Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Fedele ed altri racconti
Author: Fogazzaro, Antonio
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Fedele ed altri racconti" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                           ANTONIO FOGAZZARO


                                 FEDELE

                           ED ALTRI RACCONTI


                               X EDIZIONE



                                 MILANO
                          CASA EDITRICE GALLI
                   DI G. GALLI & LELIO OMODEI-ZORINI
                               SUCCESSI A
                       CHIESA — OMODEI — GUINDANI

                  _Galleria Vittorio Emanuele, 17-80_

                                  1897



                          PROPRIETÀ LETTERARIA

         Milano, Tip. degli Esercenti, Via Vincenzo Monti, 31.



NOTA DELL'AUTORE

ALLA PRIMA EDIZIONE.


_Animato dal cortese signor Chiesa a raccogliere in un volume sette mie
novelle, pensai di frapporvi alcune poesie a modo d'intermezzi, com'è
uso trattenere gli spettatori, fra un atto di commedia e l'altro, con
qualche breve pezzo di musica._

_I miei intermezzi sono appunto versioni dalla musica. E qui debbo pure
chiarirne, in due parole, il concetto._

_La musica migliore genera in molti e anche in me ombre vane, per così
dire, di sentimenti; gioia e dolore senza causa, desiderio, sgomento,
pietà senza oggetto, baldanze superbe che cadono con l'ultima nota,
violenti impolsi ad impossibili azioni. Suggerisce pure confuse
immagini alla fantasia; arriva a significare torbidamente un discorso,
un dialogo, un dramma, incomprensibili perchè la lingua n'è ignota e
lontana da ogni altra, ma improntati, nel suono, di passione umana,
e svolti, persino, giusta un ordine di premesse e di conseguenze, che
somiglia indubbiamente ai raziocini migliori di questo mondo. Allora
lo spirito nostro si avventa al mistero, vi batte follemente e vi
fiacca le ali sulla porta impenetrabile, cade vinto. Io per parte mia
ho talvolta cercato di consolarmene immaginando e scrivendo ciò che la
lingua ignota potrebbe forse significare, ciò che vi potrebb'essere al
di là della porta impenetrabile, le cause arcane di quei sentimenti
la cui sola ombra mi commoveva tanto. Così mi vennero composti
cinque intermezzi su temi di Boccherini, Martini, Clementi, Chopin e
Beethoven._

_Fermo di mantenere debitamente distinte le due arti, sperai che questi
temi diventassero nelle mie versioni pura, indipendente poesia, e forse
ottenni soltanto che cessassero di essere buona musica. Certo non mi
accinsi a tradurli prima di averli intensamente meditati, e nessuna
persona ragionevole saprà dimostrarmi aver io peccato d'infedeltà._

_Ho posto dopo le novelle un breve scritto escito l'anno scorso sopra
un giornale di Roma in forma di lettera al direttore del giornale e col
titolo «Liquidazione». Presto si vide, con mio rossore e con sorpresa
di alcuni onesti lettori, che quel titolo era stato poco sincero e il
mio ritiro dalla letteratura una vana illusione. Ne fui meritamente
censurato, e ristampo qui lo scritto colpevole, per ammenda._

                                                        A. FOGAZZARO.



FEDELE.


— Soffio, signor Fogazzaro — disse, quella sera indimenticabile del
1.º agosto 1884, il generale Trézel, pigliandomi una delle mie povere
pedine. — Stia attento!

— Alle dame — gli rispose per me la signorina Prina toccandomi il
braccio con la penna. — Avanti! Detti! _Mi, co te vedo, sento Un certo
non so che; e poi?_

— Scusi, generale — diss'io dopo aver mossa una pedina a caso. — _E
digo che nol sento, E digo che nol gh'è._

— Fa piacere, Filippo! — disse la signorina a suo fratello che cercava
inutilmente sul piano il motivo dell'_Aria di Chiesa_ di Stradella.

Continuai a dettare la vecchia canzonetta che piaceva tanto alla
società milanese, molto intelligente, molto distinta, dell'Hôtel
Brocco.

    Mi me se inchiava i denti
    Quando te voi parlar;
    E digo: i xe acidenti...

Qui mi mancò la memoria. La signorina Prina, le altre amabili signore
e un paio di giovinotti molto disposti a usare della graziosa strofetta
per i loro fini particolari, se ne desolavano. Il verso non venne e io
potei solo ripetere alla damigella con il più sentimentale accento che
seppi:

    Mi me se inchiava i denti
    Quando te voi parlar.

— _I xe acidenti_ — osservò sorridendo donna Luisa Trézel con la sua
solita finezza benevola e ironica insieme. — Chi sa — soggiunse sotto
voce — che il signor Fogazzaro possa avere il versetto dalla sua
fedele.

Tutti risero e io mi seccai. Mi rimisi a giuocare con attenzione; poi,
siccome Filippo non veniva a capo di nulla, mi alzai, gli accennai con
la mano destra le prime battute dell'_Aria di Chiesa_.

— Mangio, signor Fogazzaro — disse il generale che non aveva mai
tolto gli occhi dallo scacchiere se non per guardare di traverso,
qualche volta, pianoforte e suonatore. La sua signora mi domandò
se fossi in collera con lei. Non ero in collera, ma mi seccavano le
allusioni a quella persona che donna Luisa chiamava _la Sua fedele_.
Era una giovane signora arrivata da tre giorni a S. Bernardino, sola.
Nessuno la conosceva. Salutava molto gentilmente ma non parlava mai
con nessuno. La gente dell'albergo asseriva ch'era veneziana. Sul
cartoncino che là usano allacciare intorno alle salviette, perchè
i forestieri vi scrivano il proprio nome, ell'aveva scritto con una
calligrafia punto inglese, punto elegante:

                           _Signora Fedele._

Era bionda: non alta ma snella; bellina assai ma più delicata e
graziosa che bella. Lo confesso, non saprei dire con certezza il
colore de' suoi occhi; avevano forse il colore mutabile del mare
presso il quale era nata. Portava sempre lo stesso costume grigio, la
stessa _toque_ di pelliccia nera, gli stessi guanti neri. Usciva tardi
per qualche passeggiata solitaria; alla fonte non si vedeva mai. La
sera scendeva al caffè verso le nove. Se si faceva musica, restava
lungamente nel suo angolo scuro, lontano dal pianoforte; altrimenti
prendeva il caffè e spariva.

Si facevano commenti infiniti sulla sua origine, sul suo contegno
misterioso, sul nome _Fedele_ che serviva persino al generale Trézel
per illudersi di avere spirito. Mi accadde una volta, nel solito
crocchio della loggia, prender le sue difese contro le signore, che mi
parevano troppo maligne. Ella passò in quel momento improvvisamente,
salendo dalla via. Era molto accesa in viso, ma non guardò alla nostra
volta. Mi guardò invece quel giorno stesso, passandomi vicino nella
sala da pranzo, con uno sguardo che a' miei amici parve di gratitudine.
Ne avrei proprio fatto a meno, perchè poi non mi tribolassero tanto.

— Che miracolo, stasera, esser venuta giù così presto? — disse piano
Filippo che le aveva probabilmente dedicato i suoi pasticci musicali.

Infatti la signora Fedele era già nel suo angolo e suonavano in quel
punto le otto.

— Aspetterà il concerto — disse la signora Prina.

Ci avevano annunciato per quella sera il concerto d'un cieco suonatore
di pianoforte.

Un signore che stava in piedi presso a me, guardando giuocare al
biliardo, ci disse che il concertista si era fatto scusare per una
indisposizione del suo compagno.

A questo punto qualcuno disse sull'entrata del caffè:

— Nevica.

Le signore si alzarono esclamando, i giuocatori di biliardo gittarono
le stecche, i giuocatori di tarocco le carte. Perfino il generale
Trézel accordò una tregua alle mie pedine. Tutti si precipitarono in
sala e di là in loggia. Non accade così facilmente di veder nevicare in
agosto.

A me, antico frequentatore di quelle Alpi, ciò era successo più volte.
Mi alzai tranquillamente e mi accostai a una finestra.

Era uno spettacolo fantastico, una magnifica festa notturna che il
vento del Nord e la neve offrivano alla luna. Ella sorgeva sopra mille
punte d'abeti, fra due montagne enormi, nel sereno. Ora la vedevo
lucida, ora un turbinare di fumo argenteo la nascondeva nella sua
stessa luce. Perchè non si poteva propriamente dire che nevicasse. Era
neve delle cime, cacciata dalla tormenta. Fra un turbine e l'altro si
vedevano tutte le creste bianche fumar su nel cielo azzurro.

— La scusi, signor Fogazzaro — mi disse in veneziano una voce tremante.
— Non c'è il concerto, stasera?

Mi voltai, sorpreso.

— Scusi la libertà — riprese la signora Fedele. — So che siamo quasi
concittadini.

Ma non mi ero tanto sorpreso del suo improvviso interrogarmi come della
commozione strana, profonda, che sentivo nella sua voce, in una domanda
così volgare. E poi il caro dialetto usato così di primo acchito,
e quel chiamarmi per nome, mi avevano avvicinato con violenza alla
misteriosa signora; con una violenza certo voluta da lei chi sa per
qual fine.

— S'immagini! — le risposi. — Non credo che ci sia concerto. Ho udito
che il compagno del cieco è malato e che questi s'è fatto scusare.

— E andrà via, forse? Non suonerà più?

I begli occhi mi parvero a un tratto più grandi, la voce più tremante.

— Non lo so davvero — risposi. — Credetti poi di dover soggiungere per
cortesia:

— Lei ama molto la musica?

Ella non rispondeva, guardava fuori nella tempesta, nel baglior di luna
e di neve. Scorso qualche momento, mi domandò ancora:

— _Il compagno_, ha detto?

— Un signore, poco fa, diceva _il compagno_; ma ora, pensandoci, credo
che s'inganni. Credo che sia una compagna, una signorina.

Ella appoggiò la fronte alle invetriate, come per veder meglio; in
fatto, per non esser veduta in viso da me; e ricominciò a parlar con
voce più sommessa di prima, più rotta dall'emozione.

— Sono qui senz'amici — diss'ella — senza nessuno, e posso aver tanto
bisogno di un'anima buona. Penserà male di me, Lei, adesso? No, sa,
non pensi male. So che Lei non mi giudica come gli altri. E poi m'hanno
detto che ha famiglia. È per questo!

Parlava, così accorata!

— Si calmi, signora — risposi. — Se posso qualche cosa...

La gente tornava allora correndo, schiamazzando, allegra e intirizzita,
dallo spettacolo della neve, e il generale mi cercava con gli occhi per
finire la partita. Ci dividemmo rapidamente. Subito dopo, il padrone
dell'albergo venne a fare pubblicamente le scuse del concertista,
signor Zuane, impedito dalla indisposizione di sua figlia, che doveva
accompagnarlo anche al piano. Lo stesso signor Brocco ci informò poi
delle tristi condizioni di questo poveruomo, che, senza il concerto,
non saprebbe come pagare lo scotto dell'infimo albergo dove alloggiava.
Le signore, impietosite, mi pregarono d'andarlo a pigliare. Un valente
allievo del conservatorio di Milano s'offerse di suonare con lui.

Partimmo subito, il giovinotto ed io, pieni di zelo. Il cieco signor
Zuane ci accolse con gratitudine dignitosa, con grave cortesia da re
in esilio, parlando un italiano floscio che affondava ogni momento
nelle mollezze del mio dialetto natio. Era insieme comico e triste di
udirlo discorrere così solennemente, accompagnando alle parole il gesto
ampio e interrompendosi tutto perplesso quando incontrava con la mano
il cappello nevicato che il mio compagno gli aveva storditamente posto
davanti sul tavolino. Udivamo la signorina Zuane tossire nella camera
vicina, aperta, da cui entrava una luce affatto superflua al signor
Zuane, affatto insufficiente a noi. La signorina ci pregò, nello stesso
morbido linguaggio paterno, di venire a prenderci il lume. La sua
voce mi colpì; quando poi vidi lei a letto, credetti proprio vedere i
capelli biondi, il delicato viso della signora Fedele.

— Le raccomando tanto papà, signore — mi disse. — Sento che sono così
buoni!

Poi alzò il capo dal guanciale e mi accennò di accostarmi a lei.

— La scusi, per carità — mi sussurrò ansiosa. — Conosce Lei qui una
signorina veneziana, bionda, che mi somiglia?

— Sì, la signora Fedele.

— Per carità, non la lasci parlare a papà, La supplico a ogni costo!
Glielo dica magari a nome mio. A nome della Lisetta, dica. Adesso no,
adesso no per carità!

Non si spiegò più di così. Partendomene con il signor Zuane, cercavo
invano, fra me e me, di penetrare il mistero di dolore che avevo
sentito prima nelle parole della Fedele, poi in quelle della signorina
Lisetta; e mi pesava assai d'essermivi lasciato immischiare.

Non vidi bene lo Zuane in viso che all'Hôtel Brocco, davanti alle
candele del piano, quand'egli aspettava, in piedi, che aprissero
lo strumento, che ne portassero via le montagne di musica e si
accomodassero gli sgabelli. Altissimo della persona, si teneva immobile
ed eretto come una statua d'imperatore antico, levando sopra noi tutti
la faccia più marmorea e tragica ch'io abbia incontrato mai. Era una
faccia color di cera, senza un pelo, dal naso scultorio, dall'austera
fronte imperiosa, piena d'anima sopra gli occhi sinistramente chiusi,
piena quasi di un arcano sguardo che vi si spandesse sotto, cercando
uscita.

Non c'era moltissima gente, perchè la società dell'Hôtel Ravizza non
aveva osato affrontare il vento e la neve. La signora Fedele era là,
nel suo cantuccio favorito. Guardava il cieco, ma non accennava di
volerlo accostare.

Nei brevi momenti della mia visita allo Zuane e del tragitto
all'albergo, lo avevo udito parlar dell'arte sua con la devozione
sincera, profonda di un fanatico. Egli era, tuttavia, assai mediocre
artista. Aveva più forza ed esattezza che espressione, e mostrava poi,
nella scelta dei pezzi, un gusto molto dubbio. Il pubblico, tocco
dalla sua sventura, applaudì il primo ed il secondo pezzo, applaudì
più ancora il terzo, una fantasia a quattro mani in cui l'allievo del
Conservatorio si fece troppo onore con scarsa carità del povero cieco.

Ma il programma era soverchiamente lungo. Parecchi uscirono a guardare
il tempo, a giuocare nel gabinetto attiguo al caffè. I pochi rimasti
chiacchieravano. Durante il quinto o sesto pezzo, non ricordo bene, la
signora Fedele si alzò e venne dov'ero io, presso al piano, nel vano
della finestra. Guardava, molto pallida, quelli che uscivano, guardava
quelli che conversavano, con occhiate, non dirò di sdegno ma di
tristezza amara. Io tremava che, finito il pezzo, ella volesse appiccar
discorso con lo Zuane. Avevo ancora negli orecchi gli scongiuri della
signorina malata, quel suo affannoso «La supplico!» Mi chinai e le
dissi:

— La signorina Lisetta La scongiura di non parlargli, adesso.

Ella trasalì, m'interrogò con uno sguardo attonito e diffidente.

— Non so niente — risposi. — Lei ha detto così. Non so altro.

— Non parlerò — diss'ella sottovoce, rapidamente. — Ma Ella ha promesso
il suo appoggio a me, sa, prima che alla Lisetta!

In quel momento lo Zuane pose fine al suo faticoso pezzo. Egli pregò
alcuno dei signori presenti a volersi compiacere di raccogliere
le offerte. Io stava per farmi avanti, quando la signora Fedele mi
trattenne e mi chiese di avvertire lo Zuane che una signorina gli
offriva di chiudere il suo concerto con un pezzo vocale; e che sarebbe
bene non uscire col piatto che poi. Io esitava, ma il ragazzo Prina,
che stava lì a mangiarsela cogli occhi, colse a volo le parole di
lei, e si affrettò di pubblicare la proposta, cui lo Zuane accolse con
l'usata solennità, fiutando l'aria mentre parlava, in qua e in là, come
per iscoprire dove la gentile donna fosse.

La Fedele mi susurrò all'orecchio:

— Lei mi accompagna l'_Aria di Chiesa_? Gliela ho udita suonare,
stasera.

Mi scusai, con ottime ragioni. Ella preferì allora non pregare altri e
accompagnarsi da sè. Mentre si toglieva i guanti feci alzare il signor
Zuane e lo condussi, di proposito, a sedere alquanto discosto dal
piano. Intanto la gente, avvertita come per incanto, rifluiva nel caffè
a udir la bella venezianina. Lo Zuane si trovò subito in mezzo a un
gruppo di persone.

La signora si pose al piano. Io ero in piedi vicino a lei; potevo
vedere il leggero tremito delle sue mani, l'inquietudine delle sue
labbra. Mi chinai per dirle all'orecchio che avrei potuto pregare
l'allievo del Conservatorio di accompagnarla. Scosse il capo
nervosamente e incominciò subito, con mano sicura il preludio. Prima
di finirlo, mi diede un'occhiata come per dirmi: «Le pare?»; come per
mostrarmi il suo viso pallido, ma risoluto.

Vorrei poter esprimere la timida dolcezza accorata del suo canto quando
incominciò sottovoce:

    Pietà, Signore
    Di me dolente.

Guardai involontariamente i Prina e i Trézel, dei cui bisbigli, dei
cui sorrisi ironici m'ero bene accorto. Non sorridevano più. Gli occhi
miei, tornando lentamente al piano, incontrarono a caso il volto del
cieco, mentre la dolce voce saliva con un fremito di passione alle
parole:

    Se a te giunge il mio pregar
    Non mi punisca il tuo rigor.

Lo Zuane porgeva il viso accigliato verso la musica, ascoltando a bocca
semiaperta. A un tratto lo vidi piegarsi a destra, susurrar qualche
cosa a un vicino che gli rispose guardando la Fedele, come se gli
parlasse di lei. Ella cantava allora con uno straziante spasimo nella
voce:

    Ah non fia mai che nell'inferno
    Io sia dannata al fuoco eterno.

Lo Zuane si alzò in piedi con una faccia terribile, agitò le braccia
verso la parte opposta al pianoforte, quasi per farsi strada fra la
gente. Tutto il pubblico si voltò a lui, zittì così imperiosamente,
ch'egli si fermò sull'atto, si ripose a sedere. La signora Fedele
s'imbarazzò nell'accompagnamento, smarrì l'intonazione, si coperse il
viso con le mani.

— Coraggio! — le dissi sotto voce — Avanti!

— Non posso, non posso — rispose senza scoprirsi. — Sto male, faccia le
mie scuse.

Dissi forte che la signora si sentiva male e non poteva proseguire.
Vi ebbe un momento di agitazione, perchè i vicini dello Zuane e
anche altri sospettavano una occulta relazione fra l'atto del cieco
e il turbarsi di lei; ma poi uno, due, quattro batterono le mani,
scoppiò l'applauso da tutta la sala. Parecchie signore si accostarono
alla Fedele, offrirono il loro aiuto, insistettero perchè prendesse
qualche cordiale, perchè si ritirasse. Rifiutò l'una e l'altra cosa
ringraziando umilmente, ma più quasi con gli occhi e il piegar del
capo che con la voce. La voce pareva rotta, spenta. Si alzò dal piano,
sedette nel vano della finestra.

Volli starle vicino e pregai il Prina di raccogliere le offerte. Le
monete piovevano nel piatto. Lo Zuane volgeva il capo a destra e a
sinistra dietro al tintinnio dell'argento. Pareva impaziente di fare o
dire qualche cosa.

La signora Fedele seguiva cogli occhi intenti ogni suo moto. Il Prina
le si accostò esitante, dubitando se dovesse rivolgersi anche a lei o
no. Ella gli accennò col capo di venire e, trattosi un anello, lo posò
sul piatto.

— Io ringrazio questi gentili signori — disse lo Zuane quando gli
furono recate le offerte — io ringrazio questi gentili signori e prego
che il danaro sia dato per i colerosi di Marsiglia.

Le ultime parole furono proferite da lui con una subita energia di
voce, con un aggrottar fiero di ciglia, con un gran gesto d'ambo le
braccia.

La Fedele non diè segno nè di sorpresa nè di collera. Guardava sempre
lui, sempre quella faccia marmorea, quegli occhi spenti.

— Le hanno dato anche un anello, signor Zuane — disse il Prina.

Il cieco stese un braccio, brancicò le monete del piatto, prese
l'anello, lo palpeggiò con le dieci dita, alzando la fronte.

— Non accetto quest'anello — diss'egli. — La persona che lo ha dato
lo riprenderà. — Suppongo — soggiunse con voce quasi iraconda — ch'è
ancora presente.

Nessun fiatò. Lo Zuane ripetè la domanda. Allora la Fedele accennò al
Prina che rispondesse di no, come infatti rispose immediatamente.

— Pregherò i signori che m'hanno accompagnato, di restituire l'anello
domattina — disse il cieco. — Intanto è mio dovere esprimere la mia
gratitudine a questi signori.

Si fece condurre al piano e cominciò a tempestarvi su il suo pezzo di
ringraziamento, mettendo in fuga la gente, che andò a passeggiare e a
commentare l'accaduto nella sala vicina. La signora Fedele, l'allievo
del Conservatorio, il giovinetto Prina e io eravamo soli presso al
piano.

— Sento che la sala è vuota — disse lo Zuane cessando dal suonare. — Vi
è qualcuno presso di me?...

— Sì, sì — risposi.

— Ah, quel signore veneto — diss'egli. — Io sono stato poco gentile,
stasera, e devo almeno a lei qualche spiegazione.

Stavo proprio sulla brage e protestai di non volere spiegazioni;
ma quegli insistette e la signora mi scongiurò, in silenzio, a
mani giunte, con un viso disperato, di lasciarlo parlare. Guardai
involontariamente gli altri che intesero e piano piano, molto a
malincuore, se ne andarono.

— Non potevo prendere del denaro guadagnato da lei, capisce — disse
lo Zuane. — È mia nipote, l'ho allevata io, l'ho educata io. Una cosa
orribile! Mi ha tradito.

Soffrivo inesprimibilmente, mi pareva d'essere un traditore io stesso,
a permettere ch'egli parlasse così davanti a lei; ma ella lo voleva.
Aveva voltato il viso alle finestre, adesso. Chi ci spiava dall'altra
sala poteva credere che guardasse la luna e la tormenta. Dio, perchè si
ostinava a star lì? Le toccai leggermente una spalla. Ella m'indovinò,
negò del capo con la stessa muta energia di poc'anzi.

Lo Zuane tacque un poco, aspettandosi forse qualche domanda. Poi
riprese:

— Quell'anello mi era caro, una volta; adesso no, adesso no!

Io lo interruppi, gli offersi di accompagnarlo a casa, dove la
signorina Lisetta stava forse in angustia. Potrebbe parlarmi per via se
volesse.

— Sì sì — rispose senza muoversi — ma del resto è presto detto. Tutte
le miserie che si possono soffrire in terra io le ho sofferte dodici
anni perchè questa creatura diventasse artista. Ella lo aveva promesso
fin da bambina, prima a Dio poi alla Madonna — ogni artista è credente,
signore! — E lo diventava. Grande artista! Io morivo di fame e di
consolazione, signore. Ebbene, viene un giovane, un ricco, uno che non
sa cosa sia l'arte, uno che dice: ti sposo, ma niente scena, ma niente
grandezza, ma niente gloria. E allora si dimentica Dio, si dimentica
la Madonna, si dimentica tutto, signor mio, si spezza il cuore a questo
vecchio. Non basta.

— Insomma, signor Zuane — esclamai, non potendo più reggere — è tardi,
andiamo.

— Non basta — prosegui egli alzandosi. — Il marito muore, perchè lassù,
capisce, vi è una giustizia.

La povera signora, sopraffatta, giunse le mani.

— Dio, questo no! — diss'ella.

Non potrei raccontar bene ciò che seguì in quel punto. Forse nessuno
lo potrebbe. So che lo Zuane gridò, che accorse gente, che vi fu un
tafferuglio, che il cieco fu condotto via, che la Fedele mi scongiurò
di accompagnarla fuori subito subito, all'aria, alla solitudine.

La tormenta non soffiava più, ma il freddo era pungente. La guglia del
Piz Vogel fumava ancora di neve. Ci avviammo in silenzio dall'altra
parte, verso la luna e l'orizzonte basso, largo, tutto dentellato,
fra due grandi montagne argentee, di punte nere d'abeti. Di là dalla
villetta dell'ingegnere C. faceva meno freddo; la mia compagna rallentò
il passo.

— Mi perdoni — diss'ella — se Le reco tanto disturbo. È la prima e
l'ultima volta, sa. Non mi vedrà più, mai più. Domani spero che avrà
la carità di fare ancora qualche piccola cosa per me e poi non udrà
neppure più il mio nome. Mai più. Fedele è il mio nome di battesimo.
Non posso esser altro che fedele.

Su queste ultime parole la sua voce si abbassò, quasi si spense, come
se avessero qualche triste senso nascosto. Le vidi brillare gli occhi
di lagrime. «Non mi vedrà più, non udrà più il mio nome». Perchè diceva
così? Cosa voleva fare? Mi si stringeva il cuore. Doveva soffrir tanto,
pover'anima delicata, e mi si rivelava così pura! Con quel viso,
con quella voce, con quel tenero nome insolito, mi pareva una delle
creature che si amano in sogno.

— Mi ha posto nome lui, Fedele — diss'ella. — Ha ben capito, non è
vero, ch'è mio padre? Poveretto, non lo ha voluto dire. La vergogna
gli pareva troppo grande. Non dico mica di non avere colpa, sa. È vero
che avevo promesso a Dio e alla Madonna. Povero papà, forse aveva fatto
troppo conto sulle promesse d'una bambina: forse il Signore non ne ha
fatto tanto. Ma non voglio mica giudicarlo, povero papà. È la disgrazia
nostra, di tutti, che abbia un sentimento così. Io non ho nessuna
amarezza con lui. Solo non ho potuto...

Non seppe reggere al ricordo delle parole dure che più l'avevano
offesa. Le mancò la voce.

— È stata troppo amara — soggiunse dopo un istante, sospirando. —
Troppo amara! Perchè lui, caro, gli voleva bene, malgrado tutto, al
mio papà, e quel che ho fatto per tornare con il mio papà, me lo ha
insegnato lui dal paradiso. Solo non voleva che andassi sul teatro.
Il papà credeva che dopo la disgrazia lo avrei accontentato, ma non è
mica possibile; bisogna bene che lo ubbidisca più di prima, mio marito,
caro. Oramai poi ho perso tutte le speranze che il papà faccia pace.
Neanche l'anello della povera mamma è giovato a niente. Ma l'aspettavo,
sa, ma volevo pur tentare un'ultima volta. E adesso vorrei pregarla di
parlare domani alla Lisetta.

Le dissi che disponesse pure di me per qualunque cosa.

— La ringrazi tanto, prima di tutto, la Lisetta — diss'ella. — Ha fatto
quello che poteva, poverina, per aiutarmi. Le dica che non le scrivo
perchè proprio non posso, e non so neanche se le scriverò più; ma che
tutta la roba mia è sua e che le carte e i denari sono a Milano in mano
dell'avvocato Benvenuti, via S. Andrea, n. 23. Vuol prender nota?

Notai nel mio portafogli, al chiaro di luna, il nome e l'indirizzo. Il
cuore mi batteva forte, sentivo di scrivere qualche cosa di sinistro,
la fine, quasi, di un'esistenza, la fine di quella dolce, bella
creatura, tanto giovane, tanto amante, tanto mite con il fanatico
furioso che l'uccideva.

— Ecco — dissi, riponendo il portafogli.

Eravamo giunti a quella fornace dove si spicca dalla via maestra il
sentiero del laghetto.

— Vorrei andare al lago — diss'ella tranquillamente come se tutto fosse
oramai finito in pace; e mi nominò un mio libretto, dove si tocca di
questo lago alpino. L'idea di andare al lago a quell'ora, dopo quei
discorsi, mi colpì tanto che me le opposi con troppo manifesto orrore.
Fedele sorrise un poco. — Torniamo pure — diss'ella; e fatti pochi
passi in silenzio, si pose a cantar sottovoce:

    Ah non fia mai che nell'inferno
    Io sia dannata al fuoco eterno.

Ne fui rassicurato. Solo mi doleva di averle potuto attribuire per un
momento quell'idea orribile e d'essermi tradito. Volevo ora domandarle
che intendesse fare, e non osavo. Ella non parlava più. Passata la
villetta C., mi disse che voleva farmi sapere il suo nome, che suo
marito si chiamava Vida, e ch'ella aveva tenuto nascosto questo
nome acciocchè suo padre, venendo per caso a udirlo, non fuggisse
addirittura da S. Bernardino.

Giungemmo al villaggio deserto, tutto bianco di luna. Nel porre il
piede sugli scalini dell'Hôtel Brocco, mi feci coraggio e incominciai:

— Lei parte?

— Domattina.

— E posso sapere...?

Fedele esitò.

— Glielo dirò — rispose a bassa voce — ma non lo ripeta a mia sorella.
Me lo prometta! Vado a Marsiglia.

La guardai, le stesi la mano senza poter parlare. Ella mi diede la sua.

— So che ci muoio — soggiunse — ma in ogni caso andrei suora.

Ci parve udir parlare nell'albergo.

— Domani — diss'ella in fretta — non venga mica a salutarmi quando
parto. I suoi amici sono troppo cattivi, mi criticheranno, già, per la
mia famigliarità di stasera. Non racconti mica niente, sa. _El ghe diga
ch'el xe el nostro far, de nualtre veneziane._

Le strinsi la mano forte forte, con ambo le mie. Fu il nostro muto
addio.

— Dunque — mi disse l'indomani mattina, alla fonte, la signorina Prina,
tutta sfavillante d'ironia — glielo avranno ben trovato, quel verso,
iersera?

— Che verso? diss'io.

— Caro! — esclamò la signorina; e si mise a declamare con un enfasi
sarcastica:

    Mi me se inchiava i denti
    Quando te voi parlar;
    E digo: i xe accidenti...

Me l'avevano trovato, il verso, sì. _E digo: el xe el mio far._ Ma io
lo tacqui, sdegnai concedere ai motteggi di quell'altera signorina, che
m'era del tutto indifferente, le ultime parole di Fedele.



PRIMO INTERMEZZO.


CLEMENTI

_Op. 26 — Lento_

L'AMANTE

    Batto piano nel silenzio de la notte a la tua porta,
    Palpitando, pien d'orrore; ho sognato ch'eri morta.
    Ch'io t'abbracci, anima, vita, ch'io ti baci, ch'io ti miri,
    E se tutto a noi si nega, ch'io ti senta se sospiri!

VOCE DALL'OMBRA

    A quest'ora chi mai batte, chi mai geme, chi mai chiama?

L'AMICA

    M'oda m'oda egli che teme, m'oda m'oda egli che ama.
    Vado in sogno a la foresta dove un dì posar ne piacque;
    Ride il sole, accennan l'ombre, cantan venti, parlan acque.
    Una dice: l'ami ancora? — Quando torna? l'altra dice.
    Io le ingenue voci ascolto, taccio e rido in cor felice.

L'AMANTE

    Batto ancor, tu sei felice, io qui solo tremo e anelo,
    La mia casa è sì lontana, vento e luna son di gelo.
    Sorgi, vieni, mi raccogli nel tuo sogno se lo sai.

L'AMICA

    Seguo il sogno, vo tra il verde, vo tra l'ombre, il vento, i rai.
    Taccio e rido a la fontana, poi folleggio, corro e canto,
    — M'ama un poco — ai fior susurro, grido al cielo — l'amo tanto!
    — Presto è mio — racconto al sole, — sarai fuoco — mi risponde,
    — Presto è mio — racconto al fiume — or sii pura! — sclaman l'onde.
    Dico al vento: va ov'è luna, va ov'è gel con un addio,
    Con l'odor de le mie chiome, col tepor del labbro mio.



UN'IDEA DI ERMES TORRANZA


I.

Il professor Farsatti di Padova, lo stesso ch'ebbe con M.r Nisard la
famosa polemica sui _fabulæque Manes_ di Orazio, soleva dire di Monte
San Donà: «Cossa vorla? Poesia franzese!» Il solitario palazzo, il
vecchio giardino dei San Donà gli erano poco meno antipatici di «monsiù
Nisarde» sin dall'autunno del 1846, quando vi era stato invitato dai
nobili padroni a mangiare i tordi, e fra questi gli si erano imbanditi
degli stornelli. Dal viale d'entrata, con i suoi ippocastani tagliati
a dado, al laberinto, ai giuochi d'acqua, alla lunga scalinata che
sale il colle; dalla base all'attico pesante del palazzo, l'eccellente
professore trovava tutto pretenzioso e meschino, artificioso e
prosaico. «Cossa vorla? Poesia franzese!»

Al tempo degli stornelli, forse, sarà stato così. Il professore non ha
più voluto rivedere Monte San Donà e dorme profondamente da parecchi
anni nel suo campo di battaglia, come posson ben dirsi:

    _...... Nox fabulaeque Manes_
    _Et domus exilis Plutonia._

Adesso la famiglia San Donà, che ha vissuto con un certo fasto sino
al 1848, pratica rigidamente, sotto l'impero del nobile sior Beneto,
la economia di cui qualche indizio apparve sino dal 1846. Per il sior
Beneto non esiste poesia francese nè italiana; e, sulla collina,
il giardino, lasciato pressochè interamente in balìa delle proprie
passioni, ha sciupato le fredde eleganze, ha preso, fra i vigneti
blandi degli altri colli, un aspetto selvaggio, vigoroso, che gli sta
molto bene in quel seno solitario degli Euganei. Al piano il laberinto
fu messo a prato; i tubi dei giuochi d'acqua son tutti guasti;
agl'ippocastani il sior Beneto ha sostituito due filari di gelsi.
Voleva abbattere con lo stesso scopo scientifico i pioppi secolari del
viale pomposo che da Monte San Donà mette ad un'umile stradicciuola
comunale; ma la signorina Bianca li difese con passione e lagrime
contro l'acuto argomento di papà: «bezzi, bezzi». Quando, nell'aprile
del 1875, Bianca sposò il signor Emilio Sparcina di Padova, chiese ed
ebbe in dono dal padre la promessa di lasciar in pace i cari pioppi
che l'avean tante volte veduta correre e saltare, prima del collegio,
con le sue rustiche amiche, e più tardi leggere _Rob Roy_, _Waverley_
e _Ivanhoe_, tre poveri vecchi libri della sottile biblioteca di casa,
tre poveri vecchi libri immortali che ora aspettano sul loro scaffale
altre cupide mani, altri ardenti cuori inesperti della nostra grande
arte moderna.

Ermes Torranza, il poeta, le diceva che ella stessa, a quindici anni,
pareva un piccolo pioppo ridente a ogni soffio di vento, e che certo
le colossali piante la ricambiavano di tenerezza paterna. Torranza lo
diceva sul serio; egli aveva nel sangue questo fantastico sentimento
della natura, questi istinti che i nostri freddi critici corretti gli
rimproveravano, forse a torto. Infatti, nel settembre del 79 Bianca
tornò a Monte San Donà, sola, col cuore amaro; e le parve, passando
fra i pioppi, che Torranza avesse ragione, che le piante pigliassero
con lei la espressione di quel biasimo affettuoso che vien significato
con la tristezza e il silenzio. Il piccolo sior Beneto non tenne questo
metodo. Lo aveva sempre detto, quel padre sapiente e profetico, che
la sarebbe andata a finire così, che troppi libri e troppa musica non
conducono a niente di buono, che a forza di volersi raffinare ci si
scavezza. Credeva, la signorina, di esser nata per sposare un principe,
un Creso, un chi sa cosa diavolo mai? Eran questi gli esempi avuti
dalla santa donna di sua madre? La mansueta signora Giovanna San Donà,
una santa per forza, non partecipò alle collere del suo temuto signore,
anzi godè segretamente che la ragazza non si fosse lasciata metter i
piedi sul collo e santificare come lei. Bianca aveva riamato abbastanza
sul serio il bel giovinotto biondo fattosi avanti, dopo un lungo
sospirare, per la sua mano; ma i suoceri grossolani, avari, stizzosi,
le eran riusciti intollerabili. Il marito, buono ma debole, non osava
proteggerla a dovere; indi sdegni e lagrime. Non c'erano figli; e
così Bianca aveva potuto, in un impeto di collera, tornarsene al suo
solitario angolo degli Euganei, ai suoi pioppi venerabili.

Aveva creduto, sì, a prima giunta, esserne guardata severamente; ma
poi raccontò loro tante e tante cose che ogni freddezza fra le vecchie
piante e lei ne fu tolta. Due mesi dopo il suo ritorno, quand'ella
vide, un lucido giorno di novembre, che le ultime brine e il gran vento
del dì innanzi le aveano spogliate di foglie sin quasi alla vetta, quei
tremoli pennacchi giallo-rossicci le misero una malinconia da non dire;
sentì che i pioppi la salutavano da lontano come amici fedeli, prossimi
a venir meno, a perder la parola ed i sensi.

Tutto veniva meno con essi nella gran pace, nella luce limpida del
pomeriggio di novembre; tutto, tranne il bruno dorato dei cipressi
che dai vigneti deserti presso a Monte San Donà si rizzavano qua e
là sul cielo biancastro d'oriente. La giovane signora avea lungamente
passeggiato i vigneti, e ora, al cader del sole, scendeva piano piano
la costa che ne beve con i suoi cavi sassi e con le quercie inclinate
l'ultimo tepore. Ella guardava, distratta, più le foglie dense sul
sentiero, più l'erbe grigie e gialliccie dei pendio che il piano e i
colli dorati, e il tenero cielo caldo del ponente. Perchè mai aveva
pensato, la sera precedente, appena spento il lume, a Ermes Torranza?
Perchè ne aveva sognato tutta la notte? Perchè non poteva ancora
liberarsi da questa immagine? Eran pur quasi tre mesi che non vedeva il
poeta, di cui nessuno a Monte San Donà le parlava mai; ed egli le avea
scritto una volta sola in principio d'ottobre per inviarle una romanza
da camera. Bianca credeva ai presentimenti, non dubitava che avrebbe
presto riveduto l'amico suo; ma pure, come spiegare una impressione
così forte? Ella ammirava l'ingegno di Ermes Torranza, gli voleva
un gran bene per la squisita nobiltà dell'animo, per la conoscenza
che aveva sin da bambina; ma il poeta era sui sessant'anni, e benchè
le portasse un'amicizia più appassionata che paterna, e la sapesse
esprimere molto bene in prosa e in versi, con la musica e i fiori,
non poteva turbare il cuore della giovine signora; la quale correva,
con esso il solo pericolo di offenderlo quando bisognava posare una
delicata parola fredda sulle sue effervescenze troppo giovanili.
Avea ben pensato a lui tante volte con affetto, povero Torranza; non
era mai stata assediata come ora dalla sua immagine. Proprio nello
spegnere il lume le era venuto in cuore il nome strano _Ermes_; e
subito aveva veduto l'uomo, la barba bianca, l'abito nero, la gardenia
all'occhiello. Si fermò involontariamente per una foglia che cadeva in
lenti giri, davanti a lei; e ripensò come lo aveva riveduto in sogno,
i versi dolcissimi che le aveva letti, la divina musica che aveva
suonato stendendo la mano sul piano senza toccarlo. Venendole meno la
vivezza del ricordare, a poco a poco le voci lontane per la pianura,
un frequente zittir d'insetti nell'erba la richiamarono al vero. Si
ripose in cammino sotto le quercie piene di sole, guardando trasparir
dal fogliame secco gli antichi tronchi verdi d'edera che le parlavano,
anch'essi! della strofa in cui il Torranza parla a certa gente del
proprio ideale:

    Se voi seguite, aride foglie, il vento,
    Tutti vi sdegna il mio fedele cor;
    Di ruine, com'edera, è contento,
    Sul nobil tronco ch'egli ha amato, muor.

Glieli racconterebbe, a Torranza, questi fatti bizzarri. Lui già
metterebbe in campo il suo spiritismo, la occulta influenza di una
psiche sopra un'altra. Quest'idea le toccò il cuore come la sensazione
di un mondo strano, forse non reale ma possibile; e, se reale, anche
presente, anche circonfuso a lei; non solamente circonfuso, ma nascosto
nel suo petto, inconscio nei misteri dell'anima.

Una campanellina flebile suonò le ore da lontano, in mezzo ai campi;
una, due, tre e mezzo. Non era più da credere che Torranza venisse in
quel giorno.

Bianca trasalì. Le pareva udire una carrozza sulla strada di Padova; ma
ne passavano tante! Tutti volevano godere quelle deliziose giornate di
novembre. Sì, sì, i cani della fattoria abbaiavano, le ruote stridevano
sulla grossa ghiaia del viale d'entrata. Bianca affrettò il passo. Per
tornare alla villa doveva scendere, poi risalire.

Presso a casa trovò un ragazzo che veniva in cerca di lei. Erano
arrivati tanti signori in due carrozze e la padrona gli aveva detto di
correre a cercare la padroncina. Non sapeva il nome di questi signori,
nè se ci fosse tra loro un vecchio vestito di nero, con la barba
bianca. Gli pareva di sì, ma non n'era sicuro.

Bianca entrò trafelata nella sala a pian terreno dove tutti erano
ancora in piedi e Beneto distribuiva, qui i suoi ossequi, lì le sue
riverenze, a destra i suoi rispetti, a sinistra la sua servitù, qualche
complimentino sotto voce, qualche risatina cerimoniosa. Bianca si
fermò sulla soglia, raccolse tutta quella gente in un'occhiata; il
poeta non c'era. Erano i Dalla Carretta con i loro ospiti, un piccolo
museo archeologico di lunghi scialli scuri, di cappellini barocchi, di
calze e nappe canonicali, di facce slavate; gente noiosa che veniva lì
una volta l'anno, per convenienza, a sedersi in giro e a guardarsi un
tratto in viso senza saper che dire; dopo di che un vecchio servitore
in giacchetta bigia entrava molto dignitosamente portando il caffè e
i _pandoli_ che il cavalleresco Beneto serviva con i suoi scherzetti
sempre uguali, di cui la compagnia rideva regolarmente ogni anno sullo
stesso tono e sulla stessa misura. Perdere un bel tramonto di novembre
per costoro! Bianca non li poteva soffrire, le toglievano il respiro.

— Non so — le disse fra un sorso di caffè e l'altro il canonico
Businello — non so se La sappia la brutta notizia...

— No. Che notizia?... — rispose Bianca a fior di labbro.

— Ah, sicuro — dissero due o tre voci sommesse. — Ah, sicuro.

— Il povero Torranza, poveretto... — soggiunse compunto il canonico,
intingendo nel caffè l'ultimo pezzetto della sua ciambella.

Bianca si sentì una stretta al cuore, un formicolìo freddo al viso; e
non potè articolare parole.

— Pur troppo — disse monsignore agitando la tazza in giro per
sciogliere lo zucchero rimasto al fondo. — Mancato, sì, poi... — Vuotò
la tazza e soggiunse sospirando: — Iersera, alle undici e mezza.

Bianca perdette un momento la vista, ma oppose all'emozione un voler
violento, un impeto, quasi, di collera, e vinse. La signora Giovanna
la vide farsi pallida pallida e fu per alzarsi sgomentata; una rapida
occhiata dura di sua figlia la fermò sull'atto. Le signore Dalla
Carretta, che conoscevano certi maligni epigrammi corsi a Padova sulle
fiamme senili di Torranza, si guardarono alla sfuggita e tacquero.

Intanto il canonico raccontava che Torranza s'era posto a letto
due o tre giorni prima senza sofferenze gravi, però con tristissimi
presentimenti. La catastrofe doveva esser avvenuta improvvisamente; ma
egli non poteva affermarlo. Era partito da Padova poche ore dopo, alle
dieci del mattino. La città era già piena della notizia; si sapeva che
la Giunta Municipale doveva raccogliersi d'urgenza.

— Le solite commedie — esclamò il sior Beneto. — Beata, quella gente
là, di poter far del chiasso e spender dei soldi. Capaci di ringraziar
Dio che quel povero infelice sia morto adesso che ci son loro in
Comune. E cosa crede, Monsignore, che vogliano onorarlo per quei
quattro versi? Ma neanche per idea! È perchè era famoso anche lui a
spendere e spandere. Basta questo, caro lei. Un uomo grande!

— Papà — disse Bianca agitatissima — se deliberano qualche cosa per
Torranza, fanno più onore a sè che a lui.

— Idee tutte vostre, queste — replicò Beneto dispettosamente. — Idee
tutte vostre. Non mettetevi mica in mente ch'egli fosse poi questa
gran cosa. Non m'intendo di versi, ma siamo stati a scuola insieme, con
Torranza, e posso dirlo. Volete metter la testa di Farsatti?

— No, no, no — interruppe con certa secchezza molle il canonico. — Per
talento, lasciamolo stare, il povero Ermes ne aveva più del bisogno; ma
criterio, signora! criterio, La mi scusi proprio, neanche una briciola.

— Egli era de' miei amici, l'avverto, monsignore — rispose Bianca. — A
me queste cose non si possono dire.

— Ah, bene! — fece monsignore scuro. I Dalla Carretta si rannuvolarono.
Ma Beneto non permise che la finisse così, in un silenzio burrascoso.

— Monsignore parla benissimo — disse egli — e mi meraviglio di voi che
non le abbiate mai capite, certe cose.

— Basterebbe l'affare dello spiritismo — osservò a mezza voce il
vecchio conte Dalla Carretta, rivolgendosi con un sorrisetto al
canonico, per confortarlo.

— Euh! — disse questi, alzando gli occhi e le sopracciglia. — Io non
parlo.

Una zitellona della compagnia chiese, facendo l'innocente, se
Torranza fosse proprio spiritista. Il canonico, che non voleva
parlare, si sfogò. — Spiritista fanatico, era. Aveva una biblioteca di
pubblicazioni tedesche, francesi, inglesi, americane sullo spiritismo.
Stava traducendo un libro di un certo Fechte o Fochte o Fichte, pieno
di quelle minchionerie.

— Sì capisce che Lei non lo ha letto — interruppe Bianca.

— Sta a vedere — saltò su il sior Beneto — che mi diventate spiritista.
Vorrei vedere anche questa.

Bianca fu per dare a suo padre una risposta audace e pungente. Si
contenne e rispose solo che non amava i pregiudizi di nessun colore.

— Adesso gli potremo dare la prova, allo spiritismo del povero Torranza
— osservò un signore — perchè, e questo l'ho udito io con le mie
orecchie da Pedrocchi, egli diceva che dopo morto si sarebbe fatto
sicuramente vedere e intendere da qualcheduno.

Beneto nitrì una risata gutturale, a bocca chiusa.

— Gesummaria, papà! — disse la contessina Dalla Carretta al suo
genitore.

— Matto, cara, matto! — rispose questi.

— Eh, matto, poveretto; eh, matto. — Ciascuno guardava il suo vicino,
gli passava la parola a mezza voce. Bianca si alzò senza dir nulla,
spinse via nervosamente la sua sedia e uscì.

Beneto fremeva, la signora Giovanna stava sulle spine. Dopo un breve
silenzio, la Dalla Carretta guardò, imbarazzata, suo marito, piegando
la persona; in un attimo tutti furono in piedi, contenti, sollevati da
un gran peso. Beneto discese la scalinata a braccio della contessa,
che gli espresse, con molta ipocrisia, il suo rincrescimento per i
discorsi che si eran fatti prima, per il dispiacere arrecato alla
signora Bianca. Beneto protestò. Aveva gusto che sua figlia imparasse
a conoscer meglio il mondo; era stato anche lui amico di Torranza,
per tradizioni di famiglie; ma pur troppo quel vecchio matto aveva
esercitato una pessima influenza in casa Squarcina. Intanto, dietro
a loro, scendeva la brigata tutta susurri maligni, interrotti
prudentemente da qualche osservazione a voce alta sul tramonto
vermiglio, sulle campane della parrocchia che suonavano per l'ottavario
dei morti, sul nero nebbione che si levava dall'orizzonte, soffiando.

Ecco i due carrozzoni che si fanno avanti: ecco daccapo gli ossequî,
i rispetti e i doveri. I lunghi scialli scuri, i cappellini barocchi,
le nappe canonicali, le slavate faccie noiose si allontanano sotto i
pioppi, e il sior Beneto ritorna su, borbottandosi la lettura di un
foglio consegnatogli dal cursor comunale che lo segue col berretto in
mano. Giunto sulla spianata, trova un servitore uscito ad avvertirlo
ch'è in tavola; e fa chiamar fuori la padrona.

— Qui c'è l'annuncio di Torranza — diss'egli — e questo galantuomo ha
un'altra lettera. Pagate voi?

— Cosa? — diss'ella timidamente.

— Cosa? La multa, _cosa_! Se vostra figlia si fa scrivere da dei
disperati che riempiono Dio sa quanti fogli e poi non sono in caso di
metter fuori otto palanche, suo danno! Io non pago sicuro.

La signora Giovanna guardò la lettera.

— Viene da Padova — diss'ella esitando.

— Eh, si sa, cara, che pagate!

— È urgentissima — susurrò la povera donna.

Beneto le domandò qualche cosa con gli occhi e un cenno del capo.

— No — diss'ella. — Mi pare e non mi pare di conoscerlo, il carattere:
ma di quella casa là no certo.

— Benone! — esclamò l'ironico marito. — Adesso poi, siccome sarebbe una
pazzia, così son sicuro che pagate. Accomodatevi pure.

Ed entrò in casa.

La signora non aveva un soldo in tasca, ma fece subito qualche segreta
convenzione col cursore, che salutò e sparve nella nebbia, dilagata, in
un batter d'occhio, sul piano. Il triste oceano bianco fumava su tutti
i pendii, metteva le prime ondate taciturne sulla spianata di Monte San
Donà. Ancora un momento e avrebbe chiusa la casa nel suo vapor denso,
avrebbe affacciata a tutte le finestre la sua malinconia stupida.

— Ci vorrà un lume, a tavola — disse al domestico la signora San Donà,
rientrando.

— Niente, niente — gridò Beneto dal salotto — non occorre lume che
ci si vede benone. Sbrigatevi e dite alla principessa che si degni,
almanco, di non farsi aspettare.


II.

L'annuncio così crudo, inatteso, della morte di Torranza era stato
per Bianca un colpo di sgomento e di dolore, che volle celare, quanto
potè, a quella sciocca compagnia pettegola. Comprimer lo sdegno le
riusciva men facile; e, venuti in campo i discorsi di Torranza al caffè
Pedrocchi, era uscita per non prorompere contro suo padre che rideva e
gli altri che compativano.

Si chiuse in camera. L'immagine di un nuovo Torranza, di un Torranza
morto assai più grande e buono che non le fosse mai parso il vivo, le
riempiva l'anima; e lo pianse, meravigliata delle proprie lagrime, di
sentirsi una tenerezza tanto profonda. Averlo lasciato partire così,
senza un addio! Ecco, se non fosse stato quel ch'era stato, ella si
sarebbe trovata a Padova, lo avrebbe potuto vedere. Si rimproverò
d'aver risposto un po' tardi all'ultima sua lettera, di non averlo
ringraziato bene della romanza. Tante altre sue piccole negligenze,
tante altre lievi freddezze punto necessarie che avevan forse
rattristato il poeta, le tornavano tutte al cuore, le facevano male.
Egli, un potente creatore d'anime e di figure ideali, l'aveva cullata,
da bambina, sulle sue ginocchia, l'avea consigliata dopo il collegio,
negli studi; sposa, l'aveva condotta alla più squisita intelligenza
d'ogni arte; finalmente s'era innamorato di lei come delle creature
a cui il suo genio aveva dato vita e passione. Adesso Bianca voleva
persuadersi d'essere stata amata così; sentiva più pura, in questo
concetto, la memoria del poeta, a sè più alta, più vicina al paese in
cui vivono i sogni dei grandi poeti spiritualisti. Egli l'amava ancora,
povero amico; le si era voluto ricordare dal paese dei morti appena
giuntovi. Era spirato alle undici e mezza; e Bianca si era sentito,
prima della mezzanotte, il suo nome strano nel cuore.

Si picchiò all'uscio; era la signora Giovanna con una lettera
urgentissima. Bianca prese la lettera senza guardarla, pregò sua
madre di scendere a pranzo, di lasciarla sola. Non voleva trovarsi
con papà prima d'essere un po' più calma; temeva che certi discorsi la
irritassero troppo, le facessero dire quello che non avrebbe voluto.
La signora Giovanna se n'andò sospirando mentre sua figlia, chiuso
l'uscio, si sorprendeva dell'oscurità sopravvenuta nella camera, del
torbido mare che saliva davanti alle finestre. Vide per un momento
ancora i fantasmi dei vasi ritti sul muricciolo della spianata, qualche
altro spettro di piante vicine; poi niente, neppure un'ombra nel bianco
immenso, eguale, impenetrabile. E stette a guardarvi su, attonita,
sentendo la voluttuosa dolcezza di trovarsi lì nella sua piccola camera
tepida, a pensare, in grembo a quell'oceano silenzioso; sentendo una
rispondenza arcana, indefinibile delle cose esterne con i pensieri che
le empivano il cuore. Si ricordò a un tratto della lettera che aveva in
mano, l'accostò a' vetri per decifrarne il carattere.

«Oh Dio!» diss'ella.

L'aperse in furia con le mani convulse. Vi trovò uno scritto e una
fotografia. Ravvisò tosto la barba bianca, l'abito nero, il fiore
all'occhiello; lui insomma, Ermes Torranza.

Sentiva di dover leggere subito, non ci vedeva, non sapeva che si
facesse, andava per la camera con la lettera in mano cercando a tastoni
una candela che non v'era. Abbrancò un cerino sul suo tavolino da notte
e l'accese. La fiammella mise un picciol lume sul legno lucido e sul
crocefisso di bronzo, un gran buio nella camera. Bianca s'inginocchiò,
macchinalmente, e lesse, sempre ginocchioni, lo scritto che segue:

                                             Padova, 26 ottobre 1879.

«Cara, non si turbi, non si sgomenti; legga questa lettera come io
la scrivo, con la tranquillità più serena. Non è niente; il vecchio
codino Torranza, che cosa strana! se ne va. Mi dia la buona notte, cara
Bianca; dispongo perchè questa lettera Le sia inviata appena spento il
lume.

«Avvertito da una voce interna, ho fatto stamane, spontaneamente,
quello che fece, prima di morire, il codino mio padre; adesso mi sento
nel cuore qualcosa che si allenta, e insieme un silenzio pieno di
riverente aspettazione. Avrò forse ancora quattro, sei, otto giorni; mi
basta un'ora, per Lei.

«Bianca, nei nostri passati colloqui Ella mi parve temere, qualche
volta, di un'ombra; il suo gentile affetto per me n'era turbato, non
sapeva come esprimere un risentimento. Non è vero? Pure vi è solo
nel mio cuore una tenerezza che in questo stesso momento solenne
non offende i pensieri più alti; tutta la colpa è del vecchio sangue
fantastico che lascia sempre un po' di colore sui sentimenti e sulle
parole. Mi perdoni e sorridiamone insieme, oramai.

«Ho a farle un'altra preghiera e voglio porvi su il suggello della
morte. Mi è amaro non averle dato in addietro più prudenti consigli
circa i Suoi dissensi domestici e discender nella tomba con questo
pensiero. Bianca, per il bene Suo, per il bene di persone che Le son
care e un poco anche per la mia pace nel mondo a cui vado, mi ascolti;
non resti a Monte San Donà. Ella, in fondo al cuore, ama certo ancora
Suo marito. Questo povero giovane fa pietà. L'altro giorno mi ha
parlato di Lei per un'ora, con le lagrime agli occhi. Mi disse di
averle scritto più volte, mi riferì le Sue risposte che gli tolgono
ogni speranza se i vecchi non acconsentono a una separazione, o,
almeno, se non promettono mutare contegno con Lei; e coloro non piegano
nè all'una nè altra cosa. Bianca, pensi che qualche diritto ceduto in
silenzio, qualche torto patito senza sdegno, non per timore, ma per
pietà delle persone ingiuste che ci pensano offendere, leva l'anima
nostra al di sopra del loro contatto irritante. Torni con suo marito.
Non vi è tanto amore nel mondo da gettar via questo ch'è pur fedele,
pur tenero, e non toglie la pace.

«E ora, se si ricorda le nostre conversazioni sul mondo invisibile e
sui fenomeni che il secolo nega perchè lo umiliano, non troverà strano
ch'io desideri manifestarmi a Lei, dopo la mia morte, in qualche modo
sensibile. La sera del giorno stesso in cui riceverà questa lettera,
si trovi sola, fra le dieci e le dieci e mezza, nella Sua saletta del
piano. Apra la porta che dà sul giardino; le ombre della notte devono
poter entrare. Suoni quindi la breve introduzione della romanza che Le
ho inviata venti giorni sono. Dopo di questo, se Dio permette ch'io sia
presente e possa darne segno, anche lieve, lo darò. Ella non conosce
paura e vorrà consentire all'ultima fantasia sentimentale di un vecchio
poeta che muore.

«È tempo di dirvi addio, Bianca. Ho qui davanti a me la testina
leonardesca che Vi somiglia. Gli occhi dell'incognita sono men grandi,
i capelli più chiari; ma l'espressione originale del viso è la stessa.
Questo dolce sole d'ottobre che passa tra i miei libri chiusi, brilla
sul quadretto. Vi vedo viva, depongo la penna, Vi guardo, Vi guardo,
un'ultima irragionevole lagrima mi cade e si perde per sempre, come lo
merita. Addio, addio!

«Ponete questo ritratto nel vostro salotto di Padova.

                                                    «ERMES TORRANZA».

— Sì, sì, sì — singhiozzò Bianca appassionatamente. — Tutto! — Si
chiuse il viso tra le mani, promise a Torranza, con uno slancio del
cuore, che avrebbe appagato tutti i suoi ultimi desiderî e pregò, senza
parole, per esso.

Cadendo quell'impeto di fervore, il suo pensiero si assopiva, si
perdeva, senz'avvedersene, in un altro campo. Ella non pregava più;
aperte le mani, guardava la fiammella del cerino, si sentiva tornar
nel cuore le conversazioni avute con Torranza sui misteri d'oltre la
tomba. Non cercava nè combatteva queste memorie; le lasciava venire,
inerte. Ad un tratto spense il cerino, pregò un altro poco e si rizzò.
Era notte, il bianco oceano silenzioso empiva sempre le finestre;
pareva essere in un'isola. Le venne in mente, malgrado sè stessa, un
racconto meraviglioso fattole dal poeta, una camera buia nel vecchio
castello reale di Stoccolma, in mezzo al mare; il re Carlo XI che siede
taciturno al fuoco ascoltando il dottore Paumgarten parlar della regina
morta, poi si alza, va alla finestra e dice al conte Brahe: Chi ha
acceso i lumi nella sala degli Stati?

Qui non apparivano lumi; appoggiando il viso ai vetri si vedeva in
alto, nella nebbia, un diffuso chiarore lunare. Bianca non potè a
meno di pensare alla sala del piano, di vedervisi sola con le candele
accese, ad aspettare uno spirito.

Alle sette e mezza uscì di camera senza lume, discese la scala
rischiarata dai quattro finestroni che rompono tutto un fianco del
palazzo, del primo piano alla cornice. Attraverso i due superiori
si vedeva la luna mancare e tornare fra le nebbie fumanti; dei vani
azzurrognoli si aprivano e si chiudevano nel cielo.

— Sei qua? — disse dal fondo della scala la signora Giovanna.

Subito dopo, la fessa vocina stizzosa di Beneto gridò più da lontano:

— Presto! Oramai, tanto, la poteva anche andare a letto, mi pare.
Presto!

Bianca non gli badò. Quel padre amoroso voleva proprio farle costar
poco il ritorno in casa Squarcina!

Egli era in salotto, picchiava e ripicchiava sulla tavola un mazzo di
carte, impaziente che sua moglie venisse per la solita partita.

— Qua! — diss'egli, brusco. — Qua! Andiamo!

La rassegnata signora prese il suo posto all'angolo della tavola,
presso una lucerna a petrolio. Bianca sedette sul canapè, nell'ombra.
Povera mamma, pensava, che vita! Emilio era debole, non sapeva
proteggerla; ma però, qual differenza da suo padre! Ella era sicura
che suo marito, se non ci fossero i vecchi, la farebbe regina in casa
propria. Era andato a piangere da Torranza, povero Emilio! Sentiva di
volergli bene anche lei; e bisognava pur prenderlo come la natura lo
aveva fatto.

— _A vu!_ — brontolava tutti i momenti il sior Beneto. — _A vu!_ Presto!

Egli non rivolse mai una parola a sua figlia, e dopo le otto e mezzo
se n'andò, com'era solito, a letto. Allora la signora Giovanna, che
prima non aveva mai osato fiatare, si pose attorno a Bianca perchè
pigliasse qualche cosa, offerse quanto seppe con una premura timida e
appassionata nel tempo stesso; ma Bianca non accettò nulla.

— Quella lettera? — disse sua madre. — Era di casa tua?

— No.

— Disgrazie?

— No, mamma.

— Perchè ho visto _urgentissima_ — rispose l'altra, esitante.

Bianca si rizzò e l'abbracciò.

— Mamma — diss'ella sottovoce — se andassi via presto? Se tornassi con
Emilio?

— Oh Dio! — rispose la signora Giovanna commossa — cosa vuoi che ti
dica? In coscienza non potrei mica dirti di no.

— Forse lo faccio, mamma.

Alla signora Giovanna vennero le lagrime agli occhi.

— Ma che ti maltrattino poi, no, sai! — diss'ella con voce soffocata, e
soggiunse dopo un breve silenzio:

— Se fosse per il papà, sai bene com'è fatto. Non bisogna mica badare a
certe apparenze.

— No, mamma, non è per il papà.

— Bene, cara, cosa vuoi che ti dica?

La povera donna prese la sua calza e si mise a sferruzzare
frettolosamente. Dopo le asciutte risposte di Bianca non osava toccar
della lettera urgentissima, quantunque comprendesse bene che il segreto
di questo probabile ritorno in famiglia doveva trovarsi lì. Lavorava e
taceva, sperando ottenere qualche spiegazione col silenzio ch'era come
un dignitoso dolersi del riserbo di Bianca, un espresso aspettare che
parlasse. Ma Bianca non aperse bocca, per cui, verso le dieci, la buona
signora, mortificata e non avendo il coraggio di usare autorità, posò
il suo lavoro, chiese alla figlia se volesse andare a letto.

Bianca rispose di non aver sonno. Sarebbe andata volentieri nella
saletta del piano a fare un po' di musica. La mamma voleva tenerle
compagnia, ma ella protestò tanto nervosamente che la signora Giovanna
le chiese scusa e, accesale una candela, salì le scale con la sua cerea
faccia curva sul lumicino a petrolio.

Bianca s'avviò invece per il corridoio che mette alle camere deserte
nell'angolo nord-ovest della casa. Entrò in una sala non grande, ma
molto alta, tutta istoriata di affreschi mitologici, vuota; e accese
con mano ferma le candele del suo piano attraversato a un canto. La
lenta luce si allargò, a destra, sopra un tavolino zeppo di musica; a
sinistra, sopra una giardiniera; in alto, su per le membra enormi di
non so quali Divinità. Non v'erano altri mobili in tutta la sala; i
passi della giovine signora vi pigliavano un suono lungo, vibrante.

Ella guardò l'orologio: le dieci erano imminenti. Cercò un pezzo di
musica e lo posò sul leggio del piano. Poi si trasse dal petto il
ritratto di Torranza, guardò a lungo la calva testa scultoria del
poeta. Oh, voleva bene accontentarne l'ultimo desiderio quand'anche
fosse una follìa, voleva fedelmente comporgli la scena poetica, cui
egli aveva forse pensato con qualche compiacimento prima di morire!

Si giustificava, così con sè stessa, dei suoi preparativi e della
sua emozione, senza confessarsi che aspettava davvero, con uno scuro
istinto del cuore, qualche cosa di straordinario. Posò il ritratto sul
leggìo e stette un momento, involontariamente, in ascolto. Che cosa si
muoveva dietro a lei? Niente, un foglio scivolava dalla catasta della
musica. Bianca si piegò a leggere i versi riprodotti sulla copertina
del pezzo che aveva davanti. Erano stati composti, lo sapeva, fra il
contrasto della passione con il sentimento religioso, da un giovane
amico di Torranza, morto pochi mesi dopo, presso la donna non sua che
amava malgrado sè stesso, in silenzio; e dicevano così:

=Ultimo pensiero poetico=

    Le finestre spalanca a la luna;
    T'inginocchia, mi sento morir.
    Da i terror de la cieca fortuna,
    Da la guerra de i folli desir,

    Esco e salgo ne' placidi rai
    Lo splendente universo a veder,
    A bruciar ne l'amor che bramai,
    Che non volli qui impuro goder.

    Ma se orribile un ciel senza Dio
    Tra le stelle funeree mi appar,
    Ricadrò su quel cor ch'era mio,
    Disperato m'udrai singhiozzar.

Bianca si coperse il viso con le mani, si rivide dentro alla fronte le
sinistre parole:

    Ma se orribile un ciel senza Dio
    Tra le stelle funeree mi appar.

Immaginava con un brivido quel che proverebbe se udisse piangere vicino
a sè nel vuoto. Aperse la romanza per dar una passata all'introduzione,
non troppo facile, che avea letto una volta sola. Ma le pagine non
volevano stare aperte, si chiudevano tutti i momenti fastidiosamente.
Le fermò col ritrattino di Torranza e suonò, sotto voce, le quindici
o venti battute d'introduzione che ricordano molto, in principio, la
_Dernière pensée musicale_ di Weber.

Dio, come parlava quella musica! Che amore, che dolore, che sfiduciato
pianto! Entrava nel petto come un irresistibile fiume, lo gonfiava,
vi metteva il tormento di sentirne la passione sovrumana senza poterla
comprendere. Bianca si alzò con gli occhi bagnati di lagrime, andò ad
aprir le imposte della porta che mette in giardino. «Le ombre della
notte» aveva scritto Torranza «devono poter entrare nella camera».

La notte era chiara. Gli alberi del giardino si vedevano sfumati nella
nebbia lattea. Non un susurro, non un soffio; la nebbia, muta e sorda,
era immobile.

Bianca tornò con un leggero tremito al piano. Guardò ancora l'orologio;
erano le dieci e un quarto. Allora si decise, si raccolse nella musica
che aveva davanti, bandì ogni altro pensiero, ogni trepidazione, come
se vi fosse dietro a lei un'attenta folla severa, e strappò dal piano,
con la sua grazia nervosa, il primo accordo.

Ella suonava ansando, per lo sforzo di metter tutta l'anima nella
musica, di non pensare a quel che forse verrebbe dopo. Le fu
impossibile eseguire le ultime note smorzate dell'introduzione; il
cuore le batteva troppo forte. Passarono dieci, venti, trenta secondi
eterni.

Silenzio.

Bianca alzò un poco la testa. In quel momento due colpi sommessi,
affrettati, suonarono vicino a lei, che balzò in piedi con un subito
ritorno di energia calma, e stette in ascolto.

Altri due colpi affrettati, più forti dei primi; poi un tocco leggero
sulla soglia della porta aperta alle ombre della notte. Bianca guardò.
Era entrata un'ombra, una figura umana. La giovine signora gittò un
grido:

— Emilio! — diss'ella.

Era suo marito.

Egli si fece avanti rosso rosso, a passo incerto e a braccia distese,
con la stessa ingenua contraddizione negli occhi, d'imbarazzo e di
ardore. Bianca pietrificata, non si moveva.

— Mi aspettavi bene! — diss'egli supplichevole, fermandosi.

Fu un lampo. Bianca vide confusamente che Torranza, chi sa come, avea
combinato questo, e rispose: — sì — buttando le braccia al collo di suo
marito con impeto così repentino che il povero giovane, tra la felicità
e il non capir niente, perdette addirittura la testa e non sapeva che
ripetere, fra un bacio e l'altro: scusa, scusa. Ma ella non lo udiva
neppure e piangeva piangeva, sentendosi una tenera gratitudine per il
suo povero amico, una gran consolazione di esser al posto che Dio,
finalmente, le aveva dato nel mondo, presso un cuore forse debole,
forse male atto a comprenderla, ma buono e fedele.

— Star qui con la porta aperta — susurrò il giovane carezzevolmente — a
quest'aria umida, con il dolor di capo che hai! Non voglio mica, io.

Ella passò in un baleno dal pianto al riso, e rise, rise sul suo petto,
rise deliziosamente sentendo tornar l'allegria pazza del suo viaggio
di nozze. Povero caro Emilio, credere che un doloruccio di capo di due
mesi prima le durasse ancora! Egli restò un momento perplesso e poi
rise anche lui di tutto cuore.

— Senti — diss'ella a un tratto, facendosi seria: — adesso spiegami
bene tutto.

Suo marito parve sorpreso. — Ma se lo sai! — rispose.

— Lo so, ma ho piacere di udirlo da te. Vien qua, conta.

Camminarono su e giù per la sala, cingendosi l'un l'altro la vita con
un braccio, parlando piano.

Lui aveva fretta, voleva sbrigarsi in due parole, dir che Torranza gli
aveva scritto di venire, e basta. Ma lei non la intendeva così! Aveva
egli seco la lettera di Torranza? No. Quando gli era pervenuta? Questa
mattina stessa, prima di mezzogiorno. E cosa diceva, proprio? Diceva
presso a poco: la sera del giorno in cui riceverai questa lettera,
trovati fra le dieci e le dieci e mezzo, a Monte San Donà. Se vedi lume
nella sala del piano, se odi suonare e se la porta è aperta, entra, che
Bianca ti aspetta, ed è disposta a tornare con te. — Che data aveva la
lettera? Anche la data? Egli non voile più rispondere nè ascoltare; la
sua gioia, la sua passione avevano bene il diritto, oramai, di passare
avanti a tutto. E si strinse Bianca tra le braccia, le soffocò nel
collo un tal impeto di tenerezza che ne perdette anche lei la parola.
Ma, improvvisamente, un lieve suono blando lo scosse.

— Zitto! — diss'ella rialzando il viso. Puntò le mani al petto di suo
marito e guardò là ond'era venuto il suono.

Al leggìo del piano la romanza _Ultimo pensiero poetico_ si era chiusa
sul ritrattino che Bianca, poco prima, vi aveva posato a trattenere
le pagine; Ermes Torranza non si vedeva più. Parve all'amica sua che
quello fosse il promesso segno sensibile, l'addio del poeta, il quale,
compiuta l'opera propria, si ritraesse chetamente, si dileguasse
nell'ombra, o per le condizioni misteriose della sua esistenza
superiore, o, fors'anche, per effetto di un malinconico sentimento che
si poteva comprendere.

— Cosa è stato? — chiese Emilio. — Cos'hai che sospiri?

Bianca tornò a piegargli il viso sul petto.

— Niente — diss'ella.



SECONDO INTERMEZZO


VAN BEETHOVEN.

_Op. 27_

ADAGIO


    Il sole è morto, è nero il cielo,
    Tutto tace, la terra è gelo,
    Sol ne le tenebre
    Ondula, palpita
    Ancor l'Oceano.

    Un canto potente, dolente
    Nel profondo del mar si sente.
    Per le voragini
    Piangendo salgono
    Voci di spiriti.

    Peccar, miseri, in ciel; li ha infissi
    Dio terribile ne gli abissi
    Per tutti i secoli
    Insino a l'ultimo
    Dì de la collera.

    Son l'arcano dolor del mondo
    Che gemeva nei venti, e in fondo
    Talor de l'anime
    Sorgeva, incognita
    Ombra funerea.

    Corre il mare un susurro, un lume
    Di lievi, fosforiche spume;
    A galla rompono
    Nel baglior livido
    I tristi spiriti.

    Torna buio, muore pur l'onda,
    La prece nei ciel si profonda
    Solenne, flebile
    Di lor che ultimi
    Vanno al Giudizio.



IL FIASCO DEL MAESTRO CHIECO.


I.

Rilessi nel vecchio quaderno, dove l'avevo trascritta molti anni
addietro, questa sentenza di Lessing: «Lass dir eine Kleinigkeit nicht
näher gehen als sie werth ist». — Non lasciarti toccare da una inezia
più ch'essa nol meriti. — Alzai gli occhi e vidi la mia vita, vuota e
amara per l'oblio di quelle parole sapienti. Anche lei, però! Sì, lei
era stata troppo orgogliosa, troppo fiera; ma se io le avessi detto
sorridendo: — Badi, le Sue rose avevano questa spina, e mi ha punto qui
e vi è rimasta — ella avrebbe levata la spina e forse anche baciata
la ferita. Invece io m'ero fitta in cuore, con una strana e crudele
compiacenza, quella sua lieve allusione a un passato di cui ero geloso.
Il cuore aveva poi date parole acerbe che fecero stupore e offesa;
l'amor proprio era entrato subito in mezzo, come naturale nemico di
quell'altro amore, a reprimere ogni slancio generoso delle anime; e
così, reciso dalla piccola spina un legame che pareva eterno, io non
avevo più sposata donna Antonietta, la giovane vedova del tenente
colonnello D'Embra di Challant.

Quando chiusi sospirando il vecchio quaderno, m'accorsi d'una lettera
col francobollo austriaco, che mi avean gittata sulla scrivanìa
senz'avvertirmene, al solito.

Era quel matto del maestro Lazzaro Chieco, il famoso violoncellista e
compositore, che mi scriveva così:

                    Castel Tonchino (o che diavolo è) 24 giugno 1883.

  Caro Cesare,

Hai da sapere che il povero Chieco sta da quindici giorni in un Castel
Catino del Tirolo, fatto così. C'è un diavolo di montagna a picco,
tutta nuda; sotto c'è la strada; questa strada tocca dall'altra parte
un laghetto celeste e vi caccia dentro uno sperone di terra e sassi;
in cima a questo sperone c'è Castel Tapino. Dovevo andare ai bagni di
Comano, ma passando ho visto questo castello che non c'è più stupendo
posto per comporre, e ho detto: Chieco mio, se tu non fai il primo atto
della _Tempesta_ qui, _leverito!_ come dicono a Fiumelatte, tu creperai
senza farlo. E ci sono e scrivo. Tu sai, caro Cesare, che gli amici
musicani di Milano mi sputavano su questo soggetto per la gola che
n'avevano; ma lo straccione calabrese vuole che _se òngen_ tutti questi
_ragionàt_ quanti sono.

Solo che tu mi devi aiutare perchè il poeta veneziano ha il secondo
atto in corpo e ponza; e io gli scrivo _corajo, corajo!_ e lui
mi risponde _grassie grassie, el vien, el vien!_ ma non viene un
accidente. Dunque va in via Brera, pigliamelo per il collo, e se non
ti dà l'atto, strozzalo. Quindi tu vieni qua e stai tre giorni con il
povero Chieco. Il primo giorno riposerai, il secondo ascolterai la mia
musica, il terzo mi rifarai alquanti versi che non vanno e se li mando
in via Brera, _te saludi!_ Il quarto te n'andrai fuori dei lazzarei
piedi.

                                                             _Il tuo_

                                                      LAZZARO CHIECO.

_PS._ — Non mi guardare le donne belle del Tirolo che sono tutte mie.
Povero Chieco, e come si fa?


II.

Avevo in mente di lasciar presto Milano e di passare il luglio a
Madesimo, ma conoscevo tanto il maestro Chieco e tanto poco il Tirolo,
che forse avrei mutato piano, se quella bestia, secondo la quale, tra
parentesi, a Milano neppur si fa un risotto senza _il ragionàt_, il
ragioniere, mi avesse indicato meglio il suo Castel Tonchino o Catino
o Tapino e la via da tenere. La lettera, per verità, aveva il timbro di
Trento, ma era poco. Mi stizzii e non ci pensai più.

Otto giorni dopo ricevetti un'altra lettera con il timbro di Vezzano,
dove una tale Purgher scriveva che il signor maestro Chieco, alloggiato
nel suo albergo, era pericolosamente ammalato e mi desiderava come il
migliore dei suoi amici. La signora Purgher m'indicava di prendere a
Trento la diligenza delle Giudicarie fino al ponte delle Sarche, dove
nei giorni quattro e cinque luglio avrei trovato persona incaricata
d'accompagnarmi dal mio amico. Partii subito e arrivai nel pomeriggio
del quattro luglio sotto un sole cocente, al ponte delle Sarche.

Pochi minuti prima avevo riconosciuto a destra la nuda montagna
scoscesa sopra il mio capo, a sinistra il laghetto celeste ai miei
piedi. Scure collinette boscose lo cingevano dall'altro lato: dietro a
quelle si levavano altri monti di un verde più gaio; ma laggiù verso
il Garda, il cielo scendeva quasi fino alle ondicelle azzurre, tutte
trepidanti nell'ôra del gran lago marino invisibile a mezzogiorno. Vidi
il pugno di terra sporgente dalla riva, e sulla punta, il castelluccio
ritto e fiero come un falco.

Al ponte delle Sarche trovai una servotta tedesca che mi seppe solo
dire «Purgher, Purgher». Entrai con lei nella piccola penisola,
seguendo un parapetto merlato, un vecchio baluardo a riposo, contento
di cipressi e di rose. Fuori dai merli luccicavan l'acque, tutte vento
e sole; dentro viveva e si moveva, sotto l'alto fantasma del castello,
un affollato disordine di erbe rigogliose, di fiori incolti, di arbusti
selvaggi, di piccoli pini imbozzacchiti.

Ascendemmo, lungo il giro del parapetto, sino all'andito male
intagliato nella viva roccia che mette nel cortile del castello; un
gibboso macigno, questo cortile, inquadrato di mura nere, di logge
medioevali con pitture mezzo stinte, con un chiasso, sui parapetti, di
geranî in fiore.


III.

Il castello era un vero eremo. Neppure l'albergatrice si lasciò vedere,
e fu la serva che m'introdusse nel camerone bianco dove giaceva, sul
cuscino di un letto colossale, il mefistofelico viso del mio povero
amico Chieco. Me gli accostai in punta di piedi. Aveva gli occhi
chiusi, ma la fisonomia era composta. Dormiva? Mi arrischiai di dirgli
piano all'orecchio:

— Lazzaro!

Mi rispose con un fil di voce:

— Chi è?

— Cesare — susurrai — sono Cesare — Allora Chieco, senza aprir gli
occhi, sbattè la bocca come un cane che azzanna a vuoto, dicendo
sottovoce: — asino! E continuò con una diabolica rapidità, crescendo:
— cane, brigante, assassino, _ragionàt_! — aperse quei suoi carboni
sfavillanti d'occhi, saltò in piedi sul letto ballonzolando e gridando
come un ossesso: — Entrate, o Purganti di Castel Porcino, entrate a
vedere il principe degli straccioni che, se non si crepa, non viene! —
e si pose a tirarmi tutto che aveva sul letto, mentre entravano ridendo
la tonda signora Purgher e la serva. Colei incominciava a scusarsi meco
della burla quando Chieco, non avendo altro nelle mani, fece atto di
tirarmi la camicia. Fughe, strilli e risate; restammo soli.

Chieco saltò dal letto, corse così com'era, scalzo e in camicia, a
pigliar il suo violoncello e, sedutosi in faccia a me, se lo piantò
fra le gambe, attaccò un delizioso andante appassionato. La Purgher e
la serva fecero subito capolino all'uscio, ma il maestro s'interruppe,
si diede a sgambettar verso il soffitto, fischiando in un suo modo
infernale, per cui le donne scapparono da capo, non ci seccarono
più. Egli, suonando mi guardava sempre. I visacci che faceva non
si scrivono; non sapevo se commuovermi della melodia dolcissima, o
ridere della bizzarra faccia, ora lugubre ora sfavillante, ora solenne
ora furbesca, ora patetica ora beffarda, comica sempre. Chieco ha
trentott'anni, barba e capelli misti di nero e d'argento; ciò accresce
la stranezza della sua fisonomia napoletana, piena di sentimento umano
e di brio diabolico. Finalmente depose lo strumento. — E come si fa? —
diss'egli. — Caro Cesare, e come si fa?

Gli domandai che musica fosse quella.

— Povero Chieco! — mi rispose serio serio: — io ho detto tutto,
e questo infelice _ragionát_ non ha capito niente. La mia musica
significa, o straccione, che io sono innamorato e che tu ti devi
ammogliare.

Io pigliai la cosa come una delle sue solite pazzie per quanto mi
giurasse che non aveva mai detto in vita sua parola più vera.

Egli conosceva benissimo le mie passate relazioni con donna Antonietta
e me ne parlò in modo tale che lo pregai a smettere. — Quanto sei
asino! — diss'egli. — Tu le vuoi ancora bene. — Diventai troppo rosso,
forse, ma negai; ahimè, più di tre volte. Intanto Chieco ripeteva su
tutti i toni, infilando le mutande: — Quanto sei asino! quanto sei
asino! — Tuttavia non mi parlò più di Antonietta.

Invece, appena compiuta la sua toeletta, m'invitò a vedere «Castel
Pulcino». Prima di tutto mi condusse in cucina vociando: — O Purganti,
o Purganti del diavolo, dove siete? — E trovata, invece della Purgher,
la servotta tedesca, incominciò a farle boccaccie, a gesticolarle
davanti, a stordirla con un diluvio di _schlicche schlocche_, da cui
la disgraziata doveva capire di preparar subito da pranzo per due; ed
accennò d'aver capito tanto bene che Chieco la volle abbracciare prima
di portarmi fuori.

Il castello non aveva proprio niente di raro, toltone la postura e quel
cortile pittoresco; ma quando Chieco s'infatuava d'un luogo, lo sentiva
da gran poeta fantastico, lo idealizzava con una potenza straordinaria.

— Questo è Castel Divino, capisci? — mi diss'egli nel cortile, estatico
davanti a un capitello gotico dei più comuni. — Guarda che bestia
gentile dev'essere stato lo scultore di quella graziosa porcheria lì!
Sono dieci anni ch'io passo otto mesi dell'anno a Parigi e puoi pensare
se ho visto Pierrefonds. Ho visto anche i castelli del Reno. Ebbene,
sono niente rispetto a questo; ti dico _niente_. Qui, se tu non sei
troppo asino, ci vedi tutti i tempi. Questo pavimento non sa che sia
scalpello, tu lo vedi; è ancora dell'età della pietra. Le fondamenta
di queste mura son romane. Va qui vicino dal prete di Santa Pazienza,
ch'è un sant'omo, a domandare se i Romani non praticavano qui. E
poi c'è tutto questo Medio Evo; e poi nelle camere tu hai veduto il
Rinascimento fino al rococò; e poi ci sono i Purganti che sono il vile
presente; e poi ci sono io che sono l'avvenire!

Gli chiesi se avesse fatto gite.

— Che gite, che gite! — mi rispose. — Queste sono idee da _ragionàt_.
Mi volevano ben mandare a Santa Pazienza, a Mancavino, al diavolo che
li porti. Ma io, questi nomi, li fiuto e mi basta. Vado qualche volta
a Comano, ecco tutto. Domattina, per esempio, vado a far colazione a
Comano.

— Vengo anch'io! — dissi.

— No! — gridò Chieco. — Nossignore! Domattina Lei resta a Castel
Tavolino e mi rimpasta qualche dozzina di versi. Io vado per intendermi
sul ballo.

— Che ballo?

— Il ballo che si dà qui domani sera. Una cosa magica, mio caro;
vedrai. Ho invitato tutti quegli straccioni di Comano per aver lei. Si
fan due passi fuori?

— Chi, _lei_?

Chieco mi piantò per ricomparire due minuti dopo in ombrellino,
_panama_ e babbucce.

— Si deve capire ch'io sono in casa mia — diss'egli — e che tu sei uno
straccione qualunque. Del resto eccoti lei, ma somiglia poco.

Mi diede la fotografia d'una signora che non mi parve assai giovane, nè
assai bella.

— Somiglia poco — ripetè. — La vedrai. È una musica dalla punta dei
capelli alla punta dei piedi. Povero Chieco!

Grossi nuvoloni uscivano dalla gola delle Sarche, raggiungevano e
celavano il sole; l'_òra_ del Garda soffiava sempre più forte nei
pini e negli arbusti, sul lago tumultuante, tutto mobili luci plumbee.
Chieco si buttò a giacer supino nell'erba con le mani intrecciate sotto
la nuca, e mi volle accanto a sè.

— È una musica — diss'egli. — È la più morbida, fine musica ch'io
conosca; è del Bach, per Sebastiano!

Balzò su a sedere per potersi sfogar meglio. Non pareva più il matto di
prima.

— Tu sai — diss'egli — o piuttosto tu non sai come disegna Bach.
Ebbene, quando lei si muove e io vedo svolgersi tutte le linee del suo
dolcissimo corpo e ondulare in aria, così così, dietro di lei, io penso
sempre alla musica di Bach.

Scosse forte il capo piantandosi le cinque unghie della mano destra
nella fronte.

— Cosa vuoi? — disse. — Ha un orecchio, per esempio, che lo può fare
solo il mio violoncello. E due labbra poi, due labbra così frementi
di passione e di sensi, di tutti i peccati capitali, mio caro! Benchè
sia santa e _prude_ come una vecchia diavolessa inglese. È questo che
ti frigge il sangue, capisci? Non ti parlo degli occhi, non sono mica
il Padre Eterno per poterne parlare. Ma le mani, per Bach, ma le mani!
C'è un birbaccione di professore tedesco che gliele studia con gli
occhiali, e gliele ha trovate _psichiche_! Maledetto, come ha trovato
bene! È un pezzo di quattrocento.

Continuò a lungo su questo tono misto di fuoco meridionale e di
finezza parigina, di sensualità e di poesia, levando a cielo persino
le toelette della dama, delle quali tremava che fossero una cosa
sola con quel corpo e quell'anima, che le crescessero vive intorno
come il calice al fiore. L'anima? Ah l'anima era musica italiana del
settecento, così ricca di vena, così delicata nello scherzo, così
composta e precisa nel sentimento, sempre penetrata da una ragione
luminosa. Insomma questa donna era la sola degna di sposare Lazzaro
Chieco, la sola cui avrebbe voluto sacrificare la sua libertà.

Questo accesso di febbre matrimoniale mi strappò una esclamazione molto
ammirativa. Allora Chieco mi parlò con toccante gravità della tristezza
ch'era in fondo al suo cuore, sotto tanti pazzi umori, come l'acqua
morta, scura in fondo al lago sotto tanto ballare e luccicare d'onde.
Era stanco, disgustato di tutto fuorchè della musica e di un suo antico
ideale d'amore, non detto mai ad alcuna delle tante femmine che aveva
prese un momento.

— Ho trentott'anni — mi diss'egli — ma potrei forse amare ancora ed
esser felice come un fanciullo di venti.

— E perchè non lo sarai? — diss'io.

— Perchè questa stupida non mi ama — rispose.

La signora Purgher chiamò da una finestra. Chieco balzò in piedi e,
ficcatosi un dito in bocca, cacciò il suo fischio diabolico.

— Andiamo a tavola — diss'egli.


IV.

Mi fece udire quella sera stessa, sopra un piano scellerato, la
sinfonia e, in parte, il primo atto della sua _Tempesta_. Per vero
dire, la imitazione delle onde, del vento, dei tuoni, delle urla non
mi è sembrata mai, con licenza dell'amico, straordinariamente felice
in quella sinfonia; l'ultima melodia, che figura il canto d'Ariele
quando acquieta il mare, è soave, ma ricorda forse un po' troppo la
_Canzone di primavera_ di Mendelssohn. Invece il pezzo sinfonico che
segue, eseguito dall'orchestra a sipario alzato e scena vuota, mi parve
veramente, come parve al pubblico sublime. La musica non è descrittiva,
ma seconda mirabilmente l'immaginazione dello spettatore che sappia
esser quella un'isola deserta dell'Oceano, popolata da spiriti
obbedienti a un mago, e dove si prepara uno strano dramma in cui
avranno parte quelle aeree potenze misteriose e tante passioni umane.

L'amico mio infondeva nella sua esecuzione una vita indiavolata, mi
gridava i nomi degli strumenti, li imitava con la voce, urlava nei
punti di grande sonorità, rovesciando il capo all'indietro, tempestando
con le braccia e con le gambe. Mi fece udire con gli altri pezzi,
il duetto originalissimo di Calibano e Ariele, di cui non erano per
anco scritti i versi. — E il duetto dell'anima — mi disse Chieco. —
Shakespeare non lo ha immaginato, ma io sì. Lo faccio precedere da un
assolo di violoncello ch'è divino. Te lo suonerò poi, fuori di qui.

Il bizzarro uomo suonò infatti più tardi questo pezzo ispirato a capo
della scala che scende nel cortile, presso una finestra poetica da
cui si domina il lago e si vedon giù, porgendo il capo, le alte mura,
lo scoglio, i salici e i fichi selvatici che ne sbucano a pender
sull'acqua. Io sedeva sulla scala, cinque o sei gradini più sotto.

Il violoncello sospirava e gemeva più dolcemente di qualsiasi voce
umana. Il vento sibilava nelle logge, sbatteva ogni tanto qualche
uscio per le solitudini del castello. Un soffio più forte spalancò
la finestra, portò dentro il rumore delle onde. Pareva di essere in
un'altra isola incantata, di udire un altro Ariele, altre voci confuse
di spiriti. Possibile che la sera prima, a quell'ora, io stessi
pranzando in Galleria Vittorio Emanuele? Mi pareva un sogno, mi sentiva
una vaga commozione, una inquietudine inesplicabile.


V.

Il mattino dopo l'amico mio se n'andò a Comano per tempo. Io vagai
lungo il lago, e prese le _zette dell'Imarò_ che fiancheggiano i
precipizi in fondo a cui si rigira, per un bagliore di ghiaie, la
Sarca verde, giunsi a veder là di fronte, fra montagna e montagna, un
cocuzzolo bianco, il ghiacciaio della Tosa. A colazione ebbi con la
signora Purgher un lungo dialogo su Chieco. — Matto — diceva — ma che
cuore! — Gli avea visto prodigare oro ai poveri come un principe e
parole assai più preziose dell'oro; abbracciare una vecchia pezzente
che somigliava a sua madre. Di questa lo aveva udito parlar con un
fuoco che gli empiva gli occhi di luce e di lagrime. Peccato che non
avesse freno nel trattar con le donne! Era un orrore per quello. La
signora Purgher finì col farmi _acquistare_, era la sua frase, un
eccellente bicchier d'Isera, dopo di che mi accinsi a rabberciar le
strofette melliflue del poeta B. secondo certi concetti shakespeariani
espressimi la sera antecedente dall'amico Chieco.

Il pomeriggio di quel giorno e tutto il giorno appresso furono
interamente occupati dai preparativi del ballo. Chieco ne parlava come
se l'offrisse lui questo ballo, ma in fatto non aveva offerto che la
sua direzione, la sua camera, la musica e l'acqua. Le provvigioni,
i fiori, i fuochi d'artificio vennero, per cura della società di
Comano, in parte da Comano, in parte da Trento, insieme a tre famelici
musicanti, un pianista e due violinisti, che noi battezzammo Trinculo,
Stefano e Calibano. Chieco ne elesse subito uno a suo gran tappezziere,
un altro a suo gran facchino, il terzo a suo grande sottocuoco.
Lavoravano come scimmioni goffi, istupiditi da quella novità di
mestiere e di padrone, guardando costui con un comico sgomento, non
osando ribellarsi nè sapendo se almeno fosse loro lecito di ridere.

— Tu non fai niente, brutto straccione — mi disse Chieco — ma stasera
ti cambio nome, vestito e mestiere, ti sollevo a mio primo lustrascarpe
e barcaiuolo. Ho fatto venire apposta un canotto da Riva. Gli chiesi il
perchè di tanto onore, ma egli non me lo volle dir subito. Dopo pranzo
mi prese a braccetto e mi condusse in giardino.

— Parliamo sul serio — diss'egli. — Poichè non la posso sposare io,
come si fa? la devi sposare tu. Maledetti voi che siete nati uno per
l'altro!

— Mi dirai almeno il suo nome! — interruppi ridendo.

— Non ridere! Tu non sai quanto bestia io sono in questo momento e
quanto stupido sei tu. Perchè lei ti vorrà bene, capisci, e tu ne
vorrai a lei, e io che se ci penso ti strozzerei come l'ultimo dei
piccioni, te la do, te la do e che siate maledetti!

Ciò detto mi saltò al collo, mi baciò, mi strinse in modo che lo
credetti impazzito davvero.

— Ti voglio bene, sai — diss'egli — perchè ci conosciamo da tanti anni,
perchè non scrivi musica e ti piace la mia; ma se mi amasse, tu non
saresti qui. Non ridere e non domandare il suo nome. La vedrai stasera.
Se non ti piace è inutile che tu ne sappia il nome. Le ho già detto
che ho qui un canotto e un domestico, e che questo domestico sa remare
e ch'ella potrà fare una corsa sul lago. Ha accettato a patto ch'io
non venga. Andrà con te solo, dunque. E adesso mi dai trentadue lire e
settantacinque centesimi.

Feci un atto di meraviglia.

— Oh! furfante! — esclamò Chieco. — Vuoi che l'abbia fatto venire a
mie spese il canotto? Vuoi fare all'amore tu e ch'io paghi? Come sei
_ragionàt_!

Non capivo bene, sulle prime, se scherzasse o no, ma il dubbio durò
poco. Chieco voleva veramente le trentadue lire e io le sborsai,
dichiarando tuttavia che in canotto non ci sarei andato, poichè la sua
incognita non mi tentava affatto.

— Oh — diss'egli — tu vuoi farti rendere il denaro?

Alle corte, dovetti promettere, per non offenderlo, di fare a suo
modo, ma soggiunsi che non sarei uscito un momento dalla mia parte di
barcaiuolo.


VI.

Alla sera Chieco, in _frac_ e cravatta bianca, raccolse una banda di
ragazzotti, distribuì loro delle lanterne di carta e delle torcie a
vento, li schierò in colonna, vi collocò in mezzo i due violinisti,
e, salito sull'asino di casa Purgher, si pose a capo di una bizzarra
marcia alle fiaccole, in omaggio a quelli di Comano che doveano
trovarsi al Ponte delle Sarche dopo le nove. I violini stridevano,
Chieco zufolava, i portafiaccole facevano un chiasso d'inferno, il
terzo musicista tirava razzi dal nero culmine del castello, sul monte
Cavedine sorgeva un fantasma velato di luna. Io m'imbarcai per una
corsa di prova. Il canotto era un vecchio arnese pesante, troppo alto
di sponde, fatto per i flutti e le collere, _fluctibus et fremitu_, del
Garda, ben diverso dalla elegante barca inglese che il maestro aveva
a Fiumelatte; ma stava a galla, e io non desideravo di più. Approdai
subito al luogo indicatomi da Chieco e vi attesi che le fiaccole e
i clamori tornassero dal Ponte delle Sarche. Faceva quasi freddo,
l'aspettazione di questa signora che piaceva tanto a Chieco m'era
sgradevole. Mi dolevo di avere scritto una certa lettera ad Antonietta,
di non essere invece partito per S. Vincent dov'ella si trovava. Le
avevo scritto per chieder perdono e pace, ma la penna non aveva forse
scritto come il cuore dettava, la penna aveva forse talvolta sentito il
freno del maledetto orgoglio; non mi si era risposto. Perchè scrivere?
La febbrile visione di un incontro con Antonietta venne improvvisamente
sopra di me. Era di una vivezza e, in pari tempo, di una mobilità
tormentosa. Ora Antonietta mi passava a fianco senza salutarmi,
conversando e ridendo con altri, ora mi diceva un freddo «buon giorno»,
ora il suo lungo sguardo mi correva deliziosamente le vene. Intanto i
clamori e le fiaccole tornarono. Udii il fischio di Chieco. Voleva dire
che la signora c'era e che mi tenessi pronto.

Ero uscito dal canotto e mi preparavo un'attitudine ossequiosa di
barcaiuolo che aspetta, quando comparve Chieco tenendo a braccetto la
dama avviluppata in uno sciallo bianco.

— Entra, entra tu! — mi gridò il maestro. — E a posto! La signora
siede a prua e al canotto gli dò una spinta io. — Presto! — soggiunse,
parlando a lei. — Facciamo presto, altrimenti ci prendono!

Infatti si gridava dietro a loro: Chieco! Chieco! anche noi! Dove
siete, Chieco?

Entrai nel canotto, sedetti sul banco di mezzo voltando le spalle
alla prua, e impugnai i remi. In un baleno la signora balzò dentro,
il canotto fregò, saltando indietro, la sabbia. — Presto, presto!
— ripeteva Chieco. — Gira, gira! — Feci girare a tutta forza quella
vecchia carcassa e la misi con quattro colpi di remo alla corsa.

Si tagliava diritto all'altra sponda, quando la dama, che non aveva
ancora aperto bocca, mi disse:

— Fate il giro del castello.

Dio mio, che dolce voce era questa? N'ebbi tronchi, per un momento,
il moto, il respiro, il pensiero; era la voce _sua_. Appena potei,
ripresi a remare a caso, immaginando febbrilmente ch'ella sapesse, che
non sapesse, non osando volgere il capo, sentendo che era un momento
supremo.

Ella ripetè: — fate il giro del castello! — con una leggera impazienza,
stavolta. No, no, non poteva saper niente, Chieco l'aveva ingannata
come me. Obbedii; piegammo verso lo scoglio del castello, incendiato
ingiro dal bengala. Qualcuno gridò: — donna Antonietta! A terra! A
terra! — Ella mi chiese allora se si potesse approdare dall'altro lato
della penisola.

Esitai un poco, e risposi con voce involontariamente alterata:

— Non lo so.

Antonietta non replicò nulla, ma subito dopo sentii il canotto piegare
sul fianco destro.

Certo ell'aveva fatto un movimento, aveva cercato vedermi in viso.
Anche la sua voce mi parve leggermente alterata quando soggiunse:

— Voglio tornar indietro, all'approdo.

Pensai che mi avesse riconosciuto, che forse mi credesse complice
dell'inganno. Guai se credeva questo, lei, col suo carattere! Non
c'era da sperar più nella pace. Voltai il canotto, silenziosamente,
per ricondurla all'approdo. Ero ben risoluto di parlare, ma solo quando
ella fosse libera di scendere, di lasciarmi. La luna usciva brillante
di sotto un nuvolone: entrai nell'ombra del muro di cinta.

— Vi sono altri forestieri qui nel castello? — chiese Antonietta colla
stessa voce di prima. Eravamo a una trentina di metri dall'approdo.
Non risposi. Ora avrei dovuto voltar il capo verso di lei per approdar
bene. Remavo adagio, adagio, il cuore mi batteva in tutto il petto.
Antonietta non ripetè la sua domanda. L'angolo del muro di cinta mi
comparve a fianco, era lì che dovevo approdare. Trassi di un colpo i
remi nel canotto e balzai in piedi voltandomi a lei che si rizzò in un
lampo e fece l'atto di slanciarsi a terra.

— In nome di Dio — esclamai stendendole le braccia — non sapevo niente!
Mi crede, mi crede? Non è possibile che non mi creda!

In quel punto il canotto urtò la riva. Antonietta non parlò nè si mosse.

— Esci, se vuoi — proseguii tra l'angoscia e la speranza, giungendo le
mani. — Proibiscimi di seguirti, di parlarti, ma credi!...

— Se non lo sapeva — interruppe Antonietta — perchè questa commedia?

Saltai a lei, le afferrai una mano ch'ella nè mi abbandonò, nè mi
tolse, le raccontai con affannosa fretta quello ch'io pensavo allora
essere uno scherzo di Chieco, le parlai del mio folle orgoglio
distrutto dal dolore, dell'ardente speranza che mi riprendeva, della
vita mia ch'era in sua mano, come anche l'anima, forse! Ebbro di
gioia sentii quella mano cedere, cedere; potei stringere fra le mie
braccia la dolce fidanzata che nulla, neppure la morte, potrà mai più
interamente dividere da me.

Mi disse che avea creduto riconoscermi al mio primo «non lo so»,
ma che n'era stata sicura solo quando non avevo risposto alla sua
domanda. Vinsi così presto perchè la mia lettera, arrivata a Saint
Vincent, quando Antonietta n'era partita per non trovarvisi bene,
l'aveva raggiunta, dopo lunghe peregrinazioni, a Comano, la mattina
di quel giorno stesso. Le proposi di restare in barca, di pigliare
ancora il largo. Non le parve conveniente; e neppure ch'io, mutata
qualità, l'accompagnassi al ballo. Ma prima di andarsene dovette pur
dirmi qualche cosa di Chieco. Egli le aveva infatti parlato d'amore;
trivialmente, sulle prime, a modo suo; più tardi con una serietà e
una passione di cui Antonietta aveva creduto capace il violoncello,
ma non l'uomo. Respinto in tutti i modi, le aveva detto male di me,
scandagliando il terreno, giurando che non si sarebbe fatto alcuno
scrupolo di prendere ciò che io non avevo saputo tenere. A questo punto
Antonietta gli aveva chiuso la bocca con due parole asciutte cui egli
dichiarò di accogliere come il _turacciolo del fiasco_, soggiungendo
però che farebbe vedere alla signora chi fosse Chieco, che testa e che
cuore.

— Aveva ragione — disse Antonietta abbracciandomi dopo il suo racconto.
— Ci ha intesi molto bene ed è stato molto buono. Ed ora vado, sai.

— Va va — risposi trattenendola più forte che potevo.

— Come mandi via la gente, tu! — diss'ella con una boccuccia e un
accento di bambina dolente, aggiustandomi i capelli sulla fronte. Mi
pose le labbra all'orecchio, mi susurrò: — ho piacere che siamo qui
al buio, che tu non mi veda bene negli occhi, altrimenti ci tornerebbe
troppo orgoglio qui dentro!

Ritirò il viso, rise un poco, mi diede un bacio, saltò a terra e fuggì.

Io mi scostai dalla riva remando in fretta e, deposti quasi subito
i remi, mi abbandonai all'ebbrezza che m'invadeva cuore, pensieri
e sensi. Non so quanto tempo rimanessi così sdraiato sul banco del
canotto, con la nuca a una sponda, i piedi all'altra, le braccia
incrociate, gli occhi alla luna; so che mi scosse il fischio di Chieco.
Mi rizzai e remai a terra. Egli era là, sulla riva. Quando mi vide
a pochi metri disse: — e come si fa? — Vi era in me una battaglia
di sentimenti diversi; pure saltai subito fuori ad abbracciarlo. Io
non potevo parlare, egli ripeteva: — come si fa? Poco somigliante la
fotografia! Come si fa? — Avevamo gli occhi umidi, credo, tutt'e due.

— Povero Chieco! — diss'egli. — È stato un gran fiasco!

Intanto un carro s'era fermato lì vicino sulla strada e alcuni uomini
vennero difilati al canotto.

— Cosa succede? — diss'io al maestro.

— Succede che la barca e io andiamo via. Mi seccava di vederti, ma ti
sei andato a cacciare in mezzo al lago, bisognava bene farti venire
a riva. Adesso si mette il canotto sul carro, Chieco sul canotto e
Castel-t'-inchino.

Così fu. In un attimo si caricarono il canotto e i bagagli. Nel
castello ballavano e suonavano, nessuno sapeva niente, tranne la
signora Purgher che credeva sognare e venne tutta commossa per un
ultimo saluto. Chieco, seduto sopra un baule, non volle stringerle
la mano, pretendendo che non fosse pulita; e le ordinò bruscamente di
avvertire le signore e i signori che il maestro non cavaliere Chieco
stava per partire e avrebbe degnato dar loro un saluto.

Si udirono presto dei passi rapidi, delle grida, delle esclamazioni, il
carro fu attorniato di gente che lo voleva prender d'assalto per tirar
giù a forza il maestro. Ma questi cacciò tali improperi napoletani e
lombardi da fare scappar le signore e star quieti gli uomini.

— Adesso — diss'egli — o straccioni, vi saluto. Se volete poi sapere
perchè ne ho abbastanza di voi, ecco qua.

Trasse il suo magico violoncello, incominciò la melodia dolcissima,
appassionata ch'è del duetto nel secondo atto della _Tempesta_, la
troncò subito con quattro raschiate buffonesche, ripose lo strumento e
gridò — avanti! — I buoi si mossero, le ruote stridettero, gli uomini
salutarono con la voce e il cappello, le signore col fazzoletto, due o
tre giovinotti saltarono sul carro. Vedo ancora Chieco buttarli giù a
calci, l'odo ancora gridar loro in segno di vittoria: — e come si fa? E
come si fa?



TERZO INTERMEZZO.


BOCCHERINI

MINUETTO IN la


SECOLO XVIII. _Una festa da ballo._

La scena rappresenta un elegante gabinetto a pian terreno fra la sala
da ballo, zeppa di gente, e il giardino. Musica. Un cavaliere e una
dama ballano il minuetto.

DAMA (_ballando_)

    Sebben rido così, sospiro nel mio cuore.

CAVALIERE (_ballando_)

    Sebben rido così, è il riso mio dolore.

                             (_Riverenze_)

    M'inchino a Lei, signora.

DAMA

    Signore, a Lei m'inchino.

CAVALIERE

    La musica è dolcissima, è splendido il festino.

                       (_Si avvicinano ballando_)

    Doman sarò lontano, ti stringo in fantasia
    Sul cor, ti bacio gli occhi, ti dò l'anima mia.

                           (_Si allontanano_)

    Ballar bisogna e ridere, avendo a gola il pianto.

DAMA (_ironicamente_)

    Sì, sì, ballare e ridere; siamo felici tanto!

                             (_Riverenze_)

CAVALIERE

    M'inchino a Lei, signora.

DAMA

                              Signore, a Lei m'inchino.
    Che grazia, che malizia nel trillo del violino!

                           (_Si avvicinano_)

CAVALIERE

    Cedi, t'adoro, vieni, parti con me se m'ami!

DAMA

    Non dir così, l'eterna sventura mia tu brami.

                           (_Si allontanano_)

    È gaio il minuetto, ma pur talvolta piange.

CAVALIERE

    È gaio il minuetto, ma pur il cor mi frange.

                             (_Riverenze_)

    M'inchino a Lei, signora.

DAMA

                              Signore, a Lei m'inchino.
    Oh guardi, alate maschere salgono dal giardino.

                    _Entra una mascherata di Zefiri_

GLI ZEFIRI

    Siam venti correnti dal gelo a l'ardor,
    Da l'ombre al fulgor,
    Dal tedio al piacer;
    Soffiamo nei cor
    Furor di goder;
    Siam Zefiri a Venere ministri e ad Amor.

    Se teme e non osa sul labbro salir
    Un dolce sospir,
    Se langue e non vien
    La voce al desir
    D'un fervido sen,
    Desiri e sospiri a noi tocca dir.

    Da i vezzi e gli arcani d'un mondo sì bel
    Ogn'invido vel
    N'è caro turbar.
    Modestia crudel
    Noi deve negar;
    Siam aure innocenti, spiranti dal Ciel.

                         (_Escono gli Zefiri_)

DAMA (_ballando_)

    Rida! Con la sua dama v'era lo sposo mio.

CAVALIERE

    Il caso è assai bizzarro, ma rider non poss'io.

                             (_Riverenze_)

    M'inchino a Lei, signora.

DAMA

    Signore, a Lei m'inchino.

                               (_Piano_)

    Io rido, sì; quei Zefiri soffiato ha qua il destino.

                           (_Si avvicinano_)

    Io rido, sì, ti giuro seguirti ovunque vai,
    Io rido, sì, oh mio amore! Non mi lasciar più mai.

                     (_Si allontanano. Riverenze_)

    M'inchino a Lei, signore.

CAVALIERE

    Signora, me Le inchino.

                             (_Pianissimo_)

    Dio, come muor di gioia il trillo del violino!



EDEN ANTO


Un amico mio, profondo in zoologia, e convinto da lungo tempo che se
il più vecchio degl'ippopotami viventi camminasse ritto sulle zampe
posteriori, somiglierebbe tutto, almeno da tergo, al dottore Marcòn,
assessore in una cittadina del Polesine, non importa quale, e gonfiato
da piccolo notaio a gran riccone, non importa come; tanto che sarebbe
pura giustizia chiamarlo ippopotamo d'oro, costui, e non vitello. Due
immani piedi che invadono, l'uno il levante l'altro il ponente; due
divergenti gambe colossali; un zimarrone mostruoso; nessuna traccia di
collo, ma due vaste spalle curve e un testone tanto affogato in esse
che la tesa del cappello posa sulla schiena; un enorme braccio proteso
in fuori sopra una massa troppo corta; ecco il dottore Marcòn _a
posteriori_.

Egli sguazzava l'altro giorno per le pozzanghere della piazza dove
abita, con la ilarità pesante, nell'andatura, di un ippopotamo che
fiuta l'acqua.

— Avvocato! — gli gridò un pretino arrancandogli dietro affannosamente.
— Avvocato! La permetta!

Marcòn sguazzava sempre via per le pozzanghere senza voltarsi. Il prete
lo inseguì ripetendo: Avvocato! Avvocato! Avvocato Vasco! — fino a che
lo raggiunse, gli si appigliò allo zimarrone. Soltanto allora il notaio
si voltò, senza fermarsi.

— Scusi, sa — diss'egli sorridendo e toccandosi il cappello. — Non sono
mica l'avvocato. Servitor suo.

L'altro rimase lì di stucco, contemplando la schiena mostruosa
allontanarsi placidamente.

Veduto così, Marcòn pareva tutto Vasco. Solo, Vasco era forse un
_hippopotamus minor_ che si distingueva pure dall'altro per le gambe
ercoline, per il testone inchinato un poco a sinistra con una linea di
melanconica mansuetudine.

Lo strano è che il dottore Marcòn sfangava appunto verso l'abitazione
dell'avvocato Vasco. Chi sa che inquietudine nella mole mansueta, nel
roseo faccione liscio dell'_hippopotamus minor_ se avesse presentito il
venire dell'_hippopotamus maior_! Ma egli, probo, mite e timido uomo,
di origine e abitudini signorili, scivolato lentamente, a settant'otto
anni, senza macchia e senza lagno, in una povertà tuttavia nascosta ma
paurosa, non pareva pensare in quel momento al suo creditore Marcòn,
nè ad alcuna miseria di questo mondo. Stava nel suo studio, ora
scrivendo sopra un gran foglio di carta turchina, ora meditando sul
frontispizio di un volume in quarto, ingiallito dai secoli. Sviscerato
bibliofilo, possedeva una certa cultura classica, larga ed imperfetta,
bizzarramente colorita di quel suo ingegno fantasioso che si compiaceva
dei pregiudizi più insoliti, dei riavvicinamenti più inattesi, delle
induzioni più poetiche, più abborrite dalla grammatica. L'età grave gli
aveva tolto ormai di attendere alla sua professione; dalla famiglia non
aveva che tribolazioni; dei vecchi amici solo qualche libro gli restava
vivo e fedele.

Quel giorno la sua serva era uscita senza chiudere la porta e il
dottore Marcòn infilò senz'altro la scala buia, venne su soffiando,
aggrappandosi alla ringhiera, sostando ad ogni tre scalini.

— Senti il bestione — disse forte dall'alto la voce aspra della signora
Vasco.

— Sarà andato al caffè, già, signor bestia — diss'ella sporgendo dalla
ringhiera l'allampanata figura, il secco viso bilioso. — Quanto ci
vuole a tirar su quella pancia? Oh Dio, dottore, scusi per carità,
credevo che fosse mio marito.

— Niente, signora Carlotta — rispose Marcòn, pacifico. — È fuori di
casa quell'altra pancia? —

La signora Carlotta corse a vedere, ritornò subito dicendo che Vasco
era nel suo studio, e vi accompagnò il notaio.

— Zanetto — diss'ella spalancando l'uscio — guarda il dottore... Eh,
vado vado — soggiunse, perchè il dottore si era voltato a lei con una
faccia molto eloquente.

Intanto Zanetto, recatasi una mano alla papalina, si veniva levando su
su dal seggiolone, guardava con due occhietti bambinescamente timidi
e dolenti l'enorme visitatore piantato sulla porta a braccia e gambe
aperte, con il cappello nella destra e la mazza nella sinistra.

— I miei complimenti, dottore — diss'egli, umile. — Si accomodi. —

L'altro disse solo:

— _Patròn._ —

E venne avanti cercando con gli occhi una sedia. L'avvocato finì di
alzarsi; trottò a corti passi frettolosi, crollando il ventre, le
spalle e la nappa della papalina, a prendere ed accostare due sedie.

Vi calarono piano piano a sedere, guardandosi, il Marcòn molto duro,
l'altro molto trepidante.

— La permette? — fece il dottore coprendosi.

— Per amor del cielo! — rispose premuroso il signor Zanetto; e,
incoraggiato da quell'ombra di cortesia, trasse la tabacchiera, offerse
una presa al Marcòn, ne assorbì un'altra egli stesso; dopo di che i
due personaggi, affondando il mento nello sparato, chini gli occhi
e aggrottate le ciglia, fecero pulizia a buffetti nella camicia e
nell'abito.

Finalmente il dottore Marcòn, spazzati via con quattro dita gli ultimi
granelli di tabacco, rialzò la faccia.

— Dunque? — diss'egli.

Il povero Vasco si lasciò lentamente andare sulla spalliera della
seggiola e, allargate le braccia cadenti, guardando in alto rispose:

— Non posso, proprio non posso.

Marcòn inarcò le sopracciglia, agitò le grosse labbra pendenti.

— La guardi bene — diss'egli. — La guardi bene, perchè La sa i nostri
patti.

— Eh, sissignore. So i patti. Cosa vuole? Faccia. Mi rincresce per la
Carlotta che si cruccerà, povera donna, con la sua tenerezza per me,
immaginandosi che abbia a crucciarmi molto io. Io invece... cosa vuole?

Vasco abbassò la voce, fece un gesto solenne.

— Ghiaccio, signor mio — diss'egli — ghiaccio in punto... Oh bene —
soggiunse — Le dirò che, essendo ghiaccio, _cupio dissolvi_, questo sì,
_cupio dissolvi_.

Il ventre e le spalle gli sussultarono d'un breve riso amaro.

— Bravo da senno! — proruppe Marcòn. — Dica che non Le importa nè di
debiti nè di creditori, caro Lei! Perchè non si dà le mani attorno?
Questo Suo cognato a cui si doveva rivolgere? Questo figlio che Le
doveva mandar denari?

— Sissignore, lo voleva, poveretto, perchè il cuore è grande; ma poi
è mio figlio, quindi disgraziato. Come ufficiale di marina gli tocca
andare in Africa, si figuri. Non parliamo, questa sarà una gloria della
mia famiglia. Mio figlio scrive beato. Cosa vuole? Beato. Scrive una
lettera che fa tenerezza, da eroe. Ma intanto gli occorre un cavallo
subito, perchè gli ufficiali di marina potranno essere comandati a
terra, e il ministro li obbliga a fornirsi di cavalli. Non crede? Le
farò vedere la lettera.

— Gli mandi dell'asino — urlò Marcòn — che gli andrà benone!

Il povero avvocato, ferito nel suo amor paterno, nella sua buona fede,
si storceva tutto, mettendo dei brontolii sommessi, qualche «o Dio» di
meravigliato e timido risentimento.

— E il cognato? — chiese Marcòn.

— E il cognato... il cognato... — borbottò Vasco che di questo burbero
parente aveva uno spavento orribile. — Per dirle la verità, non gli ho
ancora parlato; volevo appunto andare da lui stamattina.

— Voleva? Ma vada, vada subito. Non abita qui vicino? L'aspetto. —

Vasco, levatasi la papalina con la sinistra, si grattò la nuca con la
destra; quindi, potendo il terrore presente più del futuro, sospirò
il suo solito ossequioso «con permesso», e uscì tentennando, con una
faccia lugubre.

La signora Vasco udì giù per le scale i tonfi misurati del suo passo
gridò, «serva sua, cavaliere» e corse allo studio del marito.

— È andato via, quel cane? — diss'ella aprendo. Vide Marcòn, strillò e
fuggì tanto in furia che costui, quand'ebbe finito di girar verso lei
la sua mole, il suo faccione sorridente, non la vide più.

Rimase lì un poco a considerar l'uscio, e poi si alzò, fece pian piano
il giro dello scrittoio, guardò che cosa diavolo stesse scrivendo
quell'imbecille di Vasco.

In capo al gran foglio di carta turchina si leggeva:

                            ULTIMO DESIDERIO

Seguivano alcune righe tagliate da due gran tratti di penna in croce.

«Condotto in questa mia cadente vecchiaia a dolorose strettezze, non
valendo l'indebolito mio spirito a sopportar l'aspettazione angosciosa
di tale miseria che neppur soffra un sottilissimo velo di esteriore
decoro, convinto non potere ormai riuscire che di afflizione e gravezza
alla mia moglie amorosa, non che al figlio dilettissimo, io...»

Lo scrittore s'era fermato qui. Seguiva uno spazio in bianco. Più sotto
si leggevano queste altre parole:

«Condotto in questa mia vecchiaia a miserevoli strettezze, e confidando
che la Divina Provvidenza si compiacerà, come dal profondo del cuore ne
la supplico, togliermi prontamente questa troppo salda vita, grave alla
mia famiglia, presso che incomportabile a me, ringrazio la virtuosa mia
moglie di tutto il bene che mi volle e fece, benedico il mio figliuolo
dilettissimo, e prego tutti a voler conservare buona memoria di me.

«Se in settant'otto anni di onesta e laboriosa vita, io ho in qualche
misura bene meritato del mio paese natio, spero possa avere effetto
il novissimo voto ch'esprimo a' miei parenti ed amici, alla degna
Deputazione della Patria Biblioteca, all'onorevole Municipio. Desidero
che il mio prezioso esemplare dell'_Orlando Furioso_ edito da Francesco
Rosso di Valenza il 1º ottobre 1532, con privilegi di Clemente VII,
del doge Gritti e di Francesco Sforza, passi alla nostra Biblioteca. È
la terza edizione del poema, l'ultima delle uscite vivente il poeta,
stimata già superiore a tutte le altre dall'illustre Apostolo Zeno,
che ne possedette un esemplare postillato dall'Aretino. Cinque soli
esemplari si conoscono di questa edizione, uno dei quali fu venduto
in Inghilterra dal conte Garimberti di Parma, per lire quattromila.
Lire tremila mi furono offerte per il mio esemplare dal libraio R.
di Roma. Il frontispizio del volume è disegnato e intagliato da
Tiziano Vecellio. A mezzo il lato inferiore vi è raffigurata una
fenice sorgente dal rogo ad ali aperte, e sopra la fenice si leggono
due misteriose parole che molti dotti uomini si studiarono invano
d'interpretare: EDE NANTO. Io credo esser giunto, dopo lungo studio
e meditazione, a penetrarne il segreto; ed è mia preghiera che ove
il volume possa essere salvato alla Biblioteca, vi s'inserisca uno
scritto ricordante il nome mio, il desiderio qui espresso e la mia
interpretazione delle due parole arcane.

«Mi parve anzitutto che non avendo i detti vocaboli significato
alcuno nel nostro idioma nè in altro moderno nè in quello del Lazio,
convenisse ricorrere a un linguaggio mistico del quale sarebbe ora
vano ricercar la chiave, oppure alla sacra favella dell'Ellade, ben
conveniente al dipintor delle Veneri che tributa omaggio al ferrarese
Omero. Di ciò convinto, indagai lunga pezza invano come avessero i due
vocaboli a leggersi grecamente, nè potei vedervi lume sino a che non li
divisi così: EDEN ANTO; brillandomi allora l'origine loro dalle voci
greche δαιω ardo e ἄνθος fiore, e questo significato; arse (o ardeva)
con fiore: stupendo significato, sia nel senso proprio riguardo alla
fenice, sia nel senso figurato riguardo al Poeta; e meraviglioso di
grecità parrà a ciascuno che ricordi il πυρος ἄνθος di Eschilo. Potrà
forse taluno...».

Qui finiva il manoscritto; ma quando il passo dell'avvocato scosse
l'anticamera, Marcòn non aveva letto oltre al periodo delle tremila
lire offerte per il libro e stava ancora contemplando quella cifra con
un vago sorriso affettuoso. Egli andò alla finestra e finse di guardar
nel cortile.

Il signor Zanetto entrò, affannato, più sepolcrale assai che non fosse
uscito.

— E così? — disse Marcòn.

— La scusi — rispose l'avvocato, sedendo. — Quel che m'immaginava, caro
Lei — soggiunse poi ch'ebbe ripreso fiato. — Mi ha anche strapazzato.

Marcòn sedette anche lui, grave. Seguì un lungo silenzio. Guardavano
diritto davanti a sè, uno la porta e l'altro la finestra.

— E come facciamo? — disse finalmente Marcòn. — Vede bene, sono
duemilacinquecento lire.

— Signor padrone, — disse la serva entrando, — Le ho portato il caffè.

L'avvocato non si scosse se non quando si vide il vassoio davanti.

— Portatene due — diss'egli sottovoce.

La serva disse che ci aveva pensato, ma che la padrona era uscita
con le chiavi, ed ella non aveva altro caffè. Allora il povero uomo,
avvezzo da cinquant'anni a quel caffè pomeridiano, lo offerse con un
gesto a Marcòn, che ringraziò e allungò sorridendo le mani al vassoio,
malgrado gli occhiacci della serva.

— Comanda che ne pigli un altro al botteghino? — chiese costei al suo
padrone. — Devo anche uscire, adesso.

— No, Tonina, no — sospirò Vasco, dolcemente. — Piuttosto fate un po'
di fuoco qui.

La serva si mise all'opera, ma forse pensando ad altro, per cui
Marcòn, dopo due o tre occhiate oblique, dopo due o tre sordi brontolii
gutturali le disse:

— Cara lei, si sbrighi.

In quel punto la fiamma brillò e la donna si alzò dal caminetto, prese
il vassoio dispettosamente e se ne andò sbattendo l'uscio con un colpo
tale che Marcòn fece «ohe!».

— Senta — diss'egli poi. — Faccio, naturalmente, il mio interesse, ma
son di carne anch'io, ho cuore e mi ripugna di venire a certi passi
con una degna persona come Lei. Guardi se non ci potessimo accordare
amichevolmente. Ella ha forse qualche oggetto prezioso, qualche
gioiello di famiglia, non so, delle argenterie...

Vasco lo considerò un poco, cacciò la destra nello sparato della
camicia, e dopo avervi frugato alquanto, ne la trasse con una medaglina
d'argento che fece vedere al Marcòn, quindi alzò ed allargò le braccia;
tutto questo in silenzio.

— E quadri? — chiese Marcòn.

— Oh Dio, quadri! Il ritratto di mia moglie. Buono, per questo, buono.
Le dirò. Ma è della Carlotta.

— Niente niente, per amor di Dio! — esclamò Marcòn inorridito. —
Lasciamo stare... Ma, La senta — riprese dopo una pausa. M'inganno, o
aveva Lei dei libri antichi di un certo pregio?

— Sissignore — rispose Vasco masticando la parola, dimenandosi e
guardando dappertutto fuorchè in faccia al suo interlocutore. —
Sissignore, ma... cosa vuole?.. Andati... venduti... divorati...

— Allora... — disse Marcòn, alzandosi. Guardò in giro come per vedere
dove avesse posata la mazza, fermò gli occhi sullo scrittoio.

— Cosa studia di bello? — diss'egli sorridendo.

— Oh, niente — balbettò Vasco, inquietissimo. — Niente. Cerca il Suo
bastone?

Marcòn non gli rispose; si accostò allo scrittoio.

— A proposito — diss'egli — quello è un libro vecchio, per esempio.

— Oh nossignore... cioè sissignore, ma un libro di nessun conto o
almeno di poco conto. Noialtri si direbbe «un pestalardo».

— È un Ariosto, però, vedo. Un gran poeta, capperi. Potrebbe valere dei
bei denari se non fosse così sporco. Lo ha inzuppato nella cioccolata?

— Sporchissimo — rispose Vasco, rasserenandosi alquanto. — Cosa vuole?
Rovinato.

Adesso Marcòn tolse gli occhi dal libro e li piantò in viso al suo
sciagurato debitore; due occhi lucenti di una bonarietà maliziosa.

— Quanto Le pare — diss'egli — che possa valere in questo stato?

All'avvocato Vasco mancarono il cuore e le gambe. Dovette sedersi.

— Non saprei — rispose — non saprei. Cosa vuole? Per me ha un valore
relativo, un valore di affezione.

Gli parve una buona uscita, questa. Le rughe della sua fronte, gli
angoli della bocca non posavano un momento. I miti occhietti infantili,
intenti al fuoco, comparivano e scomparivano sotto il battere delle
palpebre.

— Bene — disse Marcòn — non Le ho detto che ho buon cuore? Faccio
una minchioneria, adesso. Prendo l'Ariosto, vado a casa e Le mando la
cambiale.

— Lei ha letto! — esclamò l'avvocato con voce soffocata levandosi in
piedi e appuntando a Marcòn l'indice tremante della destra. — Lei ha
letto! Ma non si porterà mica via il libro, capisce? Nossignore che non
lo porterà via!

Il suo testone oscillava convulso, negli occhietti brillavano, sotto il
battere delle palpebre, due lagrime.

— Le dico la verità, avvocato — disse tranquillamente Marcòn — avevo
sempre pensato ch'Ella fosse un galantuomo.

— E non lo sono? — esclamò Vasco.

— Ecco — rispose il notaio — non so se un galantuomo cercherebbe, come
Lei, di frodare i creditori.

L'avvocato guardò il suo avversario con orrore e terrore, cadde sulla
sedia. Due o tre singhiozzi lo scossero tutto.

— Non volevo frodar nessuno — diss'egli a bassa voce e senza guardare
Marcòn. — Volevo che quel libro restasse qui sino alla mia morte.
Pensavo che, morto io e conosciuta quella carta, un poco per il merito
del libro, un poco per la memoria di questo povero vecchio, o il
Municipio, o i cittadini, o cittadini e Municipio insieme avrebbero
riscattato il libro dai creditori, e resterebbe nel mio paese un
ricordo del mio nome, di quei pochi studi che ho potuto fare. Ma se Lei
mi crede capace di voler frodare i creditori, eccolo là il libro, se lo
prenda se lo porti via.

— Ma non intende, caro avvocato, — esclamò Marcòn — che Lei mi deve
ringraziare? Di un libro in quello stato prendere duemilacinquecento
lire?

Ciò detto Marcòn prese l'Ariosto.

— Avvocato, servitor suo — diss'egli.

                                   *
                                  * *

Vasco non seppe alzarsi nè articolar parola, nè fare un cenno. Era
come istupidito e non si mosse che al terzo appello dell'_hippopotamus
maior_ incagliato con la sua preda sulla porta.

— Cos'è questo imbroglio? — brontolava colui girando e rigirando
inutilmente la maniglia dell'uscio. — Cos'è questa faccenda? La scusi,
avvocato. Favorisce, avvocato? Avvocato, dico!

L'_hippopotamus minor_ capitò barcollando, si studiò inutilmente di
aprire e mise quindi il naso alla toppa, esplorò. L'altro gli pendeva
sopra, enorme, palpitante di aspettazione.

— È chiuso per di fuori — mormorò Vasco, rialzandosi. — La donna ha
forse dato un colpo troppo forte e allora succede spesso così.

— Suoni — disse Marcòn.

Vasco suonò due, tre, quattro volte. Nessuno comparve. Marcòn diede
allora una tale strappata al campanello che ruppe il cordone.

— Adesso è finita — sospirò l'avvocato.

— Chiami! Gridi! — esclamò l'altro. Il pover'uomo ritornò all'uscio,
vi appoggiò la testa e si provò di metter fuori un po' di voce, ma non
aveva fiato.

— Cosa vuole che sentano? — gridò, infuriato, Marcòn. — Aspetti me.

E, posato il libro, si diede a mugghiare con il suo vocione bovino,
assestando di gran colpi all'uscio fra una chiamata e l'altra, con
la mazza. Ma la padrona stava al confessionale, dicendo male di suo
marito; e la serva stava da un tabaccaio dicendo male del notaio
Marcòn.

Non v'erano altre uscite. L'unica finestra guardava il cortile. Marcòn
aperse, chiamò. Il cortile era deserto, nessuno rispose. Il notaio si
voltò a Vasco, sbuffando:

— Non mi è mai toccata — disse — una cosa simile. Ella sta lì a
guardarmi ma io devo andar via, capisce? Assolutamente! Ho affari.

— Senta — disse l'avvocato, immerso nella sua idea fissa. — Mi perdoni.
Non sarebbe possibile ch'Ella mi lasciasse adesso il libro onde io vi
facessi inserire la mia interpretazione? E non sarebbe possibile che
Ella disponesse in modo da farlo pervenire un giorno o l'altro alla
nostra Biblioteca?

— Non mi secchi! — gridò Marcòn. — Non m'importa un fico
nè d'interpretazioni, nè di biblioteche. Se la tenga la Sua
interpretazione. Il libro poi lo vendo magari in America, se occorre!

L'ira incominciò a bollire nell'adipe dell'uomo pacifico.

— Il libro vale quattromila lire — diss'egli, alzando la voce. — Almeno
mi dia cinquecento lire da mandare in Africa a mio figlio!

— Che cinquecento lire! Che figlio!

L'inferocito uomo si affacciò ancora alla finestra, urlando senza
ascoltar Vasco, che, tremante di collera, gli fremeva nella schiena:

— Sarò un imbecille, ma questa porta è la Provvidenza che l'ha chiusa!

Prese l'Ariosto, e affrettandosi in punta di piedi, con un occhio
al caminetto e uno alla schiena mostruosa, posò il libro sul fuoco.
Quindi ritornò, pallido come un morto, sul seggiolone, e, chiusi gli
occhi, rovesciato il capo all'indietro, alitava affannosamente. Si
suonò al cancello dell'antiporto, più volte. Marcòn si sbracciava a
chiamare dalla finestra l'incognito visitatore, che non essendogli
aperto e udendo un tal vociare, venne nel cortile. Era lo stesso prete
che aveva scambiato Marcòn, in piazza, per Vasco. Egli guardò su, vide
alla finestra un testone, due spallacce. «Avvocato!» disse salutando.
«Almeno questa volta son sicuro ch'è Lei, perchè un'ora fa...». — Non
La vede, don scempio — gridò Marcòn — che sono ancora quello di un'ora
fa? Non La capisce che non possiamo aprire? Vada a cercare la signora
Carlotta o la serva di casa, dica che vengano subito! Cosa fa lì, con
la bocca aperta? Si muova!

Il prete pareva schiacciato dalla sorpresa, guardava su, ripeteva «ma
come? ma come?» Ci volle del buono prima che capisse e se n'andasse.

Marcòn stette ancora un poco alla finestra, andò ad origliare
all'uscio, se udisse qualche rumore di buon augurio, poi ritornò alla
finestra, maledicendo tutte le serve del creato. Finalmente udì delle
voci nell'antiporto; due stizzose voci femminili, la signora Carlotta e
la Tonina, che, invece di aprire subito, si bisticciavano.

— Dove ho posto il libro, adesso? — diss'egli. — Avvocato, dov'è il
libro?

Vasco aperse gli occhi, levò una mano spiegata e disse solennemente:

— _Eden Anto._

— Domando — replicò Marcòn — dov'è il libro.

Vasco alzò anche l'altra mano e ripetè:

— _Eden Anto._

— Oh, non scherzo mica, io, sa? — esclamò Marcòn; e data un'occhiata in
giro per la camera senza scoprire libro alcuno, si accostò all'avvocato
coi denti stretti:

— Non facciamo commedie! — diss'egli. — Fuori questo Ariosto! Fuori
subito!

— Ella — rispose Vasco — vuol avere un libro di quella fatta e non sa
il greco? Ella vuole la fenice di Tiziano? _Eden Anto_, signore; arse,
arse con fiore.

Appuntò l'indice al fuoco e proseguì:

— Guardi là. Se vorrà la cenere...

Marcòn mise un grido soffocato alzando le braccia come gli mancasse il
respiro, andò al caminetto, e giratosi subito a Vasco, fece due passi
verso di lui con la mazza in aria. Si arrestò, mise, scrollando le
braccia minacciose, un muggito sordo, trottò a dar di fianco nell'uscio
come una catapulta, e, spaccata di colpo la serratura, passò fra la
signora Carlotta e la Tonina, traboccò giù per le scale.

Le due donne saltarono nello studio.

— Cosa è stato? — chiese la signora Vasco.

— È stato — rispose suo marito, ancora tremante di emozione — che
voleva rubarmi e l'ho fatto scappare.

— Rubarti che, straccione?

— Oh, niente — disse il povero signor Zanetto senza guardar sua moglie
e scotendosi tutto in un singulto di riso forzato. — Un libro.

— Un libro? Hai un libro di valore, tu?

— Peuh, peuh — fece Vasco, ricominciando a soffiare — poca cosa.
Qualche centinaio di lire... forse cento... anzi cento al più... fra le
cinquanta e le cento insomma.

— Ah brutto tabaccone, — esclamò la signora. — Hai un libro così e non
dici niente, e fai patire tua moglie e tuo figlio! A me questo libro!

L'avvocato allibì, non rispose.

— Gliel'avresti dato? — disse sua moglie con una faccia, con una voce
da far paura.

— No, no, no — rispose Vasco di fretta. — Non gli ho dato niente. Però,
se non lo do a lui, bisognerà che lo dia a un altro, perchè la roba mia
è tutta dei creditori.

La signora Carlotta non avrebbe creduto che buaggine umana potesse
toccare a tal segno, e guardava suo marito con uno sguardo ineffabile,
in silenzio. Quindi scoppiò in insulti, in invettive, fulminando tutto
intorno a lei, il pancione stupido, la casa coniugale, la Tonina che
difendeva il padrone. Le intimò di uscire; e poichè colei si ribellava,
le afferrò un braccio, la trasse alla porta. Se n'andarono così tutt'e
due, tempestando, via per l'anticamera.

Vasco, intontito da' primi colpi, non udì altro. Dopo un certo tempo
s'accorse che lo avevano lasciato solo, riconobbe sullo scrittoio il
suo manoscritto dell'_ultimo desiderio_, e pianse lagrime lente, le più
roventi, le più amare della sua vita; lagrime, quasi, di una profonda
intatta vena, cui finalmente il dolore arrivasse.

                                   *
                                  * *

Intanto il giorno cadeva, lo studio si faceva scuro. Venne l'ora
del pranzo, ma nessuno chiamò l'avvocato, nè lui ci pensò. Preso dal
freddo, si trascinò stentatamente a chiudere la finestra, e sedette poi
davanti al caminetto, dove poche brage ardevano ancora mettendogli un
lieve tepore alle gambe, un chiaror fioco sullo sparato della camicia e
sulla fronte. Il capo gli si faceva grave e torbido, ma una calma nuova
gli entrava nel petto. Si sentiva meglio, si veniva quietando nella
confusa idea d'un bene vicino. Vedeva con soddisfazione inesplicabile,
lì nel caminetto, il suo caro Ariosto fatto cenere e brage, vedeva
e di tempo in tempo mormorava le parole misteriose: _eden anto_. Si
stupì di trovare allora per la prima volta come si convenissero anche
a lui, alla sua propria vita, che, nella mente scossa, gli comparve
florida e lieta, piena solo di ardente amore per i suoi, per la verità
e la giustizia. Quest'allucinazione della memoria gli generò poi un
dubbio bizzarro, materia di stupore ancora e di meditazione profonda:
come mai avesse potuto proporsi, anche un solo istante, di morir
volontariamente. Pensò, pensò, non intese, sorrise di sè stesso. E qui
il suo spirito intenerito passò a considerar la bontà e la grandezza
di Dio, giunse a poco a poco al barlume di quest'altra idea che la
Provvidenza faceva a lui, come al suo Ariosto, la grazia di sciogliersi
in calore e luce, tranquillamente.

Qualcuno bussò all'uscio, e non udendo rispondersi, lo aperse pian
piano con un timido «è permesso?»

— È permesso, avvocato — ripetè, entrando, quel prete che da tanto
tempo era in traccia di lui. Pensò che Vasco, di cui vedeva la mole
oscura, si fosse appisolato.

— Sono don Clemente — disse a voce alta.

Allora finalmente l'avvocato mormorò «servitor suo», si agitò un poco,
tentando, per un'ossequiosa abitudine, alzarsi.

— Comodo comodo comodo — s'affrettò a dire don Clemente. Gli sedette
accanto, mise fuori qualche frase sul freddo, sull'umido, sui piaceri
del caminetto e dell'oscurità. Vasco non rispondeva mai.

— Mi son permesso d'incomodarla — disse poi il prete — perchè avrei
da comunicarle qualche cosa su quel famoso frontispizio. Si ricorda
che quando ebbi l'onore di fare la sua conoscenza, abbiamo parlato di
un'edizione antica dell'Ariosto?

— _Eden anto_ — susurrò Vasco. — Sissignore.

— Appunto, _eden anto_. Ossia, Lei leggeva _eden anto_, e anche
l'abbate Bottoni di Ferrara ha letto così; ma è un equivoco.

— Nossignore — susurrò Vasco.

— Scusi, non c'è dubbio. Non ci può esser dubbio. Se si ricorda, mi
pareva licenziosetto quel greco, licenziosetto. Adesso mi hanno scritto
da Roma. È una cosa conosciutissima. I caratteri sono sbiaditi, vede;
possono trarre in inganno. Bisogna leggere F. DE NANTO abbreviazione
di _Franciscus de Nanto de Sabaudia_ ch'è il nome dell'intagliatore
perchè Tiziano ha solamente disegnato. Questo stesso frontispizio lo
ha l'edizione romana delle lettere del cardinal Bessarione contro i
Turchi.

Vasco tacque.

— Accendendo il lume... — soggiunse il prete, esitante — se Lei ha una
lente... si potrebbe vedere...

— Nossignore — balbettò l'avvocato.

L'altro non osò insistere, suppose che il vecchio avesse un sonno
invincibile. Si trattenne ancora un poco, in silenzio; quindi dal
respiro affannoso dell'avvocato argomentò che dormisse, e uscì a
tentoni, in punta di piedi.

Il povero Vasco si disponeva infatti a dormire un sonno invincibile.
Pochi minuti più tardi, il rapido fuoco senza fiamma, che correva
talora per le reliquie nere del volume, rivelò scomposta la sua mite
accorata faccia di bambino. Sulla soglia del Vero, l'ultima illusione
gli dava l'ultimo calore, l'ultima luce.

Morì nella notte.



QUARTO INTERMEZZO


MARTINI

GAVOTTA

(_Imitazione all'8ª_)

(Un vecchio e una fanciulla ballano la gavotta all'aperto, conversando.
A misura che la fanciulla dice, il vecchio segue).

EGLI ELLA

                                       Leggero e grazïoso
                                       Ballate com'io ballo.
  Leggero e grazïoso                   Movo col suono e poso
  Guardami come ballo.                 Piede non metto in fallo
  Dietro a te movo e poso.
  Sol se tu falli io fallo.            Sorrido e vo pensando
                                       Nel core mio, ballando,
  Sorrido e vo pensando                Un folle giovinetto
  Nel core mio, ballando,              Che adesso avria dispetto
  La Lena giovinetta                   Mentr'io col mio vecchietto
  Che a casa ora m'aspetta             Ho placido diletto.
  Bisbetica vecchietta.                Lesto, messere, a voi!
  Qual tratto avria vendetta,          Porgetemi il mazzetto.
  Tempo già fu, di noi.
  Eccovi i fiori in fretta.            Dolce così ballare
                                       Come si balla noi,
  Bello così ballare                   Ridendo, pianamente;
  Come si balla noi,                   Il cor non s'infiammare,
  Pian piano, dolcemente,              Non perdere la mente.
  E non sudar, soffiare,
  Pigliarsi un accidente.              Dolce ballar così
                                       Sul fresco prato a sera
  Dolce ballar così                    Or che odorosa è qui
  Sul fresco prato a sera              Tepida primavera.
  Con te che ridi qui.
  Vezzosa primavera.                   O l'una o l'altra gota
                                       Baciatemi, messere,
  Tra l'una e l'altra gota,            Come gavotta vuole.
  Un bacio, a mio vedere,
  Meglio posar si suole.               M'è vostra usanza ignota;
                                       Amabil cavaliere
  Ah, tale usanza ignota               Baciar così non suole.
  A le tue labbra fiere
  Non insegnar mi duole.               Ballate com'io ballo
                                       Che piè non metto in fallo.

  Io come posso ballo                  Lasciate il sospirare,
  E sospirando fallo.                  Follia ch'è stata è stata;
  Mi muove a sospirare                 Potrò dimenticare
  La bocca tua rosata,                 Che fui così baciata.
  Vorrei dimenticare
  Ch'è a sera la giornata.             Posiam, forse v'offende
                                       Omai l'umida notte,
  Il tuo parlar m'offende              La tosse vi riprende,
  E non l'umida notte,                 Vi mordono le gotte.
  Amara mi riprende                    Messere, ite a la Lena.
  Tristezza e non le gotte.
  Miglior di te era Lena.              Ed io sui prati errando
                                       A la nascente luna,
  I prati attraversando                Cantando andrò, lodando
  A la nascente luna                   Mia vita e mia fortuna
  Meco verrò ammirando                 Sì placida e serena;
  Sì come ancor fortuna                Con riso andrò pensando
  A naufragar ci mena                  Quale follia vi mena
  In savia etate, quando               Tutti ad un laccio stretti,
  Ne tenta una sirena.                 Vecchietti e giovinetti.
  Addio, torno a la Lena,              Messere, ite a la Lena,
  Vado a trar lei di pena,             Ite a trar lei di pena,
  Bella, addio, buona notte,           Ite ite, buona notte,
    buona notte.                         buona notte.

  Buona notte.                         Buona notte.



UNA GOCCIA DI RHUM


Gli occhi suoi mi dissero di tacere; un domestico entrava con il
vassoio del thè.

— Per me sola — diss'ella a mezza voce — come Leopardi. — Amava,
benchè straniera, Leopardi, che io le leggevo qualche volta; e non
soffriva, allora, che chicchessia ne udisse un sol verso. Quella
sera non leggevo, avevo una febbre di passione troppo forte; dicevo
all'amica mia le visioni avute di lei e del nostro amore immortale
prima di conoscerla, prima ch'ella venisse in Italia. Non so qual genio
m'ispirasse le parole ardenti che salivano dal mio cuore come onde in
furia, mi si rompevano sulle labbra. I domestici non avevano, forse,
molto ad apprendere sul nostro legame; ma Elena si crucciava veramente
che altri m'udisse, anche solo un momento e per caso, nelle rare
effusioni dell'anima mia.

— Accendete — diss'ella al cameriere. Mi spiacque che non lo congedasse
subito, e, quando restammo soli, tacqui guardando sul vassoio la pura
fiamma azzurrina come uno spirito dell'argento. Elena pure taceva; ma,
dopo un lungo silenzio, vidi due lagrime rigarle il viso, benchè gli
occhi gravi non esprimessero, quasi, dolore.

— Elena! — esclamai.

Ella fermò il mio slancio con un sorriso ed un gesto. Mi accennò di
spegnere e disse:

— Devo parlarvi.

Non mi sorprese che adoperasse il _voi_ invece del _tu_; qualche volta
diceva anche _lei_, ed ero avvezzo a queste bizzarrie; ma mi fece paura
l'accento. Non parlò subito; vôlta alle grandi invetriate che chiudon
la loggia da ponente, guardava giù nella scura notte piovosa i lumi di
Firenze, stringendo una fronda del colossale rhododendron, tutto fiori
sanguigni sopra il suo capo.

Il thè era pronto. Lo versai nella tazza d'Elena e ricacciandomi
l'angoscia in gola, le feci con la solita voce la solita domanda:

— Latte o rhum?

Mi si permetta di non dire perchè Elena non voleva che io le domandassi
mai espressamente di rimanere con lei un'ora o due dopo la mezzanotte,
quando si spegnevano, di solito, i fanali del cancello, la lampada
del vestibolo. Era convenuto fra noi che se Elena prendeva rhum nel
suo thè, invece di latte, questo favore mi veniva concesso. Dunque le
domandai:

— Latte o rhum?

Elena si voltò. Non le si vedevano più in viso le due righe lucenti.

— Senti — diss'ella come se non avesse intesa la mia domanda — mi hai
detto una volta che vi sono troppi enigmi nel mio carattere, ch'esso
è troppo inverosimile per farne una creazione artistica. Non me l'hai
detto?

Era vero e lo confessai.

— Non dev'essere così — riprese Elena con impeto. — Tu ami troppo le
donne della tua fantasia! Io sono più bella, più viva e più vera! Chi
è questa gente che mi troverà inverosimile? Che t'importa di loro, a
te? Credi forse che avrai mai fama? Non ti amerei tanto! Io non degno
neppur ricordarmi di tutta questa povera gente al di sotto di noi.
Voglio che tu faccia di me un poema quando cominceresti a dimenticarmi.

La interruppi protestando, le afferrai una mano.

— Voglio — proseguì abbandonandomi la sua gelida mano — rinascere
nella tua mente, essere amata da te come _le altre_ e più ancora. Me lo
prometti?

— Elena — esclamai — mia, per sempre mia Elena, perchè mi parli così,
come mai pensi?...

Ella impallidì, gli occhi suoi lampeggiarono d'impazienza.

— Me lo prometti? — ripetè affannosa — me lo prometti?

— Sì, sì — le risposi, e volevo soggiungere altro; ma ella si portò con
tant'impeto la mia mano alle labbra che una commozione senza nome mi
spense la voce.

— Guardami bene gli occhi — diss'ella, alzando il viso: — devi essere
un pittore fedele.

— Mai mai — le risposi — non potrò descrivere i tuoi occhi magnetici!

Ella lo sapeva, glie lo avevo detto altre volte che non c'era
espressione umana per descrivere il carattere singolare del suo
sguardo. Sorrise tristemente e soggiunse ponendosi la mano sul cuore:

— Ma il più difficile è qui.

— Elena — le dissi con tenerezza — è per questo che piangevi, è per
questo che mi hai fatto paura?

Fu allora ch'ella mi disse le parole amare di cui, dopo tanti anni,
la memoria mi assale ancora di notte e nella solitudine. Le avevano
scritto dalla Lituania; parenti poco degni di lei, forse poco leali,
facevano appello, dopo una lunga storia, alla nobiltà del suo cuore,
perchè ritornasse colà nella fredda patria; ed ella, sapendo che il
clima e l'amore l'avrebbero uccisa, partiva l'indomani, con la sua
fatale sete di sacrificio, per Vilno, dove _nessuno_ la poteva seguire.

Vorrei dimenticare le folli cose che dissi e feci, malgrado la mia
solita calma scettica, in quell'ora terribile; ma avrei spezzato il
marmo del tavolo che tempestavo col pugno fremente, prima di piegar
Elena con le preghiere o lo sdegno. L'accusai per ultimo di egoismo; le
dissi che pensava solo a sè, sempre a sè; che metteva la virtù come un
abito di Parigi e il sacrificio come un gioiello, per ammirarsi sopra
ogni creatura. E subito le caddi a' piedi, le chiesi perdono.

— No — diss'ella, alzandosi — è forse meglio lasciarci così; si soffre
meno.

Invano la supplicavo, la scongiuravo, sempre ginocchioni, trattenendole
una mano.

— Si soffre meno — ripeteva — si soffre meno.

La sua voce lottava col pianto, ma vi si sentiva il dispetto di questa
debolezza dei nervi; la mano che trattenevo mi fu tolta.

Sorsi in piedi. In quel momento suonò mezzanotte.

Elena, ritta, non mi parlava, non mi guardava, pareva aspettar ch'io
partissi.

Tolsi dal volume di Leopardi, ch'era sul tavolino, un ramoscello
d'_olea fragrans_ postovi da lei per segno la sera innanzi, e dissi
piano:

— Permette?

Allora ella mi guardò con quel suo sguardo divino di una volta, ma non
fe' cenno nè disse parola. Posai il ramoscello; mi sentivo morire.

Mi fermai prima d'uscire, sulla soglia e mi voltai per un tacito
saluto. Elena susurrò senza muoversi:

— Lei mi farà migliore e mi amerà più nel suo libro che viva.

Il domestico entrò ad avvertire che c'era la mia carrozza, ma che
pioveva molto.

— La prego — mi disse Elena sorridendo, come per nascondere a colui la
nostra emozione — un'altra goccia di rhum.

Mi accostai al tavolo barcollando come un ebbro, mentre il domestico
usciva. La boccia di cristallo era vôta. Nei miei trasporti di
prima le avevo fatto un'incrinatura sul fondo, e il rhum era colato
silenziosamente sul pavimento.

— Ve n'è ancora per due — disse Elena.

Ell'aperse una piccola custodia nel suo braccialetto d'oro, vi
raccolse, sorridendo fra le lagrime, l'ultima goccia di liquore che
oscillava sull'orlo del cristallo, la povera ultima goccia del nostro
tempo felice. Si recò il braccialetto alla bocca; ma, prima che lo
porgesse alla mia, io colsi sul suo labbro l'umore ardente.

Ne serbo ancora nel petto un fuoco che solo la morte può estinguere: e
sempre sempre, quando lavoro al libro in cui Elena rivive, tutto quello
che mi esce veramente dal cuore ha la straniera fragranza, il fuoco
fantastico di quella goccia di rhum.



QUINTO INTERMEZZO


CHOPIN

_Opera, 17 — N. 4_


(Parla una donna al marito, che giace sul letto, morto)

    Placido posa il mio amore, nè un lieve respir si sente;
    Lo vo' svegliare pian piano, gli vo' cantar dolcemente.

    Non dormir, folle amor mio; non sai? la diletta è qui.
    Ancor? No, no! Mi fai male! Ah scherzi, forse, così.
    Deh scherza, sì, con un riso balza su, stringimi al cor.
    Non lo fai? Ma perchè mai? Or mi sdegno, mio signor.
    Avevo, signore, un dono qui sulla bocca per Lei;
    Or no, non più, ho male al core, tu l'amor mio più non sei.
    No, così parlai per giuoco, scherzo io pur, non t'adontar,
    Perdono! Son gaia, vedi! Vo' rider, caro, e danzar.
    Che folle gioia danzare ne le tue braccia possenti,
    Come portata dal mare, come aggirata dai venti,
    Col viso stretto al tuo petto, bevendo il tuo ebbro diletto,
    Bevendo te pien di me che un tal paradiso aspetto!
    E dormi ancor! Palpitando le man ti bacio; che gel!
    Che gel! Non so, non intendo che abbia la mano fedel.
    Tremo, mi slancio alla bocca; è gel! T'abbraccio sul cor;
    Tace! Che angoscia! M'ascolta; ti parlo a ginocchi, amor.

    Odi ben, ti parlo grave, se lasciarmi pensi è male,
    Tu lo sai cos'hai giurato, non puoi farti disleale.
    Dimmi in che t'offesi mai, qui lo dici a Dio presente,
    Egli giudichi se amai! Terra e cielo mi eran niente.
    A me stessa cara io fui sol perchè mi avesti cara,
    Patria, casa e madre mia senza te mi parve amara.
    Nulla posso ancora offrirti, tutto, misera, donai,
    E tu freddo, senza un bacio, da me tacito ten vai.
    A te grido, al mondo, a Dio, chiamo, chiamo, mi dispero;
    Ahi per me nessuno è pio, tutto è sordo, è muto, è nero.

    Oh signor, tu sei sovrano, la mia bocca or delirava,
    A tua posta vieni e parti; che t'importa s'io t'amava?
    Ma pur se una volta ancora, se un'ora sola, un istante...
    (Eri sì dolce e clemente, eri sì tenero e amante!)
    ... Se, sorridendo di questa tua semplicetta che resta,
    Tanto, lo vedi, soletta, tanto, concedilo, mesta,
    Pria di partir tu volessi un solo istante serrarmi
    Ma tutta, così, ma forte, Dio! sul tuo seno e baciarmi...
    Pietà, pietà, mi dispero!

                               Amore mio, dormi ancor,
    Son stanca, sento mancar pensiero, voce, dolor,
    Ho sonno, sorrido a le ombre d'un sogno, manco, ma in pace.
    Con te?... Su questo tuo letto...? O mio sovrano, ti piace?
    Quanto è potente il mio sposo, quanto serena mi rende,
    Com'è profondo il riposo che dal suo letto mi ascende!
    Lo sguardo mio più non vede, l'orecchio mio più non sente,
    Ne l'ombra lenta del sonno si oscura e perde la mente.



PEREAT ROCHUS


I.

— Bel caso, don Rocco — disse per la quarta volta il professore Marin,
raccogliendo le carte e sorridendo beatamente, mentre il suo vicino di
destra inveiva furioso contro il povero don Rocco. Il professore durò
a perseguitare costui con un risolino a bocca chiusa, con lo sguardo
scintillante di benevola ilarità; poi si volse alla padrona di casa che
dormigliava in un angolo del canapè.

— Un bel caso, contessa Carlotta!

— Ho capito — rispose la signora — e mi parrebbe anche ora di finirla;
non è vero, don Rocco?

— No, don Rocco — riprese il professore, serio. — Se ci pensate bene, è
un caso da congrega.

— Altro che da congrega! — disse il vicino di destra.

Don Rocco, rosso come un papavero, ficcate due dita nella tabacchiera,
taceva a capo chino con un certo suo cipiglio compunto, opponendo alla
tempesta il cranio lucido, guardando sottecchi, fra un batter di ciglia
e l'altro, le carte sciagurate. Quando udì ripetere dal suo temuto
compagno la parola _congrega_, gli parve che le cose volgessero al
faceto, fece un sorrisetto e strinse il tabacco fra le dita.

— Eh, voi ridete! — ripigliò l'implacabile professore. — Non so se
avendo giuocato a _terziglio_, e fatto prendere un cappotto simile al
vostro compagno, possiate celebrare in pace, domattina.

— Eh, posso posso — borbottò don Rocco, aggrottando ancora le ciglia
e levando un poco la sua buona faccia contadinesca. — Fallano tutti,
fallano. Falla anche lui; e anche Lei, forse, qualche volta.

La sua voce pareva il grugnito di una bestia pacifica, tribolata oltre
ogni mansuetudine. Al professore scoppiavano le risa dagli occhi.

— Avete ragione — diss'egli.

Il giuoco era finito, i giuocatori si alzarono.

— Sì — disse il professore con serietà canzonatoria — il caso di
Sigismondo è più complicato.

Don Rocco strinse in un sorriso gli occhietti lucenti, chinando il
capo con un misto incomprensibile di modestia, di compiacenza, di
turbamento, e brontolò:

— Anche quello va a tirar fuori!

— Vedete — soggiunse il professore — che sono informato. Si tratta,
contessa, di un caso che don Rocco deve sciogliere alla prossima
congrega.

— Qui non c'è congreghe — disse la contessa. — Lasci stare.

Ma non era così facile cavare una vittima dalle unghie del professore.

— Non ne parliamo più — diss'egli tranquillamente. — Sentite però, don
Rocco; io non la penso come voi su quel punto. Per me, _pereat mundus_.

Don Rocco fece un cipiglio feroce.

— Io non ho parlato con nessuno — diss'egli.

— Don Rocco, avete chiacchierato, e lo so — riprese il professore. —
Abbia pazienza, contessa, giudichi Lei.

La contessa Carlotta non voleva saperne, ma il professore tirò via
imperturbato a esporre il caso di Sigismondo, come la Curia vescovile
lo aveva proposto.

Un tale Sigismondo, colto da improvviso malore, chiede di confessarsi.
Appena è solo col prete si affretta a dirgli che altri sta per compiere
un omicidio di cui egli fu istigatore. Proferite queste parole perde
la voce e i sensi. Il sacerdote dubita se Sigismondo abbia parlato in
confessione o no, e non può impedire il delitto, non può salvare questa
vita umana in pericolo, se non usando della confidenza ricevuta. Deve
egli farlo, o lasciar uccidere un uomo?

— Don Rocco — conchiuse il professore — vorrebbe che il prete facesse
da carabiniere.

Il povero don Rocco, martoriato nella coscienza dallo scrupolo di
trattare questo argomento in una conversazione profana e dall'ossequio
al suo canzonatore, ecclesiastico di età matura e professore nel
Seminario vescovile di P., si contorceva, masticava delle scuse.

— No... ecco... dico... mi pareva...

— Mi meraviglio che si scusi, don Rocco — disse la signora. — Mi
meraviglio che pigli sul serio gli scherzi del professore.

Questi protestò e strinse con sottili domande i panni addosso a don
Rocco, si mise a spremerne adagio adagio quella miscela d'istinto retto
e d'argomenti storti che aveva in capo, ripulendolo con garbo d'ogni
cattiva ragione e d'ogni buon senso, per lasciargli uno stupore pieno
di contrita umiltà. Ma il giuoco durò poco, perchè la signora congedò
la compagnia col pretesto ch'eran suonate le undici. Trattenne però don
Rocco.

Era la contessa Carlotta che lo aveva scelto, pochi anni prima, a
rettore della chiesa di S. Luca, proprietà della signora stessa. Ella
pigliava con lui un'aria vescovile che il giovane prete, semplice di
spirito quanto umile di cuore, comportava in santa pace.

— Farebbe meglio, caro don Rocco — diss'ella quando rimasero soli — a
occuparsi meno dei casi di Sigismondo e più dei Suoi.

— Perchè? — chiese don Rocco, interdetto. — Non so niente.

— S'intende; lo sa il Comune, ma Lei non sa niente.

Gli occhi della signora soggiunsero chiaramente: povero mammalucco! Don
Rocco tacque.

— Quando torna la Lucia? — chiese lei.

Questa Lucia era la serva di don Rocco ch'egli aveva lasciato andare a
casa per quattro o cinque giorni.

— Domenica — rispose. — Domani sera. — Ah! — esclamò a un tratto
sorridendo assai soddisfatto della propria intelligenza. — Adesso ho
capito, adesso so cosa Lei vuol fare. Niente, non è vero niente.

Aveva finalmente inteso che si trattava di chiacchiere corse in
paese su certi amori della sua serva con un tal Moro, un pessimo
soggetto, pratico da un pezzo della Pretura e del Tribunale, che univa
diabolicamente l'astuzia al malvolere e alla forza. Qualcuno teneva che
non fosse interamente malvagio, che il bisogno, i mali trattamenti d'un
padrone ingiusto lo avessero tratto alla colpa; ma tutti lo temevano.

— Non è vero niente? — replicò la signora. — Allora non so cosa dirà il
paese quando alla serva del prete succederanno delle novità.

Don Rocco diventò di fuoco e fece un cipiglio spaventoso.

— Non è vero niente — diss'egli brusco, risoluto. — La ho interrogata
io stesso appena udite quelle chiacchiere. Son cattiverie della gente.
Non lo vede neanche mai quell'uomo.

— Senta, don Rocco — disse la signora. — Ella è buono, buono, buono. Ma
siccome il mondo non è così, e siccome c'è scandalo, così se Lei non si
risolve a mandar via subito quella creatura, bisogna che mi risolva io
a qualche cosa.

— Farà quello che vuole — rispose il prete, asciutto. — Io debbo
considerare la giustizia, non è vero?

La contessa lo guardò e disse con una certa solennità:

— Va bene. Vuol dire che Lei ci penserà ancora stanotte, e domani mi
darà l'ultima risposta.

E suonò il campanello per far recare una lanterna a don Rocco, essendo
la notte assai oscura. Ma, con sua grande sorpresa, don Rocco ne
estrasse delicatamente una dalla tasca posteriore del soprabito.

— Cosa Le è venuto in mente? — esclamò la signora. — Mi avrà macchiata
la sedia, adesso!

Si alzò malgrado le assicurazioni di don Rocco e, pigliata una delle
candele che ardevano ancora sul tavoliere da giuoco, si chinò a
considerar la sedia in questione.

— A Lei! — disse. — Vi metta il naso. No, macchiata; rovinata!

Don Rocco si chinò anche lui, aggrottò le ciglia sopra una larga
macchia d'unto, un'isola nera nella tela grigia, susurrò gravemente
«oh, sì» e rimase assorto in quella contemplazione.

— Adesso vada — disse la signora. — Quel ch'è fatto è fatto.

Parve infatti ch'egli aspettasse il permesso di alzare il suo naso
posto in penitenza.

— Vado, sì — rispose accendendosi la lanterna — perchè adesso a casa
son solo e ho anche paura d'aver lasciata la porta aperta.

In un batter d'occhio disse «felice notte» e scomparve, senza nemmeno
guardar la signora.

Ella rimase sbalordita.

— Gran villano, mio Dio! — disse.


II.

Era un'umida, nuvolosa notte di novembre. Il piccolo don Rocco
arrancava verso il suo romitaggio di S. Luca a scosse di passi
sgangherati, tutto d'un pezzo, le braccia in parentesi, la schiena in
arco, facendo Dio sa qual cipiglio alla ghiaia della strada maestra.
Ruminava le parole oscure della signora Carlotta, la cui gravità
gli entrava adagino nel cervello grosso. Ruminava pure la prossima
congrega, il _pereat mundus_ e le sottili ragioni, mal capite, del
professore; e anche la spiegazione del Vangelo per l'indomani, che non
era ancora ben pronta. Tutta questa roba gli s'impasticciava qualche
volta insieme nella testa. Non si doveva condannare la innocente Lucia,
_pereat mundus_. La signora Carlotta era quasi una padrona per lui; ma
quell'altro gran padrone? _Nemo potest duobus dominis servire_; così,
fratelli dilettissimi, l'odierno Vangelo.

Aveva anche perduto al _terziglio_, povero don Rocco, come sempre; e
ciò gli tingeva un poco di grigio le idee malgrado la sua proverbiale
trascuranza di ogni interesse mondano. Quel buco nella tasca, quella
goccia continua gli dava pensiero. Non sarebbe stato meglio fare
elemosina?

«C'è di buono» pensava «che mi secco e tutti mi strapazzano. Non giuoco
mica per piacere».

Ecco a sinistra della via uno scuro d'alberi, un ascender lento di
questa oscurità informe a tre grandi cipressi ineguali, neri sul
cielo. Là tra i vecchi cipressi posa la romita chiesetta di San Luca
e, addossato a lei, un piccolo convento, vuoto da cento anni. Il breve
poggetto inghirlandato di viti non porta altre case. Nè dal convento nè
dal prato che regge la chiesetta vegliata dai cipressi si scorge la via
maestra, ma solo altri poggi gai di vigneti, di ville e case campestri,
isole d'un immenso piano che va da colline più lontane alle alpi, e
sfuma a levante nei vapori del mare invisibile. Il semplice cappellano
della signora Carlotta viveva solo nel convento come un sacerdote del
silenzio, contento della magra prebenda, contento di predicare a più
non posso nella sua chiesetta, di esser chiamato il giorno a benedire
i fagiuoli e la notte ad assistere i moribondi, di coltivarsi le viti
con le proprie mani; contento di tutto, insomma; anche della serva,
una brutta zitellona sui quarant'anni, a talento della quale mangiava,
beveva e vestiva rassegnatamente, senza scambiare con essa dieci parole
l'anno.

— Se la mando via — diceva tra sè, passando fra le alte siepi della
stradicciuola che sale dalla via maestra a San Luca — è un danno, è un
disonore per lei. Non posso in coscienza, perchè son sicuro, caspita,
che non è vero niente. Col Moro, poi!

L'orologio del campanile suonò le undici, don Rocco pensò alla predica,
di cui un buon quarto era ancora da scrivere, e traboccò giù in furia
dal prato della chiesa al portone del suo cortile, affondato lì presso,
sotto il campanile, in capo a un viottolo scosceso. Aperse il portello,
attraversò a mezzo il cortile e si fermò su' due piedi. Una fioca luce
usciva dalle finestre del suo salotto, l'antico refettorio dei frati, a
pian terreno.

Don Rocco era uscito alle quattro per andar a parlare con la contessa
Carlotta e non era rientrato più. Non poteva aver dimenticato il
lume acceso. Doveva esser tornata la Lucia, dunque, prima di quel che
aveva promesso; certo, certo. Non affaticò il suo cervello in altre
supposizioni ed entrò in casa.

— Siete voi, Lucia? — diss'egli. Nessuno rispose. Entrò nel vestibolo,
s'affacciò alla cucina, rimase lì, immobile, sulla soglia.

Un uomo stava seduto sotto la cappa del camino con le mani protese
sulle brage. Voltò il viso al prete e disse senza scomporsi:

— Don Rocco, servitor suo.

Al chiarore del fumoso lume a petrolio che ardeva sulla tavola, don
Rocco riconobbe il Moro.

Egli si sentì un certo leggero rammollimento del cuore e delle gambe.
Non si mosse nè rispose.

— Resti servito, don Rocco — riprese il Moro imperturbato, parlando
come se fosse in casa propria. — S'accomodi qui anche Lei, che fa
freddo stasera, fa umido.

— Fa freddo, sì — rispose don Rocco con una forzata benevolenza
nell'accento. — Fa umido.

E posò la lanterna sulla tavola.

— Venga qua — riprese l'altro. — Aspetti che L'accomoderò io. — Andò a
pigliar una sedia e la piantò sul focolare a fianco della propria,

— Ecco — diss'egli.

Intanto don Rocco veniva ripigliando fiato e facendo con un cipiglio
terribile dei faticosi ragionamenti interni.

— Grazie — rispose. — Vado a metter giù il tabarro e torno subito.

— Lo metta giù qui il tabarro — replicò il Moro non senza una certa
fretta, una nuova imperiosità, che piacquero pochissimo a don Rocco.
Egli depose silenziosamente sulla tavola il tabarro e il cappello e
sedette sotto la cappa del camino, a fianco del suo ospite.

— Mi scuserà se ho fatto un po' di fuoco — riprese questi. — È una
buona mezz'ora che son qui. Credevo che Lei fosse in casa a studiare.
Non è sabato, stasera? Avrà bene a dire, domattina, le solite quattro
minchionerie ai villani!

— La spiegazione del Vangelo, vorrete dire — rispose vivamente don
Rocco, che su quel terreno lì non conosceva paura.

— Lei capisce le cose in aria — disse il Moro. — Mi scusi, son villano
anch'io, si parla alla buona, ma con rispetto. Vuol favorirmi una
presa?

Don Rocco gli porse la tabacchiera.

— _Da trozi?_ — fece l'altro con un'occhiata d'intelligenza. _Da trozi_
ossia _da sentieri_ chiamano in quel paese il tabacco che entra di
furto nello Stato.

— No — rispose don Rocco alzandosi. — Forse ne posso avere un poco di
sopra.

— Lasci stare, lasci stare — s'affrettò a dire il Moro. — Qua, qua.

E affondate tre dita nella tabacchiera, vi attinse una libbra di
tabacco e se lo fiutò a piccole riprese, contemplando il fuoco. La
fiamma moribonda gl'illuminava la barba nera, il viso terreo, gli occhi
vivaci, intelligenti.

— Adesso vi sarete riscaldato — s'arrischiò a dire don Rocco dopo un
momento di silenzio. — Potrete andare a casa.

— Hum! — fece l'altro con una spallata. — Avrei qualche affaretto,
prima.

Don Rocco si contorse un poco sulla sedia, battendo forte le palpebre,
con un cipiglio straordinario.

— Dicevo così perchè è tardi — borbottò fra il rustico e il timido. —
Ho appunto a far qualche cosa anch'io.

— La predica, eh? La predica, la predica — ripeteva l'altro,
macchinalmente, guardando il fuoco e pensando. Senta — conchiuse —
facciamo così. Ho visto che in salotto c'è penna, carta e calamaio.
Lei si accomoda lì e scrive le Sue chiacchiere. Io, intanto, se per Sua
buona grazia mi permette, mi prendo un boccone, perchè sono sedici ore
che non assaggio cibo. Quando abbiamo finito si parla.

Don Rocco pareva poco persuaso sulle prime; ma quanto era focoso
nell'eloquenza sacra, altrettanto era impacciato nella profana.
Non seppe che contorcersi e metter qualche sommesso grugnito di
dubbio; dopo di che, l'altro tacendo sempre, si alzò dalla sedia più
stentatamente che se vi si fosse invischiato.

— Vado a vedere — diss'egli — ma ho paura che troverò poco. La serva....

— Lei non s'incomodi — interruppe il Moro. — Lasci fare a me. Vada
a scrivere, Lei. — Saltò giù dal focolare, accese un altro lume e lo
portò nell'attiguo salotto che aveva le finestre a mezzogiorno, verso
il cortile, mentre le finestre della cucina si aprivano a tramontana,
sul lato posteriore del vecchio convento, dov'erano la cantina e il
pozzo. Poi tornò lesto a spiccare, sugli occhi dell'attonito prete, una
chiave appesa nell'angolo più buio della cucina, ne aperse un'armadio a
muro, vi alzò la mano sicura a un formaggio di capra, di cui don Rocco
non sospettava neppure l'esistenza; tolse il pane in una credenza, il
coltello in un cassetto della tavola.

Fu questa la terza o la quarta volta nella vita di don Rocco che il
famoso cipiglio, per alcuni istanti, scomparve. Anche le palpebre
restarono di battere.

— Lei mi guarda, don Rocco — disse il Moro, compiacendosene — perchè
son pratico di casa Sua. Badi a scrivere. Sentirà poi. — Terremo anche
vivo il fuoco — soggiunse, quando il prete, rinvenuto poco a poco dal
suo sbalordimento, passò in salotto.

Prese il soffietto di ferro, una specie di canna da spingarda, ne volse
un capo alle brage e soffiò nell'altro in modo così insolito che ne
uscì un fischio potente. Quindi die' di piglio alla cena.

Che diavolo aveva? Ora divorava, ora levava la faccia e rimaneva lì
trasognato, ora camminava su e giù per la cucina, urtando le sedie e
la tavola. Pareva una bestia prigioniera che ogni tanto leva il muso
dall'osso, ascolta e guarda, lo acciuffa, lo lascia, dà una girata
rabbiosa per la gabbia, torna a sgretolare.

Don Rocco intanto pendeva sul suo scartafaccio, ammirando ancora
ciò che aveva veduto, non sapendo trarne, nel suo candore, alcuna
induzione, ascoltando in pari tempo i passi e i rumori della camera
vicina, con certa torpida inquietudine che somigliava vagamente
alla paura, come la intelligenza dello stesso don Rocco all'ingegno.
_Sentirà poi_ — si diceva. — Cosa ho a sentire? Che sa dove sono i
denari? — Li aveva messi nel cassettone della sua camera da letto,
ma erano in tutto due biglietti da dieci lire, e don Rocco pensò con
soddisfazione che il vino nuovo non era ancora venduto e quei denari là
eran sicuri dalle unghie del Moro.

Violenze non pareva che costui ne minacciasse. — Infin dei conti
andranno venti lire — concluse don Rocco adagiandosi nella sua
filosofica e cristiana noncuranza dell'oro. Abbandonò mentalmente le
venti lire al loro destino e cercò ricondurre i pensieri al sacro testo
«nemo potest duobus dominis servire.» Nello stesso momento gli parve
udire fra i passi affrettati del Moro un gran colpo sordo, più lontano,
come di un uscio che si sfondi; poi il tonfo d'una seggiola rovesciata
in cucina; poi un altro colpo lontano. Il Moro entrò in salotto e
chiuse violentemente l'uscio dietro di sè.

— Don Rocco, son qua — diss'egli, — Ha finito anche Lei?

— Ci siamo — pensò il prete, a cui ogni altra cosa che quella presenza
uscì di mente.

— Finito, no — rispose. — Ma finirò quando sarete andato via. Cosa
volete?

Il Moro prese una seggiola, gli sedette in faccia, incrociò le braccia
sulla tavola.

— Faccio una brutta vita, signore — diss'egli. — Una vita da cane e non
da cristiano.

A don Rocco, per quanto disposto placidamente al peggio, si allargò il
cuore. Egli rispose severo, e con gli occhi bassi:

— Si cambia, figlio, si cambia.

— Son qui apposta, don Rocco — replicò l'altro. — Voglio confessarmi.

— Adesso subito — soggiunse perchè il prete taceva.

Don Rocco battè le palpebre e si contorse alquanto.

— Bene — diss'egli, sempre con gli occhi bassi. — Adesso potremo
parlare, ma per la confessione abbiamo tempo. Per la confessione
potreste ritornare domani. Ci vuole un poco di preparazione. Bisognerà
anche vedere se siete istruito.

Il Moro tirò con tutta placidità e dolcezza tre e quattro cannonate
contro Dio in sacramento, come se recitasse un'_Ave_, per conchiudere
che ne sapeva quanto un chierico.

— Ahi, ahi, vedete, vedete — disse don Rocco contorcendosi più che mai.
— Si comincia male, figlio caro. Volete confessarvi, e bestemmiate.

— Lei non deve guardare a queste piccolezze — rispose il Moro. — Il
Signore Le assicuro io che non ci guarda. È un'abitudine, così, della
lingua. Niente altro.

— Brutte abitudini, brutte abitudini — sentenziò l'accigliato don
Rocco, guardando nel fazzoletto che si teneva sotto il naso a due mani.

— Insomma, mi confesso — insistette colui. — Taccia, taccia, non dica
di no; ne udrà delle belle.

— Adesso no, assolutamente no — protestò don Rocco, alzandosi — Adesso
non siete preparato. Adesso ringrazieremo il Signore e la Madonna che
ci hanno toccato il cuore e poi andrete a casa. Domattina verrete alla
Santa Messa e dopo la Santa Messa staremo ancora insieme.

— Va bene — rispose il Moro. — Faccia pure.

Don Rocco s'inginocchiò a terra presso un canapè e parve attendere,
girando il capo, che colui lo seguisse.

— Faccia faccia — disse il Moro. — Io ho male a un ginocchio e reciterò
le mie orazioni seduto.

— Bene, sedete qui sul sofà, vicino a me che starete meglio,
accompagnate le parole col cuore e tenete gli occhi a quel Crocifisso
là in faccia. Da bravo, preghiamo il Signore e la Madonna che vi
mantengano in queste buone disposizioni onde abbiate la fortuna di fare
una buona confessione. Devoto, da bravo!

Ciò detto, don Rocco incominciò a recitare dei _Pater_ e degli _Ave_,
alzando spesso, devotamente, il suo cipiglio. Il Moro gli rispondeva
seduto sul canapè. Pareva lui il confessore e l'altro il penitente.

Finalmente don Rocco si fece il segno della croce e si alzò.

— Adesso segga qui che mi confesso — disse il Moro come nulla fosse.
Don Rocco gli diè sulla voce. Non erano già intesi che si sarebbe
confessato all'indomani? L'altro faceva il sordo da quest'orecchio,
continuava a battere il suo punto con una placidità ostinata. —
Finiamola — disse a un tratto. — Stia attento che incomincio.

— Vi dico che non è possibile e che non voglio — ribattè don Rocco. —
Andate a casa vostra, vi dico. Io vado a letto, adesso.

S'incamminò subito; ma il Moro lo prevenne, balzò all'uscio, lo chiuse
a chiave e si cacciò la chiave in tasca.

— Nossignore — diss'egli. — Lei non se ne va. Non posso morire stanotte
io? Non basta che il Signore mi soffii su, là, così?

Soffiò sul lumicino a petrolio e lo spense.

— E se vado all'inferno — continuò con voce cupa nelle tenebre — ci
viene anche Lei, sa!

Il povero prete, a quell'improvvisa violenza, a quel buio, perdette la
tramontana, non sapeva più in che mondo si fosse, ripeteva «andiamo,
andiamo!» cercando il canapè a tentoni, urtando l'aria con le palme
distese. Il Moro si accese uno zolfanello sul braccio e don Rocco ebbe
una visione della tavola, delle seggiole, del suo strano penitente
prima che il buio tornasse più nero di prima.

— Ha veduto? — disse colui. — Adesso incomincio; dal peccato più
grosso. Sono quindici anni che non vado a confessarmi, pure il peccato
più grosso è questo, che ho fatto all'amore con quella brutta figura
della Sua serva.

— Corpo di bacco! — fece don Rocco involontariamente.

— Se son pratico della cucina — continuò il Moro — è perchè sarò venuto
qua cinquanta volte, la sera, quando Lei non c'era, a mangiare e bere
con la Lucia. Lei forse si sarà anche trovato a mancare qualche lira...

— Non so niente, no, non so niente, no — borbottò don Rocco.

— Qualcuna di quelle poche lirette del suo cassettone, primo cassetto a
sinistra in fondo.

Don Rocco mise una sommessa esclamazione di sorpresa e di dolore.

— Per me ho finito di rubare — continuò l'altro — ma quella strega Le
porterà via la casa. Brutta donna, don Rocco, brutta donna! Bisogna che
ce ne liberiamo. Si ricorda di quella camicia che Le è mancata l'anno
scorso? l'ho addosso io e me l'ha data lei. Restituirla non posso,
perchè...

— Non fa niente, andate là, non fa niente — interruppe don Rocco. — Ve
la dono.

— Ci sarà poi anche qualche bicchiere di vino, ma non l'ho bevuto tutto
io. E poi c'è la tabacchiera d'argento con Pio IX.

— Corpo di bacco! — esclamò don Rocco che credeva avere nel cassettone
questa preziosa tabacchiera regalatagli da un vecchio collega. — Anche
quella?

— Bevuta, sì signore. Bevuta in quindici giorni. Non si riscaldi che
siamo in confessione.

— Cosa c'è?

Un colpo sul portone del cortile. Un gran pugno o una sassata.

— Malviventi — disse il Moro. — Bricconi che girano la notte. — O
qualche malato, forse. Adesso vado io a vedere.

— Sì, sì — fece don Rocco in fretta.

— Vado e tornerò domani — continuò quegli — perchè vedo che Lei già non
ha voglia di confessarmi, stanotte.

Trasse gli zolfanelli e riaccese il lume dicendo:

— Senta, don Rocco. Voglio fare il galantuomo, lavorare; ma dovrò
cambiar paese, e i primi giorni, come si mangia? Mi capisce.

Don Rocco si grattò la nuca.

— Domattina venite, già — diss'egli.

— S'intende! Ma avrei anche qualche debituccio qui, e andando in giro
di giorno vorrei mostrare la mia faccia senza riguardo a nessuno.

— Bene — fece don Rocco, molto accigliato ma con accento benevolo. —
Aspettate.

Prese il lume, uscì dal salotto, e ritornò subito con un biglietto da
dieci lire.

— A voi — diss'egli.

Colui ringraziò e partì, accompagnato col lume fino a mezzo il cortile
da don Rocco, che aspettò lì fino a quando l'altro, uscito dal portone,
gli ebbe gridato che non c'era nessuno. Allora andò a chiudere e
rientrò in casa.

Non potè coricarsi subito. Era troppo agitato. — Corpo di bacco! —
ripeteva fra sè. — Corpo di bacco! — Non avrebbe mai saputo immaginare
un caso tanto straordinario, e toccava proprio a lui. Si sentiva
un testone enorme come quando giuocava a tresette e non capiva il
giuoco e tutti lo strapazzavano. Che caos ci aveva dentro di bene
e di male, di amarezza e di consolazione! Quanto più la cosa gli
pareva straordinaria, con tanto maggior fede, con tanto più trepida
riverenza la riferiva alla mano di Dio. A ripensare il suo affacciarsi
alla cucina e quell'uomo seduto al focolare, la memoria gli metteva
uno sgomento più forte di quello recatogli dalla realtà; e subito vi
sottentrava un'ammirazione mistica per le arcane vie del Signore. Certo
la colpa della Lucia era amara, ma come si vedeva chiaro il disegno
della Provvidenza! Condurre l'uomo in casa del prete; per il peccato,
alla grazia. Che gran dono gli aveva fatto Iddio, a lui, l'ultimo dei
preti della parrocchia, uno degli ultimi della diocesi! Un'anima così
perduta, così indurata nel male! Gli venne scrupolo d'essersi lasciato
rincrescer troppo l'inganno della serva, la perdita della tabacchiera.
Inginocchiato al suo letto, recitò, battendo a furia le palpebre,
una interminabile serie di _Pater, Ave, Gloria_, pregò il Signore, S.
Luca e S. Rocco che lo aiutassero a diriger bene quella conversazione,
ancora immatura. Caspita, venire a confessarsi con una fila di moccoli
e accusare più gli altri che sè? A don Rocco il cuore del Moro si
rappresentò con una similitudine di cui si compiacque, tanto gli parve
nuova ed evidente. Un frutto sano con una prima punta di putrefazione;
ma tutto questo a rovescio.

Quando fu a letto e coricato sul fianco per dormire, gli venne in mente
che all'indomani sarebbe arrivata la Lucia. Questo pensiero gliene
suggerì subito un altro. Si voltò di colpo a giacer supino.

Si trattava in fatti d'un problema grave. Aveva il Moro parlato della
Lucia in confessione o no? Don Rocco si ricordò di non aver fatto
osservazione alcuna quando colui, spento il lume, aveva dichiarato di
volersi confessare, nè poi quando gli aveva detto: «non si riscaldi
che siamo in confessione.» Dunque vi era per lo meno un dubbio grave
che si trattasse di vera confessione; e se il penitente l'aveva poi
interrotta, ciò non poteva togliere affatto il carattere sacramentale,
posto che vi fosse stato; e allora? La Lucia? La risposta alla signora
Carlotta? Corpo di bacco! Pareva il caso di Sigismondo. Don Rocco fece
alle travi un cipiglio formidabile.

Si ricordava il _pereat mundus_ e gli argomenti di quell'arca di
scienza, di quella cima d'uomo del professore. La Lucia non si poteva
ora mandar via. Le parole oscure della signora Carlotta gli entrarono
finalmente del tutto nel cervello. Doveva andarsene lui: _pereat
Rochus_.

Le ore suonarono all'orologio del campanile. Gli era cara, nella notte,
la voce dell'orologio. Il suo ruvido cuore si rammollì un poco e Satana
colse il destro di fargli vedere la devota chiesuola con i cipressi
attorno, sua, tutta sua, e un certo caro fico sotto il campanile; di
fargli sentire la dolcezza delle celle santificate da tante antiche
anime pie, la dolcezza di vivere in quella nicchia quieta di S. Luca,
così bene adatta all'umile persona di lui, esercitando il ministero
dell'opera e della parola senza brighe mondane, senza responsabilità
di anime. Satana gli mostrò pure la difficoltà di trovare un discreto
collocamento, gli ricordò i bisogni del vecchio padre, della sorella,
poveri contadini, l'uno ormai troppo vecchio e l'altra troppo
infermiccia per poter lavorare e guadagnarsi il vitto. Finalmente
Satana si fece casista e cercò dimostrargli che senza tradire il
segreto, si poteva congedar la serva con un pretesto o anche senza; ma
a questo suggerimento di approfittare della confessione, don Rocco fece
un cipiglio così spaventevole che il diavolo scappò senz'altro. Tenersi
la Lucia dunque, e lasciare che ci pensasse lei a mettersi d'accordo
col sacro testo: _nemo potest duobus dominis servire_. Guardate un po'
come le sante parole venivano a capello! Don Rocco si studiò di cucire
mentalmente insieme gli ultimi periodi del sermone. Era un'impresa
troppo faticosa per lui. Ci sarebbe tuttavia riuscito, ma in un
passaggio di grande difficoltà cadde addormentato.


III.

Dormì poco e s'alzò all'alba. Prima di scendere si affacciò alla
finestra per guardare il tempo. Nel ritirarsi gli cadde sott'occhio
l'uscio della cantina. Era aperto.

Don Rocco discese ed entrò in cantina. Ne uscì subito con una faccia
straordinaria. Il vino non c'era più. Nè vino nè botte. C'era invece,
lì fuori, una traccia fresca di ruote.

Don Rocco la seguì fino alla strada maestra. Là si perdeva. Non ne
restava che un breve arco dall'orlo al mezzo della via, al labirinto
di tutte le altre rotaie. Don Rocco non pensò lì per lì d'andare in
cerca di qualche autorità per denunciare il fatto. Le idee gli venivano
adagio adagio; e forse questa non poteva arrivare prima di mezzogiorno.

Tornò invece, meditabondo, a S. Luca. — Quei colpi! — diss'egli fra sè
— quella sassata! Per fortuna il Moro era con me, allora; altrimenti
si sarebbe sospettato di lui. — Ritornò alla porta della cantina, ne
considerò minutamente l'uscio sconquassato, contemplò il posto della
botte e, grattatasi alquanto la nuca, se n'andò in chiesa a dire un po'
d'uffizio.


IV.

A Messa c'era folla. E prima e poi si fece un gran parlare del furto.
Tutti vollero vedere la cantina vuota, l'uscio malconcio, la traccia
delle ruote.

Due bottiglie sfuggite ai ladri scomparvero nelle tasche di un fedele.
Non si capiva come il prete non si fosse accorto di nulla; poichè lui
asseverava, senz'altre spiegazioni, non avere inteso nulla. Le donne
lo compiangevano, ma gli uomini, per lo più, ammiravano il colpo e
ridevano del povero prete che aveva il torto grave di essere astemio,
di non saper stringer con la gente quella fraterna dimestichezza del
bicchieretto vuotato assieme.

Ridevano, specialmente durante la predica, per il cupo cipiglio che
volevano attribuire al vuoto della cantina.

Del Moro nessuno parlò, ed egli stesso non comparve in S. Luca nè
alla Messa nè poi, onde il povero don Rocco era pieno di scrupoli e
di rimorsi, temeva di non essersi saputo regolare a dovere. Vennero
invece, sul tardi, i carabinieri, esaminarono tutto, interrogarono
il prete. Non aveva sospetti? Nessuno. Vollero sapere ove dormiva.
Come mai non aveva udito? Ma! non lo sapeva nemmeno lui; aveva avuto
persone in casa. A che ora? Tra le undici e il tocco, circa. Uno dei
carabinieri, sorrise malignamente, ma don Rocco, innocente come un
bambino, non se ne avvide affatto. L'altro domandò, se non avrebbe
sospettato di un certo Moro, sapendo, come loro sapevano, che poco
prima delle undici era stato veduto salire a S. Luca. Allora don Rocco
s'infervorò a protestarsi certo dell'innocenza di colui, e, incalzato
un poco di domande, mise fuori la sua gran ragione: era appunto il Moro
che l'aveva visitato a quell'ora, per affari suoi. — Forse non erano
gli affari che Lei ha creduto — disse il carabiniere. — Se sapesse cosa
penso io! — Don Rocco non lo sapeva e non cercò neanche, nella sua
umile placidità, di saperlo. Non s'impacciava mai, lui, dei pensieri
degli altri. Gli bastava la fatica di vederci un po' chiaro nei propri.
Coloro gli fecero ancora alquante domande e se n'andarono portando seco
l'unico oggetto trovato in cantina, un cavaturaccioli che lo scrupoloso
don Rocco non volle affermare, per difetto di sicura memoria, che gli
appartenesse, benchè lo avesse pagato al suo predecessore il doppio
del giusto. Adesso la sua cantina e la sua coscienza erano egualmente
pulite.

Verso l'imbrunire di quel giorno don Rocco leggeva l'uffizio
passeggiando su e giù nel cortile per fare un po' di moto senza
dilungarsi da casa. Chi sa? Forse poteva ancora venire, colui. Ogni
tanto don Rocco si fermava e tendeva l'orecchio. Non udiva che voci
di carrettieri giù nella pianura, rumori di ruote, abbaiar di cani.
Finalmente ecco un passo nella stradicciuola che scende fra i cipressi;
un passo tardo ma non pesante, un passo signorile con un certo strider
sommesso di scarpe ecclesiastiche, un passo che ha il suo recondito
significato, che esprime, a chi lo sa intendere, uno scopo non urgente
ma grave.

Il portello si aperse e don Rocco, fermo in mezzo al cortile, vide
comparire il fine viso ironico del professor Marin.

Il professore, veduto don Rocco, si piantò sulle gambe aperte, e,
giunte le mani dietro alla schiena, si diede a dondolar silenziosamente
il capo e le spalle a destra e a sinistra sorridendo con un misto
indescrivibile di condoglianza e di canzonatura. Il povero don Rocco lo
guardava anche lui, taceva anche lui, sorrideva ossequiosamente, rosso
come un pomodoro.

— Tutto, ohe? — disse finalmente il professore, interrompendo la sua
mimica e facendosi serio.

— Tutto — rispose don Rocco, sepolcrale. — Non ne han lasciato un sorso.

— Corpo! — esclamò l'altro, soffocando una risata; e si fece avanti.

— Niente niente, sapete, figlio — diss'egli con improvvisa bonarietà, —
Datemene una presa. — Niente — proseguì, fiutato il tabacco. — Cose che
si accomodano. La signora Carlotta ne ha fatto tanto del vino, che per
lei già, io dico, botte più, botte meno... Mi capite! Una buona donna,
figlio, la signora Carlotta; una buona donna.

— Eh buona, buona — brontolò don Rocco guardando nella tabacchiera.

— Siete fortunato, voi, caro — riprese Marin battendogli sulla spalla.
— State da papa qui.

— Mi contento, mi contento — fece don Rocco sorridendo e spianando per
un momento le ciglia. Era lieto di udir questo linguaggio da un intimo
della signora Carlotta.

Il professore si guardò attorno con una faccia ammirativa, come se
vedesse il luogo per la prima volta.

— Un paradiso! — diss'egli, girando gli occhi per le mura sudicie
del cortile. Li levò alla ficaia pittorescamente acquattata sotto il
campanile, nell'alto angolo fra il portone e il vecchio convento.

— Solo per quel fico! — soggiunse. — Non è bello? Non dice la poesia
d'un mezzogiorno d'inverno, tepido, quieto? È una parola di dolcezza,
d'innocenza lieta, che tempera la severità delle mura sante. Bello!

Don Rocco guardava il suo fico come se lo vedesse per la prima volta.
Gli voleva bene, ma non ne aveva mai sospettate tante qualità.

— Fa i fichi piccoli — diss'egli con la voce d'un padre che ode lodare
il figlio presente, ne gode, e dice qualche parola ruvida perchè quegli
non invanisca, per nascondere la propria commozione. Poi invitò il
professore a restar servito in casa.

— No, no, caro — rispose il professore, ridendo silenziosamente
dell'uscita sui fichi piccoli. — Facciamo due passi, è meglio.

Attraversarono il cortile adagio adagio, uscirono nel vigneto che
accavalla i suoi festoni a' due declivii del poggio, e presero la
facile salita erbosa fra un declivio e l'altro.

— Una delizia — disse il professore. Fra l'immenso cielo freddo e
l'umide ombre del piano l'ultima luce moriva dolcemente sull'erbe
grigie della collina, sulle viti rubiconde, sciolte nel riposo. L'aria
era tiepida e immobile.

— Tutto vostro, qui? — chiese il professore.

Don Rocco, fosse umiltà, fosse apprensione di un imminente avvenire,
tacque.

— Sappiateci stare, figliuolo — continuò l'altro. — Io so, conosco,
credetemi; di posti beati come questo non ve n'ha un altro in tutta la
diocesi.

— Eh, per me!... — fece don Rocco.

Il professore Marin si fermò.

— A proposito! — diss'egli. — La contessa Carlotta mi ha parlato. Caro
don Rocco, dico! Spero bene che non faremo sciocchezze, eh!

Don Rocco si guardava trucemente i piedi.

— Diamine! — prosegui l'altro. — Qualche volta è un tomo la Carlotta,
ma stavolta, figliuolo caro, ha ragione. Sapete che io parlo schietto.
Voi siete solo a non conoscerle queste cose. Uno scandalo, figliuolo.
Tutto il paese che grida.

— Non ho mai udito, non ho — borbottò don Rocco.

— Ma ve lo dico io! E la contessa ve l'ha detto più d'una volta.

— Saprà cosa le ho risposto iersera?

— Delle belle minchionerie, avete risposto.

A questa legnata don Rocco si scosse un poco, abbaiò ruvidamente,
tenendo gli occhi bassi, le proprie difese.

— Ho risposto secondo la mia convinzione, oh bella! e adesso non posso
cambiare.

Egli era umile di cuore; ma qui si trattava di giustizia e di verità.
Parlare secondo la verità, secondo quello che si crede la verità, è un
dovere; dunque, perchè lo tribolavano?

— Non potete cambiare? — fece il professore, piegandosegli addosso e
ficcandogli in viso due occhi stralunati. — Non potete cambiare?

Don Rocco tacque.

L'altro si drizzò e si ripose in cammino.

— Va bene — diss'egli con ostentata pacatezza. — Padrone.

Si voltò improvvisamente a don Rocco che lo seguiva mogio mogio.

— Per bacco — esclamò con dispetto — credete proprio avere in casa uno
stinco di santa? Non tenete conto, voi, delle chiacchiere che si fanno,
dello scandalo? Andar contro il paese, andar contro chi vi mantiene,
andar contro il vostro bene, contro la Provvidenza, per quel bel tipo?
Davvero che se non vi conoscessi, caro don Rocco, non so cosa penserei.

Don Rocco, si contorceva, batteva furiosamente le palpebre, come se
lottasse con angosce segrete, con parole affannose che gli volessero
uscire suo malgrado.

— Non posso cambiare, ecco — diss'egli a conclusione delle smorfie. —
Non posso.

— Ma perchè, in nome del cielo?

— Perchè non posso in coscienza.

Don Rocco alzò finalmente gli occhi. — Ho già detto alla signora che
contro la giustizia non posso andare.

— Che giustizia? La vostra è orba, caro. Orba, sorda e zuccona. E se
avete detto una corbelleria ieri, volete ripeterla anche oggi? E se
non credete quel che si dice della Lucia, mancano ragioni di mandar
via una serva? Mandatela via perchè non vi leva l'unto del soprabito,
perchè non vi rattoppa le calze, che so io! Mandatela via perchè vi fa
i maccheroni senza sugo e la zucca senza sale.

— La ragione sarebbe sempre quell'altra — rispose don Rocco, cupo.

Neanche il professore Marin potea facilmente rispondere a un argomento
come questo. Potè solo brontolar fra i denti: — che testardo, Maria!

Arrivarono ai pochi cipressi rachitici che coronano il dorso del poggio
in faccia ad un valloncello, a un altro poggio più alto. Là sostarono
ancora; e il professore che aveva caro don Rocco per la sua semplice
bontà e anche un poco per il vario soggetto che gli forniva di amabili
celie, se lo fece sedere a fianco sull'erba, tentò un ultimo assalto,
cercò ogni via di strappargli le ragioni per cui durava tanto a credere
nell'innocenza della Lucia. Non ci fu verso che venisse a capo di
nulla. Don Rocco si riferiva sempre al discorso tenuto la sera prima
con la signora Carlotta, ripeteva di non poterlo mutare.

— Allora, addio S. Luca, figliuolo — disse, rassegnato, Marin.

Don Rocco battè molto le palpebre ma non fiatò.

— La contessa Carlotta vi aspettava oggi — disse il professore — e voi
non ci siete andato. Così ha dato a me l'incarico di dirvi che, se non
consentite subito a licenziar la Lucia per il primo dicembre, siete in
libertà per l'anno nuovo e anche prima se volete.

— Non potrò partire prima di Natale — disse don Rocco timidamente. — Il
parroco ha sempre bisogno d'aiuto in quel tempo.

Il professore sorrise.

— Cosa credete? — diss'egli. — Che la signora Carlotta non abbia un
prete bello e pronto? Pensateci che siete ancora in tempo.

Don Rocco si raccolse in sè stesso. Di rado gli accadde far un
ragionamento così rapido. Posto che questa donna era causa di scandalo
nel paese, che la signora aveva sotto la mano un altro prete, il
partito da prendere era ovvio.

— Allora — rispose — partirò il più presto possibile. Mio padre e mia
sorella dovevano venire a trovarmi uno di questi giorni. Così invece
andrò io da loro.

C'era nel suo cuore anche l'idea di portar questa donna via del paese.
I suoi non avevano bisogno di serva, ed egli, tardando a collocarsi,
non avrebbe potuto mantenerla. Ma certe idee ragionevoli, certe
necessità delle cose non gli arrivavano mai al cuore e assai tardi alla
testa, cui allora don Rocco si percoteva subito davanti o si grattava
di dietro, come se ne avesse molestia.

Nel discendere a S. Luca il professore raccontò che i carabinieri erano
in cerca del Moro, sospettato complice di una recente grassazione,
alcuni autori della quale erano caduti, quella mattina stessa, in mano
della giustizia. Don Rocco udì la cosa non senza soddisfazione; si
spiegava ora perchè non fosse venuto.

— Chi sa — si arrischiò a dire — che sia andato via, che non ritorni
più. Allora ecco che finiscono anche queste chiacchiere. Non Le pare?

— Si, caro — rispose il professore intendendo la mira del discorso — ma
voi conoscete la signora Carlotta. Oramai, che il Moro vadi o resti per
lei non rileva. Bisogna licenziare la Lucia.

Don Rocco non parlò più e il professore nemmeno. Il primo accompagnò
l'altro fino ai cipressi della chiesa, si fermò a guardargli dietro
fino a che scomparve in fondo alla stradicciuola e tornò sospirando a
casa.

Più tardi, mentre, curvo sotto il ferraiuolo, attraversava col lume
in mano il corridoio che mette al coro di S. Luca, gli si affacciò
con violenza il dubbio della notte precedente. Era proprio stata
confessione? Si fermò nell'ombra del corridoio deserto, guardando
il lume, lasciando per un momento salire i dolci pensieri tentatori
nello spirito inerte. Pigliar un pretesto, licenziar la donna, vivere
e morire in pace nel suo S. Luca. A un tratto il cuore incominciò a
battergli forte. Eran pensieri che venivan dal diavolo! Come forse
nel tempo antico aveva fatto in quello stesso luogo qualche frate
tormentato dalle calde visioni notturne dell'amore e del piacere, don
Rocco si fece in furia il segno della santa Croce, s'affrettò al coro e
s'immerse nella lettura devota del breviario.


V.

Dieci giorni dopo, alla stessa ora, don Rocco stava in preghiere
davanti all'altare della Madonna, sotto il pulpito.

Era alla vigilia di lasciare S. Luca per sempre. S'era accordato con la
signora Carlotta di fingere un'assenza breve, una visita di quindici
giorni al suo vecchio padre; di scrivere quindi che, per circostanze
di famiglia non sarebbe più ritornato. Era poi successo questo, che
il povero vecchio contadino prima di sapere la novità, aveva scritto
chiedendo soccorsi; e don Rocco aveva dovuto vendere qualche po' di
mobili tanto da risparmiar la spesa del trasporto e da non arrivare a
casa a mani vuote. Ci andava con il proposito di starvi il minor tempo
possibile, di andar cappellano dovunque piacesse alla Curia, cui si era
raccomandato.

Nè del vino nè dei ladri si sapeva ancora notizie certe: ma si parlava
di sospetti a carico di un'ostessa, di una nuova favorita del Moro, la
quale avrebbe ricettato il vino. Del Moro si diceva da alcuni che fosse
fuggito, da altri che stesse nascosto. Pareva che i carabinieri fossero
di questa seconda opinione. Andavano e venivano, frugavano dappertutto,
sempre inutilmente.

La Lucia era tornata e aveva tenuto per qualche giorno un contegno
insolito e strano. Trascurava il servizio, era aspra col padrone,
piangeva senza motivo apparente. Una sera uscì dicendo di voler andare
alla parrocchia per le sue devozioni. Alle nove don Rocco, vedendo
che non tornava, se ne andò filosoficamente a letto e non seppe mai a
che ora avesse rincasato. Si rallegrò bensì il giorno dopo del felice
mutamento operato in lei dagli atti religiosi, perchè non pareva più
quella, era tranquilla, attenta, premurosa, parlava con soddisfazione
della prossima partenza, del collocamento che don Rocco si riprometteva
trovarle presso certo arciprete, suo conoscente; una promozione. Aveva
poi degli ardori ascetici affatto nuovi. Quando don Rocco si coricava,
lei andava in chiesa, vi passava ore ed ore.

E adesso, dunque, don Rocco aveva presa l'ultima cena nel refettorio
dei frati, leggeva il breviario per l'ultima volta nella chiesetta di
S. Luca, rustica, semplice e devota come lui, dal pavimento alle travi
nere del soffitto. Aveva il cuore pesante, povero prete. Partire così
dal suo nido, senza onore! Portare umiliazione e amarezza a suo padre
e a sua sorella, di cui era tutta la speranza, tutto l'orgoglio! Aveva
ben ragione di fare il cipiglio al breviario.

Quand'ebbe finito di leggere, sedette sul banco. Penava a staccarsi
dalla sua chiesa. Era l'ultima sera! stava lì con l'occhio immobile,
battendo regolarmente le palpebre, accasciato, cupo come una bestia
atterrata che aspetta la scure. Avea passato alcune ore del pomeriggio
intorno alle sue viti, a quelle piantate tre anni addietro, che gli
avean già dato il primo frutto. I grandi cipressi, la splendida veduta
del piano e degli altri colli non gli movevano un solo sogno; il
suo cuore di contadino s'inteneriva per le belle viti, per i solchi
fertili. Aveva preso, arrossendo e vergognandosi, un tralcio di vite
e una pannocchia di granoturco per portarseli via come ricordi. Era
la sua poesia. Della chiesa non poteva portar via niente. Vi lasciava
invece il cuore un po' dappertutto; sull'altare delle sue prime
spiegazioni del Vangelo, sulla pala antica che gl'ispirava devozione
nel dir la messa, sulla bella Madonna cui era stato rialzato il manto
intorno al collo per la sua pudibonda intromissione, sulla tomba d'un
vescovo a cui due secoli prima la pace di S. Luca era parsa migliore
che gli splendori mondani. Chi sa se avrebbe mai più avuto una chiesa
così sua, esclusivamente sua? Non poteva levarsi, si sentiva uno
struggimento interno di cui non aveva mai avuto l'idea. Batteva,
batteva le palpebre come se battesse via faticose lagrime. In fatto non
piangeva ma i suoi occhietti luccicavano più del solito.

Alle nove e mezzo entrò in chiesa, dal coro, la Lucia, a veder del
padrone. — Vengo subito, vengo subito, andate là — rispose don Rocco.

Egli si credeva solo in chiesa ma rovesciando il capo all'indietro
avrebbe potuto vedere qualche cosa di straordinario. Adagio adagio una
testa umana si affacciò al pulpito nella fioca luce del lume a petrolio
e guardò giù il prete. Erano gli occhi diabolici del Moro in una faccia
ecclesiastica tutta rasa. La testa si venne alzando nell'ombra, due
lunghe braccia levarono in aria un violento gesto d'impazienza. Nello
stesso punto don Rocco ripetè alla donna esitante; andate là, andate
là, vengo subito.

Ella uscì.

Allora il prete si alzò del banco e salì all'altar maggiore. La figura
umana del pulpito ridiscese, si nascose rapidamente.

Don Rocco si voltò, stando _in cornu epistolae_, ai banchi vuoti, se li
figurò pieni di popolo, del suo popolo d'ogni domenica, e uno spirito
di eloquenza entrò in lui.

— Vi benedico tutti — diss'egli, forte. — Vorrei che foste presenti, ma
non posso, perchè non si deve saper niente. Vi benedico tutti e scusate
se ho mancato. _Gloria Dei cum omnibus vobis._

La tentazione fu, per qualcuno, troppo forte. Una voce cavernosa
risuonò nella chiesa vuota.

— _Amen._

Don Rocco rimase senza fiato, con le mani in aria.

— Si sbrighi — disse la serva, tornando. — Non si ricorda che deve
lasciarmi fuori il pastrano e gli abiti?

Il povero don Rocco si trovava assai male in arnese, portava addosso
_omnia bona sua_, e c'era da cucire, da smacchiare alquanto, diceva
la Lucia, per poter mettersi in viaggio l'indomani mattina. Don Rocco
discese dall'altare senza rispondere e fece il giro della chiesa,
porgendo il lume fra i banchi e i confessionali.

— Cosa c'è? Cosa cerca? — chiedeva ansiosamente la serva venendogli
dietro. Don Rocco non rispose per un pezzo.

— Ho fatto due parole di preghiera — diss'egli finalmente — e ho udito
rispondere «Amen».

— Avrà creduto — replicò la Lucia. — Si sarà immaginato.

— No no — fece don Rocco. — Ho proprio udito dire _Amen_. Pareva una
voce che venisse di sotterra. Un vocione grosso. Non pareva un uomo.
Pareva un bue, come.

— Sarà stato il vescovo — suggerì la donna. — Non c'è sepolto un
vescovo, qui? Si sono udite ancora di queste cose.

Don Rocco tacque. Nella sua semplicità, nella sua innata disposizione
alla fede, egli era inclinato a credere volentieri ogni cosa
sovrannaturale, specialmente se si collegasse con l'idea religiosa. Più
eran grosse, più faceva, in segno di riverenza, scuro il cipiglio, e
beveva divotamente.

— Adesso andiamo — ripigliò l'altra. — È tardi, sa, e ho a lavorare un
pezzo.

— Recitiamo almeno un _Pater, Ave, Gloria_ a S. Luca — disse don Rocco.
— È l'ultima sera che faccio orazione qui. Bisogna lasciar un saluto.

Aveva detto: un _Pater, Ave, Gloria_; ma ne infilzò almeno una
dozzina, trovando altrettante ragioni di salutare altri santi e sante
di sua particolare conoscenza. Chi doveva fornire ai due devoti la
salute eterna, chi la salute temporale, chi la grazia di vincere le
tentazioni, chi un collocamento ragionevole, chi una buona morte e chi
un buon viaggio. L'ultimo _Pater_ fu recitato da don Rocco con singolar
fervore, per la conversione piena di un'anima peccatrice. Se il prete
fosse stato meno assorto nei suoi _Pater_, avrebbe forse potuto udire,
dopo il quarto o il quinto, qualche sommessa giaculatoria di quel tal
vescovo umorista dell'_Amen_. Ma egli udì solo la Lucia rispondergli
con molta compunzione e ne fu tocco nel cuore.

Pochi minuti dopo meditava ancora, al buio, nel povero lettuccio della
sua cella, sul contegno della Lucia, sul suo turbamento dei primi
giorni quando certo una grossa battaglia si combatteva nell'animo
di lei, sui salutari, evidenti effetti della grazia divina che aveva
cercato nei sacramenti. Meditò anche sull'atto del Moro, sul raggio
balenato in quella coscienza tenebrosa, foriero, se non altro, di una
luce migliore e durevole. E vide nella sua mistica immaginazione, le
fila della Provvidenza che lo compensava di un sagrificio sostenuto
per il dovere. Era una beatitudine di pensare a questo, di sapere
che perdeva tutte le sue poche comodità terrene per un premio così.
Offerse anche il dolore di suo padre e di sua sorella, l'umiliazione
sua propria, le strettezze in cui si sarebbe trovato. Vedeva in faccia
al letto, per la finestra, il vago, lontano chiarore del cielo, sua
speranza, suo fine. Gli si chiusero a poco a poco gli occhi, in una
soave sensazione di fiducia e di pace. Si addormentò profondamente.


VI.

Non era ancora ben desto quando l'orologio di S. Luca suonò le sette e
mezzo. Subito dopo suonarono anche le campane poichè don Rocco aveva,
il giorno innanzi, avvertito il ragazzo solito a servirgli la messa,
che l'avrebbe detta verso le otto. Balzò dal letto e andò a prendersi
gli abiti che la Lucia gli doveva aver posti fuori dell'uscio.
Niente. Chiamò una, due, tre volte. Nessuno rispose. Tornò perplesso
in stanza e chiamò dalla finestra: Lucia! Lucia! Silenzio perfetto.
Finalmente comparve il piccolo sagrestano. Non aveva veduto la Lucia.
Era venuto a prender le chiavi della chiesa, aveva trovato aperto
il portello del cortile, aperto l'uscio di casa; nessuno in cucina,
nessuno in salotto. Non rinvenendo le chiavi era entrato in chiesa per
il corridoio interno. Don Rocco lo mandò in salotto a pigliargli gli
abiti, poichè era lì che la Lucia soleva lavorare di sera. Il ragazzo
tornò a riferire che non c'erano abiti. Come non ci sono abiti? Don
Rocco gli ordina di far la guardia davanti all'uscio di casa e scende a
cercarli egli stesso, in camicia. A mezza scala si ferma e fiuta. Che
abbominevole odor di pipa è questo? Don Rocco, molto buio in fronte,
procede. Va diritto in salotto, cerca, fruga; niente. Torna in cucina
con un certo battito di cuore. Puzzo orrendo, ma niente abiti. Sì,
sotto la tavola v'è un mucchietto di roba sucida; una giacca, un paio
di calzoni, un cappello da contadino. Don Rocco raccoglie, spiega,
esamina col cipiglio più minaccioso. Gli pare averla veduta ancora,
quella roba. Il suo cervello non capisce ancora niente ma il cuore
comincia a capire e batte più forte di prima. Egli si prende il mento e
le guancie con la sinistra, stringe, stringe, cerca spremersi fuori il
dove, il come, il quando. Ed ecco che gli occhi suoi fermi sulla parete
si accorgono finalmente di qualche cosa che il giorno prima non v'era.
Vi stava scritto col carbone, a destra: «Tanti saluti». E a sinistra:

    «Buono il vino
    Buona la serva
    Buono il gabano
    E buono don Rocho».

Lesse, si recò la mano alla nuca, rilesse, gli parve di smarrir la
vista, sentì un freddo, un torpore diffonderglisi dal petto a tutta la
persona. Qualcuno gridò nel cortile: «dov'è questo don Rocco?». Egli
risalì a fatica nella sua camera, si ripose a letto senza quasi sapere
che si facesse, senza pensiero, quasi, nè senso.

Abbasso lo cercavano, lo chiamavano. C'era il professore Marin e poche
altre persone, venute per la messa. Nessuno capiva come la porta della
chiesa fosse tuttavia chiusa. Il professore entrò in casa, chiamò la
Lucia, chiamò don Rocco senza che anima viva gli rispondesse. Capitò
finalmente in camera del prete e si fermò sulla soglia, sbalordito di
vederlo a letto.

— Ohe! — diss'egli. — Don Rocco! A letto? E la messa?

— Non posso — rispose sotto voce don Rocco, supino, immobile come una
mummia.

— Ma cosa? — replicò l'altro accostandosi al letto con sincero
sgomento. — Che avete?

Quel viso turbato, quell'accento affettuoso ammollirono al povero don
Rocco il cuore pietrificato dal dolore e dalla sorpresa. Stravolta
dalle palpebre inquiete spicciarono due vere lagrime. La bocca serrata
si torceva, tremava, ma resisteva ancora. Vedendo che non rispondeva
parola, il professore corse alla scala, gridò giù d'andar a chiamare il
medico.

— No, no — si sforzò a dire don Rocco, senza muoversi. La voce era
soffocata dai singhiozzi. Lo udì solo il professore tornando a letto.

— No? — diss'egli. — Ma cos'avete, dunque? Parlate!

Intanto tre donnicciuole e un vecchio accattone ch'eran venuti per
udire la messa, entrarono spaventati in camera circondando il letto,
interrogando don Rocco alla loro volta. Egli taceva come il santo
Giobbe, cercando padroneggiarsi. Forse la seccatura di tutte quelle
faccie curiose, pendenti sopra la sua, lo aiutò.

— Andate — diss'egli, finalmente, agli ultimi venuti. — Non occorre
medico, non occorre niente, andate!

Le quattro faccie si ritirarono alquanto, ma guardandolo sempre fisso
con una espressione forse di accresciuto sgomento.

— Andate, vi dico! — replicò don Rocco.

Uscirono piano e si fermarono fuori ad origliare, a spiare.

— Dunque? — fece il professore. — Cosa vi sentite?

— Niente.

— E perchè state a letto, allora?

Don Rocco si voltò con la faccia al muro. Le lagrime tornavano, adesso.
Non poteva parlare.

— Ma in nome del cielo — insistè il professore — cosa c'è?

— Mi passa, mi passa — singhiozzò don Rocco.

Il professore non sapeva che fare nè che pensare. Gli chiese se volesse
acqua e il vecchio accattone scese tosto a pigliarne un bicchiere, lo
pose al Marin. Don Rocco non ne aveva la menoma voglia, ma ripeteva:
«grazie, grazie, mi passa» e bevve ossequiosamente.

— Dunque? — domandò ancora il professore.

— Aveva ragione Lei — rispose don Rocco.

— Di cosa?

— Della femmina.

— La Lucia? Bravo, a proposito; dov'è la Lucia? Non c'è? Scappata?

Don Rocco accennò di sì. Il Marin guardava stupefatto, ripeteva
«Scappata? Scappata?» I quattro tornarono in camera, fecero eco.
«Scappata? Scappata?»

— Ma sentite — disse il professore. — State a letto per questo, voi?
Volete avvilirvi così? Via, vestitevi!

Don Rocco lo guardò, diventò rosso fino al sommo del cranio, e strinse
gli occhietti umidi in un sorriso che significava: adesso riderà, Lei!

— Non ho abiti — diss'egli.

— Cosa?

Il professore aggiunse alle parole un gesto per dire: «Li ha portati
via lei?» Don Rocco rispose pure con un cenno muto del capo; e,
veduto che l'altro frenava a stento uno scoppio di riso, si sforzò di
sorridere anche lui.

— Povero don Rocco — disse il professore, e aggiunse, sempre col riso
alla gola, parole afflitte, parole di pietà, di conforto, chiese ogni
ragguaglio dell'accaduto. — Ah se mi aveste dato retta!... — concluse.
— Se l'aveste mandata via!

— Sì — fece don Rocco, pigliandosi mansuetamente anche questa. — Aveva
ragione Lei. E adesso, cosa dirà la signora?

Il professore sospirò.

— Cosa volete che dica, figliuolo? Non dirà niente. Accade anche
questo che il vostro successore ha scritto ieri di essersi sciolto
definitivamente dagl'impegni suoi attuali e di trovarsi a disposizione
della contessa.

Don Rocco tacque, accorato.

— Guardo — diss'egli, dopo un'istante di silenzio — che alle nove e
mezzo saranno qui col cavallo a prendermi! Bisognerebbe che l'arciprete
o il cappellano potessero prestarmi un abito.

— Io, io! — esclamò il professore, pieno di zelo. — Vado a casa e ve lo
mando subito. Me lo restituirete con comodo, quando potrete.

Una viva gratitudine colorò il viso e agitò le palpebre di don Rocco.

— Grazie! — diss'egli guardandosi umilmente il naso. — Grazie tante!

— Corpo di bacco! — soggiunse fra sè, mentre il professore scendeva le
scale. — È una spanna più alto di me. Adesso mi viene in mente!

Ma non gli venne certo in mente di richiamarlo.


VII.

Alle nove e mezzo don Rocco apparve sulla porta di casa per fare il
suo esodo. Il soprabito del professore gli ballava sulle calcagna
e gl'inghiottiva le mani, sino alla punta delle dita. Il cappello a
cilindro, enorme, gl'inghiottiva gli orecchi.

Il professore gli veniva alle spalle ridendo silenziosamente. Nel
cortile parecchia gente corsa al rumore dell'accaduto, rideva. Solo
non rideva il vecchio accattone, bizzarro uomo, mezzo filosofo. —
Oh don Rocco, cosa pare! — dicevano le donne. E chi gli raccontava
un fatto della Lucia, chi un altro, cose d'ogni colore ch'egli non
aveva sospettate mai. — Basta, basta — rispondeva lui, turbato nella
coscienza di questo sparlare. — Oramai è fatta, oramai è fatta.

Si avviò seguito da tutti, diede un'ultima occhiata al fico del
campanile e, passando fra i cipressi di fronte alla chiesa, si voltò
alla porta, si levò divotamente il cappello e piegò un ginocchio.

La carrettella lo attendeva sulla strada maestra. Il vetturale,
vedutolo in quell'arnese, non rise meno degli altri.

Allora don Rocco si congedò da tutti, ringraziò nuovamente il
professore, mandò a riverire la contessa, fece tacere quelli che
dicevano ancora improperi alla Lucia. Quando fu a posto, l'accattone
gli si avvicinò, gli mise la mano destra sopra una scarpa.

— Questa è Sua? — diss'egli.

— Sì sì, le scarpe sì — rispose il prete con una certa soddisfazione
mentre il cavalluccio partiva.

L'accattone si recò alla fronte la mano che aveva toccato la scarpa di
don Rocco e disse solennemente:

— _In nomine Patris et Filii et Spiritus Sancti. Amen._ —



R. SCHUMANN

(_Dall'Op. 68_)


Si ardeva, l'altra sera, nel salottino giallo di donna Valentina. Il
calorifero ci soffiava fuoco nelle gambe. La bella dama vi brillava
tra un sistema planetario di globi lucenti; perchè una lampada
splendeva sul piano, due lampade splendevano sulle _consoles_, un
astro discreto luceva fra le orchidee della giardiniera, un astro
azzurrognolo, sospeso a mezz'aria, fiammeggiava sul nostro capo. E
poi c'era una fragranza così turca di sigarette di Salonicco; e poi
donna Valentina era così africana, con quei capelli neri più folti, con
gli occhi più grandi e indolenti che mai, con la corazza nera, con i
guanti che le facevano due lunghe, sottili mani d'ebano. Io guardavo,
inquieto, la signora; suo marito guardava, inquieto, il termometro; gli
altri personaggi, un giovane biondo, un vecchio elegante e un maturo
ufficiale di artiglieria, innamorati tutti e tre di donna Valentina,
erano in ebullizione.

A lei poi venivano delle idee nubiane. Si disputò se la musica possa
raccontare e descrivere, o no. Donna Valentina compativa nel suo
languido modo indolente, con le sopracciglia e il sorriso, con qualche
parolina sommessa, il povero marito infuriato al _no_ contro i tre che
lo caricavano, artiglieria in testa. Io tacevo. A un tratto la signora
si alzò dal divano, pigliò fra la sua musica un fascicolo dell'_Arte
antica e moderna_ di Ricordi; il fascicolo decimoquarto, mi pare. I
tre si ritirarono subito, in disordine, per acclamarla e accendere
le candele del piano. L'uno d'essi, però, il vecchio signore, non fu
abbastanza lesto e rimase prigioniero fremente del marito, che non gli
dava quartiere con le sue mazzate di positivismo greggio.

— Una prova — disse la signora, aprendo il fascicolo sul leggìo. — Io
suono Loro due pagine di musica. Se v'è musica che parli, è questa. Qui
c'è una scena e una storia, chiarissime. Ciascuno di Loro me la traduca
subito in iscritto. E non ci sono scuse! — Lei tradurrà in versi — mi
diss'ella.

Chiesi venir dispensato dai versi, avendo posata, secondo il solito,
la mia letteratura nell'anticamera, con il soprabito. E poi una
traduzione in versi non s'improvvisa. Intanto i due zelanti accendevano
una candela per ciascuno, e io nascosi male un sorriso, chinandomi a
leggere, in capo alle due pagine di musica:

                              R. SCHUMANN
                            (_Dall'Op. 68_)

Donna Valentina vide il sorriso e, perchè ci conosciamo bene, v'intese
un volume di cose, sorrise pure, con la finezza più europea, con uno
sguardo molto lungo, molto sospetto; il quarto o il quinto che avevo da
lei, quella sera.

— Scettico! — diss'ella, sotto voce. E strappò dalle viscere del piano
il ripetuto angoscioso gemito che apre quella stupenda pagina di musica
e vi ritorna ogni momento.

Aveva una sera felice. Nel _pianissimo_ del ritornello, dopo le prime
otto battute, mi parve proprio udire il lamento di un'anima. Gli
adoratori della dama, tuffati in tre poltrone, ascoltavano con una tal
quale segreta angustia, contemplando l'astro azzurrognolo sospeso in
aria. Finito il pezzo, ne chiesero ed ottennero la replica; dopo di che
il salottino giallo diventò un Parnaso all'opera.

L'ufficiale, che nel conversare sciabolava _de omni re scibili_, si
trovò, dopo due minuti, tutto attonito di non essere in vena; smise,
per il suo meglio, di tirarsi i baffi e le idee. Il vecchio signore,
il giovine biondo ed io, presentammo a donna Valentina le nostre opere
complete.

— Adesso si legge — diss'ella. Già la scena è del deserto, e sono due
amanti che vi muoiono insieme.

Il giovine diventò rosso e voleva riprendere il suo parto, ma donna
Valentina non lo permise, riconobbe che la musica era una lingua
senza dizionario e senza grammatica da non potersi tradurre lì per lì
con sicurezza, e lesse ad alta voce questa prosa del vecchio signore
elegante, persona molto a modo, del resto, e ingegno colto, ch'era una
pietà di vedere umiliato ai piedi di lei da una passione ridicola.

                   MONDO DEI SOGNI — VALLE DELLE ROSE

                              _All'aurora_

— Folle sogno! Folle sogno! Nel caldo Oriente io poso giovane con lei
su le rose.

Folle sogno! Folle sogno! Baciami, non parlarmi, bocca soave, non mi
destare.

È lontano, è lontano il freddo paese della neve; son lontani, son
lontani i tristi giorni della vecchiezza.

È fuoco nel core, nel sangue, è fuoco nel mare di rose, è fuoco nel
cielo profondo. Bocca ardente, bocca ardente, fuoco tu sei e mi divora
la molle fiamma.

Ti scongiuro, ti scongiuro, non obliarmi poi quando ci desteremo nel
freddo paese, nei giorni tristi, quando scura, muta sarà la fiamma
che divora il mio petto, ma fervente, ma potente a tornarti su le rose
voluttuose per un giorno, per un'ora, a spirar fuoco nel tuo cuore, nel
tuo sangue, ne l'aura amorosa a le tue grazie circonfusa.

                                   *
                                  * *

— Pompe! Acqua! — susurrò l'ufficiale, mentre il marito, che aveva
spesso scompigliate, con il suo riso grossolano, le rose dell'oriente,
esclamava: — grazie di quel deserto! Grazie di quegli amanti che
muoiono!

— Deserto sì — disse la signora sorridendo amabilmente all'autore.
— Suppongo che i Suoi amanti non ci vorranno mica dei _flâneurs_ in
questa valle delle rose. E se non muoiono, dormono, sognano. _To die,
to sleep, perchance to dream._ — Adesso la Sua — soggiunse sorridendo,
stavolta, al giovane biondo. E lesse:

                             UNA CATTEDRALE

                                _Notte_

_La penitente._ — Che dolore! Che dolore! Egli morì da tanti anni ed è
ancor piena di peccato l'anima mia.

L'amo ancora! L'amo ancora! Cerco Dio, non trovo che lui, ardo sempre
delle passate ebbrezze.

_Uno spirito._ — Amami ancora! Amami ancora! Da tanti anni, nell'ombra
della morte, sono ancora pieno di te.

Non ti dolere! Non ti pentire! Solo mi ristora, nel tormento eterno, il
tuo amore.

_Il confessore._ — No, non t'accostar così al Sacramento, non muovere
ad ira il Signore, va, prostrati sul marmo di gelo, prega e piangi,
prega e piangi, forse il tuo cuore avrà pace.

_La penitente._ — Egli soffre! Egli soffre! Io lo sento, io non prego,
non voglio esser mai felice, non dolermi, non pentirmi; forse lo
ristora, laggiù nei tormenti, l'amor mio.

_Il confessore._ — Empia, va, esci dal luogo santo, io t'abbandono
all'impuro fuoco. Forse perdona, forse perdona il Signore a lui, non a
te, mai.

_La penitente._ — Padre mio! Padre mio! Non lasciarmi, t'oppongo le mie
disperate braccia, prego e piango, prego e piango, mi pento, mi pento,
cado infranta a' piedi tuoi, Signore!

                                   *
                                  * *

— Conserva di romanticismo alle cipolle — disse l'ufficiale. — Una cosa
lagrimevole.

— Io la trovo bellissima — mormorò la signora con una squisita dolcezza
d'ammirazione rattenuta, guardando ancora lo scritto.

— Specialmente — soggiunse il marito perchè la cattedrale è un deserto;
non c'è nemmeno il sagrestano, se quei due lì, in confessione, gridano
come disperati. E gli amanti non solo muoiono, ma uno è bell'e andato
da un pezzo.

— Battista — disse donna Valentina — non essere insopportabile! —
Vediamo un poco Lei, cos'ha scritto — soggiunse volgendosi a me. — Sono
curiosissima.

Prese le mie povere fatiche, le percorse con una rapida occhiata e
susurrò quasi parlando fra sè e sè:

— Non capisco.

— Lei sarà stato sublime — mi disse l'ufficiale.

— Grande — gli risposi inchinandomi. — Sublime è stato il Suo silenzio.

La signora lesse:

                           IL POETA E LA DAMA

                               _Il poeta_

— Mia signora! Mia signora! Come può Lei sopravvivere a questo
diabolico inverno?

— Mia signora! Mia signora! Non gela il Suo piccolo tepido cuore?

                               _La dama_

— Mio signore! Mio signore! Come vive Lei col Suo cuore di ghiaccio?

Mio signore! Mio signore! Io ho un morbido nido caldo.

Ho la mia stufa legittima che conserva ancora qualche bragia e manda
di tempo in tempo qualche languido focherello. Ma non basta! Ma
non basta! Ho un giovane caminetto dalle vampe bionde, che non mi
brucia, mi consola, mi fa sognare. Ma non basta! Ma non basta! Ho un
maturo, bollente scaldamani, una palla di cannone, coperta di panno
ricamato d'oro, ch'io prendo tal volta per trastullo, posando il
libro o l'uncinetto. Ma non basta! Ma non basta! Ho un vecchio devoto
scaldapiedi che mi serve tanto e manda pure il suo timido tepore. E
se talora ho troppo caldo, apro la finestra, e guardo il cielo. Pur
non basta! Pur non basta! Vorrei il Vostro spirito di poeta, vorrei
un'azzurra fiamma d'alcool per il mio thè, per il diletto degli occhi
miei.

                               _Il poeta_

— Mia signora! Mia signora! Io mi faccio, con il mio spirito, il mio
umile caffè. —

                                   *
                                  * *

Questa roba agghiacciò tutti.

— Scusi — mi disse donna Valentina — cosa L'è venuto in mente?

— Che vuole? — risposi. — Non capisco la musica. Ho scritto una
sciocchezza a caso.

— Va bene — replicò la dama. — In pena, Lei non avrà il Suo caffè,
stasera. O thè con noi, o niente.



LIQUIDAZIONE


LETTERA AL DIRETTORE D'UN GIORNALE

  _Signor Direttore,_

Ella mi propone, molto cortesemente, di lavorare per il Suo giornale.
Grazie tante, ma non sa, caro signore, cosa c'è di nuovo? Chiudo
l'officina. Che vuole? I miei libri non vanno, è gran ventura se
qualcuno me ne arriva alla seconda edizione; capisce, a questi tempi!
Intanto gli anni passano, l'ingegno si stanca, mi cade il cuore. Creda,
non v'è più avvenire per me. Ora, gli scrittori nuovi, _chissi so
bravi_, come diceva don Ciccio De Capo a Massimo d'Azeglio. La roba
mia non ha il taglio nè il colore che piacciono al pubblico, e non c'è
rimedio; _chiù d'accussì no saccio fare_. Vuole che mi ostini a questo
melanconico mestiere? Chiudo l'officina e vendo quel po' di ferri.
Tutta roba in cattivo stato, roba di poco valore, ma tanto ne vorrei
pur trarre qualche cosa e prego anzi Lei di venirmi in aiuto.

Ci ho, per esempio, dei meccanismi usati da romanzo. Li darei per una
miseria; supponga per il volume _Chérie_ di Goncourt; e con pochissimo
si possono rimettere a nuovo come tanti sanno fare.

Lei mi dice che non usano più, che ora si fa tutto vivo e naturale;
tanto è vero che poi i libri muoiono naturalmente, da sè; una cosa
prodigiosa. Ha ragione, non ci avevo pensato. Allora mi accontenterò
se un confratello del mio stampo me li prende per qualchecosa meno
di _Chérie_, per un giuoco di pazienza, per una scatola di frasi da
comporre odi alcaiche, supponga. È ancora troppo? Piglierò gl'_Inni
Sacri_ del Manzoni, che non valgono più niente, e facciamola finita.

Ho pure delle vecchie lenti da presbite, per osservare le cose e
le anime. Veramente sono in forse di spezzarle per uno scrupolo di
coscienza. Dopo averle adoperate un pezzo in buona fede, m'è venuto il
dubbio amaro di non so quale occulta falsità nel cristallo. Che non
sieno del tutto acromatiche mi pare impossibile; tuttavia, passi! Si
può credere che abbiano preso il colore del mio spirito. Sarebbe un
piccolo guaio. Una goccia d'alcool e io le garantirei perfettamente e
per sempre oggettive a ogni valoroso artista che sappia guardare senza
spirito. Ma il peggio si è ch'io vedo un mondo diverso da quello che
vedono i miei confratelli d'arte; diverso dal vero, insomma.

Vedo un mondo ove appare del brutto, del sudicio, del vile più ancora
che non ne rispecchino certi libri dei miei colleghi; e appare anche
del buono, del bello che non esiste certo, perchè in que' libri non
si trova mai. Pare impossibile, ma io non vedo dei grandi uomini che
tutti vedono, e vedo poi invece delle donne grandi che nessuno conosce.
Leggo le fantasie degli scogli alpini benchè siano così alte, e non
posso leggere quelle di certi scrittori benchè siano così basse. Vedo
in tutte le anime qualche riflesso bagliore di una luce ignota, di
una idea sovrana; e non posso veder la luce dell'_idea sperimentale_
neppure nel cervello di Emilio Zola. Non vorrei che una goccia di
maledetta poesia fosse stata mista al cristallo; perchè l'artefice
fece queste lenti prima che il romanzo diventasse scienza, prima
che un maestro, discorrendo di tale mirabile evoluzione, correggesse
timidamente Voltaire così, presso a poco: _Nul genre n'est bon si ce
n'est le genre ennuyeux._

Sa, signor Direttore, come finiranno queste lenti? Nè le vendo, nè
le spezzo; le tengo, le faccio legare in oro perchè mi ricordino il
generoso fuoco del mio cuore quando s'illudeva, folle ma felice, di
penetrar con esse l'universo, per trarne, secondo una propria idea
dell'arte, fantasmi d'anima eterna e vive ombre di esseri; perchè mi
ricordino qualche spirito fedele e ardente che voleva pur seguirmi e
guardar con esse, sdegnando chi ci sdegnava. E prima di morire gitterò
in mare, come il vecchio re di Thule, cristallo ed oro, perchè nessuno
più se ne inebbrii dopo di noi e si perda.

Lei mi chiede: e documenti umani? Ne tenevo parecchi, ma davano
pessimo odore. I rispettabili personaggi delle mie collezioni ne erano
stomaccati; qualcuno ne soffriva addirittura nella salute. Una bella
signora altera della collezione d'ideali, un abate e due venerabili
dame della collezione di macchiette parlavano di andarsene. Ho dovuto
gittare dalla finestra quanto avevo di poco pulito, beneficando forse,
senza saperlo, qualche spazzaturaio della letteratura; qualche povero
collega, avido di lettori, di quattrini e di fama. Non dico mica di
non possederne ancora, documenti umani. Ne ho di rari e curiosi che
mi costarono un occhio quando li raccolsi, con infinita compiacenza,
nel taccuino. Pure li cedo tutti per un solo biglietto circolare
di ferrovia, de' più modesti. Quando osservo la vita, e la penso
e la porto nel mio petto, essa vive ancora, dentro a me, del mio
stesso calore, del mio sangue; quando la noto nel taccuino, vi muore
miseramente, vi si dissecca, io vi cerco invano una ispirazione, la
mia fantasia la sdegna, il mio cuore non la sente più. I miei migliori
documenti umani non sono miei; mi vivono bensì intorno o almeno passano
davanti a me.

Poveri ideali miei, e voi pure andrete dispersi. Questo me ne consola,
che tutti, anche la bella signora schifiltosa, conoscono il fango della
via e degli uomini, perchè è appunto là ch'io gl'incontrai veramente. E
questo ancora me ne consola, che nessun nemico inferiore, nessun poeta
dell'arte nuova dirà loro villania che li tocchi, tanto al di sopra
della folla passa il loro sguardo inteso al di là della vita. Io apro
ai nobili signori, inchinandomi, la porta, onde tornino nel mondo, le
donne pure ad amare e soffrire, gli uomini forti a soffrire e operare.
Se parleranno di me che li ospitai, certo diranno che la mia casa non
era degna di essi, ma che la mia devozione lo era.

Quanto alle macchiette, ai personaggi di seconda riga, è un altro
discorso. Qui faremo affari, signor Direttore. È tutta roba da vendere
e da vender bene. Ne tengo di ogni qualità, vecchie e giovani, brutte
e leggiadre, stupide e argute. Tengo qualche gentile signora, qualche
bel cavaliere che Lei, a prima giunta, piglierebbe per ideali. Li
smonti un poco e vi guardi dentro; vedrà che non c'è l'ombra d'un'idea,
sono macchiette. Tengo dei personaggi solenni, dei dignitari, delle
celebrità, degli aristocratici che mi guardano dall'alto in basso e
non sospettano di essere graziose macchiette della mia collezione,
classificate per ordine di ridicolo, ciascuna con l'etichetta della
propria particolare vanità, ciascuna atteggiata giusta la propria linea
comica, interna o esterna.

Poi ci ho le macchiette serie, le macchiette amabili, atte a
sostituire, occorrendo, gl'ideali, a rappresentare le prime parti.

Mi pesa di staccarmene, perchè la loro conversazione quieta e modesta
mi riposa lo spirito e parecchie sono veramente amiche mie, persone
care.

Queste le potrei cedere solo a qualche delicato artista, capace di
rispettarle, di metterle in scena con lo stesso ambiente degno, buono
in cui vivono la vita reale; capace di rappresentare con maggiore
sentimento, finezza ed effetto ch'io non saprei, quel vero nè sublime,
nè basso, nè patetico, nè ridicolo, che si trova tutti i giorni in
tutti i luoghi.

Avrei dei paesaggi quasi finiti. Ahimè, non c'è abbondanza d'altro in
Italia. Il sentimento della natura, da dieci anni in qua, ce l'hanno
tutti; ed hanno una ricchezza di tavolozza ch'io non possederò mai. Non
ho cobalto, si figuri; come farò a descrivere un cielo che adesso paia
tollerabile?

Come saprò io mettere in un volume i colori che altri oggi sa mettere
in un sonetto?

Lessi di recente dei prodigi d'analisi ottica, degli spettri solari
in versi. Cosa vuole che faccia io senza neanche cobalto? Chiudere,
chiudere e vendere i miei paesaggi a peso di carta.

Io sono solito tenere un fiore sul mio tavolino.

Se mai vi fosse nel mondo qualche semplice creatura di molto cuore e di
poco spirito che avesse letto le cose mie con una tal quale benevolenza
per esse e per me, le offrirei la bianca ultima rosa che muore sulle
carte abbandonate. Ci siamo amati, la povera regina ed io. Ella era una
mistica poesia, uno slancio idealista della terra amorosa, e mi diede
la sua idea di bellezza, il suo arcano spirito di fragranza. Io le
diedi un rispettoso culto, una dimora semplice dove nè voce nè pensiero
mai poterono offendere la sua fiera purezza.

Avrei ancora, signor Direttore, un po' di vecchia fede, che m'ha
servito, lo dico apertamente, a scrivere. Ma, se la vendo, come vivrò?

  FINE.



INDICE


                                                       PAG.

  NOTA DELL'AUTORE ALLA PRIMA EDIZIONE                   9
  FEDELE                                                15
  _Primo intermezzo:_ CLEMENTI (op. 26 — Lento)         51
  UN'IDEA DI ERMES TORRANZA                             55
  _Secondo intermezzo:_ VAN BEETHOVEN (op. 27)         105
  IL FIASCO DEL MAESTRO CHIECO                         109
  _Terzo intermezzo:_ BOCCHERINI (Minuetto in LA)      151
  EDEN ANTO                                            159
  _Quarto intermezzo:_ MARTINI (Gavotta)               199
  UNA GOCCIA DI RHUM                                   205
  _Quinto intermezzo:_ CHOPIN (op. 17, n. 4)           217
  PEREAT ROCHUS                                        223
  R. SCHUMANN (op. 68)                                 305
  LIQUIDAZIONE                                         321



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Fedele ed altri racconti" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home