Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Semiramide - Racconto babilonese
Author: Barrili, Anton Giulio
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Semiramide - Racconto babilonese" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                          ANTON GIULIO BARRILI


                               SEMIRAMIDE

                          RACCONTO BABILONESE


                            QUARTA EDIZIONE



                                 MILANO
                        FRATELLI TREVES, EDITORI
                                 1883.



                         PROPRIETÀ LETTERARIA.

                         Tip. Fratelli Treves.



A GEROLAMO BOCCARDO


_Non perchè vai meritamente famoso tra i migliori ingegni d'Italia,
non perchè egli c'è conforto di vanità a mostrarsi in dimestichezza coi
sommi, ma perchè nella tua grandezza sei buono, ma perchè io t'amo come
un fratello, intitolo a te questo frutto delle mie più liete fatiche._

_Uomini giunti in alto, che sappiano e vogliano esser liberali d'aiuto
ai minori, ce n'ha pochi, pur troppo. Io, per me, non ne conosco che
uno, il quale, già illustre per virtù sua e per consenso universale,
s'è pigliato un giorno spontaneamente la molestia di volgersi indietro,
farsi patrono, anzi guida amorevole, ad un suo giovane concittadino, e
bandirne il nome fuor della cerchia ristretta, quantunque cara, della
sua terra natale._

_A te son debitore di tanto. Quel po' di benevolenza che il mio
nome ha raccolto, mi deriva dal tuo patrocinio. Auguro a più degni
di me, valentuomini che seguano il tuo nobile esempio. E a costoro,
gratitudine pari a quella che nutre per il tuo_

  Di Genova, 1.º settembre 1873.

                                                ANTON GIULIO BARRILI.



AVVERTIMENTO


In cambio di note, le quali, inutili ai dotti e insufficienti agli
studiosi, potrebbero tornar moleste alla comune dei lettori, si citano
qui brevemente le fonti a cui ha dovuto attingere l'Autore nella
composizione di questo racconto.

Per la storia: MOSÈ DI CORESE, ERODOTO, DIODORO SICULO, BEROSO, tra gli
antichi; VOLNEY, _Recherches nouvelles sur l'Histoire ancienne_; SMITH,
_Storia antica dell'Oriente_; RAWLINSON, _Five great Monarchies_;
OPPERT, _Histoire de Chaldée et d'Assyrie_, tra i moderni.

Per l'archeologia: LAYARD, _Nineveh and its remains, Nineveh and
Babylon_; OPPERT, _Interpretazioni delle iscrizioni cuneiformi_
(sul _Journal Asiatique_ dal 1850 al 1870); RAWLINSON, scritti varii
sull'_Asiatic Journal_; FINZI, _Ricerche per lo studio dell'Antichità
Assira_.

Per le foggie, usi e costumi: LAYARD, _Op. cit._; CAVANIOL,
_Nidintabel, ou la Perse ancienne_; ENGEL, _The Music of the most
ancient nations_. Tra gli antichi, e segnatamente per le cose militari:
SENOFONTE, QUINTO CURZIO, AMMIANO MARCELLINO, ecc. ecc.

Per le tradizioni religiose: ANTICO TESTAMENTO, _Genesi, Ester,
Daniele_; PAUTHIER, _Les livres sacrés de l'Orient_; ANQUETIL DUPERRON,
_Zend-Avesta_; JACOLLIOT, _La Bible dans l'Inde_; CREUZIER, _Réligions
de l'antiquité_.

Per la geografia, corografia, storia naturale, ecc.: MENKE, _Atlante
del mondo antico_; FINZI, _Op. cit._; MOYNET, _Viaggio al litorale
del Caspio_; VAMBÉRY, _Viaggio di un falso Dervis nell'Asia centrale_;
FLANDIN, _Viaggio in Mesopotamia_; LEJEAN, _Idem_, ecc. ecc.



SEMIRAMIDE



CAPITOLO I.

Alle porte di Babilu.


Sulle rive dell'Eufrate si stende un'ampia, lieta e ubertosa contrada,
il cui nome è Sennaar tra i figli di Cus, pingue d'armenti, di biade
e d'ogni maniera dovizie, versate a piene mani sovr'essa dal possente
Iddio delle acque, poi ch'ebbe mutate in doni di fecondità le sue ire
devastatrici.

Quivi, a mezzo il corso del gran fiume, sorge una città, la più
vasta che il mondo abbia veduta mai, edificata da Nemrod, figlio di
Cus, potente cacciatore al cospetto di Nebo, insieme con le genti
scampate dall'acque, prima che, a guisa di rena travolta dal turbine,
si sperdessero sulla faccia della terra. Però il nome suo fu Babilu,
che significa la porta di Ilu, il dio del diluvio, e la sacra città
si ristrinse da principio sulla sponda destra del fiume, intorno a
Barsìpa, la gran torre delle lingue, che gli edificatori suoi aveano
lasciata a mezzo, confusamente favellando, sbigottiti dal tremuoto e
dalla folgore. Così Nebo, il Dio che genera sè stesso, il dominatore
che comanda alle legioni del cielo e della terra, avea custodita
l'azzurra sua sede contro le audaci imprese dei figli dell'uomo[1].

Quindici età sono di poco trascorse sotto la grand'ala di Nisroc, e già
l'ampliata Babilonia, tempio e dimora de' sommi Dei, si estende sui due
lati del fiume, cui sembra ella stringere tra le braccia amorose, come
giovine donna lo sposo che la ricolma d'ebbrezza. A lei non ardisce
paragonarsi Ninive pur dianzi edificata da Assur, la quale attenderà
lungamente ancora il suo Tiglat Pileser, il fortunato monarca che la
porrà a capo del grande impero d'Assiria. Sippara, l'antidiluviana, Ur
de' Caldei, Larsa, Calneh ed Erech, dense di popolo, felici di arti e
di traffichi, non risplendono intorno a lei che come i pianeti intorno
al sommo datore di vita e di luce, il cui tempio e il simulacro ella
accoglie nel suo venerato recinto.

E qui, sotto lo scettro poderoso dei discendenti di Nemrod, si
raccolgono quattro schiatte, i Sumir aspro favellanti, gli Accad gelosi
custodi della scienza arcana de' cieli, i Turani discesi al piano per
mezzo alle tribù fraterne dei Medi, gli avanzi della stirpe di Sem,
cacciata più su, dal conquistatore cussita, a metter dimora sulla terra
di Nahraim. Nè solo la vasta pianura obbedisce al glorioso popolo di
Kiprat Arbat, o delle quattro favelle; anche sulle alture, e per le
chine di là dai monti, il valore di Nino estese l'imperio di Babilu;
e pur dianzi, la fortuna di Semiramide spaziò dal lido di Tiro alle
convalli della Bakdiana, dalla terra degli aromi cui bagna l'Eritreo,
fin oltre alle sorgenti dell'Eufrate e del Tigri. Curvarono il capo le
vinte nazioni; i principi lontani furono astretti a tributo.

I più tra costoro lo pagavano di buon grado. Scendevano essi riverenti
e stupiti a Babilonia, come alla città sacra, domatrice del mondo.
Era così maestosa la dimora de' sommi Dei! Ed era così splendida la
reggia della gran vedova di Nino! Omaggio prestato a donna non umilia
i nati di donna, e Semiramide, per la sovrumana venustà delle forme,
piuttosto accresciuta che scemata dal corso degli anni, appariva cosa
di cielo, anzi che frutto di mortale connubio. E invero, non tanto per
cingere d'una poetica nube un oscuro natale, quanto per aggiunger luce
ad una bellezza che facilmente si potea creder divina, i sacerdoti di
Barsìpa avean letto negli astri esser costei la figliuola di Derceto,
della gran dea d'Ascalona, fin da quel giorno che Nino, perdutamente
invaghito di lei, la tolse al primo marito, per farla regina del suo
cuore, arbitra e donna del più gran trono della terra.

Ed ella oramai, estinto il consorte, regnava sola, temuta e felice. A'
suoi cenni la città s'era ampliata, cinta di mura, ornata di sontuosi
edifizi. Due milioni d'uomini avevano lavorato per lei; gli uni a
scavare il suolo, gli altri a foggiare in mattoni l'argilla smossa,
altri ancora a trarre il bitume dalla vicina terra di Is. Anzitutto
s'innalzan le mura, ampie, valide alla difesa e maravigliose alla
vista. Nivitti Bel, il recinto interno, è lungo trecento sessanta
stadii, alto cinquanta cubiti, largo diciotto; Imgur Bel, il baluardo
esterno, gira quattrocento ottanta stadii, si leva novanta cubiti
sull'ampia fossa che lo circonda, e, sullo spalto di cinquanta che lo
incorona, sorge una doppia fila di torri, per mezzo alle quali è libera
la via ad una quadriga scorrente. Queste mura, ne' cui fianchi si
aprono cento porte di bronzo, son di mattoni, una parte acconciamente
disseccati, l'altra cotti in fornace; e ad ogni trenta strati di
mattoni s'alterna uno spesso graticciato di canne, intrise nei bitume,
sporgenti oltre la superficie del muro, di guisa che la rossiccia mole
appare da lunge vagamente listata di nero.

Il biondo Eufrate scorre nel mezzo; epperò le mura, giunte al confine
dell'acque, si volgono ad angolo, si rimpiccioliscono e s'assottigliano
in forma di parapetti, lunghesso i margini bastionati del fiume, su cui
vengono a mettere, per altrettanti sbocchi, le vie della città, ampie
e diritte, tutte a riscontro delle cento porte di bronzo. Sui lati
di queste vie, frequenti di popolo, si alzano le case a tre o quattro
piani, spaziose, non contigue tra loro, ma frammezzate da giardini e
da piazze. Sulla riva destra è la città sacerdotale, col suo tempio
di Belo, alta piramide di sette piani, dipinti dei sacri colori delle
sette luci della terra, dalla cui cima Belo, il gran dio di Babilonia,
contempla la sua diletta città. Sulla riva sinistra è la reggia,
chiusa da un muro ornato di stupende pitture, sormontata da terrazzi e
pensili giardini. Congiunge le due rive un ponte, lungo cinque stadii,
sorretto da pile profondamente piantate nell'alveo dell'Eufrate. Son
esse di pietre strettamente congiunte da ramponi di ferro, saldati col
piombo, e le facce esposte alla correntìa del fiume appaiono stagliate
ad angolo acuto. Il ponte, venti cubiti largo, è un tavolato di cedri e
cipressi, sostenuti da enormi tronchi di palma.

Tanto ha potuto far Semiramide, ed altro ancora, chè braccia di
manovali non poteano mancare alla conquistatrice della Fenicia e della
Bakdiana, donde eran venute dietro al suo cocchio di guerra così lunghe
file d'incatenati prigioni. In quella guisa che le mura della città, i
templi, i giardini, narrano la sua magnificenza ai venturi, l'Eufrate,
rattenuto da argini poderosi pel corso di molte giornate, a giuste
distanze sviato in ampii canali navigabili, partito in migliaia di rivi
a benefizio dei campi, addimostra le cure sapienti della regina per la
felicità del suo popolo. Epperò ella potrà, senza menzogna, scrivere
lungo le mura della sua reggia questi nobili vanti:

«La natura mi diè forme di donna, ma le mie geste m'hanno agguagliata
al più forte tra gli uomini. Io tenni sotto la mia legge l'impero di
Nino, il quale non è conterminato ad oriente che dal fiume Indo, a
mezzogiorno dalle regioni dell'incenso e della mirra, a settentrione
dai Sogdiani e dai Saci. Prima che io fossi, niuno dei Babilonesi avea
visto il mare; io quattro ne vidi, e così lontani, che il giungervi
non era dato ad alcuno. Costrinsi i fiumi a correre dov'io volli, nè il
volli, se non dove tornasse utile alle mie genti. Fecondai le sterili
pianure; murai cittadelle inespugnabili; tra roccie impraticabili,
apersi sentieri col ferro; ampie strade si schiusero ovunque io passai,
e i miei carri sonanti trascorsero dove pur dianzi duravan fatica le
fiere. E tra queste opere, rinvenni ancora il tempo da consacrare ai
sollazzi, agli amici.»

Così posava la regina dalle aspre fatiche di guerra, tra le
splendidezze della sua città e le dovizie che versavano ogni giorno
a' suoi piedi la natura e l'industria delle soggette nazioni. Per lei
l'Arabia felice stillava gli aromi; per lei Tiro intesseva i candidi
lini e li tingeva nei più vividi colori della porpora; per lei la Media
educava i cavalli veloci come il vento, e l'India i poderosi elefanti.
Era il secol d'oro per la stirpe degli Accad, innanzi che scendessero
alle prime vendette i figli di Javan, prodi in armi e numerosi nei
troppo ristretti confini, che per poco ancora dovean mordere il freno
della servitù, mentre il loro Zerduste, il principe dalla mente
profonda e dallo sguardo acuto, ospite tributario della fortunata
regina, indarno tentava di piacere alla donna.

Ma la nube precorritrice delle tempeste non era anche apparsa sul
limpido cielo di Babilonia; vigilavano ancora a sua custodia i sommi
Dei; Ilu, il gran nume senza tempio, nè altari, poichè la città stessa
era l'altare, e tempio tutta la grande pianura fecondata da lui;
Nebo, il signore della vôlta azzurra; Belo, il dator della luce; Ao,
il pesce dio, che recò la prima civiltà dai flutti del mare; Sin,
il rischiaratore delle notti; Militta, o Derceto, o Rea, secondo i
luoghi, la Venere genitrice, la gran madre dalle cento mammelle, il cui
sacro bosco e i riti notturni chiamavano a Babilonia adoratori in gran
numero.

E la terra di Sennaar tutti liberalmente nutriva, non meno ferace di
quella che il gran Nilo inonda delle sue piene; imperocchè vi cresceano
spontanei la palma, il melagrano, l'orzo ed il sesamo; il grano rendeva
duecento volte la semente, talfiata anche trecento, e la messe ogni
anno era doppia, come sulla terra di Mesraim. Lunghesso l'Eufrate
vorticoso, i cui margini erano continuamente solcati da carri pesanti,
spaziava una pianura così vasta, che l'occhio non potea misurarne i
confini, tutta biondeggiante di biade alla vampa del sole. Di tratto
in tratto, come isole sorgenti dall'aureo mare delle mobili spiche,
s'innalzavano con agili tronchi le palme, si piegavano ad ombrello su
popolosi villaggi, composti di case tonde, dalle pareti di legno, dai
tetti conici e dalle porte alte, intonacate di bitume. Erano esse le
dimore dei coloni e dei manovali. Quelle dei capi loro, i pubblici
edifizi, i templi degli Dei, si ravvisavano agevolmente alla forma
quadrangolare, alla costruzione in mattoni, ora soltanto disseccati,
ora cotti al fuoco e smaglianti per una densa vernice d'un verde
carico. Le città, disseminate sul piano, si scorgevano in lontananza,
coi loro alti terrazzi biancheggianti e le loro torri massiccie a vasti
ripiani. Il verde vivo dei colti e dei pascoli appariva rotto qua e
là da innumerevoli linee biancastre, argini dei cento canali derivati
dall'Eufrate e condotti a metter foce nel Tigri; liquidi sentieri su
cui viaggiavano, rapide siccome la corrente voleva, portando carichi
di grano e di frutte, quelle barche a foggia di scudo, intessute di
vimini, coperte di cuoio e spalmate di asfalto, che poi, giunte alla
meta, erano disfatte, e, venduta l'armatura di legno, il nocchiero
se ne tornava pedestre, con le sue pelli sul capo, o sulla groppa
d'un somiero, portato seco nella barca, fino al villaggio lontano.
I viandanti, ond'erano popolate le strade e i villaggi lunghesso il
fiume, indossavano una lunga tunica di tela, su cui una più corta
di lana colorata e un bianco mantello svolazzante dagli omeri.
Una corta mitra, ravvolta di bianca fascia, ratteneva le lunghe
capigliature intrecciate; i piedi avean chiusi in sandali di cuoio, e
tra mani portavano lunghi bastoni ornati di leggiadre sculture, quali
raffiguranti un giglio, o una rosa, quali un leone, un'aquila, od altra
foggia d'animali. Dappertutto l'abbondanza, la ricchezza e la vita;
dappertutto le liete sembianze della fortuna d'un popolo, le cui mura,
i baluardi, le piramidi e le torri, grandeggiavano sull'orizzonte,
tinte di porpora e d'oro dai raggi d'un sole maestoso, che avea varcato
di parecchie ore il meriggio.

Questa scena mirabile venia contemplando, con occhio tra curioso e
triste, un giovine cavaliero, che scendeva lentamente, seguìto da
numerosa schiera e da salmerie ragguardevoli, lungo la riva destra del
fiume. Già il convoglio aveva oltrepassato Is, il villaggio posto alla
foce della fiumana d'asfalto; già aveva lasciato sulla sua sinistra
le antiche torri di Sippara e la vasta apertura del Nahr Malka, canal
regio, da poco tempo scavato tra l'Eufrate ed il Tigri; e Babilonia,
mostrandosi in tutta la sua pompa colossale al forastiero (chè tale
lo chiarivano i biondi capegli e le azzurre pupille, più assai che
la strana foggia del vestimento e dell'armi), gli chiamava sul volto
quell'aria di ammirazione ad un tempo e di tristezza, che abbiamo
notata pur dianzi.

Fin dai primi albori del giorno, la gran città gli era apparsa alla
vista, sull'estremo confine dell'orizzonte. E da quell'ora una strana
impazienza signoreggiava l'animo del giovane condottiero; però la
cavalcata volgea più spedita, e più brevi erano state le soste,
quantunque già gli ardori del sole si facessero sentire più molesti,
consigliando le carovane a batter le polverose strade di nottetempo,
pe' silenzi dell'amica luna, che giungeva allora al suo colmo. Egli
era in sul finire del mese di Sirvan, che è il terzo dell'anno dei
Babilonesi, computandone essi il principio dal giunger di primavera,
allorquando lo sciogliersi delle nevi sui monti di Armenia fa crescere
a dismisura l'Eufrate. Ora nel mese di Sirvan s'è già scemata la piena,
e la vampa del sole, che matura le spiche sui gambi frondosi, consente
di foggiare a mattoni l'argilla per la costruzione delle case; donde
esso è chiamato eziandio il mese del mattone dalle genti di Sennaar.

Era egli così desideroso di giungere in Babilonia, il giovane
cavaliero? E gli sguardi, or curiosi, or mesti, ch'egli volgeva
d'intorno, che significavano essi? Una strana mistura di contrarie
sensazioni gli traspariva dal volto. Talfiata, sviando gli occhi dalla
meta del suo viaggio, si faceva a contemplare l'Eufrate, seguendo con
fanciullesca curiosità le zattere galleggianti, coperte d'un bianco
tendale, cariche di anfore, in cui si chiudeva l'inebbriante liquor
della palma, lentamente condotte da uomini armati di lunghe pertiche,
le quali scendevano con metro alterno a pigliare la spinta dal letto
del fiume. Più oltre erano viaggiatori di povero stato, i quali, per
cansare la fatica pedestre e il polverìo delle strade battute, con la
lor tunica e il cappello piegato a mo' di turbante sul capo, scendevano
la corrente, aggrappando le braccia intorno a un otre gonfiato. Altrove
erano donne, facilmente riconoscibili al bianco drappo che copria loro
la testa e il collo, agili e destre nuotatrici, che con una mano si
reggeano a fior d'acqua, e sull'altra, obliquamente protesa in alto, e
sulla eretta cervice, recavano canestri di frutte, o scodelle di latte,
a refrigerio dei viandanti.

Lieto spettacolo, che pure non rallegrava a lungo l'aspetto del
giovine. Ad ogni tanto gli si offuscavano gli occhi, sotto l'arco
delle sopracciglia aggrondate, come se un doloroso ricordo venisse
improvvisamente a trafiggerlo. E lo assaliva un brivido, come fosse il
terrore delle cose ignote; le sue labbra mormoravano un nome amico, e
il cavallo nitriva, s'impennava, fremeva, sotto le repentine scosse del
suo mutevol signore.

Teneva a lui dietro il corteo, grave, misurato, e, a dimostrazione
d'ossequio, non ricambiando che sommesse parole. Perfino Bared, il
suo fidato Bared, che di pochi passi precedea l'ordinanza, cavalcando
quasi a paro di lui, da lunga pezza non aveva aperto bocca, per tema
d'interrompere il corso de' suoi arcani pensieri.

Alla svolta d'una macchia di lentischi, che copriva largo tratto di
terreno sopra una delle frequenti insenature del fiume, si parò dinanzi
ai loro occhi un colmo di case, tutte di più cittadinesca apparenza,
con mura merlate e siepi fiorite di giardini, che fiancheggiavano la
strada maestra.

Era quello uno dei sobborghi di Babilu, braccia poderose che la città
regina stendeva all'intorno, rivi capaci in cui traboccava il soverchio
della sua vita gagliarda. Sulla vasta piazza, donde aveva principio
il sobborgo, sostava una grossa mano di cavalieri babilonesi, belli a
vedersi per le loriche e gli schinieri di cuoio, su cui svolazzavano i
lembi dei candidi mantelli; colle lancie ritte sulla staffa, gli elmi a
cono aguzzo rilucenti sul capo, le mazze ferrate pendenti all'arcione.
Intorno ad essi, uomini e donne della terra, con idrie e guastade
tra mani, mescevano agli assetati i succhi del melagrano stemperati
nell'acqua, in ciotole di argilla.

Il giovine capo si fermò nel mezzo della via; a rispettosa distanza
i seguaci; le salmerie del pari, in lungo ordine dietro a costoro. I
cavalli delle due schiere si salutarono con sbuffi e nitriti.

Alla vista dei sopravvegnenti, i babilonesi si erano tosto rimessi in
ordinanza. Uno di costoro, il comandante, notevole al balteo frangiato
d'oro, si fece innanzi a galoppo. Bared, pigliati i comandi del suo
signore, s'inoltrò alla sua volta.

— Chi è lo straniero, — dimandò il babilonese a Bared, — che cavalca
innanzi alla vostra schiera, come principe a capo delle sue genti?

— Non conosci tu il re d'Armenia, — disse Bared a lui di rimando, —
Ara, il figlio di Aràmo, della stirpe d'Aìco?

A queste parole il babilonese inchinò la fronte sulla criniera del
suo cavallo, nell'atto che volgeva a terra la punta della sua spada
ricurva.

— Bene dovevo io argomentarlo, — rispose egli, — poichè il suo volto
è pari a quello d'un Dio, e nelle sue pupille Nebo ha diffuso, come a
prediletto figliuolo, il sacro colore della vôlta celeste. —

E sceso prontamente d'arcione, si fece incontro al cavallo del re, per
tenerne, in segno di onoranza, le redini; indi soggiunse:

— Ben venga Ara il bello, il figliuolo di Aram, nel mese fortunato,
nel giorno avventuroso, alle porte di Babilu. La gran Semiramide, cui
Belo ha concessa la vittoria della spada e l'impero dello scettro sui
potenti della terra, attendeva impaziente il grazioso principe ed il
suo nobil tributo.

— Non tributo, ma dono; — rispose prontamente il re d'Armenia,
aggrottando le ciglia. — Babilonia è possente, ma la stirpe d'Aìco, più
che dalla amicizia di Nino, dalle opere sue ripete il diritto di portar
la benda di perle. Nemici da prima, e più e più volte alle prese,
furono i padri nostri coi re della vasta pianura; amici ossequenti noi,
non vassalli.

— E sia; — soggiunse l'altro arrendevole; — meglio amici ossequenti,
che sudditi impazienti di freno. Ora ti piaccia, generoso signore,
di venire alla stanza che la regina ti ha assegnata, a ristoro dalle
fatiche del viaggio, innanzi di accoglierti in Babilonia, colla pompa
che ad amico re si conviene. —

Il re d'Armenia non proferì verbo, in risposta all'ossequioso invito;
ma con un lieve cenno del capo e con un gesto cortese, diè libertà al
babilonese di risalire in arcione. Egli quindi già stava per toccare
di sprone e ripigliare il cammino; ma non gliel consentivano le
dimostrazioni cortesi degli abitanti del borgo, che s'erano accalcati
sul suo passaggio, profferendo il vin della staffa ai nuovi venuti.

Fatta audace dalle esortazioni dei più vicini, ma accesa di rossore
e tremante, una fanciulla s'era inoltrata al cospetto del giovane,
per offrirgli la tazza ospitale. Ed egli volonteroso la raccolse
dalle sue mani, vi intinse il labbro, indi la restituì, accompagnando
l'atto d'un leggiadro sorriso, mentre ella era rimasta come estatica a
contemplarlo, e la moltitudine intorno a lei andava ripetendo: Ara il
bello! invero, egli è simile a un Dio.

Per fermo, nessun nome era più meritato di quello che al giovane
re d'Armenia avea dato il suo popolo e che la fama viatrice aveva
consacrato, per tutta la gran valle dell'Eufrate e del Tigri. Giusto di
membra, agile insieme e gagliardo, appariva egli nel suo modesto arnese
di viaggiatore, sotto le pieghe del suo breve mantello svolazzante,
chiuso il petto in una tunica grigia, listata di rosso, cinto i lombi
di una fascia di lana, sotto cui si annodavano i sostegni della spada,
fedele amica al suo fianco. Biondi e riccioluti capegli uscivano in
ciocche abbondanti dagli orli di una mitra di pelliccia nera, ornata al
sommo d'una borchia di gemme e da un mobil ciuffo di penne, bellamente
incoronando un viso bianco di neve, specchio vero dell'anima, tanto,
ad ogni interno sussulto, rapidamente si tingea di vermiglio. Ampio
e prominente l'arco delle sopracciglia, dava risalto al limpido lume
degli occhi azzurri; le guancie ignude, il mento e il collo di contorni
soavi, delicati, quasi femminei, il naso profilato e diritto ad una con
la scesa del fronte, il labbro superiore adombrato di lunghe, sottili e
morbide basette, formavano su quel nobile sembiante un misto indicibile
di dolcezza e di forza.

In lui si diceva che rivivessero le meravigliose sembianze d'Aìco, il
fortissimo progenitore della sua stirpe. E le ballate degli armeni
rapsòdi, lui già celebravano destro arciero, valoroso domatore di
cavalli, guerriero animoso ed invitto, siccome il suo grande antenato.
Che più? Lui seguivano gli sguardi del popolo obbediente, lui le
acclamazioni delle pugnaci tribù, lui i sospiri delle vezzose donne
d'Armavir e delle sponde di Van. Ara il bello, Ara il prode, Ara il
prediletto, dicean le canzoni.

Dato il tempo necessario, non già all'ammirazione del popolo suburbano,
bensì alle cortesie del beveraggio, il re d'Armenia si mosse, e dopo
lui la numerosa sua cavalcata, con alto strepito di bardature, fragor
di spade nelle terse guaine, tintinnìo di frecce nei capaci turcassi,
pendenti dall'omero, insieme coi grand'archi aicàni. I cavalieri
babilonesi precedevano, in segno di onoranza, il corteo.

Già il sole era da lunga pezza calato dietro i confini del deserto
lontano, allorquando la schiera giunse finalmente alla vista d'Imgur
Bel, il vasto cerchio di mura, la cui cresta di torri nereggiava nello
spazio, poc'anzi rossastro ancora degli ultimi riflessi del giorno,
ed ora tinto in azzurro, al tacito lume degli astri. Era una veduta
fantastica, meravigliosa, solenne. Là in fondo, all'occaso, Barsìpa,
la città sacerdotale, santuario dell'arcana scienza degli Accad,
levava al cielo le smisurate sue moli. La torre delle sette luci, i
cui alti ripiani colorati avevano riflesso alla vampa del sole il nero
smagliante, il bianco, il ranciato, l'azzurro, lo scarlatto, l'argento
e l'oro, sacri alle sette sfere luminose, non offriva più allo sguardo
che un bruno ammasso foggiato a scaglioni, vera scala murata da un
popolo di giganti per dare l'assalto al cielo.

Più verso il mezzo, torreggiava la piramide a tre piani, consacrata
alle fondamenta della terra; e a' suoi piedi si stendeva la immane
città, partita in due dall'Eufrate, il cui vano trapelava da un lungo
strato di vapori diffusi. Più oltre, a manca dei riguardanti, una
maggior distesa di moltiformi edifizii, di terrazzi sovrapposti e di
torri, su cui grandeggiava un'altra gran mole, la reggia di Semiramide,
cittadella ampiamente bastionata sulla riva sinistra del fiume,
incoronata di templi, loggiati e giardini, dal cui sommo una lieta
famiglia di piante, tributo di stranie contrade, protendevano in alto
le larghe braccia frondose. La luna, apparsa in quel punto, vestiva
d'una vaporosa luce quella magica scena, che si venia lentamente
ascondendo alla vista dei cavalieri, dietro la fosca merlatura di Imgur
Bel, a mano a mano che questi s'avvicinavano al fosso.

Giunsero alla perfine in capo del ponte e videro la porta di bronzo,
spalancata per dar adito ai nuovi ospiti di Babilonia. Squillarono le
trombe di rame; scalpitarono le zampe ferrate dei cavalli sull'ampio
tavolato di cipresso; rimbombò il profondo androne, custodito da denso
stuolo d'arcieri, e il re d'Armenia entrò sotto la maestosa vôlta, al
fumoso chiarore delle faci intrise di nafta, in mezzo ai tori alati dal
sembiante umano, colossali chimere, che pareano guardarlo sospettose e
superbe, attraverso le loro pupille di smalto.

Oltrepassato l'androne, e con esso la prima cinta di mura, si offerse
alla vista dei cavalieri una larga spianata, chiusa intorno da colti
e da pascoli; indi una strada, corrente tra due filari di piante, qua
e là tagliata da vie minori, fiancheggiata da rigagnoli, acconci ad
inaffiarle nelle arsure del giorno. Folta l'alberatura ne'dintorni;
rade per contro le case; quasi tutti edifizii pubblici e alloggiamenti
di soldati, naturalmente posti tra la cinta esterna e Nivitti Bel, che
è il secondo e più ristretto baluardo della città. Di qui, per altro,
s'incominciavano a udire i soffi della poderosa vita babilonese, suoni
e rumori confusi come il ronzìo d'un immenso alveare.

Al giovine principe accadeva ciò che a tutti suole in mezzo al
frastuono d'una città non mai veduta, nel brulichìo d'una gente ignota,
che va, viene, attende a tutte le cure, a tutti i sollazzi della
vita, senza badar punto a noi, granellini di sabbia travolti dal caso
nel turbinoso suo giro. Ei si sentiva come a disagio, sopraffatto,
confuso, pieno di quella mestizia che non muove da vere cagioni, ma
che è piuttosto il frutto del turbamento e dell'incertezza. Così il
giovane arbusto, condotto a vivere in estranio terreno, rimane alcun
tempo perplesso, ad occhi veggenti intristisce, prima che le sue radici
si facciano a bere con la usata vigorìa i succhi vitali della nuova
dimora.

E s'inoltrava frattanto, mentre d'intorno a lui il frastuono cresceva,
e liete torme di popolo sbucavano dal fondo, biancheggiavano nella
vasta ombra de' platani, si lumeggiavano alla spera dell'astro
notturno, e, a mala pena guardando la tacita cavalcata, voltavano per
certi sentieri a manca dei sopravvegnenti, sparivano e riapparivano tra
il folto d'una selva vicina, donde, insieme con le fragranze dei cedri
e dei gelsomini, veniano sprazzi di luce e buffi di festose armonie.

Bared, che, dopo l'entrata d'Imgur Bel, aveva affrettato il passo del
suo destriero e cavalcava a paro col re, per esser più pronto a' suoi
cenni, ruppe timidamente il silenzio.

— Non pare a te, mio signore, il grato suono del cembalo?

— Sì; — rispose il principe, crollando mestamente il capo; — Sandi era
valente per cavarne i suoni più dolci, e la sua voce più soave ancora,
quando egli cantava le sue belle canzoni. —

Bared, fatto peritoso, non soggiunse più motto. Ma il principe,
quasi volesse discacciare il triste ricordo, si volse al condottiero
babilonese, che gli venìa da diritta, e gli chiese nella lingua di
Sennaar:

— Amico, che suoni son questi?

— Siamo oggi al plenilunio, — rispose l'altro sollecito, — e si
festeggia Militta Zarpanit, la dea della gioventù, della bellezza
e dell'amore, la consolatrice dei cuori, anima e vita della feconda
natura.

— Lieta è Babilonia! — esclamò Ara pensoso.

— Sì, lieta; — ripigliò l'uffiziale, — e tu giungi in buon punto,
o possente signore. Il tuo volto, splendido come quello di Nergal,
l'astro della luce rossiccia, farà palpitare il cuore delle vezzose
figlie di Babilu. —

Un placido sorriso sfiorò le labbra del principe. La bellezza, virtù
del corpo, come la virtù, bellezza dell'anima, non è mai insensibile
alla lode.

— Labbro incantatore! — diss'egli.

— Ed è pubblico il rito? — entrò a chiedere Bared.

— Il sacro bosco è aperto ad ogni maniera di visitatori. Qui convengono
le genti di Sennaar e gli stranieri delle più lontane contrade. Se ti
piace, — proseguiva il babilonese, volgendo il discorso al principe, —
appena smontato alla dimora che la possente regina per questa notte ti
assegna, potrai mescerti liberamente alla folla e non conosciuto vedere
quanti più nobili giovani e più leggiadre donne Babilonia racchiude.
Ma eccoci; questo è l'alloggiamento per te, e pe' tuoi cavalieri, a cui
Nebo conservi il loro glorioso signore. —

La cavalcata diffatti era giunta dinanzi ad un vasto edifizio di
due piani, le cui mura salde e profonde si vedevano rinfiancate
da contrafforti di mattoni, fino ad una dicevole altezza, dove
incominciava un fregio di lucide squamme, corrente per lungo sotto
una fila di spaziose finestre. Il grand'arco della porta metteva
ad un ampio cortile, ne' cui fianchi si aprivano le stalle capaci,
e gli alloggi de' soldati e dei servi. Al piano di sopra erano gli
appartamenti del re e de' suoi uffiziali.

Discesi d'arcione, i seguaci del re d'Armenia si diedero con alacrità
ai loro apprestamenti di riposo, ognuno secondo l'ufficio suo; i
cavalieri a dissellare, stregghiare e rinfrescare gli affaticati
destrieri; i custodi de' cammelli, i bagaglioni e i serventi, a riporre
gli arnesi, le provvigioni e i preziosi fardelli; tutti, da ultimo,
veduto come più nulla bisognasse ai fedeli compagni del loro viaggio,
pensarono a ristorarsi di cibo, di bevanda e di sonno.

Seguìto di Bared, il giovine Ara s'avviò alle sue stanze. Due eunuchi
della reggia erano ad aspettarlo colà, per additargli la camera adorna
di sontuosi tappeti e morbide pelli di fiere, col suo letto di soffici
piume steso nel fondo, sotto un padiglione di porpora. Lo guidarono
essi allo spogliatoio, tutto fragrante di preziosi stillati, e al
tiepido bagno, dove l'acqua spicciava dalle fauci d'un leone di bronzo
nell'ampia vasca di pietra.

Ed essi, mentre il giovane signore attendeva a quelle cure, così
geniali dopo le fatiche d'un lungo viaggio, apprestavano sulla mensa
i cibi eletti, il vasellame lucente, l'acqua fresca come neve e
l'inebbriante liquor della palma.

Ara uscì poco stante dal suo spogliatoio, fiorente di bellezza e di
gioventù, raggiante al pari d'un dio. Lasciate le vesti polverose e
le fogge natali, aveva indossata la doppia tunica babilonese, bianca
di sopra con fregi d'oro sui lembi, e azzurra di sotto, siccome era
azzurra la clamide, che portava ravvolta con bel garbo sugli òmeri.
Azzurri i calzari, che gli saliano allacciati alquanto più su della
noce del piede; bianca, con fregi d'oro, la mitra sul capo.

Quelle ed altre vesti in buon dato l'ospitalità regale di Semiramide
apprestava al pronipote d'Aìco. Egli avea scelte le manco sontuose;
ma come avrebbe potuto farle parere più umili? Bellezza e gioventù
dànno luce più viva ed allegra che non gli ori e le gemme; aggiungono
leggiadria, freschezza e splendore ad ogni cosa che le circonda.

— Invero, — disse Bared a lui, come lo ebbe veduto, — il babilonese ha
ragione; chi non ti amerebbe, o signore?

— Ah! — rispose il principe con accento malinconico, rimirando le sue
vesti mutate. — Così Sandi vestiva! Povero Sandi! —

E così dicendo si lasciava cadere su di uno sgabello, di rincontro alla
mensa. Ma Bared non gli consentì questo ritorno alle tristi ricordanze.
Erano soli e le ragioni dell'amicizia ripigliavano il sopravvento su
quelle dell'ossequio.

— Suvvia, mio dolce signore, — gridò egli con voce affettuosa; — non
lasciarti soverchiare dalla mestizia dei lontani ricordi. La vita è
tale per tutti: luce e tenebre, sorrisi e lagrime, pur troppo! Schiavi
al voler degli Dei, tutti ci attende la morte; mostriamoci dunque
uomini forti davanti al destino!

— Oh, Bared, mio ottimo Bared, lo so; tutti morremo, un giorno! Ma
poss'io dimenticare l'amico della mia giovinezza? Questa città è una
tomba, dove Semiramide impera.

— Tu la vedrai domani; il babilonese te lo ha detto, nel prender
commiato da te; a domani, dunque, i molesti pensieri. Vieni, mio dolce
signore! Fino a domani ignoto in Babilonia, qual migliore occasione
per veder la città? Vieni; ci aspetta il tempio di Militta Zarpanit; ci
aspettano questi riti notturni, così famosi nel mondo. —



CAPITOLO II.

Militta Zarpanit.


Tra Nivitti Bel ed Imgur Bel, nel tratto settentrionale di quella
lunghissima zona di lieta verdura che corre tra i due baluardi, come
diadema intorno alla fronte d'una regina, è il sacro bosco e il tempio
di Militta Zarpanit, la gran madre, la provvida fecondatrice del germe,
colei che esalta la potenza dei figli di Belo.

Folte macchie di lentischi e di mortelle, di cedri e di salici,
fiancheggiano le vie tortuose e i sentieri dove luce non giunge. Tutto
intorno cespugli di gelsomini e di rose, liberali de' sottili effluvî
che inspirano l'amore, siccome all'amore dispongono i leni susurri
dell'aura vespertina e i gemiti delle colombe, libere abitatrici
del luogo, venerate messaggiere della Dea. Il sacro amòmo dal ceppo
sarmentoso si leva coi tralci, si avvinghia alle piante maggiori,
spandendo ombra di molteplici foglie e fragranza di rosei grappoli sui
misteriosi recessi. Da un lato la via maestra, o regale; dall'altro
l'Eufrate; in mezzo alla selva, murato su d'un poggio, è il tempio
della Dea, con la sua cupola gialla, lungi splendente dal colmo dei
rami intrecciati.

Militta Zarpanit! Donde il tuo culto, che le tarde generazioni vedranno
fiorente presso tutti i popoli antichi, all'alba della lor vita
affannosa? Gli Dei, che simboleggiano la forza degli elementi, ma più
assai la paura degli uomini, spariranno dagli altari; i possenti della
terra, i fondatori di città e di regni, santificati dall'ossequio
del volgo, saranno dimenticati o confusi; ma il culto della bella
natura, il culto della gran madre feconda, il tuo culto, o Militta,
non perirà. Belti, Militta, Zarpanit, Thaaut, Rea, Istar, comunque
ti piaccia esser nomata dalle genti di Sennaar; Astarte a Tiro,
Derceto in Ascalona, Afrodite fra gli Elleni, Venere tra gli ultimi
Esperii dei mondo antico, i tuoi riti saranno uguali dovunque, comechè
sformati dall'indole varia dei popoli, dalla naturale trasfigurazione
del simbolo, dal riuscir del mito in leggenda. A te sacro dovunque il
mirto, a te le colombe, a te non mai sacrifizio di vittime fumanti, ma
offerte di odorate ghirlande e incruento olocausto di cuori.

In te si venera la diva natura, che rinacque sorridente e gloriosa
dall'onde. Te, sorgente dalle spume, vide la memore sapienza
ellena; preceduta dalla colomba, lieta apportatrice del ramoscello
verdeggiante, ti celebrarono le prime istorie della figliuolanza
di Sem. L'apparir tuo fu mostra di possanza, non doma dal flutto
devastatore; il ramoscello dell'alato messaggiero recò il tuo primo
saluto ai superstiti, ricondusse la speranza nei cuori. E rinata
alla luce, investita dalle vampe maritali del fuoco interno, vigilata
dall'insaziabile sguardo dei corpi celesti, amata amante di avventurosi
mortali, fosti feconda di nuovi frutti alle genti; le quali ti
riconobbero madre, dalle tue cento mammelle succhiarono la vita, e il
tuo culto leggiadro recarono divotamente con sè, allorquando, rifatte
dai primi terrori, si sparpagliarono allegre e fidenti sulla faccia del
mondo.

Imperocchè (chi nol sa?) da mezzogiorno e da occidente vennero i primi
apportatori di civiltà alla terra di Sennaar, a mano a mano che su
per l'erta delle convalli mediterranee li sospinse la piena crescente
dell'acque, dopo che cadde inabissata nei gorghi marini la prisca terra
d'Atlante e il tremuoto spezzò le immani serraglie di Abila e di Calpe.
E dal mare ebbe Babilu i suoi fondatori, i suoi demiurghi. Ilu, il suo
primo Iddio, il suo primo terrore, è librato sulla distesa dell'acque,
o posa sulla vetta dei monti, negro come la nube che lo circonda,
pregno di nembi e di folgori. Dal suo grembo squarciato escono le tre
forze arcane, quasi le tre forme della sua medesima essenza: Anu,
il caos primordiale, Bel, la potenza ordinatrice, Hoa, lo spirito
intelligente dell'universo. L'ultimo tra questi è il dio più sensibile,
il più noto, il più dimestico ai volgari intelletti; egli è il pesce
dio, che reca i primi comandamenti all'umano consorzio. Daokina è
la sua forma femminea, venuta anch'essa dal mare, emersa dai flutti
dell'Eritreo. Lasciate che il mito si svolga; egli assumerà nuove
parvenze, altri significati, altri nomi.

Difatti, agli Dei cosmogonici succedono a breve andare gli Dei
siderali. Abbia la divinità un aspetto visibile; se il cielo è sua
dimora, il cielo donde si sprigionano i nembi, il cielo donde ci piove
la luce, vediamola nello spazio azzurro, vediamola in quelle grandi
pupille di fiamma che assidue dardeggiano il mondo. Così i prischi ed
oscuri elementi si rinnovano, ricompaiono in luce di stelle, ed alla
vecchia triade cosmica, ecco tener dietro la triade celeste, Sin,
Samas, Iva, anch'essi rinfiancati di lor forme femminine. Sin, l'astro
della notte, risponde al dio delle tenebre, al caos; Samas, l'astro del
giorno, risponde alla potenza ordinatrice del creato; Iva, lo spirito
dell'etere, l'atmosfera trasparente, risponde allo spirito penetratore
dell'universo, al pesce dio venuto dai gorghi del mare.

E adorati questi fulgentissimi numi, perchè non si adoreranno gli
astri minori? Ecco, la triade si scempia ancora in tutti quei luminosi
pianeti che scintillano la notte nel firmamento azzurro. I nuovi
regnatori delle are son questi: Ninip, o Adar, il lontano astro che si
circonda d'un candido anello, e i cui satelliti, nascondendosi tratto
tratto dietro al suo disco, lo faranno apparire divorator de' suoi
figli; Merodach, il più appariscente, il più splendido, epperò dal
popolo babilonese chiamato figlio di Bel, e adorato più tardi siccome
il vero monarca de' cieli; Nergal, il corrusco di luce rossiccia, fatto
signore dell'armi; Nebo, il sapiente, protettore della eloquenza e
della autorità regale, non ancora sformato dalle volgari leggende, che
tra gli Elleni lo diranno rapitore di mandrie; Istar, finalmente, la
stella dei soavi splendori, che la venerazione delle genti confonderà
coll'antica Beltis o Bilit, forma femminea di Bel, e con Daokina, la
compagna di Hoa. Astro in cielo, anima della natura in terra, diviene
la consolatrice dei cuori, la increata bellezza, la fonte dell'amore;
celeste, è Taauth; terrestre, è Zarpanit. Eccola adunque, sempre una in
tutte le sue svariate sembianze, nata dalle onde, splendente nei cieli,
vivente nel creato, cara ai mortali, madre, signora ed amante.

A lei sacro tutto ciò che risplende per grazia e leggiadria; a lei
sacra la lieta fecondità; a lei sacro l'amore che ingentilisce i
costumi. A lei dedicate le prime pietre che il volgo agreste ammirerà,
sporgenti, solitarie, scalzate dalle acque, lunghesso il dorso dei
monti; a lei i primi simulacri che il fantastico genio dell'India
ornerà di cento mammelle, a significarne la materna abbondanza, laddove
il genio più corretto degli Elleni la ritrarrà nelle sembianze della
donna amata, e vedrà il sommo della sua divina beltà nel complesso
di tutte le bellezze di Grecia. A lei consacrate le isole e i boschi
odorosi, dove gemono le colombe e sguardo profano non penetra i dolci
segreti. Ogni umana cosa si corrompe pur troppo, e la casta adorazione
cederà il luogo a mostruosi misteri; dei quali, al postutto, è agevole
il sentenziare, col sangue e il giudizio assottigliati da migliaia
d'anni trascorsi.

E Militta Zarpanit chiamava ai suoi amabili riti la gente di Sennaar.
Era essa la divinità più grata al popolo babilonese. Belo, insieme
con le sette sfere lucenti, aveva la sua torre dai sette piani e dai
sette colori nel borgo sacerdotale di Barsìpa. La triade antica delle
fondamenta della terra aveva la piramide di tre piani, innalzata in
quella parte occidentale della città che è più vicina all'Eufrate. Ilu,
il temuto iddio delle acque, avea la città tutta quanta e la soggetta
pianura; Nisroc, o Salman, núme dalle ali e dal rostro aquilino, Assur,
il protettore, nella cui faccia umana e nelle membra di toro alato
raffiguravasi la forza e l'intelligenza divina, custodivano, paurosi
simulacri, le cento porte di Babilu Militta, più soave e più cara,
aveva sulla riva destra del gran fiume il suo tempio, i penetrali, la
selva e i riti notturni. Non risplendeva essa, amica stella nei cieli,
la prima ad apparire dietro al sole cadente, l'ultima a dileguarsi ai
primi chiarori dell'alba?

Il suo bell'astro scintillava nell'azzurro sereno, accanto alla colma
luna, rallegrando il creato di miti splendori, allorquando il giovine
Ara, vestito delle nuove fogge babilonesi, si inoltrò, in compagnia
del suo Bared, sotto i platani che faceano confine alla selva. Quel
lieto viavai di gente sconosciuta, que' volti sfavillanti di gioia,
quelle donne a mezzo velate che si appoggiavano fidenti al braccio
degli amati, quel luccichìo di fiaccole, quell'effluvio di fragranze,
quell'onda di musicali concenti tra i rami, rapivano il suo cuore,
facendolo immemore d'ogni cosa, susurrandogli arcane parole, che
avevano un'eco nel profondo dell'anima. Giovinezza beata! come le
arride il futuro! e come i suoi dolci incantesimi possono far tacere in
lei le mestizie d'un passato, che ancora non ha avuto agio di mutarsi
in assenzio! A lui l'ignoto, con le sue lusinghe, le promesse, le
speranze dolcissime, sorrideva sotto quei rami in quella moltitudine
appariscente e festosa, immagine del mondo in cui egli era entrato
per la porta d'avorio. Ed ammirato, estatico, fuori di sè, saliva
lentamente, rasentando le belle coppie innamorate, pei meandri del
bosco.

Com'egli fu giunto al sommo del poggio (chè tale era la forma del sacro
recinto), gli si parò davanti agli occhi la maestosa mole del tempio,
torreggiante su d'una piattaforma che gli facea terrazzo in giro, e a
cui si saliva dai quattro lati, la mercè di ampie gradinate. Le mura di
sostegno si vedeano fregiate di bassorilievi e dipinti, in onore della
Dea, e di iscrizioni, scolpite nei venerati caratteri della stirpe
degli Accad, somiglianti a chiovi impressi per lungo ed in mille guise
intrecciati. A' piedi delle gradinate vegliavano leoni di granito;
certamente posti colà, sotto gli occhi della Dea, come emblemi della
forza, cui la bellezza soggioga. E il tempio difatti innalzavasi poco
più in alto, cinto da doppio giro di colonne, coronato di capricciosi
fregi e di eleganti merlature, sormontato da una svelta cupola,
rilucente nello spazio azzurro ai raggi della luna.

Il suono dell'arpe e dei cantici era da pochi istanti cessato innanzi
all'ara della gran madre Militta, e già la moltitudine devota scendeva
a torme dal limitare, spandendosi lungo i terrazzi e per le scalinate,
a guisa di fiume che rompa fuori dagli argini. Il vano della gran porta
appariva vestito dell'aurea luce, ond'era sfolgoreggiante l'interno, e
di là venian profumi d'incenso, di gálbano, di cinnamomo e di mirra.

Dopo essere rimasto un tratto immobile a contemplare da lunge quella
scena incantevole, il re d'Armenia si avviò verso la gradinata, in
mezzo alla moltitudine, che scendeva dal tempio, o saliva.

I raggi della luna rischiarando il suo volto e la leggiadra persona,
si fece a breve andare dintorno a lui quella ressa curiosa, quel
bisbiglio, quell'avvicendarsi di domande e di ammirazioni, che furono
mai sempre, e saranno, il più naturale omaggio reso alla bellezza dal
volgo dei riguardanti. Ora, presso i babilonesi, come presso tutti i
popoli antichi, più schietti adoratori della forma, quell'omaggio era
più facile a rendersi, nè solamente riservato alla donna, come accade
tra noi, non so se più austeri, o più invidi.

Turbato un tal poco da quegli atti curiosi e da quelle voci di
meraviglia, il giovine affrettò il passo fin sopra la spianata;
s'inoltrò sotto il pronao del tempio, che era sorretto da enormi
tronchi di palma foggiati a colonne, ed oltrepassò il sacro limitare,
fiancheggiato dai simbolici leoni di pietra.

Colà, un più meraviglioso spettacolo si parò davanti agli occhi del
giovine. Sulle prime, tra per la luce riflessa dalle lamine d'oro e
d'argento, che correano alternate sull'alto delle pareti, e per la nube
d'incenso che si diffondeva nell'ampio recinto, parve a lui d'essere,
anzi che tra' mortali, nella regione dei sogni, in cui si pregustano
le delizie celesti. Ma, a poco a poco, avvezzando lo sguardo a quella
vaporosa veduta, egli potè discernere partitamente ogni cosa.

La cella sacra, dov'egli avea posto piede, era un'ampia sala
quadrilunga; conterminata da un'abside, su cui si levava la cupola,
già veduta di fuori. Le mura tutto intorno apparivano ornate di
stucchi, con iscrizioni e bassorilievi colorati, fino all'altezza degli
stipiti di un gran numero di porte, le quali mettevano alle camere dei
sacerdoti. Ai lati di queste grandeggiavano leoni e tori alati, dal
volto umano, o dalla testa d'aquila, che parevano vegliare riverenti, a
custodia delle mezze figure chiuse nel circolo eterno, con lunghe ali
distese, emblemi della divinità suprema, i quali si vedeano scolpiti
più in alto. E dove finivano le sculture e i dipinti, incominciavano
i fregi di lamine d'oro, intelaiati a guisa d'arazzi nel vano di un
finto colonnato d'argento, che saliva a sostenere un sopraccielo di
legno prezioso, partito a cassettoni, con entro rosoni ed altre fogge
di fantastici fiori, messi ad argento ed oro, siccome le colonne già
dette. Nell'abside, sotto la cupola, sorgeva l'altare di Militta, masso
di diaspro riquadrato e lucente, su cui s'innalzava il bianco simulacro
della Dea, che poggia il piede sul domato leone, e reca tra mani
il fiore della vita. Ai quattro angoli dell'altare, fumavano, entro
bracieri sostenuti da tripodi di bronzo, i quattro aromi più grati
agli abitatori del cielo; e d'ogni parte pendevano, in lungo ordine
disposte, le lampade d'argento, donde i lucignoli di bisso attingevano
l'olio fragrante, per dar luce e profumi all'intorno.

E per mezzo a quella nube d'incenso che si diffondeva dall'abside, il
principe vide uno stuolo di sacerdoti, i quali posavano dalle cerimonie
e dai cantici, seduti su sgabelli d'ebano, il cui nero lucente faceva
vieppiù risaltare la candidezza delle lunghe stole (il bianco era il
color sacro a Militta) e degli ampii mantelli in cui ravvolgevano la
persona. Il gran sacerdote si discerneva, tra gli altri, per la tunica
sfoggiatamente trapunta e frangiata d'oro sui lembi, per l'aurea
cintura tempestata di gemme e per l'aurea mitria foggiata a testa di
pesce, la cui infula scendeva ad accappatoio sulle spalle, simulando
le squamme dell'animale e la coda a due punte. Militta, non lo si
dimentichi, era altresì Daokina, e la mitria del pesce dio, portata dai
sacerdoti di Babilu, doveva coprire il capo ai ministri di ben altre
divinità, posteriori nel tempo.

Una mensa di lucido argento, sorretta da figure simboliche, era
collocata davanti all'altare e sovr'essa splendevano le liberali
offerte dei più ricchi adoratori. Capaci coppe di bronzo si scorgeano
dai lati, nelle quali ogni donna che uscisse dal tempio gittava la
sua moneta, d'argento, o di rame. E tratto tratto si vedeva alcuna di
esse, muoversi dal fondo, inoltrarsi fino all'altare, e deporre il suo
tributo, levar le mani in atto di adorazione ed uscire.

Ciò ricondusse più indietro gli sguardi del giovine. Il sacro recinto
non era anche spopolato del tutto; imperocchè, sedute in lungo ordine
su panche di legno, attorniate da curiosi che le veniano squadrando
degli occhi, stavano molte donne in attesa, con funicelle ravvolte
intorno al capo, e, ognuna di esse giusta la sua condizione, nobilmente
vestite ed adorne. Quella era per fermo la celebrazione d'un rito;
nè il re d'Armenia lo ignorava, essendo allora i misteri di Militta
Zarpanit famosi per tutte le circonvicine regioni.

Così voleva il costume, che ogni donna babilonese dovesse, una volta
in sua vita, rimanersi nel tempio aspettando, fino a tanto non avesse
pagato il suo tributo alla Dea. Ciò ch'ella riceveva dall'ignoto, il
quale accostavasi a lei, rivolgendole la frase «invoco per te la dea
Militta,» dovevasi gittare in offerta nella coppa di bronzo. Nè ella,
poichè s'era così seduta in attesa, con la funicella intorno alle
tempie, potea più respinger l'omaggio dello straniero, chiunque egli
fosse. Mostruoso rito; ma non è in balìa del narratore il mutarlo.
Forse era naturale corrompimento d'un alto concetto; forse reliquia di
più rozzi costumi, non potuta cancellare del tutto, epperò saviamente
dissimulata dalla santità della cerimonia; fors'anco, nell'uso, era
temperato da acconci convegni, da gentili artifizi, che la storia non
ha tramandati alle tarde generazioni, e che il senno di questo può
argomentar verosimili. Ma di ciò pensi ognuno a sua posta.

Ben ci raccontano gli antichi, ed è anche agevole il credere, che le
più nobili e ricche sdegnassero di mescolarsi cosiffattamente alla
comune delle donne babilonesi, nella celebrazione dei sacri misteri.
Elleno per fermo non si ristavano dallo accorrere al tempio; ma in
lettighe coperte e accompagnate da uno stuolo di servi, che recavano i
loro donativi e le debite offerte all'altare.

Una di queste felici era appunto allora nel tempio, prostrata dinanzi
ai gradini dell'abside, su d'un morbido cuscino che sotto i ginocchi le
avea posto un'ancella, mentre un'altra deponeva sulla mensa il presente
della signora, aromi e polvere d'oro in vasi d'alabastro.

Quella donna, veduta appena, trattenne lo sguardo del giovine. O
fosse la singolar leggiadria delle forme, non potuta nascondere dalle
pieghe del velo che tutta le involgea la persona, o il suo rimanersi
in disparte e la compagnia delle ancelle, che la dicevano donna di
ragguardevole stato, od altra più riposta cagione (che molte ve n'ha,
sottili, inavvertite ed arcane, per disporre in varie guise la trama
degli eventi), fatto sta che quella donna velata, lontana, ignara di
lui, gli occupò la mente, lo disviò da tutta quella moltitudine di
aperte e sorridenti bellezze, che in lui figgevano i grandi occhi neri,
pieni di schietta ammirazione a di dolci lusinghe.

Tanto può l'ignoto sull'animo nostro! Così tenui sono le fila in cui ci
avvolge il destino!

Ella era inginocchiata dinanzi all'altare, in atto di preghiera, mentre
alcuni adolescenti ministri del tempio venìan raccogliendo di mano alle
ancelle i preziosi donativi della sconosciuta supplichevole.

— Militta ti vede e ti ascolta! — le avea detto il gran sacerdote; — ti
conceda ella ciò che le tue preghiere dimandano. —

Ara non poteva distogliere lo sguardo da lei. E più la rimirava, e
più si riempiva il suo cuore di dolcezza ineffabile; come se da quelle
forme mal note emanasse un tiepido effluvio che, tutto investendolo,
gli s'infiltrasse per ogni meato nel sangue. E una speranza, un
desiderio, uno struggimento gli cresceva grado grado nell'anima, di
vederla in volto, d'essere veduto, di non essere un ignoto per lei.

Donde nascono essi, questi moti repentini del cuore, soventi volte
datori d'un nuovo indirizzo alla nostra esistenza, che ci fanno di
punto in bianco, quasi per virtù d'incantesimo, consapevoli di noi,
cosicchè ci sembri, o di vivere per la prima volta, o di non aver
vissuto mai di vera vita da prima? Bagliori improvvisi nelle tenebre
dell'intelletto, voci arcane all'orecchio, tumulti nel cuore, inni
prorompenti dai penetrali dell'anima, donde traggono essi l'origine?
Dal nulla, chi guardi all'apparenza, come dal nulla hanno vita i
fantasmi dei sogno; ma il savio, che scruta i segreti della natura
e argomenta le cause non viste, si raccoglie umilmente nella sua
pochezza, e ciò che ancora è sfuggito al suo spirito indagatore, non
deride egli, per fermo, e non nega.

Così ammaliato, ignaro di sè, il giovane s'era fatto più innanzi e più
presso alla sconosciuta, quasi volesse inebbriarsi dell'arcano effluvio
ond'era soggiogato, o raffigurarsi, comechè imperfettamente, il profilo
di quella testa, sotto le pieghe del velo che l'ascondeva, o cogliere
a volo, respirare un alito di quelle preghiere che ella rivolgeva
all'altare.

— Che chiede ella a Militta? Forse il suo cuore arde, si strugge
d'un amore disperato, e prega la Dea che versi sovr'esso i balsami
dell'oblio? O le voci dell'affetto non hanno ancora parlato all'animo
suo, e implora il conforto, fors'anche lo strazio, d'un amor vero e
profondo? Ed io ti chiedo, o Militta, che quella donna mi ami. —

Fu un impeto subitaneo, irresistibile, e decisivo del pari. Ascese
incontanente il primo gradino del santuario e recò la mano alla sua
cintura tutta adorna di gemme. L'aveva egli portata seco d'Armenia, e
per vezzo giovanile, rigirata al fianco, sulla tunica babilonese pur
dianzi indossata. Un grosso e trasparente smeraldo ne fregiava il nodo,
ed egli fu pronto a strapparnelo.

— È questa la mia offerta, — diss'egli avvicinandosi alla mensa, per
deporvi la gemma, — se Militta non isdegna il presente d'uno straniero.

— Bellezza e gioventù spirano dal tuo volto, come una dolce fragranza,
— gli rispose il gran sacerdote, accompagnando le parole con un paterno
sorriso. — Il tuo aspetto è d'uom caro a Nebo, ai veggente Iddio, che
dà lo scettro ai reggitori di popoli. Qual cosa dimandi tu, che Nisroc,
il signor delle sorti, non t'abbia concesso il dì che nascevi? Pure,
è bello il non fidarsi nei doni della natura, e tutto in quella vece
aspettar dagli Dei. Essi non deludono la speranza di chi li invoca
con animo riverente. E Militta, invocata, conceda a te, o giovine
straniero, il compimento de' tuoi voti, conservi a te il regno de'
cuori.

— D'un solo, e sarò il più avventuroso tra gli uomini! — esclamò il re
d'Armenia nel ritirarsi dal santuario.

Agli atti improvvisi, alle parole del giovine, la donna velata avea
rivolto il capo da quella banda; di certo essa lo aveva veduto per
mezzo alla trama sottile del bisso che le copriva il sembiante. A lui
parve che più d'una volta, e lungamente, gli occhi della sconosciuta
si fossero soffermati a guardarlo; invero, ei non li aveva veduti, ma
sentiti, e il benefico raggio gli era penetrato al cuore, che aveva
dato un sobbalzo.

Bared, in quel mentre, gli si era accostato da tergo.

— Va; — disse egli concitato al suo fedele servitore; — va a riposarti,
mio povero Bared!

— E tu, mio signore?

— Io? Non dormirò più questa notte.... nè poi; la mia pace è
perduta. —

Bared, senz'altro aggiungere, si allontanò. E il re d'Armenia, tiratosi
alquanto in disparte, per non dar più oltre nell'occhio ai curiosi,
stette immobile, estatico, a contemplare la donna velata.

Poco stante, ella si alzò, e, seguita dalle ancelle, si mosse per
uscire dai tempio.

Al giovine parve allora di veder cosa non mortale, una dea, la stessa
Militta Zarpanit, discesa dal suo altare di diaspro, per farglisi
incontro; tanta era la maestà del portamento, tanta la leggiadria
delle forme. Ed egli credette di non potersi reggere in piedi, e
istintivamente si appoggiò ad uno di quei colossali leoni di pietra,
che sporgevano dalla parete, allorquando la vide avvicinarsi, e
argomentò che gli occhi della nobil donna fossero volti su lui.

Ma si riebbe ad un tratto, volle esser forte, per cogliere al varco
la fuggente occasione. Infine, che dirà ella, se parlo? E che penserà
ella, se taccio?

Commosso, palpitante, combattuto da desiderio e da tema, fu per
accostarsi a lei; e fatto il primo passo, si rattenne ancora. Ella si
accorse dell'atto, in quella che stava per passargli dinanzi, e balenò
irresoluta a sua volta.

Non era più da rimanersi perplesso. Ara si mosse verso di lei e con
accento soave le disse:

— Perdonami!

— Che cosa? — dimandò ella, arrestandosi.

Il principe non rispose parola, tanto era turbato. Nè forse ella pose
mente a cotesto, o se vi pose mente, non le parve irriverenza. Il
rossore del giovine non era egli la più eloquente risposta e la più
schietta confessione dell'animo suo?

Ella stessa, o compassionevole, o grata, ruppe l'uggioso silenzio.

— Tu se' straniero? — gli chiese.

— Sì, sono, — rispose il giovine, pigliando animo dalle cortesi parole
e più ancora del soavissimo accento; — e se non t'incresce.... se nulla
ti chiama così presto lontano da me.... amerei dirti, o signora, una
preghiera insensata, che io feci poc'anzi alla Dea.

— Ti ascolto; — disse a lui di rimando l'incognita.

— Di vederti, — proseguì Ara sommesso, — di poter dirti che t'amo, di
essere amato da te. —

Ella rimase un tratto in silenzio, forse turbata dalle inattese parole.
Il giovane, temendo di averle recato offesa, già era per chieder venia
del soverchio ardimento, quand'ella si fece, senz'ombra di sdegno, a
domandargli:

— Mi conosci tu forse?

— No; e tu ben lo vedi, — rispose Ara, con voce carezzevole, — questa
è follia. Ma son io forse più signore di me? La Dea mi ha condotto
a forza quassù, perchè io smarrissi la pace dell'anima. E là, presso
l'altare, ho detto a me stesso che tu eri la più leggiadra donna di
Babilu. Per Militta, che tu invocavi poc'anzi, io ti chiedo in cortesia
di sollevare un lembo di quel tuo velo geloso. —



CAPITOLO III.

La rosa di Sennaar.


Le dolci parole, e più l'accento d'onesta preghiera, toccarono il cuore
della donna velata.

— E se tu ti fossi ingannato? — diss'ella, dopo esser rimasta alcuni
istanti raccolta in sè medesima, quasi volesse aspirare gl'incensi di
quel lusinghiero discorso. — Se a me non arridessero i pregi che fanno
cara la donna al tuo sesso?

— Oh, gli è impossibile! — sclamò il re d'Armenia, stringendosi al suo
fianco, mentr'ella lentamente, ma senz'aria di voler dargli commiato,
volgeva il passo al limitare del tempio. — Me lo ha detto il cuore, che
non inganna mai. Nè basta; la tua presenza, ciò ch'io vedo e sento di
te, non ti palesano forse? Tu ben lo sai, mia dolce signora; leggiadri
son sempre i fiori odorosi, e il gelsomino, celato nel verde cupo del
bosco, non tramanda più soavi fragranze di quelle che spirano dal tuo
velo, o bellissimo tra i fiori di Babilu.

— Nebo t'ha ornata la mente di grate fantasie, — soggiunse l'incognita,
— e il miele della poesia scorre dalle tue labbra. Così tu dicessi il
vero, come parli cortese!

— Or dunque, — ripigliò Ara umilmente; — non darai tu l'aspettato
guiderdone al poeta?

— Non qui; la luce del tempio non dee rischiararmi la tua confusione.
Son donna, — aggiunse ella con un fil d'ironia, — e il vero mi potrebbe
apparir troppo grave dal tuo aspetto mutato. Non dirmi nulla; so già la
risposta. —

Così la sconosciuta, per troncar le parole al giovine, che già stava
per richiamarsi a lei dell'ingiusto sospetto. Indi, come parlando a sè
stessa, mormorò, per modo che egli potesse udirla:

— Infine, mi veda egli; è la Dea che lo vuole. —

E dato un cenno alle ancelle, che tosto riverenti si allontanarono,
uscì con passo rapido e lieve sulla gradinata, quasi sfiorando il
suolo, mentre Ara le venìa tutto sollecito al fianco.

Discesi sulla spianata, e usciti fuor della calca, ma non così
prontamente come il re d'Armenia avrebbe voluto, piegarono a destra,
dove per tortuosi sentieri si scendeva all'Eufrate. Egli ebbro di
gioia; ella taciturna, lievemente reggendosi sul braccio che il
principe le aveva profferto, e tratto tratto volgendosi a guardarlo
in viso, per mezzo alla trama sottile del velo che ancora la diniegava
agli occhi innamorati del giovine.

— Ah! — sclamò ella, premendogli il braccio, al primo svoltar della
strada, che le consentiva di dare una fuggevole occhiata dietro di sè.

— Che è ciò, mia divina? — le chiese Ara turbato.

— Alcuno ci segue.

— Chi lo ardirebbe, dov'io sono? —

E così dicendo, il re d'Armenia si volse e si piantò fieramente in
mezzo al sentiero.

Un uomo, ravvolto nel suo mantello, scendeva per quella medesima via.
Ma egli non parve darsi pensiero dell'atto, e, giunto all'incontro
d'una viottola poco lunge da essi, vi s'inoltrò con passo sicuro, come
chi non avesse a fare altro cammino fuor quello.

— Tu lo vedi; egli non teneva dietro a noi; — disse il principe alla
sua compagna, ripigliando la via verso il fiume.

Indi a poco, giungevano in vista dell'Eufrate, ampia zona d'argento,
scintillante sotto i loro occhi, ai raggi del grand'astro notturno.
Una barca era legata alla riva e due donne, in cui Ara fu pronto a
raffigurare le ancelle della sua sconosciuta, andavano a quella volta.

— Tu dunque mi lasci? — gridò egli sgomentito; — ed io non avrò
ottenuta la grazia tua!

— Perchè dubiti? — chiese ella, arrestandosi.

E mandando gli atti compagni alle parole, sollevò il velo importuno,
lo arrovesciò sulla testa, lasciando così il viso scoperto al chiaror
della luna.

Il re d'Armenia mise un grido d'ammirazione. Giammai egli aveva veduto
cosa più bella.

Aperto e sereno il volto, delicatissimi e in un severi apparivano i
lineamenti, a cui cresceva incantesimo il morbido tondeggiar delle
carni, splendenti dell'aureo colore di frutto maturo. Ampia la fronte
e nitida come l'avorio, incoronata di chiome nere, ondate e lucenti,
tra le cui copiose anella si nascondevano i capi d'una trecciera di
perle, che ne faceano vieppiù risaltare la lucentezza corvina. Neri
gli occhi del pari, sfavillanti a guisa di granati siriani, profondi
come il mare, e com'esso trasparenti, facili ad esprimere le interne
commozioni, o languidamente si celassero a mezzo, sotto il velo
delle lunghe ciglia, o aperti scintillassero d'amore, o raccolti
lampeggiassero di corruccio. Tra due grandi e sottili archi d'ebano
si veniva leggiadramente incurvando la radice del naso, snello e ben
profilato infino alle nari, rosee ne' delicati contorni, come il grembo
delle conchiglie eritree. Le labbra di corallo acceso, tumidette e
madide di voluttà, pareano invitare ai baci, siccome le dischiuse
corolle dei fiori, imperlate di notturna rugiada, cercano desiose i
primi raggi del sole; ma il taglio austero di quelle labbra dinotava
un'alterezza acconcia a temperar gli ardori del sangue, a dissimulare,
se non a padroneggiare, la impetuosità degli affetti. Il superiore, un
tal po' rilevato, così che breve spazio intercedesse dalla bocca alle
nari, giusta il tipo della gente semitica, lasciava scorgere, ad ogni
moto di quella vaghissima bocca, due file di candidi denti, che faceano
più grato il sorriso; il sorriso, che è il suggello della bellezza,
come lo sguardo è il raggio dell'anima. Tre cose belle al mondo: il
sorriso sul volto d'una donna; il sole nel cielo; l'amor nella vita.

Nè era manco leggiadra la persona, che già di per sè sola avea potuto
cotanto sull'animo del re d'Armenia. Invano il candido pallio di bisso
le si ravvolgeva dintorno, sopra la lunga stola violacea, frangiata
di argento. Da que' veli trasparivano le elette forme d'una Dea, che
solo tra' Greci aveva a rinvenire uno scalpello degno d'effigiarla
nel marmo; e que' veli, lasciando indovinare i maestosi contorni di
quella sfolgorata bellezza, le conferivano quel non so che d'arcano,
donde lo spirito nostro attinge le sue voluttà più profonde. Il
collo, che si mostrava ignudo, dintornato da una filza d'amuleti, le
braccia del pari scoverte, intorno a cui si allacciavano i simbolici
serpenti, disviatori dello influsso maligno, erano miracoli di grazia,
che avrebbero ingelosito Militta ne' cieli, e trattenuto sulla terra,
immemore dei gaudii superni, uno spirito immortale.

Così splendida di vezzi, cinta del suo candido pallio, di cui la lieve
brezza notturna agitava mollemente le pieghe e i lembi disciolti,
lumeggiata da quel mite chiaror di luna, che la faceva parere quasi
uno vaporosa visione del sogno, eretta della persona, atteggiata ad
un placido riso che diceva tutto l'intimo compiacimento della conscia
bellezza, ella si stava immobile al cospetto di Ara.

Commosso da quella vista, che di tanto superava la sua medesima
aspettazione, il re d'Armenia rimase alcuni istanti muto, estatico, a
contemplarla. E bevve in quegli istanti per gli occhi, fino all'ultima
goccia, l'amoroso veleno, che aveva a conquiderlo, a farlo altro uomo
da quello di prima.

Si sentì perduto, allora, tratto fuori di sè, in balìa di quella
donna, per lei forse felice come un dio, o disperato come l'ultimo dei
viventi; nè gli dolse di ciò. L'amore è un abisso, di cui non si misura
la profondità, se non quando s'è affacciati in sull'orlo periglioso.
L'ignoto tira a sè; voci lusinghiere chiamano dal profondo, e in così
alto mare è dolce il naufragio.

— Lascia che io t'adori! — le disse, cadendo a' suoi piedi.

Ella gli sporse con grazioso atto la mano, per rialzarlo da quella umil
postura.

— No! — soggiunse egli. — Adorarti! adorarti! Concedimi di rimanere a'
tuoi piedi, siccome al cospetto d'un nume. Non sei tu stessa una dea?
Militta ha assunte le tue forme, io lo vedo, io lo sento, per farmi il
più lieto, o il più triste degli uomini. —

Arcana virtù delle parole che sgorgano dal cuore! Colpita da
quell'accento di preghiera, soggiogata da quell'aura misteriosa che
sempre accompagna un amor vero e profondo, ella si lasciò cadere, senza
far motto, su d'un sedile di sasso, nè ritrasse altrimenti la morbida
mano, che egli avea stretta fra le sue, in quell'impeto di amorosa
follia.

Ella seduta, in atteggiamento pensoso, turbata nell'intimo del cuore
da un misto di nuove sensazioni; egli inginocchiato a' suoi piedi,
palpitante, cogli occhi fisi ne' suoi; rimasero a lungo muti. Ma quante
cose non disse quel loro silenzio!

Gli astri del firmamento piovevano una tacita luce su quelle fronti
leggiadre; la brezza notturna recava loro le inebrianti fragranze
del bosco, insieme col dolce mormorio dell'Eufrate vicino; da un'agil
barca, che venìa rasentando la sponda, giungevano al loro orecchio i
grati accordi d'un'arpa e i suoni indistinti d'una cantilena, lenta
e malinconica come tutte le melodie della vecchia stirpe cussita. Il
cielo, la terra e l'onda, tutto era, intorno ad essi, un soave inno
d'amore.

Ad ambedue grato il silenzio; e la novità del caso loro lo facea
necessario del pari. L'uno all'altro stranieri fino a quel giorno
e a quell'ora, senza pure avvedersene, o presentirlo, senza esservi
tratti da quella ordinata progressione di piccoli eventi che dissimula
spesso, o fa parer meno singolare la prepotenza del destino, s'erano
essi incontrati a mala pena, e già sostavano l'uno a fianco dell'altro.
Occorreva loro anzitutto riaversi da quel subitaneo tumulto, misurare
la via in così breve spazio di tempo percorsa, raccapezzarsi infine,
leggersi scambievolmente nell'anima.

L'amore è cosa di tutti i tempi, naturale portato di tutti i cuori;
cionondimeno, chi ben guardi, è sempre maraviglioso il suo nascere,
siccome è miracolo la cosa più comune del mondo, il nascere del
fiore sul ramo, il suo svolgersi rapidamente in tenere foglioline,
il colorarsi dei petali, il vaporare ai primi raggi dei sole in
soavi fragranze. Così il maraviglioso fior dell'amore era nato ad un
tempo in quei due cuori, improvviso, spontaneo, alla prima veduta;
ed essi, respirandone i primi effluvii, a vicenda confusi e rapiti,
dimenticarono l'universo in quell'ora.

Il re d'Armenia (meglio sarebbe il dire lo schiavo di quella ignota
bellezza) fu il primo a rompere l'amoroso silenzio.

— Parlami, te ne prego! — esclamò; — fammi udire il dolcissimo suono
della tua voce.

— Che dirti! — chiese la sconosciuta. — So io forse ciò che tu pensi
ora di me?

— Ah sì! — ripigliò Ara sollecito. — Perdonami! Io mi stavo qui muto,
ad assaporar la dolcezza della tua vista, non d'altro curante che della
mia felicità senza pari. Ma potrei io operare diverso? Che dire, quando
si contempla e si adora? Ho io mai provato ciò che oggi provo? Ho io
mai veduto figlia di donna, la cui beltà reggesse al paragone della
tua? Mai, lo giuro pei sacri platani di Van, donde a noi si rivela
il consiglio dei Numi, mai ho sentito così fiero, e in un così dolce
tormento; nè tra' miei monti natali, o nella istessa Armavir, famosa
per le sue donne leggiadre, ve n'ha una che ti somigli da lunge.

— Sei tu d'Armenia? — chiese ella con piglio curioso. — E il tuo
nome....

— Ara; — rispose brevemente il giovane; — e il tuo, mia divina? Non
mi sarà egli dato di udirlo, soave al certo come il suono della tua
voce? —

Ma la sconosciuta non pose mente alla dimanda, o non la udì; tutta la
sua attenzione essendo rivolta a quel nome.

— Ara! hai detto? Ara, figlio d'Aràmo? Esso è nome di re; — soggiunse
ella, veduto il cenno affermativo di lui.

— Son io quel desso; — rispose egli umilmente; — re del popolo aicàno,
e tuo schiavo. Ma dimmi, o bellissima; come ti è egli noto l'oscuro
nome del figlio d'Aràmo?

— E a chi, lungo le rive dell'Eufrate e del Tigri, non è noto il nome
del giovine re d'Armenia, del vincitore di Masciag, dov'egli ottenne ad
un punto la palma della vittoria e la benda di perle? Non è ella forse
una benda di perle che voi cingete in capo, o figli di Aìco, quasi a
testimonianza del vostro corso vittorioso dalle cime dell'Ararat fino
ai lidi eritrei?

— Tempi di gloria! — esclamò il principe, con malinconico accento. —
Ora i leoni di Cus regnano sulla vasta pianura; le aquile aicàne si
raccolsero crucciose sui greppi.

— Donde volarono spesso a settentrione, per piombare sui mobili campi
dei predatori Turani, o ad occidente, per annientare la potenza dei
figli di Canaan. —

Così parlava la sconosciuta, e le sue parole eran balsamo al cuore del
pronipote d'Aìco.

— Grande è Babilonia, — proseguì ella nobilmente, — e non invidia la
gloria ai suoi amici della montagna. Aìco e Nemrod si guerreggiarono
aspramente; ma vivono in pace ed amistà i loro discendenti. E tu,
glorioso tra tutti i forti della tua stirpe, da quando giungesti alle
nostre mura ospitali? Ancora non hai veduta la regina? —

La fronte del giovine si rannuvolò a quelle parole.

— Son giunto poc'anzi, — rispose, — e la mia gente è qui presso, negli
alloggiamenti a noi assegnati dalla possente regina. Soltanto domani
oltrepasserò il baluardo di Nivitti Bel, con la pompa che s'addice
ad un re... ad un re tributario! — aggiunse egli, mal reprimendo un
sospiro. — Tu sei cortese, o mia divina; ma che giova il nasconderlo?
la gloria dei figli d'Aìco s'è grandemente offuscata, ed io, l'ultimo
tra essi, reco a Babilonia il tributo dell'amicizia, come il minore al
maggiore. Felice, invero, dacchè ti ho veduta e t'amo; più felice, se
mi saprò riamato da te; ma domani, pur troppo, io vedrò Semiramide!

— Pur troppo! e perchè?

— Perchè.... deggio dirtelo? Infine, sì; non sei tu la signora del cuor
mio, e non debbo io aprirtelo intiero? Perchè il mio pensiero rifugge
da costei; perchè, al solo profferire il suo nome, sento nell'anima
come un misto di terrore e di odio.

— Tu la conosci già?

— Non lei, la sua fama. Ella è possente, ma crudele; grande il regno,
ma feroci gli amori. —

Si riscosse a quelle parole la sconosciuta, e un lampo di sdegno le
balenò dagli occhi, promettitore di più fiera risposta. Senonchè,
nell'atto di guardare il compagno, così bello, così candido nel
sembiante, le venne meno il proposto; l'ira si spense e il pietoso
affetto prevalse. E allora, non senza un tal po' d'amarezza, ella prese
in tal guisa a rispondergli:

— La fama? E tu credi a questa vile menzogna? Anzitutto, sai tu donde
nasca? Non già dalla lode, così scarsa pei vivi e restìa; bensì dalla
invidia, dal maltalento, a cui giova il perfidiare, e dalla stoltezza,
cui torna agevole il credere. Semiramide ha i suoi nemici e non li
cura; ma per fermo le dorrà di vederti fra costoro. In che t'ha ella
offeso, perchè tu creda così ciecamente il peggio di lei?

— Tu l'ami, lo vedo; — le disse il re d'Armenia, con malinconico
accento; — ma io pure ho amato, e l'amico del mio cuore non è più tra
i viventi. Povero Sandi! Era egli il compagno della mia fanciullezza,
egli il mio fratello d'armi, di caccie e di giuochi, egli il gentile
poeta che mi allegrava lo spirito con le sue leggiadre canzoni.
Vaghezza di gloria lo trasse pellegrino alle mura di Babilu. Chi
non lo avrebbe amato, vedendolo? E lo vide costei, il biondo garzone
d'Armenia, che avea cantata nei suoi versi innamorati la bellissima
rosa di Sennaar; lo vide e lo amò, per ucciderlo. Così fu narrato in
Armavir; una sera egli salìa chetamente ai pensili orti della regina;
all'alba vegnente, l'Eufrate accoglieva nei suoi gorghi un cadavere.

— Ah, menzogna! — gridò ella balzando in piedi, con piglio iracondo.
— E chi ha osato calunniarla in tal guisa? Ella non vide il tuo Sandi,
io te lo giuro pe' sommi Dei, che ci stanno sul capo. Non dar vanto di
regali amori, siano essi pure feroci, come tu pensi, o re d'Armenia, a
chi forse lasciò la vita in un laccio volgare.

— Perchè ti sdegni? — le chiese Ara turbato. — Amica della regina,
troppo poco lo sei di chi t'ama. E sia pure! L'oracolo di Peznuni me lo
aveva pur detto, innanzi ch'io lasciassi Armavir! «La terra di Sennaar
ti sarà fatale!» Accusami alla regina; domani non andrò al suo palazzo,
sibbene alla morte. Non mi dorrà il morire, se dalle tue labbra mi
verrà la sentenza. —

L'accento appassionato commosse la sconosciuta.

— T'inganni; — soggiunse ella, ad un tratto mutata. — Troppo facile
trascorsi allo sdegno; ma non temere! Chi t'ha veduto una volta non
può tradirti, per fermo. A te l'amicizia offuscò la ragione; a me
l'amicizia dettò le irose parole. Se tu conoscessi Semiramide, — e qui
la voce di lei assunse un tono d'infinita mestizia, — sventurata la
diresti, non rea. Nessuno amò la povera regina, nessuno! Ella è sola,
si sente sola nel suo vasto impero, come un'isola deserta sul mare.
Chiede affetto (e chi, tra i nati all'amore nol chiede?) ma invano,
gagliardo e sincero come il suo. Ognuno in lei vede e desidera la
regina; nessuno ha amata la donna. Tu la vedrai, re d'Armenia, e se non
somigli a quanti le stanno tementi dintorno, se hai virtù di penetrare
con lo sguardo oltre il fasto regale che la circonda, vedrai dolore che
non ha uguale in terra, e che mal si tenta di nascondere nel profondo
dell'anima; vedrai fastidio d'ogni grandezza, d'ogni vanità, d'ogni
ossequio bugiardo; vedrai desiderio infinito di verità, di schiettezza
e di fede. E allora... allora non crederai alla fama, allora, forse, tu
amerai quella donna. —

Il giovane crollò mestamente il capo, come chi, non potendo assentire,
non ardisce pure far contro.

— Perchè, — entrò egli a dire, — ci diam noi pensiero di ciò? Tristi
ricordi hanno fatto forza all'animo mio; lasciamo ora in disparte
ogni cosa che non sia l'amor nostro; te ne prego. Parliamo di noi;
parliamo di te, — aggiunse con voce carezzevole, — di te, che sei tanto
leggiadra, anco negl'impeti dello sdegno. Celebrata è Semiramide nel
mondo per maravigliosa bellezza; ma ella, mentre tu l'ami e la difendi,
per fermo invidia la tua. —

E rimase ad attendere una sua parola, curvo in atto amoroso di fianco
a lei, che s'era di bel nuovo seduta, modesto e ardente ad un tempo, lo
sguardo fiso in quei grand'occhi neri, che lo guatavano tra curiosi ed
incerti.

— M'ami tu molto? — gli chiese ella cedendo ad un moto repentino
dell'animo.

— Lo chiedi? — gridò egli, nell'atto di afferrarle la destra e di
stringerla al petto, come se volesse farla consapevole degli ardori
ond'era tutto compreso. — Odimi, o figlia di Babilu, odimi, ignoto
astro di luce! Nei miei monti natali, sono i costumi più semplici e
rozzi, ma forti. Si ama una volta sola, ma per tutta la vita. Veloce,
prepotente a guisa di fulmine, scende l'amore nel cuor nostro e lo
strugge; però sono una cosa sola il vedere e l'amare. Io ti ho veduta
e ti amo; non ti amavo io già, prima di vederti in viso, di udire il
suono della tua voce? E tu, dimmi, nel nostro incontro non vedi, non
senti, alcun che di fatale?

— Fatale, sì, tu l'hai detto, fatale! — ripetè con vibrato accento la
sconosciuta. — Così è bello, non altramente, l'amore; così s'avrebbe
mai sempre a volerlo: o incendio o nulla. Amare è darsi intieramente,
è confondersi, vivere in una due vite, se felici o sventurate, non
monta, ma gloriose, ma ardenti, fino al punto di consumarsi a vicenda e
morire, a guisa degli astri, in uno sprazzo di fuoco.

— Così t'amerò, — disse Ara; — fosse anco la morte nei tuoi baci. Chi
ama, ha vissuto.

— E dimmi... — soggiunse ella peritosa, fissando i suoi grandi occhi
neri in quelli del giovine, — per questo tuo medesimo affetto, non
potrai tu farti più umano nel giudicar la regina?

— Che chiedi tu ora? — esclamò egli turbato.

— Gli è un mio capriccio, — rispose ella prontamente. — Donna amante
non si reputi amata, se prima non abbia messo il cuore dell'uomo alla
prova.

— Ah! — proruppe Ara. — Dubiteresti ancora di me?

— Non dubiti tu ancora delle mie parole? — diss'ella di rimando. — Non
dài tu orecchio, anzi che alla mia voce, alle perfidie del volgo?

— No, t'inganni; io non dubito, ma il mio cuore sanguina tuttavia;
concedi al tempo di rammarginare la piaga. Tu taci? Deh, mia diletta,
non t'offenda il diniego! Più tiepido amico, ti parrei forse più
fervido amante?

— Amore, dolore! — mormorò ella tra sè, quasi rispondesse ad una voce
segreta dell'anima. — E sia così, come vuole la Dea!

— Rispondimi, te ne supplico! — incalzò il re d'Armenia, cadendo in
ginocchio e tendendo le palme verso di lei. — Non mi lasciare in questa
tormentosa incertezza, peggior d'ogni morte! Vedi, non sempre si è
padroni di sè: v'hanno cose da cui l'animo rifugge. Comanda che io
m'allontani; comanda che io ti dimentichi; potrà forse il mio cuore
obbedirti?

— Giuralo, dunque; — diss'ella con piglio risoluto; — giura che mi ami,
e che, qualunque cosa avvenga... Bada bene; qualunque cosa avvenga, —
ripetè solennemente, — tu sarai mio, sempre mio!

— Che vuoi nascondermi? — chiese il giovine attonito. — Che vedi tu nel
mio futuro?

— Tremi già? — soggiunse la sconosciuta.

— Oh, se tu credi che io m'arresti per tema... — rispose egli
sollecito; — ecco, io lo giuro; qualunque cosa avvenga, sarò tuo,
sempre tuo! —

Un divino sorriso irradiò il volto della bellissima donna, che si fece
allora a chiarirgli il suo pensiero con più dolci parole.

— Tu domani vedrai la regina, e chi sa? forse in vederla, ti fuggirebbe
dal cuore ogni affetto per me.

— Di ciò temevi! — gridò Ara, con accento d'amoroso rimprovero.

— Di ciò, d'altro ancora, di tutto! — rispose ella trepidante.

— Oh, crudele! — ripigliò il garzone innamorato. — Io giuro nel santo
nome di Militta, che ti ha fatta pietosa alle mie preghiere, giuro
per la mia fede di re, che non s'è macchiata di tradimento mai, giuro
per la sacra memoria di Sandi, che fu sino ad oggi l'unico affetto
vero della mia vita, giuro di non amar che te sola, te sola e sempre,
checchè mi serbi il dio delle sorti! Sei paga? Non accoglierai tu il
mio giuramento? —

E stette anelante, lo sguardo fiso, in atto supplichevole, ad aspettar
la sentenza dalle labbra di lei, che rimase un tratto immobile e muta a
contemplarlo.

— Acerba pena ti preparo forse, o mio cuore! — mormorò ella,
raccogliendosi sgomentita in sè stessa. — Ma sia! non l'ho io chiesto
poc'anzi a Zarpanit, d'essere amata per me, per me sola, checchè
potesse accadermi? —

Il giovine era tuttavia ai suoi piedi, spiando ogni suo moto,
chiedendole mercè con la muta eloquenza degli occhi. La luna, librata
a mezzo il suo corso, accarezzava, coi candidi raggi, quell'amoroso
sembiante. Ed ella, impietosita, chinò il viso sul viso di lui, lo
trasse a sè, lo guardò ancora; un ricambio d'ansiose interrogazioni, di
fervide promesse, di soavi languori, parlò in quegli sguardi confusi;
indi, un'arcana virtù ravvicinò le labbra alle labbra, le strinse in un
bacio, lungo, intenso, come il desiderio che ardeva nei cuori.

— Ti credo; — ella disse quindi, gettandogli al collo le braccia e
nascondendo il bellissimo volto sul seno palpitante del re; — ti credo
e son tua. —

Così l'uno all'altro ristretti, a guisa di due giovani fidanzati, ebbri
d'amore, dimentichi d'ogni cosa creata, ripigliarono leggieri la via
del tempio, guardandosi in volto, bisbigliandosi all'orecchio cento
di quelle parole, soavemente vane, che l'aura stessa non può udire, nè
l'eco ripetere, senza toglierne il pregio.

Si erano essi a mala pena partiti di là, che una testa curiosa sbucò
fuori da un vicino cespuglio. Indi, raffidato dalla solitudine, un
uomo ne uscì con tutta la persona, ravvolto in un bruno mantello;
strisciando a guisa di serpente, attraversò il sentiero, e si cacciò
da capo nell'ombra, in una macchia di lentischi, che risaliva lunghesso
l'erta del colle.



CAPITOLO IV.

L'onniveggente.


Già impallidiva Istar, la lucida stella del mattino, e il cielo
biancheggiava all'orizzonte, allorquando, sul più remoto terrazzo
della reggia di Semiramide, apparve un uomo, o troppo nemico del sonno
ristoratore, o desideroso di respirare le prime e le più pure aure del
giorno.

Egli era alto della persona e di valide membra; indossava una gran
tunica nera, frangiata d'oro sui lembi e lunghesso il giro delle ampie
maniche ricadenti sui fianchi; portava, a mo' di diadema, intorno alla
fronte, un cerchio d'oro, donde la folta capigliatura gli ricadeva
inanellata sul collo; la barba, folta del pari, nerissima e riccioluta,
gli scendeva sul petto, dando risalto al viso, notevole per le maestose
fattezze e pel colore bianco smorto della carnagione, a contrasto colle
labbra porporine e colle sopracciglia d'ebano, sotto cui scintillava il
mobile smalto delle profonde pupille. Era una bellezza di granito, la
sua; bellezza nobile, contegnosa e fredda, che comandava l'ammirazione
e non ispirava l'affetto. Così apparivano terribilmente belli i colossi
di pietra sul limitare dei templi; così, mirabilmente severe, lungo le
pareti babilonesi, le immagini dipinte dei sacerdoti e dei re.

Immobile come un nume di pietra, egli stette a lungo lassù, colle
braccia conserte, ritto sull'altana, in atto di guardare agli estremi
confini del cielo, donde veniva man mano crescendo un'ampia lista di
luce, zona ranciata da prima, indi accesa di porpora, che circondava la
nereggiante pianura.

Egli non era lieto per fermo; ben lo dicevano le ciglia aggrottate e
lo sguardo fiso, che parea cercare le invisibili regioni, dove ha la
sua culla il sole, mentre forse lo spirito irrequieto si addentrava
negli abissi inesplorati, donde scaturisce il pensiero. E così
rimaneva, guatando e pensando, raccolto in sè medesimo, come un colosso
circondato da tenebre, il quale aspetti la luce, o come un'anima
smarrita, sopraffatta dai casi, la quale aspetti da lontano evento un
consiglio.

Poco stante fu giorno; lo splendido sole asiatico, improvvisamente
apparso all'orizzonte, levandosi maestoso in un cielo di madreperla
azzurrina, investì de' suoi raggi la dormente città e sfolgorò in più
punti, riflesso dal dorso lucente delle sue cupole, dalle facce delle
sue piramidi, dai fianchi delle sue torri.

Quella vista lo riscosse dalla sua immobilità pensosa. Egli si volse
allora ad un altare di pietra, che sorgeva nel mezzo della piattaforma;
frugò tra le ceneri che ingombravano il focolare e ne scoverse i
carboni ardenti tuttavia; vi accatastò la stipa in bell'ordine; poscia
si fece, in atto religioso, a soffiarvi su, per destarne la fiamma.
Indi a poco la vampa si accese e crepitò, cercandosi la via per mezzo
agli aridi tronchi, mentre egli, inginocchiatosi, e sollevando le palme
alla crescente fiammata, venìa mormorando le sue preghiere al dator
della vita.

— «Io invoco te in questa purissima fiamma, io celebro te, creatore
Ahuramazda, luminoso, risplendente, massimo ed ottimo, perfetto nelle
opere tue, mente e bellezza suprema, possessore della vera scienza,
fonte di gioia, tu che ci hai creati, formati e nudriti, tu il santo,
tu l'intelligente tra gli esseri.

«Tu sei vero, tu lucido e splendente, tu causa prima di tutte le ottime
cose, dello spirito che è nella natura, di ciò che nasce dal suo fianco
generoso, dei corpi luminosi e di quelli che splendono di luce propria;
tu il verbo creatore, esistente avanti il cielo, avanti l'acqua,
avanti la terra, l'albero, il toro ed il fuoco tuo figlio, avanti
l'uomo veridico, avanti i Devas e gli animali carnivori, avanti tutto
l'universo, avanti tutto il bene da te creato, e avente il suo germe
nella verità.

«Come il verbo dalla volontà suprema, così l'effetto non sussiste
se non perchè procede dalla verità. La creazione di ciò che è buono
nel pensiero e nell'azione, appartiene nel mondo a Mazda, e il regno
appartiene ad Ahura, che il proprio suo Verbo costituì distruttore dei
tristi.»

Dette in ginocchio queste preghiere, l'ultima delle quali ogni
sacerdote di Ahuramazda dee ripetere cento volte al giorno, egli
trasse di sotto all'altare una coppa di argento e vi spremè il succo
dell'amòmo, dell'arbusto nodoso, che porta, per insigne privilegio
celeste, il nome più antico di Dio, nella sacra lingua dell'Iran.
L'_hom_ (tale è il suo prisco nome) si riputava per ciò il primo degli
alberi, come il toro era detto il primo tra gli animali. Consacrato
davanti all'altare, esso era la medesima sostanza di Dio; bevuto dal
sacerdote, esso era Dio che si trasfondeva nel petto dell'uomo.

— «Io ti volgo la mia prece, o Hom, elettissimo Hom, che dài la
giustizia, la purità e la salvezza, ottimo di forma, splendido di luce,
vittorioso, che hai nome di aureo!»

Spremuto il succo nella coppa, alzò questa con ambe le palme verso la
fiamma, e ne sparse alcune goccie sugli ardenti carboni.

— «Per questa sola coppa che io ti presento, o dator d'ogni bene,
rendimi tu quattro, sei, sette, nove, dieci per uno; ricompensami tu
in questa guisa; dà la purezza al mio corpo. Veglia su me, purissimo
Hom, ottima tra le sostanze, scendi tu stesso in me, sorgente di
vita. Aprimi, o santissimo, allontanator della morte, aprimi le
dimore celesti, sfolgoranti di luce, piene di felicità, superbe di
gloria.» —

Ciò detto, accostò la coppa alle labbra e bevve il consacrato liquore
dolcissimo, a mala pena spremuto, ma che tornerebbe fatale a chi
lo bevesse dopo fermentato. Tale era il sacrifizio del fuoco, tale
l'offerta dell'amòmo, presso le antichissime genti dell'Iran.

Il sacrificatore proseguì, levando le palme all'altare:

— «Come tu ardi in questa fiamma, come tu regni nei cieli, così regna
in terra, o possente Ahuramazda; così stendi il tuo divino impero dai
culmini dell'Iran fino alla pianura del Sennaar e più oltre ancora,
fin dove stridono i flutti del mare allo inabissarsi del sole. Possa
Babilonia, possa il popolo delle quattro favelle, inchinarsi alla
tua legge, o spirito di verità! I suoi astri venerati, che sono essi
al cospetto della tua luce? Le sfere celesti, le forze arcane della
natura, dovranno sempre usurpare il tuo luogo, o creatore di tutto ciò
che è, nell'ordine degli spiriti eterni e delle cose mortali?» —

Così disse, con fervido accento nella sacra lingua di Javan; così diè
fine alla preghiera e si alzò per chiudere il rito. Un lieve moto del
capo gli consentì di vedere dietro di sè, pochi passi discosto, ov'era
un altr'uomo genuflesso, e un sorriso di superba contentezza sfiorò
le sue labbra. Fingendo tuttavia di non avvedersi della presenza di
quell'altro, egli attese con minuta cura a rasciugare la coppa e a
gittar sul fuoco gli avanzi del sacrificio; quindi finalmente si volse
e andò, con piglio affettuoso, incontro al nuovo venuto.

Era questo un giovinetto, le cui strane sembianze comandavano
l'attenzione. La grazia ingenua degli atti e del sorriso, la eleganza
un tal po' impacciata delle forme e una certa inconsapevol ferocia
dello sguardo, pareano contendersi l'impero su quell'aspetto di
adolescente e lo faceano rassomigliare ad un lioncello, dai cui moti
leggiadri, ma già di soverchio baliosi, trasparisce la forza e la
crudeltà degli anni maturi. Sorridevano le labbra coralline, ma tumide
di voluttà e d'orgoglio, lievemente ombreggiate dai peli vani della
pubertà nascente; si rappicciolivano gli occhi sotto le ciglia, in atto
tra ossequioso ed amorevole, ma lucidi e fissi, promettitori di lampi;
soavi erano i contorni del viso, ma sotto quella bruna carnagione si
vedeva correre vivace, impetuoso, il sangue della stirpe cussita. Egli
appariva un misto di fierezza più che virile e di dolcezza femminea;
cose del resto assai facili ad accoppiarsi nella umana natura. Per
altro, la sua tenera età lo ravvicinava più ancora al femmineo;
aiutando a questa apparenza la sua bianca tunica frangiata d'oro, con
sopravveste violacea, la mitra aggraziata, dai capi pendenti sugli
òmeri, e la collana di gemme, che dintornava un collo soavemente
tondeggiante, siccome è delle donne o dei giovani.

Alzatosi in piedi sollecito, l'adolescente si mosse anch'egli, per
farsi incontro al maggiore.

— Padre mio, — diss'egli inchinandosi, nell'atto di ricever l'abbraccio
di quell'altro, — sia Ahuramazda con te, e i sommi Dei di Babilonia del
pari! —

Aggrottò l'altro le ciglia a quelle parole del giovone.

— E' sono inferiori suoi; t'è già noto, o Ninia; — rispose egli con
aria di paterno rimprovero; — eglino, quanti sono, adorati dalla
stirpe degli Accad, obbediscono a lui, come i sei santi immortali e
la innumerevole schiera degli spiriti da lui creati nel tempo. Da lui
viene la luce, che dà splendore agli astri del cielo e infonde virtù
agli elementi; in lui solo è la verità suprema, la bellezza e la forza,
l'origine e il fine di ogni cosa creata.

— È vero! — disse l'adolescente, reclinando la testa sul petto.

Piacque all'altro l'arrendevolezza giovanile, a cui del resto
s'aspettava, e il suo accento si fece ad un tratto più dolce.

— Or dunque, mio Ninia, consacriamo queste ore agli utili studi.
Purificato dalle mattutine abluzioni e dalla preghiera, tu leggerai
le prime tavole del Vidaè Vadàta, che è la legge di Ahuramazda contro
gli spiriti malvagi. Tu vedrai come egli abbia create le schiere
celesti per combattere la potenza del male, i sei genii Amsciaspandi,
i benefici Izèd, e da ultimo i Ferveri, custodi dell'uomo nelle pugne
della vita.

— Savio Zerduste.... — entrò a dire peritoso il giovinetto.

— Orbene?

— Questa mattina non puoi tu concedermi libertà? I miei giovani
compagni mi attendono per una cavalcata fuori Imgur Bel. Si va fino al
villaggio di Lahiru, donde si cominciano a scorgere le alte torri di
Sippar.

— E dove è così dolce il riposo sotto le palme di Gomer; — aggiunse
Zerduste, con accento da cui trapelava il sarcasmo. — Non è egli vero?

— Che vuoi tu dire? — esclamò Ninia, arrossendo. — Si rimane per breve
ora colà, a ristorarci dalla fatica e far posare i cavalli all'ombra
dei tamarischi.

— Bada a te, Ninia, bada a te! — proseguì Zerduste, senza por mente
alle scuse. — Ahriman ti vuol suo. Il negro spirito ti fa velo agli
occhi di gioie terrestri, per disviarti dal retto sentiero. —

Il volto dell'adolescente si rannuvolò.

— Ma dimmi, sapiente maestro, — disse egli, non senza un tal po'
d'amarezza, — questa diritta via sarà ella dunque e sempre, la via del
dolore?

— Non già; — rispose Zerduste; — fine della vita è la gioia; ma
il savio impara a vivere, innanzi di prender cammino. Due sentieri
guidano alla meta; aspro e malagevole il primo, irto di rovi e povero
di ombre consolatrici; facile l'altro e piano, smaltato di fiori,
liberale di liete fragranze, ricco d'amabili incanti. S'attenga al
primo, ne patisca animoso le angustie, chi vuol giungere speditamente
al fine desiderato; guai a chi sceglie il secondo, imperocchè Ahriman
s'appiatta insidioso tra i rami, persuade all'animo i fallaci consigli,
e ad ogni fior che si coglie, ad ogni ora di soave riposo che si gusta,
fugge la vita veloce e l'intento s'oblìa. Odimi, o dolce figliuolo, chè
tale ben posso chiamarti per l'affetto del cuor mio; non cedere alle
blandizie dello spirito malefico, tu che hai potuto intravvedere gli
arcani splendori del vero; non ti adagiare nelle mollezze anzi tempo,
tu che sei nato alle nobili cure del regno. Strana fiacchezza è la tua,
o sangue di Nemrod! Dov'è la tenacità di propositi, dove l'ardire e
l'ambizione, che ti facciano degno de' tuoi possenti maggiori?

— Faticose virtù! — rispose Ninia, sospirando. — Pur troppo dovrò
conoscerle un giorno e saper come pesano! Babilonia ha un gran re,
mia madre, e vogliano i sommi Dei.... voglia Ahuramazda, — soggiunse
prontamente il garzone, — serbarla lunghi anni all'amore, alla gloria
del suo popolo.

— Ti ascolti Bahman, lo spirito protettore della regia autorità; —
disse asciuttamente Zerduste; — ma egli è debito tuo di prepararti ai
supremi voleri; è colpa grave in te il non far degna stima dei doni
celesti. Oh Ninia! — incalzò egli con accento inspirato; — che vuoi
nascondermi? Il tuo Ferver, il tuo genio tutelare, ti vede; egli ti
accompagna dovunque; egli ti legge nel cuore; egli non m'ha nulla
celato.

— Che dici tu mai? — chiese Ninia, con aria da cui trapelava più
incredulità che sgomento.

— Che tutto mi è noto; — incalzò Zerduste; — che i tuoi giovani amici
ti traggono su d'una via perigliosa e che io non ho abbastanza vegliato
su te.

— Ma, infine.... — balbettò l'adolescente; — di che mi riprendi? Io non
so di avere in cosa alcuna fallito. Se ignoti nemici ti hanno dato a
credere....

— Non ischermirti così! — interruppe quell'altro. — Zerduste non ha
bisogno di gente che venga spiando i tuoi passi; egli tutto sa, tutto
vede, e perfino i più riposti pensamenti dell'animo. Ne dubiti? Orbene,
alla prova, ed ascoltami; narrerò a Ninia il segreto di Ninia. —

Il giovinetto, tremante, confuso, si lasciò cadere sopre un sedile,
di contro al parapetto del terrazzo. Zerduste, in piedi davanti a lui,
tranquillo e severo a guisa di un giudice, così prese a parlargli:

— Era il mattino del terzo giorno di Bagayadisc, che è detto a
Babilonia il mese di Sivan; giorno sacro, pei seguaci della vera luce,
al divino Ardibehest, pei vostri sacerdoti al sanguigno Nergal. Non
sono adunque trascorsi da quel giorno molti altri, — notò Zerduste, —
poichè Bagayadisc non è giunto ancora a mezzo il suo corso. Un regio
adolescente, diletto ad Ahuramazda, sebbene e' non sia nato sotto
la sua legge, nè ancora egli creda alla sua onnipotenza, galoppava,
seguito da uno stuolo di cavalieri, tutti coetanei suoi, scelti tra i
primi di Babilonia, fuori di Imgur Bel, sulla via che risale lunghesso
l'Eufrate, fino al villaggio di Lahiru. Colà giunti, fecero sosta
nella macchia di tamarischi che scende con dolce pendìo fino alla riva
del fiume. Il sole, alto nel firmamento, dardeggiava sulla pianura
gli ardenti suoi raggi, consigliando i baldi garzoncelli a chiedere
un'ora di riposo al meriggio degli alberi. Uno di essi, tratto da
giovanile vaghezza, era andato più oltre a ristorar le membra nelle
acque scorrenti. E là, mentr'egli, già tornato alla riva, stavasi
contemplando quell'ampia striscia di liquido argento che volgeva con
poderoso corso agli amplessi della sua città prediletta, gli venne
veduta, nuotante a fior d'acqua, una leggiadra figura di donna...

— Padre mio! — esclamò Ninia, turbato.

— Sì, — proseguì Zerduste, senza por mente alla interruzione, — era
una vezzosa fanciulla, che venia nuotando verso di lui, là dai palmeti
di Gomer, di cui si vedeano sorgere i tronchi sottili e incurvarsi i
lunghi rami verdeggianti dalla riva sinistra dell'Eufrate. Un candido
lino le custodiva il capo e gli òmeri dalla vampa del sole; una ciotola
di terra le posava sulla manca, alzata fuor d'acqua, mentre con la
destra ella venia fendendo il flutto, per avvicinarsi alla sponda,
dov'era il garzone, immobile, estatico, a contemplarla.

«Vieni a me, vezzosa fanciulla! le gridò egli, come fu certo che ella
potesse udirlo. E la fanciulla poggiando a destra sul braccio disteso,
si fece più presso alla riva. Certo ella conosceva per lungo uso quel
tratto dell'Eufrate; imperocchè, come fu giunta a forse cinquanta
passi distante da lui, si lasciò cader ritta, per toccare il fondo col
sommo dei piedi, e leggiera, saltellante, a guisa di danzatrice, si
affrettò al lido, con la sua ciotola eretta sulla palma all'altezza del
viso. Così man mano egli vide sorger dall'acque il suo corpo snello e
flessuoso come un tronco di salice, coperto di una bianca tunica che le
si aggiustava, così molle com'era, alla persona, seguendone fedelmente
i graziosi contorni.

«Neri, lucenti i capegli, vivide le pupille per profondi riflessi di
zaffiro, ma velate a mezzo da lunghe e morbide ciglia, colorate le
guancie come il frutto del melagrano, parea la voluttà discesa sulla
terra in forma di donna, per volere di Mazda, innanzi che lo spirito
tentatore la volgesse a danno degli uomini. Il collo nitido a guisa di
avorio, svelto ed agile come quello del cigno, sorgeva con soavissima
curva dai mal celati tesori del seno palpitante. Sorrideano timidamente
le labbra di corallo, lasciando scorgere due file di perle, che non han
le più candide i meravigliosi recessi del mare.

«Timido, palpitante del pari, il giovinetto si accostò a lei, che
balzava sul lido, profferendogli la sua ciotola ricolma di latte. E
bevve a lenti sorsi, più lenti che gli venisse fatto, il fresco umore
che gli era ministrato da quelle mani leggiadre, mentre i suoi occhi,
più sitibondi a gran pezza, beveano da tutta la persona di lei i primi
effluvi d'un'arcana dolcezza.

«— Come ti chiami? — le disse egli amorevole.

«— Anaiti, — rispose la giovinetta.

«— Il nome di una dea! — soggiunse il garzone. — Invero, al primo
vederti, io t'avevo tolta per Daokina, la moglie di Ao, emersa dai
flutti del mare; chè certo la vezzosa regnatrice delle onde non è più
bella di te.

«Il volto della fanciulla si tinse del color della fiamma, e il cuore
di lui ne fu colmo di ebbrezza. E così amabile sulle guancie d'una
donna il rossore che le nostre parole fan nascere! Ambedue rimasero un
tratto in silenzio, commossi, anelanti, ella con gli occhi a terra,
egli col guardo fisso in quel raggio di giovanile bellezza. Indi,
facendosi anche più rossa, e con accento che diceva tutta la commozione
dell'animo, la fanciulla chiese a lui di rimando:

«— E tu, mio signore, come ti chiami?

«— Il mio nome è assai men leggiadro del tuo; — le rispose egli; — son
Ninia.

«— Ninia! — esclamò ella alzando i suoi grand'occhi verso di lui ed
abbassandoli tosto; — il principe di Babilu!

«E fu per cadere al suolo, tanta era la sua confusione. Ma Ninia si
affrettò a sorreggerla, e in cosiffatta guisa, Ahriman, che vigila ai
danni della creatura, li ebbe gittati, senza loro saputa, l'una nelle
braccia dell'altro.

«Fu questo il primo incontro, e non fu il solo. Due volte ancora la
vezzosa nuotatrice varcò la corrente del fiume, recando la sua ciotola
di fresco latte all'assetato garzone. Il terzo dì, fatto più ardito,
egli non volse già ai tamarischi di Lahiru: bensì, uscendo da Babilonia
sulla riva sinistra del fiume, e lasciatisi indietro i giovani amici,
cavalcò ansioso fino ai palmeti di Gomer. Vuoi tu udire ciò che
si bisbigliasse ieri, sulla quinta ora del giorno, in quel nido di
verdura, celato agli sguardi profani? Pon mente, e vedi se alcuna cosa
è sfuggita al vigile orecchio del tuo genio tutelare.

«— Ti son io così cara? — dicea la fanciulla. — Non mi dimenticherai tu
un giorno, o mio principe?

«— Principe! — ripetè con accento di amarezza il regio garzone. — Tutti
mi chiamano così e il nome mi suona sgradito. Tu chiamami Ninia, il tuo
Ninia, il fratello, il giovine amico del tuo cuore. Dimentichiamo la
reggia; nessuno mi ama laggiù!

«— E tua madre? — gli chiese Anaiti.

«— Mia madre, tu dici? Io l'amo, e credo che ella mi ami; ma le gravi
cure del regno la distolgono sempre da me. Mi ama Zerduste, il savio
principe dei Medi, che la regina mi ha dato a maestro e custode. Mi
ama! — aggiunse sospirando il garzone. — Lo dice; soventi volte lo
dice; ma io non ho mai visto il sorriso di quell'uomo, il sorriso, in
cui si manifestano i dolci sensi dell'anima, il sorriso, che mi fa
parer più leggiadro il tuo volto e m'innonda il cuore di così nuova
dolcezza! Sempre grave, cupo, accigliato, è Zerduste, pauroso come il
suo dio, circondato di spiriti invisibili, che riempiono le mie notti
di arcani terrori. Con te son lieto, Anaiti; bella e pietosa come
l'aurora, tu sperdi le tenebre addensate su me, tu mi rinfranchi lo
spirito abbattuto, mi rechi la fede, la speranza e l'amore. Non son
queste le tre consolazioni della vita? E non è bello che mi vengano
tutte da te?

«Così ragionando egli, e la fanciulla rispondendogli con la muta
eloquenza degli occhi radianti, errarono a lungo sotto i palmeti di
Gomer. Colà Ninia vide per la prima volta la casa di lei, umile tugurio
di pescatori, dove si nasconde quel miracolo di leggiadria, come entro
vil gleba il diamante. Ma essa non vi rimarrà a lungo, se a Ninia sarà
dato di colorire i suoi amorosi disegni. Nel cuore della rusticana
fanciulla si agitano confusi i desiderii e le ambizioni della donna. È
soltanto dell'uomo il restarsi ignaro e contento nell'umile stato a cui
lo condannò la natura; la donna, in quella vece, sol che le arridano
gioventù e bellezza, può levarsi in alto, fors'anco apparir degna di un
trono. Non è egli vero, o Ninia? Non è ciò che tu pensi?» —

Così Zerduste, con progressione implacabile, era venuto scoprendo i
più riposti segreti di quell'anima giovanile. Ninia, attonito da prima,
indi sgomentito, esterrefatto, lo aveva ascoltato tacendo.

— Padre mio, — gridò egli finalmente, con voce lagrimosa, nell'atto di
buttarsi ai piè di Zerduste, — se tu la vedessi! Ella è così bella, ed
io l'amo tanto! Strappami il cuore, se così ti piace, ma non strappar
Ninia da lei! —

Zerduste lo rialzò, senza profferir verbo.

— Non mi dirai tu nulla? Non mi perdonerai tu? — chiese il garzone con
supplichevole accento. — Se io ti ho mal conosciuto finora, non vorrai
tu condonarlo alla mia giovinezza inesperta? Sì, io lo vedo, lo sento;
tu sei il ministro d'un Dio, tu che sai ogni cosa, tu che leggi nel
profondo dei cuori, onniveggente maestro!

— Non io, — soggiunse umilmente Zerduste, — ma i santi Amsciaspandi,
gli Ized, e i Ferver, invisibili spiriti che ti incutono spavento.
Eglino, per altro, non fan paura ai saggi; chi segue la legge di
Mazda non ha nulla a temere da essi. O Ninia, ed è il tuo labbro che
ha potuto giudicarmi così malamente? Non t'amo? Non hai veduto mai
Zerduste sorriderti! E che? Dovrei io allegrarti di vane lusinghe, come
una vil femminetta, io che ho sacrata la mia vita agli arcani della
divinità, io che consumo le notti sulle tavole sacre, io che nutro il
tuo spirito dei reconditi veri?

— Padre mio! — gridò Ninia, piangente. — Sono colpevole; qual pena
m'infliggi?

— La preghiera, mio figlio, la preghiera che innalzerai al trono di
Mazda, nel fervore dell'anima tua. Ancor lungo cammino ti è mestieri
di correre, innanzi di giungere alla vera sapienza; ma la fede e la
preghiera possono farlo più breve. Tu allora accosterai sicuro le
labbra al calice delle umane delizie, che non avrà più veleno per te.

— Maestro, — disse il garzone, riaprendo il cuore alla speranza, — e se
io avessi questa fede... se io ti giurassi...

— Va; — interruppe Zerduste, sorridendo la prima volta al discepolo;
— Ahuramazda non è un tiranno dei cuori. Va coi tuoi giovani amici; ma
pensa...

— Che egli regna in cielo, — proseguì il giovinetto esultante, — e che
tu sei il suo ministro sulla terra. Io lo adoro e ti amo. —

Così dicendo, Ninia era per inginocchiarsi ai suoi piedi. Zerduste lo
trattenne con piglio amorevole e lo strinse al suo seno.

L'adolescente col cuore in festa, il volto sfavillante di gioia e il
piè leggero, si dipartì poco stante da lui. Lieto al pari di Ninia, ma
di più profonda allegrezza, Zerduste rimase solo lassù.

— Grazie, — esclamò egli, levando gli occhi e le mani al cielo,
— grazie a te, Ahuramazda, lume delle anime, signore della gente
di Javan! Sei tu che vinci quest'oggi, e l'abbattimento di questo
lioncello del sangue di Nemrod mi è presagio felice. —

Indi misurando la piattaforma a passi concitati e sicuri, come d'uomo
che ha piena balìa di sè medesimo e degli eventi, si volse a guardar la
città sottoposta e le alte moli scintillanti da lunge al cospetto del
sole.

— Bitzida, Niprùti, — soggiunse fissando lo sguardo sulla torre delle
sette sfere e sulla piramide sacra alle fondamenta della terra, — i
vostri Dei cadranno; la fiamma purissima di Mazda arderà sulle vostre
cime. E tu, superba regina, disprezzami! Il mio giorno verrà; nè te
salveranno i favoleggiati natali dal grembo di Derceto, o venturiera
d'Ascalona! —

In quel mezzo, un uomo apparve sul terrazzo.

— Mio signore... — diss'egli.

— Che vuoi, Thuravara?

— Il re d'Armenia si è mosso, con la sua cavalcata dal baluardo di
Nivitti Bel. Tra un'ora egli sarà in vista del ponte, per venire alla
reggia.

— Ben venga! — esclamò Zerduste. — Tu vanne e sii pronto al comando. Io
sarò tra breve nella gran sala di Nebo, ad aspettar la regina. —

Thuravara s'inchinò e disparve giù dalle scale onde era venuto.

— Ben venga, sì! — proseguiva Zerduste. — È pena acerba la mia, ma
sarà acerba la vendetta del pari. Ah, tu l'hai voluta, Semiram? E
sia! Militta Zarpanit, che ti ha ministrato il dolce veleno, non potrà
profferirti altrimenti il rimedio. —



CAPITOLO V.

La reggia di Semiramide.


Siccome il vigile Thuravara avea riferito a Zerduste, la cavalcata
degli Armeni, entrando dal baluardo di Nivitti Bel, aveva già fornito
buon tratto di strada per mezzo ai quartieri occidentali della
città, avviandosi al ponte, che ne congiungeva le membra vastissime,
attraversate dal fiume.

Ristorati da una notte di riposo, astersi dal sudore e dalla polvere
del lungo viaggio, coperti dei loro arnesi più sfoggiati, i cavalieri
del re d'Armenia faceano vistosa mostra di sè ai cittadini accalcati
lunghesso le vie. Si notavano le sciolte criniere dei cavalli
sbuffanti, le lunghe spade pendenti dal fianco, le luccicanti faretre,
i lunghi archi ad armacollo e le mitrie folte di negri peli che davano
ai montanari di Peznuni e di Armavir un così marziale aspetto, facendo
così spiccato contrasto con le gentili e quasi muliebri fogge del
popolo babilonese.

Ma gli sguardi della moltitudine erano in particolar modo attratti
dalla nobil figura del re. Era costume dei monarchi lo andare in
cocchio, con l'auriga dai piedi e il portatore d'ombrello da tergo.
Il giovine Ara veniva in quella vece più modestamente a cavallo, ma
con assai più vantaggio per la sua grande bellezza. Calze di porpora
si aggiustavano alle gambe nervose ed eleganti; una tunica di bianca
lana, ricamata d'oro sui lembi, gli si stringeva a' fianchi; la clamide
regia, anch'essa di porpora, gli scendeva in molli pieghe dagli òmeri;
la benda di perle portata da' suoi maggiori, gli girava intorno ai
biondi capegli. Il piede, chiuso in un sandalo di morbido cuoio,
posava su staffa d'oro; la mano leggiadra stringeva i capi delle redini
gemmate, splendenti sul poderoso collo del suo bianco palafreno, a cui
una pelle di leopardo servìa di gualdrappa.

«Ara il bello! Ara il bello! — gridavano i cittadini di Babilonia,
come già, vedendolo passare, aveano il giorno addietro gridato i
volghi suburbani. — Invero, egli non si è mai veduto un più leggiadro
garzone sulla terra di Sennaar. Come la regina nostra risplende per
sovrumana bellezza tra tutte le donne, così questo nobile straniero
tra gli uomini. Ara il bello, sii tu il benvenuto in mezzo al popolo
delle quattro favelle!» Così, per tutta la lunghezza del cammino che
il re di Armenia aveva a percorrere, il mormorìo d'ammirazione destato
dalla sua vista, venia man mano rompendo in esclamazioni, in grida di
esultanza, in affettuosi saluti, come di popolo ossequente e devoto al
suo re, anzichè di nazione avventurosa e superba al suo tributario. E
tutti, come potevano, a spingersi innanzi e far ressa intorno al suo
palafreno, che durava fatica ad innoltrarsi, sebbene una fitta schiera
di soldati babilonesi lo precedesse, per isgomberare il passo al regale
corteo.

Nel cuore di Ara il bello tornava a regnar la mestizia. Egli già
sentiva la vicinanza di Semiramide; pochi istanti ancora e si sarebbe
trovato al cospetto della grande regina d'Assiria, di colei che
signoreggiava il più vasto impero del mondo. E l'immagine di Sandi, del
suo povero amico galleggiante sull'acque dell'Eufrate, gli stava sempre
nell'anima. Per discacciare quella crescente tristezza, egli pensava
allora alla notte vegliata nel sacro bosco di Militta; pensava alla
sua bellissima sconosciuta; pensava ai dolci colloqui, alle ineffabili
ebbrezze che ancora gli scaldavano il sangue. E quella donna adorata
non avea forse giurato esser la regina innocente della morte di Sandi?
Poteva egli mentire, quel dolcissimo labbro? No certo, ed egli credeva
alle parole di lei; ma, per contro, poteva amar Semiramide chi l'avea
tanto odiata fino a quell'ora? Poteva andarne con allegrezza alla
regina, chi ricordava d'esser sangue d'Aìco e non sapeva dissimulare a
sè stesso di venire in atto di tributario alla gente di Accad? Poteva
avvicinarsi desideroso alla donna, celebrata per insigne bellezza nel
mondo, chi aveva pur dianzi veduta ed amata la bellissima tra tutte?

Atossa, era il suo nome, il soavissimo nome che la sconosciuta gli avea
susurrato all'orecchio. Altro non aveva egli saputo dell'esser suo,
ma bene aveva argomentato com'ella fosse una tra le più riguardevoli
donne di Babilonia. E non avrebbe egli dovuto vederla tra breve, in
mezzo alle nobili compagne della regina? A volte lo sperava, o almeno
gli pareva che ciò fosse probabile: ma un dubbio acerbo gli stringeva
il cuore e vi soffocava per entro quella lieta speranza. Una così
meravigliosa bellezza! Mai più Semiramide avrebbe patito la vicinanza
e il paragone di così splendida amica! Eppure, non gli aveva ella
detto, a lui dolente di abbandonarla sui primi albòri del giorno, non
dubitasse, non temesse di nulla, che presto ei l'avrebbe di bel nuovo
veduta, ed ella medesima sarebbe stata la prima a farglisi incontro?
Così procedeva, tra speranza e timore; frattanto venìa rispondendo con
atti cortesi alle grida e ai saluti del popolo.

Indi a non molto, la cavalcata giunse alla svolta del ponte, miracolo
dell'arte babilonese, che collegava le due sponde dell'Eufrate e i due
palazzi regali, l'uno a riscontro dell'altro, ambedue meravigliosi
a vedersi. Il primo, che era posto sulla riva destra, girava trenta
stadii, rinfiancato di alte mura merlate, su cui si vedevano impresse
figure di combattenti, città assediate, e lunghe file di prigionieri
supplicanti. Di là dal ponte torreggiava la gran mole dell'altro, sopra
un terrapieno di sessanta stadii, a cui si giungeva per ampie salite
laterali, vigilate ad ogni ripiano da colossi di pietra. Aveva un giro
di quaranta stadii il secondo recinto, ornato di ogni specie animali,
così diligentemente condotti e coloriti, che pareano spiranti di vita.
Nel terzo recinto, che era la cittadella, si ammiravano rilievi e
dipinti di più egregio lavoro; tra essi una caccia, in cui le figure
apparivano alte di quattro cubiti e più. Quivi era effigiata Semiramide
su d'un focoso destriero, nell'atto di scagliare il giavellotto contro
una pantera. Poco lunge da lei era Nino, il suo sposo, che d'un colpo
di lancia trafiggeva un leone.

Tutto ciò era stupendo a vedersi da lunge, vera montagna di edifizi
sovrapposti, selva intricata di strane forme e di svariati colori.
Immani architravi e fregi e merlature correnti per lunghissimo ordine
su colonnati di palme; tori e leoni alati con faccia umana, qua e là
fieramente piantati a custodia degl'ingressi; lunghe aste variopinte,
dalle cui cime sventolavano stendardi e orifiamme di porpora; scale
e balaustrate di marmo; mura lucenti di smalto; varietà infinita di
cose, che confondeva lo sguardo, senza nuocere alla grandiosa unità del
complesso! E sui terrazzi più alti, l'occhio discerneva padiglioni e
velarii, tesi a riparo del sole, fra mezzo ad alberi verdeggianti, òasi
sospese tra cielo e terra da un capriccio di donna, da una fantasia di
regina.

Come fu giunto il corteo sull'altra riva del fiume, la scorta dei
babilonesi si fermò e si aperse in due ale, per cedere il passo
agli Armeni. Il giovin re attraversò la spianata e andò difilato
verso l'ingresso della reggia, che gli era addimostrato da due leoni
colossali, l'uno a riscontro dell'altro, in atteggiamento di riposo.

Colà stavano ad attenderlo, per fargli le prime accoglienze, i grandi
della corte, il gran maggiordomo, il gran coppiere, il capo degli
eunuchi, il comandante delle guardie reali, con numeroso seguito di
ufficiali minori e di servi. Tranne questi ultimi, tutti indossavano
il candi, lunga tunica di lana scarlatta, con frangia d'oro sui lembi,
la quale risaliva sul dinanzi infino alla cintura, parimente d'oro,
donde pendeva la spada, con le insegne dell'ufficio di ciascheduno. Gli
appartenenti alla milizia, in cambio di mitria, portavano in capo una
tiara foggiata ad elmo chiuso, che copriva loro le guancie ed il mento.

Il gran maggiordomo, facendosi incontro al re d'Armenia, così parlò,
levando in alto le mani:

— Ben giungi, o discendente d'Aìco, alla reggia di Semiramide, nostra
gloriosa signora, cui Belo ha concesso la vittoria della spada e
l'impero dello scettro sui potenti della terra. In quella guisa che
Sanì regna nel cielo e diffonde per ogni dove i benefizi della sua
luce, così ella regna in Babilonia e sparge i tesori della sua amicizia
sui regnatori di popoli che la circondano. —

Il re d'Armenia chinò leggiadramente il capo, ma senza risponder
parola. Gli eunuchi, fattisi innanzi a lor volta, pigliarono
ossequiosamente le redini del suo cavallo, per condurlo entro il primo
recinto e su per l'ascesa che metteva al piano superiore. Così salendo
in compagnia degli ufficiali babilonesi, il giovine Ara potè, alla
prima svolta dell'ampio viale, scorgere dietro a sè la lunga fila de'
suoi, e il popolo di Babilonia accalcato sul ponte e sulle rive del
fiume.

A quel grandioso spettacolo, un altro ne seguì, quando egli fu giunto
all'altezza del secondo ripiano, vasto piazzale, dintornato da nobili
edifizi, ov'erano gli alloggiamenti di tutti i grandi della corte. Colà
stavano in bell'ordinanza schierati i guerrieri della regina, splendidi
a vedersi nelle loro corazze di lino, coi loro tondi scudi imbracciati
e gli elmetti di rame luccicanti al sole. Alla vista del re d'Armenia
squillarono le trombe, rimbombarono i timballi percossi, e il canto
guerresco degli Accad si levò fino al cielo.

La cavalcata proseguì fino al secondo ingresso, vigilato da due enormi
tori dall'aspetto umano. Cessarono i canti ed i suoni ad un tratto
e sul limitare comparvero i sacerdoti de' sommi Iddii protettori di
Babilonia. Alle vesti d'oro si conoscevano i sacerdoti di Sam, il dio
sole, a quelle d'argento i ministri di Sin, che è il dio luna. Vestiano
di nero i sacerdoti di Ninip, di aranciato i sacerdoti di Merodac,
scarlatto i seguaci di Nergal, bianco quei di Militta, azzurro i
dedicati al culto di Nebo. Di pietre preziose apparìano tempestate le
tuniche e le tiare dei venerandi; frangie d'oro ne ornavano gli orli, e
ghiande di smeraldo pendevano dai lembi.

— Gli Dei ti proteggano, o re d'Armenia; — gli disse il gran sacerdote,
levando le mani in atto di benedirlo.

— Insegni a te la prosperità di questa reggia come soltanto dal
patrocinio degli Dei gli uomini derivino ogni loro fortuna. Soltanto
mercè l'aiuto celeste i re salgono in fama per le loro virtù, camminano
nelle vie della giustizia e si raffermano nella santità, che li fa
degni, dopo morte, degli onori divini. —

Ara chinò gravemente il capo e rispose:

— Tu parli il vero, o santissimo. Un re a cui venga meno il soccorso
celeste, vaga nelle tenebre a guisa di cieco. Gli abitatori del
firmamento azzurro, comunque nomati tra le genti vostre e le mie,
assistano sempre il popolo delle quattro favelle! —

Ciò detto, spinse il cavallo sul limitare e, seguito dal venerando
stuolo, penetrò nel terzo recinto, donde si ascendeva all'ultima
spianata della regia piramide, innanzi al palazzo della grande signora
di Babilonia.

Lassù lo aspettava una scena più meravigliosa a gran pezza. Davanti a
lui si stendeva una piattaforma, lunga cinque stadi e larga per modo
che dieci cavalli vi si potevano muover di fronte, senza occuparne
i margini di pietra, l'uno dei quali correva lunghesso il parapetto,
ornato a giuste distanze di figure simboliche, e l'altro circondava,
come una fascia di candido lino, il magnifico peristilio del palazzo,
formato da colonne di palma, che sorreggeano capitelli di granito,
stranamente foggiati a chimere, sirene, ed altre creazioni fantastiche.
La piattaforma era vuota, in attesa degli ospiti, che dovevano
schierarvisi in bella ordinanza; per contro, l'intercolonnio appariva
folto di gente, tra cui erano primi i trecento portatori di scettro,
ministri dei regali voleri, splendidi a vedersi per le lunghe vesti
di porpora e d'oro e per le ricche tiare che stringean loro le chiome
inanellate e lucenti. Infine, sul peristilio, per quanto era lungo, si
scorgeva un terrazzo, chiuso da una balaustrata di mattoni dipinti a
smalto, e sormontato nel mezzo da un padiglione, o velario, partito a
liste di varii colori, sotto il quale, circondata dalle sue ancelle,
stavasi la regina ad attender l'arrivo del suo tributario d'Armenia.

Il gran maggiordomo, che veniva innanzi, tenendo per mano le redini
del palafreno di Ara, annunziò al cavaliere la presenza della regina. E
il principe allora si fermò in mezzo alla piattaforma; alzò gli occhi
al terrazzo, mettendosi una mano sul petto; indi si tolse la benda di
perle dal capo, trasse la spada dal fodero, e depose queste insegne del
suo potere tra le mani del gran maggiordomo, il quale fu sollecito a
raccoglierle e sollevarle con palme tese verso la regina, che dall'alto
sorrise e con lo scettro accennò cortesemente di gradire l'omaggio.

A quel cenno squillarono da capo le trombe e risuonarono i timballi
percossi. Il re d'Armenia scese d'arcione, per avviarsi all'ingresso;
intanto i suoi cavalieri e le salmerie sfilavano sulla piattaforma,
sotto gli occhi della regina.

Portavano queste salmerie i donativi del re alla grande signora di
Babilonia; massi di rame naturale cavati nelle montagne di Armenia;
pezzi di lapislazzoli tratti di Atropatene, a levante del lago di Van;
tappeti di finissima lana intessuti a varii colori nelle lunghe veglie
invernali dalle donne di Peznuni; cavalli piccoli e forti, velocissimi
al corso, cresciuti nelle mandrie regali di Armavir. E in quella che il
gran tesoriere disaminava i ricchi presenti, e gli eunuchi aritmetici
veniano con canne temperate annotando ogni capo su rotoli di papiro, i
servi della reggia conducevano i seguaci del re d'Armenia alle stanze
loro assegnate per alcune ore di riposo, innanzi che facessero ritorno
ai loro alloggiamenti fuori il baluardo della città.

Guidato dal gran maggiordomo, seguito dai sacerdoti e dai portatori di
scettro, il giovine Ara entrò nei vestibolo, dove gli fu data l'acqua
ospitale alle mani, insieme con soavi profumi e ristoro di grate
bevande, che adolescenti biancovestiti versavano dalle idrie capaci.
Quindi ad un cenno recato dagli eunuchi, il re d'Armenia fu introdotto
nella sala di Nemrod, a cui si ascendeva per un'ampia gradinata, in
mezzo a due file di tori giganteschi, emblemi della possanza divina,
le cui vaste ali erano dipinte di azzurro, la tiara di rosso, le corna
e l'ugne dorate, laddove il volto, che figura l'umano, aveva il color
delle carni e gli occhi appariano di persona viva, attraverso la vitrea
scorza di smalto.

La sala, detta di Nemrod dalle imprese di quei re, che vi erano narrate
in caratteri cuneiformi ed espresse in bassirilievi lunghesso le
pareti, era di sterminata grandezza. Le mura, qua e là rinfiancate da
enormi pilastri foggiati a colonne, misuravano ottanti cubiti e più,
dallo zoccolo di marmo colorato insino al fregio dell'architrave, donde
si partiano i correnti del sopracielo, condotto in legno di odoroso
cipresso, sfarzosamente dorato e aperto nel mezzo alla luce del giorno,
che scendea temperata da un velario di porpora.

Tra le colonne messe ad oro, con scanalature dipinte di rosso, erano
vaste quadrature, ognuna delle quali divisa orizzontalmente in due
parti; la superiore rivestita di mattoni lucenti, i cui rotti disegni
concorrevano a formare in ogni intercolonnio l'imagine della divinità
suprema, ch'era un cerchio con entro una figura d'uomo alato, il quale
stringeva nella manca lo scettro e teneva la destra alzata nell'atto
dello insegnamento; l'inferiore, poi, coperta di tavole d'alabastro,
raffermate al muro da ramponi di rame, sulle quali erano scolpite scene
di guerra e di caccia.

Vedevasi in una di queste il fortissimo Nemrod, potente cacciatore
al cospetto di Ilu, correr sull'orma di un leone, piagato dalle sue
freccie. Su d'un'altra era incisa la torre delle sette sfere celesti,
lasciata a mezzo per la confusione delle lingue. Altrove il gran
re presiedeva alla fondazione di Erech; più oltre si vedeva nel suo
cocchio di guerra, con l'arco teso in pugno, nell'atto di scacciare
Assur, figlio di Sem, dalla terra di Sennaar.

Seguivano le imprese di altri re della stirpe cussita, da Bel,
figliuolo di Nemrod, infino allo sposo di Semiramide, il felicissimo
Nino, che si vedeva raffigurato in più tavole, giusta il numero delle
sue vittorie. In una di quelle sculture, il gran monarca era effigiato
sul suo trono d'argento, con la tiara ricinta dal regio diadema, la
veste bianca frangiata d'oro e due servi da tergo, l'uno de' quali in
atto di agitare il flagello, emblema del suo assoluto potere, l'altro
con le armi del re tra le mani, mentre davanti al trono passavano
lunghe file di vinti, coi polsi legati dietro le spalle. Più oltre
si vedeva l'assedio d'una città fluviatile. Gli assedianti spingevano
torri di legno, cariche d'armati, contro le mura, dall'alto delle quali
il popolo assediato si difendeva gagliardamente scagliando freccie e
bitume infuocato. Da un altro lato della città, le donne fuggivano
su carri tirati da buoi, ed uomini paurosi si gittavano a nuoto,
aggrappandosi ad otri gonfiati, giusta il costume dei luoghi.

Di contro ad uno di questi scompartimenti della sala, ergevasi il trono
di Semiramide, alta e splendida mole d'argento e d'oro, sormontata da
un padiglione di bisso e sorretta da figure di popoli vinti, alla quale
si ascendeva per parecchi gradini, coperti da un sontuoso tappeto. Il
cerchio e la immagine alata, simbolo della divinità, splendevano per
aurei riflessi e per vivezza di smalto sopra lo scanno della regina, e
intorno a questo, distribuiti sui gradini dei trono, stavano immobili
ed ossequiosi i flabelliferi, con alti ventagli di penne di pavone,
i melofori, con le armi in pugno, significanti la virtù guerriera di
Semiramide, e i portatori di scettro, interpreti e ministri de' suoi
cenni regali. Seguivano le nobili compagne della regina, sfoggiatamente
vestite: indi tutti gli altri uffiziali di corte digradanti man mano,
tanto erano essi numerosi, lungo le pareti della sala. Tutt'intorno,
poi, guerrieri sfavillanti nell'armi, suonatrici d'arpa e di cetra,
musicisti in buon dato, ancelle e schiavi, diversi di nazione e di
foggie.

Semiramide, bella come il sole nascente, sfolgorava dall'alto. La
copriva dalla radice del collo insino alle piante una tunica di bisso,
tinta in violetto di porpora marina e partita in mezzo da una larga
striscia bianca, intessuta di ricami d'oro e di gemme. Una sopravveste,
simile al peplo argivo, scendeva in molli pieghe dal colmo seno,
rattenuta da un'aurea cintura e coperta a mezzo da una gorgiera a sette
filze di pietre preziose, agate, onici, crisoliti, lapislazzoli, perle
d'ambra, ligurini e giacinti. Le bellissime braccia apparivano ignude
infino al sommo degli òmeri, e armille d'oro, e anelli gemmati, ne
facevano risaltare vieppiù la marmorea bianchezza. Nella destra teneva
lo scettro; insegna del comando; nella sinistra il fiore del loto,
emblema delle sue conquiste fin sulle rive dell'Indo.

Una gioia profonda e calma traspariva dal volto della regina, il
cui riposato atteggiarsi, lasciando i soavi contorni in tutta la
loro serena maestà, diceva l'onesto compiacimento della bellezza,
che è sicura di vincere dovunque ella si mostri. I suoi grandi occhi
neri, accortamente allungati, giusta il costume orientale, la mercè
di sottilissime linee, impresse con polvere stemperata d'antimonio,
tramandavano una luce intensa e penetrante, come di zaffiro incontro ai
raggi del sole.

Per mezzo alla gran moltitudine regnava un alto silenzio, che
dimostrava sol esso la regia potenza di Semiramide, più che non la
raffigurassero agli occhi del re d'Armenia tutte le splendidezze di
quella sala, in cui mettea piede, guidato dal gran maggiordomo.

Poco prima di introdurlo al cospetto del trono, questi avevo detto al
giovine re:

— Sai tu, mio signore, qual sia il nostro costume, nell'accostarci,
umili, o grandi, alla maestà regale?

— Io no; — aveva risposto Ara; — e qual è il vostro costume?

— Prostrarci a terra e adorare. Sì, — ripigliava il gran maggiordomo,
notando un gesto di ripugnanza del principe, — la più bella delle
nostre leggi è questa, che ci comanda di onorare i re e di onorare in
essi l'immagine degli Dei conservatori d'ogni cosa creata. A te, mio
signore, omaggio in Armavir, come a Semiramide nella sua reggia di
Babilu. —

Il re d'Armenia, bene intendendo il senso risposto di quella
distinzione del suo introduttore, non avea più fatto parola; e,
lasciandolo inconsapevole de' suoi propositi, era entrato nella sala di
Nemrod, avviandosi con passo modesto, ma sicuro, in mezzo a quelle due
ale di cortigiani, che si prolungavano, lasciando vuoto un grandissimo
spazio, dai lati del trono all'ingresso.

Lungo era il cammino, sterminatamente più lungo tra quella doppia fila
di sguardi, che egli ben sapeva tutti rivolti sul nuovo venuto. Ma
Ara non sentiva turbamento di ciò; bensì gli cuoceva di aversi a por
ginocchioni, come ogni altr'uomo, davanti alla signora di Babilonia,
e veniva appunto maturando in cuor suo il proposito di ristringere
l'ossequio ad un cortese inchino, che egli del resto avrebbe fatto
di gran cuore alla donna. Foss'ella stata la sua divina amica! Come
sarebbe caduto volontieri ai piedi di lei! Altra maestà sopra la sua
non conosceva il re d'Armenia fuor quella.

Andando così verso il trono, avea intravveduto, come in barlume, uno
stuolo di donne, e il cuore gli avea dato un sobbalzo. Ah, foss'ella
nel numero! E ciò pensando, s'era fatto in volto del color della
porpora. Intanto un mormorio di ammirazione, correndo sommessamente
tra la folla, salutava l'apparire di quel leggiadro garzone, la cui
bellezza accresceva decoro al grado, più assai che il grado non facesse
risaltar la bellezza.

Giunto egli finalmente a' piedi dei trono, si fermò, e, recatasi la
destra al petto, chinò il capo davanti alla regina, di cui non aveva
pur contemplato il sembiante.

— Gran Semiramide, vivi in perpetuo! — egli disse.

— E tu pure, nobil sangue d'Aìco; — rispose una voce melodiosa
dall'alto.

Tremò egli in udirla, e il sangue, acceso ai memori suoni, gli
scorse con impeto al cuore. Alzò gli occhi a guardare e li abbassò
prontamente, come abbacinato da una gran luce; indi gli parve di aver
male veduto e risollevò le pupille, ma per chinarle da capo. Fu un
batter d'occhio, fu un lampo; e in quel lampo si stemprò la fierezza
del giovine, che cadde allora sulle ginocchia, contro i gradini del
trono.

Semiramide gli era venuta incontro amorevole e lo aveva preso per mano.
Egli, a stento rimettendosi in piedi, ma non riavutosi del colpo, la
guardava inebriato e confuso.

— Regina.... — balbettò egli, nel rialzarsi da terra.

— Atossa! — gli susurrò la regina all'orecchio, con carezzevole accento.

E presa la benda di perle, che un donzello recava, insieme con lo
scettro, sopra un ricco cuscino, la rimetteva con le sue mani sul
biondo capo di Ara.

— Sorgi, re d'Armenia! — diss'ella con piglio maestoso. — Ecco il tuo
scettro; impugnalo per la felicità del tuo popolo, come hai impugnata
la spada, per terrore de' tuoi nemici. Figlio d'Aràmo, tu non sei
tributario di Semiramide, ma alleato ed amico. —

Indi, volgendosi ai grandi della sua corte e alla moltitudine
congregata, proseguì con voce sonora:

— Il re d'Armenia è l'ospite nostro. Amicizia eterna regni tra l'aquile
della montagna e i leoni della pianura. —



CAPITOLO VI.

Il Convito.


Il sole era già presso al tramonto, allorquando la regina, in compagnia
di Ara e dei grandi della sua corte, si mosse dalla sala di Nemrod, per
recarsi al convito, preparato in onore del suo ospite d'Armenia.

Portava la costumanza babilonese che i re siedessero a mensa in
disparte, e i loro convitati più ragguardevoli o ben voluti, a un'altra
di rincontro, ma divisa della mensa regale la mercè d'una fitta
cortina, per modo che il monarca vedesse a sua posta i convitati, ed
eglino in quella vece non potessero bearsi nelle regie sembianze. Per
altro, ne' giorni di corte bandita, la mensa era una sola e vastissima,
alla quale il re famigliarmente sedeva e facea mostra di sè, non
distinto dagli altri commensali, fuorchè per lo scanno d'oro, pel suo
vino e per la sua acqua, di cui a nessuno era concesso bere, senza suo
comando, che era grazia profumata e segno d'alta onoranza. Inoltre,
nelle grandi solennità, che ricorreano di rado, si facevano pubbliche
feste; e allora le mense regali si teneano all'aperto, sedendo il re
alla più elevata di tutte, insieme coi grandi del suo regno.

Un pasto solo si faceva, e lunghissimo, protratto fino a tarda ora,
dopo fornite le molteplici cure del giorno. Gran copia di vivande si
consumava per l'uso della corte, squartandosi fino a mille capi per dì,
tra buoi, cavalli, onagri, camelli, montoni e capretti. La selvaggina e
il pesce erano pure in buon dato; e tutto ciò s'imbandiva da prima alle
tavole dei grandi; indi passava a quelle dei minori ufficiali, tornando
i copiosi rilievi alle cucine, dove si satollavano i servi e i soldati
di palazzo.

Davasi nelle mense il vino spremuto dalla palma e dal melagrano, non
essendo a quei tempi nella terra di Sennaar coltivata a tal uso la
vite, che prosperava più presso al mare nella ragione di Canaan. Il
pane faceasi allora comunemente con la farina di dura, che è il sorgo;
quella di frumento traendosi, con grave dispendio e a mostra di regio
fasto, dalle lontane pianure di Mesraim, fecondate dal Nilo. I pubblici
banchetti erano rischiarati con luce di nafta ardente in acconci vasi,
collocati a giuste distanze su tripodi e candelabri di bronzo. A più
ristrette brigate dava luce gratissima l'olio di sesamo, di cui erano
imbevuti lucignoli di bisso, sporgenti da lampade di rame, o d'argilla
rossa, leggiadramente fregiate di nero, a meandri, ghirlande, disegni
capricciosi e figure fantastiche.

Quel giorno, essendo il convito in onore del re d'Armenia, le mense
erano poste nel cortile degli orti pensili, vastissima sala, aperta
su tre lati e sorretta da colonne addoppiate di marmo. Veli bianchi e
violetti, appesi con anelli d'argento a funi di bisso e di scarlatto,
si stendeano tra le colonne, dolcemente gonfiandosi alla brezza
leggiera e profumata, che veniva attraverso una siepe di gelsomini e di
cedri.

Tutto intorno erano disposte le tavole di legno odoroso, coperte di
candide mappe listate di porpora. In fondo alla sala vedevasi la
mensa più elevata e più adorna, con l'aureo scanno della regina a
capo, e letti d'argento in giro sopra un pavimento foggiato a disegno
con tesselli di porfido e di marmo bianco, di granito e di mischio.
Splendeva sul bianco drappo il vasellame d'oro, gloria del paese
d'Ofir, donde allora traevasi il prezioso metallo, e da alti vasi di
porcellana, smaltata a vivi colori, si levavano a mazzo, s'inchinavano
ad ombrello, i fiori più svariati e più rari: la ninfea dai bianchi
petali schiusi; il nepento, da cui si stilla il farmaco per cacciar la
tristezza; il giglio, onore delle convalli; la rosa, il gelsomino e la
mandragola, che spandono le più soavi fragranze.

Coppe d'argento, egregio lavoro dell'arte babilonese, guastade di
vetro, che mandava ai regnatori di Sennaar la pur mo' nata industria di
Tiro, stavano davanti ai convitati, insieme con piattellini d'argilla
colorata e lucente, con spatole d'avorio, dal manico di metallo,
che serviano per accostare i cibi alla bocca, e coltelli di selce,
sottilmente scheggiati, per tagliar le vivande. E mentre i coppieri
dalle idrie capaci mesceano il vino dolcissimo della palma, e l'acqua
fresca dalle anfore di creta, internamente strofinate con mandorle
amare, a fine di renderne più grato il sapore, gli eunuchi venivano
in lunga fila dalle cucine, recando su piatti di bronzo grossi quarti
di bue, di onagro e di capretto, che poscia gli scalchi faceano
destramente a spicchi, per imbandirli alla nobile comitiva.

Erano inoltre portati sul desco, fagiani piumati, pernici, ova di
struzzo, pesci, nottole di Barsìpa, conservate nel sale, olive, porri
e cipolle di Mesraim. Andavano da ultimo in giro i bossoli di cedro,
leggiadramente intagliati, che serbavano i condimenti e le salse;
grani d'amòmo, che dànno odor così vivo; di aneto, che stimola le
forze inerti o languenti; di comino etiopico, che rende più facile il
bere; di silfio cirenaico, il cui succo spremuto è la più gradevole, ma
altresì la più dispendiosa lautezza del mondo.

Ad ogni nuova imbandigione si udivano concerti di arpe, di cetre e
di flauti, che accarezzavano mollemente l'orecchio. I musicisti non
erano già nella sala del convito, bensì tra le piante dell'attiguo
giardino; donde avveniva che i suoni, più rimessi e più blandi, come
di musica lontana, non soverchiassero i lieti ragionari, che fanno
più grato il piacer della mensa. Luce, abbondanza di cibi eletti,
splendori dell'arte, fragranze ed armonie, formavano un misto di gaudii
ineffabili, una vera festa, un tripudio dei sensi.

Il re d'Armenia, attonito, quasi smemorato per maraviglia di tante
grandezze che lo attorniavano, confuso da tanta novità di casi che
lo avean sopraffatto in un giorno, più ancora inebbriato dalle acri
sensazioni d'un amore che così apertamente dimostrava la irresistibile
potenza dei fati, sedeva alla destra di Semiramide. Di rincontro a lui
il saccanàco, o gran sacerdote, vicario degli Dei di Babilonia; più
lunge il principe dei Medi, l'onniveggente Zerduste; indi, seduti in
ordine, secondo l'altezza del grado, i primarii uffiziali del regno.

Lontano era Ninia; ma il regio adolescente non era uso assidersi alla
mensa materna, nè partecipare alle solennità della corte. La maestà del
dispotismo orientale non consentiva divisioni d'impero, o di gloria:
soltanto il re, il malca divino, dovea stare al cospetto de' suoi
grandi, servitori tutti, ossequienti e paurosi, nè altrimenti sceverati
dal volgo, se non pel regio favore, mutevole a guisa di vento; nè
altri del suo sangue poteva, lui vivo e regnante, emergere dall'ombra
discreta del ginecèo, per offrirsi alla vista e all'adorazione de'
sudditi.

Oltre di che, il giovinetto non era egli felice in quell'ora, fuori le
porte di Babilonia, al fianco della sua diletta Anaiti? I due colombi
gemeano sommessamente il loro cantico de' cantici, in riva all'Eufrate,
sotto i palmeti di Gomer. Così avea consentito Zerduste, l'affettuoso
maestro.

Il principe dalla mente profonda e dallo sguardo acuto, sedeva calmo,
tranquillo, impassibile, alla mensa di Semiramide. Avea egli amata
mai la regina? Ciò, pel volgo dei riguardanti, era chiuso nel più alto
segreto. L'amava egli ancora? Non ne traspariva nulla da quell'aspetto
marmoreo. Semiramide istessa, così avvezza a scernere l'amore negli
ossequii ond'era attorniata, Semiramide istessa, se avesse potuto
in quell'ora rammentarsi d'alcuna cosa che non fosse il suo ospite,
e volgersi a scrutare quel muto sembiante, a interrogare il lume di
quegli occhi raccolti, non avrebbe potuto per fermo ravvisarvi i
segni dell'antica fiamma. Amore che non si gradisce, poco si vede
e facilmente s'obblia; inoltre il sentir di Zerduste era d'uomo
altero, misurato negli atti, geloso custode di sè; non altro poteva
egli vedersi del cuor suo, se non ciò che a lui medesimo talentasse
mostrarne.

Covava egli vendetta? O rodeva, impaziente e cruccioso, il freno
della servitù del suo popolo? Mare profondo cela nel grembo oscuro il
segreto delle sue collere e limpido azzurreggia il suo dorso, poco
prima di sollevarsi in legioni di flutti e di scagliarsi impetuoso
alla riva. Tale era Zerduste, riverito abitatore della reggia di
Babilonia, maestro di saviezza al futuro erede dello scettro di Nemrod,
ammesso ai consigli della gran vedova di Nino. E Ilu, e Nebo, e tutta
la schiera de' sommi Dei, comportavano ciò? Ahimè, forse neppure vi
ponevano mente; quelle vivide luci fiammeggianti dalla vôlta celeste,
vigili in apparenza, non si prendevano cura delle cose mortali. E i
Casdim, sapienti indagatori del corso degli astri, niente leggevano
per entro agli arcani dell'anime. Eglino, o forse non ancora ordinati
a sospettoso collegio d'ambizione sacerdotale, o forse più intenti
a temperare l'onnipotenza dei re, che non a sgominarne i nemici,
non pigliavano ombra di quel taciturno, entrato così innanzi nella
confidenza della reggia.

E sedeva egli a mensa, sorridendo e favellando dimesticamente coi
vicini, a cui il bere snodava la lingua e annebbiava l'intelletto.
Ma, così ascoso in quella confusione di allegrezze, in quel deliziarsi
dei sensi, lo spirito suo aleggiava non visto, invigilava le parole,
gli atti e gli sguardi. E certo in cuor suo non doveva esser lieto;
imperocchè l'amore è possente come la morte e la gelosia aspra più
dello inferno.

Frattanto, il re d'Armenia era parco di parole oltre l'usato, chè
l'interno tumulto degli affetti non gli consentiva d'esser loquace.
Molto, per contro dicevano gli occhi, donde traluceva la profonda
voluttà, bevuta a lunghi sorsi dal viso dell'amata. E gli occhi di
Semiramide erano spesso rivolti su lui, in ciò accordandosi alla
prepotenza del desiderio, al debito delle cortesie ospitali. In
quegli sguardi erano lampi, raggi di vivissima luce, che lui felice
investivano e gl'infiammavano il sangue. Dov'eri tu, in quell'ora, o
Sandi, o rimpianto amico della sua giovinezza? Dove eravate voi, severi
ammonimenti dell'oracolo, parlante dai sacri platani di Peznuni?

Così è l'amore, inebbriante più del vino generoso, datore d'obblio
più che non fossero le favoleggiate acque di Lete. E infine, non è
egli ragionevole che ciò sia? Non viviamo noi forse per l'amore, per
questo soave portato del nostro essere, per questa parte più eletta
delle nostre affezioni? Ciò che siamo e ciò che vorremmo essere, non si
riferiscono forse a questo argomento della nostra operosità, a questa
cagione dei nostri errori, a questa meta fatale del nostro viaggio?
Come l'ape lavora istintivamente a riempire il suo favo di miele,
non ci affatichiamo noi con assidua cura a comporre questo splendido
inno, unica glorificazione che ci sia consentita, alla virtù ignota e
possente che compenetra il mondo? Gli è un sorriso di donna (adorabile
sorriso, sebben misto di lagrime) che ci saluta in sul nascere, ed è un
sorriso di donna che può farci men triste il morire. Guai a chi è solo!
ha detto il savio; ed egli per fermo accennava alla donna; imperocchè
l'uomo è nulla, senza l'amore; son tenebre ed ombra di morte, ove
raggio d'amore non splende. L'inferno, spaventosa visione dell'uomo,
che primo tremò, al prolungarsi soverchio d'una notte jemale, non
avesse a ricomparir più il sole nel firmamento, l'inferno è luogo muto
d'ogni luce e d'ogni calore ai viventi; ora, calore è affetto e luce
è bellezza. Date all'uomo la sua dolce compagna, ed egli n'avrà lume
d'inspirazione, ardore di grate fatiche. L'antichissimo fondatore dei
civili consorzii non fu del tutto infelice, potè consolarsi del suo
gramo destino, se donna innamorata lo seguì, portando volonterosa con
lui il peso della maledizione celeste.

Ed essa, la dolce compagna, senza di lui, che sarebbe? In lui si
compie il suo destino; in lui è il sostegno e la guida; egli il fiore
ed ella il profumo; l'uno all'altro necessarii a vicenda. Date l'uno
nelle braccia dell'altro e il mondo è in essi; rinascerebbe, se più
non fosse, in quelle due vite confuse, e il passato, il presente e
il futuro, memorie, gioie, speranze, tutto eglino sono a sè stessi;
donde appar manifesto che possano viver da soli, senz'altra compagnia
di viventi. E che questa sia lieta esistenza, un grande amore alcuna
volta il dimostra. Un grande amore; ecco il divino tra tutti i misteri,
altare e tempio a sè stesso! L'universo è contorno necessario e fatale,
soventi volte giudice iroso, sempre testimonio increscevole. Che
farci? Si vive, obliandolo; lo si comporta qual è, gli si perdonano
le molestie che arreca, ma a patto di non mescolarsi a lui, di non
seguirlo ne' suoi indirizzi volgari, di non vivere della sua vita.
L'aura, pregna di soavi fragranze, rapite ai boschi natali, passa
rasente alle case degli uomini e segue noncurante il suo corso. I
tristi vapori dell'abitato ne turbano la delicata essenza, pur troppo;
ma lunge di là, sotto la luce purissima del sole, per mezzo ai rami
della selva vicina, la gentil vagabonda si rinfranca, si rinnovella e
dimentica.

La natura offre talvolta di simiglianti magnificenze, a far prova del
suo sterminato potere. L'aquila nei cieli, il leone nel deserto, il
baobab nella selva, sono le sue meraviglie. Ella ha innalzato rupi, che
cacciano la vetta infin tra le nuvole, argomento di pauroso stupore ai
riguardanti; ella ha prodotto fiori di così acute fragranze, che l'uomo
non può respirarle senza pericolo. Ella di tanto in tanto dà vita
a que' forti intelletti, che grandeggiano per mezzo alla universale
pochezza e governano e mutano a lor posta gli eventi; ella accende
quelle gagliarde passioni che splendono, fari solitarii ed eccelsi,
nella penombra degli affetti volgari. Bellezza e gioventù, forza e
intelligenza, si vanno incontro desiose, si abbracciano, si confondono;
e son prodigiose le nozze, come di giganti innanzi ad un popolo di
pigmei. Invero, che sono quelle migliaia di amori fuggevoli, esangui,
mal vivi, al paragone di queste gagliarde, intense e luminose passioni?
Gran mercè se alla picciolezza infinita delle umane cose è dato di
essere pavimento umilissimo all'ara, su cui si sposano queste superbe
inconsapevoli fiamme. Così il genio di Omero vide il monte Ida, ricinto
di nubi gelose, esser talamo agli amori di Giunone e di Giove, mentre
laggiù, sulle rive dello Scamandro, si azzuffavano due popoli, sperando
testimoni alle lor collere i Numi. Quest'alta dimenticanza è la
misura di cosiffatti amori possenti, superiori di tanto alle meschine
consuetudini umane.

Così, in mezzo all'esultanza del convito, la regina e il suo ospite,
l'uno nell'altro felici, aveano dimenticato ogni cosa. Ara pensava che
ella era innocente e calunniata, quella bellissima tra le donne, quella
potentissima tra le regine. La vicinanza di lei cancellava dalla sua
mente gli infausti presagi dell'oracolo. Unico dolore il pensiero di
dover tornare, indi a non molto, in Armenia, alla sua reggia d'Armavir,
ora più triste e desolata di prima. Ed anche questo pensiero ei lo avea
cacciato lunge da sè. Il destino, che lo avea gettato inconsapevole
nelle braccia di Semiramide, non avrebb'egli operato un altro dei suoi
alti prodigi?

Ed ella, frattanto, pensava che il suo trono era così grande, da
potervi accogliere l'eletto del suo cuore; così splendido, da non
dovervi accogliere che lui, il più leggiadro degli uomini. Non erano
essi fatti l'uno per l'altro? E la natura, creandoli, non aveva
per l'appunto mirato a tal fine? Così nella mente di quella donna
innamorata, il mondo, Babilonia, la reggia, altro non erano che
un'immensa piramide, innalzata da Nisroc, dal signore delle sorti, per
collocarvi il loro amore, intenso, sfolgorante, glorioso sul vertice.

E gli occhi suoi dicevano tutto ciò all'inebbriato garzone.

Intanto erano levate le mense, e, pel cader delle ombre notturne,
tolti dal colonnato i velarii, che facevano impedimento alla brezza
ristoratrice. Misteriose luci splendevano in mezzo alle piante del
giardino; in alto, disseminate per la vôlta di zaffiro, scintillavano
le stelle.

— Sien grazie agli Dei! — disse il saccanàco, levando al cielo le mani.
— Da essi ci viene ogni cosa. Il mondo si inchina obbediente a Babilu,
che li onora e li venera.

— Ed ora, — parlò la regina, — mentre Sin, co' suoi miti chiarori
illumina il mondo e così dolce è il riposo allo spirar della brezza
notturna, si rechino a noi gli annali di Babilu. Il nostro gentile
ospite d'Armenia conoscerà da essi la nobiltà dell'amica gente degli
Accad. —

A quelle parole di Semiramide, il gran maggiordomo si alzò per andare
all'ingresso, dove, ad un suo cenno, comparve sollecito lo scriba,
della setta dei Casdim, al quale era dato in custodia l'archivio delle
memorie babilonesi.

Venuto innanzi alla regina, lo scriba si prostrò fino a toccar colla
fronte il suolo.

— Gran Semiramide, — diss'egli poscia, levando le mani verso di lei, —
possa tu vivere in perpetuo!

— Sorgi, — disse a lui di rimando la regina, — e mostraci la
successione dei sari e dei sosi, dal giorno che Bel, il gran dio
creatore, balzò fuori dal tempo senza limiti, infino a questo dì
fortunato.

— Ciò che tu chiedi sarà fatto: — rispose alzandosi da terra lo scriba.
— Gli Accad hanno diligentemente notato ciò che ad essi tramandarono i
padri loro. I moti degli astri, le apparizioni degli Dei e le glorie
dei re, tutto è vergato nelle foglie di papiro, la mercè dei sacri
caratteri, che Oanne ha insegnati agli abitatori di Sennaar. —

Un alto silenzio si fece allora nella sala del convito. Lo scriba
si assise su d'uno scanno, davanti alla regia comitiva, e, recatosi
tra mani un volume di papiro, ne ruppe il suggello di creta; indi,
svolgendo le pagine, così prese a leggere, in mezzo all'attenzione
universale, gli antichi ricordi della stirpe di Accad.



CAPITOLO VII.

Le prische Istorie.


«Nel principio, tutto era tenebre ed acqua, per entro a cui si movevano
confusi gli elementi di ogni cosa che è. Forme strane di viventi erano
allora; mostri con due facce e quattro ali, o con due teste e corna e
pie' di caprone, o di cervo, centauri, sirene, tori dall'aspetto umano
e cani che finiano in coda di pesce, insieme con molte altre specie
di rettili e serpenti di smisurata lunghezza. In questa confusione di
tutte cose, regnava silenziosa la gran madre Omoròca, detta Talatta,
nel sacro idioma dei Casdim.

«E allora comparve Bel, il dio della luce e dell'aria. Venne egli con
le sue innumerevoli schiere di Baalim, e d'un colpo della sua spada
fiammeggiante, divise Omoròca, in due parti. Così furono il cielo e la
terra.

«Ora avvenne che quell'immondo brulicame di mostri non potè sostenere
la gran luce del Dio, e giacquero spenti. E Bel ferì il suo collo, e ne
piovvero rivi di sangue. I Baalim, seguendo l'esempio, vi mescolarono
il loro e ne nacquero gli uomini, per tal guisa ragionevoli e partecipi
dell'intelletto divino.

«Allora fu il tempo. E, avendo Bel creato le stelle, il sole, la luna
e i cinque pianeti, incominciò l'età prima, per la terra di Sennaar.
Dieci re vi regnarono, da Ailuro infino a Chisutro, e fu questo
tempo di centoventi sari, ognuno dei quali novera tremila e seicento
rivoluzioni del sole.

«Ad Ailuro, che fu il primo re, succedettero Alapùr ed Almelon; a
questi, Amènnone, il prediletto dei cieli. Imperocchè, essendo egli
sulla riva del mare, vide emergere dai flutti Oanne, il dio Marino,
il gran pesce, che ha voce ed aspetto umano. Questi non prendea cibo,
siccome è costume degli uomini; appariva ogni mattina alla spiaggia
e ogni sera s'inabissava nei gorghi. Fu egli che insegnò ad Amènnone
l'uso delle lettere sacre e l'arti che fanno felici gli uomini, il
seminare, il raccogliere, il radunarsi a civile consorzio, murare
città, edificar templi e far sacrifizi agli Dei.

«Prima di quel tempo, gli uomini non avevano leggi, nè riti. Viveano
essi sotto le tende, o vagavano per la pianura a guisa di fiere;
ammiravano le pietre e temevano il fulmine, che si sprigiona dalle
nubi. Ma dopo gl'insegnamenti di Oanne, conobbero gli Dei ed offersero
loro i frutti della terra. Così nacque il culto di Oa, il nume emerso
dai flutti, il re del mondo inferiore; di Bel, il risplendente, il
demiurgo, l'ordinatore di Omoròca; di Ilu, il signore delle acque, e
così di tutte le altre personificazioni della potenza suprema, infino a
dodici, aventi in sè doppia forma, virile e femminea.

«Morto il savio Amènnone, gli succedette Magalur, e a questi poscia
Davon, durante il cui regno apparvero gli altri quattro legislatori
uominipesci, e seguitarono la santa opera di Oanne, insegnando alle
genti. Al re Davon tenne dietro Eduruc, nel cui tempo apparve il pesce
Dagone; indi regnarono Amenfino, Ossiarte e Chisutro.

«Costoro erano giganti e vivevano oltre la misura assegnata poscia ai
mortali. L'ultimo di essi, Chisutro, regnò dieciotto sari, innanzi il
giorno del diluvio, ossia sessantaquattro mila ottocento rivoluzioni
del sole. Fu egli uomo pio, dotto delle antiche memorie, a lui lasciate
da' suoi maggiori, le quali fe' incidere su tavole di pietra insieme
con la legge sacra dei cinque comandamenti.

«Ma, come egli era pio e temente della giustizia celeste, così non
erano gli altri uomini, la cui malvagità si stendea sulla terra,
spregiandosi comunemente la legge e corrompendosi ogni pensiero.
Da lunga pezza i savii, raccolti nella contemplazione degli astri,
profetavano la fine del mondo; ma gli uomini, induriti nelle perverse
consuetudini, aveano in non cale i certi segni del cielo.

«Allora il pesce dio apparve dall'onde a Chisutro, imperocchè questi
avea trovato grazia appo i celesti, e gli annunziò l'imminente diluvio,
che avrebbe travolto e distrutto ogni creatura vivente. Intendesse egli
a costrurre una nave ed entrasse in quella, co' figli del suo sangue
e famigliari suoi, preparandosi a navigare, dappoichè l'ultim'ora pei
malvagi era giunta.

«— E dove volgerò io il corso? — aveva chiesto Chisutro.

«— Verso gli Dei! — rispose Oanne. — In essi soltanto è il porto di
salvezza. Sta di buon animo, o Chisutro! Le tavole della legge sacra e
le antiche memorie de' padri tuoi, seppellisci sotto la pietra angolare
di Sippara; sia la tua nave così vasta da poter contenere ogni sorta di
cibi, semi della terra ed animali utili al servizio dell'uomo; spalmala
di bitume entro e fuori, così che essa resista all'imperversare delle
acque, e, tosto che avrai finito l'opera tua, chiuditi in quell'arca
sicura, insieme co' tuoi, perocchè in quel punto si squarcieranno gli
abissi e comincierà la rovina dei flutti.

«Obbedì ai comandamenti Chisutro, e tosto, con l'aiuto d'un sapiente
architetto, che il pesce dio gli aveva indicato, attese alla
costruzione della nave. E questa fu la misura della gran mole: cinque
stadii pel lungo e due di larghezza. Ivi entrò Chisutro, insieme con la
moglie, i figli suoi, le mogli e i figli di ciascheduno, che moltissimi
furono. E dentro la nave erano cibi in abbondanza, sementi d'ogni
pianta e una coppia d'ogni specie animali, lasciando fuori tutti quelli
che nascono dal putridume e dai vapori della terra, imperocchè lo
spirito di questi non è emanato dal sangue degli Dei.

«Intanto gli abitatori del mondo perduravano nella empietà e
spregiavano Chisutro, che in sì gran mole erasi messo a riparo. Ma
posciachè egli fu nella nave, con tutti i nati e famigliari suoi, il
cielo incontanente oscurò, cadde la pioggia e il mare straripò con
furia; Ilu, il signore dell'acque, sconvolgeva gli abissi. La nave
allora fu sollevata sui flutti, e un pesce di smisurata grandezza venne
a collocarsi davanti la prora, guidando il legno per mezzo a quella
rovina di elementi scatenati. Era egli Oanne medesimo, e Chisutro ben
vide che la mano d'un dio li proteggeva, imperocchè il furore della
tempesta e la violenza dei flutti niente potevano contro di loro.

«Lunghi giorni durò la collera d'Ilu, per modo che tutti i monti più
alti ne furono coperti ed ogni carne che si muove sulla terra, perì. E
come furono le eccelse cime così soverchiate, incominciò il gran mare a
chetarsi, il cielo si rattenne dal piovere, e le acque andarono a grado
a grado scemando. Raffidato da quell'alto silenzio, Chisutro mandò
fuori dal tetto della nave una coppia di uccelli, per sincerarsi se la
terra fosse in alcun luogo scoverta; ma gli uccelli, non avendo trovato
cibo, nè luogo ove posarsi, tornarono a lui. Ed egli, dopo alquanti
giorni, mandonne altri, i quali tornarono con le zampe imbrattate di
fango. Altri finalmente ne mise fuori, i quali non tornarono più;
sola, tra questi, una colomba, venne alla nave, recando nel becco
un ramoscello d'olivo. Donde egli conobbe che la terra rinasceva
dall'acque; e allora, scoperchiata la nave, vide esser questa posata su
d'una vetta dell'Ararat.

«Il gran pesce era sparito; ma il sole splendeva nel firmamento, e
di rincontro al sole si dipingeva nell'aria la luminosa striscia
dell'arcobaleno. Smontò egli tosto, insieme con la moglie, una
figliuola sua e il sapiente architetto. E scesi che furono dalla nave,
s'inginocchiarono, per baciare la terra, indi, alzato un altare di
pietra, adorarono gli Dei. Che avvenne egli poscia di loro? I rimasti
nella nave, non vedendoli più ritornare, scesero alla lor volta, nè
altrimenti li ritrovarono, sebbene con alte grida andassero chiamandoli
in giro. Bensì videro la nuvola con l'arcobaleno impressovi su, e dalla
nuvola udirono la voce di Chisutro, che sè, la moglie, la figliuola
e l'architetto, come primi discesi sulla terra, annunziava rapiti in
grato olocausto agli Dei; andassero i figli in pace e ripopolassero il
mondo: scendessero nel paese di Sennaar, scavassero nelle fondamenta
di Sippara, per ritrarne le tavole della legge sacra e i ricordi delle
antichissime genti; indi vivessero felici, camminando nelle vie della
giustizia e onorando i celesti che li aveano scampati dall'acque.

«Così fecero i figliuoli e nipoti di Chisutro, dopo avere offerto il
sacrifizio su quella medesima ara, che egli aveva pur dianzi rizzata.
Trassero fuori le sementi, e le sparsero nel grembo della terra; gli
animali, e li mandarono liberi per mezzo alle selve. La gran nave fu
lasciata lassù, dove gli avanzi rimangono tuttavia, e del bitume,
già fatto come pietra salda e lucente, si cavano gli amuleti, che
preservano dallo sguardo maligno, dai sogni nefasti e dalle male sorti
gettate.

«Queste le memorie dei primi abitatori della regione di Sennaar.
Ridiscesi i superstiti del diluvio alla pianura, e moltiplicatisi in
tre figliuolanze, secondo il nome dei padri loro, che furono Zeruano,
Titano e Jafeto, si posero a edificare, non lunge da Sippara, una
novella città, alla quale, per esser eglino usciti salvi dall'acque
invaditrici, imposero il nome di Babilu, ossia la porta di Ilu. E
foggiata a mattoni la molle creta, e adoperato a guisa di malta il
bitume tratto dalla prossima fiumana di Is, presero a murar la città.
In pari tempo cominciarono a innalzare una torre altissima, la quale,
giungendo con la cima alle nubi, fosse testimonio di loro possanza
sulla terra.

«Ma erano eglino appena a mezzo il lavoro, che la discordia entrò
nelle loro favelle, e il tremuoto e la folgore dispersero quei monti
d'argilla. E Sem Zeruano, il maggiore tra i principi loro, avendo preso
a tiranneggiare le genti, fu da Titano, detto altresì Cam nelle prische
memorie, e da Jafet, cacciato a settentrione del paese di Sennaar.
E dalla sua gente fu Cus, padre di Nemrod, il possente cacciatore al
cospetto di Ilu. Questi incominciò a comandare su tutte le genti, dei
quattro idiomi, e furono principio del suo regno, Babilonia, Accad,
Calne ed Erech.

«Nel tempo suo, Assur, nato dal sangue di Sem Zeruano, dalle rive
dell'Eufrate passò a quelle del Tigri, ove pose le fondamenta di
Ninive, di Reobot, di Cala o di Resen. E, d'altra parte, Aìco, del
sangue di Jafet, ricusando assoggettarsi alla possanza del figlio di
Cus, andò co' suoi, rimontando l'Eufrate, fino alle terre di Ararat,
ove pose sua sede. E Nemrod, da poi ch'ebbe stabilito saldamente
l'impero della sua stirpe, fu tratto al cielo sull'ali poderose di
Nisroc.»

— Se ciò sia vero, — pensò Ara in cuor suo, a quel passo della lettura,
— lo dica il campo di Aiotzor, dove il Titano ebbe morte dallo strale
del mio forte antenato. —

E reprimendo un sarcastico riso, che gli era venuto alle labbra, si
dispose ad udire la continuazione delle memorie di Babilu.

Ma la regina, il cui sguardo innamorato ad ogni tratto si posava sul
volto dell'ospite, notò quel moto delle sue labbra e con pensiero
cortese si fece a interromper lo scriba.

— Il grande progenitore dei re di Babilonia, — diss'ella nobilmente, —
è morto da prode in battaglia. Correggi i tuoi annali, o savio alunno
della schiera di Casdim. Bene io credo che lo spirito di Bel Nemrod
sia stato rapito in cielo dal signor delle sorti; ma il suo corpo,
diligentemente plasmato di balsami e coperto di ricche vesti, riposa
sulla collina di Keresman, nella tomba che la pietà del forte Aìco
gli diede. È dei prodi non serbar l'odio, oltre la morte del nemico, e
onorare con ogni lor possa la memoria dei prodi. —

A quelle parole di Semiramide si alzò Ara commosso, e nobilmente
rispose.

— Tu fai più dolce al mio cuore il debito della gratitudine, o possente
regina. Non è vile la stirpe di Aìco, ma quind'innanzi ella avrà per
massimo de' suoi vanti l'essere stata esaltata dalle tue labbra,
donde scorre il miele della cortesia, insieme con gli aromi della
sapienza regale. Aìco, Armenàgo, Aramais, Amasia, Kegan, Arma ed
Aràmo, progenitori miei, esulteranno nelle lor tombe di Peznuni, al
soffio consolatore della tua lode. Grande è Babilonia e degna tu sei
di regnare sul più forte popolo della terra, o bellezza sovrumana e
altezza d'animo veramente divina. —

Le guancie della donna leggiadra si tinsero in colore di fiamma.
Zerduste, il taciturno, a cui nulla sfuggiva, lampeggiò uno sguardo
feroce.

— Possente signora, debbo io proseguire? — chiese umilmente lo scriba.

— A qual pro? Quindici età sono trascorse sotto la grand'ala di Nisroc,
dacchè Babilonia è sorta sulle ubertose rive dell'Eufrate. Chi non
ricorda le opere dei discendenti di Nemrod? Bab, Anuv, Arbel, Cael, il
secondo Arbel e finalmente il gran Nino, che i sommi Dei hanno fatto
partecipe agli onori celesti, scrissero la loro istoria su queste
pareti, ne' sacri caratteri della gente degli Accad, e più chiaramente
ancora nelle provincie conquistate di mano in mano all'impero. I Saci
e gli Assùra a settentrione, i Medi ad oriente, gli Arabi e i Saba a
mezzogiorno, i Nabatei, i Cusi, i Carbaniti e quanti son popoli sul
mare del sole occidente, narrano abbastanza la gloria del popolo che ha
nome dalle quattro favelle.

— Tu dimentichi, — soggiunse il re di Armenia, — le opere tue, le tue
vittorie, o regina. Baki, nel paese di là dai Medi, e l'Indo lontano,
donde il sole si leva, tremarono allo scalpito del tuo cavallo di
guerra. Al gran Nino piacesti, così per l'alto valore e per l'animo
eccelso, come per la splendida bellezza del volto. Figlia prediletta
della Dea che ha il suo tempio in Ascalona, non diranno le storie i
tuoi celesti natali?

— Non parliamo di ciò! — interruppe la regina. — In molte guise si
spande e si tramuta l'adulazione del volgo. Io amo assai più apparire
qual sono veramente, e chi mi conosce da presso m'avrà, spero, per
migliore della mia fama a gran pezza. Più che nelle vane pompe della
nascita arcana e nella gloria dei superbi trionfi, amo vivere onorata
nella felicità del mio popolo.

— Gloria a Semiram! Possa ella vivere in perpetuo! — gridarono tutti
gli astanti, in un impeto di devoto entusiasmo.

Ed Ara fu lieto di unir la sua voce a quella degli altri commensali. Ma
una felicità, una ebbrezza pari alla sua, non era nel cuor di nessuno.

Tarda era l'ora, allorquando egli si alzò per toglier commiato.

— A domani! — gli aveva detto sommessamente la regina. — Debbo
conferire di gravi cose con te.

— È la regina che mi parlerà domani? — aveva chiesto il garzone.

— Sì, e te ne duole?

— Oh no, — aveva egli aggiunto, sospirando; — ma le parole di Atossa
tornarono più soavi al mio cuore.

— Ingrato! — esclamò la regina. — Non hai tu ritrovato Atossa sotto
le spoglie regali di Semiramide? Così il re d'Armenia tenga fede alle
promesse di Ara, come la regina di Babilonia ricorda di aver perduto il
suo cuore nel recinto sacro a Militta. —



CAPITOLO VIII.

La voce di sotterra.


Partita Semiramide dalla sala del convito, il re d'Armenia fu condotto
nelle sue stanze dal cerimoniere di corte e da un drappello di giovani,
che recavano faci per rischiarargli il cammino. Erano quelle stanze in
un'ala lontana del palazzo, nei quartieri assegnati ai regali ospiti di
Babilonia.

Colà giunto, Ara dimandò d'esser lasciato solo, ricusando gli uffizi
dei servi, che erano posti a' suoi cenni. Egli aveva mestieri di
raccogliersi, di ordinare i suoi pensieri confusi. E cotesto era
pur necessario, dopo tanta varietà di strane venture, che gli facean
creder quasi d'essere stato in balìa d'un sogno bizzarro. L'arrivo suo
in Babilonia, il tempio di Militta Zarpanit, la bella sconosciuta, i
felici amori suggellati da un sacro giuramento, la donna diletta poco
stante ravvisata sotto spoglie regali, il fasto della corte, le grandi
accoglienze, quel misto di fragranze e di voluttà, di splendori e di
ebbrezze, ond'era stato ricinto, abbagliato e compreso, siccome un dio
da una nuvola d'incensi, lo avevano tratto fuori di sè, gli avevano
annebbiato l'intelletto, lo facevano dubitare, fremere, esultare, venir
manco, quasi sentisse fallir sotto i piedi il terreno.

E invero, non aveva egli argomento di smarrir la ragione? Egli, il
giovine re di poca terra tra i monti, sceso in Babilonia a tributo,
egli conquistatore inconsapevole del più prezioso tesoro che al mondo
fosse! Egli, venuto così a malincuore, con l'amarezza d'un triste
ricordo nell'anima, egli in un giorno, in un'ora, amante riamato di
quella regina, che pur dianzi abborriva! Così era; così aveva voluto
il destino; ed egli, non pure lo ringraziava in cuor suo, ma temeva non
fosse che un sogno, quella felicità di rapidi eventi, e implorava dagli
Dei di non aversi a ridestare mai più. Donna celeste, e veramente nata
di Dea, com'era ella mal giudicata da tutti! Ah, la gioventù è cieca,
non sa di quanto lievi apparenze si vesta la menzogna, e porge troppo
facile orecchio alle stolte voci del volgo. S'invidia, si odia e si
calunnia così facilmente tutto ciò che sta in alto! In quella guisa che
il fango calpestato schizza sulle vesti del viandante, la moltitudine,
che striscia a terra, largisce ai grandi le colpe, i vizi, ond'è
contaminata ella stessa.

Povera donna! Perchè ella era bellissima, in eccelso stato, buona
e cortese, come tutte le anime grandi, sazia forse d'obbedienza e
desiderosa di affetto, i vanagloriosi, gl'impronti, i profani sognatori
di stragrandi fortune, avevano aguzzate fino a lei le cupide brame; e,
respinti da lei, perchè una donna d'alto sentire conosce l'amor mentito
e fuggevole così facilmente come il vero e profondo, s'erano riscattati
delle altere ripulse, gittandole il loro fango sulle candide vesti.
Egli è così facile infamare una donna! Non è ella tutta quanta nella
vita del cuore? Nel cuore si può meglio, si dee soltanto ferirla. È
donna; dunque impudica. È regina; dunque sanguinaria e crudele.

Povera Semiram! Lo aveva detto ella stessa, ed Ara ben ricordava le sue
parole: «Nessuno amò la povera regina, nessuno! Ella è sola, si sente
sola nel suo vasto impero, come un'isola deserta sul mare. Ognuno in
lei vede e desidera la regina; nessuno ha amata la donna».

Ed ora questa donna, che finalmente avea trovato chi meritasse l'amor
suo, di quali cose aveva ella a conferire con lui? Gravi cose, avea
detto; ma ve n'erano forse di tali, che non fossero quelle dell'amor
loro? No certo, e pensandoci meglio, e meditando le ultime parole di
lei, parve ad Ara di aver colto nel segno. E così in nube egli vedeva
la sua diletta Armavir rappicciolirsi man mano, allontanarsi nel fondo
e sparire. La sua Armenia, il reame con tanta cura e con tanto sangue
difeso dalla cupidigia degli Accad e dalle correrie dei cavalieri
Turani, doveva cadere per tal guisa in balìa de' suoi vecchi nemici?
Egli, il pronipote di Aìco, avrebbe lasciata la sua piccola, ma nobile
reggia tra i monti dell'Ararat, per salire sul trono di Nemrod? A
cotesto intendevano le parole di Semiramide; cotesto traspariva dagli
occhi, era voluto dalla potenza medesima dell'amor suo.

Ma, per contro, non c'era egli altra via? In cambio d'innalzarlo a sè,
non potea la regina discendere a lui? Ninia era un adolescente: ma a
qual principe ha mai fatto ostacolo l'età giovanile, per cinger corona
di re? E Semiramide, fatta grande dalle nobili arti del regno, non
sarebb'ella diventata grandissima, celebrata in tutte le età future,
per alto esempio di amore, al cui cospetto impallidiscono e sfumano
i gaudii del potere, i sogni dell'ambizione? Piccolo era il popolo
aicàno, ma forte, ed egli, confortato dall'amore di quella donna, fatta
compagna delle sue sorti, non dubitava di poterlo condurre animoso sul
cammino della vittoria e di dare all'amata un nuovo regno, che nulla
invidiasse all'antico.

In queste dubbiezze, in questi sogni dell'anima amante, si stava
il giovane Ara; nè sempre pensando, imperocchè talfiata il pensiero
ama posarsi e dormire, mentre gli occhi son desti, e vagano intorno,
vedendo, senza guardare, o guardando, senza vedere.

Un mite chiarore si diffondeva per la camera dai lucignoli d'una gran
lampada di rame, che pendea dal soffitto, illuminando le storiate
pareti. Tenui fragranze di eletti aromi vaporavano da bracieri
d'argento, collocati negli angoli. Poco lunge era il letto, sormontato
da un sopraccielo di porpora e coperto d'una coltre, la cui lana era di
cammello non nato. Ma rifuggendo ancora dal sonno, il re d'Armenia se
ne rimaneva seduto sopra un lettuccio di morbidi guanciali, di contro
al monopodio di cedro, il cui piede era bizzarramente intagliato, e
la tonda lastra si nascondeva sotto uno di que' tappeti, vagamente
intessuti, che mandava a Babilonia l'arte famosa di Tiro e di Sidone.
Su quel tappeto era posata una lucernuzza da mano, e poco discosto da
quella un rotolo di papiro, collocato per modo da attirare lo sguardo.

E tuttavia, il giovine Ara, così sovra pensieri com'era, non ci aveva
anche badato. Più e più volte i suoi occhi s'erano volti a quel rotolo,
ma senza che l'animo lo avvertisse del pari. Senonchè, in uno di quegli
intervalli che l'innamorato garzone metteva nelle sue fantasticherie,
gli occhi posarono tanto sul misterioso involucro, da destare la sua
attenzione, e finalmente la sua curiosità.

Rimase un tratto dubbioso a guatarlo; indi stese la mano e lo afferrò,
in quella che si accostava alla fiamma della lucerna, per considerarlo
più da vicino. Un suggello di argilla rossa chiudeva il margine del
foglio, e in quel suggello si vedeva l'impronta d'un cigno. Un brivido
gli corse, a quella vista, per l'ossa. Il cigno era l'emblema consueto
di Sandi, del soave cantore, amico dell'anima, compagno fedele della
sua giovinezza.

Che voleva dir ciò? Un senso d'angoscia ineffabile penetrò il cuore
del giovane, e una voce arcana gli bisbigliò nel profondo che in quel
rotolo suggellato si chiudevano le sorti della sua vita.

Sandi! Che voleva in quell'ora l'estinto da lui? Veniva forse a
rimproverarlo di qualche suo mancamento verso la memoria dell'amico?
Egli per fermo non lo aveva dimenticato; ma doveva egli altresì
chiudere ad ogni affetto il suo cuore? E perchè il triste fantasma
veniva egli a turbargli il suo primo giorno di gioia?

Ma forse la presenza di quel ricordevole emblema altro non era che un
giuoco del caso. Ara lo sperò e ruppe avidamente il suggello.

Pochi versi di scritto, ne' caratteri accadii, allora comuni alle genti
della pianura e della montagna, si leggevano sulla interna faccia del
papiro, i primi nereggianti e visibili, gli altri man mano più incerti
e sbiaditi.

Ed ecco ciò che Ara vi lesse:

«Tu ami e credi di essere amato. Ora, vuoi tu conoscere il vero? Sandi,
il tuo Sandi, te lo dirà egli stesso, pur che tu il voglia. La gran
luce ti aspetta. Ma bada, per giungere ad essa, v'hanno terribili prove
a sormontare, fatte soltanto per animi forti.

«Hai tu ardire? Hai tu sete di verità? Ricordi tu l'antica amicizia?
Davanti a te, a' piedi della parete che reca scolpita l'immagine
del leone alato, si apre un vuoto, che ti guiderà fino a me. Pensa e
risolvi.»

Null'altro si leggeva nel foglio. Soltanto seguivano alcuni segni
scoloriti, che ad Ara non venne dato d'intendere. Da que' segni, gli
occhi del re d'Armenia corsero alla parete. Il leone alato vi si vedeva
scolpito sopra una tavola di alabastro dipinto, e pareva guardarlo,
co' suoi occhi di smalto. Un sudor freddo gli corse a quella vista per
l'ossa, e le chiome gli si rizzarono sulla fronte.

Senonchè, a' piedi della parete si vedeva il pavimento liscio e
lucente, senza alcun segno che indicasse una apertura sotterranea. Il
re d'Armenia balzò in piedi, corse laggiù e guatò lungamente il suolo,
ma invano. Tornò allora al lume della lucerna e si fece a legger da
capo il papiro. Un altro verso di scritto era apparso nel foglio.

«La botola è aperta; mettivi il piede, animoso....»

Ara tornò a guardare. E appunto allora gli venne udito un rumor sordo,
un cigolìo come di serrami smossi. E tosto una cateratta si aperse,
discese, e una buca spalancata si mostrò nel pavimento.

Il re d'Armenia era prode tra i prodi; ma quello spettacolo, e dopo
quella lettura, non era tale da lasciarlo tranquillo. Tuttavia,
non apparve inferiore al suo nome. Vi hanno uomini che il pericolo
imminente, non che abbattere, rinvigorisce. Un nemico ignoto e
invisibile? Un agguato? Suvvia! egli è dei valorosi il farsi innanzi,
checchè avvenga, e solamente a conforto della propria dignità. Mancano
gli spettatori; che importa? La coscienza del prode non è ella presente
a sè stessa?

Ritto, immobile, cogli occhi sbarrati, rimase un tratto, guardando
da lunge la buca; indi, come trascinato da una arcana virtù, mosse a
quella volta, si affacciò in sull'orlo e cacciò lo sguardo avido nel
profondo.

Un pozzo di scale gli venne veduto là dentro. Si scorgevano i larghi
gradini di mattoni scender giù ad un pianerottolo, donde un altro
braccio si partiva, voltando ad angolo retto; ed altri man mano
andavano in giù digradanti, la cui sequela si perdeva nel buio. Nessun
rumore di passi, od altro simigliante, giunse all'orecchio del giovine;
tutto era silenzio in quel baratro; solo un alito, un senso lievissimo,
quasi un odor di frescura, venne di là dentro a sfiorargli la guancia,
come per dirgli che quello non era un sepolcro e che l'aria respirabile
non vi faceva difetto.

Senonchè, era opera di uomini o di spiriti ignoti, quella via che gli
si parava dinanzi? D'uomini forse, pensò Ara in cuor suo. E tornato
prestamente alla tavola di bronzo, afferrò il suo coltello dalla
fulgida lama, che già aveva deposto, e lo rimise alla cintola.

Frattanto, gli occhi suoi correvano da capo al misterioso papiro. Altri
versi di scritto nereggiavano, dal mezzo insino al piè della pagina.
Il re d'Armenia non lesse, divorò i nuovi caratteri, che gli offriva lo
scrittore invisibile.

«.... scendi; quanto più scenderai, tanto più sarai innalzato alla
conoscenza del vero.

«Odi una triste istoria. È già gran tempo che due purissimi spiriti,
inviati da Dio a spargere la sua luce sulla terra di Sennaar,
dimenticarono qui, per l'amore di una figlia di Babilu, il loro celeste
mandato. L'ingannatrice strappò dal labbro di quegli illusi il motto
d'entrata alle eterne dimore, dov'ella fu pronta a sollevarsi in lor
vece.

«Però il santo Iddio li punì, confinandoli in una chiostra profonda,
sotto la torre delle sette sfere. Colà vivono in tenebre fitte; colà
rimarranno, sospesi per le ciglia, fino al dì del perdono.

«Pari a costoro è il tuo Sandi. Qui sta dolorando il suo spirito, sotto
la medesima terra ov'egli ha amato e pianto, sotto le medesime acque in
cui ha trovato la morte. Respingerai tu l'invocazione di un'anima, la
quale non attende che te? Vorrai tu essere maledetto in eterno?»

— Ah no! — proruppe Ara, gittando il foglio e correndo alla botola.
— Chiunque tu sia, spirito immortale o astuto ingannatore, eccomi a
te! Dovess'io lottare col negro fantasma di Nemrod, son pronto. Aìco,
fortissimo Aìco, proteggi invocato il tuo sangue! —

E si cacciò entro la botola, giù per la segreta scalèa, da prima con
passo veloce, soccorrendogli il lume che pioveva dalla sovrastante
apertura, quindi man mano più tardo, poichè la luce veniva scemando
sempre più, ad ogni svolta di scale.

Del resto, anco quel fioco raggio gli venne meno ben tosto. Un cigolìo
si fe' udire alle sue spalle, indi un fragore, un urto, quasi di pietra
con pietra. La cateratta si richiudeva su lui. Il re d'Armenia era come
sepolto in quel baratro.

Nè di cotesto gli dolse, quantunque il richiudersi della cateratta,
togliendogli ogni speranza di ritorno, gli dicesse tutta la gravità del
pericolo. Il dado ormai era tratto. Non lo aveva egli forse voluto?

Brancolando con le palme distese lunghesso le mura, proseguì allora
il cammino e potè sincerarsi che le scale giravano a pozzo, coi loro
ripiani tutti ad uguali distanze. Però, abbastanza spedito, siccome gli
veniva fatto, procedendo tentoni, andava egli allo ingiù, null'altro
udendo che il rumor dei suoi passi, sordamente ripercosso nel vuoto.
E nello scendere, gli ricorrevano al pensiero i lieti splendori del
convito, gli sguardi amorosi della regina, tutte le allegrezze di poche
ore addietro, finite così malamente per lui, in quel buio, in quel
silenzio di tomba.

Per altro, seguitando egli a calare nel cieco abisso, incominciò ad
udire un suono lontano, come un susurro, un mormorio dal profondo.
Da principio, gli parve inganno dei sensi; ma il suono si faceva
più distinto; nè egli poteva intendere che fosse, poichè di voci
umane non gli pareva certamente. In quel mezzo anche un po' d'aria
manco soffocata era venuta a soffiargli sul viso. Certo ella spirava
da fori aperti nello spessore dei muri. Intanto il suono cresceva,
cresceva, sordo, fragoroso, fiottante; indi, da sotto che egli l'udiva,
incominciò a farglisi sentire di fianco, e poscia sul capo, a grado a
grado men forte, mutato in brontolìo sommesso, fino a tanto si tacque
del tutto, lasciando il giovine Ara nel sepolcrale silenzio di prima.

Egli argomentò che quel fragor d'acque scorrenti venisse dall'Eufrate
vicino, e che, mettendo la scala sotto il gran fiume, la incognita
meta del suo tenebroso viaggio non dovesse ormai esser lunge. Nè male
erasi apposto nel suo giudizio. Diffatti, pochi istanti dopo, il pozzo
delle scale finiva, ed egli, sempre attenendosi alla parete, conobbe di
inoltrarsi sul piano, per un androne sterminato, in fondo al quale gli
parve di scorgere un lieve barlume, simile a quello che precede, nelle
fredde regioni, il sorgere di un nebbioso mattino.

Guidato da quel tenue filo di luce, il giovine studiò il passo per
afferrare la meta. Ma, giunto colà, si avvide che il suo viaggio non
era anche finito. L'androne riusciva ad una svolta, d'onde un più vasto
sotterraneo gli si parò improvvisamente dinanzi.

Il chiarore là dentro appariva men fioco, ma incerto sempre, confuso,
torbido di vapori, che davano sembianza di un denso fumo. Per altro,
nessun senso di oppressura al petto, o di irritamento alle palpebre,
accennava a cotesto; senonchè, per mezzo a quella nube immobile e
fissa, tornava malagevole discerner la via a pochi passi più oltre.

Il re d'Armenia, abbacinato, ristette sotto il grand'arco
dell'ingresso, che era sorretto da smisurati piloni. Doveva egli
commettersi là dentro? Doveva egli dar volta? Prima di appigliarsi
ad un partito, volle averne l'intiero, e con voce sonora, con accento
deliberato, gridò:

— Ho io fallita la strada? —



CAPITOLO IX.

La porta di bronzo.


La voce del re d'Armenia si ripercosse, più e più volte ripetuta sotto
le invisibili arcate. Egli per alcuni istanti aspettò inutilmente
una risposta. Alla perfine, una voce si udì, o, a dire più veramente,
un'eco di voce lontana, che gli diceva:

— No; fàtti innanzi per mezzo ai vapori, se brami giungere a noi. —

Quella voce, sebbene aspettata, turbò profondamente il giovine, gli fe'
batter forte il cuore e correre il sangue precipitoso alle tempie. Ma
egli si riebbe tosto da quell'assalto di terrore istintivo, e con atto
deliberato si cacciò dentro a quel vortice bianco. Ai primi passi che
egli ebbe fatti là entro, maravigliò grandemente di non riceverne alcun
senso spiacevole, od altrimenti molesto. Quel vapor bianco, anzichè
fumo, potea dirsi una nebbia, un nembo di polvere diffusa nell'aria,
e così fitta, che non gli concedeva di vedere la strada due passi
più avanti. Ed egli vi navigava per entro, senza fatica, o disagio;
la fendeva facilmente, siccome un raggio di sole si apre la via nel
grembo d'una candida nuvola, che, librata sull'orizzonte, vorrebbe
contendergli l'estremo saluto alla terra.

Dopo alcuni istanti di quel viaggio nel vaporoso strato, la nube
bianchiccia ed opaca cominciò a diradarglisi intorno, ed egli a mano
a mano potè scorgere una sequela di arcate e di smisurati piloni di
pietra, in mezzo ai quali s'inoltrava, andando verso un punto luminoso,
che ancora non poteva distinguer che fosse. E allora gli venne alla
mente il valico segreto sotto l'Eufrate, opera di Semiramide, ne' suoi
primi anni di regno, e per tutto il mondo celebrata audacissima tra le
meraviglie di Babilu.

Per costruire questo valico sotterraneo, la regina aveva fatto deviare
il corso dell'Eufrate, mandandolo a scaricarsi in uno sterminato
serbatoio, già scavato a tal uopo, che era largo trecento stadii
per ogni suo lato e trentacinque piedi profondo. Così, mentre il
fiume veniva colmando il serbatoio e allagava da ultimo la pianura
a mezzogiorno della città, si era posto mano alle fondamenta del
sotterraneo, facendo girare su enormi piloni di granito gli archi delle
vôlte, le quali erano di mattoni cotti, cementati d'asfalto. La vôlta
aveva quattro cubiti di spessore; le pareti erano rafforzate da una
profondità di venti mattoni, e il sotterraneo misurava dodici piedi
d'altezza, quindici di larghezza. La fama, che tutto ingrandisce, aveva
a far credere più tardi che all'opera meravigliosa fossero bastati
sette giorni di assidue fatiche; e certo, ad esaltare degnamente
l'impresa, non era bisogno di cosiffatte invenzioni. Comunque fosse
dei giorni spesi in quell'opera, a mala pena essa era stata condotta
a termine e ricoperta da parecchi strati di bitume e d'argilla, il
fiume tornava nell'alveo e la regina aveva il suo varco sotterraneo,
che congiungeva celatamente i palazzi delle due rive, siccome il ponte
congiungeva le due parti della città, alla luce del sole.

Ed egli stava per l'appunto in quel sotterraneo. L'immagine dell'amata
regina era per tal guisa sempre davanti agli occhi dell'ospite. Mirabil
donna, che, così giovane ancora e risplendente di tutte le grazie del
suo sesso, aveva potuto metter l'animo in tutte le cure più svariate e
più gravi, contender tutte le palme ai più forti, ai più illustri, ai
più fortunati re della terra! Per lei cresciuto a dismisura il regno
degli Accad; per lei Babilonia innalzata a tale di possanza e di fasto,
che nessun'altra città doveva emulare mai più; per lei sorte a gara le
opere stupende, la cui memoria aveva a durare quanto il mondo lontana.

I piloni di granito succedevano ai piloni, le arcate alle arcate, in
tre ordini disposte pel lungo, siccome nelle tre navate d'un tempio.
E gli smisurati piloni uscivano man mano dagli ultimi vapori, siccome
escono a poco a poco più spiccate le larve notturne dal sogno, o le
linee dei monti dal crepuscolo del mattino. Intanto, una luce peritosa
si diffondeva dai lati, che egli, indi a poco, notò esser tramandata
da piccole lucerne collocate entro le sporgenze dei cornicioni e
dietro le capricciose spire dei capitelli. A quell'incerto chiarore si
illuminavano sinistramente mille forme fantastiche, condotte a rilievo
lunghesso i muri, uomini pesci, leoni alati e simiglianti a chimere,
che assumeano vita e moto dintorno a lui, e ad ogni suo passo pareano
fremere, agitarsi irrequiete, pronte a scagliarsi sull'audace turbatore
dei loro eterni riposi.

Calmo e sereno, compreso di quella onesta baldanza che conferisce agli
animi forti il pericolo, procedeva il re d'Armenia in mezzo a quelle
ostili parvenze. Strani rumori si levavano a' suoi fianchi, gemiti,
grida, sordi ululati, fischi di serpi e baturli di tuono; ma egli
animoso a nulla badava e proseguiva sicuro la via. Così giunse in capo
al sotterraneo, dove le pareti si ristringevano intorno ad una porta di
bronzo, su cui erano impressi caratteri arcani. Era quella la meta; là
dietro lo aspettava l'ignoto.

Pochi passi lo dividevano da quell'uscio misterioso, ed egli muoveva
risoluto alla soglia allorquando un cupo rombo s'intese, che lo fece
ristare ad un tratto.

— Sciagurato, dove t'inoltri? — tuonò una voce minacciosa alle sue
spalle.

Ara si volse indietro, turbato; ma nulla vide, nè intese donde
venisse la voce. Incrociò allora le braccia sul petto, e, sorridendo
amaramente, esclamò:

— Non mi avete chiamato? son qua!

— E non temi di farti più oltre? — gli chiese un'altra voce da fianco.

— Temere? io? — gridò il giovine con piglio superbo. — Chiunque voi
siate, sappiatelo; ignoro che sia la paura.

— Non fidar troppo nelle tue forze! — soggiunse la voce. — Esse non
valgono contro le arcane potenze Sai tu forse ciò che ti aspetta?

— La morte? — ripigliò il re d'Armenia. — Fosse pur questo il mio fato,
nol temo. —

E così dicendo, il pronipote d'Aìco volgeva intorno la fronte, quasi
volesse sfidare i suoi interlocutori non visti.

— Ah! — rispose la voce con accento sarcastico. — Ben altro si può
farti.... Ben altro.... Tal colpo si può ferire su te, che ti faccia
docile e pauroso siccome un fanciullo. Sacri misteri ti circondano,
non uomini pari tuoi, contro i quali basti snudare il ferro, di cui la
tua mano ha già accarezzata l'impugnatura più volte. Tu sei nel grembo
della terra, ricordalo, nel grembo della terra, in cui si celano le
idee madri, le virtù arcane della natura.

— Sta bene, ed io le venero, queste arcane virtù; — rispose Ara
tranquillo. — Sono avido di sapere, chiedo di leggere nel passato e
nel futuro, se pure è in poter vostro di farmelo palese. Vengo a voi
fiducioso; e che mi date voi, dopo avermi chiamato? Come rispondete voi
alla mia fede, dopo aver turbato il sereno dell'anima mia, dissipati
i dolci miei sogni, avvelenato il nappo delle mie contentezze?
M'involgete nelle tenebre, mi niegate accoglienza, mi fate minaccia di
tormenti inauditi.

— Uomo cieco! — disse a lui di rimando la voce. — Le tenebre
dell'errore ti circondavano; le vane voci del mondo ti suonavano
all'orecchio. Or ti avvicini alla luce del vero, alla quiete santissima
del giusto. Se ti soccorre l'ardimento, batti dunque a quell'uscio. Ma
bada; non si torna più indietro, se non educati alla scienza del bene e
del male; e l'albero della scienza dà frutti amarissimi. —

Il re d'Armenia crollò alteramente le spalle e s'inoltrò verso l'uscio
di bronzo. Aveva appena posato il piede sulla soglia, che questa diè un
suono metallico, uno schianto rumoroso, a cui rispose un sobbalzo del
giovine, un tremito di tutta la persona, siccome avviene ai più animosi
e ai più calmi, per ogni inaspettato fragore, o traballìo, che accenni
non esser più sicura sotto i lor piedi la terra.

— Ah! — suonò beffardamente la voce. — Già ti sgomenti, pronipote di
Aìco? —

Ara non rispose parola. Tornato in sulla soglia, spinse l'uscio con
urto poderoso che ne fe' andare i cedevoli battenti fin contro agli
stipiti, e si cacciò dentro sollecito.

Ma appunto allora un orrendo frastuono si udì, come di cento dischi di
rame l'un contro l'altro percossi, e con essi un rombo di tuono, una
confusione di grida e di urli feroci. Intronato, strinse egli ambe le
palme alle tempie per turarsi gli orecchi, che gli pareva dovessero
andarne in frantumi. E così avesse chiuso gli occhi del pari! Un
bagliore improvviso venne a ferirgli lo sguardo e gli si parò dinanzi
come una fornace, anzi un lago di fuoco, per entro a cui si agitavano
confusamente mille figure strane, bocche sgangherate, lunghe braccia
e mani armate di unghioni minacciosi, mostri alati che arrotavano gli
occhi uscenti fuori dell'orbite, guerrieri di smisurata statura, che
brandivano spade roventi, e si raccoglievano sulle gambe tese, in atto
di avventarsegli contro. Egli rimase un istante attonito, guatando
l'orrida scena; indi, si dispose ad attendere i colpi della molteplice
schiera.

Aspettava tranquillo la morte, ma la morte non venne; l'alito di fuoco
sul volto, ma esso non giunse fino a lui. Per contro, quel torrente di
luce ad un tratto si spense, cessò il frastuono, e fu d'improvviso un
buio, un silenzio di tomba.

— Ah! — sclamò egli allora, sorridendo amaramente. — Vi prendevate voi
giuoco di me? —

E allora la voce rispose:

— Son queste le false parvenze della vita, i pericoli che circondano
l'uomo, nel suo viaggio sulla terra. Guai a chi si smarrisce d'animo,
imperocchè egli è dannato a perire. Il savio non teme la morte; essa
non è che la liberazione dalle catene dei sensi. Da valoroso hai
superata la prova. Gli spiriti arcani non t'impediscono il cammino. Va
innanzi. —

Ara obbedì al comando e si mosse.

Intanto al suo cospetto si diradavano le tenebre e un mite chiarore
si diffondeva all'intorno, rendendo le sembianze smarrite alle cose.
Per altro, ciò ch'egli vide non era più il sotterraneo, bensì un vasto
loggiato, sorretto e chiuso da alte colonne, per mezzo alle quali
vedeasi il cielo sereno e l'onda tranquilla d'un lago, che spirava fino
a lui un alito di soave frescura.

Non era quello per fermo un inganno dei sensi. Una copia di cigni
correva speditamente sull'acque, incalzando alla riva uno stuolo di
giovani donne, le quali si sollazzavano su quella superficie di liquido
argento. Ed egli ammirato le vide emergere dall'onda, rasciugarsi le
candide membra, e poscia, mal chiuse in sottilissimi veli, entrare
sotto il loggiato. Colà, anch'esse si avvidero della presenza del
forastiero, e timorose da prima, indi fatte dal suo stupore più audaci,
si condussero con agili passi alla volta di lui.

Bellissime eran costoro e niente que' sottilissimi lini negavano di
lor membra prestanti allo sguardo. Una tra esse, la più leggiadra
di certo, splendida a vedersi per sovrumana eccellenza di forme, pe'
sciolti crini, neri come bitume, che facean risaltare viemmeglio la
perlata bianchezza delle carni, venne a rigirarsegli intorno con atti
cortesi, e movenze, donde traspariva il desiderio di piacergli e di
vincerlo. Si schermiva egli, e già avea ricusato di bere alla coppa che
la vaghissima ignota gli profferiva, allorquando ella, avvicinatasi in
atto supplichevole, mentre le compagne intrecciavano a tondo le danze,
gli gittava le braccia attorno al collo, s'avvinghiava amorosa a lui e
gli susurrava all'orecchio:

— Tu sei bello; io ti amo! —

Ara si divincolò tosto da quella stretta, sebbene in quel modo che più
gli venne fatto cortese. I baci di Atossa gli tornavano in mente. Ora
l'amplesso dell'ignota non era egli una profanazione dell'amor suo?

— Lasciami! — esclamò, nell'atto di allontanarsi da lei.

E si spiccò da quel luogo, rompendo con le sue mani la cerchia che le
mute danzatrici gli avean fatta dintorno.

La lusinghiera lo saettò d'uno sguardo corrucciato.

— Ah! tu mi disprezzi? — diss'ella. — Bada, o re d'Armenia! Tu fuggi
dalle mie braccia, per correre incontro alla morte.

— Che il mio destino si compia! — mormorò il giovine, ripigliando il
cammino.

E intorno a lui svanirono man mano quelle femminili parvenze, infoscò
la scena, fu notte da capo. Il re d'Armenia tornò a brancolar nelle
tenebre.

— Ed ora? — chiese egli, fermandosi. — Che è egli, questo vostro
raggirarmi tra vane lusinghe e più vane paure? —

Un ghigno beffardo rispose all'inchiesta del giovine.

— Non ti dolere, o figlio di Aràmo! I dolci misteri di Militta
Zarpanit non ti lusingarono forse? Non ti trattennero essi più del
bisogno? Perdona a queste leggiadre abitatrici dell'Eufrate, se, memori
dell'amorosa vigilia, ti credettero più arrendevole alle loro carezze.
Invero, esse non aveano pensato che dalle braccia della gran maliarda
l'amico di Sandi doveva ritrarsi sfinito. —

Al crudele motteggio Ara non ebbe virtù di rispondere. Tutto era noto
colà, e il ricordo di Sandi veniva pensatamente a inchiodargli la
lingua.

— Suvvia! — proseguì rabbonita la voce. — Ormai gli è tempo per te di
avvicinarti alla luce. Fàtti innanzi e dammi sicuro la mano. —

A queste parole, e mentre egli si disponeva a muovere il passo, sentì
una mano che afferrava la sua.

Era quella una mano poderosa, e la sua stretta diceva assai più
l'odio d'un giurato nemico, che non la benevolenza d'un patrono, o la
sollecitudine d'una guida. Ed egli, il prode Ara, non potè rattenere
un senso di ribrezzo, un brivido di arcano terrore, che gli corse per
l'ossa. V'hanno tocchi lievissimi, che avvertono di danni, imminenti o
lontani, assai meglio dei più aperti presagi.

Il re d'Armenia procedette, così trascinato, una ventina di passi.
L'urtare che fece il compagno contro una parete gli fe' intendere che
erano giunti alla meta.

— Ci siamo, — disse infatti la voce: — ascendi la soglia.

Ara obbedì, dopo aver tastato del piede l'ostacolo. E allora tre colpi
furono battuti dal compagno sopra un disco di rame.

— Apriti, porta della verità! — gridò questi con pienezza di accento.

— Chi ardisce accostarsi? — dimandò dall'altra parte una voce cupa, che
parea venir di sotterra.

— Un profano; — rispose il primo interlocutore.

— E che vuole?

— La luce.

— Ha egli superate tutte le prove?

— Sì; ha varcata la tenebrosa via dell'errore; ha sfidato il pericolo
della fiamma e della spada, morte del corpo, e quello dei sensi, morte
dell'anima.

— E sa egli che cosa l'attende? Sa egli che la gran luce potrebbe
acciecarlo e l'amara scienza mutarsi in veleno per lui?

— Lo sa ed è pronto a patire ogni cosa pel conquisto della luce e della
scienza.

— Orbene, s'inoltri! Ben venga egli alla scienza, alla luce. —

E la porta, come per incanto, girò tacitamente sui cardini.

Entrarono in un vestibolo partito a grosse colonne di pietra,
illuminato da lampade di nafta. Un guerriero vi stava a custodia, col
volto coperto di un negro velo, e con una larga spada scintillante nel
pugno.

— Deponi il tuo ferro! — diss'egli con piglio severo al giovine Ara. —
A nulla potrebbe esso giovarti qua dentro. —

Ara si tolse dalla cintola il coltello dalla impugnatura gemmata,
che avea preso con sè, innanzi di perigliarsi nella scala misteriosa.
Frattanto, si volse a guardare il suo introduttore, di cui fino a quel
punto egli non conoscea che la voce.

Era questi un uomo di alta statura, di membra robuste, ma la sua faccia
non era dato vederla. Anch'egli portava un velo nero ravvolto intorno
al capo, siccome il guerriero che vigilava l'ingresso.

Deluso nella sua onesta curiosità, il re d'Armenia si inoltrò dal
vestibolo fino al limitare d'una gran sala, le cui pareti si vedevano
impresse di simboli svariati e di segni arcani, che accennavano a
scritture di popoli stranieri. Se egli avesse potuto por mente a
tali cose, gli sarebbero apparse in que' simboli le deità antiche di
Mesraim, poste colà a riscontro di quelle del Gange, e delle più vicine
di Bakdi; nelle arcane leggende egli avrebbe poi ravvisati i caratteri
sacerdotali dei tre popoli, a cui si riferivan quelle sacre figure.

Ma il giovine non si trattenne a guardar le pareti, i suoi occhi
essendo corsi ad un palco che sorgeva nel fondo, dietro a cui, siccome
a tribunale di giustizia, stavano seduti tre uomini, o, per dire
più veramente ciò che gli apparvero, tre simulacri d'uomini immoti,
vestiti di candide stole, cinte le tempia di bende dorate, le quali
scintillavano per mezzo a' veli, ond'erano coperti i venerabili
aspetti. Aveva uno di loro tra mani il fiore del loto, emblema della
vita; l'altro una foglia di papiro, sacro ai dettami della sapienza; il
terzo un ramoscello di amòmo, dell'ottima tra le piante.

Una negra cortina scendeva dall'alto, dietro alle loro spalle, celando
l'adito sacro, il penetrale del tempio. Sui lati, e sotto il lume di
parecchie lampade pendenti da bracciuoli di bronzo, il re d'Armenia
vide altre figure, ma coperte di nero dal capo alle piante, siccome il
suo introduttore, immobili, con le mani appoggiate sul pomo di lunghe
spade, dalle cui larghe lame a due tagli balenava una luce sinistra.

Il giovine era rimasto tra ammirato e confuso, a guardare quei tre,
che bene non sapeva discernere se uomini o spiriti, o muti simulacri
di Dei. Ma poco stante, uno di loro si fece a trarlo di dubbio,
rivolgendogli la parola in tal guisa:

— «Fatti innanzi, profano! Dalle vie dell'errore, tu giungi alla luce
del vero. Alla nuova aurora tornerai tra i viventi, ma rigenerato, più
savio e più forte di loro. Nulla di ciò che hai veduto ed udito, nulla
di ciò che vedrai ed udrai, ha da uscirti dal labbro. Non giurare; ciò
non t'è chiesto; ciò non è necessario. Quelle spade che vigilano il
nostro tribunale, ti seguiranno invisibili ovunque. Oltre di che, il
varco per cui se' giunto fino a noi, fu aperto dalle possanze arcane,
e già non ne resta più traccia. Nessuno aggiusterebbe fede a' tuoi
racconti; ognuno li avrebbe per sogni di mente inferma, frutto dei
vapori perniciosi del liquor della palma. Gli uomini hanno occhi e
non vedono, orecchi e non odono; soltanto a pochi eletti è dato di
conoscere il vero, che si nasconde sotto l'aspetto ingannatore, o
manchevole, delle cose create.

«Invero, l'uom savio ha due viste; quella infida dei sensi, e l'altra,
più pura e più certa, dell'anima. Egli ha altresì due scienze: quella
che insegna al volgo e quella che custodisce gelosamente per sè. La
prima è involucro, la seconda è sostanza; quella adombra, questa
disvela; nell'una è il simbolo, nell'altra la ignuda ragion delle
cose. Tre diverse dottrine, ad esempio, ti stanno dinanzi: Memfi,
Battro, Ayodìa. Il Nilo, l'Arasse ed il Gange, sono i tre fiumi per
cui primamente è discesa la sacra verità. L'Eufrate, nelle sue torbide
acque non travolge che errore; però sia maledetto, fino a tanto egli
scorra ossequente ai superbi regnatori della stirpe di Nemrod.

«Costoro, violenti, oltracotanti e feroci, radunarono sotto il loro
scettro le genti sparse sulla pianura, non popolo vero, ma avanzi
di un popolo, che la collera dell'Eterno aveva sepolto tra l'acque.
Naufraghi campati a fatica, non videro che sè medesimi al mondo, e
dissero: ecco, i forti siam noi! Tirannica mistura di favelle, di
credenze e di costumi, pretendono di dettar leggi alle più antiche
nazioni della terra del sole. Già le loro armi hanno invase le regioni
sacre dell'Iran, dove regna il purissimo culto della parola di Dio.
A mezzogiorno, di là dai vinti Nabatei, già volgono il cupido sguardo
agli avventurosi figli di Mesraim, dov'è prosperità d'arti e scienze,
dove l'ascosa verità si adora in effigie e templi degni di lei. Nè
basta. Per mezzo ai popoli vinti, non domi, della stirpe di Iavan,
ai Medi, ai Battriani, ai Sogdiani, s'inoltrano audaci ad insidiare
i remoti confini dell'India. Dove non corre, in quali imprese non si
periglia, lo sterminato orgoglio degli Accad? Non hanno essi, nel
loro folle ardimento, tentato di giungere al cielo? Rispetteranno
essi alcuna parte di terra, che faccia ostacolo ai mostruosi disegni
della loro ambizione? E l'Armenia, alle cui balze ospitali si
erano essi aggrappati nel grande naufragio, non tentarono forse di
assoggettarla del pari? Il grande Aìco rintuzzò l'orgoglio dei superbi,
ma essi non hanno già dimenticalo lo sbaraglio del loro esercito, e
fremono vendetta della uccisione di Belo. Fatti possenti su noi, si
scaglieranno su te. Aquila delle montagne, vuoi tu collegarti con noi,
per fiaccare questa minacciosa potenza, per distruggere il covo dei
serpenti che tutti ne stringerebbero un giorno nelle molteplici spire?»

— Io sono, — rispose Ara, — l'alleato della regina.

— Il tributario della regina eri tu, ed oggi sei lo schiavo della
donna. Sì, schiavo, ed imbelle; non ti sdegnare; qui tutto è noto. Chi
ti ha chiamato quaggiù nulla ignora dei tuoi facili amori. Lui forse
pretenderesti ingannare? —

Il giovine, che già, nell'impeto dell'ira, aveva dato un sobbalzo,
chinò raumiliato la fronte. Un turbine di confusi pensieri lo assalse.
Che era egli tutto ciò che udiva? E tra qual gente era egli disceso? Lo
avevano chiamato alla luce del vero, nel regno delle ombre, in mezzo a
spiriti arcani; ed ecco, si vedeva in balìa di uomini congiurati. Per
altro, la chiamata di sotterra non eragli apparsa nel misterioso papiro
come cosa sovranaturale? E se l'estinto amico doveva mostrarsi ai suoi
occhi, non erano quei tre uomini velati gli arbitri del passato e del
futuro, credibili e venerandi maestri di alto sapere alla sua mente in
angustie?

Il dubbio del giovine non isfuggì per fermo allo sguardo acuto del suo
interlocutore; il quale fu pronto a soggiungere:

— La verità dee risplenderti intiera. Per gli increduli, ella si cela
dietro a questa negra cortina, che ci basterà sollevare. Pei credenti,
ella si svolge dai penetrali del pensiero, raccolto saviamente in sè
stesso. Tu sceglierai. Prepàrati ora al grande arcano, ascoltando la
voce del vero, che si sprigiona dai veli discreti delle sante dottrine.
Le storie dell'errore ti furono narrate poc'anzi, tra i fumi del regio
convito; odi ora le nostre. Ma anzitutto, bevi alla coppa ospitale,
purifica il tuo cuore coi tre sorsi della sacra bevanda. —

Uno dei muti servi del misterioso tribunale si mosse allora, e
profferse al re di Armenia una coppa d'argento, in cui tremolava un
liquore biancastro. Egli vi intinse tre volte le labbra, e il liquore
gli seppe di dolce, misto con alcun che di aromatico e di frizzante
al palato. Indi si assise su di uno scanno, che gli era pôrto in quel
mezzo, e stette in attesa, guardando i tre uomini velati.

Allora uno di essi, quegli che aveva tra mani il fiore del loto,
cominciò in questa guisa a parlare.



CAPITOLO X.

La dottrina dei savi.


«Uno è il Dio vero, uno per tutti i popoli della terra; ma la sua
semplice e profonda grandezza non risplende che allo intelletto dei
savi, mentre il volgo lo intravvede a mala pena da lungi, siccome lampo
tra nubi, e lo adora moltiplicato nelle sue manifestazioni terrestri,
ascoso nel fitto involucro dei simboli, trasformato in mille guise e
parvenze, come porta l'indole varia e il costume mutevole delle genti.
Uno per tutti, egli è trino in sè stesso; alto mistero disvelato a
pochissimi, contemplatori, custodi ed interpreti della sublime verità,
che tu sei per grande ventura chiamato ad intendere.

«Odi colui che siede alla mia manca, il savio di Mesraim; egli ti
dirà ciò che è scritto nel sacro papiro, chiuso agli sguardi profani.
Prima di tutte le cose ora esistenti, era un Dio, immobile nella sua
unità. Chi sei? gli domandò il savio, prostrandosi nella polve davanti
a lui. E allora per mezzo alla gran notte scintillarono le tre sacre
parole _Nuk pu Nuk_ (Io son chi sono). Egli il solo generatore in
cielo e sulla terra, nè egli è generato; egli il solo Dio, generator
di sè stesso, che è fin dal principio, increato creator d'ogni cosa.
Da lui, che ha tra gli uomini il nome di Knef, emana Fta, lo spirito
onnipossente; da ambi procede Oro, o Frè, il demiurgo celeste.

«Odi colui che siede alla mia destra, il savio di Bakdi, nella terra
di Javan; egli ti dirà ciò che è scritto nel libro della legge a lui
dettato nella caverna del monte Elburz, dagli spiriti immortali.
Da principio era Zervane Acherene, l'essere assorto nella propria
eccellenza, il tempo senza misura, l'eterno senza estremità e senza
radice. Con lui ed in lui esisteva Honnover, il verbo, procedente da
lui, fonte ed esempio d'ogni perfezione, produttore degli esseri.
Da lui è nato Ahuramazda, il principio del bene; da lui Ahrimane,
il principio del male; ambedue in lotta continua tra loro, fino alla
consumazione dei secoli.

«Seguimi ora con la mente, seguimi alle fortunate sedi degli Aria, alla
sacra vetta del monte Merù, culla del vero, che illuminò l'universo.
Dal grembo di Jarvam Akiaram, il tempo senza misura, esce Brama, il dio
che esiste per sè medesimo. Egli è in ogni cosa, ed ogni cosa è in lui.
Il Grange che scorre, il mare che rugge, il vento che freme, la nube
che tuona, la folgore che splende, tutto è sostanza, forma, immagine
sua. Il creato era nella sua mente fin dall'eternità; tutto ciò che
esiste reca l'impronta della sua mano. Egli è la vita e il moto; egli
Naraiana, lo spirito che va sulle acque; egli il creatore del mondo
e degli spiriti inferiori, che attestano la sua gloria. In lui sono
tre essenze e l'una procede dall'altra. Brama il creatore, Visnù il
protettore, Siva il trasformatore d'ogni cosa.

«La luce, l'aria, le acque e la terra, sono opera di Brama. Egli
dall'anima sua alitò la vita comune alle piante e ad ogni sorta
d'animali: dall'anima sua la coscienza, l'intelletto e la parola
nell'uomo. Fu questa l'ultima creazione del Dio; e l'uomo, per volere
di Brama, fu da più di tutti gli animali della terra, inferiore
soltanto agli spiriti celesti[2].

«Ora, siccome le piante e gli animali furono creati per modo che
potessero riprodursi, così avvenne dell'uomo, che fosse creato in due
corpi, maschio e femmina; al primo dei quali Iddio diede la maestà e la
forza, al secondo la bellezza e la soavità. E al maschio impose il nome
di Adìma, che significa il primo uomo: alla femmina il nome di Eva,
cioè a dire compimento di vita.

«Andate, diss'egli poscia, amatevi e procreate esseri che siano a
somiglianza vostra sulla terra, fino a' tempi più lontani da voi. Io,
signore di ogni cosa che esiste, vi ho creati perchè m'adoriate tutta
la vita, e tutti coloro che crederanno in me parteciperanno alla mia
beatitudine, dopo la consumazione dei secoli. Insegnate ciò ai figli
vostri, affinchè eglino si ricordino di me; imperocchè io sarò con esso
loro, fino a tanto pronunzieranno il mio nome.

«E avendoli collocati in un'isola, di cui non è la più bella, nè la più
ricca, sui mari, il sommo Iddio proseguì:

«Sia vostro ufficio di popolare questo lembo felice di terra, e di
spargere il mio culto tra coloro che di voi nasceranno. Tutto l'altro
del mondo è inabitabile ancora; ma se in progresso di tempo il novero
dei figli vostri crescesse in tal guisa che l'isola non bastasse a
nutrirli, lasciate lor detto d'interrogarmi in mezzo ai sacrifizi, ed
io farò loro conoscere la mia volontà.

«Ciò detto, disparve. E in quel punto Adìma si volse alla sua giovine
compagna; la guardò, e il sangue gli riarse nelle vene, alla vista di
così splendida bellezza. Ella stavasi ritta dinanzi a lui, sorridente
nel suo virgineo candore, palpitante d'arcani desiderii. Il morbido
volume dei neri capegli le ricadeva disciolto sui bianchi òmeri e
intorno al colmo seno, che l'interno tumulto degli affetti incominciava
a commuovere.

«Adìma le si avvicinò trepidante. Lontan lontano, il sole stava per
inabissarsi nell'oceano e i calici dei fiori si alzavano desiosi
per suggere le vespertine rugiade; migliaia d'uccelli variopinti
cantavano tra i rami il loro inno all'amore; le lucciole fosforescenti
cominciavano ad aliare per l'azzurro dell'etra e tutti i mille rumori
dell'operosa natura salivano a Brama, che si rallegrava in cuor suo,
dall'alto delle celesti dimore.

«Ed in quel punto, Adìma stese la mano a carezzare le morbide chiome
fragranti della sua vezzosa compagna. Egli sentì come un tremito
scorrere per le membra di lei, e quel tremito invase eziandio le sue
vene. La strinse allora tra le sue braccia e impresse il primo bacio
sul viso della donna diletta, sommessamente chiamandola per nome.
Adìma! mormorò ella con soavissimo accento, e tremante, confusa, si
abbandonò nelle braccia di lui.

«La notte era giunta: gli augelli tacevano nel bosco, e Iddio era
lieto nel profondo del cuor suo, imperocchè l'amore era nato. Ciò
egli voleva, il sapientissimo Iddio, dirittamente vedendo esser cosa
brutale, indegna di puri spiriti, l'amplesso, la confusione di due
vite, a cui non presiedesse l'amore.

«Così felici vissero a lungo i due primi mortali; nè mai nube di
tristezza era venuta a turbare il sereno di quella beata esistenza.
Ma un giorno, una vaga inquietudine cominciò a serpeggiare nei candidi
cuori. Invidioso della loro felicità senza pari e dell'opera perfetta
di Brama, lo spirito del male bisbigliò al loro orecchio arcane parole,
spirò in quell'anime desiderii ignoti. Andiamo a diporto per l'isola,
disse Adìma, alla sua leggiadra compagna, e vediamo se non ci è dato
trovare un luogo più dilettoso di questo.

«Eva seguì obbediente il marito, ed entrambi andarono oltre;
viaggiarono per giorni e per mesi, soffermandosi al margine delle
chiare sorgenti e al meriggio degli alberi giganteschi, che celavano
ad essi la spera del sole. Ma più s'innoltravano, e più la donna si
sentiva sopraffatta da un arcano sgomento. — Adìma, diceva ella al
marito, non andiamo più innanzi, che per fermo noi facciam contro al
comandamento di Dio. Non ci siamo noi già dipartiti dal luogo che egli
ci aveva assegnato a dimora?

«Non temere, rispose Adìma alla donna diletta. Vedi? Non è già questa
la terra inabitabile che egli ci disse. Avanti sempre, avanti; l'uomo
non è nato per poltrire nell'angolo in cui egli ha veduto la luce.

«E andarono innanzi; ella obbediente ed amorosa, egli sempre più
ansioso, tormentato dal desiderio di vedere e sapere. Così giunsero
alla punta estrema dell'isola, donde poterono scorgere ai loro piedi un
breve tratto di mare, e di là da questo una lista di terra, che parea
dilungarsi all'infinito sui margini del lontano orizzonte. Uno stretto
e malagevole passo, formato di scogli a fior d'acqua, collegava l'isola
al continente ignoto.

«I due viandanti si fermarono ammirati. La terra che si stendeva
dinanzi ai loro occhi, appariva vestita di alberi svariati e largamente
frondosi; augelli dai mille colori correano cinguettando di frasca in
frasca, o s'inseguivano a volo. — Splendida vista! — esclamò Adìma.
E come hanno ad essere gustosi i frutti di quegli alberi! Vieni, o
diletta; andiamo ad assaggiarne, e se quella terra è miglior della
nostra, noi laggiù metteremo dimora.

«La donna tremante supplicò Adìma, che non volesse tentare più oltre la
collera celeste. — Non viviamo noi bene in questa isola? Non abbiamo
noi chiare, fresche e dolci acque per dissetarci, e frutti soavi, che
nulla più, dopo i tuoi baci? Perchè cercheremmo noi altro?

«E sia; torneremo, disse Adìma a lei di rimando. Che facciam noi di
male, a visitare questa terra ignota, che si profferisce ai nostri
occhi?

«Così dicendo, s'innoltrò verso la scogliera. Eva lo seguì tutta
tremante in cuor suo. Egli allora, sollevata la donna da terra, si recò
il dolce peso sull'òmero e, mutando i saldi passi tra pietra e pietra,
si fece a valicare, quanto più speditamente potè, quel tratto di umida
via, che lo disgiungeva dall'argomento dei suoi desiderii.

«Avevano essi a mala pena raggiunto il lido vietato, che un terribile
schianto si udì. Lido verdeggiante, alberi, fiori, famiglia di
pennuti, ogni cosa che prima aveano veduta di là dal mare, in un baleno
disparve. La scogliera per cui erano venuti si sprofondò nei gorghi
frementi e solo alcune creste qua e là rimasero ritte fuor d'acqua,
come indizi d'una via per sempre distrutta.

«La lieta verzura, che i due infelici aveano veduta colà, non era che
una mostra ingannevole, suscitata dal principe degli spiriti malvagi,
per tirarli alla disobbedienza. Adìma conobbe allora il suo fallo,
e così perduto dell'animo, com'era stato baldanzoso da prima, cadde
piangendo sull'inospite arena. Ma in quel punto Eva gli si accostò,
pose le braccia intorno al suo collo e gli disse: — Non ti affliggere,
amor mio; preghiamo in quella vece il Signore, che voglia condonarci il
nostro peccato!

«E una voce si fece udir dalla nube, che parlò ad essi in tal guisa:
— Donna, tu hai peccato soltanto per affetto all'uomo, che io ti ho
comandato di amare, ed hai posta in me la tua fede. Io ti perdono, ed
anche a lui, mercè tua. Ma udite; voi non riporrete più il piede in
quel luogo di delizie, che io avevo creato per la vostra felicità.
A cagione della disobbedienza vostra, ecco il malvagio ha invaso
la terra. I figli vostri, condannati a patire e a romper le glebe
in penitenza del vostro fallo, intristiranno nel corso dei secoli
e dimenticheranno il mio nome. Non piangere, o donna; il dì della
clemenza verrà. In quel giorno, Visnù prenderà umana veste nel grembo
d'una figlia tua, recando a tutti la mia parola, e con essa la speranza
di un premio futuro e il modo di alleviare i lor mali nella ardente
preghiera.

«Raffidàti dalla voce di Brama, si alzarono i due piangenti da terra e
ripigliarono la via dell'esilio. Ma, da quel giorno, furono costretti a
duro travaglio, per ottenere il nutrimento dal suolo.

«E, giusta il comando di Dio, si venne popolando la terra. I figli di
Adìma e di Eva si moltiplicarono ed intristirono per guisa, che più
non poterono durarla in pace tra loro. Dimenticarono essi il nome e
le promesse di Dio, ed egli si stancò finalmente del rumore di loro
aspre contese. La sua folgore tuonava tra le nubi, salutare ammonimento
ai perversi; ma gli uomini non conobbero la voce di Brama, e il re
Dayta non si peritò di scagliare le sue maledizioni alla folgore,
minacciandola, se non tacesse, di salire co' suoi guerrieri alla
conquista del cielo.

«Allora il Dio deliberò d'infliggere alle sue creature un tremendo
castigo, che fosse d'insegnamento ai superstiti e alla discendenza
loro. E avendo rivolto lo sguardo sulla terra, per conoscere tra tutti
l'uomo non indegno della celeste clemenza, vide il giusto Vaiwasvata e
si rallegrò delle opere sue.

«Il virtuoso uomo, l'unico che ancora temesse ed onorasse il Signore,
faceva le sue mattutine abluzioni nelle sacre acque della Viriny. E in
quel mezzo, un pesciolino, dalle squame lucenti di vivi colori, venne a
lui con le ultime spume del flutto.

«Salvami, disse il pesciolino a Vaiwasvata, imperocchè i più grossi di
me, che vivono nei fiume, minacciano d'ingoiarmi.

«Impietosito, il sant'uomo lo colse, lo ripose nel vaso di rame, che
gli serviva ad attinger acqua dal fiume, e lo portò sotto il suo povero
tetto. Ma il pesciolino incominciò a crescere ad occhi veggenti, per
modo che, non bastando un più capace vaso a contenerlo più oltre,
Vaiwasvata fu costretto a recarlo in uno stagno vicino.

«Uomo virtuoso e benefico, disse il pesce, che andava crescendo a
dismisura, portami nel Gange.

«Come lo potrei io? chiese Vaiwasvata. Io non ho forza da tanto.

«Fanne la prova! rispose il natante. E Vaiwasvata, poi che l'ebbe preso
tra le palme, lo sollevò agevolmente e lo portò nel gran fiume. Ora il
mostruoso pesce, non pure era leggero come un fuscellino di paglia, ma
spandeva intorno le più soavi fragranze. Donde il sant'uomo pensò che
quello era messaggio di Dio, e stette in attesa di mirabili eventi.

«Difatti, non andò molto che il pesce gli chiese di essere trasportato
all'Oceano. E contentato nel suo desiderio, disse allora a Vaiwasvata:
Odimi, o santo. Il mondo sta per esser sommerso nei flutti e i suoi
abitatori moriranno. Affrettati a costruire una nave e chiuditi in
essa coi tuoi. Togli teco i semi di tutte le piante e una coppia di
tutte le specie d'animali, tranne di quelli che nascono dai vapori e
dalla putredine, imperocchè il loro principio vitale non emana dalla
grand'anima dell'universo; poscia attendi fiducioso le sorti.

«L'uomo giusto fece ogni cosa secondo i comandamenti ricevuti, ed
egli e la sua famiglia furono campati dalla rovina delle acque, sulle
estreme vette dell'Imalaya. Visnù vi ha salvi da morte, disse il pesce
che era stato guida alla nave; per sua intercessione, Brama ha fatto
grazia all'umanità; andate ora a compiere i voleri di Dio e ripopolate
la terra.

«Così fu, come avea disposto l'Eterno che fosse. E cent'anni dopo la
rovina delle acque, visse il savio Adgigarta, nipote di Vaiwasvata,
uomo pio e temente il Signore.

«Egli abitava nella contrada di Ganga, e quantunque volte sorgesse
l'aurora, o cadessero i crepuscoli della sera, Adgigarta si riduceva
in luogo appartato, nel profondo delle selve, o sulle rive dei sacri
fiumi, per offerirvi olocausti al Signore. Colà, prostrato dinanzi
all'ara, dopo aver pronunziato sommessamente il mistico Aum, che è
l'invocazione all'Altissimo, egli scioglieva l'inno della Savitri.

«— Signore dei mondi e delle creature, accogli l'umil preghiera del
tuo servo, distogliti un tratto dalla contemplazione di tua eterna
possanza. Un solo dei tuoi sguardi purificherà l'anima mia.

«— Vieni a me, così che io oda la tua voce nello stormir delle foglie,
nel mormorio delle correnti, nel crepito della fiamma consacrata.

«— L'anima mia ha mestieri di respirare il purissimo alito che emana
dalla tua grand'anima. Ascolta la mia invocazione, Signore dei mondi e
delle creature.

«— La tua parola sarà più dolce al mio spirito assetato, che non le
lagrime della notte sulle arene del deserto, più soave che non la voce
della madre al bambino.

«— Vieni a me, tu, la cui mercè fiorisce la terra e maturan le biade;
per cui si svolgono i germi e scintillano i cieli; per cui le madri
pongono alla luce i dolci nati e i savi conoscono le virtù.

«— L'anima mia ha sete di conoscerti e di liberarsi dalla sua spoglia
mortale, per godere la beatitudine celeste, per essere rapita nella tua
luce. —

«Indi, rivoltosi al sole, che sorgeva glorioso sulla via del
firmamento, così cantava il savio Adgigarta:

«— O radiante e splendido sole, accogli quest'inno che io sciolgo alla
tua virtù senza pari.

«— Accogli, te ne prego, la mia invocazione; scendano i tuoi raggi a
visitare il mio spirito desioso, come un garzone innamorato che vola ai
primi baci della donna diletta.

«— O sole, o tu che illumini la terra, e la cui luce feconda ogni cosa,
proteggimi.

«— Meditiamo il tuo mirabile splendore, o purissimo sole; rischiari
esso e volga alla sua meta il nostro intelletto.

«— I sacerdoti, con olocausti e cantici, t'onorano, o purissimo sole,
imperocchè la mente loro scorge in te la più bella fra le opere di Dio.

«— Avido di nutrimento celeste, io imploro con umili preghiere i tuoi
doni preziosi, o sublime e fulgido sole! —

«Così pregava Adgigarta, uomo pio e caro al Signore. E Pavàca, il suo
sapiente maestro, gli disse un giorno, nell'atto di dargli in presente
una giovenca senza macchia e inghirlandata di fiori: — Ecco il dono
che Brama ci raccomanda di fare a coloro i quali hanno posto fine
allo studio del Veda. Tu non hai più mestieri de' miei insegnamenti,
o Adgigarta; pensa ora ad ottenere un figlio, il quale possa compiere
sulla tua sepoltura le cerimonie, che ti schiuderanno la dimora dei
cieli.

«Padre mio, rispose Adgigarta, e come lo potrei io, il quale non
conosco donna veruna? Il mio cuore ha sete di affetto, ma non sa a cui
rivolgere la sua prece.

«Io ti ho data la vita dell'intelletto, disse a lui di rimando il
maestro; ecco, io ti darò quella eziandio della felicità e dello amore.
Mia figlia Parvàdi risplende fra tutte le vergini per saviezza e beltà.
Dal dì che nacque, io te l'ho destinata in moglie; i suoi sguardi non
si sono ancora soffermati sopra alcun uomo, e nessuno ha veduto mai il
suo volto leggiadro.

«Giubilò nel suo cuore Adgigarta, ed impalmò la bella Parvàdi. Scorsero
gli anni senza che nulla venisse a turbare la loro felicità. I loro
armenti erano i più vistosi della contrada: le loro messi benedette da
Dio. Solo una cosa mancava ai loro voti; Parvàdi era sterile. Invano
ella era andata in pellegrinaggio all'onda sacra del Gange, invano
aveva ella pregato; e l'ottavo anno di sua sterilità si appressava,
dopo cui, giusta la legge, dovea ripudiarla come disutil compagna il
marito.

«Triste nel profondo dell'anima, Adgigarta tolse un giorno il più
bello fra i capretti dell'armento, e andò in luogo appartato, a farne
olocausto al Signore. — Mio Dio, disse egli, non voler separare ciò
che tu stesso hai unito.... E null'altro potè aggiungere, poichè i
singhiozzi soffocavano le parole.

«Ma ecco, in quella ch'egli si rimaneva colla faccia a terra, gemendo
ed invocando il Signore, una voce si udì dalla nube: — Torna alle tue
case, Adgigarta; imperocchè Dio ha ascoltato la tua preghiera ed ha
compassione di te.

«Ora, tornando il savio alla sua dimora, vide farglisi incontro
Parvàdi, tutta sorridente e lieta, come da lunga pezza non gli era più
occorso vederla. E chiestole il perchè di quel suo mutamento, n'ebbe
da lei in risposta: — Un uomo, affranto dalla stanchezza è venuto pur
dianzi a posarsi sotto al nostro pergolato. Io gli ho profferto l'acqua
limpida, il riso ed il latte che si offre ai viandanti. Ed egli mi ha
detto partendo: Il tuo cuore è triste e i tuoi occhi sono rossi dalle
lagrime; ma statti di buon animo, imperocchè di te nascerà un figlio,
al quale tu imporrai il nome di Viashàgana, ossia nato dalla elemosina;
ed egli ti serberà l'amore di tuo marito e sarà l'onore del vostro
legnaggio.

«A sua volta Adgigarta raccontò alla moglie ciò che gli era occorso
nell'ora del sacrificio, ed ambedue si consolarono pensando che le
loro angosce stavano per finire e che l'un d'essi non sarebbe stato
disgiunto dal- l'altro.

«Nacque il figlio aspettato, e fu il solo del suo sesso, quantunque
Parvàdi allegrasse ancora di numerosa prole la casa benedetta.
E come il fanciullo ebbe raggiunto il dodicesimo anno, Adgigarta
volle condurlo sulla montagna con sè, per render grazie al Signore e
sacrificargli un capretto, il più bello che fosse nell'armento.

«Ed ecco, mentre valicavano un folto bosco, si abbatterono in una
tenera colomba, caduta dal nido, che stava per esser la preda di un
serpe. Viashàgana si gettò allora sul rettile, lo uccise d'un colpo
col suo vincastro e ripose la colombella nel nido. La madre, che aliava
tutt'intorno riempiendo l'aria di strida, ringraziò con verso mutato il
pietoso fanciullo. Ed Adgigarta giubilò nel profondo del cuore, vedendo
come il figlio suo fosse prode e buono dell'animo.

«Poi che furono sulla vetta del monte, si dettero ambidue a raccattare
la stipa e i sarmenti per l'ara del sacrificio. E in quel mezzo, il
capretto, che avevano condotto per l'olocausto, ruppe il suo vincolo
e si appiattò tra i cespugli, cosicchè non fu più dato rinvenirlo. E
allora Adgigarta disse al figliuolo: — Ecco la stipa pel sacrificio,
ma oramai ci manca la vittima. Vanne tu al nido della colomba che hai
salvata poc'anzi e portala a me, perchè io l'offra al Signore, in luogo
del capretto fuggito.

«Viashàgana era già per obbedire al cenno del padre, allorquando la
voce sdegnata di Brama si udì. — Perchè comandi tu ciò al figlio tuo?
Avreste campato la colomba dalle fauci del serpente, solo per imitar
questo nella sua malvagità? Colui che distrugge in tal modo i suoi
benefizi, non è degno di me. Tu hai peccato, Adgigarta; in penitenza
del fallo, immolerai il figlio tuo su quest'ara!

«Il che udendo Adgigarta, si contristò grandemente. E caduto a terra,
nell'impeto del dolore, gridò: Parvàdi! o diletta mia! Che dirai tu,
quando io tornerò solo alla soglia domestica? che potrò io risponderti,
quando tu mi chiederai del nostro amato figliuolo?

«E in tal guisa si dolse fino a sera, non potendo risolversi a
compiere il funesto sacrifizio, nè osando disobbedire all'Eterno;
mentre Viashàgana, d'animo saldo oltre l'età, veniva pregando il padre
che volesse immolarlo, giusta il comando divino. A ciò finalmente si
dispose Adgigarta; con mano tremebonda legò il fanciullo all'altare,
e già, brandito il coltello di pietra, stava per ferirlo alla gola,
allorquando Visnù, sotto la forma di una colomba, venne a posarsi sul
capo innocente. — O Adgigarta, diss'egli, rompi i legami della vittima
e disperdi la stipa raunata. Iddio è contento della tua obbedienza, e
tuo figlio, per la fortezza dell'animo, ha trovato grazia appo lui.
Viva egli lunghi anni, e felici, imperocchè dalla sua discendenza
nascerà l'aspettata Devanaguy, nel cui seno io ripiglierò forma
mortale, per la salvezza degli uomini.»



CAPITOLO XI.

Il fantasma.


Altro aggiunse, narrando, il savio che aveva tra mani il simbolico
fiore del loto. Parlò della incarnazione di Visnù, che già era
l'ottava, dopo la creazione del mondo. Egli era venuto (diceva),
egli era venuto, il divino Paramatma, ossia l'anima dell'universo,
nella prima ora del Cali yuga, che era la quarta età del mondo;
egli era venuto, più dolce del miele e dell'amrita celeste, più puro
dell'agnello senza macchia e del labbro d'una vergine; egli era uscito
dal grembo della Devanaguy, ad aveva riconciliato Brama con la sua
creatura. Un fremito sovranaturale aveva invaso l'aere ed il suolo;
voci misteriose avevano dato l'annunzio ai santi eremiti nei boschi;
i Gandarvi avevano fatto suonar l'etra di loro celestiali armonie; le
acque del mare avevano esultato dai gorghi profondi; i venti si erano
infusi di elette fragranze; al primo vagito di Crisna la natura aveva
riconoscito il suo alto signore.

Così aveva proseguito il savio dal fiore di loto, e i due venerandi
compagni avevano chiarito quanto ci fosse nelle sue parole di conforme
alle loro istesse dottrine. Avevano inoltre notato come que' santi
veri fossero antichi di antichità sterminata, e come quell'ultima
teogonia risalisse a mille e più anni addietro, fin oltre la medesima
età che assegnavano alla lor torre delle lingue i sacerdoti degli
Accad. Invero, quei superbi figli di Cus, venuti per mezzo alle arene
del deserto sulla terra di Sennaar, poveri di storia, o dimentichi
del loro passato, non avean fatto altro che accogliere le sparse
leggende e i primi racconti degli Aria, confusi insieme con le oscure
memorie dei nomadi figliuoli di Sem, per guastarne il senso arcano e
far dell'impuro miscuglio un fondamento alla loro mostruosa idolatria.
Ben più antica soggiungevano i tre savi velati essere la stirpe umana,
che non la facessero i Casdim; la luce del vero esser dono d'Oriente,
siccome la stessa luce del sole.

Dicevano; ma il giovine Ara, o non udiva già più i loro profondi
ragionari, o molto confusamente li udiva, e senza coglierne il senso.
In quella guisa che per vapori esalati sul far della sera dalla
superficie d'un lago, s'ingombra di fitta caligine la silenziosa
convalle, così a grado a grado, lentamente, erasi offuscato
l'intelletto del giovine. Ammirato da prima, colto al fascino di quella
grave parola, aveva seguito con avida cura il discorso del savio,
siccome avrebbe ascoltato, là nella sua reggia d'Armavir, la canzone
d'un poeta, o il racconto d'un ospite pellegrino, o un passo delle
prime istorie di una stirpe, dal labbro d'uno scriba ossequente. Ma a
poco a poco un'insolita stanchezza, un torpore, quasi un senso grave
d'ebbrietà, gli eran venuti serpeggiando nelle fibre, gli avevano
intorbidita la mente e prostrate le forze. Di tratto in tratto tentava
riscuotersi; qua e là afferrava una frase, un concetto, ma senza potere
altrimenti seguire nel suo corso il ragiomento dei tre venerandi. E
quelle frasi, quei concetti slegati erano come faville, che guizzano e
si disperdono nel buio; passavano davanti agli occhi della sua mente e
fuggivano.

Si avvidero i tre dello stato in cui era il re d'Armenia, e ad un lor
cenno si fece innanzi il coppiere, profferendogli la tazza ospitale,
colma d'un liquore verdognolo. Bevve egli avidamente a ripetuti sorsi
e si sentì come rinascere. La bevanda avea grato sapore; dava senso
di frescura alle fauci riarse, e, destandogli le forze languenti, gli
snebbiava altresì l'intelletto. Così almeno a lui parve.

— Bevi: — gli diceva frattanto uno dei tre; — tu hai d'uopo di
rinfrancarti le membra e lo spirito. Le prove ti riuscirono faticose e
la parola del vero ti è tornata molesta....

— Non già! — si affrettò il re d'Armenia a rispondere. — Cara mi è
giunta, come mi fu sempre caro di udire gl'insegnamenti dei savii. Le
vostre parole, o venerandi, neppur mi vengono nuove del tutto; esse mi
ricordano, sebbene alla lontana, cose già udite nella mia adolescenza,
dal labbro di santissimi uomini, tra' miei monti natali.

— Il vero, — rispose quell'altro, — è come il sole; esso spande un
raggio della sua luce dovunque. Del resto sono a noi congiunti di
sangue gli Armeni, non già derivati dalle genti della pianura, come
favoleggiano i Casdim. Questi vanagloriosi credono di aver essi
popolata la terra, essi, gli ultimi venuti nel Sennaar, su questa foce
del gran fiume ariano, che inonderà, fecondandolo, il mondo. Vogliono
esser diga; saranno soverchiati e dispersi. Come Dio è uno e trino,
così una e trina è la verità. Iran, Javan, Mesraim, il Gange, l'Arasse
ed il Nilo, si collegano per abbattere la mostruosa possanza dei figli
di Nemrod. La tua schiatta, o re, procede dal nobile ceppo degli Aria.
Il forte Aìco avrebbe egli dovuto pugnare contro l'esercito di Nemrod,
se gli eroi dei due campi fossero stati del medesimo sangue? Disgiunti
di famiglia e nemici allora, durano nemici pur sempre, e, quel che è
peggio, non sono più pari, come allora, le forze. Troppo è divenuto
possente il popolo di Kiprat Arbat e nella insperata felicità di sue
sorti vagheggia ambizioso la padronanza del mondo. Ogni terra, felice
di popolo, di naturali dovizie e di utili industrie; Tiro e Sidone, coi
loro drappi di bisso, tinti nei vaghi colori della porpora; le isole
del mar d'occidente, coi loro candidi marmi e col più meraviglioso
candore delle bellissime schiave; Mesraim, co' suoi nobili aromi e
coi finissimi lini; Ofir, con l'oro e col cedro; Bakdi, coi poderosi
cammelli e colle gemme preziose; l'India lontana, con le sue molli
lane variopinte e co' tenui veli intessuti d'argento; l'Armenia, co'
suoi corsieri veloci come il soffio della tempesta: ecco le invidie, i
desiderii, le cupidigie di questi ladroni. Nuotano essi nelle delizie,
si sprofondano nelle voluttà, imperocchè li affida il genio guerresco
di Semiramide, che rassodi le prime conquiste e ne faccia di nuove
all'intorno, vuoi con aperte guerre, vuoi con infinite alleanze ed
amicizie.... le quali pagan tributo.... —

Ara senti il colpo e chinò gli occhi a terra, senza risponder parola.
Frattanto quell'altro proseguiva, incalzando.

— Ah, facil maestra d'inganni è costei! La sua bellezza, che, la
mercè di arcani filtri, resiste alle ingiurie del tempo e sfida gli
struggimenti delle protratte vigilie, è pari all'albero della morte,
al cui meriggio posando, l'incauto pellegrino s'addormenta in eterno.
Te pure, o generoso, ella ha colto ne' suoi lacci, come altri prima
di te. Ma costoro negl'incantesimi suoi perdettero solamente la vita:
tu perderesti la vita in pari tempo e l'onore della tua fortissima
schiatta. —

Udì le dure parole il re d'Armenia, e non ne prese sdegno, siccome
qualche ora innanzi egli avrebbe pur fatto. Ma il dubbio, atroce
dubbio, gli lacerava il cuore; ma la fede in quei tre uomini velati gli
era cresciuta nell'anima. Infine non dovevano costoro, potenti sugli
spiriti invisibili, dargli le chiare, le certe, le incontrastabili
prove di tutto ciò che asserivano? Queste prove attendeva, a queste
mirava, di null'altro gli importava in quel punto. E il capo gli
ardeva; il sangue ribolliva nelle vene, gli martellava concitato alle
tempie.

— Lasciamo di me! — gridò egli, che temeva, desiderava, e ad ogni modo,
per quelle dirette allusioni del suo interlocutore, sentiva vicina la
catastrofe. — Di lei, dell'amor suo, della fine di Sandi, io vi chiedo;
non per altro son io disceso quaggiù. Perdonate, o venerandi, alla
mia impazienza, alla mia soverchia cura di cose terrene; ora io non
sono già più signore di me. Mi avete soffiato il dubbio nell'anima;
mostratemi il vero; esso sarà sempre meno acerbo del dubbio. M'ingannò
quella donna? E sia; svanirà il mio sogno, cadrà la mia corona nel
sangue, morrà con me la stirpe d'Aìco.... Ma che io n'abbia le prove!
Che il vero, l'amarissimo vero, mi si mostri in tutta la sua dolorosa
pienezza!

— Tu lo vuoi, e sia! — disse il savio dal flore di loto. — Virtù
dormenti della natura, idee madri di ciò che è, incancellabili parvenze
di ciò che fu, ripigliate forma visibile davanti agli occhi del re.
Gli sia mostrato da voi quanto egli ebbe di più caro sulla terra, e
così vivamente, che i sensi di lui, offuscati finora dal dubbio, non
ricusino più oltre la testimonianza del vero. Schiuditi, adunque,
misteriosa cortina, che ci nascondi il passato! —

Una mano invisibile fe' scorrere, a quel comando, gli anelli della
negra cortina, che partita in due si ritrasse sui lati, lasciando
scoperto un largo spazio nel mezzo. Nulla vide il re d'Armenia là
dentro; nulla più vide intorno a sè, il lume delle lampade essendosi
spento ad un tratto.

— Noi ti lasciamo; — disse la voce dei savio, allontanandosi da lui. —
Volgi in quel nero spazio tutta la possanza del tuo desiderio; aguzza
lo sguardo e prega Iddio che t'illumini. —

Il giovine Ara si sentì solo un'altra volta. Tese l'occhio obbediente,
rimase a lungo aspettando, e finalmente gli parve che il buio si
rischiarasse di mano in mano. Era dinanzi a lui come una superficie
piana, levigata, ma trasparente in pari tempo e profonda, entro
la quale si veniva disegnando lentamente alcun che d'incerto e di
mutevole, incognito, indistinto di ombre e di barlumi, di forme e
di colori nascenti. Che voleva dir ciò? E come chiarire a sè stesso
l'arcano di quel doppio aspetto del piano e del profondo, del diritto
e del concavo? Avea trasparenza d'acqua tranquilla, ciò che egli
vedeva; ma come potea l'acqua rimanersi in tal modo sospesa nell'aria,
a somiglianza di velo? No, acqua non era quella per fermo; imperocchè
come avrebbero potuto prodursi nel suo grembo opaco quelle forme
svariate, e crescere, illuminarsi, assumer contorni e colori? Ecco,
di fatti; alla sua destra si protendeva una massa scura, si allungava
il ciglione, si partiva in creste e sporgenze, indorate dal sole. Più
indietro erano colline digradanti, quali tinte d'azzurro, perchè più
lontane, quali di violetto e di verde, seminate di punti bianchi e
lucidi che si facevano più frequenti nel basso verso la sponda d'un
lago, la cui superficie si vedeva increspata dalle lievi brezze del
nascente mattino.

— Peznuni! — gridò il giovine, compreso di maraviglia.

E tutto intento, ansioso, palpitante per memore affetto, si stette egli
rimirando quella magica scena, che prendeva sembianza di vero davanti
al cupido sguardo, e cercando con assidua cura e ritrovando di mano in
mano i cari luoghi, le balze sporgenti, le insenature, i margini del
lago, gli edifizii, e via via tutte le cose più riposte, di cui gli
tornavano in mente le immagini. Di pari passo con le sue ricordanze,
quasi rispondendo ai suoi desiderii, usciano lucide forme dalla
vaporosa penombra, e il quadro si faceva sempre più vivo. Sì, erano
quelli i suoi monti; quella era la rocca di Van; quel colmo di case
che biancheggiava là in fondo, era Armavir, la sua diletta Armavir;
quegli alberi verdeggianti eran pure i sacri platani di Peznuni; quella
candida striscia serpeggiante lunghesso la sponda del lago, era il
fiorito sentiero che egli adolescente avea corso e ricorso le tante
volte in compagnia dell'amico.

E appunto allora, su quel noto sentiero, vide egli affacciarsi da
un ammasso di lieta verdura due giovinetti, che procedevano ilari
e baldi, l'uno a fianco dell'altro. Vestivano entrambi ad un modo e
d'uno stesso colore; donde si sarebbe argomentato che fossero fratelli.
Senonchè, l'un d'essi, alquanto più rilevato della persona e biondo
di capelli, alla dimestichezza con cui s'appoggiava sull'òmero del
compagno, appariva essere di più alto grado, e l'altro, notevole per
le chiome corvine, inanellate e lucenti, mostrava agli atti non essere
dall'amicizia disgiunto l'ossequio. Del resto, lieti ambidue di vivere
insieme e tutti assorti nelle tenerezze di un fraterno colloquio.

Poco stante si fermarono, ed Ara rimase estatico a contemplarli. Vide
allora l'un di essi recarsi tra mani un cavo strumento di legno, che
portava ad armacollo, e dalle corde, tese sovr'esso, trar suoni con le
agili dita. Era egli inganno dei sensi, o verità? I suoni della cetra
giunsero distintamente all'orecchio di Ara.

— Sandi! oh, Sandi! — gridò egli commosso.

E gli parve allora di non essere più al suo luogo, spettatore lontano
di quella scena del suo dolce passato. Si sentì, in quella vece, si
vide vicino all'amico, e immedesimato con quel biondo adolescente
che sedeva sulle molli erbe del prato, al fianco di Sandi, in atto di
pendere dal suo labbro e dal fremito delle corde canore.

— Prosegui! — diceva egli con amorosa sollecitudine al compagno.
— Grato m'è il suono della cetra e più grato il suono della tua
voce. —

Ma Sandi aveva cessato; il suo strumento giaceva a terra colle corde
spezzate.

— No; — rispose egli all'amico. — La mia cetra non ha più suoni; nè più
ha canzoni il mio labbro. Non vedi? Son morto. —

E allora il re d'Armenia si fece a contemplarlo, e un senso di
raccapriccio gli corse per l'ossa. Sandi, il suo Sandi, non era più il
baldo, sorridente e roseo garzone, ch'egli aveva conosciuto ed amato.
La faccia aveva livida e gonfia; le membra, siccome apparivano dalle
lacere e lorde vesti, ammaccate e sanguinolenti. Nelle peste occhiaie
si sprofondavano le pupille smorte sotto le palpebre semichiuse; i
capegli, già sì neri e lucenti, si vedevano rappresi alle tempie,
stillavano acqua limacciosa lunghesso il tumido collo. Era il cadavere
di un annegato, e, orribile a vedersi, più orribile ad udirsi, il
cadavere parlante!

— O Sandi! — gridò il re d'Armenia atterrito; — Sandi, mio dolce amico,
che è ciò?

— Ella mi ha ucciso; — rispose Sandi, con voce cavernosa.

— Ella? chi?

— Atossa, la tua leggiadra ed amatissima Atossa.

— Atossa! — balbettò Ara tremante. — Io non t'intendo....

— Sì, — soggiunse il fantasma, — non è egli forse questo il nome che
la perfida donna assume, a nascondere i suoi amori feroci? Vana cura
del resto! Ella è ben nota in tutte le opere sue, l'impudica. Ognuno
la conosce in Babilonia, e la fugge. Si teme la regina e si disprezza
la donna. Però, non amore, ma ripugnanza per lei, per la notturna
cacciatrice degl'incauti stranieri!

— Ah! dici tu il vero? — gridò Ara ferito nel profondo dell'anima, e
in quella parte più gelosa, che l'uomo vorrebbe ascondere, non pure
altrui, ma a sè stesso.

— Può il labbro d'un estinto mentire? — gli chiese Sandi, con accento
severo. — E, vivo ancora, hai tu mai potuto notarlo di menzogna,
l'amico della tua fanciullezza? —

E così dicendo, il fantasma si veniva facendo più pallido nell'aspetto,
più incerto ne' contorni, a guisa di visione che si dilegui, o di sogno
che abbandoni il capezzale d'un dormente.

— Ah no, Sandi, fermati, non mi lasciare così! — proruppe Ara, tendendo
le palme verso le amiche sembianze. — Io non dubito già delle tue
parole; dubito di me, della vita, di tutto, poichè la mia fede in
quella donna s'è scossa.

— Tanto ti aveva ella ammaliato! — sclamò Sandi, tornando a lui e
guardandolo con aria di profonda mestizia. — E forse domani ancora...

— Ah no, non temere! Io non vedrò più quella donna; lo giuro pei sacri
platani di Peznuni; pel sangue di Aìco, lo giuro. Uccider te, mio
Sandi! Te, il più caro, il più nobile, il più affettuoso degli uomini!
E potrei io più avvicinarmi a costei, senza sdegno, accogliere i suoi
baci senza ribrezzo? Ma dimmi, — proseguì Ara, con accento peritoso;
— condona a chi amò, e credette di esser riamato, la molesta dimanda.
Come ti avvenne di conoscere costei? Come fu ella cagione della tua
morte? La fama che corse del triste caso in Armenia, non era dunque
mendace?

— Assai meno del vero recò intorno la fama; — rispose Sandi all'amico.
— Ascoltami, o re, e vedi in chi avevi tu posto il cuor tuo. Tu lo
sai, dolce amico, che io non vedrò più sulla terra; egli fu nello
scorso anno, e nel primo giorno del mese di Bagayadisc (i Babilonesi lo
chiamano Ziggar) che noi ci diemmo l'addio della partenza. Te chiamava
debito di figlio e di principe, al fianco del fortissimo Aràmo, sui
confini del settentrione, per castigare coll'armi gli irrequieti
scorridori Turani. Me vaghezza di cose nuove, amore di gloria, follia,
trassero in quella vece alla pianura di Sennaar. Oh, avess'io seguito
il tuo affettuoso consiglio, che mi chiamava ai campi di Masciag, per
celebrare cogl'inni alati la virtù dei combattenti, i corsi pericoli,
le vittorie, i trionfi! Ma il Dio delle sorti m'aveva posto le mani
poderose entro i capegli, mi voleva, mi trascinava quaggiù. E venni,
acceso il cuore di liete speranze, l'anima riboccante di auree canzoni;
venni, e nel bosco sacro a Militta...

— Ah, com'io, Sandi, com'io!..

— Sì, pur troppo; egli è in tal guisa che il giovine straniero si
perde, che l'aquila della montagna si lascia cogliere al laccio.
Così la vidi, udii il suono delle sue dolci parole, m'inebbriai
nella voluttà dei suoi baci. E non sapevo credere a me stesso; la mia
felicità mi pareva un sogno, da cui dovessi col mattino svegliarmi.
Imperocchè, come poteva egli accadere che un ignoto straniero, un
oscuro artefice di canzoni, giunto nel medesimo giorno alle mura
di Babilu, s'incontrasse in un tale miracolo di bellezza, e questo
miracolo non gli fosse conteso da mille rivali? Tutti que' baldi
garzoni, fiorenti di gioventù e di leggiadria, che s'accalcavano nel
sacro recinto, in traccia di liete venture, erano essi usciti di senno?
Ma forse ella non si cura di loro, pensai; destinata all'amor mio dal
provvido volere di Militta, costei ha negletti gli omaggi di così vani
amatori. Diffatti amano essi veramente, i figli di Babilu? Amano essi,
come noi amiamo, una volta sola nella vita, e per sempre? Così pensavo,
nè le sue parole suonarono disformi dal giudizio ch'io facevo di lei.
Cercava affetto, ma invano, gagliardo e sincero come il suo. Ognuno in
lei vedeva e desiderava la regina; nessuno aveva amata la donna. Ed era
sola, si sentiva sola nel suo vasto impero, come un'isola deserta sul
mare!... —

Il re d'Armenia mandò fuori dal petto un sordo grido che parve ruggito
di belva, a cui il giavellotto del cacciatore siasi conficcato nel
fianco. Invero, quelle erano parole di Semiramide; l'ingannatrice aveva
così parlato anche a lui!

— Prosegui! — disse egli impaziente. — Prosegui!

— Io l'amai, — ripigliò con accento disperato il fantasma, — l'amai con
tutto l'impeto del cuor mio giovanile. Amante della donna, non venni
meno all'ossequio dovuto alla regina. No; io te lo giuro per l'antica
amicizia; la vanità, l'ambizione non fecero velo ai miei occhi. In lei
non vidi, non conobbi che Atossa. Fu ella che non si tenne paga di
ciò, che mi volle ospite suo nella reggia. La donna che ama (fino a
tanto questo incendio le duri nel sangue) non sa, non può, non vuole
celar l'amore suo alle genti; ella se ne adorna, come di un prezioso
monile, al cospetto del mondo; ognuno ha da scorgerlo, da invidiarlo
eziandio; che monta, se domani, infastidita, ella getterà lungi da sè
quell'ornamento di un giorno? Così apparve nella reggia il tuo Sandi,
così fu assunto alla superba allegrezza, agli splendori del vivere
cortigiano; così fu festeggiato, accarezzato e fatto segno d'invidia
profonda. Ma egli, non mutato dal regio favore, agli ossequi della
moltitudine rispondeva con riguardosa umiltà, alle lodi dei grandi
con grata riverenza, ai sorrisi delle vezzose ancelle e compagne della
regina, con modesto riserbo. L'innamorato garzone non vedeva che lei.
Ed ella, come rispose all'amor suo? Due lune erano trascorse e Semiram
non lo amava già più. Era giusto! Un vil cantore d'Armenia!... Ma
allora, perchè innalzarlo fino ai piè del suo trono? Perchè giurargli
un'eternità d'affetto?

Pregata, scongiurata, si schermiva, adonestava il suo mutamento con le
assidue cure dei regno e cogli urgenti apparecchi di una guerra, che
ella stava per muovere ai popoli dell'estremo Oriente. Intanto, le care
notti vegliate tra i pensili orti, di contro alla dormente città, sotto
l'azzurra vôlta seminata di astri lucenti, erano finite per Sandi, ed
egli gemeva solingo e negletto nelle sue stanze obliate. M'intendi tu?
Solingo e negletto! Così tenea fede a' suoi giuramenti costei!

— Finisci! — incalzò il re d'Armenia, con voce soffocata dall'angoscia.

— Sì; la storia è breve, oramai. Una sera, atroci sospetti mi morsero,
mi lacerarono il cuore. Se fossi tradito!.. Volli correre a lei,
sincerarmi co' miei occhi medesimi, udire la mia sentenza dalle sue
labbra. Palpitante d'amore e di rabbia, balzai fuori dalle mie stanze;
m'avviai per un andito segreto, che conduceva agli appartamenti
della regina. Da più giorni ella mi aveva vietato di rifare quel
noto cammino; ma io non badavo già più al suo divieto. Il mio sangue
ardeva; non ero più padrone di me. Corsi, dunque, ma invano; l'uscio
era sbarrato ed io mi ritrassi impossente. Un dubbio, come lampo
nelle tenebre, mi guizzò nella mente. Uscii dalla reggia. Ero noto
ai custodi, e mi dischiusero il passo. Dove correvo io, in tanta
angoscia, per le sterminate vie di Babilonia? Tu lo indovini, o re;
al sacro bosco di Militta, dove il cuore mi diceva che le gravi cure
del regno, i pensieri della guerra imminente, avessero tratto costei.
Presago mio cuore! Ben mi parve di ravvisarla colà, tutta chiusa nel
suo candido pallio di bisso, dal cui lembo traspariva la lunga stola
violacea, frangiata d'argento! Fuggì, quando mi vide, e il mio ignoto
rivale con lei; di guisa che, per mezzo alla calca dei felici, non mi
venne fatto raggiungerli, e gl'intricati meandri del bosco mi fecero
perder la traccia. Era dessa; oh, non si poteva dubitarne; era ella
Semiram! Gli occhi suoi balenarono attraverso il fitto velo che la
copriva, ed io sentii quello sguardo penetrarmi, gelida punta, nel
cuore. Ah mi fosse bastato quel cenno! mi foss'io rattenuto a quel
punto! Ma tu lo sai, Ara; l'amore accieca. Errai lungamente, ignaro
di me, della via percorsa, di tutto. Il dì vegnente, ella era chiusa a
consiglio co' suoi ministri e capitani d'armata, nè mi fu dato vederla.
Solamente sul far della sera ella fece chieder di me, come per lo
passato, e il mio cuore si riaperse alla speranza, nello scorgere il
muto messaggiero de' suoi teneri inviti. Patimenti durati, collere e
pianti, tutto dimenticai in un punto. Nella sùbita ebbrezza, giunsi
perfino a negar fede a' miei occhi; mi persuasi di aver traveduto, la
notte addietro, nel bosco di Zarpanit; la fede, raggio di sole dopo i
rovesci della tempesta, mi racconsolava lo spirito, cancellava ogni
passata tristezza. Così è l'uomo che ama! E giunse finalmente l'ora
aspettata. Uscii commosso, palpitante, dalle mie stanze; m'avviai per
l'andito segreto.. Ah, maledizione! Avevo a mala pena oltrepassato
l'uscio, non più chiuso tra me e l'argomento de' miei desiderii, che
il suolo mi mancò sotto i piedi. Brancolai, tentando aggrapparmi da
qualche lato, ma invano; io precipitavo nel vuoto, trabalzato contro
le liscie pareti d'un pozzo. La caduta era alta, quanto il palazzo
medesimo della regina, e fu tutta per me una lunga bestemmia, uno
spavento supremo, una feroce agonìa. I ripetuti sbalzi, mi pestavano
le membra, mi fiaccavano l'ossa; lame corte e talienti, infisse
ne' muri, mi coglievano al varco, mi spiccavano brandelli di carne.
Finalmente ebbi tregua nella morte; diedi un tonfo; larghe ondate mi
schizzarono intorno e i gorghi romorosi dell'Eufrate si chiusero sopra
di me. —

Le chiome si rizzarono per raccapriccio sulla fronte di Ara e un sudor
freddo gli stillò per tutte le membra.

— Orrore! — gridò egli, poichè il doloroso fantasma ebbe finito il
racconto. — Ma è una belva costei?

— Ben dici, una belva. E tu pure finiresti così, rimanendo.

— Ah, sarebbe il minor danno cotesto! Lontano da lei, non avrò io morte
del pari? O Sandi, il mio cuore è spezzato. Ma ella mi udrà.

— Non tentare la prova, sconsigliato! Che potresti tu, solo ed inerme,
contro la signora di cento popoli? Che ardiresti tu, uomo e di nobil
sentire, contro una donna? O ti romperesti come una fragil canna nel
pugno della offesa regina, o piegheresti, come giunco, alle lusinghe
della impura maliarda.

— Oh mai, te lo giuro! Ma dimmi, consigliami, ombra diletta; che altro
debbo io fare, che non dispiaccia alla tua vigile amicizia?

— Fuggire; non già come pauroso cerbiatto che teme lo strale del
cacciatore, ma come leone che rompe le sbarre del carcere e ripiglia
la sua libertà. Va; mostrerai alla ingannatrice come a te le sue male
arti sian note. Rammenti l'oracolo di Peznuni, innanzi che tu lasciassi
Armavir? «La terra di Sennaar ti sarà fatale!» Torna alla tua reggia,
meno sontuosa, ma più ricca d'onore; lascia che costei si strugga nella
sua rabbia impossente, e farai, nelle tue, le vendette di Sandi. Ed
ora, addio; ti sovvenga di me!

— Già mi lasci?

— Sì: l'alba novella è vicina; il dio delle ombre non mi concede più
lunga dimora.

— O Sandi, mio diletto, non ti vedrò io ancora una volta sulla terra?

— Forse! — rispose mestamente il fantasma.

— E dimmi... — aggiunse Ara peritoso, come chi teme di chieder troppo;
— non avrò io da te un pegno del nostro colloquio?

— Dubiti ancora! — esclamò Sandi con accento di rimprovero. — Orbene,
eccoti il pegno. —

Così dicendo il fantasma si appressò, pose le palme sugli òmeri di Ara
ed accostò le labbra al suo volto.

Il re d'Armenia sentì, insieme col bacio, l'impressione dell'acqua
diacciata, che grondava dalle chiome del morto; diè un grido di alto
terrore e cadde esanime al suolo.

La visione era sparita; le tenebre regnavano nel sotterraneo.

Poco stante uno scalpiccìo, un bisbiglio sommesso si udì; quindi
apparve una face, portata da uno dei muti custodi del luogo, e il suo
chiarore illuminò i tre savi, tornati allora là dentro. Il re d'Armenia
appariva disteso a terra, colle membra prosciolte, davanti alla negra
cortina, che erasi raffermata da capo.

— Avrà egli creduto? — domandò il savio che portava tra mani il
ramoscello di amòmo.

— Non l'hai tu udito favellare col fantasma? — disse a lui di rimando
il compagno del fiore di loto. — Il filtro ha fatto opera efficace su
di lui.

— Ma partirà egli? — chiese ancora quell'altro.

— Ne dubiti? Io n'ho certezza. Ardente e pieno di fede, come tutti i
generosi, egli non vedrà più la regina, seguirà il nostro consiglio.

— Eppure...

— Eppure, t'intendo, tu vagheggi sempre il disegno di ucciderlo.

— Sempre! Nemico ucciso non dà più molestia.

— Nol nego; ma egli non è più nemico.

— Nostro, concedo: ma mio, egli non ha cessato di esserlo per questo
suo odierno corruccio contro di lei. Però torno al mio primo consiglio;
uccidiamolo. Badate, — soggiunse il savio dal ramoscello d'amòmo,
parendogli che gli altri due si rimanessero ancora perplessi; — noi
siamo uniti dal vincolo del vantaggio comune. Proseguiamo tutti un
medesimo fine; il mio non può non essere il vostro.

— Bada a te piuttosto, o Zerduste, — rispose il savio dal fiore di
loto. — Nella tua privata vendetta naufragherebbe l'alto proposito che
ci ha collegati. Rivale negletto di questo giovane Armeno, a cui bastò
mostrarsi per conquiderle il cuore, puoi tu fare che ciò che è accaduto
non sia? Tanto varrebbe comandare ai fiumi di scorrere a ritroso
e rifarsi alle prime sorgenti. Dimmi: la tua maschia virtù, il tuo
antiveggente consiglio, ti avrebbero forse abbandonato di un tratto?
Ameresti tu sempre colei?

— No, t'inganni, o Sumàti. Profondo, tenace, è l'odio mio, siccome fu
un giorno l'amore. Così, non bevuto a tempo, inasprisce il soave liquor
dell'amòmo, e si converte in veleno. Ma io temo ancora... Lui vivo,
potremmo viver sicuri?

— Lui morto, temiamone un altro; — notò prontamente Sumàti. — Ella è
donna, e, siccome avvien delle donne, mutevole ha il cuore, sempre
bisognoso d'affetto. Ma lascia che viva costui, bellissimo fra gli
uomini; lascia che, fuggiasco tra' suoi monti natali, si manifesti a
lei superbo spregiatore di sua facil conquista, e vedrai, vedrai furore
di donna, come alto divampa!

— Sì; — soggiunse il compagno che aveva tra mani la foglia di papiro;
— ben dice Sumàti. E spento da noi il re d'Armenia, che altro avverrà,
che giovi ai nostri disegni? Niente saprà la regina del disprezzo
di lui; sconsolata, lo piangerà, nè certo si rimarrà dal cercare gli
autori della sua morte, per trarne aspra vendetta. Siam noi così certi
che i misteri della Triade non abbiano un giorno a scoprirsi, fors'anco
prima che l'opera nostra sia condotta a buon porto?

— Tu lo vedi; — ripigliò allora Sumàti; — anche il savio Manète è
contro di te. Cedi ai nostri consigli, all'utile della causa comune.
Infine, di che abbiam noi mestieri? Di che tu stesso, o Zerduste, il
quale gagliardamente ti adoperi per la liberazione della tua Bakdi dal
servaggio dei figli di Cus? Viva ed aiuti i nostri disegni il pronipote
di Aìco; egli è un nuovo e possente arnese di guerra contro i superbi
dominatori di Babilonia. Non lo dicevi tu stesso, ieri, mostrandoci
la necessità di questo rapido colpo su lui? Nemici avventurati di
Babilonia furono un giorno gli Armeni; sospettosi vicini durarono
pur sempre; son tributarii oggi, ma tementi di peggio, e preparati
a resistere. La favilla che può destare l'incendio sta in nostra
mano, e noi la spegneremmo, dissennati, in quest'ora? Lo sdegno di
Semiram, la guerra all'Armenia; non è questa l'occasione fortunata che
attendono i tuoi, per ribellarsi al giogo? Ed in questo risveglio di
popoli soggetti, non è la nostra salvezza comune? Ai patti, Zerduste,
ai patti, che tu stesso hai giurati; e rammenta che il numero è
legge. —

Così parlò risoluto il savio del Gange, e Zerduste chinò il capo al
voler dei compagni.

— E sia come a voi piace! — diss'egli. — Così torni utile alla
gran causa il vostro decreto, com'io mi sommetto alla legge del
numero. —

Ciò detto, si trasse in disparte. E Sumàti frattanto, avvicinatosi al
re d'Armenia, si chinò sopra di lui, dandogli a respirar per le nari
le acute fragranze d'una ampolla, che egli aveva cavata pur dianzi dal
seno.



CAPITOLO XII.

La fuga.


Il mattino era sorto, restituendo i colori smarriti alle cose. La
vôlta celeste, con soavi trapassi, di cenerognola che l'avea mostrata
il primo barlume del giorno, erasi venuta schiarando in un bianco
perlato, che verso oriente volgeva allo smeraldo, per mutarsi più oltre
in colore di fiamma, su quell'ultimo confine donde aveva a sorgere il
sole. Commosse al lene soffio della brezza mattutina, ondeggiavano le
biade per l'immenso piano, e qua e là, da un mare di lieta verdura,
spuntavano le castella lontane, i villaggi, i casolari, sparsi a guisa
d'armenti sui pascoli.

Intanto, una lunga cavalcata, uscita pur dianzi dal sobborgo
settentrionale di Babilonia, risaliva di buon trotto la strada
maestra, lunghesso la riva destra del fiume. Già biancheggiava davanti
alla torma il villaggio di Lahirù, e l'astro del giorno, apparso in
quel mentre sull'orizzonte, mandava il suo primo saluto alle torri
predilette di Sippara.

Correvano frettolosi, volavano via come il vento i cavalieri, coi
grand'archi sull'òmero e le frecce risuonanti nelle lucide faretre.
Dinanzi a loro cavalcava un nobil garzone, pallido, smunto le guancie,
accigliato e cupo il sembiante, pur tuttavia bellissimo sempre a
vedersi. Un'acerba cura, più assai che l'insonnia, segnava di triste
nota il suo volto e lo faceva noncurante d'ogni cosa che il suo
pensiero non fosse. Difatti mentre i seguaci suoi, ad ogni tanto si
volgevano indietro, sulle groppe dei cavalli, per rimirare ancora
una volta la gigantesca città, che si veniva illuminando alle loro
spalle e sempre nuovi aspetti assumeva ai crescenti raggi del sole,
egli, il taciturno comandante, non dava da quella parte neppure una
fuggevole occhiata, e al premer convulso delle ginocchia ne' fianchi
del suo corsiero, al lentargli le redini sul collo, pareva che avesse
fretta di correre, di allontanarsi da un luogo odiato, o temuto. Per
contro, non badava ai compagni, se pronti d'ugual metro gli tenessero
dietro. Istintivamente facea cammino, respirando a larghe ondate l'aria
frizzante del mattino, quasi a sneghittirsi le fibre; ma il pensiero
avea sempre rivolto in sè stesso, e si faceva sempre più cupo, come
chi, non trovando la via per uscir di tristezza, si chiude disperato e
si compiace nel dolore che lo uccide.

Frattanto i mattinieri abitatori de' campi, gli artefici borghigiani,
in volta fra villaggi e castella, si tiravano, essi e le cose loro, sui
margini della strada; frotte di popolo agreste si affacciavano dalle
siepi fiorite; curiosi volti di donne apparivano in sull'uscio dei
casolari, per veder passare la cavalcata, di cui si udiva da lunge lo
scalpito.

— Chi sono costoro? — si diceva qua e là, nella moltitudine degli
astanti. — Ah, i baldi cavalieri d'Armenia, che tornano ai loro monti
natali. Giunti a mala pena ier l'altro! Breve dimora hanno fatto essi
nelle mura di Babilu! E il _malka_? Vedetelo; è quegli che va innanzi a
tutti loro, Ara il bello! Ara il prode! Viva in perpetuo il leggiadro
malka delle montagne! Invero egli è simile a Nebo, al malka della
vôlta azzurra. Ma come rannuvolato! che ha egli mai, che lo rende così
triste? Forse il dover partire dalla terra di Kiprat Arbat. Ma perchè
tornarsene così presto? Le rose di Sennaar non aveano dunque fragranze
per lui? Vedete; egli neppure s'accorge della nostra presenza: non
cura i saluti, non risponde agli evviva. Orgoglioso è l'Armeno, come
tutto il suo popolo. Pure, egli ha dovuto scendere, portar tributo alla
gloriosa regina degli Accad! —

Così dicevano gli abitatori dei campi, e proseguiva Ara veloce, senza
por mente alla turba curiosa, o dare ascolto ai clamori, agli evviva.

Che era egli avvenuto? Come a quell'ora già tanto lontano da Imgur Bel,
colla sua gente raccolta e frettolosa a seguirlo?

Ricuperati i sensi e riavutosi dal suo smarrimento nel sotterraneo, il
re d'Armenia aveva veduto daccanto a sè il savio dal fiore di loto,
non più velata la faccia, che lo guardava con occhio amorevole e si
studiava con paterna cura di essergli utile.

— Santo vegliardo, — disse Ara, crollando mestamente il capo, — la mia
anima è triste fino alla morte.

— Suvvia, — gli rispose Sumàti, — non ti perder d'animo, o re. L'uomo
antico è morto quaggiù; tu rinasci da' tuoi errori, più giovine, più
ardito e più forte. La terra di Sennaar non ti sarà più oltre fatale.
Il destino è scongiurato, e qui alle sacre fonti del vero, tu hai
attinta la vita.

— Ah! — esclamò il giovine, sospirando. — E per che farne, ormai?

— Fanciullo! — disse il savio, con piglio affettuoso, che temperava il
rigore della parola. — E credi tu che nulla più ci rimanga a sperare
sulla terra, perchè abbiam conosciuto menzognero un affetto? Ma a
che splende il sole nel firmamento? A che accese in noi il creatore
la fiamma immortale dell'intelletto, parte dell'anima sua? Sorgi e
cammina, o prediletta creatura di Brama! Non sei tu di quella casta
d'uomini ch'egli trasse dal suo medesimo braccio, perchè avessero ad
impugnare lo scettro, per comandare alle genti, e farle gloriose e
felici? Non ami tu il tuo popolo? Non ricordi la tua reggia d'Armavir e
i noti volti che ti sorrideranno ossequenti al ritorno?

— Sì; — rispose Ara commosso; — Un Dio parla per le tue labbra, o
venerando. Noi non nascemmo per noi. —

E così dicendo avea tentato di sollevarsi da terra; ma non potè
reggersi sulle ginocchia, barcollò e cadde tra le braccia dei savio,
che fu sollecito a trattenerlo.

— Bevi; questo ti rinfrancherà: — disse Sumàti, stillandogli sulle
labbra alcune gocce da una fiala che avea tolta dalla cintura. — Ed
ora, figliuol mio, adagiati su questa lettiga; mentre tu ristorerai le
membra affaticate nel sonno, i nostri uomini ti riconduranno fuori di
qua.

— Dove? — chiese Ara, con atto di ripugnanza, che non sfuggì all'occhio
del savio.

— Oh, non già nelle tue stanze di iersera. Gli spiriti invisibili che
t'hanno dischiuso la via allo scampo, non riaprirebbero certamente
il cammino della tua perdizione. Quell'àdito è chiuso per sempre. Ti
desterai in quella vece dove più ami vederti... fra i tuoi.

— Fra i miei; — balbettò il re d'Armenia, a cui già il sonno facea
gravi le ciglia: — fra i miei! Ma tu, santo vegliardo, mi lasci?

— È necessario.

— Non ti vedrò io dunque più?

— In seno di Brama è il futuro; — rispose solennemente il savio dal
fiore di loto. — Dormi, o re d'Armenia, e dimentica! —

Il vecchio era sparito, ed Ara, poco stante, dormiva profondamente,
in quella che i muti custodi del sotterraneo, alzata la lettiga sugli
òmeri, si disponevano a condurlo all'aperto.

Allorquando il re d'Armenia si risvegliò da quel sonno letargico, egli
era disteso su d'un letto di piume, in una camera adorna di sontuosi
tappeti e morbidi pelli di fiere. Pendevano sopra il suo capo, raccolte
a festoni, le ampie cortine d'un padiglione di porpora; lucerne di
forbito rame spandevano per la camera un mite chiarore. Attonito, volse
gli occhi lungamente in giro, e riconobbe il suo posatoio della prima
sera, nell'edifizio fuori la cinta di Nivitti Bel, dove era smontato ad
alloggio co' suoi.

Ma, per qual via era egli giunto colà? Come si trovava egli adagiato
in quel letto? Aveva egli sognato dapprima, o non sognava piuttosto in
quel punto?

Mentre egli era in cosiffatte incertezze, Bared gli si fece innanzi
ossequioso. Il suo fidato Bared appariva vestito di tutto punto, in
arnese da viaggio, con la sua fascia di lana intorno ai lombi e la
spada pendente dal fianco.

— Tutto è pronto! — diss'egli.

Il re d'Armenia lo guardò trasognato. Ma Bared non volgeva gli occhi su
lui.

— Che cosa? — domandò allora il re.

— Il corteo, mio dolce signore; — rispose Bared, inchinandosi. — I
cavalli sono in ordinanza sulla via e i cavalieri fermi in arcione. I
cammelli, coi bagaglioni son già da un'ora in cammino.

— E.... — balbettò Ara, stupefatto, — perchè tutto ciò?

— Ma... — soggiunse umilmente quell'altro; — non sei tu sceso stanotte
al mio capezzale, per comandarmelo?

— Io?

— Sì, mio signore. Invero, tu mi parevi turbato oltremodo. «Suvvia,
mi dicesti; svegliati, o Bared, e fa che tosto si alzino i nostri
uomini. Bisogna partire innanzi giorno; si torna in Armavir; tra
un'ora ci metteremo in cammino.» Furono queste le tue parole; non le
rammenti? Temendo di alcun triste caso che ti fosse intervenuto, ardii
chiederti il perchè dell'improvvisa partenza, e tu non m'hai risposto
verbo. Mi sono affrettato ad obbedirti, ed eccomi qua, pronto ai tuoi
cenni. —

Il re d'Armenia stette alquanto sopra di sè, mentre Bared parlava, e
richiamò alla mente smarrita tutte le confuse memorie di quell'orrida
notte. Furono allora argomenti di tristezza ineffabile, paurose
visioni, acutissime spine che gli si strinsero al cuore. Così la cerva
trafelata, poichè vanamente ha tentato di sottrarsi allo stuolo de'
cacciatori, s'arresta e vede d'ogni banda segugi in volta, cavalli
accorrenti, ed archi tesi, che le fanno piover sopra un nembo di
strali.

— Io non ho parlato a Bared; — pensava egli in cuor suo; — ma come
potrebb'egli essersi ingannato a tal segno? Ah, certo egli è Sandi, che
gli ha recato il provvido avviso. Il suo volere si compia! —

E balzò prontamente dal letto; indossò la tunica bigia, listata di
rosso, che gli profferiva il suo fido; cinse la spada; imprigionò i
capegli nella mitra di nera pelliccia, ornata al sommo da un mobil
ciuffo di penne; si gittò il mantello sugli òmeri, e uscì e si affrettò
per le scale, fino all'ingresso, dov'era il suo cavallo bardato. Tutto
ciò senza far moto, con rapidità fulminea, con atti convulsi. Indi a
pochi istanti era in arcioni e spingeva il generoso corsiero a galoppo;
gli altri tutti dietro di lui, in ordinanza serrata, verso la porta
settentrionale della città.

Così erano partiti, ed Ara, spronando il cavallo di là dalla porta di
bronzo, non avea pur vôlto indietro lo sguardo a rimirar Babilonia, la
maravigliosa città che egli abbandonava per sempre. Un misto di odio e
di raccapriccio, più ancora di rabbia e fastidio di sè, gl'ingombrava
lo spirito. Pur di sottrarsi a quella oppressura, avrebbe amato uscir
di senno, addormentarsi in perpetuo, non essere.

Povero cuore umano! Com'è egli sempre schiavo delle sue medesime
finzioni! Ma infine, e non son esse la parte migliore della vita? E
il cuore che fosse assoluto signore di sè, non regnerebbe egli nel
deserto? Invero, senza questa eterna cagione di pianti, che sono gli
affetti nostri, le fantasie, i rapimenti, gl'inganni, il cuore sarebbe
da paragonarsi ad una solitudine ignuda. Ahimè, così sia dunque; amare,
pensare, vivere, e sempre soffrire.

Un senso di sollievo comunque leggiero e tutto materiale, era pel
giovine il correre, volar via, fendere la brezza del mattino, in groppa
al suo palafreno, docile agl'impulsi, saldo alla fatica, siccome tutti
i cavalli di Armenia, celebrati allora per forza e rapidità singolare
nel mondo.

Bello è il corsiero, e veramente degno dell'amore dell'uomo. Nobile e
generoso, si acconcia di buon animo ai voleri del suo signore; servo
ossequente, non vile, ama e nol dice, ma ne' suoi grandi occhi umidi
è un'eloquenza ineffabile. Delicato e sensibile, un nulla lo turba,
gli fa arricciar le nari, drizzar le orecchie e correre un tremito per
tutte le membra; ma una parola, un grido, un incitamento lievissimo,
gli fa vincere ogni tema, squassar la criniera e pigliare il galoppo
contro l'ignoto pericolo. Ha terrori femminei, impeti virili. Amico
dell'uomo, sia che ci porti a ritrovo d'amore, sia che ci tragga
in battaglia, o ci scampi da inseguenti nemici, intende le ansie, i
palpiti, i moti tutti dell'animo; partecipa ai nostri affetti, agli
sdegni, ai dolori; non si lagna della nostra crudeltà momentanea,
poichè ci sente accorati; patisce ogni disagio, poichè ci vede
soffrire con lui; sfida animoso la morte, cade sfinito di stanchezza, o
coperto di ferite, per noi; pago d'uno sguardo compassionevole, lieto
d'un'ultima carezza su quel poderoso suo collo, madido di sudore e di
sangue.

Va, corri, Tiglat; divora la via, generoso corsiero. Il tuo signore
è triste, come notte d'inverno nelle gole dell'Ararat; lunge, assai
lunge da Babilonia, potranno aver le sue membra un'ora di riposo,
non il suo spirito un istante di tregua. Ben più sereno dell'animo
tu l'hai portato a volo sui combattuti campi di Masciag, contro le
schiere fuggenti dei predatori Turani. Va, corri, Tiglat; divora la
via, imperocchè oggi ti converrà fare un doppio cammino. Dopo una
breve sosta alle case di Is, la cavalcata proseguirà veloce fino alle
mura di Erech. E domani? Domani toccherete ai confini della terra di
Naraim, dove a nessun cavaliere che parta da Babilonia sarà più dato
raggiungervi.

E via, frattanto; volavano via i cavalli sonanti tra nembi di polvere,
allontanandosi sempre più dalla vista di Babilonia. Era bella,
l'immensa città, splendida ai raggi del sole nascente, vero giardino di
delizie, innalzato sovr'archi giganteschi alla gloria di Belo.

Bella era e splendida, piena di delizie per tutti i popoli che
accorrevano alle sue mura; ma non più doveva esser tale per la sua
gloriosa regina!

Quel dì, giusta il costume, la leggiadra Semiram erasi alzata per
tempo dai molli riposi. Il corpo aveva di donna, ma virile la tempra,
e sapeva mandare di pari passo le morbidezze del vivere femminile,
con le aspre fatiche del campo e le gravi cure del consiglio. Asterse
le membra nei limpidi lavacri, raccolte in lucide anella le chiome,
radiante di fresca bellezza e di senno maturo, aveva chiamati alla sua
presenza i ministri, deliberato sulle faccende più rilevanti della
città, udito le novelle dei corrieri, giunti nella notte dalle più
lontane contrade.

Senonchè, quel giorno, una nuova cura, e più dolce, la faceva
impaziente. Udì a mala pena gli avventurosi messaggi; impartì brevi
comandi e facili perdoni; nè prestò lungamente orecchie alle lodi, che
lo scriba le riferiva essere state incise su nuovi marmi, dall'ossequio
dei governatori delle provincie.

Sola alfine, chiusa negl'intimi recessi del suo appartamento,
ritornò ai geniali apparecchi della conscia bellezza. Cosa agevole
ad intendersi nello stato dell'anima sua, ella era così sicura di sè,
come in passato; bene lo specchio le venìa ripetendo, con la sua muta
eloquenza: «sei bella»; ma la regal donna non parea contentarsi a
quelle testimonianze cortesi. Il pensiero correva malinconico alla sua
giovinezza perduta e le faceva temere vicini, presenti quasi, i futuri
oltraggi del tempo. Eppure ella vedevasi allora nel pieno rigoglio
delle sue irresistibili grazie, l'invidiata rosa di Sennaar; in
quella stagione che la donna apparisce più bella, siccome il fiore più
smagliante sul ramo; in quello che può dirsi il riposo della maturità,
così lieto di vivaci colori, così liberale di soavissimi effluvii; più
bella, insomma, più giovine che non fosse da prima, imperocchè l'amore,
come occhio di sole, la illuminava, penetrandola, ringagliardiva in lei
le fonti della vita; donde lo scorrer veloce del sangue nelle tumide
vene, il perlato splendor delle carni, il vermiglio sulle umide labbra,
il baleno negli sguardi profondi.

Salambo, la prediletta fra le ancelle, bruna figlia del paese di Martu,
le si accostò, le cinse il collo d'un monile di perle, e sorridendo
alla immagine della regina riflessa di contro a lei nei lucido disco
d'acciaio, le disse:

— Mia dolce signora, nessuna donna al mondo è più bella di te. —

Piacque la lode a Semiram, che la ravvisava sincera. Indi, crollando il
capo e sospirando con un suo garbo tra malinconico ed umile, rispose:

— Ah, gli anni, Salambo! volano essi, calano implacati su noi e ci
rapiscono questi labili vanti!

— Che dici tu, regina delle terre e dei cuori? Essi volano intorno a
te, come spiriti benefici, e ognuno di loro ti reca una grazia di più.
Forse non vedi come sei desiderata da tutti, accompagnata dagli avidi
sguardi del popolo, da un mormorio d'ammirazione ovunque tu passi?
Dall'ossequio dei grandi che ogni giorno s'inchinano a te, non vedi tu
trasparire la vampa degli amori che accendi? —

A quelle parole dell'ornatrice, Semiramide si fece rossa in volto,
siccome il frutto del melagrano.

— Oh, parer belle agli occhi di tutti! — esclamò ella con accento
d'allegrezza profonda. — Sì, gli è ciò che piace a noi donne. Ma uno,
uno solo, regni su noi. Schiavi tutti gli altri e non degnati pur d'uno
sguardo; egli signore nostro per tutta la vita!

— Tu ami, regina?

— Amo, sì, e sono riamata, non pel mio serto regale, per me! —

Il pensiero dell'ancella era corso al tempio di Militta e all'incontro
di Semiramide col bellissimo straniero, nel quale Salambo, compagna
alla regina nella sua notturna visita al sacro recinto, aveva poscia
riconosciuto l'ospite regale d'Armenia.

— Invero, — diss'ella, — se un uomo era degno dell'amor tuo, per fermo
gli è questi il leggiadro malka delle montagne.

— Ah! — sclamò Semiramide, con atto di stupore, che non aveva nulla
d'ingrato. — E tu sai?...

— Perdonami, dolce signora!... — balbettò confusa l'ancella. — I miei
occhi...

— Hanno veduto; — interruppe la regina, con un sorriso amorevole, che
valse a rasserenare la turbata ornatrice; — hanno veduto, e non è colpa
il vedere. Infine, se io ho potuto amarlo la prima volta che lo vidi,
mi dorrò che Salambo lo abbia creduto degno dell'amor mio?

— O mia regina, non t'ha ingannato il tuo cuore; — soggiunse la bruna
figlia di Tiro, inginocchiandosi e baciando il lembo della veste di
Semiramide. — Egli ha la soave bellezza di Sin, il benefico Iddio
rischiaratore delle notti, nè può dall'aspetto esser diversa l'anima
sua. Gloriosa signora, vivi felice in perpetuo! A te fu propizia
Militta Zarpanit, di cui tu sei la vivente immagine in terra.

— Va, mia buona Salambo, e gli Dei ascoltino l'augurio. Va, ed Hurki,
il capo degli eunuchi, annunzi al malka d'Armenia che la regina lo
attende. —

Sola nel suo geniale ritiro, che era bello a vedersi per marmi di
svariati colori e tavole d'alabastro nobilmente istoriate, lieto di
acque zampillanti e della grata ombria delle latanie e dei salici,
che protendevano le foglie tinte di vivo smeraldo tra le colonne
dell'aperto loggiato, Semiramide attendeva il leggiadro suo ospite. E
seduta su d'un trono d'ebano, incrostato di pietre preziose, rattenuta
la bellissima guancia tra l'indice e il medio della candida mano
arrovesciata a sostegno del capo, ella stavasi meditando, godeva
tacitamente in cuor suo, pregustava l'allegrezza ineffabile del
vedere l'amato, e scorgere su quel viso i segni dell'interno tumulto,
nell'atto di comparirle dinanzi. E così procedendo di pensiero in
pensiero, s'inoltrava nei vaporosi regni del futuro, sognava gaudii
infiniti, intravvedeva giorni di felicità senza pari.

V'ha una pianta nelle contrade predilette dal sole, una pianta
singolare tra tutte, la quale nata in arida terra, stenta anni ed
anni il nutrimento, onde il suolo e l'aria le si mostrano avari.
Lentamente cresciuta, fa tesoro di elettissimi succhi; di poco
s'innalza, ma stende intorno e gonfia a dismisura le larghe foglie
carnose, si fa ricca di umori vitali, mentre tant'altri germi di più
facile contentatura sotto il medesimo cielo intristiscono. Ella ha un
intento, la nobilissima pianta; accumula, per prodigare; e infatti,
dopo tant'anni di vita modestamente operosa, germoglia e cresce dal
suo grembo uno stelo, la cui cima rapidamente sboccia e s'allarga in
grappolo di fiori, onor dei deserti, allegrezza del viandante che lo
scorge da lontano, eretto a guisa di faro amico, sul faticoso sentiero.
Lieta fioritura, tanto più splendida, quanto fu più sudata! Che
importa, se, nascendo, ella prosciuga ed uccide il cespo materno?

Così la pianta umana; cresce, si nutre, si rafforza, per produrre il
fior dell'amore. Ed è bello, è meraviglioso il portato, quando tutto
alla pianta umana sorride. Grandezza, onore, possanza, umori vitali di
cui la terra non è facile dispensiera per tutti, aiutano a rendere il
fiore più splendido, a far più solenne l'amoroso mistero.

Ed era lieta Semiram. Militta Zarpanit l'avea fatta felice oltre i suoi
medesimi voti. Bellissimo era tra tutti i viventi, generoso e prode, il
destinato al cuor suo. Fervido, nell'amicizia, insino alla follia, che
non sarebbe egli stato nell'amore?

Qui, per altro, tornava alla mente della regina l'ingrato ricordo di
Sandi, la cui misera fine era stata a lei rimproverata dall'ignaro
garzone con temerarie parole. Ma non di lui si doleva, bensì della
malvagità profonda del volgo umano, inchinevole a credere il peggio dei
grandi, a rigettar su loro ogni vizio, a farli neri d'ogni delitto.
Ed esser tuttavia innocente, nonchè della morte di Sandi, d'un solo
pensiero, di una parola, d'uno sguardo per lui! Invero ella non aveva
avuto altra colpa in faccia all'estinto, fuor quella di che tanti
e tanti poteano accusarla ad un modo, d'esser bella, possente, e
desiderata da troppi, vuoi per dissennato amor giovanile, vuoi per
proposito di sconfinata ambizione.

Difatti, qual era stato il caso di Sandi? Tratto da desiderio di
gloria, il giovine cantore di Peznuni era venuto alle mura di Babilu,
era stato accolto nella reggia e aveva cantate le glorie della stirpe
di Nemrod; ma più ancora quelle della leggiadra figlia di Derceto,
venuta d'Ascalona, nel paese di Martu, fino alla terra di Sennaar, per
assidersi, moglie di Nino, sullo splendido trono di Nemrod. Ben s'era
ella avveduta come il giovine Armeno avesse ardito innalzare infino a
lei il cupido sguardo e l'ambizioso desiderio; ma ciò, in quella guisa
che non giungeva nuovo, non doveva parere altrimenti strano alla donna;
però, con quel giusto riserbo che le inspirava il suo stato di donna e
di regina, aveva mostrato nei diportamenti suoi non addarsi di nulla.

Che pensasse egli di ciò, che sperasse dai suoi inni fiammanti,
ignorava Semiramide. Nè altro le fu dato saperne di poi, imperocchè,
uscito egli una sera dal suo cospetto, non ricomparve più mai. La voce
si sparse della sua morte improvvisa; alcuni pescatori del quartiere
di Suanna aveano trovato il cadavere impigliato tra i giunchi, in
una insenatura dell'Eufrate; ciò erale stato riferito più tardi, e
non è a dire con quanto rammarico per l'animo suo compassionevole.
Qual era la cagione della miseranda catastrofe? Aveasi a vedere nel
fatto una vendetta di donna offesa, o d'uomo fieramente geloso?
Malagevole scoprire l'arcano; ed ella non volle pure indagarlo,
giustamente temendo non paresse altrui che ella troppo si curasse
dell'amoroso cantore. Ed ecco, ciò che ella aveva fatto per onesto
riguardo, volgevasi biecamente contro di lei! Inaudita perfidia! Ma
il re d'Armenia, amato da lei coll'impeto di un cuore che per la prima
volta e liberamente si concede, non era egli persuaso oramai della sua
innocenza? Non aveva ella giurato, pei sommi Dei, per la maestà del suo
regno, per la testa dell'adolescente suo figlio, cioè a dire per quanto
una donna ha di più sacro al mondo, e meno volentieri in simili casi
ricorda? E dopo un tal giuramento, non doveva egli credere alle parole
dell'amata? Non aveva egli anzi mostrato di credere?

E tuttavia, quel ricordo, in quell'ora, le tornava molesto, uggioso,
come un presentimento di sventura. Lo cacciò lungi da sè; volse l'animo
a più liete immagini; si fece in cuor suo a noverare i passi di Ara,
che certo era in cammino per giungere a lei. Capriccio infantile, che
bene intenderà chi ha atteso l'arrivo di persona amata; non altri.

In quel mentre, Hurki (il guardiano, nella lingua degli Accad) comparve
sulla soglia.

Egli aveva la cera sconvolta; appariva turbato e perplesso, come chi
sa di recare un ingrato messaggio. Invero quella era la prima volta che
Hurki si presentava alla regina, senza poterle dire: «il tuo comando è
eseguito.»

Vide Semiramide il mutato sembiante e n'ebbe una stretta dolorosa al
cuore.

— Orbene, che c'è? — dimandò ella impaziente. — Il re d'Armenia?...

— Vivi in perpetuo, o regina! — disse Hurki, prostrandosi a terra. — Il
re d'Armenia non era nelle sue stanze.

— Ah! uscito forse a diporto fuor della reggia... — ripigliò
Semiramide, con accento sospeso tra la dimanda e la spiegazione.

— Gli eunuchi che vegliavano nell'anticamera non lo hanno veduto
uscire; — rispose Hurki, in atto di rispettoso diniego.

— Che narri tu ora? — domandò la regina. — E come non sarebbe egli più
nelle sue stanze?

— Così è, mia clemente signora, sebbene io non giunga ad intenderlo;
gli eunuchi giurano...

— Vengano essi! — interruppe la regina, che già più non sapea
contenersi.

Hurki si ritirò, inchinandosi, mentr'ella, balzata dal trono, misurava
a passi concitati il pavimento intarsiato della sua camera.

Poco stante, i quattro eunuchi, che erano rimasti a guardia
dell'appartamento dell'ospite nelle due vigilie della notte, e gli
altri due che avean dato ad essi la muta nelle prime ore del mattino,
comparvero al cospetto di Semiramide e si buttarono tremanti a' suoi
piedi.

— Il re d'Armenia? — chiese ella con voce asciutta e piglio imperioso.

— Possente regina, vivi in perpetuo! Abbiamo vigilato tutta la notte,
nelle ore a ciascheduno assegnate; nè alcuno di noi vide uscire dalle
sue stanze il regale tuo ospite. Per tutto il mattino l'ingresso
restò chiuso del pari, nè ardimmo entrare non chiesti. Al cenno di
Hurki ci siamo inoltrati poc'anzi: ma il re d'Armenia non era nel suo
appartamento, e invano lo abbiamo cercato dovunque. Come ha egli potuto
uscire non visto, se la porta è chiusa e le pareti intiere? Per fermo,
o egli è esperto d'incantagioni, o Nisroc lo ha tratto a volo dal tetto
sulle poderose sue ali.

— Ben piuttosto con le sue lo spirito negro del sonno vi ha chiuse
le palpebre, servitori infedeli! E l'ospite nostro, uscendo dalle sue
stanze, vi avrà veduti, giacenti a guisa di ebbri sul terreno.

— Possente signora...

— Non una parola di più! Hurki, sian posti sotto buona custodia i poco
vigilanti tuoi uomini. S'indaghi il vero, e se eglino hanno mentito,
siano gittati nella fossa dei leoni. Così voglio; andate! —

Esterrefatti, tremanti a verghe, si alzarono i tapini e uscirono in
silenzio dal cospetto della regina.

Ella stette alquanto sopra di sè, mettendo lampi dagli occhi. Uscito!
uscito, senza attendere un cenno di lei! Imperocchè, già non era da
aggiustar fede alla favola degli eunuchi, nè il re d'Armenia avea
potuto sparire dalle sue stanze per virtù di magiche parole. Uscito! e
perchè, così dimenticando l'invito della donna amata? Amata! Ma poteva
ella credersi tale tuttavia? L'uomo che doveva rimanere, ansioso,
impaziente, ma fermo, ad attendere la dolce chiamata, era uscito, in
quella vece, sparito ad un tratto, forse da più ore, senza curarsi di
lei, nè di ciò che la sua assenza avrebbe dato argomento a pensare. Che
dire de' suoi diportamenti? Pazzo era, od ingrato?

E le ore scorrevano, e nessuna nuova si aveva di lui.

Come leonessa ferita si raccoglie a lambire le sue piaghe nel più
profondo della macchia, ove forse morrà, e tratto tratto con lunghi
ruggiti accusa l'acerbità dello strazio, minacciando aspre vendette a
chi ardisse incauto avvicinarsi al suo covo, così la regina si chiuse
nelle sue stanze, per divorare non vista il suo dolore e la vergogna
dell'oltraggio patito. Lo scoppio dell'ira non avea a farsi aspettare
più molto.

Un'ora dopo, Ninia chiedeva di vedere sua madre. Il regio adolescente
solea presentarsi al cospetto di lei ogni giorno, ma soventi volte
le cure del regno la distoglievano dal grato uffizio di trattenersi
in affettuosi colloqui col suo diletto figliuolo. Egli, per altro, il
giorno antecedente, non si era mostrato alla reggia, nè forse sarebbe
andato così presto quel dì, se il savio maestro Zerduste, vedutolo di
ritorno dai palmeti di Gomer, e udito di ciò che gli era accaduto per
via, non gli avesse comandato di farlo.

Semiramide si ricompose all'aspetto del figlio e lo accolse con amorosa
dolcezza.

— Che hai tu, madre mia? — le chiese egli, notando lo sforzo che ella
faceva per mostrarglisi lieta.

— Nulla, mio Ninia; — gli rispose la povera donna pigliandolo
affettuosamente per mano.

— Oh, no; tu soffri! — disse a lei di rimando l'adolescente. — Il tuo
volto reca le traccie d'una cura profonda; le tue mani ardono come per
febbre...

— Non darti pensiero di ciò; — interruppe la regina, ritraendo
istintivamente le mani accusatrici; — io non ho nulla, sai? non ho
nulla. Le cure dell'impero sono molte, e la corona non è sempre lieve
peso alla fronte. Tu regnerai un giorno, mio diletto figliuolo, ed
allora... Ma dimmi piuttosto; donde vieni tu, ancora cosparso di
polvere?

— Ah, mi perdoni la possente regina! — gridò Ninia, arrossendo. — Son
sceso or ora d'arcione, e impaziente di vedere mia madre... Sai? —
soggiunse egli interrompendosi. — Ieri non ti avevo abbracciata...

— E fu male; — ripigliò Semiramide, baciandolo in fronte. — Troppo ti
stai lontano dalla reggia, o mio Ninia. Ieri, ad esempio, fu giorno
solenne, e tu non eri al mio fianco, per ricever l'ospite tributario
d'Armavir.

— Ah sì, l'ho veduto stamane! — disse il giovinetto, con accento
d'amarezza.

— E dove? — gridò la regina.

— Poco più oltre il villaggio di Lahiru; — rispose egli allora, senza
por mente alla subita commozione che dipingeva di pallore il volto di
sua madre. — La cavalcata volava via come il vento. Generosi corsieri
ha l'Armenia; ma superbi sono oltremodo i suoi re.

— Come? Perchè parli tu in tal guisa?

— Sì; — continuò l'adolescente; — egli è passato davanti a me e non
si è pur degnato di volgermi lo sguardo, sebbene le grida del popolo
dovessero avergli fatto udire il mio nome. A che tanto orgoglio in
un principe tributario? Non sono io il figlio di Nino? Ma che hai tu,
madre mia? —

La domanda affettuosa di Ninia non era fuori di luogo. Difatti,
Semiramide si sentiva venir meno. Le forze che ella aveva
sollecitamente raccolte per resistere al colpo improvviso, si erano
consumate in quel momento supremo, ed ella ricadeva perduta sul trono,
in preda ad una commozione indicibile.

Così egli era partito? L'offesa non poteva esser più grave. Nel cuor
della notte, mentre gli eunuchi nell'anticamera cedevano al sonno, egli
era uscito dalle sue stanze, fuggito dalla reggia, corso ai baluardi
di Nivitti Bel per raunar la sua gente e allontanarsi da Babilonia,
innanzi le prime luci del giorno. E come e quando aveva egli potuto
meditar quella fuga? Certo laggiù, nella sala del convito, davanti
a lei, mentre ella figgeva gli occhi amorosi nei suoi, per leggervi,
stolta, le promesse e i rapimenti d'un affetto profondo, immutabile.

E come sapeva egli infingersi! — «A domani! gli aveva ella detto, nel
prendere commiato da lui. Debbo conferire di gravi cose con te.» — Ed
egli aveva ricambiato il dolcissimo invito con un sospiro che pareva
sprigionarsi dal cuore, e dirle tutto ciò che le sue labbra non poteano
in quel punto. — «Ed è la regina che mi parlerà domani?» avea chiesto.
— «E te ne duole?» — «Oh no, soggiungeva egli tosto; ma le parole di
Atossa tornano più soavi al mio cuore.» — Così dicendo, l'avea come
involta in uno sguardo d'amore infinito. E mentiva! Mentivano gli
sguardi, mentivano le parole, mentivano i sospiri!

Ma in chi ed in che cosa, creder più oltre nel mondo? È egli dunque
vero essere di tali uomini sulla terra, che dotati d'un fascino pari
a quello del serpente, tirano i cuori inesperti a metter fede in esso
loro, ne suggono avidamente il meglio e li gittano avvizziti lungi da
sè? Si mostrano e vincono, la resistenza è impossibile; che anzi, gli
è un desiderio, una voluttà una beatitudine il cedere. Onnipotenza del
male! E i sommi Dei la consentono?

Ella, invero, non si sentiva colpevole di arrendevolezza soverchia. In
così solenne occasione s'era egli offerto ai suoi occhi! Il tempio,
il momento della preghiera a Militta, la sovrumana bellezza di lui,
il suo medesimo invaghirsi d'una donna velata, che potè farle credere
esaudito il suo voto, il regio sangue, la generosa foga dell'animo,
che pareva candido come la neve dei suoi monti natali, la soavità dei
modi, i sacri giuramenti, tutto aveva contribuito a soggiogarla. Quale
altra donna, cui fosse vuoto il cuore e desideroso d'affetto, non
avrebbe ceduto del pari? Ed ella erasi data in balìa di quell'uomo,
ella, Semiramide, la fortissima donna, che in ogni altra occasione avea
saputo comandare a sè medesima, tanto era avvezza all'impero!

E datasi appena, vedersi tradita! Che più? Offesa nella profondità
del suo nobile affetto, offesa nel suo pudore di donna, offesa nella
sua maestà di regina, nel cospetto della sua corte, agli occhi del suo
medesimo figlio! Di suo figlio anzitutto, che, inconsapevole, veniva
a recarle il colpo fatale! Ahi, povera donna, da quanta altezza la era
forza cadere!

— Nulla, nulla! — aveva ella risposto a Ninia, nell'atto di aggrapparsi
con le mani tremanti ai leoni alati che servivano di sostegno ai
fianchi del trono. — Non è che un lieve malore!... Passerà; non
temere!...

— Chiamo le tue ancelle? — proseguì il giovinetto, con cura ansiosa.

Ma già Semiramide erasi riavuta e balzava in piedi scuotendo
alteramente il capo.

— No, figliuol mio. Per fare, le ancelle? Venga Hurki, e chiami egli
i ministri dei miei voleri a consiglio. Va, e statti di buon animo,
o figlio di Nino, — proseguì ella, baciandolo in fronte; — l'Armenia
pagherà a caro prezzo la tracotanza degli stolti suoi re. —



CAPITOLO XIII.

Dal campo di Assur.


Era già presso gli Armeni il ventesimo quinto giorno di Adukanna, che i
Babilonesi dicono Muna, o mese della mano, perocchè in esso si dà opera
a raccogliere i frutti ond'è liberale la terra.

Oltre un mese era dunque trascorso dagli ultimi eventi narrati, e nelle
ubertose convalli dell'Ararat gli abitatori dei campi attendevano a
mieter le spighe, pur dianzi maturate ai cocenti raggi del sole. E
tuttavia non erano lieti, come in simiglianti occasioni suol essere il
colono, che vede centuplicato il frutto delle sue industri fatiche.
La gaia canzone dei mietitori non risuonava pei colli, nelle ore del
riposo tra gli affastellati covoni; le fronti apparivano pensose, le
braccia sollecite più dell'usato al lavoro. Così il villano, che sente
nell'aria grave la minaccia del nembo vicino, rauna il frumento battuto
sull'aia e lo ripone in fretta ne' capaci granai.

Ora, qual nube era apparsa sull'orizzonte, che da Tarbazu a Nahiri e
da Muhuzri a Milidda, per quanto è vasta l'Armenia da settentrione a
mezzogiorno e da oriente a occidente, faceva così gravi i sembianti? E
che s'aveva egli a pensare di quelle file di mandriani che lunghesso i
campestri sentieri guidavano a torme i cavalli verso le sponde di Van?
E que' fabbri intenti nelle officine a foggiar lame di spade e punte di
frecce, perchè tanto affrettavano essi i colpi dei pesanti martelli sul
càlibe infuocato?

Una voce era corsa, sommessa e dubitosa da prima, indi a mano a mano
più ricisa e più chiara, voce di guerra possibile, di guerra imminente
coi popoli della pianura. Gli Accad si preparavano in silenzio alle
offese, levavano gente dalle più lontane contrade, ingrossavano
verso settentrione, tra Sippara e Gutiuna, rimontando l'Eufrate. Dove
potevano essi volgere tanta piena d'armati, se non contro l'Armenia?

Inoltre, non erasi veduto, sugli ultimi giorni del mese trascorso,
ritornare a' suoi monti il giovine re, il dilettissimo Ara, grave
e severo come chi porti un triste presagio nell'animo? E non avea
bisbigliato una voce che egli fosse scampato a fatica, anzichè
liberamente partito, dalle mura inospitali di Babilu?

Che era egli avvenuto al pronipote d'Aìco, al più leggiadro dei re?
Nulla di certo erasi risaputo all'intorno. Giunto appena in Armavir,
il principe si era chiuso nel silenzio della sua reggia, nè alcuno dei
suoi sudditi, coi quali era uso mostrarsi affabile tanto e cortese,
aveva potuto per giorni parecchi godere della sua vista.

Da Bared, per altro, si era avuto, sebben lieve, un barlume. Ai
grandi del reame e ai governatori delle città, congregati in Armavir,
egli aveva parlato a un dipresso così: — Troppo grave tributo chiede
Babilonia agli Armeni, volendo rapire ad essi il più amato tra i re.
Già uno dei nostri, Sandi il cantore, caro al popolo, caro al monarca,
fu vittima dei feroci amori di Semiramide. Ara il bello, il prode tra i
prodi, avrebbe corsa la medesima sorte. —

Così narrando, Bared aveva chiesto ai congregati il silenzio. Ed
essi l'aveano pure serbato, ma non tanto che non ne trapelasse alcun
che, subitamente raccolto dagli avidi orecchi del volgo, sformato
dal correre di labbro in labbro, e più facilmente creduto, quando si
buccinò di apparecchi guerreschi in Babilonia, o parve di scorgere in
Armenia che i governatori delle città intendessero a provvedimenti di
efficace difesa.

Il presentimento di gravissimi casi era dunque negli animi. E parea
cosa naturale ad ognuno. I venerandi Sos, dedicati al sacro ministero
nelle foreste dei platani d'Aramaniag, presso il lago di Van, non
avevano essi profetato, al tremolar delle foglie vocali, che Babilonia
avrebbe arrecato sventura al giovine re? Ed ecco si adempievano i
tristi presagi; la guerra non era indetta tra i due popoli, ma la
s'indovinava, la si sentiva imminente, come nell'afa estiva i segni
precursori della tempesta.

E frattanto, che diceva, che lasciava intendere il re? Taciturno era
giunto nella sua diletta Armavir; taciturno era rimasto nella reggia,
cupo, grave d'inesplorati pensieri. Senonchè, alcuni giorni dopo,
egli era uscito dalla città, in volta per le provincie, e al campo
di Aiotzor lo si era veduto star lungamente immoto, con le braccia
conserte sul petto, e gli occhi fisi sulla collina di Kerezmanc.
Ora, sul campo di Aiotzor, il suo grande progenitore aveva sconfitto
l'esercito di Nemrod, e sopra il poggio di Kerezmanc era caduto il
gigante, trafitto dalla infallibil freccia di Aìco. E da quella sosta
pensosa, di cui nessuno aveva ardito chiedere al re la cagione, tutti
avevano cavato il pronostico delle sovrastanti sciagure.

Oltre di che, il sembiante di Ara vedevasi profondamente mutato. Certo
su quella testa leggiadra era stata gittata una malìa. Popolo di maghi,
il babilonese! Laggiù, comuni i sortilegi e gl'incanti, e gli occhi, le
labbra, i volti, le mani, esercitavano un influsso malefico.

E in questa occasione si erano infiammati nel popolo l'amore e la
devozione pel re. In quella guisa che una leggiadra donna torna più
cara ai riguardanti, se nube di tristezza le faccia velo alla fronte,
Ara il bello, così malinconico e grave, destava maggiormente l'affetto
dei cuori. E confusamente indovinando le cagioni della sua tristezza,
si malediceva a Semiram; in ciò prime le donne, che ognun sa più
esperte e più pronte degli uomini a scorgere la mano del loro sesso nei
nostri mal celati rammarichi. Un amore infelice diffonde una cert'aria
sul nostro volto, che elleno sole sanno intender che sia, poichè elleno
sole hanno virtù di chiamarla coi loro rigori, di scongiurarla coi
loro sorrisi. Egli è forse per ciò che l'uomo ferito d'amore, cioè
a dire amato, o reso infelice da una, trova altre in maggior numero,
consolatrici volenterose, o rivali.

Così uomini e donne sentivano pietà della mestizia di Ara; lo amavano
sventurato, più assai che non lo amassero felice da prima. E in tutti
un tacito foggiarsi sul suo grave contegno; un prepararsi istintivo
agli eventi; un ansioso interrogar gli echi e odorar l'aria infida
della pianura.

Si era adunque sul finire del mese di Adukanna, ed Ara viveva
pensieroso nelle più solitarie stanze del suo palazzo, donde si
scorgevano le onde tranquille del lago di Van, allorquando un drappello
di Babilonesi giunse alle porte di Armavir e il suo capitano chiese
d'essere introdotto alla presenza del re.

— Venga! — disse Ara, a cui l'annunzio repentino, quantunque da più
giorni atteso, avea cagionato un turbamento indicibile, che non era
già figlio di paura, sibbene di ripugnanza, per un messaggio di quella
donna così profondamente odiata e diletta.

Invero egli amava quella donna pur sempre. Creda ciò impossibile chi
nulla sa dei fieri contrasti d'un affetto gagliardo e delle arcane
contraddizioni del cuore. Ei l'amava, esecrandola. Impunemente non
s'era egli accostato ai sacri misteri di Militta Zarpanit; impunemente
non aveva detto a quella bellissima tra le donne: «io t'adoro; la dea
ha assunte le tue forme, per farmi il più lieto, o il più triste degli
uomini; qualunque cosa avvenga, sarò tuo, sempre tuo!» Bene erasi
egli allontanato dalla odiata regina, ma fieramente amando la donna;
era fuggito, ma recando lo strale confitto nella ferita. E voleva
disprezzarla, e non poteva; tanto olocausto non gli era dato di fare
all'ombra amata di Sandi. L'amore è possente come vin generoso, e più
ancora che in altri, nel petto dei forti. Gli Elleni, trovatori felici
di profonde allegorie, doveano adombrarlo nella veste di Nesso, che
s'apprende alle carni del semidio e si consuma, nell'apprestato rogo,
con lui.

Il re d'Armenia si circondò, per ricevere il messaggiero babilonese,
di tutti i grandi della sua corte, guerrieri la più parte e cantori;
quelli avvezzi a combattere, questi a celebrare le gesta dei prodi.

— Venga il Babilonese! — dicevano essi. — Reca egli messaggio di guerra?

— Forse! — rispose gravemente il re.

— E tu, che gli risponderai, nobile figlio di Aràmo?

— Quello che voi rispondereste, o miei fedeli; pace a chi viene con
amiche parole; guerra a chi cova sinistri disegni.

— Guerra adunque vuol essere! L'orgogliosa signora di Babilonia non può
mandare cortesi messaggi agli Armeni.

— Ella ha costrette a tributo le aquile della montagna! — dicevano i
guerrieri. — Ha tentato di umiliare, nei pronipoti loro, i domatori
della superbia di Nemrod. Ella invidia le recenti palme ai vincitori
di Masciag, ai generosi custodi della pianura, contro le irruzioni dei
predatori Turani!

— Ella odia la gente nostra; — soggiungevano i cantori; — ella ha
ucciso Sandi, il soave garzone, il signore dei carmi, amico e fratello
del re. —

In quella che così parlavano essi, cercando d'indovinare il messaggio
imminente, comparve il babilonese nella sala del trono. Indossava
il candi, tunica rossa, frangiata d'oro sui lembi, che gli scendea
ben oltre il ginocchio, e sovr'essa il sàrapo, camiciotto di lana
bianca, dalle corte maniche, le quali lasciavano scorgere le braccia
ignude e i polsi cinti d'armille d'oro. Le gambe apparivano chiuse ne'
saraballi, o schinieri di cuoio, fin sulla noce del piede, dove, sul
fondo rosso della calza di lana, salivano i correggiuoli incrociati dei
sandali, le cui suola si raffermavano alla pianta, la mercè d'un anello
rigirato sul pollice. Costui era per fermo uno dei primarii uffiziali
di Babilonia, e ben lo dimostravano il balteo lucente, la guaina
leggiadramente lavorata e la tiara bianco-dorata, i cui lembi chiusi a
soggolo, scendevano e coprirgli le guancie ed il mento.

Due guerrieri, armati di tutto punto, seguivano l'ambasciatore. Uno di
essi recava tra le mani una spada senza guaina; l'altro un giavellotto
dalla punta aguzza e lucente.

Ara, poichè il messaggiero gli fu venuto davanti, ravvisò tosto in lui
quel medesimo uffiziale che con larga mano di cavalieri babilonesi gli
era uscito incontro, per servirgli di scorta alle mura della capitale
di Nemrod. Che voleva dir ciò? Era egli caso, o meditata ironia?

Seduto sopra il suo trono, che era tutto coperto di negre pelli
foderate di porpora, vestito a bruno egli stesso, senz'altro segno
di regio fasto che la sua benda di perle intorno alle tempie, grave
nell'aspetto come si conveniva all'attesa d'un grave personaggio,
stette Ara guardando l'inviato di Semiramide.

Il babilonese s'inchinò profondamente, raccogliendo le braccia sul
petto; indi così prese a parlare:

— Re degli Armeni, vivi in perpetuo!

— Grazie a te, messaggiero! — rispose Ara, con piglio cortese. — Chi ti
manda alla reggia dei figli d'Aìco?

— La gran Semiramide, cui Nebo protegge, a cui Belo ha concessa la
vittoria della spada e l'impero dello scettro sui potenti della terra.

— Che gli Dei le concedano lunghi giorni di vita. E che chiede essa da
noi?

— Ragione della tua fuga; — rispose lo inviato. — Sceso in Babilonia a
portarle tributo, accolto nella sua reggia con animo e pompa veramente
ospitali, perchè sei tu uscito dalla città e dal reame, celatamente,
a guisa di ladrone, e senza pur render grazie alla regina delle oneste
accoglienze?

— Altero parli, — disse a lui di rimando il re, trattenendosi a stento,
— più assai che a me non si convenga di udire.

— Così m'è stato ingiunto; — notò il babilonese, inchinandosi. — Pel
mio labbro ti parla Semiramide, non io, oscuro soldato che la possente
regina degli Accad ha scelto ad interprete de' suoi alti comandi.

— Sta bene; — soggiunse Ara concentrato. — E a donna non risponderò
io come la giusta ira consiglia. Nè tutto dirò io ciò che penso; bada
bene, non tutto! Ciò dunque rispondi alla signora degli Accad: il re
d'Armenia non esser fuggito dalla sua presenza, bensì liberamente
partito, come principe che aveva compiuto il debito suo. Più non
aggiungo nè mi dorrà che sembri scortese atto a' suoi popoli, ciò
ch'ella intenderà, se ben guarda, essere stato umano consiglio nel suo
ospite d'un giorno. Ora, che altro mi dice ella per le tue labbra?

— Tu hai niegato il saluto al figlio di lei, nel quale t'abbattesti per
via, fuor delle case di Lahiru; hai usato villania al principe Ninia,
all'erede del trono di Nemrod, al futuro signore di tutte le genti,
dimenticando che la montagna, come la pianura, è soggetta all'impero
degli Accad.

— Ah, non sarà! — interruppe Ara, dando un sobbalzo, a quelle parole
dell'inviato. — Regnino costoro su monti e piani, donde sorge e dove
tramonta il sole; a me non si spetta di contenderlo. Ben so che i
gioghi dell'Ararat sono e dureranno vergini di loro conquista, fino a
tanto cingerà spada il figlio di Aràmo.

— Tu dunque nieghi ai re di Babilonia il tributo? — chiese il
messaggiero. — E non lo avevi tu recato pur dianzi?

— Libero presente fu quello, e pegno di amicizia, tributo non già!
— rispose Ara sollecito. — Rammenti tu le mie parole, alle porte di
Babilu? — Nemici da prima e più e più volte alle prese, furono i padri
nostri coi re della vasta pianura; amici noi, se tali ci accolgono:
vassalli non mai!

— Non farò contesa di vane parole con te; — disse freddamente il
messaggiero. — Sia pure libero presente, e pegno d'amicizia, come giova
all'orgoglio aicàno di chiamarlo; ma proseguirai tu a darlo in futuro?

— Il futuro è in grembo di Zervane Acherene! — rispose il re, con
accento di mal frenata impazienza. — Chi può dire oggi ciò che domani
avverrà?

— Esso non è dunque nella tua mente? — incalzò il babilonese. — Non
nella fede giurata?

— Giurata! Quando? e da chi? — proruppe il re, con voce tonante. —
Bada a te, messaggiero; la menzogna è sul tuo labbro, e chi t'ha detto
avere gli Aìcani giurato un patto di servitù, ha mentito al cospetto
dei cieli. Ma, poichè egli bisogna dir tutto, — proseguì Ara, tornando,
sebbene a fatica, in sè stesso, e piegando la voce ad accento di
sottile ironia, — dimmi ancora; se io pure ti rispondessi che l'Armenia
seguiterà a pagare, come voi lo chiamate, un tributo, basterebbe ciò
alla regina degli Accad?

— No, difatti.... — rispose quell'altro, — non basterebbe.

— Ah, — esclamò Ara, sorridendo amaramente. — E che altro si vuole?

— Che tu abbia a tornare, scortato da noi....

— In Babilonia?

— No; al campo della regina, che è di presente in Assur, nel paese
di Nahiri. Colà, al cospetto di tutti i popoli che seguono in armi la
possente regina, tu giurerai fedeltà al trono degli Accad, e quindi,
tu e i successori tuoi, sarete prosciolti da ogni tributo. Semiramide è
generosa, non avida di ricchezze pel tesoro di Babilu. Spesso ella dona
in un giorno, ciò che dieci provincie potrebbero darle in un anno. Tu
vedi, o re, da ciò che ella chiede, come non la muova cupidigia o mal
animo contro le genti d'Armenia.

— Grande è Semiramide! — notò con piglio sarcastico, il re. — Se ella
mi avesse chiesto cosa che tornasse a danno del mio popolo, avrei
recisamente negato. Ella chiede in quella vece la mia umiliazione. E a
ciò forse potrò io inchinarmi; — aggiunse dopo essere stato alquanto
sopra di sè. — Ma che ne pensano coloro che m'hanno riconosciuto pel
loro signore? coloro che da me s'aspettano diportamenti degni del
nome aicàno? A voi, grandi del reame, e governatori delle città, il
giudizio! Rispondete liberamente al messaggiero, e come l'utile del
popol nostro consiglia. Debbo io andarne al campo di Assur?

— Pronipote di Aìco, — disse gravemente Vasdag, principe di Tarbazu,
che è sulle rive dell'Eusino, — tu non puoi giungere a mezzogiorno più
oltre del campo di Aiotzor e della valle memorata di Kerezmanc.

— Colà, — aggiunse un altro, e tutti i presenti assentirono, — dee
piantarsi il tuo stendardo di guerra.

— Tu li odi? — chiese Ara al messaggiero babilonese.

— Ho udito; — rispose quegli, con atto di commiato. — Semiramide
prevedeva una simigliante risposta, e dal campo di Assur vi annunzia i
suoi alti disegni. Ella stessa verrà ben più oltre di Kerezmanc; verrà
in Armavir e in quante città novera il reame dei figli d'Aìco.

— Come ospite? — chiese nobilmente Ara, alzandosi in piedi, poichè la
conferenza accennava al suo termine.

— Come vincitrice! — disse quell'altro, con accento di minaccia.

E trattosi indietro, tolse dalle mani dei due guerrieri il giavellotto
e la spada, che gittò poscia solennemente ai piedi del trono.

— Conservate questi segni di guerra; — soggiunse il messaggero
babilonese. — Semiramide verrà col suo esercito a raccoglierli nel
sangue vostro e li consacrerà alla memoria di Bel Nemrod, su quella
rocca di cui veggo sorgere i fianchi dirupati dalle acque del lago.

— Se non li riporteremo noi prima al campo di Assur! — disse Valdag,
alzando la spada e il giavellotto da terra.

— O in Babilonia! — aggiunse un altro, tra le grida dei consenzienti
compagni.

— Tacete! — gridò il re. — Non s'addice ai prodi essere vantatori.
Va, messaggiero, al campo di Assur, e reca alla tua grande signora
che i figli d'Aìco, fidenti nell'armi loro e nella giustizia dei Numi,
attenderanno di piè fermo l'assalto. —



CAPITOLO XIV.

Il Pellegrino.


Era alta la notte e migliaia di fuochi, contendendo lo splendore agli
astri del firmamento azzurro, brillavano sulle colline di Ajotzor,
ultimi contrafforti nei monti d'Armenia. Colà, presso le sorgenti
dell'Eufrate, vigilava l'esercito d'Ara, a custodia delle sue terre
natali. Colà, diffatti, era a temersi l'assalto; per quelle strette
erano sempre venuti, risalendo il corso d'un gran fiume, i nemici della
indipendenza d'Armenia; su quelle rupi s'erano sempre inerpicati i
guerrieri della pianura, a molestare il nido dell'aquile aìcane.

Il grande altipiano che si innalza ad un tratto dalla contrada di
Nahiri e da maestro vien digradando con dolce declivio fino alle
pianure che lo separano dalle catene del Caucaso, ecco l'Armenia,
detta negli antichissimi tempi Aiasdan, o vero sia il paese di Aìco.
Imperocchè questo fu il progenitore della nobilissima schiatta, e da
lui doveva essa aver nome ed auspicii.

L'altipiano è intersecato da catene parallele di alte montagne, e da
più umili colli di dolce pendìo. Le valli interchiuse sono in parte
strette e solitarie vallicelle, in parte larghe e fertili pianure,
come quella, ad esempio, cui bagna col suo rapido corso l'Arasse. Una
cosiffatta configurazione di terreno mal consentiva lo stabilimento
di un forte governo centrale, che signoreggiasse l'intiera contrada,
e più s'acconciava alla libera vita di indipendenti tribù, forti a
guerreggiarsi tra loro, deboli al cospetto di un possente vicino che le
assalisse alla spartita.

E i dominatori della pianura aveano sempre avuto una ragione
particolare a tentar simili assalti, sendo che i corsi superiori
dell'Eufrate e del Tigri giacevano entro le montagne d'Armenia. Le
quali, per contro, correndo da oriente a occidente, presentano il
loro più rapido pendìo dalla parte di mezzogiorno, contrariamente alle
catene dello Zagro, le quali, rivolte a levante, declinano dolcemente
verso la valle del Tigri. Donde avviene che mentre lo Zagro invita
gli abitanti della pianura a tentare i suoi alpestri recessi, facili
da principio, indi di mano in mano più orridi e malagevoli, i monti
dell'Armenia li respingono, con presentar subito le maggiori difficoltà
e ad un tempo il più squallido aspetto, e coi fianchi rocciosi e le
cime nevose appaiono insuperabile ostacolo ad un esercito invasore.
Per altro, e appunto perchè chiudevano nei fianchi loro le sorgenti dei
due grandi fiumi del Sennaar, i monti occidentali offerivano la via più
accettevole agli assalitori del piano.

Per colà, dunque, avevano ad inoltrarsi le schiere degli Accad. A
quelle strette accennava chiaramente l'esser eglino venuti ad oste in
Assur, nella contrada di Nahiri. Già parecchi giorni eran corsi dalla
intimazione di guerra; già si era al principio del mese di Garmapada,
che i Babilonesi chiamano Tana, o mese del fuoco, e l'esercito aicàno,
già preparato agli eventi, era venuto a chiudere i passi dell'alto
Eufrate, lunghesso i poggi e le gole di Aiotzor.

Centomila uomini avevano risposto alla chiamata del re. Nessuno
dei validi guerrieri era rimasto negli ozii imbelli delle pareti
domestiche. Le tribù tutte quante aveano mandato il fiore dei loro
combattenti. La regale Armavir e la sacra Peznuni, Tarbazu marinara e
Masciag educatrice di cavalli, le tre grandi provincie del paese, cioè
a dire, la montuosa Urarti, la fluviale Adduri e la lacustre Mildis,
con nobil gara aveano dato di piglio all'armi. E sugli ultimi lembi
della catena dell'Amano e di quella dell'Arzanìa, che si raccostano da
occidente e da oriente intorno alle non lontane sorgenti dell'Eufrate
e del Tigri, erano venuti a metter campo i guerrieri. Sukkia, Laluknu,
Cartar, Izirtu, piccole città più vicine alla stretta dove occorrean le
difese, erano dense d'armati. Sarda e Zikartu, provincie che guardano
il mare del sole oriente, avean dato i più destri arcadori; dalle ampie
valli dell'Arasse, generoso largitore di messi, eran giunti a torme i
più baldi cavalieri; i cittadini d'Armavir, portatori di gravi loriche
e di mazze ferrate, i montanari di Urarti, vestiti dal capo alle piante
di vellose pelli, e sicuri lanciatori di giavellotti, i valligiani
dell'Oronte, fiondatori valenti, erano accorsi ad ingrossare le file,
tutti frementi amor di patria, ed ira gagliarda contro gli audaci
invasori.

Saviamente distribuiti da Vasdag, il principe di Tarbazu, esperto
condottiero, già amico di Aràmo e suo compagno nell'armi, vigilavano
essi a difesa del confine. Il grosso dei cavalieri si raccoglieva nelle
città e borgate, pronto ad accorrere dove più bisognasse; il nerbo dei
fanti si addensava nelle gole e agli sbocchi delle vallate; numerosi
drappelli d'arcieri accampavano sui greppi e lungo le digradanti
costiere; fanti e cavalli vigilavano sui poggi avanzati e nelle forre;
esploratori, scelti tra i più animosi e sagaci, s'inoltravano per
l'ombre notturne, fino ai primi paeselli della sottostante pianura.

Di là, si è già detto, bisognava ai nemici farsi strada alle alture.
Era stato quello il cammino seguito anticamente dalle schiere
di Nemrod; quello doveva essere altresì il cammino dell'armi di
Semiramide. Per mezzo a quei monti scorreva l'Eufrate, ancora povero
d'acque, ma più impetuoso per contro, chiuso com'era in più modesti
confini. Più giù, a mezzogiorno, seguivano collinette e rialti,
biancheggianti al mite chiaror della luna, tra i quali si andava
svolgendo in lunga e tortuosa striscia luccicante il gran fiume, per
confondersi più oltre coi lembi estremi della pianura, involta in una
nebbia sottile e d'incerto colore. Quella ròcca che si scorgeva lontan
lontano sull'orizzonte era Assur, forte castello edificato dai figli di
Sem, già padroni della terra di Sennaar, indi cacciati a settentrione
dai feroci conquistatori della progenie di Cus.

E laggiù, in mezzo ai popoli signoreggiati, la cui alterezza dovea
rifarsi più tardi degli oltraggi patiti, e da Ninive cresciuta in
possanza offuscare le cadenti fortune di Babilonia, laggiù ingrossavano
da parecchi giorni le schiere che gli ultimi Cussiti aveano raccolte da
tutte le più lontane provincia del loro vastissimo impero; attendevano
laggiù, numerose come le arene del mare, minacciando da presso i liberi
monti d'Armenia. Non si scorgevano i fuochi delle innumeri schiere; ma
non le sentiano men vicine per ciò gli arcadori di Zikartu, che stavano
a guardia dei contrafforti dell'Amano, sulla collina di Lukdi

Ora, mentre essi stavano vigilando, ultime scolte dell'esercito
aicàno, e specolando all'intorno la biancheggiante pianura, diè loro
negli occhi un uomo che, uscito da una macchia d'arbusti, a lenti
passi procedeva per un sentieruolo alle falde del poggio. Veniva egli
guardingo, come chi sappia d'esser in luogo pieno d'agguati e tema di
abbattersi in qualche drappello d'esploratori; per altro, non aveva
seguitato a rasentare la macchia, la cui ombra ancora per lungo tratto
di strada avrebbe potuto nasconderlo.

Chi era egli? Troppo misurato negli atti, per essere un guerriero dei
loro; troppo poco, per essere uno spione degli inimici. Avvicinandosi
sempre più lo sconosciuto, videro ancora com'egli fosse inerme, e si
giovasse di un lungo bastone ricurvo, alla guisa dei pellegrini, che
correvano mendicando di paese in paese, per andarne a sciogliere il
voto a qualche tempio celebrato e lontano. Diffatti, egli indossava
una tunica modesta che scendeva poco oltre il ginocchio; e certo, a
chi l'avesse veduto più da vicino, sarebbe apparsa lacera e rattoppata
di brandelli d'ogni colore. L'arnese che gli biancheggiava sul capo,
dovea esser la fascia rigirata intorno alle tempie, portata dai nomadi
pastori del deserto, a custodir la cervice dai cocenti raggi del sole;
quell'altro che gli faceva ingombro sugli omeri, anzi che un mantello,
doveva esser una di quelle bisacce, nelle quali i pellegrini sogliono
portare lo scarso viatico accattato dalla umanità dei borghigiani, che
loro hanno profferto l'ospizio.

Sì, forse egli apparteneva a quella classe d'innocui viandanti; ma non
poteva esser egli un nemico, che, più audace degli altri, s'inoltrasse
nel campo loro, argomentendosi d'ingannarli, con la umiltà delle
spoglie? Arte degli esploratori era questa; ma nel caso presente assai
poco sagace, dappoichè nei dintorni non era tempio, o santuario, che
potesse ragionevolmente attirare i viandanti divoti. Tre giornate
ancora egli avrebbe dovuto far di cammino, prima di giungere al tempio
di Anaiti, in Urfa, che era il più vicino di quei luoghi; ma neppur
quella che il viandante seguiva, era la strada, bensì ad occidente, e
più verso i piani di Assur, che non verso le alture di Lukdi.

Così pensando, gli arcieri fecero quello che ogni prudente soldato
avrebbe fatto in tal caso. Due di loro si dilungarono dal manipolo e si
calarono per una insenatura del terreno da un lato; altri due fecero il
somigliante dalla parte opposta, e, venendosi incontro sulle falde del
poggio, furono addosso al viandante con le spade sguainate.

Gli atti dello sconosciuto, all'improvviso apparir dei soldati,
mostrarono come non fosse mestieri di tanta minaccia. Dato un passo
indietro, più assai per prudenza che non per repentino sgomento, egli
alzò placidamente il capo e disse agli arcieri:

— Sia sempre con voi la vittoria. Che volete da un povero pellegrino?

— Che chiedi tu piuttosto, in quest'ora notturna, — dissero a lui di
rimando gli arcieri, — inoltrandoti in mezzo alle prime scolte del
campo aicàno? Chi sei?

— Ve l'ho detto; un pellegrino.

— Ah sì! — esclamarono gli altri, con piglio sarcastico. — E dinne: a
qual santuario erano volti i tuoi passi?

— A quel di Peznuni, se non vi spiace, — rispose lo sconosciuto; — ma
non senza aver fatto da prima una sosta alle tende di Aiotzor. —

Queste ultime parole soggiunse egli sorridendo, con un fil d'ironia,
che pareva una rivinta sui loro sarcasmi.

— E tu ardisci confessarlo! — gridarono allora gli arcieri. — Ma sai tu
che cosa si spetti ai pellegrini della tua sorte?

— No, in verità, io non lo so; — diss'egli con accento di candore.

— Odilo dunque; si cavano loro gli occhi che hanno voluto veder troppo,
si mozzano loro i piedi che hanno tentato di farsi troppo oltre, e
con le mani legate dietro le spalle a guisa di vili malfattori, si
lasciano sui campi, alla sferza del sole, in pascolo agl'insetti, agli
sciacalli, agli uccelli di rapina.

— Questa è giustizia per gli spioni, — rispose lo sconosciuto, senza
punto mostrarsi turbato; — ma io non sono uno spione, e nemmeno, a dir
vero, un pellegrino dei soliti... quantunque per giunger fin qua, io
abbia dovuto mentirne le spoglie.

— La tua schiettezza si piglia giuoco di noi! — gridarono stizziti gli
arcieri. — Ma il tuo caso è grave; non vieni tu dal campo di Assur?

— Per l'appunto.

— Sta bene, e noi ti condurremo in vista delle tende di Aiotzor, dove
egli ha da esser domani un mal giorno per te.

— Sì, conducetemi pure laggiù; — ripigliò il pellegrino. — Non vi ho
io detto che quella era meta del mio viaggio? Ara il bello, che i santi
Numi proteggono, sperderà i vostri negri pronostici.

— Bada! — notarono gli arcieri, in quella che, postolo in mezzo, lo
conduceano per l'erta. — Non vede il re chi vuole.

— E che? Non vive egli in mezzo a' suoi guerrieri? Non partecipa egli
ai disagi del campo?

— Sì, così vive Ara il bello; ma gli stranieri non hanno a vederlo
che per mezzo allo sfolgorar delle spade. E se tu hai messaggi pel re,
come di certo inventerai, per destreggiarti e cansare la croce, esci di
inganno, tu non giungerai fino al re. Le gravi cose che ti girano per
la fantasia, le dirai a più umile orecchio, al capitano degli arcieri
di Zikartu.

— Ah, nulla a lui; tutto al re! — disse lo sconosciuto, con accento
tranquillo. — Ma via; troppo abbiam ragionato di ciò; vediamo ora il
vostro capitano, che certo sarà più umano di voi. —

La placida serenità del pellegrino cominciava ad impacciare i soldati.
Eglino perciò non risposero verbo, e borbottando, quasi a scarico di
coscienza, confuse minaccie tra' denti, si avviarono con esso lui alla
tenda del capitano.

Il mite raggio di Sin gli illuminava in quel mezzo la fronte e la
persona vestita di umili lane. Per fermo egli era innanzi cogli anni,
ma nol faceano parere tant'oltre il portamento eretto e la carnagione
olivigna, che conferiva alle fattezze sue regolari e grandiose alcun
che della lucida rigidezza del bronzo. Lunghi, ma radi, i peli del
mento; povero l'arco delle sopracciglia; donde avevano più lume i
grandi occhi neri di smalto, dei quali ei si studiava dissimular la
vivezza, tenendo, quanto più gli veniva fatto, socchiuse le palpebre.
Non era un pellegrino mendico, lo aveva confessato egli stesso pur
dianzi; ma certo molte altre cose egli celava di sè.

Giunto alla tenda del capitano, espose in breve ciò che già aveva
detto agli arcieri; non esser egli ciò che il suo aspetto mostrava, ma
neppure un esploratore nemico; gravi cose recava, e non poteva dirle
che al re, lo conducessero a questi, che, se mentitore, lo avrebbe
mandato a morte senz'altro. La sicurezza dei suoi modi e l'accennar
che faceva ad alti segreti, poterono sull'animo del capitano più della
naturale diffidenza. Laonde, comandato che gli bendassero gli occhi lo
fece montare a cavallo e con buona scorta de' suoi uomini su per la via
del fiume, condurre all'accampamento del re.

Già sorgeva l'aurora, tingendo di rosea luce le nevi eterne dei monti,
allorquando l'infinito pellegrino giunse guidato da' suoi custodi, in
mezzo alle colline di Ajotzor. Era tutto intorno un gaio spettacolo
di tende d'ogni forma e colore, di cavalli condotti ad abbeverarsi
nel fiume, di guerrieri in moto, di bagaglioni e di servi intenti alle
cure del campo, di scudieri che forbivano armature, di trombettieri che
davano allegramente nelle lor trombe di rame.

La tenda del re, sormontata da un'asta al cui sommo sventola una lunga
e sottile striscia di porpora, era sul poggio più eminente della
convalle. La cavalcata mosse a quella volta, e come fu giunta alla
meta, si calò d'arcione il pellegrino e gli fu tolta la benda dagli
occhi.

Parecchi ufficiali del re stavano a crocchio davanti alla tenda. Uno di
costoro, alla vista del nuovo venuto, impallidì, torse lo sguardo e si
allontanò chetamente. Era egli Bared, lo scudiero, il fedel servo del
re.

Il pellegrino non pose mente a cotesto, abbagliato com'era da tutto
quel tramestio d'armi e d'armati, e sovra pensiero per l'imminente
sua introduzione al cospetto di Ara. Diffatti, a mala pena gli uomini
della scorta ebbero detta agli ufficiali la cagione della loro venuta,
uno di costoro entrò nella tenda, e tornò poco stante, annunziando al
pellegrino che il re consentiva a vederlo.

Ara il bello! ahi quanto mutato da quel di prima! Il dolore aveva
sfiorata la morbida guancia; l'interno struggimento gli si leggeva
nella fronte corrugata e nel torbido lume degli occhi.

Vide egli il pellegrino e n'ebbe un soprassalto al cuore. Tosto
congedò Vasdag, il savio principe di Tarbazu, ch'era presso di lui,
e accostatosi al nuovo venuto, con voce sommessa ma con accento
concitato, gli disse:

— Santo vegliardo, tu qui?

— Io, sì; — rispose il pellegrino; — ed ho posta a repentaglio la vita,
per giungere fino a te, recarti una nuova e darti un consiglio.

— Parla! — disse a lui di rimando il re. — Ciò che viene dalle tue
labbra è triste, ma vero. E se gli è un altro dolore che tu mi rechi,
sii ringraziato del pari. —

Profferite queste parole, con accento malinconico, ma con piglio
veramente regale, Ara additò al vecchio uno sgabello vicino al suo,
invitandolo a riposarsi. Il vecchio gli volse uno sguardo lungo ed
intenso, donde trasparivano insieme affetto e tristezza, fors'anche
rimorso; indi, ubbidiente, s'assise.

— Necessario è talvolta recar dolore altrui; — rispose egli poscia. —
Non siamo noi sempre arbitri degli atti nostri e delle nostre parole;
gli Iddii ci guidano il braccio e c'inspirano il labbro, quando a
sanare, quando a ferire. Fu voler loro che per noi ti apparisse la
dolorosa verità; io stesso, umile strumento in mano dei santi Numi,
fui primo a sentirne rammarico. Odimi ora; ciò che m'era dato di fare
per utile tuo, la mia presenza tel dica. Lieta novella io ti porto. La
superba donna che ha poste le sue tende in Assur, pronta a rovesciare
su te l'impeto delle sue fortissime schiere, sta per vedere domato il
suo orgoglio feroce.

— Che dici tu mai?

— Ier l'altro, — ripigliò gravemente il vecchio, — ier l'altro, sesto
giorno del mese di Tana, detto da voi Garmapada, la rivolta è scoppiata
in Babilonia. Oggi, forse, tutto il paese di Sennaar ha già innalzato
lo stendardo della ribellione; il trionfo delle nazioni soggette è
vicino.

— Ma come? — dimandò il re d'Armenia, che quell'annunzio inaspettato
riempiva di stupore.

— A Babilonia, — rispose il vecchio, — spiacque l'intimazione d'una
guerra, che tutti sapevano cagionata da un corruccio di donna; d'una
guerra che gli antichi esempi fanno temer disastrosa. La sconfitta e la
morte di Nemrod erano presenti all'animo di tutti; nè si dimenticava
che, or fanno pochi anni, lo stesso Nino, il marito e re di costei,
sebbene covasse in cuor suo la vendetta e meditasse di sterminare
fino all'ultimo rampollo la progenie d'Aìco, avea dovuto divorar
la sua rabbia, dissimulare l'impotenza sua con amorevoli messaggi e
liberali concessioni ad Aràmo, al tuo gran genitore. Conservi Aràmo
la sua potenza tranquillo, dicevano i messaggi; abbia egli diritto di
portare la benda di perle e sia secondo dopo di noi. Così, sebbene
potentissimo, temeva Nino di cimentarsi all'impresa. E, lui morto,
ardisce la vedova sua romper guerra agli Armeni? Nemica del suo popolo
è costei, non madre, se, per far vendetta sopra un amato garzone, non
dubita di immolare le più nobili vite di una contrada, cui ella, al
postutto, è straniera. Così il popolo di Babilonia, poichè ella fu
uscita dalle porte; così ingrossarono l'ire, così crebbero facilmente
a tempesta. Indegna del trono fu dichiarata costei dai maggiori della
città; indegna la gridarono i sacerdoti di Belo, dal sommo della gran
torre di Barsipa. E là, nel tempio del Dio, plaudente il popolo ed
auspice il presidio, Ninia fu consacrato re su tutta la gente degli
Accad.

— E in qual guisa t'è noto? — gridò Ara confuso. — Come può l'annunzio
aver fatto in così breve tempo dodici giornate di cammino?

— Tutto è noto ai veggenti; — sentenziò il vecchio con accento solenne;
— e sei tu che lo ignori? Ma via; — soggiunse tosto, notando il
rispettoso acquetarsi del re; — qui non è niente di sovrumano. Tutto
era già concertato tra i grandi, e, a mala pena la rivolta scoppiò, un
lungo ordine di fuochi accesi di colle in colle ne ha mandato il rapido
annunzio fino alla rocca di Assur.

— Ingegno profondo! — esclamò Ara ammirato. — Ed ella ignora
tuttavia?....

— Sì, tutto ignora; — rispose il vecchio. — Fuochi d'allegrezza le
parvero, o di sacrifizio offerto sulle alte vette ai celesti; ed erano
in quella vece gli annunzi della sua imminente rovina. Il triste evento
non le sarà noto che tra dodici giorni.... quanti bastano a rafforzare
le nascenti fortune di Ninia. Per lui è il popolo delle quattro
favelle; per lui i sacerdoti degli astri deificati, che si adorano
nella terra di Sennaar; per lui i governatori delle provincie.

— Ma, dimentichi tu il possente esercito che ella ha raccolto in
Assur? — chiese il re, crollando malinconicamente il capo. — I miei
esploratori, tornati ieri da diversi punti dalla vasta pianura, hanno
potuto noverare cinquanta miriadi d'armati.

— Forse; — soggiunse prontamente il vecchio; — ma di gente
raccogliticcia e la più parte mal fida. Credi tu che s'abbia a fare
grande assegnamento su popoli, ieri nemici, oggi domati coll'armi?
Credi tu, ad esempio, che i Medi, i nobili Medi, combatteranno
volentieri per lei? Bakdi già tanto felice, Bakdi con l'alta bandiera,
come i suoi sacri cantori la van celebrando, centro e guida a tutti i
figli dell'Iran, morde sdegnosa il freno della servitù....

— Ma Zerduste, il suo principe, non è egli ospite in Babilonia? Non è
egli tra i grandi del reame, maestro e custode di Ninia? La regina non
lo pregia e nol venera, siccome è fama, tra tutti i consiglieri del
trono?

— Troppo lo venera; — notò sarcasticamente il vecchio; — e meglio
sarebbe stato per lei averlo ricambiato d'amore.

— Ah! — gridò il re, a cui quelle parole erano spina acutissima. — Ed
egli pure, il principe di Bakdi, amò la regina?

— La maliarda è divinamente bella, e molti son caduti a' suoi piedi.
Egli, per altro, men fortunato di tanti; nè ciò avrà giovato a rendere
i Medi più amanti del giogo.

— Intendo; — disse Ara. — Ed era Zerduste il savio dal fiore di amòmo?

— No, — rispose quell'altro, con accento breve, se non per avventura
molto sicuro. — Bene è egli fautore della rivolta, insieme col
vecchio Sumàti, che ti sta innanzi, nato sull'Indo, alle cui rive la
superba s'attentò di spingere il suo cavallo di guerra. Noi l'anima
della congiura contro un potere che minaccia d'invader la terra e di
assoggettarne ogni libero popolo; e tu ne sei il braccio gagliardo, o
re d'Armenia, a cui ella si sforza di togliere il regno e l'onore.

— Oh, mi toglierà la vita, — interruppe Ara, — e sarà il meglio per me.

— No, tu dèi vivere e vincere. Ora, tu vincerai, re d'Armenia, se avrai
prudenza pari al valore.

— Ah sì, rammento che insieme con un lieto annunzio tu mi rechi un
consiglio. Udiamo il consiglio, — soggiunse Ara, con voce impressa di
profonda mestizia, — e se potrà tornar utile alla gente aicàna, grazie
a te dal profondo del cuore!

— Tu stesso giudicherai, — disse Sumàti, — se il consiglio sia utile,
com'io penso, al tuo popolo e a te. Esso ti è pôrto in nome della
lega giurata ai danni della stirpe di Nemrod; ma te lo reca altresì un
uomo, che, vedendoti prode, generoso e fedele alla santa amicizia, ha
preso ad amarti d'un amore paterno. Forse egli non opera sagacemente in
cotesto. I sapienti che si travagliano per vie segrete al trionfo del
vero, non dovrebbero soffermarsi mai sul fatale cammino, nè dissipare
la forza loro in pietose cure ed affetti vani, siccome è lecito alla
comune degli uomini. Ma così avvenne di me; la mia tempra non è così
forte, da cancellare nell'animo i più teneri sensi. E t'amo come un
figlio, ti venero come il più nobile, ti ammiro come il più valoroso
tra i re. Degli uffizi a ciascheduno assegnati, io mi elessi quello
d'invigilar Semiramide. Era il più umile e il più pericoloso; quello
degli altri ha più fortuna e più gloria. E lo elessi per farmi più
vicino a te, generoso Aicàno, per dimostrarti l'affetto mio, per salvar
te in questa grande rovina. Mi crederai tu veritiero?

— Ti credo! — rispose Ara, mettendo le sue mani in quelle del vecchio.

— Accogli dunque ora il consiglio. L'esercito di Semiramide è forte per
numero. Dove lo attenderai tu?

— Qui, sulle colline di Ajotzor, dove il gran progenitore della mia
stirpe sgominò le forze di Nemrod.

— Troppo è vicino il luogo al passo di Lukdi. E non temi che, mentre
sarà impegnata la mischia, nuove schiere possano giungere in breve ora
dal piano?

— Vengano; alla spartita le affronteremo. Oltre a quaranta migliaia
di nemici non possono liberamente muoversi in questa valle che noi
difendiamo.

— Intendo; ma pensi tu ai danni d'una prima e grossa battaglia perduta?

— In pugno di Zervane è il destino.

— Sì, ma Zervane dà la vittoria ai prudenti. Montuosa contrada è
l'Armenia, e ad ogni piè sospinto t'è dato di avere una nuova Ajotzor.
Non potrai tu tirar dentro il nemico, costringerlo a chiudersi, a
frastagliarsi in queste convalli, temporeggiare, molestarlo dai greppi,
predare le sue salmerie, rifinirlo insomma, e attenderlo poscia,
stremato di forze, di là dal salso lago di Van, presso la tua munita
Armavir? E pensa che neppure ti bisognerebbe giungere a quest'ultima
prova; imperocchè tra pochi giorni Semiramide udrà l'annunzio della
rivolta scoppiata in Babilonia e in pari tempo le verranno meno le
vettovaglie bisognevoli a sfamare un così numeroso esercito. Ella
in paese nemico, e intorno a lei spopolato, col malcontento e la
costernazione tra' suoi, si vedrà costretta a rifar la sua via. E tu
allora a piombarle sopra improvviso, da qual parte ti piaccia, o far
pace onorevole.

— Buono è il consiglio; — disse Ara, dopo alcuni istanti di pausa. —
Ma pace io non spero, nè fuggire saprei. Il tuo disegno fu già nella
mente di Vasdag, il savio principe di Tarbazu, che è il primo de' miei
consiglieri; ma egli stesso ne ha abbandonato il pensiero.

— Egli non poteva sapere della rivolta di Babilonia; — entrò sollecito
a dire Sumàti; — e questo evento....

— Sì, intendo ciò che vuoi dirmi; — interruppe il re; — ma questo luogo
è fatale. I sacri platani di Peznuni hanno dato il responso, «È in
Ajotzor la tomba dei Babilonesi.»

— Ambigui troppo, gli oracoli! — notò brevemente Sumàti.

— Non credi tu che in essi parlino i Numi? — chiese Ara con accento di
sicurezza.

Sumàti chinò la fronte, pensoso.

— Io credo, — rispose, — che nella mente del savio sia il più venerabil
tempio e il più certo oracolo di Dio.

— Chi può dire: io sono il savio tra tutti! — ripigliò Ara, crollando
mestamente il capo. — Comunque sia, grazie a te dell'amorevole
consiglio; ma vedi, oramai la sorte è gittata. Non è egli forse già
troppo aver condotto l'Armenia a questo cimento per me? Il meglio
è di finirla in un giorno. Qui pugneremo da valorosi; qui morremo,
quando non sia possibile il vincere. Vivo ella non m'avrà in sua
balìa; m'intendi tu? — proseguì il giovine con accento di sicurezza
profonda. — Io l'ho giurato all'ombra amata di Sandi, del dolce amico
di cui m'è viva qui la presenza in ogni cosa ch'io miro, più ancora che
non mi fosse chiaro l'aspetto in quella notte orribile, donde hanno
principio i miei mali. Ben poco invero io darò in preda alla morte!
Non m'ha già ella ucciso, spegnendo nel mio cuore la fede! O padre!
la mia vita è un tormento, un'atroce agonia dello spirito. Mi ami, hai
detto? Orbene, così m'avresti tu amato del pari, nelle tenebre paurose
del sotterraneo, chè m'avresti usato misericordia laggiù, dandomi d'un
pugnale nel cuore, innanzi ch'io varcassi la soglia di bronzo! —

Sumàti reclinò la testa sul petto e stette a lungo sopra di sè,
corrugate le ciglia e gli sguardi atterrati. Quello che gli facea così
grave la fronte era un acerbo rimorso. Tutta egli avea misurata, in
quello sfogo dell'ambascia di Ara, la profondità della ferita che egli
aveva aiutato ad aprire. Egli, cuor di macigno, s'era intenerito alla
vista di quel candido garzone, di quell'animo incauto, così facile, per
l'indole sua generosa e fidente, a cader negl'inganni degli ambiziosi e
dei tristi. Commosso da quella grazia e da quella prodezza giovanile,
s'era adoperato a salvargli almeno la vita, e di ciò appunto, senza
saperlo, gli faceva rimprovero quel misero cuore straziato. Lo amava,
oramai; si doleva amaramente di averlo condotto a quel punto, vittima
innocente di ambiziosi disegni, stromento inconsapevole di alte
vendette. Iddio ha seminato il rimorso nell'anima del malvagio, come il
filo d'erba nel deserto, come l'amore nella immensa miseria del mondo.
Egli è forse per ciò che non siam tristi, o codardi, del tutto. E tale
era Sumàti, che, nella schiettezza del suo rammarico, avrebbe voluto
alzar quella fronte umiliata e parlare al re d'Armenia in tal guisa:

— Tutto ciò che hai udito, tutto ciò che hai veduto, è menzogna.
Nulla è vero di Sandi, e tu, inebbriato da magici filtri, hai creduto
di scorgere le sembianze dell'estinto in quel bugiardo aspetto
che la nostra arte perversa ti ha mostro. Come sapessimo noi così
minutamente del tuo passato, t'è oscuro? Ma torna indietro coll'animo,
e rammentati. Non hai tu troppo fatto a fidanza coi silenzi notturni,
là, nel sacro bosco di Militta, allorquando, curuccioso di doverti
presentare al temuto cospetto di Semiramide, giuravi fede e rapivi la
pace del cuore ad Atossa? E ben altro sapemmo, ben altro. Non metter
tua fede intera negli uomini, o re! I sensi loro, i desiderii, le
ambizioni, i rancori, oggi a te ligii, o tacenti per te, si gioveranno
della tua fede, si armeranno del tuo segreto contro di te, solo che
un astuto malveggente li possa infiammare a tuo danno. Bared, il
tuo fedelissimo Bared, fu colto ai lacci d'una tentatrice leggiadra;
tutto egli disse, ciò che a noi mettea conto sapere, per colorirne
la fantastica scena che t'è parsa sì vera; e il suo silenzio, la
sua complicità, furono compri dalla paura di aver troppo parlato,
assicurati alla lega coll'oro, e più assai con minaccie di morte.
Egli ha taciuto finora, temendo di avere assiduo al suo fianco il
punitore; tacerà, più pauroso ancora, poi che avrà veduto me nel tuo
campo. Io solo, dei tre congiurati, mi mostrai a viso scoperto; io
solo, il men noto, ti condussi al tuo alloggiamento fuori il baluardo
di Nivitti Bel. Tu sei vittima, o re, dell'odio di Zerduste, del più
possente tra noi, contro il quale intendevano le mie parole a metterti
in sull'avviso poc'anzi. Egli, contrariamente all'utile della causa
comune, e non ascoltando che la sua rabbia gelosa, voleva la tua morte;
io a fatica ho rattenuta la sentenza fatale, t'ho salvata la vita.
Non basta ancora; io debbo far posare la guerra, ridarti la pace del
cuore. Quella donna è calunniata; ella e tu, siete involti in una rete
d'inganni. Uccidimi, o re; dammi ai più fieri tormenti; ma questa è la
voce del vero. —

In tal guisa avrebbe voluto parlare Sumàti. La schietta confessione gli
turbinava nell'animo, gli faceva impeto alle labbra. Ma quale vergogna
non sarebbe ella stata per lui! Apparire al cospetto di Ara un vil
mentitore, un artefice di biechi inganni, egli, Sumàti, il discepolo
di Manù, l'interprete dei santissimi Veda! E non c'era egli altro modo
di tornar utile al re, senza tanto disdoro? Egli ben lo cercava, ma in
quel suo turbamento non gli venìa fatto trovarlo.

E mentre così dubbiava tra rimorso e vergogna, s'affacciò all'ingresso
della tenda Vasdag, il principe di Tarbazu, con aspetto che già di per
sè annunziava rilevanti novelle.

L'occasione era fuggita. — È il destino che lo vuole! — aveva detto
Sumàti in cuor suo.

— Che rechi di nuovo? — dimandò Ara al vecchio capitano.

— Un cavaliero, — rispose Vasdag, — è giunto or ora da Lukdi...

E si arrestò, guardando Sumàti.

— Parla liberamente; — disse Ara; — questo pellegrino non è di
soverchio fra noi.

— È giunto da Lukdi, — ripigliò allora Vasdag, — e porta novelle
dell'esercito babilonese, che ha lasciato il campo di Assur ed è tutto
in marcia verso di noi. Le sue ali si stendono all'orizzonte come i
corni d'una luna falcata, e le schiere in moto appaiono numerose come
un nembo di locuste, che si rovescino a devastare i campi d'una intera
contrada.

— Era tempo; — sclamò il re. — E dove accenna il nemico?

— A sforzare col nerbo de' suoi il passo dell'Eufrate, mentre forse una
parte, che s'avanza diffatti sulla riva sinistra del fiume, risalirà
alle sorgenti del Tigri. Questa io l'ho per una vana minaccia; del
resto, laggiù son munite le strette e poca gente basterà a trattenere
gli audaci.

— Sta bene, — disse Ara. — E che faremo noi ora, o Vasdag?

— Mio signore, — rispose il principe di Tarbazu, — lo ha già detto il
tuo senno. Li lasceremo penetrare in questa valle, dove, coll'aiuto
degli Dei, sarà la lor tomba.

— E t'ascoltino gli Dei; — soggiunse il re. — Ma pensiamoci ancora;
egli è accorto consiglio aspettarli qui, o non piuttosto ritirarci
più indietro, per modo che non possano così facilmente rifornirsi di
gente fresca, destreggiarci, insomma, rigirarci di greppo in greppo,
traccheggiare, stancar l'inimico e attendere una migliore occasione?
Sappi, o Vasdag; Babilonia si è ribellata e con essa tutta la regione
di Sennaar. Quest'uomo che vedi, e nel quale è da riporre gran fede, me
ne ha recata or ora la certa notizia. —

E si fece a narrargli partitamente tutto ciò che sapeva, e ciò che
aveva cercato di persuadergli Sumàti.

Ma il principe di Tarbazu, o fosse religione vera e profonda, o
diffidenza dell'ignoto pellegrino, rispose;

— È tardi oramai. L'oracolo di Peznuni ha parlato, e il tuo esercito,
o re, vedrebbe di mal occhio un mutamento di ordini, che oggi,
all'approssimarsi del nemico, avrebbe sembianza di fuga.

— Tu l'odi? — esclamò il re, volgendosi, con piglio grave, a Sumàti.

— E sia! — disse questi rassegnato. — Concedimi, o re, di rimanere al
tuo fianco e di far mia la tua sorte.

— Ma.... — disse amorevole il re, — se ti incogliesse sventura? E se
troppo noto ai nemici....

— Che importa? — interruppe Sumàti. — Non l'hai tu detto poc'anzi? In
pugno di Zervane è il destino. —



CAPITOLO XV.

Il canto di Abgàro.


La voce dello avvicinarsi dei Babilonesi al passo di Lukdi si era
sparsa rapidamente nel campo aicàno. Il bellicoso popolo aveva salutato
l'annunzio con un grido di giubilo.

Il luogo che gli Armeni avevano scelto per aspettare il nemico,
era acconcio che nulla più. Ne conoscevano ogni insenatura ed ogni
declivio, ogni sentiero, ogni forra; sapevano da qual parte celarsi, da
quale altra uscir fuori improvvisi; ove i guadi, ove i passi difficili.
Quello era inoltre un luogo consacrato da gloriose memorie. Che più?
I platani vocali di Peznuni avevan dato, pochi giorni addietro, un
responso: «È in Ajotzor la tomba dei Babilonesi.» E dal labbro dei
Sos, venerandi custodi del sacro recinto, s'era diffuso per ogni dove
l'oracolo, argomento di speranza alle turbe, nuova esca all'amor patrio
delle pugnaci tribù.

Gli Armeni, giusta il culto di tutti i popoli discesi dalle alture
dell'Imalaya, adoravano il tempo sconfinato, sotto il nome di Zervane
Acherene, donde era uscito Ahura, lo spirito divino ed eterno che
penetra l'universo. E vedendolo essi in ogni cosa, erano venuti a grado
a grado deificando le forze tutte della natura, siccome avean fatto
i popoli affini di Javan, di Iran, e gli altri di Turan, più lontani
consanguinei, sebbene più vicini per moleste incursioni. Ed anco
ad essi parve di ravvisare nel fuoco, acceso sui monti, la più pura
essenza dello spirito eterno, anch'essi popolarono di deità minori lo
spazio, le viscere della terra e i flutti del mare. Nè meno aveano essi
a sentire dalla vicinanza dei figli di Cus, pe' quali erano confuse in
un culto le ingenite virtù della terra e le stelle del firmamento; però
avevano anch'essi la loro Istar nel cielo e la loro Militta Zarpanit
sulla terra; e quella dicevano Asdlig, questa Anait, ambedue più severe
e di più casti riti onorate in quella contrada di assidue nevi e di
costumi più rigidi.

Altri riti aveano comuni le due genti vicine e tratto tratto nimiche.
Nè tanto era puro negli Armeni il nobil seme ariano, che non vi si
scorgesse mescolato alcun che del sangue cussita, o camitico. Dicevasi
che lo stesso Aìco, il loro gran padre, traesse l'origine dalla terra
di Sennaar; forse non era egli che un figlio di Javan, od anco di
Turan, disceso al piano dalle cime dell'Ararat, insieme coi campati
dal diluvio, indi tornato alle sue prime sedi. Comunque fosse, in
molte cose appariano conformi i due popoli; perfin nella lingua si
notavano qua e là i segni dell'influsso straniero; certo, poi, la
scrittura degli antichi Armeni era ereditata dagli Accad. E lassù,
come tra le genti della pianura, erano magici riti, sortilegi, augurii
e superstizioni in buon dato; epperò i platani di Peznuni, reputati
faticidi, circondati di venerazione profonda e ciecamente creduti dalle
moltitudini. Non aveano essi parlato il vero, profetando sventura pel
viaggio del re in Babilonia? Doveano esser creduti dal paro, quando,
con dolce lusinga all'orgoglio nazionale, vaticinavano in Ajotzor la
tomba delle schiere nemiche.

E il vaticinio stava finalmente per compiersi. I Babilonesi, dopo
lunga sosta in Assur, certo necessaria ad ordinare così numerosa turba
d'armati, avean levate le tende e s'inoltravano alla volta dei monti.
Ancora un giorno, due al più, e sarebbero giunti all'assalto. Venissero
pure, si perigliassero in quelle anguste convalli; le aquile aicàne
erano pronte a riceverli.

Quel dì fu festa nel campo. S'incontravano i compagni d'arme, gli
amici, e si scambiavano parole a vicenda aspettate. A domani! Ci siamo!
Finalmente! Farà ognuno il debito suo. E lampeggiavano gli occhi, e una
stretta di mano faceva sentire le pulsazioni gagliarde del sangue.

L'esercito aicàno si raccoglieva adunque in quel sereno riposo, che non
è ozio, ma aspettazione; posava, ma meditando i colpi imminenti e le
prede. Bella, ampia, ben chiusa sui lati era la convalle, e, per ogni
ciglione, o pendio, per ogni greppo su in alto, o sentiero nel fondo,
brulicava di armati. Era egli possibile che, rimanendo in piedi anco un
drappello d'Armeni, l'esercito babilonese potesse aprirsi un varco là
dentro?

L'ora delle quotidiane fatiche era scorsa e tutte le cure minute e
varie del campo, cessate d'un tratto. Appesi entro le tende i grandi
archi e le capaci faretre; a fasci raccolti i giavellotti, lunghesso
i sentieri e di rincontro ad essi appoggiate le targhe di rame, e gli
scudi lunghi di cuoio. Sciolti dalle pesanti bardature, pascevano
liberamente i cavalli nei prati, o si diguazzavano nitrendo nel
fiume. Qua e là seduti a crocchi, o lentamente vaganti per le viottole
campestri, si davano spasso i guerrieri.

Gran ressa si notava alle falde del poggio, su cui sorgeva la tenda
del re. Attirava la moltitudine in quel luogo una danza militare,
passatempo così grato agli Armeni. Ai suoni dei cembali percossi in
cadenza da parecchi tra gli astanti, le coppie dei danzatori fingevano
assalti di spade, si minacciavano coi giavellotti, s'intrecciavano in
molteplici giri, si scioglievano e si assalivano ancora, con impeto più
grande e moti più celeri, fino a tanto il ballo non rendesse immagine
di una mischia, accompagnata da grida feroci e terminata dagli applausi
del popolo spettatore.

Dopo le danze, i canti. Si riposava facendo cerchio in mezzo alle
tende, dov'era più libero il campo, e sedevano al centro i poeti,
venuti a far gara di maestria gli uni cogli altri. Eglino, di solito,
accompagnando il finir d'ogni strofa con parecchi colpi di cembalo,
cantavano antiche tradizioni della stirpe aicàna; ognuno, secondo
l'umor suo e la feracità della fantasia, mutando alcuna cosa al
racconto, e fiorendolo d'immagini proprie; del che pigliavano gran
diletto gli uditori e faceano paragone tra i varii rapsòdi. La poesia,
non la storia, si vantaggiava di questo continuo raffazzonamento, che
venìa di mano in mano trasformando le cronache paesane in finzioni
mitologiche, e queste rinfrescava poi di nuovi colori e apparenze di
storica vita.

— «Ancora, — cantava uno di essi, — ancora nella terra dei due fiumi
non era edificata la torre, testimonio dell'umana tracotanza, nè lo
sdegno celeste avea corrotte e moltiplicate le lingue, allorquando
erano principi della terra Zeruano, Titano e Jafeto.

«Appena si divisero essi l'impero del mondo, che Zeruano si levò
padrone degli altri due. Titano e Jafeto si opposero alla sua tirannia
e gli ruppero guerra. Imperocchè Zeruano pensava a fare che i suoi
figli su tutti regnassero.

«E già Titano aveva rapita una parte delle terre di Zeruano; ma Asdlig,
loro sorella, frappose le candide braccia e quetò gli spiriti irati.

«Acconsentirono regnasse Zeruano, ma patteggiarono giurati di far
morire tutti i maschi che di Zeruano nascessero, perchè egli non
regnasse su loro sempre ne' posteri suoi.

«Perciò posero alcuni Titani robusti, che vegliassero ai parti delle
donne di Zeruano. E già due maschi sono uccisi, per ossequio al patto
giurato, quando la pietosa Asdlig, secondata dalle piangenti donne,
commuove i barbari cuori.

«Vivano i figli di Zeruano, e valide braccia li portino in occidente,
sulla vetta di un monte. E sia come un altro Ararat, donde la nostra
stirpe discenda a popolare la terra.»

Tacque, ciò detto, il cantore, e un altro gli sottentrò non meno caro
alle turbe.

— «Dopo la navigazione di Chisutro alle terre alte e il suo approdo
alle ultime vette dell'Ararat, uno dei suoi figli, per nome Sim, va
verso tramontana e ponente. Tratto da vaghezza di conoscere i luoghi,
s'inoltra egli a tramontana e ponente.

«Qua giunge, e mette sua stanza a' piedi d'un monte dalle lunghe falde,
solcate dai fiumi che scendono nelle terre degli Accad. Mette qui sua
stanza per due lune e chiama il monte Sim dal suo nome; indi fa ritorno
verso mezzogiorno e oriente, verso le contrade dond'era venuto.

«Ma uno de' suoi figli, Darpan, co' suoi trenta nati e quindici
figliuole, coi loro mariti, separandosi dal vecchio padre, si fermano
a dimora tra noi. E Sim, dal nome del figlio, chiama il luogo Daron, e
la regione ov'egli stesso aveva abitato, chiama Tzeronk, che significa
dispersione.

«Imperocchè ivi si separò il suo figlio da lui, e un altro del pari,
che va a metter dimora presso i confini della regione di Bakdi. E
quest'altro luogo serba tuttavia il nome di Zaruant.

«Questo è il poco della stirpe di Sim, che rimase nelle terre
d'Aiasdan, innanzi che il forte Aìco venisse a rallegrarle di sua
dolce presenza. Ora, non sì tosto egli apparve, che tutti, discendenti
di Sim, tribù bellicose di Javan, e domati figli di Turan, accolsero
volonterosi la sua paterna autorità, si confusero in una sola gente, in
un solo volere, sotto lo scettro del gigante dagli occhi azzurri.

«Ricordate la vostra storia, o genti aicàne; queste le prime e care
memorie domestiche; così fu popolato il suolo che tutti ad una dobbiamo
difendere, contro le voglie rapaci dei figliuoli di Nemrod.»

Unanimi applausi e grida fragorose salutarono il bardo; e agli
applausi, alle grida del popolo, si aggiunsero amorevoli parole del
re. Ara il bello era uscito pur dianzi fuor della tenda e si era seduto
all'aperto, sul poggio, in mezzo a' suoi capitani.

— Nobile è il canto di Sempad; — aggiunse il vecchio Vasdag, principe
di Tarbazu; — ma nessuno di voi, o poeti, per le cui labbra parlano i
Numi, canterà le gloriose gesta d'Aìco? Oscuro è tutto ciò che avvenne
prima di lui; sebbene, è da lodarsi la cura che voi ponete a serbare
ogni più lieve frammento delle lontane memorie. Ma coll'eroe dai
riccioluti capegli ha finalmente nome e vita la patria nostra; da lui
comincia la storia; da lui la fama d'Aiasdan. Cantateci Aìco, o bardi,
e nelle sue lodi prenderemo gli auspicii delle pugne vicine. —

Gran plauso ottenne il dire di Vasdag; del quale per altro era nota
la saviezza. Di lui correva questa sentenza in Armenia, non potere
l'antico guerriero dir cosa che non fosse vera e sennata.

— Sì; — gridarono molti facendo eco alle parole del vecchio principe
di Tarbazu e incoronatore dei re; — chi canterà le gloriose gesta
d'Aìco? —

Esitarono i bardi, guardandosi in viso l'un l'altro.

— Cantare d'Aìco! — sclamò alla perfine uno di essi.

— Chi lo ardirebbe, se è qui presente Abgàro?

— Egli il vate divino; — aggiunse un altro; — egli il signore degli
inni! l'eroe dal braccio gagliardo non ebbe mai, nè avrà certo negli
anni futuri, un più degno poeta.

— Sciogliere un inno ad Aìco, mentre è il soave Abgàro nella corona
degli uditori, sarebbe temerità maggiore di quella d'un astro notturno,
il quale s'attentasse di splendere quando il sole è spuntato. —

Un vecchio sorrise a quelle parole, un vecchio cui in quel punto erano
volti gli occhi di tutti. Era egli vestito di candida lana, alla guisa
dei sacerdoti di Van, ma al fianco gli pendeva la spada e all'òmero la
capace faretra.

Sorrise egli, e, stesa la destra in atto cortese, parlò:

— Bella è, o giovani, la lode data ai canuti, anco se paia soverchia.
Chi onora i vecchi, dà lode agli Dei; imperocchè nei vecchi si esalti
il senno maturo, grazia impartita dal cielo, ad ammaestramento e guida
delle nuove generazioni. A voi rende grazie, o giovani, il cantore
d'Aìco, che, scarso d'ingegno, ha ravvivati coll'affetto i suoi carmi.
Beati voi, che, cresciuti a vostra volta in età, come già siete d'arte
doviziosi e di sapere, darete più alti insegnamenti al popolo aicàno,
tramandando ai nepoti le imprese e le vittorie di Ara il bello, del
generoso figlio d'Aràmo.

— Vivrai tu per cantarle, o maestro; — risposero i bardi.

— In pugno di Zervane è la sorte; — disse Abgàro con accento solenne.
— Il guerriero non può dire: «domani»; ed oggi, per la difesa del
patrio suolo, tutti gli Aicàni saranno guerrieri, nè i vecchi si
mostreranno da meno dei giovani. Ma via, smettiamo gli inutili vanti,
che all'opere, non già alle parole, dee misurarsi il potere dell'uomo.
Chiedevate il cantico d'Ajotzor? Il vecchio poeta, innanzi di tacere
per sempre, vuol farvi oggi contenti. —

Un grido di giubilo manifestò al vecchio il grato animo della guerresca
assemblea, e il silenzio che tosto si fece d'ogni parte gli disse
altresì con qual religiosa attenzione egli sarebbe ascoltato. A tutti
era noto il carme, com'era nota la materia intorno a cui s'aggirava.
Senonchè, era consuetudine dei bardi mutar forme, accrescer poetici
fregi all'opera loro, e appunto in questo la valentìa d'Abgàro era
somma.

Tolto di mano al più vicino de' suoi compagni il cembalo festivo, lo
percosse egli con tese palme più volte, quasi ad eccitar gli estri
dormenti; volse gli occhi ispirati all'intorno, e così prese, con voce
piena e armoniosa, a cantare:


«Abbia da' sommi Dei principio il canto. Terribili per maestà erano
dessi, largitori de' massimi beni al mondo, alta cagione d'ogni cosa
creata e della moltiplicazione degli uomini. Da loro si separò la
schiatta dei giganti, mostruosi di forze, invincibili, di statura
colossi, che nel loro orgoglio concepirono il disegno di edificare
la torre. Già erano all'opra; un vento terribile e divino, soffiato
dall'ira dei celesti, l'edifizio disperse. Gli Dei, dato ad ogni uomo
un linguaggio dagli altri non inteso, misero tra loro confusione e
scompiglio.

«O il più chiaro tra questi, figliuolo di Thogarma, del seme di
Jafet, o Aìco, o principe valoroso, possente ed abile arciero, chi
esalterà degnamente il tuo nome? Famoso per bellezza e nerbo di membra,
riccioluto i capegli, azzurro gli occhi al pari d'un Dio, gagliardo
il braccio, e pugnace, ma pietoso dell'animo e amante del giusto, ti
opponesti tu a quanti alzavano la mano dominatrice sopra i giganti e
gli eroi. Infiammato da nobile ardire, armasti il tuo braccio contro
la tirannia di Nemrod, allorquando il genere umano su tutta la terra
si sparse. Era in mezzo a questo un popolo di giganti, fuor di misura
robusti e di lor forza superbi; il perchè ciascuno, come da una furia
sospinto, immerse la spada nel fianco del compagno; tutti sforzandosi
dominare sugli altri.

«Ma la fortuna aiutò Nemrod ad usurpare la terra tutta; Nemrod,
figliuolo di Mesdrim, a cui fu padre Cus, della progenie di Titano. E
ricusa Aìco obbedirgli; e glorioso come la stella del suo nome, vagante
pe' cieli[3], si allontana verso settentrione, menando seco, astri
minori, i figli, le figliuole, i nepoti, uomini vigorosi, in numero
di forse trecento. Vassene co' figli de' suoi servi, cogli estranei
a lui ossequenti e con tutto il suo avere; vassene alle terre alte
dell'Ararat, e si pone a piè d'un monte, ove alcuni degli uomini, per
lo innanzi dispersi, già avevano messo dimora.

«Costoro ei sottomette alle sue leggi; mura edifizi su questa terra e
la dà in retaggio a Cadmo, al figliuolo d'Armènago suo.

«Di là trascorre, il savio gigante, progenitore dei nobili Aicàni;
va col resto dei suoi tra settentrione ed occidente e si ferma ad
un piano, che oggi ha nome di Harc, ovvero dei padri. Lo rammenti
con allegrezza ognuno di voi e lo insegni a' suoi figli; dinota quel
nome che lassù abitarono i padri della casa di Thogarma, nel borgo
Aicascèno, che suona costrutto da Aìco. A mezzogiorno del piano, vicino
ad un monte di larghe falde, s'erano prima alcuni uomini stabiliti. E
costoro, tratti da riverenza, spontanei giurarono fede all'eroe.

«Ma il titano Nemrod, raffermato il suo dominio sui leoni della
pianura, guata con invidia all'aquile della montagna, si strugge
della nascente potenza d'Aìco. Tosto gli spedisce un figliuol suo con
buona scorta d'uomini fedeli, e melate parole dissimulano l'imperiosa
acerbità del messaggio.

«Tu abitasti finora tra i ghiacci e le brine. Riscalda e tempera il
freddo gelido de' tuoi alteri costumi, e a me sottomesso ed amico, vivi
tranquillo là ove piace a te, sulla terra del mio soggiorno.

«Regni il Titano sulla terra sua; — rispose il figlio di Thogarma,
corrugando le ciglia. — Aìco nulla gli invidia, nulla chiede da lui.
Andate, e ditegli questa breve risposta: l'arco lungi saettante del
cacciatore ha intorno a sè mestieri di spazio.

«All'udire l'altiero diniego, tutto si svela il mal animo di Nemrod.
Irato cavalca il Titano alla montagna; cavalca con grande esercito e
giunge alla contrada di Ararat, sotto alle case di Cadmo. Fugge questi
a ricovero presso dell'avo, e manda avanti a sè veloci corrieri.

«Sappi (manda il figlio d'Armènago), sappi, o il più grande tra gli
eroi, che Nemrod sta per rovesciarsi su te, co' suoi sempre gagliardi,
co' suoi guerrieri colossi. Com'io il vidi avvicinarsi alle mie stanze,
fuggii; eccomi, vengo in gran fretta; tu cura ciò che devi e l'accorto
ingegno t'inspiri.

«Come l'impetuoso Arasse, sfondate le caverne delle montagne, corre le
valli boscose, varca le anguste gole e gli stretti, e scende, precipita
con terribil fragore nel piano, così venìa romoreggiando il Titano,
colle ardite e poderose schiere. Confidava egli nel valore e nel numero
de' suoi soldati. Ma il cauto e savio gigante dai capegli riccioluti
e dall'occhio vivace, raduna tosto i suoi figli e nipoti, guerrieri
intrepidi e arcieri valenti, pochi di numero, ed altri alla sua legge
ossequenti. Arriva, dì e notte correndo, alle salse acque di Van e così
parla il cauto e savio gigante alle schiere:

«Ad util segno soltanto si tende l'arco del cacciatore esperto,
e sempre decisivo è il suo colpo. Nel riscontrare l'esercito di
Nemrod, sforziamoci di giungere ov'egli sta, da molti suoi guerrieri
circondato. O morremo, e le nostre salmerie cadranno in sua mano; o
la destrezza del nostro braccio mostrando, disperderemo la sua gente e
avremo frutto della vittoria.

«Tosto superato quell'intervallo di lunghissimo tratto, i guerrieri
d'Aìco arrivano in una convalle tra erte montagne; poscia, a destra del
fiume, si trincierano sopra una altura. E in quel mentre, alzati gli
occhi, videro la confusa moltitudine dell'esercito di Nemrod, spinta
qua e là da audacia feroce e su tutto il terreno diffusa.

«Nemrod, tranquillo e fidente, con forte drappello si stava alla
sinistra dell'acque, come alla vedetta, là su quel poggio ch'io vedo.
Aìco riconobbe il drappello dov'era il Titano innanzi alle sue torme,
con iscelti e ben armati guerrieri. Ed era tra lui e l'esercito suo
grande spazio di terra.

«Elmo di ferro cingeva il possente; elmo di ferro ampiamente crinito.
Corazza di rame portava al dorso ed al petto; schinieri e bracciali
gli chiudeano le membra. I fianchi accinti; al sinistro spada a due
tagli; nella destra gran lancia, saldo scudo a sinistra; da un lato e
dall'altro eragli il fiore de' suoi.

«Aìco, vedendo il Titano così tutto lucente nell'armi, mette in
ordinanza le schiere. Armènago ed altri due figli alla destra; Cadmo e
due altri della sua prole a manca, perchè erano esperti in trar d'arco
e in maneggiare la spada. Egli poi, fattosi avanti, dispone dietro a sè
in cuspide di lancia le sue genti e le fa ordinatamente procedere.

«Orrido scontro! Di qua, di là, serratisi i giganti gli uni sopra
degli altri, coll'urto scambievole facevano rimbombare la terra e col
furor degli assalti spargevano mutuo timore e spavento. Ivi, molti
giganti robusti, quinci e quindi colpiti dalle frecce e dalle spade,
stramazzavano al suolo; tuttavia il combattimento pendeva incerto
dall'una parte e dall'altra.

«Bene si avvide allora il figlio di Misdraim di aver troppo confidato
nella sua vecchia fortuna. Sbigottito dallo imminente pericolo, fece
ritorno sul colle dond'era poc'anzi disceso; chè pensava in mezzo alle
sue schiere affortificarsi vieppiù, fino a tanto che, giunto tutto
l'esercito, potesse in larga fronte ridar la battaglia. E dietro a lui
salivano l'erta i suoi guerrieri colossi, per fargli scudo e difesa,
maledicendo alla gagliarda resistenza del nemico e invocando con
rabbiose grida il soccorso de' cieli.

«Già erano al colmo e respirava finalmente il monarca. Ma in quel
mezzo, Aìco, il forte arciere, cui erano noti i più ascosi sentieri,
apparisce sovra un poggio, che lo mette a pari del fuggente nemico. Lo
ravvisa Nemrod, alla prestante alterezza della persona, alla vellosa
pelle che pende dagli òmeri del montanaro, alle penne d'aquila che gli
fanno orrido cimiero sull'elmo di ferro lucente; lo ravvisa e trema
forte in cuor suo, il possente cacciatore di popoli. Fremono, poi che
l'hanno veduto a lor volta, i giganti, i sempre valorosi guerrieri
di Nemrod; già stanno per muovere contro di lui, sperando vendicarsi
sovr'esso dei danni patiti.

«Ma invano; già il figlio di Thogarma ha teso il grand'arco lungi
saettante, e, tolta la mira coll'azzurro occhio infallibile, scocca
poderosamente una freccia a tre ale diritta ai petto di Nemrod. Romba
in aere la corda, vola sibilando lo strale, rompe la corazza come fosse
di tenero cuoio e trapassando il petto riesce pel dorso. Cadde a terra
il Titano; indarno tenta strapparsi l'acuto ferro dal seno e fiotti di
sangue e bestemmie gli gorgogliano dalle fauci; dà un tratto, indi un
altro, cerca degli occhi il sole e rende lo spirito invitto.

«Un grido di gioia, grido possente, si eleva. È il grido di Aìco, che
fa restarsi sospese e attonite le pugnaci coorti. Si addensano intorno
al caduto i suoi prodi. Egli è spento. Che fare? Ecco, nuovi dardi
fischiano per l'aria, seminano la morte intorno al riverso Titano.
Terribile, implacato come il Dio della folgore, Aìco saetta. Fuggono
allora, compresi d'alto spavento, fuggono i guerrieri colossi; invano
schermendosi coi larghi scudi sonanti sugli òmeri, senza più volgersi
indietro.

«Gloria al tuo arco, o nobile Aìco! Posi esso eternamente sospeso alla
sacra parete del tempio di Peznuni. Braccio mortale non varrebbe a
tenderlo oggi; e il potesse anco, avrebbe forse compagno l'infallibile
sguardo azzurro del fortissimo arciere?

«Sangue bagna la collina di Kerezmanc; sangue allaga tutta l'ampia
convalle di Ajotzor; sangue scorre l'Eufrate, ancor povero d'acque.
Odorano i corvi la preda e calano in fitto stuolo alla pastura. Ma il
forte è magnanimo e pio; dà sepolcro onorato ai cadaveri e la collina
ha il nome suo dalle tombe. Il gran corpo di Nemrod, plasmato entro e
fuori di balsami e di sontuose vesti recinto, lo portano le vittrici
aquile montanare in Harc, alle sante sedi de' padri. Colassù, alla
vista della regal casa di Thogarma, dorme gli eterni sonni il nemico
delle libere genti aicàne.»

Così cantò il vecchio Abgàro, tra l'ansia, il fremito e la commozione
profonda delle migliaia che l'ascoltavano. E un grido di ammirazione,
di gioia, di gratitudine immensa, si levò tutt'intorno, poi ch'egli
ebbe finito.

Ardevano tutti i cuori, e bene a ragione, per quei gloriosi ricordi.
Quello era appunto il luogo della memoranda pugna; quella pianura che
si stendeva dinanzi ai loro occhi, era Ajotzor; in vista del poggio di
Kerezmanc era cantata la vittoria di Aìco.

— Mai così grande si palesò il vecchio Abgàro, — dicevano ne' loro
crocchi i guerrieri.

— Il suo canto, — soggiungevano alcuni, — ha dissipati i tristi presagi.

— E quali?

— Nol rammentate, il responso dubbioso dell'oracolo di Peznuni? «È
in Ajotzor la tomba dei Babilonesi.» Sicuramente, ella c'è; ma degli
antichi seguaci di Nemrod.

— Orvia; troppo chiare parole si chiedono agli oracoli. I sommi Dei
vonno lasciare alla fortezza del nostro braccio l'adempimento dei
vaticinii felici.

— E in Harc, l'altra notte, non s'è egli udito un sordo rumore nelle
viscere del monte, come d'armi percosse? Il feroce Titano s'è desto e
si solleva sul cubito.

— Stolto consiglio sarebbe il suo. Là presso riposa colui che l'ha
vinto ed ucciso. Se Nemrod si sveglia, non temete; anche Aìco non
dorme. —

Intanto che questi ragionari si facevano nella moltitudine, Ara il
bello erasi avvicinato ad Abgàro e nell'impeto della sua ammirazione lo
aveva abbracciato. Il vecchio bardo, commosso, tenne lungamente stretta
sul seno venerando la bionda testa del principe, tra gli applausi di
tutti gli astanti. Grande è la maestà, come la potenza dei re; ma
l'ingegno, raggio dell'anima, in sè racchiude alcun che di divino;
donde un'arcana virtù che penetra i cuori e soggioga.

— Prode figlio di Aràmo, tu rinnoverai, — disse allora il bardo, — gli
alti prodigi del valore d'Aìco.

— Ah, non lo spero; — rispose il giovine re; — ma le tue parole mi
staranno qui dentro e farò d'imitarlo ne' generosi propositi.

— Già cominciasti, — entrò a dire Vasdag, — scegliendo il tuo campo.
Qui pugneremo; di qui ci avventeremo sulle schiere elette della superba
regina. O morremo, e le nostre salmerie, le nostre fortune tutte
cadranno in sua mano; o la destrezza del nostro braccio mostrando,
disperderemo il suo esercito e avrem frutto della vittoria.

— Verrà ella sulla prima fronte, audace al pari di Nemrod? — chiese,
con piglio d'incredulo, uno tra gli ufficiali del re.

— Certo, ella verrà! — rispose Ara, fremendo. — Forte guerriera è
costei. —

Nè altro disse, che gli faceva ostacolo l'interno ribollir degli
affetti.

— Forte sì, e superba, — soggiunse Abgàro, — come se nelle vene le
scorresse il sangue dei Titani. Ma non è tralignato il seme aicàno e la
fortuna lo ha sempre assistito fin qui. Armènago, fondatore di Aracaz,
ed Armais, che diede il suo nome alla città d'Armavir, non estesero
sempre più l'avito dominio? Amasia, il padre del fortissimo Kegam, del
valoroso Parok e del giocondo Tzolag, non si fe' egli padrone di tutta
la catena dell'Ararat, detto Masis da lui? E Kegam non signoreggiò
egli in breve ora tutta la felice contrada cui bagna l'Arasse? Ed Arma
non dilatò d'ogn'intorno il reame? Che dire di Aràmo, del glorioso tuo
genitore? Questo guerriero, amante della fatica, voleva piuttosto per
la patria morire, che scorgere i figli dello straniero calcare il suolo
natìo, sopra i suoi fratelli imperando. Narro storia a noi molto vicina
e presente all'animo di tutti. Aràmo, pochi anni innanzi l'impero di
Nino, molestato dalle vicine nazioni, raduna tutta la moltitudine de'
suoi valorosi, abili a trattar l'arco e a scagliare il giavellotto,
giovani, nobilissimi, di gran destrezza e bellezza notabile; esercito
che per coraggio, e nell'atto, vale cinquanta migliaia. Sui confini
d'Armenia incontra il fiore dei Medi, condotti da Niucar, detto Matès,
superbo e bellicoso guerriero; gli piomba addosso improvviso, innanzi
lo spuntar del sole, e stermina la sua gente; lui, fatto prigioniero,
conduce ad Armavir e in cima alla gran torre, forata la fronte con
lungo palo di ferro, comanda che sia inchiodato, a terribile esempio
per tutti gli oppressori e scorridori delle contrade d'Armenia. Nino
istesso se l'ebbe per detto, Nino che, avendo in cuore una memoria
d'odio pel suo progenitore caduto in Ajotzor, meditava lungamente
vendetta. Celò egli i suoi tristi disegni, sebbene potentissimo fosse
e mandò messaggieri ad Aràmo; conservasse il suo dominio, portasse
liberamente la benda di perle, e secondo regnasse, dopo di lui,
tra i re della terra. Aquile aicàne, salvete; è vostro l'impero dei
monti. —



CAPITOLO XVI.

La regina guerriera.


Così s'apparecchiavano le genti aicàne alla prova dell'armi. E
frattanto, dal passo di Lukdi si avanzava l'esercito di Semiramide,
facilmente respingendo i drappelli armeni colà posti in vedetta, e
tacitamente distendendosi su per le circostanti alture. Buon nerbo di
cavalieri e di fanti s'erano volti ad oriente, accennando a risalire
verso le sorgenti del Tigri, siccome gli esploratori avean riferito
ad Ara; ma poco oltre una mezza giornata di cammino, i cavalieri avean
fatto sosta, e i fanti, scelti tra i più destri arcadori dell'esercito,
aveano piegato non visti a settentrione, inerpicandosi per le ripide
coste ed addentrandosi a gran fatica nelle impervie forre delle
montagne.

Bene era Semiram quella eccelsa guerriera che il re d'Armenia, nella
onesta schiettezza dell'animo suo, erasi affrettato a riconoscere. Mai
donna degli antichissimi tempi era stata più addentro di costei nelle
gravi cure e nelle aspre discipline della guerra, nè altra che potesse
ragguagliarsi a lei avevano a darne le età più recenti.

Nata d'arcane nozze in Ascalona di Siria, nutrita nel tempio di
Derceto e cara (dicevano le favole del volgo) siccome figlia alla
Dea, le grazie nascenti d'una sovrumana bellezza l'avean fatta sposa a
Mènnone, prefetto e governatore, pel re degli Accad, di tutto il paese
di Palastu, sulle rive del Mar d'occidente. Ora il re degli Accad era
Nino, figlio d'Arbel, della stirpe di Nemrod, che allora, con tutte le
forze del suo impero, si disponeva ad invadere la Bakdiana.

Chiamato era Mènnone al campo del re; nè potendo egli lungamente
rimanervi senza la donna dell'amor suo, che colla leggiadria delle
incomparabili forme e coll'avvedutezza del consiglio sì l'avea
soggiogato, mandò alcuni suoi famigliari a chiamarla, che, come più
presto poteva, si riducesse al suo fianco. E l'ebbe come desiderava,
mentre l'esercito, corso tutto il paese dei Medi, stringea Bakdi, la
capitale, vanamente d'assedio.

D'ingegno acutissimo e d'animo pronto, la donna leggiadra aveva colta
quell'occasione per far mostra di sua grande virtù. E per poter con più
sicurezza fare il viaggio, ch'era di molte giornate, aveva indossata
una stola, per la quale non potesse distinguersi se fosse uomo o donna,
chi n'era ammantato; giovandole inoltre quel vestimento, così a difesa
delle candidissime carni contro gli ardori del giorno, come a farla più
snella, in ogni occorrenza, o pericolo. E tanta fu la grazia di quel
suo modo di vestirsi d'allora, che i Medi poscia, e gli Assiri, e da
ultimo i Persi, insignoritosi dell'Asia, vollero portare la stola di
Semiramide.

Intanto, giunta ella al campo, considerando come l'assedio era
condotto, aveva visto tutta la forza del nemico rivolgersi contro
i luoghi campestri ed ovvii alle irruzioni, ma nissuno frattanto
custodire la rocca, che per natura e per arte era fortissima. Presi
pertanto uomini che sapessero inerpicarsi sulle rupi, e valicata
con essi una certa valle, ascese alle opposte eminenze ed occupò una
parte della rocca, ed ai suoi, che combattevano nel piano, sotto le
mura, diede il segnale. Fu allora che i difensori della città, colti
da terrore improvviso per la rocca presa, non avendo più speranza di
difendersi, abbandonarono le mura.

Volò il nome di Semiramide per tutte le bocche. La vide il re e, preso
da tanta bellezza, ne innamorò vivamente. — Abbi, diss'egli a Mènnone,
quanta sostanza del mio tesoro vorrai, e mi appartenga Semiram.

— Nulla sono le ricchezze del tuo regno, — rispose Mènnone al re, —
nulla sarebbero quelle dei mari lontani al paragone di lei.

— Sii secondo appo me, — ripigliò Nino infiammato; — abbiti in moglie
la mia figliuola Sosane, per cui tanti re della terra sospirano, e mi
appartenga Semiram.

— No; — disse a lui di rimando il marito. — Io ti rendo grazie, o re
dell'onor singolare, che ogni altro mi invidierebbe per fermo. Che
mi varrebbe esser secondo appo te, quando io non fossi più il primo e
l'unico nel cuor di Semiram? Vada la tua gentil Sosane ad un possente,
che sia degno di così alto parentado; nessuna figliuola di re mi
pagherebbe la perdita del vago fior d'Ascalona.

— E sia; — gridò Nino, corrugando la fronte e mettendo lampi dagli
occhi; — rinunzia alle ricchezze; rinunzia agli onori; ma io giuro per
Nisroc, che in questo mentre già libra le tue sorti, tu non vedrai
più il vago fior d'Ascalona. Con ferro rovente ti si sfonderanno le
pupille tra un'ora; chè più non ti concedo di tempo a consigliarti di
ciò. —

Preghiere, pianti e scongiuri, non valsero; bisognava obbedire.
Mènnone, pel timore delle minaccie del re, e per la gelosia che
era possente in cuor suo, montato in furore, corse alla sua tenda
e s'uccise. Per tal modo, sebbene riluttante, Semiramide era fatta
consorte di Nino.

Il fiero Cussita nulla tralasciò che giovasse a medicare l'acerba
piaga, aperta da' suoi desiderii in quel giovine cuore. Unica
sua compagna la volle; regina la pose su tutte le genti tra il
Mar d'occidente e le terre dei Medi. Ma, più che il regio fasto
e l'obbediente affetto dell'ammansato leone, valse il grand'animo
desideroso di grandi cose, a lenire la sua cura. Indi a non molto, il
suo possente signore moriva, lasciandola madre di Ninia. E fu allora
che la sua mente gagliarda si palesò tutta quanta. Spiaceva agli Accad,
perchè donna e straniera; ma la sua grandezza, superiore a quella di
tanti uomini portatori di scettro, li vinse. E non si dolsero d'essere
caduti in balìa d'una mano di donna, allorquando videro quella mano
impugnare la lancia e lentar le redini del corsiero, che volava sempre
dov'era più aspra la pugna.

Un giorno (e fu dei primi del suo regno), la rivolta era scoppiata
nelle vie di Babilonia. La regina sedeva nel suo spogliatoio, in mezzo
alle ancelle, intenta a rassettarsi le lucide chiome. Udire il molesto
annunzio e balzare in piedi fu un punto. Scese nella corte del suo
palazzo, ove stavano poche schiere adunate, e così scarmigliata come
era, accesa in volto di sdegno, montò subitamente a cavallo, corse a
furia dove più spesseggiavano i rivoltosi, entrò di lancio nel mezzo
e con fiere parole li rampognò di lor fellonia. Sbigottiti gli uni,
commossi gli altri da tanto ardimento, tutti soggiogati da una così
felice mistura di sublime bellezza e di regale corruccio, posarono le
armi, la gridaron regina e veramente figlia di Dea.

Abbellita in singolar modo la città e quasi riedificata da lei;
la Media domata, e il suo vecchio re Ossiarte costretto a tributo;
signoreggiata tutta la terra degli aromi, che si stende dal paese degli
Aribi infino al mare di mezzodì; temente ed ossequioso il popolo altero
di Mesraim; le insegne degli Accad condotte di vittoria in vittoria per
l'estremo oriente, fino alle rive dell'Indo; erano questi i diritti
di Semiramide alla obbedienza ed alla venerazione delle genti del
Sennaar. E là sull'Indo, recata la guerra contro il re d'innumerevoli
schiere, Staprobate, non aveva ella fatto prova d'altissimo ingegno,
pari a quello dei più insigni condottieri d'esercito? Assai prima di
Alessandro Macedone, non aveva ella provveduto al guado d'un largo
fiume, con migliaia di barche, in tal guisa costrutte, che si potessero
agevolmente scomporre e portare sui carri? E laggiù s'era ella mostrata
grande nella prospera, più grande nella avversa fortuna, allorquando,
fallita in sul meglio l'impresa, perchè i suoi soldati non erano
avvezzi a combattere gli elefanti, condusse il suo esercito al ponte
e lo ridusse in salvo, ultima a ritirarsi davanti al nemico e pronta a
recidere le funi che teneano le barche congiunte.

Donna invero eccelsa per grandezza d'animo e per felice accoppiamento
di virtù virili e di grazie femminee, a tutto intendeva, di tutto si
pigliava gran cura, e in pace maturava gli accorgimenti di guerra, in
guerra assicurava le arti della pace, senz'altro pensiero, fuor quello
della felicità del suo popolo. Il monte Bagistano da lei foggiato
a monumento della sua gloria, città nuove, templi, strade militari,
canali portatori di acqua ai campi infecondi, tutto recava l'impronta
del suo genio multiforme. Per lei la stirpe degli Accad fu grande
e avventurosa, come non era stata mai; lampada che dà guizzo di più
splendida luce, quando ella è presso a mancare.

E ben meritava la pace e la contentezza per sè, lei che cotanto aveva
fatto per la prosperità del suo popolo. Ma, pur troppo, egli non v'è
tregua al dolore, pei nati dalla creta. E appunto allora, quando ella
sperava rifarsi dalle molte fatiche ne' taciti gaudii del cuore, in
gloriosa quiete, confortata dal più nobile affetto, un'altra guerra le
appariva necessaria. Il delicato sentir della donna e la maestà della
regina erano stati offesi del pari. E da chi? Da un re tributario;
dall'uomo in cui aveva ella riposto sua fede, a cui s'era data in
balìa, con quel sublime abbandono, con quella piena dimenticanza di
sè che accompagnano e dimostrano le profonde passioni, le sole vere e
desiderabili della vita.

Stava ella al passo di Lukdi, siccome si è detto, e le sue schiere,
passate in rassegna, a mano a mano si avviavano ai luoghi assegnati.

Giusta il costume suo in simiglianti occasioni, la regina aveva fatta
sul piano un'alzata di terra, a guisa di poggio, su cui vedevasi eretto
il suo trono, sotto un padiglione di bisso divisato a colori. Sorgeva
a manca un'antenna, dal cui sommo sventolava una striscia di porpora,
insegna del comando che tutti potessero agevolmente vedere da lunge,
e a destra lo stendardo degli Accad, che era un leone alato, dalla
faccia umana, tutto d'oro massiccio, annestato sulla punta di un lungo
giavellotto.

A' piedi dello stendardo e distribuiti sul pendìo di quella eminenza,
trecento sceptùchi, o portatori di scettro, vegliavano, tutti
nobilmente vestiti di bianca e corta tunica, frangiata d'oro, sotto di
cui apparivano le anassìridi di cuoio colorato, che s'attagliavano alla
gamba e la facevano più salda al cammino.

Dall'altra banda, ove sorgeva l'antenna colle insegne del comando
supremo, stavano a custodia trecento portatori di lancia, terribili a
vedersi nelle corazze di rame e negli elmi criniti.

Alle falde del poggio era il carro di guerra della regina, tutto di
bronzo, con aurei fregi, che simulavano soli fiammanti. Otto poderosi
cavalli di Media erano fermi al timone, tutti bardati a squamme di
ferro e muniti d'un'ampia rotella sul petto, dal cui mezzo sporgeva un
minaccioso spuntone. Succinti valletti erano di fianco ai cavalli, per
tenerne le redini e frenarne i moti impazienti; l'auriga stava immobile
al suo posto, aspettando la regina, mentre lo scudiero disponeva in
bell'ordine, sulla proda del carro, l'arco, la faretra, i giavellotti e
lo scudo.

Semiramide intanto stavasi ritta sul trono, in nobile atteggiamento,
con una lancia nel pugno. Indossava una tunica di porpora, del color
d'amatista, e una bianca sopravveste, serrata ai fianchi da un'aurea
cintura, donde pendeva la spada, col fodero tempestato di gemme. Non
avea collana o monile; per contro, al sommo del petto appariva fuor
della tunica una gorgiera di ferro lucente, segno che tutta la persona
era catafratta del pari. Un elmo alato le cingeva le tempie, lasciando
libero il passo alla chioma nera che scendeva in larghe anella sugli
òmeri.

Così chiusa nell'armi ed altera, i Greci l'avrebbero tolta per Minerva
discesa tra gli uomini, e si sarebbero prostrati a' suoi piedi,
adorandola. Il pastore di Frigia l'avrebbe piuttosto creduta Venere,
rivestita delle spoglie di Marte, e a lei pur sempre, a lei sola,
avrebbe dato il vanto della bellezza. Severa bellezza era per altro la
sua; una torva luce, come lampo per notte buia, rischiarava il profondo
di quegli occhi stupendi; erano chiuse, irrigidite da acerbo dispetto,
quelle labbra di corallo, che agli umili riguardanti facevano sognare
la ineffabile ebbrezza d'un bacio.

Ai fianchi della regina, ma alquanto in disparte, si vedevano i primi
uffiziali dell'esercito, vecchi e sagaci consiglieri di guerra. Sui
gradini del trono stavano immoti i portatori di flagello, vivi emblemi
delle pene imminenti ai ribelli, ai trasgressori de' comandi reali.
Dietro a lei gli eunuchi, riconoscibili alle guance imberbi e alle
fattezze muliebri, ardevano soavi aromi e scuotevano flabelli di
candide penne.

Nella pianura sottostante, l'esercito si scorgeva tutto in moto, e in
ordine così lungo, che l'occhio non poteva abbracciarlo d'un tratto.
S'inoltrava quella moltitudine immensa, balenando, ondeggiando, siccome
campo di spighe. Nitrivano i cavalli scalpitanti; sonavano con alto
fragore i carri, dando frequenti sobbalzi lunghesso il sentiero;
strepitavano i timpani, gli oricalchi e gli strumenti della musica
guerriera. Gli scudi, le loriche, gli elmi e le lancie, luccicavano al
sole, confondevano lo sguardo. Pareva di scorgere Sam, nell'ora che si
mostra sull'orizzonte, e fa scintillare in mobili pagliuole d'argento
le creste del mare agitato.

Qua e là, per mezzo allo sterminato piano di elmi e di punte lucenti,
si rizzavano le lunghe cervici dei dromedari sabei, le doppie terga dei
cammelli di Bakdi, le immani teste orecchiute degli elefanti indiani,
colle lor proboscidi erette e le torri barcollanti sul dorso, e trofei,
bandiere, pennoncelli di cento colori; tutto in moto verso le falde del
poggio, innanzi al quale dovea passare ogni schiera.

Colà diffatti si scorgeva un ampio e lungo steccato, entro al quale
i guerrieri, poichè tutto l'avean colmo, si fermavano un tratto, indi
proseguivano speditamente la via. In quel modo si noveravano allora le
forze degli eserciti. Capace era lo steccato di una miriade, cioè di
diecimila uomini mandati innanzi su d'una fronte di cento; epperò, a
mano a mano che i guerrieri varcavano lo spazio misurato e una o più
schiere addensate giungevano a riempirne i limiti estremi, lo scriba
segnava un numero nel suo papiro, e così via via fino all'ultimo, per
poi cavarne la somma.

Quel dì lo scriba reale aveva a segnare settanta numeri e più,
imperocchè tante miriadi conduceva seco la regina degli Accad;
cinquecentomila fanti e dugentomila cavalli. Il primo novero già era
stato fatto nel campo di Assur, ed in altra maniera anch'essa in uso a
que' tempi. Secondo quella, ogni soldato passando gittava una freccia
entro una cesta, a tal uopo preparata. A mano a mano che le ceste si
riempivano, eran chiuse col regio suggello e si riponevano in luogo da
ciò. Finita che fosse la guerra, si rimettevano in ordine e, rotti i
suggelli, ogni soldato di là passando ripigliava una freccia. Le ultime
rimaste, come di leggieri s'argomenta, davano il numero dei perduti in
battaglia.

E passavano i guerrieri, passavano lieti e superbi dinanzi al poggio
reale, facendo suonar l'aria di lor grida discordi.

Primi erano i soldati delle contrade a mezzogiorno di Babilonia;
sessantamila di numero. Si riconoscevano gli uomini di Mahabu e di
Karbaniti, sui confini di Mesraim; gli Arìbi e i Kidri, i Nabati, i
Curassiti e i Sabei, fieri abitanti della vasta penisola che s'immerge
come ascia lucente nel mare lontano. Guidavano innumeri torme otto
principi di quelle ultime regioni che son presso alla aurifera spiaggia
di Ofir; i capi delle tribù di Caldìli, di Rapiati, di Magalani,
Cadascì, Dihtani, Ihilu, Gahpani, Guzbièh. Tutti costoro, valenti
arcadori, vestiano succinte tuniche e portavano calzari intessuti con
fibre di palma; cingevano il capo di bende a più giri ravvolte e corte
spade recavano al destro lato sospese. Nel sembiante della più parte di
loro erano impressi i segni della stirpe camitica; breve la fronte, il
naso piatto, corti i capegli e crespi, la carnagione abbronzata.

Seguivano gli uomini delle regioni d'occidente, di Martu, di Aharru
e di Hatti. Erano costoro duecento migliaia, tutti della progenie di
Sem. Numerosi tra essi i Dimaskiti, quei di Birtu, la città bianca sul
monte, di Laki, di Sinari, alle falde del Libano, di Arvada, che è sul
mare, di Bit Buruta, di Sidunnù, la trafficante di porpora. Mancavano
quei d'Izcaluna, avendo Semiramide liberati i suoi concittadini
dall'ufficio dell'armi. C'erano in quella voce i fieri abitatori di
Palastu, armati di fionda e di accette di selce. Seguivano del pari le
insegne i popoli marinari di Yatnana, che è Cipro, e delle altre isole,
di Idihal, Kitusi, Sillua, Pappa, Aprodissa, poste sul mare del sole
occidente; questi armati di scure e diligenti artefici di macchine da
espugnare città; gli altri tutti, nominati più sopra, arcieri gagliardi
e destri nel maneggiare la clava nodosa.

Veniano dopo questi i guerrieri delle regioni settentrionali di Nahiri
e di Assur, di Urusu e di Urumi, di Nazibi e di Arbel, di Tusan e di
Amida, che è sulla riva sinistra del Tigri, di Ninua, la futura rivale
di Babilu, di Tuhani e di Izama, di Kabsu, nei pressi di Nipur, le cui
abitazioni son fabbricate in alto sui greppi come nidi d'uccelli, di
Haran e di Resen, di Tadmor e di Reoboth. Tutti costoro discendenti
di Assur, Semiti, fuggiaschi dalla terra di Sennaar ai primi tempi
della dominazione cussita, ed ora assoggettati da Nino e da Semiramide
all'impero babilonese. Forti guerrieri son essi e nel combattere corpo
a corpo valenti. Portano corazze a sette doppi di lino, macerato da
prima nell'aceto, donde si fa più tenace e più saldo; imbracciano
tondi scudi, e cingono elmi di bronzo; spade, archi e mazze ferrate,
son l'armi loro. Di essi una parte è a cavallo, e gli uni e gli altri
ascendono a cento migliaia.

Quarto in ordine di cammino veniva il forte popolo d'Elam, che è di là
dai monti orientali. Si notavano per la bella presenza gli uomini di
Susan, città reale, di Rasu e di Hamanu. Seguivano i Madai, nobilissima
schiatta, i Parsua, gli Ariarvi, i cittadini di Muru e di Bakdi, tutti
della antichissima e pura stirpe di Javan, e di sangue, ma non più
di memorie e d'affetti, congiunti agli Armeni. I Parsua attiravano
più d'ogni altra gente lo sguardo, per le loro bionde capigliature
inanellate e per gli occhi bigi, che li faceano parer quasi una
famiglia al tutto separata dalle altre. Elamiti, Medi, Persi, Ariani,
Margiani e Battriani (che così, lievemente mutati, giunsero i nomi loro
alle età susseguenti) erano duecento migliaia; metà de' quali a cavallo
con archi sugli òmeri, corazze di ferro a squamme, elmetti e scudi
parimente di ferro. Destri erano costoro a trar l'arco cavalcando e a
tôr la mira fuggendo, colla fronte ed il petto rivolti all'indietro. I
fanti vestiano di cuoio; portavano come i cavalieri, le anassìridi di
pelle a difesa delle gambe; armi da offesa aveano i giavellotti, ascie
a due tagli e spade di ferro alla cintura.

A queste genti tenevano dietro gli abitatori del Sennaar, i fieri
Cussiti, gli Accad, i Sumir aspro favellanti, tutta, insomma, quella
mescolanza di popoli diversi, che furono i fondatori di Babilu.
Cinquanta migliaia erano i cavalieri, con loriche ed elmi di forbito
rame, lancie ritte sulla staffa e mazze ferrate pendenti all'arcione.
Più numerosi i fanti, tutti vestiti di cuoio; parte fiondatori, con
bisacce sull'òmero, che recavano selci, ghiande di piombo, o d'argilla
e bitume; parte arcadori, dalle cui spalle pendevano le capaci faretre.

Si avanzavano poscia le artiglierie, torri, uncini e macchine da
trarre, con cammelli carichi di munizioni, dardi intrisi di nafta,
palle di bitume e di zolfo. Seguivano quaranta elefanti, smisurati
animali condotti dalle rive dell'Indo, ognun de' quali portava il suo
custode sulla negra cervice e una torre sul dorso, con dieci uomini
armati di giavellotti e di frecce. Ultimi quattrocento carri di guerra,
con scelti guerrieri, armati d'aste poderose e accompagnati da esperti
cocchieri.

Chiudevano la marcia diecimila uomini di scelta cavalleria. Militava
in quella schiera il fiore e il nerbo della gioventù babilonese, tutti
usciti dalle prime famiglie del Sennaar. Era gran lustro lo entrarvi,
imperocchè s'avevano a comandanti dei drappelli uomini di regio sangue,
o congiunti di parentado colla discendenza di Nemrod.

Le fogge e l'armi rispondevano per lo sfarzo loro alla dignità di
quel nobilissimo corpo. Sulla lorica di ferro temprato portavano
il candi, tessuto di bisso, di latteo colore, con fregi di porpora,
cosparso di soli fiammanti in oro. Sul capo aveano la tiara, i cui
lembi si raccoglievano a soggolo, lasciando scoverta appena la metà
delle guance. Ricche cinture sostenevano le lunghe spade dalle lucenti
guaine, ed archi e faretre pendeano dagli òmeri. Bianchi erano come
neve i cavalli, cresciuti pur essi nelle regie mandre di Sippara. E
così bianchi sulle bianche cavalcature, rutilanti d'oro e di porpora,
era una vaghezza a vederli.

Diceansi i cavalieri di Belo, o, con altre parole, la sacra miriade.
Accompagnavano l'esercito, quando esso stava sotto il comando del re,
e in battaglia non erano adoperati che ne' momenti supremi. La conscia
nobiltà del sangue e l'obbligo dei forti esempi, li facevano valorosi a
gara su tutte le schiere. Andavano contro il nemico a corsa sfrenata,
lasciando le redini sul collo ai destrieri; quando si scorgeva quella
moltitudine incalzare a galoppo, coi brevi mantelli e le criniere
svolazzanti in mezzo a un nembo di polvere, egli parea di vedere una
legione di spiriti celesti, scesi a combattere le miserande pugne degli
uomini.

Passando di sotto al poggio, i cavalieri di Belo acclamarono con alte
grida la possente regina, che d'un gesto cortese ricambiò loro il
saluto; indi ella pure si mosse, per salire sul suo cocchio di guerra,
che l'attendeva nel basso.

Dietro a lei scendevano a cercare le loro cavalcature i suoi uffiziali,
gli sceptuchi e i melofori; quindi gli eunuchi, i serventi, i custodi
del tesoro. E postosi in moto il corteo, si affrettarono sull'orme i
bagaglioni colle salmerie, e una grossa compagnia di cavalieri, che
doveva proteggere le spalle dell'esercito e impedire lo sbandarsi ai
codardi.

Al passo di Lukdi non era stata quella confusione, che in tanta
moltitudine d'armati era agevole immaginare. Gli ordini della regina
erano stati avvedutamente distribuiti, e i comandanti, aiutati da guide
esperte dei luoghi, avean prese le vie a ciascuno assegnate.

I fanti s'inerpicarono per le costiere e per le viottole alpestri;
i cavalli seguirono le strade che correvano lungo le rive del fiume.
Sulla più vasta, che risaliva la sponda destra, s'avanzavano preceduti
da buon nerbo d'arcieri, i carri di guerra e la sacra miriade. Tenean
dietro a questa le macchine, gli elefanti e i bagaglioni, che ad un
certo luogo doveano far sosta, per non riuscire d'ostacolo ai movimenti
dell'esercito.

Ogni cosa per tal modo disposta, la marcia che dovea condurre
l'esercito babilonese in vista del campo d'Ajotzor, fu recata a
buon fine in quel giorno. Gli Aicàni aveano udito dalle loro scolte
l'avvicinarsi del nemico, e, come s'è detto, erano pronti a riceverlo.

L'alba del giorno seguente salutò i due campi, l'uno in presenza
dell'altro.



CAPITOLO XVII.

Ajotzor.


Videro le aquile aicàne da quanta moltitudine di combattenti fossero
minacciati i lor nidi. Le cime dei monti, le digradanti costiere, i
poggi, i declivii, erano coperti di armati. Ancora non si distinguevano
le insegne, nè poteano noverarsi i manipoli; ma si notava da lunge, e
diceva più assai allo sguardo il brulichìo delle innumeri schiere.

— Per l'anima dei padri nostri! — esclamò Sempad, guatando in giro le
aperte colline, in mezzo alle quali si dilungava scorrendo l'Eufrate. —
Qual fitta selva d'armati!

— Numero sterminato, non forza! — disse di rimando Vasdag, alzando
superbamente le spalle. — Calano dai monti e fuggiranno dal piano,
siccome è lor costume ne' sabbiosi deserti. Assai più molestia mi dànno
quegli altri, che io vedo inoltrarsi laggiù, sulla riva sinistra del
fiume. —

Così dicendo, il principe di Tarbazu additava una frotta di cavalieri,
che compariva allora alla svolta d'una rupe, in fondo alla valle. Era
l'antiguardo dell'ala destra dei Babilonesi, che doveva, per l'angustia
de' luoghi, avanzarsi da quella banda, lasciando tra sè e il centro
dell'esercito il corso dell'Eufrate.

— Dividono le forze! — notò Sempad, con aria di trionfo.

— Possono farlo; — rispose con amarezza Vasdag. — Molto maggior nerbo
di gente avranno incamminato sulla riva destra del fiume, dove sono i
lor movimenti più agevoli. Mirano a pigliarci in mezzo, e accortamente
preparano i cerchi; ma per gli Dei, innanzi che siano calate quelle
miriadi senza nome dai monti avremo fatto un profondo squarcio
nelle schiere del piano, e i tronchi del serpente dureranno fatica a
ricongiungersi.

— Ti ascolti Zervane! — disse Ara il bello, che stava poco lunge da
lui, ritto sull'arcione e il collo teso, guardando nel fondo. — Ecco
diffatti, la prima fronte si avanza, è già presso alla macchia di
Rezduni. —

Non s'ingannavano gli occhi del re. Mentre l'ala destra dei Babilonesi,
che era composta di cavalleria meda e di arcadori di Martu, s'inoltrava
dall'altra parte del fiume mollemente accennando a cercare un guado,
il centro e l'ala sinistra si facevano speditamente innanzi su quel
campo più vasto, che le alluvioni dell'Eufrate aveano formato sulla sua
sponda destra. Grossi drappelli d'arcieri cussiti precedevano, misti
a frombolieri di Palastu, che si veniano sparpagliando dinanzi alla
fronte di battaglia, colle fionde tese dietro alle spalle e pronti
a rotolarle in aria al primo apparir di nemici. Dietro a costoro si
muovevano grosse squadre di cavalieri. I carri, che venivano in terza
linea, erano celati allo sguardo da quella profonda siepe d'armati.

— Orbene, mio re, che faremo? — disse Vasdag, poi ch'ebbe osservato
a sua volta il grosso dell'esercito contrario. — Lascieremo che
s'inoltrino ancora e si dispongano in battaglia ordinati?

— No, certo! — esclamò il re. — I fiondatori di Van sono appostati a
piè della macchia di Rezduni. Eglino, che numerosi sono e valenti,
prenderanno a sfrombolare i cavalieri babilonesi, e noi compiremo
l'opera loro, facendo impeto dei nostri cavalli, entro le sgominate
ordinanze. Cotesto non dee parer dubbio, — soggiunse il re, alzando
la voce, perchè tutti intorno lo udissero — a chi per la sua patria
ha risoluto di affrontare ogni più grave pericolo. Egli è piuttosto da
stare in pensiero per quegli altri che s'avanzano laggiù e si fermano
ad ogni tratto e mandano cavalli a tentare il guado del fiume.

— Stratagemma! — notò sorridendo il vecchio principe di Tarbazu. —
Guadando il fiume laggiù, farebbero ingombro alle lor medesime schiere.

— Sì, ben dici, o savio Vasdag. Coloro vorrebbero trarci in inganno,
perchè facessimo inutil ressa più avanti, lasciando più debole il
campo nostro, dove certamente, al momento opportuno, si sforzeranno
di giungere. Io dunque penso che a questa altezza si debba aspettarli.
Vadano gli arcieri di Tarbazu e si appiattino sotto a quella triplice
fila di pioppi. Colà, non altrove, tenteranno il guado i nemici. Ad
ogni costo vuolsi impedirlo. Tu stesso, noto alla tua gente e diletto,
veglierai in quel luogo. È il nostro lato debole ed ha mestieri del
capitano più valoroso ed accorto. —

Così parlò il giovine re, di senno maturo; e Vasdag, bene intendendo
come in quel luogo, che aveva detto il re, fosse necessaria la sua
presenza, s'incamminò a quella volta, per disporre i suoi arcadori
lungo le vincaie del fiume e un buon nerbo di cavalieri e di fanti al
coperto, dietro la selva dei pioppi.

Ciò ch'egli aveva argomentato, e che il re aveva detto con lui, era
vero. I Medi, comechè lentamente, s'avanzavano pur sempre, e senza
mai risolversi al guado. Aspettavano, per ciò fare, che la pugna
fosse sull'altra riva ingaggiata, e con manifesto vantaggio pei loro
compagni.

Ora, a che i lor voti andassero vani, si affaticava il re d'Armenia
con provvedimenti solleciti. Per fermo, pensava egli, su quel po' di
pianura stesa dinanzi a lui tra le colline ed il fiume, dovea venire
la piena delle forze nemiche. Certamente era laggiù Semiramide,
coi migliori dell'esercito e coi più terribili ingegni di guerra. E
diffatti, da un poggio alla sua destra, su cui si era prontamente
condotto, egli aveva potuto scorgere i carri, nascosti dietro le
profonde ordinanze della cavalleria babilonese.

E si avvicinava frattanto l'antiguardo nemico. Ad un tratto il suo
balenare irresoluto, il cader di parecchi, e un nuvolo, come di negra
polve per l'aria, mostrò al re d'Armenia che i nemici erano giunti
nelle vicinanze della macchia di Reznuni, e che i fiondatori di Van
mettevano ai loro passi impedimento gagliardo.

Un tal po' di sgomento erasi sparso nelle file degli arcieri cussiti,
a quell'improvviso assalto di fianco. Tosto aveano poggiato dalla parte
del fiume, e, postisi al coperto degli alberi, scagliavano frecce agli
appostati nemici; ma con pochissimo frutto, essendo questi in parte
nascosti agli occhi loro da una fila di massi scoscesi, che faceano
orlo alla macchia.

Veduto il frangente, furono pronti i Babilonesi al riparo. Una mano
dei loro, con scudi imbracciati, giavellotto in pugno e corte spade al
fianco, si gittarono di lancio alla costa del monte, per inerpicarsi
lassù e sloggiarne i fiondatori molesti.

Ara, ciò vedendo, non ne fu punto turbato. Egli ricordava che
al comando dei fiondatori era preposto Dicranu, forte e risoluto
guerriero, e non dubitava che i Babilonesi non avessero a pagar tosto
il fio della loro temerità. Diffatti, le pietre seguitavano a piovere,
e gli alberi sotto cui si riparavano gli arcieri, ne erano sfrondati,
come per rovescio di grandine. E i soldati che avevano pur dianzi
tentato l'assalto, se ne tornavano in grande scompiglio sul piano,
dov'erano fatti segno a quella rovina di sassi, non potuta rintuzzare
dalle valide risposte dei frombolieri di Palastu e degli arcieri
cussiti. Trasvolando in aria, fitte a guisa di nuvole, le frecce, le
pietre, i globi d'argilla e di piombo, fischiavano, rompeano le spade
in pugno ai guerrieri, sfondavano le corazze, rimbalzavano sugli scudi,
facevano schizzar gli occhi dall'orbite, le cervella dalle infrante
cervici.

Grida di giubilo per tutto il campo aicàno salutavano questa vittoria
dei fiondatori di Van. Ma che avviene egli mai? Fumanti globi si
levano da tergo alle squadre babilonesi, fendono l'aria, piombano sulla
macchia di Reznuni.

Semiramide, scorgendo che i Medi non hanno ancora guadato il fiume,
nè possono perchè il nemico ha deluso il loro accorgimento e veglia
certamente al passo pericoloso; pensando inoltre che la sua cavalleria
e i suoi carri di guerra non potrebbero impunemente passare sotto
quella rovina di sassi, ha fatto incontanente sul fianco sinistro
avanzar le sue macchine. L'assalto dei guerrieri alla macchia non
era che un infingimento per guadagnar tempo e sviar l'attenzione
degli Armeni. Ed ecco, le sue macchine, in acconcio luogo collocate,
scagliano dardi intrisi di nafta e palle di bitume acceso sulla
costiera. S'appicca il fuoco alla selva; cigolano le piante investite
dalla fiamma; vortici di denso fumo s'innalzano, ingombrano l'aere,
acciecano i combattenti, di cui di mano in mano si rallentano i colpi.

Vide Ara il pericolo che da quella impotenza dei fondatori di Van
sarebbe derivato all'esercito, e si affrettò a scendere dal poggio.

— Suvvia, cavalieri di Armavir! — gridò egli con voce tonante, — il
momento è venuto di dar dentro alle ordinanze nemiche. —

Alte grida rispondono al comando del re. I prodi d'Armavir, lentate
le redini sul collo, strette le ginocchia nei fianchi ai poderosi
corsieri, appuntate le frecce sulla corda degli archi, galoppano. Quel
tratto di strada che li divide dallo incalzante nemico, è superato
in brev'ora. Si traggono in disparte, fuggono, si rovesciano gli uni
sugli altri i fanti babilonesi, non potendo resistere a tanta rovina.
Conoscono le amiche insegne i fiondatori di Van, e calano solleciti al
piano; dietro a loro s'avanzano i montanari d'Urarti, che portano punte
di ferro annestate al sommo di lunghi bastoni.

Semiramide, dall'alto del suo cocchio di guerra, ha veduto il nembo
di polvere che sollevano i cavalieri d'Armavir. Tosto comanda che la
sua cavalleria si divida in due ale e lasci aperta la via. Avanti i
carri! Pesanti come sono, muniti di ferrea cuspide al sommo del timone,
riusciranno più saldo ostacolo all'impeto dei cavalieri aicàni.

E si muovono i carri, con alto fragore vanno a dar di cozzo in quella
mobil muraglia di petti anelanti. Ma gli Armeni hanno scorto da lunge
il mutamento; sviano i cavalli e piombano sui lati, si ristringono
addosso ai cavalieri di Babilonia. Dietro a loro, apron le file i
fondatori di Van, si stringono a densi manipoli i montanari d'Urarti;
e quelli fan piovere una grandine di sassi sui carri che passano,
questi fan selva di picche nei fianchi ai cavalli. D'ogni parte è aspra
la zuffa; si confondono gli ordini, e, trattenuti i carri nel corso,
incomincia la strage. I cavalli feriti s'impennano; questi infrangono
il giogo; quelli rovesciano i carri; gli uni, acciecati, vanno a
rompersi la cervice contro le ruote dei cocchi vicini; gli altri,
sbuffanti, con erette criniere, trascinano morto l'auriga.

Così ridotti a mal partito i carri babilonesi (chè pochi poterono
aprirsi la via nelle schiere avverse, nè uno tornò più indietro
a raccontare il suo trionfo), si volsero i montanari di Urarti in
aiuto dei cavalieri di Armavir. Destramente rigirandosi in mezzo
ai combattenti, sforacchiavano il ventre delle cavalcature nemiche,
tagliavano le cinghie, recidevano i garretti; come tigri si scagliavano
in groppa, si avvinghiavano ai fianchi dell'avversario, lo trascinavano
a terra, sotto le zampe dei cavalli, entro laghi di sangue. Rotti,
sbaragliati da quell'impeto non preveduto, impossenti contro i feroci
assalti di quelle belve rabbiose, tentano i Babilonesi divincolarsi
dalle strette, e come possono, e quando possono, si danno alla fuga.
Grida, urla selvaggio, sono il cantico di vittoria della gente aicàna.

Cuoceva frattanto ai buon principe Vasdag di rimanersene là inoperoso,
all'ombra dei pioppi. E i suoi soldati, udendo le grida dei compagni,
che sempre più si allontanavano per la valle, incominciarono a dolersi
altamente.

— I nostri incalzano il nemico, gli danno la caccia colle spade nel
tergo, e noi resteremo qui senza gloria!...

— Ad udire le voci di trionfo che salgono ai cielo!...

— A contemplare quei cavalieri sull'altra riva del fiume!...

— Que' simulacri di pietra, che non si muoveranno mai più!...

— Pazienza, miei prodi! che farci? — diceva amorevole, ma non meno
scontento, il principe Tarbazu. — Queste sono le sorti della guerra.
Se noi volassimo laggiù, dove il re nostro combatte, gli porteremmo
inutile aiuto; e frattanto quelle squadre di cavalieri, che mi hanno
l'aria di farsi sempre più numerose, guaderebbero impunemente il fiume
e piglierebbero i nostri valorosi alle spalle. —

Laggiù frattanto, dove i soldati di Vasdag si dolevano di non essere,
continuava, non più la pugna, il macello. Ara infuriava nel mezzo,
pari al Dio delle stragi. Ma finalmente, vedendo sgomberarsi il campo
davanti a lui, da capitano prudente, fe' suonare a raccolta. Temeva
egli infatti non si sbandassero i suoi nel tripudio del sangue e non
si perdesse in tal guisa il frutto di quella vittoria, che, a dir vero,
non gli pareva anche sicura.

E ben gliene incolse. Difatti, un nembo di polvere si solleva da
lunge. Sono i bianchi cavalieri di Belo, che giungono alla riscossa.
Trema la terra allo scalpito dei cavalli accorrenti; la nuvola cresce,
s'approssima, par l'uragano che rovinoso s'avanzi.

Ara comanda a' suoi di ritrarsi. Una macchia di arbusti, dalla
parte del fiume, nasconderà in parte i cavalieri d'Armavir. I carri
rovesciati dei Babilonesi faranno serraglia in mezzo alla strada;
dietro essi staranno a riparo gli arcieri di Zikartu, i fiondatori di
Van, i montanari di Urarti.

Grida sinistre accolgono gli assalitori, e una tempesta di freccie,
di pietre e globi di piombo, si disserra sovr'essi. La prima fronte
della sacra miriade è disfatta; sottentra la seconda ed egual sorte
l'attende. Nuovo ostacolo fanno i cavalli caduti: altri s'impigliano
tra le ruote dei carri, inciampano nelle redini sparse, stramazzano
al suolo. La lotta a corpo a corpo ripiglia più acre, più furibonda
che mai, si calpestano i feriti, e su monti di lacere membra i
sopravvissuti combattono. È pugna di Titani, non d'uomini della
comune misura. Guaiscono i caduti, bestemmiano i moribondi, urlano gli
incolumi, e si van provocando mutuamente a battaglia. Con voce pari a
mugghio di tuono. Balsam, il capo dei bianchi cavalieri, va chiamando
Ara dovunque, lo dimanda avversario, giura di tracannare il suo sangue.
E l'ode il re d'Armenia e tenta col cavallo di farsi strada alla volta
del fiero Cussita. Ma in quel mezzo, Dicranu ha fatto rotar la sua
fionda, il sasso ha colto l'orgoglioso provocatore nel petto e lo ha
trabalzato d'arcione. Svelto come un leopardo, si cala Dicranu da un
monte di cadaveri e per mezzo ai cavalli nemici corre ad impadronirsi
delle spoglie di Balsam, seguendolo nell'audacissima impresa i
fiondatori di Van. Gli si attraversano i seguaci del caduto; la mischia
non è più per vincere da una parte o dall'altra, bensì per contendersi
la nobile preda. Per lungo tratto non si discerne più nulla in quel
brulichìo, in quella confusione, in quell'agitarsi disordinato di
membra. Ma ecco, finalmente, appare Dicranu sulla groppa d'un cavallo;
egli stringe, acciuffata nei capegli, la testa recisa di Balsam; la
mostra ridendo ai compagni, che gli si serrano intorno; cade a sua
volta; un dardo ha fischiato nell'aria, gli s'è ficcato nella strozza,
troncandogli ad un punto i superbi dispregi e la vita.

Ara intanto, poichè l'impeto della sacra miriade si è franto, comanda
ai cavalieri d'Armavir di uscir dalla macchia. Accorrono essi e
colgono le profonde coorti di fianco, vi fanno per entro uno scempio.
Rotte così le ordinanze, i montanari d'Urarti, cui il sangue ha reso
sitibondi, si gittano alla carnificina, come stuolo di corvi rapaci.
Orribile! orribile!

Belli ed alteri nelle candide spoglie, erano venuti i generosi
all'assalto. Niente resisteva al loro urto giammai; nelle convalli di
Elam, sui campi di Bakdi, sulle rive dell'Indo, que' fulmini di guerra
avean sempre sgominate e disperse le più valide schiere. Ed ecco, qui,
in una stretta d'Armenia, impacciati, confusi, dovevano essi venir meno
alle loro gran fama, alle più grandi impromesse! Già non erano più una
falange ordinata; sibbene una torma cieca, ondeggiante, lacera e pesta,
per entro a cui s'aggiravano belve con faccia umana, mostri usciti dai
regni tenebrosi, che sventravano le cavalcature e riversi li faceano
cadere colle inutili armi, per trucidarli nella mischia, diromperli
sotto le zampe ferrate, affogarli nel sangue.

Guatava dinanzi a sè la regina, dall'alto del suo cocchio di guerra. E
diceva intanto in cuor suo: o come non vanno più innanzi i cavalieri di
Belo? come non hanno ancora sgomberata la via?

Bene ella sapeva forti guerrieri gli Armeni, ad essi propizio il luogo
e ministro d'armi nuove il furore; tuttavia non s'aspettava una così
gagliarda resistenza.

— Per fermo, — ella disse, — il re loro combatte laggiù.

— Sì certamente; — notò Faleg, uno de' suoi uffiziali, — non si
pugnerebbe con tanto accanimento, dove egli non fosse a capo de'
suoi. Ah! la sua testa è poco, a rifar Babilonia di tante vite
mietute. —

Semiramide non rispose parola a quella acerba considerazione di Faleg.

— E i miei cavalieri, — gridò ella invece, — morranno così, senza che
io sia con loro e corra gli stessi pericoli?

— Possente regina, — entrò a dire un altro dei suoi, — lo sguardo
tranquillo ed onniveggente del duce è necessario alla comune salvezza.

— Ah! così pure avranno parlato a lui le timide lingue de' suoi
consiglieri. Cionondimeno, egli è nella mischia, come l'ultimo de' suoi
combattenti. Orvia, Faleg; sian pronti gli elefanti ad ogni occorrenza;
noi ora andiamo, corriamo, dove si pugna per noi. —

Si mosse il cocchio regale, rapidamente trascinato da otto generosi
corsieri, verso il luogo del combattimento. Ma l'esito non rispose
ai voleri della regina. La sacra miriade era respinta e i fuggenti
travolsero il cocchio nella ritirata, invano chiamati, invano ripresi
dalla voce di Semiramide. Tutto intorno a lei era un indescrivibil
tumulto; cavalli senza cavaliere, anelanti fuggivano, con le viscere
penzoloni fuori dal ventre squarciato; altri, imbizzarriti, si traevano
dietro il morente signore, co' piedi impacciati nella staffa; molti,
compresi d'alto spavento, volgevano al fiume, quasi temendo di non
essere più in tempo ad evitar l'urto dell'incalzante nemico.

La regina guatò un istante con torvi occhi quello stuolo di femmine
imbelli; indi, comandò che gli elefanti uscissero a lor volta, protetti
da quanti uomini rispondessero in quel punto all'appello.

— Avanti, orsù! — gridava la fortissima donna, che, già discesa dal
cocchio, era balzata a cavallo, brandendo il suo giavellotto. — Avanti,
generosa prole degli Accad! Ricordate che tributari vostri furono
sempre questi montanari orgogliosi, e che voi siete i vincitori del
mondo! Era difficile il passo; ecco perchè i nostri cavalieri hanno
dovuto piegare davanti ad un pugno di mandriani armati di fionda.
Animo, via; non fate che ridano di voi le donne di Armavir, torcendo il
fuso nelle veglie invernali! Vedete! Già calano le nostre migliaia dai
monti; appariscono dal sommo dei poggi; scenderanno tra breve a ruina.
Ancora uno sforzo, valorosi Cussiti, e la vittoria è per noi! —

La battaglia è al suo momento supremo. I prodi Armeni s'inoltravano,
irrompevano sui piano, come gonfio torrente che abbia rotti i
suoi argini. Ma ad un tratto i cavalli si arrestano, nitriscono,
s'impennano, sbuffano, non sentono più lo sprone dei cavalieri. Che
è ciò? Negre moli si affacciano sulla strada. Son gli elefanti; nuovi
arnesi di guerra, che Semiramide ha condotti seco dalle rive dell'Indo.
I montanari d'Aiasdan non hanno mai combattuto contr'essi.

Accorrono sulla prima fronte e scagliano dardi gli arcieri di Zikartu;
ma, contro a quei colossi coperti di ferro, fanno mala prova gli
strali. S'inoltrano minacciose le negre moli, e il valore aicàno è di
bel nuovo arrestato a mezzo il suo corso.

Il re d'Armenia volge lo sguardo all'altra riva del fiume. I Medi,
accalcati colà, non dànno segno di volersi muovere ancora. Tosto egli
manda messaggi a Vasdag, che tolga dalle sue file quanti più uomini
può, senza suo nocumento, e li avvii lunghesso la sponda destra del
fiume, per cogliere gli elefanti di fianco. Egli intanto fa testa
co' suoi; ma invano. Gli smisurati animali, incitati dagli spiedi de'
guardiani che siedono loro sul collo, galoppano contro le sue schiere
mal ferme, scuotono gli orecchi, larghi come ali di enormi vipistrelli;
cogli acuti barriti sgomentano i cuori più saldi.

Qualche freccia più fortunata si ficca tra le giunture dei pettorali di
ferro ed essi colle curve proboscidi strappano le canne innocenti, le
gittano sul volto ai nemici. Stizziti dalle punture, si scagliano entro
le file, mentre dall'alto delle torri che recano in groppa, guerrieri
babilonesi scaraventavano sabbia e bitume infuocato. I larghi petti,
muniti di sprone, già sono addosso ai cavalli; come prore di navi
fendono il mare, così essi la calca; e intanto le proboscidi guizzano
in aria, scendono nella mischia, afferrano, strizzano, lanciano in alto
le vittime. Pallidi, esterrefatti, i soldati armeni dànno le spallo,
s'incalzan fuggendo davanti ai negri colossi.

Infiammato di sdegno, coi primi che gli giungono in aiuto dalle schiere
di Vasdag, il re d'Armenia fa impeto nel fianco dei mostri. I più
audaci de' suoi si cacciano sotto, tentano di strappare le cinghie
che tengono ritte le torri, di tagliare i garretti e di squarciare il
ventre alle belve. Un elefante cade, ma schiaccia nella caduta i suoi
uccisori. Avanti! avanti sempre! Un altro, per mano del re, ha recisa
la proboscide ed agita urlando il moncherino sanguinolento; infuria coi
denti d'avorio e trafigge chi non è pronto a cansarsi, indi si volta
indietro, mette a scompiglio le file. Sollecito il guardiano, perchè
non abbia a recar danno maggiore tra' suoi si toglie da fianco un lungo
scalpello e, appuntatolo sulla giuntura della cervice, tanto vi picchia
su col maglio ferrato, che spezza il cranio e fa stramazzar l'elefante.

Ma, caduti quei due, altri molti ne restano e menano strage
all'intorno. Per colmo di sventura, mentre gli arcieri di Tarbazu
cercano di farsi più innanzi, si abbattono nelle macchine, che la
regina ha fatto avanzar prontamente di costa agli elefanti, e sono
sfolgorati da una pioggia di fuoco.

Ora, mentre il grosso delle forze aicàne è arrestato da quei baluardi
animati e da quelle macchine che scagliano fuoco, Semiramide è salita
sopra un'eminenza, per abbracciar d'uno sguardo l'intiero campo di
battaglia. Dalla tenda di Ara infino al luogo ove s'infrange l'inutil
valore del re, la pianura è seminata di strage, ma libera, vuota di
combattenti; soltanto le schiere di Vasdag sono visibili là in fondo,
dalla parte del fiume, imboscate all'ombra dei pioppi. Poche migliaia
d'uomini stanno ancor dietro le tende, alla guardia del campo aicàno.

Il momento le sembra opportuno per mandare ai Medi, ai Persi, agli
Ariarvi, il segnale stabilito. Un dardo acceso fischia nell'aria e va
a cadere nel mezzo del fiume. Tosto quel fitto stuolo di cavalieri si
muove, affretta al guado, sotto gli occhi di Vasdag.

Un nembo di frecce accoglie il movimento dei Medi. Il principe di
Tarbazu non ha voluto perder tempo, e i primi che si sono perigliati
nell'acqua, vi trovano tosto la morte. Si allegrano nel profondo dei
cuore i destri arcadori, e raddoppiano i colpi. Ma, pur troppo, essi
non basteranno a impedire il passaggio. Vasdag, al cui vigile occhio
nulla sfugge di ciò che si tenta sulla riva sinistra, ha veduto che
i Persi e gli Ariarvi si dispongono a guadare in altri due punti
l'Eufrate. Non si smarrisce d'animo, tuttavia, e manda incontanente per
le riserve, raccolte dietro alle tende; le guida egli stesso, appena
giunte, le colloca ne' luoghi più acconci, lungo la destra del fiume.

— Guerrieri d'Aiasdan! — egli grida. — Qui bisogna far l'ultimo sforzo
e con quanto vigore ci è dato. Noi non avremo più patria, se non
ributtiamo gli assalitori nell'onde. —

Aspro è il combattimento: i soldati di Vasdag fanno prodigi di valore.
Ben sette volte i cavalieri nemici afferrano la sponda, e sette volte
son respinti nel fiume. L'Eufrate è sparso di cadaveri. Nei luoghi ove
il letto è meno profondo e più facile il guado, si ammonticchiano gli
uni sugli altri i caduti, fanno argine alla corrente, che intorno ad
essi ribolle, s'innalza fiottando e straripa.

Da due ore il sole avea varcato il meriggio, nè cessava ancora lo
strepito dell'armi, il clamore dei combattenti. Per quanto era lunga
la valle, dai poggi di Ajotzor alla collina di Kerezmanc, la quale
signoreggiava il luogo dello azzuffamento tra il re d'Armenia e le
macchine babilonesi, non era più un breve spazio di suolo che non fosse
coperto di cadaveri, o d'armi infrante, o di lacere membra; e un odor
crasso di sangue, un leppo arsiccio, misti ad una nube di polvere,
saliano alle nari.

Un messo del re giunge galoppando e chiede nuovi aiuti a Vasdag.

— Che avviene egli laggiù? — dimanda il vecchio soldato.

— Che intorno agli elefanti, — risponde il messo, — abbiamo perduto
il meglio dei nostri; che la via sulla riva del fiume è sbarrata dalle
macchine, vomitanti fuoco; che non possiamo romper la diga nemica, se
non abbiamo sussidio di gente fresca e animosa.

— Non è ferito il re? — chiese Vasdag.

— No, grazie sien rese agli Dei.

— Sta bene. Va alle tende di Ajotzor; ancora due migliaia d'uomini
rimangono a noi. Pensavo di chiamarli io, a custodia del fiume; —
soggiunse sospirando il vecchio guerriero; — ma che farci? Li abbia il
re, che forse ne ha maggior bisogno di noi.

— Che debbo io dirgli di te? — chiese il messo, già in atto di partire.

— Che il vecchio è alla meta del suo viaggio sulla terra; — rispose
Vasdag, — che, qualunque cosa avvenga, nessun Medo potrà vantarsi, me
vivo, d'avermi vedute le spalle. —

Ciò detto, il buon cavaliere si allontanò verso la riva, per respingere
un nuovo assalto dei Medi. Ma ormai l'impresa era superiore alle forze
de' suoi. Durò a lungo lo scontro, sulla riva contrastata; finalmente,
perduto gran numero dei loro, i nemici giunsero a piantarsi saldamente
sul greto e fu libero il guado.

Vasdag non sopravvisse alla rotta. Slanciatosi col cavallo nelle
schiere dei Medi, ebbe morte degna di sè, combattendo da forte,
coll'ultimo colpo della sua spada fendendo l'elmo ed il cranio dei
capitano nemico.

Accesi di sdegno, furibondi, si gettarono i suoi nella mischia, per
difenderne il corpo e vendicarne la morte. Fu lotta disperata; bisognò
ucciderli tutti, ad uno ad uno, e l'impresa fu lunga e difficile, costò
ai vincitori gran sangue.

Così mantenne la sua fede Vasdag, il vecchio principe di Tarbazu, che
è sulle rive dell'Eusino. Esperto condottiero d'eserciti, era stato
compagno ad Aràmo, nelle sue guerre fortunate contro i Medi e i Turani,
d'onde aveva meritato d'esser secondo nel reame, e incoronatore del
re d'Armenia. Epperò a lui era concesso portare la corona fregiata di
giacinti, due orecchini, il calzare rosso ad un piede, e il diritto
altresì di bere in coppa d'oro. Biondo in giovinezza i capegli,
colorito il viso, gli occhi grigi, robusto le membra, largo le spalle,
il piè bello e saldo alle fatiche, fu sobrio sempre nel bere e nel
mangiare, nei piaceri temperato. Per lungo ordine di secoli, i memori
bardi, a suon di cembali lo cantaron prudente, moderato nei desideri,
pieno di senno, eloquente, utile in tutti gli umani negozi. Sempre
giusto nelle sentenze, pesava con bilancia a tutti eguale, senza studio
di parti, gli atti d'ognuno. Non invidiava ai grandi, nè i piccoli
sprezzava; non altro voleva che stendere su tutti il manto delle
sollecitudini sue.

Ignaro della fine di Vasdag, ma udendo le grida di vittoria e notando
l'affrettarsi dell'ala destra dei Babilonesi nel passaggio del fiume,
Ara meditò un ultimo colpo; sforzare il passo, non più dove infuriavano
le macchine, ma dall'altro lato, dove sorgean le colline. Scelti a tal
uopo i più animosi dei suoi, si condusse a volo verso le alture. Lo
seguirono primi, al sommo di un poggio, Bared, lo scudiero, Sumàti ed
Abgàro; Abgàro che pel lungo combattere vedevasi lordo la bianca tunica
di sangue e di polvere.

— È questo il colle, — disse con accento d'amarezza il cantore, —
d'onde il fortissimo Aìco saettò l'orgoglioso Titano. Vedi, o re;
quello che ci sta dinanzi è il poggio di Kerezmanc. Colà noi dobbiamo
giungere, calarci di là, piombare alle spalle di quei luridi cani!
Ma che vedo? O m'inganno, o il duce dei Babilonesi è lassù. Destro
arciere, suvvia, chè non adatti uno strale alla corda e non gli mandi
il saluto della morte? —

Trascinato dalle aspre parole di Abgàro, il re impugnò l'arco e si
fece a togliere la mira. Dal poggio di Kerezmanc il suo aspetto fu
conosciuto e l'atteggiamento notato.

— Ah! — gridò Semiramide. — Lui! —

E spronato il cavallo, si avanzò imperterrita sul ciglione, ad
attendere il colpo.

Faleg e gli altri che l'accompagnavano, veduto il pericolo a cui ella
si esponeva, furono solleciti a correre, per farle scudo colla loro
persona. Ma la fortissima donna li rattenne con un gesto imperioso.

— Non ardirà! non ardirà! — soggiunse ella poscia, con un altero
sorriso.

E stette immobile, guatando il suo avversario; ben lieta e largamente
vendicata di lui, se avesse potuto scorgere il tremito che gli invadeva
tutte le fibre in quel punto.

Rimase egli incerto un tal poco, quasi volesse aggiustar la mira, e
sperimentare la tensione della corda. Ma questa per fermo non doveva
essere la cagione dell'indugio, poichè tosto, con atto disperato, gittò
l'arco e lo strale lungi da sè.

— Non posso! — gridò egli. — Non posso!

— Ma potrò io! — disse Abgàro.

E raccolse l'arco da terra. Il re lo rattenne, che già stava per
poggiare la cocca sul nervo disteso.

— No, no, mio vecchio Abgàro! A qual pro? —

Abgàro lo guardò trasognato; indi, come parlando a sè stesso,
acerbamente rispose:

— Ah! invero nessuno saprebbe più tender l'arco di Aìco. Ma nessuno
ama più la sua patria come il figliuol di Thogarma. Gli occhi d'una
maliarda hanno virtù perniciosa su noi, come quelli del serpe. Oh,
dimmi ciò che vorrai, re d'Armenia; — soggiunse il vecchio cantore,
notando il corruccio che balenava dagli occhi del giovine; — uccidimi,
se t'aggrada, e togli un altro soldato alla misera terra dei padri.

— No; — rispose gravemente Ara; — io nol farò. Risponderò invece al
tuo cieco amore di patria che questo inutil colpo contro una donna
potrebbe aggravare la sorte del popolo nostro, che non avrà più noi per
difenderlo. —

Nulla rispose il vecchio; ma un amaro sorriso d'incredulità gli sfiorò
le labbra; e fu risposta peggiore. Trasse indi la spada; gittò la
guaina al basso, dove in quel punto si vedeano apparire i nemici, e giù
di lancio, come se avesse al piede le ali della giovinezza, si scagliò
incontro alla morte.

— Tu solo? — gridò il re, con accento disperato. — Vecchio Abgàro, non
disprezzare i giovani, perchè essi hanno un cuore e non amano combatter
le donne. —

E impugnata la sua larga spada a due tagli, si avanzò per seguire il
vecchio sdegnoso.

Ma in quel mezzo, Abgàro cadeva. Una torma di arcieri sbucava da un
colmo di arbusti, sulla destra degli Armeni. Erano i primi che calavano
dai monti. Non che la fronte dell'esercito aicàno, già più non eran
sicure le spalle. E il medesimo accadeva dall'altra banda del fiume.
Quella parte dell'esercito babilonese che davanti al passo di Lukdi
avea piegato a destra, verso le sorgenti del Tigri, per inaccessi e
mal guardati sentieri, riuscita era alle spalle di Ajotzor, tagliando
la via di ritirata verso Armavir, e piombando sulle tende del campo di
Ara, innanzi che i Medi, i Persi egli Ariarvi avessero distrutto gli
ultimi avanzi delle schiere di Vasdag.

Il re d'Armenia non vide la morte di Abgàro. Egli era appena a mezzo
del declivio, che una freccia lo colse, penetrando là dove la corazza
si allacciava alla gorgiera. Sul punto non s'era avveduto di nulla,
attribuendo la caduta all'aver posto il piede in fallo. Senonchè,
tentando di rialzarsi, sentì una trafittura, come un bruciore al sommo
del petto. Recò istintivamente la mano colà e trovò la canna infissa
nella giuntura; la strappò con violenza e un umor caldo gli spicciò
sulla mano. Era sangue, e appariva copioso.

— Ah, grazie! — esclamò, alzando al cielo le pupille smarrite.

E ricadde, ma non più sul terreno, bensì tra le braccia di uno de'
suoi. Riaperse gli occhi a guardarlo e riconobbe Sumàti.

— Santo vecchio, — diss'egli con voce spenta, — che avviene di noi?

— Mio dolce signore! — rispose amorevole e triste l'Indiano. — Scendono
innumeri schiere dai monti; già ci romoreggiano da tergo.

— E il fiume?

— Guadato!

— Ah! È dunque morto Vasdag. Povero amico! Povera terra d'Aiasdan!
Uccidimi, te ne prego, Sumàti! Toglimi ai miei rimorsi, al mio
disonore, finiscimi! —

Sospirò profondamente il vecchio Sumàti e chiuse gli occhi come per
raccogliersi nei suoi dolorosi pensieri. Anch'egli sentiva il rimorso,
che gli lacerava il profondo dell'anima.

In quel mentre s'avvicinavano a passi concitati, e feroci nell'aspetto,
i nemici.

— Rattenete le armi! — gridò Sumàti, poichè li ebbe veduti salir
minacciosi per l'erta. — È il re d'Armenia ferito. Oscuri soldati,
ardirete dar morte ad un re?

— Ah! — sciamarono giubilanti i guerrieri. — Il re d'Armenia! il re
prigioniero?

— Non si uccida, pel dio Nergal! non si uccida! — gridò il capitano,
accorrendo tra i primi, colla spada sguainata. — Arrendetevi, figli
d'Aìco, e giù l'armi, o tutti pagherete col vostro sangue ogni
scalfittura che tocchino i miei. —

Erano in piedi sul fianco del poggio, Sumàti, Bared, Sempad, e pochi
altri guerrieri aicàni. La resistenza sarebbe stata impossibile;
posarono le armi.

— Dobbiamo prenderlo vivo; — proseguiva il capitano, parlando a' suoi,
che s'erano fatti intorno al ferito. — La regina ha promesso un lauto
premio a chi le condurrà vivo il nemico. E siete voi, voi, uomini di
Birtu, la città bianca sul monte, i fortunati!

— Gloria a Birtu! — gridarono i soldati, levando in aria gli archi e le
spade. — Gloria al paese di Libnan, dove sorgono i cedri!

— Il vinto re farà bello il trionfo alla possente signora degli Accad;
— dicevano alcuni di essi. — Pagherà egli il fio di tante migliaia di
uomini che questa orrenda giornata ci costa.

— Che farà di lui la regina?

— Lo darà in pasto ai leoni.

— Lo farà configgere con chiovo di rame nel fronte alle porte della sua
reggia. —

Così semivivo, il re fu adagiato sull'erba. Sumàti, scioltogli
prestamente l'usbergo, gli veniva astergendo la ferita e con una
fascia, che s'era tolta dai fianchi, s'apparecchiava a stringere il
sommo del petto, perchè il sangue stagnasse.

Intanto Semiramide, discesa dal colle di Kerezmanc, affrettava il
cavallo lassù.

— Vivo! — gridarono i guerrieri di Birtu, muovendole incontro. —
Possente signora, egli è in nostre mani, il tuo crudele nemico. —

La regina, severa in volto, accigliata, come chi si sforza di
nascondere la tempesta dei contrari affetti che gli freme nel cuore,
comparve sul luogo, tra le grida e le acclamazioni delle sue schiere
affollate.

Sumàti torse le ciglia da lei ripugnandogli di vedere su quella fronte
la gioia dell'ottenuto trionfo. Ma vide in quella vece Bared, lo
scudiero, il fido di Ara, che gli stava tutto confuso e tremante da
lato.

— Ah, Bared! — susurrò nell'orecchio all'Armeno il vecchio della
Triade. — Tu lo vedi? Il tuo tradimento ha perduto l'Armenia; ha
perduto il suo re. —

Un singhiozzo venne a morir sulle fauci di Bared.

— E tu? — diss'egli di rimando.

— Io? — sclamò il vecchio. — Io non ero de' vostri, nè conoscevo quel
nobile cuore. Ma ora, mi assista l'Eterno, io salverò la sua vita.

— Che vuoi tu fare? Tradirci? — balbettò, impallidendo, l'Armeno.

Sumàti crollò alteramente le spalle e non gli rispose che una sola
parola: — codardo! —

La vittoria di Ajotzor era stata piena ed intiera. Saviamente scelto il
campo di battaglia dall'esercito aicàno; ma egli sarebbe bisognato, per
vincere, che il re d'Armenia avesse avuto più gente, per custodire la
sinistra riva del fiume e asserragliare le gole circostanti. Non erano
in quella vece che cento migliaia di valorosi; valorosi, sì certo,
dappoichè tutti giacevano sul campo. Povere donne di Aiasdan! esse non
doveano più rivedere gli amati.

Le perdite dei Babilonesi erano gravi; si potea noverarle ad occhi
veggenti. Duecento migliaia tra morti e feriti; la sacra miriade
distrutta; poche centinaia i superstiti.

Il vecchio della Triade s'era ingannato. Semiramide fu triste, assai
triste, quel giorno.



CAPITOLO XVIII.

Il Talismano.


Il dì seguente, che fu il settimo di Garmapada (così il costume dei
popoli medo-ariani; ma presso i Caldei era detto Tana, o mese del
fuoco), l'esercito babilonese entrava in Armavir.

Profondo squallore, silenzio di tomba, accolsero le schiere dei
vincitori nella capitale dell'Aiasdan. La maggior parte del popolo,
donne, vecchi e fanciulli (che d'uomini acconci alle armi già non
ve n'era pur uno) aveano presa la fuga all'avvicinarsi del nemico, e
sconsolati per la morte dei loro diletti, più sconsolati per l'eccidio
della patria, quali tementi le orrende vendette del vincitore, quali
rifuggenti dal solo pensiero di doverlo vedere orgoglioso ed insolente
padrone in mezzo alle vie della loro città, s'erano rifugiati sulle
montagne d'Urarti, chè tale avea nome presso gli Armeni la catena
dell'Ararat. Non rimanevano nella città che i decrepiti, gl'infermi, i
mendichi.

Colpita da quel doloroso aspetto della città principale, e volendo con
esempio di magnanimità chetare gli spiriti nell'altre provincie del
regno, Semiramide inviò pronti messaggieri ai fuggiaschi. Tornassero
senza timore, liberi nella loro tristezza. Bene ella sapeva non esser
tra loro uomini validi al maneggio delle armi; per altro, non voler
prigionieri, salvo i pochi fatti in battaglia. Bastarle la sua piena
vittoria, le spoglie e i tributi di guerra. Aggiungeva, non sarebbe
torto un capello ad alcuno; sè esser donna e voler rispettate le donne
dei vinti. Tornassero adunque: sacro alla gente degli Accad il dolore
di un popolo soccombente; Belo e tutti i sommi custodi di Babilonia
non esser gelosi del culto che alle loro deità avrebbero liberamente
seguitato a prestare gli Armeni.

Generose parole, a cui, ne' feroci tempi di allora, non erano
avvezzi per fermo gli abitanti delle soggiogate contrade. Insolite
erano; parvero soverchiamente umane, incredibili. Ma i messaggieri
della clemenza portavano in pegno di loro sincerità il suggello
di Semiramide; li accompagnavano alcuni superstiti di Ajotzor, che
giuravano di avere udite le sante promesse dal labbro medesimo della
possente regina. Credettero i derelitti, e a lenti passi, come chi sa
di non andare a lieto ritrovo, finalmente tornarono.

Intanto, alle città e provincie più lontane del regno, a Tarbazu, che
è sull'Eusino, a Sarda e Zihartu sui confini d'oriente, a Mildis e
a Masciag dove il sole s'asconde, erano spedite numerose coorti, per
levar tributi e recar provvigioni all'esercito. L'oro, le gemme, le
pelli preziose, i viveri, e quant'altro chiedeano i superbi, tutto fu
dato in silenzio, prontamente, con quella severa alterezza che sdegna
di piatire, o d'implorare condizioni più miti. A che contendere del più
o del meno cogli oppressori! Comunque fosse, non esisteva più Armenia.

Pure, la gran donna non meditava di soggettare la vinta contrada
all'impero. Più giusto sarebbe il dire che nessun concetto aveva ella
ancora in mente formato. S'era chiusa nella ròcca di Van, rupe foggiata
dalla natura a baluardo, sull'acque salse del lago, cosicchè poco aveva
dovuto aggiungervi l'arte degli uomini. E là rinchiusa, mostravasi a
pochi.

Il suo ferito nemico era in una camera appartata della ròcca è
vegliavano al suo letto indovini Caldei, esperti di farmachi e di erbe
salutari, i quali seguivano sempre l'esercito. Sumàti, essendo stato
fatto prigioniere insieme col re, aveva potuto seguirlo fin là. Bared,
mal sopportando l'aspetto dell'Indiano, e lacerato dal suo rimorso, era
andato a confondersi cogli altri prigionieri, spiando con animo intento
una occasione di fuga.

Egli non si sarebbe detto per fermo, al vedere l'aspetto desolato della
ròcca di Van, che fossero vincitori i suoi ospiti e giorni d'allegrezza
per le schiere babilonesi. Una nube di atra mestizia incombeva sul
luogo; triste e taciturna la regina; pensierosi, come fastiditi, i suoi
uffiziali.

Dicevasi nei sommessi parlari che il negro umore della regina derivasse
dalle gravissime perdite che avea toccate l'esercito. La distruzione
della sacra miriade, in particolar modo, e la morte di tanti prodi,
congiunti di sangue alla casa di Nemrod, erano invero cagione di
alto dolore non che per lei, per tutti i guerrieri di Kiprat Arbat,
veri sostegni dell'impero degli Accad e partecipi alla sua smisurata
fortuna. Tanto sangue sparso, e del migliore di Babilonia, non era
egli un argomento di profondo rammarico? ma come, altresì, e con
che inusitato rigore, non avrebbe fatto Semiramide le sue vendette e
quelle de' suoi nella progenie d'Aìco! Certo, quel cupo silenzio, il
lampo sinistro degli occhi regali, prometteano tempesta. Bene doveva
egli risanare, il vinto re degli Armeni, ma per abbellire, entro le
mura di Babilonia, il trionfo della possente regina e pagare il fio di
tante nobili vite mietute. Tale era il costume degli Accad. Mozzata la
lingua a chi aveva spergiurato la sua fede; tronche le mani che aveano
impugnate le armi della ribellione; cavati gli occhi, che più non
erano degni di vedere la luce di Belo; questa sì, questa era la sorte
dell'orgoglioso Aicàno.

Frattanto, egli giaceva nel suo letto di dolore. Stremato di forze e
non al tutto ritornato in sè medesimo, egli non aveva ancora aperte
le labbra a parlare. Hurki, il capo degli eunuchi regali, era quasi
sempre nella camera del ferito, e ad ogni tanto ascendeva alle stanze
della regina, per recarle notizie di lui. Ma erano tristi nuove, e
poco ancora l'una dall'altra dissimili. Era sfinito il garzone, pel
molto sangue perduto; gli ardeano le membra per febbre; il seno, tutto
intorno alla ferita, tumido sempre e infiammato. Cibo non voleva,
nè conforto; i farmachi apprestati dai Casdim a stento gli erano
ministrati, e non da altri fuorchè da quel suo vecchio fedele. Gli
atti, i moti incresciosi del volto, mostravano l'interno fastidio
d'ogni cosa e di sè; la vita che gli rimaneva, parea volesse comprimere
nel profondo, nella speranza di soffocarla e di sottrarsi al suo fato.

Ciò turbava sempre più la regina. A notte colma, tutta chiusa nel suo
manto bruno, scese furtivamente la scala interna, che metteva alla
camera dell'Armeno. Nessuno vigilava colà, tranne Hurki, che ravvisò la
sua signora e fu pronto a ritrarsi nelle stanze attigue, dove gli altri
si ristoravano con poche ore di sonno.

Un fioco lume rischiarava la camera, lasciando il letto del ferito in
una mite penombra. Ara mostrava il petto scoverto, ma una larga benda,
addoppiata intorno al torace, nascondeva la piaga.

La regina si avvicinò, dal lato dell'ombra, tirandosi sul volto i lembi
del velo. Colà, ritta daccanto alla proda del letticciuolo, stette
lungamente guardando. Il cuore le palpitava forte nel seno; gli occhi
mettevano lampi di sotto alle ciglia contratte; aspra battaglia di
pensieri le travagliava lo spirito.

Egli era là, il traditore, il leggiadro straniero, così facilmente
impadronitosi di lei nel sacro bosco di Militta, Ara il bello, il
benvenuto alla reggia, l'ospite inebriato, che celava la perfidia
nell'anima! Egli era là, il superbo dispregiatore, il primo che
l'avesse mortalmente offesa, lei, la signora del mondo! Egli era là
finalmente, il tributario ribelle, per cui tante migliaia di guerrieri
aveano incontrata la morte, il feroce, l'immemore, che aveva osato
tender l'arco e toglier di mira un cuore, già da lui con più crudele
arma ferito. Destro e audace a colpirla nel più intimo degli affetti,
non gli era bastato l'animo a squarciarle il seno in battaglia! Ella,
una donna, era stata più intrepida, più forte, più generosa di lui.
Però giusti gli Iddii ed ella vincitrice a buon dritto; egli là, vinto,
disonorato, morente forse!...

Si accostò al suo capezzale. Il ferito dormiva, d'un sonno greve,
affannoso. Allungò peritosamente la mano su lui. La fronte gli ardeva;
grosse stille di sudore bagnavano le tempie, rapprendevano i capegli.
Tremò tutta a quel tocco e ritrasse la mano.

— Ma che gli ho fatto io? — mormorò nell'angoscia del suo cuore.
— Perchè è egli fuggito? Perchè m'ha fatta vergognar di me stessa?
È orribile, orribile! E m'odia egli, dopo avermi sprezzata. Io ho
saziata la collera mia; non l'odio più; l'ho mai odiato? O Militta, o
protettrice, m'avrai tu condannata per sempre? E sia; ma io darei me
stessa, il mio regno, la mia fama nel mondo, tutto darei, per rattener
questa vita che gli sfugge dal seno. —

Così disse, piangente, perduta dell'animo, e tratta dalla piena del
dolore, cadde ginocchioni daccanto a lui, lo baciò d'un bacio sommesso,
ma intenso, ma lungo, bacio di donna amante che tutta all'amor suo si
concede.

— Risorgi, adorato, — esclamò, — ed odiami pure! —

I singhiozzi poteano tradirla, risvegliare il sopito. Si tolse
prontamente di là, e andò a ricadere dietro lo stipite dell'uscio per
cui era venuta. Si vergognava del suo pianto, la possente regina, la
sventuratissima donna. Pure, quelle erano le più nobili lagrime che
avesse mai versato creatura mortale.

Inginocchiata, colle palme tese, pregò.

— Anu, o soccorritore, tu che dai la costanza ed esaudisci le preci,
non allontanare il tuo sguardo da me. Bel, padre supremo, che tempri
lo scettro ai regnanti; Auv, guida e custode, signore del mondo;
Nisroc, che governi le unioni, signor dei misteri e re degli abissi
inesplorati, ascoltatemi. Sam, o reggitore del cielo e della terra,
tu, cui ho innalzato un tempio, facendolo splendido come il tuo
astro, coll'oro di cento popoli vinti; Adar, tu che sperdi ogni
resistenza; Nergal, che hai data a me la vittoria della spada; Nebo, o
sapientissimo, che leggi nei profondo dei cuori, come nell'immenso dei
cieli, nume pietoso, che risani e conforti; uditemi voi, soccorretemi,
per l'amore delle vostre spose immortali; date voi luce e forza al mio
spirito, risollevatemi voi, fate che quest'uomo non muoia; o uccidetemi
con lui! —

Confortata dalla preghiera e rasciugate le lagrime, tornò ancora la
misera donna al letto dell'amato, e lui baciò in fronte più volte.

Ma in quel punto, o fosse che la presenza di lei, avvertita nel sonno,
riscuotesse il ferito, o ch'egli altrimenti dolorasse per la medesima
acerbità della piaga, il supino mosse la testa sul guanciale e diede
un gemito fioco. Temè ella non si destasse d'improvviso e la vedesse in
quell'atto; però fu pronta a ritrarsi e, ravvoltosi il manto sul capo,
con un passo leggiero si involò dalla camera.

Quella visita l'aveva spossata. Il sonno discese sulle sue palpebre; ma
fu sonno affannoso, febbrile, turbato da dolorose visioni.

Sognò che l'uomo diletto era presso a morire, e che a lei sola era
dato di camparlo da morte. Ma come? Facendo sua la sorte del giovine,
partecipando alla sventura di lui. Ara aveva perduto il suo regno;
anche ella dovea perdere il suo.

La regina possedeva una negra gemma, con caratteri incisi, d'una lingua
sconosciuta, intorno ai quali il più dotto dei Casdim aveva affaticati
vanamente gli occhi e l'ingegno. Quella piccola pietra, tonda, levigata
ed opaca, era dono della sacerdotessa di Derceto, in Ascalona; di
quella severa e malinconica sacerdotessa che l'aveva educata presso
di sè, ed amata a guisa di figlia, lei oscura bambina, raccolta sui
gradini del tempio. Per anni ed anni, la ignara fanciulla aveva creduto
che quella donna fosse sua madre; ma un giorno le avevano detto che ciò
non era; che, giovanissima ancora, Astarte era stata consacrata agli
altari e di madre non aveva per lei che l'affetto.

Ora il dì che Semiram, fatta sposa a Mènnone, usciva dal tempio di
Derceto, la mesta sacerdotessa l'aveva chiamata a sè, e dopo averla
lungamente stretta al suo seno e bagnata delle sue lagrime, così s'era
fatta a parlarle togliendosi quella negra gemma dal collo:

— Arcani caratteri sono incisi su questa pietra, o figliuola, e d'alta
virtù l'hanno dotata gli Dei. Essa custodisce dai pericoli ed esalta
chi la possiede. Io non l'ebbi che tardi! Ma non mi esalta, non mi
giova ella forse, poichè tu l'avrai nell'uscire di qui, e la sentenza
della tua vita non è ancora impressa nelle tavole del destino? In
te io rivivo, o Semiram; in te, che io amai, come se tu fossi carne
della mia carne e sangue del mio sangue. Tu abbila cara, custodiscila
gelosamente; essa ti recherà ventura in ogni cosa che imprenderai;
donna d'umile stato, ti renderà felice nelle pareti domestiche; salita
ad alte fortune, ti guarderà dai rovesci, ti conserverà ciò che avrai
per essa acquistato. —

Nè la promessa era stata fallace. Non lieta ne' suoi affetti,
Semiramide avea pure ottenuto quanto a creatura mortale è dato di
conseguire, nella prosperità delle imprese e nella altezza del grado.
Il talismano si chiariva acconcio alle grandi ambizioni. E ad esso
ascriveva la regina il suo continuo inoltrarsi di trionfo in trionfo,
la felice intrapresa di Bakdi, il diadema regale, la gloria, i popoli
vinti o raccolti sotto il suo scettro potente. Tutto, come signora di
genti, erale andato a seconda; quel talismano l'aveva preservata nei
pericoli, esaltata nelle prosperità, sottratta quasi alla legge delle
umane vicende.

Però, in ogni impresa a cui s'accingesse, soleva la regina portare la
negra gemma sospesa al collo, incastonata nel mezzo ad un monile di
perle. E quel talismano le venne mostrato dal sogno. — Gittalo in mare!
— le bisbigliava una voce arcana. — Tornino le perle alle conchiglie
natali; torni la pietra a confondersi coi negri sassolini del fondo. Tu
pure tornerai donna in tutto simile all'altre. Forse la sorte, che ti
fece avventurosa sul trono, si muterà; ma per fermo avrai fatto felice
il tuo cuore. Essere ogni cosa non è dato ai mortali; o il regno, o il
tuo diletto; o la possanza o l'amore. —

Ed ella non esitava pure un istante. Toltosi il monile dal collo, con
pronta mano lo gittava nei flutti. Con quelle perle s'inabissava ne'
gorghi la sua fortuna ed ella, sereno il ciglio, l'avea veduta perire.

Ecco, ad un tratto, tremava sui cardini, si sfasciava il suo fortissimo
impero. — Regina, — diceva un nunzio, accorrendo ansioso con occhi
smarriti, — il re di Mesraim vien meno alla fede giurata e aduna le sue
schiere contro di te. — Regina, — soggiungeva un secondo, ancora lordo
di sudore e di polvere, — i popoli del lontano occidente hanno occupate
le tue isole, distrutte le tue colonie; già scendono alle spiaggie di
Martu, donde finora imperasti felice sui mari. — Regina, il tuo regno
è caduto; — gridava un terzo piangendo; — I Medi e i Persi, ribellati,
calano dalle montagne; il tuo popolo, il tuo popolo fedele, si è
collegato coll'inimico e gli ha dischiuso le porte. —

Frattanto, negli oscuri penetrali del suo pensiero, un'ombra cresceva,
si condensava, assumeva umane parvenze. Avea volto a lei noto quel
sinistro fantasma; eppure in quella negra barba, in quella fronte
spaziosa, in quegli occhi profondi, ella non sapea più discernere
il ricordato sembiante. Ma poco lunge, seduto sul trono di Nemrod,
il figliuol suo, l'amato suo Ninia, regnava, e una gran luce di
contentezza era diffusa sul volto adolescente; ma Ara, il diletto del
cuor suo, non posava già più sul triste giaciglio; ma una rosea nube
li accoglieva ambedue, li alzava da terra, li portava con soavissimo
impulso per le vie dello spazio. Candide colombe, volate infino a loro
dal recinto sacro a Militta, guidavano la rosea conca perlata, su cui
riposavano essi, l'uno nelle braccia dell'altro.

— Oh, quanto io t'amo! — le susurrava egli, baciandole il viso e colle
dita errabonde accarezzando le sue morbide chiome. — Odiai la regina,
ma amo, ho sempre amata la donna. Atossa, mia divina Atossa, perdonami;
sorridimi, o diletta; io son tuo. —

Un senso d'inusitata dolcezza le corse per tutte le fibre, a quelle
soavi parole. Ella era felice, intensamente felice, com'era stata
un'ora sola in sua vita.

Si svegliò in quel mezzo, e per le ciglia semichiuse le apparvero i
primi chiarori dell'alba, che tingeano d'azzurro le nevose vette di
Urarti. Ahimè! la povera Semiram, dal vaporoso reame dei sogni, faceva
ritorno alle orride asprezze della vita. Ma ancora nell'aria le parea
di sentire la fragranza ineffabile di quel bacio, e un ultimo soffio di
quella voce carezzevole che le ripeteva: Atossa, io ti amo; son tuo.

Sorse dal letto e fe' chiamare alla sua presenza il capo dei Casdim.
L'indovino fu pronto a comparirle dinanzi.

— Possente regina, vivi in perpetuo. Che posso io fare, che ti sia
grato?

— Il re d'Armenia?... — dimandò ella con ansia.

— Riposa. La sua notte fu calma, più ch'io non credessi. Siamo oggi al
punto fatale....

— E speri? — incalzò Semiramide, figgendo gli occhi suoi scrutatori in
quelli del Casdim.

— Negli Dei è ogni nostra fidanza; — rispose egli, chinando la fronte.
— Ho sognato poc'anzi che essi lo serbavano in vita, perchè tu avessi
liberamente a disporne, o regina.

Semiramide lo guardò stupefatta.

— Hai sognato! — esclamò. — E credi nei sogni?

— Sono gli Dei che li mandano; — disse, con accento di sicurezza
l'indovino; — però sta scritto: «Dai sogni infausti, o re del cielo,
difendici; o re della terra, difendici!» A noi recano le notturne
visioni gli spiriti, che si muovono per voler degli Dei nel profondo
de' cieli e della terra; a noi le recano, perchè in esse leggiamo gli
eccelsi avvertimenti. Non ci consente la vita della carne di sollevarci
agli Dei; soltanto nella notte, quando l'anima s'è disgiunta dal corpo,
ci è dato di comunicare con essi.

— Eccelsi avvertimenti! — ripetè Semiramide. — Sta bene; io li ho per
tali, e obbedisco. —

S'avvicinò, così dicendo, a uno stipo che contenea le sue gemme; ne
tolse il monile di perle, contemplò il talismano, lo baciò e si mosse
verso il verone, che dava sulle acque.

Il Casdim la guardava attonito e tremante. Imperocchè egli non
intendeva perchè lo avesse fatto chiamare la regina a quell'ora, nè
perchè, dopo le strane domande, avesse cavato fuor dallo stipo il suo
monile di perle.

— Dimmi ancora: — ripigliò Semiramide, volgendosi a lui, dal vano della
finestra, ove si era recata; — non è egli vero ciò che ho sempre udito
dai savi, che l'acque di questo lago son salse?

— Sì, mia signora; epperò questa gente lo chiama il mare di Van. Fu
un tempo che quest'ampio lago e i mari lontani eran tutti una sola
mistura.

— Al mare, dunque, al mare! — proruppe la regina senza ascoltarlo più
oltre.

E gittò incontanente il talismano nel vuoto. Volò in aria il monile,
e tratto dal suo peso andò veloce al basso, diè un tuffo nelle onde
azzurre e disparve.

Ora le perle di Semiramide erano note al popolo delle quattro
favelle, per l'arcana virtù attribuita a quella pietra nera che vi era
incastonata nel mezzo.

— Che fai, regina? — gridò esterrefatto il Casdim. — Quel talismano che
ti ha sempre custodita, che ha sempre esaltato il tuo regno....

— È là nei gorghi profondi; — interruppe la regina con fervido accento.
— Non m'hai tu detto, o saggio indovino, che egli s'ha da credere
ai sogni? Un sogno m'ha ingiunto di gittarlo nel mare. L'eccelso
avvertimento è stato seguito da me. Vanne, ora, e se vorrai dire: «son
cadute le perle di Semiramide in mare,» aggiungi che esse tornarono là
dond'erano uscite, e nessuno potrebbe oramai discernere il luogo.

— Io tacerò, possente regina; — balbettò l'indovino, chinando la fronte
e le spalle in atto umilissimo. — Te certo inspirano gli Dei; ma il
volgo non dee sapere ogni cosa; chè potrebbe cavarne presagi funesti e
intiepidir nella fede.

— Va dunque, ritorna al re d'Armenia. Vivo lo voglio! — aggiunse ella,
con tale intensità di desiderio che parve furore e trasse in inganno la
mente del Casdim. — Semiramide è grata a chi interpreta i suoi voleri e
secondo l'opera sua. Chiedi ciò che vorrai, se egli è salvo da morte.

— Possente signora, — rispose il Casdim, — l'uomo farà quanto è in
poter suo. Ministrerà i farmachi salutari e implorerà con fervide
preci il soccorso di Nebo. Se cessa quell'ardore ond'è tutto invaso
il ferito, se egli riapre gli occhi alla luce e dal suo parlare si fa
manifesto che nessuna parte del cavo petto fu lacerata dallo strale de'
tuoi, scioglierò un cantico di lode agli Eterni, imperocchè egli sarà
risanato. Ora io vado obbediente al tuo cenno, o regina. Unico premio
alle mie fatiche, desidero sia prospero sempre e avventuroso il tuo
regno. —

Partì, ciò detto, meditando in cuor suo, ma non intendendo per fermo,
che significasse quella furia improvvisa della regina, e lo aver essa
gittato il suo talismano nelle acque. Bene avrebbe voluto sapere del
sogno; ma oltre che non era costume d'interrogare i monarchi, egli
giustamente pensava che in quel momento la sua curiosità avrebbe potuto
tornargli dannosa. L'essere Casdim non bastava ancora a salvare un uomo
dai flagelli e dai chiovi del patibolo. Superstiziosi, ma feroci, erano
i re della stirpe di Nemrod; temevano a volte gli Dei, ma non pativano
libere parole dai sacerdoti. Soltanto dopo che il popolo delle quattro
favelle, e tutti con esso i figli di Assur, ebbero sperimentata la
tirannide forastiera, e una seconda dinastia nazionale fu innalzata
dai Casdim, questi sacerdoti, indovini, osservatori degli astri,
diventarono una setta potente e temuta, che fu la gloria da prima, indi
la rovina del più nobile tra gli antichissimi imperi.

Uscito il Casdim, la regina rimase a lungo assorta ne' suoi turbinosi
pensieri. Quel giorno, quell'ora, decidevano della sua sorte; da quella
di Ara, la sua vita pendeva. Nè già più si ricordava del regno; il
talismano gittato non le tornava alla mente, in quel punto, che come
argomento di dubbio. Può ella chiudersi (diceva) in una vil pietra,
questa favoleggiata virtù che incateni gli eventi e governi a sua posta
il futuro?

Un rumore di passi la scosse. Era Hurki, il fido guardiano, che
compariva sul limitare.

— Orbene? — gridò ella, balzando in piedi, e della mano comprimendosi
il petto, quasi volesse impedire al suo cuore di battere.

— Signora, — disse Hurki, — i Casdim ti stanno mallevadori della vita
del re d'Armenia. Egli è salvo.

— Ah! salvo! ripetilo!

— Sì; ogni timore è svanito, — ripigliò il capo degli eunuchi; —
l'ardor delle membra è cessato; il re d'Armenia ha aperti gli occhi
ed ha ringraziato di lor cure pietose gli astanti, sebbene egli ha
soggiunto, avrebbe meglio amato non risvegliarsi più mai. —

La fronte di Semiramide si ottenebrò, a quelle amare parole, e un
freddo acuto le corse per tutte le fibre. Ma da lunga pezza oramai
ella era temprata al dolore, e, passato quel primo istante d'angoscia,
ricuperò l'impero di sè medesima.

— Sta bene; — diss'ella crollando alteramente la testa; — egli è
salvo; amerà ancora la vita. Ma dimmi; come è egli avvenuto che in quel
momento, dopo tante dubbiezze dei Casdim....

— Regina, neppur essi lo sanno, e vedono in ciò un prodigio dei
Numi. —

Semiramide non aggiunse altre dimande. Il suo voto era stato esaudito.

— O Astarte, madre mia, perdonami! — mormorò ella tra sè. — Ho gittato
il tuo dono; ma egli è salvo, il crudele! Non avresti tu fatto il
medesimo, se l'ignoto re del tuo cuore avesse aspettato da te la vita,
o la morte? —

Si volse allora per congedare il servo fedele. Ma in quel mezzo uno
scriba dell'esercito chiedeva licenza di entrare al cospetto della
regina. Fu subitamente introdotto.

— Possente signora, — disse lo scriba prostrandosi a terra, — il novero
dei prigioni, giusta il tuo comandamento, fu fatto. Tra i pochi che
furono colti insieme col re d'Armenia, uno ve n'ha che disertò le tue
schiere dal campo di Assur. Egli è un Indiano, e l'hanno riconosciuto
parecchi; nè egli, or ora interrogato, lo nega.

— Faleg conosce i miei voleri; — disse brevemente la regina; — tratti
in servitù i prigionieri aicàni; a morte i disertori.

— Egli è l'unico disertore, e innanzi di soggiacere alla sua pena,
chiede di esser condotto a te. Qual fede meriti il suo dire, non so; ma
egli giura di possedere alti segreti e di non poterli svelare che alla
regina degli Accad. —

Il cuore le si strinse a quell'annunzio dello scriba. Sinistro
presagio! Il getto del talismano portava già forse le sue conseguenze
fatali?

Stette così per pochi istanti silenziosa, pensando, chiedendo a sè
stessa che mai volesse dirle quell'uomo. Forse era un codardo, che
non sapeva morire, e mendicava un pretesto per prolungar la sua vita.
Ma no! Disertore, colto coll'armi in pugno, al fianco di Ara, forse
diceva il vero, alti segreti chiudeva in cuor suo. Ma quali, che non
risguardassero il re d'Armenia, fors'anco la sua fuga da Babilonia e
gli alteri dinieghi che lo avevano condotto, lui e il suo regno, a così
misera fine?

— Venga, — esclamò la regina: — lo aspetto. —



CAPITOLO XIX.

Gli arcani della triade.


Poco stante, condotto dallo scriba, entrò nella camera della regina il
vecchio Sumàti, stretto i polsi dietro alle terga da catene di ferro.
Chinò egli il capo davanti a Semiramide; indi rimase immobile, in
attesa d'essere interrogato da lei, triste, ma fermo, nell'abbronzato
sembiante.

— Chi sei tu? — dimandò la regina, a cui quel volto non ricordava nulla
di noto.

— Un indiano; — rispose il prigione. — Mi chiamo Sumàti. Discepolo
di Manù, ho consumata la mia giovinezza sui Veda, santissime pagine
dettate da lui per la salvezza degli uomini.

— Com'eri tu nelle mie schiere?

— Fui fatto prigione sull'Indo, mentre io davo alla patria mia, al buon
re Staprobate, l'aiuto che per me si poteva, il mio braccio e quello
dell'unico figliuol mio, contro le tue armi invaditrici. Vissi un
anno in Babilonia; da ultimo, intimata da te la guerra agli Armeni, mi
giovai della presenza de' miei fratelli di patria nel tuo numerosissimo
esercito; viaggiai coi custodi degli elefanti, e giunto con esso loro
fino al campo di Assur.

— E di là, perchè hai tu disertato, riparando in mezzo ai nemici?

— È il mio segreto; — rispose gravemente Sumàti; — ed io tel dirò. Ma
tu mi giurerai, innanzi tutto, o regina, che il re d'Armenia avrà salva
la vita. Tristi voci corrono nel tuo campo; — continuò il vecchio,
senza por mente agli atti di Semiramide, cui tanto ardimento aveva
compresa di stupore e di sdegno; — si dice che tu pensi farlo morire
di crudelissima morte e che per ciò solo i tuoi Casdim si travagliano a
risanarlo della sua grave ferita.... —

Semiramide si contenne a stento.

— E se tal fosse l'animo mio? — domandò ella con piglio superbo.

— Faresti orribile cosa, — disse a lui di rimando Sumàti, — e a te
di danno certissimo; imperocchè io tacerei, io, tuo prigioniero e
condannato a morte, che pure, per capriccio della fortuna, ho la tua
vita nel pugno.

— Ah, credi! — replicò la regina, con aria di sommo disprezzo. — Io
frattanto ho la tua e vo' darla ai tormenti.

— Io medesimo te la offersi; — ripigliò tranquillamente Sumàti, —
chiedine al tuo Faleg, ed egli ti dirà ch'io mi son posto in sua mano.
I tormenti non fanno paura ai seguaci di Brama; uscir di vita non mi
duole per fermo. Fin dal momento che non v'ebbe più speranza per l'armi
aicàne, avrei potuto darmi la morte; nol feci, perchè anzitutto mi
premeva la salvezza del re. E certo, se la tua collera non si fa ella a
colpirlo, io l'ho salvato, stamane....

— Tu? in qual modo?

— Io, sì! Ho qui meco un'ampolla; ma le mie mani non possono cavarla
fuori dal seno, impedite come sono di ferri... —

Hurki, ad un cenno della regina, si avvicinò al prigioniero, e
frugatolo, gli tolse dalla cintura un'ampolla, dal cui seno traspariva
un umore verdognolo, e la recò a Semiramide.

— In quell'ampolla, — proseguì Sumàti, — è un liquore possente,
stillato da piante arcane della mia terra. Una metà di questo liquore
basterebbe a dare la morte; lenta morte e soave, ma certa. Una goccia
sola, stemperata nell'acqua, rinfranca, ravviva gli spiriti languenti.
Così ho io richiamato nelle vene del re la vita che sembrava fuggirgli;
e credano pure i tuoi Casdim ad un prodigio del cielo, o alla efficacia
dei farmachi loro. Ieri appena e stamane, mi fu dato di rimanere solo
un istante con lui, per ministrargli la portentosa bevanda. Ora egli
è fuor di pericolo, ed eccomi a te, o regina degli Accad, per espiare
i miei falli, narrarti il passato e il futuro, senz'altro compenso per
me, tranne questo: la vita e la libertà di quell'uomo.

— Il futuro? E il passato, hai detto? — sclamò la regina, guardandolo
fiso negli occhi, come volesse penetrargli nell'animo.

Il prigioniero le rispose con un ripetuto cenno del capo, che voleva
dire: l'una cosa e l'altra saprai.

Tosto la regina si volse allo scriba e di un gesto lo accommiatò. —
Hurki, — diss'ella poscia al capo degli eunuchi, — esci sull'atrio ed
attendi. —

Rimasero soli nella camera, ella e Sumàti.

— Parla! — gridò Semiramide allora, muovendosi ansiosa verso di lui.
— Per gli Dei che il popolo delle quattro favelle ama ed onora; per
l'acqua dell'Oceano, donde emerse Oanne, il pesce dio, ad insegnare la
sapienza ai mortali; per tutto ciò che splende nello spazio azzurro;
pei sacri elementi delle cose create; per gli spiriti eccelsi, che
presiedono alle stagioni; pei divini serpenti; che più? pel capo di
Ninia, lo giuro; il re d'Armenia vivrà, nè gli sarà torto un capello.
Se io fossi così malvagia donna da venir meno al mio giuramento, Anu,
il regnatore de' cieli, non sorregga più il fianco della mia regia
autorità; non m'illumini più la mente inferma il veggente occhio di
Nebo; Militta Zarpanit non ascolti più le mie preci. Ecco, io pongo la
mia mano su te, in pegno della mia fede; ma parla, in nome del tuo Dio,
dimmi tutto quello che sai.

— Grazie, regina! — rispose prontamente Sumàti. — Ora il mio supplizio
incomincia; e il tuo, povera donna, non sarà meno acerbo, pur troppo!
Odimi; tu sei tradita. Tu vivi sicura, trionfi in Armavir, e Babilonia
da sette giorni s'è ribellata, già maledice il tuo regno.

— Ah, per gli Dei! — proruppe Semiramide accesa in volto di sdegno. —
La tua lingua ha mentito.

— Tu non avevi ancora levate le tende dal piano di Assur, quando
scoppiò la rivolta: — proseguì umilmente quell'altro. — Non hai tu
veduto, per gli alti silenzi della notte, i fuochi che ardeano sui
colli, da Assur fino al paese di Nahiri? Per lungo ordine seguivano
essi, fino alle alture di Sippara. L'un dopo l'altro accesi, essi
davano a me il rapido annunzio, che forse ti giungerà fra alcuni giorni
pe' tuoi corrieri; se pure ei non saranno arrestati per via. In tal
guisa avvertito, uscii dal tuo campo, corsi alle tende aicàne....

— Ma tu? — interruppe la regina, balzando indietro per alta meraviglia
e terrore, mentre venìa guatandolo con occhi smarriti. — Chi sei tu, a
cui giungono per tal via, e premono tanto, così gravi novelle?

— Io te l'ho detto, o regina; un Indiano, un vecchio interprete dei
santissimi Veda. Non hai tu tentato, o Semiramide, di sottomettere la
diletta mia terra, di spingere il tuo cocchio regale fino entro le mura
della sacra Ayodìa e di assoggettare i nostri Dei a quelli della stirpe
di Cus? Dominare su quante son terre dalle isole del mar occidente
infino alle inesplorate rive del Gange, far tuo il mondo, gittarlo
in pascolo ai desiderii immani del popolo delle quattro favelle, era
questo il tuo sogno. Orbene, mostruoso era il disegno, e bisognava
sgominarlo, anzi che tutti imprigionasse nelle insidiose sue fila. Tre
uomini si congiurarono contro di te; tre uomini soli, ma ognuno d'essi
era legione, era popolo, moltitudine immensa. Uno di questi tre uomini
t'è innanzi, umile e dappoco per sè, ma grande, ma forte, per ciò che
egli metteva in moto, a tuo danno, i sospetti, gli sdegni e le vendette
dell'India. Contro di te sorse un altro, Manete, della nazione di
Mesraim, che la tua potenza minacciava, e che già i figli del deserto,
obbedienti al tuo cenno, hanno tentato d'invadere. E venne un giorno
che questi due collegati s'abbatterono in un odio, più feroce a gran
pezza e più profondo del loro, rinvigorito da tutte le sorde collere
che il rancore, la gelosia, l'amaro struggimento dei patiti dispregi,
possono addensare nel cuore d'un uomo. Si congiunsero a lui; la Triade
era formata; avea un braccio possente e sicuro, per ferire i suoi
colpi.

— Quest'odio avrà un nome! — ruggì Semiramide. — Il suo nome io ti
chiedo.

— E il cuore non te l'ha egli mai detto, o regina? Quel senso delicato
che soccorre alla più debole ed alla più leggiadra delle creature
di Brama, non t'ha egli avvertito che chiudevi nella tua reggia un
serpente? Sei donna, ed ignori che amore negletto si cangia in odio
mortale, siccome inacidisce, se obliato in disparte, il soave liquor
della palma?

— Zerduste! — esclamò la regina, a cui un lampo di tarda luce balenò
nella mente. — Ma potevo io darmi pensiero dell'amor suo? Chi può
avvedersi di ciò che non cura? Ero io donna così volgare, da gittare il
mio tempo in questi vani compiacimenti del mio sesso? Di donna ebbi il
corpo, non l'anima. Zerduste, adunque? Zerduste ha nome quest'odio?

— Sì, — ripigliò Sumàti, — Zerduste, al quale incauta commettevi
l'adolescenza di Ninia. Povera madre! Egli ha foggiata a suo talento
la molle cera, e tuo figlio non t'ama più, nè ti teme; tuo figlio è
ribelle. —

Qui trattenne Sumàti il suo dire, poichè la regina non avrebbe
potuto udirlo più oltre. A quelle parole: «tuo figlio è ribelle,» che
compendiavano per lei tutto il lento e coperto lavorìo del nemico,
Semiramide avea dato un grido, grido di fiera che torna al covo e più
non vede i suoi nati, e si era abbandonata, singhiozzando, contro la
spalliera del suo trono, a cui le mancava la forza di ascendere. Si
riebbe finalmente, e quando volse la faccia a Sumàti, già non era più
quella.

— Il cuor della madre ha toccata una acerba ferita; — diss'ella
gravemente, poichè si fu posta a sedere sull'alto suo scanno. — Ti udrò
ora con calma; prosegui! —

L'Indiano s'inchinò davanti a quella semplicità maestosa.

— Ti obbedisco, — soggiunse. — Tu scenderai, com'io penso, a Babilonia,
e troverai chiuse le porte della tua grande città. Questa rivolta
indugiò lo scoppio fino a tanto che tu non avessi condotto lungi
dal Sennaar e impegnato in una guerra pericolosa tra i monti il tuo
fortissimo esercito. Ad assicurarne l'esito, era mestieri che qui ti
fosse ritardato il trionfo, e fu stabilito perciò di avvisare l'Armeno,
le cui lentezze e i destreggiamenti, agevoli in queste gole, avrebbero
procacciato la nostra vittoria e la sua. Io stesso mi proffersi
messaggiero, e venni nel tuo campo ad aspettarvi il segnale, per
andarne dal re. Animo generoso, respinse egli il consiglio. Regnerebbe
ancora se lo avesse ascoltato, e te, o regina, intenta a dargli caccia
faticosa per queste montagne, l'annuncio della rivolta e della perdita
del tuo regno, avrebbe fatto ristar dall'impresa

— Lo credi? — tuonò la regina, con sarcastico piglio. — Ai vicini
prima, ai lontani più tardi, e Semiramide avrà tempo per tutti. Ma
dimmi, piuttosto; per quali vie si è impadronito colui della mente di
Ninia?

— Del cuore anzitutto; — notò prontamente Sumàti. — Il cuore di Ninia
si era da breve tempo dischiuso all'amore, e già questa vampa era fatta
un incendio. È sangue di Nino, e fortemente vuole tutto ciò ch'egli
vuole. Ma la bellissima giovinetta che l'aveva infiammato, di repente
morì, e tu già indovinerai di qual morte. Ella risusciterà nel tempio
di Belo, quando per placare gli Dei, corrucciati contro l'Armena....

— L'Armena! — esclamò Semiramide.

— Sì! così chiama Zerduste la donna che, per castigare un fuggitivo
tributario, mette a rovina l'impero. Egli ciò dice, non io. Or dunque,
ella risusciterà, la fanciulla di Ninia, nel tempio di Belo, quando,
per placare gli Dei corrucciati, il giovinetto, ribelle a sua madre,
abbia cinto corona di re; morrà tosto, se egli la depone; così hanno
decretato gli Dei.

— Orribile! orribile! Ma egli, l'astuto malveggente, morrà! E morrai
tu, suo complice infame; tra i più feroci tormenti, morrai!

— Non li temo! — disse a lei di rimando Sumàti. — Mi sono dannato a
morte io medesimo; che puoi tu farmi di peggio? Ben più feroci, più
acerbi, ne infligge a questo mio cuore il rimorso. Ma io ho la tua
fede, o Semiramide! Tu non incrudelirai nel sangue innocente, e il
vecchio Sumàti morrà forse perdonato del turpe inganno, in cui cadde
il più prode, il più nobile, il più generoso degli uomini. Tutto ancora
non ti è noto, o regina.

— Ah! — gridò Semiramide, alla cui mente si affacciava un atroce
sospetto. — E che altro rimane, per cui debba velarsi il casto raggio
di Sin? Parla, o vecchio; dovessi io pure concederti, per tua maggiore
vergogna, la vita! Non mi nasconder nulla, sai? Son grande ancora e
possente per te; ogni parola che tu dirai ti frutterà un tesoro, se
io mi appongo al vero, se il mio cuore presago ha indovinato di che ti
resta a parlare.

— Sì; — disse il vecchio, a cui tanta veemenza d'affetto inaspriva
i rimorsi nell'anima, — sì, o regina, il tuo cuore ha precorso la
mia confessione. Ella sarà piena ed intera. Ma tu non mi darai in
premio tesori nè mi farai grazia altrimenti della vita. Non mi dire
il contrario! Alla mia età, gli occhi della mente vedono lunge, assai
lunge, e il pensiero, ammaestrato dalla triste esperienza, non si
pasce di vane speranze. Ma ecco, io ti ragiono di me, laddove di un
altro mi chiede, di un altro, quell'ansia mortale che ti scolora la
faccia. Sì, sventurata! Un giovine di regio sangue, di cuor generoso e
di sovrumana bellezza, era venuto alle mura di Babilu. La Triade, che
spiava ogni passo, ogni moto d'una donna tanto odiata quant'era bella
e possente, lo incontrò sulla sua via, lo circuì, lo strinse, insieme
con quella donna, ne' suoi lacci invisibili. Ella si credeva sicura
laggiù, ignota ad ogni altro, siccome a lui; ma orecchi tesi e sguardi
acuti vigilavano nelle tenebre. Ella per fermo non s'attendeva agli
ingiuriosi sospetti ond'egli flagellava la sua dignità mentre implorava
l'amor suo e le giurava eterna costanza; nemmeno pensava colei che
il dubbio sarebbe da altri sfruttato, e l'amore suo prepotente fatto
arma terribile contro di lei. Nostro il garzone, ella era nostra del
pari. Fu compro coll'oro, vinto, ammaliato dalle lusinghe d'una facil
bellezza, il più fedele, il più caro de' suoi compagni, e quanto
occorreva ad ordire il più nero degli inganni, si seppe. È orribile,
tu dici? A noi parve giustissima guerra, e tale forse mi parrebbe
ancor oggi, se oggi io non amassi quell'uomo, quel fidente eroe, che,
uscito a mala pena dalle ebbrezze d'un regio convito, fu dalla voce
d'un estinto chiamato a profondi misteri nelle viscere della terra. La
Triade sapeva evocare le ombre dei trapassati.

— Evocar l'ombre!... — ripetè Semiramide, con ironico accento.

— Credi almeno, — ripigliò il prigioniero, — ch'ella sapesse mentirne
l'aspetto e la voce. Chiamato da magiche cifre, scese il garzone per
una segreta apertura, dischiusa nella sua camera.... La camera dei
leoni alati, o regina! Essa era delle antiche e più care ai re di
Babilonia, innanzi che la tua magnificenza, allargando la reggia, vi
edificasse una più sontuosa dimora. Il tuo gran maggiordomo, ora al
fianco di Ninia, ne conosceva i segreti. Egli assegnò quella camera al
biondo ospite Armeno; nè fu opera del caso, o innocente consiglio.

— Prosegui! — incalzò la regina. — E laggiù, nei sotterraneo?...

— Parlò, o credette parlar coll'estinto. I suoi felici amori con quella
donna; indi il cuore mutato di lei, da ultimo la barbara morte in un
abisso dischiuso a' suoi piedi, tutto narrò partitamente il fantasma,
e fu facilmente creduto. Possono i morti mentire? E quello era Sandi,
il suo Sandi, l'amico della sua fanciullezza, non ombra vana, creata
dal sogno. Se egli ancora avesse potuto dubitarne, le livide labbra
del morto, che si posarono sulla sua fronte, avrebbero dissipato quel
dubbio. E credette, l'incauto, e giurò; giurò che sarebbe fuggito da
quella donna, non l'avrebbe veduta più mai, avrebbe patito la morte,
anzi che un altro bacio dell'impudica, che allettava e uccideva gli
amanti. Sopito da filtri, come da filtri era stato indotto in ebbrezza,
affinchè i suoi sensi medesimi aiutassero dove più manchevoli appariano
gl'inganni, fu trasportato per la via sotterranea (da te scavata,
o regina) al suo alloggiamento di Nivitti Bel. Colà, per sollecita
cura del servo infedele, erano già sellati i cavalli e i cavalieri in
arcione.

— Ah scelleraggine inaudita! Il negro abisso v'ha rigettati, o malvagi?
Gli spiriti delle tenebre si vergognarono dunque di voi? Anima incauta,
che hai fede nel bene, che il male ignori, o disprezzi, che solo metti
ad eccelse cose tua mira, ecco, ciò si trama intorno a te nel silenzio;
il livido serpe striscia nel buio a' tuoi piedi, ti schizza la sua
immonda bava sulle candide vesti. E non avvedermi dell'insidia! E non
sentirmi alle nari il lezzo della vostra presenza! Ah, tu l'hai detto,
o vecchio; il tuo pensiero non può nutrirsi oramai di vane speranze;
di mille morti sei degno. E senti rimorso, tu? Merita il tuo spirito
impuro questa rugiada de' cieli? —

Così parlò Semiramide, sopraffatta dall'ira, e fiamme le usciano dagli
occhi.

— Io t'odiavo: — le rispose freddamente Sumàti; — nè t'amo oggi, nè,
pure volendo, il potrei. La tua grandezza, o regina, è minaccia perenne
alla libertà del mio popolo, il più antico, il più illustre che sia
comparso mai sulla terra. Nemici siamo; tu forte troppo; noi deboli.
Alla forza risponda dunque l'astuzia. Ogni arma è buona, purchè ferisca
il nemico. Di che ti lagni, tu, cui la fortuna concesse le parti del
leone? Noi dunque i serpenti, e nelle nostre spire morrà soffocata
la progenie di Cus. Ella deve sparire dal mondo, questa orgogliosa
schiatta di feroci Titani. Saranno i Medi dapprima; sian pure più
tardi gli Assura, i Persi, e quanti altri, soverchiato l'antecessore,
s'argomenteranno di esercitare l'impero a lor volta; essi tutti
cadranno e la tua Babilonia dovrà tutti inghiottirli. Io non ho mai
letto così chiaramente nelle tavole del futuro, come in questo momento.
Son sacro alla morte e mi attende l'altissimo oblìo, la confusione
dello spirito nella increata sostanza di Brama. Accolga egli il mio
rimorso; imperocchè, io lo confesso, l'opera mia sorpassò la misura,
ferì a morte il più nobile cuore. Io lo vidi, quel generoso, là,
solo, perduto nell'orrore infinito de' tuoi sotterranei, tra ignoti
pericoli, formidabili apparizioni, bagliori sinistri e voci di morte,
imperterrito, sereno ed altero come Crisna, il divino figliuolo della
vergine di Madura. Così era prode, così animoso nelle armi, Naroda,
l'unico figlio, che i tuoi soldati m'hanno ucciso sull'Indo. Il suo
dolore mi vinse, e lo amai. Voleva spegnerlo Zerduste, mentre egli era
fuori dei sensi, e lo avrebbe fatto, se io non lo avessi impedito;
lo avrebbe fatto, tanta era la sua gelosa rabbia, ma avrebbe in tal
guisa distrutto l'opera sua faticosa, rinunziando al trionfo del
comune disegno. Da quel giorno Zerduste ebbe odio contro di me, com'io
contro lui, soltanto la necessità ci tenne sulla medesima via. Ed ora
ogni cosa t'è chiara. Regina, tu sei perduta; Ninia regna e Zerduste
trionfa. Checchè tu faccia, o tenti, l'impero è distrutto. I Medi, e
l'altre nazioni del sole oriente, non tarderanno a separarsi da te;
Mesraim scuoterà il giogo della paura; i popoli di Martu, le città
marinare e le isole del sole occidente ripiglieranno la loro libertà.
Lo intento della Triade è raggiunto; a te, minacciosa signora delle
genti, più nulla rimane. Felice ancora, se ti basterà di regnare nel
cuore di lui, che un oscuro prigioniero, un vecchio condannato, ti
rende. Egli t'ama, o Semiram. Nella pugna che il destino ha suscitato
tra voi, egli, generoso, si elesse la sconfitta e la morte. Egli t'ama!
Poteva colpirti de' suoi dardi, e non ne ebbe la forza; bensì l'ebbe
per rattenere il braccio degli altri, già pronti a toglier la mira.
Egli t'ama, o Semiram; t'ama pur sempre, d'un amor disperato. Sgombra
da' suoi occhi l'errore, tutto parte a parte fagli noto l'inganno che
Zerduste ha tessuto nell'ombra, ed egli cadrà pentito a' tuoi piedi.

— Che? — sclamò Semiramide. — Non gli hai tu già disvelato ogni cosa?

— No; — rispose Sumàti, chinando raumiliato la fronte; — non ho ardito
di farlo.

— Ma penso che gliel dirai! — incalzò la regina. — Tu hai parlato
de' tuoi rimorsi, o vecchio. E che? credi tu che il tuo Dio abbia ad
usarti misericordia, se non t'umilii nel tuo rossore davanti a chi hai
ingannato, se non diffondi la verità dove hai seminato la menzogna?

— Ah! e credi tu, — disse a lei di rimando il prigioniero, con voce
impressa d'ineffabile angoscia, — che avrei scelto di offrirmi alla
tua presenza se mi fosse bastato l'animo di aprirmi d'ogni cosa con
lui? Bene era questo il mio primo disegno; confessargli ogni cosa,
bere un sorso da quell'ampolla liberatrice e morire. Fui una volta
sul punto e non ne ebbi la forza. Il veleno mi avrebbe tolto la vita,
non la vergogna di quel temuto colloquio. Inoltre, egli era già tardi.
Sopravvenne la pugna; indi, egli ferito e fuori dei sensi, agonizzante
forse; io disperato per tanta rovina d'ogni cosa a lui cara; da ultimo
con un più acerbo dubbio nell'anima, non forse l'inganno nostro, dopo
avergli fatto perdere il regno e la pace del cuore, gli procacciasse
morte da un tuo barbaro comando, e morte non degna di re. Semiram, io
muoio consolato, pensando che tu l'ami. Tu, non colpevole, tu avrai
forza di palesargli il vero. Ne sarà la mia morte il suggello, e mi
meriterà il suo perdono.

— Tu parlerai! — gridò la regina con inflessibile accento. — Sarai
condotto al suo capezzale e tutto egli udrà dal tuo labbro.

— No: — rispose tristamente Sumàti, — la mia vita ti ho offerto; altro
non puoi chieder da me.

— Poche parole soltanto, poche parole ti chiedo. Mio re, gli dirai, la
Triade t'ha mentito; hai veduto una larva creata da noi....

— No, regina, non l'ardirei. Guardarlo in faccia e parlargli in tal
guisa?... È impossibile. Vedi; io mi sono umiliato davanti a te, a te
che non amo. Ma tu sei donna; e la donna è per noi la creatura debole;
ci facciamo più facilmente codardi con lei. Ma al cospetto di un
uomo.... dell'uomo che amo!... Ah perchè, eterno Iddio, questo vecchio
mio cuore sente e palpita ancora? Credevo che ei fosse morto, quel
giorno che il mio povero Naroda perì. E vive, tenace, ed ama tuttavia;
il paterno affetto ha trovato ancora cui dare i suoi ultimi ardori.
Perchè? Come avviene egli ciò? V'hanno piante, le quali, recise in sul
tronco, pure non sanno rassegnarsi a morire, e, non potendo più farsi
ramo, frondeggiano dal ceppo rugoso e mettono un fiore....

— Bada, o vecchio! — esclamò Semiramide, la cui voce in quel momento
assumeva alcun che di solenne. — Tu m'hai svelato poc'anzi la più
orrida trama in cui possa pericolare un impero; tu m'hai mostrato
l'abisso in cui sono già per cadere. Nè di questa minacciata rovina, nè
di quel danno mi curo. Avvenga che vuole; io so questo soltanto, e mi
basta, che, dove io comparisca, farò ancora tremare i miei congiurati
nemici, e che, se io pure debba lasciarvi la vita, il mondo, per
quanto duri lontano, ricorderà come Semiramide è morta. Tu mi hai
addolorata, abbattuta non già, nè sorpresa. Stamane, dopo aver veduto
io stessa, con questi miei occhi, il re d'Armenia nel suo letto di
dolore, pallido, stremato di forze, languente, ho pregato gli Dei, ho
votato ogni mia fortuna per la salvezza di quella nobile vita. Odimi
ancora! Io avevo un talismano, impresso d'arcane cifre, che fu sempre
con me, fin dai miei anni più verdi. Era fama che le sorti del mio
regno, la mia grandezza, la mia gloria, la mia esaltazione su tutti i
potenti della terra, fossero incatenate a quella negra gemma da virtù
di magici incanti. Orbene, vedi; laggiù, in quelle acque profonde, io
l'ho gittata stamane. La via è lunga, ed io ho veduto il mio talismano
percorrerla intiera; nè mentre esso cadeva, ho sentito pur uno spasimo,
una trafittura, una stretta di pentimento nel cuore. Misura da ciò
l'amor mio per quell'uomo! E credi tu che, giunta l'occasione di
apparirgli qual sono, di riconquistare quel cuore che è mio, potrò
lasciarla fuggire? Dovrò io umiliarmi, arrossire, perchè tu, il
colpevole, il traditore, il codardo, non avrai osato di farlo? —

Il prigioniero, che con ansiosa cura avea seguito il discorso della
regina, chinò la testa sul petto e non rispose parola.

— Bada ancora! — soggiunse ella, con accento quasi amorevole. —
Tu m'hai fatto più male che regina e donna non siano use a patire.
Cionondimeno, io ti concedo la vita. Ricco e potente sarai; ma a te si
spetta parlare col re. —

Sumàti taceva ancora.

— E sia di te ciò che tu stesso hai voluto; — ripigliò Semiramide.
— Sarai dato a' tormenti. Ve n'ha di terribili, che fanno rizzare i
capegli per raccapriccio sulla fronte ai più saldi, che trarrebbero
i gemiti perfin dalle pietre. V'hanno bronzi lentamente scaldati, in
cui frizzano le membra, e l'aria vien grado grado mancando, e si sente
soffocare, senza poter anco morire. V'hanno strappi di tanaglie, che
lacerano e traggono via a lunghi brani la pelle. V'hanno aculei che
si ficcano tra le unghie e le carni, e pungono senza tregua, fanno
desiderare che l'anima se ne voli in un grido. Ma la morte è più
lenta a venire e l'orgoglio rintuzzato chiede finalmente mercè....
Olà, Hurki! — diss'ella, avvicinandosi al limitare, su cui fu pronto
a comparire il fedele. — Vengano i tuoi; sia consegnato quest'uomo ai
flagellatori; ma non prima, — soggiunse incontanente, — non prima di
esser condotto alla presenza del re d'Armenia, per udirsi a ripetere
laggiù tutti i suoi tradimenti. —

Sumàti, che era stato fermo alle minaccie, muto alle promesse,
imperterrito alla descrizione degli atroci tormenti serbati alla sua
pervicacia, diè un grido a quell'ultime parole di Semiramide, un grido
che fece sobbalzar la regina e tornare Hurki sollecito sopra i suoi
passi; indi, rapido a guisa di tigre, si volse indietro, corse alla
finestra, e così impedito com'era dalle catene che gli stringeano i
polsi alle terga, spiccò un salto sul davanzale di pietra.

— Regina, io tel dissi; — esclamò egli allora: — è questo il solo
supplizio di cui temesse Sumàti. Mi sottraggo al dolore ed espio la
mia colpa. Dov'è piombata la tua fortuna, piomberà la mia vita. Iddio
riceva il mio spirito. —

Chiuse gli occhi, ciò detto, si spinse all'indietro e si lanciò nello
spazio.

— Ah! si salvi! si salvi! — gridò la regina, correndo a guisa di
forsennata, con palme tese, là, dond'era scomparso l'Indiano.

Ma come salvarlo? Affacciata al davanzale, Semiramide potè scorgere
ancora il corpo brancolante che piombava veloce nel vuoto. Esso ad un
tratto diè un tonfo; le acque percosso schizzarono in alti zampilli
dintorno; spumeggianti gorgogliarono un tratto, indi sbattute ancora,
divallate per lo squarcio improvviso, finalmente si chiusero.

Con occhi intenti, trascinata da un'istintiva cura, come di voler
trattenere coll'alito una cosa che fugge, la regina guatava quell'onde
che avevano inghiottito la sua fortuna da prima e l'ultima sua speranza
in quel punto.

Alcuni istanti trascorsero, e l'affogato ricomparve a fior d'acqua.

— Ah, forse potrà salvarsi! — diss'ella.

— E come, mia signora? — notò Hurki, crollando la testa. — Egli ha
incatenate le braccia. —

Il morente, nella postura in cui erasi riaffacciato alla luce, parve
alzar gli occhi verso la regina, e quegli occhi mandarle un addio,
chiederle una parola di supremo perdono. Quindi l'inerte corpo si
sommerse da capo, nè più oltre fu visto; le onde si richiusero come
pietra di sepolcro su lui, si spianarono e scintillarono tranquille a'
raggi obliqui del sole.



CAPITOLO XX.

Alla Riscossa.


Sei giorni erano scorsi dopo le gravi rivelazioni e i più gravi annunzi
del vecchio della Triade, e il grosso dell'esercito babilonese era già
molto innanzi sulla via del ritorno.

Si affrettavano le schiere, veniano senza indugio, a marcie sforzate.
Essendo allora nei massimi ardori dell'estate, non viaggiavano che a
lume di stelle; però faceano più spedito cammino. Sostavano poche ore
dopo il romper dell'alba, e si rimettevano in viaggio al tramonto del
sole. Ma dopo il sesto giorno, varcato già dall'esercito il paese di
Nahiri, si cominciò a guadagnare altresì qualche ora sul giorno, tanta
era la fretta di Semiramide, il suo desiderio di accorciare lo spazio.

Nè, in tanta agonia di corso lanciato, aveva la regina trascurati gli
accorgimenti di guerra, in cui era meritamente famosa. Giunte le sue
schiere nei pressi di Haran, ella aveva spiccato cinquantamila uomini,
mandandoli innanzi per la valle dell'Eufrate. Li comandava Faleg,
sperimentato guerriero, fido seguace delle fortune di Semiramide, la
quale, da umil grado, lo aveva innalzato ai primi onori della milizia.

Quelle cinquanta migliaia erano l'antiguardo dell'esercito. Il grosso,
comandato dalla regina guerriera, doveva tener dietro a due giornate
di marcia. Così era detto apertamente, e lasciato credere ai soldati,
ma Faleg non ignorava che egli doveva esser solo su quella via;
cionondimeno, animosamente scendeva verso Baliki e Cabur, a marcie
spedite, ma giuste.

Frattanto la regina, con tutta la numerosa sua gente, piegando rapida
a manca, andava a cercare la valle del Tigri, a ridosso dei monti di
Lallua, ed avviavasi finalmente sulla destra riva del fiume, scendeva,
come si è detto, con quanta celerità per lei si potesse.

Quale intento era il suo?

Certo, e non era da dubitarne, i ribelli di Babilonia aveano in quei
giorni raunato un esercito. Quanta gente era valida alle armi nella
città e in tutta la terra di Sennaar tra Bitdakuri e Larsa, già dovea
essere sotto le loro insegne, volente o nolente. E fors'anco d'altri
paesi aspettavano aiuto. Scendendo ella, siccome era naturale che
facesse, lungo l'Eufrate, i ribelli non le avrebbero opposto resistenza
che a Sippara, dove, consentendolo il luogo, si sarebbero fortificati e
muniti d'ogni difesa. Laggiù dunque, o poco lungi, lo scontro; indi, se
soverchiati da lei, sarebbero corsi a rifugio in Babilonia.

Ora, chiuse ad un esercito assalitore le porte di Babilonia, malagevole
al sommo, per non dire impossibile, sarebbe stato lo entrare.

La gran capitale degli Accad era cinta all'intorno di salde mura e
fortificata di valli profondi, nè Semiramide ignorava cotesto, ella
che aveva innalzate quelle mura, credute universalmente inespugnabili
allora. Poteva la gente assediata ridursi per fame? Colmi erano pel
logorare di un anno i granai, e tra la prima e la seconda cinta di
mura, stendevasi tanto di terreno da cavarne un raccolto che bastasse
per tutto l'anno seguente.

Così giustamente pensando, la regina aveva anche nel suo sagace
consiglio noverati i giorni di sicurezza che si riprometteva il
nemico. Semiramide, anco ad avere in tempo l'annunzio della rivolta, e
senza gli indugi che si sarebbe tentato di frapporre ai messaggi, non
avrebbe potuto essere avvisata di nulla innanzi il dodicesimo giorno
di Tana. E allora, se libera di partire dall'Armenia (che non era
nemmanco da credersi, tante erano e varie le sorti di guerra!), ella
non avrebbe pure potuto così speditamente raccogliere le sue forze,
e rimettersi in cammino, da giungere nel piano di Sennaar innanzi il
principio di Ululù[4]. Così dovevano pensare i ribelli, e da ultimo
confortarsi nella fiducia che, se anco Semiramide avesse usato d'ogni
sua sollecitudine, e guadagnato qualche giorno di cammino, eglino,
appostati nei pressi di Sippara, l'avrebbero trattenuta colà.

In quella vece, e a danno dei giudizi dell'inimico, che era egli
avvenuto? Che la regina aveva risaputo il tradimento nel decimo giorno
di Tana; che tosto avea levato il campo dall'Armenia, e il sedicesimo
giorno, varcato già il paese di Nahiri, s'affrettava alla pianura di
Babilonia, ma non già per la valle dell'Eufrate, sibbene per quella
del Tigri, mentre Faleg, avviato con quel nerbo di forze sull'antico
cammino, ne copriva la rapida marcia.

Rapida invero, e quasi fulminea, se i moti degli uomini possono
ragguagliarsi agl'impeti delle forze celesti. Certo, così veloce
correva oltre col pensiero la regina, e appunto per vincere in parte
quelle fastidiose lentezze che il lungo spazio portava, Semiramide
aveva comandato di far cammino anche alcune ore del giorno. Nè più era
costume di attendere coloro che la stanchezza opprimeva; posassero
pure coi loro capi; avrebbero proseguito nella notte e tentato di
raggiungere i più gagliardi alla stazione vicina.

Così diceva, ben certa in cuor suo che molti sarebbero rimasti indietro
di parecchie giornate. Ma ella, co' suoi migliori, con cento migliaia
almeno, sarebbe giunta il ventesimo giorno di Tana alla sua capitale, e
senza impedimento di nemici, girando alle spalle della città, dove per
fermo non doveva esser buona vigilanza d'armati.

Il regal prigioniero seguiva il corso di quella sterminata falange,
adagiato su d'una lettiga, tratta da cammelli, la cui sollecita e dolce
andatura, non affaticava punto il ferito. Lo scortavano gli arcadori
di Birtu ed era giusto che un tale onore fosse per l'appunto serbato
a quei medesimi che avevano ferito e fatto prigioniero il malka delle
montagne. Del resto a più certa custodia era Hurki con essi, e lo
seguivano trecento melofori, o portatori di lancia della regina.

Dall'altra parte, Faleg, proseguendo la sua marcia lunghesso l'Eufrate,
era giunto il diciottesimo giorno in vista delle torri di Sippara.
Colà avea fatto sosta e mandato un drappello d'arcadori a sopravvedere
il paese. Ma udito poco stante come la terra non fosse guardata, e
solo nella notte vegnente si aspettasse una grossa mano di ribelli,
prontamente vi si condusse co' suoi, che gli parve grande ventura avere
quel fortissimo sito, ricco di vettovaglie e d'ogni maniera sussidii,
senza colpo ferire.

Piantatosi colà, e mentre pur le sue schiere attendevano a collocarsi
nell'ordine più acconcio sui rialti e nei piani a mezzogiorno delle
mura, Faleg inviava messaggi a Ninia, in nome della regina.

Egli infatti non poteva più far le viste d'ignorare la rivolta
avvenuta. I cittadini di Sippara gli avevano detto apertamente:

— Regna Ninia in Babilonia e su tutta la terra del Sennaar. Il
Saccanàco, vicario dei sommi Dei, lo ha incoronato re nel tempio di
Belo, che sta in cima alla torre delle sette sfere. Semiramide, come
nemica del popolo di Kiprat Arbat, che ella ha condotto a perire per
suo folle pensiero nelle strette d'Armenia, è stata spogliata del regio
comando e il suo scettro gittato nell'Eufrate, in mezzo ai cadaveri che
il biondo fiume trasporta alla foce. —

Così stando le cose, non tornava difficile a Faleg di argomentare
che l'invio dei messaggi niente avrebbe giovato per mutare i consigli
dei ribellati. Egli anzi prevedeva in cuor suo che i messaggeri non
sarebbero giunti fino alla reggia, forse nemmeno avrebbero potuto
varcare le porte della città. Ma egli, per contro, faceva in tal modo
avvertiti i rivoltosi della vicinanza di Semiramide, ed otteneva
l'intento di trattenerli dalla loro disegnata marcia su Sippara,
procurandosi il tempo di affortificare il suo campo e di pigliar
lingua, così intorno agli ultimi casi, come intorno alle forze di cui
disponea la rivolta.

Tranquilla scorse la notte; ma sull'apparire dei vegnente mattino,
l'esercito dei ribelli si dilagò nella pianura davanti alle torri di
Sippara. Ancora non sembrava molto ordinato e bene ad arnese; tuttavia
s'inoltrava, accennando ad un subito assalto. Così voleva Zerduste.

Il principe dalla mente profonda e dallo sguardo acuto, aveva detto tra
sè:

— La regina è rimasta indietro, a malgrado d'ogni suo desiderio e
d'ogni sforzo per affrettare il cammino, impedita com'è dalla stessa
moltitudine de' suoi combattenti. Tutto ciò ch'ella ha potuto fare,
si è di spingere avanti le squadre più leggere e più pronte, sotto
il comando di Faleg. Ascendono forse a cinquanta migliaia; non sono
certamente di più; chè i cittadini, fuggiti da Sippara per darcene
avviso, non hanno potuto ingannarsi. Or dunque, assaltiamoli con
quanta gente è stata da noi raccolta finora o vediamo di vincerli alla
spartita, prima che ricevano aiuto. —

Invero, egli si pentiva amaramente di non aver fatto occupare la
città nel giorno addietro; chè forse, con una parte degli uomini
a ciò destinati, il poteva. Ma, per contro, come arguire una tanta
celerità in Semiramide? Da chi e per che modo avrebb'ella risaputi
i gravissimi casi di Babilonia, più giorni innanzi che le fossero
riferiti dai corrieri, o lasciati temere da un improvviso difetto delle
corrispondenze consuete?

E tuttavia, o notizia o sentore della rivolta aveva ella avuto in
Armenia. E come ciò, mentre egli, a mala pena di poche ore, per le
vanterie dei messi di Faleg, udiva l'annunzio della pronta e piena
vittoria di Aiotzor? Egli era ben lungi dal sospettare di Sumàti, che
forse era morto nel tentare di ridursi al campo aicàno. Questa era
almeno la conghiettura più ovvia, imperocchè il subito scontro dei due
eserciti dimostrava apertamente come al vecchio Indiano fosse fallito
il disegno di penetrare fin nelle tende di Ara e persuaderlo a non
accettare battaglia. Solo alcuni giorni di poi, doveva egli risapere
della presa di Sumàti, colto coll'armi in pugno al fianco di Ara, e
della sua morte volontaria nel lago di Van, certo per sottrarsi ai
tormenti cui lo avrebbe dannato la regina e al pericolo grande che il
dolore gli strappasse il suo segreto di bocca.

Comunque fosse di quella celerità prodigiosa, egli non era tempo
di fantasticare sul passato; bensì occorreva di dare, e tosto,
nell'antiguardo di Semiramide. E corsero i ribelli all'assalto; ma per
quel giorno e per l'altro che seguì, fu opera vana. Nessun vantaggio
si otteneva da alcuna delle due parti. Faleg non si perigliava troppo
lontano dalle mura, per tema d'esser preso alle spalle. Egli più forte
per agguerrite schiere, ma queglino più numerosi d'assai. A lui metteva
conto il rimanere colà; agli altri, poichè di vincerlo non era nulla,
tornava anco di averlo chiuso in quel luogo, dove, se più tardava la
regina, lo avrebbero prestamente affamato. Sentiano in quella vece
approssimarsi il grosso delle forze nemiche? E allora correvano a
rifugio in Babilonia, aspettando colà i Medi e i Persi, che già a
quell'ora dovevano valicare i monti di Elam, e il disperdimento dello
stesso esercito di Semiramide, in cui erano tante migliaia di quelle
due nazioni oramai sollevate.

Intanto la condizione di Faleg, ottima per assicurare la sorte d'un
combattimento, per tutto l'altro era pessima. Nella antica e nobil
città che egli occupava erasi sparsa la fama dei troppo sangue che la
vittoria di Aiotzor era ai Babilonesi costata. Da parecchi giorni il
vicino Eufrate non volgea che cadaveri, alla vista di tutte le genti
del Sennaar. Inoltre, i soldati suoi, come quelli che si reputavano
tornati in patria, non aveano taciuto dei danni sofferti; segnatamente
avean detto della sacra miriade, di cui a mala pena poche centinaia
erano scampate da morte. Però si udiva già a mormorare contro la
regina, nelle mura amiche di Sippara, contro la guerra finita pur
dianzi e contro quest'altra che cominciava. Infine, chi era Semiramide,
se non una straniera, e, come regina, assai più fortunata che saggia?
Laddove Ninia era del sangue di Nemrod; egli o presto o tardi legittimo
re; meglio adunque riconoscerlo allora, evitando mali maggiori.

Questo, e il pensiero delle scarse vettovaglie, inducevano tristezza,
fastidio, ripugnanza negli animi. Sarebbero essi durati nell'obbedienza
più oltre? Per buona sorte, diceva Faleg tra sè, la regina non
doveva esser lungi da Babilonia; ad ogni modo, quei due giorni di
combattimento a Sippara, le avrebbero spianata grandemente la via.

Nè s'ingannava. Appunto in quella notte che seguiva il secondo assalto
di Sippara, la regina giungeva, con poco più di centomila combattenti,
alla vista di Babilonia, davanti ad una delle porte che guardavano
il sole oriente. Appiattato l'esercito nei campi, dove già cresceano
le biade pel secondo raccolto, chiuse con buona custodia d'armati le
uscite dei villaggi, perchè nessuno avesse modo di recare l'annunzio
alla vicina città, Semiramide si avanzò con uno stuolo di cavalieri
lunghesso il canale Libil Higal, per esplorare il terreno.

Sin, il casto pianeta a lei caro, splendeva alto nel firmamento
azzurro, illuminando la pianura all'intorno e la via battuta
che conduceva ad una delle porte. E mentre Semiramide cautamente
s'inoltrava pe' colti, evitando la strada e non perdendola d'occhio, le
venne udito da lunge un rumore misurato e crescente, come lo scalpitìo
di una cavalcata, che a quella volta spronasse.

Incontanente fe' ristare i suoi cavalieri, e muti, ansiosi, stettero
tutti origliando.

Il rumore si avvicinava sempre più. Semiramide, che già meditava
un audace disegno, si volse a guardare i suoi cavalieri, se fossero
abbastanza coperti agli occhi del nemico. Erano essi dietro un campo
di sèsamo, di rigogliosa cresciuta e di larghissime foglie, siccome
portava la natura di quel fertile suolo. La regina non si tenne paga
tuttavia e comandò che tutti smontassero da cavallo, pur rimanendo con
un piè sulla staffa e la mano alla criniera.

Così del tutto nascosti, spiavano l'arrivo della cavalcata nemica.
Essa pervenne indi a poco su quel tratto di strada che essi vedevano
e veloce trascorse. Erano a mala pena sei cavalieri, e alle fogge,
vedute così di profilo a lume di luna, apparivano Medi. Forse erano
esploratori, fors'anco portatori di messaggi a qualche luogo vicino.

Semiramide lasciò che andassero oltre a lor posta. Infatti, a mezzo
miglio discosto era accampato il suo esercito, nè potevano essi cansare
d'esser fatti prigioni.

Ella intanto diè il cenno e l'esempio di risalire in arcione. Dietro
a lei tutto il drappello si cacciò a galoppo sulla strada, serrandosi
sulle orme dei Medi. Udirono essi l'improvviso rumore alle spalle, e
pensando che fossero altri cavalieri usciti di città, per richiamarli
indietro, o per altro che loro importasse sapere, si fermarono tosto. E
innanzi che avessero tempo a raccapezzarsi, a conoscere d'esser caduti
in agguato, erano circondati da un nugolo di fantasmi; chè tali doveano
parer loro, in quel luogo, i cavalieri di Semiramide, creduti ancora
così lontani, e sulla via dell'Eufrate.

Thuravara, il loro capo, fu condotto alla presenza della regina. Tremò
egli, quando ebbe ravvisata Semiramide, e, a mala pena interrogato,
disse tutto ciò che a lei mettesse conto sapere. Thuravara, creato
di Zerduste, non ignorava qual sorte lo attendesse, ove, con pronta
sommissione e con utili ragguagli, non si fosse raccomandato alla
clemenza di lei.

La regina adunque udì dal suo labbro che Faleg resisteva da due
giorni tenacemente sulle alture di Sippara, ove Zerduste credeva
fosse ella per giungere, col rimanente dell'esercito. Per altro, in
quella medesima sera, due esploratori erano tornati da Burat, che è
sull'Eufrate, a una giornata più in alto di Sippara, nè lassù si aveva
fumo di soldatesche vicine. Cotesto aveva confortato Zerduste nel suo
primo pensiero, che l'invio di Faleg fosse tutto quanto ella aveva
potuto fare, al primo annunzio della rivolta di Babilonia, e che ella
fosse, con tutto l'esercito suo, di parecchie giornate più indietro.

Del resto, soggiungeva Thuravara, Ninia e il suo fedele ministro
dimoravano nel palazzo della riva occidentale, per esser più vicini
alle venute e più pronti alle acconcie difese. Avevano essi un esercito
di duecento migliaia; ma la più parte di gente ragunaticcia, nè ancora
bastantemente addestrati. Si aspettavano bensì grossi soccorsi dai
Medi e dagli Elamiti, già chiamati in arme dal preveggente Zerduste,
alla vigilia della rivolta e della incoronazione di Ninia. Egli,
Thuravara, andava per l'appunto sulla via di Libil Higal, a vedere
se ancora giungessero, e ad affrettarne l'entrata in città. Armi,
poi, e vettovaglie, come alla regina doveva esser noto, in Babilonia
abbondavano.

Udì Semiramide i copiosi ragguagli, e come Thuravara ebbe finito, gli
disse:

— La tua vita dipende dal parlar che farai. Qual motto hanno ora i
custodi delle porte?

— Per Anaìti! — rispose tosto il Medo infedele.

— Che significa ciò? — chiese la regina in atto di stupore.

— È il re, — soggiunse Thuravara, — è il figliuol tuo, mia clemente
signora, che in tal guisa ricorda la diletta del suo cuore.

— La risuscitata! — sclamò Semiramide.

— Sì, potente regina.

— E per grazia de' sommi Dei, non è egli vero? — incalzò ella con
accento d'amara ironia.

Thuravara chinò vergognoso la fronte.

— Sta bene; — proseguì la regina, senza curarsi della risposta. —
Tu, vieni tra le nostre ordinanze; e guai a te se non m'hai detto il
vero! —

Poco stante, era dato il cenno all'esercito, che tutto avesse a
rimettersi in moto ed accostarsi alle porte. Ella, col suo stuolo di
cavalieri, precedeva le squadre.

Giunsero in breve alle mura. Il ponte era alzato davanti alla porta, ma
allo scalpitar dei cavalli sulla pianura, le scolte s'erano affacciate
alle feritoie, e allo squillar d'una tromba sul ciglione del fosso,
furono pronte a chiedere ai nuovi arrivati:

— Chi siete? In nome di chi venite?

— Siamo guerrieri di Ninia; — risposero gli altri. — Usciti dalle porte
di settentrione, torniamo da questa, e per Anaìti veniamo. Sbrigatevi;
sono i Medi aspettati con noi. —

Il ponte fu tosto calato. Semiramide fu la prima a spingere il suo
cavallo sull'ampio tavolato di cipresso.

— Giungono i soccorsi di Media! — gridavano intanto sotto l'androne i
custodi. — Il veggente Nebo ci assiste.

— Egli viene su voi, traditori, per fulminar le sue collere! — gridò
Semiramide, menando a cerchio la mazza ferrata entro lo stuolo
malcauto. — Per Anaìti custodivate le porte!... Per Semiramide
arrendetevi, o tutti di mala morte morrete.

— La regina! sì, è dessa la regina! — andavano ripetendo i malcapitati,
mentre, quinci e quindi fuggendo, tentavano schermirsi dai colpi. — Chi
l'avrebbe mai detto? Ahimè! c'ingannarono i sacerdoti; non erano per
Ninia gli Dei! —

Ben presto fu fatta strage di quella turba fuggente; i più lontani,
sentendosi incalzati dai cavalieri, si buttavano ginocchioni, chiedendo
mercè, ed aveano così salva la vita. Non uno andò fino al baluardo
interno della città, per recarvi la terribile nuova, e prima ancora,
prima sempre tra tutti, vi giunse l'audace guerriera, il cui esercito,
infiammato dalla portentosa felicità dell'evento, già si accalcava sul
ponte, sbucava dal profondo androne, si dilagava nel vastissimo piano
tra Imgur Bel e Nivitti.

Non era pugna, nè inseguimento di nemici; era libera corsa sfrenata, in
mezzo a spaventati drappelli. Entro il baluardo di Nivitti Bel fu un
tumulto indicibile. I primi che videro le negre schiere apparire agli
sbocchi delle vie e irrompere nella città, minacciosi come una legione
di spiriti d'abisso, si sparpagliarono tosto per le strade minori,
quali cercando nelle lor case rifugio, quali fuggendo senza saper
dove, non d'altro solleciti che di scansare l'imminente pericolo, tutti
levando altissime strida e mettendo a romore e scompiglio la sterminata
città. Semiramide! È qui Semiramide alla riscossa! Sventura al popolo
delle quattro favelle, su cui la regia vendetta discende!

La tristissima voce per ogni dove s'è sparsa, ha preceduto le squadre
degl'invasori. Quanti n'han tempo, o modo, si dànno alla fuga verso
l'Eufrate; l'ampia travata del ponte cigola sotto il peso e la furia
di quell'onda di popolo, che incalza alla destra riva: uomini, donne,
fanciulli, mezzo vestiti, scarmigliati, ignudi, come il terribile
annunzio li colse, come la paura li spinse.

Non cura la regina i fuggenti; anzitutto ella mira a impadronirsi
della reggia. Sfondano i suoi guerrieri l'ingresso, chiamano per nome,
invitano alla obbedienza i custodi. È la loro regina, è Semiramide, che
batte alle porte; chi più oltre serberà fede al ribelle, innanzi che
giunga il sole al meriggio, penderà inchiodato dai merli.

È l'alba, e già Semiramide ha ricuperato la sua reggia, nobile e
forte arnese, dove ella troverà armi, tesori e sicurezza ai nuovi
combattimenti. Dall'altra sponda del fiume hanno appiccato il fuoco al
tavolato del ponte; fuoco arde nel valico sotterraneo, per dar tempo
ai ribelli di chiuderne più sicuramente lo sbocco. Ma che importa?
Semiramide è padrona, con un colpo audace, in poche ore, di tutta la
parte orientale di Babilonia.

— Grazie, santissimi Numi! — ella dice. — Voi non avete tolta la vostra
mano da me; io sono ancora la regina degli Accad. —



CAPITOLO XXI.

La mano di Nisroc.


La fortuna, che già sembrava avere abbandonato le insegne di
Semiramide, tornava ora a farle buon viso. Era pentimento, sommessione
all'audacia, o crudelissimo scherno? Risorgeva la regina più gloriosa
e più forte dal suo abbattimento, o non era a vedersi altro in quella
ardita riscossa che il sollevarsi del guerriero sulle ginocchia e
l'ultimo suo brandir l'arme sanguinosa contro il nemico che sta per
finirlo? I prossimi eventi doveano dar la risposta.

Intanto, mercè la sua rapida corsa e l'occasione prontamente afferrata,
ella era venuta a capo di penetrare in Babilonia e di farla sua fino
alla sinistra riva del fiume. Solleciti messaggi avevano mosso Faleg
dal suo baluardo di Sippara, e mentre egli rumoreggiava alle porte
della sponda destra, tirandosi sopra una gran parte dell'esercito dei
ribelli, la regina tentava con barche e zattere d'otri gonfiati il
passaggio del fiume, e finalmente ristorava la travata del ponte sotto
una pioggia di dardi.

Ninia e Zerduste, con tutti i loro, si ritrassero in Barsipa, la
città sacerdotale, congiunta a Babilonia da un prolungamento del muro
esterno, ma forte di per sè stessa e dentro e fuori, acconcia a durare
per mesi e mesi un assedio.

Colà, all'ombra del più eccelso tempio di Babilonia e del mondo,
incuorato dalla inflessibile baldanza di Zerduste, sorretto dal favore
dei sacerdoti, ammaliato dalle carezze di Anaìti, posava il giovin
ribelle, o non curante, o inconsapevole del suo delitto. Infine, non
era egli il re, unica prole di Nino, ultimo della stirpe di Nemrod? I
santi ministri delle sette luci della terra non aveano essi consacrato
il suo capo? l'oracolo di Belo non avea egli pronunziato la reità di
Semiramide al cospetto dei cieli? Inoltre, conforme al volere dei sommi
Dei di Babilonia, non era forse il volere del Dio di Zerduste? Mai tra
rivali divinità si era manifestata una simigliante concordia.

Invero l'astuto principe di Bakdi si era rigidamente astenuto dal
palesar la sua fede. Da lunga pezza egli solea dire al suo regio
discepolo che il tempo non era anche venuto di annunziare il regno di
Ahuramazda alle genti; questa essere dottrina eccelsa pei savi; al
volgo doversi lasciare intanto le sue idolatrie grossolane. Nessuna
prova di loro virtù avevano fatta gli Dei di Babilonia a favore di
Ninia; laddove il soffio potente di Ahura gli aveva restituita la sua
diletta Anaìti. Egli l'avea pure veduta, là, nel suo casolare tra i
palmeti di Gomer, distesa sul letto di morte, le membra prosciolte
e fredde; invano avea pianto amarissime lagrime; invano avea chiesto
a' suoi numi un prodigio. Ma laggiù ne' sotterranei di Babilonia, ove
il Dio vero nascondeva ancora il suo purissimo culto, egli avea pure
udito dalla voce di Mazda la cagione per cui era morta Anaìti. «Non tra
ozii imbelli doveano poltrire i nati di re; amori e carezze di donna
amata esser premio ai valorosi, ai fedeli seguaci degl'insegnamenti
celesti, non facil sollazzo, non riposo consentito a mezzo il cammino,
quando il debito delle sante opere e la via lunga sospingono. A lui,
per ventura, agevole il meritarsi quel premio intercedendo la cara
autorità di Zerduste, nè chiedendosi troppo lungo disagio a chi dovea
regger lo scettro, moderatore di popoli. Cedesse adunque ai lagni di
Babilonia, sdegnata per una stolta e rovinosa guerra e per maggiori
danni minacciati al buon seme cussita; cedesse alle voci che il cielo
provvidamente spirava sulle labbra degl'idoli bugiardi; cingesse
corona di re, ed Anaìti sorgeva dal suo letto funereo. Resa a lui dal
favore di Mazda, al suo ardimento, al suo perseverar ne' propositi, era
sospesa la vita della fanciulla diletta.»

Ora, a mala pena nel tempio di Belo il credulo adolescente aveva
impugnato lo scettro d'oro, non erasi infuso di bel nuovo lo spirito
vitale nelle rigide membra di lei? Non aveva egli sentito sotto la
sua mano tremante riscaldarsi e palpitare quel bianco seno a cui
tre giorni innanzi aveano tentato invano ridar la vita i suoi baci?
Così Ninia era stato condotto ai voleri di Zerduste e fatto ribelle,
nimico alla maestà di sua madre. Nè già viveva pel regno, di cui
lasciava ogni pensiero al sapiente maestro; nè già si curava della sua
sconfinata autorità, se non per ricordare che la regia possanza è una
piramide al cui sommo sta preparata e colma la coppa di tutte le umane
delizie. Viveva allora per Anaìti, per quella fiorente bellezza che
si profondeva inconsapevole a lui, tremante di dover morire se egli
vacillasse, e per amore, per ambizione, per paura, incatenata al suo
fianco. E in lui, il saperla così sospesa tra morte e vita accresceva
gli ardori. Si ama, dicono, assai più fortemente ciò che si teme di
perdere. Triste sentenza, se vera; ma forse ciò che pei nobili cuori
non è, potrebbe credersi vero per l'anima fiacca e per l'indole tutta
sensuale di Ninia; di quel lioncello, a cui, per mezzo agl'ingenui moti
della tenera età, crescea la ferocia dell'avita natura.

Insignoritosi con tali arti della mente di Ninia, il principe di Bakdi
non avea durato fatica ad attizzar gli sdegni del popolo; la mercè
di falsi messaggi e di aggranditi pericoli, aveva aggiunto esca al
fuoco, e, con l'immagine dei certissimi danni, infiammati gli spiriti a
rivolta.

Facili i volghi ad essere trascinati; più facili, se vissuti in
lenta ed inerte soggezione, a credere ogni cosa, a farsi stromento
docilissimo in mano agli scaltri. Nè manco agevole, pel grado suo e
per l'imperio ch'esercitava su Ninia, gli era tornato di vincere la
riluttanza dei sacerdoti. Sempre più ardente di giorno in giorno la
plebe; impensierite pei lor cari assenti le più ragguardevoli famiglie;
tutti contrarii ad una guerra che accortamente si mostrava esser
frutto di un'amorosa follia; non avrebbero ardito i sacerdoti far
contro alla corrente delle popolari opinioni. Volevasi Ninia per re;
meglio averlo tale e dominarlo, come offeriva Zerduste, che osteggiarlo
invano, opponendosi ai voti del popolo. Il saccanàco, il gran vicario
degli Dei, si faceva schiavo in tal guisa agli eventi, assicurava ai
più forti la benevolenza del cielo; vecchio costume degli uomini che
si vantano di custodirne i responsi! E maledetta Semiramide lontana,
Ninia era incoronato sulla gran torre di Barsipa; armi ed armati si
raccoglievano dalle vicine provincie; i Medi, gli Elamiti, e quanti
eran popoli soggetti di là dallo Zagro, tutti incitati a scuotere il
giogo. L'impero, saldo in apparenza e durevole, si sarebbe sfasciato
dopo il trionfo delle schiere ribelli, se pure lo stesso Zerduste,
sotto colore di chiamare i Medi a difesa della stirpe di Nemrod, non
pensava a disfarsi, per utile suo, di quel malaccorto adolescente,
trastullo nelle sue mani, vera larva di re.

E intanto che costui, riparato con Ninia entro le mura di Barsipa,
faceva assegnamento sulla irruzione dei Medi, sullo scompigliarsi
dell'esercito di Semiramide e sulle ire di Babilonia, cresciute
a dismisura per la morte di tante migliaia de' suoi cittadini, la
fortissima donna vacillava nei suoi consigli, esitava a condurre
innanzi l'opera sua. Il nemico ch'ella doveva combattere, che un colpo
malaugurato de' suoi ingegni di guerra poteva stendere al suolo, era
Ninia, era suo figlio! Il tradimento dei Casdim la turbava altresì,
la faceva più perplessa. Bene erano ossequenti a lei i sacerdoti di
Militta e di Nebo, rimasti in città; ma che potevano costoro, contro il
maggior numero rifugiato in Barsipa od anco di là possente sul popolo,
tranne il pregare in silenzio?

Fatta accorta del pericolo, confidandosi inoltre che il suo inaspettato
trionfo in Babilonia avesse ridotto quei temuti nemici a più miti
consigli, diè mano a pratiche segrete con essi, facendo che alcuno dei
sacerdoti di Nebo andasse a Barsipa, come a cercarvi rifugio, e, avuto
agio di parlare col saccanàco, ogni più larga promessa e giuramento gli
facesse, in nome di lei. Frattanto i giorni scorrevano, ed altri dolori
le si stringevano al cuore.

Il re d'Armenia andava ricuperando la sanità ad occhi veggenti. La
ferita non aveva nulla avuto di grave, tranne forse lo spargimento
copioso del sangue. Vinta la febbre mercè il farmaco dell'Indiano, egli
era tornato in sè medesimo, e la ingenita vitalità aveva trionfato
di tutto, perfino della negra mestizia che gl'ingombrava lo spirito.
Il cammino da' suoi monti natali alla pianura del Sennaar non gli era
tornato a disagio, dappoichè la sua scorta viaggiava sempre nelle ore
notturne, ed egli posava su morbide piume, procedendo leggero e senza
scosse, o sobbalzi, al dolcissimo passo dei cammelli battriani. La
tacita compagnia giungeva in Babilonia tre giorni dopo il vittorioso
ingresso di Semiramide, e la frescura dei pensili orti, l'abbondanza di
tutti gli agi del vivere, aveano rinfrancate le membra affralite del
giovine, facendo il resto la gioventù, questa medicina incomparabile,
che tutti, ahimè! non sempre portiamo dentro di noi. Sbiancato mostrava
il volto, già tinto di rosa e ammorbidito da riflessi dorati; una
nube di tristezza offuscava il placido lume degli occhi; pure la sua
bellezza non avea nulla perduto della prima virtù; simile al fiore che
il soffio della bufera ha alidito, ma che un tiepido raggio di sole
ravviva.

Semiramide lo aveva veduto. Nel suo breve colloquio con lei, il
prigione erasi mostrato ossequioso, ma freddo. Posto di bel nuovo al
cospetto di quella sovrumana bellezza che lo aveva rapito, memore di
tante angoscie, più ancora di tante dolcezze, combattuto da contrarii
pensieri e da immagini di lutto recente, si adirava con sè medesimo, si
struggeva di non odiarla quanto avrebbe dovuto.

— Son vinto e tuo prigioniero; — le disse. — Fammi morire; altro io non
aspetto oramai. Donna di grande animo ti dice la fama e le imprese tue
ti dimostrano. Fanne un'ultima prova per me, affrettando il mio fine,
ed io benedirò l'odio tuo.

— Nemico di un giorno, e pensi ch'io t'odii? — replicò nobilmente la
regina. — Ho vendicato un oltraggio, ho punito un atto di ribellione;
tutto l'altro io non ricordo, non vedo. Son regina per te come per
tutti; ciò soltanto soffri da Semiramide. Ella è soddisfatta; nè pensa
ai dolori patiti, o alle profonde allegrezze che si riprometteva dalla
sincerità del suo cuore, se non per lagnarsi della sorte, a lei così
larga dispensatrice di potenza, e così avara di giustizia nel mondo.
Credi tu che di questa potenza m'importi? Credi tu che mi prema del
regio fasto, dell'impero accresciuto e di questa Babilonia, che un mio
cenno ha creata? Io sono più superba a gran pezza; mi paragono alla
stella che trascorre veloce lo spazio e non cura il solco di luce che
lascia dietro di sè. Mi spegnerò come ho vissuto, splendendo; ma non
vo' che nulla offuschi a' tuoi occhi il mio raggio; non l'amor tuo, la
tua stima domando. So quali ragioni t'abbiano mosso alla fuga; Sumàti,
innanzi di cercare spontaneo la morte nelle acque salse di Van, mi ha
confessato ogni cosa. Tu fosti vittima di un'empia macchinazione, che
l'abisso non poteva immaginar la più nera. Per darle a' tuoi occhi
colore di verità, un tuo fedele ti ha venduto ai nostri comuni nemici.

— Un mio fedele! — sclamò Ara turbato. — Altri non meritò più questo
nome, che Bared. Impossibile! Bared pugnava al mio fianco. Non
tradiscono i valorosi. Fatto prigione con me, perchè non lo vedo io al
mio fianco? —

Tosto, ad un cenno di Semiramide, fu cercato per ogni dove l'infido
scudiero del re. Ma invano. Bared, nel muoversi dei prigioni da
Armavir, profittando della confusione in cui era l'esercito, avea preso
la fuga, nè più s'era avuta nuova di lui.

— Tu lo vedi, o regina? — disse Ara, con piglio severo. — Anche Bared,
l'ultimo testimone, ti manca. Egli pure, come Sumàti....

— Basta! — tuonò la regina, il cui sangue si rimescolò tutto e riarse,
come le fosse penetrato un dardo rovente nel cuore.

E furono le ultime parole di lei. Composta negli atti, grave
nell'aspetto, ma fieramente combattuta nell'animo, vacillante, smarrita
di sensi, uscì la misera donna. Ella non era più Semiramide; non era
più la regina. Sì, ben lo sentiva in quel punto; la sua fortuna era
fuggita per sempre; la dura mano di Nisroc si aggravava su lei.

A che più combattere? Per quali speranze? A qual pro? È dei giovani il
travagliarsi, durare aspre fatiche animosi; dei giovani, che hanno il
futuro davanti a sè, per chiamarli colle arcane sue voci, stimolarli
colle sue confuse promesse. Ma il vecchio, deserto d'ogni promessa
e d'ogni speranza, a che tenderebbe i nervi e l'ingegno, conscio pur
troppo che pochi passi più oltre una fossa lo aspetta? Così Semiramide,
a cui la gioventù splendeva ancora sul volto, ma più non esultava
nel cuore. Vivere, vincere, regnare, perchè? Non è grata fatica, dove
manchi la speranza del premio. È vanità rialzare un trono, su cui non
abbia a sedere che un'ombra. Cedono allora, cedono le anime grandi ai
più profondi sconforti. Gittar l'opera di tante braccia obbedienti,
spargere inutilmente il sangue proprio e l'altrui, peggio che errore
non è forse un delitto? E varrà egli per avventura, contro queste voci
della coscienza, il dire che giusta è la causa per cui si combatte?
Sarà scusa bastevole al cospetto del mondo, o conforto per sè, l'aver
combattuto per seguire sua generosa natura?

Chiusa nel silenzio delle sue stanze, la regina pensava. Che aveva ella
fatto di così reo, da meritarle un tal scempio? Vedova di Nino, aveva,
più ancora che colle sue vittorie, colla temuta altezza del nome,
formato il più vasto impero che fosse mai; aveva recato un sorriso di
grazia nella forza, un raggio di serena maestà nella ferocia di que'
prepotenti Cussiti. Luce e bellezza è la donna nel mondo; solo quando
ella vi apparve, credettero gl'immortali che Dio avesse compiuto
l'opera sua. Tale era stata Semiramide sul trono degli Accad, luce
e bellezza all'impero. Ma forse l'alba dei leggiadri costumi non era
anche spuntata, ed ella, precoce apparizione, dovea rimanere come un
gentile esempio ai venturi, meteora luminosa in quelle tenebre lunghe.

Cionondimeno, era egli forse un delitto lo aver tentato di raggentilire
i culti disumani e rozzi, lo avere raunati tanti sparsi popoli in un
grande consorzio, lo aver recati i benefizi d'una civiltà nascente
su tanta parte della terra? E di che, se Giustizia celeste presiede
all'opere umane, di che era ella punita? D'esser donna e pietosa,
d'aver confidato negli uomini, d'averli reputati magnanimi e schietti
al pari di sè, di non aver creduto alle tenebre perchè essa era la
luce, al livore perchè essa era la bontà, all'ingratitudine, alla
viltà, al tradimento, perchè essa era la generosità, la grandezza e
la fede. Sì, quella era colpa sua, nè doveva per ciò muover lagno agli
Dei. Ah, come avrebbe voluto mutarsi allora, farsi tutt'altra da quella
di prima, esser barbara, incrudelire, operare il male, come tanti nel
mondo, per la sola voluttà del male! Ah, se quel tristo adolescente,
quel mostro di perfidia precoce, non fosse uscito dal suo grembo, come
le sarebbe bastato l'animo di entrare in Barsipa col ferro e col fuoco,
e là, al sommo della torre, costringerlo a bere il sangue del suo
Zerduste e del gran sacerdote di Belo, confitti a lungo martirio sugli
altari bugiardi!

Ma ella era madre; era magnanima e pia; i feroci pensieri trascorreano
veloci nella sua mente, a guisa di nuvole rotte in un cielo sereno. La
nobile creatura non poteva mentire all'indole sua; doveva struggersi
nel suo dolore impossente e cadere, se così voleva il destino.

Gli eventi incalzavano. Medi, Persi, Elamiti, si erano ribellati ai
governatori delle provincie. Le torme loro muoveano minacciose dai
monti, alla volta del Sennaar; cotesto recavano i frettolosi messaggi,
come nel profetico sogno della rocca di Van. Fortuna estrema per lei,
che i popoli sollevati non si fossero posti prima in cammino, come,
nella veemenza de' suoi desiderii, aveva sperato Zerduste! Frattanto
egli bisognava spedire un buon nerbo di valorosi ad affrontarli; ella
stessa avrebbe dovuto correr laggiù, coglierli alla sprovveduta e
sconfiggerli. Ma come uscire di Babilonia, come sfornire la città di
soldati, mentre i ribelli erano così numerosi in Barsipa e dall'alto
delle mura certo spiavano l'occasione di rifarsi alle offese?

Inoltre, Babilonia non era sicura, vacillava nell'obbedienza. I grandi,
forza e decoro della città, si erano allontanati con Ninia; il popolo
rimaneva ma inquieto, cruccioso, sbigottito tra i mali presenti e
l'incertezza del futuro. Cessate le feste, rovinati i commerci, rotte
le consuetudini d'una vita facile e piana, a cui era necessaria la
prosperità di tutto l'impero, ben si scorgeva che il ritorno della
pristina pace non era più possibile oramai senza varcare un'altra
sequela di durissime prove. E d'ogni cosa (siccome avviene in mezzo
alle pubbliche calamità, che fanno gli animi ingiusti) si accagionava
l'autorità più vicina, quella a cui sarebbe bisognato dar forza per
uscire con essa d'angustie; s'accagionava Semiramide, la regina vera,
l'autrice di tanta prosperità passata; non Ninia, il ribelle, delle
cui grandi opere, delle cui felici impromesse, null'altro per anche era
noto, fuorchè il suo tradimento.

Gran colpa agli occhi del volgo, un'ora di mutata fortuna! A Semiramide
niente giovava aver tante cose operato per la felicità di quel popolo.
Che era per costoro il passato! Un generoso liquore bevuto a rapidi
sorsi, un'ebbrezza, un sogno felice, di cui non si serba gratitudine, e
molto è se la memoria rimane. Del presente la si accusava, del triste
presente, di ciò che la regina non avea fatto per soggettarsi il
destino, di ciò che Ninia, Zerduste, complice il popolo di Babilonia,
avevano perpetrato contro di lei.

Intanto lutto, squallore e tumulto per ogni dove. In mezzo
all'abbondanza, si pativa difetto d'ogni cosa. Col pretesto della
pugna imminente, si smetteva il lavoro; si domandava pane, e avutolo si
chiedeva che fossero aperti i granai. Nè di minore ansietà era cagione
l'esercito. Tutte quelle migliaia di guerrieri d'ogni nazione, forti
e compatte schiere all'aperto, riuscivano colà branchi disordinati
e turbolenti, facili a scorarsi, più facili a secondare, che non a
contenere ne' suoi vaneggiamenti, la plebe.

Emissarii di Zerduste, fautori di ribellione, correvano di continuo tra
le file. Erano popolo, nè poteva sospettarsi di loro.

— Contro chi combattete? — dicevano. — E per chi? Doloroso è morire,
quando a nulla giova la morte. Sapete a cui siano propizi gli Dei?
Non certo a Semiramide! La sua stella è tramontata, dopo ch'ella ha
voluto sacrificare agl'idoli stranieri. Ninia ha da essere un giorno
il re nostro; a che combatterlo oggi? Egli è oramai al suo sedicesimo
anno, e l'ha educato al regno la savia tutela di Zerduste. Egli è
ragionevole che, cresciuto negli anni e nella saviezza il discendente
di Nemrod, lo scettro continui ad esser impugnato da una fragil mano
di donna? Compagna la fortuna ed auspice la gran memoria di Nino,
costei ha potuto condurre innanzi malagevoli imprese, altre lasciarne a
mezzo, senza troppo suo scorno. Oggi, abbandonata dal favore dei cieli,
esce in mostruose follie. Il miglior sangue di Babilonia s'è sparso
inutilmente nelle gole d'Armenia. Il vostro si spargerà inutilmente
del pari sotto le inespugnabili mura di Barsipa, con alto rammarico dei
vostri cari, che v'aspettano tremanti alle case natali. Ninia vi darà
pace; egli vi rimanderà liberi e ricchi alle vostre contrade. Che può
darvi oramai Semiramide, se non certezza di forsennati assalti e di
morte ingloriosa? tra breve incalzeranno alle porte i popoli sollevati
dalle regioni orientali. Avremo guerra dentro e fuori, carestia,
desolazione, esterminio. Che farete voi, uomini di Elam, voi Medi,
Persi, Ariarvi, cavalieri animosi; su cui Semiramide fa assegnamento
per distruggere il popolo delle quattro favelle? Uscirete voi in campo
aperto, spingerete i baldi corsieri contro i vostri fratelli di sangue,
scesi dai monti in aiuto del legittimo re? —

Con arti siffatte era tentata e scossa la fedeltà dell'esercito.
Nè più molto occorreva; forse una lieve occasione dovea bastare a
discioglierlo.

— Viva Ninia, in perpetuo! — già avevano incominciato a gridare i
nativi del Sennaar.

— E Anaìti, con lui, la vezzosa regina! — soggiungevano i popolani.
— Quella è nostra, nata del nostro sangue più schietto. Felice chi la
vedrà, come noi l'abbiam veduta, passare per queste vie, bella come il
sole nascente, e dall'alto del suo cocchio d'argento e d'oro sparger
sorrisi e saluti, come sparge fragranze il fiore della mandragora. È
dessa, Anaìti, la vera rosa del Sennaar; la venturiera d'Ascalona più
non usurpi quel nome. —

E scorreva, tra i dissennati, scorreva, versato largamente nei calici,
il liquor della palma. Cittadini e soldati, dopo aver maledetto alle
regali follie, pianto sui mali presenti e sui temuti danni futuri,
gozzovigliavano, infingardivano, tumultuavano insieme.

I capitani delle squadre, giustamente inquieti, andavano a consiglio
presso la regina.

— I soldati, sparsi tra il popolo, avranno perduto ogni ritegno ben
presto; la licenza e la ribellione son penetrate nel campo. Bada, o
regina; se i rivoltosi di Media giungeranno alle porte, con quali forze
andremo noi a combatterli? —

Semiramide, oppressa da tanta rovina, perduta nel suo ascoso dolore,
non sapeva a qual partito appigliarsi. Dar tosto l'assalto a Barsipa?
Sì certo era quello il più saggio consiglio; e là, o vincere, o morire!
Ma il suo cuore materno tremava. Infatti, come mai, senza mandare in
fiamme il covo dei ribelli, avrebbe ella potuto metter piede colà?

Faleg, sempre costante nella sua fede e ammonito dalla necessità di
uscir presto da quella incertezza, propose un suo divisamento alla
regina.

— Se tu tentassi di bandire una tregua, e di chiamare a parlamento
gli anziani di Babilonia, insieme coi grandi rifuggiti in Barsipa?
Tu udresti ciò ch'essi dimandano; essi le tue proposte, o signora.
Imperocchè, tu lo vedi, questa inerzia è fatale. O assalire i baluardi,
o calare agli accordi, ma subito!

— E sia, come tu saviamente proponi! — rispose la regina. — Vengano a
parlamento e dicano l'animo loro qual è. —

Indettatosi d'ogni cosa con lei, Faleg esce sollecito dalla reggia e
manda gli araldi per la città. Egli stesso sale arditamente in arcione
e s'avvia, con pochi uomini di scorta, a Barsipa. Giunto a' piè delle
mura e fatte squillare le trombe, così parla ai ribelli:

— In nome della possente signora degli Accad, cui Nebo ha concesso
l'impero dello scettro e la vittoria della spada, a voi cittadini e
difensori di Barsipa, tregua è proposta da questo momento fino all'alba
di doman l'altro, che sarà il trentesimo giorno di Tana. I soccorsi,
che voi attendete dalle terre del sole oriente, non giungeranno prima
di sei giorni in vicinanza di Babilu. Così recano i nostri esploratori;
vedete voi medesimi se vi confortino più felici notizie. In questo
termine, io ve lo annunzio, Barsipa sarà espugnata col ferro e col
fuoco. Or dunque, accettate la tregua, e quale di voi l'abbia grato,
purchè sia dei maggiorenti di Kiprat Arbat (o principe tra i suoi, se
straniero alla terra del Sennaar), venga a parlamento nella reggia,
insieme cogli anziani di Babilu. Udrà la regina le proposte de' suoi
avversarii e che cosa essi chiedono da lei per far posare la guerra;
ella dirà ciò che da loro s'aspetta, o che può loro concedere. Liberi
e sacri gli inviati di Barsipa; maledetto dai sommi Dei chiunque,
durante la tregua, tenterà cosa alcuna a danno del suo più odiato
nemico. —



CAPITOLO XXII.

Il bivio.


Dispiacque la proposta in Barsipa. Che vuole costei? dimandavano i
ribelli, radunati a consiglio. Qual nuovo inganno si cela in questa
tregua, che ella ci profferisce? Tarderanno ancora parecchi giorni i
soccorsi di Media; che importa? Le nostre mura sono salde e ingegni
di guerra non mancano a noi, per respingere i minacciati assalti della
regina. Alla perfine, di quali speranze si nutre, col popolo avverso e
l'esercito mal fido? E non è forse da credere che ella tema più di noi
l'esito di quest'ultimo scontro? Di certo, le è giunto all'orecchio che
domani, dal sommo della gran torre, i Casdim chiameranno solennemente
sovr'essa la maledizione degli Dei, e questa sua profferta è intesa a
scongiurare il pericolo. Ella ben sa che il popolo di Kiprat Arbat,
servo riverente dei Numi, si solleverà contro di lei, dichiarata
sacrilega, e l'esercito, in cui è tanta parte dei figli del Sennaar,
piglierà ansa a sostenere le ragioni del popolo. No, si risponda a
Faleg, non tregua, nè accordi!

Vinceva per tal guisa il partito di respingere la proposta. Ma
Zerduste, che fino a quel punto aveva serbato il silenzio, si oppose.

— Due notti in Babilonia, — egli disse, — sono gran ventura per noi,
quale non ci era dato sperare dalla benevolenza del cielo. Ponete
mente, o savi consiglieri del re: ciò che a noi tornò così malagevole
di ottenere, la mercè di destri emissarii, tenteremo liberamente
noi stessi per le vie della città, nelle lunghe ore che ci consente
la tregua. Nè così audace è il popolo, nè ancora così pronto ad
ammutinarsi l'esercito. D'una propizia occasione è mestieri, e questa
occasione è la tregua.

— Ma sarà ella osservata, la tregua? — notarono gli altri, con accento
di dubbio. — Non è per avventura da temersi una insidia?

— Semiramide non è donna da tendere insidie! — rispose brevemente
Zerduste. — Ciò ch'ella promette fedelmente atterrà. State di buon
animo, ed eleggete quali di voi dovranno recarsi alla reggia. Io
medesimo, che più d'ogni altro avrei cagion di temere, scenderò
in Babilonia cogli inviati del re e col venerato collegio dei
Casdim. —

Ora, Zerduste era l'anima della rivolta e a lui tutti facevano capo,
come al vero monarca. I Casdim medesimi, ai quali l'astuto prometteva
tanta possanza nell'impero, erano a lui vincolati. La proposta fu
dunque accettata.

Tosto, recatosi alle porte della città, il principe di Bakdi venne a
parlamento con Faleg.

— La regina ascolterà dunque i voti dei Casdim e dei grandi rifuggiti
in Barsipa?

— E degli anziani di Babilu; — aggiunse Faleg. — Il popolo rimasto in
città è sempre il maggior numero; nè il suo voto, qualunque esso sia,
va lasciato in disparte.

— Sta bene; — disse Zerduste. — E che intendi tu per altri dei ribelli,
purchè siano principi delle loro nazioni? Son io dunque del numero?

— Tu primo, — rispose l'inviato di Semiramide, — e le mie parole
indicavano te. Non fosti tu il consigliero della ribellione? Non
comandi tu, non fai ogni cosa a tuo talento appo il re? Vieni
dunque, se ti aggrada; la tua persona, come quella d'ogni altro, ci è
sacra. —

Così minutamente convenuti di tutto fu giurata quel medesimo giorno
la tregua nel tempio di Nebo. Giurò Zerduste per Ninia e pei ribelli;
Faleg per la regina e per l'esercito suo; Abdenago, il primo degli
anziani, pel popolo delle quattro favelle.

Babilonia si rasserenò come per incanto, dopo che gli araldi ebbero
bandita quella sospensione d'arme, altrettanto gradita, quanto era
inattesa. Gli animi, riaperti alla speranza, intravvidero la pace
imminente. A che si sarebbe fatta la tregua, se non fosse parso ai
combattenti di poter giungere ad utili accordi? Del resto, l'esser
chiamati in mezzo gli anziani della città, quasi arbitri dei litigio,
affidava il popolo che in un modo o nell'altro, per la madre o pel
figlio, gli sarebbe restituita la calma.

In sull'ora del tramonto, schiuse le porte di Barsipa, scesero i grandi
e i sacerdoti in Babilonia. Sulle orme loro si affrettarono molti
altri, che pure non dovevano andare alla reggia, guerrieri e cittadini,
a cui premeva di vedere i congiunti o gli amici. Nè Faleg si oppose a
questo lor desiderio. Così, largheggiando di generosità e di clemenza,
volea Semiramide. Non erano che un solo i due popoli; soltanto le sorti
della guerra intestina li avean separati; tornassero quelli di prima,
finchè durava la tregua.

La mattina del giorno seguente, che fu il ventesimonono di Tana, gli
anziani di Babilu, condotti da Abdenago, i capi della rivolta, e i
maggiori tra i Casdim, guidati dal saccanàco, ascendevano alla reggia,
ed erano introdotti nella sala di Nemrod, al cospetto della regina.

Semiramide era seduta sul trono, pallida in volto, ma tranquilla, in
atteggiamento regale. Immobili ai suoi fianchi stavano i flabelliferi,
con alti ventagli di penne, i melofori coll'armi in pugno e i portatori
di scettro, interpreti e ministri de' suoi alti comandi. Faleg e i capi
dell'esercito erano in attesa, raccolti ai piedi del trono.

Zerduste non era tra i nuovi venuti. O fosse riguardo per sè, o atto di
meditata cortesia verso la regina, egli non avea posto piede là dentro;
ma bene erasi aperto cogli altri, ed essi indettati con lui, d'ogni
cosa che avessero a dire. Il saccanàco, per giusto riserbo della sua
dignità, non voleva dal canto suo esser primo ad ossequiar Semiramide.
Però l'ufficio di parlare in nome di tutti era commesso al capo degli
anziani, che difatti fu il primo ad inoltrarsi a' piedi del trono.

— Potente signora, — disse Abdenago inchinandosi a mezzo, — vivi in
perpetuo!

— E a te ed a chi viene con te, — rispose la regina, — dian lume di
savio consiglio i celesti. Io vo' che posi la guerra, e, perdonati i
ribelli, allontanati gli estrani, sia riverita la mia autorità dal
popolo delle quattro favelle. Ora, che pensate voi dell'offerta? I
disegni della mia clemenza son questi. Amo meglio vengano essi incontro
a voi, in sembianza di doni amorevoli, anzi che paiano concessioni
lungamente patteggiate, e quasi strappate alla resistenza d'un animo
acerbo. Madre io mi tengo del popolo, come lo sono di Ninia. La mia
fede vi è nota. Schietto ed aperto ditemi dunque l'animo vostro. —

Abdenago si fece innanzi d'un passo, e postasi la manca sul petto e
stesa la destra in alto, come per aggiungere solennità al suo discorso,
parlò:

— Regina, non ti dispiaccia il mio dire. Pel mio labbro ti parlano
gli ordini tutti della città, i rifuggiti in Barsipa, il venerato
collegio dei Casdim. Il popolo delle quattro favelle è per cagion tua
sventurato. Sempre, dacchè lo raccolse in questa pianura e gli diè
legge il fortissimo Nemrod, questo popolo fu governato da re, scesi
tutti da una medesima stirpe. Per la prima volta l'ebbe in sua balìa
una donna, e quella tu fosti. La tenera età di Ninia, la tua gloria, la
tua fortuna, persuasero di lasciarti lo scettro, che soltanto a destre
virili era concesso impugnare....

— Io lo tenni per virtù mia, non l'ebbi in grazia a voi! — interruppe
la regina.

— E sia; — disse di rimando Abdenago; — noi dunque a forza obbedienti,
non già condiscendenti alla tua autorità per nostra elezione. Regnasti
sola e felice undici anni; la fortuna arrise alle tue armi, fino a quel
giorno che, condotto il tuo esercito sulle rive dell'Indo lontano, il
Signor delle sorti volse la sua faccia da te, e tu non campasti che
colla fuga da una certissima morte. —

Un amaro sorriso sfiorò le labbra di Semiramide.

— Trasvolate assai presto undici anni di gloria! — diss'ella con piglio
sarcastico. — Vi giova altresì dimenticare che questa felicità, questa
grandezza, di cui rimpiangete la perdita, voi, prima e vera cagione
del vostro medesimo danno, sono opere mie. Chi ha fatto l'impero? Chi
ha esaltato i sommi Dei di Babilu al cospetto delle vinte nazioni?
Prima che io fossi, io, avventuriera d'Ascalona, siccome taluno di voi
oltraggiosamente mi chiama, nessuno degli Accad aveva ancora veduto
un tratto di mare. Io quattro ne vidi, e sulle rive trionfate posi i
confini della mia, della vostra possanza. Chi ha soggettato al nome dei
figli di Cus tutto il paese di Martu, dalle arene di Mesraim fino alle
spiaggie di Rifat, con entro città popolose e fiorenti di traffichi,
e Chittim, e Caftor e tutte l'altre isole belle che si specchiano nel
mare del sole occidente? Bene le terre dei Medi attrassero il cupido
sguardo dei vostri re, da Nemrod a Nino; ma chi venne a capo della
resistenza di Bakdi, della città che sovrasta con l'alta bandiera
su tutta la contrada del sole oriente, dal Caspio, in cui l'Oxo si
versa, infino all'Eritreo, dove l'Indo mette le numerose sue foci? Chi
stese il regno alla terra degli aromi e dell'oro, che siede felice
in mezzo a tre mari? e le prede di tante guerre, i tributi di tanti
popoli soggiogati, chiusi io forse per me, o gittai nelle feste? Non
mutai, dov'era bisogno, il corso de' fiumi? Non murai cittadelle?
Non apersi vie spaziose, ov'erano dapprima boscaglie, dirupi e libere
orme di fiere? Io strinsi d'argini poderosi l'Eufrate ed il Tigri; io
riedificai la città, cingendola di saldissime mura e di fosso profondo;
io innalzai questa reggia, splendor della terra; io que' templi, grata
dimora ai celesti. Quale dei vostri barbari re, sia egli pure Nemrod,
il terribile cacciatore di popoli, o Nino, mio sposo, giunse a tanto di
gloria? E a me si ardisce dar cagione delle sventure di Babilu? Dinanzi
a me si ardisce rimpiangere la mano d'un re? —

Un mormorio d'approvazione era corso per le file dei cortigiani e dei
capi dell'esercito, molti de' quali aveano partecipato ai pericoli
e alla gloria di tante nobilissime imprese. Gli stessi cittadini di
Babilonia, e parecchi dei grandi rifuggiti in Barsipa, avevano sentito
come un'aura della passata grandezza aleggiare sulle loro cervici e
curvarle ad atto di riverenza e d'ossequio. Ma Abdenago, nella cui
mente aveva stillato le sue sapienti perfidie il principe di Bakdi, non
si era dato per vinto:

— E sia ancora; — ripigliò il capo degli anziani, — sia sempre come
tu dici, o regina. Tante mirabili cose hai operato, o, per dire più
veramente, hanno operato per tua mano gli Dei protettori di Babilu. Ma
perchè, a mezzo il corso de' tuoi benefizi, hai tu voluto arrestarti
e distruggerne i frutti? Perchè tu, fondatrice dell'impero, facendo
contro a te stessa, ti sei consigliata di mandarlo a rovina? Questa
recente guerra contro la maledetta Armenia, per qual ragione fu
impresa? —

E Abdenago, uscendo in questa dimanda, si piantò arditamente dinanzi al
trono, guardando la regina con aria di sfida. Parlavano pel suo labbro
i lutti numerosi che quella guerra aveva arrecati a Babilonia, e gli
cresceano l'audacia. Fremettero i convenuti nella sala di Nemrod, quali
di memore sdegno, quali di corruccio per la temeraria domanda; ma gli
uni e gli altri, ben sapendo che là era il nodo di quell'aspra contesa,
stettero muti ed intenti ad aspettare la risposta di Semiramide. Essa
fu breve.

— Non vi ho mai detto perchè imprendessi le altre; — disse alteramente
la regina; — non vi dirò dunque le cagioni di questa. Ben voglio
sia ricordato da voi che l'Armenia era soggetta a tributo e che,
d'improvviso, scossa la nostra autorità, offeso dai figli d'Aìco la
maestà del trono degli Accad, occorreva domarne con pronta guerra
l'orgoglio. Un grande impero siccome il nostro non può viver sicuro,
con audaci e turbolenti nemici alle spalle.

— Così non dice la fama! — replicò prontamente l'anziano.

— La fama! — esclamò Semiramide. — La fama! — ripetè con ironico
accento. — E che si fa dire a questa compiacente ministra dell'invidia,
del maltalento e della stoltezza del volgo?

— Che fu un capriccio di donna; — rispose Abdenago, senza fermarsi
a raddrizzare la frase. — Condonami, o regina, le ruvide ma schiette
parole. Siam qui per farti udire la voce del vero, non piaggerie di
servi ossequenti e paurosi. Questa guerra è costata tesori. Per essa,
settanta miriadi d'armati furono raccolte in Assur; tutte le più valide
braccia tolte alle case loro e all'operosa pace dei campi. Ma che
dico dei tesori profusi, quando è il sangue sparso che grida vendetta?
Duecento migliaia di combattenti lasciarono la vita ne' preziosi monti
d'Armenia, nelle infami strette di Ajotzor! Tu vincevi, o regina;
trionfavi del riluttante Armeno e godevi in cuor tuo; ma tu non eri già
nella desolata terra del Sennaar, confusa tra le orbate famiglie di
Babilu, per lunghe e terribili ore immobile sulla riva dell'Eufrate,
a contemplare i cadaveri tratti nell'onde vorticose del fiume natìo!
Il fiore e il nerbo della nostra schiatta miseramente perduto; i
diecimila cavalieri di Belo, onore e forza della progenie di Nemrod,
mietuti dall'orrida morte; e perchè? Guerra utile era forse cotesta? O
necessaria almeno? Che non la facesti tu prima? Che non ne rimovesti i
danni con previdente consiglio? Ma inutile era, inutile e dannosa pel
popolo di Kiprat Arbat; utile soltanto a' tuoi corrucci, profittevole
alle tue regali vendette!...

— E non erano esse le vostre? — interruppe Semiramide. — Lasciamo le
perfidie che s'ascondono nelle tue parole, o Abdenago; la regina le ha
udite, e ti basti. Di tante morti mi duole; a me prima e più fortemente
è doluto che a voi. Ma la sorte delle battaglie è cotesta; nè la
vittoria fruttifica, senza che il campo sia innaffiato di sangue. Molti
guerrieri, e de' migliori, perirono, in tutte le guerre che hanno fatto
grande e poderoso l'impero; molti più ancora in disutili imprese, e non
già di donna corrucciata, ma d'uomini forti e prudenti, di re animosi e
feroci, che voi oggi a mio scorno esaltate. E nessuno si dolse allora,
nessuno impugnò l'armi della ribellione, quando il fortissimo Nemrod,
in quelle medesime strette di Ajotzor, famose, o Abdenago, famose
finchè duri memoria negli umani intelletti, lasciò la vita, la gloria
dei passati trionfi e non una parte de' suoi, ma tutta la schiera
de' valorosi Titani. E voi sventurati per me! Voi sollevati contro la
mia autorità, per alto rammarico delle vite mietute! Sii più cauto, o
Abdenago, nel far tuo pro di un lutto comune. In Ajotzor si combatteva
il sesto giorno di Tana, e voi già apertamente ribelli dal terzo,
mentre io mi disponevo a levare le tende dal campo di Assur.

— È vero; — balbettò confuso l'anziano. — Ma infine, e non era egli
agevole di prevedere quella immensa rovina? Tu stessa hai ricordato
il figlio di Misdraim. Sì, l'impresa del forte Titano contro le case
di Thogarma fallì; vita e gloria vi perdette ed esercito. E tu, non
ammaestrata dall'esempio, hai voluto ritentare la prova, far contro
all'espresso voler degli Dei. Vincesti, ma la tua vittoria fu scherzo
amarissimo di Nisroc; per la tua vittoria, per la tua contentezza,
è Babilonia, è tutta la terra di Sennaar immersa nel lutto. A che
contenderemmo di giorni? L'impero è scosso ne' suoi cardini; questo
è il danno più grave, e dimanda le cure sollecite dei savi che
consigliano i principi. Nè mancano essi a Ninia, al regio adolescente,
che il popolo volle e che i sacerdoti consacrarono re sulla gente degli
Accad. Figlio di Nino e tuo, non dee parerti un usurpatore del regno.

— Figlio di Nino e di Semiramide, aspetti dunque l'ora del suo destino!
— gridò Faleg, che già più non poteva frenarsi. — Male s'argomenta di
ottenere obbedienza dal popolo, chi primo si ribella all'autorità della
sua genitrice e regina.

— Savio parli; — rispose Abdenago, scosso da quelle ferme parole e più
ancora dai segni di assentimento che esse avevano destato tra i capi
dell'esercito e tra parecchi de' suoi medesimi compagni. — Ma Ninia
dovrà pure un giorno impugnare lo scettro de' suoi maggiori. Egli regna
oramai; a che scemargli la maestà del nome, avvilirlo al cospetto
delle genti, richiudendolo di bel nuovo nell'ombra gelosa del suo
umile stato? Ricordi Babilonia, ricordino i Casdim, ricordi l'esercito
(poichè tutti qui raunati non siamo che una famiglia, il popolo delle
quattro favelle) essere a noi necessario di premunirci contro un più
grave pericolo. Bene avrei desiderato tacerlo, ma infine....

— Parla — gridò Semiramide. — Molto hai già detto, e che altro oramai
può farti nodo alla lingua?

— Orbene, sì, parlerò! — soggiunse Abdenago, che astutamente avea
meditata la sua reticenza. — Corrono voci strane e paurose tra il
popolo. Non sono forse caduti, in un sol giorno di pugna, tutti i
nobili rampolli della progenie di Nemrod? Balsam, il capo dei bianchi
cavalieri di Belo, Balsam, il terzo nato di Arbel, che fu padre al gran
Nino, tuo sposo; Ninip, ultimo del sangue di Bab, che fu il secondo
figlio di Nemrod; e Samas Iva, del sangue di Cael, e Misdrac, Ioreb,
Dudaimo, balda giovinezza e decoro del vecchio ceppo di Cus, non sono
essi tutti, dal primo all'ultimo, rapiti per sempre all'amore e alle
speranze degli Accad? Per contro, non hai tu condotto alla reggia
l'Armeno, con ogni più sollecita cura campato da morte, prigioniero
in apparenza, ma perdonato in cuor tuo? Che dovrà pensare il popolo
di Babilonia? che argomentare da ciò? Regina, io nol negherò, chè
sarebbe vano e non degno di noi; le tue gesta furono e rimarranno
gloria imperitura di Kiprat Arbat. Gioventù, bellezza, ardimento ti
arridono, e molto ancora ti sarà dato operare. Ma il popolo, di cui t'è
necessaria l'obbedienza e l'affetto, chiede certezza del futuro, vuol
essere raffidato da te. Qual cosa vogliano i rifuggiti in Barsipa non
so; parlino i loro inviati qui raccolti con noi. In nome del popolo di
Babilonia ti parlo io, in nome di questo popolo che ha veduto perire in
un giorno la progenie dei re, e che teme non si preparino per avventura
le vie del trono ad una stirpe nuova, e quel che peggio sarebbe, di
sangue straniero. —

Le vampe del rossore e dell'ira salirono alle guance di Semiramide.
Il colpo era tratto alla donna e la feriva nel cuore. Cionondimeno,
l'accusa di Abdenago appariva così stolta, che ella riavutasi tosto,
anzichè prorompere in accento di sdegno, sorrise di compassione.

— Dimenticate che Ninia vive? — diss'ella.

— Sì, vive, — ripigliò Abdenago, crollando mestamente il capo, — ma per
prodigio dei Numi. Ier l'altro, nella sua coppa d'oro gli fu ministrato
un veleno. Zerduste lo trattenne, che egli già stava per accostarlo
alle labbra. Il coppiere, costretto a bere invece del re, cadde
fulminato a' suoi piedi.

— Ah! e che vorresti tu dire? — gridò Semiramide, che durava fatica ad
intenderlo. — Forse che io.... Orribile pensiero! Una madre!... E siete
voi cittadini di Babilu, voi che lo avete creduto? Ma andate da colui,
dal re vostro, correte, e questo ditegli in nome di sua madre, che ella
può disprezzarlo, ma ucciderlo.... ucciderlo! oh, anzi che ciò potesse
balenarle alla mente, ella avrebbe lacerato col suo ferro il maledetto
fianco che lo ha partorito.

— Infame calunnia scaturita dal negro abisso! — tuonò Faleg a sua
volta, pallido dalla rabbia troppo a lungo repressa. — E il vostro
Zerduste, l'astuto consigliero d'ogni più vil tradimento, non può egli
avervi mentito? Che è mai una nuova menzogna, un nuovo inganno per lui?
Che è mai la vita di un umil servo babilonese, per l'uomo straniero che
non ha dubitato di mandare a rovina la patria nostra e che s'argomenta
oggi di salvarla con l'aiuto dei Medi? D'ogni peggiore artifizio è
capace costui! Non lo temo io, lo sdegno dei tristi; soldato sono, e so
che dovunque è battaglia; son figlio di questa terra, e l'ho per nemico
de' miei fratelli di sangue. Badate, o cittadini; egli inganna voi,
come inganna il suo regio discepolo, e tardi vi accorgerete del danno,
quando i Medi, ora sudditi vostri, vi staranno padroni sul collo.
Badate, o Casdim; egli vi ha ravviluppati nei suoi lacci insidiosi,
abbatterà i vostri altari, purificherà le vostre rozze idolatrie,
com'egli superbamente le chiama, nel fuoco de' suoi sacrifici. —

Le concitate parole del guerriero turbarono profondamente gli astanti.

— Che dici tu? — gridò il saccanàco. — Potrebbero gli Dei esser caduti
in inganno?

— Noi — incalzò Faleg sollecito. — Eglino infatti vi parlano pel mio
umile labbro e vi consigliano a diffidare di Zerduste. Egli vi tradirà,
o venerandi, vi tradirà, come ha tradito la donna che incauta per
soverchio di generosità lo ha innalzato, lui principe di una vinta
contrada, ai primi onori del regno. La prova? mi direte voi, la prova?
e non l'avete voi, nella istessa mostruosità del delitto che egli
appone alla regina? Può forse una madre, e una madre che abbia nome
Semiramide, compresa della sua grandezza regale, sacra alla immortalità
delle opere sue, macchiarsi di parricidio? Lo credano i perversi, nel
cui negro animo gli spiriti malvagi vanno soffiando il loro alito
immondo, non io, non voi, cittadini di Babilu, memori ancora delle
nobili imprese della vostra regina, nè così dissennati da imputare a
lei gli errori del caso. E a voi forse parrebbe meno evidente ciò che
a me, non straniero a voi, ma fratel vostro di sangue e non meno di
voi sollecito della patria comune, appar manifesto, luminoso, come il
raggio di Sam? Io ne attesto gli Dei, Nergal, il corrusco signore delle
battaglie, Nebo, il veggente custode del vero, Auv, il regnatore de'
cieli; e possano le loro destre onnipossenti fulminarmi sul punto, se
io vi dico menzogna. La madre che Zerduste accusa, si ritenne dallo
assalire incontanente le mura di Barsipa, che non sono già di bronzo,
come voi pensate, o ribelli; si ritenne, dico, dallo incenerirvi nel
vostro ultimo covo, per tema di arrecar morte allo stolto adolescente,
che crede di regnare su voi, perchè ha ferito il cuor di sua madre.
Orvia, cittadini di Babilu, e voi ministri dei santissimi Numi, tornate
in voi medesimi, non perseverate nella via dell'errore, su cui vi ha
trascinato il malveggente di Bakdi. Io non aggiungerò le minaccie,
poichè la regina non n'ha profferite. Vi dirò solo che l'esercito
farà il debito suo, e, rotti finalmente gl'indugi, non darà tregua, o
quartiere.

— No, nulla! nulla! Sarà fuoco e sterminio! — gridarono i capi
dell'esercito, facendo eco terribile alle parole di Faleg. — Possente
signora, le nostre spade son tue! —

Un gesto di Semiramide ringraziò quei valorosi; un suo accento, uno
sguardo, un raggio di contentezza ineffabile, aveva già ringraziato il
buon Faleg delle sue generose parole.

Negli animi dei ribelli erasi infiltrata una grande incertezza.
Sentivano di non aver buone ragioni da opporre, e quel nobile ardore
incominciava a soggiogarli. Più di tutti già vacillavano ne' primi
propositi gli anziani della città, dalle cui risoluzioni pendevano
oramai le sorti della grande contesa. Ma il vecchio Abdenago, cui
rafforzavano i consigli di Zerduste e la stessa sua condizione di
orator dei ribelli faceva ostinato, fu pronto a ravviare i compagni.

— Intendo, — diss'egli, — e non so darvi biasimo di questo nobile
ardore. Egli è giusto che, se dal colloquio nostro non deriva alcun
frutto, la lotta ripigli più accanita che mai. Ma egli è da por mente
altresì, e tu già non ne dubiti, o clemente signora, che la vittoria
arriverà a quella tra le due parti che abbia il popolo babilonese per
sè. Io vo' concedere, — e così dicendo la voce di Abdenago s'era fatta
più umile, carezzevole quasi, — che Babilu, messa al punto di scegliere
a quale delle due parti accostarsi, non dimenticherebbe i dolci vincoli
dell'antica obbedienza e la grandezza dei tuoi benefizi. Questa città
non t'odia, checchè sia avvenuto; ma ella vuol quiete, per medicare le
sue acerbe ferite; vuol sicurezza del futuro, quella sicurezza, che
un giorno la condusse a scorgere in te, sebbene straniera, la degna
continuatrice dei fasti della casa di Nemrod; quella sicurezza che il
triste eccidio di Ajotzor e un più recente spettacolo d'ingiustizia,
hanno miseramente distrutta. Ella dunque ti tornerà fedele, onorerà i
tuoi comandi, sorreggerà il fianco della tua autorità regale, a patto
che i suoi timori siano dissipati e l'ombre de' suoi morti non siano
offese più oltre dalla incolumità di quell'uomo, che cagionò tanti
lutti alla terra di Sennaar. A noi testè il valoroso Faleg minacciò la
pena dei nostri trascorsi; nè delle minaccie gli anziani si dolgono;
essi che accetteranno umilmente, dal voler degli Dei, premio o castigo,
secondo che i celesti arridano, o si mostrino avversi, alle armi di
Ninia. Ma tu, o regina, se giusta sei col tuo popolo, se non odii la
casa di Nemrod, se onori gli Dei che noi tutti adoriamo, devi con atti
aperti e sinceri, mostrarti degna del patrocinio celeste....

— Al fine! al fine! — gridò Semiramide impaziente.

— Ci vengo: — ripigliò Abdenago. — Sia uguale la tua misura per tutti.
Cada, per tuo comando, colui che fu cagione del danno. Sconti il
malka delle montagne la pena della sua funesta ribellione. Sia dato
al patibolo dinanzi alle porte della tua reggia, cosicchè dalle due
rive dell'Eufrate il popolo delle quattro favelle lo veda espiare
il suo tradimento e le lagrime che ci costa; e lo sdegno del popolo
sarà placato allora (ma bada, allora soltanto) da un atto di solenne,
quantunque tarda, giustizia.

— E quello degli Dei sarà placato del pari! — soggiunse il saccanàco,
levando in atto di giuramento la destra.

— Si, muoia l'Armeno, e tornerai la regina degli Accad! — incalzarono i
grandi del regno. — Giustizia per tutti! Troppo sangue di Babilonia si
è sparso; ne porti la pena il primo e il più grande ribelle! —

Il nuovo accorgimento di Abdenago sconcertava i prudenti disegni
di Faleg. Nato anch'egli nel Sennaar, imbevuto di tutta la ingenita
superbia della schiatta cussita, Faleg non poteva per fermo vedere di
buon occhio l'Armeno. Ma in lui era forte la gratitudine e profondo
l'ossequio per la regina. Ora la lentezza di lei a punire il nemico,
la bieca ostinazione dei ribelli nel volerlo morto, gli dicevano
chiaramente che il leggiadro malka delle montagne era già perdonato
nel cuore di Semiramide e che ella lo avrebbe conteso con ogni sua
possa alle feroci vendette che instigava Zerduste. Tra l'avversione
dell'animo suo e il debito della gratitudine, tra le pretensioni dei
ribelli e gli indovinati impulsi del cuore di lei, non era dubbia la
scelta di Faleg. Ma come opporsi efficacemente alle bieche proposte,
che al cospetto degli astanti si ammantavano di tanta giustizia? Gli
stessi capi dell'esercito, amici e compagni suoi, che non vedevano così
addentro com'egli ne' fini riposti di Abdenago e negli struggimenti
arcani d'un cuore di donna, facevano buon viso alla domanda, e il loro
spiare ansiosi e muti la risposta di Semiramide, avrebbe chiarito ad
occhi meno accorti de' suoi, da qual parte pendessero i loro consigli.
Invero poichè tutta la resistenza dei ribelli si restringeva in quel
punto, i capi dell'esercito pensavano che ad assai lieve prezzo si
comprava la pace e non dubitavano che la regina fosse per accettare un
partito, in cui la giustizia e la dignità sua erano salvi del pari.

Avvenne da ciò che Faleg, cercando invano tra sè come venire in aiuto
alla regina, si rimanesse alquanto sospeso. E gli altri solleciti a
trar profitto dal suo silenzio, incalzando negl'insidiosi parlari.
Con quell'atto di giustizia che si chiedeva a Semiramide, era tolto
ogni appiglio ad oltraggiosi sospetti, ogni argomento a paure degli
uni, a perfidie degli altri. La pena inflitta all'Armeno era l'ostia
propiziatoria ai celesti, era il messaggio di pace, il patto della
nuova alleanza tra la regina ed il popolo delle quattro favelle. Ninia
sarebbe tornato alla prima umiltà; Zerduste, poi, lo si cacciava fuor
del reame, colla sua vita comprando l'obbedienza dei Medi sollevati.
Qual più largo trionfo per lei, se per ottenerlo non occorreva spargere
pur una goccia di sangue? La pace restituita ad un tratto; i guerrieri
d'una medesima patria non più costretti a combattersi l'un l'altro, a
incrudelire ne' padri e fratelli loro; gli orrori di una guerra civile,
gl'incendi, le stragi, i lutti, risparmiati alla città diletta, che
era costata tanti anni di amorose fatiche; la gratitudine immensa d'un
popolo salvato; nulla fu pretermesso dagli accorti avversarii, in ciò
facilmente seguiti, sostenuti, oltrepassati dallo zelo degli amici
malcauti, che facevano a gara per dar nella pania dei fallaci consigli.

Semiramide non rispose parola. Aveva impallidito all'audace dimanda; in
quella condizione di pace gittata là come la cosa più ragionevole del
mondo, tanto più ragionevole allora, che il costume di guerra non facea
sacra la vita dei prigionieri, aveva ella ravvisato il colpo maestro
del suo implacabil nemico. Ah, egli non era dunque per la esaltazione
di Ninia, che si adoperava l'astuto? Quell'ignaro fanciullo non era
che uno strumento, un'arma brandita contro di lei, un'arma che si
gittava, dopo averla adoperata a ferire! Non era più sete di regno che
contrastava il poter suo; era una vendetta che cercava il cuor della
donna, una vendetta tanto più sottilmente feroce, in quanto che nessuno
di quella moltitudine di nemici e di fautori, poteva averla per tale.
Zerduste infatti, per la proposta degli anziani, non giungeva egli
a far sacrifizio di sè? Accettava l'umiliazione e l'esiglio; si dava
inerme in preda allo sdegno di Semiramide, che bene avrebbe potuto,
appena sedata la rivolta e ristabilita la sua autorità, cercarlo
dovunque egli fosse e farlo inesorabilmente morire. Chi, ciò pensando,
avrebbe sospettato della magnanimità di Zerduste? Quella sua volontaria
caduta era il sommo della ipocrisia; quel suo consiglio di finire ogni
cosa colla morte del re d'Armenia, era la stretta fatale in cui la
regina, o la donna, dovea certamente soccombere. E si sentì perduta,
allora, e rimase più atterrita a gran pezza, che non fosse stata prima,
all'udire d'ogni altro suo danno.

Ben le restava uno scampo; la guerra disperata, la sorte dell'armi.
Ma questa che fallacissima era, non potea farla altresì micidiale
nel sangue di Ninia? E poi, a che proseguire la lotta? Ella era
tanto desiderosa di regnare, temuta, non amata più dal suo popolo,
odiata, non creduta dall'uomo, per cui aveva messa a repentaglio la
sua possanza e la fama? V'hanno istanti supremi, in cui le anime più
salde sentono il fastidio della lor medesima forza, dovuta usare in
troppo vili contese; e allora dalla inerzia, che si offre noncurante
ai colpi nemici, spira assai più sublime grandezza, che non dall'ardore
crescente, dalla terribilità della pugna.

Così smarrita, la regina volse a Faleg uno sguardo di suprema
tristezza. Lo intese il fedele guerriero, che incontanente si fece a
salire i gradini del trono e si curvò sul ginocchio, per udire i regali
comandi. Ma egli non era già più un comando quello che Faleg doveva
udire dal labbro di Semiramide.

— Tu lo vedi, o Faleg; — susurrò la regina con malinconico accento. —
Tutto è perduto oramai.

— Signora! — rispose sommesso il guerriero, e il cenno del capo
significò tutto quello che il labbro taceva.

— Or ora, — proseguì la regina, — udranno che Semiramide non accetta le
loro condizioni. Potrei forse?..

— T'intendo! — interruppe Faleg, notando il rossore subitaneo che
imporporava le guance della regina. — Ma perchè dir loro il tuo
proposito fin d'ora? Tempo ti resta a pensare.

— Ho pensato; — soggiunse ella; — perchè tacerei?

— Perchè eglino, i tuoi nemici che stanno aspettando un forse preveduto
diniego, rimangano ancora crucciosi nella loro incertezza. Pensa, o
regina, ai giubilo che sentiranno, alle ire che non si periteranno di
rinfiammare prontamente nel popolo, e consentimi di risponder loro per
te. —

La regina assentì con un gesto lievissimo, e Faleg allora, vòltosi da'
piedi del trono ai congregati, parlò:

— Cittadini di Babilu, Casdim venerati, e voi tutti seguaci delle
fortune di Ninia, che mettete condizioni al ritorno nell'antica
obbedienza per la regina degli Accad, oramai la nostra possente signora
vi ha udito. Altro vi resta da aggiungere?

— No; — risposero i grandi rifuggiti in Barsipa; — muoia l'Armeno, e
l'autorità di Semiramide non avrà più fidi sostegni di noi.

— Se gli Dei non sono placati, — soggiunsero i Casdim, — Ninia regnerà
in sua vece. Così viva egli in perpetuo!

— E noi, — gridarono gli anziani, — aspetteremo che il signor delle
sorti ci mostri a cui dovremo obbedire. Ninia è il re consacrato e i
soccorsi di Media non sono lontani.

— Sta bene; — replicò Faleg, con voce impressa di guerresca baldanza;
— li vedremo noi primi, i vostri soccorsi di Media.... se la regina
vorrà. Andate, frattanto la possente signora degli Accad, cui Belo
ha concesso l'impero dello scettro e la vittoria della spada, si
raccoglierà nella solitudine de' suoi alti pensieri, mediterà le
proposte, chiederà lume d'inspirazione a Nebo, al veggente consigliero
dei re. La tregua spira domani; prima che il raggio di Sam si specchi
nei sette colori della gran torre di Barsipa, i ministri della reggia
vi annunzieranno ciò che la regina avrà risoluto di fare. —

Il parlamento ebbe fine con queste oscure parole di Faleg. Taciturni,
dubbiosi, uscirono i congregati dalla sala di Nemrod. Invero, essi
erano inquieti a ragione. Il silenzio della regina somigliava troppo
a quella cupa tranquillità di natura, che precede lo scoppio della
tempesta.

Come furono partiti, anche Semiramide si ritrasse nelle sue stanze.

— Ah, Faleg! — diss'ella al guerriero. — È finita; io non lo ucciderò!
Egli è un fellone e un ingrato; ma se io lo odiassi, avrei forse atteso
i consigli del volgo ribelle? E adesso, io, regina degli Accad, dovrei
piegarmi per avventura ai comandi?

— Certo non lo sperano essi! — rispose Faleg. — Le armi adunque
scioglieranno la contesa e meglio per noi se ciò avvenga domani.

— No; nè domani, nè poi! — esclamò Semiramide.

Faleg la guardò trasognato; e v'ebbe un istante che egli temè non aver
bene udito, o aver la regina male inteso la sua proposta; l'ultima, a
parer suo, che recasse un costrutto.

— Nè cedere, nè combattere! — sclamò egli poscia. — Che dunque faremo?

— Nulla! — rispose la regina, levando in alto la fronte e chiudendo
gli occhi in atto di raccoglimento solenne. — Domani sarà avvenuta tal
cosa, che sciolga il nodo per sempre.

— Ah! — proruppe il guerriero impallidendo. — E vorresti....

— Non mi dir nulla! Spesso han d'uopo dell'altrui consiglio i regnanti;
ma v'hanno giorni, ore supreme, in cui non è dato pigliarne, fuorchè
dalle voci arcane dell'anima. Tu se mi ami e rammenti....

— I tuoi benefizii, o regina? Come potrei averli dimenticati, io che
ripeto da te ciò che sono, io oscuro figlio del borgo di Susqueanna, io
innalzato da te ai primi gradi della milizia del regno? E come suddito
e come servo di gratitudine, son tuo; la mia vita ti appartiene, fanne
ciò che più ti talenta.

— Grazie, buon Faleg! — ripigliò Semiramide, crollando mestamente il
capo. — Dedicare la vita dei nostri servi ed amici ad utili imprese
non è più dato oramai; nè alcuna io vorrei sacrificarne, per consolare
una stolta vanità colla pompa d'una rumorosa caduta. Tu sei libero, o
Faleg; nessun vincolo d'obbedienza ti lega più alla regina; soltanto
al fedele servitore, al costante amico, Semiramide chiede oggi un
servizio.

— Parla! — diss'egli commosso. — Ogni tuo desiderio sarà legge per me.

— Esci di Babilonia, e sia teco una scorta d'uomini, quanti reputerai
bisognevoli, ma scelti tra i più fedeli e i migliori de' tuoi. Si
tratta di campare un uomo da morte; — aggiunse ella con imperioso e
rapido accento; — la salvezza di quest'uomo è l'ultima volontà della
regina degli Accad. Vanne dunque subito a lui.... m'intendi? a lui!
Per le segrete scale che conducono al gran sotterraneo, guidalo fuori
di Imgur Bel. Se alcuno dei cittadini lo ravvisasse, potrebbe aizzare
contro lui la rabbia d'una moltitudine forsennata. Ciò devi ad ogni
costo evitare....

— E impedire, fino all'ultima stilla del nostro sangue! — soggiunse
Faleg. — Non dubitare! Sacro per te, il re d'Armenia è sacro per ogni
tuo servitore.

— Sta bene; — ripigliò Semiramide. — Travestito, o celato in quel modo
migliore che a te consiglierà la prudenza, lo condurrai per la via di
Gomer, sulla sinistra dell'Eufrate, fino alle contrade di Assur. Meglio
sarebbe che tu potessi accompagnarlo fin oltre il paese di Nahiri....

— Ed anco al passo di Lukdi! — interruppe Faleg sollecito, andando
incontro ai voti della regina. — Non mi dire di più; la vita sua sarà
salva. —

Semiramide si accostò ad uno stipo d'ebano, riccamente scolpito, e
ornato di bei fregi d'argento.

— Prendi; — ella disse; — qui son gemme d'altissimo pregio. Sia tutto
tuo, quanto potrai recare con te. Eccoti ancora; questo è il mio
suggello regale; forse, lunge dalla città che reca l'impronta de' miei
benefizi, la sua autorità sarà ancora onorata ed esso potrà in alcun
tuo bisogno giovarti. Ed ora, o Faleg, giurami che tutto farai giusta
il mio desiderio; giurami che condurrai salvo il prigioniero fuor della
terra di Sennaar, nè lascerai di custodirlo fino a tanto egli non sia
lontano da ogni pericolo.

— Pe' sommi Dei te lo giuro! Mi colga lo sdegno di Auv; mi faccia
Nergal il più codardo e il più dispregevole dei guerrieri di Babilu,
gli spirti d'abisso m'involgano nelle tenebre eterne, se a questo
nobile ufficio io non consacrerò le forze tutte dell'animo, la virtù
del braccio e la vita. Ma tu frattanto, o regina?...

— Io? Non temere, — gridò Semiramide, con aria di serena baldanza; —
io mi sottrarrò, checchè avvenga, alle insidie dei tristi. Son figlia a
Derceto; nol rammenti tu forse? Il giorno che a me non resti più luogo
sulla terra, le sacre colombe della materna Dea mi rapiranno a volo
pe' cieli. Statti di buon'animo, o Faleg; va, e pensa a ciò che m'hai
giurato di fare. —

Il forte animo di Faleg venìa meno per tenerezza e sgomento. Il
fedele servitore, condotto a quel punto supremo, non sapea darsi
pace; vedeva di non poter più rimanere, e tuttavia non gli bastava
il cuore a spiccarsi di là. Semiramide gli sporse la mano; egli
cadde in ginocchio, l'afferrò tra le sue, la baciò ripetutamente, la
inumidì colle sue lagrime, indi, tutto vergognoso della sua debolezza,
coll'anima infranta, senza pure alzar gli occhi a guardare la sua
venerata signora, a passi concitati si allontanò dalla stanza.

La regina rimase immobile a lungo, attonita, smemorata, come chi,
perduta ogni speranza, o desiderio della terra, più non abbia un
concetto in cui riposare la mente. Gli occhi suoi inconsapevoli si
erano rivolti al cielo sereno, che si scorgeva per mezzo alle colonne
di un ampio loggiato. Il sole volgeva al tramonto, e le torri, le
cupole, i terrazzi di Babilonia, si tingevano in colore di fiamma
viva ai raggi obliqui dell'astro morente. Offriva un meraviglioso
spettacolo, quell'aureola di fuoco, entro a cui s'involgeva Babilonia,
come una regina nel suo manto di porpora. Ahimè! quanti pensieri senza
fine dolorosi doveva risvegliare nell'animo della gran vedova di Nino,
quella gloria della sua città prediletta! Il possente raggio di Sam,
innanzi di sparire dietro le arene del lontano deserto, innanzi di
nascondersi per sempre allo sguardo di lei, vagheggiava le vaste mura
che ella aveva innalzate, salutava i pinnacoli dei suoi templi e delle
sue moli superbe, glorificava al cospetto dei cieli, esaltava l'opera
sua.

Ed ella intanto si spegneva nella sua solitudine, la dolente regina!
Quel maestoso splendore si sarebbe diffuso il giorno vegnente sulle
mura dilette; ma ella non le avrebbe più contemplate; e Babilonia, e
il popolo degli Accad, e il figlio, ingrati tutti ad un modo, avrebbero
dimenticato la gloriosa fondatrice, la regina, la madre!

A poco a poco le alte gradinate dei templi, i terrazzi e le casupole si
venìano ascondendo nell'ombra. Un vasto semicerchio di fuoco, simile
a vampa d'incendio lontano, radiava nell'orizzonte, faceva uno sfondo
rossastro alle negre torri di Barsipa.

— Deh! — esclamò la regina, seguendo cogli occhi quella gloria morente.
— Come tu volgi precipitoso al tramonto, astro superbo, che rallegravi
il mondo della tua luce! —

E di sè, non dell'astro, pensava ella in quel punto. Umane grandezze,
splendidi sogni, sconfinate ambizioni, gloria, potenza, amore.... ah
sì, questo d'ogni altra cosa più prezioso a gran pezza! questo era
il grande, l'irreparabile eccidio; tutto l'altro era nulla. E forse
in quel mentre, il re d'Armenia, lieto della ricuperata libertà,
non memore di lei che per l'odio, s'affrettava sulle orme di Faleg.
Ingrato! Ah, la sconoscesse il popolo, la tradissero i grandi del
suo regno, dimenticassero tutti le sue gesta, i suoi benefizi; che
poteva importarle di ciò? Ma egli! l'uomo che era caduto ebbro d'amore
ai suoi piedi, che colle infiammate parole, coi giuramenti solenni,
aveva strappato dalle sue trepide labbra una confessione, dal suo seno
palpitante i santi veli del moribondo pudore! l'uomo che ella aveva
amato, pur combattendolo, che aveva sperato vedersi un'altra volta a'
piedi, vinto, più ancora che dalle sue armi, dalla certezza della sua
innocenza! No, ella non avrebbe creduto mai possibile una ingratitudine
sì nera. E per quella sua stolta fede, non già per le arti di Zerduste,
non già per la ribellione di Ninia, non già pel traviamento del suo
popolo, ella si disponeva alla morte. Ingrato, sì, ingrato e codardo!
La gentilezza dell'affetto, la magnanimità, la costanza, la fede, e
infine tutto quanto è di bello e di nobile nel fango umano, tutto si
rifugiava, e per morire, in un povero cuore di donna.

Eppure!... eppure ella aveva sperato fino all'ultimo istante. Le pareva
enorme cosa, inaudita vergogna, immeritato oltraggio de' cieli, essersi
imbattuta nell'uomo più sleale e più vituperoso del mondo. Ma ohimè!
così era per lei; così avviene pur troppo per tutti; ai vili le più
alte venture; ai nobili cuori le più atroci amarezze, i disinganni, le
onte più gravi. E in questo pensiero, peggior d'ogni morte, si prostrò,
si rinchiuse lo spirito di Semiramide, che là, di rincontro alla luce
del sole morente, pareva, non più donna viva, simulacro di pietra.

In quel mentre un passo frettoloso si udì nella camera. Hurki si fece
innanzi alla regina.

— Potente signora.... — diss'egli peritoso.

— Che è? — dimandò la regina, destandosi repentinamente da quel suo
doloroso torpore.

— Un uomo chiede parlarti.

— Il suo nome? — proruppe ella, a cui il cuore avea dato un sobbalzo.

— Regina, te ne prego, non ti turbi l'annunzio; — soggiunse l'eunuco,
che era lungi dallo argomentare la cagione di quell'ansia subitanea;
— è il principe di Bakdi che dimanda di essere introdotto alla tua
presenza. —

La vista improvvisa d'un serpe cui lo sbadato viandante abbia molestato
ne' suoi meridiani riposi, non arrecò mai così fiero turbamento,
come quello che sentì la regina, all'udire quel nome e la richiesta
inattesa.

— Zerduste! — esclamò, quasi sperando di avere male inteso.

— Sì, egli stesso, o regina. Egli viene sulla fede sacra della tregua,
che spira domani. Conduce seco una scorta numerosa; ma solo ed inerme
entrerà al tuo cospetto. Gravi cose lo spingono a typo questo passo, nè
egli si allontanerà, fino a tanto non ti degni ascoltarlo. —

Semiramide stette alquanto perplessa, combattuta da sdegno, da
ripugnanza e stupore.

— Che vuole costui? — diceva ella tra sè. — Ah, certo, un nuovo
tradimento egli medita; un nuovo colpo si prepara a ferire. Riposa
sulla fede della tregua, il malvagio! E l'ha tenuta egli forse, la
fede giurata alla regina degli Accad? Ha egli risposto lealmente
alla sincera fidanza della nostra amicizia? Alta sapienza dei tristi!
Credono essi alla virtù che non hanno, fondano i loro perversi disegni,
tendono le insidie scellerate, sulla magnanimità delle vittime loro.
E mi conoscono bene addentro, costoro! Mi sanno generosa, gl'infami!
Esser diversa da loro, com'è diversa la luce dall'orror delle tenebre,
ecco il vantaggio che mi resta sovr'essi, ed ecco altresì l'arcana
ragione della loro vittoria. Oh, perchè non sarei io malvagia un
istante, un solo istante, com'essi? —

Così pensando, la regina non aveva più posto mente alla presenza e alla
aspettazione di Hurki.

— Che debbo io dirgli, mia clemente signora? — si fece egli allora a
domandarle.

— Che io ricuso di vederlo; — rispose la regina.

— Ma pensa.... — balbettò egli inchinandosi. — Forse da questo
colloquio potrebbe dipendere....

— Che cosa? — tuonò Semiramide. — Che cosa potrebbe egli dire, che a me
fosse grato ascoltare da lui?

— Non so; — disse di rimando, e con umilissimo accento, l'eunuco. —
Di te mi preme e della tua gloria, o signora. È un nemico che chiede
parlarti.... è il maestro e il custode di Ninia.... —

E non ardì proseguire. Ma il nome di Ninia aveva toccato un'intima
fibra del cuore materno. Stette ella alquanto sopra di sè; indi,
scuotendo il capo, come chi, veduti i pericoli e le molestie a cui va
incontro, ha tuttavia pigliata la sua risoluzione, si volse ad Hurki e
gli disse:

— Venga il malvagio; lo udrò. —



CAPITOLO XXIII.

Il Tentatore.


Indi a pochi istanti, comparve sulla soglia Zerduste. Pallido in volto
più dell'usato, scintillanti gli occhi profondi sotto il grand'arco
delle sopracciglia d'ebano, chiuso nella sua tunica nera, frangiata
d'oro sui lembi, bello di quella sua marmorea bellezza, cui faceva più
austera il rannuvolato sembiante, sembrava egli il destino, venuto colà
per dire alla sua vittima: la tua ora è suonata!

S'inchinò, ma contegnoso e superbo. L'atto era d'ossequio, ma ben altro
diceva lo sguardo.

A quella vista sentì la regina riardere il sangue per tutte le vene.
Era là, le stava dinanzi il suo mortale nemico, l'uomo che forse
più non aveva a temer la sua collera, ma che certamente non poteva
sperare perdono da lei. Pallida, ansante, fremebonda per l'ira a
stento repressa, ella si era seduta sul rilevato suo scanno chiedendo
al riposo delle membra quell'apparenza di forza che le era negata
dall'interno tumulto.

Egli v'ebbe un momento di pausa tra i due, e in quel muto intervallo
si guardarono a lungo, si scrutarono a vicenda; il principe di Bakdi
tentando di legger nell'animo di lei, per misurare le sue parole allo
sdegno di cui la vedesse compresa; ella cercando d'intendere qual causa
lo avesse condotto; ambedue più turbati nell'animo, che non apparisse
al sembiante.

La regina fu prima a parlare.

— Sii breve! — diss'ella asciuttamente a Zerduste.

— Non lo potrei; — rispose quell'altro. — Tu m'odii, ed io non voglio
essere odiato da te. —

Semiramide lo guardò, tra corrucciata e stupita.

— Non t'odio; — soggiunse ella poscia, con accento che egli non durò
fatica ed intendere.

Diffatti, in quella che ricacciava nel profondo del cuore un moto
istintivo di rabbia, subitamente ripigliò:

— E disprezzarmi non devi! —

Un sorriso d'amara ironia tese le labbra di Semiramide, e, come freccia
sibilante dall'arco, volò la parola a saettare l'impronto nemico.

— Perchè, Zerduste, perchè? Non sei tu forse il più malvagio tra gli
uomini? V'ha egli per avventura tra gli spiriti d'abisso un'anima più
invereconda e più nera? Parlerò a te, principe di Bakdi, come si parla
ad un uomo che tutto agogna e da nulla rifugge, che molto presume di sè
e la cara virtù, la santa fede, la gentile alterezza dell'animo, non
riconosce e non pregia se non per farne sgabello alle sue scellerate
ambizioni. Quanto più alto ti ripromettevi di salire nella stima del
mondo, tanto più in basso sei sceso, simile al verme che striscia
nell'immondo terreno, e invidia l'aquila levata a volo pe' cieli, che
sdegna, onestamente altera, di farne suo pasto. Invero, qual è la mia
colpa a' tuoi occhi? Principe di nobil sangue, non regnatore di Media,
t'ho io forse rapito il trono, o la speranza di ascendervi? No; fu
Nino, l'invasore della tua patria, nè io regnavo, quando, per ardimento
mio, ma coll'armi di Babilonia, la tua Bakdi fu presa. L'eccidio
del vostro regno poteva essere indugiato, non impedito per fermo;
la conquista della Media e del mondo era opera fatale, serbata alla
progenie di Cus. Non io, dunque, non io veramente, t'ho offeso; non
io ti ho tolto la libertà, le speranze, la patria. Ben io, vedova di
Nino, desiderosa di dare al nuovo ed accresciuto impero testimonianza
solenne di giustizia e di amore, non tiranna, ma reggitrice e madre di
tutte le genti chiamate a parte del glorioso nome degli Accad, ben io
t'ho scorto nel tuo umile stato, t'ho fatto grande ben io; ne' miei
consigli t'ho accolto; la tua sapienza ho onorato; il figliuol t'ho
dato in custodia. Fu errore, ma io sola posso darmene biasimo, non tu
farmene colpa. In che t'ho io recato danno? In che ho io tralasciato
di giovarti? E non dovrei ora coprirti del mio disprezzo, traditore
codardo, che hai abusato della mia fede, aspide velenoso, che non
ardivi assalirmi all'aperto e m'hai morso al piede, m'hai ferito
nell'ombra? Vedi, d'una cosa sola mi duole, ed è questa: che la potenza
del mio disprezzo non agguagli la malvagità delle opere tue. —

Accigliato, fremente, stette ad udirla Zerduste. Le parole di
Semiramide irata sibilavano a guisa di flagelli, lo percuotevano in
volto; ma vampa di rossore non gli corse alle guance e la contegnosa
rigidezza del sembiante marmoreo custodì il segreto degl'interni
sussulti. La udì, senza torcere pure un istante lo sguardo da lei, e
come s'avvide ch'ella era giunta al termine della sua invettiva, così
prese tranquillo a rispondere:

— Una cosa vera hai tu detto nell'ira, o regina, e di questa sola io
vo' far conto per ora. No, nè per la patria umiliata, nè per la delusa
speranza di regno, poteva odiarti Zerduste. La patria è vana parola per
uso del volgo, nato a servir sempre, qualunque sieno i confini alla sua
stirpe assegnati. Chi regna ha la sua patria nel trono; chi ha vasti
disegni, eccelse imprese da compiere, ha la sua patria ovunque. Il
fulmine, il raggio di sole, non prediligono questa, o quella parte, del
firmamento azzurro. Quello si sprigiona dalla vôlta celeste e guizza
per quanto è lunga la via dalle nuvole al suolo; questo dardeggia e
risplende dall'orto all'occaso. Che sarebbe stato il regno di Media per
la mia ambizione? Ben altro regno io vagheggiai col pensiero; ben altro
regno io chiesi alla sorte, nella lunga agonia de' vani desiderii,
che m'hanno contristato lo spirito. Nè posso oggi allegrarmi di questa
grande vittoria, che ad altri parrà il colmo d'ogni fortuna nel mondo.
Avrò Babilonia in poter mio e tutta la terra del Sennaar; non ciò che
agognavo, non ciò che mi ha stimolato all'impresa. Godi a tua volta,
trionfa di me, o figlia di Derceto, o espugnatrice di Bakdi; io t'ho
amato, ho sperato, e ne porto oggi la pena. —

Le labbra di Semiramide si atteggiarono ad un sarcastico riso, che mal
dissimulava il profondo fastidio dell'anima.

— Di ciò volevi parlarmi? — diss'ella.

— Ah non temere! — ripigliò prontamente Zerduste. — Io non ti stancherò
de' miei gemiti, non ti bisbiglierò melate parole, così dolci ad udirsi
tra i salici, alla tacita luce degli astri, allo spirar della brezza
notturna in riva all'Eufrate. È sfogo d'immenso dolore, il mio, non
preghiera di labbro soave, che dissimuli il tradimento meditato e
prepari le tarde vergogne. Dicevi poc'anzi di Bakdi... Orbene, colà
un uomo ti vide la prima volta; e ancora non eri la sposa di Nino.
Sulle mura combattute vide egli apparire l'audacissima donna, col
ferro in pugno, le nere chiome diffuse in larghe anella, fuori del
lucido elmetto, acceso il sembiante, rigate le guancie di nobil sudore,
sfavillanti i grandi occhi di guerresca baldanza, bella più assai, più
sfolgorante a' suoi occhi, che non dovesse apparirgli più tardi, nello
splendor d'una reggia, mollemente vestita di bisso, ornata di gemme,
all'ombra de' suoi pensili orti, in mezzo ad uno stuolo d'ancelle e
di servi devoti. La contemplò con desiderio infinito, e disse tra sè:
Ahura, potentissimo signore del mondo, io darei la mia vita, la mia
fama, e ogni altra cosa più cara, purchè fosse mia quella donna! Nemica
era, egli armato in difesa delle sue mura; poteva scagliarsi su lei,
ucciderla di un colpo, e nol fece....

— Meglio sarebbe stato ferirla allora con l'arma dei prodi, —
interruppe Semiramide, — che combatterla poscia, aggirarla colle
insidie, trarla a rovina con le arti dei vili. —

Chinò la fronte Zerduste, e proseguì, con accento d'amarezza profonda:

— Così avess'egli preveduti gli affanni che gli dovean essere derivati
da lei! Ma allora, dimentico della sua terra, delle speranze perdute,
degli ostacoli insuperabili, dei danni futuri, amò la cattività che lo
avvicinava a costei. Pochi giorni di poi, ella era sposa di Nino; egli
dolente prigioniero in Babilonia. E l'amor suo crebbe tanto più forte,
quanto più solitario e nascosto. Vegliava sulle tavole dei Casdim, le
raffrontava colle dottrine de' loro savi, meditava di purificare il
culto dell'unico Iddio dalle rozze idolatrie della stirpe di Cus, e
non si sostentava nell'aspra fatica, non si nutriva egli che di quel
suo amor dissennato. Perchè non lasciarlo nell'oscurità della sua
prigionia? Perchè dargli inaspettata grandezza e rinfiammare nel cuor
suo le audaci speranze? Regina degli Accad, vedi in ciò l'opera tua.
Mentre egli ti chiedeva disperato al suo Dio, e la morte improvvisa
di Nino gli pareva una prima grazia a lui concessa dal cielo, perchè
hai tu mostrato avvederti di lui? perchè l'hai tu chiamato alla tua
presenza, onorato del tuo favore, accolto nei tuoi regali consigli?
Fatto vicino a te, conscio della sua forza, sperò, e sperando tentò di
piacerti, ardì concepire il più eccelso disegno. Ma tu non lo amasti;
il tuo cuore fu muto a lui; non t'avvedesti, o fingevi. E finse egli
pure; ricacciò nel profondo la parola che inutile e spregiata dovea
morirgli sul labbro; accresciuto di potenza, non consolato d'affetto,
si piantò custode inavvertito della tua desiderata bellezza, vigile
nemico di quanti s'appressavano a te, di quanti temè potessero un
giorno accenderti in seno la maledetta fiamma d'amore. Voleva egli che
tutto fosse silenzio e vuoto intorno a te; nessun altro doveva ottenere
ciò che a lui era negato. Così vigila il drago i tesori che non sono
per esso, e vampe di morte gli sprizzano dalle fauci rabbiose.

— Io lo ravviso nella fedelissima effigie! — notò la regina, con acerbo
sarcasmo.

— Ridi ancora per poco; — disse di rimando Zerduste, senza punto
scomporsi. — Parecchi scontarono colla morte la colpa di aver
desiderato e sperato. Un d'essi, il più audace, a cui gl'inni
sgorgavano dalle rosee labbra, troppo più infiammati che non si
convenisse alla riverenza del suddito, s'argomentava di giungere fino
a te, chiamato ne' silenzi della notte da un messaggiero discreto;
già nella cupida mente assaporava le dolcezze ineffabili d'un amoroso
colloquio; ma un abisso di repente si schiuse a' suoi piedi e gli
ardori dell'incauto si estinguevano insieme colla vita, nei gorghi
profondi del fiume. Lo so ben io, tu non amavi costui, tu ignoravi ogni
cosa; ma egli amava te, egli era leggiadro, poteva un giorno piacere a'
tuoi occhi; così mutevole e pronta negli affetti è la donna! Zerduste
vegliava; egli era forte e prudente. I tuoi nemici furono gli amici
suoi; fu egli che affratellò, congiunse in un odio solo tante collere
sparse, diede un capo, una mente, a migliaia di braccia levate a
maledizioni impossenti contro la regnatrice del mondo. Raccolte nel suo
valido pugno le fila di una vasta congiura, tutte poteva egli deporle
a' tuoi piedi, sgominare i tenebrosi assalti, distruggere nel silenzio
i tuoi nemici, se tu gli fossi stata più umana; volgerli contro di te,
colpirti a sua posta, se tu avessi durato ne' tuoi superbi dispregi. E
tu, frattanto, o regina? Contegnosa ed austera, gli troncavi a mezzo
ogni parola che timidamente accennasse alla sua devozione per te. Le
cure del regno ti possedevano intiera; non d'altro ti davi pensiero;
doveva esser muto all'affetto il cuore della donna, che voleva esser
signora e madre d'un popolo. Così dicevi a Zerduste; ma una notte
bastò per mutarti, bastò una tenera parola per darti in braccio ad un
altro. Ah, per lui dunque la stima, per altri l'amore? Grave fallo, o
regina! E sei donna, ed ignori che l'uomo ha da essere tutto o nulla,
per la donna ch'egli ama? Non io ti ho tradito; bensì tu stessa ti sei
condannata a' miei colpi. Potevo soffrire ed attendere; quella notte ha
lacerato il mio cuore.... Eri in mia mano; io mi son vendicato. Il tuo
primo amore ti costa un impero. —

In tal guisa parlò il principe di Bakdi, per la prima volta scoprendo
i tenebrosi recessi dell'anima. Facea stupore l'udirlo, più stupore
eziandio il vedere quel suo calmo sembiante atteggiarsi a tanta
novità di passione, di asprezza feroce e di mestizia profonda, di odio
implacato e di ardente preghiera ad un tempo. Ed era pauroso a vedersi,
come un portento di trasformazione improvvisa; nè più avrebbe arrecato
meraviglia e sgomento, se uno di que' colossi alati, che raffiguravano
gli spiriti custodi della gente del Sennaar, avesse lampeggiato una
torva occhiata dalle pupille di smalto, e snodate le membra poderose
dai vincoli della pietra tenace.

Lo udì Semiramide, lo guatò lungamente, e un senso di paura le ricercò
le vie segrete del cuore. Ella aveva vissuto tanti anni d'accanto a
quel mostro, nè mai s'era avveduta dell'imminente pericolo! Così siam
noi spensierati, quando non abbiam ragione di temere. E un giorno
viene, che il nemico ci è sopra, egli che spia le occasioni, e a noi
più non è dato resistere.

Fu atterrita, non sopraffatta, la fortissima donna, e tosto riprese
balìa di sè stessa.

— Nobile affetto invero, — ella disse, — e degno d'esser mostro alle
genti, quello che accende tutti i più malvagi istinti della umana
natura!

— E amore, possente amore, che non cercato c'investe e si fa in un
punto signore di noi; — replicò prontamente quell'altro. — A te lo
chiedo, che il sai; si governa esso forse? e spregiato, non divampa più
forte? È fiamma; la sua natura è di ardere. Tu l'hai destata in me; non
ti lagnare, se ella s'è fatta a tuo danno un incendio.

— T'ho io mai dato lusinga, o speranza? — dimandò la regina, con piglio
severo.

— No, e di questo mi duole! — rispose amaramente Zerduste. — Ah,
fiero tormento, che tu, tra tanti mali, non hai provato, o Semiram!
Sentirsi forte, vedersi grande, sapersi capace di altissime imprese,
e tuttavia desiderare invano un sorriso d'amore; per una donna esser
nulla, quando, per ogni altra creatura, e in faccia al destino, si è
tutto! Cede ogni ostacolo alla tua volontà, o la tua avvedutezza lo
rimuove, o la tua pazienza lo strugge; solo una donna ti resiste, e
tu, che pieghi a tua posta uomini e cose, ti rodi dentro te colla tua
rabbia. Ella non t'ama; ella ti deride; fa peggio ancora, non si cura,
nè s'avvede di te. E allora, o Semiram, allora il più nobile affetto
si corrompe, come, negletto nella coppa, si corrompe e inasprisce il
più generoso liquore. Fu un senso d'invidia profonda e di desiderio
deluso, che produsse il male e rese gli spiriti ribelli all'Eterno. Ah,
il forte, il costante amatore, l'uomo che tutte le virtù della mente
gagliarda avrebbe adoperate a comporti il trono più glorioso e più
saldo, si sprezza? E il primo garzone vanitoso che giunge, e ripete
con labbro avvezzo una soave parola, lo si accoglie con ansia, lo si
ama, si cede a lui come una vil femminetta del volgo? Bada, o Semiram,
io sono ambizioso, ma nol fui nell'amarti. Non chiedevo di salir teco
sul trono degli Accad; sarei rimasto nella polve ai tuoi piedi, e
patria, e speranza di regno, altari e tutto, avrei dimenticato, per
non avere altro culto, che l'amore, altro pensiero fuor quello della
tua sfolgorante bellezza. Ed oggi ancora, io, fatto più forte dalla
vittoria, io signore de' tuoi destini, io re di Babilonia tra breve,
imperocchè il tuo Ninia non ha mano così ferma da impugnar virilmente
lo scettro, io oggi ti dico ancora: tutto può ripararsi. Amami, credi
a questa fiamma divoratrice, consola uno spirito afflitto! Per la mia
potenza io te lo giuro, per la mia stessa ambizione che non conosce
confini: io, il principe di Bakdi, il leone di Media, sarà il tuo umile
schiavo. —

E, tratto dall'impeto della sua furibonda passione, si prostrò l'acerbo
Zerduste, si abbandonò contro i gradini del soglio di Semiramide, così
che la sua fronte sfiorò il piede di lei. Diede ella un sobbalzo di
raccapriccio e si trasse indietro sollecita.

— Va, non mi tentare! — gridò. — Che pensi di me? Di qual fango mi
credi tu nata? Non amerà te, non ti ascolterà più oltre, chi ha amato
il re degli Armeni.

— Ara! — sclamò Zerduste, con accento sdegnoso. — Ara che ti disprezza
e ti fugge!

— Sì; e perchè mi fugge? perchè mi disprezza egli? — tuonò la
regina. — Non l'avete voi con arti tenebrose ingannato, o santi della
Triade? —

A quelle parole, in cui si mostrava così intieramente scoverto il
segreto delle sue macchinazioni, levò la fronte Zerduste e rimase
alcuni istanti stupefatto a guardarla.

— Ah! — notò egli poscia, dissimulando in un ghigno l'interno
dispetto. — Fiacco credevo, non traditore Sumàti. A che dunque
morire, precipitarsi disperato nelle acque salse di Van (imperocchè
questo da parecchi giorni m'è noto), se tutto ti aveva egli disvelato
l'inganno? —

Così disse, nel colmo della sua meraviglia, Zerduste, parendogli
sciocca la loquacità di Sumàti, se era deliberato di morire, e più
sciocca la morte, dopo essersi disposto a parlare. Ma neppur egli fu
savio; quello il rimorso, lui faceva imprudente l'amore. E invero le
sue parole ebbero eco lì presso; un avido orecchio le accolse.

Intanto la regina a lui di rimando:

— Chiedilo all'ombra sua, tu che evochi dal negro abisso gli spiriti e
fai mentire gli estinti! —

Ma già Zerduste si era riavuto dal suo primo stupore. Ciò ch'egli
sapeva del regal prigioniero e della sua ira tenace, gli mostrava come
fosse tornata inutile a lei la loquacità dell'Indiano.

— Per altro, a che ti giova? — proseguì egli, senza por mente al
sarcasmo. — Ara è caduto in poter tuo; è tuo prigione; e tu non hai
potuto altrimenti mitigare quell'odio, che la Triade gli ha così
profondamente stillato nell'anima. Egli ti abborre e ti sfugge; questo
io so, senza mestieri di evocare uno spirito imbelle. Hai vinto il re,
non soggiogato l'amante; e Bared si è sottratto colla fuga al pericolo
dei tormenti, Sumàti colla morte alla vergogna della sua debolezza;
nè l'uno, nè l'altro furono al capezzale del risanato garzone, per
dirgli che tu eri sempre degna di lui, e che lo aveva ingannato il
malvagio Zerduste. Che farai tu? Morrai; me lo dice il tuo sguardo
già disviato dalle miserie terrene. Ma bada; non morrai come speri, da
regina e da figlia di Dea; morrai dispregiata da lui, non giustificata
da coloro che tu volesti nemici. Pensa dunque, o Semiram; vedi per
chi tu muori, e perchè. Ti amava egli davvero, un uomo che dubita di
te, che ti disprezza, solo perchè un'ombra vana ha parlato? Ah, l'amor
mio non sarebbe caduto in questo laccio volgare! L'amo, avrei detto al
fantasma; tu amico un giorno, essa la donna mia per tutta la vita! —
Ma pensa; ella fu nelle braccia di ben altri anzi che nelle tue.... —
L'amo! — Ma bada; ella uccide, impudica e feroce, gli strumenti delle
sue voluttà.... — L'amo; che importa? l'amo. Non è egli un gaudio
celeste, l'amore? La morte al colmo della beatitudine, non è forse il
dono più grato de' cieli?

— Vile amore, che nel disprezzo si nutre! — esclamò la regina.

Ma ancora non aveva ella pronunziate quelle acerbe parole, che
un rumore di passi precipitosi si udì e il re d'Armenia balzò dal
colonnato nella camera; il re d'Armenia cogli occhi fiammanti di
collera, non più potuta reprimere, e la spada lampeggiante nel pugno.

— È questa la tua pura dottrina, o santo vecchio dal fiore d'amômo?
— tuonò egli iracondo. — Ma tu morrai, lo giuro a Zervane, che ha
numerato i tuoi giorni! —

E si scagliò, così dicendo, sul principe di Bakdi, che stramazzò
all'urto possente del giovine atleta. Nel tempo medesimo la spada di
Ara cercava il petto della stordita sua vittima. La corazza di ferro
che Zerduste portava sotto la tunica nera, sviò il colpo gagliardo, che
avrebbe dovuto passarlo fuor fuori.

— Ah, un tradimento! — gridò Zerduste atterrito.

E si divincolava sotto le strette. Ma l'aquila delle montagne lo aveva
tra gli artigli; era più poderosa di lui; le raddoppiava le forze il
furore. E già stava per cacciargli il ferro nella strozza, allorquando
la voce della regina si udì.

— Chi ardisce snudar l'armi al cospetto di Semiramide? — gridò ella con
voce di tuono.

Ara, il furente Ara, si alzò intimorito e il braccio gli ricadde inerte
sul fianco.

Semiramide lo guardò un tratto pallida, ansante, per commozione
profonda; indi si volse a Zerduste.

— La tregua è sacra per tutti; — gli disse. — Va, rettile, vivi! —

Zerduste si alzò fremente da terra; li saettò ambedue d'uno sguardo,
si strinse i pugni al petto, per rabbia impossente, e fuggì. Ogni
sua speranza era perduta; l'audace suo tentativo, così profondamente
maturato, falliva.



CAPITOLO XXIV.

Le colombe di Derceto.


Erano rimasti soli, Semiramide e il re d'Armenia; ella profondamente
turbata, ma contegnosa e severa all'aspetto; egli vergognoso e
tremante, come chi è spettatore d'un'alta rovina e la sa opera
sua. I pensieri che turbinarono in quelle due anime, tutto ciò che
significarono i loro sguardi in quel solenne istante di pausa, si può
immaginar nella mente non dire.

Un senso di scontentezza, forse più veramente d'indomato rancore,
serpeggiava nel petto della regina. Lontano e fuggente, com'ella
credeva, Semiramide lo aveva difeso contro i sarcasmi di Zerduste;
vicino e certamente pentito, le pareva di odiarlo.

— E tu, che vuoi? — gli disse ella con accento sdegnoso.

— Il tuo perdono; — rispose Ara umilmente. — Ho tutto udito, e tutta
misuro la grandezza del mio fallo. Non v'ha pena, per quanto grave ella
sia, che io non meriti da te. Sono in odio a me stesso ed ho la morte
nel cuore. —

La voce del giovine era supplichevole e imbevuta di lagrime; ma in
quella voce lusinghiera a lei parve di udire il sibilo del tentatore.
Non era forse quello l'accento soave che già una volta l'aveva
soggiogata e tradita? Però stette ella inflessibile.

— Come tu qui? — soggiunse ella poscia. — Ov'è Faleg.

— Poc'anzi, — rispose egli sollecito, — io mi sono spiccato da lui.
Avevo udito delle proposte a te fatte, delle condizioni messe dagli
anziani di Babilonia al loro ritorno nell'antica obbedienza. Potevo
io partire? accettare una vita ed una libertà che a te costassero il
regno, fors'anco la sicurezza della persona? Risolsi di portarti il
mio capo; io stesso sarei disceso dalla reggia, ma per via discoperta,
incontro a' tuoi nemici, ai carnefici miei. Ed eccomi pronto.

— No, gli è inutile! — esclamò la regina. — Non lo consentirebbe la
maestà del mio nome; — aggiunse ella gravemente, dopo un istante di
pausa, in cui parve risolversi a temperare l'asprezza delle sue prime
parole. — Ciò che ho risoluto sarà. Tu sei libero; parti, che non
abbiano a ritrovarti in Babilonia domani.

— Ma tu, allora? — disse Ara sgomentito. — Ma tu?

— Io.... — ripigliò Semiramide, con labbra atteggiate ad un freddo
sorriso. — Io mi sottrarrò alla rabbia dei tristi.

— Fuggire! — gridò il re d'Armenia, tratto in inganno dalle ambigue
parole. — Ah sì, n'è tempo, o regina. Quello scampo che generosa mi
profferivi, non rimane anche a te? Ma dimmi, innanzi di correr la sorte
della fuga; dimmi, o dolce signora, mi hai tu perdonato?

— Sì; — bisbigliò Semiramide, lasciandosi afferrare la mano, che il
giovine amante coperse di baci e di lagrime.

Ella era fuor di sè stessa in quel punto. La infinita mestizia de' suoi
casi, il recente colloquio col suo atroce nemico, l'improvviso apparire
del re, l'aveano percossa per modo, che ella ne era rimasta un tratto
smemorata ed attonita, senza pensieri, senza volontà, senza forza.

Ara incalzò nelle amorose preghiere.

— Vieni adunque, vieni senz'altri indugi, o diletta! Pensa a Zerduste.
Lo scellerato che tu hai voluto campar da' miei colpi, ben altre
vendette prepara. Vieni, usciamo da questa reggia, da questa città,
ove tutto è pericolo per te. Andremo lunge, assai lunge di qua; io ti
sosterrò, mia regina: ti difenderò io fino all'ultima stilla di sangue;
ti amerò, ti amerò tanto, o Semiram, che tu dimenticherai le mie colpe,
le angoscie patite, il trono perduto e quant'altro avesti mai di più
caro.

— Fuggire! — esclamò ella, scuotendosi a un tratto da quel suo doloroso
torpore. — Fuggire io! E lo pensi tu forse? Non si giunge dov'io son
giunta, o malka d'Armenia, per finir così male; non s'imprime un'orma
così profonda nella memoria degli uomini, per cancellarla con un
esempio di solenne viltà. Altro scampo io m'ho scelto, lo scampo de'
forti. Morrò. Checchè ne pensi il malvagio, morrò nobilmente, morrò da
regina.

— Tu morire, o Semiram? — proruppe forsennato il garzone. — No, non
sarà!... gli è impossibile!...

— È necessario; — soggiunse ella, con malinconico accento. — Vivere con
maestà non è più consentito, altra via non rimane.

— Ah, scherno de' cieli! — gridò egli disperato, cacciandosi le mani a
furia entro le chiome. — E per me!... per colpa mia!...

— No; — interruppe Semiramide. — Non ti accusare; non dar cagione a te
stesso! È il signor delle sorti, è Nisroc, che ha voluto così; son io
che gli ho armata la mano a ferirmi. Non ho io forse invocata sul mio
capo questa grande sventura? Non ho io chiesto a Militta di concedermi
un amor vero e possente, anche a patto dei più acerbi dolori? Ho amato,
e furono ore d'immensa allegrezza per me. Tristi giorni seguirono....
Orbene, che importa? Non son io vendicata del tuo disprezzo? Non sei tu
umiliato, piangente, a' miei piedi?

— Ah, tu sei generosa e magnanima; — disse Ara con impeto; — e sebbene
io veda tuttavia sul tuo volto la nube d'un nemico pensiero, non debbo
lagnarmi del mio destino, nè voglio. Concedimi tempo a meritar la tua
grazia, o regina! Vivere tu devi, e risorgere. Non mi dire che ciò è
impossibile!... Forse tu vedi troppo grave il tuo caso. Altra via non
rimane, dicesti; e perchè? Non è sempre aperta la via della pugna?
Nè già tutto l'esercito s'è collegato ai ribelli; schiere numerose e
fedeli ti restano ancora; tu puoi, tu devi tentare.

— E vincessi pur anco! — esclamò Semiramide, crollando il capo, in
atto di supremo fastidio. — Imperocchè, vedi, io l'ho pensato, ciò che
tu mi consigli, e non è vero che tutto sia irreparabilmente perduto
per me. S'inganna il malvagio, e quel suo traviato fanciullo con lui.
Prima che trionfassero i vili, molto sangue potrebbe tingere ancora
l'Eufrate, e più d'un cuore, che oggi si gonfia di facili speranze,
impicciolirsi ad un tratto e gelarsi per alto spavento. Ma tutto questo
a qual pro? Io non mi curo più oltre di malvagi, o d'ingrati. L'anima
ha le sue tristezze invincibili, sente talvolta il fascino de' superbi
raccoglimenti, la voluttà delle inerzie mortali; e allora, pon mente,
riesce a tedio la pugna, e più che il vincere, più che il soverchiare
di nostra gloria i mortali ossequiosi, o tementi, è dolcezza il cadere,
l'estinguersi. Così farò, re d'Armenia; e se ti duole.... — soggiunse
ella con un fil di amarezza, — se ti duole, io l'ho caro. Sarà questa
la tua punizione, per aver creduto ad altrui, per aver dubitato di me.

— Non m'ero io dunque ingannato! — disse Ara sospirando. — Il tuo cuore
non mi ha perdonato del tutto! —

La regina non fece risposta a quel grido di un'anima afflitta.

— Vedi? — soggiunse ella, cedendo all'amaro proposito ond'era tutta
compresa. — Il mio disegno è formato. —

E avvicinatasi ad uno stipo che era lì presso, ne tolse una piccola
ampolla di vetro e la librò in alto, di rincontro alla fioca luce
del vespero, davanti agli occhi di Ara, che stette muto, sbigottito a
guardarla.

— Da questo tenue involucro, — proseguì Semiramide, — non traspare
che un umile liquore verdastro. Ma la vita, la pace, l'allegrezza, la
morte, tutto è qui dentro, come nel cuore umano s'accolgono i germi
d'ogni contentezza e d'ogni pena eziandio. Ampolla preziosa! Essa è
dono del vecchio Sumàti. —

Ara chinò il capo, fremendo. Imperocchè egli aveva udito dal colloquio
di Zerduste colla regina, quanto fosse colpevole l'Indiano.

— Ah, non parlare di lui! — gridò egli, con accento di rabbia.

— Perchè, s'egli è morto pentito? — ripigliò la regina. — A me,
dopo tanti immeritati dolori, il vecchio della Triade ha lasciato un
conforto. Tutta la mia regia possanza non avrebbe potuto procacciarmi
questo maraviglioso liquore, stillato da erbe d'arcana virtù, nei
silenzi d'una dotta vigilia. Meraviglioso invero e ben degno della
famosa sua patria! Una goccia soltanto, stemperata nell'acqua
purissima, rinfranca gli spiriti languenti; poche goccie dànno
l'ebbrezza; un sorso intiero, la metà di quest'ampolla, è la morte;
morte soave, lenta e sicura. Tu lo vedi, o malka d'Armenia; io non
son troppo da compiangere. Va dunque, poichè l'ora è già tarda ed ogni
istante è prezioso. Io t'ho amato e non m'incresce di confessartelo; ti
ho perdonato ogni cosa; non ho più odio nel cuore. Tu piangi e le tue
lagrime mi compensano di molte amarezze; va dunque, e ti ricorda di me
nella vita, come io penserò a te nella morte. —

Così parlò Semiramide, cercando di allontanare il dolente. Ora, ella
aveva a mala pena finito di parlare, che un atto improvviso di Ara la
colpì, e un grido le ruppe dal petto, grido di stupore, di sgomento e
di gioia inattesa.

Il re d'Armenia l'aveva ascoltata in silenzio, ora guardando lei, ora
l'ampolla, che le stava tra mani. Pallido, ansante, confuso, pendeva
dalle sue labbra, non osando dir nulla per tentare di smuoverla dal
suo fiero proposito; ma ben si scorgeva al sembiante come fosse
trambasciato, al pensiero di perderla. Ciò appunto avea mosso a
compassione la regina, persuadendole alcune più amorevoli parole di
commiato; ed egli dal canto suo ne aveva preso ardimento ad afferrarle
un braccio, accostandosi con atto supplichevole a lei. Ma tosto,
senza ch'ella facesse più in tempo a ritrarre la mano, le aveva egli
strappata l'ampolla e in un baleno l'aveva accostata alle labbra,
trangugiandone un sorso.

— Che hai tu fatto, disgraziato? — gridò ella, tendendo le palme verso
di lui.

— Nulla; ho bevuto la parte mia. Ecco, vedi, io non ti ho tolto nulla
del tuo. —

E le mostrò l'ampolla, ancora a mezzo ripiena; indi sorridendo, la posò
sullo stipo.

— Ah, dissennato! — esclamò la regina, con accento di tenerezza
ineffabile. — E tu, giovine, bello al pari d'un Dio, con tante speranze
nella vita lontana....

— Senza te sarei morto; — interruppe egli sollecito; — è in te la mia
speranza, in te la mia vita. —

E cadde a' suoi piedi tremante d'amore. Ella gli pose le braccia
intorno al collo e rimase a lungo muta, ma accesa, palpitante,
appoggiata su lui, con tutto il soave suo peso. L'astro notturno, che
era spuntato poc'anzi sull'orizzonte, risplendeva tra i cespugli del
giardino, e la sua tacita luce, penetrando tra le colonne del loggiato,
inondava que' due volti confusi.

Ad un tratto ella si sciolse da lui.

— Smemorata! — gridò. — Ed io?... —

Balzò rapida in piedi, corse, afferrò l'ampolla e avidamente bevve ciò
che restava del verdastro liquore.

— Come è dolce! — diss'ella poscia tornando verso l'amato. — Come è
dolce, poichè tu l'hai recato alle labbra! —

Il giovine innamorato la strinse tra le sue braccia.

— Eccoti, bella amica mia! — le diceva egli, guardandola con occhi
rapiti. — Eccoti bella tra tutte le donne, o tu, cui l'anima mia ama!
Tu m'hai involato il cuore, o sposa mia nella morte; tu m'hai involato
il cuore col primo de' tuoi sguardi, nè più, da quella notte di celesti
ebbrezze, io sono stato signore di me. Tu sei tutta bella, amica mia,
nè cosa alcuna è in te che non mi faccia riardere il sangue per febbre
acuta d'amore. I tuoi baci sono più dolci del liquor della palma: la
fragranza che spira da te, vince tutti gli aromi.

— Ara, o diletto, sostienmi nelle tue braccia! Oh, sei pur bello! E
avventurosa tra tutte le donne fu certamente colei che ti diede la
vita! Ara, rivolgi gli occhi tuoi, che non mi guardino fiso, imperocchè
essi mi fanno smarrir la ragione. Amico dell'anima mia, e come hai
tu potuto allontanarti da me? Oh, grazie sian rese agli Dei; non ci
separeremo mai più! Morire con te! Gioia che io non avrei più osato
sperare! Sostienmi, o diletto! Sia la tua mano sinistra sotto al mio
capo e abbraccimi la tua destra.

— Amica mia, sposa mia, le tue labbra stillano miele; il tuo collo
rende più odore, che non le mandragole e i gigli. Dimentica ed ama;
mettimi come un suggello in sul tuo cuore; come un suggello in sul tuo
braccio; imperocchè l'amore è possente come la morte che invocata ci
attende; la gelosia dura come l'inferno, e le sue fiamme divorano. Io
le ho nutrite a lungo del mio sangue, qui dentro; ma l'amor tuo è il
più soave dei balsami. —

Così favellarono, confusi in un palpito, l'uno dell'altra beati,
immemori d'ogni cosa creata. Gloria, potenza, ambizione, dolori,
miserie, splendori e fumi della terra, che siete voi per due anime
amanti? Sulla vetta inaccessa d'un monte, la fenice compone de' più
odorosi rami il suo rogo e lieta s'appresta a morire. Così eglino, in
quel rapimento supremo, nell'alto silenzio d'una notte avventurosa,
lunge dal volgo profano, avean tempio e rogo ed oblio. Che era
già più Babilonia per essi, col suo popolo ribelle e colle sue ire
feroci? Che era l'impero degli Accad, e che tutti gli altri destinati
a succedergli, giù per la china dei secoli? Odiati dal mondo, lo
ricambiavano colla noncuranza e il disdegno; più forti delle sue
collere, si perdeano in un'estasi, che non aveva a conoscer dimani.

— Ara, diletto mio, come breve è la notte! I segni celesti ascendono
rapidi la vôlta del firmamento azzurro, come viandanti frettolosi che
hanno veduta da lunge la meta.

— Fermati! — esclamò Ara, tendendo ai cielo le palme. — Fermati, se
mai udisti parola d'amore; rattieni, o Sin, il veloce tuo corso e sia
questa notte eterna! O se ciò non è consentito alla nostra preghiera e
te pure incalzano i fati, accresci almeno la virtù dell'arcano liquore
e ne rapisci coll'estremo tuo raggio! —

La brezza precorritrice dell'alba susurrava dolcemente fra gli alberi.
I gigli, le mandragole e i gelsomini spandevano odore. Ascose tra i
rami, gemeano le colombe il flebile verso amoroso. Era un senso di
voluttà infuso per tutta la natura, un inno cantato su in alto alla
gloria di Dio. Le ire codarde, le ambizioni, i tradimenti, si agitavano
laggiù, nella città sottoposta, il cui frastuono a mala pena si udiva,
come rombo di tempesta lontana.

Dolcezza ineffabile, bevuta a lunghi sorsi ed interi; ebbrezza che
scalda le fibre e infonde per tutte le membra un amico sopore; qual
voce potrebbe ridirle, o penna descriverle? Non si ritraggono a
parole i soavi errori, le fantasie, le visioni, con cui, nei silenzio
della sua cella, un'anima innamorata inganna le ore notturne e cede
senz'avvedersene al sonno, che forse le proseguirà l'incantesimo.

Il raggio tremolante di Istar già impallidiva sull'orizzonte, poco
lungi dallo smorto disco di Sin. Il cielo rapidamente sbiancava e con
esso il volto dei due felici, che ancora si teneano abbracciati, e
cogli occhi smarriti, nuotanti nelle ombre di morte, si ricercavano
ancora.

Poco stante, sorgeva glorioso il sole dai balzi lontani di Elam, e
uno stuolo di colombe fu visto levarsi dal colmo delle piante, che
allegravano di bella verzura i pensili orti di Semiramide. Le candide
volatrici si librarono sulla città, valicarono il fiume e disparvero ad
occidente dietro le torri di Barsipa.

Il popolo di Babilonia argomentò che Derceto, la gran Dea d'Ascalona,
avesse mandate le sue colombe a campare da morte la sventurata sua
figlia.

E invero, nessuno più vide Semiram, nè il biondo malka d'Armenia. Gli
orti pensili, le stanze della regina, frugate dal popolo ribelle, non
recavano traccia di loro.

Forse Hurki avrebbe potuto chiarire l'arcano. Ma il fedele eunuco era
scomparso, e Faleg, il fedele soldato, del pari.

Zerduste, ministro di Ninia per brevi giorni, re di Babilonia dopo
l'arrivo delle soldatesche di Media, dubitò che i due amanti fossero
stati sepolti dalla pietà d'un fedel servitore in qualche segreta
dell'immane recinto. Ma la tomba, se così era, custodì gelosamente i
suoi ospiti.


  FINE.



INDICE.


  Cap.     I. Alle porte di Babilu                       Pag.   1
   »      II. Militta Zarpanit                            »    20
   »     III. La rosa di Sennaar                          »    35
   »      IV. L'onniveggente                              »    49
   »       V. La reggia di Semiramide                     »    64
   »      VI. Il convito                                  »    78
   »     VII. Le prische istorie                          »    89
   »    VIII. La voce di sotterra                         »    98
   »      IX. La porta di bronzo                          »   108
   »       X. La dottrina dei savi                        »   132
   »      XI. Il fantasma                                 »   136
   »     XII. La fuga                                     »   154
   »    XIII. Dal campo di Assur                          »   174
   »     XIV. Il pellegrino                               »   185
   »      XV. Il canto di Abgàro                          »   205
   »     XVI. La regina guerriera                         »   221
   »    XVII. Ajotzor                                     »   235
   »   XVIII. Il talismano                                »   257
   »     XIX. Gli arcani della Triade                     »   272
   »      XX. Alla riscossa                               »   288
   »     XXI. La mano di Nisroc                           »   301
   »    XXII. Il bivio                                    »   315
   »   XXIII. Il tentatore                                »   342
   »    XXIV. Le colombe di Derceto                       »   354



NOTE:


[1] Il caso della torre di Babele è fissato dalla iscrizione di
Nabucodonosor a quarantadue età, o vite d'uomini (2940 anni) prima di
quel re, il che condurrebbe a 3540 anni avanti l'Era volgare.

L'iscrizione cuneiforme, trovata a Barsìpa, e interpretata dal
dottissimo Oppert, ha il seguente paragrafo:

«Il tempio delle sette luci della terra, a cui si collega il più antico
ricordo di Barsìpa, fu edificato da un re antico (si noverano già da
quel tempo quarantadue età); ma egli non ne innalzò il vertice. Gli
uomini lo avevano abbandonato dopo i giorni del diluvio, confusamente
favellando. Il tremuoto e la folgore aveano dispersa la sua argilla
disseccata al sole; i mattoni cotti che la rivestivano si erano
screpolati; l'argilla dell'interno s'era sfasciata in colline. Il gran
dio Merodac ha inspirato il mio cuore a riedificarlo; io non ho mutato
il sito, non ho intaccate le fondamenta....»

[2] Per questi cenni intorno alle prime teogonie indiane e pel racconto
che segue, si leggano i veda e la traduzione che lo Jacolliot ha fatto
di un notevole passo del _Bagaved Gita_.

[3] Orione, la più lucente tra le costellazioni, è chiamato dagli
Armeni Aìco, e così tradotto in Giobbe, canto XXXVIII, v. 31, ed in
Isaia, canto VIII, v. 10.

[4] Scrivo questo mese come suona in lingua assira, mancando ancora il
nome ideogrammatico, ed il fonetico, nell'antico caldeo, a cui i tempi
di Semiramide si riferiscono.

Soltanto è noto che il mese chiamato Ululù dagli Assiri
(Agosto-Settembre) suona nell'ultima sillaba «na» come il suo
precedente Tana (Luglio-Agosto) che è ideogrammaticamente il mese del
fuoco; ma ancora nelle iscrizioni cuneiformi non si è potuto leggerne
con certezza il principio.



DELLO STESSO AUTORE

(Edizioni in-16).

  =Capitan Dodero= (1865). _Settima edizione_                  L. 2 —
  =Santa Cecilia= (1866). _Quinta edizione_                     » 2 —
  =L'olmo e l'edera= (1867). _Settima edizione_                 » 2 50
  =I Rossi e i Neri= (1870). _Seconda edizione_                 » 6 —
  =Il libro nero= (1871). _Quarta edizione_                     » 2 —
  =Le confessioni di Fra Gualberto= (1873). _Seconda edizione_  » 3 —
  =La legge Oppia=, commedia (1874)                             » 1 —
  =La notte del commendatore= (1875). _Seconda edizione_        » 4 —
  =Castel Gavone= (1875). _Seconda edizione_                    » 2 50
  =Come un sogno= (1875). _Quinta edizione_                     » 2 —
  =Tizio Caio Sempronio= (1877). _Seconda edizione_             » 3 —
  =Cuor di ferro e cuor d'oro= (1877). _Seconda edizione_       » 5 —
  =Lutezia= (1878). _Seconda edizione_                          » 2 —
  =Diana degli Embriaci= (1877). _Seconda edizione_             » 3 —
  =La conquista d'Alessandro= (1879). _Seconda edizione_        » 4 —
  =Il tesoro di Golconda= (1879). _Seconda edizione_            » 3 50
  =La donna di picche= (1880). _Seconda edizione_               » 4 —
  =L'undecimo Comandamento= (1881). _Seconda edizione_          » 3 —
  =Il ritratto del diavolo= (1882). _Seconda edizione_          » 3 —
  =Il biancospino= (1882).                                      » 4 —
  =L'anello di Salomone= (1883).                                » 3 50

IN PREPARAZIONE:

  _Fior di Mughetto_.
  _Il Giudizio di Dio_.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Semiramide - Racconto babilonese" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home