo imminente
l'ora del giuramento pareva una sorpresa la pubblicazione di quel
cerimoniale in cui s'obbligavano i Deputati giurare in conformità
del regio volere, e contro il mandato della nazione, mandato nel
quale era indicato il contenuto del giuramento da darsi: in tutto ciò
chi non riconosce nel re Ferdinando l'iniquo talento di presentare
l'occasione di una contesa? se il Ministero gli avea notificato
l'inconvenienza dello Statuto e la necessità di riformarlo, con quale
intendimento egli prescrisse al collegio dei Deputati una formola
insidiosa? egli si aspettava un'opposizione, come infatti dopo molto
discutere ne fu compilata una nuova, nella quale si proponeva il
giuramento in conformità del decreto del 3 aprile, quindi fu mandata
al presidente dei ministri che la fè presentare al re per mezzo del
signor Conforti ministro dell'Interno. Questi, poco appresso ritornò
presentando all'adunanza un'altra formola compilata dal re: — fu votata
e rigettata, perchè più chiaramente proibiva altro giuramento che
quello indicato nel cerimoniale pubblicato il dì innanzi. — Di questa
risoluzione si dette avviso al presidente dei ministri e lungamente
s'attese una risposta che finalmente giunse. Che avea fatto Ferdinando
in quel tempo?

Avea raccolto intorno a sè Domenico Merenda, il general Filangieri
ed il general Nunziante; ed avea detto loro: è venuto il destro
di fiaccare l'orgoglio dei Napolitani, e di dissipare il nembo
che minacciava di farmi divenire il giuoco della volontà sfrenata
di codesti ribelli — se seppero strapparmi una Costituzione saprò
ritorgliela ben io, o darla come va fatto; una volta per ciascuno;
allora io era affaccendato colla Sicilia, ora son re, sì son re;
giacchè non si è mai re quando non si può fare da sè. — Quindi si
venne a consiglio — le fila tese sin allora erano intatte — gran numero
di spioni stavano desti — avvertiti e pronti alcuni comandanti della
guardia nazionale, giacchè tra le malizie di Ferdinando vi era stata
quella che avea dato facoltà alla guardia nazionale di dare i gradi
per votazione ma fino al grado di capitano, restando a lui formare gli
uffiziali superiori e dare ad esse i capi; e ad uffiziali superiori
avea nominato in gran parte i suoi zelatori e le sue spie[4]; la
truppa educata all'ira, aizzata contro i liberali, anelava anch'essa
far sangue: d'altra parte era poco il numero degli arditi che al
grido delle barricate fossero corsi, e questi bisognava spegnere: in
ultimo le masse non eran preparate alla rivoluzione, e la plebe sempre
favorevole a chi tien più oro, e a chi trionfa, per cui il colpo in
quel momento avrebbe ottenuto esito felice: si formarono le liste di
quelli che erano designati alla strage, si fè il piano d'operazione e
si diè principio.

Si lasciarono uscir le truppe dai quartieri, e da un'altra parte si
compilò un nuovo cerimoniale accettabile e fu inviato alla Camera
dei Deputati per mezzo del prefetto di polizia; accettabile, giacchè
volea Ferdinando far conoscere non per opera sua, s'era venuti a
quella tremenda collisione. Esso fu discusso, e mentre si procedea
alla votazione che parea risultare favorevole, si presentò il capitano
della guardia nazionale signor La Cecilia, ed annunziò le truppe
uscite dai quartieri ed esser pronte ad investire la Camera: giungono
altri uffiziali; tutti sono agitati dalla minaccia d'una violenza,
accorrono cittadini tutti in grave apprensione, comincia lo scompiglio
a impadronirsi degli animi: si grida doversi difendere la santa
proprietà della nazione nei Deputati del popolo: lo stato d'irritazione
è al colmo; varie sono le opinioni dei Deputati, ma trionfa quella
che il coraggio della Camera esser debbe coraggio civile, quindi dover
affrontare una violenza con dignità ed animo composto.

Ma le truppe uscivano ancora ed occupavano le piazze, quindi si lasciò
alla guardia nazionale che avesse operato da sè; d'altra parte per
la dignità del magistrato, ciascuno dei Deputati votò in disfavore
dell'ultima formula inviata dal re, per fargli intendere che fralle
deliberazioni civili è reato ingiusto prepotente lo schierare la
soldatesca, far balenare le bajonette, e che soldatesche e baionette
non valgono a far piegare lo spirito d'un collegio legislativo, che
anzi l'offesa dignità, e la minacciata libertà di deliberazione nuovo
coraggio infondono in anime libere.

Al calare delle guardie nazionali dalla Seduta le spie di Ferdinando
in uniforme nazionale gridano _alle barricate_; _barricate_ gridarono
alcuni soldati che si finsero disertori ed asserirono essere eguale lo
spirito della truppa intera: io stesso vidi un caporale dei cacciatori
brandire la sciabola e gridar _barricate_, _morte al tiranno_; queste
voci trovarono eco nello spirito dei giovani ardenti; i nuovi arrivati
replicavano l'invito medesimo: si mandò per braccia: si obbligarono
i facchini dei rioni pel trasporto di oggetti necessari all'uopo: si
trassero dalle case i muratori onde togliere le pietre della via e
farne parapetto: per mancanza d'uomini si fecero togliere dalle ultime
locande i dormienti, e con gran solerzia si diè opera alla costruzione
delle barricate: invano uomini assennati prevedendo le conseguenze di
un falso tentativo, o di una rivoluzione immatura, cercarono tutti gli
argomenti onde distogliere gli animi da questa attitudine minacciosa,
invano! chè le voci dei falsi declamatori fecero tornar inutili i
nostri sforzi.

In questo eransi veduti alcuni della squadra francese unirsi per la
formazione delle barricate, ed alcuni di questi s'illusero, ed illusero
i poveri Napolitani a segno da promettere lo sbarco di 4000 Francesi
con parco d'artiglieria; d'altra parte giungevano ad ogni istante altre
guardie invitate dalla _generale_ ed i regi declamatori procuravano
di tenere gli spiriti concitati: altri volontarii si presentarono
nell'idea che quella fosse una dimostrazione armata, di guisa che non
essendo disposti o da congiura o da allarme antecedente o da opinione
matura, pochi aveano munizione e scarsa. E quel che io scorsi nella
maggior parte della gioventù accorsa, si fu che in loro prevaleva la
risoluzione di fare una imponente dimostrazione contro l'attentato
alla Rappresentanza nazionale, anzichè animo deliberato a un tentativo
sanguinoso. Così un pugno d'uomini quasi inerme dovea affrontare la
ferocia di oltre a 15,000 soldati, e il fuoco delle castella e delle
altre artiglierie; castella e cannoni dovevano fulminare uomini che
erano sforniti di munizione tratti alla rete preparata dalla più
nefanda e diabolica malizia: non tentino i vili ed infami satelliti
di Ferdinando cercare di purgarlo dall'esecrazione che cielo e terra
gli fulmina contro; egli ha imposto alla Camera un giuramento contro
il mandato della nazione; esso ha schierato le sue inique falangi
per le vie quiete di Napoli durante una pacifica discussione, e
mentre insultava ed attentava così alla sicurezza ed alla libertà
della nazione, fè incitare al funesto ed intempestivo tentativo di
rivoluzione quelli che maggiormente risentivano l'ingiuria di questo
violento procedere. No, quando pendevano nell'alta Italia i destini
lombardi e di tutta la penisola, quando ivi si combatteva la guerra
santa dell'indipendenza lombarda e della nazionalità italiana, alcun
napolitano non avrebbe osato movere voci di sedizione e brandire la
spada della guerra civile, onde dare al tiranno appicco pel richiamo
delle truppe, e togliere alla difesa dei fratelli lombardi molte
migliaia di braccia; ciò sarebbe stato sommamente riprovevole, giacchè
avrebbe presentato una diversione al concentramento delle forze
italiane. I Napolitani col loro prudente aspettare e colla fiducia
riposta in una Camera eminentemente liberale ed in un ministero che
s'avea meritato il pubblico suffragio, avrebbero fatto che questi
elementi stessi cospirassero allo sviluppamento ed al consolidamento
delle libere istituzioni: ma fu la malizia di Ferdinando atroce e
sanguinaria che maturò la caduta del ministero, la dissoluzione della
Camera, ed il ritorno alla schiavitù ed alla barbarie passata, colla
strage de' buoni e degli arditi che in quel giorno per la solennità
eran raccolti in Napoli: oggi col cannone domani coll'arbitrio di
Borbonici decreti. — Fra poco vedremo come il colpo cadde ed atroce
e sanguinoso, come violenti decreti spogliarono la capitale d'ogni
franchigia.... ma la Provvidenza salvò dall'eccidio gran parte dei
suoi, ai quali affidò l'arca santissima della libertà; nò, i suoi fini
non son raggiunti; l'offesa dignità delle province, e la guerra che i
prodi Calabresi combattono chiaramente dimostrano che il genio italiano
vive nei popoli delle Sicilie, e le arti d'inferno non fecero che farlo
sorgere più vigoroso e sublime dalle stragi del 15 maggio 1848.

Erano le truppe per le piazze: la loro presenza avea portato
l'irritazione negli animi, la loro presenza avrebbe ritardato o
impedito la formazione delle barricate, quindi bisognava che fossero
rientrate. E Ferdinando fè correr voce che le Camere si sarebbero
aperte ed il giuramento si sarebbe differito: questo partito fu ad
unanimità di voti abbracciato, e così la seduta si sciolse che già
spuntava l'alba del giorno 15; alba di sangue.



V

15 MAGGIO.


Le truppe si ritirarono, la Camera si sciolse, ma il fermento restò
nella via di Toledo, ove si seguitò la costruzione di nuove barricate.
Da tutte parti accorrevano guardie nazionali, ma tra queste non eravi
ordine alcuno — il comando non era concentrato, onde partissero le
disposizioni; non governo di sorta, ciascuno faceva da sè: furono
convocati gli uffiziali e molti si presentarono; parte di questi restò,
altra parte si ritirò. Per le prime ore del mattino si fecero nuove
barricate, quindi si ristette, e verso le nove ore tutte le vie di
Toledo eran chiuse e lo sbocco dei vicoli alla via grande era custodito
da qualche fazione. A meglio intendere i fatti che vanno a seguire, io
credo necessario parlare di questa via che fu il campo principale della
strage nefanda.

Napoli è chiusa quasi in semicerchio, da parte di terra, dai colli
di Pizzo-Falcone, S. Elmo, Capodimonte, dal poggio ove è situato il
palazzo della Riccia da cui piglia il nome, da Capodichino, dal quale
ultimo colle attraversandosi per ubertose paludi e verzieri si giunge
al mare che chiude il semicerchio. Partendo dal colle di Capodimonte,
traversando il real museo e le fosse del grano comincia la via Toledo
che termina col palazzo reale, il cui piede vien bagnato dal mare. La
via splendida di alti palagi ove abitano i più ricchi e la più scelta
nobiltà, la frequenza della gente che vi affluisce, il numero immenso
delle carrozze che la percorrono, il romore delle grida, le voci
dei venditori, i magazzini che la fiancheggiano splendidi d'immense
dovizie, ne formano una delle principali vie delle più popolose città
del mondo. Da destra a sinistra vie e _vicoli_ mettono in essa.

Molte barricate principali la traversavano, ed altre secondarie la
chiudevano dalla parte dei _vicoli_. — Io replico, nella guardia
nazionale lo scopo della formazione delle barricate (provocate dalle
regie spie) era quello di una dimostrazione. E questo vien dimostrato
dal non aversi eletto un capo militare — dal lasciar passare per le
barricate gran numero di curiosi, tra i quali non mancavano certamente
ufficiali senza uniforme; ed in ultimo dalle munizioni scarse in
alcuni, nulle in altri. — Così trascorse ancora del tempo fino a che
si riunirono i Deputati di nuovo in Monteoliveto in abito di gala, mai
supponendo che le cose avessero dovuto prendere un'attitudine così
minacciosa, e maravigliando che non fossero disfatte le barricate,
anzi trovandone delle nuove. Allora raccolti formarono delle nuove
deputazioni e si intavolarono nuove trattative; ad ogni modo essi
Deputati fecero affiggere per le vie e per i cantoni di Toledo dei
cartelli (in quell'istante io era nelle barricate). Questi contenevano
un invito alla nazione di disfarle ed aprir la via per la solenne
cerimonia, essendosi differito il giuramento. — Codesti cartelli in
pessimo carattere da molti non furon creduti opera del Parlamento,
bensì affissi per paura nata nel cuore del re, e pigliarono ardire;
altri non vollero prestare obbedienza, perchè diceano, una volta
composta la nazione ad attitudine così minacciosa, tolto quel baluardo,
si sarebbe stati esposti ai colpi della tirannide, che avrebbe preso
una vendetta per procedere così ardito. Infelici! e' non sapevano per
l'opera del tiranno essere raccolti lì, e che già era accesa la miccia
dei cannoni e non s'aspettava che un segno.

Non essendovi capi, e come avviene in questi casi, tutti dissero le
loro, ognun fece da se, e le barricate restarono. Intanto scorrevano
momenti terribili... sì, momenti terribili.

In questo tempo io veggo passeggiare le barricate da un generale
svizzero, alto e tarchiato della persona, con due occhietti grigi,
seguito da un cavallo ed un'ordinanza, e circondato da molti ufficiali
della guardia nazionale. La faccia di costui mi parve equivoca, un
tristo presentimento mi strinse il cuore; quel volto non m'era nuovo;
cercai una memoria... e la trovai: in occasione dell'espulsione dei
gesuiti, ad alcuni suoi ufficiali che mostravano troppo zelo in favor
della nazione egli dicea, moderandone l'ardore, _prudence, prudence,
nous ignorons l'avenir_; ed io lo sentiva e quella cautela mi parve
ed era l'indizio di un animo doppio e tale da piegare agli eventi, e
farsene strumento. Ora veder costui nelle barricate spiegare un'aria
di liberalismo... egli soldato del tiranno! mi fè concepire gravi
sospetti; interrogai alcuni amici, che tutti lieti mi dicevano esser
colui da parte nostra, io ne dubitai... allora risolutamente me gli
feci innanzi e gli dimandai: Chi siete voi signore? egli rispose,
Svizzero repubblicano; per favor di chi venite? egli esitò un istante,
il mio contegno risoluto lo tenne un momento sospeso, ma presente a sè
stesso, riprese: pel popolo! questo è il momento d'innalzarvi a nazione
gigante! coraggio, io vengo da parte di sei mila Svizzeri, sei mila
braccia repubblicane son per voi; animo, o valorosi! Il suo discorso fu
chiuso coi plausi del crocchio che lo cingeva, ma io vedea la patria
mia sul punto di divenire un campo di battaglia, per abbandonarmi
a mal fondato entusiasmo; onde dissi ad alcuni ufficiali — in nome
d'Iddio non ve ne fidate; se veramente è per noi, resti con noi, e
mandi gli ordini ai reggimenti svizzeri. — Il mio consiglio non fu
accolto, mi fu risposto che non si sarebbe abusato della fiducia d'uno
che volente era venuto fralle barricate; gli aprirono un passaggio
e lo congedarono con nuovi e replicati plausi. Io mi restai muto, e
guardai i balconi guarniti di giovani pronti ad opporre una vigorosa
resistenza e dalle barricate gioventù decisa che ad ogni istante
prendeva posto sui balconi; la gente cominciava a diradare, la scena
si facea da momento in momento più imponente e minacciosa; da un'altra
parte v'erano in mezzo al largo di palazzo alcune migliaja di soldati;
io trovai una certa sicurezza nei liberali che avrebbero avuto a
lottare con armi eguali, fucili contro fucili, giacchè non si vedeano
cannoni fiancheggiar la truppa. Scarsa ragione! non potevano uscir
le artiglierie da un momento all'altro? pure io sormontai la prima
barricata cioè quella fatta in contro al palazzo reale e mi trassi fino
al largo di San Francesco di Paola, piazza messa innanzi al palazzo, e
vidi i cannoni celati dietro le fila dei soldati ed i cannonieri colle
miccie accese; mi ritrassi col cuore che mi si facea in brani, vedendo
Napolitani approntare la mano omicida sulla macchina distruttrice che
dovea fulminare i fratelli, le mura, i palazzi; spargere di terrore
e di sangue le vie che tante volte aveano passeggiate, le vie della
patria loro; ed i nostri che avrebbero opposto al cannone? pochi in
numero, col baluardo insicuro di deboli barricate, e fiducianti in
insidiose promesse; guardai il cielo... come era bello e limpido! come
era raggiante il sole di maggio! Ma tra poco l'azzurro del cielo ed
il disco solare sarebbe stato velato dal fumo della polvere, l'aria
assordata dai colpi di cannone e dalle strida delle vittime!...

Io tornai sulle barricate, ne avvertii i fratelli miei, i miei cari
fratelli, di cui tanti ho dovuto deplorare estinti; si comincia a
pensare davvero; si risolve correre attorno ai quartieri ove è la
truppa, rompere le vie ed impedirne l'uscita occupando i balconi
adiacenti dai quali un vivo fuoco li avrebbe ricacciati nelle caserme,
mentre si sarebbe consumato la rivolta a Toledo; si cominciò a mandar
gente in provincia per dimandar soccorso alle guardie nazionali di
là; si disponeva per aver sacchi d'arena... allorchè s'intese una
archibugiata partita nessun sà da dove; il levarsi e l'accorrer
delle truppe alle barricate, e il ricambiar colla nazione la fucilata
micidialissima, e il tuonar del cannone, fu un punto solo.

La nefanda strage è cominciata: dalla barricata S. Ferdinando e dai
balconi dei palazzi parte un fuoco micidiale diretto contro la truppa,
che da parte sua risponde con fuoco non meno vivo; solo essendo la
guardia nazionale in eccellenti posizioni e difesa dalle materasse
collocate sulle ringhiere dei balconi, così i suoi colpi recavano danno
gravissimo alla truppa che trovavasi scoperta nel largo; aggiungi che
essendovi molti provinciali che tiravan sulla regia armata, nessun
colpo partiva dai loro fucili senza recar morte, essendo essi educati
al tiro delle armi nell'esercizio della caccia.

Nel primo cominciar del fuoco cadde ferito il generale Statella da
proiettile che gli ruppe la rotella del ginocchio, e parecchi ufficiali
e gran numero di soldati furono uccisi. Tosto si aprirono le fila ed
uscì l'artiglieria che cominciò a battere contro le barricate, e la
mitraglia che fulminava contro i balconi; ma la barricata S. Ferdinando
era unicamente costruita con arte militare a segno che poco nocumento
ne riceveva e del pari i balconi per la cura con cui erano difesi: così
passò circa un'ora in cui il vantaggio si manifestava per la guardia
nazionale, tuttochè anch'essa soffrisse qualche perdita, giacchè molta
truppa in agguato dal palazzo reale tirava sopra alcuni terrazzi e
balconi ove i combattenti non erano abbastanza difesi[5].

Fin dal principio dell'attacco il re avea fatto tirare tre colpi a
polvere dalle castella ed inalberare bandiera rossa, ed a quel segnale
uscirono di nuovo le truppe dai quartieri — eccole giungere sul luogo
della tremenda battaglia con altra artiglieria; qui ricomincia un
fuoco spaventevole: non v'è balcone o finestra dalla quale non si
faccia fuoco, e dall'altra parte il fuoco della truppa a scariche così
dette di _battaglione_, il fragore del cannoneggiamento, formavano
di quella ridentissima piazza una scena di terrore. Il re ordina a
Bouman, quello stesso che due ore prima io avea visto sulle barricate,
che si avanzassero i suoi reggimenti e dirigesse l'assalto da due
punti: dal largo di palazzo, e dal largo del castello onde prendere ai
fianchi la guardia nazionale. Il perfido Bouman dà le disposizioni; si
comincia l'assalto innanzi alla prima barricata; succede un accanito
e spaventevole conflitto, una strage tremenda: Bouman per aizzare
vieppiù la ferocia dei soldati, fa prendere i cadaveri dei compagni
e li fa passare per la fila, e le ire crescono e più s'accendono;
tornano gli Svizzeri all'assalto con più ferocia, ma con grave perdita
son respinti: il largo di palazzo e la barricata di S. Ferdinando sono
coperti di cadaveri. Escono i carretti e si riempiono d'estinti, escono
cataletti e son coperti da feriti. Nè miglior fortuna toccava a quei
che dal largo del Castello tentarono un assalto da parte di S. Brigida,
e la Concezione (due vie che mettono a Toledo). Tuttochè in quel punto
fossero protetti dall'artiglieria propria e dal fuoco delle castella,
pure dovettero indietreggiare con grave perdita di guisa, che la truppa
fino alle 2 e mezzo ebbe a contar la perdita di oltre a 1000 individui;
il fuoco ristà un momento, un silenzio funebre tremendo s'impadronisce
del campo di battaglia.

Intanto vogliam dire che Napoli era indifferente a questo spettacolo?
no; i cuori battevano al romore del cannone, ma le masse non erano
preparate ad una rivoluzione, nè questa era rivoluzione tentata dalla
nazione, quivi condotta dall'invito del tradimento: presso di lei
non erano armi nè munizioni; non conosceva con quale intendimento si
fossero costruite le barricate, nè perchè la guardia nazionale si fosse
posta a difesa di esse, ed in ultimo attaccato il fuoco, maravigliava
come si battesse colla truppa; la rivoluzione suole seguirsi o per
opinioni mature, o per setta o congiura antecedentemente apparecchiate,
nè il popolo napolitano fremea per concordia d'ire, nè per lega
d'opinioni.

Intanto i generali ricorrono al re, gli espongono lo stato delle cose:
un pugno di uomini collocati in sui balconi trionfar di parecchie
migliaja, mancare le munizioni, la diffidenza insinuarsi negli animi.
Ne fremè il Borbone, e tosto disse a diversi comandanti dei corpi:
_fate uscire artiglieria grossa, battete mura e porte, ed ai soldati
dite, che queste vie sono abitate dai più ricchi, e tutte le dovizie
che troveranno nei palagi espugnati saranno premio della vittoria:
intanto si puniscano i colpevoli ed in modo visibile_. Vi fu alcuno
che d'animo men tristo, fè osservare che con tali disposizioni le ire
potrebbero traboccare con maggior violenza ed i soldati inferocire con
ogni specie di baldanza e di licenza: impazientito il sovrano riprese:
si sa che il soldato non è frate — e li accomiatò: quindi chiamò il
magazziniere della polvere, per nuova distribuzione di munizioni:
costui a quel comando trasalì pensando a che sarebbero impiegate
l'altre che gli venivano richieste; ma sperando poter impietosire
l'animo di Ferdinando, esitò alcun tempo ed accusò la dispersione di
chiavi: allora l'altro cavata di tasca una pistola gliela puntò sulla
faccia, intimandogli pronta resa delle chiavi se non volea restar
morto, l'altro obbedì.

Intanto s'era tornati all'assalto: la promessa del bottino, e la gioia
feroce della vendetta inanimava i soldati; da un'altra parte la scarsa
munizione della guardia nazionale toccava il suo termine, ma non v'era
a chi ricorrere per ottenerne altra, ed il cannone di grosso calibro
scuoteva i palazzi, sconficcava le porte e crollava le mura: già la
barricata di S. Ferdinando è disfatta: già i palazzi sono aperti e la
truppa s'introduce nelle case messe intorno alla reggia, e le prime
atrocità si commettono sotto gli occhi del despota. Fu saccheggiato il
palazzo messo sul caffè d'Europa e dall'ultimo piano furono precipitati
due. Un capitano delle guardie ed un cittadino: — quest'ultimo morì
immantinenti, l'altro sopravvisse alcuni secondi e colle mani palpava
le parti ferite del corpo moribondo. Fu saccheggiato il secondo palazzo
che mette nella via Toledo alla sinistra di chi viene dalla reale
stanza, e quello della diritta che è di proprietà del principe di
Cirelli: nel primo furono uccise alcune guardie nazionali inermi che
tentavano fuggire, e miseramente scannati tutti gl'infelici abitanti,
non esclusi vecchi, donne, fanciulli. Nel palazzo Cirelli le guardie
nazionali evasero e restarono il principe, con un suo fratello ed il
figlio, che furono fatti prigionieri e tra gli scherni e gl'insulti
d'ogni genere trascinati nella darsena ove sarebbero stati moschettati,
se un uffiziale superiore di loro conoscenza non li avesse salvati e
con estrema difficoltà..... ma quale scena d'orrori vado io svolgendo?
se dovessi ad una ad una indicare le vittime dell'immane ferocia del
re di Napoli non basterebbero queste poche pagine, dovrebbe empirsi
un volume d'orrori.... queste nefande scene seguirono per quasi tutte
le abitazioni di quella magnifica via. Non si ebbe rispetto nè per
sesso nè per condizione; i combattenti dopo aver contrastato ai regii
scherani i posti occupati palmo per palmo tentavano fuggire e la
più parte riusciva, ma la strage ai quali eransi sottratti ricadde
sugl'innocenti, giacchè la ferocia di quelle belve chiedeva delle
vittime e queste furono imbelli vecchi, innocenti fanciulli e delicate
giovinette. Ognuna di quelle vittime, meriterebbe una memoria di
dolore, perchè il martirio fu atroce egualmente per tutti; ma stanchi
di tracciare tutta una giornata d'orrori, andremo indicando alcuni
dei nomi più conosciuti ed alcune delle catastrofi più distinte per
notorietà e violenze.

Ecco alcune circostanze legate alle sorti di quella memoranda giornata.



VI

GLI SVIZZERI.


Siccome è cagione di alta maraviglia lo scorgere nel soldato napolitano
tanta attitudine guerriera, tanta bravura militare e personale e
nello stesso tempo un'anima così serva e nessuna luce nel pensiero,
eguale stupore si sveglierà e forse maggiore nel considerare l'indole
della nazione svizzera generosa e guerriera, libera e capace di
spargere tutto il suo sangue per mantenere integri i diritti della
sua indipendenza, così incontro a nemico esterno come a tirannide
interna, e come nello stesso tempo porzione de' suoi figli abbandoni
le nevose e giganti sue vette, ove i nembi dell'inverno, e la tremenda
maestà delle rupi natie par che abbiano in custodia il palladio della
libertà; i costumi semplici ed intemerati dalle loro pendici, le
austere virtù dei loro padri, l'alito illibato delle loro vergini,
per discendere ove è lunga abitudine di servaggio, mollezza di
clima, vizii ed inerzia, delitti e superstizioni, vizii alimentati da
millenare schiavitù, straniera, viceregale, in ultimo indigena: ivi
prostituirsi della purezza del cuore, e di quell'energia guerriera
impartita ad essi dalla maestosa natura delle loro contrade, e fino di
quel valore incontrastabile farne baluardo alla sicurezza del tiranno,
e stromento, che collocato nelle di lui mani divien tanto più funesto
quanto più deciso e feroce è il colpo che vien dal rinnegato anzichè
da nemico qualsiasi. Ma una menoma frazione di rei non formerà accusa
contro una valorosa ed invitta repubblica, come la bruta ferocia con
cui i valorosi napolitani tolti alla guerra generale e santissima che
combattevano contro lo straniero, per rivolgere le armi per la guerra
fratricida (d'onde è che si è allentato il prospero corso dei trionfi
italiani) ripeto, quella serva e bruta ferocia non permetterà che sul
nome di liberi napolitani vada a ripiombare quell'esecrazione tutta
al tiranno dovuta, che insanguina la terra delle Sicilie con quelle
armi che ha tolte all'esercito italiano col pretesto d'una rivoluzione
da lui stesso provocata e condotta. I reggimenti svizzeri da molti
anni educati al servaggio napolitano, han dato prova di vizi turpi
ed abbominevoli: i comandanti hanno confortato i Napolitani ad una
rivoluzione e li hanno poscia traditi, ed i soldati sulla vinta ed
inerme città hanno esercitato ogni genere di nefandità; entrando nelle
case hanno ucciso l'inerme ed il prigioniero, le donne ed i vecchi:
indi han saccheggiato (come ne aveano avuto licenza, anzi promessa)
nella stanza stessa che suonava dell'agonia delle loro vittime; gli
uffiziali stessi in case neutrali han messo a prezzo la vita di inermi
cittadini; una povera donna non avendo altro da offrir loro che cibo,
cibo essi presero da lei. Tanta ferocia! e contro un popolo che gli
aveva amati, ed in essi avea rispettato liberali istituzioni e generosa
fortezza! oh quante sciagure ci lascia a deplorare la tirannide! ma la
maggiore è la corruzione dalla quale vediamo perduti i migliori.

Aspettiamo dalla Repubblica Svizzera giustizia; l'aspetta Napoli ed
Italia, la reclama la civiltà Europea.



VII

I LAZZARONI.


Ecco una classe del popolo napolitano, nella quale si suole riconoscere
l'ultima feccia; molte bizzarre voci corrono per l'Italia e per lo
straniero sul conto di costoro: ma eccone un cenno il più sincero che
sappia darne.

Questa classe, nella quale si sogliono noverare i facchini, gli ultimi
venditori a minuto che van per la via facendo mercato, i garzoni
dei cocchieri da nolo, pescivendoli e che so io, fu per l'addietro
oltremodo numerosa. L'istoria ci riporta varii fatti ne' quali si
son segnalati: come la rivoluzione di Masaniello, e la resistenza
che opposero nel 1799 ai Francesi nel loro ingresso in Napoli non con
altra arma che quella di ben equilibrati ciottoli, che essi trattano
maestrevolmente. Il progresso (di che par che al popolo napolitano
non sia giunto che l'eco) pure d'assai di quei paltonieri ne formò dei
piccoli mercatanti, di guisa che questa classe è sensibilmente scemata
di numero. In generale il popolo napolitano è di cuore sensibile,
ed egualmente lo è il lazzarone, oltre a ciò superstizioso, ed
ignorante per l'influenza che i suoi re hanno esercitato su di esso:
la nessuna coltura gli dà un aspetto sozzo e grossolano, mentre può
dirsi di spirito penetrante, e par che abbia grande attitudine ad un
miglioramento per le ragioni che andrò sponendo.

Dal 29 gennajo le classi operose e pensanti diedero opera a curare i
vizii di questa numerosa frazione del popolo napolitano, e possiam
dire, d'allora fino al 15 maggio non essersi bruttata d'un furto
solo, vizio di che in specie si macchiava sotto i rigori della polizia
passata (oggi tornata in essere); si tentò prima colle prediche e gli
esempli virtuosi di maturare in essa l'opinione, per poi soggettarla ad
una certa coltura. Nella catastrofe del 15 maggio cominciò di buon'ora
a prendere parte per la nazione: io stesso vidi al largo della Carità,
cominciata la zuffa, alcuni lazzari disarmar quattro svizzeri a colpi
di pietra, poi quando la giornata cominciò a pigliar cattiva piega
molti di loro si ritirarono: il re che dell'atroce banchetto volea
avesser preso parte anche i lazzaroni, fece invitarli ad uscire colla
offerta di uno scudo per ciascuno, e la promessa del bottino: così
la miseria, l'abbrutimento, la seduzione potente della preda ed il
prestigio del trionfo che meravigliosamente s'esercita sulla plebe, fè
che i lazzaroni uscissero: il primo loro bottino consistè negli oggetti
che erano serviti per le barricate, che in gran parte erano formate
di panche, scanni, carrozze ed omnibus. Intanto gli Svizzeri, e con
gli Svizzeri la truppa regia, saccheggiavano a man franca i palagi,
togliendo per se gli oggetti più piccoli, come argento, oro, gemme, ed
invitavano i lazzaroni pel saccheggio d'oggetti di maggior volume; pure
in questo spettacolo di depravazione e delitti i lazzaroni salvarono
qualche vittima dall'eccidio: per altro la trionfante tirannide di
nuovo gittò la trista classe nei mal repressi vizii, e disperse ben
presto quei pochi semi di virtù che lo sforzo dei liberali avea tentato
di far germogliare in essi entro spazio di tempo così corto.



VIII

UN PARRUCCHIERE DI VIA S. BRIGIDA.


Da quel che ho detto, si può facilmente intendere che un pugno
d'uomini avea dato prove di un valore che ben poteva dirsi eroismo;
con poca munizione, disgiunti gli uni dagli altri, senza capo, e
traditi opposero una resistenza prodigiosa, e la battaglia tremenda
non cessò che colle tenebre. Però in mezzo a tanti fatti di bravura è
a rammemorarsi la resistenza disperata d'un giovane che dal balconcino
della sua bottega (giacchè era un parrucchiere) sosteneva contro gli
Svizzeri un fuoco accanito: sotto i suoi colpi furono visti cadere due
uffiziali e qualche soldato: un gran numero di fucilate si dirigono
contro di lui, ma la sua materassa lo salva, mentre ogni colpo che
parte dal suo archibuso uccide. Vedendo ciò gli Svizzeri si gettano
sulla porta della sua abitazione; a colpi di accetta la sfasciano,
irrompono nella stanza ove lo rinvengono parato ad un'ultima lotta: gli
impongono di rendersi e consegnare l'archibuso; nò, risponde, l'arma
affidata a me dalla nazione sarà tolta al mio cadavere; dopo breve
lotta l'infelice cadeva sotto colpi replicati.



IX

VASATURA.


Un'altra vittima, una giovinetta non ancor giunta ai quattro lustri!
in quell'età in cui la vita è bella di sogni e di speranza. Ohimè! la
poesia non dipinse un fiore calpestato da orma selvaggia, o spogliato
delle sue foglie dall'uragano, no non pinse un fiore sì bello che
ti somigliasse; il vergineo tuo petto fu aperto dalle baionette
svizzere, mentre senza alcun fallo genuflessa dimandavi il dono della
tua preziosa esistenza.... così gentile, con quel viso d'angelo, con
quelle mani giunte, col pallore d'una nuvoletta che si innalza, quali
belve non avresti fatte pietose? ma la ferocia immane dei satelliti
borbonici nei tuoi vezzi, nel tuo terrore trovarono novella esca alle
loro ire mostruose. Le tue vergini e soavi sembianze irritarono viepiù
i tuoi assassini, siccome la tua bell'anima contrastava con quei sozzi
scherani grondanti sangue: non ti valsero condizione e ricchezze,
innocenza e beltà: il tuo martirio fè tornare il tuo spirito fra gli
eletti ond'erasi dipartito.



X

SANTILLI.


Nel dì 14 maggio Angelo Santilli predicava al popolo napolitano per
l'ultima volta, ed il popolo commosso plaudiva e piangeva; era la luce
purissima del Vangelo che splendeva ad essi; era quel raggio celestiale
che Dio ha lasciato nell'anima delle sue creature, onde talvolta
riflettervi la sua immagine, fecondare lo spirito, e fargli sentire a
traverso dei suoi vizii quale Ospite chiuda in sè: oh come è potente
il grido del filosofo che del liberalismo forma una religione, e alla
religione del liberalismo ognuno sente essere il più sacro dei doveri
offerire il suo braccio sul campo di battaglia e sè stesso al martirio.
Angelo Santilli maledetto e odiato dal tiranno come quello che gli
rapiva degli schiavi ad ogni sermone, fu designato alla strage. Un non
so che di sublime e di malinconico in quel cuore palpitante d'amore
di libertà e di religione, si diffondeva in quel dì nelle sue parole
ispirate.

Tornato a casa ammalò e tutto il quattordici e la notte appresso fu
sorpreso da parossismo di febbre ardentissima. In letto giaceva quando
sentì i colpi del cannone e della fucilata a segno che l'alterazione
delle sue facoltà appena gli fè intendere l'olocausto che s'immolava
alla tirannide. Due giovani fratelli, la sorella, la fantesca atterriti
dal moschettio che seguiva sulla via, se ne stavano intorno al suo
letto spaventati. Le sue finestre eran chiuse, da esse non s'era fatto
fuoco, non v'era motivo all'assassinio, ma gli ordini erano stati
precisi, ed indicato l'infelice a segno, che s'andò cercando la casa
del Santilli: si ruppe la porta del palazzo e violentando l'entrata
delle sue stanze, si fè fuoco su di tutti; il colpo che toccò ad Angelo
Santilli fu aggiustato con sicurezza e prevenzione, così ferito al
cuore morì sull'istante. Tolto dal suo letto insanguinato fu trascinato
fino alle scale ove fu lasciato; due fratelli ed una sorella subirono
la sorte medesima, e la fantesca mortalmente ferita, morì dopo alcuni
giorni allo spedale dei così detti Pellegrini.

Così veniva trucidato Angelo Santilli nella verde età di 27 anni!



XI

PALAZZO GRAVINA.


Questo palagio da alcuni anni di pertinenza della casa Ricciardi,
può dirsi essere stato l'unico in Napoli che avesse conservato maestà
d'architettura di marmi e di fregi, e l'indole degli antichi palagi
feudali: di un perfetto quadrato isolavasi da tutti i lati dalle
contigue abitazioni. Replico in arte s'era detto modello, se non che
da alcuni anni lo spirito d'economia invalso in tutti i fabbricati
ne avea fatto sollevare l'altezza delle mure ed aumentarne i piani,
come a terreno eransi aperto dei magazzini da locarsi a merciaiuoli ed
artigiani. Quivi si attacca un fuoco vivissimo, ed ivi guardia reale
e svizzeri patirono considerevoli perdite a segno che un solo palagio
ben tre volte li fè retrocedere, se non che il sopravvenire continuo
di rinforzi ed il cannone che cominciò a battere contro alla porta
principale fecero infine cadere il palazzo nelle mani della regia
truppa: da un'altra parte fu lanciata sul tetto una palla incendiaria
che al momento sortì il suo effetto. Il tetto cominciò ad ardere e
le fiamme ben tosto si comunicarono agli appartamenti sottoposti;
nell'istesso tempo gli scherani di Borbone tutto manomettevano nelle
case, e siccome grande era il numero degl'inquilini così le vittime
furono molte: si saccheggiava e s'uccideva spietatamente; la signora
Ferrara una delle abitatrici del palazzo promise ai soldati che
s'introducevano negli appartamenti dar loro gemme di sommo valore a
condizione che sarebbe stata rispettata la vita dei tre componenti
della sua famiglia cioè: sè stessa, suo marito, sua madre: così
convenuto ella tolse da un armadio alcune cassette di gioje il cui
valore era di molte migliaja di scudi: essi avidamente le presero.
Però se era soddisfatta la loro cupidigia, non lo era del pari la
ferocia: quindi impugnano le armi contro la di lei madre e marito e
barbaramente li trucidano: ella restò sbalordita, stupida, demente:
il suo stato non ben le permise d'intendere tutta l'atrocità della
scena che le era sott'occhio... e smarrita e senza moto guardava i due
corpi carissimi nuotanti nel sangue, allorchè ode i passi affrettati
d'altra gente armata... a questi mette un grido e corre alla finestra:
i lazzaroni che eran giù si commuovono allo stato di quel terrore e
presentano ad essa le loro braccia e l'invitano a slanciarvisi, partito
che ella accettò; quantunque fosse raccolta dalle braccia del popolo
impietosito pure l'altezza del piano non permise che impunemente
avesse tentato un passo così disperato e si fratturò una gamba. Queste
scene di orrenda barbarie seguirono in molti punti del palazzo di
cui già le fiamme si erano affatto impadronite. Quei disgraziati che
tentavano salvarsi dalle fiamme erano ricacciati nell'incendio dai
colpi dei circostanti soldati che si beavano dello spettacolo. — Di
quel magnifico edificio non sono in piedi che le mura ed arse così,
che si dubita di ricostruzione; e per parecchi giorni dalle macerie si
scavarono cadaveri mezzo arsi, ed ossa disgiunte e sparse: altri erano
in cenere ed invano si fa ricerca delle spoglie mortali dei Ferrara
giacchè n'eran disparite fin le vestigia.



XII

IL GENERALE ROBERTI.


Mentre lo spirito inorridito è ad ogni istante assalito da atroci
stragi e neri tradimenti; mentre la penna quasi si ricusa ad una
descrizione d'orrore al cospetto d'un principe che induce il suo popolo
in un laccio funesto; d'un generale che spergiura, d'una armata che
scanna i fratelli, di repubblicani elveti che fan risorger la tirannide
e il dispotismo sui cadaveri dei liberali da loro scannati, pure su
questa via d'esecrazione ci occorre un punto di riposo, un atto sublime
di virtù siccome una zolla di rose nell'aridità d'un deserto. Il fatto
che riporto non è certamente al suo luogo, considerato in ordine di
tempo, ma non ho saputo ove collocarlo prima di questo punto.

Il general Roberti comandante il castello di S. Elmo fortezza che
in ispecial guisa sovrasta a Napoli, fu nel 14 maggio chiamato da
Ferdinando che in atto di somma confidenza gli disse. _Mio fedele,
domani i tuoi cannoni dovranno tuonare._ Sì, rispose Roberti, _onde
festeggiare l'inaugurazione della Rappresentanza nazionale: ebbene,
non saranno stati impiegati mai per causa più decorosa._ — _Ma che mi
vai impastocchiando di Rappresentanza e del diavolo che se la porti?
domani mi occorrerà di punire alcuni facinorosi._ — _Ed in qual guisa?_
— _Coi tuoi cannoni ed i tuoi mortai._ — _O mio re_, ripiglia il
generoso soldato, _indicatemi lo straniero contro di cui impiegare la
mia sapienza di generale, e la mia virtù di soldato, ed io non avrò
mai fatto opera più gradita al mio cuore, ma contro le mura della
patria, oh! no mai_, risolutamente conchiuse. — _Ma io ti conosceva,
per aspettarmi questa risposta_, rispose Ferdinando, _sei un eroe_, e
se lo strinse al cuore: con che cuore ognuno intende.

Noi ammiriamo la generosa fermezza di Roberti, e mentre avvertiamo ogni
onorato cittadino che ne imiti la virtù sconosciuta dal restante della
truppa, pure gli ricordiamo che se avesse mai a scoprire un facinoroso
che cospiri contro la patria, lo sveli tosto alla nazione. L'eccessiva
lealtà di Roberti, e la poca certezza di un domani minaccioso lo fecero
tacere, ma se egli fosse corso col suo credito alla Camera e sin dal
bel principio l'avesse tenuta prevenuta contro ciò che si macchinava
in danno della nazione, si avrebbero potuto con facilità impedire gli
orrori avvenuti; ma, replico, la somma lealtà di Roberti non gli fè
nemmeno supporre le atrocità che designava il Borbone. Io ritorno sul
principio, che è sacro dovere del cittadino indicare l'inimico comune,
sia che oscuro cospiratore, sia che regnante si fosse. Innanzi al bene
della patria non v'ha re, siccome nulla sta innanzi d'Iddio.



XIII

IL 16 MAGGIO.


La città come terra di conquista, come espugnata, è in potere
della milizia: per la via di Toledo sono schierate e bivaccate le
soldatesche, i cannoni sono puntati sullo sbocco dei vicoli, grosse
pattuglie praticano per gli anditi segreti. Intanto la banda militare
festivamente eseguisce dei concerti, mentre la città atterrita
insanguinata offre il più lugubre spettacolo — su tutti i balconi
v'ha un panno bianco; sopra altri, e questi sono i più, stan materasse
lacere dai colpi ivi drizzati, ed abbandonati così dopo la strage: le
invetriate ed i legni dei balconi fracassati, le case deserte, le mura
percosse dal cannone, le porte dei palagi traforate ed arse: le vie
sono sparse di ruderi e frantumi di calcina, di sassi e delle barricate
incendiate:... oh qual veste d'orrore nel dì che dovea seguire la
solenne inaugurazione!

Intanto la plebe è tornata a tutti i suoi vizii, e quelle poche
pratiche virtuose di cui avea dato prove fin qui, è molla che compressa
spicca con energia raddoppiata. Il più sucido e laido popolaccio
s'impadronisce d'una bandiera regia e percorre trionfalmente la città;
è un'orda strabocchevole, un'orda che deve far terrore: la più lieve
occasione può far rinnovellare le nefandità del giorno antecedente.
Escono le meretrici dai sozzi loro abituri e colla feccia de' ladri
intrecciano danze oscene per le vie sul ritmo delle bande musicali: i
soldati mescono il vino e tutti bevono; nè vale a sminuire la libidine
di quest'orgia il continuo passaggio di carri funebri che van togliendo
gli uccisi delle case, ed il passaggio de' feriti.

Tutti quelli che camminano per le vie d'aspetto decente sono arrestati
ed obbligati a gridare _viva il re_. Modi più violenti si usano contro
coloro che han peli sulla faccia giacchè la marmaglia osa metter loro
le mani sulla faccia e strapparne i baffi di guisa che in un giorno
solo tutti color che aveano barba, la raderono.

Intanto queste masse luride si gettano innanzi il palazzo reale e quivi
intrecciano nuova danza, ed evocano il loro re che esce sul balcone e
si delizia delle ovazioni della plebe, dei monelli e delle meretrici...
E ben di queste sole classi dovrebbe essere composto un popolo,
governato da Ferdinando. In mezzo a questo turpe festeggiamento scorse
il mattino, ed alcune ore pomeridiane. Intanto il re non contento
di ringraziare dall'alto della sua reggia i suoi fidi, risolve di
uscire e popolarmente scorrere la città il giorno antecedente da lui
cannoneggiata: invita l'ammiraglio della squadra francese ancorata in
rada ad accompagnarlo nella passeggiata, ed il signor Baudin accetta:
ed insieme festeggiati dalle laide turbe si portano nel tempio della
Madonna del Carmine, a ringraziare la divinità del trionfo ottenuto! Oh
Signore, i vostri templi sono stati oltraggiati da profanazione così
atroce! un tiranno che conduce il suo popolo in un orribile laccio,
lo lascia scannare, e compie così le sue mire nefande ed il giorno
seguente viene nel tempio Tuo, nel Tuo santuario a rendere mercede a
Te!!!

Ecco la religione di Ferdinando II.



XIV

PREMII.


Dopo queste scene d'orrore voi aspetterete veder Ferdinando
rappresentar la commedia degli altri tiranni: cioè deplorar le sciagure
de' suoi _figliuoli dilettissimi_, punire gli autori delle nefandità
del 15 maggio, versar lagrime amare.... ed altre prove della pietà
dei tiranni. No, Ferdinando non ricorre a questi sotterfugi, non
gli conviene di metter nell'animo de' suoi, il solo sospetto di aver
mal fatto; ma eroicamente dispensa premii; a questo aumenta gradi, a
quello raddoppia il soldo, a un terzo dà una croce!... sì, fino le
croci fregiano il petto degli omicidi. Si riconosca però in questa
condotta del monarca delle Sicilie il disegno di scindere assolutamente
le classi del popolo, e far che le ire discordi divergessero dalla
causa primaria delle sciagure — così invita gli ardenti a battersi,
attentando alla santità della Rappresentanza nazionale, collo schierare
i reggimenti; scatena l'armata sulla città col mandato di scannare _in
modo visibile_, ed in ultimo fa uscire i _lazzaroni_ con promessa di
premio onde rubassero quel che le truppe non avean potuto rubare. Ecco
adunque gli odii fraterni, e nati da ragione di sangue.

E voi che sul petto portate il segno del regio contentamento non
intendete che desso somministrato dal Borbone nel dì che ha seguito
una strage fratricida, è la vostra accusa e la vostra condanna, è
cifra d'infamia? non vedete che ne gocciola sangue, e che sangue! su
deponetelo: illusi e traditi voi stessi, foste condotti alla strage
dei vostri fratelli che vi accusavano come vostri nemici; o valorosi
traviati, piangete il vostro delitto e lavate il sangue di cui son
tinte le vostre spade con altro sangue. Rinascete, battezzatevi nella
guerra che si combatte contro lo straniero, mostrate che il vostro
coraggio non è quello degli assassini: da bravi; i popoli perdoneranno,
i popoli sono così generosi come astuti e crudeli i tiranni; non fate
che si chiuda la giornata della gloria: non fate che Carlo Alberto
coi suoi prodi raccolga solo quegli allori di cui una porzione può
spettare anche a voi, perchè italiani voi pure. Sì, la fonte del gran
battesimo è aperta guai se giunge a chiudersi: non andate innanzi ad un
avvenire vergognoso ed esecrato. E se trionfano le nazioni quale sarà
la sorte di voi ostinati? i campi di Lombardia e le città del Veneto
vi reclamano: correte o prodi, vi sono ancora dei Metternicchiani a
battere, sudate, ed il sangue che gronderà dalle vostre spade sarà
il sangue dell'oppressore straniero, e le croci che quivi raccorrete,
varranno bene la gloria, ed i plausi, che li avrete ben meritati.



XV

ATTI DEL NUOVO GOVERNO.


Disfatta la guardia nazionale, atterrita la città, Ferdinando dà mano
a disfare il governo passato ed a spogliar Napoli di ogni franchigia.

Annulla il passato ministero e ne ricostruisce un nuovo; un membro solo
ve ne indico per giudicare degli altri, e questo è Bozzelli; maledetto
dalla nazione, indegno della fiducia pubblica, egli torna al governo
quando la nazione è prostrata. È disarmata la guardia nazionale, e con
lei ogni cittadino a segno che è proibito possedere un fucile da caccia
ed una lama qualunque. È rivocato il decreto del 3 aprile, mentre per
atroce scherno dichiara il re di mantenere inalterata la Costituzione
del 12 febbraio!

E tacendo mille altre disposizioni arbitrarie ed oppressive aggiungo in
ultimo che viene sciolta la Camera.

A questo proposito riporterò una sensata critica d'un Deputato mio
amicissimo:

Il decreto del 17 maggio dichiara sciolta la Camera de' Deputati
convocata pel 15 maggio: perchè erasi «rilevato da documenti autentici,
che nel disastroso giorno del 15 maggio coloro i quali erano stati
eletti a far parte della Camera dei Deputati si riunivano a vestir
carattere di Assemblea unica rappresentante della nazione, e si
sceglieano un presidente, e procedeano a delle _deliberazioni_ creando
_un comitato di sicurezza pubblica_, sotto la cui assoluta dipendenza
dovesse porsi la Guardia Nazionale»; perchè «non essendo ancor da essi
prestato il giuramento richiesto dalle leggi, il potere assunto era
tanto più arbitrario, illegittimo e sovversivo di ogni ordine civile,
in quanto esso usciva dalla sfera delle attribuzioni entro cui è
ristretto un Collegio puramente legislativo»; perchè «da malvagi fini
era unicamente suggerita una sì turbolenta condotta, poichè la voce
autorevole di moltissimi onesti Deputati non mancò di farsi udire per
biasimarla come assurda ed illegale, quantunque ogni grido di ragione
fosse stato soffocato da' clamori e da ogni genere di minaccia dal
canto di coloro che aveano risoluto di apportare una funesta mutazione
nello Stato ed evitare i disordini della guerra civile».

È poi curioso il leggere nel decreto di scioglimento, che i Deputati
_si sceglieano un presidente, e procedeano a delle deliberazioni_. Come
si volea che si fosse fatto? Se si erano riuniti, lo aveano fatto per
deliberare: ed io non so se nella logica costituzionale del ministero
del 16 maggio sia lecito ad una società di Deputati, che sono alla
vigilia di una legale riunione, il congregarsi e deliberare: o forse
sarà vietata la deliberazione a' Deputati soltanto, mentre non vi ha
governo che abbia il solo nome di governo libero, in cui il dritto
della deliberazione sia tolto a' semplici cittadini. Nè solamente era
un dritto, ma era anzi un dovere pei Deputati il riunirsi e deliberare,
quando il governo gli avea messi nella dura condizione di prestare un
giuramento, a cui non si credeano obbligati dalla legge[6], e a cui non
sapea adattarsi la loro coscienza.

Se dunque a' Deputati, che dalla nazione sono chiamati esclusivamente
a deliberare, un onesto governo non può vietare che deliberino, non era
meraviglia che essi _si sceglieano un presidente di età_, e poi un vice
presidente, perchè una numerosa assemblea che delibera non può mantener
l'ordine nelle discussioni, quando non ci sia un presidente che vegli
alla regolarità delle discussioni e delle deliberazioni.

Ma quello che più parse illegale e turbolento al ministero del 16
maggio è, che in una deliberazione de' Deputati raccolti nella seconda
sessione si creò un comitato provvisorio di pubblica sicurezza, da
cessare dalle sue funzioni, appena ristabilita la tranquillità,
sotto la cui dipendenza si mettesse la Guardia Nazionale. Questa
deliberazione de' Deputati in quel momento tristissimo presenti,
è stata dichiarata dal governo come l'atto di assumere un potere
arbitrario illegale e sovversivo di ogni principio di ordine civile:
e pare a prima vista che ragionevolmente si potesse rimproverare a
quei Deputati questa imprudente e intempestiva usurpazione del potere
esecutivo. Sennonchè io credo che il ministero siasi male apposto
nelle sue argomentazioni, conciossiachè abbia, a caso o a disegno non
so, dimenticata una circostanza essenzialissima che fa mutar faccia
alla questione; ed io sono nel debito di rammentargliela, quando ai
miei elettori debbo dar conto del modo come ho usato de' poteri che
mi accordarono. Questa circostanza è che il cannone già rimbombava
tremendo in via Toledo, e già scorreva il sangue cittadino, allorchè i
Deputati sedeano per deliberare. Essi crearono un Comitato di pubblica
sicurezza, perchè già innanzi aveano inviato una deputazione di cinque
membri al re per tentare tutte le possibili vie, onde le discordie
si componessero senza venire alla effusione del sangue; e mentre si
aspettava il ritorno della deputazione, udirono il rimbombo del cannone
che primo annunziò loro la guerra civile: e tanto erano essi lungi
dal crederlo, che pensarono e sperarono fossero salve di artiglieria
per qualche legno arrivato nel porto. Non pertanto i Deputati non
perderono ogni speranza di frenare quelle ire, che non aveano potuto
impedire di traboccare: in uno stato di guerra civile flagrante non
era certo tollerabile, che l'intera Assemblea deliberasse per venire
ad una risoluzione; onde si pensò di creare quel comitato provvisorio
d'interna sicurezza, che sarebbe cessato al cessar delle ostilità.
Che ci era di arbitrario, di illegittimo, di sovversivo in questo
comitato, che si componea di cinque Deputati, ed avea l'incarico di
avvisare a' mezzi più efficaci e solleciti per ristabilir l'ordine e
la tranquillità? Un comitato che tende a turbar la pace spaventa; ma
può spaventare un comitato il cui scopo è di ricondurre all'ordine un
popolo tumultuante? Il governo avea ben diritto di non riconoscerlo
siccome un comitato di un'Assemblea costituita, che avesse poteri
speciali e legittimi; ma potea rivelare di riconoscerlo come una
società di cinque uomini onesti e pacifici che la Nazione avea deputato
a rappresentare gl'interessi generali del paese, che erano stati
prescelti da' loro colleghi per tentare le migliori vie di prevenire
tutti gli orrori e le nefandezze di cui siamo stati o testimoni o
vittime? E perchè si mostri quali erano le attribuzioni di questo
comitato, io prego il ministero del 16 maggio di considerare quali ne
furono gli atti: non ce n'ha che un solo, un indirizzo al Comandante
della piazza, col quale si mostrava il vivo dolore eccitato nei
Rappresentanti della Nazione, della guerra civile già rotta, il grande
interesse che essi aveano nel ristabilimento della tranquillità, e il
desiderio ardentissimo di concorrere con tutti i loro mezzi perchè si
cessasse dalle stragi e dal sangue: questo messaggio mal ricevuto non
produsse alcun frutto, e le stragi continuarono, e il sangue corse più
abbondevolmente, e finì la giornata colla _strage degl'innocenti_. Ecco
il comitato che il ministero ha dichiarato illegittimo e sovversivo di
ogni ordine civile.

E perchè sembrasse che veramente quella riunione di Deputati avesse
assunto un potere arbitrario, e avesse usurpato il potere esecutivo,
il ministero ha rilevato principalmente la clausola che mettea la
Guardia Nazionale alla dipendenza del comitato. Se questo lo avesse
fatto in istato di tranquillità e di pace, sarebbe stato certamente
una usurpazione del potere legislativo sull'esecutivo: ma se il governo
ritiene che quella riunione non era una Camera costituita, nè in veruno
dei loro atti i Deputati han mai dichiarato di essersi costituiti in
Camera legalmente riunita, era natura il dedurne, che quel Comitato
dovea considerarsi come una società di uomini onesti, che già teneano
dalla Nazione un carattere se non un potere, e che con questo carattere
poteano bene assumere una influenza sulla Guardia Nazionale, quando
la Guardia Nazionale, già in aperta guerra col governo, non più ne
volea riconoscere il comando: e questa influenza intendeva esercitare
l'Assemblea nel disegno di far cessare un combattimento attivissimo,
il cui risultamento non so se abbia reso più saldo o più labile il
potere. La differenza di condotta tra il governo e l'Assemblea mi par
questa: l'Assemblea volea ristabilir l'ordine ammonendo e persuadendo,
il governo fucilando e scannando.

Il ministero riconosce che _moltissimi onesti Deputati non mancarono
colla loro voce autorevole di opporsi a coloro che avean risoluto di
apportare una funesta mutazione nello Stato e di eccitare i disordini
di una guerra civile._ Dunque eran moltissimi i Deputati che intendeano
procedere legalmente, e non _moltissimi_ coloro che avean risoluto
una mutazione nello Stato: dunque la maggioranza nella Camera sarebbe
stata per la legalità del procedimento, poichè le risoluzioni non si
prendono sulla forza dei polmoni, ma sul numero dei voti. Perchè dunque
il governo ha sciolto la Camera? O il governo voleva una Camera senza
opposizione, vuol dire un'Assemblea di 163 deputati che pensassero
tutti allo stesso modo; o il governo avea bisogno di altri due mesi
di vita senza una rappresentazione, o il governo sentiva male che i
Deputati non volessero rinunziare all'articolo 5 del decreto 3 aprile,
che dava al potere legislatore la facoltà di svolgere lo statuto del
10 febbraio. Ed io credo che sieno entrambi questi due ultimi i disegni
del governo, poichè non posso immaginare che il ministero del 16 maggio
speri di verificare in Napoli in una prima legislatura quello che non
si è visto mai in nessuno dei governi rappresentativi, la unanimità de'
deliberanti, che si incontra solo e non sempre ne' governi dispotici.

E che sia questo il pensiero del governo, mi pare confermato dalla
introduzione al decreto del 24 maggio, ove dice: «La nostra fermissima
ed immutabile volontà è di mantenere la Costituzione del 10 febbraio
pura ed immacolata da ogni specie di eccesso.» E in queste parole noi
scorgiamo lo stesso spirito delle parole del decreto del 3 aprile:
parole vaghe e generali che possono interpetrarsi in senso più o meno
ampio o ristretto, e menare a conseguenze differentissime secondo le
diverse interpetrazioni. Ma questo linguaggio da una parte non dichiara
i principii del ministero, se pure non isvela la politica delle
incertezze e delle dilazioni; dall'altra non iscioglie nè tronca le
difficoltà, ma le differisce a tempo migliore.

Ecco un cenno dei tradimenti e delle stragi seguite sulla parte forse
più bella della nostra Italia: io l'ho dato se non col miglior senno,
almeno colla miglior coscienza non avendo esagerato o scemato in alcun
modo l'esposizione dei fatti. Ecco come nell'istesso tempo l'esecrando
tiranno delle due Sicilie schiacciava nella povera Napoli la mole
che il progresso e il liberalismo costruiva, ed insieme recava un
detrimento considerevole al fatto dell'Italia tutta.

O Fratelli miei di Napoli se avverrà mai che queste pagine vi cadano
sotto gli occhi, in esse rilevate il saluto ai prodi che han durato
sotto un colosso d'atrocità, l'esecrazione al nemico comune, e le
lagrime che pur troppo c'è duopo versare per l'ignoranza di tanta plebe
(plebe però di varie classi) ignoranza che porta con se o un servo
attaccamento a quello che osa addimandarsi _l'unto del Signore_, o una
glaciale apatia contro ogni miglioramento o sforzo che debbe condurre
al supremo dei beni.

Il tiranno d'Italia invia ordini di ruine dal fondo della sua reggia
che il suo terrore gli ha fatto eleggere a carcere volontario dal
giorno 16 maggio, preludio dei maggiori gastighi che Dio gli prepara;
già comincia a provare la giustizia celeste, a soffrirne le punizioni,
ma il suo cuore è ferreo, l'animo suo non si commove. L'Italia basterà
a sè stessa: un grande slancio d'ira compatta contro lo straniero,
e le risoluzioni di volontà decisa, son certo la faranno trionfare
dei barbari da cui vien minacciata: ma se si dovesse mai ricorrere
all'intervento straniero!... Se l'atrocissimo re coi colpi aspri che
reca a Napoli ed all'Italia giungesse a far sì che noi non bastassimo
alla difesa nostra e della penisola, intenda il barbaro che l'Italia
bastava a sè stessa, ma di essa una porzione sola ha sostenuto la
guerra, una porzione sola e la minore, chè tutta unita è invincibile;
ed esso non potrà insultarci.

Ferdinando II intende gittare sull'Italia quelle sciagure di cui la
infelice fu aggravata per l'ambizione di Lodovico il Moro, ma noi
l'invitiamo a considerare la fine di quel tiranno (troppo all'attuale
inferiore per delitti), gli ricordiamo che l'Italia non vedrà famelici
conquistatori che verranno a calpestarla, ma fratelli liberi che
voleranno a congiungere le loro armi alle armi italiane, se non per
difesa di una terra comune, almeno in difesa del santissimo principio
di libertà, comune tra i popoli _veramente inciviliti_, e che stringe
ad un patto gli abitatori di regioni diverse, come la religione di
Cristo che ci affratella e ci fortifica.


  FINE.


NOTE:

[1] Nerone.

[2] Luigi XI re di Francia.

[3] Non si voglia supporre che io intenda accusare il clero napolitano
dei vizii di pochi, chè, distinte dalle colpe de' rei, han risaltato
con più splendore le virtù dei buoni.

[4] A spiegazione di quel che dico, mi giova dichiarare che tra
i comandanti della guardia nazionale eranvi ancora riputati e
liberalissimi cittadini, come il colonnello Piccolessis, Giuseppe
Avitabile, ed alcuni altri.

[5] Uno degli errori commessi dalla guardia nazionale non diretta da
alcuno, fu di collocarsi alla spicciolata in diversi posti, aspettando
l'inimico; al quale (forte di numero e d'artiglieria) riuscì in ultimo
scannare i cittadini così sparpagliati, e mal provveduti.

[6] Il decreto di scioglimento dice, che non essendosi prestato il
giuramento richiesto dalla legge, il potere assunto era tanto più
arbitrario, ec.: ma qual legge esige il giuramento da un Deputato,
prima che sia stato riconosciuto valido il suo mandato? In qual governo
costituzionale si è visto mai, che il giuramento si presti in una
qualità, prima che questa qualità sia assicurata?



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Storia del Quindici Maggio in Napoli - con l'esposizione di alcuni fatti che han preparato la catastrofe" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home