Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | HTML | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Istoria civile del Regno di Napoli, v. 9/9
Author: Giannone, Pietro
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Istoria civile del Regno di Napoli, v. 9/9" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                             ISTORIA CIVILE
                                  DEL
                            REGNO DI NAPOLI


                                   DI
                            PIETRO GIANNONE


                              VOLUME NONO



                                 MILANO
                           PER NICOLÒ BETTONI
                              M.DCCC.XXII



STORIA CIVILE DEL REGNO DI NAPOLI

LIBRO TRENTESIMOQUINTO


Il Regno di _Filippo III_, che quasi cominciò col nuovo secolo XVII,
paragonato con quello del padre e dell'avolo fu molto breve; e per ciò,
che riguarda il nostro Reame, voto di grandi e segnalati avvenimenti.
Succedè egli al padre in età poco più di venti anni, e secondo il
costume de' suoi predecessori prese l'investitura del Regno da Papa
Clemente VIII a' 9 di settembre dell'anno 1599[1]. Non vi regnò, che
ventidue anni e mezzo, insino al 1621, anno della sua morte. Filippo
suo padre gli lasciò la Monarchia ancorchè di sterminata grandezza per
lo nuovo acquisto del Regno di Portogallo, infiacchita però di denari e
di forze. Fu egli un Principe, quanto di singolare pietà, altrettanto
disapplicato al Governo, e che contento della Regal Dignità, lasciò
tutto il potere a' Consigli, a' Favoriti, ed a' Ministri. Nel suo
regnare comandarono in Napoli quattro Vicerè, de' quali il primo fu _D.
Ferrante Ruiz di Castro Conte di Lemos_, del quale, e delle cose più
ragguardevoli accadute in tempo del suo governo, saremo ora brevemente
a narrare.



CAPITOLO I.

_Di D. FERDINANDO RUIZ DI CASTRO Conte di LEMOS, e della congiura
ordita in Calabria per opera di FR. TOMMASO CAMPANELLA Domenicano, e di
altri Monaci Calabresi del medesimo Ordine._


Rimosso, per le cagioni rapportate nel precedente libro, il Conte
d'Olivares, fu da Filippo III destinato Vicerè il Conte di Lemos,
il quale giunto in Napoli a' 16 di luglio del 1599 insieme con D.
Caterina di Zunica sua moglie e D. Francesco di Castro suo figliuolo
secondogenito, applicò subito (essendo di spirito grande e magnanimo)
a perfezionare ed ingrandire gli Edificj pubblici, che i suoi
predecessori aveano lasciati imperfetti. Ma tosto fu richiamato a
cose più gravi e serie, per una congiura ordita in Calabria da Tommaso
Campanella, della quale bisogna ora far parola.

Costui avendo sofferta lunga prigionia in Roma, dove i suoi difformi
costumi e l'aver dato sospetto di miscredenza, l'Inquisizione gli avea
fatto soffrire i suoi rigori, ritrattandosi degli errori, e mostrandone
pentimento, ottenne d'esser liberato; ma gli fu assegnato per sua
dimora un picciol Convento in Stilo sua patria, donde non potesse
più vagare. Ma essendo di genio torbido ed inquieto, per vendetta de'
rigori sofferti in Roma, cominciò in quell'angolo a tentar nuove cose.
Persuase a' Frati di quel Convento, che nell'anno 1600, secondo gli
aspetti degli Astri, di cui egli ben s'intendeva, doveano accadere
grandi revoluzioni e mutazioni di Stato, e spezialmente nel Regno ed
in Calabria: che per ciò bisognava prepararsi e far comitiva di gente
armata, perchè a lui gli dava il cuore in quella rivoluzione di mutar
le Calabrie, ed il Regno in una ottima Repubblica, con toglierlo dalla
tirannide de' Re di Spagna e de' loro Ministri, gridando _libertà_; e
perch'era un grande imbrogliatore, sovente nelle sue prediche diceva,
ch'egli era destinato da Dio a tal impresa, e che di questo suo fatto
nelle profezie di S. Brigida, in quelle dell'Abate Gioachimo e di
Savonarola, e nell'Apocalissi stessa si faceva memoria, ancorchè ad
altri oscura, a lui molto chiara. Che per ciò egli avea eletti due
mezzi, cioè la _lingua_ e le _armi_. Colla _lingua_ bisognava predicar
_libertà_ contra la tirannide de' Principi e de' Prelati, per animar
i Popoli a scuoter il giogo; e che per ciò egli avrebbe il seguito di
molti Religiosi, che avrebbero con lui cooperato a questo fine. Per le
_armi_, egli per terra si credeva facilmente avere quelle de' Banditi
e degli altri fuorusciti, e dopo aver mossi costoro, d'aver il concorso
della plebe minuta, e con romper le carceri abbruciare i processi e dar
libertà a tutti, accrescere le forze: oltre di molti Signori e Prelati,
li quali avrebbe tratti a quest'impresa. Per mare e' si fidava aver
l'armata del Turco, il quale sarebbe accorso a dargli ajuto.

Cominciò egli ad insinuar questi sentimenti a molti in Stilo, poco dopo
la morte di Filippo II, nell'istesso anno 1598, com'egli confessa nella
sua deposizione ed in effetto trovandosi allora quella Provincia piena
di fuorusciti, e gravati i popoli per le tante contribuzioni e per
una nuova numerazione allora seguita, non solo trasse a se i Frati, ma
molti altri di Stilo e de' suoi Casali, li quali avrebbero volentieri
ricevuta l'occasione d'ogni tumulto e rivoluzione.

Fatto ciò, scelse per Catanzaro _Fr. Dionisio Ponzio_ del suo Ordine,
di Nicastro, il quale predicando a molti con fervore quest'istesso,
esagerava molto più, che il Campanella, per facile l'impresa: diceva,
che costui era un uomo mandato da Dio, e che per ciò se gli dovea
credere: ch'era sopra tutti gli uomini dottissimo e scienziato, il
quale avendo conosciuto, che nell'anno 1600 doveano seguire grandi
mutazioni e cangiamenti di Stato, per ciò non dovean lasciarsi scappare
quest'opportunità di divenir liberi, che per quest'effetto s'era dato
pensiero a molti Predicatori di diverse Religioni, e fra gli altri
agli Agostiniani, Zoccolanti e Domenicani, che insinuassero a' popoli,
che i Re di Spagna erano tiranni, e che questo Regno se l'aveano
tirannicamente usurpato; e che per ciò erano a casa del Diavolo; e
che li popoli, per li tanti pagamenti e collette, erano costretti per
soddisfarle a perder l'anima ed il corpo: che per revelazioni fatte
a più Religiosi questa era volontà di Dio di cavar il Regno da simili
suggezioni, per la poca giustizia de' Ministri del Re, che vendevano
il sangue umano per danari, scorticando i poveri, onde doveano tutti
accorrere per agevolar l'impresa, proccurando altri loro amici e
confederati, li quali in determinato giorno, sentendo gridar _libertà_,
si sollevassero tutti, essendosi concertato d'ammazzare tutti gli
Ufficiali del Re, rompere le carceri, liberar i carcerati ed in segno
di libertà, abbruciar tutti li processi; e tanto più dovean riputar
facile la impresa, che molte terre della provincia erano già pronte ed
apparecchiate, coll'intelligenza ancora d'alcuni Signori e Prelati, e
che per quest'effetto tenevano tutti li Castelli a loro divozione e che
trattavano avere ancora il Castello di Cotrone.

Fra' Ministri più fedeli e fervorosi del Campanella, oltre al _Ponzio_,
furono ancora _Fr. Giovan-Battista_ di Pizzoli, _Fr. Pietro_ di Stilo
e _Fr. Domenico Petroli_ di Strignano; e del Convento de' Domenicani di
Pizzoli più di 25 Frati di quest'Ordine, aveano fatti grandi progressi,
unendo molti fuorusciti, e tirando al lor partito molti altri Religiosi
e Calabresi; e non pur in quella provincia, ma nell'altra vicina erasi
attaccata la contagione.

Secondo le pruove, che si leggono nel processo fabbricato di questa
congiura (copia del quale M. S. si conserva presso di Noi), de'
Frati di diversi Ordini, fra gli altri di Agostiniani, Zoccolanti
e Domenicani, depongono vari testimoni ch'erano più di 300. I
Predicatori, che aveano l'incombenza d'andar secretamente insinuando
e persuadendo i popoli alla sollevazione, erano 200. Tra Vescovi,
che n'erano intesi, e che nascostamente favorivano l'impresa, si
nominavano il Vescovo di Nicastro, quello di Girace, l'altro di Melito
ed il Vescovo d'Oppido. Ne furono parimente intesi alcuni pochi Baroni
Napoletani, ma il numero de' provinciali fu ben grande, i nomi de'
quali, per buon rispetto delle loro famiglie, che ancor durano, qui si
taciono.

Queste prediche (almeno secondo vantavano il Campanella ed il Ponzio)
aveano ridotti molti cittadini delle città e terre non men dell'una,
che dell'altra provincia. Si contano, Stilo co' suoi Casali, Catanzaro
così per li Nobili, come per li Popolani, Squillace, Nicastro,
Cerifalco, Taverna, Tropeja, Reggio co' suoi Casali, S. Agata, Cosenza
co' suoi Casali, Cassano, Castrovillari, Terranuova e Satriano.

Non meno il mezzo della _lingua_, che quello delle _armi_ avea fatti
maravigliosi progressi. Per terra oltre i Castelli, de' quali si
promettevano, aveano uniti 1800 fuorusciti, ed alla giornata cresceva
il lor numero per l'impunità promessa e libertà sognata: promettevano
di liberare tutte le Monache da' Monasterj, uccider tutti li Preti e
Monaci che non volevano aderire ad essi, e passar a fil di spada tutti
li Gesuiti. Volevano abbruciar tutti i libri e far nuovi Statuti: che
Stilo dovea esser Capo della Repubblica, e far chiamare quel Castello,
_Mons Pinguis_, e che Fr. Tommaso Campanella s'avea da chiamare il
_Messia_ venturo, siccome già alcuni de' congiurati lo chiamavano.
Per mare, teneva il Campanella nella Marina di Guardavalle sentinelle,
le quali, quando passava qualche legno Turco col pretesto di doversi
riscattare qualche schiavo, andassero a trattar co' Turchi, ed insinuar
loro la resoluzion presa di sollevarsi, e che perciò fossero pronti
ad accorrere ed agevolar l'impresa; di vantaggio fece nella Marina
di Castelvetere imbarcare Maurizio di Rinaldo con otto altri compagni
sopra le Galee di Murath Rays, perchè trattassero col Bassà _Cicala_
il soccorso della sua armata, offerendogli molte Fortezze e terre;
ed in fatti, essendo comparse nel mese di giugno le Galee di Murath
nella Marina di S. Caterina e Guardavalle, per conchiudere il trattato
e stabilire il modo da tenersi, fu conchiuso per la mediazione di
Maurizio, che l'armata fosse venuta nel mese di settembre, perchè alla
sua comparsa si sarebbe fatta la sollevazione, con entrare nelle terre,
e gridando _libertà_, ammazzare gli Ufficiali del Re, e tutti coloro
che si fossero opposti.

Ma come è difficile, ove vi corra tempo, e sia grande il numero de'
congiurati, tenersi simili maneggi lungamente celati, fu la congiura
scoverta da Fabio di Lauro e Giovan-Battista Blibia di Catanzaro,
complici di quella, li quali la palesarono a D. Luigi Xarava, che si
trovava allora Avvocato Fiscale della provincia di Calabria ultra,
e per mezzo del medesimo ne fecero una piena e distinta relazione
al Conte di Lemos Vicerè. Il Conte spedì tosto in Calabria D. Carlo
Spinelli con amplissima autorità, il quale col pretesto di fortificar
quelle Marine contra l'invasione de' Turchi, pensava a man salva
imprigionare tutti i congiurati; onde portatosi in Catanzaro, ed
all'ultimo d'agosto di quest'anno 1599, ricevute avanti il Fiscale
le deposizioni di Fabio di Lauro e Giovan-Battista Blibia, cominciò
a carcerare segretamente alcuni de' congiurati; ma la fuga d'uno, e
l'essersi da poi il cadavere del fuggitivo affogato in mare, veduto in
quelle marine, rese pubblico il fatto; onde sparpagliati i congiurati
si diedero in fuga, e costrinsero lo Spinelli a palesemente operare.
Alcuni spensierati furono presi senza contrasto, fra' quali fu
_Maurizio di Rinaldo_, il quale, e prima e dopo la tortura, confessò il
tutto; altri scapparon via; ma _Tommaso Campanella_, ch'era corso alla
marina travestito per imbarcarsi, fu colto in una capanna per opera
del Principe della Rocella. _Fra Dionisio Ponzio_, ancorchè fosse stato
più presto ad imbarcarsi, per sottrarsi dal supplicio, fu arrestato in
Monopoli in abito sconosciuto di secolare.

E veramente fu la congiura scoverta a tempo opportuno; poichè già
il Bassà Cicala, secondo il trattato, a' 14 settembre del medesimo
anno s'era fatto vedere al capo di Stilo con 30 Galee, il quale non
avendo trovata quella corrispondenza, che i congiurati gli avean fatta
sperare, anzi vedute le marine guarnite di soldatesche ben disposte a
riceverlo, si ritirò alla Fossa di S. Giovanni, donde, dopo la dimora
d'alcuni giorni, fece vela verso Levante.

I presi furon esaminati e tormentati, li quali nelle loro deposizioni
scovrirono altri, che erano intesi nella congiura, e furono mandati in
Napoli sopra quattro Galee, e giunti al Porto, il Vicerè, per terror
degli altri, ne fece due d'essi sbranar vivi dalle Galee medesime,
ed appiccare quattro all'antenne: tutti gli altri furono mandati in
carcere per punirli secondo il merito di ciò che venivano rei. Il
Campanella, col Ponzio, ed alcuni altri Preti e Frati, stati presi,
furon condotti nel Castello.

Nacque tosto contesa di giurisdizione intorno alla loro condanna:
gli Ecclesiastici pretendevano volerli essi giudicare, all'incontro
i Ministri regj dicevano, che la cognizione del delitto di fellonia
s'apparteneva a' Tribunali del Re, non ostante il carattere, che
portavano molti de' congiurati di persone Ecclesiastiche e Religiose.
Fu preso temperamento, che il Nunzio per delegazione della Sede
Appostolica insieme con un Ministro del Re, che fu D. Pietro di Vera,
giudicassero la causa de' Preti e de' Frati, e che a rispetto delle
molte ed esecrande eresie, delle quali erano imputati, procedesse il
Vicario Generale della Diocesi, con l'intervento di Benedetto Mandini
Vescovo di Caserta.

I Frati furono aspramente tormentati; ma il Ponzio in mezzo de'
tormenti non lasciossi scappar di bocca nè pure una sola parola.
Fu tormentato ancora il Campanella, di cui si legge una sua lunga
deposizione fatta nel mese di febbrajo del nuovo anno 1600, nella
quale, a guisa di fanatico e di forsennato, sia per malizia, sia per lo
terrore, ora affermando, ora negando, tutto s'intriga e s'inviluppa:
gli riuscì, per tante cose strane ed inette che gli usciron di bocca,
farsi creder pazzo, onde fu condennato a perpetuo carcere, dal quale
a lungo andare pure seppe co' suoi imbrogli uscirne; onde finalmente
ricovratosi in Francia finì in Parigi i giorni suoi nell'anno 1639[2].

I secolari sottoposti a' Tribunali del Re furono sentenziati secondo i
delitti, de' quali erano convinti: il Consigliere Marcantonio di Ponte
fu destinato Commessarie alle loro cause, e molti con crudelissima
morte pagarono la pena della loro ribalderia. Maurizio Rinaldo essendo
stato condennato alle forche, mentr'era per giustiziarsi avanti il
largo del Castel Nuovo, disse, che per disgravio di sua coscienza dovea
rivelare alcune cose di somma importanza; il Vicerè fece trattener la
giustizia, e lo fece condurre in Vicaria, dove fece una lunghissima
deposizione, nella quale minutamente espose l'ordine tenuto in questa
congiura, e svelò maggior numero di congiurati, la quale ratificò anche
ne' tormenti, e poco da poi portato di nuovo al patibolo, avanti la
piazza del Castel Nuovo lasciò su le forche ignominiosamente la vita.

Così dileguossi questo turbine, ma non per ciò, tornato che fu il
Vicerè da Roma, ov'erasi portato in quest'anno del Giubileo, per
render ubbidienza al Pontefice Clemente VIII in nome del Re, fu libero
da nuovi timori del Turco; poichè Amurath Rays nel mese d'agosto del
medesimo anno comparve con sei vascelli nelle marine di Calabria, e
posta a terra la sua gente a' lidi della Scalea, meditava dar il sacco
a quella Terra e luoghi circostanti; ma fattasegli valida resistenza
da D. Francesco Spinelli Principe della Scalea, ancor che fugasse que'
barbari, vi lasciò egli però miseramente la vita.

Fu spettatore il Conte da poi di quella comedia, che un impostore
volle rappresentare in Napoli sotto la maschera di D. Sebastiano Re
di Portogallo, di cui nel precedente libro fu brevemente narrata la
favola. Ed avendo la Contessa di Lemos moglie del Vicerè invogliato il
Re a far un viaggio per Italia per vedere il Regno di Napoli; dandone
Filippo speranza, il Conte riputando il Palagio regale di Napoli
edificato da D. Pietro di Toledo, troppo angusto per un tant'Ospite, e
per una così numerosa e splendida Corte, pensò d'edificarne un altro
più maestoso e magnifico, ed ottenutosene assenso dal Re, ne fece
fare il disegno dal celebre Architetto _Fontana_. Così cominciossi la
fabbrica della nuova abitazione de' nostri Vicerè, la quale continuata
da poi con non minor magnificenza da D. Francesco di Castro suo
figliuolo, s'ammira ora per uno delli più stupendi e magnifici edificj
di Europa, sufficiente a ricevere non uno, ma più Principi e Corti
regali.

Non si tralasciò ancora da Spagna, in tempo del suo governo, premere
il Regno con nuovi donativi; onde ragunatosi un Parlamento generale
in S. Lorenzo, nel quale, come Sindico, intervenne Alfonso di Gennaro
nobile della piazza di Porto, si fece al Re un donativo d'un milione e
ducentomila ducati, oltre di venticinquemila altri donati al Vicerè.

Ma poco da poi infermatosi il Conte, fu il male così pertinace, che
sempre più avanzandosi, finalmente a' 19 d'ottobre di quest'anno 1601
gli tolse la vita. Fu il suo cadavere con magnifico accompagnamento
trasportato nella Chiesa della Croce de' Frati Minori, dove gli
furon celebrate pompose esequie. Governò egli il Regno due anni e tre
mesi, nel qual tempo promulgò diciassette _Prammatiche_ tutte savie
e prudenti, per le quali si emendano molti abusi ne' Tribunali, e si
danno altri salutari provvedimenti, che possono vedersi nella tante
volte accennata _Cronologia_, prefissa nel primo tomo delle nostre
Prammatiche.

Lasciò morendo, in vigor di regal carta venutagli mentr'era infermo,
per _Luogotenente_ del Regno _D. Francesco di Castro_ suo figliuolo,
giovane di 23 anni, ma maturo di senno e di prudenza, il quale lo
governò insino ad aprile del 1603, nel qual tempo pubblicò diece savie
_Prammatiche_, ed ebbe pure ad accorrere alle scorrerie del Bassà
_Cicala_, il quale nel 1602 pose le sue genti in terra alle marine
del Regno, e saccheggiò Reggio[3]. Cedè egli il governo al _Conte di
Benavente_, eletto da Filippo per nostro Vicerè, di cui ora bisogna
brevemente ragionare.



CAPITOLO II.

_Del Governo di D. GIOVANNI ALFONSO PIMENTEL D'ERRERA Conte di
BENAVENTE; e delle contese, ch'ebbe con gli Ecclesiastici per la Bolla
di Papa GREGORIO XIV, intorno all'immunità delle Chiese._


Giunto che fu il Conte in Napoli a' 6 aprile di quest'anno 1603 mostrò
un'applicazion continuata alla retta amministrazione della giustizia,
e vedendo rilasciata la disciplina, riprese il rigore, e con serietà
attese ad emendare gli abusi de' Tribunali, a sollecitar le cause
criminali, ordinando di più, che tutti i processi, che marciavano
ne' Tribunali delle province venissero in Napoli, dove sollecitamente
fossero spediti i rei, o con morte, o col remo, o con altri castighi a
proporzione de' delitti, de' quali erano convinti. Fu rigido e severo
in punir i delinquenti, e sovente non faceva valer loro il refugio alle
Chiese, cotanto era cresciuto il numero de' ribaldi, siccome tuttavia
cresceva quello delle Chiese, onde con facilità si ponevano in salvo:
ciò che accese nuove contese con Roma per l'immunità di quelle, di cui
più innanzi saremo a favellare.

Ma non meno la perduta disciplina, che le gravezze, che soffrivano i
nostri Regnicoli, e le continuate scorrerie de' Turchi, non meno che
de' banditi, tennero occupato il Conte di Benavente in cure sollecite
e moleste. Per essere il Regno stato premuto tanto con sì spessi e
grossi donativi, e gravose tasse, mal si soffrivano poi nuove gravezze
e nuovi dazj. Non finivan mai i bisogni della Corte e le richieste di
nuovi soccorsi; onde bisognò finalmente venire all'imposizione d'una
nuova gabella sopra i frutti. Dispiacque notabilmente alla plebe sì
scandalosa gabella, ed ancorchè soffrisse il giogo, non lasciava
internamente d'abborrirlo e di scuoterlo sempre che le ne veniva
l'opportunità. Avvenne, che un Gabelliere avea fatto dipingere nella
casetta ove riscoteva il dazio, posta al Mercato, otto Santi Protettori
della Città: ciò parendo disdicevole al Vicario Generale della Diocesi,
volendo egli farsi giustizia colle sue mani, mandò un suo Ministro
con comitiva, con ordine di cancellar quelle Immagini con molto rumore
e strepito. Accorse per ciò ivi molta gente, ed in un tratto si vide
quella contrada piena di popolo: alcuni fomentati da' mal contenti,
credendo che il tumulto fosse per levar via la gabella, si lanciarono
sopra quella stanza per rovinarla da' fondamenti, affinchè si togliesse
ogni vestigio di sì abbominevol dazio. Fu il tumulto sì strepitoso,
che se la vigilanza del Vicerè non faceva tosto accorrer gente per
quietarlo, sarebbe certamente degenerato in una aperta rivoluzione. Si
quietò finalmente, ed il Vicerè volle prender severo castigo de' Capi
principali dell'eccesso, e sopra ogni altro, dell'impertinente Ministro
mandato dal Vicario, cagione di tutto il disordine: si opposero a ciò
gli Ecclesiastici con attaccar brighe di giurisdizione; ma il Vicerè
castigò severamente i Capi, e mandò in galea il Ministro del Vicario.

Una nuova gabella imposta sopra il sale cagionò pure dell'amarezze
e disturbi; ma sopra tutto era intollerabile l'uso delle _monete_,
tanto avidamente tosate da' Monetarj, che impedivano notabilmente
il commercio: fu la città per sollevarsi, ma vi diede il Conte tosto
riparo, con lasciar correre le _zannette_ (moneta, il cui valore era di
mezzo carlino) giuste o scarse che fossero, e che l'altre monete, nuove
o vecchie, si ricevessero a peso per supplire con ciò alle tosate, e
per togliere a' Monetarj l'occasione di tosarle per l'avvenire.

Le scorrerie de' Corsari Turchi nelle marine di Puglia non meno
frequenti che dannose, saccheggiavano, predavano e riducevano in
ischiavitù non picciol numero di persone. Essi s'aveano fatto asilo la
Città di Durazzo nell'Albania, lontana dal Capo d'Otranto non più che
cento miglia. Per isnidarli da quel luogo, fu risoluto doversi impiegar
ogni opera per distrugger Durazzo. Ne fu data la cura al Marchese di
S. Croce, il quale colla squadra delle nostre galee, giunto nei lidi
d'Albania, e poste a terra le soldatesche ed artiglierie, superò a viva
forza il Castello di Durazzo, diede il sacco alla Città, la distrusse,
e ciò che vi rimase, fece divorar dalle fiamme.

I banditi dall'altra parte non lasciavano d'infestar le Calabrie:
vi accorse D. Lelio Orsini per far loro argine, ne dissipò buona
parte, ma non gli estinse affatto; imperocchè essendo notabilmente
cresciuti, provvidero alla loro salvezza, ritirandosi altrove tra monti
inaccessibili.

Ma non meno fastidiose e moleste furono le contese, ch'ebbe il Conte
di Benavente a sostenere con gli Ecclesiastici per cagion d'immunità
pretesa, non meno per le loro persone, che per le Chiese. La gran
pietà del Re Filippo III, e la poca sua applicazione al Governo
de' suoi Regni, diede lor animo di far nuove sorprese, e sopra
tutto di far valere nel Regno la _Bolla di Gregorio XIV_ stabilita
intorno all'immunità delle Chiese. Si resero a questi tempi sopra
noi maggiormente animosi, dal vedere, che in quella famosa contesa
insorta tra il Pontefice Paolo V colla Repubblica di Venezia, sopra
la quale tanto si è disputato e scritto, il Re Filippo pendeva dalla
parte del Pontefice; e non ostante, che la causa di quella Repubblica
doveva esser comune a tutti i Principi, seppero far sì, che il Re, non
solo s'impiegasse a trattar per essi vantaggioso accordo, spedendovi
a tal effetto in Venezia D. Francesco di Castro con carattere di
suo Ambasciadore; ma l'indussero a comandare al Conte di Benavente
nostro Vicerè, e al Conte di Fuentes Governador di Milano, che in
ogni caso assistessero alla difesa della Sede Appostolica; onde da
Napoli il Vicerè mandò a quest'effetto in Lombardia ventidue insegne
di fanteria sotto il comando di Giantommaso Spina, ed altre ventitrè
sotto il Marchese di S. Agata. Quindi è, che fra la turba di coloro che
scrissero in questa causa a favor del Pontefice contra il P. Servita,
Fr. Fulgenzio e Giovanni Marsilio Teologi di quella Repubblica, ve ne
siano molti Spagnuoli, e de' nostri ancora, e tra questi vi fu anche il
_Reggente di Ponte_, riputato a torto fra noi il più forte sostenitore
della regal giurisdizione.

Avea Papa Gregorio nel 1591 pubblicata una Bolla, nella quale derogando
alle Bolle di Pio e di Sisto V, ristrinse il numero de' delitti
incapaci d'immunità, e quel che più era insopportabile, volle, che i
Giudici Ecclesiastici avessero a giudicare della qualità de' delitti,
e quali fossero gli eccettuati, affin di poter estrarre i delinquenti
dalle Chiese; e che il Magistrato Secolare non ardisse d'estrarli, se
non con espressa licenza del Vescovo; da poi che avrà costui giudicato
d'essere i rei immeritevoli del confugio, per aver commessi delitti
eccettuati dalla Bolla.

Prima il dichiarar le Chiese per _Asili_ e dichiarar i delitti,
s'apparteneva agl'Imperadori, come si vede chiaro ne' libri del Codice
di Teodosio e di Giustiniano, e per cinque interi secoli, la Chiesa
sopra ciò non v'avea stabilito canone alcuno[4]: la qual preminenza,
come fu veduto ne' precedenti libri di questa Istoria, fu lungo tempo
ritenuta da' nostri Principi. Da poi si videro stabiliti sopra ciò
alcuni canoni, ed i Pontefici non vollero in appresso tralasciare
nelle loro Decretali di maggiormente confermarsi in questo diritto.
Ma furono i primi canoni e le prime loro Costituzioni moderate e
comportabili, tanto che le Bolle di Pio e di Sisto non recarono fra noi
molta novità, nè furono stimate cotanto strane, sì che se ne dovesse
far risentimento, siccome accadde promulgata che fu questa di Gregorio,
contenente pregiudizj gravissimi alle preminenze del Re e de' suoi
Magistrati. Il Conte di Lemos D. Ferdinando, non la fece perciò valere
nel Regno, mentre vi era Vicerè, ed a' 2 d'agosto del 1599, fece dal
Reggente Martos far relazione al Re de' pregiudizj, che conteneva; ed
il Re sotto li 27 febbrajo del seguente anno 1600, gli rispose, che
non facesse sopra ciò far novità alcuna, ma che osservasse il solito
d'estrarre i delinquenti, che si ritirano nelle Chiese, avendo egli
ordinato, che si faccia istanza in Roma al Papa, acciò che moderi la
Costituzione di Gregorio. Il perchè avendo il Conte, niente curando
della Bolla, fatto estrarre di Chiesa il Marchese di S. Lucido, e
datane parte al Re, gli fu dal medesimo risposto sotto li 17 ottobre
del medesimo anno, che egli approvava il fatto, e che per l'avvenire
non permettesse sopra ciò far introdurre novità alcuna[5].

Ma nel governo del Conte di Benavente gli Ecclesiastici, resi più
animosi, impresero in ogni conto volerla far valere nel Regno, in tempo
men opportuno che mai; poichè la città, per la perduta disciplina,
era tutta corrotta, quando i delitti erano più frequenti, e quando le
Chiese erano cresciute in tanto numero, che non vi era angolo, che
non ne abbondasse. S'aggiungeva, che oltre alla Bolla di Gregorio,
li Canonisti ed altri Dottori Ecclesiastici aveano trattato questo
soggetto d'immunità con sentimenti così stravaganti e smoderati, che
finalmente rare volte, secondo essi, poteva avvenir caso di poter
estrarre rei per qualunque delitto, che si fosse, dalle Chiese; ed
ascrivendo alla sola Corte Ecclesiastica il potere di dichiarare i
delitti eccettuati, diedero in tali stranezze, che secondo le loro
massime, era impossibile poterne qualificar uno per tale. Di vantaggio
stesero a lor capriccio l'immunità de' luoghi, non solo a' Cimiterj,
Monasterj, Cappelle, Oratorj, alle Case de' Vescovi ed Ospedali;
ma anche agli atrj, alle case, alle logge, a' giardini, a' vacui ed
insino a' forni, ch'erano alle Chiese vicini. Sono in fine arrivati a
tale estremità di dire, che se il rifugiato, ancorchè laico, commetta
nel luogo dell'asilo qualche delitto, possa il Giudice Ecclesiastico
giudicarlo, col pretesto che si sia abusato del confugio.

Bastava, per non far valere la Bolla di Gregorio, la sola frequenza
de' delitti ed il tanto numero delle Chiese: di che poteva il Conte
di Benavente, per governo del Regno a se commesso, prender ancora
ammaestramento dalla sapienza del Senato Romano, il quale, secondo che
narra Tacito[6], crescendo tuttavia in molte città della Grecia l'abuso
di multiplicarsi gli _Asili_, tanto che quelle città erano ripiene
d'uomini scelleratissimi, per la licenza che lor dava l'immunità di
quelli, con danno gravissimo dello Stato, reputò il Senato, a cui
Tiberio avea commesso tal affare, che dovesse restringersi il numero
degli _Asili_.

Il Conte pertanto, per reprimere con maggior vigore la pretensione
degli Ecclesiastici, ne scrisse al Re sin da' 30 maggio del 1603; e
non cessando quelli di proseguir l'impresa, raddoppiò l'istanza a'
19 luglio 1606, pregandolo a dar pronto rimedio ad un tanto abuso;
poichè di continuo i Ministri Regj aveano differenza sopra ciò con
gli Ecclesiastici, li quali volevano in ogni modo eseguire la Bolla di
Gregorio, e perciò non tralasciavano contra quelli di fulminar monitorj
e scomuniche, ch'era lo stesso, che perturbare il Regno, e mandare a
terra la Regal Giurisdizione[7]. Dopo fatte queste rappresentazioni
al Re, essendo accaduto in Napoli, che a due Nobili venuti fra loro
in urta, per tema di maggior pericolo, si fosse ingiunto mandato
Regio di non partirsi dalle loro case; costoro poco di ciò curando si
fecer lecito di passeggiar per la città, non ostante il divieto, ed
incontratisi, cimentandosi a duello, ne rimase uno estinto: l'uccisore
con un suo compagno, ch'era Cavaliere Gerosolimitano, ed un servidore,
tosto si salvarono nel Convento di S. Caterina a Formello de' PP.
Domenicani. Ma non fece lor valere l'Asilo il Conte di Benavente;
poichè avendo fatto circondare il Convento da due compagnie di
Spagnuoli, e da quella del Capitan Alfonso Modarra, gittate a terra le
porte, amendue col servidore furono estratti, fatti prigioni e condotti
nelle carceri della Vicaria; e giudicata la causa, nel mese di maggio
del 1610 fu fatto mozzar il capo all'uccisore, risparmiando la vita al
Cavaliere, a riguardo dell'abito di S. Giovanni che portava.

Non mancò subito il Vicario dell'Arcivescovo di Napoli di dichiarar
scomunicati il Reggente ed Avvocato Fiscale di Vicaria, con affiggere
cedoloni ancora contra il Capitan Modarra e' suoi soldati, e contra
il Caporale e' soldati della guardia del suddetto Reggente, che aveano
rotte e fracassate le porte del Monastero ed estratti i rifugiati; ma
il Vicerè non tralasciò immantenente a' 6 del detto mese di mandar
una grave ortatoria al Vicario, che dichiarasse nulle tali censure,
e togliesse i cedoloni; e nell'istesso dì ne mandò un'altra per via
d'ambasciata al Nunzio, fattagli dal Segretario del Regno Andrea
Salazar, che desse ordine al Vicario, che levasse i cedoloni, siccome
a' 10 del medesimo se ne replicò un'altra al Vicario[8]; tanto che
colla restituzione del Cavalier Gerosolimitano nelle mani del suo
Giudice competente, fu composto l'affare, nè si parlò più di Bolla.
Distese con tal occasione il _Reggente di Fulvio di Costanzo_ Marchese
di Corleto una scrittura, che volle drizzarla al Pontefice Paolo
V, dove con molta evidenza dimostrava di doversi togliere, o almeno
moderare la Costituzione di Gregorio.

Ma questi ricorsi avuti in Roma furon sempre inutili; onde non
tralasciandosi dagli Ecclesiastici di farla valere, quando loro veniva
in acconcio, fu nel Pontificato di Clemente X preso espediente, di
mandar in Roma due Ministri per ottener qualche riforma agli abusi
dell'immunità Ecclesiastica, uno per lo Stato di Milano, che fu
il Visitator _Casati_, e l'altro per lo Regno di Napoli, che fu il
Consigliere allora _Antonio di Gaeta_, poi Reggente, trascelto dal
Conte di Pegneranna, che dopo il Viceregnato di Napoli, era passato in
Madrid al posto di Presidente del Consiglio d'Italia. Compose ancora
il Consigliere _Gaeta_ una dotta scrittura sopra questo soggetto, e
la indirizzò pure al Pontefice Clemente X ed al Marchese d'Astorga,
che si trovava allora Ambasciadore in Roma; ma la missione fu inutile,
siccome riuscirono in appresso sempre vani i ricorsi, che sopra ciò
s'ebbero in Roma vanamente lusingandoci, che da quella Corte si potesse
la Bolla riformare; onde ora non rimane altro rimedio, se non che
accadendo, che gli Ecclesiastici vogliano procedere a scomuniche per
far valere la Bolla (quando si è voluto usare la debita vigilanza) s'è
di lor presa severa vendetta, con discacciarli dal Regno, sequestrar le
loro rendite, e carcerare i loro parenti; siccome a' tempi nostri fu
praticato nel governo del Conte Daun, ch'essendosi con molto scandalo
di tutta la città fulminate censure contra i Giudici e l'Avvocato
Fiscale di Vicaria per essersi estratta da un forno attaccato ad una
Chiesa una venefica, che avea commesse infinite stragi, e tuttavia
nel luogo stesso del rifugio stava fabbricando veleni; fu con modi
non tanto strepitosi, quanto applauditi da tutti, cacciato dalla
città e Regno il Vicario dell'Arcivescovo, cacciati i suoi Ministri,
imprigionati i cursori, che ebbero ardimento d'affigger i cedoloni, e
sequestrate l'entrate all'Arcivescovo istesso.

Mentre con tanta vigilanza il Conte di Benavente amministrava il Regno,
pervenne avviso in Napoli, che il Re Filippo, secondo le insinuazioni
de' Favoriti, da' quali reggevasi la Monarchia, avea disegnato per
suo successore il Conte di Lemos figliuolo di D. Ferdinando; ond'egli
con molto dispiacere, e più della Contessa sua moglie, s'apparecchiò
a riceverlo per cedergli il Governo; e giunto il Lemos nel mese
di giugno di quest'anno 1610 nell'Isola di Procida, fu egli ad
incontrarlo, e quantunque l'avesse pregato ad entrare e stanziare in
Palagio, non volle il Lemos partire da quell'Isola per dar maggior
agio al predecessore di disporsi alla partenza. Partì finalmente il
Conte di Benavente da Napoli a' 11 del seguente mese di luglio, dopo
aver governato il Regno per lo spazio poco più di sette anni. Lasciò
di se monumenti ben illustri della sua giustizia (della quale fu
oltremodo zelante) e della sua magnificenza. Egli magnifico in tutte
le occasioni, che se gli presentarono in tempo del suo governo, come
si vide nelle feste, che fece celebrare nel 1605 per la natività di
_Filippo_ Principe delle Spagne: e nel 1607 per la nascita dell'Infante
D. Ferdinando, quegli, che sotto il nome di Cardinal Infante si rese
cotanto celebre al Mondo per la vittoria ottenuta agli Svizzeri
presso Norlinghen. Alla sua magnificenza dobbiamo quelle ampie e
Regali strade, una, che conduce a Poggio Reale ornata di bellissimi
alberi e d'amenissime fonti: l'altra, che dal Regio Palagio conduce
a S. Lucia, nobilitata da una vaghissima Fontana, adornata di Statue
d'esquisitissima scultura, siccome egli fu, che fece costruire il
Ponte, ed innalzare quella magnifica Porta della città, che conduce
al Borgo di Chiaja, volendo, che dal suo cognome si fosse chiamata
_Porta Pimentella_; e sotto i suoi auspicj fu fabbricato il Palagio
destinato per uso ed abitazione degli Ufficiali, che assistono alla
conservazione de' grani riposti ne' pubblici granai per l'Annona della
città. Nell'Isola d'Elba, posta ne' mari di Toscana, a lui dobbiamo il
_Forte Pimentello_: siccome nel Regno que' magnifici Ponti della Cava,
di Bovino e di Benevento.

Egli ci lasciò più di cinquanta Prammatiche tutte savie e prudenti.
Regolò per quelle le _Fiere_ del Regno, e comandò, che fossero
celebrate ne' tempi stabiliti ne' loro privilegi e non altramente:
proibì severamente l'asportazione delle arme corte, e fu terribile
contra i falsari e contra i giocatori; e diede altri salutari
provvedimenti intorno alla pubblica Annona, che secondo furono
stabiliti, possono vedersi nella _Cronologia_ prefissa al primo tomo
delle nostre Prammatiche.



CAPITOLO III.

_Del Governo di D. PIETRO FERNANDEZ DI CASTRO Conte di LEMOS; e suoi
ordinamenti intorno all'Università de' nostri Studi, perchè presso noi
le discipline e le lettere fiorissero._


Don Pietro di Castro fu figliuolo di _D. Ferdinando_, che morì in
Napoli essendovi Vicerè, e fratello di _D. Francesco_, che governò pure
il Regno in qualità di _Luogotenente_ lasciatovi da suo padre in vigor
di facoltà concedutagli dal Re. Giunto in Napoli trovò il Regno non pur
esausto, ma il Patrimonio Reale e la pubblica Annona in debito di più
milioni, in guisa, che nè la città avea modo di provveder di frumenti
i granai, nè la Cassa Militare di pagar le soldatesche. Ma applicatosi
egli a favorire le Comunità del Regno, acciò fossero più pronte a
pagare i tributi dovuti al Re: a far rivedere i conti, così delle Regie
entrate, come della città: a riparar le frodi, che si commettevano
dagli amministratori di esse: a porre i libri in registro: e sopra
tutto vegghiando, che si spendesse fruttuosamente il denaro, accrebbe
l'Erario del Principe e la pubblica Annona, tanto che nel corso del suo
governo fu goduta una compiuta abbondanza.

Applicò ancora l'animo ad una esatta amministrazion di giustizia,
invigilando alla sollecita spedizione delle cause: fu severo e
terribile contra a' malfattori, e pose terrore a' Ministri, perchè
invigilassero a castigarli, ed attendessero con assiduità e vigilanza
a' loro ufficj.

Ma sopra ogni altro, di che resta a noi perpetuo ed illustre monumento,
fu l'amore, che egli ebbe verso le lettere e la stima che fece della
nostra Università degli Studi. Innalzò per degno ricetto delle Muse
un superbo e magnifico Edificio, di cui non può pregiarsi aver simile
qualunque Università d'Europa. I Professori di quest'Università per
non aver luogo proporzionato a' loro esercizj, da S. Andrea a Nido, ove
anticamente dimoravano, erano stati costretti ricovrarsi nel cortile,
che serve d'atrio alla Chiesa di S. Domenico de' Frati Predicatori,
dove in alcune volte terrene, che formavano tre stanze, addottrinavano
la gioventù: nelle due, che sono nel muro verso mezzo giorno e
dirimpetto alla Chiesa nella prima si leggeva la Ragion Canonica e
la Gramatica Greca, e nella seconda s'insegnavano le leggi civili:
nell'ultima stanza del lato interno verso occidente era la Cattedra,
che chiamavasi degli Artisti[9]. Ma luogo angusto ed incomodo, e
mal atto a tal ministerio, nè con architettura conforme al bisogno
dell'opera ed al decoro e magnificenza della città: il sentirsi con
poca riverenza della vicina Chiesa spesse dispute ed armeggiamenti
degli Scolari: i fastidiosi ed importuni suoni delle campane che
spesso interrompevano gli esercizj de' Professori, fecero, che il
Conte di Lemos, affezionato agli Studi, ne' quali nell'Università
di Salamanca, in tempo della sua gioventù, avea fatti maravigliosi
progressi, pensasse da dovero a darvi riparo; e riputando ciò indegno
di un'Università cotanto preclara, di cui non meno l'Imperador
Federico II che i Re dell'Illustre Casa d'Angiò aveano fatta tanta
stima, si determinò di prepararle una magnifica abitazione e degna
delle scienze, che ivi si professavano. Colla direzione adunque del
Cavalier _Fontana_, famoso Architetto di que' tempi, fece ergere un
ampio edificio fuori la Porta di Costantinopoli, nel medesimo luogo,
dove prima da D. Pietro Giron Duca d'Ossuna era stata edificata la
Real Cavallerizza: fecevi costruire un ben ampio Teatro, per uso de'
concorsi e per altre pubbliche dispute, e sale ben grandi capaci
d'un gran numero di studenti; ma ciò, che rese l'opera stupenda e
maravigliosa, furono li magnifici portici e le prospettive arricchite
di statue di finissima scultura. Mancò solamente la perizia dell'arte
nelle _Iscrizioni_, che in marmo vi s'addattarono nelle sue facciate
e magnifiche Porte. A questi tempi erasi corrotta fra noi la Poesia,
e questi studi erano passati a' Gesuiti, presso i quali era allora
riputato risiedere la letteratura; quindi da' più valenti e savi
critici, che in Napoli eran allora molto pochi e rari, furono in quelle
notati molti errori, e leggendosi in una d'esse a lettere cubitali
quell'_ULYSSE AUDITORE_, si diede occasione a Pietro Lasena di comporre
quel suo dotto ed erudito libro _Dell'Antico Ginnasio Napoletano_, dove
fa vedere i sogni dell'Autor dell'_Iscrizione_.

Con tutto che questa grand'opera non fosse finita si spesero dal
Conte centocinquantamila ducati, ch'e' raccolse da tutto il Regno.
Non potè egli aver il piacere di vederla interamente compita, essendo
stato breve il tempo del suo governo; con tutto ciò, ancorchè non
fosse terminata la fabbrica volle far seguire la traslazione degli
studi, dal luogo ov'erano, in questo nuovo magnifico edificio, e per
mostrare la stima che faceva di tal Università, volle egli intervenirvi
coll'assistenza de' Tribunali, disponendo egli la celebrità con una
numerosa cavalcata, la quale in Napoli non fa mai veduta simile,
e la novità era, perchè v'intervennero i Dottori del Collegio ed i
Professori dell'Università, vestiti all'uso di Spagna con una sorta
d'insegna Dottorale, che chiamavano _Capiroto_, divisato con varietà
di colori corrispondenti ed applicati alla varietà delle scienze,
che da loro si professavano. I Teologi la portavano bianca, e negra:
i Filosofi azzurra e gialla; i Legisti e Canonisti di color verde e
rosso; e tutti avevano le berrette co' fiocchi de' medesimi colori.
In cotal guisa si fece in quest'anno 1616 l'apertura dei Regj Studi in
questo nuovo Edificio, dove il Vicerè intervenne ed ascoltò l'orazione,
che per tal solennità recitossi.

Ma non bastava aver in sì magnifica forma ridotti i nostri Studi,
se per ben reggergli non si provvedessero di savie leggi ed ottimi
istituti. Egli riordinolli con prescrivere più Statuti, che ora
si leggono nel Corpo delle nostre Prammatiche[10], nelli quali,
confermando la Prefettura d'essi al Cappellan Maggiore, prescrisse la
norma ed il numero degli altri Ufficiali, che doveano averne pensiero:
ciò che s'appartenesse a' Protettori ed al Rettore, e del modo
d'eleggerlo: ai Bidelli, al Maestro di cerimonie, al Capitan di guardia
ed a' Portieri. E perchè il Conte meditava arricchire quest'Edificio
d'una copiosa Libreria, prescrisse ancora in questi Statuti il modo da
conservare i libri, e dell'uso che se ne dovea avere, e ciò che dovea
essere dell'incombenza del Custode. Parimente stabilì in quelli una
Cappella propria, e v'assegnò il Cappellano, e prescrisse le Feste, che
si doveano ivi celebrare.

Distribuì le Cattedre e le materie che si doveano leggere, determinando
ancora a' Professori i Salari in ogni facoltà: diffinì il corso
dell'anno per lo studio, e quanto tempo arcano da durare le lezioni:
preserisse il modo di leggere che doveano tenere i Lettori: le visite,
che il Prefetto dovea fare a' medesimi: de' loro sustituti, ed in
quali casi potevano concedersi; e che niuno nelle private case potesse
leggere quelle facoltà, che si leggevano ne' pubblici Studi.

Ma quello, di che merita maggior lode questo savio Ministro, fu l'avere
con severe leggi stabilito, che tutte le Cattedre si provvedessero
per concorsi e per opposizioni. Avea il nostro Imperador Federico II,
quando riformò, ed in miglior forma ridusse questi Studi, fin dall'anno
1239, per sua Costituzione[11] ordinato, che niuno potesse assumersi
titolo di Maestro, che ora diciamo Lettore, se non fosse diligentemente
esaminato in presenza de' suoi Ufficiali e de' Maestri di quella
facoltà, che si pretende insegnare. Questo diligente esame facevasi per
opposizione: modo non già da Federico inventato, ma molto antico ed a
noi da' Greci tramandato, leggendosi presso Luciano[12], che in Atene
sotto M. Aurelio, morto il Professore, era surrogato in suo luogo chi
dopo aver disputato coll'oppositore, e fatto un tal esperimento, avea
il suffragio degli Ottimati. Parimente in Costantinopoli, per legge
stabilita da Teodosio il giovane, l'esame e l'elezione de' Professori
si faceva _Coetu amplissimo judicante_[13]. Quest'istesso praticandosi
inviolabilmente nelle Università di Spagna, siccome in molte altre
d'Europa, volle il Conte di Lemos con leggi più strette stabilire
presso di noi. Egli ordinò, che tutte le Cattedre si provvedessero per
opposizione, invitandosi con pubblici Editti coloro, che degnamente
si volessero opporre: prescrisse il modo, che si dovrà tenere nella
pubblicazione di questi Editti: coloro, che possono opporsi alle
Cattedre; gli esercizi, che avran da fare gli Oppositori e che avranno
da osservare, durante la vacanza della Cattedra: determinò il numero
de' Magistrati e de' Professori, che avranno da votare in quelle: il
modo da tenersi: i diritti, che dovranno pagare coloro che saranno
provvisti, ed il giuramento che avran da dare prima di pigliare il
possesso.

Dopo avere il Lemos dati provvidi regolamenti intorno agli Ufficiali,
che reggono l'Università, ed intorno a' Professori, e del modo
d'eleggerli; passa a regolare ciò che s'appartiene agli Studenti,
ricerca da quelli la matricola, l'esame che dovrà farsi quando dalla
Gramatica passano ad altra facoltà: determina il tempo del corso de'
loro studi: prescrive il modo da tenersi nelle dispute, e pubbliche
conclusioni; i loro esercizj nella Rettorica, nella lingua Greca,
Matematica ed Anatomia; ed in fine le Repetizioni, che avran da fare
ogni anno a' medesimi li Lettori delle letture perpetue.

Queste furono le leggi Accademiche, che stabilì il Conte di Lemos per
la nostra Università degli Studi, le quali partito che fu egli dal
Governo di Napoli, vedendo il suo successore _D. Pietro di Giron Duca
d'Ossuna_, che non erano con quel rigore osservate, che ordinato avea
il Conte, promulgò sotto li 30 novembre del medesimo anno 1616, nuova
Prammatica, nella quale inserendo tutte le sopraddette leggi, ordinò,
che quelle inviolabilmente si fossero osservate[14].

La stima che il Conte di Lemos teneva per le lettere da lui
cotanto favorite, fece sì che a questi tempi fiorissero in Napoli
molti Letterati, e che si rinovellasse l'istituto dell'Accademie,
incominciato in tempo di D. Pietro di Toledo. Sopra tutte le altre
fioriva a questi tempi l'Accademia degli _Oziosi_, che nacque sotto gli
auspicj del Cardinal Brancaccio, e che ragunavasi dentro il Chiostro
del Convento di S. Maria delle Grazie presso la Chiesa di S. Agnello,
della quale era Principe Giambattista Manso Marchese di Villa; ed alle
volte in S. Domenico Maggiore, nella stanza, nella quale in memoria
d'avervi insegnato S. Tommaso, è rimasta la Cattedra in piedi[15]. Si
ascrissero a quella, oltre i Letterati di questi tempi, molti Nobili e
Signori, che aveano buon gusto delle lettere: fra quali erano D. Luigi
Caraffa Principe di Stigliano, D. Luigi di Capua Principe della Riccia,
D. Filippo Gaetano Duca di Sermoneta, D. Carlo Spinelli Principe di
Cariati, D. Francesco Muria Caraffa Duca di Nocera, D. Giantommaso di
Capua Principe di Rocca Romana, D. Giovanni di Capua, D. Francesco
Brancaccio, D. Giambattista Caracciolo, D. Cesare Pappacoda, Fr.
Tommaso Caraffa dell'Ordine de' Predicatori, D. Ettore Pignatelli, D.
Fabrizio Caraffa, e D. Diego di Mendozza. Ma il maggior lustro glie lo
diede il Conte istesso di Lemos, il quale sovente in quest'Accademia
insieme con gli altri andava a leggere le sue composizioni, ed una
volta vi recitò una Commedia da lui composta, che fu intesa con
grandissimo plauso.

S'ascrissero parimente in quest'Accademia quasi tutti i Letterati, che
si riputavano a que' tempi i migliori, come il Cavalier Giambattista
Marini, Giambattista della Porta, Pietro Lasena, Francesco de Petris,
il nostro Consigliere Scipione Teodoro, Giulio Cesare Capaccio, Ascanio
Colelli, Tiberio del Pozzo, Anton-Maria Palomba, Giannandrea di Paolo,
Paolo Marchese, Giancamillo Cacace, che fu poi Reggente, Colantonio
Mamigliola, Ottavio Sbarra, e molti altri.

A questi medesimi tempi nel Chiostro di S. Pietro a Majella ne fioriva
un'altra, della quale era Principe D. Francesco Caraffa Marchese
d'Anzi, e vi s'arrolarono D. Tiberio Caraffa Principe di Bisignano,
Monsignor Pier Luigi Caraffa, Giammatteo Ranieri, Ottavio Caputi,
Scipione Milano, ed alcuni altri.

Ma per vizio di quest'età erano professate le lettere non da tutti
con quella politezza e candore, che si vide da poi verso la fine
dello stesso secolo. La nostra Giurisprudenza non mutò sembiante, ed i
Professori così nelle Cattedre, come nel Foro, de' quali era il numero
cresciuto, seguitavano i vestigj de' loro maggiori. La filosofia era
ancor ristretta ne' Chiostri, dove s'insegnava al lor modo Scolastico.
La Medicina era professata da' Galenici. Lo studio delle lingue, e
spezialmente della latina, e l'erudizione era ristretta ne' Gesuiti. La
Poesia, tutta trasformata, era esercitata da' stravaganti cervelli; e
l'Istoria da pochi era trattata con dignità e nettezza.

Non fu però, che in mezzo a tanti, alcuni nobili spiriti,
allontanandosi da' comuni sentieri, non calcassero le vere strade, li
quali a lungo andare dieder lume a' posteri di seguire le loro pedate;
ma a questi tempi essendo pochi e rari non poterono far argine ad un
così ampio ed impetuoso fiume. Rilusse _Giambattista della Porta_,
cotanto noto per le opere, che ci lasciò. _Pietro Lasena_ Avvocato
ne' nostri Tribunali e letterato di profonda erudizione. _Fabio
Colonna_ celebre Filosofo e Matematico. _Mario Schipani_ valente
Medico e cotanto amico del virtuosissimo viaggiante Pietro della Valle.
_Costantino Sofia_, al quale Lasena dedicò il suo libro de' _Vergati_;
ed _Antonio Arcudio_, Sacerdote del Rito Greco, ed Arciprete di Soleto
nella provincia d'Otranto, professori di lingua Greca, amendue Maestri
del Lasena e _Niccolò-Antonio Stelliola_, Maestro del famoso M.
Aurelio Severino. E se Francesco de Petris diede fuori a questi tempi
quella sua sciocca Istoria Napoletana, ben vi furono alcuni valenti
investigatori delle nostre memorie che la derisero, e che diedero
saggi ben chiari di quanto sopra lui valessero: fra' quali non deve
tralasciarsi qui privo della meritata lode _Bartolommeo Chioccarello_:
costui, per la testimonianza, che a noi ne rende Pietro Lasena[16],
che fu suo grande amico, non cedeva a uomo nelle più laboriose ricerche
delle nostre antichità, tanto che s'acquistò il titolo di _Can bracco_.
Egli per lo spazio di quaranta e più anni consumò sua vita in ricercare
tutti i regj Archivj di questa città: quello della Regia Zecca, l'altro
grande della Regia Camera e quello de' Quinternioni; ed anche l'altro
della Regia Cancelleria: vide quasi tutti li protocolli, ed atti de'
Notari antichi di Napoli: le scritture de' Monasteri più antichi,
e tutti gli Archivj de Monasteri famosi, e delle Città più celebri
del Regno: donde per commessione datagli nel 1626 dal Duca d'Alba
Vicerè, raccolse que' 18 volumi di scritture attenenti alla regal
giurisdizione. Raccolta quanto laboriosa, altrettanto gloriosa e degna
d'eterna ed immortal memoria, per la quale i sostenitori della regal
giurisdizione si fanno scudo e difesa contra le tante intraprese degli
Ecclesiastici, che non hanno altro scopo, che d'abbatterla.

Le costui pedate seguitarono _D. Ferdinando della Marra_ Duca della
Guardia, e _D. Camillo Tutini_ Sacerdote Napoletano, celebre ancor egli
per le opere che ci lasciò. Se _D. Francesco Capecelatro_ suo coetaneo
avesse proseguito il suo lavoro, certamente avrebbe a noi lasciata una
perfetta Istoria Napoletana. Ed _Antonio Caracciolo_ Chierico Regolare
Teatino diede nei suoi libri, che ci lasciò, saggi ben chiari quanto
sopra questi studi intendesse. S'innalzò poi sopra tutti costoro il
famoso _Camillo Pellegrini_ Capuano, il più diligente Scrittore, ed
il più savio ed acuto critico che abbiamo noi delle nostre antichità e
delle nostre memorie.

Ma ritornando al conte di Lemos, dopo avere illustrata Napoli con
l'innalzamento dell'Università degli studi, non tralasciò d'adornarla
l'altri edificj. A lui devono i Gesuiti la fondazione del nuovo
Collegio di S. Francesco Saverio. A lui dobbiamo quella grande opera
de' mulini aperti fuori le mura della città presso Porta Nolana; ed
a lui deve anche il Regno d'aver resi più comodi i viaggi terrestri,
con far costruire nuovi Ponti. Ma furon interrotte le speranze di
ricever da lui beneficj maggiori dall'avviso, che s'ebbe d'avergli li
Re Filippo destinato per successore il _Duca d'Ossuna_, che si trovava
allora Vicerè in Sicilia. Abbandonò tosto egli il governo del Regno,
e lasciato D. Francesco suo fratello in sua vece, fino all'arrivo del
successore, si partì a' 8 di luglio di quest'anno 1616 alla volta di
Spagna, per andare ed esercitare la carica di Presidente del supremo
Consiglio d'Italia. Ci lasciò ancor egli più di 40 utili e sagge
Prammatiche, le quali secondo l'ordine de' tempi s'additano nella tante
volte rammentata _Cronologia_.



CAPITOLO IV.

_Del Governo di D. PIETRO GIRON Duca d'OSSUNA; e delle sue spedizioni
fatte nell'Adriatico contra Vineziani, ch'ebbero per lui infelicissimo
fine._


Il Duca d'Ossuna, ne' principj del suo governo, mostrò un'applicazione
grandissima ed una assiduità indefessa nell'ascoltare e provvedere
a' bisogni del Regno, usando molto rigore perchè la giustizia fosse
senza eccezion di persone rettamente amministrata, e nell'istesso
tempo somma magnificenza e liberalità per cattivarsi universal
applauso e benevolenza: per cattivarsi quella del Popolo fece togliere
due Gabelle, poco prima per certo determinato tempo imposte; e per
quietare la Corte di Spagna insospettita di ciò, diede a credere, che
ciò notabilmente avrebbe giovato al Patrimonio Regale, ed alleggeriti
i sudditi, e resigli più abili a soffrire le imposizioni; e per
confermare questi concetti con le opere, sollecitò un donativo dal
Regno d'un milione e ducentomila ducati, che mandò a presentare al Re
per li bisogni della Corona.

Ma una nuova guerra accesa in Italia per la morte di Francesco Gonzaga
Duca di Mantua, della quale il Cavalier Battista Nani[17] distesamente
notò i successi e le cagioni, intrigò il Duca d'Ossuna in cose più
difficili e gravi. Per le cagioni rapportate da questo Scrittore,
Filippo III fu indotto ad entrarvi, e ad opporsi al Duca di Savoja,
al quale con sopracciglio spagnuolo imperiosamente avea comandato, che
restituisse tutto l'occupato in Monferrato. Li Veneziani all'incontro
favorivano il Duca con forze e denari, onde nacquero i disgusti tra
la Corte di Spagna con quella Repubblica. S'aggiunse ancora, che
al Re Filippo, essendosi il Senato Veneto per cagion degli Uscocchi
disgustato coll'Arciduca Ferdinando, fu duopo assistere all'Arciduca
cotanto a lui stretto di parentela, e di sovvenirlo. Ma non perciò
s'era fra la Repubblica ed il Re dichiarata aperta guerra, nè
licenziati dalle loro Corti gli Ambasciadori.

Il Duca d'Ossuna però, secondando il genio degli Spagnuoli che
pubblicavano di voler movere apertamente le loro truppe contra
Veneziani, nell'istesso tempo, che il Cardinal Borgia proccurava in
Roma concitargli contra il Pontefice, non tralasciò quest'occasione
d'ubbidire insieme a' comandi della Corte di Madrid, e di soddisfare
il suo animo, che tenne sempre avverso a' Veneziani; e por opporsi al
Duca di Savoja per la guerra del Monferrato, spedì al Governador di
Milano replicati soccorsi, mandandovi quattro compagnie di cavalli
leggieri, e sedici d'uomini d'arme, sotto scorta di D. Camillo
Caracciolo Principe di Avellino, e seicento Corazze comandate da D.
Marzio Caraffa Duca di Maddaloni; e per l'altra guerra, che per cagion
degli Uscocchi si faceva dalla Repubblica agli Stati dell'Arciduca,
armava Vascelli per infestare l'Adriatico, parte alla Repubblica
sommamente gelosa. Sapeva l'Ossuna, che non poteva più nel vivo toccar
i Vineziani, che col turbare il Dominio, ch'essi vantano del Mare
Adriatico, infestare il commercio e romper il traffico, ancorchè da ciò
ne dovessero ricevere danno i sudditi stessi del Regno, che tenevano
opulente negozio nella città di Venezia; perciò fu tutto inteso, non
tanto a raccoglier milizie per soccorrere il Milanese, quanto ad armar
Vascelli per molestare i Vineziani; onde rotta la sicurtà de Porti,
rappresagliò la nave di Pellegrino de' Rossi. Narra il Nani[18], che
avendo la Repubblica per mezzo del suo Ambasciador Gritti fattane di
ciò doglianza colla Corte di Spagna, avesse ottenuti ordini diretti
all'Ossuna di rilasciarla; ma che costui con superbissimo animo li
disprezzasse, non senza sospetto di connivenza della stessa Corte,
la quale godesse di coprire i disegni più arcani con l'inobbedienza
di capriccioso Ministro. Per la qual cosa i Vineziani risolutissimi
alla difesa di quel Golfo, s'applicarono a rinforzarsi nel Mare con
due Galeazze ed alcune Navi, ed elessero trenta Governadori dì Galee,
acciocchè, secondo il bisogno, a parte a parte andassero armando.

Ma dall'altra parte il Vicerè, vedendo, che gli Uscocchi aveano
perduti molti de' loro nidi, gli allettò a ricovrarsi nel Regno con
Porto franco e con premj, quelli più accarezzando, che a' Vineziani
riuscivano maggiormente molesti. Presero perciò costoro sotto il
calore di tal protezione la Nave Doria, che con merci ed altri Navilj
minori da Corfù passava a Venezia, vendendo sotto lo Stendardo del
Vicerè pubblicamente le spoglie; e se bene i Gabellieri de' Porti
principali del Regno esclamavano, che col traffico mancherebbero i
dazj e l'entrate Reali, furono dall'Ossuna minacciati della forca, se
più ardissero di dolersi. Il Nani, quanto buon Cittadino, altrettanto
appassionato Istorico nelle azioni del Duca d'Ossuna, rapporta, che
costui per natura vanissimo di lingua e d'animo, non solo applicava
a turbar il mare, ma di continuo parlava di sorprendere Porti
dell'Istria, saccheggiar Isole, e penetrare ne' recessi medesimi della
città dominante: che ora in carta, ora in voce delineava e divisava i
disegni, ordinava barche di fondo atto a' canali e paludi, tracciava
macchine, nè più volentieri alcuno ascoltava, che coloro, i quali lo
trattenessero con adulazioni al suo nome, o con facilità dell'impresa;
ma che però non era tanto ciò ch'egli credeva di poter eseguire,
quanto quello che desiderava, che si credesse, acciocchè si tenesse
la Repubblica involta in maggiori dispendj, e distratta a tal segno,
che più debolmente, ed offender potesse l'Arciduca, ed assistere a
Carlo Duca di Savoja. Spinse pertanto l'Ossuna sotto Francesco Rivera
dodici ben armati Vascelli nell'Adriatico: e benchè nel procinto di
spiegare le vele, giungessero ordini della Corte di Spagna di sospender
le mosse, parendo strano, che nel tempo d'aprire trattati di pace in
Madrid, s'inferissero dal Vicerè durissime offese; egli ad ogni modo,
facendo assembrare il Collaterale, fece far relazione dal medesimo alla
Corte, rappresentando, che avendo alcune Barche armate della Repubblica
preso un grosso Vascello, che voleva entrar in Trieste, conveniva al
decoro e servizio del Re, che il Rivera partisse, e si reprimessero
i Vineziani; onde fece partire i Vascelli, ed affinchè non fosse ciò
imputato ad atto di romper la guerra in nome del Re colla Repubblica,
fecegli partire colle sue insegne solamente.

La Repubblica perciò impose al Belegno, che comandava la sua Armata,
d'unire in Lesina quella parte, che potesse avere più pronta per passar
a Curzola, per coprire le Isole, ed in particolare per rompere il
principal disegno dell'Ossuna di comparire a vista dell'Istria, per
dar fomento all'armi dell'Arciduca Ferdinando, e divertire quelle della
Repubblica. Conseguì l'intento il Belegno; poichè giunto che furono le
Navi dell'Ossuna a Calamota, spinse loro la sua Armata incontro; onde
il Rivera dubitando d'essere con disavvantaggio combattuto in quel
sito, date le vele a prospero vento, attraversò il mare, ed a Brindisi
si condusse.

Queste mosse avendo ingelositi i Turchi, gli spinsero a calare in
grosso numero alla custodia, ed ai Presidj delle loro Marine; onde
da ciò prese il Vicerè l'opportunità di chiedere ad altre Potenze
soccorso, pubblicando non esser altro il suo scopo, che di abbattere
l'inimico comune, e per ciò chiedeva, che si dovesse unir seco le Galee
del Pontefice, di Malta, e di Fiorenza. Ma dall'altra parte i Ministri
della Repubblica facevano altamente risuonare il contrario alle Corti
di que' Principi, dicendo, che l'Ossuna al primo Visir avea inviati
schiavi, e doni per allettarlo, e con ogni sorte d'uffizio incitarlo
a muovere contra la Repubblica l'armi; e fecero valer tanto i loro
ufficj, che non solo s'astennero que' Principi di dare all'Ossuna le
loro Galee, ma proccurarono divertirlo dall'impresa, dicendo, che non
servirebbe per altro, che a svegliare i Turchi e tirarli nell'Adriatico
a fronte del Regno di Napoli e dello Stato Ecclesiastico.

Ma non per ciò il Duca si ritenne d'inviar sotto Pietro di Leyva
diciannove Galee ad unirsi al Rivera, il quale passato con questo nuovo
soccorso a S. Croce e trovati a Lesina i Vineziani inferiori di forze
tentò di tirarli fuori a combattere: ma costoro fermi solo alla difesa,
sopraggiunta la notte, obbligarono l'armata Spagnuola a ritirarsi in
Brindisi con la preda d'un Naviglio di Sali e d'un Vascello d'Olanda,
che navigando con alcuni soldati di quelle Levate, si trovò sopraffatto
dalle navi dell'Ossuna. I Vineziani per ciò seriamente pensando
all'importanza dell'affare ingrossarono la loro armata; e dall'altra
parte l'Ossuna accrebbe la sua a diciotto Navi e trentatrè Galee,
la quale comparse sopra Lesina, con animo di provocar la Veneta alla
battaglia; ed intanto i Ministri spagnuoli, per atterrire con la fama
di vasti apparecchi, avean fatto precorrer voce, che l'armata dei
Galeoni solita a custodire la navigazione dell'Oceano, entrando nello
stretto di Gibilterra, penetrerebbe nell'Adriatico, e che in Sicilia
pure s'armavano di nuovo moltissimi Legni; le quali voci erano in parte
accreditate dalle ardite procedure del Vicerè, il quale oltre d'aver
ingrossata con alquante Galee la Squadra del Leyva, faceva scorrere
dagli Uscocchi tutto il Golfo, i quali colle loro Barche insultavano
fino in vista de' Porti di Venezia istessa con depredazioni e con danni
gravissimi; tanto che obbligò il Senato a disponere qualche Galea alla
guardia di Chioggia, ed a scegliere in Venezia certo numero di gente
atta all'armi: ciò che riuscendo nuovo in quella città, avea posto il
Popolo in non poco scompiglio; il quale per una falsa voce insorta,
che, essendosi già combattuto dalle due armate intorno Lesina, i
Vineziani avessero ottenuta una insigne vittoria sopra gli Spagnuoli,
era corso impetuosamente per manomettere la persona e la Casa di D.
Alfonso della Queva Marchese di Bedmar Ambasciadore del Re Filippo in
Venezia, creduto principal instigatore de' tentativi dell'Ossuna.

Le due armate però intorno Lesina, ancorchè la Spagnuola avesse
provocata la Veneta, non vennero mai a battaglia; onde il Leyva,
vedendo che i Vineziani s'erano posti su la difesa del Porto s'allargò
a Traù vecchio, dove incendiò il paese, e predò molte barche; indi
colle Galee speditamente verso Zara trascorse, dove per una preda
offertaglisi, si divertì da maggior vittoria; poichè con tutto che
avesse precisi ordini di tentar la sorpresa e l'occupazione di Pola,
o d'alcun altro Porto nell'Istria, egli scontrandosi a due Galee di
mercatanzia, avido della preda, si trattenne ad occuparle con alcuni
Legni, che conducevano provvisioni di vitto all'armata nemica; onde
sopraggiunti da questa gli Spagnuoli, ed imbarazzati in oltre co' Legni
predati e con le ricchissime spoglie, traversato il Mare verso il Monte
Gargano, radendo le rive, finalmente a Brindisi si ricondussero e poco
da poi le lor Galee uscirono dal Golfo. Il Vicerè di ciò ne rimproverò
acremente il Leyva, che per quella preda si fosse perduta l'opportunità
d'una più importante conquista; ad ogni modo, ostentando la preda, fece
condurre a Napoli le merci ed i legni, molto godendo del dispiacere che
in Venezia n'appariva.

Esclamavano intanto i Ministri della Repubblica in tutte le Corti
de' Principi di questi atti ostili dell'Ossuna, il quale in mezzo a'
trattati di pace oltraggiava il Golfo creduto di lor Dominio, e che
proccurava, avendo intelligenza co' Turchi, tirar le armi di quelli a'
danni della Repubblica, li quali, pretendendo rifacimento del danno
ancor da essi sofferto in quella preda, minacciavano di prenderne
ragione coll'armi contra la Repubblica. Ma nell'istesso tempo non
tralasciava il Duca ancor egli di declamare contra i Vineziani, dicendo
esser pur troppo insoffribili i loro vanti del dominio, che sognano
di quel mare: essere per ragion delle genti la navigazion libera e
molto meno potersi pretendere di vietarla all'armata del Re Cattolico,
che non conosce superiore alcuno nel Mondo. A questi tempi e per
tali occasioni, narrasi, che il Marchese di Bedmar Ambasciadore del
Re Cattolico in Venezia, per toccar più sensibilmente i Vineziani,
avesse fatto comporre da _M. Velsero_, o come altri tengono da _Niccolò
Peireschio_, (ciò che parimente si suspica da quel che _Gassendo_ ne
scrisse nella di lui vita) quel libro intitolato: _Squittinio della
libertà Veneta_. Questo libro acerbamente trafisse i Vineziani, li
quali con difficoltà poterono trovar altro condegno Scrittore, che
lo confutasse; e che finalmente non trovando altri, vi facessero
rispondere da _Teodoro Grass-Winckd_ Olandese, il quale ne compose un
opposto, col titolo: _Majestas Reipublicae Venetae_; siccome da poi
fecero _Scipione Errico_ e _Raffael della Torre Genovese._

(Burcardo Struvio[19], ciò che conferma nel _Syntagm. Juris publici
Imp. R. G. cap. 2 §.17_, scrisse il vero Autore di questo libro essere
stato _Alfonso della Queva_; e dirà vero, se intende che costui, il
quale era lo stesso che il _Marchese di Bedmar_ allora Ambasciadore dei
Re Cattolico in Venezia, desse commissione a M. Velsero, o ad altri di
comporlo, ma non già ch'egli dettato l'avesse o composto.)

(Narrasi che il Doge di Venezia avendo data commessione a _Fra
Paolo Sarpi_, il quale avea sì bene e dottamente confutate tante
scritture uscite in difesa di Paolo V, in quella briga che prese
colla Repubblica, che rispondesse anche a questo libro; _Fra Paolo_
saviamente considerando l'arduità dell'impresa, gli avesse risposto:
_Serenissime, ne moveas Camarinam, immotam hanc exepedit esse_.)

Scrisse parimente l'Ossuna una grave lettera al Pontefice Paolo V
rappresentandogli le soverchierie dei Vineziani e la necessità, ond'era
stato costretto alle spedizioni da lui fatte nell'Adriatico, e punto
di ciò che coloro gli addossavano d'aver amistà ed intelligenza col
Turco, gli diceva che gli Spagnuoli non avean avuta mai tregua nè
pace, com'essi, col Turco, e che la guerra, che egli ad essi faceva,
non era contra Cristiani, perch'essi non erano tali, se non nel
nome; poichè avendogli nelle contese passate negata l'ubbidienza,
perdendogli il rispetto, non potevano dirsi Cattolici; e molto più
per aver discacciata da' loro Stati una Religione cotanto esemplare e
zelante del servigio di Dio, quanto era quella della Compagnia di Gesù:
pagando, oltre a ciò, gli Eretici di Francia, che tengono nel servizio
del Duca di Savoja, e gli Eretici d'Olanda, che tengono stipendiati
nelle loro armate ed eserciti, profanando le Chiese delle Terre
dell'Arciduca, e che per ciò lui desiderava sapere di che Religione
essi erano, e se fossero forse Cristiani, come sono li Mori e gli
Eretici.

Ma mentre tra l'Ossuna, ed i Vineziani le contese erano nel maggior
fervore, non si tralasciavano i trattati di pace, la quale trasferita
di Spagna in Francia, finalmente si conchiuse in Parigi e si distese
in Madrid, dove si conchiusero le condizioni d'essa, accettate dalla
Repubblica; onde alle doglianze, che il di lei Ambasciadore fece
alla Corte di Madrid contra l'Ossuna, comandò il Re al medesimo,
che restituisse al Ministro della Repubblica residente in Napoli li
vascelli e le merci.

Non meno al Toledo Governador di Milano, ed al Marchese di Bedmar
Ambasciadore del Re Cattolico in Venezia, che all'Ossuna dispiacque
questa pace, e proccuravano a tutto potere porre ostacoli in eseguire
le condizioni; ma sopra ogni altro l'Ossuna, col pretesto, che i
Vineziani fabbricavano un Forte a S. Croce, pubblicava per ciò di
voler invadere di nuovo il Golfo; ed all'ordine venutogli di render i
Legni e le merci, si mostrò pronto di ubbidire solamente in quanto a
consegnare i Legni a Gaspare Spinelli Residente della Repubblica, ma
non già interamente le merci, dicendo, che gran parte di quelle s'erano
acquistate al Fisco Regio, per appartenersi ad Ebrei, ed a Turchi
nemici della Corona di Spagna: onde non volendo ricevere il Residente
il resto offertogli, si venne di nuovo alle invasioni; ed il Duca inviò
con diciannove Navi da guerra di nuovo nell'Adriatico Francesco Rivera.
Non minori difficoltà frapponeva il Governador di Milano all'esecuzione
per ciò che s'apparteneva dal suo canto; onde il Pontefice, i Franzesi
e gli altri Principi frappostisi per farli quietare, estorsero dal
Marchese di Bedmar, che desse parola al Senato Veneto, che tutto
sarebbesi restituito. Ma con tutto ciò sempre sorgevano nuovi ostacoli,
finchè finalmente datasi esecuzione in Piemonte ed in Istria alla pace,
ritirossi il Rivera nel Porto di Brindisi coll'armata; ed i Vineziani
ora più che mai esclamando nella Corte di Madrid contra l'Ossuna,
ottennero da quella, che, tolto da mezzo il Vicerè, l'affare della
restituzione de' Legni e delle merci fosse commesso al Cardinal Borgia,
con ordine, che lo componesse insieme con Girolamo Soranzo Ambasciadore
della Repubblica in Roma.

Ma nel nuovo anno 1618 si scoprirono le cagioni, ond'avveniva, che non
ostante la pace, l'Ossuna, il Toledo e la Queva tenevan sempre Legni
armati nei Porti dell'Adriatico, li quali non tralasciavano di scorrer
il mare, e con ciò tener solleciti i Vineziani, onde sovente sortivano
delle rappresaglie ne' Porti con gravi doglianze de' Napoletani, che
rappresentarono in Ispagna i danni, che per ciò soffrivano. Tutto
nasceva dall'esito che s'attendeva d'una congiura, che il Marchese
di Bedmar maneggiava in Venezia, con participazione dell'Ossuna e
del Toledo. Avea il Marchese tentato in Venezia tutte le arti per
accrescersi partigiani, proccurando ancora di sviar molti dall'insegne
e servizio della Repubblica, e d'introdurne degli altri per valersene
all'occasione. Tra questi principalmente l'Ossuna inviò un tal _Jacques
Pierre_, Franzese di Normandia e Corsaro di professione, ma di spirito
grande. Costui, finti coll'Ossuna disgusti, mostrò di voler vendicarsi,
passando al servizio della Repubblica, e con facilità vi fu accolto con
un compagno chiamato _Langlad_, perito in maneggio di fuochi. L'Ossuna,
mostrandosi di ciò fieramente sdegnato, faceva custodire la moglie del
Pierre, e con lettere finte proponendogli gran premj, lo richiamava
al servizio. Egli all'incontro, per rendersi accetto in Venezia,
mostrava le lettere istesse, proponeva molte cose speziose, simulava di
propalar i disegni del Vicerè, e suggerire i mezzi per contrapporvisi.
Conciliata per tanto gran confidenza, s'introdusse col Langlad
nell'Arsenale ad esercitar la sua arte. In occulto teneva poi con la
Queva congressi, e di continuo secretamente passavano a Napoli corrieri
e spie, avendo intanto aggregati alcuni Borgognoni e Franzesi al lor
partito. Il concerto era, che sotto un Inglese, chiamato Haillot,
l'Ossuna spingesse alcuni bergantini e barche, capaci d'entrare ne'
Porti e Canali, de' quali avevano per tutto preso la misura ed il
fondo: dovevano poi seguitare più grossi vascelli, per gittar l'ancore
nelle spiagge del Friuli, sotto il calor de' quali, e nella confusione,
che i primi erano per apportare nel Popolo, i congiurati s'aveano
divisi gli uffici, il Langlad di dar fuoco nell'Arsenale, altri in
più parti della Città; alcuni manometter la zecca, prender i posti
più principali, trucidar i nobili, e tutti d'arricchirsi con dare alla
Città spaventevol sacco.

Ma mentre i bergantini s'apprestavano per unirsi insieme, alcuni furono
presi da Fuste Corsare, altri dissipati da fiera tempesta; onde non
potendo i congiurati raccogliersi al tempo concertato, loro convenne
differire l'esecuzione al prossimo Autunno. Il Pierre ed il Langlad,
comandati a salire sopra l'armata, non poterono negare di partire col
Capitan Generale Barbarigo. Gli altri, rimasi in Venezia, non cessavano
di ruminar i modi dell'esecuzione, impazientemente attendendone
il tempo; ma frequentandosi tra loro i discorsi, e per aggregarsi
compagni, dilatandosi tra altri delle loro nazioni la confidenza ed
il segreto; Gabriele Montecasino e Baldassar Juven, gentiluomini,
quegli di Normandia e questi del Delfinato, discoprirono al Consiglio
de' Dieci il concerto: carcerati per ciò alcuni cospiratori, restò
il tradimento comprovato, e da scritture che si trovarono, e dalla
confessione de' medesimi rei, che ne pagarono con pubblico e severo
supplicio la pena: alcuni però, dall'arresto de' compagni, si
sottrassero colla fuga, ricorrendo al loro asilo, ch'era appunto
l'Ossuna; ma il Pierre ed il Langlad, per ordine spedito al Capitan
Generale, furono affogati nel mare. La Città di Venezia inorridì allo
scoprimento di tal congiura, ed al pericolo corso di veder ardere
i Tempj e le case; onde il Marchese di Bedmar, che era riputato il
direttore ed il ministro di così pravi disegni, vedendosi in grande
pericolo di essere dal furore del Popolo sagrificato al pubblico
sdegno, deliberò ritirarsi nascostamente a Milano. Aveva già il Senato
con espresso corriere risolutamente richiesto al Re Filippo, che lo
rimovesse; onde disapprovandosi dalla Corte di Madrid, essendo solito,
che a' Principi, di tali negoziati piacciano più gli effetti che i
mezzi, fu all'Ambasciador Veneto risposto, che già essendosi destinato
al Queva Luigi Bravo per successore, dovea egli passare in Fiandra, per
assistere all'Arciduca Alberto.

Il nostro Vicerè, scoverta la congiura, negava d'esserne stato a parte,
tuttavia il Mondo lo condannava per reo, vedendo, che appresso di
lui s'erano ricovrati i fuggitivi, e la vedova del Pierre, posta in
libertà, essere stata inviata a Malta con onorevole scorta; ma egli
niente di tali romori sgomentandosi, non lasciava di tener sempre
pronti ed armati li suoi legni in suo nome con dispendio immenso, e
con isprovvedere d'artiglierie le Fortezze principali del Regno: di
che se ne facevano acerbe doglianze alla Corte, alle quali unendosi gli
ufficj, che di continuo si facevano dall'Ambasciador Veneto, si pensava
di levarlo dal Governo; ma egli coll'aiuto de' suoi congiunti ed amici
che teneva in Madrid, e colle spesse rappresentazioni che faceva al Re
de' suoi segnalati servigi, costantemente difendeva le sue procedure;
ed intanto non tralasciava di molestare i Vineziani nell'Adriatico.

Crescevano tuttavia le accuse contra il Duca di trattar il Regno
crudelmente, facendolo sopportare gl'incomodi di soldatesche: dipinsero
ancora al Re la scandalosa sua vita, che ad onta della Duchessa sua
moglie, non contento delle pubbliche meretrici, si faceva lecito di
conversare con troppa libertà con le Dame più principali, dando con
ciò motivo al volgo di lacerar l'onore delle famiglie più cospicue
del Regno, con somma indignazione de' mariti e de' parenti, li quali
finalmente si sarebbero risoluti a qualche strano eccesso: istavano
per tanto i Nobili al Re a toglierlo dal Regno; e deliberarono di
inviare secretamente alla Corte _F. Lorenzo di Brindisi_ Cappuccino,
il qual avea fama di santissima vita, e dal Re Filippo tenuto, per
la sua pietà, in grande stima. Proccurò il Duca impedir la missione,
per averne avuta notizia, onde fece per ordine del Cardinal Montalto,
Protettore dell'Ordine Francescano, arrestar il Frate in Genova; ma
ottenuta dopo qualche tempo licenza di seguitare il viaggio, giunto
a' piedi del Re gli rappresentò le opere del Duca; ed alle costui
relazioni essendosi unite le querele di molti Nobili, furtivamente
andati a Madrid, ancorchè l'Ossuna non tralasciasse di muovere ogni
mezzo per difendersi dall'imputazioni fattegli, non poterono i suoi
fautori sostenerlo più a lungo; onde fu da quella Corte risoluto di
chiamarlo.

Fu fama confermata poi da alcuni successi, ed il Nani[20] l'ha per
cosa certa, che avendo il Duca penetrato, che gli soprastava mutazione
di posto, meditava cambiare il Ministerio nel Principato. A questo
fine, servendosi del mezzo di _Giulio Genuino_ Eletto del Popolo, uomo
d'ingegno acre, di spirito pronto, inventore di novità, ed avido di
turbolenze e di sedizioni, s'avea con lusinghe obbligata la Plebe:
teneva in oltre milizie straniere al suo soldo, e legni armati da se
dipendenti: proteggeva contra i Baroni indistintamente i Popoli, e
dava voce di moderare gli aggravj e levar le gabelle; anzi passando
un giorno, dove per aggiustare l'imposte si pesavano i viveri, tagliò
alla bilancia colla sua spada le funi, dando ad intendere di voler
liberi ed esenti i frutti della Terra, come sono gratuiti i doni
dell'aria e del Cielo; ed il Nani soggiunge, che sperando, che i
Principi d'Italia fossero per secondare il pensiero, con secretissimi
mezzi tentò il Duca di Savoja ed i Vineziani: questi con insinuar
loro d'aver tutto operato per ordini precisi della Corte di Madrid, e
quello con invitarlo a cospirare nel disegno di cacciare gli Spagnuoli
d'Italia; ma la Repubblica, aliena da simili atti e sempre cauta, nè
meno volle prestarvi orecchio: il Duca ne conferì alla Corte di Francia
il progetto, e dal Duca di Dighieres Contestabile di Francia fu inviata
persona a Napoli, che osservasse lo stato delle cose.

La Corte di Spagna, che per la lontananza da molti suoi Stati, avea
per massima la diffidenza dei Ministri che li governavano, attentissima
alle procedure dell'Ossuna, penetrò facilmente le pratiche, e deliberò
senza frapporvi la minor dilazione di presto levarlo, ma dubitando,
che con ispedirgli successore di Spagna, si valesse della dilazione
per fortificare la sua inobbedienza, ordinò al Cardinal Borgia, che da
Roma con celerità e cautela si portasse a Napoli, ed introducendosi
nel Governo, scacciasse l'Ossuna. Ma non si potè ciò eseguire con
tanta cautela e prestezza, sì che volendo partir il Borgia nel mese
di maggio di quest'anno 1620, il Duca nol penetrasse; ed avendo egli
tentato invano il Cardinale, che prorogasse la sua venuta insino ad
ottobre, quando vide, che il successore era giunto a Gaeta, pensò nel
restante cammino tendergli insidie ed aguati: fecegli apparecchiare
in Pozzuoli, dove credeva dovesse soggiornare quel dì, agiata stanza;
ma il Cardinale postosi in sospetto, invece di posar in Pozzuoli, andò
nell'Isola di Procida a trattenersi.

Intanto il Genuino, esagerando alla plebe i beneficj ricevuti
dall'Ossuna, e che partendo sarebbero dagli Spagnuoli più severamente
trattati, avea commossa una sedizione affin d'impedire al Cardinale
l'entrata nella città, ed ottener per questo mezzo la continuazione
del governo dell'Ossuna: di che avvisato il Cardinale, per non esporsi
a' popolari insulti, risolse di nascostamente entrar nella città, e
concertato il modo col Castellano del Castel Nuovo, pronto ad aprirgli
le porte del Castello, montato in una picciola barchetta, e sbarcato
a Pozzuoli, dentro un cocchio di notte furtivamente s'introdusse nel
Castello, e la mattina poi per tempo lo sparo del cannone avvertì la
città, che giunto il nuovo Vicerè, era deposto l'Ossuna. Con tutto ciò
non mancò costui nella brevità del tempo tentar con lusinghe la plebe
e le milizie con doni; e scrisse al Re accagionando il Cardinale di
questa sua furtiva entrata, quando egli aveagli offerto con prontezza
le Galee: ma ch'egli questo affronto, ed il non vendicarsene lo
riponeva fra gli altri suoi servigi importanti prestati alla Corona,
perchè, siccome con facilità gli avrebbe potuto vietare l'entrata in
Napoli, così dopo l'ingresso con le forze della sua armata di mare e
dei seimila Spagnuoli, ch'erano sue creature, avrebbe potuto scacciare
l'intruso, che tale dovea riputarsi, del possesso illegittimo e
clandestino, preso in luogo insolito e senza le consuete cerimonie:
che avrebbe ancora potuto punire l'attentato del Castellano, che aprì
di mezza notte le porte della Fortezza, ed i Reggenti del Collaterale,
e gli Eletti della Città per la potestà arrogatasi di levare, e porre
a lor posta i Vicerè; ma che sagrificava ogni cosa al servigio della
Corona, e partiva per sostenere la sua giustizia avanti il suo cospetto
nella sua regal Corte. Gli convenne per tanto partire nel giorno 14
giugno di quest'anno 1620 alla volta di Spagna, lasciando in Napoli la
moglie co' suoi figliuoli, avendo prima mandato in Piombino il Genuino
travestito da Marinaro, per sottrarlo dalle debite pene, donde presolo
poi nel suo passaggio, il condusse in Ispagna; ma per dar tempo, che
lo sdegno del Re si placasse, proseguiva il viaggio a lenti passi, e
giunse a Marsiglia dopo due mesi, dove trattenevasi in feste e balli
con poca volontà di seguitare il viaggio.

Intanto il _Cardinal Borgia_, partito l'Ossuna, s'applicò a punire i
colpevoli de' passati tumulti, e delegando le loro cause al Consigliere
_Scipione Rovito_, furono contra costoro fabbricati più processi, e
molti posti in carcere, ed il _Genuino_ fu prima dichiarato contumace,
e poscia bandito di pena capitale, e confiscati tutti i suoi beni, e
venduti i mobili, ancorchè per impedirne la vendita fosse stato opposto
da' suoi congiunti, ch'egli era Cherico. Per disfare ciò che il suo
predecessore avea imperiosamente fatto, fece riponere quelle stesse
gabelle, che erano state tolte dal Duca; e diede altri provvedimenti,
che si leggono in tre sue Prammatiche, nel breve tempo del suo governo
lasciateci.

Ma giunto l'Ossuna in Madrid, dopo un così lento viaggio, avendo in
tanto placato l'animo del Re per mezzo del Duca d'Uzeda e degli altri
Favoriti suoi amici e congiunti, seppe sì ben discolparsi di ciò,
che gli era stato imputato, ed aggravare all'incontro la condotta del
Cardinal Borgia, che si fece ardito di domandare, che si levasse il
Cardinale, e tornasse egli in Napoli a continuar l'esercizio della
sua carica. Il Consiglio di Stato, che secondo lo stato deplorabile
di quella Corte era governato a capriccio de' Favoriti pose l'affare
in dispute, e se l'Ambasciadore della città di Napoli non si fosse
gagliardamente opposto alla pretensione del Duca di voler tornare,
sarebbe seguita peggiore determinazione: pure, ancorchè non si
risolvesse il ritorno dell'Ossuna, fu disapprovata la maniera usata
dal Cardinale, e risoluto che il Cardinal si rimovesse, non ostante le
doglianze della Duchessa di Candia di lui madre, la quale altamente
lamentavasi col Re del pessimo trattamento, che si faceva al suo
figliuolo, dopo averlo così ben servito; e perchè ostinatamente
contendeva il Duca per ritornare, si prese espediente di sospendere
l'elezion del Vicerè, ed in luogo del Borgia, mandar per _Luogotenente_
in Napoli il _Cardinal Antonio Zappata_, che si trovava in Roma, come
fu eseguito nel mese di novembre di quest'istesso anno 1620.

Ma succeduta indi a poco la morte del Re Filippo III, mancò il modo
a' Favoriti di poterlo più proteggere; poichè pervenuto alla Corona
il Re _Filippo IV_, e caduta l'autorità della privanza al Conte
d'Olivares poco amorevole dell'Ossuna, fu ordinata dal Re una nuova
Giunta di Ministri per esaminare con termini giudiciali l'imputazioni,
che si davano al Duca, contenute ne' processi, stati fabbricati dal
Consigliere _Scipione Rovito_, e mandati alla Corte per ordine del
Cardinal Borgia. Ne fu fatto rigoroso esame e trovatosi il Duca
colpevole fu fatto arrestare e con buone guardie fu condotto nel
castello d'Almeda, dove dopo una lunga prigionia, afflitto da passioni
d'animo, finì la vita a' 25 settembre dell'anno 1624. L'incontinenza
nei piaceri del senso, e più la smoderata ambizione di dominare,
corruppe l'altre belle doti del suo animo, corruppe il pregio del
suo valor militare, la sua singolare abilità per comandare e la
sua prudenza civile. Ci lasciò egli per ciò molti saggi e lodevoli
regolamenti che pur si leggono ne' volumi delle nostre Prammatiche
additati, secondo l'ordine de' tempi, nella _Cronologia_ prefissa al
primo tomo delle medesime.



CAPITOLO V.

_Infelice Governo del CARDINAL D. ANTONIO ZAPATTA. Morte del Re FILIPPO
III, e leggi che ci lasciò._


Giunto il Cardinal Zapatta in Napoli (a cui il Borgia cede il governo
a' 12 decembre di quest'anno 1620, giorno della di lui partita)
fu accolto dalle voci del popolo, che oppresso dalle precedute
calamità, non altro ardentemente desiderava, che abbondanza; onde
egli per corrispondere a' loro desiderj, invigilò seriamente sopra
i venditori de' commestibili, perchè non alterassero i prezzi, che
imponevano gli Eletti della città, gastigando severamente coloro
che contravvenivano all'assise. Visitò le Carceri della Vicaria, e
d'accesso facile ascoltava volentieri ogni sorta di persone; e così
soddisfacendo a' bisogni de' sudditi, s'acquistò in questi principj
l'applauso e le comuni benedizioni. Essendo accaduta in gennaio del
nuovo anno 1621, la morte del Pontefice Paolo V, lasciando per suo
_Luogotenente D. Pietro di Gambona e Leyva_ Generale della Squadra
navale di Napoli, partì per Roma per assistere al Conclave, e seguita
dopo brevi giorni a' 9 febbraio, l'elezione nella persona del Cardinal
Alessandro Lodovisio, chiamato _Gregorio XV_, fece ritorno in Napoli,
a ripigliar l'amministrazione del Regno, continuata colla medesima
comune soddisfazione; la qual tanto più s'accrebbe, quando si videro
riformati i Tribunali, e comandata la continua assistenza a' Ministri,
e la sollecita spedizion delle liti, avendo a tal fine ordinato,
che nel Palazzo di Capuana si ponesse una campana, la quale nell'ora
determinata, invitando col suono i Ministri ad andarvi, togliesse a
tutti il pretesto della tardanza.

Ma due infauste occorrenze interruppero il corso della sua applaudita
condotta, e resero il suo governo torbido ed infelice. A' preceduti
anni sterili ed infecondi, ne era succeduto un altro assai più
infelice, onde ne nacque una penuria di viveri estrema: a tutto ciò
s'aggiunse, che per quattro mesi continui caddero dal Cielo così
incessanti pioggie, che rendute le strade impraticabili, impedivano
il trasporto delle vettovaglie dalle province alla città; ed in mare
i continui e tempestosi venti impedivano la navigazione, ed alcune
navi, che cariche di frumenti erano per giungervi, miserabilmente
naufragarono: i Turchi ancora scorrendo da per tutto le nostre marine,
predavano i vascelli che di Puglia carichi di grani s'erano avviati
per soccorrere l'affamata città, il prezzo delli commestibili per
ciò arrivò ad eccessive ed esorbitanti somme; onde si vide un'estrema
miseria e carestia da per tutto.

A questa calamità s'aggiunse un altro male gravissimo e difficile a
ripararsi, per cagion delle monete chiamate comunemente _Zannette_,
ridotte per l'ingordigia de' tosatori a stato sì miserabile, che non
ritenevano più che la quarta parte dell'antico valore, ond'erano da
tutti rifiutate; tanto che i prezzi delle cose alterati, la moneta
non sicura e rifiutata, ridusse molti alla disperazione. Si pensò alla
fabbrica d'una nuova moneta per abolirle, e fu pubblicato, che nella
abolizione di quelle, niuno v'avrebbe perduto. Ma essendo impossibile a
por ciò in effetto per la quantità di _Zannette_, ch'erano nel Regno,
e 'l poco argento, che v'era da coniarsi, per sorrogarsi in luogo di
quelle; nacquer per ciò disordini gravissimi e sediziose turbolenze.

La vil plebe, che vuol satollarsi, nè sapere l'inclemenza de' Cieli,
o la sterilità della Terra, vedendosi mancare il pane cominciò a
tumultuare ed a perder il rispetto a' Ministri, che presidevano
all'Annona: il Reggente _Fulvio di Costanzo_ un giorno del mese
d'ottobre di quest'anno 1621 poco mancò, che non fosse da lei oppresso;
e già ogni cosa era disposta per prorompere in un universal tumulto.
Il Consigliere Cesare Alderisio, Prefetto dell'Annona, per sedar
le turbolenze persuase al Cardinale, che uscisse per la città, ed
in una calamità così grande consolasse il Popolo; ed in fatti in
gennaio del nuovo anno 1622 postisi amendue in un cocchio uscirono; ma
questa uscita peggiorò il male, poichè la plebe insolentita, veduto
il Vicerè, con poco rispetto cominciò a rinfacciargli la pessima
condizione del pane, che mangiava; ed avendo la guardia Alemana voluto
frenar gl'insulti, si videro sopra il cocchio del Cardinale piover
sassi lanciati da que' ribaldi; tanto che bisognò ricovrarsi nel
vicino Palazzio dell'Arcivescovo, e far chiuder le porte di quello
e della Chiesa, infinchè accorsi molti Signori ad assisterlo, non lo
riconducessero salvo in Palazzo.

I disordini per le _Zanette_ abolite, e per non essersi potuto supplire
colla nuova moneta, fecero crescere le confusioni nel Popolo, il
quale perduto ogni ritegno, essendo a' 24 aprile uscito il Cardinale
in cocchio fuori le Porte della città, quando fu fuori Porta Capuana,
si vide dietro uno stuolo di plebei, uno dei quali avvicinatosi al
cocchio con un pane nelle mani, con molta arroganza gli disse: _Vede
V. S. Illustrissima che pane ne fa mangiare_, e soggiungendo altre
parole piene di minacce, lanciogli quel pane a dosso sopra il cocchio.
Il Cardinale sospettando di peggio, fece sollecitar i cavalli, e presa
la strada di S. Carlo fuori la Porta di S. Gennaro, entrando per la
Reale, che ora diciamo dello Spirito Santo, si condusse di buon passo
in Palazzo: dove consultato l'affare, fu risoluto dissimularlo.

Ma questa tolleranza, in vece d'acchetare, fomentava i tumulti e li
ridusse nell'ultima estremità, come si vide poco da poi; poich'essendo
a questi tempi venuto in Napoli il Conte di Monterey, destinato dal Re
Ambasciador estraordinario al Pontefice Gregorio XV, postosi in cocchio
il Cardinale col Conte, mentre camminavano per la città, nella strada
dell'Olmo furono circondati da molti plebei, che gridavano; _Signore
Illustrissimo, grascia, grascia_: alle quali voci essendosi voltato
il Cardinale con volto allegro e ridente, un di coloro temerariamente
gli disse in faccia: non _bisogna, che V. S. Illustrissima se ne rida,
essendo negozio da lagrimare_, e seguitando a dire altre parole piene
di contumelie, si mossero gli altri a far lo stesso, ed a lanciar
pietre al cocchio, talchè a gran passi fu duopo tornar indietro e
ritirarsi in Palazzio. Allora stimossi dannosa ogni sofferenza e fu
riputato por mano a severi castighi; onde formatasi Giunta di quattro
più rinomati Ministri, che furono il Reggente D. Giovan Battista
Valenzuola ed i Consiglieri Scipione Rovito, Pomponio Salvo e Cesare
Alderisio, fabbricatosi il processo, furono imprigionate più di
300 persone: convinti i rei, contra essi a' 28 maggio fu profferita
sentenza, colla quale diece ne furono condannati a morir su la Ruota,
all'uso Germanico, dopo essersi sopra carri per li pubblici luoghi
della città fatti tanagliare: furono le lor case diroccate ed adeguate
al suolo: pubblicati i loro beni ed applicati al Fisco: i loro cadaveri
divisi in pezzi, e posti pendenti fuori le mura della città per cibo
degli uccelli, e le loro teste fur poste sopra le più frequentate Porte
della medesima in grate di ferro. Sedici altri meno colpevoli furono
condennati a remare, e fu diroccato ancora il fondaco di S. Giacomo
nella strada di Porto, dove fu aperta quella strada, che si vede al
presente, ed in cotal maniera finirono i tumulti, che sotto il governo
del Cardinal Zapatta cagionarono la fame e le Zannette.

A questi tempi, mentre la città era involta in questi rumori, giunse
in Napoli D. Francesco Antonio Alarcone, al quale il Re avea delegata
la causa del Duca d'Ossuna. Il _Genuino_ intanto era stato preso,
ed in stretto carcere era detenuto in Madrid, donde fu condotto con
buone guardie a Barcellona, e da poi trasportato nella Fortezza di
Portolongone, dove fu strettamente custodito per lo spazio di molti
mesi: passando l'Alarcone lo portò seco in Napoli, e chiuso nel Castel
Nuovo, fu dopo due giorni mandato in quello di Baja, da dove passò in
quello di Capua, e poi a quello di Gaeta. Trattatasi la sua causa, fu
il Genuino condannato a perpetuo carcere nella Fortezza di Orano, ed
i suoi nepoti e seguaci furono condennati a remare. Ma il _Genuino_
dopo molti anni ottenne finalmente libertà; e narrasi che fosse, per
aver mandato al Re Filippo IV che lo bramava, un modello di legno della
Fortezza del Pignone, da lui lavorato nelle prigioni dell'Affrica;
e ritornato poi in Napoli, benchè fattosi Prete, fu colui, che
più d'ogn'altro fomentò le revoluzioni popolari del Regno accadute
nell'anno 1647, delle quali più innanzi farem parola.

Intanto la città di Napoli, perchè a disordini sì gravi si desse
pronto ristoro, avea segretamente spedito alla Corte il P. Taruggio
Taruggi Prete della Congregazione dell'Oratorio; e consideratosi lo
stato miserabile del Regno, e che per riparare alle tante strettezze,
che cagionava la mancanza de' viveri e della moneta, eran necessari
rimedi forti e solleciti, e che il genio facile ed indulgente del
Cardinale non era confacente allo stato, nel quale eransi le cose
ridotte: fu riputato espediente di levar il Cardinale, e mandare per
Vicerè in Napoli il _Duca d'Alba_, il quale prestamente si pose in
cammino, e giunse in Pozzuoli a' 14 del mese di dicembre di quest'anno
1622, e pochi giorni da poi prese il governo del Regno. Il Cardinal
partì lasciando di sè concetto di mal fortunato Ministro, e che la
sua natura troppo indulgente e dolce, avesse più tosto fomentati i
disordini accaduti in tempo del suo governo. Egli però ci lasciò savi
provvedimenti, che si leggono nel volume delle nostre Prammatiche, e
s'additano nella _Cronologia_ prefissa al primo tomo delle medesime.

In tempo del suo Governo, e propriamente a' 31 marzo del 1612, accade
la morte del Re Filippo III in età di 43 anni, de' quali ne regnò 22
e mezzo. Ne fece egli nel Duomo di Napoli celebrare pompose esequie,
dopo aver fatto acclamare il Re _Filippo IV_ con cavalcata e pubblica
celebrità. Morì Filippo d'acuta febbre, che gli tolse intempestivamente
la vita, e in età cotanto acerba ed immatura. Egli di Margherita
d'Austria, che fu sua moglie, procreò tre maschi ed altrettante
femmine: _D. Filippo_, che fu suo successore nei Regni; _D. Carlo_, che
poi morì; e _D. Ferrante_, Diacono Cardinale del Titolo di S. Maria in
Portico, detto comunemente il _Cardinal Infante_. Delle femmine, _D.
Anna_ fu moglie di Lodovico XIII Re di Francia; _D. Maria_ maritossi
con Ferdinando Re d'Ungheria, e poscia Imperadore; ed un'altra, che
morì bambina. Il suo regnare fu più tosto d'apparenza, che di realtà;
poichè contento della Regal dignità, lasciò governare a' Favoriti ed a'
Consigli. Si credette, che quando per l'istigazioni del Duca d'Uzeda e
di Fr. Luigi Aliaga Confessore del Re, fu comandato al Cardinal Lerma,
che si ritirasse, fosse il Re per assumere in se stesso il governo;
ma la morte, che poco da poi lo rapì ai travagli, che seco porta
l'Imperio, ne interruppe le speranze. Principe, ch'essendo decorato
degli ornamenti della vita, meglio che dotato dell'arte di comandare;
siccome la bontà, la pietà e la continenza lo costituirono superiore
a' sudditi, così la disapplicazione al Governo lo rese inferiore al
bisogno. Tenendo oziosa la volontà, si credeva, che altra funzione
non avesse riserbata a se stesso, che d'assentire a tutto ciò, che il
Favorito voleva; e si credette, che nell'agonia della sua morte, non
fosse tanto consolato della memoria de' suoi innocenti costumi, quanto
agitato dagli stimoli della coscienza per l'omissione del governo. Con
tutto ciò dal primo anno del suo regnare insino al penultimo stabilì
per noi molte leggi savie e prudenti, le quali, secondo il tempo che
si pubblicarono, vengono additate nella _Cronologia_ prefissa al tomo
primo delle nostre Prammatiche.


  FINE DEL LIBRO TRENTESIMOQUINTO.



STORIA CIVILE DEL REGNO DI NAPOLI

LIBRO TRENTESIMOSESTO


_Filippo IV_ succedè al padre in età così giovanile, che non avea
oltrepassati i sedici anni, per esser egli nato in Valladolid agli 8
d'aprile dell'anno 1605. Il suo Regno fu molto lungo, avendo durato
quarantaquattro anni e mezzo insino al 1665 anno della sua morte.
Si sperava, che per l'assunzione al soglio d'un nuovo Re, dovessero
cessare i Favoriti, ed assumer egli in se stesso il Governo, ma riuscì
vana ogni lusinga; poichè portati al Re i dispacci, gli consegnò a D.
Gaspare di Gusman, Conte d'Olivares, il quale, ancorchè lo desiderasse,
mostrandosene alieno, con questa sua simulata modestia mosse il Re a
comandargli, che fossero dati a chi il Conte volesse. Egli simulando
moderazione, gli rassegnò a D. Baldassar di Zunica, vecchio ed
accreditato Ministro; ma però di concerto tra loro, perchè, essendo
il Zunica suo zio, aveano convenuto di sostenersi reciprocamente; onde
presto caduta la maschera, tutto l'arbitrio ed il potere si restrinse
nel Conte, che decorato ancora col titolo di Duca, si scoprirà ne'
seguenti racconti con questo doppio titolo di _Conte Duca_. Nel suo
lungo regnare, sempre più le cose peggiorando, fu questo Reame teatro
infelice di grandi e funesti avvenimenti, per li quali rimase voto
di forze e di denari, e miseramente travagliato ed afflitto. Egli
avendone presa l'investitura dal Pontefice Gregorio XV lo governò in
questo spazio di tempo per mezzo di nove Vicerè, che successivamente ne
presero l'amministrazione, de' quali il primo fu _D. Antonio Alvarez di
Toledo Duca d'Alba_, del cui governo saremo ora brevemente a narrare.



CAPITOLO I.

_Di D. ANTONIO ALVAREZ DI TOLEDO Duca d'ALBA, e del suo infelice e
travaglioso governo._


Venne il Duca d'Alba a ristorar il Regno dalle precedenti calamità e
miserie; ma per trovar efficaci rimedi a tanti mali, riusciva l'impresa
pur troppo dura e malagevole. A fin d'evitare il disordine, che seco
portava l'uso delle _Zannette_, se n'era incorso in un altro maggiore,
per la ordinata loro abolizione, non essendovi materia, nè modo per
surrogare in lor vece una nuova moneta: cagionossi per ciò un danno
gravissimo non meno a' pubblici Banchi, che a' loro Creditori, li
quali Banchi si trovavano avere di _Zannette_ la somma di quattro
milioni e quattrocentomila ducati. Molti altri particolari Cittadini
si trovavano pure quantità grande di Zannette, che furono costretti a
venderle a peso d'argento, con ciò impoverironsi molte famiglie, che
per tal cagione si ridussero in una estrema mendicità, donde nasceva
ancora la penuria di tutte le cose, e l'impedimento del commercio.
A riparar questi mali applicò l'animo il Duca d'Alba nel principio
del suo Governo, ed avendo formata una Giunta di Ministri e d'altre
persone pratiche, commise allo scrutinio di quella di trovare opportuno
espediente per restituire nel Regno l'abbondanza ed il commercio.
Esaminato l'affare, fu conchiuso d'imporre una nuova gabella per
riparare in parte a perdita sì grave, poichè ripararla in tutto era
impresa disperata ed impossibile. Ma s'urtava in un altro scoglio,
per la difficoltà, che s'incontrava, che non v'era materia sopra
dove potesse imporsi. Era il Regno gravato di tante gabelle e dazj,
che quasi tutte le cose, delle quali hassi bisogno per conservar la
vita, n'erano gravate: pure, consideratosi che solo i vini, che si
vendevano a minuto nell'Osterie pagavano il dazio, e gli altri, che
entravano nella Città per vendersi a barile, o a botte per uso de'
Cittadini, non portavano peso alcuno, fu risoluto d'imporre un ducato
di gabella per botte. Così fu imposta questa nuova gabella, la quale
affittatasi per la somma di circa ducati novantamila l'anno, fur queste
entrate assegnate a' creditori de' Banchi per la terza parte de' loro
crediti, de' quali ne riceverono un'altra terza parte in moneta nuova
di contanti: e si assegnarono a' Partitarj, in soddisfazione del
prezzo degli argenti somministrati per la nuova moneta, le rendite de'
forastieri, delle quali era stata dal Cardinal Zapatta predecessore
ritenuta un'annata da riscuotersi in quattro anni. A queste ordinazioni
s'aggiunse la moderazione fatta a' prezzi de' cambj, alterati ad
un segno, che non potevano tollerarsi; onde si cominciò un poco a
respirare, ed a restituirsi, nel miglior modo che si potè, in parte il
commercio.

Ma nuovi accidenti tennero ne' seguenti anni non meno travagliato il
Regno, che il Duca. Nel 1624 per un'infausta e scarsa raccolta di
viveri, si vide la città in una grande angustia. Al flagello della
carestia si accoppiò il timore della peste, che dipopolava la vicina
Sicilia; ma rese al Duca più travaglioso il suo governo la guerra,
che per lo Marchesato di Zuccarello s'accese tra il Duca di Savoja e
la Repubblica di Genova, dalla quale, nel progresso di quella, per la
fama del suo valore, reso celebre nelle guerre di Fiandra ed altrove,
fu preso al suo servizio il nostro Maestro di Campo D. Roberto Dattilo
Marchese di S. Caterina, figliuolo del Sargente Maggiore D. Alfonso, e
confidatogli il comando della soldatesca pagata. Vi si aggiunse ancora
l'altra guerra della Valtellina, per l'una e l'altra delle quali, per
comando del Re, bisognava assistere di gente e di danaro. Mancava per
sostenerle massimamente il danaro: le passate sciagure, in un governo
senza economia, e con tutto ciò sempre profuso, posto in mano di
Favoriti, che non come pastori legittimi, ma mercenarj, non curando le
stragi e le calamità de' Popoli, aveano impoverito non meno i vassalli,
che il Sovrano, e l'Erario Regale non era meno esausto che le borse
de' sudditi; ma con tutto ciò il Conte Duca premeva il Vicerè, che dal
Regno si spedissero milizie, e si soccorresse di danaro. Bisognò per
provvedere all'estrema penuria di raccorlo con modi soavi, e che meno
incomodassero i sudditi: fu per ciò ritenuta in due volte la terza
parte dell'entrate d'un anno, che i creditori della Corte tenevano
assegnate sopra le gabelle e fiscali, dato loro l'equivalente sopra
il nuovo dazio del cinque per cento, aggiunto alle Dogane del Regno.
Dall'entrate de' forestieri si tolsero venticinque per cento, e fu
ordinata l'esazione di due carlini a fuoco.

Per raccor gente fu conceduto il perdono a tutti i delinquenti,
contumaci e banditi, che andassero ad arrolarsi sotto l'insegne.
Raccolte le soldatesche, fecene il Duca mostra sul piano del Ponte
della Maddalena: oltre le milizie Spagnuole, ed i Reggimenti italiani
de' Maestri di Campo Carlo di Sangro, ed Annibale Macedonio, si videro
in buon'ordinanza schierati i Battaglioni delle province di Principato
citra e Basilicata, sotto il comando del Sargente Maggiore Marco di
Ponte: quello del Contado di Molise e Capitanata, sotto il comando
del Sargente Maggiore D. Pietro de Solis Castelbianco: l'altro di
Principato ultra, era condotto dal Sargente Maggiore D. Antonio Caraffa
Cavaliere di S. Giovanni: quello di Terra di Lavoro, era guidato
dal Sargente Maggiore Vespasiano Suardo; e quel di Terra di Bari dal
Sargente Maggiore Giantommaso Blanco.

Oltre a ciò furono raccolti seimila altri uomini dalle Comunità del
Regno, tassate a dar questo numero a proporzione de' fuochi; e questi
furono parimente spediti sotto il comando de' Maestri di Campo D.
Antonio del Tufo, e D. Roberto Dattilo, quello stesso, che poi fu
richiesto al servizio de' Genovesi, come di sopra s'è narrato; ed il
Principe di Satriano D. Ettore Ravaschiero guidò pure sotto la sua
scorta altre squadre.

A queste spedizioni fatte dal Duca d'Alba s'aggiunse l'aver egli
proccurato un donativo dalla città di centocinquantamila ducati per
supplire alle spese di queste guerre, per le quali non tralasciarono di
somministrare altri ajuti molti Titolati e Cavalieri napoletani. E fu
duopo al Duca d'accorrere a' bisogni non solo delle guerre d'Italia, ma
insino a Fiandra mandar dal Regno gente e denaro.

Nè pur di ciò sazio il _Conte Duca_, poichè le guerre d'Italia tuttavia
continuavano, e n'andavano sempre mai pullulando altre nuove, avea
mandato ordine a tutti i Governatori degli Stati, che il Re possedeva
di qua dell'Alpi, che per accorrere in ogni bisogno che mai potesse
nascere, era mestieri mantener sempre pronti, anche in tempo di
pace, ventimila fanti e cinquemila cavalli, e che perciò trovassero
espedienti per sostentarli. Ma, avendo il Vicerè proposto l'affare
nel Consiglio di Stato, fu risoluto, che si rappresentasse al Re, che
questo sarebbe stato un peso insoffribile al Regno cotanto aggravato;
e che l'aggiungerne altri nuovi particolarmente in tempo di pace,
sarebbe stata un'oppresione, che avrebbe distrutti i mezzi di poterlo
poi servire in tempo di guerra, e nelli più urgenti bisogni.

Non tralasciarono ancora a questi tempi i Turchi di travagliar le
nostre marine, li quali profittandosi dell'occasion dell'assenza delle
squadre marittime dal Regno, comparvero ne' nostri mari, e sotto il
Monte Circello alcune Galee di Biserta presero sei Navi, che andavano
a caricar grani per l'Annona della città; poscia assalirono la Terra
di Sperlonga presso Gaeta, il Castel dell'Abate e la Torre della
Licosa. Altri quattordici vascelli Turchi infestarono le marine del
Capo d'Otranto; e se il Marchese di S. Croce non fosse qui giunto
coll'armata di Spagna, che gli pose in fuga, d'altri più gravi danni
sarebbero stati cagione.

Pure i tremuoti vi vollero avere la lor parte. Nel mese di marzo del
1626 fecesi sentire in Napoli, ed in molte parti del Regno, un così
orribile tremuoto, che empì la Città d'orrore e di spavento. Nel
seguente mese d'aprile scosse più fieramente la Calabria, con gran
danno della città di Catanzaro, di Girifalco e d'altre Terre. Ma nel
nuovo anno 1627 si fece con maggior violenza sentire in Puglia, dove
abbattè molte Terre, e fece strage grandissima degli abitatori, a'
quali non bastando i sepolcri, fu duopo incendiar i cadaveri, perchè
l'aria non si contaminasse.

Cotanto travaglioso e così pieno di fastidiose cure fu il Governo
del Duca d'Alba; ma con tutto ciò non si sgomentò egli mai, nè mancò
col suo valore e costanza andar incontro a' Fati. Egli ancora in
mezzo a tanti travagli, non mancò dimostrare l'animo suo magnanimo e
generoso in tutte le occasioni, che in Napoli durante il suo Governo
gli s'offersero così nelle pubbliche allegrezze per la natività d'una
figliuola, che in questo tempo nacque al Re, e delle funzioni celebrate
nel Palagio Regale per li Tosoni dati a' Principi della Roccella,
d'Avellino, e di Bisignano, come nella venuta, che, per l'occasione del
Giubileo generale dell'anno 1625, fece in Napoli il Principe Ladislao,
figliuolo di Sigismondo III Re di Polonia, e degli altri Signori ed
Ambasciadori del Re, che si portavano in Roma. Ma sopra tutto rilusse
la sua magnificenza, che seguendo i vestigj de' suoi predecessori,
volle abbellir la Città o con nuovi edificj, o con ristorare, ed
ingrandir gli antichi. Egli rifece quella Torre della lanterna al Molo,
e la ridusse in quella altezza, che oggi si vede: costrusse un Baloardo
nella punta del Molo con quattro Torrioni, per difesa del Porto; ed
aprì quella magnifica Porta, che dal suo ancor ritiene il nome di
_Port'Alba_, per comodità di coloro ch'andavano a' Tribunali. Costrusse
il Ponte sopra il fiume Sele nel territorio della città di Campagna,
un altro nella città d'Otranto; e sopra il Garigliano per comodità
de' viandanti ne fece innalzar un altro. Per li timori conceputi
della peste, che travagliava la vicina Sicilia, fece egli trasportare
l'_Espurgatojo_ dal luogo, ove allora si trovava presso Posilipo, in
quello dove sia oggi vicino a Nisita. Fece ancora condurre l'acqua di
S. Agata e d'Airola in Napoli per servigio de' Cittadini e delle fonti
della città, e spezialmente del fonte vicino al Regio Palazzio da lui
abbellito.

Nè mancò render la città vie più vaga e dilettevole con aprir nuove
fonti, come fece nella strada di S. Lucia, d'allargar le strade,
come fece in quella di Mergellina, affinchè coloro, che ricevono
incomodo dal Mare, potessero andarvi comodamente per terra, ed egli
fece abbellire di pitture il Regal Palazzio del famoso pennello
di Belisario. Ma sopra tutto, di che il Regno gli deve, fu d'aver
comandato al _Reggente Carlo Tappia_ di perfezionare lo _Stato_
dell'entrate e de' pesi di tutte le Comunità del Regno, e limitare
le quantità che doveansi spendere in ciascun anno per servigio del
pubblico: ciò, che tolse in gran parte agli amministratori di quelle la
comodità di profittarsi del pubblico peculio. Parimente molto gli si
deve per aver nel 1626 comandato a _Bartolommeo Chioccarello_ quella
Raccolta di tutte le scritture attinenti alla Regal Giurisdizione,
ch'egli fece in 18 volumi, e che poi nell'anno 1631, per ordine del
Re Filippo IV, consegnò al Visitator Alarcone, per doverli portare in
Ispagna, dove furono conservati nel supremo Consiglio d'Italia.

Ma mentre il Duca d'Alba con universal soddisfazione ed applauso
amministrava il Regno, avendo finiti appena sei anni del suo Governo,
gli pervenne l'avviso, che il _Duca d'Alcalà_ gli era stato dalla
Corte destinato per successore: di che molto contristossene, e con
tutto che non potesse sfuggir la partita, proccurò nondimeno con vari
modi differirla: tanto che l'Alcalà partito dalla Corte e giunto a
Barcellona, aspettando la comodità delle Galee per imbarcarsi, e queste
mai non giungendo, fu costretto, dopo aversi per suo sostentamento
in sì lunga dimora impegnati gli argenti, che seco portava per suo
servigio, d'imbarcarsi sopra le Galee di Malta, che inaspettatamente lo
condussero a vista di Napoli.

Giunse l'Alcalà a' 26 del mese di luglio dell'anno 1629, e smontato
alla riviera di Posilipo, fu alloggiato dal Principe di Cariati
nel Palagio di Trajetto, dove colla Duchessa sua moglie, col
Marchese di Tariffa suo primogenito e con tutta la sua famiglia, fu
magnificamente trattato. Il Duca d'Alba era allora travagliato in
letto da fieri dolori nefritici, ed il nuovo Vicerè fu a visitarlo;
ma con tutto che stasse infermo, non tralasciava l'applicazione a'
negozj; ed alzatosi poi da letto, e restituita la visita all'Alcalà,
si portò agli 8 d'agosto in S. Lorenzo a terminare il Parlamento già
cominciato, il quale per l'infermità sopraggiunta a D. Giovan-Vincenzo
Milano creato Sindico della Piazza di Nido, era rimaso sospeso. In
questi ultimi giorni del suo governo ottenne egli un donativo d'un
milione e ducentomila ducati dal Baronaggio ed Università del Regno,
rimettendo alle medesime tutto ciò che doveano al Re di pagamenti
fiscali già maturati; ed oltre a ciò ottenne un dono per se medesimo
di settantacinquemila ducati. Proseguiva ancora il suo governo, ed a
far molte grazie, ed a provveder diverse cariche Militari e di Toga;
ed intanto l'Alcalà si tratteneva in divozioni, ed in esercitar opere
di pietà in Posilipo. Finalmente partì il Duca d'Alba a' 16 agosto,
lasciando di se a' Napoletani un grandissimo desiderio per la sua
giustizia, bontà e prudenza civile, siccome lo dimostrano ancora le sue
leggi, che ci lasciò, tutte savie e prudenti per le belle ordinazioni
che contengono, le quali possono vedersi nella _Cronologia_ prefissa al
primo tomo delle nostre Prammatiche.



CAPITOLO II.

_Del Governo di D. FERRANTE AFAN DI RIVIERA Duca d'ALCALÀ._


Questo nuovo Duca d'Alcalà, che venne al governo del Regno, potè
mal imitare i vestigi dell'altro Duca d'Alcalà suo maggiore, per la
corruzione, in cui erano ridotte le cose del Regno. Qualunque più
esperto e savio Ministro era per confondersi ne' tanti disordini
e calamità. Non vi erano nel Regno guerre, ma quelle di Lombardia
cagionavano a noi mali peggiori, che se ardessero nelle viscere di
quello. I Turchi non tralasciavano le loro scorrerie nelle nostre
Marine, nè vi era chi potesse loro opporsi, perchè divertite le nostre
forze altrove, erano assai deboli e scarse le difese. Gli Sbanditi per
l'istessa cagione non lasciavano d'infestar le campagne e le pubbliche
strade, e talora anche le Terre murate. I Tremuoti, ed i nuovi
timori di peste e le altre sciagure, posero tutto in costernazione e
disordine.

Da chi dovea sperarsi conforto, si riceveva maggior tracollo. Il Re,
posto in mano del Favorito, niente curava di noi; ed il _Conte Duca_
che reggeva la Monarchia, per sostenere le guerre di Lombardia avea
fondata la sua maggior base nel Regno di Napoli. Con tutto che col
continuo premere si vedesse così esangue e smunto, non si tralasciava
di dimandar continuamente soccorso di gente e di danari. L'angustie del
Vicerè, e più de' sudditi, erano per ciò grandi; pure per supplire in
parte a' bisogni, fu a questi tempi trovato espediente di sospendere
i pagamenti delle quantità assegnate a' creditori del Re sopra le
Comunità del Regno, e di prendere quarantamila ducati dalle rendite
della Dogana; ma ciò non bastando, fu duopo insinuare a tutti una
volontaria tassa, la quale fu regolata dal Vicerè in cotal guisa, che
non eccedesse la somma di ducati mille, nè fosse meno di diece: furono
per ciò costretti i Titolati ed i Baroni ed anche gli Avvocati, insino
i Mastrodatti e Scrivani a votare le loro borse nelle mani del Vicerè,
che raccolse per questi tributi somme grossissime, sì che si pose
in istato d'accorrere con soldatesche e denari alle necessità della
guerra.

Nominò pertanto il Vicerè per queste spedizioni tre Mastri di Campo
per arrolare tre Reggimenti, li quali furono D. Giovan d'Avalos
Principe di Montesarchio, il quale poi per la morte sopravvenuta a due
suoi figliuoli rinunziò il comando, e fu eletto in sua vece D. Luzio
Caracciolo di Torrecuso, ch'era suo Sargente Maggiore; Carlo della
Gatta e Mario Cafarelli. Il Principe di Satriano fece pure a sue spese
un Reggimento di ventidue Compagnie, che tutte andarono a servire a
Milano, per dove furono parimente imbarcati altri seicento Spagnuoli
e molte Compagnie del Battaglione, e ciò oltre al Reggimento di Mario
Galeota, che colle Galee prima di tutti s'era avviato a Gaeta, dove
gli convenne trattenersi molti mesi, perchè i venti contrari gli avean
impedita la navigazione.

Ma che pro? Tanti e tali soccorsi, che riguardandosi la povertà del
Regno, donde si mandavano, potevano dirsi potenti, si dissiparono in
un baleno in quella guerra mal guidata e sempre infelice. Veniva per
ciò di nuovo sollecitato l'Alcalà a mandarne degli altri; ma donde
dovea provvedersi del denaro, già che mancavano i fondi, ed erano
già esauste tutte le scaturigini? Allora si venne alla risoluzione
di vendere le città e Terre demaniali del Regno, ed a metter mano
alle supreme Regalie. La città di Taverna fu venduta al Principe di
Satriano, quella dell'Amantea al Principe di Belmonte, il Casale di
Fratta al Medico Bruno, Miano e Mianello alla Contessa di Gambatesa,
Marano al Marchese di Cerella D. Antonio Manriquez, ed altri luoghi ed
altre persone: ciò che cagionò disordini grandissimi, perchè avvezzi
que' cittadini al Demanio Regale, ed abborrendo la servitù, che lor
soprastava di sottoporsi a Baroni, diedero in tali eccessi, che i
Cittadini dell'Amantea e di Taverna chiusero a' compratori le Porte,
ricusando di dar loro il possesso, e fecero valere i lor privilegi
in guisa, che istituitasene lite, furono, con isborsare il prezzo per
termini di giustizia conservati nel Demanio Regale.

La venuta della Regina Maria sorella del Re, che andava in Alemagna a
trovar Ferdinando d'Austria Re d'Ungheria suo sposo, finì d'impoverire
l'Erario Regale e le Comunità del Regno. Ella, per lo sospetto della
peste di Lombardia, torse il cammino, ed accompagnata dal Cardinal
di Gusman Arcivescovo di Siviglia e dal Duca d'Alba, con una Corte
splendida e numerosa, deliberò, tralasciata la strada di Lombardia,
di far quella del Regno. Si credette che il Duca d'Alba, per oscurare
l'autorità del Vicerè fosse stato l'autore di tal risoluzione, e che
perciò proccurasse far differire dalla Regina il cammino, siccome in
fatti dal mese d'agosto del 1630, ch'entrò in Napoli, vi si trattenne
quattro mesi continui splendidamente assistita, ed in continue feste
e tornei trattenuta, come conveniva ad una tanta Principessa. Il
Pontefice _Urbano VIII_ le spedì Monsignor Serra a presentarle la
Rosa d'oro, che rimase presso la Regina per suo Nunzio: venne da
Roma il Conte di Monterey, Ambasciadore del Re alla Corte del Papa,
a baciarle la mano, siccome fecero molti altri Signori e Principesse
di conto. Non si parlava di partire, ed intanto la spesa, che questa
dilazion portava al Patrimonio regale, era grandissima: s'erano fatti
venire molti cavalli, ed altri animali per le vetture, e s'erano
costrette le comunità del Regno a mandarle, ma poi non partendo,
doveansi soministrar le spese per loro mantenimento e de' condottieri.
L'Erario Regale era già voto, tanto che per supplire alla spesa,
s'era posto mano all'entrate del Re assegnate a' particolari, e ciò
nè meno bastando, s'era convenuto torre in prestanza grosse somme da'
Banchi. Il Conte di Francburgh Ambasciador d'Alemagna sollecitava
il viaggio, e scorgendo, che tanto più si differiva, finalmente si
dichiarò colla Regina, che giacchè non voleva partire, gli dasse
permissione d'andarsene. Anche il Vicerè Alcalà s'arrischiò a dirle,
che si compiacesse dargli certezza della sua risoluzione; poichè se le
fosse piaciuto differir la partenza, avrebbe licenziati i cavalli, e
fatti soprasedere gli altri apparecchi, che il Provveditor Generale D.
Francesco del Campo avea avuto ordine di fare; il qual ufficio passato
dall'Alcalà per suo zelo, che egli ebbe del maggior servigio del Re,
diede appoggio al Duca d'Alba di proccurare dalla Corte, che fosse egli
rimosso dal Governo, come più innanzi diremo.

Ma la dimora era eziandio cagionata, perchè intendendo la Regina di
passar a Trieste colla stessa armata Spagnuola ingrossata dalle solite
squadre de' Principi italiani, colla quale era giunta a Napoli, se
le opposero i Vineziani, riputando con ciò offendersi il lor preteso
dominio del mare; ed offerirono tutta, o parte della loro Armata, per
servire al trasporto. Ricusavano i Ministri spagnuoli, minacciando
di passare anco senza lor consenso; ma risolutamente dichiaratisi i
Vineziani, che se alla cortesia dell'esibizioni volessero i Spagnuoli
preferire la forza dell'armi, converrebbe alla Regina passare alle
nozze tra le battaglie ed i cannoni; stimarono gli Spagnuoli far
sospendere il viaggio, fino a nuovi ordini della Corte, la quale
vergognosamente cedendo, richiese la Repubblica di prestare la sua
armata ed il passo. Così finalmente partì la Regina a' 18 decembre di
quest'anno 1630, e facendo il cammino di Puglia, entrò per gli Apruzzi
nello Stato del Papa, ed andò a trattenersi in Ancona: da dove da
Antonio Pisani Generale de' Vineziani con tredici Galee sottili fu con
trattamento magnifico e regale sbarcata a Trieste[21].

Intanto non lasciavano di render travaglioso il Governo al Duca le
scorrerie de' Turchi, che danneggiavano le nostre Marine; e le Galee
di Biserta posero in tal confusione le spiagge di Salerno, portando via
molti Schiavi, ed attaccando fuoco alla Terra d'Agropoli, che il Vicerè
fu costretto a spedirvi otto Galee per discacciarli: le genti della
famiglia del Duca d'Atella, che andavano nel di lui Stato, in Calabria,
furono fatte schiave da' Turchi, e se non fossero state liberate dalle
Galee di Fiorenza sarebbe loro convenuto tollerare una misera servitù.

Anche gli Sbanditi in molte parti del Regno facevan guasti terribili;
tanto che bisognò al Vicerè che vi spedisse D. Ferrante di Ribera suo
figliuol naturale con titolo di Vicario Generale di tutto il Regno,
e con tutta l'autorità, che in lui risedeva, a fin di sterminarli e
di visitar le Fortezze. I tremuoti, che si fecero sentire a' 2 aprile
di quest'anno 1630, posero ancora gran timore e spavento: ma assai
maggiori furono i timori, che s'avevano della peste, che in Lombardia
faceva stragi crudeli, e che manifestossi più volte ne' confini
del Regno. S'aggiunse eziandio la voce sparsa, che camminassero per
l'Italia alcuni infami, li quali inventando nuove fogge di morte,
proccuravano con peste manufatta estinguere, per quanto potevano, il
genere umano, avvelenando l'acque per le Chiese e per le strade, ed in
cotal guisa andavano spargendo la contagione. Se ben l'immaginazione
de' popoli, alterata dallo spavento, molte cose si figurava; ad
ogni modo il delitto fu scoperto, e punito, stando ancora in Milano
l'iscrizioni, e le memorie degli Edificj abbattuti, dove que' mostri
si congregavano[22]; laonde fu ordinato per tutto il Regno, che si
facessero diligentissime guardie, e che non si permettesse far entrar
persona alcuna, senza le debite fedi di sanità.

In tale costernazione trovandosi il Regno, ogni cosa andava in
perdizione. La poca giustizia, che s'amministrava ne' Tribunali,
e le sordidezze d'alcuni Ministri, costrinsero il Vicerè ed il
Visitator Alarcone con ordine della Corte, di sospenderne alcuni.
Gli Avvocati si congiurano e non vogliono esporsi all'esame ordinato
dal Re e s'astengono d'andare a Tribunali; ed i Ministri senz'alcuna
difesa votano le cause; onde fu costretto il Vicerè usar contra essi
rigore, perchè ripigliassero il lor mestiere La Regal Giurisdizione,
posta a terra, dà sommo adito agli Ecclesiastici di maggiormente
insolentire, ed il presente Duca d'Alcalà, troppo diverso dall'altro
suo predecessore, gli soffre e non ne prende severo castigo, ma usando
piacevolezza, vie più gli rende insolenti; siccome chiaramente si vide
a quel che accade all'_Auditor Figueroa_. Avea il Duca d'Alba mandato
certo Spagnuolo con sua commessione ad eseguire i beni d'alcuni di
Nicotera, siccome eseguì; ma fatta l'esecuzione, pretendendosi, che
fra le robe eseguite ve ne fossero alcune appartenenti al Vescovo,
fu da costui il Commessario di propria autorità fatto carcerare.
All'attentato commesso a fin di ripararlo, si mosse il Preside della
Provincia a mandar l'Auditor _Figueroa_ in Nicotera, affinchè lo
sprigionasse; ma il Vescovo intanto avealo fatto trasportare altrove in
sicura custodia: onde giunto quel Ministro in Nicotera e fatte gittar
a terra le porte delle prigioni, rimase deluso, non trovandovi dentro
persona alcuna; e non bastando al Vescovo d'averlo così schernito,
per l'ardir usato di rompere le carceri, lo scomunicò, e ne affisse
i cedoloni. Il Figueroa niente curando tali fulmini, ch'ei riputava
senz'alcuna ragione essersi scagliati, e per ciò da non temersi, non
pensò nemmeno farsene assolvere; ma passato l'anno della censura,
si vide citato a dire ciò, che sentiva della Fede Cattolica: non
curò pure il _Figueroa_ tal citazione; ma passato un altro anno, si
vide, che l'Inquisizione di Roma gli avea fabbricato un processo e
con solenne sentenza lo dichiarò eretico. Forse di ciò nemmeno se ne
sarebbe egli molto curato; ma gl'Inquisitori di Roma, fatto questo,
mandarono ordini precisi a Monsignor Petronio Vescovo di Molfetta,
che si tratteneva ancora in Napoli con carattere di Ministro del
S. Ufficio, che in tutte le maniere lo imprigionasse. Il Vescovo
Inquisitore, senza darne notizia al Vicerè, e senza richieder da
quello l'_Exequatur Regium_ agli ordini venutigli da Roma, chiamati
a se tutti i Cursori dell'Arcivescovo e del Nunzio, co' quali avea
concertata la carcerazione, saputo che il Figueroa soleva trattenersi
dentro il Convento di S. Luigi de' PP. Minimi, poco prezzando la
riverenza del luogo, e molto meno d'esser così vicino al Palagio
Regale, comandò loro, che andasser tosto ad arrestarlo. Un attentato
così enorme commesso in faccia al Principe, ed una carcerazione così
strepitosa fatta innanzi a' suoi occhi, mosse il Vicerè a mandar subito
una compagnia di Spagnuoli per reprimer tanta arroganza, li quali
avendo posto in libertà il Figueroa lo condussero nel Regal Palagio.
In altri tempi si sarebbe di ciò fatto altro risentimento, e si
sarebbero severamente puniti gli autori d'un sì scandaloso insulto; ma
assembratisi i Regj Ministri, non fu risoluto altro, che di disarmare
tutta la famiglia dell'Arcivescovo, del Nunzio e dell'Inquisitore;
onde in una notte fur tolte le armi a tutte le Corti Ecclesiastiche, nè
contra il Vescovo Inquisitore si procedè a castigo. Tanta moderazione
nè pure bastò, perchè Roma si quietasse, la quale profittandosi
del tempo, fece di questa esecuzione un rumor grandissimo, spedendo
monitorj e censure contra gli esecutori e tutti coloro, che l'aveano
consigliata e comandata: ciò che intorbidò alquanto le feste, che si
stavano celebrando allora in Napoli per la natività del Principe D.
Baldassar Carlo primogenito del Re Filippo IV, il quale fece poi cessar
tutti i timori, con una sua regal carta, che mandò al Vicerè, nella
quale approvando ciò ch'erasi fatto, comandò, che gli ordini del S.
Ufficio di Roma non s'eseguissero affatto nel Regno, senza saputa del
Vicerè, e senza sua permissione.

Mentre, per la partita della Regina Maria, il Duca d'Alcalà avea
ripreso con maggior libertà il governo del Regno, vennegli avviso,
che il Duca d'Alba per molte accuse fattegli alla Corte circa il
trattamento fatto alla Regina, avea ottenuto, che fosse colà chiamato.
Ma non furon tanto le imputazioni fattegli per ciò alla Corte, che lo
rimossero, quanto che il _Conte Duca_, per cui si reggeva la Monarchia,
volendo gratificare il Conte di Monterey Ambasciadore del Re in Roma,
a lui doppiamente congiunto in parentado, per tenere il Monterey una
sua sorella per moglie, ed il _Conte Duca_ parimente erasi ammogliato
con una sorella del Monterey, ricevè volentieri le accuse fatte
all'Alcalà, perchè potesse servirsene di spezioso pretesto. E per non
amareggiare cotanto il Duca, con grave dispendio del Re, comandò, che
il Duca d'Alcalà venisse a giustificarsi in Corte de' carichi, che gli
s'adossavano, non intendendosi per ciò privato del Governo, e che per
ciò gli corresse il soldo di ventiquattromila ducati l'anno; e che
in sua assenza andasse a governar il Regno il Conte di Monterey, al
quale corresse per ciò lo stipendio di soli ducati dodicimila l'anno,
come _interino_. Ma il Duca non vi tornò mai più, se non quando fu
per passar al Governo della Sicilia; ed il Conte, ch'era interino, vi
stette sei anni. Così postergato il servigio del proprio Principe, per
privati interessi del Favorito, fu a noi tolto il Duca d'Alcalà, il
quale, partito da Napoli ai 13 maggio di quest'anno 1631, diede luogo
al Monterey, che da Roma fin da' 17 d'aprile erasi portato in Napoli,
trattenendosi intanto in Chiaja nel palagio del Marchese della Valle,
insino alla partita del suo predecessore. Lasciò il Duca di se un
grandissimo desiderio, ed un rammarico a' Napoletani, che sentirono al
vivo le calunniose imputazioni fattegli in Corte. Egli ci lasciò dodici
Prammatiche tutte savie e prudenti: fu terribile contra gli sbanditi e
loro ricettatori: vietò alle Piazze di Napoli ed alle Comunità tutte
del Regno, di assegnar salarj, o far donazioni, anche per causa pia,
senza precedente assenso e licenza del Vicerè: riformò i Regj Studi, e
comandò, che non si fosse dispensato all'età necessaria per ascendere
al grado del Dottorato: fece molte ordinazioni attenenti all'ufficio
di Commessario Generale di Campagna; e diede altri savi provvedimenti,
che si additano nella _Cronologia_ prefissa al primo tomo delle nostre
Prammatiche.



CAPITOLO III.

_Di D. EMMANUELE DI GUSMAN Conte di MONTEREY; e degl'innumerabili
soccorsi, che si cavarono dal Regno di gente e di denaro in tempo del
suo Governo._


Cominciò il Conte di Monterey ad amministrare il Regno con funeste
apparenze, che diedero presagi d'un calamitoso governo: nella Villa
del Vomero diede una donna alla luce un mirabil mostro: una spaventosa
Cometa comparsa ne' principj di settembre di quest'anno diede a molti
terrore; ma i tremuoti, le orribili errutazioni, le orride nubi,
gli spaventosi torrenti di fuoco, le orrende piogge di cenere, che
dalla notte de 15 di dicembre avea il Monte Vesuvio cominciato a
spandere, non solo empiè la città ed il Regno di spavento e d'orrore,
ma presagirono altri mali e nuove calamità. Vomitò il Monte fiamme
con tanto empito e con tale spavento, che Napoli temè, o d'abissarsi
ne' tremuoti, o di seppellirsi nelle ceneri. Lo scuotimento abbattè
edificj, arrestò il corso a' fiumi, rispinse il mare ed aprì le
montagne. Esalarono in fine con oppositi ed orribili effetti acque,
fiamme e ceneri, dalle quali non solo restarono oppressi alcuni luoghi
vicini, ma si temè, che levato il respiro dell'aria, non fosser tutti
per soffocarsi. Ma placato il Cielo dalle pubbliche penitenze, spirò
tal vento dalla parte avversa, che le portò a cadere oltre mare fin'a
Cattaro, ed altri luoghi dell'Albania e della Dalmazia; e consumato
in fine nelle viscere della Terra il sulfureo alimento, il fuoco
s'estinse.

Ma non s'estinsero in noi le calamità maggiori, che ci cagionavano
le guerre d'Italia. Il _Conte Duca_ più famoso che fortunato, per
gl'infelici successi delle arme Spagnuole in Lombardia, vedeva che i
Ministri di quella Monarchia avevano perduta in Italia quell'autorità,
che solevan prima godervi fino a tal segno, che sovente con imperiosi
modi comandavano al Duca stesso di Savoia, che disarmasse. Ora li
Franzesi eransi cotanto intrigati negl'interessi di quella, che
avendosi resi dipendenti il Duca di Savoia per lo freno di Pinarolo,
il Duca di Mantua per la custodia di Casale e del Monferrato, e gli
altri Principi, chi per inclinazione, e chi per profittare, aveano
posto in bilancia tra la corona di Spagna e la franzese l'Italia.
Si credeva eziandio, che il Pontefice _Urbano VIII_ per l'antiche
parzialità verso la Corona franzese, per esservi stato Nunzio, e
per essere compare del Re, pendesse dalla sua parte, e traversasse
gl'interessi degli Austriaci; e ne diede non oscuri indizi, per vedersi
il Cardinal Antonio Barberino suo nipote aver con ricche pensioni
accettata la protezione di quel Regno; e dicevasi, che il Papa, quando
entrarono gli Alemani in Mantova, avesse chiesto a' Cardinali soccorso
per discacciarneli: e che nelle angustie maggiori, che soffriva la
Religione in Germania, oppressa dagli Eretici, e calpestata dalle
armi del Re di Svezia, non si fosse egli mosso, ancorchè in nome
del Re Cattolico ne gli fossero state fatte in pubblico Concistoro
dal Cardinal Borgia premurose istanze. S'aggiungevano le male
soddisfazioni, che ricevevano in Roma i Ministri di Spagna, le quali
ridussero il Cardinal Sandoval a partirsi mal soddisfatto da Roma, e
ritirarsi in Napoli.

Per ciò gli animi de' Ministri spagnuoli erano pregni d'acerbi disgusti
e di gravi pensieri, intendendosi esagerazioni frequenti del _Conte
Duca_, che non sarebbe mai per godersi la pace, se non si restituisse
l'Italia nell'esser di prima. A tal fine fu deliberato, che il Cardinal
Infante fratello del Re passasse a Milano, per di là trasferirsi al
suo Governo di Fiandra; ed a comandare nuovi apparati di guerra, ed in
particolare al Regno di Napoli, che provvedesse di danaro, ammassasse
gente, ed allestisse legni.

Per far argine alle male inclinazioni del Pontefice, di cui erasi
sparsa voce, che avesse spedito buon numero di soldati alle frontiere
del Regno, bisognò al Vicerè, che mandasse a' confini mille e
cinquecento cavalli sotto il comando d'Annibale Macedonio, Marchese di
Tortora; e che per fornire il Regno di nuove soldatesche comandasse a
tutti i Baroni e Terre demaniali, che somministrassero buon numero di
soldati.

Da questi disgusti, che passavano colla Corte di Roma, nacque a questi
tempi qualche rialzamento della regal Giurisdizione, presso noi quasi
che depressa; poichè la Corte di Madrid, per vendicare i disgusti co'
disgusti, spedì a Roma il Vescovo di Cordova, e Giovanni Chiumazzero
in qualità di Commessarj, per richieder riforma di molti abusi, che la
Dataria di Roma avea introdotti in Ispagna, onde si portavano grandi
aggravj a quel Regno[23], de' quali avevan fatto lungo catalogo, e
con una dotta scrittura[24], rispondendo ancora ad un'altra, fatta
per ordine del Papa da Monsignor Maraldi Segretario dei Brevi, li
giustificavano per abusivi e intollerabili; e si stimava, che tenessero
segrete istruzioni di chiedere un Concilio, ed angustiare il Pontefice
con minacce e con moleste dimande[25]. Di che accortosi Urbano, pensò
con frapporre lunghezza di render vani i disegni; poichè negando in
prima d'ammetterli col titolo di Commessarj, dicendo, che ciò pareva
che significasse certa giurisdizione ed autorità, stancò tra queste,
ed altre difficoltà e lunghezze in modo il negozio ed intiepidì anche
il Vescovo con isperanza di maggior dignità, che il Re accortosene lo
richiamò, e conferito al Chiumazzero il titolo d'Ambasciadore, mentre
col tempo si mitigava il bollore degli animi, e per l'avversità de'
successi si piegava dagli Spagnuoli sempre più alla sofferenza, svanì
da se stesso il negozio.

Ma intanto fra noi, animati da questi disgusti il Vicerè ed i Regj
Ministri, non tralasciavano, ne' casi che occorrevano, di procedere
con fortezza e vigore; poich'essendo stato con modi barbari e
crudeli ucciso da alcuni Preti il Governador della Sala fratello del
Consigliere D. Francesco Salgado, ancorchè Francesco Maria Brancaccio
Vescovo di Capaccio, sotto la cui Diocesi si comprende la Sala, ne
avesse presa di ciò conoscenza, con aver condennati alcuni degli
uccisori in galea; nulladimanco riputandosi ciò troppa indulgenza
ad un così scandaloso ed enorme delitto, per la qualità e carattere
dell'ucciso; il Vicerè spedì una compagnia di Spagnuoli nella Sala,
dove coll'alloggio a discrezione, trattarono, alla rinfusa così Preti
come laici, malamente que' Cittadini: di che avendone voluto far
risentimento il Vescovo con monitorj, fu il di lui fratello D. Carlo
Brancaccio mandato prigione in Castello, ed egli fu costretto sgombrar
dal Regno, e girsene in Roma. Ciò che gli riuscì di maggior favore;
poichè mentre trattenevasi nella Corte del Papa angustiato dalle spese
e da' debiti, entrato in somma grazia del Cardinal Antonio nipote
del Papa, fu per esempio degli altri (affinchè si mostrassero sempre
forti nella difesa della giurisdizion Ecclesiastica, con la speranza
d'esserne ben premiati) nel Concistoro de' 20 novembre dell'anno 1633
promosso, senz'aspettarlo, al Cardinalato; e per aggiungerci maggior
onta e disprezzo, gli fu dal Papa conferito l'Arcivescovado di Bari, e
rimandato nel Regno per prenderne la possessione. Ma il Vicerè di ciò
fortemente crucciato, al suo arrivo, in vece del possesso, gli fece
apprestare una Galea, perchè tosto ritornasse in Roma, nè mai più nel
Regno capitasse; di che il Papa fecene gran romore, e ne ricevè sommo
dispiacere: a' quali disgusti se ne aggiunsero poco da poi altri,
perchè dalle genti di Corte fu fatto uccidere in Pozzuoli un Canonico
di quella Chiesa: e trovandosi nelle carceri di Vicaria un ribaldo,
che pretendeva, per essersi estratto dalla Chiesa di S. Giovanni a
Mare, esser in quella riposto; mentre si disputava dell'articolo della
reposizione, commise un nuovo delitto nelle carceri stesse, onde il
Vicerè la notte de' 19 di aprile del 1633 lo fece morire su le forche,
che fece piantare davanti al Palagio della Vicaria, poco curando le
istanze e le censure, che l'Arcivescovo fece lanciare contra coloro,
che il fecero imprigionare.

Ma durò poco fra noi tal vigore, poichè per l'avversità de' successi
delle armi del Re, sempre piegando gli Spagnuoli alla sofferenza,
bisognò usar ogni arte per rendersi amico il Pontefice, e gli
altri Principi d'Italia; e poichè i Ministri franzesi non cessavano
d'imprimere ne' Principi gelosi pensieri, e d'esortarli a congiungersi
insieme per discacciare, sotto il patrocinio della loro Corona, gli
Spagnuoli d'Italia; all'incontro gli Spagnuoli proponevano a tutti
grandi vantaggi, al Gran Duca di Fiorenza grosse pensioni, al Duca
di Modena Correggio, al Duca di Parma il Generalato del Mare, ed una
Vice-Reggenza: e sopra tutto per dar riputazione alle armi, studiavansi
di accrescerle con nuove soldatesche, che da Napoli si sollecitavano
insieme con denari ed altri militari provvedimenti.

Per ciò il Conte di Monterey era continuamente richiesto di
soccorsi, onde comandò l'elezione de' Soldati della nuova milizia del
_Battaglione_, ed unì cento e quindici Compagnie di pedoni di ducento
trenta uomini l'una; e liberando i soldati d'uomini d'arme dal peso
di mantenere un doppio cavallo, ridusse sedici compagnie di essi a
compagnie di corazze, accrescendone il numero fino a sessanta per
ciascheduna, oltre gli Ufficiali. Partì ancora in novembre del 1631 per
lo Stato di Milano il Principe di Belmonte con un Reggimento d'Italiani
di 14 Compagnie, assoldate a sue spese, e nel mese di gennajo del nuovo
anno 1632 prese la medesima strada un altro Reggimento d'Italiani
di mille e seicento soldati comandati dal Mastro di Campo Marchese
di Torrecuso, col quale s'accompagnò il picciol Conte di Soriano per
andare a ritrovare il Duca di Nocera suo Padre. Parimente nel luglio
del seguente anno 1633 furono spediti per Milano quattrocentocinquanta
fanti sotto i Maestri di Campo Lucio Boccapianola e D. Gaspare Toraldo,
oltre mille cavalli comandati dal Commessario Generale D. Alvaro di
Quinones, co' quali il Duca di Feria Governadore di quello Stato si
portò nell'Alsazia a soccorrere Brisac.

Non solo questo Regno era riserbato per somministrar soccorsi di
gente e di denaro per le guerre d'Italia; ma anche per quelle di
Fiandra, di Catalogna, insino a quelle di Germania. Nell'anno 1632
s'imbarcarono quattromilasettecento soldati, comandati da' Marchesi
di Campolattaro e di S. Lucido per Catalogna, e v'andarono parimente
otto Compagnie di Cavalli smontati col denaro bisognevole per montarle
in quel Principato. Nel mese di gennajo del seguente anno 1633 sotto
il comando del Sargente Maggiore Ettore della Calce furono spediti per
Catalogna settecento persone, per riempire i Reggimenti napoletani, che
ritrovavansi in quel Paese.

Giunse intanto in Milano il Cardinal Infante con titolo di
Generalissimo di tutte le armi della Corona, essendosegli dato per
Consigliere D. Girolamo Caraffa Principe di Montenegro, al quale, morto
in Milano, fu sustituito dal Re Fr. Lelio Brancaccio, che immantenente
si condusse a Milano, alla qual volta il Vicerè spedì subito D.
Gaspare d'Azevedo Capitan delle sue guardie a passar con l'Infante i
dovuti ufficj, e nel mese di maggio del seguente anno 1634 gli mandò
soccorsi tali, che non furono veduti più potenti uscire dal Regno;
poichè vi spedì seimila fanti, de' quali n'erano mille Spagnuoli del
Reggimento di Napoli, sotto il comando di D. Pietro Giron; gli altri
erano Napoletani, comandati da' Maestri di Campo Principe di S. Severo
e D. Pietro di Cardenes. Il Marchese di Tarazena Conte d'Ajala guidava
mille cavalli, ed era Capo di tutto questo potentissimo soccorso, che
fece risolvere il Cardinale di passare in Germania, dove avendo unite
le forze della Corona con quelle del Re d'Ungheria e del Duca Carlo di
Lorena, diede sotto Norlinghen quella famosa battaglia, nella quale
dissipò l'esercito Svedese con morte d'ottomila persone, e prigionia
di quattromila, oltre l'acquisto d'ottanta pezzi d'artiglieria e
di ducento insegne. Vittoria della quale ogni anno agli otto di
settembre si celebra anniversario, come quella, che preservò il resto
dell'Alemagna dall'eresie e dall'invasioni de' Svedesi, e cagionò poco
da poi all'armi Cattoliche l'acquisto di Ratisbona.

Ma non finirono qui i soccorsi: altri maggiori se ne cercavano dal
Regno per la custodia dello Stato di Milano, minacciato dall'arme
del Re di Francia. Bisognò prima, che il Vicerè provvedesse di diece
grossi Vascelli il Marchese di Santa Croce Luogotenente Generale
del Mare, con 2200 Napoletani e molte provvisioni, spediti sotto il
comando dell'Ammiraglio D. Francesco Imperiale, e di diciotto Galee con
duemila Spagnuoli e mille e trecento Napoletani comandati da' Maestri
di Campo Gaspare d'Azevedo e D. Carlo della Gatta; e nel seguente anno
1635, prima che il Re Franzese assalisse lo Stato di Milano, bisognò
al Vicerè provvedere alla difesa, mandando in Lombardia 2800 pedoni,
divisi in due Reggimenti dei Maestri di Campo Filippo Spinola e Carlo
della Gatta, e mille cavalli sotto il Commessario Generale D. Alvaro
di Quinones, col danaro necessario per assoldare quattromila Svizzeri
ne' Cantoni collegati con la Casa d'Austria. Ed in tanto fu disposta
la partenza dell'Armata navale, composta di trentacinque Galee e diece
grossi Vascelli, sopra la quale montarono settemilacinquecento soldati
tra Spagnuoli e Napoletani. Gli Spagnuoli erano duemilanovecento,
de' quali duemilatrecento erano del Reggimento del Regno, comandati
dall'Azevedo, e seicento dell'Isola di Sicilia sotto il comando
di D. Michele Perez d'Egea. Gli altri erano Napoletani distribuiti
in tre Reggimenti de' Maestri di Campo D. Giovan-Battista Orsini,
Lucio Boccapianola e D. Ferrante delli Monti; e Fr. Lelio Brancaccio
comandava a tutti con titolo di Maestro di Campo Generale. Partì
l'Armata dal Porto di Napoli verso Ponente a' 10 maggio di quest'anno
1635, ma ebbe infelice navigazione, sbattuta da' venti e da procellose
tempeste; tanto che il Marchese di S. Croce, lasciata buona parte
delle milizie in Savona per accrescere l'esercito di Lombardia, dove
i Franzesi tenevano assediata Valenza, non fece altra conquista, che
quella dell'Isola di S. Margarita.

Nuovi sospetti s'aggiunsero nel nuovo anno 1636, che obbligarono il
Vicerè alla difesa del proprio Regno. Per li continui timori, che dava
la Francia, fu fatto arrestare un Frate Agostiniano, per sospetto
d'intelligenza co' Franzesi, chiamato _Fr. Epifanio Fioravante_ da
Cesena, il quale posto fra' ceppi rivelò, che i Franzesi meditavano far
delle irruzioni in diversi luoghi del Regno, e che tenevano la mira
anche d'invadere la città dominante; anzi soggiunse, che il famoso
bandito _Pietro Mancino_, di concerto, dovea impadronirsi del Monte
Gargano, per consegnarlo al Duca di Mantova, e porre sossopra tutta la
Puglia. Ciò saputosi, fu di mestieri al Vicerè, con esorbitantissime
spese, fortificare Barletta, Taranto, Gaeta, ed il Porto di Baja,
dove vi fece edificare due gran Torri, di ristorare la Fortezza di
Nisita e le mura di Capua: di terminare le fortificazioni dell'Isola
d'Elba, detta comunemente Portolongone, principiate già dal Conte
di Benavente; di provvedere tutte le marine del Regno di soldatesca
e di mettere in mare trenta vascelli e diece Tartane. E per maggior
custodia della città fece prender l'armi a diecemila persone del Popolo
napoletano, poste sotto il comando di D. Giovani d'Avalos Principe
di Montesarchio. Ma il tempo fece da poi conoscere, che questi timori
venivan dai Franzesi, non per altro fine, che obbligando il Regno alla
propria difesa, venisse con ciò ad impedire i continui soccorsi, che da
quello si mandavano in Milano, onde il Monterey penetrato il disegno,
sollecitò nuovi soccorsi, e spedì in Lombardia sopra alcuni Vascelli
e Galee i Reggimenti de' Maestri di campo D. Michele Pignatelli,
Tiberio Brancaccio, Achille Minutolo, Giambattista Orsini, Pompeo di
Gennaro, Girolamo Tuttavilla e Romano Garzoni, oltre a mille cavalli,
che Giantommaso Bianco vi condusse per terra. Ciò che fece risolvere
al Marchese di Leganes, accresciuto di sì validi soccorsi, di venire
coll'inimico a battaglia in Tornavento, nella quale gloriosamente vi
morì Girardo Gambacorta de' Duchi di Limatola Generale della cavalleria
napoletana, siccome avvenne a Lucio Boccapianola sotto Vercelli.

Non furono veduti ne' passati governi degli altri Vicerè soccorsi
sì spessi e sì potenti cavati dal Regno quanto quelli, che si fecero
in tempo del Conte di Monterey, non solo per lo Milanese, ma per la
Catalogna, per la Provenza ed altrove; e coloro che si presero la
briga di tenerne conto, calcolarono, che di gente il numero arrivò a
cinquemilacinquecento cavalli, e quarantottomila pedoni; e di denaro la
somma ascese a tre milioni e mezzo di scudi; oltre al denaro consumato
nelle fortificazioni delle Piazze del Regno, nell'arrollamento di tanta
gente, nelle spedizioni dell'Armate navali, nel mantenimento dell'Isola
di S. Margherita, nella fabbrica di sei vascelli da guerra e d'alcune
Galee per accrescere la Squadra al numero di sedici, e di ducentotto
pezzi di cannoni, come anche in quella di settantamila archibugi,
moschetti e picche per la fanteria, e delle pistole e corazze per la
cavalleria.

Cotante, e sì insopportabili spese tutte uscivano dalle sostanze de'
sudditi, e dalli Patrimonj della città e delle Comunità del Regno,
che continuamente eran costrette a somministrar nuove somme per la
necessità di tante infelici e mal fortunate guerre, e per li tanti
e continui bisogni della Corte di Spagna; donde fu in buona parte
cagionato il debito di quindici milioni, del quale si trovava aggravato
il Patrimonio della città, la quale ne pagava l'interesse ai creditori
del frutto, che perveniva delle sue gabelle. E ciò nè meno bastando
furono più volte a' forastieri tolte le loro entrate, e sovente anche
quelle che possedevano i regnicoli sopra gli arrendamenti, e' fiscali.
S'imposero per ciò molte altre gravezze, essendosi aggiunto alla
gabella della farina, prima cinque grana, poi altre sette per moggio:
un grano per rotolo alla gabella della carne, ed un carlino sopra
ciascun stajo d'olio. Ciò che non seguì senza contrasti ed opposizioni,
considerandosi non solo le grosse somme spremute in pochi anni dal
Regno, ma che buona parte andava a colare, non già nella cassa del
Re, ma nell'altrui borse, e che sempre via più crescendo i bisogni,
e l'un chiamando l'altro, venivano i popoli a soffrire insopportabil
giogo; onde fu risoluto spedire al Re D. Tommaso Caraffa Vescovo della
Volturara, perchè avesse di tante miserie ed afflizioni compassione,
e vi desse conforto; ma queste missioni, per li bisogni urgenti che
tuttavia crescevano, riuscivano tutte vane ed inutili. Bisognò pagare
i seicentomila ducati, che il Cardinal Infante dimandò da Milano:
continuare a sostenere le soldatesche, che guardavano il Regno: unir
nuove milizie per reclutare gli eserciti, che teneva scarsi la Spagna
in più luoghi; fornir l'armate navali, e sostenere l'Isole di S.
Margherita e di S. Onorato occupate in Francia, finchè di nuovo, nel
mese di maggio del 1637, costrette dalla fame, non cedessero all'armi
di quel Re, e tornassero sotto il di lui dominio.

In mezzo a tante calamità non tralasciava però il Conte di Monterey
i sollazzi, le commedie e le cacce, alle quali era inchinato: nè
mancò, imitando i vestigj de' suoi predecessori, di lasciare a noi
belle memorie della sua magnificenza. Egli rese più ampia e comoda la
strada di Puglia: arricchì li fonti della città d'acque più abbondanti,
e fecene innalzar un altro sul muro del fosso del Castel Nuovo; ma
sopra tutto erse quel magnifico Ponte, che congiunge la contrada di
Pizzofalcone con quella di San Carlo delle Mortelle. La Contessa sua
moglie pur ci lasciò un monumento perenne della sua pietà, avendo
fondato in Napoli il _Monastero della Maddalena_, per sicuro asilo
delle donne spagnuole, che abbominando le passate lascivie, volessero
ivi ridursi a menar vita casta.

Ma con tutto che il Conte di Monterey fosse cotanto benemerito al Re
per li tanti soccorsi mandati, mancò poco però, che il _Conte Duca_ per
vantaggiar la sua Casa, non lo richiamasse, non avendo ancor finito il
secondo triennio del suo governo. La cagione si fu il matrimonio da lui
ambito di D. Anna Caraffa Principessa di Stigliano col Duca di Medina
las Torres. Questa Signora per la morte di D. Antonio Caraffa Duca di
Mondragone suo padre, e del Principe Luigi Caraffa di Stigliano suo
avolo, era rimasa unica erede di floridissimi Stati. Isabella Gonzaga
sua avola figliuola, ed erede di Vespasiano Gonzaga Duca di Sabioneta,
l'avea ancora arricchita di questo titolo e di queste ragioni: per ciò
il _Conte Duca_ non avendo potuto perpetuar la sua Casa ne' discendenti
della figliuola, che fu moglie di D. Ramiro Gusman Duca di Medina
las Torres, e morì senza prole, desiderava per questo suo Genero,
ch'egli da semplice Cavaliere avea innalzato cotanto, di trovare
una sposa, niente inferiore alla prima. Fece credere al Re, essere
questo matrimonio espediente per poter ripetere Sabioneta, di che già
i Principi d'Italia se n'erano insospettiti[26]; e per ciò, ancorchè
trovasse durezza nell'avola, sollecitò le nozze colla madre della
sposa per mezzo del Cardinal suo fratello: la quale, colla promessa
del Viceregnato, che s'offeriva al Duca, fu facilmente guadagnata: la
sposa, ambiziosa di vedersi Viceregina, vi condiscese parimente; onde
partitosi di Spagna il Duca con carattere di Vicerè e di Castellan
perpetuo del Castel Nuovo, giunse colla squadra delle Galee di Spagna
in Napoli, dove nel palagio della Principessa, presso la Porta di
Chiaja, fur celebrate le nozze.

Intanto il Conte di Monterey accingevasi alla partenza, ma avvisato
il _Conte Duca_ essere già seguito il matrimonio, scrisse al Monterey,
che non conveniva per le fastidiose congiunture delle guerre d'Italia
partire, non essendo ancor terminato il suo secondo triennio; onde gli
sposi rimasero delusi, e convenne al Medina trattenersi nel Regno da
privato, con dispiacere non ordinario, non men suo che della moglie, e
molto più della Duchessa di Sabioneta, la quale, avendo sempre dissuasa
la nipote a far tal matrimonio, non mancava di mordere pubblicamente
l'azioni del _Conte Duca_, e biasimare la soverchia semplicità della
Duchessa di Mondragone, del Cardinale e degli altri congiunti della
nipote, che s'erano fatti ingannare dalle promesse dell'Olivares.
Ma passato un anno, parendogli non poter più trattenere, mandò il
_Conte Duca_ ordine della Corte, che si desse al Medina il possesso.
Così depose il Monterey il Governo, dopo averlo esercitato sei anni;
ed a' 12 novembre di quest'anno 1637 ritirossi a Pozzuoli, donde
proseguì poi il suo cammino per la Corte. Ci lasciò il Monterey molte
savie e prudenti leggi insino al numero di quarantaquattro, per le
quali riordinò i nostri Tribunali e quelli della Bagliva, e delle
Regie Audienze; riordinò gli affitti e le vendite delle rendite e
beni fiscali, i cambj e gli apprezzi: proibì severamente i duelli e
l'esportazione di qualsivoglia sorta d'armi: fece diverse ordinazioni
per ovviar le fraudi che si commettevano nella Dogana, e maggior
Fondaco di Napoli: vietò l'uso smoderato delle vesti, servidori e
carrozze: impose su la testa del famoso bandito _Pietro Mancini_
una taglia di tremila ducati, oltre la facoltà d'indultare quattro
persone: tolse le Gabelle delle _Carte_ e del _Tabacco_, ancorchè da
poi fossero state di nuovo imposte; e diede molti ordini pel Governo
e disciplina de' soldati del _Battaglione_, e pel grado di _Dottorato_
da darsi, così in Legge, come in Medicina, ed altri provvedimenti che
vengono additati nella _Cronologia_ prefissa al primo tomo delle nostre
Prammatiche.



CAPITOLO IV.

_Del Governo di D. RAMIRO GUSMAN Duca di MEDINA LAS TORRES; e de'
sospetti che s'ebbero di nuove invasioni tentate da' Franzesi._


Il Governo del Duca di Medina, durando le medesime cagioni, anzi
vie più crescendo, non poteva riuscire men gravoso a' sudditi, che
il precedente. Le guerre infelici, che consumavano gli Stati della
Monarchia di Spagna, mantenevano tuttavia, anzi rendevan assai più
esausto l'erario regale, ed in continue necessità di denaro. Il nostro
Reame era il bersaglio infelice, dove per provvedersene si dirizzavano
tutti i disegni, e nulla pietà avendosi delle miserie estreme, nelle
quali era il Regno caduto per le somme immense cavate in tempo del
Monterey, altre nuove se ne richiedevano. Furono perciò imposte nuove
gabelle e dazj, ed accresciuti gli antichi: s'aggiunsero gravezze
alle sete, all'olio, al grano, alla carne, a' salumi; e s'imposero
nuovamente alla calce, alle carte da giocare, all'oro ed argento
filato, e sopra tutti i contratti de' presti, che celebravansi nella
città e nel Regno. S'introdusse, all'uso di Spagna, la gabella della
carta bollata, della quale bisognava necessariamente servirsi in tutti
li contratti e negli atti giudiziari, sotto pena di nullità; quantunque
poscia, come cosa troppo odiosa, fosse stimato meglio sopprimerla.
S'arrivò a tale estremità, che si pose sul tappeto il dazio d'un
grano il giorno per testa agli abitanti di Napoli, per lo spazio di
quattro anni; e facevasi il conto, che toltone gli Ecclesiastici ed
i putti, se ne sarebbero cavati cinque milioni di scudi: ma poscia,
essendosi considerato il pericolo che si correva di porre in pratica
tal esazione, e quanto avrebbe sembrato intollerabile al Popolo questo
peso cotidiano, si lasciò di più parlarsene.

Si tassarono bensì tutti i Mercatanti ai pagamento di duecentomila
ducati per pagarne le soldatesche: si venderono li Casali di Napoli,
quelli di Nola, e molti altri luoghi demaniali, che non ebbero modo
di ricomprarsi, passarono dalla libertà che godevano sotto il Demanio
Regale, alla servitù de' Baroni.

E perchè niente mancasse, il Vicerè fece convocar un Parlamento
generale, dove per Sindico intervenne D. Ippolito di Costanzo, nobile
di Portanova, e s'estorse dal Baronaggio e dal Regno un donativo d'un
milione di ducati, in vece d'una nuova gabella di cinque grana per
moggio di frumento, che pretendevasi d'imporre in tutto il Reame. Solo
tra tanti aggravj e gabelle se ne tolse una, che riscuotevasi in Napoli
da tutte le meretrici, riuscendo ciò di non picciolo giovamento alla
pubblica tranquillità, per gli scandali continui che ne nascevano.

Fu perciò seriamente risoluto, per non ridurre i popoli cotanto
oppressi all'ultime disperazioni, di mandar Ambasciadore alla Corte,
per implorare dalla clemenza del Re qualche conforto a tanti e sì
estremi mali; e concorrendovi anche il Vicerè, mosso ancor egli a pietà
di tante miserie, fu eletta dalla Città la persona del Consigliere
_Ettore Capecelatro_. Lo stato in che erasi ridotto il Regno, era
pur troppo lagrimevole: oltre le tante gravezze, che impoverivano
gli abitatori, si vedeva da giorno in giorno mancare d'abitatori, e
struggersi tra le miserie e sciagure. Gl'incendj del Vesuvio avevan
cagionate morti e miserie estreme; ma sopra tutto la guerra che
consumava coi disagi e col ferro le soldatesche, avea desolato il
Regno: n'erano uscite dal Regno in numero infinito per reclutare
gli eserciti, non pur di Lombardia, ma d'Alemagna, de' Paesi Bassi e
del Principato di Catalogna; ed avendo tutte quelle spedizioni avuti
infelici successi, pochi ne ritornavano alle paterne case.

Ma i tremuoti, che avevano desolata la Puglia in quest'anno 1638,
portarono nelle Calabrie danni assai più gravi ed irreparabili.
Furono in queste Province così spaventosi, che abbatterono la Città di
Nicastro ed il famoso Tempio di S. Eufemia. Rimasero ancora distrutti
molti luoghi ed altre Terre, Nocera, Pietramala, Castiglione, Maida,
Castelfranco, ed altre di minor grido. La Città istessa di Cosenza,
con molti de' suoi Casali patì notabilmente: Catanzaro, Briatico ed
altri luoghi soffrirono il medesimo flagello: in fine non vi fu luogo
di Calabria, che potesse vantarsi di essere stato esente dal danno;
e calcolandosi il numero de' morti, si trovò essere periti sotto
le ruine degli edificj più di diecimila persone; siccome l'istesso
Consigliere Capecelatro, che fu spedito dal Vicerè a rincorare que'
popoli (a' quali non solamente bisognò rimettere i pagamenti fiscali,
ma soccorrerli con abbondanti limosine somministrate parte dal
Patrimonio Regale e parte dal Monte della Pietà insino alla somma di
ottomila ducati) poteva, come testimonio di veduta, testificare al Re
le miserie di quelle Province. Si aggiunse ancora la costernazione,
nella quale l'avea poste un solenne impostore, chiamato _Pietro Paolo
Sassonio_, medico Calabrese, il quale andava disseminando che doveano
sopraggiungere tremuoti più orribili: che non solamente il Regno, ma
tutto il Mondo dovea crollare, avvicinandosi già il Giudicio finale:
che il Mare dovea uscir dal suo letto ed inghiottir le campagne e
sommergere le città: che doveano piovere dal Cielo grandini di peso
di cinque libbre l'una, e che i monti doveano vomitar tutti fiamme
per incendiar l'Universo. Queste infauste predizioni, vedendosi
verificate in parte per li tremuoti e gl'incendj preceduti dal Vesuvio,
posero in tale costernazione i paesani, che credendo, che la Calabria
dovess'essere la prima a sopportar queste desolazioni, che doveano
precedere alla destruzione del Mondo, ciascuno abbandonava la Patria,
e cercava altrove ricetto: laonde il Vicerè per liberare gl'incauti
da questi falsi pronostici, comandò, che il _Sassonio_ fosse preso, e
condotto legato in Napoli, come fu eseguito, dopo di che fu condennato
a remare in una Galea.

Non meno che da' tremuoti, fu questa Provincia, nel medesimo anno,
travagliata da' Turchi di Barbaria, li quali avendo concepito il
disegno di saccheggiare il Santuario di Loreto, scorrevano con sedici
Galee i nostri mari, e danneggiavano i naviganti, e le nostre riviere;
tal che se i Vineziani non fossero occorsi per rompere i loro disegni,
di mali peggiori sarebbon stati cagione[27].

I Franzesi intanto sempre più profittandosi de' disordini, e della
declinazione della Monarchia di Spagna, oltre d'aver contrappesata
in Italia la potenza degli Spagnuoli, erano ancora entrati in
pensieri, per le speranze, che lor davano alcuni mal contenti del
governo spagnuolo, di far un'invasione nel Regno di Napoli. Essi
per mezzo del Marchese di Covrè Ambasciadore del Re di Francia in
Roma, e di Monsignor _Giulio Mazzarini_ a questi tempi semplice
Prelato, poi Cardinale, e primo Ministro di quella Corona, aveano
con un Titolato[28] del Regno ordita una congiura per sorprender
Napoli, e già in Roma se ne concertavano i modi; ma scovertosi da
uno de' congiurati il trattato al Vicerè, fu fatto arrestare in
Roma, ov'erasi portato, il Titolato, e condotto nel Castel Nuovo, fu
con ogni sollecitudine fabbricato il processo. Fu eretta dal Vicerè
una Giunta per sentenziarlo, la quale componevasi del Reggente D.
Matthias di Casanatte, de' Consiglieri D. Flaminio di Costanzo, D.
Giovan Francesco Sanfelice, Annibale Moles, D. Ferrante Mugnos, D.
Ferrante Arias di Mesa, e D. Diego Varela. Il Fiscale fu _Partenio
Petagna_ Presidente della Regia Camera; ed i _Pari della Corte_ furono
i Principi della Rocca e del Colle. Furono intesi gli Avvocati del
Reo _Pietro Caravita_, ed Agostino Mollo celebri Giureconsulti di que'
tempi; e proferitasi dal Vicerè la sentenza, sedendo _pro Tribunali_
nell'Assemblea dei mentovati Ministri, coll'assistenza dell'Uscier
delle armi, e con tutte le solennità consuete, fu condennato sul
palco ad essergli mozzo il capo. Così, spogliato prima del titolo, e
dell'abito di Cavalier Gerosolimitano, lasciò sul talamo nella piazza
del Mercato ignominiosamente la vita.

Ma con tutto che si fosse scoverto il trattato, non tralasciarono però
i Franzesi di tentar l'impresa, fondati sopra la mala soddisfazione,
che mostravano i Napoletani del Governo spagnuolo: laonde nell'anno
1640, avendo nel Porto di Tolone un'armata sotto il comando
dell'Arcivescovo di Bordeos, dopo essersi trattenuta alcuni giorni
ne' Porti di Corsica e poi alle spiagge dello Stato della Chiesa,
s'inoltrò ne' mari di Gaeta, e quivi fermata, si pose in speranza di
sottomettere quella Fortezza; ma valorosamente rispinta dal cannone di
quel Castello, continuò il suo cammino, e giunse al Golfo di Napoli.

Il Vicerè, considerato il pericolo, spedì tosto D. Francesco Toraldo
e Cesare di Gaeta, Sargente Maggiore del Battaglione della Provincia
di Terra di Lavoro, a' confini dello Stato del Papa, per guardar
quelle frontiere; ed al Maestro di Campo D. Giovan-Battista Brancaccio
appoggiò la difesa della Città di Pozzuoli e del Territorio di Baja
e di Cuma a quella vicini. Mandò in Salerno Fr. Giovan-Battista
Brancaccio Cavaliere Gerosolimitano, perchè col Principe di Satriano
Governadore di quella Provincia attendesse alla difesa di quel paese:
fu spedito a Gaeta Vincenzo Tuttavilla Commessario Generale della
Cavalleria; ed il Maestro di Campo D. Diomede Caraffa ebbe la cura
di guardar tutto il rimanente con l'Isola di Capri. Chiamò poscia gli
Eletti della città co' Deputati delle Piazze, affinchè allestissero le
artiglierie, per guarnire i baluardi delle marine: convocò i Baroni,
perchè stesser pronti alla difesa del Regno, e l'Eletto del Popolo
Giovan-Battista Nauclerio offerse trentamila uomini tutti armati
per difesa della città. Mancava però il danaro onde, nascevano li
fastidiosi e molesti pensieri per trovare i modi di provvedersene.

Mentre la città era per ciò in continue agitazioni, verso la metà
di settembre di quest'anno comparve l'Armata Franzese, composta di
trentaquattro Navi di guerra, a vista di Napoli: ciò che pose in
maggior scompiglio la città. Fur prestamente tolti i cannoni, ch'erano
nel campanile di S. Lorenzo, e posti nelli torrioni del Carmine, in
quello di S. Lucia, nell'altro delle Crocelle e sopra il Molo: se
ne piantarono alcuni altri sul colle di Posilipo, da quella parte,
che guarda il picciol Porto di Nisita, sotto la guida di D. Antonio
dal Tufo Marchese di S. Giovanni e del Mastro di Campo D. Tiberio
Brancaccio; ed altri quattro sopra l'Isola di Nisita sotto la cura di
D. Antonio di Liguoro, che la guardava con titolo di Capitan a guerra:
Scipione d'Afflitto, vecchio e valoroso soldato, guardava tutta quella
riviera, che chiamasi de' Bagnuoli. In Napoli presero le armi ottomila
Borghesi, divisi in quaranta compagnie, delle quali fu creato Maestro
di Campo Generale D. Tiberio Caraffa Principe di Bisignano. Ma ciò
che preservò Napoli da mali maggiori, fu l'esser quivi opportunamente
giunto D. Melchior di Borgia con le quattordici Galee del Regno;
alle quali essendosene aggiunte quattro altre, che conducevano D.
Francesco Melo da Sicilia a Milano, si fece che il Borgia preposto
alla custodia del mare, impedisse le scorrerie de' nemici, li quali
insultando insino alla spiaggia di Chiaja, aveano più volte tentato lo
sbarco, ma ripressi dalle soldatesche poste alle marine, spaventati
dagl'incessanti colpi di cannoni, che tiravano da' colli e da'
torrioni, e costeggiati in mare dal Borgia, finalmente si ritirarono
verso Ponente, e ritornarono a Ponza, non mancando il Borgia d'andar
lor dietro seguitandoli fino al Promontorio di Minerva. In cotal guisa
i Franzesi rimaser delusi dalle speranze, ch'erano state lor date da'
malcontenti, i quali aveano lor dato a credere, che alla sola comparsa
della loro armata, i popoli mal soddisfatti del Governo spagnuolo,
avrebbero prese l'armi per introdurli nel Regno. Ma non furono vani i
loro ufficj, nè andarono a voto le loro assistenze nelle rivoluzioni
di Catalogna ed in quelle di Portogallo, gli infelici successi delle
quali saremo ora a narrare: poichè essendosi accesa fiera guerra
nel Principato di Catalogna, bisognò pure, che dal nostro Regno si
supplisse di gente e di danaro in quella non men lunga che dispendiosa
spedizione.



CAPITOLO V.

_Il Principato di Catalogna si sottrae dall'ubbidienza del Re, e si dà
alla Protezione e Dominio franzese. Il Regno di Portogallo parimente
scuote il giogo ed acclama per Re GIOVANNI IV, Duca di Braganza. Guerre
crudeli, che perciò s'accendono per la ricuperazione della Catalogna;
per sostegno delle quali, siccome per quella di Castro, bisognò pure
dal Regno mandar gente e danaro._


Siccome la Monarchia di Spagna camminava a gran passi incontro alle sue
ruine, così riempiva i Franzesi di grandi disegni; tantochè le speranze
della pace universale che il Pontefice avea impreso a maneggiare,
tuttavia si dileguavano; onde stanco ormai del dispendio, e del poco
suo decoro di trattenere ozioso in Colonia il Legato, lo richiamò. Vie
più difficili si rendettero poi questi trattati di pace per le rivolte
di Catalogna e di Portogallo, che riempirono li Franzesi di più grandi
speranze ed alti disegni.

Il Conte Duca, che con assoluto arbitrio reggeva in Spagna non meno
il Re che i suoi Stati, con superbissimo genio e con massime severe e
violenti consigli trattava gli affari. Egli s'avea proposto d'esaltare
la potenza e la gloria del Re al pari del titolo, che gli avea fatto
assumere di _Grande_; ma la fortuna con eventi infelici secondò così
male il pensiere, che pareva offuscato in gran parte lo splendore
della Corona; tantochè gli emoli del Conte Duca con argutezza spagnuola
solevan motteggiarlo, dicendo, che il Re era _Grande_, come il _Fosso_,
il quale s'ingrandiva tanto più, quanto più si scemava il terreno della
sua circonferenza. Si era perciò appresso gli esteri rilasciato quel
timore, che conciliato dalla potenza, soleva contenerli in rispetto;
e nell'animo de' sudditi avvezzi sotto un velo di riputazione e di
prosperità a venerare gli arcani infallibili del Governo, sottentrava
già il disprezzo e l'odio verso il Re ed il privato.

Non era oscuro il pensiere dell'Olivares di allargare non solo la
Monarchia oltre a' primi confini, ma ne' Regni medesimi stabilire
assoluta l'autorità del Monarca, la quale in alcuna delle Province era
circoscritta dalle leggi, dagl'indulti e da' patti. A ciò lo spingeva
principalmente il bisogno del danaro e di gente, per supplire a tante
guerre straniere, perchè dal censo de' Popoli convenendo dipendere, non
riuscivano le provvisioni uguali alla necessità, nè pronte all'urgenza.
Pensava dunque d'abolire, o almeno di restringere tanta libertà, che
s'attribuivano alcuni, e principalmente i Catalani, i quali decorati
da grandissimi privilegi, ed immuni da molti pesi, custodivano la
loro libertà con zelo non minore che la Religione. Già alcuni anni,
tenendo il Re in Barcellona le _Corti_, resisterono più volte alle
soddisfazioni dell'Olivares, dal che irritato egli, nudrì poi sempre
nel cuore di reprimerli e d'abbassarli. I Re solevano veramente
rispettare quella Nazione per natura feroce, e per lo sito importante,
perchè la Provincia, se dalla parte del mare per l'impetuosità è
impenetrabile, da quella di terra, pare inaccessibile per le montagne;
anzi queste internandosi, ed in molti rami divise, le formano
altrettante trinciere e ripari, ne' quali si comprendono piazze forti,
città popolate, terre, e gran numero di villaggi. La vicinanza poi alla
Francia, i passi dei Pirenei, l'ampiezza del giro, la popolazione e
l'inclinazione marziale degli abitanti, la rendevano considerabile e
poco men che temuta.

Ad ogni modo il Conte Duca aspettava col pensiero l'opportunità di
frenarla; ma quando stimò, che la fortuna gli aprisse la strada, non
s'avvide, che insieme portava il precipizio alla grandezza ed alla
salute di tutta la Spagna. I Franzesi allargando sempre da quella parte
i confini, speravano di promuovere gravi accidenti, e particolarmente
d'irritare gli animi dei Popoli tra gl'incomodi della guerra, ed i
danni dell'armi, e così loro riuscì puntualmente; poichè avendo gli
Spagnuoli perduta Salses, convenne loro per ricuperarla, piantare la
piazza d'armi nella Catalogna, con lasciarvi a quartiere l'esercito;
onde, se durante l'assedio fu la Provincia gravemente afflitta dal
passaggio delle milizie, da poi ne sentì la licenza, tanto più dura,
quanto n'erano que' Popoli meno avvezzi; si udirono estorsioni ed
aggravj, profanati i Tempj, violate le donne e rapiti gli averi; a'
quali eccessi i Capi non riparando, si formava concetto, che l'Olivares
per imporre, sotto titolo di necessaria difesa, il giogo a quel
Principato, volentieri lo tollerasse; ed è certo, che da frequenti
lettere di lui, stimolato il Conte di S. Coloma Vicerè, a cavar genti
e denari dalla Provincia, si valse in Barcellona di certo denaro, che
s'apparteneva alla disposizione della città, senza badare a' privilegi,
ed attendere l'assenso degli Stati; ed avendo uno de' Giurati,
Magistrato il più ragguardevole, voluto opporsi a tanta licenza, con
fare eziandio premurose istanze, che fossero corretti i trascorsi delle
milizie, il Vicerè lo carcerò. Tanto bastò per commuovere un Popolo,
che tollerava l'ubbidienza, ma non conosceva ancora la servitù; furono
prese l'armi, aperte le carceri, e corse le strade, con sì grave ed
universal tumulto, che il Vicerè impaurito stimò riporre nella fuga
solamente il suo scampo. Si ridusse per ciò all'Arsenale, dove nemmeno
essendo sicuro, perchè il Popolo, dato fuoco al Palazzo, lo cercava per
tutto, fece accostare una Galea; ma mentre s'incamminava al lite per
imbarcarsi, sopraggiunto da' sollevati, restò miseramente trucidato.
Allora il Popolo, parte inorridito dal suo medesimo eccesso, parte tra
le apprensioni della servitù, e le apparenze della libertà, invaghito e
confuso, riputò, che non vi fosse più luogo al suo pentimento, nè alla
regale clemenza.

Scosso per tanto il giogo, trascorso nell'ultime estremità, e la
confusione non potendo da se stessa sussistere, fu data per ciò forma
ad un independente governo col _Consiglio de' Cento_, e degli altri
antichi Magistrati della città. A tale esempio s'alterò quasi tutto il
Principato, e nelle Terre e Villaggi si presero universalmente le armi,
e le genti spagnuole furono trucidate e scacciate.

A così improvviso accidente l'animo del Conte Duca commosso, non
ardiva palesarlo al Re, nè poteva tacerlo; proccurò di fargli credere,
che non vi fosse, che un popolare tumulto, che svanirebbe da se,
e con la forza prestamente sopito, varrebbe a rendere più illustre
l'autorità del comando; poichè sotto l'armi si potrebbe, non solo
domare la ribellione, ma il fasto ancora de' Catalani, ed abolirsi
que' Privilegi, che gli rendevano contumaci. Ma nell'animo suo con
più tacite cure riflettendo all'importanza della Provincia, alla
qualità del sito, ed a' danni maggiori se vi s'introducessero i
Franzesi, bilanciava, se la destrezza, o la forza dovesse più utilmente
impiegarvisi. Nè mancavano dubbi, che altri Regni, e l'Aragona
particolarmente, fosse per seguitare un tal esempio. Tentò prima con le
persuasioni della vecchia Duchessa di Cardona, che appresso il Popolo
di Barcellona godeva molta venerazione, ed autorità, e col mezzo di un
Ministro del Pontefice che vi risedeva, sedare gli animi, e placare il
romore; ma riuscendo ciò inutilmente, deliberò di usare la forza, con
tale potenza e con tanta celerità, che nè il Popolo potesse resistere,
nè i Franzesi giunger opportunamente al soccorso.

Proccurò dunque d'ammassare l'esercito, comandando a' Feudatarj,
ed invitando la Nobiltà, e tra questa molti de' più sospetti,
particolarmente i Portoghesi, acciò servissero insieme di soldati e
d'ostaggi. Le provvisioni tuttavia non poterono essere così prontamente
allestite, che i Catalani non avessero tempo, e di munirsi con molta
costanza, e di spedire Deputati in Francia a chiedere ajuti. Non
si può dire quanto il _Cardinal di Richelieu_, direttore allora
di quella Monarchia, e che avea già con le solite arti coltivate
le prime loro disposizioni, gli accogliesse avidamente. Li cumulò
d'onori, e li caricò di promesse; ma nel tempo medesimo volendo godere
dell'occasione, che il caso gli presentava, non solo applicò a nutrire
nelle viscere della Spagna la guerra, ma di ridurre la Catalogna
alla necessità di arrendersi alla soggezione franzese. Inviò il
Signor di S. Polo con alquanti Ufficiali, e per mare alcune milizie e
cannoni, acciocchè que' popoli prendessero cuore d'insanguinarsi coi
Castigliani; e spedì il Signor di Plessis Besanzon, Ministro eloquente,
e d'acutissimo ingegno, a riconoscere la disposizione degli affari e
degli animi.

Dall'altra parte il Conte Duca, avendo raccolto un esercito
di trentamila combattenti, lo consegnò sotto il comando del
Marchese de los Velez, di nascita Catalano, e destinato per Vicerè
dell'istessa Provincia, verso la quale tanto è lontano che tenesse
costui disposizione di affetto, che anzi aveva cagioni d'odio e
d'abborrimento, essendoglisi dal Popolo in Barcellona spianata la
casa, e confiscati gli averi. Si mosse adunque il nuovo Vicerè nel
mese di dicembre di quest'anno 1640 da Tortosa, città partecipe della
sollevazione; ma che, o per l'inclinazione degli abitanti, o per le
minacce dell'armi, fu la prima a rimettersi in obbedienza; s'avanzò a
Balaguer, per tutto rendendosi molte Terre inabili alla difesa. Ivi
sebbene l'angustie de' passi possono essere impedite da pochi, ad
ogni modo le guardie de' Catalani non ardirono d'aspettarlo; onde il
Marchese spirando terrore e severità s'avanzò fino a Combriel, Piazza
d'armi de' sollevati. Il luogo debole ardì per cinque giorni resistere,
dopo i quali volendo rendersi, non fu ricevuto che a discrezione;
restando desolata la Terra, impiccati gl'Ufficiali, e tagliate a pezzi
le soldatesche. Da questo sangue pullulò la disperazione per tutto; in
Barcellona particolarmente s'animavano i Cittadini, l'uno con l'altro
a sofferire ogni estremo più tosto, che cadere in mano, e sotto il
governo di vincitor così fiero, e di un Vicerè incrudelito. Trattandosi
della libertà, e della stessa salute, fu la difesa disposta,
fortificato il Mongiovino, ed unendosi gli animi pel comune pericolo,
si procedè nel governo e nelle risoluzioni con vigore e concordia.

Tuttavia temevano di non potere a scossa così poderosa senza forte
appoggio resistere. Dall'altro canto i Ministri franzesi fomentavano
l'apprensione, e loro additavano dall'una parte imminente l'eccidio,
dall'altra vicino il soccorso; ma dimostrando non convenire che la
Corona di Francia, per procacciare l'altrui, abbandonasse li proprj
vantaggi, insinuavano fra' timori e i discorsi, quanto complisse
obbligare un Re così grande a sostenere per decoro e per interesse
quel Principato. Colpì l'artificio, perchè il timore del pericolo e la
speranza degl'ajuti indusse i Catalani a consegnarsi alla protezione
ed al dominio franzese con molti patti, che preservavano i Privilegi,
quei principalmente dell'assenso de' Popoli per l'imposte, e della
collazione de' Beneficj di Chiesa, e delle cariche a' nazionali,
eccettuata la suprema del Vicerè, che poteva essere straniero. A ciò
diedero tutti l'assenso; la maggior parte per desiderio di cose nuove,
li semplici per concetto di cambiare in meglio la sorte, e i più savj
per essersi accorti, che dopo i primi passi della ribellione, qualunque
si fosse la libertà, o la servitù, non poteva provarsi, che fiere
stragi e calamità non disuguali. Ciò accadde negl'ultimi giorni di
quest'anno, nel procinto, che il Portogallo pur anche scosso il giogo,
ravvivò con nuovo Re l'antico nome del Regno.


§. I. _Il Regno di Portogallo scuote il giogo, e si sottrae dalla
Corona di Spagna._

L'emulazione, che passava tra' Castigliani ed i Portoghesi, cotanto
antica, che tramandata, come per eredità, da' loro antenati a'
successori, era a questi tempi per i boriosi modi e feroci consigli
del Conte Duca, assai più cresciuta, che quando convenne a questi
piegare il collo sotto la dominazione della Castiglia, divenne ora
abborrimento ed impazienza: tantochè avevano i Portoghesi applicata
più volte l'attenzione e la speranza a vari accidenti, che potessero
far cambiare la fortuna presente. Ma la potenza e la felicità de'
Castigliani, avevano fino ad ora, o tenuti gli stranieri lontani, o
dissipati l'interni disegni; ad ogni modo cresceva maggiormente il
desiderio, e serviva ad incitarlo l'oggetto de' Duchi di Braganza,
che discendenti da Odoardo, fratello di Errico Re, erano appresso
molti altrettanto preferiti nelle ragioni, quanto alla forza del Re
Filippo avevano convenuto soccombere. Il presente Duca _Giovanni_,
osservando sopra di lui l'occhio de' Castigliani aperto, si dimostrava
altrettanto alieno da ogni applicazione e negozio; ed essendo pochi
anni addietro accaduto tumulto in qualche città, uditosi acclamare
il suo nome, egli si era contenuto con tale modestia, che fu creduto
ugualmente alieno dall'ambizione e dall'inganno. Il _Conte Duca_ però
considerando, e le ragioni della Casa, ed il favore del Popolo, oltre
alle ricchezze e gli Stati, che eccedevano la condizione di vassallo,
per assicurarsi di lui, l'invitava alla Corte con premj ed impieghi,
e con simulata confidenza gli conferiva cariche e titoli: il che si
credè mirasse non per adornarlo di dignità, ma per esporlo a pericoli,
acciocchè esercitando particolarmente il suo impiego di Contestabile,
salisse sopra l'armata o entrasse nelle Fortezze, dove fossero ordini
occulti d'arrestarlo prigione. Giovanni con varie scuse schivando di
condursi a Madrid, con tali riserve in tutto si governava, che se non
poteva sfuggire gli altrui sospetti, almeno divertiva i suoi rischj.
L'Olivares si valse della rivolta di Catalogna, e della fama, che il
Re volesse uscire a debellarla, per invitare la Nobiltà Portoghese, e
tra questa con maggior premura il Braganza a concorrere con la persona
e con le forze in così segnalata occasione: ma la stessa congiuntura
servì a' Portoghesi per isvegliare in loro gli antichi pensieri; onde
molti nelle private conversazioni soliti a frequentemente lagnarsi, che
un Regno famoso ed esteso nelle quattro parti del Mondo, fosse ridotto
in provincia, e divenuto appendice al Dominio de' loro naturali nemici,
ora consideravano la Nobiltà oppressa, il Popolo conculcato; e per
le gelosie del Conte Duca snervato il Paese, i Grandi perseguitati,
infranti i Privilegi e sfigurata quell'immagine, che al Portogallo
restava di libertà e d'apparente decoro. Passando poi dalle querele
de' tempi al rimprovero di loro stessi, quasichè ne' Portoghesi
mancasse quell'ardire e quel cuore, che così altamente nobilitava
il Popolo catalano, divisavano la facilità di eseguire ogni grande
attentato, retti da una donna e da un odiato Ministro con pochi presidj
e provvisioni minori, in tempo, che era tutta la Spagna commossa, le
forze distratte, il Re impotente a resistere in tante parti, e pronta
la Francia al soccorso.

Margherita Infanta di Savoja sosteneva il titolo di Viceregina,
il governo però risedeva in alcuni Castigliani, ed in particolare
nel segretario Vasconcellos, che l'assisteva, e che confidente
dell'Olivares e dal suo favore innalzato, tutto tirava alle di lui
massime d'abbassar i Grandi e d'esercitare assoluto comando. Per le
congiunture veramente pareva, che per sollevarsi fosse maggior pericolo
in iscovrire i pensieri, che in praticargli; onde ridotti alcuni Nobili
in Lisbona nel giardino d'Autan d'Almada, considerate le congiunture
presenti, tutti si risolsero di tentar l'impresa dandosi reciprocamente
la mano e la fede di segretezza e di non mai abbandonarsi. Stavano
alquanto perplessi sopra il risolvere, qual forma si dovesse scegliere
del nuovo governo. Ad alcuni, con l'esempio de' Catalani, aggradiva
l'istituto delle Repubbliche; ma si considerò dalla maggior parte
la confusione, che seco porta l'innovare comando in un paese avvezzo
all'arbitrio di un solo. Si voltarono perciò al Braganza, nel quale,
per giustificare la causa, e tirare i popoli, concorrevano i requisiti
più principali, e per ragione al Regno e per distinzione di fortuna;
gli spedirono dunque separatamente Pietro Mendozza, e Giovanni Pinto
Ribero a rappresentargli i voti comuni ed offerirgli lo scettro; e
perchè s'avvidero questi, che al Duca s'affacciavano tra varj pensieri
l'immagini di molti pericoli, proccuravano di sgombrargli ogni
dubbiezza: ed il Pinto particolarmente tramettendo alle ragioni ed
alle preghiere minacce e proteste, gli dichiarò, che anche contra sua
voglia sarebbe Re proclamato, senzachè dalla sua renitenza, ed a se
ed agli altri fosse per accogliere, che rischj maggiori di più certe
perdite. Il Duca ad oggetto sì grande, ed improvviso della Corona,
titubava ne' suoi pensieri; ma sua moglie, sorella del Duca di Medina
Sidonia, essendo d'altissimi spiriti, lo rincorò, rimproverandogli la
viltà di preferire alla dignità dell'Imperio la caducità della vita.
Nè mancarono i Franzesi conscj di quanto si tramava, con segretissimi
messi di confortarlo ed animarlo con ampie promesse d'assistenze e
soccorsi, facendogli credere tanto più ferma dover essere la Corona
sopra il suo capo, quantochè gli additavano vacillanti le altre sopra
quello del Re Filippo. Dunque s'indusse a prestarvi l'assenso e fu
concertato il tempo ed il modo per dichiararsi.

Sebbene in questo affare il segreto fosse grande, ad ogni modo la
notizia essendo sparsa tra molti, ne traspirò qualche cosa alla
Viceregina, la quale non mancò d'avvertire il Conte Duca più volte de'
discorsi e disegni de' congiurati; ma egli solito di prestar fede a se
stesso, più tosto che ad altri, lo credè troppo tardi. Adunque il primo
di dicembre di quest'istesso anno 1640 molti Nobili essendo andati
a Palazzo, al battere delle nove ore della mattina, ch'era il segno
accordato, ad un colpo di pistola, snudarono le armi, e caricarono
le guardie della Viceregina, le quali inermi e sbandate, ogni altra
cosa attendendo, cedettero facilmente. Occupato il palazzo, i Nobili
gridavano _Libertà_, insieme acclamando il nome di _Giovanni IV_, per
Re; ed altri nelle piazze, chi per le strade, alcuni dalle finestre e
tra questi Michele Almedia di veneranda canizie, animando il Popolo
e concitandolo all'armi, fu sì grande in pochi momenti il concorso,
che, come se un solo spirito movesse la moltitudine, non vi fu chi
dissentisse, o titubasse. Una Compagnia di Castigliani, che entrava
di guardia al Palazzo, fu dal furore della plebe costretta alla fuga.
Antonio Tello con altri seguaci, sforzate le stanze del Vasconcellos,
che inteso il romore, s'era in certo armario rinchiuso, lo ritrovò,
e trucidato, lo gittò dalle finestre, acciocchè nella piazza fosse
spettacolo all'odio del vulgo, e testimonio insieme, quanto poco sangue
costasse la mutazione di un Regno. L'Infanta, custodita in potere de'
congiurati, fu trattata con molto rispetto, astretta però a comandare
al Governadore del Castello, che s'astenesse di tirare il cannone,
altrimenti i Castigliani nella città sarebbero stati tutti tagliati
a pezzi. Egli non solo ubbidì all'ordine di sospender l'offese, ma
subitamente, o per timore, o per necessità, trascorse alla resa,
allegando d'essere così sprovveduto, che all'invasione del Popolo
non avrebbe potuto resistere. Fu maraviglia vedere una città, come
Lisbona, grande, popolata, commossa, restare in brevissimo tempo in
potere di se medesima, ma con tanto ordine e con tal quietudine, che
nessun comandando, ogni condizione di persone, al nome del nuovo Re,
prontamente ubbidiva.

Giovanni, inteso l'accaduto di Lisbona, fattosi proclamare Re ne'
suoi Stati, entrò in quella città il sesto giorno del medesimo mese
di dicembre con indicibile pompa; e ricevuto il giuramento da' Popoli,
lo prestò reciprocamente per l'osservanza de' Privilegj. Sparsasi per
quel Regno la fama di tal accidente, non vi fu luogo, che tardasse a
seguitare l'esempio della Capitale, con tanta unione degli animi, che
non pareva mutazione di governo, ma che solamente al Re si cambiasse
nome, con insolito gaudio de' Popoli. I Castigliani sparsi in alcuni
presidj e quelli di S. Gian, Fortezza d'inespugnabile sito, sorpresi da
fatale stupore, n'uscirono senza contrasto. L'Infanta fu accompagnata
a' confini, ed alcuni de' Ministri Castigliani restarono prigioni,
per sicurtà di que' Portoghesi, che fossero in Madrid trattenuti. In
otto giorni si ridusse tutto il Regno ad una tranquilla ubbidienza.
Fino nell'Indie dell'Oriente, nel Brasile, nelle coste d'Affrica e
nell'Isole, che si numerano tra le conquiste de' Portoghesi, quando da
Caravelle, in diligenza spedite, ne fu portato l'avviso, quasichè fosse
stato atteso, abjurata con universal consenso l'ubbidienza a Castiglia,
il nome di _Giovanni IV_ fu riconosciuto ed acclamato.

Il _Conte Duca_ accortosi, che in vece di ingrandire la Monarchia e
la prepotenza, conveniva essa della propria salute contendere, non
potendo contrastare da due parti, stava in dubbio dove s'avessero a
rivolgere le maggiori cure e gli sforzi. In fine giudicò meglio contra
la Catalogna applicarsi, sperando, che non riuscisse lunga l'impresa
ed insieme temendo, che col dar tempo, la fortezza del paese, la
ferocia del Popolo, ed il soccorso de' Franzesi, la difficultassero
maggiormente. All'incontro, essendo aperti i confini, più lontani gli
ajuti, i popoli meno agguerriti, ed in Lisbona sola potendosi debellare
tutto il Regno, si figurava, che lasciati i Portoghesi in sicurezza ed
in ozio, non applicarebbero a premunirsi, e che i Nobili, superbissimi
per natura, non sofferirebbono a lungo il comando di uno a diversi
emolo, ed a molti uguale. Proseguendosi pertanto in Catalogna la
guerra, il Portogallo vie più si stabiliva, tanto che riusciti vani i
presagj dell'Olivares, rimase, siccome tuttavia ancor dura, staccato ed
indipendente dalla Corona di Spagna.

In Catalogna adunque proseguendosi eziandio nel verno la guerra, los
Velez si portò ad espugnare Terracona, che dopo la Metropoli del
Principato, tiene per l'ampiezza e per la nobiltà il primo luogo.
I Catalani animati da' Franzesi sprezzavano gli sdegni e l'armi del
Re, tanto che pronti alla difesa, sostennero lungamente la guerra, la
quale non meno agli altri Stati della Monarchia, che al nostro Regno
costò sangue e tesori. A questo fine si proccurava dal Medina nostro
Vicerè nuovo donativo per la Corte, s'allestivano nuove soldatesche,
e s'armavano nuovi legni, gravando con ciò i sudditi e le Comunità del
Regno con nuove tasse ed imposizioni.

Ma non terminando qui le nostre miserie, una nuova guerra, che s'accese
pure a questi tempi in Italia, dal Papa contro al Duca di Parma, per
lo Stato di Castro, portò pure al Vicerè, ed al Regno nuove cure e
nuove spese, e maggiori se ne sarebbero sofferte, se gli Spagnuoli
non si fossero raffreddati, e ne' proprj mali, per le rivoluzioni
di Catalogna e per la perdita di Portogallo, occupati, non avessero
più modo d'ingerirsi negli affari altrui, se non con mediazioni, ed
ufficj, onde al nostro Vicerè avendo il Pontefice richiesto i novecento
cavalli, per l'investitura del Regno dovuti in caso d'invasione
dello Stato Ecclesiastico, gli furono denegati, per non essere questa
causa della S. Sede, ma della sua Casa e de' suoi Congiunti[29]. Fu
mestieri con tutto ciò al Medina, a spese del Regno, guarnir le Piazze
della Toscana, ed i Confini del Regno dalla parte degli Apruzzi,
dove mandò il Maestro di Campo Generale Carlo della Gatta, e commise
ad Achille Minutolo Duca di Belsano, che si trovava Governadore di
quella Provincia, che invigilasse alla custodia della medesima. Molte
Compagnie di Tedeschi, fatte venir d'Alemagna per la via di Trieste,
furono ancor ivi alloggiate, e da poi, ricevute dal Mastro di Campo
D. Michele Pignatelli, fur fatte venire in Napoli, e fu loro assegnato
alloggiamento nello Spedale di S. Gennaro fuori le mura della città.

Ma non perchè doveansi riparare i proprj mali del Regno, si
rallentavano le richieste di nuovi soccorsi nel Milanese; bisognò al
Vicerè spedirvi tremila pedoni sopra galee; ed affinchè le Università
del Regno avessero corrisposto con maggior prontezza al pagamento
de' donativi fatti al Re, comandò, che in ciascheduna d'esse si fosse
fatto il nuovo _Catasto_ (così chiamano il libro, dove si notano gli
averi de' sudditi) con deputarsi un Ministro del Tribunal della Camera,
acciocchè l'esazione si fosse regolata con la guida di esso, e ciascuno
avesse portato il peso a misura delle sue forze.

Gli sbanditi pure in questo nuovo anno 1644 vie più che mai infestavano
le Province, inquietavano i Popoli e disturbavano il traffico; nè
bastando le genti di Corte a far loro argine, fu duopo al Medina
spedire il Principe della Torella D. Giuseppe Caracciolo con titolo di
Vicerè Generale della Campagna, per reprimere le loro insolenze.



CAPITOLO VI.

_Caduta del CONTE DUCA, che portò in conseguenza quella del DUCA
DI MEDINA, il quale cede il Governo all'AMMIRAGLIO DI CASTIGLIA suo
successore._


Ma mentre il Medina, per maggiormente prolungare il suo Governo,
essendo già scorsi sei anni e più mesi dal dì che ne avea preso il
possesso, trattava un nuovo donativo per la Corte, vennegli avviso
che il Re gli avea disegnato per suo successore l'_Ammiraglio di
Castiglia_, che governava allora la Sicilia. La caduta del _Conte
Duca_ dalla grazia del Re, portò in conseguenza la sua depressione,
e 'l cangiamento di prospera in avversa fortuna. Le gravi perdite
della Catalogna e di Portogallo, imputate in gran parte a' violenti
consigli dell'Olivares, aveano nel Re Filippo raffreddato l'affetto,
che avea verso di lui: o fosse, che per le continue disgrazie gli
venisse a noja l'infelice direttor degli affari, o pure, che si fosse
avveduto, d'essergli state fin allora dal Favorito rappresentate le
cose con aspetto diverso dal vero. Molti vedendo tanti precipizj e
ruine, si conoscevano dalla necessità obbligati, lasciata da parte
l'adulazione ed il timore, a parlar chiaro; ma niuno ardiva d'esser il
primo, fin tanto che la Regina, sostenuta dall'Imperadore con lettere
di propria mano scritte al Re e con la voce del Marchese di Grana,
suo Ambasciadore, non deliberò di rompere il velo e scoprire gli
arcani. Allora tutti si scovrirono, ed anche le persone più vili, o
con memoriali, o con pubbliche voci sollecitavano il Re a scacciar il
Ministro e ad assumere in se stesso il governo. Egli, maravigliandosi
d'aver ignorate fin allora le cagioni delle disgrazie, sopraffatto al
lume di tante notizie, che gli si svelavano tutte ad un tratto, vacillò
prima tra se medesimo, apprendendo la mole del governo, e dubitando,
che contra il Favorito s'adoperassero le fraudi solite delle Corti;
ma in fine al consenso di tutti non potendo resistere, gli ordinò un
giorno improvvisamente, di ritirarsi a Loeches. L'eseguì prontamente
l'Olivares con intrepidezza, uscendo sconosciuto di Corte per timore
del Popolo. A tale risoluzione tutti applaudirono con eccesso di
gioja. I Grandi prima allontanati ed oppressi, concorsero a servire
il Re, ed a rendere più maestosa la Corte; ed i Popoli offerivano a
gara gente e denari, animati dalla fama, che il Re volesse assumere
la cura del governo fin allora negletta. Ma, o stancandosi al peso,
o nuovo agli affari e con più nuovi Ministri nel tedio de' negozj e
nelle difficoltà di varj accidenti, sarebbe ricaduto insensibilmente
nel pristino affetto verso il _Conte Duca_, se tutta la Corte non si
fosse opposta con uniforme susurro, anzi se lo stesso Olivares non
avesse precipitate le sue speranze; perchè volendo con pubblicare
alcune scritture, purgarsi, offese molti a tal segno, che il Re stimò
meglio d'allontanarlo assai più e confinarlo nella città di Toro. Ivi,
non avvezzo alla quiete, annojatosi, com'è solito de' grandi ingegni,
terminò di mestizia brevemente i suoi giorni.

Caduto l'Olivares, ancorchè il Re pubblicasse di voler assumere in
se stesso il Governo, nulladimanco, o perchè non poteva, o perchè
non voleva da se solo reggere il peso, si disponeva ad abbandonar il
carico; e fattisi avanti alcuni Grandi, che ambivano di sottentrare in
luogo del Conte Duca, _Luigi D'Haro_, nipote, ma insieme dell'Olivares
nemico, lentamente s'insinuò, e con grande modestia, mostrando
d'ubbidire al Re, assunse in breve tempo l'amministrazione del Governo.

_D. Luigi d'Haro_ adunque reputando per uno dei più forti pretensori
alla privanza l'_Ammiraglio di Castiglia_, che si trovava allora Vicerè
in Sicilia, per tenerlo lontano insieme, e soddisfatto, lo promosse
al Viceregnato di Napoli, dandogli per successore in quell'isola
il Marchese de los Velez, che dalle guerre di Catalogna era passato
Ambasciador del Re in Roma: furono per ciò spediti i dispacci regali
nelle persone dell'uno e dell'altro; ma, fosse errore o malizia
degli Ufficiali della Segretaria del dispaccio universale tenuti ben
regalati dal Medina, invece di mandarsi a ciascuno de' provveduti
il suo, vennero chiusi amendue nel plico delle lettere del Medina.
Costui, volendo imitare gli artificj del Monterey per prolungare la
sua partita, ricusava di consegnar loro i dispacci; e quantunque il
Marchese de los Velez fosse venuto da Roma in Napoli per passare in
Sicilia, era trattenuto in parole dal Medina, tanto che non poteva
partire per mancamento della commessione Regale, che lo qualificava
per Vicerè; dall'altra parte l'Ammiraglio nè tampoco poteva lasciar
il governo dell'Isola senza il successore; e con tutto che questi
avesse mandato in Napoli il suo Segretario a domandargli i dispacci,
trovò molta durezza: non avendo potuto disporre il Medina a deporre
il Governo. Ma ciò, ch'egli non volle volontariamente fare, ve lo
fece risolvere il vedersi insensibilmente mancare nell'autorità, e
raffreddare quella riverenza e rispetto, che per ordinario languisce
ne' sudditi alla fama del successore; anzi volendo egli sollecitare
e porre in effetto il trattato di fare un altro donativo al Re d'un
milione, si videro rifugiati nella Chiesa di S. Lorenzo i Deputati
delle Piazze, li quali, o perchè non volevano imporre questo nuovo peso
alla Patria, o perchè lo volessero riserbare ne' principj del Governo
del nuovo Vicerè, sfuggivano l'unione. Conoscendo per tanto il Medina
di non potere più lungo tempo con suo decoro continuar nel Governo, si
risolse di consegnare i dispacci; onde essendosi il Marchese de los
Velez partito per Sicilia, partì pure al suo arrivo l'Ammiraglio per
Napoli, dove giunse a' 6 di maggio di quest'anno 1644, ed il Medina
deponendo immantenente il Governo, andò ad abitare nella sua Villa di
Portici, dove si trattenne fin tanto che s'allestissero le galee per
traghettarlo in Ispagna.

Ci lasciò egli molti illustri e magnifici monumenti, che ancor adornano
la città. A lui dobbiamo quel fonte d'ammirabile architettura col
Dio Nettuno, che sparge dal suo tridente limpidissime acque, il quale
trasportato nel largo avanti Castel Nuovo, ed ingrandito da lui, e reso
abbondante d'acque, ritiene ancora oggi dal suo il nome di _Fontana
Medina_. A lui parimente si dee quella magnifica Porta della città
sotto la falda del Monte di S. Martino, che anticamente chiamavasi del
Pertugio; per una picciola apertura, che il Conte d'Olivares fece fare
nel muro per comodità degli abitanti di quella contrada, e che ritiene
similmente dal suo il nome di _Porta Medina_. Ebbero questa sorte
il Duca d'Alba, ed il Duca di Medina, che queste Porte ritenessero
ne' tempi seguenti, e tuttavia, il lor nome; poichè costrutte in
luoghi oscuri, non in contrade rinomate, il lor nome antico non
potè oscurare il nuovo. Non così avvenne della _Via Gusmana_, della
_Porta Pimentella_, della strada magnifica e d'ameni alberi adorna,
che a' tempi nostri fece il Duca di Medina Celi e d'altri edificj,
perchè costruiti in S. Lucia, in Chiaja, ed in altri luoghi noti e
frequentati, perderono tosto quel nome, che i loro Autori ad esse avean
dato.

Ristaurò egli ancora il Castello di S. Eramo, innalzò il Ponte fuori
Salerno, che domina il fiume Sele, ed aprì quella ampia strada, che
conduce al Monastero di S. Antonio di Posilipo. Ma sopra ogni altro
edificio, il più stupendo fu il palagio fabbricato da lui nella riviera
di Posilipo, che chiamasi ancora di Medina, nel quale vi lavorarono più
di quattrocento persone: opera veramente magnifica, e ch'è riputata
per uno delli tre Edificj maestosi, che s'ammirano ora in Napoli,
gareggiando con quello degli Studi, e del Palagio Regale; ma non potè
(siccome altresì il Conte di Lemos per la fabbrica de' Regj Studi)
avere il piacere di vederlo finito, per cagion della sua partita dal
Regno, ed ora rimane in gran parte ruinoso e quasi che inabitabile e
cadente.

Ma molto più se gli dee per averci lasciate poco men di cinquanta
Prammatiche tutte savie e prudenti, e d'aver eretti due nuovi
Tribunali nelle Province di Apruzzo ultra e nella Basilicata. Elesse
in Basilicata per Preside D. Carlo Sanseverino Conte di Chiaramonte,
assegnandogli per luogo di residenza Stigliano, ma non vi dimorò
lungo tempo; onde la Sede dei Presidi di questa Provincia essendosi
trasportata ora in un luogo, ora in un altro, fu poi trasferita nella
città di Matera, dove ora ancor dura. Per la residenza dell'altro
Preside, fu assegnata la città dell'Aquila, ed il primo Preside,
che governolla, fu D. Ferrante Mugnoz Consigliere di S. Chiara.
Così essendosi divisa la Provincia d'Apruzzo in due, siccome avea
fatto il Re Alfonso per ciò che s'apparteneva alli Questori, ed
all'amministrazione delle Regie entrate; ed essendosi in Basilicata
eretto un nuovo Tribunale, venne il numero delle Province, in quello
che s'attiene all'amministrazione della giustizia, a pareggiarsi ed
a corrispondere al numero de' Tesorieri, il quale prima era maggiore
di quello de' Presidi, ovvero de' Giustizieri. Parimente riordinò il
Tribunale dell'Audienza d'Otranto, e costrusse le sue carceri nella
forma, nella quale presentemente sono.

Le Prammatiche, che ci lasciò, contengono molti savj provvedimenti.
Egli rinovò le ordinazioni per la moderazione del lusso nelle vesti,
ne' servidori, e carrozze: vietò sotto gravissime pene l'asportazione
delle armi, spezialmente quelle di fuoco: fu terribile persecutore de'
banditi: discacciò tutti i vagabondi dal Regno: vietò agli studenti
d'andare in altri studi, che in quelli dell'Università; e diede altri
salutari provvedimenti, che sono additati nella _Cronologia_ prefissa
al primo tomo delle nostre Prammatiche.

Giunto il Medina in Corte, fu escluso dall'udienza del Re, il quale,
ad istigazione de' suoi nemici (li quali per la caduta del _Conte
Duca_ suo suocero, resi più baldanzosi, gli avean imputato, che avesse
sottratto molto denaro da donativi fatti al Re) gli fece chieder conto
di molti milioni, che nel tempo del suo Governo avea egli riscossi
dal Regno; ma allegando il Duca, che i Vicerè di Napoli non eran
obbligati a dar conto, e che se pure S. M. volesse ciò esiger da lui,
era prontissimo a darlo, pur che però ciò seguisse senza forma di
giudicio, ma privatamente per non pregiudicare a' Vicerè successori:
l'affare si pose in trattato, e secondo la solita tardità spagnuola
non venendosene mai a capo, svanì il trattato e si pose alla faccenda
perpetuo silenzio. La Principessa di Stigliano sua moglie, che
addolorata per la perdita del Governo, era rimasa gravida in Portici,
essendosi abortita, soffrì da poi una malattia consimile a quella del
Re Filippo II, la quale resala schifosa per la colluvie de' pidocchi,
che l'innondò, le tolse anche la vita: miserabile esempio dell'umane
grandezze. Fu il suo cadavere depositato nella Chiesa de' PP. Scalzi di
S. Agostino nella Villa stessa di Portici; e non avendo potuto i suoi
congiunti ottenere dal Vicerè la permissione di trasportarlo con pompa
e trattamento Regale, che pretendevano le si dovesse, come Duchessa di
Sabioneta, fu dopo qualche tempo privatamente condotta nella Cappella
della sua famiglia posta nella Real Chiesa di S. Domenico Maggiore di
Napoli.



CAPITOLO VII.

_Del breve Governo di D. GIOVANNI ALFONSO ENRIQUEZ Almirante di
CASTIGLIA._


Giunto l'Ammiraglio in Napoli, e preso il possesso della sua carica
a' 7 maggio di quest'anno 1644, non tardò guari ad accorgersi in che
stato lagrimevole era il Regno ridotto: vide le miserie estreme dei
sudditi gravati di tante imposizioni e gabelle: esausti tutti i fonti,
e l'Erario Regale tutto voto. Ma le sue maggiori afflizioni erano,
che non solamente non vedeva mezzi convenienti a potervi rimediare, ma
che tuttavia più crescendo i bisogni per nuove cagioni, nè cessando i
Ministri della Corte di Spagna, avvezzi a ricevere somme immense da'
suoi predecessori, di cercar nuovi donativi di milioni, l'avean posto
in agitazioni tali, che cominciava già a confondersi.

Pure in questi principj non sgomentandosi in tutto, colla sua prudenza
e vigilanza suppliva, come si poteva meglio, a' nuovi bisogni, che
occorrevano. Ancorchè per la pace fatta da Papa Urbano fin dal mese di
marzo di quest'anno col Duca di Parma, colla scambievole restituzione
de' luoghi presi, si fosse spento quel fuoco, che s'era acceso in
Italia per l'occupazione e demolizione di Castro, appartenente al Duca;
con tutto ciò non aveano i Barberini lasciate l'arme, nè licenziati
i quattromila pedoni, co' dodicimila cavalli, che tenevano in piedi
sotto il Duca di Buglione; ed essendosi gravemente infermato il Papa in
questo mese di luglio, il nostro Vicerè, prima che spirasse, fece fare
in Roma premurose istanze, che i nepoti del Papa deponessero l'armi,
ed offerì ancora al Collegio de' Cardinali la sua persona e le forze
del Regno per la libertà del futuro Conclave; onde essendo seguita
già la morte d'Urbano a' 29 dell'istesso mese di luglio, non tardò di
spingere a' confini del Regno le soldatesche; ma fattosi disarmare dal
Concistoro il Prefetto di Roma, e seguita l'elezione a' 15 di settembre
in persona di Giovambattista Cardinal Pamfilio, che si fece chiamare
Innocenzio X si richiamarono le milizie a' quartieri[30].

Cessati questi timori, ne sopraggiunsero altri assai più gravi; poichè
queste milizie istesse bisognò poco da poi sostenerle contra i Turchi,
i quali con un'armata di quarantasei galee sotto il comando di Bechir
Capitan Bassà s'eran presentati a vista d'Otranto. Gli Spagnuoli
divulgavano, che questa mossa fosse per suggestione de' Franzesi, per
tener distratte le forze del Regno: altri dicevano, che fosse principio
di più alto disegno de' Turchi, per iscoprire la disposizione nella
difesa delle marine d'Italia: che che ne sia, ancor che da' venti
spinte ne' lidi della Velona, non avessero apportato altro male ad
Otranto, che il terrore suscitato dalle rimembranze delle passate
invasioni; nulladimeno ritornaron da poi nel Golfo di Taranto, dove
saccheggiarono la Rocca Imperiale, e ridussero in ischiavitù quasi
ducento persone, che con esso lor ne portarono[31]. E da poi nel
seguente anno avendo investiti i lidi della Calabria, vi saccheggiarono
alcune Terre.

La ricca preda, che fecero da poi i Maltesi all'Eunuco Zanbul Agà
nel suo viaggio per la Mecca (origine, che fu della guerra di Candia)
pose in timore i Maltesi minacciati dal Turco d'invader Malta; onde
il Gran Maestro di quella Religione invocando gli ajuti de' Principi
vicini, fece premurose istanze a' Vicerè di Napoli e di Sicilia, perchè
volessero prontamente soccorrerlo: tanto che all'Ammiraglio fu duopo
spedirgli quattro vascelli, due de' quali carichi di munizioni così
da guerra, come da bocca, e gli altri due di soldatesche Spagnuole
ed Italiane; ma svanito il timore dell'invasione di quell'Isola, per
essersi gittati i Turchi sopra il Regno di Candia, furono rimandate
dal Gran Maestro le soldatesche speditegli dal Vicerè, ma non già le
munizioni da guerra e le vettovaglie.

Ma questi soccorsi s'avrebber potuto con non molta difficoltà
tollerare: altri maggiori se ne richiedevano per altre guerre e
particolarmente per quella di Catalogna, che teneva angustiata la
Spagna: bisognò dunque spedir da Napoli ottocento cavalli e quattromila
pedoni sopra ventisei navi per quella volta, sotto il comando del
Generale D. Melchior Borgia: soccorso quanto valido, altrettanto
ruinoso al Regno, che 'l finì d'impoverire. Pure con tutto ciò non
cessavano i Ministri della Corte di Spagna premere l'Ammiraglio con
nuove dimande di donativi di milioni, per accorrere a' bisogni grandi
della Corona, ne' quali per la mala condotta degli Spagnuoli si vedeva
posta; ma non erano minori le miserie de' sudditi per tante gravezze,
che sopportavano, e quando credeva il Vicerè di potergli alleggerire,
non già maggiormente aggravargli di nuove imposte, fu costretto per
soddisfare a tante e sì continue istanze, di sollecitare le Piazze
della Città per l'unione d'un nuovo donativo. Fu conchiuso di farlo per
la somma d'un milione; e perchè non vi era altro modo di poterlo con
altre gravezze riscuotere dai sudditi, se non sopra le pigioni delle
case di Napoli, fu risoluto di prender i nomi da' Cittadini pigionali
per quest'effetto e tassargli; ma quando ciò volle mettersi in pratica,
si vide una sollevazion universale e ne' borghi di S. Antonio e di
Loreto molti della plebe cominciarono a tumultuare; tanto che il
Vicerè, prevedendo disordini maggiori, fece sospendere l'esazione.
Avvisati di ciò i Ministri di Spagna, ascrivendo questa sospensione a
debolezza dell'Ammiraglio, acremente lo ripresero, e col solito fasto
ed alterigia gli comandarono la continuazione dell'esazione; ma questo
savio Ministro, che più da presso conosceva le pessime disposizioni,
ch'erano nella città e nel Regno, con molta costanza stette fermo nella
sospensione e scrisse al Re, pregandolo a volerlo rimovere dal Governo,
ed a non voler permettere, che volendo cotanto premere un così prezioso
cristallo, venisse a rompersi nelle sue mani.

I Ministri Spagnuoli deridendo la timidità dell'Ammiraglio, non diedero
orecchio alle sue domande, anzi non lasciavano in Corte di biasimarlo,
e di trattarlo da uomo di poco spirito, inabile a governare un Convento
di Frati, non che un Regno tanto importante, come quello di Napoli. Ma
fermo l'Ammiraglio nel suo proponimento, affermando di voler servire,
non tradire il suo Re, rinovò le preghiere, perchè lo lasciassero
partire, e gli Spagnuoli di buon animo indussero finalmente il Re a
rimoverlo, ed a comandargli, che si portasse in Roma a render in suo
nome ubbidienza al nuovo Pontefice; e credendo, che _D. Rodrigo Ponz
di Leon Duca d'Arcos_, come più forte e risoluto potesse riparare alla
debolezza, ch'essi imputavano all'Ammiraglio, lo destinarono per suo
successore: di che il Duca soleva di poi cotanto dolersi, che s'erano a
lui riserbate tutte le sciagure, e ch'egli era venuto a portare le pene
delle colpe degli altri Vicerè suoi predecessori.

L'Ammiraglio intesa la risoluzione della Corte, giunto che fu il Duca
d'Arcos nel Regno partissi da Napoli nel mese di aprile di quest'anno
1646, ed entrò in Roma a' 25 del medesimo mese, ed a' 28, adempiè
la sua commissione col Pontefice; indi, dopo aver fatto un giro per
Italia, si ricondusse in Corte ad esercitar la carica di Maggiordomo
della Casa Regale, dove poco da poi, infermatosi di mal d'orina,
trapassò a' 6 di febbrajo del nuovo anno 1647.

Nel breve tempo del suo Governo, che durò meno di due anni, ci
lasciò pure da venti Prammatiche tutte savie e prudenti; attese
all'esterminio de' banditi e scorridori di campagna; invigilò perchè
non si fraudassero le gabelle e le dogane, vietando a' Monasterj, ed
altri luoghi pii la vendita del vino a minuto: vietò la fabbrica, ed
asportazion delle armi; e diede altri savj provvedimenti, che sono
additati nella tante volte mentovata _Cronologia_ prefissa al tomo
primo delle nostre Prammatiche. Ma quello, che nel principio del suo
governo gli acquistò maggior plauso, fu l'aver tolto molti abusi,
che s'erano introdotti nel precedente dal Medina, infra i quali era
scandaloso quello introdotto nel Tribunale della Vicaria per lo gran
numero de' Giudici, che vi avea creati, più tosto per soddisfare alle
importune raccomandazioni de' parenti della Viceregina D. Anna sua
moglie, in quel tempo molto potenti in Palazzo, che per rimunerazion
di merito. L'Ammiraglio, lasciato un competente numero a reggere
quel Tribunale, mandò gli altri a scrivere nelle Regie Udienze delle
Province.

A lui parimente si deve d'essersi tolte le molte brighe con gli
Ecclesiastici intorno al ceremoniale, e di essersi allontanate le
funzioni Regali dal Duomo, con farle celebrare nelle Chiese Regali,
o sottoposte all'immediata protezione del Re. Per la morte accaduta
in ottobre dell'anno 1644 della Regina di Spagna Isabella Borbone,
ordinò l'Ammiraglio, che se le celebrassero solenni esequie nel
Duomo, siccome prima praticavasi; ed avendo ivi fatto innalzare un
superbissimo Mausoleo, mentre dovea cominciarsi la funzione, insorse
il Cardinal Filamarino Arcivescovo, e pretese, che si dovesse dare
il piumaccio a tutti i Vescovi che vi doveano intervenire; ma i
Ministri Regj riputando ciò una novità, non vollero acconsentirvi a
patto veruno; e dall'altro canto ostinandosi il Cardinale, venne in
risoluzione il Vicerè di far disfare il Mausoleo drizzato nel Duomo,
e farlo trasportare nella Regal Chiesa di S. Chiara, siccome fu fatto;
dove essendosi innalzato ed adornato d'iscrizioni ed elogi composti per
la maggior parte da' Gesuiti, e spezialmente dal P. Giulio Recupito
di quella Compagnia, furono celebrati i funerali alla defunta Regina
a' 21 marzo del seguente anno 1645, recitandovi l'orazione in idioma
spagnuolo il P. Antonio Errera della medesima Compagnia; onde da questo
tempo in poi le altre consimili funzioni si sono celebrate nella stessa
Chiesa, siccome fu fatto ne' funerali di Filippo IV, ed a tempi men a
noi lontani, nell'esequie dell'altra Regina di Spagna Borbone, moglie
che fu del Re Carlo II e degli altri Regali, come diremo.

Il Duca d'Arcos, avendo preso il governo del Regno, contra il credere
de' Ministri di Spagna trovò le cose in istato pur troppo lagrimevole;
ed il suo infortunio portò, che le tante cagioni cumulate da' suoi
predecessori, avessero da partorire in tempo suo quegli calamitosi
effetti e quegli infausti successi che si diranno; il racconto de'
quali, per la loro grandezza e novità, fa di mestieri, che si porti nel
seguente libro di quest'Istoria.


  FINE DEL LIBRO TRENTESIMOSESTO.



STORIA CIVILE DEL REGNO DI NAPOLI

LIBRO TRENTESIMOSETTIMO


Gli avvenimenti infelici del nostro Reame, che riserbati in tempo del
Governo di _D. Rodrigo Ponz di Leon Duca d'Arcos_, faranno il soggetto
di questo libro non meno che le rivoluzioni di Catalogna, la perdita
del Regno di Portogallo, delle Fiandre e dei tumulti di Sicilia,
potranno esser ben chiaro documento a' Principi, che il reggimento del
Mondo raccomandato ad essi da Dio, come a legittimi Rettori, malamente,
e contra il suo Divin volere si commette a' Mercenarj, dall'ambiziosa
autorità de' quali non solamente i Popoli pruovano stragi e calamità,
ma il Principato istesso va in ruina ed in perdizione. Certamente i
nostri Re Filippo III e IV furon Principi d'assai religiosi costumi,
ma così inabili a reggere il peso gravissimo di una tanta Monarchia,
che abbandonatisi in tutto nelle braccia de' Ministri e de' Favoriti,
furon contenti della sola ombra, o nome di Re, permettendo, che della
potenza, dell'autorità e di tutto il resto si facesse da coloro un
pubblico ed ingordissimo mercato; senza che da tanta infingardia
avessero mal questi Principi potuto essere rimossi, nè dagli stimoli
de' parenti, nè dalle lagrime de' Popoli oppressi, nè dalle percosse
di tante sciagure. Veniva anche questo letargo coltivato dall'arte
più sopraffina della Corte e de' Favoriti; imperocchè per renderlo
più tenace, e che niun rimorso di coscienza fosse mai valevole a
riscuoterlo, avevano nelle loro fortune interessati gli istessi Regali
Confessori, per tender aguati fino nei penetrali della coscienza, e ne'
più riposti colloquj dell'anima.

Videro fin qui da lontano i nostri maggiori questi disordini in
molti Stati di quella sì vasta ed ampia Monarchia; ma a questi
tempi ne furono ancor essi insieme spettacolo e spettatori. Già
per li precedenti libri s'è veduto, che ridotte le cose nell'ultima
estremità, non presagivano che ruina e disordini maggiori, e tanto più
inevitabili, quanto che in vece di portarvi rimedio, vie più con nuove
spinte si acceleravano. Non bastarono le guerre che ardevano nella
Germania, nella Catalogna, ne' Paesi bassi e nello Stato di Milano, le
quali tennero la Spagna sempre bisognosa d'ajuti, ed avida di continui
soccorsi; ma se ne aggiunse a questi tempi una nuova, che s'ebbe quasi
colle sole forze del nostro Regno a sostenere, per conservare al Re i
Presidj di Toscana invasi dall'arme di Francia: la quale diede l'ultima
spinta alle rivolte: ciò che saremo brevemente a narrare.



CAPITOLO I.

_Del Governo di D. RODRIGO PONZ DI LEON Duca d'ARCOS; e delle
spedizioni che gli convenne di fare per preservare i Presidj di Toscana
dalle invasioni dell'armi di Francia._


Il Duca d'Arcos entrato in Napoli agli 11 di febbrajo di quest'anno
1646, e veduto lo stato lagrimevole del Regno, i popoli oppressi
da tanti pesi, che lor conveniva sovra le proprie forze portare; ed
all'incontro ritrovandosi fra le necessità di soccorrere a' bisogni
della Corona e le difficoltà di trovare i mezzi per eseguirlo, giudicò
minor male applicarsi all'esazione delle somme, delle quali era rimasta
creditrice la Corte, per resto de' donativi fatti al Re, sotto il
governo del Duca di Medina, che caricare i sudditi di nuove imposte.
A questo fine deputò due Giunte di Ministri, perchè l'una vegghiasse
a vietare i contrabbandi col rigor del gastigo; l'altra a trovare
spedienti per l'accennata esazione, dalla quale sperava di tirar somme
immense, senza incorrere nell'odio de' Popoli, imponendo loro nuove
gravezze sul principio del suo governo.

Ma la nuova guerra, che bisognò sostenere per difender le Piazze di
Toscana da' Franzesi assalite, lo costrinse a proseguire il costume de'
suoi predecessori: e per supplire alle nuove spese, venire a' mezzi di
nuove gravezze.

Il Cardinal Mazzarini, che nell'infanzia del Re Luigi XIV governava
la Francia, crucciato col nuovo Pontefice Innocenzio, che nonostante
gli ufficj fatti portare dalla Repubblica di Venezia, proseguiva negli
atti giudiziarj contro a' Barberini: covrendo la privata vendetta per
la repulsa data dal Pontefice in voler acconsentire alla nominazione
fatta al Cardinalato di suo fratello dal Re di Polonia, diede ad
intendere alla Regina Reggente ed al Consiglio Regale, che il Papa
si era già scoverto d'inclinazione contraria agl'interessi della
Francia, e troppo affezionato alla Corona di Spagna, come si vedeva
chiaro dalla promozione da esso fatta di Cardinali tutti sudditi, o
dipendenti da quella Corona; laonde doversi non solamente con esso
lui sospendere ogni atto di confidenza, ma anche adoperare ogni mezzo
per farlo ritrarre da questa parzialità. A tale oggetto fu risoluto
di ricevere sotto la protezione di Francia i Baroni, e d'atterrire il
Papa con disporre un grande armamento per l'Italia, e pungere più da
vicino Innocenzio. Ricercò egli per tanto il Duca d'Anghien, perchè
assumesse il comando dell'armata destinata per l'Italia, per l'impresa
delle Piazze Spagnuole della Toscana, come quella, ch'era più valevole
a porre il Pontefice in angustie; ma il Condè, padre del Duca, non
volle acconsentirvi, onde egli chiamò in Parigi il Principe Tommaso
di Savoja, confidandogli, che le sue intenzioni principalmente erano
per quella spedizione contra i Regni di Napoli e di Sicilia; ma per
diminuire l'invidia di tanto acquisto, voler esibirne gran parte a'
Principi d'Italia, ed a lui principalmente offerirla, che per virtù
militare e tant'altre doti, meritava di cingere le tempie di corona
Regale. Il Principe tutto credendo, o fingendo di credere, n'abbracciò
prontamente il carico, e fu stabilito di far l'impresa del Monte
Argentaro e delle altre Piazze, che in Toscana vi tengono li Spagnuoli;
spinse dunque l'armata a' 10 di maggio di quest'anno da' porti della
Provenza, composta di dieci galee, trentacinque navi e settanta
legni minori, sotto il comando dell'Ammiraglio Duca di Bressè, sovra
la quale furono imbarcati seimila fanti scelti e seicento cavalli.
Al Vado vi montò sopra il Principe Tommaso Generalissimo con il suo
seguito, ed alquante truppe. Con tal armata scorse le marine d'Italia,
arrivò a Telamone, che senza contrasto s'arrese, come pure il Forte
delle Saline e di S. Stefano, dove il Governadore volendo difendersi
senza forza, perdè nel primo attacco la vita, accingendosi poi per
assalire Orbitello, Piazza forte di muro e di sito. A' Vicerè di Napoli
spettava la cura e la difesa di quelle Piazze, perciò il Duca d'Arcos,
penetrata l'intenzione de' Franzesi, vi avea spedito Carlo della Gatta,
celebre Capitano, per comandarvi: poi avendo preparato un soccorso
di settecento fanti, tremila dobble in contanti, e molte provvisioni,
così da guerra come da bocca, fatto gli uni e l'altre imbarcare sovra
cinque ben armate galee e due navi, le spinse a quella volta sotto
il comando del Marchese del Viso e di D. Niccolò Doria, figliuolo del
Duca di Tursi, li quali ebbero la fortuna d'introdurre le provvisioni
e la gente in Portercole, e ritornarsene con la medesima felicità. Ma
volendo ritentare la sorte con la spedizione di quaranta filuche ed
un bergantino, sopra le quali andavano molti ufficiali, e quattrocento
soldati; fatti accorti i Franzesi dall'antecedente successo, furono lor
sovra con le galee, e sotto la Fortezza di Palo, ne presero 27, onde
stringendo il Principe Tommaso la Piazza, non bastando alla sua difesa
così lenti e scarsi soccorsi, fu astretto il Duca d'Arcos d'ammassar
nuove milizie e di spingervi più valevole soccorso, affine di far levar
l'assedio.

Fra questo mentre comparve l'armata raccolta in Ispagna con grandissima
fama sotto il comando del General Pimiento, la quale era composta
di trentuna galee e venticinque grandissimi galeoni, oltre alcuni
incendiarj, ma così mal fornita di gente da guerra, che i Franzesi,
rinforzati da altre dieci galee, non dubitarono, benchè inferiori di
numero e di qualità di vascelli, di venire a battaglia; sfuggivano per
ciò li Spagnuoli l'abbordo, contentandosi di battersi col cannone, col
quale maltrattarono due galee nemiche e conquassarono il restante; ma
il colpo fortunato, che loro diede la vittoria, fu quello di cannonata,
che levò la testa al Duca di Bressè, Grand'Ammiraglio di Francia;
perchè quell'armata, restando senza Capo, e non avendo pronto ricovero,
s'allargò subito, ed alzate le vele si ricondusse in Provenza.

Potè allora il Duca d'Arcos, risoluto di far levar l'assedio, far
imbarcare le fanterie sotto il comando del Marchese di Torrecuso,
Capitano di gran nome in que' tempi, e mandar la gente a cavallo per
terra sotto la scorta del Mastro di Campo Luigi Poderico, il quale
prendendo il passo, senza richiederlo, per lo Stato Ecclesiastico,
per Castro e per la Toscana (dolendosene in apparenza que' Principi,
ma godendone ognuno, ingelositi del troppo potere che acquistavano in
Italia i Franzesi, e tacitamente additando a' Spagnuoli la strada)
si condusse ad unirsi col Torrecuso; il quale appena sbarcato, ed
incendiati a Telamone quasi tutti i legni da carico che vi avevano
lasciati i Franzesi, incamminandosi verso la Piazza, astrinse il
Principe Tommaso a levarsi. Costui avendo perduta molta gente nelle
fazioni, e l'altra resa quasi inutile per l'infermità nell'aria
corrotta delle Maremme, ritrovandosi con deboli forze, si ritirò a
Telamone, e ritornata l'armata Navale, che il Mazzarini con ordini
pressanti vi avea spedita, s'imbarcò, ed andato in Piemonte co' suoi,
rimandò il rimanente dell'esercito a riposarsi in Provenza. Carlo
della Gatta, uscito nell'abbandonate trincere, guadagnò ricche spoglie
e venti cannoni: e l'armata del Pimiento, contenta del conseguito
vantaggio, ritornò subito verso i Porti di Spagna, contro il parere
degli altri Ministri della Corona, che stimavano dovesse fermarsi.

Del successo d'Orbitello godè altrettanto l'Italia, quantochè penetrati
i disegni vastissimi del Cardinal Mazzarini, avea mirata l'impresa
con gelosia, ma sopra tutti ne giubilò il Pontefice, che secondava,
ancorchè cautamente, gl'interessi della Spagna. All'incontro se ne
crucciava il Mazzarini, irritato da' rimproveri, che abbandonati
gl'interessi di Catalogna ed indebolite le armi in Fiandra, avesse
atteso solamente a pascere le sue private vendette in Italia. Ma egli
avendo inteso che l'armata nemica se ne ritornava in Spagna, chiamato
in Fonteneblò d'improvviso il Consiglio della Reggenza, vi fece
deliberare l'impresa di Piombino e di Portolongone, credendo con doppio
colpo ferir vivamente non meno il Pontefice, che gli Spagnuoli; poichè
la piazza di Piombino, tenuta da guarnigione di Spagna, apparteneva
nondimeno col suo picciolo Principato al Lodovisio nipote del Papa.

Si vide allora quanto valesse la forza, quando in particolare veniva
spinta dalla passione; poichè in momenti rimessa l'armata, e raccolte
le truppe, riuscita al Cardinale sospetta la condotta del Principe
Tommaso, ne consegnò il comando a' Marescialli della Melleraye e di
Plessis Plarin, li quali con ugual premura apprestandosi, sciolsero
speditamente da' Porti. Appena in Italia se n'era divulgato il disegno,
che l'armata comparve, e subito sforzato Piombino, dove erano a guardia
soli ottanta soldati, sbarcò sopra l'Elba, ed investendo Portolongone
non mal difeso, ma scarsamente munito, l'obbligò ad arrendersi
a' 29 d'ottobre di quest'anno 1646. Con tal acquisto si rallegrò
il Cardinale, che avesse con larga usura cambiato Orbitello per
Portolongone: il quale, come fortissima cittadella del Mediterraneo,
separando la comunicazione della Spagna co' Regni d'Italia, dava
Porto all'armata Franzese, e ricoverò a' legni, che infestassero la
navigazione a' nemici. Il Papa ora atterrito, vedendo muoversi di
nuovo le armi, chiamato a se il Cardinale Grimaldi parzialissimo della
Francia, gli accordò il perdono per li Barbarini, e la restituzione
delle cariche e de' beni, rivocando le Bolle, e le pene, a condizione,
che si restituissero nello Stato d'Avignone e di là rendessero
con lettere il dovuto ossequio al Pontefice. Ma la speranza da lui
concepita di preservare con ciò lo Stato al nipote, fu dal Mazzarini
delusa, il quale conoscendo col Papa poter più il timore, lasciò correr
l'impresa, scusandosi, che partiti i Marescialli non avea potuto a
tempo rivocare le commessioni.

La perdita di Portolongone attristò grandemente il Duca d'Arcos,
vedendo i Franzesi annidati in un luogo, donde con facilità potevano
assalire il Regno; onde gli convenne applicarsi a fortificare le
Piazze di maggior gelosia, ed a far grosse provvisioni, per accingersi
a riacquistare il perduto. A questo fine fece nuove fortificazioni
intorno Gaeta, imponendo per far ciò una tassa a' benestanti: e diede
fuori patenti per arrolare dodicimila persone. Dovevano fra queste
trovarsi cinquemila Tedeschi, che con grossi stipendj si fecero venire
d'Alemagna. Chiamò in Napoli le milizie del _Battaglione_ del Regno;
ma queste si dichiararono, che essendo esse destinate per guardia del
proprio paese, non intendevano uscirne. Ma mentre il Vicerè sopra
galee e vascelli era tutto inteso per far imbarcar le milizie per
l'espedizione di Portolongone e di Piombino; i Capitani Franzesi, che
comandavano queste Piazze, meditavano altre spedizioni per invadere
i Porti del Regno, e spezialmente il Porto di Napoli ed incendiar le
Navi, che vi si trovavano. Con tal disegno partitosi il Cavalier Pol
dal Canale di Piombino con una squadra di cinque navi e due barche da
fuoco, giunse nel Golfo di Napoli nel primo giorno d'aprile di questo
nuovo, e funestissimo anno 1647. Fece egli preda a vista della città
d'alcune barche: ciò che pose Napoli in non picciolo scompiglio; ma
trovandosi allora nel Porto tredici vascelli, e dodici galee, fecer
sollecitamente partire di que' legni armati, sopra i quali montativi
molti nobili Napoletani, usciti dal Porto, fecero ritirare le navi
Franzesi; ma poichè le nostre sciagure eran fatali, ciò che i francesi
non fecero, fece contra di noi il caso, o la malizia; poichè accesosi
fuoco nell'Ammiraglio delle navi Spagnuole alle 3 della notte de'
12 maggio, si consumò tutte le munizioni, che v'erano, con rimaner
abbruciati quattro cento soldati, e quel ch'è più, si perderono
trecentomila ducati contanti, che ivi erano. Quest'incendio di notte,
ed a vista della città, per lo strepito e rumor grande, apportò
agli abitanti un terrore, ed uno spavento grandissimo, e fu reputato
un infausto ed infelice presagio d'incendj più lagrimevoli, per le
rivoluzioni indi a poco seguite delle quali saremo ora brevemente a
narrare.



CAPITOLO II.

_Sollevazioni accadute nel Regno di Napoli, precedute da quelle di
Sicilia, ch'ebbero opposti successi: quelle di Sicilia si placano:
quelle di Napoli degenerano in aperte ribellioni._


Gli avvenimenti infelici di queste rivoluzioni sono stati descritti da
più Autori: alcuni gli vollero far credere portentosi, e fuor del corso
della natura; altri con troppo sottili minuzie distraendo i Leggitori,
non ne fecero nettamente concepire le vere cagioni, i disegni, il
proseguimento ed il fine: noi perciò, seguendo gli Scrittori più serj
e prudenti, gli ridurremo alla loro giusta e natural positura.

De' due Regni d'Italia sottoposti alla Corona di Spagna, quello di
Sicilia più quietamente soffriva la dominazione Spagnuola, perchè
la terra bagnata dal sangue Franzese inspirasse in que' popoli col
timore delle vendette, l'avversione a quel nome, ovvero, perchè non
erano cotanto premuti ed oppressi, quanto l'opulenza di queste nostre
province invitava gli Spagnuoli a praticare co' Napoletani. Non era
nemmeno in alcuni de' nostri Baroni cotanto odiosa la Nazion Franzese,
poichè alternato più volte il dominio di questo Regno tra le due
Case d'Aragona e d'Angiò, restavano ancora le reliquie dell'antiche
fazioni, e l'inclinazioni per ciò vacillanti; onde avveniva, che la
Francia nutrisse sempre l'intelligenze con alcuni Baroni; ed i Ministri
Spagnuoli, ora dissimulandole, ora punendole, proccuravano di regger
con tal freno, che divisi gli animi, impoveriti i potenti, introdotti
ne' beni e nelle dignità gli stranieri, non conoscessero i Popoli le
forze loro, nè sapessero usarle.

Nell'animo de' Popoli alla Monarchia Spagnuola soggetti, era a questi
tempi, per tedio di sì lunghe avversità, scaduto il credito del
governo; ed il nome del Re, nella felicità e nella potenza già quasi
adorato, restava vilipeso nelle disgrazie e per gli aggravj della
guerra poco men che abborrito. Si considerava ancora, che essendo morto
in età giovanile il Principe D. Baldassare, dal Re Filippo IV procreato
colla defunta Regina Isabella Borbone figliuola d'Errico IV e sorella
di Lodovico XIII, Re di Francia, era facile, che la Monarchia rimanesse
priva d'eredi; onde i sudditi perderono quel conforto, ed insieme il
rispetto, con cui l'attesa successione del figlio al padre, suole,
o lusingare i malcontenti, o raffrenare gl'inquieti; e per ciò gli
spiriti torbidi sopra ciò promoveano discorsi frequenti ed i più quieti
con taciti riflessi deploravano la fortuna maligna, che ciecamente
trasferirebbe que' nobilissimi Regni ad incerto dominio, tanto più
duro, quanto più ignoto.

I Popoli non men dell'uno che dell'altro Regno si dolevano delle
imposizioni rese pesanti dal bisogno non solo, ma dall'avarizia de'
Vicerè, e de' Ministri, pe' quali erano stati ridotti a tale stato di
miseria e di carestia, che non bastando la fertilità de' nostri campi,
nè la Sicilia istessa, che si reputa il Regno fertile di Cerere, ed il
granajo d'Italia, potendone esserne esente, si cominciò da per tutto
a patirsene penuria. Certamente, che non mai con più chiare pruove si
conobbe esser vero, che per stabilire gl'Imperj Dio suscita lo spirito
degli Eroi; ma per abbattergli si serve de' più vili e scellerati,
quanto che per questi successi.

In Sicilia cominciava la plebe a mormorare per la penuria, che
sofferiva di frumenti; ma non curate le sue querele, anzi invece di
rimediarvi, impicciolito il pane per nuovi aggravj, diede ella in
furore, e dal furore passando all'armi, riempì la città di Palermo di
confusione e di tumulti. Il Marchese de los Velez, che governava quel
Regno, non ebbe in quel principio forze per reprimerla, nè consiglio
per acquietarla; onde lasciando pigliar animo a quella vilissima
plebe, vide arder i libri delle gabelle, scacciare gli esattori, levar
da' luoghi pubblici l'armi, e fin da' bastioni l'artiglierie; ed udì
gridarsi per tutto, che l'imposte s'abolissero, e che nel governo si
concedesse al Popolo parte uguale a quella, che teneva la Nobiltà.
Il Vicerè accordava ogni cosa, e molto più prometteva; ma il Popolo
prima contento, poscia irritato traboccava ad eccessi maggiori ed a più
impertinenti domande; o perchè la facilità d'ottenere gli suggerisse
pensieri di più pretendere, o perchè non mancassero istigatori, che
spargevano essere simulata l'indulgenza e pericolosa la pietà di
Nazione, per natura severa e contro i delitti di Stato implacabile per
istituto. Se dunque un giorno, accarezzata, deponeva l'armi, l'altro,
furiosa, le ripigliava con maggiore strepito, dilatandosi il tumulto
anche per lo Regno.

Mancava però un Capo, che con soda direzione regolasse la forza del
volgo, il quale se cominciava con rumore, presto languiva, contento
d'assaggiare la libertà con qualche insolenza. Ma la nobiltà, poco
amata dal popolo, nemmen ella poteva fidarsi di tant'incostanza, e se
pur alcuno volle applicar l'animo a servirsi dell'occasione, fu poi
fuori di tempo. Tra l'istesso popolo, i più benestanti, esposti agli
strazj de' più meschini, da' quali a capriccio venivan lor arse le
Case, e saccheggiate le sostanze, sospiravano la quiete primiera. Alla
plebe più vile s'univano i delinquenti, da' quali aperte le carceri
si cercava franchigia de' debiti ed impunità de' delitti. Fu detto,
che in una taverna gettassero alcuni le sorti di chi assumer dovesse
la direzione della rivolta, e che toccasse a Giuseppe d'Alessi uno de'
più abbietti. Costui molte cose ordinò, e molte n'eseguì d'importanti.
Discacciò il Vicerè dal Palazzo, e lo costrinse ad imbarcarsi sopra
le Galee del Porto; poi si compose con un trattato solenne, che al
popolo concedeva tali privilegj ed esenzioni sì larghe, che anche
in Repubblica libera sarebbero stati eccedenti; ma in fine mentre
l'_Alessi_ sta con guardie, e tratta con fasto, invidiato da tutti e
resosi odioso a' suoi stessi, fu dal popolo ucciso. È però vero, che
dal suo sangue di nuovo sorse la sedizione, perchè alcuni credendo,
che dagli Spagnuoli gli fossero state tessute l'insidie, altri ambindo
quel posto, fluttuarono grandemente le cose, e molto più furono agitate
dappoi, che il Vicerè caduto infermo per afflizione d'animo, terminò la
sua vita.

Lasciò los Velez il governo al Marchese di Monteallegro, che tutto
tollerò per sostenere alla Spagna almeno l'immagine del comando, e
guadagnar tempo, sino all'arrivo del Cardinal Trivulzio, che il Re gli
avea destinato per successore. Giunto il Cardinale in Palermo mantenne
in fede i Siciliani, ed acchetò i romori; tanto che portatosi poi a
Messina D. Giovanni d'Austria coll'armata, confermò in quel Regno la
quiete, e ridusse le cose in una total calma e tranquillità.

Ma nel Regno di Napoli, non avea tante fiamme il Vesuvio, quanti erano
gl'incendj, ne' quali stava involto. In questo Regno, siccome da'
precedenti libri si è veduto, avevano gli Spagnuoli riposti i mezzi
principali della loro difesa, perchè fertile e ricco forniva danaro
ed uomini ad ogni altra provincia assalita. Avrebbe la fecondità e
l'opulenza supplito al bisogno, se l'avidità de' Ministri, sempre
premendo, non avesse del tutto esauste ed espilate le ricchezze istesse
della natura; ma in Ispagna essendo più stimato quel Vicerè, che sapeva
ricavare più danaro, non v'era macchina, che non s'adoperasse, per
aver il consenso della nobiltà e del popolo, ch'era necessario per
deliberare l'imposte, e per cavarne la maggior somma che si potesse.
Vendevansi le gabelle a chi più offeriva, e con ciò perpetuando
il peso, s'aggravavano le estorsioni, perch'essendo i compratori
stranieri, e per lo più Genovesi, avidi sol di guadagno, non era
sorta di vessazione, che, trascurate le calamità de' miseri popoli,
crudelmente non si praticasse. Non restava più, che imporre, e pur il
bisogno cresceva: poichè tentato da' Franzesi Orbitello, ed occupato
Portolongone, si richiedevano, e per supplire altrove e per difender il
Regno, grandissime provvisioni.

Il Vicerè Duca d'Arcos, trovandosi angustiato dalla necessità del
danaro, per porre in piedi nuove soldatesche, e mantenere in mare
Armate, non essendo sufficienti le somme, che, senza impor nuovi
dazj, pensava di ricavare dagli espedienti sopra accennati, venne alla
risoluzione di convocare un Parlamento: dove avendo esposti li bisogni
della Corona, e sopra tutto, che bisognava mantener eserciti armati
per la vicinanza molesta de' Franzesi, annidati in Toscana, estorse
un donativo d'un milione di ducati; ma per ridurlo in contanti era
necessario venire all'abborrito rimedio delle gabelle. Con imprudente
consiglio, scordatisi così presto di quel, ch'era accaduto sotto
il governo del Conte di Benavente, fu proposta la gabella sopra i
frutti, altre volte imposta e poi tolta, come gravosa per lo modo
di praticarla, ed odiosa alla plebe, e più da lei sentita, quanto
ch'ella nell'abbondanza del paese, e sotto clima caldo, non si
nutre quasi d'altro alimento, massimamente nell'estate; ad ogni modo
trovandosi tutte l'altre cose aggravate ad un segno, che non potevano
sopportar maggior peso, vi diedero le Piazze l'assenso, ed il Vicerè
abbracciò l'espediente. Ma pubblicato a pena, nel terzo dì di gennajo
di quest'anno 1647, l'editto per l'esazione d'essa, che cominciò il
Popolo a mormorare, e tumultuosamente ad unirsi, e sempre che usciva
il Vicerè, circondavano il suo cocchio, ad alta voce gridando, che
si levasse: s'udivano minacce tra' denti, si trovavano affissi molti
cartelli, dove si esecrava la gabella, ed una notte fu bruciata la
casa, posta in mezzo al Mercato, dove se ne faceva l'esazione.

Il Duca d'Arcos, temendo da tali insolenze disordini maggiori, fece
trattar dalle Piazze l'abolizione della gabella, e cercare espedienti
di soddisfare coloro, che avevano sopra di quella somministrato il
denaro, con imposizione d'altre gabelle meno gravose; ma non si poteva
rinvenir alcun mezzo, per le altre maggiori e più gravi difficoltà, che
s'incontravano, volendo imporne altre nuove; onde tutte le assemblee
riuscivano vane e senz'effetto; e tanto più crescevano i tumultuosi
discorsi del popolo; nè mancavano malcontenti, che servivano di
mantice per accender maggior fuoco, fra' quali il più istigatore era
il Sacerdote Giulio Genuino, il quale avea a se tratti molti della sua
condizione, e non men di lui d'ingegni torbidi e sediziosi. Fra la vil
plebe era surto ancora un tal _Tommaso Aniello_, chiamato comunemente
_Masaniello_, d'Amalfi, uomo vilissimo, che serviva ad un venditor di
pesce a vender cartocci per riporvelo; giovane di primo pelo, ma vivace
ed ardito, il quale, soprammodo crucciato dal pessimo trattamento,
ch'era stato fatto da' Gabellieri alla moglie, trovata con una calza
piena di farina in contrabbando, minacciava vendicarsene, e meditava di
trovar occasione di suscitar in mezzo al Mercato qualche tumulto nel
dì della festività del Carmine, solita celebrarsi nella metà del mese
di luglio. A tal fine, col pretesto di doversi assalire un Castello
di legno nel dì della festa, avea provveduto ad alcuni ragazzi di
canne col denaro somministrato da _Fr. Salvino_ Frate Carmelitano, il
quale o per propria perfidia, o per suggestione de' malcontenti, era
il principal istigatore e fomentatore al Masaniello di farsi Capo del
meditato tumulto.

Ma non bisognò aspettare la metà di quel mese, perchè a' 7 di luglio un
picciolo ed impensato accidente gli aprì la strada. Alcuni contadini
della città di Pozzuoli, avendo la mattina di quel giorno portate
alcune sporte di fichi al Mercato, erano sollecitati dagli esattori
del dazio al pagamento; ed insorta contesa tra essi, ed i bottegai,
che doveano comprarle, intorno a chi dovesse pagarlo; essendo accorso
Andrea Nauclerio Eletto del Popolo a darne giudicio, decise, che
conveniva si sborsasse da chi le portava dalla campagna: uno de'
contadini, che non aveva danaro, versò con imprecazioni un cesto
di fichi per terra, rabbiosamente calpestandoli. Accorsero molti a
rapirli, con risa, altri con collera, ma tutti compatendo quel misero,
ed odiando la cagione. Allo strepito essendo sopravvenuto Masaniello
con altri ragazzi armati di canne, cominciarono tutti, da costui
animati a saccheggiar il posto della gabella, scacciandone co' sassi
i ministri. Da ciò accesi gli animi, ricevendo forza dall'unione e
dal numero, svaligiarono tutti gli altri luoghi de' dazj; e guidati da
cieco furore, senza saperne i motivi, nè discernere il fine, corsero al
Palazzo del Vicerè con proteste d'ubbidienza al Re, ma con esclamazioni
contro il mal governo.

Le guardie, deridendo quel puerile trasporto, non vi s'opposero, ed
il Vicerè impaurito lo fomentò, esibendo prodigamente ogni grazia.
Cresciuta con ciò la licenza, e cominciando i più risoluti a porre a
sacco il Palazzo, egli tentò di salvarsi nel Castel Nuovo; ma trovato
alzato il ponte, non sapendo per lo timore dove ridursi, corse in
carrozza chiusa verso quello dell'Uovo: scoperto però dalla plebe,
poco mancò, che non restasse oppresso, se non si fosse ricovrato nel
Convento di S. Luigi, nè quivi tampoco sarebbe potuto giugnere, se
per la breve strada non fosse andato gettando monete d'oro al popolo
per trattenerlo, che non lo seguitasse. Di là fece sparger editti, che
abolivano la nuova gabella delle frutta; ma ciò non ostante, il tumulto
a guisa di un torrente che inondi cresceva, e suggerendo i più torbidi
al volgo semplice varie cose, chiedevano ad alta voce, che si levassero
tutte l'altre gabelle, e che si consegnasse al Popolo il privilegio
di Carlo V. Quelli che lo dimandavano, sapevano meno degli altri dove
fosse, e ciò che contenesse, perchè il dominio lungo degli Spagnuoli,
e la sofferenza de' sudditi, abolita ogni memoria d'indulto, avea reso
arbitrario ed assoluto il comando.

A tanta commozione essendo accorso il Cardinal Filomarino Arcivescovo,
per quietar il tumulto, s'interpose col Vicerè: il quale trovandosi in
quell'arduo procinto, in cui era pericolosa la severità e l'indulgenza,
e se si negava ogni cosa, e se tutto si concedeva: credè in fine meglio
consegnargli un foglio in cui prometteva quanto sapevan pretendere,
con speranza, che sedato il romore, e sciolta l'unione di que'
scalzi, tutto prestamente si rimettesse in buon ordine e quiete. Ma il
contrario avveniva, perchè la maggior parte confusa da que' fantasmi
di libertà, senza saper ciò che volesse, voleva più, onde il male
peggiorava coi rimedj, e s'irritava co' lenitivi.

Scoppiò in oltre l'odio fierissimo, che la plebe contro la Nobiltà
lungo tempo nutrito avea: onde i sollevati scorrendo per le strade,
trucidarono alcuni Nobili, arsero le case d'altri, proscrissero i
principali, e bramando di sterminarli tutti, stava la città in procinto
d'andar a fuoco, ed a sangue. E pure il Popolo stolto credeva di
mantenersi fedele al Re, e solo di correggere il cattivo governo, e
risentirsi de' strazj patiti da' Nobili superbi e da' Ministri malvagi.

Masaniello lacero e seminudo, avendo per teatro un palco e per scettro
la spada, con centocinquantamila uomini dietro, armati in varie foggie,
ma tutte terribili, comandava con assoluto imperio ogni cosa. Egli Capo
de' sollevati, anima del tumulto, suggeriva le pretensioni, imponeva
silenzio, disponeva le mosse, e quasi che tenesse in mano il destino di
tutti, trucidava co' cenni, ed incendiava co' sguardi; perchè dove egli
inchinava, si recidevan le teste e si portavan le fiamme. Il Vicerè
per tanto, per la mediazione del Cardinal Arcivescovo, fu indotto a
dar in potere del Popolo istesso il privilegio richiesto, ed accordare
un solenne trattato, in cui s'abolivano quelle gabelle, ch'erano
state imposte dopo le grazie di Carlo V, e si proibiva d'imporne
nell'avvenire altre nuove: si concedeva parità di voti al Popolo con la
Nobiltà: si prometteva oblivion d'ogni cosa, e si permetteva, che ne'
tre mesi, ne' quali si doveva attendere la confermazione del Re, stesse
armata la plebe. Fu tutto ciò ratificato con solenne giuramento nella
Chiesa del Carmine, onde si diede qualche breve respiro.

(Questa Capitolazione contenente 23 articoli e cinque altri aggiunti,
fu per la mediazione del Cardinal _Filomarino_ accordata ai 13 luglio
1647 tra 'l Vicerè e Masaniello, il quale intervenne come _Capo del
fedelissimo Popolo_ e si legge presso Lunig[32].)

Masaniello onorato dal Vicerè con eccessi, siccome sua moglie dalla
Viceregina, gonfio di vanità cominciò ad agitarsegli la mente,
e finalmente dalle vigilie e dal vino ridotto a delirare, fatto
insopportabile a' suoi e contra tutti crudele, fu la mattina de' 16 di
luglio da gente appostata nel Convento del Carmine ucciso, siccome fu
fatto d'alcuni altri de' suoi confidenti, e dal vedersi, che la plebe
non fu niente commossa dalla sua morte: anzi pareva, che godesse alla
vista del teschio conficcato ad an palo, si credeva che fosse ogni cosa
per ridursi in buon ordine e quiete.

Ma con dannosa imprudenza, strapazzati da' Nobili alcuni di que'
della plebe, e con peggior consiglio il giorno susseguente essendosi
diminuito il peso del pane, si risvegliò il tumulto con tanto furore,
che disotterrato il cadavere dell'ucciso e preso il teschio, unendolo
al busto, fu esposto con lumi accesi nella Chiesa del Carmine, nè
sarebbe cessato il concorso del popolo e la curiosità di vederlo, se
con solennissime e regali esequie, a guisa di Capitan Generale non
fosse stato sepolto; ed immantenente fu occupato dal Popolo il torrione
del Carmine, e presi altri siti opportuni per dominar il Porto, ed
opporsi alle batterie de' Castelli.

Il Duca d'Arcos ritiratosi in Castel Nuovo, lo trovò sguarnito
d'ogni cosa, e così erano tutti gli altri poichè per accudire a'
bisogni lontani, avevano i Vicerè indebolito il freno della città,
e la custodia del Regno. Mancava il denaro, niuno osava più esiger
le rendite, e tutti con pari licenza ricusavano di pagare l'imposte.
Le milizie erano già state spedite a Milano, ed alcuni pochi fanti
chiamati dalle province, furono da' popolari per cammino battuti e
sbandati. Dilatandosi poi per lo Regno la fama de' successi della
città, siccom'erano per tutto universali le cagioni, così non furono
dispari gli avvenimenti; poichè in ogni luogo, scosso il giogo delle
gabelle, e sollevandosi il Popolo contra l'insolenza de' Baroni, si
riempirono le province di tumulti e di stragi.

Fu perciò costretto il Vicerè a' 7 di settembre a giurare un altro
accordo più indegno del primo.

(Questa seconda Capitolazione contenente 52 articoli è stata anche
impressa da _Lunig_, e si legge _Tom. 2 pag._ 1374).

Ma il Popolo sempre temendo, ed il Duca niente dissimulando, non ebbe
più lunghi periodi la calma. Passandosi adunque, come suole accadere,
dal tumulto alla ribellione, dimandavano i popolari al Vicerè i
Castelli, e non volendo egli dargli, si venne all'attacco. Egli è
certo, che se allora quella gente infuriata avesse avuto un corpo di
ben disciplinate milizie, ed un Capo sperimentato e fedele, avrebbe
espugnati i Castelli, e quindi discacciati gli Spagnuoli dal Regno. Ma
dal Popolo abborrendosi il nome di soccorso straniero, e coll'oggetto
di libertà immaginaria tendendo a più misera servitù, fu scelto
(essendosene scusato Carlo della Gatta) per Capitan Generale Francesco
Toraldo Principe di Massa, che n'accettò il carico di concerto col
Vicerè. Egli ritardando con apparenza di meglio assicurarsi gli
attacchi, e con errori volontarj e mendicate dilazioni, guastando ogni
cosa, non potè finalmente a tanti occhi occultare l'inganno: onde
imputato d'intelligenza con gli Spagnuoli, con miserabile supplicio
dalla plebe arrabbiata fu trucidato.



CAPITOLO III.

_Venuta di D. GIOVANNI D'AUSTRIA figliuolo naturale del Re; che
inasprisce maggiormente i sollevati, i quali da tumulti passano a
manifesta ribellione. Fa che il DUCA D'ARCOS gli ceda il Governo del
Regno, credendo con ciò sedar le rivolte. Parte il Duca, ma quelle vie
più s'accrescono._


Gli avvisi intanto pervenuti alla Corte di Spagna di questi successi,
sollecitarono la partenza dell'armata navale, sopra la quale imbarcossi
D. Giovanni d'Austria, figliuolo naturale del Re, con titolo di
Generalissimo del mare, e con ampio potere sopra gli affari del Regno,
giovane di 18 anni, ben fatto di sua persona, che accoppiava alla
gentilezza e soavità dei costumi un giudizio maturo; giunse l'armata,
e diede fondo nella spiaggia di S. Lucia nel primo giorno d'ottobre.
Si componeva ella di 22 Galee e 40 Navi, ragguardevoli per lo numero
e per la grandezza, ma poco meno, che sguarnite di munizioni, e con
soli quattromila soldati; e pure era stimata da' Spagnuoli il presidio
della Monarchia, perchè era destinata a frenar i due Regni fluttuanti,
soccorrere l'Italia e riscuotere Portolongone e Piombino dalle mani de'
Franzesi. Questa non tantosto approdò, che il Vicerè, contra il parere
del Consiglio Collaterale, che sentiva di introdurre col negozio la
quiete, indusse D. Giovanni ad usare la forza.

Amaramente vedeva questo giovane Principe, partito di Spagna
coll'impressione datagli da' suoi adulatori, di vincere con la sola
presenza, che così vil plebe ancora osasse tenere in mano le armi,
e volesse capitolare del pari. Il Vicerè per gli scorsi pericoli e
per gli affronti patiti, desideroso di vendicarsi, figurava tutto
facile e piano. Fu pertanto da D. Giovanni fatto sapere al Popolo, che
consegnasse le armi, e ciò negato, come si prevedeva, sbarcati tremila
fanti, e da essi presi i posti più alti ed opportuni, cominciarono i
Castelli e l'armata indistintamente a percuotere da ogni parte, con
incessante tempesta di cannonate la città. Ciò, benchè nel principio
alquanto atterrisse, fu però tanto lontano che domasse il Popolo, che
anzi i Tempj ed i Palazzi si danneggiavano indistintamente i colpevoli,
ed i fedeli; ma in sì vasta città non per tutto arrivavano i colpi,
nè oltre lo strepito e le ruine, apportavano altre notabili offese.
All'incontro i mantici della ribellione infiammavano gli animi contro
gli Spagnuoli, notandoli di mancatori di fede, e che il Re Filippo
avea inviato il figlio, acciocchè portasse più possenti i fulmini del
suo sdegno, e che amava più tosto di perder Napoli, con esempio atroce
di crudeltà e di vendetta, che conservarla con moderato ed indulgente
imperio.

(Furono emanati dal Popolo per questa irruzione de' Spagnuoli due
editti, uno a' 15 ottobre, l'altro nel giorno seguente 16, per cui si
aboliscono affatto tutte le gabelle, si proibisce a tutti i Baroni e
Titolati d'unirsi in comitiva di gente, e s'offeriscono taglioni di
più migliaja di ducati ed indulti generali a chi ammazzasse _il Duca
di Maddaloni, D. Giuseppe Mastrillo, Lucio Sanfelice_, il _Duca di
Siano_, e li figli di _Francesco Antonio Muscettola_. Nel giorno 17
si pubblica un _Manifesto_, nel quale il popolo espone l'infrazione
fatta da' Spagnuoli agli articoli accordati, e le crudeltà da'
medesimi praticate, onde s'invitano il Papa, l'Imperadore, tutti i Re,
Repubbliche e Principi a prestar lor ajuto e favore. Si leggono i due
Editti ed il Manifesto presso Lunig[33]).

Poco ci volle per confermare con la disperazione del perdono nella
contumacia i sollevati: anzi per indurvi i più quieti, mentre il
danno e l'offesa era comune, s'animavano tutti con odio estremo alla
resistenza.

Ripartita perciò la difesa, fortificati i posti, cavate armi, e cannoni
dagli Arsenali, per tutto mostravansi, con risoluzione ostinata, di
voler difendere se stessi e la patria. S'avvidero presto gli Spagnuoli
esser vano ogni sforzo di vincere col timore una città sì grande, piena
di Popolo furibondo ed armato. Mancarono loro inoltre presto la polvere
e i bastimenti, onde convennero rallentare le batterie, ad allontanare
le navi, rendendo più audace il popolo col dimostrarsi impotenti. Nè vi
fu caso enorme, in cui licenziosamente la plebe non trascorresse. Nel
patibolo del Toraldo, pareva che fosse stato affisso un decreto d'odio
perpetuo contro la Nobiltà; e nelle conventicole non s'udiva altro, che
disperati consigli, e concetti rabbiosi contro i Nobili.

Si venne infine ad abbattere le riverite insegne del Re, ed a
calpestare i suol Ritratti, sino a quell'ora, si può dire, adorati;
e la città di Napoli assunse titolo di _Repubblica_. Non si può dire
quanto di tal nome nel principio esultasse la plebe fastosa, quantunque
pochi credessero dover essere lunga la forma del suo reggimento. Non
vi è Popolo della libertà più cupido del Napoletano, e che altresì men
capace ne sia, mobile ne' costumi, incostante negli affetti, volubile
nei pensieri, che odia il presente, e con sregolate passioni, o troppo
teme, o troppo spera nell'avvenire. Per la morte del Toraldo, s'intruse
un tal _Gennaro Annese_ nel Generalato dell'armi, uomo di profession
militare, ma d'abbietti natali, accorto però, e niente meno sagace
architetto di frodi, che ardito esecutore di scelleratezze.

In questo stato di cose, non mancarono i confidenti della Corona di
Francia di andar spargendo tra il popolo, che per mantenersi in quel
governo, era bisogno di ricorrere alla protezione di un Re potente:
e mostrando lettere del Marchese di Fontanè, Ambasciador di Francia
in Roma, per le quali si prometteva ogni favore, furono risoluti di
ricorrere per miglior partito ad _Errico di Lorena, Duca di Guisa_, che
si Trovava per suoi affari domestici allora in Roma, e di chiamarlo
al reggimento della nuova Repubblica, con dichiararlo Capo di essa.
Il Duca di Guisa era un Principe giovane, di amabile aspetto, di cuor
generoso, prode ne' fatti, e nelle parole cortese; in oltre d'alti
natali, e che discendendo dagli antichi Re, vantava ragioni sopra il
Regno, ed ancor ne conservava i titoli e l'insegne.

(Le ragioni per lo quali la famiglia di _Lorena_ conservi ancora i
titoli e l'insegne di Napoli e di Gerusalemme, furon esposte altrove,
parlandosi de' discendenti di _Renato d'Angiò_, ultimo e discacciato Re
dal Regno).

Si credeva, che egli non molto contento del presente governo di Francia
potesse di là bensì trarne soccorsi, ma non dipendesse dalle voglie de'
Ministri nè dagl'interessi di quella Corona.

Il Duca a così grand'oggetto d'impiego famoso, si lasciò rapire, ed
arditamente con poche filuche spedite a quest'effetto dal popolo,
superati gli agguati dell'armata spagnuola, s'introdusse in Napoli a'
dì 15 di novembre, dove fu accolto con quelle acclamazioni ed applausi,
che suggeriva la stima della persona, ed il bisogno della città.
Accompagnato da' Capi principali del popolo, andò la mattina seguente
a dare il giuramento nel Duomo, dove volle farsi benedire lo stocco;
ma avendo scorto il disordine grandissimo che vi era nell'infima
plebe, indiscreta, insolente, che uccideva, rubava e bruciava sol per
soddisfare l'ingordigia e la vendetta: e che le milizie regolate, a
proporzion del bisogno, erano pochissime: applicò l'animo a trovar
mezzi per mettervi freno, e darvi compenso; vietò pertanto con severe
pene i furti, le rapine e gl'incendj: assoldò un reggimento a sue
spese, proccurando di tirare eziandio qualche nobile al suo partito:
comandò, che si trattassero gli Spagnuoli all'uso di buona guerra,
e per supplire alla mancanza del danaro, fece aprir la Zecca delle
monete, delle quali ne furono coniate molte d'argento e di rame
coll'impronta della nuova Repubblica; della quale egli si fece eleggere
Duca, con sommo rammarico di Gennaro Annese, che vedevasi poco men che
privato dell'intero comando.

(Le Monete coniate a questo tempo hanno lo scudo col monogramma S. P.
Q. N.; nè vi è immagine di _Errico di Lorena_, ma solo intorno il suo
nome col titolo REIP. NEAP. DUX. Furon anche impresse dal _Vergara_
nel suo libro delle monete del Regno di Napoli; e ciò ch'è notabile,
le medesime, dopo essere ritornato il Regno alla divozione del Re di
Spagna, si lasciarono intatte, e tuttavia si spendono, ed hanno il lor
corso, come, tutte le altre monete Reali).

S'applicò ancora il Duca in Campagna a reprimere gli sforzi de' Baroni,
li quali, ridotti a disperazione per l'odio del popolo, unitisi agli
Spagnuoli, avevano sotto Vincenzo Tuttavilla e Luigi Poderico raccolte
in Aversa alcune milizie.

In questo tempo era comparsa L'armata franzese a vista della città
con non più di 29 mal provveduti Vascelli da guerra e 5 da fuoco,
non già per secondare l'impresa del Duca di Guisa, ma unicamente
per proccurare di trarre nei romor de' tumulti alcun profitto per
la Corona di Francia, non tenendo ordini il Comandante di prestare
ajuto a! Duca; poichè quando giunse in Francia l'avviso di questi
tumulti, e successivamente, che il Guisa si era portato a Napoli, il
Cardinal Mazzarini con gran sentimento disapprovò la condotta, non
credendolo, per la volubilità dell'animo, capace di maneggiare negozio
sì arduo; perciò l'Armata franzese dopo aver scorsi questi Porti, e
sol cannonandosi da lontano con la Spagnuola, trovandosi con poche
forze, presto si ritirò. Nè il Duca si curò di cavarne sussidj, perchè
come la Corte di Francia non approvava, che egli si fosse intruso in
quel carico, così egli divisava di operar da se, e profittar per suo
conto. Ciocchè però fu di grande ostacolo alla sua impresa, vedendosi
la confusione in quegli del partito istesso franzese: poichè alcuni
Capi del popolo, a suggestione d'alcuni soldati franzesi, posero in
trattato d'acclamare il Duca d'Orleans allo scettro. Inclinavano molti
altri a darsi al Pontefice, chiamandolo a piene voci, per essere più
validamente protetti dalla religione e dall'armi; ma Innocenzio,
ancorchè potesse allettarlo l'apparenza del sicuro profitto, con
riflessi però più maturi considerava, che se in ogni tempo questo Regno
era stato preda del più potente, ora la sua cadente età non poteva
porgergli speranze di veder ridotta a perfetto stato l'impresa, che
promovesse, e che convenendo alla Chiesa valersi d'armi straniere, ogni
acquisto resterebbe finalmente in preda di quegli, che avesse chiamato
in ajuto. Applicò dunque più tosto l'animo a comporre le cose, dandone
commessioni efficaci ad Emilio Altieri suo Nunzio in Napoli.

Dall'altra parte D. Giovanni d'Austria, il Duca d'Arcos e tutti i
Nobili, attediati da sì gravi e lunghi disordini, anzi l'istesso
Annese, che mal soffriva il comando del Guisa, erano desiderosi della
quiete; quindi fecesi pubblicare un editto,[34] nel quale si conteneva
un'ampia plenipotenza, che avea conceduta il Re al Duca d'Arcos, e si
offeriva di consolar tutti, facendovi per lor sicurezza intervenire
l'autorità del Pontefice, che ne avea date precise commessioni al
Nunzio Altieri. Ma, e l'editto e le lettere, che il Nunzio fece
consegnare all'Annese, non partorirono effetto alcuno, dichiarandosi
costui, che la plenipotenza era buona, ma non il personaggio, che la
rappresentava, come quegli, che col mancamento delle promesse avea
coltivati i semi della discordia, e conchiudeva, che fidandosi del
Duca d'Arcos sarebbe cadere ne' medesimi errori. D. Giovanni vedendo,
che tutte le Province del Regno, non men che la Metropoli, andavano
in ruina, involte tra tumulti e sedizioni, volle tentare, se tolto
di mezzo il Duca d'Arcos, persona al popolo resa cotanto odiosa,
potesse ripigliarsi il trattato; rinnovò per tanto le pratiche, e fu
proposto di rimovere il Duca dal governo del Regno, e porlo nelle mani
di D. Giovanni, nella persona del quale non concorrendo quell'odio,
che i sollevati mostravano al Vicerè, credevasi rimedio efficace
per acchetare i rubelli; tanto più, che il popolo n'avea fatta prima
istanza particolare a D. Giovanni di farlo rimovere. Si mostrò pronto
il Duca d'Arcos a rinunziare il comando, purchè da ciò ne seguisse
la quiete del Regno; anzi egli stesso fece ragunare il Consiglio
Collaterale di Stato, perchè autenticassero la sua deliberazione.
Alcuni furono d'opinione, che non potesse ciò farsi, appartenendo solo
al Re il creare e rimovere i supremi moderatori del Regno; altri (che
furono la maggior parte) assolutamente conchiusero, che convenisse al
servigio del Re e del Regno la partenza del Duca, e l'introduzione di
D. Giovanni al governo. Ciocchè essendo stato da costui approvato,
mandò il Duca la moglie e i figliuoli in Gaeta, ed a' 26 di gennajo
di questo nuovo anno 1648 partì da Napoli, dopo aver governato pochi
giorni meno di due anni.

Così terminò il suo Governo infelice il Duca d'Arcos, il quale in
una rivoluzione cotanto lagrimevole di cose, non potè lasciar di se
presso noi altra memoria, se non quella d'alcune sue Prammatiche, che
ancor ci restano insino al numero di quattordici, per le quali, a fin
di supplire, come si potea meglio agli estremi bisogni, proccurava di
toglier le frodi, che si commettevano in pregiudizio de' dazj e delle
gabelle, e rinovò le pene contro coloro, che commettevano contrabbandi,
particolarmente di salnitro e di polvere, e diede altri provvedimenti,
che vengono additati nella Cronologia prefissa al primo tomo delle
nostre Prammatiche.


§. I. _D. GIOVANNI D'AUSTRIA prende il Governo del Regno._

Preso ch'ebbe il governo del Regno D. Giovanni d'Austria, s'applicò
a' mezzi, che e' credeva più proprj per estinguere tanto incendio,
che ora più che mai ardea, non solo nella Metropoli, ma in tutte le
Province; ed a tal fine pubblicò un editto, col quale invitava il
popolo alla quiete, ed oltre alla concessione di moltissime grazie, gli
prometteva un general perdono; ma questo editto pubblicato in tempo,
che i disordini erano più cresciuti, produsse effetti contrarj; poichè
essendo stati alcuni esemplari dell'editto affissi ne' quartieri, che
eran tenuti dal popolo, furono immantinente lacerati, e poste grosse
taglie su le teste di coloro, che avevano avuto ardimento di affiggerli
in quei luoghi. Anzi per mostrar maggiormente la loro pertinacia,
furono da' popolari eletti Ministri per empire i Tribunali del
Consiglio di S. Chiara, della Regia Camera, della G. C. della Vicaria,
e di quella del G. Ammiraglio, affine d'amministrare a tutti giustizia.
Nè intanto si tralasciavano le zuffe più crudeli tra le soldatesche
spagnuole, e quelle del popolo, che riempivano la città di terrore e di
spavento.

In questo stato lagrimevole di cose, il Duca di Guisa, volendo a se
trarre tutto il comando, pose gran tepidezza ne' popolari: e molta
discordia ne' Capi: ciocchè fu l'origine che il Regno fosse poi
confermato sotto l'imperio del Re Cattolico; poichè Gennaro Annese,
che teneva il Torrione del Carmine, non poteva patire, che il Duca
fossegli superior nel comando, ed il Duca non voleva sofferire per
emulo dell'autorità un uomo sì vile; e procedendo perciò con gelosie e
diffidenze, non mancarono di praticare insidie per torsi l'un l'altro
la vita; onde nella città ed in campagna, fluttuando gli affetti,
anche l'armi con varia fortuna s'agitavano. S'aggiunse la confusione
in quei del partito Franzese, che col fomento del Fontanè Ambasciador
di quella Corona appresso il Pontefice, pretendevano alcuni di essi di
formar fazione distinta da' seguaci del Duca di Guisa. Ma questi erano
pochi, e non molto forti; poichè avendo il popolo prevenuti i disegni
ancora immaturi, che la Francia nudriva con alcuni Baroni, questi erano
stati quasi tutti costretti, per salvarsi dall'ira e crudeltà della
plebe, ad unirsi con li Spagnuoli, e contro lor voglia cospirare allo
stabilimento di quell'abborrito dominio.

(Presso _Lunig_[35], si legge una plenipotenza spedita dal _Fontanè_ in
Roma a' 20 gennaro 1648 all'_Abate Laudati Caraffa_ fratello del Duca
di Marzano per impiegar la sua opera in far sì che la Nobiltà del Regno
prendesse le armi nella presente congiuntura contra gli Spagnuoli,
promettendogli in nome del suo Re, anche se non seguisse l'effetto,
di rifargli le rendite, che venisse a perdere nel Regno, le quali
consistevano in una Badia intitolata S. Catarina, di quattromila scudi
di rendita, che possedeva nel Ducato di suo fratello, ed in cinquemila
altri scudi annui di suo patrimonio).

D. Giovanni, informato di queste divisioni, pensò approfittarsene, e
valendosi della discordia degli nemici, cominciò di nuovo a spingere
innanzi trattati di pace, vedendo riuscire inutili ed infelici quelli
di guerra, e per mezzo del Cardinal Filomarini Arcivescovo gli fece
promovere, il quale scorgendo, che inutilmente si consumavano gli
uffizj col Duca di Guisa, volgendosi alla parte contraria, nella quale
trovò miglior disposizione, indusse l'Annese ad impiegarsi da senno
a promovere la quiete, ch'egli, non men, che gli altri ardentemente
desiderava, per liberarsi dal pericolo della vita, a lui dal Guisa
insidiata.

Intanto essendo giunto alla Corte di Spagna l'avviso della resoluzion
presa dal Consiglio Collaterale di far rinunziare al Duca d'Arcos il
governo del Regno, e darne l'amministrazione a D. Giovanni, disapprovò
il fatto, e mal intese, che i sudditi s'arrogassero, in materia così
importante, l'autorità di togliere un Vicerè, e sostituirne altri. Non
piaceva ancora per gelosia di Stato, in congiunture sì pericolose,
essersi sostituita la persona di D. Giovanni, onde immantenente fu
comandato al _Conte d'Onnatte_, che si trovava Ambasciadore del Re in
Roma, che si portasse tosto al governo del Regno di Napoli con titolo
di Vicerè, il quale ricevuti i Regali dispacci, con ogni prestezza si
partì da Roma, e venne a Gaeta, e quindi in Baja, donde spedì un suo
Segretario coi dispacci per darne la notizia a D. Giovanni, il quale
immantenente nel primo giorno di marzo di quest'anno 1648, depose in
mano del Conte il Governo, lasciandoci pure egli in così breve tempo
tre _Prammatiche_, che si leggono ne' volumi di quelle: non contenendo,
che le grazie, i privilegi ed il perdono conceduto da lui al popolo,
come plenipotenziario del Re.



CAPITOLO IV.

_Di D. INNICO VELEZ DI GUEVARA, E TASSIS, Conte d'ONNATTE, nel cui
governo si placarono le sedizioni, e si ridusse il Regno sotto il
pristino dominio del Re FILIPPO._


Giunto il Conte d'Onnatte in Napoli, avendo visitati i luoghi della
Città, e tutte le trincee, ch'erano a fronte de' popolani, si dispose
non pure alla difesa, ma pose ogni studio d'impadronirsi de' quartieri
occupati dal Guisa; ed animando le sue milizie, fece dar loro le
paghe, distribuendo centottantamila ducati, che avea seco portati da
Roma. Nell'istesso tempo, approvando la condotta di D. Giovanni, non
tralasciò di seguitar il trattato del perdono e dell'accordo prima
coll'Annese incominciato: ciò che giovò non poco, perchè con queste
pratiche sempre più s'andava scemando il partito del Guisa mal sofferto
dall'Annese. Erano ormai gli abitanti stanchi di tante confusioni e
miserie, e tutti sospiravano la quiete; imperocchè interrotto ogni
commerzio, e turbata la società civile, non restava più alcuna cosa
sicura dalle voglie sfrenate de' scellerati, e dall'audacia di que'
meschini, che avvezzi colle fatiche a guadagnar la mercede, ora
volevano viver nell'ozio con le rapine, e sotto il manto di libertà
essendosi introdotta una dissoluta licenza, la maggior parte era stanca
delle sue stesse passioni.

Approssimandosi adunque la vicina Pasqua, in cui gli uomini
riconciliandosi a Dio, ammettono ne' loro cuori desideri pietosi
di giustizia e di pace, s'impiegarono segretamente molti Religiosi
ad introdurre, e coltivare questi sentimenti nella plebe. Proccurò
similmente l'Onnatte da alcuni principali de' sollevati ricavar
le condizioni, che richiedevano, ma essendo così esorbitanti, che
innalzavano i privilegi del Popolo sopra l'autorità del Re, egli
trattò di moderargli, perdonando a' rei, e levando le gabelle dal
Regno, e per accertargli maggiormente promise, che fra tre giorni gli
avrebbe con pubblici documenti a lor piacere confermati e soddisfatti.
Disposte in cotal guisa le cose, prima che tal tempo spirasse, presa
la congiuntura, che il Duca di Guisa erasi portato nella punta di
Posilipo per ridurre la piccola Isola di Nisita a sua divozione, D.
Giovanni da una parte, ed il Conte dall'altra uscirono all'improvviso
da' Castelli con gente armata, e calando nella Città, ben ricevuti
in alcuni quartieri, dove tenevano intelligenza, gridandosi con
voci giulive il nome del Re, e rispondendo in concorde suono gli
altri vicini, implorandosi pace e clemenza, si dileguò per tutto la
sedizione, e la città fu occupata in pochi momenti. Non più di tremila
uomini ridussero quel popolo innumerabile all'ubbidienza, e tutto seguì
senza strepito e senza sangue. L'Annese ammesso al perdono, presentò
le chiavi del Torrione, che furono consegnate a Carlo della Gatta,
il quale vi entrò subito con due compagnie di spagnuoli. Nel Duomo si
riferirono a Dio solennemente le grazie. Così in un momento s'estinse
quell'incendio, che mi nacciava l'eccidio al Regno; e ciò, che apportò
maggior maraviglia, fu la subita mutazione degli animi; che dalle
uccisioni, da' rancori e dagli odj passarono immantenente a pianti di
tenerezza, ed a teneri abbracciamenti, senza distinzione d'amici, o
d'inimici, fuorchè alcuni pochi, i quali guidati dalla mala coscienza
si sottrassero colla fuga; tutti gli altri restituiti a' loro mestieri,
maledicendo le confusioni passate, abbracciarono con giubilo la quiete
presente. Seguì la reduzione di Napoli a' 16 d'aprile di quest'anno
1648 giorno di lunedì santo.

Il Duca di Guisa, che in questo giorno, come si disse, trovavasi fuori
della Città, intesa la rivoluzione, rimase attonito a tanto accidente:
onde cercando colla fuga lo scampo, s'incamminò verso Apruzzi per
unirsi colà co' Franzesi: ma seguitato da' Regj, fu fatto prigione e
condotto a Gaeta. Fu lungamente consultato in Napoli sopra la di lui
vita: da poi fu risoluto di mandarlo con buone guardie in Ispagna,
come fu eseguito, dove rimase prigioniero infino a tanto, ch'essendosi
il Principe di Condè dichiarato del partito spagnuolo, e sperando
di fortificarlo con l'aggiunta del Guisa, chiestolo in grazia al Re,
cortesemente l'ottenne; ma il Duca credendosi più obbligato d'osservare
la fedeltà al suo Principe, che le promesse fatte a' nemici, al ritorno
che fece in Francia, non ne volle udir altro.

L'esempio di Napoli giovò non poco agli altri luoghi del Regno; e se
bene in alcune province fluttuanti rimanessero alcune commozioni, ed
in particolare nell'Apruzzo, dove da Roma concorsero alcuni Franzesi in
aiuto de' sollevati: nulladimeno dalle forze de' Baroni e dall'autorità
del Vicerè, furono con poco romor dissipati. Tanto che sedati affatto
gli umori della plebe, che dopo una sì fiera tempesta eran rimasi ancor
fluttuanti, potè D. Giovanni a' 22 settembre di quest'anno partirsi da
Napoli, e portarsi coll'armata a Messina a confermar i Siciliani, che
sedati i tumulti, s'eran rimessi già nell'antica ubbidienza ed ossequio
del Re.

Il Duca d'Onnatte, sgombrato il torbido, rimosso il Capo, e partito
D. Giovanni, pel suo natural talento che inclinava più al rigore che
alla clemenza, diede a molti terrore. Con tutto ciò egli assicurò
tutti con general perdono, e tosto si applicò a riordinar il Regno; e
vedutosi che l'abolizione di tutte le gabelle e de' fiscali portava
disordini gravissimi non meno al regio erario, che a' Cittadini
istessi, dalle Piazze della città, e particolarmente da quella del
Popolo, fu richiesto ad imporre il pagamento di carlini quarantadue per
ciascun fuoco delle Comunità del Regno, e la metà di tutte le gabelle
abolite, fuorchè quelle dei frutti e de' legumi, che rimasero per
sempre estinte. Ed a fine di sovvenire non solo a' bisogni dell'erario
regale, ma anche agl'interessi di coloro che l'aveano comprate, fu
stabilito, che della rendita di tutte le accennate gabelle dovessero
pagarsene ducati trecentomila l'anno per la dote della Cassa militare,
applicandosi il rimanente a beneficio de' compratori, i quali dovessero
per lor medesimi governarle e ripartirsene il frutto. E per quel che
tocca a' fiscali, fu assegnata similmente parte della lor rendita
a' compratori, ed il rimanente fu applicato alla dote della Cassa
militare. In cotal guisa, e con l'imposizione del _jus prohibendi_
sopra il tabacco, cotanto ora fruttifera, fu sovvenuto al Re ed ai
sudditi, e cominciò notabilmente a restituirsi il commerzio ed il
traffico da per tutto.

Non tralasciò da poi il Conte, sorgendo in un mare poc'anzi placato
sovente nuovi flutti, di mettere in uso i più forti rigori; onde a tal
effetto avendo stabilita una Giunta di Ministri contro gl'inconfidenti,
fu poi terribile contro i colpevoli de' passati tumulti, e mostrandosi
più avido di pene, che soddisfatto del pentimento, non risparmiò alcuno
de' principali: imperciocchè ora imputando delitti, ora inventando
pretesti, alcuni punì con pubblici supplicj, altri con segrete
esecuzioni di morte, e molti costrinse a prender esilio dal Regno: ciò
che gli fece acquistar nome di severo e di crudele, e che si reputasse
una delle cagioni di non aver potuto prolungare tanto il suo governo,
quanto e' reputava convenirsi a' suoi meriti.



CAPITOLO V.

_Il CONTE D'ONNATTE restituisce i Presidj di Toscana all'ubbidienza
del Re, e rintuzza le frequenti scorrerie de' banditi. Sua partita:
monumenti, e leggi, che ci lasciò._


Diede agli altri maraviglia insieme, ed a lui sommo encomio la
risoluzione del Conte d'Onnatte di tentar ora colle forze del Regno
l'impresa de' Presidj di Toscana, essendo rimaso per le precedute
scosse cotanto abbattuto e smunto. Ma dall'altro canto l'uomo savissimo
considerava, che non si sarebbe potuto giammai apportar quiete
nel Regno, se non si snidavano i Franzesi da que' luoghi cotanto
vicini: così per gl'impedimenti, ch'essi davano alla comunicazione e
traffichi con gli altri Stati della Monarchia nel Mediterraneo; come
ancora per lo ricetto, che i ribelli del Regno ritrovavano in quelle
Piazze, risolse per tanto il Conte d'impiegar tutti i suoi talenti a
quest'impresa, spinto ancora dall'opportunità de' romori, che in questi
tempi s'udivano in Francia, involta nelle confusioni, che il Principe
di Condè v'aveva poste[36]. Applicossi perciò ad unir soldatesche, ed
a preparare un'armata proporzionata al disegno, e per maggiormente
accalorar l'impresa volle egli imbarcarvisi; onde dal suo esempio
mossa quasi tutta la Nobiltà del Reame, corse a gara a servire in tal
congiuntura il Re. Prima di partire lasciò per suo _Luogotenente, D.
Beltrano di Guevara_ suo fratello, il quale per lo spazio di quattro
mesi, quanto appunto durò la sua assenza, governò il Regno con molta
saviezza, e sopra tutto s'applicò a sollevare le Comunità del Regno,
stabilendo, che l'annue entrate, che corrispondevano a' loro creditori,
si riducessero alla ragion del cinque per cento. Riparò la Sala della
Gran Corte della Vicaria, e diede altri salutari provvedimenti, che
si leggono in due sue Prammatiche, che ci lasciò. Nel terzo dì di
maggio adunque dell'anno 1650 si mosse da' nostri Porti l'armata verso
Gaeta, dove s'unì D. Giovanni d'Austria con altri legni e milizie, che
seco conduceva dalla Sicilia. Quivi fattasi la rassegna si contarono
trentatrè grosse Navi e tredici Galee oltre le sette della squadra del
Duca di Tursi, ch'erano andate a Finale a prender le soldatesche, che
il Governador di Milano mandò a questa spedizione.

Giunta l'armata a' 25 del medesimo mese a vista dell'Elba, prima
d'attaccar Portolongone, fu risoluto di ricuperar Piombino; onde
data la cura al Conte di Conversano, che con titolo di Generale della
Cavalleria e con 300 fanti 80 cavalli e sei tartane, tutto a sue spese,
erasi accompagnato in questa spedizione, si portò egli con 1500 fanti,
400 cavalli e sette pezzi d'artiglieria, oltre le soldatesche di Nicolò
Lodovisio a cui s'apparteneva quel Principato, ad investir la Piazza,
e dopo molte ore d'un fierissimo combattimento, costrinse i Franzesi
ad abbandonar la città, ed a ritirarsi nella Fortezza. A questo avviso
non tardò il Vicerè d'andare con gente fresca a dar calore all'impresa;
onde i Franzesi veduti gli assalitori schierati in ordinanza per dar
l'assalto, non avendo speranza alcuna di soccorso, tosto si resero a
patti di buona guerra. Il Vicerè, dopo aver introdotta la guarnigione
in Piombino e restituita al Principe Lodovisio la possessione di quello
Stato, ritornò all'armata.

Intanto era riuscito al suo esercito, e senz'opposizione alcuna, di por
piede su l'Elba. Ma dovendosi montar su l'erto dove giace Portolongone,
eransi i Franzesi posti in agguato, per maltrattare nella salita
le soldatesche; scovertosi nondimeno il disegno, essendo montato a
cavallo D. Dionigio Gusman, Maestro di Campo Generale del Regno, con
una squadra di moschettieri, i Franzesi si ritirarono sotto la Piazza
siccome fece il lor Comandante Novigliac. Montò dunque l'esercito senza
contrasto e pervenuto su 'l piano, schierate le truppe, fur assaliti
li ripari. Prese le fortificazioni esteriori, ed essendo i nostri
alloggiati nel fosso, cominciarono i Franzesi ad entrar in trattato di
render la Piazza, con le medesime condizioni concedute alla guarnigion
di Piombino, e con la permissione di condurre con esso loro due pezzi
d'artiglieria, quando fra lo spazio di quindici giorni, che terminavano
nella metà d'agosto, non fosse sopravvenuto soccorso capace di far
levar l'assedio, fu convenuta la resa. La mattina adunque de' 15 di
quel mese uscì dalla Fortezza il Comandante Novigliac alla testa di 700
persone, ch'erano rimaste dal numero di 1500 lasciatevi di guarnigione,
le quali giunte alla marina s'imbarcarono su alquanti legni allestiti
per loro trasporto. Entrati i nostri nella Piazza, si resero a Dio
le grazie del buon successo dell'impresa, la quale, benchè avesse
costato molto sangue e grandissime spese, ad ogni modo avrebbe potuto
allungarsi molto più, e non si sa con qual felice esito, se i Franzesi
avessero voluto difendersi fino all'estremo.

D. Giovanni d'Austria ritornò in Sicilia, ed il Vicerè, dopo aver
dati gli ordini necessarj per riparare la Piazza e porla in istato di
resistere ad ogni insulto, ritornò in Napoli, dove giunto riprese il
governo, e con sommo rigore e severe esecuzioni contro gl'inconfidenti
e contro gli sbanditi, i quali travagliavano ora più che mai le due
province d'Apruzzi, estinse i primi, ed abbattè i secondi.

Ma mentre il Conte con indefessa applicazione era tutto inteso a
riordinare il Governo, ed abbellir la città e ristorarla de' passati
tumulti, giunge improvvisamente in Napoli a' 10 di novembre di
quest'anno 1653 il _Conte di Castrillo_, che gli era stato dalla Corte
destinato successore. Si turbò egli grandemente di questo arrivo; ma
seppe tanto nascondere l'interno rammarico, che non gli uscì giammai
parola di bocca di risentimento, se non quando, dopo la deposizione del
Governo, si ritirò nel Convento di S. Martino de' PP. Certosini. Alcuni
imputavano la rimozione a' suoi rigori: altri a' mali ufficj fattigli
da D. Giovanni d'Austria, col quale, dicevasi, che passasse poco buona
corrispondenza: nè mancò chi dicesse, che fossero state le suggestioni
o l'istanze del Papa, il quale mal soffriva, che il Conte rintuzzasse
le pretensioni del Cardinal Filomarino Arcivescovo e degli altri
Ecclesiastici, li quali volendo pescare in questi torbidi, s'erano resi
insolenti con monitorj ed interdetti conculcando i diritti regali.

Egli in tutti que' spazj, ch'ebbe di riposo, non tralasciò di abbellire
la città, ristorare i Tribunali e restituire i Regj Studi. Fece rifare
il Palagio della Regia Dogana, quasi tutto rovinato nel tempo delle
passate rivoluzioni, ampliando, e dando nuova forma al cortile e
rifacendo il fonte, che v'è in mezzo. Nella gran Piazza del Mercato ne
fece aprir uno e restaurarne un altro, e dirimpetto la Porta del Castel
Nuovo ne fece aprir un nuovo. La Casa della conservazione dei grani
fuori Porta Reale e l'altra della conservazione delle farine furono di
suo ordine risarcite. Coprì la scuola di cavalcare nella Cavallerizza
del Ponte della Maddalena. Trasportò nel Quartiere di Pizzofalcone la
Polveriera, che prima era fuori Porta Capuana. Egli fu, che nel Palagio
Regale fece costruire quella magnifica Scala, che non v'ha simile
in tutta Europa. Egli fece quella gran Sala, ora detta de' _Vicerè_,
abbellita poi de' loro ritratti dal Conte di Castrillo suo successore;
siccome tutte le scale segrete, che si vedono in quel Palagio: quella
scala coperta, che dal medesimo conduce all'Arsenale: tutte quelle
stanze con loggia, che guarda il mare: ed i rastelli davanti alla Porta
principale di esso, furono da lui introdotti. E quel disegno, che poi
fu posto in esecuzione a' nostri tempi dal Duca di Medina Celi Vicerè,
nel Borgo di Chiaja, fu tutto suo, poichè meditava già egli di abbellir
tutta quella spiaggia di platani e di fonti e già ne aveva comandato il
disegno all'Ingegnere Pietro Marino, e l'avrebbe posto in effetto, se
li giorni del suo Governo fossero stati più lunghi. Egli in fine fece
risarcire diversi ponti nel Regno, perchè fosse più comodo e sicuro il
traffico per le Province.

Ma quello, di che maggiormente gli studiosi gli sono tenuti, oltre
d'aver risarcito il magnifico edificio de' Regi Studi, che nel corso
de' passati tumulti avea patito notabili ruine, fu la cura, che prese
per fare ripigliar gli studi, riponendo in esercizio i Professori
in quella Università, quasi che spenta per li precedenti disordini;
con aver ordinato nel tempo della restituzione una solenne apertura,
nella quale volle egli intervenire. Egli assegnò a' Lettori il soldo,
e proibì di leggere in casa, ed ordinò, che gli studenti nel giorno
18 d'ottobre, dedicato a S. Luca, dovessero prendere le matricole,
e presentarne fede affermativa del Cappellan Maggiore: restituì le
Cattedre e per insinuazioni fattegli dal rinomato _Francesco d'Andrea_
allora Avvocato de' nostri Tribunali, rimise in questa Università la
Cattedra di Matematica nella persona di _Tommaso Cornelio_, celebre
Filosofo e Medico di quei tempi. Nè contento d'aver restituiti i
pubblici Studi, per l'amor, ch'egli portava alle lettere, s'applicò
ancora a favorire l'Accademie; onde sotto di lui fu restituita in
Napoli, nella Chiesa di S. Lorenzo, l'Accademia degli _Oziosi_,
sotto il governo del Duca di S. Giovanni, nella quale si riprese
dagli Accademici l'istituto di recitar erudite lezioni, dove sovente
soleva egli intervenire. Siccome restituì i Regj Studi alla pristina
dignità, avendo il Cappellan Maggiore D. Giovanni Salamanca aperta ne'
medesimi Studi una Accademia di Legge, per far conoscere al Vicerè il
profitto, che vi si faceva, sovente, quando si celebravano le funzioni
Accademiche, soleva il Conte onorarle della sua presenza. E se il
seguìto contagio non avesse intermessi tutti questi studi, la buona
letteratura in Napoli non sarebbe così tardi fra noi poscia risorta,
come si dirà nel seguente libro di questa Istoria.

Restituì ancora il Conte d'Onnatte l'autorità ed il decoro ne' nostri
Tribunali; e stabilì poco men di cinquanta Prammatiche tutte savie, e
prudenti, per le quali regolò i Tribunali: tassò i diritti a' Ministri
subalterni: prescrisse i modi, e diede le istruzioni a' Delegati e
Governadori degli arrendamenti (o sien gabelle) nuovamente riposti:
comandò, che tutti i registri preservati dall'incendio dell'Archivio
della Regal Cancelleria, seguìto ne' passati tumulti, e pervenuti
in potere di persone private, dovesser portarsi al Segretario del
Regno per riporsi nell'Archivio: impose rigorose pene a' Notai, che
trascurano di registrare i contratti nei protocolli: fece molte
ordinazioni per evitare i contrabbandi; e diede altri salutari
provvedimenti, i quali sono additati nella riferita _Cronologia_
prefissa al tomo primo delle nostre Prammatiche.



CAPITOLO VI.

_Governo di D. GARZIA D'AVELLANA, ED HARO Conte di CASTRILLO, nel quale
il DUCA DI GUISA con nuova armata ritenta l'impresa di Napoli, ed entra
nel Golfo, ma con infelice successo._


La Corte di Spagna reputò, per mitigare il rigore del Conte d'Onnatte,
mandar per suo successore nel Governo del Regno il Conte di Castrillo,
di genio più mite ed indulgente, come colui, che datosi prima
nell'Università di Salamanca agli studi legali, ed impiegato per più
anni ne' Ministerj della Toga, era stato da poi promosso a quelli della
Spada. Giunse egli in Napoli a' 10 di novembre di quest'anno 1653, e
per dar saggio ne' principj del suo Governo, quanto gli fosse a cuore
l'abbondanza, fece accrescere due once al peso del pane. Ma cure assai
gravi e moleste travagliarono il suo animo in questi medesimi principj;
poichè coloro, che sottratti colla fuga al rigor dell'Onnatte, eransi
ricovrati in Francia, non tralasciavano in quella Corte magnificare
le loro corrispondenze nel Regno, la scontentezza de' popoli per
vedersi ricaduti sotto il giogo degli Spagnuoli, e la facilità, che
figuravano si sarebbe avuta nel conquistargli. A queste istigazioni
s'aggiunsero gli uffizj del Duca di Guisa, il quale, avendo, come si
disse, ottenuta la libertà, in vece d'attender le promesse di favorire
i malcontenti di Francia, per non tradire il suo natural Signore, si
era portato in quella Corte, ed insinuatosi nella di lui grazia, ed
abbagliato tuttavia dagli splendori della Corona del Regno, che avea
sperato di poter ottenere per se medesimo, non poteva acchetarsi; onde
appoggiato all'istanze di que' miseri rifugiati, aggiungeva maggiori
stimoli, esagerando la moltitudine de' Porti, ch'erano nel Regno di
Napoli, capaci di ricevere qualunque più grande armata: il numero degli
amici, ch'egli vi teneva in ciascheduna provincia: l'affezione, che il
popolo minuto portava alla sua persona, donde si prometteva una nuova
sollevazione, se un'altra volta avesse avuta la sorte di comparirvi,
non già disarmato, come prima, ma con forze valevoli a sostenere le
risoluzioni de' malcontenti, avviliti dal timor del castigo. Indusse
pertanto quella Corte a somministrargli ajuti, e fur dati gli ordini
per la spedizione dell'armata, commettendone al Guisa il comando.

Il Conte di Castrillo, avvisato di questi nuovi tentativi della
Francia, fu costretto a mettersi in difesa, ed oltre d'aver comandata
una nuova elezione di milizie del Battaglione, così a piedi come a
cavallo, e delle Compagnie d'uomini d'arme del Regno, fece arrolar
nuova gente, e chiamando tutti gli Ufficiali riformati, ne compose due
Compagnie, una di trecento Italiani, alla quale diede per Capitano
D. Gaspar d'Haro suo figliuolo, e l'altra di Spagnuoli, della quale
diede il comando al Marchese di Cortes suo genero. Furono destinate
per Piazze d'armi le città di Sessa e di Teano, dove furono chiamate
tutte le soldatesche del Battaglione, e le genti di guerra del Regno;
e fattasene rassegna in presenza del Maestro di Campo Generale D.
Carlo della Gatta, ne furono spediti duemila a rinforzare i presidj di
Toscana. Tutte le province del Regno, esposte agl'insulti de' nemici,
furono provvedute di soldatesche e di Capitani.

Fatte queste prevenzioni, essendo passato il mese d'ottobre, nè
comparendo armata veruna de' Franzesi, si dubitò non fosse stato lor
artificio di pubblicare questa spedizione, per impedire che non fossero
andati soccorsi dal Regno in Catalogna ed in Fiandra, dove ardeva più
che mai fra l'una e l'altra Corona la guerra. Ma si trovò poi vero il
sospetto; poichè essendo convenuto al Duca di Guisa consumar maggior
tempo di quello, che s'era creduto per porre in ordine l'armata, non
potè trovarsi pronta, che sul principio d'ottobre a partir da Tolone,
composta di sette Vascelli d'alto bordo, e quindici mercantili, e
di sei Galee, con altrettante Tartane, sopra de' quali legni eransi
imbarcati settecento soldati, e centocinquanta cavalli, oltre un gran
numero d'armi, ed altri ordegni, che doveano servire ad armar tutti
quelli, che il Duca sperava si dovessero dichiarare del suo partito,
al quale effetto avea fatto imbarcare ducento Nobili per valersene da
Comandanti. Sbattuta poi l'armata da tempesta, non comparve ne' nostri
mari, se non agli dodici di novembre.

Il Vicerè, all'avviso, che gli diede il Governador di Gaeta, fece tosto
porre in ordine sedici Galee, che erano nel Porto: fece guarnire di
soldatesche tutte le marine e le città e terre del Golfo di Napoli:
fece rinforzare la guarnigione della città di Pozzuoli e del Castello
di Baja; e fu spedito il General dell'artiglieria D. Diego Quiroga con
fanteria, cavalleria e cannoni a guardar la spiaggia de' Bagnuoli.

L'armata nemica, dopo aver costeggiate le marine di Sorrento e di
Vico Equense, gettò l'ancore dirimpetto a Castell'a Mare. Fu questa
città, dopo breve opposizione, renduta a patti dal Comandante, nella
quale entrato il Duca di Guisa col seguito di cinquanta Cavalieri
Gerosolimitani, si portò al Duomo, dove avendo con pubblica e solenne
cerimonia rese a Dio le grazie, si pose a fortificar la Piazza con
nuove trinciere ben guarnite di soldatesche. A tutti coloro, che non
vollero rimanervi, diede ampissimi passaporti, ne' quali s'intitolava
_Vicerè_, e _Capitan Generale del Re di Francia nel Regno di Napoli_.
Commosse questa perdita grandemente il Popolo Napoletano, ed ancorchè
si fossero non men i Nobili, che i Popolari offerti al Vicerè di
sagrificar la vita e la roba in servigio del Re, non mancavano de'
malcontenti che ponevano col timore in costernazione gli animi; tanto
che fu obbligato il Vicerè d'imprigionare alcuni, che erano stati Capi
de' passati tumulti, fra' quali, due Preti ed un Frate, che andavan
facendo pratiche a favor de' Franzesi.

Perchè il Guisa non potesse allargar gli acquisti, il Vicerè, valendosi
anche de' Banditi, a' quali concedè il perdono, fece occupar la
montagna posta alle spalle di Castell'a Mare. Mandò poi ordine a
Carlo della Gatta, al Principe d'Avellino ed agli altri Ufficiali,
che dimoravano in Sessa, che provvedute le Piazze di Terra di Lavoro,
marciassero col grosso dell'esercito ne' contorni di Castell'a Mare;
e spedì sei Galee al Finale per prendere le soldatesche, che calavano
dal Milanese. Intanto affollandosi i soccorsi, il Guisa, ancorchè
uscito dalla Piazza tentasse occupar i luoghi vicini, trovò da pertutto
valida resistenza, e venutisi più volte a scaramucce, con perdita de'
suoi, bisognò ritirarsi. Ma sopraggiunto dapoi il General della Gatta
con un esercito di dodicimila uomini, composto di Nobili, Baroni,
Ufficiali, e soldati riformati, e rinforzato in appresso da altri
Reggimenti, svanirono in un tratto le mal concepite speranze; onde i
Generali Franzesi pensarono d'abbandonar la Piazza, e proccurar nel
miglior modo, che potessero, d'imbarcarsi sopra l'armata e ricondursi
in Tolone. Consideravano, che voler stendere le conquiste per
terra era impresa non che dura, ma disperata; poichè tutto il paese
circostante era pieno di truppe nemiche. Rimaner in quel mal sicuro
Porto in quell'inverno, era lo stesso, che esporre l'armata ad un certo
naufragio. Non restava loro altro che il mare libero, per non esservi
Armata Spagnuola, che potesse far ostacolo; nè la stagione, che correva
tempestosa, avanzata già ne' principj d'un rigido inverno, poteva lor
promettere felice navigazione, sicchè potessero sicuramente condursi
ad invadere altri Porti. L'inclinazione de' Popoli alla persona del
Guisa, ch'era stato il principal fondamento di quest'impresa, si vedeva
interamente svanita, tardi il Guisa avvedendosi della incostanza della
Nazione: rimanendo non poco sorpreso di tanta mutazione e vie più
sbigottito, quando intese essersi trovato affisso in Castell'a Mare un
cartello, col quale si promettevano trentamila ducati a chi troncasse
la sua testa.

Tenutosi per tanto Consiglio di guerra, fu da tutti gli Ufficiali
franzesi deliberato d'abbandonare la Piazza, e di condur l'armata
in Tolone, per non lasciarla miseramente perire in quel Porto;
onde fur dati gli ordini opportuni per la partenza. A quest'avviso
cominciarono le soldatesche a saccheggiar le case de' cittadini,
nè si perdonarono le Chiese, le quali furono spogliate di tutte le
suppellettili e vasi sagri; e fatta non picciola preda, montarono i
Franzesi su l'armata la sera de' 26 di novembre; ma trattenuti per
quindici giorni, e combattuti da' venti contrarj alla loro navigazione,
quietatosi alquanto il mare, partirono al 10 di dicembre verso Tolone:
nell'istesso tempo, che comparve nel nostro Golfo una squadra di 23
navi inglesi, la quale ad istanza del Re Filippo era stata spedita
per opporsi a' Franzesi: onde non essendovi del lor soccorso più di
bisogno, a' 26 di dicembre voltarono le prore verso ponente, dopo
essersi trattenuta in questo Porto due giorni.

In cotal guisa terminarono i timori, che la spedizione del Duca di
Guisa avea cagionati nel Regno; ma non finirono le cure del Vicerè e le
occasioni di provvedere a' bisogni d'una nuova guerra. I Franzesi non
cessavano con nuovi mezzi di tenere solleciti gli animi e distratte le
forze: aveano a questi tempi indotto il genio guerriero di Francesco
Duca di Modena ad armare, per rinovar la guerra nel Milanese; onde
il Marchese di Garacena Governador di Milano, per ridur questo
Principe con la forza dell'armi alla quiete era entrato ne' di lui
Stati. Era a' 7 di gennaio di quest'anno 1755 morto Innocenzio X, ma
con tutto ciò il Collegio de' Cardinali, ridotto in Conclave per la
nuova elezione del successore, non avea tralasciato spedir Emilio
Altieri, per ridurre le Parti a' più moderati consigli; ed essendo
da poi a' 7 d'aprile seguita l'elezione del nuovo Pontefice nella
persona di Fabio Chigi, nominato _Alessandro VII_, interpose costui
i più fervorosi ufficj per dar riposo all'Italia. Ma nulla giovando
le interposizioni del Papa, nè quelle della Repubblica di Vinezia, la
quale angustiata da' Turchi mal soffriva queste contese tra' nostri
Principi in Lombardia: il Duca di Modena, dichiarato Generale del Re di
Francia, andò ad accamparsi sotto Pavia. Bisognò per tanto all'avviso
di queste mosse, che il Vicerè, richiesto di soccorso, spedisse nel
mese di maggio al Finale sopra sette Galee millecinquecento fanti: e
poco da poi allestisse una Squadra di Vascelli e Galee: sopra le quali
vi furono spedite quattromila persone sotto il comando del Marchese di
Bajona. Nè perciò essendo cessati i bisogni, fu duopo in agosto sopra
cinque Galee, e quaranta Tartane di spedir altri duemila fanti del
Battaglione e millecinquecento cavalli, sotto il comando del Marchese
di Cortes genero del Vicerè. Ebbe costui poscia il contento di veder
bene impiegate tutte queste spese e travagli; poichè rinforzato da sì
valevoli soccorsi l'esercito del Governador di Milano, ed all'incontro
trovatasi da' Franzesi grandissima resistenza in Pavia, valorosamente
difesa dal Conte Galeazzo Trotti, fu costretto il Duca di Modena a
ritirarsi dall'impresa.



CAPITOLO VII.

_Crudel pestilenza miseramente affligge la città ed il Regno: si
estingue, ed al Conte vien dato successore._


Dopo tanti e così lagrimevoli avvenimenti, dopo tante miserie e
sciagure, perchè nulla mancasse, si vide in quest'anno 1656 il Regno
miseramente afflitto da una crudele e mortifera pestilenza. Non
eran bastati i tanti sconvolgimenti e sedizioni, le tante afflizioni
cagionate da fiere guerre, o da' timori di quelle ch'eran peggiori,
le scorrerie de' Banditi, le invasioni de' Turchi, le carestie ed i
tremuoti: che per ultimo eccidio, fu duopo soffrir anche quest'altro
pestifero flagello, così spietato, che non si legge aver altrove
portato, in così breve tempo, tanta strage e ruina. Quella che si
soffrì in tempo della guerra di _Lautrech_ durò quasi due anni, e
si tenne conto che non avea ammazzato più di sessantamila persone:
questa, in men di sei mesi, disolò le province del Regno, e ridusse la
Metropoli in cimitero, con morte intorno a quattrocentomila de' suoi
cittadini. Da molto tempo, che l'Isola di Sardegna era travagliata di
pestilenza, e per ciò non meno dal Conte di Castrillo, che dagli altri
Vicerè suoi predecessori s'eran pubblicati severi bandi, proibendo
ogni commerzio; ma capitato nel nostro Porto un Vascello procedente
da quell'Isola carico di soldatesche, o sia per trascuraggine de'
Guardiani del Porto, o perchè, in vece delle patenti di Sardegna,
si fossero esibite quelle di Genova, ovvero, che per non trattener
le soldatesche fosse così stato eseguito con particolar ordine del
Vicerè, gli si diede pratica. Non tardò guari, che ammalatosi uno de'
sbarcati, condotto nello Spedale dell'Annunziata in tre giorni se ne
morì, apparendo nel suo corpo minute macchie livide; poco da poi un
che serviva lo Spedale, assalito da un capogiro in ventiquattro ore
spirò; e poco appresso spirò anche la madre. Attaccatosi il malore
nelle vicine case, si vide in brevissimo tempo sparsa la contagione
ne' quartieri inferiori della città, e particolarmente nel Lavinaro,
Mercato, Porta della Calce ed Armieri.

I Medici in questi principj ascrivevano ad altre cagioni tali
perniziosi effetti, chi a febbri maligne, chi ad apoplesie, e chi ad
altri mali; non mancò ad ogni modo, chi per più accurata osservazione
fattane, riputasse il morbo pestilenziale; ma pervenuto all'orecchie
del Vicerè, che costui andava pubblicando il male esser contagioso, fu
il Medico posto in oscuro carcere, dove ammalatosi ottenne per sommo
favore d'andare a morire in sua casa: donde gli altri medici fatti
accorti, proseguirono ad occultare la qualità del male. Ma questo
tuttavia crescendo, e spandendosi in altre contrade vicine alle già
dette, parve al Cardinal Filomarino Arcivescovo di dover avvertirne
il Vicerè, che non bisognava in cosa cotanto importante starsene così
ozioso e lento. Dispiaceva sommamente al Conte di Castrillo, che
insorgesse fama, esservi in Napoli pestilenza; poichè dovendo egli
spedire soccorsi di soldatesche per la guerra dello Stato di Milano,
travagliato tuttavia dall'armi del Re di Francia, questi rumori glie
l'avrebbon impediti; onde come poteva il meglio, proccurava, che
non si venisse a tal dichiarazione; con tutto ciò non potendo più
resistere alle continue mormorazioni, e tuttavia il malore crescendo,
fu costretto a far unire i più rinomati Medici de' suoi tempi, perchè
ne dessero parere. Costoro, o per ignoranza, o per timore, ovvero per
secondare le brame del Vicerè, non ardirono di dichiarare il morbo
per pestilenziale; ma sol consigliando, che s'accendessero fuochi per
tutte le contrade della città, e che si vietasse la vendita de' pesci
salati, uscirono da ogni briga. Ma altro che frasche vi volevano,
per far argine ad un così impetuoso torrente: il male incrudeliva
maggiormente; nè consiglio di Medico, nè virtù di medicina pareva che
valesse: ne morivano il giorno a centinaia, nè si scorgeva altro per le
strade che condurre Sagramenti agl'infermi, e cadaveri alle sepulture.
Spaventati gli animi de' cittadini, chi con umili supplicazioni, chi
in processioni confuse e numerose d'uomini e di donne, con donzelle
scapigliate, chi dietro allo immagini più venerate e chi in altre
guise cercava a Dio ed a' Santi pietà e ristoro a tante miserie e
desolazioni. Ma essi non accorgevansi, che affollati più strettamente
insieme tra la calca, e la pressura d'infinito numero di popolo
concorsovi, il malore prendeva più forza, e la morte recideva in uno i
colli di più migliaja di persone.

S'accrebbe poi, e dilatossi più furiosamente il mortifero veleno,
quando presa tal opportunità, insorse voce, che _Suor Orsola
Benincasa_, donna che aveasi a que tempi acquistata fama di santissima
vita, non trovando per anche comoda abitazione per le Suore, avea
innanzi di morir profetizzato, che in tempo del maggior travaglio della
Città dovea farsi la fabbrica del suo Romitorio nella falda del Monte
di S. Martino; e credendosi, che con la costruzion d'un tal edificio,
sarebbe cessato il travaglio, il Vicerè fu il primo, che fattosi il
disegno e tirate le linee, andò a portarvi con le proprie mani dodici
cesti di terra: all'esempio del Capo, movendosi gli altri, gli Eletti
della città, e tutti i Cittadini a folla vi concorsero, non solo
somministrando denaro, ma l'opera eziandio delle loro proprie mani. Era
cosa di maraviglia il vedere uomini e donne, giovani e vecchi, nobili,
cittadini e plebei, spogliarsi de' migliori averi, ed offerirgli in
limosina per la costruzione di quell'Edificio, che dovea essere il
liberatore della loro Patria. Si erano nelle pubbliche strade poste
non già cassette, ma botti, le quali, poc'anzi vote, si vedevano in
un tratto piene di monete di rame, d'argento ed anche d'oro: le donne
istesse spogliatesi della lor natural vanità, si toglievano dalle dita
gli anelli, dagli orecchi i pendenti, e dal collo e dalle braccia
i monili, e quasi baccanti l'offerivano al sorgente Edificio, e ciò
che recava maggior stupore era, che persone di qualità mescolavansi a
gara ne' più vili esercizj, chi portando un cesto di chiodi, chi con
un fascio di funi, chi con un barile di calce, chi con pietre, chi
servendo per manuale a' fabbri, e chi in fine sopra le spalle caricarsi
di travi, con pericolo di mancare sotto il grave e pesante incarico.
Ma pari effetti seguirono da pari cagioni; mentre l'opra ferve, assai
più s'accende e si dilata il malore: l'unione di tanta gente, che a
gara tutt'ansante si sollecita, si travaglia, ed affolla concorrendo
da tutti li quartieri, fa sì, che il morbo, che prima era ristretto in
poche contrade, si spanda per tutto. Così mentre l'Edificio è quasi in
fine, la città rimane poco men che desolata.

A stato di cose cotanto lagrimevole s'aggiunsero nuove confusioni e
disordini. Non mancavano de' malcontenti, misero avanzo de' passati
tumulti, li quali per risvegliar nuove sedizioni, andavan disseminando
nel Popolo, venir questo flagello non già da giusta ira di Dio, mandato
a correzione de' miseri mortali, ma procedere dalle vendicatrici
mani degli Spagnuoli, per esterminar la plebe, e prender vendetta
delle passate rivoluzioni: vedersi chiaro da' preceduti andamenti del
Vicerè, il quale avea tosto fatta dar pratica alle soldatesche venute
dall'appestata Sardegna, con essersi poi ingegnato di far occultare
il male, perchè ne' principj non si provvedesse d'opportuni rimedj:
lo confermavano con far riflettere, che per ciò non si vedevano
infettare le Fortezze guarnite di lor presidio, nè i quartieri più alti
della città, abitati dagli Spagnuoli, ma solo i Rioni del Lavinaro,
Conciaria, Mercato ed altri luoghi più bassi, quasi tutti abitati
da gente minuta; e dopo aver tratti molti nel lor sentimento, si
avanzarono eziandio a far credere, che per la città andavano girando
persone con polveri velenose, e che bisognava andar di loro in traccia
per isterminarli. Così in varie truppe uniti andavan cercando questi
sognati avvelenatori, ed avendo incontrati due soldati del Torrione
del Carmine (affin d'attaccar brighe, che poi finissero in tumulti)
avventaronsi sopra di essi, imputandoli d'aver loro trovata addosso
la sognata polvere. Al romore essendo accorsa molta gente, per buona
sorte vi capitò ancora un uomo da bene, il quale con soavi parole e
moderati consigli gli persuadè, che dessero nelle mani della giustizia
uomini cotanto scellerati, affine, oltre del supplicio, che di lor
se ne sarebbe preso, si potesse da essi sapere l'antidoto al veleno
e con tal industria gli riuscì di salvarli; ma appena saputosi, che
que' due soldati uno era di nazione Franzese e l'altro Portoghese, ed
uscita anche voce, che 50 persone con abiti mentiti andavan spargendo
le polveri velenose, si videro maggiori disordini: poichè tutti coloro,
che andavan vestiti con abiti forastieri e con scarpe, o cappello, o
altra cosa differente dal comun uso de' Cittadini, correvan rischio
della vita. Per acchetar dunque la plebe bisognò far morire sopra
la ruota Vittorio Angelucci, reo per altro d'altri delitti, tenuto
costantemente dal volgo per disseminator di polvere. Ma nell'istesso
tempo fu presa rigorosa vendetta degl'inventori di questa favola: molti
di essi essendosene stati in oscure carceri condotti, cinque di loro in
mezzo al mercato su le forche perderono ignominiosamente la vita; ed in
cotal guisa furono i romori quietati.

Intanto gli Eletti della città vedendo, che non solo il male spopolava
la Metropoli, ma che si spandeva ancora nelle province, fecer premurose
istanze al Vicerè, perchè dovessero porsi in uso i più forti e risoluti
rimedj; e dopo essersi più volte sopra ciò radunato il Consiglio
Collaterale, venne il Conte nella risoluzione di comandare alle Piazze,
che creassero una Deputazione particolare, alla quale egli dava per ciò
tutta l'autorità necessaria, assegnandole ancora per Capo D. Emanuele
d'Aghilar Reggente della Vicaria. La Deputazione diede la cura a'
Medici più rinomati di que' tempi, che osservassero non men gl'infermi,
che i cadaveri, facendone esatta notomia; onde ragunatisi insieme,
presidendo a questi il famoso _M. Aurelio Severino_, cotanto celebre al
Mondo per le sue opere di Filosofia e Medicina, che ci lasciò (morto da
poi ancor egli di tal mortifero veleno) fu conchiuso, che il male fosse
pestilenziale, e che si dovesse porre ogni cura negli ammalati, dal cui
contatto erano inevitabili le morti.

Il Vicerè e la Deputazione s'affaticaron perciò a darvi quel miglior
riparo che si poteva: fu comandato, che si facessero le guardie in
tutte le città e terre del Regno, e che non s'ammettesse persona, senza
le necessarie testimonianze di sanità: che in ciascun Rione di Napoli
dovesse eleggersi un Deputato Nobile o Cittadino, al quale dovessero
rivelarsi tutti gli infermi di ciascun Quartiere: che gli ammalati
tocchi di pestilenza dovessero condursi nel Lazzaretto di S. Gennaro
fuori le mura: che coloro i quali avessero comodità di curarsi nelle
lor case, si chiudessero in esse: che niun Medico, Chirurgo, o Barbiere
partisse dalla città, ma attendessero alla cura degl'infermi, secondo
la distribuzione, che sarebbe stata fatta dalla Deputazione: che si
fossero tolti i cani e gli altri animali immondi che andavano per la
città, e si diedero altri salutari provvedimenti per far argine ad un
tanto inondamento. Ma riusciron vani ed infelici tutti questi rimedj:
il male vie più incrudelendo riempiè in un tratto tutti gli Spedali:
se ne costrussero dei nuovi, ma questi nè tampoco bastando, la gente
periva nelle porte delle case, nelle scale, e nelle pubbliche strade.
Mancarono eziandio le tombe ed i cimiterj; poichè il malore attaccatosi
non pure in tutti i quartieri, ma in tutte le case della città faceva
orribile e spaventosa strage: onde fu fama, che ne perissero otto e
diecemila persone il giorno: morivano non meno i Medici, i Chirurgi
e tutti coloro, che erano destinati alla cura del corpo, che i
Sacerdoti, ed altri Religiosi destinati a quella dell'anima. Non vi
era chi seppellisse gli estinti; onde i cadaveri giacevano nelle vie,
su le scale e nelle porte: le Confessioni si facevano pubbliche e
l'Eucaristia si portava agl'infermi senz'alcuno accompagnamento, e si
porgeva loro in una punta di canna: quelle case, che poc'anzi erano
aperte poco da poi si vedevano chiuse e desolate: da capogiri assaliti
taluni, che camminavano per la città, vedevansi improvviso cader morti
in mezzo alle piazze. I morti per la maggior parte rimanevano insepolti
dentro le case, o su le scale delle Chiese; ma era molto più grande
il numero di coloro, che restavano insepolti su le pubbliche strade,
e coloro che con molto favore e grandissima spesa erano seppelliti
dentro le Chiese, non avevano nè meno un Prete, che gli accompagnasse,
e l'esequie più solenni erano una semplice tavola, o al più una bara.

In tanta confusione non rimaneva luogo a provvedimento alcuno, se non
che per lo puzzor grande dei cadaveri estinti, e perchè l'aria non
maggiormente si infettasse, si pensò unicamente a seppellire i morti:
se ne preser cura i Deputati e l'Eletto del Popolo, il quale da' casali
contorni fece venire intorno a centocinquanta carri; ed il Vicerè
v'impiegò a questi ufficj estremi da cento schiavi Turchi delle Galee.
Era cosa assai spaventosa ed orribile vedere strascinarsi per le strade
i cadaveri aggrappati con uncini, ed innalzarsi su i carri; e sovente
coi morti andar congiunti i semivivi creduti estinti. S'empirono le
grotte del Monte di Lautrech, dove poscia fu edificata una Chiesa
sotto il nome di _S. Maria del Pianto_: i cimiterj di S. Gennaro fuori
le mura; molte cave di monti, dond'erano state tagliate pietre per
fabbricare: il piano delle Pigne fuori la Porta di S. Gennaro; l'altro
davanti la Chiesa di S. Domenico Soriano fuori Porta Reale; e ciò
nemmeno bastando, sempre più le stragi avanzando, precisamente nel mese
di luglio, nel quale vi furono giorni, che il numero de' morti arrivò
sino a quindicimila, fu duopo consumar i cadaveri col fuoco, ed altri
finalmente buttarli in mare.

Non meno nella Metropoli che nell'altre province del Regno accadevano
sì funeste e crudeli stragi. Toltone le province d'Otranto e di
Calabria ulteriore, tutte le altre rimasero disolate. Delle città
e terre, narrasi, che solamente Gaeta, Sorrento, Paola, Belvedere e
qualche altro luogo rimaser preservate.

Ma ridotte le cose in questo infelicissimo stato, verso la metà
d'agosto, una impetuosa ed abbondante pioggia, temperò alquanto la
furia del malore: cominciò il mortifero veleno a cessare; niuno più
s'ammalò di tal morbo, e coloro, che n'eran tocchi, guarivano; in
guisa che alla fine del seguente mese di settembre, non si numerarono
più infermi in Napoli, che soli cinquecento. Si ripigliarono per tanto
dalla Deputazione i provvedimenti, e furono da quella dati vari ordini
per purgar le robe di quelle case, dove era stata la contagione,
ed altre istruzioni e metodi, affinchè non ripullulasse il male.
Passarono due altri mesi, e non s'intese altro sinistro accidente, onde
ragunatisi alquanti Medici, ch'eran scampati dal comune eccidio, fu a'
8 decembre su la testimonianza de' medesimi, solennemente dichiarata
Napoli libera da ogni sospetto.

Nelle province s'andava ancora tuttavia scemando il malore, ma perchè
doveva essere opera di più mesi convenne mantener li rastelli alle
Porte della città e le guardie per evitar l'entrata a quelli, che
venivano da parte sospetta. Il Vicerè a questo fine sottoscrisse un
rigoroso Editto, col quale comandò sotto gravissime pene, che niun
forastiero fosse ammesso nella città senz'espressa sua licenza,
da darsi precedente visita, e parere dalla Deputazione. La Corte
Arcivescovile di Napoli, a richiesta del Vicerè, sottopose alle
censure Ecclesiastiche tutti coloro, che avessero occultate robe
infette o sospette di pestilenza, se non l'avessero fra certo tempo
rivelate e fatte purgare. Ma non mancò l'Arcivescovo, profittandosi
di queste confusioni, di avanzar un passo, e mescolarsi anch'egli
in queste provvidenze; poichè si fece lecito di pubblicare un altro
Editto consimile a quello del Vicerè, come se questo non bastasse per
obbligar anche gli Ecclesiastici all'osservanza, col quale comandava,
che niuno Ecclesiastico osasse entrare in Napoli senza sua licenza
in iscritto. Il Vicerè, per reprimere un così pernizioso attentato,
immantenente diede fuori un rigoroso comandamento, col quale ordinò,
che non s'ammettessero altre licenze, che quelle de' Ministri del Re,
a' quali unicamente apparteneva di preservare il Regno. Per la qual
cosa, essendosi frapposto il Nunzio, si sedarono presto le brighe,
con stabilirsi, che tutti gli Ecclesiastici, ch'entravano nella città,
avessero ubbidito agli ordini del Vicerè, e si fossero sottoposti alle
diligenze della Deputazione, e poscia, se volevano, fossero andati
a presentarsi ne' loro Tribunali. In cotal maniera si continuò a
praticare fino al mese di novembre del seguente anno 1658, nel qual
tempo essendosi pubblicate libere dalla contagione le città di Roma e
di Genova, fu aperto generalmente il commerzio, e tolti i rastelli e le
guardie.

Si proseguì dal Vicerè a por sesto alle cose turbate della città e
del Regno: a provveder l'Annona, ed a reprimere l'ingordigia degli
artisti ed agricoltori rimasi, li quali per esser pochi, ed arricchiti
col patrimonio de' morti, o con difficoltà si riducevano a ripigliare
il lor mestiere, ovvero angariavan la gente ne' lavori, restituendo i
prezzi e le mercedi, siccom'eran prima della contagione. Si applicò
poscia il Conte a sollevare le Comunità del Regno, ordinando, che
quelle, ch'erano state tocche dalla pestilenza, non fossero molestate
per li pagamenti fiscali, ne' quali rimanevan debitrici per tutto
aprile del 1657, e che dal primo di maggio del medesimo anno avessero
contribuita la quarta parte meno di quello, che stavano tassate
nell'antica numerazione del Regno. Si resero da poi pubbliche e solenni
grazie a Dio ed a' Santi: su le Porte della città furon dipinte dal
famoso pennello del Cavalier Calabrese le immagini de' Santi Tutelari,
ed al B. Gaetano Tiene innalzate statue; ed allora nella piazza di
S. Lorenzo s'erse a questo Santo quella piramide, con sua statua di
metallo ed iscrizione, che ora si vede.

Restituendosi tratto tratto il Regno delle precedute sciagure
nel pristino stato, non mancavano tuttavia al Conte altre moleste
occupazioni, nelle quali lo ponevan gli sbanditi, particolarmente
in Principato, ove si erano multiplicati, per la protezione, che
n'aveano preso alcuni Baroni; applicò per tanto i suoi pensieri a
severamente punire i protettori, ed a snidar li protetti da que'
luoghi; e perchè il suo governo così calamitoso ed infelice ricevesse
alquanto di conforto, il cielo riserbò negli ultimi mesi di quello,
che la Regina a' 28 di novembre del 1637 si sgravasse d'un maschio,
al quale fu posto nome _Prospero Filippo_, per cui si diede il
successore alla Monarchia. In gennajo del nuovo anno 1658, pervenne
in Napoli l'avviso, onde il Conte per ristorar anche i popoli dalle
precedute calamità, fece celebrare superbissime e magnifiche feste.
Ed essendo da poi a' 18 luglio del medesimo anno seguita l'elezione
di _Leopoldo_ in Imperadore, furon replicate in Napoli le feste e li
tornei. Ma appena ebbe finite le feste, che gli venne avviso, che il
_Conte di Pennaranda_, sbrigato dalla Dieta di Francfort, dove come
Ambasciadore estraordinario del Re era intervenuto alla coronazione
di Leopoldo, era stato destinato per suo successore. Essendo pertanto
giunto il Pennaranda in Napoli a' 29 di dicembre, fu duopo al Conte, a'
11 gennajo del nuovo anno 1659, deporre nelle di lui mani il governo.
Ci lasciò egli molte savie ed utili _Prammatiche_, fra le quali fu la
pubblicazion della grazia, che il Re fece al Baronaggio ed al Regno,
allargando la successione de' beni feudali per tutto il quarto grado,
con facoltà d'istruire majorati, e fedecommessi ne' feudi, dentro i
gradi della succession feudale; e diede altri provvedimenti, che sono
additati nella tante volte riferita _Cronologia_; e quantunque il suo
infelice governo non gli avesse permesso di lasciar a noi memoria
alcuna della sua magnificenza, pure egli fu, che facendo abbattere
molte case, ridusse in isola il palagio regale, e fece porre tutti i
ritratti de' Capitani Generali del Regno nella sala de' Vicerè.

Parve, che colla venuta del _Pennaranda_ il nostro Reame cominciasse
a ristorarsi de' passati mali, e cessando tante calamità di più
travagliarlo, ripigliasse le proprie sue sembianze; ond'essendo fin qui
durate le sue sciagure, termineremo ancor noi qui il libro, ponendo tra
questo ed il seguente sì distinti confini, affinchè gli avvenimenti,
che seguiranno, non siano contaminati da' precedenti infelici e
lagrimevoli successi.


  FINE DEL LIBRO TRENTESIMOSETTIMO.



STORIA CIVILE DEL REGNO DI NAPOLI

LIBRO TRENTESIMOTTAVO


Avventurosi furono i principj del Governo del _Conte di Pennaranda_,
non solo per la tranquillità restituita nel nostro Regno, ma per la
felicità della pace, che maneggiata lungamente tra le due Corone,
venne ora ne' Pirenei a conchiudersi da' due Favoriti, dal Cardinal
Mazzarini per la Francia, e da D. Luigi di Haro per la Spagna.
Facilitò la conchiusione l'esser nato al Re Filippo IV il secondo
figliuolo, per la natività del quale pareva, che maggiormente si fosse
allontanata la successione della Monarchia nell'Infanta D. Maria Teresa
d'Austria, figliuola del primo letto del Re Filippo. Ambivano questi
due Favoriti di esser creduti autori d'una pace cotanto da' popoli
sospirata, siccome erano stati prima riputati istromenti delle tante
calamità della guerra; e per ciò ricusavano qualsisia mediazione, ed
in particolare quella del Pontefice Alessandro VII, resosi poco grato
ad amendue le Corone. Concertatesi adunque le principali condizioni,
che consistevano nel matrimonio dell'Infanta col Re Luigi XIV, e
nel ritenersi la Francia una parte delle conquiste, rilasciandone
l'altra, convennero questi primi Ministri di trovarsi a' Pirenei per
istipulare e suggellar il trattato. Si mosse pertanto il Mazzarini
da Parigi, il quale per cammino ricevè da Madrid l'approvazione del
concertato; ma giunto a' confini trovò, che gli Spagnuoli, anche nel
discapito della fortuna, vollero sostenere il rigor del posto; poichè
D. Luigi di Haro, ancorchè dovesse cedere alla dignità Cardinalizia,
pretese però, uguagliandosi nel Ministerio, di sostenere la parità col
Mazzarini, e con tratti d'ingegno nel negoziar tal competenza proccurò
di superarlo; poichè fu trovato espediente nell'Isoletta chiamata De'
Fagiani del picciol fiume Vidasso, noto, e non per altro famoso, se
non perchè divide i due Regni, di fabbricarvi una casa di legno, in
cui entrando dalla parte sua per un ponte ogni uno de' Ministri, si
trovassero ambedue in una sala comune. Quivi adunque entrati tennero
moltissime conferenze, e dopo essersi lungamente dibattuto intorno
all'inclusione in questa pace di Portogallo, ed alla restituzione del
Principe di Condè nel Regno di Francia, ne' suoi beni e nelle cariche:
finalmente rimaso escluso il Portogallo, ed accordata la reintegrazione
al Principe, fu il trattato di pace sottoscritto a' 7 di novembre
di quest'anno 1659 dai due Ministri, e solennizzato con reciprochi
amplessi e con giubilo degli astanti, il qual si diffuse con indicibile
allegrezza per tutti i Regni delle due Corone.

I capitoli di questa pace furono in gran numero, ed i primi, con
lunghe ed affettuose espressioni, contenevano in ristretto le
solite condizioni di reciproca reintegrazione de' beni, onori,
dignità e beneficj a tutti i sudditi dell'una e l'altra parte,
così Ecclesiastici come Secolari, che avessero seguitato il partito
contrario, includendovi nominatamente i Napoletani, Catalani ed il
Principe di Monaco; ed altri parimente se ne accordarono intorno al
riaprire il commercio fra le due nazioni. Il più principale fu il
matrimonio stabilito con dote di cinquecentomila ducati tra l'Infanta
D. Maria Teresa col Re Luigi, rinunziando però l'Infanta nella forma
più solenne, anche in considerazion della pace, e perchè queste due
Corone per qualunque avvenimento non potessero unirsi insieme in un sol
capo, alle ragioni di succedere nella monarchia di Spagna. S'accordò,
che delle conquiste restasse alla Francia tutta la provincia d'Artois,
eccetto S. Omer ed Aire con le loro dipendenze. In Fiandra continuasse
quella Corona nel possesso di Gravelines, Borburg, S. Venant, de' Forti
annessi e di tutto ciò che apparteneva a que' luoghi; come nell'Ainaut
di Landrecies e Quesnoy, nel Lucemburg di Tionville, Damvillers, Juoy
ed altri luoghi occupati di minore momento. Restava pure alla Francia
Perpignano con li contadi di Rossiglione e Conflans, quella parte però
che giace di qua da' Pirenei; deputandosi reciprocamente Commessarj per
assegnare i confini.

La Francia restituiva la Bassee e Vinoxberg, in cambio però di
Mariemburg e Filippeville, che la Spagna cedeva; ed in oltre rendeva
Ipri, Oudenarde, Dixmude, Furnes, le terre sopra il Fiume Lis, alcuni
castelli nella contea di Borgogna; Valenza e Mortara in Italia; Roses
e Cadagues in Ispagna, con tutto ciò che si trovava di là de' Pirenei.
La Spagna pure rendeva Linchamp, ed in oltre lo Sciatelet e Rocroy dal
Principe di Condè possedute. Rinunziava le pretensioni sopra l'Alsazia
e sue dipendenze, già dall'Imperadore nel trattato d'Osnabrug a'
Franzesi cedute.

Quanto al Lorena, se egli voleva entrar nella pace, si rimetteva il
Duca nel possesso degli Stati, demolito Nancy, con restar alla Francia
Mortmedy, il Ducato di Bar, Clermont, Stenè, Dun e Jametz, ed il passo
aperto alle truppe per andare in Alsazia.

A Savoja rimetteva la Spagna Vercelli; al Principe di Monaco i suoi
beni; ed il trattato di Chierasco si confermava.

Modena si comprendeva, ritirando gli Spagnuoli da Coreggio il presidio,
e passando tra' predetti Duchi e la Spagna varie pretensioni per
doti, assegnamenti, ed usufrutti, si rimettevano queste ad amicabile
composizione, come pure le differenze, che per la Valtellina potessero
insorgere con li Grigioni.

Il Papa doveva esser sollecitato dai due Re a render ragione alla Casa
d'Este per le Valli di Comacchio, ed assegnar tempo congruo al Duca di
Parma per la ricuperazione di Castro.

Finalmente non furono ommesse tutte le clausole più solenni e
stringenti, per consolidare una pace perpetua, e divertire le discordie
nell'avvenire. Ciò stabilito, partirono i Ministri dalla conferenza,
e la corte di Francia, ch'era in Tolosa, si trattenne in Linguadoca e
Provenza tutto l'inverno, sino che venne non solo la ratificazione di
Spagna, ma che la Sposa col padre arrivasse a' confini.

Fu questa pace pubblicata solennemente da per tutto per consolare i
Popoli; ed in Napoli ne pervenne l'avviso nell'entrar del nuovo anno
1660 avendo poco da poi il Re Filippo con suo dispaccio de' 10 febbrajo
comandato, che quivi si pubblicasse, siccome con solenne cerimonia
fu fatto a' 6 d'aprile avanti il regal Palagio. Comandò ancora il
Re con suo particolar rescritto, che si pubblicasse il perdono di
tutti coloro, che avevano seguito il partito franzese, siccome fu poi
dal Vicerè eseguito a' 11 gennajo del seguente anno 1661, e furono
reintegrati nel possesso de' loro beni il Principe di Monaco, ed il
Duca di Collepietra. Furono ancora celebrate solenni e magnifiche feste
per la pace, e per lo matrimonio dell'Infanta col Re Luigi, seguito
già ne' 29 del mese di giugno di quest'anno 1660, le quali furono
poco da poi replicate per l'altra pace conchiusa tra' Principi del
Settentrione. Solo il Regno di Portogallo rimase escluso ne' trattati
di questa pace; onde gli Spagnuoli rivoltarono i loro pensieri per
riunirlo alla Corona, e s'accinsero ad unire formidabili eserciti per
domare i Portoghesi.



CAPITOLO I.

_Il CONTE DE PENNARANDA manda dal Regno soccorsi per l'impresa di
Portogallo: reprime l'insolenze dei banditi; e festeggia la natività
del PRINCIPE CARLO e le nozze dell'Imperador LEOPOLDO con MARGHERITA
d'Austria figliuola del Re: parte indi dal Regno, essendogli dato
successore._


La guerra di Portogallo proseguita dagli Spagnuoli, ma con infelici
successi, obbligò il Pennaranda a spedir dal Regno nuovi soccorsi: fece
pertanto nel mese di maggio di quest'anno 1660, sopra dodici Vascelli
comandati dal Principe di Montesarchio, imbarcar 1000 Alemanni, e
800 Napoletani sotto il comando del Maestro di Campo D. Emmanuele
Caraffa. Partirono ancora dal nostro porto sette Galee di Napoli e di
Sicilia verso il Finale per imbarcare le soldatesche, che calavano dal
Milanese, per traghettarle in Ispagna; e nel seguente anno 1661, si
mandarono altri 400 soldati sopra tre galee di Sicilia, ed altrettante
della Squadra di Napoli. Nel 1662, vi furono spediti 800 fanti,
comandati dal Maestro di Campo D. Camillo di Dura sopra otto galee
delle mentovate due squadre; e nel 1663, sopra quattro Vascelli della
Squadra del principe di Montesarchio, furon spediti 1800 Napoletani
sotto il comando del Maestro di Campo Paolo Galtiero.

Resero ancora alquanto torbido il governo del Conte gli fastidiosi,
ed insolenti banditi, li quali a questo tempo con ladrocinj e ruberie
disertavano le campagne, tenevano in continui timori le città e le
terre abitate, e toglievan loro la comunicazione ed il traffico:
giunse la loro audacia a svaligiare spesse volte i Regj Procacci e ad
arrestare qualunque ancorchè illustre personaggio, ponendo mano sino a'
Ministri del Re; e chiunque capitava nelle lor mani era costretto dopo
molti tormenti e strazj, a ricomprare la libertà con somme immense di
danaro; era in fine la loro insolenza giunta a tale, che spingevano le
loro scorrerie sino alle porte di Napoli.

A riparar disordini sì gravi applicò il Vicerè i suoi pensieri; onde
spediti ne' due Apruzzi, ne' due Principati e nell'altre Province,
Presidi risoluti e di coraggio, furon molti di questi ribaldi presi,
altri uccisi in campagna e de' presi alcuni lasciarono la vita in
su le forche, altri furon condennati durante la lor vita a remare,
e moltissimi ottennero il perdono con legge d'andar a servire il Re
nelle guerre di Portogallo. Ma tanta applicazione e rigore non era
sufficiente per la protezione, ch'aveano d'alcuni potenti Baroni;
onde fu duopo al Conte pubblicar rigorose Prammatiche contro i loro
Ricettatori e Protettori.

Turbarono non poco il suo governo eziandio i tanti duelli seguiti a'
suoi tempi tra' Nobili e li furti delle suppellettili e vasi sagri in
alcune Chiese; onde con rigorosi editti rinovò le Prammatiche stabilite
da D. Pietro di Toledo e dal Conte di Monterey contro i duellanti
e dichiarò, che a' provocati a duello, ricusandolo, non potesse
attribuirsi nota di viltà e d'infamia: contro i sacrilegi fu usato
estremo rigore, e fatte severe esecuzioni di morte.

Ma furono queste cure moleste di gran lunga compensate, per la natività
del Principe _Carlo_, dato alla luce dalla Regina Maria Anna d'Austria,
seconda moglie del Re Filippo a' 6 novembre di quest'anno 1661, e tanto
più il parto fu desiderabilissimo quanto che il Principe _Prospero_ era
già morto, ed il Re erasi veduto di nuovo in timore di poter mancare,
senza lasciar di se prole maschile. Pervenne l'avviso in Napoli nel
sesto giorno del seguente dicembre; onde furon quivi celebrate feste
magnifiche con grandi apparati ed illuminazioni, e degne d'un così
felice avvenimento, che furon continuate nel principio del nuovo anno
1662. Non molto da poi, essendosi a' 25 d'aprile del nuovo anno 1663,
conchiuso il matrimonio tra l'Infanta Margherita figliuola del Re
coll'Imperador Leopoldo, furono ancora dal Pennaranda ordinate feste ed
illuminazioni.

Mentre il Conte era per continuar il rimanente del suo Governo in
riposo, gli venne avviso, che dalla Corte gli era stato dato il
successore. Fu questi il _Cardinal d'Aragona_, il quale trovandosi
Ambasciadore del Re in Roma, essendo stato spedito per quella Corte
D. Pietro d'Aragona suo fratello per occupar la sua carica, fu egli
destinato al Governo di Napoli e fu comandato al Pennaranda, che
partisse per Madrid, per occuparvi il posto di Presidente del Consiglio
d'Italia. Fu pubblicata in Napoli la venuta del Cardinale a' 10
d'agosto di quest'anno 1664, e furono spedite cinque galee in Nettuno,
dov'erasi portato, per quivi imbarcarsi, e pervenne egli a Mergellina
a' 27 del medesimo mese. Il Conte partì a' 9 di settembre, lasciando di
se un grandissimo desiderio, per la sua pietà, affabilità e limpidezza,
e per la somma avversione, che avea ad ogni sordidezza, tanto che
lasciò fama, che rade volte, o non mai addiviene, d'aver lasciato il
governo di Napoli con qualche debito.

Ci lasciò 14 Prammatiche, tutte savie e prudenti, per mezzo delle
quali provvide alla pubblica Annona: fu terribile contro i duellanti,
e contro gli portatori d'arme, e spezialmente delle spade con foderi
tagliati: vietò a tutti i Ministri l'amministrazione de' Baliati,
Tutele e d'esser Procuratori de' Baroni e Feudatarj del Regno; e diede
altri provvedimenti, che vengono additati nella rammentata _Cronologia_
prefissa al primo tomo delle nostre Prammatiche.



CAPITOLO II.

_Governo di D. PASCALE CARDINAL D'ARAGONA._


La troppa indulgenza, ed affabilità del Conte di Pennaranda avea
alquanto fra noi rilasciata la disciplina, ed avea parimente non poco
pregiudicato al decoro della giustizia: i delitti eran frequenti e
spezialmente gli omicidj per la facilità e comodità, che ne davano
le armi corte da fuoco, e per l'usanza a questi tempi introdotta di
vestire alcuni con abiti chericali, corti e larghi, chiamati mezze
sottane, le quali somministravano il modo di nasconder queste armi e
di portarle impunemente per la città. Applicò per tanto il Cardinale,
ne' principj di questo suo Governo, l'animo a pubblicar rigorosi editti
contro costoro, ed alla sollecita punizione de' delinquenti: fu dato
bando a tutti i vagabondi, comandando, che fra tre giorni sgombrassero
dalla città: fece far terribili esecuzioni di giustizia; fece impiccar
nel suo arrivo un'adultera col suo drudo, per morte data all'innocente
marito: fece morir su le forche, più ladri più omicidi, e moltissimi
furon condennati a remare.

Ma con tutto ciò, tanti rigori e severità del Cardinale non bastavano a
poter frenare una Città così corrotta. Alcuni si sottraevano da' dovuti
castighi colla fuga, altri col privilegio del Foro Chericale e molti
coll'immunità delle Chiese, la quale sempre più dagli Ecclesiastici
ampliandosi, è perpetua cagione di continue brighe tra i due Fori;
quindi, come altrove fu detto, fu di mestieri spedir in Roma il
Consigliere _Antonio di Gaeta_ per ottener qualche riforma agli abusi
di tal pretesa immunità; ma riuscendo la missione inutile, si rimase
negli antichi disordini.

Non furono meno molesti ed insolenti, con tutti questi rigori, gli
sbanditi, li quali, appoggiati alla protezione di potenti Baroni,
infestavano le pubbliche strade, rubando, riducendo molti in cattività,
nè rilasciandogli se non con ricatti di grossissime somme, e talora,
anche dopo averli straziati, barbaramente uccidendogli. I duellanti si
fecero ancora sentire, nonostante le severe proibizioni e le rigorose
pene imposte contro essi. Ma una nuova malizia inventata dai mercatanti
in tempo di questo Governo, turbò ancora non poco il traffico e la
pubblica fede. Costoro con fallimenti frodolenti, dopo avere riscosse
somme importanti da chi in essi fidava, a man salva rubavano, e cotali
fallimenti eran fatti così frequenti, che erano passati in usanza
appresso quasi tutti i negozianti. Per estirpar un così pernizioso
abuso, il Cardinal d'Aragona pubblicò una Prammatica, colla quale
sottopose a pena di morte i mercadanti frodolentemente falliti, e
comandò, che dovessero dichiararsi fuor giudicati, se fra quattro
giorni non comparivano; e la medesima pena volle, che s'eseguisse
contro agli occultatori dei loro beni e contro a tutti coloro, che si
fingessero loro creditori, quando non lo fossero: vietò parimente a'
Giudici di poter loro concedere salvicondotti, o moratorie di sorte
alcuna, ancor che vi concorresse il consenso, non solamente della
maggior parte, ma anche di tutti i creditori.

Mentre che il Cardinale era tutto inteso a dar riparo a questi
disordini, ed a restituire la caduta disciplina a qualche buono stato,
pervenne in Napoli, in ottobre del 1665, la funesta novella della morte
del Re Filippo IV, il quale lasciando il _Principe Carlo_ in età di
quattro anni, lo raccomandò sotto la tutela ed educazione della Regina
sua madre, alla quale parimente fu dal medesimo lasciata la reggenza
della monarchia; ma come donna ed inesperta delle cose appartenenti al
governo, fu dal Re nel suo testamento istituita una Giunta, che dovea
comporsi, fra gli altri, dell'Arcivescovo di Toledo, dell'Inquisitor
Generale, del Presidente di Castiglia e del Cancelliere di Aragona:
comandando, che se venisse alcuno a mancare di questi quattro, gli
fosse succeduto colui, ch'entrava nel ministerio di quella carica, che
dal morto lasciavasi. Avvenne, che nel medesimo giorno, che mancò il Re
Filippo, spirasse anche il Cardinal Sandoval Arcivescovo di Toledo; la
Regina Reggente, dovendo dargli successore, nominò all'Arcivescovado di
Toledo il Cardinal d'Aragona nostro Vicerè; per la qual cosa, essendo
in dicembre del medesimo anno giunto l'avviso in Napoli della sua
promozione a quella Cattedra, avendo prima fatto acclamare in Napoli
il _Re Carlo II_, e fatte celebrare pompose esequie al Re Filippo, si
dispose alla partenza per la Corte di Spagna, dove veniva chiamato, non
solo per governar la sua Chiesa, ma ad esser a parte del governo della
monarchia nella Giunta, in luogo del Cardinal Sandoval Arcivescovo di
Toledo suo predecessore. Fu all'incontro sustituito al Cardinale nel
Governo di Napoli _D. Pietr'Antonio d'Aragona_ suo fratello, il quale
si trovava allora in Roma Ambasciadore del Re Cattolico presso il
Pontefice Alessandro VII.

Ritardò l'Aragona la sua venuta in Napoli per cagion dell'orrido
inverno, che impediva al fratello la navigazione per Ispagna,
differendola insino ad aprile del nuovo anno 1666. Ed intanto
essendogli state spedite del Pontefice le Bolle, volle quivi farsi
consegrare Arcivescovo: fu commessa la consegrazione all'Arcivescovo
d'Otranto, dal quale insieme colli Vescovi di Pozzuoli, di Menopoli e
d'Aversa, con le consuete cerimonie, fu a' 28 febbrajo del medesimo
anno consegrato nella Chiesetta di S. Vitale, detta comunemente di
S. Maria delle Grazie, della Diocesi di Pozzuoli, e soggetta a quel
Vescovo, posta fuori della Grotta, che conduce a Pozzuoli. Concorsevi e
per cagion del personaggio e per la rarità della funzione, rade volte
veduta in Napoli, infinito Popolo, ed un gran numero di Nobili e di
Magistrati; onde D. Benedetto Sanchez De Herrera Vescovo di Pozzuoli,
perchè a' posteri ne rimanesse memoria, fece nella medesima Chiesetta
porre un marmo con iscrizione, dove un cotal atto si legge.

Giunse finalmente in Napoli D. Pietro Antonio di Aragona a' 3
d'aprile, ricevuto con gran pompa dal Cardinal suo fratello, il quale
agli 8 del medesimo mese depose il governo nelle mani del Consiglio
Collaterale; ed agli 11 s'imbarcò per la volta di Spagna accompagnato
dagli Eletti della città, li quali lo pregarono, che andando egli a
sedere al governo della Monarchia, tenesse protezione di questi Popoli,
ed egli cortesemente assicurogli, che così avrebbe fatto. Partì il
Cardinal d'Aragona, dopo aver governato il Regno diciannove mesi, non
potendo in così breve tempo lasciarci di se altra memoria, che cinque
sole Prammatiche, per le quali, oltre d'avere severamente puniti i
mercatanti frodolentemente falliti, comandò, perchè la città si tenesse
monda e per li danni che cagionavano, che tutti i porci di qualsivoglia
persona, che andavan vagando per le piazze della città, si cacciassero
via, nè si permettesse un così stomachevol abuso: rinovò ancora i
divieti a Ministri, che non potessero amministrar tutele, baliati, o
eredità di particolari persone e diede altri provvedimenti, che sono
additati nella tante volte rammentata _Cronologia_ prefissa al tomo
primo delle nostre Prammatiche.



CAPITOLO III.

_Morte del Re FILIPPO IV, suo testamento e leggi che ci lasciò._


Il Re Filippo IV nonostante la pace fatta ne' Pirenei con la Francia,
fu sempre involto in calamità, ed aggravato da malinconici pensieri e
da moleste apprensioni. Egli non potè dissimulare allora il discontento
di aver a fermare una pace cotanto svantaggiosa per la Spagna, e sopra
ogni altro il trafisse la considerazione, che per quel matrimonio
era stato costretto a consegnare a' suoi naturali nemici il più
caro pegno della sua casa, presagendo (quel che da poi a nostri dì
è convenuto vedere) i pericoli, ed i futuri danni; tanto che tutto
malinconico, e poco men che piangente, era solito esclamare, che la
Francia sopra il duolo della Spagna avrebbe dovuto festeggiare la di
lei miseria. Le infelici spedizioni di Portogallo lo tennero da poi
in continue agitazioni: poichè i Portoghesi negli estremi pericoli,
avendo date l'ultime pruove della loro fortezza, aveano più volte
battuti i Castigliani, ed avendo data per moglie al Re d'Inghilterra
la sorella del Re Alfonso, succeduto al Re Giovanni suo padre, con
ricchissima dote e con la Piazza di Tanger, si disponevano ad una più
forte ed ostinata difesa. Da così molesti e gravi pensieri afflitto,
nei principj di settembre dell'anno 1665 s'infermò, e dopo brevi giorni
d'acuta febbre a' 17 del medesimo mese chiuse gli occhi, lasciando di
se e della Regina Marianna d'Austria sua moglie il Principe Carlo, in
età infantile di quattro anni. Volle negli ultimi momenti vederlo,
a cui con voce fiacca augurò tempi prosperi e Regno del suo più
fortunato.

Nato Filippo agli 8 aprile del 1665 giovanetto ancora si vide erede,
per la morte del padre accaduta nell'ultimo giorno di marzo del 1621,
della più potente Monarchia d'Europa, ma posto nel lubrico dell'età
e del comando, dato in preda a' piaceri del senso, si lasciò rapire
l'autorità ed il governo dall'arte del Favorito. Vide egli per ciò,
per lo violento governo de' suoi Ministri, sollevate le Province,
ed i Regni in rivolta, oltre le gravi percosse, che rilevò dall'armi
nemiche; e quando, scosso da' colpi delle disgrazie, e da' sospiri de'
sudditi, allontanò l'odiato autor dei travagli, non si trovò con quel
vigor d'animo e quella sperienza, che richiedeva la mole degli affari:
onde ricadde subito sotto la tutela d'altro Ministro più cauto, ma non
men assoluto; ed appena dalla morte di costui ne fu sciolto, ch'egli
pure morì tra le afflizioni, nelle quali avea quasi sempre vivuto.
Tra le disavventure conservò egli nondimeno una costanza di animo
maravigliosa, amò la giustizia e sopra tutto nella pietà fu singolare.

Letto il suo testamento, si vide aver istituito erede Cario; al quale,
se mancasse senza prole, sostituiva Margarita seconda sua figliuola,
destinata per isposa all'Imperador Leopoldo, ed i figliuoli di lei; e
se premorisse questa, o riuscisse il suo matrimonio infecondo, chiamava
alla successione l'Imperadore. In ultimo luogo ammetteva il Duca di
Savoja, esclusa sempre la sua figliuola primogenita Regina di Francia,
se non in caso, che restando vedova e senza prole, ritornasse nei Regni
paterni, e con assenso degli Stati si maritasse con alcun Principe
della Casa.

Rimanendo il successore infante, e la Regina considerata come
straniera, giovane, e nel governo inesperta, lasciando a lei la tutela
e l'educazione di quello, e la Reggenza della Monarchia le stabilì
un Consiglio a parte, dagli Spagnuoli chiamato Giunta, composto
dell'Arcivescovo di Toledo, dell'Inquisitor Maggiore, del Presidente
di Castiglia, del Cancellier d'Aragona, del Conte di Pennaranda e del
Marchese d'Aytona. Erano i quattro primi nominati non a contemplazione
della qualità de' soggetti, ma delle cariche, e perciò, come si disse,
nell'istesso giorno che il Re morì, essendo spirato il Cardinale di
Sandoval, che reggeva la Chiesa di Toledo, la Regina la conferì al
Cardinal d'Aragona, e poichè costui si trovava Inquisitor Maggiore, gli
sostituì in questa carica il P. Everardo Nitardo, nato in Germania,
Gesuita, che regolava, non men a guisa di arbitro, la volontà della
Regina, che come Confessore la sua coscienza, il quale, dopo aver
governato per molti anni in questa Giunta, ottenne parimente la dignità
di Cardinale.

Pervenne l'avviso della morte del Re in Napoli ai 13 ottobre, con
lettere del Marchese della Fuente, Ambasciador Cattolico in Francia,
ma convenne al Cardinal d'Aragona Vicerè tenerla celata, fin che dalla
Corte di Spagna non giungessero i dispacci. Prima il Cardinale con
pubblica celebrità e cavalcata fece acclamar il novello Regnante, con
far coniare alcune monete, chiamate dal suo nome _Carlini_, ch'egli
andava spargendo per le pubbliche strade per dove cavalcando passava.

Dopo l'acclamazione, cominciossi ad udire il mesto suono delle campane,
e si vide la città piena di duolo e di lagrime, piangendo la morte
del defunto Re. La Corte del Vicerè, la Nobiltà, i Magistrati, gli
Ufficiali, i Curiali e Mercatanti, in fine, toltane la gente minuta,
non vi fu persona d'onesta condizione, che non vestisse a bruno. Ricevè
il Vicerè le visite di duolo da Titolati e Cavalieri, da' Magistrati,
dagli Ufficiali Militari, da' Ministri di stranieri Principi, da
Superiori delle Religioni, ed anche dal Cardinal Acquaviva, il quale
trovandosi in Napoli, passò col Vicerè il medesimo ufficio, e vestì
per tutto il tempo che vi dimorò, l'abito pavonazzo. Solo il nostro
Cardinal Arcivescovo non volle accompagnare il comune dolore, e
si guardò come dalla peste, d'andar giammai in palazzo, fingendo
indisposizioni e malattie. Egli non voleva contravvenire a certi suoi
cerimoniali, delli quali era cotanto zelante, che nè disordini, nè mali
più gravi, che da tali inurbanità e poco rispetto ne potessero seguire,
lo potevano ritrarre per un pelo a non esattamente eseguirli; diceva
non esser egli a ciò obbligato, nè convenire a lui, come Pastore, usare
con la sua Corte vestimenti lugubri.

Per non esporsi per ciò il Vicerè a nuove cerimoniali brighe, dopo
essersi per nove giorni celebrati i funerali nella Cappella del Regal
Palagio, ed in molte altre Chiese, si disposero le pubbliche esequie,
lasciato il Duomo, nella Regal Chiesa di S. Chiara, ove fu eretto un
magnifico Mausoleo, e per l'invenzione dell'opera fu data la cura al
Consigliere _D. Marcello_ Marciano, il quale altresì si prese il carico
degli Epitafi e delle Iscrizioni, siccome per le dipinture se ne diede
il pensiere al famoso Luca Giordano. Disposta la pompa ed i lugubri
apparati, furono celebrate l'esequie il giorno 18 di febbraio del nuovo
anno 1666 con gran solennità e magnificenza, e perchè ne rimanesse fra
noi sempre viva la memoria, il Consigliere _Marciano_ volle minutamente
descriverle in un suo particolar libro, ch'egli diede alla luce,
intitolato le _Pompe funebri dell'Universo_.

Il Re Filippo nel suo lungo regnare, cominciando da' 6 aprile del 1621,
insino a' 4 d'agosto del 1664, stabilì per nostro governo più di 50
leggi, le quali ei dirizzò a' suoi Vicerè, che per lui amministrarono
il Regno: diede egli per quelle a noi molti salutari provvedimenti,
li quali, per non tesserne qui un lungo e nojoso catalogo, possono
con facilità vedersi ne' volumi delle nostre Prammatiche, venendo
additate, secondo i tempi, ne' quali furono stabilite, nella tante
volte rammentata _Cronologia_ prefissa al primo tomo delle medesime.



CAPITOLO IV.

_Stato della nostra Giurisprudenza nel Regno di FILIPPO III e IV e de'
Giureconsulti ed altri Letterati che vi fiorirono._


La Giurisprudenza presso di noi, così ne' Tribunali, come nelle
Cattedre, non prese a questi tempi nuove forme, ma continuò, siccome
per lo passato, ad esser maneggiata da' Professori nel Foro con modi
inculti, e da' Cattedratici all'usanza delle altre Scuole, senza che
l'erudizione vi avesse ancora posto piede. Ma il numero de' Professori
fu assai maggiore e molto più degli Scrittori, i quali compilarono
a questi tempi tanti trattati, consigli, allegazioni, ed altre opere
legali, che se ne potrebbe formare una mezza libreria. Il lor numero
crebbe tanto, che delle loro opere, che diedero alla luce, non se
ne può ora tener più conto, essendo infinite; onde saremo contenti
di nominarne alcuni i più famosi, che dieder saggio per le opere
lasciateci, quanto in Giurisprudenza intendessero; e se bene ve ne
fiorissero altri di non inferior dottrina, anzi a molti di costoro
superiori, conoscendo nondimeno di quante parti sia di mestieri esser
fornito colui, che intende dar fuori li parti del suo ingegno, forse
con miglior consiglio stimarono di non esporre le loro fatiche alla
pubblica luce del Mondo.

È veramente cosa da notare, che con tutto che il Regno si fosse veduto
per tante rivolte, per tante calamità e disordini, così miseramente
travagliato, ed involto in tante sciagure; ad ogni modo il numero
dei nostri Professori non solamente non si vide scemare, ma tanto
più crescere e moltiplicarsi. Ma non parrà ciò cosa strana a chi
considera, che per questo istesso, che le cose furono in rivolta, che
i disordini crebbero, che i vizj, le malizie e le frodi abbondarono,
perciò doveano crescere i Professori e' Curiali, de' quali allora si
avea maggior bisogno. Dove sono molte infermità è di mestieri, che
vi siano molti medici, così corrotta la disciplina, è duopo, che si
ricorra alle leggi, ed a' Professori di quelle, per far argine a più
gravi disordini, come si possa il meglio.

Fra tanti merita il primo luogo _Scipione Rovito_. Nacque egli in
Tortorella picciola terra della provincia di Basilicata; e venuto in
Napoli, essendo di tenue fortuna, visse quivi in umilissimo stato,
esercitandosi ne' nostri Tribunali da Procuratore: ma essendo uomo di
molta fatica nello studio legale, puntuale e d'integrità di costumi,
cominciò a poco a poco a difender qualche causa; e diede poscia in
luce i suoi primi _Commentarj_ sopra le Prammatiche, ne' quali non
isdegnò, in que' principi, di ponere il nome della sua Patria, come
che poi nella seconda edizione si chiamasse Napoletano. Preso per ciò
qualche nome, si pose in riga d'Avvocato, e patrocinò molte cause de'
primi Signori del Regno, come si vede da' suoi _Consigli_, e fece per
conseguenza nobil acquisto di fama e di ricchezze. Fiorirono ancora a'
suoi tempi tre altri celebri Avvocati, _Gio Battista Migliore_ (quegli
che, come altrove si disse, fu mandato in Roma dal Cardinal Zapatta
Vicerè al Pontefice Gregorio XV per affari di Giurisdizione). _Ferrante
Brancia_, nobile di Surrento, che morì vecchio Reggente, e _Camillo
Villuno_, li quali insieme con Scipione Rovito nell'anno 1612 dal Conte
di Lemos, successore del Conte di Benavente, furon fatti Consiglieri,
unicamente per la lor dottrina e merito, senza che n'avessero avuta
alcuna antecedente notizia. Nel tempo, che il Rovito fu Consigliere,
acquistò fama non men di dotto, che di savio e prudente; onde come si
è veduto ne' precedenti libri, non v'era affare di momento, che a lui
non si commettesse. Passò poi Presidente in Camera, e dopo alquanti
anni nel 1630 fu promosso alla suprema dignità di Reggente, esercitata
da lui con fama forse di soverchia austerità; e _Pietro Lasena_,
che fu suo amicissimo, attestava al famoso _Camillo Pellegrino_, da
chi l'intese _Francesco d'Andrea_, che nella morale affettava esser
seguace della dottrina degli Stoici; ancorchè il rigore che usava con
altri, nol seppe praticare nella casa sua, poichè benchè avesse più
figliuoli, non ebbe motivo per la troppo indulgente educazione di molto
rallegrarsi d'avergli avuti. Di lui, oltre i Commentarj sopra le nostre
Prammatiche ed i suoi Consigli, si leggono ancora le Decisioni, che
furono impresse in Napoli l'anno 1633, e finalmente grave già d'anni,
e travagliato di molte infermità, rendè lo spirito nel mese di giugno
dell'anno 1638, e giace sepolto nella casa Professa de' PP. Gesuiti di
questa città[37].

Non fu per indefessa applicazione a lui disuguale _Carlo Tappia_,
il quale, per le elaboratissime opere, che ci lasciò, spezialmente
per quella del Codice Filippino, merita essere annoverato fra' primi
Giureconsulti, che fiorissero a questi tempi. Fu egli figliuolo
d'Egidio Tappia Presidente di Camera, e dopo aver girato, come
Auditore, per varie province del Regno, fatto poi Giudice di Vicaria,
fu nell'anno 1597 creato Consigliere. Nel 1612 passò in Madrid Reggente
nel supremo Consiglio d'Italia, e finalmente nel 1625, tornò in Napoli
Reggente di Cancelleria, dove per molti anni esercitò il posto, e morì
poi Decano del Collaterale a 17 gennajo dell'anno 1644, essendo stato
sepolto nella Cappella sua gentilizia, posta nella Chiesa di S. Giacomo
degli Spagnuoli. Oltre il suo Codice, e le Decisioni, ci lasciò molte
altre sue operette, delle quali il Toppi[38] fece catalogo. Fu uomo,
per la sua canizie, e per una somma gravità in tutte le cose, tenuto in
gran venerazione da nostri Vicerè, e da tutti gli Ordini del Regno; e
per la sua instancabile applicazione, senza che gli si vedesse prender
mai un'ora di riposo, acquistò nome di Ministro laborioso, ancorchè in
dottrina avesse molti che lo superavano.

Celebri ancor furono _Marcantonio de Ponte_, che ascese anche per
la sua dottrina al grado di Presidente del Consiglio. _Pietrantonio
Ursino_, profondo Giureconsulto, come lo dimostra il suo trattato: _De
successione Feudorum_, ancor egli Presidente; ed _Andrea Marchese_.

Rilusse ancora a questi tempi _Gianfrancesco Sanfelice_ del Sedile di
Montagna, il quale, dopo avere nelle Audienze Provinciali, e nella
Gran Corte della Vicaria dato saggio de' suoi talenti, fu nell'anno
1619 creato Consigliere. Da poi nel 1640, ascese alla suprema dignità
di Reggente; ma si rese assai più famoso per le opere da lui date
alla luce, come delle _Decisioni_, comprese in due volumi e della
_Pratica Giudiciaria_, che si diede poi alle stampe nell'anno 1647.
La sua vita non fu che una indefessa applicazione a governar la città
nelle cose criminali, e fu insigne per l'innocenza de' costumi, e
per l'integrità della vita, non discompagnata dalla dottrina, come lo
dimostrano i suoi tomi delle _Decisioni_. Fu severissimo nel castigare
i delitti, ma con tal tranquillità, che quando condannava rei, pareva
che gli assolvesse; nè fu meno ammirabile per l'indicibil pazienza,
con la quale ascoltava tutte le differenze che succedevano in Napoli,
anche tra povere donnicciuole, e tra persone d'infima plebe, e per
l'equità nel determinarle: sicchè la sua vita potea dirsi un continuo
esercizio di amministrare a tutti indifferentemente giustizia. Fu
anche Provicecancelliere del Collegio de' Dottori, il quale ufficio non
isdegnò d'esercitarlo anche fatto Reggente, mentre il Vicecancelliere
era il Duca di Caivano Segretario del Regno.

Non men celebre fu _Ettorre Capecelatro_ Cavaliere del Seggio di
Capuana, il quale datosi all'avvocazione, vi fece notabili progressi.
Da' due volumi, che ci lasciò delle sue _Consultazioni_, si vede, che
alla di lui difesa furono appoggiate cause di grandissima importanza:
ed ancorchè non avesse avuta molta felicità nell'orare, suppliva al
difetto dell'eloquenza con la dottrina e colla fatica. Fu poi nel 1631
creato Consigliere, esercitando il posto con pari decoro ed integrità.
Trasportato poi dal desiderio di divenir Reggente, non ebbe riparo di
portarsi in Ispagna con titolo d'Ambasciadore della città, contro il
voto della sua medesima Piazza, ad istanza del Duca di Medina Vicerè,
per opporlo al Duca di S. Giovanni, andatovi poco prima col medesimo
titolo, per rappresentare in nome della Nobiltà alcuni aggravj pretesi
essersi inferiti a quella dal Vicerè. L'occasione fu, ch'essendo,
siccome si è veduto ne' precedenti libri, comparsa l'armata di Francia
ne' nostri mari, il Duca di Medina, per maggior difesa, diede l'armi
al Popolo sotto i suoi Capi popolari, con governo independente dalla
Nobiltà. Pretesero le Piazze Nobili, che ciò fosse contro l'antico
stile: onde destinarono Ambasciadore in Ispagna il Duca di S. Giovanni
in nome della città per gravarsene; ma il Popolo pretese, che le
Piazze Nobili non potessero rappresentar città quando si trattava
d'una particolar differenza tra la Nobiltà ed il Popolo; onde il Duca
di Medina, non avendo fatto ricevere in Ispagna il Duca di S. Giovanni
come Ambasciadore, proccurò dal Popolo, e dall'altre tre minori Piazze,
che si mandasse un altro Ambasciadore per altri negozj universali
della città, e che s'eleggesse il Capecelatro, ancorchè le Piazze
di Capuana e di Nido vi dissentissero, dicendo non riconoscere altro
Ambasciadore, che il Duca di S. Giovanni. Andò per tanto il Consigliere
in Ispagna, ed avendo ivi con felice esito terminati i suoi affari, se
ne ritornò in Napoli colla mercede del titolo di Marchese del Torello,
e l'altra della prima piazza di Reggente, che fosse vacata, della quale
anticipatamente glie ne fu data dal Vicerè la possessione, con titolo
di Proreggente, e dalla Corte fu dichiarato Reggente sopranumerario; e
finalmente fu dichiarata la piazza ordinaria, da poi che s'aggiunse la
terza piazza spagnuola ad istanza della Corona di Aragona. Sopravvisse
nel posto molti anni, e mandato due volte in Foggia dal Conte d'Onnatte
per rimettere in piedi le rendite di quella Dogana, che per le passate
revoluzioni stavano non mediocremente turbate, fu fama, che cumulasse
gran contante. Morì egli a' 10 d'agosto dell'anno 1654, ed oltre averci
lasciati i volumi delle sue _Consultazioni_, ch'e' dedicò al Re Filippo
IV, ci diede ancora le sue _Decisioni_, che ora colle addizioni di
Michelangelo Gizzio, girano attorno per le mani de' nostri Professori.

Fiorì ancora a questi medesimi tempi _Fabio Capece_ _Galeota_ del
Seggio di Capuana. Costui, applicatosi all'avvocazione, riuscì assai
celebre per dottrina, e per efficacia nel rappresentare: fu assai
dotto nelle materie legali, come lo dimostrano le sue _Controversie_,
ed i suoi _Responsi Fiscali_; onde per la sua dottrina fatto Giudice
di Vicaria, passò tosto Consigliere del Consiglio di S. Chiara. Fu
da poi eletto per Avvocato Fiscale del Regal Patrimonio nel Tribunal
della Regia Camera, dove poi fu Presidente; indi fu innalzato alla
suprema dignità di Reggente del supremo Consiglio d'Italia, e ritornato
di Spagna con titolo di Duca della Regina, sedè per breve tempo nel
nostro Consiglio Collaterale; poichè mandato dal Vicerè in Foggia,
per riordinare quella Dogana, morì quivi ai 15 dicembre dell'anno
1645, e fu depositato il suo cadavere nella Chiesa de' PP. Domenicani
di quel luogo. Mentre fu Avvocato diede alle stampe un assai dotto
_Responso_ per lo Duca di Gravina sopra la successione del Principato
di Bisignano; ed essendo Consigliere, e poi Avvocato Fiscale, diede
alla luce il trattato: _De officiorum, ac regalium prohibita sine
Principis authoritate commutatione, et alienatione_. Nel tempo, che fu
Presidente di Camera diede fuori le _Controversie_, dove si veggono
trattate cause arduissime, che furon agitate, non meno ne' nostri
supremi Tribunali, che nel supremo Consiglio d'Italia, che egli divise
in due tomi stampati in Napoli nel 1636. Li _Responsi Fiscali_, che e'
compilò per difesa de' diritti del Patrimonio Regale, essendo Avvocato
Fiscale, furon da lui dati alle stampe in Napoli nel 1645, anno della
sua morte. Oltre a ciò avendosi egli, mentr'era Avvocato, presa in
moglie l'erede di _Camillo de' Medici_ celebre Avvocato de' suoi tempi,
come si vede da' suoi _Consigli_, tanto che meritò, ancorchè fosse
di Gragnano, d'esser dichiarato dal Gran Duca di Toscana della sua
Famiglia, con una Commenda della sua Religione di S. Stefano: ebbe la
cura di raccorre i di lui _Consigli_ in un giusto volume, ed avendovi
fatte alcune Addizioni, con aggiungervi ancora la vita di _Camillo_, lo
fece dare alle stampe in Napoli l'anno 1633, dedicandolo a Ferdinando
II de' Medici Gran Duca di Toscana[39].

Fa di mestieri, che qui della meritata lode non si defraudino i famosi
_Marciani_, dotti e profondi nostri Giureconsulti. _Marcello Marciano_
rilusse nel nostro Foro non men essendo Avvocato, che Consigliere.
Nell'avvocazione meritò i primi onori, e fece per ciò acquisti di
molte ricchezze. Fu riputato non men dotto che grande Oratore, come
lo dimostrano i suoi _Consigli_. Ma innalzato poi alla dignità di
Consigliere a' 3 di novembre dell'anno 1623, fu esercitato da lui il
posto con integrità e soddisfazione indicibile. Ci lasciò egli due
volumi di suoi sublimi _Consigli_, ma molto più se gli dee per aver di
se lasciato Gianfrancesco di lui figliuolo.

Riuscì _Gianfrancesco Marciano_ non men dotto del padre e nel Foro,
ebbe grido di famoso avvocato, come lo dimostrano i due tomi delle
sue _Controversie_, che ci lasciò; e se bene non avesse avuto nel
patrocinar le cause molta eloquenza, nello scrivere fu molto profondo e
dotto. Fu creato Consigliere a' 10 maggio dell'anno 1645, e dopo avere
con molto applauso esercitata per dieci anni tal carica, fu innalzato
alla dignità di Reggente nel 1655, benchè sopraggiunto poco da poi
dalla morte non godesse del Reggentato, che le congratulazioni degli
amici.

Lasciò pure costui un altro _Marcello_, erede non men delle virtù
che delle speranze paterne, il quale, imitando le vestigia de' suoi
maggiori, si diede ne' suoi primi anni all'avvocazione, nella quale
non gli mancò alcuna di quelle parti, che ricercansi per riuscir
grande in tal professione: ebbe egli gran capacità, gran dottrina e
ardire e grande erudizione, ed in età assai giovanile gran maturità
di giudizio. Fu egli, proccurandoselo, fatto assai giovane Giudice di
Vicaria dal Conte di Castrillo: poco da poi dal Conte di Pennaranda fu
fatto Consigliere, e dal medesimo fu poi mandato in Camera per Avvocato
Fiscale, donde nei principj del Governo di D. Pietro d'Aragona, andò
Reggente in Ispagna, e quivi di là a non molto se ne morì. Lasciò
figliuoli di assai poca età, ma il di lui primogenito _Francesco_ non
interruppe il corso; poichè imitando ancor egli i suoi antenati, riuscì
famoso Avvocato, poi Giudice, ed indi fatto Consigliere giunse pure
al Reggentato, ma per fatalità di questa Casa, ancor egli passato in
Ispagna, di là a poco ivi traspassò: tal che essendo questa casa per
lo spazio poco men di cento anni stata Senatoria, rimane ora chiusa ed
estinta.

Fiorirono ancora non men per dottrina, che per li posti che occuparono,
altri insigni Giureconsulti. _Francesco Merlino_, ancorchè non gli
paresse avviarsi per la strada dell'avvocazione, ma per quella degli
Ufficj, riuscì dotto Ministro, e si rese presso noi celebre, non
men per le cariche che sostenne, che per le opere che ci lasciò.
Fu egli un privato gentiluomo di Sulmona, di famiglia però nobile
ed antica in quella città: sua madre fu figliuola del Marchese di
Paglieta Pignatelli e di Beatrice Tappia, sorella della madre del
Reggente Tappia, per la quale si professava egli di lui nepote,
e per ostentazione del quarto materno s intitolò sempre _Merlino
Pignatelli_. Col favore del Reggente Tappia suo zio, stimò non aver
bisogno dell'Avvocazione per avanzarsi; onde andato prima Auditore in
Salerno, e fatto poi Giudice di Vicaria, e poi Commessario di Campagna,
in brevissimo tempo fu creato Consigliere. Per essere stato creatura
del Conte di Monterey, fu poco grato al Duca di Medina, onde per la
medesima ragione portossi in tutti i posti con somma lode di valore,
integrità e dottrina; onde, che a suoi due tomi delle _Controversie_,
tra moderni Scrittori del Regno, comunemente si dà il primo luogo. Fu
da poi eletto Reggente supremo del Consiglio d'Italia, e tornato di
Spagna, fu nell'anno 1648 decorato della dignità di Presidente del
S. C. esercitata da lui con molto decoro e gravità. Morì egli pochi
anni da poi nel sesto dì di settembre dell'anno 1650, e fu seppellito
nella sua Cappella dentro la Chiesa de' Padri Gesuiti della lor Casa
professa.[40]

Essendo stato creato il Reggente Merlino Presidente del S. C. fu
eletto in suo luogo per Reggente in Ispagna _Giancamillo Cacace_, che
si trovava allora Presidente di Camera. Era egli un famoso Avvocato
de' suoi tempi, assai celebre per la dottrina e per l'arte del dire,
il qual soleva pregiarsi, che mentr'era Avvocato non vi era stato
Signore nel Regno che non fosse venuto a prender consulta in casa
sua. Il di lui padre fu di Castell'a Mare e d'ordinarj natali; ma
venuto in Napoli, ed acquistate mediocri ricchezze, furon quelle poi
da lui eccessivamente accresciute col guadagno dell'Avvocazione, e
con una somma parsimonia. Fu da poi fatto Avvocato Fiscale di Camera,
e poi Presidente; ed eletto Reggente per Ispagna, per un indicibil
abborrimento, ch'ebbe a viaggiar per mare, rinunziò il posto, ed in
suo luogo fu eletto il Reggente _Tommaso Brandolino_; ma di là a pochi
anni fu eletto di nuovo Reggente per Napoli, concedutosi ciò per suoi
meriti, senz'obbligazione d'andare in Ispagna. Fu di genio assai tetro,
ed abborrì sempre l'ammogliarsi; onde poco appresso essendo morto, e
non avendo chi lasciar erede delle sue facoltà, fondò di sua roba un
Monastero di donne povere, detto dei Miracoli, che a tempo de' nostri
maggiori si chiamava pure il Monastero di _Cacace_.

Rilussero ancora i Consiglieri _Filippo Pascale_, patrizio Cosentino,
famoso Avvocato e celebre pe 'l suo trattato: _De viribus patriae
potestatis_. Ma sopra costui s'innalzaron per dottrine _Scipione
Teodoro_, ancor egli rinomato Avvocato e celebrato per le sue
_Allegazioni_, che ci lasciò. _Tommaso Carlevalio_ per le opere
impresse, e sopra tutto pe 'l suo trattato _De Judiciis_, si distinse
parimente infra gli altri; e molti ve ne furon ancora, che per mezzo
delle stampe lasciaron a' posteri memoria del lor nome, e quanto
valessero nella profession legale. Ma oscurò tutti costoro il celebre
_Orazio Montano_, per profondità di sapere, per eleganza e per somma
perizia di ragione, non men civile che feudale.

Chiuda per ultimo la schiera _Donat'Antonio de Marinis_. Nacque egli
in Giungano picciola Terra del Regno in Principato citra, e venuto
in Napoli, assai sottilmente menando la vita, si diede con molta
applicazione agli studj legali, dove vi fece notabili progressi, e
non avendo avuta abilità alcuna nell'arringare in Ruota si diede a
scrivere in alcune cause, donde compilò poi il primo Tomo delle sue
_Resoluzioni_. Coll'integrità de' costumi, e con una sua maniera
libera e lontana da ogni affettazione, si rendè grato a tutti gli
Avvocati più principali de' suoi tempi, sicchè in tutte le cause era
chiamato a collegiare; onde cresciuto d'opinione, cominciò ancor
egli a difendere qualche causa, e diede in luce il II Tomo delle
_Resoluzioni_. Fiorivano a' suoi tempi molti rinomati Avvocati,
come Raimo di Ponte, Francesco Rocco, Francesco Maria Prato, Antonio
Fiorillo, Ortensio Pepe, Ascanio Raetano, Paolo Giannettasio e Giovan
Battista Odierna, li quali dal Conte di Castrillo a' 15 di maggio
del 1654 volendo riordinare il Tribunal della Vicaria, furon fatti
Giudici, e con essi anche il Marinis, li quali poi tutti passarono
a posti supremi. Donat'Antonio nell'anno 1656 fu creato Presidente
della Regia Camera, dove con somma integrità ed indefessa applicazione
esercitò il posto insino all'anno 1661, nel qual tempo diede fuori i
due volumi delle _Decisioni del Reggente Revertero_, che correndo M.
S. per le mani d'alcuni, egli le accorciò e fecevi sue _Addizioni_, le
quali insieme con gli _Arresti_, ovvero Decreti generali della Regia
Camera, fece imprimere in Lione l'anno 1662. Raccolse ancora molte
_Allegazioni_, così sue, come degli altri Avvocati suoi coetanei, o
che fiorirono prima di lui, le quali per opera sua furon poi date alle
stampe. Essendo Presidente di Camera e Vicecancelliere del Collegio
de' Dottori fu nominato, nel 1661, Reggente nel Supremo Consiglio
d'Italia e portatosi in Ispagna, ritornò poi in Napoli Reggente del
nostro Collaterale a' 25 di febbrajo dell'anno 1665. Visse egli celibe
e con somma parsimonia, tanto che potè cumulare qualche contante. Ma
se mentre fu Avvocato seppe resistere agl'impulsi della natura, fatto
Ministro, sconoscendo i suoi e la patria, non seppe star saldo al
vento della vanità; poichè gli entrò in testa, d'esser egli disceso
da' Marini di Genova, raccogliendo scritture dell'archivio, che a tal
effetto gli eran somministrate dall'Archivario _Vincenti_, e venuto a
morte a' 26 d'aprile del 1666 in età di 67 anni, immemore della patria
e de' suoi, lasciò erede di tutti i suoi beni, che consistevano in
contanti ed in una buona libreria, i Padri Scalzi di S. Teresa sopra i
Regj Studj, per ambizione che gli rizzassero una statua di marmo, come
fecero nella lor chiesa.


§. I. _L'Avvocazione in Napoli si vide a questi tempi in maggior
splendore e dignità._

Per le cagioni ne' precedenti libri accennate, essendosi questa Città
per la sua ampiezza e magnificenza e per lo gran numero di suoi Nobili
e Cittadini resa uguale alle maggiori Città del Mondo, e divenuta Capo
e Metropoli d'un non men grande, che nobilissimo Regno, pieno d'un
maraviglioso numero di Baroni, di Principi, di Duchi, di Marchesi e
di Conti; e tenendovi ancora in quello interessi considerabili molti
altri Principi Sovrani, e le Corone istesse d'Europa, come il Re di
Polonia, Savoja, Neomburgh, Toscana, Modena, Parma, ed altri; e dove
tutte le cause si giudicano dal _Consiglio di S. Chiara_, maggiore
anche, per questo riguardo, del Parlamento di Parigi, che non tiene
alcuna autorità sopra gli altri Parlamenti del Regno di Francia:
l'Avvocazione presso di noi crebbe in somma stima, e riputazione.
E maggiore si vide a questi tempi, quando per le tante rivoluzioni,
calamità e disordini accaduti, fu veduto il Regno tutto pieno di liti,
e si suscitarono cause di Stati grandissimi e d'eredità opulentissime;
onde gli Avvocati crebbero assai più di stima per lo bisogno, che se
n'avea nella difesa delle cause, nel consigliare i loro testamenti, i
contratti, e di regolare le loro case, dipendendo da' loro consigli le
facoltà, non men dei signori, che de' privati, ed anche de' principi
sovrani, per gl'interessi che vi tengono. Quindi grandemente si
offesero quando nel 1629 il Duca d'Alcalà Vicerè voleva obbligargli ad
esporsi ad esame, e si risolsero concordemente d'astenersi più tosto da
esercizio cotanto nobile, che sottoporsi ad una tal vergognosa censura.
_Antonio Caracciolo_, famoso Avvocato di que' tempi, sostenne nel
Collateral Consiglio le costoro ragioni; e di fatto, per non ricevere
quest'oltraggio, s'astennero d'andare più a' Tribunali; e Giovan
Vincenzo Macedonio, fermo nella sua deliberazione, contentossi di non
far più l'Avvocato, per non si sottomettere a questa censura. Quindi è,
che tuttavia i primi Baroni del Regno cercan d'avergli benevoli, ed in
qualunque occasione, che loro si presenta, fanno per li loro Avvocati
ciò, che non farebbero per se medesimi: trattano con loro con sommo
rispetto, nè solamente danno loro il primo luogo nelle loro carrozze,
ma frequentano le loro Case, e si sentono favoriti, qualora in concorso
d'altri sono preferiti nell'udienze.

Rilussero ancora più gli Avvocati in questi tempi, perchè pian piano
andavansi dirozzando di quella prima ruvidezza; e quando prima, per
avvezzarsi a parlar bene, il loro studio era solamente posto nelle
orazioni del _Cieco d'Adria_, essendosi nel principio di questo
secolo, cioè nel 1611 aperta in Napoli l'_Accademia degli Oziosi_
cominciavano ad avvezzarsi meglio nell'arte dell'eloquenza, con andarsi
sempre più la nostra natia favella depurando dall'antica rozzezza; e
se bene, come suole accadere in tutte le arti, in questi principj i
nostri Avvocati non acquistarono gran fama di Oratori, e pure, secondo
la testimonianza, che a noi ne rendè l'eloquentissimo _Francesco
d'Andrea_, fiorirono a' questi principj tre famosi Avvocati, insigni
per la fama d'eloquenza. _Antonio Caracciolo_, che fu poi Reggente,
era comunemente chiamato fiume d'eloquenza, essendo dotato d'una vena
naturale, ed abbondante, che accompagnata da non affettata modestia
e da una gratissima maniera di rappresentare, rapiva gli animi di
chi l'ascoltava. _Giovanni Camillo Cacace_, pur egli, come si è
detto, innalzato poi al Reggentato, non dovea niente alla natura, ma
tutto all'arte, ed essendo per natura timido, prese animo di darsi
all'Avvocazione da due orazioni, che fece nella Accademia degli
_Oziosi_ con molto plauso: onde poi anche nelle cause si premeditava
il discorso a mente con eloquenza più regolata che abbondante, ma con
maggior dottrina, ed argomenti più efficaci del Caracciolo. _Octavio
Vitagliano_ (che poco curando il Ministerio, co' denari guadagnati
coll'Avvocazione fondò la Casa de Duchi dell'Oratino) fu come un mezzo
tra il Caracciolo e Cacace: ebbe discorso vigoroso e naturale, ma non
avea nè la dolcezza del primo, nè tutta la dottrina del secondo.

Ne' tempi che seguirono, narra l'istesso _Francesco d'Andrea_, che
essendo egli giovane, ebbe occasione d'ammirare _D. Diego Moles_ padre
del Reggente Duca di Parete: avea egli nobile aspetto, gratissima
voce, e si spiegava nobilissimamente, e senz'affettazione: ardeva dove
bisognava: le parole erano anche scelte e proprie; ed in somma, egli
dice, che non sapeva altro, che desiderarvi: _Pietro Caravita_, pur
famoso Avvocato di questi tempi, ch'era emolo del Moles e lo superava
in dottrina, ma di lunga inferiore nell'arte del dire, non d'altro il
censurava, che dell'impararsi a mente il discorso: ciò che se era vero,
tanto maggiore era il suo artificio, poichè non se gli conosceva, e
pareva, che le parole se gli suggerissero nel medesimo tempo che le
diceva. Comunemente però era stimato più facondo _Gerolamo di Filippo_,
Fiscal di Camera e poi Reggente, il quale aveva una affluenza naturale,
accompagnata ancora dall'arte, ed una maniera più dolce ed affabile;
ma secondo il giudicio, che ne dà l'_Andrea_, poco imprimeva, ed era
affatto privo di que' requisiti tanto necessarj ad un perfetto Oratore:
il suo discorso era più pieno di parole, che di cose, tal che il Conte
di Pennaranda soleva di lui dire, mentr'era Avvocato Fiscale in Camera,
che avea molti pampani, e poca uva; onde di forza, e di efficacia nel
dire non poteva paragonarsi col Moles.

Fiorirono ancora a questi tempi _Giulio Caracciolo_, di cui
l'Andrea dice, che avea anche un discorso aggiustato, tal che pareva
premeditato; non avea però molta facondia, ma suppliva col decoro e
con certo contegno di cavaliere; e per la qualità della nascita prese
gran nome tra la Nobiltà; ma morto quasi nel principio della sua
carriera, fu più famoso per quel che si stimava che avrebbe fatto, che
per quel che fece. _Bartolommeo di Franco_ acquistò pur nome di grande
Avvocato, ma solo nelle cause de' rei avea una maniera sua propria,
colla quale parlava le tre e le quattro ore, senza però dispiacere;
fu più famoso però per le minuzie, che osservava ne' processi, e
per li difetti, che apparivano intorno l'ordine giudiciario, che per
rappresentar bene la giustizia, che il più delle volte non avea; tal
che il _Consigliere Arias de Mesa_ soleva dire, ch'egli avrebbegli
data una cattedra primaria de _Ordine Judiciorum_ con duemila ducati
di salario l'anno per istruire gli Avvocati e Proccuratori; ma gli
avrebbe impedito l'uso dell'Avvocazione. _Francesco Maria Prato_ credea
essere un grand'Oratore; ma a giudicio dell'_Andrea_ e di tutti gli
altri, non potea riporsi nè anche tra' mediocri: avea egli una maniera
affettata, ed un accento Leccese, che più tosto lo rendea ridicolo,
benchè non gli mancasse dottrina, per quant'era necessario all'uso
del Foro e dell'orare. Si pregiava di parlar Spagnuolo; onde due cause
celebri, che si trattarono in Collaterale in presenza del Vicerè Duca
d'Arcos, le parlò in lingua spagnuola: ciò che non s'era fatto da
nessun altro prima, com'egli se ne pregia in uno de' suoi volumacci
dati alle stampe; ma le perdè tutte due, ed una fu quella della
Congregazione di S. Ivone, che la guadagnò l'_Andrea_, essendo ancor
giovane d'età di 22 anni, contro i PP. Gesuiti, che volevano aprirne
un'altra del medesimo istituto nella Casa professa, della quale il
Reggente Capecelatro nel suo secondo tomo ne porta la decisione. _Paolo
Malangone_ pur presso il volgo s'acquistò fama d'un grand Oratore, per
un suo discorsetto pulitino rappresentato con grata e piacevole voce,
ma nudo affatto d'ogni dottrina, anche della più comunale; onde non si
ravvisava in lui cosa, che non fosse sotto assai la mediocrità, non
consistendo l'eloquenza nelle sole parole, ma assai più nel vigore
e nella robustezza delle ragioni. _Fabio Crivelli_ avea pure una
vena abbondantissima, sicchè parlava le tre e le quattro ore senza
stancarsi, e per far pompa della sua abilità solea ripetere tutto ciò
che s'era detto dall'Avversario e spesso con maggior giro di parole,
per poi doverlo confutare.

Più di costoro rilusse in questi medesimi tempi il famoso _Giuseppe
di Rosa_, poi Consigliere, celebre per le sue dotte, e profonde opere
legali, che ci lasciò. Alla molta sua dottrina accoppiò ancora il
pregio di spiegar senza pampani e con proprietà di parole i suoi sensi;
ma perchè gli spiegava in maniera, che pareva che più tosto insegnasse,
che orasse, perciò comunemente fu reputato più dotto, ch'eloquente.

Ma sopra tutti costoro s'innalzò poi a questi medesimi tempi
l'incomparabile _Francesco d'Andrea_, lume maggiore della gloria de'
nostri Tribunali, al qual dobbiamo non solo d'aver egli restituita in
quelli la vera arte d'orare; ma molto più, per avere nel nostro Foro
introdotta l'erudizione, ed il disputar gli articoli legali secondo i
veri principj della Giurisprudenza, e secondo l'interpetrazione de'
più eruditi Giureconsulti, de' quali presso noi rara era la fama ed
il nome, applicando la loro dottrina all'uso del Foro, ed alle nostre
controversie forensi. Egli fu il primo, che facesse risuonare nelle
Ruote del nostro S. C. il nome di _Cujaccio_, e degli altri Eruditi.
Egli tolse ancora la barbarie nello scrivere; ed egli fu il primo,
che cominciasse a dettare le _allegazioni_ in culto stile, imitando
i più purgati Scrittori, ed a disputar gli articoli, non già secondo
lo vulgari maniere, ma da limpidissimi fonti delle leggi derivando
le conclusioni, le adattava al caso, valendosi delle interpetrazioni
di Cujaccio, e degli altri eruditi, non discompagnandole dalle comuni
tradizioni de' Dottori, come si vede dalle sue prime allegazioni, che
tra l'opere del Moccia[41], e del Consigliere Staibano[42], furono
impresse.

Dal suo esempio furon poi mossi gli altri a trattar le cose istesse
del nostro Foro con più pulitezza e candore: onde _Marcello Marciano_
nipote del primo Marcello, e figliuolo del Reggente Gianfrancesco,
che fu dal Conte di Castrillo fatto Giudice di Vicaria e dal Conte
di Pennaranda creato Consigliere, e dal medesimo passato poi in
Camera Avvocato Fiscale, donde nel principio del governo di D. Pietro
Antonio d'Aragona andò Reggente in Ispagna: nel tempo che fu Fiscale
distese alcune allegazioni, intitolate _Exercitationes Fiscales_,
con molta pulitezza e candore; e nell'ozio, che ebbe nella Corte di
Madrid, perfezionò alcuni altri trattati legali, come quello _De
Incendiariis_, dove vengono, secondo il metodo tenuto dagli altri
eruditi, interpetrate molte difficili, ed oscure leggi, che su questa
materia s'adducono: siccome fece nell'altro intitolato _De Indiciis
delictorum_; ma in nessun altro mostrò quanto sopra questi studj si
fosse avanzato, quanto in quello, che intitolò de _Prejudiciis_, che
dalla morte prevenuto non potè condurlo a fine, nel quale superò
_Giacomo Revardo_, che prima di lui avea trattato del medesimo
soggetto. Ma non avendo avuto egli il piacere di veder in sua vita
perfezionate queste sue opere, essendo a' 28 ottobre 1670 morto in
Ispagna, furono da poi date alla luce in Napoli da Gianfrancesco
Marciano suo figliuolo nell'anno 1680, nel qual tempo il Consigliere
_Gennaro d'Andrea_, poi Reggente, (il quale seguitando l'esempio del
suo gran fratello _Francesco_, sopra molti si distinse ancora nello
scrivere, per l'eleganza e pulitezza dello stile, come lo dimostrano le
sue allegazioni) volle a quest'edizione far precedere una sua epistola
al Lettore, nella quale commendando la dottrina e l'eleganza dello
stile, non ebbe difficoltà di dire, che se morte non avesse interrotto
il bel disegno, ed avesse dato tempo all'Autore di por l'ultima mano
a queste, ed altre insigni sue opere, che meditava, Napoli non avrebbe
che invidiare a' più famosi Giureconsulti dell'altre città d'Europa. nè
la Savoja si compiacerebbe tanto del suo Fabro, nè la Francia del suo
cotanto rinomato Cujaccio[43].

Nè noi a questo insigne Giureconsulto _Francesco d'Andrea_ dobbiamo
solamente d'aver egli ne' nostri _Tribunali_ introdotta l'erudizione,
l'arte dell'orare ed il vero modo di disputar gli articoli legali e
dello scrivere pulitamente, ma anche molto gli devono i Cattedratici,
per aver egli pure nella nostra _Università degli Studj_ proccurato,
che la Giurisprudenza e l'altre scienze s'insegnassero con miglior
metodo e dottrina di quello, che s'era praticato prima, secondo l'uso
comunale e senz'alcuna erudizione. _Alessandro Turamino_, di cui si è
favellato ne' precedenti libri avea lasciato un suo discepolo, che lo
superò intorno al modo d'insegnare e d'interpretar le leggi: costui
fu _Giannandrea di Paolo_, uomo eruditissimo ed oratore eccellente,
da cui l'_Andrea_ che gli fu discepolo si pregiava aver appresa la
vera maniera d'intender le leggi per li loro principj, e di saper
distinguere le vere opinioni de' nostri Dottori dalle false. Fin che
visse, dice egli, nelli nostri studj fiorì il vero modo di insegnare
e d'interpretare le leggi. _Emmanuel Roderigo Navarro_ fiorì pure a
questi tempi nella nostra Università occupando la Cattedra Primaria
Vespertina di legge civile; e dopo lui, il cotanto famoso presso di
noi _Giulio Capone_. Ma per contrario _Giandomenico Coscia_ Lettor
Calabrese[44] che ne' medesimi tempi s'avea presso il volgo acquistata
gran fama, e teneva un infinito numero di scolari, reggendo la Cattedra
primaria mattutina de' Canoni, e ch'ebbe gran contese di precedenza col
Navarro, avea avvilito il mestiere: costui goffo al segno maggiore,
e privo d'ogni erudizione, insegnava scipitamente la legge a' nostri
giovani. Tal che, morto Giannandrea di Paolo, era presso noi quasi
ch'estinto il vero modo d'insegnare.

Ma restituiti da poi, come si disse, i pubblici Studj dal Conte
d'Onnatte, il nostro _Andrea_ proccurò, che ritrovandosi in quelli
occupar la Cattedra delle _Istituzioni D. Giambatista Cacace_[45], il
quale per essere stato discepolo di Giannandrea di Paolo, insegnava
quei primi elementi con maniera diversa dagli altri, con metodo
ed erudizione, e secondo il modo tenuto dagli autori eruditi; ed
insegnando parimente costui in questa Università la Rettorica con molto
profitto degli ascoltatori, per essere versato nella lingua latina, e
non meno in verso, che in prosa: proccurò l'_Andrea_ per l'opinione,
che a questi tempi s'avea acquistata, di accreditarlo maggiormente, e
predicar il suo valore, e mandovvi da lui ad apprender le Istituzioni
e la Rettorica _Gennaro_ suo fratello, dal cui esempio mossi gli
altri, fur poste in piedi due Cattedre ne' nostri Studj, quella delle
Istituzioni e della Rettorica, concorrendovi gran numero di scolari ad
apprenderle.

Parimente egli rimise in questa Università la cattedra di Matematica,
e quel che fu più, proccurò, che l'occupasse _Tommaso Cornelio_ famoso
Filosofo e Medico di que' tempi, il quale insegnandola secondo il
metodo tenuto da' migliori e più valenti Matematici, fece sì, che
unita la sua opera a quella di _M. Aurelio Severino_, ancor egli famoso
Filosofo e Medico di questi tempi, e Lettore primario de' nostri Studj
(delle cui opere il Nicodemo[46] tessè lunghi cataloghi), presso di noi
pian piano cominciasser i nostri giovani ad aver buon gusto delle buone
lettere, e della Filosofia, e della Medicina, e cominciassero a deporre
gli antichi pregiudicj delle Scuole.

Nè contento questo insigne Giureconsulto di tutto ciò, per l'amicizia
ch'e' si proccurò di que' pochi veri letterati, che fiorivano a'
suoi tempi, d'_Ottavio di Felice_, vecchio assai erudito, e che avea
consumata quasi tutta la sua vita nello studio della lingua greca e
della morale d'Aristotele: di _D. Camillo Colonna_, uomo eruditissimo,
di sublime intendimento, e gran Filosofo: del cotanto appresso noi
rinomato _Camillo Pellegrino_, e d'alcuni pochi altri: avea egli
assai più distese queste cognizioni, e proccurato, per mezzo della
sua eloquenza, diffonderle in altri; ed essendo a questi tempi, come
si è detto, opportunamente venuto in Napoli _Tommaso Cornelio_, a
cui Napoli deve tutto ciò, che ora si sa di più verisimile nella
Filosofia e nella Medicina, l'_Andrea_ fu il primo che abbracciasse
quella maniera da colui proposta di filosofare, ed il _Cornelio_ per
mezzo suo fece venire in Napoli l'opere di _Renato delle Carte_, di
cui sino a quel tempo n'era stato presso noi incognito il nome; tal
ch'essendosi restituita nel medesimo tempo l'_Accademia degli Oziosi_
sotto il Governo del Duca di San Giovanni, dov'esercitavansi gli
Accademici in recitarvi varie lezioni, egli fra l'altre ne recitò due,
che per la novità diede molto che dire, nell'una delle quali dimostrò
su quali deboli fondamenti s'appoggiasse la volgar Filosofia delle
Scuole, e nell'altra quanto dovesse per conseguenza esser preferita
la novella maniera di filosofare. E quantunque essendo poc'anni da
poi soppravvenuto il contagio, bisognasse tralasciare tutti questi
studj, nulladimanco quello poi cessato, e restituite le cose allo stato
primiero, si ripigliaron da lui con maggior fervore e con maggior
successo: poichè cresciuto assai più in opinione ed autorità, ebbe
molti, che lo seguirono, tanto che poi, col correr degli anni, si
videro presso noi introdotte e stabilite le buone lettere in tutte
le discipline, nella maniera, che sarà narrata ne' seguenti libri di
quest'Istoria.



CAPITOLO V.

_Politia delle nostre Chiese di questi tempi, insino al Regno di CARLO
II._


Ne' Regni di Filippo III e IV siccome si è potuto osservare da'
precedenti libri, si regolavano presso noi gli Ecclesiastici affari,
secondo le varie mutazioni delle Corti. I Pontefici Romani pur troppo
intrigati negl'interessi de' Principi, dando ora timore, ora gelosia,
costringevan quelli ad usar tutti i mezzi perchè pendessero dal lor
partito. Si erano ancora intrigati a maneggiar essi le paci tra'
Principi guerreggianti, riputando esser proprio lor ufficio, come
comuni Padri e Pastori di ridurgli a concordia: quindi spedivano
Nunzj e Legati per trattarle e s'arrogavano grand'autorità nelle
composizioni. Ma il Cardinal Mazzarini ruppe ogni velo, e ad onta del
Pontefice Alessandro VII non volle accettare la di lui mediazione nella
pace de' Pirenei, nella quale non permise, che altri, ch'egli, e D.
Luigi di Haro v'avessero parte: ciò, che sensibilmente trafisse l'animo
di quel Pontefice e della sua Corte; essendosi da quest'esempio poi
veduto, che nell'altre paci seguite in appresso tra' Principi d'Europa,
le meno considerate furono le mediazioni ed interposizioni de' Nunzj
della Corte Romana.

Secondo la buona corrispondenza, ovver poca soddisfazione, che passava
tra la Corte di Spagna con quella di Roma, si regolavano da' nostri
Vicerè le contese giurisdizionali. Non si soffrivan torti, quando erano
in urta e si resisteva con più vigore e fortezza all'intraprese. Quando
per la poca soddisfazione, che i Ministri Spagnuoli ricevevano dalla
Corte di Roma furono spediti da Madrid il Vescovo di Cordova, e D.
Giovanni Chiumazzero al Pontefice Urbano VIII con segrete istruzioni di
minacciargli la convocazione d'un nuovo Concilio, affinchè togliesse
i molti aggravj, che s'inferivano ne' Regni di Spagna dalla Corte
di Roma per le pensioni che imponeva a favor degli stranieri e per
l'eccessiva quantità delle medesime, anche sopra i beneficj curati: per
le Coadjutorie con futura successione: per le resignazioni de' beneficj
curati: per le dispense ed altre provvisioni, che venivano da Roma, e
per le gravi spese, che s'estorquevan per la loro spedizione: per le
reservazioni de' beneficj: per gli spogli crudeli, che si praticavano
nella morte dei Prelati: per le vacanze de' Vescovadi e per le altre
intollerabili gravezze, ch'esercitava in que' Regni la Nunziatura
di Spagna[47]: non minori gravezze soffriva il nostro Regno dalla
Nunziatura di Napoli.

Deludendosi le concordie passate co' Capitoli e Cleri di tutte le
Chiese Cattedrali, ed interpetrandole a lor modo, le tasse s'esigevan
con molto rigore ed ingiustizia; poichè provvisti dalla Dataria molti
di quei benefici, ch'erano stati compresi nella tassa, in persona di
Cardinali e d'altri Prelati di quella Corte, riputati immuni da tutte
le gravezze, venivano a sostener tutto il peso i rimanenti beneficj.
Continuava pure la Camera Appostolica a far crudeli spogli nelle
morti de' Vescovi, Abati e degli altri Beneficiati non inclusi nella
convenzione, con tanta asprezza de' Commessarj, che in tempo della loro
infermità, e quando aveano maggior bisogno di conforto e d'assistenza,
si vedevano co' proprj occhi saccheggiate le loro stanze e spogliati
di tutto ciò che tenevano. Negli spogli de' Vescovadi, Badie ed altri
Beneficj non compresi nella concordia, si facevan lecito i Nunzj di
procedere contro i laici, imputati d'aver occupati beni appartenenti
alle Chiese o Beneficj vacanti, ed alla Camera Appostolica per cagion
di tali spogli, con propria autorità sequestrandogli per mezzo de' suoi
Commessarj e di scomunicare i possessori e tutti coloro, che in ciò
loro avessero dato impedimento.

Erano ancora insoffribili le gravi estorsioni, che si facevano nel lor
Tribunale, esigendo da' litiganti e da tutti coloro, che aveano di
essi bisogno, sotto pretesto di diritti e sportule, eccessive somme
più di quello, che si pratica negli altri Tribunali Regj della città
e del Regno; e la cagione dell'eccesso veniva, perchè la Corte di Roma
vuol tener molti Ministri in quel Tribunale, ma non vuol pagargli del
proprio con assegnamento di provvisione, o soldo, come si pratica negli
altri Tribunali; ma vuol che se lo procaccino essi dagli emolumenti
de' diritti, o propine; onde avveniva, che i poveri litiganti erano
escoriati insino all'ossa dalla rapacità ed ingordigia de' Curiali.
Non minore era il disordine ed il pregiudicio, che si apportava
alla Regal Giurisdizione per l'infinito numero de' laici, che dalla
città e da tutte le Diocesi del Regno, pretendevansi sottrarre dalla
giurisdizione del Re con farsi ascrivere, per mezzo di loro patenti,
al servigio di questo Tribunale, chi per Attuarj, chi per Cursori,
onde si commettevano infinite frodi, e n'esenzionavano moltissimi,
non per bisogno che n'avessero, ma per maggior smaltimento delle loro
patenti, che vendevano a carissimo prezzo, persuadendo, che fossero di
tal virtù ed efficacia, che gli rendessero esenti dal Foro laicale, e
che per ciò dovessero esser franchi ed immuni da qualunque pagamento
così Regio, come delle Università. Pretendevano ancora i Nunzj, che
tutti della lor famiglia così armata, come domestica, e del lor Palazzo
fossero immuni ed esenti dalla Regal Giurisdizione; onde nacquero per
ciò fra noi disordini gravissimi, e sovente i nostri Vicerè ebbero
a contrastar per questa immunità pretesa da' lor familiari, non pure
con gli Arcivescovi, ma eziandio coi Nunzj, i quali, anche per delitti
gravissimi, prendevan protezione de' ribaldi, sol perchè erano della
famiglia del lor palazzo.

Fecero valere i nostri Vicerè i Regali diritti con molta fortezza e
vigore per tutto il tempo, che durarono le male soddisfazioni d'ambedue
le Corti, e mentre durò la missione del Vescovo di Cordova e del
Chiumazzero; ma il Pontefice Urbano punendo, come si disse, l'affare in
trattati, che faceva prolongare con varie difficoltà, profittossi del
tempo; poichè gli Spagnuoli, sempre più percossi da maggiori sciagure,
furono costituiti in istato di non doversi maggiormente disgustare la
Corte di Roma; onde riuscita vana la lor missione, rimasero, non pure
in Ispagna, ma nel nostro Regno le gravezze, che dal Tribunal della
Nunziatura erano a noi cumulate; e gli Ecclesiastici più arditi, che
mai, non tralasciavano di tentar delle nuove intraprese supra la Regal
Giurisdizione.

Per lo gran numero delle Chiese, e per li frequenti delitti, che
succedevano nella città e nel Regno, fu riputato di doversi trovar
compenso agl'intollerabili abusi della pretesa immunità delle Chiese
cotanto dagli Ecclesiastici ingrandita, e della quale si mostravano
ora più che mai forti difensori, nell'istesso tempo, che conoscevano
la principal cagione di tanti delitti esser l'immunità delle Chiese
così stranamente estesa, che rendeva più baldanzosi i ribaldi a
commettergli. Si pensò spedir in Roma il Consigliere Antonio di Gaeta
per ottener dal Pontefice qualche riforma alla Bolla di Gregorio; ma,
come si è veduto, riuscì pure questa missione inutile e senz'effetto,
profittandosi la Corte di Roma delle nostre sciagure, e della
debolezza, nella quale vedeva allora essersi ridotta la Corte di
Spagna.


§. I. _Monaci e beni temporali._

Niun altro più illustre e memorando esempio, fa più chiaramente
conoscere, che le ricchezze delle Chiese, e de' Monaci ricevono tanto
maggior incremento, quanto più crescono le sciagure e le calamità
de' popoli, quanto ciò, che si vide accadere nel nostro Regno in
tempo delle maggiori sue ruine e miserie; poichè a tali tempi,
più che in altri, i miseri mortali ricorrendo a Dio ed a' Santi, o
ringraziandoli del mali, o pregandogli che maggiori loro non avvengano,
sono più solleciti, che mai di far parte de' proprj averi a' loro
Tempj e Sacerdoti. Non videro certamente; i nostri maggiori tempi
più calamitosi di quelli, che corsero dal Regno di Filippo II insino
alla morte di Filippo IV. Soffrirono, o guerre crudeli, o (quel ch'è
peggiore) gravi timori di quelle: incendj del Vesuvio, tremuoti,
scorrerie di Banditi, invasioni di Turchi, sedizioni, tumulti,
carestie, oppressioni, gravezze intollerabili, pestilenze crudelissime,
e tanti altri mali che inorridiscono gli animi sentendoli. E pure in
mezzo a tante sciagure, si videro moltiplicare le chiese e' monasteri
di Religioni già stabilite, introdotti nuovi Ordini, farsi nuovi e più
doviziosi acquisti, ed in fine crescer tanto i loro averi, che poco lor
resta dell'impresa di tirar a se quel poco e misero avanzo, ch'è rimaso
in poter de' Secolari.

Furono introdotti in questo secolo XVII nuovi Ordini di Religioni. La
Congregazione de' Padri _Pii Operarj_, ebbe fra noi ricetto nell'entrar
di questo secolo. D. Carlo Caraffa, Cavalier napoletano e sacerdote,
gli diede principio nell'anno 1607 nella chiesa di S. Maria de' Monti
posta nel Borgo di S. Antonio di questa città. Ma di poi, il Cardinal
Dezio Caraffa Arcivescovo, con assenso del Pontefice Paolo V, concedè
loro, nel 1618, la chiesa di S. Giorgio Maggiore, antica parrocchia
di Napoli, resa poi Collegiata, e servita un tempo da sette Domadarj
prebendati, e da altrettanti Sacerdoti, fra quali si connumeravano
ancora l'Archiprimicerio e 'l Primicerio[48]. Ma minacciando a questi
tempi ruina, nè avendo modo di repararla per la molta spesa che vi
voleva, parve espediente di concederla a' Padri suddetti. Fu approvata
tal congregazione da Gregorio XV, per Breve Spedito in Roma a' 2
d'aprile del 1621, e nel seguente anno 1622 ottenne dal medesimo
l'amministrazione di tutti i sagramenti, ed Urbano VIII la confermò
poi nell'anno 1635. Fecero presso noi col correr degli anni non piccoli
progressi, avendo in Napoli ed altrove fondate altre lor case e fatti
non dispregevoli acquisti di beni e di poderi.

Poco da poi nell'anno 1609 vennero a noi i _Cherici Regolari Barnabiti
di S. Paolo Decollato_. Ci vennero da Milano, dove nell'anno 1526
furono istituiti da Giacomo Antonio Moriggia e Bartolommeo Ferrario
Milanesi, e Francesco Maria Zaccaria Cremonese, mossi dalle prediche di
Serafino Firmano Canonico regolare. Furon chiamati _Cherici Regolari
di S. Paolo_, perché fra gli altri loro istituti era di predicare su
l'epistole di S. Paolo; ed i loro regolamenti furon da poi confermati
da più Brevi Appostolici nell'anno 1528, e nel 1533. S. Carlo Borrommeo
Arcivescovo di Milano li favorì pure, e concedè loro in Milano la
Chiesa di S. Barnaba, donde presero anche il nome di Barnabiti. Sparsi
poi per molte città di Lombardia e d'Italia, capitarono finalmente in
Napoli in quest'anno 1609 dove si diede loro ricetto nella chiesa di S.
Maria di Portanova, detta in _Cosmodin_, anch'ella antica, ed una delle
quattro principali parrocchie di questa città[49].

Furono pure in questo secolo, nell'anno 1610, istituite da _S.
Francesco di Sales_, Vescovo di Ginevra, le Monache della _Visitazione_
della Vergine, per visitare i poveri e gl'infermi. Ridotte poi a
clausura, eran per ciò tenute ricevere quelle donzelle infermicce, che
non sarebbero state ammesse in altri monasteri. Queste vennero a noi
più tardi, e sopra la Chiesa di S. Maria della Pazienza Cesarea v'han
fondato un ben ampio e comodo monastero.

S'introdussero ancora altre riforme d'antiche Religioni. I Riformati
di S. Bernardo fondarono una magnifica Chiesa fuori la Porta di S.
Gennaro, sotto il nome di S. Carlo. I Riformati di S. Francesco,
soccorsi da varj Signori napoletani e spagnuoli, fondarono in
amenissimo sito un ben ampio Monastero, con ben architettata Chiesa
sotto il nome di _S. Maria degli Angeli_. I Riformati Carmelitani
Scalzi ne fabbricarono un altro nel Borgo di Chiaja, sovvenuti dal
Conte di Pennaranda, che somministrò alla fabbrica della Chiesa tremila
scudi, e che nell'apertura che se ne fece agli 11 di marzo dell'anno
1664, volle egli intervenire con l'assistenza de' Regj Ministri,
tenendovi Cappella Regale. Non meno che i Conti di Lemos coi Gesuiti
fu questo Vicerè profuso co' _Teresiani_. Per la sua pietà, non solo
contribuì alle spese del Convento di questi Padri, ma anche sovvenne le
Monache _Teresiane Scalze_ per l'ingrandimento del lor Monastero di S.
Giuseppe in Pontecorvo.

I _Gesuiti_, dall'altra parte, accrebbero pure a questi tempi
maravigliosamente i loro acquisti. Erano i direttori, non men delle
coscienze, che delle case del Signori e de' popolani. Per mezzo delle
loro Congregazioni, che d'ogni qualità di persone e di mestiere
istituirono ne' loro Collegi e Case professe, tirarono a se la
devozione e l'ossequio di ogni sorta di gente. S'intrigavano in tutti
i loro affari, regolandoli (per l'opinione che s'avean acquistata di
uomini da bene e prudenti) a loro arbitrio e volere. Insino le liti
più gravi e di momento, per via d'amicabili composizioni eran rimesse
al loro giudicamento; ed il Reggente Marinis nelle sue _Resoluzioni_,
rapporta più arbitramenti di Gesuiti fatti in cause gravissime e di
somma importanza. Niun Vicerè, quanto il Conte di Pennaranda, ebbe
tanta e sì grande inclinazione alle fabbriche o ristoramenti delle
Chiese: non vi fu quasi luogo sagro, che non ricevesse da lui per ciò
larghe e copiose limosine. Egli soccorse i Carmelitani nel ristoramento
che fecero, e separazione che ottennero del lor Monastero col Torrione
del Carmine, perchè non fossero inquietati dalle soldatesche spagnuole
che ivi dimoravano. Egli contribuì abbondanti soccorsi per ridurre
a fine la fabbrica del _Romitorio di Suor Orsola_ e della Chiesa di
_S. Maria del Pianto_, dove furono seppelliti i cadaveri di coloro
che rimaser dalla contagione estinti. Egli soccorse la Chiesa di S.
Niccolò al Molo. Ed essendosi in tempo del suo Governo, per le note
contese insorte fra Domenicani e Francescani intorno all'_Immacolata
Concezione_ (donde per quietar questi romori, fu di mestieri a più Papi
stabilire per ciò più Costituzioni e Bolle) dagli Spagnuoli, ch'erano
del partito de' Francescani, molto più esaltata la divozione di Nostra
Signora sotto questo titolo, egli avidamente ne prese l'opportunità,
e fece con molta pompa e solennità in tutte le Chiese sotto questo
nome celebrar feste magnifiche; onde s'accrebbe presso i popoli tal
divozione, in maniera che non vi fu Chiesa di questo titolo, che non
ricevesse abbondanti e profuse limosine dalla pietà de' devoti.

L'esemplo del Capo mosse e Nobili e Popolari a far lo stesso. Molte
altre Chiese per ciò o di nuovo si fondarono, ovvero ruinate si
ristabilirono. S'aggiunse ancora, che avendo la crudel pestilenza
lasciata quasi che vota, la città ed il regno d'abitatori, molti non
avendo a chi lasciare i loro patrimonj, gli lasciavano alle chiese ed
a monaci, onde vie più crebbero le loro ricchezze. Altri crucciati co'
loro congiunti, li quali mal seppero coltivarsi la loro benevolenza,
per odio e per far ad essi dispetto, lasciavano i loro averi alle
chiese. Vi contribuì non poco eziandio la dottrina de' monaci stessi
disseminata e ben radicata a questi tempi, che coloro, i quali aveano
rubato in vita, con lasciar in morte i loro beni alle chiese, saldavan
con Dio ogni conto; ond'è, che alcuni riflessivi _Viaggianti_, che
stupidi ammirano l'infinito numero delle nostro Chiese e Conventi,
e le loro ampie ricchezze, in vece da ciò prenderne argomento di
pietà, maggiormente si confermano nel mal concetto, ch'essi hanno
de' Napoletani, d'esser _gente a rubar sin dalla cuna avvezza_; e che
per ciò siano in morte cotanto profusi in lasciare alle Chiese morte,
perchè in vita molto rubarono alle Chiese vive[50].

Per queste cagioni si multiplicarono presso noi le Chiese ed i
Monasteri, in guisa, che da ora innanzi non si può più di loro
tener minuto ed esatto conto. _Pietro di Stefano_ credea aver fatto
un compiuto novero delle Chiese della sola città di Napoli, quando
nell'anno 1560 diede fuori il suo volume _della descrizione de' luoghi
Sacri della Città di Napoli_. Ma non passarono sessant'anni, che
_Cesare d'Engenio_, per le tante altre nuovamente costrutte, fu spinto
a compilarne un altro, che diede a luce in Napoli nell'anno 1624 sotto
il titolo di _Napoli Sacra_. Ma che perciò? non passarono trent'altri
anni, che bisognò a _Carlo de Lellis_ stamparne nell'anno 1654 un terzo
volume col titolo: _Aggiunto alla Napoli Sacra, ovvero supplemento_.
E ciò nemmeno ha bastato, perchè ora sono vie più cresciute, sicchè
possono somministrare sufficiente materia di tesserne un quarto volume.

Conferirono eziandio in questi tempi agli acquisti delle chiese le
stravaganti dottrine de' nostri Dottori, li quali mal adattando le
regole antiche a tempi presenti, stravolgendo i sensi delle leggi non
ben da essi capite, e niente curando le circostanze de' tempi e la
mutazione dello stato delle cose, spinti da imprudente e mal'intesa
pietà, favorivano colle loro penne a tutto potere tali acquisti, ed
eran tutti inclinati in ampliarne i modi e le cagioni, con detrimento
notabile della società civile, e pregiudizio gravissimo del dominio,
che ciascun tiene sopra la sua roba. Insegnavan essi, come per
indubitato, che i padroni delle case alle chiese vicine, potevan
costringersi lor mal grado a venderle alle chiese, se servissero
per loro ampliazione: e di vantaggio, che nel prezzo non doveste
riguardarsi l'incomodo, o l'affezione del forzato venditore, ma ciò
che puramente la cosa sarebbe da' periti valutata. E questo favore
non già solo era conceduto alle chiese, ma l'estesero agli atrj,
a' portici, alle sacrestie, a' cimiterj, a' chiostri, alle scale, a
dormitorj, insino alle cucine, ed a' giardini de' monasterj. Si stese
parimente, anche se fra la chiesa e la casa vicina vi frammezzasse
una pubblica strada e quel che parrà più strano, sino per far una
gran piazza, ed un largo campo avanti l'edificio. Nella famosa lite,
che il Cardinal Filomarino nostro Arcivescovo mosse alle Monache del
Monastero di D. Regina, per cui _Giulio Capone_[51] che difendeva
il Prelato, ne compilò due allegazioni, si pretese dall'Arcivescovo,
che dovesser le monache forzarsi a vendergli alcune case, che tenevan
davanti al suo palazzo, ancorchè vi frammezzasse una pubblica strada,
intendendo abbatterle per slargar ivi un gran campo, perchè quello,
che era, non era così ampio sicchè con facilità potessero entrarvi le
_Carrozze a sei_. Il _Cardinal di Luca_, ch'essendo allora avvocato
in Roma, prese la difesa delle monache, stupiva della pretensione, e
con sua allegazione, rapportata dal medesimo Capone, confutò quanto
da costui erasi allegato in contrario. Ma che prò? fu deciso a favor
dell'Arcivescovo, furon le case abbattute ed adeguate al suolo, e la
piazza per ciò ampiamente allargata, sicchè ora le _carrozze a sei_
possono avervi in quel palagio comoda e facile entrata ed uscita.

Quindi è avvenuto, che i Conventi, ancorchè nei loro principj assai
piccioli, siansi veduti poi occupar tutta una Contrada, dall'un lato
all'altro, finchè si giunga alla strada, che discontinui le case, e
potendosi con difficoltà trovare in Napoli strada, nella quale non
vi sia qualche convento, se non si ripara ad un così grave e ruinoso
abuso, potranno per tal mezzo i monaci a lungo andare giungere a
comprarsi l'intera città. Nè finirono qui gli acquisii delle chiese
e dei monaci; vie maggiori, a proporzion del tempo, se ne videro
appresso, insino a' dì nostri, sotto Carlo II, il regno del quale ne'
due seguenti libri saremo ora a narrare.


  FINE DEL LIBRO TRENTESIMOTTAVO.



STORIA CIVILE DEL REGNO DI NAPOLI

LIBRO TRENTESIMONONO


La morte del Re Filippo IV, il qual lasciava sotto la Reggenza
d'una donna il successore d'età così tenera, fece credere ad alcuni,
che dovesse suscitare ne' Regni di Spagna agitati dalla guerra di
Portogallo, e mal sicuri della pace con Francia, alterazioni di
gran momento; e non essendosi veduta (da poi che questi Regni furono
dominati dagli Austriaci) minorità di Re, così infante, nè Reggenza
di femmina straniera, e nel governo inesperta, non si sapeva come
il genio altiero della nazione spagnuola fosse per soffrirlo; tanto
maggiormente che _Don Giovan d'Austria,_ ancorchè amatissimo dal Re,
non essendo stato nè pur nominato nel testamento, malamente tollerava
vita privata e negletta. Si aggiungeva, che il _Consiglio di Stato_,
avvezzo a grand'autorità, si doleva aver per iscontro la _Giunta_, che
s'arrogava la principal direzion degli affari. Tuttavia, o fosse che
l'ambizion de' Grandi, mancando di forze, si sfoghi in vane querele, o
che il timor della Francia, ed il rossore di non vincer i Portoghesi,
gli contenesse a dovere, la mutazion del Regnante non cagionò romori
nè commozioni nei Regni, e molto meno in questo di Napoli, di cui il
Re, avutane in quest'anno 1666 l'investitura dal Pontefice Alessandro
VII, la cui originai Bolla si conserva nell'Archivio grande della Regia
Camera ne commise, come si disse, il governo a _D. Pietr'Antonio di
Aragona_, di cui, e degli avvenimenti accaduti in suo tempo, saremo ora
a narrare.



CAPITOLO I.

_D. PIETR'ANTONIO D'ARAGONA ributta la pretension del Pontefice
promossa per lo Baliato del Regno. Si muove nuova guerra dal Re di
Francia col pretesto della successione del Ducato del Brabante con
altri Stati della Fiandra, la qual si termina colla pace d'Aquisgrana._


Stabilita la _Reggenza_ in persona della Regina madre, e la _Giunta_
di que' Ministri disegnati dal defunto Re nel suo testamento per
lo governo de' Regni, che componevano la Monarchia di Spagna, ed
acquetatosi non meno il _Consiglio di Stato_, che i Grandi alla
disposizione fattane dal Re Filippo, non per ciò volle il Pontefice
Alessandro VII mancare di promover ora l'antica pretensione, che i
suoi predecessori ne' passati turbati tempi s'avean in parte fatto
valere in questo Reame, di doverne essi come diretti e soprani Padroni,
durante la minor età del Re, prenderne il Governo. Da' precedenti
libri di quest'istoria ciascuno avrà potuto conoscere sopra quali
deboli fondamenti ella s'appoggi; con tutto ciò alterandosi dalla
Corte di Roma l'esempio accaduto nel pontificato di Innocenzio per la
minor età dell'Imperador Federico II, la Legazione del Cardinal di
Parma nei Pontificati di Martino IV, e d'Onorio IV, nella prigionia
di Carlo d'Angiò Principe di Salerno, ed alcuni altri mal adattati
esempj, prese in questi tempi nuovamente l'ardire di pretenderlo.
Si credette allora da' più savj discernitori delle azioni di quella
Corte, che ciò si tentasse, non già con isperanza d'ottenerlo, ma per
tenere in cotal guisa sempre viva la pretensione, affinchè in migliori
occasioni, secondo che portasser le circostanze e le congiunture de'
tempi, se ne potessero, quando che sia, più fruttuosamente un tempo
valere. Non tralasciò pertanto, poco dopo l'arrivo di D. Pietro in
Napoli, di presentarsi il Nunzio in sua presenza, ed in nome del Papa,
ad esporgli le ragioni della Sede Appostolica intorno al Baliato del
Regno, e che per conseguenza s'apparteneva al Pontefice di doverlo
ora provvedere di Balio, e di Governadore, fin che durasse la minor
età di Carlo. Il Vicerè gli rispose, che non faceva mestieri che
Sua Santità s'impacciasse di questo Governo: poichè bastantemente
s'era provveduto dal Re Filippo nel suo testamento, con istabilire la
_Reggenza_ in persona del la Regina, ed era una _Giunta_ per lo Governo
di tutti i suoi Stati; ed avendogli il Nunzio lasciata una memoria di
queste pretese ragioni, il Vicerè diede incombenza al famoso _Marcello
Marciano_ il giovane, che si trovava allora Avvocato Fiscale di Camera,
che vi rispondesse.

Questi medesimi ufficj furono passati dal Nunzio di Spagna in quella
Corte, al quale furono date le medesime risposte, ed avendo pure colui
fatto spargere alcuni scritti, dove si rappresentavano le pretensioni
di Roma, furono, non men da alcuni Napoletani, che si trovavano
in Madrid, che da valenti Scrittori spagnuoli, confutati, e fatti
conoscere vani e deboli i fondamenti sopra i quali appoggiavasi la
pretensione. Ma sopra quante scritture uscirono allora così in Ispagna,
come in Napoli, la più dotta e vigorosa fu riputata quella del Fiscal
_Marciano_, che dettata in idioma latino comparve fuori sotto questo
titolo: _De Baliatu Regni Neapolitani_[52]. Così scortasi da' Romani la
vigorosa resistenza non meno della Corte di Madrid, che del Vicerè di
Napoli, posero alla pretensione per allora silenzio.

Ma non fu tale il successo della pretensione promossa, pure a questi
medesimi tempi, dal Re di Francia sopra il Ducato del Brabante con
altri Stati della Fiandra, nella qual contesa, ancorchè a riguardo
delle scritture rimanessero i nostri superiori, per sostenere la causa
migliore; furono però perditori nel successo della guerra e delle
armi, che quel Re con tal pretesto mosse in Fiandra. Per la morte del
Re Filippo fu dato ad intendere al Re di Francia, giovane allora e di
riposo impaziente, che il Ducato del Brabante con alcuni altri Stati
della Fiandra, fossero devoluti alla Regina sua moglie, come figliuola
del primo letto del Re Filippo, non ostante che avesse egli dal
secondo lasciato il Re Carlo figliuol maschio; poichè la consuetudine
di que' Paesi era, che nelle successioni, ed eredità si preferisse
la femmina del primo letto ai maschi nati del secondo. Il cupido Re
ricevè volentieri l'occasione con tal pretesto di poter slargare i
confini del suo Regno sopra quello del vicino; ma essendo allora viva
la Regina Anna Maria sua madre, non si mosse, facendo solamente palesar
la pretensione, esagerandola in alcune scritture per giusta e molto ben
stabilita. Ma morta poco da poi la Regina madre, e sciolto con la morte
il vincolo d'autorità, ch'ella sopra il figliuolo teneva, non così
tosto fece pubblicar colle stampe le pretensioni, che mosse le armi per
farsele valere. Scrisse nel di 9 maggio di quest'anno 1667 alla Regina
Reggente di Spagna una lusinghevole lettera, nella quale dolendosi,
che non essendosi voluti accettare i trattati di un amichevol accordo,
ch'egli avea proposti per la composizione di tal affare, si vedeva
costretto d'uscire alla fine di quel mese in Campagna, per proccurare
di porsi in possesso di quel, che giustamente se gli apparteneva nei
Paesi Bassi per parte della Regina sua sposa, o di altro equivalente,
ma con tutto ciò, ch'erasi da lui ordinato all'Arcivescovo d'Ambrun suo
Ambasciadore, che le presentasse una scrittura, di suo ordine fatta
stendere, nella quale si contenevano le ragioni, ove si fonda il suo
diritto; affinchè fattala esaminare, possa venire ad abbracciare i
medesimi mezzi, che le avea fatti proporre, e che anche al presente le
faceva, di aggiustar tal differenza con alcuno amichevole accordo.

Si conobbe da questa lettera, che si cercavan pretesti per invader
le Fiandre preventivamente, per non dar luogo a difesa; poichè nel
medesimo istante che si proponeva accordo, si protestava, che per
la fine del mese si sarebbe posto in campagna, e che prima che si
potesse leggere la scrittura inviata, non che esaminarsi, era risoluto
d'andare ad impossessarsi colla forza delle pretese province o del
loro equivalente, sopra gli altri Stati del Re Cattolico. Nè i fatti
discordarono dalle parole, perchè nella fin del mese, ponendosi egli
alla testa del suo esercito, giunse sulle frontiere della Fiandra, e
diviso l'esercito in più corpi, nell'istesso tempo che fece pubblicar
un libro in diverse lingue delle pretese ragioni della Regina sua
moglie, attaccò più piazze di quella provincia.

Gli Spagnuoli, dall'altra parte, esagerando cercarsi dal Re Lodovico
più tosto speziosa, che giusta cagione di muovere l'armi; ribattevano
con vigore le pretese ragioni, sostenendo con più vigorose scritture in
contrario, che le Consuetudini o gli Statuti, particolari non potevano
giovare nella successione sovrana degli Stati, in cui troppo ripugna
all'uso ed alla natura delle cose, che in pari grado, dalle femmine si
pretenda togliere a' maschi la corona di capo. Ma essi non erano così
ben forniti di arme, quanto di ragioni, per potersi difendere dalla
forza. La Regina Reggente turbata all'improvvisa intimazione, che le fu
fatta guerra, si raccommandava con lagrime a' suoi ministri; ed avendo
un dì fatto introdurre il fanciullo Re nel Consiglio, gli fece dire con
voci puerili nella propria favella, che commossero gli animi di tutti:
_Io son'innocente, assistetemi_[53].

Risoluti per tanto gli Spagnuoli ad una valida difesa, nell'istesso
tempo, che ne proccuravano i mezzi, non tralasciavano di disingannare i
popoli delle vantate ragioni de' Franzesi, facendole apparire per vane
ed ingiuste: esagerando le oppressioni, che dalla Francia si facevano
ad un Re fanciullo, e così strettamente congiunto all'invasore.

In Fiandra da un Ministro del Re Cattolico erasi data già alle stampe
nel principio di quest'anno una scrittura, nella quale si dimostrava
la vanità della pretensione, affinchè cessassero i romori del volgo,
per le voci che andavansi seminando da Franzesi circa la pretesa
successione della Regina di Francia nel Ducato del Brabante ed in
altre province; e nell'istesso tempo s'assicurassero que' popoli,
di dover essere conservati sotto l'antichissimo dominio de' loro
legittimi Principi. Ma quantunque gli argomenti in quella rapportati
(ancorchè brevi e piani) fossero conchiudenti ed efficaci, non perciò
s'arrestavano i Franzesi dal lor proponimento, anzi oltre all'armi, con
grossi volumi s'accingevano a sostener la lor causa: onde si stimò,
che la scrittura di Fiandra, se bene per que' Popoli, dove vi era
particolar notizia delle lor leggi, sarebbe stata bastante, così per
l'altre Nazioni avrebbe potuto giudicarsi scarsa; e che perciò fosse
bene di proccurare, che le ragioni del Re Carlo si comprovassero con
maggior copia, e si dimostrassero con maggior vigore.

Può ben Napoli darsi il vanto, che le migliori scritture, che
uscirono intorno a questo soggetto in difesa delle ragioni del Re di
Spagna, furono quelle dettate dall'incomparabile nostro Giureconsulto
_Francesco d'Andrea_, allora celebre e rinomato Avvocato de' nostri
Tribunali. Il Vicerè D. Pietro d'Aragona non ebbe a questi tempi
soggetto migliore di lui per appoggiargli questa difesa, e perchè con
vigore ributtasse le pretensioni de' Franzesi. Comandato pertanto
costui da D. Pietro, s'accinse all'impresa, ed a' 28 febbrajo del
medesimo anno avendo ridotta a fine una dotta scrittura in idioma
latino, con titolo: _Dissertatio de Successione Ducatus Brabantiae_,
la presentò al Vicerè, che la ricevè con molta stima, ordinandogli,
che l'avesse sottoscritta, com'egli fece in sua presenza, affinchè
dovendola inviare in Ispagna col suo nome, già per tutta Europa
diffuso e celebrato, acquistasse ella maggior peso ed autorità. Non
si stimò in questi principj di darla alle stampe, per non dar motivo
a' Franzesi, che per mezzo delle stampe non aveano ancora pubblicate
le loro scritture, di dire, che fossero stati i nostri i primi a
provocarli al cimento. Ma l'esito poi dimostrò, ch'essi intanto non
l'aveano pubblicate, per attaccarne improvvisi; poichè, come si disse,
nella fine di maggio s'ebbe avviso, che il Re di Francia era giunto
co' suoi eserciti sulle frontiere della Fiandra, e che nel medesimo
tempo avea fatto pubblicare di suo ordine un libro in diverse lingue,
delle pretese ragioni, in nome della Regina sua moglie, sulla maggior
parte di quelle province, il qual libro poco da poi comparve in Napoli
in lingua Spagnuola con questo titolo: _Tratado de los Derechos de la
Reyna Christianissima sobre varios Estados de la Monarchia de Espanna_.

Il Vicerè, tosto che l'ebbe in mano, l'inviò all'_Andrea_ con ordine
di rispondervi; ed allora fu, che apprendosegli più largo campo di
mostrare la sua gran dottrina, la perizia nell'istorie, e la sua
peregrina erudizione, diede fuori alle stampe in Italiana favella
quella cotanto rinomata _Risposta_ al _Trattato delle Ragioni,
etc._[54] stampata In Napoli in questo medesimo anno 1668. Quivi
con vigorosi argomenti dimostrò, la cotanto esagerata consuetudine
del Brabante e delle altre province, non potere aver luogo nella
successione del principato e della sovranità; e che quella non si
regolò mai da tal consuetudine, ma si differì sempre con legge ed
osservanza contraria. E poichè i Franzesi, per torsi l'opposizione
della amplissima rinunzia fatta dalla lor Regina, in tempo che si
maritò con Luigi, aveano proccurato con vari argomenti di farla
vedere nulla ed invalida: egli con risposte vigorose abbattè i loro
sofismi e con fortissime ragioni sostenne la validità e fermezza di
quella: ciò che non avea fatto nella prima scrittura, parendogli,
che ciò sarebbe stato in certo modo pregiudicare alla causa, se dove
vi era total chiarezza, che non poteva alla Regina spettarle ragione
alcuna, si fosse fatta gran forza in dimostrare, che validamente
avesse potuto rinunziarla. Rispose parimente con tal occasione questo
insigne Giureconsulto ad un altro libro fatto pubblicare in Francia
d'altre pretensioni sopra tutte le province Belgiche, e sopra quasi
tutti i Regni e Principati dell'Europa, composto da un tal _Aubery_
Avvocato della Corte del Parlamento di Parigi, che fu stampato nel
medesimo tempo dell'invasion della Fiandra sotto questo titolo, _Delle
giuste pretensioni del Re sopra l'Imperio_. E con profonda dottrina
ed esatta perizia dell'istoria fece vedere, che il Ducato dei Brabante
colle vicine Province, non tiene alcuna dipendenza dalla Corona della
Francia; nè che quel Re possa pretender di giustificarne la conquista,
come rappresentante le ragioni di Carlo Magno; le quali egli sostiene,
che oggi risiedano nella Augustissima Famiglia Austriaca.

Uscirono ancora altre dotte scritture in risposta del libro de'
Franzesi, e fra le altre una giudiziosissima, scritta in lingua
franzese da un pubblico Ministro col titolo: _Bouclier d'Etat, et
de Justice_; etc. la qual fu tradotta in idioma spagnuolo, e subito
stampata.

(Alle scritture pubblicate da' Franzesi furon date da più Scrittori
vigorose risposte, che si leggono raccolte nell'_Appendice del Diario
Europeo Tom. XV, XVI e XVIII_, e memorate da Struvio[55]. Al libro
d'_Auberes_ stampato in Parigi l'anno 1667 col titolo, _des justes
Pretentions du Roi sur l'Empire_, con note apposte, fu risposto _da
Errico Kippingio_; siccome contro del medesimo uscirono, _Axiomata
Politica Gallicana_, ed il libro di _Nicolò Martino_, intitolato
_Libertas Aquilae Triumphantis_; al _Traité des Droits de la Reine
Très-Chrêtienne_, etc. di cui fu Autore l'istesso Auberes, fu risposto
con due altre scritture, una intitolata: _Dialogue sur les droits
de la Reine Très-Chrêtienne, atque deductio, ex qua clarissimis
argumentis probatur contra Gallos, non esse jus devolutionis in
Ducatu Brabantiae_; e l'altra, _la Verité defendue des sophismes de
la France_. Sei anni dopo _Pietro Gonzales de Salcedo_ diede fuori un
volume in foglio colla data di _Brusselles_ del 1613, dettato in idioma
spagnuolo, che poi fu tradotto in Franzese con questo titolo: _Examen
de la verité, ou Réponse aux Traités publiés en faveur des droits de la
Reine Très-Chrêtienne sur divers Etats de la Monarchie d'Espagne_. Al
quale però nell'anno seguente 1614 fu risposto da _Giorgio Abusson_,
con opposto libro, che ha il titolo: _la défense du droit de Marie
Therese d'Autriche Reine de France à la succession des Couronnes
d'Espagne_).

Ma di quanto a questi tempi ne corsero a giudicio di tutti, era
riputata la più dotta, la più vigorosa, e la più elegante quella del
nostro _Francesco Andrea_.

Ma mentre i nostri Giureconsulti difendevan con tanto vigore la
giustizia del loro Principe, e sostenendo la causa migliore, s'eran
resi in queste contese superiori a' Giureconsulti franzesi, eran
dall'altro canto i nostri superati dalle armi nemiche più numerose e
forti: sorpresero intanto i Franzesi Douay, Tournay, Lilla, Furnes,
Dixmude, Courtroy, Oudennarde, Alost, Carleroy, ed altre Piazze di
minor nome, nè l'inverno, che sopraggiunse, gli fece cessar dalle
armi, anzi in questa stagione occuparono con occulte intelligenze in un
momento tutta la Contea di Borgogna.

Questa improvvisa mossa de' Franzesi ridusse finalmente gli Spagnuoli
ad aver pace con li Portoghesi, per potersi opporre con maggior
vigore colle armi, siccome aveano fatto colle scritture, a' Franzesi.
Era con la morte del Re Filippo, se non abolita la memoria della
rivolta di Portogallo, estinta però l'avversione, che tenevano gli
Spagnuoli all'accordo; onde ora facilmente vi si accomodarono, e fu
quello conchiuso non con altri patti e capitolazioni, se non con quel
Pretoriano editto: _Uti possidetis ita possideatis_: rimase con uguali
condizioni ad amendue i Regni di Castiglia e di Portogallo ciò che
possedevano avanti la loro unione, fuor che Ceuta, che trovandosi in
mano de' Castigliani, fu loro permesso di ritenerla.

Stabilita la pace co' Portoghesi, fu nell'istesso tempo, che
pubblicossi con le solite cerimonie in Napoli, dichiarata la guerra
a' Franzesi, e furono pubblicati bandi, che tutti que' Franzesi, che
si trovavano nel Regno, uscissero fra brevi giorni da quello; e dal
Vicerè si fecero sequestrare i beni, che possedevano in esso il Duca
di Parma, ed il Principe di Monaco, come aderenti alla Corona di
Francia, la quale minacciando pure d'assalire l'Italia per mare e per
terra, costrinse il nostro Vicerè di rinforzare con mila ottocento
fanti spagnuoli ed italiani le Piazze della Toscana, e di far venire da
Alemagna un Reggimento di soldati tedeschi. Fu da ciò impedito ancora
di poter mandare in Levante nel principio della campagna di quest'anno
1668 la squadra delle galee del Regno al soccorso di Candia: di che
il Pontefice molto rammaricossi; e considerando, che per questa guerra
mossa da' Franzesi venivano impediti i soccorsi ai Veneziani, i quali
con molto valore sostenevano la difesa di quell'Isola, cinta di stretto
assedio da' Turchi, pose ogni studio, congiunto con gli altri Principi
d'Europa, di ridurre quelle due emole Nazioni a concordia.

Era a questi tempi, per la morte accaduta d'Alessandro VII, a' 21
maggio del passato anno 1667, succeduto nel Pontificato a' 17 giugno
Giulio Cardinal Rospigliosi da Pistoia col nome di _Clemente IX_, il
quale vedendo, che i Turchi aveano messo stretto assedio a Candia, era
tutto inteso a soccorrer di denaro e di gente i Veneziani, abolendo
a questo fine gli Ordini de' Gesuiti, de' Romiti di San Girolamo di
Fiesole e de' Canonici di S. Giorgio in Alga. Non tralasciava con molta
premura stimolar gli altri Principi d'Europa a mandar in Candia validi
soccorsi, e mandò insino a Solimano Re di Persia lettere, per animarlo
contro al Turco. Vedendo, che tali soccorsi eran impediti dalla
guerra, che i Franzesi avean mossa in Fiandra, si strinse con gli altri
Principi a proccurarne la pace. Non erano questi molto soddisfatti de'
progressi dell'armi franzesi, che facevano in Fiandra, e gli scosse
non poco l'avviso d'essersi da loro occupata la contea di Borgogna. Gli
Svizzeri minacciavano di prendere le armi per ricuperarla, come Stato,
ch'era tenuto sotto la lor protezione. Ma più di tutti s'ingelosivano
gli Stati delle Province Unite dell'Olanda, li quali abborrendo di
veder i Franzesi avvicinarsi a' loro confini, appena conchiusa in Breda
coll'Inghilterra la pace, indussero quel Re ad unir con essi le armi
ed i consigli, e poi tirata la Svezia a forza d'oro ne' sentimenti
medesimi, tant'operarono con gli ufficj, e molto più mostrando di
voler muovere l'armi che persuasero, o più tosto sforzarono il Re di
Francia ad assentir alla pace. Fu pertanto, a' 2 maggio di quest'anno
1668, ella conchiusa in Aquisgrana, ed in essa riuscì a' Franzesi di
ritenere le loro conquiste ne' Paesi Bassi coll'istessa felicità, con
cui le aveano conseguite, restituendo però agli Spagnuoli la Contea di
Borgogna. Confessarono questi d'esser sommamente tenuti agli Olandesi
di tutto ciò, che non aveano perduto, o che ricuperavano; poichè sotto
apparenza di mediazione, aveano veramente protetto i loro interessi, e
preservato ciò, che loro restava nelle province di Fiandra. Dall'altra
parte il Re franzese concepì fierissimo sdegno contro gli Olandesi;
ma simulandolo per allora, mostrò, che in onore e gratificazione del
Pontefice deponeva l'armi. Clemente, quantunque comprendesse, quali ne
fossero i più veri motivi, dimostrava però verso il Re gratitudine e
tenerissimo affetto, proccurando stringer con lui confidenza, la qual
riputava decorosa per se, ed utile per li suoi, e se ne valeva anche
a beneficio de' Veneziani per li soccorsi, che ne ottenne per Candia
di centomila scudi, con permissione di leve di Ufficiali e di milizie
quanto n'avesse potuto raccogliere.

Pubblicata che fu in Napoli a' 4 d'agosto la pace d'Aquisgrana, non
mancò pure il nostro Vicerè, licenziati gli Alemani, di spedir per
Candia le squadre delle galee di Sicilia e del Regno, per le promesse
che n'avea anche fatte la Regina Reggente a quella Repubblica, e per
gli ordini che da lei ne avea ricevuti d'assistere con valide forze a
quel bisogno. Ma riusciti inutili, non pur questi, ma tutti gli altri
soccorsi mandati dal Re di Francia, dal Papa e da' Maltesi, tornatesene
a dietro le costoro galee, s'intese poco da poi, che i Veneziani
in questo nuovo anno 1669 erano stati costretti di rendere a patti
Candia, dopo 24 anni di guerra e 28 mesi e 27 giorni di ostinatissimo
assedio. Questa perdita fu sensibile a tutta Italia: ma si stimò più
grave per noi, per la breve distanza, che s'interpone fra' lidi del
capo d'Otranto, e 'l paese de' Turchi; onde il Vicerè considerando
l'importanza del pericolo, non solamente fece munire tutte le Fortezze
del Regno e le Piazze della Toscana, ma spedì varie compagnie di
cavalli per guardare le spiagge dell'Adriatico, ed accorrere, dove il
bisogno il richiedesse. Il Pontefice Clemente s'addolorò talmente di
quest'avviso, che a' 9 decembre spirò. Fu in suo luogo, nel nuovo anno
1670 a' 29 aprile, eletto Emilio Lorenzo Altieri, che volle chiamarsi
pure _Clemente_ e fu il X di questo nome.



CAPITOLO II.

_D. PIETR'ANTONIO D'ARAGONA soccorre a' bisogni della Sardegna per
la morte data a quel Vicerè: perseguita i Banditi nel Regno; riduce
a perfezione la numerazione de' fuochi: va in Roma a prestar in nome
del Re ubbidienza al nuovo Pontefice: nel suo ritorno gli vien dato il
successore; monumenti e leggi che ci lasciò._


Perchè il Regno di Sardegna non rimanesse esente dalle comuni calamità,
che aveano sofferti quelli di Napoli e di Sicilia, fu veduto a questi
medesimi tempi ancor egli in disordine, per li tumulti, che cagionò la
morte data a D. Emanuele de los Covos Marchese di Camerassa suo Vicerè.
Governava costui quell'Isola, e secondo il costante tenore della
Corte di Madrid, venendo richiesto di danari, premeva que' sudditi
a doversi disporre di far un donativo al Re; ma avendo incontrate
gravissime difficoltà, fu costretto a far sciogliere il Parlamento
generale di quel Regno, che a tal fine avea fatto ragunare in Cagliari
capitale del Regno, senz'ottenerlo. Il principal contraddittore fu
D. Agostino di Castelvì Marchese di Laconi, il quale essendo stato
nella notte de' 20 di giugno del 1668 fatto ammazzare, si pubblicò,
che questo assassinamento fosse stato commesso d'ordine di D. Isabella
di Portocarrero Marchesana di Camerassa con saputa e consenso del
Vicerè suo marito, in vendetta delle opposizioni promosse da D.
Agostino nelle corti del Regno. A queste voci assembraronsi D. Giacomo
Artal di Castelvì Marchese di Cea, D. Silvestro Aymerich, D. Antonio
Brondo, D. Francesco Cao, D. Francesco Portogues e D. Savino Grizoni
nel palagio di D. Francesca Carilas Marchesana di Laconi moglie del
morto, dove conchiusero d'uccidere il Vicerè; e per mandare ad effetto
una così scellerata determinazione, a' 21 luglio del medesimo anno,
dalle finestre della casa d'Antioco Brondo, posta in Cagliari nella
strada _de los Cavalleros_, mentre il Vicerè con la moglie e co' figli
tornava in carrozza dalla chiesa di Nostra Signora del Carmine alla
sua abitazione, gli scaricarono più colpi d'archibugi, per li quali
rimase miseramente morto. La Marchesana di Camerassa spaventata da
tal funesto spettacolo, temendo di mal peggiore, tutta sbigottita
volle partir subito da Cagliari, ed imbarcatasi la notte seguente co'
figliuoli e famiglia, fece presto ritorno in Ispagna, lasciando con la
sua partita libero il campo alla Marchesana D. Francesca Carillas di
far fabbricare contro lei un processo nella Regia Audienza di Cagliari,
e d'incolparla della morte del Marchese di Castelvì suo marito. Gli
uccisori del Vicerè, essendosi ricovrati nel convento di S. Francesco,
vi si trattennero con comitiva d'uomini armati per lo spazio d'un mese,
fortificando le porte del monastero, e facendo le sentinelle all'uso
di guerra, e poscia s'imbarcarono pel Capo di Sassari, dove per loro
difesa fecero unione di gente.

All'avviso d'un così temerario eccesso, il nostro Vicerè fece
subilo allestire diece galee, sopra le quali furono fatti imbarcare
duemila fanti spagnuoli, Italiani e tedeschi, e benchè si fossero
avviate alla volta di Sardegna, nulladimeno fu riputato da poi savio
consiglio di richiamarle in Porto: non essendosi stimato a proposito
d'ingelosire que' popoli, di lor natura fierissimi, con l'introduzione
in quell'Isola di nuova soldatesca. La Corte di Madrid per ovviare a
mali peggiori mandò tosto per nuovo Vicerè in quel Regno D. Francesco
Tuttavilla Duca di S. Germano Nobile napoletano del Seggio di Porto,
fratello di D. Vincenzo Tuttavilla Duca di Calabritto, Maestro di
Campo Generale di questo Regno, il quale ai 10 di Marzo dell'entrato
anno 1669 si parti per Sardegna ad assistere il fratello con la
galea Padrona della squadra di Napoli, e portò seco il Consigliere D.
Giovanni d'Errera, ch'era stato dal Re deputato per Giudice Delegato
nella causa degli uccisori del Camerassa. Si spedirono da poi nel
seguente mese di maggio tre altre galee con cinquecento fanti spagnuoli
ed italiani e qualche contante, e v'accorsero pure dal Finale altri
mille soldati con la squadra delle galee del Duca di Tursi, e trecento
dall'Isola di Sicilia; e finalmente nel mese di marzo del seguente anno
1670 fu duopo al nostro Vicerè mandarne dal Regno altri cinquecento.

Le cose però di quell'Isola si videro tosto ridotte in tranquillità,
poichè dall'Errera si pose in chiaro, che nell'uccisione del Vicerè
non v'aveano avuta participazione alcuna que' popoli, e che l'infame
omicidio era stato commesso da que' soli Nobili, per coprire
l'assassinamento del Marchese di Laconi, stato fatto ammazzare da D.
Silvestro Aymerich ad istanza dell'istessa Marchesana D. Francesca sua
moglie per torsi lui per consorte, come già era seguito. Furono per
tanto con pubblico editto dichiarati tutt'i colpevoli della morte del
Vicerè, rei di Maestà lesa, e come tali sottoposti al bando della vita:
furono imposte grosse taglie sopra le loro teste e le loro persone:
furono confiscati i loro beni, e comandato che fossero demolite le lor
case, e con aspergersi sale adeguate al suolo. Fu parimente dichiarato,
che que' popoli s'erano portati in tal occasione con fedeltà verso il
loro Principe, e che non poteva imputarsegli colpa di sorta alcuna in
quell'assassinamento. Il Duca di S. Germano ricevè pienissime grazie
da tutti gli Ordini di quel Regno, che rimase tutto pacato sotto
l'ubbidienza del suo antico Signore.

Ma nel nostro Regno non lasciavano intanto gli sbanditi le consuete
scorrerie per le campagne, ora più che mai rese non men insolenti che
spesse. Rubavano, riducevano in servitù i viandanti, svaligiavano i
Procacci, in fine le pubbliche strade non eran più sicure, tal che si
vedeva rotto ogni traffico ed impedito ogni commerzio. Negli Apruzzi
ne campeggiavano molte squadre, che fortificatesi in diverse Terre,
erano giunte infino a spedir ordini a tutt'i luoghi di quei contorni
che lor pagassero, non già al Regio Tesoriere, i fiscali. Essendo
succeduto nella Chiesa di Napoli, per la morte del Cardinal Filomarino,
il Cardinal D. Innico Caracciolo, costui nel viaggio ch'intraprese per
Roma, per assistere al Conclave per l'elezione del nuovo Pontefice,
poi seguita in persona di Clemente X, fu arrestato da queste masnade, e
gli fu duopo per disbrigarsene pagar loro cent'ottanta doble. Monsignor
Toppa Arcivescovo di Benevento fu ancor egli svaligiato presso Napoli
nella Terra di Pomigliano d'Acro, e si salvò per miracolo. Ma il
più molesto era a questi tempi il famoso _Abate Cesare Riccardo_, il
quale dopo aver ucciso D. Alessandro Mastrillo Duca di S. Paolo, si
pose a scorrere con comitiva le campagne intorno la città di Nola,
avanzando le scorrerie sino alle porte di Napoli: svaligiava Procacci,
abbruciando più volte le lettere senza perdonare a quelle del Vicerè;
entrava ed usciva sconosciuto in Napoli; e giunse a tale, che impediva
in Napoli il trasporto della neve, minacciando di più agli Eletti, che
avrebbe impedito anche la condotta de' grani, se non gli proccuravano
dal Vicerè il perdono.

Si ponevan in opra dal Vicerè vari mezzi per estirparli, ma non
riuscivano così efficaci, sì che se ne potesse ottenere il total
esterminio. Creò egli a quest'effetto Vicario Generale della Campagna
il Consigliere D. Diego di Soria, poi Reggente: spedì alcune compagnie
di Spagnuoli in Apruzzo, per isnidarli da que' luoghi: elesse in fine
una Giunta di vari Ministri per severamente punirli insieme co' loro
aderenti; ma nulla giovò, poichè le milizie regolate in que' luoghi
alpestri ed inaccessibili nulla poterono: alcuni presi furon sopra le
forche fatti morire, ma nuovamente ne pullulava numero assai maggiore:
la Giunta fece arrestare alcuni Titolati lor protettori, ma poi, dopo
breve prigionia, eran dal Vicerè composti con grosse somme di denaro:
tal che si tornava a' disordini primieri.

Di questo sol fu imputato l'Aragona, che a' suoi tempi si vide
rilasciata la disciplina, e commettersi enormi e gravi delitti
d'incesti, peculati, furti, falsità, assassinamenti, duelli ed altri
eccessi, de' quali non ne prendeva quel severo castigo che meritavan i
colpevoli; ma, o usando indulgenza nelle visite che soleva egli fare in
Vicaria, intervenendovi personalmente, e talora anche colla Viceregina
sua moglie, ovvero permutando la pena corporale in danari: ciò che
fruttandogli grosso guadagno, e secondo il computo che se ne faceva dal
volgo, aveane da tali composizioni ricavati più di trecentoventimila
ducati, gli acquistò nome di Ministro sordido; e diessi a molti
occasione di motteggiarlo, che e' punisse le borse non già le persone.

Non è però, che non apportasse egli al Regno non picciola utilità,
per la numerazione generale de' fuochi, che principiatasi dal Conte
di Pennaranda, e continuata poi dal Cardinal d'Aragona, venne da lui
sollecitata e finalmente ridotta a perfezione: poichè non solo la
fece egli pubblicare, ma cominciò ancora a praticarsi fin dal primo
di gennajo dell'anno 1669. L'alleggerimento che ne sperimentarono le
Comunità del Regno fu di grandissima importanza, perchè furono tassate
a pagare per quel numero de' fuochi, che in fatti erano; e furono
rimesse loro tutte le somme, delle quali andavano debitrici per tutto
il tempo passato, essendosi compiaciuti il Re e gli altri assegnatarj
de' fiscali di concorrere non solamente alla remissione de' mentovati
residui, ma anche alla perdita di ducati ventidue ed un decimo per ogni
cento ducati di entrata, che fu necessario defalcare generalmente, per
cagione del mancamento d'intorno a centomila fuochi, ne' quali questa
numerazione si trovò minore dell'antica. In cotal guisa le Comunità del
regno cominciarono a respirare e ad essere per conseguenza più pronte
a' pagamenti, con non picciola utilità degli assegnatarj de' Fiscali
e del Re. Vi s'aggiunse l'augumento dell'arrendamento del Tabacco,
che da ducati quarantacinquemila l'anno, crebbe a questi tempi fino ad
ottantamila, e quello della manna, che trovandosi venduto a particolari
persone, fu dal Vicerè ricomprato ed incorporato al patrimoni regale.
In brieve tutti gli arrendamenti, dazj e gabelle crebbero notabilmente
di prezzo, con utile grandissimo di tutti i consegnatarj, essendosi
calcolato l'avanzo nel valore de' capitali, secondo la relazione
fattane dal Razionale della Regia Camera Giovanni d'Alesio, in poco
meno di nove milioni di ducati: al che contribuì molto la vigilanza del
Vicerè, ed il rigore che praticava contro coloro che ne fraudavano il
pagamento.


§. I. _D. FEDERICO DI TOLEDO Marchese di VILLAFRANCA rimane
Luogotenente nel Regno, nel tempo che l'Aragona va in Roma a dar
l'ubbidienza al nuovo Pontefice._

La Regina Reggente, secondo il costume introdotto dalla Corte di
Spagna, avea comandato al nostro Vicerè Aragona che si fosse portato
in Roma a dar in nome del Re, e suo, ubbidienza al nuovo Pontefice
Clemente IX; ma tolto costui dal Mondo, per inaspettata morte, non si
potendo adempire quest'ufficio con lui, fu comandato che si adempisse
col suo successore Clemente X. Nel medesimo tempo fu provveduto dalla
Regina, che in assenza dell'Aragona rimanesse a governar il Regno il
_Marchese di Villafranca_, che si trovava in Napoli esercitando la
carica di Capitan Generale della squadra delle galee. Fu disputato
nel nostro Collateral Consiglio se al Villafranca dovessero
darsi trattamenti di _Vicerè_, o pure di semplice _Luogotenente_
dell'Aragona, stante che costui teneva dispacci della Corte, ne' quali
gli s'imponeva, che terminata l'ambasciata dovesse tornare in Napoli
a continuare il Governo; ma a cagion che per la commessione Regale
dovea il Marchese riputarsi come vero ed independente Vicerè, non
già Luogotenente dell'Aragona, fu per tanto determinato a suo favore.
Partito adunque l'Aragona da Napoli, a' tre di gennajo di quest'anno
1671, fu dato al Marchese il possesso della carica coll'intervento
degli Eletti della città, il quale (tenendosi occupato il Regal
Palazzo dalla moglie di D. Pietro) scelse per sua abitazione quello de'
Principi di Stigliano sopra la Porta di Chiaja.

Governò il Marchese con molto rigore e con indefessa applicazione il
Regno, prendendo per esemplare il suo gran avolo D. Pietro di Toledo,
che governollo ventidue anni, ma non vi durò che infino a' 25 di
febbrajo; poichè l'Aragona giunto in Roma affrettò la sua ambasceria,
ed avendo a' 22 gennajo fatta ivi pubblica e solenne entrata il giorno
seguente, accompagnato dal Marchese d'Astorga, che si trovava in Roma
ambasciador Cattolico, fece la cerimonia del bacio del piede; e dopo
essersi trattenuto in quella città alquanti altri giorni in pranzi
e visite, tornò in Napoli a ripigliar il governo, mal soddisfatto
del rigoroso modo del Villafranca, che non ben si confaceva col suo
tutto largo ed indulgente. Il marchese di Villafranca, si trattenne in
Napoli sino al mese di luglio; partì poi per la Corte, dove si crede,
che avendo rappresentato a que' Ministri l'avarizia di D. Pietro,
e l'avidità di cumular per se denari, sicchè quando partì per Roma
non avea lasciato nella Cassa militare nè pur un quattrino, avessele
fatto pensare a dargli successore. Non passaron molti mesi, che
s'intese essere stato a lui sostituito in questo Governo il _Marchese
d'Astorga_, il quale trovandosi ambasciadore in Roma prese ne' principj
del nuovo anno 1672 il cammino verso il Regno, ed a' 11 febbrajo giunse
in Napoli, accolto con molti segni di stima da D. Pietro, il quale,
soddisfatte le consuete visite, a' 14 del medesimo mese cedè il governo
e con la Duchessa sua moglie se n'andò immantenente a Pozzuoli, donde
poi a' 25 dello stesso mese con quattro galee si partì per Ispagna.

Fra i Vicerè che lasciarono a noi più insigni memorie, dee certamente
annoverarsi D. Pietro d'Aragona. Egli per l'inclinazione grandissima
che avea alle fabbriche, adornò Napoli di molti edificj. Egli ridusse
in quella magnifica forma che ora si vede, l'Ospedale de' poveri di S.
Gennaro fuori le mura della città, con ampliarlo di tanti corridori
e stanze, e con darvi stabile e fermo governo. Egli con indicibile
spesa costrusse il Porto per le Galee, ed ingrandì l'Arsenale in
più ampia forma: fece quella magnifica strada adorna di tanti fonti,
donde dall'Arsenale si ascende al largo avanti il Regal Palazzo, e
nella cima di quella fece ergere la statua di Giove Terminale, che
sostiene il cuojo, e le ale d'una grand'aquila. Abbellì il Palazzo
Reale, ed aggiunse a' piedi di quella maestosa scala, fatta dal Conte
d'Onnatte, le due statue de' fiumi Ibero e Tago, e sopra la porta,
che comunica col Palazzo vecchio, l'altra del fiume Aragona. Egli nel
Castel Nuovo unì l'Armeria Reale in quella gran sala, che soprasta
al suo cortile. Rifece nel monte Echia il quartiere principale
degli Spagnuoli; e v'innalzò da' fondamenti quel vasto edificio del
Presidio, capace d'alloggiare più di seimila soldati. Rifece parimente
le pubbliche fontane di Poggioreale, di S. Caterina a Formello, di
mezzo cannone, e moltissime altre, e da' fondamenti innalzò quella di
monte Oliveto. Restituì l'uso de' Bagni dell'acque minerali fuori la
grotta di Coccejo, di Pozzuoli, e Baja; e perchè non se n'abolisse la
memoria, in tavole di marmo fece scolpire la loro virtù ed efficacia
ne' malori; donde fu data occasione a _Sebastiano Bartoli_ famoso
medico di que' tempi, di spiare più a dentro la qualità di queste
acque, e compilarne perciò particolari relazioni e trattati. Ristorò
in fine i nostri Tribunali, ampliando le sale del Consiglio, quelle
della Vicaria, e l'altre della Regia Camera, dove per la diligenza
dell'Archivario _Niccolò Toppi_, riordinò l'Archivio, e del di lui
favore questo scrittore[56] molto si loda, narrando, che fu tre volte
a vederlo, facendovi far tre nuove camere, e fece dar principio ad un
_Repertorio_ generale di tutte le scritture, che oltrepassavano il
numero di trecentomila, con assegnare il salario a cinque Scrivani,
li quali erano puntualmente pagati mese per mese, perchè l'opera si
compisse. Accrebbe parimente lo stipendio a' Giudici di Vicaria e diede
vari provvedimenti per la giusta distribuzione delle cause, afin di
troncar le lunghezze delle liti e le calunnie de' litiganti.

Ma quantunque l'Aragona lasciasse a noi di se sì illustri monumenti,
non è però, che non ci defraudasse all'incontro di molte insigni
memorie. Egli ci tolse l'ossa del magnanimo Re Alfonso I d'Aragona, le
quali, come si disse nel XXVI libro di quest'Istoria, erano rimaste
in deposito nella sagrestia di S. Domenico Maggiore di questa città,
dove il Re Alfonso II dal Castel dell'Uovo le fece trasportare, quando
vi fu seppellito suo padre. Essendo accaduto nel 1506 un incendio in
quella sagrestia, il fuoco ne consumò buona parte, ma ne scamparono il
cranio ed alcune poche ossa: il cranio per ordine del Re Ferdinando
il Cattolico fu consegnato al Vescovo di Cefalù, che '1 condusse
in Ispagna: le ossa erano solo qui rimase: ciò che pervenuto alla
notizia dell'Aragona intraprese di farle ancora colà trasportare, ed
unirle col cranio. Si opposero i Monaci di quel convento, ma avendo
la Regina Reggente, alle insinuazioni del Vicerè, con suo spezial
dispaccio comandato, che si trasportassero in Ispagna, cessarono le
contese ed i frati con pubblico istromento ne fecer la consegna al
Vicerè. Ci tolse ancora, per abbellire la sua galleria in Madrid, molte
insigni dipinture e statue: fra l'altre quelle dei quattro fiumi, che
adornavano la Fontana della punta del Molo, l'altra di Venere, che
giaceva nella fonte su l'orlo del fosso del Castel Nuovo, ed alcuni
puttini e gradini di marmo tutti d'un pezzo, ch'eran collocati nella
fontana Medina, opera del famoso Giovanni di Nola, li quali furono
tutti da lui mandati in Ispagna.

Nel tempo del suo governo furon da lui stabilite molte provvide e
sagge Prammatiche poco men di 30, per le quali riordinò i Tribunali,
riformò molti abusi nelle Dogane, e diede altri provvedimenti, che
sono additati nella _Cronologia_ prefissa al primo tomo delle nostre
Prammatiche.



CAPITOLO III.

_Governo di D. ANTONIO ALVAREZ, Marchese d'ASTORGA molto travaglioso ed
infelice per li disordini, ne' quali trovò il Regno e molto più per le
rivoluzioni accadute in Messina._


Giunto il Marchese d'Astorga in Napoli trovò la città, non solo
per la grande penuria di grani, ma tutta sconvolta per li continui
delitti, e sopra ogni altro per li furti, che di continuo si sentivano
in ogni angolo. Applicò per tanto i suoi pensieri a proccurare, che
fossero introdotti in Napoli, non pur dalle province, ma da altri
più remoti paesi, copiosi viveri, sicchè soddisfece alla brama de'
popoli e restituì nel Regno l'abbondanza. Ma con tutto che praticasse
estremi rigori, non fu possibile (cotanto per la dissoluta disciplina
del passato Governo era la gente divenuta ribalda) d'estirpare i
furti e molto meno impedire le continue scorrerie de' banditi, che
commettevano in campagna. Scorrevano insino alle porte di Napoli,
svaligiavano i procacci, saccheggiavano le Terre, empivano le
campagne di omicidj, ruberie e stupri; e campeggiando con molta
baldanza, di continuo acquistavan seguito, ed ingrossavan di numero.
Il Vicerè, valendosi de' consueti rimedj, rinvigorì gli animi dei
Presidi provinciali, premurosamente incaricando loro che dandosi mano
badassero unicamente ad estirpargli. Ne fu fatta molta strage e non
fu picciol guadagno essersi tolto dal mondo il più pernizioso fra i
loro Capi, il cotanto rinomato _Abate Cesare_. Ma non per ciò, a guisa
d'idre, non ripullulavano, e negli Apruzzi spezialmente, per dove fu
costretto il Vicerè spedirvi cinque compagnie di Spagnuoli, non solo
per abbattere la loro insolenza, ma anche perchè, sospettandosi, che
avesser potuto ricever fomento da Roma dall'Ambasciador di Francia,
si vegghiasse ad ogni novità, che con tal appoggio potesser questi
ribaldi promuovere. Egli è però vero, che per le sollevazioni accadute
poco da poi in Messina, si tolse un buon numero di costoro dal Regno,
ai quali fu conceduto dall'Astorga il perdono, per andare a servire
il Re in Sicilia, dove diedero pruove di gran valore, cancellando
con ciò in gran parte le colpe della vita passata. Gli altri, che vi
rimasero, essendosi poi sempre più moltiplicati, continuarono nella lor
contumacia: perchè l'estirpamento totale d'una così dannosa semenza,
l'avea il cielo riserbata a più esperta e gloriosa mano.

Non furon soli questi disordini, che resero travaglioso il governo
del Marchese; perchè all'angustie, nelle quali trovò il Regno, per
la fame, per li ladri e per questi ribaldi, se ne aggiunse un'altra
più fastidiosa, qual fu quella delle _monete_, ridotte a questi tempi
a stato si miserabile, che non avean d'intrinseco valore la quarta
parte. La radice di questo male era antica, e quella stessa, che
cagionò l'abolizione delle zannette in tempo del Cardinal Zapatta; dal
quale quantunque si fosse fatta coniar la nuova moneta, e si fossero
imposte gravissime pene a coloro, che avessero avuto ardimento di
ritagliarla, o falsificarla; ad ogni modo l'avidità del guadagno faceva
vilipendere ogni qualunque severo castigo. Era il numero de' tosatori,
e falsificatori cresciuto in guisa, che sino nelle case di persone di
qualità furono trovati ritagli, ed ordegni per conio delle nuove; e
pubblicossi, che alcune donne di non volgare condizione, si fossero
parimente mischiate in questo esercizio. Ne fu scoverta in Napoli
un'intera compagnia, e nella provincia di terra d'Otranto ne furono
indiziati moltissimi. Pose il Vicerè ogni cura per estirpargli; molti
scoverti furon fatti morire su le forche, alcuni sostennero lunghe
prigionie, ed altri ne ottennero il perdono: ciò che diede ansa a'
detrattori ed ardire d'affermare, ch'era stata loro salvata la vita,
ma non già la borsa. Altri ancora si sottrassero da' condegni castighi,
chi schermendosi col privilegio del chericato, chi coll'immunità delle
chiese, e chi con la fuga dal regno. Per dar riparo a mali sì gravi,
cominciò il Vicerè a pensare alla fabbrica d'una nuova moneta, la quale
non avesse potuto nè falsificarsi, nè ritagliarsi. Si pose l'affare
in consulta, e se ne fecero più discorsi, ma non ebbero alcun effetto;
perchè la gloria d'un così magnanimo fatto stava pure riserbata ad un
più fortunato Eroe.

Pure i Turchi vollero avere la lor parte in tener travagliato
l'Astorga; poichè scorrendo per le marine del Regno, posero gente in
terra nella provincia di Bari, dove nel mese di giugno di quest'anno
1672 fecero schiavi 150 poveri contadini, che mietevan vettovaglie.
E nel mese d'agosto fur vedute nel Golfo di Salerno sette galee di
Biserta, che andavan depredando i nostri legni. Nel seguente anno,
nelle marine di Puglia fecero notabilissimi danni, spezialmente
nella terra di S. Nicandro, nella quale ridussero in cattività molti
contadini; tanto che per reprimere i loro insulti, fu costretto il
Vicerè a spedir ivi tre compagnie di cavalli, ed a mandare la squadra
delle nostre galee a scorrere i mari dei Regno.


§. I. _Per le rivolte di Messina si riscuoton dal Regno grossi sussidj._

Ma cure assai gravi e moleste sopraggiunsero in questi tempi al
Vicerè, ed a noi gravezze e timori vie più considerabili, per più alte
cagioni. Aveano in quest'anno i re di Francia e d'Inghilterra, uniti
coll'Elettor di Colonia e 'l Vescovo di Munster mossa crudel guerra
agli Stati Generali d'Olanda, li quali quantunque fossero rimasi
vittoriosi in mare dell'armate navali d'Inghilterra e di Francia,
furono loro ad ogni modo dagli eserciti confederati occupate le
province d'Utrech, di Gheldria e d'Overissel con parte della Frisia.
Donde prese motivo il Conte di Monterey, governadore de' Paesi Bassi
Cattolici d'introdurre nelle piazze Olandesi guarnigione Spagnuola,
e l'Imperador Leopoldo con l'Elettore di Brandeburgo, di far entrare
un esercito negli Stati di Colonia e di Munster, per costringer que'
Principi all'osservanza della pace di Cleves. Ma avendo i Franzesi
occupata la Marca e 'l Ducato di Cleves appartenente all'Elettore
di Brandeburgo, e spinto il marescial di Turenna nella Franconia
quantunque avessero costretto questo Elettore a deporre l'armi, non
poterono ad ogni modo impedire che molti Principi d'Alemagna non si
fossero collegati coll'Imperadore e con gli Olandesi per la difesa de'
proprj Stati.

Gli Spagnuoli non potendo soffrire le conquiste dei Franzesi sopra gli
Stati d'Olanda e molto meno sopra l'Imperio, deliberarono d'entrare
anch'essi in questa lega; ed avendo dichiarata la guerra al Re
di Francia, protestarono al Re d'Inghilterra, che se non si fosse
separato da quello, avrebbero con lui fatto lo stesso, e frappostisi
per mediatori, fecero sì, che si conchiudesse la pace fra gl'Inglesi
ed Olandesi. Così costretti i Franzesi a far fronte all'esercito
Imperiale, che s'era avvicinato a' confini della Fiandra, abbandonarono
tutte le piazze degli Olandesi, fuorchè Mastrich e Grave, la quale fu
sforzata poscia dal Principe d'Oranges ad arrendersi con onorevoli
condizioni. In questa guisa venne a cader tutta la guerra sopra la
Fiandra Spagnuola, ed a' Paesi posti dall'una e dall'altra parte del
Regno, che durò molti anni.

Essendosi pertanto pubblicata in Napoli nel mese di dicembre di
quest'anno 1673 la guerra contro alla Francia, con pubblicarsi
bando che fra brevi giorni tutti i Franzesi sgombrassero dal Regno,
cominciarono a turbar l'animo del nostro Vicerè più nojosi pensieri;
poichè dichiarata questa guerra, temendosi, che i Franzesi non
tentassero d'assalire il principato di Catalogna, fu richiesto
l'Asterga d'inviar soccorsi per difesa di quello Stato; onde gli
fu duopo spedire per quella volta quattro vascelli con 1200 fanti
Napoletani, sotto il comando del Maestro di Campo D. Giovan-Battista
Pignatelli; e premendo sempre più il bisogno d'ingrossare l'esercito
di Catalogna, bisognò nel mese di marzo del seguente anno 1674
spedire altri 1500 soldati, sotto la condotta del Sergente maggiore
di Battaglia D. Antonio Guindazzo; e poi nel mese di giugno vi furono
spedite cinque galee del Regno con altre 500 persone. Ma le rivolte
sopravvenute nella città di Messina, che cagionarono una delle più
ostinate guerre, che mai si fossero intese, impedirono li soccorsi
per Catalogna, li quali sarebbero stati non di tanto aggravio, e
costrinsero il Vicerè a mandarne in Sicilia dal nostro Regno altri
assai più spessi e vigorosi; tal che a nostre spese si ebbe a sostenere
quella crudele ed ostinata guerra.

I Messinesi vantando antichissimi privilegj di franchigia e d'esenzione
ed altre lor prerogative, eransi nel regno di Filippo IV molto più
insolentiti, a cagion ch'essendo stati saldi e costanti nella fede
regia ne' preceduti tumulti di Palermo e di Napoli, il Re Filippo non
solo aveagli loro confermati, ma aggiunti nuovi favori e preminenze.

(Gli antichi privilegi, conceduti da' Re Ruggiero e Guglielmo, suo
successore, alla città di Messina si leggono presso _Lunig. tom. 2 pag.
845 e 855 e pag. 2515 e 2517_.)

Queste concessioni facevano godere a que' popoli una libertà quasi che
assoluta; ed era dagli Spagnuoli tollerata, perchè consideravano, che
non dipendeva quella licenza, che spesso si prendevan per difesa de'
loro privilegj, da animo poco inclinato alla sovranità del Re ad al suo
servigio, ma da una certa vanità, ch'essi aveano d'esser singolari fra
tutti gli altri sudditi sottoposti alla corona di Spagna. Eleggendo
essi dal lor corpo il pubblico Magistrato, che chiamano Senato, con
piena autorità nel comando, con potestà d'amministrare il pubblico
patrimonio e di distribuire le cariche subalterne, disponevano con
assoluto arbitrio degli animi de' cittadini, ed eran sempre pronti
a resistere, anche a proprj Vicerè, qualora essi credevano, che si
tentasse cosa, che fosse contro i loro cotanto vantati privilegj.

Nel governo del Conte d'Ayala si lamentarono, prima che quel Vicerè non
avea giammai fatta residenza in Messina, che avesse fatto imprigionare
alcuni, quando non dovea; ed in fine non vi era operazione che facesse,
che non l'interpretassero per violazione de' loro privilegj; e se le
cose si fossero contenute nei termini di lamenti e di querele, sarebbe
stato comportabile; ma si venne a' scandalosi fatti di dichiarare nulle
le ordinazioni di quel Vicerè, come pregiudiciali ai loro privilegj, e
ad assoldar gente per la loro osservanza. Queste medesime dimostrazioni
continuarono con D. Francesco Gaetano Duca di Sermoneta successor
dell'Ayala, il quale essendosi portato in Messina lo forzarono a
pubblicar Prammatica, colla quale gli fecer proibire l'estrazion
delle sete da tutti i porti di quell'Isola, fuorchè dal porto della
lor città. Ma gravatesi di ciò l'altre città del Regno, ne fu dalla
corte di Spagna sopraseduta l'esecuzione; tal ch'essi si risolsero
di mandar due ambasciadori a Madrid per ottenerne la revocazione.
Pretesero costoro d'esser trattati nell'udienze, come tutti gli altri
ambasciadori di Principi, e che si fosse loro destinata certa giornata;
che l'introduttore degli ambasciadori gli accompagnasse e che fossero
mandati a levare nel giorno dell'udienza con le carrozze della casa
regale. Allegavano essi molti esempj in tempo del Re Filippo IV che
così gli avea trattati; ma la Regina Reggente non volle a verun patto
accordar loro questo cerimoniale; poichè non solamente non appariva,
che ciò fosse seguìto con saputa del Re suo marito, anzi che il
medesimo avea espressamente ordinato, che tutti gli ambasciadori
de' regni e delle città suddite ne godessero il nudo titolo e non
già il trattamento: ond'essi per non si pregiudicare, fattasene con
nuova supplica protesta, se ne ritornarono in Messina senz'adempire
all'ambasciata.

Irritati i Messinesi da tal rifiuto, cominciarono ad usar molte
insolenze; ed essendo intanto al Duca di Sermoneta succeduto nel
governo di quell'Isola il Duca d'Alburquerque, ed a costui poco da
poi sostituito il Principe di Lignì, crebbero assai più li disordini
e le confusioni, le quali finalmente terminarono in fazioni; onde
sursero i nomi di _Merli_, che presero i Realisti, e di _Malvezzi_ che
s'arrogarono gli altri del partito contrario, riducendosi i Messinesi
in istato non meno lagrimevole di quello, nel quale si vide altre volte
ridotta quasi tutta l'Italia dalle fazioni de' Bianchi e de' Neri, e
de' Guelfi e Ghibellini.

Ma nel Governo del Marchese di Bajona successore del Lignì, essendo
Straticò in Messina D. Diego di Soria Marchese di Crispano, che da
Napoli, mentre era Consigliere di Santa Chiara, fu mandato con tal
carica in quella città, le fazioni, che la tenevano in grandissima
confusione, divennero aperte sollevazioni; poichè celebrando i
Messinesi nel mese di giugno di quest'anno 1674 con gran pompa, ed
apparati la festività di Nostra Signora sotto il titolo della _Lettera_
per un'epistola, ch'essi credono aver ella scritta al Senato di
Messina, nella quale l'assecurava della protezione del suo figliuolo
Gesù; si videro nella bottega d'un sartore alcuni misteriosi ritratti,
che alludendo alle cose presenti, toccavano con ischerni il partito
de' Merli, non si perdonando nè meno all'istesso Soria Straticò. Di che
accortisi i Merli, minacciando il sartore di volerlo con tutta la sua
bottega mandar per aria, furono per dar di piglio alle armi, se tosto
non vi fosse accorso lo Straticò a darvi riparo. Ma gli animi vie più
esacerbandosi per la carcerazione seguìta del sartore, da' Malvezzi
si faceva unione di gente armata per liberarlo a viva forza dalle
carceri, e passar poscia a fil di spada tutti i Merli, e tutti coloro
che favorivano il partito del Re. Fu in effetto in un istante, al suono
d'una campana, veduta la città andar sossopra, i Malvezzi occupare i
più rilevati posti, fare strage de' Merli, e sempre più avanzandosi il
lor partito, crescere il lor numero sino a ventimila persone, le quali
costrinsero le soldatesche Spagnuole, che erano accorse per reprimere
il tumulto, a ritirarsi nel Palagio Regale, dentro il quale convenne
a loro rinchiudersi e ridurre tutta la lor difesa: e lo Straticò
per disturbare l'assedio del Palazzo, ordinò, che i Castellani della
Fortezza tirassero contro la Città col cannone.

Dall'altra parte i Senatori dichiaratisi apertamente per li Malvezzi,
e disponendosi all'assedio del Palagio Reale, fortificavan i posti; e
ragunando gente, strinsero di stretto assedio lo Straticò. Accorse il
Marchese di Bajona Vicerè al periglio; ma gli fu impedita l'entrata
nella città, e lo costrinsero a colpi di cannone a ritirarsi verso
i lidi della Catona nelle coste della Calabria, e di là in Melazzo.
Sì pensò allora seriamente, che per ridurre i Messinesi bisognava
espugnargli con formata guerra; onde avendosi il Bajona eletta la
città di Melazzo per piazza d'armi, raccolse ivi tutte le soldatesche
dell'Isola; chiamò i Baroni del Regno, che vi comparvero con buon
numero di milizie a loro proprie spese arrolate; si risolse di non
solo soccorrere lo Straticò e le Fortezze Regali di Messina, ma
parimente di chiudere i passi di Teormina, per togliere a' Messinesi la
comunicazione col rimanente dell'Isola, e ridurgli all'ubbidienza, non
men col timore delle armi che della fame.

Venne chiamato a parte di questa impresa il nostro Vicerè, il quale
cooperando al medesimo fine, dichiarò ancor egli per piazza d'armi
la città di Reggio, dove fece marciare buona parte del battaglione
del regno, sotto il comando del Generale D. Marc'Antonio di Gennaro
con ordine di passare nell'Isola, quando al Marchese di Bajona fosse
così paruto. Spedì poscia due galee in Melazzo con quattrocento fanti
Spagnuoli; ed altrettanti Italiani fece imbarcare sopra un vascello,
e due Tartane con munizioni da guerra e da bocca, e non trovandosi ne'
nostri mari le squadre delle galee di Spagna, s'ottennero quelle della
Repubblica di Genova, e della Religione di Malta in soccorso delle armi
Regie.

I Messinesi, prevedendo che per se soli non erano bastanti a
contrastare a tanti, dalla sollevazione passarono a manifesta
ribellione deliberando di ricorrere al Re di Francia, perchè di loro
prendesse cura e protezione; e tenendo in tanto a bada il Marchese di
Bajona con negoziazioni e trattati di rendersi, ma non mai riducendogli
ad effetto, spedirono in Roma D. Antonio Cafaro a trattare col Duca
d'Etrè ambasciadore di quel Re al Pontefice, perchè ricevendogli sotto
il suo dominio, sollecitasse il Re a mandar loro presti e poderosi
soccorsi. Il Duca col Cardinal d'Etrè suo fratello, non tenendo sopra
di ciò alcun spezial comando del lor Sovrano, nè avendo nemmen il
Cafaro bastante mandato di far ciò che offeriva, deliberarono, per non
perder tempo, di far passare in Francia l'istesso Cafaro, affinch'egli
avesse rappresentato lo stato di Messina a quel Principe, e sollecitato
il soccorso, e l'accompagnarono con loro lettere dirette al Duca di
Vivonne Vice-Ammiraglio di Francia nel mare Mediterraneo, che dimorava
in Tolone. Nella corte di Francia furon varj i sentimenti intorno
ad accettar l'impresa: alcuni memori del famoso Vespro Siciliano
e dell'avversione, che i Popoli della Sicilia hanno alla nazion
Franzese, la dissuadevano: altri accendevano l'animo di quel Re a non
abbandonarla, potendo molto giovare alla guerra, che allora ardeva fra
le due corone, e che almeno avrebbe cagionata una grande diversione
alle armi Spagnuole. Fu risoluto in fine d'appigliarsi ad un mediano
partito, di comandare al Vivonne, che soccorresse ai Messinesi,
ma prima di moversi con tutta l'armata, spedisse una squadra per
introdurvi soccorso, e nell'istesso tempo confermasse i Messinesi nella
ribellione, affin di ritrarne profitto per la diversion delle armi
spagnuole, e s'informasse meglio dello stato delle cose, per prender
poi più pesate deliberazioni.

Dall'altra parte, giunto alla corte di Spagna l'avviso della
sollevazione di Messina, fu deliberato, che si proseguissero i mezzi
per ridurla, non men colle armi che co' trattati d'accordo, mostrando
indulgenza, e promettendole il perdono. Ma nell'istesso tempo fu
risoluto, che prima che potessero venire i soccorsi, che si temevano
di Francia, con tutte le forze di mare (non profittandosi i Messinesi
della regal clemenza) si proccurasse la sua riduzione. Fu pertanto
dalla Regina Reggente conceduto loro un general perdono, che fu
mandato al Bajona, perchè lo pubblicasse in quell'Isola: e comandato
al Marchese del Viso, che ripigliasse il comando delle galee di Spagna,
del quale si trovava essersi già fatta mercede all'istesso Marchese di
Bajona, ch'era suo figliuolo; ordinando parimente così a lui, come a
D. Melchior della Queva General dell'armata, che unitamente si fosser
portati con tutte le galee e vascelli ne' mari di Sicilia.

Ma così l'uno, come l'altro mezzo, ebbero infelice successo: poichè i
Messinesi insolentiti per li promessi soccorsi di Francia, e vie più
resi animosi per alcuni fatti d'arme intanto seguiti con lor vantaggio,
rifiutarono il perdono, che avea fatto pubblicare il Bajona in Melazzo;
anzi essendo stato mandato dal General delle galee di Malta il Capitan
D. Francesc'Antonio Dattilo Marchese di S. Caterina figliuolo del
rinomato Maestro di Campo Roberto Dattilo a portar loro il perdono,
e con sue lettere assicurargli, che avrebbelo con buona fede fatto
puntualmente valere: essi non solo disprezzarono le insinuazioni, ma
fecero prigioniere il Marchese, rinchiudendolo in oscuro e stretto
carcere.

La corte di Spagna, a questi avvisi infelici, deliberò mutar
governadore in quell'Isola, e comandò al Marchese di Villafranca,
che tosto si portasse in Sicilia a governarla; e nell'istesso tempo
sollecitava il Marchese del Viso, e D. Melchior della Queva, li
quali avean già unite amendue l'armate nel Porto di Barcellona, che
sciogliesser presto da quel porto, ed accorressero a' bisogni di quel
Regno. Partì il General de' vascelli nel dì 18 settembre di quest anno
1674 ma il Marchese del Viso colle galee, impedito dai venti, non poté
partire sino a' 18 del seguente mese di ottobre, nè prima de' 5 di
novembre potè giungere in Sardegna nel porto di Cagliari; donde col
Marchese di Villafranca, calmato alquanto il mare, partirono finalmente
per la volta di Palermo nel dì 10 di dicembre, dove giunsero con le
galee nel dì 12 dello stesso mese. Il nuovo Vicerè avendo preso il
possesso in Palermo, si trasferì subito a Melazzo, per assister da
vicino alle cose di Messina, dove anche si condusse per mare colle
sue galee il Marchese del Viso; e facendo notabili progressi, avendo
occupata la Torre del Faro, si risolsero di stringer Messina, toglierle
per mare e per terra ogni adito di ricever soccorsi, e sopra tutto
invigilar, che non ne fossero introdotti da' Franzesi; avendo per tal
effetto il general dell'armata, col grosso de' suoi vascelli, dato
fondo nella Fossa di S. Giovanni, affinchè, posto con tutti i vascelli
a vista della città, si desse maggior calore all'impresa.

Ma mentr'eransi in cotal guisa disposte le cose, tal che si sperava
tra pochi giorni la riduzione di quella città, s'intese nel di primo
di gennajo del nuovo anno 1675, che s'eran scoverti sei Vascelli da
guerra Franzesi, che con quattro da fuoco, ed alcune tartane venivano
per tentar d'introdursi in Messina. Era questa la squadra spedita dal
Duca di Vivonne, la la quale guidata dal comandante Valbel, uscita
poco dianzi da Tolone veniva per tentare un furtivo soccorso, in
congiuntura, che l'armata Spagnuola, per tempesta, o per altra cagione,
non si fosse trovata in istato di poterlo impedire; nè di questa
squadra si era avuta alcuna notizia, poichè tutti gli avvisi parlavano
del soccorso Reale, che si preparava dal Duca di Vivonne, il qual ben
si conoscea, che per doversi apprestare un sì gran numero di vascelli,
non avria potuto arrivare, se non molto tardi. Giunto il Valbel presso
Messina, insospettito d'aver trovata in poter degli Spagnuoli la Torre
del Faro, ed avuta notizia che la città stava deliberando per rendersi,
ancorchè avesse potuto il medesimo giorno condursi senz'opposizione
in Messina, poichè il vento a lui favorevole impediva in contrario
all'armata nemica l'uscir dalla Fossa di S. Giovanni, non volle però
entrare, per tema d'esser tradito da' Messinesi. Ma, o che veramente
fosse, che per li venti contrarj l'armata, con tutto che si fosse usata
ogni umana industria, non s'avesse potuto condurre in quel tempestoso
canale in posto che avesse potuto impedire il soccorso; o veramente
gara di comando fra' Generali, o lor negligenza, di che ne furon poi
imputati; assicuratosi nel terzo giorno il Valbel dell'ostinazione
de' Messinesi, si risolse finalmente d'entrare, passando nel dì 3 di
gennajo a vista dell'armata nemica, senza che avesse potuto farsegli
resistenza.

Il soccorso però, che vi fu introdotto, non era tale, che avesser
dovuto gli Spagnuoli disperar dell'impresa. Ma i Messinesi fattisi
più arditi, ed in contrario sorpresi i Capi, che guardavano i posti
occupati, da soverchio timore, con troppo presta disperazione, senza
aspettare d'esserne cacciati dal nemico gli abbandonarono: con che si
perdè l'occasione di poter per allora ridurre la città col terrore
dell'armi. Non si abbatterono con tutto ciò d'animo gli Spagnuoli,
prevedendo, che per la scarsezza de' viveri la città si sarebbe in
breve ridotta all'angustia di prima; onde erano tutti intesi, che
non vi s'introducessero per via di mare. Ma mentr'essi lusingati da
queste speranze deliberavan de' mezzi, il Duca di Vivonne avvisato de
felice successo della sua squadra, e dell'ostinazione de' Messinesi,
fece concepire al suo Sovrano più certe speranze di ridurre quel regno
sotto il suo dominio; onde assunto il titolo di Vicerè di Messina, ed
il comando generale delle galee di quella corona, sciolse dal Porto di
Tolone con nove navi di guerra, tre da fuoco, ed otto di vettovaglie,
ed incamminatosi per la volta di Messina, pervenne egli in que' mari a'
10 di febbrajo. I Generali Spagnuoli, all'avviso del suo avvicinamento,
uniron tutte le lor forze, per andare ad incontrarlo, siccome fecero,
e nella giornata degli 11 si combattè con tanto valore, che la pugna
cominciò dalle nove della mattina e continuò sino alla sera. Ma, o
fosse lor fatalità o negligenza, o perchè mutossi il vento a favor
de' Franzesi, furon costrette le lor galee dalla forza del vento a
ritirarsi; ond'ebbe campo il Valbel d'uscir dal porto di Messina con
altri dodici vascelli, co' quali posti in mezzo gli Spagnuoli, furono
obbligati combattere non più per la vittoria, ma per la salute; sin
che verso la sera si divisero per la tempesta, con che riuscì a'
Franzesi il giorno appresso con vento prospero entrar senza contrasto
in Messina.

Quest'infelici successi portarono ancora, che le galee di Sicilia e di
Napoli, conoscendo infruttuosa la lor dimora in que' mari, prendendo
il cammino verso Melazzo, ed alcune verso Napoli, per gran tempesta
ne naufragassero due nell'acque di Palinuro, ed una altra se ne
sommergesse ne' mari di Maratea. I vascelli dell'armata Spagnuola si
ritirarono in Napoli per risarcirsi de' danni patiti nella passata
battaglia. Perì in quest'ostinata guerra molta gente, che bisognava
dal nostro Regno riclutarsi; e ciò non bastando fu duopo far venire
d'Alemagna quattromilacinquecento Tedeschi, li quali giunti in Napoli
quasi tutti s'ammalarono; onde bisognò che il Vicerè provvedesse
loro più d'ospedali, che di quartieri; nè per essi e per gli soldati
dell'armata regale bastando gli spedali della città, bisognò, che in
Pozzuoli se ne formassero de' nuovi.

La Corte di Spagna all'avviso di sì funesti accidenti, incolpando i
disordini accaduti a' generali Spagnuoli, fremendo contro di essi,
con due regali cedole, una spedita a' 16 di marzo di quest'anno
1675, alla quale diede cagione il soccorso entrato a' 3 di gennajo,
l'altra a' 10 di maggio, ordinò una giunta di Ministri, perchè con
regal delegazione giudicassero sopra quelli delle mancanze che loro
venivan imputate. Si accagionava il Marchese di Bajona di non aver
saputo con mezzi opportuni, che potea usare, ridurre in que' principj
i Messinesi. Al Marchese del Viso suo padre, al general della Queva,
ed all'ammiraglio D. Francesco Centeno, s'imputava di aver potuto,
e non voluto combattere il soccorso, che il Valbel introdusse
nell'assediata città. Furono per ciò arrestati in Sicilia il Bajona, e
'l padre, e dopo alcuni mesi condotti in Napoli. Al nostro Vicerè fu
data commessione d'arrestare il general della Queva, e l'ammiraglio,
li quali prontamente avendo ubbidito agli ordini regali, il primo fu
mandato nella fortezza di Gaeta, e l'altro al castel d'Ischia. Il
principe di Montesarchio fu dichiarato governadore dell'armata de'
vascelli di Spagna, e venne in Napoli ad esercitar la sua carica.
L'Astorga Vicerè dichiarò governadore dell'armi nella piazza di Reggio
il general dell'artiglieria Fr. Gio. Brancaccio; ed il Marchese
del Tufo, ch'avea sin allora occupata la medesima carica, andò ad
esercitarla nella provincia di Terra d'Otranto. La giunta ordinata
sopra la visita di questi generali cominciò a conoscere delle colpe,
che venivan loro imputate, e fu comandato al reggente D. Pietro Valero,
che ne prendesse diligenti informazioni; onde il Marchese del Viso,
che fu poi ristretto nel Castel Nuovo di Napoli, per difesa della
sua causa prese per suo avvocato il rinomato _Francesco d'Andrea_, il
quale volle, che in quella vi scrivesse suo fratello _Gennaro_, allora
avvocato de' poveri in Vicaria, il quale vi compose una molto dotta, ed
erudita allegazione.

Premeva tuttavia incessantemente la corte di Spagna, che in tutti i
modi si ripigliasse l'impresa per la riduzione di Messina, ma eran
vane le speranze di riacquistarla, sempre che i vascelli franzesi
erano padroni del mare. Bisognava per tanto pensare a risarcire
l'armata, ed accrescere nel medesimo tempo l'esercito terrestre di
Sicilia. Mancava però il denaro, nè altronde che dal nostro regno si
pensava il provvedimento. Per ciò furon posti in opra dal Marchese
d'Astorga li più estremi espedienti per provvedersene. Espose venali
le rendite, che possedeva il Re sopra le gabelle, dazj, e fiscali, e
barattandosi a prezzo vilissimo, molte private case per ciò divennero
ricchissime. Il ragguardevol ufficio di scrivano di Razione del regno,
ch'era amministrato da D. Andrea Concublet Marchese d'Arena, essendo
vacato per la di lui morte, fu nel mese di giugno di quest'anno 1675
frettolosamente venduto per tre vite a D. Emmanuele Pinto Mendozza
per ducati quarantaseimila, ma non essendo stata approvata dal Re la
vendita, fu duopo, per ottenerne il regale assenso, che si sborsassero
altre mille pezze da otto reali, oltre l'altre spese, che il Re ordinò,
che si pagassero nella Corte di Madrid. Chiese ancora il Vicerè a'
Baroni una contribuzione di soldati a cavallo, a loro spese armati
e montati, la quale da ciascuno fu somministrata in danari, secondo
le proprie forze. E finalmente si tolse la terza parte dell'entrate
d'un anno, che i forastieri possedevano nel Regno. Con questi danari
si cominciarono a risarcire i vascelli, per servigio de' quali si
fecero venire da Ragusi quattrocento marinari. Ma perchè la spesa,
che bisognava per lo risarcimento era grande, e buona parte del denaro
s'impiegava in altri usi, i lavori camminavano con lentezza; per ciò i
popoli, che vedevano con tanta furia alienare l'entrate regie, e non
vedevano promuovere con la medesima sollecitudine il Regal servigio,
mormoravano dei Vicerè: le soldatesche parimente se ne lagnavano,
perchè non eran somministrate le paghe. Non si può dubitare, che le
spese ed i soccorsi, che uscirono da questo Regno per la guerra di
Messina sotto il governo del Marchese d'Astorga furono considerabili
e di grandissima importanza. Si arrolarono nuovi fanti e cavalli:
si fecero venire d'Alemagna quattromilacinquecento Tedeschi, e tutta
questa gente si faceva passare parte in Melazzo, e parte in Reggio, ed
in altri luoghi della Calabria, donde poscia si traghettava, secondo
il bisogno, in Sicilia. Si provvidero di munizioni, così da bocca,
come da guerra, le piazze di Reggio, di Melazzo e della Scaletta:
si somministrarono somme immense di danaro, non solo per le paghe a'
soldati, che guardavano le frontiere del Regno, ma anche a quelli, che
guerreggiavano in campagna nell'esercito e nelle Piazze di Sicilia.
Si rifecero in fine i vascelli, e si diedero i soldi alla gente
dell'armata di Spagna, con lo sborso di sopra seicentomila ducati.

Il marescial Vivonne intanto, ridotta Messina sotto l'ubbidienza
del suo Sovrano e reso padrone del mare, meditava di stendere le sue
conquiste sopra altre città di quell'Isola; ma fattone esperimento,
trovò gli animi stabili e fermi nella fedeltà del lor Signore, e
pronti ad opporsergli con molta intrepidezza e costanza. Bisognavagli
ancora provvedere Messina di viveri da rimote parti, e mandare sino
in Francia per vettovaglie, perchè gli Spagnuoli tenevan chiusi tutti
i passi di terra; e l'armata, che s'apprestava in Napoli tenevalo in
continue agitazioni, vedendo, che gli Spagnuoli non aveano deposto
l'animo di fare ogni sforzo per la riduzione di quella città. Per ciò
egli dopo avere scorso colla sua armata le marine di Palermo e tentate
inutilmente l'altre piazze marittime di quell'Isola, s'incamminò
verso i lidi di Napoli, con disegno, se gli venisse fatto, d'abbruciar
l'armata spagnuola, che si trovava ancora nel nostro Porto; ma essendo
comparso nel mese di luglio di quest'anno 1675 nel nostro Golfo,
presero i cittadini le armi, ed opportunamente fortificati i posti più
importanti, l'obbligarono a ritornarsene in Messina, con aver solo
depredate alquante barche, che per cammino ebbero la disavventura
d'incontrarsi colla sua armata.

Ma mentre il Vicerè, risarcita già l'armata, provveduta del bisognevole
e soccorsa colle paghe de' marinari e de' soldati, sollecitava la
di lei partenza, siccome in effetto il principe di Montesarchio
governadore di essa s'era posto alla vela, si videro entrar nel
nostro porto a' 9 di settembre di questo istesso anno alcune navi che
inaspettatamente condussero da Sardegna il _Marchese de los Velez_ per
nostro nuovo Vicerè. Erano precorse alla corte le voci insorte, che il
Marchese d'Astorga e più i suoi Ministri, de' qual' si valeva, s'eran
molto profittati di questa guerra e che le spedizioni andavan pigre
e lente, perchè la maggior parte del denaro era impiegato ad altri
usi. La Corte di Spagna, che non inculcava altro, che la riduzione
di Messina, deliberò, avendo già l'Astorga compiti i tre anni del suo
governo, di mandargli per successore il Marchese de los Velez, il quale
trovandosi allora vicerè in Sardegna, favorito ancora dalla Regina
Reggente per le continue raccomandazioni della madre di los Velez,
ch'era sua cameriera maggiore, fu creduto valevole a sostenere il peso,
non men del governo del regno, che della guerra di Sicilia. Convenne
per tanto all'Astorga, giunto il successore, di cedergli il Governo e
ritiratosi nel borgo di Chiaja, dove si trattenne sino a' 13 d'ottobre,
partissi per la volta della Corte ad esercitar ivi la sua carica di
consigliere di Stato e di generale dell'artiglieria delle Spagne. Ci
lasciò pure l'Astorga sette _Prammatiche_ ne' tre anni, che ci governò,
che sono additate nella _Cronologia_ prefissa al primo tomo delle
medesime.



CAPITOLO IV.

_Il MARCHESE DE LOS VELEZ nuovo Vicerè prosiegue a mandar soccorsi per
la riduzione di Messina, la quale finalmente abbandonata da' Franzesi,
ritorna sotto l'ubbidienza del Re._


L'espettazione, colla quale fu ricevuto D. Ferrante Gioachino Faxardo
Marchese de los Velez, e la speranza, che si concepì del suo governo
di dover sollevare il Regno d'una sì molesta, e fastidiosa guerra, che
lo impoveriva molto più, che non avean fatto le passate sciagure, fu
appresso tutti grandissima. Si sperava, che per l'avvenire con miglior
economia dovesse spedirsi il denaro e per conseguenza dovessero farsi
sforzi più valevoli per terminar la guerra di Sicilia; che sarebbero
scacciati i franzesi, umiliati i ribelli, restituita la tranquillità
in quell'Isola e quello che più premeva, liberato il nostro Regno,
non meno dal peso di spingere a quella parte continui soccorsi, che
dal timore d'invasioni e d'insulti; poichè i Franzesi, non contenti
di suscitar torbidi e sollevazioni in quell'Isola, macchinavano
ancora nel nostro Regno, coltivando continue pratiche co' banditi
di Calabria e con altri mezzi fomentando sedizioni e tumulti: nè
tralasciava l'ambasciadore del Re Franzese residente in Roma, con
occulte macchinazioni e con secrete commessioni, appoggiate per lo
più a frati, di tentar gli animi e far disseminare _manifesti_ per
eccitare i popoli a seguir l'esempio de' Messinesi. A questo fine il
Marchese de los Velez fu obbligato di istituire in Napoli un'assemblea
di ministri con titolo di _Giunta degl'Inconfidenti_, la quale non vi
stette oziosa, poichè scoprì molti di costoro, de' quali, secondo che
venivano indiziati, alcuni ne furono imprigionati, altri esiliati dal
Regno e taluni fatti morire su le forche.

(A questi tempi fu sparso quel _Manifesto_ del Re Luigi XIV, che in
idioma franzese si legge presso Lunig[57] colla data di Versaglia
degli 11 ottobre del 1675, dove s'espongono le ragioni per le quali
fu mosso a dar soccorso a' Messinesi oppressi dal pesante giogo degli
Spagnuoli.)

Intanto sollecitando la Regina reggente la riduzione de' Messinesi e
nell'istesso tempo minacciando rigorosi castighi a' generali spagnuoli,
affrettando per ciò il reggente Valero, che i processi fabbricati
contro di loro dovesse mandare alla Corte, costrinse il nostro Vicerè a
pensar da dovero ad affrettare valevoli soccorsi per quella spedizione.
Egli per ciò esagerando non meno a' Nobili, che al Popolo Napoletano
gli urgenti bisogni, indusse loro a far un donativo al Re di 200 mila
ducati, una parte de' quali fu ricavata dalle contribuzioni volontarie
de' Cittadini e 'l rimanente dalla metà degli stipendj de' Giudici
delegati e dei governadori degli arrendamenti, ed in cotal guisa si
sosteneva la guerra di Sicilia, dove furono spediti da tempo in tempo
soccorsi non solo di munizioni e di gente, ma si mandava ogni mese il
contante per pagare l'esercito.

Ma le speranze maggiori di snidare i Franzesi da quell'Isola si
fondavano nella venuta di D. Giovanni d'Austria, il quale essendo stato
dichiarato dalla Regina Reggente, Vicario generale del Re in Italia,
si aspettava a momenti con una squadra di vascelli di Olanda. Giunse
finalmente in Napoli a' 30 di novembre di quest'anno 1675 l'armata
Olandese composta di diciotto navi da guerra e sei da fuoco, comandata
dall'ammiraglio Ruiter, ma non già D. Giovanni di Austria, il quale
con secreti ordini del Re era stato richiamato alla Corte. L'arrivo
di quest'armata diede maggior agio ai generali Spagnuoli d'accalorar
l'impresa, e già stringendo per tutti i lati Messina, ed all'incontro
vedendosi che i Franzesi a lungo andare non avrebber potuto resister
loro, si cominciavano a sentir voci dagl'istessi Messinesi che era
impossibile che Messina potesse rimanere ai Francesi, e che l'armata
spagnuola unita a quella degli Stati generali d'Olanda l'avrebbe
senza fallo espugnata. Cominciavano ancora ad accorgersi, che il Re di
Francia non avea pensiero (non potendo conquistare tutto il Regno) di
conservarla: ma solamente di divertire le forze della corona di Spagna,
colla quale guerreggiava ne' Paesi Bassi, e che per ciò vi mandava
soccorsi tali, ch'erano valevoli a mantener questa guerra in Italia,
non già a liberare la città di Messina da quelle angustie, nelle quali
la tenevano le milizie Spagnuole. Dispiacevano sommamente ai Franzesi
queste voci onde nell'entrato anno 1676 vie più inaspriron la guerra,
e tentarono di nuovo Palermo, e l'altre piazze, ma sempre con infelici
successi.

Intanto partito per la corte il Marchese di Villafranca, e sostituito
Vicerè di quell'Isola il Marchese di Castel Rodrigo figliuolo del Duca
di Medina las Torres e di D. Anna Caraffa principessa di Stigliano,
giovane intorno a 35 anni e che nelle guerre di Portogallo e di
Catalogna avea dati saggi d'un gran ardire e valore; ripigliò questi
la guerra con più vigore, e per tutto quest'anno e ne' principj
del seguente combattè valorosamente i Franzesi, sicchè molto più i
Messinesi disperavano di lor salute. Ma morto costui per dolor di
colica nel mese d'aprile di questo nuovo anno 1677 non potè aver
il piacere per le sue mani di veder condotta a fine la gloriosa
impresa. Avea egli prima di morire appoggiata l'amministrazion del
Regno alla Marchesana sua moglie, ed al Maestro di Campo Generale
Conte di Sartirana il comando delle milizie, per sino a tanto, che
il Re non avesse provveduto il regno del successore. Ma poichè eravi
occulto dispaccio del Re, che comandava, che per qualunque accidente
venisse a mancare il Castel Rodrigo andasse il Cardinal Portocarrero,
che si trovava in Roma, a prender il governo di quell'Isola, partì
subito questi da Roma per Gaeta, ove a' 10 maggio imbarcatosi, navigò
felicemente per Palermo.

Fu proseguita la guerra per tutto quest'anno con non minor calore,
che intrepidezza; ma in Messina intanto accadevan spesso fastidiosi
tumulti, non solo per l'insolenza de' soldati Franzesi, ma per le
mormorazioni, che tuttavia crescevano, che i Franzesi dovessero
finalmente saccheggiar Messina e lasciar gli abitanti alla discrezione
degli Spagnuoli. Nè le voci eran vane, poichè nel consiglio di Francia
era stato già stabilito l'abbandonamento de' Messinesi e poichè donde
venisse tal risoluzione era occulto, diessi a molti occasione di
spiarne le cagioni. Alcuni l'attribuivano alle immense spese, che dovea
soffrir la Francia per traghettar le soldatesche nella Sicilia, e molto
più per mantenervele; e mancando In Messina ogni sorte di vettovaglie,
si dovean mendicare da lontani paesi, non solo per uso delle milizie,
ma anche de' Cittadini. Si faceva il conto, che di ventimila soldati
passati in diverse volte in quell'Isola, appena rimaneva la quarta
parte, e tutti gli altri, o erano rimasi estinti nelle fazioni o morti
di patimenti e d'infermità, o finalmente fuggiti per non esporsi al
pericolo della fame. Che volendosi continuar la guerra, bisognava
spedire nuove squadre in Sicilia, giacchè dagli Spagnuoli si facevano
apparecchi grandissimi in tutti gli Stati, che possedevano in Italia.
S'aggiungeva ancora di dover mantenere l'armata navale continuamente in
que' mari, per tener aperto il passo alle vettovaglie e per far fronte
all'armata spagnuola, la quale sarebbe stata molto potente, per la
squadra di navi, che facevano gli Olandesi passare a questo effetto nel
Mediterraneo Sotto il comando del Vice-Ammiraglio Everzen; e che queste
spedizioni pregiudicavano notabilmente alla guerra, che la Francia
faceva di là da' monti, dove avea bisogno di soldatesche per ingrossare
gli eserciti, e di navi per l'armata navale, che faceva mestieri
di porre in mare, non solamente per opporsi a' Principi Collegati,
ma anche al Re d'Inghilterra, il quale sollecitato dal Parlamento,
minacciava d'unirsi co' nemici del Re Franzese, per costringerlo
a far la pace con quelle condizioni, che pretendeva prescrivergli.
Si considerava, che la Francia non avea tante forze per mantenere
un'armata navale nell'Oceano ed un'altra nella Sicilia, spezialmente in
quel tempo che 'l fuoco avea abbruciata una gran parte dell'Arsenale
e delle munizioni in Tolone, ed anche i magazzini in Marsiglia; e
ch'era ritornato dall'America il Conte d'Etrè con la sua squadra di
navi molto mal concia e sminuita di numero, per cagion della battaglia
ch'avea data nell'Isola del Tabacco al Vice-Ammiraglio Binch olandese.
Ma sopra tutto si ponderava, che la guerra della Sicilia non poteva
giammai render conto alla Francia, poichè erasi già sperimentato,
di non doversi fare alcun fondamento su quella rivoluzione generale
dell'Isola, che aveano i Messinesi fatta sperare; anzi che per la
fermezza e costanza de' Siciliani nella fede del lor principe, era
a' Franzesi ogni palmo di terreno costato un fiume di sangue; ed
aggiugnevasi, che bisognava temere de' medesimi Messinesi, giacchè
s'era sperimentato, che alcuni di essi per affetto alla Spagna, altri
per incostanza di genio, e tutti per rincrescimento della lunghezza,
e delle calamità della guerra, aveano macchinate tante congiure, per
riconciliarsi col Re Cattolico. E finalmente conchiudevasi, che non era
possibile di combattere insieme co' nemici interni ed esterni, e molto
men con la fame, la quale faceva a' Franzesi in Messina una guerra,
assai più crudele di quella, che loro facevasi dagli Spagnuoli.

Questo fu ponderato allora intorno a tal deliberazione, ancorchè non
mancassero alcuni, che stimassero le cagioni assai più recondite e
misteriose, e che nascondessero segreti d'assai maggiore importanza.
Altri finalmente credettero, che ciò fosse preludio del trattato
di pace, che fu conchiuso in Nimega l'istesso anno 1678. Che che ne
fosse, egli però è certo, che questo abbandonamento fu conchiuso nel
consiglio di Francia molto tempo prima di quello, che fu mandato in
effetto. Il Marescial di Vivonne non volle esserne l'esecutore, per
non lasciare, con un atto di debolezza, quella carica, che gli pareva
d'avere esercitata con tanto applauso; onde a questo fine il Re di
Francia gli sostituì il maresciallo della Fogliada nel medesimo tempo,
ch'essendo stato nominato dal Re Cattolico il Cardinal Portocarrero
all'Arcivescovado di Toledo, vacato per la morte del Cardinal
d'Aragona, fu mandato in sua vece il Principe D. Vincenzo Gonzaga de'
Duchi di Guastalla a governar la Sicilia, il qual giunto a Napoli nel
dì 22 di febbrajo di quest'anno 1678, partì verso Palermo nel primo di
marzo, portando seco un vascello con 500 fanti Napoletani, seguitato,
alcuni giorni da poi, da due navi cariche di munizioni da guerra.

Essendo per tanto giunto in Messina il Maresciallo della Fogliada, dato
prima ad intendere di voler con maggior calore proseguire la guerra,
cominciò ad imbarcare sopra l'armata le soldatesche Franzesi, sotto
pretesto di condurle all'acquisto di Catania, o di Siracusa: da poi
fatti a se chiamare i Giurati della città mostrò loro i dispacci del
Re di Francia per l'abbandonamento della Sicilia. Questo avviso a guisa
di un fulmine toccò gli animi de' Messinesi, che sbalorditi e confusi,
non sapevano a qual partito appigliarsi: scongiuravano il Maresciallo
a trattenersi, almeno infino a tanto, che dessero sesto alle cose
loro. Ma ciò lor negato, molti disperando del perdono dagli Spagnuoli,
deliberarono di abbandonare la patria e d'andarsene in Francia:
così ne furono molti non men Nobili, che Popolari imbarcati sopra
l'armata, che verso Provenza voltò le prore. Così rimasa Messina senza
assistenza de' Franzesi, que che vi rimasero ne dieron tosto avviso al
governadore dell'armi della piazza di Reggio, il quale immantenente
accorsovi col Vescovo di Squillace, ed alcuni ufficiali militari
introdusse in Messina il ritratto del Re Cattolico, a vista del quale
tutti que' cittadini fecero non ordinarie dimostrazioni d'applauso al
suo Augustissimo Nome. Ciò accadde nel mese di marzo di quest'anno.
Vi accorsero poco da poi gli altri comandanti con buon numero di
soldatesche, e finalmente portossi in Messina il Vicerè Gonzaga, il
quale usando moderazione con que' sudditi, concedette loro un ampio
perdono, con la restituzione di tutti i beni, che non si trovavano
alienati, o venduti; ma volle, che ne fossero esclusi tutti coloro,
che con la fuga se n'erano renduti indegni. Comandò parimente, che si
fosse negli abiti abolito l'uso franzese, e che si fosse portata nella
zecca tutta la moneta di Francia, a fine di coniarsi con l'impronta
del Re. Non estinse il Senato, aspettando sopra ciò la deliberazione
della Corte; vietò nulladimeno a' cittadini d'offendersi, o ingiuriarsi
fra di loro per le colpe della passata ribellione; ed avendone
mandate tutte quelle soldatesche, che sopravanzavano al bisogno delle
guarnigioni, le milizie di Reggio si ritirarono in Napoli.

Ma alla Corte di Spagna non piacque l'indulgenza usata dal Gonzaga
a' Messinesi; onde richiamatolo in Madrid a sedere nel Consiglio di
Stato, gli sostituì nel Governo dell'Isola il Conte di S. Stefano,
il quale trovandosi allora Vicerè in Sardegna, si pose immantenente
in cammino, ed a' 29 di novembre giunse in Palermo, donde partito a'
5 di gennajo del nuovo anno 1679 arrivò a Messina. Costui secondando
i desiderj della Corte, tolse il Senato, e mutò forma di governo a
quel magistrato, comandando, che non più senatori, giurati, ma eletti
dovessero nomarsi, e restrinse in troppo angusti confini la loro
potestà. Privò i Messinesi di tutti i privilegj e franchigie. Fece
demolire il palagio della Città, e sparso il suolo di sale, vi fece
ergere una piramide, ed in cima la statua del Re formata dal metallo
di quella stessa campana, che prima serviva per chiamare i cittadini a
consiglio. Vietò tutte l'assemblee; regolò egli le pubbliche entrate,
le esazioni, ed i dazj; e finalmente, secondo le istruzioni lasciategli
dal Principe Gonzaga, per porre maggior freno a que' popoli, vi fondò
una forte ed inespugnabile cittadella, intorno alla quale posero ogni
studio i migliori Ingegneri e Capi Militari, che aveva la Spagna in
que' tempi.



CAPITOLO V.

_Il MARCHESE DE LOS VELEZ, finita la guerra di Messina riordina il
meglio, che può, il Regno: suoi provvedimenti: sua partita e leggi, che
ci lasciò._


Aveva questa crudele ed ostinata guerra impoverito in tal guisa
il Regno, per le tante spese occorsevi, che ci fece il conto,
che ne uscirono poco meno di sette milioni. Affinchè i soccorsi
fosser pronti e solleciti, fu di mestieri, non essendosi trovate
l'entrate del regio erario corrispondenti alle somme immense, che
fu necessario impiegare ne' ruoli delle milizie, nelle provvisioni
delle vittuaglie, munizioni ed ordigni di guerra, e nelle paghe de'
soldati, così dell'esercito della Sicilia, come dell'armata navale
e delle guarnigioni delle piazze della Calabria; di por mano, non
solo con molta precipitanza alla vendita degli ufficj, ma quel ch'è
più, alla vendita de' fondi, ed a barattargli a prezzo vilissimo,
con tanto vantaggio dei compratori, che tutti ne aveano goduti frutti
eccessivi, e molti d'essi n'aveano ritratta la rendita di sopra venti
per cento l'anno. Ciò che avendo diminuita notabilmente la dote della
cassa militare, furono dalla Corte di Spagna, non solo disapprovate
molte alienazioni, e per ciò niegato il regale assenso, ma intorno
alla vendita de' capitali degli arrendamenti fiscali, ed adoe, fu
ordinato, che si formasse una _Giunta_ di Ministri, per esaminare un
affare di così grande importanza. Furon proposti molti espedienti per
dar compenso a' preceduti disordini; ma finalmente piacque a los Velez
d'appigliarsi a quel partito, che reputò più conforme alla giustizia
ed equità; laonde fu comandato, che tutti i mentovati contratti si
dovessero regolare a misura del prezzo veramente pagato, in guisa tal,
che i capitali degli arrendamenti e delle adoe si fossero ridotti
a cento per cento; i fiscali della provincia di Terra di Lavoro al
novanta; e quelli di tutte le altre province ad ottanta per cento. Il
rimanente fu incorporato al patrimonio reale; al quale vi fu aggiunto
ancora l'imposta del _Jus prohibendi_ dell'acquavite, dalla quale si
ricavavano in quel tempo 13 mila ducati l'anno.

Ristorato, come si potè il meglio, l'erario regale, bisognò dar
sesto a non inferiori disordini. Le _monete_ non ostante le severe
esecuzioni fatte ne' passati governi, andavansi di giorno in giorno
vie più adulterando. Furono dal Marchese rinovati i rigori, empì di
falsificatori le carceri e le galee, molti ne furon fatti morire su le
forche; ma con tutto ciò non era possibile sterminargli, ed erano così
tenacemente adescati dall'avidità del guadagno, che molti di coloro,
ch'erano scampati dal laccio e condennati a remare, sopra le galee
istesse continuavano i loro lavori. Fin dentro i chiostri era penetrata
la contagione, ed i monaci n'erano divenuti valenti professori. Gli
Orafi adulterando le loro manifatture, mischiavano maggior lega di
quella, che permettono le leggi del Regno. Donde venne a cagionarsi un
grandissimo impedimento al commercio; poichè tutti coloro, che avevano
argenti lavorati nelle lor case, non erano sicuri di trovarvi il lor
danaro, e le monete erano presso tutti cadute in sì cattivo concetto,
che cominciavasi a rifiutarle, ed oltre la mancanza del peso, ogni uno
si faceva lecito di condannarla per falsa, o di conio, o di lega. In
fine, sino alla moneta di rame era adulterata e falsificata. Il Vicerè
applicò il suo animo per rimediare a disordini sì gravi; e fece fare
un'esatta inquisizione contro degli Orafi, che aveano venduto l'oro
e l'argento di più basso carato; sbandì tutte le monete false così
di conio, come di lega; e volle, che si fossero portate fra brevi
giorni in mano di persone a ciò destinate in diversi Rioni della
città, e nelle province in mano de' Tesorieri, da' quali sarebbe stata
restituita la valuta a' padroni in tanta moneta buona e Corrente; ma
ciò non ostante accadevano infinite contese, perchè molti rifiutavano
come falsa la moneta, che in fatti era buona, ed altri volevano
mantenere per buona quella, che veramente era falsa: laonde per
decidere simiglianti litigj, li quali mancò poco non fossero degenerati
in tumulti, fu di mestieri, che il Vicerè ne commettesse la decisione
ad alcune persone esperte di ciascuno quartiere. Ma tutti questi
rimedj erano inutili e si sperimentarono inefficaci alla corruttela
del male. L'unico rimedio era l'abolizione della antica e la fabbrica
d'una nuova: ma questa era opera, che avea bisogno di molti apparecchi
e richiedeva il travaglio di più anni. Con tutto ciò fece il Marchese,
quanto i suoi calamitosi tempi comportavano; perchè non potendo altro,
fe' coniare la moneta di rame d'una figura circolare così perfetta che
servì poscia d'esempio alla fabbrica della moneta d'argento sotto gli
auspicj del Marchese del Carpio suo successore: fece ancora a questo
fine ristorare, ed ingrandire il palagio della Regia Zecca, ancorchè
sapesse, che quest'impresa non era da ridursi a perfezione sotto il suo
governo.

Non meno, che le monete, travagliavano il Regno le frequenti scorrerie
de' _banditi_, li quali se in altri tempi erano stati sempre molesti,
riuscivano ora, per la guerra di Sicilia, assai più gravi, per la
gelosia, che portavano alla tranquillità dello Stato. Avea il marchese
d'Astorga conceduto a molti di costoro il perdono se volessero andare
a servire in Sicilia; e Los Velez, seguitando le sue pedate avea fatto
il medesimo, particolarmente co' banditi di Calabria, li quali, per
la poca distanza, stavano maggiormente soggetti ad esser da' nemici
tentati. Riuscì in parte il disegno, poichè quelli, che v'andarono,
da famosi ladroni divennero bravi soldati. Ma coloro, che rimasero,
ancor che contro essi si fossero usate le più diligenti ricerche e
le più severe esecuzioni, non fu però mai possibile estirpargli, ed
impedirgli, che non infestassero le campagne.

La Città trovavasi nel suo arrivo in istato di somma dissolutezza
per la confusione, che cagionavano le genti delle armate navali e le
soldatesche, che si arrolavano per la guerra di Sicilia, onde tutto era
pieno di disordini, nè v'eran atroci delitti, che non si commettessero,
furti, sacrilegi, omicidj, assassinamenti, _peculati_, e proditorj.
Fu contro tutti, e nobili, e popolani usato rigore; molti ne morirono
per mano del boja, altri fatti secretamente strozzare, altri furono
condannati a remare su le galee e moltissimi languirono per lungo tempo
nelle prigioni; ma questi rigori nè meno bastarono, perchè dandosi
luogo a maneggi, ed alle raccomandazioni, molti sapevano trovar scampo,
nè badandosi alla cagione del male, si proccurava rimediare agli
effetti e non recidere le radici.

Ne' Magistrati non si vedeva quella severità ed incorruttibilità,
che le leggi lor prescrivono; ma alcuni per sordidezza, altri per
compiacenza, davan luogo ai favori. D. Giovan d'Austria, dichiarato
primo Ministro della Monarchia, pensò di darvi riparo, e mosso da
segreti informi ne privò otto di dignità, e d'officio, due Consiglieri,
due Presidenti di Camera e quattro Giudici di Vicaria, oltre alcuni
ufficiali della Segreteria del Vicerè. Si lagnavano i Ministri
degradati di essere stati condannati senza processo e senza difesa;
onde si mossero i Deputati delle Piazze della città a pregare il
Re, che secondo il costume introdotto dal Re Filippo II mandasse nel
Regno un Visitatore, il quale contro i colpevoli procedesse con le
forme giudiciarie, affinchè non si desse luogo alla passione, o alla
calunnia, alle quali sogliono essere sottoposti i processi occulti.
Assentì il Re alla domanda e la mandò in effetto in tutti i suoi
Stati d'Italia avendo ordinato, che da Napoli andasse Visitatore in
Sicilia il Reggente Valero, ed in Milano il Presidente di Camera D.
Francesco Moles Duca di Parete, e che da Milano venisse in Napoli il
Reggente _Danese Casati_. Giunse costui verso la fine d'aprile del
1679, e palesata la sua carica, ricevute le querele di molti, passò con
grandissima circospezione alla fabbrica de' processi; nè altre novità
d'importanza furono vedute nella città, che la restituzione d'alquante
somme, che in concorso di creditori aveano alcuni ministri fatte pagare
a chi forse non si doveano e l'allontanamento di due, per dar luogo
alle diligenze, che doveano farsi dal Fisco contro di loro. Le altre
cose passarono con quiete; onde il Casati dopo due anni di dimora in
Napoli, partì nel mese d'aprile del 1681 per dar conto al Re di quanto
avea operato in adempimento della sua commessione. Dal successo si
credette, che i suoi processi poco, o nulla avessero contenuto contro
agli otto Ministri già digradati; poichè in progresso di tempo cinque
di essi furono reintegrati, parte nelle medesime, parte investiti
d'altre cariche più autorevoli; e gli altri tre avrebbero facilmente
ottenuto lo stesso, se uno di essi non si fosse contentato di menar
vita privata e gli altri due non fossero morti.

Mentre queste cose accadevano in Napoli, morì in Roma a' 22 di luglio
del 1676 il Pontefice Clemente X, ed essendosi ragunati in Conclave
i Cardinali, elessero per successore a' 21 settembre del medesimo
anno Benedetto Livio Odescalchi da Como Vescovo di Novara, che fu
chiamato _Innocenzio XI_. Per l'opinione, che s'avea della sua bontà,
ed innocenza di costumi, da tutti i Principi d'Europa fu l'elezione
applaudita, ed in questo secolo non vi fu Pontefice cotanto da essi
più venerato, quanto che lui; onde gli ufficj, ch'egli interpose in
promovere la pace fra di loro, furono ben ricevuti, ed ebbero felice
successo. Cominciossi a trattare in Nimega, ma le pretensioni troppo
alte del Re di Francia e la diversità degl'interessi degli altri
collegati ne prolungavano la conchiusione. Ma nato in quest'anno
1678 opportunamente all'Imperador Leopoldo, che non avea maschj,
un suo figliuolo, parve questi venuto al Mondo per Angelo di pace.
Le dimostrazioni di giubilo, che si fecero non meno in Napoli, che
in tutti gli Stati Austriaci, furono grandissime; poichè si vedeva
secondata in Alemagna la successione di quella Augustissima Famiglia
e tolto con ciò ogni timore di future rivoluzioni e disordini
nell'Imperio, ed ogni speranza agli altri Principi di potersene
profittare. Agevolò per tanto la natività di questo nuovo Principe la
pace, quale ebbe principio da quella, che il Re di Francia conchiuse
con gli Stati Generali d'Olanda, a' quali quel Re promise di rendere la
città di Mastrich, e sue dipendenze, ed il rinteramento del Principe
d'Oranges nella possessione del Principato di questo nome, e di tutte
l'altre terre poste nel suo dominio, che il Principe possedeva avanti
la guerra senz'altra obbligazione dalla parte degli Olandesi, che
d'osservare una perfetta neutralità, nè dar alcun ajuto a' nemici della
corona di Francia.

Questa pace diede la spinta maggiore di far conchiudere l'altra fra la
Spagna e la Francia, la quale dopo la sospensione d'armi di circa un
mese, fu finalmente sottoscritta in Nimega a' 17 settembre di questo
anno 1678. Gli articoli stabiliti in quella furon molti, buona parte
de' quali riguardava le contribuzioni, ed il commerzio de' sudditi
delle due Corone, e per la restituzione de' paesi occupati fu convenuto
che il Re di Francia dovesse rendere al Re Cattolico le piazze di
Carleroi, Binch, Ath, Oudenarde, Courtray, il Ducato di Limburgo, il
paese di là dalla Mosa, la città e cittadella di Gant, il forte di
Rondenhuis, il paese di Waes e le piazze di Levue e di S. Gislain ne'
Paesi Bassi, oltre la città di Puicerda nel Principato di Catalogna,
con espressa condizione, che l'escluse e fortificazioni incorporate a
Neuport restassero agli Spagnuoli, nonostante le pretensioni del Re
di Francia, come possessore della Castellania di Ath. Gli Spagnuoli
all'incontro si contentarono di lasciare alla corona di Francia
la Franca Contea di Borgogna e le città di Valenciennes, Buchain,
Condè, Cambray, Cambresis, Aire, Sant'Omer, Ipri, Varwich, Varneton,
Poperingue, Bailleul, Cassel, Satelbavai, e Maubeuge: come anche
Charlemont in caso, che il Re Cattolico non facesse fra lo spazio d'un
anno cedere al Re di Francia Dinant, appartenente al principato di
Liege. E finalmente la Spagna stipulò la medesima neutralità, ch'era
stata promessa dagli Olandesi.

Seguì poscia la pace fra la Francia, la Svezia, l'Imperio e
l'Imperadore, la quale interamente fu regolata secondo le capitolazioni
di quella di Vestfalia dell'anno 1648, nè vi fu cosa di nuovo, che la
cessione di Friburgo rimaso all'Imperadore, il rinteramento del Vescovo
d'Argentina e de' Principi di Furstemberg nella possessione de' loro
Stati, beni, preminenze e prerogative e la restituzione della Lorena
al Duca di questo nome, al quale la Francia avrebbe dato la città di
Toul, ed una Prevostia ne' tre Vescovadi, in cambio di Nancy e della
Prevostia di Longuùs, che volle ritenersi insieme con la Sovranità di
quattro strade, larghe mezza lega di Lorena, per andare da S. Desire a
Nancy e da qui in Alsazia, nella Franca Contea e nel Vescovado di Metz.

L'ultime paci furono quelle del Duca di Brunswich, Principi della Bassa
Sassonia, Vescovi di Munster e d'Osnabrug, Elettore di Brandemburg
e Re di Danimarca colla corona di Svezia; le quali parimente furono
indirizzate all'osservanza di quella di Vestfalia. Così furono
restituiti alla Svezia tutti gli Stati, che avea perduti nel corso
di questa guerra, mediante il pagamento di alcune somme, che furono
contate a Brunswich, Munster, Osnabrug e Brandemburg e solamente rimase
al primo il Baliato di Tendinghausen e la Prevostia di Docuren, ed
all'ultimo tutto il paese di là e qualche piazza di qua dell'Odera, che
contro il tenore della pace di Munster aveano gli Svezzesi occupato.
Vi furono parimente compresi li sudditi di ciascuna delle parti, e
spezialmente fu convenuto, che la Contea di Rixinghen fosse restituita
al Conte d'Alefelt, ed al Duca di Gottorp il suo Stato.

Tutt'i Principi sopraccennati ratificarono i mentovati trattati,
quantunque molti di essi vi avessero acconsentito per dura necessità.
Solo il Duca di Lorena fu quegli, che ricusò di approvargli e
contentossi più tosto di rimanere spogliato del proprio Stato, che
ricuperarlo così stravolto e corroso, anzi con le viscere contaminate
dalla sovranità della Francia. E l'Imperador suo cognato riserbando
questo affare del Duca a miglior congiuntura, dichiarollo governadore
dell'Austria inferiore e del Tirolo, assegnando a lui ed alla vedova
Regina di Polonia, Leonora d'Austria sua moglie, la città d'Inspruch
per residenza.

In Napoli, dove pervenne l'avviso sul principio di ottobre, furono per
questa pace celebrate magnifiche feste; ma assai maggiori se ne videro
all'avviso delle nozze del Re, che per maggiormente stabilirla, furono
conchiuse con la Principessa _Maria Lodovica Borbone_ figliuola del
Duca d'Orleans, fratello del Re di Francia, impalmata in Fontanalbò
dal Principe di Contì, come proccuratore del Re di Spagna. Fu chiesto
per queste nozze alle Piazze un donativo; ma incontrandosi gravi
difficoltà, per non esser cosa altre volte praticata in simili casi;
e molto più per l'angustie, nelle quali si trovava il Regno, fu preso
espediente d'imporre un nuovo _jus prohibendi_ sopra l'acquavite.
Amareggiò alquanto questa celebrità la morte seguita in Madrid in
settembre del Principe D. Giovanni d'Austria, ma non fu permesso
perciò interrompere le feste, le quali avendo il Vicerè determinato
di trasportarle dopo l'arrivo della Regina Sposa in Ispagna, furono
a' 14 gennajo del nuovo anno 1680 cominciate con pompose e numerose
cavalcate, e proseguite con tornei, illuminazioni ed altre pubbliche
dimostrazioni d'allegrezza.

Ma con tutta questa pace, e questo nuovo vincolo, non finirono in noi i
sospetti di nuove invasioni, e le agitazioni per prevenirle. I Franzesi
di riposo impazienti, quantunque avessero con tant'ardore sollecitata
la pace con la Spagna, Olanda, l'Imperadore, i Principi dell'imperio,
e le Corone del Settentrione: ad ogni modo, o che restassero gonfi
d'averla ottenuta a lor modo, o ch'avessero desiderato di rompere
l'unione di tanti Principi confederati a' lor danni, per confermarsi
nel possesso delle loro conquiste, e poscia opprimere divisi coloro,
che collegati parevano insuperabili; cominciavano di bel nuovo a dar
grandissime gelosie; e ben presto se ne videro i contrassegni; poichè
quando doveansi assembrare i Commessarj per regolare i confini in
esecuzione de' trattati di pace, ricusarono di dar principio alle
sessioni, pretendendo, che si dovesse dal Re Cattolico rinunziare al
titolo di Duca di Borgogna, antico retaggio della Casa d'Austria, e
che per conseguenza dovesse quello torsi dai mandati di proccura, che
producevano i suoi Ministri. Aprirono poscia due Tribunali, l'uno in
Brisach, e l'altro in Metz: ed arrogandosi una giurisdizione non mai
udita nel mondo sopra i Principi lor vicini, fecero non solamente
aggiudicare alla Francia con titolo di dipendenze tutto il paese, che
saltò loro in capriccio ne' confini della Fiandra, e dell'Imperio;
ma se ne posero per via di fatto in possessione, costringendo gli
abitanti a riconoscere il Re Cristianissimo per sovrano, prescrivendo
termini ed esercitando tutti quegli atti di signoria, che sono soliti
i Principi di praticare co' sudditi. Di vantaggio, durando la pace,
posero in ordine ne' loro porti una potentissima armata di galee e
di navi, empierono i magazzini, ed ingrossarono le guarnigioni delle
piazze di frontiera, ingelosendo con simiglianti apparecchi tutt'i
Principi di Europa. Uccellarono il Duca di Savoja col matrimonio
dell'Infanta di Portogallo, allora erede presuntiva di corona, con
disegno d'impossessarsi nella sua assenza dello Stato, quantunque
poscia, essendosi scoperta opportunamente l'insidia, si rompesse,
quando il Duca doveva già imbarcarsi per Lisbona, il trattato,
per non arrischiare la possessione di quel nobil principato, su
l'incerta speranza della successione d'un Regno. Sollecitarono gli
Olandesi a collegarsi con esso loro, per rendergli sospetti a tutto
il Mondo cristiano, e finalmente occuparono la città d'Argentina su
le sponde del Reno, ed introducendo guarnigione nella cittadella di
Casale nel Marchesato di Monferrato, diedero occasione agl'Italiani
d'insospettirsi della soverchia avidità de' Franzesi.

In Napoli questi andamenti de' Franzesi posero ancora gravi sospetti;
onde sempre che comparivano loro navi ne' nostri porti, ci obbligavano
a star solleciti e vigilanti in prevenir le cautele. Maggiori sospetti
avean essi dati nel Milanese e nel Principato di Catalogna; onde per
le premure venute da Spagna, fu duopo al Vicerè, che arrolasse duemila
fanti, e gli facesse imbarcare per Barcellona sotto il comando del
Maestro di Campo Marchese di Torrecuso. In oltre che si mandassero due
vascelli di munizioni da guerra nel Finale: che si prendessero diece
scudi per cento dell'entrate d'un anno, che possedevano i particolari
sopra le gabelle, dazj e fiscali, con farne loro assegnamento di
capitale sopra gli arrendamenti del tabacco e dell'acquavite: che
s'invitassero tutt'i Baroni del Regno a servire il Re con qualche
numero di soldati a cavallo; siccome in fatti ciascuno contribuì col
danaro secondo le proprie forze, e fu tassata la spesa necessaria per
arrolargli alla ragione di 78 ducati l'uno; e finalmente, che si desse
esecuzione agli ordini regali pel pagamento della sola metà de' soldi,
che comunemente chiamansi _mercedi_, e che sono grazie della regal
munificenza in ricompensa de' servigj passati.

Ma mentre il Marchese de los Velez era occupato in queste spedizioni,
s'ebbe avviso, che dalla corte di Spagna erasi destinato per suo
successore al governo del Regno il _Marchese del Carpio_, che si
trovava Ambasciadore del Re Cattolico in Roma presso il Pontefice
Innocenzio XI. Non tardò guari, che cominciarono a comparire le genti
della sua famiglia, ed egli, prevenendo l'incontro, al quale s'era
accinto los Velez con quasi tutta la Nobiltà, giunse a' 6 di gennajo di
questo nuovo anno 1683 prima che si sapesse il suo avvicinamento, nel
Convento di S. Maria in Portico de' PP. Lucchesi del Borgo di Chiaja.
Fu tosto visitato dal predecessore, il quale a' 9 del medesimo mese
gli cedè il governo, e prese immantenente il cammino per la Corte,
dove finalmente giunto, fu ben accolto dal Re, ed onorato della Sede di
Consigliere di Stato, e poscia della carica di Presidente del Consiglio
dell'Indie.

Non potè los Velez per le moleste occupazioni della guerra di Sicilia,
e per l'immense spese, che bisognavano per mantenerla, lasciar a
noi monumenti di edificj, d'inscrizioni e di marmi, come i suoi
predecessori. Ci lasciò nondimeno ne' sette anni e quattro mesi del suo
governo 28 _Prammatiche_ tutte savie e prudenti, per le quali e' diede
molti salutari provvedimenti, così a riguardo del valore, e qualità
delle monete, come per mantenere l'abbondanza nel Regno e per altri
bisogni della città, che vengono additati nella _Cronologia_ prefissa
al tomo delle nostre Prammatiche. Ma poichè dal suo successore fu
Napoli, ed il Regno sollevato da tante sciagure, ed in miglior fortuna
stabilito, tal che prese altro aspetto e nuove forme, sarà di mestieri,
che i generosi e magnifici gesti di quest'Eroe si rapportino nel libro
seguente di quest'Istoria.


  FINE DEL LIBRO TRENTESIMONONO.



STORIA CIVILE DEL REGNO DI NAPOLI

LIBRO QUARANTESIMO


La pace stabilita in Nimega fra le due corone di Spagna e di Francia,
dagli andamenti de' Franzesi ben si prevedeva, che dovea avere
brevissima durata: dopo la morte di Maria Teresa d'Austria Regina di
Francia, seguìta in quest'anno 1683, il dì 30 di luglio, apertamente fu
violata: ed essendosi per ciò nel mese di dicembre pubblicati bandi[58]
per li quali fu ai Franzesi severamente comandato, che sgombrassero dal
nostro Regno, cominciossi di nuovo una più fiera ed ostinata guerra,
che durò per molti anni; e quantunque si vedesse cessare per una tregua
conchiusa nel mese d'agosto del seguente anno 1684 fra la Spagna e la
Francia, e l'Imperadore; nulladimeno si ripigliò da poi più ostinata,
che mai, nè finì, se non con la pace di Riswick, conchiusa il dì 20
di settembre dell'anno 1697. Questa guerra tenne sempre solleciti
i nostri Vicerè a mandar dal Regno continui e poderosi soccorsi,
particolarmente in Catalogna, dove i Franzesi sotto il comando del Duca
di Noailles fecero notabili progressi. Ma il prudente e saggio governo
del _Marchese del Carpio_, avendo con savj provvedimenti riordinato
il Regno, ci fece sentir poco questi incomodi. A lui dobbiamo, che
non pur mentre ci governò, si restituisse in quello la quiete e la
tranquillità, ma che in virtù di suoi buoni regolamenti vi durasse
anche ne' tempi de' suoi successori.



CAPITOLO I.

_Del Governo di D. GASPARE DE HARO Marchese del CARPIO: sue virtù: sua
morte, e leggi che ci lasciò._


Prese ch'ebbe il Marchese nel mese di gennajo di quest'anno 1683
le redini del governo, per la sua probità e prudenza, e per la
conoscenza, che avea acquistata delle cose del Regno in tempo della
sua Ambasceria di Roma, si avvide tosto, che la dissolutezza, ed i
disordini procedevano non già, che il Regno avesse bisogno di provvide,
e salutari leggi, perchè potesse governarsi con rettitudine; nè che
fin allora non fossero stati da' suoi predecessori conosciuti i mali,
e che non avessero proccurato di darvi rimedio: conobbe che le loro
ordinazioni non potevano essere più savie e prudenti, e s'avvide che i
più saggi facitor delle leggi, dopo i Romani, fossero gli Spagnuoli.
Ma nell'istesso tempo considerava, che la troppa facilità praticata
in dispensarle, e la molta indulgenza usata nell'esecuzione delle
pene prescritte, avea corrotta la disciplina, e posto in disordine lo
Stato. Vide aver sì bene i suoi predecessori posto ogni studio per
darvi rimedio; ma nell'elezione de' mezzi essere stati, o ingannati
o trascurati. Per ciò avendosi fisso nel pensiere di regolar la
sua condotta con una costante e ferma deliberazione di seguitar
rigorosamente le norme d'una incorrotta, ed inflessibile giustizia,
cominciò a far valere (perchè non rimanessero inutili) le leggi, e le
ordinazioni già stabilite; e perchè si conoscesse la premura, ch'egli
avea, acciocchè con effetto fossero osservate, aggiunse egli nuove, e
più rigorose pene.

Conobbe nel principio del suo governo la frequenza de' delitti, così
nella città, come nel Regno, principalmente derivare dell'asportazione
dell'armi da fuoco, e da tante altre sorte d'armi offensive inventate,
delle quali, come per usanza, ciascuno era fornito e cinto. Vi
erano molte leggi, che severamente ne proibivano l'asportazione;
ma la facilità che s'usava in concederne licenza, non pur dal
Vicerè, ma da altri magistrati, li quali s'arrogavano tal potestà e
l'indulgenza usata nell'esecuzione delle pene, rendevan inutili le
proibizioni. A questo fine in febbrajo di quest'anno ne' principj
del suo governo, promulgò severa Prammatica[59], per la quale, oltre
di rinovar l'antiche, tolse a tutti la facoltà di dar licenza per
la loro asportazione, e stabilì severe pene agli trasgressori, le
quali erano irremissibilmente fatte eseguire. Conoscendo parimente,
che non meno dall'asportazione delle armi, che dalla moltitudine e
copia delle persone oziose, vagabonde e disutili, delle quali eran
ripiene Napoli e l'altre città e terre del Regno, procedevano i tanti
furti, omicidj, assassinamenti, ed altri delitti; la sua vigilanza
fu, non solo di rinovar le antiche e nuove leggi ordinanti, che tutti
sgombrassero del Regno, ma aggiungendo nuovi rigori, faceva eseguir
la Legge, imponendone a' magistrati con molta premura l'adempimento e
l'esecuzione[60]. Tal che in breve tempo si videro nella città e nel
Regno tolte due principalissime cagioni di tanti delitti e disordini.

Vide la frode e l'inganno aver preso gran piede in tutte le arti, ed in
quelle particolarmente dove era molto più dannosa e pregiudiziale, cioè
negli Orafi, ed Argentieri, e ne' Tessitori di drappo d'oro e di seta.
Pose perciò egli tutta la sua vigilanza in estirparla; ed a tal fine
fece pubblicare più ordinanze, prescritte dal Re Carlo II per toglier
le loro frodi, le quali volle che inviolabilmente s'osservassero[61],
e tassò egli li prezzi de' drappi di seta[62]; e contro gli Orafi, ed
Argentieri diede egli varj provvedimenti[63] per ovviare alle loro
frodi, ed inganni. Scorgendo, che non meno la città, che il Regno
languivano nelle miserie, per li perniziosi abusi introdotti nella
ricchezza delle vesti, nel numero de' servidori, e negli altri lussi,
con severa legge[64] proibì l'eccessivo numero dei servidori, le vesti
ricamate, e i drappi d'oro e d'argento: vietando parimente, che questo
metallo non si consumasse nelle sedie da mano, nelle carrozze, nei
calessi, insino nelle selle di cavalli.

Attese non meno alla riforma de' nostri Tribunali, e con somma
vigilanza proccurò estirparne gli abusi, e le corruttele. Avendo
il visitator Carati dopo la visita de' nostri Tribunali, fatta una
piena rappresentazione al Re de' molti abusi introdotti in quelli, e
particolarmente nel Consiglio di S. Chiara, de' quali ne fece un lungo
catalogo: il Re dandovi sopra ciascheduno dovuta provvidenza con sua
regal carta spedita in Madrid a' 18 di settembre del 1684, incaricò
al Marchese, che ponesse ogni studio in fargli abolire; ond'egli a' 19
d'aprile del seguente anno 1685, ne comandò una precisa esecuzione[65]
e nell'istesso tempo tolse anche i molti abusi introdotti nella Corte
della Bagliva di Napoli, prescrivendole molti regolamenti per sua
miglior riforma[66].

Ma ciò, che presso di noi rese degno d'immortal gloria questo savio
Ministro, fu d'aver data la total quiete al Regno per due azioni
veramente illustri, di aver abolita la vecchia, e formata la nuova
_Moneta_; e d'aver affatto sterminati gli _sbanditi_ dalle nostre
province. Dalli precedenti libri si è veduto quanto in ciò si fossero
travagliati in vano i suoi predecessori, perchè non seppero mai trovar
i mezzi più proprj ed efficaci per ridurre a glorioso fine imprese
sì dure e malagevoli. Considerando egli perciò la loro arduità, ed
all'incontro quanto non men a se gloria, che allo Stato indicibile bene
e tranquillità sarebbe per apportare, dirizzò tutti i suoi talenti a
trovar mezzi convenevoli per ridurle a fine.

Formò pertanto una nuova Giunta di prudenti, e ben esperti Ministri,
dove doveano esaminarsi con la maggior vigilanza, ed accorgimento
tutti i più proporzionati mezzi per la fabbrica d'una nuova _Moneta_,
che fosse di bontà e di peso, e che restituisse il giusto prezzo alle
merci, il sollievo a' Cittadini, ed a' Negozianti forastieri l'antica
opinione e stima della moneta del Regno. Non faceva mestieri pensare
all'abolizione dell'antica, se non si cominciasse a pensar sopra gli
espedienti per la fabbrica della nuova; ma perchè ciò era un affare di
somma importanza, e che per maturamente risolversi richiedeva tempo e
molto scrutinio: perciò, affinchè in tanto che si pensava al rimedio,
il male non s'avanzasse, con rigorosi editti pubblicati a' 29 di maggio
1683, primo anno del suo governo, rinovò l'antiche Prammatiche contro
coloro, che introducevano nel Regno monete false, contro gli orafi,
argentieri, ed altre persone, che ardissero di fondere qualsisia sorta
di moneta, aggiungendo alle già stabilite pene, altre più gravi, e
severe[67]. Da poi, considerandosi, che per supplire al danno, che per
necessità dovea cagionare l'abolizione della vecchia, e la formazione
della nuova moneta fosse altrettanto indispensabile doversi pensare
donde tal danno dovesse supplirsi; dopo varj scrutinj e rigorosi
esaminamenti fatti in più sessioni avute nella giunta, riflettendosi,
che per ottener la tranquillità d'un sì florido Regno, fosse perdita
molto leggiera di venire all'imposizione di qualche peso, o picciolo
gravame a' sudditi: fu pertanto risoluto, che s'imponessero in perpetuo
grana quindici per ogni tomolo di sale più del prezzo, che a que' tempi
si vendeva, da pagarsi da tutti e qualsivoglia persone, senz'eccezione
alcuna ed anche un'annata di tutte le rendite, tanto de' forastieri,
quanto de' Napoletani e regnicoli abitanti fuori del Regno con casa
e famiglia, senz'eccezione di persona, di stato, o grado, da esigersi
però in tre anni. Tutte le Piazze così Nobili, come quella del Popolo,
concorsero di buon animo a questa deliberazione, e dal Regio Collateral
Consiglio nel mese di luglio ne fu Interposto solenne e pubblico
decreto. Ciò che dal Tribunal della Regia Camera fu tosto mandato in
esecuzione con ispedire per la città e province del Regno gli opportuni
ordini per la distribuzione e riscuotimento[68].

Fu da poi immantinente posta mano alla fabbrica della nuova moneta,
e fur prescritti dal Vicerè molti regolamenti intorno alle fonderie,
agli artefici, agli affinatori, a' tiratori d'oro, a' mercanti, agli
orefici, argentieri e bancherotti; e dati vari provvedimenti[69],
perchè le frodi e gl'inganni, in opera che per se richiedeva tutta
la buona fede, non vi avesser parte alcuna. Furono dal 1683 insino
all'ultimo anno del suo governo, fabbricate quattro sorte di monete
nuove di argento, tutte d'una stessa bontà intrinseca. La I chiamata
_ducatone_, (alla quale si era dato valore di grana cento) avea da una
parte impressa l'effigie del Re, e dall'altra uno scettro coronato e
due globi col motto: _Unus non sufficit_. La II _detta mezzo ducatone_,
il cui valore era di grana cinquanta, avea pure da una parte l'effigie
del Re, e dall'altra la figura della Vittoria sopra un globo, tenendo
in una mano lo scudo con le arme regali d'Aragona e di Sicilia, e
nell'altra una palma. La III il cui valore era di grana venti, da
una parte avea lo scudo dell'armi regali, e dalla altra un globo, in
cui è descritto il sito geografico del Regno di Napoli, ornato da due
cornocopj indicanti la giustizia e l'abbondanza. La IV il cui valore
ascrittole era di grana diece, da una parte ha l'effigie del Re, e
dall'altra un lione sedente col motto: _majestate securus_.

(Queste quattro monete nella maniera qui descritta furono impresse dal
_Vergara_ tra le monete del Regno di Napoli _Tav_ 54.)

Ma mentre si proseguiva questa grand'opera, scorgendosi che per
essersi data a questa nuova moneta tal valore, sebbene soddisfacesse
al desiderio del Vicerè, che proccurava, che la moneta di questo Regno
per bontà intrinseca, non meno riuscisse di sollievo a' Cittadini,
con tutto ciò non s'arrivava a supplire al danno, che dovea cagionare
l'abolizione dell'antica e formazione della nuova, e di più essendosi
considerato ancora, che per essere alterato il prezzo dell'argento, da
poi che s'era cominciata la fabbrica della nuova moneta, ne sarebbe
succeduto, che poteva venir quella in breve tempo distrutta o con
liquefarsi, o con mandarsi fuori del Regno per contenere maggior valore
intrinseco di quello, che se l'era dato; si pensò perciò di alterarla
di un grano sopra ogni diece, più di quello erasi stabilito.

Si proponevano difficoltà dalle Piazze intorno a tal alterazione,
riputandola dannosa e pregiudiziale al Regno: tal che ne fu differita
per allora la pubblicazione. E mentre si stava, nell'anno 1687,
dibattendo sopra questo affare, ecco che s'inferma il Vicerè, ed in
novembre da importuna morte è a noi tolto. Morì al piacere del suo
immortal nome, e senza che avesse potuto godere de' frutti di questa
sua gloriosa impresa, lasciò al suo successore questo vanto. Il Conte
di S. Stefano, che gli successe, per non trascurare sì opportuna
occasione, che ne' principi del suo governo potea recargli gran fama,
avidamente la ricevè; e senza altro maggior dibattimento, non curando
le difficoltà proposte dalle Piazze, approvò la premeditata alterazione
dello monete già coniate, e prestamente, nel 1688, ne fabbricò tre
altre spezie, con dare all'una il nome di tarì, che avea da una parte
l'effigie del Re e dall'altra le sue semplici arme regali, col valore
di grana venti: all'altra di _carlino_, che avea pure la medesima
impronta, con aggiungervi solo alle Regali arme l'insegna del Tosone,
col valore di grana diece; ed all'ultima di _grana otto_, coll'istessa
effigie del Re da una parte, e dall'altra la Croce quadra con raggi
a quatro angoli[70]; ed a' 11 dicembre del medesimo anno 1688, per
mezzo d'una sua Prammatica[71], ordinò la pubblicazione della nuova e
l'abolizione della vecchia ed il di lor scambiamento, e diede intorno
a ciò varj regolamenti, non meno per la città, che per le province del
Regno, siccome diremo, quando del suo governo ci accaderà di ragionare.

Ma se il Marchese del Carpio non potè aver il piacere di veder
compita quest'opera, l'ebbe pur troppo nell'altra gloriosa intrapresa
del totale esterminio de' banditi. Egli, fra tanti che a ciò si
accinsero, vide co' suoi propri occhi purgato il Regno di tali masnade
e restituito nell'antica tranquillità. Per estirparli affatto, dopo
aver nel primo anno del suo governo conceduto un pieno indulto a tutti
gl'inquisiti e fuorgiudicati, purchè attendessero alla persecuzione
tanto de' loro Capi e comitive, quanto dell'altre squadre che
scorrevano la campagna[72], si pose con ogni studio a disporre i
mezzi per lo total loro esterminio; gli spedì contro milizie, ordinò
l'abbattimento di tutte le torri, o case dove solevan annidarsi: ed
ove trovò resistenza, vi fece condurre l'artiglierie e batterli con
ostinato e risoluto animo di distruggerli affatto: pose grosse taglie
per premio di coloro, che non potendo vivi, gli portassero le loro
teste, e con questi risoluti ed efficaci mezzi purgò molte province
del Regno di tal peste. Rimanevano però le due province d'Apruzzo
assai contaminate, nelle quali questi ribaldi, disprezzando non meno
gl'inviti fattigli di perdono, purchè si riducessero ad emendarsi,
che li rigori praticati con li contumaci; più pertinaci, che mai, non
tralasciavano le rapine, gl'incendj, i ricatti, i saccheggiamenti,
ed altre enormi scelleratezze. Applicò egli pertanto i suoi pensieri
per estirparli ancora da queste province, affinchè tutto il Regno si
riducesse in riposo e tranquillità. A questo fine pubblicò a' 12 giugno
dell'anno 1684 una severa Prammatica[73] contenente più capi, nelli
quali non meno a' presidi, che a' sindici delle comunità di ciascheduna
città o terra rigorosamente s'incaricava di scoprirli, perseguitarli, e
minacciò severe pene contro coloro, che vivi li nascondessero, ed anche
morti li seppellissero.

Ma quello, che più d'ogni altro produsse il total loro esterminio,
fu l'avere questo savio Ministro con rigorosi ed efficaci mezzi,
proccurato d'avvilire e recar terrore a' loro protettori, ricettatori
e corrispondenti. La maggior parte erano sostenuti da diversi Baroni,
ed altre persone potenti, li quali proccuravan ricetto e vitto, e per
mezzo o di lettere o ambasciate, avvisavanli degli aguati e insidie,
che gli eran tese. Per ciò fulminò contro costoro severa legge, per
la quale, oltre di rinovar l'antiche pene, aggiunse dell'altre più
terribili, nelle quali volle, che si comprendessero tutti coloro, che
tenessero con banditi qualsisia corrispondenza, egli assistessero
con ajuto e favore o con vittovaglie, o loro scrivessero avvisi o
raccomandazioni, ancorchè stassero fuori del Regno, e sotto il dominio
d'altro Principe. Anzi, concorrendo nella protezione o ricettazione
qualità tale che alterasse il delitto, come, se cotali ricettatori
partecipassero dei furti e de' ricatti, o fossero mediatori e gli
ajutassero ne' loro delitti, ovvero provvedesser loro d'armi, di
polvere e di altri arnesi per armare, acciocchè si potessero mantenere
in campagna, o pure loro facessero commettere violenze: in tali casi
rimise all'arbitrio del Giudice, di stendere le pene imposte, insino
alla pena di morte naturale: favorendo ancora in ciò le pruove, con
ammettere la testimonianza di due banditi e le pruove di due testimonj,
ancorchè singolari, perchè s'avessero per pienamente convinti. Questi
rigori fecero da dovero pensare a' loro protettori di abbandonarli
affatto, li quali scorgendo, che le pene erano inviolabilmente
eseguite, senz'ammettersi scusa alcuna, nè avendo luogo la grazia o
il favore, fece sì che tutti si ritraessero da proteggerli. Quando
questi ribaldi si videro senza ricovero, si costernarono in guisa, che
tutti, o colla fuga cercarono scampo, o rimessi cercarono perdono, o
finalmente presi portarono i condegni castighi delle loro scelleragini.
Così furono estirpati affatto dal Regno con total esterminio, tal che
di essi non ne rimase alcun vestigio. E riuscì l'impresa così felice
e gloriosa, che presso di noi se ne perdè affatto la semenza: tal che
quella quiete, che da poi il Regno ha goduto e gode nella sicurtà dei
viaggi, de' traffichi e del commerzio, tutta si deve all'incomparabile
vigilanza e provvidenza di questo savio e glorioso ministro, la cui
memoria per ciò rimarrà presso noi sempre eterna ed immortale.

Molto ancora gli dobbiamo per averci tolto un altro pernizioso e
scandaloso male, che radicatosi non men in Napoli, che nell'altre città
del Regno, cagionava infiniti disordini ed oppressioni. Alcuni potenti
nutrendo ne' loro palagi molti scherani ed uomini di male affare,
incutevan timore a' più deboli, minacciandoli, sovente sfregiandoli,
ed in mille guise oltraggiandoli e con imperio estorquendo da essi
tutto ciò che lor veniva in mente: favorivano gli uomini più rei, nè
vi era faccenda nella quale non s'intrigassero, non forzassero i più
deboli di fare a lor voglia. Sforzavano i padri di famiglia a collocare
in matrimonio le lor figliuole con chi ad essi piaceva: n'impedivano
degli altri da essi non graditi: in brieve avean ridotti i cittadini
in una miserabile servitù. Estirpò questo eroe con gran vigore sin
dalle radici sì pernizioso malore: punì severamente gli scherani, li
dissipò tutti, ed a' loro protettori con severe pene portò tal terrore,
che se n'estinse affatto ogni abuso: tal che non si videro da poi,
nè soverchierie, nè imperj, ed il timor della giustizia fu per tutti
eguale.

Ma ciò, che maggiormente fece conoscere, che in questo Ministro
s'accoppiavano tutte le virtù più commendabili, fu che nell'istesso
tempo, ch'era terribile contro gl'imperiosi ed ingiusti, era tutto
umano e placido con gli uomini da bene e con i deboli. La sua pietà
era ammirabile: sovveniva con inudita carità i poveri e dall'ingiuria
della fortuna oppressi; invigilava per se medesimo perchè non si
soverchiassero i deboli e gl'impotenti: ebbe per inimica mortale la
sordidezza: molto più la cupidigia delle ricchezze. Era sobrio, ed
in tutte le cose parco e moderato; ma nell'istesso tempo magnanimo e
grande.

Conoscendo, che per tener soddisfatto il Popolo, bisognava lautamente
provvederlo di quelle due cose che ardentemente desidera, _Panem
et Circenses_, egli applicò i suoi talenti a tener in abbondanza la
città di ogni sorte di viveri, tal che non vi fu Vicerè, che fosse
cotanto amato ed adorato quanto lui dal Popolo: gioiva questi e
tutto ubbriacato d'allegrezza e di contento gli correva dietro per le
pubbliche strade, ed innalzando insino al cielo le sue lodi ed encomj,
lo chiamavan con tenerezza affettuoso padre e signore.

Negli spettacoli fu imitatore della magnificenza degli antichi Romani:
non ne vide Napoli più magnifichi e stupendi. Ne rimangono ancora a noi
le memorie, che nè la lunghezza del tempo, nè l'invidia l'emulazione
le potrà cancellare. I suoi successori, che mossi dal suo esempio
vollero imitarlo, riuscirono al paragone secondi e molto inferiori. Ma
o sia, che morte per suo costante tenore soglia furarne i migliori:
o veramente che il fatto sinistro di questo reame con consenta, che
lungamente perseveri nella felicità e contenti; nel meglio del suo
glorioso corso, venne a noi pur troppo intempestivamente rapito.
Infermatosi egli di febbre lenta, diede in prima a' Medici speranza
di potersene riavere, ma aggravatosi il male, ancorchè con lentezza,
lo condusse finalmente alla morte nel dì 15 di novembre di quest'anno
1687. Fu amaramente pianto da tutti gli ordini, ed assai più dal
Popolo, che non poteva darsi pace, nè conforto per una sì grave ed
irreparabil perdita. Oltre i savi provvedimenti sinora rapportati,
ce ne lasciò ancor degli altri, che vengono additati nella tante
volte rammentata _Cronologia_ prefissa al primo tomo delle nostre
Prammatiche. Morte crudele tolse a noi di lui altri monumenti, ed
altre insigni memorie, che si doveano sperare dalla sua magnanimità
ed ammirabile sapienza. Il suo cadavere con superba e militar pompa fu
condotto nella chiesa del Carmine, ove gli furon celebrate magnifiche
esequie. Ed intanto rimaso il vedovo Regno senza il suo rettore, corse
da Roma il _G. Contestabile del Regno D. Lorenzo Colonna_ a prenderne
il Governo, infino che dal Re non si fosse provveduto di successore.
Ma poco tempo durò la costui amministrazione; poichè essendosi dalla
Corte di Spagna destinato per successore il _Conte di S. Stefano_, che
si trovava Vicerè nella vicina Sicilia, tosto egli si portò in Napoli,
e ne prese immantenente il governo, di cui saremo ora a ragionare.



CAPITOLO II.

_Governo di D. FRANCESCO BENAVIDES Conte di S. STEFANO: suoi
provvedimenti e leggi che ci lasciò._


Il Conte di S. Stefano, lasciato il governo dell'Isola di Sicilia,
si portò subitamente in Napoli, dove giunse nel fin di dicembre, e
nell'entrar del nuovo anno 1688 cominciò ad amministrarlo. In questo
primo anno del suo governo s'intese in Napoli un così spaventevole
tremuoto, che abbattè i più cospicui edificj: cadde la gran cupola del
Gesù Nuovo, e l'antico portico del Tempio di Castore e Polluce, ch'era
un perfetto esemplare dell'ordine Corintio. Fu rovinata Benevento,
Cerreto ed altre Terre. Ma sopra tutto apportò non poco cordoglio
la morte, per mal di pietra, nel seguente anno 1689, accaduta agli
12 d'agosto, dell'esemplarissimo Pontefice Innocenzio XI, a cui a' 6
di ottobre succede Pietro Cardinal Ottoboni, col nome d'_Alessandro
VIII_. Proccurò il Conte calcare le medesime orme del suo predecessore,
avendo egli avuta la sorte d'esser succeduto ad un tanto Eroe, donde
potea prender ben illustri esempi d'un ottimo governo. Rinvigorì per
tanto con nuove sue Prammatiche quelle stabilite dal Carpio intorno
all'asportazione delle armi, all'Annona, e al prezzo delle cose. Ma
sopra ogni altro, non meno in questo primo anno del suo governo, che
nelli seguenti fu tutto inteso a regolare lo scambiamento della vecchia
moneta colla nuova, da lui, come si disse, pubblicata, accresciuta ed
alterata nel valore. Prescrisse in quest'anno 1688 molti regolamenti
intorno a questo scambiamento, disegnando i luoghi e le persone
non meno nella città, che in tutte le province del Regno. Previde i
disordini, che poteano accadere, e vi diede vari provvedimenti. Fece
continuare la fabbrica della nuova moneta, aggiungendo nell'anno 1689
due altre spezie, cioè il _ducato_, che ha dall'una parte il ritratto
del Re coronato, e dall'altra le sue Armi, ed il _mezzo ducato_, colle
medesime impronte[74]; anzi permise, che a qualunque persona volesse
nella Regia Zecca farsela fabbricare con suoi argenti al peso e bontà
di quella, che si era fabbricata, fosse lecito di farlo col solo
pagamento di grana 32 per ogni libbra d'argento per la manifattura e
lavoro[75]. Che nello scambiamento si ricevessero le antiche monete,
ancorchè di falso conio, purchè l'argento fosse buono[76]. Regolò la
maniera, come dovesse praticarsi ne' Banchi, e prescrisse il modo
intorno alla recezione delle polizze, e delle fedi di credito[77].
Rinovando le antiche leggi promulgate contro i falsificatori e
tonditori delle vecchie monete, altre più rigorose e severe ne stabilì
contro coloro, che avessero ardimento di adulterar le nuove[78]. In
brieve ebb'egli il vanto di ridurre a compimento questa utilissima
opera, per la quale si vide presso di noi rifiorire il commerzio, e fu
restituito nel Regno lo splendore della negoziazione e del traffico.
E se questo ministro si fosse contenuto tra questi limiti, la sua
fama presso di noi correrebbe assai più chiara e luminosa; ma l'aver
voluto da poi a' 8 di gennajo del 1691 con nuova Prammatica[79] non
bastandogli l'alterazione già fatta, alterar di nuovo la moneta con
doppio avanzo, fino di venti per cento, nella forma, che si spende
al presente (con far coniare per ciò, a' 7 aprile del medesimo anno,
quattro altre nuove spezie di moneta, il ducato, mezzo ducato, tarì e
carlino, che hanno la medesima impronta, da una parte il ritratto del
Re coronato, e dall'altra l'insegna del Tosone)[80] cagionò non meno
alla sua fama, che alla negoziazione del Regno non picciol danno e
nocumento; e tanto più gli fu di biasimo, quanto che avendo in quella
sua Prammatica espresso, che una delle cagioni, per le quali era mosso
a far questa alterazione si fu d'estinguere dall'augumento del denaro,
che si trovava ne' pubblici Banchi, la gabella delle grana 15 imposta,
per la fabbrica della nuova moneta, sopra il sale, questa estinzione
non seguì giammai, tal che ci rimane il peso, ed insieme il danno
recatoci dall'alterazione.

Intanto a Corte di Spagna agitata da gravi pensieri per la creduta
sterilità della Regina Maria Lodovica Borbone, fu veduta poco da poi
in funestissimi apparati piangerne la morte. Morì questa incomparabile
Regina il dì 12 di febbrajo dell'anno 1689, ed il Re Carlo II suo
marito, per compire a' suoi ultimi ufficj, comandò, che a spese Regie
si celebrassero con magnifica pompa esequie solenni in tutti i suoi
Regni. Toccò al Conte di S. Stefano d'eseguirlo in Napoli; onde dopo
aver dati premurosi ordini ai Presidi delle province, che nelle città
più cospicue facessero celebrare solenni esequie alla defunta Regina,
comandò, che in Napoli si celebrassero assai più maestosi e magnifici
funerali: Fu secondo l'uso già introdotto trascelta la Chiesa di
S. Chiara, dove si ergè il Mausoleo, la magnificenza del quale, la
bellezza dei poetici componimenti, e la solennità delle cerimonie
furono tali, che maggiori non si erano per l'addietro vedute. Non fu
mestieri a questi tempi, come già, ricorrere a' Gesuiti per questi
componimenti, poichè nella nostra città fiorivan, per lo progresso che
vi avean fatto le buone lettere, molti insigni e rinomati Letterati.
Furono adunque costoro adoperati, e colui che v'ebbe la maggior parte
fu il celebre _Domenico Aulisio_, pregio della nostra Università degli
Studi, il quale adornò della più peregrina e varia erudizione, vi
compose nobilissimi elogi ed alquante purissime ed eleganti iscrizioni.
Fu destinato il giorno nono di maggio per la sagra cerimonia, la quale
dovendo durare dal vespro fino alla seguente mattina, fu obbligato
il Vicerè a far continua la vigilia sopra il tumulo, senza partirsi
da quel luogo, nè per la notte, dove erasi portato, secondo l'antico
costume, solennemente con cavalcata; nella quale gli Eletti della
città col Marchese di Fuscaldo Sindaco, cinto da' Baroni del Regno,
e da molti Nobili, accompagnarono il Vicerè. Furono piantati due
grossi squadroni in due diversi luoghi della città, uno di fanti nella
piazza dei regal palagio, l'altro di fanti e cavalli nel largo, che
è a lato alla chiesa di S. Chiara, con tutti i loro Capi militari
vestiti a bruno, e tenendo l'armi capovolte, conforme l'uso fin da
tempi antichissimi a noi trasmessoci da' Greci e da' Romani, li quali
nelle pompe de' funerali voltavano le punte dell'aste in terra, ed
imbracciavan gli scudi al rovescio.

(Di quest'uso antichissimo ci rende testimonianza _Virgilio Libro
XI Aeneid in princip._ dove parla dei funerali celebrati a Pallante
figliuolo d'Evandro).

Vegghiatosi tutta la notte sopra il tumulo, la mattina seguente,
dovendosi compire la sagra cerimonia, ritornò il Vicerè in chiesa, dove
cantossi l'uffizio; da poi nell'altar eretto vicino al mausoleo, si
celebrò da Monsignor Francesco Pignatelli, Arcivescovo di Taranto, ora
Cardinale, ed esemplarissimo nostro Arcivescovo, il sagrifizio della
Messa, nella qual celebrità ebbe quattro Vescovi assistenti: quello di
Gaeta, di Castellamare, d'Acerra e di Capaccio. Si recitò poi dal _P.
Ventimiglia_ Teatino l'Orazione in lingua Spagnuola, la qual finita,
lo stesso Monsignor di Taranto, dato l'incenso, ed asperso il tumulo
finì la sagra cerimonia. Fu data la cura all'_Aulisio_ di comporre una
minuta e distinta descrizione non men degli apparati, e del mausoleo
colle iscrizioni, che delle cerimonie e solennità celebrate sopra il
deposito: ed egli compiutamente l'avea eseguito, con distenderne un
libretto, a cui diede il titolo: _Descrizione del Mausoleo, e delle
solennità sopra il deposito della Regina Maria Lodovica Borbone_; nel
quale fe' pompa della sua varia e pellegrina erudizione: ma non avendo
voluto poi darlo alle stampe, per la natural repugnanza che vi avea in
tutte le sue cose, ancorchè rare e pellegrine, si conserva ora da noi
M. S. insieme coll'altre insigni e nobili sue fatiche.

Il vedovo nostro Re, per secondare i voli de' suoi sudditi, che
sospiravan da lui numerosa prole, conchiuse tosto a' 28 agosto del
seguente anno 1690 le seconde nozze con la Principessa Marianna di
Neoburgo figliuola dell'Elettore Filippo Guglielmo Conte Palatino del
Reno e Duca di Neoburgo. Ma nel decorso del tempo, scorgendosi, che
nè pure da questa seconda moglie se ne potea sperar prole, si videro
i Regni, che componevano la sua vasta monarchia, in costernazioni e
timori grandissimi. Accrescevansi le afflizioni per la vita del Re
molto cagionevole e soggetta a spesse e continue infermità, le quali
facevan sovente temere della sua grave ed inestimabil perdita, che
dovea partorire disordini gravissimi e grandi revoluzioni. Si vedeva
eziandio, quanto la sua monarchia infiacchita e debole, altrettanto
quella di Francia nel suo maggior vigore e floridezza: i suoi eserciti,
da per tutto vittoriosi, aver fatte stupende conquiste nella Fiandra,
in Alemagna, ed in Ispagna, dove il Duca di Noailles, tenendo assediata
Roses per terra, ed il Conte d'Etrè per mare, la presero dopo otto
giorni d'assedio; ed in Catalogna l'anno 1694 il Duca di Noailles, dopo
avere sconfitto l'esercito spagnuolo sulle sponde del Ter, prese le
città di Palamos, di Girona, d'Ostalrico e di Castelfollit.

Intanto il Conte di S. Stefano proseguendo il suo governo, prorogatogli
per un altro triennio, dopo aver dato sesto all'affare delle monete,
applicò i suoi pensieri alla riforma de' nostri Tribunali; e scorgendo,
che una delle principali cagioni, onde le liti venivan allungate, fosse
la facilità, colla quale eran ricevute le sospezioni de' Ministri, e
la lunghezza praticata in non tantosto deciderle, prefisse termini
certi ed indispensabili per la loro decisione, e per togliere le
opinioni de' Dottori, li quali con varie loro interpetrazioni aveano
rendute quasi che inutili le precedenti Prammatiche sopra di ciò
stabilite, prescrisse i modi, diffinì i gradi della consanguineità, ed
affinità, e per una sua spezial Prammatica[81] vi diede altri opportuni
provvedimenti.

Parimente essendo nell'anno 1690 insorto romore, che nella città di
Conversano della provincia di Bari, ed in Civita Vecchia dello Stato
romano, per le moltissime e spesse infermità, il male fosse contagioso;
nel principio dell'anno seguente con rigorosi provvedimenti proibì il
commerzio di quella provincia, e di Civita Vecchia, sospendendo ancora
quello con la città di Roma e Stato Ecclesiastico[82]; e da poi, in
luglio del medesimo anno, deputò per li quartieri di Napoli Ministri,
perchè invigilassero alla custodia, non meno della città, che de'
borghi e casali non permettendosi l'entrata a qualunque persona, senza
li ricercati requisiti e debite licenze[83]. Talchè per lo rigore usato
in quella provincia, perchè il malore non s'avanzasse, fu preservato
il Regno, e non guari da poi s'estinse per tutto ogni sospetto di mal
contagioso.

Furono ancora ne' seguenti anni del suo governo dati altri
provvedimenti intorno all'Annona della città e del Regno[84]; alle
falsità, che si commettevano nelle fedi di credito[85]; intorno
all'introduzione delle drapperie, lavori e telarie forastiere[86],
ed intorno ad altri bisogni: e date varie altre provvidenze, che si
leggono sparse nel IV e V tomo delle nostre Prammatiche. Non potè
questo Vicerè compire il terzo incominciato triennio; poichè il _Duca
di Medina Coeli_, che si trovava ambasciadore del Re in Roma presso il
Pontefice _Innocenzio XII_ Antonio Pignatelli, già nostro Arcivescovo,
ch'era succeduto ad Alessandro VIII sin da' 12 luglio dell'anno 1691,
sollecitava la corte di Spagna, perchè da quella dispendiosa per lui
Ambasceria lo facesse passar tosto nel governo del Regno. Portossi
egli in Napoli in quest'anno 1695, e scelse, per dar tempo al suo
predecessore d'accingersi con la Contessa sua moglie e famiglia alla
partenza, il palagio del Principe di S. Buono nel largo di Carbonara,
per sua abitazione: dove dimorò infin che, terminate le consuete
visite, il Conte di S. Stefano partisse per la volta di Spagna,
lasciandoci pur egli, oltre le già rapportate, una più perenne memoria
del suo Governo, com'è quella del fortino da lui fatto costrurre alla
punta del Castel dell'Uovo.



CAPITOLO III.

_Governo di D. LUIGI DELLA ZERDA Duca di MEDINA CODI: sua condotta ed
infelicissimo fine._


Al Duca di Medina Coeli prese il governo del Regno con idee magnifiche
e gloriose; e scorgendo, che il Marchese del Carpio avea in quello
lasciato di se luminosa fama per suoi magnifici e generosi fatti,
pensò imitarlo in quella parte almeno dove credette essersi da
colui trascurata. Credea aver sì bene il Carpio sterminati gli
sbanditi e tolti molti altri abusi nella città e nel Regno, ma non
già d'aver sterminati i controbandi e le frodi, che si commettevano
nell'introduzione delle merci, e nelle Dogane, donde ne derivano
notabilissimi danni non meno all'Erario regale, che agli Assegnatarj
degli arrendamenti; per ciò applicò egli nel principio del suo governo
tutti i suoi talenti con severe Prammatiche a rigorosamente proibirgli.
Favoreggiò le loro pruove in guisa, che riputandosi sommo eccesso,
convenne alle Piazze d'opporsegli, per mitigare in parte il rigore.

Pretese ancora imitar il Carpio nella magnificenza degli spettacoli,
onde nel suo tempo se ne videro superbissimi; e sopra ogni altro
intese ad ingrandir il nostro Teatro di S. Bartolommeo, e fornirlo
non men di maestose, e superbe scene, che di provvederlo dei migliori
Musici, che fiorissero a' suoi tempi in Europa; tal che oscurò la fama
de' Teatri di Venezia, e dell'altre città d'Italia. Egli cominciò, e
ridusse a fine quella magnifica strada, adorna d'ameni alberi, e di
limpidissimi fonti, che al lido del mare costrusse per quanto corre la
spiaggia di Chiaja. La pompa ed il fasto della sua corte fu veramente
regale e magnifica, nè in altri tempi fu veduta presso noi altra più
numerosa e splendida. Favorì le lettere e sopra modo i Letterati,
ragunandogli spesso nel regal palazzo, dove egli con somma attenzione
e compiacimento, ascoltava nell'assemblee i loro varj componimenti.
Tal che le buone lettere, che nel preceduto governo s'erano presso noi
stabilite, a' suoi tempi, per li suoi favori, presero maggior vigore,
e più fermamente si confermarono.

Ma tutte queste nobili, ed amene applicazioni venivano amareggiate
da altri più severi e gravi pensieri. Col correr degli anni sempre
più si confermavano i popoli nella credenza, che nemmeno dal secondo
matrimonio avrebbe il nostro Re lasciata prole, e si teneva per fermo,
che la sterilità, non già dalla Regina giovane sana e valida, ma
dal Re procedesse, e dalla sua complessione debole, ed infermiccia.
Le continue sue malattie ci recavan spessi timori, e se ben talora
migliorava, nell'istesso tempo, che noi per gli avvisi della sua
ricuperata salute facevamo feste ed illuminazioni, egli era già
ricaduto nel pristino malore. Il Duca nostro Vicerè per rallegrar i
popoli e divertire i loro animi da sì funesti pensieri, in occasioni
di miglioramento faceva celebrar feste magnifiche, e nel regal palagio
tenne accademie de' più famosi Letterati, nelle quali per la ricuperata
salute del Re recitarono nobilissimi componimenti in varie lingue, così
in prosa, come in verso, che furon ancora dati alle stampe. Fece ancora
nell'anno 1697 coniare una moneta d'oro col nome di _scudo riccio_,
nella quale, alludendosi alla sua ricuperata salute, da una parte
sostenute da un aquila coronata vi erano scolpite le sue regali arme,
e dall'altra un mezzo busto del Re, che per base avea una palma, che
stendeva sopra il capo le sue foglie, col motto: _Reviviscit_.

(Questa moneta, come qui sta descritta, dal _Vergara _fu impressa nella
_Tav. 52_, e per essersene coniate pochissime si è presentemente resa
molto rara.)

Ma non per tanto non si ricadeva appresso, per contrarie novelle, ne'
pristini timori, di dover fra breve il Re mancare senza posterità.

Si vedeva all'incontro la Francia formidabile e tremenda, la quale
nell'anno 1696 avea posto in piede cinque fioritissimi eserciti e gli
sostenne nel paese nemico per tutta la campagna. Che quel Re pien di
gloria e di vasti pensieri, meditava alte imprese; e che per togliersi
l'ostacolo del Duca di Savoja, avea conchiusa col medesimo la pace, e
per maggiormente stabilirla a' 4 luglio del medesimo anno, affrettò
le nozze tra Maria Adelaide di Savoja, figliuola del Duca, col Duca
di Borgogna, figliuolo del Delfino di Francia suo nipote. Che per ciò
avea rivolte tutte le sue forze contro la Spagna, in Fiandra, dove nel
1697 conquistò molte piazze ed in Catalogna, dove prese la città di
Barcellona, nell'istesso tempo, che avea nominati i Plenipotenziarj per
la pace. Anzi per più speditamente pervenire al gran disegno, sollecitò
in questo istesso anno coll'Inghilterra, con l'Olanda e colla Spagna
istessa la pace, la quale fra queste Potenze fu conchiusa in Riswic
il dì 20 di settembre, e dopo sei settimane coll'Alemagna. Ma alquanto
dopo la conchiusione di questa pace fu sottoscritto in Loo un segreto
trattato fra gl'inglesi, gli Olandesi, la Francia e la Savoja, col
quale s era fatto un _partaggio_ della monarchia di Spagna, in caso
che il nostro Re venisse a mancare senza figliuoli, come vi era molta
apparenza.

(In questo primo partaggio, che si trattò nel 1698 essendo ancor
vivente il Principe _Ferdinando Giuseppe di Baviera_, il qual si legge
nella nuova Raccolta di _Mr. du Mont Tom. II p. 52_, era divisa la
Monarchia in cotal guisa: al suddetto _Principe di Baviera_ assegnavasi
la Spagna con l'America: al _Delfino di Francia_ i Regni di Napoli e di
Sicilia colla provincia Guipiscoa ed i porti de' presidj: all'_Arciduca
Carlo _il ducato di Milano.)

L'Imperador Leopoldo, ancorchè vedesse gli altri Principi a ciò
consentire, con somma costanza non volle mai dar suo consentimento a
divisione alcuna

Si credette nascondersi sotto questa voce, ch'erasi già divulgata di
_partaggio_, un più profondo arcano; poichè l'istesso Re di Francia
Lodovico prevedeva, che non sarebbe cosa, che toccasse tanto più al
vivo gli animi degli Spagnuoli, che lor proporre un tal partito, stando
certo, che avrebbe lor recato sommo abborrimento: gelosi, che una sì
vasta ed ampia monarchia, con tanta gloria de' loro maggiori unita
e stabilita in tant'altezza, dovesse così miseramente lacerarsi, e
divisa in pezzi, estinguersene il nome e la gloria: siccome in effetto
non pur gli Spagnuoli, ma l'istesso Re Carlo II l'ebbe in orrore e
per prevenire i disegni e romper quest'impertinenti ed intempestivi
trattati, che si facevan sopra i suoi Regni, rivolse in novembre del
seguente anno 1698 l'animo a Ferdinando Giuseppe, Principe Elettoral
di Baviera nato di Maria-Antonia, figliuola dell'Imperadrice Maria sua
sorella per innalzarlo al trono; ma morto questo fanciullo a 9 febbrajo
del seguente anno 1699 non avendo ancor compiti otto anni, s'interruppe
il disegno; onde con maggior vigore furono ripigliati dal Re Franzese
i suoi negoziati con l'Inghilterra e l'Olanda, premendo sempre, come
dava a sentire, sopra la concertata divisione, e nel mese di marzo
del 1700 confermò con quelle Potenze il trattato di Loo, variandosi
solamente, che alla parte assegnata al Delfino dovessero aggiungersi
gli Stati del Duca di Lorena, cui in iscambio si dasse lo Stato di
Milano, siccome all'Arciduca Carlo la Spagna, fuor degli Regni d'Italia
per estinzion di tutte le pretensioni di sua casa: con aggiungere
ancora, che questo trattato si dovesse comunicar subito all'Imperadore,
acciocchè in termine di tre mesi, dal giorno della notizia, dichiarasse
la sua volontà, mentre rifiutando egli di accettar la parte destinata
all'Arciduca Carlo suo figliuolo, li due Re di Francia e d'Inghilterra
e gli Stati Generali d'Olanda, la destinerebbero ad altro Principe,
e che se alcun volesse opporsi alle cose concordemente stabilite, si
unirebbero per combatterlo con tutte le loro forze.

(Questo secondo partaggio firmato in Londra a' 3 di marzo del 1700,
rapportato anche nella raccolta di _Mr. du Mont, Tom. II p. 104_,
variava dal primo: poichè per la morte del _Principe di Baviera_
la Spagna, l'America colle province di Fiandra si assegnarono
all'_Arciduca Carlo_; al _Delfino_ i Regni di Napoli e di Sicilia con
porti d'Italia; al _Duca di Lorena_ il Ducato di Milano, con patto di
dover cedere a' Franzesi.)

Quanto più si proccurava spingere avanti questo trattato, tanto più
gli Spagnuoli erano commossi e risoluti di non soffrir partaggio
veruno della loro monarchia. Il Re Carlo II con intenso cordoglio
lo sentiva e ne fece in Londra e nell'altre Corti da' suoi Ministri
sentire le doglianze; e nell'istesso tempo, tenero della sua propria
casa, assecurava l'Imperador Leopoldo, che non si dimenticherebbe delle
leggi del sangue e delle disposizioni de' suoi maggiori. Tanto bastò
perchè vie più l'Imperadore stasse fermo e costante in non accettare la
concertata divisione; onde al Marchese di Villars, ch'era stato mandato
dal Re di Francia per sollecitarlo ad accettarla, secondo il termine
stabilito, rispose che se mai il Re di Spagna cedesse alla natura senza
prole, la qual cosa stimava rimota per la fresca età, allora essendo
egli inchinato alla quiete, avrebbe volentieri a più giusti, ed a più
salutevoli consigli condisceso. Ma quel Re intanto, accertatosi di
questa sua deliberazione di non accettar divisione alcuna, cominciò
i suoi negoziati co' Grandi della corte di Spagna, i quali fu facile
portargli al suo disegno, mostrando loro, che non men per giustizia,
che per proprio interesse, doveano insinuare al loro Re d'innalzare
al trono _Filippo_ duca d'Angiò secondogenito del Delfino: poichè in
niun altro poteano sperare che si fosse mantenuta salda ed intera la
loro monarchia, che nella costui persona, la quale assistita dalle
sue potenti e formidabili armi, avrebbe potuto reprimere gli sforzi di
tutti coloro, che tentassero oltraggiarla, o in modo alcuno partirla.

Mentre che nella corte di Spagna si maneggiava affare sì importante,
infermossi in Roma nel mese di settembre di quest'anno 1700 il
Pontefice Innocenzio XII, il quale dopo aver retta quella sede nove
anni e duo mesi, in età di 86 anni rese lo spirito a' 27 dello stesso
mese, giorno di lunedì ad ore tre di notte. Giunse al Duca di Medina
nostro Vicerè tal avviso la seguente giornata di martedì ad ore tre
della notte, ed al Cardinal Cantelmo nostro Arcivescovo ad ore sei;
e la mattina del mercoledì furono dal Vicerè spedite per la volta
di Roma le consuete soldatesche per dover assistere all'Ambasciador
Cattolico (allora il Duca Uzeda) in Roma: dove dopo alquanti giorni
si chiusero i Cardinali in Conclave per l'elezione del successore. In
Napoli dal Cardinal Arcivescovo la mattina de' 5 d'ottobre gli furon
fatte celebrare nel Duomo solenni esequie, avendovi recitata l'orazion
funebre in idioma latino il _P. Partenio Giannettasio_ Gesuita, celebre
per le sue opere date alle stampe; ed il Nunzio, un mese da poi, nella
Chiesa di S. Maria della Nuova glie ne fece celebrar altre più pompose
e magnifiche.

Ma mentre che i Cardinali divisi in fazioni, dibattevano in Conclave
sopra l'elezione del nuovo Pontefice, verso la fine d'ottobre giunse
a noi di Spagna funesta novella, che il Re gravemente infermatosi,
dava poca speranza di salute; ma poco da poi giungendo nuovi avvisi,
ch'era migliorato, furono dal Vicerè fatte pubbliche magnifiche feste
per rallegrar il popolo, e fu veduta la città in tutte le strade arder
fuochi per allegrezza e nelle finestre numerosi torchj; tal che per tre
sere si continuarono le illuminazioni. Ma miseri nell'istesso tempo,
che noi con tanta pompa e gioja celebravamo feste per la ricuperata
salute del Re, se n'era già morto il primo di novembre; ed in un punto
s'intese la sua morte e l'esaltazione nel trono di Spagna di _Filippo_
d'Angiò. Questo accidente affrettò l'elezione del nuovo Pontefice;
poichè congiuntisi insieme i Cardinali Spagnuoli ed i Franzesi,
vennero ad eleggere con pluralità di voti il Cardinal Francesco
Albani d'Urbino, ch'era stato segretario de' Brevi a tempo del passato
Pontefice e non avea più che 51 anni. Fu eletto il dì 23 di novembre di
quest'anno 1700 ad ore 18 giorno di Martedì, in cui la chiesa celebra
la festività di S. Clemente Papa; onde volle chiamarsi _Clemente XI_
con tutto che fosse stato creato Cardinale da Alessandro VIII.

Il Duca di Medina Coeli nelle tante rivoluzioni di cose, che accaddero
dopo l'acerba e funestissima morte del Re Carlo II fu spettacolo
insieme e spettatore di varie mondane vicende, le quali in ultimo lo
condussero ad un infelice e lagrimevol fine. Di lui oltre i rammentati,
ci restano a noi altri monumenti, che si leggono nel V tomo delle
nostre _Prammatiche_, secondo l'ultima edizione 1715.



CAPITOLO IV.

_Morte del Re CARLO II, leggi che ci lasciò; e ciò che a noi avvenne
dopo sì grave ed inestimabil perdita._


I Franzesi per la disperata salute del Re Carlo, sempre più insistendo
nella corte di Spagna presso que' Grandi, e sopra ogni altro presso
del Cardinal Portocarrero Arcivescovo di Toledo, che sopra quel Re
s'avea acquistato grand'opinione di probità e di prudenza, perchè,
mancando senza prole, dichiarasse per successore ne' suoi Regni
Filippo, secondo figliuolo del Delfino; esageravano non meno i diritti
sopra quella monarchia del Delfino per le ragioni della Regina Maria
Teresa d'Austria sua madre, e sorella primogenita del Re Carlo, che
il loro proprio interesse. Sin dalla guerra mossa per la successione
del Brabante, essi s'erano sforzati d'abbattere la di lei rinunzia
stabilita con giuramento, ed ogni maggior fermezza e solennità; e
sin d'allora aveano pubblicato un libro contenente settantaquattro
ragioni per provar la nullità della medesima. Ma essendosi in quella
occasione per contrario, con forti e vigorose scritture fatto vedere,
quanto quelle fossero deboli e vane: essi aggiungevan ora, che molte di
quelle risposte non potevan adattarsi al caso occorso, dove non già la
rinunziante, che, trovavasi defunta, aspirava alla successione, ma il
di lei figliuolo, al quale non si poteva per colei recar pregiudizio,
venendo secondo le leggi chiamato alla successione per propria persona,
ed al quale non poteva far ostacolo qualunque rinunzia, che da' suoi
maggiori si trovasse fatta. Ma non perciò uscivano d'impaccio; poichè
oltre alle pressanti ed amplissime clausole, che in quelle rinunzie
s'erano apposte, appunto per render vano quest'asilo; non si dovean
tali renunzie regolare secondo le vulgari conclusioni de' nostri
Dottori, ma da fini più alti e sovrani, che s'ebbero, quando quelle
si fecero: li quali furono la perpetua separazione di queste due
monarchie; ed affinchè per qualunque accidente queste due corone non
potessero mai congiungersi sopra un sol capo. Per iscansare quest'altro
ostacolo, i Franzesi proposero, che tal dichiarazione dovesse farsi,
non già in persona del Delfino, ma del Duca d'Angiò suo figliuolo,
al qual'egli avrebbe cedute le sue ragioni. In cotal guisa s'evitava
l'unione, e mancava il fine, per cui s'eran le rinunzie ricercate. Ma
questo concerto, fra di essi cotanto ben ideato, ed aggiustato, non
poteva togliere la ragione già acquistata all'Imperador Leopoldo, ed
a' suoi figliuoli in vigor de' testamenti de' Re di Spagna, e delle
rinunzie, al quale, oltre di non ostare il fine della sempre abborrita
unione, ben egli con ceder le sue ragioni all'Arciduca Carlo suo
secondo figliuolo, avrebbe ancora avuto più spedito modo di farlo;
oltre che s'assumeva da' Franzesi per certo quel ch'era in quistione;
poichè quest'appunto si negava, che al Delfino per l'incompatibilità
delle corone, si fosse potuto acquistar giammai ragione alcuna, e per
conseguenza, niente aveva che rinunziare al Duca d'Angiò suo figliuolo.
Ciò, che dunque principalmente spinse gli Spagnuoli ad indurre quel Re,
con sommo rincrescimento, a dichiarar per successore il Duca d'Angiò
fu il timore, che facendosi altrimente, sarebbe venuto ad effetto il
cotanto abborrito partaggio. Ponevano avanti gli occhi di quel piissimo
Re le ruine e le calamità, che avrebbero dovuto inevitabilmente
soffrire tanti suoi fedeli ed amati popoli, e che la sua pietà non
avrebbe permesso d'esporgli a tanti disagi e pericoli. Ricordavangli
la grandezza e generosità della nazione spagnuola, la quale sarebbe
stata altamente percossa, ed al niente ridotta, se l'avesse lasciata
esposta, facendo altrimente, agli oltraggi d'un Re cotanto formidabile
e potente. Ma sopra ogni altro gli raccomandavano l'unione della sua
monarchia; la quale ingrandita con tanta gloria da' suoi predecessori
e ridotta in un'ampiezza, che non avea la simile il mondo, non dovea
esporla ad esser così miseramente lacerata e divisa in pezzi, sicchè
nelle future età di questa gran macchina appena ne rimanessero le
ceneri. Ricordavangli, che il savio Re Ferdinando il Cattolico,
ancorchè avesse potuto innalzare al trono, almeno de' regni proprj,
e da lui acquistati colle forze d'Aragona, uno del suo casato, volle
nondimeno chiamare alla successione di tutti Carlo d'Austria Fiamengo;
perchè ben conosceva, che nella persona di quel potentissimo Principe
e per quel ch'era, e per quel che dovea essere, poteano quei Regni
mantenersi uniti formando una ben ampia monarchia, la quale avrebbe
potuto lungamente durare, e non dissolversi con iscadimento della sua
gloria, e dell'inclita nazione spagnuola.

Espugnato per tanto il Re ne' principj d'ottobre per queste
insinuazioni suggeritegli, fra gli altri, con vigore dal Cardinal
Portocarrero, aggravatosi il male, disperarono i Medici della sua
salute: e postosi nella fine di quel mese in agonia, spirò il primo
di novembre, giorno di Lunedì, di quest'anno 1700. Il martedì fu
imbalsamato il suo cadavere, ed il mercoledì fu esposto nel regal
palagio in quella medesima stanza dove nacque. Assisterono molti
religiosi in una gran sala per li suffragj, dove in molti altari ivi
eretti furon celebrati i sacrificj insino al venerdì, nel qual giorno
furono celebrate tre messe solenni nelle cappelle regali e da poi
una pontificale coll'assistenza di tutt'i Grandi. Fu da poi levato il
cadavere e portato nell'Escuriale, accompagnato da tutti i Grandi, da
quelli della regal casa e dalle quattro religioni mendicanti: dove se
gli diede sepoltura con quelle solennità, che convenivano ad un così
grande ed amato Re. Fu seppellito nell'istesso giorno e nell'istessa
ora che veniva a compire 39 anni di sua vita. Cominciò egli a regnare
da' 6 di novembre dell'anno 1675, nel qual dì finì i quattordici anni
della sua età e la reggenza della Regina madre e della Giunta. Nel
1679, ai 30 d'agosto prese per moglie Maria Lovisa di Borbone, e costei
morta a' 12 di febbrajo del 1689, prese nell'anno seguente Marianna
di Neoburg: di niuna delle quali lasciò prole. Fra le sue virtù furono
ammirabili la pietà e la religione: giammai se n'intese parola alcuna
ingiuriosa: aveva una somma applicazione al dispaccio, privandosi
sovente dell'ore del divertimento, per non mancare alla spedizione di
quello: nè mai risolveva cosa, senza che precedesse il Consiglio de'
suoi ministri, ed eseguiva i loro dettami con tanta esattezza, che
anche le cose, ch'egli ardentemente desiderava, s'asteneva di farle,
e sovente ne ordinava di molte, anche contro il proprio sentimento,
sempre che così gli era da' suoi ministri consigliato, riputando,
che in cotal guisa operando, non avea di che render conto a Dio
dell'amministrazione de' suoi Regni. Fu sommamente divoto di Nostra
Signora degli Angioli, ed ebbe speziale e costante venerazione al
Santissimo Sagramento dell'Eucaristia, tal che non mancava d'assistere
all'esposizioni delle quaranta ore circolari.

Lasciò pure a noi questo piissimo Principe alcune sue leggi; e nel
1675, primo anno del suo regnare dopo la Reggenza, ne stabilì una,
colla quale comandò, che gli ufficj, senza il suo regale assenso, non
potessero nè obbligarsi, nè vendersi, e conceduti in burgensatico, non
si stendesse più oltre la concessione, che insino al quarto grado:
comandò ancora, che dagl'inquisiti, prima che fossero convinti rei,
non potesse esigersi cosa alcuna di giornate, o d'altro, ma aspettarsi
la loro condanna: prescrisse i modi e le norme intorno alla fabbrica
e lavori di seta, d'argento e d'oro, per toglier le frodi, le quali,
come si disse, furono pubblicate dal Marchese del Carpio in tempo
del suo governo; e diede vari provvedimenti, che sono additati nella
_Cronologia_ prefissa al primo tomo delle nostre Prammatiche, secondo
l'ultima edizione.

Concedè pure questo clementissimo Re alla nostra città e Regno molti
privilegj e grazie, così quelle cercate in tempo dell'ambasceria di
D. Ettore Capecelatro, che ancorchè domandate vivente il Re Filippo
IV, ebbero compimento nell'anno 1666 dopo la sua morte; come quelle
domandate da D. Luigi Poderico, e da D. Francesco Caracciolo Marchese
di Grottola ambasciadori inviati alla corte; ed altre, che si leggono
nel II volume _de' Privilegj e Capitoli_ impresso ultimamente nel
trascorso anno 1719.

Giunse in Napoli la funesta novella della morte del Re Carlo II a'
20 di novembre di quest'anno 1700, e nell'istesso tempo l'avviso
d'aver egli dichiarato per suo successore in tutt'i Regni della
monarchia di Spagna Filippo Duca d'Angiò; ed il Duca di Medina
Coeli per maggiormente accreditarne la fama, fece tosto imprimere e
pubblicare due clausole, che diceansi essere estratte dal testamento
del defunto Re, in una delle quali dichiaravasi la successione nella
persona del Duca d'Angiò e nell'altra s'esprimeva la _Giunta del
Governo_, ch'egli avea eretta sin tanto che il successore non si
fosse portato in Ispagna, Capo della quale si faceva la Regina vedova
e li governadori erano il Presidente, o Governadore del Consiglio di
Castiglia, il Vicecancelliere, o Presidente d'Aragona, l'Arcivescovo
di Toledo, l'Inquisitor Generale, un Grande, ed un Consigliere di
Stato. Accompagnò il Medina quelle clausole con una lettera scrittagli
dalla Regina e Governadori suddetti, per la quale se gli imponeva,
ch'eseguisse ciò che quelle ordinavano e ciò che in simili casi
solevasi praticare. I popoli attoniti e sorpresi a tanta novità,
commossi dal dolore per la morte d'un Principe cotanto pio e religioso,
piansero la comune sciagura per tanta perdita; ed il Medina imitando
l'esempio degli altri Regni di Spagna, fece eseguire il comando, tal
che senza commozione o scompiglio alcuno fu da noi riconosciuto quel
Principe, che la Spagna ci aveva dato.

(Il Testamento del Re _Carlo II_ contenente LIX Clausole, fra le quali
le 14 e 15 contengono la successione dichiarata per _Filippo d'Angiò_
leggesi impresso in più raccolte e Scrittori; presso _Cassandro
Tucelio in Actis Publicis Tom. 5 c. 5 pag. 299_, presso _Fabri
Staats-Cantzeller. tom. 5 pag. 135_, nella vita di _Carlo III part. 1
p. 95_ e nelle _Mem. de la Guerre, tom. 2 pag. 253_).

Ferirono questi inaspettati avvenimenti altamante l'animo, non meno
dell'Imperador Leopoldo[87] per lo gran torto, che pareagli essersi
fatto alle sue ragioni, in manifestamento dalle quali fu dato poi alle
stampe nel 1703 il libro intitolato: _Defense du droit de la Maison
d'Autriche à la succession d'Espagne_[88]; che degli altri Principi
concorsi nel meditato partaggio, i quali tenendosi delusi dalle arti
del Re Franzese, e mal sicuri, se permettessero, che tanta potenza
e tanti Regni s'unissero nella casa di Francia; e considerando, che
tutto il timore della Spagna era di non vedere la loro monarchia
divisa, fu risoluto d'impiegare tutte le lor forze, per metter in quel
trono Carlo Arciduca d'Austria, figliuolo secondogenito di Leopoldo,
al quale perciò, non meno il padre, che il fratello, cederono le
loro ragioni[89]: sicchè fu egli dichiarato _Re di Spagna_, e spinto
a condursi in quei Regni per discacciar l'emulo dalla Sede. Gli
Olandesi si dichiararono per l'Arciduca: il Re d'Inghilterra, quel
di Portogallo, e poi il Duca di Savoja si unirono coll'Imperadore e
fecero fra di lor lega per togliere dal possesso degli Stati di Spagna
_Filippo_ e riporvi l'Arciduca _Carlo_. Fu ciò cagione d'una sanguinosa
e crudel guerra, fra gli Alleati e la Francia, la quale fu dichiarata
l'anno 1701. Ed essendo da poi morto il Principe d'Oranges dichiarato
Re d'Inghilterra, sotto il nome di Guglielmo III ch'era entrato
in quell'Alleanza; la Regina Anna Stuarda secondogenita di Giacomo
II che successe in quel reame, non pur confermò l'alleanza, ma con
impegno maggiore impiegò le forze del suo Regno per mettere nel trono
di Spagna il Re Carlo. Le sue flotte ve lo condussero: Catalogna fu
presa, ed in Barcellona il nuovo Re collocò la sua Sede regia, il qual
poi costrinse Filippo, colle forze imperiali, ed inglesi a lasciar la
città di Madrid: e se la battaglia di Almanza guadagnata da' Franzesi
il dì 25 d'aprile dell'anno 1707 non frastornava il bel disegno, la
Spagna sarebbe passata interamente sotto il suo dominio. Non potè avere
l'Imperador Leopoldo il piacere di veder così bene impiegate le sue
armi, ed esser secondati i suoi voti da sì prosperi successi: era egli
già morto, ed in suo luogo eletto nel 1705 _Giuseppe I_ suo figliuolo.

Ma non meno in Fiandra, che in Italia ebbero a questi tempi le gloriose
armi imperiali felici avvenimenti. Non pur si tolse l'assedio a Turino
ma in un tratto fu occupato lo Stato di Milano, Mantova, e l'altre
piazze della Lombardia; tal che i Franzesi furon costretti abbandonar
l'Italia, e ritirarsi colle loro truppe in Francia. Aveano i Franzesi
per soccorrere il Milanese lasciato voto il nostro Regno di loro
truppe; onde s'ebbe opportunità di tentarne l'impresa con felicissimo
successo. Per la natural affezione di questi popoli all'augustissima
casa d'Austria, bastò al Conte Daun con un sol distaccamento
dell'esercito imperiale, che l'Imperador Giuseppe teneva in Lombardia,
entrar, senza esservi chi gli facesse opposizione, nel Regno, ed a'
7 di luglio di quest'anno 1707 felicemente impossessarsi, in nome
del Re Carlo, della città di Napoli, gli Eletti della quale corsero
insino ad Aversa a presentargli le chiavi. L'esempio della Metropoli
fu tosto imitato dalle altre città del Regno: i castelli tutti si
resero alle vittoriose insegne: Pescara parimente fu resa: sola Gaeta,
dove eransi ritirati gli Spagnuoli, fece resistenza; ma in men di tre
mesi, dopo breve assedio fu presa per assalto e saccheggiata. In breve
con universal giubilo e contento furono ricevute le imperiali armi e
senza commozione, senza scompiglio e senza que' disordini, che sogliono
cagionare le mutazioni di nuovi dominj, il Regno tutto pacatamente ed
in somma tranquillità passò sotto il dominio del Re Carlo, che teneva
allora collocata la sua Sede regia in Barcellona.

Furono ritenute le medesime leggi, i medesimi magistrati, (sol
mutandosi le persone di coloro, ch'eranvi dal suo emolo fra que' sette
anni stati esaltati) li medesimi stili nelle segretarie all'uso di
Spagna, ed i medesimi istituti. Gli Spagnuoli, che vollero rimanere,
furono mantenuti ne' loro posti: furono ne' Tribunali conservate le
alternative, ch'essi godevano nelle toghe: in breve, toltone i Vicerè
di nazion tedesca, e gli ufficiali militari, che aveano il comando
delle loro truppe, in niente fu alterata la politia del Regno.

Ricevette però non picciol vantaggio dall'aver fatto ritorno sotto
il dominio di questa augustissima famiglia, per le tante concessioni
e privilegi, che a larga mano, sopra tutti gli altri Re suoi
predecessori, gli furon conceduti da un sì grato ed indulgentissimo
Principe. Egli mosso dalla fedeltà e prontezza mostrata in
quest'occasione, concedette alla città e Regno nuove grazie, e
tutte considerabilissime, e quel ch'è più, la pronta esecuzione
dell'antiche. Onorò la città, ed i suoi Eletti con nuovi e più speziosi
titoli. Preferì i suoi nazionali nelle cariche, beneficj e negli
uffizj, escludendone i forestieri. Con più sue regali cedole stabilì
l'importante diritto dell'_Exequatur Regium_ in tutte le Bolle, Brevi
ed altre provvisioni, che ci vengono di Roma: vietò rigorosamente
l'alienazione dei fondi delle entrate regali: sterminò affatto ogni
vestigio d'Inquisizione: con suoi Regali editti comandò, che in tutt'i
Beneficj, Vescovadi, Arcivescovadi, ed altre Prelature del Regno ne
fossero affatto esclusi i forestieri, nè che in lor beneficio sopra
quelli possano imporsi pensioni o altre gravezze; confermò tutti i
privilegi e grazie concedute al Baronaggio, ed al Regno, da' Re suoi
predecessori; tolse la Ruota del Cedulario: volle, che contro il suo
Fisco militasse la prescrizion centenaria, anche nelle regalie, nelle
cose giurisdizionali e nelle altre sue ragioni fiscali: stese la
succession feudale a favor de' Baroni per tutto il quinto grado. Nè
dee riputarsi picciol giovamento quello, che si ritrae dal venire ora
il nostro Regno compreso nelle tregue, che si fanno dall'Imperio col
Turco: e dal commerzio, al quale è inteso d'aprire colla Germania ne'
nostri Porti, con scale franche; ciò, che dagli Spagnuoli non era da
desiderare, non che da sperare. In fine concedè a noi tante rilevanti
grazie, le quali non senza nostra confusione insieme e contento,
leggiamo ora nel II volume _delli Privilegi e Grazie_ fatto imprimere
nell'anno 1719 dalla nostra città, perchè non meno si sappiano i
suoi pregi, che la munificenza di un tanto Principe, de' quali gli è
piaciuto di profusamente arricchirla.

Intanto fu provveduto il nostro Re Carlo III d'una non men savia, che
avvenente Principessa per moglie _Elisabetta Cristina di Wolffembutel_,
la quale da' suoi Stati, traversando la Germania e l'Italia, si
condusse in Barcellona al suo sposo; nel qual tempo i progressi delle
sue armi in Ispagna, sotto la condotta del Conte di Staremberg, fecero
maravigliosi acquisti, penetrando co' suoi eserciti insino a Madrid; e
se il Duca di Vandomo, al quale era stato conferito il comando delle
truppe di Spagna, non si fosse valorosamente opposto all'esercito
nostro, costringendolo a ritirarsi in Catalogna, la guerra di Spagna
sarebbe allora gloriosamente finita. Gli Olandesi e gl'Inglesi
dall'altra parte aveano interamente rotti i Franzesi in Fiandra, nella
battaglia, che lor diedero vicino ad Oudenarde sopra la Schelda, la
quale portò in conseguenza la presa di Lilla e di Gant; e poi l'anno
seguente quella di Tournai e di Mons; tal che costrinsero Lodovico XIV
a far proposizioni di pace, le quali, ancor che fossero svantaggiose
alla Francia, nelle conferenze che si fecero in Gertruidemberg fra
i Plenipotenziari della Francia, dell'Inghilterra e dell'Olanda, non
furono accettate.

Ma la morte accaduta in quest'anno 1711 a' 17 di aprile dell'Imperador
Giuseppe, in età di 32 anni, otto mesi e ventitrè giorni, senza lasciar
di se prole maschile, ruppe tutti i disegni, e fece mutar sembiante
allo stato delle cose. Tutti i Principi d'Alemagna richiamavano il
nostro Re all'Imperio, tal che, stando egli in Barcellona, fu dal
comun lor consenso in Francfort eletto Imperadore, e _Carlo VI_ sempre
Augusto Imperador Romano fu universalmente acclamato. Gli convenne
perciò, lasciando la Regina Elisabetta in Barcellona al Governo di
Catalogna di ritornare in Alemagna e prender il possesso dell'Imperio.
Ed intanto il Re di Francia, profittandosi di tal mutazione, e più per
aver ridotta la Regina Anna d'Inghilterra con vari negoziati e lusinghe
a' suoi voleri, promosse con maggior calore nuovi trattati di pace.
Indusse da principio quella Regina ad acconsentire ad una sospension
d'armi fra la Francia e l'Inghilterra, tal che fece ella ritirare le
sue truppe, che avea in Fiandra, dall'esercito degli Olandesi; il qual
essendo divenuto più debole a cagion di questa ritirata, fu assalito
dall'esercito Franzese guidato dal Maresciallo di Villars, e stretto
sì vivamente a Denain, che dopo una considerabil perdita, i Franzesi
s'impadronirono del campo nemico, presero poi S. Amando e Marchienna,
fecero levar l'assedio da Landrecì, e costrinsero la città di Dovay e
quella di Quesnoy alla resa.

Questi vantaggi costrinsero gli Alleati ad ascoltare le proposizioni
di pace; onde furono nominati dall'una e dall'altra parte i
Plenipotenziarj, i quali portatisi in Utrech (dopo essersi a' 14 marzo,
tra il nostro Imperadore ed il Re di Francia, accordato un armistizio
per Italia e l'evacuazione della Catalogna e di Majorica[90])
conchiusero la pace il dì 11 del mese di aprile dell'anno 1713 fra
l'Inghilterra, l'Olanda, Portogallo, Savoja, Prussia, Francia e Spagna.
Fu tra di loro stabilito, che col mezzo della rinunzia fatta da Filippo
alla Corona di Francia, tanto per se, quanto per li suoi discendenti,
e di quella del Duca d'Orleans alla Corona di Spagna, a Filippo
rimanessero le Spagne e l'Indie. La Sicilia fu data al Duca di Savoja,
al quale anche fu promessa la successione al Regno di Spagna, come pure
a' suoi eredi, in caso venisse a mancare il ramo di Filippo. Il Regno
di Napoli ed il Ducato di Milano rimanesse al nostro Imperadore. Gli
Elettori di Baviera e di Colonia furono restituiti nel possesso de'
loro Elettorati. La Regina Anna fu riconosciuta Regina d'Inghilterra,
e dopo la di lei morte il Principe d'Annover e suoi eredi. Che le
fortificazioni di Doncherc dovessero demolirsi. Le Piazze della Fiandra
spagnuola furono date in potere degli Olandesi, per essere restituite
alla Casa d'Austria; e Lilla, ed Aire furono restituite al Re di
Francia.

Il nostro Imperadore non volle ratificar questo trattato per non
pregiudicare le sue ragioni sopra la Spagna, nè volle colla medesima
trattar pace, per ciò ne fu fatto un altro particolare tra lui e la
Francia, in Rastat il dì 6 di marzo del seguente anno 1714[91], col
quale si confermarono le condizioni precedenti a riguardo di tutte
le altre Potenze, ma non già di cedere le sue ragioni e titoli sopra
quella monarchia, da poterle, quando che sia, sperimentar coll'armi.
Fur per tanto questi trattati di pace eseguiti con ogni sincerità
(toltone la Spagna) fra tutte le Potenze, che vi concorsero. Al Duca di
Savoja fu data la Sicilia; se bene avendo poi la Spagna voluto romper
questo trattato, con tentar d'occuparla di nuovo per se, questa mossa
è stata cagione, che lo scambio, che poi se ne fece, sia riuscito in
maggior vantaggio del nostro Monarca; poichè vindicata colle sue armi,
dalle mani degli Spagnuoli, si diede al Duca in iscambio della Sicilia
l'Isola di Sardegna, tal che la Sicilia rimane ora unita al nostro
Regno, come prima, sotto un medesimo Principe.

(Gli articoli accordati nel campo vicino Palermo per l'evacuazione
de' Spagnuoli dal Regno di Sicilia e di Sardegna a' 6 maggio del 1720
tra il _Conte di Merus_ per l'Imperadore e tra il _Marchese di Lede_
General comandante degli Spagnuoli, si leggono presso _Lunig_[92],
siccome gli articoli accordati da' medesimi nel campo suddetto a' 8
dello stesso mese, riguardanti l'evacuazione del Regno di Sardegna, si
leggono presso lo stesso pag. 1435. Per esecuzione de' quali, usciti da
quella gli Spagnuoli, ne presero il possesso le truppe Cesaree, ed in
vigore dell'Artic. II della quadruplice Alleanza, la maestà di Cesare
per mezzo del _Principe di Ottaiano_ suo plenipotenziario costituito a
questo atto, diede il possesso del Regno col titolo di Re al _Duca di
Savoja_, il quale dall'ora avanti deposto il titolo di Re di Sicilia,
assunse quello di Re di Sardegna).

Fu evacuata la Catalogna, e l'Imperadrice Elisabetta ritornò in
Alemagna, nell'imperial Sede di Vienna, a ricongiungersi col suo
Augusto marito, di cui già gravida, diede poi alla luce un Principe;
ma morte troppo acerba, crudele ed inesorabile a noi presto cel tolse,
lasciandoci in amari lutti e pianti.

Fu per tanto per lo governo di questi Regni di Spagna, che rimanevano
all'Imperador Carlo, eretto in Vienna un supremo Consiglio, composto
non men di Consiglieri di toga, che di Stato, e nel quale non v'hanno
parte alcuna Ministri tedeschi. A questo dal nostro Regno si manda
un Reggente, come già praticavasi sotto il governo degli Spagnuoli
di mandarsi in Madrid. Si serbano per ciò i medesimi istituti e le
segretarie rimangono ancora all'uso di Spagna: in quella lingua vengon
dettate le regali cedole ed i dispacci, ed i Ministri spagnuoli, che
seguirono il nostro Augustissimo Principe ritengono in quel Consiglio
la lor parte, di cui ora è Capo e presidente l'Arcivescovo di Valenza,
che sopra tutti gli altri è distinto nella fedeltà e zelo del servigio
del suo Signore.

Si credette, che per la competenza e contrasto fra questi due Principi
Carlo e Filippo, ciascun de' quali per se dimandava istantemente al
Pontefice Clemente XI l'investitura del Regno di Napoli, dovesse
con tal opportunità cancellarsi quest'uso; poichè essendo stato
sempre costante quel Pontefice a negarla all'imperador Leopoldo, che
giustamente la dimandava per l'Arciduca Carlo suo secondo figliuolo,
ripugnava ancora (per ostentar neutralità) di darla al Re Lodovico di
Francia, il quale, non men che Leopoldo, istantemente la chiedea per lo
Duca d'Angiò suo nipote.

(Tutti gli atti e pubbliche scritture uscite per l'occasione di
questa investitura, che dimandavasi al Papa da' Principi rivali, e le
relazioni della ridicola pretensione, che da ciascuno si faceva del
cavallo bianco, che non accettato si lasciava andar ramingo e scapolo
per Roma, furono unite ed impresse da _Cassandro Tucelo Tom. I. cap.
6_, dove si leggono le Allegazioni di Ulrico Obrecto, e le contrarie di
_Rolando de Duvinck._)

Per questa competenza in tutto il Pontificato di Clemente, che fu
molto lungo, non si curò più da competitori dimandarla, tal che si
credea, che l'ultima investitura dovess'esser quella, che Carlo II
prese nell'anno 1666 dal Pontefice Alessandro VII. Per una consimile
occasione si tolse l'investitura del Regno di Sicilia; poichè negando
sempre i Pontefici romani di darla al Re Pietro d'Aragona, ed a' suoi
successori Re Aragonesi, per non offendere Carlo I d'Angiò, ed i suoi
successori Re Angioini; gli Aragonesi da poi, riflettendo, che niente
di male per ciò loro era avvenuto, nè più di ciò ch'essi aveano in quel
Regno loro si dava, se non un poco di carta con quattro parole scritte,
siccome solea dire il Re Carlo III di Durazzo al Pontefice Urbano VI,
non si curarono più di cercarla; onde, siccome per certa usanza si
trovava ivi introdotta, così per contrario uso rimase quella affatto
abolita; tal che da poi nè il Re Alfonso I di Aragona, nè Ferdinando il
Cattolico, nè gli altri Re dell'augustissima Casa Austriaca giammai la
dimandarono, e rimase solo per lo Regno di Napoli.

Parimente i Pontefici romani per un tempo s'arrogarono la podestà
di dar l'investitura del Regno di Sardegna, siccome in effetto
Bonifacio VIII la diede a Giacomo Re d'Aragona; ma poi que' Re non
si sognarono più di cercarla[93]. E ne' Regni d'Aragona medesima
e di Valenza pur pretesero lo stesso, siccome fece Martino IV, che
privò di quelli Regni Pietro Re d'Aragona, e ne diede l'investitura
a Carlo di Valois figliuolo di Filippo Re di Francia. Ma sono ormai
scorsi cinque secoli, che gl'istessi romani Pontefici hanno lasciato
tali pensieri e tali pretensioni[94]. Lo pretesero ancora nel Regno
d'Inghilterra, siccome si praticò in tempo di Re Giovanni, il quale
volle riceverne l'investitura e l'incoronazione dal Papa, che vi mandò
per tal effetto Pandolfo suo Legato appostolico ad incoronarlo[95].
Ma da poi gli altri Re d'Inghilterra non si sognarono in conto veruno
cercarne più investitura, nè fu più praticata. Il medesimo tentarono
nel Regno di Scozia a tempo d'Odoardo I, che refutò il Regno alla
Chiesa romana. Ma gl'Inglesi niente di ciò curando, fecero sentire al
Papa, che non s'impacciasse con gli Scoti, ch'erano sudditi e vassalli
del Re d'Inghilterra[96]. Sono per ultimo note le intraprese de'
romani Pontefici sopra l'Impero romano germanico, che veniva da loro
connumerato tra' feudi della Chiesa romana, e che per ciò fosse della
lor potestà eleggere gl'Imperadori. Ma da poi fu tolta ogni soggezione,
ed ora la potestà d'eleggere è rimasa assolutamente presso i Principi
Elettori, con essersi anche tolta quella cerimonia d'andarsi a coronare
in Roma per mano del Pontefice. Così secondo le opportunità, che le si
presentarono, tolsero i savj Principi da' loro reami queste soggezioni,
le quali introdotte ne' tempi dell'ignoranza, siccome per abuso s'erano
in quelli stabilite, così per contrario uso furono abolite.

Con tutto ciò essendo a' 19 marzo dell'anno 1721 morto Papa Clemente
XI, in età di 72 anni, dopo un lungo Pontificato d'anni, poco men che
ventuno, ed essendo stato eletto in suo luogo nel mese di maggio del
medesimo anno il Cardinal Conti col nome d'_Innocenzio XIII_ che ora
con somma lode di prudenza e bontà regge la Sede appostolica, non ha
costui fatto passar un anno del suo Pontificato, ch'essendone stato
richiesto dal nostro Imperadore (per fini forse più alti e prudenti,
che a noi cotanto umili e bassi, non lece indagare) glie n'ha conceduta
l'investitura, con avergliene in maggio del passato anno 1722 spedita
Bolla, nella quale, non altramente che fece Lione X coll'Imperador
Carlo V, fu duopo dispensare alla legge dell'antiche investiture, le
quali proibivano a' Re di Napoli d'essere Imperadori, o Re di Romani,
e s'intendevano decaduti dal Regno, accettando la Corona imperiale;
siccome si è potuto vedere ne' precedenti libri di quest'Istoria.

(La Bolla colla quale Leone X dispensò l'Imperador Carlo V da questa
legge, spedita a' 3 giugno dell'anno 1521 si legge presso _Lunig tom_.
2 _pag_. 1343.)

(Il _Cardinale Althann_, che si trovava allora in Roma Legato
di Cesare, nel dì 9 giugno del medesimo anno 1722, diede in nome
dell'Imperadore, come Re di Napoli, il giuramento di fedeltà avanti
una generale congregazione di Cardinali, ed al Tribunale della Camera
papale, presenti li suoi Protonotarj, ricevendo dal Papa l'investitura.
Da poi a' 28 del medesimo mese nella vigilia di San Pietro, giorno da
antichissimo tempo statuito a questa prestazione, il _Colonna_, come
Gran Contestabile del Regno presentò il cavallo bianco, ed il solito
censo, con solenne celebrità e gran pompa, per render gli altrui
trionfi più maestosi e splendidi. La relazione di questa solenne
funzione con le ristucchevoli cerimonie usate, non si dimenticò
_Struvio_ inserirla nella giunta del suo _Corpus Hist. Germ. tom. 2
period. 10 sect. 13 de Carolo VI §. 47 _ nella _pag_ 4112).

Ma il decorso del tempo, e gli avvenimenti dell'anno 1734 han fatto
chiaramente conoscere quanto ai nostri tempi riesca a' Re di Napoli
inutile il cercare, ed ottenere tali vane Investiture, e che queste
celebrità e pompe di presentarsi ogni anno per tributo il censo di
settemila ducati d'oro, ed il cavallo bianco, siano tutte spese
perdute, che si potrebbero impiegare a miglior uso. Che profitto
ricavonne L'Imperador Carlo VI di averla ottenuta da _Innocenzio XIII_?
se non quello di avere _Clemente XII_ successore, non già impedita,
ma agevolata l'impresa all'Infante di Spagna _Don Carlo_ inviato
dal Re _Filippo V_ suo Padre ad occupar il Regno, e discacciarne il
legittimo possessore. Niente gli valse l'investitura d'_Innocenzio_.
Niente que' giusti e legittimi titoli che ne avea, non solo per le
ragioni di succedere al Re _Carlo II_, ma in vigore di più istromenti
di pace stipulati e firmati con giuramento fra l'Imperadore ed il
Re _Filippo_, così nella pace stabilita in Vienna nell'anno 1725 in
esecuzione della pace di Londra del 1718, e ratificata con tanti altri
reiterati atti ne' susseguenti tempi, come nelle altre convenzioni
seguite prima e dopo la pace di Siviglia, per le quali i Regni di
Napoli e di Sicilia per titolo di transazione irrevocabile si cedevano
dal Re di Spagna perpetualmente all'Imperador _Carlo_; siccome questi
all'incontro cedeva le sue pretensioni sopra tutta la Spagna e l'Indie
al Re _Filippo_. Non s'incontrerà certamente nelle istorie esempio
più chiaro e manifesto, che ad un principe, alla legittimità del
possesso siansi accoppiati tanti giusti e validi titoli, quanto che a
riguardo di questi due Regni all'Imperador _Carlo_. E pure il Vicario
di Cristo, che dee zelar cotanto per la giustizia, che dee esclamare,
increpare, maledire, ed opporsi agl'invasori, tanto è lontano che ciò
abbia fatto, che al contrario agevolò l'impresa, somministrò alle
truppe nel passaggio ogni agio ed abbondanza di vettovaglie e di
viveri, ed animava i Popoli alla resa. Come colui, che si pretende
padron diretto di questo Regno, riputandolo vero Feudo della Sede,
anzi della Camera Appostolica, e che i Re dopo esserne stati investiti
siano veri suoi Feudatarii, non si oppone all'invasore? e le leggi
_Feudali_ istesse esclamano, che di sua natura il _feudo_ essendo da
altrui invaso, porti seco l'indispensabil obbligo al padron diretto
di difendere il _Feudatario_, opporsi all'invasore e far tutto ciò che
possa per impedire l'invasione. A che dunque giovano oggi queste varie,
ed inutili investiture? Almanco a' tempi antichi gl'Investiti erano
sicuri, che i Pontefici si armavano a lor difesa; e quando non potevano
far altro scomunicavano gli aggressori, interdicevano i loro Stati e
scagliavano anatemi terribili contro i fautori e tutti coloro che gli
prestavan ajuto e soccorso. Che non fecero li Pontefici romani contro
Re _Pietro d'Aragona_, quando occupò il Regno di Sicilia, togliendolo
al Re _Carlo I d'Angiò_, che n'avea avuta Investitura da Papa
_Clemente IV_ per se e suoi discendenti? che non fecero i successori
di _Clemente_, morto Re _Pietro_, contro Re _Giacomo_ suo figliuolo, e
contro Re _Federico_ fratello di _Giacomo_?

In tempo del famoso scisma, quando in Napoli si conoscevano, secondo le
fazioni, due Re e due Pontefici, ciascun Papa difendeva contro l'altro
il da lui investito, e si pugnava ferocemente fra di loro, come pro
_aris_, et _focis_; ed i libri di quest'Istoria Civile sono pieni di
contenzioni e brighe nate per occasioni simili.

Ma al presente i Papi riposatamente vogliono attendere il successo
delle armi, e tutti soccorrono al vincitore, e discacciano il vinto.
Quando nel mese di aprile dell'anno 1734 l'Infante _Don Carlo_ entrò
colle sue truppe nel Regno, ed i Napoletani se gli resero; poichè in
sue mani non erano ancora passate le piazze di Gaeta, Capua, Pescara;
ed i Castelli della Puglia, e di Calabria; ed erano ancora nel Regno
Milizie Alemanne; sopraggiunto il mese di giugno, dovendosi nella
vigilia de' SS. Apostoli Pietro e Paolo pagar il censo, e presentar il
cavallo bianco con la usata celebrità e pompa, _Clemente XII_ escluse
l'Infante e ricevè dall'Imperadore, siccome per lo passato, il censo
e la Chinea; ma nel mese di giugno del seguente anno 1735 essendosi
già rese quelle Piazze e tutti i Castelli all'Infante _D. Carlo_,
e dissipate le truppe Alemanne, allora la Corte di Roma mutò stile,
ed il Papa ricusò di ricevere nel dì stabilito il censo e la Chinea
dall'Imperadore, con tutto che dal Principe di _S. Croce_ destinato
dal medesimo per suo Ambasciador estraordinario a questo atto, si
fosse offerto di pagar il censo e di presentar la Chinea; anzi la
Camera Appostolica non volle ammetterlo nè meno a farne deposito;
e ciò perchè il Papa gliel'avea proibito, dando fuori un suo _motu
proprio_, col quale comandava _de plenitudine potestatis Pontificiae_,
che in quell'anno si fosse prolungata e differita la presentazione e
pagamento per _il tempo e tempi a nostro arbitrio_, come sono le sue
parole, sicchè si prolungasse _non solo il deposito, e pagamento delli
ducati 7000 d'oro, ma anche la solenne funzione del Cavallo Bianco, o
sia Chinea_. E quel ch'è da notare, nel _motu proprio_ dichiara il Papa
tal ricognizione doverseli pel _supremo e diretto dominio, che noi e
questa S. Sede abbiamo sopra il Regno dell'una e dell'altra Sicilia_:
chiamandolo _Regno nostro. _ Ma merita assai maggiore ponderazione
che si contrastava per parte dell'Imperadore la soggezione, ed in
tutte le maniere d'un Regno del quale egli era assoluto Signore e vero
Monarca, voleva esserne _Feudatario, e vassallo_ della S. Sede; poichè
il _Cardinal Cienfuegos_ ministro Plenipotenziario dell'Imperadore
nella Corte di Roma, avendone avuta special commessione da Cesare
per suo imperial dispaccio de' 18 giugno, mandatogli per espresso,
altamente a' 28 del suddetto mese protestò contro il _motu proprio_
del Papa, come manifestamente ingiurioso a S. C. M. e lesivo de'
suoi diritti, e come quello, che _andava a violare a dirittura la
fede del patto reciproco, che sempre esiste fra il Padron diretto,
ed il Feudatario_: soggiungendo e rinfacciando al Papa, _che non
ammettendosi la presentazione della Chinea ed il pagamento del censo
nel giorno convenuto senz'alcuna delle solite legittime cause, la
Santità vostra autorizza la ingiusta occupazione del Feudo, mettendosi
dalla parte dell'usurpatore, a cui è stata anche facilitata l'impresa,
quando più tosto ragion voleva, che il Feudatario fosse ajutato
dal Padrone diretto nella difesa del Feudo_. Soggiunge in oltre che
essendo l'Imperadore _l'unico legittimo Feudatario investito dalla
S. Sede.... quantunque con la forza sia stato spogliato del Feudo,
ritiene però sempre l'animo di ricuperarlo_. Si protesta adunque col
Papa e suoi ministri camerali di nullità e d'ingiustizia contro la
suddetta dilazione, la quale, come sono le sue parole, _espressamente e
legalmente disapprovata da S. M. non possa, nè debba in qualunque tempo
ed occasione allegarsi in suo danno e pregiudizio de' suoi diritti; ma
che anzi si debbo riputare e considerare, si reputi e consideri sempre
come voluta da V. S. senz'alcuna delle solite legittime necessarie
cause, e non ammessa, nè approvata, ma bensì espressamente disapprovata
e rigettata da S. M. la quale in effetto ha instato con tutto il
vigore, e non cessa d'insistere affinchè si riceva il pagamento del
censo, e la presentazione della Chinea al tempo prescritto e convenuto
nelle Investiture; protestandosi altresì che affine di far conoscere
e manifestare la nullità, e la ingiustizia di una tal dilazione, ed
insieme l'aggravio e la violenza, che soffre S. M. come Feudatario
della S. Sede, si servirà di tutti i mezzi leciti, che dalla naturale
difesa e dalle leggi si prescrivono, affine di preservare il suo
diritto legittimamente acquistato, e vendicare le sue ragioni._

Queste querele e proteste firmate a' 28 giugno dal Cardinale furono
per mezzo di pubblico Notaro presentate e notificate a' Ministri
Camerali, i quali le riceverono colle solite clausole forensi _sic
et in quantum_; ma nell'istesso tempo ordinarono per lor Decreto: _in
omnibus esse_ servandum _Motum proprium Sanctissimi_.

Chi crederebbe, che il fascino nelle menti umane possa giungere
a tanto, che ama e si contrasta la propria soggezione e servitù,
essendo assoluti e liberi? che nulla tutto ciò giovando per discacciar
l'invasore, ma tutto il presidio essendo riposto nelle armi, si voglia
profonder denaro in cose vane ed inutili, e non più tosto impiegarlo ad
accrescer truppe e milizie, che sono i più efficaci mezzi per vendicar
i torti e le offese? A ragione adunque potrebbesi esclamare:

    _O miseras hominum mentes, o pectora coeca._
    _Qualibus in tenebris vitae....._
    _Degitur hoc aevi!_



CAPITOLO V.

_Stato della nostra Giurisprudenza e dell'altre discipline, che
fiorirono fra noi nella fine del secolo XVII insino a questi ultimi
tempi._


I progressi, che la Giurisprudenza e le altre scienze fecero fra noi
nel Regno di Carlo II sino al presente furono veramente maravigliosi.
Eransi negli altri Regni d'Europa e spezialmente in Francia ristabilite
già e ridotte nel più alto punto di perfezione sin dal principio di
questo secolo XVII, e nel suo decorso. Presso di noi però più tardi
si perfezionarono, e ricevettero maggior politezza e candore. La
nostra Giurisprudenza per _Francesco d'Andrea_, e per quegli altri
che lo seguirono, prese, come si disse, miglior forma, e non men nelle
Cattedre, che nel Foro si cominciarono ad insegnar le leggi con nuovi
metodi, ed a disputar gli articoli legali secondo i veri principj della
nostra Giurisprudenza, e secondo l'interpretazioni de' più eruditi
Giureconsulti. La Filosofia, che sino a questi tempi era stata fra
noi ristretta ne' Chiostri, e ridotta, o ad alcune sottigliezze di
Logica e di Metafisica, o ad alcuni discorsi vani ed inutili, prese un
nuovo lustro dallo studio delle scienze naturali e da un'infinità di
nuovi scoprimenti, e dal buon metodo posto in uso per trattarla. La
Medicina profittandosi degli scoprimenti della Fisica, e dell'uso di
molti medicamenti ignoti agli antichi, si scoprì non tanto inutile per
le malattie. Le Matematiche, e in spezie l'Algebra, furono spinte sino
all'ultima astrazione col mezzo di metodi nuovi. Le Accademie istituite
fra noi, e composte in questi tempi di uomini insigni, contribuirono
non poco, per le lingue, per l'eloquenza e per l'erudizione alla
perfezione delle scienze ed all'avanzamento della letteratura. Ridusse
finalmente presso noi nell'ultimo punto di perfezione le discipline il
commerzio, che per mezzo de' _Giornali de' Letterati_ s'introdusse fra
noi, con la Francia, la Germania e l'Olanda; poichè col mezzo di questo
gran numero di Giornali, che da quelle province escono, ogni uno può
aver notizia de' libri, che s'imprimono in Europa, delle materie che
contengono, e degli avvisi della Repubblica Letteraria.

Ne' nostri Tribunali, per quanto s'appartiene alla Giurisprudenza,
come si è veduto, _Francesco d'Andrea_ fu il primo, che l'adoperò
secondo i veri principj, e secondo le interpretazioni di Cujacio e
degli altri eruditi, non men orando, che scrivendo; ed avendo egli per
più anni esercitata fra noi l'avvocazione, ed acquistato quel grido,
che il Mondo sa, acquistò ancora molti imitatori; onde nel nostro Foro
cominciaron poi a distinguersi i meri Forensi da' veri Giureconsulti.
Creato poi egli dal Conte di S. Stefano Giudice di Vicaria, e per mezzo
del medesimo tosto promosso dal Re Carlo II al posto di Consigliere,
e poi d'Avvocato Fiscale della Regia Camera, non mancò, esercitando
questa carica, nelle sue allegazioni, e sopra ogni altra in quella
famosa disputazion feudale[97], d'accoppiare insieme l'erudizione,
l'istoria, e la vera Giurisprudenza colle disputazioni Forensi.
Dopo tre anni di quest'esercizio, ottenne dal Re di far ritorno nel
Sagro Consiglio; da dove poi per le stravaganti sue infermità, e per
voler nel rimanente di sua vita vivere a se medesimo, ed attendere
più quietamente allo studio della Filosofia, di cui erasi oltremodo
invaghito, licenziossi, ed abbandonando la città e tutt'i luoghi più
frequentati, ritirossi nelle solitudini di Candela, picciola terra
dello Stato di Melfi. Quivi morì quest'incomparabile Giureconsulto,
dopo alquanti giorni d'infermità, assistito dal Governadore di quello
Stato e da più Religiosi; ed a' 10 settembre dell'anno 1698, su le 21
ore rendè al suo Fattore l'immortal sua anima; ed il giorno seguente
da Monsignor Spinelli Vescovo di Melfi gli furono celebrati nobili e
divoti funerali.

Dopo costui, chi più se gli avvicinasse nell'eloquenza e
nell'erudizione, e sostenesse nel Foro l'arte del ben dire e scrivere,
fu il famoso Avvocato _Serafino Biscardi_. Ebbe ancor costui per
compagni, se non nell'eloquenza, nel sapere e nell'erudizione, _D.
Niccolò Caravita_, ed _Amato Danio_; e nella dottrina legale que' due
profondi Giureconsulti _Pietro di Fusco e Flavio Gurgo_. Ve ne furono
ancora degli altri che sostennero ne' nostri Tribunali la vera arte
del dire e del sapere, li quali durando ancor fra noi, e collocati
nei primi onori del magistrato temerei offendere la lor modestia
in favellandone; ma fra questi la gratitudine e l'aver io il pregio
d'essere stato nel Foro suo discepolo, non comportano, che io taccia
d'uno, che per giudicio universale è fuor d'ogni invidia e d'ogni
emulazione. Questi è l'incomparabile _Gaetano Argento_, il quale
fin dalla sua tenera età, fornito della più recondita e pellegrina
erudizione, e consumato nello studio delle lingue, dell'istoria e delle
buone lettere, applicò i suoi rari talenti negli studi legali, dove
per la penetrazione del suo divino ingegno, per la stupenda memoria e
per l'instancabile applicazione, riuscì al Mondo di miracolo; tal che
per la profondità del suo sapere, e spezialmente nella Giurisprudenza,
superò quanti Giureconsulti fra noi giammai fiorissero. Ed innalzato
da poi a' supremi magistrati, ed al sommo onore di Presidente del
nostro Sagro Consiglio, rilusse assai più luminosa la sua fama;
poichè soprastando agli affari più gravi e rilevanti dello Stato, fece
conoscere quanto in lui non meno potessero le lettere e le discipline,
che la sapienza e l'arte del Governo.

Fu sostenuto da questi preclari ingegni il candor della nostra
Giurisprudenza nel Foro; ma non mancarono ancora a questi tempi altri
nobili spiriti, che lo sostennero nell'Università de' nostri studi.
Erasi, come si disse, cominciato già in quest'Università ad insegnarsi
con maggior pulitezza di ciò che prima facevasi; ma non s'era venuto
a quella perfezione, colla quale insegnavasi nell'altre Università, e
particolarmente in quelle di Francia; ma posto che ebbe in quella il
piede il famoso Cattedratico _Domenico Aulisio_, fu ridotta nell'ultimo
punto di perfezione. Egli per la sua varia e profonda erudizione, e
sopra tutto della Romana e della Greca, per la perizia delle lingue,
e per la sua somma e minuta esattezza, v'introdusse il vero metodo
di spiegar le leggi. Fu ancora il primo, per li suoi maravigliosi
concorsi, a dar norma agli Oppositori nelle Cattedre, come e con
qual metodo dovessero quelli farsi, sì che non divagandosi fuori del
testo, come si solea prima, in premesse ampliazioni, limitazioni e
corollarj, si venisse all'interna sposizion di quello, ed a penetrarne
i veri sensi, e con chiarezza poi e nettezza e proprietà di parole
spiegarli. Fu quest'uomo ammirabile per la non men varia che profonda
perizia, ch'e' possedeva in tutte le discipline. Egli fu non men
profondo nella vera Giurisprudenza, come lo dimostrano le sue opere,
che nelle Matematiche, nelle lingue, non men Latina e Greca, che
nell'altre Orientali; nello studio delle lettere umane, ed in tutte
le arti liberali. Grande antiquario e sopra tutto vago dello studio
dell'antiche medaglie e degli altri monumenti dell'antichità. Profondo
nella filosofia, nella poetica, nell'arte oratoria; ed insino sopra la
medicina avea fatti studi immensi, tal che avea composta un esatta e
peregrina _Istoria della Medicina_, che intendeva di dare alle stampe;
ma per la sua natural tepidezza, sempre dubbio e vacillante e non
soddisfacendosi mai delle sue stesse fatiche, prevenuto da _Daniele
le Clerc_, rimane ora fra gli altri suoi M. S. che ci lasciò. L'opera
delle _Scuole Sacre_, che fra breve uscirà alla luce del Mondo, s'era
pure da lui ridotta in punto di darsi alle stampe, ma per l'istessa
cagione, rimane ora alla discrezione del suo erede quando e come vorrà
darla. Le opere sue legali, che si sono ora impresse, egli non l'avea
dettate a questo fine, ma solo per insegnarle nelle cattedre a' suoi
scolari, ed avrebbe ascritto a grande ingiuria del suo nome, se in sua
vita taluno avesse avuto quest'ardimento. Ma presso me, a cui egli,
come uno de' suoi più cari discepoli, raccomandò i suoi scritti, ha
potuto più il pubblico beneficio, che la privata sua ingiuria; poichè,
sebbene egli per la natural sua modestia, e pel poco concetto, che avea
delle cose sue istesse, sentisse sì parcamente di queste sue fatiche,
siamo sicuri che per l'utilità, che apporteranno, il giudicio del Mondo
sarà molto diverso da quello del loro autore. Ha egli lasciate pure
molte altre sue fatiche intorno alla poetica, all'arte oratoria, alla
dottrina ed emendazione de' tempi, alle matematiche, alla filosofia e
vari altri componimenti; ma tutti imperfetti e pieni di cassature ed
inestricabili postille: d'alcuna delle quali forse a miglior tempo ed
a maggior ozio, ne sarà partecipe la Repubblica Letteraria.

Per quest'eminente sua letteratura, vacata nell'anno 1695, per la
morte di _D. Felice Aquadia_, la cattedra primaria vespertina del
_Jus Civile_, fu con pienezza di voti a quella innalzato con soldo di
ducati 1100, l'anno, la qual fu da lui sostenuta con sommo splendore
e gloria; tal che per lui l'Università de' nostri studi non ebbe che
invidiare a qualunque altra più illustre di Spagna, o di Francia, ed
in quella insegnò sino alla fine di gennajo del 1717, anno della sua
morte. Ma se questa perdita fu per noi grave ed inestimabile, niente
però si scemò di pregio alla cattedra ed alla nostra Università; poichè
ben tosto, espostasi quella a concorso, fu con universal consentimento
provveduta in persona d'un pari ed insigne Cattedratico _D. Nicolò
Capasso_, che ora degnamente la sostiene, il quale essendo stato
il primo fra noi ad insegnare ne' nostri studi il _Jus Canonico_,
secondo i veri principj tratti da' Concilj e da' Padri, col soccorso
dell'Istoria Ecclesiastica, e secondo l'interpretazione de' più culti
ed eruditi Canonisti, siccome prima avea illustrata e posta in maggior
splendore quella Cattedra Canonica, così ora da lui, per la sua
eloquenza, dottrina legale, somma erudizione e perizia delle lingue,
vien sostenuta la Primaria Civile, con non minor decoro e concorso di
quello ch'era in tempo del suo predecessore.

Furono ancora a questi tempi in migliore stato ridotte l'altre cattedre
di questa Università per le altre scienze che quivi s'insegnano.
_Tommaso Cornelio_, come fu detto, avea introdotta in Napoli la nuova
filosofia, ed egli proccurò, che le opere di _Renato des Cartes_
quivi s'introducessero: ebbe egli in questi principj per compagno
_Lionardo di Capoa_, medico e filosofo ancor egli: onde congiunti
insieme cominciarono a promuovere le buone lettere, e sopra tutto la
filosofia e la medicina. Poco da poi, alcuni di più accorto ingegno,
tratti dal loro esempio, si diedero anch'essi a questa nuova maniera
di filosofare, e lasciando da parte tutto ciò, che nelle scuole fra'
chiostri aveano appreso, si applicarono a questi nuovi studi. Trovarono
costoro a questi tempi un potente protettore, _D. Andrea Concubletto
Marchese dell'Arena_, il quale mosso dall'affetto ardentissimo,
ch'egli avea a sì fatti studi, e punto anche da generosa invidia,
che ove in altre parti d'Europa la buona filosofia trionfava, solo
in Napoli fosse negletta, e da pochi conosciuta, diedesi con grande
studio a proccurare, che coloro che n'aveano vaghezza in qualche luogo
s'unissero, dove con sottili ricerche e speculazioni si proccurasse
spingere più avanti le cognizioni sopra questo soggetto. Eransi già
prima, non meno in Parigi che in Inghilterra, introdotte consimili
Accademie di Scienze; onde ad imitazione di quelle studiavasi l'Arena
promuovere questa sua. Fu per tanto scelta la casa istessa del Marchese
per luogo di quest'Adunanza, alla quale s'ascrissero gli uomini più
dotti di que' tempi. Fu dato il nome all'Accademia degl'_Investiganti_,
che per impresa avea un Can bracco, col motto Lucreziano: _Vestigia
lustra_[98].

I più insigni, che quivi s'arrolarono, e de' quali ne rimane a noi
ancora memoria, furono oltre il Cornelio, ed il Capoa, il cotanto
da noi celebrato _Camillo Pellegrino_, il quale, sebbene in tutto il
corso della sua vita avesse consumati i suoi giorni in studi diversi,
cioè dell'istoria, e nelle ricerche delle nostre antichità; erasi
poi nella vecchiaja così ardentemente acceso dei nuovi ritrovamenti
e metodi di questa novella Filosofia, che accusava la sua grave età,
che non gli permettesse porre ogni opera in questi studi. Il cotanto
presso noi rinomato _Francesco d'Andrea_, ed il suo fratello _D.
Carlo Buragna_, che restituì in Napoli l'Italiana Poesia, e che alla
gran perizia della Geometria e della Fisica accoppiava una perfetta
cognizione di tutte e tre le lingue. _Giovambattista Capucci_,
profondo Filosofo, ed adornato di molta letteratura. _Sebastiano
Bartoli_ famoso Medico di que' tempi, di cui il nostro Vicerè D.
Pietrantonio d'Aragona ebbe tanta stima e concetto. _Lucantonio
Porzio_ gran filosofo e medico, che in quest'Adunanza vi recitò nobili
e profonde lezioni intorno al sorgimento de' licori, e sopra altre
sue filosofiche investigazioni[99]. Vi s'ascrissero ancora i Nobili
_Daniello Spinola_ e _D. Michele Gentile_; e vollero pure aggregarvisi
Monsignor _Caramuele_ Vescovo allora di Campagna, ed il _P. Pietro
Lizzardi_ Gesuita, oltre tanti altri preclari spiriti, che furono
tutto intesi colle loro gloriose fatiche a scuotere il durissimo giogo,
che la Filosofia de' Chiostri avea posto sopra la cervice de' nostri
Napoletani.

Quest'Adunanza per la partenza del Marchese d'Arena da Napoli, e per
la di lui morte non guari da poi seguita, si disciolse; ma non per
ciò i suoi Accademici, chi insegnando nelle Cattedre, e chi scrivendo
nobilissimi trattati, si trattennero di promuovere questi studi; tal
che in brevissimo tempo fecero notabilissimi progressi, ed acquistarono
molti seguaci, diffondendo non men questa Filosofia, che le altre buone
lettere; e nella Medicina, Notomia, Botanica e nelle Matematiche, e
spezialmente nell'Algebra introdussero nuovi metodi, e stesero molto
le loro conoscenze. Quelli che non ebber genio d'esporsi a' concorsi
per ottener le Cattedre, si segnalarono colle loro opere in diffondendo
le novelle dottrine. _Lionardo di Capoa _si rese celebre per li suoi
_Pareri_, che diede alle stampe. _Gregorio Caloprese_, ancor'egli
profondo Filosofo, diede saggi ben chiari, quanto nella Cartesiana
Filosofia valesse, co' suoi dotti scritti; ed il somigliante fecero
tanti altri preclari e nobili spiriti.

Coloro che aspirarono alle Cattedre non men colle opere che diedero
alle stampe, che con insegnar ivi pubblicamente le scienze, innalzarono
assai più la nostra Università degli Studi; tal che non meno per le
leggi civili e canoniche, che per le altre facoltà quivi insegnate
con maggior pulitezza e candore, si vide ella fiorire a pari delle
maggiori Università d'Europa. La Cattedra della _Medicina_ fiorì sotto
il celebre _Luca Tozzi_, famoso per le sue opere date alle stampe; la
qual dopo la di lui morte, non pur niente perdè di splendore, ma ne
acquistò un maggiore, per vedersi ora in sua vece sostenuta da un più
chiaro e risplendente lume, quanto, e quale il cotanto celebre _Niccolò
Cirillo_. Quella della _Notomia_ è pur anche occupata da _Lucantonio
Porzio_, famoso ancor'egli in tutta Europa per profondità di sapere e
per le insigni sue opere date alle stampe. Non men di queste furono
le altre di _Matematica_, e d'_Eloquenza_, sostenute, siccome ancor
ora si sostengono, da valenti professori. Erasi in quest'Università,
per le precedute sciagure, estinta la cattedra della _Lingua Greca_:
ma nel governo del marchese de los Velez fu nell'anno 1682 quella
ristabilita[100]; e quel che accrebbe a lei maggior splendore, fu
d'essersi provveduta in persona del Sacerdote _D. Gregorio Messeri_,
gran maestro di tal lingua, e riputato de' primi in tutta Italia: tal
che quanto oggi si sa fra noi di questo idioma, tutto si deve a questo
insigne professore.

Nel medesimo anno la _Botanica_ fu pure in Napoli maggiormente
ristabilita, mercè la cura che se ne prese _D. Francesco Filamarini_,
il quale eletto Governadore dell'Ospedale della Nunziata di Napoli,
fece per comun utilità, a spese del medesimo, piantar un orto di
semplici fuori le porte della città nel luogo detto la Montagnola, di
cui poi se ne prese il pensiere _Tommaso Donzelli_ celebre Medico de'
nostri tempi, che l'ordinò ed arricchì di molte piante[101]. Prima di
lui _Mario Schipano_ avea pure coltivati questi studi, che furono a
noi tramandati dal famoso _Fabio Colonna_; ed a' nostri tempi _Gio.
Battista Guarnieri_ rinomato Medico e Cattedratico vi avea ancor fatti
notabili progressi.

Fu ancora a questi medesimi tempi restituita fra noi nel suo antico
splendore la _Poesia Italiana_ per Carlo Buragna, Pirro Schettini,
ed altri eccellenti Poeti, che vi fiorirono. Le altre buone lettere,
l'erudizione e le lingue fecero grandi progressi sotto il governo
del Duca di Medina Coeli, che le protesse non meno, che i professori
di quelle. Gli studi, che a noi vennero più tardi, furono quelli
dell'Istoria Ecclesiastica e della Teologia Dogmatica, li quali
in Francia s'erano spinti sino all'ultimo punto di perfezione;
ma applicatisi, ancorchè tardi, i nostri ingegni a quelli, alcuni
vi riusciron eminenti: tal che introdotte fra noi tutte le buone
discipline, fu restituita la città ed il Regno in quella pulitezza e
letteratura, che ora ciascun vede.



CAPITOLO VI.

_Politia Ecclesiastica di questi ultimi tempi._


Mentre durò il Regno di Carlo II non fu veduto cangiamento alcuno in
noi in ciò che riguarda la Politia Ecclesiastica; ma furono da' suoi
Vicerè Spagnuoli calcati i medesimi sentieri de' loro predecessori.
Due esemplarissimi Pontefici, che fra questo tempo ressero la Sede
Appostolica ridussero a più moderato stato le cose; e zelanti dell'onor
di Dio, attesero più alla riforma de' costumi degli Ecclesiastici,
che a promuovere le pretensioni di quella Corte sopra il temporale
de' Principi. _Innocenzio XI_ per la bontà della vita ed innocenza de'
costumi trasse a se il rispetto e la riverenza, non pur de' Principi
Cattolici, ma eziandio de' pretesi Riformati. Fu tutto inteso ad
estirpare gli abusi introdotti nell'ordine Chericale; condannò la
rilasciatezza e le perniziose dottrine, che aveano sparse nelle loro
opere gli scandalosi Casuisti: ripresse l'insolenza ed audacia de'
monaci, e pubblicò nell'anno 1680 una Bolla contro lo sgangherato modo
di predicare introdotto da essi, i quali avvezzi alle sofisticherie
delle loro scuole, ed ignoranti non men dell'arte dell'eloquenza, che
di tutt'altro, erano tutti intenti a vane argutezze di parole, ad
antitesi, ad allusioni, a metafore stravolte: ed applicavano anche
a quest'uso i luoghi della Scrittura e de' Padri, stravolgendoli, e
stiracchiandoli a lor modo. _Innocenzio XII_ come nostro Napoletano amò
la quiete del Regno, e si studiava di beneficarlo. Per aver egli tenuta
la Sede Arcivescovile di Napoli per molto tempo, erangli noti gli abusi
e le corruttele dell'Ordine Ecclesiastico, e sopra tutto l'estorsioni
del Tribunal della Nunziatura, e de' suoi Commessarj per lo Regno; ed
i crudeli Spogli che si praticavano: tal che commiserando lo stato
calamitoso delle nostre Chiese, deliberò rimettere gli Spogli delle
Chiese, non comprese nella concordia, in beneficio delle Chiese stesse,
con che dovesse impiegarsi tutto ciò che si fosse trovato negli Spogli,
in reparazione ed ornamento di quelle, col consenso del futuro Vescovo
o Prelato, ed intervento di persona deputata dal Capitolo, siccome
stabilì per sua Bolla. E si crede che se i nostri Napoletani avessero
insistito a dirittura con questo Pontefice sopra la dimanda, che allora
fecero a Carlo II di provvedersi i Beneficj a' Nazionali, in esclusione
degli esteri, forse l'avrebbero indotto a contentarsene. Tolse questo
zelante Pontefice molti altri abusi introdotti nella Chiesa ed emendò
per quanto potè la Corte istessa di Roma. Abolì lo scandalo del
nepotismo, e chiamò suoi nepoti i poveri, dando loro per abitazione
il Palagio Lateranense, magnificamente ristorato. Tolse ancora la
venalità de' Chericati di Camera, ed ordinò, che per l'avvenire le
Chiese parrocchiali non fossero aggravate di pensioni. Stabilì una
Congregazione a parte sopra la riforma degli Ecclesiastici; ed un'altra
per la disciplina de' Regolari; e con sua Bolla diminuì l'autorità de'
Cardinali Protettori di Ordini Religiosi. Vietò a' Preti di mettersi
al servigio de' laici, moderò il lusso de' loro abiti, proibì agli
Ecclesiastici di portar perucca, e diede altri provvedimenti, perchè la
rilasciata lor disciplina alquanto si rialzasse.

Ma poco tempo durarono questi buoni regolamenti; poichè appena lui
morto, succeduto nel Pontificato _Clemente XI_, che avea menati tutti
i suoi giorni tra i raggiri di quella Corte, ed allevato colle di lei
massime, si ritornò a' primieri disordini. Furono con varie e sforzate
interpetrazioni, rendute inutili le Costituzioni di quel religioso
Pontefice; rinovate le intraprese, e non vi fu Papa, che in un medesimo
tempo avesse prese tante brighe con vari Principi, quanto costui. Egli
ebbe contese col Duca di Savoja, colla Spagna e coll'Alemagna: tentò
d'abolire la Monarchia di Sicilia, ancorchè con inutile successo; ed
in fine di non far valere nel nostro Regno i sovrani diritti de' nostri
Principi; nè meno le concessioni istesse del suo predecessore fatte al
Regno ed alle nostre Chiese.

La Bolla d'Innocenzio, che tolse alla Camera Appostolica gli Spogli
delle nostre Chiese vacanti, fu con stiracchiate interpetrazioni
renduta vana ed inutile; poichè fu interpetrata di doversi eseguire,
quando il Vescovo Prelato muore dentro la sua Diocesi, non già quando
fuori di quella venisse a mancare. E quando il Prelato moriva in
Diocesi, deludevasi pure la legge, poichè per la condizione in quella
apposta di doversi impiegare gli Spogli alle Chiese col condenso del
futuro Vescovo o Prelato, si operava in maniera, che niun giovamento
ne ricevevano le Chiese; imperocchè venendo li Vescovi e Prelati da
Roma così impoveriti da' dispendj sofferti in quella Corte, per le
spedizioni delle Bolle, e per altre recognizioni; ciò che trovava
d'avanzo, non già si convertiva in reparazione o ornamento delle
Chiese, o sovvenimento de' poveri, ma a lor proprio uso e beneficio
e per soddisfare i debiti contratti per la lor lunga dimora fatta
in Roma; e se mai il Capitolo di ciò si risentiva, il che rade volte
accadeva, ciascun temendo di inimicarsi il suo Superiore, tali ricorsi
ad altro in fine non servivano, che a consumarsi il rimanente in Roma
in lunghi e dispendiosi litigj.

La Bolla di Gregorio intorno all'immunità delle Chiese, ancorchè non
ricevuta nel Regno, si proccurava farla valere, anche ne' delitti più
enormi, procedendosi a censure contro i ministri del Re, che volevano
punire i delinquenti; come cosa nuova era inteso l'_Exequatur Regium_,
e si prendeva con vigore la difesa dell'intraprese e trascorsi de'
Vescovi del Regno che turbavano la regal giurisdizione.

Ma intanto essendosi questo Regno avventurosamente restituito sotto
il dominio del Nostro Augustissimo Principe CARLO, che teneva allora
collocata la sua Sede regia in Barcellona, furono sotto i suoi auspicj
non pur ripresse con vigore l'intraprese degli Ecclesiastici, ma
più fermamente stabiliti i regali diritti e le prerogative de' suoi
sudditi, ed in termini così pressanti e risoluti, che in tutte le
precedenti grazie concedute da' nostri Principi Aragonesi ed Austriaci
a questa città e Regno, non si legge una cotanto e sì premurosa
espressione. Egli con più regali cedole spedite da Barcellona, stabilì
fermamente la necessità del _Regio Exequatur_[102], in tutte le Bolle,
Brevi, o altre provvisioni, che vengono da Roma. Escluse gli stranieri
da' benefici, e comandò sequestrarsi le rendite di quelli che fossero
provvisti a' medesimi[103]. Abolì ogni vestigio d'Inquisizione,
comandando, che nelle cause appartenenti alla nostra S. Sede
procedessero gli Ordinarj de' luoghi, per via ordinaria, siccome è la
pratica negli altri delitti e cause criminali Ecclesiastiche[104]. Ed
assunto da poi al Trono Imperiale serbò con tenore costante i medesimi
sensi; anzi, a' 6 d'agosto del 1713, alle preghiere della città e
Regno non pure fermamente escluse i forastieri da tutte le prelature e
beneficj del Regno, comandando che fossero conceduti a' suoi naturali,
ma che con pari serietà e vigilanza avrebbe eziandio proccurato di far
evitare le frodi degli stranieri, che si commettessero o con riserbe
di pensioni, o d'altro contro queste sue regali disposizioni: tal che
fra noi si è introdotto stile nel supremo Collateral Consiglio che
nel concedersi l'_Exequatur Regium_ alle provvisioni de' beneficj
provveduti da Roma a' nazionali, affin d'evitarsi queste frodi,
si appone la clausola: _Exceptis pensionibus forsan impositis in
beneficium exterorum._

Quanto da' nostri maggiori si fosse travagliato, non men presso i
Re dell'illustre casa d'Aragona, che Austriaca per ottenere un sì
rilevante beneficio, lo mostrano le tante preghiere, che si leggono per
ciò date a que' Serenissimi Principi dalla nostra città e Regno, ed a
questi tempi sotto il Regno di Carlo II pure nel 1692 dalla Deputazione
de' Capitoli si leggono due appuntamenti, fatti nella lor assemblea,
di darne nuova memoria al Re, e fu trascelto il dottissimo Avvocato
_Pietro di Fusco_, che ne dettasse la preghiera, siccom'eseguì e fu
presentata al Conte di S. Stefano allora Vicerè. Ma un tanto e sì
segnalato favore era stato a noi dal Cielo riserbato in quest'ultimi
tempi, per doverci esser conceduto da un più Augusto, magnanimo e
clementissimo Principe.

Papa Clemente fecene di ciò gran romore, e condannava gli editti del
Re, come offensivi dell'Ecclesiastica libertà. Ma per mezzo di tre
dotte e nobili Scritture, dettate da Giureconsulti gravissimi, si fece
conoscere, che quelli erano conformi, non meno alle leggi e costumanze
dell'altre nazioni del Mondo Cattolico, che a' Canoni stabiliti in più
Concilj, a più Costituzioni di Sommi Pontefici, alla dottrina de' Padri
della Chiesa, ed al comun sentimento de' più gravi e rinomati Teologi
e Canonisti.

Furono sotto il Regno del nostro Augustissimo Monarca ed Imperador
CARLO VI spezialmente sotto il Governo del _Conte Daun_ nostro Vicerè,
ripressi con vigore gli attentati degli Ecclesiastici, le intraprese ed
i trascorsi de' Vescovi: sostenute con fortezza le regali preminenze,
corretti i Prelati con sequestri delle loro entrate e con chiamate
e sovente i contumaci furono discacciati dal Regno usandosi contro
d'essi que' rimedj, che non meno le leggi, che l'antico uso del Regno
permettono a' nostri Principi. Fu serbata l'immunità delle Chiese
secondo il prescritto dei Canoni, non già secondo la Bolla Gregoriana,
che in tutte le occasioni non fu fatta valere, il Regio Exequatur
fu indispensabilmente e con sommo rigore ed oculatezza ricercato in
qualunque provvisione, che venisse da Roma. Furono i Vescovi contenuti
ne' loro limiti e tolti molti abusi, che s'erano introdotti nelle
loro Diocesi. Le franchigie e l'immunità degli Ecclesiastici furon
mantenute secondo il prescritto de' Canoni e delle nostre leggi e
riparato alle frodi: tal che fu ridotta la Giustizia e Giurisdizion
Ecclesiastica al suo giusto punto, lasciandosi al Sacerdozio quel ch'è
di Dio, ed all'Imperio, quel ch'è di Cesare. Nella qual opera non men
gloriosa, che a Dio molto grata ed accetta, v'ebbe la maggior parte il
zelantissimo nostro Presidente del Sagro Consiglio _Gaetano Argento_,
al quale avendo l'Augustissimo nostro Monarca confidata la difesa della
sua Regal Giurisdizione, la sostenne con non disugual dottrina che
vigore. Egli che per lo suo profondo sapere ben sapeva distinguere i
confini tra 'l Sacerdozio e l'Imperio, impiegò tutta la sua vigilanza,
perchè queste due Potenze si contenessero ne' loro limiti e che l'una
non intraprendesse sopra l'altra. Egli fu il primo tra noi, che secondo
i veri principi tratti da' sagri Canoni, da' Concilj, dalle sentenze
de' Padri e da' più profondi e gravi Teologi e Canonisti, maneggiasse
con decoro e con somma non men dottrina ch'erudizione, queste contese
giurisdizionali, nelle quali in breve tempo divenne consumatissimo,
lasciandosi indietro tutti gli altri, che prima di lui aveano
sostenuta questa carica. I cotanto presso noi famosi Reggenti _Villano,
Revertera, de Ponte_ e tanti altri che si segnalarono nella difesa
della Giurisdizion Regale appo lui si dileguano: comparate le loro
consulte, con le sue dottissime, ripiene della più scelta erudizione,
arricchite di autorità e delle più pellegrine notizie, tratte non men
dall'Istoria Ecclesiastica, da' Concilj, da' Padri e da' più eccellenti
Canonisti, che dalle nostre memorie ed illustri esempj del nostro
Regno istesso, tanto queste sopra quelle s'innalzano, quanto gli alti
cipressi sopra gli umili e bassi corbezzoli. Tal che se qualche cosa
mancava, perchè questo Regno potesse gareggiare con quello di Francia,
dove questi studi sono stati ridotti nell'ultimo punto di perfezione,
per lui non abbiamo ora noi, nè anche in ciò, da portargli invidia.

Furono ancora sotto il Regno del nostro Augustissimo Principe moderati
gli abusi del Tribunal della Nunziatura di Napoli, e, come altrove fu
detto, per questa stessa cagione sospeso il Tribunal della Fabbrica.
Informato il nostro Monarca degli Spogli e delle storsioni, che
si commettevano in questi Tribunali, in gravissimo danno de' suoi
vassalli, con forte risoluzione ordinò nel 1717 che il Nunzio fra 24
ore uscisse dal Regno: pervenne a noi il regal dispaccio nel mese
d'ottobre del medesimo anno, che fu tosto mandato in esecuzione:
partì il Nunzio, si chiuse il suo Palagio, e fur parimente chiuse le
porte al Tribunal della Fabbrica. Ne' 4 di giugno del seguente anno,
dimorando il nostro Imperadore a Luxemburg, spedì altro dispaccio,
col quale ordinò il sequestro delle rendite delle Chiese e Beneficj
vacanti, comandando, che quelle s'impiegassero alla reparazione ed
ornamento delle stesse Chiese, ed al sovvenimento dei poveri. Ed al
dì 8 ottobre dell'istesso anno 1718 ne spedì un altro diretto al Conte
Daun Vicerè, dove se gl'incaricava, che pienamente l'informasse delle
storsioni, ed abusi di questi Tribunali, ed il rimedio che poteva
darvisi. Il Vicerè eseguì per mezzo del Delegato della Giurisdizione
con molta esattezza l'Imperial comando, dandogli pieno ragguaglio
degli abusi di questi Tribunali e de' rimedj, che potevan adoperarsi.
In tanto Papa Clemente per mezzo del suo Nunzio in Vienna, valendosi
ancora dell'intercessione dell'Imperadrice Eleonora madre, proccurò
mitigare l'animo del figliuolo: sicchè ridotto l'affare in trattati,
gli fu accordato il ritorno del Nunzio, con facoltà però limitate,
proccurandosi torre al meglio, che si potessero gli abusi del suo
Tribunale. Fece a noi ritorno nel mese di giugno del seguente anno
1719, ma dal nostro Collaterale gli fu impedito l'ingresso nella
città per alcune difficoltà, che s'incontravano in dar l'_Exequatur_
al suo Breve: tal che fu duopo aspettare dalla Corte nuovi comandi;
ed essendosi in Vienna spianate le difficoltà proposte, vennero nuovi
ordini per la sua reintegrazione; onde nella fine di quest'anno 1719
fu introdotto nella città, ed aperto il suo Tribunale, ma quello della
Fabbrica rimase chiuso e sospeso, come è al presente.

Cotanto s'ebbe a travagliare nel Pontificato di Clemente XI per
sostenere i regali diritti e per sottrarre i sudditi del Re dalle
sorprese, e soperchierie degli Ecclesiastici. Ma indi a poco, morto
Clemente e succeduto il presente Pontefice Innocenzio XIII, fu tra il
Sacerdozio e l'Imperio posta una ben ferma e tranquilla pace, e furono
queste due Potenze ridotte in una perfetta armonia e corrispondenza.
Imitando costui il gran Pontefice Innocenzio III non men suo
predecessore, che dell'istesso suo sangue, ed adempiendo quel che sotto
di lui fu stabilito in un Canone dal Concilio Lateranense[105], ha
esposti i suoi pacifici e moderati sensi, che siccome e' brama, che i
laici non usurpino le ragioni de' Cherici, così vuole, che i Cherici
siano contenti di ciò che i Canoni, le Costituzioni Appostoliche e
le Consuetudini approvate lor concedono; ma che sotto pretesto della
libertà Ecclesiastica non invadano le ragioni de' laici, e stendano la
lor giurisdizione con pregiudizio della Regale; affinchè con giusta e
ben regolata distribuzione, si dia a Cesare quel ch'è di Cesare, ed a
Dio quel ch'è di Dio.


§. I. _Monaci e Beni temporali._

I Monaci a questi tempi, se ben caduti dall'opinione, che prima
avevano di santità e di dottrina, proseguivan pure a far progressi
negli acquisti di beni temporali: le rendite degli acquistati, i nuovi
Legati e donazioni, che si facevano alle lor Chiese maggiormente gli
provvidero di contanti, sicchè quando mancavano l'eredità, ed i Legati,
essi compravano i poderi, e nelle concorrenze, come più offerenti per
la copia del danaro accumulato con questi mezzi, non già con sudori e
travagli, erano a tutti preferiti. Fu introdotto ancora in quest'ultimi
tempi, che non vi era testatore che non lasciasse alle lor Chiese
Cappellanie con istabilirvi fondi copiosi e fruttiferi per celebrazione
di messe, riponendo il presidio della salvezza della loro anima,
non già nello studio di tenerla monda dalla contagione del Secolo,
ed a proccurare in vita di sollevar le vedove e gli oppressi; ma in
fabbricar Cappelle sontuose, moltiplicare i sagrifizj e far celebrar
delle messe in tutti gli altari[106]. E la maraviglia è, che con tutto
il lor discredito, e che i secolari ne parlassero con disprezzo, pure
essi sono i padroni dello spirito del popolo, non altramente che non
si faccian coloro, i quali stando sani, ancorchè disprezzino i Medici,
riputandoli inutili alla cura delle malattie, si sottopongono nondimeno
poi ad essi con maggior soggezione degli altri, tantosto lor viene ogni
piccolo malore.

D. Pietr'Antonio d'Aragona Vicerè favorì i loro acquisti, ed a' suoi
tempi, oltre dell'Ospidale di S. Gennaro fuori le mura della città,
ebbe compimento e perfezione il famoso Romitorio di Suor Orsola. Gli
Scalzi Eremitani di S. Agostino aprirono sotto il Governo del Marchese
de Los Velez, una magnifica Chiesa col titolo di _S. Nicolò Tolentino_.
La morte di Gaspare Romer rinomato mercatante fiamengo, arricchì non
pur lo Spedale degl'incurabili, ma il Monastero delle donne Monache
del Sagramento. Altri Mercatanti forestieri, non avendo a chi lasciare
le loro ricchezze, fondarono nuovi Monasteri, invitandovi Monache loro
compatriote ad abitarvi. Si aggiunsero ancora l'eccessive doti ed i
vitalizj, che si costituiscono nell'entrar che le Monache fanno ne'
Monasteri, ai quali dopo la lor morte le doti rimangono e quando ne'
primi tempi fu gran contrasto, se il ricever tali doti fosse simonia,
poi si ricevettero senza il minimo dubbio. Fu ancora introdotto, che
i Monaci istessi si riserbassero grossi vitalizj, ed a questi ultimi
tempi tal riserba è penetrata sino a quelli delle Religioni mendicanti,
e poco lor resta d'avanzar quest'altro passo nell'entrare a' Monasteri,
cioè di farsi costituire anche proprj patrimonj. A questo fine, in
quest'ultimi tempi non si sono vedute più riforme d'antiche Religioni,
ma novelle Congregazioni di Preti: si sono scacciati i _cappucci_, e
s'amano ora più le _berrette_, per menar una vita più agiata, senza
coro e senza quelle altre soggezioni ed incomodi, che porta seco
l'austero e rigido cappuccio.

Per tanti e sì innumerabili fonti sono derivate in noi sì vaste e
smisurate ricchezze degli Ecclesiastici, le quali sono un'evidente
cagione della nostra miseria. I pubblici pesi si soffrono da' secolari
solamente, e si rendono ora assai più insopportabili, perchè passando
continuamente i beni, che prima erano in poter dei laici, in mano
degli Ecclesiastici, viene a cadere tutto il peso, che prima era
ripartito, sopra il rimanente, che resta sotto al dominio de' laici.
Si fa conto dai più esperti e da coloro, che sanno lo stato del Regno,
che delle tre parti delle rendite, presso che due si trovano nelle
mani degli Ecclesiastici, dalle quali non possono mai ritornare in
potere de' laici, per le leggi strettissime fatte a lor beneficio,
che l'impediscono. Altri comunemente affermano, che se il Regno
si dividesse in cinque parti, si troverebbe, che gli Ecclesiastici
ne hanno quattro delle cinque; poich'essi hanno del suolo quasi la
metà del tutto e sopra il rimanente, per li Legati, ed altri doni
consimili ne hanno un'altra e mezza; perchè niun muore, senza che
lasci qualche Legato a qualche Chiesa o Convento. Oltre a ciò fra
qualche tempo faranno pure acquisto di tutto il rimanente, perchè
abbondando di denari raccolti da' Legati e dagli avanzi delle loro
amplissime rendite, fanno del continuo compre di stabili. Tal che gli
riflessivi _Viaggianti_ forestieri, che stupidi ammirano tante e sì
sterminate ricchezze, e fra gli altri il prudente e savio _Burnet_,
presagirono, che se non vi si pone alcun freno, siccome giungeranno a
comprarsi l'intera città, così nel termine d'un secolo diverranno gli
Ecclesiastici padroni di tutto il Regno.

Conobbero i nostri maggiori un così ruinoso disordine, e proccurarono
por freno a sì sterminati acquisti. Quando in nome della città, Baroni
e Regno fu mandato il Reggente Ettore Capecelatro al Re Filippo IV
fra l'altre grazie, che si chiesero a quel Monarca, una fu perchè
provvedesse e dasse freno agli acquisti de' beni, che si facevano
dagli Ecclesiastici nel Regno. E non essendovisi per la morte del
Re Filippo data alcuna provvidenza, furono replicate le suppliche
al suo successore Carlo II; ma da questo Re riputandosi ciò cosa di
gran momento, non se n'ottenne altro, che una promessa di volervi poi
più pesatamente provvedere[107]. Ma sotto il felicissimo Governo del
nostro Augustissimo Monarca, incoraggita la città ed il Regno dalla sua
magnanimità e clemenza porsegli nuove preghiere, nelle quali esprimendo
le miserie, che si cagionavano per ciò al Regno, il danno, non men
del Regal Erario, che de' sudditi; gl'incontrastabili regali diritti,
ch'egli avea di poter ciò comandare e gli esempj degli altri Principi
religiosissimi, che ne' loro Reami aveano con prudenti leggi ripressi
tali acquisti; istantemente lo pregarono, che lo stesso comandasse egli
nel Regno di Napoli, in guisa che gli Ecclesiastici per l'avvenire
non potessero acquistare beni stabili nè per se stessi, nè per mezzo
di altre persone, e che se per avventura per Legato o per altra
qualunque via lor pervenissero beni stabili, debbiano quelli vendere
e contentarsi del prezzo. Reggendo in quel tempo, per l'assenza del
Re da Barcellona, la Regina Elisabetta, questa savissima Principessa,
mossa da queste suppliche, degnossi con suo regal dispaccio, spedito
in Barcellona a' 19 marzo del 1712[108] premurosamente comandare al
Conte Carlo Borromeo allora nostro Vicerè, che inteso il Collateral
Consiglio, ed il Tribunal della Regia Camera l'informasse pienamente
con suo parere di quanto occorreva sopra la dimanda fatta, affinchè
potesse sopra ciò prender quella risoluzione, che stimerà più
giusta e conveniente[109]. In esecuzione di questa regal cedola, che
esecutoriata dal Regio Collateral Consiglio fu rimessa alla Regia
Camera, fu da questo Tribunale, per ciò che si appartiene a lui, fatta
la richiesta relazione, e rimane solamente ora, che lo stesso s'esegua
dal Consiglio Collaterale: il quale intanto (ciò pendente) a' ricorsi
della città, che invigila ad impedire qualunque novità che frattanto si
tentasse dagli Ecclesiastici in far nuovi acquisti, suol ordinare, che
con effetto si faccia la domandata relazione a S. M. C. e Cattolica, e
frattanto che non s'innovi cos'alcuna.

Non vi è da dubitare, che fra tanti e sì segnalati beneficj, de'
quali ha il nostro Augustissimo Principe ricolmo questo suo Regno,
tal che sotto tanti, che lo dominarono, non fu veduto mai in istato sì
florido e vigoroso, quanto ora, che riposa sotto il clementissimo suo
Impero, non s'abbia a sì giusta e gloriosa opera da dare il suo fine e
compimento. E tanto più dobbiamo noi ora sicuramente sperarlo, quanto
che fra gli altri suoi pregiati beneficj, ha voluto a questi ultimi
dì concederne un maggiore, di commettere il Governo di questo Regno
al savissimo _Cardinal Michele Federico d'Althann_, nostro Vicerè, il
quale emulando la gloria de' più rinomati e saggi suoi predecessori,
fa, che alla cara ed onorata memoria, che a noi è rimasa del giusto e
savio Governo del Marchese del Carpio, si accoppii anche la sua, e che
siccome pari sono le sollecitudini, che e' tiene in governarci, pari
le opere e la sapienza, giusto è, che pari ancora sia la sua gloria e
l'immortal suo nome.


  FINE DEL NONO ED ULTIMO VOLUME.



TAVOLA DE' CAPITOLI CONTENUTI NEL TOMO NONO


  LIBRO TRENTESIMOQUINTO                                 pag.   5

  Cap. I. _Di D. Ferdinando Ruiz di Castro
         conte di Lemos; e della congiura ordita
         in Calabria per opera di F. Tommaso
         Campanella Domenicano, e di altri
         Monaci Calabresi del medesimo Ordine_            »     6
  Cap. II. _Del Governo di D. Giovanni Alfonso
         Pimentel d'Errera conte di Benavente;
         e delle contese, ch'ebbe con gli Ecclesiastici
         per la Bolla di Papa Gregorio
         XIV, intorno all'immunità delle
         Chiese_                                          »    16
  Cap. III. _Del Governo di D. Pietro Fernandez
         di Castro Conte di Lemos; e suoi
         ordinamenti intorno all'Università dei
         nostri Studi, perchè presso noi le discipline
         e le lettere fiorissero_                         »    27
  Cap. IV. _Del Governo di D. Pietro Giron Duca
         d'Ossuna; e delle sue spedizioni
         fatte nell'Adriatico contro Veneziani
         ch'ebbero per lui infelicissimo fine_            »    37
  Cap. V. _Infelice Governo del Cardinal D. Antonio
         Zapatta. Morte del Re Filippo III,
         e leggi che ci lasciò_                           »    56

  LIBRO TRENTESIMOSESTO                                   »    63

  Cap. I. _Di D. Antonio Alvarez di Toledo Duca
         d'Alba, e del suo infelice e travaglioso
         governo_                                         »    64
  Cap. II. _Del Governo di D. Ferrante Afan di
         Riviera Duca d'Alcalà_                           »    72
  Cap. III. _Di D. Emmanuele di Gusman conte
         di Monterey; e degl'innumerabili soccorsi,
         che si cavarono dal Regno di gente
         e di denaro in tempo del suo Governo_            »    82
  Cap. IV. _Del Governo di D. Ramiro Gusman
         Duca di Medina las Torres; e de' sospetti,
         che s'ebbero di nuove invasioni
         tentate da' Franzesi_                            »    96
  Cap. V. _Il Principato di Catalogna si sottrae
         dall'ubbidienza del Re, e si dà alla
         Protezione e Dominio Franzese. Il Regno
         di Portogallo parimente scuote il
         giogo, ed acclama per Re Giovanni IV
         Duca di Braganza. Guerre crudeli, che
         perciò s'accendono per la ricuperazione
         della Catalogna; per sostegno delle quali,
         siccome per quella di Castro, bisogna
         pure dal Regno mandar gente e denaro_            »   104
      §. I. _Il Regno di Portogallo scuote il giogo,
         e si sottrae dalla Corona di Spagna_             »   111
  Cap. VI. _Caduta del Conte Duca, che portò in
         conseguenza quella del Duca di Medina,
         il quale cede il Governo all'Ammiraglio
         di Castiglia suo successore_                     »   119
  Cap. VII. _Del breve Governo di D. Giovanni
         Alfonso Enriquez Almirante di Castiglia_         »   126

  LIBRO TRENTESIMOSETTIMO                                 »   133

  Cap. I. _Del Governo di D. Rodrigo Ponz di
         Leon Duca d'Arcos; e delle spedizioni,
         che gli convenne di fare per preservare
         i Presidj di Toscana dalle invasioni dell'armi
         di Francia_                                      »   135
  Cap. II. _Sollevazioni accadute nel Regno di Napoli,
         precedute da quelle di Sicilia,
         ch'ebbero opposti successi: quelle di Sicilia
         si placano; quelle di Napoli degenerano
         in aperte ribellioni_                            »   142
  Cap. III. _Venuta di D. Gio. d'Austria figliuolo
         naturale del Re; che inasprisce maggiormente
         i sollevati, i quali da tumulti passano
         a manifesta ribellione. Fa che il
         Duca d'Arcos gli ceda il Governo del
         Regno, credendo con ciò sedar le rivolte.
         Parte il Duca, ma quelle vie più
         s'accrescono_                                    »   154
      §. I. _D. Giovanni d'Austria prende il Governo
         del Regno_                                       »   162
  Cap. IV. _Di D. Innico Velez di Guevara, e Tassis,
         Conte d'Onnatte, nel cui governo si
         placarono le sedizioni, e si ridusse il
         Regno sotto il pristino dominio del Re
         Filippo_                                         »   165
  Cap. V. _Il Conte d'Onnatte restituisce i Presidj
         di Toscana all'ubbidienza del Re,
         e rintuzza le frequenti scorrerie de' banditi.
         Sua partita: monumenti e leggi che
         ci lasciò_                                       »   169
  Cap. VI. _Governo di D. Garzia d'Avellana,
         ed Haro Conte di Castrillo, nel quale
         il Duca di Guisa con nuova armata
         ritenta l'impresa di Napoli, ed entra
         nel Golfo, ma con infelice successo_             »   176
  Cap. VII. _Crudel pestilenza miseramente affligge
         la città ed il Regno: si estingue, ed
         al Conte vien dato successore_                   »   183

  LIBRO TRENTESIMOTTAVO                                   »   196

  Cap. I. _Il Conte de Pennaranda manda dal
         Regno soccorsi per l'impresa di Portogallo:
         reprime l'insolenza de' banditi; e
         festeggia la natività del Principe Carlo
         e le nozze dell'Imperador Leopoldo con
         Margherita d'Austria figliuola del Re:
         parte indi dal Regno, essendogli dato
         successore_                                      »   201
  Cap. II. _Governo di D. Pascale Cardinal d'Aragona_     »   204
  Cap. III. _Morte del Re Filippo II, suo testamento
         e leggi che ci lasciò_                           »   208
  Cap. IV. _Stato della nostra Giurisprudenza nel
         Regno di Filippo III e IV, e de' Giureconsulti
         ed altri Letterati che vi fiorirono_             »   213
      §. I. _L'Avvocazione in Napoli si vede a questi
         tempi in maggior splendore e dignità_            »   226
  Cap. V. _Politia delle nostre Chiese di questi
         tempi, insino al Regno di Carlo II_              »   236
      §. I. _Monaci e beni temporali_                     »   240

  LIBRO TRENTESIMONONO                                    »   249

  Cap. I. _D. Pietro Antonio d'Aragona ributta
         la pretension del Pontefice promossa per
         lo Baliato del Regno. Si muove nuova
         guerra dal Re di Francia col pretesto
         della successione del Ducato del Brabante
         con altri Stati della Fiandra, la
         qual si termina colla pace d'Aquisgrana_         »   250
  Cap. II. _D. Pietro Antonio d'Aragona soccorre
         a' bisogni della Sardegna per la morte
         data a quel Vicerè: perseguita i Banditi
         nel Regno: riduce a perfezione la numerazione
         de' fuochi: va in Roma a prestar
         in nome del Re ubbidienza al nuovo
         Pontefice: nel suo ritorno gli vien dato
         il successore: monumenti e leggi che ci
         lasciò_                                          »   263
      §. I. _D. Federico di Toledo Marchese di
         Villafranca rimane Luogotenente nel Regno,
         nel tempo che l'Aragona va in Roma
         a dar l'ubbidienza al nuovo Pontefice_           »   269
  Cap. III. _Governo di D. Antonio Alvarez Marchese
         d'Astorga molto travaglioso ed
         infelice per li disordini, ne' quali trovò
         il Regno, e molto più per le revoluzioni
         accadute in Messina_                             »   274
      §. I. _Per le rivolte di Messina si riscuoton
         dal Regno grossi Sussidj_                        »   277
  Cap. IV. _Il Marchese de Los Velez nuovo Vicerè
         prosiegue a mandar soccorsi per la
         riduzione di Messina, la quale finalmente,
         abbandonata da' Franzesi ritorna
         sotto l'ubbidienza del Re_                       »   294
  Cap. V. _Il Marchese de los Velez, finita la
         guerra di Messina, riordina il meglio,
         che può, il Regno: suoi provvedimenti:
         sua partita e leggi che ci lasciò_               »   302

  LIBRO QUARANTESIMO                                      »   315

  Cap. I. _Del Governo di D. Gaspare de Haro
         Marchese del Carpio: sue virtù: sua morte
         e leggi che ci lasciò_                           »   316
  Cap. II. _Governo di D. Francesco Benavides
         conte di S. Stefano: suoi provvedimenti e
         leggi che ci lasciò_                             »   329
  Cap. III. _Governo di D. Luigi della Zerda Duca
         di Medina: sua condotta, ed infelicissimo fine_  »   336
  Cap. IV. _Morte del Re Carlo II, leggi che ci lasciò;
         e ciò che a noi avvenne dopo sì
         grave ed inestimabil perdita_                    »   344
  Cap. V. _Stato della nostra Giurisprudenza, e
         dell'altre discipline, che fiorirono fra noi
         nella fine del secolo XVII insino a
         questi ultimi tempi_                             »   368
  Cap. VI. _Politia Ecclesiastica di questi ultimi
         tempi_                                           »   378
      §. I. _Monaci e beni temporali_                     »   387


  FINE DELL'INDICE



NOTE:


[1] Chioc. M. S. Giur. tom. 1 in fin.

[2] Toppi Biblioth. pag. 295.

[3] Thuan. tom. 3 lib. 127 p. 971.

[4] V. Petr. Sarpi De Jure Asil. c. 1.

[5] Chiocc. M. S. Giur. tom. 17 De Immnun. Eccl.

[6] Tacit. l. 3. Annal. c. 31.

[7] Chiocc. loc. cit.

[8] Chiocc. loc. cit.

[9] P. Lasena dell'Antico Ginnasio Napolet. cap. 1.

[10] Prag. 1 Regimin. Studior.

[11] Constit. in terra, ivi: Statuimus, ut nullus in Medicina, etc.
legat in Regno, nec Magistri nomen assumat, nisi diligenter examinatus
in praesentia nostrorum Officialium, et Magistrorum artis ejusdem.

[12] Lucian. in Eunucho.

[13] Cod. Theod. lib. 6 tit. 21 l. Magistros, Cod. Theod. de Medic. et
Professor. Jac. Goth. ibid.

[14] Pragm. 1 De Regim. Stud.

[15] Lasena Gin. Nap. c. 1.

[16] Lasena Dell'Antico Gin. Nap. cap. 1.

[17] Nani Istor. Venet. lib. 1.

[18] Nani Istor. Venet. lib. 3 Anno 1617.

[19] Bibliot. Hist. cap. 21 § 29.

[20] Nani Istor. Ven. lib. 4 ann. 1619.

[21] Nani Ist. Ven. lib. 8.

[22] Nani Ist. Ven. lib. 8 ann. 1631.

[23] Nani Istor. Ven. lib. 9.

[24] Memorial de S. M. C. que dieron a nuestro muy S. P. Urbano P.
VIII. D. Fray Domingo Pimentel Obispo de Cordova, y D. Juan Chumacero,
y Carillo, etc. en la embajada, a que vinieron en el an. de 633.

[25] Nani loc. cit.

[26] Nani Istor. Ven. lib. 9 ann. 1633.

[27] V. Nani Istor. Venet. lib. II anno 1636.

[28] Fu questi il Marchese d'Acaja di casa Monti, famiglia ora estinta.

[29] Nani Istor. Ven. lib. 12 ann. 1643.

[30] Nani Ist. Ven. par. 2 l. 1 ann. 1644.

[31] Nani loc. cit.

[32] Tom. 2 pag. 1368.

[33] Tom. 2 pag. 1385 et seqq.

[34] Questo Editto del Duca d'Arcos dato in Castel-Nuovo a' 7 di
novembre 1647, si legge appresso Lunig. tom. 2 pag. 1391.

[35] Tom. pag. 1394.

[36] V. Nani Ist. Ven. par. 2, lib. 5, ann. 1650.

[37] Toppi De Orig. Trib. t. 2 p. 2 l. 4 c. 2 n. 149.

[38] Toppi loc. cit. n. 144.

[39] V. Toppi loc. cit. num. 160.

[40] V. Toppi De Orig. Trib. tom. 2. p. 195.

[41] Moccia Silva, etc.

[42] Staiban. tom. 2.

[43] V. Nicod. Addiz. alla Bibl. del Toppi, p. 163.

[44] V. Toppi Biblioth. in Gio. Domenico Coscia.

[45] V. Toppi Biblioth. pag. 130.

[46] Nicodem. ad Bibl. Toppi, fol. 167.

[47] V. il Memoriale di Chiumazzero al P. Urbano, etc.

[48] V. Eugen. Nap. Sac. pag. 43

[49] V. Eugen. Nap. Sac. pag. 48

[50] Bossuet Politic. lib. 7 part. 2 propos. 11.

[51] Capone Controv. for. contr. 1.

[52] V. Toppi in Biblioth. p. 256 et Nicod.

[53] Nani Istor. Ven. t. 2 I. 10 ami. 1667.

[54] Risposta al Trattato delle Ragioni della Regina Christianissima,
sopra il Ducato del Brabante, con altri Stati della Fiandra.

[55] Syntagm. Hist. Germ. Dissert. 37 § 21.

[56] Toppi Bibl. in fine, fol. 356.

[57] Tom. 2 pag. 1394.

[58] Pragm. 9 De expuls. Gallor. tom. 4.

[59] Pragm. 42 De Armis, tom. 4.

[60] Pragm. 6 De Vagabundis, tom. 4.

[61] Pragm. 13 De Magistr. art. tom. 4.

[62] Pragm. 14 cit. tit.

[63] Pragm. 36 De Monetis, tom. 4.

[64] Pragm. 7 De Vestium, et Famul. prohibit. tom. 4.

[65] Pragm. 13 de Officialib. tom. 4.

[66] Pragm. 5 de Officio Bajuli tom. 4.

[67] Pragm. 36 de Monetis, tom. 4.

[68] Pragm. 37 et 38 cit. tit.

[69] Pragm. 39 cit. tit. 21

[70] Pure queste tre altre Monete furono impresse dal Vergara Tav. 55.

[71] Pragm. 40 de Monetis, tom. 4.

[72] Pragm. 26 de Abolit. crim. et Pragm. 29 de Exubb.

[73] Prag. 30 cit. tit.

[74] Queste due monete furono anche impresse dal Vergara, Tav. 56.

[75] Pragm. 40 de Monetis, tom. 4 § 6.

[76] Prag. 42 cit. tit.

[77] Pragm. 42 et 43 cit. tit.

[78] Pragm. 44 cit. tit.

[79] Pragm. 47 de Monetis, tom. 5.

[80] Queste quattro altre monete furono pure impresse dal Vergara Tav.
77.

[81] Pragm. 22 de Suscip. Offic. tom. 5.

[82] Pragm. 40 et 41 de Saluber. aer. tom. 5.

[83] Pragm. 43. cit. tit. tom. 5.

[84] Pragm 53 de Annona, tom. 5.

[85] Pragm. 5 de Falsis, t. 5.

[86] Pragm. 12 de Expul. Gallor. tom. 5.

[87] L'imperador _Leopoldo_, oltre dell'altre proteste prima fatte
contro il testamento di Carlo II, che sono rapportate da _Tucelio_
p. 314, particolarmente di questi attentati succeduti in Napoli,
con pubblico manifesto dettato in lingua italiana, protestossene, il
qual fu da lui firmato in Vienna li 3 di febbrajo del 1702, ed anche
dall'_Arciduca Carlo_ ai 7 del suddetto mese, nel quale davasi animo
e coraggio ai Napoletani di non acconsentire alla parte de' Franzesi,
ma di esser forti e costanti nella fedeltà sempre avuta verso la
Casa Austriaca, perch'egli li avrebbe mantenuti negli stessi posti ed
onori, e conservati ne' privilegj, e prerogative concedutegli da' Re
predecessori. Parimente que' del partito Austriaco dieder fuori nel
mese d'aprile dell'istesso anno un altro manifesto dettato in idioma
francese, nel quale si protestano di tutti gli atti del _duca d'Angiò_,
che succedevano nel Regno in pregiudizio delle ragioni dell'_Arciduca
Carlo_ da loro destinato per Re in Napoli, al quale avrebbero serbata
fede ed ogni ossequio e lealtà. Questi due manifesti furono impressi da
_Lunig_, e si leggono nel tom. 2 pag. 1406 e pag. 1408.

[88] (Cassandro Tucelio fra gli atti pubblici, al Tomo 1 Cap. 5,
raccolse altre scritture uscite a favor della casa d'Austria, delle
quali Struvio Syntag. Hist. Germ. diss. 37 § 101 fa lungo catalogo).

[89] (L'istromento di questa cessione stipulato a Vienna a' 12 di
settembre dell'anno 1703, nel quale l'Imperador Leopoldo, ed il Re
Giuseppe cederon le ragioni ad essi appartenenti sopra la monarchia di
Spagna all'Arciduca Carlo presente ed accettante, fu impresso da _Lunig
nel Tom. 1 Cod Dipl. Ital. pag. 2331_.)

[90] Si legge nel 6 tomo delle nostre Pramm. De Armistitio, etc. tit. 1.

[91] L'istromento di questa pace si legge nel tom. 6 delle nostre
Pramm. De Pace inita cum Rege Gallor. tit. 1.

[92] Tom. 2 p. 1410.

[93] Collen. Hist. lib. 5.

[94] Paul. Æmil. lib. 4.

[95] Biondo decad. 2 lib. 6 Polid. Virg. Hist. Angl. lib. 15.

[96] Wesmonasteriens. in Eduardo I.

[97] Disputatio An Fratres in Feuda, etc. edit. ann. 1694.

[98] V. Lionard. di Capoa Parer. ragion. 8.

[99] V. Nicod. ad Biblioth. Toppi, p. 157.

[100] Letter. Memor. di Bulif. tom. 3 pag. 202.

[101] Letter. Memor. loc. cit.

[102] Priv. e Graz. di Carlo VI tom. 2 p. 229, 230.

[103] Priv. loc. cit. et pag. 227, 228 et 233.

[104] Privil. etc. loc. cit. pag. 232.

[105] Conc. Later. sub Inn. III. Can. 42.

[106] V. Bossuet Politic. lib. 7 par. 2 art. 4 propos. 11.

[107] Priv. e Graz. etc. di Carlo II t. 2 pag. 191.

[108] Priv. e Graz. di Carlo VI tom. 2 pag. 244.

[109] (Da poi nel 1717, trasferita la Corte in Vienna, la Maestà
dell'Imperadore alle nuove suppliche della Città si degnò con altro suo
rescritto comandare: _Placet. J. C. C. M. ejusque Curiæ erit, ut Regni
indemnitati provideatur_.)



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Istoria civile del Regno di Napoli, v. 9/9" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home