Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII | PDF ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Il Miraggio
Author: D'Ambra, Lucio
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Il Miraggio" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                             LUCIO D'AMBRA


                              IL MIRAGGIO

                                ROMANZO

                            Seconda Edizione



                              ROMA-TORINO
                        CASA EDITRICE NAZIONALE
                            ROUX E VIARENGO



                          PROPRIETÀ LETTERARIA



A mia moglie, Virginia Adele Manganella.


Mia cara Lilla, questo romanzo, cui io metto in fronte il tuo nome
come un auspicio di grazia e come un usbergo di gentilezza, è tuo di
diritto. Tu non mi sei stata solamente consigliera, ma collaboratrice.
Ti ricordi le nostre passeggiate pei boschi di Quisisana e lungo i
_quais_ della via Caracciolo, al tramonto, durante il mio lavoro?
Ragionavamo insieme di questo romanzo, apprendemmo insieme ad amarlo
prima che fosse scritto. E quante volte nelle nostre fantasticherie non
ci sembrava che l'irrequieto e doloroso Giuliano Farnese, o la dolce ed
austera Beatrice, o l'appassionata e delusa Claudina Rosiers fossero
stati fra i nostri amici più cari e più intimi? Il sole tramontava e
Posillipo sembrava un azzurro frammento di paradiso caduto nel liquido
zaffiro del mare, un giorno in cui un dolce poeta ed un'amica amorosa,
nella primavera del loro amore, avevan impetrato dagli dei clementi un
po' di paradiso in terra.

Questo romanzo, dunque, ha per te un valore d'affetto. Toltogli questo,
è probabile che nessun altro ne resti per coloro che lo leggeranno. Nè
di ciò mi dolgo, poichè solamente mia ne sarebbe la colpa. Io vorrei
però che a questo libro si riconoscesse un sol pregio: quello di essere
stato scritto sotto la norma severa di un convincimento profondo.
Questo mio convincimento, derivato dalla lezione della vita e da quella
dei romanzi, consiste nel fatto che l'arte non può essere altro che
specchio fedele della vita e che nell'arte senza la sincerità non v'è
salvezza di sorta. Le fastose porpore e gli ori e i broccati dello
stile, l'opulenza delle imagini, l'armonia della linea non possono
oggidì costituir da sole l'opera d'arte, ma solamente la fatica sterile
se pur prestigiosa del virtuoso. Il pensiero non può mancare a un
libro odierno e il lettore dovrebbe, dopo sfogliato l'ultimo foglietto,
ricavarne un insegnamento o una norma.

Se a questo io son riuscito con questo mio romanzo altri diranno.
Io ho voluto far dell'arte il riflesso della vita, e questo con una
sincerità illimitata. Oh, il godimento che lo scrittore prova quando
sinceramente scrive quel che sinceramente ha sentito o veduto! Non si
hanno più allora i dubbii e le inquietudini e gli scoraggiamenti cui
tanti scrittori van soggetti durante l'esecuzione di un loro lavoro.
Essendo stato sincero, lo scrittore può reputare d'avere adempiuto al
massimo dei doveri di chi prende in mano una penna. _Mon verre n'est
pas grand_, diceva Musset, _mais je bois dans mon verre_. E questa
che sembra modestia è invece il più grande orgoglio. Ma è un orgoglio
benedetto quando si tratta di accingersi a compiere una più o meno
modesta opera d'arte.

Molte delle ultime pagine di questo romanzo, mia cara Lilla, sono
state scritte in giorni per noi angosciosissimi, tu lo ricordi. Il
nostro piccolo Diego malato, mia madre colpita gravemente dalla furia
del male. Eppure mia madre pretese ch'io portassi a termine questo
libro, e quante di queste pagine io ho scritto in un'ansia crudele,
interrompendomi ogni momento per passare nelle stanze contigue al mio
gabinetto da lavoro a udirvi il respiro della cara inferma, a seguirvi
gli alti e bassi del male, trepidando. Forse esse si risentiranno di
questa febbre durante le quali furono scritte? Non so. Comunque tu,
cara e dolce Lilla, vorrai gradire tutto il libro come un'affermazione
d'affetto e un nuovo monile di tenerezza e di devozione che ha voluto
significare in questa pagina il tuo

  _Roma, 18 febbraio 1900._

                                                              RENATO.



IL MIRAGGIO



PARTE PRIMA



I.


Seduto su un'ampia poltrona di cuoio a lato del suggeritore, col
gomito poggiato sul bracciuolo di legno e la bella testa bruna
sorretta dalla mano, giocherellando col bastone tenuto dalla sinistra,
Giuliano Farnese assisteva faticosamente alla prova che procedeva
senza inciampi, senza interruzioni, monotona, eterna, disilludente. Il
palcoscenico era rischiarato da qualche raggio di sole che, filtrando a
traverso il lucernario del teatro, indorava il pulviscolo ondeggiante
su le lunghe file di poltrone ricoperte di velluto celeste, batteva
e si rifrangeva su i lumi metallici della ribalta. Tutta la scena era
rischiarata da quel sole invernale che diffondeva intorno una letizia
insolita, come quella che spande nelle sognatrici anime dei pescatori,
nelle chiare e bianche albe primaverili, su le spiaggie. Nell'alto
del teatro qualcuno sbatteva il velluto di qualche poltrona. Su
l'arcoscenico un operaio martellava, rialzando e piegando una stoffa: e
questi due rumori cupi, insistenti, fastidiosi, distraevano il pensiero
ed irritavano i nervi. Farnese, indifferentemente, seguitava a segnar
geroglifici su la polvere delle tavole, geroglifici che poi cancellava
col piede, ascoltando la sua prosa ripetuta prima dal suggeritore, poi
dagli interpreti, scoloritamente, senza ispirazione e senza voglia.

Pochi attori erano sul palcoscenico del teatro Nazionale, quel giorno,
pochissimi necessitandone alla nuova commedia di Farnese. Il sole,
che sfolgorava raggi pallidi e tiepidi in quel pomeriggio di marzo,
invitando all'esodo verso le vie luminose e verso le grandi piazze
piene di luce e di vita, aveva sbarazzato il palcoscenico di tutti
i piccoli attori ignoranti e tronfii, di tutte le minuscole attrici
civette e mestieranti, che tumultuavano di chiacchiere, di risa e
di frastuoni nei giorni in cui la pioggia grondava o la commedia
in prova richiedeva un gran numero di commedianti. Erano rimasti
sul palcoscenico solo gli attori principali, fra cui due attrici di
prim'ordine; nel fondo, disteso sopra una tavola, un neofita della
scena che recitava da poche sere, appassionato del teatro come di
un'amante, ascoltava le parole ed osservava i movimenti, senza quasi
batter ciglio, nel silenzio ora generale, finchè il secondo atto finì,
con una scena ardentissima di passione, eseguita con foga magnifica
da Claudina Rosiers. Solamente allora Farnese pronunziò un elogio.
Il direttore del teatro, Savarese, stemperava i colori dei suoi
complimenti meridionali per l'altra attrice seduta sotto una quinta.
Allora Claudina Rosiers, d'una bellezza delicata e morbida, s'avvicinò
a Farnese sorridendogli per la lode.

Giuliano Farnese, figura snella ed alta, colorito bruno e baffi castani
fieramente rialzati come quelli d'un medioevale capitano di ventura,
occhi azzurri, leggera barba a punta sul mento; insieme elegante
delicato e forte; un gentiluomo, un poeta ed un moschettiere. Claudina
Rosiers, alta e bionda, coi capelli d'oro e gli occhi bruni, con
la bocca di un carminio acceso e dalle labbra tumide, maturi frutti
d'amore; le luci degli occhi pallide a volte, a volte sfolgoranti,
a volte truci svelavano l'anima dell'attrice, composta di sogno e di
idealità, di ardore e di entusiasmo, di impassibilità e di crudeltà.
Talora, sollevata in un cielo invisibile, le luci pallide dei suoi
occhi interrogavano i misteri del sogno, inseguivano azzurre chimere,
vedevan passare tumultuanti scorribande di illusioni; ma altre volte,
invece, foschi e pure ardenti quegli occhi investivano la persona
guardata di un ardore spirituale e fisico, di un incendio afrodisiaco;
ed ancora altre volte, infine, quelle pupille bruciavano di minaccia,
come sitibonde di dolore e di massacro, come regine della sofferenza;
e al pari di quegli occhi, anche l'anima dell'attrice a volte era
azzurra e perduta nel sogno e nella fantasia, a volte incendiata da un
desiderio violento, a volte bramosa di fine e di lutto.

— Per ora, diceva ella a Farnese cui si era avvicinata con deferenza,
per ora siamo avviati bene e siamo appena alla metà del lavoro di
preparazione. Non vi pare? La _Chimera_ deve avere un grande successo
e l'avrà: un successo più largo, più grande, più intenso di quelli già
magnifici che hanno portato il vostro nome alla gloria. Quando Savarese
ebbe da voi una risposta affermativa alla sua richiesta di una commedia
nuova, venni anch'io ad udirne la lettura, in casa vostra e senza
conoscervi, ricordate? Come fui ardita! Ma non sono forse l'entusiasmo
e l'ardire che sostengono nell'arte, mio caro maestro? E poi, era una
commedia che mi riserbava una grande interpretazione ed era sopra tutto
un'opera vostra! Come resistere? Venni, accompagnata da Savarese, e
venni prevenuta molto bene; eppure, ogni mia aspettativa fu sorpassata.
Ah, sento ancòra l'entusiasmo di quella lettura, mio caro Maestro!

La grande attrice lo chiamava «Maestro» per un'affermazione continua
della sua ammirazione. Farnese, dapprima, se n'era schermito ridendo
e protestando, ma l'attrice non aveva voluto e saputo rinunziare al
piacere di quell'omaggio continuo, a confermargli sempre che ogni sua
opera aveva avuto su lei un'influenza decisiva, e che la sua arte, il
suo cuore ed il suo pensiero erano quasi stati creati ed alimentati da
quelle opere.

— Anch'io vi vidi allora e v'udii recitare per la prima volta, rispose
Giuliano Farnese. Anch'io attendevo una magnificenza, ma ogni mia
aspettativa fu sorpassata.

Claudina Rosiers aveva da quattro mesi solamente esordito sul teatro
con un successo strepitoso. Prima d'allora, quasi tre anni innanzi
quella data, ella aveva recitato in una primaria compagnia drammatica,
troppo sollecitamente e tragicamente disciolta dal colpo di rivoltella
d'un grande attore. In quel tempo aveva recitato a fianco di una delle
più care glorie della scena italiana, la signora Virginia Marini.
L'eccellenza di questa attrice l'aveva persuasa a considerare sè
stessa, la sua arte, la sua forza. Dopo questo esame, conscia della
sua piccolezza, ella — esempio mirabile ed inimitato — lasciò le
scene e per tre anni con le sue poche economie, viaggiò modestamente
all'estero, vide ed udì attori ed attrici, assimilò il buono, respinse
quanto le sembrava cattivo, studiò ininterrottamente ed enormemente,
fatica ignorata e per questo più nobile. Poi si presentò a Savarese,
dopo una lunga e triste odissea di rifiuti, in un momento in cui
gli bisognava una grande attrice: il direttore dapprima sorrise, poi
consentì ad udirla recitare ma sempre con un sorriso ironico a fior
di labbra; però, dopo quell'audizione, stupito, meravigliato, gonfio
di entusiasmo, avendo da vecchia volpe astuta annusato l'affare,
scritturò l'attrice a condizioni per lei eccellenti; cominciò subito
una _rèclame_ esorbitante, così sfacciata, così insistente, che avrebbe
potuto riuscire veramente fatale alla esordiente. Invece, la sera
della sua prima rappresentazione a Milano, al teatro Manzoni, Claudina
Rosiers ebbe decretato un trionfo portentoso, uno di quei trionfi tanto
più solenni, quanto più giungono dopo aver vinto ostacoli altissimi di
diffidenza, tanto più giocondi e festosi, quanto più non insperati ma
inattesi. Ella aveva recitato in quella sera del novembre 1895 uno di
quei fastidiosi pasticci ad effetto, che solo dal genio di un'attrice
possono avere anima e bellezza, _Adrienne Lecouvreur_. Nella scena
in cui Adriana, vedendo Maurizio di Saxe ch'ella ama, preso alle
civetterie della duchessa di Bouillon, durante una rappresentazione
di salone, recita gli stessi versi del Racine e finisce per insultare
la sua rivale, dirigendole l'imprecazione della incestuosa regina
raciniana, ella ebbe uno di quegli applausi inebrianti che in una vita
d'artista nessun'altra gioia potrà mai far dimenticare. Il pubblico
si era trovato innanzi alla potente espressione di un ingegno che, se
ancòra un po' corretto e levigato, poteva divenire splendidissimo; la
critica aveva trovato una terra vergine da sfruttare, gli eleganti
e i damerini giovani e vecchi avevano intraveduta la possibilità
di nuove conquiste, avevano trovato un nuovo campo di caccia. Tutto
questo aveva concorso ad un successo che dalle poltrone era asceso
alle gallerie, dai palchi aveva echeggiato negli atrii del teatro,
era stato alimentato ancora più nei saloni e nelle redazioni dei
giornali, nei _clubs_ e nei caffè. In quei quattro mesi aveva percorso
tutta l'Italia, precedendo, accogliendo e seguendo l'attrice illustre,
divenuta così prontamente un astro fulgente su quell'orizzonte teatrale
dove brillano e scintillano tante stelle di cartapesta, illuminate
d'un falso bagliore dai riflettori elettrici dei successi effimeri e
passeggeri.

Farnese guardava l'abito indossato dall'attrice in piedi innanzi a
lui. Era un abito di saia azzurro cupo, con dei galloni ed i rivolti
di amoerro bianco, una lunga gala di merletti veneziani, un alto collo
di velluto turchino, alla Maria Stuarda. Su la chioma bionda aveva
un cappello di feltro con due maestose piume bianche, una delle quali
discendeva in molle curva sul piccolo orecchio roseo, come da un feltro
di spadaccino del secolo XVII.

— Vi piace? domandò l'attrice quando si avvide dell'attenzione dello
scrittore.

— Mi piacete, egli rispose.

— Parlo dell'abito, non di me, replicò sorridendo l'attrice.

— Innanzi ad una bellezza, spiegò il romanziere, non si bada al
piccolo particolare squisito, al trascurabile ornamento delicato. In
San Pietro, nella cappella della Pietà, non ammirate prima i mediocri
affreschi di Lanfranco, ma il divino gruppo di Michelangelo.

— Dimenticate le proporzioni, replicò l'attrice con un sorriso che
scoprì le due file di piccoli denti candidi.

— Perchè ho fatto un confronto fra Michelangelo e voi, un affresco
di Lanfranco ed il vostro estetico abito di quest'oggi? Mio Dio, le
proporzioni si possono sottintendere sempre! E poi.....

Il madrigale era stato interrotto dalla voce del Savarese che
chiamava all'ordine per il terzo atto. Gli attori erano tornati
verso il centro della scena, interrompendo i loro chiacchiericci. I
trovarobe preparavano l'arredo scenico, segnavano le porte con due
sedie corrispondenti, i divani con una lunga fila di sedie logore
e scolorite. Un campanello elettrico — e col sordo mormorio del
suggeritore la prova ricominciava. Le scene seguivano le scene e
Farnese pure avvezzo agli inganni delle commedie in prova, avvertiva
deficienze dove non ve ne erano, vedeva tutto pallido, fiacco, slavato.
Sebbene egli sapesse come solo la ribalta illuminata e la sala colma
fossero sufficienti a dare ingegno a quelli attori che ora sembravano
poveri filodrammatici, pure temeva la loro negligenza, paventava
un'interpretazione debole e frusta, visioni fosche d'insuccesso gli
attraversavano il pensiero. Ma Claudina Rosiers faceva la sua entrata
e subito la scena diveniva elettrica, l'orgoglio dell'autore vibrava
di nuovo fiducioso, gli altri attori anche si investivano meglio della
parte, procedevano più vivi e più veri. Savarese, grosso e acceso nel
volto senza barba nè baffi, sorrideva dai piccoli occhi furbi e dalle
labbra tumide di vecchio ebreo, presentendo l'affare ed il successo
fruttifero. Ma un attore di primissimo ordine, Gray, che in quel
momento non recitava, seduto su una delle due sedie che simulavano
i battenti di una porta, seguiva con l'occhio sospettoso Claudina
Rosiers, ardente nei suoi movimenti passionali; ed a volte gli occhi
dell'attore brillavano di un riflesso sinistro. Gray era innamorato
di Claudina ed aveva già confessato all'attrice la sua passione,
deferentemente, offrendole la sua mano. Ma l'attrice aveva ricusato,
ringraziandolo tuttavia dell'onore che le tributava: ella voleva
darsi all'arte conservando il suo libero arbitrio, non voleva essere
diminuita dai vincoli e dagli affanni di un marito e di una famiglia.
Il suo discorso era stato così fermo e reciso che Gray non aveva saputo
insistere; ed allora con voce piena di lacrime s'era fatto promettere
che, se un giorno ella avesse mutato idea, avrebbe tenuto conto della
sua sfortunata passione e l'avrebbe prescelto agli altri. Il giovane
aveva sofferto per quella rinunzia, ma il pensiero che quella donna
ch'egli non poteva avere non sarebbe nemmeno appartenuta ad altri lo
consolava in quell'eterno orgoglio e in quel mascherato egoismo del
maschio, che sono tanta parte di una passione virile. Quando però
le prove della nuova commedia di Giuliano Farnese erano cominciate,
la più atroce gelosia s'era aggiunta nell'animo dell'attore a quel
rassegnato sconforto. Egli sapeva che Farnese aveva avuto molte buone
fortune, sapeva quanto Farnese piacesse a Claudina Rosiers, sapeva
quanto Claudina Rosiers piacesse a Farnese; e le sue buone amiche
s'erano date premura di metterlo in guardia contro Farnese, ammonendolo
perchè fosse vigile, comunicandogli le dicerie che correvano sul
grande scrittore, le sue glorie raccolte nel giardino di Citera, le
sue squisite arti seduttrici. Da allora Gray non aveva avuto un minuto
di pace; il più piccolo atto di cortesia convenzionale sembrava al
geloso la conferma, l'accusa, la prova della colpa di Claudina e della
sua propria sventura. Con la sua gelosia illogica e senza diritti
era divenuto insopportabile alla giovane donna, che di conseguenza lo
sfuggiva come meglio e quanto più poteva; ma il geloso vedeva in ciò
mille altre prove del suo infortunio e della relazione dell'adorata con
lo scrittore.

Egli intanto, quel giorno, seguiva con lo sguardo Claudina Rosiers,
finchè finito anche il terzo atto con una deliziosa scena di amore e
di passione, si era andata a sedere, ancòra tutta vibrante, vicino allo
scrittore che applaudiva ai suoi interpreti. Allora Gray si era perduto
fra i fondali, scoppiando in lacrime come un bambino contrariato.
Fortuna per lui che non vide il gesto con cui Farnese prese fra le sue
la piccola mano di Claudina Rosiers ancòra ansimante e sconvolta!

— Io non so spiegarmi, le mormorava intanto lo scrittore, come voi
possiate creare con verità così meravigliosa e con logica umana
così inappuntabile, queste scene d'amore, che io ho sempre creduto
impossibili a rendere senza aver sofferto quelle agonie. Come io ho
dovuto viverle per scriverle, così immaginavo che, volendo farne una
viva rappresentazione, bisognasse averle ugualmente sofferte e forse
anche più di me. Ora, invece, terrei una scommessa che voi non avete
mai amato.....

— L'arte mi ha presa troppo presto, rispose l'attrice, e troppo
completamente, perchè io avessi il tempo di dedicarmi all'amore. Ho
amato, sì, non vi dico di no, ma in fondo quale è quella giovinetta
che non ha amato, senza un istante di tregua, dai sedici ai vent'anni?
Alcune amano misticamente Gesù, altre amano più umanamente le spalline
e gli speroni di un bell'ufficiale dei lancieri. Ognuna, ahimè,
si forma il suo grande ideale, e nelle lunghe notti verginali nel
lettuccio candido, su l'origliere che unico confidente sa tutti i
nostri sogni più intimi, si combinano i bei visi e le belle anime, i
mustacci bruni e l'amore eterno, la forza del corpo e la delicatezza
del cuore. Poi viene la vita; e a chi porta la realizzazione
dell'ideale, a chi porta il contrario. Le une devono temere, le altre
devono sperare: come per le une giungerà il _redde rationem_ poichè i
sogni realizzati non vivono a lungo quaggiù, così per le altre giungerà
il _sursum corda_, perchè per ognuno è destinato quaggiù almeno un
quarto d'ora di felicità. Voi vedete, mio caro maestro, che parlo
latino; ma sono frasi raccolte sui giornali e che non sono nemmeno
sicura di pronunziare esattamente..... Ah, anch'io avevo il mio ideale
a sedici anni; e volevo allora essere una grande attrice e questo si
è realizzato, non per la grandezza ma per la professione; volevo esser
bella e gli adulatori mi dicono che lo sono; volevo anche essere amata
da un uomo illustre, completarlo, esser cosa sua come lui cosa mia,
quasi direi, integrarlo. E non vi spaventate di questo parolone: è
nella mia parte che devo recitare stasera! Questo ancòra non è. Sarà?
Non sarà? _Quien sabe?_ dicono gli Spagnuoli con due dolci e tristi
parole che racchiudono un mondo. Anch'io aspetto il mio quarto d'ora,
perchè deve venire. Ma il difficile è saperlo attendere pazientemente
per coglierlo al suo passaggio. Intanto, mio caro maestro: _j'attends
mon astre!_

Lo scrittore la guardava sorridendo, mentre ella con uno scoppio di
risa riprendeva:

— Anch'io ho amato, ma l'Ideale, una creatura che la mia fantasia ha
creato e che forse non esiste. Un amoretto l'ho avuto. Ho passato la
fanciullezza e l'adolescenza nella mia Siena: a quindici anni volevo
bene a un giovinetto della mia età, un piccolo, biondo, gracile,
che ora ho ritrovato ammogliato e con prole. Allora ci davamo degli
appuntamenti sotto la volta di quella meravigliosa Fonte Branda, verso
il crepuscolo. Che cosa accadeva? Qualche bacio, mio Dio, e molte
promesse di eterna fè! Però qualche sera, se tardavo, non trovavo
più al convegno il mio padrone e signore, che, atterrito dalla sera
che scendeva, dall'ombra della Fonte e dallo scrosciare dell'acqua,
preferiva all'amore mio la tranquillità della sua anima infantile.
Ed ecco, mio signore, in quali mani fidavo la tutela di tutta la mia
vita..... Insomma, io non ho provato l'amore, ma lo sento; non l'ho
conosciuto, ma non lo ignoro.

Più tardi, come lo scrittore alla fine del quarto atto si meravigliava
ch'ella provasse in scena e le rendesse anche con precisione alcune
sensazioni fisiologiche, Claudina Rosiers scoprì l'allusione ed il
sottinteso; sorrise e disse all'orecchio del Farnese:

— Voi pensate che questo, almeno, devo averlo provato; non è vero,
maestro?

E staccandosi dall'uomo, mentre Gray ricompariva mogio mogio tra i
fondali, disse con l'alterezza di colei che serba immacolato il suo
fiore e ne sa il prodigio:

— Ebbene, no. Io sono vergine!


Egli rimase a guardare la vergine, ma i suoi occhi non erano più
limpidi come poc'anzi; una scintilla impura di cupidigia, accesa dal
pensiero di quella occulta primavera, vi brillava torbidamente. La
scena cominciava a vuotarsi, dopo che il direttore aveva pronunciato le
abituali parole: «Possono andare; domani, prova alle undici». A poco
a poco solo Claudina, Farnese e Gray erano rimasti sul palcoscenico,
Farnese ancòra seduto su l'ampia poltrona, Claudina in piedi presso
lui canticchiando, Gray imbarazzato con la pallida speranza di
riaccompagnare Claudina. Un silenzio imbarazzante era fra loro.
L'attrice e lo scrittore sentivano il bisogno d'essere ancòra soli,
di poter ancòra parlare, di potere ancòra unire le anime loro nella
piena confidenza che consola. Gray finalmente comprese l'inutilità
della sua attesa, quando Claudina per troncar netto il disagio di
quel silenzio, pregò Farnese di accompagnarla dalla sua modista. Il
commediante girò su i tacchi, dopo di aver salutato in corruccio, e
s'allontanò rapidamente tra le penombre dei praticabili e delle quinte.
Con quella intuizione tutta propria dei gelosi, Gray imaginava che
qualcosa di decisivo stava per compiersi tra l'autore drammatico e la
sua interprete. Tutti gli spasimi della gelosia lo afferravano, quelli
spasimi laceranti del geloso che non ha alcun diritto, dell'innamorato
senza speranza che vede un altro in procinto di cogliere quel frutto
di amore ch'egli credeva dovuto a sè stesso. Brani di commedie gli
tornavano nella mente, di quelle commedie in cui egli doveva vivere,
innanzi a mille persone, gli spasimi di una gelosia che conosceva così
bene! Il povero innamorato doveva trattenere le frasi di collera e di
insulto che gli salivano alle labbra verso colei che era stato il suo
sogno, che era la sua madonna, ora in procinto di perdere la gloria
della sua verginità per il capriccio passeggero ed inutile di uno
scrittore alla moda, di un donnaiolo misogino!

Fuori, il crepuscolo scendeva. In alcune vie più strette i lampioni
già erano accesi, nelle vie larghe e nelle piazze la folla passava,
reduce dai suoi dolori o dalle sue fatiche quotidiane, pronta a
risalire il calvario l'indomani, dopo il breve riposo di una pallida
sera. Gray procedeva fra quella folla variopinta ed ignota, quasi
senza vederla, attonito pel martirio di quella idea fissa, che
riconcentrando ogni sensibilità sul suo fermento, pare che tolga
quasi la sensazione della vista e dell'udito. Sotto quanti di quei
volti si celava un dolore simile al suo? Quanti sentivano nel cuore
la tenaglia crudele dell'amore senza speranza, i laceramenti atroci
della gelosia senza diritto? E queste idee facevano risalire nel suo
cuore la piena dell'amarezza, che talora però gli consentiva qualche
minuto di speranza e di tregua. E se egli fosse ancòra in tempo? Chi
sa che Claudina non avesse pregato Farnese d'accompagnarla, senza
un fine recondito, forse per sola vanità femminile, per farsi vedere
nell'ora di maggior folla con uno scrittore glorioso, con uno dei più
grandi autori drammatici... Ma, la modista? E non poteva veramente
recarsi da costei? Cosa v'era di strano e d'impossibile? Ma perchè
non aveva detto anche a lui di accompagnarla? Veramente era stato
lui il primo a prender congedo e ad allontanarsi; ma perchè ella non
aveva detto una parola per trattenerlo, ella che sapeva quanto fosse
amareggiato dai sospetti più vani e quanto ne soffrisse? E l'onda di
amarezza risaliva ancòra e i laceramenti della gelosia ricominciavano,
fin che non potendo più reggere al dubbio si diresse verso la casa
dell'attrice, con l'intenzione di spiarla, di spiare la sua venuta,
e se saliva sola o con Farnese. Il geloso girò la via delle Quattro
Fontane, traversò la piazza Barberini, risalì tutta la via Sistina
sino alla Trinità dei Monti, poi discese ancòra la magnifica scalinata
che conduce in piazza di Spagna e, voltando a sinistra, si fermò su
la porta di un piccolo caffè confinante col portone della casa di
Claudina. Bevve in fretta l'assenzio che il cameriere gli aveva portato
e si fermò su la porta in osservazione. E come l'attrice tardava a
rincasare, la gelosia ricominciava nella pedanteria delle sue indagini
e dei suoi minuti sospetti. E s'ella non tornasse? Se Farnese l'avesse
trattenuta a pranzare al caffè? Ma lo scrittore aveva famiglia e non
era probabile che si facesse vedere pubblicamente in tanta intimità
con la giovane attrice. E se i due fossero venuti in carrozza e quindi
prima, molto prima di lui? Se fossero già nell'appartamento e proprio
in quella camera da letto che corrispondeva esattamente, al piano
superiore, con quella sala di caffè notturno? Un'ora era passata senza
ch'egli vedesse giungere l'attrice o sola o con lo scrittore, e ciò
l'aveva confermato nella sua ipotesi che i due, giunti in carrozza,
fossero già nell'appartamento. Egli aveva infilato il portone, aveva
già salito qualche gradino, ma al momento di premere il bottone
elettrico pensò che non aveva alcun pretesto per spiegare quella
sua visita intempestiva. Inoltre pensò che avrebbe potuto avere la
conferma di quel che temeva e quella possibile certezza lo atterrì,
e ridiscese lentamente le scale, preferendo a quello spasimo immane,
le continue trafitture del dubbio, che tuttavia lascia qualche minuto
di speranza e di blanda illusione. Ma, al momento che egli varcava la
soglia, Claudina e Farnese discendevano da una carrozza e il geloso
ebbe appena il tempo di sfuggire, rasentando i muri della oscura via
di Propaganda Fide, non senza essere stato visto dai due. Claudina e
Farnese salirono. Su, nella casa, dopo che si fu tolto il cappello e la
mantellina, l'attrice guardò tra le persiane socchiuse ed al lume della
lampada elettrica di un negozio di oggetti d'arte, vide Gray fermo in
attesa, con lo sguardo fisso alla sua finestra che in quel momento
s'illuminò, avendo Farnese fatto scattare il commutatore della luce
elettrica.

— Otello aspetta ancòra, disse Claudina ridendo allo scrittore, mentre
apriva le persiane. Vi ha veduto salire ed attende che ridiscendiate.
Chi sa quali sospetti e quali pene! Domani dovrò subirne la narrazione.
Povero ragazzo! — E rise di una risata libera e squillante. — Però,
come siamo cattive noi donne! — continuò più seria ma canzonatrice. —
Ecco un uomo che soffre per me pene atroci. Egli mi segue, mi osserva,
mi spia. Egli mi attende nel portone per vedere se torno sola, vi vede,
fugge. Ed io ho la crudeltà di farvi salire, pur pensando che il povero
giovane ci spia ancòra e che questa vostra innocente visita gli farà
passare una notte bianca insopportabile. Siamo veramente malvagie?

Rise di nuovo, avvicinandosi allo scrittore. Farnese indugiava. Aveva
inteso battere le sei all'orologio della stanza vicina e ricordò di
aver promesso al piccolo Luca di andarlo a prendere, dopo la prova,
per farlo passeggiare nelle vie eleganti con lui, poichè il bambino era
tutto orgoglioso di essere visto col suo gran papà.

— Dovrei rientrare, disse repentinamente lo scrittore all'attrice. Sono
già le sei ed ho fatto una promessa al piccolo Luca.

Pronunziando queste parole egli si era alzato ed aveva guardato la
commediante. Un'ombra di corruccio era passata sul volto di lei, che lo
scrittore scorgeva in piena luce nel quadrato luminoso della lampada.
L'attrice non aveva pronunziato una parola e si era messa ad osservare
attentamente le sue dita sottili. Egli riepilogava ciò che le aveva
detto lungo la via ed al caffè dove si erano fermati. Ricordava di
averle stretto la mano salendo le scale e che la donna aveva lasciato
fare; anzi gli era piuttosto sembrato ch'ella avesse risposto con una
lieve pressione. Naturalmente, tutto ciò esigeva una spiegazione e non
una partenza così repentina ed egli sacrificò il desiderio del piccolo
Luca, decidendo di rimanere.

— Il vostro bambino vi attenderà invano, disse allora Claudina mentre
lo scrittore ritornava a sedersi presso di lei. Non vorrei essere causa
di un dispiacere al piccolo Luca e — sottolineò sorridendo — anche
al suo papà. — Poi, subitamente, con uno scoppio di risa aggiunse:
— Resterò con tutte le mie tristezze, sola sola con loro che non
mi divertono affatto. E aspetterò l'ora del teatro. — Poi dimandò,
deliziosa di noncuranza: — Vi vedrò stasera?

Il romanziere guardava l'attrice con un'attenzione immobile, voleva
intenderne il pensiero sincero, scoprirne l'intimo disegno. Ma ella
restava impenetrabile, continuava a contemplarsi le dita con un sorriso
ambiguo.

— Non passerò dal teatro, stasera, rispondeva egli, intento a spiare
l'impressione destata dalle parole che stava per pronunziare. Mia
moglie si lamenta della sua solitudine. Le debbo bene una sera di
focolare domestico. Avrò la rappresentazione dei miei bambini e delle
loro marionette.

— Ah, non verrete? soggiunse l'attrice sempre più nervosa. Tuttavia
io recito solamente nella _Visita di nozze_ e non prima delle undici
e mezzo. Se il focolare domestico si spengerà prima di quell'ora... il
Teatro Nazionale è vicino, soggiunse dopo una pausa significativa.

— Relativamente, disse lo scrittore sorridendo. Comunque accetto
volentieri l'invito perchè per voi si sfiderebbero ben altri pericoli
che la tramontana.

Su quella promessa lo scrittore avrebbe potuto andar via, soddisfare
il desiderio innocente del suo piccolo Luca. Ma una certa ironia che
vibrava in talune inflessioni di voce dell'attrice lo tratteneva in
quel salotto, seduto in quella poltrona. Fu così durante un'ora: una
voce lo esortava ad alzarsi, a partire; l'altra, contraddittoria,
a indugiare ancòra. Intanto il discorso era ricaduto sul sogno
adolescente di Claudina.

— Chi sa, chi sa? diceva l'attrice. Realizzerò mai questo sogno? Amare
ed essere amata da un uomo illustre, da un grande artista, in modo che
la mia intelligenza sia completata dalla sua, formi un tutto armonico e
profondo? Chi sa? Gli incontri della vita sono così bizzarri! Desidero,
voglio, invoco il grande artista, il grande scrittore e chi sa che non
vada poi a finire nelle braccia di un povero attorello qualunque, in un
momento di orribile stanchezza e senza volontà, come quei viaggiatori
che seduti di rimpetto in uno scompartimento si trovano nelle braccia
l'uno dell'altro per un urto del treno! — Sorrideva, ma tristemente;
poi ad un tratto si mise a picchiare e strofinare le sue mani. — Dio,
Dio, che freddo! e come potrò recitare stasera? Come potrò? Farnese,
fatemi il piacere, prendetemi quel mantello su quella poltrona..... Lì,
lì, benissimo! — E come Farnese, mettendole quel mantello su le spalle,
s'era chinato su lei fino a sfiorarle i capelli con un bacio, ed ella
aveva sorriso, così che egli fatto più audace s'abbassava verso le
labbra, ella gridò: — No, no, non voglio! E levandosi, poichè Farnese
l'inseguiva, quasi pregò: — Lasciatemi. Non vi avvicinate. Andatevene,
andatevene, adesso....

Poi si avvicinò a Farnese, fece un cenno perchè non insistesse, gli
tese le due mani, strinse amichevolmente quelle di lui e lo guardò
uscire, senza sorridere e senza più una parola. Ma nelle scale lo
scrittore udì la voce un po' tremante di Claudina Rosiers che gli
gridava dall'alto:

— A stasera. Ricordatevene.



II.


Fin dalle sue prime armi, Giuliano Farnese era stato favorito da
un'insolita fortuna. I suoi primi passi nell'aspro cammino della
letteratura erano però stati sostenuti dal forte appoggio di uno
scrittore illustre, Claudio Sanna, che affascinato dalla sincerità
e dalla ispirazione del primo ed unico libro di versi di Farnese,
_Sotto i salici_ — libro tutto impregnato di una melanconia senza
dolore — sostenne i passi successivi del giovane poeta. Oggi quel
libro è dimenticato ed i cinquecento esemplari che ne furono stampati
sono perduti fra le pubblicazioni più recenti e rumorose, dove solo
qualche spirito delicato va a ricercarlo, per riviverne il molle
fascino autunnale. Farnese ha avuto il torto di rinnegare quel
libro dove pure tanta parte della sua anima aveva cantato, con la
spontaneità dell'adolescenza; quando i versi fioriscono sotto la penna,
naturalmente, senza paralizzanti preoccupazioni di rime e di scuole
estetiche. Tuttavia da quel libro data il principio della sua fortuna.
Anche i due romanzi che lo seguirono sono semplici e sinceri, intimi
come _L'ultimo incontro_, freschi e famigliari come _Accanto al fuoco_.
Questi due romanzi furono scritti in una modesta camera di un piccolo
albergo a Padova, dove, all'uscire dall'Università, Farnese insegnò
lettere in quel liceo, durante un anno. Claudio Sanna fu il pioniere di
questo nuovo scrittore e ad ognuno di quei primi romanzi egli consacrò
magnifici articoli su i principali giornali. Anche altri critici
ed altri romanzieri consacrarono studî ed articoli a quei romanzi,
poichè il loro autore, oscuro professore di lettere in un liceo di una
lontanissima provincia, non era ancòra e forse non sarebbe stato mai,
un rivale temibile e perciò da combattersi con ogni arma, silenzio o
denigrazione, pur di rovesciarlo e demolirlo, non per prenderne il
posto, ma per l'ira del piccolo verso il grande, del debole contro
il forte, per il rancore e l'odio eterni del mediocre verso quel che
emerge e s'innalza. Ma allora al giovane scrittore festeggiato la
misera fatica didattica pesava e non poteva resistere alla brama di
correre a Roma, di scrivere, di parlare, di sentire da vicino il suo
bel successo, di entrare anche lui decisivamente in lizza. L'affezione
di Claudio Sanna gli permise di realizzare questo sogno, e nel novembre
del mille ottocento ottantacinque, Farnese entrò, incaricato della
critica drammatica e di una cronaca letteraria, in un gran giornale
romano _L'Eco di Roma_, diretto da Marco Torrero.

Cominciarono, allora, le illusioni a sfrondarsi, le speranze a
impallidire. In molti scrittori illustri, ch'egli venerava da lunge
e pei quali aveva arso nei fogli letterari dei giovani molti granelli
d'incenso, trovò gelosia ed invidia; in altri, che sembravano alla sua
ignara fantasia giovanile modelli di austerità artistica, non trovò
altro che orpello ed inganno, la più urtante abilità commerciale,
le tele variopinte e le frange d'oro che nascondono la miseria
intellettuale e la corruzione morale. Allora dal giovane irruppe
l'uomo, e, sfogliate le ultime illusioni, considerando con un sottile
riso ironico quel che prima lo colmava di ira e di disprezzo, scrisse
sul giornale di Torrero, quella lunga serie di _Saltimbanchi_, dove,
in brevi articoli, secchi e schioccanti come colpi di scudiscio,
metteva in luce le vere figure zingaresche di molti romanzieri, autori
drammatici, critici, poeti, musicisti, scultori e pittori. Ebbe un
paio di duelli con due di quei saltimbanchi, un autore drammatico
ed un pittore, che si offesero; ebbe la fortuna di ferirli entrambi;
così che la muta, con la coda fra le gambe, sopportò le scudisciate;
qualcuno tentò di abbaiare, ma da lontano e prudentemente, qualche
altro leccò le mani al castigatore per propiziarselo, molti infine
ostentarono a quelli attacchi un'ilarità non troppo sincera. Quella
serie di _Saltimbanchi_ constò di sessanta articoli, pubblicati
tutti sul giornale di Torrero in meno di quattro mesi. Dopo, Farnese
li raccolse in un volume sotto lo stesso titolo e ad ognuno di quei
sessanta inviò il volume con dedica autografa. Egli vide allora come
nella letteratura, non diversamente che nella politica, valga più il
rumore che il valore. I suoi buoni romanzi erano rimasti invenduti su
gli scaffali dei librai, ma il suo libro di critica, che pure nelle
sue idee morali aveva le apparenze di un _pamphlet_, ebbe un successo
insperato e sei edizioni ne furono esaurite in brevissimo tempo. Egli
aveva perduto con quel libro la maggioranza di coloro che si dicevano
suoi amici: su quei sessanta, solo sette od otto, e dei meno attaccati,
ebbero lo spirito di avvicinare il Farnese e di raddoppiare in cortesie
a suo riguardo, se non in cordialità. Ma gli altri, coloro che non
erano stati compresi nel fustigato e sanguinolento battaglione, furono
di ciò grati al Farnese ed alcuni con l'adulazione e le amabilità
prevennero il pericolo d'essere incorporati in un secondo battaglione
a venire. Ad ogni modo il pubblico conosceva ed amava, ormai, il nome
battagliero del Farnese e quei successi ripetuti gli avevano creata una
lusinghiera posizione finanziaria.

Allora egli, l'austero critico ed il giustiziere, pencolò un poco
verso il pubblico ed è l'unica macchia, ma perdonabile, della sua
carriera letteraria. Nel suo appartamento elegante della via Sistina,
Farnese lavorava a quel romanzo _Amori d'Autunno_, che fu poi uno dei
suoi più grandi successi editoriali, fra le visite delle ammiratrici
generose, quelle delle attrici che lo volevano più propizio a loro
nelle sue critiche drammatiche sul giornale di Torrero, e quelle di
qualche raro amico che veniva nei pomeriggi d'inverno a scaldarsi il
corpo in quella casa tiepida e simpatica, l'anima e l'intelligenza
all'ardore di quel pensiero di artista tanto geniale. Nel frattempo
il teatro l'aveva tentato ed al teatro Valle era stata rappresentata
una sua commedia in quattro atti dal titolo curioso, _Le nozze di Don
Giovanni_. In quell'affollato teatro di prima rappresentazione solenne
s'eran dati convegno tutti gli astii ed i rancori ardenti verso il
notissimo scrittore. Tutto il battaglione dei sessanta saltimbanchi ed
i loro adepti, tutti i giovani poeti cui egli aveva consigliato più la
lima che la rima, tutti i giovani autori i cui aborti drammatici non
avevano incontrato il favore del famoso critico e le loro famiglie ed
i loro domestici, tutti gli attori ch'egli aveva ammonito e biasimato
dai pianterreni dell'_Eco di Roma_, tutte le attrici ch'egli non aveva
pensato di baciare e i loro _madri_, tutti i confratelli gelosi dei
suoi successi e le loro signore mogli e le loro signore amanti, tutti
gli eleganti e tutti i mondani irosi contro di lui per le sue fortune
di salone e di alcova, tutti i nemici più acerrimi dello scrittore
celebre a ventotto anni si eran dati convegno in quella sfolgorante
sala di teatro. E subito, dal primo levarsi del sipario, l'insuccesso
s'era pronunziato; i mormorii eran presto divenuti risate, le risate
grugniti, i grugniti urli. I quattro atti si erano svolti fra le grida
ed i fischi, le risate e le grida; gli attori assistevano impassibili
allo scempio di quella geniale ed ironica commedia, ma vollero per
rispetto all'autore condurla fino alla fine, malgrado i gridi sempre
più forti ed insistenti che chiedevano l'abbassarsi del sipario.
Alla fine del quarto atto qualche applauso fremente di pochi onesti
fu coperto dalle salve di fischi. La _jeunesse dorèe_ di un circolo
elegante, furiosa di vedere andare a Farnese quelle fortune femminili
che le loro anime grigie attendevano in vano, dava in un palco un
pietoso spettacolo di sè, eseguendo coi fischi una fanfara volgare.
Finalmente lo _charivari_ era finito. I veri amici di Farnese non
avevano avuto il coraggio di cercarlo; gli altri, gli ottimi amici,
avevano frugato tutto il palcoscenico per trovare lo scrittore, mentre
un'altra squadra volava al suo appartamento di via Sistina, per godere
sotto le ipocrite condoglianze, l'effetto malvagio della malvagia opera
compiuta. Ma Farnese, avvertito dai _reporters_ dell'_Eco di Roma_
intorno alla cabala che si montava contro di lui, era partito la sera
innanzi, dopo l'ultima prova delle _Nozze di Don Giovanni_, per recarsi
qualche giorno a Firenze. Così che a teatro gli ottimi amici non avevan
trovato che camerini chiusi e macchinisti affaccendati, tutti nervosi
in quella sera di lutto teatrale; ed avendo alla casa dello scrittore
trovato chiuso il portone, la banda dovette sciogliersi, dolente del
contrattempo, ma felice in fondo del risultato.

E la mattina e la sera appresso, trepidanti, avevano aperto i giornali
perchè se al Farnese non era giunto l'eco delle disapprovazioni, ne
avrebbe avuto almeno conto dagli attacchi dei critici. Se non chè
anche questo loro desiderio doveva andar deluso. La critica aveva un
linguaggio rispettoso verso Farnese, ammirativo per la commedia e
stigmatizzante con parole pungenti il contegno della maggior parte
del pubblico. Trovavano la commedia fine e sottile, con pregi di
dialogo, di sceneggiatura, di finitezza di caratteri, ma con difetti di
lungaggini. Tutti, meno due o tre, predicevano un vero successo alle
_Nozze di Don Giovanni_, quando fossero riprese con un pubblico più
spassionato. Intanto i buoni amici anonimi avevan messo sotto fascia
quei due o tre giornali discordanti e li avevan spediti, falsificando
le loro calligrafie, a Firenze, al _Savoie-Hotel_, dove Farnese era
disceso. La sera, su l'_Eco di Roma_, era apparso un rovente articolo
di Marco Torrero, che, ricercando le cause dell'insuccesso e citando
anche i nomi dei promotori, esaltava la commedia e prediceva al Farnese
un grande avvenire di autore drammatico.

Al suo ritorno a Roma, apparvero quei suoi due romanzi, seconda
maniera, _Anime in sogno_ ed _Amori d'autunno_. I successi ne sono
rimasti memorabili. Tuttavia erano due romanzi falsi e manierati,
ove ogni anima aveva un lembo di cielo, ove il mondo era osservato a
traverso ad un prisma roseo e brillante. Il romanziere aveva voluto
forzare la semplicità e l'intimità della sua prima maniera ed era
caduto nell'estremo della semplicità complicata e della falsa intimità.
Un giornalista, Giacomo Spada, attaccò alle spalle del Farnese
l'etichetta, «un Medoro Savini anglomane e decadente». L'etichetta
rimase e pesò presto sulle spalle di Farnese che, da principio, ne
aveva riso con la noncuranza sprezzante che viene dal successo. Da
allora, dalla fine del mille ottocento ottanta nove data quel romanzo
_L'Aurora_, che fu una vera aurora artistica per lo scrittore e che
lo sacrò indiscutibilmente grande romanziere. In esso il Farnese,
spogliandosi di ogni preconcetto, aveva chiamato a raccolta tutte
le mirabili sue facoltà, per rispondere con un capolavoro alle
ironie ed ai sottintesi melati. Ed il capolavoro era riuscito: v'era
nell'_Aurora_ un vasto affresco della corruzione e della decadenza
moderna e la maestosa pittura si chiudeva con l'apoteosi di un'Idea
e la visione simbolica di un futuro secolo ideale. Molte edizioni
si esaurirono una dopo l'altra, l'inno concorde salì dalle colonne
dei giornali e dalle pagine delle riviste. Una schiera di giovani si
entusiasmò per Farnese, divenne il suo drappello, fu pago di vivere
del riflesso della sua luce. Altre commedie erano seguite, prima
_Una Rivolta_, che, dopo alcune ostilità della prima sera, filò
tranquillamente fra gli applausi un lungo corso di rappresentazioni.
Pochi mesi dopo, durante il successo dell'ultimo suo romanzo, una
geniale e delicata attrice, la signora Teresa Mariani-Zampieri
volle mettere in iscena con gusto d'artista una commedia in tre
atti, _Messer Arlecchino_, che Farnese aveva scritto durante un
suo viaggio in Spagna, per non perdere l'abitudine della penna e
senza alcuna intenzione di destinarla al teatro. Era una delicata
fantasia, il ritorno delle maschere della commedia dell'arte italiana,
una follia carnevalesca ed amorosa in un quadro di Watteau, con la
grazia autunnale di una festa galante di Verlaine. La signora Teresa
Mariani-Zampieri nel variopinto costume di un Arlecchino pieno di
grazie vi ebbe un successo squisito, ovunque. E Farnese, senza riposo,
si mise di nuovo al lavoro nel suo continuo inseguimento del meglio e
del bello ed in un anno, uscirono due altri romanzi suoi: _L'infamia
umana_, dove dieci tipi balzacchiani di vili e d'infami torturavano
e macchiavano per sempre una serena anima di giovinetta; _Cecilia_,
dove era narrata la storia di quella giovinetta aristocratica, Cecilia
Armenieri, che, fuggita di casa con un uomo alla moda, aveva voluto
essere attrice e trionfare su la scena, dove comparve con fortuna ma
per breve tempo, per scomparire pochi mesi dopo, non si seppe mai dove,
non si seppe mai come.

Stanco delle sue fatiche di romanziere, Farnese aveva pensato di
riposarsi scrivendo tre ampii saggi intorno all'opera di tre pittori
veneziani, che egli singolarmente prediligeva, Giorgione, Paolo
Veronese e Carpaccio. Nella primavera del 1891, mentre correva l'Italia
il suo nuovo libro, _Cieli stranieri_, libro d'impressioni dei suoi
viaggi in Spagna, in Irlanda, in Olanda, in Fiandra, in Palestina ed
in Oriente, egli rimase quattro mesi a Venezia, in un appartamento
originalissimo ch'egli aveva affittato in quel curioso palazzetto
Dario sul Canal Grande, che pencola un po' da un lato, e che si trova
quasi prospiciente alla misteriosa casa di Desdemona. In quei soavi
mesi di adorabile primavera veneziana, levato a primo mattino, Farnese
sbrigava qualche articolo e qualche cronaca che, non ostante il suo
riposo, doveva dare ai giornali ed alle riviste. Passava la mattina e
metà del pomeriggio a percorrere i luoghi dove erano quadri dei suoi
tre pittori, l'Accademia Reale di Belle arti, le chiese più lontane,
S. Sebastiano, i Frari, Santi Giovanni e Paolo, — San Zanipolo, come
abbreviano i veneziani — San Giovanni in Bragora, la Madonna dell'Orto.
Verso il mezzogiorno, dopo una breve colazione al Caffè Quadri o al
Florian, ritornava al lavoro e guardava, frugava, raffrontava, prendeva
note, fino al tramonto quando, salito in gondola, amava goderselo
su lo smisurato specchio della laguna o si faceva scivolare lungo
il Canalazzo per vedere luccicare all'oro del tramonto i bei marmi
orientali del palazzetto Dario dove abitava, o la facciata diamantata
della Cà d'Oro, o per vedere tingersi ancòra di rosa le marmoree
facciate del palazzo Contarini dalle Figure o del palazzo Foscari.
Pranzava quasi sempre con qualche amico in un caffè sul mare, rientrava
presto e prima di coricarsi leggeva, sbrigava la sua corrispondenza,
ordinava le moltissime note raccolte nella laboriosa giornata. Poi
dormiva d'un quieto sonno quasi infantile senza sogni e senza incubi
affannosi. Gli era quasi ogni giorno compagno in quelle esplorazioni
artistiche, Leonardo Loredano, bell'uomo di trentacinque anni,
scrittore rinomato, amico fedele, gentiluomo perfetto appartenente ad
una delle più nobili famiglie veneziane. Loredano aveva scritto romanzi
e commedie che avevan dato molta voga al suo bel nome: — romanzi che
erano quadri originali, grandi affreschi di quella vita cosmopolita
così ardente oggigiorno e così vibrante, ch'egli viveva continuamente;
commedie che eran fini esercitazioni di casistica sentimentale,
opere delicate di un Marivaux del secolo decimonono, un Marivaux
che bevesse l'_extra-dry_, fumasse i _londres_ e leggesse la _Vie
Parisienne_ su la terrazza marina di un caravanserraglio cosmopolita
di Cannes o di San Remo. Loredano era una delle figure più eminenti
di Venezia: appena trentacinquenne, era già stato per due anni e con
molto onore sindaco della sua divina città: gli avevano offerto la
candidatura politica, ma egli aveva preferito tornare ai suoi calmi
lavori letterari, riprendere i suoi incessanti viaggi a traverso il
mondo. In quella primavera la sua sosta a Venezia si prolungava per
restare con Farnese ch'egli amava molto. Qualche sera lo tratteneva
a pranzare con lui in casa sua, e fu ad uno di quei pranzi che
Farnese conobbe la sorella di Loredano, Beatrice, una snella figura
di donna, con due occhi neri, dolci e sognatori, un colorito pallido
che aumentava la sensazione di aristocrazia emanata da tutta la sua
ammaliante persona. Farnese era stato preso a poco a poco da quel
fascino, ed il poeta, che sonnecchiava in lui sotto il giornalista
ardente ed il romanziere crudele, si ridestava in quelle notti lunari,
quando i tre amici restavano su la terrazza tessendo sogni, allo
sciacquìo sonnolento dell'acqua nel canale sottostante. I suoi lavori
su Giorgione, Veronese e Carpaccio eran finiti da tempo e Farnese,
nel giugno, non accennava ancora ad andar via. Una sera egli seppe
che Loredano era improvvisamente partito per due giorni alla volta di
Milano. L'innamorato si era subito diretto alla casa dell'assente,
aveva chiesto della contessina Beatrice, rimastavi sola con la
governante inglese e, contro ogni probabilità, egli era stato ricevuto
in un salone sul Canalazzo, salone che l'unica lampada coperta da un
paralume rosa lasciava in misteriosa penombra. Beatrice, tutta bianca,
era seduta presso la finestra ed un raggio di luna l'inargentava. Il
poeta in Farnese aveva trionfato. Ed egli, lo scettico, il misogino,
il _professional Woman's hater_, l'odiatore professionale delle
donne, disse d'un tratto tutto quel che sentiva, il bisogno da cui era
commossa la sua anima, di una casa, di un'intimità, di una famiglia,
in quella sua spossante vita di lotta e di lavoro. Era stato lirico,
lui, solito di essere ironico; ma l'ironia aveva subito ripreso
il sopravvento; e, mentre la donna rispondeva commossa e propizia
all'offerta dell'innamorato, quel raggio di luna, quella veste bianca,
quella giovinetta tremante, quella penombra, l'eco dello sciacquìo di
quell'acqua nel canale sottostante, le grida lontane dei gondolieri,
l'avevano costretto ad una grande risata, mentre diceva alla donna, già
col cappello ed il bastone in mano: — «Noi facciamo il melodramma ed io
fuggo. Vi lascio su queste buone parole». — Poi, l'innamorato avendo
suggerito di tener per buone quelle promesse, egli aveva aggiunto: —
«Per tutto il resto m'intenderò con vostro fratello». Ed era andato
via, ridendo di sè stesso. Loredano, al ritorno, aveva accolto con
gioia e con bonomia quelle recentissime notizie insperate. L'innamorato
era partito subito dopo. Tornato in ottobre a Venezia, lo scrittore
ne ripartiva, poche ore più tardi, avendo al suo braccio la signora
Beatrice Farnese. Loredano contemporaneamente prendeva l'_express_ per
Londra, felice di poter ricominciare la sua vertiginosa esistenza nella
società di Cosmopoli.


La fortuna ed il nome di sua moglie s'erano aggiunti per Farnese alla
propria fortuna ed al vanto del proprio nome nel sospingerlo in un
mondo di eleganze e di raffinatezze che non era il suo. Fino ad allora
egli aveva vissuto in un mondo speciale ed originale di costumi e di
bisogni, un mondo di scrittori, di giornalisti, di artisti, di attrici
e di cavallerizze. Egli aveva amato le falsità delle quinte, i cattivi
sentori del palcoscenico; le parrucche incipriate delle cavallerizze
e delle _clownesses_ lo avevano affascinato, ed all'uscire dalle
austere sedute di lavoro o dalle serene discussioni con gli uomini
più eminenti, lo scrittore aveva sempre veduto la vita sotto una
cipria rosea, in uno sfolgorio di lumi, in un succedersi repentino
di desiderj e di ebbrezze. Raramente egli aveva frequentato quel
che oggi giorno chiamano il _gran mondo_, quasi i pettegolezzi e le
ciancie di cinquanta saloni potessero raccogliere gli innumerevoli
brividi elettrici della vita modernissima. In quei saloni egli aveva
fatto rapide comparse quando qualche successo metteva di moda fra
le belle duchesse il suo nome battagliero. Se ne era però subito
allontanato, a causa di quelli uomini eleganti che volevano far sentir
troppo al letterato la loro supremazia, e che anche nelle cortesie
svelavano quella protezione che si ha verso un intruso compatito e
sopportato perchè non se ne può fare a meno. Ma sua moglie nei primi
anni di matrimonio aveva sùbito voluto godere i fascini della vita
mondana, e tutti i saloni più esclusivisti di Roma si erano aperti
per lei. Farnese era stato accolto questa volta, dagli uomini,
come un buon compagno, — perchè vedevano in sua moglie una caccia
probabile; non gli parlavano più quasi disdegnosamente di letteratura,
ma lo intrattenevano intorno alle maggiori probabilità di riuscita
di un cavallo a uno _steeple-chase_ qualunque, intorno all'ultima
partita intavolata al Circolo, o al miglior paio di scarpe per il
_lawn-tennis_.

Farnese si rifaceva di quelle sere di costipazione intellettuale —
come egli diceva ridendo alla moglie — con ottime mattinate di lavoro
incessante e fecondo. Lo scrittore non aveva perduto le sue ottime
virtù di lavoratore metodico, di buon artigiano, com'egli soleva dire
asserendo che bisognava essere un buon artigiano per essere un vero
artista. Levato per tempo, lavorava sino a pomeriggio inoltrato; ma
alle quattro la vita mondana lo riprendeva nel suo rumoroso vortice,
sino al mattino seguente. A poco a poco, quelle eleganze e quelle
squisitezze avevano affascinato in lui il borghese rimasto sotto
la maschera dello scrittore scettico e la corazza dell'uomo rotto
alla vita. In breve, egli sentì l'ossessione di quelle eleganze, non
seppe più farne a meno, e qualche volta quasi avrebbe preferito al
suo bel nome di autore celebre un titolo qualunque, l'onore solenne
di duecentomila lire perdute in una notte di _baccarat_, il fascino
irresistibile d'essere stato vincitore di un _derby_. Ma erano
passeggeri e brevi momenti di debolezza: una seduta di lavoro lo
liberava da tutte quelle elegantissime ubbìe.

L'ironista risorgeva in lui. Venne allora la terza maniera di Farnese,
che fu quella che ebbe più successo di critica e di vendita. La
sua vita mondana a Roma, a Cannes, a Montecarlo o ad Aix-les-Bains,
lo indusse a riprodurre quella futile esistenza noncurante e nella
serietà medesima con cui il romanziere descriveva le eleganze più
deliziose e le etichette più infrangibili, si scandalizzava per la
minima scorrettezza, si entusiasmava a freddo per una marsina di
taglio inappuntabile o per l'impassibilità di un giocatore elegante
al tavolo verde, era un feroce fondo d'ironia, che sfuggiva agli
interessati ed ai colpiti, e divertiva tutti gli altri. Quei primi due
romanzi della sua terza maniera, _Catene d'Oro e Sirene_ furono sui
tabourets di tutte le principesse, nei gabinetti da fumo di tutti gli
elegantissimi. Intanto altre sue commedie trionfavano: _Una parabola,
Flavia, I tramonti_. Pubblicò anche sul giornale di Torrero, un piccolo
capolavoro di satira una serie di note intitolata _Giornale di uno
snob_, dove si risolvevano con la più esilarante compunzione questi
ardui problemi: se fossero migliori le cravatte di Boivin o di Kent,
quale ne fosse il nodo più acconcio, quale il più inglese taglio
per le giacchette; e sopra tutto una _Teoria dello smoking_, rimasta
indimenticabile, dove dieci uomini alla moda discutevano quattro ore
se fosse lecito o no indossare lo _smoking_ per teatro nelle sere
d'inverno.

Nel frattempo, egli aveva avuto due bimbi, uno maschio, Luca, che
presentemente aveva circa sei anni, ed una femmina di un anno minore,
Anna Maria. La moglie si era stancata della vita mondana, si era tutta
consacrata ai suoi bambini ed al marito e questi aveva continuato, ma
per poco tempo ancóra a correr solo i saloni, le sale d'armi, i circoli
e gli alberghi internazionali, poichè come un articolo di Claudio
Sanna, l'aveva lanciato nella bolgia letteraria, un altro articolo,
anche a firma di Claudio Sanna, lo salvò da una rovina verso cui egli
precipitava nell'incoscienza della sua nuova ebrietà. In quell'articolo
severo il vecchio maestro avvertiva Farnese delle cattive tendenze che
egli lasciava prendere alla sua opera, lo metteva in guardia contro
le sorprese dei successi troppo repentini; gli consigliava e augurava
un sano periodo di lavoro ed una nuova opera fortissima che potesse
accoppiarsi a quell'_Aurora_, rimasta fino allora il suo capolavoro.

Questo libro venne, frutto di un anno di raccoglimento e spoglio di
mondanità, e s'intitolò _I merletti_. Erano i merletti posti dalle
belle dame su le ferite sanguinolenti e turpi, l'inganno del ricamo, la
maschera di trina messa su la vergogna e sul peccato, l'eleganza che
giustifica, la massoneria morale dell'alta società: libro fecondo ed
inquieto, vera opera della maturità dell'artista. Pubblicati prima su
la _Nuova Antologia_ e poi in volume, _I merletti_ ebbero un successo
nel quale nè Farnese nè alcun altro avrebbe mai potuto sperare. In una
con tutte le sue virtù di narratore facile, elegante e drammatico, con
quelle delicatezze che pure solleticavano il gusto di qualcuno, la sua
spietata analisi psicologica, Farnese era in quel romanzo filosofo
e moralista; l'opera assurgeva a commento di un'idea, una morale vi
trionfava oramai.

Il romanziere aveva scritto questo romanzo in una villa presso Siena,
tra le tenerezze di sua moglie e le primavere gioconde dei suoi
bambini. Qualche raro amico rompeva per pochi giorni la monotonia di
quell'eremitaggio affettuoso e pensoso: Farnese serbava di quell'anno
un ricordo profumato, come del periodo più felice e più squisito della
sua vita. L'amore di Beatrice l'aveva sostenuto in questa opera di
maturità, spronandolo nelle ore di sconforto e di sfiducia, quando
pare che tutto crolli intorno all'artista in una notte densa e che il
pensiero vacilli; confortandolo nelle ore di tristezza, distraendolo
quando la sera, seduto per terra, egli chinava la fronte stanca sul
grembo di lei, al lume roseo della lampada, mentre dalle stanze
contigue giungevano i gridi spensierati del piccolo Luca e della
fragile e bionda Anna Maria. Ella era stata la guida e la mèta, lo
sprone e il riposo, collaboratrice e compagna, amante ed amata.

Giuliano Farnese aveva allora trentacinque anni. Finito il romanzo
_I merletti_, mentre questo correva trionfalmente l'Europa nel testo
autentico ed in quattro traduzioni, lo scrittore condusse la piccola
famiglia al mare, a San Remo, dove egli aveva una villa e dove Loredano
li raggiunse da Vichy; Farnese vi si riposò per due mesi senza toccare
la penna. Al loro ritorno in Roma, dopo un'assenza di più di un anno,
Farnese si era dedicato a una nuova commedia: _La chimera_. Ultimatala
nel febbraio, aveva ricevuto un bigliettino da Savarese, direttore del
Teatro Nazionale, che gliela domandava a ottime condizioni. Egli aveva
volentieri acconsentito, stabilendo col Savarese un convegno. Questi
si era ben guardato dal mancarvi e si era presentato nell'appartamento
che Farnese abitava in un villino del Macao, (accompagnato da Claudina
Rosiers che il commediografo non conosceva), avendo già nella tasca del
soprabito il contratto da firmare.

Claudina Rosiers aveva ascoltato nervosamente la lettura della
commedia. In certi momenti aveva pianto, mentre Farnese ironicamente
sorrideva. Poi, andandosene con Savarese, ella aveva guardato lo
scrittore con gli occhi ancóra pieni di lacrime, convulsa. Questi
era rimasto un momento a guardare la porta donde i due erano usciti.
Poi, scosse le spalle, aveva acceso una sigaretta e si era rimesso al
lavoro.

Una settimana dopo le prove erano incominciate.



III.


Egli aveva lasciato Claudina Rosiers dopo quell'invito lanciatogli
non ostante la severità di poco prima, ciò che affermava il vivo
desiderio dell'attrice di rivederlo ancòra. Egli aveva schivato,
durante tutto il pomeriggio di entrare in discorsi troppo intimi con
la signorina Rosiers e invece, in quella carrozza e per quelle scale,
era stato debole ed irriflessivo come un fanciullo. Era uscito dal
teatro con l'intenzione di andar subito a prendere il piccolo Luca,
appena riaccompagnata Claudina ed invece le sette e mezza suonavano
all'orologio della Trinità dei Monti, quando egli traversava la piazza
di Spagna, col bavero di lontra del suo soprabito freddolosamente
rialzato. Fermò una carrozza che passava vuota e diede al cocchiere
il suo indirizzo, raccomandandogli di far presto. Però appena chiuso
nella carrozza, quell'ombra e quel tepore gli ricordarono Claudina;
e passando sotto le finestre dell'attrice, lo scrittore non seppe
trattenersi dall'accostare il viso al cristallo dello sportello per
intravedere, come intravide, la fine figurina di Claudina Rosiers
disegnata bruna sul rettangolo luminoso della finestra. Certamente
non era amore quel desiderio della compagnia dell'attrice, che
l'aveva preso da poche ore. Poteva meglio esser considerato come il
fascino di quella giovinezza, come l'attrattiva prepotente di quella
verginità ch'ella gli aveva esaltato così orgogliosamente. D'altra
parte, egli poteva considerarsi ancòra come un marito amante della
moglie, poichè qualche rapida corsa su la pista fallace dei facili
amori non poteva considerarsi come un alto tradimento o come la
conseguenza di un disamore.... Egli aveva quasi degli obblighi sensuali
di rappresentanza. Per la sua fama, per la sua posizione influente,
le carezze femminili gli erano esibite continuamente, per brama di
scandalo o per curiosità o per guadagno o per desiderio di renderselo
amico e favorevole. Pure avendo schivate quante più poteva di quelle
voluttuose esibizioni, lo scrittore non poteva sottrarsi ad ogni
profferta nè poteva ringraziare e rimandare, semplicemente, ognuna di
quelle generose. Gli uomini invidiosi vigilavano poco lontano e Farnese
non voleva assumere l'aspetto ridicolo ed umiliante di casto Giuseppe
o di marito irragionevolmente fedelissimo. Aveva così conquistato
quella abilità, ch'egli chiamava diplomazia amorosa, consistente nel
limitarsi al minor numero possibile d'imbarcamenti per Citera, e nel
compiere quei pochi innanzi ad una fitta folla di spettatori rabbiosi.
Le donne di teatro volevano essere compromesse da lui per avere il
vanto di essere sue amanti; nè Farnese chiedeva di meglio; e, se doveva
baciarne una, coglieva il momento, tra una quinta e l'altra, in cui i
soliti spettatori potessero vedere. Per questa ragione, egli pensava
nel tepore di quella carrozza che gli ricordava l'attrice, come le
parole e i sospiri di costei potessero non essere altro che una ancòra
di quelle voluttuose esibizioni che lo perseguitavano su le tavole dei
palcoscenici ed in qualche salotto di donna elegante. Tuttavia Claudina
Rosiers non era una donna vana e leggera, nè poteva ammettersi in lei
una venalità qualsiasi, poichè i suoi guadagni del teatro erano più
che sufficienti alle necessità della sua vita modesta. Inoltre quella
verginità ch'ella aveva saputo conservare pur passando per tanti
ambienti diversi e corrotti, quella verginità intatta malgrado tante
traversie e tante miserie, doveva essere per l'attrice un così prezioso
patrimonio da non gettarlo e disperderlo per un trionfo della vanità o
per il desiderio di un momento. Se ella, dunque, avesse concesso quel
fiore a Farnese, egli avrebbe potuto essere sicuro dell'amore di lei,
della passione che la inebriava. Ma egli non voleva quella concessione,
intendeva di schivare quella sicurezza su una passione che sarebbe
stata o dolorosa o delittuosa. Il ricordo di sua moglie gli attraversò
il pensiero e ripensò la devozione di lei, la sua tenerezza, la sua
immacolata fedeltà. Ella si sacrificava in silenzio, paga del solo
amore dei suoi bambini, cullando l'unico sogno dolcissimo del loro
avvenire e della loro felicità. Tuttavia l'assistenza e l'appoggio
dell'uomo ch'ella amava non dovevano venire a mancarle, poichè
solamente in quelli la buona creatura riponeva il suo conforto ed il
suo compenso. L'idea di un più affettuoso riavvicinamento alla moglie
attraversava con insistenza il pensiero dello scrittore e gli appariva
possibile, poichè, le prove del _La Chimera_ terminando tra pochissimi
giorni, egli non avrebbe avuto più occasione di tornare su le scene del
Teatro Nazionale e di incontrarvisi nuovamente con Claudina Rosiers.
Questi saggi propositi erano a volte spezzati da lampi di desiderio
suscitati dal ricordo della bellezza dell'attrice; ma, spento il
pallido lampo, i buoni proponimenti tornavano, ed in uno di questi
ritorni, al momento che la carrozza si fermava d'innanzi al cancello
della sua casa ed il cocchiere discendeva ad aprire lo sportello, lo
scrittore aveva deciso di non andare quella sera al Teatro Nazionale
e di mandare un biglietto di scusa con un pretesto a Claudina Rosiers,
subito, prima che avesse avuto il tempo di mutar parere.

Nel frattempo egli aveva salito le scale e subito i bambini erano
accorsi al rumore del suo ingresso nell'anticamera che una lampada
sospesa, coperta da un globo di cristallo azzurro, rischiarava
dolcemente. I bambini, che si erano aggrappati a lui anche prima che
egli avesse potuto sbarazzarsi del soprabito, gridavano festosamente.

— È venuto lo zio Leonardo! È a Roma e resterà. È arrivato oggi, dopo
colazione.

— Lo zio Leonardo, qui?

Mitigato il suo primo impeto di piacere che lo spingeva ad entrare nel
salotto dove sua moglie era con suo fratello Loredano, lo scrittore
ricordò la lettera da scrivere a Claudina, e volendo scriverla
subito come aveva saggiamente deciso, prese i bambini per la mano, e
parlando sottovoce, raccomandò loro il silenzio: poi con aria comica
e misteriosa, li condusse nel suo gabinetto da lavoro. Il piccolo Luca
e la bionda Anna Maria lo seguivano, gravi e compunti, interessati ed
incuriositi da quel mistero, camminando su le punte dei piccoli piedi.

Nel gabinetto da lavoro del papà si sedettero su due grandi seggioloni,
ove rimasero, senza pronunziar parola, tutto il tempo che Farnese
impiegò a scarabocchiare sopra un cartoncino queste poche righe:


                                                       _Lunedì sera_,

«Mia buona Claudina, l'uomo propone e le combinazioni dispongono.
L'arrivo, annunziato per stasera, di mio cognato Leonardo Loredano
mi vieta di venir da voi, come vi avevo promesso, a godere un poco
della vostra compagnia in quel vostro così intimo camerino del Teatro
Nazionale. Perdonatemi e compatitemi.

                                                            FARNESE».


Poi, mentre lo scrittore chiudeva la busta e vi segnava il nome e
l'indirizzo di Claudina Rosiers, i due bimbi si erano avvicinati al
padre ed il piccolo Luca aveva dimandato con la stessa aria di mistero,
usata poco prima da Farnese:

— Devo chiamare Stefano per mandare quella lettera?

Poi, presa la lettera dalle mani del padre, con una comica serietà,
l'aveva tesa al domestico comparso alla chiamata, dicendogli:

— Questa lettera al suo indirizzo e sùbito.

Uscito il domestico, i bimbi si arrampicarono alle spalle del padre,
ridendo e gridando così forte che la voce della mamma li richiamò dalla
stanza vicina. Allora Farnese, più tranquillo, era entrato nel salotto,
dove Loredano, seduto presso la sorella, si scaldava le mani a un'ilare
fiammata.

— Finalmente sei rientrato, disse Beatrice, ma bisogna compatire
l'autore drammatico nell'esercizio delle sue funzioni. È vero,
Leonardo?

Leonardo si sciolse dall'abbraccio di Farnese per rispondere alla
sorella, ma la sua risposta fu troncata dai gridi dei bimbi che,
pieni di gioia, saltavano e battevano le mani intorno allo scrittore.
Beatrice si rivolse al marito e domandò con la sua dolcezza abituale e
pensierosa:

— Resti in casa, stasera?

— Tutta la serata: metà per te, metà per Leonardo.

— Ti ringrazio per la mia metà, disse ridendo Leonardo e ritornò
accanto al fuoco per tendere le mani verso la fiamma brontolante.

— Sono enormemente stanco, diceva Farnese, tenendo su i ginocchi il
piccolo Luca che prestava attenzione con serietà buffa. — Mi sono
alzato alle sette. Ho lavorato sino a mezzogiorno. Figurati, Loredano,
che una settimana fa sono venuti a domandarmi un lungo studio su
Swimburne per una rivista nuova. Dovevo consegnarlo quest'oggi e non
avevo scritto una parola, non avevo una nota a pagarla un tesoro. Poi,
colazione. La tua signora sorella era magnifica in una veste da camera
rosa della quale puoi giudicare tu stesso. Poi, le prove sino alle
cinque. Dalle cinque.....

— È stato con la signorina Rosiers. Le ha scritto or ora.

Farnese credette bene di non raccogliere quella frase intempestiva del
piccolo Luca, ma, avendo visto negli occhi di Beatrice un'ombra incerta
che esprimeva insieme dolore ed ira, volle ripararvi:

— Il piccolo Luca, spiegò, è in collera col suo papà perchè non è
venuto a prenderlo per la passeggiata, come gli aveva promesso stamane.
Non è vero, Luchino? — Ed avendo il bimbo assentito del capo, aggiunse
volgendosi a Loredano e poi a Beatrice: — La signorina Rosiers mi ha
mandato dalla sua sarta a vedere i tre abiti pronti per la _Chimera_
ed ho fatto tardi. Ora, siccome stasera desidero di restare in casa con
voi, le ho comunicato i miei appunti e i miei consigli da profano.

Mentre costruiva questo piccolo ed abile edifizio di menzogne, egli
osservava sua moglie, la cui fisonomia si rischiariva subito con un
riflesso di piacere e di calma. Beatrice aveva sùbito ricominciato
a parlare con Loredano, mentre Farnese pensava con soddisfazione
all'abilità spiegata nel riparare all'imprudente frase del piccolo
Luca. Chiunque altro si sarebbe stupito della facilità con la quale
sua moglie aveva accolte per vere le sue spiegazioni, ma egli aveva
talmente corso la vita di qua e di là, che da molto tempo oramai non si
stupiva di niente!


Il pranzo era cominciato, fra le domande di ogni sorta rivolte a
Farnese da Loredano riguardo alla nuova commedia, alla cui prima
rappresentazione egli era venuto ad assistere. Farnese con piacere —
e tutto l'autore si rivelava in questo piacere — aveva parlato a lungo
della sua opera, narrandone il soggetto, commentandone lo svolgimento,
dando notizie su l'andamento delle prove e su le varie probabilità di
interpretazione e di successo. Da queste notizie erano presto passati
ad una discussione artistica e Loredano, che non chiedeva di meglio,
vi si era lanciato intieramente. Per la ventesima volta, ripresero
una loro discussione sul teatro, passarono ad enumerare capolavori e
successi, e Beatrice potè udire frasi come queste:

— Io non scriverò più per il teatro. Il teatro è un'arte inferiore,
diceva Loredano. Non so più chinarmi ad affrontare il giudizio del
pubblico, molte volte ingiusto ed irragionevole, nè posso subire i
vincoli che m'impone il teatro, sopra tutto quello di dover pensare
ad una media intellettuale del pubblico, ad un _average reader_,
come dicono gl'Inglesi. È per questo appunto che il teatro è un'arte
inferiore.

— No, non è inferiore! protestava Giuliano. Come puoi dir tale un'arte
che ha avuto Shakespeare: Shakespeare, l'uomo più profondo della terra,
il creatore umano più sublime?

— E che significa? Shakespeare era un Dio! rispondeva Loredano. Al suo
confronto io non sono che un abatino e di conseguenza non scriverò mai
più commedie in vita mia...!

— Giuramento da marinaio! interruppe Beatrice ed aggiunse finemente,
sorridendo: — Come si intitola quella che stai scrivendo?

Si rise. Il piccolo Luca, pur non avendo capito, vide ridere gli altri
e proruppe in un grande scoppio di ilarità.

— Ecco, continuava Farnese, tua sorella ha detto la morale della
favola. Eh, eh! mio caro, si nasce autori drammatici come si nasce
assassini.

— Il paragone è lusinghiero, esclamò Beatrice.

— Ma molte volte esatto! disse Leonardo ridendo; ed aggiunse: —
Soggiogarsi al pubblico? No, no, mai più! Il pubblico.... chi è? cos'è?
cosa vuole? Mistero. Sai chi ha detto la vera grande parola sul teatro
e sul pubblico? Il tuo Orazio in una delle sue _epistolae_, quando al
rumore degli applausi per un attore che non ancòra aveva parlato, egli
domanda al pubblico: _Dixit adhuc aliquid? Nil sane. Quid placet ergo?
Lana Tarentino violas imitata veneno._

— Io non sono dotta in latino, interruppe la sorella, come Ninon de
Lenclos. Vuoi tradurmelo?

— Significa: Disse ora qualcosa? Niente affatto. Ed allora che cosa
si applaude? La lana che imita le viole con veleno tarentino. — Poi
rivolgendosi a Farnese continuò: — Mio Dio, ora non si applaude più
alla lana che imita le viole, ma è certo che le gambe ed i fianchi
di un'attrice hanno un'enorme importanza nella riuscita di un'opera
d'arte.

Beatrice ascoltava sorridendo quei discorsi uditi tante volte! Talvolta
qualche parola di suo marito la riconduceva col pensiero a Claudina
Rosiers. Ella non era veramente gelosa di costei, ma sospettava sempre
della castità delle visite che Farnese faceva in palcoscenico. Lo amava
molto e temeva quelle donne estranee che avevano per lui i fascini e
gl'inganni delle ignote. Tuttavia non aveva mai espresso a Giuliano
quei suoi timori per un sentimento misto di orgoglio e di rispetto:
orgoglio perchè non voleva ammettere la possibilità che suo marito
potesse anteporle un'altra donna qualunque; rispetto perchè non voleva
stimarlo capace di un tradimento o di una calcolatrice commedia di
affettuosità e di devozione verso di lei. Nè Giuliano aveva mai pensato
che sua moglie potesse sospettare e soffrire per la sua vita fuori
di casa, che era tanta e così turbinosa. Egli traversava l'esistenza
con una certa noncuranza, occasionata anche dal fatto ch'egli non
reputava tradimenti e colpe quelle sue brevi cadute senza conseguenze
sul terreno sdrucciolevole della galanteria facile ed interessata.
Così che, riparata alla meglio la frase imprudente del piccolo Luca,
egli, non pensando che ciò potesse procurare a Beatrice preoccupazioni
moleste, seguitava a parlare della signorina Rosiers con entusiasmo
trascendentale. La donna taceva; così che, quando Loredano dimandò
se l'attrice esaltata era bella e se era pericolosa per la fedeltà di
Giuliano, ella levò sùbito il viso incontro al marito. E stupita che
Loredano avesse pronunziato, con la sua ultima domanda, le parole che
le si agitavano nella mente, disse, osservando l'impressione che le sue
frasi esercitavano sul volto del marito:

— La signorina Rosiers? È veramente bella, ma dicono anche che sia
onesta. Sebbene queste assicurazioni sieno il più delle volte erronee,
pure ciò mi tranquillizza molto sul conto di Giuliano. Del resto,
s'egli penserà diversamente non avrà che a dirmelo ed io prenderò
una strada diversa per dignità mia, per mia pace e per lasciarlo
tranquillo. Ma tutte queste sono sciocchezze, — concluse ridendo e
prendendo la mano del marito — grandi sciocchezze e non vi è nulla di
nulla! Non è vero, Giuliano?

Al primo momento di quella uscita inattesa, e mentre Beatrice trasaliva
fin nelle più intime fibre per l'ansia di cogliere un'espressione
sincera nella risposta di suo marito, questi non si rese subito conto
di quel che potesse significare quel discorso; ma poi, prendendo
tempo col raccontare ciò che si diceva su l'onestà della Rosiers,
potè convincersi che le parole di Beatrice erano quelle di una donna
che vuol convincere e rassicurare prima di tutti, sè stessa; intuì,
perciò, che bisognava usar prudenza, non per aver agio maggiore
nelle sue relazioni, ma per evitare dissidii famigliari e laceranti
preoccupazioni a sua moglie; così che, ritrovato il suo sangue freddo,
giocò di abilità e di prudenza conchiudendo col dire:

— È appunto per questa sua onestà che tu puoi essere tranquilla su
Claudina Rosiers a mio riguardo. Ella cerca un marito e non un amante,
un nome e non uno scandalo qualunque. — Poi subitamente e ridendo per
aggiungere colore di verità alla sua indifferenza, disse ancòra: — Vuoi
esserle presentato, Leonardo? Chi sa che non possiate amalgamarvi.....

I bimbi si erano già levati da tavola e, dopo una debole risata di
Loredano, un silenzio imbarazzante si era fatto intorno alla mensa.
Al centro di questa, in un gran _parterre_ d'argento cesellato, era
una quantità enorme di violette di Parma, la cui seta oscura era
interrotta dal velluto di qualche rosa gialla. Farnese aveva ripreso a
parlare con molta gaiezza, lieto per quell'ambiente intimo e raccolto;
e si compiaceva per le argenterie e le biancherie che splendevano
e biancheggiavano ancòra più sotto la bruna ombra di quel tappeto
di violette e di rose. Beatrice prendeva dal vaso alcune di quelle
violette e le sfogliava lentamente, fogliolina a fogliolina, mentre il
marito aveva ripreso a sviluppare le sue idee sul teatro.

— Una commedia, egli diceva, è, come affermava Balzac, l'opera più
facile e la più difficile per lo spirito umano: è un giocattolo di
Norimberga od una statua immortale, è un pulcinella o una Venere...
Dimmi piuttosto che è necessario pel teatro un ingegno speciale, se non
un grande ingegno. Prova ne sia lo stesso Balzac, il quale chiamando
melodrammi miserabili le creazioni di Hugo, non è mai riuscito a
finire quella sua commedia in cinque atti, _Joseph Proudhomme_, tante
volte e così minutamente annunziata alla sua contessa Hanska! E non si
può negare che nei suoi romanzi Balzac mostrasse pel teatro tutte le
attitudini desiderabili!

Mentre continuava in questi discorsi, osservando la moglie, come un
altro si sarebbe detto: «Non sospetta, e del resto non ve ne sarebbe
alcuna ragione» egli si diceva: «Bisogna farle smarrire le tracce
per qualunque evenienza». Sotto le sue apparenze noncuranti e non
ostante le sue continue fanfaronate, lo scrittore aveva la qualità
principale della prudenza: la riflessione. A traverso le futilità di
alcuni suoi discorsi, per esempio, si poteva scorgere la trama di un
suo disegno dei più serii. In ogni occasione della sua vita egli si
era conservata aperta una via d'uscita, aveva tutelata una possibile
ritirata decorosa. Giammai egli si era trovato in condizioni diverse
da quelle che aveva preparato egli stesso. Tutte quelle parole ch'egli
pronunziava, sempre con una gaiezza spensierata o fanfaronesca, erano
prima state lungamente pesate, valutate, discusse. In somma, nella
vita, per non essere sorpreso inopportunamente, egli recitava una parte
che egli stesso si era scritta e che aveva a lungo meditata e studiata.
Così che, al momento in cui il domestico mesceva la spuma candida
dell'_extra-dry_ nelle esili coppe di cristallo e quelle coppe erano
levate per augurare fortuna alla nuova commedia sua, egli diceva con la
più semplice ed indifferente aria di questo mondo:

— A proposito di Claudina Rosiers posso dirvi sotto ogni riserva, però,
che si mormora tra le quinte di un progetto di matrimonio fra Claudina
e Lorenzo Gray. Quello che so di certo è che l'attrice è molto tenera
per il suo patito. Anche oggi, dopo la prova, sono usciti insieme
dal teatro, Gray l'ha accompagnata a casa e mi dicono le sue amiche
che di solito egli sale e vi resta. D'altra parte, non sarebbe un
cattivo affare per la Rosiers: Gray è un buon attore, ben pagato, di
sicuro avvenire, è un bel giovine, un bravo figliuolo e niente affatto
geloso! — Poi, come gli venne da ridere, pensando a quella sua ultima
affermazione a proposito di quell'Otello in cravatta bianca che era
Gray, cercò di spiegare la sua improvvisa ilarità, dicendo: — Tutto
andrebbe bene. Mi dispiacerebbe solo per Leonardo che non potrebbe più
amalgamarsi.....


Il risultato di quel contegno non si fece attendere. Al levarsi di
tavola, Beatrice prese il braccio di lui e lo strinse al seno con un
gesto pieno di confidenza e di affettuosità. E nella conversazione che
seguì nel salotto, dopo che i bambini furono condotti via dalla Miss,
trovò modo di essere così gentile, così amabile, così affascinante che
in un momento ch'egli era uscito, Loredano disse alla sorella:

— Egli ti ama sempre molto. Puoi essere felice!

— Oh sì, rispose Beatrice, non potrebbe essere più buono e più mio.

— E tu avevi dei sospetti su quella Claudina Rosiers? dimandava il
fratello.

— Già, scioccamente, rispose Beatrice. Ma ora sono tutti dissipati e la
scioccherella fa ammenda.

La povera donna non avrebbe mai sospettato che suo marito fosse uscito
dal salotto, appunto alla ricerca di un pretesto plausibile per andar
fuori e recarsi da Claudina. A poco a poco, nella serata, il fascino
dell'attrice lo aveva ripreso e gli era sembrato stupido interdirsi
per quella sera il piacere spirituale che gli procurava la vicinanza
dell'attrice. Uscito dal salotto, si era recato nel suo gabinetto
da lavoro ed aveva cercato nel cassetto della sua corrispondenza
le lettere, i bigliettini ed i brevi telegrammi di Claudina. Aveva
scelto un bigliettino dell'attrice, ricevuto molte sere innanzi, ma
senza data, bigliettino in cui l'attrice lo pregava di passare prima
della mezzanotte dal teatro, per un affare urgente riguardo alla messa
in scena della sua nuova commedia. Farnese prese quel biglietto e
mandò il domestico in cerca della sua corrispondenza serale. Quando
l'ebbe, vi mise in mezzo la lettera di Claudina e rientrò nel salotto.
Mentre Loredano parlava a Beatrice del suo ultimo viaggio nelle
Fiandre, Farnese si era seduto in un angolo del salotto per aprire e
scorrere quella ventina di lettere e di giornali. Giunto alla lettera
di Claudina, aveva fatto con un suo coltellino d'oro il gesto di
tagliare l'orlo della busta e, scorse appena poche righe, con un gesto
d'impazienza aveva detto:

— Nè pure stasera posso restare tranquillo. Ecco qua la Rosiers che mi
manda a chiamare per un affare urgente.

Ed aveva tesa la lettera. Quelle parole erano state pronunziate con
tale sincero accento di ira e di fastidio, che Beatrice aveva mormorato
un «Povero Giuliano!» che, avendo fatto sorridere finemente Loredano,
aveva procurato a Farnese una puntura di rimorso per la commedia
indegna da lui recitata. Tuttavia seguitò a recitarla; e appunto
Beatrice dovette pregarlo di recarsi al teatro, poichè l'affare poteva
essere veramente urgente e la sua presenza necessaria. Egli osservava
intanto, con compiacenza, che il suo strattagemma non aveva destato
alcun sospetto in sua moglie; volle però ribadire quella sua fiducia
con un ultimo colpo di azzardo, dicendo a suo cognato:

— Loredano, vieni anche tu! Ti presenterò a Claudina e vedremo se vi si
potrà davvero amalgamare.

Egli aveva trascorso un minuto di ansia, prima che Loredano avesse
rifiutato l'invito, pretestando il lungo viaggio fatto e la notte
vegliata. Ma, mentre Farnese infilava la pelliccia e stava per prendere
congedo, Beatrice insistette presso il fratello perchè si recasse
anche lui al Teatro Nazionale. Farnese capì che Beatrice desiderava
segretamente che Leonardo l'accompagnasse per essere più calma e
sicura, e quella sua prudente riflessione lo indusse ad insistere
scherzosamente con Leonardo, a fine di mostrare come la sua visita
all'attrice non avesse un secondo fine da nascondere:

— Vieni, egli insistette, t'assicuro che l'amalgama è invitante. Il
metallo è delizioso!

— Ma il mercurio, rispose Loredano accennando sè stesso, è così gelato
stasera, che l'amalgama sarebbe chimicamente impossibile.

Scampato dal pericolo Farnese, si guardò bene dall'insistere ancora,
e, salutando i due, ebbe una sorpresa quasi dolorosa nel leggere sul
pallido volto di sua moglie tanta amorosa confidenza.



IV.


«Il mio cuore» — si diceva poco più tardi Farnese mentre la carrozza
chiusa correva lungo la splendente via Nazionale verso il civettuolo
teatro — «è come una di quelle famose scatolette cinesi che ne
contengono successivamente altre cinque o sei, sempre più piccole,
l'una incastrata nell'altra. Il mio amore per Beatrice, che tuttavia
è indiscutibile, mi permette, per esempio, di recitare commedie
come quella che ho recitato poc'anzi per potere andare da Claudina
Rosiers. Nella scatoletta successiva vi è il rimorso per l'inganno ed
il desiderio di restar con Beatrice; ma in quella incastratavi dentro
trovo invece il desiderio di riveder Claudina. Così sono sicuro di
trovarne dentro a questa, ritornando dal teatro, un'altra che conterrà
una coerentissima noia ed il pentimento per l'inutilità di ciò che ho
fatto stasera... e nuove lotte fra il rimorso e il desiderio, fra la
ragione e l'impulso. Ah, che cosa ridicola!» Ma tutta questa saggia
analisi non gli impediva di avere il cuore preso da una gioia quasi
infantile e che si rivelava in gesti allegri e numerosi, quanto più
la carrozza s'avvicinava alla bianca facciata dell'elegante teatro.
«Io invento le favole per giustificare a mia moglie la mia condotta» —
egli aggiungeva, in un altro momento di rimorso — «e poi, quando vedo
ch'ella mi presta fede e soffoca in mio onore ogni minimo sospetto,
faccio il viso di un Trissottino che ascolti lodare Vadio. Ancòra
un'altro trionfo della coerenza!» Osservazione che non gli impediva,
appena disceso innanzi al grande scalone di marmo del teatro, di
domandare ad un impiegato, e con una mal dissimulata ansietà nella
voce, se Claudina Rosiers era in scena. Avuta una risposta affermativa,
egli salì un po' contrariato le scale, guardò la sala dal cristallo
ovale della porta della platea: vide Claudina in scena, vide i suoi
gesti ma non ne udì le parole, e l'automaticità di quei gesti senza
parole lo fece sorridere mentre, percorrendo il corridoio del primo
ordine di palchi, arrivava al palco di proscenio che è quasi su la
ribalta e bussava su la piccola porta col pomo di cristallo del suo
bastone per farsi aprire dal palchettaio. Appena entrato, guardò la
sala, rispose a cinque o sei saluti direttigli dai palchi o dalle
poltrone, ma si rivolse subito alla scena, poichè _La visita di nozze_
era giunta al punto in cui, Cygneroi uscito, la povera donna prorompe,
accompagnando il gesto del fazzoletto, in quel «Pouah!» più eloquente
di cento parole, quel grido che viene dall'anima e dalla coscienza in
rivolta, quel grido che riassume, a quel punto ed in quel senso, tutto
il disprezzo di una grande miseria umana. Una salva di applausi aveva
tenuto dietro a quel «Pouah!» detto da Claudina Rosiers con violenza ed
efficacia meravigliose. Mentre la commedia volgeva rapidamente verso la
malinconica fine, Farnese seguitava ad osservare la sala dal fondo del
palco, dove s'era rifugiato per non essere visto dall'attrice e darle
d'improvviso in palcoscenico il piacere della sua visita inattesa. E
non appena il sipario cominciò a cadere fra gli applausi, lo scrittore
uscì dal palco, dirigendosi verso la porta delle scene: ma per arrivare
a quella porta, cui egli si avviava in fretta a fine di giungere da
Claudina prima che gli importuni l'avessero avvicinata, lo scrittore
dovette traversare il grande _foyer_ del primo piano risplendente di
marmi, di specchi e di luce elettrica. Aveva appena schivato un gruppo
di giornalisti, quando una mano si posò su la sua spalla e una voce lo
chiamò per nome:

— Ah, siete voi, Filangieri? disse lo scrittore volgendosi e
riconoscendo l'uomo che l'aveva salutato. Come mai da queste parti?
Non più alle ballerine si limita la vostra caccia serale, ma si estende
anche alle commedianti? I miei complimenti!

— _Pardon, pardon_, rispose Filangieri con una pronunzia che
marcava l'_erre_ e non prendendo la mano che Farnese gli tendeva per
congedarsi. Io non ho mai limitato le mie cacce, come dite voi, alle
ballerine od alle commedianti; mio Dio, fra le starne e le quaglie la
differenza non è molta..... Ma ora vengo qui perchè quella Claudina
Rosiers è veramente graziosa e mi dicono anche che sia molto, dirò
così, assediabile... Che ne sapete voi? voi, autore drammatico?

Farnese dovette faticare a vincere la tentazione che gli era venuta
di picchiare sul cappello luccicante del fatuo bellimbusto. Cercò di
rispondergli a dovere, ma Filangieri aveva già cambiato discorso e gli
domandava con falso interesse:

— E voi che fate? Lavorate? Lavorate? A che, se si può sapere? È molto
tempo che non abbiamo più nulla di vostro! Sarete crudele per molto
tempo ancora?

— Non credo, rispose Farnese, osservando la faccia glabra e il colorito
rossastro e la figura tozza e grossa dell'aristocratico _viveur_,
poichè da quindici giorni tutti i giornali annunziano nelle loro
cronache la mia nuova commedia che andrà in scena qui fra tre o quattro
giorni. Buona sera.

E, stretta la mano dell'elegante, si allontanò per rivoltarsi poi a
vedere il naso lungo fatto dal suo interlocutore a quella inattesa
risposta che l'aveva lasciato male. Un po' infastidito per il ritardo,
lo scrittore arrivò al palcoscenico, traversò la scena già pronta per
il nuovo atto, passò in mezzo alla folla dei comici senza fermarsi
con nessuno, arrivò al camerino di Claudina, bussò discretamente alla
porta col pomo di cristallo del suo bastone e, mentre un'indifferente
voce femminile rispondeva «avanti», egli entrò. Ma quale non fu la
sua delusione nel trovare Claudina circondata da quattro abiti neri,
che esponevano in quel camerino d'attrice ed intorno a quella donna
bella la loro imbecillità e la loro presunzione! Chiunque avrebbe
potuto leggere sul volto di Claudina un'eguale ed intensa espressione
di fastidio, il cui significato, dopo l'ingresso di Farnese, era
evidentissimo e chiunque avrebbe compreso che il meglio da fare era
ritirarsi e lasciar libera la piazza. Non certo i quattro visitatori
capirono questo, pur avendo osservato quell'espressione di contrattempo
disegnarsi sul volto dell'attrice. Essi erano quattro purissimi
rappresentanti di quella speciale gioventù che passa l'esistenza,
consentita a loro oziosa dalle eredità famigliari, tra le sale dei
circoli ed i bars equivoci, le orizzontali ed i _bookmakers_. Essi
odiano i salotti perchè il loro spirito grossolano, la loro ignoranza
presuntuosa e le loro attitudini equivoche ve li fanno trovare a
disagio. Ogni sera, dalle otto alle tre di notte, si incontra ovunque
la loro marsina perfetta ed il loro monocolo inglese, ogni sera
espongono la loro bestialità e la loro volgarità. Ed il più triste
è questo: che il più delle volte questi bei campioni hanno i nomi
più illustri dell'aristocrazia europea e su ciascuno di essi, si può
mettere, come faceva Farnese su quei quattro, un nome venerato di papa,
di cardinale o di guerriero e su la loro carta da visita — che lasciano
alle più volgari donne galanti con due righe d'invito o di scusa —
hanno gli stemmi più immacolati e gloriosi. Farnese pensava questo,
guardando quei quattro, uno dei quali era un conte di Fontanerose, il
cui trisavolo era stato uno dei più illustri generali savoiardi, ed ora
il giovane conte era celebre fra i suoi camerati per le sue relazioni
ridicole con una orizzontale quarantenne; un altro, un Sammartino,
aveva il padre ministro fra i più stimati e la sua famiglia era fra le
più chiare per opere d'ingegno e di spada — mentre il giovane rampollo
era divenuto celebre per aver giuocato in una notte di _baccarat_ un
suo palazzo del valore di cinquecento mila lire; il terzo, un giovine
imberbe di venti anni ma già logoro e vizzo, un Morosini, aveva gli
avi fra i dogi ed i più eminenti personaggi della gloriosa Repubblica
Veneta e si diceva che il giovinetto minacciasse la madre, quando
la povera donna ricusava di dargli quel denaro, che egli portava a
una comparsa da operette in compagnia della quale si ubbriacava di
acquavite, tutte le sere, in un fetido _bar_ di via Cavour; il quarto,
infine, un tal Santacroce, ultimo avanzo di antichissima famiglia
fiorentina, — che aveva avuto un avo paterno in Palestina a combattere
nelle crociate a fianco di Goffredo di Buglione per la liberazione di
Gerusalemme ed il cui nome è ricordato da Torquato Tasso nel suo poema
come quello di uno eroe integerimmo — era già stato escluso da tre
_clubs_ milanesi e veneziani perchè sorpreso mentre barava al _whist_.

Ripensando la storia di quei quattro importuni, Farnese, che in altri
momenti se ne sarebbe rattristato, sorrise di un amaro sorriso ironico.
I quattro fantocci, che avevano teso con gravità ed estrema eleganza
inglese la mano allo scrittore, ricominciavano a discorrere delle gambe
di una danzatrice ungherese del caffè delle Varietà, delle acconciature
di una cantante dell'Olimpia, delle prossime corse a Tor di Quinto
e delle probabilità di rivincita di _Jenny_ o di _Saut-de-terre_,
dell'ultima partita di Sammartino al Circolo del Remo, dell'abilità del
giovane Morosini a confezionare i _cocktails_ americani. Farnese non
nascondeva il suo fastidio, mentre Claudina tentava di fargli capire
come ella fosse annoiata dalla presenza di quei quattro bellimbusti
e, ad un dato momento, avvicinatosi all'attrice col pretesto di
prendere una _parte_ manoscritta che era sul tavolo, egli le disse
nell'orecchio: «Me ne vado.» Allora l'attrice si levò e spinse fuori
dal camerino i quattro bellimbusti, che si erano anch'essi levati con
lei, dicendo loro:

— Miei cari signori, perdonatemi, ma io devo vestirmi e se la vostra
compagnia è piacevole, io devo ancora cenare.

Uno stupido gridò:

— Venite a cena con noi. Ci divertirete.

— Verrei, rispose l'attrice dalla porta socchiusa, se voi aveste, per
un caso miracoloso, la medesima possibilità di divertir me!

Quello dei quattro che aveva più spirito, Santacroce, mormorò
inchinandosi alla porta del camerino della commediante:

— Toccati!

Ma gli altri protestarono perchè Farnese era rimasto dentro. Santacroce
mormorò:

— I vantaggi degli autori!

Poi, non avendo avuta alcuna risposta, i quattro si allontanarono
fra le quinte, mormorandosi l'un l'altro e con grande convinzione:
«È lui l'amante, è lui l'amante!» alludendo allo scrittore rimasto
nel camerino. Intanto Farnese aiutava l'attrice ad infilare una
grande _redingote_ di foggia maschile e di color bleu e le tendeva
la piccola _toque_ di velluto celeste. Claudina e Farnese rividero
i quattro bellimbusti, poco più tardi, fermi innanzi alla porta del
teatro per assistere all'uscita delle signore. I quattro fecero, per
essere osservati, una grande scappellata a Claudina, nel momento in cui
l'attrice aiutata dallo scrittore saliva nella carrozza chiusa di lui.
La carrozza partì subito per la oscura via della Pilotta. Lo scrittore
aveva presa la mano all'attrice e le sfilava il guanto, mentre ella gli
offriva di salir da lei a bere una tazza di buon thè autenticamente
russo, per riscaldarsi un poco. L'attrice tacque per qualche minuto,
poi cominciò a ritirare la mano; e Farnese chinandosi verso di lei
potè vedere, al gran chiarore argenteo dei riflettori elettrici
della Fontana di Trevi, due piccole lacrime brillare e gonfiarsi
nell'intercilio della graziosa donna. Tacque anch'egli e tale era la
lotta che si svolgeva in lui, che non trattenne nemmeno la mano della
compagna, che sempre più si discioglieva dalla sua stretta amorosa.
Ei sentiva rifiorire dentro la sua anima tutti i buoni sentimenti
per Beatrice, pensò ch'ella lo aspettava forse, fiduciosa, in quel
momento in cui egli stava per tradirla. Questo malessere spirituale
cresceva tanto, minuto per minuto, ch'egli non analizzava nemmeno i
sentimenti che doveva provare l'attrice per piangere, per liberare
la sua piccola mano dalla stretta, per rincantucciarsi, come faceva,
nell'angolo della vettura. Così quando, in piazza di Spagna, furono
discesi innanzi alla casa di Claudina ed ebbero rimandata la carrozza,
si guardarono in volto con una muta interrogazione. L'attrice, aperta
la porta, aveva acceso una minuscola candela per salire le scale; e,
come lo scrittore entrava sotto l'andito del portone per seguirla,
secondo ciò che era stato stabilito al loro salire in carrozza, ella lo
allontanò con la mano e con voce tremante lo pregò di considerare come
non avvenuto il suo invito e di lasciarla sola. Farnese, dopo un primo
momento di insistenza e di violenza — momento in cui il solo desiderio
aveva tentato di imporsi — ad una seconda preghiera dell'attrice si
era allontanato, baciandole solo la mano; e, poichè Claudina da dentro
aveva richiuso il pesante portone, egli si era trovato solo, alla
tramontana, sotto il brivido lungo e fremente delle stelle, senza
conscienza di ciò che era passato in quella mezz'ora nelle loro due
anime.



V.


Alla luce pallida che filtrava a traverso i vetri colorati dell'alta
finestra, seduto ad una grande tavola di noce il cui enorme piatto
intagliato era sorretto dalle braccia muscolose di quattro giovani
fauni, Farnese lavorava. A volte lacerava iroso il foglietto che
scriveva per cominciarne un altro lentamente e tranquillamente, e,
quando sollevava il volto dai fogli per pensare con più raccoglimento,
i suoi occhi si riposavano nella intimità e nell'eleganza di quel
gabinetto da lavoro, dove la vera anima ed il vero gusto dello
scrittore si rivelavano. Dietro la poltrona in marrocchino verde su cui
egli era seduto, un arazzo copriva buona parte della parete, un arazzo
dov'era riprodotta quella magnifica _Allegoria della Primavera_ di
Sandro Botticelli, ove le ignude e primaverilmente fiorite danzatrici
sollevano con una grazia così melanconica il loro viso biondo animato
da un sorriso enigmatico, misto di amarezza e di sogno. Al termine
dell'arazzo era il busto di Farnese scolpito da Filippo Cifariello,
il quale aveva saputo trasfondere in quel marmo tutta la complicata
psicologia dell'artista. Il busto era eretto su di uno zoccolo
drappeggiato da un damasco rosso e questo damasco s'innalzava poi per
la parete, ov'era fissato da piccoli piatti di Capodimonte, fino ad
un vecchio divano a spalliera dritta, ricoperto da una antica stoffa
ecclesiastica. Dietro il divano, situato in angolo, era posto su di
un altro zoccolo drappeggiato un busto in bronzo, una _Mystica_ di
Francesco Jerace. Una svelta biblioteca di noce intagliata correva
lungo tutta la parete prospiciente alla finestra e formava angolo
con un'altra che giungeva fino alla porta della stanza. In essa
erano pigiati i libri più svariati, molti lussuosamente rilegati,
altri sotto copertine di carta del Giappone. Da Eschilo e da Omero,
tutti gli artisti passavano sotto gli occhi dell'osservatore, fino
agli ultimi prodotti della letteratura modernissima, fino ai più
forsennati simbolisti, fino ai più fastidiosi ibseniani. Un'altra
piccola biblioteca era in un angolo, presso la tavola, a portata di
mano dello scrittore; e vi si affollavano i suoi libri prediletti, la
_Manon Lescaut_ dell'abate Prévost, l'_Adolphe_ di Benjamin Constant,
_Les liaisons dangereuses_ di Laclos, il teatro di Marivaux ed alcune
commedie di Musset, tutte le opere di Stendhal, molti volumi di
Balzac, le opere di Taine, i libri di Bourget e qualche altro. E fra
i poeti, le _Odi_ di Orazio, i versi di Catullo, le _Canzoni a selva_
di Lorenzo de' Medici e fra i moderni, Baudelaire, Gautier, Edgar Poe
e Verlaine. Alle pareti erano non pochi quadri, tra i migliori e di
un gusto modernissimo. Intorno al ritratto di Farnese, meraviglioso di
vivacità, eseguito da Antonio Mancini, erano le opere più discordanti
e più delicate: un _Motivo orientale_ di Marius de Maria, una campagna
fiorita di rosee figure di donna di Cesare Laurenti, un _Pierrot_
ed una P_ierrette_ di Eugenio Blaas, quattro acqueforti di Félicien
Rops ed alcune litografie di Odilon Redon; poi, oltre un suggestivo
_Simbolo di primavera_ di Walter Crane, tre quadri di quei potenti
pittori scozzesi che lo scrittore prediligeva: un paesaggio lunare,
un'ossessione di argento, di Macaulay Stevenson, una bimba in bleu di
Francis Henry Newbery ed un _Mare d'argento_ di Tom Robertson; in un
altro angolo, sopra un piccolo arazzo, era riprodotto un magnifico
angiolo di Melozzo da Forlì. I mobili più varî si affollavano nella
stanza: accanto ai mobili del più puro stile Luigi XIII scolpiti
preziosamente, erano mobili prettamente inglesi e divani e poltrone
placidi e comodi, ricoperti di stoffa _liberty_. Ma dove si rivelava
il gusto strano e complicato dello scrittore era nell'anacronismo
originale delle consolidi, dei _bahuts_ antichi con piccoli acquarelli
incastrati, e dei piccoli tavolini di Bull, ricoperti di ninnoli, di
statuette, di gingilli, di ritratti, delle curiosità più autentiche,
dalle vecchie lacche chinesi ai minuti oggetti d'argento, dalle
bonboniere antiche alle figurine di Saxe, dai curiosi bronzi cinesi
raffiguranti bestie favolose ai fragili ninnoli di Sévres. Un leggio
sostenuto dalle braccia di due negri invitava, presso la finestra,
all'igienico lavoro in piedi. Un largo spazio, al centro della stanza,
permetteva allo scrittore di muoversi durante le ribellioni febbrili
dell'ispirazione. Sul caminetto, uno specchio oblungo di Murano, un po'
verdognolo per il tempo, rifletteva le prime rose dell'anno, poste nei
piccoli vasi di cristallo dalle mani affettuose di una dolce donna.

Lo scrittore correggeva una delle scene della _Chimera_ la cui
prima rappresentazione doveva aver luogo l'indomani. L'ispirazione
recalcitrava; ma, dopo aver cozzato contro uno scoglio più grande
con un urto decisivo, l'artista ebbe il sopravvento e l'ispirazione
fluì limpida e facile, come l'acqua di un ruscello ombroso. Terminata
quella scena, Farnese avrebbe dovuto correggerne un'altra ancòra del
primo atto e tentò, ma invano, poichè la limpida vena della fantasia
s'era arrestata, d'un tratto. Egli gittò via la penna, picchiandola sul
tavolo con uno di quei gesti irosi ch'egli aveva quando al suo pensiero
non corrispondeva più, armoniosa interprete, la parola. S'alzò sempre
più agitato, camminò in fretta per la stanza per calmare i suoi nervi:

— È inutile pensarci, si trovò a dire ad alta voce. Per oggi è
finita. L'incanto è rotto. Che mestiere curioso e stupido è mai il
nostro! Mestiere di gente il cui ingegno non incede se non caricato
da un'eccitazione nervosa, come un orologio da una molla. E quando la
molla si ferma, tac, voi non avete modo di rimetterla in movimento
e dovete aspettare i beneplaciti del caso. Ecco perchè son tanto
facili e tanto difficili nel tempo stesso i capolavori. Scommetto che
Shakespeare non ha sofferto un'ora di scoraggiamento o di rilassatezza
scrivendo _Amleto_ o la _Tempesta_! E Molière ha scritto fra una
rappresentazione e l'altra di quelle buffonate che erano l'_Impromptu
de Versailles_ e il _Medecin malgrè lui_, ha scritto in poche ore,
per la sua compagnia di commedianti quei capolavori che si chiamano
_Tartuffe_ e _Misantrope_. Gli sono costati più sforzo di lavoro che
non quelle buffonate? No. Solamente queste volte il genio ha squillato.
E Balzac non ha scarabocchiato in poche notti, per pagare i suoi
creditori, _César Birotteau_? E ci si deve prender tutto questo affanno
per creare queste chiacchiere, frutto della vostra sofferenza, che il
primo damerino blasè può fischiarvi tranquillamente! Ah, sì, Loredano
ha ragione, in fondo..... Al diavolo!

E con un gesto d'ira afferrò sul tavolo un mucchio di foglietti, lo
lanciò verso il soffitto dipinto in un curioso stile bizantino. I
foglietti caddero, sfarfallando, ai quattro angoli della stanza, su
i mobili e su le stoffe. Farnese vide una fotografia per terra, la
raccolse:

— Ah, il ritratto di Claudina! Ecco un incontro propizio che varrà a
dare al mio pensiero un corso differente, se non migliore, in quest'ora
di _spleen_. Claudina! Due giorni che non la vedo e mi pare un
mese..... Del resto, sono stato uno sciocco ad impormi quest'assenza di
due giorni..... A che prò? Oramai, ho deciso di lasciarmi andare con la
corrente, senza ribellioni, senza sforzi..... Che sono questi incontri
fatali, questi amori improvvisi ed irresistibili, se non la vita, il
torrente torbido e vorticoso della vita? E chi cozzerà risolutamente
e vittoriosamente con la vita? E quale petto potrà opporsi e resistere
all'onda violenta di quel torrente? Ah, chiacchiere! In conclusione ho
perduto due giorni, ma poco male, poichè ella sta per venire.

Il domestico entrò, dopo aver bussato all'uscio:

— La signorina Rosiers chiede.....

Lo scrittore non attese nemmeno che il domestico avesse finito
l'annunzio, corse raggiante nel salotto che precedeva il suo gabinetto
da lavoro, prese Claudina per le mani e la trascinò nella sua stanza
mentre ella gli sorrideva. Il domestico era sparito. Farnese, appena
entrati, girò la chiave della porta, quasi inavvertitamente, tolse
a Claudina la mantella di lontra, volle toglierle egli stesso dalla
massa fulva dei capelli la piccola _toque_ di velluto bleu. Claudina
sorrideva sempre, senza parole. Ella era rimasta con un abito di
lana marrone molto semplice, un abito tagliato in modo che disegnava
meravigliosamente le curve del suo corpo snello di una possente vigorìa
verginale. Lo scrittore le infilò due piccole rose alla cintura, la
fece sedere sul divano, sedette vicino a lei:

— Sapete, Claudina, che sono quasi due giorni che non ci vediamo?
Dall'altra sera, quando vi riaccompagnai a casa dal teatro..... — Poi
aggiunse, spiando negli occhi l'anima dell'attrice: — Voi non vi siete
addolorata molto per questa assenza!

— Questa è una vostra opinione personale, nè voi siete in grado di
proclamarla giusta. Io, del resto, ho avuto il lavoro per distrarmi.
Malgrado i pretesti dei vostri reumatismi, la commedia doveva esser
provata. Gray, che per la sua gelosia per voi non farebbe oramai un
gesto per salvarvi da una morte sicura, non si è incaricato di nulla:
ha continuato a recitare la sua parte di Otello, fra le quinte. Ho
dovuto essere io direttore, autore, attrice e pubblico. Ma la messa
in scena ha fatto un grande progresso mercè le fatiche della piccola
Claudina, e domani potrete giudicare.

— Siete una santa! disse lo scrittore prendendole le mani e la guardò
appassionatamente, ma non senza una leggera ironia. Rimasero entrambi
con le mani serrate, a guardarsi negli occhi. Farnese si era fatto
più dappresso all'amica, il suo volto cominciava a inchinarsi verso le
fresche labbra di lei, quando l'attrice, sciogliendo le sue mani dalla
stretta amorosa e seduttrice, s'alzò, fuggì al centro della stanza,
dicendo:

— Mio caro autore, noi dobbiamo provare..... «S'io ben mi appongo» come
dicevano gli eroi di quelle tragedie che studiavo al Conservatorio,
voi dovete aver corretto due scene della vostra commedia ed io dovrei
provarle, qui, con voi. Sono ai vostri ordini. Ho due ore di tempo,
sono uscita adesso dal teatro e sino alle sei non vado a pranzo.
Cominciamo? Voi mi darete la replica.

— Ecco qui, disse lo scrittore che si era avvicinato anche lui
alla tavola ed investiva sempre la giovinetta d'uno sguardo cupido,
veramente non ho potuto completare che una sola di quelle due scene.
Non ero in vena, oggi......

— Già, quei benedetti reumatismi! interruppe ridendo Claudina.

— Perdonatemi e intanto, continuò lo scrittore, proviamo almeno
questa......

Provarono, lungamente. Claudina viveva solo d'arte in quel momento.
Aveva estratto dalla sua tasca il fascicolo manoscritto della
parte e, ripetendola, vi apportava le modificazioni redatte dallo
scrittore. Cominciava il crepuscolo, quando Farnese gettò sul tavolo il
manoscritto ed esclamò:

— Ecco finito! Ritorniamo alla realtà.


Claudina sedette nuovamente sul divano, Farnese sedette su uno sgabello
ai piedi di lei. Egli la fissava sempre negli occhi. Acceso dal
desiderio, ebro di quel corpo vergine, egli spiava i bagliori di quelle
pupille per scorgervene uno solo e repentino che fosse simile a quello
che ardeva nelle sue, un bagliore di desiderio. Voleva cogliere subito
quell'attimo fuggente, quel momento fatale in cui la donna, sempre
ribelle all'ultima seduzione, sarebbe venuta a lui, al suo desiderio,
al suo amore, mite e docile come una vittima, come una schiava. Ma,
finora, nelle pupille di Claudina s'adunava solamente una grande
tristezza, la tristezza, pensava Giuliano, per il fiore ch'ella si
sentiva in procinto di perdere. Intanto il desiderio, l'amore di quella
verginità urgevano quell'uomo che, con parole rotte, tremanti, vaghe,
cercava d'esprimere a Claudina il suo sentimento preciso. Erano cadute
le bende che gli nascondevano la vista di quel portento primaverile.
Lo scrupolo aveva oramai lasciato il posto ad una placida teoria di
fatalità. Egli si ripeteva ch'era inutile contrapporre al desiderio
di Claudina, la visione pura di Beatrice, poichè quell'abbraccio
spirituale e materiale che quella verginità e quel desiderio
preparavano inconsapevolmente, doveva avvenire; e frapporre al suo
compimento imagini dolorose, fantasmi di rimorso, pensieri e scrupoli
saggi, non significava arrestare la corrente che doveva trascinarlo, ma
era piuttosto un aumentarla, come un torrente che abbia incontrato un
masso enorme che ne interrompa la corsa, valicatolo, precipita di nuovo
con centuplicata veemenza.

— Claudina, Claudina, egli diceva, io vi voglio bene. Sento per voi
una tenerezza senza confine, una tenerezza che mi fa serrare il cuore,
quando io vedo passare nei vostri occhi un'ombra di tristezza. So anche
che voi mi amate, so anche che voi sentite per me ciò che non avete
sentito per altri. Io sento che la vostra anima sta per ischiudersi al
bacio di un'altra anima..... Il vostro atto semplice e sincero sarebbe
di chinarvi verso di me, senza riluttanza e senza incertezza, per
accogliere l'amore che sale dall'anima mia verso di voi. Ma voi siete
buona quanto siete bella, Claudina: per questa vostra bontà l'imagine
di una triste donna che soffrirebbe del nostro amore vi traversa il
pensiero, arresta e sacrifica la vostra passione... Voi mi perdonate
se chiamo passione ciò che sentite per me?... Non vi parrò pretensioso
e sciocco, n'è vero? Io vedo che voi mi cercate, mi prediligete: vi
so troppo buona e troppo onesta per credere ad una civetteria o ad
un amoretto passeggero. Voi mi amate. Io vi amo. Si realizza così il
vostro sogno di essere amata da un artista e di amarlo. Ecco giunto
per voi quel quarto d'ora di felicità, cui tutti presto o tardi hanno
diritto, come mi dicevate qualche giorno fa a teatro. Vi ricordate? Mi
diceste che il vostro sogno era quello d'essere amata da un artista,
per completarlo, essere cosa sua come lui sarebbe cosa vostra. Ed
aggiungeste: «Questo ancòra non è. Sarà? Non sarà? _quien sabe?_» Ed
ecco: questo è, questo sogno s'avvera perchè io vi amo, perchè io vi
amo appassionatamente, perchè ho bisogno di voi come dell'aria, perchè
la vostra lontananza mi è insopportabile, è per me come una morte
nella vita. Voi mi amerete, Claudina, voi mi amerete sempre, io vi
amerò sempre, io vi amerò per tutta la vita.... Per sempre! Lo sapete,
lo sapete che v'amo e che vi amerò tanto? Tu lo sai, tu lo senti,
Claudina?

Egli s'inebriava con le sue stesse parole e carezzava convulsamente
la donna, innanzi alla quale era in ginocchio; continuò a lungo a
celebrare quell'offertorio d'amore; poi il suo desiderio intuonò le sue
litanie di passione. Claudina si lasciava invadere da un molle senso
di abbandono, alcune frasi dell'uomo che invocava facevan trasalire il
suo cuore o palpitare i suoi nervi, come minacce o come turbini. La sua
verginità vacillava. Ella era, a poco a poco, conquisa dalle visioni
di voluttà che l'uomo suscitava nella sua fantasia febbricitante.
Le carezze di lui diffondevano nell'animo femminile quella dolcezza
fatta di stanchezza e di desiderio, che sollecitava la resa gloriosa
al richiamo di quella gagliarda fanfara d'amore ventenne. Egli sapeva
toccare nel suo offertorio amoroso le fibre più intime dell'amata e nel
naufragio del pensiero, della coscienza, della riflessione di lei, solo
la giovinezza e la passione restavano, mentre la fanfara della voluttà
lanciava più violenti i suoi squilli nel tumultuante sangue della
vergine. L'ebrietà folle, minuto per minuto, aumentava. La riflessione
cadeva, soffocata dalla rivelazione di un nuovo mondo inaccesso.
Ed il sortilegio si compiva pel prodigio dei vent'anni ignari,
vertiginosamente. La bocca già fioriva i suoi baci.

Ma il pensiero di Beatrice, la visione di quella triste donna, —
visione che già l'aveva fatta piangere due sere prima, in carrozza —
attraversando il suo combattuto pensiero, faceva resistere Claudina.
D'altra parte la sua passione a volte la lasciava ragionare ed ella
si diceva che l'amore di quell'uomo non poteva essere duraturo. Ad un
tratto, Claudina liberò le sue mani da quelle di Giuliano, scoppiò
in un pianto dirotto, dopo aver portato le dita, come una tutela,
innanzi le sue pupille. E questa ultima resistenza, quest'ultimo
grido disperato della ragione contro la vertigine, sollecitò la sua
caduta, il trionfo dell'amore. Giuliano si era lanciato su lei e con le
labbra le suggeva le lacrime sul ciglio con baci febbrili. La sinfonia
dei baci discese alle guancie, alle labbra rosse, divenne solenne,
violenta, rabbiosa, fu inno trionfale. La verginità si ribellava per
l'ultima volta, sotto quei baci all'ultima rinunzia, all'ineffabile
consenso, fino a quando, Giuliano parlandole ancòra d'amore, ella
smarrì ogni senso che non fosse quello dei baci su le labbra,
s'avvinghiò ancòra lacrimante a Giuliano, l'attirò a sè, oramai vinta e
perduta.


Poco tempo dopo, i due amanti si destarono dal letargo in cui erano
caduti: Claudina corse ad una grande specchiera per riordinare i
capelli e si trovò faccia a faccia con un ritratto di Beatrice, ch'ella
già conosceva per averla vista qualche volta a teatro e per averla un
giorno incontrata in quel gabinetto da lavoro dello scrittore. Ella
rimase a lungo a contemplarla, immobile, con un'espressione di spasimo
sul dolce volto. Le cinque suonarono al piccolo quadrante incastrato
nel petto di un fauno di bronzo:

— È tardi; bisogna che io vada, disse Claudina. Guardò ancòra il
ritratto, poi lo depose sul marmo e mormorò sconsolatamente: —
Giuliano, Giuliano, che abbiamo mai fatto!

— Io ti amo, io ti amo, mormorò Giuliano, con una voce convulsa che
Claudina non gli conosceva.

Egli era rimasto seduto sul divano, affranto da una tristezza senza
confine. La forza di sollevarsi e di agire gli mancava, il suo pensiero
si dibatteva tra le tenaglie di quel dolore infinito. Sentiva salire
nel suo cuore un rimorso dilaniante, lo angustiava il martirizzante
pensiero che nessuna forza ormai poteva farlo tornare indietro di
un'ora. Seguiva i movimenti di Claudina con lo sguardo atono, senza
dire una parola, e negli occhi non vibrava più alcuna scintilla di
quell'incendio che vi aveva divampato poco prima.

— Che abbiamo fatto, Giuliano! ripeteva Claudina, nella penombra.

La voce che le mormorava era così pallida e stanca in quella oscurità
e la tristezza ne era così intensa, che quasi parvero quelle parole a
Giuliano un rimprovero misterioso ed occulto.

— Io ti amo, ripetè egli per l'ultima volta, ma così fievolmente che
Claudina non si ingannò sul significato di quella affermazione, che
altro non era che il modo di sfuggire per un attimo ancòra al rimorso
atroce che cominciava a stringere i loro due cuori.

Con inesorabile esattezza, Claudina cominciò la loro comune
requisitoria.

— Noi abbiamo fatto tutto questo, ella disse, spinti dal più ignobile
ardore. Questo ardore si è spento troppo presto e quante illusioni in
così breve ora ha arso e come ci lascia ormai tristi e sconsolati. Il
solo desiderio ci ha condotti ed il desiderio tradisce. Una povera
anima è stata offesa da noi per questa allucinazione del momento e
purtroppo è una macchia che nessuna forza umana potrà mai lavare. Il
pentimento è sciocco, hanno detto. Non è sciocco, quando impone di non
ricadere più nella colpa. E così il pentimento deve parlarci, ora. Se
quell'offesa noi non la possiamo cancellare, è nostro dovere di non
rinnovarla. Noi non avremmo, come non abbiamo, alcuna giustificazione.
Sola la vertigine di un minuto ci accusa e ci accascia. Il nostro primo
bacio sarà stato anche l'ultimo. Voi ritornerete più dolce e più umile
a quella che abbiamo offesa! Non è vero, Giuliano?

Tacque. Lo scrittore taceva sempre, ma un gesto del suo capo affermava.
Innanzi a quella pronta rinunzia, innanzi a quella conferma di un uomo
che diceva di averla presa fra le braccia senz'ombra d'amore, il dolore
della verginità invano contaminata proruppe violento, disse parole
smarrite:

— Io sola, disse fra l'altro Claudina, io sola rientro nella vita,
sconfitta. Quel candore che avevo conservato con orgoglio geloso a
traverso a tante lotte, a traverso i più volgari ed abili attentati,
è caduto, ora, in pochi minuti, per un uomo che non mi ama, si è
macchiato sotto il bacio di un uomo spinto a me dal solo desiderio. Ah,
che miseria!

Il ribrezzo le serrò la gola. Giuliano mormorò:

— Perdonatemi!

Claudina s'era celato il volto con le mani, forse piangeva. L'amante si
levò, s'appressò a lei:

— Ah, che sciocchezza ho pronunziato! egli disse con un amaro scoppio
di risa che partiva dalle più intime convulsioni della sofferenza.
Perdonatemi? che forse una donna perdona d'averle tolto ciò ch'ella
ha di più sacro? Come vorrei, Claudina, che quest'ora non fosse mai
suonata! Lasciatemi, lasciatemi, non mi dite più nulla, poichè io so
d'avere commesso un vero delitto e poichè questo è irreparabile!

La donna singhiozzava. Egli le asciugò gli occhi con la lieve battista
del fazzoletto, l'aiutò ad infilare il mantello, le tese i guanti,
il portabiglietti, un libro ch'ella aveva con sè. Com'ella fu pronta
ad andarsene, si guardarono. Claudina non resse a quello sguardo e
s'abbattè sul petto di Giuliano, nuovamente presa da uno scoppio di
singulti. Egli non trovò una parola da pronunziare, lasciò libero corso
a quelle lacrime che l'addoloravano più di ferite. Finalmente l'attrice
si fece forza, tese la mano all'amante di un'ora, di un'unica ora.
Questi l'attirò a sè, la baciò su la fronte, quasi religiosamente.
Premette il campanello elettrico perchè l'accompagnassero. Le aprì la
porta. Su la soglia, ella si volse:

— Noi ci dovremo rivedere. Saremo gli amici di prima. Il mio sogno
solo sarà infranto. Ma, ve ne scongiuro, mai più una parola su ciò deve
essere pronunziata fra noi.

Uscì. Giuliano la vide allontanarsi per la lunga fila di salotti,
con un passo vacillante, preceduta dal domestico. Poi, scomparve.
Lentamente egli si fece alla finestra, l'aprì. Un'onda d'aria gelata
entrò fischiando. Vide Claudina ferma sul portone, in attesa di
una carrozza scoperta che si avvicinava di corsa. Ella s'avviò alla
carrozza arrestatasi innanzi alla casa. Giuliano corse ad un vaso
di cristallo che era su un tavolo, vi prese il gran mazzo di prime
rose, lo lanciò nella carrozza al momento che Claudina vi si sedeva,
così che i fiori le caddero sul grembo. Un cenno della mano rispose
a quell'omaggio, ma egli non potè scorgere la luce di gratitudine
che aveva rischiarato i begli occhi lacrimosi. La donna portò al
volto il bel fascio di rose, vi tuffò la bocca, mentre la carrozza si
allontanava fra il doppio tremolio delle due file di fanali a gas.

Lo scrittore richiuse la finestra, accese le piccole candele rosee
di un candelabro di bronzo. Poi tornò alla finestra, applicò ai vetri
gelati la sua fronte che ardeva. Rimase a lungo così, attonito, senza
pensiero. Poi si avviò alla biblioteca, prese il primo libro che gli
venne alla mano, cadde su una poltrona e cominciò a leggere; ma le
lettere danzavano innanzi alle sue pupille una ridda furiosa ed i suoi
occhi scorrevano automaticamente le linee e le pagine, senza che il suo
cervello percepisse alcuna di quelle parole che le pupille leggevano.


Quale espiazione maggiore per la caduta poco prima leggermente
commessa, che veder rientrare calma e gaia, piena di confidenza e di
tenerezza sua moglie, l'offesa, accompagnata dai suoi due bambini
incappucciati di velluto turchino, biondi biondi e così giocondi?
Mentre egli leggeva, la moglie era entrata nella stanza in punta di
piedi, s'era chinata tacitamente su lui ed aveva ricoperto di baci
appassionati il suo volto. I bimbi erano accorsi poco dopo sgambettando
e si erano aggrappati alle spalle del padre, afferrandogli i baffi o la
barba, pizzicandogli le mani. Giuliano, sotto quell'affettuoso assalto,
aveva sentito gonfiarsi dentro la sua anima il disgusto violento di sè
stesso. I baci semplici di sua moglie gli avevano fatto più male che
rimproveri; essi lo avevano avvilito più che un insulto e, debilitato
da quel disgusto, l'infedele non aveva trovato una sola parola da
rispondere alle frasi affettuose che i suoi cari gli prodigavano.
I bimbi si rincorrevano nella stanza per disputarsi un giornale
illustrato che la piccola Anna Maria aveva preso sul tavolo del padre.
Beatrice s'era seduta su le ginocchia del marito, gli aveva passato un
braccio intorno al collo, con l'altra mano gli torturava la barba.

— Ecco, ecco il mio povero grand'uomo! diceva scherzosamente, il mio
povero grand'uomo che è rimasto tutto il giorno in casa solo solo,
come un fraticello in un convento. E chi sa come ha lavorato il mio
povero grand'uomo! Chi sa quante belle cose ha scritto! Chi sa quante
poche volte ha pensato alla sua piccola Beatrice! Dio, Dio, il mio
romanziere ha scritto tutte quelle pagine! Come sarà stanco il mio gran
fanciullone! N'è vero? Ma, stasera, si pranza subito, i bambini vanno
subito a dormire...

Brontolii di protesta partirono dall'angolo del salotto dove i due
bambini s'erano accovacciati per estasiarsi insieme su quel giornale
illustrato.

— Sicuro, continuò Beatrice, i bambini vanno subito a dormire..... Io
resterò vestita così.... Il mio grand'uomo infilerà la pelliccia e ce
ne andremo via a braccetto, stretti stretti, come due sposini, come
andavamo a Siena in quell'anno indimenticabile! Ti ricordi?

Il dolce ricordo li riafferrò e Giuliano sentì aumentare il suo
spasimo. Il piccolo Luca e la bambina erano usciti vertiginosamente
dalla stanza, disputandosi di nuovo il giornale, perchè l'uno voleva
cominciare a sfogliarlo dal principio e l'altra dalla fine.

— Giuliano, Giuliano mio, se sapessi come ti ama la tua piccola
Beatrice, se potessi vedere il tesoro d'affetto che custodisce nel suo
piccolo cuore.....

Si chinò ancòra a baciarlo.

— Anch'io ti amo, ti amo tanto! sussurrò Giuliano.

Ma volle mutare sùbito discorso:

— E Leonardo non è ancòra rientrato? Si dà proprio alla gran festa!

Beatrice non rispose: avviticchiata a lui, continuava a coprire le
sue guancie di frequenti baci, lievi, casti, ma appassionati. Sotto
quell'onda amorosa lo spasimo di Giuliano cresceva ad ora ad ora.
Eppure non era la prima sera ch'egli aveva baciato la moglie, dopo di
aver baciato poche ore prima un'altra donna. Ma i baci di Claudina gli
sembravano più gravi. Egli aveva la sensazione che il suo incontro
con Claudina non si sarebbe fermato a quella sola caduta, come la
donna aveva ingiunto. Quasi un senso di fatalità, quasi il peso di un
male che già si conosce come deve avvenire, opprimevano la sua anima.
Intanto Beatrice, quella Beatrice per cui egli aveva tanto delirato,
quella Beatrice immacolata che l'aveva reso così felice, baciava le sue
labbra, mai sospettando che quelle labbra poco prima avevan pronunziato
un delittuoso offertorio d'amore per una vergine battuta dalla veemenza
del sangue ignaro, come una fragile canna in balìa di un vento
impetuoso! Quella confidenza di sua moglie lo feriva, lo umiliava.
Tutta la miseria delle sue incoerenze s'attristiva in lui. Due lacrime
spuntavano nell'intercilio, sole, grosse, silenziose.

— Tu piangi? domandò Beatrice agitata e si chinò ancòr più su lui,
l'abbracciò più fortemente. — Ma che hai, Giuliano? Per carità, dimmi
che è questo, che significano quelle lacrime?....

— Nulla, nulla, Beatrice, un po' di _spleen_, la solitudine, la
stanchezza.... E poi la tua affettuosità è così dolce che mi commuove
profondamente....

Giuliano asciugò quelle due lacrime bollenti. Beatrice s'era levata
e, sorridendo, gli aveva prese le mani e tirava per costringerlo ad
alzarsi dalla poltrona. Amorosamente avvinti, fecero qualche altro
passo per la stanza. Beatrice tentava di consolarlo, gli diceva delle
parole dolci. Come furono al divano, dove Claudina un'ora prima si
era concessa all'amore, Beatrice attirò Giuliano perchè vi cadessero
insieme, ancòra avvinti:

— No, no, non lì! gridò Giuliano, con una voce convulsa, mentre nella
sua anima il disgusto versava l'ultimo fiele.

Beatrice si staccò da lui, lo interrogò con gli occhi, sorpresa da quel
grido incomprensibile. Giuliano, sentendo la spiegazione necessaria,
trovò la forza d'essere vile e disse con un falso sorriso che era un
ghigno:

— Sai, si sa come si comincia.... e non si sa come si finisce!

Beatrice, ridendo e protestando, si coprì il volto con le palme.
Giuliano ebbe per un attimo, nitidissima, la visione dell'abisso verso
cui si avventava.



VI.


La sala del Teatro Nazionale rigurgitava. L'annunzio della nuovissima
commedia del grande scrittore vi aveva attirato il pubblico più vario
ed imponente, il pubblico delle più solenni prime rappresentazioni.
Tutta Roma era rappresentata in quella luccicante sala di teatro.
I palchi si fiorivano a poco a poco delle signore più eleganti,
i proscenii delle orizzontali più altamente quotate nella fiera
dell'amore. La Roma aristocratica, politica, finanziaria, artistica,
letteraria e la cosmopoli del piacere s'eran date convegno quella
sera in quei palchi e quelle poltrone. Qualche minuto prima delle
nove, Beatrice entrò in un palco, accompagnata da Leonardo Loredano.
I suoi nervi tremavano, tutto il suo essere palpitava nell'attesa
insopportabile. Per ingannare la sua emozione e la sua ansia, ella
si mise a guardare con l'occhialino la sala sempre più rigurgitante.
Qualche amica le sorrideva da un palchetto, le faceva un gesto di
augurio. Qualche uomo dalle poltrone le si inchinava. Da un palco
di giornalisti molti binocoli furon rivolti verso di lei. La folla
continuava ad entrare. Alcuni palchi si riempivano di ufficiali. Nella
barcaccia di un circolo elegante già si trovavano il re ed i principi
dell'eleganza, Filippo Verra, contornato dalle marsine inappuntabili
e dalle cravatte ideali dei suoi giovani amici e discepoli, Celli, de
Lise, Santacroce, Filangieri, Morosini, Sammartino, Ugenta, e tanti
altri. A poco a poco anche le poltrone si riempivano di letterati e
d'artisti. Andrea di Vele aveva salutato Beatrice. Beatrice aveva
anche visto il viso imberbe e napoleonico di Luciano di Mèllare,
«un profilo di medaglia», come aveva detto Loredano. Aveva visto
insieme Claudio La Loggia e Giorgio Lavena, i due scrittori che si
facevano più concorrenza, e si diffamavano regolarmente a vicenda e
quanto meglio potevano. Diego Vassura faceva lo snob nei palchi delle
signore più stemmate; vecchi e giovani scrittori erano a gruppi, qua
e là, giornalisti, pittori, musicisti, scultori, attori. Paolo Èroli,
il grande pittore, uno dei più intimi amici di Farnese, era salito
a salutare Beatrice. In un palco era apparso Marco Torrero con sua
moglie. Il celeberrimo giornalista che oramai non appariva più nei
teatri, non aveva voluto mancare a quella prima rappresentazione di
Farnese, suo amico fedele, scrittore che aveva fatto sotto il di lui
auspicio le prime armi, ingegno ed anima d'artista ch'egli prediligeva.
Torrero rispondeva annoiato torcendosi i piccoli baffi biondi ai
saluti, mentre sua moglie, la celebre scrittrice, scorreva i giornali
della sera e rideva sovente di un suo sonoro riso meridionale. In
quel palco era poi entrato Claudio Sanna, il compare di battesimo di
Farnese, come amava chiamarsi. Il grande romanziere aveva illuminato
la sua larga faccia geniale d'un sorriso affettuosissimo scorgendo
nel palco di rimpetto Beatrice che lo salutava. I critici drammatici
entravano: Filippo Ruffo, Roberto Drago, Giacomo Spada, altri. Entrò
poi Alessandro Sanfilippo che redigeva nel gran giornale di Torrero la
«Serata teatrale» dove, dopo una prima rappresentazione, in poche frasi
eleganti e spirituali, descriveva il successo, la messa in scena di
ogni atto, gli abiti e le acconciature delle attrici, il pubblico, gli
incidenti; narrava la storia della commedia, malignava su i dietroscena
di palcoscenico. Egli passava tra la folla degli spettatori con la
sua faccia tonda e rosea, incorniciata di barba bionda. Molte mani
si stendevano sul suo passaggio: egli ne stringeva la maggior parte
con noncuranza e con sufficienza, solo per qualcuna egli sorrideva e
s'inchinava riverentemente. La folla aumentava sempre più. I palchi,
colmi di signore in abiti sontuosi e chiari, sembravano ceste di
fiori il cui bordo fosse di velluto azzurro. Dietro si rinnovava
continuamente la turba degli abiti neri. Da molti palchi dardeggiavano
i monocoli, con arie insolenti. Qualche signora alle poltrone
interrompeva la monotonia degli abiti neri e degli sparati candidi. La
sala offriva un delizioso colpo d'occhio.

Di qua e di là, nei palchi e nelle poltrone, si parlava animatamente di
Farnese e della commedia che stava per rappresentarsi. S'incrociavano
le discussioni, s'intessevano gli elogi, s'agganciavano le
indiscrezioni, un formicolìo d'idee, un turbinìo di concetti e di
parole, una ridda di verità e di menzogne, una scorribanda di apologie
e di anatemi.

Lavena e La Loggia, giù nelle poltrone, parlavano sottovoce per non
essere intesi:

— Mi ha detto oggi Savarese, mormorava Lavena, che sarà un trionfo.
E Savarese fa testo perchè vede giusto: un'anima di profeta sotto la
scorza d'un direttore di teatro. Incontrai l'altra sera alle Varietà
Giuliano e sua moglie e mi raccontarono il soggetto. Se una commedia si
basasse solamente sul soggetto, potrei da ora preconizzarti un fiasco.
Ma vi sono altre cose e v'è da sperare. Del resto Farnese, sebbene sia
un po' volpe vecchia, un abile marionettista, ha dello spirito, della
modernità, dell'emozione ed io l'amo molto!

— Va là! disse La Loggia, a chi vuoi darla ad intendere? Tu desideri
più un fiasco per Farnese che un successo per te. E dì pure di no:
vuol dire che ti conosci male, o meglio che non ti vuoi conoscere
bene. Tu già sai quanto me la ricetta farnesiana. Prendete un soggetto
la cui vacuità sia così profonda che a pensarla dia le vertigini;
rimpolpate questo osso vuoto con carne pesta di belle chiacchiere,
gettate il tutto in un recipiente dove sia dell'eleganza e della
stranezza; ritiratelo poi ancòra umido e passatelo nella cipria di
un'amabile fantasia, condite con una salsa nella quale siano tutte le
spezie di qualche scena ad effetto, un po' d'emozione, molto spirito,
un pizzico d'ironia; non trascurate abiti belli per le donne, arredi
scenici eleganti, qualche squarcio brillante, qualche cortesia pel
mondo femminile; fatto questo, servite caldo caldo ad un pubblico di
donne eleganti e di orizzontali, di ministri, di deputati, di _viveurs_
e ad una maggioranza di imbecilli — ed avrete un successo magnifico,
solenne, garentito per un anno, come un orologio da sette od otto lire!
Non è così, forse? Siamo sinceri!

— Tu esageri, via, insisteva Lavena. Farnese ha dell'ingegno!

— E chi ti dice il contrario? replicava Claudio La Loggia. Oh, lo so
anch'io che ci vuole moltissimo ingegno, prima per combinare quella
ricetta e poi per eseguirla. Ci vuol ingegno, spirito, cultura e cuore.
Ma dall'essere un uomo d'ingegno all'essere un riformatore del teatro
drammatico come vogliono farlo credere i suoi gregarii, eh via! v'è
gran differenza. Farnese è un abile uomo di teatro; ecco tutto. La tua
commedia deve passare dopo la sua, n'è vero? Sì? Altra ragione, dunque,
per augurargli un disastro!

Il movimento continuava. Il nome di Farnese, i titoli delle sue opere,
qualche aggettivo s'incrociavano a volte. Verso il palco di Beatrice,
la quale ingannava la sua impazienza in un diluvio di ciarle con
Loredano e con Èroli, si appuntavano i fuochi di molti occhialini
curiosi e i più frugavano nel fondo del palco con la speranza di
scoprirvi la maschia figura dello scrittore. Altri critici giungevano,
altri mondani. Non più un posto era vuoto, in platea, in piedi, alle
gallerie; erano state aggiunte sedie e poltrone, e non v'era modo di
muoversi. Beatrice aveva visto un momento apparire Farnese all'ingresso
delle poltrone e subito nel teatro molti sguardi s'eran rivolti verso
di lui, alcune malignità s'erano incrociate:

— Viene a bruciare le ultime cartucce.

— Le ultime raccomandazioni ai critici.

— Quasi che essi non avessero l'articolo già pronto!

— Sapete: non si è mai abbastanza sicuri....

Giuliano Farnese, dopo avere stretta qualcuna di quelle mani che
si tendevano verso di lui e dopo avere scambiata qualche parola
con Filippo Ruffo, il famoso critico, era scomparso. Quel pubblico
magnifico s'impazientiva nella sala.


Il segnale che la rappresentazione cominciava squillò. Un gran
silenzio si fece, repentinamente. Beatrice sentì fremere in lei la
sensazione dell'irreparabile, una lacrima di emozione le imperlò il
ciglio; Loredano le sorrise, Èroli le mormorò una parola di speranza.
Il sipario si levava. Un mormorìo si diffuse in tutto il teatro. La
scena rappresentava un terrazzo elegante, rischiarato da lampioncini
alla veneziana; il terrazzo era verde di piante, ingemmato di
fiori. L'ammirazione saliva dalla sala verso quella messa in scena
deliziosa. Già le battute secche ed aspre come schiocchi di scudiscio
che erano nel dialogo di Farnese, s'incrociavano, s'accavallavano,
si distruggevano. Claudina Rosiers era in scena con Lorenzo Gray.
La contessa di Varrena — il personaggio che incarnava Claudina —
perseguiva la sua Chimera, la Chimera dell'uomo perfetto, della
passione sublime, del vincolo indistruttibile. Lorenzo Gray le faceva
la corte, tentava di sorprendere in lei l'attimo di vulnerabilità.
Ella, distesa su una poltrona, si lasciava cullare dalla canzone
amorosa dell'innamorato. L'atto si svolgeva, rapidissimo, denso
d'idee, ora lieto, ora malinconico, mentre tre o quattro tipi di
uomini tentavano, ciascuno al suo turno, la conquista della chimerica
contessa. L'atto si chiudeva con una brillante invettiva che la donna,
esasperata dall'inutilità della sua aspra ricerca, scagliava contro le
quattro marionette che le si prosternavano.

I primi applausi scoppiarono. La commedia in quel primo atto si
disegnava perfettamente, l'abilità scenica del Farnese vi era
prodigiosa, lo spirito e la grazia vi scintillavano all'apogeo. Il
successo si pronunziava nei primi giudizii, nelle prime discussioni e
la costernazione già annuvolava qualche viso invidioso.

— Chi sa mai dove sarà Giuliano, a quest'ora? domandò Beatrice, già
felice pel lieto avvenimento che oramai era d'ora in ora più probabile.

— Tu sai il suo sistema: uscire dal teatro quando s'alza il sipario,
prendere una carrozza e farsi trascinare fino al momento in cui calcola
che la rappresentazione stia per finire. Prima del quarto atto non sarà
qui.

Beatrice, ponendo un dito su le labbra, impose silenzio, poichè il
sipario si rialzava per il secondo atto, questa volta sul _boudoir_
della contessa Varrena, di una squisitezza eccezionale. Claudina era
in scena circondata dagli ammiratori, dei quali, chi le rendeva un
servizio, chi le dedicava un sospiro, chi le arzigogolava un madrigale,
chi le diceva una frase d'amore, chi una mezza insolenza. A poco
a poco, ella aveva la prova della fatuità e della vanità di quegli
uomini che le protestavano ovunque e comunque il loro amore, e in un
momento di esasperazione, li giocava uno dopo l'altro, mostrando bene
ai bellimbusti che se essi avevano tentato di farsi gioco di lei, ella
li aveva preceduti nel loro disegno. Li metteva, così, finemente alla
porta ed i Proci cui la casta Penelope aveva rovesciato tutte le liete
speranze, riprendevano con arie affrante e visi smorti i loro mantelli
ed i loro cappelli, per uscire mogi mogi da quel salotto ove erano
entrati poche ore prima, in un momento in cui credevano baldanzosamente
che ne sarebbero usciti vincitori. Suonavano le dieci e mezzo quando,
usciti i corteggiatori, Claudina rimaneva sola in scena, e non sapendo
che fare, chiamava la cameriera per farsi aiutare a svestirsi. Ma aveva
appena cominciato quando Gray compariva su la soglia: era passato,
tornando dal Circolo, e avendo visto le finestre illuminate era salito.
Così Claudina licenziava subito la cameriera, riparava alla meglio al
disordine suggestivo delle sue vesti, — e la grande scena cominciava.
Quelli attori perfetti che erano Claudina Rosiers e Lorenzo Gray
eseguirono ambedue meravigliosamente quella scena che era il pernio
della commedia; sovente Claudina fu interrotta dalle approvazioni. Era
una scena di grazia e di emozione, di verità e di tristezza: l'uomo
sinceramente innamorato, il solo che sentisse veramente il suo cuore
gonfio di passione, non voleva più resistere a quella pena e, sotto
la suggestione morbida delle piccole nudità dell'amata, a poco a poco
smarriva le staffe, la passione turbinava ed egli tentava su la donna
la resa. Ma questa, esasperata ancòra dalle prove di menzogna e di
nullità che le avevano dato poco prima i suoi corteggiatori, non sapeva
fatalmente distinguere che quell'uomo che ora le parlava d'amore era
sincero, che nella sua voce vibrava il sentimento, non s'avvedeva come
quell'uomo incarnasse la Chimera di cui ella andava all'affannosa
ricerca; vedeva solamente in lui il maschio brutale, il seduttore,
l'uomo che prende il frutto che gli si offre senza ch'egli ne senta
la brama, e, non tenendo conto dell'omelia d'amore che il giovane le
celebrava vibrante di passione, ad un momento ch'egli era divenuto più
audace, lo metteva alla porta, con le più crude parole.

Il successo era salito enormemente. L'atto di una finezza e di
un'amarezza infinite aveva destato sussulti in tutti i cuori ed
al calar del sipario su quel fatale inganno tutte le mani s'erano
sollevate all'applauso, specie quelle delle donne, ognuna delle
quali trovava nella propria anima un brandello della chimera cara
alla contessa di Varrena. Nella platea e nei corridoi la discussione
aumentava sempre più: i critici drammatici erano attorniati, spiati,
tenuti d'occhio da taluni che poi salivano nei palchi delle signore
a dire: «Filippo Ruffo ha detto che è il capolavoro di Farnese»; o
pure: «Roberto Drago mi ha detto che è un disastro». Alcuni letterati
e giornalisti discutevano in gruppo, gli altri autori drammatici
serbavano un contegno indifferente e impenetrabile. Quei corridoi, a
momenti, sembravano bolgie infernali. Andrea di Vele era salito nel
palco di Beatrice, le aveva portato le più schiette congratulazioni,
riferendole le dicerie delle quinte e dei corridoi. Andrea di Vele
era il più intimo e caro amico di Farnese, cui piaceva per l'ingegno
sbrigliato, pel carattere leale ed amabile e la conscienza integerrima:
anzi, egli lo aveva soprannominato «il Cavaliere senza macchia e senza
paura» e Andrea di Vele aveva accolto con piacere quel soprannome
che l'onorava. Era un giovine alto e maschio, bruno, con due occhi
di fuoco, i mustacci rialzati, di un'eleganza sobria ma squisita.
Buon parlatore ed un po' prezioso — ciò che aumentava fascini al
suo discorso — egli portava nelle conversazioni il corredo brillante
della sua simpatica cultura, lo scintillio del suo ingegno letterario,
l'esperienza della vita ch'egli aveva avuta burrascosa, la conoscenza
del mondo ch'egli aveva corso in lungo ed in largo, da Battro a Thule
come dicevano i Romani, secondo le loro estreme cognizioni geografiche.

Ora Andrea di Vele raccontava di essere salito in palcoscenico per
trovarvi Giuliano, ma di averlo cercato invano; aggiunse poi
che Claudina Rosiers, complimentata, festeggiata, glorificata, era
nervosissima per l'assenza del suo autore. In quel momento Beatrice,
Loredano e di Vele udirono pronunziare queste parole da un signore
molto _smart_ che era con alcune signore nel palco contiguo al loro:

— Guardate, guardate Giuliano Farnese. È in quel palco dov'è quella
signora in raso rosa. Nel secondo palco dopo il proscenio, in seconda
fila. Eh, eh! raccoglie gli allori, il trionfatore!

Immediatamente gli sguardi dei tre si diressero al palco che la voce
di quel signore aveva designato. Ma un sorriso apparve su le loro
labbra subito dopo: il signore si era ingannato per una strana e grande
rassomiglianza. Intanto nel palco vicino le belle signore facevano le
loro chiose sul preteso autore applaudito.

Il sipario si rialzò per la terza volta, sul salotto della contessa
di Varrena. In quel terz'atto l'azione diveniva più stringata e
drammatica, in qualche scena raggiungeva una violenza di dolore
insoffribile. La chimerica innamorata era finalmente caduta, con
l'illusione di aver raggiunta la sua chimera. Ma l'illusione ben presto
impallidiva e rovinava, poichè ella non aveva ceduto a chi l'amava di
più, ma a chi con arti subdole aveva meglio saputo rappresentarle la
commedia del sentimento. Ella si svegliava da quell'illusione come da
un incubo, e già tutto l'edifizio che minacciava rovina l'attorniava
paurosamente. L'uomo ch'ella aveva creduto dovesse realizzare il
suo sogno l'aveva attirata in un terribile tranello, s'era valso del
suo nome per le sue losche mene. E l'atto finiva quando, scoperto il
baratro verso cui scendeva, ella scagliava l'atroce grido di dolore
e di rimpianto, ritrovando vicino a sè umile e sommesso l'uomo che
l'amava profondamente e ch'ella aveva fino ad allora disprezzato, nel
suo fatale inganno.

Un brivido aveva corso il teatro a quel grido potente e sovrano,
lanciato da Claudina Rosiers innanzi a quella rovina, con una forza
ed un ribrezzo che assurgevano all'orrore di un destino compiuto.
Gli applausi erano scoppiati, unanimi, frementi, acclamanti. Claudina
Rosiers era ricomparsa otto volte con Lorenzo Gray, e come il pubblico
domandava insistentemente l'autore, Gray aveva fatto un gesto per
significare ch'egli era assente dal teatro. Pure gli applausi s'erano
raddoppiati, le salve d'acclamazioni erano divenute tonanti, il
successo era ormai colossale.

Beatrice, ritiratasi nel fondo del palco, piangeva di emozione fra
le braccia di Loredano che era raggiante come per un successo suo.
Mentre le acclamazioni scrosciavano ancòra, Andrea di Vele ch'era per
uscire dal palco s'imbattè con Giuliano che entrava. Appena lo vide,
Beatrice gli cadde nelle braccia, felice, orgogliosa, inebriata.
Farnese l'attirava sempre più nell'ombra del palco per non essere
visti e le passava dolcemente la mano su i capelli. Loredano e di Vele
sorridevano senza guardare, a quella scena di tenerezza. Quando la
commozione di Beatrice fu calmata, Farnese seduto nell'ombra raccontò
le impressioni di quella serata. Egli aveva voluto assistere non visto
alla rappresentazione del terzo atto; salito alla galleria, egli s'era
mischiato a quella parte più modesta del pubblico.

— Ciò mi ha valso, diceva ora con la sua aria fanfaronesca, emozioni
indicibili. Per la prima volta in vita mia ho sentito il successo da
vicino. È anche vero che per la prima volta in vita mia ho avuto un
successo così unanime e concorde.

— E così sereno, interruppe Loredano.

— E così meritato! aggiunse Andrea di Vele.

— Grazie, tu mi mortifichi! disse il grande scrittore, ridendo, e
seguitò:

— Avevo vicino a me alcuni studenti. Ebbene, non hanno perduto una
parola, una sfumatura, un accenno. Ah, ah! E poi diciamo che il
pubblico non capisce niente! Chiacchiere! Ecco là qualche giovanotto
— e quanti ve ne sono come loro? — che in fatto di teatro e di buon
gusto ne capisce più di Ruffo, di Drago e di Spada sommati insieme!
Ma v'è stato chi mi ha scoperto lassù, al paradiso: Torrero. È salito
con Sanna. Si sono messi dietro alcuni uomini ed hanno cominciato a
dir corna con me della commedia. Avreste dovuto godervi la scenetta
deliziosa. Quei buoni spettatori erano su le spine, si frenavano,
s'imponevano il silenzio. Ma, quando Claudina ha lanciato così
meravigliosamente quel suo grido alla fine dell'atto e Torrero ed io
abbiamo esclamato sbadigliando: «Che stupidaggine! Che sciocchezza!»,
quelli altri non hanno retto più, si sono ribellati ed hanno intavolato
con Torrero una discussione dove io ero esaltato e glorificato a non
dirvi. Avreste dovuto vedere con che arie di protezione trattavano
Torrero, mai immaginando con chi avevano a che fare!

A poco a poco la sala si ripopolava, poichè l'intermezzo finiva ed i
campanelli elettrici squillavano. Giuliano aveva sciolto il suo braccio
dalla lieve pressione di Beatrice ed era uscito in fretta dal palco, al
momento che il sipario si levava per il quarto atto. Sul suo passaggio
qualche persona che ritornava al proprio posto e che lo conosceva
di vista si rivolgeva a guardarlo; altri mormoravano ai vicini il
suo nome. Egli passava in mezzo a quella curiosità, con la sua bella
indifferenza di uomo celebre, che sa d'esser sempre guardato e non ha
per questo bisogno di andare alla caccia ed alla ricerca di sguardi e
di ammirazioni. Tuttavia una gran gioia pel trionfo che quella sera
coronava il suo nome gli gonfiava il petto, mentre s'avvicinava in
fretta alla porta del palcoscenico, mentre traversava i praticabili,
mentre bussava alla porta di Claudina che ancòra e per quasi venti
minuti non era di scena. Quella gioia del trionfo aumentò immensamente
quando, entrato nello spogliatoio dell'attrice, questa gli si gettò tra
le braccia e se lo strinse al seno nella commozione superba del trionfo
comune. Giuliano le passava la mano su i capelli, come poco prima a sua
moglie. Ma, lentamente, il fascino arcano di quell'abbraccio ideale
si distruggeva e da quell'abbraccio semplice di maschio e femmina la
sensualità risorgeva a battere la sua diana.. L'ebrietà del momento
faceva dimenticare ad ambedue i rimorsi di due giorni innanzi, i
buoni propositi, i giuramenti scambiati. Già la voce di Giuliano,
che mormorava complimenti all'attrice trionfante, diveniva convulsa
di desiderio per la donna. Già le braccia di Claudina Rosiers, che
stringevano in un abbraccio fraterno l'artista che le aveva procurato
quella gioia sublime, sussultavano di passione per l'uomo. La colpa
rifioriva irreparabilmente dall'amore, come un fiore velenoso sorge da
un'ajola inargentata di giaggioli, stellata di margherite:

— Tu sei stata grande, tu sei stata magnifica, mormorava Giuliano. Io
non potrò mai dimenticare il bene che mi hai fatto col tuo genio. Io ti
amo, ti amo!

— Anch'io ti amo, susurrava Claudina perduta.

Il trionfo continuava ad inebriarli, facendo loro dimenticare ogni
realtà, ogni passato, ogni avvenire.

— Tu devi esser mia ancòra, Claudina, continuava l'amante. È una vera
stoltezza pretendere di distaccarci. Noi siamo un'anima sola. Io sono
fatto per te, come tu sei fatta per me. Io non posso vivere senza di
te come tu non puoi vivere senza di me. La sete dei tuoi baci che mi
arde, arde te pure. Claudina, Claudina, dammi i tuoi baci, dammi le tue
labbra!

— Sì, sì, io sono cosa tua, rispondeva l'amante con le labbra arse,
il volto di brace. Io ti amo, ti amo troppo, so anch'io che è follìa
sperare di poter essere lontani, di poter non compiere fino alla fine
il nostro delitto d'amore.

La cameriera bussò all'uscio per entrare e vestire l'attrice.

— Un momento, gridò Giuliano, poi aggiunse piano a Claudina, serrandola
sempre più perdutamente fra le sue braccia: — Ora, dopo il teatro, io
verrò da te, passerò la notte da te..... Vuoi? Vuoi?

— No, no, non ancòra, scongiurò Claudina pure mite e sommessa, stasera,
no.

— Come vuoi lasciarmi solo stasera, Claudina, insisteva l'amante,
stasera che il successo ci ha uniti, stasera che siamo cosa l'uno
dell'altra, come mai più lo saremo?..... Vuoi? Vuoi?

— Ebbene, vieni, susurrò l'attrice sempre più piano, ma con passione
veemente, tendendo ai baci dell'amante le labbra dischiuse come un
fiore.

Quando si disciolsero da quel bacio supremo, Giuliano aprì la porta
e la cameriera entrò. Seduto su una stinta poltrona, lo scrittore
assistette alla toletta della grande attrice. Ella si spogliava
celermente degli abiti che aveva indosso, li gettava su le sedie e
le poltrone, a caso e febrilmente. La cameriera intanto distendeva
le pieghe del nuovo abito che l'attrice doveva indossare; questa,
seduta innanzi allo specchio della toeletta tutta bianca e spumante di
merletti e di veli, e con le braccia nude rialzate ad arco, riannodava
le trecce un po' rallentate; poi prendeva con la punta del mignolo
un po' di pomata in una scatola di porcellana, tra la moltitudine di
scatole, di barattoli, di vasi, di tubetti che ricoprivano la tavola;
con una zampetta di lepre spandeva con parsimonia il belletto su le
guancie, che poi accarezzava di nuovo con una delle piccole spugne
pel bianco; passava appena su le sopracciglie il _crayon mysterieux_,
inumidiva le mani di vasellina. Siccome la voce di Savarese
sollecitava al piano superiore alcune attrici, Claudina gettò in fretta
l'accappatoio, sciacquò le mani, infilò la gonna pianamente, aiutata
dalla cameriera prudente perchè non guastasse passando la pettinatura.
Mise un abito di broccato _vieux-rose_ coperto in parte di un lucente
giavazzo verdone, che discendeva a grandi pieghe sotto due stole di
merletti veneziani, i quali anche incorniciavano il collo candido e
gli esili polsi venati d'azzurro. Diffuse ancòra con un piumino su le
guancie una cipria rosea, ne diffuse anche su i bei capelli d'oro che
apparvero inargentati di brina; si guardò nuovamente nello specchio,
tese la mano a Giuliano, gli mormorò qualche parola all'orecchio e,
mentre l'uomo sorrideva, ella entrò in scena per compiere il suo
trionfo ed il trionfo del suo benamato. Uscito fra i praticabili,
questi riguardava da un foro l'imponente sala di teatro, corsa ancòra
dalla scintilla elettrica di quelle frasi suggestive che Claudina
pronunziava, cesellando lentamente le poche scene di cui quell'atto si
componeva. L'uomo che la chimerica donna aveva disprezzato la salvava
dall'abisso aperto sotto i suoi piedi; ella però non si sentiva degna
d'amare e d'essere amata da quell'uomo e la triste commedia si chiudeva
malinconicamente con un grido angoscioso dell'innamorata innanzi allo
spettacolo di quel suo bel sogno perduto.


Quale proprietà continua di sdoppiamento deve essere in noi, se lo
scrittore godeva del successo che lo illuminava e nel tempo stesso
soffriva per ciò che quel successo recava di conseguenza? Egli vedeva
la tela calare, udiva l'applauso echeggiare solenne, vedeva gli attori
ricomparire più volte alle chiamate del pubblico, prima uniti, poi
solamente Claudina Rosiers. Alcune voci del pubblico gridavano il suo
nome, già frotte di amici invadevano il palcoscenico, serravano le
mani del trionfatore di quella sera, parole inebrianti di elogio già
susurravano al suo orecchio. Ma egli ascoltava distratto, spiando i
passi di Claudina, tendendo l'orecchio a sorprendere le parole che
l'attrice pronunziava tra i gruppi di marsine che l'assediavano.
Era gelosia, forse, quel sentimento rabbioso ch'egli sentiva quella
sera verso ognuno che parlava a Claudina, verso ognuno cui l'attrice
acclamata sorrideva nella vicenda dei saluti e delle conversazioni?
Egli vide dall'altro lato Gray che passeggiava anche lui in fondo alla
scena, ancòra in marsina e cravatta bianca, morsicchiando una sigaretta
spenta, intento a scrutare ogni piccolo movimento dell'attrice, attento
a cogliere il più insignificante monosillabo che cadeva dalla bocca
di lei. Giuliano sorrise al vedere quella sua precisa immagine, come
una persona che faccia innanzi ad uno specchio una smorfia comica,
ride per il primo dell'espressione che ha il suo viso contraffatta.
Intanto la folla innanzi a lui aumentava. Lo scrittore vedeva visi di
persone incontrate una sola volta e che si erano ricordati di quella
presentazione per poter «salire in palcoscenico a salutare l'autore».
I suoi più gelosi colleghi gli scandivano le parole più melate, le
sillabe più lusinghiere armonizzavano gli accenti più rispettosi. I
_clubmen_ si confondevano con gli artisti _bohèmes_, gli uomini di
banca coi letterati, i giornalisti con gli indifferenti, gli attori
con i critici. Farnese, nell'ansia che lo teneva, pure trovò per tutti
una parola, un sorriso, una frase. Ma quando vide sua moglie entrare,
accompagnata da Loredano e da Torrero, nel camerino di Claudina ove
l'attrice era già rientrata, egli non seppe più reggere e si precipitò.
Come fu su la soglia, sua moglie gli gettò le braccia al collo, pianse
sul petto di lui per una bella e superba commozione. Le sue idee e la
sua presenza di spirito impallidivano talmente che egli non sentiva
nemmeno le frasi di elogio e di gratitudine che Beatrice rivolgeva
alla grande attrice ed il desiderio che esprimeva di abbracciarla.
Solamente quando vide sua moglie serrare tra le braccia quella Claudina
che attentava alla sua felicità, quando vide due lacrime brillare negli
occhi dell'attrice, la sua commozione fu così prepotente che egli non
resse più, uscì su la scena, passò in fretta tra la folla variopinta e
chiassosa degli attori, degli intrusi, dei macchinisti, dei pompieri,
senza salutare nessuno, senza vedere le mani che si tendevano verso
di lui al suo passaggio; uscì dal palcoscenico, traversò i corridori
ancòra affollati di pubblico; già si avviava verso la porta per
lasciare il teatro, ma, quando la voce di una persona presso di lui
mormorò indicandolo: «È Giuliano Farnese», ei si ricordò che usciva
senza salutare Claudina. Si fermò al botteghino del teatro, scrisse
sopra una carta da visita due righe indicando a Claudina il luogo
ove l'avrebbe attesa, consegnò questo biglietto perchè fosse recato
immediatamente a Claudina Rosiers e si allontanò. Egli percorreva le
vie in preda alla febbre. Le vie erano affollate di gente che, uscendo
dai teatri e dai ritrovi, si avviava al riposo od alla festa notturna;
lo scrittore passava in mezzo a questa folla, urtandola, trascinato
a volta dalla corrente, sentendo il peso della sua infinita miseria,
egli ch'era il trionfatore di quella serata. E mentre le donne e gli
ammiratori lo pensavano circondato da amici ad assaporare la gioia
del successo, egli traversava le vie solo e triste, misurando l'abisso
verso il quale scendeva, l'abisso ch'ei scorgeva sempre più prossimo,
senza che ciò gli desse la forza necessaria per ritrarsene in tempo.

Perchè non partiva, magari anche in quel mattino che tra poche ore
sarebbe sorto? Egli si domandava questo, entrando nel portone del
Circolo della Caccia, salendo le scale, lentamente. Poi, mentre il
domestico lo sbarazzava del soprabito e del bastone e poichè questi gli
dimandava se desiderasse cenare, egli chiese un brodo ed un bicchiere
di porto rosso. Poteva egli partire, come aveva pensato? Si domandava
questo nel piccolo salotto dov'era attendendo la sua cena frugale.
Partire era presto detto! E gli obblighi, il lavoro, gli interessi,
la famiglia? Ma, anche trascurando tutto ciò, che valeva partire?
Poteva una distanza di duecento o di trecento chilometri levargli dal
cuore il veleno che vi si era versato? Non era più tosto semplicemente
dilazionarne l'effetto letale ed irrimediabile? Partire con Beatrice?
Avrebbe egli forse mancato di pretesti per tornare a Roma, quando il
desiderio ed il rimpianto di Claudina ve lo avessero richiamato, cioè
sùbito? Quella sua idea del destino che si compiva ed al cui corso
non eran da opporsi argini di ragionamenti e di rimorsi, lo riprendeva
ora che tante impossibilità gli apparivano. Il domestico intanto gli
portava il brodo e la bottiglia del porto:

— Il marchese Filangieri ha dimandato s'ella era al Circolo. Cosa devo
rispondergli?

— Rispondete che no. Desidero d'essere solo. Attendo qualcuno.

Bevve in fretta il vino, sorbì qualche cucchiajata di brodo.

— Anzi a questo proposito, disse al domestico rendendogli la tazza,
una persona in carrozza chiusa deve venire fra poco a cercare di me. Vi
prego di avvertirmi sùbito.

— Va bene, signore, — e mentre il domestico s'inchinava ed usciva,
egli si distese in una poltrona, socchiuse gli occhi, ripreso dai suoi
fantasmi di tristezza e di rimorso, attendendo.



VII.


Egli attese fino alle due, ma nessuna carrozza sopraggiunse. Uscito
nell'anticamera, infilò il soprabito e discese in fretta, deciso di
non perdere scioccamente quella notte d'amore nell'ebrezza del trionfo.
Per calmare i suoi nervi convulsi camminò a piedi, ma così svelto che
cinque minuti dopo uscito dal Circolo egli suonava al portone della
casa in piazza di Spagna. Apertosi il portone, egli salì le scale
correndo. La cameriera aveva già dischiuso l'uscio dell'appartamento
e Farnese entrò improvvisamente nella stanza da letto di Claudina,
rischiarata da un'alta lampada il cui chiarore era mitigato da un
paralume di tulle giallo.

La visione magnifica era innanzi a lui: Claudina, nuda sotto la camicia
di fine batista, aperta sul piccolo seno. Il corpo della giovine donna,
pronta ad entrare nel letto, sorgeva dal cerchio serico delle vesti
cadenti ai suoi piedi. I capelli erano disciolti su le spalle, onda
fulgente. La stanza aveva una temperatura voluttuosa, una penombra
suggestiva. Le coltri, al lato destro del letto, erano tirate indietro
ed i lenzuoli sembravano gioiosi per la festa amorosa che loro recavano
il profumo e la grazia del bel corpo femminile. La lampada indorava i
contorni del corpo, rischiarava i seni delicati, la liana della vita,
le anche ambigue e voluttuose.

Farnese s'era avvicinato. Senza una parola, senza un sorriso, egli
aveva stretto la flessibile liana, le sue dita avevano intuonato
l'irresistibile invito. La donna s'era abbattuta su lui, vinta,
mentre la trasparente camicia le scendeva dalle spalle e le nudità
sfolgoravano.

Non era il desiderio di uno che vibrando si comunicava all'altra:
erano due fiamme, due brame, due passioni, due voluttà che si
chiamavano, s'invocavano, gemevano nell'attesa, esultavano quanto più
l'ora amabile si avvicinava. I soffi dei due respiri erano armonici,
la medesima angoscia d'amore li accelerava, la medesima follìa di
piacere li animava, la medesima febbre di passione irresistibile li
infiammava. L'amante piegava a poco a poco la flessibile liana verso i
molli cuscini di un divano prossimo; il bel corpo candido s'abbatteva
sul giaciglio e su la stoffa oscura il candore suo s'animava e si
esagerava, radioso. Ivi continuò l'armonica omelia d'amore, ivi
s'innalzò più potente il grido del desiderio, ivi, smarrita ed
abbandonata, l'anima si ritrasse sospirando.

Ma ad un gesto più audace di Farnese la voluttuosa vittima si eresse,
balzò in piedi, vide la sua nudità: arrossendone, cercò intorno una
difesa, ma nulla era a portata della sua mano; allora balzò nel letto
ed i lenzuoli si rovesciarono su lei, avvolgendola, disegnandone
le curve in un amoroso abbraccio. Oramai al riparo, la fuggitiva
sorrideva, sorrideva dell'amante ch'era rimasto dolente e irritato sul
divano basso, mentre il suo desiderio insoddisfatto agonizzava.

Allora egli si levò, sempre più eccitato, mosse dei passi disordinati
per la stanza.

— Ah, no, tu non sei mia! gridò esasperato, arrestandosi ai piedi
del letto dove la donna copriva fino la bocca con le coltri rialzate.
No, no, tu non mi ami! Tu vagabondeggi nei sogni, t'inebrii al paese
azzurro dell'ideale! Tu non sei la creatura umana ed ardente, misera
e sublime che piange d'amore e ride di odio, sente per l'amato mille
desiderii, mille sensazioni, ed un ardore unico, enorme, onnipotente:
l'ardore del desiderio di formare una creatura sola...... Tu vaghi.
Dove? Perchè? Anche il desiderio è per te un sogno, un brutto sogno,
dal quale ti desti fuggendo, come poco fa. Amami, amami, Claudina,
amami come ti amo, chè io ho tanto bisogno dell'amore tuo.... Sii mia,
finalmente, sii mia!...

— Io sono sempre tua! ella sospirò.

— No, no, tu non m'intendi, susurrò l'uomo, tu non vuoi intendermi! Io
ti voglio tutta, tu devi essere tutta e sempre mia.....

La donna si sedette sul letto, non più sorridendo.

— Tu mi vuoi, ora?

— Ora, sì, egli balbettò.

— Sai di commettere un vero delitto? E non indietreggi? mormorò la
donna, a bassa voce.

— Un delitto d'amore, lo so! E non indietreggio, no, no, perchè ti amo,
perchè ti voglio, perchè amo te sola e sopra ogni cosa.....

— Ricordi tu, disse Claudina sempre più grave, ricordi il giuramento
che poche ore fa concludemmo? Ricordi? Giurammo che i nostri primi baci
sarebbero anche stati gli ultimi.....

— Fummo pazzi, ingenui....

— E se tu un giorno dovrai dirmi che fummo pazzi non allora, ma questa
notte?

— Io non potrò mai dirlo!

— Che sai tu? Che affermi? Sapevi forse quella sera del nostro primo
abbraccio, che quello non sarebbe stato il solo?

— Lo sentivo dentro di me!

— Dunque tu insisti? Tu mi vuoi! incalzò Claudina pallidissima.

— Io ti amo, mormorò l'amante.

Come egli accennava a parlare ancòra, con un gesto la donna gli impose
silenzio. Tacque un momento, poi disse:

— E mentre tu desideri me ed i miei baci, tu non senti altro dunque?
Nel tuo cuore non palpita un altro sentimento per alcuno?

Farnese afferrò l'allusione. Non potè trattenere una lacrima che
gli imperlò il ciglio, lacrima più eloquente di un pianto disperato,
lacrima di cui egli ebbe la debolezza di vergognarsi e che asciugò in
fretta con la palma di una mano, perchè Claudina non la scorgesse.

— Ah no, no, disse ella allora, non asciugare, perchè io non la veda,
quella tua lacrima che è la cosa più bella e più buona che tu abbia
detto stasera... Vedi, io l'attendevo questa lacrima... Io non ero
venuta a prenderti al circolo perchè volevo che tu pensassi a chi ti
attendeva, a chi ti attende, a chi ti ama... Tu sei venuto da me...
Ma questa lacrima mi dice che tu pensi anche ad un'altra donna, ad
un'altra casa, ad un altro amore... Lasciami, lasciami...

Ella aveva accompagnato le ultime parole con un gesto quasi
supplichevole. Pure egli continuò, sconsolatamente, ad invocare i suoi
baci:

— Tu non mi ami, ecco, susurrava, tu non mi ami...

La passione, trattenuta fino ad allora, proruppe nel calore delle
parole e dell'accento. L'amante, sempre a piè del letto, con i gomiti
poggiati alla spalliera ed il capo fra le palme, aveva rialzato
gli occhi verso di lei, ascoltava estatico quel torrente passionale
accavallarsi ed echeggiare.

— Ah, io non ti amo, non è vero? ella diceva con la voce ora secca e
stridente, ora rotta dai singulti, ora commossa e tremante. Io non ti
amo! E tu puoi dir questo sorridendo, calmamente, tu puoi negare tutto
ciò che nel mio cuore s'agita e palpita per te; tu puoi dire che io
non ti amo, sol perchè ti ricuso il mio corpo che unicamente il tuo
desiderio invoca, giacchè quella tua lacrima troppo presto prosciugata
mi dice bene che la tua anima è altrove! Tu non sai, Giuliano, con
quale passione, invece, l'anima mia forte e sicura si è avvinta alla
tua, così incerta, così vagabonda! Tu non sai il tesoro di sentimento
che freme qui dentro per te......... Poichè sei tu che mi hai rivelato
l'amore, da te ebbi il primo bacio ed il primo sospiro di voluttà! Tu
non imagini, è vero? che possa essere appunto perchè ti amo tanto,
che ti consiglio di fuggirmi, di restarmi lontano, di tornare a tua
moglie, ai tuoi figli, al tuo lavoro di grande artista! Grande artista!
Eppure tu lo sai che l'amor tuo coronerebbe il mio sogno di fanciulla,
tu lo sai quanto io bramavo di essere amata da un artista che potessi
completare e sorreggere, che mi sapesse guidare e mi potesse ispirare,
al quale io potrei forse un giorno offrire un piccolo ramo del mio
alloro, come vorrei vivere dolcemente all'ombra del suo....... Ebbene,
perchè respingo la realtà di questo sogno, perchè esito ad aprirti le
braccia, l'anima e le labbra per salire in un cielo così alto, così
grande, così bello, così splendente dove gli altri non ci potrebbero
più raggiungere? Non per amore, è vero? Ma non sei tu il trionfatore
di questa sera? Ed io non devo a te il mio successo, il trionfo mio,
non devo a te il mio poco ingegno, la mia vita che da stasera s'apre
luminosa? Ed io, io, non dovrei desiderare di tenerti sul mio cuore, di
baciarti, di passarti le mani fra i capelli come ad un fanciullo, a te
che sei trionfante, a te che le altre non hanno e desiderano, a te che
sei più alto, più buono, più forte di tanti, di tutti? Ah sì, credimi,
il mio impulso sarebbe di caderti fra le braccia; ma so io forse dove
andremo a finire e che ci riserba il destino? Io so che una donna
cui tu appartieni, ti ama: penso che ti ruberei a lei, questo solo mi
frena e mi vincola..... Ma non imagini tu quanto deve costarmi questa
rinunzia, no? Il fantasma di quella dolente mi appare, ma non pensi
che il mio desiderio ed il mio amore sono più forti e che io devo tanto
soffrire perchè quel fantasma non sia schiacciato e vinto da questi? Tu
che realizzi il mio sogno, tu che sei glorioso, come io sognava il mio
amore, tu sei di un'altra ed io devo ricordarmelo, io devo contendermi
a te ed a me stessa! Che vuoi, se io sono così?... Se io penso tutto
quello che soffrirei se fossi lei, Beatrice? Sono sciocca, sì, lo
so....... Ma sono anche buona e ti amo tanto!....

Le lacrime represse sgorgarono. Ella portò le mani agli occhi lacrimosi
e la camicia non più trattenuta si aprì sul petto e dalle sue trine
emersero i piccoli seni, fresca e giovane bellezza. Giuliano, a quella
vista improvvisa, si avventò verso la donna che piangeva, la rovesciò
su i cuscini dove la capellatura si sparpagliò lussureggiante, ombra
misteriosa e sontuosa al piccolo volto smorto, le mise le labbra su le
labbra, la sentì vacillare sotto i suoi baci. Lo enimma dei sopraccigli
bruni di Claudina si sollevò, si schiuse, apparvero gli occhi in
lacrime, supremamente amorosi. Infine le anime erano riapparse; ed
al trionfo ultimo del desiderio, esse non scomparvero di nuovo, ma
s'armonizzarono con quello in un unico concerto ideale e profondo. La
luce della lampada, dalla quale il serico riparo era caduto, s'avventò
come un turbine su i due corpi; si sparse, si abbandonò ad una danza
frenetica, che circondava e celebrava di chiarore la loro stretta,
unendo i loro corpi con collane di splendori e di penombre.


L'alba già insinuava le sue lame argentee fra le persiane socchiuse,
quando Farnese si destò avendo Claudina fra le braccia, con la
testa poggiata sul suo cuore. La dolcezza di quell'abbraccio ed il
tepore di quel letto voluttuoso lo inducevano a rimanere ancòra in
quell'attitudine d'amore. Ma il suono di un orologio nella stanza
contigua gli annunziò che eran già le sei del mattino. Col capo
pesante pel sonno brevissimo, per le agitazioni della sera innanzi e
le nebbie del piacere, egli si levò, dopo avere dolcemente disciolta
Claudina dal suo abbraccio. Si vestì guardingo, per non fare rumore,
baciò l'amante su la bocca lungamente, la guardò a lungo. Ella non si
destò. Farnese pensò che doveva rientrare in casa prima che i domestici
fossero levati ed i bimbi desti. Si avviò, allora, in punta di piedi
verso la porta ed il suo passo non era che un fruscio sul tappeto
spesso. Quando fu all'aria frizzante di quell'alba invernale, egli
si sentì sollevato, più leggero, più libero. Si avviò a passo celere
verso la sua casa, salì la via del Tritone, la salita delle Quattro
Fontane, percorse la via Venti Settembre. Durante tutto il suo cammino,
egli non poteva interdirsi di pensare a ciò che era avvenuto. Aveva
conscienza che il legame con Claudina era oramai indissolubile; egli
aveva troppo gustato i segreti dell'amore appassionato di lei per non
desiderarli ancòra, per non ricercarli, per poterli dimenticare. Nel
tempo stesso, però, egli dubitava e per la prima volta del suo amore
verso Claudina. Sentiva l'amore lontano, ben lontano, ed il suo cuore
ne sembrava a lui deserto. Tuttavia egli aveva follemente desiderata ed
invocata Claudina, poche ore prima! Ricordandolo egli attribuiva solo
al desiderio ed ai sensi tutto il trasporto ch'egli aveva provato e
seguitava a provare verso la celebre attrice. Giuliano si sentiva solo,
tanto solo, e la tristezza lo afferrava, uno scoramento indicibile
in quell'ora del mattino in cui Roma si destava al lavoro quotidiano
ed all'incessante dolore, dopo il lieve riposo della notte, dopo la
breve oasi di calma che il riposo ed il sogno avevano rappresentato. La
solitudine della sua anima lo lacerava. Anche nella oramai finita notte
di amore, egli aveva inteso quell'anima emigrare verso cieli lontani ed
ignorati, dove il suo sguardo non la raggiungeva. Ma allora la grande
fiamma vivificatrice dell'incendio sensuale l'aveva animato, sorretto,
sospinto, nella triste vedovanza del sentimento. Al contrario, adesso,
questa vedovanza gli diveniva insopportabile.

Il pensiero gli venne, come più si avvicinava alla casa, di distendersi
nel suo letto, di dormire, di placare quell'inafferrabile malessere.
Nel giardino che circondava la sua casa già le prime rose primaverili
accennavano a fiorire dalla rossa gemma dei loro bocciuoli. A lui
sembrò un lieto presagio ed il suo cuore fu sollevato dal gravame di
quella triste resipiscenza, di quel sentimento tardivo, di quel rimorso
inutile. Breve sollievo! Poichè, appena entrato in casa, trovò, seduta
in una poltrona nel suo salotto, Beatrice ancòra desta che l'aspettava.
Egli vide il corruccio negli occhi della cara donna, una dolorosa
piega di tristezza invincibile agli angoli della sua bocca. Non ebbe
la forza nè di inventare una menzogna, nè di confessare la verità. Un
peso enorme lo accasciò. Le rughe dei suoi giorni cattivi linearono
la sua fronte impallidita. Gli occhi di sua moglie erano fissi su
lui, lo seguivano nei suoi movimenti: egli li sentiva, ne percepiva la
tristezza e l'angoscia, ma non aveva la forza d'incrociarli coi suoi.
Il suo accasciamento aumentava ogni minuto. Si lasciò andare sul divano
ove rimase immobile, finchè sua moglie, aperte le persiane, uscì lieve
e dolente, senza guardarlo, portando via la lampada. Ed a lui parve
ch'ella portasse via tutta la luce del suo pensiero ed il calore della
sua anima combattuta.



VIII.


Alcune pieghe del nostro carattere sono talmente speciali e così
intimamente nostre, così profondamente buone o cattive, che anche
quando la passione, la grande maga, tutto rovescia, quelle restano
tuttavia vive ed integre, e pur avendo la passione modificata tanta
parte del nostro essere ha dovuto lasciare intatte quelle intimità
singolari. Claudina Rosiers, trascinata sempre più e vertiginosamente
dopo quella notte d'amore su la china rapidissima della passione, non
perdeva quella tristezza, che la conscienza del male commesso contro
una povera donna innocente le diffondeva nel cuore. Farnese s'adirava
per quel rimorso, ch'era come un limpido specchio del suo, un indice
inesorabile del male ch'egli commetteva, un ricordo continuo del
delitto d'amore da lui compiuto. Claudina Rosiers aveva escogitati
tutti i mezzi perchè la sua passione per Farnese non apparisse ad
alcuno. L'astuzia e la prudenza della donna erano state messe a
contributo. Non ostante che al Teatro Nazionale continuassero trionfali
le rappresentazioni della _Chimera_, Giuliano vi si recava ormai molto
di rado. Egli vedeva Claudina a sera tarda, rimaneva con lei qualche
ora della notte. Oppure, nei giorni in cui Claudina non aveva prova al
teatro, fuggivano in campagna, si recavano a colazione spensieratamente
in un'osteria suburbana, come due scolaretti che abbiano fatto _école
buissonnière_. E, nei rari incontri di Claudina con lo scrittore
innanzi alla gente, si ostentava dai due una grande freddezza ed
una placida indifferenza, così abilmente rappresentate che tutti
abbandonavano persuasi i loro sospetti.

Uno fra tutti era però difficile ingannarlo: Lorenzo Gray. Egli
persisteva nelle sue smanie amorose per Claudina, continuava a
rammentarle i giuramenti fattigli — che, se un giorno ella si fosse
persuasa all'amore, avrebbe ricordato la sua rispettosa passione ed
il suo silenzioso dolore, — continuava imperterrito a spiare le azioni
e le parole di Claudina, ad architettare castelli fantastici sopra un
solo gesto insignificantissimo dell'attrice, ad assediarla di domande,
di inchieste, di preghiere, di rimproveri. Claudina sopportava, un
po' perchè impietosita verso quell'uomo che sinceramente soffriva,
ma sopra tutto per prudenza, perchè, scatenato, quel geloso avrebbe
potuto nuocere. Ma non sempre ella era del medesimo umore, non sempre
la pietà o la prudenza la vincevano sul fastidio ed il dispetto, ed
allora rispondeva con mal garbo alle proteste di Gray ed il geloso
per giornate intere mordeva il freno, ronzava sopraccarico di cento
sospetti intorno all'attrice. Gli era stato sufficiente di giungere
improvvisamente all'appartamento di piazza di Piazza di Spagna e
di trovarvi Farnese, gli era stato sufficiente di recarsi in una
sera di riposo al Teatro Costanzi e di scorgervi in un palchetto
Claudina Rosiers in compagnia dello scrittore, perchè i suoi sospetti
sconfinassero nel campo dell'assurdo e si esaltassero fino ad una
gelosia tanto più fiammante ed irragionevole, quanto più era illecita
ed ingiustificata. E questa gelosia aumentava, a misura che Claudina la
colpiva d'ironie o la combatteva.

D'altra parte, Claudina si sentiva di giorno in giorno più felice
per potersi rattristare al pietoso spettacolo delle sofferenze di
Gray, sofferenze ch'egli amava ostentare e che raccontava al primo
indifferente incontrato per via, al ristorante, al teatro. L'attrice
viveva nella realtà del suo sogno e nelle braccia di Giuliano Farnese
cullava i suoi dolci fantasmi di gloria comune, di grandezza comune,
quei fantasmi e quelle visioni incitanti di gloria che erano la
sua vita, la sua sola dolcissima illusione. Se la felicità di quei
giorni era stata turbata, in principio, dai racconti che Giuliano
faceva a Claudina delle tristezze di sua moglie e dell'incalzare dei
suoi sospetti, ora queste sofferenze erano divenute più rare. Non
ch'ella non sentisse più il rimorso addentarle il cuore ed il suo
sorriso non fosse più amareggiato dal fantasma dell'offesa; ma questo
fantasma oramai, sebbene più gagliardamente e con più crudeltà, le
appariva ad intervalli sempre maggiori, poichè ora Giuliano serbava
segreta nel cuore ogni sua sofferenza. Egli sentiva atrocemente il
peso della dissimulazione, dell'inganno, della turpe commedia che
rappresentava. Ogni volta che rivedeva Beatrice, il ricordo dei baci
di Claudina lo faceva tremare fin nei precordii; e nelle lunghe notti,
nel letto coniugale presso il corpo della tradita che dormiva d'un
sonno affannoso ed oppresso, egli passava dolorose ore di insonnia ad
assaporare la sua tristezza ed il veleno di quella sua indecisione;
indecisione che lo teneva sempre spasmodicamente sospeso, fra il
desiderio del perdono di sua moglie e del ritorno alla vita di prima,
e l'amore ardente di Claudina, le sirene fallaci ma incantevoli della
grande passione. Non di meno, egli non svelava più nulla di queste
laceranti battaglie intime all'attrice. Ricordava troppo distintamente
le ultime sante e ragionevoli parole di Claudina in quella notte
memorabile, pronunziate prima della seconda e decisiva dedizione,
per non paventare che, al racconto delle sue amare tergiversazioni,
l'amante non gli ricordasse il suo saggio consiglio di quella notte e
le sue risposte. Anzi, a volte, egli affermava un'indifferenza così
completa verso i suoi affetti di una volta che l'attrice non poteva
prestargli fede nemmeno un minuto e riusciva piuttosto persuasa del
contrario.

Vi è sempre qualcuno che, su piccoli dati che a tutti gli altri
sfuggono od appaiono trascurabili, riesce a ricostruire tutto l'alto
edificio di una verità. Loredano, che pure era e rimaneva estraneo
a questi tristi giochi dell'amore, si rese conto di tutto; e mentre
Beatrice oggi era sicura del tradimento, per tornare a dubitarne
domani, e così via via, quotidianamente; e mentre Gray sospettava
per indizii fallaci, e sempre s'illudeva su la verità dolorosa;
Leonardo aveva intuito l'evoluzione sentimentale che lacerava l'anima
di Giuliano e, dalla sera della prima rappresentazione, egli aveva
compreso che quel peccaminoso legame d'amore era inevitabilmente
contratto. Dai suoi rari incontri con Claudina Rosiers e quando questa
gli parlava di Giuliano, e dai suoi continui colloqui con il cognato
e quando questi gli parlava di Claudina, Loredano aveva appreso più
di quanto avrebbe voluto sapere. Egli era passato tante volte tra gli
intrichi di quelle complicazioni sentimentali che esse non costituivano
più per lui un labirinto. Sapeva ben discernere i fili che conducevano
al primo nodo, dove il labirinto si apriva, con la medesima facilità
con cui discerneva quelli che conducevano all'ultimo nodo, dove il
labirinto si chiudeva. Tra le dissimulazioni di Giuliano e le sue
fanfaronate, tra le amabilità di Claudina e le sue tristezze, egli non
aveva trovato che amore, amore, amore.... Non di meno, nel medesimo
giorno, egli aveva inteso Giuliano parlargli male di Claudina Rosiers
e, recatosi la sera al Teatro Nazionale, la Rosiers aveva saputo
gettare a Loredano una frase che rivelava pochissima simpatia per suo
cognato. Non ostante le sue apprensioni, allora, Leonardo non si era
potuto trattenere dal ridere e si era ripetuto quell'indimenticabile
frase di Boisgommeux nella _Petite marquise_ di Meilhac: «_C'est ça,
l'Amour!_....» Così che i due amanti, volendogli nascondere la verità,
gliela avevano sempre più chiaramente rivelata.

Ma Leonardo era troppo uomo di mondo, amava troppo sua sorella e, pure
biasimandolo comprendeva troppo la lotta che si combatteva nell'animo
di Giuliano, da lasciar trapelare fosse pure un nonnulla di quanto
egli era giunto a scoprire. Oramai quasi conosceva gli appuntamenti e
gli incontri dell'attrice con lo scrittore e Leonardo proprio in quei
momenti cercava di giustificare e spiegare a sua sorella le assenze del
marito. Beatrice si confidava a lui, perchè a lui poteva dischiudere
tutta l'intimità dell'anima sua. Ella aveva l'abitudine di considerare
Leonardo non solo come un fratello maggiore, ma, poichè il fratello
era stato come un padre dell'orfana bambina, era nel sentimento di
lei qualcosa di superiore e di diverso, una tenerezza filiale. La
parola di Leonardo, quindi, le riusciva estremamente carezzevole
e quietante. Ed egli che lo sapeva, usava di questo suo potere per
sollevarla, per distrarla, per farle smarrire la via quando il sospetto
di lei s'incamminava per quel cammino che l'avrebbe portata all'atroce
rivelazione. Leonardo comprendeva che non era possibile restare molto
tempo in quel tacito inganno: troppo paventava la veloce e sicura
marcia della verità. Tuttavia, conoscendo l'anima di Giuliano, le sue
volubilità e le sue mutevolezze, egli si augurava che l'innammorato si
distaccasse dalla sua illusione e ritornasse alla moglie ed al retto
sentiero, prima che la verità avesse potuto compire la sua marcia
ancòra lontana.

Egli aveva considerato tutte le vie per accelerare nel cuore di
Giuliano quella felice resipiscenza. Parlare a Claudina? Era inutile,
poichè egli avrebbe capito da dove l'imposizione partiva. Parlare a
lui? Era ancòra più inutile, poichè egli sapeva bene il potere reattivo
che hanno i saggi consigli quando la passione divampa. Consigliare
a Beatrice di partire col marito? Ma sarebbe questi partito? E quel
che era più illusorio ancòra, sarebbe egli rimasto lontano? Non era
questo il modo di dare a Beatrice la lacerante certezza, senza tuttavia
ricondurre nella casa, che adesso n'era deserta, la pace e l'amore?
Ma chi, se non il tempo, il gran livellatore ed il gran giustiziere,
poteva riportare fra gli sposi il ramo d'ulivo ed il roseo ramoscello
d'eliotropio? Aveva, così, respinto tutti quei progetti dannosi e si
era attenuto al più semplice ed al più ragionevole: lasciar fare al
tempo. Sapeva bene e per esperienza, come sia possibile prevenire
la passione, ma come sia vano e sciocco reprimerla, quand'essa è
divampata: — vano, poichè essa non s'estingue sotto alcuna forza se
non sotto la sua propria; sciocco, poichè la passione repressa è come
una fiamma su cui si soffii per spengerla e che, repressa un istante,
divampa dopo più gagliardamente.

Beatrice intanto soffriva. Il suo amore per il marito era oramai
avvelenato dal dubbio. Nei suoi sgomenti, ella invocava la certezza
come una liberazione, ed allora si dava ad investigare, a spiare, a
riflettere. Ma, a metà del suo febbrile lavoro d'indagine, uno sgomento
più forte la prendeva, lo sgomento di trovarsi d'un tratto innanzi
alla crudele ed irrimediabile verità. Allora ella ritornava indietro
e si aggrappava al dubbio tanto amaro, come ad un'agognata tavola di
salvezza, benedicendo quella continua tortura, piuttosto che lo spasimo
orrendo di una prova irrefragabile. Tanto più che allora ella si apriva
col fratello e piangeva sul petto di lui tutte le sue lacrime, mentre
egli, passandole la mano sui capelli, la rassicurava, la tranquillava,
burlava i suoi timori, le sue ansie, i suoi sospetti e le portava
fra le braccia i suoi bimbi ch'ella, sperando ed illudendosi ancòra,
baciava appassionatamente, baciando in loro anche l'imagine del padre.
E quelle lacrime le eran di sollievo, quasi di gioia.

— Sai, le disse una sera Loredano, trovandola sola nel salotto invaso
dalla penombra del crepuscolo piovoso, ho una buonissima notizia.
Claudina Rosiers e tutta la sua compagnia partono e vanno a Torino e
poi a Milano. Partiranno tra dieci giorni. Sei contenta? Allontanato
l'oggetto dei tuoi sospetti, essi cadranno. Vedi che il tempo stesso
si è incaricato di riportare in questa casa, come ti dicevo, il ramo
d'ulivo ed il ramoscello d'eliotropio?

Beatrice sorrideva, poichè quella notizia le illuminava un'orizzonte
di calma e di amore, ch'ella aveva temuto più volte di non rivedere
mai più. Anche Loredano sorrideva, poichè anche lui sperava molto in
quella partenza e dentro di sè si felicitava della sua prudenza e della
sua abile strategia, dimostrate l'una e l'altra nel tacere a Beatrice
quanto egli aveva indovinato.

In quel momento, mentre egli baciava le pallide mani scintillanti di
anelli che la sorella gli tendeva raggiante di speranza e di gioia, il
domestico entrò, recando la lampada velata dall'_abat-jour_ di tulle
roseo; e quella lampada rosea sembrò a loro, secondo le parole d'un
poeta, una sorella infermiera che mettesse negli occhi della tormentata
la sua luce, come un collirio; — sembrò una sorella che mettesse sul
cuore di lei la sua bocca tepida; — sembrò una rosa bianca fiorita
d'improvviso in un grigio giardino crepuscolare.



IX.


— Decidiamoci per questa, disse Claudina distaccandosi da Farnese e
salendo di corsa la breve salita di quella quieta osteria di campagna;
entrarono sotto quelle capanne, ordinarono una colazione semplice e
rustica, cercarono il posto migliore per farvi apparecchiar la tavola.
L'osteria era deserta in quel giorno feriale dell'ultima settimana di
un aprile dolce e pieno di sole. Gli amanti prescelsero una piccola
tavola sotto un chiosco di canne ricoperto di edera, gemmato di
variopinte campanule. La campagna romana si apriva al loro sguardo,
nuda e solenne, interrotta dal luccichio del fiume in lontananza.
I fiori intorno al chiosco ombroso esalavano i loro primi profumi
inebrianti. Il sole era tepido e carezzante, passando a lame di luce
tra le canne, dolce e piacevole come un amico che torni dopo una lunga
assenza e vi riporti la gioia e la vita.

Poichè dovevano attendere qualche minuto la colazione, i due amanti
discesero nuovamente dalla montagnola su la lunga via bianca, si
avviarono verso gli archi di ponte Nomentano. Siepi di biancospini e di
rovi limitavano una parte della via. I biancospini gemmavano le siepi
con i loro fiori candidi come fiocchi di neve. L'Aniene scintillava al
sole del mezzogiorno con riflessi d'acciaio. Gli amanti si soffermarono
a guardare il paesaggio che si stendeva a sinistra, oltre le siepi,
per una distesa enorme, fino all'Albero Bello sul Tevere. La pianura
si apriva vastissima, limitata dall'orizzonte, interrotta dalle strane
ondulazioni del terreno. Nelle lontananze i monti sfumavano in una
nebbia azzurrina, ma che a volte aveva qualche trasparenza rosea.

Farnese guardava l'amante che, vestita di un costume _tailleur_ in
stoffa grigia, s'avanzava verso il ponte, sotto l'ombrellino, fiore di
ombra in quella furia di splendore abbagliante. L'ora intanto passava.
Giuliano la raggiunse e, come la via era deserta, tornarono verso la
montagnola e l'osteria avvinti amorosamente. Si sciolsero quando videro
il padrone che li attendeva a piè della salita. Ma non erano stati così
solleciti che il loro gesto amoroso fosse sfuggito agli occhi di colui
che ora li precedeva verso il chiosco, nascondendo sotto la sua barba
un sorriso d'intelligenza.

— Ci crederà due sposi, mormorò Claudina, e riderà di noi.

— Che importa, se non lo siamo? le ribattè l'amante, sorridendo.

La tavola, apparecchiata sotto il chiosco verde e profumato, aveva una
certa pretesa nella rusticità di quelle tovaglie di cotone, di quei
piatti di terraglia a disegno volgare, di quelle posate di ferro, di
quelle bottiglie di vetro. L'oste aveva messo dei fiori in mezzo alla
tavola e mentre gli amanti si sedevano l'uno di contro all'altra, egli
aspettava sotto l'arco del chiosco i complimenti pel suo pensiero
gentile, con un sorriso melenso su le grosse labbra. Nè si mosse
finchè Claudina non ebbe notato quel mazzo di fiori di campo e non
l'ebbe ringraziato della sua amabilità. Solo allora gli amanti poterono
lasciarsi andare alla spensieratezza della loro scappata primaverile.
Claudina aveva lasciato le prove al teatro, Farnese un affare
importante per procurarsi il piacere di quella colazione campagnuola,
presso il limpido Aniene, nella solitudine semplice ed intima di quella
osteria senza avventori.

— Ma noi non mangiamo, divoriamo, disse Claudina a metà della colazione.

Due sorrisi, una stretta di mano a traverso il tavolo e ricominciarono
a divorare. Parlavano di mille cose, di mille nonnulla, e la
conversazione di Claudina svolazzava: sfiorava fatti, idee, sentimenti,
sensazioni, allegramente, leggermente, senza mai soffermarsi, vertigine
di parole, ebrietà brillante di primavera. Alle frutta Farnese
dimandò del buon vino. Ne riempirono i bicchieri, brindarono. Ora che
il cameriere non interrompeva più per il servizio i loro colloqui,
Claudina si era seduta su le ginocchia dell'amante, gli aveva passato
le braccia intorno al collo e, fumando, gli soffiava il fumo negli
occhi con il perverso desiderio di fargli male. Con i bicchieri
innalzati, gli amanti incrociavano continui brindisi, come incrociavano
i loro bicchieri, bevendo Claudina a quello di Farnese, che a sua volta
s'inumidiva le labbra a quello di lei.

— Ah, come mi diverto, come mi diverto! Noi siamo due scolari, gridava
Claudina. Evviva! Evviva! Dammi del vino, ancòra, ancòra. — E come
Giuliano le mesceva quel leggero e biondo vino dei Castelli, Claudina
aggiungeva ridendo follemente: — _Champagne_, _champagne_, ancòra e
sempre: _Champagne, if you please_.

Nel momento che, bocca su bocca, gli amanti si baciavano con uno di
quei baci appassionati, furiosi, veementi che annientano le personalità
pel solo, grande ed eterno trionfo dell'amore, una giovinetta era
comparsa, vendendo un grosso fascio di prime rose.

Giuliano le diede del denaro mentre Claudina afferrate le belle rose
le mordeva, ne mangiava le foglie, sfogliava i bei fiori odoranti e
passava le mani piene di petali ancòra umidi su le guancie ardenti
dell'amante.

— Mi ami? mi ami? mi ami?

— Ti adoro!

Venti volte si ripetettero la dolce appassionata domanda, la semplice
ma eloquente risposta. Essi si inebriavano della loro stessa felicità
che veniva dai baci, dal vino, dal sole, dai fiori, dalla primavera,
dalla gioconda libertà. Lungamente i baci susurrarono sotto la verde
cupola, lungamente le anime si esaltarono all'odore delle rose,
lungamente le parole amorosissime mormorarono tra quella grande
fioritura di campanule, bianche, rosee, azzurre e gialle, che nei
loro calici aperti sembravano accogliere quei susurri d'amore, tesoro
ineffabile di passione e di giovinezza.

Già il sole diveniva sempre più pallido e tepido, nè più le lame
della sua luce scendevano negli interstizii delle canne cinte di
edera. Poichè il tramonto d'aprile si avvicinava, Claudina volle
uscire e tuffarsi ancòra per l'ultima volta nel sole, bearsi di
quella esuberanza di luce, di colori, di profumi, di vita rifiorente.
Discesero di nuovo, nuovamente si avviarono verso il ponte Nomentano.
Un drappello di soldati del genio era su una montagnola per un breve
riposo da certe loro esercitazioni di barche, nell'Aniene. Il piccolo
fiume non scintillava più al sole meridiano, ma nelle sue acque
limpidissime rifletteva capovolte le sponde, il cielo terso e d'un
azzurro regale. Ma sempre più il tramonto si avvicinava e sempre più
l'esaltazione si calmava nel sangue e nei nervi degli amanti. A poco
a poco, come su le cose, così su le anime loro la sera imminente
distendeva i suoi veli oscuri. Qualche tristezza rifioriva nei loro
cuori, qualche dolore nuovamente vi palpitava, a mano a mano che
l'esaltazione impallidiva e si spengeva.

Claudina, che si era seduta su un masso di pietra contemplando il
tramonto, parlava:

— Ecco che anche questa giornata tanto dolce è finita, ecco che
rientriamo nella triste monotonia della nostra vita e, riabbassando la
maschera su i nostri volti ch'oggi erano tanto felici di non doverla
sopportare, riprendiamo il doloroso artifizio della nostra menzogna...
Ah, come la vita sarebbe sciocca ed inutile se dovesse continuare
così! Ma tu sai perchè ti amo; tu sai perchè ci amiamo; tu sai bene
il mio sogno adorato. Noi ci metteremo presto al lavoro, n'è vero?
Tu completerai la mia intelligenza, io diverrò migliore al fuoco
della tua... Torneremo presto, n'è vero? al lavoro, alla fatica, ai
fieri scoraggiamenti ed alle superbie tanto nobili! Poichè è solo la
realizzazione di quel mio bel sogno che giustifica il nostro amore,
noi dobbiamo far tendere a quello tutti i nostri sforzi... Tu sarai
grande ed io sarò presso di te.... Tu mi offrirai un ramoscello del tuo
alloro... Oh, il sogno, il nostro bel sogno!

Si rialzarono. Oramai il tramonto, dietro Monte Mario sfumato in
una nebbia turchiniccia, slanciava in alto nel cielo il suo magico
incendio, il portento delle sue fiamme. I cipressi sul ciglio di
Monte Mario, disegnandosi su quell'incendio del cielo, sembravano
veramente gli aguzzi denti di un pettine enorme. Gli amanti, vinti
da una tristezza mista però di dolcezza e di squallore, discesero in
un prato verde tempestato di margherite dove l'erba era foltissima ed
alta. Seduti su l'erba, innanzi a quel tramonto meraviglioso di aprile
romano, le loro anime si schiudevano per accogliere tutta la malinconia
e tutta la maestà che, da quella conflagrazione di nubi ardenti e
da quella vicenda di luci e di ombre nel cielo, emanavano. Furono
allora, alla fine di quella dolce giornata d'amore, i baci freddi,
assai più tristi che le lacrime; furono le strette di mano, quando le
mani sono ghiacciate e non sono più due passioni che si attraggono, ma
due tristezze profonde che si vogliono carezzare e cullare a vicenda;
furono le indifferenti parole d'amore, vuote ed inutili parole d'amore,
più dolorose di un silenzio, perchè mostrano lo squallore dell'anima e
le lontananze dei cuori degli amanti.

E gli amanti, rientrando poco più tardi a Roma, lungo la via Nomentana
silenziosa dove solo echeggiava il trotto dei cavalli, pensarono
ch'era meglio tacere. Il crepuscolo scendeva umido e tetro. Il cielo
all'occidente era di rosa smorta e ad oriente già si accendevano
le prime stelle dei mirifici lampadarii che ignote forze sovrane
sorreggono in cielo. E la giornata di gioia e di spensieratezza si
chiudeva, dopo quella fiammeggiante apoteosi della fine, con la più
dilaniante delle tristezze umane, la tristezza che non sa trovare
l'ineffabile sollievo delle lacrime.


Quando Giuliano rientrò in casa trovò sua moglie occupata da alcune
visite. Egli non potè schivare quei fastidii e dovette dire ancòra
per la millesima volta quelle medesime parole con quell'immutabile
accento di esasperante indifferenza che toglie vita ed anima ad ogni
conversazione. Le signore ch'erano lì quel giorno avevano qualche
segreto ch'egli conosceva, poichè sapeva come, ad esempio, quella
signora Acquaviva fosse sollevata nei suoi frangenti finanziarii
da un vecchio senatore elegantissimo, presso il quale il marito
trovava sempre un più che affettuoso appoggio; nè Giuliano poteva
non sorridere pensando che quella contessa Arlì, che ora parlava
con tanta intransigenza su i costumi di qualche sua amica, era stata
veduta entrare con un deputato di provincia, sciocco ma milionario, in
una casa di via della Missione; ed il sorriso continuava osservando
quella terza visitatrice, la signora Lancia, la quale girava i
Ministeri, generosamente disposta verso chi intendeva giovare al
marito, pagando di baci una croce di cavaliere della Corona d'Italia.
Beatrice era visibilmente tediata da quel cicaleccio mondano, in
cui la signora Acquaviva metteva delle sentenze politiche che le
venivano dal suo elegante protettore della Camera Alta, la contessa
Arlì delle filippiche contro gli innocenti _flirts_ da _cotillon_ di
qualche sua intima amica, la signora Lancia l'apologia di suo marito
e l'enumerazione dei meriti di lui, ch'ella ripeteva continuamente
poichè era l'unico modo di far credere a qualcuno che il marito ne
avesse. Giuliano ascoltava rovesciare uomini, tacciare d'imbecilli
certe idee, ridere di una conscienza retta, enunciare paradossi sociali
da quelle donne che spendevano circa duemila lire al mese per la loro
sarta, combattere per il trionfo della morale proprio da quelle donne
che oramai da lunghissimi anni ne avevano smarrito le traccie. La
conversazione seguitava così, caustica e falsa, fra il sorseggiare
di una tazza di thè ed il liquefarsi di un _fondant_, senza che
mai svelasse un sentimento sincero, un'idea onesta, una sensazione
elevata. Tra quelle cincallegre di salotto, alle quali solo i guanti e
gli abiti erano mondi di macchie, più pura, più buona, più dolce gli
appariva Beatrice, che in quel momento ascoltava quei discorsi vuoti
con un fastidio doloroso, ch'ella nascondeva sotto un amabile sorriso
decorativo.

Una dopo l'altra le tre cincallegre se ne andarono: la signora
Acquaviva a raggiungere il senatore che, forse, era invitato a pranzo
da lei (un pranzo che egli avrebbe pagato, prima di andarsene, con
un biglietto da cinquecento lire), la contessa Arlì in cerca di
qualche rapida avventura; la signora Lancia a tentare eloquentemente
un qualche capo divisione perchè suo marito avesse, finalmente, in
occasione della prossima festa dello Statuto, la tanto sospirata croce
dei santi Maurizio e Lazzaro. Quando furono soli, Beatrice si sedette
presso Giuliano che sentiva l'imperioso bisogno di stringersela al
petto, di baciarla, poichè ella era così buona e così dolce, poichè
egli ne scorgeva meglio, al contatto con le altre, l'immacolata anima.
Il marito si lasciava prendere a quel fascino di dolcezza che, come
un profumo, Beatrice spandeva intorno a sè. Egli dimenticava la sua
vita, gli sembrava di non essersi mai distaccato dal fianco di lei, di
averla ininterrottamente e così amorosamente sentita palpitare tra le
sue braccia. La sua vita passata — di un passato che datava appena da
sessanta minuti! — si aboliva; ed è per questo che i baci posti da lui
su le labbra di sua moglie non gli apparivano sacrileghi, nè rubati nè
umilianti quelli con i quali l'innamorata gli rispondeva.

Ma il domestico che entrava, recando un pacco di libri giunti in quel
momento, ruppe l'incanto. Beatrice, seduta al pianoforte, interrogava
ora Giuliano su l'impiego della sua giornata, gli descriveva la
sua, trascorsa tra le sue cure di mamma affettuosissima ed i suoi
fastidii elegantissimi di donna di mondo. Cominciò allora per Giuliano
la dilaniante commedia della menzogna e del ripiego, più amara,
più crudele, più umiliante, dopo quell'oasi d'oblio, di pace e di
confidenza. Ma le domande di Beatrice incalzavano. Il silenzio sarebbe
apparso un'accusa, una confessione. Il marito, allora, cercò le parole
più adatte a togliere dai sospetti l'innamorata, inventò abilmente
le occupazioni di una intera giornata, con una grande minuzia di
particolari; particolari tali, però, che non se ne offrisse a Beatrice
la possibilità del controllo. Ella ascoltava — e così grande era
l'accento di verità e di semplicità dell'infedele, ch'ella credette.

Credette! Era appunto questa fiducia di lei che feriva più
profondamente Giuliano, nel cuore. Evidentemente, s'egli architettava
con la massima abilità un edificio d'inganni e di piccole menzogne per
giustificare presso Beatrice le sue ore, era perchè ella credesse,
perchè ella quietasse la sua anima affannata da tanti palpiti nella
dolce mitezza della fiducia. Ma tuttavia, quando vedeva che Beatrice
gli prestava fede, la fede desiderata, quando osservava il volto
di lei appianarsi ed illuminarsi d'un dolce sorriso d'amore, egli
sentiva prepotente il bisogno di gridare all'illusa: «No, no, non
credermi così facilmente! Quel che io ti racconto è menzogna. Io ti ho
ingannato, ti inganno, io non avrò la forza di non ingannarti più. Non
sorridermi, così, d'amore..... Ma guardami in volto e leggimi su la
fronte la menzogna..... Che i tuoi occhi e le tue labbra non mi diano
più baci ma mi scaglino contro l'insulto, l'insulto e il disprezzo
per la mia miseria e per la mia viltà!» Tuttavia la ragione riprendeva
il sopravvento su quell'onesto moto di una conscienza che si serbava
ancòra integra, sotto le scorie delle falsità e delle ipocrisie. Ed
egli taceva; seguitava ad intessere le fila dei suoi inganni, mentre
l'innamorata seguitava a sorridergli di amore e di fiducia ed il suo
volto sempre più si rischiarava di un così soave sollievo.

Tutto questo, però, non impediva che la conscienza di Giuliano
sanguinasse. Quella fiducia di Beatrice così intiera e sollecita
gli faceva sentire ancòr più il triste peso della sua vergogna.
Egli avrebbe quasi desiderato che la verità emergesse solenne ed
inesorabile, affinchè la commedia miserabile finisse nel dramma,
certamente più doloroso, ma più nobile; ed allora i baci di lei gli
facevano male, lo umiliavano, lo avvilivano tanto!.....

— Tu hai lavorato molto, io invece ho oziato, gli diceva Beatrice.
Tu sei triste, lo vedo. Io non so che fare per te. Ma se i miei baci
possono darti un po' di gioja e porti un sorriso su le labbra, ebbene,
prendili, prendili, sono tanti e sono tutti tuoi!.....

Ella si strinse, si avvinghiò a lui, lo baciò appassionatamente.
Come un colpevole — quale egli era, del resto — Giuliano sentiva
quei baci irrorargli le labbra che ardevano e pure tremavano, a un
tempo. Loredano che entrava, di ritorno per il pranzo, lo liberò
da quell'agonia atrocissima che aveva pur troppo le rosee e belle
apparenze dell'amore.



X.


Molte volte, nella vita, pur premunendosi contro le persone e le cose
che si temono, si tralasciano cose e persone che appaiono trascurabili,
mentre sono appunto quelle che più tardi nuoceranno. Certamente
Farnese, salendo in quella sera di primavera la grande scala del
Teatro Nazionale, non avrebbe mai pensato che da quel momento la sua
sorte era decisa, la rivoluzione più violenta della sua esistenza
e della sua anima iniziata irreparabilmente. Egli aveva il cuore in
festa. Una giornata di lavoro gli aveva diffuso nel cuore e nei nervi
quella deliziosa ebrietà che dieci ore di tavolino recano sempre ad
un artista vero. La sua conscienza era anche tranquilla: Beatrice,
invitata a pranzo da Lady Tremmel, vi si era recata con Leonardo
Loredano; Giuliano, protestando una lieve indisposizione, era rimasto
a pranzo con i suoi bambini, per non incontrarsi nei salotti ed
alla tavola della deliziosa Lady Tremmel con una persona ch'egli non
amava avvicinare. Il pranzo era stato gaio. I bambini avevano voluto
ascoltare dal padre fiabe e racconti, ma senza fate, senza reucci e
senza reginotte perchè quella «era roba da bambini», come sentenziava
il piccolo Luca. Gli scoppî argentini di risa delle sue creature
avevano sparso nel cuore del padre la più grande pace e la gioia più
intima. Dopo il pranzo, era rimasto con loro a sfogliare un libro
di viaggi, dono di Loredano ai bambini, aveva anche dato dei punti —
lui! — alla _sortie du bal_ della bionda bambola di Anna Maria. Infine
egli aveva accompagnato con Miss Margaret, l'istitutrice, i bambini a
dormire. Li aveva veduti, inginocchiati a piè del letto, mormorare le
brevi ingenue preghiere che Beatrice aveva loro insegnate e nelle quali
i bimbi pregavano anche per la felicità del loro babbo. I due ninnoli
biondi, immacolati nel candore dei loro lettini, erano in quiete. La
lampada, sotto il paralume di tulle, era stata abbassata.

Giuliano era uscito in punta di piedi; in anticamera aveva indossato
il soprabito e s'era avviato verso il Nazionale, leggero e giocondo
come a vent'anni, a Padova, quando dopo le opprimenti lezioni alle
sue indomite scolaresche, poteva raggiungere la sua cameretta modesta
per dedicarsi ai suoi prediletti lavori letterarii, quei lavori che
dovevano poi dare ricchezza e gloria all'oscuro professore d'allora.
Camminava a piedi in quella dolcissima sera di primavera. Da alcuni
giardini della via Nazionale giungeva un acuto ed inebriante profumo di
ciclami; festoni di lilla pendevano lungo le mura verdeggianti d'edera
di una palazzina. Sua moglie non sarebbe rientrata che tardi dalla casa
di Lady Tremmel, poichè dopo il pranzo intimo, l'elegantissima inglese
offriva alla società romana l'ultimo suo ballo della stagione. Giuliano
aveva dunque stabilito con Claudina di passare a prenderla al teatro,
per poi rientrare insieme, a cenare e a bere dello _champagne_ tra i
baci più capziosi del vino, nel civettuolo appartamento dell'attrice.

D'un passo leggero Giuliano, salite le scale, aveva percorso il
corridoio del primo ordine e s'era fatto aprire il solito palco di
proscenio. La sala era rigurgitante, sebbene le rappresentazioni della
_Chimera_ fossero già ad un numero enorme. Il terzo atto volgeva al suo
termine e Claudina, nella parte della contessa di Varrena, scagliava
l'atroce grido di dolore e di rimpianto, ritrovando, dopo scoperto il
baratro verso cui scendeva, presso di sè umile e sommesso l'uomo che
l'amava profondamente e ch'ella aveva fino ad allora disprezzato, nel
suo fatale inganno. Da quella sala rigurgitante saliva l'applauso così
demoralizzante per un autore drammatico, l'applauso obbligatorio al
dato momento, demoralizzante perchè ha in sè qualche cosa di quello
tribuito al tenore che avanza al proscenio, per lanciare le ultime
note della sua romanza, onde avere più insistente l'acclamazione della
galleria.

Giuliano, finito l'atto, si avviò al palcoscenico, deserto in quella
sera di rappresentazione senza speciali attrattive e senza avvenimento
artistico o mondano. I pompieri passeggiavano con passo monotono su le
tavole, i macchinisti ridevano in gruppo, i servi di scena preparavano
l'elegante salotto del quarto atto. Uno o due attori passeggiavano,
leggendo un giornale. Giuliano, giunto al camerino dell'attrice, vide
che questa, dietro l'usciolo socchiuso, l'attendeva.

— Come hai tardato!... gli disse Claudina, appena fu entrato.

— I miei bambini hanno tardato ad addormentarsi, ei rispose; e prese il
bacio che le labbra di Claudina gli offrivano.

Giuliano diede allora sfogo alla sua gaiezza. Parlava di tutto e
su tutti, con volubilità insolita, interrompendosi con frequenti e
cordiali scoppii di risa. Ma Claudina, mentre poneva il rosso su le
due guancie e con la carezzante zampetta di lepre ve lo spandeva,
non secondava quella gaiezza. Ella rimaneva silenziosa e triste; e
solamente di tanto in tanto un sorriso illuminava il suo volto, quando
Giuliano scherzava, ma era un sorriso pallido e forzato. Dopo un po' di
tempo lo scrittore aveva notato quel malumore ed aveva interrogato in
proposito Claudina, la quale aveva risposto evasivamente. Ma le domande
di Giuliano divenivano più incalzanti, più penetranti e Claudina nel
suo silenzio perdeva terreno.

— Ebbene, disse finalmente non potendo più serbare il suo segreto, è
meglio che tu lo sappia. Un telegramma di stasera a Savarese annunzia
che il Teatro Filodrammatico a Milano è a nostra disposizione dal
quindici maggio e noi dovremo partire fra tre giorni.

— E tu pensi di partire? mormorò Giuliano freddamente.

L'attrice rimase confusa. Tentò di far parlare la ragione, ma Giuliano
negava con ripetuti cenni del capo ed a Claudina, allora, sfuggì di
bocca la verità:

— No, no, io non ho mai pensato nemmeno per cinque minuti alla
possibilità di una tale partenza, te lo giuro! — ella esclamò; poi
aggiunse: — Ti amo troppo! — e continuò a lungo per dirgli tutto quel
che pensava.

Ella avrebbe tutto affrontato, avrebbe giocato reputazione, denari,
successi, pur di non allontanarsi dall'adorato. Che era per lei la
riputazione s'egli non era presso di lei? Che erano per lei i denari
che non le servivano, e che non potrebbero dorare mai una desolazione
dell'anima? Che erano per lei successi, trionfi, allori, se Giuliano
non ne era partecipe, se egli non era là con lei per essere altiero
della gloria di lei che veniva dall'opera sua? Ella sarebbe rimasta a
Roma, avrebbe chiesto, per ora un trimestre di riposo, e, se non glielo
avessero concesso, era pronta a rompere il contratto, accettando di
pagare qualsiasi penale. Ella enunciava questi progetti con parole
roventi ed appassionate e Giuliano sorrideva alla violenza di quel
torrente d'amore. Fu allora lui a parlare il linguaggio freddo della
ragione. Conveniva a Claudina di abbandonare il suo eminente grado di
attrice, di far prendere il suo posto da un'altra? Non era piuttosto
meglio ch'ella andasse a Milano, che si affrontasse una volta per tutte
quel grande strazio del distacco? Egli si sarebbe in breve recato
a Milano a riabbracciarla col plausibile pretesto di assistere alla
prima rappresentazione della _Chimera_ in quella città, dove egli aveva
sempre raccolto i suoi successi più belli ed unanimi?

Egli, da una parte, pensava dentro di sè che non sarebbe stato dolente
della partenza di Claudina. Chi sa se da quella partenza non avrebbe
datato per lui il ritorno ad una vita migliore! Chi sa se ciò non
avrebbe ricondotto la pace nel cuore di Beatrice e l'amore di una
volta fra loro! Ma Claudina protestava: quando ella, un giorno,
volesse ritornare sul palcoscenico le farebbero d'ovunque ponti
d'oro... Perchè, allora, soffrire lo strazio di quel distacco, quando
era possibile evitarlo con quella permanenza a Roma, con quel riposo
temporaneo che anche la sua salute, scossa da tante fatiche e da tante
dolorose battaglie morali, richiedeva prepotentemente? Ella usava
con molta abilità di tutte le malìe del suo sentimento per convincere
l'amante. Ma egli, del resto, che in fondo non amava Claudina ma che
l'aveva tutta nei sensi, nel sangue, nei nervi e che non vedeva per
ciò senza terrore lo sconforto di un distacco, non desiderava di meglio
che lasciarsi persuadere. Così che quando il campanello squillò per il
quarto atto la loro sorte era decisa e Claudina suggellava coi baci la
sua promessa d'amore.

Una voce disse dietro la tenda:

— Claudina, fra dieci minuti tocca a voi.

Gli amanti, smarriti nell'oblìo del bacio soave, non udirono. Allora
la porta cigolò sui cardini ed apparve fra la tenda il volto di Lorenzo
Gray.


Il piccolo e silenzioso dramma fu rapidissimo. Al cigolìo della
porta gli amanti si erano disciolti dal loro abbraccio, ma non così
prontamente che a Gray fosse sfuggito il loro imbarazzo rivelatore.
Claudina impallidì. Gray, divenuto terreo ad un tratto, si ritirò.
Giuliano noncurante salutò Claudina, dicendole che andava ad attenderla
nel suo palco, per cenare poi insieme, secondo il convenuto. Appena
rimasta sola, Claudina uscì dal camerino, s'incontrò con Gray
pallidissimo che l'attendeva dietro una quinta.

— Finalmente, le disse questi fremente, dissimulando per le persone
ch'erano intorno a loro, le parole roventi nei gesti semplici e
corretti. — Finalmente ho la prova lampante che voi siete l'amante
di Farnese. Avete finito di canzonarmi, così..... Ma, del resto, io
m'illudo forse ancòra! Voglio che voi, voi, voi me lo diciate, che voi
mi gridiate di essere l'amante di quell'altro. Su, via, via, un poco di
coraggio.... Ne avete tanto!

Il gesto era convulso, la sua voce fremeva, i suoi sforzi per frenare i
gesti violenti apparivano enormi. Claudina innanzi a quell'ira, innanzi
allo insulto di un uomo che non aveva alcun diritto su lei, non seppe
più contenersi.

— Ebbene, sì, sì, gli gridò sul volto con una voce stridente che
passava fra i denti stretti per l'ira. Sono l'amante di Farnese, sì, e
non da oggi solamente. Vi va? trovate ancòra a ridirvi? Capite che io
me ne rido di voi e delle vostre ire, capite che voi non avete nessun
diritto su me, nessuno, lo capite? Capite che io non vi permetto di
farmi nè da solo nè innanzi alla gente scene ridicole, scene che non
fareste se non foste lo sciocco che dimostrate di essere?.... Volete
intendere finalmente che mi avete annoiata, annoiata da morirne! che
non ne posso più con la vostra gelosia indelicata, che mi fate ridere e
mi avete fatto sempre ridere con le vostre pretese?.... Io sono libera,
liberissima di me e faccio di me stessa quel che più mi piace! Volete
accorgervi una volta per tutte, che per fare l'Otello, non siete che un
Otello di carta pesta?....

Era il suo momento ed entrò in scena ancòra convulsa e così pallida.
Gray era rimasto appoggiato alla quinta, colpito dalla rivelazione,
stramazzato nell'anima sua da quella ribellione crudele della donna
ch'egli amava. Ma il buttafuori venne ad avvertirlo che era giunto
il suo momento, che correva il rischio di fare scena vuota. Egli si
riprese, entrò. Quando si ritrovò con Claudina un fremito lo prese
d'innanzi a quelle mille persone; mancò la replica, errò le parole,
saltò mezza scena e la caduta del sipario fu per lui una liberazione.
Ed appena uscito di scena, egli corse nel suo camerino, si svestì e
rivestì in fretta, discese per uscire. Discendendo la breve scaletta,
le gambe gli vacillavano, gli occhi iniettati di sangue non vedevano
gli scalini; traversò a zig-zag la scena dove gl'inservienti mettevano
all'ordine per la prova dell'indomani, dove i pompieri facevano la
loro ultima ispezione. Si avviò verso la porta d'uscita degli artisti,
bisognoso di aria fresca e di silenzio. Su la porta le gambe gli
tremavano ancòra più, egli dovette addossarsi al muro per sorreggersi.
In quel momento Claudina usciva al braccio dello scrittore, e finse di
non vedere Gray: ma, o per caso o volutamente, quando ella gli passò
innanzi, ruppe in un grande scoppio di risa. Quelle risa furono per
Gray più crudeli di uno schiaffo, egli vide in un momento tutto rosso,
fece per slanciarsi addosso a Claudina, ma questa era già salita nella
sua carrozza che attendeva; Giuliano le si sedeva accanto, chiudeva lo
sportello, abbassava il cristallo e i cavalli partivano al gran trotto.
Gray aveva anche inteso Claudina ordinare al cocchiere: «A casa».

Egli rimase in mezzo alla via, solo, abbattuto, per un momento senza
più alcuna nozione della vita. Poi si avviò a caso per le vie, senza
direzione, senza scopo. Tutto il terribile momento della sua vita gli
appariva nella sua crudeltà. Si apriva il doloroso inganno di tanti
mesi; non solamente egli non era amato da Claudina, ma Claudina amava
un altro. Il sospetto cento volte lo aveva attanagliato, ma egli
aveva sempre voluto scacciarlo, poichè l'innamorato voleva credere ed
ingannarsi, con quell'accanimento proprio di tutti i gelosi i quali,
fino a che una prova irrefragabile non li abbatta o non li scateni,
tergiversano diuturnamente tra le convincenti apparenze che tolgono
loro la speranza ed infrangono il sogno — ed i lambiccati pretesti e
le faticose illusioni che non fanno altro che rendere più lungo e più
acre il loro spasimo, senza riescire a blandirlo mai. Ora tutti i suoi
sospetti di altri tempi gli ritornavano in quel momento, durante quella
corsa senza limite a traverso alla città addormentata: si stupiva
il geloso che quei saggi sospetti non gli fossero allora apparsi
come evidenze; si adirava contro sè stesso per la sua cecità, per la
sua sciocca fiducia, per le sue fanciullesche illusioni. Come aveva
fatto a non accorgersi mai di quella commedia che si svolgeva e si
annodava sotto i suoi occhi? Gli scatti di gelosia di una volta, dopo
i quali di solito si trovava pentito e vergognoso, ora gli sembravano
giustificatissimi e non sapeva perdonarsi di non averli spinti tanto
oltre da avere la certezza della cosa, quella crudele e dilaniante
certezza che tuttavia ora, in certi momenti egli avrebbe dato dieci
anni di vita per non avere. L'orizzonte della sua vita gli appariva
grigio, sconsolato, gelido. Scomparsane l'ultima luce che vi diffondeva
un albor roseo, la dolce e vivificante illusione su Claudina, che gli
restava? Al momento che egli era per entrare nel camerino dell'attrice,
aveva inteso la cara voce di lei ripetere a Giuliano la sua decisione
di rimanere a Roma, con lui, per lui! Non v'era dunque nemmeno la
speranza di riconquistare l'infedele. Egli sarebbe partito e l'amica
sarebbe rimasta docile e felice fra le braccia dell'altro! Una
tristezza sempre più grande lo prendeva, lo serrava alla gola, con un
groppo di lacrime.

Solo, solo! Che fare? Le sue amicizie, illusioni! La sua famiglia,
distrutta! E Claudina ch'era l'unico suo ideale, la cui conquista aveva
sorriso in fondo al suo cammino, come un'oasi di dolcezza in fondo ad
un deserto, Claudina ch'era stata luce dell'anima sua e vita del suo
cuore, era ormai tanto lontana da lui, esule volontaria, poichè aveva
dimenticato le promesse, poichè gli aveva fatto accogliere crudelmente
tutto l'ineffabile dolore che gli dava la felicità di lei, se con un
altro goduta e da un altro donatale. Che fare, oramai? Riprendere il
suo vecchio e fastidioso mestiere di attore, giovarsi del suo dolore
vissuto per renderlo più efficace e più vero nell'opera di un altro
uomo magari dello stesso Farnese? Ricordava i primi tempi del suo
amore per Claudina, quando ancòra non aveva osato confessarglielo.
Non era stato quello il periodo più dolce della sua vita, amareggiata
negli ultimi tempi da quell'amore romanticamente infelice? Il dolore
di lui diveniva ad ora ad ora più calmo, come il suo passo più lento.
Questo batteva forte su le pietre dei marciapiedi, echeggiava nelle vie
deserte tra le alte case chiuse e silenziose e talvolta Gray ascoltava
l'eco di quel suo passo che aveva qualcosa di tragico, quasi non fosse
suo.

A quell'ora, in quante di quelle case silenziose, era intuonata
l'esultante canzone dell'amore? In quante alcove, dietro quelle
finestre chiuse, susurravano i baci e palpitavano i corpi amanti?
Ognuno aveva il suo lembo di gioia, il suo quarto d'ora di voluttà.
L'amore, più solenne nel silenzio, sembrava a lui quasi cosa tangibile
dietro quelle finestre. Dove qualche lume filtrava ancòra tra le
stecche delle persiane, questa sensazione della presenza dell'amore si
faceva anche più eloquente per Lorenzo Gray. Cosa poteva rischiarare
quella lampada tremula e confidenziale se non l'allacciamento di
due corpi, la comunione profonda e solenne di due passioni e di due
desiderj? Egli pensò allora che in quel momento anche in una casa di
piazza di Spagna, una casa a lui ben nota, si amava. Claudina v'era
con lo scrittore e nelle sue braccia raccoglieva quella gioia e quei
baci che non aveva voluto da Gray. Come un ferito che ama di acuire
il suo dolore, torturando la ferita per giungere all'apice della
sofferenza, così l'attore pensò di dirigersi verso piazza di Spagna,
sotto quella casa, dove un altro coglieva il fiore ch'egli aveva tanto
ed inutilmente bramato. Si avviò. Il pensiero degli amori favoriti in
quel momento dall'ombra delle alcove lo riprese e la sua immaginazione
esaltata gli fece sentire come il suono immane di milioni di baci
scambiati tra milioni di bocche. Egli era solo. La sua solitudine era
più squallida in quel silenzio. Una donna, una povera mercenaria,
reduce forse da qualche caffè notturno dove aveva infruttuosamente
atteso per lunghe ore, gli passò accanto, gli mormorò qualche parola,
offrendogli per qualche ora il suo amore. Gray affrettò il passo per
sfuggirle ed un gran disgusto lo prese....


Disgustato di che? Disgusto per chi? Non era egli forse più misero e
più sciocco degli altri? Per mesi e mesi una donna aveva potuto ridere
di lui, senza ch'egli se ne accorgesse, senza ch'egli dubitasse,
seriamente e a fondo, della fedeltà di lei alle sue promesse di un
giorno, tante volte rinnovate. Le frasi lanciategli sul volto da
Claudina gli ritornarono alla memoria, gli avvamparono le guancie di
un sangue sconvolto. Al giusto grido di passione di lui, all'ultimo
grido d'invocazione del geloso verso la dolce verità, ella aveva
risposto svelando definitivamente il triste segreto, tra la volgarità
dei suoi insulti da palcoscenico. Che aveva egli fatto per essere,
non solo tradito, disprezzato e avvilito dalla donna che adorava, ma
anche vilipeso ed insultato? Di quale colpa ignorata o lontana egli
soffriva l'espiazione in quel dolore così forte, che gli insanguinava
l'anima, che gli inumidiva con le più amare lacrime le guancie di nuovo
impallidite per lo spasimo?

Giunse in piazza di Spagna. La piazza era oscura ed i rari fanali
tremolavano, or sì or no, ad un vento notturno. Egli ricordava altre
notti, rigide ma limpide notti d'inverno, quando accompagnava Claudina
dopo il teatro e l'amica lo invitava a salire in casa sua, per bere
una buona tazza di autentico thè russo, fatto da lei stessa innanzi
a lui, mentre le sue parole folleggiavan qua e là, senza argomento
e senza conclusione. Quel soave cicaleccio era oramai cosa lontana e
morta. Dietro quelle finestre illuminate, Claudina era con un altro, il
quale riceveva i baci che egli aveva sognato, ed abbandonava il capo
sul petto di lei e si faceva carezzevolmente cullare dal respiro di
lei, com'egli aveva tanto sperato. Una vampa di follìa invadeva il suo
cervello. Si sorprese a ridere solo in quella via deserta e l'eco di
quella risata gli apparve tragica. Il cielo si annuvolava, sempre più
nero e minaccioso; soffii di vento caldissimo passavano più frequenti.
Lembi di vita trascorsa apparivano intanto a Gray, vecchie cicatrici
della sua anima si riaprivano con dolore, illusioni disperse balenavano
ancòra innanzi al suo pensiero col loro antico colore primaverile
oramai appassito. Ma, sopra tutto, si concretava spietato ed acerrimo,
innanzi agli occhi dell'imaginazione del geloso, l'abbraccio felice di
Claudina e del suo amante, oltre quella finestra illuminata.

Quante ore egli rimase così, di contro a quella finestra
inesorabilmente luminosa? Egli non lo avrebbe potuto dire; sotto
l'imperversare di quella raffica di desolazione sentimentale le ore
passavano, nel tempo stesso celeri e lente: lente per il suo spasimo
e celeri per il timore che il sole gli recasse sofferenze più crude.
Quella finestra inesorabilmente luminosa gli sembrava uno scherno
crudele. Egli desiderava che quella luce si spengesse: finchè v'era
luce, v'era anche vita ed amore in quell'alcova! Finalmente la luce
s'affievolì, poi si spense, le finestre furono mute e la vita gli
sembrò sospesa e con essa il suo spasimo. Inavvertitamente, egli aveva
traversata la via per evitare un gruppo di uomini ebri che passavano
cantando e schiamazzando, ancòra più truci in quella solennità
notturna.

Il geloso si era appoggiato al muro della casa di Claudina ed
attendeva: chi? che cosa? Una forza indefinibile lo teneva lì presso,
nè egli poteva cozzare contro quella forza, per allontanarsi, per
rientrare in casa sua. Dopo pochi minuti, il portone della casa
di Claudina cigolò su i cardini ed un uomo uscì. Come questi si
era soffermato per accendere un sigaro contro il vento, Gray aveva
potuto riconoscere la fiera figura di Giuliano Farnese. Lo scrittore
era passato innanzi a lui senza vederlo ed il primo impeto di Gray
era stato di slanciarglisi contro. Ma perchè? Con quale scopo? E
col desiderio di quale esito? Bisognava non cedere al primo impeto,
bisognava colpire quell'uomo più a dentro, nel cuore e nella vita,
profondamente. E ciò non si otteneva nè con un insulto, nè con
un'aggressione volgare. Il geloso guardò l'amante felice allontanarsi
lungo quella via, col suo passo fermo e virile, di cui a lungo gli
giunse e sempre più fioca l'eco insistente.

Fu allora che la raffica del suo dolore salì all'apogeo. L'idea di
colpire quell'uomo che lo faceva soffrire gli sorrise ed egli entrò in
un caffè notturno — ch'era precisamente sotto la stanza dove poco prima
gli amanti si erano amati, — per mettere ad effetto il primo disegno
che era apparso nella sua mente sconvolta. Chiese un foglio di carta
da lettere, scarabocchiò due righe in cui affermava che Giuliano era
l'amante di Claudina Rosiers e che costei rimaneva a Roma per restare
col suo amante; scrisse su la sopraccarta il nome e l'indirizzo della
moglie di Farnese, uscì per gettare alla posta quella anonima denunzia.
Una buca da lettere era su la facciata dell'_Hôtel d'Europe_, quasi di
fianco al caffè. Ebro della sua vendetta, l'attore corse a quella buca,
vi lasciò cadere la lettera.

Ma aveva appena compiuto quel gesto, quando gli apparve nitida la
visione della bassa infamia commessa. Egli aveva lanciato il dolore
ed il male contro una donna a lui ignota, ma che sapeva buona; aveva
seminata la lotta in una famiglia, fra una moglie innamorata e i
figli innocenti. Tutta la sua conscienza si ribellò contro lui stesso;
unico suo pensiero fu di riprendere quella lettera e distruggere la
volgare denunzia. Se non che egli si trovava innanzi all'inesorabile
irreparabilità del fatto compiuto. Come fare? Follemente s'attaccò
alla buca, tentò di scuoterla, tentò di introdurvi nell'apertura il
suo bastone. Ma quei tentativi erano inutili. Un'altra disperazione,
un altro dolore — ed il più atroce, il rimorso — s'aggiungevano a
quelli che già diffondevano un gelo di morte nel suo cuore. Accese un
fiammifero, pensò di gettarlo nella buca, di ardere tutte le lettere
che vi si contenevano e fra quelle la sua. Ma sapeva forse egli
cosa distruggeva, quali responsabilità veniva ad assumere e quali
conseguenze il suo atto inconsulto poteva arrecare? Ah, cosa aveva
mai commesso nella follia, quale vergogna!.... La sua conscienza
tumultuava, come il suo sangue turbolento s'agitava nelle vene.
L'infamia era commessa oramai irreparabilmente. Vano il rimorso, vano
ogni tentativo! La follìa batteva a tratti nel suo povero cervello.
Grossi goccioloni di pioggia cominciarono a cadere. Il suo dolore di
prima scompariva sotto il nuovo spasimo. Nulla valeva oramai a fermare
il galoppo del destino, di cui egli non era, col suo atto di poco
prima, che l'umile strumento! Il sole non avrebbe ancòra sfolgorato in
tutta la sua gloria d'oro che già la sofferenza ch'egli aveva seminato
avrebbe purtroppo dato i più tristi germogli, preludiando forse
anche al dramma. Egli rimase a lungo, stupidito, appoggiato a quella
cassetta. Ora la pioggia cadeva a rovesci. L'alba lo sorprese coi
suoi chiarori antelucani, ancòra immobile sotto la tempesta d'acqua,
presso quell'oggetto che racchiudeva l'umile ed ignobile mezzo di un
irreparabile destino che si compiva.



XI.


La colazione finiva tra gli scoppii di risa dei bambini. Giuliano si
levò, accese una sigaretta, si distese in una poltrona, prese su le
ginocchia il piccolo Luca.

— Così che, dimandava alla moglie, lady Tremmel ha fatto miracoli. Vi
erano belli abiti, molta gente, molto _entrain_?

La moglie raccontava esuberantemente anche i più minuti particolari;
poi Giuliano, a sua volta, raccontò la sua serata.

— Sono uscito alle dieci, sono stato al Nazionale per intendermi
con Savarese su le rappresentazioni in Italia della _Chimera_; poi
son passato al Circolo, poi a casa. Serata castigatissima: non ho
incontrato nessuno, non ho parlato con nessuno. Ma voi siete rientrata
alle quattro del mattino, mia piccola scapata!

— Incolpane Leonardo, rispose la giovane donna, incolpane lui che non
si voleva più staccare dal braccio di una certa signora.....

Loredano, ch'era andato nella stanza attigua per scrivere due righe
sopra una carta da visita, rientrava col sigaro acceso, l'occhio vivo,
l'andatura giovanilissima:

— Accetto ogni responsabilità e son pronto ad espiarla con qualsiasi
penitenza.

Beatrice guardava dalla finestra aperta le spalliere di rose che
profumavano nel giardino ed il cielo limpido d'un azzurro terso come
cristallo.

— Che bella fine di Maggio! ella mormorò.

Rimase a lungo a guardare quella gloria di primavera. Si rivolse quando
intese parlare di partenza prossima, di decisioni da prendere.

— Tu parti? dimandò a Loredano.

— Bisognerà bene che mi decida. Sapete che sono quì da due mesi? Devo
andare a Venezia a sistemare certi affari e poi, filo via, in Svizzera.
Avevo l'idea di una passeggiata in Norvegia, ma la rimando ad un altro
anno.

— Quando partiresti? domandava la sorella inquieta.

— Non so; in settimana, forse.

— E sono così urgenti, insisteva Beatrice, sono così urgenti i tuoi
affari di Venezia che non ti potresti trattenere, nemmeno volendo?

— Oh no, no, di nessuna urgenza. Ma non vi è proprio ragione di
trattenermi. Voi due filate di nuovo, e deliziosamente, il più perfetto
amore e non ho alcuna ragione per restare fra voi a recitare la parte
di terzo incomodo!

— Tu devi rimanere ancòra con noi, mormorò la sorella.

— Bene, bene, ribattè Loredano; ne riparleremo. Una decisione non è
poi così urgente. Per ora me ne vado a prendere un po' di sole a Villa
Pamphili. Vieni anche tu, Giuliano, a fare questa passeggiata?

— Volentieri.

I due uomini infilarono i soprabiti; da un vaso di fiori presero
ciascuno una rosa arancione, la infilarono nell'occhiello.

— Se vorrai uscire, diceva Giuliano alla moglie, bevendo a sorsi brevi
il caffè bollente che il domestico aveva portato in quel momento, se
vorrai uscire con me, alle cinque ripasserò a prenderti. Va bene?

— Grazie, amico mio.

Si baciarono. Beatrice sentiva una grande calma nel cuore. L'addolorava
però il pensiero della partenza del fratello, l'idea che ella sarebbe
rimasta senza il suo sostegno e la sua guida in un momento così
difficile. Gli si avvicinò, gli prese le mani:

— Non partirai così presto, è vero?

— Partirò il più tardi possibile, sorellina, rispose lo scrittore.

I due uomini uscirono, accompagnati dai bambini fino nel vestibolo.
Beatrice si avvicinò alla finestra, vide Giuliano e Leonardo
uscire dalla casa: guardò le loro alte, maschie ed eleganti figure
allontanarsi in quella gloria di sole; li vide salire in una carrozza
scoperta che passava.

— Sembrano due fratelli, pensò.

I due ridevano forte nella carrozza, che nuovamente passava al trotto
sotto le finestre della casa. Le loro mani si sollevarono per salutare
ancòra Beatrice. Beatrice gettò loro dei baci. La carrozza scomparve.
Ella rimase alla finestra ad aspirare il profumo delle spalliere di
rose maggioline, ad inebriarsi a quel tepore ed a quella gioia di
primavera. Poi si ritrasse. Chiamò _Miss_ Margaret, l'aiutò a vestire i
bambini per la passeggiata al Pincio. Accompagnò loro e la _Miss_ fino
alla porta di strada. Poi, come li ebbe visti scomparire all'angolo
della via, risalì in casa canticchiando una canzonetta francese:

    «_Allons, ma belle, au beau pays_»
    «_Où l'oranger fleurit. . . . . ._»

Nel gabinetto da lavoro di suo marito scrisse qualche lettera, poi
sfogliò dei giornali illustrati giunti al mattino. Come le tre e mezza
suonavano, ella passò nella sua camera, infilò un abito da passeggio,
in velo religioso grigio perla con piccole passamanterie in argento
e guarnizioni di seta dello stesso punto di colore. Abbigliandosi,
cantava. E la cameriera non cessava di meravigliarsi per quella sua
insolita gaiezza. Beatrice si guardò allo specchio, lungamente; poi,
compiaciuta, andò ad attendere che suo marito la venisse a prendere nel
gabinetto da lavoro di lui. Prese sul tavolo un giornale comparso il
mattino con un vivace articolo di Giuliano e incominciò a leggerlo. A
momenti i suoi occhi sorridevano, come le sue labbra. La primavera le
diffondeva vivamente e dolcemente nel cuore quel soffio di gioia e di
ebrezza. L'amore di suo marito ora più espansivo e l'esser libera dalle
tristi apprensioni di un tempo le consentivan quella gaiezza. Un odore
di fiori saliva dal giardino per la finestra aperta ed era dolce e
spossante come una carezza.

L'orologio suonava le quattro e mezzo, quando il domestico entrò. Aveva
sul vassoio una lettera:

— Hanno portato questa lettera. È giunta da stamane, ma per errore è
rimasta in basso fino ad ora.

Beatrice la prese. La rozzezza della carta ed il carattere a lei
ignoto della sopraccarta la meravigliarono. Fece cenno al domestico di
uscire. Un oscuro presentimento passò gelido nel suo cuore. Esitò. Ma
poi scosse la testa e si disse che era una sciocca apprensione pensare
che quella modesta lettera potesse recarle del male. Quelle saggie
riflessioni non impedirono che le sue mani fossero tutte tremanti
nell'atto di lacerare la sopraccarta. Ebbe appena scorse le poche righe
vergate da una mano febbrile che ella cominciò a tremare tutta, il suo
volto s'impallidì di un pallore di morte, due lacrime, che avevano il
silenzio inesorabile della disperazione, le spuntarono dai cigli. La
denunzia era innanzi a lei.

Il dolore, che per tanti giorni aveva tentato di aprirsi un varco
nella sua anima, ma che era stato respinto da tanti rosei ottimismi,
irruppe finalmente in tutta la sua cieca brutalità. Fu così repentino
il passaggio che l'anima della povera donna soffriva dalla gioia di un
minuto prima all'ineffabile schianto presente, che per un poco Beatrice
seguitò a ridere di un riso straziante, che altro non era se non
spasimo di nervi esasperati. La crudele certezza era innanzi a lei. Il
suo sospetto era da troppo dissimulato nel suo cuore sotto l'apparente
fiducia, perchè le fosse possibile il minimo dubbio su la veridicità
di una denunzia siffatta, anche se di un anonimo. Una sensazione di
squallore — la sensazione di un uomo che veda rovinare una casa intorno
a sè e resti per miracolo nell'aria sul sostegno di un unico e fragile
muro — s'impadroniva dell'animo della tradita. L'umiliazione di essere
posposta ad un'altra l'avviliva, la sua dignità di madre e di sposa
si ribellava alla menzogna cui aveva dato fede ed ai baci mendaci cui
ella ignara si era docilmente prestata. La terribile crisi di dolore
che doveva gettarle addosso in venti minuti dieci anni di vita non
le lasciava pensare chi potesse essere quell'anonimo delatore. La
denunzia era così precisa nel suo laconismo spietato! La dolorosa
riprese il foglietto per rileggerlo, per averne un aumento di spasimo,
l'esacerbazione del suo dolore. Allora ella lesse la seconda frase:
che Claudina Rosiers restava a Roma per lui. Le lacrime più cocenti
le discesero lungo le guancie. Ella girava per la stanza come folle,
inciampando nei mobili, rovesciando oggetti, brancicando con le sue
mani convulse il grazioso abito ch'ella aveva poco prima indossato
sorridendo, con la innocente civetteria di piacere all'infedele. A
che era valsa, dunque, la sua vita di onestà? Tutti i suoi sacrifizii,
tutte le sue rinunzie, che cosa avevano apportato di frutto, se non le
era risparmiata quella atroce spartizione di carezze con un'ignota,
con una donna qualunque? Il ribrezzo invadeva tutto il suo essere,
distendeva i suoi viscidi tentacoli intorno al cuore affranto di lei.

Anche il dolore fisico imperversava. La sua fronte ardeva, le vene
delle tempie pulsavano fortemente ed erano così gonfie, quasi
fossero prossime a spezzarsi. Brividi le correvano le ossa. Il
cuore aveva delle strette che la facevano gridare. L'inutilità della
sua vita passata, lo squallore della sua vita futura le apparivano
dolorosamente. L'uomo amato perduto, il padre dei suoi figli indegno di
lei, adultero e mentitore, dissimulatore e vile, gli appariva perduto,
irremissibilmente perduto. Le sue illusioni sfiorite, abbattute, rotte
per sempre, gettavano su la sua povera anima una coltre di spine. Che
le restava nel mondo? Quale scopo? Quale vita? Quale destino? In una
nuvola d'oro apparvero alla dolorosa i nimbi biondi ch'erano le chiome
dei suoi bambini. Per essi ella avrebbe vissuto, da quel giorno, da
quell'ora, la cui tristezza immensa mai da nessun fluire di tempo
sarebbe stata dispersa. Cosa morta le apparivano adesso gli anni che
le restavano da vivere. Nata per l'amore, senza l'amore che altro
le sarebbe rimasto per la vita? I suoi bambini, cui il suo pensiero
ricorreva incessantemente come ad una salvezza, come ad un conforto,
come ad una difesa, come ad un usbergo immacolato e santo, non potevano
prendere nel suo cuore il posto lasciatovi deserto dall'infedele,
dall'amato di tanti anni non più degno del suo amore. Tutto il sangue
di lei si ribellava contro l'offesa, il sangue aristocratico della sua
famiglia s'agitava al pensiero di quella mescolanza plebea, al pensiero
che un'altra donna, di lei meno pura, di lei meno eletta, di lei meno
devota, avesse potuto ottenere ciò che a lei era dovuto, ciò che a
lei si toglieva. L'abbandono sembrava irreparabile alla desolata. Su
tutto avrebbe transatto l'offesa, ma non su quel tradimento continuato,
abile, mascherato, contraffatto, calcolato. Tutti gli spasimi diversi
della sua anima si univano, si sposavano con un triste connubio in uno
solo, altissimo, mentre dagli occhi abbattuti seguitava a sgorgare
il pianto ininterrotto; pianto di vergogna e di dolore, di orrore e
di amore, di amore ancòra, pianto senza sollievo, senza tregua, senza
fine, pianto sovrumano di infinita desolazione.


Quando Giuliano entrò nel gabinetto da lavoro, sùbito lo sconvolgimento
del volto di Beatrice che si era levata e l'attendeva in piedi, gli
annunziò che qualche cosa di grave era avvenuto. Sgomento, le si
avvicinò.

— Non vi accostate, ella gli gridò ritraendosi, non vi accostate. Il
dolore così atroce che io soffro non deve lasciare a voi altre vie alla
menzogna. Questa lettera mi svela finalmente che Claudina Rosiers è
la vostra amante, ch'ella non partirà da Roma per restare con voi. La
benda mi è caduta dagli occhi ed ho potuto vedere tutta l'offesa che
mi avete arrecata. Io non vi rimprovero nemmeno. Il mio silenzio deve
avvilirvi più d'ogni mia parola.

Giuliano, tuttavia nello sbalordimento dell'inattesa catastrofe,
comprese che, con una donna leale e nobile come sua moglie, la protesta
non era più possibile, nè poteva mentire. Se quella lettera era anonima
e quindi dubbia la denunzia che conteneva, le sarebbe stato molto
facile procurarsi altre prove ed indiscutibili, ora ch'era incamminata
verso la verità. L'unica cosa possibile con quell'anima di donna era la
confessione: Giuliano la tentò, disperatamente, come si gioca l'ultima
carta per una posta suprema:

— Con una donna come te io non so più oltre mentire, Beatrice, egli
disse. Ciò che ti hanno scritto è vero. Io ignoro chi sia il delatore
volgare che mi accusa in quella lettera. Ho tanti nemici accaniti a
Roma, tante gelosie, tante invidie, che vorrebbero colpirmi in quel
che ho di più dolce, di più intimo e di più sacro — e vi riescono. Io
non ho alcun mezzo per difendermi e non lo cerco. Ti ho troppo a lungo
mentito e ne ho troppo sofferto.

— Non è vero, ribattè Beatrice, se voi aveste sofferto, come dite, nel
mentirmi, non avreste atteso per confessarmi la vostra colpa che io
avessi in mano una prova indiscutibile. La vostra menzogna è spietata,
è orribile. Ora dite di soffrirne perchè io vi ho strappato giù dal
volto la maschera della vostra fedeltà. Ma voi mi avete mentito per
un anno, un mese fa, avanti ieri, ieri, stamattina. È una menzogna
ininterrotta, calcolata, vile, che mi ripugna! Mi avete baciata con le
labbra ancòra memori dei baci dell'altra..... Mi avete.... Per carità,
per carità, tronchiamo qui il nostro colloquio..... Ogni cosa è finita
fra noi. Non torniamo più su la vostra infamia: ne soffro troppo!

— Ma io non ho cessato un'ora, un'ora sola di amarti..... Lo comprendi?
Ah, tu ridi, tu indietreggi? Credimi che da tanto tempo io soffrivo,
come un peso sul cuore, la mia menzogna.... Credimi che il traviamento
di pochi giorni io l'ho pagato con tanto dolore, con tanta sofferenza,
con tanta vergogna. Credimi che in tutte le ore ti ho avuta presente,
_noi ti abbiamo avuta presente_, e tu ci hai fatto sentire crudelmente
il rimorso dell'offesa che ti portavamo. Se tu sapessi! Ma io non
devo ora scendere a simili particolari. Tu non vuoi ascoltarli e
sarebbe inumano..... Sappi questo però e credilo per la vita dei
nostri bambini, su la quale te lo giuro: quella donna può essere
stata l'aberrazione dei miei sensi, dei più cattivi istinti del mio
essere..... Ma tu sei rimasta per me il mio culto, la mia venerazione,
la mia devozione, la mia religione..... La tua purezza mi ha fatto
sentire ancòra più la mia colpa ed in questa sempre meglio ho veduto la
grandezza della tua anima, diletta! Ho mentito? Sì, sì, ho mentito! Ma
ho mentito perchè sapevo che confessandomi ti perdevo! Ti perdevo! Fa
di me quel che tu vuoi, abbandonami, giudicami, condannami, ma sappi
questo, questo solo: che io non ti ho tradita volgarmente, bassamente,
per disamore, per stanchezza. Una vertigine mi ha trascinato. Io sono
debole e non ho saputo resistere. Ma subito dopo ho misurato la gravità
del delitto d'amore commesso e non ho avuto che un solo terrore, il
terrore che tu sapessi tutto e che io ti perdessi, sì, sì, il terrore
di perderti, di essere solo, senza di te, perchè io ti amavo, perchè ti
ho sempre amata, perchè ti amo, ti amo......

Così dicendo le aveva preso la mano e, con voce strozzata dal pianto
prepotente, le alitava le parole sul volto.

— Lasciatemi, lasciatemi, gridò l'offesa, svincolandosi ed
indietreggiando. Lasciatemi e tacete; non discendete ancòra più in
basso!....

L'infedele cadde a sedere su una poltrona, esausto per l'emozione
violentissima di ogni forza fisica e morale. Il pianto ch'egli
tratteneva con sforzi dolorosi proruppe; ed era pianto di scoramento e
di umiliazione, pianto che invocava perdono, pianto in cui si rivelava
tutto il lungo dolore di tanto tempo, dal giorno della prima dedizione
di Claudina in quel medesimo salotto, su quel medesimo divano dove sua
moglie si lasciava cadere, sempre più pallida, per dirgli:

— È inutile che partiate, è inutile che mi diate la rappresentazione di
quelle lacrime: io non vi credo più!

La fierezza di Giuliano si ridestò. Egli asciugò le lacrime che gli
inumidivano il volto, rimase in piedi immobile e convulso.

— Io avrei meglio compreso che voi foste venuto da me, continuava
Beatrice implacabile, e mi aveste detto: «Non ti amo più, amo un'altra.
Mi serviva di mentirti. Ti ho mentito!» Voi non vi sareste così
avvilito ai miei occhi con una maschera di fedeltà che voi non avete
mai abbassata, ma che io stessa ho dovuto strapparvi dal volto.....

— Tu dici delle follìe, disse Giuliano amaramente. Io non voglio da te
il perdono, intendimi, intendimi bene! Io so che tu non me lo potresti
concedere, nè lo dimando. Voglio solo che prima di prendere una
decisione che forse muterà tutta la nostra vita, voglio che tu sappia,
che tu creda, che tu sia persuasa che giammai ho cessato d'amarti,
che dell'offesa che tu lamenti, ho sofferto io, giorno per giorno,
ora per ora, arrecandotela, più di quel che tu soffra ora, misurandone
la bassezza. Lo capisci tu che io non ti direi queste parole, se non
sentissi profondamente nel cuore, nei sensi, nell'anima, nel pensiero,
ciò che esse esprimono perchè innanzi al dolore non si deve, non si
può mentire, molto più quando questo dolore viene, come il tuo, dalla
menzogna? Vediamo, Beatrice..... Per l'amore che mi hai dato, per il
bene che mi hai voluto, credimi, credimi, credimi..... Fammi almeno
pensare che nel tuo cuore vi è ancòra qualche cosa per me, e non
solamente la spietatezza di una condanna.....

— No, no, replicava Beatrice, non mi parlate così. Non voglio sentire
nelle vostre parole nemmeno un alito di tenerezza per me. Essa mi
dà troppa ripulsione verso di voi. Non mi parlate così. Ditemi la
verità, la verità, una volta sola..... Datemi, per una volta, nelle
vostre parole il sentimento della verità! Ditemi che non mi amavate
più, che un'altra donna vi è piaciuta, che voi l'avete presa senza
tanti scrupoli, perchè io ero una moglie fedele e non ero capace di
rendervi dente per dente, come un'altra avrebbe fatto. Su, su, ditemi
questo..... Ma non mi raccontate altre menzogne, non mi recitate altre
commedie. Tacete... Sentite almeno la violenza del mio dolore e forse
non avrete più la forza di essere sacrilego, ricordando il nostro amore
d'un tempo, i nostri baci di un tempo.... Ah no, no, lasciatemi sola,
mi fate ribrezzo!

Uno sgomento sempre più folle s'impadroniva di Giuliano: egli si
avvicinò alla moglie, con le braccia tese, con gli occhi ardenti, ma
col volto coperto di un pallore mortale:

— Beatrice, ascoltami, ascoltami..... Beatrice! Non mi gettare così in
preda alla disperazione..... Abbi pietà!

— Ne avete avuta voi, per me? Mi avete risparmiato forse l'affronto di
farmi sapere da altri la vostra colpa? Lasciatemi, lasciatemi.....

Si ritrasse, d'un tratto, verso la porta, poichè Giuliano si avvicinava
sempre più. Egli soffriva veracemente il dolore di tanto tempo e la
cupa disperazione già batteva lugubremente nella sua anima. Beatrice
d'altra parte aveva atteso, al principio di quella scena lacerante,
un grido di verità che le svelasse come non tutto era morto nel
cuore e nella conscienza di quell'uomo traviato. Ma poi l'esaltazione
vertiginosa del suo stesso dolore le impediva di discernere il vero
dal falso, le impediva di sentire palpitare la verità, la sincerità, il
dolore, la passione nelle parole di Giuliano innanzi alla desolazione
che per la sua anima si preparava. Beatrice volle chiudere quel
colloquio tanto triste. Su la porta si volse, disse al marito che si
copriva il volto con le palme per nascondere le nuove e più cocenti
lacrime:

— È inutile purtroppo parlare più oltre..... Il mio giudizio su voi
è irremovibile. Immediatamente noi ci divideremo, e per sempre. O voi
lascerete questa casa o la lascerò io, questa sera stessa.

Giuliano, vinto dal tremito convulso che lo scuoteva tutto, non
riesciva ad articolare parola. Beatrice aggiunse:

— Ed io condurrò con me i miei figli, ve ne prevengo!

— I nostri figli! gridò Giuliano fuori di sè. I nostri figli, no, essi
sono anche miei! Sono miei, miei... Voi non potete togliermeli... Voi
non potete strapparmi fin l'ultima consolazione, l'ultimo rifugio per
il mio dolore...

Egli singhiozzava. I singulti di quell'uomo forte non commossero la
fragile creatura colpita in quello ch'ella aveva di più geloso e di più
caro. Il suo grande dolore la rendeva spietata, sorda alla pietà che
quel colpevole impetrava:

— I nostri figli, no, voi non potete togliermeli, non me li toglierete!
egli singhiozzava.

— In questo caso, disse fermamente la donna cui Giuliano aveva così
a lungo mentito — e le sue parole avevano una insultante ironia ed un
supremo disprezzo — in questo caso, metteremo di mezzo degli avvocati.
Faremo un processo, se così vi piace!

Giuliano si avventò contro di lei, preso da un impeto di brutalità
cieca in cui egli avrebbe voluto o piegarla verso di sè vinta e pietosa
o farle del male. Ma ella era già uscita e la porta si richiudeva.
Egli rimase in quella stanza, dove tante crisi della sua vita s'erano
svolte, a soffrire tutto il suo spasimo, intenso e silenzioso.
Beatrice sarebbe partita, i suoi figli sarebbero andati via con lei.
Egli, l'infedele, rimaneva solo e triste, a mezzo di quel malinconico
cammino, avendo veramente smarrita la diritta via per una oscura selva
senza uscita; rimaneva così, solo e smarrito, esule nella vita, senza
la calma della sua casa e l'affezione della sua famiglia e senza
nemmeno una passione verace in quell'altra casa dove la sua sorte
contraria si era decisa. L'ora squallida passava con una lentezza
lacerante.



XII.


Quanto durò quella raffica di disperazione in cui ogni volontà ed
ogni sensibilità, se non quella del dolore, sembravano abolite? A un
dato momento Giuliano si riprese dal suo abbattimento, vide la sua
solitudine in quella stanza silenziosa già invasa dalle penombre del
crepuscolo. Uscì nei salotti contigui, in cerca della moglie, deciso
ad ogni umiliazione pur che ella non lo abbandonasse, pur che non gli
togliesse i suoi figli.

Girò per tutte le stanze, nei salotti, nella sala da pranzo, nel
gabinetto da toeletta, nella stanzetta da bagno, nelle camere dei
domestici. Beatrice non v'era. In anticamera interrogò il cameriere
che non sapeva nulla. In quel momento _Miss_ Margaret saliva dal
giardino ed avvertì lo scrittore che i bambini, rientrati con lei,
erano di nuovo usciti con la loro mamma, un'ora prima. Non sapeva però
dove fossero andati, nè a quale ora sarebbero rientrati. Giuliano in
un lampo intuì quello che accadeva, prese il cappello ed il bastone,
deciso ad uscire, a cercare Beatrice ed i bambini. Ma in quel momento
il domestico apriva la porta e Leonardo Loredano entrava.

I due uomini passarono in un piccolo salotto, ove si chiusero a chiave.
Il colloquio fra loro avvenne a voce bassa, senza declamazioni,
brevissimo ma desolato. Loredano amava sinceramente Giuliano e nel
tempo stesso che soffriva pel dolore della sorella, comprendeva il
colpevole e s'inteneriva al dolore di lui. Egli parlò per il primo,
ragionevolmente:

— La catastrofe giunta così improvvisamente, egli diceva, ci fa sentire
il contraccolpo, appunto perchè inattesa, improvvisa ed irreparabile.
Io comprendo il tuo dolore, che in fondo è un'espiazione meritata:
m'inchino con riverenza a quello nobilissimo, altero, silenzioso di
mia sorella, di tua moglie. Indagare la causa di ciò, è inutile. È
ugualmente superfluo fermarsi a ricercare chi possa essere stato
l'ignobile delatore della tua relazione con Claudina Rosiers. Se
vorrai, in seguito, potrai cercare.... L'importante è questo, per
ora: Beatrice si trova presentemente con i bambini in una casa amica e
sicura, dove io sono stato chiamato per telefono, dal circolo. Non ti
posso dire chi siano gli ospiti della tua famigliola, perchè Beatrice
mi ha fatto giurare che non te l'avrei detto, volendo evitare che tu
la cerchi, volendo sfuggire ad un'altra scena ancòra più dolorosa ed
atroce. Bisogna, dunque, prendere una decisione. Beatrice, un giorno,
forse anche non lontano, ti perdonerà, ritornerete insieme e sarà
allora per voi una seconda luna di miele, cui io mi invito fin d'ora ad
assistere. Ma, al momento presente, la povera donna è troppo abbattuta
e demoralizzata per poterle parlare d'un perdono sia pure lontano. Ella
non intende nè di rivederti nè di cederti i figli. La sua intenzione è
di lasciarti libera la casa tua e di venire lei ed i piccini a Venezia
con me. Mi sembra che questa partenza di Beatrice sia fatta appunto
per risvegliare pettegolezzi e ciarle. È meglio, dunque, che sii tu ad
uscire da questa casa. Va, parti, viaggia; io resterò con Beatrice e
ti avvertirò e ti chiamerò il giorno in cui ci sarà possibile tentare
ch'ella ti perdoni. Ella rientrerà in questa casa e, per il mondo,
nulla sarà mutato. Per tutti, tu sarai in viaggio, per affari, per
diporto, che so io! Questa notte intanto, Beatrice dormirà in un
albergo, con me. Domani, dopo la tua partenza, tornerà qui. Tu hai
tutto il tempo di prepararti a questa assenza non breve.

— E devo partire, balbettò Giuliano, senza baciare i miei piccini? E
chi sa per quanto tempo non li rivedrò!

— Li bacerò io per te, rispose Loredano. Ed è meglio. Se tu li
vedessi non partiresti più ed è necessario ora che tu ti assenti
per qualche mese, affinchè la grave ferita che tu hai fatto al cuore
di Beatrice abbia il tempo di rimarginarsi, almeno apparentemente e
superficialmente.

Giuliano parlò ancòra. Disse lo schianto che quella partenza
significava per lui, la solitudine della sua vita, la sua tristezza;
ma le risposte di Loredano furono così affettuose e così persuasive che
poco dopo i due uomini si abbracciavano, — la partenza di Giuliano era
stata decisa — si abbracciavano come fratelli di dolore, virilmente ma
profondamente commossi.

Poi si lasciarono. Loredano tornò presso Beatrice. Giuliano incominciò
una marcia veloce per le vie della città, a fine di sollevare i suoi
nervi depressi. I lampioni cominciavano ad accendersi nei negozi,
le vie erano piene di folla, coppie di innamorati felici passavano
vicino a Giuliano, lentamente, nel crepuscolo di quella soave giornata
primaverile. Egli pensava alla vanità, alla insussistenza di quella
illusoria felicità che luccicava negli occhi di quelle coppie di
amanti. Anche per loro era passata quell'ora dolce. E rivedeva
Beatrice al suo braccio, nei tramonti d'aprile e nelle stellate sere
di luglio, mormorare parole tenere, mentre egli le sorrideva. Ed ora
tutto era finito; il dramma era giunto inesorabile, a sconto delle
gioie del tempo passato. Si trovò nella via Nazionale dove una fanfara
di bersaglieri lanciava al cielo i suoi squilli inebrianti. Giunse
al Corso, riboccante di folla lieta, scintillante di lumi, dorato di
fanali a gas, argentato di lampade elettriche. Qualche signora che
passava nella propria carrozza lo salutò. Egli si sentì sempre più
solo fra quella folla ignota e, come unico porto al suo dolore, gli
apparvero l'intimo salotto ed il dolce cuore di Claudina Rosiers.



PARTE SECONDA



I.


Dal fondo del suo _coupé_ riservato nel treno di Firenze, Giuliano
Farnese vide l'ombra di una donna, vestita di nero e avvolta di veli,
scivolare lungo i muri, seguita dai facchini col bagaglio, diretta
verso di lui. La donna arrivò allo scompartimento, salì, tese le labbra
a Farnese.

— Temevo che tu non venissi più, Claudina! disse lo scrittore,
serrandola fra le braccia. Discioltasi, ella assestò le valigette su
le reti sospese, poi si sedette dalla parte opposta allo sportello
aperto, sempre nascosta dai veli. Giuliano, in piedi nel rettangolo
dello sportello, cercava di nascondere la viaggiatrice. Claudina
vide un uomo che passeggiava sul marciapiedi, dove i viaggiatori
s'affrettavano e gl'impiegati si affannavano ed i carretti di ferro
coi bagagli scorrevano con uno strepito fastidioso, vide quest'uomo
avvicinarsi allo scrittore, salutarlo: ella riconobbe Santacroce che
dimandava curiosamente a Farnese per dove partisse, per quanto tempo,
se solo o in compagnia. Anzi egli arrischiò uno sguardo nel fondo dello
scompartimento; Claudina tremò di essere riconosciuta, ma l'ombra che
il lume a gas velato dalle tendine verdone lasciava e la miopia di
Santacroce la protessero. Costui se ne andò, persuaso in apparenza
dalle proteste dello scrittore, lungo quel marciapiede dove i cinquanta
globi di luce elettrica rovesciavano fiumi di luce, da dove un rumore
assordante saliva, oramai unito a quello degli sportelli sbattuti ed
allo squillo delle campanelle di partenza.

Lentamente, il convoglio si mosse. Claudina osservò l'amante e vide un
grande pallore disfarsi sul volto di lui, mentre le mani gli tremavano
e gli occhi non si staccavano da quella stazione argentea di luce, che
oramai si allontanava sempre più. Quando questa non fu più che un punto
luminoso su l'orizzonte notturno, Giuliano si ritrasse dallo sportello,
alzò i cristalli, venne a sedersi vicino a Claudina, le prese le mani
che erano gelide, le baciò la fronte ch'era madida di sudore, le baciò
le labbra ch'erano paonazze. L'amante la strinse fra le braccia, la
cullò con la dolce nenia delle sue fanciullaggini amorose. Claudina
parve rianimata: tuttavia non seppe trattenere le parole del suo
rimorso:

— Abbiamo fatto male a fuggire, ella disse. Mi pare che noi
s'abbia messo fra tua moglie e te qualche cosa di irreparabile,
di insormontabile, di incancellabile, per il giorno in cui tu, non
amandomi più, vorrai tornare con quelli che tu ami ancora, tua moglie e
i tuoi bambini. Avrei dovuto partire io sola, io..... Tua moglie, forse
ti avrebbe perdonato.... Chi sa? Le donne che amano son capaci di tante
abnegazioni.....

Sorrise amaramente; poi aggiunse, vedendo Giuliano che accennava a
parlare:

— So, so quel che vuoi dirmi e che mi hai già detto: che tua moglie non
ti avrebbe giammai perdonato; che, d'altronde, non ti era possibile
rimanere a Roma, separato da lei, per le ciarle del mondo; che tu mi
ami; che, del resto, tu speri che tua moglie non saprà niente della mia
partenza con te..... Ah, quanto sarebbe stato meglio per te rimanere o
ritirarti in un piccolo paese con uno dei tuoi piccini, a lavorare.....
Tua moglie, allora, si sarebbe persuasa del tuo pentimento ed un giorno
te la saresti veduta arrivare, buona, sorridente, clemente, avendo
dimenticato e perdonato.....

La sua voce era piena di lacrime e dopo una pausa la donna gettò
le braccia al collo di lui, reclinò la fronte su la sua spalla ed
aggiunse, ardente di passione:

— Ma no, ma no, ciò che abbiamo fatto è bene. Tu mi ami, io ti adoro,
non potevamo vivere separati. No. Ah, Giuliano, come mi sento tutta
tua, come mi pare di correre verso la felicità con questo treno, come
mi pare di averti tutto mio e per sempre, per sempre!..... Ricordi
l'altra sera, a quest'ora? Tornavamo dal teatro, cenavamo a casa mia,
bevevamo dello _champagne_ alla primavera del nostro amore, all'alloro
che dovrà incoronare, come dici tu, le nostre due fronti di una sola
corona..... tu poeta ed io tua interprete, ricinti da un solo ramo
d'alloro, uniti nella gloria, come nell'amore! Ah, che bel sogno, e noi
lo realizzeremo..... Non è vero?

Giuliano sorrise d'una smorfia scettica. Il fischio del treno parve in
quel momento irridere.

— Tu non hai fiducia? dimandò l'attrice. Io, sì, ne ho tanta, tanta....
L'altra sera, a quest'ora, tu mi baciavi..... e nessuno dei due avrebbe
imaginato che stasera saremmo stati insieme in questo treno che fugge
verso la felicità, uniti, stretti, amanti, dopo il breve dramma di
ieri.... Ah, quando iersera ti vidi arrivare da me, alle sei, pallido,
disfatto, come invecchiato di dieci anni, e quando mi dicesti: «Fa
le valige. Partiamo domani», compresi in un baleno quello che era
avvenuto... Poi, mi sentii mancare, come in un sonno improvviso, e
non ricordo più nulla.... se non che mi sono risvegliata sotto i tuoi
baci ardenti! Ah, il destino come galoppa! E di quali mezzi, di quali
misteri si serve per compiersi! Ed eccoci qui, ora, amanti per sempre,
non è vero? Per sempre! Come ti adoro. Giuliano! Baciami, baciami.....

Sotto la fitta pioggia di baci che l'amante faceva cadere su le
labbra, su gli occhi, su la fronte di lei, ella si assopì, sorridente.
Giuliano la distese su i cuscini, le si sedette accanto e, mentre il
treno seguitava a correre in mezzo al gran deserto romano bagnato dai
riflessi della luna, egli rivedeva una stanza ben nota, dove una donna
ch'egli aveva tanto amato, — e che l'amava, — era certamente in veglia
dolorosa, avendo sul pallido volto l'orma di tanto dolore, la tristezza
di una così inattesa desolazione. Per la prima volta, ella lo attendeva
invano, sicura ch'egli non sarebbe venuto. A quell'ora il telegramma
ch'egli aveva spedito a Loredano, partendo, per annunziargli il suo
allontanamento da Roma, doveva esser giunto; e Loredano, forse, aveva
fatto considerare come un docile e pentito atto di sottomissione quella
sua partenza, che pel benessere comune gli era stata consigliata. Forse
Beatrice s'inteneriva, a momenti, al pensiero del lontano, forse lo
rimpiangeva; ma il dolore ed il rancore dovevano vincere e Giuliano
quasi vedeva i gesti convulsi dell'abbandonata, quasi udiva le parole
disordinate e crudeli dirette a lui da quelle labbra che sapevano
dirgli, anche poche ore prima, così dolcemente «io t'amo!» Quante
volte, nella vita nuova che incominciava da quell'ora, egli avrebbe
rimpianto la piccola stanza da letto coniugale con la _veilleuse_
in cristallo azzurro, l'intimo salotto così animato da tante cose
famigliari, sotto la luce della lampada velata dal paralume di tulle
rosa..... Verso quali dolori e verso quali rimpianti egli si avviava?
Quale nuovo dramma cominciava in quell'ora? E quale _redde rationem_
si preparava? Un'inquietudine sempre più convulsa lo assaliva, e nella
quale egli avrebbe potuto facilmente distinguere il rimpianto per ciò
che lasciava, il rimorso per la sofferenza ch'egli aveva seminato
intorno a sè, il timore misterioso di ciò ch'era dietro l'oscuro
sipario abbassato fra il suo presente ed il suo avvenire, il dubbio per
l'intensità e per la sincerità dell'amore ch'egli credeva di nutrire
verso Claudina.

Ma il sonno che gli appesantiva le palpebre non gli consentiva più di
vedere la campagna lunare ed il volto pallido di Claudina assopita.
I cattivi sogni marciavano in nero drappello verso di lui, così che,
quando più tardi egli si destò al fracasso dello sportello spalancato
alla stazione di Orvieto, un incubo doloroso lo opprimeva, con tanti
fantasmi di dolore e di tristezza, da cui egli non riusciva a liberarsi
nemmeno mentre Claudina si destava dal suo sonno pesante, mentre
insieme riassettavano i loro abiti e discendevano le loro valigie,
uscivano dallo scompartimento sul marciapiedi della piccola stazione.
Gli amanti rimasero un momento l'uno contro l'altra a guardare il
treno; e solamente quando il convoglio notturno si allontanò lungo
il serpeggiante nastro di via illuminata dal lume di luna, essi si
scossero, uscirono dalla stazione, salirono in una carrozza che doveva
accompagnarli ad Orvieto.

Lungo la salita che i giovani cavalli divoravano con un trotto vivace,
i due amanti non dissero parola. Guardavano la vallata compresa fra
montagne boscose e colline con terre solcate da borri e da piccoli
torrenti, la triste vallata dove serpeggia il fiume Paglia, la vallata
che si apriva sempre più al loro sguardo, a misura che salivano
verso l'antica città etrusca, sotto la truce chiarità lunare che si
diffondeva come un'enfasi di luce, su i monti e presso il fiume,
disegnando le fitte boscaglie, accendendo di innumerevoli lamine
argentee il corso serpeggiante del fiume, laggiù, fra gli alberi.

Il silenzio non fu rotto che da un'esclamazione di Claudina innanzi
ai mosaici meravigliosi del Duomo, tutti misteriosamente scintillanti
sotto la luna. Era una immane fantasmagoria di luci e di riflessi,
in cui i candori abbaglianti del marmo s'avvicendavano col balenìo
caldo degli ori. Anche la piazzetta innanzi al Duomo era signoreggiata
da quell'enfasi di luce lunare, che più giù gravava su la campagna
e lì intorno dava alla mirabile facciata del tempio uno splendore
trasparente, tale da farla sembrare una visione di sogno. Giuliano
rivedeva con tenerezza quelle vie deserte e grigie, dove l'erba
cresceva umile e silenziosa tra le selci, sin sotto i muri dei grandi
palazzi echeggianti sonoramente nel deserto notturno e silenzioso lo
scalpitìo dei cavalli. Claudina, intimidita da quella muta e profonda
solitudine, si serrava inquieta al braccio dell'amante.

All'albergo cenarono frettolosamente in una modesta saletta da modesto
albergo umbro, serviti da un cameriere, Isidoro, insonnolito ma, pur
nel sonno, cerimonioso. Egli li aveva presi per due sposi, e non appena
li aveva serviti, volgeva le spalle per lasciar loro maggior libertà.
Dopo la cena, però, gli amanti indugiavano intorno alla tavola,
senza parlare e fumando una dopo l'altra certe sigarette sottili, che
Claudina amava. Isidoro, sbadigliando sempre cerimoniosamente dietro la
salvietta, faceva le sue alte meraviglie, per quei due sposi così poco
loquaci e cordiali e così poco premurosi di raggiungere la loro camera
e la loro libertà. Intanto il poveruomo cascava dal sonno e, piuttosto
che cadere a terra sfinito, preferì di dire ai due supposti sposi, con
le consuete cerimonie:

— La loro stanza, signori, è pronta.

L'ossequente voce di Isidoro richiamò alla realtà Giuliano. Egli si
levò per il primo. Salirono nella loro camera, accompagnati da Isidoro,
che rapidamente infilò l'uscio, augurando loro con un'aria sorniona il
buon riposo.

Si spogliarono lentamente, senza parlare. Sembrava che tra loro si
fosse frammesso un qualche ignoto fantasma che li inquietava, li
rendeva pensosi, irrequieti e tristi, allontanandoli l'uno dall'altra.
I loro baci, quella sera, furono frettolosi, quasi indifferenti; il
loro amplesso, non più nobilitato dalla fiamma della passione, li
lasciò assai tristi. Stanchi, essi provarono ben presto il bisogno
di voltarsi le spalle, di tacere, di dormire. Non di meno essi
stentarono a prendere sonno. Finalmente Giuliano sentì il respiro
di Claudina divenire più eguale, più lento, più grave. Ma egli era
torturato dall'insonnia. Continuamente il pensiero degli assenti lo
riafferrava. Come in una visione, egli vedeva un avvenire ben triste
e minaccioso. Sentiva le lacrime fargli groppo alla gola. Nell'ombra,
sentiva il respiro della donna sempre un po' inquieto. L'illusione che
fosse Beatrice a dormirgli a lato lo esasperava come un incubo. Per
liberarsene accendeva la candela, guardava Claudina ed un incubo ben
più triste veniva ad opprimerlo: il rimprovero della figura dolorosa
dell'assente. Poichè l'insonnia era invincibile, egli si levò, si
vestì, si distese su una poltrona. L'agonia vi continuò. Verso l'alba,
egli dormì un'ora di sonno affannoso e febrile. La luce del mattino lo
destò. Alla vista di Claudina ancòra dormiente, sul letto, seminuda,
nessuna tentazione lo accese. Egli confrontò quella sua impassibilità
con quelle mattine in cui, mentre Claudina ancòra dormiva, egli amava
di carezzare con la bocca e la mano le sue tepide grazie giovani.

Quella mattina, invece, egli preferì di scendere a prender aria. La
calma di Orvieto, la solitudine grigia del mattino esasperarono ancòra
più la sua tristezza. La facciata del Duomo, scintillante al primo
sole di mille ori e di mille riflessi di pietre preziose, di marmi e di
mosaici, gli apparve appannata, a traverso il velo di lacrime che gli
si distendeva su le pupille.



II.


Alcuni giorni dopo, gli amanti giungevano a San Remo, in un luminoso
vespro di giugno. Scesi appena dal vagone, si diressero al porto, donde
una barca li trasportò a bordo del _Little Rose_, il piccolo luccicante
_yacht_ che Farnese aveva in rada precisamente a San Remo, ed il cui
equipaggio era stato da lui prevenuto telegraficamente da Orvieto,
quella stessa mattina. Giunsero allo _yacht_, quando già il crepuscolo
era disceso col suo impalpabile manto solenne di ombre e di penombre;
tre fuochi, il bianco, il rosso e il verde splendevano già come enormi
pietre preziose — uno smeraldo, un rubino e un diamante — a babordo,
a tribordo ed all'albero di trinchetto. Qualche lampadina elettrica
splendeva nelle cabine, sopra coperta; un terrazzino a poppa, dov'erano
tappeti, vasi di piante frondose e poltrone di vimini, era illuminato
da tre o quattro lampadine che apparivano e sparivano tra il fogliame
mosso dalla lievissima brezza marina. I tre marinai, il macchinista ed
il capitano, vestiti di abiti candidi e corretti, attendevano Giuliano
a piedi della scaletta. Aspettandosi di vedere Beatrice ch'era stata
altra volta intrepida compagna di navigazione, gli uomini non seppero
reprimere un lieve movimento di stupore non riconoscendola nella
giovane donna, che agilmente scendeva dalla barca, saliva la scaletta e
si arrestava sul ponte volgendosi a guardare l'immensità del mare. Quel
movimento di stupore dei suoi marinai non sfuggì, per quanto lieve,
all'attento e perspicace sguardo dello scrittore; ed egli ne risentì
un piccolo urto seguito da un'indefinibile ma insistente sensazione di
fastidio.

Questa sensazione molesta si accrebbe durante il pranzo, servito da un
marinaio sopra una tavola dove l'attenzione affettuosa degli uomini
di Giuliano aveva profuso la pompa delle ultime rose di maggio della
Riviera. Giuliano ricordava altri pranzi in quella stessa saletta,
affettuosi e lieti pranzi d'innamorati con sua moglie; deliziosi e
calmi pranzi famigliari con Beatrice, con Loredano e coi bambini;
pranzi eleganti e sontuosi a gruppi di amici invitati a più riprese
sul _Little Rose_ per brevi crociere lungo la Riviera di Ponente,
lungo quella di Levante, o lungo la Costa Azzurra; solitarii pranzi
frettolosi, infine, di _yachtman_ appassionato. Il sottile veleno del
ricordo, che ha così fulgente colore e così dolce e amabile sapore,
mentre poi dilania e corrode inesorabile, s'infiltrava nell'anima e nel
cuore del romanziere, lentamente ma continuamente. Nè da quel veleno
erano sufficienti a distoglierlo gli scoppii di risa di Claudina, il
suo cinguettìo pieno di gaiezza e di amore, le sue esagerate paure
quando un'ondata un poco più violenta veniva ad infrangersi contro
il fianco snello del fragile bastimento. Egli era assorto, mangiava
di mala voglia, rispondeva in fretta e con indifferenza alle mille
minuziose e semplici questioni di Claudina, che voleva tutto sapere e
di tutto desiderava avere una chiara spiegazione, piena d'entusiasmo
com'era per quella lucida e luminosa casa galleggiante, così elegante
e così intima, che per lei, ignara di tutta la vita del mare,
rappresentava un fascino nuovo.

Verso la fine del pranzo, il malumore di Giuliano s'era convertito
in un mutismo assoluto. Egli già capiva di aver fatto male a condurre
Claudina su quello _yacht_, dove erano annidate per lui tante memorie
soavi e tenere di quella vita passata, che non sarebbe forse ritornata
mai più. Ma, d'altra parte, non era meglio averla condotta su quello
_yacht_, che non giù nella loro villa di San Remo, dove tanta della
vita sua e di Beatrice aveva dolcemente fluito, a fil d'acqua, in una
soave e armonica calma piena di dolcezza e di tenerezza? Le memorie
erano legate, in quella villa, ad ogni angolo, come festoni di fiori
lontani e smorti, pieni però dell'odore soave e suggestivo delle cose
passate; ed egli, per entrare in quella villa con la sua amante, con
colei per la quale tutta quella vita d'un tempo era stata per sempre
abbandonata, avrebbe dovuto spezzare e distruggere con le sue mani
quei festoni di crisantemi; ed il loro abbraccio d'amore, su quel letto
dove più folte erano le memorie e tali da comporre una coltre profumata
dell'odore del passato, avrebbe avuto il sapore amaro di un abbraccio
di morte. Il suo spirito era rifuggito da quella profanazione. Poichè
ella aveva voluto ad ogni costo venire a San Remo, lo _yacht_ gli
era sembrato un comodo asilo dove i due fuggiaschi avrebbero potuto
nascondere il loro amore colpevole. Ma anche lì le memorie odoravano
ed egli si lasciava avvincere da quel malinconico profumo. Perchè
però aveva ceduto ed era venuto a San Remo? Perchè egli aveva da
qualche tempo quella scarsa riflessione su gli atti da compiere, così
che doveva deplorarli non appena ne vedeva i primi risultati, sempre
incresciosi? Adesso, egli guardava Claudina. Sebbene distratto e con
l'anima altrove, Giuliano aveva inteso il silenzio farsi fra i due
amanti. Non appena n'ebbe la nozione precisa, egli volle colmare quel
silenzio, quasi fosse un vuoto, con uno scoppio di risa ch'era fuori
proposito e che suonò falso. Claudina, con la guancia poggiata su una
mano, lo guardava taciturna, da quando quattro o cinque sue domande
erano rimaste senza risposta. Ella picchiava col coltello sul cristallo
dei bicchieri. Giuliano la fissò negli occhi e vi lesse un muto e
doloroso rimprovero.

Si levarono, uscirono all'aperto in quella illuminata notte di giugno,
in cui sembrava che le onde del mare palpitassero di innumerevoli
esseri iridescenti. Gli amanti furono entrambi presi dalla suggestione
di quella notte magnifica e munifica di sogni. Sul ponte, appoggiati
al bastingaggio, essi guardavano palpitare nel cielo la vita
dell'infinito. Su quell'immenso velario azzurro cupo si incendiava la
magica meraviglia delle costellazioni, e tutto intorno, fino all'ultimo
orizzonte, era il formicolìo scintillante degli innumerevoli astri. Il
silenzio era profondo e più profondo ancòra sembrava in quella notte
serena, quando gli occhi si levavano verso l'immensa solenne silenziosa
vita delle costellazioni e degli astri. S'udiva solamente il sospiro
del mare, che a volte diveniva gemito, a volte s'inebriava in un grido
di gioia e di voluttà: tutto il mare, a volta a volta, si assopiva o
cantava, nella vicenda delle onde profonde. Un sottile filtro versava
nell'anima brama di sogni e bisogno di tenerezza in quella placida ed
amorosa notte di stelle. Silenziosamente, e come di soppiatto, quasi
che non fossero soli sul ponte, Giuliano prese tra le sue una mano di
Claudina. Ei sorrise di quella sua carezza guardinga, ma poi pensò che
anche nella solitudine, se ci si trova in conspetto dell'infinito e
della gloria della natura, in presenza dell'immutabile ed impenetrabile
prodigio della Vita e del glorioso enimmatico mistero della Notte, il
pudore delle meschine passioni e delle fragili carezze umane ci assale,
rendendo smorti e stanchi i baci scambiati nella solennità tenebrosa
d'un bosco, o innanzi all'immensità bagnata di luce lunare di un
orizzonte, o nella calma profonda di un mare notturno.

Claudina, intanto, richiamata a Giuliano dal tepore di quella carezza,
s'era rannicchiata tra le braccia dell'amante, quasi invasa da un vago
timore. L'uomo sentì allora la gracilità e la debolezza di quell'essere
ch'ei serrava tra le sue braccia, quell'essere per cui oramai ogni
orizzonte di vita era costituito dall'amore di lui, quella delicata e
appassionata donna per la quale da un sorriso, da una buona parola o
da un bacio di lui dipendeva unicamente la pace, la vita e la gioia.
Una pietà d'amore lo soggiogò, lo chinò verso di lei, che non aveva
nessuna colpa nelle incertezze della sua anima d'irrequieto, nessuna
responsabilità nello svolgersi fatale del suo e del loro destino.
Sentì improvviso il bisogno di cullare l'anima di lei, ancòra afflitta
dal suo silenzio astioso di poco prima con qualche carezzevole parola
d'amore e di bontà, con qualche amorosa promessa di gioia avvenire.
Provò il bisogno di udire dalla voce di lei la conferma sicura della
sua felicità d'innamorata, quasi che il riflesso di quella felicità
potesse scendere in lui, ad illuminarvi, come in uno specchio
sentimentale, lo squallore muto dell'anima sua.

— Come ti amo, Claudina! ei le disse commosso.

Non seppe trovare altro. L'insignificanza della frase gli sfuggì,
poichè nel suono di quelle poche sillabe un'emozione sincera ed intensa
tremava. La giovine donna fu grata all'amato di quelle parole semplici
e di quella spontanea carezza all'anima sua.

— Ed io dunque! ella esclamò; ed il suo volto pallido al chiarore
lunare apparve radiante, come quello d'una donna che veda rifiorire
d'un tratto tutto il sogno della sua vita, creduto per sempre
appassito.

Lo splendore lunare diveniva più intenso, quanto più la luna compiva
la sua maestosa ascensione nell'infinito mistero della notte. Quando
Giuliano si volse un poco per dare un ordine ad un marinaio che passava
dietro di loro, Claudina vide a quella luce gli occhi dell'amante
velati come di una nebbia e, pur mentre fissavano l'uomo, lontani da
lui e da quanto ne circondava, esuli dolorosi di un sogno o pellegrini
fedeli di una memoria melanconicamente soave. Ella comprese che non
bisognava lasciare, col silenzio, libero il galoppo alla fantasia di
Giuliano e ch'ella non doveva, ritraendosi ed impicciolendosi, fargli
obliare la sua presenza: presenza ch'era di già sufficiente a che
l'onda del suo memore, vagabondo e tormentoso pensiero non dilagasse,
portando intorno funeste vestigie di tristezza e di rimpianto,
incancellabili impronte di dolore e di pentimento. Le donne amorose
hanno il più delle volte questo senso prezioso dell'opportunità di
una parola o di un bacio: anche le più sincere e le più spontanee
non vanno esenti dall'esercizio involontario di questa loro non
indifferente prerogativa di diplomazia sentimentale. Siccome questa non
si limita alle più intelligenti, alle più tormentate dal dubbio, alle
più accanite di analisi su loro stesse e su gli altri, ma si estende
a quelle che non hanno altra intelligenza all'infuori di quella del
cuore e delle labbra, a quelle che si adagiano placide e beatamente
tranquille nella sicurtà reale o illusoria dell'amore, persino a quelle
che non considerano nemmeno le più evidenti e palesi cause dei loro
atti e i più chiari effetti di questi, bisogna credere più che ad una
virtù acquisita, ad un istinto non fallace, che, d'altra parte, ha un
richiamo in tutte le qualità e in tutti i difetti che le donne portano
nell'amore e nella vita del sentimento. Da quest'istinto Claudina
fu avvertita del periglio che il silenzio attraeva su le anime loro,
addensandolo come una nube.

— Io ti amo, ti amo tanto, disse Claudina all'amante. Io vivo adesso
d'una vita piena e beata. Tutte le mie facoltà s'esaltano, tutti
i miei nervi vibrano, tutta la mia carne è come corsa da un sangue
nuovo, tutto il mio cuore si inebria, si ingrandisce, si estasia nel
fervore di te. In questa notte mi pare che nessuna donna al mondo possa
sentirsi più felice di me, poichè tutta la felicità deve essere nel mio
cuore, s'io non riesco a intravederne sia pure un barlume altrove. Ed
io ti sono grata dal profondo della mia anima del bene che mi fai, di
tutta la gioia che tu dai alla mia vita, di tutta la primavera che tu
hai gloriosamente ridonato a me, con la soavità e la generosità del tuo
amore....

Ella continuò a lungo in quella veemente gloria di passione. Giuliano
udiva quelle lusinghiere e allettatrici parole; e, come un fanciullo
che oda l'elogio della sua bontà prevedendone il dolce premio, si
lasciava andare alla corsa di quel torrente già sognando che l'amore,
ora palpitante nelle parole inspirate, avrebbe più tardi fatto fremere
il suo cantico nell'abbraccio e nel bacio.

Ma quando più tardi, rimasto solo sul ponte in attesa del momento
in cui avrebbe potuto entrare nella cabina dell'attrice, gli ritornò
il ricordo di altre sere e di altre attese lontane, quel torrente di
amore gli parve un rigagnolo stagnante e quel cantico veemente echeggiò
nell'anima sua non più esultante ma come un lamento dolorosissimo.
Ricordava altre sere, sere di crociera, quando tutti i suoi ospiti
marini erano già al riposo, altre sere in cui rimaneva sul ponte con
Beatrice a contemplare estatici lo scintillìo del mare. Ad un dato
momento, ella gli premeva lievemente la mano e scompariva, bianca sotto
il chiarore plenilunare, come una visione di sogno, come un'apparizione
fantastica. Ed allora ei rimaneva solo, fumando l'ultima sigaretta,
carezzando l'ultima fantasia del suo pensiero irrequieto, pregustando
la delizia delle carezze che fra qualche momento l'amata gli avrebbe
prodigato. E poi..... e poi entrava misteriosamente, timido come un
amante e non spavaldo come un marito, nella cabina di lei e la notte
di amore cominciava appassionata e giovane, come ai primi tempi della
loro unione. Così, così, anche quella sera..... anche quella sera egli
era solo in attesa sul breve ponte, anche quella sera una donna lo
attendeva nella misteriosa cabina. Egli indugiava, malinconicamente
oppresso dai suoi contraddittorii pensieri. E mentre si proponeva di
restare ancòra sul ponte a fumare, godendo quel plenilunio imponente
e infinito, una di quelle contraddizioni del suo pensiero gli
fece riflettere ch'era già tardi, che Claudina doveva essere già a
letto, che l'attesa spiacevole poteva ora suggerire all'innamorata
malinconiche riflessioni su quell'indugio. Tuttavia esitò ancòra.
L'incantesimo di quella notte d'argento era troppo intenso ed i ricordi
cantavano alla sua anima una troppo lenta e malinconica nenia. L'ora
presente era scomparsa ed egli s'illudeva di esser tornato addietro
di mesi e di anni su la via della sua esistenza. Ma ogni esitazione
svanì quando, socchiudendo le palpebre, il bel corpo di Claudina gli
apparve voluttuoso e mistico, come circondato da una nebbia argentea;
allora ei si diresse a passo rapido verso la cabina, sollevò adagio la
maniglia della porta, alzò appena la portiera e rimase celato, spiando.
Un'allucinazione lo prese. Ricordò altre sere in cui egli aveva
preparato quella stessa sorpresa d'amore, quel godimento voluttuoso pei
suoi occhi. S'illuse che quella donna bella, che ora si denudava per
infilare una camicia da notte tutta spumante di trine, fosse Beatrice.
Ma già il sottil velo della camicia era scivolato: ei riconobbe bene
la rotondità del fianco, la curva agile della schiena e, vinto, si
gettò con furia su la donna, presa da un improvviso spavento; e tutti
i suoi più ardenti baci furono per lei, mentre l'anima malinconicamente
emigrava, pallida e dolorosa, verso l'assente.



III.


Gli amanti varcarono il cancello. Il giardiniere venuto ad aprire
non seppe nascondere il suo stupore di rivedere il padrone così
inaspettatamente. Ebbe subito uno sguardo curioso per Claudina e molte
riverenti parole per Giuliano Farnese. S'inoltrarono pei viali del
giardino, seguiti a distanza dal giardiniere che si era già provveduto
delle chiavi della villa. Era un vasto giardino tenuto con una
precisione ed un'eleganza inglesi: erano larghe aiuole tutte fiorite
in quella primavera, erano viali dove i passi scricchiolavano su la
ghiaia, alberi sottili e snelli, fontane loquaci, spalliere di rose,
cespugli verdi, banchine di marmo, giù giù, sino a un belvedere aperto
sul divino scenario del mare. Giunsero ad un piccolo _berceau_ dove le
piante rampicanti avevan mutato in una cupola verde quell'intrico di
canne. Quante volte nelle sere di primavera e nei crepuscoli d'estate
non aveva Giuliano pranzato, sotto quella verde cupola in compagnia
di sua moglie, dei suoi bambini, di Leonardo talvolta, tal'altra di
un amico? Ei rivedeva la scena raccolta ed intima, come un quadro
suggestivo, come un _interno_ di uno di quei soavi ed intimi pittori
scozzesi così semplici e commoventi, di un Newbery più meridionale.
La tavola imbandita sotto la verde cupola — e tra i verdi merletti
di essa, or sì or no, le stelle e le costellazioni scintillavano e
palpitavano; su la tavola la magnificenza rossa o bianca delle rose, il
riflesso dei cristalli, lo splendore delle argenterie sul candore della
mensa — e fuori, sino all'orizzonte estremo, lo scintillìo del mare,
lo splendore del cielo; intorno alla tavola la sua dolce donna col
suo volto pensoso ed amoroso, i visini deliziosi delle sue creature,
l'affabilità e la bontà sincera di qualche volto amico — e fuori, giù
su la spiaggia e nelle barche sul mare, soavi canti d'amore, lenti e
dolenti, echi lontani di vite lontane; sul candore della mensa la sfera
di luce d'oro della lampada intorno a cui aliavano prossime al fuoco ed
alla morte le farfalle notturne — e, lontano, mentre lì era tanta pace
soave e tanta quiete affettuosa, si lottava ancòra, si soffriva, si
scherzava con fiamme ben più intense ed egualmente fatali, si piangeva
e si moriva. E tutto quel dolore del mondo sembrava allora render
più preziosa la pace di quei pochi cuori confidenti e tutta quella
miseranda lotta per la vita faceva sentire più fortificante la quiete
di quelle anime. E Giuliano pensava che anche lui aveva disprezzata
la pace, disertata la quiete, e gettandosi nelle correnti malfide di
un triste amore aveva fatto come quelle farfalle che, abbandonando la
delizia dell'ombra, venivano all'irreparabile spasimo della fiamma.

Fra due gruppi d'alberi un'altalena mostrava ancòra le sue corde e
le sue tavole. Altre memorie irruppero nell'anima dello scrittore.
Quante volte egli aveva sospinto su quell'altalena i suoi bambini,
ardimentosi come tutti coloro che non presuppongono il periglio! Oh,
i brevi gridi entusiasti del piccolo Luca, quando lo slancio era più
forte, e come, col flettere le sue gambe infantili e col protendere il
suo corpo di bimbo, cercava di renderlo tale, allor che il padre per
prudenza lo moderava! Oh, le care gote rosee accese e gli occhi di Anna
Maria scintillanti a quel gioco maschile, a quell'illusione del volo!
Ora i suoi bimbi dovevano tanto sentire la mancanza del papà, del loro
grande amico, che sapeva talvolta elevare i loro spiriti infantili
verso il suo e tal'altra abbassare infantilmente il suo verso le loro
anime semplici ed ignare... Essi erano rimasti in quella casa, tra una
governante fredda ed indifferente, troppo nordicamente impassibile per
le loro volubilità di fanciulli, ed una mamma dolente e silenziosa,
che, probabilmente, evitava il più delle volte la loro presenza e
le loro parole perchè le une parlavano forse dell'assente e l'altra
evocava il ricordo di questi. Od anche nulla era di tutto ciò. Chi
sa? Egli ricordava un pensiero di Leonardo da Vinci, alcune parole del
grande pittore: diceva quel pensiero d'apparenza umile, ma in realtà
profondo, che l'acqua che si tocca in una corrente è l'ultima di quella
che è passata e la prima di quella che viene. Come quell'acqua anche
l'anima infantile è quale acqua che scorre: le imagini od i ricordi
non vi si fissano; ma scivolano via con la corrente, come riflessi
mobili, come fa l'imagine specchiata su la trasparenza delle acque.
Ogni ricordo del padre poteva essere cancellato dalle anime loro,
dopo quei quindici giorni d'assenza, o almeno così impallidito che
ben presto sarebbe del tutto scomparso. Questo timore gli dava una
commozione indicibile, mentre ei sospingeva l'altalena, come altre
volte, sognando e ricordando, quasi illudendosi di una cara presenza. E
sua moglie gli tornava al pensiero: sua moglie e le vesti primaverili,
sua moglie e le spensierate gaiezze mattutine, le fanciullaggini del
suo cuore amoroso e della sua anima semplice, vero specchio delle
impressioni che passano: un raggio di sole o una lacrima, un fiore che
sboccia o una nuvola, un sorriso di bimbo o una corolla che appassisce
non colta da alcuno, nè da alcuno odorata, come tante anime dolorose
nei dolenti esilii del sole e dell'amore. L'uomo rammentava che anche
Beatrice s'era seduta su quell'altalena ed ei l'aveva sospinta così,
come ora sospingeva il vuoto sedile, e nelle orecchie gli risuonavano
gli scoppii di risa o i piccoli gridi di paura ch'ella si lasciava
sfuggire presa da un vago sgomento per quell'ardita ginnastica e
rivedeva una piega delle dolci labbra protese e strette in un atto di
femminile apprensione. Non più ella rideva come in quei chiari mattini:
tutti i giardini della sua anima erano devastati e su le rose erano
stati distesi i veli neri della tristezza. L'emozione che serrava il
cuore di Giuliano diveniva minuto per minuto più intensa; così ch'egli,
temendo di non saperla più trattenere, serrò il braccio di Claudina
che affondava, il volto fra le rosee corolle d'un rosaio, trascinò la
giovane donna via da quel luogo abbandonato, ove la sua vita trascorsa
era come in agguato per versare nell'anima sua il rimorso e il
rimpianto per tutto quel ch'egli aveva inconsultamente distrutto.

Entrarono nella casa. Il giardiniere li precedeva, apriva col grosso
mazzo di chiavi le porte; nell'ombra, mentre gli amanti camminavano
incerti, egli con la sicurezza dell'abitudine correva spedito
alle finestre, spalancava le imposte, apriva le persiane. Sebbene
quella fosse casa sua, Giuliano stentava nell'ombra a ritrovarne
la topografia. S'orizzontò quando, avendo il giardiniere aperto
le finestre di una grande stanza nella quale gli amanti s'erano
soffermati, ei riconobbe il suo gabinetto da lavoro. Rivide tante
sere di lavoro felice, calmo, fiducioso, quando i bambini erano a
letto e Beatrice, presso di lui, scorreva le pagine di qualche romanzo
che il suo gusto sopraffino ed educato prediligeva. Ricordava anche
altre sere, in cui ospiti erano giunti alla villa. Dopo il pranzo,
se qualche lavoro urgente ve lo costringeva, ei discendeva in quella
stanza, si sedeva a quella scrivania e, mentre la penna scorreva su
la carta ubbidiente a ciò che il pensiero dettava, gli giungevano
dalla soprastante terrazza le conversazioni e le risa dei suoi amici
e talvolta la musicalissima voce della sua Beatrice. E poi, quando
meno se lo aspettava, quando più si abbandonava al lavoro, egli udiva
un fruscìo femminile nella stanza, e, prima che avesse potuto levare
gli occhi dalla carta, due labbra amorosamente si poggiavano su la sua
fronte, discendevano voluttuose e pur caste a cercargli la bocca. Così,
in quelle sere, più volte Beatrice trovava il modo di sottrarsi ai suoi
ospiti, di spingersi fin giù nello studio del marito, a confortare la
sua pensosa e laboriosa solitudine d'un sorriso, d'una parola o d'un
bacio, a dimandare quanto ancòra gli mancasse per terminare il suo
lavoro, molto, la metà, tre pagine, due pagine, qualche periodo, più
nulla. E allora, contenta, prendeva il braccio dell'amato, salivano le
scale lentamente, soffermandosi e baciandosi ad ogni gradino come due
innamorati che si nascondono; poi rientrava prima di lui nel gruppo dei
suoi invitati e, quando Giuliano qualche minuto dopo ricompariva, ella
aveva la graziosa fanciullaggine e la innocua civetteria di simulare
di non aver visto affatto il marito in tutto quel tempo ch'egli aveva
lavorato. E aggiungeva: «Hai fatto presto», proprio quelle sere in cui
le ore le erano sembrate più lente a passare ed il lavoro dell'adorato
assolutamente interminabile!

Claudina, poggiata al davanzale della finestra, guardava il mare
che s'andava tingendo di rosa al riflesso del cielo, che sempre più
rosseggiava per la magnifica pioggia di rubini del tramonto. Egli
approfittò di quel momento per guardare un gruppo di fotografie
infilate nelle fibre di una grande palma, dietro quel tavolo dov'egli
aveva tanto scritto e tanto pensato e sognato. Era qualche vecchia
fotografia di Beatrice, qualche fotografia più recente dei suoi
piccini. Un gruppo, egli e l'assente in atto di leggere assieme un
libro tenendosi abbracciati, fermò la sua attenzione: datava dai giorni
del suo viaggio di nozze e Loredano, ad un suo ritorno da Montecarlo,
aveva eseguito quella fotografia! Quanto tempo da allora e quanta
vita ed anche quanto dolore, poichè quella non va mai disgiunta da
questo! Altre istantanee un po' sbiadite dall'aria e dalla luce erano
lì intorno, fatte da qualche amico dilettante, ospite di un'ora o di
una settimana nella loro villa di San Remo o su l'elegante _yacht_.
Ne vide una in cui egli era quasi arrampicato su un albero e gettava
a Beatrice dalle mani levate le sfere d'oro degli aranci liguri. Ne
vide un'altra in cui egli guidava una _charrette_ inglese e Beatrice
era al suo fianco e fra loro il piccolo Luca ammirava intento il trotto
serrato del bel baio. Ne vide un'altra ancòra in cui egli con l'aiuto
di una canna porgeva alla moglie affacciata ad una finestra la pompa
variopinta di un canestro di rose. Ne vide un'altra in cui, seduti
sul ponte del _Little Rose_, essi prendevano il thè, fissandosi negli
occhi, appassionatamente, come due innamorati, sebbene altre persone
fossero intorno a loro. Ne vide un'altra ancóra rappresentante Beatrice
nell'atto di salire a cavallo, mentre egli coi polsi incrociati le
faceva da staffa. Ne vide un'altra ancóra, quella che più lo commosse,
poichè ne ricordava la semplice storia di data non troppo remota. Un
giorno, in giardino essi giocavano a gattacieca, come due fanciulli.
Giuliano era bendato: Beatrice, avendo corso il rischio di essere
afferrata, si era data a correre; Giuliano, calatasi la benda, l'aveva
inseguita e raggiunta ed ella gli era caduta fra le braccia, ridendo,
fingendo dispetto, ma in realtà lietissima d'essere stata raggiunta e
le loro bocche s'erano incontrate ed unite in un bacio ardentissimo,
proprio al momento che Loredano, svoltava all'angolo del viale;
e Loredano non essendo stato visto, ne aveva approfittato per far
scattare la molla della macchina fotografica. Con quanta confusione e
poi con quante franche risate essi avevano trovato due giorni dopo,
sotto le loro salviette, l'istantanea di quelle loro fanciullaggini
d'amore!

Il ricordo si era così limpidamente precisato nella sua anima, che
Giuliano provò una stretta al cuore. Ei comprese d'aver fatto male a
venire in quella villa con Claudina, come aveva fatto male a venire
a San Remo, a condurla su lo _yacht_. Ma che fare? Claudina aveva
espresso ad Orvieto la recisa volontà di venire a San Remo. Come
opporsi e come negarglielo? Poteva forse dirle che in quel paese marino
egli aveva le più dolci memorie di un passato felice? Non avrebbe ella
avuto il diritto di dolersene profondamente? Confessare che egli aveva
in quel luogo delle memorie non costituiva niente di male; ma dirle che
ritornare a quelle memorie lo avrebbe fatto soffrire, era lo stesso
che confessarle di amar sempre Beatrice. Poteva egli farlo? Gli era
parso di no e così anche quel giorno stesso aveva dovuto approvare,
dopo una vana lotta dissimulata, il progetto di Claudina di recarsi fra
breve a Venezia, a vivere nella città dell'amore la primavera del loro
amore. Ai capricci di lei era vano opporre ragioni. Come trovarne di
eloquenti e di indiscutibili? Bisognava arrendersi, soffrire e tacere.
E così quel giorno, quel pomeriggio, mentre passavano innanzi alla
sua villa, Claudina aveva espresso il desiderio di visitarla. Poteva
egli rifiutare? Del resto, già ella aveva tirato il campanello, già
il cancello cigolava su i cardini ed il giardiniere appariva, mentre
Giuliano si convinceva della impossibilità di pregare l'amante perchè
rinunziasse a quella visita, che gli sembrava una profanazione delle
sue più care e più sacre memorie. Così ei si trovava in quella stanza
con lei, così egli era divenuto preda delle trafiggenti memorie e
non poteva troncare o abbreviare il suo martirio e non poteva lasciar
sgorgare liberamente quelle lacrime che gl'inumidivano gli occhi e che
per lui sarebbero state un così grande sollievo.

Ricominciarono il giro per le camere, pei corridoi e pei salotti, e
salirono al piano superiore. Ancóra il giardiniere andava innanzi a
loro, apriva porte e finestre; a Giuliano sembrava che per la loro
presenza le memorie, come persone vive, si destassero negli angoli
ov'erano annidate da quel giorno in cui egli e la sua famiglia erano
partiti per l'ultima volta dalla villa di San Remo. Anche l'imagine
autunnale e funerea, che poche sere prima lo aveva oppresso nelle
sue malinconie a bordo del _Little Rose_, tornava nel suo pensiero.
Ancóra gli pareva che le memorie fossero legate, in quella villa,
ad ogni angolo come festoni di fiori lontani e smorti, pieni però
dell'odore soave e suggestivo delle cose passate per sempre. Egli
era entrato in quella sua villa, v'era entrato con la sua amante, con
colei per la quale tutta quella vita d'un tempo era stata abbandonata
e calpestata.... Ed ora, per entrare in quelle stanze, egli spezzava
e distruggeva con le sue mani quei festoni di crisantemi. E tutti
quei festoni erano a terra e gli pareva quasi di udire camminando un
fruscìo di morte, il fruscìo delle foglie secche nei viali dei giardini
o dei cimiteri, quando gli ultimi cieli d'autunno dànno le loro ultime
trasparenze, le ultime malinconie e gli ultimi crisantemi.

Egli ebbe un sussulto. Si trovavano nella stanza da letto, quella
in cui Beatrice e lui si erano tanto amati, dolcemente cullati
dall'amorosa canzone, della ninna-nanna cantata dal mare, con la sua
solenne voce che si fa dolce e sommessa per gli amanti che vanno a
chiedere a lui il commento e l'eco dei loro baci! L'agitazione di
Giuliano era sempre più evidente. Claudina guardava le spalliere di
rose nel giardino sottostante:

— Che belle rose, ella esclamava. Sono le ultime rose di primavera. Il
loro profumo sale fin quì...

— Vado a coglierne un mazzo, aveva risposto il giardiniere credendo
di far cosa grata al suo padrone e, prima che Giuliano lo avesse
potuto trattenere con un gesto o con una parola, era andato di corsa a
compiere quella sua profumata raccolta floreale.

Gli amanti si erano così trovati soli in quella camera dove le
memorie dell'amore suggerivano nell'anima e su le labbra il desiderio
dell'amore. Un usignolo gorgheggiava giù nel giardino. All'orizzonte
le ultime rose del tramonto s'impallidivano tristemente sotto le prime
ceneri del crepuscolo. Claudina s'era rivolta a guardare l'amante.
Questi, non trovando una parola da pronunziare poichè l'emozione gli
serrava la gola, sorrise alla giovane donna e le tese ambo le mani.
Ella le prese, poichè, amante sincera e appassionata, non restava mai
fredda ad alcun gesto d'amore. Si gettò fra le braccia di Giuliano,
che dovette stringerla a sè e dovette cercare pel primo quelle labbra
palpitanti come ali di libellula rossa e che accennavano già a cercare
le sue. Il letto era vicino, un gran letto coperto da una coltre
bianca, sotto un baldacchino di merletto. Claudina (forse ella non
pensava a nulla di male e nessuna visione di voluttà le suggeriva il
suo atto, ma solo la stanchezza improvvisa e la vicinanza di quel
riposo) Claudina si sedette su la sponda, attirò a sè Giuliano. Ma
questi ebbe orrore della profanazione, ricordò che il loro abbraccio
avrebbe avuto in quel luogo un odore di morte; egli sentì di adorare
perdutamente Beatrice in quel momento ed ebbe la nozione di tutta la
sua infelicità, poichè quell'amata era forse per sempre perduta alle
carezze della sua anima e delle sue labbra. Violentemente si liberò da
Claudina che continuava ad attirarlo, fuggì via dalla stanza e dalla
villa per i lunghi corridoi muti nella penombra. Su la porta s'imbattè
nel giardiniere che gli tendeva le rose. Egli afferrò quelle rose e
disperatamente le morse, le sfogliò, le gettò a terra a comporre un
tappeto di petali rosei. Il cancello era innanzi a lui. Egli uscì,
senza voltarsi indietro.

E Claudina, stupita e con un'angoscia suprema sul volto poichè ella
aveva intuito l'intimo dramma svoltosi nell'anima di Giuliano, comparve
pochi minuti dopo sotto quella porta dalla quale l'amante era uscito.
Vide su la ghiaia il breve e folto tappeto di rose, s'impietosì su
la loro malinconica sorte ch'era triste quanto la sua e due lacrime
solcarono le sue gote, angosciosamente.



IV.


Il pranzo finiva in un silenzio glaciale che nessuno dei due aveva
osato di rompere e che li opprimeva dolorosamente. Sebbene qualcosa
di grave fosse avvenuto fra loro, gli amanti si erano ritrovati alla
stessa ora intorno a quella tavola in quella stessa cabina come nelle
sere precedenti, spinti da quella gagliarda forza delle abitudini
la quale fa sì che si possa mangiare e sorridere dopo la morte d'una
persona diletta, tornare con le gramaglie del dolore a viver la vita
che si viveva fra i rosei veli e le gemme splendenti della felicità.
Giuliano uscito dalla villa aveva girovagato per San Remo, cercando di
calmare con la marcia la sua grande agitazione. A poco a poco aveva
visto accendersi i lumi, discendere il silenzio con le sue lente e
grevi ali notturne. Poi si era trovato sul mare, era salito a bordo
del suo _yacht_ e nella sala da pranzo, distesa su una poltrona e
pallidissima, aveva trovato Claudina apparentemente immersa nella
lettura d'un libro, ch'ella leggeva a rovescio! La giovane donna,
trovatasi sola nel giardino di Farnese dopo l'improvvisa fuga di lui,
era rimasta perplessa. Che fare? Pur troppo ella intuiva qual fosse la
tormenta che per qualche tempo aveva devastato l'anima di Giuliano.
Comprendeva che forse quello era il principio della fine di quella
loro felicità così breve e così illusoria. Ma, con l'ansiosa e folle
speranza di colui che vede in un'inondazione l'acqua sommergere le
dimore vicine e s'illude e vuole illudersi che la sua sarà salva,
Claudina tentava d'illudersi ancora sul suo triste destino e si
ripeteva senza tregua che quell'improvvisa disperazione di Giuliano,
quantunque prodotta dalle memorie del tempo passato, poteva non
significare disamore per lei, che aveva dato a lui quanto aveva di più
sacro e di più ardente. Ogni piccolo fatto sembrava a lei un pretesto a
speranze e a fiducie, come ogni rottame che sia su la superficie delle
acque appare al naufrago una vela, una probabilità di salvataggio.
Così quel giorno, quando nella stanza Giuliano le aveva teso le mani e
l'aveva baciata, doveva certamente avere obbedito ad un moto spontaneo.
Un minuto dopo egli era fuggito e Claudina, quantunque si rendesse
conto delle molte cause di quel fatto, non sapeva spiegarsi quale fosse
stato il movente decisivo. Anch'ella era tornata a bordo, perchè non
sapeva dove dirigersi, perchè abbandonata ella si sentiva tanto sola,
perchè, anche se non era amata più, ella amava tanto ancóra con tutte
le esuberanze della sua giovinezza!

Giuliano si levò da tavola per primo, si distese su un divano, chiuse
le palpebre per meglio riconcentrare il suo pensiero e per difendere
gli occhi troppo vivamente feriti dall'aureo splendore dei fiori
elettrici. La tempesta, che crudelmente s'era in quel pomeriggio
abbattuta su la sua anima, non s'era ancóra del tutto allontanata e
tuttavia l'anima serbava le tracce di quella devastazione. Claudina
rimase qualche minuto a fissarlo, attendendo da lui una parola, una
sola parola che avesse riconfortato le sue illusioni, dato color di
verità alle sue speranze. Invano! Ella uscì sul ponte, si sedette su
una poltrona di vimini, un poco oppressa dall'afa di quella notte di
nuvoli.

L'orizzonte infatti si era oscurato. Grossi nuvoloni neri gravavano
sul cielo che durante il giorno era stato di un così puro e splendente
sereno. Dietro alcune nuvole meno dense la luna spandeva qualche
riflesso del suo chiarore argenteo. Ed era la sola oasi di luce in
quell'immensa profondità di tenebre. I lumi di San Remo tremolavano
come lampade accese in un cimitero innanzi a quelle case bianche che
sembravano sepolture. Gli alberi di qualche villa ed alcune ombre che
s'agitavano presso il mare avevano lugubri apparenze di fantasmi. Non
una voce, non un'eco, non un canto. Come la tenebra, così il silenzio
era profondo. La notte si drappeggiava nella maestà dei suoi neri manti
e per le anime dolorose era come un incubo pauroso ed insopportabile.

Claudina era ancóra immersa nelle sue incertezze, ancóra s'affaticava
a veder rosa il nero, a trovar rose tra la cenere, a confondere con i
soavi effluvii della primavera gli ultimi odori di un autunno morente,
ancóra s'illudeva e dava speranze all'anima sua e vedeva stelle
sotto quelle nubi e riflessi e splendori oltre i tenebrosi enimmatici
misteri di quella notte profonda; mite e dolce creatura d'amore, ella,
dimentica dei suoi proprii spasimi, compiangeva Giuliano per quel
ch'ei doveva soffrire, quando questi di repente comparve innanzi a lei,
quasi sórto dall'ombra. Ella ebbe un piccolo grido, un gesto di paura,
subito represso. Poi guardò l'amante in piedi innanzi a lei con la
maschia figura vigorosa e slanciata: gli parve ch'ei fosse stranamente
pallido, che le labbra gli tremassero, che le pupille gli si velassero
di un sottil velo di lacrime. Ebbe pietà, ma non osò parlare. Anche una
lieve irritazione la faceva tacere: perchè Giuliano si ostinava in quel
silenzio, perchè non dissipava con una sola buona parola tutte le nubi
ch'erano nel cielo del loro amore, non discacciava tutte le apprensioni
che gravavano sul debole cuore di lei? Ella pensò che forse Giuliano
si stimava colpevole, che forse anch'egli non osava parlare, che forse
anch'egli attendeva ch'ella con una sola parola buona dissipasse a
sua volta quelle nubi e discacciasse quelle angosciose apprensioni.
Così, forse, il malinteso fatalmente era fra loro, ed il supplizio
del silenzio e del dolore non sollevato dalla confidenza continuava a
torturare le anime degli amanti.

Per quale strana e tutta femminile contraddizione, quando Giuliano le
sorrise, ella invece di rispondere con un sorriso si fece più scura in
volto, più severa e più corrucciata? Da quale dolente pensiero ell'era
afflitta quando ella tacque e lasciò senza risposta Giuliano che,
appressandolesi, le diceva con una voce velata, piena di tristezza, con
una grazia stanca ch'egli dava sovente alle sue parole d'amore:

— Claudina mi vuoi sempre bene? Oggi come ieri, domani come quest'oggi?

E quando Giuliano le si avvicinò ancóra per porre un bacio su la sua
pallida fronte, ella si disciolse dalla stretta di lui, sorse in piedi.
Ma Giuliano era innanzi a lei così umile e supplichevole ch'ella fu
vinta e, reclinando la fronte su la spalla di lui, diede sfogo alle sue
lacrime roventi, mentre le smorte labbra susurravano:

— Come mi hai fatto soffrire!....

Allora Giuliano parlò, sentì che una spiegazione, dopo la
riconciliazione spontanea, era necessaria tra loro; velò quanto seppe e
potè il suo pensiero, ridusse a proporzioni minori il tumulto della sua
anima in quel giorno.

— Ho tanto sofferto anche io... Tu sai, Claudina, che io ti ho
preferita a tutto ed a tutti poichè per te ho tutto abbandonato e tutti
obliato..... Ma pure quest'oggi, rientrando in quella villa dov'era
trascorsa tanta della mia vita, le memorie mi hanno riafferrato; con
le memorie è venuto il rimorso del male che ho fatto, quello stesso
rimorso che ci trafisse a casa mia quel giorno in cui tu fosti mia
per la prima volta. Ti ricordi? Ma quest'oggi io non avevo solamente
il rimorso del male fatto agli assenti, avevo anche il rimorso del
male fatto a te, Claudina, unendo il tuo cuore giovane ed ardente alle
ceneri del mio vecchio cuore ammalato di uomo e di poeta, troncando
così il tuo avvenire di gloria, velando di tristezza lo splendore
primaverile dei tuoi sogni.....

Claudina accennava di no col capo biondo; le sue labbra sorridevano
un po' tristemente, le sue mani premettero quelle di Giuliano d'una
stretta amorosa, che non era di perdono, ma di gratitudine:

— Tu non mi hai fatto nulla di male, Giuliano, ella disse. Io ti sono
anzi grata con tutta l'anima della gioia che il tuo amore mi dà e di
aver così saputo realizzare i miei più ambiziosi sogni.....

Giuliano continuò, quasi non avesse inteso le parole di lei, non avesse
visto il suo sorriso, non avesse sentito il tepore della sua stretta di
mano:

— E quest'oggi, quando ti sei seduta sul letto, io ho avuto la
visione di un nostro amplesso su quel giaciglio non nostro. Mi è parso
ch'esso avrebbe offeso l'assente e così bassamente avvilite le anime
nostre!.... E sono fuggito, perchè l'emozione mi serrava la gola,
perchè le lacrime mi gonfiavano gli occhi e non volevo piangere innanzi
a te, non volevo sembrarti un fanciullo, non volevo.....

Le sue parole furono troncate, poichè Claudina su le labbra che
parlavano aveva soavemente posto la tepida carezza della sua bocca.
Egli si lasciò andare alle carezze di lei ch'era già completamente
tranquillizzata. Ecco, la tormenta era oramai del tutto passata. E
solamente nell'anima sua aveva lasciato tristissime tracce..... Ma
forse non solo nella sua: Claudina di quelle rovine non si rendeva
conto, per ora racconsolata dall'acqua di Lete delle sue illusioni e
dei suoi sogni. Un giorno, però, quand'ella avrebbe guardato nella sua
anima come in uno specchio, le vestige di tanto dolore le sarebbero
apparse.

Un marinaio passò presso di loro, fece scattare i commutatori delle
lampadine elettriche. La tenebra divenne intera sul ponte. L'uomo
augurò la buona notte, s'allontanò frettoloso.

Gli amanti si erano distaccati. Claudina aveva rovesciata la testa su
la spalliera ed una certa sonnolenza gli aveva appesantito le palpebre.
Giuliano (la gola di lei era nuda e un respiro un po' affannoso
sollevava i bei seni rotondi) già sentiva di nuovo il desiderio di
lei. Con un bacio ella lo aveva ripreso. Nulla più rimaneva di quella
dolorosa giornata, se non l'inutilità del suo dolore. Ella adesso
dormiva, placida, dimentica che quell'uomo aveva quel giorno così
crudelmente sofferto per lei. Un sorriso — che parve a Giuliano un
sorriso felino di femminilità vittoriosa — socchiudeva le labbra
tornate rosse. Quell'ombra bianca di donna gli parve una nemica
soddisfatta, gli parve che ella celasse il suo intento malefico sotto
l'ebrietà illusoria dei baci e le maschere delle amorose parole. Un
orologio suonò la mezzanotte nella cabina prossima. Pensò Giuliano a
quel che avrebbe fatto a quell'ora, se fosse stato a Roma, se fosse
stato nella sua casa. Forse avrebbe lavorato tutta la sera ed a
quell'ora, con la lietezza che dà agli scrittori una buona e feconda
seduta di lavoro, avrebbe lasciato il gabinetto da studio, per passare
nelle stanze dei suoi piccini e baciare i loro visini rosei, così rosei
sotto le coltri e su gli origlieri candidi; poi sarebbe entrato nella
stanza di sua moglie e sua, rischiarata dalla _veilleuse_ di cristallo
azzurro, avrebbe baciato la soave creatura che si sarebbe destata al
bacio per attirarlo a sè, amorosamente.... Quale dolce visione e come
lontana e, ahimè, per sempre perduta!... Era bastato a distruggere
quella vita beata che quella donna ora addormentata s'incontrasse sul
suo cammino, fatalmente.... Ei non ne faceva, del resto, una colpa a
sè stesso od a lei. Egli era un fatalista convinto e solo responsabile
degli avvenimenti umani reputava il destino. Era persuaso che una
fatalità superiore incombe su tutti gli esseri umani e che è vano
opporvisi o lottare con essa una lotta inane. Ricordava una parola
araba che riassume il concetto del fatalismo mussulmano, _Mektoub_:
era scritto! Proprio così, _mektoub_, era scritto che avvenisse quanto
era avvenuto, era scritto che quella donna amante fosse per lui come
un'aspra avversaria, era scritto che alla lontana creatura che amava
egli arrecasse tanto dolore e che dalla prossima creatura che lo amava
egli accogliesse tanto dolore!

Ma, intanto, quella sofferenza non poteva continuare. Bisognava
darsi tutto a quel nuovo amore che pure gli aveva dato tante ebrezze,
bisognava evitare che i ricordi lo assalissero. Al mattino, ei sarebbe
partito da San Remo per una breve crociera. Claudina non conosceva
nè Montecarlo, nè la Costa Azzurra ed avrebbe accolto la proposta
con entusiasmo. Per qualche giorno, così, era possibile a Giuliano
differire la sua agonia, qualche giorno di tregua e di calma gli era
consentito. Sentì l'anima sua quasi placata. La notte non era più
così nera e profonda; di tra le nubi diradate scendevano a torrenti
luminosi gli argentei riflessi lunari. Anche la donna, che ora si
destava sorridendogli, non gli appariva più un'avversaria temibile,
ma piuttosto, come lui, una mite vittima del destino. _Mektoub!_ Era
scritto!....



V.


Venezia già splendeva tutta sotto la luna, quando Farnese prese
posto nella gondola che doveva portarlo all'_hôtel Danieli_ e, come i
gondolieri accennavano ad abbreviare la via percorrendo i rii, ordinò
che percorressero il Canal grande e lentamente.

Egli non pensava già più che Claudina lo attendeva. Lo scrittore si
lasciava avvincere dalla suggestione che Venezia aveva sempre su lui,
fin da quando il treno passava fra la laguna, sul ponte di Mestre.
Il cielo in quella sera di primavera veneziana era tutto trapunto di
stelle, a gruppi, come lampadarii su una immensa seta azzurra oscura.
Ma l'aria era quasi rigida, poichè in tutto il giorno doveva aver
piovuto. Giuliano aveva trascorsa mezza giornata a Padova, per visitare
la monumentale e vecchia città, fiancheggiata di bastioni, dove egli,
l'oscuro professore, aveva vissuto i suoi anni di tirocinio letterario
e dove non era tornato da quando all'epoca del suo primo successo
aveva emigrato a Roma. Era giunto nelle ultime ore del mattino e, la
città come morta e troppo spaziosa per la sua popolazione, con le sue
strade ornate di basse arcate, sotto un cupo cielo fulliginoso, grave
di pioggia, gli era apparsa anche più triste ed opprimente che tanti
anni prima. Aveva cercato la casa dove aveva dimorato durante quel
malinconico periodo, fiero però di orgoglio e di onestà e di studio,
dolce di illusioni e di speranze. Lungamente aveva passeggiato in su ed
in giù per quella via, sotto quelle sue antiche finestre, riandando la
vita di un tempo, confrontandola così semplice ed onesta com'era stata
a quella di ora, così miserabile nelle sue ingannevoli apparenze di
felicità, così corrotta, così monotona sotto il suo colore di varietà.
Ed egli aveva sofferto di quei confronti, perchè nel ricordo è dolore,
è spasimo, è rimpianto. Altri luoghi, un tempo famigliari ed ora quasi
dimenticati, egli ricercò con curiosità. Tornato all'albergo, dove per
quelle poche ore aveva depositato il suo bagaglio, si era informato
su i suoi amici d'un tempo: quali erano morti, quali scomparsi, quali
lontani, quali mutati! Egli non volle vedere nessuno. Dopo la colazione
andò a visitare i luoghi d'arte che, anni addietro, gli avevano dato
le sue prime sensazioni estetiche. Era andato a piedi a quella chiesa
di Santa Maria dell'Arena, dove Giotto racconta nella cappella con
molti affreschi gli episodii più salienti e significativi della vita
della Vergine e di quella di Cristo. Era entrato nel giardino in
fondo del quale è la chiesa, quando già qualche gocciolone di pioggia
cominciava a rimbalzare schioccando su le foglie larghe e glabre degli
alberi rifiorenti a primavera; aveva suonato alla porta e gli aveva
aperto un esile vecchio ricurvo, il cui viso aveva un'espressione di
satiro agli angoli della bocca disfiorita, un carattere di perversità
selvaggia negli occhi rapaci. Lo scrittore aveva nuovamente provato
un profondo compiacimento innanzi a quelli affreschi del più venerato
dei Primitivi, innanzi a quei Santi giotteschi che si commuovono
per leggende verso le quali la cieca fiducia è imposta. Egli era
rimasto a lungo innanzi a quella reliquia preziosissima della prima
arte italica; ma poi, come il vecchio guardiano insisteva nelle sue
fastidiose spiegazioni e nei suoi inutili commentarii, — sufficienti
per quei dottori germanici e quelle arcigne _misses_ inglesi che
corrono l'Italia vertiginosamente, tutto guardando senza nulla vedere
— Giuliano uscì infastidito e stanco, serrandosi dietro l'uscio
della chiesa così sacra per le sue reliquie d'arte. La pioggia aveva
aumentato in violenza e scossa e rotta dal vento formava nel silenzioso
giardino claustrale come una nebbia densa. Lo scrittore aveva riparato
dall'intemperie sotto le volte ampie di Santo Antonio, la chiesa
dalle sette cupole; si era soffermato innanzi ai bassorilievi in
bronzo di Donatello su l'altare ed era passato quasi senza guardarlo
innanzi al mausoleo del Guattamelata. Poi, continuando l'imperversare
del temporale, egli si era estasiato per la Santa Giustina di Paolo
Veronese, nella chiesa bizantina eretta ad onor della martire; in
una sosta della pioggia si era spinto fino sotto agli Eremitani, dove
aveva preso delle note sul Mantegna e su la sua cappella e sul _San
Giorgio al deserto_ di Guido Reni; ma, annoiato dalla pioggia, reso
nervoso dalla solitudine e dall'elettricità ch'era nell'aria, non aveva
affatto curato un monumento funerario del Canova, in memoria di un
principe di Orange. Infine, stanco, quando il cielo si rasserenava per
un tramonto fiammante, lo scrittore era rientrato nell'albergo; aveva
pranzato lungamente, da solo, leggendo, poi aveva oziato, attendendo
l'ora del treno. Durante tutta la giornata, quelle emozioni d'arte ed
i ricordi del tempo passato avevan tenuto lungi da lui il pensiero dei
cari lontani, dai quali egli era triste esule, e l'imagine di Claudina
che già dalla sera precedente doveva attenderlo a Venezia, per amare,
per viver d'arte e lavorare all'unisono, verso la conquista del dolce
alloro fraterno. E pure, con una grande tristezza, a sera alta, mentre
la pioggia ricominciava a cadere, era partito per Venezia dove la
povera amica lo sospirava.

La gondola filava via sveltamente al lento battere ritmico dei remi
nell'acqua verde. Qualche altra rara gondola passava in quella notte
di plenilunio quasi estivo. D'innanzi al Fondaco dei Turchi altre
barche erano ferme ed i rematori in riposo cantavano lugubremente con
la loro lentezza monotona e la loro malinconia uniforme, a coro, e su
ognuna di quelle loro gondole luceva una misera lanterna fumosa. Altre
ancóra eran ferme sotto il ponte di Rialto, senza lumi e senza canti.
Altre ancóra, più avanti, eran legate ai pali, innanzi al Palazzo
Contarini degli Scrigni e le finestre del palazzo erano illuminate
e ne giungevano ai passanti canti e risa e suoni; e su i rettangoli
luminosi si disegnavano le bianche figure delle dame e sfilavano le
schiere brune degli uomini. Ancóra altre finestre sul Gran Canale erano
illuminate, da altre case scendevano musica e giocondità, in quella
mite oasi plenilunare, dopo una grave giornata di turbine d'acqua e
di vento. Giuliano Farnese da prima aveva guardato, sporgendosi ora a
dritta ed ora a sinistra, a traverso gli stretti finestrini del lugubre
felze. Poi, oppresso da quell'apparenza mortuaria, era uscito fuori
presso il gondoliere di poppa, che a tratti rompeva il silenzio col
monotono grido d'allarme dei rematori della laguna. In fondo in fondo,
tutto il Canal Grande si stendeva sino alla Chiesa della Salute, e
sotto la luce lunare, in alcuni punti, dava idea di una immane squama
d'argento; l'oro della palla su la cupola monumentale della dogana
presso Santa Maria della Salute riscintillava ai riflessi. Più in là,
si apriva la laguna a perdita di vista; e là il mare era oscuro ed
il cielo del plenilunio, così pallido e trasparente, quasi sembrava
un'acqua pallidamente azzurrina. L'isola di San Giorgio Maggiore
dormiva, senz'altro splendore che quello del faro colossale; dalla
Giudecca, lungo la spiaggia del Redentore, giungevano altri echi di
vita e di festività ed era un vivo agitarsi di lumi ed un fluttuare
continuo di ombre brune su quei chiarori.

Così, abbandonato al fascino della città meravigliosa, egli non
pensava più all'amante, quando la gondola si arrestò innanzi alla
scaletta dell'_Hôtel Danieli_; saltò giù in fretta sul marciapiede ed
entrò nell'albergo. Adocchiò su la tabella dei viaggiatori il nome di
Claudina Rosiers, si fece dare una camera ed un salotto contigui alla
camera di lei. Dimandò dell'amica e gli risposero ch'era nella sala
di lettura con una visita. Giuliano spiò tra i cristalli e riconobbe
Claudina in conversazione con un vecchio, che lo scrittore identificò
subito per un redattore politico di un giornale di Venezia, un antico
amico di entrambi. Ordinò che non avvertissero la signora Rosiers
del suo arrivo, se non quando quel visitatore fosse partito e salì
nelle sue camere, seguito dai facchini che portando il suo bagaglio
ostentavano una fatica più grave per aver poi una mercede più lauta.
Come ebbe ordinato i suoi abiti, deposti su la tavola i libri che
viaggiavano sempre con lui; e come ebbe deterso il suo corpo dalla
polvere del viaggio e mutato d'abito, attese Claudina, ch'egli imaginò
ansiosa ed agitata, impossibilitata evidentemente a congedare quella
visita importuna.

Dalla finestra del suo salotto contemplò ancòra la laguna scintillante
come un'immane squama argentea. Sotto quell'estasi di luce lunare,
Venezia pareva estatica, compresa da un sortilegio di amore. Rivide
ancòra scintillare la palla d'oro su la cupola monumentale presso Santa
Maria della Salute; ancòra il vento gli arrecò i suoni festanti di
un _valzer_ voluttuoso da un palazzo dove la danza ferveva; ancòra il
vento gli arrecò l'eco dei canti, dei suoni, dei rauchi e tristissimi
gridi di allarme — e come lamentevoli! — dei gondolieri, vaganti nelle
ombre dei rii prossimi al gran canale. Rimase lungamente, poggiato
alla finestra aperta, a guardare splendere Venezia. Il passato gli
riappariva. Tutte le sue memorie veneziane lo riallacciavano, in una
lieta scorribanda d'amore gli turbinavano intorno. Quanta sua vita
egli aveva passato in quella dolce città innamorata del cielo e del
mare! Il suo amore, il suo fidanzamento, le sue nozze gli tornavano in
mente — e con essi l'imagine dolce di Beatrice lontana; ma questa volta
l'imagine non aveva le apparenze di un rimprovero o di un rimorso;
bensì quelle di una dolce memoria appassita e Giuliano le sorrideva
come ad una morta, alla cui perdita si è rassegnati, pur cullandosi nel
pensiero carezzante di quello che fu. Egli sentiva invadersi l'anima da
una calma infinita, assaporava la pace e si compiaceva nella visione
voluttuosa e inebriante della prossima notte d'amore. Venezia aveva
sempre per lui questo effetto: tutti i suoi nervi si calmavano, tutte
le sue agitazioni febbrili e continue si attenuavano in rapidi e rari
sussulti ad un contatto o ad un ricordo. L'invadeva allora, e sempre,
in ogni ora del dì e della notte, una malinconìa profonda ma fine,
ininterrotta ma squisita, intensa ma soavissima. Le cose gli apparivano
sotto una luce grigio-rosea — non più risolutamente oscure; le sue
febbri si placavano ed egli riafferrava la signorìa su sè medesimo,
smarrita per lo innanzi, col dilettantismo della sua auto-analisi
e la maschera delle sue geniali apparenze fanfaronesche. Nell'onda
dei ricordi egli non trovava più gorghi infidi e canti di sirene, ma
una dolce acqua di Lete che lo cullava, senza poi richiamarlo troppo
bruscamente all'amara realtà.

Ma all'amara realtà lo richiamò Claudina che entrava, che gli gettava
le braccia al collo e lo baciava con passione ardente. D'un balzo, egli
si ritrovava fuori del mondo dei sogni. Egli identificava quella donna
che gli sorrideva nella penombra, la vedeva quale già l'aveva veduta
in qualche ora di squallore sentimentale e sopra tutto in quella notte
oscura durante il suo sonno a bordo dello _yacht_, come la causa del
suo dolore, come un'avversaria che celasse il suo intento malefico
sotto l'inganno delle dolci carezze e delle amorose parole. Claudina
gli aveva rivolto poche frasi indifferenti, poi si erano appoggiati
al davanzale, in silenzio, contemplando la notte. Quella vicinanza
femminile innanzi a quella luminosità lunare del cielo e del mare
gli ricordava altre sere in cui con una altra donna, tutta rivestita
e angelicata di sogni, aveva fissato in un silenzio supremamente ed
arcanamente loquace quell'acqua bruna e d'un diaspro oscuro su la quale
i raggi lunari sparpagliavano la vita palpitante di miliardi di lamine
argentee. Aggravandosi la sua pena, pregò Claudina di uscire. Salirono
in gondola, entrarono nel sogno sontuoso del Canal Grande. Claudina col
pretesto della sera ancóra un po' rigida aveva preteso dal gondoliere
il misterioso _felze_, senza del quale le sembrava tolto alla gondola
ogni fascino ed ogni mistero, riducendola ad una semplice barca snella
e rapida. Nell'ombra del _felze_ Giuliano aveva chiuso gli occhi e
pensava; a traverso i finestrini, Claudina ammirava intanto la doppia
fila di palazzi illuminati, che, appunto con la loro diversità, sembra
che abbiano voluto realizzare un orgoglioso, prodigioso e fastoso sogno
di strana bellezza.

— Ti ho tanto atteso, susurrava Claudina all'amante. Le ore della tua
lontananza mi sono sembrate così squallide, così lunghe.... Mi avevan
ripreso tutte le mie tristezze d'un tempo.... E tu? Hai concluso i tuoi
affari?.....

Un dubbioso cenno del capo di Giuliano rispose alla domanda della
donna. Quasi per un bisogno ardente di confessione, di sincerità,
di sfogo, egli avrebbe voluto dirle, come, appena giunto a Milano,
riafferrato dalla nostalgia della sua casa e dei suoi cari lontani,
avesse dovuto passare tutte le sue ore chiuso nella sua camera
d'albergo, dal letto a un divano e da un divano ad una poltrona, a
rodersi nella sua tristezza desolata, bramoso di non vedere nessuno
ed assolutamente incapace di trattare e di discutere per il minimo
affare. Avrebbe voluto dirle come quella stessa mattina egli si fosse
infine deciso a partire, dopo un inutile soggiorno, precisamente per
raggiungere lei, per ricorrere nella sua desolazione morale al veleno
dell'ebbrezza voluttuosa che i baci di Claudina sapevan sempre destare
in lui, come colui che soffre ricorre alla sottile malìa della morfina,
pur sapendo che, spento l'effimero sogno, la tortura della sofferenza
tornerà ad avventarsi su lui con più accanimento. Ma fu prudente e si
guardò bene dal dirle tutto questo. Anzi pensò opportuno di chinarsi a
porre un bacio su le labbra di Claudina, affinchè ogni possibile dubbio
venisse da quello scacciato o assopito nell'anima di lei.

Ma Claudina, del resto, non aveva più dubbî, nè sospetti. Il colloquio
vibrante di San Remo le sembrava essere stato poche sere prima
definitivo. Ella era convinta che l'amore di Giuliano le fosse tornato
in tutta la sua gagliardia. Da quei giorni di Venezia e dai futuri
giorni di vagabondaggio estivo ella si riprometteva infinite gioie
d'amore. Solo in qualche momento ella aveva dei sospetti su l'amore di
Giuliano: come un nembo, allora, passava su la sua anima una fiamma
di veemente rancore per la menzogna dell'amato, fiamma che subito si
dileguava o si mutava in nuovo ardor di passione. Ella credeva alla
ventura realtà del loro sogno. E l'Alloro le sembrava in fiore.

Una serenata che, al lume delle variopinte lanterne veneziane, rompeva
innanzi ad un palazzo la calma plenilunare del Canal Grande, ruppe con
quella anche il corso differente dei loro contradittorii pensieri.
Lo scrittore volle sottrarsi alla volgarità di quella suggestione a
pagamento ed ordinò al gondoliere di girare per un canale interno
e tornare alla laguna libera. Il canale s'inoltrava silenzioso e
deserto. Quell'acqua calma così nera e così luminosa ad un tempo faceva
palpitare i nervi febrili di Giuliano di ammirazione e di orrore. La
sua anima pareva sprofondarsi in quell'ombra fredda e cupa. Pareva che
il mistero incombesse su lei. Ai bagliori della luna gli alti e bruni
palazzi sembravano divenire più grandi, mano a mano mostruosamente
enormi, assumendo apparenze di spettri minacciosi che incedessero su
le acque. Giuliano non potè trattenere un brivido. L'amante si chinò
su lui e, nell'ombra, lo strinse tutto nel profumo delle sue braccia
e lo baciò voluttuosamente all'angolo della bocca. E nel piacere si
abbandonò su l'amato, esausta per un sol bacio.

Ma tutto il dramma della sua vita era riapparso per quel bacio
inopportuno allo scrittore. In un baleno, un'altra notte oramai lontana
gli riapparve, un'altra donna si appesantì su lui, altre braccia lo
strinsero ed un altro profumo lo inebriò, un altro bacio più casto,
bacio di vergine, venne a posarsi, fiore incoscientemente irrequieto
di voluttà, all'angolo delle sue labbra. L'assente riapparve con tutto
il lugubre manto della sua lontananza e del suo lutto e la donna così
ardentemente amata, ch'egli adesso serrava fra le braccia, ancóra una
volta gli sembrò un'estranea ed una fatale nemica.

Erano su la laguna libera, fuori dell'incubo del canale spettrale. Gli
amanti tacevano: Giuliano era di nuovo prostrato nella sofferenza. Non
più gli apparve la luna fra le nubi e le stelle come una perla immane
fra manti di neve e mirifici lampadari; gli sembrò invece una lampada
funeraria accesa fra drapperie luttuose avanti al manto nero e trapunto
d'oro di un colossale catafalco. Non più Venezia gli apparve come un
regno di fate tra i riflessi dei lumi del Canalazzo e lo splendore
delle luci tremolanti a San Marco e su la Riva degli Schiavoni; ma
quelle luci e quei riflessi e quei lontani edifici gli sembrarono una
processione interminabile di cerei funebri e di bare. I gruppi di lumi
alla Giudecca o a San Giorgio non gli apparvero più come prodigiosi
fiori di luce, come radiose ghirlande; ma gli sembrarono torcie di
lutto e di morte lacrimanti intorno a una tomba.

Con la voce tremante e soffocata egli ordinò al gondoliere di tornare a
terra.


Pochi minuti dopo gli amanti erano seduti al caffè Florian, sotto le
Procuratie, in una di quelle piccole ed eleganti salette tutte piene
di specchi e di figure allegoriche: essi vi cenavano senza appetito
e senza allegria. Lo scrittore aveva ordinato dello _champagne_ e ne
beveva numerose coppe per stordirsi, per inebriarsi artificialmente
e liberarsi dall'incubo orribile che poco prima sul mare gli aveva
ghiacciato il sangue nelle vene. Claudina lo lasciava fare e sorrideva,
ignara, di nulla sospettosa. Nei suoi occhi brillava il sogno
della prossima notte d'amore. Non ostante quella gaiezza forzata e
artificiale, il dissidio s'era aperto del tutto, pieno di minaccie.
Verso la notte d'amore che si preparava, ella guardava con impazienza
palpitante e con fremiti di delizia, mentre l'amante vi si preparava
come ad un supplizio inumano.



VI.


Il movimento mattutino su la Riva degli Schiavoni li svegliò per tempo.
Poichè la sera innanzi avevano dimenticato di chiudere le imposte, un
gaio sole primaverile si rifletteva negli specchi, metteva bagliori
argentei su la toeletta dove i ninnoli personali di Claudina erano
confusamente gettati, faceva scintillare i capelli d'oro della giovane
donna sul candore degli origlieri. Quel bel sole pieno li ingannò su
l'ora, così che Farnese si levò per il primo e passò nel salottino
contiguo e poi nella sua stanza, a fine di lasciare in libertà Claudina
nelle molteplici delicate cure della sua persona. Ei si vestì in
fretta, con l'anima piena di un rigoglio di primavera. Le tristi
visioni e le funebri imagini della sera prima erano omai lontane. Il
mondo gli appariva roseo e giocondo, poichè tutti i cupi pensieri
erano lunge da lui. Tornò nel salottino contiguo che gli avrebbe
servito da gabinetto da lavoro; alla finestra guardò la gente passare
gaiamente per la Riva degli Schiavoni, mentre su la laguna e nel Canale
le gondole guizzavano, prive del lugubre e misterioso felze, avendo
anch'esse un'apparenza gioconda per i freschi e chiari colori degli
abiti e dei cappelli e per le giacchette primaverili degli uomini che
le occupavano. Poichè Claudina tardava, ei si ritrasse dalla finestra,
prese su la tavola un romanzo che Claudina doveva avere in lettura,
come l'indicava un esile segnapagine d'argento cesellato, semplice ma
bellissimo ricordo di uno dei suoi molti trionfi d'attrice. Giuliano
lesse qualche pagina del romanzo. Dalla stanza di Claudina gli giungeva
il rumore di porcellane smosse ed urtate, uno sciacquìo di acque, il
sottile profumo di odorose acque di lavanda. Socchiuso il libro, egli
pensò il bel corpo di Claudina fremente e la delicata pelle increspata
leggermente sotto il brivido di quelle acque fredde e profumate. Un
desiderio di voluttà gl'inebriò il sangue, al momento in cui Claudina
entrava nel salotto, avvolta in un accappatoio di flanella _crême_, coi
bei capelli d'oro ancòra umidi e scintillanti, tutta fresca e vibrante
ancóra; e questo desiderio di voluttà si raddoppiò e vinse, quando la
giovane donna si precipitò con un atto irresistibilmente appassionato
su lui e con le labbra convulse e palpitanti cercò i suoi baci.


Pochi minuti dopo Giuliano era seduto al tavolo da lavoro, avendo
innanzi a sè un mucchio di fogli ancóra candidi. Claudina era seduta
presso di lui, intenta. Ella lo guardava lavorare, guardava la
penna correre sul candore della carta, violarlo coi segni irregolari
della calligrafia da improvvisatore di Giuliano; vedeva lo scrittore
interrompere ogni tanto la sua fatica, fermarsi a guardare il cielo
azzurro nel rettangolo della finestra, con gli occhi attoniti, la penna
abbandonata nella mano destra, mentre la sinistra sorreggeva la faccia
dove un'espressione di inquietudine e di scontento si manifestava, a
poco a poco, sempre più intensa. Più volte vide lo scrittore afferrare
i foglietti scritti, lacerarli, gettarli a terra con un gesto d'ira.
Egli ricominciava il lavoro con ardore per poi distruggerlo egualmente.
Infine gli parve più calmo ed il suo lavoro fu per circa due ore
tranquillo e quasi sorridente.

Egli si levò, passò a Claudina le pagine scritte. Ella le lesse
sorridendo due volte, mentre l'amante poggiato al davanzale della
finestra fumava, inseguendo e rompendo con la mano le azzurrognole e
dense nuvolette di fumo. L'attrice parve soddisfatta di quella lettura.

— Vogliamo provare? dimandò allo scrittore, avvicinandoglisi.

Era abitudine per Giuliano di provare ogni scena che scriveva della
nuova commedia, per veder sùbito se essa era nei mezzi di Claudina,
se fosse sotto o sopra il suo valore, se vi fosse da aggiungere o
da togliere, comunque da modificare. Quella scritta poco prima era
l'originale scena con cui il primo atto si chiudeva. Lo scrittore e
l'attrice si sedettero accanto sul divano, tennero il manoscritto
in modo che potessero leggerlo insieme, poichè in quelle prove lo
scrittore faceva la parte e diceva le battute degli attori mancanti.
Claudina teneva in mano il manoscritto quasi con devozione e quando
Giuliano le disse:

— Comincia; riprendi dalla scena precedente — ella si rovesciò tra
le braccia dell'amante e susurrò con gli occhi socchiusi e le labbra
palpitanti:

— Come mi sento felice in questi momenti! Noi lavoriamo insieme a
questa bell'opera che già abbiamo nel sangue e nei nervi, questa
bell'opera che dovrà portarci la gloria comune, l'alloro fraterno. Tu
sei il mio maestro ed io sono la tua alunna. Tu sei grande e ispirato
ed io son docile e diligente. Non godi anche tu di queste ore in cui i
nostri spiriti divengono migliori?

— Comincia, comincia, disse Giuliano leggermente infastidito da quelle
parole di entusiasmo che per essere troppo sincere e troppo spontanee
gli suonavano già nell'anima come un ritornello ben noto. Non perdiamo
del tempo prezioso in inutili quisquilie.

Claudina, lievemente punta dal tuono irritato e infastidito di
lui, cominciò a dire le sue battute con sicurezza, con calore, con
espressione. Giuliano rispondeva con noncuranza ma con un'innata
abilità di attore. Sovente, nei momenti di allegria, egli si era
dilettato ad imitare per sua moglie, per i suoi intimi o per i
suoi bambini, i più noti attori, le più belle attrici. Egli aveva
un gusto acuto e sicuro. Quel giorno stesso modificava qualche
accento di Claudina, per riuscire a comporre il tutto armonico di
un'interpretazione sobria ed efficace. Più volte l'attrice, corretta
e ripresa, ubbidì docilmente. Ma ad un punto della scena culminante
dell'atto, Claudina ricadde in un suo vecchio difetto, quello di
un pianto falso e manierato che stonava con la semplicità e la
sincerità di tutta la sua recitazione. Giuliano la interruppe ed un
poco infastidito per quel difetto che egli le aveva tante volte ed
invano rimproverato, espresse il desiderio di ritornare a ripetere
quella scena dal principio. Ma Claudina ricadde nell'errore. Due
volte Giuliano ripetette in vano l'esperienza. Il difetto era divenuto
nell'attrice abitudine. Lo scrittore comprendeva intanto, per certi
gesti infastiditi di Claudina e per una piega irritata delle labbra
di lei, che quelle osservazioni e quei dissensi aprivano tra loro
un dissidio spiacevole. E questo dissidio si aprì più tardi troppo
chiaramente, quando verso la fine dell'atto Claudina errò tutta
l'interpretazione di una scena.

— No, no, Claudina, interruppe allora Giuliano, tu sbagli....
Guarda: Giovanna non è una donna cattiva e perversa per sua natura.
Gli avvenimenti pretendono che ella sembri tale ed ella si sforza
a sembrarlo. Ma il pubblico finora non sa a che tenersene sul conto
di Giovanna. Ed è appunto con questa scena che tu devi illuminarlo,
fargli scorgere nettamente tutto il fondo buono, dolce ed afflitto
del carattere della mia eroina. Se tu non muti da cima a fondo
l'interpretazione di questa scena, la commedia è inesorabilmente
perduta. Su via, un po' di buona volontà! Ritorniamo da capo: prova e
mettici tutto il tuo ingegno.....

A Giuliano non sfuggì un gesto di noia fatto da Claudina durante
le sue saggie osservazioni e ripetuto al momento che ricominciava a
recitare la sua parte, pur troppo dandole ancòra l'interpretazione
ch'ella le aveva dato poco prima e che l'autore aveva criticato. Una
certa irritazione cominciò a sorgere in lui, proruppe quando Claudina
dimostrò di non aver voluto o saputo tenere nessun conto delle sue
esortazioni:

— Ma no, ma no, niente affatto, non è così, non è così.... Devo credere
che tu lo faccia a bella posta. È tutto il significato della scena che
tu falsi in questo modo: è come se tu facessi apparir nero quel che è
bianco..... No, no, è meglio che lasciamo andare, se tu non hai voglia
questa mattina..... Tanto per quel che si conclude....

Pazientemente l'attrice, frenandosi, ricominciò. Ma il suo errore,
impercettibilmente corretto, apparì di nuovo. E, poichè Giuliano non
seppe reprimere una mossa d'uggia e di dispetto, ella esclamò:

— Alla fin dei conti, io ne ho abbastanza. Io la capisco così questa
scena, solamente così. Altrimenti non la sento, non la sento e non la
sento..... Che vuoi farci? Se non sei contento, pazienza! Non sarà poi
un gran male. Se io ti sembro insufficiente, cambierai interprete......

— Infatti, ribattè Giuliano punto al vivo, infatti, se tu ti ostini
e non ti correggi bisognerà bene che io cambi interprete, poichè non
voglio mandare la mia commedia al massacro.....

Era evidente che Claudina, benchè non avesse risposto una parola,
stentava a reprimere e trattenere la sua ira innanzi alla facile
rinunzia dell'autore, che costituiva una seconda persona così estranea
all'amante. Giuliano che camminava a larghi passi pel salotto,
dominando con uno sforzo di volontà le parole e gli atti del suo
dispetto, si sedette ad un tratto risolutamente presso Claudina, la
pregò di riprendere la lettura, di terminare la prova dell'atto.
Ma l'attrice lesse e ripetette svogliata, monotona, grigia, come
se ripetesse una lezione, senza alcun entusiasmo. Ella era ancóra
esasperata da tutto ciò che non era stato detto ma che indovinava
oltre le moderate parole dello scrittore, e non poteva quindi dedicare
a quella prova attenzione ed interesse. Giuliano intanto interpretava
a modo suo quella noncuranza e quella svogliatezza. Era evidente: la
commedia non piaceva a Claudina. Dal principio dell'atto ella non aveva
mai detto una parola di entusiasmo, o più modestamente di elogio e di
simpatia, non aveva nemmeno avuto mai un sorriso di compiacimento. Egli
si era invece sforzato in quel primo atto di stabilire una situazione
limpidamente, senza mezzucci e senza astuzie, dimenticando quanto
più poteva tutte le sue abilità di uomo di teatro. Come spiegare il
silenzio di Claudina? Era ella forse, sotto le sue apparenze di grande
arte e di grande attrice, una commediante come tutte le altre, una
comicarola, secondo il gergo di palcoscenico, che non si entusiasmava
perchè non trovava il pezzo ad effetto ed il pistolotto per l'applauso?
Oppure era meschino e scialbo il suo lavoro, scritto durante quel loro
amore, quel loro sogno ambizioso dell'alloro fraterno? Ciò gli parve
più probabile. Immediatamente alcuni difetti ch'ei già aveva notato nel
corso dell'atto gli apparvero più gravi, sostanziali e irreparabili.
Quel che gli era apparso bello, gli sembrò mediocre; quel che gli era
apparso vivace, gli sembrò fiacco e slavato; quel che gli era apparso
passabile, gli sembrò orribile e stupido. Tutto l'atto si stritolò
sotto i colpi della sua critica inesorabile.

Claudina intanto era giunta alla fine. L'amante attese in ansia
qualche tempo una parola, un sorriso. Niente: ella rimase immobile,
imbroncita. Allora Giuliano si convinse che il suo lavoro doveva essere
veramente destituito d'ogni valore. Ma come mai ciò era avvenuto? Ei
ricordò le sue ore passate di lavoro, benedette dall'ispirazione, rese
feconde dall'ingegno; ricordò i successi trionfali che avevano seguito
quelle ore pensose. Come mai ei si era così isterilito? Eran forse
l'agitazione della sua anima, il rimpianto dei lontani, le memorie
di un altro amore vissuto sotto quello stesso cielo, le angoscie del
suo instabile cuore così dolorosamente combattuto da tanti sentimenti
contradittorii, che gli toglievano la forza e l'ispirazione, il tesoro
del suo ingegno fino ad allora così sontuosamente goduto? Ancòra una
volta Claudina gli apparve come un'avversaria. Confrontò a lei che gli
toglieva energia ed ingegno, isterilendo la sua ispirazione, il dolce
influsso di Beatrice la quale nelle ore lontane aveva così soavemente
propiziato e nobilitato il suo lavoro, rimanendo lunghe ore seduta
presso di lui, a leggere o a lavorare, col suo bel volto amoroso e
soave. Un'ira irragionevole lo afferrò. Il letterato s'impose, ed
allora l'uomo e l'amante scomparvero in presenza di quella orgogliosa
ed esuberante personalità. Egli temette d'aver perduto per sempre
la gioia della sua arte. D'un tratto, in presenza di Claudina muta
ed impassibile, quella irragionevole ira, che poco prima egli aveva
sentito sordamente gonfiarsi nella sua anima, dettò tristi parole:

— Bene, bene, lo so, gridò rivolto a Claudina. Io non ho più ingegno,
non valgo più nulla, sono un cervello esaurito. Io devo essertene
grato, esclusivamente grato a te, mia cara. E ti ringrazio di avermene
avvertito così affettuosamente, con il tuo silenzio, con la tua
disubbidienza alle mie osservazioni. Grazie, grazie.... Lo so anch'io,
me ne sono accorto anch'io che questa roba non è che una porcheria,
una volgarità senza senso e senza gusto. Eccolo qua il tuo bel sogno
dell'alloro fraterno.... Ecco, eccone i frutti.... E di tutta questa
cartaccia, tieni! guarda il caso ch'io ne faccio, guarda.....

Afferrò i fogli della commedia ch'egli aveva ancòra nelle mani
convulse, li sbrandellò in mille pezzi e li gettò per la finestra.
I brandelli di carta — brandelli del suo pensiero e della sua anima
— si sparpagliarono, caddero mollemente nel Canale, come fiocchi di
neve, portandosi via tante illusioni e tanti sogni, lasciando nella
sua anima tanto dolore. Ei si rivolse. Claudina, attonita per il
gesto di lui, affranta per le sue parole, non ebbe la forza di fare
un gesto o un passo o di pronunziare una sillaba. Lo scrittore, che
aveva fatto un così crudele sacrificio, interpretò male quel silenzio
e quell'immobilità. Ancòra una volta ella gli apparve come una
inesorabile avversaria, oramai smascherata. Disperatamente, ei si morse
a sangue le dita per trattenere le offese che gli salivano irreparabili
alle labbra ed uscì dalla stanza, con le lacrime agli occhi e l'anima
in angoscioso tumulto, sbatacchiando la porta. Ed a Claudina parve che
con quella porta si fosse chiuso anche l'orizzonte luminoso che le
mostrava fino a quella mattina, e così splendido e così inebriante,
il suo bel sogno in fiore, quel bel sogno che per la prima volta le
apparve come un miraggio lontano.



VII.


Quando discesero a Burano, su la piazzetta della chiesa, gli amanti
sentivano di essere in uno di quei fuggevoli momenti di completa
armonia che anche l'amore più irrequieto, più febrile e più combattuto
sa talvolta trovare. In quello smagliante pomeriggio di sole era ben
lontana dalle anime loro e dai loro mutevoli cuori l'angoscia suprema
che già tante volte li aveva affannati, durante quel loro soggiorno
a Venezia, il quale già si prolungava da due settimane. Si volsero
a guardare l'orizzonte. Venezia in lontananza aveva chiarori lunari
di perla e vividi splendori di ori. Il cielo d'un azzurro sfarzoso
diveniva madreperlaceo quanto più s'incurvava verso oriente; e quanto
più, ad occidente, tracciava la sua sublime curva sino ad incontrare
la superficie delle acque, diveniva d'oro e di sangue. Non una voce
saliva dal mare. Il medesimo silenzio signoreggiava la piccola isola;
solamente un organetto gemeva in lontananza un'ingenua aria di vecchia
opera. Da quel paesaggio di luce e di calma, una grande pace luminosa
discendeva nei cuori.

— Vogliamo andare a visitar la fabbrica di merletti? dimandò Giuliano.
È una vera oasi di poesia.

— Andiamo, mormorò Claudina e s'appoggiò al suo braccio, amorosamente.

Entrarono nella fabbrica. Pareva a loro di traversare le sale di un
convento, tale era la quiete che vi regnava. Quelle sale imbiancate a
calce, con ai muri qualche ritratto della regina Margherita o qualche
imagine pia o qualche quadro contenente dietro il riparo del vetro la
fragile e spumante grazia degli antichi merletti veneziani, avevano
veramente un aspetto monastico. Il sole entrava a fasci di luce bionda
e gioiosa dalle grandi finestre aperte e sollevava un pulviscolo
d'oro in quelli stanzoni. Da alcuni rosai, tutti in fiore e prossimi
alle finestre, giungeva un profumo delicato, molto penetrante, che
aggiungeva un altro fascino di poesia al delizioso quadretto e che
sembrava profumare primaverilmente il tenue lavoro intorno al quale
andavano e venivano, come chiare farfalle, le dita snelle ed agili
delle giovani merlettaie.

E tutte quelle mani, quelle piccole mani delicate, alcune delle quali
sembravano mani di principessa o di fata e non di umile operaia, quelle
mani, quasi rese fini e tenere dal loro squisito lavoro, andavano
e venivano, quasi impalpabili, tiravano gli aghi, aggruppavano i
fili, aprivano magiche corolle, sontuosi emblemi, ricchi disegni,
favolose figure, ornamenti di messale, tra le maglie del merletto; si
arrestavano, distendevano il merletto già fatto e i fili per quello
ancòra da fare, e agilmente, squisitamente, riprendevano la loro corsa
operosa, andavano, venivano, giravano, voltavano, si riprendevano, si
arrestavano indecise, si slanciavano di nuovo all'opera, accompagnate
dagli occhi attenti, rapidi, irrequieti, mentre le labbra sorridevano
poichè il cuore ed il pensiero erano forse lontani, fuori, laggiù, in
quell'onda di luce, in quello splendore di sole, tra quelle rose, quel
mare, quel cielo sereno, tutte quelle prime meraviglie della nuova
estate veneziana.... E il sole accende quelle capigliature bionde,
rosse, castane e brune di mille riflessi, di mille lucentezze, di
mille splendori. E i bei capelli d'oro che sembrano usciti dal fastoso
pennello di Paolo Veronese e i capelli fulvi, evocazione suggestiva
delle superbe figure tizianesche, scintillano e riscintillano sotto
quei raggi, quando le teste feminili s'agitano, quando le operaie
sollevano i loro pallidi visi per riposarsi dal lavoro o per guardare
un visitatore, per rispondere a una domanda o per accompagnare il volo
amoroso di un loro pensiero che va verso un lontano.....

In una stanza più piccola erano sette od otto giovani operaie, intente
a lavori più fini, più difficili, più delicati ancòra. Il sole entrava
dall'alta porta vetrata che si apriva su un giardinetto pieno di rose
ed avvolgeva le fanciulle di una carezza bionda. Silenziosamente,
frettolosamente, il loro lavoro procedeva. Su la tavola era distesa
la pompa di quei merletti, l'eleganza delle _guipures_ in seta ed oro
filato.

— Io penso al destino di tutti questi merletti, diceva Giuliano
all'amante. Essi sono stati fatti da queste povere giovinette, in
silenzio, tra tutti i loro sogni e le avverse realtà, tra tutte le
irragionevoli malinconie e le improvvise gioie dei loro vent'anni.
Esse sono, così, state prodighe della loro arte per abbellire la vita,
per abbellire la gioia e l'amore degli altri. Pensa quanti di questi
merletti abbelliranno le donne di piacere e di amore; pensa a quante
voluttà daranno suggestione ed eleganza, quanti letti adorneranno,
quante coltri, quanti origlieri, quanti baci udranno e quanti sospiri
accoglieranno!...

Claudina sorrideva. Carezzava con la mano quei merletti e quelle trine,
quelle squisitezze fatte con niente. Ella avrebbe voluto possederli
tutti, goderli, adornarsene.

— Sembra un quadro di Favretto! le disse Giuliano, indicando le giovani
operaie intente al lavoro e Claudina in adorazione di quei merletti.

Ella non udì e non gli badò, continuando a carezzare con le sue dita
quelle perfette eleganze. E con vero rammarico dovette staccarsene,
quando una maestra della scuola delle merlettaie le offrì di visitare
altre sale, altre sezioni.

Giuliano Farnese non andò con lei. Rimase ad attenderla in giardino,
col pretesto d'incenerire qualche sigaretta. Quando fu solo, si
avvicinò di nuovo alla vetrata, spiò nella stanza dove le giovinette
lavoravano instancabilmente. Il cuore gli balzava forte nel petto.
Al momento di uscire dalla stanza con Claudina, mentre passavano
innanzi alle operaie, una fra tutte lo aveva colpito. Una strana
rassomiglianza, il richiamo vivente di un altro volto, di due altre
pupille.... Spiò dai cristalli, aguzzò la vista e, ad un tratto,
divenne pallido, vacillò, si sostenne alla maniglia della porta.

— È una somiglianza perfetta, si trovò a dire a voce alta.

Pensò di andarsene, di allontanarsi, di sfuggire a quel richiamo
dell'adorata lontana. Il fantasma di lei s'era già tante volte
insinuato fra gli amanti, durante quelli ultimi giorni, che quasi era
divenuto, specialmente per Giuliano, una vera ossessione. Perchè,
dunque, lasciarsi prendere a quell'altro spasimo che lo attirava
irresistibilmente? No, no, poichè quelli ultimi tre o quattro giorni
erano stati tranquilli e sereni, conveniva non interrompere con
una brusca e dolorosa evocazione il loro calmo e dolce fluire....
Questo Giuliano sentì in pochi secondi e volle fuggire, ma, poichè
egli vacillando s'era appoggiato alla maniglia, la porta vetrata si
era aperta, gli sguardi delle ragazze e della sorvegliante si erano
diretti verso di lui per vedere chi entrava. Giuliano, lì per lì,
vinto dall'emozione, non seppe trovare un gesto o una parola, e dovette
entrare

— Vorrei comprare alcuni di quei merletti, disse Giuliano per spiegare
la sua ricomparsa alla sorvegliante. È qui che devo rivolgermi o alla
direzione?

— No, signore, rispose la sorvegliante, noi non siamo autorizzate
a vendere. Bisogna che si rivolga ai negozî, dall'altro lato della
scuola. Del resto, la maestra che ha accompagnato or ora la sua signora
potrà darle meglio di me le spiegazioni necessarie.

— La ringrazio, disse Farnese, e salutò.

Fece per uscire. Ma, quando fu innanzi alle giovanette una forza
più potente della sua volontà lo trattenne, lo fermò. Rimase qualche
secondo a guardar le agili dita femminili andare e venire, svolazzare
lievi ed inafferrabili. Ma, poichè egli trovandosi di spalle alla porta
impediva la luce, una delle operaie, bionda accesa e scarmigliata,
con due occhi che sembravano còrsi da due fiamme, gli disse in puro
veneziano e con un delizioso sorriso che illuminò una doppia schiera di
denti candidissimi.

— _El diga, siòr.... El xe minga trasparente!...._

Giuliano, interpellato così vivacemente, si mosse e si trovò faccia a
faccia con colei che gli aveva ricordato l'assente. La giovinetta, in
piedi, misurava approssimativamente, distendendo il braccio sinistro
e fermando la mano destra alla punta del suo naso, la lunghezza del
merletto che le si ammonticchiava ai piedi.

Lo scrittore guardava intento la giovinetta. La rassomiglianza con
Beatrice era straordinaria; isolandosi dalla cornice di quella stanza
e di quelle altre persone e liberandosi di tutte le angosciose realtà
della sua vita, egli avrebbe potuto confondere con sua moglie quella
povera merlettaia. Se, sotto altre spoglie, ei l'avesse incontrata,
anche in pieno meriggio avrebbe certamente creduto di riconoscere in
lei la lontana. Tutto il dolore tornò nell'anima sua per quel richiamo.
E, pure soffrendone, Giuliano non sapeva levare gli occhi di dosso a
quella giovinetta. Volle parlarle, udirne meglio la voce; cercò qualche
dimanda che non fosse stupida ed invece le rivolse la più sciocca
di tutte. La giovinetta, avendo misurato tutto il merletto, aveva
annunciato a mezza voce:

— Sono cinque metri, su per giù....

Si era nuovamente seduta, mentre Giuliano le domandava fissandola
ardentemente:

— Ed è tutto lavoro d'oggi, signorina?

Un'angoscia improvvisa lo assalì nel breve momento che corse fra la
sua dimanda e la risposta che le tenne dietro. Tremò che anche la
voce somigliasse a quella dell'assente. Lo spasimo sarebbe stato per
lui troppo acuto, e forse qualche nuova e spasmodica complicazione
sentimentale si sarebbe iniziata per lui da quella somiglianza
completa. Ma la giovinetta rispondeva:

— Oh no, no, non creda! Dio lo volesse.... È il lavoro di quasi due
mesi! Se sapesse che lavoro complicato e difficile è mai questo!

Giuliano provò come un sollievo, appena la giovinetta ebbe pronunziato
le prime sillabe con il suo accento veneziano, con la sua voce un po'
rauca a volte, e a volte stridula così che dava un'impressione molesta
di fastidio, come per lo stridore di una punta metallica sopra un
vetro. Oh no, non era quella la dolce voce d'argento con cui Beatrice
susurrava in altri tempi all'amato le sue più tenere follie d'amore!
Non era quella la carezzevole voce di lei che sapeva così soavemente
profferire il dolce invito del sentimento all'affettuosa scherma delle
frasi amorose!

Giuliano era in procinto di rispondere alla giovinetta, quando una mano
si posò, quasi inavvertita, sul suo braccio. Fu il sottile profumo di
quella mano che lo avvertì della nuova presenza. Si volse. Claudina era
innanzi a lui.

Subito ei s'avviò per uscire. Su la soglia si volse per cedere il passo
a Claudina, ma la vide ancòra ferma al centro della stanza, intenta
a fissare la giovine operaia con la quale egli aveva scambiato quelle
insignificanti parole. L'amica lo raggiunse subito. Non si parlarono,
poichè persone addette alla scuola li accompagnavano. Passando innanzi
ad una sala, ebbero di nuovo la visione di quel delicato quadretto
favrettiano, di tutto quello sfarfallìo lieve di candide mani, di tutto
quello scintillìo di chiome bionde e rosse, sotto la calda carezza
d'oro del sole. Discesero nella gondola che li attendeva, mentre un
lieve vento di tramonto portava loro l'ultimo sospiro profumato dei
rosai in fiore.


In pochi secondi, dopo qualche vibrato colpo di remi, la gondola si
trovò lungi da Burano, tra il fasto vellutato delle onde verdi-azzurre.
Il sole, ad occidente, tramontava in una gloria formidabile di fiamme.

Claudina sembrava molto interessata dal meraviglioso spettacolo del
mare e del cielo. Giuliano le disse in proposito:

— Ti ricordi quella pagina in cui un dolce e suggestivo poeta,
strappato ai versi dalle attrattive del teatro, Maurizio Donnay, evoca
così stranamente questo superbo scenario? Guarda laggiù la flottiglia
delle barche di Chioggia con le loro vele nere, gialle e rosse; guarda
se alcune non rassomigliano davvero a _clowns_ con grandi e variopinte
brache gonfie; guarda se quelle laggiù, laggiù, in fondo, non sembrano
veramente vescovi che incedano sul mare, ricoperti da sontuose
dalmatiche... Oh quel sole che tramonta dietro San Marco! A quest'ora
Venezia, magicamente, ha l'aspetto fastoso e lussureggiante di una
città orientale. Guarda se non è vero che il cielo ed il mare mutano
di colore ad ogni minuto, come due infinite Loïe Fuller che danzino
la danza serpentina.... Quale visione incomparabile! quale apoteosi
trionfale!....

L'amica non fece eco a quell'entusiasmo. Lo scrittore allora tacque
e per qualche tempo non si udì che lo sciacquìo dell'acqua rotta dal
ritmico batter dei remi.

— Eri molto entusiasta della bellezza di quella ragazza, disse a un
tratto Claudina senza guardare Giuliano e mentre un fine sorriso
ironico le sfiorava le labbra. Ho picchiato più volte ai vetri
perchè tu venissi fuori, ma non hai udito..... Eri troppo assorto,
troppo in ammirazione.... Avevi incominciato con lei una così fitta
conversazione, interessantissima, suppongo..... È stato necessario che
io entrassi e ti prendessi pel braccio perchè tu ti avvedessi della mia
presenza.....

— Ma no, ma no, che vai mai pensando! esclamò Giuliano, dissimulando
con pena nella voce un po' convulsa l'intimo tumulto. Mi annoiavo
fuori, attendendoti. Sono entrato ed ho rivolto a quelle ragazze
qualche domanda sul loro lavoro. Ecco tutto. In quanto alle ripetute
chiamate tu sai bene quanto io sia distratto.....

Il sorriso ironico scomparve dalle labbra di Claudina. Fissando questa
volta apertamente negli occhi il suo amante, la grande attrice disse
nervosamente:

— In questi ultimi tempi hai appreso anche a mentire. E nel tempo
stesso la tua consueta prudenza è scomparsa. Evidentemente la passione
opera dei grandi sconvolgimenti nella tua anima..... Tu t'illudi
sempre ch'io non senta, ch'io non veda, ch'io non intenda..... Davvero
tu devi credermi una grande sciocca se hai tanta fiducia nella mia
cecità e nella mia ingenuità..... Ciò non mi lusinga..... Tu devi
sapere al contrario che nulla di quanto tu faccia, tu pensi o senta mi
sfugge..... Con un dono unico delle donne veramente innamorate, leggo
nell'anima tua come in un libro aperto e mi ritrovo tra i laberinti
della tua conscienza, come in un luogo di cui io avessi una conoscenza
perfetta.....

— Non comprendo a che cosa tu alluda, rispose Giuliano. Io non ti mento
e non ti nascondo nulla, poichè ti amo.....

Una stridula risata dell'attrice commentò quella protesta. Era una
risata nervosa ed ironica, irritata ed angosciosa, dove si rivelavano
il dolore ed il rancore di quella donna che sentiva ogni giorno più
sfuggirle il cuore di quell'uomo, cui ella aveva donato tutta sè
stessa, follemente.

— Credi tu ch'io non abbia ben guardata quella ragazza che aveva
saputo destare in te un così vivo interesse? Credi tu — continuò
implacabile l'attrice — ch'io non abbia trovato come te in lei una
impressionante somiglianza con una persona che da qualche tempo ti
è divenuta tanto cara?... Oh, Giuliano, come siamo giunti presto a
questo epilogo doloroso..... Io ti comprendo, ti comprendo...... Ma ti
vorrei più leale e più energico..... Dovresti confessare francamente
di non amarmi più, abbandonarmi, partire stasera stessa, se il tuo
desiderio te lo consigliasse..... Così, tu ti avvilisci tanto ai miei
occhi..... Il nostro amore, un giorno ardente, è ridotto oramai alle
viltà e alle bassezze, ai ripieghi e alle menzogne di un matrimonio mal
riuscito.....

Giuliano proruppe. Chiamando a raccolta le ultime forze della sua
passione agonizzante, soffocando violentemente la voce onesta della sua
conscienza, egli disse a Claudina le più dolci parole d'amore, seppe
trovare le più lusinghiere e rassicuranti proteste, tentò d'incantarla
con le più soavi promesse di fedeltà e d'ardore.

— Non ti credo, non ti credo, rispondeva Claudina..... tu menti
ancòra..... Non pretendi forse che quella ragazza non ti aveva
ricordato nessuna altra donna? Oh, come sai mentire, come sai
mentire!....

Lo scrittore sentì ch'era impossibile di convincere Claudina alle sue
menzogne ed ai suoi inganni. Volle essere sincero, le disse che quella
rassomiglianza aveva colpito anche lui, ammise che il richiamo doloroso
dell'assente facesse alle volte emigrare verso altri luoghi il suo
povero cuore.....

Quale oscuro dramma avvenne allora nell'anima di Claudina? Tutti i suoi
sogni e tutto il suo passato dovettero tornare al suo pensiero ed alla
sua memoria.

Il passato dovette in lei confrontarsi al presente e questo a sua volta
con l'oscuro e dolente avvenire.

— Ebbene, ella esclamò, per sentirmi dir questo, per sapere che tra le
mie braccia tu chiudi gli occhi e ti illudi di baciare un'altra donna
che ami, io ho dovuto darti quanto avevo di mio, di intimamente mio,
tutti i miei sogni, tutto il mio ideale, tutto il mio avvenire!...
Oh, in verità, non ne valeva la pena.... non ne valeva la pena, se si
doveva giungere agli affanni e alle miserie che ora ci angustiano.
Il nostro sogno ci ha tradito, forse, e la sua realtà mi appare di
giorno in giorno sempre più lontana.... Ecco: tu mi hai presa così,
per capriccio, per piacere, ed ora che il capriccio è soddisfatto ed
il piacere diviene monotono, tu ti avvilisci sotto il peso delle mie
catene e sogni e desideri, per amor di novità, le delizie e le gioie
indulgenti del focolare domestico!

L'ultima frase era stata pronunziata con una così sprezzante ironia
che Farnese ne risentì un'emozione violenta. Il dolore e la passione
trasfiguravano interamente l'innamorata. Ella, che sempre aveva avuto
rimorso per il male fatto a Beatrice, aveva adesso saputo trovare una
frase ed un accento che rivelavano l'intima angoscia ed il risentimento
della sua anima calpestata. Traversava uno di quei parossismi
sentimentali in cui, sotto la sferza della passione non corrisposta,
la creatura più tenera e mite diviene crudele e despota. Sembrava a
Claudina, in quel momento, di non amar più Farnese e non imaginare che
appunto allora il suo amore per lui era asceso al più alto fervore.

Su la Piazzetta, appena discesi dalla gondola, gli amanti si fissarono,
senz'ombra d'amore, muti e taglienti come due avversarii; e ad entrambi
parve d'essere oramai due nemici irreconciliabili. Giuliano, che non
aveva trovato, stretto com'era dall'emozione, una frase definitiva
da rispondere alla volgare ironia di Claudina, sentiva impossibile
la continuazione di quel colloquio. Anche l'attrice dovette avere la
medesima sensazione, poichè innanzi a San Marco disse allo scrittore;

— Io torno all'albergo. Tu non ti dar pensiero: vieni quando ti
pare.....

Prima che Giuliano avesse pensato a trattenerla, ella s'allontanò
vivamente tra la folla variopinta di ufficiali, di giovani eleganti e
di forestieri che gremiva la piazza, le Procuratie, i mille tavolini
dei caffè.

A stento ella tratteneva le lacrime. Camminava tra la folla, spedita
ma con un passo a momenti incerto e titubante, poichè il sottil velo
di lacrime distesosi su le sue pupille le appannava la vista; ed
inoltre ella serrava le palpebre, temendo che le lacrime avessero a
scivolarle lungo le guancie. Passò sotto i portici del palazzo ducale,
percorse un breve tratto della Riva degli Schiavoni. Giunta all'_Hôtel
Danieli_ la sua tristezza, forse perchè ne tratteneva lo sfogo, aumentò
grandemente. Quasi di corsa ella passò innanzi ai _grooms_ ed ai
camerieri per nascondere l'emozione che le faceva tremare convulsamente
le labbra impallidite. Ma, appena giunta in camera sua, senza avere
nemmeno la forza di far scattare la chiavetta della luce elettrica,
ella fu vinta e dovette lasciarsi cadere su una poltrona, rompendo in
un pianto desolato. Lo sforzo nervoso, ch'ella aveva dovuto fare per
frenarsi fino ad allora, la lasciava senza energia e senza volontà; il
suo dolore solo prorompeva in quei desolati singulti, che risuonavano
così tristemente nella grigia penombra di quella stanza che tante volte
aveva udito i sospiri del suo amore e della sua voluttà....


Giuliano intanto, abbandonato tra la ignota folla crepuscolare di
piazza San Marco s'era diretto verso le Procuratie, a passo lento,
tutto assorto nel dolore dispotico delle sue nuove angoscie, da
cui nulla poteva distoglierlo. Poichè non ogni sentimento eletto e
nobile era morto in lui, egli sentiva, questa volta profondamente ed
intieramente, il lacerante rimorso per l'inutile male fatto per sempre
a Claudina. Con quale sguardo di muta disperazione e con quale passo di
vittima vinta che s'approssima all'ultima tortura ed al colpo supremo,
ella lo aveva lasciato allontanandosi verso la Riva degli Schiavoni!
Egli era stato sul punto di correrle dietro, per raggiungerla, per
prenderle il braccio, chiamarla e dirle: — «Vieni, vieni, io ti amo.
Tutte queste sono follie. Dammi tutto il tuo cuore, prenditi tutto il
mio, che è tuo, tuo, interamente e per sempre tuo, mia povera buona e
dolce Claudina!» Ma ella già voltava all'angolo del palazzo ducale e lo
scrittore ebbe scrupolo di compiere quell'atto inconsulto, temette che
qualcosa di quella scena banale potesse essere osservata da un passante
curioso.

Non deplorò, poco più tardi, quella risoluzione, dopo che fu passato
il primo momento di distacco in cui solo la pietà e l'emozione, sempre
eloquentissime nel suo povero, generoso ed irrequieto cuore di poeta e
di uomo buono, avevan parlato suggerendogli quella clemenza bugiarda,
che poi divien crudeltà, quella finzione pietosa che poi diviene
inesorabile cruccio, quella debolezza incoerente che poi renderà più
desolato e più vile il dissidio quando, fatalmente, dovrà per un'altra
volta riaprirsi. Mai come in quella sera, il fantasma di Beatrice era
riapparso inquietante e dispotico nell'anima di lui. Una donna che
passava coi suoi bambini gli rammentava certi pomeriggi primaverili,
quando egli, salendo al Pincio verso il tramonto dopo una giornata
di fecondo lavoro, incontrava l'adorata lontana che ne discendeva col
suo passo signorile e un po' languido, mentre innanzi le due creature
bionde, stanche oramai di tanti giuochi e di tante follìe, camminavano
con arie assorte di persone serie e molto gravemente preoccupate.
E nulla era pel cuore di Farnese più dolorosamente spietato di quei
continui richiami di tutto quel suo piccolo mondo lontano, e forse per
sempre perduto.

Forse per sempre perduto! La mesta parola di dubbio e di timore
ritornava sempre più frequente nell'anima del poeta, come il grigio
e malinconico ritornello di una canzone ch'era dolce e soave e che
non udremo mai più. Forse per sempre perduto! Era possibile che
tutto l'edificio della sua vita e della sua famiglia dovesse così
andare irremissibilmente distrutto per la follìa di un giorno, per la
risoluzione sconsigliata di un'ora di abbandono?... Ei non poteva, ei
non voleva crederlo... Ed ora? Quale destino gli si riserbava? Ora che
l'amore per Claudina era svanito, come un profumo troppo lieve ad un
vento troppo forte; ora che il loro sogno di gloria fraterna appariva
ad entrambi come un dolce miraggio lontano, ma nulla più che un
miraggio; ora che Claudina aveva chiaramente veduto quanto l'anima di
Giuliano le fosse estranea e lontana; ora che ella, con le sue ultime
ironie di quel giorno si era risolutamente svelata come un'avversaria
decisa a non lasciar campo alla pietosa menzogna ed all'inutile
inganno, che cosa poteva egli fare? Oh, ritornare, ritornare a Roma,
gettarsi ai piedi dell'offesa creatura, dirle quanto l'amasse e quanto
avesse sofferto e come espiato; averne, come una nuova benedizione di
pace e di fortuna su la sua vita e pel loro comune destino, il dolce e
generoso perdono, l'assoluto oblìo!

Ma come poteva egli presentarsi a Roma, inaspettato, così? Gli sarebbe
stato solamente possibile, senza bisogno di scandalo, vedere sua moglie
e parlarle? E avrebbe ella acconsentito ad udirlo, ella che fino a quel
momento lo sapeva con quella sua amante, in viaggio, forse dimentico,
certamente felice? Le poche lettere ricevute da Loredano non eran tali
da confortarlo su le probabilità di perdono e di oblio che le parole
di Beatrice consentivano di considerare. In quanto poi alle lettere
ch'egli aveva scritto al cognato e nelle quali, specie in quelle
ultime settimane, egli aveva transfuso tutta l'intima angoscia e tutto
l'oscuro rimpianto del suo povero cuore senza più speranza di pace e
di gioia, in quanto a quelle lettere, chi sa se Loredano aveva stimato
opportuno farle leggere a Beatrice? E in caso affermativo, chi sa se
la povera donna vi aveva prestato fede? Disillusa com'era, ella aveva
forse sospettato che quelle lettere — scritte invece col cuore in mano
e senza bugiarde preoccupazioni di stile e di effetti da raggiungere —
fossero state abilmente studiate e composte per toccare i più sensibili
angoli del suo cuore, per impietosirla e commuoverla?

Era follìa, dunque, sperare in un così pronto perdono, in un così
rapido e piano ritorno alla vita del tempo passato. Egli entrò al
caffè Florian ed in una di quelle salette tutte luccicanti di specchi,
luminose di lampadarii e fastose per gran numero di pitture e di
mosaici, scrisse a sua moglie una lunga lettera, una lettera spontanea
e profonda ove mise tutto il suo cuore, con tutte le sue più sincere
parole, confessò tutto il suo pentimento, disse tutti i suoi spasimi,
tutti i suoi rimpianti, tutte le sue agonie, osò esternare tutte le
sue speranze e tutti i suoi sogni, invocando il perdono umilmente con
preghiere suggestive ed eloquenti; e vi mise l'anima sua e tutto il suo
infinito dolore; e vi mise tutta la sua conscienza ed il suo pentimento
e i suoi nuovi propositi; e vi mise tutto il suo cuore con tutta la
tenerezza di cui era capace.

Uscì dal caffè, deliberato a recarsi a piedi alla posta centrale perchè
quella lettera partisse la sera stessa per Roma. Un barlume di fiducia
rischiarava l'anima sua. Avendo messo in quei fogli di carta tutte le
sue miserie, Farnese ne sentiva il suo cuore quasi sollevato. Ma, poi,
a mano a mano che procedeva nel suo cammino, il dubbio e l'inquietudine
riapparivano, così che quando si trovò a traversare un breve ponte,
solitario in quella sera incipiente, si arrestò perplesso, vinto
dall'irresolutezza, schiavo dei nuovi suoi dubbii.

Allora Farnese si appoggiò al parapetto, rimase lungamente a fissare
quell'acqua bruna. Innanzi a lui si stendeva il canale, come un lungo
nastro di amoerro verdone che rilucesse, or si or no, alla vicenda
di qualche riflesso. A poco a poco l'ombra della sera ricopriva ogni
cosa; tra quelle penombre scomparivano le linee dei palazzi, le gondole
nere, i brevi marciapiedi, le slanciate curve degli altri ponti, che
sfumavano sempre più, quanto maggiori erano le lontananze, divenendo
sempre più pallidi e meno precisi. E a poco a poco, come file di ceri
mortuarii, le ultime fiammelle dei lampioni si accesero, traforarono
di punti e di disegni luminosi i fitti manti di crespo nero che le
tenebre avevano oramai disteso su tutte le cose. Qualche architettura
di riflessi si delineò in lontananza, qualche bizzarro geroglifico
di punti luminosi apparì su la curva di un ponte. E da tutta Venezia
nessun rumore giungeva. Solo quei punti d'oro talvolta, ad un lieve
vento d'estate, palpitavano.

E Farnese, sempre appoggiato al parapetto, curvo a fissare il nastro
bruno del canale dove ora brillavano in striscie luminose i riflessi
di quei punti d'oro, sentiva che era vano sperare nel perdono e
nell'oblìo. Quella lettera non avrebbe trovato in Beatrice la via
del cuore, poichè la diffidenza oramai gliela precludeva. Egli non
sarebbe stato creduto.... Inutile allora avvilirsi! Lacerò la lettera a
brandelli, lasciò cader questi, lentamente, nel canale sottostante. E
poichè era e sentiva di essere un poeta, ei ricordò che in altre sere
lontane, o da un ponte come adesso, o dalle finestre di un palazzo
ben noto, egli aveva guardato insieme ad una donna tanto amata le
increspature di quell'acqua, che sembravan ricami. Nulla gli diceva
allora che tante angoscie della sua vita, narrate e rivissute in quei
brandelli di lettera, vi sarebbero cadute, tristemente, in una sera
d'abbandono e di smarrimento, tra un glaciale silenzio e sotto il bieco
riflesso di quei lumi d'oro che sembravano ceri accesi su uno sfondo di
gramaglie....



VIII.


Il tempo passò. Dopo una pace ch'essi sentivano di breve durata, pace
ottenuta con una riconciliazione ch'era stata affrettata dai loro più
umili istinti, il soggiorno di Venezia era divenuto insopportabile
agli amanti. Era stato questione tra loro di una breve permanenza a
Siena. Ma Giuliano aveva temuto un nuovo assalto doloroso da parte
delle sue più soavi e pure memorie. E proprio in quei giorni gli era
pervenuta una lettera in cui Loredano si mostrava minutamente informato
della loro vita veneziana. Evidentemente essi erano spiati. Non era
prudente, dunque, rimanere in Italia, dove troppi occhi li conoscevano.
Era meglio recarsi altrove, lontano. Giuliano stimava così d'essere
utilmente prudente. Quando ei fosse stato lontano, quando occhi che
lo conoscevano non avessero più potuto spiare i suoi passi e i suoi
sorrisi, meno probabilità si offrivano che giungessero a sua moglie
notizie su quella sua povera vita che, in apparenza, sembrava così poco
quella di un uomo pentito, che soffre e che ama.

In quanto a Claudina oramai ell'era vinta e avvilita. Ardentemente
appassionata ancòra per Giuliano, sentiva bene com'ella non avesse
più su quell'uomo alcun dominio, se non quello fuggevole e non troppo
nobile dei sensi. Nè quel dominio era sicuro ed intero. Comunque, poi,
non era quello cui l'attrice aspirava. Oh, come era lontano e diverso
dal suo bel sogno sfogliato, dal luminoso miraggio della sua vita e
della sua arte oramai per sempre dileguato! Innamorata, ella non sapeva
rinunziare a Farnese. Pur sentendosi avvilita da quelle carezze e da
quei baci, che a volte le sembravano freddi e pietosi come se fossero
un'elemosina di clemenza e di pietà, ella s'avviticchiava all'amante:
e tutto il suo mondo era ancòra per lei negli occhi di lui; e tutto il
sogno era su la sua fronte; e il suo più soave asilo era per la povera
innamorata quell'instabile cuore di uomo. E nelle lunghe notti insonni,
ella era paga di poter posare il suo volto sul cuore di lui, quantunque
sapesse che forse batteva per un'altra. Ma si sentiva contenta di quel
tepore, di quel riflesso d'amore, sentiva batter quel cuore sotto la
sua tempia e le bastava; e, chiudendo gli occhi, tentava di obliare che
quel cuore non pulsava per lei, che non era più suo. Così ella aveva
seguito Giuliano in tutte le sue irrequiete peregrinazioni, docilmente,
supplice schiava che lo fissava negli occhi per ritrovarvi un richiamo
anche pallido dell'amore d'un tempo...

Da Venezia erano andati nell'Engadina, e dall'Engadina a Aix-les-Bains;
e poi a Lucerna, e su i laghi italiani ed infine a Saint-Moritz. Il
vedere o il rivedere uomini e luoghi ignoti o poco noti distraeva gli
amanti dalle loro preoccupazioni avversarie. Passavano, così, giornate
intere in cui il paesaggio o l'arte costituivan la loro unica comunione
di sentimenti. E quando, a sera tarda, rientrati all'albergo, dopo una
cena frettolosa durante la quale riepilogavano le impressioni della
giornata, gli amanti rientravano nelle loro camere, erano già troppo
stanchi per cominciar querele e dibattiti. Solamente qualche bacio
era scambiato fra i due, mentre intrecciavano le loro carezze, senza
parole.

Ma il dissidio si riapriva talvolta, quando Claudina voleva costringere
lo scrittore a lavorare intorno alla futura commedia su la quale essi
avevano un dì raccolti tutti i loro sogni di gloria. Il miraggio,
benchè più pallido e più lontano, ritornava qualche volta ad attrarre,
ingannevole e fuggevole, la grande attrice. Ma l'amante non si prestava
più a quella illusione. E con parole dure e indifferenti rompeva
l'incantesimo, senza pensare che una pietosa menzogna avrebbe offerto
ancòra a Claudina qualche soave sorriso. Ma egli soffriva troppo,
sentiva il suo ingegno troppo vincolato e diminuito sotto il peso
di tutti i suoi dolori e nessun ideale d'arte e di poesia sapeva più
illuminare ed accendere l'anima sua.

Più violento si riapriva il dissidio quando da Roma giungeva a
Farnese qualche lettera, qualche richiamo. Durante la sua assenza,
uno dei suoi più intimi amici, quello forse che aveva più comunione
con il suo cuore e il suo pensiero, Andrea di Vele, lo aveva tenuto
informato con lettere frequenti e minute su la vita di Beatrice e dei
figli suoi. Le lettere di Loredano non eran per Farnese quello che
avevan saputo essere le lettere dell'amico suo. Quantunque Loredano
lo amasse come il più fedele e fervente amico, pure egli era sempre
fratello di Beatrice; e, se un po' di partigianeria non poteva essere
esclusa dalle sue parole, questa era naturalmente rivolta verso la
sorella. Per questo eran frequenti nelle sue lettere i rimproveri, i
dubbii, le inquietudini, i consigli troppo facili a chi li dà e troppo
difficili a chi li riceve. Andrea di Vele era invece un cronista fedele
e imparziale. Avendo continuato a frequentar la casa di Beatrice,
era in grado di dare al lontano tutti i ragguagli possibili. E per
Farnese quelle lettere erano un riflesso di quella vita, una comunione
indiretta. E quando quel riflesso era troppo vivo, quella comunione
troppo perfetta, Giuliano sentiva un tumulto scatenarsi nell'anima sua,
poichè il nero drappello dei suoi tristi dolori ritornava lugubremente.
Claudina si risentiva allora di quelle amare tristezze. La disputa fra
gli amanti cominciava. E, minaccioso, il dissidio tornava ad aprirsi.

E ad ognuna di quelle nuove lotte, che giungevano bruscamente, tanto
più acri e crudeli quanto più i giorni precedenti eran stati calmi
e affettuosi, gli amanti sentivano chiaramente che quella vita non
avrebbe, così, potuto ancòra durare per lungo tempo.

Più presto di quanto essi avessero sospettato, le circostanze la
troncarono decisivamente. Una lettera di Andrea di Vele era stata
la scintilla che aveva propagata la fiamma. L'amico scriveva che la
piccola Anna Maria era da più giorni inferma e che Beatrice era tutta
in ansia per la salute della sua creatura. La lettera voleva essere
rassicurante, ma, tra le righe, Giuliano aveva ben compreso tutto quel
che Andrea aveva voluto celargli.

Ah, correre, correre a Roma al cappezzale di quella sua bimba, ch'egli
prediligeva con un affetto quasi esagerato! Ma no, ma no, egli era
inchiodato lì, presso quella straniera; e quella casa lontana dove
la piccina soffriva, quella casa sua gli era chiusa oramai. Un'ira
folle lo invase. Perchè il destino aveva portato tanto dolore sul
cammino della sua esistenza? Perchè aveva sparso tante spine, sotto
un'ingannevole coltre di foglie rosee, su per quella salita della
sua vita, per quell'ultimo tratto che lo separava ancòra dall'altro
versante? E tutta la sua sofferenza proruppe in parole inconsulte
e brutali, quando Claudina ignara biasimò il suo umor tetro e lo
rimproverò per le sue risposte tediate.

— Va, va, egli le gridò, lasciami solo..... Tu mi hai fatto tanto male
dal giorno in cui ci siamo incontrati..... Va, va, che cosa vuoi di più
dal mio povero cuore?....

Dopo una scena violenta, Claudina uscì, discese nel giardino
dell'albergo, sentendo bisogno d'aria, di silenzio e di pace: si gettò
in una carrozza, fece partire il cavallo ad una corsa sfrenata. L'anima
di lei agonizzava. E così potente era il suo dolore che, quando la
carrozza per una voltata un po' brusca o per un capriccio del cavallo
minacciava di ribaltare in quella corsa veemente, ella quasi bramava di
spezzarsi la fronte contro una di quelle pietre aguzze e taglienti che
fiancheggiavan la via.

La bufera con pari furia s'era scatenata nell'anima dello scrittore.
Dalla finestra, aveva veduto allontanarsi Claudina quasi con sollievo.
Rimasto solo, ei si proponeva di trovare un po' di calma, perchè
potesse riflettere su l'avvenuto, deliberare saggiamente e posatamente
che cosa gli convenisse di fare, in qual modo e con quale intenzione
egli dovesse agire in quel momento della sua vita che forse era
decisivo e che gli appariva come un bivio fatale. Ma qualcuno picchiava
alla porta. Giuliano gridò:

— Entrate! — e appena ebbe veduto avanzarsi il cameriere con in mano un
vassoio esclamò convulso: — Un telegramma? Per me?

Il cameriere tese il vassoio e, dopo che Farnese v'ebbe preso il
dispaccio, si inchinò, uscì. Lo scrittore rimase tremante, col
dispaccio in mano, senza avere il coraggio d'aprirlo. Dopo la lettera
d'Andrea di Vele, l'arrivo di quel telegramma faceva sorgere in lui un
assai fosco presagio. Si fece forza, alfine, lacerò il foglio; lesse:

«Anna Maria piuttosto aggravata — Necessiterebbe tuo ritorno per ogni
evenienza — Ti attenderò dopodomani stazione al primo treno mattutino
— Non allarmarti però, non essendovi finora pericolo serio — Andrea di
Vele».

Attonito, avendo inteso tutto il recondito significato di quel
telegramma, si gettò su un orario, lo sfogliò: senza attendere il
treno della mezzanotte, v'era un treno alle quattro che lo avrebbe
fatto giungere a Roma una notte prima dell'altro. Chiamò i camerieri, i
facchini, fece chiudere le valigie, le borse. Non mancavano che venti
minuti all'ora del treno. Col cappello in testa, scrisse contro il
vetro della finestra due righe a matita per Claudina su una carta da
visita:


«Il telegramma che ti lascio mi chiama a Roma per la salute della mia
creatura. Perdona al padre se fuggo così, perdutamente, senza nemmeno
abbracciarti. Non mi sento più padrone di me stesso. Ti scriverò, ti
telegraferò, cara Claudina.....»

                                                            GIULIANO.


Consegnò il biglietto per Claudina al _bureau_, scese precipitosamente
le scale, saltò in una carrozza, in preda ad una agitazione fremente.
Non ebbe un sospiro di sollievo, se non quando si trovò nel suo
scompartimento di prima classe nell'_express_, di cui già i conduttori
serravano gli sportelli, toglievano i freni.

Quel viaggio di un'intiera giornata fu per lui un'agonia inenarrabile.
Febbrilmente il suo pensiero correva a Roma, alla sua casa, dove forse
Anna Maria moriva in quel momento. La funebre visione passava fosca
nel suo pensiero. Per allontanarla egli pensava a Claudina: imaginava
lo stupore della povera donna, il suo dolore immenso. Una convulsione
frenetica agitava il suo cervello. Passavano stazioni, paesi, città,
egli nulla vedeva. Quel treno direttissimo, lanciato alla velocità
di sessanta chilometri all'ora, gli sembrava per la sua ansia e per
la sua febbre lento e pesante come due bovi che traggan l'aratro nei
solchi. Ogni breve fermata era per lui un nuovo spasimo. Quando i freni
stridevano, una tenaglia torceva nel tempo stesso il suo cuore. Egli
avrebbe voluto morire piuttosto che soffrire quella pena indicibile,
lacerante. Forse la sua piccina agonizzava ed egli era prigioniero
in quel funebre convoglio, che non era veloce, fulmineo come il suo
terrore avrebbe voluto che fosse.

— Quale espiazione! Quale espiazione! si trovava a dire a voce alta,
ogni tanto, sconsolatamente.

La sua fronte ardeva, il suo cervello pareva volesse spezzargli il
cranio. Egli poggiava le mani sul suo capo, premeva con tutta la sua
forza, triplicata dall'energia nervosa. A volte vedeva tutto rosso,
temeva di diventar folle. Poi, momenti di dolore silenzioso e più
cocente sopravvenivano. L'agonia si prolungava come un supplizio
inumano al quale le sue povere forze di uomo non avrebbero potuto più a
lungo resistere.

Provvidamente, verso Chiusi, quando la seconda sera del suo viaggio,
della sua veglia e della sua febbre cominciava a discendere su le
lussureggianti campagne toscane, la fatica e la stanchezza lo vinsero e
lo prostrarono. Il sonno lo prese gravemente: sonno dapprima affannoso
per lugubri fantasmi di lutto e che poi divenne più blando, più calmo,
più riposante.

E dopo poco, il violento incendio divampato in tutto il suo essere
era sedato, e Giuliano, disteso, dormiva placidamente, mentre dai
finestrini s'insinuava un raggio di luna, che andava a illuminare, su
le sue labbra bruciate dalla febbre, un placido ed ignaro sorriso di
bimbo.



PARTE TERZA



I.


Uscito dalla stazione e salito in una carrozza, quando il cocchiere gli
domandò a quale via dovesse portarlo, Giuliano Farnese repentinamente
si ritrovò perplesso e indeciso. In un attimo cento decisioni
contradittorie si opposero in lui. Il cocchiere, credendo ch'egli non
avesse udito, rinnovò la domanda. Allora Giuliano risolutamente diede
l'indirizzo di casa sua. Subito dopo, non appena la carrozza si fu
mossa in quella direzione, l'impossibilità gli apparve di presentarsi
a casa sua, a quell'ora ed in quelle condizioni. La grande depressione
nervosa, che aveva tenuto dietro all'eccitazione formidabile di
quel suo lungo viaggio, lo rendeva ora debole ed irresoluto come
un fanciullo. Si trovava a Roma, a notte alta, senza aver prevenuto
nessuno. Passando per Firenze si era proposto di telegrafare ad Andrea
di Vele o a Loredano da una delle stazioni della linea, ma il sonno lo
aveva preso e quando, vicino a Roma, un triste sogno lo aveva destato,
era oramai troppo tardi.

— No, no, egli pensava, non posso presentarmi così, inatteso; anche
Beatrice può dalla mia venuta improvvisa ricevere una scossa troppo
forte, un'emozione troppo violenta. E anche per la mia creatura, se è
viva, vedermi tornare, così, d'improvviso, può esser nocivo.....

Mascherava a sè stesso sotto queste considerazioni obbiettive, il vero
sentimento che lo faceva esitare innanzi al compimento immediato del
suo ritorno. Quasi egli aveva vergogna di confessarlo a sè stesso.
E questo sentimento era tutto di timore e di rispetto per Beatrice,
alla quale non avrebbe osato baciare la mano per tema che quel bacio
fosse considerato mendace, alla quale non avrebbe osato dire una sola
parola di umiltà, di pentimento e di dolore per tema di non essere
creduto. Come avrebbe potuto trovarsi solo, dopo tanto tempo, innanzi
allo sguardo certamente sprezzante di quelle care pupille? Poichè
infine, forse, egli era per lei ancòra un colpevole, forse ella aveva
conosciuta la sua vita con Claudina e l'aveva creduta felice, forse
anche non aveva prestato fede alcuna alle promesse, alle espressioni di
dolore e di amore, ai giuramenti che per mezzo delle lettere dirette
a Loredano dovevano esserle giunti. No, no, solo, ei non avrebbe
mai trovato l'energia per riaffrontarla.... Come avrebbe egli retto
allo sgomento e allo spasimo s'ella avesse avuto una sola parola di
ripulsione e di odio, un solo gesto di disamore che gli avesse negato
il perdono?

— Tornate indietro, ordinò risolutamente al cocchiere. Passiamo
alla ferrovia per depositare al bagaglio queste valigie e dopo
accompagnatemi a piazza Colonna. Ma prestissimo.....

Una nuova ansia lo assaliva. Andrea di Vele non lo attendeva che
l'indomani mattina. Non di meno, s'egli non aveva la forza di
presentarsi a sua moglie, non poteva però passar la notte senza trovare
Andrea di Vele per aver notizia della sua povera piccina, della sua
cara dilettissima piccola inferma. Un breve rintocco sonoro suonava
l'una dopo la mezzanotte all'orologio della stazione. Dove trovare
l'amico suo a quell'ora? Più probabile gli sembrò che fosse al circolo.
In quanto a Loredano non vi era speranza di trovarlo. Se Anna Maria era
ammalata, certamente egli non si muoveva, durante la sera e la notte,
dal capezzale della nipotina.

Al Circolo salì precipitosamente le scale, mandò un cameriere alla
ricerca di Andrea di Vele nelle sale da gioco o da fumo, nella sala
di lettura o nella biblioteca. Durante qualche minuto egli rimase in
quell'anticamera, intento a udire le voci di alcuni uomini che nelle
sale continue giocavano. Le formole sacramentali del _baccara_ gli
giungevano ogni tanto:

— Dò... Carte... Carte... Sette... Nove!... Sette.. Sette: nulla di
fatto!

Quante sere egli aveva passato in quelle sale, a udire la monotonia
di quelle esclamazioni, a gettare qualche biglietto di banca su l'uno
o l'altro quadro di quel gioco così pieno di emozioni.... Come era
felice, allora: sarebbe uscito in quell'anticamera, avrebbe preso uno
di quei soprabiti appesi lì intorno e una carrozza del circolo lo
avrebbe accompagnato a casa dove i baci di sua moglie lo avrebbero
atteso..... Tutto era finito, oramai. Il cameriere era tornato
dicendogli che Andrea di Vele non era comparso al circolo che per il
pranzo, uscendone subito dopo, prima delle nove.

Farnese si slanciò di nuovo per le scale, saltò in carrozza, si fece
condurre al caffè Colonna. Da un _groom_ del caffè fece ricercare
Andrea. Intanto egli vedeva, oltre la porta e i cristalli, tutta la
vita elegante e brillante del caffè notturno. Ai tavolini candidi,
scintillanti di argenterie e di cristalli sotto i perlacei fasci
luminosi della luce elettrica, le orizzontali grandi e piccine
cenavano in compagnia di vecchi e giovani, tutti uniformi sotto la
livrea dell'abito nero, tutti uniti nel desiderio di quelle donne.
Qualcuno entrava ogni tanto, reduce da un teatro, da un ricevimento
o da una visita. Giuliano spiava le fisionomie di tutti coloro che
sopraggiungevano. Qualche donna entrava, avvolta in un sontuoso
mantello, seguita da una mezza dozzina di cavalieri dai visi smorti e
dalle spalle curve, sorridente pel piacere del dominio e dell'impero
voluttuoso, moderna personificazione d'una Circe fatale. Qualche _snob_
entrava anche nel caffè, faceva la parata, sbirciava le donne, beveva
un bicchierino di _cognac_, pagava con un biglietto da cento lire,
occhieggiando qualcuna.

Oh, quella frivola vita, come aveva potuto egli viverla? Giuliano nel
fondo della sua carrozza attendeva malinconicamente la risposta del
_groom_ che fu negativa. Irrequieto, desideroso di trovare Andrea ad
ogni costo, si fece portare ad altri caffè, ad altri ritrovi, dove
però tutte le sue ricerche riuscirono vane. Tentò allora di bussare
alla casa di Andrea, alla Passeggiata di Ripetta. Licenziò la carrozza
e rimase in mezzo alla via, mentre il trotto del cavallo echeggiava
sempre più lontano, ad attendere che qualcuno rispondesse ai colpi
ch'egli aveva picchiato col martello del portone.

Tutto fu vano. Il portone non si aprì. Una tortura impreveduta, quella
di un'intera notte di ansia, di timore, di solitudine angosciosa,
veniva ad aggiungersi alle molte che in quei due ultimi giorni avevano
travagliato il povero cuore di Giuliano. Dove recarsi a quell'ora?
Un orologio in lontananza aveva battuto le tre. Un silenzio profondo
incombeva con solenne maestà su la città addormentata.

Farnese non pensava più a cercare Andrea. Probabilmente l'amico era in
casa, s'era forse coricato per tempo a fine di potersi recare al primo
treno mattutino in cerca di Giuliano alla stazione di Termini. Nessuno
s'era destato nella casa. Dopo un ultimo tentativo lo scrittore decise
d'attendere l'alba, di pazientare finchè il portone si aprisse e gli
fosse possibile farsi udire da qualcuno.

Passeggiò lentamente per la breve via fiancheggiata da un lato da
tisici alberelli prospicienti il fiume. Il suo passo batteva ritmico e
pesante sul selciato.

Quell'incertezza su quanto era avvenuto nella sua famiglia lo
straziava. Poichè nel dubbio è sempre la visione più fosca quella che
si presenta ai nostri occhi. Giuliano era in preda alle più tristi
previsioni intorno all'esito della malattia della sua creatura. Gli
sembrava che l'alba non sarebbe mai giunta e che la sua angoscia
avrebbe troppo a lungo durato. Dopo lo schianto formidabile che quel
giorno e mezzo di viaggio aveva dato all'anima sua, lo scrittore si
trovava senza forza e senza energia per quella rinnovata agonia.

Camminando, si trovò in piazza del Popolo. Mille squilli di piccoli
campanelli giungevano dalla via di Ripetta. Giuliano si soffermò.
Nell'ombra della via, rotta fiocamente da qualche raro e lontano
lampione, una folla bianca si muoveva. Lentamente, questa s'avanzò,
si precisò: mandre intere di pecore provenienti da porta Cavalleggeri
si avviavano a nuovi pascoli lontani. Un primo gruppo entrò nella
piazza, parve disgregarsi, si serrò nuovamente. Le piccole e mansuete
viaggiatrici procedevano serrandosi le une alle altre, quasi per
sorreggersi, quasi per incitarsi o per trascinarsi a vicenda. Qualche
capretto irrequieto saltellava ai lati del bianco e sonoro drappello.
Ogni tanto, fra quella folla, un buttero avvolto nel nero mantello
passava su un vigoroso cavallo maremmano, governando con la verga quel
gregge, aizzando i cani in difesa o a tutela dell'ordine. Poi i bianchi
drappelli ricominciavano. Tutte quelle nomadi esistenze ispiravano una
pietà infinita. Ciecamente, esse procedevano, forse verso la morte.
E tutta quell'armonia di campanelli mossi nella marcia sembrava un
funebre accompagno in quella notte profonda; e i belati di tutto quel
gregge sembravano gemiti. Quella folla lanosa riempiva oramai quasi
tutta la piazza e i movimenti suoi la facevan sembrare come un mare
convulso per la vicenda continua delle onde spumanti.

Giuliano si trovava quasi rasente a quei bianchi drappelli. A un tratto
ei sentì un colpo su i suoi piedi, chinò gli occhi: una capra s'era
abbattuta a terra, morta. Le altre, indifferenti, continuarono la loro
marcia. Solo un capretto accorse belando, si curvò su la caduta, la
carezzò con la lingua. Giuliano rimase qualche secondo con quel peso di
morte su i suoi piedi, sentendo il ribrezzo correr la sua pelle in un
brivido e pur non avendo la forza di togliere alla caduta quell'ultimo
sostegno. Un buttero accorse. Afferrò per le quattro gambe la capra
morta ai piedi di Farnese, la gettò su un carro che seguiva, portando
donne, fanciulli e vecchi pastori. Il capretto seguì il carro, belando
forte, guardando talvolta il buttero con occhi d'invocazione.

Finalmente la piazza si vuotò. Dalla porta del Popolo giungeva sempre
più lontana l'eco di una canzone intuonata da un pastore e della
quale i butteri cantavano a coro con le loro virili voci spiegate il
ritornello dolente. Giuliano, afflitto ancóra da quelli spettacoli e
da quegli echi di malinconia si affrettò per la breve salita del ponte
Margherita, si trovò sul fiume.

L'alba non era ancóra giunta e già la notte non era più intera.
Giuliano, cui la morte della capra aveva dato un brivido, quasi
fosse il simbolo di un'altra fine, il richiamo ultimo di una creatura
diletta, rimase sul ponte, innanzi al panorama solenne di Roma, ad
attendere il giorno.

Già nel cielo striato d'onde lunari e di misteri, le ultime nuvole
scomparivano cedendo il loro breve dominio all'albore grigio e freddo.
Un alito sottilissimo di vento fremeva, dando brividi e susurrii alle
verdi foglie degli alberi fiancheggianti i lungotevere e la Passeggiata
di Ripetta. Le nebbie basse che indugiavano su le gialle acque
sonnolenti del fiume si diradavano, quanto più la luce si avanzava,
come pallide lame d'acciaio su l'orizzonte, quanto più si accendeva il
nuovo chiarore, ancóra grigio, albale, non ancóra tale da riscaldare
la nuova vita delle cose, ma così freddo invece che sembrava avrebbe
dovuto gelare gli ultimi sonni, incalzare con gelide spade gli ultimi
drappelli di sogni, di quei sogni che, figli delle stelle, con esse
impallidiscono e scompaiono.

E, ad un tratto, in vicinanza, nel silenzio ancóra profondo dell'alba,
un campanile sparpagliò i lenti rintocchi argentini delle sue campane.
Altri, più lontani, risposero come ad un mistico appello musicale ed
il canto di quelle campane giunse grigio, come fosse ovattato. Altri
campanili più lontani ancóra sgranarono nell'aria albale una fievole
sinfonia d'armonie d'argento. Il canto delle campane si rafforzò,
si attrasse, si fuse, squillò come un inno al dì sopravveniente.
Poi di nuovo quelle voci d'argento si disgregarono, diminuirono,
s'affievolirono. Le armonie più lontane divennero fievoli e pallide,
quasi fossero echi delle più vicine. E mentre l'ultimo campanile
batteva a rintocchi le ultime note, un orologio suonò le ore,
lentamente, a grandi pause, durante le quali il suono si propagava
nelle lontananze.

A quella danza di note argentine, che a volte era divenuta sottile
e delicata, come un ricamo che si disegnasse nell'aria trasparente,
Giuliano Farnese rimase estatico, dimenticando ogni dolorosa
preoccupazione del suo cuore o della sua conscienza, come sempre gli
accadeva in presenza d'uno spettacolo di bellezza.

I rosei riflessi si diffondevano all'orizzonte. Si sgranavano nel
cielo, sempre più dolci e maliose, come sublime armonia ai merletti
musicali dei campanili salutanti l'alba, le melodie sottili della
sinfonia in rosa maggiore che l'aurora canta. Qualche cupola, lasciando
vedere il cielo dai finestroni contrapposti, prendeva l'apparenza
leggera e squisita di una trina enorme. Qualche riflesso s'accendeva
nel fiume, qualche voce lontana sorgeva. E la luce, intanto, avanzava
sempre più a lame più fitte, più rapide, più taglienti, insinuandosi
nel cielo, sgombro fin delle ultime nubecole lievi come fiocchi di
bambagia, e già disposto, tra le rose e gli ori dell'aurora serena, al
connubio solenne col nuovo giorno.

A quello spettacolo di serenità e di vita una speranza fiorì nel cuore
di Farnese. In quel momento, dall'alto del ponte, vide il portone di
Andrea di Vele spalancarsi. Allora, senza indugio, tornando alla vita
dopo l'agonia di quella notte di profondo dolore, scese a precipizio
verso la casa.



II.


Ai ripetuti squilli del campanello elettrico un domestico, ancóra
in pantofole e con una giacchetta abbottonata alla meglio, venne ad
aprirgli. Senza riconoscerlo gli disse subito:

— Mi dispiace, il padrone riposa ancóra.

Giuliano non gli badò. Entrò nell'appartamento, voltò per un corridoio
a destra che sapeva esser quello che guidava alla camera da letto di
Andrea. La sua ansia e la sua febbre non gli consentivano la pazienza
di mandare ambasciate, di parlamentar col domestico. Prima che
questi avesse potuto raggiungerlo, egli già era entrato nella camera
dell'amico ancóra immersa in una fitta penombra. La voce di Andrea,
assonnata, gridò:

— Chi è là?

— Son io, rispose Giuliano e, poichè Andrea non aveva riconosciuto la
voce, aggiunse mentre spalancava le imposte su quel cielo oramai chiaro
di sereno mattino autunnale: — Son io, Giuliano Farnese.....

Andrea di Vele non credeva alle sue orecchie:

— Tu, tu qui?

In un batter d'occhio, balzò dal letto, infilò un pantalone, corse
incontro all'amico, lo abbracciò fortemente con un nobile e profondo
affetto virile. Farnese si disciolse, gli chiese febbrile:

— Come sta Anna Maria? Dimmi la verità, crudelmente.

Un momento di spasimo e di terrore, più intenso di quanti fino ad
allora lo avevano angosciato, tenne dietro a quella domanda. Ma si
rassicurò subito. Il volto di Andrea era rimasto sereno e le labbra
s'atteggiavano ad un sorriso per rispondergli:

— Molto meglio, molto meglio. Sono passato da casa tua iersera dopo
pranzo, verso le dieci. Anna Maria dormiva tranquilla. Il medico era
stato rassicurantissimo, poichè aveva giudicato che la crisi più aspra
era felicemente superata. Tua moglie è adesso molto sollevata. Due
giorni fa Anna Maria era però in uno stato gravissimo, nel massimo
infuriare della crisi. Beatrice s'illudeva, non comprendeva tutta
l'intensità del male. Loredano pensava per bocca della sorella.
Io intuii il pericolo e credetti mio dovere avvertirti, farti
accorrere per qualunque evenienza. Ma ora, ti ripeto, ogni pericolo è
scongiurato, la malattia segue il suo corso, blandamente.....

Giuliano sorrideva d'un sorriso calmo, sereno riflesso della sua
anima alfine quietata dopo tanti giorni in cui la tormenta aveva così
fieramente imperversato. Egli dimandava perdono all'amico d'avere
irrotto così violentemente in casa di lui. La sua angoscia di padre lo
giustificava.

— A proposito, rispose Andrea, tra mezz'ora mi sarei levato per venirti
a cercare alla stazione. Come mai sei arrivato iersera e come hai
impiegato queste ore?

Lo scrittore narrò la sua precipitosa partenza da Saint-Moritz, il
suo viaggio così doloroso, le sue irresolutezze e le sue timidezze
della sera precedente, la pallida e febrile veglia di quella notte di
tortura. Andrea gli stringeva intanto le mani e sul suo volto leale
passavano tutte le impressioni che le parole di Farnese destavano
nell'anima sua.

Finì di vestirsi. Poi chiese all'amico:

— Hai fatto colazione? No? Dividi allora la mia.

Passarono nella sala da pranzo, un'elegante saletta ai cui muri, fra
le stoffe risaltavano alcune preziose terrecotte di Luca della Robbia.
Il domestico versò la cioccolata, il thè, portò il pane arrostito, il
burro, il miele, qualche _sandwichs_; poi li lasciò nuovamente soli.
Farnese mangiò con appetito, dopo la dieta quasi intera del giorno
precedente. Era seduto di rimpetto alla finestra, oltre la quale
vedeva la coppa azzurra del cielo come tagliata in un immenso e limpido
zaffiro. La serenità trasparente di quel mattino, la carezza bionda di
quel sole pallido, che giungeva fin su la tavola facendo scintillare le
argenterie, diffondeva una letizia salutare, un riposo riparatore nel
suo misero cuore torturato. La notizia del grande miglioramento della
sua piccina gli era giunta così impreveduta che ora tutto il mondo gli
sembrava migliore; e sorrideva alla vita che ora gli sembrava buona e
quasi aveva obliato tutto il male e tutta la tristezza che lo avevan
dispoticamente dominato sino a un'ora prima.

— Tua moglie e Loredano, diceva Andrea di Vele, ignorano completamente
la tua venuta a Roma. Ho creduto che fosse meglio non prevenirli.
Beatrice non ti ha perdonato, nè ti perdonerebbe per molto tempo
ancòra. Non v'è quindi da farsi illusioni. Oramai che sei giunto,
bisogna prevenire Loredano, studiare insieme quale strattagemma sia da
adottarsi per farvi trovare insieme, per farla venire, senza sembrare,
al perdono e all'oblìo. La cosa non sarà facile. Ma le nostre comuni
abilità di romanzieri potranno giovarci. Non sono i romanzi che
rassomigliano alla vita: è la vita, invece, che il più delle volte, con
le sue circostanze imprevedute, con le sue complicazioni inesplicabili
ed i suoi strani epiloghi, rassomiglia tanto ai romanzi.....

Giuliano non l'ascoltava più. Senza confessarsela, una pallida speranza
era timidamente fiorita nel suo cuore durante quei due ultimi giorni.
Aveva pensato che forse Beatrice non era del tutto estranea a quel
suo richiamo a Roma. Con la bambina inferma, così gravemente inferma
che quasi l'ala fredda della morte le aveva sfiorato l'inconsapevole
visino, ella si era sentita forse troppo sola, aveva lasciato intendere
al fratello e agli amici che se suo marito fosse tornato, non lo
avrebbe respinto.... Questo tacito sogno, carezzato dolcemente per
qualche ora, svaniva alle parole di Andrea; tutto era ancòra da farsi
ed altri giorni di pena — e quanto intensa! — si preparavan per lui.

La colazione era finita. Andrea si levò da tavola, guardò l'orologio.

— Sono le nove, di già.... Non ho un minuto da perdere, esclamò. Ho un
grave affare fra mezza ora ed alle dieci e mezzo mi recherò a casa tua
per vedere Loredano e parlargli. Prenderemo un convegno per ritrovarci
con te.... Intanto per questi giorni tu devi abitare in qualche
posto.... Sei sceso ad un albergo?

— No. Ho lasciato il mio bagaglio in deposito alla stazione.

— Ah, bene, bene. Dammi allora gli scontrini. Manderò subito Stefano a
ritirarlo.

Suonò il campanello ripetutamente. Consegnò al domestico gli scontrini
datigli da Farnese:

— Ritirate subito queste valigie e portatele qui... Poi, preparate la
camera a fianco alla mia per il signor Farnese. Torneremo a colazione a
mezzogiorno.

Prese il bastone, il cappello ed i guanti, discese in fretta con
Giuliano:

— Noi ci ritroveremo qui alle dodici, proponeva all'amico. Avrò già
tutto stabilito con Loredano.

— Potrai parlargli liberamente da solo a solo? obbiettò Farnese.

— Ne sono sicurissimo, rispose Andrea. Vado a casa tua verso le dieci e
mezzo, perchè potremo esser soli. Tua moglie sta in casa da quasi venti
giorni, è molto impallidita e dimagrata; ieri il medico le ordinò di
uscire, di profittare di queste giornate serene per prendere un poco
d'aria, visto che Anna Maria è migliorata e che può lasciarla senza
timore per qualche ora. Iersera la persuasi ad uscire. Promise a me e a
Loredano che sarebbe uscita stamane alle dieci per un'oretta.

Cominciò a parlare d'altre cose, d'altre persone. Farnese, che sembrava
attento, seguiva invece tutt'altro ordine di pensieri. Sua moglie
sarebbe uscita di casa alle dieci. Un'irresistibile brama di rivederla
si impadronì di lui, ed egli affrettò col desiderio il momento in cui
il suo amico l'avrebbe lasciato solo.

Erano giunti in piazza di Spagna. Andrea di Vele, arrestandosi su la
soglia dell'_hôtel de Londres_, gli tese la mano per salutarlo:

— Mi raccomando, disse, di essere, almeno per oggi, prudente. È
bene che tua moglie non sappia ancòra che tu sei a Roma e, per certe
necessità di convenzioni sociali, è meglio che non lo sappia nessuno. È
opportuno che tu ritorni a casa mia e che tu mi aspetti. A più tardi.

Gli serrò la mano fortemente un'altra volta ancora, e in quella
stretta di mano era come un incitamento ad aver fiducia e coraggio,
a non abbandonar la speranza, unica oasi felice nel deserto squallido
dell'avvenire e del destino. Il desiderio di riveder sua moglie, almeno
da lontano, padroneggiò Giuliano. Ma Andrea di Vele aveva ragione di
consigliarlo di non esporsi ad essere veduto e riconosciuto. Guardò
l'ora. Alle dieci mancavano quindici minuti. Una carrozza chiusa
passava. Chi lo avrebbe visto in fondo a quella carrozza? Giuliano
cedette all'irresistibile attrattiva. Fermò la carrozza, vi salì,
ordinò al cocchiere di arrestarsi poco lungi dalla sua villetta, al
Macao. Una smania puerile lo aveva preso di rivedere quella casa,
quel giardino, di rivedere uscire da quella porta sua moglie, dopo
tanto tempo, dopo tanta vita. Il trotto veloce del cavallo su per le
difficili salite sembrava lento alla sua impazienza.

Quando la carrozza si arrestò, Farnese guardò la sua villetta. Il
giardino di Beatrice era come addormentato, in una vita autunnale e
melanconica. Un vento leggero scuoteva appena le foglie pallide dei
pochi alberi, dai quali con un fruscìo sottile, a quando a quando,
qualche foglia d'oro lentamente cadeva sul suolo dove già altre foglie
cadute avevano composto un tappeto biondo, che mormorava mestamente,
quando il vento lo agitava un poco. Sul cielo qualche rapida nuvola
bianca e leggerissima volava. Tutti i fiori erano morti, le spalliere
di rose su i muri erano appassite. Molte persiane nella villetta erano
chiuse. Da una villa vicina giungevano, pallide e morenti, le note di
un pianoforte suonato lentamente e tristemente, forse per accompagnare
le fantasticherie autunnali di un convalescente. Nulla ricordava a
Giuliano il giardino del giorno in cui il dramma era scoppiato. Allora
tutte le spalliere di rose erano in fiore e dal verde giardino saliva
nelle stanze uno spossante profumo di primavera. Quante volte quel
profumo, legato ai ricordi di quel triste giorno, gli era tornato alla
memoria dei sensi, non meno vibrante e tenace dell'altra!

I minuti gli sembravano eterni. Le dieci e un quarto erano segnate
dalle sfere del suo orologio. Forse Beatrice non sarebbe uscita. Ma
perchè? Allora Anna Maria aveva peggiorato di nuovo? La sua fantasia
già galloppava lugubremente, quando la porta si aprì e una donna
apparve, tutta vestita di nero, molto pallida: Beatrice. Ella s'avanzò
pel giardino: le foglie d'oro stridettero, come gemessero, sotto i suoi
piedi. Ella uscì nella via, s'allontanò avvolta da quel pallido sole
d'autunno. Camminava con un passo stanco e si volse più volte a guardar
le finestre della villa. Farnese non seppe resistere, gettò del denaro
al cocchiere, discese e imprudentemente la seguì da lontano, tutto
ripreso al suo fascino, alla grazia di quella stanca andatura, alla
mestizia di quel pallore così grande!

Quanto durò quella lenta passeggiata di quei due esseri che soffrivano,
di quei due dolori che si seguivano, senza raggiungersi per cullarsi
e sopirsi l'un l'altro, senza che Beatrice avesse l'ispirazione di
arrestarsi, senza che Giuliano avesse la energia di affrettare il
passo, d'andarle vicino, di parlarle? Percorsero a lungo quelle
soleggiate vie del Macao; un sentimento nuovo era nel cuore di
Giuliano, quando si nascondeva dietro qualche muro o entrava in qualche
portone per non farsi vedere dalla passeggiatrice, allorchè ella
voltava la via o cambiava di marciapiede... Gli sembrava di essere
un amante timido, un poeta che segue la creatura dei suoi sogni,
nell'ombra, umilmente.

La poesia del suo cuore cantava tutta in quell'ora. Oh, con quale ansia
egli attendeva e sospirava il giorno in cui avrebbe di nuovo potuto
camminare al fianco dell'adorata, di quella cara creatura in cui si
racchiudeva oramai ogni suo ideale ed ogni sua speranza! Tutta la
bellezza di vivere era per lui personificata in quella pallida donna,
alla quale egli sarebbe tornato come un amante, follemente, per sempre!

Ella comprava adesso dei crisantemi bianchi e rosei. Quelle stelle di
petali splendevano al sole su la sua veste bruna, tra il braccio ed il
seno. La sua passeggiata era finita ed ella tornava verso la villa,
madre affettuosa e trepida per la sua creatura inferma. Quel po' di
sole autunnale doveva averle fatto bene. Le sue pallide gote erano
ormai un po' soffuse di roseo, come se qualche foglia di rosa fosse
sotto la trasparenza della pelle bianca. L'incantesimo si rompeva per
Giuliano. Ei rientrava nella solitudine grigia e nell'attesa dolorosa.

No, no egli non voleva rimanere solo, senza l'amata!

E, quando la vide entrare nella casa, si slanciò, senza pensare,
cedendo all'istinto. Le foglie bionde gemettero anche sotto il suo
passo, per un mesto saluto a colui che tornava, dopo che il torrente
del destino lo aveva trascinato tra i gorghi infidi di tanto dolore.
Quando egli era per giungere alla casa, Beatrice era scomparsa e la
porta si richiuse pianamente. Giuliano si sentì straniero a quella
dimora. Ritornò sui suoi passi. La sua fugace energia lo aveva
abbandonato, innanzi a quell'umile circostanza fortuita d'una porta che
si richiudeva sul suo volto, quand'ei stava per varcarla.

Una stella bianca splendeva su le foglie bionde dell'autunno. Era un
crisantemo caduto dalle braccia di Beatrice. Qualcosa del profumo di
lei doveva essere rimasto in quei petali, ch'ella aveva toccato, che
si erano adagiati sul palpito lieve del suo seno. Giuliano raccolse
il crisantemo, lo baciò con devozione, con religione, con fervore,
con ardore d'amante. Poi, serrando nella mano la preziosa profumata
vestigia del passaggio dell'amata, fuggì quasi di corsa, come un
ladro, per tema che qualcuno avesse potuto vederlo e riconoscerlo dalle
finestre della villetta tutta bianca al sole.



III.


Il giorno dopo, verso il tramonto, Giuliano Farnese, che invano fino a
quell'ora aveva atteso in casa di Andrea di Vele notizie di Loredano o
dell'amico suo, saliva al Pincio a piedi, desideroso di un po' d'aria
e di un po' di luce libera. Era una giornata plumbea, melanconica. Gli
alberi gialli di foglie secche stormivano lugubremente ad un sospiro di
vento. Sembrava che si iniziasse da quel giorno il triste periodo del
giallo autunno e dello inverno grigio, che solo qualche ora di sole,
durante l'estate di San Martino, avrebbe interrotto, con un'oasi di
azzurro, di tepore e di rifiorimento autunnale. Il grande giardino era
quasi deserto. Qualche carrozza chiusa di prelato passava ad un trotto
lento e cadenzato, monotonamente. Giuliano s'internò pei viali dietro
la fontana di Mosè, dirigendosi verso la vasca dove i bianchi cigni
nuotano per raccogliere le briciole di pane che i fanciulli loro amici
sottraggono generosamente alla propria merenda, dopo che son sazii.

Qualche cosa di grave doveva avvenire. La sera innanzi egli aveva
veduto Loredano, venuto ad incontrarlo in casa di Andrea di Vele.
L'incontro era stato affettuoso e commosso. S'era convenuto fra i tre
che nella mattinata susseguente Loredano avrebbe abilmente parlato
a Beatrice e che del risultato di quel colloquio avrebbe prevenuto
Giuliano nelle prime ore del pomeriggio. Nessuna notizia, invece, era
giunta fino a quell'ora.

Giuliano disperava; la riuscita di quell'accordo gli sembrava sempre
più impossibile. Se Loredano non aveva dato notizie, questo silenzio
significava che nulla di lieto era stato ottenuto, che Beatrice s'era
senz'altro ribellata all'idea del suo ritorno. In quell'ora egli vedeva
tutto fosco. Si ripetette per consolarsi che il paesaggio è uno stato
d'anima e spiegò il suo ottimismo sorridente del mattino avanti con
quello sfarzo di sole e di azzurro ch'era nell'aria; giustificò il suo
nero pessimismo del momento con quel cielo plumbeo, quello stridore di
foglie secche, quella solitudine e quello squallore.

Si trovò innanzi alla fontana dell'orologio. Una folla di fanciulli
si pigiava intorno alla ringhiera, gettando nell'acqua le briciole
di pane. I cigni scivolavano tacitamente su le acque verdognole,
vi tuffavano il lungo collo arcuato per afferrare il cibo che vi
discendeva. Qua e là correva silenzioso il candido drappello, dove più
lauta era la caduta di briciole. Qualche cigno, filosoficamente, invece
di lanciarsi alla mensa comune, rimaneva a gustare quella lasciata
deserta dai suoi compagni e che per lui era più che abbondante. Così,
continuo era il calmo movimento dei cigni in quell'acqua lievemente
ondulata dal loro fianco, quell'acqua che scivolava senza rumore lungo
le loro morbide piume. Sotto il riflesso grigio del cielo, quella breve
superficie di acque sembrava uno specchio che tremasse. A momenti un
cigno mandava un lamento, lungo, implorante, desolato. E nulla era
più lugubre di quel grido quasi di morte in quel mesto paesaggio, in
cui all'agonia del giorno s'aggiungeva l'agonìa della stagione e delle
cose.

Ad un tratto, volgendosi, Giuliano ebbe un'emozione violenta. Fra
la folla di piccoli spettatori, egli aveva riconosciuto i capelli
castani inanellati e gli occhi azzurri cupi del piccolo Luca. Il
suo cuore paterno durante qualche secondo soffocò la voce della sua
prudenza; ed ei rimase intento a guardare suo figlio che, sorridendo
beato, staccava delle briciole da un pezzo di pane, le arrotondava coi
polpastrelli delle dita e le gettava ai cigni che lo guardavano fissi,
quasi sollecitando la sua generosità. Ma poi Giuliano temette di esser
veduto dal piccino, si allontanò a passo rapido verso l'uscita del
Pincio. Se Luca l'avesse veduto tutto era perduto, bisognava giungere
alle circostanze estreme, all'ultimo tentativo. Egli temeva troppo che
il destino affrettasse così l'opera degli uomini e, allontanandosi,
sentiva il leggero brivido di chi paventa da un momento all'altro
d'essere afferrato, e pure teme di volgersi, sicuro com'è di essere
inseguito.

Il cuore gli mancò, quando si sentì afferrare le gambe e udì una vocina
gridare:

— Papà, papà mio...

Si volse. Il piccolo Luca fu sollevato fra le braccia del padre, il
quale vide una donna diretta correndo verso di loro.

— Papà, papà mio, quando sei tornato, quando? — dimandava il piccino. —
Come sono contento, papà, papà mio bello....

Giuliano si stringeva il figlio fra le braccia, lo ricopriva di baci.
Ah, egli non baciava solamente il piccolo Luca in quel momento! Sui
suoi occhi, su le sue guancie, su la sua fronte egli baciava Anna
Maria, egli baciava Beatrice, baciava l'amore, la bontà, la fedeltà,
tutti i suoi cari insieme sul volto di un solo, baciava il suo passato,
forse il suo avvenire.... La commozione vibrante inumidiva di lacrime
le sue pupille e a stento rispondeva al piccino che lo interrogava:

— Sì, sì, creatura mia, son tornato poche ore fa.... Ho avuto subito
da fare, sarei venuto a casa fra poco. Come sta la mamma? Come sta Anna
Maria? E dimmi, come mi hai veduto, come mi hai veduto?

— Ti ho veduto, rispondeva il piccino, quando ti sei allontanato dai
cigni. Oh, papà mio, come ho corso, come ho corso... Io ti chiamavo....
ma tu andavi sempre più lesto... E _Miss_ che non ti aveva riconosciuto
e gridava e mi rincorreva.... Povera _Miss_!

Miss Margaret, che era adesso con loro, sorrise. Giuliano pose a terra
Luca, lo prese per mano, s'avviarono.

— Come sta la mamma, dimmi, dimmi.... E Anna Maria?

Luca rispondeva serio serio, tutto compreso della gravità della sua
funzione di informatore che, gli si richiedeva dal suo papà in quel
momento:

— La mamma sta bene.... Anna Maria invece sta un po' peggio di ieri...
Ieri è stata tanto benino.... Oggi invece ho veduto venire il dottore
tre volte.... A me non dicono niente.... La mamma mi ha voluto far
uscire, perchè dice che in casa facevo troppo rumore e che Anna Maria
doveva esser lasciata tranquilla.... Se vedessi, povera sorellina,
com'è dimagrita!... È tanto triste, sai, papà, e non gioca nemmeno più
con me e quando mi avvicino al suo letto coi giocattoli, mi sorride e
mi fa cenno di no, con la mano....

— Che cosa dici, che cosa dici? mormorava il padre, angosciosamente.
Poi, volgendosi a _miss_ Margaret: — È vero che Anna Maria è così
peggiorata?

— Sì, rispose l'istitutrice, sta un poco peggio di ieri; ma pare che
non sia nulla di molto grave, il dottore ne risponde.

La flemma inglese di _miss_ Margaret urtò Giuliano. L'intima angoscia
si espandeva in gesti affettuosi per quel piccino che gli camminava a
lato:

— E tu, e tu, mio piccolo uomo, come stai? Sei contento di riavere con
te il tuo papà? Dimmi, ripetimelo, piccino mio!

E si chinava a baciarlo e gli passava, teneramente, la mano nei capelli.

Erano giunti all'uscita del Pincio. Giuliano dimandò arrestandosi:

— Dove andate?

Ma, quando gli fu risposto che tornavano a casa e quando Luca
supplichevole gli ebbe dimandato di tornare con lui, Farnese non seppe
più reggere. Come lasciare, del resto, il piccino? Come occultarsi più,
ora che suo figlio, appena tornato a casa, avrebbe narrato l'incontro
col padre? E come resistere all'ansia di rivedere Anna Maria, poichè
sapeva le condizioni della sua salute aggravate? Il piccolo Luca
intanto, ignaro infantilmente di quanto avveniva, narrava al padre i
suoi nuovi giochi, descriveva i suoi balocchi, si faceva spiegare le
cose che vedeva. Un uomo passò vicino a loro vendendo certi ritratti
del re in uniforme, delle oleografie qualunque. Il piccino dimandò:

— Di', papà, è un generale?

— Sì, piccino mio, è un generale, è il re.

— Papà, diventerò re anche io?

— Oh, piccino mio, contentati di diventar generale!

Ecco, ecco che la vita d'un tempo lo riprendeva! Come aveva amato in
altri tempi quelle ingenue domande, le osservazioni spontanee del
suo figliuoletto, come s'era interessato allo sviluppo continuo di
un'intelligenza e di una conscienza in quel bimbo alto un metro!

— Papà, mi conduci in carrozza? È tanto tempo che non ci vado.....
Voglio che tutti mi vedano col mio papà....

Il piccino implorava dolcemente, teneramente. Giuliano aderì al suo
desiderio, anche per giungere a casa sua cinque minuti più presto; e
tale era l'ansia che lo signoreggiava che questo piccolo vantaggio di
tempo gli sembrava grandissimo... E non fu pago, se non quando vide,
allo svolto di una via, brillare fra gli alberi gialli le finestre
illuminate della sua villetta.

Passarono di nuovo pel giardino, com'egli aveva fatto il giorno
innanzi, seguendo Beatrice. Le foglie secche gemettero ancòra sotto i
loro passi. Ad un soffio di vento, altre se ne staccarono dagli alberi,
pianamente si librarono nell'aria, caddero innanzi a loro, o sopra
loro. Titubante, commosso, sentendo di vivere un grande momento della
sua vita che solo il destino, l'oscuro ed incomprensibile destino aveva
preparato, Giuliano tirò il campanello; la porta si aprì.

Il piccolo Luca lo guidò su per le scale. Giuliano saliva lentamente:
le sue gambe tremavano, il cuore gli balzava forte nel petto quasi
volesse uscirne; era così agitato, così commosso che non avrebbe in
quel momento potuto articolare una sillaba sola.

Nell'appartamento Luca lo lasciò, corse innanzi per le stanze, gridando:

— Mamma, mamma...

Giuliano lo vide entrar di corsa nella stanza di Anna Maria, udì la sua
voce infantile esclamare:

— Mamma, mamma, guarda chi c'è, guarda..

Correndo, il bimbo tornò su i suoi passi, prese il padre per la
mano, lo condusse seco. Giuliano non si sentiva più alcuna forza
di resistenza. Era così innocente e nobile quello strumento di cui
si serviva il destino che Giuliano si abbandonava, sicuro che non
avrebbe mai potuto venirgliene del male! Guidato così dal piccino,
varcò la soglia della stanza di Anna Maria. Si soffermò. Sua moglie,
che attirata dal grido di Luca si faceva su la porta per vedere quale
persona tanto inattesa fosse venuta, diede un passo indietro, si lasciò
sfuggire un piccolo grido. Entrambi rimasero immobili qualche secondo.
Anna Maria dal suo lettino esclamava, battendo le manine febbricitanti:

— Oh, il papà, il papà è tornato!..

La voce della piccola inferma li richiamò. Qual si fossero i loro
reciproci sentimenti, innanzi ai piccini bisognava mentire. Questo
pensiero dovette palpitare nel cervello di entrambi, poichè nel
tempo stesso mossero un passo l'un verso l'altra. I loro volti si
avvicinarono. Le labbra accennarono il rumore di un bacio, ma non
baciarono. La commedia li riprendeva. Beatrice tacque, Giuliano non
ebbe la forza di sostenere il suo sguardo che sembrava dimandargli come
avesse osato di tornare. Egli guardò il piccolo Luca, accennò a lui con
la mano per spiegare la sua presenza....

Sua moglie era innanzi a lui! Ecco dunque che il destino aveva
procurato quanto gli uomini non avrebbero voluto fargli tentare. La
sua salvezza era forse stata nel destino. Giuliano si sentiva in quel
momento sotto l'influsso del mistero e ne risentiva un'impressione di
timore e d'inquietudine.

Vide Anna Maria, che dal letto gli tendeva le piccole braccia
dimagrite. Egli corse a quel dolce rifugio. Presso l'inferma si
sarebbe sentito più forte e Beatrice avrebbe forse intuito tutte le sue
angoscie.

— Mia piccola bimba, mia cara creatura, come stai, come stai?.... Dove
senti dolore? mormorava trepidamente.

Sentì il bisogno di piangere. Ma non volle sembrar debole, trattenne
quelle lacrime che la stoltezza dei luoghi comuni condanna come una
debolezza da donnicciuole. Nascose il volto fra i cuscini, mentre con
le braccia teneva stretto il corpo della sua Anna Maria. Il pianto
saliva, saliva.... Lo avrebbe vinto, se egli non avesse pensato che
le lacrime su quel capezzale d'inferma sarebbero sembrate un triste
augurio. E poi, perchè piangere? Non ritornava egli alla vita di prima,
a tutto ciò ch'egli amava? La sua volontà trionfò.

Sollevò il volto dai cuscini, guardò Beatrice che lo fissava, ancòra
colpita dall'inattesa presenza di lui. E sorrise.



IV.


Le lampade furono abbassate nella stanza della piccola ammalata.
Beatrice aggiustò le coperte sul corpicino febbrile, assestò i cuscini.
Una lampada da notte fu accesa sopra un canterano. Quando la bimba
chiese da bere, stancamente, con un fil di voce, Giuliano spremette
in un bicchiere il succo di un arancio, vi mise lo zucchero e l'acqua
e diede pazientemente all'inferma, a cucchiaini, la blanda bevanda.
Loredano s'avvicinò al cognato:

— Va pure. La veglierò io. Il tuo letto e la tua stanza son pronti....

Ma Giuliano si oppose:

— No, no, ma ti par possibile ch'io possa dormire con la piccina così
ammalata? Resterò qui io, la veglierò io: sono un buon infermiere, non
aver timore.

Allora Leonardo s'avvicinò alla sorella. Ella doveva essere molto
stanca, esausta di forze: andasse quindi sul letto, stesse tranquilla,
prendesse un po' di ristoro nel breve riposo. Il fratello le prese le
mani, la attirò a sè per condurla nella camera attigua. Ma Beatrice si
svincolò, disse quasi rudemente:

— Non ho sonno. Resto.

Per un certo tempo i tre rimasero in silenzio. Beatrice e Giuliano
su due poltrone, Leonardo a cavalcioni su una sedia, con le braccia
conserte su la spalliera. Nessuno parlava, nemmeno sottovoce. Dopo un
certo tempo Loredano, vedendo i due distesi e con gli occhi chiusi,
imaginò che fossero stati vinti dalla stanchezza e dal bisogno del
sonno. Allora si levò pianamente, con movimenti lunghi e prudenti per
tema di far rumore; sollevando le portiere e girando leggermente la
maniglia della porta, uscì dalla stanza.

Giuliano, quando furono soli, s'avvicinò ad Anna Maria per veder se
dormisse. Si chinò, vide gli occhi della bimba, aperti, febricitanti,
fissi nei suoi.

— Ti senti male? dimandò impaurito, a bassa voce.

La bimba accennò negativamente con la testa. Il padre le chiese ancóra:

— Vuoi dormire?

Senza rispondere, la bimba chiuse gli occhi, appoggiò la guancia al
cuscino. Docile, ella cedeva al consiglio di dormire che aveva inteso
nella trepida domanda paterna. Certamente la piccina doveva soffrire
in silenzio. Ma perchè, perchè, si chiedeva angosciosamente il padre,
perchè non v'è un linguaggio mediante il quale i piccini ed i grandi si
possano intendere? Sotto la furia del dolore i fanciulli restano vinti
senza poter spiegare quello che sentono, son come persone esuli che
chiamino soccorso agli uomini senza poter dire come e dove lo possan
loro arrecare. Ma il respiro di Anna Maria si fece meno agitato. Forse
il sonno l'aveva presa. Giuliano ritornò su la sua poltrona, a pie' del
letto.

Guardò intorno a sè tutte quelle cose e quelle apparenze tristi e
dolorose, ma famigliari. La realtà quasi non gli sembrava possibile.
Era egli lo stesso uomo che due sere innanzi, a quell'ora, correva
in un'ansietà crudele i caffè e i ritrovi notturni di Roma in cerca
d'un amico che potesse dargli notizie su la sua casa, su i suoi cari,
su la sua piccola inferma? Oh, come la vita galoppava, galoppava per
quella via sempre diversa, ma che guidava senza errore sempre più
verso la morte! Quanto non avrebbe osato sperare nei suoi sogni più
ottimisti si era realizzato. Il maggior passo era fatto, e la vita in
seguito, a poco a poco, in maggiore o minor tempo, avrebbe ubbidito al
destino, uniformandosi a questo, docilmente. Non una parola era stata
pronunziata tra lui e Beatrice ed ella quasi aveva ostentato di non
avvedersi nemmeno della sua presenza. Ma un piccolo fatto, che altro
non era che un semplice atto di femminilità sempre vigile, lo aveva
indotto a bene sperare. Quand'egli era uscito dalla stanza per breve
tempo onde pranzare con Loredano e il piccolo Luca — (la sua cena
frugale, un brodo e delle uova, Beatrice aveva voluto che le fosse
servita nella stanza dall'inferma) — rientrando aveva veduto Beatrice
un poco mutata. L'aveva fissata, osservandola: i capelli eran stati
ravviati, la forma cambiata con una migliore, ed un merletto bianco
era stato posto intorno al collo per diminuire e adornare la scollatura
della camicetta. In quei brevi momenti, quantunque tutte le sue ansie
e tutti i suoi pensieri fossero per l'inferma e quantunque avesse
ostentato fino ad allora di non avvedersi della presenza di Giuliano,
ella aveva voluto divenir più accurata e più bella, aveva avuto la
innocente civetteria femminile di favorire un po' più la sua grazia.
E Giuliano, osservando questi piccoli atti segreti, aveva sorriso e
sperato. Più volte gli era venuta la tentazione di rivolger la parola
a Beatrice. Ma al momento di articolare le sillabe qualche cosa gli
serrava la gola, forse il timore di non aver risposta o di averne una
che dovesse distruggere tutti i buoni e dolci sogni che da qualche ora
carezzava e cullava nell'anima sua. E il silenzio era rimasto fra loro,
intero.

Un altro silenzio, parimenti d'impotenza e di tristezza, regnò nella
stanza dove solo viveva il respiro sibilante della bimba inferma. Era
quel silenzio accasciato e profondo che provano coloro i quali amano
la vita, quando si trovano messi dagli inganni e dagli agguati del
destino in cospetto del male, della sofferenza e della morte. Giuliano
si sentiva accasciato da tutta la tristezza di chi ama la vita dolce,
buona, sana ed esuberante e sente invece intorno a sè la malattia,
forse la fine imminente, certo il periglio. E una grande pietà lo
prendeva, udendo quel respiro sibilante, una grande profonda pietà per
quella creatura sua, cui egli aveva dato il dono magnifico della vita,
quella creatura che ora soffriva ed alla quale, quantunque fosse anima
della sua anima e carne della sua carne, ei si sentiva assolutamente
incapace di portare alcun sollievo, alcun soccorso; la vita e la morte
si contendevano furiosamente quel piccolo e dolce essere, ed egli, il
padre, nulla poteva, e doveva tacitamente assistere a quella suprema e
tremenda partita tra la vita e la morte, quella partita la cui tragica
posta era costituita da quanto egli aveva di più caro e di più sacro
nel mondo!

Quel sibilo del respiro lo atterriva. Le previsioni più truci lo
assalivano. A volte, con un brivido, egli considerava la sua creatura
come perduta.

Ma Beatrice? Ell'era sempre distesa su la poltrona, con la testa
rovesciata su la spalliera e gli occhi chiusi. Non dormiva però, poichè
ogni tanto socchiudeva le palpebre, volgeva lo sguardo lentamente ad
un orologio presso il letto. Che cosa pensava ella, intanto? La sua
piccola civetteria di poche ore prima aveva incuorato Giuliano. Ma
perchè taceva ancòra? Attendeva forse che il marito le parlasse per
primo? Conveniva gettarlesi ai ginocchi, dirle tutte le angoscie e
tutto l'amore? Ma avrebbe ella creduto? E non si sarebbe offesa di
quelle parole e di quei gesti in un momento così inopportuno, in quella
stanza di ammalata? Giuliano non sapeva che cosa mai potesse fare.
Dietro ogni atto possibile scorgeva facilmente il pericolo, il rischio.
Tacere? Parlare? Non sapeva. E come avrebbe mai potuto uscire da questa
dilaniante incertezza? Lo avrebbe il caso favorito, come lo aveva
favorito fino ad allora?

Frattanto il loro rispettivo mutismo si prolungava. S'interruppe appena
con un'esclamazione di allarme sfuggita dalle loro labbra, quando, per
uno scoppio violento di tosse partito dal letto dell'inferma, insieme
essi si precipitarono verso il capezzale di lei. Ma dopo il breve
scoppio di tosse, la piccina aveva nuovamente chiuso gli occhi ed aveva
ripreso sonno. I due, rimasti ansiosi ai lati del letto tornarono l'un
dopo l'altra alle loro poltrone.

Passarono così qualche ora in un dormiveglia dello spirito e della
conscienza, che non consentiva loro il nesso logico di un pensiero,
lo sviluppo coerente di un'idea, la sensazione precisa e completa di
un sentimento. Rimasero così, finchè un nuovo scoppio di tosse della
piccina non li fece balzare in piedi, pallidissimi.

Lo scoppio di tosse da cui Anna Maria era stata presa sembrava violento
ed irrefrenabile. Beatrice accorse, sollevò con un braccio l'inferma
dai cuscini, picchiò con la mano nelle spalle, fortemente. Ma la tosse
non cessava. La piccina diveniva sempre più rossa, i suoi poveri occhi
stanchi le si iniettavano di sangue. Allora, nell'ansia folle, Beatrice
disse disperatamente a Giuliano le prime parole dopo il suo ritorno:

— Dell'acqua, per carità, dàlle dell'acqua!

Giuliano ne versò qualche goccia in un bicchiere, avvicinò l'orlo di
questo alle labbra della sua creatura. Ella potè beverne appena un
sorso, poichè la tosse l'assalì di nuovo con moltiplicata veemenza. I
genitori si guardarono un momento atterriti. Giuliano era stato vinto
da un tremito convulso, mentre Beatrice, continuando a picchiare Anna
Maria alle spalle, la chiamava disperatamente:

— Anna Maria, bimba mia, rispondimi, rispondimi!... Ti senti male?...
Cosa posso farti?... Non mi riconosci? Sono la mammina tua, la mammina
tua che ti adora.. Anna Maria... Anna Maria..

Giuliano si lanciò verso la porta per chiamar Loredano, per mandar
qualcuno ad una farmacia notturna in cerca di un dottore. Era per
varcare la soglia, quando un grido angoscioso di Beatrice lo richiamò:

— Giuliano, Giuliano, reggila, reggila....

Egli prese la bimba fra le braccia; durante quel veemente ed
interminabile scoppio di tosse, egli sentiva la violenta scossa dei
bronchi e dei polmoni colpiti. Beatrice aveva preso una bottiglia e
un cucchiaio, dava un po' di calmante alla piccina, introducendo a
stento il cucchiaio tra i denti spasmodicamente serrati. Ogni sforzo
era vano. Dovette Giuliano aprire a forza le mascelle della piccola
inferma. La madre s'affrettò a versarle nella bocca il calmante, che un
nuovo scoppio di tosse, sopravvenendo, le fece rovesciar per intero. Il
triste tentativo dovette essere replicato. Poi la bimba sembrò un poco
calmata.

— Prendi il termometro, lì, sul tavolino, disse Beatrice al marito.

Misurarono la febbre della piccina, la cui fronte ardeva come un fuoco.
Il termometro salì rapidamente ad una temperatura altissima.

— Bere! mormorò la bimba.

— Che cosa si può darle? interrogò Giuliano, ignorando le prescrizioni
del dottore.

— Va, corri di là..... preparale un'infusione calda di tiglio. Troverai
tutto. Oppure chiama _miss_ Margaret, chiama Giovanni.....

Giuliano, in quattro salti, si trovò in cucina. Non volle destar
nessuno, tentò di far da sè, ma si trovò imbarazzatissimo. Stentò a
trovare il tiglio, lo zucchero, l'acqua che fosse a bollore. Quando la
bevanda fu pronta, tornò, reggendo a stento la tazza con le mani che
gli tremavano convulsamente.

Trovò Anna Maria ripresa dalla furia della tosse. Beatrice la
sorreggeva, bianca di terrore.

— Ma il medico che cosa ha detto? dimandò Giuliano. Ha preveduto questa
nuova crisi?

— Sì, rispose Beatrice, ha detto che avrebbe potuto sopravvenire,
ma che gli sembrava improbabile. Comunque sarebbe stata l'ultima,
pericolosissima: o la vita o la morte..... Oh Dio, oh Dio! Madonna mia,
non la fate soffrire così, non mi straziate il cuore..... Non ne posso
più!.....

Cadde in ginocchio, appoggiò le mani al letto e tra le palme nascose il
suo volto e le sue lacrime.

— Coraggio, coraggio, Beatrice, incitò Giuliano, la nostra piccina è
forte, supererà anche questa crisi definitiva.

La bimba era ricaduta su i cuscini, quasi rantolava, con gli occhi
chiusi. Beatrice si rialzò, gridò:

— Giuliano, Giuliano, è l'agonia, è l'agonia... oh Dio!

Rimase tremante, coi lineamenti contratti, a fissar quella sua creatura
che moriva. Giuliano ostentava spasimando una certa tranquillità per
non atterrire doppiamente la moglie.

Il rantolo, dopo qualche minuto, s'affievolì, poi tacque. Il respiro
della piccina divenne quieto, non era neppur più sibilante. Dormiva
placidamente. Quasi d'improvviso un grande sudore rese madido il suo
corpicino. Il rosso acceso del volto divenne un rosa appena esagerato.
Anche quell'ultima crisi era stata così superata felicemente.

Allora, il grande sforzo di energia nervosa da cui Beatrice era
stata sorretta durante quell'ultima angosciosa giornata, in cui cento
emozioni vive e inattese s'erano incontrate nel suo povero e debole
cuore, si esaurì ed ella cadde, vinta, esausta, affranta, su una
poltrona, prorompendo in un pianto disperato. Giuliano accorse a lei.
E poichè le poche parole scambiate fra loro, durante quella mezz'ora
d'intima agonia, gli avevan dato coraggio ed energia, si lasciò cadere
ai suoi piedi, le tolse le mani dal volto umido di lacrime, le strinse
amorosamente fra le sue. Ella lasciò fare. Spossata da quelle emozioni,
si sentiva debole come un fanciullo: aveva anzi bisogno di qualcuno che
le parlasse dolcemente, di qualcuno che sapesse blandire la sua pena,
dare una forza novella ed ardita ai suoi nervi depressi. Intanto, fu
ella la prima a parlare:

— Tu l'ami ancòra, è vero?

— No, rispose Giuliano fermamente.

— E da quando non l'ami più? chiese Beatrice con un fil di voce.

— Da quando.... Oh, abbi pietà di me, abbi pietà di me.... Ho tanto
sofferto..... impetrò Giuliano.

Rivide in un baleno quelli ultimi mesi di tortura, d'angoscia suprema.

— Ed io dunque! esclamò Beatrice tra i singulti. Credi tu che io non
abbia sofferto, crudelmente sofferto, durante la tua assenza? — Poi,
ripresa dal suo pensiero, aggiunse: — Ma tu l'hai amata, tu l'hai
tenuta fra le tue braccia, tu le hai detto di amarla.... Confessalo,
dimmelo dunque che tu l'hai amata!....

Giuliano rispose vibratamente, rinnegò il passato.

— No, no, ho creduto di amarla, è stato un sogno, è stata una follìa.
Non mi so rendere conto di quel che è avvenuto dentro me stesso, poichè
appena ebbi peccato, ripresi ad amarti con tutta l'anima, non appena
ti ebbi perduta presi a rimpiangerti e ad invocarti con tutto il mio
desiderio, con tutta la mia passione. Oh, non appena ti ebbi perduta,
compresi e vidi quel che di grande e di profondo e di adorato, tu eri
per me!

— Ma tu sei rimasto con lei! proruppe Beatrice.

— Fui pazzo. Perdonami! Io t'ho amata tanto. Ti amo tanto....

Vi fu una pausa. Poi Giuliano disse, avendo nella voce l'accento di una
desolazione rassegnata:

— Ma che vale? Oramai tu non mi crederai più!

— Sì, sì, ti crederò, mormorò Beatrice, ho tanto bisogno di credere, di
avere in te una nuova fiducia, di non pensare più che tu, con quelle
labbra, con quegli occhi, con quelle parole, possa mentirmi! Ne ho
sofferto troppo. Voglio credere, credere, credere.... Voglio illudermi,
anche se domani dovrò, ancóra più crudelmente, essere disingannata....

Allora Giuliano parlò. Le disse quanto aveva sofferto, le narrò la sua
vita, i suoi dolori, le sue speranze, i suoi disinganni. Trovò accenti
dai quali scaturiva un'emozione prepotente. Fu lirico, fu sincero, fu
profondamente commosso; amò e fu riamato in quel breve tempo come mai
aveva amato o era stato riamato per il passato, come mai avrebbe amato
o sarebbe stato riamato per il futuro. Beatrice l'ascoltava intenta,
avendo le sue mani tra le mani di lui che le stringeva fino a farle
male, fissandolo con gli occhi lucidi di lacrime. Ogni tanto ella
diceva, senza sorridere, quasi lamentandosi:

— Povero Giuliano! Povero Giuliano!....

E poi aggiungeva, facendo sentire nella sua voce l'infinito del dolore
sofferto:

— Anche io ho tanto, tanto sofferto!

E quando ebbe finito il racconto delle sue sofferenze, Giuliano disse:

— Ed ora sono accorso a te, chiedendoti di prendermi con indulgenza sul
tuo caro seno. Ecco, io ti ho tutto confessato. Che cosa devo fare? Mi
respingi o m'accogli?

— No, no, io non ti respingo. Anche io pensavo che potevamo unire e
sopire a vicenda i nostri dolori!

Giuliano divenne supremamente pallido.

— Oh, mio Dio, se tu sapessi quale gioja le tue parole mi dànno, dopo
di esser passato per tanto dolore!

Un singhiozzo troncò le sue parole.

— Tu mi ami dunque ancòra un poco? dimandò poi sommesso, quasi
vergognoso di impetrare una generosità così grande dal povero cuore di
lei.

— Io ti amo ancòra con tutta l'anima, susurrò Beatrice e gli strinse le
mani, palpitando.

Giuliano si morse a sangue le labbra per trattenere la sua profonda
emozione, fece uno sforzo inaudito per contenersi, per frenare il
pianto di dolore e di gioja.

Una grande pace invadeva adesso le loro anime tornate concordi.
Beatrice, nella solitudine lacerante del suo dolore di madre, s'era
gettata all'amore pentito di Giuliano come ad un'àncora di salvezza nel
naufragio della sua vita. Giuliano, dal canto suo, non credeva, non
voleva credere alla realtà degli avvenimenti. Gli sembrava un dolce
sogno beato, che sarebbe poi stato spezzato da un brusco risveglio.
Però sentiva nelle parole di lei l'indulgenza, non il perdono.

— Ma non potrai perdonarmi mai? egli le chiese.

Ella lo guardò, sorrise. Poi, posandogli le mani su la testa, gli
mormorò con un accento profondo:

— Io ti perdono!

Ed insinuò le dita sottili tra i capelli di lui in una carezza tenera e
blanda. Con la sua voce dolente e velata, volle poi aggiungere:

— Sì, io ti perdono. Tu solo devi far sì ch'io non mi penta mai di
queste mie parole....

Per tutta risposta, Giuliano le prese le mani, le portò alla sua bocca,
le baciò con baci innumerevoli, ardentemente.

Si levarono. Si fecero alla finestra ed aprirono le imposte, poichè
la lampada da notte, forse scarsa di olio, si affievoliva. Guardarono
insieme il giardino oscuro dove qualche chiaro fiore d'autunno
splendeva. Qualche lampione, alcune finestre illuminate rilucevano
sul fondo oscuro delle vie e delle case. Un'eco lontana di carri che
passavano su dei selciati sonori giunse loro, oltre i cristalli, nel
silenzio della città addormentata. Ascoltavano in silenzio, pensavano e
sentivano senza più parole. La bellezza di vivere era per loro in quel
momento profonda: la bimba salva, i loro cuori riuniti e dimentichi.
Che cosa potevan dimandare di meglio alla vita e al destino per
cancellare dai loro cuori le orme di tanto dolore? Anche il fiotto
delle lacrime, lacrime calde e buone, aveva purificato e nobilitato i
loro dolori, come il contatto rovente di un fuoco spirituale.

La bimba si destò, li riconobbe, li chiamò intorno al suo letto. Essi
furon di corsa ai due lati del suo capezzale:

— Papà mio, mamma mia, susurrava la bimba dolcemente.

— Come ti senti? Come ti senti? dimandò Giuliano.

— Tanto benino, papà, tanto benino. Mi farete alzare presto, non è
vero, mamma?

— Si, rispose la madre, tanto presto, mia cara creatura.

Giuliano toccò la fronte, i polsi, origliò sul petto il suono del
respiro. Si rialzò raggiante:

— È un miglioramento grandissimo! esclamò.

E aggiunse, fissando Beatrice:

— Non potremmo avere un'augurio migliore!

La bimba guardò i genitori, sorrise loro, volle girare i suoi
braccini dimagriti intorno ai loro colli, li attirò a sè, li baciò
uno dopo l'altra. Poi, graziosamente, avvicinò i loro volti, volle
che si baciassero. Le labbra di Giuliano e di Beatrice si unirono
fervidamente, appassionatamente, per la prima volta dopo tanto tempo,
sotto la dolce e cara violenza di quella loro innocente creatura.

E quel bacio, auspicato dal sorriso della bimba risanata, fu l'auspicio
delle loro nuove nozze d'amore, del loro ritorno a quanto avevan
pensato come perduto per sempre.

A oriente un lucore indeciso diradava le tenebre. Era l'alba, un'alba
grigia, fredda, che dava quasi un brivido. Ma dietro quel grigio
velario e dopo quelle pallide ore, sarebbe apparso fra breve il trionfo
del sole.



V.


Per quanto forte e sana, la fibra di Beatrice non seppe resistere
all'assalto prolungato di tante emozioni, di tanti dolori e, in ultimo,
di quelle gioje insperate, la guarigione della sua piccina ed il
ritorno del marito a lei ed al suo amore. Una forte febbre la costrinse
a mettersi in letto; ed i medici riscontrarono in lei i prodromi di una
malattia nervosa che, se combattuta in tempo, poteva essere facilmente
scongiurata.

Ella si mise a letto lo stesso giorno in cui, all'alba, era avvenuta
la riconciliazione col marito. Qualche brivido di febbre la prese; fu
addebitato alla stanchezza ed al sonno perduto; Leonardo e Giuliano la
costrinsero a mettersi a letto e a riposare. Il dottore venne per la
bambina che trovò entrata in piena convalescenza; vide anche Beatrice
e per quella sera non riscontrò in lei nulla di anormale. Giuliano
e Leonardo pranzarono soli col piccolo Luca. E quando il bimbo fu a
letto, quando seppero che Beatrice ed Anna Maria erano addormentate
calmamente, essi gustarono una deliziosa serata d'intimità famigliare
accanto al primo fuoco d'autunno, acceso nel caminetto della sala da
pranzo. Giuliano si sentiva felice: ogni cosa, ogni oggetto, ogni
abitudine gli ricordava col proprio linguaggio misterioso la beata
realtà del sogno, di quel sogno tanto a lungo carezzato, il sogno di
tornare a tutta la sua cara vita d'un tempo.

Nulla era mutato. Due sole persone care mancavano; ma una, Anna
Maria, sarebbe tornata a folleggiare per la casa tra qualche giorno;
e l'altra, Beatrice, sarebbe stata tra loro l'indomani, calma,
sorridente, generosa largitrice di nuova forza e di gioja novella!

Se non che la lieta previsione andò delusa. L'indomani Beatrice non si
levò. La febbre infuriava. Ella rimase in letto una settimana intera
e non volle avere che un infermiere, non volle avere che un assistente
ed un medico: Giuliano. Quella breve malattia fu la loro seconda luna
di miele, dolce e un poco triste, e i loro nuovi baci furono scambiati
fra l'odore dei farmaci ed il profumo gracile dei molti crisantemi che
riempivano i vasi di cristallo.

Giuliano passava tutte le sue giornate nella stanza dell'inferma. Aveva
preso dalla sua biblioteca (quanta polvere su quei libri e com'egli
era stato felice di riaverli e di sfogliarli di nuovo!) alcuni volumi
di versi; e, a volta a volta l'avvolgeva nella capziosa suggestione
di Baudelaire, nella fastosa sonorità di Leconte de Lisle, la cullava
con la malìa appassionata di Musset o con la dolente e languida
canzone di Verlaine; le paludava innanzi il simbolo evocatore di
Mallarmè o l'attirava alle armonie suggestive e profonde di d'Annunzio
e di Pascoli. Le voci di quei veri poeti eran divenute famigliari a
Beatrice; e come quella di Giuliano sapeva farsi dolce e profonda per
dire i bei versi di Musset nella canzone di Barberina:

    «Beau chevalier qui partez pour la guerre,
      Qu'allez vous faire
      Si loin d'ici?
    Voyez-vous pas que la nuit est profonde,
      Et que le monde
      N'est que souci?»

Una sera (oltre le cortine della finestra il cielo sfumava
delicatissimo tra le nebbie rosee e azzurrine), mentre Giuliano le
rileggeva quei versi, Beatrice, che non era mai ritornata nemmeno
fugacemente sul loro triste passato, disse al marito:

— Anche tu sei stato come quel bel cavaliere che andava alla guerra.
Ed io, come Barberina, potrei dimandarti che cosa tu sia andato a
fare così lungi da qui. Anche io potrei dimandarti se non vedevi che
la notte è profonda e che tutto nel mondo altro non è che tristezza e
dolore.....

— Tu hai detto di avermi perdonato, disse Giuliano. Perdono significa
oblìo. Perchè dunque ritorni sul mio triste passato?

— No, io non ritorno sul tuo triste passato, replicò Beatrice.
Come seppi perdonare, così so anche dimenticare. Vorrei solo che tu
sapessi quanto ho sofferto anche io. Ah, quei primi giorni in cui i
nostri bambini mi domandavano sempre di te, volevan sapere dove tu
fossi, quando saresti tornato! Come mi sembrava deserta questa casa!
Certe sere, verso quest'ora, prima che i domestici accendessero i
lumi, giravo per la casa come in sogno, cercandoti. E quale doloroso
ed angoscioso risveglio era il mio, quando uno dei nostri figli mi
domandava di te ed io dovevo mentire e ricordarmi la tua colpa, la tua
lontananza, tutto il nostro avvenire spezzato.... Quante volte ti ho
pensato felice, dimentico, perduto per sempre!... Ma tu sei tornato.
Tutto è finito e tutto è ricominciato. È stato un brutto sogno, dal
quale ci siamo entrambi ridestati cercando ansiosamente le nostre
labbra. La vita è ancòra buona per noi, è ancóra bella.

Verso quell'ora, Luca tornava dal passeggio e s'incontrava con la
piccola Anna Maria convalescente intorno al letto della mamma. Era
allora un gaio scoppiettio di adorabili sciocchezze, di fanciullaggini
commoventi e soavi. Ogni volta che usciva, il piccolo Luca non
dimenticava mai di portare alla mamma o alla sorella qualche
ghiottoneria o qualche gingillo comperati dietro suggerimento del papà
e col denaro ch'egli gli aveva dato a questo scopo. E Beatrice e Anna
Maria aprivano curiosamente i pacchetti, i cartocci. Ed era allora una
gara di sorrisi, di esclamazioni giojose, mentre la lampada pioveva su
quella soave scena famigliare blandi e rosei riflessi.

— Quale grande felicità tu mi dài, diceva talvolta Giuliano intenerito
alla moglie.

— Oh, ma tu hai avuto altre felicità, ella rispondeva con una punta
d'ironia, troppo affettuosa per saper ferire.

E Giuliano protestava con un sorriso buono:

— Oh no, no, quella non è felicità.... La felicità è vivere insieme
la vita, aver dei bambini belli e buoni come i nostri, una casa che
si ama, un nido prediletto, un focolare domestico che splenda come un
faro per illuminare il porto cui si ritorna dopo una giornata di lotta
e di lavoro... Vedi, la felicità è questo: è tutta nostra la vita di
adesso....

E la sua voce si faceva grave e vi passava dentro come un tremito
pel timore che quella felicità dovesse, un giorno o l'altro, andare
distrutta.

Giuliano era profondamente felice. Solamente qualche volta, quando
Beatrice evocava qualche ora del tempo passato, egli, commosso dalla
pena discreta della cara donna, preso dal rimorso per il grande dolore
di cui egli era stato causa e origine, intenerito dalla generosità
dell'adorata, abbassava la testa e non trovava nulla da dire. Rimaneva
in un silenzio pieno d'amarezza e di dolcezza nel tempo stesso, un
silenzio di cui Beatrice sapeva apprezzare la profonda e raccolta
emozione. Ed egli le diceva talvolta:

— Io non sono degno di te. Io mi sento immeritevole della tua bontà, tu
mi fai troppo felice...

E così la vita fluiva, blandamente. E la convalescenza si avvicinava
anche per Beatrice, tra le parole eloquenti dei poeti prediletti e le
trepide premure dell'amato. Ella volle che Giuliano tornasse a far dei
versi per lei. Egli li improvvisò presso il suo letto. E furono i più
belli ch'egli avesse mai scritto!



VI.


La tavola era imbandita con molta copia di fiori sparsi su la
tovaglia e nei vasi. Quella sera Beatrice e Anna Maria, completamente
ristabilite, lasciavano il loro pasto misurato di convalescenti,
tornavano per la prima volta a pranzare con tutta la famiglia. A
quell'intimo pranzo che per lui segnava il completo ritorno alla vita
d'un tempo, Giuliano aveva voluto che assistesse, oltre Loredano,
anche Andrea di Vele che tanto interessamento aveva preso per lui, per
Beatrice, per tutti loro in quella triste e lacerante crisi della loro
vita comune.

Mentre la conversazione s'intrecciava con brillanti scintillii di
paradossi, di aforismi e di ironie fra Loredano e Andrea di Vele,
Farnese assaporava tutta la delizia raccolta di quell'ora che non
era come le altre fugace, poichè era qualche cosa più di un semplice
episodio, era la rappresentazione della sua felicità riconquistata,
del suo nuovo destino. La sua anima oramai non oscillava più fra
le inquietudini avverse della speranza e del dubbio. Un dolce
convincimento che la vita fosse buona e bella governava i suoi pensieri
ed i suoi sentimenti e tutto gli sembrava animato come da una primavera
novella, come da un gioioso rifiorimento di tutti i migliori suoi
sogni.

Più volte in quelli ultimi giorni, il ricordo di un'immortale terzina,
gli era venuto al pensiero. Anch'egli nel mezzo del cammino della vita
s'era inoltrato per una selva oscura, paurosa, senza uscita; anch'egli,
trascinato da un miraggio dorato aveva smarrita la diritta via. Ma
poi, perchè la vita era buona, perchè egli aveva troppo sofferto per
non aver diritto al ritorno di un po' di sole e di un po' di gioia,
e perchè infine molto deve esser perdonato a coloro che hanno molto
amato, per un prodigio la fitta selva oscura s'era diradata e s'era
illuminata di sole; facilmente, guidato da una mano ignota ma fraterna,
egli aveva trovato l'uscita e s'era di nuovo incamminato per la diritta
via della sua vita, dove il sole splendeva in fiumi d'oro, dove le rose
fiorivano sotto la primaverile serenità degli eccelsi.

— Oh il bene cancella tutto il male! esclamò Loredano a proposito di un
piccolo scandalo mondano che in quei giorni faceva il giro dei salotti
romani, assumendo sempre nuovi aspetti e proporzioni sempre maggiori.

Giuliano non afferrò che quella frase isolata, e gli parve che Leonardo
avesse indovinato il suo pensiero, avesse definito e precisato in
quelle poche parole quanto la sua anima sentiva confusamente. Sì,
il bene cancellava per lui tutto il male! Quella felicità dell'ora
presente sapeva allontanare ogni ricordo delle angoscie passate.
Egli aveva fatto il male e ne aveva scontato il fio. Ma poi tutto era
tornato soave e sereno. Ed era giusto: poichè il bene cancella tutto
il male, egli non avrebbe dovuto soffrire per sempre i tristi ed amari
frutti del male che aveva seminato, inconsapevolmente, negli stessi
giardini della sua vita, quasi le illusioni lo avessero bendato con
rose intrecciate, quasi il miraggio lontano avesse fatto scomparire ai
suoi occhi tutto l'orizzonte prossimo ed estremo in una fitta nebbia
d'oro.

Col cuore in festa e con l'animo sereno, egli si gettò nella
conversazione, quando un nuovo argomento proposto da una frase
di Andrea di Vele lo attrasse e lo afferrò. Era già intento a far
scintillare le sfaccettature dei suoi paradossi geniali, quando il
viso glabro del domestico si chinò quasi a rasentare il suo. L'uomo gli
mormorò qualche parola all'orecchio.

— Non avete detto che non ricevo? dimandò Farnese un po' annoiato per
essere stato interrotto.

— La signora non ha voluto andarsene. Ha detto che avrebbe atteso, ma
che doveva vederlo d'urgenza.

— Non vi ha dato il suo nome? chiese Beatrice.

Il domestico negò. Loredano insistette:

— È bella? è giovane?

— Mi sembra, rispose il domestico. Ma è coperta da un velo nero molto
fitto.

— E dove l'avete lasciata? dimandò Giuliano.

— Nel primo salotto. Mi è parsa molto agitata. La signora non voleva
che l'annunziassi finchè non avessero finito di pranzare. Ma io ho
creduto più opportuno di prevenirli subito.

— Avete fatto bene, disse Beatrice, poi aggiunse rivolta al marito: — È
meglio che tu la veda e te ne liberi sùbito.

Il domestico uscì. Giuliano, alzandosi con un gesto di fastidio, si
avviò:

— Gl'importuni vengono a tutte le ore, mormorò.

— Specialmente a quelle in cui quella loro qualità può meglio emergere,
aggiunse Andrea di Vele.

Non appena Giuliano ebbe varcato la soglia della sala da pranzo, anche
Beatrice si levò e disse ai due uomini con un sorriso delizioso:

— Perdonatemi, ma voglio vedere anch'io chi è questa donna. Mi
compatirete, ma dopo quel che è avvenuto ho paura di tutto e faccio un
poco la spia.

Quasi di corsa uscì, si diresse nel salotto precedente il gabinetto da
lavoro del marito. Loredano e Andrea di Vele, le gridarono:

— Sarà un'attrice a spasso!

— O una signora decaduta!

— Non correte..... Non v'è da allarmarsi.....

E sorrisero e risero di quelle apprensioni di donna innamorata e gelosa.

Intanto Giuliano era giunto nel suo gabinetto. S'era inchinato
entrando, senza guardare la visitatrice inopportuna. Ma, rialzando
lo sguardo, l'aveva riconosciuta e d'un balzo s'era slanciato verso
di lei, l'aveva afferrata per un polso, mormorando con voce strozzata
dall'emozione:

— Claudina! tu?

— Io proprio, ella rispose fissandolo, disciogliendo il suo polso dalla
stretta. Non sono forse nel mio diritto?

Trascinato nel vortice della sua nuova tempestosa crisi di cuore e di
conscienza, Giuliano aveva completamente dimenticato, durante quei
quindici giorni, ogni suo dovere verso Claudina. Dopo il biglietto
lasciatole a Saint-Moritz al _bureau_ dell'albergo, egli non le aveva
fatto più pervenire alcuna notizia.

— Sì, non sono forse nel mio diritto? ella riprese dopo una pausa
in cui non si sentì che l'affanno dei loro due respiri. Tu mi hai
abbandonata come si abbandona un oggetto di niun valore e del quale
non si ha più bisogno. In una angoscia suprema ho atteso per giornate
intiere il tuo ritorno, un tuo telegramma, una tua lettera, una tua
notizia qualsiasi. Io non vengo qui per dirti quanto abbia sofferto,
come abbia scontato con lacrime roventi le gioie che un tempo godetti
con te. Sono venuta per udire dalla tua voce quel che tu decidi e quel
che tu hai fatto.....

Le labbra di Claudina tremavano. Ell'era pallida e disfatta ed il suo
volto appariva come invecchiato, sotto il fitto velo rialzato su la
fronte come una benda di lutto. I suoi occhi luccicavano di lacrime
e le guancie ne eran solcate. Giuliano si sentì preso da una profonda
pietà per quella creatura ch'egli aveva amato e dalla quale era stato
tanto amato, per quella povera creatura umana su cui il dolore per
il suo abbandono doveva essersi scatenato con una furia feroce. Egli
fissava gli occhi di lei incerti, febbrili, dove a volte guizzava un
bagliore, che sembrava di follìa.

— Voglio sapere da te, da te solo, ripetè Claudina con la sua voce
fremente, quel che tu decidi e quel che tu hai fatto... Rispondimi
francamente... Non è una scena da romanzo d'appendice ch'io vengo
a farti.... Voglio solamente una confessione leale e una decisione
precisa....

Un lieve movimento della portiera di velluto fece volgere Giuliano al
momento che stava per pronunziare una risposta di pietose menzogne e
di difficili inganni. La portiera si mosse un'altra volta, il rilievo
di un corpo umano vi si accennò. Evidentemente, indovinò Giuliano,
apprensiva e gelosa Beatrice lo aveva seguito, spiava ed origliava
dietro la portiera. Egli temette di ferire con le sue parole l'amata,
temette di correre il rischio di perdere anche per un'ora ciò che aveva
riconquistato con l'intensità del suo dolore e la profondità sincera
del suo pentimento. Disperatamente, dimenticando quel che Claudina era
stata per lui, egli parlò: parlò non per la donna cui le sue parole
s'indirizzavano e che ad ognuna impallidiva sempre più e vacillava
reggendosi ai mobili; ma parlò per colei che ascoltava dietro la
portiera, per colei che doveva trarre da quelle sue parole l'ultima
prova di sincerità e di pentimento, per colei che doveva considerarle
come un sigillo di sangue posto sul passato doloroso e colpevole.

— Io ho fatto, egli disse, ciò che il mio dovere mi imponeva. Se sono
stato pazzo e colpevole, ora son saggio e pentito. La follìa di un
minuto, di un'ora, non poteva, non doveva avere per conseguenza la
rovina della mia famiglia, il dolore di tutti i miei. La grave malattia
della mia bambina mi ha richiamato al mio dovere di padre e di marito.
Io ho trovato un'anima generosa e nobile che ha saputo perdonare ed
indulgere perchè sapeva il mio pentimento sincero ed i miei nuovi
propositi fermi e virili, un'anima eletta che ha saputo perdonarmi
senza un richiamo, senza un rimprovero per tutto il male ch'io avevo
osato contro di lei. Ecco quel che io ho fatto, ecco quello ch'io
dovevo fare!

Claudina aveva chiuso gli occhi. Aveva l'apparenza macabra d'un
cadavere che si reggesse ad un mobile per un'ultima energia dei nervi.
Sempre in quell'attitudine d'infinito dolore, ella parlò:

— Ti ricordi quello ch'io ti dissi, un giorno, in questa medesima
stanza? Per te il mio amore è stato un gioco, un capriccio, un triste
episodio della tua vita ritornata adesso felice. Per me invece è stato
tutto: la vita ed il sogno.... Ed io ho tutto perduto! Io non ti faccio
un solo rimprovero, ti amo troppo ancóra per desiderarti del male.
Saprò scomparire dalla tua vita e dal tuo destino, per sempre. Mi
sembra che tutto sia tenebra nell'avvenire... Oh che gelo e che orrore!

Ebbe un brivido, quasi vedesse la tenebra fosca che evocava, quasi
ne sentisse il gelido abbraccio. Attese forse una parola di Giuliano?
A un tratto ella si mosse, si avviò verso la porta. Farnese la seguì
dolente e commosso, ma tranquillo per l'esito che l'incontro temuto
aveva raggiunto. Quando Claudina stava varcando la soglia, Giuliano
vide luccicare nella mano di lei un piccolo oggetto di argento e,
slanciandosi, fece appena in tempo a prendere fra le braccia la sua
povera amante che si rovesciava indietro, senza un grido.



VII.


Tre giorni dopo, a Firenze, Giuliano Farnese seguiva il convoglio
funebre di Claudina Rosiers, tra una folla di uomini celebri e di
mondani, di giornalisti e di attori. Egli aveva al suo fianco Loredano
e camminava a breve distanza dal carro ch'era interamente coperto di
corone di fiori. Giuliano ricordava i nuovi affanni di quei giorni,
dopo il fulmineo suicidio di Claudina sotto i suoi occhi. Il padre
di lei aveva voluto ch'ella fosse sepolta a Firenze, ubbidendo così
ad un desiderio espresso da Claudina durante la sua breve agonìa, il
desiderio di riposare presso sua madre sotto la terra ch'ella amava,
sotto quel chiaro trasparente cielo toscano prediletto al suo cuore.
Farnese e Loredano s'erano incaricati di accompagnare la salma a
Firenze. Entrambi rivedevano le tristi tappe di quel lugubre viaggio
in compagnia della morta. Giunti la sera innanzi, la salma era stata
deposta alla stazione di Porta alla Croce. Ed ora il funerale aveva
luogo in quell'ineffabilmente dolce pomeriggio fiorentino. Essi si
ripromettevano di ripartire la sera stessa per Roma, dove Beatrice,
profondamente e nuovamente colpita dall'inattesa catastrofe, aveva
estremo bisogno delle loro cure e dei loro affetti.

Il corteo procedeva. Quantunque si fossero tenute rigorosamente celate
le circostanze in cui era avvenuto e le cause che l'avevan provocato,
il suicidio di Claudina era oramai cosa da tutti risaputa. Ognuno
quindi componeva a piacer suo lo svolgimento del dramma, ognuno faceva
liberamente galoppar la fantasia per veder d'indovinare a quale impulso
avesse obbedito e a quale disperazione avesse ceduto la giovane donna,
decidendosi a quel passo estremo, gettando via in un minuto tutta la
primavera della sua giovinezza, disdegnando le promesse della vita,
le lusinghe dell'avvenire. Qualcuno aveva mormorato che un amore
ardentissimo per Giuliano Farnese non era estraneo all'epilogo tragico
di quella giovinezza d'artista cominciata fra i rosei albori della
bellezza e del trionfo. E Giuliano comparendo, non ostante i consigli
degli amici, a quel funerale aveva inteso intorno a sè il palpito ed
il susurro di una curiosità irriverente che spiava i suoi atti, il
suo volto, le sue rare parole. Aveva avuto orrore di quell'apparenza
ch'egli doveva avere d'eroe romantico, d'uomo fatale per cui una donna
s'uccide a vent'anni. Gli sembrava che tutti fossero sul punto di
gridargli la sua responsabilità e additargli il rimorso che avrebbe
dovuto avvelenare tutta la sua vita. Il ribrezzo, la vergogna lo
soffocarono. E, quando udì tra le parole di coloro che lo circondavano
susurrare il suo nome, afferrò il braccio di Loredano, lo supplicò
perchè si allontanassero, perchè ponessero fine a quel supplizio del
suo cuore e della sua conscienza atrocemente spietato. Ma suo cognato
non cedette, lo trattenne, lo rincuorò! Abbandonare il corteo in quel
momento e in quel modo, sarebbe stato peggio di una confessione; ed
egli facendolo avrebbe ubbidito a un egoismo riprovevole, avrebbe
ceduto ad un rispetto umano del quale non era nemmeno generoso verso la
povera morta sentire in quel momento il richiamo.

Giuliano si calmò, diede ascolto al cognato. Con occhi attoniti si
guardava intorno tra quella folla di scrittori, di giornalisti, di
mondani e di artisti, molti dei quali avevan conosciuto Claudina solo
per un quarto d'ora e per semplici incontri professionali. I più eran
venuti dietro quel convoglio per farsi vedere, per essere notati,
perchè il funerale di una grande attrice come Claudina Rosiers era
una cerimonia di mondanità cui non era lecito mancare, come non lo
era il non presentarsi poco più tardi alle Cascine e più tardi ancóra
da Giacosa in via Tornabuoni, come non lo era il non occupare la sera
una poltrona della Pergola e, dopo mezzanotte, un tavolino di Melini
o di Capitani. Quanti erano, pensava Giuliano, coloro che veramente
soffrivano e piangevano lacrime ardenti per la tragica fine di Claudina
Rosiers? Oh ben pochi, ben pochi! E nulla era più triste di quella
menzogna umana, di quella commedia delle convenzioni sociali che non
s'arrestava nemmeno in presenza d'una tomba e d'una morta. Giuliano
sentì un braccio appoggiarsi sul suo. Si volse di scatto, riconobbe
Lorenzo Ronda, un collega celebre, un autore drammatico avvezzo ai
trionfi:

— Abbiamo una grande attrice di meno, caro Farnese, gli diceva Lorenzo
Ronda. E veramente noi autori non ci troviamo in tale abbondanza di
interpreti degne per non doverla rimpiangere. Non vi pare?

— Sì, è vero, era una grande attrice, rispose Giuliano ferito
dall'accento quasi scherzoso del suo interlocutore.

— Sapete nulla su la causa del suo suicidio? dimandò Lorenzo Ronda
curiosamente. Mi dicono che voi siate stato un suo amico molto intimo e
in tal caso sarete in grado di saperne più di noi. La voce che ha avuto
più credito, è questa: pare che Claudina fosse l'amante di un uomo
del popolo, un bel giovane, un ercole, che la batteva a suo piacere e
che viveva coi denari di lei. La disgraziata era molto innamorata di
cotesto bel mobile e dicono che sia giunta ai peggiori avvilimenti per
procurargli del denaro.....

— Ma è un'infamia! proruppe Giuliano pallidissimo.

— È giunto il giorno, proseguì Lorenzo Ronda, in cui il denaro non è
più bastato. I debiti sono incominciati, finchè Claudina non ha trovato
più nemmeno l'ombra del credito. Allora il suo amante, vedendo che da
lei non v'era più nulla da sperare, l'ha lasciata per una ballerina
di quarant'anni. Conclusione: nella disperazione dell'abbandono e
della rovina finanziaria, Claudina si è uccisa. È una morte veramente
ingloriosa ed è un dramma molto volgare!

— Oh che infamia! oh che infamia! esclamò Farnese con un accento
di supremo disgusto. E voi, Ronda, che l'avete conosciuta, che le
avete voluto bene, avete potuto creder questo di lei, avvilirla così
bassamente, raccogliendo le immondizie che la viltà umana gettava su la
sua bara!.... Oh quale tristezza e quale orribile mondo è il nostro....

Lo scrittore rallentò il passo, perdette di vista Ronda ch'era entrato
in un altro gruppo, sorridendo. Egli provava una nausea atroce. Lo
spettacolo di bassezza umana, che quel funerale offriva, sorpassava
ogni sua più truce imaginazione. Ecco, ecco che Claudina, la stella di
ieri, l'adorata di ieri, era morta gettando la vita per un bel sogno
distrutto, per un nobile ed altissimo amore purtroppo irraggiungibile;
ecco ch'ella chiudeva, con un epilogo ch'era una solenne tragedia,
una vita vissuta nel più puro dominio dell'ideale e del sogno; ecco
che ella si gettava nelle ombre dell'al di là, uscendo al gelo della
vita e del dolore dopo il radioso e sublime incantesimo di un miraggio
di gloria e d'amore; e la sua tomba non era ancóra chiusa ed il suo
corpo era quasi ancóra caldo che già la malvagità umana s'esercitava
a violare il segreto della sua fine e il mistero della sua anima e
le attribuiva una bassa esistenza da donna che si avvilisce per il
bacio di un ercole, una fine banale da donna ricoperta di debiti e
abbandonata dall'amante che preferisce alle sue le carezze di una
ballerina di quarant'anni!

Altre viltà umane giunsero all'orecchio di Farnese e partivano da un
gruppo di giovani scrittori e di poeti che ora camminavano dietro di
lui:

— Era l'amante di un senatore... diceva uno.

— E prima lo era stato di un cardinale.... Quirinale e Vaticano!

— Ma pretendete forse, obbiettava un terzo, di ritrovare tutta la
genealogia dei suoi amanti? Saremo al cimitero che non avrete ancóra
finito!

Farnese si volse con un gesto d'ira che seppe reprimere a stento. Come
fare? Poteva egli prendere le parti dell'estinta e difenderla dagli
insulti, dal fango che la strada gettava contro di lei, su i fiori
della sua tomba? Con quale dritto e sotto quale veste? Intanto egli
aveva riconosciuto colui che aveva parlato per ultimo: era un poeta, un
poeta delicato e profondo, un giovane di grande ingegno di cui Farnese
aveva favorito ed appoggiato le prime armi vittoriose. Lo chiamò presso
di sè con un gesto; il giovane accorse:

— Che cosa desiderate, maestro? domandò.

— Lasciate andare questo «maestro»; non ne è il caso, nè il momento,
rispose Farnese: poi aggiunse dopo una pausa: — Come parlate, Turreni!
E siete voi, voi un poeta, un uomo che nei suoi versi afferma i
sentimenti più elevati e più nobili, siete voi che parlate in quel
modo di Claudina Rosiers, dimenticando che ne seguite il feretro! Che
ne sapete voi dei suoi amanti? Li conoscete? Ne avete le prove? Ah,
vi è stato detto: e voi avete prestato fede alle viltà degli altri! E
intanto il suicidio di una donna a vent'anni, nel più bel vigore della
giovinezza, nel più radioso splendore della bellezza, il suicidio di
una donna per cui la gloria e forse l'amore riserbavano i baci più
inebrianti e gli allori più verdi, non vi dice nulla, non vi commuove
profondamente, non vi fa pensare che nella sua morte vi sia un grande
mistero, ch'ella sia stata abbattuta da un grande dolore, ch'ella sia
stata uccisa per un crudele risveglio da un sogno sublime? E voi siete
un poeta! E stamane avrete scritto dei bei versi e stasera ne farete
degli altri per una donna che voi amate e che vi ama! Voi non potete
credere, Turreni, quanto dolore mi abbia fatto l'udirvi parlare così.
Ho avuto bisogno di dirvelo. E ascoltatemi, mio caro poeta, voi che
siete giovane: siate buono, siate generoso, siate poeta nella vita
anche e non solo quando siete seduto alla vostra scrivania. Credetemi:
al mondo non vi è che l'onestà, nella vita non vi è che la bontà, che
possan rendervi felice.... Ed ora tornate coi vostri amici, non vi
trattengo più. Ho voluto dirvi tutto questo perchè vi voglio bene,
quantunque conosca troppo i giovani per non credere che voi, anche
se le mie parole vi hanno commosso, ma per posare a uomo forte, a
scettico, a _blasé_, appena tornato fra i vostri amici vi affretterete
a dire: «Miei cari, decisamente Giuliano Farnese si è rimbecillito!»

Prima che il poeta potesse protestare a quella conclusione inattesa,
Farnese si era allontanato per raggiungere Loredano che era ricomparso
qualche passo avanti. Il corteo aveva oramai percorso buona parte
del viale dei Colli ed era già a San Miniato. Una carrozza chiusa
stazionava lì presso. Giuliano prese per un braccio Leonardo, si
diresse con lui verso la carrozza:

— Proseguo in carrozza. Vieni con me.

Salirono, la vettura si mosse a fianco del corteo.

— Credimi, diceva Giuliano, non reggevo più. Tu non puoi imaginare
quante sieno le infamie che ho inteso lanciare contro la povera
Claudina. E dire ch'ella non aveva fatto mai male ad alcuno! È proprio
la cattiveria, la perversità degli uomini che non risparmia nessuno,
non rispetta più nemmeno le tombe, non teme nemmeno il mistero della
morte: e gli uomini non pensano che presto o tardi in quel mistero
dovranno profondare anche loro e dimenticano che allora altri uomini
faranno contro di essi, ciò che essi osano presentemente.

Tacquero, ognuno assorto nei proprii dolorosi pensieri.

— Dove siamo? domandò Leonardo chinandosi allo sportello.

— Al piazzale Michelangelo... Guarda, guarda che meraviglia! esclamò
Farnese accennando il panorama divino, d'una bellezza quasi fantastica.

Per un ingombro di carrozze il corteo si soffermò. I due discesero di
carrozza, s'avvicinarono al limite del superbo piazzale.

In basso s'apriva la conca verde bellissima, dove Firenze risplendeva
come avvolta d'un fitto pulviscolo d'oro. Tutt'intorno era la corona
primaverile delle colline digradanti come un anfiteatro meraviglioso.
Qua le colline di Settignano, più in là la Castellina di Montughi, e
poi l'asilo principesco di Careggi. Al centro l'oasi dorata di Firenze,
traversata dalla striscia d'oro del fiume, che splendeva in una gloria
di riflessi sotto il sole vivo. E tutt'intorno, nella verdissima conca
e su per le colline d'una morbidezza di verde e d'una delicatezza di
penombre e di sfumature che si sarebbero potute creder drappeggiate di
velluto, fino in fondo all'orizzonte ed agli Appennini, era la Toscana,
la Toscana sublime, il giardino dove la natura profuse follemente
i suoi tesori eterni, la Toscana incantata tra i monti cesellati e
le pianure in cui il sole ha indorato fin le più umili pietre, e in
cui fin della polvere ha fatto un pulviscolo d'oro; la Toscana coi
suoi paesaggi semplici ed ingenui, così limpidi, così precisi, così
coloriti che sembran vignette, dove fin nei più umili villaggi s'eleva
verso il cielo la forza e l'ardire delle torri che sembran ceselli
e dei campanili che sembran ricami, tra le schiere malinconiche di
cipressi disposti in bell'ordine come denti di un pettine prestigioso;
la Toscana, infine, dalla grazia profumata e tenera la beata parte di
mondo dove il cielo è trasparente come un cristallo, l'aria dolce e
blanda come una carezza, la beata terra che il cielo adora, quel cielo
che sotto la carezza bionda del sole palpita leggermente in un fremito
voluttuoso, come un bel seno di donna sotto la tepida carezza di un
bacio.

I due furono scossi dalla loro estasi per i rumori del corteo che si
rimetteva in moto verso il cimitero delle Porte Sante. Quale tristezza
era l'accompagnare alla sua ultima dimora in quel dì sereno una donna
di vent'anni morta per lui, perchè ella non poteva non amarlo, mentre
egli non poteva amarla. Troppo tardi ell'era giunta nella sua vita. E
il tragico grido di Dante Gabriele Rossetti risuonava nell'anima sua:
«Guardami in volto: io mi chiamo «Ciò che avrebbe potuto essere». — E
mi chiamo anche: _Mai più! Troppo tardi! Addio!_»

Dallo sportello della vettura Farnese riconobbe un uomo che seguiva il
corteo in distanza, solitario, pallidissimo. Senza pensarci due volte
lo scrittore saltò giù dalla carrozza, raggiunse quell'uomo che altri
non era che Lorenzo Gray, l'attore scomparso dopo commessa l'infamia
ch'era causa ignorata di tutto quel fosco dramma, l'uomo che aveva
ardentemente amato Claudina, sino alla pazzia, sino alla infamia.
Quando Farnese stava per raggiungerlo, Gray si volse, vide e riconobbe
lo scrittore. Senza parlarsi, fissandosi con gli occhi che si riempivan
di lacrime, i due uomini si strinsero la mano convulsamente, a lungo.

— Ella avrebbe potuto amarvi e voi l'amavate! mormorò Giuliano più
tardi.

— Ella vi ha amato e voi non avete potuto amarla, rispose Lorenzo Gray.

Il bieco fantasma del destino mancato apparve ad entrambi.

— Quale epilogo! mormorò Lorenzo Gray. Io non potrò vivere ormai
che con la sua religione nel cuore. Il suo ricordo e il suo amore mi
seguiranno nella tomba. Io l'ho troppo amata ed ho troppo sofferto per
lei; e son pel cuore due stimmate che non si cancellano più!

— Ed io! esclamò lo scrittore. Quando si è, come io sono, la causa di
un dramma così terribile, si è condannati ad averne per tutta la vita
il fosco rimorso nel cuore. Il fantasma di lei quale la vidi l'ultima
volta, quale la vidi cadere fra le mie braccia, non mi lascerà mai, io
lo sento....

Giuliano avrebbe voluto aprirsi, confessarsi con Lorenzo Gray. Sentiva
bene che tra tanta menzogna che seguiva la salma di Claudina i loro
dolori erano i soli, o almeno i soli sinceri, profondi e insanabili.
Sarebbe stato buono blandirli a vicenda, parlare di lei, di lei
scomparsa, rievocarne lo spirito rivivendone i ricordi. Ma egli sentiva
in Lorenzo Gray una certa ritenutezza, una certa freddezza di parola e
d'accento; e gli occhi di lui non s'eran più incontrati coi suoi dopo
il primo momento, dopo il primo saluto e la prima comunione di dolore.
Spiegava il contegno di Gray pensando che questi lo faceva responsabile
del dramma, che lo odiava forse per avergli strappata, incontrandosi
su la sua strada, quella che poteva essere la felicità della sua vita.
Egli non poteva certamente indovinare che nulla di tutto questo era nel
cuore dell'attore, ma solo un grande rimorso pensando al male ch'egli
aveva fatto a Farnese, ricordando ch'egli era stato con la sua ira e la
sua gelosia la causa iniziale del dramma di cui ora finiva l'epilogo!

Non di meno nessuno dei due si distaccava dall'altro. Anche tacendo
i loro dolori si sposavano, si sorreggevano; ed i due cuori battevano
all'unisono per un'angoscia comune ad entrambi.

Si separarono solamente quando, dopo che la cassa fu calata nella
fossa, le prime palate di terra caddero sul legno mortuario. Sentirono
allora di non potersi nè guardare nè parlare senza piangere; e poichè
avevano il pudore di rivelare il loro lutto e la loro angoscia innanzi
alla folla, si allontanarono l'uno dall'altro senza una parola, senza
un saluto, benchè sentissero che la morta nel mistero dell'al di là
li aveva indissolubilmente uniti coi vincoli sacri di un'amicizia di
dolore.



VIII.


Ritornavano dal cimitero delle Porte Sante, mentre il tramonto
s'approssimava, distendendo nel cielo veli più accesi tra un pulviscolo
d'oro più vivo e più denso. Farnese s'appoggiava al braccio di Loredano
e nessuno dei due aveva fino a quel momento saputo rompere il silenzio.
Infine Loredano disse serrando il braccio del cognato:

— Vuoi che camminiamo ancóra? Il tramonto è bello, l'aria è dolce,
Firenze è soave. E noi abbiamo bisogno di aria libera e di un po' di
bellezza dopo le emozioni di questi giorni e di oggi.

Farnese non rispose. Loredano lo fissò, spiando nei suoi occhi l'intime
tristezze, poichè vedeva disegnarsi sul volto di lui le orme d'un
tumulto sentimentale dei più violenti.

— Tu sei triste, disse allora Leonardo. La morte di Claudina è stato
per te un grande colpo, lo comprendo; ma tu non devi preoccuparti così,
non puoi ritenerti responsabile di quanto è avvenuto. La forza delle
cose ha voluto che avvenisse quanto nè la tua onestà nè la tua bontà
avrebbero potuto scongiurare. Col destino non si lotta, lo si subisce.
Non lo si spezza, ma si può essere spezzati. È una lotta inuguale, pari
a quella che avresti con un nemico che ti assale nell'ombra e di cui tu
non puoi scorgere nè l'atto, nè l'arma. Non ti puoi attribuire quindi
una colpa che non hai.

— Una colpa che non ho! esclamò Farnese. Oh fossero giuste e fossero
vere queste tue parole. Ma non è così, non è così.... Da quella sera
in cui Claudina è caduta moribonda tra le mie braccia tutto mi appare
sotto una nuova luce e sotto un nuovo aspetto. E mi domando: perchè
Claudina si è uccisa? Ella si è uccisa perchè mi amava, perchè le
ho fatto credere in un momento di follìa che avrei saputo amarla per
sempre d'un amore profondo e veemente... Il capriccio solo mi dettava
le parole dell'amore, di quell'amore che per me era altrove, tanto
presso a me che io non lo vedevo e non lo indovinavo perchè m'era
troppo vicino...

— Ella ti ha amato, rispose Loredano e tu l'hai amata per quanto hai
potuto. Fosti più leale abbandonandola e confessandole di non amarla
più; la tua colpa sarebbe stata maggiore se tu le avessi mentito, se tu
avessi recitato per lei l'ignobile commedia del sentimento.

— Oh ma vi sono delle responsabilità che non son nostre, esclamò
Giuliano Farnese con impeto d'emozione, ma che divengono nostre poichè
il destino ce le impone.... Quando io penso che se non l'avessi mai
incontrata ella a quest'ora vivrebbe, sarebbe felice, i suoi parenti
non sarebbero in lacrime... Ell'era una donna d'amore, nata per
l'amore; e forse avrebbe appartenuto ad un uomo che avrebbe saputo e
potuto amarla facendola beata, a Lorenzo Gray per esempio... E sarebbe
una moglie soave, una madre felice per i figli ch'ella avrebbe avuto
da un amore giusto e nobile, da confessarsi senza ritegno innanzi al
mondo intero! Mentre invece ella mi ha incontrato, ella mi ha amato
ed ora non è che un cadavere, chiuso nello zinco della sua cassa, oggi
ancóra bella nel suo sonno eterno e domani putredine... Oh se io avessi
saputo e se avessi potuto prevedere, come avrei avuto il coraggio e la
forza di respingerla, di deluderla, di allontanarla da me....... Ma che
sapevo io? Era un'attrice bella e giovine e l'inganno del palcoscenico,
della vita di teatro, m'impediva d'intendere ch'ella non era come le
altre! Come avvengono questi incontri fatali? Chi sa? Chi ci spinge?
Chi ci guida? È la forza delle cose, come tu dicevi poc'anzi.......
Dapprima la possibilità del dramma non appare e l'epilogo sembra
tanto lontano tra tante nebbie rosee, e tutto è così dolce, così
bello... Ma poichè ella mi amava ed io ero fuggito con lei, avessi
almeno avuto l'energia di finger d'amarla, di non tornare a Beatrice,
di rinunziar per sempre alla mia felicità pur che non fosse spezzata
la sua vita...... Sì, sì, tutto, tutto sarebbe stato meglio di ciò
che è avvenuto.. Ella è morta, orribilmente... Sì, sì, tutto sarebbe
stato meglio... Ah se io non l'avessi mai incontrata! Ella sarebbe
viva adesso, sorriderebbe forse ai baci di una sua creatura, sotto lo
sguardo di un uomo amante ed amato.... Invece il crepuscolo scende su
i due cipressi che ombreggian la sua tomba, lassù, al cimitero delle
Porte Sante... Ell'è morta, è morta, e tutta la mia angoscia e tutto
il mio rimorso non posson più nulla per lei e forse anche ella li
ignora!...

Lo scrittore procedeva così, parlando a scatti, ripetendo le stesse
frasi, gli stessi lamenti e gli stessi rimpianti; aveva gli occhi fissi
a terra, la voce dolorosa, il passo greve e s'appoggiava pesantemente
al braccio di Loredano.

Questi sorrise, scrollò il capo dicendo:

— Sono nubi passeggere, orizzonti foschi che dilegueranno ben presto,
quando tu sarai tornato a Roma tra tua moglie e i tuoi figli, che
ti mostreranno quale sia la vera tua vita e come tu non abbia alcuna
responsabilità nel dramma cui sei stato partecipe. Tu hai detto più
volte che, sopra tutto e contro tutto, ognuno deve vivere la propria
vita. Ebbene, quella è la tua vita e tu devi viverla, intera, senza
ambascie, senza rimorsi... E poi, tu lavorerai, e nel ritorno al lavoro
tu troverai il miglior conforto, poichè — e son tue parole anche
queste — nel dolore il miglior farmaco è la disciplina del lavoro e
dell'arte...

— Ah, ma chi sa, proruppe Farnese con un accento di strazio, chi sa
se io potrò più lavorare? L'arte è stata per me il sogno sovrano e
imperioso. Ebbene, questo sogno io l'ho raggiunto, io l'ho coronato.
Quale fu l'ideale che mi spinse a prendere in mano una penna? Fu un
ideale molto semplice, molto orgoglioso e che m'appariva allora molto
bello... Creare, creare, sognare e comunicare ad altri i miei sogni,
pensare e disciplinare gli altri ai miei pensieri; aver centinaia e
migliaia di persone che vi leggono, che vi ammirano, che vi ascoltano,
che corrono ai vostri libri come ad una fonte di gioia e di bellezza,
e si commuovono per ciò che la vostra fantasia e la vostra ispirazione
han creato, e aprono le loro anime, le loro intelligenze e le loro
conscienze al polline fecondo che si sprigiona dalle vostre opere e che
il vento della gloria, dell'entusiasmo e della bellezza porta fino a
loro!

— Ma questo sogno tu l'hai realizzato! esclamò Loredano. Tu hai una
folla che ti ama, che ti ammira, che attende da te un insegnamento, un
esempio, una dottrina.

— Ed è appunto quello che mi atterrisce adesso, mormorò Farnese. Quando
quell'ideale è divenuto realtà, quando vi trovate a metà del vostro
cammino, una inquietudine, un dubbio vi angosciano, uno sgomento vi
assale. Tutta la responsabilità dello scrittore vi appare, non appena
un fatto tragico, un dramma al quale, come io son per quello di
Claudina Rosiers, vi troviate partecipi, v'illumina quale può essere
il bene ed il male compiuto da quelle opere che voi scriveste senza
preoccupazioni di effetti morali e di risultati fatali. Io son giunto
a questo bivio minaccioso. Io mi dico: «Sì, io ho compiuto un'opera,
un'edifizio morale ed intellettuale che può essere più o meno bello,
più o meno saldo, più o meno adorno, ma che esiste, è noto, è, in una
parola.... Da quest'edifizio, da quest'opera la mia voce va pel mondo,
raggiunge le anime e le intelligenze, è una forza, una attività, una
molla per l'avvenire. Uomini, donne, giovani e vecchi s'interessano a
quello ch'io dico, a quello ch'io so, subiscono la mia influenza, più
o meno energica a seconda della resistenza che trova in loro. Quale
sarà quest'influenza? Quale ne sarà il risultato? Claudina Rosiers,
per esempio, è stata una di costoro: ella ha subito, largamente,
interamente, profondamente l'influenza dell'opera mia, delle mie idee.
E il risultato è stato quello che noi pur troppo sappiamo.... Credi
tu che Claudina mi avrebbe amato come mi amò, credi tu che si sarebbe
uccisa, se non avesse ricevuto nell'anima sua i germi della mia opera e
quelli di opere simili alla mia, se dai miei libri non avesse appreso
che l'amore è il fine, lo scopo, la ragione della vita, che esso è la
sola cosa bella nel mondo e che il connubio di quello con la gloria è
quanto di più portentoso può sognare e agognar l'uomo per avvicinarsi
a Dio? Ella si fece un'idea falsa della vita, un'idea fallace, troppo
lirica, non più umana dell'amore. E quando, imbevuta di quelle idee,
affascinata da questi sogni e soggiogata dai miraggi dorati che i miei
libri le offrivano, quando ella si è trovata al conspetto della vita
qual'è, la vita vera che noi tutti viviamo e non quella fastosamente
adorna e imaginosamente poetizzata dai romanzieri e dai poeti, allora
ella non ha trovato più nulla intorno a sè, le è parso che la vita
fosse brulla e il mondo gelido, senza la luce e la fiamma della sua
chimera, e si è uccisa.... E anche nel momento in cui ella prendeva
un'arma per uccidersi ella ubbidiva ai nostri insegnamenti.... Siamo
stati noi i primi a insegnare che è dolce e grande morire per l'amore,
e, credimi, libri come _Rolla_ o come _Werther_ hanno fatto più male
all'umanità di quanta sia l'arte o la bellezza che dovrebbe, ma non
può, giustificarli.... L'influenza dei nostri libri spinge i deboli, i
sognatori, gli illusi, i poeti verso il bene o verso il male? È questo
il dubbio angoscioso che ci assale a mezza via.... E quando un fatto
come il suicidio di Claudina ci dice che la nostra opera può persuadere
e sospingere verso il male questi deboli, questi sentimentali, questi
ignoranti, allora si sente una truce condanna in quel terribile
tribunale inesorabile che è la nostra conscienza e non appare più
possibile il lavoro, poichè sarebbe forse altra fonte di male, altri
germi cattivi per le anime degli uomini, altre piante velenose gettate
noncurantemente o delittuosamente nei giardini della vita, sotto
l'inganno dei più prestigiosi colori, con l'illusione dei profumi più
inebrianti e degli splendori più fulgidi! No, no, io ho ben altro da
fare che il lavoro di un tempo.... Devo guardare bene in faccia la
mia responsabilità in questa avventura sinistra ed in tante altre che
posson somigliarle e devo pentirmene ed espiarla....

Ma Leonardo non si dimostrava convinto. Aveva fatto più volte cenno di
volere interrompere le parole di Giuliano e alla fine scosse le spalle
e replicò:

— Tutto ciò che tu dici non mi sembra esatto, nè giusto. Prima di
tutto, e poichè tu esemplifichi, io non credo che la tua opera abbia
esercitata su Claudina Rosiers l'influenza fatale che tu deplori. Ma
anche ammettendolo, che significa? Per una donna debole e romantica
che non seppe discernere o distinguere e ciecamente credette, per una
vittima, per un dolore, tu devi trascurare tutti i risultati di grande
arte e di bellezza raggiunta che son nella tua opera? Mi sembra come tu
dicessi che non bisogna coglier le rose perchè vi è qualche spina, che
non sono belli i fiori perchè ve n'è qualcuno velenoso, che la natura
non è gloriosa perchè vi è qualche insetto. E con queste tue idee tu
potresti consigliare ad un generale di non fare una guerra, di non
armarsi per una difesa o per una conquista, perchè qualche soldato può
morire; tu potresti consigliare la soppressione delle ferrovie perchè
qualche scontro può fare delle vittime umane; tu potresti giungere a
dire che l'arte è cattiva e dannosa perchè qualcuno trae dai libri un
suggerimento fallace e ciecamente vi adempie, come un fanatico! E poi,
voglio dirti di più, voglio anche ammetterti che una responsabilità
esista per lo scrittore: ma questa responsabilità comincia e finisce
nè più in qua, nè più in là di quanto noi abbiamo direttamente,
nettamente, ostinatamente voluto... Se qualcuno fraintende e si illude,
non per questo ci dobbiamo arrestare, come tu non spengi un lume quando
una farfalla, aliandovi intorno, viene a bruciarsi le ali o a trovare
su la fiamma la morte!

Vi fu una pausa. Poi Farnese ribattè:

— Sarebbe molto comodo ciò che tu dici! Ma è altrettanto falso e la
prova si è che nella tua propria conscienza nemmeno tu mi sgravii
di un rimorso per aver indicato a quella giovinetta il miraggio dei
sogni, di un'illusione di amore e di gloria e di un alloro fraterno,
fraternamente diviso per uno slancio fraterno di bellezza e di genio. E
tu non vorresti trovarti nelle mie condizioni e nelle mie inquietudini!
Io vedo bene l'azione dei miei libri, la vedo entrar nei cuori e nelle
menti, mutare, rovesciare, viziare, abbattere o minare. È inutile che
tu neghi e che tu sorrida.... È vero o no che questo sogno sublime
di un alloro fraterno, di un amore nella gloria, è in uno dei miei
libri migliori?.... È vero o no che Claudina ha ubbidito a questo
vano miraggio e che io, seguendola nel suo amore, ho favorito la sua
chimera?... È vero o no che per questo miraggio la mia famiglia è stata
sfasciata, è vero o no che mia moglie ha pianto lacrime roventi, che
Lorenzo Gray ha sofferto, che io stesso ho attraversato inenarrabili
torture?.... È vero o no che quando io ho voluto rompere l'incanto,
Claudina si è uccisa perchè troppo atroce era il risveglio, perchè
un sogno superbo e grande quale era il mio da Claudina cullato,
non ammetteva che un epilogo tragico, data l'anima in cui il triste
germoglio era caduto?... E come potrò io obliare tutto questo? La
verità è che tutti abbiamo un dovere da compiere. Il mio era quello
di non finger la vita nei libri quale essa non è, e di non proporre
illusioni che possono abbagliare, non suscitare fiamme che possono non
solamente illuminare, ma anche incendiare e distruggere. Il mio dovere
era quello di ricondurre Claudina alla verità e di non profittare del
suo sogno per il mio piacere, per il mio capriccio.... Io ho mancato
all'uno e all'altro di questi miei doveri e a quale prezzo e con che
frutto?

— E tu pensi che se tu non avessi scritto quel libro, Claudina non si
sarebbe uccisa? Ma poi, concluse Leonardo, che importa veder ciò che tu
avresti dovuto fare e ritrovare le cause di questo dramma, quando non
sei più in tempo! A che serve?

— A non ricominciare, almeno! disse Farnese duramente.

In silenzio seguitarono il loro cammino. Scendevano dal ponte alla
Carraia, diretti verso piazza della Signoria.

— Preferisci che pranziamo all'albergo o da Doney? dimandò Loredano.

— Andiamo da Doney, se vuoi; mi è indifferente.

I lungarni erano quasi deserti in quell'ora del tramonto in cui di
solito erano affollati di equipaggi, di donne eleganti, di uomini
mondani, di forestieri, per il ritorno dalla passeggiata alle
Cascine. Farnese e Loredano stupirono per quella solitudine; non
s'udiva il trotto d'un cavallo ed i rari passanti erano frettolosi
e sfuggivano lungo i muri dei palazzi. Eppure tutta la bellezza di
Firenze raggiungeva in quell'ora, fra breve crepuscolare, il suo
più portentoso splendore. Il fiume si tingeva di roseo pei riflessi
delicati del cielo, ch'era chiaro e venato di rosa come una perla
lucentissima. Dai colli toscani giungeva un argentino tintinnìo di
campane, la salutazione angelica dei campanili fiorentini. Tra il
verde delle ville, dei viali e dei giardini qualche lume si accendeva
e splendeva, or sì or no, misteriosamente. L'aria era leggera e soave
come una carezza. Un vago profumo floreale era diffuso, impalpabile,
come fosse il respiro di una primavera. Era l'ora della grazia e del
mistero e Firenze non avrebbe mai potuto essere più suggestiva e più
soave. L'orizzonte, mentre ad occidente si tingeva ancóra di roseo, di
arancione, di violetto e di verde pallido, ad oriente già palpitava
delle prime stelle che si intravedevano tra le schiere brune e
misteriose dei cipressi toscani.

Un rumore confuso ma violento giunse ai due scrittori, come l'eco
d'un torrente gonfio che straripa. Affrettarono il passo verso piazza
della Signorìa. Il rumore diveniva più forte e più distinto, dominato
più volte dallo squillo stridulo di una tromba. Loredano e Farnese
compresero. In seguito ad un rincaro del pane molte città italiane si
agitavano durante quei giorni e a Firenze, quel giorno, il disordine
era risolutamente disceso in piazza. La Signorìa era piena di popolo,
non tutto lacero e miserrimo, poichè molte giacchette accurate e molte
cravatte pretensiose si scorgevan tra quei tumultuanti. La truppa
aveva ostruito tutti gli sbocchi della piazza e tra la folla enorme,
compatta, soffocante, i carabinieri e le guardie andavano e venivano,
volontà insufficienti, per domare i ribelli, per diminuire la ressa. La
tromba intimava invano coi suoi lunghi acuti squilli che si ripetevano
ogni cinque minuti. Le finestre e i balconi delle case eran gremiti
di una folla non indifferente, che s'appassionava in prò o contro i
dimostranti. La piazza nera d'uomini ondeggiava e riondeggiava come un
mare in tempesta. I gridi rivoluzionarii ne salivano come muggiti di
onde immani.

D'improvviso l'impeto cieco della folla travolse gli argini. Una
pietra lanciata da un braccio poderoso s'alzò nell'aria, fischiò
passando sopra la folla, andò a colpire in pieno volto sotto la Loggia
dell'Orcagna il _Perseo_ bronzeo di Benvenuto Cellini. Fu quello il
segno della barbarie. Dieci pietre, venti, fischiarono nell'aria,
colpirono le statue perfette e i monumenti gloriosi. Alcuni della
folla colpivano per colpire, per brutale istinto di distruzione.
Le pietre cadevano con tonfi sordi nell'antico corpo di guardia dei
lanzichenecchi, dopo aver oltraggiato le serene bellezze delle statue
di Benvenuto e di Gian Bologna. La sassaiola si prolungava fitta e
violenta, come una grandinata.

— Ma è barbaro, è bestiale ciò che fanno costoro! esclamò Giuliano non
appena la prima pietra ebbe colpito il _Perseo_.

— È uno spettacolo ignominioso! aggiunse Leonardo.

Veramente ignominioso e barbaro era lo spettacolo offerto da pochi
facinorosi nella città che più d'ogni altra in tutto il mondo ha
dell'arte il culto e della bellezza il fervore. Firenze e la sua
grazia e la sua nobiltà e la sua gentilezza sembravan da quei pochi
dimenticate!

La sassaiuola continuava. In parte mutò direzione e si rivolse
contro le guardie e i carabinieri che tentavano di arrestare i pochi
dimostranti selvaggi che attentavano ai capolavori dell'arte. Ad un
tratto un colpo di rivoltella sparata in aria echeggiò e la folla si
diede ad una fuga sgomenta e atterrita. Ma dei colpi risposero dalla
folla a quel colpo, la sassaiuola si moltiplicò per violenza, un
carabiniere cadde a terra con la fronte spaccata dalla quale a fiotti
il sangue sgorgava. Una compagnia di soldati giunse di corsa, con la
baionetta in canna. L'ufficiale abbassò la sciabola ed il crepitìo
dei moschetti echeggiò, rintronò nella piazza austera, stupì le mura
gloriose e solenni dei monumenti illustri. Altre scariche seguirono,
ininterrotte, tutte sparate a polvere poichè fin quando fosse possibile
era nell'animo di coloro che dovevan reprimere l'intento di risparmiare
che del sangue fosse versato. Ma nella convulsione veemente che aveva
preso la folla nel terrore e nell'impossibilità di muoversi e di
fuggire, la barbarie non si dava per vinta. Ed il fosco spettacolo di
paura s'ebbe poco più tardi quando da via Calzaioli sopraggiunse la
cavalleria. Gli squadroni si lanciarono nella piazza, contro la folla,
la dispersero in pochi minuti.

— Andiamo, andiamo! mormorò Giuliano. È troppo atroce.

Si avviarono. E quando essi eran già per allontanarsi l'ultimo insulto
venne tra la sassaiola a colpire il bel volto che scolpì Benvenuto. Un
frutto fracido colpì Perseo su la bocca, vi rimase aderente, mentre
il succo scorreva lungo le guancie. E da un gruppo di dimostranti
una grande risata e un applauso salutarono quella prodezza. Ma i più
protestarono, il sentimento dell'arte e l'antica gentilezza fiorentina
parlarono in loro. Con gli oltraggiatori rapida s'aprì la colluttazione
in difesa dell'arte e della bellezza.

La folla separava intanto Farnese e Loredano. Solamente su i Lungarni
potettero raggiungersi e parlare.

— Oh quale ignominia! proruppe Loredano. Io non ho mai imaginato che
si potesse giungere ad un'infamia siffatta. Io avrei voluto dei fucili
carichi ed un po' di esterminio. Quella gente, quei bruti, son indegni
di vivere, di vedere il sole e l'azzurro dei cieli!

— No, no, replicò Giuliano mestamente, tu non sei nel vero. Anch'io
ho avuto innanzi a quella barbarie l'impeto d'odio furente che tu
provi ancòra. Ma bisogna pensare e riflettere. Essi non sono indegni
di vivere, di vedere il sole e l'azzurro dei cieli! Dio non ha creato
nessuno indegno di quanto tu esalti.... È la società che guasta o
che non migliora..... Che cosa sanno quegli ignoranti che tu chiami
bruti? Chi ha mai insegnato loro che cosa sia l'arte, che cosa sia la
bellezza? Essi son traviati da dottrine settarie e bugiarde, dottrine
di sfruttamento e di menzogna: odiano perchè si dice loro d'odiare,
colpiscono perchè s'arma e si guida la loro mano, uccidono perchè si
dà loro a credere che saranno martiri ed eroi. Sono degli incoscienti,
che dei malvagi astuti o dei teorici illusi rimpinzano di parole, di
frasi e teorie che le loro intelligenze non posson digerire, e nelle
quali non sanno discernere il bene dal male..... Oh, io penso che
nessuno s'occupa veramente con affetto, con amore, con abnegazione,
con apostolato di costoro..... Essi han per loro gli apostoli della
tribuna, i retori della piazza che si dileguano quando v'è odor di
polvere e che mandano avanti loro, mentre essi restano a casa a fumare
dei sigari accanto al fuoco..... Quanti sono gli uomini, quante le
intelligenze che sinceramente si danno all'apostolato di migliorare la
loro morale, la loro intelligenza ed il loro pensiero, insegnando ad
essi che il lavoro è santo, che la vera ricchezza di un uomo è nel suo
cervello e nella sua conscienza? Pochi, ben pochi..... Eppure quale
nobile scopo per un poeta, per uno scrittore, per un pensatore.....
Quando ho visto scagliar le pietre contro le statue, passata la prima
ribellione, io mi son sentito pieno di pietà per quei gesti ch'eran
nefandi. Essi non sanno, essi non sanno..... Tutto un nuovo mondo,
tutta una nuova missione per la mia penna e per il mio lavoro m'è
apparsa, come nello splendore repentino d'un baleno. Io lavorerò per
loro, per quei nostri fratelli umani che hanno bisogno d'insegnamenti
generosi, di parole sincere, di consigli onesti, d'ideali prima e
più che del pane... E quando tu avrai dato a coloro un'anima, una
conscienza, un pensiero, credi che le loro braccia non si leveranno
più per scagliare pietre contro le più fulgide realtà della bellezza!
Oh io non saprei più, ti giuro, consacrarmi a descrivere le crisi di
cuore, le complicazioni sentimentali, le assurdità psicologiche, i
dilettantismi intellettuali e spirituali in cui mi compiacqui finora.
L'arte mia di allora non ha fruttato forse che del male, non ha
generato che del dolore. Non più, non più. Il dolore m'insegna. La mia
arte nuova sarà umana e profonda, il bene splenderà come mèta ed essa
sarà tutta di bontà, di generosità e d'ardore... A mezzo del cammino,
io credo di avviarmi così per la via della verità, verso una mèta che
non sarà un miraggio dorato e lontano come quello per cui Claudina è
morta, come quello che mi attrasse fin qui!

— Io credo invece, disse Loredano, che tu ti lasci attrarre su la
nuova via da un miraggio ben più fallace e doloroso. Questo dislivello
sociale e morale esisterà sempre con l'umanità e non lo toglieranno
certamente nè gli scrittori con le loro finzioni, nè i filosofi
con le loro dottrine e le pillole di scienza impartite al popolo in
proporzioni omeopatiche. Comunque, poichè tu sei un artista, e un
grande artista, qual si sia l'idea che t'ispira, tu farai dell'arte
prima che del bene, — nel senso in cui tu l'intendi — della bellezza
prima che dell'apostolato... E questo, credimi, mio caro poeta, è quel
che più importa.

Erano giunti all'albergo, dove trovarono un affettuoso telegramma di
Beatrice che sollecitava il loro ritorno a Roma.

— Pranzeremo qui, se vuoi, disse Loredano. Con questi disordini non è
prudente andare in giro. Io intanto salgo a chiudere le mie valigie. A
più tardi.

Giuliano Farnese rimasto solo salì anch'esso nella sua stanza. Senza
fretta, chiuse gli involti, serrò le valigie, dopo essersi vestito per
il viaggio. Quando ebbe finito, si appoggiò alla finestra che dava su i
Lungarni pallidamente illuminati dal tremolìo giallo dei fanali.

Egli si sentiva più calmo e più sereno. Le responsabilità che fino a
quel momento lo avevano angosciato sarebbero state cancellate dalla
nobile missione cui la sua penna era per consacrarsi. Quel periodo
di dolore si sarebbe chiuso nella sua vita, poichè Beatrice lo amava,
poichè i suoi figli erano con lui, poichè egli avrebbe avuto il magico
conforto dell'arte consacrata ad un fine di umanità profonda. La vita
gli avrebbe ancòra sorriso. Ed un giorno, vecchio allora, guardando
indietro la sua vita e la sua opera avrebbe potuto non arrossir di
quella ed esser superbo e glorioso di questa. Così egli avrebbe trovata
la vera gloria, il vero connubio di questa con l'amore. E di Claudina
Rosiers, morta pel dolce miraggio dei suoi primi sogni d'artista, egli
avrebbe sempre custodito nel cuore il rimpianto e il fervore.

Guardò il cielo. Era divenuto oscuro e profondo, nubi grevi e nerissime
vi si appesantivano lugubremente. Un ingenuo richiamo fece paragonare
a Giuliano Farnese quel cielo nero e minaccioso col triste dramma
che aveva attraversato la sua vita. Ma in quel momento, rialzando lo
sguardo, vide con un sorriso che due nuvole si erano appena disgiunte e
che fra loro, più fulgida fra quell'ombra, come una luce di speranza e
di fede, una stella splendeva.


  Quisisana, settembre 1898.

        Roma, febbraio 1900.


FINE.



             ERRATA                              CORRIGE

  pag. 73 linea  20 _in certezza_               INCERTEZZA
   »   75   »    11 _inacceso_                  INACCESSO
   »   83   »    24 _presa_                     PRESE
   »   85   »   3-4 _im-nente_                  IMPONENTE
   »  104   »    17 _in mezzo questa_           IN MEZZO A QUESTA
   »  112   »    28 _con essi_                  CON QUELLO
   »  155   »     3 _terzo_                     TERSO
   »  160   »    28 _poteva_                    POTEVANO
   »  200   »    15 _trafiggendi_               TRAFIGGENTI
   »  200   »    18 _sarebbe_                   SAREBBERO
   »  204   »     2 _che si_                    CHE LI
   »  204   »    16 _lenti_                     LENTE
   »  220   »    22 _La pena aggravandosi_      AGGRAVANDOSI LA SUA PENA
   »  258   »     8 _inquietitudini_            INQUIETUDINI
   »  272   »    14 _d'un_                      D'UNO
   »  299   »    20 _la_                        LE
   »  336   »    16 _inquietitudine_            INQUIETUDINE
   »  336   » 21-22 _compiuti_                  COMPIUTO



  Dello stesso Autore


  =Le sottili pene= — Poesie.

  =L'Oasi= — Romanzo.


  _In corso di stampa_:

  =Le opere e gli uomini= — Critiche.

  =Piccole scene della gran comedia.=

  =L'ombra della gloria= — Romanzo.



  _Finito di stampare il giorno_ III MARZO MDCCCC
  _nella Tipografia di Ludovico Cecchini
  in Roma_.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, così come
le grafie alternative (ancòra/ancóra e simili), correggendo senza
annotazione minimi errori tipografici.

Le correzioni indicate nella tabella "Errata Corrige" sono state riportate nel testo.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Il Miraggio" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home