Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Istoria civile del Regno di Napoli, v. 8/9
Author: Giannone, Pietro
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Istoria civile del Regno di Napoli, v. 8/9" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                             ISTORIA CIVILE
                                  DEL
                            REGNO DI NAPOLI


                                   DI
                            PIETRO GIANNONE


                             VOLUME OTTAVO



                                 MILANO
                           PER NICOLÒ BETTONI
                              M.DCCC.XXII



STORIA CIVILE DEL REGNO DI NAPOLI

LIBRO TRENTESIMOSECONDO


Don Pietro di Toledo nacque in Alva di Tormes del Regno di Castiglia
nell'anno 1484 da D. Federico di Toledo, II Duca d'Alva, e D.
Isabella Zuniga figliuola del Duca di Bedmar, donna non men grande per
valor d'animo, che alta di corpo e di leggiadre fattezze, tanto che
piacevolmente soleva dire, che era venuta ad ingrandire i corpi di Casa
d'Alva, li quali erano di piccola statura. Fu nella sua fanciullezza
dato D. Pietro ad allevare sotto buoni Maestri nello studio delle
lettere, ma conosciutosi, che non molto vi riusciva, e che la sua
inclinazione era più nelle cose agibili, che nelle speculazioni delle
Scuole, il Duca padre lo pose per paggio nella Corte del Re Cattolico,
da cui, ancorchè fanciullo, attentamente osservando le sue geste e
raccogliendo le parole, che uscivano dalla bocca di quel savio Re,
apprese l'arti della prudenza e del senno; ed ingegnandosi negli
esercizi di cavalleria superar gli altri Cortigiani suoi pari, così in
servire il Re, come in comparir bene ne' torneamenti, nelle giostre,
e negli altri trattenimenti del Palazzo, divenne non pur sopra tutti
gli altri caro al Re, ma peritissimo nell'esercizio di cavalcare e di
giostrare, tanto che in Ispagna ebbe nome di gran _Toriatore_; onde
avvenne, che venuto per Vicerè in Napoli, introducesse fra noi il
giuoco de' Tori, e tante altre giostre e tornei, che sovente nel suo
governo faceva replicare.

Entrato per queste sue doti in somma grazia del Re, piacquegli dargli
moglie, e lo casò con D. Maria Osoria Marchesa di Villafranca nipote
del Conte di Benevento, giovanetta di 13 anni, bella ed unica erede
dello Stato, ed ancorchè D. Pietro non fosse il primogenito della sua
Casa, ma un semplice cadetto, piacque così al Re, come al Conte avolo
di D. Maria, sotto il cui baliato era, di preferir D. Pietro a molti
altri Titolati di Spagna, che la pretendevano. Per queste nozze prese
egli il titolo di Marchese di Villafranca, ed il possesso dello Stato,
con gran contento de' suoi vassalli, sperimentando un governo assai
prudente e giusto, dando egli con ciò i primi saggi quanto nell'arte
del governare fosse espertissimo. Non molto da poi fugli conferita
dal Re una Commenda di S. Giacomo, di rendita di 6000 ducati l'anno,
sotto la qual Religione visse tutto il tempo di sua vita. Essendosi
poi mandato dal Re Cattolico il Duca di lui padre per Capitan Generale
del suo esercito alla conquista del Regno di Navarra, vi andò anche
il Marchese, e prese soldo del Re, militando sotto i suoi stipendj
insino che rotto e discacciato Giovanni Albret, non fosse il Regno dal
Duca conquistato: nella quale espedizione diede saggio il Marchese del
suo valore, e fece conoscere, che non meno nell'arte del governo, che
militare era peritissimo.

Morto il Re Cattolico, nacquero rumori in Ispagna, pretendendo,
come si disse nel precedente libro, alcuni Signori di non accettar
Carlo Arciduca d'Austria suo nipote per Re, vivendo ancora la Regina
Giovanna sua madre, ma ben riceverlo per Principe e successore del
Regno dopo la morte di quella. Ma quietanto questo rumore con certe
condizioni, ed essendo stato da poi Carlo eletto Imperadore per morte
di Massimiliano suo avolo, nacquero, come si disse, altri rumori ne'
Popoli di Spagna, molti de' quali tumultuando per quelle illicite
esazioni, che facevano alcuni Ministri Fiamenghi, che l'Imperadore
avea seco portati da Fiandra, presero l'armi, ma rotti e castigati i
Capi del tumulto, finirono i rumori. Nelle quali fazioni il Marchese,
seguendo l'orme del Duca suo padre, prestò all'Imperadore segnalati
servigj; onde avvenne, che fu a Cesare sempre caro e sommamente da lui
onorato e favorito, e sopra tutti gli altri della sua Corte stimato;
in guisa che non lo lasciava da se partire, e ne' suoi viaggi ora
di Fiandra, ora d'Italia e d'Alemagna, l'ebbe sempre seco: siccome
in quest'anno 1532 seco trovavasi in Ratisbona, quando Solimano già
con trecentomila combattenti era entrato nella Servia per soggiogare
l'Ungheria, minacciando gli altri suoi Dominj; e l'Imperadore era tutto
inteso a resistergli con valida difesa, onde avea scritto a questo
fine ad Andrea Doria, già fatto Principe di Melfi, che unisse la sua
armata quanto più numerosa potesse, e s'avviasse alla volta di Levante
ne' mari di Grecia per assalire le Terre marittime del Turco, acciò
divertisse l'impresa d'Ungheria.

Ma poichè, come si disse, quando i Franzesi finirono, cominciarono i
Turchi ad inquietar questo Reame, si ebbe nel medesimo tempo avviso,
che l'armata del Turco era uscita, e si dubitava, che venisse ad
assalire il nostro Regno. Venne ancora a Cesare in questo tempo
l'avviso della morte del Cardinal Colonna; onde non mancò di spedire
immantinente il Marchese di Villafranca per Vicerè e Capitan Generale
del Regno, non men per dargli un tal onore, che per la difesa contro i
tentativi del Turco, poichè della sua prudenza e valore era assai ben
persuaso. Partì egli subito cavalcando a gran giornate, accompagnandosi
con lui Niccolò Antonio Caracciolo Marchese di Vico, che si trovava
parimente in Ratisbona, il quale diceva, che dalle cose di Napoli, che
ragionarono insieme per via, avea preveduto il rigoroso governo che
ei dovea quivi esercitare[1]. Passò per Roma, ove fu accolto da Papa
Clemente con molto onore, e giunto a Napoli, fu ricevuto con plauso
grande, e con fama di dover governare con gran prudenza e giustizia, e
riformare li tanti abusi e le corruttele e le insolenze de' Nobili.

Ritrovò egli il Regno, come si è detto, in istato pur troppo infelice
per le precedute calamità: la Città per la peste ed altri infortunj
quasi vota di gente e di denari: gli edificj rovinati, i campi deserti,
ma sopra tutto la giustizia depressa; onde riputò cominciar dal
rialzamento di questa.



CAPITOLO I.

_D. PIETRO DI TOLEDO riforma i Tribunali di Napoli, onde ne siegue il
rialzamento della giustizia._


Conoscendo questo savio Ministro, che il principal fonte, onde
deriva il riposo de' Popoli, sia quando fra quelli la giustizia venga
ugualmente a tutti distribuita, e non potendosi quella a dirittura
amministrar da' Re, sian questi forzati d'esercitarla per mezzo
de' loro Ministri: il primo passo che diede fu di chiamarsi a se
li Consiglieri del Re, e tutti gli altri Magistrati ed Ufficiali di
giustizia, incaricando loro, che avessero la giustizia sempre innanzi
agli occhi: alla retta amministrazione di quella fossero rivolti tutti
i loro pensieri: la distribuissero a tutti senza umani rispetti, non
per favore, non per odio, ma unicamente per Dio, e per maggior servizio
del loro Re.

A questo fine per maggiormente accertarsi del frutto delle sue
ammonizioni, non fidandosi di niuno, dava udienza ogni giorno a tutti
con grandissima attenzione, volendo egli sentire e conoscere cosa per
cosa: per la qual via ebbe tosto notizia de' difetti degli ufficiali,
li quali sicuri, che non vi sarebbe cosa, che al Vicerè non fosse nota,
alcuni emendandosi per se medesimi, si riducevano a buona vita, altri,
ciò trascurando, ne erano ammoniti, ed altri aspramente ripresi, ed
alcuni anche deposti dalle loro cariche.

Ritrovò, che intorno al punire i delinquenti, era di molto impedimento
il favor de' grandi Baroni e Nobili della Città, li quali, o importuni
tosto correvano a dimandargli grazia, ovvero, usando della lor
potenza, minacciavano i Giudici perchè li liberassero: fece per ciò
lor sentire, che cessassero di tentar simili cose, perchè con lui non
varrebbe ad essi nè il favore, nè le minacce. E perchè maggiormente
se n'accertassero, volle con un grande ed illustre esempio porre in
esecuzione questa sua deliberazione, nella giustizia che fece fare
del Commendator Gio. Francesco Pignatelli il quale, ancorchè reo di
molti delitti, nulladimanco per essere di gran parentado, e da molti
Signori favorito, avea tenuto gran tempo impedita l'esecuzion della
giustizia, i poveri offesi, ed i querelanti con minacce oppressi; il
che inteso dal Vicerè, diede sicurtà a' querelanti, ed a' Giudici, che
procedessero con libertà; tanto che sentenziato a morte, gli fu fatto
mozzar il capo nel largo del Castel Nuovo, luogo solito a giustiziarsi
i Nobili ne' casi importanti. Lo stesso accadde al secondo Conte di
Policastro e ad un cittadino molto ricco, e ben imparentado, nomato
Mazzeo Pellegrino, il quale per forza di denari teneva occultate le
querele, perseverando ne' delitti; ma con tutto che avesse offerte
somme esorbitantissime per comporsi, non fu l'offerta ricevuta, e
condannato a morte, lo fece con molto rigore giustiziare.

Per togliere ancora la cagion dei delitti, fece pubblicar bando, che
niuno, di qualsivoglia condizione, potesse, come erasi introdotto,
tener nelle porte e sale delle lor case arme in aste, nè archibugi,
nè schioppi, e che niuno ardisse portar per la città nè scoppettuoli,
nè daghe, o altre arme, ma la sola spada. Ordinò che niuno, sonate le
due ore di notte per sino alla mattina, potesse portar qualunque sorta
d'armi; ed acciò che si togliesse ogni contrasto, che avesse potuto
insorgere intorno alla determinazione dell'ore, o di non essersi inteso
il tocco, ordinò che la campana di S. Lorenzo, che si sentiva per
tutta la Città, dovesse, passate le due ore, sonare a martello. Ordinò
parimente, che i furti notturni commessi nella Città, fossero puniti
con pena di morte. E poichè allora in Napoli erano molti portici, come
grotte oscure, ove la notte i ribaldi assalivano i poveri incauti, gli
fece buttar tutti a terra, fra' quali furono i portici di S. Martino
a Capuana, e l'altro di S. Agata, antichi edificj, che davan spavento
a passarvi anche di giorno. Per quest'istessa cagione fece tor via le
pennate di tavole, e li balconi degli artigiani, che tenevano sporti in
fuori alle strade, ove di notte s'appiattavano i ribaldi per assalire
coloro, che vi passavano. Parimente, essendo uno scoglio in mare vicino
al Castello dell'Uovo, chiamato il Fiatamone, ov'erano molte grotte,
nelle quali i giovani dissoluti commettevano orribili disonestà, lo
fece tutto rovinare, sino da' fondamenti. E le donne disoneste, che
abitavano disperse per la città, mischiate con l'oneste, le fece
scacciar tutte da que' luoghi, e le ridusse ne' pubblici lupanari. Nè
cessò mai di perseguitare una sorta d'uomini chiamati _Compagnoni_,
vietando con pubblici bandi, che niuno andasse in quadriglia, infino
che gli stirpò affatto dalla città.

Tolse a' delinquenti gli _Asili_, che per la protezione de' potenti
aveansi fatti ne' palagi de' principali Baroni; ed avuta notizia,
che in Napoli vi erano molte case, dove si ricettavano i fuorusciti,
dandosi loro non sol ricetto, ma vitto e danari, per servirsene i
Protettori per loro pravi disegni, le fece diroccare, tante che niuno
ebbe poi più ardire di ricettargli. Gli artigiani eran prontamente
pagati; non loro s'usavano più insolenze: ed i Ministri della giustizia
erano come si conveniva rispettati. Anzi perchè la Città fosse meglio
guardata, creò altri Capitani di guardia, ed ordinò, che sparsi
alloggiassero per la Città per maggior custodia. Creò parimente nuovi
Bargelli di campagna, acciocchè i delinquenti si tenessero men sicuri
nella Campagna, che dentro la Città.

Parimente trovando introdotti molti altri abusi, gli estirpò tutti.
Erasi introdotto costume in Napoli, che quando le donne vedove si
rimaritavano, s'univan le brigate, e la notte con suoni villani e
canti ingiuriosi, andavano sotto le finestre degli sposi a cantar
mille spropositi ed oscenità, e questi suoni e canti chiamavano
_Ciambellarie_; donde ne sortivano molte risse, e talora omicidj; e
sovente gli sposi per non sentirsi queste baje, si componevano con
denaro, o altra cosa colle brigate, perchè se n'andassero. Durava
ancora il costume tramandato dalla antica gentilità, ne' tempi delle
vendemmie, di vivere con molta dissolutezza e libertà: i Vendemmiatori
non s'arrossivano incontrando donne, ancorchè onestissime e nobili,
Frati ed altri uomini serii, di caricarli di scherno e di parole
oscene, con tanta licenza, quanta si vede nel _Vendemmiatore_ di Luigi
_Tansillo_. Duravano ancora le superstiziose e lugubri dimostrazioni
di duolo, che si facevano ne' funerali, ove le donne, non pure nelle
loro case, ma nelle pubbliche piazze accompagnando il feretro, e nelle
Chiese, con smoderato strascino di abiti luttuosi, con urli, pianti e
graffiature di viso, empievano la Città di doglia e di pianti. Estirpò
il Toledo questi abusi, riducendo il lutto de' funerali a comportabile
e buono uso; e siccome per conservazione delle loro doti fece pubblicar
Prammatica, così ripresse il soverchio lor lusso nel vestire.

Fece pubblicar bandi severissimi sopra i duelli, dai quali derivavano
nella Città molti e spessi disordini e rumori: stabilì, che i
provocanti a duello, fossero rei di pena capitale, e coloro, che non
l'accettavano, non fossero notati d'infamia.

Sterminò da poi con rigore esattissimo un pernizioso e reo costume
introdotto nella Città, per cui non stavan sicuri i più casti e
guardati luoghi, acciocchè l'onestà delle donzelle non fosse insidiata.
Il governo del Principe d'Oranges v'avea data forza, poichè nei suoi
tempi, i nobili giovani usando mille insolenze, non erano puniti de'
ratti, che facevano di molte onorate e nobili donne; perchè il Principe
nella preda v'avea anche la sua parte: e per procedere con sicurezza, e
penetrare i più guardati e riposti luoghi, si servivano per salirvi di
scale di funi, non perdonando nè anche a' Monasteri. Il Cardinal Pompeo
Colonna, come in sì fatte cose indulgente, non vi provvide abbastanza;
ma il Toledo detestando le corruttelle ed i pubblici scandali, fece
pubblicar un severissimo bando, col quale s'imponeva pena di morte
naturale senza remissione alcuna, a chiunque persona si fosse trovata
di notte con scale di legno o di fune o di qualunque altra materia.
Di questo bando (ancorchè non si legga nelle nostre Prammatiche) ne
fece memoria il Presidente de Franchis; ma da poi nel 1560 D. Parafan
di Rivera Vicerè nel Regno di Filippo II ne fece pubblicar Prammatica,
che si legge sotto il titolo _De Scalarum prohibitione noctis tempore_:
dove quel Ministro nascondendo per onestà il principal fine della
legge, fece intendere, che per molti ladri ed altri, che andavano
la notte con iscale scalando le case e rubando, donde nasceva alcuna
sospezione della pudicizia delle donne onorate, fossero puniti con pena
di morte naturale, o altra pena riservata a suo arbitrio, tutti coloro,
che si trovassero di notte portar le suddette scale.

Ma il bando di D. Pietro fu più severo, e fu fatto eseguire con molto
rigore, siccome infelicemente avvenne nel 1549 ad un nobile, che colto
di notte, mentre scendeva per una di queste scale dalla finestra di una
gentildonna, lo fece decapitare, con tutto che per salvarlo si fossero
interposte la Principessa di Salerno e quella di Sulmona, e quasi tutta
la Nobiltà. Lo stesso sarebbe accaduto a Paolo Poderico Cavaliere molto
stimato nella Città, il qual preso, mentre di notte avea appoggiata la
scala sotto la finestra della sua amorosa, fu condennato a morte; ed il
Vicerè, ancorchè fosse suo grande amico, non volle impedir la condanna,
ma diede luogo a' parenti, che trovandosi colui Cherico, dimandassero
la remissione del reo alla Corte Ecclesiastica, siccome si fece; ed
il Poderico essendosi rimesso a quella Corte, in tal maniera scampò il
tumulo.


§. I. _Riforma del Tribunal della Vicaria._

Riordinò, oltre a ciò, il Toledo molte altre costituzioni riguardanti
l'esatta amministrazione della giustizia, e riformò a questo fine il
Tribunale della Vicaria. Ordinò, che il reggente con tutti i Giudici
e gli altri Ufficiali si trovassero insieme ad ore determinate nel
lor Tribunale a ministrar giustizia. Perchè i Giudici di Vicaria
a suo tempo non eran più che quattro, onde a cagion di questi suoi
ordinamenti non potevano soddisfare alla moltitudine delle accuse, ve
ne aggiunse egli due altri, e volle che fossero per stabilimento sei,
cioè quattro criminali, e due civili. Stabilì, che si punissero con
pena di falsarj coloro, i quali per calunnia, e falsamente proponessero
le querele. Che nell'accuse delle contumacie dei delinquenti, ed in
tutte le altre materie di giustizia, il Fisco non fosse costituito in
mora. Che i voti non si pubblicassero prima d'esser uditi dal Fisco.
Che a' carcerati poveri si desse il pane ogni giorno per loro vitto; e
fece per li poveri infermi carcerati costruire un sufficiente Ospitale
vicino alle carceri, ove s'avessero a curare gl'infermi a spese del
Re, impetrandone a tal fine assenso dall'Imperador Carlo V, ed affinchè
quei miserabili fosser con maggior diligenza ed attenzione difesi, fece
augumentare il salario all'Avvocato e Proccuratore de' Poveri.

Ordinò, che le composizioni si facessero moderate. Che coloro,
ch'escono di carcere, non pagassero cos'alcuna. Che nelle ferie
estive si cavassero dalle prigioni i carcerati per debiti civili,
dando sicurtà di concordarsi co' loro creditori, o di ritornare nelle
carceri.

Determinò le paghe de' Mastrodatti, Scrivani ed altri Ufficiali minori
di questo Tribunale, comandando perciò, che si formasse Pandetta de'
loro diritti, siccome fu fatto, ed estirpò le scuole de' testimoni
falsi; e fece bando a pena della vita a chi giurasse il falso, ovvero
quelli producesse in giudicio; e vi diede altri savi provvedimenti, che
insieme co' riferiti, vengono additati nella _Cronologia_ prefissa al
primo tomo delle nostre prammatiche.


§. II. _Riforma del Tribunal della Regia Camera._

Riordinata la Vicaria, con non minor felicità passò alla Riforma
della Regia Camera. Vedeva il bisogno, che alla giornata cagionavano
le guerre intraprese dal suo Signore co' Turchi, la poca economia,
che v'era nello spendere, le spesse contribuzioni e donativi,
che indebolivano il Regno, ed il cercar sempre denari, acciocchè
gli eserciti non s'ammutinassero: per riparare in parte a tanti
bisogni rivoltò l'animo a riordinare, come potesse il meglio, questo
Tribunale, di cui era il pensiero, e dovea esser la cura del Patrimonio
Regale, d'ingrandirlo, far evitare i disordini e le ruberie, che si
commettevano nell'amministrazione di quello da Ministri subalterni; e
che non capitassero male le rendite e l'esazioni Regali.

Proccurò a questo fine, che da Carlo V istesso fossero stabiliti più
statuti attinenti alla buona amministrazione di quello, li quali egli
pubblicò tutti in Napoli, comandando, che fossero esattamente eseguiti.
Stabilì da poi egli diversi altri provvedimenti, onde diede molte norme
a questo Tribunale intorno alla vigilanza dell'esazione.

Ordinò, che le cause appartenenti al Fisco, o dove quello avesse
interesse, si trattassero in Camera, e che gli altri Tribunali
dovessero prestargli, occorrendo, ogni ajuto. Che al Fisco non fosse
limitato il tempo di ricomprare. Che non si cavasse oro, nè argento
dal Regno. Che la moneta fosse di giusto peso, e che si rifacesse
la logora, acciò non venisse meno, e vietò, che s'estraesse dal
Regno; ed oltre molti altri regolamenti; che si leggono impressi
nelle nostre Prammatiche ed altrove, invigilò, che i ministri, che
doveano regger questo Tribunale, fossero i più dotti, i più integri,
i più probi, ed indefessi de' suoi tempi. Per ciò leggiamo nel suo
governo essere stati preposti a questo Tribunale per Luogotenente
un Bartolommeo _Camerario_, e per Fiscale un Antonio _Baratucci_,
Giureconsulti, siccome diremo al suo luogo, i più insigni di que'
tempi, ed i più dotti e diligenti. E fu cotanto il zelo ch'ebbe questo
Vicerè, e la vigilanza che teneva sopra questo Tribunale, e sopra i
Ministri di quello, che una delle cagioni, per le quali il Toledo si
mostrò poi poco amorevole del _Camerario_, fu che costui, mentre era
Luogotenente, andando spesso a villeggiare a Somma, avendogli il Vicerè
ammonito, che non conveniva ad un Ministro, a cui stava appoggiata
carica sì laboriosa, allontanarsi dal suo Tribunale, egli avendogli
replicato, che maggior inconveniente era ad un Vicerè lasciar Napoli,
e sollazzarsi a Pozzuoli, come spesso faceva il Toledo, se l'alienò
in maniera per questa indiscreta risposta che lo fece cader anche
dalla grazia di Cesare; donde, come diremo, nacque il principio della
sua ruina. Ed in fine diede l'ultima mano al maggior decoro di questo
Tribunale, quando nell'anno 1537, levatolo dalla Casa del Marchese del
Vasto, dove si reggeva, come a Gran Camerario, lo collocò con tutti gli
altri nel Castel Capuano.


§. III. _Riforma del S. C. di Santa Chiara._

Non meno alle cause criminali e del Fisco, che a quelle civili de'
privati badò questo Ministro, che si amministrasse esatta e spedita
giustizia, e con maggior decoro, non meno de' Ministri, che del
Tribunale. Reggevasi a' suoi dì questo Tribunale nel Chiostro di S.
Chiara, e ristretto in una sola stanza, non faceva che una Ruota: per
ciò sovente leggiamo nelle decisioni di Matteo degli Afflitti, che
talora essendosi votata qualche causa con uniformi voti, soleasi dire,
che quella fossesi decisa _per totum_ S. C. non già che per esser
_tutto_, si dovessero unire, come si fa ora, tutti gli Consiglieri
dell'altre Ruote, ma perchè tutti risedevano in una Ruota. Questo
Ministro per la più facile e pronta spedizione delle cause, ordinò,
che dovessero dividersi, e formare due Ruote, ciascuna delle quali nel
medesimo tempo trattasse le sue cause, e che il Presidente soprastasse
ora ad una, ora ad altra, secondo la gravità dell'affare che si
trattasse.

Rilusse in tempo del suo governo questo Tribunale per lo famoso _Cicco
Loffredo_, che vi presideva, e per tanti insigni Consiglieri, che lo
componevano, fra' quali tennero il vanto Giovanni Marziale, Antonio
Capece, Antonio Barattuccio, Giovan-Tommaso Minadoi, Scipione Capece,
Marino Freccia, ed alquanti altri, de' quali il Toppi tessè lungo
Catalogo[2]. In fine gli diede maggior splendore, quando toltolo dai
brevi chiostri di S. Chiara, l'unì con gli altri in luogo più decoroso
ed illustre, come nel Castel Capuano.


§. IV. _Unione di tutti i Tribunali nel Castel Capuano._

Ancorchè molte delle riferite Prammatiche e regolamenti, siccome
eziandio questa unione de' Tribunali, non si facessero dal Vicerè
Toledo ne' principj del suo governo, ma nel corso di quello, e
quest'unione non prima dell'anno 1537, dopo aver ingrandita e abbellita
la Città, e dopo tante altre sue famose gesta, che si diranno in
appresso; nulladimeno per non tornar di nuovo a parlare di quanto
questo Ministro adoperò per riforma de' Tribunali e della giustizia,
abbiam riputato in questo luogo collocarle tutte insieme, perchè in
uno sguardo si vegga, quanto in questa parte egli valesse, ed avesse
superati gli altri Vicerè suoi predecessori.

Tornato che fu egli da Puglia, ove diede vari provvedimenti per
riparare le spesse incursioni de' Turchi in quelle marine, come diremo,
cominciò ad edificare un Palazzo, dedicandolo alla Giustizia, nel luogo
ov'era il Castel Capuano, ridotto allora a Casa privata di delizie,
non come era prima per abitazione Reale. Riordinò le logge in forma di
ben grandi sale, e fecevi molte ampie e numerose camere sufficienti a'
Tribunali, che vi dovea unire.

In questo Palazzo vi chiuse tutti i Tribunali di giustizia: quel del S.
C. della Regia Camera della Summaria, della G. C. della Vicaria, della
Bagliva, e della Zecca. Vi s'affaticò molto per ridurre a fine questa
grande impresa, alla quale fu anche stimolato, come molti credettero,
dalla poco buona corrispondenza, che il Toledo avea allora col Marchese
del Vasto; poichè con tal occasione veniva a levarsi dalla sua Casa il
Tribunal della Camera Summaria, dove, come Gran Camerario, era sempre
dimorato.

Fecevi nelle lamie di sotto del palazzo costruire anche le carceri, e
fece ivi portare a cento e ducento tutti i prigioni, ch'erano nella
Vicaria vecchia, e tutti quegli, che stavano in diverse carceri
racchiusi.

Ordinò, che in questo Palazzo alloggiassero il Presidente del S. C.,
il Luogotenente della Summaria, ed il Reggente della Vicaria, con un
Giudice criminale.

Non si può esprimere quanta comodità portasse quest'unione a'
negozianti, che quando prima doveano andar a tante parti della Città,
ove stavano dispersi, ora ridutti tutti in quel Castello, con facilità
spedivano i loro affari. Apportò ancora altre comodità, poichè
quella contrada era prima poco men che disabitata, ed ora si rese
frequentatissima e popolata.

Potè ancora, ridotti tutti i Tribunali insieme, stabilire, come fece,
che due Consiglieri ordinari del S. C. presidessero come Giudici
criminali in Vicaria, affinchè come uomini di più esperienza, acciò la
giustizia non patisse dimora, attendessero alla spedizione delle cause.
Stabilì, che ogni Sabato il Tribunale della Vicaria fosse visitato da
uno de' Reggenti suoi Collaterali; ed a questo fine della più pronta
spedizione delle cause e della giustizia, limitò le feste di vacanza,
riducendole al manco che fosse possibile.


§. V. _Ristabilimento della giustizia nelle Province del Regno, e nelle
loro Udienze._

Non bastava a questo prudentissimo Ministro aver rialzata la giustizia
ne' Tribunali della Città Metropoli, bisognava, che lo stesso si
facesse nelle Province, onde si compone il Regno, e nelli loro
Tribunali.

Incominciò dagli Ufficiali, che li reggevano: ordinò per tanto che non
meno gli Auditori che i Presidi fra quaranta giorni dessero Sindicato.
Vietò sotto gravi pene agli Ufficiali Provinciali di prender cosa
alcuna di commestibile, quando per negozj a loro commessi andavano per
le Province.

Che nelle Province non si dasse esecuzione ad alcun ordine, prima
di notificarlo a' Governadori. Che le provvisioni de' Tribunali non
avessero bisogno dell'_Exequatur_ delle Regie Audienze.

Che quelli, che ottengono il privilegio di Cittadini Napoletani,
abitando nelle Terre di dette Province, portassero ancora il peso di
quelle.

Che tutte le scritture fatte fuori del Regno non s'eseguissero senza
licenza del Vicerè; e diversi altri provvedimenti vi diede, che sono
additati nella suddetta _Cronologia_ fra le Prammatiche, che da questo
Vicerè furono in vari tempi stabilite.



CAPITOLO II.

_Spedizione dell'Imperadore CARLO V in Tunisi: sua venuta in Napoli; e
di ciò che quivi avvenne nella sua dimora e ritorno; e quanto da alcuni
Nobili si travagliasse per far rimuovere il TOLEDO dal governo del
Regno._


Intanto l'Imperador Carlo V, avendo racchetati, se non come volle, come
potè meglio, i moti della Germania per la nuova eresia di Lutero, ed
essendosi ritirata l'armata di Solimano da Ungheria in Constantinopoli,
vedendo che non vi era più che temere in quel Regno, deliberò partir
da Vienna, ove dimorava, per Italia, per indi poi passare in Ispagna, e
nel cammino abboccarsi col Papa, siccome glie lo avea fatto intendere.
Partì per tanto a' 4 d'ottobre dell'anno 1532 colla fanteria Spagnuola
e la Cavalleria, lasciando la fanteria Italiana sotto il comando di
Fabrizio Maramaldo per li bisogni, che potessero occorrere al Re de'
Romani suo fratello[3]. Giunse Cesare in Mantoa a' 8 di novembre, ed
abboccatosi col Papa in Bologna, (dove scoperse, che il Pontefice
col nuovo parentado, avea col Re di Francia stretta anche una gran
lega) coll'armata d'Andrea Doria, che a questo fine avea richiamato da
Levante, passò in Ispagna, approdando in Barcellona nel mese d'aprile
del nuovo anno 1533 ove fermossi.

Ma non potè quivi molto godersi della sua quiete; poichè l'Imperador
Solimano avendo creato suo Ammiraglio il famoso Barbarossa, celebre
Corsaro di mare, gli avea dato il comando d'un'armata di 80 Galee,
per rimettere Ariendino Barosso, da altri chiamato Moliresetto, nella
possessione del Regno di Tunisi, e scacciarne Muleasser suo fratello,
e nel passaggio assaltare la Sicilia e la Calabria. Ed in effetto
nella primavera del seguente anno 1534, apparecchiandosi alla venuta,
ed uscito da' suoi Porti, passò poi nella fine di luglio il Faro di
Messina dove brugiò alcune navi, e approdato in Calabria, saccheggiò
S. Lucido, senza lasciarvi persona. Brugiò il Cetraro de' Monaci
Cassinensi, con sette Galee, che ivi si facevan fabbricare dal Toledo:
e passando a vista di Napoli, con più paura che danno della Città,
mise la sua gente in terra nell'isola di Procida, saccheggiando quella
Terra. Nè contento di questo, assaltò poi all'improvviso Sperlonga,
facendo quivi moltissimi schiavi, e mandò gente per insino a Fondi
per sorprender D. Giulia Gonzaga, e presentarla a Solimano, la quale
per la gran fama della sua bellezza sparsasi da per tutto, era venuta
anche in desiderio a quel gran Signore. Fondi fu saccheggiata, e D.
Giulia appena ebbe tempo di salvarsi quella notte sopra un cavallo
in camicia, come si trovava[4]. Allora fu, che i Napoletani per
reprimere tant'orgoglio di Barbarossa, e liberar le marine del Regno
dall'invasione de' Turchi, ragunati in pubblico Parlamento, a' 20
agosto, nel Monastero di Monte Oliveto, fecero un altro donativo a
Cesare di ducati centocinquantamila, pagandone i Baroni cinquantamila
e gli altri cento il Regno[5].

La medesima disgrazia intervenne a Terracina, con tanto timor della
Corte di Roma e de' Romani, che si credette, che se fossero andati
innanzi, sarebbe stata abbandonata quella Città. Il Pontefice Clemente,
che trovavasi allora gravemente travagliato con dolori di stomaco, non
potendo più resistere all'infermità, finì i suoi giorni il vigesimo
quinto di settembre di quest'anno 1534.

Morto lui i Cardinali la notte medesima, che si serrarono nel Conclave,
elessero tutti concordi in Sommo Pontefice Alessandro della Famiglia
Farnese, di Nazione Romano, d'età di 67 anni, Cardinal il più antico
della Corte, ed uomo ornato di lettere, e d'apparenza di costumi.
Furono in Roma fatte gran feste, per la letizia immensa, che n'ebbe
il Popolo Romano, di vedere dopo 103 anni, e dopo tredici Pontefici,
sedere in quel trono un Pontefice del Sangue Romano. Fu eletto li 13
d'ottobre, e coronato li 3 di novembre, e chiamossi _Paolo II_.

Intanto Barbarossa, voltando le prore indietro navigò verso Tunisi,
ed avendo con inganno sorpresa quella Città, ne scacciò Muleasser, e
ripose nel Regno Barosso, e fortificatolo ivi, fortificò parimente la
Goletta, e vi pose buon presidio di Mori.

Considerando perciò Cesare, che se Solimano si impadronisse di quel
Regno, passando sotto un Principe cotanto formidabile, sarebbe stato
origine della destruzione del Regno di Sicilia e di Napoli, e di tutte
le riviere del Mediterraneo insino alle Colonne d'Ercole, determinò
sturbare il suo disegno; onde s'accinse per andare egli in persona a
quella impresa. Spedì ordini per tutti i suoi Regni per arrolar gente;
ed in Napoli per tutto quell'inverno non s'attese ad altro, che a
questi apparecchi. Il Toledo fabbricò una Galea a sue spese per dar
esempio agli altri, e fu imitato da molti. Il Principe di Salerno, il
Principe di Bisignano, il Duca di Castrovillari, il Duca di Nocera,
il Marchese di Castelvetere, e l'Alarcone Marchese della Valle, a loro
spese, fecero lo stesso. Moltissimi Baroni e Cavalieri, sentendo, che
a quest'impresa avea da venire in persona l'Imperadore, tutti si misero
in ordine[6].

Entrato il nuovo anno 1535, ne' primi buoni tempi della primavera, il
Marchese del Vasto, ch'era andato a Genova ad abboccarsi, per ordine
dell'Imperadore col Principe Doria, tornò a Napoli con molte Galee
e grosse Navi, e molta gente. Il Papa ajutò anche l'espedizione,
ed avendo creato Generale della Chiesa Virginio Orsino, gli diede
il comando di ventidue Galee, le quali parimente nel mese di maggio
giunsero al Porto di Napoli.

Sopra queste navi fu imbarcata in Napoli molta gente: il Vicerè Toledo
vi mandò due suoi figliuoli D. Federico e D. Garzia, natigli dalla
Marchesa di Villafranca sua moglie, che nel precedente anno 1534 a' 24
maggio era di Spagna arrivata a Napoli: vi si imbarcarono il Marchese
del Vasto, il Principe di Salerno, D. Antonio d'Aragona figliuolo
del Duca di Montalto, il Marchese di Laino, li Marchesi di Vico, e
di Quarata, li Conti di Popoli, Novellara, di Sarno e d'Anversa,
Scipione Caraffa fratello del Principe di Stigliano, D. Diego de
Cardines fratello del Marchese di Laino, Cesare Berlingiero, Baldassar
Caracciolo, Biase di Somma, Cola Toraldo, Costanzo di Costanzo, ed
altri[7]. Partirono a' 17 maggio alla volta di Palermo, dove raccolte
più navi e gente, s'ancorarono a Cagliari. Sopraggiunse in questa
città l'Imperadore alli 11 giugno con le Galee d'Andrea Doria, e di D.
Alvaro Bazan, Generale della squadra di Spagna, ed in esse quasi tutta
quella Nobiltà; ed a' 13 del medesimo mese fece vela tutta l'armata
numerosissima di 300 vele, da Cagliari alla volta d'Affrica, dove con
prospero vento giunse in tre giorni.

Presa terra a Porto Farina, Cesare diede il baston di Generale al
Marchese del Vasto, con ordine, che tutti l'ubbidissero. Fu investita
la Goletta, ed a' 4 luglio con gran travaglio e morte di molta gente
fu quella presa. I Napoletani si portarono con molto valore; ed
il Principe di Salerno Generale della fanteria Italiana si segnalò
notabilmente: vi morirono il Conte di Sarno e Cesare Berlingiero, il
Conte d'Anversa, Baldassar Caracciolo, Costanzo di Costanzo, Ottavio
Monaco ed altri Napoletani. Fu anche presa Tunisi, cacciato Ariendino
Barosso, fugato Barbarossa, e riposto dall'Imperadore nell'antico
Seggio di quel Regno Muleasser, facendolo suo Tributario, obbligandosi
mandargli per tal effetto ventimila scudi d'oro l'anno e sei cavalli
moreschi.

Non mancò, chi giudicasse questa spedizione di Carlo con tanto apparato
di guerra aver avuto infelice ed inutile successo per poco consiglio di
Cesare, il quale potendosi far assoluto Signore di quel Regno, stimato
da lui cotanto opportuno per salvar dall'incursione de' Turchi i Regni
di Sicilia e di Napoli, e tutte le riviere del Mar Mediterraneo, avesse
con renderselo sol tributario voluto lasciarlo al Re Muleasser. E
Tommaso Campanella in que' suoi fantastici discorsi sopra la Monarchia
di Spagna, non lascia per ciò di biasimarlo, e l'evento dimostrò,
essere questa impresa stata affatto inutile, e senz'alcun profitto;
poichè in discorso di tempo, mal soddisfatti i Tunisini del governo
di Muleasser, aderirono ad Amida suo figliuolo, il quale aspirando al
paterno Reame, non tralasciava l'occasioni di tendergli insidie: di
che il Re insospettito, con imprudente consiglio, prese risoluzione
di partirsi di Tunisi, e venire in Napoli per domandar soccorso ed
ajuto dal Vicerè Toledo. Appena egli partito, Amida coll'ajuto degli
Arabi, e di alcuni principali Mori, occupò il Regno: di che avvisato
Muleasser affrettò il cammino verso Napoli, dove giunto nell'anno
1544, e ricevuto dal Vicerè con dimostrazioni reali, attese ad assoldar
gente; ma non potendosi unirne tanta quanta il bisogno richiedea, il
Toledo non tralasciò d'ammonirlo, che l'impresa dovea riuscirgli di
grandissimo pericolo; poichè, se per riacquistare poc'anzi quel Regno,
fu duopo che l'Imperadore stesso con grossa armata e forte esercito vi
si adoperasse, quale speranza poteva aver egli in quei pochi soldati,
che s'erano uniti, il cui numero non erano più di dumila? Ma il Re
lusingato dalla fede che credeva durare in alcuni suoi Governadori,
volle partire, e giunto alla Goletta, fidandosi nelle parole d'alcuni
Mori, che con inganno gli dissero, che Amida era fuggito da Tunisi, si
mosse con gran fretta a quella volta, dove, appena essendo comparso, fu
assalito dal figliuolo, che ruppe il suo esercito, e rimaso prigione,
lo fece barbaramente accecare. Così si perdè tutto, ed il Vicerè
per tal nuova ebbe dispiacere grandissimo, considerando il danno,
che da tal perdita avea da succedere al Regno: siccome fu, perchè
perpetuamente restò esposto alle prede ed incursioni di que' barbari
corsari.


§. I. _Venuta di Cesare in Napoli._

Disbrigato l'Imperadore dall'impresa di Tunisi, e lasciata fortificata
la Goletta con presidio di Spagnuoli, ed in Tunisi Muleasser reso
suo tributario, a' 17 agosto partì con tutta l'armata per Sicilia.
Il Marchese del Vasto, ed i Principi di Salerno e di Bisignano,
coll'occasione di questo ritorno, fecero grand'istanza a Cesare, che
venisse a Napoli a dimorarvi qualche mese per vedere la bellezza di
questa Città, ed onorarla colla sua presenza. Eran, fra gli altri
stimoli, mossi costoro a desiderar la sua venuta in Napoli, perchè
disgustati col Toledo per cagione del suo rigoroso governo, col quale
teneva abbassata la Nobiltà, potessero con tal congiuntura indurre
Cesare a rimoverlo. L'Imperadore si risolse venire, e giunto ai 20
agosto a Trapani, indi dopo un mese a Palermo, venne poi a Messina.
Passato il Faro si portò a Reggio, e traversando le Calabrie e
Basilicata, dove dalli Principi di Bisignano e di Salerno, siccome
da tutti que' Baroni per li cui Stati passava, gli furono resi onori
grandissimi, giunse a' 21 di novembre a Pietra Bianca, luogo tre miglia
lontano da Napoli.

Entrò poi a' 25 di novembre giorno dedicato a Santa Catarina, con gran
trionfo e celebrità, in Napoli; fu incontrato dalla Città e Clero, e da
infinito numero di Baroni, con gran concorso del popolo. La celebrità
ed apparati di quest'ingresso, le precedenze, l'ordine tenuto, le
pompe, furono descritte con tanta esattezza e minuzia da molti Autori,
che omai se ne trova scritto più di quel che converrebbe. Gregorio
Rosso, che si trovava Eletto del Popolo, quando entrò Cesare a Napoli,
ed ebbe gran parte in questa celebrità, le descrisse minutamente ne'
suoi Giornali. Il Summonte e tanti altri ne empirono più carte; onde ci
rimettiamo in ciò alle Istorie loro.

Non è però da tralasciare ciò che rapporta il Rosso con tal occasione
della venuta di Cesare a Napoli; della pretensione, che mossero i
Titolati del Regno di covrirsi innanzi a lui.

In Ispagna questa prerogativa è riputata la maggiore. I Baroni che si
cuoprono sono Grandi, e coloro a' quali il Re ciò concede, divengono
Grandi di Spagna, onore sopra tutti gli altri grandissimo. I nostri
Re di Napoli non costituirono la grandezza de' loro Baroni in fargli
coprire innanzi di loro, ma ne' titoli di Principi, di Duchi e negli
Ufficj della Corona; ed i Titolati tutti innanzi al Re si coprivano.

Coll'occasione d'essersi negli anni precedenti portato Cesare in
Bologna a coronarsi, essendo accorsi ivi molti Titolati del Regno,
Carlo ne fece alcuni coprire ma non tutti; fra gli altri fece coprire
il Principe di Salerno, il Marchese del Vasto ed il Marchese di
Laino[8]; ma poichè questo accadde fuori del Regno, era in suo arbitrio
far poi ciò che egli voleva.

Ma giunto ora in Napoli, dove come Re di Napoli era stato ricevuto,
pretesero tutti i Titolati del Regno di covrirsi, e d'essere trattati
ed onorati, come facevano gli altri Re di Napoli predecessori di Carlo.
S'allegava ancora un forte esempio del Re Cattolico, il quale, quando
venne a Napoli, fece covrire In sua presenza tutti i Titolati.

Con tutto ciò l'imperadore non volle farlo; poichè trovandosi
introdotto a' suoi tempi, che gli Spagnuoli questa prerogativa l'avean
resa cotanto sublime, che se ne costituì il Grandato di Spagna, dignità
sopra tutte le altre divenuta insigne, e che non si dava se non a'
primi Signori e grandi Capitani, impedirono perciò, che Cesare, per non
avvilirla, facesse tutti covrire.

Narra il Rosso, che il primo, che si pregiudicò a star discoverto
innanzi all'Imperadore, fu il Marchese della Tripalda, l'esempio del
quale fu poi seguitato dagli altri, i quali per non dimostrare di non
volere per ciò seguitare il Padrone, se ne stavano scoverti.

Ma quello, di che i Titolati più s'offesero dell'Imperadore, fu il
dispiacere che lor diede, di far con parzialità covrire alcuni ed
altri no, così in Napoli, come in varie parti del Regno. Si covrirono
i Principi di Squillace e di Sulmona, i Duchi di Castrovillari e di
Nocera, li Marchesi di Castelvetere e di Vico ed il Conte di Conza.
Ben potè essere, che ne facesse covrir altri; ma il Rosso testimonio di
veduta, narra non saper egli più di questi, oltre al Duca di Montalto
disceso da' Re, al Principe di Bisignano, a cui l'imperadore avea anche
dato il Toson d'oro, ed a coloro, i quali s'erano coverti in Bologna e
negli altri luoghi fuori del Regno, che tutti parimente si coprirono.

L'uso di Spagna era, che chi si copre una volta avanti il Re, si copre
sempre; ma di questi Signori, che come Titolati si erano coverti nel
Regno, dice questo Scrittore, che non si sapeva, se fuori del Regno
l'Imperadore l'avrebbe fatti covrire.

Finite le pompe e celebrità dell'ingresso e del giuramento dato da
Cesare nel Duomo per l'osservanza de' privilegj e grazie concedute da
Re predecessori alla Città e Regno, l'Imperadore dimorando nel Castel
Nuovo, luogo destinatogli per sua abitazione, con grande umanità
cominciò a dar udienza a tutti, sentendo le querele e le lamentazioni
di ognuno, particolarmente delle Terre del Regno contra i Baroni loro;
e volendo una Domenica, che fu a' 28 di novembre calare alla Capella
Regia del Castello, insorse una nuova contesa di precedenza; poichè nel
sedere in quella, pretesero i Signori Grandi di Spagna, e quelli, che
s'erano coverti fuori di Spagna a quell'uso, che dovessero precedere
a tutti. All'incontro i Titolati di Napoli pretendevano, che il sedere
dovesse regolarsi all'usanza di Napoli, dove i Titolati precedevano a
tutti; l'Imperadore per toglier ogni briga, ordinò, che affatto nella
Cappella non si ponessero sedili, e tutti coloro, che ci vennero, fece
stare in piedi[9].

Fu dal Toledo trattenuto l'Imperadore in Napoli in continue feste,
giuochi, tornei, giostre e conviti. La Città si vide ornata allora di
personaggi assai illustri; oltre i Signori spagnuoli, il Duca d'Alba ed
il Conte di Benevento e gli altri Signori e Principi del nostro Regno,
i Capitani più famosi e gli altri forastieri di conto, che vennero ad
inchinarsi a Cesare, il Duca d'Urbino, il Duca di Fiorenza, Pier Luigi
Farnese, figliuolo di Paolo III, quattro Ambasciadori de' Vineziani
e D. Ferrante Gonzaga Principe di Molfetta. Ci vennero ancora in
quest'occasione li Cardinali Caracciolo, Salviati e Ridolfi, e vi saria
anche venuto il Cardinale Ippolito de' Medici, se per strada non moriva
in Itri; e trovossi ancora in quel tempo in Napoli D. Francesco da Este
Marchese della Padula. Ma ciò, che la rendeva più augusta e superba,
fu l'adunamento in quest'occasione delle più illustri Dame, fregiate
della più rara beltà e d'altre eccellentissime doti e maniere. Eravi
D. Maria d'Aragona Marchesa del Vasto, donna di singolar bellezza,
di real presenza, e d'ingegno e di giudicio incomparabile, e quasi al
par di lei D. Giovanna d'Aragona sua sorella moglie d'Ascanio Colonna:
D. Isabella Villamarino Principessa di Salerno: D. Isabella di Capua
Principessa di Molfetta moglie di D. Ferrante Gonzaga: la Principessa
di Bisignano: D. Isabella Colonna Principessa di Sulmona: D. Maria
Cardona Marchesa della Padula moglie di D. Ferrante da Este: D.
Clarice Ursina Principessa di Stigliano: la Principessa di Squillace:
D. Roberta Caraffa Duchessa di Maddaloni, sorella del Principe di
Stigliano: D. Dorodea Gonzaga Marchesa di Bitonto: D. Elionora di
Toledo figliuola del Vicerè; e molte altre grandi Signore e Titolate
del Regno. Eravi ancora la famosa Lucrezia Scaglione, la quale ancorchè
non titolata per la sua estrema bellezza, audacia e valore, era sopra
tutte le altre commendata.

Ma mentre l'Imperadore in continui conviti e giuochi si sollazzava
in Napoli, gli venne avviso della morte di Francesco Sforza Duca di
Milano, il quale non avendo di se lasciati figliuoli, decaduto il
Ducato all'Imperadore, mandò Antonio di Leva a prenderne il possesso,
creandolo Governadore di quello Stato. Ciò che fe' accelerare nuove
cagioni di disgusto e di rinovar nuove guerre, e contese con Francesco
I Re di Francia, il quale avuto anch'egli l'avviso di questa morte,
immantenente avea data commessione al suo Ambasciadore che teneva
presso l'Imperadore, di dimandare a Cesare da sua parte il Ducato
di Milano per doversene investire il Duca d'Orleans: di che turbato
l'Imperadore, nè dandogli risposta aggradevole, intese poco da poi,
che il Re di Francia trattava di movergli guerra; e di vantaggio, che
oltre la pretensione promossa per lo Ducato di Milano, avea protestata
la guerra al Duca di Savoia, suo Cognato, con disegno d'invadere il
Piemonte; ed ancorchè apparentemente in Napoli non si tralasciassero
le feste ed i conviti, nientedimeno non mancava l'Imperadore di pensar
seriamente alla guerra, che fra breve avrebbe dovuto fare contra a quel
Re: ed a disporsi a partire da Napoli per Lombardia, ed altrove, dove
cose maggiori lo richiamavano.


§. II. _Il MARCHESE DEL VASTO, ed il PRINCIPE DI SALERNO con altri
Nobili procurano la rimozione del TOLEDO dal governo del Regno._

Ma nella fine di quest'anno si cominciarono a stringere e palesare le
negoziazioni, che finora s'eran tenute occulte, del Marchese del Vasto,
e del Principe di Salerno, con altri Nobili contra il Vicerè per farlo
rimovere dal governo di Napoli. Questo concerto erasi maneggiato fin
da che Cesare era in Sicilia, e nel viaggio, tanto il Marchese, quanto
il Principe non mancarono di far efficacemente le parti loro, con
dipingere il suo governo per troppo aspro e rigoroso, e non confacente
a quel Regno, insinuandogli che dovesse levarlo; ma questi ufficj
niente valsero, sapendo Cesare onde veniva la cagione di tal odio,
e di quelli n'era stato anche ben avvisato il Toledo; poichè giunto
l'imperadore a Napoli, veduto il Vicerè, narrasi, che gli dicesse:
_Siate il ben trovato Marchese; e vi fo sapere, che non state tanto
grasso, come mi è stato detto_. Al che sorridendo il Vicerè facetamente
rispondesse: _Signore, io so bene che V. M. abbia inteso, che io sia
divenuto un mostro, però non son tale_. Non tralasciarono ancora di
muovere alcuni popolari, perchè col pretesto di due gabelle imposte,
e del suo rigore, chiedessero a Cesare, che lo rimovesse; ed aveano
già tirato dal lor canto _Gregorio Rosso_, Eletto del Popolo, il quale
perciò ne' suoi Giornali non molto favorisce il Toledo, e non mancò di
far le parti sue; poichè egli stesso racconta, che ai 26 novembre di
quest'anno 1535 fu fatto chiamare dall'Imperadore, da cui fu domandato
delle condizioni del Popolo Napoletano, e che cosa avrebbe potuto fare
in beneficio del medesimo. La sua risposta fu, ch'era fedelissimo,
ed amantissimo della sua Corona, e che per mantenerlo soddisfatto
e contento non ci bisognava altro, che mantenerlo abbondante, senza
angaria, e che ogni uno mangi al piatto suo, con la debita giustizia, e
che stava per ultimo assai risentito e disgustato, per le nuove gabelle
poste dal Vicerè. Questa giunta, com'egli stesso dice, fu cagione,
che il giorno seguente fosse levato d'Eletto, e rifatto in suo luogo
_Andrea Stinca_ Razionale di Camera, persona dipendente dal Vicerè.

Ma non perciò s'arrestarono i suoi rivali. Nel principio del nuovo anno
1536, Carlo per ricavar qualche frutto dalla sua venuta in Napoli, fece
agli 8 di quel mese intimare un Parlamento nella Chiesa di S. Lorenzo,
ove in sua presenza ragunati i Baroni e gli Ufficiali del Regno, espose
egli di sua propria bocca i bisogni della Corona, e che per sicurezza
del Regno e per le nuove guerre, che se gli minacciavano dal Turco e
dal Re di Francia, bisognava sovvenirlo. Il giorno seguente ragunati
di nuovo i Baroni, conchiusero in onore di Cesare, senza misurar le
forze del Regno, più tosto per vanità e fasto, che per altro, di fargli
un donativo di un milione e cinquecentomila ducati, donativo in niun
tempo, nè in Napoli, nè altrove, giammai inteso e così sorprendente, e
di somma cotanto immensa ed esorbitante, che l'istesso Cesare, vedendo
l'impossibilità dell'esazione, bisognò, che loro facesse grazia di
rimetterne ducati cinquecentomila, e contentarsi d'un milione[10].

Si giuntarono spesso i Deputati in San Lorenzo per trovare il modo
della soddisfazione, e si determinò, che dovessero pagare i Baroni tre
adoe, ed il rimanente i popolari. Parimente s'unirono per consultare
quali altre nuove grazie e privilegi dovessero, in ricompensa di
tanta profusione, cercare a Cesare. Se ne concertarono molte, e
perchè questa Deputazione era maneggiata da Nobili, si pensò con
tal opportunità chiedere a Cesare la remozione del Vicerè. Ma perchè
dimandandogliela alla svelata, oltre al poco decoro del Ministro, eran
certi di riceverne una ripulsa; fu proposto fra le cose principali, di
dimandare in grazia all'imperadore di far rimuovere tutti i Ministri,
così maggiori, come minori, per includervi con ciò anche tacitamente il
Vicerè. A questa proposizione per se stessa imprudentissima, ancorchè
vi concorressero la maggior parte de' Deputati Nobili, si opposero
il Duca di Gravina, il Marchese della Tripalda, Cesare Pignatello e
Scipione di Somma. Ma sopra tutti fortemente ripugnarono Andrea Stinca
Eletto del Popolo, e Domenico Terracina, che, per essere stato Eletto
negli anni precedenti, era stato fatto anche Deputalo del Popolo. Per
ciò non si conchiuse niente, e furonvi gravi contese tra 'l Marchese
del Vasto e Scipione di Somma, che vennero fra di loro sino a parole
ingiuriose e piene di contumelie[11].

Mentre che queste cose si dibattevano in S. Lorenzo, l'Imperadore si
tratteneva in quel Carnovale in feste, giuochi e maschere; ed una sera
accompagnandolo il Marchese del Vasto, mentre si ritirava al Castello,
postosegli vicino, gli esagerò per molte ragioni quanto compliva al
suo servizio di levare il Toledo dal governo di Napoli; ma comprendendo
dalle risposte dell'Imperadore, che avea poca voglia di levarlo, prese
resoluzione di non andar più alla Deputazione a San Lorenzo, ma andarlo
sol servendo nelle feste e giuochi, che ogni giorno si facevano.
Ciò che riuscì di gran servizio del Vicerè, perchè non venendo alla
Deputazione più il Marchese, s'intepidì il suo partito; anzi l'Eletto
Stinca ed il Deputato Terracina, sapendo gli ufficj fatti dal Marchese
con Cesare contra il Toledo, andarono a parlare all'Imperadore, e
introdotti, l'Eletto Stinca cominciò ad esagerare a Cesare, che i
Nobili intanto si sforzavano far ogni opra con S. M. perchè rimovesse
il Toledo, perchè sono stati sempre soliti di opprimere e vilipendere
il Popolo: che la loro insolenza era giunta a tanto, che maltrattavano
non solo il Popolo Napoletano, ma i Capitani di guardia ed i Ministri
di Giustizia: che tenendo uomini facinorosi ne' Portici delle loro
Case, non temevano perseguitare molti, con straziarli ed insin ad
uccidergli: toglievano a forza dalle mani della giustizia i ribaldi,
ritenevano nelle loro case uomini facinorosi: i poveri artigiani non
erano pagati delle loro fatiche, anzi con ingiurie e ferite malmenati;
ma ora, che il Toledo avea estirpate queste tirannidi, con aver riposta
la giustizia al suo luogo, per ciò i Nobili si movevano a rifiutarlo;
che se sarà levato, tosto si tornerebbe all'antiche depressioni ed
abusi.

Queste parole, che trovarono l'animo ben disposto di Cesare, lo
fecero maggiormente confermare nella opinione di non rimoverlo; laonde
certificato del vero, acciò non rimanesse in cos'alcuna macchiata la
riputazione di quel Ministro, volle che per mezzo suo, anche stando
egli in Napoli, tutto si facesse, e per le sue mani passassero tutti
gli affari più gravi, e ricolmollo di più favore, che prima. E poco da
poi, affrettandosi tuttavia il suo ritorno, nel partir poi da Napoli
per Roma, lo lasciò con maggior autorità di prima. E con ciò terminata
la Deputazione in S. Lorenzo, non si pensò più a questo, ma concertati,
e conchiusi 31 Capitoli e Grazie, che si doveano cercare a Cesare
per la Città di Napoli, e 24 altre in beneficio d'alcune province e
particolari, furono quelle dall'Imperadore nel nuovo Parlamento, che
in sua presenza si tenne a S. Lorenzo, a' 3 di febbrajo di quest'anno,
concedute, le quali ora si leggono infra i Capitoli della Città e Regno
di Napoli, conceduti dagli altri Re suoi predecessori[12].



CAPITOLO III.

_Il TOLEDO rende più augusta la Città con varj provvedimenti: suoi
studi per renderla più sana e più abbondante. Lo stesso fa in alcune
città e lidi del Regno, onde cinto di molte Torri potesse reprimere
l'incursioni del Turco._


Partì l'Imperadore da Napoli a' 22 di marzo di quest'anno 1536 per
la volta di Roma, per indi passare in Lombardia, e portarsi da poi in
Ispagna; ed avendo lasciato al governo di Napoli il Toledo con maggiore
autorità di prima, costui parimente con maggior grandezza d'animo e
sicurezza riprese il governo

Fece proseguire con maggior fervore i vasti disegni concepiti per
maggiormente aggrandire ed abbellire la città di Napoli; acciocchè
con maggior ragione le convenisse il titolo di Metropoli e Capo
d'un sì vasto Regno; onde pose in opra tutta la sua splendidezza
e magnificenza. Le opere fur fatte in diversi tempi, ma per non
interrompere il racconto, le collocheremo sotto gli occhi tutte
insieme. Avea egli prima proposto di far drizzare e mattonare le torte
e fangose sue strade, e risarcire le sue mura; ma poichè l'entrate
della Città non erano a ciò sufficienti, fu d'uopo pigliar espediente
di ponere a questo fine una nuova gabella, e tenuti nella Città sopra
ciò più consigli, fu conchiuso nel 1533, che si mettesse un tornese
a rotolo sopra il pesce, carne salata e formaggio[13]. Surse tumulto
fra' popolari, per opra di Fucillo Micone Mercatante di vino per
questa nuova gabella; e sebbene il Toledo con intrepidezza e vigore
avesse represso il tumulto con la morte di Fucillo e degli altri
tumultuanti, nulladimeno stimò bene non cominciare allora ad esigerla.
Ma sopraggiunti da poi nell'anno 1535 nuovi bisogni alla Città per
gli appparecchi, che dovean farsi contra Barbarossa, che infestava
le marine del Regno, fu duopo per supplire alle spese, ponere a' 20
marzo di quell'anno una nuova gabella a Napoli d'un denaro per rotolo;
e dovendo, per li bisogni che premevano, quella prontamente esigersi,
con tal occasione proccurò il Vicerè, senza che perciò ne nascessero
più rumori, che s'esigesse non men l'una, che l'altra prima imposta per
la mattonata, la quale infino a quel tempo non s'era ancora esatta.
E da quel dì narra il Rosso[14], si cominciarono a levare le selici,
ch'erano per le strade di Napoli, e si posero i mattoni.

Per la venuta dell'Imperadore, stando gli animi distratti altrove,
s'intermise il lavoro, ma costui partito di Napoli, si proseguì con
maggior fervore. Fece perciò il Toledo, a fin di rendere più bella e
sana la Città, levare molti supportici, che tenevano la Città oscura:
levar tutte le pennate, ch'erano avanti le case e le botteghe: fece
rifar lo cloache, perchè corressero con maggior pendenza al mare: fece
drizzare, ed appianare tutte le strade: e diede animo a' Cittadini, in
modo che ognuno a gara si sforzava d'abbellire le sue case e palagi.
Rese più ampia e forte la Città con allargar più in fuori le sue mura,
così dalla parte di mare, come di terra, e con tanta prestezza che
fu maraviglia; perciocchè in meno di due anni la fece circondare di
un muro grossissimo con terrapieno di dentro e fece edificare dentro
l'acqua il muro della marina; tanto che per questa ampliazione rimase
estinta la memoria delle muraglie, ed antiche porte edificate dal Re
Carlo II e dagli altri Re angioini. Non s'intesero più i nomi di Porta
Don Orso, di Porta Reale antica, di Porta Petruccia, di Porta del
Castello, e di S. Giovanni a Carbonara. Egli racchiuse con le nuove
mura molti edificj, e vi racchiuse anche parte del Monte S. Eramo ed
Echia, chiamato ora Pizzofalcone, tanto che fu ingrandita e magnificata
la Città per due parti più di quella, che prima era[15].

Fece rifar di nuovo il Castel di S. Eramo, rendendolo, secondo l'uso
militare di que' tempi, inespugnabile; poichè oltre il buon presidio e
munizione, la maggior parte d'esso fu fatta di taglio nel proprio monte
di pietra: solo il Palazzo e la Cittadella furon fatti di fabbrica; e
vi fece cavare una cisterna nella pietra del monte istesso di grandezza
sì smisurata, che pareggia alla famosa Piscina mirabile di Baja:
magnifico vestigio ch'è a noi rimaso della grandezza Romana. Fece fare
i suoi fossi cavati nella pietra istessa, con magnificenza ed artificio
tale, che meritamente possono uguagliarsi agli antichi edificj de'
Romani.

Oltre il famoso edificio del Palazzo della giustizia, ove ragunò, come
si è detto, tutti i Tribunali, fece altresì edificare dietro il Castel
Nuovo un regal Palagio con ameni giardini, destinato per abitazione de'
Vicerè, che ora appelliamo _il Palazzo vecchio_, a cagion del _nuovo_
più stupendo e magnifico, che a se contiguo, fece edificar poi il
Vicerè Conte di Lemos, a lato del quale, per renderlo più augusto, fece
fare un'ampia strada, distendendola sino alla nuova Porta Regale, che
ora diciamo dello Spirito Santo, la quale fin al presente ritiene il
suo nome, e strada di Toledo viene perciò chiamata.

Ampliò più del doppio l'Arsenale di quel ch'era prima, e lo ridusse in
tanta grandezza, che gli artigiani vi potevano fabbricare tutto in un
tempo sedici Galee: e trovò modo, che il legname vi si conducesse con
più facilità, e con assai minore spesa di prima.

Ornò la Città di molte fontane pubbliche di marmo, e nella Piazza
della Sellaria ne fece ergere una chiamata l'Atlante, per la sua statua
portante su gli omeri il Mondo, che fu scolpita di mano di Giovanni di
Nola, il più famoso Scultore di que' tempi[16].

Ornolla ancora per costruzione di nuove e magnifiche Chiese ed
Ospedali: nel che, oltre la grandezza del suo animo, veniva anche
spinto dalla sua grande pietà e religione verso le cose sagrate. Egli
fondò lo Spedale, e 'l magnifico tempio dedicato all'Appostolo Giacomo
Protettor delle Spagne, per maggior comodo della Nazione Spagnuola: nel
di cui Coro, ancor vivo, vi fece ergere un famoso Sepolcro di marmo,
che dovea esser depositario delle sue ossa, intagliato con figure
di basso rilievo dal rinomato Scultore Giovanni di Nola. Riedificò
ed ampliò la Chiesa di S. Niccolò alla Dogana. Fece edificare da'
fondamenti l'Ospedale di Santa Maria di Loreto per li fanciulli orfani,
e l'altro di S. Catterina dentro S. Eligio per le femmine. Ma ciò
che servì non meno per maggior lustro e decoro della Città, che della
nostra Religione, fu la diligenza da lui usata perchè le Chiese fossero
ben servite, si riparassero le antiche, l'entrate non andassero a male,
i Preti con decoro attendessero al culto divino ed alle cose sacrate,
e riformò per quanto s'apparteneva a lui la esterior politia di quelle.
Ordinò, che le Chiese, che sono di _jus patronato_ fossero ben servite,
tenute monde e con decoro: fece restituire tutte le loro entrate,
ch'erano da varie persone usurpate. Ordinò, che i Preti dovessero andar
in abito e tonsura, e decentemente vestiti, altramente non avuti per
tali, si castigassero ne' delitti come laici. Egli fu che introdusse il
culto, che ancor dura, che quando per la Città si porta l'Eucarestia
agl'infermi, uscisse con Pallio accompagnata con torchi accesi, e con
pompa; e per render col suo esempio l'uscita più augusta, se veniva
egli ad incontrarsici, l'accompagnava con tutta la sua Corte insino al
luogo dove aveva d'andare.

In fine dopo avere in forma più magnifica e nobile innalzata questa
Città, vi diede ancora altri provvedimenti per renderla più salubre
ed abbondante, badando non meno alla sua bellezza e magnificenza,
che alla sanità ed abbondanza de' suoi abitatori. Era Napoli a' suoi
tempi nell'està oppressa da molte infermità, e la cagione principale
era la corruzione dell'aria cagionata dalle paludi per l'acqua che
stagnava in quelle, le quali cominciavano dal Territorio di Nola sino
al mare, camminando per Marigliano, Aversa, Acerra e la Fragola: la
qual corruzione talvolta augumentavasi tanto, che s'infettava tutta
Terra di Lavoro, o gran parte di quella. Il Toledo dando a tanto male
opportuno remedio, fece fare nel mezzo di quelle pianure un gran canale
profondo, con argini ben grandi alle riviere, disponendo il canal
in modo, che tutte le acque delle paludi venissero ivi a colare, e
che l'acque ivi raccolte a guisa d'un gran fiume corressero tutte al
mare. Così le paludi divennero secche, e Napoli, la Città più sana del
Mondo. A questo fine per tener coltivato tutto il Paese intorno, lo
fece tutto arare e lavorare: e oltre ciò vi stabilì un fondo, le cui
rendite servissero per tener sempre mondo e netto il canale suddetto.
Chiamarono i nostri maggiori questo canale _Lagno_; ond'è, che ora si
nomano i Lagni, la cura de' quali ora se l'assume il Tribunale della
Regia Camera, destinandovi un Presidente Commessario perchè si tengano
sempre purgati e netti.

Diede ancora vari provvedimenti intorno alle vettovaglie, e molti
altri ordini, perchè in Napoli vi fosse abbondanza di grano, proibendo
l'estrazione di quello: che niuno potesse tener magazzini, nè di grano,
nè d'orgio per trenta miglia lontani di Napoli: ed introdusse i partiti
de' grani co' Mercatanti per mantener l'abbondanza.

L'essersi adunque Napoli, col correr degli anni, renduta una delle più
splendide e magnifiche Città del Mondo, tutto si dee al Vicerè Toledo:
poichè da ciò avvenne, che gli altri Vicerè Spagnuoli suoi successori,
a sua imitazione, presero per istituto di non partirsi dal governo, se
non lasciavano in quella, una lor memoria illustre di famosi, e superbi
edificj. Nel che si segnalarono i Duchi d'Alva, i Conti di Lemos, di
Medina e tanti altri, come vedremo nel corso di quest'Istoria. Tanto
che per questi insigni e magnifici monumenti da essi lasciati, e da
tante maravigliose fabbriche delle nuove Religioni nella stessa Città
da poi introdotte, de' Teatini, Gesuiti, Girolamini e di tante altre,
che resesi oltre modo ricchissime, vi hanno innalzati magnifici Tempj,
anzi non già Monasterj, ma Palagi vastissimi e superbi, eccelse Torri,
e più tosto Castelli, che Conventi, si vede ora Napoli gareggiar colle
più grandi Città di Europa con Roma, Costantinopoli, Londra e Parigi.

A quest'istesso Ministro si dee, e per la tanta magnificenza, alla
quale la sollevò, e per l'innalzamento de' Tribunali, e per la più
ordinaria residenza de' Baroni in quella, che si fosse Napoli resa
cotanto popolata e numerosa di abitatori: ancorchè v'avesse pure molto
conferito le spesse incursioni de' Corsari Turchi che a questi tempi
facevano nelle Terre e marine del Regno: onde gli abitatori di quelle
Terre spaventati, per isfuggire la temuta schiavitudine, se capitavano
nelle loro mani, abbandonando i loro nidi, si ritiravano tutti a
Napoli. Così molti della Costa d'Amalfi, di Citara, Castello posto
nella marina presso Salerno, del Cilento, della Cava, dell'isola di
Capri, e finalmente di Calabria ci vennero[17].



CAPITOLO IV.

_La medesima provvidenza vien data dal TOLEDO nelle Province e
nell'altre Città del Regno, per l'occasione, che ne diede SOLIMANO, che
con potente armata cercava invaderlo._


Ancorchè il Regno, nel governo di D. Pietro di Toledo, non avesse
nelle sue Province sofferti quei mali, che seco porta una viva guerra;
nulladimeno il timore di quella minacciata da due Principi potenti,
da Solimano, e da Francesco I Re di Francia, che collegati insieme
dirizzavano tutti i loro pensieri, e tutte le loro forze per deprimere
tanta potenza di Carlo Imperadore, era peggiore della guerra istessa.
Solimano irritato contro Cesare per avergli frastornata l'Impresa del
Regno di Tunisi, e per vendicarsi d'aver posto il suo esercito in fuga,
e cacciatolo dall'Ungheria, avea fatto nell'anno 1537 apparecchiare una
potentissima armata per la conquista del Regno di Napoli. Era ancora
stimolato a quest'impresa per mezzo d'un suo Ambasciadore dal Re di
Francia, e da Troilo Pignatello[18], il quale per vendicarsi della
ignominiosa morte fatta dare dal Toledo al Commendator suo fratello,
erasi con molti altri fuorusciti partito dal Regno, e ricovratisi in
Costantinopoli, sollecitavano con acuti stimoli quell'Imperadore a
non tardare; e gli dipinsero l'impresa molto facile, poichè dovendo
Cesare impiegarsi alla difesa della guerra, che il Re di Francia era
per muovergli in Lombardia per lo Stato di Milano, non avrebbe potuto
resistergli. Si risolse per ciò con prestezza Solimano a muoversi, e
fece tosto porre in ordine un esercito di ventimila soldati, e partendo
egli da Costantinopoli per terra, giunse alla Velona a' 13 di luglio
di quest'anno: fece anche apprestare nel medesimo tempo un'armata di
200 vele da carico, e di gente da combattere, dandone il comando al suo
famoso Ammiraglio Barbarossa, il quale quasi ad un medesimo tempo, che
egli per terra giunse alla Velona, vi giunse egli per mare colla sua
armata.

Il Vicerè, che molti mesi prima, invigilando agli andamenti de'
fuorusciti ricovrati in Costantinopoli, avea avuti avvisi da Scipione
di Somma Vicerè della Provincia d'Otranto de' maneggi del Pignatello, e
di quanto si trattava in quella Corte, e della risoluzione di Solimano,
come potè meglio, diede tosto principio alla fortificazione delle
riviere del Regno; e scrisse immantenente a Cesare, ragguagliandolo
di ciò che dal Turco si meditava, e che a fine di resistergli, gli
mandasse tosto soccorso di fanteria spagnuola, per raddoppiare i
presidj, avendo egli intanto di munizione e di vettovaglie il tutto
provveduto. Ordinò per tanto agli uomini d'arme, che si raccogliessero
sotto le loro bandiere, e ragunatili tutti, gli fece accampare nella
Puglia piana, donde potevasi con prestezza soccorrere a tutte le
riviere. Distribuì ancora le milizie per guardia di Napoli; e poichè
si trattava della difesa da farsi contra il nemico comune, fidossi dei
propri Cittadini, mettendo in loro mani le arme, acciò si difendessero
bisognando: i quali con molta intrepidezza s'offerirono andare incontro
a mille morti per resistere all'oste implacabile del Cristianesimo.
Fece poi chiamare i Baroni del Regno, e ragunatili tutti in un general
Parlamento tenuto dentro il Castel Nuovo, espose loro la cagione
della chiamata, il grave pericolo nel quale erano, e che Solimano
essendo già partito con potentissimo esercito da Costantinopoli per
assaltare il Regno, bisognava per ciò armarsi per una valida difesa.
Tutti si offerirono con la medesima prontezza; onde ogni uno finito il
Parlamento si diede a provvedersi d'arme, ed accingersi colla maggior
prestezza e sollecitudine.

In questo giunsero al Porto di Napoli 24 Navi cariche di Spagnuoli,
ed indi a poco arrivò il Principe Doria con 25 Galee e due Galeoni;
ed appresso entraron cinque altre Galee mandate da Papa Paolo III a
cui molto premeva render vani i conceputi disegni di Solimano. Partì
l'armata dopo essersi provveduta delle cose bisognevoli per la volta di
Messina, su della quale il Toledo vi mandò D. Garzia suo figliuolo, e
navigando verso Levante, pose il Doria in iscompiglio l'armata nemica.
Partito il Doria, il Vicerè mandò alla volta di Puglia la fanteria
spagnuola con alcuni pezzi d'artiglieria, ed avuta certa notizia, che
Solimano era giunto alla Velona, partì egli da Napoli seguitato dal
Baronaggio, e da molta cavalleria a' 28 di luglio, e giunto a Melfi,
quivi fece far rassegna generale di tutto il suo esercito. In questo
vennegli nuova, come il Bassà Lussibeo, arrivato all'improvviso a
Castro, avea posta a sacco ed a fuoco quella Terra, e prese le donne
ed i giovani, il resto avea fatto morire: poi assalito Ugento, lo fece
brugiare con molti casali attorno. E nel medesimo tempo Barbarossa
approdato con settanta Galee in Otranto, fece sbarcar molta gente
e cavalli per invader quei luoghi; ma trovandosi Scipione di Somma
Governatore di quella Provincia, il quale stava ben provveduto di gente
e cavalli, ancor che a lungo andare non avrebbe potuto resistere a
tanta furia, pure con molte scaramucce gagliardamente si difese. Ciò
inteso dal Vicerè, spinse avanti le sue genti da Melfi, e si portò a
Taranto, per esser più pronto a soccorrerlo: ma appena ivi giunto, gli
venne avviso come gl'inimici s'erano ritirati ed imbarcati; ed intese
anche da alcuni Turchi fatti prigioni, come Solimano si era anche
partito dalla Velona per assalire l'Isola di Corfu, e sorprenderla a'
Veneziani.

La cagion di sì improvisa ritirata di Solimano fu, perchè ebbe nuova,
che tutte le riviere del Regno stavano ben unite e fortificate di buoni
presidj, di valorosi soldati, e di vettovaglie, e che il Vicerè stava
in campagna con trentamila uomini, e che il Papa assoldava gente per
soccorrerlo. Ebbe anche avviso, che il Principe Doria avea fracassate
molte Galee della sua armata; e che l'armata Veneziana (ancorchè vi
fosse fra di lor tregua, riputandola i Veneziani per rotta, a cagion,
che Solimano in quell'anno avea fatto ritenere in Levante 20 loro
Galee) dubitava non se l'intendesse col Doria, e s'unisse anche a'
suoi danni; onde dovendosi ritirare, per non perdere la riputazione, nè
dimostrar viltà, andò ad assaltare Corfu.

Dissipato per ciò il nemico, licenziò il Vicerè (dopo aver loro resi
molti ringraziamenti) i Baroni, e ad ogni uno, che potesse tornare a
casa sua, come fecero. Ma egli considerando, che il Turco non era per
desistere dall'impresa del Regno, e conoscendo di quanto giovamento gli
era stato lo star provisto di gente, deliberò di fortificare tutte le
Terre della riviera: e visitando quelle con buoni Architetti ed uomini
di guerra, diede ordine per fabbricare il Castello di Reggio. Cinse
di baloardi e di mura la Città di Cotrone: fece fabbricare il Castello
di Castro, di Otranto, di Lecce, di Gallipoli, di Trani, di Barletta,
di Brindisi, di Monopoli, e di Manfredonia; e fece ancora fortificar
Vesti, città posta nell'ultima punta del Monte Gargano; ed avendo con
tal occasione scorto, che la maggior parte del Regno, e particolarmente
le città di Puglia erano oltremodo oppresse da grossi debiti, onde
ne nasceva, che molte si disabitavano, e si rendevano impotenti a'
pagamenti fiscali; egli trovò rimedj così efficaci e profittevoli,
che in pochi anni furono le Città libere da' debiti, ristorate tutte
le loro entrate, e tornate a popolarsi con accrescimento di fuochi:
in cotal modo fu rinfrancata Barletta, Trani, Bisceglia, Monopoli,
Manfredonia, S. Severo, Rutigliano, Minervino, e molte altre Città
oppresse, e furono redente e rilevate le loro entrate. Così il
Toledo avendo felicemente terminata la sua espedizione, ripartito poi
l'esercito per gli alloggiamenti, se ne ritornò a Napoli. La Città,
in grazia d'un così segnalato beneficio, gli donò una collana d'oro
lavorata con grande artificio, fatta a spese del pubblico; e come
liberatore d'un sì formidabile e potente nemico, gli rese pubbliche
grazie.

Ma il Vicerè, di ciò non soddisfatto, non tralasciò ne' seguenti anni,
per maggiormente munire il Regno contra l'incursioni di sì forte
nemico, di fortificare l'altre Città e Terre e le marine tutte del
Regno.

Egli fu autore presso a Carlo V per far ordinare, che in tutte le
riviere del Regno si edificassero di passo in passo ben alte Torri, con
situarvi certi e perpetui stipendj per chi le custodiva, affinchè l'una
dando avviso all'altra di qualche sbarco di Corsaro Turco, potessero
i paesani ammoniti salvarsi. Fece ancora ne' confini del Regno verso
lo Stato Ecclesiastico, costruire una gran Torre, chiamata del Porto
di Martino Severo, per sicurtà de' buoni e per vendetta de' rei. E
nell'Apruzzo fecevi riedificare un sicuro Castello, siccome fece in
Terra di Lavoro a Capua, nel qual tempo fece anche rifar di nuovo il
Castello di Baja.

La città di Pozzuoli a questo Vicerè dee la sua conservazione, e
che ora ancor duri sopra la Terra, e non, come Cuma, Baja e Miseno,
coprissero le sue mura arena ed erba. I spessi tremuoti dell'anno 1538,
le orrendissime voragini aperte in quel piano, ch'è tra il Lago Averno
e Monte Barbaro, dalle quali furiosamente uscivano pietre, fiamme
e gran nubi di fumo e di cenere, spaventarono in maniera i vicini
Pozzolani, che abbandonando le lor case, tutti se ne fuggirono, molti
per mare e molti per terra colle loro mogli e figliuoli, lasciando
desolata quella città. Il che inteso dal Vicerè cavalcò subito a quella
volta, e fermatosi sul monte di S. Gennaro, vide la misera città
coverta tutta di cenere, che appena si vedeva vestigio di case, per
la cui rovina i Pozzolani aveano determinato di abbandonarla affatto.
Ma il Vicerè non volle acconsentire, che si desolasse una città tanto
antica, ed un tempo cotanto famosa. Fece far bando, che tutti ivi si
ripatriassero, con fargli franchi di pagamenti per molti anni; e per
dar loro più animo, vi fece edificare un magnifico Palagio, con una
forte Torre, e pubbliche fontane. E perchè s'agevolasse il commercio
tra' Napoletani e Pozzolani, fece rifar la via, donde si viene a
Napoli, ed appianò, e rese più larga e luminosa quella mirabile grotta
(maraviglioso vestigio della potenza Romana) tal che per quella vi si
potesse passare senza lume. Fece a questo fine ristaurare, come si potè
meglio, i Bagni, e rifare le mura della città; e per renderla più piena
d'abitatori, quando prima soleva andarvi per sua salute a dimorarvi
la primavera, si allargò poi ad andarvi ad abitare la metà dell'anno;
ed essendo di nuovo Barbarossa nel 1544 tornato ad infestare il Regno,
meditando dopo aver saccheggiate l'Isole d'Ischia e di Procida, di far
lo stesso a Pozzuoli, siccome avea già cominciato da mare a batterla;
tenendovi il Vicerè dentro un conveniente presidio, e cavalcando
egli stesso con prestezza con tutta la cavalleria, e molta gente da
Napoli, e dalle Terre convicine, giunto che fu al Borgo di quella
città, Barbarossa veduta la moltitudine della gente, si ritirò subito,
proseguendo il suo viaggio verso Levante, ed il Vicerè liberator di
quella fece ritorno a Napoli. Tanta previdenza diede egli per liberar
le città del regno dalle invasioni di sì potenti e fastidiosi nemici.


§. I. _Giudei discacciati dal regno._

Non minore providenza fu riputata quella, che diede questo Ministro
nel 1540 alla città e regno con averne discacciati i Giudei: essi ci
vennero la prima volta intorno l'anno 1200, e s'erano, precisamente
in Calabria, allargati cotanto, che popolarono contrade intere di
varie città, tal che acquistarono il nome di _Giudeche_; e crebbero
in sì gran numero e ricchezze, che avendo i Giudei dell'Asia persuaso
il Turco ad occupare il sepolcro di Davide, sotto mentito pretesto di
nascosto tesoro, siccome già avvenne, con danno e dispendio gravissimo
de' Cristiani; Martino V irritato per ciò contra i Giudei del regno,
s'adoperò con la Regina Giovanna II ne portassero costoro la pena;
il perchè a' 18 ottobre del 1429 ordinò ella a Lodovico d'Angiò Duca
di Calabria, che facesse esigere da ciascun Ebreo, sia masculo, sia
femmina, il terzo d'uno scudo; e fu sì grande la somma, che se ne
ritrasse, che compensò la spesa già fatta nell'Asia per lo riacquisto
del Sagro Sepolcro[19]. Ci vennero la seconda volta nel 1492 allor
che cacciati da Spagna dal Re Ferdinando il Cattolico, mescolati co'
primi, popolarono assai più le Giudeche da essi abitate, dove in breve
tempo multiplicati, divennero ricchissimi; poichè quivi con molto
lor utile si posero ad esercitar la loro arte di comprare, e vendere
vesti ed altre robe usate, ma sopra tutto a dar denari ad imprestanza
a grossissime usure[20]. La comodità era grande, ma gl'interessi,
che soffrivano coloro che vi avean negozio, erano intollerabili.
Narra Gregorio Rosso[21], che in que' mesi, che stette l'Imperadore
in Napoli, si videro impoverire molti Cittadini, e particolarmente
molti Signori e Nobili, i quali per mostrare in quell'occasione il
lor fasto, s'aveano impegnato a' Giudei quasi tutti i loro argenti e
robe, i quali ricavandone usure grossissime, s'erano fatti ricchissimi,
e più sarebbe stato il loro guadagno, se più lungo tempo Cesare si
fosse trattenuto in Napoli. Quantunque dal Re Ferdinando fossero stati
scacciati da Spagna, furono però sofferti nel Regno dall'Imperador
Carlo V, il quale, perchè non si confondessero con gli altri, ordinò,
che abitassero tutti in una strada, e portassero un segno in capo,
così uomini, come donne[22]; ma essendo nei tempi del Toledo cresciute
le loro usure, e piena la città di richiami contra l'estorsioni che
facevano, stimò bene il Vicerè informarne l'Imperadore, dal quale
ottenne ordine di cacciarli; onde nel 1540 fece pubblicar bando, che
partissero tutti da Napoli e dal regno[23]. Partirono finalmente, e se
ne andarono la maggior parte in Roma, ed altri in altre parti; indi
avvenne, che le strade, ove uniti abitavano, ritengono anche ora il
nome di _Giudeche_, e coloro che esercitano la lor arte, Giudei sian
nomati.

Il rimedio però usato dal Vicerè sarebbe stato peggiore del male,
se dalla pietà d'alcuni e providenza del medesimo non si riparava;
poichè mancata questa comodità d'impegnare con gli Giudei, i bisognosi
ricorrevano a' Cristiani, i quali allettati dal grosso guadagno,
cominciarono a far peggio, che non facevano i Giudei; perlochè, a fine
che non mancasse il comodo a' bisognosi di tor denari ad imprestanza,
e per togliere a' Cittadini l'occasione d'imitare, e forse di superare
il rigor degli Ebrei, fu istituito il _Sagro Monte della Pietà_, affine
di riscattar i pegni da' Giudei, e di sovvenire a' bisogni de' poveri,
dove sino a' dì nostri si somministrano denari sul pegno con moderate
usure, e sino alla somma di ducati diece senza interesse alcuno[24].

Con tanta saviezza e con tanta soddisfazione dei popoli governò il
Toledo fin qui il Regno e toltone l'avversione d'alcuni Nobili mal
contenti del suo rigore, era da tutti amato, ubbidito ed in sommo
pregio avuto.

Ma un nuovo accidente pur troppo infausto, conturbò tutto il
bell'ordine, e pose sossopra sì bell'armonia; e se l'amore al proprio
Principe e la fedeltà de' Napoletani verso Cesare, non v'avesse
posto argine, avrebbe portate peggiori calamità e ruine. Questo si fu
l'essersi voluto a' tempo del suo governo tentare di porre nel Regno
il Tribunal dell'_Inquisizione_ all'uso di Spagna; la cui Istoria, per
contenere uno de' successi più rimarchevoli, e 'l pregio maggiore della
costanza insieme e fedeltà de' Napoletani, saremo qui, come in proprio
luogo, a partitamente narrare, non riputando doverla rapportare al
Capo della Politia Ecclesiastica, contenendo questi successi più del
politico e temporale, che dello spirituale delle nostre Chiese.



CAPITOLO V.

_Inquisizione costantemente da' Napoletani rifiutata; e per quali
cagioni._


Ragionevolmente alcuni si maravigliano, onde sia nato, che i Napoletani
uomini reputati cotanto pii e religiosi, che talora non sapendo
tener la via di mezzo, sono traboccati nella superstizione e in
soverchia credulità, abbiano poi avuto sempre in orrore il Tribunal
dell'Inquisizione? Come avendo potuto sofferir tanti gravamenti
ed abusi introdotti nel Regno dalla Corte di Roma, non sofferir
quest'altro, che lor si proponeva sotto onesti e salutari colori,
di conservar intatta e sincera la loro antica religione, non farla
contaminare da' novelli errori ed eresie, le quali sarebbero state
cagione d'eterna ed irreparabile lor perdizione? Ne' Pontificati
d'Alessandro VI, di Giulio II, di Lione X e di Clemente VII aveano
tollerati gli abusi trascorsi in quella Corte nell'ultima estremità.
Roma coll'autorità dell'indulgenze, con la larghezza delle dispense,
con gli spogli, colle riserve, colle espettative, con volere l'annate
de' beneficj, che si conferivano, e con le spese, che nella spedizione
d'essi si facevano negli Ufficj tanto multiplicati di quella Corte,
non attendeva ad altro, che ad esigere con quest'arte somme immense
di denari, non meno dal nostro regno, che da tutta la Cristianità.
Vedevano imposte spese e gravose decime a' Cleri, a' Monasteri ed
a tutti gli Ecclesiastici del Regno per tirar denaro in Roma, e si
sofferivano. Le elezioni de' Prelati, la collazione della maggior
parte delle dignità e beneficj tanto maggiori, quanto minori, insino
all'infime Arcipreture e Canonicati, s'erano involate al Clero ed al
Popolo ed alli proprj Ordinarj, ed erano tutte passate in Roma. Ciò
che pure sarebbe stato comportabile se in quelle si fosse avuta cura
maggiore della salute dell'anime, e le cose Ecclesiastiche fossero
governate rettamente; ma si vedeva il contrario, poichè molti beneficj
incompatibili si conferivano in una persona medesima, nè avendo
rispetto alcuno a' meriti degli uomini, si distribuivano per favori, o
in persone incapaci per l'età, o in uomini vacui al tutto di dottrina
e di lettere, e quel ch'era peggio, spesso in persone di perditissimi
costumi[25]. I beneficj del regno, che secondo le disposizioni
de' Canoni, non potevano conferirsi se non a' nazionali, erano a
costoro tolti e conferiti a' peregrini e forastieri. Ne' Tribunali
Ecclesiastici non erano curate le tante sorprese sopra la giurisdizione
del Re, e li tanti abusi e corruttele, onde con tasse intollerabili
erano angariati i poveri litiganti. Si tolleravano gli acquisti immensi
dei stabili delle Chiese e Monasterj, ancorchè vedessero, che il tutto
dovea ridondare in loro povertà e miseria. Le violenze, che lor si
facevano in obbligarli a forza a vendere le proprie case per render
quelle vie più magnifiche, e sovente anche perchè non le mancassero
ampj Portici e Logge. Non dava loro su gli occhi, che immuni ed esenti
gli Ecclesiastici da qualunque peso, rimanessero essi soli a sopportare
i pesi pubblici e del Re. Tante ed altre molte gravezze, che qui si
tralasciano, si poterono ben tollerare dai Napoletani; come poi del
nuovo giogo dell'Inquisizione poteron avere tanta abbominazione, che
sino il nome loro dava orrore, deve certamente far maravigliare ogni
uno: e ciò che era più stupore, l'abborrimento fu tale, che tramandato
per lungo corso d'anni da padre in figlio come per successione, si è
nei loro animi cotanto radicato, che nè il corso di più secoli, nè la
contraria inclinazione d'alcuni de' loro Re, nè le macchinazioni ed
accortezze della Corte di Roma, l'han potuto svellere: tanto che ora
col favore d'un più benigno Giove fatto più forte e grande, non teme le
scosse di qualunque più impetuoso vento.

Cotanto beneficio, chi 'l crederebbe? noi lo dobbiamo principalmente
agli Spagnuoli, ed in secondo luogo alla Corte istessa di Roma; ed
affinchè ciò più chiaramente s'intenda, è di mestieri, che epilogando
ciò che nel XIX libro di quest'Istoria si disse intorno alla sua
origine, si vegga come dopo gli Angioini si fosse fra noi praticata
l'Inquisizione, insino ai tempi di Ferdinando il Cattolico, nel cui
regno, per le cagioni che diremo, cominciossi ad avere in orrore ed
abborrimento, il che poi si ridusse al colmo nell'Imperio di Carlo
V e di Filippo II suo successore, con esser continuato poi sino al
presente.

Dapoi che l'Imperador Federigo II per quella sua terribile Costituzione
_Inconsutilem_ pubblicata per sterminare i Patareni e gli Arnaldisti,
e tanti altri Eretici insorti in quel tempo contra la Chiesa, per li
depravati e corrotti costumi degli Ecclesiastici, ebbe date l'ultime
pruove del suo rigore per estirparli affatto; alcuni di essi pertinaci
ne' loro errori, per non abbandonarli, ricorsero, chi alla protezione
di qualche Principe, e chi affettando una pura vita Appostolica,
simulando virtù e costanza, niente curando morti e prigionie, si
risolsero di soffrire qualunque strazj e tormenti, ed eziandio le
morti più crudeli, costoro per tal cagione amarono essere chiamati
_Patareni_, riputandosi perciò somiglianti a' Martiri dell'antica
Chiesa. Multiplicossi il lor numero, e non vi fu città d'Italia, che
non ne restasse infetta. Gli altri, fra' quali i più considerabili
furono gli _Albigesi_, per un'altra via più si disseminarono, poichè
essendo favoreggiati dal Conte di Tolosa e da altre persone di stima,
avevano sparsa la loro dottrina in molte province della Francia.

Sursero opportunamente in questi medesimi tempi a favor della Chiesa
Romana que' due grandi uomini, Domenico e Francesco, i quali per la
loro santità resisi chiari da per tutto, fondarono, come si disse,
le Religioni de' Predicatori e de' Frati Minori: ed in vero assai
opportuni ci vennero per resistere a sì contrarj venti, onde la
_Navicella_ di Pietro era combattuta: ma tennero diverse strade.
_Francesco_ per opporsi a' Patareni volle col suo esempio mostrare qual
fosse la vera vita Appostolica, ed il vero imitare Cristo, fondando
la sua Religione in una rigida povertà, nell'umiltà e ne' puri ed
incorrotti costumi: acciocchè coll'esempio e coll'opere riducesse i
traviati in via.

Domenico di Nazione Spagnuola e del nobil legnaggio de' Gusmani, fu
rivolto co' suoi Frati ad abbattere gli altri, e principalmente gli
Albigesi; contra i quali, armato di forte zelo disputò, orò, declamò
e colle sue prediche e concioni cercava convincerli dei loro errori,
e far accorta la gente a non lasciarsi ingannare. Ma poco giovando con
quegli ostinati le dispute e le prediche, stimò più opportuno mozzo per
estirparli, di ricorrere (come aveano fatto i contrarj) agli ajuti de'
Principi; e creato dal Pontefice Innocenzio III, Inquisitor generale
contra di loro, ricorse agli ajuti del Conte di Monteforte e di molti
altri Signori Spagnuoli, Tedeschi e Franzesi; questi uniti con gran
numero di Prelati, e molte truppe, presero contra di loro la Croce, e
così crocesignati scorrevano le province per distruggerli, e scorrendo
per la Narbona e per altri luoghi, molti ne vinsero e distrussero. Nè
di ciò contento Domenico venne in Roma, e nel Concilio, che si tenne in
Laterano, in più sessioni orò contra gli Albigesi, e fece condannar per
eretica la loro dottrina.

Da questo principio nacque poi il costume, che nelle province pacate,
ove gli Eretici non erano a turme, tanto che fosse bisogno di crociate,
sospettandosi in qualche Città esservi eretici, si mandassero dal Papa
gl'Inquisitori; e poichè in Roma era piaciuta più l'opera di Domenico,
che di Francesco, fu dato quest'ufficio principalmente a' Domenicani, i
quali uniti col Magistrato secolare inquisivano degli errori, e coloro,
che erano convinti, essi gli sentenziavano con dichiararli Eretici: e
dopo questo gli davano al braccio del Magistrato secolare per fargli
ardere, o in altro modo punire.

Nel Regno degli _Svevi_, Federigo II e Manfredi non permisero, che
da Roma venissero Inquisitori; ma siccome fu rapportato nel riferito
libro XIX si valeva, intorno alla conoscenza del diritto, de' Prelati
del regno, e per ciò che riguardava la conoscenza del fatto e della
condannagione, de' suoi ordinari Magistrati.

Gli _Angioini_, come ligi de' Pontefici Romani, ammisero nel regno
Inquisitori di Roma, li quali, ancorchè non vi tenessero Tribunal
fermo, scorrevano, come ivi fu veduto, le nostre province, favoriti da
que' Re, da' quali anche venivan loro somministrate le spese.

Gli _Aragonesi_ cominciarono poi a scemar loro tanto favore, nè,
se non molto di rado gli ammettevano, ed ammessi volevano essere
informati minutamente d'ogni cosa, nè si permetteva ad essi, senza
espressa licenza del Principe ed assistenza di Magistrato secolare, far
esecuzione di fatto.

E quantunque ne' primi anni del regno di Ferdinando il Cattolico,
cercassero di stabilirsi meglio, e sottrarsi da tanta soggezione e
dependenza: nulladimeno i Napoletani, per fortificarsi contra ogni
sospetto, indussero il G. Capitano ad assentire alle loro domande;
in guisa, che volendo prendere la possessione del regno in nome di
Ferdinando suo Re, da cui avea avuta pienissima autorità, promise
loro, che nel regno non ci sarebbe giammai stata, nè Inquisizione, nè
Inquisitore; onde il G. Capitano vi procedeva con molta oculatezza,
sempre intento a reprimere le sorprese, che Roma, quando le veniva in
acconcio, non tralasciava di fare. A questo fine nel 1505 scrisse al M.
Foces, che avendogli il Vescovo di Bertinoro Commessario Appostolico
ed Inquisitore fatta istanza da parte del Papa, che si carcerassero
alcune donne indiziate d'eresia, le quali fuggite da Benevento
s'erano ricovrate a Manfredonia per passare in Turchia, proccurasse
con diligenza averle in mano, e carcerate che le avesse, ne desse a
lui avviso, per ordinargli poi quel che doveva eseguire. Parimente
il Conte di Ripacorsa nel 1507 scrisse a Fra Vincenzo di Ferrandina,
rampognandolo, come erasi portato in Barletta a far inquisizione contra
alcune persone, senza sua saputa, e senz'aver mostrato sua commessione:
gl'incarica pertanto, che s'astenesse di procedere, e venga da esso a
mostrargliela, altrimente non senza sua ignominia avrebbevi dati forti
provvedimenti[26].

Questo, a' primi tempi di Ferdinando il Cattolico, fu lo stile
praticato nel Regno contra gl'indiziati e sospetti d'eresia, la cui
inquisizione non dava spavento, perchè questi Commessarj non aveano
Tribunal fermo: le loro commessioni doveano portarsi al Consiglio
Regio, nè potevan eseguirsi senza il _Placito Regio_; scorrevano
assai di rado le province, ed il tutto si faceva col permesso del
Re e coll'assistenza, consiglio e favore de' Magistrati secolari,
e senza molto strepito e rumore. S'aggiungeva, che in Italia e più
nel nostro regno erano estinte le reliquie degli antichi Patareni:
non v'era sospetto alcuno di nuova dottrina contraria a quella della
Chiesa Romana; tanto che l'Inquisizione di Roma per non star oziosa,
avea cominciato ad attribuire a quel Tribunale alcuni delitti che non
meritavano un Tribunale estraordinario, e che potevan ben come prima
esser corretti da Tribunali ordinari. Per lo più gl'Inquisitori si
raggiravano sopra le bestemmie, che per tirarle al loro Tribunale, le
qualificavano per ereticali, ancorchè profferite, o per cattivo abito
o per iracondia o per ubbriachezza o finalmente per sciocchezza ed
ignoranza. Così colui, che volendo lodar un buon vino diceva che lo
berrebbe Cristo, non iscappava dalle loro mani: chi assordato da loro
fastidiosi ed importuni suoni, impaziente malediceva le campane, non
era fuor di pericolo: chi declamando contra i corrotti costumi del
Clero, de' Preti e de' Monaci gli scherniva, derideva o malediceva:
e perchè la materia non mancasse, vi arrolarono i sortilegi, le
invocazioni de' demonj e mille altre sciocchezze di vili femminette,
le quali erano adoperate più per imposturar la gente, o per vil
guadagno, che per difetto di credenza. Vi arrolarono anche i delitti
di fragilità: così la bigamia, le notturne assemblee ove sotto il manto
di religione, si commettevano mille laidezze ed altri eccessi, più per
fragilità commessi che per non credere, si qualificavano a questo fine
per ereticali. In breve non vi era molto che fare per la correzione de'
dogmi e de' falsi credenti, ma tutte le loro occupazioni erano per la
correzione de' costumi e della disciplina. Cotanto a questi tempi il
Tribunal dell'Inquisizione erasi reso affatto inutile, onde non potea
aversene in Napoli, nè altrove timore o bisogno alcuno.

Ma quanto in Italia queste cose erano in quiete, altrettanto nella
Spagna si sentivano strepitose e piene d'orrore. Ferdinando il
Cattolico, dopo aver discacciati i Mori e conquistato il regno di
Granata per purgar la Spagna d'ogni reliquia di Mori e d'Ebrei e
per estirparli affatto, avea ivi fatto ergere un Tribunal spaventoso
d'Inquisizione e amministrato dai Frati Domenicani[27], ove sotto zelo
di religione, si posero in opra le più crudeli ed orribili prigionie,
esilj, morti e confiscazioni di beni, e quel che più dava orrore,
erano i modi tragici, i lugubri apparati, le tante croci, le spaventose
invettive, imprecazioni e scongiuri, e le pire accese, ove dovea il reo
brugiarsi, in guisa che non tanto la morte, quanto l'orribil apparato
di quella spaventava. Indiziato alcuno, ancorchè con leggieri sospetti,
si poneva in tenebrose carceri, ove da niun veduto, in pane ed acqua
per più mesi era trattenuto, e sovente senza sapersene la cagione.
Nelle difese non se gli dava nota de' testimonj, se mai gli fossero
sospetti, nè s'ammettevano discolpe; i beni tosto eran sequestrati; e
se secondo le severe leggi del Tribunale, veniva taluno convinto ovvero
per non poter soffrire gli acerbi tormenti, confessava ciò, che mai
fece, era condennato ad ardere nelle vive fiamme. Altri indiziati, a
perpetui esilj eran condennati, ed eran tutti spogliati de' loro beni;
e condennati, o essi se restavano in vita, o i loro eredi, ad una
perpetua infamia ed estrema mendicità[28].

Questo terribile e spaventoso modo di procedere dell'Inquisizione
di Spagna contra i Mori e gli Ebrei, rapportato alla notizia degli
Italiani e de' nostri Napoletani, fece concepire loro un orrore
grandissimo dell'Inquisizione. Avvenne che, col sospetto ch'ebbe
Ferdinando, che in Napoli e nel regno si fossero (per isfuggire dalle
sue mani) ricovrati molti Mori ed Ebrei, per estirparli in ogni parte
ove capitassero pensasse di porre anche in Napoli un Tribunal conforme
dipendente da quello di Spagna: e se deve prestarsi fede ad alcune
lettere di Ferdinando del 1504, rapportate da Lodovico Paramo[29], par
che al medesimo, rivocando i patti e le capitolazioni accordate dal G.
Capitano a' Napoletani, quando in suo nome prese il possesso del regno,
fosse venuto in pensiero d'introdurre fra Noi l'Inquisizione suddetta;
ma quando i Napoletani intesero il proponimento del Re, spaventati
de' mali e ruine che poteva recar loro un sì fiero Tribunale, se
lo ricevessero, costantemente si risolsero di resistere, anche con
perdita della loro vita e robe alla volontà del Re; al quale avendo
insinuato che in Napoli, e nel regno cotanto pio e religioso non vi
era di ciò bisogno, e che ben per pochi Mori ed Ebrei, che vi s'erano
ricovrati, potevan prendersi per discacciarli altri espedienti;
finalmente gli protestarono, che in conto alcuno avrebbero un tal nuovo
Tribunale ricevuto; ed avendo Ferdinando, non ben accertato della loro
ostinazione, voluto a questo fine mandare di Spagna in Napoli alcuni
Inquisitori, furono malamente ricevuti e poi ignominiosamente dal regno
discacciati[30].

Ferdinando reso certo della loro ostinata deliberazione, per
non entrare in maggiori brighe con pericolo di perdere il Regno,
lasciò l'impresa, e contentandosi di promulgar contra gli Ebrei
una Prammatica[31] si quietò; anzi promise a' Napoletani, che per
l'avvenire non avrebbe mai permesso, che si fosse posta Inquisizione,
siccome lo testificano due gravissimi Scrittori, Zurita[32], e
Mariana[33]. Ciò che fu ancora approvato dal Papa; onde in tutto il
tempo, che visse e regnò Ferdinando, fra noi non s'udì pur ricordare
il nome d'Inquisizione. I Napoletani rimasero quanto soddisfattissimi,
altrettanto spaventati di quel Tribunale, ed ebbero ne' loro animi
tanto orror di quello che essi morti lo tramandarono, come per eredità,
ai loro discendenti; e quindi avvenne, che d'allora in poi odiavano
anche il nome di esso, e n'ebbero sempre abborrimento.


§. I. _Inquisizione di nuovo tentata, ma costantemente rifiutata sotto
l'Imperador CARLO V._

Ma insorta dapoi nell'Imperio di Carlo V la nuova eresia di Martino
Lutero, si diede, da questo principio, occasione a nuovi sospetti
e nuovi attentati. Cominciarono nell'anno 1520 in Alemagna nella
provincia di Sassonia a disseminarsi dottrine nuove, prima contra
l'autorità del Papa, dapoi contra la Chiesa istessa Romana. A
suscitarle nuovamente in Germania avea data occasione l'autorità della
Sede Appostolica, usata troppo licenziosamente da Lione X, il quale,
seguitando il consiglio del Cardinal Santiquattro, avea sparso per
tutto il Mondo, senza distinzione di tempi e di luoghi, indulgenze
amplissime, non solo per potere giovare con esse i vivi, ma con
facoltà di potere, oltra questo, liberar anche l'anime de' defunti dal
Purgatorio; le quali perchè era notorio, che si concedevano solamente
per estorquere denari[34], ed essendo esercitate imprudentemente da'
Commessarj deputati a quest'esazione, la più parte de' quali comprava
dalla Corte la facoltà di dispensarle, avea concitato in molti luoghi
indignazione e scandalo, e spezialmente nella Germania, dove a molti
di questi Commessarj s'era veduta vendere per poco prezzo, e giocarsi
su l'Osterie la facoltà di liberare l'anime dal Purgatorio. Ma il
motivo, onde nella Germania, e non altrove, cominciassero prima queste
nuove dottrine, fu perchè avendo Lione donato a Maddalena sua sorella
l'emolumento e l'esazione delle indulgenze della Sassonia e di quel
braccio di Germania, che di là cammina sino al mare, costei, acciò
che il dono del Pontefice le rendesse buon frutto, diede la cura di
mandar a predicare l'Indulgenze e dell'esazione del denaro al Vescovo
Aremboldo ministro degno di questa commessione, che l'esercitava con
grande avarizia ed estorsione, poichè diede facoltà di pubblicarle a
chi più offeriva di cavare maggior quantità di denari; ed ancor che
nella Sassonia fosse costume che, quando da' Pontefici si mandavano
l'Indulgenze, erano per lo più adoperati i Frati Agostiniani per
pubblicarle, non vollero i Questori ministri del'Arenboldo valersi
di loro, da' quali, come usati a quest'ufficio, non aspettavano cosa
straordinaria e che gli potesse fruttar più del solito; ma le inviarono
a' Frati dell'Ordine di S. Domenico. Da costoro, nel pubblicar
l'Indulgenze, furono delle molte novità, che diedero scandalo, perocchè
essi, per invogliare più la gente, ne amplificavano il valore più del
solito.

Queste cose eccitarono Martin Lutero Frate dell'Ordine degli
Eremitani a parlar prima contra essi Questori, riprendendo i nuovi
eccessi; poi provocato da loro, e venutosi in dispute sopra il
soggetto dell'Indulgenze, cosa non ben esaminata ne' precedenti
secoli; vedendo, che i suoi emoli non si valevano d'altra ragione
per difenderle e sostenerle che dell'autorità Pontificia; cominciò a
disprezzare queste concessioni, ed a tassare in esse l'autorità del
Pontefice; e continuando il calore delle dispute, quanto più la potestà
Papale era dagli altri innalzata, tanto più da lui era abbassata.
E multiplicandogli, in causa favorevole agli orecchi de' Popoli, il
numero grande degli auditori, cominciò poi più apertamente a negare
l'autorità del Pontefice.

In breve tempo videsi maravigliosamente disseminata la sua dottrina
e favorita; onde trasportato poi dall'aura popolare e dal favore del
Duca di Sassonia, non solo fu troppo immoderato contra la potestà de'
Pontefici, ed autorità della Chiesa Romana; ma trascorrendo ancora
negli errori de' Boemi, cominciò in progresso di tempo a levare le
Immagini dalle Chiese, ed a spogliare i luoghi Ecclesiastici de'
beni, e permettere a' Monaci ed alle Monache professe il matrimonio,
corroborando questa opinione non solo con autorità e con argomenti,
ma eziandio con l'esempio di se medesimo. Negava il Purgatorio, e
perciò non doversi pregare per li morti; negava la potestà del Papa
distendersi fuora del vescovato di Roma; ed ogni altro Vescovo avere
nella Diocesi sua quella medesima autorità, che avea il Papa nella
Romana: disprezzava tutte le cose determinate ne' Concilj, tutte le
cose scritte da' Dottori della Chiesa, tutte le leggi Canoniche, ed i
decreti de' Pontefici, riducendosi solo al Testamento vecchio, al libro
degli Evangelj, agli Atti degli Appostoli, ed a tutto quello, che si
comprende sotto il nome del Testamento nuovo, ed all'Epistole di S.
Paolo; ma dando a tutte queste nuovi e sospetti sensi, e non più udite
interpretazioni.

Nè si contenne in questi soli termini la follia di costui, e de'
seguaci suoi, ma seguitata da quasi tutta la Germania, trascorrendo
ogni giorno in più detestabili e perniziosi errori, penetrò a ferire
i Sacramenti della Chiesa, disprezzare i digiuni, le penitenze
e le confessioni; scorrendo poi alcuni de' suoi Settatori (ma
divenuti già in qualche parte discordanti dall'autorità sua) a
fare diaboliche invenzioni sopra l'Eucaristia: le quali cose avendo
tutte per fondamento la reprovazione dell'autorità de' Concilj e de'
Sacri Dottori, diedero adito ad ogni nuova e perversa invenzione o
interpretazione.

Si vide perciò in molti luoghi, eziandio fuori della Germania, ampliata
questa dottrina, la quale liberando gli uomini da molti precetti, li
riduceva ad un modo di vita assai libero ed arbitrario. Negli Svizzeri,
Ulrico Zuinglio Canonico di Zurich, avendola abbracciata, colle sue
prediche l'avea disseminata per que' Cantoni, e da molti ascoltato,
avendo acquistato gran credito, faceva prodigiosi progressi.

E mentre i Principi d'Europa tutti stavano occupati alla guerra, le
cose della Religione andavano alterandosi in diversi altri luoghi; dove
per pubblico decreto de' Magistrati, e dove per sedizione popolare. In
Berna, fattosi un solenne convento e de' suoi Dottori e dei forastieri,
ed udita una disputa di più giorni, fu ricevuta la dottrina conforme a
quella di Zurich. Ed in Basilea, per sedizione popolare, furono ruinate
ed abbruciate tutte le Immagini, e stabilita la nuova religione.
L'esempio di Berna fu seguitato a Genevra, Costanza, ed altri luoghi
convicini; ed in Argentina, fatta una pubblica disputa, per pubblico
decreto fu proibita la Messa.

Cominciava per tanto questo pestifero veleno a diffondersi, ancorchè
occultamente, anche in Italia, non meno che apertamente erasi
disseminato in Francia; poichè in Italia, vedendosi tanta corruttela
de' costumi nell'Ordine Ecclesiastico e nella Corte di Roma, credevano
molti, che fossero tante calamità per esecuzione d'una sentenza Divina
vendicatrice di tanti abusi, onde molte persone e accostavano alla
riforma: e nelle case private, in diverse Città, massime in Faenza,
Terra del Papa, si predicava contra la Chiesa Romana, e cresceva ogni
giorno il numero de' Luterani, i quali si facevan chiamare Evangelici.

Giovò non poco allo spargimento di questa nuova dottrina nell'altre
parti, l'erudizione di Filippo Melantone, fedele discepolo di Lutero,
il quale vedendo che l'eloquenza e il credito d'una scelta erudizione
a se chiamava gran numero di seguaci, impiegò ogni suo talento e tutte
le sue belle lettere per mettere in ridicolo i Teologi scolastici; e
facendosi ammirare dagl'ignoranti, dava lor facilmente ad intendere
che i Dottori Cattolici non più sapevano di Religione, che di belle
lettere: prese con queste arti molti, ed in Italia alcuni Predicatori
più insigni di que' tempi, che si dilettavano d'eloquenza e che aveano
tanto quanto di buon gusto nelle lettere.

Scorgendo intanto l'Imperador Carlo V che non pure nella Germania,
ma anche in Italia era penetrata la dottrina di Lutero, trovandosi
in Napoli nel 1536 a' 4 febbrajo fece pubblicare in questa città un
rigoroso editto, da pubblicarsi ancora per tutti li Regni suoi, che
niuno avesse pratica o commercio con persona infetta, o sospetta
d'eresia Luterana, sotto pena della vita e di perdere la roba[35]; e
prima di partire raccomandò al Toledo, che sopra tutto invigilasse a
non farla penetrare nel regno commesso al suo governo.

Ma donde si credeva sperar salute, s'ebbe il male: era in que' tempi
assai rinomato in Italia e per fama di gran Oratore assai celebre
_Bernardino Occhino_ da Siena, Frate Cappuccino, il quale sopra tutti
gli altri del suo tempo erasi reso famoso sì per la sua dottrina, ed
eloquenza e per l'asperità della vita, come anche per un suo nuovo
modo di predicare l'Evangelio, non con dispute scolastiche, ed altre
stravaganze, come gli altri fin al suo tempo facevano, ma con ispirito
e veemenza e con fervore mirabile; onde s'avea acquistato gran credito
non solo appresso il Popolo, ma anche presso i più grandi Principi
d'Italia. Egli avea però in secreto ricevuta la dottrina di Lutero,
e la andava occultamente disseminando, ma la copriva con accortezza
tale, che non potea aversene niun sospetto. Dalla di lui fama tratti i
Napoletani, proccurarono che nella Quaresima di quell'anno 1536 venisse
a predicare a Napoli; egli ci venne con soddisfazione grandissima
della Città, ch'ebbe il gusto, trovandovisi allora l'Imperadore, di
farlo anche ascoltare da sì gran principe. Predicò egli a S. Giovanni
Maggiore con tanto plauso ed ammirazione, che avea sbancati tutti gli
altri Predicatori; poichè a gara tutta la Città correva alle Prediche
di lui; e narra Gregorio Rosso[36] testimonio di veduta, che in que'
giorni di Quaresima, che l'Imperadore si trattenne in Napoli (poichè
partì dentro di quella) andava spesso a sentirlo in S. Giovanni
Maggiore con molto suo diletto; imperocchè, com'e' dice, _predicava con
ispirito, e devozione grande, che facea piagnere le pietre_.

Partito l'Imperadore da Napoli, proseguì egli le sue prediche,
nelle quali con destrezza mirabile andava spargendo alcuni semi di
Luteranismo, che non se ne potevano accorgere, se non i dotti, e
que' di buon giudicio. Il Vicerè Toledo, che come Spagnuolo favoriva
molto i Religiosi Scolastici, a quali non troppo piaceva questo nuovo
modo di predicare l'Evangelio, essendo da costoro avvisato, che _Fra
Bernardino_ di nascosto nelle sue prediche seminava l'eresia Luterana,
diede carico al Vicario di Napoli, acciò destramente s'informasse della
verità, e provvedesse. Il Vicario dubbioso, per mettersi in sicuro, era
venuto a fargli ordine, che non predicasse più, se prima in pulpito
non dichiarasse chiaramente la sua opinione intorno a quegli errori,
che gli venivan opposti; ma il Frate, come che dotto ed eloquente, si
difese così gagliardamente, che fu lasciato finire di predicare in
quella Quaresima: e non solo della sua dottrina finì ogni sospetto,
ma acquistò maggior credito e molti seguaci, che istruiti della sua
dottrina, partito che fu egli da Napoli, in sua vece la insegnavano
nascostamente ad altri.

Ma tre anni da poi, avendo lasciato di se un desiderio grandissimo,
fu di nuovo, con molta istanza dei Napoletani, richiamato a predicare
nel Duomo di Napoli, dove venuto, fu nel dire più alto e misterioso,
e per quanto i giudiziosi s'accorsero, era più cauto, usando parole
ambigue, per potersi difendere in caso fosse attaccato. Il nuovo modo
di predicare su la Scrittura, diede occasione a molti di disputare
sopra di quella, di studiare l'Evangelio, di disputare sopra la
Giustificazione, la Fede e le opere; sopra la Potestà Pontificia, il
Purgatorio, e questioni simili, le quali prima eran sol trattate da'
Teologi grandi fra di loro e nelle loro Scuole. Ma ora, rese per le sue
prediche popolari, erano trattate anche da' laici, e talora da uomini
di poca dottrina, e di nessune lettere insino i più vili artigiani
erano venuti a questa licenza di parlare e di discorrere dell'epistole
di S. Paolo e de' passi difficili di quelle, e quel che fu peggio egli
partendosene lasciò in Napoli alcuni suoi fedeli discepoli, e la sua
cattiva dottrina sparsa ne' petti di molti; siccome avea fatto in ogni
altra parte d'Italia, dove avea predicato.

Erano allora in Napoli alcuni Teologi e predicatori parimente insigni
d'altre religioni, alcuni de' quali, molto favoriti dal Vicerè Toledo,
non si lasciarono contaminare dalla dottrina di costui, anzi la
contrada dicevano, e con somma vigilanza proccuravano farne accorti gli
altri, perchè la detestassero. Fra gli altri fioriva a questi tempi
_Frat'Angelo di Napoli_ Riformato di San Francesco, molto versato
nella Teologia e nella dottrina Platonica, ma sopra tutto Oratore
eloquentissimo. Costui era favorito molto dal Toledo, che lo elesse
per suo Confessore, e l'avrebbe innalzato a maggiori dignità, se la
morte non avesse interrotti i suoi disegni; fecegli però ergere nel
Monastero della Croce, ove dimorava, una degna Sepoltura con elogio,
che ancora ivi si legge. Risplendeva ancora più luminoso il _P. Fra
Girolamo Seripando_ dell'Ordine di S. Agostino nobile del Seggio di
Capuana, uomo dottissimo, di probità di vita, nelle prediche mirabile,
e sopra tutto dotato di somma saviezza e prudenza, tanto che nel
Capitolo generale celebrato in Napoli l'anno 1539 fu creato Generale
della sua Religione; ed avuto in somma stima dal Toledo, per la sua
interposizione fu assunto all'Arcivescovado di Salerno, e poi fatto
Cardinale da Pio IV. Romano Pontefice. Questi fu che morendo, memore
della sua Patria, lasciò la sua gran Biblioteca adornata di famosi,
e di più peregrini, e rari Codici M. S. al Convento di S. Giovanni a
Carbonaia[37], ch'era uno de' maggiori pregi di questa città; ora già
posta a sacco da' Monaci stessi, che ne tenevano cura: ed ultimamente
(con molto dispiacere de' buoni) da chi men dovea. Rilussero ancora
_Frate Ambrogio di Bagnoli_ dell'Ordine de' Predicatori, Oratore
insigne, poi Vescovo di Nardò, di cui nella Chiesa dello Spirito
Santo si vede ancora la sua Statua di marmo con elogio; _Fra Teofilo
di Napoli_ disputante massimo e parimente Oratore eloquentissimo, che
recitò l'orazion funebre per la morte dell'Imperadrice accaduta in
quell'anno: _Fra Agostino di Trivigi_, e molti altri, che disputando,
orando ed insegnando, e favoriti dal Toledo, erano tutti intesi a non
far allignare le nuove dottrine, che occultamente serpeggiavano; ma
svellerle tosto, prima che mettessero più profonde radici.

Dall'altra parte non mancavano chi con molta accortezza, e sotto
manto d'agnelli, così disputando, come insegnando, cercavan stabilirle
in Napoli. Avevano alcuni, con nuovo istituto, cominciato a leggere
pubblicamente l'Epistole di S. Paolo, nella sposizione delle quali
insinuavano la nuova dottrina. Fra gli altri, che in ciò si erano resi
celebri, furono _Giovanni Montalcino_ dell'ordine de' Minori di S.
Francesco, _Lorenzo Romano_ Siciliano, Apostata de' PP. Agostiniani, e
_Pietro Martire Vermiglio_, Prete e Canonico Regolare, Fiorentino e di
cui il Tuano nelle sue Istorie non si dimenticò tesserne elogio.

_Fra Giovanni_, non pur esponendo quelle Epistole, ma disputando più
giorni continui col P. Teofilo di Napoli suo competitore ed emolo,
malmenandolo con motti acuti e mordaci, erasi reso sospetto già
d'eresia, siccome l'evento poi chiaramente lo dimostrò; perchè alcuni
anni appresso, arrestato in Roma, e convinto, fu giustiziato. _Pietro
Martire_, assai più famoso, esponeva con molta eloquenza e dottrina
l'Epistole di S. Paolo in Napoli, in S. Pietro ad Ara, dove ebbe tanto
credito e concorso di gente, che chi non v'andava, era riputato mal
Cristiano. Costui avea a se tirati molti, fra' quali un certo Catalano
chiamato _D. Giovanni Valdes_ ch'era anche stretto amico di _Fr.
Bernardino da Siena_; ma la vigilanza del Vicerè, e più de' di lui
emoli, che non lasciavano di fare minuto scrutinio sopra i suoi detti,
frastornarono i suoi progressi; poichè un giorno, spiegando quel passo
di S. Paolo[38]: _Si quis autem superaedificat, etc._ ancorchè con
accortezza, e con molte proteste e riserve lo sponesse, diede però gran
sospetto, ch'egli non ben sentisse del Purgatorio. Di che avertito il
Toledo, gli fece proibire la lezione, donde avvenne, ch'egli vedendo,
che in Italia non poteva promettersi gran cose; finalmente sentendo,
che in Roma se gli preparavano aguati, fuggì d'Italia, e ricovrossi
fra' Luterani in Argentina, ove riuscì in quella dottrina cotanto
celebre, quanto il Mondo sa. _Lorenzo Romano_ fermossi nel Regno,
prima in Caserta, e disseminò occultamente gli errori di Zuinglio in
quella Città e nelle Terre circostanti; da poi andò in Germania, donde
maggiormente istrutto ritornò in Napoli nel 1549, e si pose quivi
celatamente ad insegnare a molti gentiluomini la Logica di Melantone;
sponeva i Salmi e l'Epistola di S. Paolo, ed un libro a que' tempi dato
fuori, intitolato: _Beneficio di Cristo_. Fu però poco da poi scoverto;
ed essendo stato citato dagl'Inquisitori, fuggì via; ma da poi venne
nel 1512 spontaneamente a presentarsi in Roma al Cardinal Teatino, al
quale confessò i suoi errori e gli palesò ancora, com'egli in Napoli
e nel Regno avea molti discepoli, fra' quali erano persone eminenti e
molte Dame Nobili e Titolate, le quali professavano lettere umane, ed
essendo stato condennato a pubblica abjura nella Cattedrale di Napoli
e di Caserta, gli fu imposto, che, fatto questo, ritornasse in Roma per
ricevere altre penitenze.

In Napoli con tutto ciò, non ostante la vigilanza del Toledo e le
diligenze, che s'usavano contra costoro, non cessava il timore, che non
venisse contaminata da' seguaci loro, li quali con molta accortezza e
con molta riserba nutrivano la lor dottrina. Non mancavano di capitarvi
molti altri Predicatori, i quali tentavano ancora di seminar nel
Regno li medesimi errori, abbracciati da molti, chi per ignoranza,
chi per malizia; onde aveano cominciato già a far loro congregazioni e
Consulte, e Capo di costoro era il _Valdes_ Spagnuolo, il quale faceva
professione di ben intendere e spiegar la Scrittura, dando a sentire
d'essere in ciò illuminato dallo Spirito Santo; e ne avea per ciò
tirati molti al suo partito, onde la cosa era giunta a tale, che oltre
avere il veleno penetrato nei petti d'alcuni Nobili, era arrivato sino
ad attaccar le Dame; e si credette, che la cotanto famosa Vittoria
Colonna vedova del Marchese di Pescara e Giulia Gonzaga, per la
strettezza, che tenevano col _Valdes_, fossero state anche contaminate
da' suoi errori[39].

Stando le cose della Religione in questo stato in Napoli, verso
l'anno 1541 e 42 venne nuova, che il _P. Occhino_ erasi manifestamente
svelato per la parte de' Luterani, fuggito d'Italia, e ricovrato in
Genevra s'era a coloro unito: questa rebellione dell'Occhino portò
così in Napoli, come in tutta Italia sommo dispiacere: perchè creduto
universalmente per uomo da bene e di sana dottrina, ora che vedevano
il contrario, cominciarono a dubitare; non le sue prediche avessero
apportato più tosto danno, che utile: ed accrebbe il sospetto contra
i suoi discepoli, che avea in Napoli ed in tutta Italia lasciati; a'
quali, perchè stassero fermi nella sua dottrina, non avea tralasciato,
già fatto ribelle, di scrivere alcune Omelie volgari, che per mezzo
d'una sua epistola dedicò alla sua Italia, nelle quali manifestava, che
per l'addietro avea predicato in Italia Cristo _mascherato_, ma che
ora non potendolo predicare a viva voce _nudo_, come il Padre ce lo
mandò, e come nudo stette in Croce, lo faceva per opera della penna,
con quelli suoi scritti; de' quali furono veduti per Italia e Napoli
correre, per le mani di molti, più esemplari.

In questo medesimo tempo uscirono in istampa, senza nome d'Autore,
alcuni libri, uno de' quali avea titolo: _Il Seminario della Scrittura_
e l'altro: _Il Beneficio di Cristo_; e si videro comparire ancora
alcune Opere di Filippo Melantone e d'Erasmo. Nel principio, per molti
mesi, non se ne tenne conto, e correvano senza proibizione per le mani
di molti: ma poi fatto avvertito il Vicerè del danno che facevano, gli
fece proibir tutti, ed ordinò, che fossero pubblicamente bruciati; e
fattone un fascio dal _P. Ambrogio da Bagnoli_, furono al cospetto del
Popolo fatti bruciare avanti la porta maggiore dell'Arcivescovado, con
bandi tremendissimi contra coloro, che forse tenessero queste ed altre
opere sospette, o che le leggessero, o in qualunque modo proccurassero.
Questo rigore fece quietar le cose in maniera, che non s'intese più
che simili libri fossero ritenuti, e se pure da alcuni si parlava della
Scrittura, era con più modestia e rispetto di prima.

A questo fine il Vicerè Toledo fece poi ai 11 ottobre dell'anno 1544
pubblicar Prammatica, colla quale ordinò, che i libri di Teologia e di
Sagra Scrittura, che si trovassero stampati da venticinque anni, non
si ristampassero: e gli stampati non potessero tenersi, nè vendersi, se
prima non saranno mostrati al Cappellan Maggiore, il quale dovea vedere
eziandio quali potessero mandarsi alla luce. Parimente proibì tutti i
libri di Teologia e di Sacra Scrittura, che fossero stampati senza nome
di Autore e tutti quelli, i cui Autori non fossero stati approvati.

Questo timore, che in Napoli non penetrassero gli errori della
Germania, e la vigilanza per ciò usata dal Toledo, fece aver anche
per sospetta ogni erudizione; e fu la cagione, perchè, presso noi,
le lettere non facessero que' progressi e quegli avanzi, che in
questi tempi facevano in Francia, ed in altre parti, così per la
Giurisprudenza, come per l'altre facoltà. Erano rimasi solo i vestigj
dell'Accademia del Pontano, ed alcuni pochi sostenitori di quella: pure
con tutto ciò non mancava il buon volere, e se per questi sospetti non
fossero stati dal Toledo impediti, molti nobili spiriti non avrebbero
mancato di favorire le lettere, con ergere nuove Accademie, come
aveano già cominciato: poichè nell'anno 1546 i Nobili del Seggio di
_Nido_, ad esempio di ciò che si faceva in Siena, e nell'altre città
d'Italia, trattarono d'ergere in Napoli un'Accademia di Poesia latina
e volgare, di Rettorica e di Filosofia e d'Astrologia, siccome in una
ben ornata stanza, al piano del Cortile di S. Angelo a Nido, l'ersero
sotto il nome de' _Sireni_, e ne fecero Principe Placido di Sangro:
e gli Accademici infra gli altri, furono il Marchese della Terza, il
Conte di Montella, Trojano Cavaniglia, il celebre Antonio Epicuro,
Antonio Grisone, Mario Galeota, Giovan-Francesco Brancaleone famoso
Medico e Filosofo ed Orator eloquentissimo, ed altri amatori delle
buone lettere. Ad imitazione di Nido eresse il Seggio _Capuano_ un
altra Accademia, sotto il nome degli _Ardenti_. E ne fu anche istituita
un'altra nel Cortile dell'Annunziata sotto il nome degli _Incogniti_.
Ma queste, nate appena, rimasero estinte; poichè il Toledo le fece
da' Reggenti del Collaterale proibire, non piacendo allora, che,
sotto pretesto di studio di lettere, si facessero ragunanze e continue
unioni d'uomini letterati. Accelerò la proibizione, l'istituto preso,
che ciascuno degli Accademici dovesse ivi recitare una lezione, sopra
la quale (ancorchè il soggetto fosse o di Filosofia, o di Rettorica)
venendosi poi a disputare, sovente s'usciva dal soggetto, e si veniva
alle quistioni di Teologia e di Scrittura. Furono per ciò l'Accademie
proibite tutte e tolte via.

Quindi è avvenuto, che nel mezzo di questo secolo e nel suo decorso
non possiamo mostrar tanti Letterati, quanti nel principio e nel fine
del precedente furono da noi annoverati: de' Filosofi, e Medici un solo
Agostino _Nifo_, ed in Calabria, Antonio e Bernardino Telisio, li quali
per ciò non valsero far argine a' Scolastici e discreditar Aristotele
lor Maestro: de' Poeti solamente fu veduto qualche numero, da non
paragonarsi però a quello del secolo precedente.

Quindi ancora avvenne, che avendosi per sospetta ogni erudizione, i
nostri Giureconsulti non poterono imitare l'esempio di Francia, dove
la Giurisprudenza nelle Cattedre era insegnata con maggior purità
e nettezza: ma da' nostri fu lo studio di quella proseguito nella
medesima forma che prima. Ed essendosi cotanto i Tribunali innalzati,
crebbe il numero de' Professori, li quali non diedero alcun sospetto,
perchè tutti intesi a' guadagni del Foro, furono lontani da ogni
erudizione e dallo studio delle lettere umane.

Questo era lo stato delle cose nel 1546. Pareva che colla vigilanza
continua del Vicerè, per tanti provvedimenti dati, non vi fosse bisogno
di altro per toglier ogni timore d'introduzione di nuova dottrina
contraria alla antica Religione; ma il Vicerè per le cose precedute,
come d'affare così grave e rilevante, avea dato intanto all'Imperador
Carlo V relazione distinta di quanto era occorso intorno a ciò in
Napoli, mostrando che bisognava seriamente provvedere d'efficaci rimedj
per mali sì gravi e pericolosi. L'Imperadore, che co' suoi proprj
occhi vedeva que' disordini e le revoluzioni cagionate in Germania per
questa nuova dottrina, stimò necessario (per non vedere gli altri suoi
Stati dipendenti dalla Monarchia di Spagna nel medesimo disordine)
che si dovesse seriamente pensare ad un efficace rimedio; e reputando
il più opportuno, per riparare al male, non poter esser altro, che
in quelli far erigere un Tribunal d'_Inquisizione_ all'uso di Spagna,
affinchè i popoli atterriti, pensassero a vivere come prima, scrisse
al Vicerè, che ponesse ogni suo studio in proccurare d'introdurre in
Napoli l'Inquisizione all'uso di Spagna. Usasse però ogni industria
ed accortezza d'introdurla senza alterazione de' Popoli, ma con modi
soavi, covrendo con fino artificio il suo disegno. Avea Cesare fatta
esperienza, quanto pericoloso fosse sforzare in ciò i Popoli; poichè
avendo tentato di mettere a quell'uso l'Inquisizione in Fiandra, la
vide in breve tempo tutta sconvolta e quasichè disabitata; imperciocchè
molti avendo orrore di sì rigido Tribunale, lasciando le paterne
case, si contentavano più tosto fuggire, ed andar altrove raminghi,
tanto che fu egli obbligato levarlo e che più non se ne parlasse. Il
Vicerè, prima di ricevere queste insinuazioni da Cesare, avea già da
molto tempo pensato da se stesso a questo rimedio; ma sapendo, che
l'Inquisizione era stata ai Napoletani sempre d'orrore ed odiosa, e
che, nè Ferdinando il Cattolico, nè altri Vicerè, che più volte l'avean
tentato, mai eran stati bastanti a metterlo in opera, rispose perciò
all'Imperadore, che l'impresa era molto ardua, ma con tuttociò avrebbe
egli usata ogni industria e poste in opera le più sottili arti, e come
se nè da Cesare nè da lui procedesse, avrebbe proccurato spingere
e tirar avanti il disegno nella maniera più accorta e cauta, che si
potesse.

In questi medesimi tempi il Pontefice Paolo III, vedendo ancor
egli, che in Italia andava serpendo il male, rinvigorì dall'altra il
Tribunal dell'Inquisizione di Roma; e con intelligenza di Cesare mandò
Commessarj dell'Inquisizione Romana per tutte le Province d'Italia, i
quali però erano ricevuti con condizione, che dovessero procedere per
via _ordinaria_, con manifestazione de' testimonj e, sopra tutto, senza
la confiscazione de' beni.

Il Toledo reputando, che col fare apparire non da lui, ma da Roma,
venir tentata l'impresa, e che sotto questo manto avrebbe coperto il
suo disegno, proccurò col Cardinal Borgia, uno degl'Inquisitori di Roma
suo parente, che, siccome erasi fatto nell'altre Province d'Italia,
si mandasse in Napoli un Commessario, con Breve del Papa, dove si
comandasse, che per via d'Inquisizione dovesse procedersi contra i
Chierici, Claustrali e Secolari; siccome in effetto venne il Breve, ed
al Vicerè fu comunicato, il quale però si pose in grande angustia per
trovar il modo di poterlo far eseguire.

Narrasi, che 'l Pontefice di buona voglia, a' prieghi del Cardinal
Borgia, avesse conceduto il Breve, non perchè egli si curasse molto di
porre l'Inquisizione in Napoli, avendo scoperto i disegni di Cesare
e del Toledo, che volevano porla all'uso di Spagna e non già di Roma
(tanto che questa competenza giovò molto a' Napoletani) ma perchè
tenendo odio occulto contra l'Imperatore, sapendo quanto fosse d'orrore
a' Napoletani l'Inquisizione, giudicava, che col tentar di metterla in
Napoli, si dovessero cagionare in questa città alterazioni, tumulti e
sedizioni.

Uberto Foglietta genovese[40], seguito dal Presidente Tuano[41],
scrive, che il Toledo a' Commessarj dell'Inquisizione venuti da Roma,
che lo richiedevano secondo il costume, dell'_Exequatur Regium_
al Breve, avesse risposto, che in ciò non s'affrettassero tanto,
ma tenessero presso di loro il Breve, perchè, quantunque per non
insospettire i Napoletani odiosissimi all'Inquisizione, non poteva
allora darlo, stessero però di buon animo, con tener sotto silenzio il
tutto, perch'egli avrebbe oprato in modo, che il Breve s'eseguisse.

Però i nostri Scrittori napoletani, contemporanei non men che
il Foglietta, a questi successi, i quali, siccome devon cedere
all'eleganza e maestà del suo stile, così è di dovere, che, come
forastiero, egli ceda per la verità e più minuta e distinta narrazione
di questa istoria a costoro che trovaronsi presenti, e furono in
mezzo di quegli affari, e li trattarono con pericolo della vita e
perdita delle loro robe. Narrano questi, che il Vicerè, dopo alquanti
giorni, dal Consiglio Collaterale fece dar l'_Exequatur_ al Breve; ma
che non volle farlo pubblicare per la Città a suon di trombe, nè con
prediche, per timor di qualche sollevamento; ma volle che solamente
per cartone affisso nella porta dell'Arcivescovato si palesasse;
nell'istesso tempo, ritiratosi egli a Pozzuoli, ove l'inverno soleva
dimorare, ordinò a Domenico Terracina, quanto al Popolo odioso,
altrettanto suo dependente, avendo a questo fine, (oltre averselo
fatto compare) quattro mesi prima proccurato di farlo elegger di nuovo
Eletto del Popolo, ed agli altri Ufficiali della città, de' quali
egli si fidava, che insinuassero con dolci maniere alle lor Piazze,
che non bisognava di quell'editto d'Inquisizione far tanto rumore, nè
sgomentarsi tanto, poichè quello non era ad uso di Spagna, ma veniva
per provisione del Papa, Giudice competente in quella causa, di che
la città non avea occasione di dolersi del Vicerè, di cui non era
volontà, nè dell'Imperadore di metter l'Inquisizione; ma che il Papa
per moto proprio lo faceva, acciò, se la città fosse in qualche parte
contaminata d'eresia, se ne avesse da purgare; e non essendo, se ne
fosse con questa paura preservata.

Dall'altra parte i Napoletani, a' quali essendo noti gli artificj del
Vicerè, erano entrati in sommo sospetto, aveano eletti perciò Deputati,
li quali essendo più volte ricorsi al Vicerè per questi rumori, che
si sentivano d'Inquisizione, furono altrettante volte assicurati dal
medesimo, ch'egli non avrebbe permessa novità alcuna. Tuttavolta la
fama essendo continua e grande, che l'Inquisizione sarebbe stata fra
poco tempo posta, non cessavano i timori ed i sospetti; ma quando
poi in un dì di Quaresima di questo nuovo anno 1547 coi propri loro
occhi videro l'Editto affisso nella porta della Chiesa Cattedrale, il
quale da molti letto, era esagerato molto più di quel che conteneva,
cominciarono molti a sollevarsi e farne rumore, e corsi al Vicario
dell'Arcivescovado (il qual udito il tumulto per timore s'era
nascosto) fecero stracciare l'Editto. Il Vicerè inteso il tumulto,
la Domenica delle Palme fece tosto chiamar a se il Terracina e gli
altri Ufficiali della città, a' quali niente parlando d'Inquisizione,
ma solo esagerando l'eccesso, persuadeva di doversi procedere contra
i tumultuanti ad un severo castigo; e se bene quasi tutti erano per
acconsentirgli, nulladimeno per tema del Popolo, già insospettito e
sollevato, non risposero risoluti, ma diedero buone parole, con riserva
di farlo intendere alle loro Piazze: perlochè congregati gli Eletti,
così nobili, come popolari nelle loro Piazze, e proposto il negozio
per arduo, conchiusero di dover andare dal Vicerè a Pozzuoli, e creati
scelti uomini, e di qualità per Deputati, se n'andarono giuntamente
a Pozzuoli, dove avanti il Vicerè, Antonio Grisone gentiluomo del
Seggio di Nido parlò con molto vigore ed energia, mostrandogli quanto
fosse stato sempre alla città e Regno odioso ed insoffribile il
nome dell'Inquisizione, e sopra tutto, che trovandosi con facilità
uomini ribaldi, che per denari e per odio facilmente s'inducono a far
testimonianze false (il che molto bene poteva egli aver conosciuto, che
per estirpar le scuole de' testimonj falsi, era stato costretto di far
pubblicar contra d'essi un rigoroso bando a pena della vita) in breve
tempo si sarebbe veduto il Regno e la città tutta sconvolta e rovinata;
lo pregava per tanto, in nome di tutti, a non voler permettere, che a
tempo suo, quando ne aveano ricevuti tanti beneficj, Napoli restasse
di tanto obbrobrio e vergogna macchiata, e da così intollerabil giogo
oppressa.

Il Vicerè gli rispose con molta umanità, dicendogli, che non era di
mestieri, che per ciò si fossero incomodati di venir sino a Pozzuoli:
che egli amava molto più di quel, che credevano, la loro città, la
quale poteva chiamarla anche sua patria, non meno per avervi abitato
tanti anni, che per aver maritata una sua figliuola ad uno de' suoi
Nobili; che non era stata mai intenzione nè di sua Maestà, nè sua,
d'imporre Inquisizione; anzi che più tosto avrebbe egli deposto il
governo del regno, che soffrire questa novità in tempo suo: restassero
per tanto sicuri, che d'Inquisizione non si parlerebbe mai. Soggiunse
però, che sapendo essi, che molti, benchè ignoranti e di poco conto,
parlavano troppo licenziosamente, e che perciò davano qualche sospetto
d'infezione, non giudicava fuor di proposito, nè la città lo dovea
tener per male, che se alcuni ve ne fossero, siano per la via ordinaria
e secondo i Canoni inquisiti e castigati; acciocchè le persone infette
non abbiano ad attaccar la loro contagione agli altri sani; e che per
questo fine e non per altro, e credeva, che fossero stati affissi
quegli Editti. I Deputati udita questa risposta, gli resero grazie
infinite e tutti allegri tornati a Napoli, la riferirono alle Piazze,
la quale sebbene avesse universalmente apportata somma allegrezza,
nulladimeno molti da quelle ultime parole, di castigare i colpevoli
per via di Canoni, non lasciarono il sospetto, interpetrando la
mente del Vicerè non essere in tutto aliena dall'Inquisizione, ma di
volerla cominciare con apparenza giusta, acciò col tempo ella passasse
a termini più ardui, tanto che finalmente restasse poi da senno
Inquisizione all'uso di Spagna.

Crebbe poi il sospetto dal vedere, che il Terracina co' suoi partigiani
non tralasciava d'andar insinuando a' popolari di non doversi di
ciò curar molto, e farne tanti schiamazzi; ma ciò da che più se ne
resero certi fu, quando a' 21 di maggio dell'istesso anno 1547 videro
nella porta dell'Arcivescovado affisso un altro editto assai più del
precedente chiaro e formidabile, parlando alla scoverta d'Inquisizione.
Allora la città si sollevò, e con grande strepito per le piazze di
Napoli si gridò _arme, arme_: fu immantinente l'editto lacerato, il
Popolo tumultuosamente corse dal Terracina, dicendogli che convocasse
tosto la Piazza, acciò s'amovessero i Deputati vecchi sospetti
d'intelligenza col Vicerè e si creassero i nuovi. Il Terracina, con
mostrarsene renitente, accrebbe il sospetto; onde entrati in fretta
dentro S. Agostino, congregata la Piazza, ed ivi esposto l'arduità
dell'affare, ed il pericolo grande e la poca corrispondenza de' fatti
alle buone parole del Vicerè, parve a tutti espediente di privare il
Terracina del suo ufficio d'Eletto, ed i suoi compagni dell'ufficio
di Consultori (perchè in quel tempo il Popolo li creava) e rifecero
in suo luogo per Eletto _Giovanni Pascale_ da Sessa uomo audace e di
fazione popolare, e per Consultori altri poco amici del Terracina e
zelantissimi delle cose pubbliche.

Da queste forti resoluzioni del Popolo si mossero anche i Nobili, i
quali avidamente ricevettero sì opportuna occasione per vendicarsi del
Toledo, da loro in secreto odiato, i quali, non meno che i popolari
abbominando l'Inquisizione, s'unirono con quelli, dando loro titolo
di _fratelli_, avvertendoli sempre, che stessero vigilanti, atteso
senza dubbio il Vicerè voleva l'Inquisizione, nè punto si fidassero
delle sue parole, al quale, per togliere ogni ambiguità, bisognava
resister apertamente, con dirgli, ch'essi non volevano Inquisizione
nè all'usanza di Spagna, nè di Roma, e che insino alla morte, salva la
riverenza al loro Principe, l'avrebbero contrastata. Il Terracina, e'
suoi compagni rimasero in grandissimo odio col Popolo, ed il volgo,
insino a' fanciulli, li chiamavano per le strade _Traditori della
Patria_. Odiavano ancora, come dipendenti del Vicerè, il Marchese di
Vico vecchio, il Conte di S. Valentino vecchio, Scipione di Somma,
Federigo Caraffa padre di Ferrante, Paolo Poderico, Cesare di Gennaro
e molti altri d'ogni Seggio.

Il Vicerè, udita la sollevazione del Popolo, il tumulto seguito, e
come senza sua licenza erano stati imperiosamente privati de' loro
ufficj il Terracina e gli altri, e che il Popolo alle sue parole e
promesse, non dava alcuna credenza, fieramente sdegnato, minacciando,
che avrebbe severamente castigati gli Autori di questi tumulti, se ne
venne in Napoli; ed ancorchè da' Deputati si proccurasse raddolcire
tanto sdegno, egli diede rigorosi ordini al Tribunal della Vicaria,
che procedesse contra gli Autori, non men del tumulto, che della
nuova elezione dell'Eletto, e Consultori: fra gli altri, che furono da
quel Tribunale portati per Autori più principali, fu un tal _Tommaso
Anello_ Sorrentino della Piazza del Mercato, uno dei primi Compagnoni
di Napoli, e di gran sequela, il quale, così nell'elezione, come nella
sollevazione, si era sopra gli altri distinto, ed era stato colui, che
avea tolto il nuovo Editto dalla porta della Cattedrale e laceratolo.
Costui, essendo stato citato dal Fisco, dopo molta discussione, se
dovea presentarsi o no, alla fine vi andò accompagnato da infinita
moltitudine, che postasi attorno al palazzo della Vicaria, ondeggiando
aspettava, che il suo Cittadino licenziato se ne tornasse. Il Reggente
della Vicaria Girolamo Fonseca, quando vide tanta moltitudine, giudicò
meglio per allora licenziarlo dopo breve esame, che di ritenerlo: il
quale tolto in groppa del suo cavallo da Ferrante Caraffa Marchese di
S. Lucido, al Popolo assai caro, a cui fu dal Reggente consegnato,
bisognò portarlo per molte piazze di Napoli per acquetare i tumulti
nati tra' Popolari, che temevano della vita di quel loro cittadino.
Il Vicerè, dopo questo, vedendo riuscir vani i suoi disegni, pien di
cruccio se ne tornò a Pozzuoli; e poco da poi fu, per l'istessa cagione
del tumulto, citato Cesare Mormile Nobile di Portanova, ed al Popolo
assai caro, il quale vi andò con molta riserva, e ben accompagnato;
onde il Reggente riputò anche lasciarlo andare per l'istessa cagione,
che avea lasciato andar l'altro. Questo fatto assai dispiacque al
Vicerè; ma dissimulandolo, avea rivolto l'animo al castigo ed alla
vendetta, aspettando sol il tempo di poterlo fare.

Ma nuovo accidente accrebbe vie più i tumulti e disordini. Aveva
il Vicerè, fra questo mezzo, da' presidj di fuora fatte venire in
Napoli alcune compagnie di soldati spagnuoli al numero di 3000,
alloggiandogli dentro il Castel Nuovo: un giorno, qual si fosse la
cagione, all'improvviso fur veduti questi soldati spagnuoli uscir
fuori de' fossi del Castello; a questo avviso, il Popolo insospettito,
corse a pigliar l'arme, si chiusero le botteghe e le case e tutti
armati corsero verso il Castello. Gli Spagnuoli cominciarono a tirar
dell'archibugiate, e corsi sino alla Rua Catalana, saccheggiavano le
case, uccidevan uomini e donne e fanciulli. I Napoletani corsi al
campanile di S. Lorenzo fecero sonare quella Campana alle armi: al
suono di questa Campana, siccome ivi accorsero molti cittadini, così si
svegliarono i Regj Castelli, cominciando a tirar cannonate contra la
Città, ancorchè con pochissimo danno. Dentro la città e sovente nelle
osterie, ove erano trovati Spagnuoli, erano uccisi e tagliati a pezzi.
I Tribunali si chiusero; tutto era disordine e rivoluzione; sin che,
sopraggiunta la notte, fu sopito alquanto il tumulto.

Il Vicerè fieramente sdegnato pretendeva, che la città col prender
le armi avesse commessa chiara rebellione: all'incontro gli Eletti e'
Deputati dolendosi di lui; dicevano, che per odio delle cose passate
avea fatto introdurre tanti Spagnuoli in Napoli per saccheggiarla, e
che come non fosse stata città dell'Imperadore, ma o de' Franzesi,
o de' Turchi, come nemico la faceva cannonare da' Castelli, e che
di tutto ne avrebbero avvisato Cesare; ed avendo fatto congregare
i più famosi Avvocati e Dottori di que' tempi, fra' quali teneva
il primo luogo _Giovan-Angelo Pisanello_, tutti seguitando il voto
del Pisanello, conchiusero, che la Città non potea incolparsi di
ribellione; e che per ciò potesse armarsi contra l'adirato Ministro,
non per altro, che per conservare al suo Re la città e Regno. Fu per
tanto risoluto di far soldati per la difesa della città, e fu dato
questo carico a Giovan Francesco Caracciolo Priore di Bari Cavaliere di
Capuana, ed a Pascale Caracciolo suo fratello, a Cesare Mormile nemico
del Vicerè, ed a Giovanni di Sessa Eletto del Popolo; ma l'autorità del
Priore e del Mormilo era quella, che governava il tutto.

Inasprì maggiormente gli animi un nuovo accidente; poichè stando nel
Seggio di Portanova alcuni giovani nobili di quel Seggio, passarono
alcuni Alguzini di Vicaria, che conducevano prigione uno per debiti;
e perchè la città stava sollevata e tutta in arme, stimandosi poco li
Ministri di giustizia, que' Nobili trattennero gli Alguzini, e gli
dimandarono per qual cagione portavano colui prigione: quel ribaldo
alzando la voce, disse; _Signori, questi mi portano prigione per conto
d'Inquisizione_; per le quali parole que' giovani leggiermente si
mossero a farlo fuggire dalle loro mani. Saputosi ciò dal Reggente
della Vicaria, ne prese cinque di coloro, de' quali tre se ne
trovarono colpevoli, e subito ne avvisò il Vicerè. Costui subitamente
da Pozzuoli, ov'era, si portò in Napoli, ed a' 23 di questo mese di
maggio comandò, che que' tre giovani fossero portati in Castel Nuovo,
e chiamato il Consiglio Collaterale, ancorchè il famoso _Cicco di
Loffredo_ Presidente allora Reggente non vi consentisse; credendo che
con usar sopra di loro estremo rigore s'avvilissero i Nobili, siccome
il caso di Focillo avea fatto avvilire i Popoli, volle in tutte le
maniere, che fossero condennati a morte ad uso di Campo; il che fu
fatto, onde il dì seguente de' 24 ad ore 17 fur cacciati fuor del
Castello e condotti a quel luogo ov'è solito piantare il talamo; e
perchè il caso richiedeva prestezza, fur posti inginocchioni in terra,
e scannati ad uso di campo.

Il Vicerè fatto questo, lusingato che con mostrar intrepidezza dovesse
abbattere la superbia de' sediziosi, cavalcò subito per la Città
accompagnato da molti Cavalieri spagnuoli e napoletani e con molti
Soldati a piedi. Intanto i popolani, serrate le case e le botteghe,
eransi posti tutti in arme e gridando, bestemmiando e minacciando
andavan per la città a guisa di baccanti; per lo che i Deputati, quando
intesero la risoluzione del Vicerè, mandarono a pregarlo, che per
allora volesse differire di cavalcare, dubitando, che alcuno scellerato
non avesse ardimento d'offenderlo, essendo il Popolo tutto in arme;
con tutto ciò il Vicerè non volle lasciar di cavalcare, parendogli,
che ciò sarebbe stata cagione di dar maggior animo a' sediziosi; onde
i provvidi Deputati mandarono Cesare Mormile ed altri Cavalieri innanzi
lungi dalla cavalcata, a raffrenare il Popolo, ch'era in grosse schiere
armato per le strade, acciocchè non si movessero per niente contra
il Vicerè. Ma fu cosa stupenda a vedere, che se bene non facessero
movimento alcuno contra di lui, niente di meno a passar per le strade,
non fu trovato uomo, nè picciolo nè grande che gli facesse con la
berretta, o col ginocchio segno alcuno di riverenza, quando prima,
sempre che cavalcava per la città, ogni uno correva a salutarlo con
sviscerata affezione. Tanto l'orrore, che aveano all'Inquisizione, avea
mutati gli animi loro.

Questa rigorosa giustizia e questa cavalcata del Vicerè imputata a
disprezzo e poco conto, diede l'ultima spinta a maggiori sollevazioni
e tumulti; poichè dubitando, che il Vicerè non volesse prender vendetta
di tutti coloro, che gli aveano contraddetto al ponere l'Inquisizione,
nella stessa maniera, che avea fatta con li riferiti tre meschini
giovani, si posero nell'ultima disperazione; ed il Mormile, ed il Prior
di Bari, per far credere al Popolo essere questo il disegno del Vicerè,
fecero ad arte sparger voce, che il Vicerè mandava una Compagnia di
Spagnuoli a prender prigione Cesare Mormile e tutti gli altri, che
l'aveano contraddetto al poner l'Inquisizione. A questa voce fu sonata
subito la Campana di S. Lorenzo ad arme, ove concorsero infiniti colle
armi alle mani, con prontezza di morir tutti per la libertà della loro
patria: allora i Capi prendendo l'occasione, e vedendoli così invasati,
fatto pubblico Consiglio, ottennero facilmente di far conchiudere in
quello più cose. Primieramente fu determinato, che si togliesse al
Vicerè ogni ubbidienza. II. che per tal effetto si facesse fra' Nobili
e Popolari una _Unione_, con proposito di morir tutti, o niuno. E per
III. che si spedissero Ambasciadori a Cesare.

Fu fatta l'_Unione_, e per pubblico istromento firmata, e fu mandato un
Trombetta ad intimarla a tutti que' Cavalieri napoletani, che s'erano
racchiusi col Vicerè nel Castello, con protesta, che se non andavano
a celebrar l'Unione con loro, metterebbero fuoco alle lor case e
poderi; perlochè il Vicerè diede a tutti licenza, che v'andassero, per
conservare i loro beni. Fu celebrata l'Unione, e preso un Crocifisso,
andarono in processione per la città mescolatamente nobili e popolari,
poveri e ricchi, titolati e non titolati, gridando; _Unione, Unione in
servigio di Dio, dell'Imperadore e della città_; ed acciocchè ognuno
entrasse in questa Unione, fu inventato, che chi non v'entrava, era
chiamato _Traditor della Patria_; la qual fu di tanta forza, che
tutti, grandi e piccioli, entrarono in quella, come in una venerabile
Religione; perlochè il Vicerè ridendo soleva dire, che gli rincresceva
molto di non aver potuto entrare in quella _Santa Unione_.

Fu eletto per Ambasciadore della città a Cesare, Ferdinando Sanseverino
Principe di Salerno nemico del Vicerè, il quale pieno di vanità e
leggerezza, in cambio di scusarsene, accettò con giubilo la carica;
a cui fu aggiunto Placido di Sangro, e portatosi subito dal Vicerè a
licenziarsi, ancorchè questi gli assicurasse, che se egli andava per
l'Inquisizione non era bisogno, perchè egli gli dava parola di far
venire privilegio dell'Imperadore di non mai metterla; con tutto ciò
rispondendogli, che non poteva lasciar d'andare per averlo promesso
alla città, se ne andò subito a Salerno per ponere in ordine la sua
partita. Il Vicerè stette tutto quel dì nella porta del Castello per
informarsi di quello che passava nella città, ed avuto avviso, che gli
era stata tolta l'ubbidienza, e che non lo chiamavano più Vicerè, ma
_D. Pietro_, voltatosi a que' Cavalieri, ch'erano seco, ridendo disse.
Signori, andiamo a starci in piaceri; or che non ho che fare, perchè
non son più Vicerè Di Napoli.

Pietro Soave[42] nell'Istoria del Concilio di Trento (ancorchè ciò si
taccia da tutti gli Scrittori napoletani) narra, che la Città mandò
anche Ambasciadori al Pontefice Paolo III, al quale, aggiunge, che i
Napoletani si offerirono di rendersi, quando avesse voluto riceverli;
e che Paolo, a cui bastava nutrire la sedizione, come faceva con molta
destrezza, non parendogli aver forze per sostener l'impresa, avesse
rifiutato l'invito; non ostante che il Cardinal Teatino Arcivescovo di
quella città, promettendogli aderenza di tutti i parenti suoi, ch'erano
molti e potenti, insieme coll'opera sua, che a quell'effetto sarebbe
andato in persona, efficacemente l'esortava a non lasciar passare una
occasione tanto fruttuose per servizio della Chiesa, acquistandole un
tanto Regno.

Ma di questo fatto, che sarebbe stato di ribellione manifesta de'
Napoletani, non vi è chi fra noi faccia memoria. Ed ancorchè il Duca
d'Alba, e gli Spagnuoli lo tenessero per fermo; però il Pontefice
Giulio III in una sua epistola rapportata dal Chioccarelli, diretta
all'Imperador Carlo V, dove pregavalo a non far differire più la
possessione dell'Arcivescovado di Napoli al Cardinal suddetto, lo niega
costantemente, come diremo più diffusamente appresso. Ogni uno avrebbe
creduto, che il Cardinal Pallavicino[43] antagonista del Soave, dovesse
ripigliarlo anche di questo; ma poichè quest'Autore, siccome è tutto al
Soave contrario, ed opposto circa il ponderare i fini delle azioni, non
già intorno alla verità de' fatti, ove sembra, che (toltone in alcune
circostanze di poco rilievo) insieme concordino; così parimente il
Pallavicino viene a confessare, che i Napoletani invitarono il Papa con
larghe offerte a proteggerli;[44] il quale però con pensiero egualmente
pio e savio, non volle far movimento, conoscendo, com'e' pondera di suo
capo, che l'acquisto di quel Regno temporale avrebbe messo a pericolo
in tali tempi tutto il suo Regno spirituale; di cui il temporale è
accessorio, e non durabile senza il sostegno dell'altro.

Intanto il Vicerè dubitando, che quella Unione non partorisse qualche
ribellione, massimamente vedendo, che gli Spagnuoli erano perseguitati
ed uccisi, fece raddoppiare presidio nel Castel Nuovo. Il dì seguente,
che fur li 26 di Maggio, i Capi del rumore sparsero fama per la Città,
che il Vicerè disegnava di assaltare il Popolo e castigarlo, perchè
avea a suon di campana dato all'arme, che parea spezie di rebellione;
perlochè con prestezza fecero bastioni nella piazza dell'Olmo, ed in
tutti i luoghi delle frontiere, misero gente a S. Maria della Nuova, e
con gran inpeto corsero ad assaltar gli Spagnuoli dentro il quartiere.
Il Vicerè, che di ciò ebbe avviso, comandò, che il Castelli giocassero
con le artiglierie verso i luoghi, ove si vedeva raccolta gente armata,
e mandò soldati spagnuoli alle frontiere a raffrenar l'impeto di quella
gente. Si stette in continue scaramucce per tre giorni e tre notti,
nelle quali molti dell'una parte e dell'altra furono feriti e morti.

In questo stato di cose, i Deputati, avendo grandissimo riguardo di non
incorrere in qualche atto di ribellione, stavano in continui consigli;
e per dimostrare la debita fedeltà verso l'Imperadore drizzarono
sopra il campanile di S. Lorenzo l'insegna con l'armi dell'Imperio,
e vollero, che siccome gli Spagnuoli gridavano _Imperio e Spagna_,
similmente il Popolo all'incontro gridasse _Imperio e Spagna_. Oltre
di ciò mossero il Principe di Bisignano, ed altre persone amate
dal Vicerè, che trattassero con lui di fare una tregua; e che si
contentasse di non fare delle cose passate dimostrazione di castigo
verso nessuno, insino a tanto, che non avesse sopra di ciò avvisato
l'Imperadore. Del che il Vicerè si contentò, e fu risoluto che la
città da sua parte mandasse uomo deputato a dar informazione del fatto
a Cesare, e che il Vicerè mandasse un altro da sua parte; il quale vi
mandò il Marchese della Valle Castellano del Castel Nuovo, con lettere
dirette a Cesare, nelle quali lo ragguagliava fra l'altre cose, che
_l'Inquisizione_ non si comporterebbe affatto in questo Regno, come
in Ispagna, per molte e molte cagioni; onde bisognava che non se ne
parlasse, per cancellare questo nome di _Unione_, che al presente s'era
cominciato. La città, come si è detto, vi mandò il Principe di Salerno
con Placido di Sangro; e partirono questi per le poste a' 28 del
medesimo mese di maggio; ma il Principe trattenutosi in Roma in visite
ora di questo, ora di quell'altro Cardinale, fece sì, che il Marchese
della Valle giungesse prima in Norimberga, ove Cesare in quel tempo
dimorava.

Nel tempo di questa tregua si stava dall'una parte e l'altra su
l'avviso e si tenevano corpi di guardia con le loro sentinelle nelli
lor Forti, praticando però i soldati col popolo, ed il popolo con
loro, benchè il popolo armato e sollevato non stimava, nè ubbidiva gli
Ufficiali della giustizia, anzi non si riteneva sovente d'ingiuriarli
e maltrattarli. Ciò che veduto dalli Deputati, dubitando, che non
ne nascesse qualche ribellione, andarono al Vicerè a' 15 giugno con
Giudice e Notaro a richiederlo, che volesse tener cura della giustizia,
come prima, poich'essi erano nella medesima ubbidienza di prima, dalla
quale si protestavano non volersi mai levare e che offerivano ostaggi
per sicurtà de' suoi Ufficiali. Ma il Vicerè, che vedeva, che tutto
questo facevano per lor cautela, perchè in fatti non poteva Ufficiale
alcuno comparire per la città per l'insolenze del popolo, che stava in
schiere armato, non volle farlo, dicendo, che l'ubbidienza loro era
in parole, e non in fatti; onde per pubblico decreto della città fu
determinato, che si facesse un corpo di guardia, e che andasse per la
città di giorno e di notte pigliando i delinquenti, ed imprigionargli
nella Vicaria, acciocchè del Reggente e da' Giudici, che in quel
Palazzo erano racchiusi, fossero puniti; e fu posta una Compagnia
di soldati fuori del suddetto Palazzo, acciocchè niuno ardisse
d'accostarvisi per rompere le carceri, ovvero per far violenza agli
Ufficiali. Ma questa diligenza nulla giovava, imperocchè l'audacia
della plebe era tanto sfrenata, che nè anco temevano gli Ufficiali
della Città.

In questo il Vicerè trovò una via per divider l'_Unione_, e per
iscoprire se nella Città vi fosse qualche trattato di ribellione; e
fu che scrisse un comandamento a tutti i Baroni, che dovessero per
servigio di sua Maestà venire ad alloggiare nelli Quartieri degli
Spagnuoli sotto pena di ribellione. Fu fatto sopra di ciò consiglio
nella Città, e conchiuso, che vi andassero a lor piacere. Tutti vennero
dal Vicerè, e furono alloggiati a que' Quartieri e provveduti a' lor
bisogni. Il dì seguente la Città per risarcir quella rottura confermò
l'_Unione_ e mandò Ambasciadori al Vicerè, richiedendo, che desse a
tutti alloggiamento, perchè per servigio di Sua Maestà tutti, non solo
i Baroni e Titolati, volevano venire, ed alloggiare in que' Quartieri;
al che il Vicerè ridendo, rispose, che l'ambasciata, ancorchè in tempo
d'està, era riuscita troppo fredda.

Per questa cagione, e per non potersi vivere sotto quel corrotto
governo, ogni uomo da bene se ne usciva dalla Città con la lor
famiglia, e niuno vi sarebbe rimaso, se i Deputati non avessero poste
le guardie alle Porte; ed era cosa compassionevole a vedere la Città
vota de' suoi Baroni e d'onesti Cittadini, e piena all'incontro di
plebe arrogante e d'infiniti fuorusciti, i quali scorrendo, ora in
questo, ora in quell'altro luogo, facevano mille insolenze, e chi
gli riprendeva era ingiuriato e chiamato traditor della patria, e lo
forzavano e pigliar l'armi, ed andar con essi loro; ma chi egregiamente
si mostrava in piazza in giubbone, o armato, e si offeriva di morir
per la patria, minacciando il Gigante del Castel Nuovo (così chiamavano
D. Pietro di Toledo) quello onoravano, e chiamavano patrizio, e degno
d'esser Deputato della città; ed allora già il governo de' Deputati si
cominciava a dissolvere, e ne nasceva il governo di pochi e potenti, e
quasi un Triumvirato di Cesare Mormile, del Prior di Bari e di Giovanni
di Sessa, restando i Deputati di solo nome per riputazione della Città.

Stando le cose in questo stato, vennero al Vicerè Ambasciadori del
Duca di Fiorenza suo genero, della Repubblica Senese, e dell'altre
Potenze d'Italia, con offerirgli soccorso di gente e di denari; a'
quali il Vicerè mandò a ringraziare, accettando solamente l'offerta
del Duca di Fiorenza, al quale fece sentire, che gli tenesse in ordine
cinquemila pedoni, e che bisognando, per mare si conducessero in
Napoli. Sparsasi di ciò la fama per la città, i Deputati dubitando non
essere all'improvviso assaltati, determinarono anch'essi di assoldare
diecimila soldati, i quali fur subitamente raccolti per la moltitudine
de' villani e de' fuorusciti, che erano entrati nella città. Fecero
anche rassegna di tutto il popolo, e fur trovati quattordicimila uomini
atti all'armi la maggior parte archibugieri. Questo così fatto esercito
era senza Capo; imperocchè i Deputati non lo vollero mai fidare ad
alcun Capitan Generale, per dubbio che non s'impadronisse della Città,
e facesse qualche rivoluzione, ma lor medesimi lo governavano nel
miglior modo che potevano, e se ne servivano solamente per difendere
lor frontiere, in caso, che fossero assaltati; ma essi essendo senza
timore di superiori, si mandavano per assaltar gli Spagnuoli ne'
lor Quartieri, ed a' 21 luglio si attaccò tra loro una crudelissima
zuffa, e la città toccò la Campana ad arme: e tutta la plebe corse
alla volta degli Spagnuoli con grand'impeto insino alla Rua Catalana,
dove uccisero molti Spagnuoli, e particolarmente n'uccisero sedici,
che stavano i miseri mangiando nell'Osteria del Cerriglio. Il Vicerè
quando questo intese, fece dare anch'egli all'arme, e posta la
fanteria Spagnuola in squadrone la mandò guidata dal Balì Urries a
ributtargli in dietro, il che fu fatto con gran prestezza; imperocchè
a forza d'archibugiate gli fecero ritirare da tutto il Quartiere di S.
Giuseppe, e della Rua Catalana insino al Capo della piazza dell'Olmo;
e perchè dalle case furono feriti molti Spagnuoli per li fianchi,
entrarono per forza dentro, rompendo le porte e mura, e finalmente
presele, le posero tutte a sacco, ed a fuoco; e venuta la notte furono
posti molti soldati Spagnuoli nella Dogana, ed in altre case forti.
Presero anche il Convento di S. Maria la Nuova per forza, perchè
vi erano molti soldati italiani, e vi fu posto dentro in guardia il
Capitan Orivoela con una compagnia La città all'incontro fortificò
S. Chiara, il Palazzo del Principe di Salerno, del Duca di Gravina,
e Monte Oliveto e quel del Segretario Martirano, ponendo dentro molti
archibugieri, ed alcuni pezzi d'artiglieria minuta. Fatto questo, il
Vicerè comandò che gli Spagnuoli non uscissero fuora delli loro Forti,
e che attendessero solamente alla lor difensione; ma il popolo, essendo
senza Capo, e senza timore, non si fermava mai ne di dì, ne di notte,
dando sempre all'armi, ed assalti agli Spagnuoli, ed a guerra bandita
gli danneggiavano, ed ammazzavano crudelmente insieme con gl'Italiani
aderenti del Vicerè, saccheggiando le lor case e vigne, e tal volta
scorrevano insino a Pozzuoli a danneggiare le cose del Vicerè, ed
insino a Chiaja ad assaltare i Cavalieri, che per ordine del Vicerè
stavano ivi alloggiati. Durò questa crudel guerra quindici giorni,
ne' quali dì e notte continuamente si combatteva, le artiglierie
delle Castella e delle Galee, non perdendo tempo, tiravano nella
Città, dovunque si vedeva gente armata; e già il popolo incominciava
a gridare, che l'artiglieria della Città si ponesse in ordine per
combattere Castel Nuovo, e gli altri Forti; ma li Deputati non lo
vollero in modo alcuno consentire, parendo loro che questo sarebbe
stata ribellione aperta. Questa guerra si dovrebbe chiamar civile, e
per ciò si avrebbe dovuto tacere il numero delli morti in essa; poichè
Giulio Cesare non volle scrivere il numero degli uccisi da lui nelle
guerre civili; ma non mancarono Scrittori, i quali, senza aver questo
ritegno, ne hanno de' loro nomi empite le carte.

Ma ecco, stando la guerra nel suo fervore, che ritornarono da Cesare
il Marchese della Valle e Placido di Sangro. Incontanente fu fatta
tregua per intender la volontà dell'Imperadore, la qual Placido spiegò
alla città nel pubblico Consiglio, dicendo che Sua Maestà ordinava e
comandava alla città, che dovesse deporre l'armi in potere del proprio
Vicerè, il quale l'avrebbe appresso manifestato compitamente qual
fosse sua volontà circa questo fatto. Questa risposta, benchè parve
alla città molto dura, dovendo depor l'armi, senz'altro intendere,
in poter del proprio nemico armato, tuttavia volendo mostrare, che
le cose passate non erano state con mala intenzione d'inobbedienza
verso sua Maestà, volle senza replica ubbidire; e volontariamente
tutti andarono senza tardar punto a consegnar l'armi a' Deputati in S.
Lorenzo, li quali poi in nome del pubblico le rassegnarono al Vicerè
in Castello; e quantunque ne mancassero molte, il Vicerè, appagatosi
di questa ubbidienza, non volle procedere rigorosamente in farle
rassegnar tutte, ma ben volle gli fosse rassegnata tutta l'artiglieria
grossa della città; e del resto desideroso di veder quietate le cose,
dissimulò, come savio, molte altre cose, in che avrebbe potuto mostrar
rigore. Fatto questo, subito il Vicerè con grandissima diligenza
attese a riformar la giustizia, ed il governo della città; s'aprirono
i Tribunali, ed ognuno attese a' suoi negozj, come prima, facendo
assicurare, ed acquietare gli animi de' cittadini, scusando ognuno,
e dicendogli, ch'egli conosceva, che furono ingannati da alcuni, che
per le proprie passioni, e perversi disegni proccuravano di sollevarli
sotto scusa dell'_Inquisizione_ a far qualche rivoluzione, e che si
rallegrava, che Iddio l'aveva liberati dalle loro mani: e per questo
l'Imperadore perdonava a tutti, e ch'egli similmente faceva, ed era per
fare qualsivoglia cosa per lor quiete e ristoro.

Ma la città, che tuttavia stava sospesa e desiderosa d'intendere
qual fosse l'intera volontà dell'Imperadore, pregava il Vicerè, che
la palesasse, poich'era pronta ad eseguirla. Perlochè a' 12 agosto
fece chiamare in Castello i Deputati della Città, ed entrati che
furono, fu alzato il Ponte, il che diede a que' di fuora non picciol
terrore; ma il Vicerè raccoltigli benignamente, palesò loro la
volontà dell'Imperadore, ch'era, che si contentava, che non fosse
posta _Inquisizione_[45]; che perdonava alla città l'aver posta
mano all'armi, poichè conosceva non esser venuto per ribellione: e
che se Cesare Mormile, il Prior di Bari e Giovanni di Sessa fossero
andati a S. M. in nome della città avrebbero avuto da lui compimento
di giustizia. Li Deputati oltremodo allegri di questo, si partirono
per andare a notificarlo alla città con sommo contento; ma poco
da poi furono pubblicati trentasei eccettuati dalla grazia fatta
dall'Imperadore, i quali essendo stati sentenziati a morte, avendo
avuta tal notizia il Prior di Bari, Cesare Mormile e gli altri,
fuggirono tutti via: solamente fu preso Placido di Sangro, e fu portato
prigione in Castello; ma dopo certo tempo ne fur aggraziati molti,
eccetto il Mormile, e tutti coloro, che andarono a servire al Re di
Francia, a' quali furono confiscati i beni, e venduti: ed eccetto anche
l'infelice Giovan Vincenzo Brancaccio, uno degli eccettuati, il quale
per sua disgrazia fu preso, e decapitato.

Dopo questo venne lettera dell'Imperadore alla città dichiarandola
_Fedelissima_, perdonandole gli eccessi dei precedenti rumori; ma per
gl'interessi corsi per quel conto, la condannò in centomila scudi per
emenda. Dichiarò anche, che tutto quello, che il Vicerè avea detto e
fatto, era stato di sua volontà, e che per l'avvenire fosse tenuto e
riverito come la sua Persona.

Stava la città quasi ristorata e quieta; ma con tutto ciò teneva
maneggio col Principe di Salerno, che rimase per suo ordine nella Corte
dell'Imperadore, non troppo ben mirato, nè in molto credito: anzi
rimproverato d'essere andato Ambasciadore della città, lasciandola
con l'armi la mano, ed anche perchè si diceva, che non era legittimo
Ambasciadore, per non essere stato eletto da tutte le Piazze; e per
questa cagione interteneva con lettere la città, che non s'assicurasse
del tutto; e mandò a chiederle, che mandasse nuovi Ambasciadori a
confermare all'Imperadore quanto gli avea esposto da sua parte; e per
ciò furono mandati Giulio Cesare Caracciolo per li Nobili, e Giovanni
Battista del Pino per lo Popolo, i quali partirono a' 2 dicembre,
e furono gratamente uditi dall'Imperadore. Non molto da poi ritornò
anche dalla Corte il Principe di Salerno, e segretamente dava speranza
ad alcuni, che si moveano di leggieri a crederlo, che l'Imperadore
gli area promesso di rimovere il Vicerè dal governo del Regno; ma il
Vicerè, che sapeva la verità, stava saldo, e colla stessa autorità di
prima continuò a governarlo fin che visse.

In cotal guisa i Napoletani costantemente s'opposero all'_Inquisizione_,
Tribunale per essi cotanto odioso ed abborrito. Dalla lettera
dell'Imperador Carlo in poi, non si parlò più d'_Inquisizione_; e
tanto più fu posto poi a quella silenzio, quanto che gli animi di
Cesare e del Papa s'erano ingrossati, e l'odio fra loro molto
cresciuto; poichè essendo stato in una congiura nel proprio palazzo
trucidato a' 10 settembre di quest'anno Pier Luigi Farnese figliuolo
del Papa, il Pontefice se ne afflisse sopra modo: non tanto per la
morte violenta ed ignominiosa del figlio, quanto per la perdita di
Piacenza, e perchè vedeva chiaramente il tutto essere succeduto con
participazione di Cesare. E morto il Pontefice Paolo III, il suo
successore _Giulio III_, ad istanza di D. Giovanni Manriquez
Ambasciadore di Cesare a Roma, ed a' prieghi della città, spedì Bolla
a' 7 aprile del 1544, diretta al Cardinal Pacecco, allora Luogotenente
del Regno per l'Imperadore, colla quale, per far cosa grata a Cesare,
al detto Cardinale ed alla città ordinò, che non si facessero più
confiscazioni di beni di Eretici nel Regno, cassando tutte quelle, che
insino allora fossero fatte[46].

Intanto il Vicerè Toledo, per estirpare qualche falsa opinione, ch'era
rimasa in alcuni, prestava facilmente il braccio secolare al Vicario
di Napoli, che vi procedeva, secondo il prescritto de' Canoni, per
via ordinaria. Egli è però vero, che non si sradicò allora l'abuso,
che lo vedremo durare per più anni appresso, cioè di mandarsi i
prigioni a Roma agli Ufficiali di quella Inquisizione, ovvero esigerne
dagl'inquisiti le malleverie di presentarsi ivi avanti que' Ufficiali;
poichè così nel tempo di D. Pietro, come de' suoi successori lo vediamo
praticato, cioè, che andati gl'inquisiti in Roma, fatta la abjura, e
la penitenza ad essi imposta dagli Ufficiali di quella Inquisizione,
n'erano poi rimandati alle loro case.


§. II. _Inquisizione nuovamente tentata nel Regno di FILIPPO II ma pure
costantemente rifiutata._

L'ordine del tempo richiederebbe, che si dovesse finir qui di parlare
d'Inquisizione, e passare avanti nel racconto degli anni dell'Imperio
di Cesare e del governo del Toledo; ma io stimo serbar miglior ordine
proseguendo questa materia insino agl'ultimi nostri tempi, affinchè
per non interrompere il filo, e per non venire di nuovo a trattarla,
tutta intera, quanta ella è, sia collocata sotto gli occhi d'ogni
uno: affinchè in uno sguardo tutta ravvisandola, possano i nostri con
esattezza vedere i suoi orrori, e con quanta ragione i nostri maggiori
l'abbian sempre abborrita, e si conosca con ciò, quanto siano grandi le
grazie che debbonsi rendere al nostro Augustissimo Principe, che ce ne
ha ora affatto resi liberi, ed esenti.

L'abborrimento, che i nostri maggiori concepirono all'Inquisizione, si
è veduto, che procedè dall'orribil modo di procedere dell'Inquisizione
di Spagna contra i Mori e gli Ebrei, a tempo di Ferdinando il
Cattolico: ora quest'avversione la vedremo assai più crescere per
li nuovi e più terribili modi del Tribunal dell'Inquisizione di
Roma, sotto il Pontificato di Paolo IV nostro napoletano. Questo
Pontefice, assunto che fu al Papato, quando gli altri suoi predecessori
s'affaticavano, o almeno lo fingevano, che per estirpar tanti novelli
errori surti nella Germania non vi fosse mezzo più proprio, che la
convocazione d'un Concilio generale; egli all'incontro reputava, che
l'Inquisizione fosse il vero ariete contra l'eresia e la più valida
difesa della Sede Appostolica; onde fu tutto rivolto a porre con
rigorose Costituzioni in maggior terrore quel Tribunale[47]. Egli
a' 15 febbrajo 1558 pubblicò una nuova Costituzione, la quale fece
sottoscrivere da tutti i Cardinali, in cui rinovando qualunque censura,
e pene pronunziate da' suoi predecessori, qualunque statuto de' Canoni,
Concilj, e Padri in qualsivoglia tempo pubblicati contra gli Eretici,
ordinò che fossero rimessi in uso gli andati in desuetudine, dichiarò,
che tutti i Prelati e Principi, eziandio Re ed Imperadori caduti in
eresia, fossero e s'intendessero privati de' Beneficj, Stati, Regni ed
Imperj, senz'altra dichiarazione, ed inabili a poter essere restituiti
a quelli, eziandio dalla Sede Appostolica: e li Beni, Stati, Regni,
ed Imperj, s'intendano pubblicati e siano de' Cattolici, che gli
occuperanno. E narra il Presidente Tuano[48], che, quando il Papa pochi
anni prima di sua morte, si vide libero della cura della guerra, tutto
si diede a render più vigorosa l'Inquisizione, ch'e' chiamava _Ufficio
Santissimo_, volendo, che si esercitasse con la maggiore severità del
mondo, come la sperimentò (per tacer d'altri) Pompeo Algieri da Nola,
che come eretico lo fece bruciar vivo[49]. A questo fine vi prepose
Michele Gisleri Domenicano, fatto da lui Cardinale per l'austerità,
ed asprezza de' suoi costumi, acciò l'esercitasse con maggior rigore,
siccome fece; non solo in questo tempo, ch'era Inquisitor generale,
ma anche da poi fatto Papa col nome di _Pio V_, il quale durante il
suo Pontificato usò tali severità contro i sospetti d'eresia, che il
Presidente Tuano[50] non ebbe difficoltà di dire, che non senza orrore
veniva a rapportarle. Volle ancora Paolo IV che a questo Tribunale si
riportassero non solo le cause d'eresia, ma ancora altri delitti, li
quali prima solevansi diffinire da altri Ordinari Giudici[51].

Erano surti fra noi a questi tempi li _Teatini_, li quali seguitando i
vestigi del loro Istitutore, furono perciò tutti intesi ad invigilar
sopra i Napoletani, e credevano non potere far cosa più grata al
Pontefice, che andar a denunziare all'Inquisizione tutti coloro,
ch'eglino credevano sospetti, ancorchè con debolissimi indizi, onde
sovente di gravi disordini e tumulti nella città e nelle famiglie
erano cagione; e se i Gesuiti surti nel medesimo tempo, loro emoli e
competitori, non si fossero sovente opposti, di mali maggiori sarebbero
stati cagione. Quindi l'abbominazione di questo Tribunale, non pur in
Napoli, ma anche in Roma crebbe tanto, che morto il Pontefice Paolo
a' 8 agosto del 1559, anzi ancora spirante, per l'odio concepito dal
Popolo e Plebe Romana, gli ruppero la di lui Statua in Campidoglio,
furono rotte le carceri ed estratti li prigioni, fu posto fuoco al
luogo dell'Inquisizione, ed abbruciarono tutti i processi e scritture,
che ivi si guardavano; e mancò poco, che il Convento della Minerva,
dove i Frati soprastanti a quell'Ufficio abitavano, non fosse dal
Popolo bruciato[52].

Ma in questi tempi s'accrebbe lo spavento non solo per lo terrore, che
dava l'Inquisizione di Roma, ma molto più per quello, che per opera
del Re Filippo II diede in quest'anno 1559 l'Inquisizione di Spagna per
l'occasione che racconteremo.

Avendo Filippo, dopo la morte della Regina Maria d'Inghilterra sua
seconda moglie, deliberato lasciar la Fiandra, e ritirarsi in Ispagna,
viaggiando per mare, patì sì gran tempesta, che perduta quasi tutta
l'armata, con una suppellettile preziosa, che seco portava, appena
ne uscì salvo. Giunto che fu nel Porto di Cales, diceva d'essersi
liberato per singolar provvidenza Divina, acciò s'adoperasse ad
estirpare il Luteranesmo; al che diede presto principio, poichè come
narra il Tuano[53], giunto appena in Ispagna, diede subito ordine,
che si facesse diligente inquisizione contra tutti i Settarj, e
sospetti d'eresie, per volergli egli severamente punire; e quando
prima, secondo il caso portava, condennato uno, o più per le prave
opinioni di Religione, tosto dopo la condanna si davano al carnefice
per giustiziarli; furono, dopo quest'ordine del Re, i condennati per
tutta la Spagna riserbati al suo arrivo, e condotti in Siviglia ed
in Vagliadolid, dove con pompa teatrale doveano essere giustiziati.
Il primo atto di questa spaventosa tragedia fu celebrato in Siviglia
a' 27 settembre di quest'anno 1559, dove per dar un grand'esempio
negli auspicj del suo governo, e per levar ad ogni uno la speranza di
perdono e di clemenza, fece prima di tutti trarre dalla Torre _Giovanni
Ponzio_ Conte di Baileno, dove come Luterano era stato imprigionato,
e portato come in trionfo nel teatro, ove fu bruciato dalle voraci
fiamme: e con lui fu bruciato anche _Giovanni Consalvo_ Predicatore.
A costoro seguirono quattro nobili donne, _Isabella Venia_, _Maria
Viroesia_, _Cornelia e Bohorquia_; e quel che accrebbe il funesto
spettacolo di maggior misericordia e commiserazione, fu la tenera età
e la intrepidezza di _Bohorquia_, la quale appena toccati i 21 anni,
sofferse morte sì crudele con somma costanza. Le Case d'Isabella Venia,
come quelle, nelle quali i Settarj ridotti a truppe aveano fatte le
loro preci, furono da' fondamenti buttate a terra.

Dopo costoro furono bruciati _Ferdinando di Fano_, _Giovanni Giuliano
Ferdinando_, detto volgarmente dalla picciolezza del suo corpo il
_Piccolo_ e _Giovanni di Lione_, il quale avendo ne' suoi primi anni
nella nuova Spagna al Messico, esercitata l'arte di Sartore, da poi
ritornato alla Patria, erasi fatto del Collegio di S. Isidoro, ove
era occultamente professata la nuova religione. Accrebbe il lor numero
_Francesca Chaves_ Vergine a Dio sacrata nel Convento di S. Elisabetta,
la quale da _Giovanni Egidio_ Predicatore di Siviglia era stata
istrutta, e _Cristoforo Losado_ Medico. Del Collegio istesso di S.
Isidoro furon arsi _Cristofaro Arellanio_ e finalmente _Garzia Arias_,
il quale, per essere stato il primo ad introdurre in quel Collegio i
semi di questa nuova dottrina, fugli per ciò apparecchiato un rogo più
grande e quivi vivo bruciato. Fu posto ancora fuoco al Collegio, onde
tutto arse, e con esso buona parte della Città.

Rimaneano, per finir la tragedia, _Egidio_ Predicatore di Siviglia
e _Costantino Ponzio_: Egidio presso l'Imperador Carlo V per la sua
pietà ed erudizione era entrato in tanta sua grazia, che Carlo l'avea
disegnato Vescovo, ma poi accusato all'Inquisizione, sia per sua
astuzia, sia per le persuasioni di Domenico Soto, avendo pubblicamente
abjurato l'errore, fu liberato, e solamente a tempo gli aveano
gl'Inquisitori interdetto l'ufficio di predicare, e delle altre cose
sagre, e poco prima di questa tragedia si trovava già morto. Ma ora
gl'Inquisitori, reputando avere allora con Egidio con troppa mitezza
proceduto, ritrattarono la sua causa, chiamando in giudicio il suo
cadavere, ed ancorchè morto, lo condannarono a morte. Non potendo
bruciarlo vivo, fanno una sua effigie, e la buttano ad ardere nelle
fiamme in quello spaventoso teatro. L'altro, _Costantino Ponzio_:
fu egli Confessore di Carlo V nella sua solitudine, lo servì in quel
ministero sino alla fine, e raccolse, nelle sue braccia l'Imperadore
spirante; ma morto Cesare, imputato d'eresia, fu posto immediatamente
in prigione, nella quale morì poco tempo prima di questa funebre
pompa. Fu dagl'Inquisitori trattata la sua causa, e condennato,
ancorchè morto, ad ardere nelle fiamme; gli fu tosto fatta la statua
rappresentante la sua effigie in atto di predicare, spettacolo, che
agli astanti mosse in alcuni in prima le lagrime, in altri il riso,
ma in fine a tutti indignazione, vedendo, che se contra una statua
inanimata si procedeva con questi modi, ben si conosceva non esser
da sperare nè connivenza, nè misericordia da chi non riputava degno
di rispetto colui, che infamato disonorava maggiormente la memoria
dell'Imperadore suo padre.

Passò poi Filippo in ottobre a Vagliadolid, dove usando la stessa
severità, fece in sua presenza, con simili lugubri apparati, bruciare
ventotto della principal Nobiltà del paese, e ritener prigione _Fr.
Bartolommeo Caranza_ cotanto celebre nella prima reduzione del Concilio
a Trento, fatto poi Arcivescovo di Toledo, principal prelato di Spagna,
al quale furono eziandio tolte tutte l'entrate[54].

Queste crudeli ed orribili esecuzioni pervenute all'orecchie de'
Napoletani, può ognuno immaginare di quanto orrore e spavento fossero
cagione. Ma pochi anni appresso due occorrenze apportarono ad essi
maggiori timori, e gli riempirono di continue agitazioni e tormentosi
sospetti.

Nel Ducato di Milano, dalla Francia per la strada di Savoja, era di qua
de' Monti passata la nuova dottrina, e cominciava già a serpeggiare
la contagione delle nuove opinioni di Religione. Il Duca di Savoja,
non venendogli permesso, per le congiunture de' tempi, di potere far
altro, tollerava ne' suoi Stati alcuni occulti Protestanti[55]; ma gli
Spagnuoli, vedendo questo veleno insinuarsi nel Milanese, riputarono,
per estirpare il male nello spuntare, di dover usare della loro
severità. Il Re Filippo II istantemente chiedeva al Pontefice Pio IV,
che in Milano s'ergesse per sua autorità il Tribunal dell'Inquisizione,
siccome era in Ispagna. Ma il Papa, avendo portato l'affare in consulta
nel Concistoro, molti Cardinali glie lo dissuasero; ed egli, per
non esser molesto a cittadini di Milano, donde traeva l'origine, con
dispiacere veniva a farlo, con tutto ciò, costretto dalle forti premure
del Re, glie lo concedette, e ne gli spedì in quest'anno 1563 diploma.
Quando i Milanesi furono di ciò avvisati, non avendo essi meno che i
Napoletani quel Tribunale in orrore, s'esasperarono in maniera, che
se non fosse stata presta la somma prudenza del Duca di Sessa lor
Governadore ad occorrervi sarebber accadute in Milano le medesime
rivoluzioni e tumulti, che avvennero in Napoli nel governo di D. Pietro
di Toledo. Ferdinando Consalvo di Cordova Duca di Sessa, che allora
era succeduto al Marchese di Pescara, per non vedere nel principio
del suo governo questi moti, stimò mandar tosto più Cittadini al Re ed
al Pontefice, per distoglierli dall'impresa: ed egli con suoi ufficj
insinuò al Re, che istituire in Milano il Tribunale dell'Inquisizione,
come in Ispagna, era lo stesso, che turbar tutto lo Stato, e porlo in
iscompiglio e disordine. Il Re si quietò, e molto più il Pontefice,
onde non si parlò più d'Inquisizione.

Questi medesimi timori sopraggiunsero poco da poi in Napoli, per
un'occasione, che da più alto saremo ora a narrare. Quando sotto
l'Imperio di Federico II per via d'eserciti armati, e non altrimenti
di quello, che si faceva contra Saraceni, con crociate, si proccurava
estirpar gli eretici di que' tempi, e particolarmente i Valdesi, ovvero
Albigesi; questi rotti e fugati, e spogliati delle dignità e beni, si
dissiparono in molte parti, e nella loro credenza ostinati, non potendo
colle armi più difendersi, proccurarono di ricovrarsi in luoghi oscuri,
dove da niuno osservati, così negletti mantennero la loro credenza.
Alcuni si ricovrarono nella Provenza, in quel tratto de' Monti, che
congiungono le Alpi con i Pirenei, dove lungamente se ne conservarono
le reliquie sino al Pontificato di Giulio II, e più ancora. Altri
si ricovrarono nella Germania, ed in alcuni Cantoni di Boemia, di
Polonia e di Livonia fecero residenza, li quali da' Boemi erano
chiamati _Piccardi_. Ed alcuni altri, secondo che narrano gravissimi
Scrittori, fra' quali è il Presidente Tuano[56], si ricovrarono (chi
il crederebbe)? presso di Noi in Calabria, ed in questa Provincia
lungamente vissero, sino al Pontificato di Pio IV e 'l Regno di
Filippo II, nel qual tempo governando il Regno il Duca d'Alcalà furono
intieramente sterminati ed estinti[57].

Viveano costoro nella Provincia di Calabria citeriore in alcune Terre
presso Cosenza, nominate la Guardia, Baccarizzo e S. Sisto, da loro
medesimi fondate; anzi la Guardia fu detta perciò de' _Lombardi_,
perchè essi che vennero ad abitarla, da oltre i monti e dalle parti
di Lombardia ci vennero[58]. Quivi, come in luoghi oscuri e negletti,
vissero lungamente non osservati, nè curati. Fu prima in loro tanta
semplicità ed ignoranza di buone lettere, che non vi era alcun
timore, che potessero comunicar la loro dottrina ad altri: non era in
alcuna considerazione il lor picciol numero; e mancando di qualunque
erudizione, nè si curavano disseminar la loro dottrina, nè che altri
fossero curiosi d'intenderla. Ma surta da poi in Germania l'eresia
di Lutero, e quella, come si è veduto, arrivata sino a' Cantoni de'
Svizzeri, e penetrata nei Piemontesi ed in alcuni Lombardi abitanti
lungo il Pò, dond'essi traevano l'origine, e co' quali aveano continua
corrispondenza, furono i primi appo noi, ch'ebbero le prime notizie
della pretesa Riforma, e per esserne più distintamente informati,
mandarono in Genevra, invitando alcuni di costoro a venire nelle loro
Terre ad istruirli meglio di quella dottrina. Vennero con effetto
da Genevra due Ministri seguaci di Lutero, i quali pubblicamente
predicando la pretesa Riforma, ed insegnandola con particolari
istruzioni e catechismi, non solo la disseminarono in quelle Terre
della Calabria, ma la insinuarono nelle circostanti; e da quella
Provincia già cominciava ad esserne attaccata l'altra vicina: poichè
Faito, la Castelluccia e le Celle, Terre della Basilicata, eran già
state contaminate. Chi prima si fosse accorto di questa infezione,
narra il P. Fiore Capuccino[59], che fu un Prete nomato _Gio. Antonio
Anania_ da Taverna, fratello di Gio. Lorenzo famoso per l'opera data
alle stampe _De Natura Daemonum_[60]. Costui si trovava in quel tempo
nella Casa del Marchese di Fuscaldo Spinelli, di cui era la Guardia,
in qualità di Cappellano: onde per la vicinanza, e forse anche per la
pratica, che teneva con quelle genti, s'accorse, che il male, se non
si dava pronto rimedio, era per spandersi assai più; onde nel 1561
ne scrisse in Roma al Cardinal Alessandrino Inquisitor Generale, poi
Papa _Pio V_. Il Cardinale commise al suo zelo di far sì, che facesse
ravvedere quella gente degli errori, e la riducesse alla sana dottrina.
Anania, tralasciato ogni altro impiego, avendo chiamati per compagni
all'opra alcuni Gesuiti, i quali poco dianzi erano venuti in Calabria,
si posero con molto vigore ad esortarli e predicar loro la verità;
ma per molto che si travagliassero, pochissimo era il frutto de' loro
sudori; poichè ostinati nei loro errori, non temendo nè minacce, nè la
severità di qualunque castigo, vie più insolentivano e moltiplicavano.
Bisognò per tanto ricorrere ad un più forte ed efficace rimedio: s'ebbe
perciò ricorso al Duca d'Alcalà, il quale si trovava allora Vicerè
del Regno: costui ne' principj credette bastare, che si procedesse
contra di essi con un poco più di attenzione e vigilanza; onde scrisse
al Vicario di Cosenza (come si vede dalla sua lettera rapportata dal
Chioccarelli[61]) che nelle cause de' carcerati, che egli teneva,
della _Guardia Lombarda_ inquisiti d'eresia, procedesse con voto e
parere del Dottor Bernardino Santa Croce, che si ritrovava in quelle
parti, siccome ne scrisse parimente al Santa Croce, che v'invigilasse;
ma vedutosi poi che alla gravità del male non eran sufficienti questi
rimedi ordinari, ed essendogli stato rappresentato, che gli Eretici in
Calabria vie più si moltiplicavano e non temendo castighi nè minacce,
erano per cagionare gravissimi disordini, il Vicerè, per reprimere la
loro temerità, vi mandò un Giudice di Vicaria, Annibale Moles, con buon
numero di soldati, parte condotti da Napoli, e parte raccolti da' paesi
contorni: ma fu il Ministro mal ricevuto, perchè coloro sottrattisi
dall'ubbidienza di qualunque Magistrato, si posero in campagna, e
ragunato un sufficiente numero, con apparenza di formato esercito,
vigorosamente gli resisterono, fermi di morire più tosto, che lasciar
gli errori; anzi, come suole avvenire nelle guerre di Religione,
niente paurosi, ma tutti festanti andavano giulivi ad incontrar la
morte, persuasi, che così morendo, salivano in Cielo io compagnia
degli Angeli a godersi il Signore. Il Duca d'Alcalà pensò valersi in
quest'occasione di Scipione Spinelli Signore della Guardia, e fur
rinforzate le sue genti, tanto che bisognò venire ad una battaglia
campale per dissiparli: si combattè in fine vigorosamente, e con tutto
che rimanessero sul campo molti di quelli morti, non perciò i rimasti
s'arresero; ma pieni di coraggio, vedendo che per lo poco numero mal
potevano resistere in campagna aperta, si ritirarono dentro le mura
della Guardia, la quale, oltre la qualità del sito acconcia a resistere
ad ogni nemico assalto, munirono così egregiamente, che ridottala
in forma di un sicuro asilo, non temevano di niuno. Lo Spinelli,
disperando dell'impresa, veggendo non poter loro resistere con aperta
forza, si rivolse agli inganni, e riuscitogli d'introdurre nel Castello
gente valorosa ed armata, fingendo di mandargli ivi prigioni, costoro
scovrendosi poi, e menando con molto valor le mani, sbaragliarono li
Capi, e fecero degli altri molta strage, altri fuggirono, ma molti
rimasero prigioni: furono confiscati tutti i loro beni e gli ostinati,
condennati alle fiamme, nell'istesso tempo, che Lodovico Pascale
Piemontese lor Capo, era stato dalla Inquisizione fatto bruciare in
Roma[62]. In cotal guisa furono finalmente sterminati, e sopra questo
argomento avea scritto in versi latini un giusto volume l'Anania;
ma (siccome narra il P. Fiore) non permise l'autore stesso, che si
desse alle stampe, onde ora siamo privi di quest'opera. Sterminati
che in questo modo furono la maggior parte, per alcuni che v'erano
sopravanzati non si trascurò di far ogni opera per ridurli in via:
si proccurò con rigorosi catechismi e continue predicazioni sradicar
gli errori; e dall'altra parte il Duca d'Alcalà prese con severità a
castigarli; ordinando per ciò alla Regia Camera, che procedesse alla
vendita de' beni confiscati a coloro, ch'erano stati condennati alla
pena di morte naturale, nelle Terre della Guardia e di S. Sisto[63]; si
vietò con loro ogni commercio, e furon proibiti fra loro i matrimoni,
sinchè spiantata affatto ogni radice di falsa dottrina, ripullulò in
que' luoghi l'antica Fede; ed oggi gli abitatori, multiplicati in gran
numero, vivono come gli altri, purissimi nella universal credenza.

Non meno in Calabria, che in Napoli fu duopo al Duca d'Alcalà usare il
medesimo rigore. Erano ancor quivi rimasi molti semi di falsa dottrina.
Le conversazioni, che si tennero a tempo del Toledo in Casa di Vittoria
Colonna, e di Giulia Gonzaga sospette d'eresia, aveano contaminati
molti: con tal occasione invigilandosi assai più, che non erasi prima
fatto, se ne scoversero molti, che ne davano sospetto; onde furono
con severissimi editti citati a comparire fra breve termine avanti il
Vicario dell'Arcivescovo di Napoli sotto pena della confiscazione de'
beni; ma sopra due cadde più severo castigo. Questi furono _Giovan
Francesco d'Alois_ della città di Caserta e _Giovan Bernardino Gargano_
d'Aversa, i quali incarcerati, e come eretici condannati a morte,
furono a' 24 di marzo del 1564 pubblicamente nel Mercato decapitati,
ed al cospetto di tutta la città furon poi abbruciati[64]. Si procedè
alla confiscazione de' loro beni, ma non senza contrasto; poichè i
Napoletani volevano far valere la Bolla di Giulio III accordata loro
da Cesare, per la quale, come s'è detto, non poteva nel Regno farsi
confiscazione de' beni degli Eretici; ciò che diede occasione a quelle
dispute, che leggiamo presso i Reggenti Salernitano, e Revertera nella
causa d'Alois[65].

Per questi rigorosi castighi, e dal vedersi andare d'accordo le Corti
Ecclesiastica e Secolare, i Napoletani, oltre lo spavento che n'ebbero,
concepirono timore, non fosse questo un concerto di mettere con tal
pretesto in Napoli il Tribunal dell'Inquisizione cotanto da essi
abborrito: ond'essendosi per la città di volgata fama, che il Duca
d'Alcalà trattava di voler poner nel Regno l'Inquisizione secondo l'uso
di Spagna, e sbigottita da tante citazioni, che si facevano dal Vicario
sotto pena di confiscazione de' beni, molte famiglie colle loro robe se
n'uscirono da Napoli, e per le decapitazioni e bruciamento seguito al
Mercato di Alois e Gargano, postasi la città in bisbiglio, dubitandosi
non si venisse alle armi, tutta la piazza della Rua Catalana e suo
quartiere fu disabitato[66]. Stette la Città in rivolta per molti dì
e mesi, nel cui tempo furono tenute molte Assemblee dalle Piazze,
le quali finalmente deputarono alcune persone, perchè andassero a
parlar al Vicerè, ed a esporgli liberamente i loro sensi intorno a
non voler permettere, seguendo l'esempio de' loro maggiori, Tribunale
alcuno d'Inquisizione. Il Duca, come dotato di somma bontà e prudenza,
conoscendo quanto a' Napoletani fosse odiosa tal novità, e quanto
grandi le difficoltà che si sarebbero incontrate d'introdurla, e le
fastidiose conseguenze, che partorì sotto il governo del Toledo, vi
pose prudentemente silenzio e se n'astenne.

Ma la città non contenta di ciò, volle spedire al Re in Ispagna un
suo Legato, a pregarlo, che in Napoli e nel Regno non si ponesse mai
Inquisizione, nè, secondo il Concordato fatto nel Pontificato di Giulio
III, potessero confiscarsi i beni degli Eretici. Si trascelse il famoso
_Paolo d'Arezzo_, prima splendore nel nostro Consiglio di S. Chiara,
poi della Religione Teatina, e finalmente Arcivescovo di Napoli e
Cardinale. Ancorch'egli ritiratosi dal Foro ne' Chiostri, ne rifiutasse
il peso, a' conforti del Cardinal Carlo Borromeo e del Papa istesso,
accettò finalmente l'ambasceria[67]. La città oltre alle sue lettere
al Re drizzate, diegli istruzioni bastanti, e la Bolla di Giulio III,
donde costava del Concordato suddetto[68]. Partito egli in quest'anno
1564, e giunto nella Corte di Madrid, fu dal Re caramente accolto,
ed avendogli esposti i desiderj della città, con presentargli le sue
lettere, il Re liberalmente concedè a' Napoletani quanto chiedettero,
ordinando, che nel Regno non si ponesse giammai Inquisizione, nè si
dovesse praticare altra maniera di giudicio nelle cause di Religione,
che l'ordinaria. Scrisse per ciò in questi sensi tre lettere, due alla
città sotto li 10 marzo del 1565, ed un'altra sotto la medesima data
al Duca d'Alcalà Vicerè, contenente la medesima dichiarazione, amendue
rapportate dal Chioccarelli[69], nelle quali fra l'altre parole si
leggono queste: _Por tenor de la presente decimos, y declaramos, no
aviendo ne ser nuestra intention, que en la dicha Ciudad, y Reyno se
ponga la Inquisicion en la forma de Espanna; si no que se proceda por
la via ordenaria; como asta a qui, y que assi se observerà, y complirà
con efecto con lo de adelante, sin que en ella aya falda: ed altrove:
De manera que los Ordinarios agan bien su ofìcio, como se deve_.

II P. Arezzo, tornato dalla sua ambasceria, fermossi in Roma, donde
mandò alla città di Napoli relazione di quanto felicemente avea
adoperato a Madrid e del buon successo di quell'affare: onde cessò
ogni sospetto d'Inquisizione, restando i Napoletani contentissimi della
benignità e clemenza del Re.

Ma in questi tempi con tutto ciò non eransi tolti gli abusi
dell'Inquisizione di Roma. In vigor di queste Carte Regali gli Ordinari
solamente potevan procedere con ordinarie maniere ne' delitti di
Religione contra i loro sudditi: ma Roma proseguiva a procedere come
prima, inchiedendo le persone del Regno, e sovente con assicurarsene, e
far trasmettere insino a Roma i processi ed i carcerati. Egli è vero,
che niente si faceva senza provvisione del Vicerè; e le commessioni,
che venivano da Roma non s'eseguivano senza che prima non fossesi a
quelle interposto l'_Exequatur Regium_, nel che il Duca d'Alcalà vi
fu vigilantissimo. Ma quanto s'usava rigore ne' casi, che si fosse
eseguita qualche commessione di Roma senza il _Regio Exequatur_, con
ordinarsi la cassazione di tutti gli atti, e la scarcerazione de'
carcerati, di che alcuni esempj si leggono del Duca d'Alcalà presso il
Chioccarello[70]; altrettanto, conceduto che s'era il _Placito Regio_,
con facilità si davano alle richieste degl'Inquisitori di Roma favori
ed ajuti, permettendo, che da' loro Commessari si fabbricassero come
Delegati i processi, si carcerassero gl'indiziati, e si vendessero
le loro robe per la rifazione delle spese; insino a permettere, che
i carcerati si portassero in Roma, di qualunque condizione e qualità
quelli si fossero.

È assai celebre l'inquisizione fatta dal S. Ufficio di Roma contra il
Marchese di Vico, contra il quale fin dall'anno 1560 fu destinato un
Commessario Appostolico, il quale nella città di Benevento ne prese
informazione, citando _per edictum_ testimoni de' luoghi circostanti,
con esaminarli contra di quello. E mandato il processo in Roma,
risoluta da quella Congregazione del S. Ufficio, tenuta dinanzi
al Papa, la carcerazione del Marchese, il Cardinale Alessandrino
a dì primo novembre del 1564 scrisse una lettera al Duca d'Alcalà,
pregandolo, che gli mandasse carcerato nel S. Ufficio il Marchese
di Vico con buona guardia, o che gli facesse dare grossa sicurtà di
presentarsi in quello, essendogli stato così ordinato dai Cardinali
suoi Colleghi in presenza del Papa; ed il Vicerè non ebbe riparo
d'ordinare alla Vicaria, che facesse dar malleveria al Marchese di
ducati diecimila di presentarsi al S. Ufficio di Roma[71].

Degli avvenimenti di _Galeazzo Caracciolo Marchese di Vico_, come a
questi tempi in Europa assai divolgati, non si dimenticò favellarne
in due luoghi delle sue _Istorie l. 9 et 84_ il Presidente _Tuano_: e
poichè da' medesimi si dimostra quanto ne' petti umani possa la forza
della Religione, e sono in gran parte ignoti a' Napoletani, poichè
niuno de' loro Scrittori no fece motto, ed il libricciuolo della di
lui vita stampato nel 1681 in Ginevra nell'idioma Franzese, è si raro
e a molti ignoto, che non è così facile averne copia, sarà bene qui
distintamente rapportarli. Galeazzo Caracciolo nacque in Napoli nel
mese di gennaio dell'anno 1517 da _Nicol'Antonio_, ovvero secondo il
linguaggio de' Napoletani, da _Colantonio Caracciolo Marchese di Vico_:
sua madre fu una Dama di pari nobiltà dell'illustre famiglia _Caraffa_;
la quale ebbe per zio materno _Gio. Pietro Caraffa_ figliuolo del
_Conte di Montorio_, assunto poi al Pontificato sotto nome di _Paolo
IV._ Non ebbe altri figliuoli maschi, che _Galeazzo_, il quale appena
giunto all'età di venti anni fu dal Padre maritato con _D. Vittoria_
figliuola del _Duca di Nocera_, che gli portò scudi ventimila di dote,
dalla quale in processo di tempo ebbe sei figliuoli, quattro maschi
e due femmine, ma non tutti sopravvissero al Padre. Fu impiegato
fin dalla giovanezza a' servigi dell'Imperatore _Carlo V_, il quale
avendolo creato Gentiluomo della chiave di oro, lo ritenne per qualche
tempo presso di se nella Imperial sua Corte, ma tornato poi in Napoli
in tempo che la dottrina delli nuovi Riformatori era in quella Città
occultamente insegnata da _Pietro Martire Vermiglio_, prese amicizia
con _Giovanni Valdes_ Gentiluomo spagnuolo, il quale, siccome di sopra
fu detto, era il principal Ministro, di cui il _Vermiglio_ si valeva,
come più istrutto della nuova dottrina, spezialmente intorno alla
giustificazione, e che avea fatto molto studio sopra _l'Epistole di S.
Paolo_; ma sopra tutto perchè avea gran dimestichezza e famigliarità
con molti Nobili napoletani. Questi trasse molti alla sua credenza,
con farli accorti di alcune vane superstizioni e dell'errore della
propria giustificazione dell'uomo per li meriti proprj, e fra gli altri
_Galeazzo_; ma colui che diede l'ultima spinta per farlo crollare,
fu un Gentiluomo chiamato _Gio. Franceso Caserta_, suo parente, il
quale lo strinse co' suoi discorsi ad assentire alla dottrina della
giustificazione per i meriti di _Gesù Cristo_ e l'indusse ad ascoltare
i Sermoni di _Pietro Martire_, che faceva in S. Pietro _ad Ara_ sopra
l'_Epistole di S. Paolo_, i quali maggiormente lo confermarono. Ciò
avvenne nell'anno 1541 quando _Galeazzo_ non avea che 24 anni.

A questi tempi _Marc'Antonio Flaminio_ erasi reso celebre per la sua
letteratura, e per la famosa traduzione del Salterio in versi latini.
Questi avendo inteso i talenti ed i progressi di _Galeazzo_, e ch'era
disposto ad abbracciar la Riforma, gli scrisse una dotta lettera, nella
quale per maggiormente animarlo a risolversi, fra le persone illustri
che annoverò d'averla abbracciata, non si dimenticò di _D. Vittoria
Colonna Marchesa di Pescara_. In tanto per li spessi viaggi, che
_Galeazzo_ faceva in Germania, veniva maggiormente ad istruirsi colla
lettura di nuovi libri, che _Lutero_, ed i suoi seguaci incessantemente
davano in Sassonia ed altrove alle stampe; e passando per Strasburg,
s'incontrò con _Pietro Martire_, col quale riconosciutosi, ebbe lunghi
colloqui e si determinò d'abbracciarla. Tornato in Napoli, pensò
indi partire, per pubblicamente professarla altrove, e non farvi più
ritorno; e celando al Padre ed alla moglie questo suo proponimento,
raccolto qualche contante, che non oltrapassò la somma di duemila
ducati, partì finalmente da Napoli a 21 marzo del 1551 d'età di 34
anni abbandonando Padre, Moglie, Figliuoli, onori, ricchezze e tutte le
comodità di una Casa cotanto agiata ed illustre. Arrivato ad Ausburg,
dove l'Imperadore si trovava, lo servì in Corte, fin che ivi dimorò;
ma passando l'Imperadore a' 26 maggio del medesimo anno a Paesi Bassi,
non volle seguirlo; sicchè Cesare partendo, egli prese il cammino verso
Genevra, dove arrivò agli 8 di giugno. Quivi non trovò alcuno di sua
conoscenza; eccetto, che a capo di due giorni arrivò colà un Gentiluomo
di Siena nominato _Lattanzio Rognoni_, che l'avea conosciuto In Napoli.
Questi per lo stesso stimolo di cambiar Religione erasi ritirato a
Genevra, dove avendo dato sufficienti saggi de' suoi progressi, fu
impiegato ne' seguenti anni al Ministero della Predicazione nella
Chiesa degl'Italiani stabilita in Genevra da Galeazzo, come si dirà
più innanzi. Fermatosi adunque _Galeazzo_ in questa città, abiurò
l'antica e professò la nuova Religione Riformata, e deliberò far quivi
domicilio. Prese tosto amicizia con _Giovanni Calvino_, che la continuò
fin'all'anno 1564, nel quale Calvino finì di vivere. Ebbe costui tanta
stima e rispetto di Galeazzo, che ristampando i suoi _Commentarj_ sopra
la prima Lettera di S. Paolo a' Corintj, in questa seconda Edizione,
li dedicò a Galeazzo; siccome si legge dalla sua lettera latina de' 23
gennaro 1556, premessa a questa seconda Edizione, nella quale cotanto
commenda la sua fermezza e costanza di non lasciarsi smuovere dalla
presa risoluzione, animandolo a non curare ciò, che il Mondo ignorante
di se ragioni; ma di contentarsi avere Iddio per spettatore della sua
probità.

La novella della venuta di _Galeazzo_ a Genevra, e d'essersi quivi
fermato, e d'aver mutata Religione, riempì la Corte dell'Imperadore
e tutto il Mondo, e spezialmente Napoli di maraviglia e stupore. Il
Marchese di Vico suo Padre, sua Moglie, figliuoli e tutti i Napoletani
restarono attoniti.

Il Padre gli spedì un Giovane suo parente per ridurlo; ma giunto che
fu costui a Genevra, con tutti i suoi sforzi, preghiere e lusinghe
non potè smoverlo: sicchè essendosi affaticato in vano, se ne ritornò
a Napoli infruttuosamente. Intanto non meno il Fisco Regio di Napoli,
che la Congregazione del S. Officio di Roma, cominciarono a fabbricar
processi contra Galeazzo. Ma quello che maggiormente angustiava
l'infelice padre era, che dal _Fisco_ se gli minacciava la confisca
de' beni, con intento di dichiarare incapaci i suoi nepoti, figliuoli
di Galeazzo della successione dei Feudi, dopo sua morte, a cagion
del delitto di lesa Maestà Divina del loro padre, che inabilitava
anche i figliuoli alla successione; sicchè il dolente Marchese per
riparare un colpo sì fatale per la sua discendenza risolvè portarsi
a piedi dell'Imperadore e ricorrere alla clemenza del medesimo per
liberarsi dalla molestia fiscale. Risoluto adunque di partire, e
dovendo passare per Venezia, fece intendere a Galeazzo, che desiderava
nel passaggio vederlo: al che egli non ripugnando, fu destinata la
città di Verona per l'abboccamento; avendogli il padre per indurlo a
venire con sicurezza fattogli spedire salvo condotto dalla Republica
di Venezia. Partì adunque Galeazzo da Genevra a' 29 di aprile del 1553
preparato a sostener gli assalti del Padre, a' quali andava incontro.
Si videro e parlarono lungamente insieme. Il Marchese adoperò ogni arte
ed industria, dissegli il pericolo nel quale eran i suoi figliuoli
d'essere esclusi dalla successione de' suoi feudi, ma tutto indarno:
onde vedendo di non poterlo rimuovere, lo pregò che almanco non
ritornasse in Genevra, ma si fermasse in Italia nello Stato Veneto,
ove sarebbe sicuro, finchè egli trattasse nella Corte dell'Imperadore
di poter mettere in salvo i suoi figli. In questo Galeazzo l'ubbidì,
e si fermò a Verona, dove si trattenne sino ad agosto: nel qual mese
ebbe riscontro, che il Marchese dalla clemenza di Carlo V avea ottenuto
quanto desiderava per i suoi nepoti. Mentre Galeazzo dimorava in
Verona, Girolamo Fracastoro celebre Medico, Filosofo e Poeta di quei
tempi volle provare se per mezzo della sua fama e dottrina potesse
ridurlo: lusingandosi di poter con suoi argomenti convincerlo. Ma
si adoperò indarno: Galeazzo stette fermo e deluse le speranze di
_Fracastoro_. Tornato adunque a Genevra stabilì in questa Città la
Politia Ecclesiastica per le _famiglie Italiane_. Andò poi in compagnia
di _Calvino_ a Basilea, e ridusse Massimiliano de' Conti Martinenghi di
Brescia, e tornato a Genevra, con l'approvazione del Magistrato stabilì
il Corpo della Chiesa Italiana con i suoi regolamenti, alla quale il
Conte Massimiliano fu eletto primo Ministro, il quale predicava in
lingua Italiana: onde rimane ancora l'istituto di farsi ivi le prediche
in lingua Italiana.

Essendo stato nel 1555 eletto Pontefice Paolo IV fratello dell'Avola
sua materna, il marchese padre concepì qualche speranza, che col favore
del medesimo potesse ottenere al Figlio, non pur perdono, ma grazie
per i di lui figliuoli: ma dovendosi cominciare dalla riduzione di
Galeazzo, gli scrisse che dovendo fare un viaggio per Lombardia, si
facesse trovar a Mantova per vederlo. Galeazzo fidando a se stesso,
volle pure ubbidirlo, e partendo da Genevra a 15 di giugno, si portò
a Mantova, ove trovò il Marchese Padre, il quale promettendogli molti
favori, che avrebbe dal nuovo Papa conseguiti, se ritornasse nel
primiero ovile, almanco riguardasse il bene che si sarebbe fatto a'
propri figliuoli, i quali non potevano certamente profittarsi della
parentela del Papa, avendo il padre eretico. Lo pregò, lo scongiurò, ma
al fine vedendo la fermezza di Galeazzo, proruppe alle maledizioni ed
alle onte, e tornossene in Roma, e narrando al Papa l'infruttuoso suo
viaggio, in Napoli fece ritorno.

Galeazzo parte anche egli da Mantova, e va a Ferrara, dove per mezzo
di _Francesco Porto_ (uomo celebre per erudizione, il qual fu poi
professore di lingua Greca nell'Accademia di Genevra) fu introdotto a
far riverenza alla Duchessa di Ferrara, _Renée de France_ figliuola
del Re Lodovico XII, la quale gli dimandò di _Calvino_, volle esser
intesa della Chiesa Italiana istituita in Genevra, e di vari articoli
di Religione, e de' punti più principali di controversie.

Fin qui Galeazzo mostrando sua fermezza dava a tutti meraviglia di sua
costanza; ma da ora avanti dava stupore; poichè vedendo il Marchese
Padre, che egli nulla profittava, sapendo il debole di Galeazzo, il
quale teneramente amava =D. Vittoria= sua moglie, fece che la medesima
cominciasse a dargli stimoli, e mettesse in opra ogni industria e
lusinga per ridurlo. Cominciò ella a più frequentemente scrivergli,
aggiungendo lettere sopra lettere, ed ambasciate sopra ambasciate;
alla fine gli scrisse che ardeva di desiderio di vederlo, e perciò che
s'eleggesse una città de' Veneziani più prossima al Regno, dov'ella
si sarebbe portata. Vinto Galeazzo dalle preghiere della moglie,
fu di comun consenso eletta _Lesina_ Isola della Dalmazia, ovvero
Schiavonia nel Mar Adriatico appartenente a' Veneziani, la quale è
posta dirimpetto a _Vico_ Baronia del Marchese suo Padre. Andò Galeazzo
a _Lesina_, aspettò lungo tempo D_. Vittoria_, la quale non comparve;
onde pien di collera se ne tornò in Genevra. Appena che fu quivi
arrivato, ecco che viene nuovamente sollecitato da _D. Vittoria_,
pregandolo che si portasse colà, perchè ella in tutte le maniere dovea
parlargli per uno scrupolo, che inquietava la sua coscienza; ed adduce
più scuse, perchè non potè andare a _Lesina_.

Galeazzo si arrese, e partì di nuovo da Genevra li 7 di marzo del
1558, ed andò a dirittura a _Lesina_. Arrivato colà ebbe subito
avviso, che il Marchese suo Padre, D. Vittoria e suoi Figliuoli
s'erano frettolosamente portati a _Vico_, onde concepì speranza, che
dovessero colà portarsi. Ma ebbe poi Lettere con nuove preghiere,
che non avendogli attesa la parola un Nobile Veneziano, il quale
l'avea promesso di portarla co' suoi figliuoli a _Lesina_ dentro una
Galea della Repubblica, lo pregavan di venire egli a _Vico_, dove
l'aspettavano.

Galeazzo per gran desiderio di veder sua moglie si arrischia d'andare
a _Vico_; qual risoluzione non fu approvata da' savj per non esporsi
a' pericoli ed a nuovi assalti, che dovea superare: arrivò dunque
a _Vico_, dove in quel Castello fu ricevuto con segni di molto
giubilo da tutti. Il Padre cominciò a persuaderlo; ma vedendo che
niente profittava proccurò che _D. Vittoria_ gli dicesse, che il suo
Confessore per scrupolo di coscienza le avea detto, che non poteva
aver più con lui commercio, se non lasciava l'eresia. Galeazzo non
per ciò si scosse, ma con intrepidezza grande gli rispose, ch'era
contento del divorzio, e cominciò a parlar di partire. Quando
videro ciò, cominciarono il Padre, la Moglie ed i Figliuoli, che
se l'inginocchiarono avanti, a piangere, e ad usar ogni sforzo per
ritenerlo. Non fu possibile. Egli partì frettolosamente, ed arrivò a
_Lesina_ e di là passò a Venezia, indi alla _Valtellina_ a _Chiavenna_,
e si restituì a Genevra.

Poco dopo Galeazzo consultò con Calvino del divorzio; ma Calvino
non volle esser solo a risolverlo: fece che si consultasse il caso
con altri Ministri nei Svizzeri e Grigioni, sopra tutti con Pietro
_Martire Vermiglio_ che si trovava allora a Zuric, e si mandarono a
tutti lettere circolari. Unitosi il Concistoro Ecclesiastico, ed anche
il _Magistrato_ secolare, fu risoluto che potesse Galeazzo divertire
dalla prima moglie, ed avesse libertà di contrarre nuovo maritaggio con
altra.

Questo caso fu consultato con i migliori Teologi di que' tempi; ed
il famoso _Girolamo Zanchio_ di _Bergamo_, Professore di Teologia
a _Strasburgo_ nell'ottavo tomo delle sue opere porta le ragioni di
questo divorzio. Portò la congiuntura, che in Genevra pure per causa
di Religione erasi ritirata una Dama Franzese di Rouen chiamata _Anna
Fremery_, vedova, ed in età di circa 40 anni: adunque a' 16 di Gennaro
del 1560 Galeazzo si maritò colla medesima: colla quale visse in una
perfetta concordia ed unione.

Il Presidente _Tuono_ dopo aver parlato nel suo 9 libro della
sorte di Galeazzo e della sua amicizia con Marc'Antonio _Flaminio_,
rapporta ancora nel fine del libro 84 delle sue _Istorie_ quasi che
tutte l'avventure di Galeazzo, e fa menzione anche di questo secondo
maritaggio.

Visse il resto di sua vita in Genevra con gran moderazione e modestia.
Non volea esser chiamato _Marchese_, poichè vivea suo Padre; e dopo la
di lui morte, l'Imperadore ai suoi figliuoli avea fatta la grazia di
succedere nel Marchesato suddetto: con tutto ciò, tutti lo chiamavano
_Mr. le Marquis_. Non era personaggio di conto, che passasse per
Genevra, che non volesse vederlo, siccome fecero _D. Francesco_ e
_D. Alfonso da Este_ fratelli del Duca di Ferrara, il _Principe di
Salerno_, _Ottavio Farnese_ Duca di Parma e di Piacenza ed altri
Signori.

Fu in fine assalito da una lunga e grave malattia d'asma, la quale 37
maggio del 1586, mentr'era di 69 anni e 4 mesi, gli tolse la vita.

Dopo undici mesi, morì anche sua moglie _Anna Fremery_, dalla quale non
ebbe figlioli.

Giovanni _Jaquemot_ de _Bar-le-Duc_, uno de' migliori Poeti de' suoi
tempi, per conservar di loro onorata memoria gli compose i due seguenti
epitafj.

I.

_Illustri Domino_ D. GALEACIO CARACCIOLO, Marchionatus Vici, in Regno
Neapolitano, unico et legitimo Hæredi

                              P. P. L. P.

    _Italiam liqui Patriam, clarosque Penates,_
      _Et laetam antiqua nobilitate domum;_
    _Caesareaque manu porrectos fortis honores_
      _Contempsi, et magnas Marchio divitias;_
    _Ut te, Christe, ducem sequerer, contemptus et exul,_
      _Et pauper varia pressus ubique cruce._
    _Nam nobis Coeli veros largiris honores._
      _Et patriam, et census annuos, atque domos._
    _Excepit profugum vicina Geneva Lemanno,_
      _Meque suo civem fovit amica sinu._
    _Hic licet exigua nunc sim compostus in urna._
      _Nec claros cineres alta sepulchra premant,_
    _Me decus Ausoniae gentis, me vera superbis_
      _Majorem pietas Regibus esse facit._

II.

Lectissimæ, Matronæ, ANNÆ FREMERIÆ, Illustris Domini D. GALEACII
CARACCIOLI Uxori.

                              P. P. L. P.

    _Vix vix undecies repararat cornua Phaebe,_
      _Conspicitur tristi funus in Urbe novum._
    _Anna suum conjux lacrymis venerata maritum,_
      _Indomito tandem victa dolore cadit._
    _Illa sui cernens properantia tempora lethi_
      _Dixit tunc demum funere laeta suo;_
    _Quam nunc grata venis quam nunc tua jussa libenter,_
      _Mors, sequor, ad sedes nam vehor aethereas._
    _Hie ubi certa quies concessa laboribus aura,_
      _O conjux, tecum jam meliore fruar._
    _Pectore quem loto conceperat illa dolorem_
      _Sola superveniens vincere mors potuit._

Il Cardinal di Granvela, appena giunto al governo del Regno, permise,
che due vecchie Catalane, che non vollero abjurare il Giudaismo,
fossero condotte in Roma, dove persistendo nella loro ostinazione,
furono pubblicamente fatte morire.

Parimente nel governo del Duca d'Ossuna, scrisse questo Vicerè una
lettera Regia al Governadore di Calabria sotto li 14 novembre del
1583, nella quale gli diceva, che il Cardinal Savelli in nome di Sua
Santità gli avea scritto, che per cose toccanti al S. Ufficio v'era
bisogno in Roma della persona di Giovan-Battista Spinelli Principe
della Scalea: che perciò desiderando egli di dare ogni soddisfazione ed
ajuto alle cose toccanti al detto S. Ufficio, gli ordinava e comandava,
che portatosi di persona dove quegli si trovava, lo incarcerasse e
lo conducesse prigione nella Regia Udienza, e dando malleveria di
ducati venticinquemila di presentarsi dirittamente fra un mese nel S.
Ufficio della Città di Roma, e non partirsi di là senza licenza di quel
Tribunale, lo lasciasse libero, e non dandola, lo ritenesse carcerato,
e ne lo avvisasse[72].

Questo medesimo Vicerè ordinò ancora a' 9 dicembre del 1585 al Reggente
di Vicaria, ch'essendogli stato scritto da Roma dal Cardinal Savelli,
che per cause toccanti alla Religione teneva bisogno nel S. Ufficio
della persona di Francesco Conte Capitano dell'Isola di Capri, che lo
'ncarcerasse, e dando malleveria di duc. 1000 di presentarsi in quel
Tribunale, lo scarcerasse. Consimile ordine spedì a' 8 marzo del 1586
a Callo Spinello Reggente della Vicaria, comandandogli, che mandasse
carcerato colla guardia del Capitan di Campagna, o Terra di Lavoro nel
S. Ufficio di Roma Francesco Amoroso, Capitano che fu di Pietra Molara,
e lo consegnasse a que' Ministri.

Il Conte di Miranda calcò le medesime pedate, e pur che si ricercasse
licenza, o _Exequatur Regium_, che con facilità era conceduto,
prestavasi all'Inquisizione di Roma ogni ajuto e favore, in pregiudizio
gravissimo del Regno, e de' suoi naturali. Di che poi ne nacquero
maggiori disordini, perchè pretendendo la Corte di Roma non istar
sottopposte le sue commessioni ed ordini a verun _Placito Regio_, facea
quelli valere, senza ricercarne permesso; onde sovente i Commessarj
del S. Ufficio destinati da Roma, la quale soleva per lo più mandar le
commessioni a' Vescovi, incarceravano i laici senza licenza del Vicerè,
e gli mandavan subito in Roma.


§. III. _Inquisizione occultamente tentata da Roma introdursi in Napoli
ne' Regni di FILIPPO III e IV e di CARLO II, ma sempre rifiutata, ed
ultimamente con Editto dell'Imperador CARLO VI, affatto sterminata._

L'Inquisizione di Roma era a questi tempi arrivata a tanta alterigia,
che pretendeva, che gli Re stessi ed i maggiori Monarchi della Terra
stessero a quella soggetti. Introdussero perciò un doppio modo di
procedere, uno aperto ed a tutti noto, del qual si servivano contro al
popolo ed alle vili persone, che condannava a morte; l'altro segreto
ed occulto, per lo quale i Re e le persone Regali erano di nascosto
condannati; e si trovò anche modo di poter eseguire contra i medesimi
le loro condanne, dichiarandoli decaduti dal Regno, con dar permesso a'
sediziosi e malcontenti, concedendo loro, per maggiormente invitarli,
indulgenze e sicurezza di coscienza, di cacciargli dal Regno, ovvero
occultamente d'insidiar loro la vita. Il cui misterioso ed occulto
modo di procedere lo appalesò a noi _Francesco Suarez_[73] Gesuita
Spagnuolo nel suo libro, che intitolò _Defensio Fidei_. E Richerio[74]
rapporta, che per mezzo de' Gesuiti sovente ponessero in pratica questo
occulto procedimento, e forse tale fu quello tenuto in Francia contro
alla persona di Errico III. Diedesi parimente alla luce nell'anno
1585 un libro stampato in Roma, intitolato _Directorium Inquisitorum_,
dove s'unirono insieme tante sconcezze, che portarono orrore a tutto
il Mondo: che l'Ufficio Santo dell'Inquisizione avesse potestà di
sentenziare _capitaliter in Haereticos_, _et Fautores Haereticorum_:
che il Papa ha l'una e l'altra spada spirituale e temporale, per
giudicare tutti, anche i Re: che questo S. Ufficio debba procedere _per
delationem, aut denunciationem et inquisitionem_, lasciando da parte
stare il procedere _per accusationem_, perchè questo è un modo _multum
periculosus_, _et multum litigiosus_: che s'ammettano tutti a render
testimonianza, anche i nemici e le persone infami, anche spergiuri,
ruffiani, meretrici ed ogni altro: che non debbiasi dar nota dei
testimonj e de' loro detti: non si ricevano appellazioni. In breve,
rotte tutte le leggi della difesa e tutti gli ordini giudiziarj, senza
ordine e senza dependenza d'alcuno, gl'Inquisitori procedessero. Quindi
si videro in Roma nella fine di questo secolo strepitose esecuzioni
contra i sospetti d'eresia, fra' quali fu Giordano Bruno da Nola
Domenicano, il quale nell'anno 1600 fu bruciato in Roma, essendogli
stato imputato, che insegnasse la pluralità de' Mondi, e tenesse che
i soli Giudei erano discesi da Adamo, e che Mosè fosse stato un gran
Mago[75].

Quindi nel nostro Regno non si proccurava più _Regio Placito_ alle loro
commissioni, e si procedeva con tal'independenza, siccome in tempo del
governo del Duca d'Alba nel 1628 faceva il Vescovo di Molfetta, come
Commessario del S. Ufficio di Roma, ed il Nunzio Appostolico di Napoli.
E pretendendo ostinatamente poterlo fare, bisognò che s'impegnassero
prima i migliori Giureconsulti di que' tempi a farne veder gli abusi,
e poi il Re istesso a levarli. Diede alle stampe con tal'occasione
_Fabio Capece Galeota_, allora Regio Consigliere ed Avvocato del
Regal Patrimonio, un suo Discorso indrizzato al Duca d'Alba, ed alcune
_allegazioni_: parimente il Presidente di Camera _Vincenzo Corcione_
diede fuori altre sue _allegazioni_, mostrando essere contra non
meno al dritto, che all'inveterato costume del Regno, poner mano ad
incarcerarsi nessuna persona di quello per causa d'eresia, senza prima
darne notizia al Vicerè che governa, e con sua licenza.

Dal che ne nacque una carta del Re _Filippo III_, per la quale fu
ordinato, che gli ordini del S. Ufficio di Roma non potessero in verun
modo eseguirsi nel Regno senza saputa del Vicerè: dichiarandosi, che
ciò non s'intendeva per gli Tribunali del S. Ufficio della Corte de'
Vescovi ed Arcivescovi del Regno, li quali facendo il loro ufficio
ordinario per le cause di religione non han bisogno d'_Exequatur
Regium_. Ma che non possano eseguire quel che loro vien commesso
dalla Congregazione, o da Sua Santità da Roma senza darne parte a Sua
Eccellenza[76].

Non fu per questa carta del Re Filippo III bastantemente rimediato
a' pregiudizj del Regno: poichè non per ciò all'Inquisizione di Roma
si proibivano le Commessioni a' Vescovi, che procedessero come loro
Delegati, ma contenti solo dell'_Exequatur_, si dava loro tutto il
favore, i processi li fabbricavano essi, s'imprigionava, ed i carcerati
si mandavano a Roma: quando per le lettere del Re Filippo II a' soli
Vescovi del Regno, come Ordinarj, non come Delegati del S. Ufficio di
Roma, dovea permettersi il procedere nelle cause di Religione.

Videsi ciò nell'anno 1614 nella famosa causa di Suor Giulia di
Marco da Sepino, nel Terz'Ordine di S. Francesco, del P. Agnello
Arciero Crocifero, e del Dottor Giuseppe de Vicariis, li quali in
Napoli, facendo mal uso della _Mistica_, diedero in mille spropositi
e laidezze; ed avean dato principio ad una abbominevol Compagnia,
alla quale aveano arrolati più loro discepoli, e maschi e femmine.
Procedeva in quella Fr. Diodato Gentile Vescovo di Caserta, il quale
dimorava in Napoli con carica de' negozj del S. Ufficio, conferitagli
dall'Inquisizione di Roma, dalla quale prima gli venne imposto, che
Suor Giulia si chiudesse in Monastero; e da poi per ordine della
medesima Inquisizione fu fatta trasferire a Cerreto in altro Monastero.
Il P. Agnello fu chiamato dal S. Ufficio di Roma, ove si presentò, da
cui gli fu tolta la facoltà di udir più confessioni, e gli fu imposto,
che non tornasse più in Napoli. Creato da Paolo V il Vescovo di Caserta
Nunzio di Napoli, fu data la carica d'Inquisitore al Vescovo di Nocera
Fr. Stefano de Vicariis, il quale proccurò da Roma licenza, che Suor
Giulia si fosse trasportata in Nocera, come fu eseguito. Ebbe Giulia
partigiani molto potenti, fra' quali fu Fabio di Costanzo Marchese
di Corleto, e Reggente Decano del Consiglio Collaterale, il quale
ottenne alla Congregazione del S. Ufficio di Roma, di cui allora era
Capo Inquisitore il Cardinal d'Aragona, che Giulia potesse ritornare
in Napoli, siccome tornò, e D. Alfonso Suarez allora Reggente e
Luogotenente della Regia Camera le diede un comodo appartamento nel suo
Palazzo, dove, per l'opinione della sua finta santità, tirò a se gran
concorso non meno di Signori grandi e di Nobili, e particolarmente di
Spagnuoli, ch'erano il più inclinati a simili _Fanatismi_, ma anche di
Dame, e gentili donne. Ma i _PP. Teatini_ per mezzo delle confessioni,
che alcuni incauti discepoli di Suor Giulia fecero ad essi, scovrirono
le laidezze, che si commettevano in quella Compagnia, ed indussero
coloro a denunciarli a Monsignor Vescovo di Nocera Inquisitore, e
presero l'assunto di fargli vedere co' proprj occhi nelle stanze di
Suor Giulia l'empie nozze, e gl'infami congiungimenti d'uomini e donne.
E fatto questo, sospettando i Teatini del Vescovo di Nocera, da essi
creduto troppo parziale del partito di Suor Giulia, scrissero in Roma
a' Cardinali del S. Ufficio ragguagliando loro di quanto occorreva, li
quali commisero quest'affare a Monsignor _Maranta_ Vescovo di Calvi, il
quale come Delegato dell'Inquisizione di Roma cominci a procedere.

Ebbero i _Teatini_ in questa causa per oppositori i _PP. Gesuiti_,
li quali, essendo loro emuli antichi, favorivano Suor Giulia, ed
avevano aggregato al loro Oratorio Giuseppe de Vicariis: e tanto più
vigorosamente n'intrapresero la difesa, quanto che vedevano, che il
Vicerè istesso, il Conte di Lemos, indotto da' partigiani di Giulia
n'avea presa la protezione; poichè avendo il Vescovo Maranta voluto
procedere all'esame de' testimonj, fu tosto chiamato dal Vicerè, che
gli domandò, se egli procedeva con commessione del S. Ufficio di Roma.
Ma il Maranta oltre avergli mostrato le commessioni di Roma, scoprì
al Vicerè le scelleraggini, che si commettevano in quella Compagnia,
avanzandosi insino a dirgli, che non facesse praticare i discepoli di
Suor Giulia con la Viceregina sua moglie. Il Vicerè sorpreso per tal
avviso, dando fede alle parole del Vescovo gli permise, ch'incarcerasse
tosto Suor Giulia e Giuseppe de Vicariis, li quali furono portati nella
prigione dell'Arcivescovado.

Questa sì improvisa carcerazione pose in romore la città; poichè
i partigiani di Giulia, ch'erano per lo più Signori, Ufficiali e
Religiosi di Ordini cospicui, commossero tutta la città, ed altamente
strepitando d'un cotal modo di procedere di fatto, ricorsero dal
Vicerè, dicendogli, che ciò che s'imputava a coloro, era tutta calunnia
e malignità de' PP. Teatini, li quali s'eran mossi per livore ed
invidia, ch'essi hanno contra i Gesuiti, e per levar loro il concorso,
che avevano per cagione de' discepoli di Suor Giulia, che frequentavano
le coloro Chiese. Furono così efficaci e calorosi questi ufficj presso
il Vicerè, che cominciò a dubitare, non fosse ciò tutta impostura dei
Teatini, per iscreditare i Gesuiti; onde tornò a chiamarsi il Vescovo
Maranta, e parlatogli con molta severità e rigidezza, colui per sua
discolpa, e per maggiormente renderlo certo, che non eran calunnie,
gli diede il processo da lui fabbricato contra de' rei, acciocchè
si rimanesse di favorirli. Il Vicerè lo diede ad osservare a' suoi
Ministri, onde facilmente vennero i protettori di Giulia a sapere le
denuncie, ed i testimoni, e per ciò s'accinsero ad una valida difesa,
ed elessero per Avvocato de' Rei il famoso _Scipione Rovito_.

Dall'altra parte i Teatini, sopra i quali veniva a cader la tempesta,
diedero immantenente avviso agl'Inquisitori di Roma de' disordini
accaduti per avere il Maranta pubblicato il processo: ciocchè
dispiacque a Roma; onde ordinarono al Vescovo di Calvi, che più non
s'intromettesse in questa causa, anzi lo chiamarono in Roma a renderne
conto; e nell'istesso tempo delegarono la causa a Monsignor Nunzio, con
ordinargli, che in quella severamente procedesse, secondo le leggi di
quel Tribunale.

Il Nunzio, senza che gli si facesse ostacolo alcuno, procedè come
Delegato nella causa, secondo l'ordine del S. Ufficio di Roma:
prese nuova e più rigorosa informazione; trasferì dal carcere
dell'Arcivescovado Suor Giulia e Giuseppe e li rinchiuse nel carcere
del suo Palazzo, e datone avviso in Roma, gli fu dagl'Inquisitori
comandato, che con buone guardie e sicure cautele mandasse i prigioni
al S. Ufficio di Roma, dove ancor essi aveano in duro carcere ristretto
il P. Agnello già Confessore di Suor Giulia. Eseguì il Nunzio con molta
segretezza di notte tempo l'ordine di Roma, e prima giunsero in Roma,
che si sapesse in Napoli il loro trasporto. Appena ciò saputosi da'
partigiani di Giulia, che immantinente loro corsero dietro Girolamo
di Martino, e D. Giovanni Salamanca per assistere alla lor difesa: ma
giunti appena in Roma, furono anch'essi dagl'Inquisitori imprigionati;
sebbene alquanti mesi da poi, a' 14 marzo del seguente anno 1615
il Salamanca fu liberato, con sicurtà di tremila scudi di Camera di
presentarsi in Roma ad ogni ordine degl'Inquisitori, ed il Martino a'
11 aprile, con maggior sicurtà, e colle medesime condizioni.

Paolo V con particolar attenzione fece esaminare con molta diligenza ed
assiduità dagl'Inquisitori la causa e convinti i rei de' loro falli,
furono dichiarati eretici il P. Agnello, Suor Giulia, e Giuseppe de
Vicariis; e, come tali, furono condannati alla pubblica abjura, ed
a carcere perpetuo: onde a' 12 luglio dell'anno 1615 essendosi fatto
ergere nella Chiesa della Minerva un più solenne apparato, in presenza
del Collegio de' Cardinali, di molti altri principali Signori e d'un
infinito Popolo, tutti e tre abjurarono i loro errori e nelle abjure
confessarono tutte le loro sporcizie, ed i loro mistici delirj, ed
affinchè i partigiani di Suor Giulia finissero di credere la sua falsa
santità, per ordine dello stesso Pontefice furono a' 9 agosto letti nel
Duomo di Napoli, non senza stupore ed ammirazion di tutti, i sommarj
de' loro processi.

La somma accortezza e vigilanza della Corte di Roma, ed all'incontro
la trascuraggine, o sia connivenza fra noi usata da' Ministri Regj,
fece sì, che non ostanti gli editti de' nostri Re, si tollerassero
in Napoli e nel Regno Inquisitori deputati da Roma e che sovente come
Delegati procedessero contra gl'Imputati d'eresia o d'ebraismo, sino a
permettere, che incarcerassero i Rei e li mandassero in Roma, dov'erano
condannati ad abjurare nella Chiesa della Minerva: di che, se non fosse
il rispetto d'alcune famiglie, che ancor durano, potrebbero recarsi
molti esempj.

Ma nel Regno di _Filippo IV_ l'indiscreto procedere di Monsignor
_Piazza_, Ministro deputato da Roma per affari del S. Ufficio, pose di
nuovo in romore la Città, tanto che i Napoletani fatti più accorti,
attesero da dovero a toglier dal Regno ogni reliquia d'Inquisizione.
Costui venuto in Napoli nel 1661, mentre governava il Regno il Conte
di Pennaranda, pose sua residenza nel Convento de' PP. Girolamitani
del B. Pietro di Pisa, dove riceveva le denunzie, e procedeva per
commessione di Roma contra i sospetti d'eresia: avvenne in quell'anno,
che un Religioso diede a leggere ad un Bolognese, che dimorava in
Napoli, certo libro, ed avendo paruto a costui, che in quello vi
fossero sentimenti poco cattolici, senz'altro riguardamento tosto andò
a denunziare il Frate a Monsignor Piazza, ed a consignargli il libro.
Trascorsi alquanti giorni chiese il Frate al Bolognese il libro; ma
costui allegando varie scuse, differiva la restituzione; onde vedendosi
il Frate burlato, trovandosi amico del barbiere del Duca delle Noci,
andò da lui a chiedergli ajuto. Il barbiere con sua comitiva portossi
immantenente dal Bolognese e minacciandolo agramente se non restituiva
il libro, lo costrinse a prometterglielo il dì seguente. Tosto il
Bolognese andò a pregare Monsignor Piazza, che gli desse il libro,
narrandogli l'angustie, nelle quali si trovava, e che sarebbe capitato
male, se non lo restituiva al padrone. Ma Monsignor Piazza in vece di
dargli il libro, pose in aguato alcuni suoi Cursori, dando loro ordine,
che arrestassero non meno il barbiere, che tutti coloro, che avevano
insultato il denunciante, siccome in effetto furono imprigionati.

Una sì imprudente e scandalosa carcerazione riferita al Duca delle
Noci, lo fece entrare in tanta stizza, che fattene gravi doglianze con
molti Nobili, fece tosto unir le Piazze, ed egli spronato dall'ira
portossi immantenente dal Vicerè, al quale, non potendo reprimer
l'impeto della sua passione, parlò con sentimenti troppo audaci, e poco
rispettosi: il Vicerè sorpreso di tanto ardire, prevedendo l'incendio,
che ne poteva nascere, dissimulando discretamente la colui arroganza,
per quietarlo, fece tosto per ambasciata avvertito Monsignor Piazza,
che liberasse prigioni, come fu eseguito.

Ma ciò non bastò per acchetar la città posta in romori e sospetti,
che si volesse per queste esecuzioni di fatto e di processi occulti
poner Inquisizione formata, contro alle grazie, che n'avea ricevute
dal Re Cattolico, dall'Imperador Carlo V, e dal Re Filippo II, e che
perciò bisognava toglier ogni reliquia d'Inquisitori, appartenendosi
la conoscenza delle cause di Religione a' Vescovi, i quali senza
delegazione lor venuta da Roma, per la loro potestà debbiano procedere
per via ordinaria, senza giudicj occulti, siccome procedono negli
altri delitti Ecclesiastici. Ed essendosi perciò unite le Piazze,
furono creati Deputati, affinchè rappresentassero al Vicerè li
sentimenti della città ed attendessero sopra quest'importante affare
con la maggior diligenza e vigilanza. I Deputati esposero al Conte
di Pennaranda i sensi della città, risoluta a non soffrire più
Inquisitori, rammentandogli gl'inconvenienti passati e l'abborrimento
de' sudditi al nome d'Inquisizione. Il Conte veduta così costante
risoluzione reputò con molta saviezza soddisfargli, ed avendone di ciò
fatte lunghe rappresentazioni al Re, fece intanto intendere a Monsignor
Piazza, che ratto sgombrasse la città e 'l Regno, siccome di fatto ne
fu mandato via. E nell'istesso tempo crucciato col Duca delle Noci e
con alcuni de' Deputati, che troppo arditamente e con soverchio ardore
avean promosso quest'affare, fece porre il Duca nel Castel Nuovo, e
poscia il mandò prigione in Ispagna, dove poi essendosi giustificato
delle imputazioni, che gli si davano, tornò libero nel Regno nel mese
di novembre dell'anno 1663. De' Deputati alcuni ne fur fatti prigioni,
altri sequestrati nelle lor case e D. Tiberio Caraffa Principe di
Chiusano, D. Rinaldo Miroballo e D. Andrea di Gennaro, per isfuggire
i primi rigori del Vicerè si ricovrarono in Chiesa. Ma essendo alle
rappresentazioni fatte al Re venute clementissime risposte, per le
quali Filippo IV dichiarava, che non si dovesse sopra ciò permettere
novità alcuna, e che dovessero alla città e Regno inviolabilmente
osservarsi le ordinazioni de' suoi predecessori Monachi, e spezialmente
del Re Filippo II suo avolo; il Vicerè con suo particolar biglietto[77]
ne diede notizia agli Eletti della Città ed a' suddetti Deputati, li
quali essendo stati reintegrati nel favore del Conte, coll'occasione
della natività del Re Carlo II andarono a rendergliene le dovute
grazie. E si credette con ciò, che per l'avvenire non si dovesse Roma
più impacciare di mandar nel Regno Inquisitori, o spedir delegazioni e
commessioni a' suoi Vescovi per affari di Religione.

Il discacciamento di Monsignor Piazza fece arrestare alquanto
gl'Inquisitori di Roma, ma non per ciò tralasciar affatto la
pretensione, e di tentare, quando gli veniva in acconcio, nuove
imprese. Si vide ciò chiaramente nel Regno di _Carlo II_ per
l'occasione di una nuova Filosofia introdotta in Napoli, la quale
ponendo in discredito la _Scolastica_ professata da' Monaci, non molto
poteva piacere a Roma.

L'Accademia instituita in Napoli sotto il nome di Investiganti, della
quale se ne dichiarò protettore il Marchese d'Arena, tolse la servitù,
infin allora comunemente sofferta di giurare _in verba Magistri_,
e rendette più liberi coloro che vi s'arrolavano di filosafare,
postergata la _Scolastica_, secondo il dettame della ragione. Gli
Accademici ivi aggregati erano tutti uomini dottissimi, ed i più
insigni letterati della città, onde s'acquistarono molto credito
presso gl'intendenti, e sopra tutto presso i giovani, a' quali non
bisognò penar molto, per far loro conoscere gli errori ed i sogni
della filosofia de' Chiostri. Aveano in Francia le Opere di _Pietro
Gassendo_ acquistata grandissima fama, così per la sua molta erudizione
ed eloquenza, come per aver fatta risorgere la Filosofia d'_Epicuro_
la quale al paragone di quella d'_Aristotele_, e spezialmente di
quella insegnata nelle Scuole, era riputata la più soda e la più
vera. Si proccurò farle venire in Napoli, e quando furono lette, fu
incredibile l'amor de' giovani verso questo Scrittore, presi non men
dalla sua dottrina, che dalla grande e varia letteratura; onde in breve
tempo si fecero tutti _Gassendisti_; e questa filosofia era da' nuovi
filosofanti professata; ed ancorchè Gassendo vestisse la filosofia
d'Epicuro con abiti conformi alla religion cattolica, che professava,
nulladimeno, poichè il maggior sostenitore di quella era _Tito Lucrezio
Caro_, si diede con ciò occasione a molti di studiar questo Poeta,
infin a que' tempi incognito, e sol a pochi noto. Gl'_Investiganti_
però, non men di quello, che avea fatto _Gassendo_, scoprivano gli
errori del Poeta, e gli detestavano a' giovani ed insegnavano, che
quella filosofia non fosse da seguirsi in maniera, sì che non dovesse
sottoporsi alla nostra Religione.

(Con tutto che dagli Accademici _Investiganti_ fosse usata in ciò molta
precauzione e prudenza; non poterono i giovani Napoletani sfuggire i
falsi rapporti, che spargevano per Europa i Monaci, accaggionandoli,
che per questi studj non ben sentivano dell'immortalità dell'anime
umane. Sicchè _Antonio Arnaldo_ in quell'accurato e dotto Libro,
_Difficultés proposées a Mr. Steyaert_, declamando contra gli abusi
introdotti in Roma di proibir i Libri senza discernimento, si duole,
che Roma avea proibite le _Opere di Renato delle Carte,_ per le quali
era dimostrata quest'immortalità; ed all'incontro i Libri di _Gassendo_
giravan franchi e liberi, con tutto che per le relazioni, che venivano
da Napoli, erano assicurati, che avessero cagionato nella gioventù
napolitana gran danno per le opinioni contrarie surte per la lettura
dell'Opere di _Lucrezio_ e di _Gassendo_).

Lo facevano ancora atterriti da ciò ch'era accaduto al famoso _Galileo
de' Galilei_, il quale mal grado della sua veneranda canizie, fu
costretto abjurar in Roma la sua opinione intorno al moto della Terra

Ma non trascorsero molti anni, che furono in Napoli portate l'opere di
_Renato des Cartes_, e narrasi, che _Tommaso Cornelio_, famoso medico e
filosofo di que' tempi fosse stato il primo ad introdurvele. Si diedero
perciò i giovani, e spezialmente i Medici, a studiarle, e in poco
tempo abbandonata la filosofia di _Epicuro_, s'appigliarono a quella
di _Renato_; e coloro che prima erano _Gassendisti_, divennero a lungo
andare fieri ed ostinati _Renatisti_.

Il vedersi per questi nuovi studj non solo abbandonate le Scuole de'
Monaci: ma essi derisi per le tante fole che insegnavano, si cagionò
un odio implacabile dei Frati contro a novelli filosofanti, a' quali
imputavano perciò molti errori di Religione, cavillando ogni loro
proposizione, e trattandoli da miscredenti.

Tanto bastò agl'Inquisitori di Roma, perchè ripigliassero le loro armi,
e di nuovo tentassero d'introdurre in Napoli Commessarj del S. Ufficio
per invigilare sopra gli andamenti di costoro. E non pur lo tentarono,
ma svelatamente vi stabilirono un loro Inquisitore, il quale riceveva
le denuncie, imprigionava, e quel ch'era più teneva in S. Domenico
maggiore suo proprio carcere. Era costui _Monsignor Gilberto Vescovo
della Cava_, il quale esercitava quest'ufficio con processi occulti e
con tanto rigore e petulanza, che sovente costringeva molti con loro
ignominia ad abjurare, solo perchè sostenevano opinioni filosofiche
contrarie a quelle delle Scuole, ancorchè in quelle niun difetto di
miscredenza si potesse notare; di che spesso sentivansi in Napoli,
querele e disordini.

Mossi da ciò i Deputati del S. Ufficio ebbero ricorso al Conte di
San Stefano, che allora si trovava Vicerè, al quale avendo esposti
i desiderj della città determinata di non voler Inquisitore alcuno,
ancor che con limitata facoltà, ma che nel Regno i Negozj di religione
dovessero trattarsi per le vie ordinarie da' suoi Vescovi, gli fecero
istanza, che il Vescovo della Cava prestamente uscisse dalla città e
dal Regno, si togliesse la prigione che teneva in S. Domenico, ed i
carcerati si trasportassero nelle carceri dell'Arcivescovo di Napoli,
per doverli colui punire secondo il prescritto de' Canoni, e con via
ordinaria. Il Vicerè avendo proposto l'affare nel Collateral Consiglio,
con accordo del medesimo, ordinò, che uscisse tosto da Napoli e dal
Regno l'Inquisitore, s'abolissero le carceri in S. Domenico, ed i
carcerati si trasportassero in quelle dell'Arcivescovo, siccome fu
eseguito; di che il Conte con suo particolar biglietto[78], spedito
a' 27 di settembre dell'anno 1691, ne diede avviso agli Eletti, perchè
la città rimanesse consolata della risoluzione presa conforme a' suoi
desiderj.

Rappresentò ancora il Conte al Re Carlo II tutto ciò, ed il Re con sua
real carta spedita da Madrid sotto li 25 Marzo del seguente anno 1692,
non solo approvò tutto l'operato, ma ordinò ancora, che per l'avvenire
s'osservassero inviolabilmente li privilegi sopra ciò conceduti alla
città e Regno da' suoi predecessori; e che si passassero ufficj col
Cardinal Arcivescovo di Napoli, che prendesse egli la conoscenza delle
cause di que' carcerati; e che il Nunzio non si intromettesse affatto
nelle cause d'Inquisizione; e per via del medesimo (siccome anche egli
avea ordinato al Duca di Medina Celi suo Ambasciadore in Roma, che
lo facesse) si facesse sentire al Pontefice, con renderlo certo, che
la repugnanza di non ammettere Inquisitore alcuno in Napoli, era di
tutta la città, non già d'alcuni particolari, siccome gli Ecclesiastici
l'aveano dato a sentire[79].

Parimente essendosi per opera degl'Inquisitori di Roma fatti carcerare
in Madrid due Napoletani, il Dottor Basilio Giannelli e Gio. Battista
Menuzio, e correndo lo stesso pericolo Francesco Sernicola Inviato
della città alla Corte, ebbero ricorso i Deputati del S. Ufficio al
Re, rappresentandogli il gran rammarico di tutta la città per questo
modo di procedere dell'Inquisizione di Roma, e pregandolo della loro
scarcerazione. Ed il Re clementissimamente spedì altra sua regal carta
sotto li 27 dello stesso mese, diretta al Conte di S. Stefano Vicerè,
colla quale ratificando ciò che nella precedente avea comandato,
consolò questo Pubblico avvisando, come il Menuzio era già libero, e
che per ciò che riguardava la persona del Giannelli, avea già fatti
passare con l'Inquisitor Generale premurosi ufficj, che senza dilazione
lo scarcerasse, siccome fu poco da poi eseguito[80].

Ma tante risolute repulse, tanti pressanti e vigorosi ordini de' nostri
Re, e la cotanta vigilanza de' Deputati nè meno bastò per far quetare
gl'Inquisitori Romani. Essi non valendo loro più il procedere, come
prima, alla svelata, con occulte e sottili invenzioni tentarono nuovi
modi. Fecero nell'anno 1695 pubblicare un Editto in Roma, nel quale,
secondo il procedere di quel Tribunale, si prescrivevano a' Vescovi
ed Inquisitori varj regolamenti, come dovessero esercitare il lor
Ufficio; e poichè riputano, che a' loro Editti, in tutta la Repubblica
Cristiana, non vi sia bisogno di _Placito Regio_, ma che basti la
pubblicazione fatta in Roma, per obbligar tutti; perciò occultamente
tentarono, che tal Editto senza il _Regio exequatur_ si pubblicasse in
una Diocesi del Regno.

Parimente trovarono espediente di mandar le loro Commessioni
agl'istessi Vescovi, imponendo loro che procedessero non come Ordinarj,
ma come loro Delegati; e di vantaggio negli stessi Tribunali de'
Vescovi vi creavano Ufficiali loro dipendenti con commessioni del S.
Ufficio, valendosi per lo più di Frati e di Monaci.

Bisognò per tanto, che s'avesse nuovo ricorso al Re per estinguerne
ogni vestigio e reliquia. L'opera fu cominciata nel Regno di
Carlo II, ma ebbe il suo perfetto compimento nel Regno del nostro
Augustissimo Imperadore _Carlo VI_. Sin da che entrarono nel Regno
le sue felicissime armi, la città, come d'un affare importantissimo,
lo tenne sollecito, perchè affatto spegnesse fra noi ogni vestigio
d'Inquisizione.

Per far argine al primo inconveniente, spedì una sua regal carta da
Barcellona a' 27 agosto nel 1709, drizzata al Cardinal Grimani Vicerè,
per la quale colla maggior precisione e premura espressamente comandò,
che non si desse esecuzione alcuna a qualunque Bolla, Breve, o altra
Provisione che venisse da Roma, concernente affari d'Inquisizione,
o che avessero la minima, anzi la più remota connessione, con l'idea
d'introdurla nel Regno[81].

Per rimovere il secondo attentato d'introdurre nelle Corti vescovili
Ufficiali dipendenti dall'Inquisizione di Roma, vi rimediò
efficacemente il Cardinal Grimani Vicerè; poich'essendosi da'
Napoletani scoverto, che un cotal Frate Teresiano Scalzo chiamato
F. Maurizio frequentava spesso l'arcivescoval Corte di Napoli, con
delegazioni segrete del S. Ufficio di Roma, del quale si vantava
esser egli Commessario, fecero che immantenente l'Eletto del
Popolo ricorresse dal Vicerè, affinchè ne cacciasse via il Frate,
e facesse insinuare alla Corte arcivescovile, che nelle cause di
S. Ufficio procedesse con via ordinaria, senza aver bisogno d'altri
Ufficiali straordinari. Il Vicerè avendo tosto unito un Collaterale
straordinario, con accordo del medesimo, s'uniformò a' desiderj
della città, ed ordinò, che Fr. Maurizio fra due giorni diloggiasse
dalla città, e otto dal Regno, siccome fu prontamente eseguito, ed il
Cardinale con suo particolar biglietto[82], spedito a' 2 agosto del
medesimo anno, ne diede avviso all'Eletto, per consolare il Popolo,
della resoluzione presa.

Ma intanto non si tralasciava da' Deputati di pregare in Barcellona il
Re, affinchè, per togliere ogni pretesto, che gli Ecclesiastici, con
le loro sottili invenzioni, non li sovverchiassero ed opprimessero,
degnassesi con suo regal dispaccio apertamente ordinare, che per
l'avvenire _nelle cause di Fede si proceda dagli Ordinari, per la
via ordinaria, conforme si procede negli altri delitti comuni, e sta
disposto dai sagri Canoni._

Il Re consentì alla domanda, e confermando alla città tutti i privilegi
sopra ciò lor conceduti da' Re suoi predecessori, e spezialmente quello
di Filippo II, precisamente ordinò al Cardinal Grimani suo Vicerè, che
non permettesse _de ninguna manera, que en las causas pertenecientes a
nuestra Santa Fee, procedan sì no los Arzobispos, y demas Ordinarios de
esse Reyno, como Ordinarios, con la via ordinaria, que se practica en
los otros delitos, y causas criminales Ecclesiasticas_, come si legge
nel suo diploma[83] spedito in Barcellona a' 15 settembre del riferito
anno 1709. Per le quali ultime parole, che non si leggevano nel diploma
di Filippo II, si tolse ogni pretesto agli Ecclesiastici di cavillare
gli antichi privilegi, e d'inventare nuove sottigliezze.

Così rimase affatto estinto e dileguato presso di noi ogni vestigio
d'Inquisizione; ma con tutto ciò non rimangono i Deputati, che con
tanto zelo ed oculatezza invigilano sopra quest'affare, sicuri e fuor
d'ogni timore di nuove sorprese. Per ciò bisogna esser perseveranti,
e con indefessa applicazione in vigilar sempre su gli andamenti degli
Ecclesiastici; li quali, per esser pur troppo accorti e diligenti, non
tralascieranno le occasioni, quando lor verrà in acconcio, di tentar
improvvisamente altre nuove e non pensate imprese.



CAPITOLO VI.

_Nuova spedizione di SOLIMANO collegato col Re di Francia sopra il
Regno di Napoli, sollecitata dal PRINCIPE DI SALERNO, che si ribella.
Nuovi donativi per ciò fatti dal Regno, per lo bisogno della guerra,
che finalmente si dilegua._


Dopo l'impresa dell'Affrica, e la guerra che Cesare nel 1552 ebbe a
sostenere con Maurizio Duca di Sassonia, per sostegno della quale si
mandarono pure da Napoli cinquantamila ducati, quando, essendo cessati
i rumori per cagione dell'_Inquisizione_, si credeva doversi nel Regno
godere una tranquilla e riposata pace, s'intesero nuovi apparecchi
d'una guerra assai più spaventosa di quante mai ne furono; poichè
i Principi, che insieme aggiunti la mossero, erano i più potenti e
formidabili in Europa. Morto Francesco I Re di Francia, _Errico II_
suo successore ereditò insieme col Regno l'odio e l'inimicizia con
Cesare molto maggiore, che il suo predecessore; e acciocchè se gli
facilitasse l'impresa, che meditava sopra lo Stato di Milano, erasi a'
danni di Cesare collegato con Solimano, con cui fatto trattato, avevano
conchiuso d'assalire per mare il Reame di Napoli, ed unire insieme le
loro armate, quella di Francia dovea moversi da Ponente, nell'istesso
tempo che quella di Solimano si movea da Levante. Infiammò maggiormente
gli animi, e fu sollecitata la spedizione dal Principe di Salerno,
il quale per private inimicizie che nudriva col Vicerè, datosi a
credere, che essendogli stata tirata una archibugiata, mentre da Napoli
ritornava a Salerno, per la quale restò leggermente ferito, il colpo
fosse venuto dal Toledo, e non trovando nella Corte di questa accusa
facile credenza, per le insinuazioni in contrario mandate dal Vicerè,
rimanendo per ciò mal soddisfatto, guarito che fu, partì dal Regno,
con iscusa di volersi andare a curare in Padova d'una simulata lesione
di nervi restatagli dalla ferita; e quando chiamato dall'Imperadore,
con ubbidire alla chiamata, avrebbe potuto superare le inquisizioni
ed i sospetti, che il Vicerè gli addossava, egli mandando alla Corte
Tommaso Pagano, che con impertinenza grande voleva, che Cesare gli
promettesse di farlo venire su la sua parola, di che alterato Cesare
gli rispose come si conveniva, mal sofferendo il Principe la risposta,
con non minor imprudenza che leggerezza, risolvette di non andarvi; e
per ciò, ribellandosi da Cesare, deliberò di andare a servire Errico
Re di Francia; onde abboccatosi col Cardinal di Tournon, con gran
prestezza se n'andò in Francia, ove da quel re fu ricevuto con onore;
al quale dando per facile l'espedizione di Napoli, l'infiammò sì,
che apparecchiate alcune Galee, gli diede il comando di quell'armata,
che dovea venire ad incontrarsi coll'armata del Turco. Per iscusare
questo suo fallo diede fuori un manifesto, dove si sforzava di mostrare
d'aver prestati molti servigi e fatti d'armi in onor di Cesare,
ed all'incontro averne da lui e da' suoi Ministri ricevute pessime
ricompense di che avutone notizia il Vicerè, che godè molto di sua
pazza risoluzione, soleva dire, che il Principe di Salerno si avea
dimenticato nel manifesto di mettervi un più importante servigio fatto
all'Imperadore, ed era quest'ultimo, ch'ei riputava il maggiore, cioè
di avergli donato un Principato così bello e grande come era quello di
Salerno. Però nè all'Imperadore, nè al Vicerè questa sua ribellione
sembrò cosa nuova, avendolo sempre in sospetto, e per affezionato
al Re di Francia, di cui non finiva mai di lodarne il valore e la
liberalità. Fu per tanto egli dichiarato ribelle, e condannato a morte,
e confiscato il Principato di Salerno col rimanente del suo Stato.

Il Vicerè avvisato di questi apparecchi, non meno del Re di Francia che
del Turco, considerando, che la confederazione di questi due potenti
nemici avea da partorire molti travagli nel Regno, non perdè tempo
a fortificarsi; e poichè il più efficace rimedio era di tener pronta
una sufficiente quantità di denaro, per fare una valida difesa, perciò
avendo convocati tutti i Baroni, ed esposto loro, che la confederazione
di questi due potentissimi Principi non era per dissolversi così
presto, nè per mancamento di forze, nè di volontà, e che il lor
disegno non era altro, che di conquistare il Regno, per ciò bisognava
trovar il rimedio avanti che sopravvenisse la necessità; e il rimedio
sarebbe d'unire una somma di trecentomila ducati, con che si potessero
mantenere trentamila uomini, i quali sarebbero destinati solamente alla
difensione di questo Regno, in caso che fosse all'improvviso assaltato
da esercito nemico, e che questi denari sarebbero conservati da uomini
deputati dalla città in cassa comune; soggiungendo, che solamente
la fama di questo preparamento sarà cagione che gli nemici pensino
molto bene ad assalirci, e forse sgomentati desisteranno dall'impresa.
Piacque la proposta del Vicerè a tutti; onde con grandissima prestezza
si misero in cassa comune i denari, i quali ancorchè non servissero
allora, furono da poi ne' seguenti anni cagione della salute del
Regno, contro la lega di Francia, di Papa Paolo IV e d'altri Principi
d'Italia, come diremo più innanzi.

Mentre in Napoli s'attendeva a far queste provvisioni, venne l'avviso,
che l'armata del Turco sollecitata non men da Errico Re di Francia, che
dal Principe di Salerno, era uscita da Costantinopoli; e pochi giorni
da poi, a' 15 luglio di quest'anno 1552, fu veduta da' Napoletani
numerosa di 150 Galee grosse guidate da Dragut Rais sotto il comando di
Sinam Bassà, ed ancorata ne' mari di Procida, pose spavento grandissimo
nella città; ed intanto alcune Galee venivano quasi ogni giorno sino
al Capo di Posilipo a scaramucciare con alcune Galee di Genova, che
quivi si trovavano. Dimorò l'armata del Turco ne' mari di Procida
dalli 15 di luglio insino a' 10 di agosto, nel qual giorno si vide
all'improvviso partire, facendo vela verso Levante. Fu fama, che ciò
seguisse per opera di Cesare Mormile, il quale entrato in competenza
col Principe di Salerno, e mal soddisfatto del Re di Francia, che lo
avea posposto al Principe, partito di Francia erasi ricovrato in Roma,
dove con l'Ambasciadore di Cesare, e col Cardinal Mendozza trattò della
sua reintegrazione nella grazia dell'Imperadore; ed avendo ottenuto
da Cesare ampio privilegio non solo dell'indulto, ma anche della
restituzione di tutti i suoi beni, ed assicurato anche con lettere del
Vicerè, venne da poi incognito in Napoli a maneggiare con quel Bassà la
sua partita; il quale, avendogli il Mormile offerto in nome del Vicerè,
purchè partisse, ducentomila ducati, contentandosi dell'offerta,
sborsati che gli furono, partì colla sua armata verso Levante,
liberando con ciò tutto il Regno da grandissimi travagli. Il Mormile
fu molto accarezzato dal Vicerè; ma poichè fra di loro per le cose
precedute non era affatto estinta l'antica nemicizia, nell'esecuzione
del privilegio gli furon fatti molti ostacoli, tanto che non solo non
potè ricuperare i suoi beni, che si trovavano già venduti, ma travagliò
molto per averne un secco contraccambio.

Intanto il Principe di Salerno, ch'era stato mandato dal Re di Francia
colle sue Galee ad incontrare l'armata Turchesca, giunto ne' mari di
Genova, intese che quella era già partita verso Levante; con tutto ciò
volle seguirla, ed otto giorni da poi, che l'armata del Turco partì
dal Golfo di Napoli, fu sopra Ischia con 26 Galee, ed informato meglio
da Roma dell'accordo fatto col Mormile, tanto più pien di cruccio le
corse dietro, e passato il Faro, nè trovandola, proseguì il cammino fin
che la raggiunse; ma nulla potè impetrare dal Bassà, perchè facesse
ritorno, rispondendo, ch'essendo già uscito d'Italia, non poteva
ritornar indietro, senza nuovo ordine del suo Signore: lo persuase per
tanto a venire in Costantinopoli, perchè l'anno seguente Solimano gli
avrebbe dati più validi ajuti. Andò il Principe in Costantinopoli, ove
stette tutto l'inverno aspettando la promessa di Solimano; ma la sua
dimora in quella Città fece scovrire la sua vanità e leggerezza; poichè
datosi agli amori ed alle dissolutezze, perdè presso quel Principe
tutto il credito e la riputazione; e fatto già favola del volgo, entrò
in sommo disprezzo di tutti; tal che al tempo promesso non ottenne
l'armata, che desiderava per l'impresa del Regno; perchè fu conceduta a
Pietro Corsio per l'acquisto di Corsica: egli se ne ritornò in Francia,
ove mentre visse Errico ebbe assai buoni trattamenti, ma quello morto,
insorte in quel Reame le civili contese, e seguitando egli in quella
divisione la parte degli Ugonotti, riduttosi in estrema miseria, morì
in Avignone nel 1568 in età di 71 anno non men ribelle al suo Re, che
alla Religione Cattolica da lui prima professata.

Così dileguossi questa crudel tempesta, che minacciava Napoli; ma non
finirono ne' seguenti anni le scorrerie del famoso Corsaro Dragut, il
quale mandato dal Gran Signore in grazia del Re di Francia a danni
del Regno, per travagliar l'Imperadore, tenne infestati sempre i
nostri mari, e le Terre delle nostre marine: de' quali mali non furon
giammai esenti; poichè professandosi fra i Re di Spagna, e l'Imperador
de' Turchi guerra eterna, ed irreconciliabile, non mai tregua fu, ma
sempre odio implacabile, ancorchè il danno fosse maggiore il nostro;
poichè per gli riscatti dei nostri non bastavan più milioni l'anno,
ed all'incontro niente era da sperarsi da' Turchi, i quali niente si
curano di riscattar i loro; con tutto ciò per zelo di religione non
si curava il danno gravissimo che il Regno ne soffriva. Ora essendo
questo Reame divelto dalla Monarchia di Spagna, e governandosi
dagl'Imperadori d Alemagna, ha avuta la sorte, che nelle tregue, che si
fanno coll'Imperio, vengavi anche compreso il Regno; onde si veggono
cessate le tante ostilità, e permesso con Turchi commerzio, con utile
grandissimo del Regno.



CAPITOLO VII.

_Spedizione di D. PIETRO DI TOLEDO per l'impresa di Siena, dove se ne
morì. Seconde nozze di FILIPPO Principe di Spagna con MARIA Regina
d'Inghilterra; e rinuncia del Regno di Napoli fatta al medesimo da
CESARE, il quale abbandonando il Mondo si ritira in Estremadura, dove
nel Convento di S. Giusto finì i suoi giorni._


Don Pietro di Toledo, posto fine alle turbolenze di Napoli, governava
il Regno con piena autorità: ma siccome era da tutti ubbidito, così da
molti era intrinsecamente odiato: poichè scovertasi la ribellione del
Principe di Salerno, e sospettandosi che in quella vi fossero altri
intesi, procedè contra i sospetti con molto rigore; e la morte per ciò
data ad Antonio Grisone, e l'inquisizioni fatte per la medesima cagione
con altri, avea reso il suo governo molto terribile ed odioso. Avvenne,
che in quest'anno 1552 tra le molte rivoluzioni accadute in Italia,
Siena parimente si sconvolgesse.

Era questa Repubblica sotto la protezione di Cesare, il quale v'avea
mandato a governarla D. Diego Urtado Mendozza: costui diede a' Sanesi
sospetto di voler loro togliere la libertà, perchè designava fabbricare
in Siena una Cittadella così forte, che con essa potevano gli Spagnuoli
in poco numero difendersi dalla città. I Sanesi per ciò determinarono
ricorrere al Re di Francia, il quale accettando la lor difesa, diede
ordine a' suoi Ministri, che teneva in Italia, di provvedere al
bisogno. Fu tra essi conchiuso, che il Conte di Pitigliano, ed i due
Conti di Santa Fiore facessero con secretezza seimila fanti e molti
cavalli, il che fu tosto eseguito: il Conte di Pitigliano entrò nella
città e gridando _libertà_, _libertà_, e conducendo seco tremila
fanti, unitosi col Popolo, costrinse Otto di Monteaguto, il quale
mandato da Cosmo de' Medici Duca di Fiorenza era entrato per soccorso
degli Imperiali, a ritirarsi sotto la Cittadella, non senza morte
dell'una, e l'altra parte. Il Duca Cosmo s'apparecchiava mandar ad
Otto grosso soccorso: ma la Repubblica gli mandò Ambasciadori a fargli
intendere, ch'essa non voleva levarsi dalla fedeltà dell'Imperadore,
ma sì bene rimettersi nella libertà, della quale n'era a poco a poco
stata spogliata dal Mendozza: il Duca ciò credendo, conchiuse colla
medesima trattato, che gli Spagnuoli dall'una parte se ne uscissero
da Siena, e dall'altra Otto se ne ritornasse salvo colle sue genti
in Fiorenza; ma quando i Sanesi gli videro usciti, tosto buttarono a
terra la Cittadella, e vi posero dentro presidio franzese, attendendo
a fortificarsi contra gli Spagnuoli. L'Imperadore, ciò inteso,
trovandosi allora all'assedio di Metz di Lorena, scrisse al Toledo,
che assoldasse un esercito, e che andasse egli a far guerra a Siena;
e venne ancora in quel tempo in Napoli a sollecitarlo D. Francesco
di Toledo, uomo dell'Imperadore appresso il Duca Cosimo. Il Vicerè,
ancorchè il tempo che correva d'un orrido inverno fosse contrario,
incominciò con prestezza secretamente ad apparecchiar l'esercito; e
mentre questo si faceva, fu assalito da un catarro con febbre, dal
quale ogni anno era spesse volte l'inverno gravato, onde per ciò per
consiglio de' Medici in quella stagione soleva dimorare in Pozzuoli; ma
non per questo si rallentava l'apparecchio, e già la fama cominciava a
spargersi, che quello era per la guerra di Siena, ove dovea in persona
comandare il Vicerè, il quale per ciò dovea partire ed abboccarsi col
Duca Cosimo suo genero. Pubblicata questa partenza, s'offerivano molti
Baroni di seguirlo, ma il Vicerè a pochi il concesse, e ringraziò gli
altri; e creato D. Garzia suo figliuolo Luogotenente dell'esercito, lo
mandò per terra con dodicimila valorosi soldati spagnuoli, italiani
e tedeschi. Partì D. Garzia nel principio di gennajo del nuovo anno
1553, e passò per le Terre dello Stato Ecclesiastico pacificamente, nel
qual passaggio entrò in Roma con molti Cavalli a baciare il piede al
Papa, e giunto finalmente nel territorio Sanese, senza perder tempo,
prese molte Castella. In questo mezzo il Vicerè fece imbarcare nelle
Galee del Principe Doria il resto delli soldati spagnuoli con la sua
Corte; e lasciando per suo _Luogotenente nel Regno D. Luigi di Toledo_
suo secondo figliuolo, entrò egli in mare, e partissi per la volta
di Gaeta, ove fermatosi tre giorni passò a Civita Vecchia, nel qual
viaggio per fortuna di mare se gli accrebbe il male, e smontato poi
a Livorno, mandò subito a D. Garzia gli Spagnuoli ad unirsi col suo
esercito, ed egli forzato dal catarro e dalla febbre si fermò ivi con
la sua Corte. Ma vie più aggravandosi il male, e veduto da' Medici, che
quel luogo posto in mezzo all'acqua, era contrario al clima di Pozzuoli
ed al suo male, partì alla volta di Pisa, e declinando alquanto il
male, se ne andò a Fiorenza; ove dal Duca Cosimo suo genero fu accolto
con molta affezione e splendidezza. Vennero in quel mezzo a ritrovarlo
Ascanio della Cornia ed altri Colonnelli dell'esercito a pigliar da
lui l'ordine, che s'avea da tenere per quell'impresa; ed essendo già
tutte le cose ben disposte, mostrando allora la di lui infermità esser
alquanto in declinazione, mandata avanti per ciò tutta la sua Corte, si
preparava egli per cavalcare la mattina; ma ecco, che gli sopravvenne
di nuovo il catarro tanto furioso, che l'inquietò tutta quella notte,
e sopraggiuntagli la febbre, ogni virtù gli andò mancando.

Corse alla fama del suo pericolo D. Garzia suo figliuolo a visitarlo,
e per dargli conto di quel che e' faceva nell'esercito; ma il Vicerè
volle, che senz'aspettar l'esito della sua infermità, tornasse come
suo Luogotenente a comandare a quell'impresa, e lo benedisse; e non
guari da poi aggravando tuttavia il male, tra gli abbracciamenti di
sua figliuola e genero, spirò l'anima a' 12 febbraio di quest'anno
1553. Fu fama che fosse stata la sua morte sollecitata con veleno dal
genero, per sospetto, ch'e' avesse d'avergli il Toledo insidiata la
vita: parimente, che l'Imperadore per levarlo del governo di Napoli
(ciò che avea determinato di farlo fin dal tempo de' rumori di quella
città) avesse trovata quest'occasione della guerra di Siena. Altri
non consentono nè all'uno, nè all'altro, allegando certa lettera
dell'Imperadore, capitata in Fiorenza prima ch'egli morisse, nella
quale non sapendo ancora, che fosse partito da Napoli, scrivea, che in
niun modo fosse andato a quella impresa, per aver inteso, che stava
infermo, ma che vi mandasse D. Garzia suo figliuolo. Che che ne sia,
governò egli il Regno anni venti, mesi cinque, e giorni otto, con tanta
prudenza, che superò tutti i passati Governadori, e meritevolmente dal
comune consenso gli è attribuito il titolo di Gran Vicerè.

Della sua prima moglie D. Maria Ossorio Pimentel, lasciò più figliuoli,
poichè della seconda da lui sposata, essendo già vecchio, non ne ebbe
alcuno. D. Federigo primogenito, D. Garzia, che morendo il lasciò suo
Luogotenente nella guerra di Siena e D. Luigi, rimaso Luogotenente nel
Regno, quando egli partì da Napoli. Ebbene ancora di quella quattro
femmine, la primogenita D. Isabella la casò con D. Giovan Battista
Spinelli Duca di Castrovillari e Conte di Carriati. La seconda D.
Eleonora fu maritata nel 1539 a Cosimo de' Medici Duca di Toscana. La
terza D. Giovanna fu moglie di D. Ferrante Ximes d'Urrea primogenito
del Conte d'Aranda, e l'ultima D. Anna di D. Lope Moscoso Conte
d'Altamira.

_D. Luigi_, rimaso in Napoli _Luogotenente_, non potè mostrare nel
governo del Regno gli alti suoi talenti, perchè non lo tenne che pochi
mesi; essendo stato dall'Imperadore, intesa la morte di D. Pietro,
mandato per suo successore il _Cardinal Pacecco_, il quale trovandosi
a Roma nel giugno di quest'anno, si portò subito a Napoli.

Il _Cardinal Pacecco_, rinomato non men per la sua famiglia cotanto
illustre in Ispagna per lo Marchesato di Vigliena e Ducato d'Escalona,
che ivi possiede, che per eccellenza di dottrina, e per li buoni
servigi prestati in Trento in quel Concilio, fu dal Pontefice Paolo
III, essendo Vescovo di Giaen, promosso al Cardinalato a richiesta
dell'Imperadore, e dichiarato parimente Vescovo Saguntino; e
trasportatosi il Concilio a Bologna, rimase egli in Roma per affari di
Cesare, il quale intesa la morte del Toledo, lo mandò, come si disse,
suo Vicerè nel Regno.

Il concetto che s'avea del suo rigore, spaventò prima Napoli, ma
rimase poi ingannata dall'evento; poichè reso placido e soave, non
solo trattò con mansuetudine i Napoletani, ma gli favorì molto presso
Cesare, da cui impetrò l'esatta osservanza de' suoi privilegi, che
Carlo V gli avea di nuovo spediti in Brusselles, a richiesta del famoso
Girolamo Seripando, nell'ultimo giorno dell'anno 1554. Non s'intesero
più carcerazioni di fatto, nè tormentare, o procedere all'esazione di
pene criminali contra i delinquenti, col solo processo informativo.
Furon dati provvidi ordini e norme da osservarsi nelle collazioni
della Cappellania Maggiore, Prelature Regie, Protomedicato, Ufficiali
di Giustizia e Castellanie del Regno; e nel suo Governo furono dalla
benignità di Cesare concedute alla città e Regno molte altre grazie e
privilegi[84].

Intanto a Filippo Principe di Spagna, essendo rimaso vedovo di Maria
di Portogallo sua prima moglie, s'aprì, secondo la felicità di questa
augustissima Casa, una ben ampia via d'unire alla Monarchia di Spagna
il Regno d'Inghilterra; e se la morte di Maria senza lasciar prole di
questo matrimonio, e le tante rivoluzioni accadute in Inghilterra,
non avesser frastornato sì bel disegno, la impresa erasi condotta a
fine; poichè proclamata a' 20 di luglio dell'anno 1553 per Regina
d'Inghilterra Maria, prima figliuola d'Errico VIII, ed incoronata
Reina con solennissima pompa nel primo d'ottobre in età di trentasette
anni non avendo marito, da' Baroni del Regno fu fatta istanza, che per
assicurare la successione del Regno, dovesse tosto maritarsi. Ella per
ciò s'elesse per isposo Filippo Principe di Spagna; onde in gennajo
del nuovo anno 1554 mandò Ambasciadori a Cesare notificandogli il suo
pensiero. Con incredibile contento accettò l'Imperadore l'offerta,
e senza perdervi tempo fu tosto il matrimonio conchiuso, e chiamato
Filippo dalle Spagne, acciò si conducesse a tal effetto in Inghilterra:
i Baroni Inglesi di quest'elezione fatta dalla Regina, ne rimasero mal
contenti, e perchè odiavan gli Spagnuoli, e perchè aveano a male, che
quel Regno venisse ne' discendenti dell'Imperadore.

Parti ciò non ostante, a' 16 luglio di quest'anno 1554, Filippo di
Spagna dal Porto di Corugna con grossa armata e splendidissima Corte,
e giunto al Porto d'Antonasi, diece miglia distante da Vincestre, ove
la Regina l'aspettava, quivi si celebrarono le nozze con gran festa e
trionfo.

Ma l'Imperadore, reputando mal convenire ad una sì gran Regina sposarsi
Filippo, che non era ancora Re, mandò Figurino Reggente di Napoli in
Inghilterra a portargli la cessione del Regno di Napoli e di Sicilia
e dello Stato di Milano. Così Filippo, reso più augusto con questi
titoli Regj, accrebbe l'allegrezza ed il giubilo delle nozze. I nuovi
Sposi trattenutisi molti giorni in Vincestre in giuochi e tornei, ai 19
d'agosto si partirono, e con doppia Corte, e quasi con tutta la nobiltà
di Spagna e d'Inghilterra, con pompe e ricchi apparati fecero la loro
trionfale entrata nella Real città di Londra, dove i mal contenti
Baroni, sperimentata la dolcezza e mansuetudine di Filippo, rimasero
soddisfatti.

Filippo, avuta la cessione dal padre del Regno di Napoli, mandò subito
il Marchese di Pescara a prenderne in suo nome il possesso, che con
pubblica celebrità, e grandi applausi dal Cardinal Pacecco Vicerè, a'
25 di novembre del medesimo anno, gli fu data: nel medesimo tempo che
l'Imperadore Carlo V, o fastidito dalle cose mondane, o per iscansare i
colpi della fortuna, ch'egli credeva cominciare a mostrarsegli avversa,
meditava abbandonare i tedj del secolo.

Era allora egli in Fiandra afflitto da continue e fastidiose podagre,
e stanco ormai di sostener più il peso dell'Imperio, onde deliberò
ritirarsi dalle cure mondane. Chiamò per tanto a se da Inghilterra il
Re Filippo suo figliuolo, e giunto in Brusselles ove dimorava, prima
d'ogni altro lo fece Capo dell'Ordine de' Cavalieri del Toson d'oro:
poi in una gran sala, al cospetto di tutti i Consiglieri di Stato, di
tutti i Cavalieri degli Ordini e Nobiltà, a' 25 ottobre del nuovo anno
1555, fece il gran rifiuto, rinunziando al Re suo figliuolo tutti i
Paesi Bassi, con gli Stati, Titoli e Ragioni di Fiandra e di Borgogna.
Gli rinunziò li Regni di Spagna, di Sardegna, di Majorica e Minorica,
e tutti i nuovi Paesi scoverti nell'Indie, con tutte l'altre Isole e
Stati appartenenti e dependenti dalla Corona di Spagna.

Rinunziò colla medesima solennità il governo dell'Imperio a
_Ferdinando_ suo fratello, eletto già Re de' Romani, e tre anni da poi,
pochi mesi prima di morire, mandò la rinunzia dell'Imperio al Collegio
Elettorale, il quale, il dì 14 marzo del 1558, elesse in suo luogo il
medesimo Ferdinando.

Ritiratosi poi nella città di Gant sua patria, licenziò tutti gli
Ambasciadori de' Principi, ch'erano appresso di lui, e tutti i Capitani
d'armate; ed imbarcatosi nel seguente anno 1556 a' 17 settembre navigò
per Ispagna, e si ritirò in Estremadura, dove dimorò il rimanente de'
suoi giorni in un Convento abitato da' Monaci di S. Girolamo, chiamato
San Giusto. Menò quivi vita solitaria, e morivvi il dì 21 di settembre
dell'anno 1558 l'anno 59 di sua età.



CAPITOLO VIII.

_Stato della nostra Giurisprudenza, durante l'Imperio di CARLO V, e de'
più rinomati Giureconsulti, che fiorirono a' suoi tempi._


L'imperador Carlo V, e più i suoi Vicerè, che durante il Regno suo
governarono questo Reame, ci lasciarono molte leggi, delle quali
per essersene, secondo la distinzione de' tempi, ne' quali furono
stabilite, tessuta nell'ultima edizione delle nostre Prammatiche
un'esatta _Cronologia_, non accade qui, per non gravar maggiormente
quest'Opera, ripeterle.

La Giurisprudenza nel Regno suo, per essere stati i nostri Tribunali
cotanto favoriti dal Vicerè Toledo, e ridotti in una più ampia e
magnifica forma, si vide se non più culta, almeno in maggior splendore
e lustro per lo gran numero de' Professori, e per la loro dottrina e
scienza legale.

Per le cagioni, di sopra dette, non potè ricevere appo noi in
questo secolo quella nettezza e candore, che i Franzesi l'aveano
posta in Francia. Era agli Spagnuoli sospetta ogni erudizione, e si
guardavano molto di non far introdurre novità nelle scienze, o nel
modo d'Insegnarle e professarle. Fu continuato per ciò lo stile degli
antichi; ma non per questo, se mancava l'erudizione e la notizia
dell'Istoria Romana, onde poteva ricevere quel lume, che le fu data
in Francia, mancarono Giureconsulti eccellenti non inferiori a quelli
delle altre Nazioni.

Sembrava veramente cosa molto impropria, che avendo la Giurisprudenza
per la prima volta in Italia cominciato a ricevere maggior lustro da
_Andrea Alciati_ Milanese, il quale fu il primo, che insegnò la legge
con erudizione ed eleganza, questo studio si fosse poi abbandonato in
Italia, ed avesse avuto costui in Francia, non già in Italia, tanti che
l'imitassero e lo superassero, onde potesse perciò la Francia vantarsi
di tanti famosi Giureconsulti, che fiorirono in questi tempi, e non
l'Italia. Ella vantava in questi tempi il famoso Guglielmo _Budeo_
di Parigi, Francesco _Duareno_ suo discepolo, Professore di legge in
Bourges, che morì nell'anno 1559 in età di 50 anni; il famoso Carlo
_Molineo_, morto l'anno 1568. Il non mai a bastanza celebrato Jacopo
_Cujacio_ nativo di Tolosa, che fu Professore in Bourges, in Tolosa,
in Caors, in Valenza, ed in Torino, e che fu un prodigio in questa
scienza, denominato per ciò con ragione dal Tuano il primo, e l'ultimo
fra' più eccellenti interpreti della legge. Antonio _Conzio_ nativo di
Nojon contemporaneo di Duareno e di Cujacio, che professò parimente
legge in Bourges, e morì l'anno 1586. Francesco _Ottomano_, Pietro
_Piteo_ e tanti altri, dei quali il Presidente Tuano in tutto il corso
della sua Istoria non tralasciò farne distinta ed onorata memoria.

Noi all'incontro, se per le Cattedre, per la riferita cagione e per
altre, che s'intenderanno ne' libri seguenti di quest'Istoria, non
possiamo oppore a' Franzesi Giureconsulti di tanta vaglia, per coloro
però che nel Foro e ne' Magistrati impiegarono i loro talenti, non
abbiamo che invidiargli, li quali nè per dottrina legale, nè per numero
furono a quelli inferiori

Fiorirono a questi tempi ne' nostri Tribunali molti insigni e
rinomati Giureconsulti. _Antonio Capece_ del Sedile di Nido si
rese prima illustre nel Foro col patrocinio delle cause, e da poi
dal Re Ferdinando il Cattolico nel 1509 fu creato Consigliere, non
tralasciando intanto nell'Università de' nostri Studi di leggere
Giurisprudenza, dove occupò la prima Cattedra vespertina del _Jus
Civile_, e nel 1519 insegnò anche ivi il _Jus feudale_, dalla cui
scuola uscirono _Bartolommeo Camerario_, _Sigismondo Loffredo_, e
tanti altri famosi Giureconsulti. Per li moti della Sicilia insorti
sotto il governo d'Ettore Pignatelli Conte di Montelione, andò egli
per comandamento del Re in quell'Isola, e della di lui opera il
Conte si valse per reprimere gli autori di que' tumulti, dove compose
alcune sue decisioni. Ritornò poi in Napoli, e con tutto che la sua
carica di Consigliere non gli concedesse molto ozio, pure distese
una _Repetizione_ sopra il _Cap. Imperialem, de prohib. feud. alien.
per Feder._ ed avea posta mano ad un'altra opera insigne intitolata:
_Investitura feudalis_, la quale non potè condurre al suo compito
fine. Compilò varie _decisioni_, che ai suoi tempi si fecero nel S.
C. di S. Chiara, le quali, unite insieme con quelle che distese in
Sicilia, vanno ora per le mani de' nostri Professori. Morì in fine egli
in Napoli nel 1545, e giace sepolto nella Cappella della sua famiglia
dentro la Chiesa di S. Domenico maggiore di questa città[85].

_Bartolommeo Camerario_ di Benevento si distinse sopra gli altri
nello studio delle leggi, e nel 1521 diede in Napoli alla luce una
_Repetizione_ sopra il § _Æque de Actionibus_; ma sopra ogni altro
si rese costui eminente per la grande applicazione, ch'ebbe nelle
materie _feudali_. Egli si pose ad emendare i Commentarj de' Feudi
d'Andrea d'Isernia, li quali, per difetto de' Copisti, s'erano dati
alle stampe scorrettissimi, e gli ridusse a perfetta lezione; e vi
si affaticò tanto nello spazio di tre anni continui, applicandovisi
sedici ore il giorno, che come e' dice[86], vi perdè un occhio. Lesse
nell'Università de' Nostri Studi ventiquattro anni i libri feudali;
da poi dalla Cattedra, nell'anno 1529, passò ad esser Presidente di
Camera, rifatto in luogo di Giannangelo Pisanello. Indi nell'anno
1541 fu, dall'Imperador Carlo V, creato Luogotenente della medesima.
Ma venuto in odio a D. Pietro di Toledo per le cagioni altrove
rapportate, e per l'inclinazione, ch'ebbe sempre a' Franzesi, diede di
se gravi sospetti; onde al Toledo gli s'aprì la strada di farlo cadere
anche dalla grazia di Cesare: di che egli accortosi, ricevè l'onore
offertogli dal Re di Francia, che l'avea creato suo Consigliere, e
se n'andò in Francia, ricovrandosi sotto la protezione di quel Re. Il
Vicerè Toledo, datogli tosto il successore, che fu Francesco Revertero,
fece trattar subito la sua causa: fu dichiarato rubelle, e nel 1552 gli
furono confiscati tutti i suoi beni. Nel tempo che dimorò in Francia,
stando quivi in gran moto le cose della Religione, e le opere di Lutero
e di Calvino facendo in quel Regno danni notabilissimi, poichè egli si
era ancora applicato alla Teologia, si pose a confutarle; onde nel 1556
stampò in Parigi un trattato, _De Jejunio, Oratione, et Eleemosina_;
e nell'istesso anno diede anche alla luce un'altra opera scritta in
forma di Dialogo, introducendo sè e Calvino per interlocutori, alla
quale diede il titolo: _De Praedestinatione, ac de Gratia, et Libero
arbitrio, cum Johanne Calvino disputatio_; e nel seguente anno 1557,
ritiratosi in Roma, diede quivi alla luce un altro trattato: _De
Purgatorio igne_.

Vedendo, che in Francia i suoi meriti non erano ricompensati secondo
le concepute speranze, si ritirò in Roma, dove dal Pontefice Paolo
IV, fiero nemico non men di Cesare, che del Re Filippo suo figliuolo,
fu ricevuto con onore; e l'ammise a' suoi Consiglj, attribuendosi
a Camerario, come diremo più innanzi, che Paolo non pubblicasse la
sentenza contro al Re Filippo profferita della privazione del Regno:
ed avendo nella guerra, che allora ardeva tra il Pontefice, ed il Re
Filippo, il Duca d'Alba assediata Roma, il Papa lo creò Commessario
Generale del suo esercito, e lo fece di più Prefetto dell'Annona di
Roma; onde per mostrar al Pontefice la gratitudine del suo animo,
stampò allora in Roma nell'anno 1558 il suo Commentario _ad l.
Imperialem, de prohib. feud. alien. per Feder._ e lo dedicò a lui,
promettendogli nell'epistola dedicatoria, che se egli avrà ozio, gli
avrebbe ancora dedicati sette altri libri feudali, da lui composti.
Finì il rimanente della sua vita in Roma, dove morì nel 1564, e fu
sepolto nella Chiesa de' SS. Appostoli dei PP. Conventuali di S.
Francesco, dove si vede la sua tomba con iscrizione. Oltre delle
riferite sue opere, si leggono di lui alcuni Dialoghi, in materia
feudale, li quali mancando di quella grazia e venustà, ch'è propria di
quel modo di scrivere, sono riusciti insipidi e freddissimi.

_Sigismondo Loffredo_ discepolo d'Antonio Capece del Sedile di Capuana,
si diede agli studi legali, dappoi che nelle lettere umane avea fatti
maravigliosi progressi, e per la sua dottrina fu nell'anno 1512 dal
Re Ferdinando il Cattolico creato Presidente della Regia Camera, ed
appena furono passati cinque anni, che si vide innalzato al supremo
grado di Reggente di Cancelleria, chiamato poi in Ispagna ad assistere
nel supremo Consiglio d'Aragona, come Reggente di Napoli. Morì nel 1589
lasciando di se chiara memoria ne' suoi dotti _Consiglj_ e ne' suoi
_Commentarj_ alla _l. Jurisconsultus de gradibus_, che furono dati in
istampa in Venezia nell'anno 1572[87].

Rilusse a par di lui il famoso _Cicco Loffredo_, già rinomato Avvocato,
e poi nell'anno 1512 creato Regio Consigliere. Per la sua grande
abilità fu inviato Oratore in Fiandra al Re Carlo dalla città a
prestargli in suo nome ubbidienza ed a cercargli la conferma de' suoi
privilegi. Fu da poi nel 1522 innalzato al supremo onore di Presidente
del S. C. che l'esercitò insino all'anno 1539, nel qual anno passò
nel Consiglio Collaterale, dove fu fatto Reggente. Morì in Napoli
nel 1547 e fu prima seppellito nel Duomo di questa città nella sua
Cappella gentilizia; ma da poi Ferdinando Loffredo Marchese di Trivico
suo figliuolo trasferì le sue ossa nella Chiesa di S. Spirito da lui
fondata, dove si vede la sua tomba con iscrizione; e da questo famoso
Giureconsulto discendono i presenti Marchesi di Trivico[88].

Fiorirono ancora, intorno a questi medesimi tempi, _Girolamo Severino_:
_Tommaso Salernitano_: _Giannandrea de Curte_: _Scipion Capece_:_
Marino Freccia_: ancor essi celebratissimi Giureconsulti.

_Girolamo Severino_ del Sedile di Porto, essendo ancor giovane, fu
nel 1516 creato Avvocato de' Poveri, indi dal Vicerè Lanoja nel 1517
fu fatto Giudice di Vicario. Per la sua dottrina ed eloquenza, nella
venuta di Carlo V in Napoli, fu eletto dalla città per suo Oratore
a riceverlo, e nel 1536 lo crearon Sindico; essendosi nel Parlamento
generale degli 8 di gennaio di quell'anno conchiuso per sua industria
un grosso donativo da farsi a Cesare, fu dall'Imperadore in ricompensa
de' suoi segnalati servigi, creato Reggente di Cancelleria, e del
Supremo Consiglio d'Italia, onde gli convenne partir con Cesare per
Ispagna; ma da poi nel 1541 fu innalzato al supremo onore di Presidente
del S. C., ed indi nel 1549 fu fatto anche Viceprotonotario del Regno:
ed avendo esercitato il carico di Presidente per quindici anni, non
valendo per la sua vecchiaia a sostener più tanto peso, tornò nell'anno
1555 nel Consiglio Collaterale; da dove pure per l'età sua decrepita
si licenziò, ritenendosi solo l'ufficio del Viceprotonotario, che da
lui, per non obbligarlo a molta fatica, fin che visse fu esercitato.
Morì finalmente in Napoli nell anno 1559 e fu sepolto in S. Maria della
Nuova, nella Cappella de' suoi maggiori, dove si vede il suo tumulto
con iscrizione[89].

_Tommaso Salernitano_ appena giunto all'età di 18 anni diede saggi
così maravigliosi di quanto intendesse nella scienza delle leggi,
che fu ammesso in quell'età ad interpetrarle ne' pubblici Studi di
Napoli: si diede poi ad avvocar cause, e riuscì così eccellente, che
non guari da poi fu creato Presidente della Regia Camera. Nel Regno
di Filippo II fu adoperato nei più gravi affari di Stato, e mandato
in Germania per la famosa causa del Ducato di Bari; onde da poi nel
1567 fu creato Presidente del S. C. e da poi nel 1570 Reggente di
Cancelleria. Ci lasciò di se illustre memoria per le dotte _decisioni_
da lui compilate, le quali impresse vanno ora per le mani de' nostri
Professori. Morì egli in Napoli nel 1584, e fu sepolto nella Chiesa
di S. Maria delle Grazie nella Cappella sua gentilizia, ove si vede
il suo tumulo con iscrizione. Paolo Regio Vescovo di Vico Equense e
famoso Predicatore di que' tempi, gli compose un'orazion funebre, dove
cotanto estolse le sue virtù e le famose sue gesta[90]; ed il nostro
rinomato Poeta Bernardino Rota non mancò ne' suoi versi altamente di
lodarlo[91].

_Giovan Andrea de Curte_, di cui Uberto Foglietta[92] tessè grandi
encomj, secondo questo Scrittore trasse sua origine da Pavia; ma i
nostri[93] vogliono che procedesse dalla Cava. Fu egli figliuolo di
Modesto, Giudice della Gran Corte della Vicaria, il quale applicatosi
allo studio delle leggi riuscì un chiarissimo Giureconsulto; e dopo
avere alquanti anni seduto in Vicaria, l'Imperador Carlo V lo creò
Consigliere di S. Chiara. Ne' tumulti accaduti in Napoli nel 1547, per
cagion dell'_Inquisizione_, poco mancò che dalla plebe non fosse stato,
insieme co' suoi figliuoli, tagliato a pezzi; poichè vedendo egli la
città tutta in arme, deliberò (seguendo le vestigia degli altri uomini
pacifici e da bene) colla sua famiglia uscirsene; il che saputosi da'
popolani, i quali l'ebbero sempre per partigiano del Vicerè Toledo,
gli corsero furiosamente dietro, ed ancorchè si fosse egli ricovrato
in un Convento di Frati, ruppero le porte, fecero violenza ai Monaci,
affinchè glie lo additassero; ma essi costantemente negando essere
presso di loro, e per altra via affermando essersi salvato; dopo avere
spiati tutti i nascondigli del Monastero, rabbiosamente corsero insino
alla Torre del Greco, dove avean inteso essersi ricovrati i di lui
figliuoli, e sarebbero questi innocenti capitati male, se i paesani di
quel luogo non fossero accorsi colle armi alle mani a reprimere il lor
furore. Uno di questi suoi figliuoli fu _Mario_ cotanto dal Foglietta
celebrato, con cui, mentre fu in Napoli, contrasse stretta amicizia, il
qual poi riuscì un gran Teologo, ed uno de' famosi Predicatori appresso
il Re Filippo II, dal quale fu _Giovan-Andrea_, in premio della sua
dottrina e de' suoi segnalati servigi, innalzato al supremo onore di
Presidente del Consiglio. Morì egli nel 1576, e giace sepolto nella
Chiesa di S. Severino nella Cappella sua gentilizia, dove si vede il
suo tumulo con iscrizione. Di lui ancora altamente cantò Bernardino
Rota[94], ed il Presidente de Franchis[95] non tralasciò di farne
onorata memoria.

Ma sopra tutti costoro, non meno per dottrina legale, che per varia e
profonda letteratura, rilusse _Scipion Capece_ figliuolo d'Antonio.
Fu ne' suoi primi anni dato allo studio delle lettere umane e della
filosofia, e nel poetare e nell'orare riuscì eminentissimo, tanto che
fu riputato per uno de' più culti Poeti de' suoi tempi. Compose egli
due libri _De Principiis Rerum_, che dedicò al Pontefice Paolo III,
cotanto lodati dal Cardinal Bembo e da Paolo Manuzio, che non ebbero
difficoltà di paragonarli a' libri di Tito Lucrezio Caro. Scrisse
ancora in versi eroici la vita di _Cristo_ e le lodi del suo precursore
_Giovan-Battista_, in tre libri, che intitolò: _De Vate Maximo_: li
quali da Giovan-Francesco di Capua Conte di Palena furono dedicati al
Pontefice Clemente VII. Ed alcune sue Elegie ed Epigrammi meritarono
il comun applauso de' più insigni Letterati di que' tempi, de' quali il
Nicodemo[96] tessè lungo catalogo.

Non meno in questi studi, che ne' più rigidi e severi delle nostre
leggi riuscì eminente. Egli non men nel Foro che nelle Cattedre tenne a
suoi tempi il vanto: ne' nostri supremi Tribunali fu riputato il primo
fra gli Avvocati, e nell'Università degli Studi occupò nell'anno 1534
la Cattedra primaria vespertina del Jus civile, che la tenne insino
all'anno 1537. Venuto in Napoli l'Imperador Carlo V, a Scipione fu
dato il carico di fargli l'orazione pel suo ricevimento; onde Cesare
in ricompensa della sua dottrina, e di sì eminente letteratura, lo
creò Consigliere di S. Chiara. Compose egli molti _Commentarj_ sopra
vari Titoli delle Pandette, da lui esposti nell'Università de' nostri
studi, de' quali solamente si vede impresso quello, che compilò sopra
il titolo _De Aquirenda Possessione_, che fu dedicato a D. Lodovico
di Toledo figliuolo di D. Pietro Vicerè, nel quale promette fra breve
darne alla luce un altro sopra il titolo _Soluto Matrimonio_. Compose
eziandio un breve trattato intitolato, _Magistratuum Regni Neapolis
qualiter cum antiquis Romanorum conveniant, Compendiolum_, il qual
prima fu impresso in Salerno nel 1544, e da poi in Napoli nel 1594.
Morì quest'insigne Scrittore nell'anno 1545, e giace sepolto nella
Chiesa di San Domenico Maggiore nella Capella sua gentilizia, dove si
vede il suo tumulo[97].

Bisogna unire al Capece _Marino Freccia_, che oltre alla
Giurisprudenza, ebbe buon gusto dell'istoria, e fu il primo fra noi,
che di questo difetto riprese i nostri Scrittori, li quali, avendola
trascurata, inciamparono in mille errori: fu egli vago delle nostre
antiche memorie, ed a lui dobbiamo alcuni frammenti d'_Erchemperto_,
che furono da poi impressi da Camillo Pellegrino nella sua Istoria de'
Principi Longobardi. Il libro ch'egli compose _De subfeudis_ e dedicò
al Cardinal _Pacecco_, mentre governava il Regno, dimostra quanto gli
fosse a cuore d'illustrare le cose del nostro Regno, e quanto fosse
benemerito delle nostre antichità. Trasse egli sua origine da Ravello
e per la sua eminente dottrina legale, e spezialmente de' feudi, da
lui prima nelle Cattedre de' nostri studi esposti, fu dall'Imperador
Carlo V nel 1540 creato Consigliere del nostro Sacro Consiglio, di cui
parimente da poi fu Propresidente. Compose ancora un altro trattato
_De formulis Investiturarum_, il quale, prevenuto dalla morte, non potè
ridurlo a perfezione: ed essendo ancor giovanetto di venti anni distese
il trattato _De Praesentatione Instrumentorum_, che corre ora per le
mani de' nostri Professori. Morì egli nell'anno 1562 e fu sepolto nella
sua Cappella gentilizia in S. Domenico Maggiore, ove s'addita il suo
tumulo con iscrizione[98].

Fiorirono ancora intorno a' medesimi tempi _Jacobuzio de Franchis_,
_Antonio Baratuccio_, _Giovan-Tommaso Minadoi_, _Tommaso Grammatico_,
_Giovan Angelo Pasinello_ e tanti altri, i quali, per non tesserne
qui una più lunga e nojosa serie, possono vedersi presso il Toppi
nella Biblioteca Napoletana, e ne' suoi libri dell'Origine de' nostri
Tribunali, dove di lor fece lunghi e copiosi cataloghi.



CAPITOLO IX.

_Politia delle nostre Chiese durante il Regno dell'Imperador CARLO V._


In questo sedicesimo secolo ricevè il Pontificato Romano una delle
più grandi e ruinose scosse, che dopo il suo innalzamento avesse avuto
giammai. Per le cagioni, già riferite dell'eresia di Lutero, fece in
Europa perdite lagrimevoli ed irreparabili. Molte province d'Alemagna
si sottrassero; le Fiandre: l'Inghilterra, che fu un tempo la più
sua ligia e fruttifera: la Scozia, ed i Regni del Nort si perderono
affatto: la Francia ne fu pure in gran pericolo, e l'Italia dava di
se gravi sospetti. Perdite, che mal si potevano compensare co' nuovi
acquisti, che si facevano nell'Indie e nell'America: acquisti per Roma
sterili ed infruttuosi. Turbava ancora l'animo de' Romani Pontefici
il pensiero della convocazione d'un nuovo Concilio, riputato allora
precisamente necessario per sedare le grandi rivoluzioni di Religione,
onde tutta Europa era agitata e scossa. Ma non per tutto ciò si
perderon di animo; nè co' Principi quantunque loro aderenti e congiunti
(a' quali parimente premeva, che ne' loro Stati la Religione non
s'alterasse) furono punto più indulgenti in rilasciando forse il rigore
delle pretensioni, che nutrivano sopra le Chiese de' loro Dominj, e per
altre loro pretensioni. L'Imperador Carlo V da poi che da Clemente VII
riscosse quelle esorbitanti somme per riscatto della di lui persona,
si curò poco, che nel nostro Regno gli _Spogli_ delle nostre Chiese
vacanti, e le _Incamerazioni_ ricominciassero più severe che mai;
s'imponessero spesse _Decime_ a' Cleri ed a' Monasterj, dond'egli
ne difalcava pure la sua parte; e per gli vantaggi ch'egli (siccome
fecero dopoi tutti i Re suoi successori) ricavava con permissioni de'
Pontefici dai Regni di Spagna, si curava poco de' suoi diritti, e molto
meno de' nostri interessi, e di quelli delle nostre Chiese.

Nel trattato della pace, che come si disse, fu poi tra Cesare e
Clemente conchiusa nell'anno 1532, venne largamente a disputarsi
intorno alla presentazione delle Chiese Cattedrali del nostro Regno,
pretese dai nostri Re di Patronato Regio. Essi fondavano il patronato,
per avere i loro predecessori fondate le più insigni Cattedrali, che
v'erano, e di ricche rendite e poderi dotate. I Normanni, come si è
potuto vedere ne' precedenti libri di quest'Istoria, sin da' fondamenti
n'ersero moltissime; e non fu picciolo beneficio d'averne molte
sottratte dal Trono Costantinopolitano, e restituite al Trono Romano.
Gli Angioini eziandio ne fondarono altre; onde siccome le Cattedrali
di Spagna per questa ragione sono riputate tutte di Presentazione
Regia, doveano parimente tali reputarsi le nostre, e per conseguenza
tutti gli Arcivescovadi e Vescovadi, quando vacavano, doveano tutti
provvedersi a presentazione e beneplacito del Re; ed ancorchè nel Regno
degli Angioini si fosse tolto l'_Assenso_, che prima veniva ricercato
nell'elezioni de' Prelati in tutte le nostre Chiese, siccome per ciò
non si tolse l'_Exequatur Regium_, come altrove fu mostrato, così molto
meno quella convenzione apposta nell'investiture, potè abbracciare
le Chiese di _Patronato Regio_, dalla quale espressamente ne furono
eccettuate; ond'è, che nel Regno moltissime Chiese e Beneficj, in
tutte le nostre Province, siano rimasi di collazione o presentazione
Regia; de' quali il Chioccarelli, il Tassone ed altri ne fecero lunghi
cataloghi.

Il Reggente Muscettola, destinato allora Ambasciadore in Roma per
Carlo V, per quest'affare sostenne la pretensione de' nostri Re;
ma (siccom'è lo stile di quella Corte, che, sempre che il negozio
si riduce in trattato, si cerca poi di tirarlo a composizione, col
pretesto di togliere le discordie, ed un più lungo esame) si convenne
con Clemente VII, che ventiquattro Chiese Cattedrali, cioè sette
Arcivescovadi, e diciassette Vescovadi rimanessero di presentazione
e nominazione Regia, e l'altre fossero riserbate alla disposizione
del Papa. Furono dichiarate di Regia presentazione nella provincia
di Terra di Lavoro li Vescovadi di Gaeta, di Pozzuoli e della Cerra.
Nel Contado di Molise, il Vescovado della città di _Trivento_. In
Principato citra l'Arcivescovado di _Salerno_, ed il Vescovado della
città di _Castellamare_. In Principato ultra, il Vescovado della città
d'_Ariano_. In Calabria citra, il Vescovo della città di _Cassano_.
In Calabria ultra l'Arcivescovado di _Reggio_, e li Vescovadi di
_Cotrone_, e di _Tropea_. In Basilicata (secondo la disposizione
presente delle Province) l'Arcivescovado di _Matera_, al quale va ora
unita la Chiesa di _Cerenza_, ed il Vescovado della città di _Potenza_.
In Terra d'Otranto, l'Arcivescovado della Città d'_Otranto_, quello
di _Taranto_, e l'altro di _Brindisi_, al quale andava allora unita la
Chiesa d'_Oira_, il Vescovado di _Gallipoli_, e quelli di _Mottula_, e
d'_Ugento_. In Terra di Bari, l'Arcivescovado della città di _Trani_,
e li Vescovadi di _Giovenazzo_, e di _Monopoli_. In Apruzzo citra ed
ultra, il Vescovado della città dell'_Aquila_, e quello di _Lanciano_,
ora resa questa Chiesa Arcivescovile, ma non già Metropoli, per non
avere suffraganeo alcuno. In Capitanata, non v'è Vescovado di Regia
presentazione, ancorchè nella Chiesa di Lucera tutte le Dignità, e
la metà de' Canonicati siano di collazione Regia, come altrove fu
rapportato.

Questa fu la divisione, che si fece allora delle Chiese Cattedrali, che
durò sino al presente, e fu inserita negli articoli di quella pace,
nella quale espressamente s'esclusero gli altri Beneficj e Chiese
non Cattedrali di patronato Regio, che sono moltissime, delle quali
i nostri Re sono in possesso, quando vacano, di provvederle, e nelle
loro vacanze destinar Regj Economi per l'esazione delle rendite, parte
delle quali si assegnano per la loro reparazione e sostentamento, ed il
rimanente si riserba a futuri successori.

Si curò anche poco l'Imperador Carlo, per le cagioni accennate, che
s'imponessero da Roma nel nostro Regno nuovi gravamenti, fra quali il
maggiore a' suoi tempi fu, che non essendosi quivi potuto introdurre il
Tribunale dell'_Inquisizione_, se ne stabilisse un altro tutto nuovo,
chiamato della _Fabbrica di S. Pietro_, di cui, come in suo luogo,
bisogna qui rapportare l'origine e l'introduzione.


§. I. _Origine del Tribunale della Fabbrica di S. Pietro, e come, e
con quali condizioni si fosse fra noi introdotto, e poi a nostri tempi
sospeso._

Il Pontefice Giulio II, volendo emulare la magnificenza del Re
Salomone, gli venne in pensiero di fabbricare un Tempio in Roma in
onore di S. Pietro Capo degli Appostoli, che fosse il più magnifico e
sorprendente di quanti mai ne fossero al Mondo; reputando, che siccome
Roma era divenuta Capo della Chiesa _Spirituale_, e s'era innalzata
sopra tutte le altre Chiese della Terra, così era di dovere, che la sua
Chiesa _Materiale_ soprastasse a tutte le altre, non altrimenti che S.
Pietro, a cui si dedicava, soprastò a tutti gli altri Appostoli, ed a
tutti i Fedeli, che in Cristo credettero; ma non avendo le ricchezze
di Salomone, rivoltò tutti i suoi pensieri per trovar miniere, donde
per quest'opera potesse venire in Roma argento ed. oro. Cominciò prima
per via d'indulgenze plenarie, concedendole a larga mano a tutti
coloro, che lasciavano o donavano per la fabbrica di quel Tempio;
ma vedendo che per ciò non si giungeva all'intento, inventò un nuovo
modo, e per sua Costituzione stabilita nell'anno 1509, oltre d'avergli
concedute molte prerogative, stabilì, che tutti i Legati pii, che si
trovavano lasciati a luoghi incapaci, ovvero, che dagli eredi non si
soddisfacessero, s'applicassero a questa Fabbrica. Instituì per tanto
un Tribunale in Roma, i cui Ministri doveano non meno invigilare per
la costruzione del Tempio, che a riscuotere per questa via danari per
tutto il Mondo Cattolico per loro Commessarj.

Questa Bolla di Giulio fu da poi confermata e molto più amplificata
da Lione X e da Clemente VII e dagli altri Pontefici suoi successori.
Ma dovendosi, per esser fruttifera, farsi valere negli altrui Dominj,
molti Principi s'opposero all'esecuzione, chi affatto rifiutando
tal introduzione chi moderandola, e chi riformandola. Lione X tentò
nel nostro Regno introdurre Commessarj di questo Tribunal di Roma,
e nell'anno 1519 spedì Breve a lor diretto, concedendo loro facoltà
di poter esigere per tre anni tutti i Legati pii, e per tal effetto
costringere i debitori a soddisfargli, ed eziandio i Notai ad esibire
ad essi i protocolli, gli istromenti ed i testamenti che dimandavano.
Ma essendosi esibito il Breve al Vicerè, affin che se gli desse
l'_Exequatur_, da D. Raimondo di Cardona, che avea allora il governo
del Regno, nell'anno 1521 gli fu conceduto, ma colla clausula, _praeter
quam contra laicas personas_; in guisa, che volendo i Commessarj
suddetti costringere i laici, essendo di nuovo ricorsi al Cardona,
questi ordinò agli Ufficiali Regj, che facessero loro giustizia contra
i laici, con astringerli alla soddisfazione de' Legati pii, e parimente
procedessero contro i Notai, obbligandoli ad esibire i protocolli e
gl'istromenti[99].

Clemente VII da poi prorogò queste Commessioni, e nel 1532 spedì altro
Breve, al quale D. Pietro di Toledo Vicerè diede l'_Exequatur_ con
alcune dichiarazioni, per le quali però non si toglievano i molti
pregiudizj che s'apportavano al Regno, e le estorsioni e disordini
che commettevansi da' Commessarj destinati per le Province; onde nel
Parlamento tenuto in Napoli nel 1540 in nome della città e Regno
fu pregato il Toledo, che trattasse col Papa d'estinguere affatto
questo Tribunale, per li tanti aggravj ed estorsioni che faceva[100];
ed avendo poi il Vicerè nel 1547 col Pontefice Paolo III trattato
quest'affare, si vennero a togliere molti abusi, ed a riformarlo
in gran parte, tanto che si fecero nuove moderazioni ed altre
dichiarazioni, in guisa che negli anni seguenti era rimaso poco men che
sospeso Ma da poi il Duca d'Alba, Vicerè, nel 1557 fece ordinare, che
il Tribunal della Fabbrica ritornasse nel suo primiero stato, secondo
il concordato del 1547, fatto da Paolo III col Toledo.

Per la qual cosa si venne poi a stabilire, che il Commessario della
Fabbrica residente in Napoli, che suol essere il Nunzio, non potesse
conoscere delle cause di questo Tribunale, nè deciderle, se non col
voto degli Assessori laici, i quali si destinerebbono dal Re, o suo
Vicerè in tutte le tre istanze; onde nacque lo stile, che per le
prime e seconde istanze si deputassero per lo più Regj Consiglieri,
ovvero Presidenti della Regia Camera, e per Assessore o sia Giudice
delle terze un Reggente di Collaterale; e parimente, che i Commessarj
destinati per le Province, non potessero per se conoscere, o decidere,
ma debbano avere gli Assessori laici da nominarsi dalle Comunità de'
luoghi[101]: onde il Cardinal Granvela nel 1574, in esecuzione di
tal Concordato, ordinò agli Ufficiali del Regno, che non impedissero
l'esecuzione agli ordini di questo Tribunale, sempre che si facessero
da Consultori Regj deputati da lui e suo Collateral Consiglio, e che
alle loro provvisioni prestassero ogni ajuto e favore.

Ma con tutto ciò non si riparava a' disordini ed alle estorsioni de'
Commessarj, nè si toglievano gli altri infiniti pregiudizj, che per
questo Tribunale s'apportavano al Regno: poichè, se bene in vigor
di questo Concordato il Tribunal della Fabbrica di Roma non poteva
impacciarsi nelle cause contenziose del Tribunal di Napoli, ma
solamente deputare il Commessario, l Economo, ed altri ufficiali minori
di quello; con tutto ciò, siccome ce ne rende testimonianza l'istesso
Cardinal di Luca[102], la Congregazione di Roma, per via di relazioni
ed estragiudiziali informi, aveva preso a ritrattare quelle medesime
cause, le quali in tutte le istanze s'erano agitate e già decise in
Napoli. Parimente la Congregazione di Roma s'avea appropriate tutte
le cause, che non erano contenziose, cioè, tutte le composizioni, alle
quali le Parti desideravano essere ammesse senza litigare, avendo anche
in ciò ristretto al Nunzio, o sia Commessario Generale, che risiede nel
Regno, ed all'Economo la potestà di poter transigere nelle cause gravi,
e dove vi potea nascere una grossa composizione; e così per tirar più
denaro in Roma, come per ridurre le cause contenziose a poco numero nel
Tribunal di Napoli, facilitava le transazioni, con ammettere a quelle
ogni uno, che pagasse denari, importando poco, che soddisfacesse o no
il peso imposto dal testatore, o l'adempimento de' Legati pii: perchè
essi dicevano, che l'opera pia la compensavano col tesoro inesausto,
ch'essi hanno in Roma, il qual chiamano _Mare Magnum_, una goccia del
quale basterebbe a soddisfare tutti i Legati pii del Mondo; e per ciò
facilitandosi per denari la composizione in Roma, la volontà de' pii
disponenti non veniva a verun patto ad eseguirsi.

Ma quello, che più d'ogni altro rendeva odioso tal Tribunale, erano le
estorsioni e disordini, che nella città e nelle province commettevano
i Commessarj, delle quali estorsioni l'istesso Cardinal di Luca[103]
ne rende pure a noi testimonianza. Essi, secondo una relazione,
che si legge tra' M. S. Giurisdizionali[104] fatta sin dall'anno
1587, subito che giungevano nelle Terre del Regno, ancorchè piccole,
affiggevano cartoni, e sonavano campanelli, e con voce tremenda ed
orribile minacciavano scomuniche _latae sententiae_ ai Notari, e a
tutti coloro, che avessero testamenti, dove erano disposizioni pie,
e non gli portassero a loro. Recati che loro si erano, li Commessarj
citavan tutti gli eredi de' disponenti, ancor che quelli fossero morti
cento anni a dietro, a mostrar la soddisfazione de' Legati pii; e non
comparendo, erano dichiarati contumaci, e da poi per pubblico cedolone
scomunicati; e quando venivano a purgarsi, non pensassero d'essere
intesi, se prima non pagavano gli atti della contumacia, e da poi non
gli assolvevano, se non mostravano la soddisfazione, o non pagavano di
nuovo; e coloro, che non avevano modo di farlo, o pure erano tardi a
venire, ed intanto il Commessario erasi partito da quel luogo, erano
costretti, per essere assoluti, venire a Napoli; e molti, che per la
loro povertà estrema, non aveano modo di portarsi in quella città,
rimanevano scomunicati, e venendo a morte, era a' loro cadaveri negata
l'Ecclesiastica sepoltura. Maggiori estorsioni si soffrivano in Napoli:
poichè, anche se prontamente si portava la soddisfazione del Legato,
non perciò l'erede ne usciva franco, ma dovea sborsare i diritti del
decreto (quantunque non ricercato, nè voluto) che non fosse molestato;
e passati alquanti anni si tornava da capo, con nuove richieste e nuovi
decreti; e se la disgrazia portava, che la soddisfazione non potesse
mostrarsi con iscritture, ma con testimoni, per liberarsene, era duopo
fabbricarsi un voluminoso processo con gravissimi dispendj. Quindi
atterriti i testatori stessi, s'astenevano di far più Legati pii,
ovvero espressamente comandavano, che questo Tribunale non s'avesse ad
impacciare in modo alcuno nelle loro disposizioni.

Per evitar tali ed altri moltissimi disordini, che qui si tralasciano,
essendosi tal Tribunale reso odioso e grave a' nostri maggiori,
s'ebbero di volta in volta continui ricorsi dalla città, e Regno
a' nostri Re, perchè affatto si togliesse: finchè mosso il nostro
Augustissimo Principe dalle querele de' suoi sudditi, con sua regal
carta spedita da Vienna nel 1717 ordinò, che il Nunzio e Commessario
insieme di questo Tribunale tosto sgombrasse dal Regno, e si
chiudessero i suoi Tribunali; e giunto in Napoli quest'ordine nel mese
d'ottobre del medesimo anno, fu prontamente eseguito, e fu soppressa
non meno la Nunziatura, che la Fabbrica; e da poi fu spedito da Vienna,
a' 8 ottobre del seguente anno 1718, altro imperial dispaccio, col
quale s'ordinava al Conte Daun allora Vicerè, che minutamente lo
informasse delle estorsioni ed abusi de' Tribunali suddetti, e del
remedio che poteva darsi, siccome fu eseguito; e sebbene il Nunzio
tornasse da poi, nel mese di giugno del seguente anno 1719, e fossessi
restituito il Tribunal della Nunziatura, nulladimeno la restituzione
seguì con molte restrizioni e dichiarazioni, come altrove diremo: ed il
Tribunal della Fabbrica non fu restituito, ma rimase siccome infin ad
ora ancor dura, sospeso e casso.

(Fra i Capitoli accordati al Popolo Napoletano in Tempo del
Duca d_'Arcos_ a' 7 di settembre del 1647 che si leggono presso
_Lunig_[105], il 29 fu questo: _Ch'essendo finito il tempo della
istituzione ed erezione del Tribunale della reverendissima Fabbrica di
S. Pietro di Roma, detto Tribunale si dismetti_).


§. II. _Monaci, e Beni Temporali._

Se mai in alcun tempo le nuove Religioni portarono nuove ricchezze,
onde perciò bisognò unire coi Monaci i beni temporali, in questo secolo
ne sursero due, che fecero maggiormente conoscere, che il monachismo
non può a verun patto scompagnarsi dall'acquisto de' beni mondani;
poichè, non ostante che le leggi fondamentali della istituzione loro li
proibissero, nulladimeno, cattivatasi per quest'istesso la divozione
de' Popoli, e resigli perciò più facili a donare, fu loro poscia
agevole ottenere da Roma (cui molto cale i loro acquisti) dispense, ed
interpretazioni per rendersene capaci.

Sursero in questo secolo molte Congregazioni di Cherici Regolari; ma
una delle più principali fu quella de' _Teatini_. Fu così chiamata a
cagion di Gianpietro Caraffa Vescovo della città di Chieti, da' Latini
detta _Theate_, che insieme con Marcello Gaetano Tiene Gentiluomo
Vicentino e Protonotario Appostolico, la istituì, prima di passare ad
altre Chiese ed al Pontificato. Clemente VII, nell'anno 1514 l'approvò,
e nei seguenti anni fu confermata da Paolo IV, dall'istesso Fondatore
essendo Papa, e da Pio V nel 1567 e dagli altri Pontefici successori.
Da Venezia vennero a noi (secondo che narra Gregorio Rosso[106]
Scrittor contemporaneo) nel mese di maggio del 1533, nel qual anno
da' Napoletani furono ricevuti con molto desiderio, e fra gli altri
da Antonio Caracciolo Conte d'Oppido, il quale ebbe il pensiero di
riceverli in un suo luogo fuori la Porta di S. Gennaro, ma poco da
poi se n'entrarono dentro la città: furono accolti da Maria Francesca
Longa (celebre per essere stata ella Fondatrice del famoso Ospedale
degl'Incurabili) la quale assegnò loro alcune sue case per abitarvi.
Ma mancò poco, che non se ne ritornassero in Venezia, siccome aveano
risoluto, per l'angustia della loro abitazione: se non che D. Pietro
di Toledo Vicerè per non farli partire, proccurò, che lor si desse per
abitazione l'antichissima Parrocchia di San Paolo, dove si trasferirono
nel 1538[107].

Ancorchè professassero una stretta povertà, e quantunque il loro
istituto fosse di non poter nemmeno cercare limosine, ma totalmente
abbandonarsi alla Divina provvidenza, la quale, siccome avea cura de'
gigli del campo e degli uccelli dell'aria, così dovea anche prender
di lor pensiero; con tutto ciò i Napoletani corsero loro dietro ad
arricchirli a lor dispetto, ed a cumularli d'ampie facoltà e ricchezze,
donde sursero i tanti magnifici e superbi lor Monasterj, che gareggiano
colli più eccelsi edificj del Mondo. Si distinsero costoro sopra gli
altri per la vigilanza che tenevano, perchè li novelli errori surti
in questi tempi in Germania, non penetrassero in Napoli; onde, come
si è detto, furono i più fedeli Ministri degl'_Inquisitori_ Romani.
Ed in decorso di tempo la divozione che i Napoletani portarono al B.
Gaetano Tiene, uno de' loro Institutori, crebbe tanto, che gli ersero
una statua di bronzo nella Piazza di San Lorenzo, e sopra tutte le
Porte della Città parimente collocarono una sua statua, in segno
del particolar culto, che sopra tutti gli altri suoi Protettori gli
portavano.

Ma intorno a' medesimi tempi surse un Ordine, che col correr degli
anni si rese assai più famoso e più diffuso di tutti gli altri: questo
è quello de' _Gesuiti_ di cui tanto si è parlato, e scritto. Ebbe
in Francia i suoi principj dal famoso Ignazio di Lojola spagnuolo, e
l'introduzione di questo nascente Ordine in quella Provincia, partorì
de' gravi contrasti, de' quali ne sono piene l'istorie del Presidente
Tuano[108]. Vi furono finalmente i Gesuiti ammessi, ed ancorchè,
sotto il Regno d'Errico IV, fossero stati costretti nell'anno 1594 ad
uscirsene, vi ritornarono poi nel 1603. Nell'altre province d'Europa
fecero maravigliosi progressi ed acquisti, ed in Roma ed in Italia
si distinsero sopra tutti gli altri; e quantunque in Venezia sotto il
Pontificato di Paolo V fossero parimente stati costretti da' Vineziani
a sgombrare dalla loro Repubblica, con tutto ciò vi tornarono poi nel
Pontificato d'Alessandro VII.

(Resi accorti i _Gesuiti_ da ciò che avvenne in Francia ed in Venezia,
per essersi dati in quelle brighe dalla parte del Pontefice Romano,
ne' tempi posteriori, avendo già poste profonde radici, ed acquistate
immense ricchezze, pensarono più saviamente di gettarsi in casi simili
a quel partito che potesse loro esser più profittevole, poco curando
delle censure, ed interdetti di Roma, siccome si vide poi in Italia
nelle brighe insorte tra il Pontefice _Urbano VIII_ con _Odoardo
Farnese_ Duca di Parma; il quale solennemente scomunicato dal Papa
nell'anno 1643, e minacciandogli interdetto sopra tutti i suoi Stati,
i _Gesuiti_ accortamente non vollero esporsi al pericolo d'essere di là
scacciati: ma disprezzando le Papali Censure, si mostrarono assai leali
e riverenti al Duca, e prestandogli ogni fedeltà s'uniron al di lui
partito, scomunicato e maledetto, ch'e' si fosse. Vedasi _Le Vassor_
(_Hist. de Louis XIII_), che ne rapporta l'istoria; e la Bolla di
queste Censure fulminate da _Urbano_, si legge pure presso Lunig[109]).

Ma nel nostro Reame non ebbero a sostenere opposizione alcuna; anzi
venutici nel 1551, sotto la guida del P. Alfonso Salmerone, furono da'
Napoletani accolti con non men desiderio che i Teatini. S'acquistarono
in breve tempo l'amicizia de' Nobili, e particolarmente d'Ettorre
Pignatelli Duca di Montelione, il quale assegnò loro per abitazione
una Casa al vicolo del Gigante, dov'era una picciola Cappella: quivi
si posero ad istruir i giovani nella dottrina Cristiana, dando norma
a' Preti secolari di farlo anch'essi. Tratti i Napoletani da quello
loro pietose e caritatevoli opere, nel 1557 diedero ad essi una più
comoda abitazione e comprarono la Casa del Conte di Maddaloni presso
la Chiesa di Monte Vergine, fabbricandovi una Chiesa sotto il titolo
del Nome di Gesù, dove essi incominciarono ad insegnare i fanciulli
senza mercede alcuna, a predicarvi, e far altri spirituali esercizj,
sicchè tirando molta gente, il gran concorso rendendo incapace quella
Chiesa, il Cardinal Alfonso Caraffa Arcivescovo concedè loro la
Chiesa de' SS. Pietro e Paolo, la quale nell'anno 1564, da' Gesuiti
fu diroccata, e renduta più grande; ma da poi diedero principio ad un
magnifico edificio per costruirvi quel famoso lor Collegio, che ora
occupa più contrade della città, per la magnificenza del quale sin dal
principio del secolo passato tirarono il solo Principe della Rocca a
spendervi ventimila ducati[110]. Sono pur troppo noti gli altri immensi
e maravigliosi acquisti, che in meno d'un secolo fecero in questa città
e Regno; gli altri eccelsi e stupendi loro edifici degli altri loro
Collegi e Case Professe ne' luoghi più scelti della città e Regno, per
li quali si lasciarono indietro tutti gli altri Ordini più numerosi e
più ricchi, che insino a quel tempo v'erano stati.

Nè ponendosi mente al modo tenuto per acquistar tante ricchezze, deve
parer ciò cosa strana: essi considerando, che gli Mendicanti avuta
ch'ebbero da Roma la facoltà d'acquistare, perderono il credito e
la divozione del popolo, onde non fecero poi gran progressi; quelle
Religioni, che vollero persistere in una ferma e stabile povertà, si
mantennero sì bene il credito e la buona opinione, ma non acquistarono
ricchezze; onde bisognava pensar un modo nuovo, che fosse misto di
povertà e di abbondanza; colla povertà acquistar il credito e la
divozione; e di poter per altra mano ricevere quel che alla Compagnia
era offerto e donato. Per ciò istituirono le Case Professe ed i
Collegi; le Case Professe non possono a patto veruno acquistare,
nè possedere stabili: in queste si professa povertà, ed è la meta
dove qualunque lor operazione deve terminare; ma i Collegj possono
acquistare e possedere stabili, dove ricevono, ed istruiscono la
gioventù per allevarli nella virtù, affinchè si renda poi atta a vivere
nella povertà Evangelica. Con che viene la povertà ad essere lo scopo
ed il fine loro essenziale, ma accidentalmente ricevono possessioni e
ricchezze. Con tutto ciò, da quello che si vide poi negli effetti, e
dal gran numero de' Collegj e dalle poche Case Professe, ogni uno ha
potuto conchiudere quello, che veramente sia loro l'essenziale, e quale
l'accidentale. Sin dal principio del secolo passato si faceva il conto,
che i Gesuiti, di Case Professe, non ne aveano più che 21; all'incontro
il numero de' Collegj arrivava a 293 S'aggiunga a questo gli altri
Collegj e gli altri grandissimi acquisti, che han fatto da poi per un
altro secolo sino al presente, e vedrassi non esservi stato Ordine, che
in un secolo e mezzo possedesse tanti stabili, ed avesse cumulate tante
ricchezze e tesori, come questo.

Si fecero pure a questi tempi molte Riforme degli Ordini antichi,
come quella de' _Frati Minori Cappuccini_, l'altra de' _Recolletti_,
ovvero _Zoccolanti_, e quella de' _Penitenti_; per li _Carmelitani_,
la Riforma introdotta da Santa Teresa, che cominciò dalle femmine, e
poi si stese anche agli uomini, donde sursero i _Teresiani Scalzi_; e
per gli _Agostiniani_, la Riforma de' _Romiti d'Agostino_. Si fecero
ancora nuove Fondazioni, come quella de' _Fratelli della Carità_, che
hanno per istitutore _S. Giovanni di Dio_: l'altra de' Cherici Regolari
_Sommaschi_, istituiti nel 1531 da Girolamo Miano, o Emiliano, Nobile
Veneziano, per l'educazione degli Orfani, e nel 1540 approvati da
Paolo II, li quali da poi nel 1568 furono, da Pio V, ammessi a' voti
Monastici; ed alcune altre: ma tutte queste Riforme, e nuove Fondazioni
non s'introdussero nel Regno subito, che furono istituite: vennero a
noi più tardi nei seguenti anni, onde, secondo l'opportunità, se ne
terrà conto ne' libri seguenti di quest'Istoria.


  FINE DEL LIBRO TRENTESIMOSECONDO.



STORIA CIVILE DEL REGNO DI NAPOLI

LIBRO TRENTESIMOTERZO


Il Re Filippo II nel governo de' suoi Regni calcò sentieri diversi
di quelli, che calcati avea l'Imperador Carlo suo padre: costui,
scorrendo per tutti i suoi ampj Dominj, s'adattò a più e diverse
Nazioni, ed era accettevole non meno a' Spagnuoli, che a' Fiammenghi,
Germani ed Italiani; all'incontro Filippo, partito che fu di Fiandra
dopo la morte di Maria Regina d'Inghilterra sua seconda moglie, e
risoluto di fermarsi in Ispagna, senza mai più vagare, si chiuse in
Madrid, e postosi in braccio degli Spagnuoli, cominciò da quivi a
reggere la monarchia secondo le loro massime; ed adulato da costoro,
come per lo più prudente e saggio Re della Terra, ristretto in se
stesso, dal suo gabinetto si pose a governare il Mondo. Da lui,
alcuni dissero, che la Monarchia di Spagna cominciasse a declinare,
o almeno, che si spargessero semi tali, che non potevano col correr
degli anni germogliare, se non disordini, perdite e confusioni; poichè
governando gli Spagnuoli con grande alterigia, si acquistarono l'odio
delle Nazioni straniere; onde le Fiandre si perderono, ed in decorso
di tempo, nel Regno di Filippo IV suo nipote, la Catalogna, Napoli e
Sicilia si videro in pericolo; Portogallo sottratto, e la Monarchia
finalmente ridotta in quello stato deplorabile, che fu veduta nel Regno
di Carlo II, ultimo della sua maschile posterità e discendenza.

Di Filippo II, si è cotanto scritto e rescritto, che sarebbe abbondar
d'ozio, se qui s'avessero a ripetere le medesime cose: solamente
per ciò, che riguarda la politia del nostro Reame, si noteranno in
questa Istoria alcuni de' più segnalati successi a quella attinenti,
donde possa aversi contezza dello stato così civile e temporale, come
ecclesiastico, nel quale si vide questo Reame, ne' quarantaquattro
anni, che ei regnò, che tanti appunto ne corsero dall'anno 1554, nel
quale gli furono dal padre rinunziati i Regni di Napoli e di Sicilia,
sino a' 13 di settembre dell'anno 1598, nel quale morì. In questo
spazio di tempo vi mandò egli otto Vicerè, oltre a sei Luogotenenti,
che ressero il Regno in lor vece. Ed è cosa da recar stupore il
numero de' milioni, che da quello si cavarono in questo tempo, per li
donativi, che in varie occasioni gli furon fatti: de' quali lunghi
cataloghi ne fecero i nostri Scrittori[111], e di quelli per essere
stati tanti, appena poterono tenerne un esatto ed accurato conto.
Per ciò nel volume de' Capitoli, si leggono tante grazie e privilegi
conceduti da questo Principe alla città e Regno di Napoli; ma sempre
mal eseguiti e peggio osservati.

Prese egli, come si è detto, la possessione di questo Regno,
vivente il padre, per mezzo del Marchese di Pescara, in tempo del
Cardinal Pacecco, che si trovava Vicerè, avendogli il Pontefice
_Giulio III_, successore di Paolo III, conceduta l'investitura del
Regno renunziatogli dal padre, dichiarando in quella di non voler
pregiudicare in cos'alcuna alle ragioni della Regina Giovanna sua ava,
madre di Carlo V, che allora ancor vivea. Fu la Bolla spedita a' 3 di
ottobre del 1554, e vien rapportata dal Chioccarello nel primo tomo de'
suoi M. S. Giurisdizionali.

Mentre visse il Pontefice Giulio, ed in que' pochi giorni, che sedè
in Roma _Marcello II_ suo successore, le cose passarono fra noi
in somma quiete e tranquillità. Il Cardinal Pacecco confermato dal
nuovo Re al governo del Regno, proseguiva la sua prudente condotta,
invigilando alla retta amministrazion della giustizia, di che presso
noi ci restano ancora vestigj per quelle otto Prammatiche, che ancor si
leggono ne' volumi delle nostre leggi[112]. Maggiori vestigj della sua
saviezza ci restano nella Storia del Concilio di Trento del Cardinal
Pallavicino, dove molto s'adoperò in quell'Assemblea, infin al 1560. Ma
essendo appena intronizzato, morto il Pontefice Marcello a' 30 aprile
del 1555, per l'elezione da farsi del nuovo Papa, fu a noi tolto il
Cardinal Pacecco, il quale bisognò portarsi in Roma, lasciando per
suo Luogotenente _D. Bernardino di Mendozza_, che non più di sei mesi
governò il Regno.

Ma ciò, che fra noi pose in isconvolgimento e disordini il Regno,
fu che l'elezione del nuovo Pontefice cadde in persona del Cardinal
Giovan-Pietro Caraffa, che _Paolo IV_ chiamossi. Costui essendo nemico
de' Spagnuoli, e mal soddisfatto dell'Imperador Carlo, che gli avea
attraversata nel Conclave l'elezione, portò nel Regno quella guerra,
che saremo ora a narrare.



CAPITOLO I.

_Guerra mossa dal Pontefice PAOLO IV al Re FILIPPO per togliergli il
Regno. Sua origine, pretesto ed inutile successo._


La guerra, che Paolo IV mosse nel Regno di Napoli, ancorchè avesse
molti Scrittori, fu però cotanto accuratamente scritta da _Alessandro
d'Andrea_ napoletano, siccome colui, che vi fu presente, avendovi
militato sotto il Maestro di campo Mardones, onde ragionevolmente
posposti tutti gli altri, sarà da noi seguitato: tanto maggiormente,
che il Presidente _Tuano_, descrivendola ancor egli nelle sue
Istorie[113], seguitò pure questo medesimo Scrittore. Le cagioni però
onde nacque, e per quali pretesti fu mossa, è di mestieri che qui
brevemente si narrino.

Giovan-Pietro Caraffa figliuolo del Conte di Montorio, datosi nella
sua giovanezza agli studi delle lettere, e sopra ogni altro della
Teologia e delle lingue, riconobbe le sue fortune dal famoso Cardinal
Oliviero Caraffa, che in Roma gli diè ricovero nella sua propria
casa, non essendo allora che un semplice Canonico della Cattedrale di
Napoli[114]. Per la resignazione che trovavasi aver fatta il Cardinal
Oliviero del Vescovado di Chieti, fu da Giulio II nel 1505, ne' primi
tempi del suo Pontificato, creato Vescovo di quella città; e per la
perizia di molte lingue, che professava della latina, greca ed ebrea,
entrò in somma grazia di Lione X, che lo mandò Nunzio in Inghilterra
per raccogliere, come era allora il costume, il denaro di S. Pietro.
Ferdinando il Cattolico, a riguardo di Lione, l'onorò anche nella sua
Corte, ascrivendolo al suo Real Consiglio, e lo creò Vicario del suo
Cappellan Maggiore, nelle quali dignità fu mantenuto anche da Carlo
V suo nipote; il quale l'offerì anche l'Arcivescovado di Brindisi di
molta maggior rendita, che quello di Chieti[115]; ma essendosi dato
in questo tempo allo spirito, professando santità, non pur lo refutò,
ma resignò anche nelle mani di Clemente VII, allora Pontefice, il
Vescovado di Chieti, e fuggendo il cospetto degli uomini si ritirò in
Monte Pincio, ove menò vita molto austera da Solitario; ma costretto
poi a partir di là, per lo sacco dato a quella città, andò in Verona;
indi portossi a Venezia, ove essendosi a lui associati _Gaetano Tiene_
Vicentino, Bonifacio del Colle, Alessandrino, e Paolo Consigliere
romano, istituì la Religione de' Chierici Regolari, i quali dal nome
della sua Chiesa, che prima avea, si chiamarono (come s'è detto)
_Teatini_; il cui Istituto, essendo stato da poi da Clemente VII
approvato, lo rese assai famoso non meno per dottrina, che per santità,
e probità della sua vita e costumi; tanto che Paolo III, in quella
celebre promozione di nove Cardinali, che fece a' 22 decembre del 1536,
lo creò Cardinale, e lo costrinse poi ad accettare la Chiesa di Chieti,
innalzata fra questo tempo a dignità Arcivescovile.

Durante il Pontificato di Paolo III, fu da costui avuto in somma
stima per la severità de' costumi ed austerità di vita che professava,
mostrando gran zelo per la Sede Appostolica, e fu terribile persecutore
degli Eretici, che nel suo tempo vedeva germogliare a truppe in varie
Regioni in Europa. Egli fu autore a Paolo III d'innalzare il Tribunale
dell'Inquisizione di Roma, e renderlo spaventoso per tante rigorose
leggi e nuove forme introdotte: ciò che poi nel suo Pontificato
accrebbe[116], che, come si è veduto nel precedente libro, fece venire
in orrore quel Tribunale, non pure agli stranieri, ma all'istessa
Italia ed a Roma medesima: tanto che, lui morto, i Romani la prima
cosa che fecero, bruciarono il Tribunale e le carceri, e a quanti
prigioni ivi erano, diedero libertà. Quindi avvenne, che presso noi i
_Teatini_ si resero in ciò cotanto insigni, che non predicavan altro,
che Inquisizione, e sovente essi erano, che andavano a denunziare i
sospetti d'eresia, e proccuravano di farli imprigionare.

Ma mentre questo Cardinale dimorava in Roma presso Paolo III, fu
scoverto, che egli, non meno che il Pontefice, era quanto avverso a
Cesare ed alla Nazione spagnuola, altrettanto affezionato del Re di
Francia, allora nemico di Carlo. L'odio che portava il Cardinale alla
Nazione spagnuola, era nato da antiche cagioni: poichè avendo molti
de' Caraffeschi, nell'invasione di Lautrec, seguitato il partito
franzese, ne furono alcuni, quietato il Regno, aspramente castigati;
onde Giovan Pietro non tralasciava odiarla. Anzi gli Spagnuoli tennero
allora per certo, che ne' tumulti del 1547, insorti per l'occasione già
detta dell'Inquisizione, egli avesse proccurato con tutti gli sforzi
possibili (con promettere non pur il suo ajuto, offerendosi d'essere
di persona in Napoli, ma anche de' suoi parenti) di persuadere al
Pontefice di non lasciar perdere sì opportuna occasione d'occupare
il Regno, e che dovea darne stretto conto a Dio, trascurando un
tanto acquisto per la sua Chiesa. Ciò che non mancò il Duca d'Alba di
rinfacciarglielo, essendo Papa, nella lettera che gli scrisse, prima di
moversi questa guerra, la quale vien rapportata tutta intiera nella sua
Istoria dal Summonte[117]. Per la qual cosa avendo gli Spagnuoli fatto
avvertito Cesare dell'inclinazione del Cardinale verso i Franzesi,
e dell'avversione agli Spagnuoli, fecion sì, che Cesare lo cassasse
dal numero de' suoi Consiglieri. Ed oltre a ciò, avendo l'istesso
Pontefice Paolo III, a preghiere del Cardinale, conceduto il Priorato
Gerosolimitano di Napoli a Carlo Caraffa suo nipote, gli fu dal Toledo,
allora Vicerè, proibito poterne prendere il possesso.

Ma essendo nell'anno 1549 per la resignazione fatta da Ranuccio
Farnese, vacata la Chiesa di Napoli, Paolo III tosto la concedè al
Cardinale, il quale avendosi fatte spedir le Bolle, si credette di
doverne tosto esser posto in possesso; il Vicerè Toledo negò alle Bulle
l'_Exequatur Regium_, e non volle mai permettere, che se gli si fosse
dato; ed essendosene pochi giorni da poi morto il Pontefice Paolo, e
rifatto in suo luogo, a' 8 febbrajo del nuovo anno 1550, Giulio III,
questi scrisse una ben calda e pressante lettera all'Imperador Carlo V,
pregandolo a non far differire più la possessione al Cardinal Caraffa
della Chiesa di Napoli: esagera fra l'altre cose in questa lettera,
che si legge presso il Chioccarello[118], che fu tutta calunnia ed
impostura, ciò che di lui s'era falsamente divolgato d'aver pensato
_in proximo Neapolitano tumultu, illud tuum Regnum nostro praedecessori
tradere: nec vero nos_ (e' testifica) _quid tale de hoc viro andivimus,
etc. Nec is tantum rem moliri; tantos motus concire, pertenuibus ipse
facultatibus, ausus esset_. Lo pregava perciò a non fargli impedire
il possesso, e gli mandò a questo fine un Nunzio a trattar di questo
affare.

L'Imperadore, che col nuovo Pontefice non avea quell'inimicizia, che
passava col suo predecessore, diede orecchio alle preghiere di Giulio;
ed avendo fatto mettere in trattato questo affare, non meno in Roma,
che in Ispagna ed in Napoli, dopo lungo pensare provando il Cardinale,
quanto fosse tediosa la solita tardità degli Spagnuoli, finalmente
ottenne alle sue Bolle l'_Exequatur Regium_, e venne ordine da Cesare,
che se gli fosse dato il possesso.

Ma il Cardinale conoscendo, che venendo a Napoli, gli Spagnuoli non
gli avrebbero data molta soddisfazione, mandò a prendere possesso il
Vescovo Amicleo, che fece suo Proccuratore, il quale lo prese a' 2
luglio del 1551, e lo creò anche suo Vicario. Resse in questa maniera
la Chiesa di Napoli per quattro anni per mezzo di questo Vicario, nè
mai volle egli venire a risedere. Di che accortisi gli Spagnuoli, non
lasciarono al suo Vicario di contrastargli spesso, e movergli sovente
quistioni di giurisdizione, tenendolo sempre agitato ed inquieto.

Essendo a Giulio III succeduto Marcello II, che poco tempo tenne
quella Sede, costui morto, venne il Caraffa a' 23 maggio del 1555
assunto al Pontificato col nome di _Paolo IV_. Fu maravigliosa cosa
ad udire, come appena giunto a quella dignità, quella severità de'
costumi la cangiasse tosto in superbia ed alterigia; e dimandato,
come restava d'esser servito intorno al modo di vivere egli co' suoi
nipoti, rispose, _come conviene ad un Principe_[119]. Gli Spagnuoli
rimasero mal soddisfatti dell'elezione; onde il Re Filippo reputò
far trattenere il Cardinal Pacecco in Roma, non permettendogli, che
tornasse al suo governo di Napoli, affinchè colla sua prudenza ad
accortezza proccurasse, o di raddolcire l'animo del nuovo Papa, ovvero
scorgendo più da presso i suoi andamenti, farlo avvertito di ciò, che
si meditava, per prevenirsi, in caso d'insulto, alla difesa.

Ma non passò molto tempo, che si scovrì l'animo del nuovo Pontefice
essere tutto rivolto a vendicarsi degli Spagnuoli, ed a meditar nuove
leghe con Errico Re di Francia per l'impresa del Regno, di che avvisato
il Re Filippo, opportunamente mandò al governo di Napoli _D. Ferdinando
Alvarez di Toledo Duca di Alba_, che allora essendo Governatore di
Milano, avea il comando supremo delle armi spagnuole in Italia: quel
famoso Capitano, che per le tante sue famose gesta si rese glorioso non
meno in Germania ed Italia, che in Fiandra ed in Portogallo.

Il Duca d'Alba giunto in Napoli in qualità di _Vicerè_ nella fine
di quest'anno 1555, si pose ad osservar più da presso gli andamenti
del Pontefice; il quale non meno per ingrandire i suoi nipoti; che
per maggiormente premunirsi all'impresa, che meditava sopra il Regno
di Napoli, avea, con pretesto che teneva pratiche segrete con gli
Spagnuoli, tolto a Marcantonio Colonna lo Stato di Palliano in Campagna
di Roma, concedendone l'investitura a Giovanni Caraffa Conte di
Montorio suo nipote, con titolo di Duca di Palliano, e ciò quasi nel
medesimo tempo, che avea investito Antonio Caraffa altro suo nipote
del Contado di Bagno, e datogli titolo di Marchese di Montebello; ed a
Carlo Caraffa, altro suo nipote, di Cavaliere Gerosolimitano creatolo
Cardinale. Abbassava tutti coloro, ch'erano dipendenti di Spagna,
ed esaltava quegli di contraria fazione; anzi accarezzava tutti i
fuorusciti del Regno, e mal contenti del Re, che si ricovrarono da
lui in Roma; siccome infra gli altri accolse Bartolommeo Camerario
nostro famoso Giureconsulto. E passò tanto innanzi, ch'essendo state
intercettate alcune lettere, fece carcerare e crudelmente tormentare
Giovanni Antonio de Tassis Maestro delle Poste, privandolo di
quell'Ufficio, che i Re di Spagna erano stati sempre soliti mantenere
in Roma: ed oltre a ciò, fece carcerare Garcilasso della Vega
Ambasciadore di Filippo, come Re d'Inghilterra, in Roma, siccome faceva
vegghiare addosso a tutti gli amici e servidori del Re e de' suoi
ministri, ch'erano in Roma.

E fu cotanta la sua imprudenza, che mal sapendo covrire il suo astio
e mal talento contra il Re, e contra gli Spagnuoli, pubblicamente
minacciava, che l'avrebbe privato del Regno, come decaduto alla
S. Sede. Era Paolo IV secondo ciò, che ne scrisse anche Bacon di
Verulamio,[120] un uomo superbo ed imperioso, e di natura aspro
e severo, e perciò frequentissimamente passava a parole piene di
vituperio contra il Re e l'Imperadore, in presenza d'ogni sorta di
persona, e ritrovandosi alcun Cardinal spagnuolo presente, le diceva
più volentieri, comandando anche, che gli fossero scritte. Ed un dì in
pubblico Concistoro fece far istanza dal suo Proccurator Fiscale, e da
Silvestro Aldobrandino Avvocato Concistoriale, dimandando doversi il
Regno dichiarar devoluto alla S. Sede: alla quale istanza egli rispose,
che a suo tempo vi avrebbe data provvidenza[121]. Ciò che il Duca
d'Alba, come d'un temerario attentato non lasciò di rinfacciarglielo
in quella lettera[122], che gli scrisse, dicendo: _Ha permettido V. S.,
que en su presencia el Procurador, j Abocado Fiscal de essa Santa Sede
hà hecho en Concistorio tan injusta, iniqua, y temeraria instancia,
y domanda: que al Rey mi Senor fuesse quitado el Reyno, accettando,
y consentiendo a quella F. S. con dezir, proveheria à su tiempo_.
Ma questo fatto non si rimase nella sola istanza del Fiscale, poichè
si procedè più innanzi con farsene processo, e si venne insino alla
sentenza.

Il Presidente Tuano[123], ed il Soave rapportano, che la cagione, onde
si mosse il Papa a dichiarar devoluto il Regno fosse, perchè Filippo
avea, secondo lui, commesso delitto di Maestà lesa, per aver favoriti
e ricevuti sotto la sua protezione li Colonnesi di lui ribelli. Ma
il pretesto, che si fece apparire, e sopra il quale appoggiossi la
sentenza, fu per cagione di censi non pagati. Il Re Filippo, prima
che fossegli giunta la notizia dell'elezione del Papa in persona del
Cardinal Caraffa, avea scritta una lettera a' 25 giugno del 1555 al
suo Ambasciatore di Roma, nella quale gl'incaricava di dover trattare
col Papa che sarà eletto, di dovergli rimettere i censi de' ducati
settemila l'anno pretesi dalla Sede Appostolica; poichè nel Concordato
fatto tra Clemente VII coll'Imperador Carlo V suo padre, fra l'altre
cose fu pattuito, che facendo l'Imperadore restituire alla Sede
Appostolica dalli Vineziani, e dal Duca di Ferrara alcune città e
Terre, che tenevano occupate, delle quali la Sede Appostolica n'era
stata spogliata, non dovesse più egli, nè i suoi successori pagare
il suddetto censo di ducati settemila l'anno; ma solo consignare
alla Camera Appostolica ogni anno un'_Achinea_ bianca in segno di
ricognizione; e già che l'Imperadore avea adempito alle sue promesse,
e fatto rilasciare da' Vineziani e dal Duca di Ferrara quelle città e
Terre, ch'erano della Sede Appostolica, se gli dovea osservare detta
promessa, e rimettere il censo; incaricandogli di vantaggio, che
non essendo ancora eletto il nuovo Papa, e durando la Sede vacante,
facesse deposito del censo di quell'anno, già che si accostava il tempo
del pagamento, con protesta di doversegli restituire, per non essere
tenuto[124].

Qualunque altro de' Cardinali, che fosse stato eletto Papa, avrebbe
riputata la dimanda ragionevole; ma a Paolo IV questa pretensione di
Filippo servì opportunamente per pretesto di quel, che intendeva di
fare: poichè rifiutandola come ingiusta, non solo pretese i censi
decorsi, non ostante il Concordato di Clemente VII, ma quelli non
essendosi, contra il suo volere, pagati, fece far la riferita istanza
dal suo Fiscale, per dichiararsi Filippo per ciò decaduto dal Regno;
e fabbricatosi il processo, promulgò egli sentenza nel nuovo anno
1556, colla quale dichiarò il Regno di Napoli devoluto alla S. Chiesa
Romana, per non essersi per molti anni pagati i censi suddetti, e ne
fu stesa Bolla[125]. Non fu però la sentenza pubblicata, nè mai uscì
fuori, poichè, come vedremo, il Duca d'Alba strinse colle armi sì
bene il Papa, che ebbe a gran favore, colla mediazione de' Vineziani,
di deporre la sua boria, e starsi in pace. Alessandro d'Andrea[126]
rapporta, che quella non fu pubblicata per consiglio di _Bartolommeo
Camerario_ da Benevento, il quale, come si è detto, esule dal Regno,
dimorava allora in Roma protetto dal Papa.

Ma da alcune lettere intercette si scoverse, onde veniva tanta boria
e fasto del Papa, che parlava non meno di quello si operasse con tanta
pubblicità, ed alla svelata contra il Re e contra il Regno, con animo
aperto d'invaderlo. Si scoverse in fine il trattato e la lega ch'egli
per mezzo de' Cardinali di Tournon e di Lorena avea fatta col Re di
Francia d'assaltare il Regno; anzi si pubblicò allora, che avendovi
avuto in ciò anche parte il Principe di Salerno, che da Costantinopoli
erasi ritirato in Francia, il Papa, per mezzo del Re Errico, e del
Principe, avesse anche fatta lega col Turco, affinchè assaltando
costui, o almen travagliando il Regno per via di mare, se gli rendesse
più facile l'impresa e la conquista per terra. Fu fama ancora, che
per maggiormente ingrandire i suoi nipoti, avesse concertato col Re
di Francia di dar Maria sua nipote sorella del Cardinale e del Duca
per isposa ad un suo figliuolo, colui che dovea investirsi del Regno,
secondo le capitolazioni, che si diranno; e l'investitura fosse come
per dote della medesima, e si credette allora, che il matrimonio
avrebbe effetto, se le cose della guerra di Napoli gli fossero riuscite
prospere; e se Maria, che non era più che di nove anni, non fosse
troppo intempestivamente morta.

I Capitoli della lega conchiusa in Roma a' 15 dicembre del 1555,
rapportati dal Summonte[127], furono infra gli altri questi.

Che il Re Cristianissimo fosse obbligato difendere con tutte le sue
forze la Santità di Papa Paolo IV contra qualsivoglia persona, che lo
volesse offendere, e, quando ciò avvenisse, di calare egli, o mandare
eserciti in Italia per sua difesa.

Che pigliasse perpetua protezione del Cardinal Caraffa, del Conte
di Montorio, e D. Antonio Caraffa suoi nipoti, e loro descendenti;
e rimunerasse, e ricompensassegli de' Titoli e beni, che potessero
perdere, per conto di questa lega, nel Regno, dando loro altri Titoli
e beni in Italia, o in Francia, convenienti alla loro nobiltà ed alla
real sua magnanimità.

Che il Re facesse passar in Italia diece a dodicimila fanti forastieri,
più o meno, secondo che di comun avviso sarebbe giudicato neccessario,
e cinquecento lanze franzesi, e cinquecento cavalli leggieri.

All'incontro che il Papa desse dello Stato della Chiesa, o di altri
diecimila fanti più, o meno, secondo che sarà giudicato espediente, co
lor Capitani e Generali, e mille cavalli.

Che desse il passo, vettovaglie, artiglierie e munizioni ed altre
comodità, che aver si potranno nello Stato della Chiesa, all'esercito
della lega per loro denari.

Che la guerra si cominci nel Regno o in Toscana, come sarà più
espediente al ben comune.

Che acquistandosi il Regno di Napoli e di Sicilia, il Papa abbia da
investirne uno de' Serenissimi figliuoli di S. M. Cristianissima,
purchè non sia il Delfino, quando e quante volte ne sarà richiesto
dal Re Errico, riserbandosi la città di Benevento e suo Territorio e
Giurisdizione; e con condizione ancora, che i confini dello Stato della
Chiesa s'abbiano da dilatare e stendere di qua all'Appennino, insino a
S. Germano _inclusive_, ed al Garigliano; e di là dell'Appennino, sino
al fiume di Pescara, talmente che tutta quella Terra, ch'è di dentro a
predetti confini della Provincia d'Apruzzo, o sia chiamata di qualunque
altro nome, o reputata di qualunque altra Provincia fin a Pescara, e
nella Provincia di Terra di Lavoro sino a S. Germano _inclusive_, ed
al fiume Garigliano, s'intenda essere, e sia della Giurisdizione della
Chiesa; ed i confini del Regno si termineranno con essi fiumi, e con
retta linea, dividendo parimente il Monte Appennino da S. Germano al
nascimento del fiume di Pescara, ne' quali confini è compresa la Città,
Fortezza e Porto di Gaeta, la qual sia della Chiesa, come l'altre Terre
e luoghi contenuti fra' sopradetti termini.

Che s'accresca il censo a ventimila ducati di oro di Camera, oltre alla
solita Achinea.

Che la Sede Appostolica abbia nel Regno uno Stato libero di rendita
circa scudi venticinquemila d'oro, ed in luogo conveniente da eleggersi
per Sua Santità.

Che si dia all'Illustrissimo Signor Conte di Montorio uno Stato
similmente con condizione libera, et pieno jure, e che sia a
soddisfazione di Sua Santità, e che renda venticinquemila scudi
d'entrata, e sia suo e di suoi eredi, quali e quanti ne vorrà lasciare
ed istituire, maschi o femmine, e ne possa far testamento _pleno iure_,
e donarlo e venderlo come più gli piacerà, e morendo _ab intestato_
s'intenda, che gli eredi più prossimi succedano.

Che similmente al Signor D. Antonio Caraffa si dia un altro Stato
simile, o almeno di quindicimila scudi d'entrata.

Che il Re debbia mandare questo suo figliuolo, per investirlo del Regno
quanto prima si potrà, ad abitare, ed allevarsi in alcun de' predetti
Regni, i quali abbiano da esser governati ed amministrati a suo nome.
Il Consiglio, quanto all'amministrazione e governo dello Stato, debba
comporsi di Consiglieri fedeli e devoti del Papa e della S. Sede; e
siano eletti o deputati di comune consenso, fin che il predetto Re
pervenga nell'età che da se stesso possa reggere e governare detti
Regni: gli altri Governadori, quanto alla cura della sua persona,
debbano deputarsi ed eleggersi dal Re Cristianissimo, e li Capitani
Generali dell'esercito debbano esser benevoli e devoti del Papa e della
S. Sede, ed eletti di comun consenso.

Che 'l Serenissimo Principe da investirsi, suoi eredi e successori,
non possa essere eletto, o nominato Re o Imperadore de' Romani o Re di
Germania o di Francia o Signor di Lombardia o di Toscana.

Che sin a tanto, che colui, il quale dee essere investito, non giunga
a questi Regni, siano quelli governati ed amministrati di comun
consenso, e secondo la volontà del Papa e del Re, da uno o da più:
dei quali l'uno e l'altro di loro si confidino, a nome però del detto
Principe, e quegli, nel quale saranno convenuti o prete, o secolare,
sia Vicereggente, come Legato o come Governadore di Sua Santità e del
Re Cristianissimo, e debba prestare il giuramento all'uno ed all'altro
di bene e fedelmente amministrare secondo la volontà d'amendue.

Che non essendo esso Serenissimo figliuolo, che dovrà investirsi, di
tal età, che possa prestare il giuramento ed omaggio al Papa, ed alla
S. Sede, debba il Re come padre e tutore, per lui prestarlo, quando gli
sarà data l'investitura di detti Regni; il qual giuramento sia giusta
la forma degli altri giuramenti, che per altri Re si sono prestati a
Pontefici passati, ed alla Sede Appostolica, spezialmente a Papa Giulio
III, alla qual forma s'aggiunga, e si muti tutto quello, che per li
presenti articoli si trova aggiunto e mutato.

Che in ricognizione di questa prima investitura, che dovrà ricevere,
debba edificare nella Chiesa di S. Pietro in Roma una delle maggiori
Cappelle; e quando esso Re sarà pervenuto all'età legittima, sia tenuto
esso medesimo prestare il ligio omaggio al Papa e suo successore.

In fine, che sia obbligato l'investiendo lasciar cavare dal Regno di
Sicilia _ultra Pharum_ diecimila tomoli di grani, ogni qual volta che
la città di Roma n'avrà bisogno, senza pagamento alcuno di tratta o
d'altra gravezza.

Queste Capitolazioni, così ben ideate dal Papa, lo facevano parlar con
tanta fidanza e disprezzo; ed intanto non perdeva tempo di premunirsi
in ogni cosa, ciò che maggiormente insospettì il Duca d'Alba, poichè
alla scoperta il Cardinal Caraffa col Duca suo fratello erano tutti
intesi a fortificar Palliano, e v'aveano condotto Pietro Strozzi
Capitano del Re di Francia, che trovavasi in Roma, per prendere il suo
parere sopra le fortificazioni da farvi; e tuttavia pervenivan a Napoli
novelle delle commessioni date fuori dal Papa per assoldar gente. Avea
anche chiamato al suo soldo Camillo Orsini, Capitano sperimentato di
que' tempi, e mandato Paolo suo figliuolo con mille fanti in Perugia,
oltre a mille e duecento fanti Guasconi del presidio di Corsica, che
gli si mandavano dal Re di Francia in ajuto: si travagliava anche in
far bastioni, e faceva fare a molte altre Piazze dello Stato della
Chiesa nuove fortificazioni.

Il Duca d'Alba, seriamente a tutto ciò pensando, si risolvè alla
fine, da ben esperto Capitano, di prevenirlo, e per più sicuramente
difendere il Regno attaccar lo Stato Ecclesiastico, con trasferir ivi
la sede della guerra. Non tralasciava intanto con messi e con lettere
scritte al Duca di Palliano, lamentarsi del Papa suo zio di queste
novità, offerendogli pace; ma in vece di risposta, si videro assai più
continuare i preparamenti di guerra, e s'intese ancora la partenza del
Cardinal Caraffa per Francia, per sollecitare quel Re all'impresa.

Allora questo valoroso e savio Capitano, non volendo aspettare, che
il turbine cadesse in casa propria, dando minuto ragguaglio al Re
Filippo in Ispagna dell'imminente guerra, che il Papa per occupargli
il Regno preparava, unì, come potè meglio, dodicimila fanti, trecento
uomini d'armi e millecinquecento cavalli leggieri, con dodici pezzi
d'artiglieria, e si mosse nel primo del mese di settembre di quest'anno
1556 verso lo Stato della Chiesa, e giunto a S. Germano, occupò
Pontecorvo[128]. Prima di passar avanti volle tentar di nuovo l'animo
del Pontefice, e mandò in Roma Pirro Loffredo con lettere[129] drizzate
a lui, ed al Collegio de' Cardinali, dove offerendogli pace, altamente
si protestava, che tutto il danno, che ne riceverebbe la Cristianità,
s'imputerebbe alla sua coscienza.

Ma il Papa tutto alieno dalla concordia, fidato ai trattati con
Francia, più altiero che mai disprezzò le lettere; onde il Duca
proseguendo le sue conquiste occupò Frosolone, Veruli, Bauco, ed altre
Terre di que' contorni. Il Papa maggiormente sdegnato fece imprigionare
nel Castello S. Angelo Pirro Loffredo, e se il Collegio de' Cardinali
non l'avesse impedito, l'avrebbe fatto crudelmente morire; ed il Duca
intanto seguitando il suo cammino, s'impadronì dell'importante città
d'Anagni, di Tivoli, di Vicovaro, di Ponte Lucano, e di quasi tutte le
Terre de' Colonnesi sino a Marino, e minacciava d'assediare Velletri,
facendo far scorrerie dalle sue truppe insino alle Porte di Roma.

Questo Capitano ci lasciò un gran documento ed illustre esempio,
come debba guerreggiarsi col Pontefice romano, qualora le congiunture
portassero, per difendere il Regno di dovere assalirlo in casa propria.
Egli, oltre i tanti rispettevoli ufficj passati prima col Pontefice,
occupando le città e Terre dello Stato della Chiesa, acciocchè non gli
si potesse imputare, che si facessero quelli acquisti per spogliare la
Chiesa, faceva dipignere nelle Porte de' luoghi, che andava di mano
in mano occupando, le armi del Sacro Collegio, con protestazione di
tenergli in suo nome, e del Papa futuro, come s'era fatto a Pontecorvo,
a Terracina, a Piperno ed a gli altri luoghi, che s'erano resi: se
bene, come dice Alessandro d'Andrea[130], non mancò chi dubitasse non
questa fosse una arte, con la quale proccurasse il Duca d'indurre a
sospetto ed a discordia il Collegio col Papa.

Dall'altro canto il Re Filippo, al suo modo, e secondo la sagacità
degli Spagnuoli, fece porre questo affare in consulta; e siccome
nell'impresa di Portogallo ricercò il parere de' più insigni
Giureconsulti di quelli tempi, e delle più insigni Università di Spagna
e d'Europa per render la conquista più plausibile, così in questo
fatto con Paolo IV, ricercò consulta da Teologi come dovea postarsi,
e che conveniva fare contra un Pontefice che in molte occasioni, ed
essendo Cardinale, ed ora essendo Papa, erasi mostrato suo nemico
e dell'Imperador Carlo suo padre, e che si era scoverto aver fatta
lega col Re di Francia per assaltare il Regno di Napoli. Mostrava
dispiacergli sommamente questa nuova briga, e con grande rincrescimento
veniva tirato a questa guerra; considerava che la tregua fatta col Re
di Francia, veniva ora per opera d'un Papa, a cui dovrebbe essere più a
cuore la pace tra' Principi Cristiani, a rompersi: parevagli cosa molto
scandalosa, che per mezzo del Cardinal Caraffa avendo promesso al Re
franzese, che nella nuova promozione sarebbe tal numero di Cardinali
parziali della Francia e nemici degli Spagnuoli, che avrebbe sempre un
Pontefice dalla sua parte, avea data l'assoluzione del giuramento per
romper la tregua, onde si fosse quel Re risoluto a movergli guerra,
con tutto che i Principi del suo sangue, e tutti i Grandi della Corte
abborrissero l'infamia di rompere la tregua, e ricevere l'assoluzione
del giuramento. Considerava, che appena avendo cominciato a regnare nel
primo anno del suo Regno, la sua disavventura portava di avere da mover
le armi contra il Vicario di Cristo. Fece adunque porre in consulta i
seguenti Capi.

Se poteva il Re ordinare, che nessuno naturale dei suoi Regni andasse
o stasse in Roma, ancorchè fossero Cardinali; che tutti i Prelati
venissero a far residenza nelle loro Chiese; e li Cherici, che tenevano
beneficj, venissero a servire nelle proprie Chiese, e non volendo
venire, si procedesse a privarli delle temporalità.

Se si poteva impedire, che durante la guerra che si faceva col Papa, nè
per cambio, nè per altro modo, o direttamente, o indirettamente andasse
denaro in Roma per ispedizioni o altro.

Se era bene e conveniva fare in Ispagna, o in altro Stato di S. M. un
Concilio Nazionale per la riforma e rimedio delle cose Ecclesiastiche,
e qual forma e modo si dovesse tenere per convocarlo.

Se presupposto lo stato, nel qual restò il Concilio di Trento, e quel
che nell'ultima sessione di quello si dispone, si potria dimandare la
continuazione del detto Concilio, e l'emendazione nel capo e nelle
membra, e proseguire il di più, a che fu convocato; e se essendo
impedito dal Papa, si potria resistere a quello, ed inviare, non
ostante il suo dissenso, li Prelati de' suoi Stati a tenerlo; e quali
diligenze s'avrebbero da fare per detta continuazione, ancorchè li
Prelati d'altri Regni mancassero.

Non essendo stato Paolo IV canonicamente eletto Papa, ma intruso di
fatto in quella Sede, se della sua elezione poteva dirsi di nullità, e
qual modo e diligenza potria usare S. M. in tal caso.

Se stante tanti travagli, spese ed inconvenienti, che a' sudditi e
naturali de' suoi Regni di Spagna, ed al pubblico di quella sieguono in
andare alla Corte di Roma per liti e negozj, si potesse dimandare, che
il Papa nominasse un Legato in detti Regni, che spedisse in quelli i
negozj _gratis_, e che si ponesse una Ruota in Ispagna per determinar
le liti, senza che fosse necessario mandar in Roma, e non essendo
questo concesso, che potria fare.

Essendosi veduti i tanti abusi, che si praticano in Roma nella
provvisione de' beneficj, prebende e dignità, ed essendo a tutti
notorio, che poteva il Re dimandare di lasciarsi la provvisione di
quelli agli Ordinarj, e reprimere gli altri abusi; qual rimedio
potrebbe ora praticarsi per togliere tanti disordini ed eccessi,
che a questa materia della provvisione de' beneficj sono annessi e
dependenti.

Se gli Spogli, e frutti che il Papa si piglia ne' suoi Regni,
particolarmente delle Chiese vacanti, sia giusto, che se gli pigli:
e se il Re debba permetterlo, e che debba far in questo; poichè negli
altri Regni s'intende, che se n'astenga, ed in quelli di S. M. s'è ciò
introdotto fra pochi anni.

Se si potria giustamente domandare e pretendere, che il Nunzio
Appostolico, che è ne' suoi Regni, spedisse gratis i negozj e non in
altro modo; e che si potria e dovria fare in questo.

Furono al Re Filippo sopra ciascheduno de' capi suddetti da
un eccellente Teologo di Spagna date le congrue ed affirmative
risposte[131]; onde reso per ciò più animoso, scrisse al Duca
d'Alba, che proseguisse egli con vigore l'impresa, ed usasse tutti
gli espedienti economici per ridurre il Papa a dovere, perch'egli
dall'altra parte non avrebbe mancato (se non s'emendava) ne' suoi Regni
di Spagna di far valere le sue pretensioni in que' capi dedotte.

Il Duca pertanto avendo ne' restanti mesi dell'anno 1556 fatti gran
progressi nello Stato Ecclesiastico, e posta tanta confusione e
terrore in Roma istessa, che infinite famiglie fuggivano dalla città,
credeva di aver ridotto per questa via il Pontefice a quietarsi,
e non maggiormente inasprir la guerra; ma egli niente mutando il
suo proponimento, anzi per la felicità dell'armi del Duca vie più
infiammandosi alla vendetta, diede ordine al Marchese di Montebello
d'assaltare le frontiere del Regno dalla banda del Tronto, sperando
di fomentar negli Apruzzi qualche rivoluzione, per portare la guerra
nel Reame, e toglierla dal suo Stato. Ma fattoglisi incontro D.
Ferrante Loffredo Marchese di Trivico, che governava quella Provincia,
a cui il Vicerè avea mandata nuova gente per soccorso, non solamente
il costrinse a rinchiudersi in Ascoli, ma gli prese e saccheggiò
Maltignano.

Il Papa sollecitava il Re di Francia, che mandasse la gente promessa,
e gridava contra il Duca d'Alba, maledicendo ed anatematizzando; il
Duca all'incontro, mentre il Papa gridava, vie più mordeva; poichè
portatosi verso Grottaferrata e Frascati, ebbe in una imboscata a man
salva il Conte Baldassarre Rangone con centocinquanta de' suoi; poscia
si fermò sotto Albano, donde mandò Ascanio della Cornia ad occupare
Porcigliano ed Ardea[132]. Quindi passò verso il mare, e con poca
fatica s'impadronì di Nettuno: di là andò ad Ostia, ed essendosi resa,
si pose ad abbatter la Rocca, la quale dopo qualche contrasto ricevè
presidio dal Vicerè; e già la sua cavalleria scorreva senza contrasto
sino alle vicinanze di Roma.

Il Cardinal Caraffa, ch'era ritornato di Francia, vedendo le cose
in questo stato, per mezzo del Cardinal di S. Giacomo, zio del Duca
Vicerè, fece proporre un abboccamento, affine di conchiudere qualche
trattato di pace: s'abboccarono in effetto il Duca ed il Cardinal
Caraffa nell'Isola di Fiumicino; ma niente si conchiuse, se non che una
triegua di quaranta giorni, più per potere l'uno ingannar l'altro, che
dovesse conchiudersi pace alcuna[133]. Ciascuno in questa triegua gli
parve trovare il suo conto: il Cardinale voleva guadagnar tempo, perchè
avea avuta notizia, che il Re di Francia avea già spedito il Duca di
Guisa con dodicimila fanti, quattrocento uomini d'arme e settecento
cavalli leggieri, con un gran numero di Cavalieri in ajuto di suo zio,
ed aspettava ii suo arrivo, trattenuto dalla rigidezza della stagione
in Piemonte. Il Vicerè dall'altra parte accertatosi della venuta de'
Franzesi, desiderava, che cessassero l'ostilità, non solo per far
provvisione di viveri da mantenerne l'esercito, giacchè per i venti
contrarj non potevano le Galee condurli; ma anche per potere ritornare
a Napoli, e quivi fare que' preparamenti, che bisognavano per opporsi
al Duca di Guisa.

Lasciate pertanto le sue genti a Tivoli sotto il comando del Conte di
Popoli, che creò suo Luogotenente, tornò il Duca in Napoli per far i
dovuti preparamenti ad una spedizione cotanto importante: fece in prima
ragunare il general Parlamento de' Baroni e delle Terre demaniali,
ove avendo esposto i bisogni che occorrevano, ottenne un donativo
d'un milione di scudi a beneficio del Re, e d'altri venticinquemila
per se medesimo. Con questo mezzo formò egli la pianta d'un esercito
proporzionato al bisogno, dando gli ordini necessarj per l'unione
delle milizie, che doveano arrivare a trentamila fanti Italiani,
dodicimila Tedeschi e duemila Spagnuoli, oltre alla cavalleria
del Regno, che accrebbe sino al numero di 1500[134]. Fece in oltre
tutte le provvisioni che bisognavano, così per lo sostentamento d'un
esercito così grande, come per la difesa delle piazze più importanti,
e particolarmente degli Apruzzi, che stavano raccomandate alla fedeltà
e vigilanza del Marchese di Trivico.

Ma quello in che mostrò maggiormente la sua prevedenza, fu di
provvedere, che il Papa dall'istesso Regno non ricavasse profitto, ed
all'incontro, che il Re, de' beni degli Ecclesiastici, potesse, se la
necessità lo portasse, valersi per difesa del Regno, contra un ingiusto
invasore. Per ciò egli avendo a' 15 del mese di gennaio del nuovo anno
1557 ragunato appresso di se il Consiglio Collaterale, spedì in suo
nome e del Collaterale una lettera Regia diretta al Tribunale della
Regia Camera, dicendogli, che conveniva al servigio di Sua Maestà,
che si sequestrassero li frutti ed entrate d'alcuni Arcivescovadi,
Vescovadi, Badie ed altri beneficj del Regno, e d'alcuni Prelati,
e che si dovessero esigere in nome della Regia Camera; per ciò gli
comandava, che spedisse ordini al Tesoriero generale, ed a tutti i
Percettori delle Province del Regno, che esigessero dette entrate e
le tenessero sequestrate in nome d'essa Regia Camera, e gli mandasse
nota di detti Arcivescovadi, Vescovadi, Badie e Beneficj, che s'aveano
da sequestrare, e delli Prelati e persone Ecclesiastiche, da cui si
possedevano. E poichè il Papa con nuova disciplina Ecclesiastica,
vacando l'Arcivescovado di Napoli per la sua assunzione al Pontificato,
non volle dargli successore, ma diceva; che quella Chiesa voleva esso
governarla ancora da Arcivescovo, ancorchè fosse Papa, ed avendovi
mandato un suo Vicario, si pigliava tutte l'entrate della Chiesa
suddetta, per ciò furono anche sequestrate l'entrate dell'Arcivescovado
di Napoli.

Parimente in nome suo e del Collaterale, a' 21 gennaio del medesimo
anno, mandò un'altra lettera Regia a tutti i Governadori delle province
del Regno, dicendo loro aver inteso, che il Papa avea imposto in questo
Regno due decime, e che quelle si proccuravano esigere senza il suo
beneplacito e Regio Exequatur; per ciò lor comandava, che dovessero
ordinare alli Capitani ed Ufficiali delle loro province, che dovessero
dar ordine a tutte le Chiese, Monasterj, Arcivescovi, Vescovi ed altre
persone Ecclesiastiche beneficiate, sotto pena delle temporalità,
che non dovessero pagare dette Decime agli Esattori di quelle: nè per
altra via girare e far pagare in Roma quantità alcuna di denari, sotto
qualsivoglia colore, nè per qualsisia causa, senza espressa licenza del
Vicerè.

Scrisse ancora in detto nome, a' 22 febbraio del medesimo anno, a
Cristoforo Grimaldo Commessario di Terra di Lavoro, che compliva al
servizio di Sua Maestà per beneficio e conservazione di questo Regno
di sapere tutto l'oro ed argento, ch'era nel Regno delle Chiese di
qualsisia Dignità, Badie e Monasterj: per ciò gli ordinava, che dovesse
far nota ed inventario per mano di pubblico Notaro di tutto l'oro ed
argento, ch'era nelle Chiese, Monasteri e Badie, notando pezzo per
pezzo, la qualità ed il prezzo; ed inventariati che saranno, gli debba
lasciare in potere delli medesimi Prelati e Detentori, con cautela di
non farne esito alcuno, ma di tenerli e conservarli all'ordine d'esso
Vicerè, ed esibirli sempre, che comanderà per servizio del Re, e per
la difensione e conservazione del Regno, usando in questo la debita
diligenza a trovar tutto l'oro ed argento, affinchè non siano occupati,
e che glie ne dia subito avviso dell'eseguito.

E stringendo tuttavia il bisogno della guerra, e gli apparati de'
nemici vie più sentendosi maggiori, stante l'invito fatto anche al
Turco, perchè colla sua armata travagliasse il Regno, fu d'uopo al
Vicerè in suo nome, e del Collaterale scrivere, al primo marzo di
quest'istesso anno, a tutti i Governadori delle province del Regno,
dicendo loro, che per gli andamenti e grandi apparati di guerra, che
ha fatti e faceva il Papa con leghe d'altri Principi, con aver anco
invocata l'armata Turchesca contra Sua Maestà per assaltare questo
Regno, bisognava per difesa e conservazione di quello provvedere di
genti a cavallo ed a piedi, per rinforzare e mantenere l'esercito,
ed andare a ritrovare i nemici fuori del Regno, ed anco provvedere
le Terre di marina per difensione contra detta armata del Turco; il
che tutto risultando a maggior servigio del Re, alla conservazione
e beneficio universale del Regno, per le spese grandi, che sono
necessarie per detto effetto, bisognava aver danari assai; e poichè
li Baroni e Popoli di questo Regno si trovavano oppressi per li gran
pagamenti che faceano e dell'ultimo donativo, che il Regno avea fatto
a sua Maestà di due Milioni di ducati, del quale anticiparono il terzo
di Pasqua, avea pensato, che gli Arcivescovi, Vescovi ed altri Prelati,
Monasterj ed Abati del Regno dovessero prestare alla Regia Corte
delli frutti ed entrate loro del terzo di Pasqua, delle tre parti due,
conforme alle note che lor si mandavano, del quale impronto potevano
soddisfarsi sopra il terzo di Natale primo venturo del detto donativo,
ed in caso, che detti Prelati, Monasterj ed Abati, ricercati da essi
in nome del Vicerè graziosamente, non volessero fare detto prestito,
detti Governadori di province subito l'abbiano da esigere da dette loro
entrate e frutti, per la rata, conforme alle dette note.

Pochi giorni da poi, premendo assai più la necessità della guerra,
spedì Commessione in suo nome e del Collaterale a' 4 del detto mese
di marzo, a diversi Commessarj, che andassero con ogni prestezza
e diligenza ad eseguire quanto era stato per prima commesso alli
Governadori delle province, a costringere li detentori dell'oro,
ed argento delle Chiese e Monasterj del Regno, e pigliarseli
per inventario a peso, acciò si potessero mandare in Napoli, per
conservarli nell'Arcivescovado di quella città, in nome delli Padroni
d'essi, ad ordine del detto Vicerè; ed anco a costringere li debitori
degli Arcivescovadi, Vescovadi, Badie e Beneficiati a pagare li due
terzi della terza parte delle loro entrate, per prestito alla Regia
Camera.

E poichè questa commessione, essendo generale, veniva eseguita anche
per li Calici e Patene; per ciò a' 9 del detto mese spedì lettera a'
Governadori delle province, che debbiano eseguire il suo ordine degli
ori, ed argenti, riserbandone li Calici e Patene, e quelli che avranno
pigliati e fatti consignare alli Percettori, li facciano restituire.
Siccome riuscendo questo trasporto d'oro ed argento in Napoli molto
strepitoso, a' 18 marzo ordinò a tutte le Regie Audienze, che dall'ora
innanzi non pigliassero più oro ed argento dalle Chiese, ma che solo lo
tenessero sequestrato, e restituissero il preso in potere delle persone
Ecclesiastiche delle medesime, con ordinar loro che quello tengano in
sequestro, insino ad altro suo ordine.

Parimente ordinò, che per le occorrenze della guerra presente, si
pigliasse tutto il metallo delle Campane delle Chiese e Monasterj
di Benevento per fonderlo e tutti i pezzi d'artiglieria di bronzo, e
falconetti, ch'erano in detta città, come dal Convento de' Frati di S.
Lorenzo di Benevento, si pigliasse tutto il metallo delle Campane e si
liquidasse il prezzo di tutto per poi pagarlo finita la guerra.

Dopo aver dati questi provvedimenti per una tanta espedizione, a'
11 aprile di quest'anno 1557 partì il Duca da Napoli per la volta
d'Apruzzo per opporsi a' Franzesi[135], lasciando per _Luogotenente
Generale D. Federigo di Toledo_ suo figliuolo, il quale fino al
ritorno, che fece nel mese di settembre del detto anno, dopo la pace
conchiusa col Papa, governò Napoli ed il Regno.

Dall'altra parte il Cardinal Caraffa partì da Roma per Lombardia, per
abboccarsi in Reggio co' Duchi di Ferrara e e di Guisa e consultare del
modo e del luogo, dove dovea portarsi la guerra. Furono i pareri varj,
chi consultava l'espugnazion di Milano, chi la liberazione di Siena, e
chi l'impresa del Regno; ma protestandosi il Cardinale, che qualunque
risoluzione si pigliasse differente dall'invasione del Regno di Napoli,
non sarebbe approvata dal Papa suo zio; il Duca di Guisa, che avea
commessione dal suo Re di far la volontà del Pontefice, provveduto dal
Duca di Ferrara suo suocero d'alcuni pezzi d'artiglieria, spinse il suo
esercito nella Romagna, e passando per lo Stato d'Urbino, si portò per
la Marca nelle vicinanze del Tronto.

Intanto, essendo spirata la tregua tra 'l Pontefice ed il Vicerè, si
cominciarono le ostilità, e si vide in breve ardere la guerra, non
meno nell'Apruzzo, che nella Campagna di Roma. Il Duca di Palliano
con Pietro Strozzi uscito con seimila fanti tra Italiani e Guasconi,
seicento cavalli leggieri e sei pezzi d'artiglieria, e portatosi sotto
Ostia, ricuperò la Rocca col bastione innalzatovi dal Vicerè. Ricuperò
Marino, Frascati e l'altre circostanti Terre. Nettuno fu abbandonato
da' Spagnuoli, e se gli Ecclesiastici nel calor della vittoria si
fossero più avanzati, avrebbero anche ripreso Frosolone ed Anagni.
Giulio Orsini era parimente tutto inteso a discacciar gli Spagnuoli
dallo Stato di Palliano; ma occorsivi Marcantonio Colonna, secondato
da' Terrazzani ben affezionati de' Colonnesi il costrinse a lasciar in
abbandono l'impresa.

Ma dalla banda del Tronto meditava il Duca di Guisa d'assediar
Civitella, e trattenevasi in Ascoli per aspettare l'artiglieria,
che dovea venire da lontano; della qual tardanza si doleva molto
col Marchese di Montebello; e per non parere di starsene ozioso,
fece entrare nel Regno millecinquecento pedoni, ed una compagnia di
cavalli, comandati dal mentovato Marchese e da Giovan-Antonio Toraldo,
che saccheggiarono Campoli, occuparono Teramo, e danneggiarono
la campagna sino a Giulia Nova. Giunto poscia il cannone, assediò
Civitella, dove alla fama dell'avvicinamento de' nemici, era entrato
prima Carlo Loffredo figliuolo del Marchese di Trivico, poscia 'l
Conte di Santa Fiore speditovi dal Vicerè; fu dal Duca di Guisa
incessantemente la Piazza battuta: ma con non disugual valore dagli
assediati fortemente difesa: e mancando a' Franzesi il bisognevole per
replicar gli assalti, il Duca lamentandosi col Marchese di Montebello
del Cardinal suo fratello, ch'avea posto al ballo il suo Re, e poi
mancava alle promesse; avendogli questi superbamente risposto, vennero
fra di loro a tali parole, che il Marchese partì dal campo, senza nè
meno licenziarsi[136]. Accorse tosto per riparar a questi disordini
il Duca di Palliano con Pietro Strozzi con soldatesca, colla quale
pareva, che si fosse in qualche parte adempito all'obbligazione del
Papa; ma essendo il soccorso assai picciolo, e tuttavia mancando
molte cose, ch'erano necessarie per ridure l'impresa ad effetto, i
Franzesi impazienti cominciarono a maledire non solamente coloro,
che aveano consigliato il loro Re a collegarsi con Preti, i quali
non s'intendevano punto del mestier della guerra, ma anche a parlar
malamente del Cardinal Caraffa, ch'era andato ad empire di vane
speranze l'animo del Re, ajutando, come suol dirsi, i cani alla
salita[137].

Intanto il Duca d'Alba se ne veniva per soccorrere Civitella con
ventimila fanti e duemila cavalli, con apparecchio sufficiente di
munizioni e d'artiglierie, ed entrato a Giulia Nova s'attendò dodici
miglia lontano dalla Piazza: alla fama della venuta di questo Capitano
con sì poderoso esercito, Pietro Struzzi non perdè tempo di consigliare
al Duca di Guisa, che sciogliesse l'assedio: onde dopo il travaglio di
22 giorni, verso la metà di maggio fu quello sciolto, ritirandosi il
Duca ad Ascoli, seguitato dal Vicerè, il quale entrato nelle terre del
Papa, occupò Angarano e Filignano.

Mentre queste cose accadevano in Apruzzo, Marcantonio Colonna con non
minore felicità s'avanzava in Campagna di Roma; poichè avendogli il
provido Vicerè mandati in soccorso tremila Tedeschi, de' seimila venuti
coll'armata del Doria, prese la Torre vicino Palliano, Valmontone e
Palestrina, e pose in fine l'assedio alla Fortezza di Palliano. Le
genti Papali tentavano di soccorrerla, ed uscirono a quest'effetto da
Roma il Marchese di Montebello e Giulio Orsini con quattromila fanti
Italiani, duemila e due cento Svizzeri, ch'erano stati assoldati dal
Vescovo di Terracina, alcune compagnie di cavalli e molti carri di
vettovaglie per provvedere la Piazza; ma sopraggiunto al Colonna un
nuovo soccorso di Tedeschi Spagnuoli, ed uomini d'arme, che dopo la
liberazione di Civitella gli erano stati mandati dal Vicerè, si fece
incontro al nemico; da picciole scaramucce si venne in fine al fatto
d'arme, nel quale rimasero le genti del Papa rotte e dissipate, e
Giulio Orsino ferito, fu fatto prigione[138]. Marcantonio sapendosi ben
servire della vittoria, procedè innanzi; espugnò Rocca di Massimo, ed
occupò Segna, senza tralasciare l'assedio di Palliano[139].

Il Papa allora sbigottito da questo successo, vedendo l'inimico
avvicinarsi troppo, chiamò il Duca di Guisa alla difesa di Roma; ma
il Duca d'Alba, lasciate ben munite le frontiere del Regno, e qualche
numero di soldatesche al Marchese di Trivico, per guardar que' confini,
passò anch'egli nella Campagna di Roma. Alloggiò tutto l'esercito sotto
le mura di Valmontone, donde se ne passò alla Colonna, e volendo porre
Roma in timore, spinse la notte precedente al giorno de' 26 agosto,
sotto il comando d'Ascanio della Cornia, trecento scelti archibugieri,
con una scorta di soldati a cavallo, e con buona provvisione di
scale, affinchè assaltassero le mura di Roma vicino Porta Maggiore,
e proccurassero d'impadronirsi di quella Porta, nel tempo istesso,
ch'egli con tutto l'esercito sarebbe sopraggiunto per favorire
l'impresa. Ma svanì il disegno, per aver ritardata la spedizione una
lenta pioggia, che impedì i fanti quella notte di potersi avvicinare
alle mura di Roma; onde sopraggiunto il giorno, furono costretti a
ritirarsi subito, per non esporsi, faticati dal notturno viaggio, a
combattere con le milizie franzesi, alloggiate nelle circostanti Terre.

Quando in Roma videro i perigli esser così vicini, cominciaron tutti
ad esclamare contro al Papa, ed a far sì, che si trattasse d'accordo,
e si proccurò la mediazione de' Principi vicini a trattarlo; furono
per ciò impegnati il Duca di Fiorenza e la Repubblica di Venezia,
i quali portarono i loro ufficj al Re Filippo II per indurlo alla
pace. Il Re Filippo allora, che per la vittoria ottenuta contro a'
Franzesi nella giornata di San Quintino, stava ben pago e soddisfatto
d'aver contra i medesimi presa vendetta, come Principe pio, e che mal
volentieri sofferiva questa guerra, rispose alla Repubblica Veneta,
dandole parte della vittoria di S. Quintino, ed insieme dichiarando,
che non fu mai sua voglia di continuar guerra contro alla Chiesa e che
molto volontieri accettava la sua mediazione, acciò che s'interponesse
per la pace tra 'l Pontefice e 'l Vicerè, soggiungendole, che quante
volte fosse insorta nel conchiuderla qualche controversia, avesse
ella preso l'assunto di superarla; giacchè si rimetteva a quanto
avesse ella determinato. Scrisse parimente al Vicerè con questi
medesimi sentimenti, imponendogli di soddisfare al Pontefice in tutto
quello, che avesse desiderato, purchè non ne sentissero pregiudicio i
suoi interessi, nè quelli de' suoi servidori ed amici. All'incontro
il Papa, vedendo l'esito della guerra poco felice, e che il Re di
Francia, per quella gran rotta ricevuta presso S. Quintino, richiamava
il Duca di Guisa d'Italia con le genti che aveva, dandogli libertà
di pigliar quel consiglio, che gli paresse per se più utile[140];
vedendo svanita l'invasione del Regno, e ridotte di nuovo l'arme sopra
le Terre dello Stato Ecclesiastico, non si mostrò punto alieno come
prima, d'acconsentire alla pace; voleva però, che si fosse conchiusa
con riputazione della Sede Appostolica, e che in tutti i modi il Duca
d'Alba dovesse andar personalmente a Roma a dimandargli perdono, e
ricever l'assoluzione, dicendo che più tosto voleva veder tutto il
Mondo in rovina, che partirsi un filo da questo debito; che non si
trattava dell'onor suo, ma di Cristo, al quale egli non poteva nè far
pregiudicio, nè rinunziarlo.

Il Cardinal di Santa Croce, veduta l'inclinazion del Papa, spedì tosto
Costanzo Tassoni al Duca di Fiorenza, ed al Vicerè Alessandro Placidi,
affinchè il trattato si cominciasse, e mandò parimente al Vicerè le
proposizioni fatte dal Papa, le quali si riducevano, oltre a venir il
Duca a dimandargli perdono, a dimandare la restituzione dell'occupato;
promettendo egli all'incontro di licenziare i Franzesi, e perdonare
l'ingiurie ricevute.

Il Duca d'Alba, che non avea ancora esperienza della gran differenza,
ch'è tra 'l guerreggiar con gli altri Principi e con gli Papi, co'
quali finalmente niente si guadagna, anzi si perdono le spese, sentendo
queste proposizioni, s'alterò non poco, rispondendo, essere tanto
stravaganti, che peggiori non si sarebbero potute fare da un vincitore
al vinto. Ma la Repubblica di Venezia, che con molto vigore avea
intrapresa la mediazione, per persuadere il Duca alla pace, spedì al
medesimo a quest'effetto un suo Segretario; dall'altra parte si mossero
da Roma Cardinali Santa Fiore, e Vitellozzo Vitelli per trattarla
col Vicerè[141]. Vi si portò ancora il Cardinal Caraffa, il qual fu
ricevuto dal Duca con grand'onore nella Terra di Cavi, dove dibattutosi
l'affare per alquanti giorni, finalmente a' 14 settembre fu la pace
conchiusa, con queste condizioni.

Che il Vicerè in nome del Re Cattolico andasse in Roma a baciare il
piede a sua Santità, praticando tutte le sommessioni necessarie per
ammenda dei disgusti passati; e che il Papa all'incontro dovesse
riceverlo con viscere di clementissimo padre.

Che il Pontefice dovesse rinunziare alla lega fatta col Re di Francia,
con rimandarne i Franzesi, e dovesse in avvenire far le parti di padre
e di comun pastore.

Che si restituissero Anagni e Frosolone e tutte le Terre occupate della
Chiesa, e vicendevolmente tutte l'artiglierie che dall'una parte e
dall'altra fossero state prese nel corso di questa guerra.

Che si rimettessero da amendue le parti tutte le pene e contumacie
incorse da qualsivoglia persona o Comunità, eccettuandone Marcantonio
Colonna, Ascanio della Cornia ed il Conte di Bagno, i quali dovessero
rimanere nella lor contumacia a libera disposizione del Pontefice[142].

E per ultimo, che Palliano si consegnasse a Giamberardino Carbone
nobile Napoletano confidente delle due Parti, il quale dovesse
guardarlo con 800 fanti da pagarsi a spese comuni, e dovesse giurare
di tenerlo in deposito insino a tanto, che dal Papa e dal Re Cattolico
unitamente ne fosse stato disposto[143].

Furono ricevute in Roma queste capitolazioni con universale allegrezza;
onde partiti i Franzesi, si portarono in quella città il Duca d'Alba
con suo figliuolo, li quali furono dal Papa ricevuti con tenerezza, ed
assoluti dalle censure, nelle quali credeva per i preceduti successi
essere incorsi, siccome ad intercessione del Duca liberò tutti gli
amici e dependenti del Re, ed alla Duchessa d'Alba mandò sino a Napoli
la Rosa d'oro, regalo solito in que' tempi di presentarsi a' Principi
grandi, la quale con gran pompa e stima fu da quella religiosissima
Dama ricevuta nel Duomo di Napoli.

Il Duca accompagnato dal Cardinal Caraffa, e dal Duca di Palliano
partì di Roma, il quale di tutto datane contezza al Re Filippo, questi
con soddisfazione accettò la pace, rimunerò largamente tutti coloro,
che s'erano in questa guerra distinti. Al Conte di Popoli fu dato il
titolo di Duca con provvisione di tremila ducati, e facoltà di poter
disporre dello Stato, che sarebbe decaduto al Fisco per mancanza di
successori[144]. Ad Ascanio della Cornia una provvisione d'annui ducati
seimila, sin tanto che ricuperasse i suoi beni, statigli occupati
dal Papa, oltre mille altri scudi dati alla madre, e molte entrate
ecclesiastiche concedute al Cardinal di Perugia suo fratello. Gli
abitanti di Civitella ottennero molte prerogative in ricompensa della
costanza mostrata. E fu offerta al Duca di Palliano la Signoria di
Rossano in Calabria, acciò rinunziasse lo Stato a Marcantonio Colonna,
al che non avendo voluto acconsentire il Papa, il Duca restò privo
dell'uno e dell'altro; perchè nella Sede vacante Marcantonio ricuperò
lo Stato.

Il Duca d'Alba ritirato in Napoli fu ricevuto dai Napoletani con tanto
applauso e gioja, che era meritamente riputato il loro liberatore.
Ma mentre s'apparecchiava a discacciare i Franzesi dal Piemonte,
per più gravi e premurosi bisogni della Monarchia gli fu dal Re
Filippo comandato, che si portasse nella sua Corte, per dove partì
nella Primavera del nuovo anno 1558, lasciando di se un grandissimo
desiderio; poichè era stata poco tempo goduta la sua presenza,
chiamata altrove dalle cure di Marte: pure in que' pochi anni ci lasciò
quattro Prammatiche, ed al governo del Regno lasciò suo _Luogotenente_
l'istesso _D. Federico_ suo figliuolo; ma la sua reggenza fu molto
breve, poichè il Re Filippo, quando chiamò in Ispagna il Duca, avea
comandato a _D. Giovanni Manriquez di Lara_, che si trovava suo
Ambasciadore in Roma, che passasse al governo di Napoli, per insino
che si fosse previsto di nuovo Vicerè, il quale non vi durò che
cinque mesi; poichè vi fu mandato da poi il _Cardinal della Cueva_ per
_Luogotenente_, che parimente poco più che _D. Giovanni_ vi stette,
poichè richiamato in Roma per l'elezione del nuovo Pontefice, stante
la morte seguita di Paolo IV, fu finalmente dal Re Filippo, savio
discernitore dell'abilità e merito de' soggetti, mandato per Vicerè
_D. Parafan di Ribera Duca d'Alcalà_, quel gran savio Ministro fra
quanti ve ne furono, del di cui lungo e prudente governo più innanzi
ragioneremo.

Ecco il fine della guerra cotanto ingiustamente[145] mossa da Papa
Paolo IV e come mal finisse con tanto danno del Regno, ed immenso
sborso di denari per sostenerla; ecco il vantaggio, che hanno i Papi,
quando guerreggiano, che oltre la restituzion dell'occupato loro,
non si parla dell'ammenda di tanti danni e mali irreparabili, che si
cagionano a' Popoli, alla quale dovrebbero almeno esser obbligati.
Allora il Regno di Napoli non solo per mantener questa guerra sborsò
due milioni, ma per supplire a' bisogni di quella, e pagare i debiti
contratti, in tempo che governò D. Federico di Toledo, lasciato dal
padre per suo Luogotenente, furon fatti dalla città due altri donativi,
l'uno di ducati quattrocentomila, l'altro di ducati centomila. In
oltre dovendosi restituire il prezzo del metallo della campana presa
di Benevento, bisognò che la Regia Camera facesse far la liquidazione
di quello, e pagasse il prezzo, siccome furono restituiti i pezzi
dell'artiglierie, e falconetti presi[146].

Ma tutto ciò è nulla a' danni gravissimi, che si sentirono da poi per
l'occasion di questa guerra, la quale sebbene fosse terminata per
questa pace, rimase l'impressione perciò fatta col Turco, il quale
invitato, come si disse, dal Re di Francia collegato col Papa, ad
assalire per mare il Regno, sebbene tardasse la sua armata a venire al
tempo opportuno, ch'essi desideravano, tanto che bisognò conchiuder la
pace, non per ciò il Turco avendo preparato il tutto, ancorchè alquanto
s'astenesse d'inquietarlo; poichè appena partito il Duca d'Alba per
la Corte, pervenuto a governar il Regno D. Giovan Manriquez questo
infelice Ministro, non erano passati ancora otto giorni dopo la sua
venuta, seguita a' 5 giugno di quest'istesso anno 1558, che vide ne'
nostri mari comparir l'armata Ottomana numerosa di centoventi Galee
sotto il comando del Bassà Mustafà, la quale dopo aver saccheggiata
la città di Reggio in Calabria, entrata fin dentro il Golfo di Napoli,
posta di notte la gente a terra diede un sacco lagrimevole alle città
di Massa e di Sorrento; facendo di quest'ultima un miserabilissimo
scempio per esser stati posti in ischiavitù quasi tutti i lor
Cittadini, che portati in Levante, bisognò poi riscattarli a grave
prezzo; onde quel misero avanzo de' loro congiunti, che rimasero
venduti i loro campi e le loro tenute a vilissimo prezzo, fu costretto
andare insino a Casa il Turco per riaverli[147]: disavventura, della
quale insino al dì d'oggi mostra Sorrento le cicatrici, mirandosi per
ciò tuttavia povera e di facoltà e d'abitatori.

Ma non passò guari, che la mano vendicatrice del Signore non si facesse
sentire sopra la persona del Pontefice, e de' suoi nipoti e congiunti,
autori di tanti mali: poichè il Pontefice, prima di morire, ebbe a
soffrire molte angoscie per le tante scelleraggini scoverte de' suoi
nipoti, e fu quasi per morir di doglia, quando costretto a sbandirli di
Roma, intese le tante laidezze in casa del Duca suo nipote, che furono
cagione di morti crudeli e violente, e di lagrimevoli tragedie. Ed
appena morto a' 18 agosto del 1559, anzi spirante ancora, per l'odio
concepito dal popolo e plebe Romana contra lui e tutta la Casa sua,
nacquero così gran tumulti in Roma, che i Cardinali ebbero molto più
a pensare a quelli, come prossimi ed urgenti, che a' comuni a tutta
la Cristianità. Andò la città in sedizione: fu troncata la testa alla
Statua del Papa e strascinata per la città: furono rotte le prigioni
pubbliche: fu posto fuoco nel luogo dell'Inquisizione, e abbruciati
tutti i processi e scritture, che ivi si guardavano; e poco mancò, che
il Convento della Minerva, dove i Frati soprastanti a quell'Ufficio
abitavano, non fosse dal popolo abbruciato. Assunto poi al Pontificato
_Pio IV_, furono imprigionati i Caraffeschi, e fabbricatosi contro
ad essi più processi, per le loro scelleratezze furon sentenziati a
morte. Il Cardinal Carlo fu fatto strangolare, il Duca di Palliano fu
decapitato, e degli altri loro congiunti ed aderenti, furon praticati
castighi sì severi, che gli ridussero in istato cotanto lagrimevole,
quanto la lor Istoria racconta.



CAPITOLO II.

_Trattato con COSMO Duca di Firenze, col quale furono ritenuti dal Re i
Presidj di Toscana, ed investito il Duca dello Stato di Siena cedutogli
dal Re FILIPPO. Ducato di Bari, e Principato di Rossano acquistati
pienamente al Re, per la morte della Regina BONA di Polonia. Morte
della Regina MARIA d'Inghilterra, e terze nozze del Re FILIPPO, che
ferma la sua Sede stabilmente in Ispagna._


In questi medesimi tempi il nostro Re Filippo in quell'Isole adjacenti
allo Stato di Siena, per cui era in continue guerre co' Franzesi,
stabilì maggiormente il suo dominio, munendole di forti e fissi
presidj, onde _Presidj di Toscana_ furon detti, siccome ora ancora
ne ritengono il nome; onde fu poi da' Politici[148] ponderato, che
gli Spagnuoli collo Stato di Milano, con questi Presidj e col Regno
di Napoli, come di tanti anelli, aveano fatta una catena per cingere
Italia, e tenerla a lor divozione. Carlo V, come si è veduto, aveasi
a se attribuito, come devoluto all'imperio[149] lo Stato di Siena, e
vi mandava in quella città suoi Governadori spagnuoli a reggerlo; e
mentre il Vicerè Toledo presiedeva al Regno, i Sanesi, mal soddisfatti
dell'aspro governo del Mendozza, tumultuarono; tanto che accesasi
guerra, bisognò, che il Toledo andasse di persona ad estinguer
quell'incendio: spedizione per lui pur troppo infelice, poichè, come
si è narrato nel precedente libro, vi perdè la vita. L'Imperador Carlo
cedè poi Siena al suo figliuolo Filippo, che per suoi Governadori
la reggeva. Quindi avvenne, che molti istituti e costumi, i nostri
Napoletani gli apprendessero da Siena, città allora assai culta.
A similitudine delle Accademie di Siena s'introdusser in Napoli
l'Accademie per esercitar gl'ingegni nelle belle lettere. Da Siena ci
vennero i Teatri e le Comedie, allora nuove e strane in queste nostre
parti, e fin da Siena si proccuravano non pur le rappresentazioni, e
le favole, ma i recitanti istessi, per far cosa plausibile e degna di
ammirazione.

Ma lo Stato di Siena posseduto dagli Spagnuoli fu sempre occasione
a' Franzesi, ingelositi di tanta lor potenza in Italia, di fiere ed
ostinate guerre. Cosmo Duca di Fiorenza, il quale ora aderiva alle
parti di Cesare, ora, per far contrappeso alla sua potenza, teneva
intelligenza co' Franzesi, non tralasciava intanto le occasioni per
ingrandir il suo Stato: seppe in questi tempi colla sua industria, e
grande astuzia ingelosire il Re Filippo, in maniera, mostrando darsi
alla parte di Francia e del Pontefice, che l'indusse finalmente con
quelli patti, che diremo, a cedergli Siena. Era egli creditore del
Re in grossissime somme, parte improntate a Carlo V, suo padre, parte
spese per la guerra in tempo, che fu ausiliario de' Spagnuoli: per le
quali, ancorchè ne avesse avuto in pegno Piombino, n'era però, secondo
le congiunture portavano, spesso dagli Spagnuoli spogliato: gridava
egli perciò che almeno gli fosse restituito il denaro e rifatte le
spese; ma dandosegli sempre parole dal Re Filippo, finalmente Cosimo
vedendosi deluso, finse volersi unire col Pontefice e col Re di
Francia, per indurre il Re appunto alla cessione di Siena[150]. Il
Presidente Tuano descrive gli stratagemmi usati da Cosmo per ingannar
non men Filippo, che il Papa e 'l Re di Francia in quest'affare, e come
il tutto felicemente gli riuscisse; poichè Filippo, premendogli, che
il Duca Cosmo non si collegasse coi suoi nemici in questi tempi, ne'
quali avea di lui maggior bisogno, e poteva recargli maggior danno:
ancorchè quasi tutti i suoi fossero di contrario parere, quasi forzato,
s'indusse a cedergli Siena.

Mostrava intanto Filippo di venire a questa cessione unicamente per
gratificare il Duca; ma nell'istesso tempo pensava (ritenendosi le
Isole adjacenti) rendersi con nuovi presidj vie più forte in Italia,
affinchè potesse resistere a qualunque forza d'esterior nemico, e
cingere in questa maniera Italia: per ciò col permesso dell'Imperador
suo padre, risolvè di concedere, ed investire il Duca dello Stato di
Siena con alcuni patti e condizioni; laonde per mezzo di D. Giovanni
Figueroa allora Castellano del Castel di Milano, che per questo
effetto lo costituì suo Proccuratore, fu stipolato istromento col detto
Duca, sotto li 3 luglio del 1557, col quale si concedeva a costui lo
Stato con molte condizioni, fra le quali fu convenuto, che in detta
concessione non s'intendessero compresi _Port'Ercole_, _Orbitello_,
_Talamone_, _Mont'Argentario_, ed il _Porto di S. Stefano_. Da questo
tempo a spese del Regno si mandarono in quest'Isole milizie spagnuole
per ben presidiarle, e da Napoli vi si manda ancora un Auditore per
amministrar giustizia a quegli abitanti, i quali però vivono secondo
gli Statuti e costumi de' Sanesi loro vicini, e per ciò quel Ministro
ritiene ancora il nome d'Auditore de' Presidj di Toscana.

Fu in questo trattato compreso anche Piombino, e fu fedelmente
eseguito, siccome non meno il Chioccarelli[151], che il Tuano[152] ne
rendono a noi testimonianza.

Fra quell'Isolette, ve ne è una chiamata l'Isola di _Fanuti_, per la
quale in questi tempi fu lungamente disputato, se apparteneva al Re
Filippo, ovvero fosse compresa nella concessione dello Stato di Siena
fatta al Duca di Fiorenza. Furono per ciò per sostenere le ragioni del
Re, fatte dalla Regia Camera due consulte, una sotto il primo di giugno
del 1573, l'altra sotto li 26 agosto del medesimo anno, che si leggono
nel _tomo_ 18, de' _M. S. Giurisd._ di Bartolommeo Chioccarello.

Poichè la sovranità dello Stato di Siena dagl'Imperadori d'Alemagna si
pretende appartenere ad essi, l'Imperador Rodolfo II per maggiormente
stabilire ciò che il Re Filippo II, avea fatto, al primo di gennajo del
1604, spedì privilegio al Re Filippo III col quale confermandogli il
Vicariato di Siena, Portercole, Orbitello, Talamone, Monte Argentario
e Porto di S. Stefano con titolo di Duca e Principe dell'Imperio,
confermò anche la concessione, ed infeudazione fatta di detto Stato
di Siena dal Re Filippo II a Cosmo di Medici Duca di Fiorenza; ed ecco
come i Presidj di Toscana s'unirono alla Corona de' Re di Spagna[153].


§. I. _Ducato di Bari, Principato di Rossano acquistati pienamente al
Re FILIPPO per la morte della Regina BONA di Polonia._

In questi medesimi tempi al Re Filippo ricadde il Ducato di Bari, e 'l
Principato di Rossano, li quali, toltone la sovranità, lungamente erano
stati sotto la dominazione, o de' Duchi di Milano, de' Re di Polonia.

Da poi che Ferdinando I d'Aragona spogliò il Principe di Taranto de'
suoi Stati, fra' quali era il Ducato di Bari, per rimunerazione di
quegli ajuti, che più volte gli avea somministrati Francesco Sforza
Duca di Milano, e per contemplazione del matrimonio d'Eleonora sua
figliuola, destinata per isposa a Sforza Maria Visconte terzogenito
del detto Duca Francesco, investì nel 1465 il detto Duca Francesco
della città di Bari e suo Ducato. Ma essendosene poi il Duca morto nel
seguente anno 1466, con nuova licenza e concessione del Re Ferdinando,
lasciò il Ducato di Bari, non a Galeazzo suo primogenito, che succedè
nello Stato di Milano, il quale fu poi marito d'Isabella d Aragona
figliuola d'Alfonso II, ma a Sforza Maria Visconte e suoi futuri
figliuoli legittimi, acciò che quello, che per lo matrimonio contraendo
dovea divenire genero del Re di Napoli, avesse con la sua prole da
possedere nel di lui Regno il Ducato di Bari. Il nuovo Duca Sforza
mandò tosto in Bari un suo Luogotenente con titolo di Viceduca per
governare la città e 'l Ducato, ma essendosi disciolti gli appuntati
sponsali con Eleonora d'Aragona per le molte e gravi infermità del Duca
Sforza, tanto che Eleonora fu data poi per moglie al Duca Ercole di
Ferrara, fu lasciato sì bene il Ducato al Duca mentre visse, ma morto
poi nel 1479, essendo ricaduto al Re, fu quello insieme col Principato
di Rossano in Calabria donato a' 14 agosto del medesimo anno a Lodovico
Moro fratello del morto Duca e a figlj, che da legittimo matrimonio
fossero da lui nati. Possedè Lodovico questi Stati; ma quando poi
si seppe l'invito da lui fatto a Carlo VIII Re di Francia per la
conquista del Regno di Napoli, Alfonso II oltre aver richiamato il
suo Ambasciadore, che per lui risedeva in Milano, e mandato via quello
di Lodovico che risedeva in Napoli, fece sequestrare tutte l'entrate
degli Stati di Bari, e di Rossano, acciò non capitassero nelle mani
d'un suo dichiarato nemico. Ritornato poi il Regno per la partita del
Re Franzese, sotto il Re d'Aragona, e seguita la pace con Lodovico,
costui dal nuovo Re Federico chiese una nuova conferma, ed una nuova
investitura del Ducato di Bari e del Principato di Rossano, il quale
cortesemente glie la spedì sotto la data de' 6 decembre dell'anno 1496.
Nell'anno seguente fece Lodovico al Re nuova istanza, dimandando, che
investisse di questi Stati di Bari e Rossano il secondogenito nomato
Sforza, fanciulletto ancora di tre anni, a cui esso gli cedeva; ed
avendo il Re a ciò acconsentito, creò nuovo Duca di Bari e Principe di
Rossano il fanciullo a' 20 giugno del 1497 con condizione, che a nome
di lui governasse questi Stati Lodovico suo padre, fin che il vero Duca
giungesse ad età più matura.

Intanto essendo D. Isabella d'Aragona, figliuola di Alfonso II, rimasa
vedova di Giovanni Galeazzo, al quale portò in dote centotrentamila
scudi, ed avendo il nuovo Re di Francia Lodovico IX mossa nuova guerra
in Italia con impegno di vendicarsi di Lodovico suo capital nemico,
e spogliarlo del Ducato di Milano; questi intimorito, se ne fuggì in
Germania e prima di partire assegnò alla mentovata D. Isabella per
li ducati centotrentamila della sua dote, il Ducato di Bari ed il
Principato di Rossano. D. Isabella prese di questi Stati il possesso,
e lo ritenne fin che visse; poichè quando Federico fu costretto uscir
del Regno, quello passato in potere de' Franzesi e de' Spagnuoli, e
finalmente sotto Ferdinando il Cattolico, niuno le diede molestia, e
la lasciarono godere di questi Stati senza un minimo turbamento. Venne
ella nel 1501 a risedere in Bari, dove lasciò di se molte memorie,
ampliando, e nobilitando quella città con magnifici edificj[154].

Avea ella di Galeazzo suo marito procreato un figliuol maschio chiamato
_Francesco_, ed una bambina di nome _Bona_, ma essendo _Francesco_
premorto in Francia giovinetto, rimase Bona unica erede, la quale
veniva allevata da sua madre in Bari con grande agio e carezze:
divenuta già grandetta, pensò darle marito; l'Imperador Carlo V,
a richiesta d'Isabella, se ne prese cura e trattò il matrimonio
con Sigismondo Re di Polonia, che allora si trovava vedovo e senza
figliuoli maschi; fu quello conchiuso nel 1517, e mandò il nuovo sposo
a prendersi Bona, la quale imbarcatasi a Manfredonia, a' 3 febbrajo
del seguente anno 1518, fu ricevuta dal Re in Polonia con real pompa e
grande celebrità. Ritiratasi da poi D. Isabella da Bari in Napoli, non
passò guari, che infermatasi d'idropisia, rese lo spirito nel 1524, e
fu seppellita nella Chiesa di S. Domenico, dove ancora oggi si vede il
suo tumulo.

Per la costei morte nacque discordia intorno alla successione del
Ducato di Bari, e del Principato di Rossano tra _Bona_ sua figliuola
ed erede, e _Sforza_ figliuolo di Lodovico Moro. Costui, allegando
l'investitura a se fatta dal Re Federico, pretese per se gli Stati, e
diceva che Lodovico suo padre per non essere di quelli che un semplice
Governadore, non poteva assegnargli a D. Isabella per le sue doti.
L'Imperador Carlo V pretese ancora, che Lodovico non solamente non
avea potuto dispor di quelli, come non suoi, ma anche perchè quando gli
assignò a D. Isabella non richiese assenso da Federico Re di Napoli, a
cui, ed a' suoi successori in caso di vacanza, doveano ricader quegli
Stati. In fine dopo varie consulte e trattati fu stabilito, che il
Castello di Bari s'aggiudicasse a Carlo V come a diretto padrone, e
successor legittimo del Regno; e che la città di Bari col suo Ducato, e
gli altri Stati in Calabria s'assignassero alla Regina _Bona_ per tutto
il tempo di sua vita, salve però le ragioni di _Sforza_, alle quali
per questo accordo non si recasse pregiudizio veruno. Ciò stabilito
l'Imperadore mandò subito Colamaria di Somma Cavaliere Napoletano
per Castellano nel Castello di Bari; e la Regina, che accettò le
condizioni, vi mandò per Viceduca Scipione di Somma per reggere la
città e 'l Ducato.

In cotal guisa si stette sino all'anno 1530, quando Sforza, che con
l'assenso dell'Imperador Carlo era già divenuto Duca di Milano, cedè
al medesimo Carlo tutte le ragioni riservate, e pretensioni, ch'egli
avesse potuto mai avere sopra gli Stati suddetti; onde l'Imperadore
divenutone interamente Signore, fece nuova investitura de' medesimi
alla Regina Bona, ristretta però mentr'ella vivea; e nel 1536, la
investì anche del Castello di Bari con la medesima limitazione di
tempo; onde da lei e dal Re _Sigismondo_ suo marito furon da poi
governati[155].

Rimasa poi vedova la Regina _Bona_ per la morte accaduta del Re suo
marito nell'anno 1548, ancorchè col medesimo avesse procreati quattro
figliuoli, un maschio che fu successore nel Regno, chiamato _Augusto_,
e tre femmine: nulladimeno non passarono molti anni, che la Regina
col suo figliuolo venne a manifeste discordie. Al Re non piacevano i
modi troppo licenziosi di sua madre: all'incontro ella per vivere più
libera, prendendo occasione d'essersi Augusto con suo disgusto sposato
con una sua vassalla, benchè molto gentile e bellissima, risolvette
abbandonar il Regno, ed i figli e ritirarsi in Bari nel suo Stato.
Augusto la lasciò andare, onde partita nel 1555 con fioritissima
Corte, viaggiò per terra da Craccovia sino a Venezia, dove da quella
Signoria fu ricevuta con Real pompa e maravigliose accoglienze: e fra
le orazioni del _Cieco d'Adria_ se ne legge ancora una, recitata dal
medesimo In Venezia in occasione di questo passaggio[156]. Da Venezia
su le Galee della Repubblica si portò a Bari, dove fu accolta con sommi
onori e feste grandissime.

Visse in Bari meno di due anni, e frattanto comprò da varj Baroni
Campurso, Noja e Trigiano, Terre a Bari vicine, fortificò il Castello,
fabbricandovi alcuni nuovi baloardi. Venuta a morte fece il suo
testamento, nel quale avendo lasciato a Giovan-Lorenzo Pappacoda suo
intimo Cortigiano, che per molti anni l'avea ben servita, ed in Polonia
ed in Bari, le Terre suddette; ad insinuazione del medesimo dichiarò
in quello, che il Ducato di Bari ed il Principato di Rossano, erano
ricaduti per la sua morte al Re Filippo II, ne' quali ella per ciò lo
istituiva erede. Morì nel mese di novembre di quest'anno 1557, e fu
sepolta nel Duomo di Bari, dove dopo molti anni gli fu fatto innalzare
dalla Regina Anna di Polonia sua figliuola, e moglie del Re Stefano
Battori, un superbo tumulo, con iscrizione che ancor ivi si vede.

Il Re Augusto, ricevuto avviso della morte della Regina sua madre,
e del testamento, fortemente se ne dolse e portò le sue querele
all'Imperador Ferdinando suo suocero, pretendendo non aver potuto la
madre privarlo di quegli Stati con disporne a favor del Re Filippo,
e che l'investitura comprendeva lui anche. Filippo intanto se gli
avea già fatti aggiudicare come a se devoluti, e per gratificare il
Pappacoda di questo buon servigio, avea dato al medesimo titolo di
Marchese sopra Capurso; ed avendo avuto avviso dall'Imperador suo
zio delle pretensioni del Re di Polonia, si contentò che così quelle,
come le sue, s'esaminassero avanti dell'Imperadore, e secondo quello
che a' suoi Savj paresse, si determinasse. Fu accettato il trattato:
onde da amendue le Parti si mandarono in Germania famosi Giureconsulti
per sostener le loro ragioni. Piacque al Re Filippo II mandar per se
da Napoli Federico _Longo_, eccellente Dottore di que' tempi, e che
esercitava allora la carica d'Avvocato Fiscale della Regia Camera;
ma questi partito per Vienna, ove risedeva l'Imperadore, giunto a
Venezia s'ammalò gravemente, ed a' 24 ottobre del 1561 vi lasciò la
vita: fu il suo cadavere riportato a Napoli, dove nella Chiesa di
S. Severino gli fu data onorevole sepoltura[157]. Si pensò ad altra
persona, e fu scelta quella di _Tommaso Salernitano_ Dottor non
men rinomato e Presidente della Regia Camera, il quale portatosi in
Germania, e ben ricevuto dall'Imperadore, difese così bene le ragioni
del suo Re, mostrando l'investitura della Regina Bona essersi estinta
colla sua morte, nè venire in quella compresi i figliuoli, che ne
riportò sentenza favorevole, e fu con ciò posto a questa lite perpetuo
silenzio. Il Re Filippo rimase cotanto ben soddisfatto del Presidente
Salernitano, ch'essendo per la morte del Reggente Francese Antonio
Villano nel 1570 vacata quella piazza, lo fece Reggente di Collaterale,
dove presiedette sino a 10 giugno del 1548, anno della sua morte[158].

In cotal maniera tratto tratto s'andavano estinguendo nel nostro Regno
que' vasti Dominj e Signorie, che sovente rendevano i Possessori
sospetti a' Re, e quasi uguali, particolarmente nel Regno degli
Aragonesi piccioli Re, i quali oltre di quello di Napoli, non aveano
fuori altra Signoria. Erano per ciò sovente soggetti alle congiure
ed all'insidie de' Baroni potenti, ed a' continui sospetti, che
i malcontenti non invitassero i Franzesi, perpetui competitori,
all'acquisto, e che, o con sedizione interna, o guerra esterna, non
loro turbassero il Regno. Gli Spagnuoli, secondo che la congiuntura
portava, devoluti gli Stati o per morte o fellonia, estinguevano
Signorie sì ampie: non rifacevano in lor vece altri, ma, ritenuta
la città principale nel Regio Demanio, partivano in più pezzi il
rimanente, e delle altre Terre che prima componevano lo Stato ne
facevano più investiture: d'uno che n'era o Principe, o Duca, o
Marchese, ne facevano molti, concedendo separate investiture; onde si
videro nel Regno loro, cominciando dall'Imperador Carlo V e da Filippo
II sino al presente, multiplicati tanti Titoli e Baroni, che il lor
numero è pur troppo sazievole. Così venne ad estinguersi il Principato
di Taranto, il Principato di Salerno, il Ducato di Bari, il Contado
di Lecce, il Contado di Nola e tanti altri Ducati e Contee, e per
provvido consiglio degli Spagnuoli, ritenute le città principali nel
Regio Demanio tutte le Terre e Castelli, onde quelle si componevano,
essendo state investite a diversi, siccome assai più nel Regno si
multiplicarono i piccioli Baroni, così si proccurò d'estinguere i
grandi.


§. II. _Morte della Regina MARIA d'Inghilterra, e terze nozze del Re
FILIPPO, il quale si ritira in Ispagna, donde non uscì mai più._

Intanto al Re Filippo, mentre queste cose accaddero nel nostro Reame,
avea la morte dell'Imperador Carlo suo padre (accaduta, come si è
detto, in quest'anno 1558) rapportato non poco dolore, onde non solo
in Brusselles (dove allora trovavasi il Re Filippo) in Germania ed
Ispagna, ma in tutti i Regni di sì vasta Monarchia, si celebravano
pomposi funerali; ed in Napoli nel medesimo anno, mentre governava il
Cardinal della Cueva, se ne celebrarono assai lugubri e con grandi
apparati. Ma assai maggior dolore sofferì questo Principe, quando,
poco da poi della morte dell'Imperadore, a' 17 novembre del medesimo
anno, vide l'irreparabil perdita della Regina Maria d'Inghilterra sua
moglie, dalla quale non avea procreati figliuoli[159]. Morte che ruppe
tutti i disegni, che avea concepiti sopra quel Regno: poichè se ben
egli in vita di quella, disperando di prole, per tener un piede in
quel Regno, avea trattato di dar _Elisabetta_ sorella di Maria, che
dovea succederle del Regno, a _Carlo_ suo figliuolo, natogli dalla
prima moglie Maria di Portogallo[160]; o come narra il Tuano[161],
avea proccurato con Ferdinando suo zio, che la prendesse per moglie
Ferdinando uno de' figliuoli del medesimo, e dapoi, che poca speranza
vi fu della vita di Maria, avesse ancora gettate diverse parole di
pigliarla esso in matrimonio: nulladimeno la nuova Regina, come donna
prudente, avendo scorti questi disegni, e 'l desiderio degl'Inglesi,
i quali mal soddisfatti del governo passato, volevano totalmente
separarsi dagli Austriaci, appena assunta al Trono assicurò il Regno
con giuramento di non maritarsi con forestiere[162]. Ed essendo
dall'assunzione sua al Trono incominciati i disgusti, che poi finirono
in una total divisione tra lei ed il Papa, il Re di Francia vie più
gli andava nutrendo e fomentando, perchè temendo non seguisse questo
matrimonio tra lei ed il Re Filippo con dispensazione Pontificia,
stimò bene assicurarsene con fomentar le discordie, esagerando al
Pontefice non doversi fidare di Elisabetta, anzi abborrirla, come
colei, ch'era nutrita colla dottrina de' Protestanti, e quella
apertamente professava: onde gli riuscì troncare sul bel principio le
pratiche tra la nuova Regina e la Corte di Roma. Così Filippo, deposta
ogni speranza, si quietò; e tutti i suoi pensieri furon poi rivolti
a stabilire la pace, che meditava ridurre ad effetto con Errico II Re
di Francia, la quale sin da' 14 di febbrajo del nuovo anno 1559 s'era
cominciata a trattare nella città di Cambrai; ed essendovi per Filippo
intervenuti il Duca d'Alba, il Principe d'Oranges, il Vescovo di Aras
(poi Cardinal di Granvela) ed il Conte di Melito; e per parte del Re
di Francia, il Cardinal di Lorena, il Contestabile, il Maresciallo
ed il Vescovo d'Orleans, finalmente a' 13 aprile del detto anno fu
conchiusa e stabilita con due matrimonj: poichè al Re Filippo si diede
per moglie _Isabella_ primogenita del Re Errico; e la sorella al Duca
di Savoja[163]. Pace, che rallegrò tutta Europa, ed in Napoli dal
Cardinal della Cueva furono celebrate feste e giostre superbissime.
Ma in Parigi queste feste finiron in una lagrimevol tragedia; poichè
il Re Errico correndo in giostra, ferito d'un colpo mortale vi lasciò
la vita; onde a quel Trono fu innalzato _Francesco II_. Ed intanto il
Re Filippo, partito da' Paesi Bassi per mare, passò in Ispagna, dove
fermatosi colla novella sposa, si risolvè di non più vagare[164], ed
ivi chiudendosi, non ne uscì mai più, governando dal suo gabinetto la
Monarchia.



CAPITOLO III.

_Del governo di D. PARAFAN DI RIVERA DUCA D'ALCALÀ, e de' segnalati
avvenimenti, e delle contese ch'ebbe con gli Ecclesiastici ne' dodici
anni del suo Viceregnato; ed in prima intorno all'accettazione del
Concilio di Trento._


Il Re Filippo fermato in Ispagna con risoluzione di non più vagare,
avendo quivi con maravigliose feste fatte celebrare le nozze della
nuova Regina _Isabella_, poco da poi fece anche solennemente giurare
da' Popoli di Castiglia per Principe di Spagna, e suo successore nella
Corona _D. Carlo_ suo figliuolo; e così poi di mano in mano fece dargli
giuramento da' popoli del Reame di Napoli, e degli altri Regni della
sua Monarchia. Intanto il Cardinal della Cueva Luogotenente in Napoli,
partito per Roma, a' 12 giugno di quest'anno 1559, per invigilare più
a presso agli andamenti del Pontefice Paolo IV, essendo accaduta ai
18 agosto la morte del medesimo, bisognò trattenervisi per l'elezione
del successore, e fu non molto lontano, che la sorte cadesse in sua
persona; ma ostandogli l'essere spagnuolo, e parzialissimo di quella
Corona, fu rifatto in luogo di Paolo il Cardinal Giovan-Angelo de'
Medici, che _Pio IV_ nomossi. Il Cardinal della Cueva pochi anni dapoi
morì in Roma nel 1562, dove nella Chiesa di S. Giacomo della Nazion
spagnuola si vede il suo tumulo.

Ma il Re Filippo, che nella scelta de' Ministri mostrò sempre un
finissimo accorgimento, avea già molto prima destinato per lo governo
di Napoli _D. Parofan di Rivera Duca d'Alcalà_, il quale allora
si trovava Vicerè in Catalogna, uomo d'incorrotti costumi, savio,
accorto, coraggioso e molto pio[165]. Giunge egli in Napoli in quel dì
appunto, che partì per Roma il Cardinale, dove fu ricevuto con molto
apparecchio, e con desiderio uguale all'espettazione, che s'avea della
sua rinomata prudenza e giustizia. Ebbe egli ne' primi anni del suo
governo a schermirsi da molti colpi di fortuna, nè vi bisognava meno
che il suo coraggio per superarli. Si vide il Regno in una estrema
penuria di grani, ed i Cittadini camminar pallidi e famelici per
le strade dimandando del pane: gli spessi tremuoti, che si facevan
sentire, non meno in Napoli, che nelle Province, particolarmente in
Principato e Basilicata, riempivano gli animi non meno d'orrore, che le
città e Terre di danni e ruine: le contagioni, le gravi malattie, ed in
fine tutti i Divini flagelli pioverono sopra il Regno in tempo del suo
governo, a' quali però egli colla sua prudenza e pietà diede opportuno
e saggio riparo.

Ebbe ancora a combattere non meno col fato, che colla perversità degli
uomini; oltre de' Turchi, che nel suo governo più spesso che mai,
invasero per ciascun lato il Regno, arrischiandosi sino a depredare nel
Borgo di Chiaja e rendere schiavi i Napoletani istessi; oltre alquanti
miscredenti, che imbevuti della nuova dottrina di Calvino, turbarono lo
Stato, del che, come si disse nel precedente libro, ne prese egli aspra
vendetta: gli fecero ancora guerra nel 1563 molti fuorusciti, li quali
unitisi a truppe, avendo fatto lor Capo un Cosentino, chiamato Marco
Berardi, infestavano la Calabria. Questo successo fece tanto rumore in
Europa, che il Presidente Tuano lo stimò degno di riportarlo nelle sue
dette Istorie[166]. Ei narra, che l'audacia di costui crebbe tanto, che
fattosi chiamare _Re Marcone_, si usurpò tra' suoi le Regie insegne, e
la regal potestà, ed avea già raccolto un competente esercito, con cui
depredando i Paesi contorni, di ladrocinj, di prede alimentava le sue
genti. Tentò anche di sorprendere Cotrone; ma ebbe infelice successo.
Il Duca d'Alcalà vedendo, che i soliti rimedj contra tanta moltitudine
niente valevano, diede il pensiero a Fabrizio Pignatelli Marchese di
Cerchiara Preside di quella Provincia, che con seicento cavalli loro
andasse sopra per estirparli; e bisognò valersi di milizie regolate
per combatterli; nè ciò bastando ad intieramente disfarli, fu duopo
con stratagemmi e pian piano andarli estinguendo, siccome felicemente
gli avvenne: nel che vi conferì anche l'opera del Pontefice Pio IV,
il quale ordinò, che inseguiti, se mai ponessero piede nello Stato
Ecclesiastico fossero presi e dati in potere de' Ministri regj.

Ma nemici, quanto più perniziosi alla potestà del suo Re, altrettanto
cauti ed accorti, ebbe egli a debellare in tempi molto difficili
e scabrosi. Ebbe egli a combattere con gli Ecclesiastici e con li
Ministri della Corte Romana, i quali con istravagantissime pretensioni
tentavano far delle perniziose intraprese sopra la potestà temporale
del Re, ed offendere in mille modi le sue più alte e supreme regalie,
per l'opportunità, che in più capitoli saremo ora a narrare.


§. I. _Contese insorte intorno all'accettazione del Concilio di Trento
nel Regno di Napoli._

Dappoichè sotto il Pontificato di _Pio IV_ ebbe compimento il cotanto
famoso Concilio di Trento, che per tanti anni, ora differito, ora
sollecitato, secondo i varj fini della Corte di Roma e de' Principi,
finalmente con gran sollecitudine e prestezza di quella Corte fu
terminato a decembre dell'anno 1563, i Principi, contra ogni loro
aspettazione, s'avvidero, che avea quello sortito forma e compimento
tutto contrario a que' disegni, onde furono mossi a proccurarlo; poichè
quando credevano, che intorno alla _Disciplina_ si dovesse dar riforma
all'Ordine Ecclesiastico, e moderare la tanta potenza della Corte di
Roma, e restringere l'autorità degli Ecclesiastici, allargata fuori
de' confini della potestà spirituale, in diminuzione della temporale,
videro, che la deformazione (secondo i disegni di Roma, ed il modo
concertato intorno all'esecuzione de' decreti della riforma) dovea
essere molto maggiore, siccome l'evento il dimostrò; e si cominciò
a vedere sotto il Pontificato istesso di Pio IV, il quale, siccome
narra il Presidente Tuano[167], appena terminato il Concilio, nel
seguente anno 1564, contra i decreti di quello, per gratificare ad
Annibale Altemps ed a Marco Sittico Cardinale dispensando a quelli,
avea rivolti tutti i suoi pensieri a raccorre denari; e più chiaramente
si conobbe poi sotto gli altri Pontefici suoi successori; videro che
la loro potenza si era in pregiudizio de' Principi troppo più ben
radicata e stabilita. Per la qual cosa tutti invigilando acciocchè
non ne ricevessero danno; quando si trattò di ricevere ne' loro
dominj i decreti del Concilio attinenti, non già alla _Dottrina_, ma
alla _Disciplina_, insorsero tra' Regni Cattolici nuove difficoltà e
contese.

In Germania i decreti della _Riforma_ appresso i Cattolici non vennero
in considerazione alcuna; anzi l'Imperadore, il Duca di Baviera e gli
altri Principi Cattolici dimandarono l'uso del calice per li Laici, e
che fosse permesso l'ammogliarsi a Sacerdoti[168].

In Francia s'impedì la pubblicazione del Concilio, ed il Re si scusava
col Papa, che secondo lo stato, nel quale allora si trovava la Francia,
era la pubblicazione molto pericolosa[169]. In fine la _Dottrina_
del Concilio vi fu ricevuta per essere l'antica dottrina della Chiesa
Gallicana, ma i decreti sopra la _Disciplina_, quelli che non erano
di diritto comune, furono rigettati dall'autorità del Re e dal Clero,
ancorchè fossero state grandi l'istanze di Roma per farli ricevere e
pubblicare[170]; ed appena i decreti del Concilio furono dati alle
stampe, che tosto il Parlamento di Parigi si vide tutto inteso ad
esaminar quelli riguardanti la _Disciplina_, notandone moltissimi,
particolarmente quelli stabiliti nelle due ultime Sessioni tenute con
tanta fretta, pregiudizialissimi, non meno alla pubblica utilità, che
alla potestà del Re, ed alle supreme sue regalie[171]. Notarono avere
il Concilio stabilita l'immunità Ecclesiastica, secondo le Decretali
di Bonifacio VIII, per interessare i Prelati di Francia ad usare tutti
i loro sforzi, come gli usarono, per essere il Concilio ricevuto; ma
essendosi il Parlamento sempre vigorosamente opposto, riusciron loro
vani, ed inutili[172]. Notarono essere stata allargata fuori de' suoi
termini l'autorità Ecclesiastica, con diminuzione della temporale, in
dando a Vescovi potestà di procedere a pene pecuniarie, ed a presure
di corpo contra i Laici: essersi posta mano sopra i Re ed Imperadori,
ed altri Principi sovrani, sottoponendoli a pena di scomunica, se
permettessero ne' loro Dominj il duello. Lo scomunicar ancora i Re e i
Principi sovrani, lo stimavano intollerabile, avendo essi per massima
costante in Francia, che il Re non possa essere scomunicato, nè gli
Ufficiali Regj, per quel che tocca all'esecuzione del lor carico. Che
il privar i Principi de' loro Stati e gli altri Signori de' Feudi, ed
a Privati confiscare i beni, erano tutte usurpazioni dell'autorità
temporale, non estendendosi l'autorità data da Cristo alla Chiesa a
cose di questa natura. Essersi fatto gran torto non meno a' Principi,
che a' privati intorno alla disciplina de _jus patronati_ de' secolari:
non approvavano in modo alcuno, che fosse concesso ai Mendicanti il
posseder beni stabili: di obbligare i Parrocchiani, con imposizioni
di collette, primizie o decime a sovvenire i Vescovi e Curati, de'
proprj beni nell'erezione di nuove Parrocchie. In breve tutto ciò, che
concerne la nuova disciplina, toltone ciò che era di diritto comune,
non fu ricevuto, ed apertamente rifiutato. Con gran contenzione per
ciò fu dibattuta in Francia la pubblicazione di questo Concilio, per la
quale da Roma si facevano premurose istanze; e se bene, essendo stata
sempre tenuta lontana, finalmente nell'anno 1614 nel Regno di Luigi
XIII non pur l'Ordine Ecclesiastico, ma la Nobiltà la richiedesse;
nulladimeno essendosi vigorosamente a ciò opposto il terzo Stato, e
l'ordine della plebe, non ebbero l'istanze fattene verun effetto[173].
Uscirono in Francia in detto anno 1614 più scritture sopra ciò, fra
l'altre una, che portava questo titolo; _Sylloge complurium articulorum
Concilii Tridentini, qui juri Regum Galliae libertati Ecclesiae
Gallicanae, privilegiis, et immunitatibus Capitulorum, Monasteriorum,
et Collegiorum repugnant_.

In Ispagna il Re Filippo II intese con dispiacere essersi con tanto
precipitamento terminato il Concilio, ed in quelle due ultime Sessioni
essersi stabilite molte cose in diminuzione della potestà temporale
de' Principi[174], ma colla solita desterità spagnuola, adattandosi
a' tempi, ei mostrava in apparenza tutta la soddisfazione d'essersi
il Concilio compito, e di volerlo far tosto pubblicare ed accettare
in Ispagna ed in tutti i Regni della sua Monarchia; ed essendo stato
informato da' suoi Ministri, che ne' decreti di _Riforma_ vi erano
molte cose pregiudizialissime alla sua potestà, al costume de' suoi
Regni, ed alla pubblica utilità dei suoi popoli, deliberò, con molta
riserba e cautela di congregare innanzi a se li Vescovi, ed Agenti
del Clero di Spagna, per trovar modo, come quelli doveano eseguirsi,
e con qual temperamento; onde non solamente tutto quel, che si fece
in Ispagna nel ricevere ed eseguire li decreti del Concilio, in
questo nuovo anno 1564, fu per ordine e deliberazione presa nel Regio
Consiglio; ma alli Sinodi che tennero i Vescovi di Spagna in Toledo,
in Saragozza, ed in Valenza (poichè terminato il Concilio in Trento,
quasi tutti i Metropolitani d'Europa cominciarono, ed ebbero a gloria
il tener anch'essi de' Concilj, adattando per lo più i loro regolamenti
e decreti a quelli del Tridentino) il Re per dubbio non si fossero
in quelle Ragunanze con tal occasione pregiudicate le sue preminenze
e regalie, mandava anche suoi Presidenti ad intervenirvi; facendo
proporre ciò, che compliva per le sue cose, ed impedire i pregiudizj.

In Fiandra il Re Filippo, usando di queste medesime arti, scrisse in
quest'anno 1564 a Margherita di Parma allora Governatrice, alla quale
solamente spiegò, che i suoi desiderj erano, che il Concilio di Trento
fosse pubblicato e ricevuto in tutti i suoi Stati; ma Margherita,
prevedendo, che per li tumulti, che allora eran cominciati ad eccitarsi
in Fiandra, la pubblicazione e recezione di quello avrebbe potuto
portare disordini e difficoltà, fece consultare questo punto, non
meno a' Vescovi dello Stato, che a' Consiglj, ed a' Magistrati Regj,
i quali notando ne' Decreti della _Riforma_ molte cose pregiudiziali
alle prerogative e diritti non meno del Re, che de' suoi Vassalli,
e contrarie agli antichi costumi, privilegi e consuetudini di
quelle province, onde avrebbero potuto, pubblicandosi, cagionare in
quelle notabile perturbazione e gran pericolo di popolari tumulti:
consultarono alla Governatrice, che la loro pubblicazione non dovea
permettersi, se non con espressa modificazione e protesta a ciascuno
degli Articoli già notati, che non si dovesse apportare per detta
pubblicazione alcun pregiudizio alle suddette ragioni, privilegi
e consuetudini, ma che quelle rimanessero sempre salve, illese ed
intatte. Il Re Filippo informato di tutto ciò da Margherita, ordinò
alla medesima, che nelle province di Fiandra si pubblicasse e ricevesse
il Concilio, ma l'avvertì nel medesimo tempo, che la pubblicazione
si permettesse con quelle clausole e modificazioni, che il Consiglio
Regio avea notate, e così dalla Governatrice fu eseguito; la quale,
a' 12 luglio del 1565, permise a' Vescovi la pubblicazione, con
inserirvi espressamente la clausola, che la mente del Re era, che
per detta promulgazione niente si mutasse, nè cos'alcuna s'innovasse
circa le sue regalie e privilegi, così suoi, come de' suoi vassalli,
e spezialmente intorno alla sua giurisdizione, ai padronati laicali,
ragioni di nominazioni, d'amministrazione d'Ospedali, cognizion di
cause, beneficj, decime, e di tutto ciò che negli Articoli notati si
conteneva. Furono parimente date, a' 24 luglio del medesimo anno,
lettere della Governatrice dirette a' Senati, e Magistrati Regj,
contenenti l'istessa clausola[175]; onde gli Scrittori[176] di que'
Paesi, avendo fatto un Catalogo (con osservare l'ordine istesso
delle Sessioni e dei Capitoli del Concilio) di tutti quegli Articoli
notati pregiudiziali, come fece Antonio Anselmo nel suo _Triboniano
Belgico_,[177], ammonirono, che il Concilio di Trento, in quanto a'
suddetti punti, non era stato in quelle Province ricevuto.

Queste erano le arti e le cautele praticate dal Re Filippo e da'
suoi cauti Consiglieri spagnuoli; si proccurava in apparenza tener
soddisfatto il Pontefice, con inorpellare e destreggiare, come si
poteva meglio lusingarlo, mostrando tutta la riverenza e rispetto
alla sua Sede, ed alla sua persona, ma nell'interno non si volevano
pregiudicar le loro regalie. All'incontro i Franzesi alla scoverta
rifiutarono que' Canoni, non vollero accettarli, ed a' mali nascenti
accorrevano tosto col ferro e col fuoco per estirparli. Quindi è, che
saviamente disse quell'insigne Arcivescovo di Parigi Pietro di Marca,
che queste piaghe gli Spagnuoli proccuravano sanarle con unguenti e
con impiastri, ma i Franzesi con ferro e con fuoco: medicamenti assai
più efficaci, e propri per la total estirpazione del male, essendosi
veduto con isperienza tanto in Ispagna quanto nel nostro Regno di
Napoli, ch'essendosi secondo queste massime degli Spagnuoli voluto
accorrere a medicare le continue piaghe e ferite, che riceve la regal
giurisdizione, con tali impiastri ed unguenti, le controversie, se per
qualche tempo rimanevan sopite, non eran però estinte; anzi essendo
gli Ecclesiastici sempre accorti e vigilanti, le facevano risorgere
in tempi per essi più opportuni, ne' quali sovente ci mancava, non
pur il ferro ed il fuoco, ma anche l'impiastro; onde quasi sempre
facevano delle scappate sopra la potestà temporale de' nostri Principi.
Quindi è, che Giovanni Bodino[178] chiamava i Re di Spagna, _Servi
obsequentissimi de' Romani Pontefici_.

Così appunto avvenne a noi intorno a questo soggetto del Concilio:
poichè per avere voluto usar questi modi, venneci posto in controversia
ciò, che in Francia ed in altri paesi era fuor di dubbio.

Il Re Filippo dunque per mostrar in apparenza, come si è detto,
la subordinazione al Papa, di voler far valere i decreti di quel
Concilio in tutti i suoi Regni, pubblicati che quelli furono in un
volume stampato, mandò in Napoli un ordine generale, colla data
de' 27 luglio di quest'anno 1564, diretto al nostro Vicerè Duca
d'Alcalà, nel quale gli diceva, che avendo egli accettati li Decreti
del Concilio, che il Papa gli avea mandati, voleva, che nel Regno di
Napoli si pubblicassero, osservassero ed eseguissero. Ma nell'istesso
tempo mandò sua lettera a parte al suddetto Vicerè scritta sotto lo
stessa data, significandogli, che avea per sua carta ordinato, che
s'osservassero, ed eseguissero i Decreti del Concilio Tridentino nel
Regno di Napoli, come in tutti gli altri suoi Regni e Stati; con tutto
ciò non voleva per questo, che punto si derogasse a quel che toccava
alla sua preminenza ed autorità regale, nè alle cose che gli possano
apportar pregiudizio ne' _Juspatronati Regii_, nell'_Exequatur Regium_
delle Bolle, che vengono da Roma, ed in tutte le altre sue ragioni,
e regalie; che per ciò gli comandava, che stesse ben avvertito di non
far fare novità alcuna, imponendogli di mandar nota di tutte le cose,
che noteranno in detti Decreti pregiudiziali alle sue preminenze ed
autorità regale. Avvertendolo ancora, di non far saper niente a Roma,
che tenga questo suo ordine; ma che simuli il contrario, dicendo aver
ricevuto ordine di far osservare detti Decreti[179].

Il Duca d'Alcalà in esecuzione di questi ordini regali, dando a
sentire in pubblico avergli il Re ordinato l'osservanza del Concilio,
diede all'incontro incombenza segreta al _Reggente Francesco Antonio
Villino_, che gli facesse nota di tutti i capi, ch'erano nel Concilio
pregiudiziali alla giurisdizione, per doverla mandare al Re. Il
Reggente Villano ubbidì prontamente e fecene relazione; ma avendone
da poi scoverti altri, fece la seconda, nelle quali notò molti capi
pregiudiziali alla potestà temporale di Sua Maestà, e moltissimi altri,
che toccando i laici, offendevano la sua regal giurisdizione[180].
Però l'opera del Reggente Villano non fu così esatta, che alcuni non
fuggissero la presa della sua mano, e non restasse ad altri anche parte
per rispigolare. Noi in questa Istoria per quanto concerne il nostro
instituto, noteremo i capi più importanti, e da non tollerarsi senza
un gravissimo torto e grande offesa delle supreme regalie de' nostri
Principi.

Intollerabile è quello, che si legge in molti Decreti, per vedersi
allargate fuori de' termini d'una potestà spirituale la facoltà data a'
Vescovi di procedere contra a' Laici a pene pecuniarie ed a prese di
corpo. Nella _sessione quarta_[181], agl'Impressori delle Scritture,
o d'altri sì fatti sagri libri, che senza licenza dell'Ordinario, o
senza nome degli autori gl'imprimono, oltre la scomunica, s'impone
pena pecuniaria, a tenor del Canone dell'ultimo Concilio Lateranense,
celebrato sotto Lione X. Si dà parimente nella sess. 25[182] a' Vescovi
(affinchè non diano subito di piglio alle scomuniche) potestà di
valersi della medesima pena e di multe pecuniarie, col costringimento
ancora delle persone de' rei, indifferentemente a' Cherici ed a' Laici
o per propri, o per alieni esecutori; come se volendo imprigionare i
Laici, non manchi loro la potestà di farlo, ma sovente quando non possa
riuscir ad essi co' propri esecutori, manchi loro il bargello e perciò
debbano ricorrere a' Magistrati per la esecuzione e ministero della
cattura. Parimente nella Sess. 24[183] alla concubina, che passato
l'anno, durando nella scomunica, non lascia il concubinato, si vuole,
che i Vescovi possano sfrattarla dalla Terra o Diocesi e solamente, se
sarà di bisogno, possano invocar il braccio secolare, poichè se loro
verrà in acconcio di farlo coll'opera de' propri esecutori, bene starà;
in caso contrario si valeranno, per l'esecuzione dello sfratto, del
ministero secolare, ciò ch'è di maggior offesa e disprezzo.

Quando fra' PP. del Concilio si cominciarono a sentire queste pene,
alcuni non poterono non ascoltarle senza scandalo e fra gli altri il
Vescovo d'Astorga e l'Arcivescovo di Palermo spagnuoli fortemente si
opposero, dicendo, che il Signor Nostro a' suoi Ministri non avea
data altra autorità, se non la pura e mera spirituale, che perciò
non potevan essi imporre a' Laici multe di denaro, onde la pena dovea
essere meramente spirituale, come di scomunica; ma narra il Cardinal
Pallavicino[184], che questi Prelati furon fortemente ripigliati dal
Vescovo di Bitonto italiano, dicendo loro che la maggior parte de'
Deputati era di opposto parere: _riconoscendo_ (come sono le parole
del Cardinale) _nella Chiesa tutta quella potestà, che ricercasse il
buon reggimento del Cristianesimo e dicendo, che l'esperienza insegna,
essere le pene temporali più efficaci delle spirituali ad impedire
i delitti esteriori, perciocchè la pena è introdotta per freno de'
malvagi, là dove a ritrarre i buoni, basterebbe, che l'opera fosse
illecita, quantunque impunita, ed i malvagi sono malvagi, perchè
antipongono li beni del corpo a que' dello spirito._ In questa maniera,
_riconoscendo gli Ecclesiastici nella Chiesa tutta quella potestà,
che ricercasse il buon reggimento del Cristianesimo_, potrà ella,
per conseguire questo _buon reggimento_, valersi di tutti i mezzi che
possono a quello conducere; e perchè vede che a conseguir tal fine sono
più efficaci le pene temporali che le spirituali, può, tralasciando
queste, dar di piglio a quelle; onde, se stimerà forse più efficaci
mezzi gli esilj e la confiscazion de' beni, che non sono gli _sfratti_
e le _multe_ pecuniarie, avrà tutta la potestà di farlo, sempre che
venga indirizzato al fine _del buon reggimento del Cristianesimo_. E se
pure queste non bastassero, potrebbesi venire ancora alle relegazioni,
alle condannagioni di galea, alle mutilazioni di membra, agli ultimi
supplicj, a' talami, ed alle forche, perchè sempre che condurranno a
quel _buon reggimento_, tutto si può, e tutto lece. Chi mai udì cose
sì portentose e stupende! Questo istesso Scrittore, siccome ad altro
proposito fu da noi ponderato, aggiunge altrove[185] un'altra ragione,
perchè possono gli Ecclesiastici imporre queste pene pecuniarie; poichè
altrimente sarebbe _l'istesso, che allentar la disciplina; poichè e'
dice, la pecunia è ogni cosa virtualmente. Così la pena pecuniaria
è dall'umana imperfezione la più prezzata di quante ne dà il Foro
puramente Ecclesiastico; il quale non potendo, come il secolare,
porre alla dissoluzione il freno di ferro, convien che gliel ponga
di argento._ Accortisi per tanto i savj Principi di così perniciose
massime, non permisero, che allignassero negli loro Stati: onde presso
di noi vi fu dato riparo, nè mai il Duca d'Alcalà fece valere nel
Regno questi Decreti, siccome fecero, come diremo più innanzi, i suoi
successori.

Si notarono ancora negli altri Decreti di quel Concilio altri capi di
non minor pregiudicio. Nella sess. 5,[186] sotto un grand'inviluppo
di parole si parla di doversi esaminare ed approvare da' Vescovi i
Maestri di Grammatica ed i Lettori di Teologia, comprendendovi anche
le pubbliche Scuole e le Università degli Studj, i cui Lettori, o
l'Università istessa, o il Principe gli fornisce di potestà bastante,
per potere ivi insegnare qualunque facoltà sagra o profana, che si
fosse, senza esame ed approvazione alcuna de' Vescovi. Da ciò nacque
presso noi la baldanza d'alcuni Vescovi, i quali ne' loro Sinodi
per lo più raccolti col medesimo spirito del Tridentino, avanzandosi
sempre più, stabilirono, che i Maestri di Grammatica e tutti gli altri
Professori di scienze, non potessero sotto pena di scomunica, nè in
pubblico, nè in privato, insegnare senza lor licenza ed approvazione,
onde al Tribunal della giurisdizione ha bisognato reprimere tal abuso
non senza contrasti e litigj.

Nella _sessione_ 21 e nella _sess_. 24[187] si prescrive, che riputando
il Vescovo di far nuove Parrocchie, non bastando l'entrate, e' frutti
della Matrice Chiesa, possa costringere il Popolo con imposizioni di
decime, di collette, o in altra guisa che stimerà, a somministrare ciò
che bisogna, per sostentamento de' Sacerdoti e Cherici, che stimerà.
Parimente, se i frutti delle Chiese Parrocchiali non bastassero alla
sustentazione de' Parrochi, e de' Preti, possa il Vescovo, quando per
l'unione de' beneficj non si possa arrivare, costringere i Parrocchiani
con collette, primizie, o decime a supplire il bisogno. Questi decreti
in Francia, siccome nel nostro Regno, nè meno furono ricevuti, come
pregiudizialissimi alla potestà de' Principi, presumendosi di poter
metter pesi a' Popoli, e collette; in tempo, che il Clero ha acquistato
tanto, che molto poco resta a' secolari, e bene i nuovi Parrochi e
poveri, potranno esser sovvenuti da' ricchi; e la Chiesa abbonda ora
cotanto di rendite, che bastano a sostenere non pur il bisogno, ma il
fasto e 'l lusso.

Nella sess. 22[188] si notarono più cose da non doversi accettare. Nel
_cap_. 8 si sottopongono alla visita de' Vescovi tutti gli Ospedali
e Confraterie de' Laici; tutti i Monti e Luoghi pii da' Secolari
eretti, per essere di pietà, e da essi amministrati, eccettuandone
solamente quelli, che sono sotto l'immediata protezione Regia, in
maniera che non ostante, che questi siano meri Corpi Secolari, abbiano
della loro amministrazione a dar conto a' Vescovi, non ostante ancora
qualunque consuetudine, anche immemorabile, qualunque privilegio e
qualunque statuto in contrario, e nel _cap_. 9 et 10 _de Reformat.
sess_. 24, parimente tutte le Chiese de' Secolari si sottopongono alle
visite dei Vescovi. Nel _cap_. 9 s'impone anche agli Amministratori
Laici destinati per le fabbriche di qualsivoglia Chiesa, Ospedale e
Confrateria, di dover dar conto ogni anno all'Ordinario. Nel _cap_. 10
si sottopongono i Notari Regj all'esame de' Vescovi, e di poter essere
da quelli sospesi dall'esercizio del loro ufficio, o perpetuamente,
o a certo tempo, _etiam si Imperiali, aut Regia authoritate creati
fuerint_. Nel _cap. 11_ si mette mano sopra i Laici, e sopra coloro che
hanno _jus patronati_, con impor loro pena di privazione di quelli, se
s'abuseranno delle rendite, frutti, ragioni e giurisdizioni delle loro
Chiese, ancor che fossero Laici.

Nella sess. 23 al _cap_. 6[189] si dà il privilegio del Foro a'
Chierici di prima tonsura, ed a' conjugati a lor talento, essendo
le circostanze a lor arbitrio prescritte, come se niente a' Principi
appartenesse il vedere, quando possano esimere dalla loro giurisdizione
i loro sudditi, e quali requisiti debbano avere: siccome anche
fassi nel _cap_. 17. E nel _cap_. 18 si toccano anche i beni de'
Corpi Secolari per supplire a' bisogni de' Seminarj, che si vogliano
istituire, e nuovamente fondare. Parimente nella _sess_. 24 al _cap_.
11[190] si toccano i Cappellani Regj intorno a' loro privilegi,
ed esenzioni dagli Ordinari: e nella ultima sessione con molta
precipitanza, e con troppa fretta tenuta, si notano pregiudizi assai
più spessi e gravi. Ne trasceglieremo alcuni.

Nella _sess_. 25 al cap. 3[191] si proibisce a qualunque Magistrato
Secolare di poter impedire, o far ritrattare al Giudice Ecclesiastico
le scomuniche, che avesse fulminate, o fosse per fulminare; contra
l'inveterato costume, non men del nostro Regno, che degli altri Reami,
dove, quando le censure sono nulle, o ingiuste o emanate contra
il prescritto de' Canoni, s'usano contra i Giudici Ecclesiastici
rimedj economici, o con farli desistere dall'emanarle, ovvero
far loro rivocare l'emanate. Nel _cap_. 8 si toccano gli Ospedali
amministrati da' Laici, dandosi a' Vescovi potestà di commutar la
volontà degl'institutori, le loro entrate applicarle ad altri usi,
punire i Governadori con privarli dell'amministrazione e del governo,
e sustituire altri. Nel _cap_. 9 si dispone con libertà de' padronali
de' Laici, dandosi norma intorno agli acquisti, prescrizioni, e loro
suppressioni. Nel _cap_. 19 agli Imperadori, Re, Principi, Marchesi,
Conti, ed a qualunque altro Signore temporale, che permettessero ne'
loro Dominj il duello, oltre la scomunica, si vuole, che s'intendano
anche privati de' loro Stati, e se gli tenessero in feudo, che subito
ricadano a' loro diretti Padroni: a' privati, che vengono alla tenzone,
ed a' loro padrini, oltre alla scomunica, parimente s'impone pena di
confiscazione di tutte le loro robe, di perpetua infamia, e d'esser
puniti come micidiali. Usurpazioni tutte dell'autorità temporale; non
estendendosi, come s'è detto, l'autorità data da Cristo alla Chiesa a
cose di questa natura.

Riconosciuti pertanto ne' Decreti di riforma questi ed altri consimili
capi pregiudiziali alla potestà del Principe e sue supreme regalie,
'e fattene due relazioni dal Reggente Villano, e quelle consegnate al
Vicerè, costui le trasmise in Ispagna al Re Filippo, il quale fattele
attentamente esaminare, ed accertatosi de' pregiudicj che contenevano,
scrisse altra lettera al Duca Vicerè, sotto li 3 luglio del 1566, colla
quale dicendogli, che non fu intenzione del Concilio di pregiudicare
in maniera alcuna a Sua Maestà, ed alle sue Regali preminenze, secondo
se n'era accertato in Ispagna da alcuni Prelati, che intervennero in
quel Concilio, gl'incaricava, che non facesse far novità alcuna in
pregiudizio della sua autorità Regale, in tutti que' capi accennatigli.

Il Duca d'Alcalà pertanto, ancorchè facesse correre il volume de'
Decreti del Concilio dato alle stampe per tutto il Regno, nè si
fosse apertamente opposto alla divolgazione del medesimo; nulladimeno
essendogli stato richiesto sopra il medesimo l'_Exequatur Regium_,
così egli come il Collaterale non vollero concederlo; ed affinchè i
Vescovi del Regno, avendo accettato il Concilio, eseguendo insieme
con gli altri que' decreti notati, non portassero pregiudizio alla
giurisdizione del Re, il Vicerè diede ordine a' Presidi, ed agli altri
Ufficiali del Regno, che non facessero far novità alcuna, ma di quanto
i Vescovi attentavano, ne facessero a lui relazione.

In effetto, avendo voluto il Vescovo di Tricarico, col pretesto del
Concilio, per quel che dispone nel _cap. 4 de Reform. sess_. 21 e
nel _cap_. 13 _de Reform. sess_. 24 di sopra notati, imporre alcuni
pagamenti nella sua Diocesi, da esigersi dalle persone laiche contra il
consueto, e contra il debito della ragione e del solito, con imporre
altre decime, ed i Cittadini della Terra della Salandra repugnando di
pagare, gli scomunicò, e pose Interdetti in detta Terra; per la qual
cosa il Vicerè scrisse a' 30 novembre del 1564, una risentita lettera
oratoria al detto Vescovo, imponendogli, che non esigesse in conto
veruno da' laici, per qualsivoglia causa, più pagamenti di quelli, che
quei Cittadini erano stati soliti, e che per lo passato si era esatto;
e pretendendo alcuna cosa in contrario, debba ricorrere da esso Vicerè,
che se gli sarebbe ministrato compimento di giustizia, non essendo
giusto, che faccia a suo modo; che intanto rivochi li mandati fatti,
e levi l'Interdetto, ed abolisca le Scomuniche, altrimente provederà,
come conviene.

Così ancora, avendo preteso l'Arcivescovo di Capaccio esigere da'
Cittadini laici della Polla alcune decime più del solito, scrisse il
Vicerè una ben grave lettera al medesimo sotto li 10 agosto del 1565,
colla quale l'esortava a non esigere, nè farl'esigere in modo alcuno,
non essendo giusto, che si faccia la giustizia a suo modo, e colle sue
mani; e pretendendo cos'alcuna in contrario, abbia ricorso dal Vicerè,
che gli sarà ministrato compimento di giustizia. Quest'istesso poi
imitarono il Conte di Miranda e gli altri Vicerè suoi successori[192].

Parimente pretendendo i Vescovi del Regno, non pur come caso misto, ma
in vigor del riferito _cap_. 8 _de Reform. Matrim. sess_ 24 procedere
contra i Concubinarj a pene temporali, di sfratti e di carcerazioni,
vigorosamente si oppose loro il Vicerè; ed avendo voluto il Vescovo di
Gravina carcerare un Concubinario, scrisse a' 21 giugno del 1567, una
lettera Regia al Dottor Troilo de Trojanis Commessario in Gravina, che
proccurasse tosto farlo rimettere al Giudice laico suo competente. Ed
all'Arcivescovo di Cosenza, che pretendeva parimente carcerare i laici
per cagion di concubinato, e che per ciò dal Magistrato secolare se
gli fosse prestato ogni ajuto ed assistenza, fu resistito con vigore;
scrivendo il Vicerè prima all'Uditore Staivano, a' 13 novembre del
1568, e poi a' 17 aprile del seguente anno 1569, al Conte di Sarno
Governador di Calabria, che non volendo l'Arcivescovo restituire un
carcerato per questa causa, facesse rompere ed aprire le carceri, e
portasse il carcerato nelle carceri della Regia Audienza, insinuandogli
che gli Ordinarj non potevano procedere ad altro contra i medesimi,
che solo a scomunicarli. Così ancora il Vicario di Bojano (avanzandosi
sempre più la audacia degli Ecclesiastici) avendo avuto ardimento di
condannare a cinque anni di galea un laico, per causa di concubinato,
scrisse il Vicerè, a' 10 luglio del 1569, una risentita lettera
al Governadore di Capitanata, incaricandogli, che subito mandasse
a pigliare detto condannato, e lo facesse condurre nelle carceri
dell'Udienza.

Ma scorgendo questo savio Ministro, che gli abusi intorno a ciò
multiplicavano in tutte le province del Regno, dove i Vescovi senza
freno carceravano e punivano con pene temporali i Concubinarj, onde
bisognava contra tanti un rimedio forte, ne diede a' 15 luglio del
detto anno avviso al Re Filippo in Ispagna, cui informando di questi
eccessi de' Prelati, chiese, che dovesse far per estirpargli. Il Re
gli rispose che dovesse procedere con vigore e fortezza, siccome si
praticava ne' Regni di Spagna, che s'ammonissero prima i Vescovi una,
due, o tre volte, ch'essi a' Concubinarj non potevan far altro, che
scomunicarli, che quando questo non giovasse, procedesse contra di
loro a cacciarli via dal Regno, ed occupar loro le temporalità, con
sequestrar anche i frutti delle loro Chiese. Il Duca d'Alcalà avuto
ch'ebbe dal Re questa norma, scrisse subito una lettera Regia a tutti i
Governatori delle Province, a tutti i Capitani delle città demaniali e
de' Baroni del Regno, a' quali facendo noto l'ordine del Re, comandava,
che sempre, che i Prelati del Regno contra i laici, per levargli dal
peccato, volessero procedere per via di censure ecclesiastiche non
gl'impedissero, anzi gli dessero ogni ajuto e favore; ma resistesser
loro, quando oltracciò volessero procedere contra a' medesimi con pene
temporali[193]. Ciò che fu poi da' suoi successori mantenuto, onde nel
Regno fu loro sopra ciò, quando volessero trapassare i confini delle
censure, fatta sempre resistenza.

Il medesimo riparo fu fatto sempre a' Vescovi, quando in vigor de'
riferiti capi del Concilio volevano visitar l'Estaurite, le Confraterie
de' laici, ed altri luoghi pii governati da' laici, con esiger da essi
i conti. Il Duca d'Alcalà, durante il suo governo, non permise mai,
che questi luoghi fossero dagli Ordinarj visitati; ond'è che fra gli
altri capi dati in nota dal Papa al Cardinal Giustiniano Legato di Sua
Santità al Re Filippo, era questo, che il Vicerè impediva a Prelati
di visitare le Chiese governate da' Laici e vedere i conti della loro
amministrazione[194].

Non meno per questi che per tutti gli altri capi riferiti di sopra, non
fece il Duca d'Alcalà valere nel Regno il Concilio. I Vescovi stupivano
come, non ostante essersi il Concilio divolgato per tutto il Regno, ed
essersi impressi più esemplari, che andavano intorno per le mani d'ogni
uno, s'impediva poi loro l'esecuzione; n'empivano per ciò di querele il
Mondo e Roma, e sollecitavano il Pontefice Pio V, ch'era tutto inteso a
far osservare esattamente i Decreti del Concilio, a darvi rimedio; onde
da ciò e dagli altri impedimenti, che si davano a' Vescovi per altre
occorrenze, che noteremo appresso, furono dal Papa spediti al Re due
Legati, il Cardinal Giustiniano, ed il Cardinale Alessandrino, della
cui Legazione parleremo più innanzi.



CAPITOLO IV.

_Contese insorte intorno all'accettazione della Bolla in COENA DOMINI
di PIO V._


Il Pontefice Pio IV non visse gran tempo dopo la fine del Concilio,
essendo morto il dì 9 di decembre dell'anno 1565. Fu in suo luogo
fatto Papa a' 7 gennajo del nuovo anno 1566 il Cardinal Michele
Ghisilieri soprannominato _Alessandrino_, perch'era nato l'anno 1504,
nel villaggio di Bosco vicino ad _Alessandria_[195]. Fu egli Monaco
dell'Ordine di S. Domenico, e fu creato Commessario del S. Ufficio, col
favore del Cardinal Caraffa, di cui era amicissimo e molto famigliare,
il quale essendo fatto Papa, per aver il Ghisilieri con gran severità
ed audacia esercitata quella carica, lo nominò Cardinale nel 1557.
Costui essendo giunto al Pontificato, prese il nome di _Pio V_, e,
nutrito colle massime di Paolo IV, fu terribile contra i Settari, ed in
Roma, ne' primi anni del suo Pontificato, fece ardere Giulio Zoanneto
e Pietro Carnesecco, sol perchè s'era scoverto, che questi tenevan
amicizia e corrispondenza co' Settarj in Germania; ed in Italia con
Vittoria Colonna e Giulia Gonzaga sospette d'eresia. Questo medesimo
infelicissimo fine ebbe per lui l'eruditissimo Aonio Paleario, il quale
intesa la sua condanna disse: _Inquisitionem esse sicam districtam
in Literatos_[196]. Avea Pio V del Pontificato concetti troppo alti,
ed all'incontro dell'Imperio troppo bassi, e sopra i Principi, non
meno di quello che ne pretese Paolo IV, era persuaso poter far valere
l'autorità della S. Sede, più di quello, che comportava una Potenza
spirituale. Credeva sopra coloro poter tutto, e di dovere caricar la
sua coscienza, se trascurava di farlo; perciò quel che operava, non era
per lui indirizzato ad altro fine, che ad un puro zelo di religione
e di disciplina; onde per questa severità di costumi, e per aver
somministrate grosse somme nella guerra contra i Turchi, s'acquistò
riputazione di santità, e l'abbiam veduto a' dì nostri essere stato
canonizzato per Santo dal Pontefice Clemente XI[197].

Non bastandogli d'essersi fortemente impegnato a far osservare
esattamente i Decreti del Concilio, per maggiormente stabilire nel
Pontificato la Monarchia, opera che incominciossi dalle Decretati
d'Innoncenzio III e IV, di Gregorio IX, di Bonifacio VIII e degli
altri Pontefici suoi predecessori, diede fuori (appena passato il
primo anno del suo Pontificato) quella cotanto famosa e rinomata
_Bolla_, che ogni anno vien pubblicata in Roma nel Giovedì Santo _in
Coena Domini_, donde prese il nome. La pubblicò egli nell'anno 1567.
Poi nell'anno seguente ne pubblicò un'altra, dove s'aggiunsero più
cose, e rendettela vie più fulminante[198]. Comandò, che tutto il
Mondo Cristiano senz'altra pubblicazione, che quella fatta in Roma, a
quella ubbidisse: i Parrochi ogni anno il Giovedì Santo la leggessero
al popolo in su de' pulpiti: e gli esemplari s'affiggessero nelle
porte delle Chiese, ed in tutti i Confessionarj, e che quella fosse la
norma della disciplina e delle coscienze, non meno a' Vescovi, che a
Penitenzieri e Confessori. Contiene ella molti capi, poichè quella, che
va attorno e si vede ne' Confessionarj affissa, è raccorciata e molto
dimezzata. Alcuni Scrittori tutta intiera la rapportano nelle loro
opere, come, per tralasciar altri, Francesco _Toledo_[199] nella di
lui Somma, e Lionardo _Duardo_ Cherico Regolare vi compilò sopra un ben
ampio _Commentario_, e lo stampò in Milano nel 1619 nella di cui Chiesa
Metropolitana era stato lungo tempo Penitenziere[200].

Questa Bolla, oltre infiniti eccessi, butta interamente a terra la
potestà de' Principi, toglie loro la sovranità de' loro Stati, e
sottopone il lor governo alla censura e correggimento di Roma. Per
tralasciarne molti, dal _cap_. 19 sino al 29, si leggono nella Somma
del Toledo diciotto articoli, tutti riguardanti a questo fine.

Nel _cap_. 19 si scomunicano i Fautori degli Eretici, ponendosi con
ciò in balìa del Papa di scomunicar i Principi cristiani, i quali o
per difesa de' loro Regni, o per altro interesse di Stato, facessero
leghe con gli Eretici o infedeli, dandosi ad intendere a' popoli, che
quel Principe non senta bene della fede, come fautor degli Eretici e
degl'infedeli, e con ciò possa disturbarsi dal trono; siccome questa
massima si vide praticata in Francia nella persona del Re Errico
III, Principe cattolico, il quale sol perchè prese la protezione de'
Ginevrini, fu dato pretesto a' Gesuiti d'insegnare, che potessero i
popoli da lui ribellarsi[201].

Nel _cap_. 20 si scomunicano tutti coloro, che dei Decreti, sentenze
ed altri ordinamenti del Papa appellano, o danno ajuto e favore agli
appellanti al general Concilio. Si scomunicano ed interdicono tutte
le Università degli studi, e collegi e capitoli, che tenessero, ovvero
insegnassero che il Papa sia sottoposto al Concilio generale. In guisa
che, non solamente agli articoli stabiliti in questa Bolla, ma a tutte
le Costituzioni, Decreti, e sentenze della Corte di Roma, o si deve
ubbidire, ovvero che s'incorra nella scomunica, ed interdetto, se non
si accetteranno.

Nel _cap_. 21 si scomunicano tutti i Principi, i quali nelli loro
Stati, o impongono nuovi pedagi, gabelle, dazj, o accrescano gli
antichi, fuori de' casi dalla legge a lor permessi, ovvero dalla
licenza speziale, che n'avessero ottenuto dalla Sede Appostolica;
onde Martino _Bacano_[202] in conformità di quest'articolo insegnò
_che il Principe per ragion della sua amministrazione divien Tiranno,
se tirannicamente amministra il Principato, gravando i sudditi
d'ingiuste esazioni, rendendo gli Ufficj de' Giudici, facendo leggi a
se comode, etc._ Così in vigor di questa scomunica sarà posto in mano
del Papa, quando gli piacerà, di dichiarare il Principe Tiranno, e
muovergli contra, i popoli, a discacciarlo dal Trono come Tiranno, se
nell'imposizione de' tributi non avrà prima ottenuta da lui la licenza.
E così bisognerà, che i Principi Cristiani aprano al Papa gli arcani
de' loro Stati, i bisogni che tengono, per ottener facoltà d'imporre
nuove gabelle, o accrescere l'antiche. Di questo pretesto si servì
Bonifacio VIII contra Filippo il Bello, infamandolo, che avea gravato
i suoi sudditi d'ingiusti tributi, e che nel Regno avea diminuita
la ragion della moneta. E già nel Regno, se la provida cura del Duca
d'Alcalà non vi riparava, si cominciavano a sentire da' popoli susurri
intorno alle imposizioni delle gabelle, riputate ingiuste, perchè
imposte senza licenza del Papa, e per ciò di non esser obbligati a
pagarle, come vedremo più innanzi. E nel governo del Duca d'Ossuna nel
1582 si videro pur troppo manifesti gli effetti perniziosi di questa
dottrina, poichè essendosi risoluto dalle Piazze, toltane quella
di Capuana e del Popolo, d'imporre una nuova gabella, ch'era di far
pagare un ducato per ciascuna botte di vino, che si cominciasse a bere,
il popolo tumultuando dichiarossi di non volere che si parlasse di
gabella, fomentati da molti Padri spirituali, che pubblicarono peccare
mortalmente tutti coloro, che si fossero intromessi all'imposizione di
tal gabella, e fra gli altri vi fu un Cappuccino spagnuolo chiamato
_Fra Lupo_, il quale declamando in ogni angolo della Città con molto
fervore, e predicando e protestando a tutti, che lor soprastava un
gran castigo divino, se cotal opra si metteva in effetto: fu bisogno al
Vicerè di farlo uscir tosto da Napoli. Ma con tutto ciò il popolo non
potè mai ridursi a consentirvi; la gabella non si pose, e nel seguente
anno, quanto si potè fare, a disporlo ad un nuovo donativo d'un
milione e ducento mila ducati[203]. Quindi nacque presso di noi quella
perniciosa dottrina de' Casuisti, colla quale regolano le coscienze
degli uomini e la insinuano ne' Confessionarj, che fosse a' popoli
lecito fraudar le gabelle a cagion del pericolo che si corre, e perchè
sono imposte senza tal Papale licenza.

Ne' _capitoli_ 27, 28 e 29 si stabilisce l'immunità degli Ecclesiastici
assolutamente, ed independentemente da qualunque privilegio di
Principe, ed in conseguenza si scomunicano tutti i Presidi, i
Consiglieri, i Parlamenti, i Cancellieri, in fine tutti i magistrati e
Giudici costituiti dagli Imperadori, Re e Principi Cristiani, li quali
in qualunque maniera impedissero agli Ecclesiastici d'esercitare la
loro giurisdizione Ecclesiastica contra quoscumque. Con quest'articolo
viene a cadere tutta l'autorità politica del Principe, e si trasferisce
alla Corte Episcopale; poichè gli Ecclesiastici non solo vengono
ad essere dichiarati immuni dalla giurisdizione politica nelle
cause civili e criminali; ma potranno, secondo ciò che gli verrà di
capriccio, tirare i Laici alle loro Corti; nè i Magistrati si potranno
opporre, perchè come impedienti l'esercizio della Giurisdizione
Ecclesiastica _contra quoscumque_ incorrono nella scomunica.

Si scomunicano ancora in questa Bolla tutti coloro che impediranno
l'estrazione delle vettovaglie ed altre cose da' loro Stati, per
doversi introdurre in Roma, e nello Stato Ecclesiastico per l'annona e
bisogno di quella città e Stato.

Parimente nel _cap_. 13 si scomunicano tutti coloro, che proibiranno
l'esecuzione delle lettere Appostoliche, col pretesto, che vi si
abbia prima a richiedere il loro assenso, beneplacito consenso, o
esame; onde i Dottori Ecclesiastici furon presti a porre in istampa
nelle loro opere, come per tralasciar gli altri, fece Reginaldo[204],
che i Magistrati incorrono nelle censure contenute nel _cap_. 13 di
questa Bolla, quando senza il beneplacito o esame loro impedissero
l'esecuzione delle medesime, anche se si restringessero solamente ad
esaminarle, senza avervi d'aggiugnere segno o nota, ma restituirle
così illese ed intatte, come si esibivano. E con ciò andava a terra
nel nostro Regno L'_Exequatur Regium_, e s'inserivano infiniti altri
pregiudizj e tutti rilevanti: tanto ch'era l'istesso accettarla, che
ruinare il Regno.

Tutti i Principi Cattolici ne' loro Regni di là dei Monti non la
ricevettero a patto veruno, nè permisero, che in qualunque modo si
pubblicasse; e narra il Presidente Tuano[205], che a' medesimi Principi
d'Italia parve ciò un giogo troppo grave ed insolente, e precisamente
al nostro Re Filippo, ed alla Repubblica di Venezia.

In Francia, per più arresti del Parlamento, sotto gravissime pene fu
vietata la pubblicazione della Bolla come quella, che in più articoli
s'oppone a' Regali diritti, a quelli de' suoi Ufficiali, ed alla
libertà della Chiesa Gallicana[206].

In Germania l'Imperador Ridolfo II si oppose alla pubblicazione e la
impedì con vigore. Anzi l'Arcivescovo istesso di Magonza, uno degli
Elettori dell'Imperio, vietò di farla pubblicare nelle sue Terre e
Diocesi[207].

In Ispagna il Re Filippo II parimente alla sua pubblicazione si oppose.
E nella Fiandra testificano Zipeo[208] e Van-Espen[209], che non fu
mai ricevuta; e con tutto che il Nunzio _Bentivoglio_ avesse fatto
ogni sforzo per farla ricevere e pubblicare, con averne mandato gli
esemplari a' Vescovi, non fu però quella ivi mai pubblicata, nè i
Vescovi vollero in ciò ubbidire al Nunzio.

Il Duca d'Alcalà nostro Vicerè, pubblicata che fu in Roma questa
Bolla, col consiglio e parere di quei savj Reggenti ch'erano allora in
Collaterale, fra' quali erano i famosi Reggenti Villano e Revertera,
essendo stato informato de' pregiudizj gravissimi, che quella seco
portava, e che tutti gli altri Principi Cattolici ne' loro Reami
l'aveano affatto rifiutata, anzi che s'usava somma diligenza e rigore
di non farla a patto veruno divolgare, castigando chi la disseminava,
con usar egli l'istesso rigore nel nostro Regno, proccurò, che non si
ricevesse.

I Vescovi tosto ebbero ricorso in Roma, dolendosi col Pontefice Pio
del Vicerè, avvertendolo come si proccurava non farla ricevere: il
Pontefice scorgendo, che sarebbe stata opera perduta il tentare di
rimuovere il Vicerè, usando le solite arti di Roma, col favore dei
Principi non bene informati estorquere l'intento, diede incombenza
al Vescovo d'Ascoli suo Nunzio in Ispagna, affinchè passasse col
Re Filippo premurosi ufficj per indurlo a scrivere al Duca di far
ricevere nel Regno la Bolla; ed il Nunzio colorì così bene la sua
causa, lagnandosi essere in Napoli la giurisdizione Ecclesiastica
malmenata, che nel medesimo anno 1567 indusse il Re, non ben informato,
di scrivere una lettera al Duca, nella quale generalmente ordinava,
che si dovesse tener particolar pensiero di favorire la Giurisdizione
Ecclesiastica, e di non contrariarla; ma con la solita avvedutezza
gli soggiunse, che la favorisse in quanto non sarà contraria la sua
preminenza regale; e che per ciò per poter soddisfare al Papa con più
fondamento, desiderava di aver particolar informazione di tutto ciò,
che in questo Regno s'osservava: onde gl'incaricava, che informatosi da
persone dotte e pratiche e di sperimentata bontà, l'avvisasse di tutto
giuntamente col suo parere.

Il Vicerè rispose a questa lettera con due particolari consulte, una
de' 31 luglio del medesimo anno, e l'altra de' 22 decembre, nelle quali
riferendogli tutti i capi della Bolla, che sommamente pregiudicavano
alla Regal Giurisdizione, l'avvertiva, ch'essendo questo negozio di
grandissima importanza, bisognava star attentissimo, e che egli stimava
di mandar in Roma a Sua Santità un Dottore del Consiglio di Sua Maestà
persona dotta, e ben istrutta delle Prammatiche, Capitoli, Stili ed
Osservanze di questo Regno, il quale insieme col suo Ambasciadore in
Roma trattasse col Papa per rimediare, in un negozio sì grave, a tanti
pregiudicj.

Ma mentre in Ispagna si stavano esaminando queste relazioni del Duca
per deliberare ciò che dovea farsi, l'Arcivescovo di Napoli ed i
Vescovi del Regno, animati dal Papa, non mancavano, quando lor veniva
fatto, di pubblicar la Bolla, e per tutte le loro Diocesi disseminarla,
da che, particolarmente intorno all'esazione delle gabelle e
del _Exequatur Regium_, ne nascevano gravissimi inconvenienti.
L'Ambasciadore del Re Filippo, risedente in Roma, portava le doglianze
col Papa, _di essersi pubblicata ne' Regni del suo Re, e spezialmente
in quel di Napoli, la Bolla in Coena Domini senza il Regio Exequatur_;
ma il Pontefice Pio rispondeva, secondo rapporta il Catena[210], che
_la Bolla in Coena Domini tanto antica, quantunque solamente in Roma
ciascun Pontefice la pubblicasse, avea forza per tutto il Mondo,
siccome le altre Costituzioni generali; ed aver per l'addietro i
Principi e i loro popoli, che si trovavano aver contravvenuto ad alcuna
proibizione di questa Bolla, dimandata l'assoluzione da' Pontefici: di
essa essersi fatta menzione sempre in tutti i Giubilei ed indulgenze,
e nella Bolla della Crociata, conceduta alle volte a richiesta de' Re
di Spagna. Per ciò aver comandato agli Arcivescovi e Vescovi che la
pubblicassero; molto più perchè avea inteso, che in diverse Province
ciò non si faceva, acciocchè non istassero i popoli inviluppati nelle
scomuniche, non iscusandoli l'ignoranza, etc. L'ammonire i Confessori
del debito loro, convenire al vero Pastore, acciocchè essi sappiano fra
lepra e lepra discernere e de' peccati massimamente ne' casi riservati
al Papa giudicare_.

Il Vicerè informato dall'Ambasciador di Roma dell'ostinazione del
Papa, e vedendo co' proprj occhi i disordini, che per ciò accadevano
nella città e nel Regno, a' 15 maggio del nuovo anno 1568, mandò al
Re una terza consulta, nella quale l'informava degli inconvenienti,
che ogni dì nascevano per cagion di questa Bolla, delle novità e
dubbj circa l'esazioni delle gabelle, d'alcune Bolle pubblicate ed
eseguite in Regno senza l'_Exequatur Regium_, ragguagliandolo che
tanto il Nunzio Appostolico, quanto il Vescovo di Strongoli nuovamente
eletto, e mandato in Regno da Sua Santità per Visitatore, aveano
mandato generalmente a tutti li Confessori di Napoli, e segnalatamente
al Confessore di esso Vicerè nel Convento della Croce, ed a tutti i
Confessori delli Reggenti, a ratificargli la Bolla _in Coena Domini_,
ordinando loro che non assolvessero quelli che in qualsivoglia modo
contravenivano alla Bolla suddetta. E di vantaggio, che avendo la città
di Napoli preso un espediente di dare alli Panettieri il grano della
città a minor prezzo di quello, che a lei costava, per non alzare il
prezzo che correa allora del pane, conchè li Panettieri pagassero un
carlino per tomolo di pane che lavoravano, col qual avanzo la città
ne ricaverebbe d'utilità più di ducati sessantamila l'anno; atteso
essendosi bandito il pagamento predetto d'un carlino per tomolo, vi
erano offerte per due anni di centottomila ducati, ed altri davano
intenzione d'avanzare insino a ducati centoventimila, dal che la
città veniva a ristorarsi di quel che avea perduto, e perdea nelli
prezzi de' grani; ed essendosi deputata giornata per l'accension della
candela, la Piazza di Nido erasi ritrattata, per aver osservata la
Bolla _in Coena Domini_, per la quale si scomunicano quelli, che ne'
loro Dominj impongono pedagi, o gabelle, dicendo che incorrerebbero
nelle scomuniche contenute in detta Bolla; e che similmente quelli,
che trattavano questo negozio stavano nel medesimo dubbio, ancorchè
da questa imposizione s'eccettuassero le Chiese, Cherici e persone
Ecclesiastiche; per lo che aveano differito ed appuntato di doverne
cercar parere da' Letterati Teologi sopra questo punto.

Scrissegli ancora sotto l'istesso dì altra consulta, colla quale
ragguagliava il Re, che gli aggravj fatti e che tuttavia si facevano
da' Vescovi del Regno per cagione della suddetta Bolla (se egli colla
sua potente mano non vi riparava) si sarebbero resi irremediabili; e
quel, che più importava al suo regal servigio, era il remedio al capo
dell'_Exequatur Regium_ da darsi alle provvisioni, Brevi e lettere
Appostoliche, poichè per detta Bolla si toglieva affatto questo
costume, ed antichissima consuetudine; ed in effetto alcuni Prelati
aveano già pubblicati ed eseguiti alcuni Brevi e lettere Appostoliche
senza _Exequatur_, e ch'egli era stato costretto di simularlo, finchè
avesse risposta e risoluzione da Sua Maestà, per non incorrere nella
censura contenuta in detta Bolla. Gli avvisò ancora, che il Papa avea
mandata la Bolla all'Arcivescovo di Napoli con un Breve particolare,
che la facesse pubblicare sotto pena di santa ubbidienza; sopra di
che, da parte di Sua Santità, gli avea ancora scritto il Cardinal
di S. Pietro Alessandrino suo nipote, comandandogli, che la facesse
subitamente pubblicare, siccome già era stata subito pubblicata dal
detto Arcivescovo e dal Nunzio per le Chiese di Napoli, senza licenza
del Vicerè, e senza _Exequatur_. Di vantaggio, che nella nuova ed
ultima Bolla in _Coena Domini_ pubblicata, in quest'anno 1568, vi si
leggevano aggiunti molti altri capi pregiudizialissimi alla Regal
Giurisdizione; onde pregava istantemente il Re, che ad un affare
cotanto grave e ruinoso, vi desse presto rimedio; tanto più, che egli
con i Reggenti erano in iscrupolo d'essere scomunicati, perchè aveano
denegato l'_Exequatur_ ad alcuni Brevi di Sua Santità.

Il Re Filippo reputando, per queste insinuazioni del Duca, l'affare
di somma importanza, ed avendo fatto esaminare in Ispagna da' suoi
Consiglj e da' più famosi Teologi di quelle Università la Bolla,
finalmente a' 22 luglio del medesimo anno 1568 scrisse al Vicerè una
ben lunga lettera molto grave e forte, per la quale l'incoraggiava a
star fermo in rifiutar la Bolla, e tutto ciò che s'attentava contra
le sue regali preminenze. Mostra in prima per quella, aver inteso
non senza suo rammarico, essere giunte le cose in quello stato,
ch'egli rappresentava, non potendo lasciar di dirgli aver sentito
molto, che abbia tanto dissimulato, e quelle leggiermente passate,
ed essendo così perniziose, come sono e come egli medesimo lo dicea:
che poteva ben egli aver col Papa molto giusta ed onesta scusa di non
ammettere, nè dar luogo ad alcuna novità, che si pretendeva a tempo
suo introdurre, con dirgli, ch'era suo Luogotenente in questo Regno,
e che stando ad esso raccomandato per governarlo con que' privilegi
e preminenze, nelle quali da tanti anni si trovava in possessione,
in uso e costume, non poteva lasciare di non conservarli, così, come
gli avea trovati: che per questa causa non dovea Sua Santità tenere
a male, nè a disubbidienza, che cercasse prima consultare con sua
Maestà e complire il suo carico ed ufficio: che dovea dire al Nunzio,
che trattanto, che in questo Regno fosse stato esso Duca, non avesse
da permetter cosa, che fosse in pregiudizio e diminuzione delle sue
prerogative e preminenze, colle quali l'avea ritrovato, e che se Sua
Santità pretendeva introdurre alcuna cosa in quello, poteva accudire
a Sua Maestà, come a Padrone, e conveniva, che l'avesse fatto, poichè
toccava a Sua Maestà ordinare quel che avesse voluto, e ad esso Duca
solamente eseguirlo.

Per la qual cosa espressamente gli comandava, che per lo cammino e
termini che meglio gli parrebbono, esso Duca restituisca interamente
nella possessione, nella quale stava il Regno quando egli ci venne,
senza permettere, che la giurisdizione e preminenza reale sia
pregiudicata in un solo punto, come in lui interamente confidava,
perchè altrimenti non sarebbe ammessa niuna replica e scusa.

Che faccia intendere al Nunzio Odescalchi, che frattanto, che esso
Duca tenerà il Regno a suo carico, non s'avran da permettere in quello
simili novità, cotanto pregiudiziali a Sua Maestà.

Che castighi severamente ed esemplarmente quelli che avranno ardimento
servirsi d'alcun Breve, Bolla, o Concessione Appostolica, senza
che preceda l'_Exequatur Regium_, che da tanto tempo, e per tante
necessarie e giuste cagioni s'usa, e sta introdotto nel Regno. E che
(approvando il suo parere d'inviare a Roma persona di qualità) si
risenta col Papa e gli rappresenti gli aggravj ed i pregiudizi che gli
fa con queste novità: gli ordina, che in tanto gli dia subito avviso
d'aver eseguito puntualmente quanto gli comandava; soggiungendo ancora
(per mostrar maggiormente la sua grande premura), che avendo egli
data licenza ad esso Duca per le sue gravi indisposizioni di venire
in Ispagna, se si trovasse forse partito dal Regno, gli ordinava
di ritornar subito che avesse ricevuta quella lettera, da dove si
trovava, a riordinare il Regno, e restituirlo nelle antiche preminenze,
in maniera che lo lasci dello stesso modo, e con quelle medesime
giurisdizioni e prerogative, che lo trovò.

Risponde ancora a ciò, che il Duca gli avea scritto intorno allo
scrupolo, che coloro della città aveano di non imporre fra di loro
gabella: che proccuri di levargli da questa immaginazione ed errore;
poich'avendo egli fatto consultare il caso da' migliori suoi Teologi,
vien giudicato errore ed inganno: onde con effetto, che facci subito
imporre la suddetta gabella, affinchè Roma si disinganni, ed intendano
di non giovargli in simili cose queste strade indirette.

Scrisse parimente il Re, a' 31 luglio del medesimo anno, premurosamente
al Commendator maggiore, a cui appoggiò in Roma questo affare per
doverlo maneggiare col Papa, al quale inviò le sue istruzioni e tutte
le scritture e consulte fatte sopra il medesimo, incaricandogli dover
maneggiarlo con quel calore ed efficacia, che ricerca la qualità
d'un negozio tanto grave e cotanto a lui importante. Oltre a ciò in
piedi di questa lettera soggiunse il Re, di suo proprio carattere, al
Commendatore, che sentiva tanto questo negozio, che non s'avea voluto
confidare con altri, se non con lui, assicurato della sua forza ed
amore con che l'ha da trattare. E narra il Presidente Tuano[211], che
il Re Filippo sì gravemente sdegnossi, che i Vescovi e Parrochi aveano
avuto quest'ardimento di pubblicare in Ispagna ed in Italia ne' suoi
Stati questa Bolla, che con severità di pene pari all'ardimento loro
il proibì, dicendo, secondo che scrive il Tuano: _Nolte se committere,
ut ignava sua patientia majestatem Imperii a majoribus acceptam, atque
adeo aerarium imminuisse videatur; videre se, nec invidere: quod Regi
Francorum, qui regnum sectaria peste infectum habeat, nova quotidie
subsidia a sacro ordine emungere concedatur, id vero ferre non posse,
sibi qui regna ab eadem peste incontaminata servet, interdici, quominus
jura ab omni aevo ad hunc diem ab eodem sacro ordine in suis ditionibus
pendi solita, exigere liceat_. E consimili erano le doglianze de'
Veneziani, i quali per ciò non vollero nella loro Repubblica a verun
patto sopportare queste novità.

Il Duca d'Alcalà, ancorchè avesse ottenuta licenza dal Re di ritornar
in Ispagna, nulladimeno non era per anche partito da Napoli, quando gli
giunse la sua regal carta, dalla quale fu obbligato a trattenervisi,
e quando s'accertò de' risoluti sentimenti del Re, cominciò con
più sicurezza e vigore ad opporsi a' Prelati; onde divenuto più
animoso, per sua discolpa, era tutto vigilante ed attento in riparar
i pregiudizi passati, e proccurare, che non se ne attentassero de'
nuovi: fece far relazione da' Signori Reggenti di non essersi portato
alcun pregiudizio alla regal giurisdizione e preminenze di Sua Maestà
per la pubblicazione fatta dall'Arcivescovo di Napoli, siccome dagli
altri Vescovi nelle loro Diocesi della Bolla: che le cose erano nel
lor primiero stato, e da potersi riparare quando il caso avvenisse. Ed
in fatti, non ostante che in Roma si trattava dal Commendator maggiore
quest'affare, perchè tuttavia non cessavano i Vescovi del Regno, quando
lor poteva venir fatto, di tentare delle novità; così non trascurava il
Vicerè immantenente di opporsi ed impedirgli.

Il Vescovo di Venafro avea ardito di proibire l'esazion delle gabelle
nella sua Diocesi; ma il Vicerè tosto in settembre di quest'anno 1566,
scrisse al Commessario Barbuto ordinandogli, che le facesse esigere non
ostante detta proibizione, ed avendo inteso, che i Sindici e gli Eletti
di S. Germano aveano mandato in Roma per ottener Bolla ed assenso
della Sede Appostolica per poter seguitare l'esigenza delle gabelle
imposte in detta città gli anni passati con licenza e decreto Regio: e
che avendo voluto seguitare ad esigere dette gabelle, erano state dal
Vicario pubblicamente nella Chiesa proibite, notificando essere quelle
riprovate sotto pena di scomunica da Sua Santità in virtù della Bolla
_in Coena Domini_: commise al suddetto Commessario Barbuto, che contra
i Sindici e tutti gli altri del governo, siccome contra coloro, che gli
aveano consultati di mandar in Roma, pigliasse diligente informazione,
e trovatigli di ciò colpevoli, insieme coll'informazione gli menasse in
Napoli, facendo intanto continuar l'esazione.

L'Arcivescovo di Chieti e li Vescovi di Bitonto, di Lavello e di Venosa
parimente ebbero ardimento in virtù della suddetta Bolla di proibir
le gabelle; ma il Vicerè, oltre d'aver acremente ripresi i Prelati
suddetti, acciò non s'intrommettessero in quest'affare e d'aver fatta
continuare l'esazione de' laici, di questi attentati ne fece a' 31
ottobre del 1568 una particolar consulta al Re.

Il Vescovo di Melfi ancora erasi avanzato a procedere contra a' laici,
avendo anche proibita l'esazione delle gabelle di detta città: onde il
Vicerè se gli oppose con vigore, ed a' 11 dicembre del suddetto anno
scrisse un'altra Consulta al Re, pregandolo de' rimedj opportuni contra
questi Prelati, che usurpavano la sua regal giurisdizione.

Il Vescovo della Cava avea parimente impedita l'esazione delle gabelle
di detta città, e pubblicata scomunica contra quelli che volessero
esigerle. Ma il Vicerè, a' 6 febbrajo del nuovo anno 1569, mandò una
grave ortatoria al Vescovo, che rivocasse la scomunica e non impedisse
l'esazione: scrisse ancora una lettera Regia al Capitano ed alla città
della Cava, che dovessero continuar e far continuare l'esazion delle
gabelle imposte con assenso e decreto Regio, alla riserva delle Chiese
e persone Ecclesiastiche, non ostante qualsivoglia proibizione fatta o
da farsi dal Vescovo, e ne fece anche di ciò relazione al Re.

Avendo per tanto il Vicerè, di quanto i Vescovi attentavano e di quanto
egli operava in contrario per riparare i pregiudizj fatti, mandate,
come si è detto, più relazioni al Re Filippo per intendere la sua regal
mente, affinchè non mancasse d'assisterlo in cose così gravi; il Re in
quest'istesso anno 1569 gli rispose con altra sua regal carta, colla
quale non solo approvava la sua vigilanza, ma vie più gl'incaricava
la continuazione con ogni vigore in non permettere a' Vescovi questi
attentati, nè che per un pelo venga pregiudicata la sua giurisdizione
e preminenza regale; per la qual cosa il Duca, assicurato di nuovo
della mente del Re, scrisse una grave ortatoria a tutti i Vescovi,
ed Arcivescovi del Regno, insinuando loro, che non pubblicassero, nè
facessero pubblicare la Bolla _in Coena Domini_, nè altre Bolle senza
il _Regio Exequatur_, altrimenti avrebbe proceduto contra di loro,
come conveniva procedere contra quelli, che pregiudicano la regal
giurisdizione. Scrisse ancora nel medesimo tempo a tutti i Governadori
delle province, ordinando loro, che inviassero persone a posta a
presentare detta ortatoria a tutti, detti Prelati, ed in loro assenza
a loro Vicari; e ch'essi stassero vigilanti in non far pubblicare la
Bolla _in Coena Domini_, e che per tal effetto ordinassero a tutti
i Capitani delle Terre così demaniali, come Baronali, che subito che
sentiranno doversi quella pubblicare debbano tosto levarla di mano di
quel Prelato, o altro, che la pubblicasse, o se per caso la ponessero
nelle porte delle Chiese maggiori, o in altro luogo, la levassero
dove fosse affissa, e subito per persona a posta la debbano inviare
ad esso Vicerè: di più, che debbano anche subito sequestrare li beni
patrimoniali e temporali del Prelato, che presumerà far tal cosa.

Nè questi ordinamenti rimasero senza il loro effetto poichè alcuni
Prelati, che ciò non ostante vollero avere questo ardimento di
pubblicarla, ne furono col sequestro de' loro beni puniti. Avendo
l'Arcivescovo di S. Severina fattala pubblicare in quella città,
scrisse, il Vicerè al Conte di Sarno Governatore di Calabria, che gli
sequestrasse i suoi beni patrimoniali e temporali. Parimente essendosi
inteso che il Vicario della città di Cedogna aveala pubblicata, fu
scritto dal Vicerè al Governadore di Principato ultra, che mandasse un
Auditore a pigliarne informazione, e costando averla fatta pubblicare,
gli sequestrasse i beni, e trovandosi la Bolla affissa nelle porte
della Chiesa, o altrove, la levasse. Consimili ordini furon mandati al
Governadore suddetto contra l'Arciprete d'Erboli: al Capitano della
Terra delli Cameli contra il Vescovo di Bojano ed il suo Vicario:
al Governadore di Principato citra contra l'Arciprete del Casale
dell'acqua: al Governadore di Capitanata contra il Vescovo suddetto
di Bojano ed a molti altri; ad alcuni de' quali, per essere comparsi
in Napoli avanti il Vicerè, e fatto costare, che essi non aveano
pubblicata la Bolla dopo la sua ortatoria, ma l'anno precedente, fu
loro poi tolto il sequestro. Di tutto ciò, così dell'ortatoria generale
spedita a' Vescovi ed Arcivescovi, e degli ordini dati alli Governadori
delle Province, come de' sequestri fatti, e poi ad alcuni levati, ne
fece il Vicerè distinte relazioni al Re in Ispagna.

Restava ancora di levare un'altra cagione, perchè questa Bolla non
si disseminasse, ed era, impedire ai Librai e Stampatori, che non
la stampassero e vendessero; onde il Vicerè avendo notizia, che in
Napoli i Librai tenevano e vendevano gli esemplari di quella; ed
alcuni Stampatori, ancorchè a voce loro si fosse fatto intendere, che
non stampassero cosa alcuna senza sua licenza, con tutto ciò l'aveano
stampata; ordinò che si facesse diligenza nelle loro case e botteghe,
e che quante ve ne trovassero si pigliassero, ed essi fossero posti
in prigione, siccome fu eseguito. Ed avendogli il Conte di Sarno
Governadore della Provincia di Calabria scritto, che in Cosenza in
potere de' Librai di quella città si trovavano molte di queste Bolle, e
parte anche vendute, gli ordinò che facesse far la ricerca nelle loro
case e botteghe, e proccurasse averle tutte in mano, e gli carcerasse
appresso di se: del passo pure ne diede parte al Re nella Consulta, che
gli scrisse a' 7 maggio di questo medesimo anno 1569.

Ma con tutto che il Duca d'Alcalà fosse tutto occhi per impedire la
pubblicazione di questa Bolla, affinchè gli Ecclesiastici non se ne
valessero nel Regno, non per questo da Roma si tralasciava tanto più
insistere ai Prelati, che si fossero opposti, e che per tutte le vie la
facessero valere. Il Pontefice fulminava per questi espedienti presi
dal Vicerè, qualificandoli per violenze; e se deve prestarsi fede
al Cardinal Albizio[212], minacciava di volere scomunicarlo insieme
col Collaterale, e sottoporre ad interdetto la città di Napoli. Ma
riputandosi allora questo rimedio più ruinoso del male, si pensò in
Roma una sottil malizia, e pur troppo scandalosa (niente curandosi di
allacciare le coscienze degli uomini, particolarmente de' più deboli,
che sono i più) la quale fu di comandare a' Confessori, anche regolari,
che negassero l'assoluzione a' loro penitenti: onde vedendo, che poco
frutto si faceva con mandar la Bolla a' Prelati, ed inculcar loro
l'osservanza, si pensò di mandare la Bolla a' Generali delle Religioni,
affinchè la disseminassero a tutti i Confessori dell'Ordine, con impor
loro, che non assolvessero persona, che avea a quella controvenuto.

Saputosi in Roma, che il Vicerè avea per Confessore un Frate del
Monastero della Croce, si cominciò da costui. Il Papa ordinò al P.
Generale de' Francescani, che mandasse a tutti li Confessori del
suo Ordine la Bolla: di più fece scrivere dal detto P. Generale una
particolar lettera ai P. Fr. Michele Guardiano del Monastero della
Croce, ch'era il confessor del Vicerè, che stesse ben avvertito
d'assolvere il Vicerè, sempre che conoscesse aver impugnato la Bolla.
Il Vicerè ebbe copia di questa lettera, e la mandò in Ispagna al
Re insieme con un'altra sua Consulta de' 15 maggio del detto anno,
pregandolo a prender forte risoluzione in cosa cotanto necessaria.

Si venne da poi a' Reggenti del Collaterale, ed in particolare a'
Reggenti Villano e Revertera Consultori del Vicerè. Il Reggente
Villano essendosi andato pochi dì prima di Pasqua Rosata a confessare
al suo Confessore ordinario, che per sua disavventura si trovò essere
dell'osservanza di S. Francesco e del Monastero istesso della Croce,
non fu possibile, che colui avesse voluto assolverlo, per cagion
d'aver contravvenuto alla Bolla: dicendogli di più che il Nunzio avea
secretamente ripreso il Guardiano del Convento, perchè mandava ogni dì
un Frate a dir Messa nella Cappella, che sta in casa d'esso Reggente,
quando sapeva ch'era, per aver contrastato alla Bolla, scomunicato.
Per la qual cosa fu duopo al Reggente andare ad un altro Religioso, dal
quale fu per quella volta assoluto e comunicato nel dì di Pasqua; però
il Frate gli disse, che avesse rimediato col Re a' fatti suoi, perchè
un'altra volta non si sarebbe arrischiato di assolverlo.

Più lagrimevole fu il caso del Reggente Revertera, per aver egli voluto
ricorrere a Gesuiti; andò il Reggente nella Vigilia dell'Ascensione
per confessarsi al suo Confessore oridinario, ch'era della Compagnia di
Gesù: non volle il Gesuita nè meno ascoltarlo, sgridandolo non poterlo
assolvere, perch'era scomunicato, avendo impedito, che si pubblicassero
provvisioni di Roma senza il _Regio Exequatur_: che avea consentito,
che si carcerassero e punissero coloro, che aveano pubblicata la Bolla
_in Coena Domini_, e che facesse continuare l'esazione delle gabelle,
onde non pensasse di essere assoluto nè da lui, nè da altri, perchè il
Reggente Villano intanto era stato assoluto da quel Religioso, perchè
ancora non era venuto ordine al Generale della sua Religione, che non
assolvessero i Reggenti; onde il meschino Revertera tutto confuso e
pien di rossore bisognò andar via. Con tal occasione si seppe che in
Roma s'era dato tal ordine alli Confessori di tutte le Religioni, e
che per ordine del Cardinal Savelli Vicario del Papa, in nome di sua
Santità, s'era imposto al General de' Gesuiti, che dovesse dar ordine
a tutti i Confessori della Compagnia, che non assolvessero il Vicerè,
nè i Reggenti, e che un consimile era stato già dato a tutte le altre
Religioni.

L'esempio di Roma, per di lei insinuazione, era imitato da' Vescovi del
Regno; poichè il Vescovo di Boiano pure s'era avanzato a dar ordini
a' suoi Confessori della Diocesi, e particolarmente a quelli della
Terra di Ferrazzano, che non dovessero confessare, nè assolvere li
Cittadini e persone del governo di detta Terra, che facevano continuare
ad esigere le gabelle: ed ancorchè il Vicerè mandasse ortatoria al
Vescovo, che rivocasse gli ordini, altrimenti avrebbe proceduto come
conveniva, il Vescovo non volle ubbidire: onde il Duca nella nuova
consulta, che fece al Re sotto li 29 gennajo del seguente anno 1670
lo richiedeva, se fosse stato di suo gusto cacciarlo dal Regno e
sequestrargli l'entrate. Scrisse perciò al Governadore di Capitanata,
che facesse subito presentare al Vescovo l'ortatoria; e la rimandasse,
e scrisse parimente al Capitano, ed all'Università di Ferrazzano, che
attendessero ad esigere le gabelle, non ostanti gli ordini del Vescovo.

Il Duca, accertato di questi passi dati da Roma, e di quanto
accadeva nel Regno, ne fece piena consulta al Re sotto li 10 giugno
di quest'anno 1569, pregandolo instantemente a dar pronto riparo,
ponendogli ancora sotto gli occhi, ch'egli era già di 62 anni, il
Reggente Villano ne avea anni 70 ed il Reggente Revertera poco meno,
e potrebbe facilmente ad alcuni di essi sopravvenir la morte con
tali timori e scrupoli, che gli Ecclasiastici esageravano, i quali
finalmente turbano la pace dell'anima, e maggiormente a' vecchi, che
sono nell'estremo di lor vita[213].

Non passò guari, che il Reggente Villano cadde infermo, ed i Confessori
non lo volevano assolvere: venne all'estremo di sua vita, ma non per
ciò trovava da' Confessori pietà; finalmente il Nunzio, essendosi
prima con usar molte diligenze accertato, che veramente era quasi in
agonia, siccome in effetto poco da poi se ne morì, diede il permesso
che si potesse confessare ed assolvere, ma con condizione, che se
fosse vivuto non andasse più dal Vicerè, quando si trattasser cose
di giurisdizione, nè s'intromettesse in quelle: così fu assoluto, e
così morì il cotanto fra noi celebre Reggente Villano, Ministro non
men dotto, che zelante della giurisdizione e preminenze del suo Re,
il cui tumulo oggi s'addita nella Chiesa di S. Lorenzo Maggiore di
questa città. Tutti li Confessori si protestavano, che a patto veruno
non volevano assolvere i Reggenti, se non promettessero prima, di non
intromettersi nella Bolla _in Coena Domini_, ma quella osservare ed
eseguire. Parimente il Vescovo di Nola avea ordinato, che gli Eletti
e Deputati del Reggimento di quella Città non fossero assoluti da'
Confessori per cagion, ch'esigevano la gabella del pane imposta con
decreto, e Regio assenso colla riserva de' Cherici, Chiese e persone
Ecclesiastiche; ed essendogli stata mandata ortatoria dal Vicerè, che
rivocasse gli ordini, e facesse assolverli, non curava ubbidire.

Di vantaggio, avendo il Pontefice pubblicato, in questo nuovo anno
1570, un giubileo, per escludere da questo li Reggenti e gli altri
Ministri ed Ufficiali del Re, vi avea fatto ponere clausola, che non
potessero di quello godere coloro, i quali aveano violato la libertà
Ecclesiastica; ed i Confessori dicevano, che per queste parole si
denotavano i Reggenti e gli altri Ministri; ed il Nunzio ancora così
l'avea dichiarato.

Il Vicerè di tutti questi disordini ne informò pienamente il Re con due
altre relazioni, una de' 29 gennaio, l'altra de' 10 maggio del medesimo
anno 1570 pregandolo, che a mali sì gravi volesse darvi remedio, atteso
ch'egli non poteva resistere alle continue istanze de' Reggenti' e
d'altri Ministri, che erano per ciò in grandissima agitazione[214].

Il Re Filippo intanto, per le Legazioni in questo tempo spedite dal
Pontefice Pio di Vincenzo Giustiniano e del Cardinale Alessandrino in
Madrid, delle quali parleremo più innanzi, e per gli uffici fatti in
Roma dal suo Ambasciadore e dal Commendator maggiore, avea mitigato
in parte l'animo del Pontefice, ed il Presidente Tuano[215] narra,
che Pio V, si raffreddò e depose il pristino fervore per le guerre
di Religione, che allora più che mai crescevano in Fiandra e nella
Francia; tanto che il Re assicurò il Duca con sua lettera sin de'
17 luglio 1569, che per gli ufficj passati in Roma prevedea che Sua
Santità si sarebbe quietata, e non passerà più avanti, e che in questo
non avrà più che dire di quel, che in Ispagna il suo Nunzio con molto
secreto avea detto circa l'ordine dato da Sua Santità, che non si
pubblicasse la Bolla in Coena Domini insino ad altro suo ordine: lo
richiedeva per ciò, che l'avvisasse se questo si continuava, o pure
fossesi dato altro ordine in contrario[216].

In questo stato rimasero le cose in tempo del governo del Duca
d'Alcalà, che poco da poi se ne morì in Napoli: non si venne mai ad
una decisiva risoluzione intorno a quest'affare, ma le cose s'andaron
da poi temporeggiando, usando gli Spagnuoli i soliti rimedj. Essi
non cessavano dall'un canto impedire l'esecuzione a' Prelati, quando
volevan servirsi della Bolla, con tutto che non molto si curassero che
coloro la facessero leggere ogni anno.

All'incontro i Vescovi e gli Ecclesiastici non cessavano di pubblicarla
nel Giovedì Santo ne' pulpiti, ed affiggerla nè Confessionarj e nelle
porte delle Chiese; nè molto si curavano, che poi non si praticasse.
Nel Viceregnato del Duca d'Alcalà trovarono, per le forti premure
che glie ne dava il Re Filippo, più resistenza e vigilanza. I suoi
successori, secondo le congiunture ed opportunità, ora lenti, ora
forti, si opponevano.

Il Cardinal di Granvela successore del Duca mostrò non minor fortezza
che il suo predecessore; poichè fortemente crucciato il Re Filippo
II, che non ostante le promesse del Nunzio fatte in nome del Papa in
Ispagna, tuttavia non si cessava da Roma insinuare a' Prelati del Regno
la pubblicazione ed affissione della Bolla, scrisse una molto grave
lettera al Granvela, dolendosi insieme, e mostrando la sua collera
per questo modo di procedere di quella Corte, dicendogli fra l'altre
cose: _Es fuerte cosa, que por ver que yo solo soy el que respeto
a la Sede Apostolica, y con suma veneracion mis Reynos, en lugar de
agradecermelo, como devian, se aprovechan dello, para quererme usurpar
la autoridad que es tan necessaria, y conveniente para el servicio de
Dios, y por el buen govierno de la que el me ha encomendado, y assi
podria ser que me forcassen a tomar nuevo camino, y io os confiesso,
que me trahen muy cansado, y cerca de acaverseme la paciencia, per
mucho que tengo, y si a esto se llega podria ser que a todos pesasse
dello_[217]. Per la qual cosa il Granvela usò ogni vigore e vigilanza
in questo; tanto che avendo l'Arcivescovo di Rossano pubblicata
la Bolla, e costandogli, che vi era intervenuto un servidore laico
dell'Arcivescovo, lo fece porre in carcere, dove dopo esservi stato
molti mesi, morì.

Il Duca d'Ossuna, per le memorie che ci restano, le quali tutte le
dobbiamo al diligentissimo Bartolommeo Chioccarello, proccurò, quanto i
tempi permettevano, imitarlo: poichè avendo presentito, che dal Vescovo
d'Ugento in una Domenica nella solennità della Messa nel 1583 s'era
pubblicata nella città di Ugento quella Bolla, scrisse a' 12 ottobre
del detto anno una lettera regia a Francesco Caraffa Governadore di
Terra d'Otranto, ordinandogli che s'informasse, se fosse vero, che
si era pubblicata questa o altra Bolla senza l'_Exequatur Regium_,
e che se vi erano intervenuti laici, procedesse alla carcerazione di
quelli, e mandasse a lui copia dell'informazione per risolvere il di
più, che gli parerà; ma non essendosi trovati laici, e costando per
l'informazione presa e trasmessa all'Ossuna, che la Bolla non era
stata affissa, ma solamente pubblicata a voce, e che il Vescovo non
teneva beni patrimoniali nel Regno; il Duca nella consulta, che ne fece
al Re a' 23 gennaio del medesimo anno, lo ragguagliava, ch'egli non
avea in questo caso potuto far quelle dimostrazioni, che praticò il
Duca d'Alcalà, ed il Cardinale di Granvela, perchè la Bolla non s'era
affissa, e non vi erano intervenuti laici, onde stimava di chiamar
il Vescovo di Napoli, e di sequestrargli l'entrate del Vescovato;
ma egli prima di ricever gli oracoli da Sua Maestà non avea stimato
allora far altro, che di chiamarlo e d'ordinare al Conte d'Ugento,
che l'informasse dell'entrate e qualità d'esse, che teneva il Vescovo,
affinchè se gli potesse far mandato in nome del Fisco _ad ostendendum
titulum_, e per questa via castigarlo del suo errore.

Questi avvenimenti, che si sono raccolti dalle Consulte mandate
dal Duca d'Alcalà al Re Filippo in Ispagna, e dalle lettere del Re,
che sono registrate nella Cancellaria di Napoli, e la testimonianza
d'uno Scrittore non men grave e fedele, che contemporaneo ai narrati
successi, quanto fu il Presidente _Tuano_, convincono per troppo
sfacciate le adulazioni del Cardinal Albizio[218], il quale non
s'arrossì di dire, che nei Regni di Spagna e segnalatamente nel Regno
di Napoli fosse stata questa Bolla ricevuta, dando una mentita non meno
al _Salgado_[219], che scrisse non essere stata ricevuta ne' Regni di
Spagna, che al nostro Reggente _Tappia_[220], il quale nel suo Trattato
_De Contrabandis Clericorum_, avea con verità detto, che quella non
fu mai nel nostro Regno accettata, dicendo l'Albizio: _totum enim
contrarium apparet ex consultationibus et literis directis ad Regem
Catholicum Philippum II, o Duce de Alcalà Prorege Neapolis de anno
1567, videlicet, Bullam hanc fuisse, non solum in Civitate Neapolis,
sed per totum Regnum pubblicatam_; poichè da queste Consulte e Lettere,
come si è veduto, tanto è lontano ricavarsi, che fosse stata ricevuta,
che anzi i Vescovi ne furono castigati, quando ebbero ardimento di
pubblicarla. Ebbero è vero i Vescovi questa arroganza contra il volere
del Re, istigati da Roma di pubblicarla, ma furono sempre impediti
i loro disegni e resi vani gli effetti: si continuò l'esazione
delle gabelle, e se n'imposero delle nuove senza licenza della Sede
Appostolica: l'_Exequatur_ si ritenne: a' Magistrati non si fece dare
impedimento in esercitando li loro ufficj: le tratte furon come prima
vietate; nè senza Regio permesso s'introducevano vettovaglie in Roma.

Assai più favoloso è ciò che questo Autore soggiunge, che il Re
Filippo II avesse ceduto a questo punto, e che nelle istruzioni date al
Marchese de las Navas mandato a Roma nell'anno 1578 avesse confessato
in tutti i suoi Regni essere stata la Bolla pubblicata ed accettata;
poichè il Presidente Tuano rapporta il contrario, d'avere il Papa
rimesso il suo fervore, ed il Re Filippo al Duca d'Alcalà scrisse, che
il Pontefice avea ordinato, che sino a nuovo ordine non si pubblicasse
la Bolla, e dopo la missione del Marchese de las Navas, il Cardinal
Granvela e D. Pietro di Giron Duca d'Ossuna, che fu Vicerè, dall'anno
1582 insino al 1586, si opposero agli attentati de' Vescovi, siccome
fecero i loro successori: ancorchè per le circostanze de' tempi, non
con quel medesimo vigore e fortezza del Duca d'Alcalà.

Se gli Spagnuoli avessero usati i rimedj praticati in Francia per
guarir queste ferite, non già impiastri ed unguenti, non si sarebbe
data occasione agli assentatori della Corte di Roma di scrivere
queste ed altre maggiori esorbitanze, in grave scorno della potestà e
giurisdizione de' nostri Re; ma l'aver sovente trascurato di punire
la pubblicazione che si faceva da' Vescovi e da' Parrochi, e solo
accorrere a casi particolari, impedendo a' Vescovi, quando volevan
con effetto eseguirla e metterla in uso, ha portato questo, che gli
Autori Ecclesiastici, perchè la sentivano pubblicare da' Vescovi e
da' Parrochi e la vedevano affissa nelle porte delle Chiese e ne'
Confessionarj, abbiano scritto che questa Bolla fosse stata nel Regno
pubblicata e ricevuta, siccome fra gli altri fece il Cardinal Albizio,
il quale per ciò, come testimonio di veduta, dice: _Et ego, qui per
triennium exercui officium Auditoratus Nunciaturae Neapolis, sub fel.
rec. Urbani VIII Pontificatu, testor acceptationem et ejus usum in
praedicta Civitate et Regno_. Ma egli dovea sapere ancora, che quando
i Vescovi volevan quella porre in pratica, tosto il Collaterale ed il
Delegato della giurisdizione vi s'opponeva e dava riparo: che a' suoi
tempi si ponevano nuovi dazj senza licenza della Sede Appostolica: che
si proibiva in Roma e nello Stato Ecclesiastico mandar vettovaglie ed
altre cose, senza Regio permesso, tutto che per la Bolla non si potesse
ciò loro impedire, anzi gli Ecclesiastici ne dimandavano le tratte ogni
anno, ed in tutto il resto niente fu variato di quel che prima della
Bolla si faceva.

Da ciò ne nacque ancora, che i Vescovi del Regno ne' Sinodi Diocesani,
stabilendo in quelli i loro decreti, si servissero della Bolla, e
spesso l'allegassero; ma non per ciò i Sinodi erano per quelli capi
ricevuti, ma s'impediva loro di mandarli in esecuzione. Sono piene le
nostre Province di questi Sinodi, ma non s'ardisce però niuno metterli
in pratica.

Quindi nacque ancora, che gli Scrittori Ecclesiastici, e
particolarmente i Casuisti (poichè con gran trascuraggine non molto
vi si bada) abbiano empiti i loro volumi di massime quanto false,
altrettanto pregiudizialissime alla giurisdizione del Re, con sostenere
come per tacer altri, fecero Marta, Diana, del Bene e tanti altri, la
Bolla _in Coena Domini_, come tutte le altre, aver forza ed obbligar
le coscienze degli uomini anche ne' Regni, nelli quali non è stata
ricevuta, per non esser necessario alle Bolle del Papa pubblicazione o
accettazione alcuna, ma che basti che siano quelle pubblicate _in acie
Campi Florae, ad valvas Basilicae D. Petri_ e negli altri luoghi soliti
di Roma, per obbligare tutti i Principi e tutte le Nazioni del Mondo
Cristiano: che tenendo il Papa la sua autorità immediatamente da Dio,
non ha bisogno la sua legge di accettazione o pubblicazione: che questo
istesso lo diffinisce la Bolla medesima _in Coena Domini_, e tante
altre esorbitanze. Come se al Papa, ancorchè eccedesse i limiti della
sua potestà spirituale, mettendo ciò che vuole nelle sue Bolle, abbiano
i Principi ciecamente ad ubbidire, ancorchè per quelle si trattasse
di levargli la loro potestà e giurisdizione, che parimente essi la
riconoscono da Dio. E come se non fosse il Principe in obbligo, per la
custodia de' suoi Stati, invigilare a ciò, che s'introduce da Roma in
quelli, ed opporsi a' pregiudizj de' suoi regali diritti e de' suoi
vassalli: intorno a che è da vedersi _Van Espen_[221], dotto Prete e
celebre professore de' Canoni nell'Accademia di Lovanio, il quale sopra
ciò compose un particolar trattato, confutando gli errori di costoro,
stampato in Brusselles l'anno 1712. Anzi questi assentatori della
Corte di Roma erano trascorsi insino a dire, che chi sente altrimenti è
sospetto d'eresia, e può denunciarsi al S. Ufficio, e di vantaggio (ciò
che non può sentirsi senza riso insieme ed indignazione) sono scorsi
sino a dire, che controvertire del fatto, cioè se in tale provincia
sia ricevuta o no questa Bolla, s'incorra nel medesimo sospetto, ed il
Cardinal Albizio[222] narra, che a' suoi tempi per comando d'Alessandro
VII, s'era da tutti i Qualificatori del S. Ufficio, _nemine excepto_,
qualificata per falsa, temeraria, erronea, ingiuriosa all'autorità del
Santo Pontefice, e che prepara la via allo Scisma, questa proposizione:
_Bulla, quae promulgatur in Coena Domini, non est in Belgio usu
recepta juxta probabilem multorum opinionem_: e ne cita il decreto
profferito sotto li 20 settembre del 1657. E qual documento maggiore
dell'inosservanza potevano avere, che da quest'istessa Bolla; dove si
proibisce a' Principi di metter nuovi pedagi e gabelle senza licenza
della Sede Appostolica, dove si scomunicano i loro Ufficiali che
impedissero a' Giudici Ecclesiastici d'esercitare la loro giurisdizione
_contra quoscumque_, dove finalmente l'imperio si sottopone interamente
al Sacerdozio ed il Papa fassi Monarca sopra tutti i Re e Principi
della Terra?



CAPITOLO V.

_Contese insorte intorno all'EXEQUATUR REGIUM delle Bolle e rescritti
del Papa, ed altre provvisioni, che da Roma vengono nel Regno._


È veramente da notare la provida mano del Signore, come nel Pontificato
di Pio V con pari compenso, al soverchio zelo ed arditezza di quel
Pontefice abbia voluto contrapporre la vigilanza e fortezza in
resisterlo del Duca d'Alcalà, perchè nel nostro Regno fosse eseguito
ciò che di sua propria bocca prescrisse di doversi rendere a Cesare
ciò ch'è di Cesare ed a Dio, quel ch'è di Dio. La Bolla _in Coena
Domini_ come si è veduto, proibiva a' sudditi di pagare i tributi a'
Re, se nell'imporli non si fosse prima ottenuta licenza dalla Sede
Appostolica; ma il Duca non fece valere la Bolla, e fece pagare come
prima le gabelle e le collette legittimamente imposte con decreto ed
assenso Regio. Si toglievano per quella a' Principi i diritti più
supremi della loro potestà regale, ma non si permise un attentato
sì scandaloso, e cotanto a lor pregiudiziale: si proccurava in breve
sottoporre interamente l'imperio al Sacerdozio, ma poichè Iddio non
mai ciò volle, s'eseguì il suo Divin volere. Ma la Corte di Roma non
perciò arrestandosi, e sempre più vigilante ed attenta alle sorprese,
cercava togliere a' nostri Re una prerogativa cotanto lor cara, ch'è
riputata la pupilla de' loro occhi, e 'l fondamento principale della
loro regal giurisdizione: questo è l'_Exequatur Regium_, che si ricerca
nel Regno alle Bolle e Rescritti del Papa, e ad ogni altra provvisione,
che viene da Roma, senza il quale non si permette, che si mandino in
esecuzione. Il Pontefice Pio V, sopra gli altri suoi predecessori,
l'ebbe in tanta abbominazione, che qualificandolo come _disautorazione_
della dignità ed autorità Appostolica, fece ogni sforzo per toglierlo e
distruggerlo: vi s'impegnarono poi, seguendo le sue pedate, gli altri
Pontefici suoi successori, e non men la Corte di Roma, che i Prelati
del Regno con varj modi, tentando ogni via, cercarono abbatterlo. In
contrario si rese commendabile la costanza de' nostri Re, che sempre
forti resisterono con vigore alle loro intraprese, tanto che ci rimane
ora vie più stabile e fermo che mai. Racconteremo per tanto, seguendo
il nostro istituto, la sua origine, come fossesi nel Regno mantenuto
sotto tutti i Principi che lo ressero, le contese perciò avute colla
Corte di Roma, che cercava abbatterlo e particolarmente nel Viceregnato
del Duca d'Alcalà, e per quali ragioni, e come in fine restasse sempre
fermo e saldo.

Gli Scrittori Ecclesiastici, per appoggiare come meglio possono la
pretensione della Corte di Roma, oltre alle generali ragioni rapportate
di sopra, che le Bolle e Rescritti del Papa non abbiano bisogno
d'accettazione o pubblicazione alcuna fuor di quella che essi fanno
in Roma, ne adducono una particolare per questo Reame; e confondendo
l'_Assenso Regio_, che prima i nostri Re davano alle elezioni di tutti
i Prelati del Regno, coll'_Exequatur Regium_, che si dà a tutte le
Bolle e Rescritti del Papa, ed a qualunque altra provvisione, che
ci viene da Roma, pretendono, che siccome quello per l'investiture,
che si cominciarono a dare a' Re della Casa d'Angiò e poi continuate
sino al presente, fu tolto, così ancora debba levarsi l'_Exequatur_.
Così il Cardinal Alessandrino, mandato dal Pontefice Pio V suo zio
Legato in Madrid al Re Filippo II, fra le altre cose, che espose nel
memoriale[223] datogli, diceva querelandosi, che nel Regno di Napoli
in moltissimi capi non s'osservava il Concilio Tridentino; _ed in
infinite maniere s'impediva l'esecuzione delle lettere ed espedizioni
Appostoliche: a quali abusi, e particolarmente a quello dell'Exequatur
Regio, è obbligata la M. V. per proprio giuramento a rimediare e
rimovere, come potrà vedere dalle clausole dell'Investitura di Giulio
II in persona di Ferdinando il Cattolico, e di Giulio III in persona
della M. V. da lei giurata_.

A questo fine gli diedero una origine assai favolosa, dicendo che
fosse introdotto nel Regno, e cominciò a praticarsi nelle proviste
de' Prelati delle Chiese Cattedrali, solo per sapere, prima che si
eseguisse la provista delli Prelati eletti, se fossero nemici e mal
affetti del Re, ed acciocchè dentro lo Stato non si ricevesse persona
di cui potea aversi sospetto di dover portare in quello macchinazioni,
tumulti e rivoluzioni; e ciò s'introdusse quando il Regno era tutto
sconvolto per le contese de' Principi pretensori, e quando ogni dì,
guerreggiandosi spesso, l'uno cacciava l'altro. Quest'origine appunto
gli diede Papa Clemente VIII, in una lettera scritta a' 5 di ottobre
del 1596 di sua propria mano al nostro Vicerè Conte di Olivares, per
la quale pretendeva farlo togliere dal Regno in que' tempi pacati senza
guerre e senza sospetti[224].

Ma confondere due cose, che sono pur troppo diverse, e che l'una
ha principio totalmente dall'altra diverso, dar quella origine
all'_Exequatur Regium_, che nacque ne' Dominj de' Principi Cristiani
insieme col Principato e colla loro potestà regia, o è pur troppa
simplicità, ovvero sottil malizia.

L'Assenso Regio, che prima si richiedeva in tutte le elezioni de'
Prelati del Regno, non nacque principalmente per la cagione di sopra
rapportata; ma da un altro principio, cioè d'avere prima avuto i
Principi parte nell'elezione di quelli, o sia, come dice Duareno[225],
perchè rappresentando le ragioni del Popolo, il quale al Principato
trasferì tutta la sua potestà, siccome prima il Popolo nell'elezione
ci avea insieme col Clero gran parte, così fossesi ciò trasferito al
Principe: ovvero dall'avere essi da' fondamenti erette le Chiese, o
ristorate, o arricchite d'ampj poderi e ricchezze, in maniera, ch'essi
si riserbarono questa ragione, anzi s'attribuirono d'investire i
Prelati col bastone e coll'anello, non già per la spiritualità della
carica, che non si apparteneva a loro, ma per le temporalità, che
alle Chiese essi, o loro maggiori aveano donate. Così nel Regno de'
Normanni, che furono cotanto liberali e profusi in dotar le Chiese,
non vi era elezione senza il lor consenso; così ancora praticossi
nel Regno dei Svevi, insino che Carlo I d'Angiò, avendo acquistato il
Regno per l'invito e favore del Papa, questi, che riconosceva da lui
cotanto beneficio, non ebbe riparo nell'investitura, che gli fece di
quello, di contentarsi di non doversi per l'avvenire nell'elezione de'
Prelati richiedere il suo assenso: ciò, che però non tolse il _Regio
Exequatur_: nè di non poter rimediare alle provvisioni, che si facevano
da Roma, nel caso il provvisto fosse nemico o al Re sospetto, perchè
questa ragione dipende da altro principio; anzi Papa Niccolò IV lo
dichiarò in una sua Bolla istrumentata a' 28 luglio del 1288 in tempo
del Re Carlo II d'Angiò, dicendo che non potevano in modo alcuno essere
assunti a dignità Arcivescovile, Vescovile, o altra Dignità o Prelatura
del Regno, coloro, che saranno sospetti al Re[226]. Nè parimente tolse
le ragioni di presentare o nominare le persone in quelle Chiese, che
fondate da' nostri Re, o loro maggiori, ovvero ampiamente dotate, erano
di _Patronato Regio_; onde poi per togliere li continui contrasti, che
sopra di ciò insorgevano per le Chiese Cattedrali colla Corte di Roma,
nacque tra Clemente VII e l'Imperador Carlo V quel concordato, di cui
altrove fu da noi lungamente discorso.

L'_Exequatur Regium_, che si dà nel Regno, non pure alle proviste,
che si fanno in Roma delle Prelature ed altri Beneficj del Regno, ma
a tutte le Bolle e rescritti del Papa, anche a' Brevi di giubileo e
d'indulgenze, ed a qualsivoglia provvisione, che ci venga da Roma, non
dipende da questo principio, nè nacque ne' turbolentissimi tempi di
guerra, per sospetto che forse s'avesse del provvisto, d'esser poco
amico dei Principi contendenti, quando l'uno spesso cacciava l'altro.
La sua origine è più antica, nacque non pur nel Regno di Napoli, ma
in tutti i Dominj de' Principi Cristiani col Principato istesso, e
s'appartiene ad essi, _titulo sui Principatus_, ovvero _jure Regaliae_,
come ben pruova Van-Espen dotto Prete e gran Teologo di Lovanio[227].
Nacque per la conservazione dello Stato, e perchè in quello non siano
introdotti da straniere parti occasioni di tumulti e disordini; onde
fu sempre mai lecito a' Principi, e proprio della loro commendabile
vigilanza, capitando ne' loro Regni scritture di fuori, per le quali
si pretenda in quelli esercitar giurisdizione o sia spirituale o
temporale di riconoscerle prima che quelle si mandino in esecuzione:
tanto maggiormente, che la Corte di Roma da molto tempo aveasi arrogata
molta autorità, che eccedeva il confine di un potere spirituale,
e sovente si metteva a decider punti, che non le appartenevano, e
toccavano la potestà temporale de' Principi: onde fu introdotto stile,
che se le provvisioni venute di Roma dovranno eseguirsi contra Laici,
si abbia a domandar da' Magistrati l'implorazione del braccio, i quali
non come semplici esecutori, ma ritrattando l'affare ed esaminandolo,
se conoscono essere a dovere, lo fanno col loro braccio eseguire,
altrimente niegano l'esecuzione: se la scrittura contenerà il solo
affare degli Ecclesiastici, o si tratterà di cose meramente spirituali
e di cause Ecclesiastiche, se le dà l'_Exequatur_ dal Re ed in suo
nome dal Vicerè, se però conoscerà coll'eseguirsi, niente ridondare
in pregiudizio delle sue preminenze e Regalie dello Stato e de' suoi
sudditi, nè contrastare agli usi e costumi del paese; ond'è, che per
ciò non si pretende di volere avvalorare o disfare ciò, che il Papa
ha fatto, quasi ch'egli nelle cause Ecclesiastiche e spirituali abbia
bisogno della potestà del Principe Secolare[228]; ma unicamente vien
richiesto, perchè il Principe, che deve vigilare e star attento,
acciocchè il governo de' suoi Regni non sia perturbato, sappia, che
cosa contiene ciò, che da fuori viene nel suo Dominio e Principato,
affinchè sotto questo colore o pretesto non s'introduca cosa, che possa
nuocere alla quiete e tranquillità del suo Stato ed al governo della
Repubblica; e questo è il fine perch'è ricercato, siccome ben a lungo
dimostrò Van Espen nel suo trattato _De Placito Regio_[229]; ciò che
ben intesero il Vescovo Covarruvias[230], Belluga[231], ed il Cardinal
di Luca[232], il quale scrisse, che a questo fine si praticava nel
nostro Regno l'_Exequatur Regium_.

Quindi deriva, che niuna Bolla, Breve, Rescritto, Decreto o qualunque
altra scrittura, che venga a noi da Roma, sia esente da quello:
si ricerca eziandio per questo fine alle Bulle dei Giubilei e
dell'Indulgenze[233]; anzi, secondo che con più argomenti pruova
Van-Espen[234], può ancora ricercarsi alle Bolle istesse dogmatiche,
non già, che s'appartenga al Principe diffinire, o trattare cose di
fede; ma perchè le clausole, che si sogliono apporre in quelle, e
delle quali, secondo il moderno stile di Roma, soglion esser vestite,
il modo, il tempo, le congiunture e l'occasioni di pubblicarsi tali
Bolle, devono essere al Principe note e palesi. Forse, se oltre al
dogma in quelle diffinito ed alle pene spirituali, si volesse metter
anche mano alle temporali: forse, perchè non convenisse per altri
motivi rilevanti di Stato, pubblicarsi allora, ma aspettarsi tempo più
congruo, e per altri rispetti e cagioni, le quali furono ben a lungo
esaminate da quello Scrittore. Quindi vien ricercato ancora il _Regio
Exequatur_ a tutti i Decreti, che si fanno in Roma nelle Congregazioni
del S. Ufficio, e dell'Indice intorno alla proibizione de' libri, di
che altrove fu da noi lungamente ragionato. E quindi deriva ancora,
che nell'interposizione, di quello non si proceda per via di cognizione
ordinaria, ma per via estragiudiziale e secondo le regole di Stato e di
Governo, non già secondo quelle del Foro; onde si vede quanto di ciò
poco s'intendano e Casuisti e Canonisti, i quali credendo, che questo
esame si abbia a fare con termini forensi, gracchiano per ciò ne'
loro volumi[235], e scrivono, che non possono le Bolle ed i Rescritti
del Papa _ritenersi_, o esaminarsi dai Giudici Laici, perch'essi
non han giurisdizione sopra le cause Spirituali ed Ecclesiastiche,
trattando questa materia al modo loro, e con termini d'immissione, di
giurisdizione e con altre inezie forensi.

Da ciò parimente deriva, che non ogni Tribunale di Giustizia, ancorchè
supremo, abbia facoltà di concedere questo _Placito Regio_. Ma ciò è
solo riserbato a' Consigli supremi del Re istituiti per lo Governo,
ed a' Consiglieri, che sono al suo lato e che hanno l'economia. Così
presso di Noi è del solo Collateral Consiglio, il cui capo è il Vicerè,
di concederlo, non già d'altro Tribunale di giustizia, supremo che
fosse[236]. E negli altri Dominj de' Principi Cristiani d'Europa,
siccome in Ispagna ed in Francia, è solo ciò riserbato a' Consiglj
Supremi del Re; siccome in Fiandra al supremo Consiglio di Brabante
ed agli altri Supremi Consiglj di quelle province[237]. Per questa
cagione furono nel 1551 meritamente dal Vicerè Toledo ripresi il
Reggente ed i Giudici della Vicaria, li quali s'avanzavano a concedere
tali _Placiti_, con ammonire ed ordinar loro, che per l'innanzi più
non gli spedissero, perchè questa preminenza era del solo Vicerè e suo
Collateral Consiglio, non già de' Tribunali di Giustizia[238].

Nè questa è solamente prerogativa del nostro Regno e de' nostri Re,
come altri forse crede: ella è comune a tutti i Principi, i quali
ne' loro dominj praticano lo stesso. In Ispagna, come ci testificano
Covarruvias[239], Belluga[240], e Cevallos[241], le Bolle e tutte le
provvisioni che vengono di Roma, prima di pubblicarsi s'esaminano
nel Consiglio Regio, e sovente quando non vogliono eseguirsi, _si
ritengono_; onde _Salgado_ per giustificar questo stile ed inconcussa
pratica, compose quel trattato, che per ciò ha il titolo _De Retentione
Bullarum_; e quell'altro. _De Supplicatione ad Sanctissimum etc._,
ed il medesimo praticarsi in Portogallo testifica Agostino Manuel
nell'Istoria di Giovanni II[242].

In Francia e nella Fiandra è cosa notissima, che non si pubblica
cosa che venga di Roma, se prima non sia stata quella esaminata per
gli Ufficiali del Re; anzi essi non si vagliono di questa, per altro
assai modesta e rispettosa parola _exequatur_[243] (ancorchè pure si
fosse preteso di mutarla in _Obediatur_) ovvero, come si pratica in
Milano[244], di _Pareatis_, ma di _Placet_, e quando le provvisioni
non piacciono, si ributtano[245]. Lo stesso s'osserva nel Ducato di
Brettagna secondo l'Argentreo[246], e nel Ducato di Savoja, siccome
ce ne rende testimonianza Antonio Fabro[247]. In Sicilia si pratica il
medesimo, e Mario Catello[248] rapporta lo stile e le formole di quel
Regno intorno a ciò. In Italia, siccome in Venezia, lo testifica il
P. Servita: nel Ducato di Fiorenza, Angelo[249], ed in tutte le altre
Regioni d'Italia, Antonio d'Amato[250].

Nel nostro Regno di Napoli non solo sotto i Principi _Normanni_ e
_Svevi_ fu inalterabilmente ciò praticato, ma anche sotto i Re medesimi
della Casa d'_Angiò_, ligj de' Romani Pontefici; e coloro eziandio,
che nell'investiture si contentarono di spogliarsi dell'_Assenso_
nell'elezioni de' Prelati. Ciò che maggiormente convincerà, non aver
niente di comune l'_Assenso_ prima ricercato, col _Regio Exequatur_
sempre ritenuto e non mai interrotto.


ANGIOINI.

Carlo II d'Angiò, essendo stato eletto per Vescovo di Melito Manfredi
di Gifuni, Canonico di quella Chiesa, non volle a verun patto alle
di lui Bolle dare il suo beneplacito; gl'impedì il possesso, perchè
egli era sospetto d'infedeltà, e la carta del Re data a Napoli l'anno
1299 vien rapportata dall'Ughello[251]. Gli altri Principi di questa
Casa, quando all'incontro conoscevano niente esservi d'ostacolo, lo
davano; anzi presentate ad essi le Bolle e' Brevi, o altre provvisioni
provenienti da Roma, non solo lo concedevano, ma vi prestavano anche il
lor favore ed ajuto, perchè tosto s'eseguissero.

Carlo Duca di Calabria primogenito e Vicario Generale del Re Roberto,
all'Arcivescovo di Siponto, che gli avea presentate alcune lettere
Appostoliche di Papa Giovanni XXII spedite per una causa pendente
in Roma sopra l'unione del monastero di S. Giovanni in Lamis della
Diocesi di Siponto col monastero di Casanova della Diocesi di Penna,
non solo alle medesime concedè il suo beneplacito, ma a primo agosto
del 1321 scrisse a' Giustizieri ed altri Ufficiali della provincia di
Capitanata, che prontamente le facessero eseguire.

Il Re Carlo III, avendo Urbano VI conferito a Fra Girolamo di
Pontedattilo la Badia di S. Filippo di Gerito della Diocesi di Reggio,
fece lo stesso, e scrisse a' 18 novemb. del 1382 a' Capitani di
quella città, che gli prestassero ogni favore ed assistenza circa la
possessione che dovea prendere della Badia.

Il Re Ladislao, essendo stato un tal Fra Elia creato da Bonifacio IX
Archimandrita del Monastero di S. Adriano della Diocesi di Rossano,
volle prima informarsi de' suoi costumi, e trovatolo di sufficienza
diè l'_Exequatur_ alla Bolla, ed ordinò a' 6 gennajo del 1403 a' suoi
ufficiali in Calabria, che lo favorissero a pigliar la possessione,
siccome quest'istesso Re, particolarmente in tempo dello Scisma, ne
impedì ad altri il possesso.

La Regina Giovanna II, avendo il Papa conferito a Cicco Guassarano la
Badia di S. Maria di Molocco nella Diocesi di Reggio, avendo questi
presentate nella sua Reginal Corte le Bolle originali speditegli dal
Papa, che furon vedute e lette, diede il suo assenso, ed ordinò a' 20
aprile del 1419 a' suoi ufficiali di Calabria, che le facessero dar
esecuzione[252].


ARAGONESI.

Non meno che in tempo degli Angioini, fu ciò praticato co' Re
_Aragonesi_. Re Alfonso I espose ad Eugenio IV, da poi ch'ebbe dal
medesimo ricevuta l'investitura colle solite clausole, che nel Regno
v'era consuetudine di non riceversi i Prelati provvisti da Roma senza
il suo beneplacito; ed il Papa non v'ebbe difficoltà alcuna, che per
l'avvenire potesse valersi di questa prerogativa. Per ciò, essendo
stato nel 1451 provveduto il Vescovado di Marturano in Calabria, il
Re Alfonso diede al provvisto l'_Exequatur_, come dal suo diploma,
rapportato dall'Ughello[253]. Il medesimo Re, avendo Papa Calisto
III conferita la Badia di S. Pietro in _Pariete_ fuori le mura del
Castello di Cilenza dell'Ordine di S. Benedetto della Diocesi di
Vulturara a Fr. Baldassare di Montauro, monaco del Monastero di S.
Pietro della Canonica fuori le mura d'Amalfi dell'Ordine Cisterciense,
diede l'_Exequatur_ alle Bolle, che gli furono da costui presentate, ed
ordinò a 29 luglio del 1457 al Conte di Termuto che si eseguissero. Lo
stesso fece alla concessione, che il Gran Maestro di Rodi dell'Ordine
Gerosolimitano avea fatta a Filippo Ruffo di Calabria, figliuol
naturale di Carlo Ruffo Conte di Sinopoli[254], del Priorato e Governo
della Chiesa di S. Eufemia di detto Ordine, situata nella Provincia di
Calabria, dandogli l'_Exequatur_, ed ordinando a' suoi ufficiali che
l'assistessero nel pigliar il possesso, ed alla percezione de' frutti.

Morto il Re Alfonso, e succeduto nel Regno Ferdinando I suo figliuolo,
questi, nel Pontificato di Sisto IV, seguitando le medesime pedate de'
Re suoi predecessori, non ebbe chi tal prerogativa gli contrastasse;
anzi nel 1473 ne stabilì Prammatica, al cui esempio il Duca d'Alcalà ne
promulgò poi un'altra nel 1561, della quale si dirà più innanzi[255];
egli per ciò alle Bolle, ed altre provvisioni, che venivano da Roma,
quando non poteva considerarsi inconveniente, dava l'_Exequatur_,
ed avendo il Pontefice suddetto conferito il Vescovado di Capaccio a
Lodovico Fonellet Arcivescovo di Damasco per Bolle Appostoliche dei
20 marzo 1476, presentategli le Bolle, assenti, ed a' 13 maggio del
medesimo anno scrisse al Capitano di Capaccio ed a' suoi Ufficiali, che
l'eseguissero.

Assunto che fu poi al Pontificato Innocenzio VIII, portando la
condizione di que' tempi, che la corruzione in Roma arrivasse insino
all'ultima estremità, si vide non meno in lui (ma più ne' Pontefici,
che gli successero) una ambizione così sregolata, che niente altro si
studiava, che per ogni via rendersi assoluti Monarchi sopra i Principi
della Terra; cominciò a dispiacer loro quest'_Exequatur_, ovvero
_Placet_, che praticavasi in tutti i Dominj de' Principi Cristiani di
Europa.

Innocenzio VIII adunque fu il primo, che per mezzo d'una sua
Costituzione[256] cercò toglierlo a tutti, e tentò la prima volta
contrastarlo al nostro Re Ferdinando: ma siccome la sua Bolla non ebbe
alcun seguito, e fu riputata inutile e vana negli altri Regni, così
ancora nel nostro: si continuò per tanto l'_Exequatur_, e Ferdinando
istesso, avendo il medesimo Pontefice conferito il Vescovado di
Sessa ad un tal Fr. Ajossa Napoletano, non si fece eseguir la Bolla,
se non presentata a lui, il quale, a' 3 aprile del 1487 concedè
l'_Exequatur_[257].

Succeduto, ad Innocenzio Alessandro VI Pontefice dotato di tante belle
doti e virtù, quante il Mondo sa; costui per le cagioni rapportate nel
_lib. 29_ di questa Istoria, essendo molto avverso al nostro buon Re
Federico, fra l'altre cose gli contrastò l'_Exequatur_ con maggiore
ostinazione e vigore; e vedendo che tutti i suoi sforzi gli riuscivan
vani, lo portò tanto innanzi la sua stizza, che non ebbe punto di
difficoltà nel 1500 a' 25 giugno di deporlo dal Regno, e fra l'altre
colpe che gl'imputava, per le quali veniva a dare tal passo, era questa
ancora, ohe aveva in più modi impedite le provvisioni Appostoliche,
eziandio quelle fatte in favore de' Cardinali, e voleva che le Bolle di
Roma non si mandassero in effetto, senza il _Regio Exequatur_[258]. Ma
altronde, che dalla collera di Alessandro e dalla sua vana deposizione
vennero le disgrazie a questo infelice Principe, il quale in tutto
il tempo che proseguì a regnare fra noi, non soffrì, che le Bolle si
ricevessero senza l'_Exequatur_: anzi ora vie più forte che mai, a' 3
di luglio del medesimo anno 1500, scrisse una molto grave lettera al
Vescovo di Carinola, dicendogli, che in tempo de' Re suoi progenitori
e massime del Re Ferdinando suo padre, era stato da antichissimo tempo
e continuamente osservato nel Regno, che niuna provvisione venuta
da Roma, o da altro luogo straniero, era stata ammessa, letta, nè
pubblicala senza licenza del Re: e così ancora erasi osservato da'
successori di Ferdinando dopo la sua morte, e che tutto ciò erasi da'
predecessori Pontefici sopportato; ma che presentemente scorgendosi,
che alcuni, per la revoluzione de' tempi, sogliono scusarsi non avere
di ciò notizia, perciò avea egli voluto farlo intendere a tutti i
suoi sudditi, con incaricar loro, che niuna Bolla, Breve o Scomunica e
qualsivoglia altra sorta di provvisioni, che venga da fuori del Regno,
si debba leggere, ammettere e pubblicare per persona del Mondo, senza
sue lettere esecutoriali, osservando detta antica consuetudine, e
non faccia il contrario se ama la sua grazia. In esecuzione del quale
stabilimento, avendo inteso, che al Maestrodatti del Vicario Capuano
era stata presentata inibitoria di Roma senza Exequatur; scrisse a' 3
dicembre del medesimo anno 1500 al Capitano di Capua, che proccurasse
aver nelle mani detta inibitoria, e la mandasse a lui, per provedere a
ciò che stimerà necessario.

Ma in niun tempo fu ciò con maggior rigore fatto osservare, quanto
nel Regno di _Ferdinando il Cattolico_, e negli anni che fu il Regno
governato dal Gran Capitano, e dopo la sua partita, da' _Vicerè_ suoi
successori.

In tempo del _Gran Capitano_ leggonsi presso il Chioccarello[259] molti
ordini da lui dati, affinchè non si desse la possessione a' Vescovi ed
Abati senza _Exequatur_; e di vantaggio si è proceduto al sequestro
delle rendite, nel caso si fosse presa senza di quello, e questo
medesimo fu praticato ancora nelle Badie concedute a' Cardinali, i
quali nè tampoco ne sono in ciò esenti, e per ciò non ebbero ripugnanza
di cercarla, siccome fece il Cardinal d'Aragona per la Badia di S.
Maria dello Mito posta in Provincia di Terra d'Otranto, concedutagli
da Papa Giulio II nel 1505. Così ancora quando dal detto Papa, per
resignazione fattane dal Cardinal Oliviero Caraffa Arcivescovo di
Napoli, fu dato il Vescovado di Chieti a Gianpietro Caraffa, poi
Cardinale e Papa, detto _Paolo IV_, fu la Bolla spedita a' 30 luglio
del detto anno 1505 presentata al Gran Capitano, il quale a' 22
settembre del medesimo anno, vi diede l'_Exequatur_.

Parimente procedè il Gran Capitano con gran rigore contra coloro, i
quali ardivano di servirsi di qualunque scrittura, anche di scomunica,
o interdetto, venuta di Roma senza il _Placito Regio_. Così avendo
con grandissimo rincrescimento inteso, ch'erano state poste nella
porta della Chiesa Metropolitana di Cosenza alcune scomuniche, o
interdetti contra Suor Arcangela Ferraro Monaca dell'Ordine di S.
Bernardo, senza essersi ottenuto prima _Regio Exequatur_, scrisse a'
23 dicembre del detto anno 1505 una molto grave lettera al Governadore
di Calabria, ordinandogli che ne prendesse informazione, e trovando le
suddette censure essere state affisse da persona laicale, la castighi
severamente, ed esemplarmente: se poste da persona Ecclesiastica ne
gli dia avviso, acciò che possa procedere a quello sarà di dovere. E
non pure nelle provvisioni di beneficj, o censure venute da Roma, ma
anche di commessioni venute dalla Sede Appostolica vi si cercava il
_Placito Regio_. Così avendo il Papa mandata commessione a D. Nicolò
Panico Commessario Appostolico, che insieme col Vescovo di Melito avea
da far inquisizione e castigare alcuni Preti delinquenti della Chiesa
di Melito, fu detta Commessione presentata al G. Capitano, il quale a'
20 giugno del seguente anno 1506 vi diede il _Regio Exequatur_.

Partito che fu Consalvo da Napoli per Ispagna col Re Ferdinando il
Cattolico, il Re lasciò in suo luogo il _Conte di Ripacorsa_ Castellano
d'Emposta, Aragonese e glie ne spedì commessione nel Castel Nuovo sotto
li 5 giugno del 1507, nella quale lo chiama suo nipote[260]. Rimasero
parimente in Napoli la Regina Giovanna vedova del Re Ferdinando I
d'Aragona, sorella di Ferdinando il Cattolico; l'altra Regina Giovanna
la giovane, che fu moglie del Re Ferdinando II, Beatrice Regina
d'Ungheria, figliuola del Re Ferdinando I, ed Isabella Duchessa di
Milano, figliuola del Re Alfonso II, la quale, per la morte del Duca
Giovanni Galeazzo suo marito, succeduta nel tempo che passò in Italia
il Re di Francia Carlo VIII, fu scacciata da quel Ducato da Lodovico
il Moro. Ferdinando il Cattolico vietò che a questo Principe si desse
la minima molestia intorno alla possessione delle Città e Terre che
possedevano, assignate loro in tempo de' Re Aragonesi per loro doti
ed appannaggi, e confermate nel trattato di pace, che Ferdinando
conchiuse col Re di Francia, quando si divisero il Regno, nel quale fra
gli altri patti si legge, che queste Regine dovessero durante la loro
vita, tenere e quietamente possedere tutti i Dominj, Terre e rendite
che per cagione di dette loro doti possedevano nel Regno così in
Napoli, Terra di Lavoro, ed Apruzzi, (metà assegnata al Re di Francia)
come ne' Ducati di Calabria e di Puglia, altra metà appartenente al
Re Ferdinando[261]. In esecuzione di che Ferdinando trattò sempre
la Regina Giovanna vedova del Re Ferdinando I sua sorella con sommo
rispetto, e la mantenne nella possessione de' suoi Stati con tutte le
preminenze regali, che vi esercitava, come se di quelli fosse libera ed
indipendente Signora.

Possedeva questa Regina la città di Lucera di Puglia, ovvero _de'
Saraceni_, la città di Nocera detta _dei Pagani_, la città di
Sorrento, la città della Cava, e, come Principessa di Sulmona, la
città di Sulmona, colle loro appartenenze. Il nuovo Vicerè Conte di
Ripacorsa rispettava questa Regina come Padrona, nè si impacciava nel
governo di quelle città dove ella esercitava assoluto ed indipendente
imperio. Osserviamo per ciò in questi tempi, spediti alle scritture
provenienti da Roma, più _Regii Placiti_, non meno dal Conte di
Ripacorsa nel Regno, che dalla Regina Giovanna nelle sopraddette città
a lei appartenenti. Tutti con più chiarezza dimostranti l'inconcussa
pratica di tal requisito, e reputato allora grave eccesso e delitto il
trascurarsi.

Ma niun più chiaro documento conferma questo rigore, quanto una
lettera, che il Re Ferdinando il Cattolico scrisse a' 22 di maggio
dell'anno 1508 a questo Vicerè piena di minacce e molto terribile,
per aver il Conte, forse a riguardo della Regina Giovanna, rilasciato
alquanto il rigore in una occasione, che saremo a riferire. Essendo
insorta una controversia nella città della Cava, nella quale la
Regina come città sua vi avea parte, avea il Papa mandato un Corriere
Appostolico con un Breve, il quale ebbe ardimento di valersene senza
il _Placito Regio_, e di notificarlo allo stesso Vicerè; ciò che
partorì gravi disordini. Il Conte di Ripacorsa con sue lettere ne
avvisò Ferdinando, il quale risedeva allora a Burgos. Rispose il Re
con tal risentimento e tanta alterazione, che fra l'altre cose gli
scrisse, che egli era rimaso molto mal contento di lui, che non avea
in affare cotanto grave proceduto con quel rigore, che meritava, con
aver permesso un pregiudizio di tanta importanza contra la sua dignità
Regale e sue preminenze, e come abbia potuto soffrire quell'atto del
Corriero Appostolico, senza farlo tosto impiccare: che questo era un
attentato contra il diritto, e che non vi era memoria, che contra un
Re, o Vicerè di questo suo Reame, si fosse altre volte ardito tanto,
ch'egli voleva far valere questa sua ragione nel Regno di Napoli,
siccome nelli Regni di Spagna, e siccome praticavasi ancora in quelli
di Francia; che questi attentati del Papa, siccome l'esperienza ha
fatto conoscere, non eran ad altro drizzati, che ad augumentare la
sua giurisdizione; onde aveano fortemente scritto al suo Ambasciadore
residente in Roma, affinchè portasse al Papa le sue querele, con
dimostrazioni forti, poich'egli era risoluto, se non rivocava il Breve,
e si cassassero tutti gli atti, ch'erano seguiti, di sottrarre dalla
sua ubbidienza tutti i Reami della Corona di Castiglia e d'Aragona:
facesse avvertita bene la Regina di questa sua fermezza e proposito,
ed egli invigilasse, che nel Regno non entrasse Bolla, Breve o altra
scrittura Appostolica contenente interdetti o altra provvisione
toccante quell'affare direttamente o indirettamente, nè permetta, che
qualsivoglia altre scritture di tal natura siano quivi rappresentate,
o pubblicate.

Questa lettera del Re, ancorchè non rapportata dal Chioccarello, fu
tutta intera impressa nel suo idioma Spagnuolo dall'autore del Trattato
_de Jure Belgarum circa Bullar. receptionem_[262]; e viene ancora
rapportata in idioma franzese da Van-Espen nel suo Trattato _De Placito
Regio_ nell'Appendice[263], dove allega questa pratica del nostro Regno
per inconcussa e non mai interrotta.

Il Conte di Ripacorsa, atterrito da questo risentimento del Re, non
tralasciò in tutto il tempo del suo governo invigilare più di quello,
che avea fatto per lo passato, che non si ricevesse scrittura alcuna
di Roma senza il _Placito Regio_, e di punire i trasgressori, siccome
avea già fatto nell'occasione del possesso dato senza _Exequatur_ d'una
Rettoria, con farne carcerare molti, e ad un Prete, che per la stessa
cagione era parimente stato carcerato, obbligollo a dar malleveria di
presentarsi, e così lo fece rilasciare.

Parimente essendo stato avvisato, che s'era presentata nella Corte di
Cività Ducale un'inibitoria del Papa, onde il Giudice non voleva in
quella causa procedere, scrisse egli a' 7 aprile di questo medesimo
anno 1508 al Governadore di quella Terra, che restava di ciò molto
maravigliato, perchè dovea sapere, che in questo Regno tutte le
provvisioni Appostoliche non si possono presentare senza _Exequatur_:
ed essendo stata presentata quell'inibitoria senza tal atto non
ne dovea fare alcuna stima, e per ciò gli ordinava, che dovesse in
quella causa procedere, non ostante detta inibitoria, e che questo
praticasse nell'avvenire, quando occorrerà, in simiglianti casi. Ed a'
30 giugno del medesimo anno diede ordine all'Arcivescovo di Nazaret
Regio Cappellan Maggiore di non dar licenza, senza cognizione di
causa, di far citare per Roma i Possessori dei beneficj, e senza che
egli ne stia inteso. E nel seguente anno 1509 fece condur prigione con
buona custodia in Napoli un tal D. Felice, della Diocesi di Nola, per
essersi servito di certe provvisioni di Roma senza il dovuto _Exequatur
Regium_[264].

Non meno che il Conte di Ripacorsa, la Regina Giovanna d'Aragona serbò
questo istituto nelle Città del suo Dominio. Come padrona di Lucera
de' Saraceni, a primo giugno del 1510 concedè il suo _Regio Exequatur_
ad un ordine venuto di Roma contra il Patriarca d'_Antiochia_,
Vescovo di quella Città. Come Principessa di Sulmona a' 8 maggio del
1512, concedè il suo _Placito Regio_ a Prospero de Rusticis per lo
Vescovado della Città di Sulmona conferitogli da Papa Giulio II con
Bolle Appostoliche de' 30 aprile del 1512. Come Signora della città di
Nocera de' Pagani, a 30 giugno del medesimo anno concedè _Exequatur_
a Domenico de Jacobaccio per lo Vescovado di detta città, conferito
dal medesimo Pontefice; siccome a' 12 febbrajo del 1515, lo concedè
a D. Pietro Jacopo Veneto di Napoli per la Chiesa Parrocchiale di S.
Matteo di Ancipontico di detta città di Nocera conferitagli dal Papa.
Come padrona della città di Sorrento lo concedè a 8 ottobre del 1514,
al Reverendo Messere Alberto fratello del Cardinal di Sorrento per
l'Arcivescovado di Sorrento, che il Papa glie lo avea conferito per
resignazione fattagli dal detto Cardinal suo fratello. E finalmente,
come Signora della Cava concedè l'_Exequatur _ad una Bolla del
Pontefice Lione X[265] il qual Pontefice, ancorchè avesse promulgata
una terribile Costituzione[266] contra gl'Imperadori, Re ed altri
Principi, che pretendevano doversi ricercar il loro _Placito_ o sia
_Exequatur_ alle provvisioni di Roma; non fu però quella accettata da
niun Principe, ma rimase vana ed inutile e senza effetto veruno.


AUSTRIACI.

Nel principio del Regno di Carlo V fu da' suoi Luogotenenti, mandati
da lui a governar questo Regno, costantemente serbato questo medesimo
istituto. Il Vicerè _D. Carlo di Lanoja_ concedè l'_Exequatur_ alle
Bolle spedite da Adriano VI a Gianpietro Caraffa Vescovo di Chieti, per
l'Arcivescovato di Brindisi. Ed il Vicerè Conte di S. Severina scrisse
al Capitano della città dell'Aquila, che compliva al servizio di S. M.
che il Cardinal di Siena non pigliasse possessione di quella Chiesa,
senza espresso suo ordine, e che debbia stare in questo con grandissima
avvertenza, dandogli di tutto ragguaglio, in modo che la possessione
non si abbia a dare a persona alcuna, senza espresso ordine d'esso
Vicerè[267].

Questo costume, senza minima contraddizione, serbossi inviolabilmente
nel Regno di Carlo V infino che assunto al Papato Clemente VII non
venisse a costui in pensiero di usar ogni sforzo per toglierlo.
Seguitando le pedate de' suoi predecessori promulgò una Costituzione,
a quella di Papa Lione X consimile, nel dì primo gennajo dell'anno
1533[268] ed acciocchè venisse ubbidita nei Regno di Napoli, fece
scrivere all'Imperadore da Antonio Montalto Promotor Fiscale del Regno
di Sicilia, che facesse abolire in Napoli l'_Exequatur Regium_, come
dalle sue lettere in data de' 20 dicembre 1533, dove si legge; _Ricerca
ancora Sua Santità da Vostra Maestà, che levi dal Regno di Napoli
quella servitù del Regio Exequatur, imposto alle lettere Appostoliche,
siccome Vostra Maestà è obbligato di levarla per le condizioni
dell'investitura, che ha di quel Regno, e del giuramento prestato in
essa etc_.[269].

Ma non meno l'Imperadore, che _D. Pietro di Toledo_, che si trovava
allora Vicerè nel Regno, non vi diedero orecchio, e seguitossi come
prima il medesimo istituto; anzi il Toledo, perchè fosse a tutti
nota la costanza del suo Principe, a' 3 aprile del 1540, scrisse una
lettera Regia a tutti i Governadori delle province del Regno, nel
quale ricordava loro quest'antico costume del Regno, che qualunque
provvisione, che veniva da fuori, non si potesse eseguire senza sua
saputa, e licenza: che per ciò gli ordinava, che così dovessero
eseguire e far osservare nelle loro province: e se si facesse il
contrario, ne pigliassero informazione, e subito glie la mandassero;
e contra i Notari e Laici procedessero alla loro carcerazione: e se
fossero Cherici si facci ordine, che vengano fra certo tempo a Napoli
ad informare il Vicerè, acciò si possa per esso procedere, come
conviene.

Ed il Vicerè Francesco Pacecco a' 16 giugno del 1557, scrisse parimente
al Governadore di Benevento ordinandogli, che non facesse pubblicare
in detta città provvisione alcuna venuta da Roma senza licenza d'esso
Vicerè _in scriptis col Regio Exequatur_[270]. Così furono repressi
i pensieri di Clemente VII, nè sino al Pontificato di Pio V si tentò
altro dalla Corte di Roma.

Ma sopra tutti questi Pontefici, niuno più ardentemente combattè
questo _Exequatur_, quanto Pio V, il quale voleva, che in tutti i
modi si abolisse nel Regno; ed avendo l'Ambasciador del Re Filippo
II in Roma voluto da ciò ritrarlo, egli rispose, secondo che rapporta
Girolamo Catena[271], _il preteso Exequatur Regio, o alcuna licenza de'
Secolari, non aver luogo nell'esecuzione di alcun ordine Ecclesiastico.
Ciò essere chiaramente decretato da' Sacri Canoni e Concilj, e
non dissimile dalla predicazione della parola di Dio, della quale
chiedere alcuna licenza a' Secolari, intollerabil cosa sarebbe, etc.
E conchiuse non intendere sì gravi abusi in disonor di Dio e della
Santa Sede tollerare. Che gli Ufficj erano distinti; e però i Principi
conservassero il loro, e lasciassero alla Chiesa quel ch'è di Dio,
replicando spesso quelle parole; Reddite quae sunt Caesaris, etc_.

Al Cardinal Alessandrino suo nipote, figliuolo di sua sorella, che
mandò a Madrid, fra le altre istruzioni dategli, fu questa, e le
dimande, che costui fece al Re Filippo II furono: _Col quale abuso
furono accumulati quelli di Napoli, ove in moltissimi capi non si
osserva il Concilio Tridentino, ed in infinite maniere s'impedisce
l'esecuzione delle lettere, ed espedizioni Appostoliche, a quali abusi,
e particolarmente a quello dell'Exequatur Regio, è obbligata la Maestà
Vostra per proprio giuramento a rimediare e rimovere, come potrà vedere
dalle clausole dell'investitura di Giulio II in persona di Ferdinando
il Cattolico, e di Giulio III in persona della Maestà Vostra da lei
giurata_[272].

Il Duca d'Alcalà nostro Vicerè, che il buon destino lo portò al governo
di Napoli in questi tempi appunto, ove vi era maggior bisogno della
sua fortezza e vigore per resistere a' sforzi del Pontefice Pio, per
combatterlo alla prima, non si contentò di seguitare lo stile degli
altri Vicerè suoi predecessori; ma imitando il Re Ferdinando ed il
costume degli altri Reami, dove i Principi con perpetue e perenni
leggi ed editti, aveano ciò stabilito ne' loro Stati per via di legge
scritta, così volle far egli ancora nel Regno di Napoli.

In Francia è pur troppo noto, che vi sono molti editti de' loro Re,
come di Lodovico XI del 1475, e di molti altri suoi successori, che
possono vedersi ne' volumi delle Pruove delle libertà della Chiesa
Gallicana[273]. Parimente nelle province della Fiandra se ne leggono
moltissimi di Filippo il Buono Duca del Brabante del 1447, degli
Arciduchi Massimiliano e Filippo del 1485 e 1495, e di altri rapportati
da Van-Espen[274]. E così nella Spagna ancora, secondo ci testifica
Salgado, da cui il nostro Vicerè Duca d'Alcalà prese l'esempio.

Perciò egli a' 30 agosto del 1561 fece promulgare Prammatica, colla
quale ordinò, che non si pubblicassero Rescritti, Brevi ed altre
provvisioni Appostoliche senza _Regio Exequatur_ e licenza sua _in
scriptis obtenta_, a fine che quelli, che usassero tale temerità,
si possano castigare; e se si pubblicasse alcuno di detti Rescritti,
Brevi, o altre provvisioni Appostoliche senza sua licenza e consueto
_Regio exequatur_, se ne pigli diligente informazione, e subito se
gl'invii, acciò si possa procedere a severo castigo contra coloro, che
presumeranno d'usare tal temerità.

Questa Prammatica la vediamo oggi il giorno impressa nelle volgari
edizioni sotto il titolo _De Citationibus_[275], la quale fu
sottoscritta anche da' famosi Reggenti Villano e Revertera; e si legge
parimente nel 4 volume de' _M. S. Giur_. del Chioccarello, fu anche
impressa nell'antiche, e viene allegata da molti Scrittori. Nella
Consulta che fece il Consiglio del Brabante nell'anno 1652 all'Arciduca
Leopoldo, che vien rapportata da Van-Espen nell'Appendice[276], si
cita questa Prammatica del Duca d'Alcalà con queste parole: _Quant
au Royaume de Naples, il y a Ordonnance expresse in Pragmatica Regni
Neapolitani, tit. De Collation. prag._ 6 (volendo dire _De Citationib.
prag_. 5). Viene anche allegata da Van-Espen[277] e de' nostri Italiani
lungo catalogo ne tessè il Reggente Rovito ne' suoi Commentarj[278].

In esecuzione di questa legge furono da poi da lui dati varj
ordinamenti, perchè esattamente s'osservasse. Nel 1566 scrisse una
lettera a tutti gli Arcivescovi del Regno, anche a quello di Benevento,
coll'occasione d'una Bolla fatta trasmettere dal Papa nel Regno,
con seriamente esortarli, che sapendo, che simili Bolle, o altre
provvisioni di Roma non possono essere pubblicate ed eseguite senza il
_Placito Regio_, avvertissero molto bene a non farla in modo alcuno
pubblicare, e che a tal fine ordinassero a' Vescovi loro suffraganei
ed altri Prelati, che facessero il medesimo. E ne' seguenti anni,
particolarmente nel 1568, castigò con carceri e più severamente coloro,
che trasgredendo la legge, ardivano valersi di scritture di Roma senza
_Exequatur_.

Dall'altro canto il Pontefice Pio gridava ad alta voce col Commendator
Maggiore di Castiglia, Ambasciador del Re Filippo II in Roma: che
questi erano gravi abusi in disonor di Dio e della Santa Sede,
e ch'egli non poteva tollerarli; siccome in fatti dal Cardinal
Alessandrino suo nipote nell'istesso anno 1568 fece scrivere in
suo nome una lettera a tutti i Vescovi e Prelati del Regno, nella
quale diceva loro che la mente di Sua Santità era, che le Bolle ed
altri rescritti, che erano da lui mandati nel Regno, avvertissero a
non sottoporli ad alcuno _Exequatur Regium_, ma che prontamente li
eseguissero. Ma il Duca d'Alcalà, avvisato di tutto ciò dal Commendator
Maggiore, il quale gli mandò copia di questa lettera, proseguì
costantemente il medesimo tenore, e fattane di tutto ciò Consulta al
Re, egli intanto invigilava con sommo rigore, che non fosse ricevuta
o pubblicata in Regno scrittura alcuna senza prima presentarsegli, e
senza che, prima esaminata, non fosse a quella dato l'_Exequatur_.

Ed è notabile insieme e commendabile la sua vigilanza, che insino
a' Giubilei, che venivano da Roma era da' Nunzi richiesto il
_Regio Exequatur_; ond'è, che a' 14 e 15 decembre del medesimo
anno mandò lettere circolari a tutti i Governadori delle province
del Regno ed altri Capitani d'alcune città principali, facendoli
consapevoli, come il Nunzio di sua Santità residente in Napoli gli
avea presentato memoriale, dimandandogli il _Regio Exequatur_ ad un
Giubileo mandato dal Papa nel Regno, acciò che lo potesse pubblicare,
e che da lui gli era stato conceduto; per ciò ordinava, che con tal
notizia permettessero per le città e luoghi delle dette province la
pubblicazione di quello.

La Corte di Roma, usando delle solite arti, vedendo che gli ufficj
e minacce col Duca d'Alcalà erano senz'alcun frutto, tentò la via
della Corte di Spagna: onde diede incombenza al Nunzio residente in
Madrid presso la persona del Re Filippo, che proccurasse a drittura
col Re far argine al rigore del Duca, mandandogli tre Brevi intorno
alla riforma de' Frati Conventuali di San Francesco, che intendeva
far pubblicare nel Regno, affinchè non ne fosse dal Duca impedita
l'esecuzione. Ma il Re Filippo scrisse sì bene al Duca, che il suo
desiderio era, che s'adempisse a quanto si conteneva in quelli Brevi;
ma nell'istesso tempo, con ammonimento scritto di sua propria mano in
una postdata, gl'insinuò, che facesse eseguire i Brevi colla solita
forma dell'_Exequatur_[279].

Si tentò parimente dal Nunzio in Ispagna doversi togliere quest'uso
in Napoli, così perchè erano cessate le cagioni, perchè prima ne'
tempi turbolenti di guerra, quando l'un pretensore cacciava l'altro,
era forse necessario, come anche perchè presentemente non serviva per
altro, se non per estorquer denari nell'interposizione di quello. Il
Re nel seguente anno 1569 ne diede al Duca per sua lettera di tutto ciò
ragguaglio, dimandando da lui esserne informato, con avvisargli quanti
denari si esigono per la spedizione di quello ed a chi toccano, affine
di potersi trovar modo, che si spedissero _gratis_, e con ciò serrargli
totalmente la bocca. Il Duca d'Alcalà, con sua Consulta fece accorto il
Re di quanto era stato sinistramente informato dal Nunzio: che questo
_Exequatur_ era la maggior prerogativa e preminenza, che tenevano i Re
in questo Regno: che per costume antichissimo, avvalorato anche per
Prammatica fatta dal Re Ferdinando I nel 1473, era stato in tutti i
tempi osservato che non s'estorquon denari per la spedizione di quello,
ma alcuni pochi diritti, de' quali (per sua istituzione) ed a chi si
pagassero ne gli mandava per ciò notamento particolare e distinto:
anzi, per togliergli ogni pretesto, ordinò, che gli diritti, che
spettavano al Cappellan Maggiore, suo Consultore e Maestrodatti non si
esigessero dalle Parti, ma che si ponessero a conto della Regia Corte
per la vita di quelli, che tenevano questi Uffici, e di vantaggio diede
provvidenza, che il tutto si spedisse tosto e senz'alcuna dilazione e
tedio delle Parti[280].

Al Duca d'Alcalà finalmente noi dobbiamo, che l'animo del Re Filippo II
già dubbio e vacillante per le continue istigazioni e sinistri informi
del Nunzio del Papa residente in Madrid, si rassodasse e stesse fermo
e costante, e finalmente ributtasse pretensione cotanto fastidiosa ed
insolente. Il Duca non tralasciava con sue Consulte spesso avvertirlo,
che non cedesse a questo punto, ch'era il fondamento della sua regal
giurisdizione e la maggior prerogativa, ch'egli tenesse in questo
Regno, per la qual cosa il Re ebbe da poi sempre questa avvertenza,
quando vedeva drizzati a lui questi ricorsi insino a Spagna, di
mettersi in sospetto, e di non risolvere cos'alcuna, ma rimetter
l'affare al Vicerè di Napoli e suo Collateral Consiglio.

Si vide ciò nella promulgazione della Bolla _De Censibus_, stabilita
in quest'anno dal Pontefice Pio V, dove regolava a suo talento questo
contratto, e pre tendeva che dovesse quella osservarsi, non meno
nello Stato della Chiesa Romana, che in tutti i Dominj dei Principi
Cristiani. Non istimò la Corte di Roma tentar questo a dirittura
col Duca d'Alcalà, ma fece dall'Arcivescovo di Napoli mandar al Re a
dirittura la Bolla, dimandandogli, che la facesse eseguir ciecamente
nel Regno. Ma il Re sospettando quel ch'era, e riputando l'affare
di molta importanza, non volle risolver da se cos'alcuna; onde a' 3
marzo del 1569, scrisse una lettera drizzandola al Duca Vicerè, al suo
Collaterale ed al Presidente del S. C, nella quale dava loro notizia
della dimanda fattagli dall'Arcivescovo, e che riputando egli l'affare
degno di matura riflessione e di molta importanza, voleva per ciò,
che esaminassero e discutessero questa Bolla, nella discussione della
quale intervenissero non solo i Reggenti della Cancelleria, ma anche
Giannandrea de Curtis, Antonio Orefice e Tommaso Altomare allora Regj
Consiglieri; affinchè, quella esaminata, lo avvisassero di ciò, che
poteva occorrere sopra di quella, e se v'era alcuno inconveniente,
affine di poter pigliare la risoluzione, che conviene; replicando il
medesimo in un altra sua regal carta de' 13 luglio del medesimo anno.

Il Duca d'Alcalà, in esecuzione di questi ordini regali, fece esaminar
la Bolla, e si vide, che in quella il Papa s'arrogava molte cose,
ch'eccedevano la sua potestà spirituale, e si metteva a decider
quistioni, che non s'appartenevano a lui, ma s'appartenevano alla
potestà temporale de' Principi: che quella conteneva alcuni capi, che
volendoli eseguire portavan degl'inconvenienti, e sopra tutto si notò,
che facendosi quella valere nel Regno, si sarebbe impedito il libero
contrattare de' sudditi; onde, sebbene l'Arcivescovo di Napoli avesse
nell'istesso tempo presentato altro memoriale al Vicerè, dimandando
sopra la suddetta Bolla l'_Exequatur Regium_, si stimò bene non
concederlo, e che per ciò quella non si dovesse ricevere, nè presso
noi eseguire, come pregiudiziale al pubblico bene, ed al commercio.
Anzi avendo l'Arcivescovo di Chieti l'arto intendere al Governadore
d'Apruzzo, che il Cardinal Alessandrino aveagli scritto, che facesse
pubblicare nella sua Diocesi la Bolla, e che per ciò egli intendeva
pubblicarla, il Governadore ne avvisò il Duca, il quale a' 7 aprile
del medesimo anno 1569, scrissegli una lettera Regia, incaricandogli,
che parlasse all'Arcivescovo con farlo intero, che contenendo quella
Bolla alcuni capi, li quali eseguendosi, saria l'istesso, che levare il
contrattare, per ciò quella si stava esaminando, per potersi pigliare
resoluzione; e quando quella sarà presa in Napoli, se ne darebbe
notizia per tutto il Regno: e che intanto l'esorti da sua parte, che
non voglia a patto veruno pubblicarla, o farla da altri pubblicare;
e ch'egli stesso avvertito a non consentire, che si pubblichi, così
questa, come altra Bolla, o provvisione di Roma senz'il solito e
consueto _Exequatur_, con avvisarlo di quanto sarebbe occorso[281].
Nè durante il suo governo la fece egli qui valere; ed il Cardinal di
Granvela successore all'Alcalà ne fece ancor egli, a' 31 luglio del
1571, Consulta al Re, con avvertirlo, che quella eseguendosi nel Regno
partorirebbe di molti e gravi inconvenienti. Quindi è che presso di
Noi non fu giammai questa Bolla ricevuta, nè praticata, siccome ora
non si pratica nè ne' Tribunali, nè altrove[282]; ed osservasi la
Bolla del Pontefice Niccolò V, come quella che fu dal Re Alfonso I
inserita in una sua Prammatica, perchè acquistasse fra noi forza di
legge, altrimente nè meno avrebbe potuto obbligarci all'osservanza;
poichè dar regola e norma a contratti è cosa appartenente alla potestà
temporale de' Principi, ed è cosa appartenente ali Imperio, non già
al Sacerdozio; e consimili Bolle avranno tutta l'autorità nello Stato
della Chiesa di Roma, ma non già fuori di quello ne' Dominj degli altri
Principi d'Europa.

L'ordine del tempo richiederebbe, che si dovesse finir qui di parlare
di questo _Exequatur Regium_; ma io reputo serbarne uno migliore, se
per non esser obbligato a venire di nuovo a parlare di questa materia,
con proseguirla dopo la morte del Duca d'Alcalà nei tempi degli altri
Vicerè suoi successori insino ad oggi, perchè tutta intera, quanto ella
è, sia collocata sotto gli occhi di tutti, e particolarmente di coloro,
che avranno parte nel governo di questo Reame, acciò che conoscendo per
tanti successi, quanto fosse stato questo _Exequatur_ sempre odioso
alla Corte di Roma, e che non si tralasciò pietra, che non fu mossa
per abbatterlo, comprendano all'incontro, che tanti sforzi non si
facevano per altro, che per isvellere il principal fondamento della
Giurisdizione Regale e la maggior preminenza, che tengono i Principi
ne' loro Reami; donde sia loro un solenne documento di dovere invigilar
sempre, che non sia quello in minima parte tocco; ma proccurino,
tenendo innanzi gli occhi il vigore e la costanza del Duca d'Alcalà,
far in modo, che rimanga quello per sempre saldo e vie più fermo e
ben radicato, a tal che qualunque furia d'impetuoso vento non vaglia a
farlo un punto crollare.

Morto il Pontefice Pio V, i suoi successori seguitando, come per
lo più sogliono, le medesime pedate contrastarono non meno di lui
l'_Exequatur_. Infra gli altri, que' che più si distinsero, furono Papa
Gregorio XIII e Clemente VIII.

Papa Gregorio, riputandolo come una _disautorazione_ della Sede
Appostolica, non meno che reputollo il Pontefice Pio, l'ebbe sempre
in orrore, e pose ogni studio ed opera col Re Filippo II, perchè
affatto si levasse dal Regno. Trovando però durezza nel Re, fece che
la cosa si ponesse in trattato, e che il Re destinasse suoi Ministri
in Roma per trovare almeno qualche onesto temperamento e moderazione,
già che tentare di levarsi affatto, vedeva essere impresa, non che
dura e malagevole, ma affatto disperata ed impossibile. Fu lungamente
trattato in Roma fra i Ministri del Re e del Papa, infra l'altre
differenze giurisdizionali, di questo punto; ma toltone le promesse
de' nostri Ministri, che si sarebbe usato un modo più pronto, affinchè
il medesimo, senza molta cognizione di causa, si spedisse tosto, e
senz'alcuna dilazione e con poca spesa e tedio delle Parti, i Ministri
del Papa non ne avanzarono altro. Qualunque Bolla, o altra provvisione,
che veniva di Roma, si esponeva all'esame, nè si eseguiva, se non con
permissione regia. Questo Pontefice, a cui dobbiamo la riformazione
del nuovo Calendario, sperimentò ancora, che dal _Principe di Pietra
Persia D. Giovan di Zunica_, il quale si trovava allora nostro Vicerè,
non si volle permettere mai la pubblicazione ed accettazione di
quel Calendario nel Regno, sino che il Re con sua particolar carta
scrittagli a' 21 agosto del 1582[283] non glie lo ordinasse: nè si
fece eseguire assolutamente, ma con alcune riserbe e moderazioni,
come diremo nel libro seguente, quando ci toccherà più diffusamente
ragionare di questa nuova Riforma del Calendario, fatta da Gregorio.

Il _Duca d'Ossuna_ nel 1584 ripresse l'arroganza ed ardire de'
Vescovi di Gravina, di Ugento e di Lecce, il primo de' quali avea
avuto ardimento di pubblicare alcuni monitorj venutigli da Roma senza
_Exequatur_; e gli altri due d'aver parimente pubblicate due Bolle
senza questo indispensabile requisito. Gli chiamò tutti tre in Napoli,
e ne fece due Consulte al Re, rappresentandogli, come perniciosi abusi
questi attentati, a' quali dovea dar presto ed efficace rimedio per
ovviare maggiori pregiudicj e disordini; perchè s'era la Corte di Roma
avanzata sino a spedir da Roma un Cursore ad intimare un monitorio a
Madama d'Austria senza _Exequatur_[284].

Non minor vigilanza ebbe sopra di ciò il _Conte di Miranda_ successore
dell'Ossuna, al quale avendo, nel 1587, scritto l'Ambasciador di Roma
sopra il darsi l'_Exequatur_ ad una Bolla del Papa, per la quale
volendo formare in Roma un Archivio, pretendeva, che si dovessero
mandare dal Regno Inventarj e tutte le scritture de' beni, rendite e
giurisdizioni di tutte le Chiese ed Ospedali di esso: gli fu dal Conte
risposto, che quello non poteva concedersi, mandandogli una relazione
degl'inconvenienti che ne sarebbon seguiti, dandosi a quella Bolla
esecuzione.

Nel Pontificato di Clemente VIII essendo Arcivescovo di Napoli
il Cardinal Gesualdo si ripresero col medesimo vigore le contese,
coll'occasione che diremo. Questo Pontefice nel 1596 avea drizzato al
Cardinale un Breve, per cui ordinava, che tutti i Monasterj di Monache
di S. Francesco dell'Osservanza non stassero più sotto la sua immediata
protezione, ma riconoscessero gli Ordinarj, levando i Monaci, che vi
erano, ed assistevano ne' Divini ufficj, con ponervi de' Preti: nel
qual Breve erano anche inclusi i Monasterj di S. Chiara, dell'Egiziaca
e della Maddalena di Napoli, che sono di patronato regio: il Cardinale
avea fatto intimare il Breve a' Monaci e Monache senza Exequatur; onde
il Vicerè _Conte d'Olivares_ mandò il Segretario del Regno a fargli
ambasciata regia, perchè s'astenesse d'eseguire il Breve, e fece
poner le guardie a' Monasterj; e nell'istesso tempo ne fece Consulta
al Re, ne avvisò il Duca di Sessa Ambasciadore in Roma, e volle anche
scriverne egli a dirittura al Papa. Poteva ben il Conte antivedere
qual risposta dovesse aver da Clemente, il quale non meno che i suoi
predecessori, avea in odio l'_Exequatur_. La risposta del Papa, oltre
di distendersi a biasimare i rilasciati costumi di que' Monaci e
Monache, conteneva che l'_Exequatur_ era un abuso, introdotto nel Regno
ne' tempi turbolenti di guerra, quando l'un pretensore spesso cacciava
l'altro: che ora non ve ne era più bisogno, lodando perciò la condotta
del Cardinale, che, senza ricercarlo, avea intimato il suo Breve. Il
Vicerè replicò al Papa con altra sua lettera, facendogli vedere quanto
giusto fosse e quanto non men antico, che non mai interrotto quest'uso
dell'_Exequatur_ nel Regno: ch'essendo una delle maggiori prerogative
del Re e 'l principal fondamento della sua regal giurisdizione, non
avrebbe permesso, che in conto veruno vi si pregiudicasse. Scrissene
anche al Duca di Sessa, risoluto di venire a' rimedj più estremi per
ripulsare ogni altro attentato, ed in gennajo del seguente anno 1597 ne
fece altra Consulta al Re.

Il Cardinal Gesualdo, come Prelato di molta prudenza, prevedendo,
che continuandosi la via intrapresa, era per capitar male, pensò un
espediente per togliere ogni briga: fece che i Monaci rinunziassero
il governo di que' Monasterj in sue mani, e da lui, come Ordinario,
fu la rinunzia ricevuta, eccettuati però i Monasterj, ch'erano di
patronato regio: fatta questa rinunzia per pubblico istromento, il
Cardinale scrisse due biglietti al Vicerè, ne' quali dandogli di tutto
ciò ragguaglio, dichiarava, ch'egli come Ordinario, senza aver bisogno
del Breve di Roma, e con ciò d'_Exequatur_, intendeva governarli; e
che perciò, esclusi i Monasteri, ch'erano di protezione regia, nelli
quali non pretendeva innovare cos'alcuna, volendo visitare, ed entrar
di persona ne' Monasterj del Gesù, di San Francesco, di S. Girolamo
e di S. Antonio di Padova, pregava il Vicerè, che restasse servito
comandare, che se gli dasse ogni ajuto e favore, acciò, come Ordinario,
potesse fare l'ufficio suo senz'impedimento alcuno. Il Vicerè in
vista di questi viglietti, ordinò al Reggente della Vicaria, che
subito facesse levare le guardie poste di suo ordine in que' quattro
Monasteri, e diedegli licenza, che potesse entrarvi: ed in cotal guisa
fu terminato quest'affare con molta lode, non meno del Vicerè, che del
Cardinale.

Questo tenore fu da poi costantemente tenuto dagli altri Vicerè, che
al Conte d'Olivares successero: e finchè regnò Filippo II, fece valere
nel Regno questa sua preminenza, come in tempo di tutti gli altri suoi
predecessori.

Nel Regno di Filippo III, non si permise sopra ciò novità alcuna, e
questo _Exequatur_, reso ormai celebre per le tante contese sopra di
quello insorte, era costantemente ritenuto e riputato tanto caro e
prezioso, che si stimava, il volersi volontariamente cedere a questo
punto, uno de' più segnalati e preziosi doni, che da Re di Spagna
potesse farsi giammai alla Corte di Roma; la quale l'avrebbe riputato
d'un valore infinito. Tanto che Tommaso Campanella in que' suoi
fantastici discorsi, che compose sopra la monarchia di Spagna, che M.
S. vanno per le mani di alcuni, volendo aggiustar con nuovi e strani
modi quella Monarchia, dice, che il Re di Spagna per togliere al Papa
ogni sospezione, potrebbe cedere al punto dell'_Exequatur_ in qualche
parte, e mandar Vescovi e Cardinali alli governi di Fiandra e del Mondo
Nuovo, e che in cotal guisa le cose riuscirebbero a suo modo; _poichè_
(e' soggiunge) _si vede, che il Papa con la indulgenza della Cruciata,
gli dona più guadagni, ch'egli non spende a regalare Cardinali, Vescovi
ed altri religiosi, e dove si pensa perdere, guadagnerebbe_. Ed altrove
ne' medesimi discorsi, dice, che potrebbe farsi un cambio tra 'l Re
ed il Papa; il Re, che gli ceda l'_Exequatur_, ed all'incontro il Papa
gli doni l'autorità dell'ultima appellazione, sì che possa comporre un
Tribunale, dove egli come Cherico sia il Capo, ed unito a due Vescovi,
siano Giudici d'ogni appellazione. Ma lasciando da parte stare questi
sogni, nel nostro Reame, non meno nel Regno di Filippo III, (dove per
tralasciar altri esempj a' Brevi che spediva il Papa di Conti Palatini
e di Cavalieri aurati, non si dava l'_Exequatur_, se non ristretto, che
potessero solamente portare _torquem, seu habitum Equitis aurati_[285])
che nel Regno di Filippo IV suo figliuolo, e di Carlo II, ultimo degli
Austriaci di questa discendenza, non vi è scrittura, che venga da Roma,
che non sia ricercato l'_Exequatur_. S'espongono tutte all'esame, siano
Commessioni e patenti del Nunzio Appostolico e de' Collettori: siano
Brevi, Decreti o Editti attenenti al S. Ufficio, ovvero al Tribunale
della Fabbrica di S. Pietro: siano per proibizioni di libri, per
Indulgenze e Giubilei: siano in fine monitorj e citazioni: ed in breve
di qualunque provvisione, che di Roma ci venga, non si permette la
pubblicazione, e molto meno l'esecuzione senza questo indispensabile
requisito. Il Vicerè col suo Collaterale Consiglio commette l'esame
della scrittura al Cappellan Maggiore e suo Consultore, il quale ne
fa a quel Tribunale relazione, da cui non vi essendo inconvenienti, nè
pregiudizio, si concede l'_Exequatur_, e sovente anche si niega. Questo
è l'inveterato ed antico stile introdotto nel Regno, fin da che in
quello si stabilì il Principato mantenuto nella serie di tanti secoli,
da tutti i Principi, che lo ressero; ed a' dì nostri maggiormente
stabilito dal nostro Augustissimo Principe, il quale, negli anni 1708 e
1709, residendo in Barcellona, con più sue regali carte[286] dirette al
Cardinal Grimani nostro Vicerè, comandò, che in tutte le provvisioni,
che ci vengono da Roma, si fosse inviolabilmente osservato; in guisa
che al presente dura vie più stabile e fermo, che mai.



CAPITOLO VI.

_Contese per li Visitatori Appostolici mandati dal Papa nel Regno; e
per le proibizioni fatte a' Laici citati dalla Corte di Roma, di non
comparire in quella in modo alcuno._


Il costume di mandarsi dal Pontefice romano in queste nostre province,
come Suburbicarie, i Visitatori Appostolici, fu molto antico: abbiam
rapportato nel X Libro di questa Istoria, che Papa Niccolò II diede
questo carico a Desiderio, celebre Abbate di Monte Cassino, per
la Campagna, Principato. Puglia e Calabria, che come Legato della
Sede Appostolica visitasse tutte le Chiese e Monasteri di quelle
province[287]; e lo stesso si praticava nell'altre province d'Europa.
Ma quanto danno questi Legati portassero alle Province lor commesse, fu
ben a lungo ivi da noi narrato, tanto che vennero in tal orrore nella
Francia e negli altri Regni, che ne furono discacciati, e con severi
editti proibito, che più non s'ammettessero.

I primi nostri Re Normanni, per ciò che s'attiene al Regno di
Sicilia, vi diedero qualche rimedio, e per la famosa Bolla di Urbano
II fondamento di quella Monarchia, per la quale il Re era dichiarato
Legato della S. Sede, non furono più ricevuti in quell'Isola. Ma la
nostra Puglia e la Calabria, sotto i quali nomi eran comprese allora
tutte le altre province, che oggi compongono il Regno di Napoli,
rimasero nella disposizione antica. Quindi avvenne, che nella pace
fatta in Benevento nel 1157, tra il Re Guglielmo I con Papa Adriano
IV, intorno a questi Legati, fosse per la Sicilia convenuto, che la
Chiesa Romana potessevi avere le elezioni e consegrazioni nella forma
ivi descritta, _excepta appellatione, et Legatione, quae nisi ad
petitionem nostram, et haeredum nostrorum, ibi non fiant_. Della Puglia
però e della Calabria si convenne in cotal guisa: _Consecrationes,
et visitationes libere Romana Ecclesia faciet Apuliae, vel Calabriae
Civitatum, ut voluerit, aut illarum partium, quae Apuliae sunt
affines, Civitatibus illis exceptis, in quibus persona nostra, vel
nostrorum haeredum in illo tempore fuerit, remoto malo ingenio, nisi
cum voluntate nostra, nostrorumque haeredum. In Apulia, et Calabria,
et partibus illis, quae Apuliae sunt affines, Romana Ecclesia libere
Legationes habebit_[288]. Fuvvi con tutto ciò data qualche provvidenza
intorno ad evitar i danni, che seco portavano tali Legazioni alle
Chiese del Regno, con soggiungervi: _Illi tamen, qui ad hoc a Romana
Ecclesia fuerint delegati, possessiones Ecclesiae non devastent_.

Con tutto che potesse la Chiesa di Roma liberamente mandar nel Regno
questi Visitatori, o Legati, non si trascurò però mai d'invigilare
sopra le Commessioni, che portavano. Erasi alle volte veduto, che
eccedevano i confini d'una potestà spirituale, e sovente mettevan
mano sopra persone laiche, e perciò doveano presentarsi ed esporsi
all'esame, a fin di potersi eseguire; ond'eravi bisogno del _Placito
Regio_, siccome in tutte l'altre provvisioni, che venivan da Roma,
e tanto più se le Commessioni erano per la città di Napoli, già
dichiarata Sede Regia, ove i Re aveano fermata la loro residenza, e da
poi in lor vece i Vicerè loro Luogotenenti.

Nel Pontificato di Pio V, mentr'era il Regno governato dal Duca
d'Alcalà, la Corte di Roma, abusandosi di questa facoltà, tentava
intorno a ciò far delle sorprese; poichè il Papa avea spedito un Breve
al Vescovo di Strongoli, col quale come suo Delegato e della Sede
Appostolica, gli dava commessione di poter visitare alcuni Vescovadi
ed Arcivescovadi, dei quali ve n'erano alcuni di _Patronato Regio_,
come di Salerno, Gaeta e Cassano, insieme con tutte le Chiese d'essi,
e tutte le persone Ecclesiastiche, eziandio quelle ch'erano esenti
dalla giurisdizione dell'Ordinario. Parimente in una Bolla separata
davansi al medesimo Vescovo molte istruzioni pregiudizialissime alla
giurisdizione e preminenze regali; poichè si toccavano anche i laici,
si dava facoltà al medesimo di poter visitare gli Ospedali, esiger
conto delle loro rendite e proventi, ancorchè fossero amministrati da'
laici; ma quel che sopra tutto era intollerabile, si fu, che il Vescovo
teneva istruzione segreta ed ordine del Papa di dover eseguire queste
commessioni, senza dimandarne _Exequatur_; ed avea già cominciato,
senza richiederlo al Vicerè, a visitare alcune di quelle Chiese. Il
Duca d'Alcalà con maniere pur troppo dolci e gentili, fece avvertire
al Vescovo, che non eseguisse queste sue commessioni senza chiederne
_Exequatur_; e poichè egli diceva, che teneva ordine di Sua Santità che
non lo pigliasse, se gli replicò, che s'astenesse intanto d'eseguirlo,
fin ch'egli non ne informava Sua Maestà, con supplicarla di non voler
permettere questa novità nel Regno. Se ne astenne perciò il Vescovo, ed
in tanto il Duca scrissene in Roma all'Ambasciadore del Re; scrissene
al Commendatore D. Ernando Torres, ed ancora al Cardinal Alessandrino,
perchè s'interponessero col Papa per far ordinare al Vescovo, che
pigliasse l'_Exequatur_, nè permettesse, che in suo tempo si avesse
a soffrire questo pregiudizio. Ma 'l Pontefice Pio, alterandosi alle
dimande fattegli, non volle consentirlo; tanto che postosi l'affare in
trattato col Nunzio di Napoli, si concertò un nuovo modo da tenere,
ma nemmeno fu trovato di soddisfazione del Nunzio; onde obbligarono
il Vicerè d'unire tutto il Collaterale, così di Giustizia, come quel
di Stato, e di farne a' 29 dicembre del 1566 una piena Consulta al Re
Filippo, nella quale con somma premura pregavalo a considerare li tanti
pregiudizj, che poteva ciò apportare alla sua Regal Giurisdizione,
e che con celerità gli ordinasse quel che dovea eseguire, tanto ne'
casi suddetti, quanto negli altri simili, che alla giornata potevano
occorrere; tanto maggiormente, che il Papa minacciava di voler proibire
la celebrazione de' Divini ufficj nel Regno, con ricordare e nominare
sempre le scomuniche, che sono nella Bolla _Coenae_.

Re Filippo, seriamente considerando l'affare essere di somma
importanza, scrisse premurosamente al suo Ambasciadore in Roma,
che impegnasse tutti i suoi talenti con vigore, sicchè il Papa
s'acquietasse al modo concertato in Napoli, di spedirsi lettere
esecutoriali, conforme alla minuta offerta dal Vicerè, di che
finalmente il Pontefice si contentò, levandosi solamente alcune
clausole, e che quelle s'indirizzassero generalmente ad ogni persona,
senza toccare in quella, nè Ecclesiastici, nè Secolari. Scrisse
parimente il Re al Duca d'Alcalà, che non facesse permettere visite
degli Ospedali, che sono istituiti ed amministrati da persone Secolari;
molto meno del Monastero di S. Chiara, ed in tutte l'altre cose, che
appartengono a _Padronato Regio_ e preminenza regale: resistesse alle
istruzioni del Vescovo di Strongoli in tutti quelli capi, che toccavano
i laici; ed in fine, che colla sua prudenza, e saviezza valendosi delle
vie e mezzi, che più gli pareranno convenire al suo regal servizio,
proccurasse con tutta la modestia trattare col Pontefice il giusto e
'l convenevole. Il Duca portossi con tal desterità ed efficacia, che
ridusse il Nunzio, in commessioni simili, a dimandar l'_Exequatur_;
ed i Vicerè suoi successori non permisero per ciò mai a' Visitatori
Appostolici eseguire le loro Commessioni, se non presentate prima, e
trovatele a dovere, loro si concedeva l'_Exequatur_, sempre però colla
clausola, che potessero eseguirle contra le persone Ecclesiastiche,
e sovente si moderavano quelle Commessioni, che erano riputate
pregiudiziali alle preminenze regali ed a' diritti del Regno.

Ma affare più difficile e scabroso ebbe a trattare questo Ministro
nel medesimo tempo col Pontefice Pio. Avea egli mandato in Napoli per
suo Nunzio Paolo Odescalchi; a costui oltre delle Commessioni dategli
degli Spogli, e delle Decime, e di ciò, che concerneva in generale
il suo Ufficio, avea anche spedite Commessioni particolari per altre
cause fuori degli Spogli, fra l'altre, se gli dava potestà di far
inquisizione e conoscere delli beni ecclesiastici malamente alienati in
questo Regno da anni cento in qua, delle nullità ed invalidità di dette
alienazioni, benchè fossero confermate dalla Sede Appostolica, o suoi
Commessarj: di conoscere anche delle indebite occupazioni e ritenzioni
di detti beni, e quelli trovatigli malamente alienati ed occupati,
reintegrarli al dominio di quelle Chiese, dalle quali apparissero
alienati e distratti: con potestà di astringere li possessori di
quelli, senza far distinzione di persone Ecclesiastiche, o Secolari,
non solo alla restituzione di que' beni, ma alla soddisfazione de'
frutti da quelli pervenuti.

Il Nunzio presentò al Vicerè tutte queste sue Commessioni: alle
regolari fu data licenza d'eseguirle colle solite condizioni e
limitazioni; ma per quest'ultima fugli assolutamente proibito di
poterla eseguire, e gli fu negata ogni licenza. Il Nunzio della
risoluta resistenza ne diè avviso in Roma, e dall'altro canto il
Duca ne fece a' 28 febbraio del 1568 una piena Consulta al Re,
nella quale seriamente l'avvertiva, che l'esecuzione di quella era
pregiudizialissima alla Regal Giurisdizione, e che sarebbe stato il
medesimo, che vedersi eretto nel Regno un nuovo Tribunale Ecclesiastico
contra i laici, e contra l'antico costume, avendo sempre i Tribunali
Regj proceduto in queste cause contra i laici convenuti, conforme
alla regola, che l'Attore debba seguire il Foro del Reo, ministrando
alle Chiese e persone ecclesiastiche, che tali e simili litigj
hanno intentato contra quelli, complimento di giustizia, nè s'è
mai permesso, che contra laici in simili cause avessero proceduto
Giudici Ecclesiastici, tanto Ordinari, quanto Delegati Appostolici.
Soggiungendogli, che il Pontefice Paolo III, avendo tentata la medesima
impresa, destinando in questo Regno Giudici con simili Commessioni, e
spezialmente quest'istesso Paolo Odescalchi, che al presente era venuto
per Nunzio, portando simile Commessione a tempo, che governava questo
Regno il Cardinal Pacecco, gli fu denegata licenza d'eseguirla, e lo
stesso anche praticossi con Giulio III, che se ciò potesse aver luogo,
saria lo stesso ch'ergere un Tribunal nuovo di Giudici Ecclesiastici
in questo Regno, giammai costumato: e da ciò ancora ne nascerebbero
grandissime perturbazioni a la quiete e tranquillità pubblica: ne
seguirebbero grandissimi danni e dispendj a' sudditi, dovendosi porre
sossopra le alienazioni de' beni Ecclesiastici fatte da tanto lungo
tempo, d'anni cento, non solo ad istanza di Parte ma _ex mero officio_
e per inquisizione, come s'esprime in detta Commessione. Per li quali
motivi, gli altri Pontefici predecessori cessarono da tal impresa,
nè procederono più oltre; e che perciò la Maestà Sua dovea interporre
tutta la sua regal autorità col presente Pontefice, affinchè facesse
desistere il Nunzio da tal pretensione come gli altri suoi Antecessori
aveano fatto. Il Re per queste forti insinuazioni fece sì, che la
visita e commessione del Nunzio Odescalchi non avesse effetto: il Papa
lo richiamò, ed a' 9 febbraio del 1569 ne mandò in Napoli un altro.

Ma non per questo pose la Corte di Roma in abbandono l'impresa;
si tentarono in appresso modi pur troppo vergognosi. Il Cardinal
Morrone con Ernando de Torres posero in trattato l'affare in Roma, e
consultarono insieme un espediente, che siccome lo qualifica questo
Cardinale in una sua lettera, che a' 18 agosto del seguente anno 1570
scrisse al Vicerè, era non solo di maggior servizio di Dio, ma di
sommo onore ed utile di Sua Maestà e di gran lode de' suoi Ministri.
Il Cardinal si arrossì forse in questa sua lettera specificar al Duca
questo espediente, ma glie lo fece scrivere da D. Ernando, il quale
accludendogli la lettera del Cardinale, l'avvisava, che pur che facesse
egli eseguire nel Regno la Bolla di conoscere delle cause de' beni
malamente alienati delle Chiese, il Cardinale gli avea detto, che
di tutto quello si ricupererà, daranno il terzo a Sua Maestà, e che
il negozio si tratterebbe nel Regno, come quello della Fabbrica di
S. Pietro, coll'intervento di quelle persone, ch'esso Vicerè resterà
servito deputare, e che senza dubbio toccheranno a Sua Maestà più di
centomila ducati, e che sarà molto grande il servizio, che perciò si
farà a Dio, alle Chiese, all'anime di quelli, che al presente possedono
questi beni ingiustamente ed indebitatamente, al Papa ed alla Fabbrica
di San Pietro; che perciò gli pareva, ch'esso Vicerè dovesse dar a ciò
orecchio, perchè sarebbe con ciò anche padrone di potere gratificare
alcuni Baroni: gli scrive ancora, che il Cardinale gli avea detto, che
il Papa aveagli comunicato, che consimile Bolla mandava in Ispagna,
siccome ancora avea fatto per tutta Italia.

Il Duca d'Alcalà scandalizzato di ciò, non rispose altro, che ne
avrebbe avvisato Sua Maestà per attendere la sua deliberazione, non
potendo da se risolvere; onde a' 12 Ottobre del medesimo anno mandò
una piena Consulta al Re, avvisandolo minutamente di tutto ciò, con
inviargli ancora le copie delle lettere del Cardinale e dell'Ernando,
non lasciando d'insinuargli gli inconvenienti e pregiudizi, che
sarebbero seguiti, concedendosi tal licenza con modi così scandalosi.

Il savio Re Filippo abbominando l'offerta, ed insieme arrossendosene,
rispose, a' 7 marzo del 1571, al Duca, che non conveniva a lui
d'entrare in questa pratica; che perciò andasse dilatando la risposta,
ed essendo obbligato a darla, senza dar ad intendere che avesse scritto
cosa alcuna di ciò a lui, e facendosegli nuove istanze, rispondesse,
che avendo da poi meglio considerato l'affare, non gli era parso
darne parte a Sua Maestà; ma considerati i tanti inconvenienti e di
grandissimo momento, che potevano nascere e per gli esempi altre volte
praticati, avea risoluto per li medesimi rispetti seguitargli, e di
non far su ciò, durante il suo governo, novità alcuna: che questa
sua risoluzione la facesse intendere al Cardinale per la medesima via
di D. Ernando ed in cotal maniera facesse terminare questo negozio e
questa pratica[289]. Così fece il Duca, ed in cotal maniera si pose
fine al trattato; e siccome in que' pochi mesi, ch'egli sopravvisse,
(poichè poco tempo da poi fu dalla morte a noi involato) non fu
introdotta novità alcuna, così diede esempio agli altri Vicerè suoi
successori di resistere sempre a simili imprese della Corte di Roma,
i quali non solo obbligarono tutti i Visitatori Appostolici a non
eseguire le loro commessioni senza _Regio Exequatur_; ma, quando
accadeva concedersi, si dava sempre colla clausola: _Quo ad Ecclesias,
et beneficia Ecclesiastica, et quo ad bona, et possessiones contra
personas Ecclesiasticas tantum; et dummodo non operetur directe, nec
indirecte contra personas laicas; neque super Praelaturis, Beneficiis,
Monasteriis et Ospitalibus et Cappellaniis, quae sunt sub protectione
regia_. Ed oltre a ciò s'usava molta vigilanza, affinchè i Commessarj
destinati da questi Visitatori non angariassero con estorsioni e
gravezze l'istesse persone Ecclesiastiche.

Resistè parimente questo Ministro con vigore agli attentati della
Corte di Roma, che s'arrogava sovente di citar persone laiche, anche
sudditi e Feudatarj del Regno per cause ecclesiastiche e temporali
a dover comparire, tuttochè rei, in Roma in quel Tribunale, dovo
venivano citati. Ancorchè il Re Ferdinando I, a' 24 aprile del 1474,
con particolar Prammatica avesse sotto pena di confiscazion di beni,
rigorosamente proibito di comparirvi[290], ed il Re Federico con molto
vigore avesse fatto valere nel suo Regno quella Prammatica, siccome
sotto l'Imperador Carlo V fece ancora il Conte di Ripacorsa, mostrando
gran risentimento per una citazione fatta da Roma al Duca d'Atri; con
tutto ciò nel Pontificato di Pio V, non s'astenevano i Tribunali di
Roma di tentarlo: non se n'astennero nel 1567 con Marcello Caracciolo,
il quale ad istanza del Fisco della Sede Appostolica fu citato a
comparire in Roma ed a rilasciare il Casal di Monte d'Urso vicino a
Benevento con suoi vassalli e giurisdizioni. Giancamillo Mormile,
figliuolo di Cesare, per una causa della lumiera, che possedeva
nel Lago d'Agnano, patì lo stesso; e così parimente l'Università di
Montefuscoli, terra allora del Marchese di Vico, la quale fu interdetta
e sospesa da' Divini ufficj, perchè citata in Roma a dover rilasciare
alcuni territori, non volle ubbidire. Ma quel che era insoffribile, si
allegava per causa di poter comandare, citare ed astringere i laici
del Regno, l'essere questo soggetto alla Sede Appostolica. Il Duca
d'Alcalà non potè soffrire questi abusi, con vigore gli ripresse, e
mandò tre Consulte al Re Filippo, dove con premura grande l'avvisava
de' pregiudizj e pregava dovervi dar pronto e vigoroso rimedio[291].

Dall'aver con tal vigore il Duca combattuto questo temerario ardire
della Corte di Roma, ne nacque, che i Vicerè suoi successori, animati
ancora dalla volontà del Re già pienamente informato dal Duca, vi
usarono ogni vigilanza e rigore; onde il Duca d'Ossuna fece nel 1582
carcerare un Cursore, che avea avuto ardimento di citare Madama
Margherita d'Austria sorella di D. Giovanni d'Austria, la quale
dimorava nella città dell'Aquila, statale assignata per sua dote,
con imporsele, che comparisse in Roma per una lite mossale dalla
Regina vedova di Francia. Ed il Conte di Benavente ne fece maggiori
risentimenti, perchè essendo stati citati in Roma il Duca di Maddaloni
sopra un _Juspatronato_ Baronale ed il Marchese di Circello per la
Bagliva della sua terra del Colle, pretesa dal Cardinal Valente, come
Abate di S. Maria di Carato, ne fece grave rappresentazione nel 1605
in Ispagna al Re Filippo III, dal quale fugli risposto con sua lettera
de' 18 marzo del 1606 che non permettesse far comparire i citati in
Roma, incaricandogli, che per riparare un eccesso tanto pregiudiziale
e di mala conseguenza facesse tanta estraordinaria dimostrazione che
non solo servisse per riparo, ma d'esempio; e che proccurasse avere in
mano il Cherico, che intimò il Marchese, e si cacciasse dal Regno; e
che all'Abate, che lo fece intimare, si sequestrasse la temporalità, e
si cercassero i suoi parenti; ed in fine usasse tutte le diligenze per
castigare un tal eccesso.



CAPITOLO VII.

_Contese insorte per li casi misti, e per la porzione spettante al
Re nelle Decime, che s'impongono dal Papa nel Regno alle persone
Ecclesiastiche._


Al Duca d'Alcalà parimente dobbiamo, che nel nostro Regno si fosse
tolto quell'abuso, che i Giudici Ecclesiastici, sol perchè avessero
prevenuto, potessero procedere contra i laici in certi _casi_, che
per ciò appellarono _misti_. Infra l'altre intraprese della Giustizia
Ecclesiastica, come altrove si disse, si fu questa d'avere gli
Ecclesiastici inventato un certo genere di giudicio, chiamato di _Foro
misto_, volendo, che contra il secolare possa procedere così il Vescovo
come il Magistrato, dando luogo alla prevenzione; nel che veniva
sovente a rimaner il Magistrato deluso, perchè gli Ecclesiastici, per
la esquisita lor diligenza e sollecitudine, quasi sempre erano i primi
a prevenire: onde non lasciando mai luogo al secolare, s'appropriavano
di quelli la cognizione. Infra gli altri reputavano di Foro misto,
il sacrilegio, l'usura, l'adulterio, la poligamia, l'incesto,
il concubinato, la bestemmia, lo spergiuro, il sortilegio, ed il
costringimento per le Decime e per la soddisfazione de' Legati pii.

Il Pontefice Pio, usando de' soliti modi, faceva dal suo Nunzio in
Madrid importunare il Re Filippo, querelandosi del Duca, che nel
Regno impediva a Vescovi, ancorchè prevenissero, di conoscere contra
i secolari ne' narrati casi; tanto che il Re scrisse a' 17 luglio del
1569 una lettera al Duca, ordinandogli che avesse fatto consultare
e risolvere dal Collaterale con tre o quattro altri del Consiglio di
Santa Chiara, e con li due Avvocati Fiscali, queste controversie, se
i Vescovi, quando prevengono, possano conoscere ne' suddetti casi.
Il Duca fece assembrare i Reggenti del Collaterale con tutti gli
altri Ministri, che il Re volle che intervenissero per Aggiunti, ed
esattamente discusso l'affare, con pienezza di voti fu conchiuso,
che quest'era un abuso: in conformità di che si scrisse dal Duca a'
19 luglio del seguente anno 1570 una solenne e piena Consulta a Sua
Maestà di quel, che s'era conchiuso in Collaterale, coll'intervento
di que' Ministri e de' due suoi Fiscali: cioè, che in questo Regno
la cognizione di questi casi contra laici spetta privativamente a
Giudici Regj, e non alli Prelati, e non si dà prevenzione, come i
Vescovi pretendono: in esecuzione del quale stabilimento, accadendo il
caso, che i Vescovi volevano impacciarsi ne' delitti di sortilegio, di
spergiuro, d'incesto, o d'altro, rapportato di sopra o d'intrigarsi ad
esazion di decime contra laici, loro si faceva valida resistenza: le
cui pedate seguitarono da poi il Cardinal Granvela e gli altri Vicerè
suoi successori, de' quali ci rimangono ancora presso il Chioccarello
nel _tom. 5_ de' suoi _M. S. Giurisdizionali_ molti esempj.

Fu antico costume nel nostro Regno, che qualora i Pontefici, o per
occasione di guerra contra Infedeli o per altra cagione imponevano
decime sopra beni Ecclesiastici, la metà di quelle appartenevano al
Re, e di questa pratica ve n'è memoria ne' nostri Archivj sin da'
tempi di Papa Sisto IV e del Re Ferdinando I. Alcune volte i Pontefici
consapevoli di questo diritto per loro volontà, permettevano esigerla,
altre volte senza loro espresso volere, ed i collettori di dette Decime
ch'erano per lo più Vescovi o altre persone Ecclesiastiche, davano
il conto delle loro esazioni nella Regia Camera, e li denari, che
s'esigevano, si ponevano nella Regia General Tesoreria, parte de' quali
era riserbata per detta porzione al Re spettante, altra era consignata
alle persone destinate da' Sommi Pontefici. Nel Pontificato di Pio
V minacciando il Turco guerre crudeli ne' nostri mari, ed ardendo
allora la guerra di Malta cotanto ben descritta dal Presidente Tuano,
questo Pontefice per ajutare le forze de' Principi Cristiani, affinchè
s'opponessero ad un così potente ed implacabil nemico, taglieggiava
sovente gli Ecclesiastici, e nel nostro Regno impose con _Placito
Regio_ più decime sopra i loro beni. Era veramente commendabile il
zelo, che avea il Pontefice Pio per queste espedizioni, ma nell'istesso
tempo si proccurava dalla Corte di Roma, che l'esazione di quelle
pervenisse tutta intera in loro mani: cominciava a difficoltare
questo dritto del Re, e fece sentire a D. Giovanni di Zunica, allor
Ambasciadore in Roma, ed al Vicerè di Napoli, che mostrassero il
titolo, onde veniva al Re questo diritto. Il Duca d'Alcalà rispose come
conveniva, ed il Re Filippo avvisato da D. Giovanni di Zunica di questa
domanda, a primo luglio del 1570, gli rispose, che facesse sentire a
quella Corte, che il suo Re non teneva necessità alcuna di mostrare il
titolo, col quale costumasi in Regno pigliarsi questa parte di decime:
che Sua Santità voglia conservarlo in quella quasi possessione, nella
quale egli stava, e stettero i suoi predecessori, perchè non consentirà
mai, che sia spogliato di quella.

Ancorchè da queste contese niente avesse ricavato Roma intorno a
questo punto, con tanta costanza sostenuto, nulladimanco, per la
pietà del Re, e perchè veramente il bisogno della guerra di Malta era
grande, si compiacque il Re, che le decime imposte sopra le persone
Ecclesiastiche del Regno per soccorso di quell'Isola, si esigessero
da' Ministri Ecclesiastici, i quali dovessero tutte impiegarle a quel
fine; ed affinchè quest'atto non recasse alcun pregiudizio alle ragioni
del Re, si fece fare dichiarazione da Fra Martino Royes, deputato
Collettore Generale sopra l'esazione di dette decime, come Sua Maestà
graziosamente concedeva a detta Religione la metà di dette decime, che
a lui toccava, e similmente concedeva, che i denari di dette decime non
pervengano alla Regia General Tesoreria, com'è consueto, ma s'esigano
per le persone deputate da detta Religione, e per esso Fra Martino in
nome della medesima. Parimente, intendendo il Papa imporre tre decime
sopra i frutti Ecclesiastici di questo Regno, per ajutare a complire le
fortificazioni della città di Malta, quando però S. M. avesse rimessa
a quella Religione la metà a se spettante, il Re benignamente vi
condescese; siccome nei tempi, che seguirono, in consimili occasioni,
per ajutare i Principi Cristiani, che si trovavano travagliati
da Infedeli, o Eretici, senza pigliarsi cos'alcuna, ordinava a'
suoi Ministri, che facessero liberamente esigere queste decime per
impiegarle in spedizioni così pie.

Questa pietà del Re Filippo non fu però sufficiente a rimovere la
Corte di Roma dall'impresa; poichè tra le istruzioni date al Cardinal
Alessandrino nella sua Legazione vi fu anche questa, di dolersi col
Re, come, così ne' Regni di Napoli e di Sicilia come nel Ducato di
Milano, era gravata la Giurisdizione Ecclesiastica nell'impedimento che
si dava nell'esigere le decime, che Sua Santità avea imposte sopra il
Clero d'Italia, sotto colore, ch'apparteneva parte di quelle a S. M.,
dicendo altresì, che sebbene si fossero ottenute intorno a ciò alcune
permissioni per li Pontefici passati, non s'avea da formar regola
universale; e che per ciò avesse per bene Sua Maestà lasciarlo a libera
disposizione di Sua Santità; e pretendendo tenere in quello alcuno
diritto, se ne dasse conto a Sua Santità, acciò potesse quietare sua
mente, e levarsi da ogni scrupolo.

Ma il Cardinal di Granvela successore del Duca, a cui il Re partecipò
i punti della Legazione suddetta, rispose al Re con sua Consulta de'
22 marzo del 1572, che intorno a ciò Sua Santità poteva levarsi ogni
scrupolo, perchè questo era un costume antichissimo, e che i Re suoi
predecessori n'erano stati da tempi immemorabili in pacifica e quieta
possessione con consenso de' Sommi Pontefici medesimi: onde dovea
parere ora cosa stranissima, che l'amor filiale e sommo rispetto
portato sempre a Sua Santità abbia da partorir contrario effetto di
dimandargli il titolo di cosa cotanto chiara, ereditata da' suoi
maggiori e permessa da tanti Sommi Pontefici. I medesimi sentieri
furono da poi calcati dal Conte di Miranda e dagli altri Vicerè suoi
successori, tanto che ora questo costume vi dura nel Regno più fermo,
che mai[292].



CAPITOLO VIII.

_Contese per li Cavalieri di S. Lazaro._


Parve veramente destinato il Duca d'Alcalà dal Cielo per resistere a
tante intraprese della Corte di Roma, che mosse sotto il Pontificato
di Pio V. Una assai nuova, e stravagante saremo ora a raccontarne:
e poichè il soggetto ha in se qualche dignità, non ci rincresce di
pigliarla un poco più dall'alto, manifestando la instituzione ed
origine di questi Cavalieri; e quali disordini apportassero nel Regno.

Questi Cavalieri vantano un'origine molto antica, e la riportano
intorno all'anno 363 sotto l'Imperador Giuliano, ne' tempi di Basilio
Magno, e di Damaso I. R. P. Confermano questa loro antichità da tanti
Ospedali, che sotto il nome di S. Lazaro, l'Istoria porta, essere stati
in que' primi tempi costrutti per tutto l'Orbe Cristiano, e sopra ogni
altro in Gerusalemme, e nelle altre parti di Oriente[293]. Ma questa
prima instituzione, per l'incursione de' Barbari e per l'ingiuria de'
tempi, venne quasi a mancare, infino che Onorio III ed Innocenzio III
non la ristabilissero, e ne prendessero protezione, intorno all'anno
1200. Da poi Gregorio IX ed Innocenzio IV concedettero loro molti
privilegj, e prescrissero al loro Ordine una nuova forma, con facoltà
di poter creare un Maestro. Alessandro IV con grande liberalità
confermogli i privilegj, e quanto da' suoi antecessori era stato lor
conceduto.

I Principi del secolo, tirati dall'esempio de' Pontefici, e dal
pietoso loro istituto, consimile a quello degli antichi Ebrei (di cui
Fleury[294] ce ne rende testimonianza) dell'Ospedalità, e di curare
gl'impiagati, e specialmente coloro, ch'erano infettati di lebbra,
gli cumularono di beni temporali. I primi furono i Principi della
Casa di Svevia, e fra gli altri Federico, il quale concedè loro molte
possessioni in Calabria, nella Puglia ed in Sicilia[295]. I Pontefici
romani, ed in fra gli altri Niccolò III, Clemente IV, Giovanni XXII,
Gregorio X e poi Urbano VI, Paolo II e Lione X favorirono gli acquisti,
e con permetter loro di potergli ritenere, sempre più avanzando,
divennero molto ricchi. Ma loro avvenne ciò, che l'esperienza ha
sempre in casi simili mostrato, che per le soverchie ricchezze, per
li favori soverchi dei Principi e per li tanti privilegj de' Romani
Pontefici, venisse a mancare la buona disciplina e l'antica pietà;
ed all'incontro a decadere di riputazione e stima presso i Fedeli.
I Pontefici, infra gli altri privilegj, avean lor conceduto, che le
robe rimase per morte dei lebbrosi, o dentro, o fuori degli Ospedali,
s'appartenessero ad essi; parimente, che potessero costringere i
lebbrosi a ridursi negli Ospedali, ancorchè repugnassero. I Principi
davano mano e facevano eseguire nei loro Dominj queste concessioni:
onde anche fra Noi leggiamo[296], che il nostro Re Roberto a' 20 aprile
1311 scrisse a tutti i suoi Ufficiali di questo Regno, avvisandogli,
come i Frati Religiosi dell'Ospedale di S Lazaro di Gerusalemme gli
aveano esposto, ch'essi in vigor de' Privilegi lor conceduti da' Sommi
Pontefici aveano autorità di constringere que' che sono infetti di
lebbra, dovunque accadesse trovargli, di ridurgli e restringerli negli
Ospedali deputati all'abitazione di tali infermi, anche con violenza
bisognando, separandogli dall'abitazione de' sani e dando loro gli
alimenti necessarj; e poichè alcuni di questi infermi ricusavano venire
a detti Ospedali, ajutati spesso da loro parenti potenti, perciò il
Re ordina a' suddetti suoi ufficiali, che prestino ogni favore, acciò
possano ridurre detti lebbrosi in dette case, con costringergli ancora
e pigliargli personalmente. E sotto 'l Regno dell'Imperadore Carlo
V pur leggiamo, che Andrea Caraffa Conte di S. Severina, Vicerè di
questo Regno a petizione di Alfonso d'Azzia Maestro di S. Lazaro, a'
18 decembre del 1525, ordinò a tutti gli Ufficiali del Regno, che
facessero giustizia ad un Vicario del suddetto Alfonso, che avea
da andare a ricuperare molte robe per lo Regno di persone infette
di lebbra, decadute per la lor morte alla Religione, in vigor dei
privilegj e Bolle de' Sommi Pontefici.

Questi modi indiscreti, usati sovente per uccellare le robe di que'
miserabili, in decorso di tempo gli fecero cadere dalla stima, e a poco
a poco vennero in tanta declinazione, che appena erane rimaso il nome.
Ma assunto al Pontificato Pio IV, costui gli rialzò ed a somiglianza
degli altri Religiosi Cavalieri gli ornò di molti, ed ampi privilegj,
ed immunità, restituendogli nell'antica dignità e per G. Maestro
dell'Ordine creò Giannotto Castiglione. Pio V parimente gli onorò e
favorì, tanto che in questi tempi presso di noi nel Viceregnato del
Duca d'Alcalà s'erano molto rialzati, ed in sommo pregio avuti.

Ma che i Pontefici Romani con tanti onori e prerogative avessero voluto
innalzargli senza altrui pregiudizio, era comportabile, ma che ciò
avesse da ridondare in pregiudizio de' Principi, ne' cui Stati essi
dimoravano, non era da sopportare. Essi ancorchè laici ed ammogliati,
in vigor di queste papali esenzioni e privilegi pretendevano, così
in riguardo delle loro persone, come de' loro beni, essere esenti
dalla regal giurisdizione, non star sottoposti a' pagamenti ordinarj,
ed estraordinarj del Re; e quel ch'era appo noi insoffribile, il lor
numero cresceva in immenso, perchè erano creati Cavalieri, non pur dal
G. Maestro, ma anche dal Nunzio del Papa residente in Napoli, ciò che
abbonandosegli, avrebbe recato grandissimo detrimento e pregiudizio
alle regali preminenze.

Perciò il Duca d'Alcalà non fece valere nel Regno que' lor vantati
privilegj, ed ordinò, che fossero trattati in tutto, come veri laici,
ed a' 15 maggio del 1566 ne fece una piena Consulta al Re Filippo,
nella quale l'avvisava, come il Nunzio di Napoli avea fatta una gran
quantità di Cavalieri di S. Lazaro, ed ogni dì ne creava de' nuovi e
questo lo faceva per esimergli dalla giurisdizione di Sua Maestà, e
suoi Tribunali, pretendendogli esenti, ancorchè fossero meri laici,
e che possono pigliar moglie e far quel che loro piace; e quando
si volessero osservare i privilegi dell'esenzione, che pretendono,
multiplicando in infinito il lor numero, gran parte del Regno verrebbe
a sottrarsi dalla real giurisdizione; onde avendo il Nunzio richiesto
l'Avvocato Fiscale, che gli desse il braccio per far imprigionare uno
di questi Cavalieri e lo facesse tenere in suo nome, il Fiscale ricusò
farlo, con dirgli, che nè il Nunzio nè il G. Maestro avea potestà,
nè giurisdizione sopra detti Cavalieri per essere laici, sottoposti
alla giurisdizione di Sua Maestà; ed avendo il Nunzio mandato il suo
Auditore in casa del Fiscale a mostrargli i privilegi conceduti da'
Pontefici Romani a detta Religione, gli fu risposto, che di quelli, non
poteva tenerne conto alcuno, così per mancar loro il _Regio Exequatur_,
come ancora per essere pregiudizialissimi alla giurisdizione regale; ma
l'Auditore vedendosi convinto, non seppe far altro, che presentargli
la Bolla _in Coena Domini_, avvertendolo, che come Cristiano volesse
mirare di far osservare quel che Sua Santità avea conceduto al detto
G. Maestro, altrimente sarebbe scomunicato. Avvertiva perciò il Duca
in questa Consulta a Sua Maestà, che l'eseguire nel Regno quelli
privilegi conceduti a detto G. Maestro, oltre d'indebolirsi la sua
regal giurisdizione, sarebbe stato di gran detrimento per li pagamenti
ordinari ed estraordinarj, a' quali i suoi sudditi erano obbligati.

Il Re rescrisse al Duca sotto il 12 luglio del medesimo anno,
ordinando; che non s'introducesse nel Regno la Religione di S. Lazaro,
anzi si levasse, ed annullasse ciò, che si era introdotto, ordinando,
che niuno portasse l'abito di quella[297].

Parimente i Reggenti di Collaterale, per ordine del Duca, a' 13 agosto
del medesimo anno fecero una piena relazione, nella quale fra l'altre
cose dicevano, che il creare e dar l'abito a questi Cavalieri, per lo
tempo passato l'avea sempre fatto il G. Maestro, e non il Nunzio, e mai
li Maestri han tenuta giurisdizione alcuna, eccetto che di cacciare
e segregare li lebbrosi dal commercio de' sani: e che i privilegi
pretesi da detta Religione erano pregiudizialissimi alla giurisdizione
di Sua Maestà e sono stati nuovamente conceduti da Pontefici Pio
IV e Pio V i quali mai furono ricevuti nel Regno, nè a quelli dato
_Exequatur_, anzi sempre si è loro negato, come a' presente si nega. E
contra detti Cavalieri si è proceduto e procede tanto in cause civili,
quanto criminali per li Tribunali Regj, come se fossero meri laici:
ed essendo stati carcerati alcuni di quelli in Vicaria, ancorchè si
sia dimandata la rimissione al loro G. Maestro, o al di lui Vicario,
non se gli è dato mai orecchio, ma ordinato, che la causa resti; ed
alcuni sono stati anche condennati ad esilio. Anzi quando i G. Maestri
hanno pretesa ragione sopra i beni de' Lazarati, si è commesso agli
Ufficiali Regj, che loro ministrassero giustizia: e pretendendo uno
di Castellamare, ch'era dell'abito di S. Lazaro, essere esente dalli
pagamenti Fiscali, dal Tribunale della Regia Camera fu condennato a
pagare come tutti gli altri Cittadini, per non godere esenzione alcuna.

Vedendo la Corte di Roma, che il Duca niente faceva valere questi
privilegj, tentò a dirittura il Re Filippo, con offerirgli in perpetua
amministrazione l'Ordine suddetto ne' suoi Regni; ma il Re scrisse
al Duca, che per quel che tocca alla renunzia, che si offeriva fare
in persona sua, acciò sia perpetuo Amministratore di quell'Ordine,
eragli paruto di non convenire accettarla, onde che non ne facesse più
parlare. Mitigarono nondimeno l'animo del Re, che siccome prima avea
ordinato, che si levasse tal Ordine dal Regno permise da poi, che vi
restasse, ma che i Cavalieri di quello si riputassero come meri laici.
Così egli nel 1579 volle star inteso dello stato di detto Ordine; onde
dalla Regia Camera, per ordine del Marchese di Montejar allora Vicerè,
fu fatta relazione di tutte le Commende, che teneva nel Regno, e di
che rendite erano, riferendogli parimente, che questi Cavalieri non
godevano nè immunità, nè franchigia alcuna.

Ma come poi il Duca di Savoja ne fosse stato di quest'Ordine creato
G. Maestro, siccome è al presente, è bene che si narri. Morto che
fu in Vercelli nel 1562 Giannotto Castiglione, sedendo da poi nella
Cattedra di Roma Gregorio XIII, questi per maggiormente illustrarlo,
creò perpetuo G. Maestro di quello Emmanuele Filiberto Duca di
Savoja[298], il quale nell'anno seguente, avendo tenuto a Nizza
un'assemblea di Cavalieri, si fece da quelli dare solenne giuramento,
con farsi riconoscere per loro Gran Maestro, e nuove leggi e riti per
maggiormente decorarlo prescrisse loro; ed avendone ottenuta conferma
dal Papa, unì, e confuse in uno l'Ordine di S. Maurizio (da chi i
Duchi di Savoja vantano tirar l'origine[299]) con questo altro di
S. Lazaro, li quali prima erano Ordini distinti, ed assignò loro due
Ospizj, uno a Nizza, l'altro a Torino. Quindi è, che questi Cavalieri
si chiamino de' Santi Maurizio e Lazaro, e quindi avvenne ancora, che
questi Cavalieri e le Commende, che abbiamo ancora nel Regno si creino
e concedano dal Duca di Savoja; onde leggiamo, ch'essendosi spedito
un monitorio dalla Camera Appostolica, in nome del Duca di Savoja,
Gran Maestro della Religione de' Santi Maurizio e Lazaro, a tutti gli
Arcivescovi, Vescovi, Prelati ed altre persone Ecclesiastiche, che
dovessero ubbidire, ed osservare i Privilegi conceduti alla suddetta
Religione per Brevi Appostolici, fu quello presentato in Collaterale
dal Commendator Maggiore Giovan Francesco Reviglione nel 1608 per
ottenerne il _Regio Exequatur_; ma esaminato dal Cappellan Maggiore,
da costui si fece relazione al Vicerè, che potea quello concedersi a
riguardo delle persone Ecclesiastiche solamente[300].

In Francia quest'Ordine ebbe pure fortuna: fu quello, siccome in
tutti gli altri Regni d'Europa, distinto da quello di San-Giovanni
Gerosolimitano; ma poi i Cavalieri di quest'Ordine, come loro
emoli proccurarono d'estinguerlo, siccome finalmente l'ottennero da
Innocenzio VIII, il quale nell'anno 1490 con suo diploma l'estinse
e lo confuse col Gerosolimitano. Tennero i Cavalieri di S. Giovanni
per molto tempo nascosto questo diploma; ma quando pervenne alla
notizia de' Cavalieri di S. Lazaro, ne fu del diploma, come abusivo
portata appellazione al Senato di Parigi l'anno 1544. Fu la causa
quivi dibattuta e fu pronunziato a favore degli appellanti; ed essendo
stato rivocato il diploma pontificio, fu interposto decreto che per
l'avvenire gli Ordini de' _Joannitii_ e _Lazarini_ fossero distinti
e separati. Da quel tempo (poichè non potevano farlo apertamente)
con astuzia e vafrizie proccuravano i Cavalieri di S. Giovanni, che
l'Ordine di S. Lazaro a poco a poco si abolisse, proccurando, che
il Gran Maestrato di questo fosse appresso di loro, siccome fuvvi
insino ad Emaro Casto, il quale per la sua fede e virtù, se ben
fosse egli _Joannita_, restituì quest'Ordine, e lo pose nell'antico
splendore[301]. Quindi avvenne, che i Cavalieri di S. Giovanni
aspirassero sempre a soprantendere a quelli di S. Lazaro: e quindi
veggiamo ancora in Napoli nella Chiesa di S. Giovanni a Mare, Commenda
della Religione di Malta, eretta una Cappella di S. Lazaro, pretesa per
ciò ad essi subordinata e soggetta.



CAPITOLO IX.

_Contese insorte per li Testamenti pretesi farsi da' Vescovi a coloro,
che muojono senza ordinargli; ed intorno all'osservanza del Rito 235
della Gran Corte della Vicaria._


Quest'abuso ancora ebbe a combattere il nostro Duca d'Alcalà, che
ne' suoi tempi erasi reso purtroppo insolente ed insoffribile.
Ebbe principio, come fu da noi accennato ne' precedenti libri di
quest'Istoria, ne' tempi dell'ignoranza, o per dir meglio della
trascuraggine de' Principi e de' loro Ufficiali: nacque quando gli
Ecclesiastici senza trovar chi lor resistesse, sostenevano, che
ogni cosa, dove si trattasse di salvezza dell'anima, fosse di loro
giurisdizione: per somigliante ragione mantenevano, che la conoscenza
de' testamenti, essendo una materia di coscienza, loro s'appartenesse,
dicendo medesimamente, ch'essi erano li naturali esecutori di quelli.
Non s'arrossivano ancora di dire, che il corpo del defunto testatore,
essendo lasciato alla Chiesa per la sepoltura, la Chiesa ancora s'era
impadronita de' suoi mobili per quietare la sua coscienza, ed eseguire
il suo testamento.

Ed in fatti in Inghilterra, il Vescovo o altro proposto da sua
parte, s'impadroniva de' mobili di quello ch'era morto intestato,
e gli conservava per 7 anni, nel qual termine potevano gli eredi,
componendosi con lui, ripigliarseli. E Carlo di Loysò[302] rapporta,
che anticamente in Francia gli Ecclesiastici non volevano seppellire
i morti, se non si metteva tra le lor mani il testamento, o in
mancanza del testamento non s'otteneva comando speziale del Vescovo;
tanto che gli eredi per salvare l'onore del defunto morto senza
testare, dimandavano permissione di testare per lui _ad pias causas_;
e di vantaggio vi erano Ecclesiastici, li quali costringevano gli
eredi dell'intestato di convenire a prender uomini per arbitri,
come il defunto, e che quantità avesse dovuto legare alla Chiesa;
ma regolarmente quest'arbitrio se lo presero i Vescovi, i quali
s'arrogavano questa autorità di disporre _ad pias causas_ per
coloro, che morivano senza testamento. Per questa intrapresa degli
Ecclesiastici, fin a' nostri tempi è rimasto il costume, che i Curati
ed i Vicari siano capaci di ricevere li testamenti come i Notari.
Era per ciò rimaso in alcune Diocesi del nostro Regno che i Vescovi
per antica consuetudine potessero disporre per l'anima del defunto
intestato; e la pretensione erasi avanzata cotanto, che lusingavansi
poter disporre delle robe di quello con applicarle eziandio a loro
medesimi; ed in alcune parti del Regno i Prelati anche indistintamente
pretesero d'applicarsi in beneficio loro la quarta parte de' mobili del
defunto. Il Cardinal di Luca[303] condanna gli eccessi e gli reputa
abusivi, e vorrebbe riforma e moderazione secondo l'arbitrio di un
uomo prudente. Parimente in Roma, le Congregazioni de Cardinali del
Concilio e de' Vescovi, per render plausibile il costume, lo moderano
e restringono a certe leggi; ma non assolutamente lo condannano. Così
ancora Mario Caraffa Arcivescovo di Napoli, avendo nell'anno 1567
tenuto quivi un Concilio Provinciale, dichiarò in quello esser ciò un
condannabile abuso, ma moderò la condanna con dire, che dove era tal
consuetudine, il Vescovo con la pietà, che conviene, avendo riguardo al
tempo, a luoghi, alle persone e con espresso consenso e volontà degli
eredi, poteva dispensare alcuna moderata quantità di denari, per messe
ed altre opere pie, per suffragio dell'anime di que' defunti. Ciò che
fu approvato (siccome tutto il Sinodo) da Pio V, precedente esame e
relazione della Congregazione de' Cardinali interpreti del Concilio.

Ma i nostri Re e loro Luogotenenti, come un abuso pernizioso, lo
proibirono sempre ed affatto lo rifiutarono. Tengono nel Regno questa
pretensione alquanti Vescovi, fondati nella consuetudine, come il
Vescovo di Nocera de' Pagani, il Vescovo d'Alife, quello d'Oppido,
l'altro di S. Marco ed alcuni altri, che possono osservarsi nell'Italia
Sacra dell'Ughello.

Il Duca d'Alcalà non potendo soffrire nel suo governo questi abusi,
siccome furono tolti in Francia ed altrove, proccurò anch'egli
sterminarli nel nostro Regno, e vedendo che alcuni Vescovi, e fra
gli altri quello d'Alife, s'erano in ciò ostinati, i quali negavan la
sepoltura, quando loro non volesse in ciò consentirsi; oltre avere a
quelli scritte gravi ortatorie, perchè se n'astenessero, scrisse nel
1570 una forte lettera a D. Giovanni di Zunica Ambasciadore del Re in
Roma, incaricandogli, che parlasse al Pontefice con premura di questi
aggravj, che si facevan da tali Vescovi, affinchè quelli con effetto
se n'astenessero. L'Ambasciadore ne parlò al Papa, dal quale non ne
ottenne altra risposta, che quando il defunto tiene erede, il Vescovo
non può _de jure_ testare per quello, ma se nol tiene, può farlo,
per quel che tocca ad opere pie. Al Vescovo d'Oppido, che pretendeva
ancora far testamenti a quelli, che morivano intestati, parimente si
fece ortatoria, che se n'astenesse, e non avendo voluto ubbidire,
assembratosi il Collateral Consiglio, fu determinato, che se gli
potevano sequestrare i frutti, ma che prima di venirsi a ciò, se gli
spedisse altra ortatoria.

Le medesime pedate furono da poi calcate da' Vicerè suoi successori:
il Conte di Miranda, avendo il Vescovo di S. Marco scomunicata la
Baronessa di S. Donato, perchè non voleva dargli la quarta parte de'
beni mobili rimasi nell'eredità di D. Ippolito San Severino Barone di
S. Donato suo marito, morto _ab intestato_, a' 31 marzo del 1586, gli
scrisse una grave ortatoria, che l'assolvesse e non la molestasse; e
non avendo voluto ubbidire, ordinò la carcerazione di tutti i parenti
più stretti del suo Vicario, e 'l sequestro dei beni, e fecene da poi,
a' 10 giugno del seguente anno, una Consulta al Re rappresentandogli il
caso.

Parimente il Vescovo di Nocera de' Pagani pretese da Laudania
Guerritore madre e tutrice de' figli ed eredi di Marcello Pepe di detta
città di Nocera, di dovergli pagare quel ch'egli avea disposto nel
testamento, che avea fatto _ad pias causas_ per detto Marcello, morto
_ab intestato_; ma il Vicerè scrissegli un ortatoria insinuandogli,
che se n'astenesse, nè più per questa causa le dasse molestia[304]. Nè,
quando si voglia usare la debita vigilanza, si permettono ora più nel
Regno simili abusi.

Non finirono qui i contrasti di giurisdizione col Duca d'Alcalà: per
tralasciarne alcuni di non tanto momento, merita qui essere annoverato
quello, che s'ebbe a sostenere per l'osservanza del _Rito_ 235 della
Gran Corte della Vicaria, che si pretese dagli Ecclesiastici renderlo
vano ed inutile.

Fu antico costume nel nostro Regno, conforme per altro alle leggi
ed alla ragione, che la cognizione del Chericato, quando s'opponeva
ne' Tribunali Regj, perchè s'impedisse il procedere nelle cause de'
Cherici, s'appartenesse a' Giudici medesimi, da' quali la rimessione
si pretendeva. Così essi doveano conoscere delle Bolle, che si
producevano, de' requisiti che bisognava colui avere per esser rimesso,
di vestir abiti chericali, aver tonsura, vivere chericalmente, non
mescolarsi in mercanzie ed ogni altro a ciò attenente; siccome per
tutto il tempo, che regnarono fra noi i Re della illustre Casa d'Angiò,
fu senz'alcuna controversia praticato; tanto che la Regina Giovanna
II, nella compilazione de' Riti, che fece fare della Gran Corte della
Vicaria, infra gli altri, vi fece anche inserir questo.

Nel Pontificato di Pio V, fra l'altre imprese degli Ecclesiastici
si vide ancor questa che i Vescovi pretendevano, che alla sola
loro asserzione si dovessero rimettere i Cherici, e che ad essi
s'appartenesse la cognizione del Chericato, e se vi concorrevano
i soliti requisiti. Il Vescovo d'Andria avendo ciò preteso, ed
essendosegli negato, scomunicò il Governatore e Giudice di quella
città, perchè non aveano rimessi alcuni carcerati; ma il Duca d'Alcalà
approvò la condotta del Governatore, e a' 19 luglio del 1570 ne fece
Consulta al Re[305], e scrisse all'Ambasciadore in Roma, che avesse
rappresentato al Papa i pregiudizi e novità, che tentavano i Vescovi
del Regno, e fra gl'altri di voler essi conoscere del Chericato,
con togliere la cognizione a' Giudici Regj, che avean sempre avuta,
conforme al Rito della Vicaria; con avvertirlo, che questa era una
materia delle più importanti, che potevano occorrere nel Regno, non
solo a riguardo dell'offesa della regal giurisdizione ed autorità,
ma anche per la quiete de' popoli e de' sudditi di Sua Maestà.
L'Ambasciadore trattò con efficacia l'affare col Pontefice, il quale
avendo conosciuto la domanda essere ragionevole, risposegli, che non
avrebbe alterato questo costume.

Ma non perciò gli Ecclesiastici restarono ne' seguenti tempi di
proseguire l'impresa, sebbene trovaron sempre resistenza; anzi nel
Viceregnato del Conte di Miranda venne lettera del Re, sotto li 12
decembre del 1587, che nel conoscersi delle cause di remissione de'
Cherici procedessero i Tribunali ordinarj del Re, senza che in quelle
si permettesse novità alcuna. E ne' tempi meno a noi lontani, il
Consigliere ed Avvocato Fiscale allora del regal patrimonio, _Fabio
Capece Galeota_ diede in istampa un discorso drizzato al Vicerè Duca
d'Alba, sostenendo questa pratica conforme al Rito, dimostrandola
ancora non men legittima, che successivamente approvata in diversi
tempi da Sommi Pontefici, e _D. Pietro Urries_ ne compilò un trattato a
parte, e se bene la Corte di Roma avesse vietato il libro, non si tenne
però conto alcuno della proibizione, siccome si disse nel XXVII libro
di quest'Istoria.



CAPITOLO X.

_Legazione de' Cardinali GIUSTINIANO, ed ALESSANDRINO a FILIPPO II
per questi ed altri punti giurisdizionali: donde nacque il costume di
mandarsi da Napoli un Regio Ministro in Roma per comporli._


Il Pontefice Pio V, che invigilò a pari di qualunque altro Pontefice
di stendere come poteva meglio, la giurisdizione Ecclesiastica sopra i
Dominj de' Principi Cristiani, non ben soddisfatto del Duca di Alcalà,
che compiendo alle sue parti attraversò sempre i suoi disegni, si
risolse finalmente di far trattare questi punti a dirittura col Re
Filippo, e gli spedì a questo fine successivamente due Legati. Il primo
fu il P. Vincenzo Giustiniani Generale dell'Ordine dei Predicatori,
che fu da poi da lui fatto Cardinale; ed il secondo fu Michele Bonello
Cardinal Alessandrino suo nipote, che partì per Ispagna e Portogallo
con varie commessioni, poco prima della morte del Duca d'Alcalà,
seguita in Napoli l'anno 1571.

Il Cardinal Giustiniano si sbrigò subito della sua Legazione; poichè
avendo rappresentato al Re alcuni aggravi (la maggior parte de' quali
furono i medesimi riferiti di sopra) che diceva farsi nel Regno a'
Vescovi, in diminuzione della giurisdizione ed immunità Ecclesiastica,
e fra gli altri di non permettergli di conoscere sopra il Chericato:
il Re dando provvidenza ad alcuni di poco momento, considerando gli
altri di somma importanza, e che avean bisogno di molta considerazione;
nè potevan risolversi senza che dal Vicerè di Napoli ne fosse stato
pienamente informato, ne lo rimandò con lettera de' 28 settembre 1570,
diretta al Pontefice Pio, nella quale con molto rispetto gli scrisse
aver ricevuto il suo Breve, che gli portò il Cardinal Giustiniano in
sua credenza sopra le cose toccanti alla giurisdizione Ecclesiastica,
e che quantunque per li viaggi e continue sue occupazioni, che da
poi l'erano sopravvenute, non avea avuto luogo e quel tempo, che si
desiderava per trattar di quelle, maggiormente per essere molto gravi
ed importanti: tuttavia per soddisfare Sua Santità, si era provvisto
in alcune, come intenderebbe dal suddetto Cardinale; ma che venuta che
sarebbe l'informazione, ch'egli aspettava da Napoli, avrebbe proccurato
di provvedere al di più, in maniera, che la dignità Ecclesiastica non
fosse pregiudicata[306].

Scrisse nel medesimo tempo due ben lunghe lettere al Duca d'Alcalà,
inviandogli i capi presentatigli dal Legato, per li quali diceva
venire pregiudicata la giurisdizione Ecclesiastica, incaricandogli,
che dovesse comunicarli col Consiglio Collaterale, il quale con matura
discussione e deliberazione rispondesse a ciascheduno di quelli, e ne
gli facesse poi a lui relazione; acciò che con più maturità potesse
egli deliberare quel che conveniva; siccome fu eseguito: poichè fattasi
questa relazione, fu da poi fatta esaminare da alcune persone del suo
Real Consiglio, che per ciò si deputarono, e con loro accordo e col
parere suddetto de' Reggenti del Collaterale di Napoli, fu decretato
sopra alcuni Capi della medesima.

In cotal guisa terminò la Legazione del Cardinal Giustiniano; ma assai
più onorevole fu quella del Cardinal Alessandrino nipote del Papa, il
quale fu da Pio inviato al Re Filippo II, non meno per queste contese
giurisdizionali, che per cagioni assai più serie e gravi, e non meno
per lo Regno di Napoli, che per quello di Sicilia e del Ducato di
Milano; e sopra tutto per la guerra, che minacciava il Turco, il
quale formidabile più che mai poneva terrore non meno alla Germania,
che all'istessa Italia. Per ciò il Pontefice Pio era tutto inteso a
stimolare i Principi Cristiani, che uniti insieme accorressero alla
difesa delle province Cristiane, minacciate da così fiero e potente
nemico: mandò a questo fine il Cardinal Commendone a Cesare, a cui
diede incombenza che dopo aver trattato con colui delle cose di
Germania, passasse a Sigismondo Augusto Re di Polonia, per invitarlo
all'alleanza d'una guerra non meno salutare, che necessaria; siccome
mandò a' Principi d'Italia Paolo Odescalchi Vescovo di Penne, per
passare i medesimi ufficj: mandò ancora il Cardinal Alessandrino
suo nipote al Re Filippo in Ispagna, dal quale, sopra tutti gli
altri Principi, sperava valevoli soccorsi, commettendo parimente al
Cardinale, che passasse poi al Re di Portogallo, ed indi andasse in
Francia ad invitare anche quel Re all'impresa[307].

Giunto che fu il Cardinal Alessandrino in Ispagna, fu incontrato con
molto onore ne' con fini da molti Signori, che il Re avea mandato a
riceverlo: gli andò incontro Diego Spinosa Vescovo Saguntino, dal quale
allora si maneggiavano gli affari più gravi della Corona, e finalmente
introdotto nella Corte, fu dal Re Filippo ricevuto con eccessive
rimostranze di onore e di stima.

La somma e principal sua commessione era di esortare il Re, come
fece, acciò si affrettasse di somministrare valevoli ajuti per la
guerra contra il Turco: che quelli, oltre che sarebbero stati i più
grandi e considerabili, avrebbero stimolato gli altri Principi, mossi
dal suo esempio a seguirlo, ed a stringere l'alleanza: lo pregò in
secondo luogo che se bene per questo istesso fine dovea egli passar in
Portogallo e poi in Francia, con tutto ciò più efficaci sarebbero stati
questi ufficj, se S. M. s'interponesse a dirittura con que' Re, e sopra
tutto invitando Massimiliano Cesare a partecipare di questa santissima
guerra. Filippo rese grazie al Pontefice, che cotanto onorificamente
di lui sentiva, ma che dovea colla sua prudenza riguardare ancora di
quante cure e molestie era egli circondato, e quanto fosse grave la
mole che e' sosteneva d'una guerra ancor'ella di Religione, quanto era
quella di Fiandra, la quale se non vi dava riparo, poteva nelle viscere
della Cristianità recar più danno di quella minacciata dal Turco: del
rimanente, che non avrebbe tralasciato i suoi soccorsi, e da' suoi
Stati d Italia somministrar quegli ajuti, per quanto comportavano le
forze di que' Regni: non avrebbe ancora tralasciato d'accompagnare
con que' Re i suoi con gli ufficj del Pontefice, e sopra tutto
coll'Imperador Massimiliano suo cugino[308].

Trattossi ancora del Titolo di Gran Duca di Toscana attribuito a Cosimo
Duca di Fiorenza: esagerava il Cardinale, che senza grave ingiuria
di Sua Maestà e del Pontefice non dovea quello tollerarsi: dovea
riflettersi essersi con ciò offesa non meno l'autorità e dignità sua
regale, che la maestà della Sede Appostolica; con tutto ciò niente
sopra quest'affare si conchiuse.

Ma il Pontefice Pio non volle tralasciare in questa occasione, dove
egli mostrava cotanto zelo per la Fede di Cristo contra gl'implacabili
nemici di quella, di proccurar anche per la sua Sede non piccioli
vantaggi: fece far dal Cardinale doglianze col Re, come nel Regno di
Sicilia la giurisdizione Ecclesiastica veniva grandemente abbassata
da suoi Regj Ministri per quella _Monarchia_ da essi inventata, che
non ha altro sostegno, che un supposto ed apocrifo diploma d'Urbano
II. E diceva, che oltre di non potere il diploma comprendere, che le
persone di Ruggiero Conte di Sicilia e di Calabria, e di Simone suo
figliuolo, ovvero l'erede di Ruggiero solamente, si vedeva chiaro
essere quello molto sospetto, dal luogo e dal giorno che ivi si
leggevano. Porta la data di Salerno dell'anno 1095, nel qual tempo
il Pontefice Urbano intervenne nel Concilio di Chiaramonte convocato
in Francia per la guerra sacra, per la cui spedizione fu per tutto
quell'anno sempre occupato. L'Autore, che la prima volta lo cavò fuori
alla luce del Mondo, cioè Tommaso Fazzello, essere un uomo nuovo,
di niun nome ed autorità: egli dice averlo avuto da un altro di non
maggior fede, il qual fu Gio. Luca Barberio Siciliano. Essere ancora
da Pietro di Luna scismatico attribuito a Ferdinando d'Aragona, ed
a Martino parimente Re d'Aragona, che prese per moglie Maria Regina
di Sicilia, affinchè i Vescovi non potessero contra i Ministri regj
valersi delle censure Ecclesiastiche, ma che poco da poi, a richiesta
de' tre Ordini del Regno, fu quel privilegio affatto abolito e tolto.
Richiedeva perciò Sua Santità, che quella pretesa Monarchia affatto si
abolisse, ed il Regno di Sicilia in tutte le cose si riducesse secondo
il prescritto del Concilio di Trento, e la giurisdizione Ecclesiastica
fosse restituita nella sua autorità e suo splendore. Il Re Filippo
considerando fra se l'importanza della cosa, con molta gravità rispose
al Legato, che quelle ragioni, che insieme co' Regni i suoi maggiori
gli avean tramandate, siccome egli aveale ricevute, così non poteva far
di meno di non lasciarle nella maniera istessa a' suoi successori, e
che i suoi Ministri non le serbassero[309]. Del rimanente, se vi era
qualche eccesso in valersene, per l'osservanza dovuta alla S. Sede,
avrebbe egli scritto che l'emendassero. Con questa risposta ne fu
rimandato il Cardinale. Nè di ciò se ne mosse da poi più parola, se non
sotto il Regno di Filippo III, venne al Cardinal Baronio, con grande
importunità, voglia di contrastarla nell'XI tomo de' suoi Annali; ma
ne fu fatta da Spagna severa rimostranza, come altrove si è detto.
E negli ultimi nostri tempi avendo voluto il Pontefice Clemente XI
con sua Bolla abolirla, servendosi dell'opportunità del tempo, quando
quel Regno era in mano del Duca di Savoja; riuscirono anche vani gli
sforzi suoi, che diedero motivo all'incomparabile Dupino di scrivere,
a richiesta di quel Principe, quel dotto libro, sostenendo non meno
la Monarchia, che facendo vedere quanto erano deboli li argomenti del
Baronio, sopra i quali Clemente avea appoggiata la sua Bolla.

Serbossi in ultimo luogo il Cardinal Alessandrino, di proporre al Re
Filippo in questa sua Legazione, i pregiudizj, ch'e' diceva farsi alla
Giurisdizione Ecclesiastica nel Regno di Napoli e Stato di Milano; ma
ricevè quella stessa risposta, che fu data al Cardinal Giustiniano:
essere queste cose di somma importanza, e che per ciò non poteva da se
niente risolvere, se prima non ne fosse informato dal Vicerè di Napoli
e dal suo Ambasciadore residente in Roma.

Intanto era nel mese di aprile di quest'anno 1571 accaduta in Napoli
la morte del Duca d'Alcalà, e ritrovandosi in Roma il Cardinal di
Granvella fu dal Re a costui comandato, che tosto si portasse in
Napoli a prendere le redini di quel governo in luogo del Duca morto,
siccome prontamente fece. Per adempir il Re a quanto avea promesso al
Cardinal Legato, scrisse in quest'istesso anno quattro lettere, una
nel mese di novembre diretta al suo Ambasciadore in Roma D. Giovanni
di Zunica, e tre altre nel seguente mese di Decembre al Cardinal di
Granvela suo Vicerè in Napoli. Avvisava in quelle a' medesimi, come
essendo giunto in Ispagna il Cardinal Alessandrino Legato di Sua
Santità, e ricevuto da lui, ed accarezzato come conveniva, e si dovea
a persona di tanta dignità, e cotanto al Papa congiunta, gli avea fra
l'altre sue commessioni esposti alcuni Capi, nelli quali pretendeva,
che si pregiudicasse la Giurisdizione Ecclesiastica, tanto nelli
Regni di Napoli e di Sicilia, quanto nello Stato di Milano: in Napoli
per l'Exequatur Regium: in Sicilia per la Monarchia: ed in Milano
per la Famiglia armata dell'Arcivescovo e per la Chiesa di Malta:
gli mandava per ciò copia di que' Capi colle risposte e repliche del
detto Legato: gl'inviava ancora copia de' memoriali dati a lui dal
Cardinal Giustiniano colle risposte fatte nello margine di ciascun
capo, acciò l'Ambasciadore con questo antivedere si regolasse col Papa
in Roma per quel che conveniva. Al Vicerè Granvela, si diffuse assai
più, dandogli notizia, che intorno a' punti contenuti ne' memoriali
datigli dal Cardinal Giustiniano, ed alle decretazioni fatte dal suo
Regal Consiglio col parere de' Reggenti del Collaterale di Napoli,
ancorchè dal suddetto Cardinal Alessandrino si fosse alle medesime
replicato, nulladimeno essendosegli risposto come conveniva, finalmente
erasi quietato, e pensava per ciò partirsi fra tre dì, seguendo il
suo cammino per Portogallo. Per ciò che poi s'atteneva a' suddetti
nuovi Capi toccanti al Regno presentatigli dal suddetto Cardinale,
ne gl'inviava copia, affinchè gli facesse esaminare da' Reggenti del
Collaterale e da altre persone pratiche di scienza e di coscienza.
Dopo di che ne gl'inviasse molto particolare e distinta relazione col
suo parere, acciò che replicandosi dal Papa, possa egli con fondamento
rispondergli e prevenire quanto bisognava per la buona condotta di
quest'affare. Nella seconda lettera drizzata al medesimo Vicerè, gli
dava ragguaglio delle rappresentazioni fattegli intorno all'osservanza
del Concilio di Trento, e delle sue generali risposte dategli: e
nella terza l'incaricava la vigilanza ed accortezza ricercata intorno
all'Exequatur, acciò non si diminuisse la sua Giurisdizione.

Il Cardinal Granvela, così sopra tutti questi Capi, come sopra quelli
contenuti ne' memoriali dati al Re dal Cardinal Giustiniano, col
parere del Collaterale, in risposta di queste regali lettere, mandò
al Re più Consulte, nelle quali regolandosi con l'istessi sentimenti,
che s'ebbero nel governo del Duca d'Alcalà suo predecessore, informò
il Re pienamente di tutto: di che mal soddisfatta la Corte di Roma,
vedendo che così queste controversie di Giurisdizione comprese nelli
Capi dati da' Cardinali Giustiniano ed Alessandrino, come molte altre,
che alla giornata faceva sorgere, non si potevano comporre a suo modo,
per via di lettere e di relazioni, che vicendevolmente si mandavano,
ed in Roma, ed in Napoli, ed alla Corte di Madrid: pensò di ridurle
in trattato in Roma, per dove desiderava, che dal Re si mandassero
suoi Ministri, affine di potersi quelle ivi dibattere e risolvere.
Per ciò il Pontefice Pio V richiese il Re Filippo, che mandasse suoi
Ministri in Roma, i quali uniti con quelli, ch'egli avrebbe deputati
per sua parte, avessero potuto aggiustarle, ed amichevolmente comporle.
Il Re Filippo, non ben intendendo l'arcano, ovvero per compiacere al
Pontefice, di cui ostentava somma osservanza, promise di mandargli; ma
essendo poco da poi a primo di maggio del seguente anno 1572 succeduta
la morte del Pontefice, non ebbe la promessa alcun effetto.

Ma _Gregorio XIII_, che succedette al Pontefice Pio, non tralasciò di
farsi adempire la premessa; onde più volte istantemente lo richiese,
che gli mandasse, siccome con effetto nel 1574 furon mandati. Scrisse
il Re al Pontefice a' 4 giugno del suddetto anno una lettera, nella
quale gli diceva, che per soddisfare alle sue istanze fattegli
di mandare in Roma alcune persone per trattare le differenze di
Giurisdizione occorse ne' suoi Regni d'Italia, inviava in Roma D.
Pietro d'Avila Marchese de las Navas, ed il Licenziato Francesco
di Vera del suo Consiglio, li quali giunti col suo Ambasciadore D.
Giovanni di Zunica trattassero di comporre amichevolmente quelle
differenze, e qualunque altra che mai potesse insorgere nei suoi Regni
di Napoli e di Sicilia e nel Ducato di Milano. Mandò parimente a'
medesimi ampia proccura a questo fine, ed insieme le istruzioni della
maniera di doversi portare nel trattarle: dando di tutto ciò avviso al
Vicerè Granvela per sua norma.

Quindi nacque il costume di mandarsi in Roma Ministri del Re
per trattare di questi affari: Missioni per altro fin dal loro
cominciamento sempre inutili: il Marchese de las Navas, ed il
Consigliere di Vera inutilmente s'affaticarono. Ma non perciò
s'interruppe questo cominciato stile: morto il Marchese, fu nel 1578
mandato in Roma in suo luogo D. Alvaro Borgia Marchese d'Alcanizes,
al quale il Re parimente mandò proccura di trattare insieme
coll'Ambasciadore Zunica e Consigliere Vera questi negozj, dandogli
la medesima potestà, che teneva il Marchese de las Navas colle
medesime istruzioni. Anzi avendo il Governadore di Milano mantenuto il
medesimo istituto di mandare da quello Stato una persona per quelli
affari in Roma, il Re Filippo II scrisse nel 1579 al Marchese di
Mondejar nostro Vicerè, dicendogli che per lettera del Commendator
Maggiore suo Ambasciadore in Roma, e del Marchese di Alcanizes avea
inteso, che conveniva molto per la buona intelligenza della materia
di Giurisdizione Secolare ed Ecclesiastica del Regno tenere in Roma
una persona tanto pratica ed intelligente, com'era il Dottor Giacomo
Ricardi, che dimorava in Roma mandato da Milano dal Marchese de Aymonte
Governadore di quello Stato; che per ciò gli ordinava, che da Napoli si
mandasse in Roma una persona, ancorchè fosse Reggente di Cancelleria e
particolarmente il Reggente Salernitano, come più intelligente in detti
negozj, o pure dal Consiglio di Capuana, o dalla Camera della Summaria,
ovvero d'altro qualsivoglia, che sia dimandato dal detto Ambasciadore
e Marchese: e che subito l'invii in Roma, acciò col lume, che darà, si
possa procedere in detti negozj[310].

Così ne' tempi meno a noi lontani, leggiamo, che per le controversie
giurisdizionali insorte tra il Vescovo di Gravina, e l'Arciprete
d'Altamura, fu dal Cardinal Zapata mandato in Roma il Consigliere
Giovan-Battista Migliore per comporle e terminarle. E ne' tempi de'
nostri Avoli, per le nuove contese insorte per la Bolla di Gregorio
XIV, fu in Roma mandato il Consigliere Antonio di Gaeta; missione per
altro vana ed inutile; ed a' dì nostri successivamente il Consigliere
Falletti; il Fiscale di Camera Mazzaccara; ed ultimamente il
Consigliere Lucini. Le missioni dei quali avrebbero potuto a bastanza
far avvertito il Re che è tutta spesa perduta per questa via sperare
una cotal composizione e fine di queste differenze giurisdizionali.
Le maniere più proprie ed efficaci, quando voglia seguitarsi lo stile
degli Spagnuoli, di saldar queste piaghe, non già all'uso di Francia,
ma con empiastri ed unguenti, sarebbero quelle che ci vengono additate
da' più saggi e prudenti Giureconsulti insieme e Teologi, cioè di
deputare vicendevolmente personaggi d'alto affare, a' quali, come
_Compromissori_, si commettesse la composizione di quelle, ed alla loro
determinazione di doversi ciecamente ubbidire: questo modo, che sovente
vien praticato nel Contado di Barcellona, dice _Jacopo Menochio_,
celebre Giureconsulto di Pavia nel suo trattato _De Jurisdictione_,
essere stato sempre da lui riputato il più acconcio in Italia, per
terminare affatto queste contese; i Romani, che dovrebbero più d'ogni
altro desiderarlo, han mostrato sempre di abborrirlo, perchè sanno, che
con tenerle sospese ed indecise, per la loro vigilanza e desterità, il
tempo porterà congiunture tali, delle quali sapranno ben valersene, e
ricavarne profitto.



CAPITOLO XI.

_Morte del DUCA D'ALCALÀ: sue virtù, e sue savie leggi che ci lasciò._


Questo savio Ministro, ne' dodici anni del suo governo, ebbe a
sostenere non meno queste fastidiose contese colla Corte di Roma,
che a star vigilante per timore d'una guerra crudele e spietata, la
qual fu quella che il Turco minacciava nelle nostre contrade. La fama
degli estraordinari apparecchi, che spesso si sentivano farsi dagli
Ottomani in Levante, lo tenne in continue sollecitudini e timori. La
guerra intrapresa nel 1565 per la conquista di Malta, dava da pensare
ugualmente al Regno di Sicilia, che a quello di Napoli: bisognò per
tanto, ch'egli munisse le città marittime con validi presidj; ed
essendo il Regno quasi che tutto circondato dal mare, le provvidenze in
molte città doveano perciò essere maggiori e più dispendiose.

Ma non perchè finalmente si vedesse Malta libera da questi mali,
cessarono in noi li timori; poichè nell'anno seguente usciti i Turchi
da Costantinopoli con potentissima armata, dopo avere conquistata
l'Isola di Scio, posseduta 300 anni da' Genovesi, s'inoltrarono
nell'Adriatico; e non essendo loro riuscito di sorprendere Pescara,
devastarono quelle riviere, saccheggiando tutte quelle Terre poste
a' liti del mare, dove fecero un grosso bottino di gente e di roba,
e tornarono poi in Levante. Ma nel 1570 posti di nuovo in mare,
spaventarono nuovamente Italia; onde il Duca avendo muniti i luoghi
sospetti, fece venire tremila Tedeschi per difesa del Regno: il turbine
però venne a piombare sopra i Veneziani, che si videro inaspettatamente
assaltare l'importante Isola di Cipri, al cui soccorso andò Giannandrea
Doria con cinquanta Galee, fra le quali ve n'eran ventitrè della
squadra di Napoli, con tremila soldati comandati dal Marchese di Torre
Maggiore, e moltissimi Cavalieri napoletani.

Questi continui timori di guerra, che sono peggiori della guerra
istessa, e più l'altra di Religione, che tuttavia ardeva in Fiandra,
posero, per le continue ed immense spese, in necessità il Re Filippo II
di premere alquanto il Regno con frequenti contribuzioni e donativi.
Ma l'accortezza del Duca, che maneggiava co' Baroni quest'affare con
molta soavità e destrezza, e l'amore, che avea a se tirato di tutti
gli Ordini, particolarmente de' Nobili, tanto che invitato a farsi lor
Cittadino, lo aggregarono nella Piazza di Montagna, fu tale che nello
spazio di soli sei anni, facendo secondo il costume convocar a questo
fine in S. Lorenzo Generali Parlamenti, ne trasse dalla Città e Regno
profusi donativi. Nel 1564, presedendo come Sindico Cola Francesco di
Costanzo di Portanova, si fece dono al Re d'un milione di ducati. Nel
1566 gli si donarono un milione e ducentomila ducati, essendo Sindico
Fabio Rosso di Montagna. Nel 1568, nel qual anno fu creato Sindico
Gianvincenzo Macedonio di Porto, si fece donativo d'altrettanta somma;
e nel 1570, essendo Sindico Paolo Poderico, se ne fece un altro d'un
milione; e per occasione di questi donativi leggiamo noi nel volume
delle Grazie e Capitoli della Città e Regno di Napoli, moltissimi
Privilegi e Grazie profusamente concedute alla medesima dal Re Filippo
II, particolarmente quando reggeva il Regno, come Vicerè, il Duca
d'Alcalà.

Ma ecco finalmente, che questo incomparabile Vicerè bisognò cedere al
fato: le continue applicazioni e le tante cure moleste e fastidiose gli
avean fatta perdere la salute: più volte avea supplicato il Re, che per
ristabilirsi gli desse licenza di poter tornare in Ispagna, suo suolo
nativo; ed il Re finalmente aveacelo accordato; ma come si è veduto,
per l'impertinenti pretensioni della Corte di Roma, fu obbligato il Re
a rivocar la licenza, e comandargli che non partisse, anzi nel caso
si trovasse partito, ritornasse per resisterle. Così egli debole ed
infermiccio proccurava sovente con dimorare nella Torre del Greco, nel
qual luogo per ciò leggiamo la data d'alcune Prammatiche, col beneficio
dell'aria ristabilirsi, ma sopraggiunto nella Primavera di quest'anno
1571 da un fiero catarro, a cui essendosi accoppiata una mortal febbre,
gli tolse finalmente la vita a' due d'aprile, nel sessagesimoterzo anno
dell'età sua, e dodicesimo del Viceregnato di Napoli. Il suo prudente
Governo era da tutti i popoli commendato, e perciò la di lui morte
fu da ciascuno amaramente compianta; facendosi allora giudicio, che
di Spagna non ne avesse a venire nel Regno niun simile a lui; poichè
veramente dalla morte di D. Pietro di Toledo, Napoli non conobbe
miglior Ministro di questo. Fu il suo cadavere con onoratissime esequie
sepolto nella Chiesa della Croce di Palazzo, donde poi fu trasferito in
Ispagna.

Le virtù che adornarono il suo spirito, furono veramente ammirabili.
Fu celebre in lui la pietà Cristiana sopra ogni altra virtù: egli
adoratore dell'Augustissimo Sagramento dell'Altare, non solamente
quando si portava per le piazze agl'infermi, facevalo accompagnare
con torchi accesi da tutti i Paggi della sua Corte, ma sovente
incontrandovisi egli, calava dal cocchio e l'accompagnava a piedi:
compassionevole e pien di carità per li poveri e per gli afflitti,
mandava spesso un suo Gentiluomo di confidenza a visitar la casa di
quell'infermo, ove portavasi il Viatico, affinchè vi lasciasse buona
limosina, se vi conoscesse bisogno. Per la penuria de' tempi ridotti
i poveri in estremo bisogno, egli agevolò alla città quella pietosa
opera d'aprire l'Ospedale di S. Gennaro fuor delle mura, ove provvide
di cibo a più di mille mendichi, ed aggiunse ancora dalla sua borsa
molte centinaja di scudi, che servirono per mantenimento de' poveri
vergognosi. Per evitare il traffico indegno che facevano le pubbliche
meretrici della verginità delle loro figliuole, promosse nel 1564
quell'altra opera degna della sua pietà, che fu la fondazione della
Chiesa e Conservatorio dello Spirito Santo, dove le Donzelle, rubate
all'ingordigia delle madri, se vogliono rimanervi, sono comodamente
nudrite, e volendosi maritare è loro somministrata conveniente dote.
Rilusse ancora la pietà di questo Ministro assai più nelle brighe,
ch'ebbe a sostenere con gli Ecclesiastici, dove, ancorchè fosse da
questi con modi imperiosi ed impertinenti posto in pericolo di perder
ogni pazienza, egli però nell'istesso tempo, che sosteneva con vigore
e fortezza le ragioni e preminenze del suo Re, usò con li medesimi ogni
moderazione e rispetto, e colla Sede Appostolica tutta la divozione ed
osservanza.

La prudenza civile fu in lui mirabile, e sopra tutto la cura ed il
pensiero ch'ebbe per la conservazione e maggior comodità e sicurezza
dello Stato fu assai commendabile: egli con forti presidj munì tutte
le città del Regno esposte all'insidie de' nostri implacabili nemici.
Per maggior comodità e sicurezza del commercio aprì nel Regno più regie
strade, e fece costruire nuovi e magnifici ponti. A lui dobbiamo la
via, che da Napoli ci conduce insino a Reggio. L'altra, che ci mena
in Puglia, nel Sannio e ne' confini del Regno; e quell'altra magnifica
da Napoli a Pozzuoli. A lui dobbiamo i famosi Ponti della Cava, della
Dovia, di Fusaro e del fiume Cranio, ovvero Lagno, chiamato comunemente
Ponte a Selce, tra le città d'Aversa e Capua; il Ponte di Rialto a
Castiglione di Gaeta; il Ponte di S. Andrea nel Territorio di Fondi;
e tanti altri, di cui favellano le iscrizioni di tanti marmi, che
risplendenti del suo nome, si osservano in varie parti del Regno. A lui
finalmente dobbiamo l'avere, su la via di Roma in Portella, con termini
ragguardevoli e marmorej, e con iscrizioni scolpite su' marmi, distinti
e separati i confini del Regno collo Stato della Chiesa di Roma, perchè
nella posterità non vi fosse, come fu già, occasione di contrasti e di
litigj.

Alla sua magnificenza non meno, che alla sua vigilanza dobbiamo
non pure tutto ciò, ma che nelle congiunture presentateglisi mentre
presideva al nostro Governo, abbia fatto rilucere l'animo suo regale
e veramente magnifico. La crudele, e da non raccontarsi, morte
accaduta in Ispagna all'infelice Principe Carlo a' 24 luglio nel 1568
proccurossi con lugubri apparati e pompose esequie renderla men dura.
In Ispagna ne furono celebrate superbissime, ed in Napoli il Duca
d'Alcalà, ricevutone l'avviso, nel mese di settembre del medesimo
anno, ne fece celebrare parimente altre non inferiori: con grande
magnificenza fece innalzar gli apparati ed i mausolei nella Chiesa
della Croce presso il regal Palazzo, dov'egli intervenne con la maggior
parte della nobiltà e del popolo a compiangere la disgrazia di quel
Principe. Non molto da poi infermatasi la Regina Isabella moglie del
Re Filippo d'una febbre lenta, giunta all'età di 22 anni, e gravida
di cinque mesi rese finalmente lo spirito a Madrid in ottobre del
medesimo anno 1568, e fu sepolta nell'Escuriale. Il Duca d'Alcalà,
avutone avviso, fece in novembre celebrare alla medesima, coll'istessa
magnificenza e pompa, esequie uguali nella stessa Chiesa. E due anni
dopo la costei morte, avendo il Re Filippo tolta la quarta moglie, che
fu Anna d'Austria primogenita dell'Imperador Massimiliano e di Maria
sua sorella, su l'avviso d'esser arrivata la Sposa in Ispagna, il
Duca d'Alcalà fece celebrare in Napoli, a maggio di quell'anno 1570,
solenni e magnifiche feste con pubbliche illuminazioni per tre sere
continue, e con pomposi apparati. Alla sua magnificenza pur deve Napoli
quell'ampio stradone, che dalla Porta Capuana conduce a Poggio Reale.
Egli aprì ancora nella punta del Molo quella già bellissima fontana
ornata di bianchi marmi, con quattro statue rappresentanti i quattro
fiumi del Mondo, e che dicevansi volgarmente i quattro del Molo. Ed
egli parimente fu quegli, che diede principio a quelle due amene e
regie strade, che portano dal Ponte della Maddalena a Salerno, e dalla
Porta Capuana alla volta di Capua.

Della sua giustizia abbiamo perenni monumenti nelle tante Prammatiche,
che ci lasciò. Fra tutti i Vicerè che governarono il Regno, egli fu,
che sopra gli altri empisse il Regno di più leggi, contandosene sino
a cento. I tanti avvenimenti e strani successi accaduti al suo tempo,
la corruzione del secolo, e la perduta disciplina, l'obbligarono per
questa via, nel miglior modo che si potè, a riparare la dissolutezza e
pravità degli uomini.

Dal 1559 primo anno del suo governo, insino a marzo del 1571, l'anno
della sua morte, ne stabilì moltissime tutte sagge e prudenti, ed infra
l'altre cose ripresse per quelle la rapacità de' Curiali, tassando i
loro diritti: invigilò perchè la buona fede fosse tra gli artigiani,
ne' traffichi, e ne' lavori di mano: fu vigilantissimo sopra l'onestà
delle donne, proibendo severamente le scale notturne, imponendo pena
di morte naturale a coloro, che per forza baciassero le donne, anche
sotto pretesto di matrimonio: sterminò i fuorusciti: vendicò con severe
pene di morte naturale i falsificatori di moneta: riordinò il Tribunal
della Vicaria, ed egli fu, che impose agli Arcivescovi e Vescovi del
Regno, che ordinassero a tutti i Parrocchiani e Beneficiati, che hanno
cura d'anime, che dovessero formare un libro, dove giorno per giorno
notassero tutti i battezzati, per sapersi la loro età e per buon
governo anche dello Stato. Egli ancora riordinò le Province del Regno,
e comandò, che in quelle si formassero pubblici Archivj, e diede altri
provvedimenti per la politia del Regno, degni della sua saviezza e
prudenza civile, contenuti nelle nostre Prammatiche, li quali per non
tesserne qui lungo catalogo, possono secondo l'ordine de' tempi, ne'
quali furono stabiliti, osservarsi nella _Cronologia_ prefissa al primo
tomo di quelle, secondo l'ultima edizione del 1715.


  FINE DEL LIBRO TRENTESIMOTERZO.



STORIA CIVILE DEL REGNO DI NAPOLI

LIBRO TRENTESIMOQUARTO


Le nozze del Re Filippo II, con la Regina Anna sua nipote, ancorchè
fossero state celebrate in Ispagna con magnifica pompa e grande
allegrezza, non è però che a' più savj non recassero maraviglia insieme
ed indignazione: stupivano, come dice il Presidente Tuano[311], come
un Re reputato cotanto saggio, senza necessità che lo stringesse, senza
che da quelle avesse potuto promettersi qualche buon frutto per lo bene
della pace, senza speranza di stendere il suo Imperio, e dalle quali
niuno emolumento e molto d'invidia poteva ritrarne, le avesse con tutto
ciò cotanto ambite e desiderate. Si scandalizzavano ancora del pessimo
esempio, ch'e' diede d'aver voluto, essendo il primo fra' Principi
Cristiani, prendersi con dispensazione dal Papa per moglie la figliuola
d'una sua sorella. E ben l'evento 'l dimostrò, poichè quest'esempio,
che cominciò da lui, si vide poi nella sua famiglia ripetuto nel 1580
da Ferdinando d'Austria, figliuolo dell'Imperador Ferdinando, il quale
prese per moglie Anna Caterina, figliuola di Guglielmo Duca di Mantua
e d'Elionora sua sorella[312]; ma ciò che portò in appresso maggiore
scandalo, si fu, che da poi quest'istesso si vide esteso nella Nobiltà,
e dalla Nobiltà infine arrivato, non senza indignazione de' buoni,
insino alla plebe[313]. Ma che che ne sia, da questo matrimonio,
il quale fu dopo diece anni disciolto per la morte della Regina,
nacque il Re _Filippo III_, che gli fu successore al Regno; poichè se
bene quattro figliuoli avesse da lei generati; due, cioè, Ermando e
Giovanna, ancor infanti, premorirono alla madre, e l'altro D. Diego
ancorchè sopravvivesse a lei, morì non molto da poi nell'età d'otto
anni, rimanendo in vita sol Filippo, che gli fu erede.

Intanto per la morte del Duca d'Alcalà, avea preso, secondo il costume,
il governo del Regno il Consiglio Collaterale, al quale presedeva
allora il Marchese di Trivico; ma lo tenne pochi giorni, poichè giunta
la novella della morte al Cardinal di Granvela, che si trovava in Roma,
questi per la facoltà, che ne teneva dal Re, portossi subito in Napoli.
Per gli avvisi continui, che teneva il Re Filippo dell'infermità del
Duca, e che poca speranza poteva, a lungo andare, aversi di sua salute,
faceva trattenere il Granvela in Roma con ordine, che seguendo la
di lui morte, tosto si portasse in Napoli al governo di quel Regno,
siccome sollecitamente eseguì; onde giunto a' 19 aprile di quest'anno
1571, fu ricevuto nel Molo con la solita pompa del Ponte, e con molta
espettazione, come d'uomo assai rinomato per saviezza e prudenza; il
cui governo saremo ora a raccontare.



CAPITOLO I.

_Del Governo di D. ANTONIO PERENOTTO CARDINAL DI GRANVELA, e de' più
segnalati successi de' suoi tempi: sua partita, e leggi che ci lasciò._


Questo Ministro, di cui altrove abbiam ragionato sotto il nome del
Vescovo d'Arras, fu figliuolo di Niccolò Perenotto Signor di Granvela,
Borgognone di nascimento, e primo Consigliero dell'Imperador Carlo V.
Nella sua giovinezza essendosi dato allo studio delle scienze, riuscì
in quelle assai rinomato: onde col favore dell'Imperador Carlo V,
per la sua letteratura, e per li meriti del padre, fu fatto Vescovo
d'Arras nel Paese d'Artois. Per la sua grande attività e saviezza fu
poi impiegato nell'Ambasciarie d'Inghilterra e di Francia; ed entrò
in tanta grazia e stima di Cesare, che quando rinunziò al Re Filippo
suo figliuolo la Corona, gli diede per guida questo Prelato, per la
buona condotta del suo Regno. Fatto poi Cardinale, ed Arcivescovo di
Malines, ebbe il peso degli affari più gravi de' Paesi Bassi sotto il
governo della Duchessa di Parma sorella naturale del Re; ma entrato
in odio di que' Popoli, i quali mal soffrivano il suo rigore, che non
ben conveniva usare in que' tempi cotanto difficili, riputò bene il
Re Filippo richiamarlo in Ispagna alla sua Corte. Quivi per la grande
capacità che avea delle cose di Stato, fu impiegato nei negozj più
gravi e rilevanti della Monarchia. Passò poi in Roma, dove, come s'è
detto, era dal Re trattenuto, affinchè, poco sperandosi della salute
del Duca d'Alcalà, potesse passar subito, come fece, al governo del
Regno.

Niuna altra più tormentosa cura agitava in questi tempi l'animo
di questo Vicerè e de' Napoletani, quanto i continui timori per le
scorrerie del Turco: onde per prevenirle, bisognava rivolgervi ogni
studio ed ogni pensiero. Non vi erano più sospetti di spedizioni
d'altri Principi: molto meno dalla Francia, cotanto allora occupata
nei suoi proprj mali e rivoluzioni. Non si temevano moti interni, e le
Province libere da' fuorusciti, erano tutte tranquille e pacate: solo
tenevano in agitazione le minacce e le frequenti sorprese, che nelle
nostre marine facevano i Turchi implacabili e fieri nostri nemici.

Si aggiungeva ancora un altro fastidioso pensiero: il Re Filippo,
oltre la guerra, che per difesa de' suoi Stati d'Italia era obbligato
mantenere col Turco, si vide in questi tempi per una condotta molto
rigida e boriosa de' suoi Ministri intrigato in un'altra guerra
non meno fiera e crudele, che dispendiosa ne' Paesi Bassi, ove per
sostenerla, non v'era denaro, che bastasse. La Spagna cominciava
a perdere le sue forze, e tuttavia s'andava desolando per li tanti
Presidj, che nelle proprie Città ed altrove manteneva, come nella
Sicilia, nel nostro Regno, nel Ducato di Milano e sopra tutto in
Fiandra, dove, oltre i Presidj, dovea mantenere numerosi eserciti
armati. Vedevasi desolata ancora ed esausta per le tante Colonie, che
si mandavano nell'Indie: per la poca attitudine degli Spagnuoli di
proccurare ne' loro Porti traffico e commercio, e molto meno nelle sue
città mediterranee: per la minor cura, che i suoi naturali prendevansi
dell'agricoltura, tanto che i loro terreni, ancorchè ampi e feraci, e
per la rarità de' coloni, e per la poca inclinazione che vi aveano,
non erano coltivati abbastanza. Da ciò nasceva un'estrema penuria
di denaro, e la mancanza delle forze per supplire a tante spese.
Per queste cagioni il Re Filippo, dovendo sostenere il peso di tanta
guerra, cominciò a dar di mano a' fondi del suo regal patrimonio, a
vendere le gabelle, ad impegnare le dogane e tutti gli altri emolumenti
delle supreme sue regalie agli Italiani, ed in particolare a' Genovesi,
ai quali, per l'impronti fattigli di rilevantissime somme, pagava
grossissime usure[314]. Quindi per soddisfare anche a' creditori
cominciarono le distrazioni delle città e terre de' Regni di Sicilia
e di Napoli, e ad esporsi venali gli onori ed i titoli di Contado,
di Marchesato, di Ducato, insino a quello di Principato, proccurando
con questi nomi senza soggetto, e con queste vane apparenze, niente
dando di fermo e di stabile, nel miglior modo che poteva quietare i
creditori, dando ombre ed onori, in vece di denari.

Si aggiungeva, che gli Spagnuoli per sostenere le guerre che il Re
Filippo teneva accese fuori della Spagna, in Fiandra ed in Italia, non
permettavano, che uscisse fuori di Spagna un soldo, nè contribuivano
a cosa veruna, ma solo contribuivano alle spese, che bisognavano per
difesa de' loro proprj confini. Le miniere, e le fodine dell'Indie
erano quasi che esauste e mancate per loro avarizia, e molto più
per non sapersene ben servire. Dalla Fiandra non vi era che sperare,
ardendo ella d'una crudele e fiera guerra, e posta in iscompiglio,
impedito ogni commercio, appena le forze di quelle province bastavano
agli stipendj dei soldati, che ivi militavano. A tutto ciò s'aggiunse
alcuni anni da poi la guerra di Portogallo, per la quale pure il nostro
Reame fu costretto far donativi, ed il Re a proseguire vie più che mai
le alienazioni del suo regal demanio, e gli emolumenti delle supreme
sue regalie.

Il Regno di Napoli per ciò era sopra tutti gli altri riserbato per
supplire a tante spese: quindi le premure e continue dimande di
donativi e tasse: quindi in decorso di tempo si venne a tale estremità,
che vendute le gabelle, impegnati i dazj, le dogane, e tutto, al Re
poco rimanesse: onde avvenne, che dovendosi all'incontro supplire a'
pesi, che porta seco la conservazione del Regno, s'imponessero nuovi
pesi e gabelle, e che i nostri Cittadini si comprassero le proprie
catene da non potersene mai prosciogliere: che si fossero le Signorie
e' Feudi e' Titoli posti in ludibrio e conceduti non per merito di
virtù, ma per denaro; e che ne nascessero in fine que' tanti mali e
disordini, che si noteranno ne' seguenti libri di quest'Istoria.

Fra le principali cure adunque che angustiavano i nostri Vicerè, non
era meno di quella del Turco, considerabile questa, vedendosi spesso
premuti dalle pressanti richieste del Re di proccurar da questo Reame
denari per sostenere le tante guerre. Nè erano agitati meno dalle
fastidiose cure, che gli Ecclesiastici lor davano per le sorprese, che
si tentavano sopra la Giurisdizione del Re e sue regali Preminenze.

Il Cardinal di Granvela intanto venuto al governo di questo Regno, per
quanto la sua condizione e quella di questi tempi comportavano, non
trascurò in tutte e tre queste occorrenze d'impiegarvi tutti i suoi
talenti e tutto il suo vigore e prudenza.

La potenza Ottomana in questi tempi erasi resa formidabile e tremenda,
non meno a' Principi vicini, che a' remoti, e l'Italia era in pericolo
di cadere nella sua virtù; quindi i più gran sensati politici, e
coloro, che più a dentro penetravano le forze di sì potente nemico, e
l'estensione smisurata del suo Imperio, non tralasciavano esclamare co'
Principi Cristiani per scuoterli dal lungo sonno, e facendo lor vedere
così da presso i loro pericoli, gl'incoraggiavano ad una gloriosa
unione per reprimere tanta potenza. Infra gli altri leggiamo tra le
opere di Scipione Ammirato[315] un lungo discorso drizzato a' Principi
della Cristianità, dove gli fa tutto ciò vedere, animando loro alla
lega. Ma niuno fu di ciò più zelante e caldo del Pontefice Pio V, il
quale dopo varie Legazioni, conchiuse quella famosa Lega, della quale
fu eletto Generalissimo _D. Giovanni d'Austria_ figliuol naturale
dell'Imperador Carlo V, il quale, ancorchè giovane di ventun'anno,
avea però dato gran saggio del suo valore contra i Mori nel Regno di
Granata.

Giunse questo Principe in Napoli a' 9 d'agosto di quest'anno 1571
dove dal Cardinal di Granvela fu ricevuto con molti segni di stima,
e da' Napoletani con quegli onori, che ad un tanto personaggio si
convenivano. S'unirono alla sua armata le Galee di Sicilia e di
Napoli, ed oltre molti Signori spagnuoli, vollero seguirlo in così
celebre espedizione i primi Baroni e molti Nobili della città e del
Regno. I Turchi dall'altra parte scorrevano con una potentissima
armata l'Arcipelago, e dopo avere saccheggiate le città di Budua,
Dolcigno, ed Antivari, erano passati sino a vista di Cattaro. Perchè
dunque non s'inoltrassero maggiormente in quel Golfo, sollecitando il
Pontefice ed i Vineziani l'unione dell'Armata, partì D. Giovanni da
Napoli nel vigesimo giorno d'agosto, e giunse a' 24 a Messina, dove
trovò le Galee del Papa e de' Vineziani, alcune dei Genovesi e tre de
Maltesi, ed altrettante di Savoia. S'intese poco da poi la perdita di
Famagosta; onde fu determinato, senza perder più tempo, di combattere
coll'inimico; ciocch'essendosi parimente risoluto da' Turchi, si
posero con questo proposito le due Armate alla vela, senza che
l'una sapesse il pensiero dell'altra. Così andavansi scambievolmente
rintracciando, fin che il settimo giorno di ottobre furono a vista,
e s'incontrarono, mentre i Cattolici uscivano dagli scogli de'
Curzolari, ed i Turchi dalla punta delle Peschiere, che i Greci
chiamano Metologni. Vennero le due Armate con uguale ardire al cimento,
e dopo un ostinato combattimento riuscì a' nostri disfare l'armata
nemica, con inestimabile loro perdita e scorno. Questa fu quella famosa
vittoria che accaduta nella prima Domenica d'ottobre, nella quale
i Frati Domenicani solevano con processioni celebrar il _Rosario_,
diede occasione al Pontefice Pio dello stesso Ordine ed a Gregorio suo
successore, in memoria di così gloriosa giornata, d'istituire per tutto
l'Orbe Cattolico una festa solenne del _Rosario_, da celebrarsi ogni
anno in quel dì: la quale vediamo mantenuta sino a' tempi nostri con
molto maggior pompa ed apparato; e fu ancora occasione d'essersi eretti
poi in Napoli Tempj ed Ospedali sotto il titolo di S. Maria della
_Vittoria_.

La sconfitta fu considerabile, poichè oltre la prigionia del Bassà
e degli altri Generali di conto, di un'Armata di poco meno di
trecento vele, appena ne scamparono quaranta, ne rimasero più di
cento affondate, ed altrettante in potere de' vincitori. D. Giovanni
fece ritorno in Italia, ed entrato trionfando in Messina, quivi si
trattenne, proseguendo gli altri Capitani il lor cammino verso Napoli,
dove a' 18 del seguente mese di Novembre approdarono, conducendo
prigioni Maometto Sangiacco di Negroponte, con due figliuoli d'Ali
Capitan Generale del Mare, rimaso estinto nella battaglia. Il Bassà col
minore de' due fratelli, giacchè l'altro morì in Napoli di cordoglio,
furono condotti in Roma al Pontefice, e rinchiusi nel Castel di S.
Angelo, furono sempre cortesemente trattati.

L'anno che seguì 1572 non fu cotanto prospero al Collegati, siccome
ognuno si prometteva da questa vittoria; i sospetti, che s'aveano, di
potersi accendere una nuova guerra colla Francia per le rivoluzioni
di Fiandra, non permisero al Re Filippo ed al suo Capitano D. Giovanni
di soccorrer tanto a' Collegati, quanto sarebbe convenuto. S'aggiunse
ancora la perdita del Pontefice Pio, il quale nel primo di maggio di
quest'anno trapassò[316]. Successegli nel Pontificato Ugo Boncompagno,
detto _Gregorio XIII_, il quale se bene avesse non minor desiderio del
suo predecessore per la continuazion della Lega, con tutto ciò, e per
esser nuovo all'impresa, e perchè i Turchi sfuggivano ogni incontro di
combattere, si passò l'anno senza far que' progressi, che si credevano.

Intanto per la morte del Pontefice Pio, essendo convenuto al Granvela
portarsi in Roma al Conclave, rimase _D. Diego Simanca Vescovo di
Badajos_ per Luogotenente nel Regno; ma pochi giorni durò la sua
amministrazione, per ciò che, seguita a' 13 di maggio l'elezione del
nuovo Pontefice Gregorio, ritornò il Cardinale in Napoli a' 19 del
medesimo mese, ed a ripigliarne il governo, insieme con le fastidiose
cure: poichè appena giunto, fu duopo spedire a Messina la squadra
delle Galee del Regno con gli Spagnuoli della guarnigione di Napoli e
cinquemila Italiani comandati da D. Orazio Acquaviva figliuolo del Duca
d'Atri per opporsi a' Turchi. S'avviarono parimente da Napoli molti
nobili venturieri di diverse Nazioni, frai quali ve ne furono settanta
Napoletani sotto il comando del Duca d'Atri lor Generale. Intanto
avanzandosi la stagione, e fatti certi i nostri della resoluzione de'
nemici di non combattere, D. Giovanni d'Austria, nel mese di novembre
di quest'anno ritornò in Napoli, dove in quell'inverno fu trattenuto
in continue feste e giuochi di tornei, giostre e barriere; sinchè
approssimandosi la primavera del nuovo anno non convenne pensare agli
apparecchi d'una nuova espedizione.

Mentre D. Giovanni col Cardinal di Granvela erano, in questo nuovo
anno 1573, tutti intesi di fornire l'armata del bisognevole per
continuar l'impresa in Levante, s'intese che per la mediazione del
Re di Francia, i Vineziani aveano conchiusa la pace col Turco, con
vergognose condizioni: ciò che recò sommo rammarico al Pontefice
Gregorio e non picciola gelosia al Re Filippo, il quale vedendo che gli
Ottomani s'affaticavano non poco per far cadere la Corona di Polonia
sopra la testa del Duca d'Angiò, fratello del Re di Francia, dubitava
non i Vineziani e' Franzesi si collegassero contra di lui. I Vineziani,
per iscusare co' Collegati il fatto, mandarono suoi Ambasciadori al
Pontefice ed al Re Filippo rappresentando loro la necessità, che gli
avea costretti alla pace.[317].

Il Re, pubblicata che fu quella pace, non volendo tener oziose le
sue arme, tosto si rivolse alle cose d Affrica, cotanto alla Spagna
unite; onde comandò a D. Giovanni d'Austria di far l'impresa di Tunisi.
Partissi questo Principe da Napoli colla sua armata verso Messina,
dove in due giorni approdò: indi proseguendo il suo cammino giunse
alla Goletta; quivi posti a terra i suoi soldati per cammin dritto
s'avviò verso Tunisi, della qual città (essendo sfornita di presidio)
si rese tosto padrone senza combattere; ma non per questo la risparmiò
dal sacco, che vi diedero i suoi soldati; ed avendo disegnato di
costruire ivi una nuova Fortezza, come fece, vi lasciò con titolo di
Vicerè Maometto figliuolo d'Assano, fratello d'Amida e fece prigioniero
Amida, meritamente sospetto agli Spagnuoli e più sospetto a' Turchi, e
mal veduto da' Tunesini, per avere con grande scelleratezza ammazzato
Assane suo padre. Mandò in Palermo prigioniero Amida con due suoi
figliuoli, il quale, per via, avendo inteso, che Maometto suo fratello
cotanto da lui odiato, era stato lasciato per vicerè di quel Regno,
venne in tanta rabbia, che se non era impedito da Amida suo figliuolo
voleva, dalla Galea, che lo portava, buttarsi in mare. Intanto, per
maggiormente porre in sicurezza quel Regno, Biserta fu anche presa; ed
avanzandosi la stagione, essendosi approssimato l'inverno, D. Giovanni
tornò in Sicilia, donde si restituì a Napoli, dove fece condurre Amida
co' suoi figliuoli, che fece porre nel Cartello di S. Ermo sotto sicura
custodia. Narra il Presidente Tuano[318], che nel seguente anno 1574
essendosi egli accompagnato con Paolo de Foix, mandato in Italia a
render le grazie a' Vineziani, al Papa ed agli altri Principi d'Italia,
che aveano mandato loro Ambasciadori in Francia a congratularsi col
Re del nuovo Principato di Polonia di suo fratello, dopo avere scorse
le città più cospicue d'Italia, venne anche in Napoli, dove giunto,
ebbe vaghezza di vedere questo Amida co' suoi figliuoli. Fu da quel
Castellano cortesemente introdotto, e vide esser un uomo molto vecchio,
e siccome dell'aspetto potè egli conghietturare, s'accostava agli
ottanta anni, ed avendo al Castellano con molta curiosità dimandato
de' costumi di colui, gli disse, che ancorchè fosse così vecchio, non
perciò s'asteneva ogni notte di dormire con una Mora sua concubina.
Di que' due suoi figliuoli amava il più brutto, ch'era anche zoppo,
ritenendolo sempre seco nella sua camera, odiava l'altro, ancorchè
molto avvenente e spiritoso, al quale, entrato per ciò in somma grazia
degli Spagnuoli, se gli permetteva andar libero per la città, cavalcare
ed armeggiare: e se le cose non si fossero da poi mutate, era stato
disegnato successore di Maometto suo zio nel Viceregnato di Tunisi, che
si credeva poter lungamente durare sotto la Monarchia di Filippo.

Ma tosto andar vote sì belle speranze; poichè nell'istesso tempo che
per lo ritorno di D. Giovanni e per la nascita del primogenito del
Re Ernando, si facevan celebrare in Napoli dal Cardinal di Granvela
pompose feste, con giuochi di Tori, di Caroselli e di Lancie, s'intese,
che i Turchi scorrendo vie più formidabili i nostri mari, s'erano
avvicinati al Capo di Otranto, ed aveano saccheggiata la picciola
città di Castro; ed in questo nuovo anno 1574 avendo discacciati
i nostri da Tunisi, s'eran impadroniti di quel Regno; poichè a'
23 agosto di quest'anno, caduta in lor mani la Goletta, presero la
città di Tunisi con la Fortezza quivi innalzata da D. Giovanni, la
quale fu da' medesimi superata a' 13 di settembre colla prigionia
di Pietro Portocarrero e di Gabriele Sorbellone; e demolirono tosto
amendue queste Piazze da' fondamenti, per torre a nostri la speranza
di riacquistarle. Ed ecco il fine di tanti travagli sostenuti per
questo Regno di Tunisi, che conquistato da Carlo V, e mantenuto con
tante spese e travagli per lo spazio di quarant'anni dal Re Filippo
suo figliuolo, finalmente si perdè senza speranza di poterlo più
riacquistare.

Queste fastidiose cure resero il governo del Cardinal di Granvela
assai travaglioso; poichè a riparare i mali, che da sì potente nemico
si temevano, bisognò usare tutta la sua vigilanza e providenza. Egli
fu il primo, che pose in effetto nel Regno la nuova milizia detta
del _Battaglione_, istituita dal Duca d'Alcalà suo predecessore; era
quella composta di soldati che a proporzione de' fuochi eran tenute
l'Università del Regno somministrare: non aveano soldo in tempo di
pace, ma solo alcune franchigie, ed in occasione di guerra tiravano le
paghe, come tutti gli altri: il lor numero era considerabile, arrivando
a venticinque e talora a trentamila persone: aveano i loro Capitani,
ed altri Ufficiali minori: ma ora di questa milizia appena sono a
noi rimasi vestigi. Non abbiamo più soldati, tutti siamo pagani, e la
milizia è ora ristretta negli stranieri, che ci governano: in mano di
costoro sono le armi, ed a noi solamente è rimasa la gloria d'ubbidire.

Per somministrar le spese a tanti bisogni era duopo che da dovero vi
si pensasse: premeva il Re al Cardinale, e lo richiedeva spesso di
sovvenzioni e donativi. Il Vicerè per adescar i popoli, e trovar modo
di ricavarli dal Regno senza molta lor difficoltà e ripugnanza, fece
dar prima esecuzione a tutte le grazie e privilegi, che nell'anno 1570
furono dal Re Filippo conceduti alla città ed al Regno. Poi avvalorato
dalla presenza di D. Giovanni d'Austria, avendo insinuato a' Baroni
il bisogno della guerra, che da dura necessità costretti era d'uopo
sostenere contra un sì formidabile nemico, che minacciava porre in
servitù il Regno, fece nel primo di novembre del 1572 convocare in
S. Lorenzo un general Parlamento, nel quale intervenne per Sindico
Cesare di Gennaro Nobile di Porto, e si fece un donativo al Re d'un
milione e centomila ducati[319]. Avutosi da poi l'avviso della perdita
di Tunisi e sue Fortezze, di nuovo per soccorrere il Re, fu unito nel
1574 un altro Parlamento, ove fu Sindico Gianluigi Carmignano Nobile
di Montagna, e si donò al Re un altro milione e ducentomila ducati.
Fu fama, che D. Giovanni pretendendo anche per se un particolar dono
dalla città, il Cardinale commiserando la strettezza de' Napoletani,
avesse destramente impedito, che non gli si fosse fatto, e che per
ciò nascessero fra loro que' disgusti, che partorirono la chiamata del
Cardinale in Ispagna, come diremo. Cotanto afflissero queste spedizioni
di Tunisi e queste guerre contra i Turchi i Napoletani. Narra il
Summonte Scrittor contemporaneo a questi successi, che per mantenere
la Fortezza della Goletta costava a Napoli prezzo di sangue; poichè
ogni volta, che in questa città era penuria di qualsivoglia sorte di
roba tutta la colpa si attribuiva al mantenimento di questa Fortezza, e
per ciò, se s'alzava il prezzo de' grani, se incariva il vino, se non
si trovavano salami, l'olio si pagava a caro prezzo, tutto si diceva
avvenire, per essersi fornita la Goletta, e così di tutte le altre cose
del vitto umano, e per insino a' carboni incarivano, tal che pareva,
che questa Fortezza inghiottisse ogni cosa; poichè per ingordigia de'
Ministri tiranni, tutte le cose si mandavano fuori di questa città,
sotto pretesto di servire alla Goletta, ma poi altrove si portavano.

Ebbe in fine il Cardinal di Granvela, come successore d'Alcalà, a
sostenere anch'egli ed opporsi all'intraprese della Corte di Roma
sopra la giurisdizione e preminenze del Re. Proseguiva ella con tenore
costante le sue imprese, e come l'esperienza ha sempre mostrato, che
morto un Pontefice, l'altro successore entra nel medesimo impegno, e
forse con maggior emulazione del suo antecessore, così morto Pio V,
Gregorio, che gli successe, seguitando le medesimo pedate, non mancò
d'imitarlo; ma in ciò fu commendabile la costanza del Vicerè Granvela,
il quale ancorchè Cardinale, seppe resistergli con vigore. In tutti gli
altri punti giurisdizionali di sopra rapportati fu imitatore d'Alcalà,
ma in quello de' _casi misti_, per un'occasione che gli si presentò, si
distinse sopra di costui assai più. Il _Sacrilegio_ vien riputato dagli
Ecclesiastici un delitto di misto Foro, e che perciò debba darsi luogo
alla prevenzione: accadde che un ladro, dopo aver commesso un furto nel
Duomo di Napoli d'alcune sagre suppellettili, riuscitogli felicemente
questa volta, volle provarsi la seconda nella Chiesa di S. Lorenzo; ma
i Frati di quel Convento, coltolo in sul fatto, dopo averlo arrestato,
e ben concio di bastonate, lo diedero nelle mani de' Bargelli
dell'Arcivescovo, allora Mario Caraffa, il quale postolo nelle sue
carceri pretendeva, ancorchè il ladro fosse laico, di conoscere egli
del delitto per aver prevenuto. Il Granvela fece richiedere più volte
all'Arcivescovo ed al suo Vicario, che rimettessero il ladro nelle mani
de' Giudici Regj, a' quali s'apparteneva la cognizione di quel delitto;
ma riuscivano inutili queste richieste, onde ostinandosi l'Arcivescovo
a non consignarlo, fu costretto il Vicerè a mandare l'Avvocato Fiscale
Pansa con famiglia armata a rompere le carceri dell'Arcivescovado,
ed a prendersi il ladro. L'Arcivescovo fece scomunicar dal Vicario
tutti coloro, che aveano avuta parte nell'accennata esecuzione, i
mandanti, i consenzienti e tutti coloro, che erano intervenuti in
quell'atto, facendo affiggere i Cedoloni per li luoghi pubblici della
città. Ma gli fu risposto dal Cardinale con maggior giunta, perchè
fece imprima covrire di carta e d'inchiostro i cedoloni: fece sbrigar
subito la causa del ladro, e lo fece appiccare a' 10 marzo del 1573
nella piazza di S. Lorenzo: ordinò, che il Vicario fra 24 ore uscisse
fuori di Napoli, e continuando il suo cammino fosse uscito dal
Regno, e non ritornasse in quello fin ad altro ordine suo o del Re,
come fu tosto eseguito: si fecero imprigionar i Cursori, che aveano
affissi i Cedoloni; i Consultori e l'Avvocato di quella Arcivescoval
Corte, i Mastrodatti ed il Cancelliere, tutti laici, furono parimente
carcerati; ed in fine furono sequestrate all'Arcivescovo tutte le sue
entrate, anche le patrimoniali. Ciò eseguito, ne fece il Cardinale
con sua Consulta de' 25 dell'istesso mese di marzo distinta relazione
al Re Filippo, il quale a' 13 luglio del medesimo anno gli rispose,
non solo approvando, quanto egli avea per la conservazione della
sua chiara giustizia adoperato, ma gli incaricò, che per l'avvenire
mirasse sempre, che la sua regal giurisdizione fosse mantenuta in
modo, che per niuna via o causa fosse pregiudicata, e che colla sua
destrezza e prudenza si governasse in modo di non permettere che niuno
de' Reggenti, nè i suoi Ufficiali, pretesi scomunicati per quella
causa, andassero in Roma per l'assoluzione, conforme avea preteso il
Pontefice passato con quelli del Senato di Milano. Parimente l'istesso
dì scrisse a D. Giovanni di Zunica suo Ambasciadore in Roma, il quale
avealo ancora ragguagliato di questo successo, dicendogli, che passasse
col Pontefice con vigore gli uffici, che si convenivano alla qualità
dell'affare; e quando si dovesse cedere al punto dell'assoluzione, si
contentasse sì bene, che i censurati si assolvessero, ma che non si
pensasse di dovere per ciò andare in Roma alcuno de' Reggenti di Napoli
e suoi Ufficiali; poichè questo sarebbe diroccare dal suolo l'autorità
de' suoi Ministri[320].

Il Pontefice Gregorio, dall'altra parte, fece dal suo Nunzio residente
in Napoli passare col Cardinale aspre doglianze miste di minacce, ma
per la mediazione dell'Ambasciadore Zunica, e per la opera d'altri
personaggi di autorità, e sopra d'ogni altro del Presidente del S. C.
Giovan Andrea di Curte, Ministro di grande efficacia e prudenza, fur
sedati gli animi, e trovato questo temperamento: che tutti coloro,
ch'erano stati scomunicati per tal cagione, fossero privatamente
assoluti nella camera del Tesoro, ed in cotal guisa questo affare
terminossi.

Dopo avere così bene adempito il Cardinal di Granvela le sue parti
nel governo di questo Reame, e sperandosene da lui ora, che le
cose erano alquanto in riposo, un migliore, per la sua integrità e
prudenza civile, fu a noi involato per un ordine del Re Filippo, che
lo richiamò in Ispagna alla sua Corte a più supremi onori, avendolo
creato suo Consigliere di Stato e Presidente del supremo Consiglio
d'Italia. Fu fama, che avesse D. Giovanni d'Austria, per le cagioni di
sopra rapportate, proccurata la sua remozione, per farvi in suo luogo
sostituire il Duca di Sessa: ma il Re tolse sì bene a sua richiesta
il Granvela dal Regno, ma ingelosito dell'autorità di D Giovanni,
per lo supremo comando che avea dell'armata, in vece di mandarvi suoi
partigiani, vi spedì il Marchese di _Mondejar_, che era di D. Giovanni
poco amorevole. Partì il Cardinale da Napoli nel principio di luglio di
quest'anno 1575, avendo governato il Regno pochi mesi più di quattro
anni. Ci lasciò 40 Prammatiche tutte sagge e prudenti, che rendono
sempre ragguardevole la memoria de' suoi talenti. Egli severamente
proibì qualunque sorte d'asportazion d'armi corte: comandò, che gli
atti tra vivi, come delle ultime volontà non potessero stipularsi,
che da Notari Regj: impose rigoroso secreto a' Ministri; ed ordinò,
che niun portiere, trombetta o servidore di Palazzo, o di qualunque
altro ministro andasse per la città cercando mancie, imponendogli
pena di quattro tratti di corda: proibì a Ministri di dimandare, nè
per suoi congiunti, nè per altri, beneficj o prebende Ecclesiastiche,
nè ufficj da' Baroni, senza espressa licenza del Vicerè. Vietò alle
persone Ecclesiastiche, ancorchè fossero Cavalieri Gerosolimitani, di
potere esercitare in Napoli e nel Regno Ufficj Regj o Baronali: che
niuna persona potesse giocarsi più di diece ducati in un giorno; proibì
tutte le sorte di contratti usurari, e diede altre leggi salutari, le
quali secondo l'ordine de' tempi possono con facilità osservarsi nella
Cronologia prefissa al primo tomo delle nostre Prammatiche.



CAPITOLO II.

_Di D. INNICO LOPEZ URTADO DI MENDOZZA Marchese di MONDEJAR; sua
infelice condotta, e leggi che ci lasciò._


Il Marchese di Mondejar giunto appena in Napoli ne' 10 di luglio
di quest'anno 1575, non avendo fatto buono scrutinio di coloro che
offerendogli il loro ajuto e consiglio nell'amministrazione del Regno,
s'introdussero in sua grazia, fece tosto comprendere, che il suo
governo dovea riuscire pur troppo diverso da quello prudente e saggio
del suo predecessore; poichè non tardò guari, che per insinuazione
di quei che l'adulavano, rivocò molte belle ordinazioni fatte dal
Cardinal di Granvela, già divenuto nella Corte Presidente del Consiglio
d'Italia: imprudentissima condotta, poichè costui offesosi di queste
riforme, per l'affetto, che ciascun suol portare a parti del proprio
ingegno, divenne un vigilante fiscale di tutte le sue azioni. Accortosi
però egli di questo gravissimo errore volle ripararlo; ma vi applicò
un rimedio, che riuscigli più pernizioso del primo malore. Era in que'
tempi nella Corte per Reggente provinciale di questo Regno Scipione
Cutinari, originario d'Aversa, uomo, ancorchè dotato di buone lettere,
assai vafro però ed ambizioso: costui, corrotto dal Marchese, avvisava
al medesimo i più secreti trattati, che passavano in quel Consiglio,
e quanto usciva dalla bocca del Cardinale contro alla sua persona; in
premio di ciò aveane dal Vicerè estorta una relazione falsa, diretta a
S. Maestà, della sua favolosa e vantata nobiltà; in vigor della quale
ottenne dal Re molte grazie e prerogative ed in particolare la facoltà
d'eleggersi uno de' cinque Seggi per goderne gli onori. Ma ciò non gli
servì ad altro che per far scovrire al Consiglio ed al Re l'impostura;
poichè avendosi egli eletto il Seggio di Nido, ed il Vicerè, ripugnando
tutti que' Nobili, impiegando la sua forza a farlo ricevere, diede a
costoro occasione di spedire in Madrid persona, che facesse conoscere
le favolose genealogie contenute nella relazione del Vicerè. Il
Cardinal Granvela favorì la missione, ed informatone pienamente il Re
rimase stomacato non meno dell'inganno, che del Vicerè, onde rivocò il
privilegio, comandò, che il Reggente fosse rinchiuso in un carcere,
dove indi a poco si morì, e che il fratello si ritenesse nel Castel
Nuovo, donde uscito dopo molti anni di angustie, esiliato dalla città,
finì i suoi giorni nella Torre del Greco.

Ma oltre a ciò la poca corrispondenza, che il Mondejar passava con D.
Giovanni d'Austria, diede più certi presagi d'un infelice e non molto
lungo governo. Trattenevasi per anche D. Giovanni in Napoli in giuochi
e tornei, e come a colui, che avea il supremo comando dell'armata,
erangli da' Napoletani resi i primi onori; tal che la luce del Vicerè
da un più grande splendore veniva quasi ad oscurarsi: ciò che il
Marchese mal potendo simulare e peggio soffrire, vennero fra di loro
in maggiori urti e disgusti, i quali giunsero a tale estremità, che
D. Giovanni non ebbe riparo in presenza di molti Nobili in un certo
incontro di chiamarlo mancator di parola; avendo voluto il Vicerè
rispondergli, che di tanta baldanza ne avrebbe egli dato avviso a Sua
Maestà, gli corse D. Giovanni dietro, cavando fuori il pugnale per
offenderlo; come sarebbe senza fallo accaduto se dagli astanti con
preghiere e scongiuri non fosse stato raddolcito.

Questi incontri infelici e queste inimicizie, che vi erano tra lui col
Cardinal Granvela Presidente del Consiglio d'Italia e con D. Giovanni
d'Austria, seco portarono, che di tutto ciò, che di avventuroso accadde
in tempo del suo governo, fosse imputato non già alla sua vigilanza,
ma, o alla fortuna o all'accortezza e valore altrui, o, quando
tutto mancasse, a miracolo. Ciò si conobbe chiaro in due occorrenze.
Quest'anno del Giubileo 1575, per la gran frequenza di stranieri, che
da tutte le parti concorrevano in Roma, s'introdusse in Italia una
pestilenza così fiera, che dopo quella, che nell'anno 1528 in tempo
della spedizione di Lautrech afflisse cotanto Napoli, non s'era veduta
maggiore. Da Trento, ove cominciossi prima a sentire, passò il contagio
a Verona, indi a Venezia, e finalmente si diffuse per tutto insino
a Sicilia. I più famosi Medici di que' tempi, come Andrea Graziolo
Salonense, Alessandro Canobio Scrittore della peste di Padova ed
Antonio Gliscens di Brescia, riputarono, non già dalla positura delle
stelle o dalla malignità dell'aria o dal concorso de' forestieri venuti
in quell'occasione in Italia, essere cagionato il male, ma nato nelle
città istesse dalle immondizie e sordidezze delle private case. Che
che ne sia, Trento rimase quasi desolato, Verona con pochi abitatori,
ed in Venezia, nel seguente anno 1576, fece stragi cotanto crudeli e
lagrimevoli, che per tutto quell'anno, si conta, avesse in quella città
consumati più di settantamila uomini. Di tanto esterminio ne furono
incolpati quei due celebri Medici _Girolamo Mercuriale_ da Forlì e
Girolamo Capovacca da Padova, i quali richiesti dal Senato della loro
opera e parere, riputando il morbo non pestilenziale, ma che potesse
curarsi, fecero, che gli appestati non si portassero più, come erasi
cominciato, fuori della città in un luogo separato, ma si ritenessero,
esponendosi essi (siccome dal loro esempio fecero gli altri Medici
e Cerusici di quella città) alla lor cura[321]. Ma il male crebbe in
guisa, che attaccandosi più furiosamente, in breve spazio uccise non
pur gli ammalati, ma cinquantotto fra Medici e Cerusici destinati
alla lor cura. Non curarono il Mercuriale e 'l Capovacca il proprio
pericolo, ed intrepidamente per qualche tempo infra gli appestati
proseguirono la cura: ma a lungo andare, dimandata licenza dal Senato,
scapparono via. In Milano, Cremona e Pavia si rese per ciò commendabile
la pietà e vigilanza de' Cardinali Carlo Borromeo, Niccolò Sfondrato
ed Ippolito Rosso Vescovi di quelle città, i quali con grande zelo e
intrepidezza visitavano gl'infermi, e davan loro soccorsi. Lo stesso,
ad imitazione del Borromeo, fece in Verona Agostino Valerio Vescovo di
quella città, la quale non men, che Padova era miseramente travagliata
ed afflitta. Si diffuse il male insino a Sicilia, ed in Messina fece
strage sì crudele, desolandola in guisa, che si fece il conto esserne
estinti più di quarantamila suoi Cittadini. Già la vicina Calabria
cominciava a contaminarsi, e per lo continuo traffico tutte le altre
nostre province erano in pericolo. Rilusse per ciò la provvidenza del
Marchese di Mondejar, il quale con severissimi editti proibì l'entrata
nel Regno a ciascuno, che veniva da luogo non sano: fece chiudere
le porte della città, nè si permetteva far entrar alcuno, senza le
necessarie fedi di sanità del luogo donde veniva: usò rigore estremo,
anche ne' più leggieri sospetti: fece bruciare in Napoli molte balle
di cotone venute di fuori, e dentro il Porto fece ardere una barca
venuta di Calabria, ancorchè carica di balle di seta, senza riguardo
dei gravissimi danni, che si recava per ciò a' Mercatanti. Tanto che
Napoli ed il Regno restò libero ed immune da sì spaventoso male, che
in Italia non s'estinse affatto, se non nel seguente anno 1577. Ma
tutto ciò fu imputato, non già alla provvidenza del Vicerè, ma parte
a' provvedimenti dati dalla città, e molto più all'intercessione di San
Gennaro e degli altri Santi suoi Protettori[322].

Parimente Amuratte Imperador de' Turchi, proseguendo l'istituto de'
suoi antecessori non tralasciava di fare scorrere la sua armata ne'
nostri mari; il suo famoso Comandante Uluziali cominciò in quest'anno
1576 a saccheggiare le nostre riviere di Puglia: ma ripresso da molte
soldatesche a cavallo ed a piedi, che vi spedì il Vicerè, si rimase
dall'impresa, ed incamminandosi verso Calabria, fece sbarco delle
truppe presso Trebisaccia, rovinando il paese ed i luoghi contorni, con
ridurre in ischiavitù molti. Ne furono parimente scacciati e costretti
a lasciar il bottino; ma tutto si ascrisse alla vigilanza e prontezza
e valore di Niccolò Bernardino Sanseverino Principe di Bisignano, il
quale, come pure scrive il Tuano[323], essendo accorso opportunamente,
mentre s'imbarcavano, con sessanta cavalli e duecento archibusieri,
obbligò quelli a lasciar la preda, facendone da quaranta prigionieri e
più di cinquanta restarono ivi estinti.

Ne' seguenti anni s'accrebbero i suoi disgusti, per due incontri
che diremo: tal che venuto in odio non meno alla Nobiltà, che al
Popolo, fu finalmente richiamato dal Re in Ispagna, per dove convenne
partirsi nei maggiori rigori di quell'inverno. Il primo, per aver
voluto dar orecchio ad un Frate, che adescato dalle promesse d'alcuni
avidissimi Mercanti, insinuò al Marchese, che per la gente minuta
poteva farsi il pane di farina di grano, mischiata anche con quella
dell'erba che i Botanici chiamano _Aron_, ed il volgo chiama _Piede
di Vitello_, la quale è stimata di cotanto nutrimento, che Giulio
Cesare vi mantenne le sue milizie nell'Albania. Parve tal espediente
molto vantaggioso ed utile, non meno per l'annona, che per li grandi
profitti, che potevan ritrarsi dal Re: ma appena fu questo trattato
scoverto da' popolari avvezzi a mangiar pane di frumento, che stimolati
anche da' Nobili mal soddisfatti del Vicerè per le passate contese
dell'aggregazione del Reggente Cutinari ne' loro Sedili, prorruppero in
aperte dichiarazioni di non dovervisi pensare, perch'essi altrimente
avrebbero negato in ciò d'ubbidirlo; onde veduta dal Vicerè la loro
fermezza ed ostinazione, gli fu duopo sciorre immantinente il trattato
per quietarli. L'altro più strepitoso che diede l'ultima spinta alla
sua partita fu, ch'educandosi nel Monistero di S. Sebastiano D. Anna
Clarice Caraffa, figliuola del primo letto di D. Antonio Caraffa, Duca
di Mondragone e di D. Ippolita Gonzaga, costei per mancanza de' maschi
essendo considerata come succeditrice di tutto lo Stato paterno, era
stata destinata dal padre per moglie al Conte di Soriano primogenito
del Duca di Nocera, ch'era della medesima famiglia; ma il Principe
di Stigliano, avolo paterno della fanciulla, tollerando di mala
voglia, che dovesse estinguersi la sua Casa, risolse, benchè vecchio,
d'ammogliarsi con D. Lucrezia del Tufo de' Marchesi di Lavello, ed
ebbene di questo matrimonio un maschio, che meditava dovess'esser il
successore di quello Stato; ciò che fece dividere la famiglia Caraffa
in due potentissime fazioni. All'incontro il Vicerè, lusingandosi da
queste contese poterne ritrar profitto, era entrato nell'impegno di
impalmar questa Dama a D. Luigi Urtado di Mendozza Conte di Tendiglia
suo primogenito, e prevedendo le difficoltà, prese risoluzione, col
pretesto d'esplorarne la volontà, di far uscire da quel Monastero
la fanciulla, e porla in luogo opportuno per suoi disegni; ed a
far questo, vedendo che gli sarebbe riuscito vano ogni altro modo,
parvegli usare non meno la sollecitudine, che la forza; onde mandò tre
Reggenti col Segretario del Regno e centocinquanta Spagnuoli a torre
con effetto la Donzella dal Monastero. L'atto improvviso e scandaloso
animò quelle monache a prendere una risoluzione bizzarra e generosa;
poichè unite tutte insieme con D. Clarice ancora, che fecero vestir
Monaca, in lunghi ordini divise, salmeggiando e con le reliquie in
mano di quei Santi che conservavano, fecero aprir le porte della
clausura, e si fecero tutte incontro a que' Ministri, i quali sorpresi
da un cotale nuovo spettacolo, postisi inginocchioni, adorarono
le reliquie, e partirono immantenente dal Monastero. D. Clarice fu
segretamente condotta in casa di D. Giovanni di Cardona, ed eseguendo
la deliberazione di suo padre, fu privatamente sposata al Conte di
Soriano, come poscia dichiarò essa stessa al medesimo Collaterale.
Questa azione del Vicerè, quantunque avesse offeso sol que' due
principali rami della famiglia Caraffa, ch'erano in que tempi il
Principe di Stigliano, ed il Duca di Nocera, oggi estinti; gli irritò
nondimeno contra tutto il numeroso stuolo de' Nobili di quel Casato, i
quali aggiungendo quest'offesa all'antiche, mandarono il Marchese della
Padula Giannantonin Carbone in Madrid a dolersene col Re Filippo.

(Di questa Missione del _Marchese della Padula_ e della maniera da
tenersi in ispedire alla Corte persone per far ricorso al Re, si legge
una lettera di _Filippo II_ spedita al Principe di _Pietra Persia_
Vicerè sotto li 4 decembre 1579 presso _Lunig_[324]).

Fu la missione favorita anche dal Cardinal di Granvela, il quale
agevolò l'impresa; onde esposte queste querele al Re, si risolse tosto
di richiamarlo; ed ordinò a D. Giovanni di Zunica, il quale lungo tempo
era stato suo Ambasciadore in Roma, che senza perder tempo passasse
al Governo di Napoli; donde convenne, al Marchese agli 8 di novembre
del 1579 partire, ed esporsi ad un viaggio di mare nel maggior rigore
di quell'inverno. Partì su due Galee, accompagnato più dal proprio
pentimento e dalle lagrime dei congiunti, che dalle benedizioni de'
Napoletani, appo i quali, secondo che narra il Summonte[325] Scrittor
contemporaneo, lasciò di se malissimo nome.

Pure ne' quattro anni e quattro mesi che durò il suo governo, ancorchè
i mentovati successi gli avessero concitato l'odio comune, lasciò
fra noi qualche memoria, non meno commendabile per Napoli, che per lo
maggior servigio, ch'egli prestò al suo Re. Nel suo tempo furon fatti
al Re tre donativi: uno pochi mesi dopo il suo arrivo in novembre del
1575, quando per l'avviso del nascimento di D. Diego secondo figliuolo
del Re Filippo, si congregò in S. Lorenzo il Parlamento, dove presedè
per Sindico Gianfrancesco di Gaeta nobile della Piazza di Porto, e dove
si fece donativo al Re di un milione[326]: l'altro di febbrajo del 1577
dove fu Sindico Giangirolamo Mormile del Seggio di Portanuova, che fu
d'un milione e ducentomila ducati: ed il terzo d'altrettanta somma
conchiuso nel Parlamento tenuto a' 23 aprile del 1579, per supplire
alle grosse spese della guerra di Fiandra, essendone Sindico Fabrizio
Stendardo della Piazza di Montagna.

Cominciò ancor egli nel 1577 la fabbrica del nuovo Arsenale nella
spiaggia di S. Lucia, ove al presente si vede, con la guida di Frate
Vincenzo Casali Servita, famoso Architetto di que' tempi. Avea ancora
cominciato le provvisioni necessarie per porre in mare un'armata
contra gl'Infedeli, al qual effetto da Fr. Vincenzo Caraffa Prior
d'Ungheria, e da Carlo Spinelli, assoldavansi tremila pedoni e
quattromila guastadori a fin d'unirli a tutte le forze d'Italia, e
farne un corpo sotto il comando di Pietro de' Medici, fratello del Gran
Duca di Toscana, restandone il bel disegno estinto per l'improvvisa
sua partenza. Ne' suoi tempi furon celebrate con grande magnificenza
e pompa le feste per la natività di _Filippo_, quarto figliuolo del
Re, natogli a' 27 aprile del 1578 dalla Regina Anna, che gli fu poi
successore, siccome poco da poi fu pianta la morte del Principe D.
Ernando, del quale il Re suo padre, forse per l'età sua infantile,
avendo appena passati i sette anni, non fece celebrare nè in Napoli, nè
altrove, nè funerali, nè esequie.

Ci lasciò ancora questo Ministro ventiquattro Prammatiche, nelle quali
si leggono più provvedimenti molto saggi e commendabili. Proibì sotto
gravissime pene le Case di giuoco e baratterie, nelle quali vietò a
qualunque persona il potervi giuocare; represse i controbandi; diede
norma a' Tribunali per le suspezioni dei Ministri; comandò che non
potessero questi contrarre parentela spirituale, facendosi compari
nel battesimo o nella cresima; e diede altri regolamenti salutari per
l'abbondanza e politia della Città e del Regno: le quali, secondo il
tempo nel quale furono stabiliti, possono vedersi nella _Cronologia_
prefissa al tomo primo delle nostre Prammatiche, secondo l'ultima
edizione del 1715.



CAPITOLO III.

_Delle cose più notabili accadute nel governo di DON GIOVANNI DI
ZUNICA, Commendator Maggiore di Castiglia, e Principe di Pietrapersia:
sua condotta e leggi che ci lasciò._


Don Giovanni Zunica, secondogenito della Casa de' Conti di Miranda, di
cui sovente nel precedente libro si è avuta occasione di favellare,
quando, trovandosi Ambasciadore in Roma, trattò gli affari più gravi
di giurisdizione occorsi nel governo del Duca d'Alcalà, s'acquistò
nell'esercizio di quella carica, che tenne per molti anni in Roma,
fama di gran prudenza, e per l'occorrenze di allora, di sufficiente
perizia delle cose del Regno; tanto che trascelto dal Re Filippo per
nostro Vicerè, non ebbe egli a star lungo tempo ad istruirsi prima de'
nostri istituti e costumi. Fu per ciò l'elezione intesa con applauso, e
ciascuno dalla sua capacità e nota prudenza se ne prometteva un ottimo
governo. Nè la sua condotta fu contraria all'espettazione si avea di
lui; poichè giunto egli in Napoli a' 11 di novembre di quest'anno 1579,
diede in questo principio saggi ben chiari della sua magnificenza e
pietà; poichè ricusando quella vana pompa del Ponte solito farsi a
tutti i Vicerè, fu quello da lui donato all'Ospedale degl'Incurabili,
dono che alla Città era costato 1500 scudi[327].


§. I. _Spedizione di Portogallo._

Ma i grandi avvenimenti, che occorsero a' suoi tempi, resero questo
governo assai segnalato e memorando: mentr'egli reggeva il Regno
accadde la spedizione di Portogallo, nella quale vi ebbe ancor egli
qualche parte per lo denaro e gente, che per la sua diligenza ed opera
fu mandata dal Regno per quella impresa. L'istoria della guerra di
Portogallo, che mosse il Re Filippo II come uno de' pretensori di quel
Reame, fu cotanto ben scritta dal Presidente Tuano[328] da Bacone di
Verulamio[329], e da altri insigni Autori, che oltre di non appartenere
al nostro istituto, sarebbe abbondar d'ozio se, trascrivendola da
que' Scrittori, volessi io qui distesamente narrarla. Solo di qualche
successo si terrà conto, nel quale v'ebbero alcuna parte i nostri o il
Zunica, che ci reggeva.

Morto il Re Emmanuele nel 1521 avendo lasciati quattro figliuoli
maschi, Giovanni, Lodovico, Errico ed Odoardo e due femmine, Isabella
e Beatrice, succedè nel Regno il primogenito, che _Giovanni III_ fu
detto: da costui nacque il Re _Sebastiano_, il quale, morto il Re
Giovanni suo padre, succedè al Reame. _Lodovico_ non ebbe moglie,
ma da una sua concubina procreò _Antonio_, detto il Priore di Crato.
_Errico_ prese il Sacerdozio, e fu fatto Cardinale. _Odoardo_ lasciò
due figliuole, _Maria_ moglie d'Alessandro Farnese Duca di Parma, e
_Caterina_ madre del Duca di Braganza. Delle due femmine, da _Isabella_
nacque il Re Filippo II, e da _Beatrice_ Emmanuele Filiberto Duca di
Savoja. Il Re Sebastiano nella battaglia d'Arzilla restò estinto, e
non ben ravvisandosi il suo cadavere, diessi poi occasione a quella
celebre impostura, della quale narreremo appresso il successo. Morto
il Re Sebastiano senza lasciare di sè prole alcuna, successe nel
Regno il Cardinal Errico suo zio, che solo tra fratelli di Giovanni si
trovò vivente; il quale essendo Sacerdote, cagionevole della persona
e vecchio, pensò stabilire in vita il successore; ma riuscendogli
moleste le dimande di tanti pretensori, avendo convocato un generale
Parlamento, furono destinati quindici Giudici, a' quali diede Errico
potestà, intesi i pretensori, di determinare la lite della successione,
dando loro ancora facoltà di poter decidere eziandio dopo sua morte,
se quella fosse intanto innanzi della sentenza accaduta: stabilì in
questo caso Governadori, che dovessero intanto aver l'amministrazione
del Regno, e fece giurare a tutti di dover riconoscere per Re colui,
che per tale avessero i Giudici eletti pronunziato.

I pretensori erano _Ranuccio Farnese_ figliuolo d'Alessandro e il _Duca
di Braganza_ marito di Caterina; _Filippo II_ figliuolo d'Isabella; ed
il _Duca di Savoja_ figlio di Beatrice. Eravi anche Antonio figliuol
naturale di Lodovico, il quale più per l'affezione, che aveasi
acquistata de' naturali del paese, che per altra ragione, aspirava
non meno degli altri al Reame; ed in ultimo li Re di Francia per
interessarsi ancora in questo affare e per opporsi a Filippo, volevan
far valere alcune ragioni antiche ereditate da Caterina del Medici loro
madre.

Per lo concorso di tanti pretensori, e per lo genio avverso, che non
meno il Re, che la plebe mostrava avere al Re Filippo II, uno de' più
potenti fra coloro, prevedendosi maggiori disordini, fu proposto un
altro trattato di ricorrere al Papa, che dispensasse al Re, ancorchè
Sacerdote, di poter prender moglie, e fu a questo fine mandato in Roma
Odoardo Castelbianco. Per ciò erano tenute dal Re spesse consulte di
Medici, richiedendo da essi se lo riputassero, essendo di si grave
età, abile a procreare, poichè, ancorchè in tutto il tempo di sua vita
avesse professata castità, nulladimanco per escludere del Regno un
erede estraneo, erasi già disposto d'ammogliarsi[330].

Il Re Filippo, avvisato dell'avversione del Re, e degli ordini
del Regno, e del trattato del matrimonio, per distorlo, scrisse
immantenente al suo Ambasciadore in Roma, con molta premura
incaricandogli, che impiegasse con vigore ogni opera col Pontefice
Gregorio, affinchè la dispensazione non si concedesse, e nel medesimo
tempo con molta secretezza mandò al Re Errico suo zio Ferdinando
Castelli Frate Domenicano per distorlo da questo proponimento,
insinuandogli fra l'altre, una ragione per se stessa inettissima,
ma che credeva poter giovare col Cardinale, uomo per altro
superstiziosissimo, cioè di fargli comprendere, che ciò sarebbe stato
d'un pessimo esempio, e non da praticarsi in que' tempi senza pericolo;
poichè spandendosi in Europa vie più che mai gli errori de' Settarj,
i quali volevano, che i Sacerdoti potessero prender moglie, gli uomini
perniziosi, se ciò vedessero nella persona sua, con facilità potrebbero
persuadere agli altri di poterlo fare. La Missione riuscì inutile,
poichè il Frate contra l'espettazione di Filippo, non fu ricevuto da
Errico, e fu costretto con poco suo onore ritornarsene.

Intanto non si tralasciava l'altro trattato intrapreso. Furono da'
Giudici citati i pretensori i quali per mezzo dei loro Ambasciadori
proposero le ragioni de' loro Sovrani. Per Filippo comparve D. Pietro
Girona Duca di Ossuna; per Emanuele Filiberto Duca di Savoja, Carlo
Roberto; e per Ranuccio Farnese figliuolo d'Alessandro Duca di Parma
e di Maria, vi fu mandato Ferdinando Farnese Vescovo di quella città,
il quale avendo fatto consultare il caso in Padoa da' Giureconsulti di
quella celebre Università, avea pubblicata una consultazione firmata
da loro, nella quale con argomenti validissimi, come egli credeva, si
sostenevan le ragioni di Ranuccio.

Il Duca di Savoja non contendeva al Re Filippo la maggioranza delle sue
ragioni, essendo quegli procreato da Isabella maggiore, e prima nata di
Beatrice; dimandava solamente, che se accadesse di morir Filippo prima
d'Errico comune zio, in tal caso si avesse ragione del suo diritto.
Erano per ciò uniti ad escludere le pretensioni del Duca di Braganza
e di Ranuccio Farnese: sostenevano, che non potendo questi giovarsi
dei beneficio della rappresentazione, che proccuravano abbatter con
molti argomenti, doveano essi come maschi, ed in grado più prossimi
essere a tutti preferiti. Il Duca di Braganza e Ranuccio all'incontro
facevan tutta la forza nella rappresentazione da lor sostenuta; ma
quest'istessa ragione veniva poi da Ranuccio rivoltata contra il Duca,
poich'essendo egli figlio nato da Maria maggiore, e prima nata di
Caterina, dovea al Duca essere preferito. Ma l'Accademia di Coimbra,
informata anche dell'inclinazione del Re Errico, occultamente favoriva
il Duca di Braganza, diede fuori una consultazione a suo favore, per la
quale con molti argomenti si sforzarono que' Giureconsulti, rifiutate
prima le ragioni di Filippo e del Duca di Savoja, e poi quelle di
Ranuccio. Tutti però convennero in escludere dalla successione Antonio
Prior di Grato (ancor egli citato) come spurio e nato si bene da
Lodovico fratello d'Errico, ma di concubinato, non già di legittimo
matrimonio, siccome poi con espresso decreto fu dal Re dichiarato.

Il Re di Francia, ancorchè non citato, volle pure avervi in ciò la sua
parte, e mandò Urbano Sangelasio Vescovo di _Cominges_, perchè fossero
anche intese le sue ragioni, al quale dopo molte difficoltà, fu alla
perfine dal Re permesso, che per mezzo del suo Proccuratore potesse
intervenire in quella causa a provare il suo diritto. Il Re Errico
per favorire il Duca di Braganza avrebbe voluto escluder tutti, ma
dall'altra parte per escludere il Re Filippo ammetteva promiscuamente
le dimande di ciascuno. Le pretensioni di Francia, ch'erano pontate
in quell'Assemblea in nome di Caterina de' Medici, eran derivate da
un'origine troppo antica, e se mai fossero state reputate valevoli
avrebbero mandate a terra, non solo le pretensioni degli oppositori, ma
avrebbero posto in dubbio la successione di quel Regno nella persona
del Re Errico istesso e de' suoi prossimi predecessori: laonde sarebbe
stata una somma imprudenza in quel Consesso valersene, dove non
pur grazia e favore, ma indignazione e rifiuto avrebbero riportato;
per la qual cosa narra il Tuano[331], che l'Ambasciadore di Francia
proccurò dal suo Re altre lettere dirette alla Camera di Lisbona, per
le quali offeriva il Re ogni ajuto ai Portughesi, perchè rifiutando la
dominazione di Filippo, non volessero a patto veruno soffrire il giogo
di un Re così potente.

Gli Spagnuoli, il Papa e gli altri Principi Cristiani si dolevano
di ciò, e declamavano, che il Re di Francia per emulazione ed odio
cercava framettersi in quest'affare per interrompere i loro disegni:
per la qual cosa il Re Filippo cominciò seriamente a pensare di
dovere più nelle armi, che in quelle discussioni, fondare la sua
pretensione. Erasi ancora reso certo, che non meno i Franzesi, che
gl'Inglesi gelosi per un tanto acquisto ed ingrandimento, che si
farebbe alla sua Monarchia d'un si vasto Regno, si sarebbero opposti
alla sua impresa. Vedea chiara la avversione non meno del Re Errico,
che di que' Popoli per lui; ed all'incontro l'inclinazione del Re
per Braganza e dei Popoli per Antonio: gli Ordini del Regno erano
pure entrati in pretensione, che stante la dubbiezza delle ragioni,
che i Pretensori allegavano, dovesse spettare ad essi la ragione
d'eleggere il successore. Per la qual cosa rivolse Filippo i suoi
pensieri ad unire da tutti i suoi Regni un potentissimo esercito
per venir a capo dell'impresa, e stabilì sostenere più coll'armi le
sue ragioni, che colle allegazioni e sentenze de' Giureconsulti: non
trascurava però, per rendere giusta e plausibile al Mondo la guerra,
ch'e' apparecchiava, di consultare i più celebri Giureconsulti e
le Accademie più insigni d'Europa; onde si videro uscire più famose
consultazioni sopra questo soggetto: nè si tralasciò il famoso Giacomo
_Cujacio_ insigne Giureconsulto di questi tempi, il quale per Filippo
compilò quella consultazione, che leggiamo ancora tra le sue opere.
Quasi tutte le Accademie della sua vasta Monarchia furono impegnate
a far lo stesso; ed i nostri Giureconsulti Napoletani pure richiesti
contribuirono le loro fatiche sopra questo soggetto[332]. Risoluto per
tanto il Re Filippo colle armi far valere le sue ragioni, fece prima
dal Duca d'Ossuna insinuare al Re Errico, che non bisognavano più
tanti scrutinj: essere le sue ragioni chiarissime, le quali egli avea
fatte esaminare dalle Accademie più famose d'Europa e da' più insigni
Giureconsulti di quella età; che considerando ancora il pubblico
bene, che ne sarebbe seguito in quel Regno, dovea egli dichiarare la
successione appartenersi a lui dopo la sua morte. Questo medesimo glie
lo faceva insinuare dal P. Lione Enriquez Gesuita suo Confessore, il
quale regolando la coscienza di quel timido e scrupoloso vecchio, tanto
fece che pose il Re in angustia, e lo fece divenir dubbioso di quello
che dovea fare.

Ma gli apparecchi che si facevano per la guerra erano assai più
considerabili: da tutte le parti, non men di Spagna che d'Italia,
s'univano truppe ed armate da Milano, da Sicilia e dal nostro Regno
di Napoli ancora, e per non insospettire il Papa e gli altri Principi
si dava colore e pretesto, che tanto apparecchio si faceva per la
guerra d'Africa. Fu comandato perciò al nostro Vicerè, che quelle
provvisioni, che il Marchese di Mondejar avea apparecchiate contra gli
Infedeli, le tenesse per questa nuova impresa. Ma il Papa sospettando
di quel ch'era, cercò frapporsi col Re Filippo per distogliernelo; e
propose un trattato, che se gli fosse riuscito sarebbe ridondato in
grande stima dell'autorità della sua Sede[333]. Proccurava con efficaci
dimande, che seguitando gli esempj di molti Principi che non ebbero
riparo, particolarmente nel felice secolo d'Innocenzio III di portare
alla decisione della Sede Appostolica simili contese di Principati
e Reami, volesse ancor egli imitarli, perchè avrebbe egli composta
tal controversia. Ma il Re Filippo simulando di ricever a favore
il suo ufficio e la sua interposizione, tirando secondo la solita
tardità spagnuola la cosa in lungo, proseguiva con maggior calore
gli apparecchi militari: e già si mandavano esploratori in Portogallo
per deliberare, in qual parte di quel Regno convenisse cominciar la
guerra, nell'istesso tempo che dagli Ordini di quel Regno, essendosi
presentiti tanti apparecchi, e che la fazione del Duca di Braganza, e
quella più numerosa del Prior di Grato vie più crescevano, si davano le
provvidenze per prevenire le revoluzioni ed i disordini.

Ma ecco, stando le cose in questo stato, che viene a mancare il Re
Errico, il quale non avendo regnato più che un anno e cinque mesi,
nell'età di 68 anni, nell'ultimo di gennajo di quest'anno 1580, rese
lo spirito. Il Prior di Grato, che era stato dal Re allontanato da
Lisbona, intesa la sua morte, vi tornò immantinente; ed il Re Filippo
affrettando vie più l'impresa, unì due potentissimi eserciti, per mare
e per terra, creandone Capitan Generale il famoso Duca d'Alba. Dal
nostro Regno furono somministrati in questa guerra validi soccorsi: il
Vicerè vi spedì diciassette ben provveduti Navili, con seimila soldati
e quattromila guastadori, comandati dal Prior d'Ungheria e da D. Carlo
Spinelli: fu conceduto indulto a tutti gli sbanditi e forgiudicati dal
Regno, da ribelli e falsi monetarj in fuori, i quali furono invitati
ad assoldarsi in questa guerra, promettendosi lor perdono dei loro
misfatti, e sopra tutta per supplire alle spese, non ostante, che
come si è detto, nel precedente anno in aprile se ne fosse fatto un
altro, fu convocato a' 29 settembre di quest'istesso anno 1580 nuovo
Parlamento in S. Lorenzo, dove essendo Sindico Camillo Agnese nobile di
Portanova, fu per questa guerra di Portogallo fatto un nuovo donativo
al Re d'un milione e ducentomila ducati.

Fu veramente cosa degna da notarsi, che avendo già il Re Filippo
deliberato questa guerra ed apparecchiati già i suoi eserciti per
l'impresa, ed il Duca d'Alba giunto col suo esercito in Portogallo
a' 21 giugno di quest'anno 1580, nell'istesso tempo ch'era arrivata
l'armata di mare, pensasse ancora, come se vi fosse luogo a pentirsene
e ritrattare passi cotanto avanzati, di far esaminare da alcuni
Teologi, se con sicura coscienza erasi egli mosso a questa impresa.
Narra il Presidente Tuano[334], che ciò faceva, per potere in questa
guisa togliere i sinistri rumori, che si erano sparsi in Portogallo
ed in Italia della poca sua giustizia, e molto più del modo, che e'
teneva d'invadere quel Regno. Il Papa lo sollecitava ancora, che senza
tanto dispendio de' suoi Regni, e spargimento di sangue, doveasi quella
controversia commettere all'arbitrio della sua Sede: gli Ordini di quel
Regno al lamentavano, che la lor ragione veniva oppressa dalla forza,
e che trovandosi obbligati con giuramento di ubbidire a quel Re, che
dichiarasse l'Assemblea de' Giudici istituita in vita del Re Errico, e
che avea ancora autorità di farlo dopo la sua morte, non essendo tal
dichiarazione per anche fatta, non potevano riconoscere Filippo per
loro legittimo Signore. Per queste cagioni, non tralasciandosi intanto
il proseguimento della guerra, propose il Re Filippo sotto l'esame de'
Teologi Complutensi, de' PP. Gesuiti e Francescani, (nell'istessa guisa
appunto che fece, quando ebbe a trattar per lo Regno nostro di Napoli
con Paolo IV) che lo consigliassero per quiete della sua coscienza
sopra questi punti.

Se stando egli certo della sua giusta ragione, che teneva in succedere
in quel Regno a lui devoluto per la morte del Re Errico, fosse
obbligato in coscienza sottomettersi ad alcun Tribunale, il quale gli
aggiudicasse il Regno, e lo mettesse nella possessione di quello.

Se ricusando il Regno di Portogallo accettarlo per Re, prima che
fossero discusse da' Giudici designati le ragioni de' Competitori
e sue, potesse egli di propria autorità prendere la possessione del
Regno, e contra i renitenti impugnar le sue armi.

Se allegando i Governadori e tutti gli Ordini di Portogallo il
giuramento dato, e per ciò esser loro proibito di riconoscere alcun per
Re, se non quello che tale sarà da quell'Assemblea dichiarato, dovea
questa riputarsi scusa legittima.

I Gesuiti, siccome tutti gli altri Teologi, risposero appunto secondo
era il desiderio del Re. Intorno al primo punto dissero, che non era
egli tenuto, per niun vincolo di coscienza, sottomettersi in questa
causa alla giurisdizione o arbitrio altrui: che poteva di propria
autorità aggiudicare a sè il Regno, e prenderne la possessione: non
potervi avere in ciò il Papa alcuna parte, poichè si trattava di cosa
puramente temporale, niente avendo con seco mistura di spirituale,
che dovesse perciò richiedersi l'autorità e giudizio del Foro
Ecclesiastico. Molto meno potevano in ciò impacciarsi gli Ordini di
Portogallo, tal che si dovesse aspettare il loro giudizio; poichè
eletti una volta i Re, in essi e ne' loro successori fu trasferita
ogni ragione, in guisa che appresso quelli risiede ogni giurisdizione,
nè possono essere giudicati da altri; sempre dunque che costi Filippo
essere il vero e legittimo erede a niuna giurisdizione d'altro
Tribunale, fuor che al proprio, dover lui soggiacere.

In quanto al secondo, non avere i Giudici delegati niuna autorità di
conoscere questa causa, essendo per la morte del Re Errico estinta
ogni loro giurisdizione, non potendosi prorogare la giurisdizione
de' Re dopo la di loro morte, onde poteva servirsi di sua ragione con
aggiudicarsi il Regno, e per propria autorità prenderne la possessione.

Finalmente, al terzo capo risposero, non essere i Portughesi tenuti
osservare il giuramento dato, nè poter loro ciò esser di legittima
scusa a non ricevere Filippo per loro Re: poichè non avendo egli
alcuno, che costituito in maggior dignità e potestà, potesse conoscere
questa causa e giudicarla, doveano ubbidire a lui come a vero e
legittimo erede.

Avuta ch'ebbe Filippo questa Censura de' Teologi, la fece pubblicare
ed ancorchè fidasse più nelle sue armi, la fece spargere per tutto,
per cancellare quei sinistri rumori disseminati da' suoi emuli; e
nell'istesso tempo essendosi unito il Duca d'Alba, che comandava
l'esercito terrestre, col Marchese di S. Croce Generale dell'armata
di mare, fu invaso il Regno, e dopo vari avvenimenti, cotanto bene
descritti dal Tuano[335], e da altri, che non fa d'uopo qui rapportare,
avendo il Prior di Crato, che più di tutti gli altri competitori gli
fece resistenza, ricevuta una strana rotta dal Duca d'Alba, Lisbona
capo del Regno pervenne in mano del Re, siccome gran parte di quelle
province che lo compongono.

Toccò al nostro Vicerè Zunica, avutosi a' 9 novembre di quest'anno 1580
in Napoli il certo avviso di questa vittoria, e della resa di quella
città, di celebrar pomposamente per tre dì le feste, e per tre sere
le illuminazioni: ed ancorchè Antonio (favorito dagli Inglesi e da'
Franzesi) scacciato alla perfine dal Regno, si fortificasse nell'Isole
Terzere, donde lusingavasi non solo di poter interrompere il commercio
dell'Indie, ma coll'aiuto di quelle nazioni, ingelosite di tanto
ingrandimento, di potere un dì pervenire a quella Corona, riuscirono
però vani i suoi disegni, poichè speditovi dal Re Filippo il Marchese
di S. Croce con la sua armata per debellarlo, incontrandosi con quella
del competitore tra l'Isola Terzera e l'altra di S. Michele, la ruppe
e dissipò in maniera, che costrinse Antonio a fuggire, e per asilo
a ricovrarsi in Inghilterra. In cotal guisa alla Corona di Spagna fu
aggiunto il Regno di Portogallo, dalla quale poi nel Regno di Filippo
IV l'abbiam veduto un'altra volta diviso, e ricaduto sotto i propri Re
come prima, che ancora vi regnano.

Ma non dobbiamo qui tralasciare, seguitando questo soggetto, la
impostura e la favola, ch'ebbe per teatro Napoli del finto _Re
Sebastiano_. Altra consimile erasene pochi anni prima tessuta in
Inghilterra sotto la persona di _Perino_ finto Re di quell'isola, di
cui a lungo ragiona Bacon di Verulamio[336]. Il Re Sebastiano giovane,
e pien d'alto valore ed ardire, avendo nella battaglia d'Argilla,
dato l'ultime pruove della sua intrepidezza, abbandonato da' suoi, fu
infelicemente fatto prigioniere da alcuni Mori, i quali contendendo
insieme per una sì cara preda e cotanto preziosa, vennero infra di
loro all'armi, non senza loro strage ed uccisione[337]. Vi accorse il
Capitano, ma inutilmente per quietarli; onde con barbarie inaudita,
per togliere l'occasione della rissa, diede al Re cattivo un colpo di
spada in testa, e replicando i colpi lo lasciò morto in terra: il suo
cadavere fra' Mori tumultuanti, e per quella rissa disordinati, non fu
più riconosciuto; onde cercandolo i suoi, ancorchè non lo trovasser
più, erano lusingati, che non fosse in quella battaglia morto: surse
perciò incerta e dubbia voce di suo scampo, e tanto bastò per dar
fondamento all'impostura; poichè scorsi venti e più anni, quando non
così esattamente potevansi ravvisare le sembianze, surse un Calabrese
chiamato M. Tullio Cotizone, il quale spacciavasi per _Sebastiano_
Re di Portogallo: ridevasi della comune credenza di riputarlo morto
in quella battaglia, e del loro errore; essere egli scappato dalle
mani de' Mori, quando essi rissando contendevano insieme della preda.
Gli emuli degli Spagnuoli davano fomento alla favola, onde fu sparsa
voce, il Re Sebastiano esser vivo, ed incognito scorrere le province
d'Italia. Furono posti aguati, e fatte gran diligenze per arrestarlo,
siccome fortunatamente avvenne, che preso il Calabrese fu condotto
in Venezia: da poi in grazia degli Spagnuoli cacciato dallo Stato di
quella Repubblica, capitò travestito in Fiorenza, dove da quel Duca fu
fatto arrestare e condurre prigione in Napoli, in tempo, che governava
il Regno il primo Conte di Lemos[338]. Si fece diligente inquisizione
per appurare il fatto e fabbricatosene processo, fu destinato Giudice
Delegato di questa causa il famoso _Reggente Gianfrancesco de Ponte_.
Narra questo Scrittore[339], che compilato il processo fu scoverta
l'impostura; poichè restò convinto per la deposizione della propria
moglie e de' suoi congiunti, ch'egli teneva in Calabria, che lo
riconobbero; ond'egli poi colla sua propria bocca spontaneamente
confessò tutta la favola. Erasi deliberato di farlo morire sulle
forche; ma datosene, prima di ciò eseguire, la notizia in Ispagna al Re
Filippo III, con prudente consiglio fu riputato di non farlo morire,
ma affinchè la falsità fosse da tutti conosciuta, e si abolisse dalle
menti degli uomini questo sospetto e varietà d'opinioni, comandò il
Re, che si condannasse a remare nelle Galee di Spagna, affinchè ivi e
per ogni luogo fosse da tutti veduto, siccome fu eseguito; ed in cotal
guisa sparve la larva e finì la favola.

(_Giuseppe Ebreo_[340] narra un simil fatto accaduto ad un tal
_Alessandro_, il quale voleva esser creduto per figliuol di _Erode
M_. ma scoverta l'impostura da Ottaviano Cesare fu pure condannato a
remare).


§. II. _Emendazione del Calendario Romano._

Merita, che fra le cose memorande accadute nel governo del Principe di
Pietrapersia non si tralasci questa emendazione, che rese l'anno 1582
per tutti i secoli memorabile; tanto più che non meno negli altri Regni
della Cristianità, che nel nostro, prima di riceversi, fu quella appo
noi ben esaminata e discussa.

L'anno antico de' Romani, non già di diece mesi, come vollero Giunio
Gracco, Fulvio Varrone, Ovidio e Suetonio, ma di dodici si componeva,
siccome per sentenza di Licinio Macro, e di L. Fenestella scrisse
Censorino, de' quali il primo era il mese di marzo, e l'ultimo quello
di febbrajo.

I mesi di marzo, maggio, luglio ed ottobre erano ciascuno di 31 giorni:
gli altri erano di 29 eccetto febbrajo, il qual solamente si componeva
di 28 giorni, di maniera che l'antico anno de' Romani era di giorni
355, e mancava dall'anno degli Egizj di diece giorni, onde fu bisogno
dell'intercalare, la qual intercalazione si faceva in ciascun biennio
nella maniera, che viene rapportata dal Presidente Tuano[341]. Ma
riuscendo questa intercalazione viziosa, si diede ansa ai Sacerdoti,
li quali si presero questa briga d'emendar i tempi, di regolare a lor
modo il corso dell'anno, mettendovi, per supplire, il mese intercalare,
ch'essi chiamavano Mercedonio, di cui ne facevano autore Numa Pompilio.
Ma siccome fece veder Plutarco nella di lui vita, questo aiuto era
assai debole per emendar quegli errori e confusioni, che ne nascevano
ne' mesi dell'anno: onde i sacrificj e le ferie trascorrendo a poco a
poco cadevano, come dice Plutarco nella vita di Cesare, nelle parti
contrarie dell'anno: li Sacerdoti per ciò (essendosi quest'affare
ridotto al lor arbitrio) come a lor piaceva, e sovente per odio de'
Magistrati, ora tardi, ora presto intercalavano. Pertanto _Giulio
Cesare_ s'accinse a far egli una più esatta _Emendazione_ dell'anno; ed
avendo, mentr'era in Alessandria[342] preso il parere da que' valenti
Matematici, e consultato l'affare con altri Filosofi, con più emendata
diligenza notando i Segni celesti, promulgò per mezzo d'un suo editto
una nuova _Emendazione_, e mostrò la propria via, la quale attesta
Plutarco, che insino a' dì suoi usavano i Romani.

(La _Scuola d'Alessandria_ fiorì sempre di valenti Astronomi, tal
che i Vescovi di Roma per non fallire il dì della celebrazione della
Pasqua, secondo il prescritto del Concilio Niceno, solevano ogni anno
consultarsi col Vescovo d'Alessandria per sapere il giusto equinozio
di Primavera prossimo al plenilunio di che fra gli altri è da vedersi
Francesco Balduino[343]).

Bacon di Verulamio[344] non tralasciò di commendare la suddetta sua
_Emendazione_, chiamandola un perpetuo documento, non meno del suo
sapere, che della sua potenza, e che debbia attribuirsi alla sua
gloria d'aver conosciuto non meno in Cielo le leggi delle Stelle, che
d'averle date in terra agli uomini per governarli. Ma non mancaron
degl'invidiosi, che, come dice Plutarco, non biasimassero tal
emendazione; e Cicerone, essendogli da taluno stato detto, che la
Libbra nasceva l'altro giorno, gli rispose, _sì secondo il Bando_;
quasi che questo ancora si dovesse ricevere da Cesare ed accettare
dalle persone.

Ma in decorso di tempo l'editto di Cesare mal interpretato da'
Sacerdoti, non fu riputato sufficiente, e la sua emendazione ebbe
bisogno poi d'altra ammenda; onde _Claudio Tolomeo_, che fiorì intorno
a 180 anni dopo Cesare, considerando la gran varietà de' pareri in
determinare l'anno naturale, ne descrisse un'altra, tanto che variando
dalle prime, ne nacque un grande turbamento ed una grande confusione.

Nell'Imperio di _Costantino Magno_ i Padri del Concilio di Nicea,
volendo stabilire il giorno di Pasqua, ne statuirono un'altra, dal
qual tempo seguì di nuovo una gran confusione negli Equinozj. Da poi
_Dionigi il Piccolo_ intorno l'anno 526, avanzandosi sempre più il
disordine, cercò con nuova computazione darci rimedio, ma quello fu per
pochi anni, onde si tornò a' disordini di prima.

(Il _Panzirolo_[345] scrive, che l'Imperador _Andronico Paleologo_
pensò pure ad una nuova emendazione, ma si sgomentò a porci mano, così
per le guerre che gliel'impedirono, come perchè dubitava non fosse
stata dagli altri Principi ricevuta: _Id antea_, e' dice, _Andronicus
Paleologus Imperator facere cogitavit, sed pluribus bellis impeditus,
et quia alios Principes novo anno non assensuros dubitavit, a negotio
destitit. Niceph. Gregor. Lib. 8 de Paschatis correctione_).

Riputando pertanto i Pontefici romani, dover essere della loro
incombenza di rimediarvi, furono per ciò solleciti, per prevenire anche
gli altri Principi e l'Imperadore, di fare una nuova _Emendazione_:
e cento anni prima, il Pontefice _Innocenzio VIII_ fece venire in
Roma _Giovanni Regimontano_ celebre Matematico di que' tempi, perchè
correggesse gli errori del Calendario; ma fu fama, che i figliuoli di
Giorgio Trapezunzio, i quali non potevano sofferire che un Germano
fosse a' Greci anteposto, l'avessero fatto avvelenare: per la qual
cosa non potè soddisfare al desiderio del Papa. Con tal occasione
scrissero a quei tempi del giusto computo dell'anno _Pietro Alliacense_
Vescovo di Cambray e poi Cardinale, il _Cardinal Cusano_, e poco da poi
_Roberto Lincolniense_ e _Paolo Midelburgense_ Vescovo di Fossombrone,
il quale sopra ciò compose un gran volume, che lo dedicò a Massimiliano
I Imperadore.

Essendosi da poi aperto il Concilio in Trento, credendosi, che que'
Padri, ad esempio di ciò, che si fece nel Concilio Niceno, volessero
stabilire questa _Emendazione_, s'affaticarono i primi ingegni
d'Europa intorno a questo soggetto, e fra gli altri _Giovanni Gennesio
Sepulveda_ Cordovese, _Gioan-Francesco Spinola_ Milanese, Benedetto
Majorino, il famoso _Luca Gaurico_ familiare di Paolo III, e _Pietro
Pitato Veronese_, il quale con un particolar suo libro refutò la
sentenza del Gaurico. Ma il Concilio, essendosi terminato con molta
fretta, non potè occuparsi ad una cotanto intricata materia, che per
diffinirla richiedeva molto tempo.

Pertanto _Gregorio XIII_ dubitando di non esser prevenuto
dagl'Imperadori di Germania, come affare appartenente alla ragion
dell'Imperio, si pose con molta sollecitudine ad affrettar questa
_Emendazione_, e per ciò mandò per tutte l'Accademie d'Italia, e
scrisse al Senato Veneto acciò che da' Matematici e Filosofi di Padova
ricercasse il lor parere intorno a questa correzione. Fu dato prima il
pensiero a _Giuseppe Molettio_ Messinese, il quale due anni prima di
quest'_Emendazione_ diede fuori le _Tavole Gregoriane._ Ma ricercato
ancora il celebre _Niccolò Copernico_, famoso Astronomo di que' tempi,
del suo giudizio, insorsero vari pareri, ed essendo ancora venuto in
campo _Sperone Speroni_, s'accesero fra costoro le contese. _Matteo
Magino_ vi ebbe ancora la sua parte, e _Giuntino_ ricercato dal
Pontefice, s'uniformò all'opinione di coloro, che volevano che diece
giorni si scemassero dell'anno: ma _Alberto Leonio_ d'Utrecht, avendo
perciò composto un libro, provò, che se ne dovevano scemare undici: il
Duca Francesco Maria d'Urbino in grazia del Pontefice ricercò ancora
del suo parere _Vido Ubaldo_ peritissimo di questa scienza, il quale lo
diede, uniformandosi però alla correzione fatta da' Padri nel Concilio
Niceno. Scrissene eziandio Gregorio al Re di Francia, il quale ne diede
il pensiero a _Francesco Foix Candale_, famoso Astronomo, che parimente
diede fuori sopra ciò il suo giudizio.

Papa Gregorio intanto, perchè non si lasciasse perdere sì opportuna
occasione d'ingrandire l'autorità della sua Sede, richiedeva sì bene
di ciò gli altri Principi, ma voleva, che dapoi si dovesse stare a quel
che egli sopra ciò stabiliva; onde esaminati tutti i pareri, finalmente
per suggestione d'_Antonio Lilio_ celebre Medico di que' tempi,
s'appigliò all'emendazione di _Luigi Lilio_ suo fratello, la qual in
breve conteneva, che dovessero dell'anno scemarsi diece giorni, che
per difetto d'intercalazione si trovavano soverchi, e si prescriveva
il modo, sicchè tal difetto non accadesse per l'avvenire. Questa
correzione in un picciol volume compresa, dopo avutane l'approvazione
di _Vincenzo Laureo_ Vescovo di Monreale, il giudicio del quale sopra
queste cose egli stimava tanto, la mandò a tutti i Principi Cristiani
ed alle più famose e celebri Accademie d'Europa.

Ma ebbe quest'emendazione del _Lilio_ forti oppositori, fra gli altri
_Giuseppe Scaligero_ gran Letterato di que' tempi, il quale in quella
sua maravigliosa opera De emendatione temporum, scovrì gli abbagli da
colui presi. Impugnò parimente il computo _Liliano Michele Mestino_
Professore nell'Accademia di Tubingen con grandi Commentarj. Ma contra
costoro in difesa del Lilio sursero _Cristoforo Clavio_ Gesuita,
celebre Professore in Roma, ed _Ugolino Martello_ Vescovo di Glandeves.

Pubblicata ch'ebbe Gregorio questa sua _Emendazione_, perchè
fosse ricevuta da tutti i Principi Cattolici e sopra ogni altro
dall'Imperadore e da' Principi d'Alemagna, spedì a Cesare il Cardinal
Lodovico Madruccio Vescovo di Trento; ma essendosi nella Dieta
d'Augusta proposto quest'affare, dai Principi quivi assembrati fu
riputato un grande attentato del Pontefice d'aver posto a ciò mano,
e di grande oltraggio all'autorità di Cesare e dell'Imperio, nè
doversi permettere la pubblicazione del nuovo Calendario in Germania.
Appartenere ciò agl'Imperadori di farlo, siccome fece _Giulio Cesare_,
e da poi nell'Imperio d'Occidente _Carlo Magno_, il qual diede egli a'
suoi Germani il Calendario in lingua Tedesca. Ciò che fecero i Padri
nel Concilio Niceno, fu per autorità di _Costantino Magno_ Imperadore,
per comando del quale s'era convocato quel Concilio: doversi pertanto
rifiutare il nuovo Calendario, tanto maggiormente, che quello fu fatto,
non ricercati i Principi dell'Imperio, nè il consenso degli Ordini.
Cesare vedendo la costante risoluzione de' Principi, e delle città
della Germania, che aveano ricevuta la Confessione Augustana, di non
riceverlo, differì di trattar quest'affare, e comandò che ne' giudizj
della Camera s'osservasse l'antica forma sin allora tenuta[346].

(In Germania presso i Protestanti nella fine del secolo XVII si fece
una nuova emendazione del Calendario, togliendone dall'anno 1700
undici giorni, la quale è ancora in uso presso i medesimi, la di cui
istoria meglio sarà, che qui si noti colle parole istesse di Burcardo
Struvio[347]. _Ad finem properabat seculum decimum septimum, dum fasti
Mathematicorum consilio varie emendarentur. Erhardus Weigelius, nostrae
olim Academiae fidus, in diversis non sulum Protestantium aulis, Suecia
potissimum, et Danica, sed etiam in Comitiis Ratisbonensibus, IV.
Octobris St. v. 1699 Calendarii emendationem proponebat, modo simul
exhibito, qua ratione fieri possit. Agebatur de hoc negotio in Corpore
Evangelicorum, consultabantur alii Mathematici, horumque rationibus
auditis, XXIII septembris 1699, conclusum Corporis Evangelicorum fuit
factum, ut undecim dies post XVIII, februarium St. v. sequentes,
ex anno 1700 ejicerentur, celebratio Paschatos, neque juxta Cjclum
Dionysianum in Juliano Calendario receptum: sed secundum calculum
astronomicum, uti Concilii Nicaeni tempore factum, instituatur, atque
abusus Astrologiae judiciariae ex Calendariis tollantur. Mathematici
de reliquis imposterum inter se conferant. Pubblicabatur ex eo novum
Calendarium_ (der verbesserte Calender) _cujus adhuc usus est apud
Germanos Protestantes. Scripta huc facientia reperiuntur in Fabri
Staats-Cantzley_[348]. _Facit huc etiam Jacobi Brunnemanni Dissertatio
de jure undecim dierum Calendario subtractarum_. Rink _pag_. 1350.
Questo stesso Scrittore avendo fatto ristampare in _Jena_, nell'anno
1730, la stessa opera in due Tomi in folio, con aggiungervi alcune
altre note, allungandola sino all'anno 1730, e variando in una sola
parola il titolo, surrogandovi, in vece di _Syntag_. quella di _Corpus
Hist. Germ_. al periodo 10 _sect_. 10 _sect_. 13 _de Carolo VI_ § 36
_Tom_. 2, _pag_. 4101 aggiunge: _De celebrando Paschate anni 1724
oriebatur controversia, an illud cum Catholicis die XVI. Aprilis
secundum Cyclum Dionysianum, atque Gregorianum sit celebrandum, an
vero secundum verum calculum Astronomicum, prout in Concilio Niceno
sit decretum. Prolata igitur Societatis Scientiarum et variorum
Mathematicorum sententia conclusum fuit in conferentia Evangelicorum
d. XXX. Januarii_ 1724, _ut non solum Calendarium emendatum in
Protestantium terris conservetur, sed etiam Paschatos festum An._ 1724
_d_. IX _Aprilis secundum verum calculum Astronomicum celebretur,
idemque an_. 1744, 1778 _et_ 1798, _quibus annis terminus Paschatos
ab illo Catholicorum differat, observandum, probcque cavendum, ne
Pascha Christianorum cum Judaeorum Paschate coincidat. Extant acta apud
Fabrum Tom XLI c. 10 Tom. XLII c. 10, Tom. XLIII c. 12, Tom. XLIV, c.
14 Tom. XLV, c 8, Tom. XLVI, c. 11 Tom XLVII, c. 10 Tom. XLVIII, cap.
8. Facit huc Collegae nostri honoratissimi, Jo. Bernhardi Wideburgii
dissertatio, de imperfectione Calendarii Gregoriani, ejusdemque anno
1724 discrepantia a Calendario correcto Jenae 1724, 4 atque Ulrici
Junii schediasma, de Paschate Protestantium An. 1724, celebrando;
Lipsiae 1723,4_)

In Francia per la morte del Tuano e per l'assenzia d'Achille Arleo
non fu sopra ciò fatto lungo esame, ma il Re promulgò egli un Editto,
che fu ubbidito dal Parlamento, col quale la nuova emendazione fu
ricevuta; e scemati i diece giorni all'anno fu stabilito, che li diece
di Dicembre si contassero per venti, onde in quell'anno il giorno di
Natale fu celebrato a' 15 di quel mese. Parimente ad emulazione del Re
di Francia, il novello Duca del Brabante Francesco, per cattivarsi la
benevolenza del Pontefice, ottenne anche da' Protestanti, che fosse la
sua emendazione ricevuta in Fiandra, siccome fu ricevuta in Olanda, e
nella Frisia Occidentale e nell'altre province[349].

In Ispagna e ne' Dominj del nostro Re Filippo II particolarmente nel
Regno di Napoli, pubblicata che fu da _Gregorio_ questa emendazione,
prima che si ricevesse, fu quella esaminata e fu richiesta la
permissione e 'l beneplacito del Re Filippo, siccome in tutti gli altri
Regni erasi fatto, appartenendo a' Principi, per ciò che riguarda
i loro Stati, regolare i giorni e per le celebrità de' loro natali,
incoronazioni e per ogni altro, ma sopra tutto per le Ferie de' loro
Tribunali. Il Re Filippo informato, che con accordo e partecipazione
di molti Principi della Cristianità erasi fatta, questa emendazione,
e che coloro l'aveano ricevuta ne' loro Dominj, così egli fece ne'
suoi Regni; onde governando il nostro in questi tempi il Principe
di Pietrapersia, mandò al medesimo il nuovo Calendario riformato da
Gregorio, scrivendogli a' 21 agosto di quest'anno 1582, che avendo
il Pontefice Gregorio con matura deliberazione e comunicazione de'
Principi Cristiani, ed accordo di tutto il Sagro Collegio dei Cardinali
riformato il Calendario, per ridur la Pasqua di Resurrezione ed altre
Feste Mobili al giusto e vero punto della loro antica istituzione, per
ciò l'ordinava che lo facesse eseguire nel Regno di Napoli ed in tutte
le Chiese di quello.

Ma contenendosi in quel Calendario alcune cose pregiudiziali alle sue
preminenze, scrisse nel medesimo tempo un'altra lettera a parte al
suddetto Principe, avvertendogli di mirar molto bene, che se in quel
che tocca alla proibizione, che s'aggiunge in quello, cioè che non lo
possa imprimere altri, che _Antonio Lilio_, o altri di suo ordine, vi
fosse cosa da notare di pregiudizio alla sua Regal Giurisdizione, o
ritrovandosi altro inconveniente, o novità di considerazione, trattenga
l'impressione, e ne l'informi, ed aspetti da lui nuova risposta[350].
In cotal maniera e con tali moderazioni fu il nuovo Calendario appo
noi ricevuto ed osservato; e narra il Summonte[351], che per ciò
in quest'anno li 4 d'ottobre furon contati per 14 e li pagamenti di
tutti gli affitti si fecero per tanto meno, quanto era la valuta di
que' diece giorni. Parimente fu osservato, che conservandosi nella
Chiesa di S. Gaudioso una caraffina di Sangue di S. Stefano portata
in Napoli, secondo che scrive il Baronio[352], da S. Gaudioso Vescovo
Affricano, la quale era solita liquefarsi da se stessa il dì terzo
d'Agosto secondo il Calendario antico: da poi che Gregorio fece questa
emendazione non bolle il sangue, che alli 13 d'agosto, nel qual dì,
secondo la nuova riforma, cade la festa di S. Stefano; onde Guglielmo
Cave[353] scrisse, che questa sia una pruova manifesta, che il
Calendario Gregoriano sia stato ricevuto in Cielo, ancor che in Terra
alcuni paesi abbiano ricusato di seguitarlo.

(Lo stesso narrasi esser accaduto nel bollimento del sangue di
S. Gennaro a' 19 settembre. E _Panzirolo_ in prova della verità
dell'emendazione Gregoriana rapporta nel cap. 177 _de Clar. Leg.
Interp._ una Istorietta che merita esser trascritta colle sue stesse
parole: _Haec anni emendatio divinitus est comprobata; quoddam enim
Nucis genus reperitur, quod tota hieme usque ad noctem D. Joannis
Baptistae foliis, ac fructibus velut arida caret; mane ultro ejus diei,
more aliarum foliis, fructibusque induta reperitur. Haec post ejus anni
correctionem decem diebus priusquam antea consueverat, id est eadem
nocte D. Joannis quae retrocessit, et non ut antea virescere coepit_.)


§. III. _Fine del Governo del PRINCIPE DI PIETRAPERSIA, e leggi che ci
lasciò._

Da questi tempi in poi osserviamo, che il Re Filippo II avesse
stabilito e prefisso il tempo de' governi de' suoi Vicerè di Napoli,
prescrivendo, che non dovesse regolarmente durare, che per tre anni;
poichè prima era riposto nell'arbitrio del Re, nè era circoscritto
dentro tali confini; onde terminato, che fu ai 11 novembre di
quest'anno 1582 gli convenne partire per Ispagna, e dar luogo al
Duca d'Ossuna suo successore. Partì con dolore di tutti, lasciando di
se, per le sue commendabili doti di pietà, mansuetudine ed assiduità
nell'audienze, fama d'un ottimo Vicerè. Nel suo triennio oltre delle
cose memorabili di sopra scritte, accadde a' 23 d'ottobre del 1580
nella città d'Elves la morte della Regina Anna moglie del Re Filippo,
lasciando di se al Re due figliuoli D. Diego d'anni otto e D. Filippo
di due, essendo gli altri due Ernando e Giovanna premorti. Egli terminò
la fabbrica dell'Arsenale, e vi fece quella magnifica Porta, che guarda
su 'l Molo. Fondò nelle carceri della Vicaria l'infermeria per comodo
degli ammalati prigioni; e finalmente per perenne monumento della sua
prudenza civile, ci lasciò intorno a trentatrè Prammatiche, ricolme
di savi provvedimenti, le quali possono osservarsi nella _Cronologia_
prefissa nel primo tomo delle medesime.

(Non solo dalla rimozione del Principe, finito il triennio, ciò si
rende manifesto, ma dal diploma del Viceregnato; che da _Ferdinando II_
fu spedito a _D. Pietro di Giron Duca d'Ossuna_, successore, ristretto
_ad unum triennium, a die captae possessionis computandum_. Questo
Diploma si legge presso _Lunig_[354]).



CAPITOLO IV.

_Governo di D. PIETRO GIRON D'OSSUNA, e sue leggi._


Per compensare in parte alle esorbitanti spese, che in servizio della
Corona di Spagna avea fatte il Duca d'Ossuna, nelle guerre di Granata,
nella conquista di Portogallo, ed altrove, piacque al Re Filippo
II gratificarlo con uno de' maggiori governi, che si possa dare da
qualunque Principe d'Europa, qual è quello del nostro Regno di Napoli.
Giunse D. Pietro in questa città dopo la Legazione di Portogallo, con
gran pompa e magnificenza nel mese di novembre di quest'anno 1582. Il
suo natural contegno, ed un genio soverchio altiero e disprezzante, lo
fece tosto cadere nel biasimo della Nobiltà; ciò che resegli il governo
un poco difficile e non cotanto commendabile; di che egli molto tardi
accorgendosi, cercando togliere il concetto, che s'avea di lui, che
poco stimasse la Nobiltà, fecesi annoverare tra' Nobili della Piazza di
Nido. Ma il successo di _Starace_ cotanto celebre e rinomato per tutta
Europa, che fu stimato degno di essere anche narrato nella sua Istoria
dal Presidente Tuano[355], rese il suo governo molto più torbido ed
inquieto. Non accade di quello far qui nuovo racconto, essendo stato
(oltre a Tommaso Costo, di cui si valse il Tuano) minutamente descritto
dal _Summonte_, dove questo Scrittore termina la sua Istoria, avendo
qui ancora finita la sua il di lui traduttore _Giannettasio_.

Le continue istanze, che venivan di Spagna, perchè dal Regno si
mandasse denaro per le continue spese per li bisogni del Re, agitavano
non poco l'animo del Duca. Si pose in trattato d'imporre per ogni botte
di vino un ducato; ma non acconsentendovi tutte la Piazze, restò quello
escluso: ad ogni modo, colla promessa di nuove grazie e privilegi, si
fecero al Re in tempo del suo governo due donativi: l'uno d'un milione
e ducentomila ducati nel Parlamento celebrato a' 2 gennajo del 1583,
dove intervenne per Sindico Muzio Tuttavilla Mobile di Porto; l'altro
d'ugual somma in ottobre del 1584 essendone Sindico Scipione Loffredo
di Capuana, e con effetto nell'una e nell'altra congiuntura s'ottennero
quelle grazie, che si leggono nel volume de' nostri Capitoli. Pure il
zelo, che egli avea di far amministrare, senza distinzione di Nobile,
o di plebeo, ugualmente la giustizia a tutti, e la sollecitudine
che praticava nella spedizione dei negozj, gli fecero meritare la
benivolenza del Popolo. Maggiori encomj e benedizioni se gli resero
per li molti beneficj, che Napoli ed il Regno ritrasse dalla sua
vigilante cura ed applicazione ne' quattro anni che ci governò. Egli
fu quello, che fece riparare l'Acquedotto, che dalla Villa della Polla
conduce l'acqua ne' formali di Napoli. Più magnifico fu l'edificio
della Real Cavallerizza, che dalle rive del Sebeto presso il Ponte
della Maddalena, ov'era stato da' Re di Aragona di Napoli collocata,
per la corruzione dell'aria cagionata dalle Paludi, che ivi eransi
multiplicate, trasportò fuori la Porta Costantinopoli, vicino il
palagio de' Duchi di Nocera. Egli fece spianare le strade, innalzare
più ponti sopra fiumi, che trovansi nel cammino di Puglia, acciocchè
con più sicurezza e facilità condur si potessero le vettovaglie ed
altre merci per l'abbondanza di Napoli. Egli in fine ci lasciò molte
prudenti ordinazioni, che si leggono in quarantasei Prammatiche,
le quali ancor ci restano, e che si possono vedere nella Cronologia
prefissa al primo tomo delle medesime.



CAPITOLO V.

_Governo di D. GIOVAN DI ZUNICA, Conte di MIRANDA reso travaglioso per
l'invasione degli sbanditi. Suoi monumenti e leggi che ci lasciò._


All'espettazione d'un prudente governo, che per la fama precorsa delle
sue virtù, s'avea del _Conte di Miranda_, non difforme dell'altro
Zunica suo zio, ben corrisposero i successi: e dal vedersi, d'essere
stato egli mantenuto per nove anni continui dal Re Filippo in questo
governo, si fece manifesta la soddisfazione, ch'egli incontrò non
meno del proprio Principe, che de' popoli a sè soggetti. Fu ricevuto
egli in Napoli dopo la partenza del Duca d'Ossuna, nel mese di
novembre di quest'anno 1586 con molta contentezza ed applauso. Ma
nuovi accidenti resero pur troppo faticosi e molesti gli anni del suo
governo. Ancorchè ne' tempi de' suoi antecessori avesser gli sbanditi
cominciato ad inquietare le province del Regno; nientedimeno il male
ne' suoi principj non riputandosi cotanto grave, se non fu trascurato,
almeno non s'usarono que' rimedj, che si convenivano per toglierlo
affatto, ed in su lo spuntare dalle radici estirparlo. Questo fece che
tuttavia crescendo, si videro a schiera que' masnadieri rinselvarsi
ne' boschi, assassinare i viandanti, e svaligiare i Regj Procacci; e
sempre più avanzandosi la loro audacia e ribalderia, arrivarono sino
a saccheggiare le Terre anche murate, e metter tutto in desolazione e
ruina, tal che il traffico non era sicuro, e 'l commercio impedito.
A tutto ciò s'aggiungeva la difficoltà di praticare il rimedio,
che sovente riusciva peggiore del male, poich'essendo pur troppo
multiplicati, per dissiparli, si mandavano soldatesche, le quali
apportavano maggiori incomodi e desolazione a' luoghi ove capitavano, e
sovente inutilmente, e senza buon successo; poichè tra' monti e balze
niente giovavano le milizie regolate, ed erano bene spesso deluse, e
sovente anche malmenate.

Il Conte di Miranda non per ciò tralasciò d'impiegarvi per estirparli
tutti i suoi talenti, e vennegli fatto d'avere in mano quel famoso
bandito Benedetto Mangone, di cui rimane ancora l'infame memoria
per le tante scelleratezze commesse nella Campagna d'Eboli. Fu, per
altrui spaventoso ed orribile esempio, sopra un carro fatto tirare
per le strade della città, strappandosegli con tenaglie le carni, e
poi condotto al Mercato a' 17 aprile del seguente anno 1587 sopra una
ruota a colpi di martello gli fu tolta la vita. Ma niente giovò questo
terribile spettacolo; non guari da poi s'udirono le incursioni d'un
altro famoso ladrone detto _Marco Sciarra_ Apruzzese, che imitando
il _Re Marcone_ di Calabria, si faceva anche chiamare il _Re della
Campagna_: avea egli unita una comitiva di seicento ladroni, a' quali
comandava. E per la vicinanza d'Apruzzo collo Stato della Chiesa teneva
corrispondenza con gli banditi di quello Stato, col quali davansi
scambievolmente la mano: il Vicerè non trascurò ripararvi: proccurò in
prima col Pontefice Sisto V, successor di Gregorio, che in vigor degli
antichi concordati tra la Santa Sede ed il Regno di poter perseguitare
i Banditi ne' loro Territorj, e scambievolmente ajutare in ciò l'un
l'altro, se gli accordasse di poter mandare Commessarj nello Stato
Ecclesiastico a questo fine, senza richieder ad altri licenza; e Sisto
a' 14 maggio di quest'anno 1588 ne gli spedì Breve, nel quale gli
dava potestà, che tanto esso quanto i Commessarj da lui destinati per
la persecuzione de' Banditi e delinquenti, potessero entrare nello
Stata della Chiesa, e quelli perseguitare e pigliare per tre mesi
senza cercare ad altri licenza[356]. Oltre a ciò mandò più Commessarj
forniti di soldatesche per sterminarli; ma furono inutili tutte queste
spedizioni e cautele; poichè per le carezze, colle quali lo Sciarra
generosamente trattava i naturali delle Terre dove dimorava, era
fedelmente avvertito dell'imboscate, che gli si tendevano dalle genti
di Corte: e la sua vigilanza era grandissima, poichè alloggiava sempre
in siti inaccessibili, distribuiva le guardie, piantava le sentinelle
e ripartiva la gente in luoghi proprj ed opportuni. Erasi per ciò reso
poco men che invincibile, onde in molti cimenti si disbrigò sì bene,
che il danno de' suoi fu poco, e la strage degli aggressori era molta.

Sopraggiunsero in questi tempi non leggieri sospetti conceputi per le
stravaganti e boriose azioni del Pontefice Sisto V, il quale essendo
d'un ingegno _agreste_, come lo qualifica il Presidente Tuano[357],
non la preghiera, o la sommessione il piegava, ma solo il timore, o la
forza. Quindi il Re Filippo avea date istruzioni al Conte di Miranda,
che usando di questi ultimi mezzi il tenesse a freno. Il Vicerè per
tanto presa quest'occasione di perseguitare i banditi, con animo per
altro impegnato di sterminare Sciarra, fece ammassare quattromila
soldati tra fanti e cavalli, e datone in quest'anno 1590 il comando
a D. Carlo Spinelli, lo spinse contra colui per sterminarlo, ma pure
riusciron contrarj gli effetti alle concepute speranze; poichè in
quella azione mancò poco, che lo Spinelli stesso non vi lasciasse la
vita; onde in vece d'abbatterlo, crebbe tanto il suo ardire, che senza
contrasto saccheggiò la Serra Capriola, il Vasto e la città istessa di
Lucera, dove restò miseramente ucciso il Vescovo Colpito in fronte da
una archibugiata, mentre affacciavasi ad una finestra del Campanile,
dov'erasi posto in salvo. Resesi vie più baldanzosa la sua insolenza,
per la corrispondenza, che a dispetto del concordato di Sisto col
Vicerè, e' coltivava co' banditi dello Stato del Papa, co' quali
davansi scambievoli ajuti: a tutto ciò s'aggiungeva la protezione,
che dava loro Alfonso Piccolomini ribelle del Gran Duca di Toscana, il
quale ricovratosi nello Stato di Venezia, militava sotto gli stipendi
di quella Repubblica nella guerra, che allora avea mossa contro gli
Uscocchi.

Ma nuovi accidenti, poco da poi seguiti, tolsero alle Sciarra
tutti questi sostegni. Il Gran Duca di Toscana, perchè i Vineziani
discacciassero da' suoi Stati il Piccolomini, avea loro proposto, e
assiduamente inculcavagli, che meglio era servirsi dello Sciarra contra
gli Uscocchi, che del Piccolomini; ma avvenne, che ciò, che per questa
via non potè ottenere, gli riuscì per un'altra; polche il Piccolomini,
per avere in certa occasione arditamente risposto a' Capi di quel
Governo, fu scacciato dallo Stato di Venezia, ed inciampato negli
aguati tesigli dal Gran Duca, fu fatto in fine da costui violentemente
morire. I Vineziani perciò chiamavano lo Sciarra per ispedirlo contra
gli Uscocchi; ma egli non molto curava i loro inviti. Finalmente morto
il Pontefice Sisto, e succeduto in suo luogo _Clemente VIII_, questi
nutrendo i medesimi sentimenti del Conte nostro Vicerè, e tutto inteso
contra i banditi dello Stato della Chiesa, vi spedì Gianfrancesco
Aldobrandini per estirparli.

Il Vicerè dall'altra parte, richiamato lo Spinelli dal governo delle
armi, sperimentate sotto la sua condotta poco felici, diede la cura di
questa impresa con assoluta potestà a D. Adriano Acquaviva Conte di
Conversano; il quale uscito da Napoli nella Domenica delle Palme del
1592 con fresche milizie, ne ammassò altre paesane, come più pratiche
della campagna: ed astenendosi d'alloggiar in luoghi abitati, per
non aggravarli, si conciliò totalmente gli animi de' Paesani, che
tutti cospirarono con esso alla sterminazione dei banditi. Così lo
_Sciarra_, spogliato della protezione del Piccolomini, e vedendosi
stretto non meno dalle genti del Vicerè, che del Pontefice, deliberò
finalmente di abbracciare il partito che gli offerivano i Vineziani;
onde traghettando il mare con sessanta de' suoi sopra due Galee della
Repubblica, portossi in Venezia. Ma non per ciò coloro, che rimasero,
s'astenevano di danneggiar la campagna, guidati da Luca fratello di
Sciarra, e fomentati dallo stesso Sciarra, che da Venezia di quando
in quando ritornava ad animarli, finchè, una volta, giunto alla
Marca con parte della sua Comitiva, non fosse stato ucciso da un suo
compagno chiamato Battimello, che in premio del tradimento ottenne
dall'Aldobrandini per sè e per altri tredici suoi compagni il perdono.
Questo fine ebbe lo _Sciarra_, che per lo spazio di sette anni continui
avea travagliato lo Stato della Chiesa ed il Regno. Cessarono con la
sua morte le scorrerie de' banditi, sterminati poi interamente dal
Conte di Conversano, che ritiratosi con molto onore in Napoli, fu dal
Vicerè molto ben visto e careggiato. Ma se cessarono al presente, non
fu però, che non pullulassero ne' seguenti anni, travagliando il Regno
sotto altri Capi, non men di quello che aveano fatto sotto lo Sciarra e
Mangone. La gloria di doversi affatto estirpare e di perdersene fra noi
ogni memoria, l'avea riserbata il Cielo all'incomparabile D. Gaspare
di Aro Marchese del Carpio, a cui il Regno, fra tanti, deve questo
inestimabile e grande beneficio.

Non meno per queste incursioni, che per le continue premure, che
venivan di Spagna per denari e per gente, riuscì travaglioso al Conte
il suo governo. L'impegno, nel quale il Re Filippo era entrato contra
l'Inghilterra e la Francia, finì d'impoverire il Regno, per tante spese
e donativi, che fu d'uopo somministrare. In quella grande Armata, che
con infelice successo spinse egli contra l'Inghilterra, vi ebbe ancor
parte il nostro Regno: nel nostro Arsenale furono fabbricate quattro
Galeazze, che dal Conte di Miranda furon mandate nel Porto di Lisbona
per accrescere quella armata, la quale dissipata dalle tempeste nel
1588, e assorbita dal mare, rovinò la Spagna, e sparse tutti i suoi
disegni al vento, e le mal concepite sue vaste idee. Per la guerra che
i Franzesi aveano accesa in Savoja, furono parimente dal nostro Regno
nel 1593 inviati dal Conte quattromila e cinquecento pedoni sotto il
comando del Prior d'Ungheria, acciò che nella Savoja fossero impiegati
contra i Franzesi. Per supplire adunque alle spese di tante spedizioni
ne' nove anni di questo suo governo, nel 1586, 1588, 1591, 1593 e
finalmente nel 1595, si estorsero dal Regno cinque donativi, ciascuno
de' quali fu d'un milione, e ducentomila ducati[358].

Non meno da Francia e da Inghilterra, che da Costantinopoli
vennero in questi tempi al Conte ed a noi i mali e le travagliose
cure. L'apparecchio d'una potentissima armata, che facevasi
in Costantinopoli, pose il Regno in molti timori, ed in grave
costernazione: per prevenire il male, il vigilante Vicerè fece tosto
provedere di munizione, e di gente le Piazze più gelose del Regno,
e particolarmente i Castelli di Brindisi, d'Otranto, di Taranto
e di Gallipoli: fece radunare anche la Cavalleria e Fanteria de'
Battaglioni, e pose alcune Fregate in que' mari, che vegliassero a'
disegni dell'inimico. Ed in effetto queste precauzioni, ancorchè
dispendiose, non riuscirono infruttuose: poichè nell'anno 1593,
tentatasi in vano da' Turchi l'invasione della Sicilia, s'avvicinarono
alla Catona, luogo della Calabria vicino a Reggio, dove subitamente
accorso Carlo Spinelli, dichiarato Capitan a guerra dal Vicerè,
convenne loro partirne, se bene con preda d'alcuni, e di qualche danno
recato alla campagna: ma ritornati a' 2 di settembre al Capo dell'Armi,
diedero fondo con cento vele nella Fossa di S. Giovanni, saccheggiarono
Reggio, e quattordici Terre di quel contorno: e comparsi ne' Mari
di Taranto e di Gallipoli, scorgendo di non potere in quelle spiagge
tentar cosa di loro profitto, per la vigilanza delle soldatesche che le
guardavano, si ritirarono alla Velona.

Ma con tutte queste fastidiose cure e travagliose occupazioni, non
mancò con perenni monumenti, che si ammirano ancora, di beneficare
la Città e Regno ad imitazione de' suoi predecessori. A lui dobbiamo
quel maestoso piano, che si vede fino al dì d'oggi davanti al Regio
Palagio, il qual serve non meno alle milizie di Piazza d'armi, che
d'Anfiteatro dignissimo alla Nobiltà, in occasione di giostre, giuochi
di tori, tornei ed altri spettacoli. A lui dobbiamo la strada, che
da Napoli conduce in Puglia fatta di suo ordine spianare per maggior
comodo de' Viandanti. A lui si deve l'ingrandimento del Ponte magnifico
della Maddalena su il fiume Sebeto; e 'l ristoramento dell'altro,
che conduce dalle radici del Monte d'Echia al Castello dell'Uovo.
Alla sua magnificenza parimente si dovea il prospetto della Chiesa
di S. Paolo de' PP. Teatini, ove era il Tempio dedicato a Castore
e Polluce, riducendolo in quella forma, che si vedeva prima che
l'abbattesse il tremuoto accaduto a' 5 giugno del 1688, ed alla sua
pietà dobbiamo il ristoramento delle tombe e sepolcri de' Re Aragonesi
posti nella Sagrestia di S. Domenico, i quali, coperti di broccati,
fece riporre nel medesimo luogo sotto ricchissimi baldacchini. Egli in
fine con maggiore utilità fece edificare quel palagio, che diciamo la
Polveriera, per evitare il pericolo degl'incendj tante volte accaduti,
facendolo perciò costruire in luogo disabitato fuori la Porta Capuana,
per uso della fabbrica della polvere.

Durò il suo governo nove anni, ne quali pubblicò intorno a cinquantotto
Prammatiche, donde si vide quanto gli fosse stata a cuore la giustizia,
la emendazione de' Magistrati, q la uguale distribuzion delle Cariche a
proporzione del merito. Tolse egli molti abusi introdotti nel Tribunale
della Vicaria, e del S. C. e fece molte ordinazioni per la sollecita
spedizione delle cause, e diede varj provvedimenti intorno alla
pubblica annona, li quali possono vedersi nella Cronologia prefissa
al tomo primo delle nostre Prammatiche. Partì da Napoli per la venuta
del successore a' 25 novembre dell'anno 1595, accompagnato dalle
benedizioni de' popoli, lasciando in Napoli, quasi per pegno del suo
amore, D. Giovanna Pacecco sua nipote, maritata con Matteo di Capua
Principe di Conca e G. Ammiraglio del Regno.



CAPITOLO VI.

_Del Governo di D. ERRICO DI GUSMAN Conte di OLIVARES: Sue virtù, e
leggi che ci lasciò._


Il Conte di Olivares fu uno de' più savj e prudenti Ministri ch'ebbe
in questi tempi la Spagna, e per la grande perizia e facilità che avea
nell'espedizione degli affari politici e più gravi della Monarchia,
s'acquistò presso gli Spagnuoli il soprannome di _Gran Papelista_.
Fu egli perciò dal Re Filippo II, savio discernitore dell'abilità
de' soggetti, impiegato nelle cariche di maggior confidenza e più
gravi, avendolo in tempi cotanto difficili mandato suo Ambasciadore
nella Corte di Roma, appresso la persona del Pontefice Sisto V, con
cui, per l'ingegno di questo Papa cotanto stravagante e bizzarro,
per lo spazio di molti anni ebbe a trattare affari molto fastidiosi
e difficili. In tempo di questa sua ambasceria gli nacque D. Gaspare
di Gusman, chiamato poscia il Conte Duca: quegli che sotto il Regno
di Filippo IV governò con titolo di privato per lo spazio di ventidue
anni la Monarchia. Di Roma passò poi a governar la Sicilia, donde dal
Re Filippo fu destinato successore del Conte di Miranda. Giunse egli in
Pozzuoli nel mese di novembre di quest'anno 1595, e dopo alcuni giorni
entrò in Napoli ricevuto con molto applauso, e con le solite cerimonie
del Ponte, Sindico e Cavalcata.

Non passò lungo tempo, che ciascuno s'accorse del suo genio serio e
severo, e lontano da' passatempi. Non curava molto, che i Nobili lo
corteggiassero nelle anticamere: diede bando alle danze, alle commedie,
ed alle feste, solite farsi in Palazzo da' suoi predecessori. Tutta
la sua applicazione era in dar udienza ad ogni ora; soprantendere con
vigilanza alla retta e rigorosa amministrazione della giustizia: e
quello, che lo distinse sopra tutti gli altri fu lo studio grande, che
pose nell'economia del Governo, cosa non molto curata dagli Spagnuoli,
anzi dell'intutto da loro sempre trascurata.

A questo fine pubblicò molte Prammatiche, colle quali riformò molli
abusi, e particolarmente la vanità de' Titoli, che in iscritto, ed a
voce molti superbamente arrogavansi, ed i lussi smoderati negli abiti
delle donne. Al suo genio severo s'accoppiò quello di Lodovico Acerbo,
Giureconsulto genovese di nazione, da lui creato Reggente di Vicaria,
il quale non meno delle gravi, che delle colpe leggiere era giusto
vendicatore. Si sterminarono per ciò i ladri ed i giocatori, e le
campagne furono in riposo. Vegghiava, perchè nella città e nel Regno
l'abbondanza non mancasse, dandovi provvidi ordinamenti, facendo a
tal fine costruire quel Palazzo, che chiamiamo la Conservazione delle
farine, per riporvi li frumenti e le farine, che vengono per via del
mare, per servigio della pubblica annona; e poste in assetto queste
due importantissime faccende, s'applicò ad abbellire la Città, colla
scorta del Cavalier Domenico Fontana famoso Architetto di que' tempi.
Egli fece appianare la strada, che dal Molo grande conduce al picciolo,
ed ergervi una fontana: diede principio all'altra, che dalla marina del
vino conduce alla Pietra del Pesce, ridotta poi a perfezione dal Conte
di Lemos suo successore. Fece appianare ed allargare e porre in linea
retta la strada, che dal Convento della Trinità di Palagio conduce
a S. Lucia, volendo che dal suo cognome si chiamasse _Via Gusmana_.
Egli diede l'ultima mano all'ampio edificio del maggior Fondaco, o sia
Regia Dogana di Napoli, ed oltre molte altre magnifiche sue opere,
che adornano questa città, rialzò il tumulo di Carlo Martello Re
d'Ungheria, e lo ridusse in quella magnificenza, che ora veggiamo sopra
la porta del Duomo di Napoli.

Ma la morte accaduta a' 13 di settembre del 1598 del Re Filippo II
(della quale diremo più innanzi) di cui egli in gennajo del nuovo anno
1599 fece celebrare pompose e superbissime esequie, abbreviò gli anni
del suo governo; poichè non avendo trovato presso il nuovo successore
Filippo III quella grazia, della quale egli interamente godeva con
suo padre, diede a' suoi emoli campo di querelarlo al nuovo Re, per
un'occasione che diremo. Per li fallimenti seguiti di diversi Banchieri
con grandissimo danno di non poche persone, che tenevano il denaro
nelle loro mani, fu proposto al Vicerè dal Mercatante Salluzzo genovese
l'espediente di istituire in Napoli una Depositaria generale, nella
quale si dovessero fare tutti i depositi della città e del Regno: vi si
opposero i Deputati della città, affermando, ch'essendovi molti Banchi
fondati da' Luoghi Pii, e governati con sommo zelo, ne' quali potevano
farsi sicuramente simiglianti depositi, non era ragionevole violentare
l'arbitrio dei Cittadini a confidare il denaro in mano de' forastieri.
Ma perchè l'espediente pareva al Vicerè, che fosse molto profittevole
al pubblico, interpetrando l'opposizione de' Deputati per un emulazione
invidiosa alla sua gloria, fece imprigionare il Principe di Caserta,
Alfonso di Gennaro, ed Ottavio Sanfelice, come quelli ch'erano stimati
fra Deputati di maggiore autorità. Offese da ciò le Piazze di Capuana,
Porto e Montagna, dopo avere eletti altri Nobili per empire i luoghi
de' prigionieri, spedirono segretamente alla Corte di Madrid Ottavio
Tuttavilla de' Conti di Sarno, affine di rappresentare al Re le
violenze usate dal Conte per opprimere nelle persone de' Deputati le
ragioni della città. Il Vicerè informato, che ogni cosa era cagionata
da' consigli di D. Fabrizio di Sangro Duca di Vietri, allora Scrivano
di Razione, fece imprigionarlo, pigliando il pretesto dell'accuse
fattogli promovere contra dal Marchese della Padula Giovan-Antonio
Carbone nemico del Duca. La nuova carcerazione del Sangro accrebbe
alla Corte le querele contra il Vicerè, e diede maggiormente spirito
al Tuttavilla d'esclamare a' piedi del Re, e dipingere a suo modo
i rigori e le violenze, ch'e' diceva praticarsi dal Conte contra la
Nobiltà e suoi fedeli vassalli, per soddisfare alla propria vendetta
con pregiudizio della giustizia. Il Re nuovo al governo de' suoi Regni,
deliberò per tanto di rimuoverlo, e gli destinò per successore il
_Conte di Lemos_, il quale venuto in Napoli all'improvviso, obbligò
l'Olivares a partirsi tosto, e ritirarsi in Posilipo nel Palagio del
Duca di Nocera. donde, a 18 di luglio dell'anno 1599, s'incamminò alla
volta di Spagna. Fu creduto, che il suo governo sarebbe stato più
lungo, se non fosse accaduta la morte del Re Filippo II; poichè non
poteva desiderarsene uno più giusto, ed una provvidenza più saggia,
ed una applicazione più indefessa di quella, che ammirossi nel Conte.
Lo dimostrano le leggi, che ci lasciò, avendo egli in questi quattro
anni del suo governo promulgate intorno a trentadue Prammatiche, tutte
utili e sagge, le quali potranno leggersi nella tante volte mentovata
_Cronologia_ prefissa al tomo primo delle nostre Prammatiche.



CAPITOLO VII.

_Morte del Re FILIPPO II, suo testamento, e leggi che ci lasciò; e
delle varie Collezioni delle nostre Prammatiche._


Intanto il Re Filippo grave già d'anni e da molte e varie infermità
travagliato, scorgendo non dover essere molto lontano il fine de' suoi
giorni, cominciò seriamente a pensare alla partita, ed a provvedere,
per quanto l'umana prudenza può giungere, a' mali, che dopo la sua
morte avrebbero potuto sorgere, cadendo la Monarchia in mano di Filippo
suo figliuolo. Era già morto il Principe D. Diego, e sol rimaneva per
successore di una sì ampia Monarchia _Filippo_, giovane, e ch'egli
ben conosceva inesperto, non meno al maneggio degli affari di Stato,
che a trattare le armi. A questo fine e' sollecitò la pace col Re
di Francia Errico IV, affinchè mancando, non lasciasse il figliuolo
nel principio del suo Regno intrigato in una guerra con un Principe
cotanto allora invitto e potente: fu conchiusa questa pace a Vernin li
2 maggio di quest'anno 1598, l'istrumento della quale è rapportato da
Lionard nella sua Raccolta[359], onde nel mese di giugno del medesimo
anno, imitando l'Imperador Carlo suo padre, cominciò a disporsi a tal
passaggio e ad abbandonare le cure moleste del Regno, e sentendosi per
li continui dolori d'_artritide_ molto debilitato, ancorchè i medici
fossero di contrario parere, egli in ogni modo volle, che vivo fosse
trasferito nel Monastero di S. Lorenzo dello Scuriale, lontano da
Madrid sei leghe, dove avrebbe dovuto portarsi, morto che fosse. Quivi
giunto se gli accrebbero i dolori della chiragra e pedagra: nè questi
bastando, se gli aggiunsero altri mali, e fra gli altri s'osservò nel
ginocchio destro un doloroso tumore, che aperto, ancorchè si mitigasse
il dolore, non per ciò s'ebbe speranza di sua vita; anzi poco da poi
se ne videro quattro altri nascere nel petto, che parimente aperti,
diffusero per tutto il corpo un così pravo umore, che cangiossi in
una colluvie sì grande di pidocchi per tutta la persona, che quattro
uomini, di continuo a ciò impiegati, appena bastavano a mondarlo di
tanta sporcizia: se gli aggiunsero da poi una febbre etica terzana,
più ulcere alle mani, ed agli piedi, una disenteria, un tenesmo e
finalmente una manifesta idropisia, non cessando intanto la colluvie
de' pidocchi, la quale non meno d'uno miserando spettacolo, serviva
per un gran documento a tutti delle umane cose. In questo stato però,
cotanto spietato e doloroso, serbò egli sempre una somma costanza e
fortezza d'animo; finchè assalito da un parossismo, avendo già preso
il Viatico, si dispose agli ufficj estremi: fece per tanto, prima di
rendere lo spirito, chiamarsi il Principe Filippo e Chiara Eugenia
Isabella sua dilettissima figliuola; e dall'Arcivescovo di Toledo
in loro presenza e degli altri Grandi della sua Corte, prese la
penitenza: è questa penitenza una spezie di consecrazione, già da molti
anni solita usarsi in Ispagna tra' Principi e Grandi, della quale S.
Isidoro nella Cronica prefissa alle leggi de' Westrogoti fece menzione,
distinta dall'Estrema Unzione, che usa la Chiesa. Poi voltatosi a
Filippo gli raccomandò caldamente la sua sorella, e diegli alcuni
avvertimenti, ch'egli in vita avea scritti e tenevagli serbati per
darglieli nell'estremo di sua vita. Si prescrisse egli stesso la pompa
dei suoi funerali; ed aggravandosi l'agonia, benedisse i figliuoli, e
quelli licenziati, finalmente rese lo spirito a' 13 di Settembre di
quest'anno 1598 nel settantesimosecondo anno di sua età dopo averne
regnato quarantaquattro.

Fu Filippo di statura breve, ma venusta, di volto grave, ma giocondo,
ben fatto di membra, e di biondo crine. Fu d'ingegno elevato e sagace:
nell'ozio desideroso d'affari: accurato nel trattargli e dalle altrui
calamità cercava trar profitto, colle quali arti seppe conservare,
ed accrescere ciò che il padre aveagli lasciato, esperimentò quanto
grande, altrettanto varia e difforme fortuna. Quattro anni prima si
trovò avere in Madrid fatto il suo testamento. In quello, prima d'ogni
altro, ordinò, che si soddisfacessero con buona fede tutti i suoi
creditori: si rifacesse il danno cagionato a' privati per le cacce, che
aveasi riserbate nelle selve ed altri luoghi, ch'egli aveasi chiusi a
questo fine. Lasciò molti maritaggi da dispensarsi a povere vergini di
buona fama: altri Legati fece per redenzione de' cattivi Cristiani,
ch'erano in ischiavitù in mano de' Turchi: molte elemosine e Legati
pii lasciò a varie Chiese, imponendo a' suoi Esecutori, che vendessero
tanti suoi mobili per soddisfarli, li quali, se non bastassero, ordinò,
che il rimanente si supplisse dalle gabelle e dazj de' suoi Regni.

Raccomandò il culto e venerazione, che deve prestarsi alla Chiesa
Romana, comandando, che gli Ufficiali dell'Inquisizione, destinati per
estirpare le nascenti sette, siano stimati ed avuti in pregio e che se
mai accadessero controversie intorno all'interpetrazione di questo suo
testamento, quelle si commettessero alla decisione de' Giureconsulti e
Teologi periti.

Ordinò, che tutto il suo regal patrimonio, con le ragioni, privilegi e
gabelle de' suoi Regni, Stati e città, sia diligentemente conservato:
non si alienassero, non s'impegnassero, o si dividessero; ma tutte
unite si serbassero al suo erede, acciò con più vigore possa difendere
la grandezza del suo Imperio e la Religione Cattolica.

Che parimente il Regno di Portogallo, per succession legittima
novellamente a lui pervenuto, con tutte l'Isole nel Mare Atlantico, e
nell'Oriente a quello appartenenti, resti unito al Regno di Castiglia,
di maniera che da quello per niun tempo o cagione possa separarsi.

Istituisce poi suo erede universale ne' Regni di Castiglia, d'Aragona,
di Portogallo e di Navarra, Filippo suo carissimo figliuolo. Nel
Regno di Castiglia come a quello uniti, comprende i Regni di Lione, di
Toledo, di Galizia, di Siviglia, di Granata, di Cordova, di Murcia,
Jaën, Algaria e Cadice, le Isole Fortunate, le Indie, l'Isole, e 'l
continente del Mare Oceano, del Mare Settentrionale e Meridionale:
quelle che si sono già scoverte, e quelle, che in avvenire si
scovriranno.

Sotto il Regno d'Aragona comprese i Regni di Valenza, di Catalogna, di
Napoli, Sicilia, Sardegna e le Isole Baleari, Majorica e Minorica.

Sotto quello di Portogallo, comprese Algarbe, le Regioni e le città in
Affrica, l'Isole e gli altri paesi nel Mare Orientale.

Parimente istituì erede l'istesso Filippo nel Ducato di Milano e
nelle Dizioni di Borgogna, ripetendo la clausola, che tutti questi
Regni interamente cedano al primogenito suo erede, nè che in alcun
caso possano dividersi, separarsi, ovvero pignorarsi, eccettuatone
quando ciò si faccia per contratto celebrato dalle corti del Regno,
secondo la forma prescritta dal Re Giovanni II, in Valladolid nell'anno
1442, e poi confermata da' Re Ferdinando ed Isabella ed ultimamente
dall'Imperador Carlo suo padre, parimente in Valladolid nell'anno 1523.

Mancando Filippo senza figliuoli, gli sustituì Isabella sua figliuola,
e questa parimente accadendo morire senza prole, le sustituisce
Caterina e i di lei figliuoli col medesimo ordine, li quali mancando,
sustituisce Maria Augusta sua sorella e i di lei figli col medesimo
ordine: e finalmente, questi mancando, sustituisce colui, che dalla
legge sarà chiamato alla successione, purchè però questi fosse vero
Cattolico, nè macchiato di eresia, ovvero di quella sospetto[360].

Dall'unione di questi Regni ne eccettuò le Dizioni di Borgogna, sotto
il nome delle quali intese la Contea, il Principato di Lucemburg e
Limburg, Namur, Artois, l'Annonia, la Fiandra, Brabante, Malines,
la Zelandia, Olanda, Frisia e la Gheldria, le quali all'Infante sua
figlia avea destinate per dote. Per ultimo, per evitare i pericoli
degl'Interregni sotto i Tutori e Reggenti, rinnovò ne' suoi Regni la
legge e stabilì, che subito che il Principe successore giunga all'età
di quattordici anni, si abbia come maggiore e che per se medesimo possa
amministrare il Regno.

Due anni da poi, trovandosi nel Monistero di S. Lorenzo, ordinò un
codicillo, nel quale confermando il testamento prima fatto, fra le
altre cose raccomandò, che le sue ragioni sopra il Regno di Navarra
e sopra Finale, occupato da lui non guari innanzi nel Genovesato, si
rivedessero esattamente da uomini probi e periti, e trovatele forse
di poco momento, affin di quietarsi la sua coscienza, si pensasse
all'emenda. Nel medesimo codicillo fu destinata Gregoria Massimiliana,
figliuola di Carlo Arciduca d'Austria per moglie a Filippo erede; ma
questa essendo morta dopo pattuite le nozze, fu la sorella Margarita
assunta in suo luogo. Parimente fu destinata l'Infante Isabella per
moglie ad Alberto d'Austria, assignandosele per dote la Fiandra.

Narra il Presidente Tuano[361], che oltre di questo codicillo,
si parlava ancora d'avere egli lasciati alcuni secreti precetti e
ammonizioni trascritte da molte note, le quali, ordinò nel medesimo
codicillo, doversi abbruciare dopo la sua morte. Infra gli altri
ingenuamente confessava aver egli inutilmente consumati più milioni,
nè altro averne ritratto, che il solo Regno di Portogallo, il quale
reputava colla medesima facilità potersi perdere, colla quale fu
perduta la speranza concepita dell'acquisto del Regno di Francia: per
ciò ammoniva suo figliuolo, che stesse vigilante negli interessi de'
vicini Regni e secondo le risoluzioni di quelli prendesse consiglio:
che per ben governare la Spagna attendesse a due cose, alla civile
amministrazione, con tenersi ben affette la Nobiltà e l'Ordine
Ecclesiastico, ed alla navigazione dell'Indie: proccurasse unione e
concordia co' Principi vicini, poco fidando ne' lontani. Imponeva al
primogenito che sopra tutto coltivasse amicizia stretta co' Pontefici
Romani, fosse a quelli riverente ed in tutte le occasioni si mostrasse
apparecchiato a sovvenirgli. Si conciliasse l'amore de' Cardinali, che
dimoravano in Roma, affinchè per mezzo di quelli nel Concistoro e nel
Conclave acquistasse autorità. Si conciliasse parimente l'amore de'
Vescovi della Germania, ed avesse pensiero, che le pensioni che loro
si somministravano, non per Cesare o per li suoi Ministri, ad essi
si distribuissero, come prima, ma si servisse in tutto dell'opera de'
proprj Ministri. Lo persuadeva in fine, che richiamasse dalla Francia,
ove era esule, Antonio Perez e lo facesse ritirare in Italia, con legge
però, che non mettesse il piede nè in Ispagna, nè nelle Fiandre.

Con queste disposizioni e ricordi, morto Filippo, fu il suo cadavere
con poca pompa seppellito nella Chiesa di S. Lorenzo, vicino al corpo
della Regina Anna sua ultima moglie, come egli avea prescritto. E nel
medesimo giorno il Re Filippo, che di qui avanti lo diremo III, scrisse
al Pontefice, dandogli con molte lagrime insieme ed ossequio, avviso
della morte del Re suo padre, chiedendogli in tanta mestizia qualche
suo conforto, e due giorni da poi partì con la sorella e si portarono
in Madrid, mentre s'apparecchiavano ivi le esequie con regal pompa e
fasto. Il giorno di San Lucca nel Convento di S. Girolamo s'erse il
mausoleo: ed assisterono a questi lugubri uffici il Re e la sorella:
gli Ambasciadori del Papa, di Cesare e del Senato di Venezia: gli
Ordini delle Religioni militari: i Reggenti de' Consigli di Castiglia,
d'Aragona, dell'Inquisizione, d'Italia, dell'Indie ed altri Signori e
Grandi di quella Corte.

In Napoli giunse la mestissima novella di sua morte nel principio
d'ottobre di quest'istesso anno 1598, ed il Re _Filippo III_ non
mancò di scrivere agli Eletti di lei avvisandogli, com'era piaciuto
al Signore di chiamare al Cielo suo padre, e però voleva, che con
l'usata fede attendessero al suo servizio, eseguendo quanto in suo
nome avesse loro comandato il Conte di Olivares, che confermava suo
Vicerè e supremo Ministro, com'era stato fin allora del Re suo padre.
Si congregarono per ciò i Baroni nel regal Palagio con la maggior parte
della Nobiltà ed Ufficiali, dai quali accompagnato a' 11 del medesimo
mese d'ottobre cavalcò il Vicerè per Napoli, e coll'usate cerimonie
e solennità si gridò il nuovo Re per tutta la città e principalmente
nelle cinque Piazze de' Nobili ed in quella del Popolo. Il giorno
appresso si vide tutta la città in lutto e s'ordinarono dal Vicerè
superbi funerali. Si diede ordine, che il mausoleo s'ergesse nella
Chiesa Cattedrale, dove si dovessero celebrare l'esequie con pompa
regale e conveniente ad un tanto Principe. L'ultimo di gennajo del
nuovo anno 1599 fu il dì destinato a tanta celebrità, nella sera del
quale si cominciarono, e finirono nella mattina del dì seguente con
tanta magnificenza e pompa, che Napoli non ne vide altra volta nè pari,
nè maggiori: fu data dal Vicerè la cura d'attendere all'invenzioni
ed agli ornamenti, così del mausoleo, come anche della Chiesa ad
_Ottavio Caputi_ di Cosenza, il quale, oltre avere adempite le parti a
se commesse, diede poi alle stampe un volume, dove minutamente furono
queste pompe funerali descritte, colle composizioni, che vi s'affissero
di varj ingegni Napoletani, e per la maggior parte de' Gesuiti, presso
i quali allora era in Napoli quasi che ristretta la letteratura.

Il Re Filippo II, non meno che i suoi Luogotenenti, per li quali e'
governò questo Regno, lasciò a noi molte utili e provvide leggi, che
per lo corso di quarantaquattro anni del suo Regno, secondo le varie
occasioni, egli mandò a dirittura di Spagna, perchè fossero osservate,
essendo cominciate sin dal primo anno 1554, quando gli fu fatta la
cessione dall'Imperador Carlo suo padre, e per tutto il penultimo anno
del suo Regno 1597, le quali possono osservarsi nella _Cronologia_
prefissa al tomo primo delle nostre Prammatiche.


§. I._ Collezioni delle nostre Prammatiche._

Erano intanto (cominciandosi dal Re Cattolico insino al Regno di
Filippo III) le novelle Prammatiche emanate così da' nostri Principi,
come da Vicerè loro Luogotenenti per lo spazio poco men d'un secolo,
cresciute in tanto numero, che farsene di quelle una Raccolta era pur
troppo necessario: non solo perchè la loro osservanza maggiormente
s'inculcasse a' Popoli, ma per maggior agio de' Professori e de'
Magistrati, affinchè avessero i primi dove ricorrere per allegarle,
ed i secondi per le decisioni delle cause. Per ciò erasi introdotto,
che nelle ristampe che si facevano delle _Costituzioni_ e _Capitoli
del Regno_, vi s'aggiungessero anche le _Prammatiche_ fino a quel
dì promulgate. Così nelle edizioni delle Costituzioni e Capitoli del
Regno ristampate, ed in Napoli, ed in Venezia, leggiamo ancora molte
Prammatiche ivi aggiunte; e nell'edizione di Venezia dell'anno 1590
le Prammatiche aggiunte arrivano sino al tempo di D. Pietro di Toledo
nell'anno 1540. Nel 1570 in Napoli, siccome porta il Chioccarello[362],
se ne fece la prima edizione; e nel 1591 si fece un'altra più esatta
raccolta, ed in un volume separato si videro stampate in Napoli in
quarto, il qual volume correva per le mani di ogni uno, reso ora
molto raro, per le altre Compilazioni fatte da poi che l'oscurarono,
la qual Raccolta però non deve trascurarsi, almeno per l'Istoria,
leggendosi in quella alcune Prammatiche pretermesse nelle altre
Compilazioni più moderne. _Scipion Rovito_ da poi fece una nuova
Compilazione con nuovo ordine e più copiosa, riducendo i titoli secondo
l'ordine dell'alfabeto: il qual metodo fu da poi seguitato nell'altre
Compilazioni. Questo Autore, oltre i suoi _Commentarj_, raccolse tutte
le note e le esposizioni, che i più antichi vi aveano fatte, de' quali
il Toppi[363] tessè lungo catalogo. Oltre d'alcune altre, _Biagio
Altimare_ nel Regno di Carlo II ne fece un'altra assai più copiosa,
divisa in tre volumi; ed ultimamente a' dì nostri nel 1715 se ne formò
un'altra più ampia, la quale ora va per le mani di tutti. In cotal
maniera alle _Costituzioni, Capitoli, Riti_, così della Vicaria, come
della Camera, ed al volume de' Privilegi e Grazie della città e Regno,
si aggiunsero questi altri delle _Prammatiche_.


§. II. _Del Codice FILIPPINO, compilato per privata autorità dal
Reggente CARLO TAPPIA._

Multiplicati in cotal guisa i volumi delle nostre patrie leggi, venne
pensiero in questi tempi al Consigliere Carlo Tappia, poi Reggente,
di compilarne un solo, ove con nuovo ordine potessero le leggi sparse
in tanti volumi leggersi tutte unite e collocate sotto la materia
che trattano, sotto titoli convenienti. Si propose per ciò egli
l'ordine tenuto da Giustiniano nel suo Codice e valendosi de' medesimi
titoli, sotto ciascuno collocò a suoi luoghi le leggi a quel soggetto
appartenenti. Avvertì con tal occasione e separò le Costituzioni, che
per desuetudine non erano osservate, da quelle che aveano vigore:
conciliò le ripugnanti; ed accrebbe le Annotazioni degli antichi
nostri Giureconsulti con le sue nuovamente aggiuntevi. Avea dato egli a
quest'opera il titolo di _Codice Filippino_[364], per averlo dedicato
al Re Filippo III; non altrimente di ciò, che fece Antonio Fabro, che
voleva, che il suo si chiamasse _Codice Emanuele_, per averlo dedicato
ad Emanuele Duca di Savoja; ma siccome le costoro Compilazioni si
facevano per privata autorità, non per commessione del Principe, così
a questa del Tappia rimase il nome di _Jus Regni_ ed a quella di Fabro
del _Codice Fabriano_: da non paragonarsi però l'un Codice coll'altro,
cedendo questo di Tappia al Fabriano, sia per gravità ed eleganza, sia
per dottrina legale e molto più, perchè Tappia niente altro vi fece,
che collocare le costituzioni istesse sotto que' titoli, che prefisse,
seguitando l'ordine di Giustiniano; ma Fabro le compilò egli stesso e
furono parti del suo sublime ingegno. Divise il Reggente questa sua
opera in sette libri, li quali non fur impressi tutti in un tempo,
ma secondo che uno terminavasi, si dava alla luce. Il primo libro
fu compilato nel primo anno dei Regno di Filippo III, onde per ciò
l'Epistola dedicatoria, che si legge prefissa a quest'opera, porta la
data del 1598, ancorchè l'edizione di quello insieme col secondo libro
si fosse differita insino all'an. 1605. Il secondo libro fu terminato
a' 16 luglio del 1604. Il terzo a' 19 agosto del seguente anno 1605,
ancorchè l'edizione si fosse differita al 1608 insieme col quarto.
Il quinto lo compilò mentr'egli era Reggente nel supremo Consiglio
d'Italia, e fu poi dato alle stampe nel 1633; siccome il sesto che
si stampò nel 1636. Il settimo, e l'ultimo, fine di tutta l'opera,
parimente lo terminò in Madrid a' 4 ottobre del 1615, ancorchè poi si
stampasse in Napoli nel 1643, penultimo anno della sua vita.

Più nobile idea d'un nuovo Codice fu proposta negli ultimi nostri
tempi, alla compilazion del quale, non per privata autorità, ma per
commessione pubblica fu dato principio da insigni Giureconsulti; ma non
sì tosto fur poste le mani all'opera, che per varj accidenti svanì il
bel disegno, tal che ora non ne rimane alcun vestigio.



CAPITOLO VIII.

_Stato della nostra Giurisprudenza nel fine di questo XVI Secolo, e
principio del seguente, così nell'Accademie, come ne' Tribunali; e de'
Giureconsulti, che vi fiorirono._


Non deve recarci maraviglia, se nel decorso di questo secolo e più
verso il suo fine, la Giurisprudenza del Foro fosse cotanto presso
noi esercitata e rialzata cotanto, quanto dimostrano il numero delli
Professori e delle loro opere, e l'ingrandimento indi seguito de'
nostri Tribunali. Le nuove _Leggi_, i tanti nuovi istituti; la varietà
di tante nuove cose incognite a' Romani, nuovamente stabilite, la
resero assai più vasta e sterminata; i tanti nuovi affari, che doveansi
quivi trattare, resero i Tribunali molto più ampj e frequentati.
Niente dico del nuovo _diritto Canonico_ stabilito nell'Imperio, che
portò seco tanta ampia materia di disputare sopra i confini dell'una e
l'altra potestà, onde sursero le tante controversie giurisdizionali e
la maggior occupazione del _Collateral Consiglio_, il quale inteso al
governo del Regno, bisognò attendere non meno a quello, che a regolare
e soprantendere in queste cose, affinchè l'una potestà stesse ristretta
ne' suoi limiti e non facesse delle sorprese sopra l'altra: niente
dico della nuova materia beneficiaria, delle elezioni, collazioni,
resignazioni, translazioni, _juspatronati_, decime e tante altre
quistioni attinenti allo Stato e Gerarchia Ecclesiastica.

La nuova materia _Feudale_ incognita a' Romani, cotanto presso di
noi esercitata per li tanti Feudi, e di così varia natura, de' quali
il Regno abbonda, multiplicati in questo secolo molto più di prima,
quante contese doveano recare, e quanto pascimento per ciò portare
agli ingegni dei nostri Professori? Per ciò sopra questo soggetto i
Napoletani s'hanno lasciato indietro tutti li altri Professori d'altre
Nazioni. Un Regno da' Spagnuoli diviso in tante nuove investiture,
tanti Baroni multiplicati, non potevano non accrescere lo studio
feudale, e non empire i Tribunali di nuove dispute e quistioni.

La dottrina delle _Regalie_, poco nota agli antichi, e li diritti di
quelle, cotanto stese da' nostri Principi, sopra le cacce, fodine,
tesori, foreste e sopra tante cose, quanto s'è potuto vedere ne'
precedenti libri di quest'Istoria: i tanti nuovi dazj e le tante nuove
dogane e gabelle, le alienazioni, le pignorazioni di quelle: le nuove
collette e fiscali, e tanti altri nuovi _jus prohibendi_ introdotti a
quasi tutte le cose, onde la vita umana si conserva, somministrarono
abbondante materia al Tribunale della _Regia Camera_ per tener occupati
i suoi Ufficiali, tanto che non bastando il numero prima stabilito,
bisognò accrescerlo, e farne degli altri in numero maggiore, e
somministrarono ancora a' Professori nuova materia a' loro scritti ed
a' lor volumi, che vi composero, ed a multiplicarsi per la abbondanza
delle liti, che ne sursero, e a far sì che la gente s'applicasse molto
più, che prima a questo mestiere.

I tanti nuovi _Ufficiali_, introdotti a questi tempi, non meno nel
nostro Reame, che in quello di Francia; tanto che quivi, per lo lor
eccessivo numero, fu nel 1614 lungamente dibattuto di levarne un numero
grande, del che il _Savarone_ ne stese una dotta scrittura[365]:
le tante contese per ciò insorte per regolare le giurisdizioni, le
loro precedenze, i loro diritti ed emolumenti; e perciò stabiliti
tanti nuovi _Ufficj_, la multiplicità di quelli, e la loro varietà,
esercitarono molto più le penne dei nostri scrittori.

Ma sopra tutto furono aperti al Tribunal del S. C. abbondantissimi
fonti, onde la sua applicazione fosse maggiore, e per conseguenza
s'accrescessero le sue Ruote, si moltiplicassero i suoi Ufficiali,
ed il numero degli Avvocati si rendesse più ampio. La materia de'
testamenti, delle successioni, delle detrazioni di legittima, e suoi
privilegj, e le loro solennità: il nuovo modo introdotto di testare,
spiegato sotto nome di testamenti nuncupativi impliciti, di testamenti
canonici, non conosciuti dagli antichi; di ridurgli insieme con l'altre
ultime volontà, vivente anche il testatore, in forma pubblica: i
nuovi testamenti ordinati avanti il Parroco: le disposizioni fatte a
cause pie, e tante altre novità sconosciute dalle leggi de' Romani,
introdussero nuove altercazioni e contese agli antichi ignote.

I Fedecommessi, ancorchè noti a' Romani, ricevettero presso noi
notabilissime alterazioni per le tante quistioni svegliate da' nostri
Interpreti, da poi che per lo spazio di sei secoli e più, stati
in tenebre sepolti, risorsero, e 'l lor uso si fece più frequente
e comune, tanto che non si leggeva testamento, nel quale non si
ordinassero. I _maggiorati_, e le _primogeniture_, quasi che incognite
agli antichi, si resero così frequenti, che la lor materia cotanto
diffusa empì la Giurisprudenza di nuovi termini, di nuove dispute e
nuovi trattati.

I Legati ricevettero non minor alterazione, così a riguardo della
moderazione dell'antico rigore del S. C. Liboniano, e della proibizione
della Falcidia, come per quelli lasciati a cause pie, già sottratti
dalle comuni regole e dalle solennità della ragion positiva.

La successione intestata molto diversa, e da' suoi principi pur
troppo lontana, in altra guisa vien regolata dal Diritto Canonico, di
altra maniera la dispongono li particolari Statuti, ed altrimente le
Consuetudini proprie di ciascheduna Città e Regione.

Non minore alterazione si vide nei contratti, e molto maggiore
incremento per altri, o nuovamente inventati, o più di prima
frequentati. L'_enfiteusi_, ancorchè nota a' Romani, cotanto da poi
presso noi praticata, che diede ampia materia a' nuovi trattati
e volumi. Li _censi_, che diciamo _consegnativi_, cotanto ora
frequentati, o sian vendite d'annue entrate, incognite, non meno alle
Romane leggi, che agli antichi canoni, e da Martino V e dagli altri
suoi successori stabiliti per mezzo delle loro Costituzioni; poichè i
Pontefici Romani abbominando il nome d'usure, cercarono questo manto
per covrirle, e dar loro un più spezioso aspetto: condennando l'usure
de' Romani, ma in effetto permettendole, quando s'usino i modi da essi
prescritti nelle loro Costituzioni, con assegnare un corpo certo e
fruttifero, e la sorte facendola irrepetibile.

I _cambj_ cotanto ora diffusi per la scissura dell'Imperio, e per la
varietà de' nuovi Dominj in Europa stabiliti, ancorchè fosser noti a'
Romani, nulladimeno sotto un Imperio, che tutto ubbidiva ad un solo,
dove il commercio era più facile, i viaggi più sicuri, il valore del
denaro era lo stesso in tutte le province dell'Imperio, non eran molto
usati. Il lor uso si rese da poi necessario e più frequente, perchè il
valor della moneta non essendo in tutte le Nazioni uguale, i traffichi
e commercj per le continue guerre impediti, i viaggi non troppo
sicuri, gli spinse a maggior perfezione; e con più sottil industria,
con modi pur troppo ingegnosi ed utili, l'uso delle lettere di cambio
si rese più frequente e comodo: tanto che questa dottrina de' _cambj_
riputata come nuova, esercitò l'ingegno di più Giureconsulti a comporne
particolari commentarj e trattati; e ad esser riputata una delle
principali parti della nuova Giurisprudenza del Foro.

Per quest'istessa cagione del più facile e sicuro commercio, furono
frequentati i contratti delle assicurazioni, de' cambj marittimi e
le tante altre convenzioni, che vengono regolate dal moderno uso e
da' proprj Statuti di ciascuna Regione, o da particolari leggi, agli
antichi affatto ignoti.

Questi particolari Statuti, ovvero Consuetudini, introdussero ancora
con tanta varietà il diritto del _ritratto_, o sia del _congruo_.
Questi regolano le servitù ne' poderi, così rustici, come urbani; e
tante altre materie, delle quali troppo nojosa cosa sarebbe farne qui
un più lungo catalogo.

La dottrina delle _doti_ pur troppo dagli antichi trattata, non è
però, che presso i moderni non avesse ricevuta grandissima alterazione,
per ciò che riguarda a' lucri dotali, diversi dall'antiche donazioni
_propter nuptias_; onde nuovi nomi d'antefato, di _donativi_, di
_meffio_ e _catameffio_, ed altri strani vocaboli, con nuove dispute
s'intesero.

Gli _sponsali_, i _matrimonj_, sono affatto, così nelle solennità, come
nella forma, difformi dagli antichi: non vien più richiesto consenso di
padre o avo, nella cui potestà sono gli sposi; non que' riti; ma tutti
altri dal Concilio di Trento sono stati prescritti.

Le _Tenute_, le donazioni, compre, vendite, e le altre alienazioni
in gran parte alterate, ed altre nuove introdotte, agli antichi
ignote. Le leggi civili non trattano delle donazioni, introdotte per
contemplazione del matrimonio, in quella forma, nella quale oggi
cotanto sono in uso. Quelle proibivano le donazioni e gli altri
contratti tra' conjugi, tra' padri e figliuoli; ed ora per diritto
canonico, quando siano giurate, si convalidano e restano ferme.

I _concorsi_ così frequenti de' _Creditori_ sopra la roba del
comun _Debitore_, e le tante discussioni sopra ciò insorte, per le
anteriorità e poziorità de' loro crediti hanno reso inestricabili
molti giudizj, e tenuti occupati non meno i Tribunali, che i nostri
Professori.

La nuova materia delle _Renunzie_, nella forma, che furono da poi
praticate da' moderni, fu anche a' primi nostri Interpreti ignota; ma
poi cotanto agitata, che se ne composero ben ampj discorsi e trattati.

I rigori della legge civile intorno a' patti, ed altre convenzioni, fur
tutti, o tolti, o in parte moderati: non reca ora stranezza di pattuire
sopra l'eredità d'un vivente, di contrattare sopra gli altrui ufficj,
aspettando la morte dell'Ufficiale: saldarsi ogni patto irregolare
coll'apposizione del giuramento, e tante altre novità ed esorbitanze.

In fine per tralasciarne innumerabili, l'ordine dei Giudicj non pure
è tutto altro, ma in tanti Tribunali tutto diverso, e fra se medesimo
vario, così nelle accusazioni criminali, come nelle azioni civili:
altre leggi, nuovi stili, nuovi riti, altre pratiche ricevute, altre
andate in disuso: onde sursero tanti nuovi trattati e commentarj
attenenti a questo soggetto.

Essendosi cotanto, per sì varj e nuovi affari ampliata la
Giurisprudenza del Foro, portò in conseguenza l'ingrandimento de'
nostri Tribunali, l'accrescimento degli Ufficiali e 'l numero maggiore
de' Professori. Siccome si è veduto nel XXVI Libro di quest'Istoria, il
Tribunale del S. C. fu dall'Imperador Carlo V accresciuto di maggior
numero di Consiglieri, e vi aggiunse un'altra Ruota. Nel Regno di
Filippo II per la multiplicità di negozj, fu duopo aggiungervi la
terza; ma in discorso di tempo, nel fine di questo secolo e de' di lui
giorni, per le cagioni di sopra narrate, l'ampiezza degli affari fu
tanta, che la città di Napoli ne' Parlamenti tenuti negli anni 1589
1591 e 1593 chiese al Re Filippo II, che per la maggior espedizion
delle cause aggiungesse alle tre Ruote del S. C. la quarta, con crear
nuovi Consiglieri, e dal suo Patrimonio assegnar loro il salario. Ed il
Re si compiacque ordinarlo per sue lettere spedite nel Monastero di S.
Lorenzo, sotto li 3 settembre del 1597, che si leggono nel volume delle
nostre Prammatiche[366]; onde furono eletti cinque altri Consiglieri,
distribuendosi cinque per Ruota.

Parimente l'istesso Re Filippo, considerando, come s'esprime in
una sua regal carta spedita in Madrid a' 24 Dicembre del 1596, la
moltitudine de' negozj, che si trattavano nel Tribunale della _Regia
Camera_, per essere il Regno cresciuto, e vie più le rendite del suo
Regal Patrimonio, ordinò al Conte d'Olivares allora nostro Vicerè, che
dividesse il Tribunale in due sale; affinchè in due Ruote distinte,
con maggior agio e sollecitudine s'attendesse alla pronta spedizione
delle cause[367]. Lo stesso fece del Tribunal della _Vicaria Civile_,
che lo divise per l'istessa cagione in due sale, ad esempio, com'egli
dice, del Consiglio regale di Castiglia, _Que se divide por salas, y
quando se offrece alcun negocio grave, se juntan todas_, come sono le
parole della sua regal carta rapportata dal Toppi[368]. Accresciuti in
cotal guisa i Tribunali ed i Ministri, non tralasciava il Re Filippo
II, per la loro retta amministrazione, d'invigilarvi; ed introdusse le
Visite, mandando di volta in volta di Spagna Visitatori per correggere
gli abusi, e, quando bisognasse, deporli dai loro posti; e vi mandò
successivamente il _Quiroga_, ed il _Gusman_; onde s'introdussero
appresso di noi i _Visitatori_[369].

Moltiplicarono in conseguenza gli Avvocati, i Proccuratori e tanti
altri Curiali in numero infinito. Narrava Fabrizio Sammarco celebre
Avvocato di que' tempi, secondo che rapporta il Toppi[370], che
quando il Tribunal del S. C. si reggeva in S. Chiara bastavano poche
stanze, ed il solo Cortile di quel Convento si riputava capacissimo
per i litiganti, per i Proccuratori, de' quali non arrivava il numero
che a cinquanta, e per gli Avvocati, che non erano più che venti. Ma
nel decorso di questo XVI secolo, e principio del seguente, appena
bastavano per li litiganti. Avvocati e Proccuratori, e per tanti
Curiali, quell'ampie sale del magnifico Palazzo di Capuana. Per queste
cagioni, sin da questi tempi, si diedero quasi tutti allo studio delle
leggi, come quello, ch'era favorito dagli Spagnuoli, con gli onori
delle Toghe, e che nelle famiglie recava non pur splendore, ma utile
grandissimo.

Sursero per ciò appo noi tanti Dottori, i quali dopo i primi anni
de' loro studi s'applicavano al Foro, e dopo averne consumati molti
nell'Avvocazione (nel qual tempo davano saggio de' loro talenti e
dottrina) erano poi assunti al Magistrato; e si rendevano illustri,
non meno per le Toghe, che per le opere, che davano alle stampe.
Gli Avvocati di questi tempi non collocavano molto studio nell'arte
oratoria, sì che i loro arringhi comparissero al Foro luminosi e
pomposi: si studiavano ricavar l'eloquenza più dalle cose, che dagli
ornamenti dell'arte, trascurata tanto, che solamente le orazioni del
_Cieco d'Adria_ erano lette, riputandole per norma del ben dire. Per
ciò i loro discorsi in Ruota erano corti e tutto sugo, non curandosi
delle lunghe dicerie e di tanti pampani: dove abbondavano i negozj, si
tralasciavano volontieri i preamboli e le apostrofi. Il principale loro
studio era nel porger con metodo ed energia i fatti, e negli articoli
di ragione che proccuravano esaminarli con dottrina ed esattezza.

Questa comune applicazione alle leggi del Foro, fece, che fiorissero
in questi tempi tanti Giureconsulti che lasciarono a' posteri molte
loro opere legali, dei quali tediosa cosa sarebbe, se si volesse qui
tesserne lungo catalogo, e per ciò ci contenteremo di nominar solamente
i più celebri, le cui opere per essere vulgatissime e che corrono per
le mani di tutti, non fa mestieri qui registrarle.

I più rinomati furono i Reggenti _Salernitano_, _Villano_ e
_Revertera_, il Reggente Camillo _de Curtis_, figliuolo di Giannandrea,
il Reggente Giannantonio _Lanario_, il Reggente Annibale _Moles_,
e poi i Reggenti Carlo _Tappia_ e Fulvio di _Costanzo_. Rilussero
ancora per dottrina Prospero _Caravita_ d'Eboli, Camillo _Borrello_,
Cesare _Lambertino_, Gianvincenzo _d'Anna_, Fabio _Giordano_, Giacomo
_d'Agello_, Gaspare _Caballino_, Giovanni _de Amicis_, Giannantonio
_de' Nigris_, Fabio _d'Anna_, figliuolo di Gianvicenzo, Marcantonio
_Surgente_, Marcello _Cala_, Roberto _Maranta_, e per tralasciar gli
altri che possono vedersi presso Toppi, così nella sua Biblioteca,
come ne' tre volumi dell'Origine de' nostri Tribunali, Niccolò Antonio
_Gizzarello_, il quale ancor egli si distinse per le sue _Decisioni_,
che compilò. Ma sopra tutti costoro rilusse a questi tempi il famoso
Vincenzo _de Franchis_, il quale per la sua probità ed eminente
dottrina legale, fu dal Re Filippo II nel 1591 creato Consigliere, e
poco da poi eletto Reggente nel supremo Consiglio d'Italia, ed indi
Presidente del Consiglio di S. Chiara e Viceprotonotario. Le sue
cotanto rinomate _Decisioni_ lo resero illustre per tutte le nazioni
d'Europa, e non fu suo picciol pregio nell'Escurial di Spagna, nel
Tempio di S. Lorenzo, vedersi collocato il suo ritratto tra gli altri
degli uomini più illustri e rinomati d'Europa. Bernardino _Rota_[371]
non si dimenticò ne' suoi Epigrammi d'altamente celebrarlo, e dalle
fatiche, che sopra le sue _decisioni_ v'impiegarono, non pur i nostri,
ma gli esteri, si vide quanto fosse luminosa la sua fama. Morì egli
in Napoli a' 3 d'aprile dell'anno 1600, e giace sepolto in S. Domenico
Maggiore, dove si vede il suo tumulo con iscrizione[372].

La copia così abbondante di tanti Professori, e le tante loro opere,
che pubblicarono alle stampe, empirono le nostre Biblioteche di
infiniti libri. Nè essendo minore il lor numero nelle altre Città
d'Italia, si videro crescere in immenso i volumi legali. Le tante
compilazioni delle decisioni di vari Tribunali e sopra tutto della
Ruota Romana e del nostro Sagro Consiglio. I tanti Trattati, ed i
libri delle _Quistioni_ e _Controversie_: ma quello, che si rese più
insopportabile, fu la gran copia de' _Consigli_ ed _Allegazioni_,
dove non già si scrivea per la ricerca della verità, ma, secondo che
facevano alla causa, s'empivano di citazioni e di conclusioni generali
più tosto per adombrarla. Quindi si rese più laboriosa e difficile
la profession legale; poichè non bastando la perizia delle leggi
comuni così civili, come canoniche, delle leggi Feudali, delle nostre
Costituzioni, Capitoli, Riti e Prammatiche: delle consuetudini e stili
di tanti Tribunali sì vari e diversi: a tutto ciò s'aggiunse, non meno
a' Professori, che a' Giudici, un'altra obbligazione vie più maggiore e
pesante, di dover sapere l'autorità delle cose giudicate, e le opinioni
di tanti Interpreti e Scrittori: quali di quelle fossero le più comuni
e vere, e le più ricevute nel Foro: quali di quelle antiquate e non
ammesse.

E per ciò, che riguarda l'autorità delle cose giudicate, essendo
stato ricevuto, che le sentenze de' supremi Senati, ne' Dominj dove
sono profferite, ancorchè non siano leggi, abbiano però forza non
inferiore a quelle, spezialmente quando siano d'un costante tenore
e di continuo profferite uniformi: s'impose perciò obbligazione a'
Giudici di doverle seguire, non per forza di legge, ma di consuetudine,
particolarmente negli atti ordinatorj de' giudizj[373]. Ed intorno alle
opinioni de' Dottori, fu duopo usare maggior diligenza e scrutinio, e
si prescrissero molte regole e cautele, delle quali si fece memoria nel
fine del XXVIII libro di quest'Istoria, ed il Cardinal di Luca[374] ne
trattò pure diffusamente ne' suoi Discorsi.


§. I. _Stato dell'Università de' Nostri Studi a questi tempi._

In tale stato ed accrescimento fu veduta in questi tempi la nostra
Giurisprudenza nel Foro; ma nell'Accademia non ebbe pari fortuna. Nelle
altre Università d'Europa, e particolarmente in quelle di Francia si
videro fiorire assai più nelle Cattedre, che ne' Tribunali: in Parigi,
in Tolosa, in Bourges, in Caors, in Valenza, in Turino, ed altrove,
lo studio delle leggi romane era ridotto nella sua maggior politia e
nettezza; l'erudizione, l'istoria (che non devono andar disgiunte per
conseguirne i loro veri sensi) non eran in questi tempi cotanto da noi
coltivate. Stando noi sotto il governo degli Spagnuoli, a' quali era
sospetta ogni erudizione, che veniva di là da' Monti, ed ogni novità,
che volesse introdursi nelle Scuole, fece che siccome nell'altre
facoltà, così nella Giurisprudenza si calcassero le medesime pedate de'
nostri antichi: erano mal sofferti e come Novatori riputati coloro, che
si volessero ergere sopra l'usate forme, e trattar di altra maniera,
contra l'usato stile, queste materie.

Per ciò nelle Cattedre fu continuato il medesimo istituto d'impiegare
i Lettori sopra la Glossa e Bartolo: sopra il sesto volume, e trattare
l'altre facoltà alla Scolastica. E quantunque nel governo del Conte
di Lemos e del Duca d'Ossuna suo successore l'Accademia Napoletana
si fosse veduta in maggior splendore, con tutto ciò, come diremo a
suo luogo, non prima degli ultimi anni del precedente secolo, si vide
nelle Cattedre fiorire l'erudizione, e trattare le scienze con altro
metodo e politia. Con tutto ciò, per quanto comportava la condizione
di questi tempi, rilussero pure in quella alcuni Cattedratici, che ora
si nominano per le loro opere date alle stampe. _Alessandro Turamino_
è il più rinomato. Questi ancorchè Sanese d'origine, fu Napoletano,
ed ebbe nel 1594 nelli nostri Studi la Cattedra primaria vespertina
del jus civile, con provvisione di ducati 680 l'anno; e nel 1593 diede
alle stampe le sue opere legali[375]. _Francesco d'Amicis_, di Venafro,
che vi spiegò i Feudi, e nel 1595 stampò in Napoli un libro _In usibus
Feudorum_[376]. _Annibale di Luca_ d'Airola, che vi spiegò il primo e
terzo libro delle Istituzioni. _Antonio Giordano_ di Venafro Lettore
della prima Cattedra vespertina, di cui il Toppi[377] rapporta le
onorevoli cariche, che occupò, e l'iscrizione del suo tumulo, che si
vede nella Chiesa di S. Severino. _Giovanni di Caramanico_, _Giovanni
de Amicis_, di Venafro, che stampò un volume dei _Consigli_; e per
tralasciarne altri rapportati dal Toppi nella sua Biblioteca, il famoso
_Giacomo Gallo_, il quale ottenne la Cattedra primaria vespertina
del _jus civile_: celebre per l'opera, che compose, _Juris Caesarei
Apices_, e per li suoi _Consigli_[378].

La Teologia, la Morale e lo studio delle cose Ecclesiastiche non
erano niente rialzate: si trattavano all'uso delle Scuole; e più ne'
Chiostri, tra' Frati, favoriti dagli Spagnuoli, che nell'Università tra
Cattedratici, erano esercitate secondo l'antico stile.

La Filosofia e la Medicina furono per rialzarsi, ma vinte dalla
colluvie di tanti Professori Scolastici e dai Galenisti, fu duopo
cedere all'usanza, e rimanersi come prima negli antichi sistemi e
metodi. Erano surti fra noi in questo secolo ingegni preclari, che
rompendo il ghiaccio tentarono far crollare l'autorità d'Aristotele
e di Galeno, e la Filosofia delle Scuole farla conoscere vana ed
inutile. I primi fra noi, come si disse, furono _Antonio e Bernardino
Telesii_ Cosentini: _Ambrogio di Lione_ da Nola, _Antonio Galateo_ di
Lecce, e _Simon Porzio_ Napoletano, le cui opere (delle quali lunghi
cataloghi leggiamo presso il Toppi, ed il Nicodemo) dimostrano, che
calcando nuovi sentieri, benchè molto travagliassero per abbattere gli
errori comuni delle Scuole, niente però prevalsero, nè poterono soli
far argine ad un così ampio, ed impetuoso fiume; quindi il Cavalier
Marino[379], parlando di Bernardino Telesio, disse, che se ben egli
si fosse armato _contro l'invitto Duce de la Peripatetica bandiera_, e
non n'avesse riportata vittoria, dovea bastargli d'averlo sol tentato;
_poichè la gloria e la vittoria vera delle imprese sublimi ed onorate,
è l'averle tentate_.

Ma nella fine di questo secolo discreditarono questa onorata impresa
due Frati Domenicani, li quali non tenendo nè legge, nè misura, ed
oltrepassando le giuste mete, siccome maggiormente accreditarono gli
errori delle Scuole, così posero in discredito coloro, che volevano
allontanarsene. Questi furono i famosi _Giordano Bruno_ da Nola, e
_Tommaso Campanella_ di Stilo di Calabria. _Giordano Bruno_ disputò
sì bene contra li Peripatetici, e si rese assai celebre per le sue
dotte opere, delle quali il Nicodemo[380] fece lungo catalogo: ma
essendogli troppo piaciuti gli sogni di Raimondo Lullo, diede ancor
egli nelle stranezze. Ma quello, che discreditò l'impresa di deviare
da' comuni e triti sentieri, fu d'essersi avanzato ad insegnare la
pluralità de' Mondi (donde si crede, che _Renato des Cartes_ avesse
appreso il suo sistema), e d'essersi ancora inoltrato in cose assai più
gravi e pericolose; imputandosegli avere insegnato, che li soli Ebrei
discendessero da Adamo ed Eva: che Mosè fosse stato un grande Impostore
e Mago: le Sagre lettere essere un sogno, e molte altre bestemmie, onde
fece in Roma nell'anno 1600 quell'infelice fine, che altrove fu da noi
narrato.

(Di_ Giordano Bruno_ è stata a' nostri tempi data fuori una
_dissertazione_ da _Carlo Stefano Giordano_, impressa nell'anno 1726
col titolo: _de Jordano Bruno Nolano Primislaniae Literis Ragoczyanis_.
Narra i suoi viaggi, e i varj avvenimenti da Nola; dove gli fa
lasciar l'abito di Domenicano, e lo fa passar in Genevra. Quivi narra
aver trovato Calvino, con cui ebbe gravi contese e brighe; onde di
là cacciato, passò a Lione, indi a Tolosa, e da poi a Parigi, ove
dimorò per più anni. Da Parigi, passò in Londra, indi in Germania a
Wittemberg. Lasciata questa città passò a Praga, indi ad Elmstad, dove
dal Duca di Brunswick fu caramente accolto. Da poi passò in Francfort
ad Maenum, indi a Venezia. Quivi fu arrestato e condotto prigione
in Roma, fu miseramente condennato al fuoco, ed arso. Mostra questo
scrittore non aver letto l'_Aggiunta del Nicodemo_ alla _Biblioteca
Napolitana del Toppi_, il quale l'avrebbe somministrati maggiori lumi
intorno alla dottrina del Bruno, e più diffuse notizie intorno alle
opere che lasciò).

_Tommaso Campanella_ ancor egli si pose ad abbatter li comuni errori
delle Scuole, ma non tenne nè modo, nè misura. Scrisse infiniti volumi,
ancorchè non tutti furono impressi, de' quali pure il Nicodemo[381]
tessè lunghi cataloghi, ne' quali siccome s'ammira una gran vastità
d'ingegno e di varia dottrina, così lo dimostrano per un gran
imbrogliatore, per un fantastico e di spirito inquieto e torbido. Fu
per porre sossopra le Calabrie, ideando libertà e nuove Repubbliche.
Pretese riformar Regni e Monarchie, e dar leggi, e fabbricar nuovi
sistemi, inviluppandosi in una congiura, nella quale scovertosi,
che vi avesse la maggior parte, si discreditò maggiormente; poichè
preso, e lungamente detenuto nelle carceri di S. Ermo, fu condennato a
starvi perpetuamente. Le tante cose che disse e scrisse, alla fine lo
liberarono da quella prigione, e ricoveratosi poi in Parigi, accolto
da' Franzesi con molta stima ed onore, finì poi i suoi giorni nella
maniera, che accennammo di sopra.

(Di _Tommaso Campanella_ pure a dì nostri fu che volle prendersi
cura di tesserne vita, e darci conto dei suoi scritti così di
Filosofia, come di Astronomia, di Politica, e di che no? _Ernesto
Salomon Cipriano_ nato nella Franconia Orientale nell'anno 1705 fece
imprimere in Amsterdam un libricciuolo in ottavo sotto il titolo:
_Vita et Philosophia Thomae Campanellae_: ma passati quindici anni,
_Giacomo Echardo_ Monaco Dominicano del Convento dell'Annunziata di
Parigi, riputando non avere Ernesto dato al segno, volle egli dar
fuori un'altra vita del Campanella, che fece imprimere nel Tomo II.
_Scriptor Ordinis Praedicator_. _A._ 1721 _pag._ 505, _seqq._, dove
manifesta, intanto egli aversi presa questa cura, perchè il Cipriano,
come e' dice, _plura refert, vel non satis firma, vel etiam explodenda;
ideo ne in his quis fallatur, ad censuram revocanda visa sunt_.
Ma il _Cipriano_ non fece passar tanto tempo: che per rintuzzar la
costui audacia, fece nell'anno seguente 1722 nuovamente in Amsterdam
stampare la _Vita di Campanella_, con prefazione, dove si purga dalle
imputazioni fattegli da _Eccardo_; ed aggiunge, come per appendice,
così i giudicj di varj scrittori intorno alla vita e gli scritti del
_Campanella_, come la vita istessa scritta da _Eccardo_. Veramente
non meritavano gli scritti del _Campanella_ che sopra i medesimi
s'impiegassero tanti preclari ingegni per rintracciarne sistema alcuno
di Filosofia o di Politica e d'altre scienze, delle quali niuna seppe
a fondo, ed apprese con diritto giudicio e discernimento, avendo il
capo sempre pieno di varie fantasie, che più tosto lo rendevan fecondo
di portentosi delirj le sorprendenti illusioni, che di sodi e ben
tirati raziocinj. Meglio di tutti perciò fece l'incomparabile _Ugo
Grozio_; il quale scrivendo a _Gerardo Gio. Vossio_, nell'_Ep._ 87 in
due parole si sbrigò dandone al medesimo il suo giudicio, dicendogli:
_legi et Campanellae somnia_. A questi due può aggiungersi Giulio
Cesare _Vanino_ della Provincia di Otranto, nella sorte uguale al Bruno
in vita ed in morte, ed al Campanella nelle stravaganze, illusioni,
misterj ed arcani. Nacque egli in Taurisano, terra del Conte Francesco
di Castro Duca di Taurisano da Otranto non molto lontana, da _Gio.
Battista Vanino_ e _Beatrice Lopez de Noguera_; a cui fu imposto
il nome di _Lucilio_, che mutò poi in quello di _Giulio Cesare_. Fu
mandato da' parenti a studiare in Napoli, dove fece notabili progressi,
frequentando l'Academia degli Oziosi, allora in Napoli celebratissima.
Passò poi in Padova ed in altre città d'Italia, nelle quali acquistò
l'amicizia di Pietro Pomponazio Mantuano e del _Cardano_, allora
vecchissimi. Nell'Imperio di _Rodolfo II_ passò in Germania, indi a
Boemia in Praga; dalla qual città passossene poi in Olanda, ed in
Amsterdam per qualche tempo dimorò. Nel 1614, si portò a Parigi.
Ritornò poi in Genevra, e si trattenne per qualche tempo anche in
Genova ed a Nizza di Savoia. Nel 1616 diede fuori l'ultimo suo libro
de _Arcanis Naturae_; nel quale dice averlo composto mentre appena
avea toccato l'età di trenta anni. Ma il suo destino lo portò poi ad
infelicissimo fine; poichè non sapendosi contenere nelle brigate di
francamente parlare delle strane sue fantasie, compiacendosi d'aver
circoli d'auditori avidi di novità, essendo passato in Tolosa, trovò
quivi per sua disavventura un uomo non ignobile di Franconia il quale
l'andò ad accusare a quel Magistrato per Mago, e disseminatore d'empia
e perversa dottrina. Il Parlamento di Tolosa nel mese di novembre
dell'anno 1618, avendogli presa tutta la sua suppellettile, scritture e
libri, lo fece imprigionare, e fabbricato il processo sopra i delitti
de' quali veniva accusato, fu per sentenza del medesimo condennato
ad esser con suoi libri bruciato. Fu nel mese di febbraio del nuovo
anno 1619 posto sopra un carro, e portato nel luogo del supplicio,
non mostrò quella costanza d'animo che prometteva. Quivi giunto gli
fu tagliata prima la lingua, da poi fu gettato co' suoi libri nelle
fiamme divoratrici, le quali avendolo ridotto in ceneri, furon anche
queste sparse nell'aria e portate dal vento. Scrisse ultimamente la di
lui Vita _Gio. Maurizio Schrammio_; il quale nell'istesso tempo che lo
porta reo, per le arti magiche che professava, e che gli fa raccontare
un miracolo accaduto in Presivi terra vicina a Taurisano, lo riputa per
un famoso Ateo nel frontispizio del suo libro, stampato nell'anno 1715
in Custrino con questo titolo: _De Vita et scriptis famosi Athei Julii
Caesaris Vanini, Custrini, An. 1715, in 8_).

La Poesia però, e sopra tutto l'Italiana, si vide in buono stato
per li non meno eccellenti, che nobili uomini, che la professarono:
si distinsero fra' Nobili _Ferrante Caraffa_, _Alfonso e Costanza
d'Avalos_, _Giangirolamo Acquaviva_, _Angelo di Costanzo_, _Bernardino
Rota_ e _Dianora Sanseverino_, _Galeazzo di Tarsia_ Cosentino.
Rilussero ancora _Antonio Epicuro_, _Niccolò Franco_ di Benevento,
_Lodovico Paterno_ Napoletano, _Antonio Minturno_ di Trajetto, il
famoso _Luigi Tansillo_ di Nola ed alcuni altri, che non meno in
rime, che in versi latini si resero chiari ed illustri. Ma sopra tutti
costoro nella fine di questo secolo s'innalzò l'incomparabile _Torquato
Tasso_, di cui tanto si è parlato e scritto, il quale morto in Roma
nell'an. 1595 al suo cadere, cadde ancora presso noi la poesia; poichè
nel nuovo secolo XVII surti _Giambattista Marini_, lo _Stigliano_ e
_Giuseppe Battisti_, prese altre strane e mostruose forme, fin che
nel declinar del secolo non la restituissero, nell'anno 1678, _Pirro
Schettini_ in Cosenza, e nel 1679 _Carlo Buragna_ in Napoli.



CAPITOLO IX.

_Politia delle nostre Chiese durante il Regno di FILIPPO II, insino
alla fine del secolo XVI._


Dal precedente libro di quest'Istoria si è potuto conoscere quanto i
Pontefici romani proccurassero far valere le loro pretensioni sopra
questo Reame. Il Concilio di Trento maggiormente stabilì la loro
potenza; ma ciò non bastando ad essi, si pensò, per più radicarla,
dar fuori quella terribile Bolla in_ Coena Domini_: si cercò abbattere
l'_Exequatur Regio_, e far dell'altre sorprese.


§. I. _Dell'Emendazione del Decreto di GRAZIANO e delle altre
Collezioni delle Decretali._

Ma Gregorio XIII nato per grandi imprese, siccome volle mostrare la
sua potenza nell'_Emendazione del Calendario_, così ancora volle aver
la gloria di perfezionare l'_Emendazione del Decreto Graziano_. Aveano
prima _Antonio Democare_ ed _Antonio Conzio_ famosi Giureconsulti
Franzesi per privata autorità cominciato a far catalogo di varj errori
trovati nel Decreto di Graziano per emendarlo[382]. Ma richiedendovisi
maggior diligenza e la fatica di molti, non che di due soli, finito
il Concilio di Trento, Pio IV scelse alcuni Cardinali e vari Dottori,
perchè s'accingessero a quest'impresa, e Pio V da poi ve ne aggiunse
due altri[383]. Ma quest'opera non ebbe il suo compimento, se non nel
Pontificato di Gregorio XIII, il quale, mentre i Correttori Romani sono
tutti intesi all'Emendazione, egli l'accalorò e sollecitò in guisa che
nell'anno 1580 fu la Correzione finita; ond'egli la fece pubblicare con
una sua Bolla[384], colla quale, approvando l'Emendazione, comandò, che
niente a quella s'aggiugnesse o si mutasse, ovvero diminuisse.

Ma siccome l'Emendazione del Calendario non fu stimata sufficiente,
onde avvenne, che altri la rifiutassero: così l'Emendazione di Graziano
non fu riputata cotanto esatta, sì che non si desse occasione ad alcuni
di scovrirvi altri errori, e notare la poca accuratezza usatavi; di
che sono da vedersi Antonio Agostino Vescovo di Tarragona, il quale
fra l'altre sue opere, la più dotta e riguardevole, che ci lasciò, fu
questa della _Correzione di Graziano_, e Stefano Baluzio.

Furono ancora sotto il Pontificato di Gregorio emendate le _Decretali_,
e restituite secondo l'antiche Collezioni e Registri de' Pontefici;
onde sursero le edizioni più emendate, fra le quali tiene il vanto
quella di Pietro _Piteo_ e di Francesco suo fratello. Da questi
Registri furono da poi compilati que' volumi che contengono l'intere
Costituzioni Pontificie, i quali ora sono cresciuti al numero di
cinque, sotto il nome di _Bollario Romano_[385]. Ed a questo Pontefice
pur si dee quella famosa Raccolta de' _Trattati_ legali, che occupavano
tanti volumi, ed empiono le nostre Biblioteche.

Nel fine di questo secolo _Pietro Mattei_ Giureconsulto di Lione,
per privata autorità, serbando l'istesso numero de' libri e l'istesso
ordine de' Titoli, che la _Gregoriana_, fece un'altra Raccolta di varie
Costituzioni Pontificie, stabilite dopo il _Sesto_, le _Clementine_
e le _Stravaganti_ già impresse, e la intitolò _Settimo delle
Decretali_, dedicandola al Cardinal Gaetano; il qual libro, ancorchè
non fosse stato approvato, si vide però nell'ultime edizioni aggiunto
all'antiche.

Ma Gregorio, vedendo che a questo _Settimo_ libro mancava l'autorità
pubblica, applicò l'animo a voler di sua autorità far compilare un
_Settimo_ libro delle _Decretali_; onde commise a Fulvio Orsino, a
Francesco Alciato e ad Antonio Caraffa, Cardinali, che s'accingessero
a quest'opera; ma poco da poi la morte interruppe i suoi disegni;
onde morto Gregorio, _Sisto V_ suo successore diede questo pensiero
a' Cardinali Pinello, Aldobrandino, a Matteo Colonna ed a molti
altri[386], li quali in vita di Sisto non poterono ridurla a fine;
ma assunto da poi al Pontificato l'istesso Cardinal Aldobrandino,
nomato _Clemente VIII_, costui insistè perchè l'opera si terminasse;
ed essendo insorto dubbio, se si doveano in quella inserire i Canoni
del Concilio di Fiorenza e di quel di Trento appartenenti a' dogmi,
fu stimato doversi quelli inserire; onde fu compito questo _Settimo_
volume a' 25 di luglio del 1598 contenente diverse Costituzioni
Pontificie e decreti di Concilj da 300 anni, diviso in cinque libri,
ed in più titoli disposto. Ma poichè in questa Raccolta vi erano stati
inseriti molti decreti del Concilio di Trento, essendosi già data alle
stampe sotto nome di _Settimo libro delle Decretali di Clemente VIII_,
fu mosso un gran dubbio, che finalmente ritenne la pubblicazione;
poichè pubblicandosi questo volume, tosto sarebbero venuti Dottori ed
Interpreti a far a quello delle Chiose e Commenti; e per conseguenza,
per le censure gravissime fulminate da Pio IV contra coloro, che
ardissero chiosare, o in altra guisa interpretare i Canoni ed i
Decreti di quel Concilio, dovea togliersi a' Dottori ogni occasione di
commettere un simile attentato. Tanto bastò, perchè si sopprimesse la
pubblicazione di questo Volume e rimanesse in una profonda ed oscura
caligine[387].


§. II. _Monaci e beni temporali._

Fu veramente cosa maravigliosa il vedere nel fine di questo secolo e
principio del seguente, quanto crescessero le ricchezze de' Monaci,
e quanto fosse grande la divozion de' Popoli, e precisamente de'
Napoletani, in profondere i loro beni ed averi per maggiormente
arricchirgli e proccurare nuove erezioni di Chiese e di Monasterj, nè
si faceva testamento, dove non si lasciassero Legati, o si facessero
altre disposizioni in loro beneficio. S'aggiunse ancora la pietà
degli Spagnuoli, i quali oltre d'arricchire le vecchie, proccurarono,
che s'introducessero nella città e nel Regno nuove Religioni. I
_Carmelitani Scalzi_, che ebbero per istitutrice S. Teresa, la quale
nel Convento d'Avila in Castiglia fece questa riforma, vi furono non
men dagli Spagnuoli, che da' Napoletani, caramente accolti; e fu così
grande la lor divozione verso costoro, che un Frate di quest'Ordine
chiamato _Fr. Pietro_ di nazione Spagnuola colle sue prediche, che
faceva nella Chiesa dell'Annunziata di Napoli, raccolse di limosine
da' Napoletani e da altri la somma di quattordicimila ducento ed
ottantacinque ducati, onde di questo denaro potè comprare il palagio
con giardini del Duca di Nocera, che ora lo vediamo trasformato in un
lor maestoso Monastero, ed in una magnifica Chiesa sotto il titolo
della _Madre di Dio_[388]. Si diffusero poi per tutto il Regno, e
nel 1630 furono ammessi in Bari[389], nella qual provincia fecero
maravigliosi progressi.

Poco da poi, nell'entrar del nuovo secolo, vennero a noi da Genova
cinque Monache _Teresiane Scalze_, le quali similmente favorite non
men dagli Spagnuoli che caramente accolte da' Napoletani, unirono di
limosine grosse somme di denaro, col quale comprarono il palagio del
Principe di Tarsia per prezzo di sedicimila ducati, che ora si vede
mutato in un ben ampio lor Monastero, con Chiesa sotto il nome di _S.
Giuseppe_[390]. Si diffusero parimente per tutto il Regno, ed avuti
questi Religiosi così uomini, come donne da' nostri Vicerè Spagnuoli
in somma stima e venerazione, crebbero in ricchezze; ed accoppiandovi
ancora la lor industria in procacciar Legati ed eredità giacchè,
contra il loro istituto, furono, per via d'interpretazioni e dispense
Appostoliche, resi capaci d'acquistar Legati ed eredità, stesero i loro
acquisti in quello stato e grandezza che ora ciascun vede.

Pure i _Fratelli della Carità_, ch'ebbero per Istitutore il _B.
Giovanni di Dio_, Portoghese, furono fra noi accolti con cortesia e
carezze. Essi ci vennero da Roma, a richiesta della Nazione Spagnuola,
e capitarono in Napoli l'anno 1575, essendo stati prima destinati al
governo dello Spedale di S. Maria della Vittoria; ma insorte alcune
differenze con quelli dello Spedale, furono costretti nel 1585 di là
partirsi, e fu lor dato per abitazione l'antico Monistero e Chiesa di
S. Maria d'Agnone, nella contrada di Capuana, e non molto da poi nel
1587, coll'ajuto de' Napoletani, comprarono il palagio della famiglia
Caracciolo con alcune case contigue, dove fabbricarono il lor Monastero
con l'Ospedale e Chiesa sotto il titolo di _S. Maria della Pace_[391].

Una nuova Congregazione chiamata _dell'Oratorio di S. Filippo
Neri_, fece ancor fra noi maravigliosi progressi. Fu fondata questa
Congregazione in Napoli nell'anno 1592, sotto il Pontificato di
Clemente VIII, essendo Arcivescovo di questa città Annibale di
Capua. I Padri, che da Roma ci vennero per fondarla, abitarono, nel
principio, nelle stanze degl'Incurabili; ma comprato il palazzo di
Carlo Seripando, dirimpetto alla Porta maggiore dell'Arcivescovado
per ducati cinquemila e cinquecento per contribuzione fatta da diversi
Napoletani divoti, e trasmutatolo in una Chiesa, si trasferirono quivi:
ma riuscendo angusto il luogo al numero della gente, che veniva ad
ascoltare i loro sermoni, e crescendo in maggior copia le limosine,
pensarono da' fondamenti erger una nuova e magnifica Chiesa, e di
stender più ampiamente le loro abitazioni[392]. Edificio, che col
correr degli anni si è reso il più ricco ed il più maestoso di quanti
mai si ergessero in Napoli; e che ora gareggia con li più superbi e
magnifici Palagi de' Principi; e le loro ricchezze sono giunte a tanta
grandezza, quanto ciascuno, stupido, ammira.

I _Servi di Maria_ ebbero a questi tempi fra noi più care ed affettuose
accoglienze. Erano stati dal famoso Giacomo Sannazaro nell'anno 1529
invitati a servire una Chiesetta, ch'egli in Mergellina avea fabbricata
sotto nome di _S. Maria del Parto_ e di _S. Nazario_, alla quale per
ciò costituì una dote di ducati 600 l'anno, con che otto Sacerdoti
di quell'Ordine dovessero ivi assistere a' Divini ufficj. Ma a questi
tempi da Giancamillo Mormile, erede del Poeta, fu la Chiesa ampliata,
e siccome narra l'Eugenio[393], a' suoi dì vi erano da 30 Frati di
quest'Ordine, che la servivano.

Ma nel 1585 un Frate Servita Napoletano, chiamato _Fr. Agostino de
Juliis_, avendo preso a censo il suolo da Ugo Fonseca, con limosine de'
Napoletani, fabbricò in Napoli a quest'Ordine una nuova Chiesa, sotto
il nome di _S. Maria Mater Dei_; indi Giambattista Mirto pur Servita,
preso dall'amenità e bellezza del sito, ampliò non men la Chiesa,
che il Convento, con fabbricarvi abitazioni più comode, come ora si
vede[394].

Pure i _Camaldulesi_ a questi tempi fecero fra noi grandi progressi,
per la liberalità di Giambattista Crispo. Teneva egli un ricco podere,
vicino ad un'antica Chiesa, sotto il nome del _Salvatore a Prospetto_,
per esser sopra un monte elevato, donde si scorge il Mar Tirreno
coll'Isole intorno sino a Gaeta e quasi tutta intera Terra di Lavoro:
costui, per aver da presso questi Monaci, ottenne Breve Appostolico,
che questa Chiesa fosse data a' PP. suddetti, ed egli vi aggiunse
molta parte del suo podere; e con suoi proprj danari nel 1585, diede
principio alla fabbrica del Romitorio. Ad emulazione del Crispo,
Carlo Caracciolo per la medesima fabbrica donò loro molta quantità di
denaro; e D. Giovanni d'Avalos fratello del Marchese di Pescara nel suo
testamento lasciò loro un Legato di 500 ducati l'anno per l'erezione
d'una nuova Chiesa col titolo di _S. Maria Scala Coeli_. Il Marchese di
Pescara erede, in cambio di questo Legato, lor diede diecimila ducati,
onde il Romitorio fu ampliato e fatta la nuova Chiesa[395].

I _Cappuccini_ ancora a questi tempi, trassero a se la devozione
de' nostri Napoletani, a' quali nell'anno 1530 fu conceduta
dall'Arcivescovo Vincenzo Caraffa e dagli Eletti della città la Chiesa
di _S. Efrem_, li quali erano stati in Napoli condotti da Fr. Lodovico
di Fossombruno Marcheggiano, ancorchè altri lo facciano Calabrese[396].

Ma nel 1570, essendo più cresciuta la divozione de' Napoletani verso
questa Riforma, alcuni Cappuccini con le limosine da lor raccolte,
e spezialmente da Gianfrancesco di Sangro Duca di Torre Maggiore e
Principe di S. Severo, da Adriana Caraffa sua moglie e da Fabrizio
Brancaccio famoso Avvocato di que' tempi, fabbricarono un ben grande
Convento, sopra il suolo conceduto loro insieme con altri territorj
adjacenti dall'istesso Principe con comode abitazioni; onde fu reso
capace di gran numero di Frati, che vi dimorano, e fuvvi fabbricata
ancora una convenevol Chiesa sotto il nome della _Concezione_[397].

Degli Ordini antichi si ersero nuove Chiese e ben ampj Monasteri: i
_Domenicani_ colle limosine de' Napoletani, tratti da una miracolosa
Immagine della Vergine, trovata in quel luogo, fecero il disegno,
il quale poi fu condotto a fine con quella stupenda Chiesa e
magnificentissimo Monastero della _Sanità_[398]. Ne fu eretto un altro
ancor magnifico, con ampia Chiesa sotto il nome di _Gesù Maria_[399].
L'altro di _S. Severo_, e tanti altri. I _Carmelitani_ ne costrussero
degli altri, non meno che gli Agostiniani e quelli della Riforma
de' _Romiti di S. Agostino_. Insino i Frati _Minimi di S. Francesco
di Paola_ ersero nel 1587 un nuovo e ampio Convento con magnifica
Chiesa, sotto il nome di _S. Maria della Stella_[400]. Niente dico
de' _Gesuiti_, gli acquisti de' quali e le fondazioni di nuovi Collegj
e Case Professe erano nel maggior incremento. In breve non furon mai
vedute tante frequenti e sì spesse erezioni di nuove Chiese e Monasterj
e maggiori profusioni in donare, o lasciar alle Chiese, ed a' Monaci
quanto quelle, che seguirono nel finir di questo secolo e il cominciar
del seguente.


  FINE DELL'OTTAVO VOLUME.



TAVOLA DE' CAPITOLI CONTENUTI NEL TOMO OTTAVO


  LIBRO TRENTESIMOSECONDO                                pag.   5

  Cap. I. _D. Pietro di Toledo riforma i Tribunali
         di Napoli, onde ne siegue il rialzamento
         della giustizia_                                 »     9
      §. I. _Riforma del Tribunal della Vicaria_          »    14
      §. II. _Riforma del Tribunal della Regia
         Camera_                                          »    16
      §. III. _Riforma del S. C. di Santa Chiara_         »    18
      §. IV. _Unione di tutti i Tribunali nel Castel
         Capuano_                                         »    19
      §. V. _Ristabilimento della giustizia nelle
         Province del Regno; e nelle loro Udienze_        »    21
  Cap. II. _Spedizione dell'Imperador Carlo V in
         Tunisi: sua venuta in Napoli; e di ciò,
         che quivi avvenne nella sua dimora e ritorno:
         e quanto da alcuni Nobili si travagliasse
         per far rimuovere il Toledo dal
         governo del Regno_                               »    22
      §. I. _Venuta di Cesare in Napoli_                  »    28
      §. II. _Il Marchese del Vasto ed il Principe
         di Salerno con altri Nobili proccurano
         la rimozione del Toledo dal governo
         del Regno_                                       »    34
  Cap. III. _Il Toledo rende più augusta la città
         con varj provvedimenti: suoi studj per
         renderla più forte, più sana e più abbondante.
         Lo stesso fa in alcune città e
         lidi del Regno, onde cinto di molte Torri
         potesse reprimere l'incursioni del Turco_        »    38
  Cap. IV. _La medesima provvidenza vien data
         dal Toledo nelle Province e nell'altre
         città del Regno, per l'occasione, che ne
         diede Solimano, che con potente armata
         cercava invaderlo_                               »    45
      §. I. _Giudei discacciati dal Regno_                »    52
  Cap. V. _Inquisizione costantemente da' Napoletani
         rifiutata; e per quali cagioni_                  »    55
      §. I. _Inquisizione di nuovo tentata, ma
         costantemente rifiutata sotto l'Imperador
         Carlo V_                                         »    66
      §. II. _Inquisizione nuovamente tentata nel
         Regno di Filippo II, ma pure costantemente
         rifiutata_                                       »   105
      §. III. _Inquisizione occultamente tentata da
         Roma introdursi in Napoli ne' Regni di
         Filippo III e IV e di Carlo II, ma sempre
         rifiutata, ed ultimamente con Editto
         dell'Imperador Carlo VI affatto sterminata_      »   133
  Cap. VI. _Nuova spedizione di Solimano collegato
         col Re di Francia sopra il Regno
         di Napoli, sollecitata dal Principe di Salerno
         che si ribella. Nuovi donativi per
         ciò fatti dal Regno per lo bisogno della
         guerra, che finalmente si dilegua_               »   152
  Cap. VII. _Spedizione di D. Pietro di Toledo
         per l'impresa di Siena, dove se ne
         morì. Seconde nozze di Filippo, Principe
         di Spagna, con Maria Regina d'Inghilterra;
         e rinuncia del Regno di Napoli
         fatta al medesimo da Cesare, il quale
         abbandonando il Mondo si ritira in
         Estremadura, dove nel Convento di S.
         Giusto finì i suoi giorni_                       »   158
  Cap. VIII. _Stato della nostra Giurisprudenza
         durante l'Imperio di Carlo V e de' più
         rinomati Giureconsulti, che fiorirono ai
         suoi tempi_                                      »   166
  Cap. IX. _Politia delle nostre Chiese durante il
         Regno dell'Imperador Carlo V_                    »   177
      §. I. _Origine del Tribunale della Fabbrica
         di S. Pietro, e come, e con quali condizioni
         si fosse fra noi introdotto, e poi ai
         nostri tempi sospeso_                            »   181
      §. II. _Monaci e Beni Temporali_                    »   187

  LIBRO TRENTESIMOTERZO                                   »   194

  Cap. I. _Guerra mossa dal Pontefice Paolo IV
         al Re Filippo per togliergli il Regno.
         Sua origine, pretesto ed inutile successo_       »   197
  Cap. II. _Trattato con Cosmo Duca di Firenze,
         col quale furono ritenuti dal Re i Presidj
         di Toscana, ed investito il Duca
         dello Stato di Siena cedutogli dal Re
         Filippo. Ducato di Bari, e principato di
         Rossano acquistati pienamente al Re, per
         la morte della Regina Bona di Polonia.
         Morte della Regina Maria d'Inghilterra,
         e terze nozze del Re Filippo,
         che ferma la sua Sede stabilmente in
         Ispagna_                                         »   235
      §. I. _Ducato di Bari e Principato di Rossano
         acquistati pienamente al Re Filippo
         per la morte della Regina Bona di
         Polonia_                                         »   239
      §. II. _Morte della Regina Maria d'Inghilterra,
         e terze nozze del Re Filippo, il
         quale si ritira in Ispagna, donde non
         uscì mai più_                                    »   247
  Cap. III. _Del Governo di D. Parafan di Rivera
         Duca d'Acalà, e de' segnalati avvenimenti,
         e delle contese ch'ebbe con gli
         Ecclesiastici ne' dodici anni del suo
         Viceregnato; ed in prima intorno
         all'accettazione del Concilio di Trento_         »   250
      §. I. _Contese insorte intorno all'accettazione
         del Concilio di Trento nel Regno di Napoli_      »   253
  Cap. IV. _Contese insorte intorno all'accettazione
         della Bolla in COENA DOMINI di
         Pio V_                                           »   272
  Cap. V. _Contese insorte intorno all'EXEQUATUR
         REGIUM delle Bolle e rescritti del Papa,
         ed altre provvisioni, che da Roma vengono
         nel Regno_                                       »   305
      _Angioini_                                          »   315
      _Aragonesi_                                         »   316
      _Austriaci_                                         »   327
  Cap. VI. _Contese per li Visitatori Appostolici
         mandati dal Papa nel Regno; e per le
         proibizioni fatte a' Laici citati dalla Corte
         di Roma, di non comparire in quella
         in modo alcuno_                                  »   344
  Cap. VII. _Contese insorte per li casi misti; e
         per la porzione spettante al Re nelle Decime,
         che s'impongono dal Papa nel
         Regno alle persone Ecclesiastiche_               »   355
  Cap. VIII. _Contese per li Cavalieri di S. Lazaro_      »   360
  Cap. IX. _Contese insorte per li Testamenti pretesi
         farsi da' Vescovi a coloro, che muojono
         senza ordinargli; ed intorno all'osservanza
         del Rito 235 della Gran Corte
         della Vicaria_                                   »   368
  Cap. X. _Legazione de' Cardinali Giustiniano,
         ed Alessandrino a Filippo II per questi,
         ed altri punti giurisdizionali; donde
         nacque il costume di mandarsi da
         Napoli un Regio Ministro in Roma per
         comporgli_                                       »   374
  Cap. XI. _Morte del Duca d'Alcalà: sue virtù,
         e sue savie leggi che ci lasciò_                 »   386

  LIBRO TRENTESIMOQUARTO                                  »   393

  Cap. I. _Del Governo di D. Antonio Perenotto
         Cardinal di Granvela, e de' più segnalati
         successi de' suoi tempi. Sua partita e
         leggi che ci lasciò_                             »   395
  Cap. II. _Di D. Innico Lopez Urtado di Mendozza
         Marchese di Mondejar: sua infelice
         condotta e leggi che ci lasciò_                  »   412
  Cap. III. _Delle cose più notabili accadute nel
         governo di D. Giovanni di Zunica Commendator
         Maggiore di Castiglia e Principe
         di Pietrapersia: sua condotta e leggi
         che ci lasciò_                                   »   422
      §. I. _Spedizione di Portogallo_                    »   435
      §. II. _Emendazione del Calendario Romano_          »   437
      §. III. _Fine del Governo di Pietrapersia e
         leggi che ci lasciò_                             »   448
  Cap. IV. _Governo di D. Pietro Giron Duca
         d'Ossuna, e sue leggi_                           »   449
  Cap. V. _Governo di D. Gio. di Zunica Conte
         di Miranda reso travaglioso per l'invasione
         degli sbanditi. Suoi monumenti e
         leggi che ci lasciò_                             »   451
  Cap. VI. _Del Governo di D. Errico di Gusman
         Conte di Olivares. Sue virtù, e leggi che
         ci lasciò_                                       »   460
  Cap. VII. _Morte del Re Filippo II, suo testamento,
         e leggi che ci lasciò; e delle varie
         Collezioni delle nostre Prammatiche_             »   464
      §. I. _Collezione delle nostre Prammatiche_         »   472
      §. II. _Del Codice Filippino, compilato per
         privata autorità dal Reggente Carlo di
         Tappia_                                          »   474
  Cap. VIII. _Stato della nostra Giurisprudenza
         nel fine di questo XVI Secolo, e principio
         del seguente, così nell'Accademie,
         come ne' Tribunali; e de' Giureconsulti,
         che vi fiorirono_                                »   476
      §. I. _Stato dell'Università de' nostri Studj
         a questi tempi_                                  »   487
  Cap. IX. _Politia delle nostre Chiese durante il
         Regno di Filippo II insino alla fine del
         secolo XVI_                                      »   495
      §. I. _Della Emendazione del Decreto di
         Graziano e delle altre Collezioni delle
         Decretali_                                       »   496


  FINE DELL'INDICE.



NOTE:


[1] Gior. del Rosso, pag. 85.

[2] Toppi de Orig. Trib. tom. 2 lib. 4 cap. I mim. 83, 87 et seqq.

[3] Giorn. del Rosso pag. 89.

[4] Giorn. del Rosso, pag. 103.

[5] Summ. tom. 4. Tasson. de Antef. vers. 4 obs. 3 num. 25.

[6] Giorn. del Rosso pag. 105.

[7] Giorn. del Rosso, p. 107.

[8] Rosso pag. 67.

[9] Giorn. del Rosso, pag. 122.

[10] Privil. et Capit. di Nap. fol. 103 a ter. Tasson. De Antef. vers.
4 observ. 3 num. 27.

[11] Giorn. del Rosso, pag. 129 et 130.

[12] Cap. et Privil. di Nap. pag. 102.

[13] Giorn. del Rosso, p. 92.

[14] Rosso, Giorn. p. 105.

[15] V. Tutin. Orig. de' Seggi.

[16] Rosso, Giornali.

[17] V. Summ. part. 4 lib. 7 cap. 4.

[18] Giorn. del Rosso, pag. 142.

[19] P. Fiore Calabr. Illustr. l. 1 par. 1 cap. 5 num. 3.

[20] V. Summ. par. 4 l. 7 cap. 4. Roseo Hist. lib. 1.

[21] Giorn. del Rosso, pag. 135.

[22] Vedi la Pramm. De Judaeis nelle antiche edizioni di Napoli del
1570 e di Venezia del 1590.

[23] V. Toppi de Orig. Trib. par. 2 lib. 1 c. 4 n. 34.

[24] V. Engenio Nap. Sacr. pag. 534.

[25] Guicciard. lib. 1.

[26] V. Chioc M. S. Giuris. tom. 8.

[27] Ubert. Foliet. Tumul. Neapolit. Thuan. lib. 3. Histor.

[28] Thuan. lib. 3. Hist. Augebat horrorem perversa, et praepostera
judiciorum forma, quae contra naturalem aequitatem, et omnem legitimum
ordinem in jurisdictione illa explicanda observatur: tum etiam
immanitas tormentorum, quibus plerumque contra veritatem quicquid
delegatis judicibus libebat, a miseris, et innocentibus reis, ut se
cruciatibus eximerent, per vim extorquebatur: quo fiebat, ut non tam
pietatis tuendae causa eam inventam dicerent, cui alia via satis ex
antiqua Ecclesiae disciplina prospectum esset, quam ut eversis ista
ratione etiam omnium fortunis, liberis capitibus periculum crearetur.

[29] Param. de Orig. S. Inqu. lib. 2 tit. 2 cap. 10.

[30] Ubert. Foliet. Tumul. Neap. Thuan. loc. cit. Itaque nec
Ferdinandus cum eo tempore Neapolim venisset, id impetrare potuit, et
Inquisitores illuc tunc missi, a Neapolitanis male accepti, ac postremo
Regno ejecti sunt.

[31] Vedi la Prammatica 2 de Judaeis, nell'impressione di Napoli del
1570.

[32] Zurita Ann. d'Arag. lib. 5 cap. 70 et lib. 9 cap. 76. En las
pregones, que se hizieron en la publicazion d'esto, se proponia
al principio, que aviendo conocido el Rey l'antiqua observancia, y
religion de aquella Ciudad, y de todo el Reyno, y el zelo, que tienen
a la Santa Fee Catolica, avia provido, que la Inquisicion se quitasse
por el sussiego, y bien universal de todos.

[33] Mariana lib. 30. Hist. cap. 1. Totius Provinciae in verae
Religionis constantia, et animorum pietate, satis prospectam
Inquisitionis rem, et nomen minus videri necessariam, proinde cessare,
et amoveri sancitum.

[34] Guic. lib. 13.

[35] Gior. del Rosso, fol. 133.

[36] Giorn. del Rosso, fol, 135.

[37] V. Toppi Biblioth. lit. G.

[38] Epist. I ad Corinth. cap. 5. Si quis autem superaedificat super
fundamentum hoc, aurum, argentum, lapides pretiosos, ligna, foenum,
stipulam, uniuscujusque opus manifestum erit: dies enim Domini
declarabit, quia in igne revelabitur: et uniuscujusque opus quale sit,
ignis probabit.

[39] V. Thuan. Hist, lib. 39 pag. 779.

[40] Ubert. Fol. Tumult. Neapolit.

[41] Tuan. lib. 3 hist.

[42] Soave lib. 3 ann. 1547.

[43] Pallavic. lib. 10 cap. 1.

[44] V. Gio. Battista Adriano, Hist. l. 6.

[45] Ubert. Foliet. De Tumult. Neap. fol. 34 Thuano lib. 2 Hist. fol.
195. Bentivogl. Istoria di Fiandra par. I lib. 3 in Orat. Duc. Feriae
ad Philip. H. Paramo. De Orig. S. Inquis. lib. 2 cap. 10 tit. 2. Card.
Pallavic. Hist. Conc. Trid. lib. 10 c. 1 nu. 4.

[46] Chiocc. M. S. Giur. t. 8.

[47] Soave Ist. del Conc. l. 5 pag. 417.

[48] Thuan. L. 22 Hist.

[49] V. G. Dict. V. Algerius.

[50] V. Thuan. l. 29.

[51] Thuan. loc. cit.

[52] Thuan. l. 23 Hist.

[53] Thuan. l. 33 Hist. Soave loc. cit. pag 425.

[54] Thuan. l. 23 Histor. Soave loc. cit. p 426.

[55] Thuan. lib. 36 Histor. ann. 1563.

[56] Thuan. in Epist. dedic. suae Histor. ad Henr. IV.

[57] Thuan. loc. cit. Pars il Calabriam concessit, in eaque diu, atque
adeo usque ad Pii IV Pontificatum continuit.

[58] Summ. tom. 4 lib. 10 cap. 4.

[59] P. Fiore Calabr. iliust. lib. 1 par. 1 cap. 5 num. 6.

[60] V. Nicod. ad Biblioth. Top. pag. 124.

[61] Chioccar. tom. 8 de S. Inquisit. Offic. car. loc. cit.

[62] Spondan. ann. 1561 n. 31.

[63] Chioccar, loc. cit.

[64] Summ. tom. 4 1. 10 c. 4.

[65] Salernit. decis... Revert. vol. 1 decis. 27.

[66] Summ. l. c.

[67] Chioccar. in Archiep. Neap. et in M. S. Inquis. Off.

[68] Joana. Ant, Gangian. in Histor. Vita P. de Arelio, c. 16.

[69] Chioccarel. M. S. Giurisd. tom. 8.

[70] Chioc. loc. cit. et to. 4.

[71] Chioccar. loc. cit. tom. 8.

[72] Chioc. loc. cit.

[73] Suarez lib. Defens. Fidei, cap. 4 lib. 6 num. 17 et 18.

[74] Richer. in Apologia pro Jo. Gerson. pag. 197 et seqq.

[75] V. Nino ad Bibl. Toppi V. Diction. Crit. V. Brunus.

[76] Chioc. loc. cit. tom. 8 in fin.

[77] Si allega dal Re Carlo II nel suo Diploma, che si legge tom. 2.
Cap. e Graz. di Nap. fol. 217.

[78] Si legge nel tom. 2 de' Capit. e Graz. di Nap. p. 217.

[79] Capit. e Grazie di Carlo II tom. 2 pag. 217 e 218.

[80] Cap. etc. tom. 2 pag. 219.

[81] Capit. e Graz. di Carlo VI tom. 2 pag 231.

[82] Si legge ne' Cap. e Graz. tom. 2 p. 231.

[83] Capit. e Graz. di Carlo VI. tom. 2 pag. 232.

[84] Cap. et Graz. del Regno di Carlo V.

[85] V. Toppi de Orig. Tribun. par. 2 lib. 4 c. I. num. 87.

[86] Camer. cons. 371 post. Cannet.

[87] V. Toppi, de Orig. Trib. t. 3 p. 187.

[88] V. Toppi de Orig. Trib. t. 2 l. 4 c. 1 n. 22.

[89] V. Toppi de Orig. Trib. tom. 2 1. 3 cap. n. 23.

[90] V. Toppi loc. cit. n. 25.

[91] Rota Epigram. fol. 59.

[92] Foliet. tumul. Neap.

[93] Vedi Toppi loc. cit. num. 26.

[94] Rota Epigram. fol 39.

[95] Franchis decis. 470 num. 4.

[96] Nicod. Addit. ad Biblioth.

[97] V. Topp. de Orig Trib. tom. 2 lib. 4 cap. 1 num. 98.

[98] V. Toppi loc. cit. numer. 101.

[99] Chioccarel. M. S. Giurisd. tom. 12.

[100] Capit. e Privileg. di Nap. fol. 138 a ter.

[101] V. Card. de Luc. Relat. Cur. Rom. disc. 20 n. 36.

[102] Luca loc. cit.

[103] Luca loc. cit. n. 23.

[104] Chiocc. tom. 12.

[105] Tom. 2 pag. 1374.

[106] Giornali del Rosso, pag. 95.

[107] V. Engen. Nap. Sac pag. 85.

[108] V. Thuan. Hist. sui temp. Contin. t. 4 l. 7 pag. 465.

[109] Tom. 2 pag. 1667.

[110] V. Engen. Nap. Sacr. pag. 308.

[111] Mazzella Descriz. del Reg. di Nap. Costo in Apolog. Tassone de
Antef.

[112] V. Cronologia Prag. tom. 1.

[113] Thuan. l. 5.

[114] Chioc. Archiep. Neap. A. 1549.

[115] Thuan. Hist. lib. 15.

[116] Thuan. lib. 22. Hist. Tum a curis belli vacuus, totum se
Inquisitionis muneri, quod sanctissimum vocabat, mancipavit, quam in
omnes severe admodum exercuit. Huic ut praeesset Michaelem Gislerium
Alexandrinum nuper a se in Cardinalium Collegium cooptatum summa
austeritate, ac morum asperitate virum delegit: et in hoc Tribunali
non haereseos solum, sed aliquot etiam crimina, quae aliorum Judicum
sententiis definiri solebant, agitari voluit.

[117] Summ. tom. 4 p. 273.

[118] Chioc. de Archiep. Neap. loc, cit.

[119] Thuan lib. 15. Hist.

[120] Baco Hist. vitae et mortis; altos gerens spiritus et imperiosus.

[121] Thuan. lib. 17. Hist.

[122] Si legge questa lettera presso il Summonte, tom. 4 lib. 10 cap. 1.

[123] Thuan. lib. 17. Hist.

[124] Questa lettera si legge presso Chioc. M. S. Giur. tom. 1 in fin.

[125] La sentenza suddetta parimente è rapportata dal Chioc. loc. cit.

[126] Aless. Andrea della Guerra di Campagna di Roma, e del Regno di
Napoli nel Pontificato di Paolo IV. Ragionamento 1.

[127] Summ. par. 4 lib. 10 cap. 1.

[128] Alessandro Andrea Rag. 1.

[129] Queste lettere si leggono impresse dal Summonte loc. cit.

[130] Aless. Andrea Reg. 1.

[131] Le risposte fatte dal detto Teologo colla data di Valladolid de'
15 novemb. 1555 sono rapportate dal Chioc. tom. 18 M. S. Giur. in fine.

[132] Aless. Andrea Rag. 1.

[133] Aless. Audr. Tuano lib. 17 Rag. 1 Hist.

[134] Aless. Andr. Rag. 2.

[135] Aless. Andrea Rag. 2.

[136] Aless. Andrea Rag. 2.

[137] Tuan. lib. 18. Hist.

[138] Aless. Andrea Rag. 2.

[139] Aless. Andrea Rag. 3.

[140] Tuan. lib. 18. Hist.

[141] Tuan. lib. 18. Hist.

[142] Aless. Andrea Rag. 3.

[143] Tuan. lib. 18 in fin.

[144] Aless. Andrea Rag. 3.

[145] Bellum injustum lo chiama Tuano lib. 17, 18. Hist.

[146] Chioc. tom. 18. M. S. Giurisd. in fin.

[147] Tuan. lib. 20. Histor.

[148] Nani, Histor. Venet.

[149] Tuan. lib. 15 in fine: Ditionem Senensium, jure Imperii ad se
devolutam, Philippo filio concessit.

[150] Tuan. lib. 18. Hist.

[151] Chioccar. M. S. Giurisd. tom. 18.

[152] Tuan. hist 1. 18. Tandem in eas leges conventum, ut Cosmus, ac
liberi ejus, Philippi beneficio Senensem ditionem acciperent, ut eam
ipse a Caesare parente acceperat, exceptis Herculis Portu, Telamone,
Monte-Argentario, Orbitello, et Piombini arce, quam sibi Philippus
servabat, et ita aes omne alienum tam Cesari olim a Cosmo commodatum,
quam in belli sumptus factum, quod ipsi a Philippo F. debebatur,
dissolutum intelligatur, icto item foedere, quo uterque vicissim hinc
ad Principatus Mediolanensis, ac Regni Neapoletani, inde ad Etruriae
defensionem teneatur, etc. Missus vicissim Carolus Dezza cum aliquot
Hispanis, qui arcem Plombinensem a Cosmo instauratam reciperet,
qua excepta, et Urbe ex suo nomine in Ilva a Cosmo aedificata, ac
Portu ejus, quae ex pactis in potestate ipsius remanebat, tota ditio
Plombinensis Jacopo Apiano ejus Domino a Bernardo Bolea Albani iussu
restituta est.

[153] Il privilegio è rapportato dal Chiocc. l. c.

[154] Beatil. Istor. di Bari, l. 4.

[155] Martin. Cromer. in Orat. funebr. Sigis. Polon. Regis.

[156] V. Oraz del Cieco d'Adria.

[157] Summont. p. 4 lib. 10 cap. 4.

[158] Top. tom. 3. De orig. Trib.

[159] Thuan. lib. 21.

[160] P. Soave Histor. Conc. pag. 419.

[161] Thuan. lib. 20. Histor.

[162] Thuan. l. 20. Hist.

[163] L'instrumento di questa pace è rapportato da Federico Lionaud
nella sua Raccolta, tom. 2 p. 535.

[164] Thuan. lib. 23. Hist. in ea certum domicilium, quod sub Carolo
parente quodam modo vagum fuerat, in posterum fixurus.

[165] Thuan. l. 20. Hist.

[166] Thuan. lib. 36.

[167] Thuan. lib. 36 pag. 737.

[168] Thuan. lib. 26. Hist.

[169] Thuan. loc. cit.

[170] P. de Marca lib. 2. De Concor. Sacerd. et Imp. cap. 17 num. 6.

[171] Probat. Libert. Gall. c. 14.

[172] Richer. Apolog. pro Jo. Gers. pag. 194.

[173] Vedi il Continuator di Tuano to. 4 lib. 7 pag. 462.

[174] P. Soave pag. 638.

[175] Van-Espen, Tract. de promulg. 11. Ecel. par. 3 e. 2 § 2.

[176] Bertrand Loth. in Resolut. Belgic. tract. 2 art. 5.

[177] Ant. Ans. Trib. Belg. c. 32.

[178] Bodin. De Rep. lib. 1 cap. 6. Hispanos Reges excipio, servos
Pontificum Romanorum obsequentissimos.

[179] Chioc. M. S. Giurisd. tom. 17.

[180] Queste relazioni del Reggente Villano si leggono nel Tom. 17 de'
M. S. Giurisd. del Chiocc.

[181] Conc. Trid. sess. 4 Decr. de edit. lib.

[182] Sess. 25 de Refor, cap. 3.

[183] Sess. 34 de Reform. Matr. cap. 8.

[184] Pallavic nell'Istor. del Conc. lib. 6 cap. 12.

[185] Pallavic. lib 2 cap. 6.

[186] Sess. 5. De Reformat. cap. 1.

[187] Sess. 21 cap 4. De Reformat. sess. 24 de Reform. cap. 13.

[188] Sess. 22 de Reformat. cap. 8, 9, 10, 11.

[189] Sess. 23 de Reform. cap. 6, 17 et 28.

[190] Sess. 24 de Reform. cap. 11.

[191] Sess. 25 de Refor. cap. 5.

[192] V. Chiocc. tom. 5 de Casibus mistis, et de Decimis. M. S. Giurisd.

[193] Chiocc. M. S. Giurisd. tom. 5 de Casib. mist. De Concub.

[194] V. Chiocc. M. S. Giurisd. tom. 15 de Extauritis.

[195] Thuan. 1. 39. Histor.

[196] Thuan. loc. cit.

[197] Vedi Apologia Tomo V, parte seconda cap. III.

[198] Amendue queste Bolle si leggono nel tom. 4 de' M. S. Giurisd. del
Chioccar.

[199] Franc. Toleti Summa de instruct. Sacerdotum, lib. 1.

[200] Lione Alacci. Ciarlant. in Saonic lib. 5 c. 23. Toppi in Bibl.
Neapolit. Lion. Duardo.

[201] V. Richer. Apolog. Jo. Gerson. pag. 194.

[202] Martin. Becan. Opusc. quo respondit ad Aphorismos falso Jesuitis
impositos, respons. ad 9. Aphorismum.

[203] Tom. Costo 3 par. del Compendio al Collen. l. 3.

[204] Reginald. Prax. for. poenit. lib. 3 e 21 num. 325.

[205] Thuan. 1. 44 pag. 893.

[206] Probationes libert. Eccl. Gallic. per Pytheos, c. 7 num. 50 et 55
et Comment. in easdem libertat. artic. 17.

[207] Addit, ad num. 57 d. c. 7.

[208] Zypeus in Jure novo tit. de Ordinandis, u. 14.

[209] Van-Espen tract. De Promulgat. II Eccles. par. 2 c. 3 § 4.

[210] Girolamo Catena, Vita di Pio V fol. 98 et 101.

[211] Thuan. lib. 44 pag. 893.

[212] Card. Albitius de Inconstant. in Fide, c. 30 n. 404, 405 et 413.

[213] Questa Consulta colle precedenti si leggono presso Chioc. tom. 4.
M. S. Giurisd. de Bulla in Coena Domini.

[214] Queste Consulte si leggono presso Chioc. 1. c.

[215] Thuan lib. 44.

[216] Questa lettera si legge presso Chiocc. loc. cit. e queste sono
le sue parole: Mas de que se ha tenido aqui secreto lo que el Nuncio
os dicho certa de la Orden, que Su Santitad havia dado, paraque no
se pubblicasse la Bulla in Coena Domini, basta otra arden suyo, y nos
avisareis si esto se continue.

[217] Queste parole del Re si leggono in una Consulta fatta dal
Consiglio del Brabante all'Arciduca Leopoldo nell'anno 1657 rapportata
da Van-Espen de Placito Regio, in Appendice Monum. fol. 125.

[218] Card. Albitius, de Inconstantia in Fide, c. 30 a n. 403 ad n. 414.

[219] Salgad. de Protect. Reg. par. 1 c. 1 praelud. 5 n. 321 et de
Releut. Bullar, par. 1 cap. 2 n. 114.

[220] Tappia de Contrab. Cler. n. 77 et seqq.

[221] Van-Espen. Tract. de Promulg. ll. Eccl. par. 1 per totum.

[222] Albit. loc. cit. num. 404, 405 et 413.

[223] Archiv. Cast. S. Ang. cas. 14, 9, n. 22.

[224] Questa lettera è rapportata dal Chiocc. fol. 15 a ter. e nel tom.
4 de' M. S. Giuris.

[225] Duar. de Socr. Eccl. Min.

[226] La Bolla è rapportata dal Chioc. tom. 4 De Regio Exequatur.

[227] Van-Espen tract. de Promulg. II Eccl. part. 2 cap. 3.

[228] V. Salgad. in iract. De Retent. Bull. et reg. protect.

[229] Van-Espen De Promulgat, II. Eccles. ubi De Plac. Reg. p. 2 c. 2
per tot.

[230] Covar. Pract. qq. cap. 10 num. 56.

[231] Belluga in Speculo Principis, rubr. 13 verb. restat.

[232] Card. de Luca Relat. Rom. Cur. disc. 2 num. 36.

[233] Van-Espen loc. cit. p. 3 c. 1 § 1 et 2.

[234] Van-Espen. 1. c. p. 5 per tot.

[235] Marta De Jurisd. part. 4 cap. 4. Tommaso del Bene De Immunit.
cap. 8 dub. 10 num. 4, 6 et 16. Diana par. 4 tract. 1 resol. 9 §
igitur. Acosta in Bull. Cruciat. q. 69 per tot. Bellet. disquis. Cler.
part. 1 De Exempt. Cl. § 3 nu. 26 e 27, ed altri.

[236] Camill. Borrel in Comm. ad Stat. Neap.

[237] Van-Espen De Plac. Reg. par. 2 cap. 3 § 3.

[238] Chioc. tom. 4 M. S. Giur. De Reg. Exequatur.

[239] Covar. Pract. qu. c. 35 n. 4.

[240] Belluga in Speculo Princ. rubr. 13 verb. restat.

[241] Cevallos Comm. contr. Com.

[242] Manuel. Istor. di Gio. II lib. 4.

[243] Reg. de Ponte M. S. Giur. de Reg. Exequ. n. 22.

[244] Menoch. tract. De Jurisd. l. 1 c. 19.

[245] Van-Espen De Placit. Reg. p. 2 § 1 et 2.

[246] Argentr. l. 2 Hist. c. 14.

[247] Fabro C. l. 7 tit. De Appell. ab abusu.

[248] Cutello ad l. Federici not. 46 et ad l. Mart. not. 64.

[249] Angel. cons. 23.

[250] Amato to. 2 resol. 28 et 82 n. 28. Jac. de Grassis lib. 4 decis.
aurearum, etc. super explicat. Bul. in Coen. Dom. c. princ. 18 n. 20.

[251] Ughel. tom. 1 in Episc. Militens. nu. 16.

[252] Tutti questi esempj vengono rapportati dal Chioccar. tom. 4 de
Regio Exequatur.

[253] Ughel. tom. 9 in Episc. Marturan. num. 24.

[254] (Della Casa Ruffo è il Principe di Scilla in Regno di Napoli, ed
il Marchese di Gauberti, ed il Conte della Riccia in Regno di Francia).

[255] Chioccar. l. c. ed è citata d. Prammat. in una Consulta del Duca
d'Alcalà.

[256] Innoc. VIII. Constitut. 17 num. 2, 3.

[257] Chiocc. t. 4 de Reg. Exeq.

[258] Chioc. M. S. tom. 4 de Exeq. Reg. fol. 77.

[259] Chioccarell. de Reg. Exeq. tom 4.

[260] Si legge nel lib. dei Privil. di Nap.

[261] Lionard tom. 1 Rac. de' Tr. delle Paci, etc. Anno 1500.

[262] Auctor. de Jure Belgar. circa Bull. recept. c. 2 n. 2.

[263] Van-Espen. Tract. de Promulgat. II. Eccles. part. 2 de Placito
Regio, c. 1 § 2 ed in Append. fol. 178 lit. A, ivi: Epistola Ferdinandi
Regis Catholici die 22 Maji 1508 ad Vice Regem Neapolitanum, occasione
Brevis, quod Papa miserat in Regnum Neapol. noleus illud ibidem
observari, non obtentis litteris Placiti, sive Pareatis.

(Questa Lettera è rapportata anche in idioma spagnuolo e franzese da
Lunig nel Tom. 2 pag. 1338.)

[264] Chiocc. M. S. Giurisd. de Reg. Exeq.

[265] Tutti questi esempj vengono rapportati dal Chiocc.

[266] Leo X. Constit. 20.

[267] Chioc. loc. cit.

[268] Clem. VII. Constit. 39.

[269] Ex Archiv. Vatic. Cod. 668 Bzov. tom. 19. A 1512.

[270] Chioc loc. cit.

[271] Girolamo Catena, Vita di Pio V fol. 101.

[272] Ex Archiv. Cast. S. Ang. cas. 14. 9 num. 22.

[273] Probat. libertat. Eccl. Gall. cap. 10.

[274] Van-Espen De Placito Regio, part. 2 cap. 2 § 2.

[275] Pragm. 5 De Citationib. tit. 19.

[276] Van-Espen. tract. De Plac. Reg. in App. fol. 218 lit. P.

[277] Van-Espen De Plac. Regio, part. 2 c. 1 § 2.

[278] Rovit. super cit. prag. 5.

[279] Il Chioccarello rapporta la lettera del Re loc. cit.

[280] Chioc. loc. cit.

[281] Chiocc. loc. cit.

[282] Rovit. aliique passim sup. Prag. 1 De Censib.

[283] Chiocc. loc. cit.

[284] Chiocc. loc. cit.

[285] Chioccar. loc. cit. in fin.

[286] Graz. e privileg. di Nap. t. 2 p. 220 et 231.

[287] Lion Ostiens. l. 3 t. 13.

[288] Apud Baron. et Capec. Latr. Hist. Neap. l. 2 pag. 75.

[289] Tutti questi atti si leggono presso Chiocc. tom. 4 de Visitat.
Apostol.

[290] Pragm. R. Ferd. L. de anno 1474.

[291] Queste Consulte si leggono presso Chiocc. loc. cit. De laicis non
citand.

[292] Chiocc. tom. II. M. S. Giur.

[293] Thuan. lib. 38 Hist.

[294] V. Fleur. Costum. degl'Isdrael.

[295] Thuan. loc. cit. cum Fridericus Ahenobarbus multas eis
possessiones in Calabria, Apulia, ac Sicilia attribuisset, etc.

[296] Chiocc. de Milit. S. Lazar. tom. 10, M. S. Giurisd.

[297] Chiocc. loc. cit.

[298] Thuan. lib. 38.

[299] Thuan. loc. cit. genus repetunt.

[300] Chiocc. loc. cit.

[301] Thuan. loc. cit.

[302] Loyseau des Sign. des Just. Eccl.

[303] Cardin. de Luca Const. l. et rat. observ. 75.

[304] Chiocc. M. S. Giurisd. tom. 17.

[305] Chiocc. tom. 10. M. S. Giur.

[306] Chiocc. De Legat. t. 14 M. S. Giur.

[307] Thuan. l. 49 Hist. p. 1001.

[308] Thuan l. 50 Hist. p. 1031.

[309] Thuan. l. 50.

[310] Tutti questi atti e scritture si leggono in Chiocc. De Legat. t.
14.

[311] Thuan. l. 47 Hist.

[312] Thuan. l. 71 in fin. tom. 2.

[313] Thuan. l. 47. Pessimo exemplo in Principe orbis Christiani
familia inchoato, et inde ad nobilitatem, et a nobilitate ad plebem
usque se extendente.

[314] Thuan. Hist. lib. 31 pag. 1062.

[315] Opusc. Amm. disc. 8.

[316] Thuan. Hist. lib. 51 pag. 1057.

[317] Thuan. tom. 2 lib. 55 in princ.

[318] Thuan. lib. 55 pag. 48.

[319] Summ. par. 4 lib. 11 fol. 393.

[320] Chiocc. tom. 5 M. S. de Casib. Mistis.

[321] Tuano lib. 62 in princ. tom. 2.

[322] Summont. part. 4 lib. 1.

[323] Thuano lib. 52. Hist. in princ.

[324] T. 2 p. 1362.

[325] Summ. l. 4 l. 11.

[326] Summ. l. c.

[327] Somm. t. 4 l. 11.

[328] Thuan. lib. 69 et 70.

[329] Baco de Verulam. Hist. Henrici VII Angl Reg.

[330] Thuan. lib. 69 tom. 1.

[331] Thuan. lib. 59.

[332] Summont. part. 4 pag. 415.

[333] Thuan. lib. 59.

[334] Thuan. lib 59 in fin.

[335] Thuan. lib. 70 tom. 2.

[336] Bacon. in Histor. Henr. VII.

[337] Thuan. lib 65 t. 2 pag. 229.

[338] V. Thuan. Hist. l. 126 tom. 3 p. 952.

[339] Jo. Fianc. de Ponte De Potest. Pror. tit. 10 § 1 De Insigniis, et
Armis.

[340] Lib. 17 c. 17.

[341] V. Thuan. l. 76 to. 2 p. 441.

[342] Dione lib. 43.

[343] Lib. 1 de Leg. Constant. M.

[344] Baco de Aug. scient. l. 1.

[345] De Clar. Legum Interpr. a. 177.

[346] Thuan. lib. 76 p. 444.

[347] Syntag. Histor. German. Dissert. 37 § 97.

[348] Tom. IV pag. 144. Theatr. Europ. Tom. XV p. 691.

[349] Thuan. loc. cit.

[350] Chioc. M. S. Giurisd. toni. 4 De Reg. Exeq. pag. 92.

[351] Summont. pag. 428 tom. 4.

[352] Baron. Martyrolog. die 3 Aug.

[353] Cave Hist. della Vita de' Martiri.

[354] Tom. 2 pag. 1358.

[355] Thuan. Hist. tom. 3 lib. 82 in princ.

[356] Chiocc. tom. 17 var. de Convent. etc. super persecut. bannit.

[357] Thuan. tom. 3 lib. 1.

[358] Annotazioni del Costo sopra il Compendio del Collenuccio.

[359] Lionard. tom. 3 in fin.

[360] Thuan. lib. 120. Hist. tom. 3 pag. 831.

[361] Thuan. lib. 120. Hist. tom. 3 p. 831.

[362] Chioccar. M. S. Giur. de S. Officio, etc. ove s'allega la Pramm.
de Judeis, etc. dell'Ediz. del 1570.

[363] Toppi, de Orig. Trib. tom. 2 pag. 335.

[364] Tappia Tit. 1. De novo Philippi Codice componendo.

[365] Vedi il Continuatore di Tuano tom. 4 lib. 7 pag. 457, ove si
legge lo scritto del Savarone.

[366] Frag. 74 De Off. S. R. C. Toppi Tom. 2. De Orig. Trib. pag. 43.

[367] Toppi tom. 2 loc. cit.

[368] Toppi tom. 1 pag. 298 De Orig. Trib.

[369] Summ. part. 4 pag. 426.

[370] Toppi tom. 2 pag. 241.

[371] Rota lib. Epigram. fol. 60.

[372] Toppi de Orig. Trib. tom. 2 pag. 184.

[373] V. Arturo Duck De Auth. jur. civ. lib. 1 in fine, pag. 103.

[374] Card. de Luca de Judic. disc. 35.

[375] Toppi Biblioth. pag. 8.

[376] Toppi Biblioth. pag. 88.

[377] Toppi Biblioth. pag. 27.

[378] Toppi Biblioth. pag. 109.

[379] Marin. Galler, part. 1 ne' Ritratti.

[380] Nicod. ad Bib. Toppi p. 50.

[381] Nicod. in Bib. Toppi, pag. 234.

[382] Baluz. Praef. ad Ant. Aug. § 29.

[383] V. Ant. Aug. de Emend. Grat. lib. 1 dial. 1.

[384] Bulla Greg. praemissa Corp. Jur. Can.

[385] V. Struv. Hist. Jur. Can. c. 7 § 32.

[386] V. Struv. l. c. § 34.

[387] Struv. l. c.

[388] Eugen. Nap. Sacra, pag. 602.

[389] Beatil. Ist. di Bari, lib. ult. in fin.

[390] Engen. l. c. p. 195.

[391] Eng. Nap. Sac. p. 142.

[392] V. Engen. Nap. Sacr. p. 127.

[393] V. Eng. Nap. Sac. p. 663.

[394] Eng. loc. cit. pag. 603.

[395] Engen. loc. cit. pag. 668.

[396] V. Engen. pag. 644.

[397] Engen. fol. 601.

[398] V. Engen. pag. 610.

[399] V. Engen. fol. 597.

[400] V. Engen. fol. 609.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Istoria civile del Regno di Napoli, v. 8/9" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home