Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Il fiume Bianco e i Dénka - Memorie
Author: Beltrame, Gianni
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Il fiume Bianco e i Dénka - Memorie" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



file was produced from images made available by The Internet
Archive)



                                   IL
                         FIUME BIANCO E I DÉNKA

                               _MEMORIE_
                                  DEL
                       PROF. CAV. AB. G. BELTRAME

                               PUBBLICATE
      PER CURA DEL R. ISTITUTO VENETO DI SCIENZE, LETTERE ED ARTI

                             NELL'OCCASIONE
                                  DEL
                  CONGRESSO INTERNAZIONALE GEOGRAFICO
                               IN VENEZIA



                                _VERONA_
                    STABILIMENTO TIP. DI G. CIVELLI
                                 1881.



                       _(Proprietà letteraria)._



A' MIEI LETTORI


Io nol nego: fin dai vent'anni ho avuto la vocazione d'andarmene
proprio in Africa; ed unico mio scopo era la conversione di quelle
genti barbare e selvagge a religione e civiltà. Ma non posso negare
altresì d'essere stato fin da giovinetto sempre vago del viaggiare,
d'ogni cosa nuova, strana, lontana da ogni nostra abitudine. Passavo
quindi molte ore del dì guardando avidamente la carta dell'Africa;
rinfocolavo l'immaginazione colla lettura di molti viaggi di missionari
e di altri viaggiatori; studiavo l'arabo giorno e notte; sognavo,
facevo calcoli su calcoli, castelli su castelli.... e dirò anche che
covavo il desiderio di scrivere un giorno qualche cosa che almeno
non fosse stata mai scritta; e to' che in parte ci sono riuscito. La
Società Geografica Italiana fece stampare la mia grammatica, che adesso
si ristampa col dizionario relativo della lingua dei _Dénka_ parlata
da più di venti tribù dell'Africa Centrale; e quindi un saggio di
grammatica e un brevissimo vocabolario della lingua degli _Akkà_. Venne
pure alla luce il mio viaggio nel _Sènnaar_ e nello _Sciangàllah_; e a
questi lavori — per quanto ne sò io — non venne fatto mal viso. Ora,
per cura del R. Istituto Veneto di scienze, lettere ed arti, vengono
pubblicate le mie memorie sul fiume _Bianco_ e sulle tribù _dénka_,
nella fausta occasione del Congresso Internazionale Geografico in
Venezia.

Nè voglio darmi a credere che molte cose non sieno state, o non sieno
per essere giustamente censurate. Lo so che non è possibile scrivere un
libro e mettersi così in relazione diretta con tante persone per bene
senza che vi si trovino cose degne di nota. Ma questo posso dire ch'io
cercai sempre la verità. I miei giudizi e i miei apprezzamenti possono
essere erronei, ma sono sinceri.

Spero quindi che anche questo povero mio lavoro non riuscirà discaro; e
dico lo spero, perchè eziandio la lode delle persone, ammodo s'intende,
è uno sprone per tutti, che fa sopportar con piacere il sacrificio e
durar la fatica con tanto di cuore.

  Verona, 30 aprile 1881.

                                                         G. BELTRAME.



I.

  Il Provicario Apostolico dell'Africa Centrale Ignazio Knoblecher
  — Ultime sue parole in _Koròsko_ ai Missionari veronesi — Le rive
  del fiume _Bianco_ da _Chartùm_ ai _Scìluk_ — Le meraviglie di una
  foresta — Gli Arabi d'_Abù-Zèt_ — I _Baggàra-Selèm_ — Linguaggio
  mimico degli Arabi.


Mi recai per la seconda volta in Africa sullo scorcio del 1857 coi
missionari Francesco Oliboni, Angelo Melotto, Alessandro Dal Bosco,
Daniele Comboni, e con un artigiano, Isidoro Zili.

In _Koròsko_, piccolo e povero villaggio di Nubia fra il 22º e il
23º lat. N. sulla riva destra del Nilo, c'incontrammo col Provicario
Apostolico Ignazio Knoblecher, il quale tornava in Europa per
rimettersi in salute; ma invece moriva in Napoli nel mese, se non erro,
di aprile dell'anno 1858.

A questo imperterrito Missionario, a cui mi legano tante care memorie,
era dovuta l'origine della Missione dell'Africa Centrale che allora
contava dieci anni; e a lui principalmente s'addiceva il merito
d'averla conservata e diffusa in mezzo a stenti, sofferenze, difficoltà
e pericoli senza numero. Egli aveva lungamente lottato col terribile
clima e sopportato con vera rassegnazione le febbri del _Sudàn_,
a vincere le quali torna quasi sempre inutile il solfato e persino
l'arseniato di chinina.


Mi suonano ancora all'orecchio le parole che mi diceva avanti di
benedirci tutti e di lasciarci l'ultimo saluto. — «Caro don Giovanni,
vi raccomando la Missione Italiana, di cui voi sarete il Presidente. Ho
già disposta ed ordinata ogni cosa perchè siate bene accolto coi vostri
fratelli nella Stazione di Santa Croce sul fiume _Bianco_ (6°, 40′ lat.
N.). Colà starete per qualche tempo, esplorerete il paese, noterete
i costumi degli abitanti, ne studierete la lingua, e sceglierete
quindi la posizione che a voi sembrerà più opportuna per fondarvi la
vostra Missione. Vedete però di andar molto cauto prima di conferire
il Battesimo, specialmente agli adulti. — Non so se noi ci rivedremo
ancora. — Io mi sento sfinito e temo di dover presto morire.... se mai,
a rivederci in cielo.»

Quattro volte percorsi in barca la via del fiume _Bianco_; due volte a
ritroso della corrente, nella stagione secca, favorito dai venti del
nord; e due volte a seconda, nella stagione delle piogge (_charìf_),
allorquando spirano i venti del sud; e giunsi fin quasi al 4º grado di
latitudine settentrionale.

Partendo da _Chartùm_, nello scendere il fiume _Azzurro_, a sinistra
del quale è posta la città, i barcaiuoli a forza di remi possono a
stento tenere scostata la barca da quella riva, contro cui fortemente
la spinge il vento di tramontana: ma girata appena l'estrema punta
della penisola del _Sènnaar_, ecco ch'essi depongono i remi, spiegan
la vela, e intonano un canto monotono al loro profeta, mentre la barca
sotto la carezza poderosa del vento procede innanzi superba verso il
mezzodì.

Per un buon tratto, la curiosità del viaggiatore che per la prima volta
veleggia sul fiume _Bianco_ preparato a gustar cose nuove e mirabili,
rimane alquanto delusa. Egli non vede che due sponde basse, piane e
sabbiose, larghe dai 40 ai 50 passi, che rassomigliano a due grandi
strade imperiali, macchiate qua e là da alcuni arbusti e fiancheggiate,
ciascuna, da un lembo del fiume e da una foresta d'acacie; sicchè,
trovandosi a una cert'ora in mezzo al fiume, presentansi a destra e a
sinistra come tre lunghi nastri coi colori azzurro, bianco e verde, che
pare non finiscano mai.

Presso a 40 miglia geografiche da _Chartùm_ si inalzano due piccoli
monti, l'uno a destra del fiume chiamato _Gèbel-Àule_ (monte primo) ed
anche _Giàr-en-Nèbi_, dal nome di un gran Capo che abitava vicino; e
l'altro a sinistra appellato _Gèbel-Mòndara_ (monte specchio), perchè
la sua testa, come dicono gli Arabi, è piatta e rotonda a foggia di
uno specchietto di Trieste. Dopo alcune ore di cammino s'erge pure
a sinistra _Gèbel-Mùssa_ (il monte Mosè), ch'ebbe il nome, come
_Giàr-en-Nèbi_, da un gran Capo, tutti e due tenuti in venerazione
dagli Arabi _Hossanìeh_.

Quindi il fiume si divide in più bracci che par che spacchino la
foresta, formando varie e graziose isolette ombreggiate, come le rive,
da acacie, da mimose, da tamarindi e da altre piante.


Io volli internarmi nella foresta per osservarla da vicino; ed oh!
quanto grande e potente è lo scheletro di quella generazione, i cui
Nestori abbarbicati nel terreno primevo con tante radici serpentine e
nodose inalzano il loro fusto ramoso, quasi a contendere lo spazio al
cielo! e intorno ad essi cento piante serpeggianti s'avviticchiano, si
arrampicano e danzano, per così dire, vagamente cadendo dalle loro cime
in modo da lasciar qualche volta nel mezzo uno spazio vuoto e rotondo
impenetrabile ai raggi del sole, ove gran parte della notte trovan
rifugio le gazzelle, i bufali, gli elefanti, il leone, il leopardo,
la pantera, che s'appressano al fiume per dissetarsi; e sulle cui
braccia erculee riposano tranquilli gli avoltòi rapaci e le aquile, i
papagalli dalle verdi piume, le timide tortorelle, le cicogne nere,
le galline faraone e una quantità d'altri svariati uccelli. — E il
mattino! oh! come qui è bello il mattino! — La luce dei primi raggi
del sole saluta ridente le cime degli alberi e le sprazza minutissima
e le indora; si agglomera e si condensa intorno alle loro chiome
eleganti; si arriccia e si velluta nelle foglie pubescenti e pelose; si
acciglia e s'ottenebra fra i rami stipati; s'inceppa nelle reti delle
piante parassite, e si nasconde fra i mille labirinti de' cespugli
ramosi, dipingendo con la tavolozza più feconda e capricciosa i figli
prediletti della flora africana. — S'ode frattanto qualche mugghìo
lontano delle fiere che si addentrano nella foresta. — E lungo il fiume
su quell'onda di foglie disegnata dalle cime degli alberi si veggono
navigare le scimmie coi loro nati in seno, percorrendo grandi distanze
senza discendere mai al suolo; e sotto quegli alberi, una quantità di
gazzelle e d'altre antilopi di forme le più leggiadre brucano l'erba
rugiadosa e saltellano festose nella libera e palesemente gaia loro
vita; mentre stormi di grossi uccelli vanno e vengono fra l' una e
l'altra riva del fiume; e qua e là gloterano le cicogne, e rotano in
alto gli avoltòi e le aquile intorno a centinaia di tortorelle che
amoreggiano giulive tra le piante; e ovunque una infinità di volatili
d'ogni specie. Tutto canta, tutto gruga, tutto chiocchiola, tutto
pigola; per tutto si sente frullo d'ali, per tutto c'è vita e armonia.
— Oh! quanto solenni, nel mattino, sono i primi fremiti della foresta
che risente la vita! — Ma a misura che s'alza il sole, la delicatezza
delle prime tinte svanisce in un immenso chiarore che ricopre come d'un
bianco velo le bellezze di questa natura selvaggia, i quadrupedi si
rintanano o si posano all'ombra d'alberi annosi, e tace il canto degli
augelli fin verso sera. — «Allora una luce pallida dà alla foresta
non so che di molle e di malinconico; c'è una specie di silenzio per
l'occhio, una pace di linee e di colori, un riposo di tutte le cose,
nel quale sembra che lo sguardo illanguidisca e l'immaginazione si
culli;» finchè sotto gli ultimi raggi del sole che cade, le varie tinte
de' colori di cui s'adornano le piante e il movimento de' volatili che
cercano un luogo per riposarsi la notte, par che ridonino alla foresta
la vita del mattino.... ma una vita che tosto muore, come l'ultima
scintilla del lucignolo che sta per ispegnersi.

La foresta continua a fiancheggiare le rive del fiume e a presentar
sempre nuove scene.

Mi tormenterei invano se volessi esprimere con parole le varie emozioni
che provai viaggiando in un paese a me fino allora sconosciuto, di cui
avevo letto e avevo udito narrare mille cose bizzarre e stravaganti.
Dirò solo che inoltrarsi in un tal paese e spaziare collo sguardo
avidamente da ogni parte; trovare un pascolo continuo alla curiosità
in tutto ciò che cade sott'occhio o giunge all'orecchio; gettare un
oh!! di stupore a ogni tratto, e chiedere ogni momento a' barcaiuoli
or questa or quella cosa; sentire che la mente a poco a poco si dilata
e si rischiara; provarsi ad abbozzare un gruppo di gente che non si sa
ancora a quale tribù appartenga e qual religione professi; sperare di
veder presto la Croce di Cristo trionfar della loro barbarie traendo
seco gloriosa la civiltà; e pensare di descrivere un giorno, o colla
voce o colla stampa, tante cose a chi non le ha mai vedute o sentite...
è davvero il più vivo e il più vario dei diletti umani.

Queste foreste, che accompagnano il fiume a destra e a sinistra, da
_Chartùm_ (15°, 37′) fin presso a _machàdat-Abù-Zèt_ (13º lat. N.), non
s'estendono in larghezza che circa due miglia geografiche, e in gran
parte sono inondate dalle acque del fiume durante la stagione piovosa.


I primi abitanti che si trovano a sud di _Chartùm_ lungo il
_Bàhr-el-Àbiad_ sono gli Arabi _Hossanìeh_, e quindi i _Baggàra_ a
sinistra del fiume, e gli _Abù-Ròf_ a destra tra il 10º e il 14º lat.
N.

Questi, come quasi tutti gli Arabi del _Sudàn_ qua e là dispersi tra
il 10º e il 15º grado, dalle rive del _Senegàl_ sino a quelle del fiume
_Azzurro_, si dicono Arabi d'_Abù-Zèt_.

Ecco quanto ci racconta la tradizione presso tutte le tribù arabe da me
visitate lunghesso i fiumi _Bianco_ ed _Azzurro_, fatta eccezione degli
_Abù-Gerìt_, o _Zabàlat_[1], e di qualche altra piccola tribù di colore
_giallognolo_, la quale venne a stanziarsi nel _Sudàn_ molto più tardi
degli Arabi _Abù-Zèt_.

«In un'epoca posteriore all'egira, e forse allor quando _Amùr_
s'impadroniva dell'Egitto, molte tribù arabe, sotto la condotta
di _Abù-Zèt_ e di altri suoi compagni, abbandonarono la penisola
arabica, e traversato il mar Rosso, probabilmente a _Bab-el-Màndeb_,
per una via ora sconosciuta arrivarono finalmente al fiume _Bianco_
durante la stagione secca. _Abù-Zèt_, essendo le acque molto basse,
camminava lungo il fiume per vedere se c'era un guado; e trovatolo,
passò pel primo alla riva opposta tirando per l'orecchio una delle sue
capre e cercando così di eccitare uomini ed animali a seguirlo; ma
non vi riuscì; niuno s'attentò di traversare il fiume in quel punto
a cui fu dato il nome, che tuttora conserva, di guado della capra
(_machàdat-el-Àns_). _Abù-Zèt_ quindi ruppe il guado, poche ore dopo
di cammino più a nord, in un luogo che presentava minori difficoltà, e
tutti lo seguirono uomini ed armenti. Da quell'epoca il guado prese il
nome di _Abù-Zèt_ (_machàdat-Abù-Zèt_).»

Questi Arabi si diffusero poi per tutto il _Sudàn_. Le tribù arabe del
_Senegàl_, di _Bòrnu_, dell'_Uadày_, del _Dar-Fùr_, gli _Aulàd-Rascìd_
e i _Salamàt_, i _Risekàt_ e i _Benì-Aèlba_, gli _Aulàd-Òmar_ ed altri
non traggono altra origine.

Gli Arabi poi che si stabilirono nel _Kordofàn_ formarono le seguenti
tribù:

I _Kubabìsc_, cioè pastori de' montoni, che compongono la tribù più
importante del _Kordofàn_ e che abitano il paese da _Dòngolah_ fino
a _El-Obèid_. Essi guidano le carovane e noleggiano i loro cammelli
ai _Giallàba_ (mercanti) pel trasporto dell'avorio, del tamarindo e
specie della gomma. Oltre i montoni e i cammelli essi pascono capre in
quantità.

I _Benì-Geràr_, tribù potente di cui la maggior parte abita il
_Dar-Fùr_, gente guerriera e predatrice, temuta dagli stessi
_Kubabìsc_, coi quali è spesso in guerra.

Gli _Hababìn_, tribù formidabile alleata coi _Benì-Geràr_.

I _Megianìn_ e gli _Aulàd-el-Bàhr_ stanziati sulle frontiere del
_Dar-Fùr_.

Gli _Hossanìeh_ (cavalieri), da _hossàn_ == cavallo, tribù assai
povera, accampata, come dissi, a sud di Chartùm a sinistra del
_Bàhr-el-Àbiad_.

I _Baggàra_ (mandriani), da _bàgar_ == bove, i quali sono numerosissimi
e prendono diversi nomi, di _Baggàra-Hauàsma_, _Baggàra-Risekàt_,
_Baggàra-Selèm_ ecc. dal nome di qualche antico e celebre loro capo,
o da qualche loro qualità speciale. Essi abitano a sud, sud-ovest
degli _Hossanìeh_, ed io ebbi occasione di parlare più volte con
loro, specialmente coi _Baggàra-Selèm_, dei quali posso dir qualche
cosa, senza però ripetere quanto scrissi altrove degli Arabi nomadi in
generale[2].


Questi Arabi commerciano coi _Giallàba_ (mercanti) del _Kordofàn_,
ai quali danno avorio, gomma, pezzi di tela di cotone (_damùr_), e
ricevono vecchie piastre d'argento egiziane, che sono la moneta più
ricercata presso gli Arabi.

I _Baggàra-Selèm_ si servono dei bovi per trasportar carichi;
posseggono poche capre e pochissimi cavalli che si procacciano dagli
Arabi nomadi attendati tra i fiumi _Dènder_ e _Azzurro_, intraprendendo
così viaggi assai lunghi e pericolosi. In queste spedizioni essi si
uniscono in numero di trenta o quaranta; traversano il fiume _Bianco_
col mezzo di una zattera, o a nuoto, un po' al sud delle montagne
dei _Dénka_ (_giobàl-ed-Dénka_), presso il 12º lat. N., e per una via
affatto deserta, dopo tre giorni di cammino verso oriente, arrivano al
monte _Gùle_, ove si riposano presso Arabi della stessa loro tribù;
quindi dopo tre giorni ancora passano in barca, o a nuoto, il fiume
_Azzurro_ nelle vicinanze di _Rosères_, e circa al mezzodì del quarto
giorno si trovano nel luogo destinato per la compera dei cavalli, il
cui prezzo oscilla dalle sessanta alle centoquaranta piastre egiziane
(dalle 15 alle 35 lire italiane).

Questi Arabi nutrono i loro cavalli d'erbe, di latte, e talvolta di
burro o di _dùrah_ (mais bianco), e se ne valgono per dar la caccia
agli animali e ai Negri, occupazioni predilette ai _Baggàra Selèm_,
i quali sono tanto codardi a piedi quanto sono arditi e temerari a
cavallo.

Durante la stagione secca, essi abitano tutti presso il fiume, e i
loro casotti si estendono da _machàdat-Abù-Zèt_ verso il sud per circa
sessanta miglia geografiche; ma cominciato il _charìf_ (l'epoca delle
piogge), pochi solamente rimangono sulle rive a custodia dei campi di
_dùrah_ e di _sesàme_; la maggior parte se ne allontana e va errando
da un luogo all'altro in cerca di buoni pascoli pei loro bestiami,
stando però sempre in guardia per non essere sorpresi ed assaliti dagli
_Hauàsma_, i quali muniti di una grossa veste di cotone fatta a maglia,
che a guisa di corazza li difende dal collo fino alle anche, incuton
loro gravi timori. Perciò i _Baggàra-Selèm_ ricercano con premura aste
guarnite di lunghi pezzi di ferro rotondi e puntuti, atti a penetrare
le maglie degli _Hauàsma_.

Gli arabi _Selèm_ nell'estate sono intesi alla caccia e alla preda.
Essi spiano continuamente i Negri _dénka_ che pascono i bestiami
sull'altra riva del fiume; e quando possono congetturare che nessuno
trovasi alla loro custodia, o non veggono che teneri giovinetti,
allora quattro o cinque dei più arditi passano nuotando col cavallo
il fiume, e due o tre s'avventano spietatamente addosso ai giovinetti
e, afferratili pel collo, se li caricano sul cavallo e via; gli altri
inseguono il bestiame che fugge impaurito verso il fiume, ove, non
sapendo trovare altro modo allo scampo, si precipita e cerca di toccar
l'altra riva.

Avviene però talvolta che i _Dénka_, fatti accorti del loro arrivo,
s'imboscano per investire i _Baggàra_ all'improvviso, e riescono a
farli prigionieri. Allora questi vengono al più presto riscattati dai
loro parenti.

Il riscatto di un Arabo prigioniero, sia ricco o povero, costa ai
parenti trenta buoi; mentre i _Dénka_ debbono darne dai quaranta
ai cinquanta per liberare un figlio o una figlia di un Capo, e per
qualunque altro Negro dai dieci ai venti, secondo la sua condizione. I
poveri che non posseggono bestiame non vengono riscattati, e rimangono
proprietà degli Arabi.

Ciò non ostante, i _Baggàra-Selèm_ e i Negri _dénka_ fanno tra loro
mercato, o, come lo chiamano gli Arabi, _El-Sùk_; e sì gli uni che gli
altri si servono delle feluche dei _Scìluk_ per tragittare il fiume e
per trasportare le loro merci.

Presso i _Selèm_ è adottata la circoncisione, la quale viene praticata
sui figliuoli e sulle figliuole; ma essa è tenuta come opera meritoria,
non come obbligazione assoluta.

Uomini e donne hanno i capelli intrecciati; queste però pongono uno
studio maggiore nell'acconciarseli; e pezzetti d'ambra e di corallo,
perline di vetro e cordoncini rossi si veggono qua e là pendenti dare
miglior risalto al nero dei loro capelli, i quali pel vecchio strato
di grasso che li ricopre perdono, osservati da vicino, la grazia ed
eleganza che mostrano veduti di lontano.

Le donne, e specialmente le ragazze, fanno a gara di spalmarsi il corpo
con unguenti odorosi, e tengono in molto pregio gli anelli d'oro che si
pongono per ornamento alle pinne del naso.

Le donne, in generale, sono piccine, ma belle assai; esse amano
oltremodo la danza, che viene regolata da battute di mano e dal suono
di un tamburone.

Questi Arabi sono gelosissimi di tutto ciò che succede nell'interno
delle loro famiglie, delle quali essi non parlano mai. Per la qual cosa
è ignota del tutto al viaggiatore l'intima loro vita.

Il latrocinio è il loro mestiere principale; essi fanno scorrerie nelle
terre vicine dei Negri, raccolti in bande, a cavallo, armati, rubando
quanto possono portare o trascinare, e ammazzando, per precauzione,
quanti incontrano. Ci sono ladri speciali di biade, ladri di bestie
bovine, ladri di fanciulli negri, ladri di mercato. Assaltano a
cavallo per le strade, particolarmente le carovane; e in ciò sono
artisti insuperabili. La loro bravura consiste più nella rapidità
che nell'accortezza, più nel non lasciarsi raggiungere che nel non
lasciarsi vedere. Passano, afferrano e dispaiono senza dar tempo
alla gente di riconoscerli. Sono furti a volo, fulminei, giochi di
prestidigitazione equestre. E in ciò sono maestri persino i giovinetti
di otto anni. Bisogna dire adunque che l'istruzione, che questi
ricevono in argomento nelle loro famiglie, sia incessante, premurosa, e
che incominci assai per tempo. — Povere creature!!

Pare che i _Selèm_ sieno venuti dal sud-ovest del _Dar-Fùr_ da circa
sessant'anni. La maggior parte di essi s'estese lungo la riva sinistra
del fiume _Bianco_, e gli altri errarono per qualche tempo nella
penisola del _Sènnaar_, e s'accamparono finalmente presso il monte
_Gùle_.

La fisionomia dei _Selèm_, come quella di tutti gli Arabi, è di una
mobilità sorprendente; «essi manifestano i loro pensieri coi più rapidi
movimenti degli occhi e della bocca, e traducono le loro parole in
gesti così caratteristici, per dar aiuto, chiarezza e forza ai loro
discorsi, che difficilmente se ne riscontra un simile esempio presso
altre nazioni.»

Di questi loro gesti esprimenti un'azione qualunque, anche senza il
concorso della parola, si potrebbe comporre un dizionario abbastanza
lungo; ma io qui m'accontento di esporre un brevissimo saggio, che
basti a dare un'idea generale del linguaggio mimico da essi praticato.

Dirò adunque che presso gli Arabi del _Sudàn_:

1. L'azione del mangiare si esprime accostando al ventre la mano
diritta aperta e avvicinandola poi subito alla bocca, raccogliendo
le dita della mano stessa intorno al pollice nell'atto che si compie
quest'ultimo movimento.

2. L'azione del bere, chiudendo le tre dita indice, medio e anulare
della mano destra, e tenendo quindi levati il mignolo e il pollice,
coll'unghia del quale si toccano e si ritoccano gl'incisivi della
mascella inferiore.

3. L'azione del dormire, portando la palma ben distesa della mano
diritta contro l'orecchio destro, e piegando un po' la testa da quella
parte.

4. L'azione di montare a cavallo, mettendo la mano destra a cavalcioni
sulla mano sinistra.

5. L'azione di mozzare il capo, strisciando rapidamente il dosso della
mano diritta su pel collo dal di dietro in avanti.

6. L'azione dello sferzare, scotendo dinanzi a sè la mano destra bene
aperta.

7. L'azione del colpire con lancia o spada, imitando i movimenti che
si fanno impugnando queste armi nell'atto che si cerca d'offendere il
nemico.

8. L'azione del pagare in piastre d'argento, stropicciando coll'indice
il pollice della mano diritta, percotendo nello stesso tempo
leggermente coll'unghia di questo la palma della mano sinistra.

9. L'atto di vedere e quello di udire, mettendo l'indice dell'una o
dell'altra mano immediatamente sotto dell'occhio, o verso il meato
uditorio.

10. L'azione di prendere qualche cosa, allontanando un poco la mano
destra aperta e chiudendola nel mentre la si riavvicina al proprio
corpo.

11. L'atto di comprendere, portando l'indice sulla fronte o sulla
tempia.

12. L'atto di consentire, toccando con la mano diritta la fronte, e
inchinando nello stesso tempo un po' il capo.

13. L'atto di rifiutare, scotendo la testa e la mano destra lestamente.

14 L'interrogazione è generalmente indicata dallo sguardo e
dall'immobilità delle mani.

15. Che c'è? qual novità? che cosa bramate? — Tutto ciò si traduce
aprendo bene gli occhi, tenendo la bocca mezzo aperta, ed alzando fino
al petto le due mani, le quali talvolta si fan tremolare come indizio
di curiosità impaziente; e talvolta si agita anche la testa da diritta
a sinistra.

16. La negazione, appoggiando verticalmente la mano al petto e
battendoselo colle dita, come i martelletti batton le corde di un
pianoforte.

17. Il disprezzo, alzando la testa e lisciando la barba con le unghie
della mano diritta bene spiegata.

18. La stima, ponendosi la mano destra lentamente sopra la testa.

19. L'amicizia, accarezzando ripetutamente con la mano diritta l'indice
della mano sinistra.

20. L'inimicizia, intrecciando e staccando a più riprese l'indice
dell'una con quello dell'altra mano.

21. L'ossequio verso di alcuno, avvicinando le mani al cuore e
agitandole alcun poco.

22. L'abbondanza, collocando orizzontalmente la palma della mano presso
la bocca e soffiandovi sopra.

23. La miseria, pigliando coll'indice e il pollice l'estrema parte
superiore del vestito e scotendolo mentre levasi e crollasi il capo. —
Questo gesto esprime talora indifferenza.

24. Il difetto assoluto di denaro e di vitto, facendo scoppiettar
l'unghia del pollice contro gli incisivi della mascella di sopra,
con un movimento orizzontale della mano. Questo gesto propriamente
significa: nulla; ma vuol dire ancora: non m'importa un bel niente; io
non ne voglio sapere; e qualche volta indica disprezzo.

25. Il vigore e la bravura, movendo con forza dall'alto al basso la
mano chiusa davanti al petto, avvertendo però di tenere il pollice
aperto e ben teso.

26. La perfezione, agitando un po' la mano, tenendone la palma rivolta
al cielo, e l'estremità dell'indice sul polpaccio del pollice.

27. La fine, il compimento d'un atto, battendo con la palma della mano
destra sopra la mano sinistra chiusa sulla piegatura del pollice.

28. Si attesta la divinità, qualcuno de' propri antenati, sè stesso,
scotendo la barba colle prime tre dita della mano, e alzando al cielo
gli sguardi.

29. S'implora la pietà, il favore, l'intercessione di alcuno,
avvicinando le mani alla barba della persona che si sollecita, e
stringendo poi tosto una delle sue mani tra le proprie.

30. Alcune volte viene indicata la qualità del mussulmano, alzando le
mani tese di qua e di là della faccia, e appuntando i pollici nella
parte inferiore delle orecchie, come quando l'Arabo recita il _tekbìr_
nella preghiera; o levando l'indice della mano diritta, cerimonia
d'obbligo nella professione della fede mussulmana, accennando nello
stesso tempo di sì o di no colla testa, secondo che l'individuo
indicato è o non è vero mussulmano.



II.

  Vendette — Guerre — Armi — Coraggio passivo e fierezza — Ostinazione
  degli Arabi — Il suicidio — Le montagne dei _Dénka_ — Il _Tarciàm_.


I _Baggàra_, come tutti gli Arabi e i popoli barbari, non hanno
tribunali per deliberare intorno alle pene dovute ai delinquenti;
non hanno polizia per invigilare, prevedere ed evitare i delitti;
non hanno prigioni per tenervi chiusi i rei o gli accusati e per far
loro scontare la pena ch'essi han meritata; e quindi s'attengono alla
legge del taglione, che è la legge della Bibbia, di Menu e del Corano.
Occhio per occhio (_aèn be aèn_), orecchio per orecchio (_uèden be
uèden_), sangue per sangue (_ed-dàm b'ed-dàm_); l'uccisore deve morire
quand'egli non acqueti i parenti della sua vittima, cedendo loro una
parte delle proprie sostanze.

All'insulto fatto ad un Arabo _Baggàra_ o ad un suo ospite deve
rispondere sovente un'intera famiglia, o tutta la tribù dell'offensore.

Il più leggiero pretesto dà origine tante volte a lotte le più lunghe e
le più sanguinose fra tribù e tribù.

Io so di una carovana la quale recandosi dal _Kordofàn_ al _Dar-Fùr_
venne di notte tempo assalita, a poca distanza dalle frontiere, dagli
arabi _Baggàra_ i quali uccisero quindici uomini, senza darsi alcun
pensiero di trafugarne le mercanzie.

Un Arabo, che conosceva appieno e raccontava minutamente le circostanze
di questo incidente, asseriva che i _Baggàra_ avevano compiuto così un
atto di giustizia, una vendetta, tarda sì.... ma legittima.

Otto anni prima, alcuni mercanti, _giallàba_, che battevano questa
medesima via, s'erano incontrati in pochi _Baggàra_, la cui marcia era
sembrata loro sospetta, e ne uccisero due, mettendo gli altri in fuga.
Ma da questo momento i _Baggàra_ vendicati lasciaron libera la strada,
che potè essere poi percorsa dalle carovane senza alcun timore.

Il beduino _Sciànfara_, come dice la tradizione, pretendeva il taglione
per la morte violenta di suo padre. Egli aveva ucciso in diverse
imboscate novant'otto de' suoi nemici. Finalmente, sorpreso da alcuni
all'orlo di un pozzo, non seppe trovar modo allo scampo e dovette egli
stesso perire, ma dopo d'averne ammazzato uno ancora con un colpo di
pugno nel petto. Egli però aveva giurata la morte a cento, e il suo
voto.... verrà esaudito. Il cadavere dell'Eroe fu sospeso ad un albero
e non tardò a decomporsi; le sue ossa si disarticolarono; e un pastore
della tribù nemica, passando per caso sotto quell'albero, premette col
piede sulla punta di un osso e restò ferito. Nello stesso giorno gli
si contrassero spasmodicamente i muscoli e dovette soccombere. Così il
voto di _Sciànfara_, secondo la favola, ebbe il suo compimento.


Una delle cause, e forse la più attiva, delle lotte che di quando in
quando intraprendono le tribù del deserto, è la sete ardente che tutti
i popoli nomadi hanno del bottino. Guerra e bottino suonano presso loro
la stessa cosa; essere vincitore vuol dire spartirsi la preda; vedere
un Arabo tornare dal campo di battaglia coronato di gloria, è vederlo
ricco di montoni e di cammelli tolti al nemico. Insomma l'eroismo degli
Arabi è l'eroismo de' Cosacchi. Essi combattono a cavallo armati di
lancia e di sciabola, sparpagliati, stuzzicando il nemico di fronte e
dai lati, e tenendolo inquieto continuamente; uccidono il cavaliere per
avere la sua giumenta; salvano sè stessi per assicurare la propria.

Havvi in ciascuna tribù una quantità di giovani poveri, i quali
ambiscono di far mostra del loro coraggio e di procacciarsi in tal
maniera la dote che essi debbono, volendo sposarsi, offerire al padre
della fidanzata, dote che generalmente consiste in un certo numero di
capre, di pecore, di cammelle o d'altro.

Per questi giovani la guerra è una buona fortuna; la loro
suscettibilità quindi per il punto d'onore non conosce confini; il
più leggiero pretesto dà origine spesso a lotte le più tremende. Raro
è il caso che una tribù viva in pace per più di due anni senza che
succeda alcuna infrazione delle leggi del deserto. I vecchi allora ne
gioiscono, mentre s'incamminano senza inquietudine verso la tomba.
Ma la gioventù?... La gioventù s'agita, si lamenta, si dispera per
tanta disgrazia; finchè sorge qualcuno fra i principali personaggi
della tribù, rinomato per bravura ed esperienza delle cose di guerra,
il quale approfittando della speciale condizione in cui trovansi gli
spiriti irrequieti della gioventù, la chiama a sè e le dichiara ch'egli
è pronto a guidarla ovunque per derubare i vicini de' loro bestiami,
per saccheggiare le carovane, per la tratta dei Negri.

Il Capo, in due o tre giorni, s'è formata una truppa di circa un
migliaio d'uomini, e la campagna incomincia.

Da questo momento esploratori sono inviati qua e là per investigare di
nascosto ogni cosa; e il Capo sa minutamente quanto succede di giorno
in giorno, di ora in ora, nel deserto e presso le tribù vicine. —
Viene egli a conoscere che gli uomini forti di una tribù sono partiti
per la guerra o per la caccia? — Egli si mette in marcia, sorprende
le loro mandre guardate da piccoli fanciulli, le rapisce e dispare in
un istante. — È stata veduta una carovana nel deserto? — Egli dispone
subito la sua gente a gruppi, e tutti se ne vanno silenziosi verso la
carovana tenendo gli occhi sempre all'erta; e questi la precedono,
quelli la fiancheggiano, altri la seguono a poca distanza, protetti
dalle colline di sabbia che nascondono alla stessa il segreto dei loro
passi. Il Capo frattanto e tutti i suoi bravi la spiano cautamente,
contano le sue armi, ne studiano l'accampamento, osservano la maniera
di allestire i cammelli; l'aspettano al varco, e allora, la sera
o il mattino, quando mercanti, servi e cammellieri sono occupati a
scaricare o a caricare le tende, le casse, il mobilio, la cucina, i
viveri, le mercanzie, o nel momento che si prendono un po' di riposo,
un po' di cibo, o appena desti dal sonno, gli Arabi, ad un cenno del
loro Capo, si slanciano contro di loro, uccidono quanti si oppongono
all'improvviso loro assalto e tutto portano via, non lasciando colà che
un campo di morti.

Qualche anno prima del mio arrivo nel _Sudàn_, una grossa carovana,
composta di 120 uomini e 200 cammelli, cadde vittima d'una insidiosa
aggressione degli arabi _Benì-Geràr_. Un solo uomo, di nome
_Abd-El-Kàder_, ebbe la sorte d'aver salva la vita e di poter dare
esatti ragguagli del crudele e pietoso avvenimento.

La carovana, partita da _Dòngola_, era diretta a _El-Obèid_
nel _Kordofàn_, ove trasportava merci provenienti dall'Europa e
dall'Egitto, e datteri di Nubia. Essa si trovava vicina al pozzo
_Bir-Uày_, ove si sarebbe accampata; quando 600 Arabi dei _Benì-Geràr_,
montati sopra 300 cammelli e guidati da un Capo de' più arditi,
passarono un po' a sud del pozzo allo scopo di sorprendere e derubare
i _Kubabìsc_ del numeroso loro gregge che intorno a quei luoghi da
qualche giorno pascolava. I pastori però ch'erano alla custodia di
quel bestiame non appena ebbero qualche sentore dell'avvicinarsi dei
_Benì-Geràr_, lasciarono quel posto e s'avviarono verso il pozzo di
Elài, che dista da _Bir-Uày_ un giorno e mezzo circa di cammino. E
quando i _Benì-Geràr_ s'accorsero della ritirata dei _Kubabìsc_, due
esploratori annunziarono al loro Capo la venuta della carovana al
pozzo _Bir-Uày_. Quindi il Capo adunò la sua gente per chiedere se
fosse miglior partito quello di dar tosto l'assalto alla carovana, o
l'altro di seguir prima le orme dei _Kubabìsc_ e impadronirsi dei loro
bestiami. E tutti furono d'avviso di mover tosto verso il pozzo di
_Elài_, imperciocchè la carovana per tre giorni almeno sarebbe rimasta
al pozzo _Bir-Uày_ per ristorarsi delle fatiche del viaggio e per dar
riposo e nutrimento ai cammelli.

Partíron subito, e dopo alquante ore di buon trotto giunsero in _Elài_,
ove il gregge dei _Kubabìsc_ non era custodito che da qualche vecchio e
da alcuni giovinetti, i quali, come videro i _Benì-Geràr_, si diedero
alla fuga. I _Benì-Geràr_ s'impadronirono di tutto il bestiame e lo
incalzarono verso _Bir-Uày_, ove arrivarono dopo due giorni. Colà si
misero in agguato, presso la carovana, dietro a due lunghe colline di
sabbia aspettando il momento opportuno per assalirla.

I mercanti frattanto coi loro servi vivevano sicuri, tranquilli,
allegri almanaccando intorno ai guadagni che speravano ricavare dal
traffico delle loro mercanzie.

La vigilia del giorno fissato per la partenza, colui che soleva
dirigere la carovana diè l'ordine di riunire i cammelli ch'erano sparsi
qua e là, lasciati liberi di pascere gli arbusti spinosi della vallata.
Tutti furono rinvenuti ad eccezione di un solo, che apparteneva a un
mercante, il quale non poteva darsi pace d'averlo perduto; e vedendo
appressarsi la notte, comandò a un suo schiavo di ricercarne le tracce
e di seguitarle finchè l'avesse trovato. Lo schiavo, riconosciute le
pedate, rinvenne il cammello del mercante, ma presso i _Benì Geràr_, i
quali, come del cammello, divennero padroni anche dello schiavo.

Frattanto il mercante, passate alcune ore, vedendo che oltre il
cammello anche il servo era scomparso, voleva egli stesso mettersi in
cerca dell'uno e dell'altro; ma il suo amico _Abd-El-Kàder_: no, disse,
è notte, e temo che tu smarrisca la via; andrò io, che sono un po' più
pratico del deserto.

_Abd-El-Kàder_ aspettò che tutti si fossero ritirati nelle loro
tende; si ravvolse in una cappa bianca, e con un triste presentimento
nell'anima si diresse pian piano a quella parte verso la quale s'era
incamminato lo schiavo. — In tutto l'accampamento regnava un silenzio
profondo. — Dopo circa un quarto d'ora, salì sopra una collina di
sabbia, discese, traversò una stretta valle, ove qua e là vedeva
qualche macchia nera. — Erano cammelli accosciati. — Ebbe allora
per un momento la tentazione di rinunziare all'impresa di procedere
più innanzi; cominciò a sospettare d'un'imboscata, e temeva d'essere
sorpreso da qualcheduno dei nemici. Ma la curiosità vinse la paura e
tirò avanti in punta di piedi, finchè trovossi sur una seconda collina
e vide a un tratto brillare davanti a' suoi occhi i fuochi accesi
dei _Benì-Geràr_. — L'oscurità della notte lo proteggeva; egli potè
arrestarsi un istante; contò press'a poco i fuochi e gli uomini; si
stese in terra, e tese l'orecchio; udì confusamente qualche discorso
che gli parve si riferisse alla sua carovana; e tutto commosso di ciò
che aveva veduto ed udito tornò frettoloso e tremante all'accampamento
de' suoi.

Tutti erano quieti nelle loro tende; solamente l'amico l'attendeva
con qualche buona notizia; ma quando intese ciò ch'eragli avvenuto: ci
siamo, sclamò; ora convien pensare a salvarci.

Furono tosto chiamati a consiglio i mercanti, i servi e i cammellieri,
ai quali _Abd-El-Kàder_ raccontò ogni cosa e gli invitò a una pronta
deliberazione.

Ecco i due quesiti proposti: «dovrem noi partire stanotte?... o sul far
dell'alba?...

Meglio sarebbe stato, secondo il parer mio, appigliarsi al primo
partito. I mercanti però risolsero di differire la partenza allo
spuntar del giorno, poichè nella notte, com'essi dicevano, il grugnito
de' cammelli avrebbe svegliato i nemici, i quali sarebbero accorsi per
impedire che fossero caricati. — Ma il grugnito de' cammelli, io dico,
gli avrebbe pure svegliati all'alba, quando fossero stati addormentati.
— Meglio era partire la notte, perchè allora i _Benì-Geràr_ dormivano
senza dubbio; avrebbero dovuto quindi svegliarsi, accordarsi, riunire
i loro cammelli; la qual cosa richiedeva tempo e presentava maggiori
difficoltà fra le tenebre della notte. Oltre a che la carovana,
se fosse riuscita a partire prima d'essere assalita, poteva mutar
direzione nel suo cammino e rendere così malagevole al nemico
l'inseguirla; e nel caso fosse stata raggiunta, essa avrebbe potuto
opporgli una resistenza assai meno pericolosa che durante la lunga
e faticosa operazione del suo allestimento, il quale sarebbe stato
certamente interrotto dagli Arabi all'alba del mattino. Di fatto,
mentre un po' prima dell'aurora i cammellieri, i servi e i mercanti
stessi s'affaccendavano a mettere in pronto la carovana, duecento
_Benì-Geràr_ montati sopra cento cammelli sboccarono nella valle,
e al primo vedere la loro preda saltaron giù dalle cavalcature, e
sparpagliati in un grandioso disordine, agitando convulsivamente le
lance, imprecando, e mandando grida selvagge, le s'avventarono contro
come leoni affamati. I mercanti credendo dapprima di non avere altri
nemici da combattere tentarono di resistere all'improvviso assalto;
tirarono alcuni colpi di fucile contro di loro che non erano armati
che di lance: ma, tutt'a un tratto, e nel momento in cui la carovana
cominciava a pigliar confidenza nelle proprie forze, cento cammelli
da una parte e cento dall'altra trasportarono sul campo di battaglia
quattrocento Arabi ancora. Fu quindi un terrore, un'angoscia da non
potersi descrivere. La gente della carovana stretta tutt'all'intorno
dai _Benì-Geràr_ venne barbaramente trucidata in pochi minuti. Solo
_Abd-El-Kàder_, non avendo ricevuta alcuna ferita, riuscì a gittarsi
a terra e a fingersi morto. Ma un Arabo passandogli accanto lo punse
leggermente colla sua lancia, e da un movimento che vide lo riconobbe
per vivo; lo fece alzare e lo condusse davanti al suo Capo. — La
carneficina era già consumata; tuttavia il Capo allettato dall'odore
del sangue propose di legarlo a un albero, e così per passatempo di
ucciderlo a colpi di giavellotto. — A un segnale del Capo il crudele
divertimento incominciò a spese di quel disgraziato. Ma per un
singolare accidente, cui il Capo ascriveva a miracolo, dieci o dodici
colpi successivi di lancia sfiorarono la pelle di _Abd-El-Kàder_ senza
ferirlo gravemente. Il Capo allora stupito esclamò: la tua vita, o
amico, è molto dura, o Dio ti vuol salvo. Ebbene! sii adunque libero,
e vattene pure ove meglio ti aggrada. — _Abd-El-Kàder_ che da quel
momento era libero, ma libero in mezzo al deserto, senza camicia e
senza cibo, stette fermo al suo posto. — E dunque! gli domandò il Capo,
tu non pensi di andartene? e che altro t'aspetti? — E dove mai, egli
rispose, vuoi tu ch'io me ne vada? e come potrò campare la vita senza
alimento alcuno? ho io nè manco un otre per conservarvi un po' d'acqua?
— Gli Arabi frattanto si dividevano i datteri tolti ai mercanti; e per
far giuste le parti li contavano ad uno ad uno. — Il Capo quindi, messa
la mano in una cesta, ne prese trenta e li consegnò ad _Abd-El-Kàder_,
a cui diede pure un vecchio otre, e poi gli disse: or vattene; che ti
guidi Iddio e che ti benedica. — _Abd-El-Kàder_, incerto della via che
avrebbe dovuto prendere per imbattersi in qualche carovana ed unirsi
ad essa, s'avviò pensoso e sconfortato verso il pozzo per riempirvi
d'acqua il suo piccolo otre. Ma l'otre era forato, e invano n'avrebbe
chiesto un altro agli Arabi. Egli allora si risolse di non abbandonare
il pozzo, e di attendervi rassegnato tutto ciò che di lui avesse voluto
il destino. La sera del giorno stesso i _Benì-Geràr_ erano scomparsi,
e l'infelice _Abd-El-Kàder_, sentendosi morir di fame, mangiò i
trenta datteri senza poi sentirsene sazio. Fortuna che il torrente che
conduceva al pozzo era coperto d'arbusti spinosi chiamati dagli Arabi
_es-segiàr_, e _rhamnus lotus_ dai botanici, il cui frutto, che è una
bacca, forniva anticamente l'alimento ai _Lotofagi_; e gli Arabi, che
lo dicono _nàbak_, ne fanno uso pure oggidì; _Abd-El-Kàder_ dovette
rassegnarsi a questa manna che gli dava il deserto, la quale però ci
voleva per salvargli la vita. Così tirò avanti per quindici giorni; ma
in ultimo era ridotto sì male da non potersi più reggere in piedi, e
fu costretto a ritirarsi in un antro sinuoso, ove per pietà invocava
la morte. Finalmente un _gawàs_ (sgherro) turco guidato da un Arabo e
diretto, a dromedario, verso El-Obèid s'avvicinò al pozzo per rinnovar
l'acqua al suo otre.

_Abd-El-Kàder_, che altro non s'aspettava che la morte, li vide di
lontano e cominciò a sperare la vita; fece sforzi incredibili per
levarsi da terra e mover loro incontro, ma invano; le braccia e le
gambe più non gli servivano: a stento riuscì a strascicarsi fino alla
bocca della spelonca e a mandar fuori lamenti e gemiti da intenerire
il cuore più duro. Il _Gawàs_ fu il primo ad udir quelle grida, e disse
al Beduino che lo accompagnava: ascolta.... ascolta tu pure.... queste
sono certamente le grida d'una bestia che soffre dolore.... ed escono
da quella grotta che tu vedi là presso il torrente; eccola, eccola la
fiera che si contorce.... debbo io inviarle contro la palla della mia
pistola?

— No, no, rispose il Beduino: io son d'avviso ch'esse sieno invece le
grida d'un infelice che chiede soccorso, e io voglio assicurarmene:
balzò giù dal dromedario, e dopo pochi salti fu alla spelonca. — Oh
spettacolo!! — Il Beduino levò di peso _Abd-El-Kàder_ e sei portò al
pozzo, ov'egli venne trattato con umanità e si sentì subito ristorato.
I due passeggieri consecrarono inoltre quel giorno a sotterrare i morti
compagni di _Abd-El-Kàder_, i cui corpi disseccati dal sole giacevano
ancora sopra la sabbia rossa del loro sangue; e l'indomani partirono
tutti e tre alla volta di _El-Obèid_.

Dopo qualche anno alcuni _Baggàra_ raccontavano con tuono di vanto
questo avvenimento colle più minute circostanze.


Il suono d'un tamburone, chiamato _noggàra_, battuto a misurati colpi
invita la tribù al combattimento ed annunzia ancora una semplice
mutazione di posto per comodità dei pascoli.

L'arma degli Arabi nel _Sudàn_, e così presso i _Baggàra_, è la lancia
(_hàrba_), la quale serve loro anche da giavellotto. Questi Arabi non
hanno nè arco, nè frombola, che tanto solevano usare i loro antenati.
I capi specialmente si servono pure di lunghe spade diritte cui
imbrandiscono con ambo le mani.

In guerra si difendono collo scudo che non è altro che un telaio ovale,
formato d'un legno flessibilissimo e traversato per lungo da un asse
della medesima specie, sopra il quale essi stendono e fissano la pelle
del dorso d'un'antilope. La sua larghezza è circa di due piedi, e dai
tre ai cinque l'altezza. La superficie esteriore è convessa, e nel
mezzo della parte opposta sta l'impugnatura. Sull'orlo poi superiore
sono, per lo più, alcune tacche, delle quali si valgono per appoggiarvi
l'asta della loro lancia e per dirigerne quindi meglio i loro colpi.
Quantunque la pelle di cui è formato lo scudo sia molto dura, pure
succede talora che vien perforata dalle punte dei giavellotti;
perciò il guerriero cerca di ripararne i colpi o colla sua lancia
o collo scudo, che oppone in direzione obliqua alla linea percorsa
dai giavellotti. L'Arabo minacciato dal nemico s'abbassa, mettendo
un ginocchio in terra e coprendosi nello stesso tempo collo scudo;
scatta poi su come una molla allorquando alla sua volta egli tenta di
attaccarlo.

I _Baggàra_ combattono possibilmente a cavallo, ed allora non hanno
lo scudo, di cui sono quasi sempre muniti i soldati a piedi. Questi
vengono tradotti a cammello sul teatro del combattimento; e ciascun
cammello ne trasporta due, dei quali l'uno siede sul gibbo e l'altro si
tiene in sulla groppa del ruminante. Questo mezzo di trasporto torna
nel _Sudàn_ assai facile e pronto; e siccome i cammelli vi si trovano
in una quantità enorme, così arrivati a posto i combattenti non se ne
danno gran pensiero, ma gli affidano a pochi guardiani, i quali a non
molta distanza attendono inquieti l'esito della pugna.


Gli Arabi del fiume _Bianco_, come i _Nubi_, hanno quasi tutti legato
sopra il gomito sinistro un pugnale del quale si servono a vari usi,
e qualche volta per isfogare le loro gelosie o per far mostra del loro
coraggio. — Un d'essi ha preso moglie e trovasi contento, beato d'aver
ottenuto quella mano, a cui tanti altri aspiravano ardentemente ma
invano. Or questi ingelositi della sua felicità non lo perdono d'occhio
mai, gli tendono continue insidie, non gli lasciano un istante di
riposo; e quand'egli meno ci pensa sente che la punta di un pugnale
gli trapassa la polpa d'una gamba o lo ferisce in un braccio o in una
spalla. Se il ferito giunge a conoscere il feritore, lo sfiderà poi a
duello davanti al Capo della tribù, duello che avrà luogo col pugnale
e alla presenza del Capo stesso. Ma nell'atto del tradimento si guardi
bene il tradito dal lasciarsi sfuggire un grido, dall'emettere il più
piccolo lamento per non meritarsi fama d'uomo debole e vigliacco,
servo del dolore; s'egli camminava non s'arresti punto: se parlava
non interrompa il discorso, non si conturbi, nè volga il capo verso
l'assassino.

Qualche volta un giovine guerriero racconta ad altri giovani le sue
prodezze e se ne vanta, dicendo che nessuno può superarlo in valore;
e un altro giovine, che non può più tollerare le sue petulanti
presunzioni, senza rispondergli afferra il pugnale e se lo conficca in
una coscia, e passandolo poi insanguinato al millantatore, lo invita a
fare altrettanto s'egli non vuol essere da meno.

Questi costumi sono senza dubbio barbari e feroci; non si può negare
però ch'essi imprimano in coloro dai quali vengono praticati una
singolare energia, un coraggio passivo, invincibile e stoico. E si noti
che questi atti di eroismo si manifestano specialmente fra i giovani
che appartengono alle più distinte famiglie della tribù.

Molti fra noi male sopportano un forte dolor di capo, di denti, di
stomaco; la più leggiera ferita strappa loro un grido; ma l'Arabo
invece saprà sostenere senza risentirsi e senza rammaricarsi i più
atroci tormenti; e non è ch'egli non soffra; egli soffre quanto noi
soffriamo; ma il punto d'onore gli fa dire come allo stoico: «Non sarà
mai, o dolore, ch'io ti confessi in nessun modo.» Non la sete, non
la fame nè la stanchezza nè le ferite profonde di una lancia potranno
indurlo ad inquietarsi; e mentre nei divani dell'Egitto si veggono i
_Fellahìn_, condannati al bastone o alla sferza, trascinarsi piagnolosi
ai ginocchi delle autorità turche perchè sia loro conceduto il perdono
o alleviata la pena, s'è ammirato più d'una volta l'Arabo del _Sudàn_
subire lo spaventevole supplizio del palo senza accordare a' carnefici
assetati di vendetta il trionfo di un gemito, la soddisfazione di una
lagrima.

Io so d'un Arabo il quale, facendo parte d'un drappello militare che
aveva seguito il governatore del _Kordofàn_ in una spedizione contro
i _Baggàra_, si rese colpevole d'omicidio, ed assiso quindi presso
il cadavere della sua vittima attendeva paziente e tranquillo che i
satelliti del Governo venissero ad arrestarlo. Alcuni soldati, che di
là passarono per caso, lo videro, l'afferrarono e lo condussero alla
tenda del Governatore.

Più di venti uomini stringevano l'omicida il quale non opponeva alcuna
resistenza; e chi lo tirava per le braccia, chi per le gambe, chi
pel collo e chi per i capelli; e com'egli fu davanti al Governatore:
«Sappi, o Signore, sclamò, ch'io non ebbi la viltà di fuggire dopo
l'uccisione del mio Capo, ma attesi imperterrito la mia cattura; or
dì adunque a' tuoi cani che mi lascino in pace, affinchè libero io
possa, se mai, marciare al supplizio come un uomo.» Il Governatore
ordinò fosse lasciato libero; e l'Arabo allora cominciò ad esporre
i motivi che, secondo lui, erano più che sufficienti a giustificare
il suo delitto. Ma il Governatore lo condannò a morire legato alla
bocca di un cannone carico a palla, a cui egli stesso avrebbe dovuto
dar fuoco. Mentre si facevano i preparativi per l'esecuzione della
sentenza, l'Arabo che aveva sentito con tutta indifferenza la propria
condanna uscì dalla tenda ove si trovava, e avvicinatosi a un gruppo
di soldati che lì presso erano accoccolati, pregò uno di essi che
fumava a voler cedergli un istante la pipa; quindi si raccolse più
che gli fu possibile in sè stesso, fumò mezza pipa, e quando lo si
venne ad avvertire che tutto era pronto pel suo supplizio, la restituì
al padrone, lo ringraziò, lo salutò e mosse con passo fermo verso il
cannone, infame strumento della sua morte.

Le esecuzioni, di cui noi fummo parecchie volte testimoni in Europa,
offrono uno spettacolo ben differente; la maggior parte dei colpevoli
che prima d'essere caduti nella mano inesorabile della giustizia
facevano i rodomonti, vinti poi dal terrore furono veduti strascicarsi
sul palco più cadaveri che persone vive.

Noi abbiamo veduto l'Arabo fiero e dotato della più squisita
suscettibilità; ma invincibile è pure la sua ostinazione; non c'è caso
di smuoverlo quando egli si sia fissato con la mente in un'idea, in un
capriccio qualunque; le preghiere tornano vane, inutili le minacce,
il bastone e la sferza; la morte stessa non l'indurrebbe a mutar
consiglio; meglio è allora abbandonarlo a sè stesso finchè da sè stesso
rinsavisca.

Un mercante europeo viaggiava in un deserto del _Sudàn_, e guida della
sua carovana era un Arabo, a cui solo era nota la via che si dovea
percorrere per giungere a un dato luogo. Dopo due o tre giorni di
cammino, l'Arabo non avendo di che cibarsi chiese al cuciniere, che
preparava la cena pel mercante, qualche cosa da mangiare. Il cuciniere
gli rispose con mal garbo d'aver pazienza un poco. L'Arabo aspettò un
quarto d'ora, e poi rinnovò la domanda. Il cuciniere indispettito gli
diè sulla voce, e intanto capitò là il mercante che fece all'Arabo un
acerbo rimprovero, perchè voleva essere servito prima di lui ch'era il
padrone. L'Arabo, che credeva di non meritare tali parole di censura e
di biasimo, insistette nella sua domanda, che questa volta espresse con
un «voglio mi si dia da mangiare.» Allora il mercante: ebbene, disse,
poichè sei così prepotente da volere quel che vuoi tu, e non quello
che voglio io, sappi che ti tratterò da qui innanzi come un asino
indocile.... e stasera non cenerai per dio! — Così fu — l'Arabo tacque,
abbassò il capo e si ritirò in disparte.

All'indomani il mercante si levò di buon'ora, e com'era solito di
fare, uscito dalla tenda, risvegliò la sua gente ed ordinò il carico
de' cammelli; quindi rientrò a bervi il caffè aspettando che tutto
fosse in punto per rimettersi in via. Ma poco dopo un servo veniva ad
avvertirlo che la guida si ricusava di sellare la sua cammella e di
continuare il cammino. Egli stimò bene di tacere, sperando che l'Arabo
non l'avrebbe durata a lungo nel suo proposito; fece un giro intorno
all'accampamento; passò vicino alla guida fingendo di non essersi
accorto di nulla. Venuto il momento della partenza, l'Arabo colla sua
lancia in mano era sempre là immobilmente assiso sopra la sabbia come
uno che non dovesse far parte di quella carovana. Ma.... come? — disse
il mercante — tu non se' pronto ancora? — No, rispose, poichè non
posso partire; tu non ignori che ieri io non assaggiai briciola; il mio
ventre è vuoto ed ha bisogno di riposo. E poi tu mi dicesti, n'è vero?
ch'io sono un asino; e tu pure devi sapere che non è possibile che un
asino possa guidare degli uomini. — Alzati, te lo impongo, gridò allora
con voce animata il mercante. — L'Arabo non si mosse di così com'era.
— Ed egli lo percosse con un colpo di sferza. — E l'Arabo sempre fermo
al suo posto come una statua. — Il mercante cavò quindi dalla sua
cintura una pistola, e drizzatane la bocca alla fronte della guida: tu
partirai, le disse, o ti farò saltare in aria la dura tua cervice.

Un Italiano, un Francese, un Inglese, un Turco avrebbero ubbidito, o
si sarebbero difesi. Ma l'Arabo? l'Arabo armato della sua lancia nè
volle ubbidire nè difendersi, e levatosi ben tosto da sedere, gittò via
la lancia e cominciò a danzare davanti al mercante dicendo: ammazzami
adunque, ammazzami presto: sono io forse un turco da temere la morte?

Il mercante ch'era ben lungi dal credere che la cosa la sarebbe andata
a finire così, si trovò in un bell'imbarazzo. Aspettare che di là
passasse qualche carovana e unirsi ad essa.... avventurarsi senza
guida in un deserto ove non esisteva traccia alcuna di via.... era
un esporsi a morir di sete con tutta la sua gente. Egli s'appigliò
finalmente al partito, ch'io credo sia stato il migliore, di seguire
cioè le tracce già stampate da' cammelli nella sabbia, e rifare così la
strada, la quale l'avrebbe condotto ad un pozzo, che aveva abbandonato
da circa due giorni; sperava frattanto d'incontrarsi in alcuni Arabi
e di provvedersi d'un'altra guida. Montò in sella, e senza lasciare
trasparir nulla di ciò che lo inquietava moltissimo comandò alla sua
gente di ritornare verso il pozzo, mentre egli contava i passi del
suo cammello, risoluto di retrocedere e di uccidere la guida, se prima
d'averne contati cento non l'avesse veduta marciare alla testa della
carovana.

Ma non appena questa si mosse, ecco l'Arabo che si rizzò lestamente,
si diresse verso la sua cammella, la sellò in un batter d'occhio, le
si slanciò sopra, e raggiunta la carovana la rimise sul sentiero che
dovea condurla là dove il mercante era diretto. Or questi in tutto
quel giorno non fece parola alla guida come non l'avesse veduta, e
come niente fosse accaduto. Venuta la sera, e posto l'accampamento,
l'Arabo si prostrò ai piedi del mercante piangendo come un bambino;
ma il mercante due volte lo respinse; e due volte l'Arabo, pentito,
gli s'inginocchiò davanti dicendo: ah! perdonami, o Signore; non è il
gastigo da me giustamente meritato ch'io temo; conosco il male che feci
e l'angustia che ti recai colla mia condotta, e son pronto a scontarne
la pena; ma ti supplico, per ciò che hai di più caro al mondo, a non
conservar rancore contro di me, a volere dimenticar tutto; e ti giuro
che non avrai più di che lagnarti del mio servizio. — Il mercante
ordinò al cuciniere gli si portasse da mangiare; l'assicurò del suo
perdono, ed imparò ancora una volta come gli Arabi debbano essere
trattati.

Vogliamo notare però che, quando l'Arabo non sia giunto a un certo
grado di ostinazione, se v'ha mezzo d'indurlo a far qualche cosa è
quello delle minacce e della forza, non mai quello delle promesse e
della preghiera.

Il suicidio è rarissimo fra gli Arabi, e non v'ha, si può dire, caso in
cui lo si approvi o lo si scusi; tutti, senza eccezione, lo condannano
e gli si dichiarano contro più o meno severamente secondo i motivi
dai quali esso è determinato. E faccio qui osservare che gli Arabi,
quelli almeno coi quali io parlai, non vogliono nè manco supporre che
l'attentato contro la propria esistenza possa avvenire con volontà
pienamente libera, e quindi con perfetta coscienza dell'atto che
viene commesso. L'istinto naturale della propria conservazione è così
sentito, che non permette loro di fare una tale supposizione.

L'uomo, dice il Beduino, deve colla sua savia condotta saper evitare
la passione, il dolore, il rimorso, l'infortunio che lo inducono a
tanta viltà; o se pure è colto da qualche sciagura improvvisamente,
deve trovarsi apparecchiato ad affrontarla e a vincerla. L'Arabo
insomma non la intende di scusare in nessun modo il suicida da lui
sempre considerato qual vile insofferente del dolore; e però sommamente
spregievole.

E chi crederebbe esservi fra noi, che pur non siamo beduini, chi loda
ed esalta il suicidio? — Si volesse almeno riflettere che mentre fra
gli Arabi il sentimento di alta riprovazione dei suicidi ne diminuisce
grandemente il numero, presso noi invece la lode e la scusa tanto
spaventosamente l'accrescono.

La riva destra del fiume, da _Chartùm_ al 12º grado, non presenta al
viaggiatore quell'interesse che gli desta nell'animo la riva sinistra.

Passato il confine della dominazione egiziana, e dopo le secolari
foreste vergini e impenetrabili che a sinistra la dividono dalla
potente e brutale razza dei Negri _Scìluk_, s'ergono a destra del
_Bàhr-el-Àbiad_ le montagne dei _Dénka_. — Ed ora mi tornano alla
mente con affettuoso e profondo sospiro i bei momenti quando io e la
buon'anima del missionario Angelo Melotto, mio collega, nel 17 marzo
del 1859, salimmo la cima di una delle più alte di quelle montagne,
per adocchiare in un istante tutta la parte da noi con tanta fatica
esplorata nella penisola del _Sènnaar_ ove abitano alcune tribù
_dénka_, fra le quali speravasi di fondare la Missione Italiana. — Le
montagne dei _Dénka_, poste tra il 12º e il 13º grado di latitudine,
diconsi _Niemàti_ dalla tribù più vicina degli _Abialàñġ_; e sulla
carta del Werne trovansi del pari fra questi due gradi e son chiamate
da lui _G. Njemàti_; le vedo pure segnate sulla confusa carta di
Brun-Rollet sotto il nome di _Dj. Hemàja_, e su quella del Zimmerman
di _Jeb.-jemàti_. Dagli Arabi poi sono dette _Giobàl-ed-Dénka_,
perchè un tempo i _Dénka_ della penisola s'estendevano a nord fino
a quelle montagne; ma, fatti scopo alle continue incursioni degli
Arabi _Abù-Ròf_, si ritirarono poi alquante miglia geografiche verso
sud. Tuttavia gli _Abù-Ròf_ fanno a cavallo frequenti scorrerie tra i
_Dénka_ per derubare il _dùrah_, di cui abbondano, e, potendo, anche i
loro figliuoli[3].

Questi Negri, abitanti tra il 12º e il 9º lat. N., sono chiamati
_Dénka_ dagli Arabi della penisola del _Sènnaar_; dagli Arabi poi
situati alla sinistra del fiume _Bianco_ sono detti _Gianghè_, come la
tribù che divide i _Scìluk_ dai _Nuèr_. Ma gl'indigeni si riconoscono
col nome di _Gièn_; e con questo nome generale appellansi tutte le
tribù che parlano la lingua dei _Dénka_, avendo ciascuna anche un nome
proprio significativo, come meglio vedremo parlando delle tribù _Dénka_
del Nilo superiore, le quali hanno con queste comuni i costumi.

I _Scìluk_ però e i _Nuèr_ non sono compresi nel novero dei _Gièn_, dai
quali vengono considerati come antichi invasori delle loro terre. E in
fatto essi fanno uso di un'altra lingua, sebbene intendano e parlino
pure quella dei _Dénka_.

Chi amasse entrare in particolari sulla conquista che la potente
e fiera tribù dei _Scìluk_ fece, molti anni sono, del _Sènnaar_,
rendendosi tributario il paese fino a _Bèrber_, non ha che a leggere il
Bruce e il Brocchi[4].

Presso l'11º grado, a destra del fiume Bianco, s'alza un piccolo monte,
che gli Arabi nominano _Tefafàn_ o _Bìbar_, e i _Dénka Kur-uìr_, cioè
masso del fiume. In questo punto Brun-Rollet sulla sua carta segna un
influente, ch'io trovo notato anche su altre carte, a cui dà il nome di
_Pìper_ (dal monte _Bìbar_); ma in realtà non è che un canale, o, per
usare della frase dei _Dénka_, un occhio del fiume (_ñġàen_) chiamato
da essi _Tarciàm_, il quale esce dal fiume presso il monte _Bìbar_,
e dopo un giro di circa quindici miglia geografiche ritorna nel fiume
stesso. La sua maggiore distanza dal fiume è dalle quattro alle cinque
miglia. Ciò riscontrai col mio collega defunto Angelo Melotto in una
nostra esplorazione fra i _Dénka Abialàñġ_.



III.

  Caratteristiche della razza negra — Il paese dei _Scìluk_ — I cani —
  Odio contro i Turchi — Raffronti della lingua dei _Dénka_ con quella
  dei _Scìluk_.


Il viaggiatore che parte dal Cairo e si dirige, rimontando il Nilo,
verso il sud, traversa successivamente l'_Egitto_, la _Nubia_, il
_Sènnaar_; e a misura ch'egli s'avvicina all'equatore vede cangiarsi
intorno a sè il teatro delle creazioni di natura.

Arrivato però a _Chartùm_ (15°, 37′), s'egli continua il suo cammino
lunghesso il fiume _Azzurro_ sino a _Fazòql_, e quindi segue il _Tómat_
fin quasi alle sue sorgenti, si troverà finalmente in mezzo alle tribù
nere dei _Bèrta_, e crederà così d'aver veduto concatenarsi l'Egiziano
aborigene col crespo Etiope per una gradazione insensibile di colore,
che non gli permetterà di segnare il punto ove finisce l'uomo bianco ed
ove incomincia il nero.

Che se dalla città di _Chartùm_ veleggia pel fiume _Bianco_ verso il
mezzodì, egli distinguerà facilmente dall'Arabo giallognolo o bruno
i negri _Dénka_ della penisola del _Sènnaar_, che dal 12º grado si
estendono fino al 9º di lat., e i negri _Scìluk_, posti agli stessi
paralleli, a sinistra del fiume.

Ma i _Bèrta_, i _Dénka_, i _Scìluk_, i quali tutti hanno la pelle nera,
ci presentano forse tutti il tipo del vero Negro, del crespo Etiope?

Il color della pelle, che cade subito sott'occhio, non può essere
trascurato da un osservatore superficiale. Le differenze di forme
potranno sfuggirgli, ma non quelle di colore, le quali saranno per lui
base d'una classificazione grossolana.

Il naturalista al contrario poco o niun caso fa del colore, il quale
talora non serve nè manco a distinguere le varietà d'una medesima
specie; e altrettanto dicasi delle tinte dei fiori e delle foglie nelle
piante, dei peli e dei capelli negli uomini. La materia colorante, la
sostanza, (il pigmentum), che sta nelle cellule dello strato mucoso
dell'epidermide, si sviluppa e si condensa sotto l'influenza di alcune
circostanze, fuori delle quali sparisce o vi si mostra appena. Quindi
è che l'Arabo giallognolo dell' _Heggiàs_ si fa bianco in _Algeri_
e in _Aleppo_, e bruno nel _Sènnaar_ e sulle rive del _Senegàl_. Il
corpo umano trasportato da una in un'altra latitudine, vi perderebbe
la vita se non si producessero in lui delle modificazioni. Sotto una
temperatura elevata, un'aria secca, un vento rapido, la traspirazione
sarebbe eccessiva se la pelle non fosse resa assai meno porosa e quasi
impermeabile a certi fluidi, che sono i veicoli stessi della vita.
Una pelle densa e rugosa sottrae il corpo dall'azione troppo brusca
delle variazioni atmosferiche; lo preserva da congestioni cerebrali
e da colpi di sole; lo ripara dal freddo, imperciocchè arresta
l'irradiazione e la dispersione del calore del sangue: sicchè la
pelle dei Negri è al tatto meno calda della nostra, e li protegge come
protegge noi il vestito.

Questa pelle densa però non presenta presso tutti gli Africani
le medesime tinte di colore. Ma egli è certo che fra i popoli più
barbari del centro dell'Africa la pelle offre una tinta assai nera,
o s'avvicina a quella della fuliggine, pelle dura, rugosa, la quale
facilmente si screpola. Presso i Negri del _Sudàn_ le unghie sono
bianche o, dirò meglio, sembrano tali, e talvolta sono leggermente
colorite, e tal'altra hanno un color rosa.

Non si creda però che la pelle abbia lo stesso colore in tutte le
parti del corpo. Ov'essa è più densa ha un colore più oscuro, come sui
ginocchi, sul gomito, sulle tempie ecc.

La pianta del piede però, la palma della mano, la pelle posteriore al
ginocchio sono le parti meno oscure.

Il sudore dei Negri, che in generale è poco abbondante, manda un odore
acuto, acre, spiacevolissimo. Quindi non deve far meraviglia se le
bestie feroci attaccano i Negri a preferenza dei Bianchi. Il loro fiuto
annunzia assai più facilmente l'avvicinarsi dei primi che non quello
dei secondi.

Se non che non è la pelle, come già dissi, che noi dobbiamo interrogare
per conoscere le differenze reali che passano tra l'una e l'altra
razza.

La fisonomia del Negro puro è talmente caratteristica, che è
impossibile, anche a chi non sia molto addentro in questi studi, non
riconoscerla a prima vista, quando pure l'individuo avesse la pelle
bianca. Le sue labbra sporgenti, la fronte bassa, i denti in fuori, i
capelli corti, lanosi, semiricciuti, la barba rada, il cranio depresso,
il naso largo e schiacciato, il mento fuggente, le mascelle salienti,
gli occhi rotondi, le orecchie grandi, le braccia lunghe e gracili,
le gambe arcuate con polpaccio piccolo, i ginocchi semipiegati, i
piedi lunghi e piatti col tallone sporgente all'indietro, lo sterno
tondeggiante, il corpo un po' curvo all'innanzi e il portamento stanco,
gli danno un aspetto speciale fra tutte le altre razze umane.

La Negra sovente raccoglie da terra degli oggetti, senza punto piegare
le gambe; chinando il corpo tutto d'un pezzo, a partir dal bacino,
ella prende colla mano ciò ch'ella desidera. Una donna bianca a grande
stento potrebbe imitare tale movimento.

Ciò premesso, i _Bèrta_, quantunque la loro pelle sia nerissima,
non ci presentano il tipo del vero Negro[5], mentre invece sono veri
Negri i _Dénka_ e i _Scìluk_. Dei _Bèrta_ ho già parlato in un altro
mio lavoro, ove scrissi pur qualche cosa dei _Dénka_, dei quali però
molto ancora mi resta a dire, che dirò più tardi quando mi toccherà
di parlare delle tribù _Dénka_ del Nilo superiore. Or qui non farò che
trascrivere alcune note, le quali trovo sparse qua e là ne' miei vecchi
giornali di viaggio risguardanti i Negri _scìluk_ e il loro paese.


Il paese dei _Scìluk_, che conta dai 15 ai 20 mila, abitanti, dal
12º grado si estende lungo la riva sinistra del fiume fin quasi al 9º
di lat. settentrionale, mentre non oltrepassa un quarto di grado in
longitudine, partendo dalla riva verso occidente. Esso in generale è
fertilissimo; l'estremità sud-ovest però è assai paludosa, e sabbiosa è
quella a nord.

Nelle vicine boscaglie più che altrove crescono i tamarindi, e
moltissime piante, che gli Arabi chiamano _Àmbag_[6] (_Aedemone
mirabilis_), e _verdeggianti nàbak_ (_Rhàmnus Nabèca, secondo
Forskal_,) adornano ambedue le rive.

Nei luoghi paludosi cresce naturalmente il riso rosso selvatico, e
dopo il 10º grado, rimontando il fiume, s'incontrano boscaglie di palme
_delèb_ (_Borassus Aethiopum_) e di palme _dóm_.

I _Scìluk_ coltivano con amore il sesàme, il mais bianco (_dùrah_),
piccoli fagiuoli e tabacco. Non parlo degli animali selvaggi,
dell'ippopotamo, del coccodrillo, degli animali domestici, poichè
son quegli stessi che si trovano nella valle del fiume _Azzurro_,
e dei quali già dissi qualche cosa nel mio lavoro «_Il Sènnaar
e lo Sciangàllah_.» Non voglio tacere però che fra gli uccelli
si mostrano qui più frequenti le anitre, i pellicani, le folaghe
(_anas aegiptiaca_, _anas gambensis_, _anas melanotos_, _anas plotus
vaillantii_, _pelecanus rufescens_, _sterna leucoptera_, _fulica atra_
ecc.); quindi le gru (_grus pavoninus_, _anatamus camelligerus_); le
ibi, tra le quali la _religiosa_; le ardee (_ardea atricollis_, _ardea
minuta_, _ardea purpurea_).


Vidi fra i _Scìluk_ una bellissima razza di cani. Il fondo della loro
pelle è grigiastro e screziato qua e là di macchie oscure. Essi hanno
forme eleganti; somigliano a' nostri levrieri, ma sono più piccoli. Non
saprei per qual sentimento, i _Scìluk_ gli amano e li proteggono....
sarà forse per solo interesse, poichè i cani guardano nella notte i
loro bestiami. Avvicinandosi qualche fiera alle _zerìbeh_ (ricinti),
ove trovasi raccolto il bestiame, essi mettono urli, latrati e guaiti
da lacerare le orecchie ad un sordo; i Negri gridano l'allarme, aizzano
i cani; questi uniti in frotta s'avventano contro le fiere, e se
non possono raggiungerle le inseguono rabbiosamente fino a una certa
distanza; qualche volta però piombano loro addosso, e allora ne segue
una battaglia feroce, un sottosopra da non poter farsene idea. Le fiere
possono rimaner vinte; ma più spesso ci perdono i cani. Qualcheduno
nel mattino non si vede più a comparire; qualche altro è là sul terreno
disteso vittima della mischia; questi grondano sangue, quelli han rotte
le gambe o lacerate le orecchie. Poveri cani!.... e non meriterebbero
d'aver dei padroni che gli amassero e li proteggessero un po' meglio
di quel che non facciano i _Scìluk_? Ma essi invece sono abbandonati,
vagabondi, senza nome, senza una capanna che li ricoveri, senza leggi.
Sono tutti nel deserto, vi si scavano delle piccole tane, vi dormono,
vi mangiano, vi nascono, vi allattano i piccini e vi muoiono. Tutto
l'amore che i _Scìluk_ hanno per loro si riduce a non maltrattarli,
a non permettere che sieno maltrattati e a non lasciar loro mancare
il cibo. Non ho udito mai che un cane sia divenuto rabbioso; e sì
che da quelle parti i cani patiscono seti ardentissime a lungo tempo
sostenute. Bisogna dire adunque che la sete ardente non sia il motivo
o, dirò meglio, l'unico motivo della rabbia dei cani. Certo è ch'essa
nasce spontanea nel cane, nel lupo, nella volpe, nel gatto, e che
questi animali la trasmettono agl'individui della loro specie, ai
quadrupedi di specie diversa, ed all'uomo; ma non s'è potuto fin
qui dimostrare in che consista la disposizione di detti animali, e
specialmente del cane, la quale da origine alla rabbia spontanea,
nè quali sieno le circostanze o le condizioni a ciò necessarie. E
supponendo pure colali condizioni, si ignorano le cause, onde sono
poste in atto. Molte, a dir vero, se ne sono divisate, ma non àvvene
alcuna la quale regga ad un esame profondo.


I primi viaggiatori e mercanti europei che visitarono i Negri _scìluk_,
li trovarono sospettosi, diffidenti, e per conseguenza pericolosi e
crudeli. E tali divennero specialmente dopo la spedizione egiziana in
_Nubia_ (1821), del cui passaggio si risentirono tanto, mentre essa
era diretta verso il fiume _Sóbat_, e nel suo ritorno a _Scèndi_.
Ma il loro odio contro i Bianchi, ch'essi credevano tutti Turchi,
crebbe assai più allorquando, un anno dopo, intesero la disumana
strage di _Scèndi_, per la quale si volle in qualche modo vendicata
la morte d'_Ismail-Pascià_[7]; odio che il monarca e i vecchi del
paese non tralasciarono mai d'istillare nel cuore dei giovani, allo
scopo di renderli avversi ad ogni relazione coi Bianchi. Fin d'allora
i _Scìluk_ ebbero in fondo all'anima il vago sentimento d'una forza
aggressiva, crescente, minacciosa de' popoli bianchi, dalla quale
temevano o presto o tardi d'essere schiacciati. E quando gli Europei
dopo alcuni anni tentarono di metter piede fra loro per recar doni al
Capo supremo, in apparenza, ma in realtà, pensavan essi, per vedere,
scrutare, fiutare, corrompere e spiare così il terreno per farne una
conquista; quando furono veduti con taccuini in mano, con cannocchiali,
con istrumenti misteriosi ficcarsi da per tutto, notar tutto, misurar
tutto, voler saper tutto.... tanto più crebbero i sospetti ed i
timori d'un'invasione, e immaginavano questa invasione accompagnata
da tutti gli orrori dell'odio e della vendetta, persuasi com'erano
che i Bianchi nutrissero contro di loro gli stessi sentimenti, ch'essi
nutrivano contro i Bianchi. Ma a poco a poco i _Scìluk_ cominciarono a
distinguere i Turchi dagli altri Bianchi europei ed a comprendere che
questi non avevano mire ostili, e che tutt'al più attendevano al solo
commercio.

La prima volta ch'io vidi i _Scìluk_ fu nel 1858, allo spuntar
dell'alba del 28 gennaio. Ero coi miei compagni e col missionario
Matteo Kirchner, che fu poi degno successore del defunto Provicario
Ignazio Knoblecher, quando la _dahabìah_ (gran barca) della Missione,
carica delle provvisioni di un anno per le due stazioni di Santa Croce,
nella tribù dei _Kic_ fra il 6º e il 7º lat. N., e di _Kondókoro_,
nella tribù dei _Bàri_ tra il 4º e il 5º grado, arrenò in un banco di
sabbia presso la sponda sinistra, ov'erano attendati provvisoriamente
alcuni Negri _scìluk_ pescatori colle loro famiglie. I nostri
barcaiuoli fecero tutti gli sforzi per disimpacciarla, ma inutilmente.
Dovemmo aspettare il chiaro giorno, ed invitare que' Negri che
venissero in nostro soccorso, promettendo loro un bel regalo in perline
di vetro che essi amano tanto. Ma non ci fu verso di persuaderli
a venire fin quasi al mezzodì; essi non si fidavano della nostra
lealtà; ci credevano Turchi. Allora uno dei nostri barcaiuoli, di nome
_Mahàmmed-Chèr_, saltò in acqua e s'avvicinò alla sponda mostrando
loro alcune file di perline di vetro delle più belle che avevamo
per adescarli, assicurandoli nello stesso tempo che i Bianchi che si
trovavano nella gran barca non eran Turchi, e che perciò non temessero
di nulla. Capitarono quindi sopra una mal connessa barchetta circa
dodici _Scìluk_, e giunti alla distanza d'una decina di passi da noi,
s'arrestarono, ci squadrarono ben bene, si scambiarono a bassa voce
alcune parole, vollero vedere la quantità de' regali che noi avremmo
data; fecero poi sforzi incredibili, insieme coi nostri barcaiuoli,
per cavare la barca dall'arena, ma non riuscirono nè manco a smoverla.
Noi demmo loro il regalo convenuto e li pregammo d'indurre anche i
loro compagni, che ci stavano osservando dalla riva, perchè venissero
a prestarci assistenza, facendo loro nuove promesse. Accorsero allora
su quattro o cinque barchette tutti i _Scìluk_ pescatori che colà
si trovavano e che saranno stati intorno a trenta, muniti di lancia,
lasciando sole le donne con i bambini. A dir vero noi temevamo questi
liberatori, che alzando la voce pretendevano vedere quali e quante
perline avremmo loro date; e vedutele ce le presero fuor di mano quasi
colla forza; lanciando poi grida selvagge cominciarono a spingere la
_dahabìah_ verso il corso d'acqua navigabile; ma non appena essa fu
smossa, le donne dalla riva, agitando le braccia e mettendo acutissimi
strilli, incitavano i loro mariti a fuggire. Questi saltarono
tosto nelle loro piroghe e in pochi istanti guadagnarono la sponda,
negandoci ogni ulteriore soccorso e dicendo che noi eravamo Turchi.
Stemmo lì fermi fino al giorno seguente; i Negri durante la notte
erano già scomparsi; che cosa fare?... Noi credemmo miglior partito
di alleggerire la _dahabìah_ delle casse più pesanti, improvvisando
alla meglio una zattera coi remi e con altro per adagiarvele; quindi
tentammo a tutto fiato di smuoverla, ma indarno; calammo allora altra
roba sulla zattera; e finalmente alle due pomeridiane, la Dio mercè,
siamo usciti dal difficile passo e ci rimettemmo sul buon canale. I
barcaiuoli ricaricarono con gran fatica ogni cosa, e alle ore cinque e
mezza partimmo col vento in poppa.


Nell'anno 1860 io tornai a visitare i _Scìluk_ e li trovai trattabili
e pieni di fiducia specialmente verso gli Europei non Turchi, ch'essi
sapevano distinguere assai bene.

In questa occasione io ebbi la fortuna di parlare più volte con un
Capo di questi Negri, il quale oltre la propria lingua e quella dei
_Dénka_ parlava speditamente anche l'araba, essendo egli stato schiavo
per alcuni anni nella casa di un Turco, alla morte del quale potè
ricuperare la libertà che aveva perduta fin da tenero giovinetto.

Da questo Capo io raccolsi principalmente quanto sto scrivendo sui
Negri _scìluk_, ed ho ragione di credere che tutto ciò che mi disse sia
vero, perchè è conforme a quello che udii ripetere da qualche Arabo, il
quale da lungo tempo trattava con questi Negri, ed a ciò ch'io stesso
ho potuto osservare.

Ho detto altrove che i _Scìluk_, come i _Nuèr_, non sono compresi
nel novero dei veri _Dénka_ (_Gièn_), dai quali vengono considerati
come antichi invasori delle loro terre; e di fatto essi fanno uso
di un'altra lingua, sebbene intendano e parlino pure quella dei
_Dénka_[8].

Io volli notare alcune parole della lingua propria dei _Scìluk_, per
indagare a quale altra razza potessero appartenere, e dedurne così la
provenienza.

Ecco le poche parole ch'io trascrivo quali trovo segnate sul mio
giornale di viaggio, a fronte delle quali porrò quelle della lingua
_dénka_, per conoscerne e valutarne il divario.

  Nomi _scìluk_               Nomi _dénka_

  Dio — _Kuàe_                Dio — _Dèn-did_ (pioggia grande)
  Uomo — _Giâló_, _Dâno_      Uomo — _Ran_, _Móg_
  Donna — _Dakóu_             Donna — _Tík_
  Fanciullo — _Dèn_           Fanciullo — _Mèvt_, _Uén_
  Fanciulla — _Gñàn_          Fanciulla — _Gñà_
  Cielo — _Màl_               Cielo — _Vniàl_
  Terra — _Figñ_              Terra — _Pigñ_
  Acqua — _Fíu_               Acqua — _Píu_
  Fuoco — _Màg_               Fuoco — _Màg_
  Vento — _Rùde_              Vento — _Ióm_
  Pane — _Bièl_               Pane — _Kuín_
  Albero — _Tàu_              Albero — _Tim_
  Frutto — _Gñuèl_            Frutto — _Tàu_
                                (l'_a_ quasi _o_)
  Casa — _Uàt_                Casa — _G¨ùt_
    (l'_a_ quasi _o_)
  Barca — _Jái_               Barca — _Rièi_
  Stella — _Kièlo_            Stella — _Kuél_
  Tabacco — _Tàbo_            Tabacco — _Tàb_
  Pipa — _Dak_                Pipa — _Tógñ-e-tàb_ (vaso del tabacco)
  Bestia — _Diàn_             Bestia — _Lái_
  Lancia — _Ton_              Lancia — _Tòn_

  _Pronomi personali_

  _Scìluk_                    _Dénka_

  Io — _janèn_                Io — _g¨èn_
  Tu — _jin_                  Tu — _jín_
  Egli, Ella — _ñġatì_        Egli, Ella — _jèn_
  Noi — _Uèn_                 Noi — _òg¨_
    (l'_e_ quasi _o_)
  Voi — _Un_                  Voi — _uék_
  Eglino, Elleno — _Ġi_       Eglino, Elleno — _kék_
    (ġ dura)

  Tutti — _Ġebène_ (_ġ_ dura)  Tutti — _ké-vdia_, _rór-e-bèn_
                                           (Tutti gli uomini)

  _Addiettivi indicativi numerali cardinali_

  Scìluk                      Dénka

  1 — _dièl_                  1 — _tók_
  2 — _ariòu_                 2 — _ròu_
  3 — _adèk_                  3 — _diàk_
  4 — _añġuèn_                4 — _ñġuàn_
  5 — _abìġ_                  5 — _vdiéc_
  6 — _abik-ièl_              6 — _vde-tèm_
  7 — _abi-riòu_              7 — _vde-ròu_
  8 — _abi-dèk_               8 — _bêd_
  9 — _abi-ñġuèn_             9 — _vde-ñġuàn_
  10 — _fiàr_                 10 — _vtiár_
  11 — _fiàr ógiàk-ièl_       11 — _vtiár-ko-tók_
  12 — _fiàr ógià-riòu_       12 — _vtiár-ko-ròu_
  13 — _fiàr ógià-dèk_        13 — _vtiár-ko-diàk_
  14 — _fiàr ógià-ñġuèn_      14 — _vtiár-ko-ñġuàn_
  15 — _fiàr ógià-biġ_        15 — _vtiár-ko-vdiéc_
  16 — _fiàr ógià abik-ièl_   16 — _vtiár ko-vde-tèm_
  17 — _fiàr ógià abi-riòu_   17 — _vtiár-ko-vde-ròu_
  18 — _fiàr ógià abi-dèk_    18 — _vtiár ko-bèd_
  19 — _fiàr ógià abi-ñġuèn_  19 — _vtiár ko-vde-ñġuàn_
  20 — _fiàr-riòu_            20 — _vtiár ròu_
  21 — _fiàr-riòu ógiàk-ièl_  21 — _vtiár ròu ko-tók_
  22 — _fiàr-riòu ógià-riòu_  22 — _vtiár ròu ko-ròu_
  30 — _fiàr-dèk_             30 — _vtiár diàk_
  40 — _fiàr-ñġuèn_           40 — _vtiár ñġuàn_
  50 — _fiàr-abìġ_            50 — _vtiár vdiéc_
  60 — _fiàr-abìk-ièl_        60 — _vtiár vde-tèm_
  70 — _fiàr-abì-riòu_        70 — _vtiár vde-ròu_
  80 — _fiàr-abì-dèk_         80 — _vtiár bèd_
  90 — _fiàr-abì-ñġuèn_       90 — _vtiár vde-ñġuàn_
  100 — _fiàr fiàr_           100 — _buòt_

  _Addiettivi indicativi possessivi_

  Scìluk                      Dénka

  mio } _ġià_ (_ġ_ dura)      mio } _kedià_
  mia }                       mia }

  tuo } _ġiìn_ (_ġ_ dura)     tuo } _kedù_
  tua }                       tua }

  suo } _ġiì_ (_ġ_ dura)      suo } _kedè_
  sua }                       sua }

  nostro } _miuón_            nostro } _kedà_
  nostra }                    nostra }

  vostro } _miubèn_           vostro } _kedún_
  vostra }                    vostra }

  loro — _ġitinaciá_          loro — _kedèn_

Basta, io credo, questo brevissimo saggio per iscorgere chiaramente che
la lingua propria dei _Scìluk_ è bensì diversa da quella dei _Dénka_,
ma presenta press'a poco la stessa fisonomia, e che quindi i Negri che
parlano questa lingua debbono appartenere alla medesima razza. Si vuole
che i _Scìluk_ sieno provenienti dal sud-ovest.



IV.

  Il regno dei _Scìluk_ e il loro Governo — Mezzi d'incivilimento
  — Punizioni — Diritto di elezione al trono — Residenza reale —
  Quanto si possa fare assegnamento della parola di un re Negro —
  Il latrocinio — Divisione, carattere e costumi vari dei _Scìluk_
  — La schiavitù presso i _Scìluk_ e gli Arabi in _Hèllat-Kàka_ — I
  mercanti d'avorio divenuti rapitori e mercanti di schiavi.


Tra i Negri che s'incontrano lungo le rive del fiume _Bianco_, non
havvi che la tribù dei _Scìluk_ che abbia un Re, il quale risiede a
_Dènab_, ed esercita una indeterminata autorità generale, che viene
spesso limitata dalle reciproche gelosie e dal capriccio di alcuni
Capi de' villaggi vicini, i quali compongono una specie di Consiglio di
Stato.

I due più grandi villaggi fra i _Scìluk_ sono _Hèllat-Kàka_, tra il 10º
e l'11º lat. N., villaggio che si estende lungo la riva sinistra del
fiume per quasi tre miglia geografiche, ed è diviso in tante borgate
vicinissime le une alle altre e scostate dal fiume circa un quarto
d'ora di cammino; e _Dènab_ (a 9°, 5′), ch'io ritengo col Kotschy sia
la capitale dei _Scìluk_ e non _Hèllat-Kàka_, come pretesero alcuni.
_Dènab_ trovasi più nel centro della tribù; _Dènab_ è la residenza del
Re; _Dènab_ è abitato puramente dai _Scìluk_, mentre _Hèllat-Kàka_ si
compone di famiglie di tante e diverse tribù; vi si vede l'Arabo bruno
de' _Baggàra_, il giallastro degli _Hossanìeh_, l'uomo di _Nóba_, del
_Kordofàn_, del _Dàr-fùr_, il Negro _dénka_, il mercante dongolèse e
l'indigeno _Scìluk_.

I Negri _scìluk_ sono di mezza statura, ben tarchiati, forti, ruvidi
com'è la loro pelle, han l'occhio vivo, penetrante, feroce; sono per
natura bellicosi e vendicativi; essi vivono per solito di pesca, di
caccia, di furti e di rapine.

Il Monarca, assistito dal Consiglio di Stato, piuttosto che reggere i
suoi sudditi gli opprime.

Il meschino commercio, che da circa ventanni s'è iniziato colle barche
de' mercanti passeggieri, i quali sulla riva del fiume, con perline
di vetro, comprano dalle donne e dalle fanciulle _gherre_, _borme_
(piccoli e grandi vasi di terra cotta), galline, uova, latte, grano di
dùrah (_holcus dùrah_) e, nell'interno della tribù, denti di elefante,
non è possibile che progredisca perchè è strozzato da monopoli
del Monarca e dei membri del Consiglio di Stato, dalle proibizioni
d'esportazione e d'importazione, e dalla capricciosa mutabilità degli
ordine; e con tali vincoli posti al commercio, come potrà mai, io
dico, attuarsi l'industria? e l'arte di lavorare e rendere fruttifero
il terreno, che pure in alcuni luoghi è tanto fecondo, come potrà
introdursi, io domando, e perfezionarsi, se quel po' di agricoltura
che oggi vi si pratica, in modo però da non meritare quasi il nome di
arte, trovasi aggravata di balzelli e vincolata nell'esportazione dei
prodotti?...


Conquistare bisogna simili regioni colla forza, ma con una forza
che tenda ad edificare, non a distruggere; con una forza che emani
da un popolo religioso veramente e civile, il quale sparga qua e là
colonie numerose e forti, che s'affratellino con que' poveri Negri e
s'accomunino fino a stringere matrimoni, e insegnin loro a legarsi
in amichevoli relazioni con tutti, ma specialmente colle tribù che
hanno la medesima origine e parlano la stessa lingua, cercando così
d'infondere nei loro animi il sentimento di nazionalità e far che
incominci a risorgere fra tribù e tribù il commercio che ora è morto;
mentre nessuna tribù osa oltrepassare i propri confini se non per
portare la guerra alla tribù vicina, affrettandosi poi a ripassarli.
I Negri di una tribù, che ordinariamente non supera i venticinque mila
abitanti, vivono sempre isolati, fuggendo ogni altro consorzio umano.
E in questa mancanza assoluta di comunicazioni, essi rimarranno sempre,
quali sono, ignoranti di tutto, timidi, creduli, superstiziosi. Ignari
di quanto succede a non molta distanza dal proprio paese, immagineranno
cose straordinarie e prodigiose.

Alcuni anni sono Lakonò, Gran Capo d'una tribù sul fiume _Bianco_,
raccontava a un certo Solimàn Kàscef che a dieci giorni di cammino dal
luogo ov'essi si trovavano, esistevano miniere d'oro inesauribili, le
quali erano custodite da esseri mostruosi, che avevano la testa di cane
e che si pascevano di carne umana[9].

Qualunque educazione ricevano i Negri da Missionari premurosi e
zelanti, lo spirito rimane sempre frivolo e vano, la loro attività
sopita, infermo il ragionamento. Sono bambini incapaci di regolarsi
da sè, che si trastullano dei gingilli, si dilettano al racconto delle
storielle, sorridono alla favola, ammirano i giuochi di prestigio, ma
sdegnano affatto la scienza, e non vogliono saperne di religione.

Come sopita in loro è la ragione, così lo è l'immaginazione. È vero
che i popoli barbari, per lo più, amano molto la poesia, la quale
somministra i più brillanti colori, ond'essi si compiaciono di
tracciare i graziosi quadri d'un'ingegnosa mitologia. I Greci non hanno
aspettato Pericle per creare l'Iliade; e l'Arabo selvaggio, nomade,
predatore, recava alla Mecca, assai prima dell'islamismo, il tributo
de' suoi versi. Vi s'incontravano allora poeti sporchi, affamati,
seminudi, a lunga ed unta capigliatura, cantare le gesta degli Eroi o
i saggi dell'amore con quella forbitezza di lingua, con quell'eleganza
ardita, con quella grazia ingenua che noi ancora ammiriamo, e di cui
n'è prova il _Moallakàt_ di _Sciànfara_.

Nulla, assolutamente nulla di tutto questo presso i Negri. Le loro
canzoni rassomigliano ai ritornelli che balbettano i fanciullini;
e il più delle volte si compongono di parole slegate, dalle quali
difficilmente si può dedurre un concetto. Tali sono i Negri _scìluk_,
e tali sono tutti i Negri da me visitati entro il bacino del fiume
_Bianco_.

Insomma, fuori d'un miracolo di Dio, il quale può tutto, io non
vedo altro mezzo che valga a mettere in sulla via della civiltà
i popoli selvaggi dell'Africa Interna che una forza bene intesa e
l'incrociamento di razze.


Il Re dei _Scìluk_ punisce con delle multe i furti e le rapine; e gli
omicidi colla morte a colpi di lancia o di bastone.

Ciascun villaggio ha il suo Capo, che viene eletto dal Re e che deve
invigilare alla osservanza degli ordini superiori, quando si tratta
specialmente della vendita dei denti di elefante, la quale non può
seguire che dietro il consenso del Monarca, a cui va pagata la tassa.
Uno che fosse colto in flagranti sarebbe tosto punito e spogliato di
tutto ciò che possiede.


Il regno dei _Scìluk_ non è ereditario, come scrisse qualche
viaggiatore. Quando io visitavo per la terza volta questo regno e
mi trovavo a _Dènab_ il 7 dicembre 1859, il Re, di nome _Mievdòk_,
era già morto sin dal febbraio dello stesso anno, e nelle sue ultime
agonie veniva finito con tre colpi di lancia da uno dei suoi parenti
più stretti, perchè disdice ad un Monarca sì grande il morire, come
essi ripetono, d'una morte troppo comune. Egli sen giaceva ancora
insepolto, ben chiuso in una capanna, perchè non era stato eletto il
successore, che si diceva dover essere il figlio di un suo fratello
chiamato _Ghèu_. «La scelta però dipende dal voto del popolo, e appena
il successore sarà stabilito in carica, il defunto Monarca verrà
seppellito sotto un tamarindo presso la residenza reale;» così diceva
a' miei barcaiuoli un vecchio _Scìluk_, che mostravasi dolente di una
nuova elezione, e che meglio era, andava ripetendo, di vivere senza Re.

_Dènab_; con questo nome vengono chiamate diverse borgate, che per
notevole estensione si succedono l'una all'altra lungo il fiume; e
in mezzo a queste, un po' distante dalla riva, abita il Gran Re dei
_Scìluk_, a cui nessuno, pel dovuto rispetto, può presentarsi se non
procedendo carpone.

La residenza reale è tutta chiusa da un ricinto quadrato (_zerìbah_),
e si compone di circa sessanta capanne di paglia, di cui altre hanno
il tetto acuminato, ed altre rotondo come una cupola. Quasi tutte
sono abitate dalle donne di Sua Maestà, il quale passa la notte e il
giorno or nell'una or nell'altra come meglio gli aggrada. Quattro o
cinque di queste capanne son destinate per le donne incinte, e otto
o dieci per quelle che soffrono comecchessia incomodi di salute; una
grandissima capanna poi, che si distingue fra tutte l'altre anche per
la sua forma, è riserbata per la tesoreria. Essa contiene i più grossi
denti d'elefante e d'ippopotamo, maravigliose corna di rinoceronte e di
diverse antilopi, preziose pelli di animali feroci, i più bei campioni
di perline di vetro, stoffe di tela e sciabole donate al Monarca da
mercanti arabi, turchi, europei. Questa capanna è considerata come
luogo sacro, e solamente le persone che sono in grazia di Sua Maestà
possono porvi il piede.

Ai quattro angoli fuori del grande ricinto della residenza reale
sono quattro piccole _zerìbeh_, ciascuna delle quali contiene
intorno a cinquanta Negri scelti fra i più forti della tribù; e
questi costituiscono la guardia nobile dell'Augusto Monarca. Davanti
all'ingresso s'inalzano parecchi superbi tamarindi, dei quali il più
maestoso copre colla sua ombra il seggio reale; e qui s'uniscono a
consiglio i Capi, qui si danno giudizi, qui si pronunciano sentenze.
I padri, che posseggono belle e graziose ragazze, si tengono onorati
di poter presentarle ai piedi del Re; così che io credo che il Re dei
_Scìluk_ conti più donne del Gran-Sultano dei Turchi.


Per conoscere quanto si possa fare assegnamento della parola di un re
Negro, leggiamo ciò che lasciò scritto M. Jules Poncet, negoziante e
viaggiatore ch'io conobbi di persona in _Chartùm_, nel suo libro: _Le
fleuve Blanc, e les chasses a l'éléphant_:

«En 1860, mon frère Ambroise s'arrêta au-dessus de Dénab, pour essayer
d'obtenir du roi des Schellouk la permission de chasser dans ses
États. Comme ce Monarque n'a jamais voulu recevoir aucun blanc, mon
frère dut lui envoyer notre reis Oued-Khalled, et un de nos employés
nommé Messaad, qui ayant habité chez les Schellouk, parlait bien leur
langue; mon frère envoyait à sa majesté à titre de cadeau plusieurs
sacs en indienne, pleins de différentes verroteries. Nos émissaires
partirent de la barque, traversèrent deux gros ruisseaux pour arrivar
à la résidence royale. Ils s'assirent sous un tamarinier, et quelques
minutes après s'être fait annoncer, le roi sortit de son palais, tenant
sa pipe d'une main et son bâton de l'autre, du reste nu comme tous ses
sujets; il alla s'asseoir sous son arbre particulier. Un Nègre vint
alors dire à nos gens de s'approcher. Ils marchèrent dans la direction
du roi jusqu'à une distance de quinze pas, puis s'agenouillèrent en
marchant sur les pieds et les mains, selon l'usage, jusqu'à la distance
de trois ou quatre pas de sa majesté, qui reconnut d'abord Messaad, à
qui il dit: Messaad, pourquoi es tu venu? Ce dernier répondit, ce qui
était la vérité, que les Schellouk, après avoir tué son frère l'anné
précédente, l'avaient dépouillé de tous ses biens, et qu'à la suite de
ces malheurs, il s'était retiré auprès d'un blanc, qui lui avait donné
des armes et des hommes pour chasser; que ce même blanc le saluait,
e lui envoyait par ma médiation quelques sacs des verroteries, avec
prière de lui permettre de chasser l'éléfant, ainsi qu'à lui Messaad,
connu de tous les Schellouk, et duquel l'on n'avait rien a craindre.

«Le roi, sans dire un seul mot, ouvrit les sacs qu'il regarda
attentivement, en prit deux contenants les plus belles verroteries;
puis il distribua le reste à ses gens. Il parut satisfait, et après
avoir gardé le silence quelques minutes, il dit à Messaad: Retourne
auprès de ton blanc, et dis-lui que je donne pleine permission à
Messaad de chasser dans mes États, et que, dès demain, j'en avertirai
les chefs de tous les villages.

«Nos deux émissaires se trouvant très-satisfaits de cette promesse,
le remercièrent en termes flatteurs, et se retirèrent en marchant
sur leurs pieds et leurs mains comme ils étaient venus. Ensuite, ils
s'en vinrent raconter a mon frère le résultat de leur ambassade. Le
lendemain, Messaad et ses hommes sortirent pour aller chasser. Dejà ils
étaient en route, quand mon frère les rappela d'àprès un contre-ordre
de sa majesté, que deux émissaires lui avaient apporté peu après leur
départ.

«Les députés de ce monarque remirent à mon frère de la part de leur
maître, deux boeufs en cadeau, et lui dirent que son conseil l'avait
déterminé a retirer sa parole pour cette permission de chasse, ajoutant
que les Turcs prenaient le prétexte de chasser pour s'emparer de ses
États, et que, d'après cette réflexion, sa majesté ne permettait pas à
Messaad de chasser, et qu'en outre, il invitait mon frère de partir de
suite avec ses gens.

«Un de ses émissaires, qui s'appelait Cheik Abder-Rhamàn, nous assura,
en langue arabe, que c'étaient les conseillers seuls du souverain qui
l'avaient fait revenir sur sa promesse.»

I Negri _scìluk_ sono il popolo più turbolento, più audace, più
traditore, più ladro di tutta la vallata del _Bàhr-el-Àbiad_. Il Re
però e tutti i Capi sanno reprimere colla forza questa loro indole
perversa, nell'interno della tribù; ma non impediscono che venga
dispiegata al di fuori, anzi la favoriscono col ricever parte dei loro
furti. I genitori stessi avvezzano i loro ragazzi a rubare. Fra questi
Negri il latrocinio è ammesso come cosa naturalissima, sempre però
fuori della loro tribù, quando non si tratti di derubare un forestiero.
— Mi ricordo che un giorno, giusto nel paese dei _Scìluk_, stanco di
starmi seduto in barca nel mio ristretto e disagiato casotto, montai
sulla riva e m'addentrai nel bosco non più di cento passi, perchè i
miei barcaiuoli m'aveano avvertito che non conveniva allontanarsi
troppo dal fiume per timore dei Negri. Eran circa due ore dopo il
mezzodì; avevo appena mangiato un boccone; m'acconciai comodamente
all'ombra di una pianta a fare il chilo, e deposta da banda la mia
pezzuola e la tabacchiera d'argento, che mi tenevo cara assai non
tanto pel suo valore intrinseco, quanto per la persona che me l'aveva
regalata, m'addormii. Svegliatomi dopo alcuni minuti, non trovai più
nè pezzuola nè tabacchiera. Alcuni giovinetti Negri, che ho veduto
poi a qualche distanza fuggir via, se n'erano serviti. È incredibile
l'audacia di questi monelli. Non c'è luogo dove non penetrino, malgrado
la più oculata sorveglianza; strisciano, guizzano, si schiacciano
contro terra, coperti d'erba, di paglia, di foglie; rischian la vita
per un nonnulla. Io stetti lì ancora un cinque minuti, mortificato,
immobile sotto l'albero, colle braccia incrociate, e lo sguardo fisso a
terra, esclamando di tratto in tratto: — Ah! che birboni!!... e tornai
poi in barca a rintanarmi nel mio casotto.

Del resto i Negri _scìluk_ nelle loro grandi spedizioni si raccolgono
in numero di cento e più, e discendono o rimontano il fiume sopra
leggiere piroghe, armati di lancia e di scudo e muniti di grossi
utensili, per dare la caccia all'ippopotamo e al coccodrillo. Essi
vanno disciplinati; hanno dei Capi, degli statuti, dei diritti
riconosciuti in un certo senso persino dal Governo. Se discendono il
fiume, spiano continuamente gli Arabi della riva sinistra e i _Dénka_
della riva destra, e tirano specialmente alle loro vacche. Qualora
riescano ad impossessarsene le spingono nel fiume, e d'isola in isola
le conducono presso alle loro abitazioni. I _Scìluk_ poi del sud fanno
le loro spedizioni lungo il _Sóbat_ e fino all'imboccatura del fiume
delle Gazzelle (_Bàhr-el-G¨azàl_), cercando di derubare per sorpresa i
_Gianghè_ della riva sinistra o i _Nuèr_ della riva destra.

Durante la spedizione, che può durare anche più di un mese, essi dànno
la caccia agli ippopotami e ai coccodrilli[10]. Da questi ultimi hanno
il muschio, di cui fanno mercato; e dei primi conservano la pelle e i
denti canini, ricercatissimi specialmente da qualche Inglese.

I _Scìluk_ appetiscono assai la carne dell'ippopotamo che tagliano a
lunghe striscie; quindi la sospendono a corde tese all'ombra e all'aria
aperta, non mai al sole; e passate circa ventiquattr'ore hanno la carne
secca che può servir loro di nutrimento per qualche mese. Rarissime
volte mangiano la carne del coccodrillo, che è molto indigesta e sa
di muschio. Vidi a mangiarne una volta i miei barcaiuoli, e io avrei
proprio desiderato di assaggiarla, tanto più che quel coccodrillo
l'avevo ucciso io stesso con un colpo di carabina; ma non mi fu
possibile di accostarne briciolo alla bocca; il puzzo spiacente che
mandava mi sconcertò talmente, che dovetti uscire di barca per non
rigettare.


I _Scìluk_ sono divisi in due classi. Quelli che si trovano ad
_Hèllat-Kàka_, o più a nord, che sono assai pochi in confronto
degli altri, vengono, per così dire, considerati come schiavi degli
Arabi da quelli che abitano più a sud, i quali si estendono fin
quasi al lago _No_, formato dalla mescolanza delle acque del fiume
Bianco (_Bàhr-el-Àbiad_) con quelle del fiume delle _Gazzelle_
(_Bàhr-el-G¨azàl_ o _Kèilak_). In realtà però i _Scìluk_ del nord
vollero emanciparsi dal predominio tirannico del Re e de' suoi
Consiglieri, mescolandosi cogli Arabi, dei quali non si può dire
che sieno schiavi. Questi _Scìluk_ non hanno stabili abitazioni,
sono erranti; io ne vidi attendati fin presso al 14º grado, e vivono
unicamente di pesca, di caccia e di furti; mentre i _Scìluk_ del
sud hanno stabili dimore ed esercitano, sebbene con poco amore e con
poco studio, anche l'agricoltura. Essi coltivano il _dòkn_ (_holcus
dùrah_), e i campi sono per lo più alquanto discosti dalle abitazioni.
Avvicinandosi il tempo della raccolta, i coltivatori abbandonano le
capanne e fanno dimora in mezzo ai loro seminati, per frastornar gli
uccelli che non mangino il grano, e per guardarli dai ladri. Allora non
riposano la notte che sopra grandi alberi per difendere così la loro
proprietà senza il timore d'essere assaliti dagli animali feroci.

Il _Scìluk_ è per natura infingardo, poltrone, come ordinariamente sono
tutti i Negri. Bere la _merìssah_ (specie di birra), fumar la pipa al
suono del tamburo e della _rabàba_ (strumento simile alla ghitarra)
presso donne e fanciulle, che gesticolano, ballano, e cantano a più non
posso, è il più bel divertimento, l'unica sua ambizione.

In tempo di pace, la quale non si prolunga mai oltre il mese della
luna nel quale s'è conchiusa, i Negri _scìluk_ fanno _el-sùk_ (il
mercato) cogli Arabi _Baggàra_, cogli _Abù-Ròf_, coi _Dénka_. Nei loro
mercati essi vendono ai _Baggàra_ della riva sinistra del fiume ed
agli _Abù-Ròf_ della riva destra correggie d'ippopotamo e muschio di
coccodrillo; e ai _Dénka_ carne secca e tabacco, ricevendo in cambio
grano di _dùrah_.

I Negri _scìluk_, come tutti i Negri ch'io ho conosciuto in sulle
rive del fiume _Bianco_, hanno una maniera singolare onde preservarsi
dal freddo della notte. All'avvicinarsi della sera essi accendono un
gran fuoco, ne attivano la combustione, e allorquando le legna sono
ridotte in cenere, vi s'avvolgono con tutto il corpo unto d'olio di
ricino, formandosi così come una crosta di cenere che serve loro
di vestimento, nel quale dormono saporitamente e assai meglio che
tanti poveri sventurati qui da noi, i quali sui loro letti non hanno
abbastanza da coprirsi nella stagione invernale. Appena che coll'alba
sorge il mattino, si spogliano del loro inviluppo notturno, lavandosi
con molta cura nelle acque del fiume, e ricomparendo poi nel vecchio
loro costume, di cui la natura sola n' ha fatto le spese, e che essi
non sarebbero disposti a mutare con nessun altro. La è questione
d'abitudine; non vogliono saperne di camicia e di calzoni; essi hanno
dell'eleganza ben altra idea da quella che noi n'abbiamo; torturano
gli orecchi, le labbra, il naso con grossi anelli di ferro e di rame;
bizzarri abbigliamenti portano al collo, alle braccia, ai fianchi,
ai piedi; si tingono il corpo di terra rossa; alcuni tengono irti i
capelli; altri li voglion rasi e si coprono il capo con una pasta di
cenere intrisa con olio, a cui danno diverse forme più o meno ridicole,
ma tutte in modo da farli parer mostruosi. Ecco le loro galanterie; qui
sta tutta la loro ambizione; così è — de gustibus non est disputandum —
e tanto basti.

Un contrassegno, un'impronta particolare, fatta con un ferro rovente,
il più delle volte sulle spalle, sulle guance, o sulla fronte serve a
distinguere tribù da tribù, e talora villaggio da villaggio.

Le ragazze dei _Scìluk_ sono piuttosto brutte; laide se le consideriamo
dal lato materiale, e laidissime dal lato morale. Esse vanno affatto
ignude fino al momento del loro matrimonio, il quale ha luogo, come
presso tutte le tribù negre del fiume _Bianco_, intorno ai vent'anni.
Allora si coprono con due pelli di capra o di montone, davanti e di
dietro, le quali pelli s'uniscono solamente alla cintura, lasciando
scoperta la parte esteriore delle coscie. Un numero maggiore o minore
di bovi, secondo il potere dello sposo, è la dote della futura sua
moglie. La dote vien consegnata ai genitori di lei, i quali dovranno
conservarla per farne la restituzione al marito, nel caso che la
moglie, stanca di lui, volesse fare ritorno alla propria famiglia; e
questo non è solo costume particolare dei _Scìluk_, ma di tutti i Negri
lungo le rive del fiume.


I _Scìluk_ sono cupidi di schiavi, ma specialmente gli abitanti del
nord, i quali s'uniscono quasi sempre cogli arabi _Baggàra_ nelle loro
spedizioni per la tratta di altri Negri, dei quali fanno poi crudele
mercato.

Il luogo, nel quale venivano raccolti i poveri schiavi, era
_Hèllat-Kàka_, ove traevano mercanti di molti paesi per comperare...
carne umana. Nel 1859, quand'io mi trovavo appunto sul luogo, mi fu
detto che ve ne erano stati venduti presso a 500, quasi tutti dell'età
di otto o dieci anni. Molti di quegli infelici muoiono in breve tempo,
altri di stento ed altri di nostalgia. I loro padroni prima di esporli
in vendita, gli ingrassano, come si fa de' polli d'India; cercano di
guarirli dalla nostalgia colla musica, co' balli, col canto; ne evirano
alquanti, e insegnano o fanno loro insegnare qualche parola araba; il
che ne aumenta il prezzo, che è ordinariamente cento piastre egiziane
(quasi venticinque lire italiane) per un ragazzo, duecento per una
bimba, circa ottocento per una giovane di diciassette o diciott'anni,
bella, la quale sappia parlare un po' l'arabo e che non abbia ancora
partorito; ed altrettante per un giovinetto evirato. Il Re dei _Scìluk_
ha un tanto per cento sugli schiavi venduti da' suoi sudditi. Se muore
uno schiavo, il suo corpo vien gittato nel deserto e fatto pascolo
delle belve; se egli ammala, e la sua malattia è creduta contagiosa
e difficile a guarire, lo si adagia alla meglio sopra il fusto di
un albero nell'interno della foresta, ed accanto gli si pone un vaso
d'acqua e qualche cosa da mangiare; e lo si lascia là ignudo giorno e
notte, esposto all'aperto, qualunque sia la stagione. Avviene talvolta
che l'acqua venga meno, che gli manchi il cibo, che il male aggravi;
egli allora invoca aiuto, smania, si contorce... Gridi pur l'infelice
quanto ha fiato, pianga, urli, si disperi, che nessuno avrà pietà di
lui... Oh potesse almeno discendere da quella pianta malaugurata!...
Non gli è possibile; v'è legato così, da non potersi per niun modo
svincolare. — Tutto ciò mi parrebbe incredibile, s'io stesso non fossi
stato testimonio d'un simile fatto.

Era la notte del quattro dicembre 1859, la terza volta che percorrevo
il fiume _Bianco_ fra _Chartùm_ e Santa Croce; la mia barca era ferma
presso _Hèllat-Kàka_; quella notte per me fu una delle più agitate del
viaggio; non mi sentivo bene; non potevo prender sonno; avevo tante
cose per la mente che m'inquietavano — il pensiero d'aver perduto così
presto la cara e dolce compagnia degli amati miei fratelli missionari,
coi quali solevo dividere il tempo in utili e preziose conversazioni,
Francesco Oliboni ch'era morto poco dopo il nostro arrivo nella
missione di Santa Croce, Angelo Melotto ch'era morto poco dopo il
nostro ritorno da Santa Croce a _Chartùm_, Isidoro Zili ch'era pur
morto in _Chartùm_, Alessandro Dal Bosco che vi lasciai gravemente
ammalato, Daniele Comboni che sofferente di febbri era tornato in
Europa. E i missionari tedeschi?... quasi tutti erano morti. Ma ancora
più m'inquietava il pensiero del richiamo, che per mezzo mio ordinava
il Prov. Apostolico Matteo Kirchner, col beneplacito di Roma, de' pochi
missionari superstiti dalle stazioni di Santa Croce e di _Kondókoro_
sul fiume _Bianco_. Ecco, io sclamavo allora, troncato d'un sol colpo
il filo delle mie speranze... dopo tante e tante fatiche sostenute,
dopo il sacrificio di tante vite! oh quanta maledizione pesa su questo
suolo africano! quanto incomprensibili sono i giudizi di Dio!... ma
sia fatta la volontà sua. E voi, anime a me tanto care, che or vi beate
lassù nel cielo della vista del Padre universale e onnipotente, il cui
Figlio incarnato sparse per tutti il preziosissimo suo sangue, ah!
pregate affinchè lo Spirito Santo che dall'uno e dall'altro procede
infiammi col fuoco dell'amor suo i gelidi cuori di tanti poveri Negri,
e illumini le oscure loro menti perchè sieno fatti degni di entrare in
grembo alla vera Chiesa da Gesù Cristo fondata... deh! pregate anche
per me, che ignoro la sorte che m'attende, affinchè il Signore mi
conceda, quando a lui piacerà, di rivedervi in cielo. — A un'ora dopo
la mezza notte, appena addormentato mi svegliai; tutti i barcaiuoli e
il mio servo dormivano profondamente; a me non riuscì più di chiuder
occhio; udivo ad intervalli il latrato dei cani _scìluk_ e il ruggito
del leone; quindi in un momento di silenzio mi tuonò all'orecchio
improvvisamente una voce squarciata e selvaggia, che non tacque più fin
quasi all'alba; essa veniva dalla foresta, ed ora mi pareva d'averla
vicina, ora la sentivo lontana, poi tornava a risonare più vicina,
a seconda del vento che spirava, e sempre in tono di lamento, di
disperazione; e prorompeva di tratto in tratto in grida acutissime, che
mettevan freddo nelle vene. Io svegliai allora il servo e i barcaiuoli
perchè essi pure ascoltassero quelle grida; e tutti eravam persuasi
fossero le grida d'un infelice che domandasse soccorso. All'alba del
giorno, io con tre barcaiuoli e il servo movemmo verso quella parte
della foresta donde era venuta la voce, e dopo breve cammino scoprimmo
il cadavere d'uno schiavo in mezzo a un lago di sangue, che alcuni
cani, più fortunati di lui! leccavano. — Gittammo un grido di stupore.
— Accanto al cadavere era una donna che accarezzava il suo volto
sanguinoso, singhiozzando, ridendo convulsivamente, mormorando con
voce infantile parole di disperazione e d'amore. Il cadavere, caldo
ancora, aveva sei ferite nel petto; aveva un occhio crepato, morsicate
le braccia e le mani, e stava disteso in terra sotto l'albero, sopra
il cui fusto era stato legato quand'era vivo, ed ora vedevasi ancora
la fune e un piccolo vaso di terra senz'acqua. Chi fosse quella
donna, pazza di dolore, non l'abbiam potuto sapere; nessuno capiva la
lingua che parlava.... Ah! forse sarà la moglie, io dissi, di questo
sventurato!... Ma e chi l'ha ucciso così crudelmente?... e perchè?...
mistero!

Il 17 febbraio 1860, essendo io di ritorno da _Kondókoro_ e da Santa
Croce coi missionari tedeschi Francesco Morlang, Antonio Kaufman,
Giuseppe Lanz, con due laici, membri pure della missione, e con
quattro giovinetti Negri e sei giovinette, catecumeni, m'arrestai colla
_dahabìah_ davanti alla maggiore borgata di _Hèllat-Kàka_, distante dal
fiume circa un quarto d'ora, per comperare delle uova, delle galline,
de' fagiuoli e due o tre montoni da mangiare durante il resto del
viaggio fino a _Chartùm_.

Nella mia assenza di circa due mesi, la popolazione araba di
_Hèllat-Kàka_ s'era aumentata di forse duecento abitanti provenienti
dalle montagne di _Tèghele_, i quali, come gli altri Arabi che da
parecchi anni erano qui stabiliti, non avendo che poco bestiame,
scelsero a loro dimora questa posizione perchè assai opportuna per la
tratta dei Negri. Gli schiavi venivano poi venduti o qui sul luogo, o
sui mercati di _Dàr-Fùr_ e di _Kordofàn_.

_Hèllat-Kàka_, dal tempo che Seid Pascià vicerè dell'Egitto proibì la
compera e vendita degli schiavi, n'era divenuta l'emporio, e gli Arabi
crescevano ogni di più. Le loro capanne sono spartate da quelle dei
Negri _scìluk_ e compongono il gruppo principale di questa contrada.
Due de' miei vecchi barcaiuoli, che da parecchi anni conoscevano
questi Arabi, mi dicevano che non era che da poco tempo ch'essi avevano
migliorata d'assai la loro condizione, da quando, cioè, cominciarono
a tener commercio con alcuni mercanti d'avorio che percorrevano il
fiume _Bianco_, dai quali compravano ogni anno buon numero di schiavi,
qualche volta con piastre egiziane, ma il più delle volte con grossi
denti di elefante, ch'essi ritraevano dagli Arabi dell'interno. Così è,
alcuni mercanti di _Chartùm_, ch'io ho conosciuto, Turchi specialmente,
i quali viaggiavano sul fiume _Bianco_ coll'unico scopo di sordido
guadagno, vedendo che la quantità dell'avorio diminuiva sempre più, che
i concorrenti aumentavano e che crescevano le spese; nè avendo i mezzi
da procacciarsi carabine di grosso calibro, e di assoldare uomini per
dar la caccia agli elefanti, come facevano gli Europei, ricorsero ad
uno spediente assai facile onde provvedere ai loro interessi, abusando
ferocemente della impunità dei loro atti ingiusti e crudeli. Questi
mercanti non s'allontanano mai dal fiume, ed allorchè veggono in sulle
rive donne e fanciulle venute per lavarsi e per riempiere d'acqua le
loro _bórme_ (vasi di terra), o giovinetti che guardano il bestiame,
o qualche casotto di poveri pescatori, si fanno subito annunziare dai
Negri loro turcimanni quali buoni amici, che vanno in cerca di denti di
elefante per comperarli, e mostrano alcune perline di vetro delle più
belle, e ne promettono in dono per adescare gl'innocenti; anzi dalla
barca ne gettan loro alquante file. Le donne allora, e i giovinetti
specialmente, provocati dai doni bugiardi dei traditori, si raccolgono
in buon numero; approfittano quindi gl'inumani del timore, che ispira
loro lo scarico dell'armi da fuoco; uccidono i più forti che potrebbero
opporre una resistenza; altri feriscono; molti mettono in fuga, e
s'impadroniscono così a sangue freddo delle donne e de' fanciulli. Gli
sventurati vengono tosto condotti in _Hèllat-Kàka_, ove il padrone
della barca lascia un suo rappresentante chiamato _uakìl_, perchè
procuri di venderli al più presto; mentre egli ritorna in traccia
di nuova preda. Qualche volta questi mercanti avevano l'abilità di
provvedersi di grano di _dùrah_ a buon mercato, con quattro o cinque
sole fucilate, che spaventassero i Negri venditori, i quali per campare
la vita lasciavano volentieri la loro merce. Non era più possibile di
porre il piede sicuri sopra una riva, ov'erano state commesse tali e
tante crudeltà. I Negri non potevano più fidarsi, e con ragione, degli
stranieri, e studiavano ogni modo per vendicarsi.



V.

  Una zerìbah di schiavi — L'asta, la vendita, la separazione — Le
  dieci schiave _Abialàñġ_ rapite a tradimento — Il loro quartiere
  in _Hèllat-Kàka_ — Scena commoventissima — Brutto rischio — Audaces
  fortuna juvat — Uno de' più bei giorni della mia vita — Diffidenza
  punita — Il tradimento.


Io ebbi occasione nel 1859 d'introdurmi fra le capanne degli Arabi in
_Hèllat-Kàka_, e di vedere co' miei occhi l'inumano governo che si fa
di membra e d'anime umane.

Ecco là una grande _zerìbah_ (ricinto), la quale circonda otto o dieci
capanne; la porta d'ingresso è chiusa e non viene aperta agli estranei
se non sono compratori di schiavi. Io non era uno di questi, nè avrei
avuto il denaro per esserlo; pure volevo entrare ed osservare quel
luogo di miserie per poter poi descriverlo con chiarezza; e vi riuscii.

«La _zerìbah_, mi diceva il _Ràies_ della mia barca, appartiene a un
Gran-Capo mercante di schiavi, e contiene mercanzia umana; quel Capo
vende bene la sua merce, e quindi ha cura di nutrirla e d'alloggiarla
meglio che può, onde presentarla alla vendita in buona condizione;
nessuno vi troverai legato; sono schiavi fatti da qualche tempo e
provenienti da tribù lontane; vedremo poi come sieno trattati gli
schiavi fatti di fresco, o troppo vicini al loro paese.»

Due o tre fanciulli, una o due ragazze esposti fuori del ricinto
sotto ad una tettoia, servono di mostra. Entriamo nella _zerìbah_
senza paura, benchè un Arabo dall'occhio bieco c'inviti con poca
cortesia a restar serviti. Io do un'occhiata intorno.... saranno state
cinquanta persone; tutti Negri, mariti, mogli, fratelli, sorelle,
padri, madri, fanciulli e bambini lattanti da vendersi separatamente
o a partite, secondo il gusto di chi compra. E tante anime immortali,
riscattate dal sangue e dalle angoscie d'un figlio di Dio, in quell'ora
misteriosa in cui la terra tremò, ed in cui le rupi si squarciarono
e i sepolcri si dischiusero.... tante anime saranno presto vendute,
affittate, ipotecate o scambiate con droghe ed altri valori di simil
genere, secondo la posizione commerciale o la fantasia del compratore!
Quell'Arabo dall'occhio bieco, che ci fece restar serviti è il custode
di tutta questa merce umana; e vuol vederli i suoi Negri sempre
allegri, contenti, a mangiare, ballare, cantare e a ridere vivamente.
Colui che rifiuta di essere di buon umore, o colui che non può sbandire
dall'anima il pensiero della moglie, dei figli, del domestico tetto,
è notato come un soggetto pericoloso, e si trova esposto a tutte le
durezze che un uomo crudo e senza altra legge che la volontà propria
può fargli subire. La vivacità, il brio e l'allegrezza, massime in
presenza dei visitatori, sono loro imposti costantemente, ed essi vi
sono stimolati o dalla speranza di avere un buon padrone, o dal timore
delle punizioni che riceveranno non essendo venduti. L'ora nella
quale io visitai quegl'infelici era ora di riposo, e se ne stavano
distesi per terra, o sopra stuoie, in varie attitudini, all'ombra che
proiettavano le capanne e qualche albero nella _zerìbah_; parte di
essi dormiva, e parte era desta e taciturna; io vidi però alcuni che
piangevano, perchè designati dal Gran-Capo per essere venduti quel
giorno stesso. Verso sera, cioè dopo due o tre ore, doveva incominciar
l'asta; mercanti del _Dàr-Fùr_, del _Kordofàn_, di _Chartùm_, di
_Dòngola_ si trovavano già da alcuni giorni in _Hèllat-Kàka_ per
comperare schiavi e per rivenderli poi nei loro paesi. Tra coloro che
piangevano mi cadde sott'occhio una donna che poteva avere trent'anni,
e a fianco a lei era una bambina, a cui era stato dato il nome di
_Scibàka_, che non ne aveva più che dieci, la quale si teneva stretta
alla madre e la guardava attonita. Entrambe balbettavano un po'
l'arabo ed erano belle assai; parlavano insieme sommessamente per non
essere sentite; ed oh! figliuoletta mia, diceva la madre col cuore
affranto dallo scoraggiamento, questa è forse l'ultim'ora che passiamo
insieme....

— No, mamma, non parlar così, noi saremo vendute ad uno stesso padrone,
e tu sarai sempre mia e io sarò sempre tua.

— Se si trattasse di tutt'altra cosa, direi che tu la indovini, o
figlia, ma io ho molta paura di perderti!

— Coraggio, mamma, non piangere; lo disse proprio il. Capo, che se
saremo buone e ci daremo l'aria la più gaia, egli ci venderà ad uno
stesso padrone.

La madre si asciugò colle mani gli occhi lagrimosi, e si sforzò di
sorridere alla figlia e poi le disse: levati dal collo, o cara,
le perline di vetro, che ti fan parere troppo bella, perchè temo
altrimenti che il caro prezzo che tu costeresti impedirebbe forse
d'essere comperate da uno stesso padrone.

— Or bene, madre, lo farò.

— Ascoltami ancora. Va da quel signore, che par che ci guardi commosso
del nostro stato infelice, e pregalo.... ma pregalo assai a voler
comperarci tutte e due.

La bambina colse il momento che non la vedesse il custode e corse da
me, mi strinse una mano e disse: ah! signore, comprami tu insieme con
mia madre, che è quella là che ci guarda; è buona, sai, e gaia come
son io, e sapremo fare tutto quello che tu vorrai. — Quanto avrei
desiderato di aver denaro! le avrei comperate a qualunque prezzo; il
mio cuore mi diceva che di quelle due anime si avrebbe potuto far
qualche cosa per guadagnarle a Dio. Ma così.... io non risposi; la
parola mi si strozzò in gola; rivolsi gli occhi al cielo e dissi con
tutta l'anima: deh! Signore, abbi pietà almeno di queste due infelici!
— La Negretta, che vide i miei occhi umidi di pianto, si tenne più che
sicura ch'io le avrei comperate, e s'affrettò a confortare la madre. Ma
ecco il custode che entra nella _zerìbah_ affaccendato e di buon umore.
Egli getta un rapido sguardo sopra gli schiavi, ed ingiunge loro di
mostrarsi quanto più possono piacevoli e lieti; poscia li fa mettere a
circolo, e li passa a rassegna per l'ultima volta prima di esporli al
mercato; e ne fa una scrupolosa ispezione per dar l'ultima mano al loro
esteriore.

— Che vuol dire? esclamò egli arrestandosi davanti a _Scibàka_; ove
sono le perline di vetro, o fanciulla?

La fanciulla guardò timidamente sua madre, che colla sveltezza propria
delle Negre rispose:

— Le ho detto io poco fa di levarsele, perchè mi pareva più
convenevole....

— Che sciocchezza! disse il custode con accento perentorio. E
volgendosi verso la giovinetta:

— Rimettile subito al collo, capisci? soggiunse egli facendo girare una
sferza che teneva in mano, e fa presto. E tu aiutala, diss'egli alla
madre; le perline di vetro possono produrre una differenza di cento
piastre egiziane nella vendita.


Fuori della _zerìbah_, in un vasto piazzale, erano raccolti i
compratori che aspettavano il momento dell'asta. Ad un segnale che
diede il Gran-Capo, l'Arabo dall'occhio bieco, il custode, condusse
fuori gli schiavi da vendere, fra i quali _Scibàka_ e sua madre che se
la teneva per mano coll'aria abbattuta ed agitata aspettando il momento
fatale.

Molti spettatori, disposti o no a comperare, secondo che darà
l'occasione, si avvicinano agli schiavi; li palpano, li esaminano, e
parlano dei pregi rispettivi di essi colla stessa noncuranza con cui un
gruppo di stallieri discuterebbe intorno al merito di un cavallo.

La madre di _Scibàka_ intanto guardava e riguardava con occhio inquieto
la moltitudine delle fisonomie che si affollavano attorno a lei
cercando se tra quelle ce ne fosse una cui essa e l'amata sua figlia si
sentissero di poter chiamare padrone con minore ribrezzo.

Un momento prima che l'asta avesse luogo, un uomo, che non si sapeva di
dove fosse venuto, ma che non era certo del _Dàr-Fùr_ nè del _Kordofàn_
nè di _Chartùm_ nè _Dongolèse_, un uomo di color bruno, lungo, magro
e muscoloso, che aveva un camiciotto bleu, logoro e sudicio, si fece
largo in mezzo alla folla come chi voglia incominciare attivamente un
affare, e appressandosi al gruppo di schiavi, si pose ad esaminarli da
uomo che se ne intende.

Subito che lo vide la madre di _Scibàka_ provò istintivamente un orrore
insuperabile, il quale si aumentava sempre più all'avvicinarsi di
quell'individuo.

Or egli cominciò senza fare alcun complimento un esame minuzioso sopra
quella partita di schiavi: prese la madre di _Scibàka_ per la mascella
e le aprì la bocca per osservarle i denti. La piccola _Scibàka_, ch'era
vicina, per istinto, apriva anch'essa la sua bocca e faceva tutti que'
movimenti che vedeva fare la madre. Quell'uomo poscia le fece tirar su
la misera _fàrda_ (veste), che la copriva per vederla tutta: la voltò e
rivoltò in tutti i sensi, e la fece camminare e saltare per assicurarsi
della sua agilità.

— Qual'è il tuo paese? le disse egli seccamente dopo di averla
osservata da capo a fondo.

— Il paese dei _Scìr_[11], rispose ella guardando intorno come per
cercare chi potesse liberarla.

— Potrebbe anch'esser vero, disse l'amatore, e distese la lunga e larga
sua mano e tirò a sè la giovinetta; le toccò il collo e il busto; le
tastò le braccia, esaminò i denti, e poscia la spinse verso la madre,
la cui fisonomia esprimeva le crudeli angosce che le facevano provare i
movimenti di quello stomachevole straniero.

La giovinetta atterrita si pose a piangere.

— Cessa adunque di miagolare, disse il venditore; non fare smorfie,
poichè principierà subito la vendita.

E di fatto la vendita cominciò.

La madre fu messa all'asta prima della figlia, e seguita la vendita,
essa volse indietro l'occhio inquieto; e sua figlia le stese le
braccia; quindi la madre rivolgendo uno sguardo angoscioso al nuovo suo
padrone ch'era d'età matura e di benevola fisonomia:

— Ah! padrone, vi prego, disse, per ciò che avete di più caro su questa
terra, comprate pure mia figlia....

— Io lo vorrei, ma temo di non poterlo fare; non ho denaro che basti,
rispose egli riguardando con affettuoso interesse la giovinetta, la
quale lanciava intorno sguardi timidi e impauriti.

Il banditore vanta i pregi di lei, e parla a lungo per farla tenere
in molta stima; le offerte si elevano con una rapidità progressiva,
e sorpassano già la somma della quale può disporre il padrone della
madre.... Insomma la giovinetta toccò in anima e in corpo a quell'uomo
sconosciuto, di color bruno, lungo, magro, muscoloso, logoro e sudicio,
pel quale la madre provava un orrore insuperabile. Iddio la protegga!
io sclamai nel momento stesso che quelle due infelici creature emisero
un grido il più acuto e straziante, e corsi via mordendomi per dolore
ambo le mani.


Lo stesso _Ràies_ della mia barca, il 18 febbraio 1860, mi diceva: —
Ora vieni meco, o signore, ch'io ti condurrò a vedere in una capanna
dieci schiave, che furono rapite l'altr'ieri sulla riva destra del
fiume dal mercante * * * che tu devi conoscere; e a quanto
adesso mi fu raccontato quelle donne sono _Dénka_; ma non ho potuto
sapere a quale tribù appartengano; vieni e vedrai tu stesso come sieno
trattati gli schiavi appena strappati dalle loro famiglie, massime
quando la tribù è vicina.

— No, io non vengo; non potrei assistere a tanto spettacolo senza
sentirmi spezzare il cuore; farei di tutto per superarmi, se avessi
denaro da comperarle per ridonarle poi ai loro cari, ma così io non
posso venire; ritorniamo in barca.... Mi spiacerebbe assai che quelle
donne fossero della tribù degli _Abujò_, o degli _Aghèr_, o degli
_Abialàñġ_; le quali tribù tu sai che furono da me visitate l'anno
passato; ma che io voglio visitare pure quest'anno co' missionari
tedeschi. Or dimmi un poco, o _Ràies_: — Quelle schiave, lo sai di
sicuro che sono _Dénka_?

— Eh! senza alcun dubbio, me l'ha detto un _Scìluk_, che ne capisce la
lingua; e mi disse ancora che son tutte, o quasi tutte maritate, e che
tre o quattro hanno il latte; i poveri bambini saranno là che piangono
le loro madri e che ne voglion le poppe!

— E che cosa farà il Turco di quelle donne?

— Le venderà in _Chartùm_ per quel poco che valgono, perchè hanno
partorito, e quindi il loro prezzo non è caro.

— Ma.... e non è ora proibita la vendita degli schiavi in _Chartùm_?

— Sì, è proibita pubblicamente, ma gli schiavi si vendono di nascosto;
e il Divano lo sa, e tace.

— E i compratori di quelle donne come se ne serviranno?

— Trattandosi di donne che hanno partorito, i compratori se ne servono
per lavorare la terra e inacquarla, per la seminatura e per i raccolti,
o le affittano anche a coloro che ne hanno bisogno.

— Quanto tempo durano in vita queste povere donne?

— Veramente, non lo so; secondo la loro complessione. Quelle che sono
vigorose e forti possono durare anche otto o dieci anni; e le scarte
finiscono in tre o quattro.

— E se ammalano?

— Anni sono, i compratori si davano molta pena per farle guarire; davan
loro medicine e una coperta la notte perchè se ne munissero contro il
freddo. Ma tutto ciò serviva a poco o nulla; si buttava via il denaro,
ed eran sempre fastidi, come essi dicono. Ora le fanno andare sino a
tanto che possono, malate o sane; e quando una Negra crepa ne comprano
un'altra: è una cosa più comoda e più vantaggiosa per tutti i versi;
così, ripeto, essi dicono; e come le schiave, vengono trattati anche
gli schiavi.

— Infelici! io dissi fra me, almeno aveste un qualche conforto nei
vostri patimenti, il conforto della religione che unica al mondo può
sostenere l'uomo nei momenti più desolati! ma anche questo conforto
vi manca! oh Dio! qual prova terribile deve essere per voi quella di
vedervi abbandonati da tutti, e sotto il giogo mostruoso d'una violenza
senza fine!...

Di buon mattino ordinai al _Ràies_ di staccare la barca dalla riva e di
scendere il fiume. Durante il cammino io m'era seduto presso il timone,
ov'era il _Ràies_, uomo intelligente e maomettano per la vita.

— E dunque, egli mi disse, che ti pare di quel turco mercante....
rapire quelle povere donne.... e chi sa in qual modo....

— Puoi immaginartelo, io risposi, a tradimento, dopo d'averle adescate
con perline di vetro. Egli è un uomo vile, dispregevole, brutale.
Povere donne! chi sa come e dove andranno a finire!

— Speriamo, soggiunse il _Ràies_, ch'esse cadano in buone mani. Fra i
compratori vi sono molti uomini generosi ed umani.

— Te lo concedo, io dissi, e tu ne saresti uno, che tratti bene, lo
so, la tua schiava; ma secondo la mia opinione, voi, uomini umani e
generosi, siete in qualche modo responsabili delle brutalità e degli
oltraggi che subiscono questi poveri sfortunati. Anche i Turchi, posso
dirtelo, trattan bene gli schiavi; ma se il Divano ritirasse la sua
sanzione e la sua influenza, quanto non sarebbe diminuita la schiavitù
nell'Africa! _Seìd-Pascià_, è vero, ha proibita la schiavitù, fin
dal 1854, nei paesi a lui soggetti, e quindi la compera e la vendita
degli schiavi; pure noi sappiamo che nel _Sudàn_ grande ne è ancora
il numero, e che si possono acquistare a tenuissimo prezzo, se non
nei pubblici mercati, in tanti altri modi che vengono suggeriti, e tu
lo sai, da quelle stesse autorità, che dovrebbero invigilare perchè
la legge fosse osservata. Che importa che i Pascià, gli Ufficiali del
Governo e pochi, pochissimi, nel Sudàn trattino bene i loro schiavi,
se la maggior parte invece nessuna cura si prende della salute e della
vita di quegli infelici, che ammalati abbandona, stroppiati uccide,
morti trascina lungi dall'abitato nel deserto perchè se li mangino le
jene?... Insomma, lo ripeto, sono i vostri sentimenti generosi ed umani
da voi millantati, che autorizzano tante brutalità.

— Sappi però, o signore, continuava il _Ràies_, che la schiavitù
avrebbe luogo medesimamente nell'interno dell'Africa, ove dalle tribù
stesse dei Negri viene praticata....

— Ma forse non con tanta barbarie; e, se mai, credi a me che i
Governi civili d'Europa, qualora fossero assistiti dal vostro Governo,
riuscirebbero se non a torla presto del tutto, a mitigarla d'assai.

La barca intanto progrediva il suo cammino, e giunse dopo circa tre ore
alla riva destra dei _Dénka-Abujò_.

Era mia intenzione di visitare anche quest'anno (1860) il Gran-Capo di
quella tribù, _Akòl-Guorgièb_[12].

Il vecchio mio turcimanno _Cher-Allàh_, il quale conosceva bene il
sentiero che conduceva all'abitazione del Capo distante dalla riva
del fiume quasi un'ora di cammino, andò solo senza alcuna scorta per
annunziargli la nostra venuta. Ma il Gran-Capo era partito per _Dim_,
villaggio nell'interno, e non sarebbe venuto che il giorno dopo.
_Cher-Allàh_ tornò alla barca verso le undici antimeridiane non più
solo, ma accompagnato da un servo del Gran-Capo di nome _Ciòl_, il
quale parlava e intendeva bastantemente l'arabico idioma che aveva
appreso dagli arabi _Abù-Ròf_, ed era il principale confidente di
_Akòl-Guorgièb_. Io avevo conosciuto _Ciòl_ già da un anno, e me
n'ero servito vantaggiosamente nella esplorazione che feci allora
nell'interno del paese. Or bene, fatti i complimenti d'uso, egli mi
disse:

— Domani adunque tu verrai a visitare co' tuoi compagni il Gran-Capo
degli _Abujò_, _Akòl-Guorgièb_, ed io ti sarò guida; e, come ho inteso
dal tuo Turcimanno, tu vuoi poscia introdurti fra i _Dénka Abialàñġ_;
ma io non ti consiglierei davvero a mettere in pericolo la tua vita....

— Come?... non ti capisco, io dissi, sappi che anche l'anno passato
ne visitai la tribù presso le rive del canale _Tarciàm_, e vi fui
ricevuto con molta cordialità dal loro capo _Fadièt-Niàr-Buòn_, a cui
promisi anzi che mi sarei stabilito con alcuni miei compagni nella
tribù stessa; ed egli se ne mostrò soddisfattissimo. Come dunque or
tu mi dici, o _Ciòl_, che non mi consiglieresti d'introdurmi fra gli
_Abialàñġ_ perchè metterei in pericolo la mia vita?

— _Ciòl_ allora mi raccontava che un mercante turco essendo passato di
là colla sua barca, ed avendo veduto delle donne che attignevano acqua
al fiume, le rapì a tradimento, ed uccise cinque persone. «Immaginati
adunque, egli mi diceva, quanto gli _Abialàñġ_ debbono essere irritati
contro i Bianchi, fra i quali essi non sanno ancora ben distinguere il
_Frangi_ dal _Turco_, come lo so io.»

— E quante erano, io domandai, quelle donne?

— Erano nove, tutte donne maritate, ed una fanciulla sugli otto o nove
anni, che son dieci. Ora gli _Abialàñġ_ sono nelle furie, e cercano
ogni mezzo per riavere le loro donne, o per vendicarsi contro i
Bianchi.

— Senza dubbio, soggiunse quindi il _Ràies_ della mia barca, queste
sono le dieci schiave, di cui mi parlò quel Negro _scìluk_, le quali, o
signore, io volevo farti vedere in _Hèllat-Kàka_.

— Certamente!... io risposi; poi rimasi silenzioso per qualche minuto,
colla testa appoggiata alle mani, pensando a quello che avrei dovuto
fare. Mi scossi alla fine ed esclamai: Oh! s'io potessi francheggiar
quelle donne e ridonarle alle proprie famiglie!... che opera santa!...
qual trionfo per me ritornando con esse nella loro tribù!... con quanto
giubilo vi sarei da tutti ricevuto!...

— Senti, amico, io dissi a _Ciòl_, tu devi pure sapere ove ora si
trovano le dieci donne _Abialàñġ_....

— Lo so di certo che si trovano in _Hèllat-Kàka_. Io e alcuni
_Abialàñġ_, poco tempo dopo che furono rapite, le vedemmo da questa
riva passare in barca, e le seguimmo co' passi e coll'occhio fino al
momento dello sbarco. Allora abbiam chiamato l'uomo bianco, che ci
rispose per mezzo di un interprete, e ci domandò che cosa volevamo da
lui. Noi chiedemmo di comperare le schiave, ma non è stato possibile
d'accordarci nella qualità del prezzo, poichè egli pretendeva piastre
egiziane, e noi non potevamo dare che vacche.

— Ebbene; saresti tu disposto, o _Ciòl_, di venire con noi in
_Hèllat-Kàka_?... Io sono risoluto di liberar quelle donne, e di
liberarle senza piastre egiziane.

— E perchè no, rispose _Ciòl_ un po' titubante; quando io sono con
voi non ho di che temere. — Disse poi ad alcuni Negri di avvertire il
Gran-Capo della sua partenza, e montò in barca.

I missionari tedeschi, ch'erano meco, approvavano la mia risoluzione; e
ciò m'era di grande conforto. Il _Ràies_ però mi diceva:

— Vedi bene, o signore, che ti metti in un bel cimento; spero
tuttavia che tu n'esca al meglio, e conta pure sulla fedeltà mia e de'
barcaiuoli.

— E più che in ogni altro, io soggiunsi, pongo la mia confidenza in
Dio; Egli mi aiuterà, ne son certo. Volgi, o _Ràies_, la prora al sud,
fa spiegare la vela, e ritorniamo ad _Hèllat-Kàka_.


Era il mezzodì del 19 febbraio quando partimmo, e alle tre ore circa
pomeridiane fummo in _Hèllat-Kàka_. Appena arrivati, io e i tre
missionari tedeschi Francesco Morlang, Antonio Kaufman e Giuseppe Lanz,
col turcimanno _Cher-Allàh_ e col servo _Ciòl_, preceduti dal _Ràies_,
movemmo difilati al luogo delle schiave _Abialàñġ_. Il Ràies già
conosceva l'_uakìl_ (il rappresentante), a cui erano state affidate;
ed egli doveva presentarmi a lui in persona. Noi seguivamo taciturni
il _Ràies_; ed eccoci finalmente al quartiere degli schiavi, uomini e
donne, ch'era formato d'una specie di fila di capanne male allineate,
le quali avevano qualche cosa di squallido e di desolante. — Mi sentii
mancare il cuore quando le vidi. — Io volli osservare di dentro la
prima, ch'era assolutamente vuota, con nessun altro mobile che un
mucchio di paglia stomachevole pel sudiciume, gettata in un canto,
sulla nuda terra, resa dura dai tanti piedi che l'avevano calpestata.
Tutte le altre capanne erano abitate da schiavi, alcuni dei quali
erano seduti fuori a prender aria perchè non ammalassero, legati come
fossero cani rabbiosi. E sebbene non fossero là che da pochi giorni, io
non vidi tra loro che uomini tristi, cupi, imbrutiti, e donne deboli
e scoraggiate, donne che non erano più donne, ma che erano proprio a
livello dei loro compagni.

— Quale è la capanna, io chiesi al _Ràies_, delle schiave _Abialàñġ_?

— Eccola qui, egli rispose.

La porta di quella capanna era aperta ed attraversata da un _angarèb_
(letto arabo), sul quale stavasi sdraiato un giovane dongolèse, che
vedendoci a comparire si alzò presto in piedi, si ritirò in disparte e
fu tanto sorpreso di questa nostra improvvisa venuta, che dimenticò di
farci que' complimenti che sogliono sempre farsi da un mussulmano.

— Sono qui le schiave _Abialàñġ_? io gli domandai.

— Appunto, egli rispose, sono in questa capanna.

— E quante sono?

— Ora son nove; erano dieci, ma la decima, che è una giovinetta di otto
o nove anni, se l'ha presa seco nella barca il suo padrone, il quale si
recò pel paese dei _Nuèr_ per comperare del grano.

— Tornerà egli presto?

— Fra pochi giorni; così egli promise.

— E queste schiave quando saranno poste in vendita?

— Appena il padrone sarà ritornato.

— Avrei desiderio io di comperarle; e tu, m'immagino, avrai facoltà di
venderle, in mancanza del padrone.

— Veramente io non sono l'_uakìl_, rispose, ma vado a chiamartelo, e
son qui subito.

— Aspetta.... intanto ci permetterai di dare un'occhiata alle schiave,
n'è vero?

— Quando non volete altro, questo posso fare anch'io.

Egli tirò in disparte l'_angarèb_ che, come dissi, attraversava la
porta della capanna, e poi se n'andò per l'_uakìl_, e noi entrammo.


No, non le descrivo.... non voglio descriverle.... non posso; mi sento
l'anima troppo inclinata a maledire ed imprecare contro i trafficanti
di schiavi! Sarei d'altronde ben crudele se volessi mettere alla
tortura tanti spiriti gentili, cui toccasse di leggere questa pagina
lacerante e sanguinosa. Faccio riflettere solamente che sono nove
giovani madri ch'io dovrei descrivere appena strappate all'amore dei
loro cari; sono madri per la perdita delle quali si disperano i mariti,
e bambini lattanti le piangono e ne bramano il latte; sono madri
strozzate fra i ceppi più duri; sono madri che avanti d'essere rapite
non han potuto dare l'ultimo amplesso all'amata famiglia; or eccole
lì accovacciate fra le loro immondezze, ignude, smunte, affamate, le
quali, dopo d'avere indarno invocata la morte, aspettano coll'apatia
dell'abbrutimento di mutar destino! Oh tremendi giudizi di Dio! io
dicevo rivolgendomi convulsivamente ai compagni, e torcendo in cento
guise le mani, senza sapere quello che mi facessi; non posso più
reggere a questa vista! quanta espressione di dolore e di angoscia su
que' volti e su quegli occhi, che più non piangono! ah! no, il cuore
non ha più lagrime da spandere; esso non ha altro che sangue, e manda
sangue tacitamente! Ah! Cristo Gesù, io sclamai alzando gli occhi al
cielo, Voi, che a così caro prezzo avete redenta l'umanità intiera
dalla schiavitù di satana, deh! salvate tante creature infelici anche
dalla schiavitù degli uomini!...

Ah! sì; tutti unanimi innalziamo ardenti voti a Dio, perchè
l'Associazione Internazionale per l'esplorazione e l'incivilimento
dell'Africa Centrale, fondata a Bruxelles il 12 settembre 1876, dietro
l'iniziativa di S. M. il Re dei Belgi, consegua presto il nobile e
santo suo scopo! e ci sia dato di sollevare un grido in nome di Dio
stesso perchè questa orrenda macchia dell'onore umano sia levata per
sempre dalla faccia del mondo! E voi madri, specialmente, voi che
avete appreso accanto alla culla dei vostri figli ad amare l'umanità, a
simpatizzare con tutti coloro che soffrono; in nome del sacro amore di
madre, in nome delle vostre gioie materne, in nome della sollecitudine
tenera e profonda colla quale dirigete le giovani vite, in nome delle
vostre ansietà per l'avvenire dei vostri figli, ve ne scongiuro,
abbiate pietà della madre che ha un cuore come il vostro, ed a cui
non è conceduto di proteggere, di guidare e di educare il figlio delle
sue viscere! Per l'ora dolorosa dell'agonia di vostro figlio, per la
rimembranza del suo sguardo moribondo che non potrete obliare giammai,
per quegli ultimi gridi che hanno lacerato il vostro cuore quando non
potevate nè salvarlo nè sollevarlo, per la desolazione di quella culla
vuota e di quella camera silenziosa, io ve ne scongiuro, abbiate pietà
di quelle madri, a cui il traffico degli schiavi strappa nei paesi
dell'Africa Interna i loro figli, e pregate il Signore, come sapete voi
pregarlo, perchè finisca una volta tanta sventura!!..


Mentre noi contemplavamo inorriditi quelle miserabili creature trattate
colla più ributtante crudeltà, sopraggiunse l'_uakìl_, cui erano state
affidate le schiave da vendere. Questi appena mi vide, mi salutò per
nome, e disse d'avermi veduto più volte in _Chartùm_; e poi salutò il
_Ràies_, e gli chiese:

— Che cosa desidera da me questo tuo signore, che mi mandò a chiamare?

— Egli desidera di comperare le schiave che si trovano in questa
capanna.

— Così è, io soggiunsi, bisogna che le comperi per ricondurle nella
loro tribù, ch'io debbo visitare per ordine superiore.

— E tu lo sai, o signor mio, a quale tribù esse appartengono?

— Lo so di fermo che son donne _Abialàñġ_, senza le quali non mi
sarebbe possibile d'introdurmi nel loro paese; e so tante altre cose,
che è inutile ch'io ti ripeta, perchè tu pure le sai meglio di me.

A questo punto l'_uakìl_ mi pregò di seguirlo, e mi condusse sotto
un'acacia, ove eravam soli, e là s'impegnò un dialogo importante che
durò più di mezz'ora; e finalmente io conchiusi, avvicinandomi alla
capanna delle schiave:

— Senti; a me sembra che si potrebbe accomodare ogni cosa chiamandomi
io debitore verso il tuo padrone del prezzo che sarà tra noi convenuto;
prezzo che verrà da me consegnato a lui in _Chartùm_. E tu che ne dici?

— È impossibile; così non mi ci posso adattare assolutamente. Il mio
padrone è troppo scaltro da non vedere che in _Chartùm_ egli non potrà
legalmente esigere da te il prezzo delle schiave, ancorchè tu te ne
obblighi con uno scritto.

— E dunque?... cedimi, io dissi, medesimamente le schiave; e potrai
rispondere al tuo padrone ch'io le ho volute ad ogni modo; che se egli
avrà delle pretensioni su di esse, io saprò rispondergli davanti al
Divano e al mio Consolato in _Chartùm_, dacchè io conosco benissimo la
maniera colla quale le ha rapite, a tradimento, ferendo non so quante
persone, ed uccidendone cinque, tre uomini e due donne; gli dirai che
tu hai dovuto consegnarmele, poichè altrimenti, arrivato in _Chartùm_,
io n'avrei mosso lamento contro di lui e contro di te presso le
autorità competenti. — L'_uakìl_; così meno ancora, disse, mi ci posso
adattare.

— Ebbene, non c'è tempo da perdere; disciogli intanto dai legami
le schiave; pel resto vedrai tu poi come meglio giustificare il tuo
procedere davanti al padrone.

Il _Ràies_ della mia barca e alcuni dongolèsi ch'erano presenti
all'ultima parte del dialogo, cercavano di persuadere l'_uakìl_ a
condiscendere a' miei desideri. L'_uakìl_, perplesso da prima, messo
un sospiro, alla fine s'indusse a fare sciogliere le schiave per
consegnarmele. Un servo, dietro l'ordine avuto, cominciò a levare le
pesanti catene che stringevano i piedi delle sventurate; un altro servo
con un coltellaccio tagliava i grossi legami di pelle che tenevano
raccomandata al collo di esse una stanga lunga e forcuta; le mani erano
già sciolte, nè si legavano a tergo che durante la notte. Frattanto
il Negro _Ciòl_ e il mio turcimanno _Cher-Allàh_ confortavano quelle
povere donne, assicurandole che noi eravamo venuti per liberarle e per
ricondurle alle loro case.

La cosa fin qui era andata a meraviglia; di meglio non s'avrebbe
potuto sperare, ed io pregavo il Signore perchè avesse a terminare
felicemente; non vedevo l'ora però di trovarmi al sicuro nella
barca colle povere schiave, e di partir presto da _Hèllat-Kàka_. Un
andirivieni ch'io osservavo da un quarto d'ora in poi di certuni,
accigliati in viso, che mormoravano non so che tra' denti... alcune
espressioni che udivo da certi altri... ecco davvero un brutto affare
per quello sfortunato mercante!... l'_uakìl_ non avrebbe dovuto cedere
alle pressioni di quel signore!... E vi fu chi disse: le schiave non
sono ancora partite, e non se n'andranno!.. a momenti saranno qui gli
Arabi muniti di lancia, e stiamo a vedere come se la caverà questo
signore. Tutto ciò m'impensieriva assai, e mi faceva temere qualche
brutto tiro da parte specialmente degli Arabi. Io raccomandai al
_Ràies_ e al mio Turcimanno di starsene bene all'erta e di avvisarmi
appena s'accorgessero d'un allarme. — Le schiave erano pronte e noi
eravamo lì lì per partire, quando tutt'a un tratto il _Ràies_ mi si
presenta con gli occhi spalancati, e mi dice: Signore t'arresta per
carità!... entrino le schiave nella capanna... son qui gli Arabi armati
contro di noi... ti raccomando prudenza se ti è cara la tua e la nostra
vita. — Poco dopo eccoci circondati da uno stuolo di Arabi, il cui
Capo:

— Che vuol dire tutto questo, gridò ad alta voce, rivolgendosi
vivamente verso di me; sappi che noi rispondiamo d'una maniera sola
a chiunque abbia delle pretensioni in questo nostro paese; e che il
miglior partito che tu possa scegliere è di andartene via tosto co'
tuoi compagni e di lasciare le schiave che costano denaro.

— _Hàder_, eccomi pronto a' tuoi cenni, io risposi con un accento tanto
sommesso quanto il suo era prepotente, e fatto cenno a' miei compagni
di seguirmi, senza dir altro, presi il sentiero che conduceva alla
barca.

Dopo alquanti passi mi accorsi d'avere a fianco l'_uakìl_; lo guardai
fiso senza dir verbo; ed egli non trovava parole per assicurarmi
che non era complice per nulla in ciò ch'era avvenuto, che non aveva
neanche sospettato che un orecchio straniero avesse spiato il nostro
colloquio e l'avesse poi riferito agli Arabi, ch'era spiacentissimo
di questo incidente; e mi pregava, mi scongiurava a non giudicarlo
severamente; e a prova di quanto asseriva, mi prometteva che avrebbe
fatto di tutto per darmi in mano le schiave prima ancora che sorgesse
il sole del giorno dopo.

— Staremo a vedere, gli dissi; io adunque non partirò che domani; e
tu rifletti intanto che senza le schiave non potrò visitare la tribù
degli _Abialàñġ_, e me n'andrò difilato a _Chartùm_, ove hai moglie
e figliuoli, ed ove spero di rivederti. Vedi bene che allora non ti
rincresca, ma troppo tardi, di non avermi consegnato quelle donne....
_selàm aalèk_ (io ti saluto); e lo lascia così.

Come fummo tutti in barca, ordinai al _Ràies_ di scostarla dalla riva
e di gettar l'áncora per evitare ogni possibile assalto, durante la
notte, da parte degli Arabi. Le armi da fuoco erano cariche; non era
a temer nulla; potevamo riposarci tranquilli. Ma io non avrei potuto
dormire, e non dormii; la mia anima era troppo agitata: pensavo alle
schiave _abialàñġ_, al grave pericolo incorso in _Hèllat-Kàka_, alle
ultime parole dell'_uakìl_, che avrebbe fatto di tutto... per darmi in
mano le schiave... prima che sorgesse il sole di domani... e speravo
che ciò sarebbe avvenuto, che Dio avrebbe esaudito i voti ardenti del
mio cuore... e m'immaginavo di vederle in barca con noi riboccanti di
gioia per la libertà ottenuta... Oh! il senso della libertà quanto è
sublime!... Come sarà bello, come sarà dolce per queste povere madri
di rivedere le proprie famiglie, e di contemplare il volto dei loro
figliuoletti resi ancora più cari dalle rimembranze dei pericoli corsi
e dei crudeli timori di non più rivederli! Oh! quanto ci saranno grati
i mariti, ai quali avremo ridonate libere le mogli! E tutta la tribù
quale opinione non concepirà di noi! Quanto bene fra loro ci sarà dato
di fare, coll'aiuto di Dio!... È vero che la Missione cattolica è stata
richiamata dal fiume _Bianco_ a cagione del terribile clima che non
permette ai Missionari di vivere, fatte poche eccezioni, più di due o
tre anni; ma coi debiti riguardi e colla grazia del Signore, scegliendo
una stazione migliore di quella di _Chartùm_ e di Santa Croce, qual
sarebbe la stazione ch'io vorrei stabilire nella tribù degli _Abialàñġ_
presso il canale _Tarciàm_, perchè non potremo noi vivere?... Sono
vissuto anch'io... Ah! sì, io farò tutto il possibile affinchè Roma
conceda, almeno a noi missionari italiani, di ritornare fra questa
tribù.

Con tali pensieri passai tutta la notte; e già cominciava a sorgere il
mattino, e dalla parte di _Hèllat-Kàka_, ove tenevo fissi gli sguardi,
non vedevo a comparire nessuno. Presto sorgerà il sole, dicevo, e
l'_uakìl_ non si farà vedere nè solo nè colle schiave; ormai ho perduta
ogni speranza! Povere schiave! quanto io vi compiango! qual piena di
angoscie e di patimenti vi aspetta! poteste almeno confortarvi in Dio
e in una futura giustizia, chè allora meno tremenda vi si presenterebbe
la vita; ma languire nella degradazione, subire il giogo di una barbara
servitù, perdere gradualmente la facoltà di sentire, senza una speranza
di felicità più o meno vicina... questa deve essere la prova più
crudele, io penso, che l'uomo possa sostenere quaggiù.

— Ecco che il sole si alza, mi diceva il _Ràies_, e l'_uakìl_ non s'è
ancora veduto; veramente... mi pare che due uomini s'avanzino; eccoli
là, o signore; e vengono dal quartiere degli schiavi.

— Oh! fosse l'_uakìl_, io sclamai, che mi desse qualche buona
notizia!... ma io ne temo assai.

— Sì, è proprio lui in persona... è lui in compagnia di un _faqìh_
(sacerdote) dongolèse ch'io pure conosco; e vengono, senza alcun
dubbio, per concertare qualche cosa di buono intorno alle schiave;
altrimenti non si sarebbero lasciati vedere.

Di fatto, l'_uakìl_, giunto col _faqìh_ a trenta o quaranta passi dalla
riva del fiume, mi chiamò per nome, dicendo che gli premeva di parlare
con me solo. — Io feci avvicinare la barca alla riva, smontai, ed
eccomi a lui, ansioso d'ascoltarlo.

— Sappi, o signore, egli disse allora, che ier sera ci unimmo a
consiglio in cinque persone, e dopo lunga e matura deliberazione fu
deciso che conveniva rilasciarti le schiave, a condizione però che tu
stesso te le venga a prendere dalla capanna, ove si troveranno slegate,
senza che nessuno di noi le custodisca. Ma vieni solo, o accompagnato
da due o tre uomini al più, per non dar troppo nell'occhio.

— In una parola, io soggiunsi, voi volete fare di me un ladro; tuttavia
accetto volentieri la vostra proposta; ma dimmi... non è pericoloso
l'esporsi così di giorno... se ci colgono gli Arabi ci fanno in brani:
tu sai il brutto tiro di ieri, ch'io non mi sarei mai aspettato.

— Sta sicuro, o signore; fidati di me; oggi non ti può capitar nulla
di sinistro; il Capo arabo, che ti si presentò ieri co' suoi bravi è
partito stanotte per la tratta dei Negri; del resto fu una smargiassata
la sua, perchè ti sapeva _Frangi_ incapace di vendicarti; non avrebbe
fatto così con un _Turco_.

— E quando debbo venire?

— Mezz'ora dopo che noi saremo partiti, rispose; ma prima permetti che
ti dica, in un orecchio, che sarà bene che tu faccia un regalo, e un
bel regalo a questo _faqìh_, poichè se la cosa andò a terminare così, a
lui principalmente ne dobbiam dare il merito.

— Che cosa dovrò dargli, che non ho denaro?

— Un sacchetto di perline di vetro, che so che ne possiedi di
bellissime.

— Ehi! _Cher-Allàh_! portami qui due sacchetti di perline di vetro,
delle più belle che abbiamo; e ne consegnai uno all'_uakìl_ e un altro
al _faqìh_, i quali partirono contentissimi.

Passata mezz'ora, me n'andai io pure al quartiere degli schiavi col
missionario Antonio Kaufman, col turcimanno _Cher-Allàh_ e col Negro
_Ciòl_. — Fuori delle capanne non vedemmo anima viva; tutte erano
chiuse, ad eccezione della capanna delle schiave _abialàñġ_, che se
ne stavano dentro ritte in piedi, bell'e slegate, guardandosi l'una
l'altra senza capirne nulla. — Appena però videro il negro _Ciòl_
e il turcimanno _Cher-Allàh_ mandarono un grido di gioia, che mi
fece piangere di tenerezza; ma io tosto imposi loro silenzio con un
movimento della mano; e _Ciòl_ e il Turcimanno fissarono gli occhi
sopra gli occhi loro in modo così grave ch'esse dovettero subito
immaginarsi che avvenisse qualche cosa di straordinario. — Zitto, o
sorelle, disse _Ciòl_,... parlate piano,... potrebbero sentirci gli
Arabi,... e allora voi siete perdute;... noi siamo ladri... ladri buoni
venuti per furarvi di soppiatto, e per liberarvi dalle mani dei ladri
cattivi;... vi raccomando il maggiore silenzio. — E tutti uscimmo con
precauzione dalla capanna, senza che ci vedesse, o che ci volesse
vedere, nessuno. — Quel _faqìh_, che Iddio lo benedica! non poteva
aver meglio disposto le cose. — La via che dal quartiere degli schiavi
metteva alla barca era calcolata un quarto d'ora di cammino; ma noi
l'avremo fatta... in cinque minuti.


Or eccoci in barca, al sicuro. — Sii lodato, o mio Dio, io dissi fra
me, che traesti queste creature infelici dalla casa della servitù! Ah!
perchè esse non sanno lodarti e ringraziarti con me! In mezzo a tanta
gioia, il mio cuore ribocca di compassione per loro che non t'intendono
e non ti sentono; ma verrà tempo.... sì verrà.... e venga presto, in
cui possano intenderti e sentirti.... e allora piovan pure sopra di
loro le sventure come un diluvio da tutte parti, ch'esse troveranno
rifugio nel tuo seno, o Dio di libertà!...

— Ah! Ah! presto, io dissi poi loro che mi guardavano aprendo i grandi
occhi attonitamente, voi vedrete e abbraccerete i vostri mariti e i
vostri figliuoli.... siete voi contente così?...

— Presto! ripeterono in coro, quasi non comprendessero il significato
di quelle parole. Io dico ch'esse credevano di sognare. — Nella loro
testa tutto era tenebre e confusione. A primo tratto quelle povere
vittime, consunte ed imbrutite dalle privazioni e dagli acerbi
maltrattamenti, stentavano a comprendermi; tutto il loro sangue a
quelle mie parole — presto voi vedrete e abbraccerete i vostri mariti e
i vostri figliuoli, — era rifluito verso il cuore; cangiossi il colore
delle loro labbra, e le vidi quasi venir meno. Una specie di languore,
un inesprimibile bisogno di riposo invadeva le loro membra; ed i
nervi che si trovavano in una violenta tensione dall'istante del loro
rapimento, cedevano ora sotto l'influenza d'un profondo sentimento di
sicurezza.

— Lasciamole riposare qualche ora, io dissi, e tu, cuciniere, prepara
intanto da mangiare anche per queste povere donne, che debbono sentirsi
sfinite.

Dormirono quasi tre ore continue; dormirono un sonno tranquillo, come
non l'avevano ancora fatto dopo quel momento terribile, in cui erano
state rapite. Svegliatesi bevettero del brodo e mangiarono qualche cosa
con gusto; quindi parvero rinvenute da morte a vita. — Mi fissavano
gli occhi addosso, e si sforzavano d'esprimermi in cento modi i loro
ringraziamenti, la loro gratitudine, perchè le avevo liberate dalle
mani dei Bianchi cattivi, come dicevano, cominciando così a distinguere
anch'esse Bianchi da Bianchi.

— No, non ringraziate noi, io diceva loro, ringraziate Iddio, e a Lui
siate grate perchè è Lui, che vi ha liberate; è Lui che per mezzo
della nostra coscienza ci ha obbligati a fare verso di voi quello
che abbiam fatto, e che ci obbliga a fare sempre così in simili
circostanze. — Parlai loro della grandezza di Dio, d'un Redentore pieno
di compassione, e di una celeste patria — Donai quindi a ciascuna
un piccolo Crocifisso dicendo: ecco qui il Redentore di tutti, il
figliuolo di Dio che, fattosi uomo, nella natura umana volle morire
sulla Croce per salvare tutti noi dalla schiavitù di satana. Io volendo
essergli seguace giurai d'imitarlo additando agli uomini le vie del
bene, e procurando di emancipare, se mi fosse possibile, tutti gli
schiavi, anche a costo di espormi ai più gravi pericoli, acciocchè
nessuno sia costretto a vivere separatamente dalla sua famiglia, da'
suoi parenti ed amici, e a morire in terra lontana. Così ho fatto con
voi, sorelle mie, perchè questo Crocifisso mi ha insegnato a fare
così. Sicchè voi, tutte le volte che vi rallegrerete della vostra
libertà la quale avete ricuperata, ricordatevi che la dovete a Lui,
a questo Crocifisso, e a Lui mostrate la vostra riconoscenza amandolo
sempre. E ogni volta che vedrete questo Crocifisso, pensate alla vostra
emancipazione; pensate a ciò che Egli ci ha insegnato cioè, l'amore a
Dio soprattutto e l'amore al prossimo nostro per l'amore che dobbiamo a
Lui.

Tutto ciò dissi loro per mezzo del mio buon turcimanno _Cher-Allàh_, il
quale piangeva ripetendo queste dottrine, che per lui non erano nuove,
ma le udiva ogni giorno da me, che lo apparecchiavo a farsi cristiano;
e le riceveva con quella fiducia e con quella docile fede che
l'Evangelo richiede; e siccome le sentiva profondamente, così sapeva
esporle con tanto affetto e con tale efficacia da far vibrare nei cuori
di quelle povere Negre alcune corde rimaste sino allora silenziose.

Io non potrò dimenticare mai il giorno 20 febbraio 1860, che fu per me
uno dei più bei giorni della mia vita!

Giorno stupendo sotto tutti gli aspetti! Le acque biancastre del fiume
si agitavano un poco per il vento leggiero, che, contro il solito,
spirava dal sud favorevole al nostro cammino, e scintillavano ai
raggi del sole. Ad un'ora pomeridiana partimmo da _Hèllat-Kàka_ a vele
spiegate e a seconda della corrente.

In meno di due ore, gridò il _Ràies_, noi saremo sulle rive dei _Dénka
Abujò_; e il Negro _Ciòl_ lo ripeteva alle donne _abialàñġ_.

Quante inesprimibili sensazioni non doveano essere racchiuse nei
cuori di quelle Negre all'avvicinarsi della barca alla loro tribù! Chi
avrebbe potuto indovinare tutto ciò che agitavasi nel loro seno! Avrei
scommesso ch'esse non osavano credere a quella gioia incomparabile che
le attendeva, e tremavano internamente che uomo gliela potesse rapire.


Giunti alle sospirate sponde degli _Abujò_, molti Negri eran là che
ci aspettavano ansiosi di sapere s'io fossi riuscito a liberare le
schiave. _Ciòl_ fu il primo a smontar sulla riva. Tutti i Negri gli
corsero intorno per sentire dalla sua bocca... cose nuove, cose grandi,
inaudite, mentre vedevano che le schiave _abialàñġ_ erano ritornate
libere. Ciòl raccontò loro qualche cosa in fretta perchè gli premeva
sbrigarsi e far atto di presenza di sè al Gran-Capo _Akòl-Guorgièb_, il
quale, come gli fu detto, era nelle furie perchè egli aveva pernottato
fuori della _zerìbah_ senza il suo permesso.

Io smontai pur sulla riva col mio Turcimanno, e dissi a _Ciòl_: noi
ti seguiremo; ho vivo desiderio di vedere il tuo Signore, di dargli un
affettuoso saluto, e di offerirgli il regalo, che fin dall'anno passato
gli avevo promesso. Ma ancora stasera voglio ritrovarmi in barca,
poichè penso di viaggiare tutta la notte, ed essere domani mattina per
tempissimo fra gli _Abialàñġ_ per consegnare le donne ai loro mariti.

— Sarà difficile però, rispose _Ciòl_, che tu possa, o signore,
persuaderle a rimanersene in barca. Nella notte fa troppo freddo in
questa stagione, e perciò esse non potrebbero dormire. Sono stanche,
poverette! ed hanno bisogno di riposo. Per altro.... interrogale, e
vedi che cosa ti risponderanno.

Il mio Turcimanno, prima ancora d'interrogarle, m'avvertiva in un
orecchio che con grande suo dispiacere aveva sentito _Ciòl_ a far
loro certi discorsi.... da metterle quasi in dubbio sulla nostra buona
fede....

— Basta, basta; ho capito tutto.... Non c'è tempo da perdere; tu,
o mio _Cher-Allàh_, colla tua solita prudenza fa di consigliarle a
restare in barca, assicurandole che noi non saremmo capaci di trarle in
inganno. Qualora però esse non vogliano accettare il tuo consiglio, non
insistere, perchè faresti peggio. Va adunque, e sappimi dire.

_Cher-Allàh_ ritornò tosto cogli occhi spalancati per lo stupore e
disse:

— Signore, signore, le donne _abialàñġ_ si rifiutano assolutamente
di passare la notte in barca con noi; esse vogliono andare presso il
Capo _Akòl-Guorgièb_ per riposarsi nelle capanne, ove, dicono, possono
meglio che nella barca ripararsi dal freddo; ma promettono che domani
ritorneranno da noi perchè le conduciamo nel loro paese.

— Non lo credere, _Cher-Allàh_; esse non torneranno più. _Ciòl_ si
metterà d'accordo col Gran-Capo, e da questa bella occasione vorranno
tutti e due trar partito per aumentare il loro bestiame; vedrai che la
cosa andrà a finire così senza dubbio, io dissi a lui sotto voce.

— Dopo averle colmate di tanti benefizi, esse, ingrate! ti
contraccambiano in questo modo....

— No, mio caro _Cher-Allàh_, non parlare così; queste povere donne non
ne hanno la menoma colpa. Abituate a sentirsi raccontare ed a vedere
dalla loro infanzia tanti pessimi esempi dei Turchi, che sono bianchi,
come possono fidarsi così presto della buona fede de' Missionari,
specialmente se qualcheduno ne insinui il dubbio nei loro cuori? Tutta
la colpa sarà di _Ciòl_ e del Gran-Capo _Akòl-Guorgièb_, dato il caso
che mettan su gli _Abialàñġ_ contro di noi, arrogandosi il merito della
liberazione delle schiave per cupidigia di guadagno, mentre essi ci
conoscono perfettamente.

— Che cosa risposero adunque le schiave? domandò _Ciòl_ al mio
Turcimanno.

— Risposero che vogliono venire presso il Gran-Capo, e che domani
mattina torneranno con noi alla barca.

— Se potranno, io soggiunsi fra me, o se, potendo, vorranno.

I due missionari Antonio Kaufman e Francesco Morlang desideravano
conoscere di persona il Gran-Capo degli _Abujò_, _Akòl'Guorgièb_,
e chiesero a _Ciòl_, se egli credeva opportuno che venissero essi
pure con noi. _Ciòl_ rispose che il suo Signore gli avrebbe veduti
volentieri; e partimmo tutti insieme colle donne _abialàñġ_.

Trovammo il Gran-Capo accovacciolato davanti alla sua capanna. Appena
lo vidi io corsi a lui per dargli e per ricevere il saluto che è in uso
fra i _Dénka_; ma non così i due compagni missionari, ai quali Ciòl
fè cenno, quando furono a una certa distanza, d'aspettare, ed egli,
deposta la lancia e la clava, si presentò al Gran-Capo, a cui disse
ch'erano miei amici _frangi_ e non _turchi_; ed io abbassai la testa in
segno di approvazione. Quindi il Gran-Capo (_Bègñ-did_) così mi parlò:
«sono lieto di conoscere i tuoi amici e di stringere io pure amicizia
con loro; spero che anch'essi serberanno cara memoria di questo mio
paese quando saranno lontani; se buone sono le loro intenzioni verso
di me, come sono le mie verso di loro, la nostra amicizia potrà
essere vantaggiosa ad ambe le parti. Sono quasi le precise parole che
egli pronunciò nell'occasione ch'io lo visitai la prima volta colla
buon'anima del mio compagno Angelo Melotto[13]; e come allora, le
pronunciò pure adesso lentamente, a pause, come se le avesse studiate
prima, e facesse di tratto in tratto uno sforzo per rammentarsele.
Finalmente essi furono ammessi al suo cospetto, e gli s'inchinarono
più volte, mentre egli stette fermo al suo posto, immobile, guardandoli
fissamente senza dir nulla.

Poco dopo il Gran-Capo ordinò a un suo servo, che gli stava vicino
osservandolo attentamente e in atteggiamento di umile venerazione,
che stendesse due pelli sul terreno per sederci, e ci fece portare del
latte.

Io gli presentai il regalo che fin dall'anno passato gli avevo
promesso, e che consisteva in un paio di babbuccie rosse, in una
_fàrda_ (veste che si cinge alle reni), e in una scure; cose ch'egli
aveva molto desiderato, e per le quali mi si mostrò obbligatissimo.
Dopo di che ci diede licenza di ritirarci in una grande capanna che
era stata apparecchiata per noi; ed egli ordinò a _Ciòl_ di condurgli
davanti le schiave _abialàñġ_, colle quali parlò a lungo fino a notte,
ma non ho potuto sapere di che cosa. Poco dopo ci venne apprestata la
cena, cioè pasta di _duràh_ cotta nel latte. Durante la cena io sentii
_Akòl-Guorgièb_ a disputare e a discutere calorosamente con alcuni.

Erano le nove pomeridiane quando comparve sull'uscio della nostra
capanna il Turcimanno con due Negri.

— Vi presento, o signori, ei diceva, due Negri _abialàñġ_; questi è il
marito di una di quelle donne, che voi avete riscattate; e quest'altro
è il fratello della giovinetta che non si trovava nella capanna delle
schiave in _Hàllat-Kàka_, perchè il Turco se l'aveva condotta via in
barca.

I due _Abialàñġ_, deposte le lance, ci baciarono la mano e ci fecero
mille ringraziamenti; ma il fratello della giovinetta.... oh! quanto
era contristato! Io lo confortai come ho potuto, e dissi all'altro:

— E tu, domani di buon'ora, potrai andartene con tua moglie per terra
fra gli _Abialàñġ_; o se la via è troppo lunga, vieni con noi in barca,
è ce ne andremo tutti insieme, e più presto, se il vento non ce lo
impedisce.

— Magari potesse farlo! sclamò il Turcimanno, volgendosi indietro
per paura che qualchedun'altro l'avesse sentito; ma egli nol può.
_Akòl-Guorgièb_ non gliel permette; egli pretende dagli _Abialàñġ_ il
prezzo di due vacche per ogni donna.

— Come s'intende! che cosa ha da fare egli colle donne? Le donne sono
state liberate da noi, e a noi sta di consegnarle ai loro mariti.

— Pur troppo è così; ma la cosa andò a finire nè più nè meno di quello
che tu, o mio signore, hai preveduto. Ecco il motivo della calorosa
discussione di poco fa tra questo povero Negro e il Gran-Capo.

Il Turcimanno non aveva ben terminate quest'ultime parole che _Ciòl_
venne a chiamar lui e i due Negri _Abialàñġ_, dicendo che il suo
Signore voleva parlare con loro.

_Cher-Allàh_ tornò da me dopo mezz'ora tutto tremante....

— Che c'è di nuovo? io gli chiesi.

— Ah! signore, _Akòl-Guorgièb_ e _Ciòl_ non son più quelli di prima,
essi non fanno che un gran parlare a quattr'occhi.... ci deve esser per
aria qualche cosa.... Io non vedo Torà che sorga l'alba per potermene
andare.... Fui a un pelo di prendermi delle sferzate....

— E perchè?

— Perchè ho condotto qui da voi i due Negri _abialàñġ_ senza il suo
permesso; e mi disse che guai a me, se parlerò più con loro, e se mi
muoverò più da questa capanna.

Durante la notte nessun di noi potè chiuder occhio. Per due o tre
fessure e per una finestrella della nostra capanna, noi potevamo
osservare un andar continuo e un venire di gente, un correre, un
gridare, uno strepitar di lance; e le donne a gruppi sulle porte dei
loro abituri presso accesi fuochi che guardavano con tanto d'occhi,
parlavano, gesticolavano e a momenti mandavano acutissimi strilli;
e noi chiusi là dentro, in mezzo a tanto tafferuglio, senza capirne
nulla.

— E che vuol dire tutto questo? io chiesi al Turcimanno.

— Dal senso di qualche discorso che ho potuto intendere, mi pare,
o signore, che sieno venuti degli _Abialàñġ_; certo sono i mariti
delle donne da noi liberate i quali pretenderanno le loro mogli; e il
Gran-Capo non vorrà cederle, in qualunque modo, senza il prezzo, come
t'ho detto ancora, di due vacche per ognuna.

— E chi sa quello che Ciòl e _Akòl-Guorgièb_ daranno ad intendere sul
conto mio agli _Abialàñġ_?

— Io indovino; essi daranno loro ad intendere che tu le hai liberate,
quelle donne, per riguardi dovuti al Gran-Capo, per l'amicizia che
tu professi per lui, e che altrimenti non te ne saresti dato alcun
pensiero. Questo discorso, fra gli altri, fece _Ciòl_ alle donne, fin
da quando eravamo in barca; che ingrato!

— Mi dispiacerebbe assai se ciò fosse, perchè così non solo noi non ne
avremmo alcun merito presso gli _Abialàñġ_, ma, volendoli visitare,
essi non ci riceverebbero con quelle dimostrazioni di gioia, colle
quali fummo accolti l'anno passato. Non credere però, o _Cher-Allàh_,
ch'io me ne dolga per me, ma, se mai, per la nostra missione. Eh! caro
_Cher-Allàh_, noi, in quanto a noi, ci conviene fare il bene per il
bene; non dobbiamo contar mai sulla lode o sulla gratitudine che ne
possono derivare, chè quasi sempre ne andremmo ingannati; le nostre
azioni mirino a Dio solo, che ne è giusto rimuneratore.

_Cher-Allàh_ gettò sopra di me uno sguardo attonito, come se il suo
spirito fosse stato percosso da una nuova idea, e poscia:

— Ah! signor mio, sclamò egli, tu dici il vero.

La mattina il Gran-Capo, _Akòl-Guorgièb_, si presentò a noi, e senza
cerimonie e riguardi disse: «ritornate pure alla vostra barca; quanto
alle donne _Abialàñġ_, penserò io ad inviarle per terra al loro paese,
poichè esse non vogliono venire con voi.»


Ritornati in barca continuammo il cammino lentamente, atteso il vento
contrario, e con molta cautela, avendo inteso che altri schiavi erano
stati fatti sulle rive dei _Dénka_; e anche questa volta fra gli
_Abialàñġ_ da un mercante turco. — A certe svolte del fiume non era
possibile di procedere avanti se non rimorchiati, e bisognava attenersi
alla riva sinistra, mentre la riva destra era così ingombra di spessi
cespugli e d'alberi spinosi da non permettere a' barcaiuoli di poter
tirare la barca.

Eccoci finalmente tra i due canali _Tarciàm_ e _Ñġàen_, luogo degli
uccisi e delle donne rapite. Qui il Turcimanno _Cher-Allàh_, messo piè
sulla riva, ode da alcuni Negri che i due _Abialàñġ_, da noi veduti
presso il Gran-Capo _Akòl-Guorgièb_, erano già ritornati a prendere
diciotto vacche, che il Gran-Capo degli _Abujò_ esigeva quale riscatto
delle nove donne; ode ancora che un altro Turco, oltre a quello che
fece schiave le donne da noi liberate, era passato di là subito dopo
con due barche, e ch'era riuscito ad uccidere a tradimento due uomini
e una donna, e a fare schiavi due donne e un uomo. Il _Ràies_ della
nostra barca asseriva d'averlo veduto in _Hèllat-Kàka_poco prima della
nostra partenza, e ch'era un inviato del Divano.

Verso le quattro pomeridiane dello stesso dì, mentre io e i miei
compagni missionari eravamo occupati a scrivere nella camera della
_dahabìah_ la quale era ferma e un po' scostata dalla sponda, quattro
Negri _Abialàñġ_ chiamavano il Turcimanno, dicendo che avrebbero voluto
parlargli. Il Turcimanno, senza che nessuno di noi se n'accorgesse, si
fece condurre alla riva da uno dei nostri giovani catecumeni, di nome
_Fathàllah_, sopra una piccola e leggiera piroga ch'era legata a poppa
della _dahabìah_.

I Negri lo persuasero facilmente a ritirarsi con loro in una bassura
distante dal fiume circa due tiri di fucile, ripetendo che avevano
interessanti discorsi da fare con lui. _Cher-Allàh_, il quale quanto
era buono altrettanto era semplice ed incapace di sospettar male di
nessuno, vi andò, e lo seguì pure _Fathàllah_, curioso naturalmente di
udire i loro discorsi. Ma essi, fatte poche parole sulle schiave da noi
liberate, dissero al Turcimanno:

— Or tu devi condurci alla barca perchè desideriamo di vedere e di
parlare coi Bianchi che vi si trovano.

— Volentieri, rispose, e vedrete quale accoglienza sincera e cordiale
vi faranno i miei Signori, che son tanto buoni, sapete; e come tali
li conoscerete sempre più quando verranno ad abitare fra voi; pregate
intanto la Gran-Pioggia (_Dèn-did_, Dio) perchè ciò avvenga presto.

Non appena il Turcimanno e il giovine _Fathàllah_ presero il sentiero
per accompagnarli alla barca, si sentono colpiti da una lancia vibrata
loro alle spalle, e mandano un fortissimo ed acutissimo lamento.
I barcaiuoli diriggono a quella parte gli sguardi; veggono i Negri
fuggenti e il giovine solo, che con una corsa da disperato veniva
verso il fiume. Essi gridano allora ad una voce: il Turcimanno, il
Turcimanno, presto si accorra ad assistere il Turcimanno! A questo
grido noi balziamo spaventati fuori della camera, mentre il giovine
catecumeno, scendendo dalla riva cade colla faccia per terra, nè più si
muove. Io montai tosto sulle spalle di un barcaiuolo e mi feci portare
presso lui, nella fiducia di battezzarlo.... gli versai l'acqua sul
capo dicendo con voce tremante e convulsa: se sei vivo, io ti battezzo
nel nome del Padre e del Figliuolo e dello Spirito Santo.... lo chiamai
tre volte.... poveretto!... non rispose.... era morto. — La cruda
lancia l'aveva trafitto; e nessun di noi sapeva comprendere com'egli
avesse potuto reggere ad una corsa così violenta, dopo tanta ferita!...

Il Turcimanno, che trovammo disteso per terra, fu colpito presso la
scapula diritta; ma fortunatamente la lancia non s'internò molto da
produrre, a mio avviso, una ferita mortale. Da due barcaiuoli venne
trasportato nella camera della _dahabìah_, adagiato in un letto, e
subito medicato con arnica.

Il cadavere del giovine _Fathàllah_ fu deposto in quella piroga ch'egli
poco prima aveva guidata e rimorchiato all'altra riva del fiume fra
i pianti dirotti delle giovinette della missione e dei tre superstiti
suoi compagni.

Davanti ad una scena sì dolorosa, crudele ed orribile, lascio
pensare ad ognuno come il cuore di noi missionari dovesse sanguinare
internamente.

Io, per me, non misi alcun grido: il colpo era stato troppo profondo,
perchè il mio dolore potesse manifestarsi con lagrime e gemiti. — Ero
seduto solo presso la piroga, e l'occhio avevo fisso al cielo.

Intanto era giunta la notte, calma, immobile e splendida. Le
innumerevoli stelle nell'azzurro del firmamento mi parevano tanti
sguardi scintillanti, aperti, d'un altro mondo sopra la terra
intenebrata: e da quel cielo lontano sentivo come una voce che mi
parlava al cuore parole di conforto e di rassegnazione. Passai tutta
quella notte recitando alcune preci all'anima del trapassato, ed
assistendo il povero ferito, il quale diceva di sentirsi piuttosto
male, e si godeva ch'io continuassi a parlargli del divin Redentore e
de' suoi patimenti, nei quali egli trovava un dolce conforto; ed io gli
dicevo:

— Povero il mio _Cher-Allàh_! ti senti male n'è vero...? ed io soffro
a vederti così; ma tu non perderai la pazienza nelle tue sofferenze...
e quando ti parrà di non poter resistere al dolore.... mira Gesù Cristo
in croce, che patì tanto per noi...!

— Sì, farò come tu mi dici, e Dio m'aiuterà certo.

— Sì, t'aiuterà; pensa che non c'è palpito nè lagrima d'oppressi che
sieno dimenticati da questo divino Consolatore. Egli porta nel suo
cuore paziente e generoso i dolori di tutto il mondo... Sopporta
adunque pur tu, o fratel mio, con pazienza e con rassegnazione il
dolor tuo, e sta sicuro che, per quanto è vero che c'è un Dio, verrà il
giorno della retribuzione.... e per tutti.... anche per quegl'infelici
che hanno tentato di assassinarti.... come hanno assassinato il povero
_Fathàllah_; ma noi vogliam pregare per loro, come c'insegnò Gesù
Cristo....

— Sì, padre, tu l'hai detto più volte, che questo Crocifisso morente in
croce perdonò ai suoi crocifissori.... dunque anch'io perdono.

_Cher-Allàh_ stringeva colle mani un Crocifisso, e contemplava con
adorazione la maestà di quel volto, ove splendeva una pazienza sublime,
e lo sguardo divino commosse l'anima di lui sino nelle più intime
fibre. Allora egli mi diede un'occhiata espressiva, colla quale pareva
volesse dirmi qualche cosa....

— Parla, parla, o fratel mio, dimmi.... io sono qui per assisterti in
tutto quello che desideri.

— Una carità ti domando, o padre.... battezzami subito.... Tu m'hai
insegnato che senza il battesimo, nessuno può entrare nel regno dei
cieli a goder Dio per sempre.... e s'io morissi, e tu non fossi in
tempo di battezzarmi....

— Tranquillati, o _Cher-Allàh_; in questo caso, il desiderio che tu hai
d'essere battezzato supplirebbe al battesimo di acqua. Tuttavia voglio
accontentarti, abbenchè io non veda che tu sia in pericolo di morte;
spero anzi che tu guarisca, e presto.

— Perdona, padre, alla mia ignoranza.... Io mi metto nelle tue mani....
Quelle cose che tu mi hai insegnate, le ascoltai volentieri.... e le
credo con tutta l'anima mia.... e provo un piacere che non ti so dire,
a sentirmele ripetere.... ma non saprei recitarle a memoria, perchè io
sono un povero ignorante.... e la memoria specialmente non mi serve.

Io lo disposi a ricevere questo sacramento, e poi lo battezzai.

Da questo momento il cuore di _Cher-Allàh_ riboccò d'una gioia così
grande che m'è impossibile di esprimerla; bisogna averlo veduto, per
averne una qualche idea; quella gioia, bisognerebbe averla provata
per apprezzarne la grandezza. Egli si sentì rinascere il cuore,
e provò celesti ineffabili emozioni. Gli acuti dolori che prima
sentiva tanto, non voleva più sentirli.... e non li sentiva più. — Il
sentimento del dolore rimase sopraffatto da quello della gioia d'esser
cristiano, seguace di Cristo; e pregava per tutti, ma specialmente
per la conversione de' suoi fratelli africani.... e pregherà ancora,
mentre egli vive presentemente nella casa dei Missionari cattolici in
_Chartùm_[14].

Fattosi il mattino, ordinai a quattro barcaiuoli di prendere con loro
una vanga e di seguirmi. Poco distante dal fiume venne scavata una
fossa profonda; e tornati alla barca, feci levare il cadavere dalla
piroga. Noi sacerdoti coi giovanetti della Missione recitammo le solite
preci pei defunti; e quindi due compagni del povero _Fathàllah_,
assistiti da due barcaiuoli, ne portarono il cadavere al sepolcro,
preceduti da tutti noi altri. Fu seppellito in silenzio, colmata la
fossa, ricoperta d'erbe, e benedetto quel tumulo.

Nessuna pietra segna il luogo ove riposa il vostro fratello — io
dissi allora ai giovinetti della Missione che piangevano — ma il
suo e nostro Salvatore conosce questa tomba, da cui egli risorgerà
immortale per partecipare alla gloria degli eletti. Voi lo sapete,
quanto era buono _Fathàllah_! Quanta premura metteva nell'apprendere
il catechismo! Quanto desiderava di essere battezzato!... Dio se l'ha
voluto con lui.... sia fatta la sua volontà. E voi, figliuoli miei, lo
dimenticherete mai, il fratello, nelle vostre preghiere?... procurerete
sempre d'imitarne le virtù...? Tutti abbassarono il capo in segno
d'affermazione, e risposero.... con un gemito!



VI.

  Il fiume _Jâl_ — Il _Sóbat_ e i suoi abitanti — Affluenti del
  _Sóbat_ e i Negri _scìluk_ — Dall'imboccatura del _Sóbat_ al lago
  _No_ — Il _Bàhr-el-G¨azàl_ e i suoi affluenti — I _Gnam-Gnàm_;
  etimologia del nome e cannibalismo di questi popoli.


Fra i paesi di _Hèllat-Kàka_ e di _Dènab_, il fiume _Bianco_ riceve
a destra l'influente _Jâl_ che discende dalle montagne dei _Bèrta_.
Questo influente nel suo corso da est ad ovest bagna dapprima il paese
dei _dénka Beèr_, ov'è ingrossato dalle acque di più torrenti; e quindi
il paese degli _Agnarkuèi_[15].

Più a sud il fiume _Bianco_ riceve il _Sóbat_ (9°, 11′, 25″ lat. N.),
così chiamato dagli stranieri e dagli Arabi, i quali lo dicono pure
_Bàhr-el-Mochàda_, fiume dei guadi, perchè molti sono i luoghi, come
io stesso ho potuto osservare, che si passano a guado; ma i _Dénka_,
che abitano vicino alle rive del fiume _Bianco_, l'appellano _Kiâti_,
piccolo fiume, e quelli che sono lontani _Kìdid_, gran fiume (_kir_,
fiume; _adìd_, grande) per distinguerlo dai piccoli torrenti che lo
ingrossano. Questi nomi diversi io trovo molto alterati e confusi sopra
alcune carte geografiche.

Il fiume _Sóbat_ si compone di due rami principali, l'uno dei quali,
che è il più importante, proviene dal sud, e conserva una direzione
costante verso nord, N. O.; e l'altro deriva dall'est, e procede verso
ovest, S. O.[16]

Il _Sóbat_, dopo d'essersi riunito col ramo settentrionale ch'io penso
sia l'_Addùra_, forma, seconda i ragguagli del viaggiatore Filippo
Terranova, ch'io conobbi in _Chartùm_, varie isole abitate pressochè
tutte da Negri, fra i quali dai _Scìluk_, che non posseggono bestiami,
ma son dati alla coltivazione del _màis_, dei fagiuoli e del tabacco,
che seminano nelle isole, e ne raccolgono frutti abbondanti. Questi
_Scìluk_ sono pure abilissimi cacciatori di elefanti e di ippopotami,
e vivono in amichevoli relazioni coi _Nuèr_ che si trovano sulla riva
sinistra, e coi _Dénka_ della riva destra, coi quali confinano ad est,
N. E.

I _Dénka_ del _Sóbat_ sono quasi sempre in guerra coi _Nuèr-Balòk_, i
quali benchè combattano muniti di bastone e di lancia, senza lo scudo,
pure sanno farsi temere dai _Dénka_ e da altri Negri, che tremano al
sentirsi pronunciare solamente il nome di _Nuèr_.

Un giorno Filippo Terranova fu pregato dai _Dénka_, presso i quali
egli dimorava da circa un anno, d'unirsi a loro per discacciare i
_Nuèr-Balòk_ dalla riva destra del fiume ove s'erano condotti coi loro
bestiami, trovandovisi buoni pascoli. I _Dénka_ già contavano sulla
vittoria, poichè il Bianco, come essi lo chiamavano, aveva un cannone
di bronzo che soleva caricare a mitraglia, allo scoppio del quale i
_Nuèr_ spaventati si sarebbero dati a precipitosa fuga, abbandonando i
loro bestiami in mano al nemico.

Il Terranova dovette accondiscendere al desiderio dei _Dénka_, e poco
dopo eccolo col suo cannone in mezzo a un migliaio di combattenti di
fronte ad altrettanti _Nuèr_. Sul principio, dall'una e dall'altra
parte non si faceva che correre di qua di là per assicurarsi dagli
assalti nemici ed impadronirsi di posizioni vantaggiose; ma tutt'a un
tratto i _Nuèr_ si scagliarono contro i _Dénka_ così improvvisamente,
da non dar loro tempo di prepararsi a resistere all'impeto
dell'assalto, e da costringerli quindi ad una fuga disperata, lasciando
il povero Terranova,, che fatto non aveva ancora un colpo di cannone,
a sbrogliarsela da solo coi _Nuèr_. Buon per lui che questi, contenti
della vittoria riportata, tornarono ai loro posti senza darsi il menomo
pensiero del Bianco, il quale col suo cannone rifece con fatica la
strada di prima.

I _Nuèr-Balòk_, che si estendono sulla riva sinistra del fiume _Sóbat_,
dal 9º fin presso all'8º grado di latitudine, hanno gli stessi costumi
e le stesse abitudini dei _Nuèr_ che abitano lungo le rive del fiume
_Bianco_, dei quali parleremo di poi. Questi però sono più ricchi di
bestiami e di grano, e più destri di quelli del fiume _Bianco_ nel dare
la caccia agli elefanti.

Durante la stagione delle piogge (_charìf_), essi abbandonano la
riva del fiume e si ritirano nell'interno tra il canale _Zeràf_ e il
_Sóbat_.


Nel 1855 due barche di negozianti arabi s'avventurarono lunghesso
il fiume _Addùra_, e dopo parecchi giorni di marcia giunsero ad una
tribù di Negri che si dicevano _Scìluk_, i quali avevano il loro re
come quelli di _Dènab_. Questi Negri appena videro le barche, ch'erano
ancorate in mezzo al fiume, presentarono ai negozianti due bovi,
dicendo che volessero accettarli come segno di buona ospitalità; e
siccome intesero ch'erano venuti in cerca di denti di elefante, fecero
loro sperare che sarebbero partiti colle barche cariche d'avorio.
Non parve vero a que' negozianti d'aver trovato fra quella tribù
tanta cordialità con tanta fortuna; ne ringraziarono la Provvidenza,
e s'affrettarono ad aprire le casse contenenti perline di vetro, per
mostrarne i campioni. Quindi gli uomini della barca più vicina alla
riva smontarono disarmati, e si sparpagliarono pieni di fiducia in
mezzo ad una moltitudine di Negri, dai quali vennero tosto assaliti
e barbaramente trucidati, senza che n'andasse salvo nè pur uno. La
gente dell'altra barca, atterrita a tanto spettacolo, fece presto a
discendere il fiume per non incontrare la sorte dei compagni. Dopo
questo fatale avvenimento, nessuna barca osò più inoltrarsi su quel
fiume.

Alquante miglia geografiche a sud, S. E. del paese dei _Nuèr-Balòk_,
trovansi altri _Scìluk_ sulla riva sinistra e sulla riva destra del
_Sóbat_, e inoltre lungo il _Ghìlo_, che pare sia un ramo del fiume
_Addùra_. Tutti questi _Scìluk_ però formano una sola e grande tribù
soggetta al medesimo Capo, che come abbiamo detto ha il titolo di re.

Un po' più a sud, S. E. di questi _Scìluk_, il _Sóbat_ riceve a
destra le acque del _Nikàna_, che credesi un ramo settentrionale del
_Bongiàk_. Il _Bongiàk_ poi sbocca nel fiume _Giùba_ proveniente dal
sud, di cui ignote sono le sorgenti.

Dall'imboccatura del _Sóbat_ chi rimonta il fiume _Bianco_ deve
dirigersi, per quasi un grado di longitudine, verso ovest fino al lago
_No_, ove il _Bàhr-el-Àbiad_ riceve le acque del maggiore de' suoi
influenti chiamato fiume delle gazzelle (_Bàhr-el-G¨azàl_, 9°, 18′,
24″).

In questo lungo tratto il fiume _Bianco_, poche ore di cammino dopo il
_Sóbat_, riceve a destra un canale grande quasi la metà dello stesso
fiume. Questo canale è conosciuto col nome di _Bàhr-ez-Zeràf_ (fiume
delle giraffe), le cui rive sono abitate dai _Nuèr_ fin oltre l'8º
grado di latitudine, ed esce dal fiume Bianco nel paese dei _Bòr_, tra
il 6º ed il 7º lat. N., presso al villaggio _Akuàk_. Un vecchio de'
miei barcaiuoli mi diceva d'averlo percorso quasi tutto con una piccola
barca; il _Ràies_ stesso ed altri della mia gente già lo conoscevano
a tratti, e tutti s'accordavano nell'asserire che il canale, il quale
esce da _Akuàk_, nel paese dei _Bòr_, è quello stesso che rientra nel
gran fiume presso il _Sóbat_; e ciò mi confermarono pure altri, durante
il viaggio che feci a _Kondókoro_[17].

Il _Bàhr-ez-Zeràf_ è il più largo e il più lungo fra i canali del fiume
_Bianco_; canale ch'io trovo mal segnato su diverse carte geografiche.

Il fiume _Bianco_ quindi riceve a sinistra un influente, che secondo
gli abitanti che ne abitano le rive, prende nomi diversi, cioè di
_Bàhr-el-Aàrab_, nella parte conosciuta più occidentale, poi di
_Solongò_, e finalmente di _Kiâti_ presso allo sbocco.

Poco prima di arrivare al lago _No_, io vidi a poca distanza,
rimontando il fiume, i monti _Tekèm_ a nord, N. O., all'ovest dei quali
sono i _Baggàra Homùr_, che vivono in continua guerra coi _Nuèr_ e coi
_Gianghè_.

La tribù dei _Gianghè_ è posta tra la tribù dei _Scìluk_ e quella dei
_Nuèr_, e si estende per alquante miglia geografiche nell'interno verso
occidente. Questa tribù, alleata a quella de' _Nuèr_, coi quali ha
comuni la lingua ed i costumi, è nemica acerrima dei _Scìluk_, cui spia
continuamente per assalirli e depredarli.

Il 28 gennaio 1859 feci arrestare la barca proprio al confine di queste
due tribù. Non molto lontani dal fiume scorgeansi i loro villaggi.
Io speravo che i Negri _Scìluk_ o i _Gianghè_, vedendo la barca,
venissero per far mercato, avendo io bisogno di provvedermi di carne e
d'altro. Di fatto non andò molto che ci comparvero parecchi _Scìluk_,
armati di lancia, scortando donne e fanciulle, le quali portavano sul
capo cestelle di paglia ripiene delle miserabili loro derrate, dùrah,
specialmente, fagiuoli, sesàme e cotone; avevano anche galline ed uova;
ed alcuni giovanetti tenevano per una corda capre e montoni. Si poteva
comprare d'ogni cosa con perline di vetro, ad eccezione delle capre e
de' montoni, che valevano lance o anelli di ferro o di rame. In poco
d'ora il mercato aumentò fino a comporre circa duecento persone tra
uomini, donne e fanciulli. Quando io fui abbastanza provveduto, ordinai
la partenza; e tutti questi poveri _Scìluk_ s'avviarono pian piano alla
volta delle loro capanne contenti e allegri dei prezzi ricevuti. Tutt'a
un tratto noi udiamo alzarsi acutissime grida.... «Ecco, ecco là, disse
il mio Turcimanno, i _Gianghè_ che inseguono i _Scìluk_, e sono tanti
come l'erbe che crescono dal terreno.... (era la sua frase ordinaria
per esprimere una grande moltitudine); essi tentano di assalirli a
mezzo del cammino; ma i _Scìluk_ giungeranno prima alle loro capanne;
o, se mai, sapranno far loro resistenza; molti vengono in loro aiuto.»
Io fui spiacentissimo di quello scontro, del quale era stata occasione
il mercato, che non era prudenza di fare al confine di due tribù
nemiche. Dopo alcuni istanti sole voci di pietà mi percuotono il cuore
più che l'orecchio, nè potei più seguirli coll'occhio, poichè un rialto
di terreno me li nascose totalmente.

Il fiume _Bianco_ tra l'imboccatura del _Sóbat_ e il lago _No_,
ove, come dissi, riceve le acque del maggiore de' suoi influenti,
è notevolmente ristretto e rigirante per frequenti e rapidissime
svolte, le quali rendono assai difficile e faticosa ai barcaiuoli la
navigazione, e le sue rive sono adorne di boschetti eleganti di papiri.

Il _Cyperus Papyrus_, o _Papyrus Antiquorum_ è l'antica e celebre
pianta del cui libro usavano gli Egizi per iscrivere; ed è
frequentissima tra il 9º e il 10º grado nelle regioni del Sóbat, del
fiume delle Gazzelle e del fiume _Bianco_.

Intorno al lago _No_ crescono rigogliosi gli _Àmbag_, i papiri, le
ninfee, e fra esse il famoso loto (_Nymphaea lotos_), la _Neptunia
stolonifera_, e la palma _deìèb_.


Navigando sul fiume _Bianco_ da est ad ovest verso il lago _No_,
ci si presenta dapprima il grande e maestoso fiume delle Gazzelle
(_Bàhr-el-G¨azàl_), e poi subito il fiume _Bianco_, il quale pare che
qui si umili ed offra spontaneo all'altro fiume il tributo delle sue
acque.

Io vidi questo piccolo lago e lo girai quattro volte. Vi giunsi una
volta di notte, due ore avanti giorno, e i miei barcaiuoli fecero
allora molti spari di fucile, e perchè? — «Perchè, com'essi mi
dicevano, all'imboccatura de' grandi fiumi si trovano adunati vari
spiriti, che conviene salutare così, affinchè non imprechino contro di
noi.»

Il fiume delle Gazzelle (_Bàhr-el-G¨azàl_) sbocca, come abbiamo detto,
nel fiume Bianco (_Bàhr-el-Àbiad_) al 9°, 18′, 24″ lat. N. Questo
fiume, del quale io ebbi tutta la cura di studiarne il corso, fino al
1859 non era conosciuto che presso al punto di confluenza col fiume
_Bianco_.

L'arabo _Aly-Omùri_ fu il primo a rimontarlo per quasi un grado di
longitudine ovest dal lago _No_, e quindi per circa cinquanta miglia
geografiche verso sud-ovest; finalmente piegando a sud, dopo due giorni
di penoso cammino, egli arrivò ad un luogo ove il fiume dilaga; e quel
lago dagli arabi _Baggàra Homùr_ è chiamato _Mùsciarat_.

Il console inglese Petherick, poco tempo dopo lo navigò oltre a quel
lago; e d'allora in poi molti altri s'avventurarono più innanzi
e scoprirono nuovi paesi. Dopo tre anni, cioè nel 1862, già era
conosciuta la parte ovest e sud, sud-ovest del fiume delle Gazzelle, e
così pure il fiume dei _Giùr_, ch'io ritengo sia lo stesso _G¨azàl_,
come vedremo in appresso, proveniente da sorgenti proprie e non dal
fiume _Bianco_, come opinava M.r Peney ed alcun altro viaggiatore.

Brun-Rollet aveva tentato invano di rimontare il fiume delle Gazzelle,
dal lago _No_ fin nella tribù dei _Giùr_, onde così provare che il
fiume che attraversa la tribù dei _Giùr_ era il fiume stesso delle
Gazzelle (_Bàhr-et-G¨azàl_); e fu più tardi un Arabo a scoprirlo. A
questo fine egli fece costruire una piccola barca nel paese dei _Giùr_,
colla quale discese la corrente per luoghi paludosi ed intricati fin
presso al lago _Mùsciarat_.

Il _Bàhr-el-G¨azàl_ nel lento suo corso fra il lago _Mùsciarat_ e
il lago _No_ riceve due o tre grandi torrenti, che rigonfi durante
la stagione delle piogge scorrono da sud a nord. Questi torrenti
impaludano e formano una specie di laghetto, da cui escono uniti in un
sol ramo, che limpido e tranquillo si scarica nel _Bàhr-el-G¨azàl_.

Le rive di questo grande influente, chiamato anche fiume _Nam_,
cominciano ad essere abitate a quattro ore di cammino dalla sua
imboccatura nel lago _No_. Quindi riceve a sinistra presso il lago
_Mùsciarat_ un grande torrente che scorre da nord a sud-est, e dopo il
detto lago verso occidente, vari altri torrenti aventi la direzione da
nord a sud. Finalmente fra l'8º e il 9º grado di latitudine, là dove il
_Bàhr-el-G¨azàl_ ha il nome di fiume dei _Giùr_, viene ingrossato da un
influente, che prima ha una direzione da sud a nord-est, e quindi piega
verso est, e sbocca nel fiume dei _Giùr_.

Il fiume dei _Giùr_, che, come dissi, io ritengo sia lo stesso
_G¨azàl_, proviene dal sud, ove tra il 4º e il 5º grado lat. N., e
tra il 28º e il 29º long. est dal meridiano di Parigi, ha il nome di
_Jèji_, il quale segna ad ovest il confine della lingua dei _Bàri_,
ed è formato da due rami che s'uniscono fra il 3º e il 4º grado; e da
questo punto di unione, dopo circa quaranta miglia geografiche, esso
riceve l'influente _Irè_, e poi scorre verso nord, nord-ovest bagnando
il paese dei _Giùr_, dai quali prende il nome; e finalmente piegando
ad est, col nome di _Nam_ e di _Bàhr-el-G¨azàl_, si scarica nel fiume
_Bianco_.

M.r Peney, col quale io parlai più volte in proposito, era pure di
questa mia opinione; soltanto egli riteneva che il _Jèji_ fosse un
braccio del fiume _Bianco_, mentre io sosteneva e sostengo che abbia
sorgenti proprie.

M.r Jules Poncey invece lasciò scritto in argomento[18]: «On a cru
jusqu'ici que la rivière appelée _Iaïe_ (le _Giei_ ou _Jeïh_ ou _Yièh_
de Peney), qui traverse le _Niàmbara_ venant du sud, était la même
rivière que celle des _Djour_; il n'en est rien; car le jaïe, après
avoir traversé le _Niambara_, passe un peu a l'ouest du Mandara,
traverse une partie du pays des Djour et arrive enfin dans la tribu
des Rol qu'il divise en deux, passe chez les Nouair e va se jeter
directement dans le lac Nau. Cette rivière serait donc la même que
celle des Rol. Le _Bàhr-Djour_ vient à coup sûr du sud, mais plus loin
ancore à l'ouest que le jaïe. Il a été remonté par le barques jusqu'à
Cazenga (Cazingo). Là, le fleuve commence a être rempli d'écueils, et
sa petite quantité d'eau est cause que les barques ne peuvent aller
plus haut.

À quinze à vingt journées de Cazenga, vers l'ouest, il y aurait, au
dire des Niamniàm, un autre fleuve beaucoup plus grand que celui des
Djour, coulant du sud-est au nord-ovest.»

Or ecco quanto posso dire io intorno alla provenienza e al corso di
questo fiume, appoggiato alle relazioni esattissime che me ne diede
il missionario Francesco Morlang, il quale lo visitava in persona con
alcuni dongolèsi mercanti d'avorio in sullo scorcio del 1859; e dietro
a quelle relazioni io delineai tutto il suo viaggio che intraprese a
sud-ovest di _Kondókoro_, percorrendo oltre a un grado di latitudine e
di longitudine[19].

Partiva l'intrepido Missionario nell'ottobre 1859 da _Kondókoro_ con
circa venti dongolèsi, dirigendosi verso sud-ovest, e fece la sua prima
stazione a _Tokimàn_; lasciò quindi a destra il monte _Kunùpi_, e dopo
faticoso cammino arrivò a _Kèlie_, seconda stazione. — Non nomino che
le stazioni fatte in luoghi abitati da Negri. — Oltrepassò poi due
grandi torrenti, il _Lurì_ e il _Kòda_, e dopo le stazioni di _Dìmu_,
_Kakaràk_, _Riòka_, _Tongà_, _Lòci_, _Lìghi_, _Liguèk_ e _Morò_ egli
vide le rive del fiume _Jèji_, che scorreva da sud a nord e presentava
la grandezza del _Ciuffiri_ (fiume _Bianco_) dei _Bàri_. Fu in questa
stazione di _Morò_ che gli indigeni, dei quali egli conosceva la
lingua la quale era quella dei _Bàri_, gli parlarono del fiume _Irè_
influente del _Jèji_, le cui rive erano abitate dai famosi _Gnam-Gnàm_
o _Makarakàk_, cui la tradizione aveva tramandato ai Nubî qual popolo,
che riepilogava in sè stesso tutto ciò che l'idea di selvatichezza può
far concepire di più spaventoso a gente dotata di spirito inventivo.

«I selvaggi designati da cotesto nome terribile, i _Gnam-Gnàm_, non
erano soltanto vicini all'animalità per il genere di vita, ma dicevasi
conservassero il marchio della loro discendenza; e la questione
dell'origine scimmiesca dell'uomo era allora scioccamente discussa
sulle rive del Nilo con non minor calore che non lo sia ora da alcuni
in Europa.»

Il Morlang avrebbe voluto visitare per il primo que' Negri, vederli
coi propri occhi, e sollevare un lembo del velo che involgeva quella
nazione leggendaria, percorrendone una provincia almeno da essi
abitata; ma i suoi compagni di viaggio non v'acconsentirono, e dovette
con essi piegare a mezzodì. Il merito di farli conoscere l'ebbe di poi
il viaggiatore italiano mio amico Piaggia, il quale passò venti mesi
fra i _Gnam-Gnàm_ dell'ovest, e quindi l'illustre Giorgio Schweinfurth,
che lo seguì da vicino, e fu in grado di descriverci quel popolo
interessante, di cui ha studiato le tribù orientali, in modo da rendere
affatto inutile ch'io ripeta ciò che mi disse il Morlang intorno
ai _Gnam-Gnàm_ per relazioni avute dagli abitanti lungo le rive del
_Jèji_, relazioni che corrispondono perfettamente con ciò che scrisse
l'illustre viaggiatore.

Il Morlang adunque dovette piegare a mezzodì; traversò il ramo
orientale del _Jèji_ e sostò a _Morciàk_; e finalmente si diresse
a _Vrànga_ presso la riva destra del ramo occidentale dello stesso
_Jèji_. Fu qui che intese che le sorgenti di questi due rami componenti
il _Jèji_ non erano molto lontane, e ne sentì parlare con tanta
sicurezza da escludere ogni sospetto che il _Jèji_ sia un canale del
fiume _Bianco_, secondo l'opinione di M.r Peney.

Nè io posso convenire con Jules Poncey, che cioè il _Jèji_, il quale
traversa il paese dei _Jàmbara_ (_Jàngvara_), non sia lo stesso fiume
dei _Giùr_. Egli dice: il _Jèji_ dopo d'aver traversato il paese dei
_Jàmbara_, passa un po' all'ovest dei _Màndara_, scorre una parte del
paese dei _Giùr_, ed arriva in fine nella tribù dei Rol che divide in
due parti; bagna quindi la terra dei _Nuèr_, e si getta finalmente
nel lago _No_. Ma io credo fermamente ch'egli scambi il _Jèji_ col
grande torrente _Kòda_, il quale traversa di fatto il paese dei
_Jàmbara_, passa un po' all'ovest di _Màndara_, scorre una parte del
paese dei _Giùr_, ed arriva in fine nella tribù dei _Rol_ che divide
in due parti; e bagnata quindi la terra dei _Nuèr_, io ritengo che
direttamente sbocchi nel lago _No_, o da solo o dopo d'essersi unito
col torrente _Lurì_[20].

Il fiume _Jèji_ e il suo influente _Irè_ scorrono fra due lunghe
catene di monti aventi una direzione da sud a nord, delle quali
l'occidentale prende diversi nomi secondo le posizioni, di _Lopiòko_,
di _Ghirimenìt_, di _Vovù_, di _Kurubù_, di _Malangà_, di _Longobè_, e
l'orientale è conosciuta col nome di montagne di _Bègong_ a nord, e di
montagne dei _Jàngvara_ a sud.

Questi due fiumi sono abitati da ippopotami e coccodrilli, e a sinistra
dell'_Irè_ e del _Jèji_, dopo ricevute le acque dell'_Irè_, è la
grande e famosa tribù dei _Gnam-Gnàm_, che si estende fra il 3º e il
6º grado di latitudine nord; ma ancora non si sa con precisione fin
dove s'estenda il paese dal lato dell'ovest; volendo però giudicare da
ciò che i Nubî ne conoscono, pare abbia una lunghezza di cinque o sei
gradi.

Gli abitanti sarebbero stati calcolati a circa due milioni.


Io che non ebbi la fortuna di visitare i _Gnam-Gnàm_, non ho mai voluto
credere ch'essi fossero cannibali quali me li dicevano i _Nubî_, che
non gli avevano però ancor visitati, ed alcuni avventurieri della
tratta dell'avorio, argomentandolo anche dal nome, col quale viene
chiamata questa tribù.

In una mia carta geografica annessa ad un opuscolo, che scrissi dal
fiume _Bianco_, il quale porta la data 13 dicembre 1859, e vide la
luce nel 1861 (Verona, tipografia Vicentini e Franchini), io chiamai
questa tribù col nome di _Gnemgnèm_ (_Gnèm-gnèm_), e non di _Niam-Niam_
o _Nyam-Nyam_, come dalla maggior parte degli scrittori era stata
chiamata; e nel settembre del 1867 spedivo l'opuscolo al mio amico
marchese O. Antinori accompagnandolo con una lettera, nella quale gli
dicevo che la tribù da lui chiamata dei _Niam-Niam_ avrebbe potuto
chiamarsi _Gnemgnèm_; e ciò non dissi a caso, ma avvertitamente. La
qual cosa diede motivo a due lettere che non sarà discaro al lettore
ch'io qui riferisca, sebbene sieno state registrate sul Bollettino
della Società geografica italiana (anno I, fascicolo 1º-1868). Ecco la
lettera del marchese O. Antinori sulla parola _Niam-Niàm_.

      _D. Giovanni mio pregiatissimo._

                                            Firenze, 2 ottobre 1867.

  Le sono debitore di molte grazie per l'opuscolo sul suo viaggio del
  fiume Bianco che Ella ha voluto inviarmi, e che ho gradito molto,
  mentre la copia che io possedeva da lunga data, non so per quale
  fatalità, era mancante delle carte sul corso dei due fiumi Bianco ed
  Azzurro, cosa che osservasi in fin di libro.

  Mi permetta ch'io le ritorni un mio lavoro sui volatili che raccolsi
  durante il mio soggiorno in alcune delle contrade da Lei descritte,
  ed in altre, che avrebbero ben meritato una sua visita, se Ella non
  si fosse restituita in Europa.

  Nella prefazione vi troverà lo scheletro del mio viaggio, sul quale
  non discesi a minuti ragguagli nol consentendo il titolo del libro
  che dava al pubblico.

  Sulla parte, o meglio sul paese interno del G¨azàl, vi tornerò
  sopra quando pubblicherò un lavoretto sui Niam-Niàm che mi propongo
  di fare. E poichè mi cade quasi involontariamente sotto la penna
  il nome di questa tribù che Ella nell'ultima sua mi consiglia di
  chiamare Gnem-Gnèm, ad esempio di quanto Ella aveva praticato
  nel suo libro, mi permetta ch'io le richieda, se vi sia una
  particolare ragione etnica per così chiamarla, o se il suo parere
  appoggi piuttosto sul valore del suono della parola, quale le si è
  presentato all'orecchio allorchè l'ha udita proferire. In questo
  caso, per me che ho soggiornato lungamente fra i Giùr, e che mi
  sono sentito ripetere le mille volte questo vocabalo, esso mi ha
  sempre suonato Niam-Niàm, o al più Gnam-Gnàm, e non mai gnem-gnèm;
  lo che accorderebbe maggiormente coll'origine che si può attribuire
  alla detta parola, sia pure essa divisa in due, o in una sola come
  Ella la scrive. I fratelli Poncet, Heuglin, Lejean, ne resero il
  suono nel modo stesso adoperato da me, e la differenza unica che
  s'incontri fra l'uno e l'altro dei detti autori, è differenza
  ortografica propria alla lingua in cui essi scrissero.

  Heuglin poi asserisce che il plurale di Nyam-Nyam è Nyamanyam; lo
  dice in modo assoluto, ma senza accennarne il perchè. Esso, a parer
  mio, lo si potrebbe ripetere dalla natura stessa del linguaggio
  di molte famiglie dell'Africa australe, ove la forma etnica vuole
  che si pongano innanzi, appresso e anche in mezzo ai nomi proprii
  dei popoli e delle tribù, le particelle _ba_, _ma_, _ouà_, _ouè_
  ecc. ecc. Burton parlando del popolo Fân dice che nel plurale vien
  chiamato Bâ-Fân ed anche Fan-ouè. E nel caso nostro, nella parola
  Nyamanyam rivelataci da Heuglin, la particella _ma_ troverebbesi
  interposta fra le due sillabe che compongono la parola Niam-Niàm,
  alla quale per ragione eufonica sarebbesi soppressa la prima _m_, e
  convertita l'ultima _m_ in _n_. Ma qualunque possa essere l'ipotesi
  dedotta da me dagli esempi di linguaggi dell'Africa australe, per
  spiegarmi in qualche modo l'asserzione di Heuglin, rimarrà sempre
  vero che il suono tanto nel singolare che nel plurale è in _à_
  e non in _è_, e che lo stesso suono hanno le parole da cui essa
  probabilmente è derivata. Livingstone ci dice che nel Zambesi
  Nama-nama è un grido che i rematori fanno ad un Trogon, allorchè
  l'uccello col suo canto imita il suono della lira, e vuol dire
  carne carne. Gnià, nel linguaggio Niam-niam vuol dire animale ed
  anche carne. Presso i Dor vuol dire pure animale, e presso alcune
  altre tribù del nord esprime il bufalo. Ciam-ciam presso i Dor vuol
  dire mangiare, e notisi che oltre a certa analogia di suono che
  questi vocaboli hanno col motto Niam-niam, Speke ci fa sapere che
  presso gli Ouganda gli venne assicurato che Niam-niam significa
  mangia mangia. Non pare a Lei che vi sia un qualche rapporto non
  dirò etimologico, ma eufonico fra il vocabolo Dor e quello con cui
  vengono chiamati i loro vicini? E la parola gnia, animale o carne
  che essa significhi, non ha pure un ravvicinamento di suono e di
  significato col vocabolo in questione? A Lei dottissimo in alcune
  delle lingue dei Negri lascio il deciderne, contento di averle
  esposte alcune ragioni, in forza delle quali a me sembrerebbe che
  il vocabolo Niam-Niàm non dovesse mutarsi. Se Ella mi illuminerà in
  proposito non lascerò di tenerne conto a suo tempo.

                                                _Suo servo ed amico_

                                                         O. ANTINORI

Eccone la risposta.

      _Pregiatissimo signor Marchese,_

                                             Verona, 8 ottobre 1867.

  Oggi ho ricevuto la carissima sua del 2 corrente, ed alcuni giorni
  prima il prezioso Catalogo descrittivo di una collezione di uccelli,
  fatta nell'interno dell'Africa con tanto disagio ed abnegazione
  della sua vita. — Ne la ringrazio infinitamente.

  ..... Ma or veniamo alla tribù ch'Ella, signor marchese, Petherick,
  Lejean, Heuglin, Speke ecc., nomi tutti rispettabilissimi, ed i
  quattro primi a me tanto cari, conosciuti in Chartùm, chiamano
  dei Niam-Niàm, e che io Le suggeriva nell'ultima mia di chiamare
  piuttosto Gnem-Gnèm, come sta scritto nel mio opuscolo, che porta
  il titolo: «Un viaggio sul fiume Bianco nell'Africa centrale,» ed
  avrei anche potuto dire Gnam-Gnàm, che è il singolare, come vedremo,
  di Gnem-Gnèm. — Prima di tutto Le dirò che in quella denominazione
  Niam-Niàm, io non intesi, com'Ella ha creduto, di appuntar la vocale
  _a_, ma di meglio esprimere il valore della consonante radicale _n_,
  che in questa parola come in molte altre, nella lingua dei Bári
  e in quella dei Dénka, suona precisamente come l'unione delle due
  consonanti _gñ_ seguite da vocale in italiano.

  Del resto nella denominazione Niam-Niàm io non trovo errore; la
  trovo anzi quasi affatto consona a quella di Gnam-Gnàm, poichè
  il _ni_ o _ne_ davanti ad una vocale fanno il più delle volte una
  sillaba sola colla medesima, che rappresentasi in italiano ed in
  francese con _gñ_, p. e. Signor, Seigneur; nello spagnolo con _ñ_,
  p. e. Señor; nel portoghese con _nh_, p. e. Senhor, derivazioni
  tutte dal latino Senior-vecchio, seniore ecc. — Volli dire con
  ciò, che Petherick, Heuglin, Speke nominando la tribù all'occidente
  dei Bàri e al sud dei Dénka e confinante con essi, Niam-Niàm, non
  poteano, usando della loro ortografia, meglio esprimerla di quello
  che l'abbiano espressa, mancando, tedeschi ed inglesi, di quel suono
  nasale che in italiano e in francese risulta dalla combinazione,
  come dissi, delle due consonanti _gñ_ seguite da vocale, suono,
  ripeto, che perfettamente corrisponde a quello dei Bàri e a quello
  dei Dénka in questa ed in molte altre parole. — Or resterebbe a
  vedere come il Lejean e i fratelli Poncet, da Lei pure citati, e che
  sono francesi, abbiano chiamato quella tribù. — Ella stessa, signor
  marchese, mi dice che «l'unica differenza che notasi fra l'uno e
  l'altro dei sopradetti autori è differenza ortografica propria della
  lingua in cui scrissero,» ma che tutti hanno chiamata quella tribù
  facendo sentire il suono della vocale _a_. — Questo io credo, e
  così anche va bene; ma io vorrei poter credere ancora che i signori
  Lejean ed i fratelli Poncet, essendo francesi, l'avessero nominata,
  secondo la propria ortografia, Gnam-Gnàm e non Niam-Niàm, a meno che
  non abbiano voluto accomodarsi ad una ortografia straniera che non
  corrisponde, come la nostra, al debito suono[21]. — Veniamo adesso
  alla vocale. — Io dissi che non fu mia intenzione di appuntare nella
  denominazione Niam-Niàm la vocale _a_; tuttavia io debbo rendere
  ragione perchè scrissi sulle carte del mio opuscolo Gnem-Gnèm e non
  Gnam-Gnàm, che è, com'io diceva, il singolare di Gnem-Gnèm. — Ecco
  da che fui indotto a ciò fare:

  I. Perchè sentii qualche volta chiamarsi così quella tribù da molti
  negri Dénka, da alcuni Bàri e da qualche missionario di Kondókoro,
  sebbene sia vero che il più delle volte mi suonava all'orecchio
  il singolare Gnam-Gnàm. — Io domandai ad alcuni Negri perchè la
  dicessero Gnem-Gnèm qualche volta, e non Gnam-Gnàm, come il più
  delle volte e generalmente era chiamata; ed essi mi rispondevano
  senz' altro dire «è la stessa cosa.» — Questo motivo però non era
  ancor sufficente perchè io dovessi adottare il plurale piuttosto che
  il singolare, che dai più e il più delle volte era usato.

  II. Il vero motivo però che m'indusse ad usare il plurale Gnem-Gnèm
  (o come scriverebbero i tedeschi ed inglesi Nien-Nièm o Nyem-Nyèm)
  piuttosto che il singolare Gnam-Gnàm (o secondo altri Niam-Niàm o
  Nyam-Nyam) fu per accennare in qualche modo la via a rintracciare la
  vera etimologia di questa parola nella natura appunto, per ripetere,
  signor marchese, le sue parole, del linguaggio di molte famiglie
  appartenenti all'Africa centrale. — M'attenda:

  Ella sa che fra i Gnam-Gnàm scorre un fiume verso il Bàhr-el-G¨azàl
  o Kèilak, formato tra il 4º e il 5º grado lat. N. dal fiume Jèji
  e dal suo influente Irè. In questo fiume, come riferivano il
  missionario Francesco Morlang, che vide il Jèji a Morò, e tutti
  quelli che viaggiarono con lui, sono molti coccodrilli. Vedi! — io
  dissi allora fra me — il coccodrillo da tutte le tribù Dénka del
  fiume Bianco è detto Gnàn, plurale Gnèn; così adunque lo chiamano i
  Giùr, gli Atuòt, i G¨ok, i Ròl, tribù Dénka limitrofe ai Gnam-Gnàm
  dalla parte nord. Così chiamano il coccodrillo anche i Bàri ed i
  Scìr, che confinano coi Gnam-Gnàm ad est, e sono divisi dal fiume
  Jèji. L'etimologia, io conchiusi quindi, di questo nome Gnam-Gnàm
  dato a quella tribù deve ripetersi dalla parola Gnan-coccodrillo,
  plurale Gnèn-coccodrilli. Per la qual cosa, tribù dei Gnam-Gnàm
  o dei Gnèm-Gnèm vorrebbe dire tribù del coccodrillo o dei
  coccodrilli, i quali abitano in gran copia nelle acque dell'Irè e
  del Jèji[22]. Ora questa etimologia è fondata sulla realtà delle
  cose, sul fatto dell'esistenza dei coccodrilli in quella tribù;
  mentre altri vorrebbero ripeterla dalla supposizione che quella
  tribù sia antropofaga. Nè, io credo, potrebbesi sostenere questa
  ipotesi da ciò che narra il celebre ed intrepido viaggiatore Speke,
  a cui gli Ougànda tradussero, egli dice, la parola Niam-Niàm per
  mangia-mangia. Io vorrò credere benissimo che allo Speke gli
  Ougànda abbiano detto che Niam-Niàm esprime mangia mangia, ma
  riferendosi alla tribù da essi accusata, o a torto o a ragione,
  come antropofaga; ma come provò egli mai che mangia-mangia è il
  vero senso della parola Gnam-Gnàm dei Dénka e dei Bàri? — Nè vale
  il dire, a sostenere questa ipotesi, che presso i Dòr la voce
  cian-cian, com'Ella scrive, vuol dire mangiare; poichè questa voce,
  mi pare, non ha alcuna analogia con quella di Gnam-Gnàm o Nyam-Nyàm,
  essendo affatto diversa la prima radicale; ma l'ha piuttosto colla
  parola ciám dei Dénka, che pur significa mangiare; anzi direi che è
  la stessa parola, mentre sappiamo che le due consonanti _m_ ed _n_
  sono ambedue lettere nasali, che facilmente si scambiano.

  Ella dice finalmente, signor marchese, che la parola Gnià nel
  linguaggio pure dei Dòr ed in quello stesso dei Gnam-Gnàm significa
  animale; e non sembra a lei che vi sia una grande analogia fra
  questa parola Gnià-animale, e Gnàn-coccodrillo? e non ci verrà il
  sospetto almeno che questo animale, che i Gnam-Gnàm chiamano Gnià,
  sia lo stesso coccodrillo? — Aggiungerò che tutti quelli, coi quali
  io stesso parlai, e che si recarono fra i Gnam-Gnàm o Gnem-Gnèm, non
  hanno potuto, non dico verificare, ma nè manco sospettare che quella
  tribù si cibasse di carne umana. — Aggiungerò ancora che allorquando
  dovevo recarmi nel 1854 nella tribù dei Bèrta fra gli Sciangàllah,
  mi si diceva da molti, e seriamente, ch'erano antropofagi; e quando
  io li vidi, dovetti persuadermi che la cosa era ben altra da quella
  che mi si voleva far credere....[23] Dopo tutto ciò, mio carissimo
  marchese, è facile concludere che la ragione che m'indusse a
  cambiare la parola Niam-Niàm in quella di Gnem-Gnèm o Gnam-Gnàm che
  n'è il singolare, non fu solo sensazione organica, ma fu particolare
  etnica ragione. — Ad altro.

Da questa mia risposta può immaginarsi il lettore quanto io fossi
lontano dal credere i capricciosi racconti e le feroci accuse lanciate
dai _Nubî_, specialmente, e dagli avventurieri della tratta dell'avorio
contro i _Gnam-Gnàm_.

Della famosa coda che si pretendeva formasse parte del loro corpo,
io parlai a lungo col mio amico viaggiatore Lejean, e dovetti ridere
con lui quando nel 1860, reduce dal fiume _Bianco_, mi diceva che la
pretesa coda dei _Gnam-Gnàm_ altro non era che una striscia di cuoio,
che passa fra le gambe e si spande, inferiormente alle reni, in un
largo ventaglio in guisa, che veduta di lontano produce l'effetto d'una
coda.

«Ma per essere senza coda, i _Gnam-Gnàm_ non cessavano per ciò
di figurare come gli eroi d'una infinità di storielle di caccia e
di guerra riferite da alcuni avventurieri, storielle d'interesse
palpitante. Abitavano inoltre un paese sconosciuto, e anche per
tal motivo destavano in Europa una viva curiosità.» — Così scrisse
l'illustre viaggiatore Schweinfurth, che dopo il Piaggia, intrepido
viaggiatore italiano, visitò quel popolo interessante e ne studiò le
tribù orientali. Or ecco quanto egli ne dice in proposito:

«A parte i lineamenti speciali, caratteri di razza che, più o meno
spiccati, contraddistinguono i diversi gruppi della famiglia umana,
i _Niam-Niàm_ (_Gnam-Gnàm_) sono uomini della stessa natura degli
altri, colle stesse passioni, le stesse gioie, gli stessi dolori di
noi. Io ho scambiato con essi molte e molte facezie, ho partecipato ai
loro giuochi infantili, avvivati dal rumore di tamburi o dal suono di
mandolini, e trovai in essi il buon umore e l'estro che s'incontrano
altrove....

«I _Niam Niàm_ (_Gnam-Gnàm_) sono eminentemente carnivori, ed è appunto
la carne che mette il colmo ai loro piaceri gastronomici. «Carne!
carne!» è la parola d'ordine che risuona in tutte le loro campagne, è
il grido che esprime la loro collera o i loro desideri.

«È naturale che in ogni paese, nella stagione in cui la selvaggina
è più abbondante e migliore, l'idea della caccia s'impadronisca di
tutti i cervelli: ma tale disposizione può anche essere soltanto
temporanea. A me pare che il più sicuro criterio del genere di
nutrimento prevalente in tale o tal luogo, sia quello delle voci
usate dagli abitanti per ciò che concerne le loro refezioni. Così,
presso i _Bòngo_, popolo essenzialmente agricolo, il nome del sorgo è
l'indefinito del verbo mangiare, mentre fra i _Niam-Niàm_ (_Gnam-Gnàm_)
è la voce carne omonima del verbo: carne e mangiare s'esprimono colla
stessa parola.

«Quanti scrissero intorno ai _Niam-Niàm_ (_Gnam-Gnàm_), tutti li hanno
accusati di cannibalismo; e l'accusa parrà giustificata a chiunque
ricordi l'origine della mia collezione di cranî.

«Anche qui, come dappertutto, la regola ha naturalmente delle
eccezioni. Viaggiatori che visitarono i distretti di _Banzibèh_ e di
_Tèmbo_, situati all'ovest della strada da me seguita, mi riferirono
di non aver veduto nulla che possa far credere a siffatto costume;
e Piaggia, che passò in questa provincia quasi due anni, dal 1863 al
1865, fu testimonio d'un unico fatto d'antropofagia; fatto nel quale
trattavasi d'un nemico ucciso nella mischia, e divorato da uomini che
la battaglia aveva resi sitibondi di sangue e di vendetta. Io stesso
posso citare dei Capi, che respingono con forza l'idea di cibarsi di
carne umana, sebbene, essendo sempre in guerra, avrebbero di continuo
occasione di soddisfare il loro appetito, se tale fosse il loro gusto.

«Nondimeno, da ciò che ho udito, e sopratutto da ciò che ho
veduto, affermo senza esitare, che i _Niam-Niàm_ (_Gnam-Gnàm_) sono
antropofagi; e che, senza punto farne mistero, raccolgono i denti
delle loro vittime e ne fanno dei manili, di cui si adornano con
ostentazione. Inoltre, ne' loro trofei di caccia si vedono i cranî di
uomini da essi divorati; e il grasso umano è dappertutto in vendita.
Dicono che, assorbito a larga dose, questo grasso produca l'ebbrezza;
ma sebbene il fatto mi sia stato assicurato da molte persone, non mi è
mai riuscito scoprire su cosa si fondi tale asserzione.

«Raccontasi che in tempo di guerra vengono mangiate persone d'ogni
età, principalmente i vecchi resi dalla debolezza più facile preda.
Aggiungono ancora che, in ogni tempo, quando un individuo muore
nell'abbandono, il suo corpo serve di pasto agli abitanti stessi del
distretto in cui visse. Insomma, tutti coloro che fra noi cadrebbero
sotto il coltello dell'anatomico, qui subiscon la triste sorte ora
detta.

«I _Nubî_ mi affermarono che parecchi _Bòngo_, morti di fatiche in
seguito alle carovane, furono disotterrati per servir di cibo. Ahmed,
povero giovine! mi diceva d'aver veduto toglier le pietre che coprivano
le tombe, d'aver veduto le fosse aperte, e gl'indigeni portarne via i
cadaveri. Io non volevo prestar fede, ma i _Niam-Niàm_ (_Gnam-Gnàm_),
che non arrossiscono del loro cannibalismo, confessano che tutti i
cadaveri, eccetto quelli d'individui affetti da malattie della pelle,
sono essi considerati buoni per la mensa. Tuttavia alcuni di loro hanno
una tal ripugnanza per la carne umana, che rifiutano di mangiare allo
stesso piatto una vivanda qualsiasi con un compatriota antropofago.

«Le esplorazioni eseguite in questi ultimi anni nel centro dell'Africa
ci hanno fatto conoscere delle popolazioni, il cui cannibalismo è
pienamente accertato; ma o si consideri l'antropofagia come vestigio
d'antico culto, o si riguardi come effetto di insufficienza di
nutrimento animale, nessuna delle spiegazioni messe innanzi per
risolvere il problema psicologico scema l'orrore che ci colpisce ad
ogni nuova rivelazione d'un sì odioso e ributtante costume.

«Fra gli Africani notoriamente antropofagi, i _Fàni_ del _Gobon_
appariscono, per questo riguardo, i maggiori rivali dei _Niam-Niàm_
(_Gnam-Gnàm_). Al pari di questi ultimi, trafficano de' loro morti,
e si citano esempi di cadaveri da loro egualmente disotterrati per
mangiarli....»

Dopo l'esplicita asserzione dell'illustre viaggiatore Schweinfurth,
per il quale io professo tanta stima, non oso più di negare il fatto,
che cioè i _Gnam-Gnàm_ sieno antropofagi, mentre egli ciò afferma
senza esitazione alcuna. — Ecco le sue parole: «da ciò che ho udito,
e sopratutto da ciò che ho veduto, affermo senza esitare, che i
_Niam-Niam_ (così) sono antropofagi.» — Ma io debbo pur confessare
schiettamente che, tolto il caso della sua oculare testimonianza del
fatto ch'egli asserisce, tutti gli altri argomenti che n'adduce non mi
valgono a provarlo incontestabilmente.



VII.

  I _Nuèr_ del fiume _Bianco_ — Fuochi notturni — Formiche — Zanzare
  — Cinocèfali, mostri, cannibali — Credenze religiose; indovini
  (_Kogiùr_); superstizioni, strani abbigliamenti e caccia dei _Nuèr_.


La nazione dei _Nuèr_ dopo quella dei _Dénka_ e dei _Gnam-Gnàm_ è la
più grande e la più forte di quante si conoscono nel bacino del fiume
_Bianco_. Essa si estende da est ad ovest, dalle rive del fiume _Sóbat_
fino a quelle del _Bàhr-el-G¨azàl_, e lungo ambedue le rive del fiume
_Bianco_, a sud della tribù dei _Gianghè_, fin oltre l'8º grado di lat.
N. Fra questa paludosa e malsana regione s'aggira il fiume _Bianco_ con
un corso lento e tortuoso.

Quand'io la traversai la prima volta, era la stagione asciutta, e
scorgevo dalla barca lontane le abitazioni dei _Nuèr_ circondate
da _zerìbeh_, e, coll'aiuto del cannocchiale, campi coltivati di
_dùrah_, di cui essi fanno commercio colle tribù vicine e coi mercanti
stranieri. A destra poi e a sinistra del fiume sono qua e là disperse
in sul mattino innumerevoli torme di gazzelle e d'altre antilopi,
considerevoli mandre di bufali selvatici e truppe di elefanti, che
tornano dal fiume, ove la notte vengono a dissetarsi, nell'interno
della foresta. E sul far della sera sbuffano dall'acqua gl'ippopotami
che pesantemente s'arrampicano sulle rive in cerca di pascoli, e vedi
sugli arbusti una sterminata quantità d'ibi, che stancano gli orecchi
co' beffardi loro gracchiamenti, e nuvoli d'altri uccelli che si
contendono i rami per riposarsi.

Ma nulla di più stupendo dei fuochi notturni fra le secche, folte e
altissime erbe di quelle vaste pianure. Le fiamme dapprincipio lontane
e sparse qua e là raramente, spinte dal vento, s'avvicinano sempre
più maestose e minaccianti, e secondo i tratti d'erba che incontrano,
or s'abbassano d'improvviso ed or sollevansi furiose al cielo; e
quindi crepitando s'uniscono insieme e illuminano d'una luce purpurea
vivissima l'aere d'intorno; e grandi nuvole di fumo s'inalzano con
in mezzo un vortice di scintille, e s'allargano rapidamente verso il
cielo stellato. — Cresce il vento, e le fiamme abbattute s'incurvano
a terra in larghe vampe orizzontali da sembrare tende ondeggianti.
— L'incendio non corre, vola; e prima di avvolgere, copre, come un
mare di fuoco, e tutto illumina il sottoposto terreno. — A momenti,
pare che, scemando un poco il vento, l'incendio rimetta della sua
furia; ma subito il vento ricomincia a soffiare con maggior veemenza,
e le fiamme, che s'erano appena risollevate, tornano a curvarsi con
impeto e a vibrare come frecce le loro punte diritte e implacabili.
Ed oh! potessi io ora descrivere il tumulto, gli urli, i barriti, il
ruggito, il fischio, il mugghio di tante bestie feroci, e le querule
strida d'un'immensità di volatili che tentano in ogni modo di salvare
la propria esistenza dal vorace incendio, come dalle insidie e dai
colpi di mano inaspettati d'una gran caccia, guidata astutamente da
una volontà unica, per cogliere nella rete tutti quegli animali e
non lasciare scampo a nessuno! E già essi corrono e saltano qua e
là disperatamente, e a tratti si veggono come spettri illuminati da
bagliori d'inferno, e tosto spariscono tra le fiamme che si riuniscono
e s'incrociano precipitando e spandendosi in laghi di fuoco con una
rapidità incredibile.

Io vidi altra volta i fuochi notturni fatti accendere da uno dei grandi
Capi dei _Bèrta_ (_Uàd-el-G¨àrbi_) nella vasta pianura che divide
lo _Sciangàllah_ dall'_Abissinia_[24]; e quei fuochi mi colpirono
d'un tale stupore, che per un pezzo non aprii bocca, e le prime
parole rivolte al Gran-Capo furono l'esclamazione spontanea: bello!
bello assai! Ma i fuochi ch'io vidi dalle rive del fiume _Bianco_ mi
stupirono assai più.

Mi par di vederlo ancora quell'elemento divoratore, che in poche ore
tutte distrugge le secche erbe e le foglie delle piante che sono
disperse in quelle vaste pianure, le quali assumono poi l'aspetto
d'immense carbonaie. — Solo alcuni arbusti continuano a bruciare.
— Passata la notte, al primo riapparir della luce del giorno, ecco
spiegarsi agli sguardi una nuova scena di viva sorpresa. Una miriade
di colonne di fumo vermiglio, sulfureo, bianco, nero, fuggono
rapidissimamente e s'allungano a perdita d'occhi, ottenebrando e
tingendo di colori sinistri il vasto orizzonte. Larghissimi tratti
scorgonsi coperti d'uno strato di cenere bianchissima, come se fosse
nevicato. Invece che ai tropici, lo spettatore, per un momento, può
credersi trasportato nella zona glaciale. Qua e là monticelli anneriti
lacerano il bianco lenzuolo, come nel disgelo le prominenze erbose d'un
padule spuntano fuori dal manto di neve; e il fumo ancor serpeggiante
dappertutto sparge su questo quadro imponente come un velo di nebbia; e
gli alberi colle loro braccia spoglie e stese verso il cielo completano
il paesaggio d'inverno.

Fattosi chiaro giorno, Negri, uomini e donne, errano nella vasta
pianura arrestandosi davanti a corpi morti o feriti di bestie feroci,
di serpenti e di grossi uccelli; e gli anneriti cumuli, opera delle
formiche nella stagione piovosa, alti da un metro e mezzo a due metri,
s'ergono qua e là, vecchie tombe, come tosto vedremo, di estinti
animali.


Havvi nel _Sudàn_, ma specialmente in questi luoghi bassi e paludosi,
gran numero di formiche, di varie specie, e io procurai di studiarne un
poco i costumi.

C'è una formica rossastra e piccola, la quale s'occupa unicamente a
raccoglier sementi di cui fa anche conserva; essa vive in compagnia,
soggiorna sotterra e non esce che nella stagione piovosa a procacciarsi
il vitto. Questa formica dai _Dénka_ è chiamata a-gñièg o a-ñġièg
(sapiente).

Un'altra formica piccola e nera, di cui la puntura è assai dolorosa,
trovasi da per tutto, in qualunque stagione, e dicesi _Aciùk_.

Osservai pure una formica grossa e nera, alla quale i _Dénka_ danno il
nome di _agingìn_ o _agiìn_, e si ciba solo di altre formiche.

Havvi poi una formica che non si pasce che di ciò che è dolce, ed è
nominata _areròu_.

Ma la formica, che può recar gravi danni agli indigeni ed ai
viaggiatori inesperti, è la formica bianca che gli Arabi appellano
_àrda_ (dalla parola _ard_ — terra), e i _Dénka vdièi_. Questo
insetto è della grossezza delle nostre formiche comuni, e si nutre
principalmente di legno; del resto egli divora ciò che gli si presenta,
il cuoio, la carne, il cartone, la carta sopratutto; e torna assai
difficile il preservare da suoi attacchi i libri e gli abiti di
qualsiasi specie. D'un mio giornale, che mi tenevo conservato con
tanta cura, fu rosicchiato quasi tutto il cartone da queste maledette
formiche, nello spazio d'una sola notte, e fu un mero accidente ch'io
l'abbia potuto salvare, nel mattino, dalla totale distruzione. Dovetti
tirarlo fuori da un vecchio baule di pelle per consultarlo, e m'accorsi
del pericolo ch'aveva corso. Le formiche, di fatto, erano penetrate
per di sotto, dal fondo del baule, sebbene fosse un po' sollevato da
terra per mezzo di due liste di legno poste alle estremità; e nulla
esteriormente faceva sospettare la loro presenza. D'allora in poi,
carte, cartoni, scatole, astucci, biancheria, vestiti, tutto insomma
solevo tener sospeso con delle corde al tetto della mia abitazione.
Così gli indigeni riescono a conservare intatte le loro provvisioni
giornaliere. Quanto ai loro grani, essi li depongono in grandi e
profonde fosse, la cui parte inferiore e le pareti sono coperte
d'una cert'erba, dalla quale questi insetti si tengono lontani. Essi
cominciano il lavoro di sotto terra, ed allorquando sono arrivati alla
superficie del suolo non l'intralasciano, ma per mezzo d'una secrezione
viscosa, che è loro propria, uniscono le particelle più minute della
polvere che li circonda, e formano una specie di smalto, costruendone
piccole gallerie, che aumentano sempre più e si sviluppano pel continuo
e nascosto lavorìo di questi insetti, che camminano sempre al coperto.
Il lavoro dura per quasi tutta la stagione piovosa, e l'edificio che
ne risulta ora racchiude un corpo di bestia morto, disseccato dal
sole, ora un oggetto di cuoio od uno straccio qualunque abbandonati
nella pianura, o il tronco di un albero, il più delle volte d'acacia, e
presenta alla sua base un raggio di tre o quattro piedi. Esso s'inalza
qualche volta all'altezza di due metri, e non è abbandonato dalle
formiche che allorquando non rimane più traccia dell'oggetto che viene
assediato.

Nelle paludi trovansi due altre specie di formiche; la formica rossa,
_mormuòr_, e la formica volante, _agnièl_. Quest'ultima formica
fabbrica pure monticelli di terra simili a quelli dell'_àrda_, e
cessata la stagion delle piogge n'esce coll'ali.

Fu allora ch'io vidi molte di queste formiche abbandonare le loro
gallerie e rimanersi per qualche tempo immobili e come istupidite, e
molte invece darsi a movimenti disordinati, ed agitar l'ali con una
impazienza e con un'ebbrezza al tutto singolare; mentre altre, che non
erano alate, si mostravano affaccendate ed occupatissime nell'assistere
le loro compagne.

«Ecco, io dissi, come anche in questa società di formiche si trovano
i maschi, le femmine ed i neutri, che sono le femmine abortive, nelle
quali, come nelle api operaie, gli organi del sesso, per procurata
scarsezza o per qualità d'alimento, ristettero dallo svilupparsi. I
maschi e le femmine hanno l'ali, e i neutri ne son privi, e ad essi
incombono tutte le cure, che si riferiscono alla conservazione e
all'ordine interno della società. Son essi che scavano sotterra il
formicaio e costruiscono poi sopra l'edificio, di cui ho detto. Son
essi, che senza posa battono la campagna, quando in colonna e quando
alla spicciolata, in cerca di alimenti; son essi che assistono,
invigilano e nutrono i maschi, le femmine e le nuove generazioni
imboccandole come fanno le madri coi loro uccellini. Quindi, da operai
fattisi soldati, son essi che, in casi non infrequenti di aggressione,
difendono la città, o che, toccando una sconfitta, migrano a nuove sedi
portando tra le mandibule i più preziosi loro averi, cioè i maschi,
le femmine, le uova, la carne, e le ninfe. Or questi operai, che
sono tanto gelosi custodi de' loro maschi e delle loro femmine, e che
ostinatamente si oppongono perchè non escano dai loro alloggiamenti,
son poi essi medesimi che, arrivato il dì e l'ora delle nozze, gli
spingono ad uscirne, e lasciano che spieghino il volo per compiere
negli spazi dell'atmosfera l'ultimo voto della natura, la propagazione
della specie.»

Io visitai pure la paludosa regione dei _Nuèr_ nella stagion delle
piogge, e le impressioni che n'ebbi allora le trovo registrate sur un
mio giornale di viaggio e compendiate, sotto date diverse, nelle parole
« — che curiosa levata di sole! — qual magnifico quadro! — che bizzarro
tramonto! — che notte orrenda! maledette zanzare!»

Più d'una volta, in sul mattino, io vidi il cielo tutto coperto di
nuvole, da una parte infocate dal sole nascente e rotte in vari punti
da raggi vivissimi, e dalla parte opposta nere e rigate da striscie
oblique di pioggia. Da questo cielo inquieto scendeva una luce strana,
che pareva passata a traverso una volta di vetro giallastro, e dava
alla vastissima pianura tutta coperta di verdeggianti erbe e d'arbusti
una tinta arrabbiata.... che non saprei dire di qual colore; e da
per tutto stormi di grossi uccelli che andavano e venivano dall'una
all'altra riva del fiume; e qua e là qualche scimmia, che faceva
capolino fra l'erbe dalla punta de' formicai. E vidi in sulla sera
tramontare il sole sotto un padiglione immenso di nuvole color d'oro
e di bragia, e, lanciando rasente la pianura i suoi ultimi raggi
sanguigni, calare dietro a un velo di vapori color di piombo come un
enorme disco rovente, che si sprofondi nelle viscere della terra.

E la notte?.. la notte era impossibile di poter dormire. — Nessuno
può immaginarsi, se non l'ha provato, il tormento, l'irritazione,
ch'arrecano le zanzare in questo paese basso e acquitrinoso. — Non
appena è tramontato il sole, ch'esse s'annunziano con un acuto ronzìo,
e a miriadi ti perseguitano da per tutto, assetate di sangue, e ti
trafiggono la pelle iniettandovi il loro fluido velenoso, che ti
cagiona tosto un prudore insopportabile. Io era costretto a balzar
fuori dal casotto della mia barca, non so quante volte, come un
disperato che non può più difendersi da mille nemici, che tentano di
ammazzarlo a poco a poco a forza di punture.


I _Nuèr_ sono ben fatti della persona, e la loro corporatura è
robusta e fatticcia. Essi posseggono molto bestiame e sono dati
all'agricoltura, specialmente alla coltivazione del _dùrah_.

Gli schiavi, ch'essi ritraggono dalle tribù vicine, son quelli che
eseguiscono i lavori più faticosi della campagna.

I _Nuèr_ sono spesso in guerra coi Negri di altre tribù, e i pascoli
principalmente sono il motivo delle loro querele.

Essi, come tutti i Negri del _Sudàn_, non oltrepassano i confini
della loro tribù che per combattere, e mai da soli, nè allo scopo
di stringere relazioni di commercio. — Quindi assoluta mancanza di
comunicazioni. — Una tribù non conosce i costumi dell'altra, massime se
un po' lontana e parli una lingua diversa. Per la qual cosa il Negro
di una tribù, credulo e timido per natura, immagina prodigi e favole
sul conto dei Negri d'un'altra tribù ov'egli non abbia ancor posto il
piede.

Tutti gli storici dell'antichità sono pieni di simili testimonianze;
essi veggono ovunque cinocèfali e mostri; e se noi ne vediam meno, è
perchè siamo più istruiti, più osservatori e meno creduli.

Ctesias, nell'epitome della sua storia dell'India datoci da Photius,
entra nei più minuti dettagli intorno ai cinocèfali.

«Nelle sue montagne (dell'India), egli dice, havvi degli uomini con
testa di cane, i quali vestono pelli di bestie feroci. Essi non fanno
uso, come noi, del linguaggio; abbaiano come i cani, e s'intendono
scambievolmente. I loro denti sono più lunghi di quelli dei cani, e le
unghie rassomigliano a quelle di questi animali, ma sono più lunghe e
più rotonde.»

Non si crederebbe qui forse che Ctesias ne avesse veduto un gran numero?

Nè meno esplicito è Erodoto. «In questa parte occidentale della Libia
si trovano serpenti d'una grandezza straordinaria, leoni, elefanti,
orsi, aspidi, asini cornuti, cinocèfali ed acefali, i quali hanno, se
dobbiamo prestar fede a quei di Libia, gli occhi al petto. Veggonsi
pure uomini e donne selvaggi ed altre bestie feroci.»

Quante volte io stesso ho avuto l'occasione di udire simili racconti!
Ne potrei comporre un grosso volume se volessi riferire solo i
principali fra quelli che mi fecero impressione. E non è necessario
di internarsi nell'Africa per raccoglierne molti; in tutte le città
dell'Egitto stanziano genî e mostri; e non può essere che gente
incredula, come noi, che passi loro vicino senza vederli.

Quindi è che gli Africani contano antropofagi assai più che non
esistano realmente. I Negri idolatri del _Sudàn_ considerano noi
stessi come cannibali; e ciò mi pare che basti per metterci in guardia
ad accettare con riserva quanto essi ci dicono di altri popoli.
Allorquando i Negri ci parlano di antropofagi stabiliti al sud della
loro tribù, altro non esprimono se non che non gli hanno veduti, e
che temerebbero d'abbattersi con que' mostri feroci assetati del loro
sangue. Noi siamo per essi il tipo della bruttezza e della crudeltà —
non dimentichiamolo.

Quanto poi agli incettatori di schiavi, questo cannibalismo, di cui
essi accusano le loro vittime, è un pretesto a giustificare la loro
condotta. Impadronendosi di questi infelici, dicono: noi non facciamo
che compiere un atto meritorio, liberandoli dal dente divoratore.

Davvero! che se questi cacciatori d'uomini fossero in Europa, si
qualificherebbero per filantropi e pretenderebbero d'essere paragonati
a S. Vincenzo di Paola.

Allorquando in Africa si vuol saccheggiare e ridurre a schiavitù una
popolazione, basta accusarla di cannibalismo.

Così in ogni paese, il forte non manca mai di sottili pretesti per
opprimere il debole; e non è che la critica sana e spregiudicata, la
quale sappia smascherare la male giustificata ipocrisia dei forti.

Le capanne dei _Nuèr_, come quelle dei _Scìluk_, sono fatte di paglia;
hanno per lo più forma conica e sono grandi assai; alcune di esse sono
costruite appositamente per accogliervi i forestieri. Le abitazioni
di una famiglia sono lontane da quelle di un'altra dai cinquanta ai
trecento passi.


Quanto alle credenze religiose, essi credono nell'esistenza di Dio;
ma a lui non attribuiscono nessun culto. Sentono che gli avvenimenti
dipendono da una forza occulta, che bisogna rendersi favorevole. Da
ciò ne vengono i sacrifizî, che di quando in quando offrono al Genio
malo, onde allontanare i malefizî e gli avversi destini. Professano
grande stima ai loro _Kogiùr_ (indovini), i quali avrebbero l'abilità
di annunziare la pioggia e le disgrazie, e di rendere la salute ai loro
bestiami.

I _Kogiùr_ sono d'una scaltrezza mirabile. Essi sanno così bene
condursi nelle molte e varie occorrenze del loro mestiere da cavarsela
in ogni modo, fuggendo noie e rimproveri, e avvantaggiando sè stessi.
Io credo sieno i più ricchi della tribù, poichè non fanno mai nulla per
nulla.

Un buon _Kogiùr_ è ricordato anche dopo morte; tutta la tribù
l'accompagna al sepolcro e lo piange; la sua tomba viene poi coperta
da una grande capanna, che addiviene luogo sacro e d'invocazione. Nella
capanna sta sempre un vaso d'acqua lustrale, e intorno ad essa vengono
spesse volte piantati, a mo' di siepe, denti di elefante per onorare il
santo.

I _Nuèr_ sono assai superstiziosi, e sovente accendono nella notte dei
fuochi per discacciare i mali spiriti. Qualche volta però dànno fuoco
a dei fascetti d'erba secca, che tengono in aria colle mani sì che
possano essere veduti dai loro vicini, i quali alla lor volta fanno
medesimamente, per avvertire i più lontani di qualche pericolo che li
minacci.

Questi Negri, meno miserabili di tante altre tribù, sono vivaci,
scherzevoli, e trovano il tempo di abbigliarsi nei modi più strani
e ridicoli. Alcuni fra gli uomini copronsi il capo con una berretta,
fatta in varie fogge, di tela di cotone, adorna di piccole conchiglie
del mar rosso, che comprano dai mercanti di _Chartùm_; ma i più hanno
i capelli impiastricciati con cenere ed olio di ricino in maniera da
farne apparire acconciature bizzarre e stravaganti. Quasi tutti portano
un braccialetto d'avorio sopra il gomito, e sono ignudi. Compagni
loro indivisibili sono la lancia e lo scudo, o il bastone e la pipa
(_tógñ-de-tàb_). Entrambi i sessi, usciti appena dall'adolescenza,
fumano tabacco da grandi pipe fornite di grosso cannello, a metà del
quale è una scorza di zucca piena di stoppa e di pezzetti di legno
odorosi, per la quale si espande il fumo, di cui s'impregna la stoppa,
mentre esso riceve odore aromatico dai pezzetti di legno, e n'esce più
fresco.

Le donne usano di adornare le orecchie di anellini di rame e di ferro;
e le più ricche ne hanno uno grandissimo, che pende dall'estremità
dell'orecchio destro. Molte poi sopra il labbro superiore attaccano
un filo di ferro, lungo quasi una spanna, che sporge dalla faccia
orizzontalmente, e che, quando parlano, va su e giù in guisa da farti
ridere. Donne e fanciulle non si coprono che quando debbono uscire
dalle loro capanne; allora cingono alle reni due pelli di capra, l'una
davanti e l'altra di dietro, fregiate di conchiglie e di catenelle di
ferro.

I _Nuèr_ sono abilissimi cacciatori di coccodrilli, d'ippopotami e di
elefanti.

La caccia che dànno al coccodrillo e all'ippopotamo non differisce da
quella dei negri _Dénka_[25]. Ma per cacciare l'elefante s'uniscono in
numero di venti o trenta, e ciascuno alla sua volta lo assale. Il primo
che riesce a ferirlo ottiene il più pesante dei due denti del mostruoso
animale; il secondo ha diritto all'altro dente; e tutti gli altri se ne
dividono le carni.

I _Nuèr_ che, come dissi, sono spesso in guerra coi Negri di altre
tribù, intraprendono ogni anno spedizioni, a diverse riprese, verso
il sud, e sempre all'incominciare del _charìf_ (della stagion delle
piogge). Allorquando gli abitanti del sud scorgono qualche nube
comparire all'orizzonte, esclamano ad una voce: prepariamoci alla
difesa! I _Nuèr_ sono vicini! E difatto lo stesso giorno, o il giorno
dopo, eccoli in numero di quattro o cinque mila, divisi in tre o
quattro drappelli, lanciarsi con audacia incredibile sopra paesi
interi, e derubarli di tutto quello che viene loro alle mani, e
percuotere, ferire, ammazzare senza pietà quelli che loro si oppongono,
e condur via schiavi uomini e donne, che non riescano a salvarsi colla
fuga.



VIII.

  _Bachìta_ la schiava.


Il 19 dicembre 1859 percorrevo il fiume _Bianco_ per la terza volta, ed
ero diretto a _Kondókoro_ nella tribù dei _Bàri_. — Avevo passata di
poche miglia la paludosa e malsana regione dei _Nuèr_, ed ero entrato
in quella dei _Kìc_. — Erano le ore 4¾ pomeridiane, quando nella camera
della _dahabìah_, ove stavo scrivendo, mi si presentò il turcimanno
_Cher-Allàh_, il quale con accento di pietà e cogli occhi pieni di
lagrime, disse: padre.... or ora spirò... e poi diede in un dirotto
pianto.

Dio! — sclamai alzando gli occhi e le mani al cielo, — abbi
misericordia di lei!

Povera schiava! che ancor non avevi pregustato il dolce della tua
ricuperata libertà!

Era nata questa donna fra le montagne di _Nòba_; ancor piccina fu
rapita dagli Arabi, e dopo qualche tempo i suoi genitori, ch'erano
ricchi in bestiame, riuscirono a riscattarla. A circa vent'anni fu
dalla madre, chè il padre era morto, maritata ad un Negro della stessa
tribù.

Per tre anni vissero in pace i due sposi, che si amavano
appassionatamente, e la loro gioia non fu turbata che dalla perdita di
un bambino. La giovine madre lo pianse con un dolore tanto profondo,
che il marito dovette qualche volta farle dolci rimproveri, vedendo che
non l'acquetavano i conforti.

Finalmente ebbero un altro figlio, ed allora la pena della madre si
calmò, e il suo cuore, riattaccato alla vita da quel secondo bambino,
sentì rimarginare a poco a poco la passata ferita.

Trascorsero poi trentasei lune; e un giorno, verso sera, in cui
la donna si trovava nella sua capanna col figliuolino di tre anni,
aspettando ansiosa il marito che tornasse dal pascolo col suo piccolo
gregge, udì una voce al di fuori che esclamava: povera donna!... quanto
sei disgraziata!... che tu non fossi mai venuta al mondo!... tu vivesti
lieta fin qui, ma ora.... ah! che tu non l'avessi mai conosciuto quel
buon uomo!... e che cosa sarà di te e del tuo figliuolino.... ora che
hai perduto colui, che amavi tanto, e da cui fosti tanto riamata!...

La donna, avvicinatasi d'un salto alla porta, aveva capito che quelle
parole erano dirette a lei. Poteva ingannarsi? — Altre capanne non
erano vicine alla sua; il cuore cominciò a batterle con violenza, ed
involontariamente ella strinse così forte suo figlio fra le braccia,
che quella creaturina levò sopra lei uno sguardo di stupore, e disse:
mamma! che cosa hai che ti fa male?... Nello stesso momento entrò nella
capanna la madre della sposa, tutta convulsa, e corse ad abbracciare
la figlia, annunziandole con voce interrotta da affannosi singhiozzi
che suo marito.... era divenuto schiavo degli Arabi. — Sorpresa ed
atterrita la figlia a così crudele notizia, chinò tosto la fronte sulla
spalla della madre, e scoppiò in un pianto da disperata. — Invano la
madre tentò di calmarla nella dura sorte di tanta sventura. — La mia
vita, gridava ella, è amara come il fiele! io sono da questo istante
una tormentata senza speranza.... no, voglio vederlo ancora.... lo
vedrò.... e perchè vivere altrimenti?... io vorrei esser morta mille
volte piuttosto che averlo perduto!... maledetti Arabi!... ed in virtù
di qual diritto voi ci rubate le nostre gioie?... ecco quello che
vorrei sapere. — Non siamo noi uomini come siete voi? e perchè ora
opprimerete quell'uomo, che è mio? perchè lo sferzerete, l'ucciderete
forse per mangiarne le carni? — Figlia, tu mi spaventi, disse la
madre; io non ti ho sentita mai parlar così; e temo che tu ti lasci
trasportare dal dolore a qualche eccesso. Capisco, tu l'amavi molto
il tuo marito, e sommo dev'essere il dolore che senti per la sua
perdita, da farti perdere quasi la ragione; ma t'acqueta, te ne prego,
per l'amore del tuo figliuolino, che è qui che ti guarda attonito, e
dell'amata tua madre. — La figlia rimase tacita e tremante per qualche
minuto; e traendo il fanciullino verso le sue ginocchia, contemplò
i grandi occhi neri di lui, cavando lunghi e profondi sospiri senza
proferir più parola. Vennero poco dopo per confortarla parenti ed
amiche. — Ella tacque sempre; e a notte bene avanzata fu lasciata
sola col figlio, com'ella desiderava, nella sua capanna. — La madre
fu l'ultima ad abbandonarla, e prima le raccomandò di rassegnarsi al
destino e di non commettere atti imprudenti.

Rimasta sola la povera donna col figlio che dormiva in un angolo della
capanna, gli gettò sopra uno sguardo inquieto.... povera creaturina! —
Ella pensò quindi tra sè — povero figlio! ti hanno rapito il padre....
ma tua madre te lo farà trovare.... sì, senza dubbio, lo ritroveremo;
io conosco press'a poco la via che gli Arabi debbono avere battuta
per condurlo alle loro tende.... e noi la seguiremo finchè l'avremo
trovato; meno male vivere insieme tutti e tre schiavi degli Arabi,
che liberi ma separati da lui. — Donna infelice, che cieca d'amore
non hai presente che il marito, e non comprendi la mala ventura che
imprudentemente tu sfidi! — Due ore avanti che spuntasse il dì, la
Negra, preso un po' di pane che ravvolse nella sua _farda_, e un po'
d'acqua in un piccolo recipiente di terra, s'avvicinò al bambino che
dormiva, e durò fatica a risvegliarlo. Dopo alcuni sforzi egli aprì gli
occhi, e vedendo la madre affaccendata:

— Dove vai, mamma? egli chiese quando essa fece per prenderselo in
braccio.

La madre fissò gli occhi sopra quelli del figlio in modo così grave,
ch'egli capì subito che era per avvenire qualche cosa straordinaria.

— Zitto, figliuol mio! ella disse; parla piano; potrebbero sentirti,
e impedirci che ce n'andiamo a ritrovare il padre tuo. Gli Arabi, che
sono bianchi, ce l'hanno portato via, lontano; ma la tua mamma vuol
ritrovarlo, e vivere insieme con lui e col suo caro figliuolo.

La madre così parlando prendeva fra le braccia il bambino,
raccomandandogli il maggiore silenzio; ed uscì dalla capanna.

La notte era fredda; il cielo scintillava di stelle; e la povera
madre si stringeva il fanciulletto al seno, mentre che esso, muto
di spavento, le si attaccava al collo con ambedue le mani. La donna
intanto s'avanzava a passi leggieri e frettolosa, premendole di torsi
alla vista di chi avrebbe potuto conoscerla prima ancora che spuntasse
il giorno; e piangeva dirottamente e singhiozzava da far pietà ai
sassi.

Erano singhiozzi, erano lagrime simili a quelle che potresti versare
tu, o ricca, sulla tomba del tuo marito, o sul letto delle sue agonie;
poichè tu, sebbene coperta di seta e di gioie, sei pure una donna come
quella povera Negra; e le tue miserie e i tuoi dolori non potrebbero
avere, no, una maggiore amarezza.

L'imaginazione non potrebbe rappresentarsi una donna più desolata ed
abbandonata di quella povera Negra, quando s'allontanò dalla propria
capanna. Il pensiero della dura ed atroce condizione, nella quale
dovea trovarsi il marito, e del pericolo ch'essa correva col figlio per
andare in traccia di lui, le si confondeva nello spirito coll'angoscia
che provava lasciando per sempre il suolo nativo, la madre, i parenti
e le amiche. Poi era combattuta dall'imagine de' luoghi ove era
cresciuta, degli alberi sotto i quali aveva scherzato bambina, dei
boschetti, ove in giorni più felici aveva passate tante ore col suo
giovine sposo; e tutto quanto scorgeva in quella serena e fredda notte
stellata pareva le parlasse con voci di rimprovero, e le domandasse
come poteva ella mai lasciare e per sempre tante care memorie!

Ma l'amor coniugale spinto in un parossismo di esaltazione, mentre
ella si figurava nella propria fantasia il miserabile stato del diletto
marito, era più forte di qualunque altro amore.

Il fanciullino era abbastanza grandicello per camminare, almeno qualche
tratto di via, a fianco della madre; ed in qualunque altra occasione
ella lo avrebbe condotto per mano; ma in quell'ora, il solo pensiero
ch'egli potesse venirle rubato, e che essa non avrebbe potuto quindi
più abbracciarlo, la faceva fremere; e lo riteneva al seno stringendolo
convulsivamente, mentre essa non andava, ma correva.

E ad ogni rumore che udiva, o che le pareva di udire, rabbrividiva; una
foglia tremante e un'ombra che vacillava facevano rifluirle il sangue
al cuore e precipitare la corsa; ogni moto di timore pareva aumentare
la forza straordinaria che l'animava.

Il fanciulletto dormiva. Dapprima la novità e il timore lo tennero
svegliato; ma dietro alle ripetute assicurazioni della madre che, se
stesse tranquillo, lo avrebbe condotto al padre suo, egli si strinse
dolcemente attorno al collo materno, e non parlò che per chiedere,
quando si sentì vinto dal sonno:

— Mamma, non occorre ch'io stia svegliato, n'è vero?

— No, mio caro, dormi se ne hai bisogno, che veglierà tua madre.

— Ma, mamma, se dormo non mi porteranno via?

— No, no, sta sicuro: finchè io son viva non permetterò mai che tu sii
separato da me. — Il fanciullo colle sue braccia strinse più forte
il collo della madre, e lasciò cadere la testa sulla spalla di lei,
mentre essa al contatto di quelle braccia calde, e al dolce respiro del
figliuoletto, oh! come doveva sentirsi piena d'ardore e di coraggio!
Ella quindi continuò senza posa il cammino fino a tanto che i primi
chiarori dell'aurora le fecero scorgere il principiare della foresta,
nella quale dovevano essere attendati gli Arabi; e dopo mezz'ora prese
il sentiero che vi s'addentrava. Depose quindi a terra il bambino, e
conducendolo per mano: andiamo innanzi, ella diceva, da bravo! vediamo
quanto sei capace di camminare. — Di lì a poco il fanciullo cominciò
a lagnarsi d'essere stanco, d'aver fame e sete. Allora la povera donna
lo fece sedere, ed ella sedette con lui, sotto una frandosa pianta, e
gli porse da mangiare e da bere di quel poco che aveva portato seco.
Il fanciullino bevette e mangiò qualche cosa, ma si rammaricava e si
crucciava perchè la madre non voleva prender cibo nè bevanda; e quando
egli, cingendole il collo con un braccio, tentò porle in bocca un tozzo
di pane, ella si sentì soffocata, e disse: no, no, amor mio, la mamma
non può nè potrà mangiare sino a tanto che non avrà trovato il padre
tuo. Avanti, figliuol mio, avanti! non perdiam tempo, che non c'incolga
la notte qui nella boscaglia, perchè in tal caso ci divorerebbero le
bestie feroci. Ella si mise poi questa volta a cavalluccio sur una
spalla il bambino, che vi si reggeva abbracciando con ambo le mani il
capo della madre, la quale si precipitò sulla via, sperando d'incontrar
presto una stazione di Arabi, e presso loro il dilettissimo suo marito.

Con quella speranza nel cuore tirò innanzi, e non s'arrestò che verso
il mezzogiorno, allorchè vide due donne arabe sedute sotto un albero,
che la guardavano sospettose. A quella vista la tensione straordinaria
dei nervi di quella povera Negra tutt'a un tratto scemò, ed ella
sentissi estenuata per la stanchezza e per la fame; potè a stento
avvicinarsi alle due donne, presso le quali depose il bambino, e
sedette sfinita co' piedi feriti, lacerati e grondanti di sangue.

— Donde vieni e dove vai con questo bambino? — le chiesero quelle
donne, curiose di saper qualche cosa.

— Vengo dal paese di _Nóba_, rispose con quel po' d'arabo che aveva
imparato da piccina, e vado in cerca del mio marito, e padre di questo
bambino; egli mi venne rapito ieri dagli Arabi col suo piccolo gregge;
mia madre me ne diede la prima il triste annunzio; io mi risolsi
d'andarmene in cerca finchè l'avessi trovato, dicendo fra me: meno male
vivere insieme tutti e tre schiavi degli Arabi, che liberi, ma separati
da lui.... e se voi, o donne, ne sapeste qualche cosa, non vogliate
nasconderlo a una moglie sventurata, a un infelice figliuolo!

L'aria d'inquietudine e di scoraggiamento della povera Negra fece
impressione a quelle due donne, le quali commosse le dissero che
veramente ier notte era stato condotto in casa del loro Capo un Negro
schiavo di _Nóba_, il quale poteva avere trent'anni, ed era di media
statura....

— Proprio lui, esclamò la Negra, battendo palma a palma, e cogli
occhi fuori dell'orbita e brillanti d'emozione. Balzò quindi in piedi,
prese il bambino in braccio, e si pose in atto di correre.... ma non
conosceva il sentiero che menava alla stazione.... e scongiurò quelle
donne che gliel volessero indicare.

— No, no, non è bene che tu ti presenti senza essere accompagnata
da qualcheduno della tribù alle nostre tende; tu diverresti, col tuo
figliuolo, schiava del Capo, che è un padrone duro, che tratta assai
male i suoi schiavi....

— Oh Dio! gridò la Negra, il vostro Capo vuole ammazzarmi il marito....
e cadde svenuta e come morta.

All'aspetto di quel viso immobile e di quelle membra irrigidite, le due
donne arabe si sentirono comprese d'un fremito di pietà; e l'emozione
impediva loro quasi di respirare; e l'una si sforzava di richiamare
ai sensi la povera Negra, mentre l'altra teneva sulle ginocchia il
bambino, che attonito fissava gli occhi sbarrati sulla madre, ma non
piangeva; egli era giunto a quel punto in cui la sorgente delle lagrime
è inaridita.

— Povera donna! dicevan esse, piene di compassione, l'han fatta venir
meno le nostre ultime parole!

Dopo qualche minuto ella aprì i grandi occhi neri, e lanciò intorno
uno sguardo smarrito; e subito un'espressione d'agonia sconvolse il suo
volto, e si alzò bruscamente gridando: ah! il mio figlio! mio figlio!
me l'hanno rapito!

Il fanciulletto, udendo quella voce, saltò dalle ginocchia dell'Araba,
e correndo alla madre la recinse colle braccia.

— Oh! egli è qui, egli è qui! esclamò ella.

— Le due donne allora: non temere, dissero con accento affettuoso,
nessuno ti farà del male.

— Iddio vi benedica! soggiunse la Negra coprendosi il volto colle mani
e singhiozzando, mentre il fanciulletto, vedendo ch'essa piangeva,
tentava di salire sulle ginocchia di lei.

Le due donne arabe quindi le ripeterono che non era bene ch'ella si
presentasse col solo bambino alle loro tende, ma che conveniva restasse
nascosta, finchè esse fossero andate a casa e tornate a prenderla coi
loro mariti.

Frattanto il bambino, sfinito del tutto, si lamentava; e la madre:

— Povero figlio! diceva accarezzandolo; tu non hai l'abitudine ancora
di camminar molto, ed io t' ho fatto correre assai. Or, riposa, amor
mio; e lo stese a terra supino, tenendo la di lui mano nelle sue,
finchè fu addormentato. In quanto a lei, non avrebbe potuto prender
sonno; e consunta dall'impazienza gettava lunghi sguardi sul sentiero,
che presto doveva condurla al marito col suo bambino; e pochi minuti le
parvero un secolo.

Finalmente ella vide comparire le due donne coi loro mariti, i quali
la condussero col figlio in una capanna, ove furono lasciati liberi e
trattati con umanità e benevolenza.

Qui la Negra non faceva che chiedere di vedere il marito; e lo chiedeva
con tali accenti di ardente supplicazione, da intenerire il cuore
più duro. Ma il Capo che già sapeva ogni cosa, e che non era uomo da
commoversi facilmente, non volle permettere ch'ella vedesse il marito
se prima non era divenuta sua schiava; ed essa, pur di vederlo e
d'abbracciarlo, era disposta anche a questo.

I suoi ospiti però la sconsigliavano dal farlo, e la esortavano a
tornar libera col suo figliuolino nel proprio paese; ma invano: essa
preferì d'essere schiava col figlio in compagnia del marito, piuttosto
che di andarsene separata da lui; e dopo dieci giorni fu consegnata
col bambino al Capo della tribù, il quale la condusse bensì subito,
ma senza il bambino, a vedere il marito. Questi giaceva, legato come
un cane, tutto insanguinato in un angolo d'una vecchia ed oscura
capanna, sulla nuda terra; l'atmosfera n'era insoffribile; e miriadi
di zanzare irritavano colle loro punture le piaghe dell'infelice. Ma
fra tutti i patimenti fisici che provava, il più intollerabile, quello
che dava il colmo alla misura delle sue angustie, era una sete ardente
che non poteva estinguere. Appena egli vide entrare nella capanna il
Capo colla Negra, che non conobbe: un po' d'acqua.... datemi un po'
d'acqua! ve ne scongiuro — e ciò disse nella propria lingua, che il
Capo non intendeva. La Negra mandò un grido soffocato, e come un lampo
sparì dalla capanna; ma tornò subito con un recipiente d'acqua e corse
all'assetato per dargli da bere, sollevandogli la testa. Egli bevette
con ardore febbrile, e poi ringraziò la Negra dicendole: tu m'hai
recato un gran sollievo! Ella si assise in terra, si cinse le ginocchia
colle braccia, e lo guardò fissamente, senza che le fosse dato di
proferir parola.

Lo schiavo pure la guardò, ma non potendo raffigurarla, perchè la
capanna era oscura:

— Chi sei tu, buona donna, le chiese, che parli la mia lingua e senti
tanta pietà del misero mio stato?

— Non mi conosci?... io sono tua moglie, e il bambino è qui fuori....
io venni con lui in cerca di te, e ti ho ritrovato.... Or sono contenta
di poter vivere insieme, meno infelice che di trovarmi separata
dall'amor mio, poichè io mi diedi schiava allo stesso tuo padrone col
nostro caro bambino.

— Quanto coraggio! e quanto amore per me! tu hai voluto assoggettarti
ad una vita di chissà quali patimenti per alleviare quelli di tuo
marito! ma.... fosti mal consigliata. Io conosco per prova questo uomo
crudele ed interessato. Noi saremo presto tradotti e venduti al mercato
a diversi padroni; e così ciascuno di noi sarà più infelice di prima.
Oh! potessi io almeno pensare altrimenti di te, o cara, e del bambino!
potessi dire che sono stato venduto io, e non tu nè il figlio! che voi
siete al sicuro; che quello che avverrà non avverrà che a me solo!...
ma noi tenteremo di fuggire tutti e tre prima d'essere venduti.... sì
lo tenteremo. Qui non v'è alcuno che possa menomamente proteggerci.
E questo uomo bianco è capace di tutto.... e non indietreggia dinanzi
a qualunque misfatto. Se avessi cuore di dirti quello che ho sofferto
in questi pochi giorni ch'io mi trovo presso lui, ti si rizzerebbero i
capelli, e rabbrivideresti d'orrore.... è impossibile resistere!...

Il Negro disse tutto questo rapidamente e con un penoso stringimento di
gola.

— No, no, soggiunse la Negra singhiozzando, voglio che tu mi prometta
che non tenterai di fuggire.... Guai a noi se la nostra fuga venisse
scoperta! egli diverrebbe furioso come una iena contro di noi; e non
finirebbe più di maltrattarci, ci venderebbe sul mercato ad altri
bianchi, e noi saremmo presto dilacerati dal loro ferro, o bruciati dal
fuoco, o fatti pasto nei loro banchetti.

— Olà! basta, disse il Capo, sieno finiti i pianti e le smorfie. Ora
mostratevi allegri, ve lo comando; guardatemi, guardatemi bene in
volto.... e tremate. Egli levò quindi il pugno in aria, e sclamò:
vedete questo pugno? è duro come il ferro, ed è divenuto tale a
forza di battere i Negri; non ne ho trovato un solo ch'io non potessi
uccidere al primo colpo. Vi avverto che non mi sfugge nulla, siatene
pur certi; ciascuno deve essere sempre pronto al suo dovere, ed
ubbidire senz'altro quando io parlo; questo è l'unico mezzo di trovarsi
bene con me; non v'aspettate la menoma dolcezza; io sono un uomo senza
pietà.

Quindi s'avvicinò al Negro, e dandogli rabbiosamente una spinta col
piede disse: _Belàl_! (era il nome imposto da lui a quello schiavo)
levati su. Non te l'avevo detto che ti avrei insegnato a vivere come
conviene? Credo che avrai trovata buona la lezione che ti diedi; e tu,
o _Bachìta_, (era il nome imposto alla schiava), impara a sue spese a
non voler mostrarti, come lui, ostinata a fuggire.

— Via, sorgi, animale! continuò il Capo, spingendolo ancora col piede.

_Belàl_ non intendeva, e _Bachìta_ l'avvisò di levarsi.

Egli allora, debole e coperto di piaghe, fece sforzi dolorosi per
alzarsi, e il Capo si pose a ridere brutalmente.

_Belàl_ stavasi ritto in faccia a lui col guardo mesto, e colla fronte
calma.

— Ah! va bene! tu puoi starti in piedi! — soggiunse il Capo guardandolo
dalla testa alle piante — credo che non ne avesti abbastanza. Adesso,
_Belàl_, inginocchiati, e domandami perdono per aver tentato due volte
di fuggire.

_Belàl_ rimase immobile, perchè non intese ciò che gli era stato
comandato.

— In ginocchio, cane! — riprese il Capo percuotendolo colla frusta,
e facendolo poi cadere con un pugno — tu non sai quello che ti può
avvenire: credi che ciò che hai avuto sia qualche cosa? non è nulla,
te lo dico io, proprio nulla; ti converrebbe di essere attaccato ad un
albero col fuoco acceso disotto....

— Ma.... perchè, o padrone, tratti così mio marito, disse _Bachìta_
tremante e desolata, mentre egli non intende la tua lingua, e non sa
quindi quello che tu gli dici?

_Belàl_ cadendo in terra, vi si rotolò, torcendosi le braccia nel
parossismo della rabbia, e disse: sì, fuggiremo, e se quel mostro
d'uomo ci coglierà nella fuga, ci ammazzi pure; meglio è morire che
essere trattati in questo modo.

_Bachìta_ quindi per ammansire il Capo gli disse:

— Padrone! _Belàl_ ti ha ringraziato ed ha promesso che non penserà più
a fuggire, avendo omai seco la moglie e il figlio.

Il Capo si allontanò, risoluto di non spingere pel momento le cose
più oltre; ed ordinò di slegarlo, convinto di ciò che gli avea detto
_Bachìta_.

Passarono poi venti giorni, che furono per _Bachìta_ un'angoscia
continua.

_Belàl_ stavasi quasi sempre solo nella sua capanna, triste,
melanconico, pensoso, colla testa appoggiata sopra una mano; parlava
spesso e gestiva da sè; e qualche volta contraeva il volto, come
all'apparizione improvvisa d'una immagine orribile. S'egli usciva dalla
capanna, _Bachìta_ tremando ne seguiva cogli occhi ogni passo e ogni
gesto; talor l'accompagnava; lo cercava, lo chiamava. — Cosa pensi? gli
domandava cento volte il giorno. — Ed egli rispondeva sempre: nulla!

Una mattina ella lo vide più inquieto, più triste, più stravolto del
solito sotto una pianta, colle braccia incrociate sul petto, e cogli
occhi spalancati e fissi al suolo. _Bachìta_ piena d'affanno gli corse
da vicino, s'assise, gli strinse una mano e gli disse a bassa voce,
risoluta, con un accento in cui si sentiva tutto lo strazio dell'anima
sua:

— Ascolta, mio caro, io non posso più vivere così! Mi sento morire! Non
mi voler ridurre alla disperazione! Parla una volta, te ne scongiuro,
dimmi che cosa pensi!

— Nulla.

— Non è vero! tu vuoi fuggire; e avresti il cuore di lasciarmi sola col
figlio?

— No!

— Ebbene, qualche altro pensiero t'ingombra la mente forse peggiore...
e voglio saperlo... io non parto di qui, nè ti lascio partire se non mi
giuri che non fuggirai, che starai sempre con me, che mi amerai sempre;
te ne prego in nome del bene che ti voglio, in nome di nostro figlio
che tu ami tanto.

— Lo giuro — disse il Negro levando gli occhi da terra e fissandola in
viso con uno sguardo attonito e pauroso.

— Lo giuri! gridò la Negra balzando in piedi e mettendogli le mani
sulle spalle, giuralo un'altra volta.

— Lo giuro.

— Giuralo per l'amore, che nutristi sempre, e che pur ora nutri per me.

— Lo giuro.

— Giuralo ancora pel figlio tuo, che ami tanto.

— Lo giuro.

_Bachìta_ lo guardò fisso, lasciò cadere le braccia, e mormorò in
accento di profonda costernazione: — Non ti credo; hai qualche cosa
negli occhi che non mi lascia credere.... e diede in uno scoppio di
pianto.

Quindi il Capo fece chiamare _Bachìta_ e _Belàl_, perchè ciascuno si
ritirasse nella propria capanna; egli vedeva mal volentieri che si
parlassero insieme; temeva che s'accordassero per fuggire, sebbene il
figlio fosse sempre guardato nell'abitazione del Capo stesso.

Nel momento di separarsi, _Bachìta_ disse al marito: ricordati che me
l'hai giurato....

Questa vita però diveniva sempre più odiosa a _Belàl_. Tentò una volta
di uccidersi; ma non vi riuscì. Il Capo allora lo fece battere finchè
a lunghe striscie si vedessero fesse le carni e qua e là squarciate
in larghe piaghe. _Bachìta_ non era presente; ma sapeva il castigo che
gli veniva inflitto; e il suo cuore sanguinava internamente al pensiero
di tanta ingiustizia verso il povero desolato, che doveva trovarsi ai
piedi del Capo come una canna infranta.

Crudeltà sì orribili e fatti così atroci sembrerebbero incredibili
se non fossero veri; e provengono, in moltissime circostanze,
dall'inasprimento graduale delle due parti; il padrone diviene
più crudele, perchè lo schiavo diventa più ostinato; e così quegli
aumenta le percosse e i maltrattamenti a misura che in questo cresce
l'ostinazione; e reciprocamente imbrutiscono.

Il Capo avrebbe voluto spedire i suoi schiavi al mercato di _el-Obèid_,
nel _Kordofàn_, per esservi venduti; ma _Belàl_, nello stato in cui
si trovava, non avrebbe potuto sostenere le fatiche del viaggio. Egli
intristiva ogni dì più; non voleva più mangiare nè bere; era divenuto
affatto insensibile agli ordini del padrone e alle preghiere della
moglie, la quale gli diceva col cuore trafitto:

— Mangia, amor mio, chè tu hai fame! Bevi, te ne scongiuro, chè tu hai
sete!

— No, egli rispondeva laconicamente, io non ho fame, nè sete.

— Ma questa tua fissazione.... ti condurrà alla morte....

— Alla morte; ripigliò lo schiavo con aria cupa, tu non hai bisogno di
dirmelo; lo so anch'io, e lo desidero.

_Bachìta_ si sentì scossa da un tremito, e non parlò più.

Dopo due giorni si presentarono a lei due donne con aria mesta e
cogli occhi lagrimosi, le quali le recavano il triste annunzio che suo
marito era morto. Erano le due donne arabe, ch'ella aveva vedute nella
boscaglia.

_Bachìta_ alzò le mani al cielo; diede una lunga occhiata al suo
bambino che le stava a fianco; i suoi grandi occhi si dilatarono per
l'orrore, ma non versarono una lagrima; il colmo della sventura aveva
impietrito il cuore di quella donna.

Da questo momento ella aborriva il Capo, e se qualche volta era pur
costretta di vederlo, la paura la faceva fuggire inorridita.

Egli se n'avvide, e propose di venderla al più presto col figlio sul
mercato di _el-Obèid_. Ma la Negra voleva ad ogni costo tornare in
patria.

— Se tu non sarai buona, le diceva allora il padrone, e se non ti
mostrerai allegra, io ti venderò separata dal figlio, e lui manderò
tanto lontano che non potrai vederlo mai più.

Ella si sforzò d'esser tale, quale la pretendeva il Capo, nella
speranza che la si venderebbe col figlio ad uno stesso padrone.

Fu comperata da un Arabo, che per circa quattro anno trattò madre e
figlio con umanità; ma venuto disgraziatamente a morte, il suo erede
li condusse sulla piazza di _el-Obèid_ per esservi venduti. Uno o
due giorni dopo il loro arrivo, i due schiavi furono consegnati ad un
sensale, vecchio del mestiere, il quale disse che la vendita doveva
aver luogo al domani.

La povera _Bachìta_ fu condotta col figlio in un gran cortile, per
passarvi la notte, ov'erano raccolti molti altri Negri e Negre di
diverse tribù e d'ogni età, i quali se la ridevano allegramente.

— Ah! benissimo, sempre così, figliuoli miei, sclamò il sensale: i
Negri a me affidati debbono esser sempre di buon umore! È _Mahàmmed_,
a quel che pare, la causa di tanto baccano: soggiunse egli volgendosi
con tono di approvazione verso il Negro che faceva delle buffonate, le
quali eccitavano gli applausi clamorosi degli altri Negri; applausi, ai
quali _Bachìta_ e il figlio erano ben lontani dal prender parte.

_Bachìta_ s'assise colla faccia appoggiata ad una siepe, e coll'amato
suo figlio fra le braccia.

Coloro che esercitano il traffico di carne umana fanno studiatamente
ogni sforzo per mantenere l'allegrezza nei loro magazzini, essendo
questo il miglior modo di tener distratti gli schiavi e di far
dimenticare ad essi la loro condizione.

— Eh via! che fai tu qui pensosa? chiese il sensale indispettito
avvicinandosi a _Bachìta_; e distribuendo poi a lei e al figlio un
certo numero di schiaffi e di calci, uscì dal cortile, dopo d'aver
ingiunto a tutti di tenersi tranquilli e di dormire.

_Bachìta_, sempre ferma al suo posto, piangeva pensando al domani
col cuore affranto dallo scoraggiamento, poichè ella presentiva che
il suo caro figliuolo sarebbe stato venduto in anima e in corpo al
primo venuto per quanto brutale e crudele egli fosse, purchè avesse
denaro per comperarlo; che sarebbe stato condotto Dio sa dove, e che
non l'avrebbe veduto mai più. Ella pensava a tutto questo per tutta la
notte senza poter chiuder occhio, e di tratto in tratto stringevasi la
sua creatura fra le braccia.

Ma ecco che spunta il giorno; la viva merce umana si leva da terra;
entrano nel cortile compratori d'ogni paese; l'asta incomincia, e il
figlio di _Bachìta_ viene aggiudicato ad un mercante di _Chartùm_,
mentre la madre passa nelle mani d'un mercante di _el-Obèid_.

Il _Chartumèse_ prese allora il giovinetto duramente per un braccio, e
lo spinse in un canto dicendogli con voce rauca: — aspettami qui.

L'asta continuava, e il mercante nubiano aveva l'intenzione di
comperare altri schiavi per condurli poi sul mercato di _Chartùm_ e
venderveli a più caro prezzo.

Frattanto il giovinetto vedendo che sua madre veniva condotta via da un
altro padrone, le si slanciò incontro gridando ed aggrappandosi alla
povera e sdruscita sua farda. Il Nubiano gli corse dietro scagliando
orribili imprecazioni contro la madre e contro il figlio, cui percosse
con varî colpi di sferza.... Ah! no, non batterlo così, disse la madre
soffocata dal dolore.... egli è mio figlio. — Ed il mercante le rispose
con un'alzata di spalle.

Il giovinetto continuava a gridare.... guardava la madre con aria
compassionevole e sempre più si stringeva a lei. Ma quel miserabile
uomo glielo strappò, strappandole insieme una parte della meschina sua
veste, mentre l'infelice sclamava con voce lacerante: mamma, mamma mia!

La madre coll'anima trafitta dai gemiti del figlio fu strascinata
alla casa del suo padrone. Ella lo supplicò che il figliuol suo non
fosse bastonato; ed egli si pose a ridere dicendo: che ho io a fare
col mercante che ha comperato il tuo figliuolo? In quel momento parve
alla madre le si spezzasse qualche cosa nella testa: e al furor suo
s'aggiunse una specie di vertigine.... tutto s'intenebrò agli occhi
suoi, e fino al dì seguente non seppe più nulla di questo mondo.

Riacquistati i sensi, quella donna era triste, taciturna, dispettosa.

Il padrone minacciava di batterla se non si fosse mostrata un po' gaia.

Ma a nulla valsero le sue minacce, e dopo un anno fu costretto
di venderla. Ella passò quindi di mano in mano, sino a tanto che,
illanguidita, sbattuta e ammalata la comperò un miserabile uomo di
_Bùri_, villaggio sulla riva sinistra del fiume _Azzurro_ assai vicino
alla città di _Chartùm_. Qui la povera Negra era divenuta più triste,
più melanconica, più cupa, più irritabile di prima, e più impaziente
dell'orribile giogo della schiavitù. Ed anche da qualche tempo quella
impazienza prendeva il carattere d'una follia furiosa. Due volte si
gettò nel fiume per annegarsi e due volte fu salvata. Ella era giunta
a quel punto della vita, in cui per lei era meno amaro il morire che il
vivere.

_Bachìta_ contava allora quaranta e più anni; e quindici n'aveva
passati nella più dura schiavitù, fra le pene più atroci; aveva perduto
il marito, che amava tanto; e al figlio pensava ora come a creatura
morta.

Condannata a lavorare, vecchia com'era, tutto il giorno dai primi
albori del mattino sino a notte avanzata presso la gente, a cui
veniva dal suo padrone affittata, sotto la più severa ed incessante
sorveglianza, destinata a patir sempre, a goder mai, disprezzata,
schernita, percossa, senza libertà, senza patria, senza famiglia, senza
una speranza di felicità più o meno vicina.... quale creatura maledetta
da Dio.... oh! come poteva ella mai sentirsi attaccata alla vita!!! E
pure?...

Mentre un giorno la povera Negra da _Bùri_ si recava a _Chartùm_
seguendo il sentiero lungo il fiume, s'incontrò per avventura coi
giovani della Missione cattolica, i quali accompagnati dal loro maestro
se n'andavano verso _Bùri_ nell'ora del passeggio avanti sera. La Negra
si fermò a squadrarli meravigliata.... e tutt'a un tratto manda un
grido di gioia, poichè ha ravvisato fra questi suo figlio, che tosto
riconosce la madre....

— Chi è costei? chiese il maestro al giovine, fuori di sè per
l'allegrezza.

— È mia madre.... mia madre!

— E tu, o donna, conosci questo giovine?

— Se lo conosco! è mio figlio.... mio figlio! rispose.

Questi due nomi, madre e figlio, furono pronunciati dalla donna Negra
e dal giovinetto Negro con tanta espressione di affetto da non poter
dire.

Oh! prezioso e solenne momento per una madre infelice di ritrovare il
figlio, cui credeva perduto, e per sempre, e di rivederlo così ben
vestito, pasciuto e contento!... Sì, che la tapina non aveva che un
sucido cencio che le cingeva le reni, ed era smunta, affamata, oppressa
sotto il peso delle fatiche, che il barbaro suo padrone le imponeva;
ma da questo momento, io dico, meno crudele doveva tornare a lei la
sventura e meno discara la vita.

Dopo il fortunato incontro passò lungo tempo, nè si seppe più nulla di
lei, per quante ricerche sieno state fatte dai Missionari e dal suo
figliuolo. Quando il venti novembre 1859, anno di fame in _Chartùm_,
pochi giorni avanti la mia partenza pel fiume _Bianco_, verso la
mezzanotte io sento picchiare alla porta del cortile, ove solevo
dormire sotto una grande _rekùba_ coi giovanetti della Missione; sbalzo
dall'_angarèb_ su cui ero sdraiato, corro alla porta e domando: chi
v'ha là! — Risponde una voce: «sono la povera schiava di _Bùri_, che
viene a ricoverarsi presso il suo figliuolo nella casa della Missione.»

Io le aprii la porta, ed ella entrò continuando: «sono stanca di vivere
una vita peggiore della morte; più non valgo a sostenere le dure
fatiche, che m'impone l'inumano mio padrone; e non potendo eseguire
quanto mi viene da lui comandato, io sono ogni giorno fortemente
battuta; tel dica questo magro mio corpo coperto di piaghe; e voi che
siete buona gente, deh! non vogliate abbandonare una donna infelice;
liberatemi, voi che lo potete, da un cane rabbioso che mi perseguita,
come avete liberato mio figlio da' suoi persecutori! — Il figlio era
presente, e fissava la madre versando grosse lagrime senza proferir
parola.

La Missione l'accolse benignamente in seno, e pensò subito a
riscattarla.

Dopo due giorni venne sborsato al padrone della schiava il prezzo del
riscatto, che fu di trecento piastre egiziane (circa settanta cinque
lire italiane).

Parve allora a quella povera donna d'essere passata dalla morte alla
vita; dalla dominazione del male a quella del bene, dal duro carcere
d'un essere condannato alla libertà d'un'anima perdonata.

Qual penna varrebbe a descrivere la gioia di quel giorno, in cui venne
sborsato il prezzo del suo riscatto, di quel primo giorno di libertà?
poter essa agire, parlare, respirare, uscire di casa ed entrarvi senza
essere sorvegliata.... senza correre alcun pericolo.... chi varrebbe,
dico, a rivelare i sentimenti di quell'anima libera all'ombra della
Missione, che le guarentiva i diritti che Dio ha dato all'uomo? Com'era
bello, com'era dolce per una madre contemplare il volto dell'amato
suo figlio cui credeva perduto, reso ora più caro dalla rimembranza
dei mille pericoli corsi! Tanta gioia che riversavasi dal suo cuore
allontanava da lei il sonno.

Nulla possedeva, è vero, quella donna che potesse considerare come cosa
propria al mondo; nondimeno non poteva dormire; tanto era grande il suo
contento!

O voi, che togliete all'uomo la libertà, in qual misura renderete conto
a Dio!

Mentre _Bachìta_ trovavasi libera e beata nella Missione Cattolica
col diletto suo figlio, capitò dall'Europa in _Chartùm_ il Provicario
Apostolico Matteo Kirchner, ed io venni da lui incaricato di partire
pel fiume _Bianco_ colla _Stella-Mattutina_ (grande _dahabìah_ della
Missione) e con tre altre barche vuote per richiamare, col beneplacito
di Roma, i missionari Francesco Morlang presidente e Luigi Vichweider
da _Kondókoro_ (tra il 4º e il 5º lat. N.), e Giuseppe Lanz presidente
e Antonio Kaufman da Santa-Croce (6°, 40′ lat. N.), e per condur via
meco i giovanetti negri e le giovinette, ch'erano presso i Missionari
nelle dette stazioni, mentre il Provicario sarebbe tornato in _Assuàn_,
rimpetto a _File_, per fondarvi una nuova Stazione.

Allora il Provicario pregava _Bachìta_ perchè volesse, in compagnia
d'un'altra Negra, ch'era cristiana, partir meco sul fiume _Bianco_ per
lavorare il pane a' barcaiuoli della grande _dahabìah_, promettendole
che quando fosse ritornata, ella sarebbe venuta co' Missionari nella
novella Stazione presso l'amato suo figlio. _Bachìta_ v'acconsentì
volentieri, e partimmo insieme il primo dicembre 1859.

Durante il viaggio ella mi parlava spesso del figlio, e non vedeva
l'ora di rivederlo e di star sempre con lui. Mi narrava le avventure
della sua vita, specialmente dopo d'essere fuggita da _Nóba_ in cerca
del marito; e me ne disse tante da farci un romanzo.

Quant'io ho detto non è che un embrione di ciò che avrebbe potuto
dettare una penna meglio esercitata che la mia; ed oserei dire che
nessuno varrebbe a descrivere ciò che quella donna espresse col
linguaggio della parola, degli occhi e del gesto.

Io pure le parlavo spesso del figlio, e le dicevo che fu riscattato da
noi Missionari sul mercato di _Chartùm_ per istruirlo e per educarlo
alla nostra religione, che è religione d'amore, che c'insegna di non
far male a nessuno, e di giovare, potendo, a tutti, perchè tutti siamo
fratelli, figli di un solo padre che è Dio, il quale non ebbe mai
principio nè può aver fine, che dal nulla ha creato cieli e terra,
che tutto regge e governa, che non può fare e voler che il bene, che
conosce e penetra ogni cosa, che ha una potenza infinita, una bontà
senza limiti, una bellezza ineffabile.

Le parlavo del figliuolo di Dio, di Gesù Cristo; della sua venuta
al mondo, della sua vita, della sua passione e della sua morte per
redimere l'umanità decaduta, ed insegnare a tutti la via che conduce al
cielo.... anche a te, o _Bachìta_.

Povera la mia _Bachìta_! e tu non conoscevi Gesù Cristo, che ti
amò sempre, e ti ama tanto perchè fosti abbandonata da tutti e
maltrattata.... nè pur lo conosceva tuo figlio, ma or che lo conosce e
n'è divenuto seguace, oh! quanto è felice! ed io voglio che tu lo sia
con lui.... e lo sarai senza dubbio se ascolterai i miei consigli....

Gli occhi rotondi di _Bachìta_ si riempivano di pianto, e da essi
cadevano vive lagrime. Io pure piangevo di tenerezza, poichè pareami in
quel momento che un raggio di fede, un raggio d'amore divino penetrasse
nelle tenebre di quell'anima pagana.

— Ah! padre, diceva allora _Bachìta_, io voglio essere quello che è
divenuto mio figlio.

— E lo sarai; Gesù Cristo ti aiuterà, come ha aiutato il tuo figliuolo,
e così potrete essere un giorno ambidue angeli del cielo.

_Bachìta_ recitava ogni mattino e ogni sera il _Pater noster_ e l'_Ave
Maria_ colla Negra compagna e col turcimanno _Cher-Allàh_; e fra il dì,
durante il lavoro, non faceva che parlare colla sua collaboratrice di
Dio, di Gesù Cristo, e del proprio figliuolo; e sospirava il momento
di vederselo e di goderselo da vicino. Ma oh! sventurata, che più
non l'avresti veduto qui sulla terra!... Fra le paludi dei _Nuèr_ fu
colta da un sì terribile vaiuolo, che la trasse improvvisamente al
sepolcro.... Su quel sepolcro tutti piangemmo _Bachìta_; ed io rimasto
poi solo m'inginocchiai e dissi: eterno Iddio! Dà pace a quest'anima,
che visse tanto oppressa, e fa che risorga immortale per partecipare
alla gloria degli eletti; e che questa terra di maledizione sia una
volta liberata dall'obbrobrio della schiavitù!

«Quando l'Africa possederà una razza emancipata e colta, — e
bisogna bene che prenda una volta o l'altra la sua parte nel gran
dramma dell'incivilimento umano, — la vita vi si spiegherà piena
d'una magnificenza e di uno splendore appena sognati dai popoli
settentrionali.»

«In quel misterioso e lontano paese dell'oro, dei diamanti, dei
profumi, delle palme ondeggianti, dei fiori sconosciuti, della
fertilità prodigiosa, nasceranno nuove forme per l'arte e splendori
inauditi; e la razza nera, liberata dal disprezzo e dall'oppressione in
cui la tengono, disvelerà forse le ultime e più magnifiche rivelazioni
della vita umana. Essa dolce ed umile di cuore, disposta a lasciarsi
guidare da un genio superiore e ad appoggiarsi alla sua forza, tenera
e semplice come i fanciulli e sempre pronta a perdonare, sarà forse
l'espressione più pura della vita cristiana, intima e vera. Forse quel
Dio che castiga coloro che ama ha fatto passare la misera Africa per
la fornace della prova, onde fondare in essa quel nobile e possente
regno cui stabilirà quando tutti gli altri avranno fallito alla loro
missione, poichè gli ultimi saranno i primi.»

«Allora la ricordanza della casa di servitù sarà per la razza nera,
come l'Egitto per l'Israelita, un argomento di gratitudine verso colui
che gli ha riscattati!»

«Poichè, mentre gli uomini di Stato fanno dispute, e gli uomini sono
sbalzati qua e là dall'onda agitata degli interessi e delle passioni,
la gran causa della libertà umana resta tra le mani di Colui del quale
è stato detto:

«Egli non si ritirerà, nè perderà coraggio finchè non abbia stabilito
la giustizia sulla terra.

«Egli libererà il misero e l'afflitto, che non hanno soccorsi.

«Egli salverà la vita dei poveri e la guarentirà dalla violenza e
dall'oppressione, ed il loro sangue sarà prezioso agli occhi suoi»[26]



IX.

  Le tribù _Dénka_ della vallata superiore del fiume _Bianco_ e la
  loro lingua — Stagioni e loro nomi — Il _charìf_ — Una bufera — La
  stagion delle piogge, ed accrescimento e decrescimento del fiume
  sotto latitudini diverse — Morte di Francesco Oliboni — Un sogno.


Il fiume _Bianco_, dalla tribù dei _Scìr_ (tra il 5º e il 6º gr. lat.
N.) fin dove riceve il fiume delle _Gazzelle_ (_Bàhr-el-G¨azàl_),
scorre lento da sud a nord, nord-ovest, per innumerevoli svolte in
mezzo ad una vasta e paludosa regione; e dagli abitanti che si trovano
sulle rive, o a poca distanza, i quali sono tutti _Dénka_, prende il
nome di _Kir_.

Questo fiume, a nord del paese dei _Scìr_, forma due grandi isole,
degli _Eliàb_ e dei _Bòr_, e a diritta presso il villaggio di _Akuàk_
(tra il 6º e il 7º grado) lascia scorrere un canale, il quale bagna
parte della tribù dei _Bòr_, tutta la tribù dei _Tuìc_, e parte della
tribù dei _Nuèr_; e dopo un lungo corso di circa 180 miglia geografiche
ritorna le sue acque al fiume, presso il _Sóbat_.

A sinistra poi io conosco assai bene un corso d'acqua perenne, chiamato
dagli Arabi viaggiatori _Bàhr-eg-Gemìt_, proveniente dal sud, il quale
si getta nel lago _Giàk_, tra il 6º e il 7º grado lat. N., a pochissima
distanza dal fiume _Kir_, dopo d'aver bagnato le tribù degli _Eliàb_,
dei _G¨òk_ e dei _Kìc_; ma questo fiumicello, se pur non sia un canale,
non è assolutamente da confondersi col fiume _Jèji_, di cui abbiamo
parlato.

Le tribù _Dénka_ che abitano a diritta del fiume sono:

  I _Bòr_, tra il 6º e il 7º grado lat. N.
  I _Tuìc_, a settentrione dei _Bòr_ e confinanti con essi.
  I _Risc_, a nord dei _Tuìc_.
  I _Neruà_, a sud-est       }
  E gli _Ehluàg_, a nord-est } dei _Rìsc_.

A sinistra:

  Gli _Eliàb_, tra il 6º e il 7º grado lat. N.
  I _Kìc_, tra il 6º e l'8º grado lat. N.[27].
  I _G¨òk_, tre o quattro giorni circa di cammino a
    sud-ovest dei _Kìc_.
  I _Ròl_, a settentrione dei _G¨òk_ e confinanti con essi.
  Gli _Atuòt_, a sud dei _G¨òk_.

Oltre alle dette tribù _Dénka_, sulla geografica posizione delle quali
ebbi esatte relazioni, che potei riscontrare anche col fatto, molte
altre se ne trovano che parlano la stessa lingua e sono:

  I _Rèk_, a destra del fiume _G¨azàl_ presso l'8º grado lat. N.
  I _Lào_, ad ovest, nord-ovest dei _Rèk_.
  Gli _Auàn_, a sud-ovest dei _Rèk_.
  Gli _Agiàk_, a sud degli _Auàn_.

Che se a queste tribù aggiungiamo quelle dei _Nuèr_, dei _Gianghè_ e
dei _Scìluk_, delle quali abbiamo parlato, e così pure le tribù che
dal fiume _Sóbat_ (9°, 11′, 25″), si estendono fin oltre l'11º grado,
nella penisola del _Sènnaar_, cioè i _Donghiòl_, gli _Agnar-kuèi_,
gli _Abujò_, gli _Aghèr_, gli _Abialàñġ;_ e le tribù dei _Gnièl_, dei
_Beèr_ e dei _Jòm_, nell'interno della penisola stessa, al parallelo
delle montagne dei _Bèrta_, avremo un numero di ventidue tribù almeno,
che parlano la lingua _dénka_; lingua che più d'ogni altra si estende
nella grande vallata del fiume _Bianco_; e le differenze di pronunzia e
di sintassi che esistono fra le diverse tribù che la parlano, sono così
poche da accorgersene appena.

Le parole che compongono questa lingua sono ordinariamente
monosillabiche; che se qualche volta il vocabolo è bisillabo o
trisillabo, scomposto che sia ne' suoi elementi, è facile a chi per
poco conosca la lingua rilevare il significato di ciascun elemento.

Ciò non ostante la lingua _dénka_ è pronta, rapida, abbastanza energica
ed armoniosa[28].

Nel lungo studio ch'io feci di questa lingua ebbi a notare diverse
voci onomatopeiche esprimenti specialmente i suoni che emettono le
bestie; e queste voci talvolta sono monosillabiche e talora composte
di due, tre, o anche più sillabe, secondo che semplici o composti
sono i suoni emessi dall'ente che vuol essere indicato; per esempio:
sing. _miòr_, pl. _miûr_ — bove. _Ñġào_ — gatto. _Pér_ — gazzella.
_Kurè_ — tortorella. _Bòu_ — abbaiare. _Ròu_ — ippopotamo. _Tuòt_ —
oco selvatico. _Aluluí_ — anitra selvatica. Il crepitare del fuoco si
esprime colla parola _letututùc_, per esempio: il fuoco crepita — _màg
a-letututùc_, ecc.


Tutte le tribù _Dénka_ da me visitate, le quali abitano lungo il fiume
_Bianco_ dal 6º al 12º grado lat. N., contano cinque stagioni, che
nella loro lingua sono chiamate così:

  La prima, _Alè-kèr_.
  La seconda, _Alè-jàk_.
  La terza, _Alè-ruèl_.
  La quarta, _Alè-rùt_.
  La quinta, _Alè-mòi_.

La prima stagione, _Alè-kèr_, corrisponde ai mesi di marzo e di
aprile. Questa è la stagione, in cui il sole comincia a rianimare la
vegetazione dapprima presso i _Dénka_ verso il 6º grado, ai primi di
marzo, e così gradatamente fino al 12º grado, ai primi di aprile.

E siccome dopo il 21 marzo il sole ha già passata la linea equinoziale,
così tutti i _Dénka_ chiamano questa stagione _Alè-kèr_ — dopo il
cerchio massimo. Di fatto la parola _Alè-kèr_ è parola composta
della preposizione _alè_ — dopo, e del nome _a-kèr_, che significa
cerchio massimo, equatore. I _Dénka_ usano anche il verbo _kèr_, perf.
_ci-kèr_, che vuol dire _far cerchio_, per indicare principalmente il
giro apparente del sole intorno alla terra.

Le piogge hanno principio fra i _Dénka_ verso il 6º grado, agli ultimi
di marzo; e fra i _Dénka_ verso il 12º grado, agli ultimi di aprile;
sicchè questa prima stagione comincia poco innanzi le piogge.

In questa stagione il clima è reso meno caldo dai venti freschi ed
umidi che spirano dall'est, e dalle nuvole che frequentemente velano il
sole, senza però sciogliersi in pioggia.

La seconda stagione, _Alè-jàk_, corrisponde al tempo che corre tra il
21 aprile e il 21 maggio, tempo in cui il sole è già passato al _zenìt_
di tutte le tribù _Dénka_ poste tra il 6º e il 12º grado, dirigendosi
verso il tropico del cancro.

Questa è la stagione, in cui i Negri _dénka_ seminano la prima volta
fra l'anno il terreno di fagiuoli e di _dùrah_; per la qual cosa essa
vien chiamata anche stagione della semina, _akòl-rór a-puòk_ — tempo
in cui la gente semina. E siccome i Negri _dénka_ cominciano la semina
del grano dopo che il sole passò al loro zenìt, così questa stagione è
da essi chiamata _Alè-jàk_, colla quale espressione vogliono indicare
— dopo che il sole cadde co' suoi raggi perpendicolarmente sulle loro
terre, — mentre la voce _alè_ vuol dire _dopo_, ed _ajàk_, ovvero
_a-juàk_, caduta. I _Dénka_ usano pure il verbo _juàk_, perf. _ci-juìk_
— cadere dall'alto.

In questa stagione le piogge son già incominciate, e da per tutto
animata è la natura.

La terza stagione, _Alè-ruèl_, corrisponde ai mesi di maggio, giugno,
luglio, agosto, settembre, nei quali mesi cadendo più abbondanti le
piogge, il clima offre una temperatura ancora men calda; il perchè
questa stagione è nominata, da tutti i _Dénka_, _Alè-ruèl_ — dopo
il calore, da _alè_ — dopo, e _ruèl_ — sole o calore; _ruèl_, perf.
_ci-ruèl_, significa anche riscaldare.

La quarta stagione, _Alè-rùt_ — dopo le piogge copiose, corrisponde ai
due mesi di ottobre e di novembre.

Questa è la stagione, nella quale i Negri _dénka_ raccolgono i frutti
della seconda semina, che non è però praticata da tutte le tribù, ma
da alcune soltanto, e specialmente da quelle del nord, allorquando il
sole ripassa al loro zenìt dirigendosi verso l'equatore. Per la qual
cosa questa stagione è detta altresì stagione del ricolto, _akòl rór
a-kuàgñ_ — tempo in cui la gente raccoglie.

La quinta stagione finalmente, _Alè-mòi_, corrisponde ai tre mesi di
dicembre, gennaio, febbraio, e volendo comprendere i _Dénka_ del nord,
dobbiamo aggiungere anche il marzo.

E questa è la stagione della siccità, ed appellasi dai _Dénka Alè-mòi_,
cioè dopo l'affogamento, da _alè_ — dopo, e _mòu_, perf. _ci-mòu_ —
affogare, poichè, mentre durante le piogge copiose vengono allagati
tutti i consueti pascoli in vicinanza al fiume, in questa stagione
invece è arso il terreno e ogni erba disseccata.


Il viaggiatore che spinto dal desiderio di vedere e d'apprendere se
ne va, durante la stagione asciutta, a visitare i Negri _dénka_ nella
vallata superiore del fiume _Bianco_, non può farsi un'idea di ciò
ch'essa diviene nella stagion delle piogge (_charìf_).

Io vi passai tutto il _charìf_ del 1858 nella Missione di Santa-Croce
(6°, 47′), co' miei compagni missionari Angelo Melotto, Daniele
Comboni, Giuseppe Lanz, il quale vi si trovava da un anno.

Che orrore! Le piogge cominciano sul finire di marzo, e cessano nel
novembre; ma cadono in maggior copia nell'agosto e nella prima metà
di settembre. In questi due mesi un mare di acqua circonda le nostre
capanne poste sur un breve rialto, e l'umidità che vi regna copre di
muffa le casse, le vesti, la carta, tutto insomma, e tramanda un odore
inqualificabile; le formiche brulicano da ogni parte, strisciano gli
scorpioni, qualche rettile fa capolino dalle fessure delle pareti e del
tetto, e miriadi di zanzare molestano giorno e notte collo stucchevole
ronzìo e co' loro malaugurati pungiglioni. I missionari Melotto e
Comboni sono ammalati di febbre e sentono il bisogno d'un po' di brodo
che li ristori; ed io quasi ogni dì nella palude, affondando nell'acqua
e nel pantano fin sopra la metà delle gambe, procuravo loro le carni,
galline faraone, o francolini, anitre, od oche selvatiche che dànno
un brodo saporitissimo. L'isolotto, ov'erano le nostre capanne, non
misurava più di cento passi in lunghezza e dieci o dodici in larghezza.
C'era da diventar matti, se Iddio non ci avesse assistiti.

Al principiare del _charìf_ i Negri mandriani s'internano a drappelli,
e a poco a poco, nelle boscaglie, ove hanno di quando in quando le loro
stazioni chiamate _ûn_, vicino sempre a grandi pozzanghere, le quali
consistono in quaranta o cinquanta casotti messi quasi a cerchio, e
costruiti con sei o sette pali sostenenti una tettoia di rami e terra,
sotto la quale havvi un monticello di cenere, su cui siede e riposa
tutta una famiglia. Nel mezzo poi della stazione trovansi, durante
la notte, i bestiami, e qua e là accesi mucchi di sterco bovino,
che esalano un odore sì acuto e spiacevole ed un fumo sì denso, da
potervisi reggere appena; quell'odore però e quel fumo servono a tener
lontane le zanzare. Dopo qualche tempo, crescendo le piogge, tutti que'
drappelli giungono all'ultima stazione, lontana dal fiume al più il
cammino di una giornata.

Quivi hanno capanne ben costruite, ed è il migliore soggiorno di que'
negri mandriani, i quali, cessato il _charìf_, fanno tosto ritorno ai
loro casotti presso il fiume.

I Negri _dénka_ pescatori invece, che sono assai pochi, rimangono
sempre sulle rive del fiume.


Fortissimi tuoni accompagnano le prime burrasche, le quali non durano
più di due o tre ore, ma si ripetono talvolta per tre o quattro giorni
consecutivi.

Chi non ha visto in quelle regioni tropicali l'addensarsi e il
dissiparsi della bufera, è ben difficile che possa imaginarsi la
battaglia degli elementi scatenati e riottosi.

Gli urli di cento bestie feroci dall'interno della boscaglia ne
annunziano la venuta; i Negri s'affaccendano di raccogliere il bestiame
nelle _zerìbeh_, e corrono poi a rinchiudersi nelle loro capanne. —
L'orizzonte s'intorbida; il cielo si oscura; immensi globi di nuvole
fumose, che pigliano gli aspetti più strani, più mutabili, più paurosi
e più fantastici, s'avanzano precipitosi dalla parte orientale, e
cacciati dal vento rotolano furiosamente per lo spazio interminato,
ondeggiano, si avvolgono, s'incontrano con altri globi di nuvole di
forme incredibili provenienti dal sud; repente guizzano i lampi ed
illuminano di riflessi sanguigni le masse fluttuanti; il tuono scroscia
e la romba si diffonde, mentre qua e là cadono i fulmini rovinando
annose piante ed uccidendo talora qualche animale. Le fumose masse
si mescono in una, il vento continua impetuoso e gagliardo; la gran
massa nebulosa si commuove, si agita, si agglomera, si scompiglia, si
precipita in una corrente vorticosa, che cede al soffio prepotente,
e si dilegua lontano, sparpagliandosi dietro uno strascico di vapori
grigiastri, che lambiscono le cime degli alberi della foresta.

Qualche volta però, mescolati in uno gli immensi globi di nuvole,
s'acqueta il vento, e l'acqua allora cade sulla terra a dirotta, come
venisse riversata da un'immensa fontana.


In ogni mese della stagion delle piogge il fiume va soggetto a
repentini accrescimenti, ma poco stante il livello torna ad abbassarsi.
Io osservai però che il subitaneo crescere e calare del fiume succede
specialmente nei primi mesi della stagione piovosa.

Posso dire inoltre con sicurezza che i due grandi affluenti del fiume
_Bianco_, cioè il _Sóbat_ e il _Bàhr-el-G¨azàl_ cominciano a crescere
e a decrescere nello stesso tempo, in cui cresce e decresce il fiume
_Bianco_; dal che io conchiusi fin d'allora che si l'uno che l'altro di
questi due affluenti doveva provenire dal sud a latitudini molto vicine
all'equatore.

In una mia lettera inviata da Santa-Croce al professore Francesco Nardi
in Padova, 15 marzo 1858, notavo che il dì 26 febbraio fu burrascoso,
e che cadde la pioggia per quasi mezza giornata; e scrissi ancora che
il primo di marzo crebbe notevolmente il fiume, ma che due giorni dopo
l'avemmo allo stesso livello di prima.

Il repentino accrescimento del fiume era dovuto probabilmente alle
piogge cadute presso l'equatore oltre al 5º grado, mentre sappiamo
che fra i _Bàri_, secondo le osservazioni fatte dai Missionari in
_Kondókoro_, la stagion delle piogge comincia coi primi di marzo, e
termina verso la fine di novembre. E dissi probabilmente, perchè per
un caso accidentale e fuor di tempo poteva essere caduta una pioggia
copiosa anche fra i _Bàri_, qual fu la pioggia del 26 febbraio a
Santa-Croce nella tribù dei _Kìc_.

Nel 1858, perfin nel gennaio, e nel dicembre stesso, caddero alcune
piogge fra i _Kìc_, com'io fui testimonio; e per citare qualche
fatto anche fuori di questa tribù, l'undici febbraio 1859 sul fiume
_Sóbat_, il che è più sorprendente, da un momento all'altro, io e i
miei compagni Angelo Melotto e Daniele Comboni, alle due circa dopo la
mezzanotte, fummo sorpresi da una pioggia così copiosa, che trapassò
le stuoie del povero casotto della nostra barca, e bagnò da per tutto
senza lasciarci un posticino asciutto, ove poter riposare il resto
della notte. Il dì seguente io fui colto da un fortissimo dolor di
denti, e i miei compagni scossero una buona febbre.

Tali piogge straordinarie e fuor di tempo possono succedere in ogni
mese e sotto latitudini anche diverse; ma vengono tosto assorbite
dall'arsicciato terreno. La vera stagione del _charìf_ comincia da
quando il terreno, già inzuppato da tre o quattro piogge di seguito,
più non le assorbe.

Or questa stagione in _Kondókoro_ (tra il 4º e il 5º grado lat. N.)
ha incominciamento coi primi di marzo, e termina verso la fine di
novembre; e le piogge cadono in maggior copia sul finir di aprile e nel
mese di maggio; qualche anno però sono più abbondanti sul terminare
di luglio fin verso la metà di agosto, ed allora sono scarse, in
confronto, nell'aprile e nel maggio.

A Santa-Croce invece (tra il 6º e il 7º grado), come ho detto, osservai
che la vera stagione del _charìf_ incomincia sul finire di marzo e
cessa nel novembre; e le piogge cadono in maggior copia nell'agosto e
nella prima metà del settembre.

Nel paese dei _Scìluk_ (tra il 9º e il 10º grado) poi le vere piogge
incominciano nel mese di aprile.

E nel dipartimento di _Chartùm_ (tra il 15º e il 16º grado) la stagione
piovosa è nel giugno, luglio e agosto. Dunque abbiamo un accordo tra il
progredire dei paralleli e il tempo dell'incominciamento delle piogge a
latitudini diverse.

Quanto poi all'accrescimento e decrescimento del fiume:

In _Kondókoro_ comincia a crescere agli ultimi di febbraio, e tocca
la sua massima altezza verso la fine di maggio, o nella prima metà di
agosto, secondo che maggiori o minori caddero le piogge o nell'uno
o nell'altro tempo. Comincia poi a calare verso la fine di agosto,
e continua fino alla metà circa di febbraio, nel qual tempo il fiume
tocca la sua maggiore bassezza.

In Santa-Croce comincia a crescere ai primi di marzo, e tocca la sua
massima altezza ai primi di settembre; e principia a calare sul finir
di settembre, e continua fino agli ultimi di febbraio, in cui tocca la
sua maggiore bassezza.

Nel dipartimento poi di _Chartùm_ il fiume comincia a gonfiarsi nel
mese di luglio, e a calare nel mese di settembre.

Nell'Egitto finalmente cresce nei mesi di agosto e di settembre, e
principia a calar nell'ottobre.


L'umidità che regna durante il _charìf_ è cagione di febbri
intermittenti e d'altre malattie, che ordinariamente sono negli
indigeni senza gravità e di non molta durata; ma il passaggio dalle
capanne, ov'essi erano ben riparati, alle altre stazioni, ove dormono
la notte all'aria aperta, arreca ad alcuni pericolose e fatali
infiammazioni. Un altro male, a cui di sovente vanno soggetti, è quello
ch'essi chiamano _vtiòu_ e gli Arabi _frentìt_[29]. Il _charìf_ però è
molto più avverso agli europei.

Io giunsi in Santa-Croce, co' miei compagni missionari Francesco
Oliboni, Angelo Melotto, Daniele Comboni, Isidoro Zili, il 14 febbraio
1858 a due ore di notte; tutti in perfetta salute. Trovammo in quella
stazione il missionario Giuseppe Lanz e un artigiano polacco, i quali
vi dimoravano da un anno, ed erano dolentissimi per la morte avvenuta
pochi giorni prima del sacerdote Bartolomeo Mosgan, instancabile
compagno del Provicario Knoblecher e di Angelo Vinco nei viaggi e nelle
fatiche apostoliche. Qualche giorno dopo il nostro arrivo, Isidoro
Zili dovette ritornare a _Chartùm_ colla stessa barca che lo avea
condotto in Santa-Croce, molestato dalla febbre che ogni dì veniva a
visitarlo. — E Francesco Oliboni, uomo sanissimo e robustissimo, cadde
ammalato d'infiammazione la mattina del 19 marzo, e subito sentì la
gravità del suo male; disse che in pochi giorni avrebbe finita la sua
mortale carriera; domandò tosto ed ottenne i conforti della religione,
e poi tutto tranquillo, com'era suo costume anche nelle più amare
vicende, non faceva che parlare della Missione, che incoraggiare noi
fratelli, che ci mostravamo abbattuti, a tener fermo; promise che
giunto in paradiso avrebbe pregato per tutti. Noi piangevamo curvati
a canto del suo giaciglio, e lo assistavamo col cuore pieno d'amore.
Ciascuno voleva rendergli qualche segno d'affetto, di che egli era
stato prodigo con tutti. Io appena trovavo il fiato di raccomandargli
l'anima a Dio, e a momenti sentivo mancarmi il cuore, e provavo una
specie di vertigine. La mia voce penetrava senza dubbio nell'orecchio
del moribondo, perchè egli scoteva di tanto in tanto dolcemente la
testa con un sorriso, e ripeteva i cari nomi di Gesù e di Maria. Gli
davo di quando in quando a baciare il Crocifisso; ed allora il suo
sguardo, vago dapprima e come smarrito, diveniva fisso e brillante,
e tutto il suo volto s'illuminava d'ineffabile gioia; e congiungeva
le gelide mani, e mi pareva gli si riempissero gli occhi di lagrime
e volesse dire: questo bacio mi ravviva e mi fa bene al cuore....
muoio contento.... benedici al Signore, o anima mia! — L'ultimo
giorno della sua vita, che fu il 26 marzo, poche ore prima di morire
mi guardò, mi strinse la mano e disse con voce soffocata e appena
intelligibile: «scrivendo in Europa salutami i miei.... teneramente....
il Superiore.... gli amici.... chi... chi... ci toglierà mai l'amore
di Cristo?» Quindi una subita prostrazione lo invase, i suoi occhi si
chiusero, e il suo volto prese quella sublime espressione che precede
gli ultimi momenti: il suo respiro divenne lento e penoso; il largo
petto gli si sollevava ed abbassava con forza; io gli diedi a baciare
ancora una volta il Crocifisso; lo chiamai.... ma egli non m'udì.

Un solenne e glorioso sorriso illuminò il suo volto.... indi mise un
sospiro e passò dalla mortale alla vita eterna.

— Addio, caro amico e fratello, le porte del paradiso ti si son chiuse
dietro, e noi non vedremo più il dolce tuo volto! Sventurati coloro
che dopo averti veduto entrare in cielo, si ritroveranno nella fredda e
cupa atmosfera della vita, che tu hai lasciata per sempre!

Parte della notte e del dì seguente io m'ingegnai al meglio di fare
una cassa per collocarvi la salma dell'estinto. Dopo ventiquattr'ore
fu portato nella chiesuola della Missione, ove compiute le cerimonie
religiose, venne poi seppellito a poca distanza presso la tomba di
Bartolomeo Mosgan sur un piccolo rialto sabbioso, ombreggiato da poche
piante, e circondato da una siepe di secchi pruni. Quel luogo sacro ai
due estinti era segnato da due croci di legno, che si vedevano sempre
stando nelle povere nostre capanne, e sulle quali era scritto: «Io sono
la resurrezione e la vita; chi crede in me, sebbene morto, vivrà.»


Anch'io dovetti pagare il mio tributo al _charìf_, passato in
Santa-Croce; ma fortunatamente lo pagai sempre solo la notte con dolori
insoffribili di denti, con qualche febbre da leone, con accessi di
delirio e con sogni così stravaganti e paurosi, da non farsene un'idea.
Fra i tanti che ricordo ne debbo io raccontar uno, che spaventò il
povero mio compagno Melotto il quale dormiva nella stessa capanna, e
che mi costò quasi la frattura di una gamba...

Una sera, tornato dalla caccia, mi coricai sul mio _angarèb_[30] più
presto del solito, perchè non mi sentivo bene.

— Che cosa ha don Giovanni? chiese con premura il mio compagno ch'era
ammalato da alcuni giorni.

— Mi sento stanco, io risposi: ho il polso piuttosto frequente, la
pelle liscia e molto calda.... temo di avere un po' di febbre; ma spero
di scuoterla stanotte; l'ho scossa ancora, provocando il sudore.... e
così dicendo m'accomodavo il zanzariere intorno all'_angarèb_.

— Per carità! don Giovanni, che non ammali.... che cosa sarebbe allora
di noi?...

— Speriamo che no, io soggiunsi; e quindi mi rinvolsi ben bene in una
coperta di lana, e dopo cinque minuti fui addormentato.

Nel cuor della notte, mi trovai in un'oscura foresta, seduto sur
una pietra di un profondo torrente; e stanco, sudato, ansante stavo
aspettando qualcheduno, che non comparve. — Io sono perduto! sclamai
— A stento potei accendere un lanternino che avevo meco, e levandomi
da sedere vagai più di mezz'ora per quel torrente pieno di spine,
scontorto, ristretto e precipitoso. Oh Dio! non mi si presentano che
seni, sporgimenti, anfratti, che nella mia fantasia sconvolta pigliano
forme cotanto strane, che m'agghiacciano il sangue nelle vene, e mi
tolgono il respiro. Qui parmi di vedere mostri di belve frementi,
là scheletri arruginiti. Frattanto s'ode il bramito di cento bestie
feroci; il vento sbuffa terribilmente, e rotto dai grossi rami degli
alberi della foresta manda orribili fischi, quasi gemiti lamentosi e
lugubri; e di quando in quando que' gemiti sembrano cangiarsi in grida
acute. — Queste grida, dicevo fra me, possono esser prese facilmente,
dalle orecchie credule e superstiziose, per grida di orrore e di
disperazione; ma io so che altro non sono che gli effetti strani che
produce il vento.

Tutto d'un tratto mi s'affacciò una via lunga e stretta, fiancheggiata
da giganteschi tamarindi. Io presi quella via, e dopo circa un quarto
d'ora di cammino, eccomi giunto ad un vecchio castello. Il portone
che metteva in esso era spalancato. Io mi sentii lavorar la fantasia
entrando, fra quelle tenebre e quel silenzio, in quella solitaria
drammatica dimora. Ma la stanchezza e il bisogno di riposarmi vinsero
la paura; tirai avanti, dopo d'aver chiusa la gran porta con due
catenacci di ferro; e salito per lo scalone, che ripercoteva il
rumore de' miei passi, traversai alcune sale misteriose, e mi trovai
nel centro ov'era una gran camera con un letticiuolo in un angolo
della stessa. Chiusi accuratamente la porta, ne tolsi la chiave,
mi posi a letto, e considerando che le apparizioni, le streghe ed i
folletti non entravano nel mio credo, mi pareva di poter calcolare
su una nottata tranquilla, senza che occorresse prendere nessun'altra
precauzione; e soffiato sul moccolo del lanternino, e spentolo, dopo
qualche minuto m'addormii. — Il mio sonno però fu breve. — Mi svegliai
impaurito. — Parvemi sentire un andare e un venir a pesta leggiera,
fuori della porta della mia stanza. — M'alzai a sedere sul letto e
tesi l'orecchio, dicendo tra me: che diamine succede! — Ma, io sono
al sicuro;... e riprendo l'interrotto sonno, poichè ero molto stanco.
Di nuovo mi scossi, risvegliato da un aspro fragore di ferri e da un
rumore confuso di grida e di gemiti; insomma ero certo che qualche
cosa avveniva nel castello. Quando, tre volte io sento pùm! pùm! pùm!
sulla porta della mia stanza; ed io domanda atterrito: chi v'ha là! —
Nessuno risponde. — Dopo qualche minuto si ripetono le tre battute; ed
io chieggo a bassa voce, perchè mi mancava il fiato: che cosa volete?
— Nessuno risponde. — Si ritorna a picchiare; e questa volta non potei
cavar parola, nè fare il menomo movimento. — Udii una voce femminile,
che disse: levati presto, ed apri questa porta, altrimenti io passerò
dal foro della serratura. A quella voce fui compreso da un sentimento
d'orrore indescrivibile e dallo spavento di qualche terribile cosa.
— Di lì a poco dal buco della serratura uscì fuori un moscone — me
n'accorsi dal ronzìo — e fece tre o quattro volte il giro di tutta la
camera, e poi s'arrestò in mezzo ad essa. — Quando, sentii il fruscìo
delle vesti di qualcuno che si moveva verso il mio letto e fremetti;
vidi allora, sebbene fosse spento il lume, colle luci dello spirito
una figura di donna, vecchia, brutta come un demone, vestita d'un
costume il più strano, la quale a poco a poco s'avvicinava a me, colle
mani alzate, colla bocca aperta, e cogli occhi spalancati. Io non
potevo reggere a quella vista, e mi coprii il capo col lenzuolo; ma il
lenzuolo era trasparente, e mio malgrado vedevo sempre più da presso
quello spettro infernale. — Curvai la gamba diritta, per esser pronto
in ogni caso a spingerlo lontano; e quando una punta d'acciaio mi fu
posta al fianco per trapanarlo, e una fredda mano toccò la mia, emisi
un ruggito, e scagliando un colpo di piede contro a quella vanità che
mi parea persona, mi svegliai coperto d'un gelido sudore. Ma la gamba
invece aveva colpito sì fortemente l'orlo dell'_angarèb_, che subito la
credetti fratturata.

— Od Dio! gridò allora il mio compagno, don Giovanni! don Giovanni!!
don Giovanni!!!

— Nulla, nulla, io risposi; ho sognato; e gli raccontai il sogno.

Per quindici giorni dovetti poi curare la mia povera gamba, che
fortunatamente non aveva sofferto che una grave contusione.



X.

  La stazione di Santa-Croce — La caccia — Il barone De-Harnier
  vittima di un bufalo selvatico — Le tribù _Dénka_ della vallata
  superiore del Nilo, e i loro costumi.


La stazione di Santa-Croce nella tribù dei _Kìc_, sebbene fosse luogo
assai inopportuno per fondarvi una Missione, attese le qualità malsane
del suo clima, pure venne scelta da noi missionari italiani come centro
provvisorio delle nostre investigazioni:

1.º Perchè in quella Stazione più che in altro luogo ci sarebbe stato
reso facile lo studio della lingua dei _Dénka_.

2.º Perchè colà più che altrove avremmo potuto raccogliere esatte
e sicure relazioni intorno alle tribù che la parlano e alla loro
posizione geografica, intorno al clima, ed ai costumi degli abitanti.

3.º Perchè in quella Stazione potevamo esercitar subito il nostro
ministero coadiuvando, secondo le nostre deboli forze, i missionari
tedeschi, che da qualche tempo vi si erano stabiliti.

Di fatto si trovavano in Santa-Croce alcuni giovinetti e giovinette che
parlavano la lingua _dénka_, i quali erano stati accolti dalla Missione
dopo che il vicerè d'Egitto _Seìd-Pascià_ aveva proibito il commercio
degli schiavi. Alcuni mercanti che si trovavano allora sul fiume
_Bianco_, vedendo che tornando a _Chartùm_ con una tal merce sarebbero
andati incontro a gravi dispiaceri, cedettero questi loro schiavi alla
Missione, presso la quale impararono la lingua araba.

Or questi giovinetti mi tornarono di un grande aiuto nello studio della
lingua dei _Dénka_; ma specialmente mi giovò il negretto _Kaciuòl_, che
mostrava maggiore intelligenza degli altri, e più tardi il mio vecchio
e buon turcimanno _Cher-Allàh_.

Conversando spesso coi Negri, io ho potuto osservare che le donne
mostrano d'avere più intelligenza degli uomini, ed i giovinetti più
degli adulti.

Ora, col mezzo dei giovinetti della Missione, io potei anche registrare
con precisione le tribù che parlano il _dénka_ nella vallata superiore
del fiume _Bianco_, e notarne i costumi, perchè essi appartenevano o
all'una o all'altra di quelle tribù.

Finalmente nella stazione di Santa-Croce noi fummo occupati ogni giorno
nell'istruire i giovinetti e le giovinette, dei quali quattro furono i
battezzati, oltre ad un bambino appena nato, la cui madre mi chiamò a
visitarlo perchè era morente. Io lo battezzai e poco dopo spirò.


La caccia nel paese dei Negri _dénka_ è una delle distrazioni più
dilettevoli che l'Europeo possa desiderare. — Questa è una guerra che
l'uomo fece, quasi sempre vincendo, agli animali per difendersi dalla
loro rabbia, per cibarsi delle loro carni, o per coprirsi delle loro
spoglie. Io, a dir vero, mi dilettavo solo di quest'arte per avere di
che nutrir me e i miei compagni, ch'erano ammalati, e me ne andavo ogni
altro dì, due o tre ore avanti sera, accompagnato il più delle volte
da alcuni Negri, che mi facevano da cani da caccia, ed entravano poi a
parte della mia preda. Mai, ch'io mi sia tornato a casa a mani vuote.

La selvaggina è frequentissima in queste regioni. Vi si trovano
tortorelle, francolini, galline faraone, anitre, oche selvatiche ecc.
ecc. in una quantità così sterminata, che senza il merito d'essere
valenti nell'arte del cacciare, si possono uccidere in un'ora dalle
dodici alle quindici tortorelle, o dai quattro ai cinque francolini, o
dalle sei alle sette galline faraone, o dalle tre alle quattro anitre,
od almeno due oche selvatiche, a scelta del cacciatore; e ciò dico per
esperienza. Quanto poi a' piccoli augelli, questi si levano a nuvole
sotto gli occhi sì che si possono colpire colla clava. Mi ricordo
d'averne uccisi con un sol tiro di fucile, caricato appositamente, dai
settanta agli ottanta, senza contar quelli che si saranno perduti in
mezzo all'erbe.

L'Europeo che si trova in queste regioni si crede come trasportato ad
un'età in cui l'umana specie, per così dire nascente, vedesi circondata
da ogni parte, e quasi assediata da una moltitudine innumerevole di
forze incognite, nemiche, orride e terribili. La superficie della
terra è qui ancora come una vasta arena, dove l'uomo è in mezzo ai
muggiti, ai rugghi, agli urli, ai sibili, ai fremiti d'ogni sorta di
animali. Egli non potrebbe uscire di notte dalla propria abitazione
senza affrontare da vicino la morte. A lui s'avventerebbero sitibondi
di sangue i leoni, le tigri, i leopardi, le pantere, e tacitamente
strisciando lo minaccerebbero del loro veleno gli insidiosi serpenti.
E veramente fa meraviglia che i Negri _dénka_, in un paese dove una
natura così feconda produce e porge asilo a mostri cotanto formidabili,
non dispieghino una maggiore potenza contro di essi. È vero che i
_Dénka_ danno la caccia all'ippopotamo, all'elefante, al coccodrillo;
ma non osano sfidare gli animali feroci della foresta.

E sì che l'uomo, munito d'intelligenza e di non so quale istinto
che genera in lui l'amore della gloria, l'entusiasmo dell'eroismo
e del sacrifizio, ha assalito coraggiosamente altra volta le tigri,
i leoni, i leopardi e le pantere, che dovettero mordere la polvere
dinanzi a lui e rintanarsi dentro inacessibili nascondigli. Così è,
tra le mani dell'uomo, in apparenza sì delicate e impotenti, tutto s'è
trasformato come per incanto, tutto s'è accomodato a' suoi bisogni, ed
ha obbedito a' suoi desideri. Il legno, il ferro, la pietra, l'aria,
l'acqua, il fuoco, tutto insomma è diventato arma irresistibile o
insidia inevitabile. E la terra ha riconosciuto l'uomo per suo re, e
gli animali bruti lo temono come un Dio. Ciò avvenne in Europa, ove nei
tempi più remoti la caccia fu uno dei primi doveri d'ogni uomo sano e
forte; e perciò i grandi cacciatori furono per lunga pezza gli eroi più
onorati, i semidei per eccellenza. Che se parliamo dell'Oriente, chi
non sa che l'uomo vi spiegò più che altrove la sua potenza contro gli
animali feroci?

I poemi indiani sono ricchi di descrizioni di caccie, fatte in un
linguaggio che non teme il confronto della poesia europea; e io credo
di far cosa grata al lettore ponendogli qui sott'occhio il presente
estratto del Mahabharata.

«Il giovine re, dotato di coraggio eroico, destro del pari e nel
cavalcare un destriero focoso, e nel domare un elefante furibondo,
sempre vincitore, o ch'egli adoperasse la lancia o la mazza, o che
maneggiasse la scimitarra o l'arco, simile di maestà al capo degli
Immortali, di splendore al Dio potente della luce, era l'amore e
l'ammirazione del popolo. Un giorno accompagnato da immenso esercito
composto di fanti, di cavalli, di elefanti e di carri, volle recarsi
a una vasta e densa foresta per darsi ai piaceri della caccia. Mentre
avanzavasi in mezzo alle acclamazioni de' guerrieri, agli acuti
suoni della conca e della tromba confusi col rumore de' carri, col
nitrire de' cavalli, e coi gridi selvaggi degli elefanti, una folla
di donne desiose di vedere il giovine eroe in tutta la pompa della
sua grandezza, si precipita sui terrazzi delle case presso cui dee
passare: — Ecco l'intrepido Vasù, gridano trasportate dalla gioia: è
desso! è desso! — Indra, armato de' suoi folgori, s'avanzerebbe con
meno splendore! e mille mani leggiadre gli gettavano a gara nembi di
fiori sul capo, mentre virtuosi bramini tendendo le braccia al cielo
pregavano al monarca i favori di Brahma. — Numeroso corteggio di
cittadini d'ogni condizione segue vogliosamente insino alla foresta
il diletto sovrano, che portato da un cocchio rapido quanto è nel suo
volo Superna, la celeste cavalcatura di Vishnù, s'inselvò ben tosto
in recessi impenetrabili alla luce, dove tutto inspirava un terror
sacro, soggiorno squallido abbandonato dall'uomo, nè da altri abitato
che dal selvaggio elefante, dalla tigre e da altre bestie feroci,
che incessantemente contristavano le aure coi loro tremendi ruggiti.
Snidati dalle loro tane s'avventano essi rabbiosi sui cacciatori
accaloriti nell'inseguirli; e a questi è mestieri di tutta la loro
destrezza e vigoria per farsi padroni di una sì terribile preda.
Dusmanta è primo a porgere esempio d'intrepidezza e d'audacia, e tigri
furibonde cadono atterrate dalla sua mazza, o ferite dalle sue frecce.
Da tutte le parti sbucano leoni ed elefanti, e coperti di schiuma e
di sudore si recano a torme presso le acque per ispegnervi il fuoco
che li divora; ma i più cadono rifiniti sulle rive degli stagni, e
muoiono mandando orribili ruggiti. Altri, disperati, ricalcano le loro
orme, si avventano furibondi sugli imprudenti nemici, e pestandoli
colle zampe e avvinghiandoli colle enormi proboscidi, ne fanno una
terribile vendetta. Così la foresta poc'anzi tanto romorosa, altro
non presenta oramai che un campo funesto di strage, sacro al silenzio,
ingombro di cadaveri, allagato di sangue, e sparso di tronchi di lance
spezzate, di mazze, di archi, di frecce e di schegge d'armi d'ogni
sorta. Intanto i cacciatori stimolati dal potente bisogno della fame
riducono a pezzi molti cervi ed altri animali selvaggi, che sottrattisi
dal dente micidiale delle fiere, erano caduti anch'essi sotto i loro
colpi; ne arrostiscono le carni sminuzzate sopra una brace ardente,
se ne satollano, e dànnosi per qualche ora al riposo.» (Framm. del
Mahabharata, trad. in francese da Chezy).

Povero _Sudàn_! poveri _Dénka_! quanto siete lontani dall'imitare
un simile eroismo di quasi quattro mille anni sono, e dall'aver
trasformate le vostre foreste in sacri campi di silenzio e di gloriose
memorie!... Presso voi gli animali bruti delle boscaglie ne sono ancora
gli assoluti padroni!

Qualche Europeo appassionato per la caccia osò talvolta di penetrare
là dove soggiorna più frequente il selvaggio elefante o il bufalo, e
d'inseguirli con un'audacia più unica che rara.


Tra i più arditi cacciatori dell'elefante, ch'io conobbi fra i _Dénka_,
furono certo i fratelli Poncets; ed uno fra i più audaci cacciatori del
bufalo credo sia stato il barone De-Harnier, che perì vittima di questo
feroce animale.

Ecco quanto scrive in proposito M. Jules Poncet[31].

«Ayant dit quelques mots en passant de ce kharif (époque des pluies)
que nous passâmes a Sainte-Croix, je raconterai aussi une catastrophe
arrivée sous nos yeux dans cette même saison. Il s'agit de la mort
accidentelle de M. le baron De-Harnier qui, à l'arrivée des pluies,
avait renvoyé sa barque à Khartoùm et s'était établi chez les Chir
pour se livrer au plaisir de la chasse. Vers le 5 août, ce pauvre
baron nous fit parvenir à Sainte-Croix une lettre écrite du pays des
Chir, dans laquelle il nous priait de lui envoyer une barque pour
le chercher, qu'il s'ennuyait beaucoup, surtout depuis qu'il avait
perdu son compagnon, M. Wilkin, et son domestique Gaspard. Nous fîmes
immédiatement venir de notre établissement de Mongok des hommes pour
accompagner la barque qui partit de suite et revint vingt-cinq jours
après avec le baron et tous ses effets, car, par hasard, les vents
du nord soufflèrent favorablement. Il s'établit à la mission et
nous passâmes ensemble deux mois et plus, pendant lesquels le baron
De-Harnier chassait et s'occupait d'histoire naturelle.

«Son animal de prédilection pour la chasse était le buffle. Il en avait
déjà tué vingt-sept. Le samedi, 23 novembre 1861, jour fatal, il se
leva de bonne heure, sans même donner le moindre soin a sa toilette,
prit son fusil, et étant accompagné de ses deux domestiques habituels,
il entra dans la forêt avec l'intention de revenir une demi-heure
après. Il revint en effet, mais rapporté mort et défiguré sur un
angrèb. Ayant vu de très-près un buffle, il fit feu sur lui; mais ne
l'ayant pas tué, il s'empara de la carabine de l'un de ses domestiques
avec laquelle il tira un second coup sur ce buffle qui cependant ne
tomba pas; mais qui, furieux de sa blessure, lança un coup de corne
dans le côté du domestique, qui cependant avait eu la présence d'esprit
de se coucher par terre. Croyant pouvoir sauver ce dernier du danger
qu'il courait, le baron s'arme de la carabine de son autre domestique
qui s'était lâchement enfui, puis, au moment où il se dispose à tirer
son troisième coup, le buffle qui l'avait aperçu s'élance en fureur
sur lui, et le perce de plusieurs coups de ses cornes, à la tête, à
la poitrine et aux cuisses. Nous le trouvâmes ainsi abîmé et roulé
aux pieds de quelques arbustes, noyé dans son sang. Quel spectacle
affreux! Nous en frisonnâmes d'épouvante et nos coeurs se brisèrent
de douleur en songeant aux souffrances que notre infortuné compagnon
avait dû éprouver. Nous remarquions, l'espace de quinze et vingt pas,
des lambeaux de ses vêtements, des boutons de son paletot épars ça et
là. Son anneau fut retrouvé a 10 pas de son cadavre. Le buffle avait
disparu, mais il fut retrouvé mort deux jours après dans les environs.
Sa tête fut envoyée au frère du malheureux chasseur.»

Il bufalo non assalta sempre; ve ne son di vigliacchi, che feriti vanno
incontro al cacciatore, ma s'arrestano a mezza via, e dopo un istante
di esitazione, fuggono impauriti. — Altri invece dopo il primo assalto,
non assaltan più. — Altri d'indole mite e benigna, ricevuta una palla,
dànno indietro, scrollano la testa, e poi si voltano tutt'a un tratto
a guardare con aria attonita l'assalitore, come se volessero dimandare:
— Che vuoi da me? Che t'ho fatto? Perchè cerchi di uccidermi? — Alcuni
però si mettono a correre e a saltare qua e là, irrigando il terreno di
sangue, mandando altissimi muggiti, divincolandosi e scontorcendosi in
mille modi. Vi sono de' bufali indomabili, che non vogliono chinar la
testa se non traendo l'ultimo respiro; bufali che, versando ruscelli
di sangue per la bocca, continuano a minacciare e a colpire colle
corna gli assalitori; bufali che, trafitti da quattro o cinque palle,
alzano ancora il collo con un movimento superbo che fa retrocedere
atterriti i persecutori; bufali che hanno un'agonia più spaventevole
della loro prima furia, che calpestano la loro vittima e la straziano
rabbiosamente, correndole poi intorno colla testa alta; e guardando
qua e là con una cert'aria di sfida, cadono finalmente, si rialzano,
barcollano un pezzo prima di ricadere, e barcollando s'allontanano a
lento passo dal luogo dove furono colpiti, per andar a morire in pace
sotto una pianta.


Il territorio ove si trovano le tribù _Dénka_ della vallata superiore
del fiume _Bianco_ è situato fra il 9º e il 6º grado di latitudine
nord, e la sua maggiore lunghezza è dai cinque ai sei gradi, tra il
fiume _Sóbat_, e il _Bàhr-el-G¨azàl_. Giudicando da ciò che osservai
io stesso, e da quanto me ne dissero i giovinetti della Missione
appartenenti a tribù diverse, gli abitanti ammonterebbero a circa
quattrocento mila: dappoichè non meno di venti sono le tribù; ogni
tribù ha intorno a quaranta _zerìbeh_; ed ogni _zerìbah_ comprende, a
un di presso, cinquecento persone.

I _Dénka_, oltrechè presentare i caratteri comuni alla razza negra, ne
offrono di così spiccati, che te li fanno immediatamente riconoscere
in mezzo alle folle di Negri più numerose. Gli occhi, di rimarchevole
grandezza, sono leggermente rilevati all'angolo esterno, il cranio è
piccolo e notevolmente schiacciato alle tempie, la pelle è liscia e
delicata, il corpo magro assai e rilassato; la statura media eccede
quella degli Europei, il busto, paragonato all'altezza delle gambe, è
piuttosto corto, e dà ai movimenti un'impronta particolare; pochissima
è la loro agilità, se la confrontiamo con quella di altri Negri.

I _Dénka_ di alcune tribù, arrivati all'età di circa dieci anni, si
fanno cavare i sei denti di mezzo della mascella inferiore, perchè i
loro antenati han sempre usato di fare così, nè sanno addurre altre
ragioni.

Nessuno veste fra gli uomini, e fra le donne soltanto le maritate
cingono alle reni due pelli di capra o di montone, e così pure le
ragazze, dopo i dieci o dodici anni, allorquando s'allontanano dalle
proprie abitazioni.

Le minuterie di vetro non sono molto in pregio presso i _Dénka_. I
grani di vetro azzurro, chiamati mangiùr sul mercato di _Chartùm_,
ed altri granellini bianchi detti _gnaotèt_, sono i soli dei quali
s'adornano, le donne specialmente.

Le principali armi fra i _Dénka_ sono la lancia e il bastone o la
clava; le frecce e l'arco non sono usati che da qualche tribù.

Io vidi più d'una volta questi Negri giocare di scherma colla lancia, o
col bastone; ma mi fecero sempre ridere. Non posso dire la stravaganza
e la goffaggine dei loro tiri. Erano mosse da funamboli, salti senza
scopo, contorsioni e sgambettate, e colpi annunziati molto prima con un
gran giro del braccio; flemma beata, che avrebbe dato modo a un bravo
de' nostri tiratori di adossare a que' _Dénka_ un prodigioso carico
di legnate, o di crivellare il loro corpo di ferite, senza il menomo
pericolo di rimanere offeso. E intanto molti altri Negri eran là a
contemplare i combattenti, a bocca aperta, volgendosi a me di tratto in
tratto per cercare ne' miei occhi l'espressione della meraviglia; e io
li contentavo fingendo un'ammirazione benevola.

Questi Negri ordinariamente non si cibano che una volta al giorno,
verso il calar del sole. Il nutrimento principale è il latte e il
_dùrah_, se ne hanno, ch'essi mangiano in grani cotti nell'acqua.
A tanta frugalità suppliscono alcune radici, erbe e frutti, che le
donne raccolgono nelle boscaglie e presso al fiume e ai torrenti. La
carne per essi è un cibo de' più favoriti; ma non ne mangiano che rare
volte, o quando l'animale muore da sè, o nelle feste dei matrimoni, o
nell'occasione dei sacrifici, ch'essi fanno sempre al Genio malo per
placarlo nelle loro avversità. Pel tabacco poi, che usano masticar per
diletto, lasciano volentieri il cibo più squisito.

Non hanno fra loro alcun governo che li regoli; professano tuttavia
grande rispetto alle persone che posseggono molto bestiame, e nei
litigi s'acquetano facilmente alle loro decisioni. Tali persone vengono
onorate col nome di _Bègñ-did_ (Grandi-signori).

Quanto agli usi praticati da questi _Dénka_ nel caso di gravi malattie
o morti, e nei matrimoni; e quali idee abbiano di Dio, della creazione
e di una vita futura, vegga il lettore: _Il Sènnaar e lo Sciangàllah_,
mie memorie, vol. I, pag. 229-243.

La coltivazione presso tutti i _Dénka_ che abitano le rive del fiume
_Bianco_, tra il 6º e l'8º lat. N., è quasi totalmente trascurata. Essi
piantano, durante la stagion delle piogge, un po' di grano di _dùrah_
presso le loro stabili dimore discoste dal fiume, ove minore è la
quantità degli insetti, ma senza punto lavorare il terreno, che atto
sarebbe ad abbondanti produzioni.

Qui sono le donne che debbono pensare al mantenimento della famiglia e
alla costruzione delle capanne. Gli uomini, se sono mandriani, tutt'al
più portano a casa alcuni frutti, che raccolgono nella boscaglia, e di
tanto in tanto qualche gallina faraona o francolino, che hanno la sorte
di uccidere col bastone; e se son pescatori procurano che alla famiglia
non manchi mai il pesce; e qualche rara volta vanno a casa con un bel
pezzo di coccodrillo o d'ippopotamo.

I _Dénka_ della vallata superiore del fiume _Bianco_ non hanno
bestiame minuto, o poco assai; ma posseggono grosse mandre di bovi, per
allevar le quali si dànno molto pensiero, mentre qui è riposta la loro
grandezza.

Fra questi Negri, i _Tuìc_ e i _Kìc_ sono i più miserabili, perchè sono
i più pigri e i più indolenti fra tutti i _Dénka_ del sud; e sì che
le loro terre non sono punto ingrate. Essi per due terzi dell'anno si
nutrono dei frutti della foresta. I mesi di luglio, agosto, settembre,
ottobre, novembre e dicembre sono per essi i più bei mesi, poichè
questa è l'epoca della maturazione dei frutti. Una sorta di vite
selvatica, molto simile alla lambrusca, porge i suoi frutti nel luglio,
ma l'uve sono un po' asprigne e spiacevoli. In questo mese l'_avàlval_,
specie d'arbusto, dà pure i suoi frutti che sono piccole bacche nere,
simili per la forma a quelle del ginepro, ma sono piene di sugo e dolci
assai. Nel dicembre le donne raccolgono dal limo delle paludi e degli
stagni il così detto _alób_, il cui frutto somiglia molto a quello del
melagrano; ha forma quasi rotonda, e racchiude in sè un gran numero
di granellini, che si trovano in cellulette formate da una pellicola
biancastra, il cui sapore è un po' amaro; lo stelo della pianta _alób_
è tutto nell'acqua, su cui si distendono quattro o cinque larghe
foglie, in mezzo alle quali sorge un bel fiore bianco, che veduto in
distanza ricorda il tulipano. Quando l'_alób_ sia bene disseccato al
sole, se ne estraggono facilmente i granellini, che vengono poi ridotti
in farina, la quale serve di nutrimento alle tribù _Dénka_ nei mesi di
febbraio, marzo, aprile, maggio e giugno, che sono i mesi di fame. I
poveri pescatori allora dopo d'aver pescato inutilmente per tutto il
giorno, passano gran parte della notte nella palude, con delle fiaccole
in mano, dando la caccia ai ranocchi e ad altri animali.

I mandriani si nutrono invece di radici, e dello scarso latte delle
loro vacche.

Durante la stagione asciutta, molti dei _Kìc_ del nord mandano a
pascere i loro bestiami sulla riva destra del fiume, e perciò sono
quasi sempre in guerra coi _Tuìc_; e i _Kìc_ del sud per motivo pure
dei pascoli si trovano in continue dispute cogli _Eliàb_ del nord: e
così dicasi delle altre tribù. Io fui spesse volte testimonio delle
loro querele, e riuscii qualche volta a pacificarli, donando alcune
perline di vetro e qualche anello di rame ai Capi dell'una e dell'altra
parte.

I _Ròl_, posti ad ovest, nord-ovest dei _Kìc_, secondo le relazioni
dateci dai mercanti in avorio che li visitarono, sono i più simpatici
e i più intelligenti fra tutti i _Dénka_ della vallata superiore del
fiume _Bianco_.

I _Ròl_ furono i primi, fra i Negri _dénka_ dell'interno, che accolsero
con piacere nel loro paese i Bianchi, i quali vi si recarono per
comprarvi avorio, e per dar la caccia agli elefanti.

La tribù dei _Ròl_, come tutte quelle dell'interno, meno pigra delle
tribù _Dénka_ lungo le rive del fiume _Bianco_, è ricca di grano e di
miele, di cui fa anche commercio; e stretta in alleanza colle tribù
vicine essa vive sempre in pace.

_Fatìl_ è luogo santo in questa tribù, presso il quale i fratelli
Poncets, mercanti d'avorio, ebbero per alcuni anni un loro
stabilimento. Ecco quanto scrive in proposito Jules Poncet:

«En ce lieu, et à cinq pas de notre enceinte sur le bord d'une rivière,
il existe une grande hutte où est enterré un kodjour de qui est née
une jeune fille ventriloque, qui est parvenue à se faire une immense
fortune. Elle est respectée, si non aimée, de tout le monde. Elle
venait chaque matin sur la tombe de son père, entourée de plusieurs
hommes et femmes. Elle frottait avec ses mains la terre, en demandant
au mort, d'une voix naturelle, si l'on devait ou non faire telle
chose. Elle répondait alors du ventre oui au non, même en discours
très-prolongés. Nos domestiques n'ayant jamais rien compris à cette
pratique de jongleur en éprouvèrent toujours des sentiments de crainte.
Les Nègres, qui sont plus simples encore, croient réellement entendre
la voix du père, sortant de dessous terre, et ils en sont dans la plus
grande admiration. Aussi ces ordres souterrains sont-ils immédiatement
exécutés.

Cette demoiselle qui est jeune, coquette et trèsjolie, fait souvent
dire par son père qu'un tel ou une telle doit lui donner tant de
vaches, tant de chèvres ou autres choses de son goût, en sorte que par
cette jonglerie elle a tout ce qu'elle désire.»


Tutti i _Dénka_ ch'io visitai lungo le rive del fiume _Bianco_ sono
fumatori appassionati, e tuttavia non coltivano la pianta della
_Nicotiana tabacum_ che in pochissima quantità, la quale non basta per
tutto l'anno a soddisfare il loro appetito; e finito il tabacco empiono
le grandi loro pipe d'una certa erba secca e di carboni d'un legno
aromatico, che riaccesi danno con quell'erba un fumo, che non è affatto
spiacevole.

A proposito, mi ricordo che una notte, verso la mezzanotte, da un
momento all'altro, sentii dalla mia capanna i vagiti angosciosi d'una
bambina di otto o dieci mesi, a cui era morta la madre nel darla alla
luce. Il padre era un miserabile pescatore, che abitava vicino alle
capanne della Missione, e non aveva che quest'unica figlia, che amava
teneramente. Essa era custodita fra il giorno e nutrita or dall'una e
or dall'altra delle donne di poveri pescatori che dimoravano a qualche
distanza lungo il fiume; ma la notte la si lasciava dormire nel casotto
del padre, adagiata in una pelle di capra, e sospesa per mezzo di due
corde al tetto di quell'abituro. Il padre soleva la notte andarsene
alla caccia dei ranocchi e di altri animali, poichè eravamo nella
stagione, in cui mancava il pesce. Prima di partire però, anche questa
volta prese seco la indispensabile pipa, ne accese i carboni, diede una
occhiata all'innocente sua creaturina che dormiva placidamente, distese
sopra il suo corpicciuolo un po' d'erba secca perchè l'aria della notte
non le facesse male, l'accarezzò.... e partì; ma non si avvide che
un carbone acceso della sua pipa era caduto sull'erba che copriva il
petto della bambina; e di lì a poco quel carbone bruciava le carni di
quell'infelice. Ecco il motivo de' vagiti angosciosi, che mi laceravano
il cuore. Io pensai tosto che il padre non dovesse trovarsi presente,
ed accorsi là frettoloso imaginandomi che qualche cosa di straordinario
fosse accaduta a quella bimba, che non aveva sentito mai a piangere;
tanto era buona! — La presi in braccio; ella mi si strinse al collo,
e s'acquetò subito: le feci qualche carezza, la portai nella mia
capanna, la posai sul letto, ed accesi il lume. Poverina! — io sclamai
— che piaga! — l'esaminai attentamente, la medicai meglio che ho
potuto, la fasciai, e allo spuntar del giorno, tornato il padre dalla
caccia, gliela consegnai assicurandolo che in pochi dì ella sarebbe
perfettamente guarita. — Questa fu la prima volta ch'io vidi piangere
di tenerezza un Negro adulto.


Nel paese dei _Dénka_ dopo l'8º grado di lat. N. non s'incontra nessuna
città, nessuna borgata propriamente detta, ma soltanto gruppi di
capanne e piccoli casolari di tre o quattro famiglie, sparsi qua e là
presso qualche campo coltivato nella stagione delle piogge.

Le capanne hanno una forma cilindro-conica e si elevano sopra una base
d'argilla battuta; somigliano assai a quelle dei _Scìluk_; il tetto
però è meno acuminato e sporge dal cilindro che lo sostiene circa un
piede.

La suppellettile di una capanna non può essere più semplice; una o due
pelli di bue che coprono il suolo, e sulle quali si sdraia e riposa o
dorme tutta la famiglia; due o tre vasi di terra cotta da conservarvi
l'acqua, il latte ed altro; tre o quattro scodelle ed altrettante
coppe; qualche pelle di capra o di montone; una specie di mortaio
per triturarvi l'_alób_; qualche bastone d'ebano; una o due spazzole
di giunco che servono a tener pulita la capanna; alcune lance ed
altrettanti scudi, secondo il numero degli adulti che si trovano nella
famiglia; e in qualche capanna un tamburone (_lén-did_); ecco tutto.
Le frecce, il turcasso e l'arco non sono usati che presso le tribù
dell'interno.

L'abitazione dei Capi (_Bègñ-did_) non si distingue da quella del resto
degli abitanti se non per il numero e per l'ampiezza delle capanne che
la compongono.

Essi non esercitano alcun diritto sui Negri della loro tribù, e
sdegnano ogni pompa esterna, contenti del numeroso bestiame che
posseggono; nè per ciò meno grande è la loro autorità, mentre nessuno
della tribù oserebbe, senza il permesso del proprio Capo, mettersi in
lotta con un vicino, accettare una tregua, o deporre le armi.

Sicuri del loro prestigio questi Capi non hanno altro segno della loro
dignità, che l'alterezza dell'atteggiamento; e ve n'ha che per maestà
di aspetto, nobiltà di portamento e di gesto, potrebbero rivaleggiare
con qualcheduno de' nostri potentati. Io solevo riceverli nella mia
capanna con quel rispetto col quale avrei accolto uno de' nostri
principi d'Europa, se avesse avuto il coraggio di venire a visitarmi.
Facevo distendere il più bel tappeto per terra, e gli invitavo a
sedersi; ordinavo fosse loro portato il _scìbuk_, e poi qualche bibita
dolce ch'essi gustavano assai. E bisognava vedere quanto aggradivano
tali attenzioni, e qual piacere mostravano d'avermi ospite nel loro
paese.

Nella capanna di ogni Gran-capo è un enorme tamburo analogo ai nostri
timballi, che gli Arabi chiamano _noggàra_, fatto con un tronco
d'albero. I lati della cassa sono di diverso spessore, di maniera che
lo strumento, quand'è percosso, rende due suoni affatto distinti; e
secondo il modo con cui viene battuto, questo tamburo dà tre differenti
segnali: uno per la guerra, un altro per la caccia, il terzo per
riunire a festa; e centinaia d'uomini si adunano con incredibile
rapidità.



XI.

  Forme di saluto presso i _Dénka_ — Matrimoni — Religione — Buffoni
  — Dialogo sulla schiavitù e sul diritto di punizione — Partenza
  da Santa-Croce verso _Chartùm_; stato della Missione; morte del
  missionario Angelo Melotto; ritorno a Santa-Croce.


Le forme di saluto presso i _Dénka_ sono, per così dire, stereotipate,
invariabili. Ecco qui le loro frasi di complimento allorquando
s'incontrano due uomini per via:

— _Màde_ (_màdó_), ti saluto.

Questa parola deriva, senza dubbio, dalla voce màd — amico mio,
compagno mio, e viene ripetuta più volte alternativamente dai
salutanti.

— _Jín a-ci-nín; ci-nín; ci-nín?_ Hai tu dormito? hai dormito? hai
dormito?

Con questa frase i _Dénka_ vogliono significare: stai bene? ed essa
viene ridetta tre volte contemporaneamente, nell'atto che l'uno dei
salutanti batte la palma della propria mano su quella dell'altro.

— _Jín a-bo-tenò?_ Donde vieni?

— _G¨in a-bo e-pan...._ Io vengo dal paese....

— _Kòg e-pan-tuí a-nin?_ La gente di quel paese dorme?

— _Jéne, a-nin._ Sì, dorme.

— _Dè tòn ci'vtìg e tù-tuí?_ V'ha novella (guerra) uscita di là?

— _A-cin-tòn._ Non v'ha novella (guerra).

— _Ur ko mor ko tind-du ko mìvt-ku ko mèd-ku a-nin?_ Tuo padre e tua
madre e la tua donna e i tuoi figliuoli e i tuoi amici dormono?

— _Jéne, a-nin._ Sì, dormono.

— _Tig-è kòu._ Voltami (mostrami) il tergo.

Con quest'ultima frase i _Dénka_ intendono di lasciar partire l'amico
in pace, e ne esprimono il senso anche col movimento della mano.

E finalmente dicono:

— _Lor à-puat, ko jín a-cin ke bi-jók e-kuér-ig._

— Va col bene, e che tu non cosa incontri per via.

Le donne, le cui abitudini sono riservatissime, non dànno nè ricevono
saluti se non dalle loro antiche conoscenze.


Il matrimonio dipende affatto dalla sostanza del pretendente; e il
padre della ragazza richiesta in isposa la contratta con lui.

I vincoli del matrimonio sono sacri fra i _Dénka_, non ostante
la poligamìa, la quale viene praticata da coloro che hanno mezzi
sufficienti per mantenere più d'una donna. Ogni infedeltà è punita
severamente tanto nell'uomo quanto nella donna.

I figliuoli sono considerati come la prova più evidente
dell'attaccamento che unisce gli sposi, come il suggello dell'affetto
conjugale: e la madre di numerosa prole ha diritto ad onori, che non le
vengono mai contrastati.

Fra la tribù dei _Kìc_ io conobbi un povero pescatore, monogamo,
di nome _Auán-did_ (gran-volpe), il quale aveva otto figliuoli; e
fui assicurato che nessun poligamo n'ebbe mai tanti. In somma dalle
osservazioni ch'io ho potuto fare, i monogami dànno in media più figli
dei poligami. Osservai pure che nelle tribù lungo il fiume _Bianco_ la
popolazione va scemando, al che concorre certo anche l'infame commercio
di carne umana.

Le feste in occasione di nozze si riducono a poca cosa.

La fanciulla viene semplicemente condotta alla sua nuova dimora dai
parenti più stretti, seguiti da un corteggio più o meno numeroso
d'invitati. Giunti alla capanna dello sposo, se questi possiede grosso
bestiame, scannasi un bue, e se ne leva la pelle; le carni tagliate a
grandi pezzi s'arrostiscono sulla viva brace, ed ivi si mangiano dai
due sessi, benchè abitualmente le donne non mangino che nelle loro
capanne.

Che se il fidanzato è un povero pescatore, il convito nuziale si limita
a un po' di pesce.

Qualche volta però, se è lo sposalizio solenne di un Capo, trovasi
legato presso la sua capanna un montone (_gñón amàl_) inghirlandato
d'erbe e di fiori, sul quale monta a cavallo prima la sposa e poi lo
sposo, quindi ad uno ad uno tutti quelli della comitiva; e finalmente
lo _Tièt_ (sacerdote e medico), tenendo in corda il montone, lo fa
girare più volte intorno alla capanna dello sposo, e poi lo lascia
andar nella foresta per esservi divorato la notte dalle bestie feroci;
e tutto questo perchè il Genio malo tenga lontano ogni disgrazia dalla
novella famiglia.

I doveri della donna fatta sposa consistono principalmente nel
coltivare il terreno che circonda la capanna, provvedere, occorrendo, e
preparare i pasti cotidiani, ungere il corpo del marito, e raddolcirgli
le amarezze della vita co' suoi canti e colle sue smorfie.

Il canto fra i _Dénka_ è assai monotono, e la voce de' cantori e delle
cantatrici piagnolosa, per non dire gemebonda, e d'un suono decisamente
nasale.

Tutte le tribù _dénka_ ch'io ho visitato amano la danza, ma non così
come i popoli della montagna.

Esse non hanno alcun amore per le arti, mentre questo è istintivo in
altre tribù poste più al sud.

Nessuno fra i _Dénka_ può dirsi che abbia un vero concetto religioso:
nondimeno essi hanno nella loro lingua non una, ma due parole per
indicare l'Essere Supremo, cioè _Dèn-did_ — pioggia-grande o _Ġáran_.
Inoltre essi usano in modo costante, per designare l'atto d'adorazione
dai Missionari praticato, la voce _a-ciòr_; ed hanno i verbi _ciòr_
e _làm_, che esprimono pregare Iddio; mentre il verbo _vtiég_
significa pregare gli uomini. Di più, nel mio lavoro, il _Sènnaar e lo
Sciangàllah_, ho detto quale idea essi abbiano di Dio, della creazione
e di una vita futura. (Vedi vol. I, pag. 240-242). E qui faccio pure
osservare che del verbo _to_-essere, usato nel tempo passato colla
forma _Tòu_, i _Dénka_, parlando di Dio, esprimono sempre la forma
presente, ancorchè vogliano significare un'esistenza relativamente
a noi passata; per es: Dio è sempre stato e sempre sarà, traducono
— _Dèn-did a-to tin akorièg ko a-to tin akoriég_ — Dio è sempre ed è
sempre. Abbiamo anche veduto con quali frasi tutte le tribù _dénka_,
le quali abitano lungo il fiume _Bianco_ dal 6º al 12º grado lat.
N., chiamino le stagioni, in cui l'anno è diviso, e qual profondo
significato esse racchiudano. Aggiungo ancora che la lingua dei _Dénka_
ha locuzioni per formare le idee astratte[32].

Dalle quali cose io deduco che se l'intelligenza dei Negri _dénka_ è
ora evidentemente inferiore a quella dei Bianchi, tale inferiorità non
è necessaria e senza rimedio, ma è un risultato dell'azione combinata
di molte circostanze le più sfavorevoli allo sviluppo dell'intelligenza
dell'uomo; ed io credo che l'azione energica di queste circostanze,
prolungata da secoli, abbia potuto alterare presso questi Negri,
come presso altri, un tipo primitivo più nobile, imprimendo sopra la
loro fisonomia, riflesso della loro anima, la prova materiale della
loro morale degradazione. Se io quindi esamino le istituzioni e la
maniera di vivere di questi Negri, sono indotto, confrontandoli agli
antichi Germani, ai Galli, ai Bretoni, che non erano meno barbari, a
conchiudere ch'essi possono essere civilizzati, come lo furono quelli,
nel volgere di alcuni secoli.

Tutti i _Dénka_ ammettono due principii indipendenti; l'uno buono,
ch'essi chiamano _Dèn-did_ (pioggia grande) o _Ġáran_; e l'altro
cattivo, che appellano _Giòn-did_ (angelo grande o gran demonio), e
dicono che da questi due principii emanarono gli spiriti buoni (_giòk
a-puat_) e gli spiriti cattivi (_giòk-à-rag_); credono inoltre che
i loro _Tit_ (sacerdoti) conversino spesso col gran demonio e coi
suoi spiriti subalterni e se la intendano con loro. Siccome poi dal
_Giòn-did_ procede ogni male, così essi procurano di placarlo coi
sacrifici, s'egli è adirato contro gli uomini; nè si prendono alcun
pensiero di pregare _Dèn-did_ o _Ġáran_ perchè li protegga, li difenda
o gli aiuti, mentre Egli è sommamente buono, com'essi dicono, e quindi
non può fare che il bene. La credenza negli spiriti maligni è generale
in tutta l'Africa Interna.

Presso i _Dénka_ la foresta è la dimora di tutti gli spiriti maligni,
che cospirano contro gli uomini; e nello stormir del fogliame par loro
d'intendere misteriosi dialoghi.

«La superstizione, figlia della terra dove si produce, vi germoglia
come i fiori dei campi, ed è intimamente legata al luogo che la vide
nascere. Gli abitanti del nord sotto il loro cielo di piombo popolarono
tutte le caverne, tutte le rovine di spettri irritati e vendicativi.
Qui poi la selva impenetrabile, co' suoi nembi di gufi e di
pipistrelli, è riguardata come l'abitazione dei genii malefici, mentre
gli Orientali, che abitano un paese brullo, esposto a tutto l'ardore
d'un sole fiammeggiante, temono soprattutto il mal occhio.

Il carattere insomma della superstizione dipende dalla natura dei
luoghi, e diventa, a così dire, un problema geografico.»


Come in tutta l'Africa, così fra i _Dénka_ non mancano i buffoni,
che fan professione di provocare altrui al riso con motti, lazzi ed
atti stranissimi. Uno di questi, piccolo e grassoccio, con un naso
singolarissimo che faceva ridere a vederlo, con una pelle ruvida,
agilissimo ne' suoi movimenti, un uomo insomma che nessuno avrebbe
riconosciuto della razza dei _Dénka_, i quali, come già dissi, sono
piuttosto lunghi e magri ed hanno una pelle liscia e delicata,
veniva a visitarmi quasi ogni giorno, e qualche volta, convien
che lo dica, disturbava la mia quiete, mentre più spesso mi faceva
passare la malinconia e mi teneva allegro. Egli faceva dei salti
e delle capriole così agili, da produrre, colle sue quattro membra
volteggianti, l'effetto delle ale d'un mulino a vento. Coperto dai
piedi alla testa di ciocche di foglie e di code di diversi animali,
era così comico da non poter figurarselo. I suoi frizzi e le sue burle
parevano inesauribili: tutto gli era permesso, e bisognava lasciar
fare perchè non facesse di peggio; si avvicinava a me, stendendomi
la mano, e mentre io stavo per prenderla, spiccava un salto indietro
come un daino, balzando lontano. Talora mi faceva capire che aveva
fame, voleva da mangiare, e si doveva accontentarlo; tal'altra si
metteva a cantare, e non la finiva più con quella voce che mi produceva
l'effetto d'un babbuino che grugnisce. — Una mattina, in cui ero molto
occupato nello studio del _dénka_, venne accompagnato da una truppa
di giovinetti e di giovinette, e si pose davanti alla porta della mia
capanna, e dopo alcuni gesti burleschi, intonò la sua voce e prese
la parola. Il discorso fu per me inintelligibile; ei si ripigliava
spesso, soffermandosi a certe frasi per lasciar tempo ai circostanti
d'applaudire; allora da tutte le bocche di que' giovinetti uscivano
degli Ih, ih! e degli _à-puat, à-puat!_ — bene, bene! e il baccano
diveniva infernale. A momenti, come per istimolar gli applausi, il
buffone proferiva un _brrr_ di tal potenza da far vibrare il tetto
della mia capanna, e da costringere a ritirarsi i lucertoloni che
facevan capolino dalle fessure di essa. — Io non ne potevo più, e
li cacciai via tutti colle parole d'uso _tig-kè-kòu_ — voltatemi
(mostratemi) il tergo, esprimendone il senso con un movimento un
po' brusco della mano. Il buffone e i giovanetti s'allontanarono per
poco; ma tosto ritornarono; e il buffone quatto quatto entrò nella
capanna senza aprir bocca, prese un mio farsetto che vide appeso ad
una corda, e nudo com'era, se l'indossò; avvicinatosi poi a me con un
tuono imperioso mi disse: _Tig-è-kòu_ — voltami (mostrami) il tergo,
scimmiottando così quanto io avevo fatto dapprima con lui, e mi cacciò
fuori della capanna. — Addio _dénka_ per quest'oggi! io sclamai, e
con gran soddisfazione de' giovinetti che mi circondavano, non potei
trattenere uno scroscio di risa.

La fede nella potenza del caso o del destino domina fra i _Dénka_ come
presso molte altre tribù dell'Africa. Questi Negri credono che gli
avvenimenti non dipendano dalla loro volontà, ma da una forza occulta
che dirige ogni cosa, e che bisogna rendersi favorevole. Da ciò ne
vengono i sacrifici, che fanno di quando in quando al Genio malo, onde
allontanare i maleficî e gli avversi destini.

Nell'abbrutimento meraviglioso, in cui essi vivono, non hanno tuttavia
smarrita ogni traccia di legge morale. Rispettano soprattutto la
donna e la roba altrui, e i trasgressori vengono puniti severamente.
Io vidi un giovane a cui fu tagliata la mano, perchè aveva rubato
due braccialetti di rame e alcune perline di vetro. E un uomo sui
trent'anni, che osò scherzare licenziosamente con una donna che non gli
apparteneva, fu battuto quasi a morte e poi scacciato dalla tribù.

Durante la mia dimora nella tribù dei _Kìc_, dopo le funzioni del mio
ministero, m'occupavo principalmente nello studio della lingua del
paese, senza la quale è impossibile adempiervi a dovere la propria
missione. Oltre a che mi trovai nella necessità, insieme co' miei
compagni, di esercitare i mestieri del cuciniere, del fornajo, del
cacciatore, del falegname, del lavandajo, del sarto ecc. ecc.

Prima di chiudere questo capitolo voglio trascrivere un dialogo ch'io
tenni con un Negro _dénka_ intorno alla schiavitù ed al diritto di
punizione.

— Senti, io gli chiedevo un giorno, quanti saranno, press'a poco, tra
uomini e donne, quelli che vengono rapiti a questa tua tribù dagli
Arabi, dai mercanti e dai dongolèsi nel corso di un anno?

— Io non saprei dirtelo con precisione, ma certo non meno di quindici
o venti, quasi tutti giovani, poichè si possono vendere a più caro
prezzo.

— Che cosa ne dici della schiavitù?

— Che vuoi che te ne dica... mi pare ch'ella sia un'infamia da parte di
coloro, dai quali viene esercitata.

— E presso voi è praticata la schiavitù?

— No, per noi non sono schiavi che i prigionieri fatti in guerra.

— E questi son forse venduti da voi, o ve ne servite nei vostri bisogni?

— Noi gli scambiamo coi prigionieri nostri fratelli, che si trovano
presso la tribù nemica; e se qualcheduno ci resta, lo vendiamo ai
mercanti o ai turchi.

— E perchè venderlo, se tu mi dicesti pur ora che la schiavitù è
un'infamia da parte di coloro, dai quali viene esercitata?

— Perchè fanno così anche i nostri nemici.

— Ma.... se essi adunque fanno il male, perchè farlo anche voi? Ignori
forse che non è lecito di comperare e di vendere l'uomo, come si
farebbe di qualunque merce?

Il Negro tacque; ed io dico ch'era la prima volta ch'egli udiva parlar
così, poichè m'accorsi che le mie parole fecero una strana impressione
sopra quel cuore selvaggio ed incolto, e nel suo occhio rotondo e
penetrante brillò qualche cosa, che fu tosto seguita da un curioso
sorriso, abituale alla razza dei Negri. Poi egli continuò:

— Ma... non siete voi Bianchi che rubate i Negri, che li mangiate, che
li comperate e li vendete come fossero bovi o denti di elefante?

— Sì, io risposi, così fanno i Turchi e gli Arabi, ma non i Bianchi del
mio paese, i quali in tal caso sarebbero severamente puniti. Davanti
alle nostre leggi la libertà dell'uomo è sacra ed inviolabile; Dio
stesso ci comanda di rispettarla, d'amarci tutti come fratelli e di
non far male a nessuno, nè manco ai nostri nemici, ai quali dobbiamo
perdonare, se vogliamo che Dio perdoni a noi.

— Tutto va bene, egli soggiunse, ma io non comprendo come si debba
perdonare al nemico. Quando potrà egli allora correggersi delle sue
colpe, se nessuno lo punisce? Continuerà a molestarci, e con tanto più
coraggio, quanto meno temerà d'essere punito.

— E a chi spetta tra voi il diritto di punizione?

— Spetta alla persona che rimase offesa.

— E s'ella è impotente a contraccambiare l'offesa ricevuta?

— In tal caso i parenti e gli amici accorrono a vendicarla; e se questi
non bastano, tutta la tribù.

— Dimmi: la misura della punizione da chi viene determinata?

— Dalla consuetudine. Presso noi, per ogni delitto è stabilita la pena
corrispondente.

— Quali sono le pene che ordinariamente vengono inflitte?

— Secondo le circostanze.... il taglio di un dito o delle dita della
mano o del piede, il ferro rovente sulla viva carne, e qualche volta
l'esilio, e tal'altra la morte; vi sono poi le multe, a cui vengono
condannati i delinquenti.

— Le stesse pene sono forse applicate anche alle donne?

— No, alle donne cattive s'applicano pene meno severe, poichè si
ritiene che la colpabilità nella donna sia minore che nell'uomo, e
perchè essa è più sensibile al castigo.

— Tu mi dicesti che il diritto di punizione spetta alla persona, che
rimase offesa; e ciò avviene, lo so, qualora si tratti di uomini o di
donne. Ma se un uomo commette ingiustizia contro una donna, o una donna
contro un uomo?...

— Se un uomo commette ingiustizie contro una donna, è il marito che
deve vendicarla, e se ella non ha marito, i suoi parenti. Che se è una
donna che offende un uomo, in tal caso la punizione viene inflitta da
un'altra donna a ciò deputata, ma non mai dall'uomo, fosse pur anche
l'offeso, quando non sia il marito, il quale della propria donna può
fare tutto quello che gli piace.

— Fammi attenzione (_ñġiég-e-nòm_); tu mi dicesti ancora che la
misura della punizione viene determinata dalla consuetudine, e che
presso voi, per ogni delitto è stabilita una pena corrispondente;
ma.... possono occorrere certe circostanze che diminuiscono la colpa
nell'offensore....

— È vero, rispose il Negro; ma se è così, noi ricorriamo allo _Tièt_
(sacerdote e giudice) ed al Gran-capo (_Bègñ-did_) perchè essi decidano
sulla proporzione della pena.

— E quale età debbono avere compiuto i giovinetti e le giovinette
perchè sieno capaci di punizione?

— A un di presso questa età, egli disse, accennando due giovinetti
ch'erano presenti, ed avevano circa dieci anni.

— V'è mai avvenuto di punire qualcheduno che fosse innocente?

— Per quanto io mi sappia, ciò non è mai avvenuto, e difficilmente può
avvenire, imperciocchè non si puniscono che coloro che sono colti in
flagranti.

— Quanti saranno, press'a poco, i condannati a morte nel corso di un
anno?

— Uno o due tutt'al più; ma vi son degli anni in cui non havvi alcuna
condanna.

— E i condannati all'esilio, o al taglio delle dita?

— Medesimamente.

— Forse più spesso sarà applicata la pena del ferro rovente, e delle
multe, n'è vero?

— Senza dubbio; e la pena delle multe più che quella del ferro rovente.

— Qual'è la pena maggiore a cui va soggetta la donna colpevole?

— È quella d'essere venduta come schiava dal marito.

— E qual'è la colpa che la rende meritevole di tanto gastigo?

— È quella d'essere venuta meno al dover conjugale.

— Si dà mai caso che il marito perdoni alla moglie infedele?

— Certo, che si dà; ma allora il marito, adirato contro di lei, subito
la percuote, la discaccia dalla sua capanna, e tutti la guardano di mal
occhio e la disprezzano; ma se i suoi genitori vivono ancora, essa fa
ricorso a loro, e li prega e li scongiura perchè l'aiutino a pacificare
l'offeso marito; piange il suo peccato, e promette che non lo farà più.

— E qualora i genitori riescano ad acquetare il marito?...

— Questi allora invita i genitori colla figlia a ritornare nella
propria capanna; gli asperge con acqua, e poi dice loro di sedere;
mangiano qualche cosa tutti insieme, e la pace è bell'e fatta.

— Dimmi un po': come la passa il seduttore?

— Il seduttore dovrà pagare dieci vacche al marito di quella donna, se
ella fu consenziente al mal fatto, altrimenti egli è punito coll'esilio
o colla morte.

— Senti ancora, qui fra voi succedono mai alterchi, contrasti tra due o
più persone, e in conseguenza busse e ferimenti?...

— Sì, accadono, ma non di spesso. E se l'alterco è fra uomini finisce
prestamente, poichè lo _Tièt_, o il _Bègñ-did_, si mette di mezzo e
li rappatuma; ma la cosa si fa seria, e può alle volte mutarsi in una
catastrofe se altercano donne; esse non la finiscono più; e il peggio
che peggio è che gli uomini non possono intromettersi lì per lì per
farle venire a una conciliazione, nè manco i mariti; e frattanto il
loro sangue s'accende sempre più, e le dispute durano per giorni e
giorni e con gravissime conseguenze. Tu, o signore, che da un pezzo
abiti fra noi, ne devi essere stato testimonio.

Una volta, verso le sei ore pomeridiane, tornandomi dalla caccia,
vidi due donne d'una trentina d'anni ciascuna, le quali parlavano
assieme a bassa voce: m'accorsi però che il loro colloquio era animato,
e osservai inoltre che altre donne qua e là disperse, e disposte
a piccoli gruppi, stavano come in aspettazione dell'esito di quel
colloquio. Io, curioso, mi soffermai sotto una pianta in modo da
non essere veduto e da veder tutto sino alla fine. Il colloquio fra
quelle due donne terminò subito, e sì l'una che l'altra, gesticolando
furiosamente, stringendo il pugno, e battendosi il capo, si diresse, a
breve distanza, verso uno di quei monticelli che formano le formiche, e
vi montò sopra; e allora, cominciarono a scagliarsi contro imprecazioni
inaudite; e quindi discesero dalle loro tribune, e s'incontrarono
con impeto, si saltarono addosso, si avviticchiarono come due tigri,
e principiarono a lacerarsi il viso, il collo, il petto a morsi e a
unghiate con una furia che metteva orrore. A un tratto eccole staccarsi
e correre ancora sulle loro tribune, e poi nuove imprecazioni, ingiurie
sanguinose, accuse incredibili, minacce le più feroci; finchè, essendo
caduto il sole, l'una sfidò l'altra per il domani, alla stessa ora.
Tutti i gruppi di donne qua e là dispersi s'unirono in due, e ciascuno
accompagnò la parte che proteggeva. Io m'avviai alla mia abitazione
crollando il capo, e dicendo fra me: questo è veramente un saggio della
ferocia femminile che non dimenticherò mai più; domani vorrò ritrovarmi
nello stesso luogo, e vedrò come l'andrà a finire;... possibile ch'io
non riesca a metter pace fra quelle donne?...

Il giorno dopo, alla stessa ora, le due donne furono ai loro posti,
ma questa volta attorniate e incoraggiate dal proprio partito, che le
rendeva più fiere. — A qualche distanza si vedevano Negri spettatori.
— Di tratto in tratto s'ode fra i due gruppi di donne un confuso grido
simultaneo di molte voci; i due gruppi s'avvicinano a poco a poco. — Io
provavo un senso di compassione e di orrore. — Si sentono interiezioni
di rabbia e di vendetta. Nessuno, se non ha veduto, può farsi
un'idea della figura di quelle Negre. Erano faccie convulse, cogli
occhi fuori dell'orbita, colla bocca aperta, e la lingua sporgente;
eran visi di febbricitanti e di epilettiche, illuminati da sorrisi
indefinibili, contratti come da uno spasimo atroce. Esse pestavano i
piedi e sbuffavano, e quindi cominciò una mischia così crudele, ch'io
non potrei descrivere, perchè non ebbi il coraggio d'assistervi più
a lungo, e tornai a casa risoluto di voler metter pace fra quelle
donne, e pensando quale sarebbe stata la via più sicura per ottenere
l'intento.

Mi posi d'accordo col Capo della tribù e collo _Tièt_, ed ottenni di
parlare colle donne che sostenevano la parte principale di quella
tragica scena, e riuscii ad acquetarle con tante perline di vetro
quante ne hanno voluto, delle più belle che possedevo.


Il 15 gennaio 1859 lasciammo la Missione di Santa-Croce (6°, 40′ lat.
N.) per ritornare a _Chartùm_, ove impaziente ci attendeva un nostro
confratello, Alessandro Dal-Bosco.

Fu durante questo viaggio ch'io esplorai, per la prima volta, co' miei
compagni Angelo Melotto e Daniele Comboni, il fiume _Sóbat_ e le tribù
_Dénka_ nella penisola del _Sènnaar_ per cercarvi un luogo opportuno
ove fondare la Missione-Italiana.

Dopo faticose ricerche, il punto che a noi parve migliore da stabilirci
fu sul canale _Tarciàm_, presso il villaggio _Miegiòk_, nella tribù
degli _Abialàñġ_.

Giugnemmo in Chartùm il giorno 4 aprile 1859, ove trovammo il Dal-Bosco
molto ammalato, e solo.

Il missionario Matteo Kirchner, che da più di un anno esercitava
provvisoriamente le funzioni di Provicario Apostolico in _Chartùm_,
udita la morte di monsignore Ignazio Knoblecher, avvenuta in Napoli
nell'aprile del 1858, si risolse di tornare in Europa e di recarsi
a Vienna presso il Comitato della Missione-Africana, e poi a Roma
presso la Propaganda per intendersela su alcuni punti risguardanti
la vacillante Missione. Prima di partire da _Chartùm_, egli mi
scriveva una lettera, che mi venne ricapitata in Santa-Croce, colla
quale mi consigliava di tornare a _Chartùm_ co' Missionari italiani,
raccomandandomi però di esplorare, durante questo viaggio, le tribù
_Dénka_ del _Sóbat_ e della penisola del _Sènnaar_. Scrisse pure a
Giuseppe Lanz, presidente in Santa-Croce, dicendogli che al più presto
possibile mandasse avviso ai Missionari in _Kondókoro_ di trattenersi
in quella Stazione finchè fosse eletto il nuovo Provicario.

Queste lettere, con altre ancora provenienti da Europa, ci furono
spedite da Alessandro Dal-Bosco col mezzo di un vapore che solcava
per la prima volta le acque del fiume _Bianco_, ed era diretto da M.r
Lafarque, mercante francese, il quale ce le consegnava il 13 novembre
1858. Il presidente Giuseppe Lanz spediva la lettera del Kirchner
col mezzo dello stesso vapore ai Missionari di _Kondókoro_, acciocchè
fossero bene informati dello stato in cui trovavasi la Missione dopo la
morte del Provicario Apostolico Ignazio Knoblecher.

La risposta relativa alla lettera del Kirchner ci venne recata l'8
dicembre dallo stesso M.r Lafarque, che col vapore tornava a _Chartùm_,
ed era scritta da Francesco Morlang presidente nella Stazione di
_Kondókoro_. Eccone il tenore:

«Cari fratelli, non è possibile di poter resistere più a lungo fra
questi Negri....» E dopo d'aver dipinto al vivo la deplorevole loro
condizione, i pericoli e le sofferenze, a cui andarono soggetti,
conchiude dicendo: «Questa Missione cominciò col fumo, e come
un fumo svanì. Appena arriverà la barca col nuovo missionario,
Luigi Viehwaider, e colle provvisioni per _Kondókoro_, fermatela e
scaricatela in Santa-Croce, e poi speditela vuota a noi con un'altra
barca, affinchè possiamo caricarle tutte e due degli oggetti che più
c'interessano, se i negri _Bàri_ ce lo permetteranno, poichè essi,
udita dai mercanti la morte del Provicario Apostolico, pretendono
d'essere i padroni di tutto ciò ch'egli possedeva in _Kondókoro_.»

Vennero due barche in Santa-Croce col nuovo Missionario la sera del
13 gennaio 1859, una delle quali conteneva le provvisioni per questa
stazione, e l'altra per la stazione di _Kondókoro_.


Il 15 gennaio con una delle due barche io partiva da Santa-Croce co'
miei compagni missionari per ritornare a _Chartùm_, e coll'altra il
sacerdote Luigi Viehwaider continuava poi il viaggio per soffermarsi in
_Kondókoro_ fino al ritorno in Africa del nuovo Provicario, che doveva
essere Matteo Kirchner.

Noi giugnemmo in _Chartùm_, come dissi, il 4 aprile, e vi trovammo
Alessandro Dal-Bosco molto ammalato. Daniele Comboni tartassato da
febbri continue desiderava di tornarsene in Europa. E Angelo Melotto
stanco dalle fatiche del viaggio, e molestato quasi ogni giorno da
fortissimi dolori di capo, diveniva sempre più debole; mai però che
si lamentasse de' suoi mali o mostrasse desiderio di ripatriare per
ristabilirsi in salute. Egli amava di passeggiar solo in giardino,
e quando, dopo caduto il sole, entrava nella sua stanza, spossato,
per cercarvi un po' di riposo, ed io lo visitavo, e' non faceva che
parlarmi della futura Missione Italiana sul _Tarciàm_, e mi pregava
a non voler abbandonarne il pensiero, qualunque fosse per essere
la decisione del Comitato di Vienna. Poveri Negri, egli soleva dire
spessissimo, quanto mi fate compassione! quanto io v'amo.... e quanto
vorrei fare per voi, mi costasse pur anche cento volte la vita....
lo sa Iddio. Ma.... le mie forze diminuiscono ogni dì più, caro
don Giovanni, e mi sento consumare a poco a poco. — Io badavo a lui
continuamente; finchè la sera del 27 maggio lo vidi strascicarsi nella
stanza più presto del solito e distendersi sul povero suo letticciuolo
accanto alla finestra aperta, perchè altrimenti gli pareva di non poter
respirare, e teneva gli occhi immobili e fissi al cielo. Corsi allora e
sedetti a lui vicino, lo confortai e mandai pel medico Peney, che venne
dopo alcuni minuti; questi gettò uno sguardo sopra l'ammalato e rimase
per alcuni istanti silenzioso, e poi mi chiese:

— Quando s'è fatto in lui questo cangiamento?

— Veramente, risposi, è da tre o quattro giorni ch'io lo veggo triste,
malinconico, pensoso, che non mangia proprio nulla; e giusto poco fa
egli mi diceva che fu preso nel giardino da un capogiro, che lo fece
cadere a terra; e chi sa quante volte ciò gli sarà accaduto; ma non
parlò mai, forse per non contristarmi, sapendo quanto io l'amo.

Il medico mi strinse la mano e crollò il capo, volendo dire: non c'è
più speranza di poterlo salvare.

— O Dio! è tremendo! io sclamai, rivolgendomi al mio servo fedele
_Cher-Allàh_, ch'era presente e che aveva bagnato di lagrime il nero
suo volto.

Partito il medico, l'infermo volle confessarsi, ricevette il Viatico,
egli stesso domandò l'Estrema Unzione.... Il dolce suo viso divenne poi
tutto raggiante di speranza e di fede. Di quando in quando rivolgeva
verso me i cilestri e grandi suoi occhi.... Era lo sguardo calmo e
lucido di un'anima disciolta per metà dai legami di questa terra. —
Io vegliai tutta la notte presso a lui raccomandandolo al Signore,
e l'osservavo declinar rapidamente; pure pregavo Iddio perchè non
volesse rapirmi il compagno e l'amico; ma era giunto a tal punto, che
l'affezione più tenera non poteva conservare la menoma illusione ch'ei
potesse rimettersi. A mezza notte tutt'a un tratto emise un grido
straziante di dolore, dopo del quale perdette i sensi, nè più ritornò
in sè stesso.

— Prega, prega, io dissi allora a _Cher-Allàh_, il quale m'era vicino,
che anche questa prova finisca presto! essa mi lacera il cuore....
Alle ore nove antimeridiane del giorno 28 maggio i suoi dolori erano
cessati, e il suo volto aveva uno splendore misterioso e solenne,
che imponeva silenzio anche ai singhiozzi dolorosi di quanti erano
presenti.

Tutti ci avvicinammo attorno a lui rattenendo il respiro....

— Don Angelo! io dissi dolcemente.... ma egli era morto....

Pochi giorni dopo, Daniele Comboni partiva per l'Europa, ed io
ricevetti lettera, che fra l'altre cose mi parlava pure della nuova
elezione del Provicario Apostolico Matteo Kirchner, il quale capitò in
_Chartùm_ verso la metà del novembre 1859.

Egli, col beneplacito di Roma e del Comitato di Vienna, ordinò:

che i pochi Missionari superstiti del _Sudàn_ dovessero raccogliersi
quanto prima in _Assuàn_, rimpetto a _File_;

che le Stazioni di _Chartùm_, di Santa-Croce e di _Kondókoro_ venissero
affidate ad alcuni Negri, fedeli guardiani;

che ogni anno si dovessero visitare da tre o quattro Missionari, per
turno.

Diede quindi a me l'incarico di partir tosto pel fiume _Bianco_ colla
grande d_ahabìah_ della Missione e con tre altre barche vuote fino
a Santa-Croce e a _Kondókoro_, per caricarle della suppellettile
e condur via i Missionari e que' giovinetti orfani, che avrebbero
voluto seguirci. Mi raccomandò pure di esplorare un'altra volta, co'
Missionari tedeschi, il _Tarciàm_, nel ritorno da _Kondókoro_ e da
Santa-Croce verso _Chartùm_.

Frattanto il Provicario Apostolico si sarebbe recato in _Assuàn_ a
prepararvi la nuova Stazione, ove avremmo dovuto raccoglierci tutti.

Con questi ordini io feci vela pel fiume _Bianco_ il primo dicembre, e
il 22 dello stesso mese giunsi in Santa-Croce, ove sani e lieti trovai
i due missionari Giuseppe Lanz e Antonio Kaufman, il quale era venuto
in questa Stazione da _Kondókoro_, con quella stessa barca che aveva
condotto in _Kondókoro_ il missionario Viehweider.

Questi due Missionari, udite ch'ebbero le disposizioni del Provicario
Apostolico intorno alla Missione ed i motivi che lo avevano indotto ad
attuarle, non seppero darsi pace, e vi si assoggettarono a malincuore,
dicendo che questo nuovo progetto di missione toglieva a' Missionari
ogni speranza di giovare ai poveri Negri, come avrebbero desiderato.
Il pensiero poi di dover passare due volte il deserto per visitare
le Stazioni del fiume _Bianco_ gli atterriva più, che una continua
dimora nel _Sudàn_, ove se nel corso di pochi anni morirono parecchi
Missionari, non era tanto da incolparsi il clima, quanto le molte cure
e diverse, delle quali essi erano soverchiamente aggravati, trovandosi
tutt'al più due soli in una Stazione lontana, ov'era impossibile prima
d'un anno di sperare soccorsi. Essi dicevano che sarebbe stato miglior
partito quello di concentrare tutti i Missionari sul fiume _Bianco_ in
una sola stazione che non fosse troppo lontana da _Chartùm_, affinchè
tornassero più frequenti e più facili le relazioni; e così uniti
tentare un'ultima prova.



XII.

  Da Santa Croce a _Kondókoro_ — Costumi dei _Bàri_ — Tremuoti, venti,
  temperatura — I _Bàri_ e la Missione — L'islamismo e la schiavitù —
  Conclusione.


Da Santa-Croce mossi verso _Kondókoro_ la mattina del 26 dicembre,
non più solo, ma colla cara compagnia di Giuseppe Lanz. Frattanto il
signor Kaufman doveva incassare e mettere in punto ogni cosa. A questo
scopo io avevo lasciata una barca vuota a sua disposizione, colla quale
si tenesse pronto a partire appena noi fossimo ritornati. Cagione
di tanta fretta era il timore che il fiume giungesse al suo maggior
decrescimento, e non ci permettesse quindi di recarci a _Chartùm_ con
barche assai cariche.

Fino alla sera del 26 dicembre noi vedemmo continue, dalla parte
sinistra del fiume, le abitazioni provvisorie dei _Kìc_, mentre dalla
parte destra, oltrepassata la tribù dei _Tuìc_, eravamo entrati in
quella dei _Bòr_, i quali soggiornavano ancora nell'interno sopra
canali del fiume.

Il 27 dicembre avevamo a destra ancora i _Bòr_, e a sinistra gli
_Eliàb_, tribù che sono quasi sempre in guerra coi negri _Scìr_, i
quali abitano sulle due rive del fiume verso il sud.

A mezzodì dello stesso giorno facemmo stazione in _Akuàk_, presso cui
esce dal fiume il canale delle giraffe (_Bàhr-ez-Zeràf_).

Fin qui la prospettiva per me non ebbe nulla di gradevole. Ma da
questo punto, ecco cangiarsi la stucchevole monotonia delle rive. Alle
altissime erbe e ai folti canneti succedono, a destra del fiume, le
magnifiche boscaglie dei _Bòr_; e già sì veggono frequenti le mimose,
le palme-dòm, l'ebano, i nàbak, le euforbie velenose e giganti, gli
alòk, come dicono gli Arabi, i kakamùt ed altre piante, del frutto
delle quali si pascono i Negri. Ora il fiume, diviso in canali,
raccoglie pochissima quantità d'acqua, e con fatica si può procedere
avanti. Un grande e profondo canale esce a sinistra al 5°, 56′, 44″
lat. N., e rientra al 6° 14′, 30″. L'isola tra questo canale e il fiume
è chiamata dagli Arabi _Gesì-rat-el-Eliàb_, ed è la più grande del
fiume _Bianco_, dopo quella formata dal canale delle giraffe, e dopo le
isole dei _Scìr_. Queste isole favorite dall'umidità e dal calore sono
stupendamente feconde; alcune abitate da poveri pescatori appartenenti
a tribù diverse, i quali compongono una casta al tutto speciale; altre
lasciate incolte; e qui Negri mandriani conducono a pascolare i loro
bestiami; e qualcheduna è riservata alla coltivazione del tabacco,
del sesame, de' fagiuoli, del dùrah e del cotone. Il ricino vi cresce
naturalmente, e sonvi di ricino folti boschetti.

Dal letto poi del fiume sporgono qua e là banchi di conchiglie, sui
quali raro è il caso che non veggansi cercar pasto il falcone e la
cicogna.

Il giorno 29 dicembre, poco prima del terminare dell'isola degli
_Eliàb_, vedemmo sboccar nel fiume, dalla parte destra, due grandi
canali di acqua, ch'escono dal medesimo presso il 5º grado lat. N.

Questi canali navigabili comunicano fra di loro per mezzo di altri
piccoli canali, e formano così una quantità d'isole, che ti sembrano
deliziosi giardini circuiti da artificiali fossati. Immense boscaglie,
quasi ondeggianti per l'ineguaglianza del terreno, accompagnano
il viaggiatore a destra e a sinistra al di là dei canali, ed or
s'avvicinano or s'allontanano da' suoi sguardi sotto aspetti sempre
nuovi e di meravigliosa bellezza. In queste boscaglie i _Scìr_ hanno le
loro stabili dimore durante la stagione piovosa; ma allor ch'eravamo
nella stagione asciutta, essi abitavano le isole, veri luoghi fatati.
Qui vedevi un uomo che custodiva un armento, là una donna e tre o
quattro giovinette che pascolavano un branco di capre; più oltre alcuni
Negri accosciati sotto una pianta che fumavano la pipa; ed altri che
aizzavano bestiami al passaggio di un canale mentre uno li precedeva
a nuoto, segnando loro la via per condurli a pascoli migliori nelle
isole vicine. Drappelli poi di fanciulle precedevano le nostre barche
con battimani, canti e balli, nella speranza di ottenere in dono
delle perline di vetro: tutto in somma concorreva a presentarci i più
incantevoli panorami.

I costumi dei _Scìr_ sono assai bizzarri, e quasi al tutto conformi
a quelli dei _Bàri_, dei quali dirò tosto qualche cosa, dietro le
relazioni avute dai Missionari di _Kondókoro_.

Anche la lingua di questi Negri è quella dei _Bàri_, lingua assai dolce
e armoniosa.

La mattina del primo gennaio 1860 entrammo nella tribù dei _Bàri_, ove
il fiume prende il nome di _Ciufìri_, nel quale si trovano sparse qua e
là diverse ed eleganti isolette, che ne dividono il corso in più rami,
il cui letto poco profondo rende difficile oltremodo la navigazione.
La riva destra s'inalza notabilmente, il terreno diventa sabbioso,
e le boscaglie non vi sono più così fitte come prima; mentre la riva
sinistra si fa sempre più bassa e paludosa, e la foresta vi sparisce
quasi del tutto.

Il primo monte che ci si offerse agli sguardi nella tribù dei _Bàri_,
a sinistra del fiume, è chiamato dagli indigeni _Gnárkègni_, e dagli
Arabi _Gèbel-el-hadìd_ (monte del ferro); e quindi a destra, più a sud,
vedemmo le montagne di _Belegnàn_, di _Lokòja_ e di _Longhè_, le quali
ci annunziavano vicina la Missione di _Kondókoro_.

Verso il mezzogiorno del 2 gennaio giugnemmo a _Libo_, villaggio posto
sulla destra del fiume tra il 4º e il 5º gr. lat. N., distante non più
d'un'ora di cammino da _Kondókoro_. In questo villaggio visitai tosto
la modesta tomba del mio collega ed amico Angelo Vinco, che primo fra'
Missionari s'era introdotto nella tribù dei _Bàri_, e avea fissata la
sua stazione in _Libo_, ove morì e fu seppellito il 23 gennaio 1853. —
Nessun monumento segna il luogo ove riposano le sue ossa! — La tomba è
circondata da gigantesche euforbie. I Negri di quando in quando vanno
a cantarvi una canzone, colla quale ricordano gli splendidi regali da
lui ricevuti, e che non furono superati da nessun altro Bianco. — Io
vi lasciai il tributo delle mie lagrime e la promessa di ricordarlo
sempre, finchè avrò vita.

Finalmente alle ore tre pomeridiane dello stesso dì abbracciammo in
_Kondókoro_ il missionario Francesco Morlang, che, con dolorosa nostra
sorpresa, ci annunziava la morte di Luigi Viehweider avvenuta nella
notte del 3 agosto 1859, dopo due mesi di penosissime febbri e sei di
dimora in questa Stazione.

Le disposizioni del Provicario Apostolico, ch'io esposi a Francesco
Morlang, missionario zelantissimo e coraggioso, produssero nel suo
animo quella stessa impressione che n'aveano avuta i Missionari di
Santa-Croce.


Francesco Morlang, terzo Presidente nella stazione di _Kondókoro_, mi
parlò a lungo intorno alla tribù dei _Bàri_, presso i quali si trovava
da circa quattr'anni; e i suoi racconti corrispondevano pienamente
a quelli del primo Presidente Bartolomeo Mosgan, il quale dopo un
anno e qualche mese di residenza fra i _Bàri_, sfiduciato d'ottenere
qualche cosa di buono da quella tribù, l'abbandonava nel marzo 1854,
trasferendosi presso i _Kìc_, ove fondò la stazione di Santa-Croce;
corrispondevano ancora a quelli del secondo Presidente Antonio
Überbacher, che affaticato e stanco, dopo quasi tre anni di continua
dimora in _Kondókoro_, vi moriva nel febbraio 1853 senza la più piccola
soddisfazione, tanto naturale all'uomo, di veder coronate le sue
fatiche d'un esito felice.

I _Bàri_, oltre al possedere gli altri difetti comuni alle razze negre,
sentono in sommo grado l'indipendenza, ed hanno un'indole superba e
feroce. Lieve querela viene il più delle volte terminata a colpi di
lancia o di bastone, ed è causa d'una guerra sanguinosa e fatale.

Il Morlang mi diceva che fra i _Bàri_ più sono quelli che muoiono di
morte violenta che di malattia.

Il Negro _bàri_ col crescere dell'età moltiplica i suoi nemici, che
non gli permettono di vivere una lunga vita. Perciò rari fra loro sono
i vecchi, senza paragone più che fra i _Dénka_, sebbene le qualità del
clima vi sieno migliori d'assai.

L'uomo _bàri_ bisognoso di qualche cosa non s'umilia domandando, ma
pretende o rapisce se può; e nel caso che regni la fame nel proprio
paese, ed egli non possa in altro modo soddisfarla, vende senza pietà
ai mercanti d'avorio e ai dongolèsi i suoi figliuoli; e per qualche
pugno di grano lascia che la moglie e le figliuole sieno da essi
disonorate.

Allorquando i _Bàri_ di _Kondókoro_ esercitavano il loro commercio con
altri _Bàri_ della stessa tribù, o colle tribù vicine, permutando il
loro ferro, il sale, il tabacco ed altro con dùrah, sesame, bestiami
ecc., non erano così miserabili come lo divennero dacchè s'introdusse
fra loro un malinteso commercio, e con esso, fin dal 1844, l'infame
razza dongolèse, che con altri vizi vi portò pure quella turpe malattia
la quale dagli indigeni viene curata col ferro rovente, che sì negli
uomini che nelle donne serve di medicina ad un tempo e di punizione
della loro immoralità.

I _Bàri_, come tutti i Negri, amanti dell'ozio, vedendo che colla
vendita dei denti di elefante potevano procacciarsi da vivere con minor
fatica che per lo passato, cominciarono a trascurare l'agricoltura,
a cui dapprima erano dediti, e il consueto commercio. Ma ora che
scarseggiano d'avorio ed hanno perduta la voglia di lavorare, il
latrocinio è all'ordine del giorno. I più forti opprimono i più deboli
costretti qualche volta a morir di fame, com'è succeduto nell'anno 1859
sotto gli occhi stessi de' Missionari. Parecchi allora trovarono scampo
ritirandosi presso i _Bèri_, tribù potente e feroce all'est dei _Bàri_,
ed altri presso i _Scìr_; pochi restarono in _Kondókoro_.

I Bàri non hanno alcun Governo; professano tuttavia grande rispetto
ai loro _Kimàk_ (Signori) che posseggono molto bestiame, ed ai
_Bunèk_ (Sacerdoti). I _Bunèk_ sono per lo più uomini scaltri i quali
esercitano la medicina, gittano le sorti pronosticando l'avvenire di
una persona, e debbono inoltre comandare alla pioggia. Questi Negri
tengono, come si suol dire, la fortuna pel ciuffo, ma qualche volta
avviene che sguizzi loro di mano e che il popolo infuriato gli ammazzi.
Tale fu la sorte del famoso _Bunèk Níghila_, il quale poco tempo prima
ch'io giugnessi in _Kondókoro_ venne barbaramente trucidato dai _Bàri_,
che poi se ne divisero il numeroso bestiame di cui mangiarono le carni,
lasciando in una deplorevole miseria tutta la sua famiglia.

Non si può negare però che i _Bunèk_ non abbiano una perfetta
cognizione dell'efficacia di certe erbe e radici, e non sappiano quindi
alleviare ed anche guarire alcune malattie.

L'arte del medicare viene anche esercitata da qualche donna, la quale
in tal caso prende il titolo di _Bunìt_ ed è, si può dire, venerata dal
suo sesso.

Havvi pure fra i _Bàri_ una classe di persone, che s'occupano
esclusivamente in lavorare il ferro, di cui abbonda il paese; e fanno
lance, frecce e diversi strumenti con grande abilità e maestria. Essi
vengono chiamati col nome di _Tumonèk_ e sono disprezzati dai mandriani
e dagli agricoltori, come lo sono i pescatori che pur si dicono
_Tumonèk_; nome che dato ad un agricoltore o ad un mandriano sarebbe
un insulto bell'e buono. I _Tumonèk_ non hanno mai la parola nelle
pubbliche adunanze.

Per convocare il popolo alla danza (_lerì_) che ha luogo ordinariamente
la notte, per adunarlo alla guerra, per invitarlo a partecipare della
gioia o del dolore di una grande famiglia, di un _Màtat_ o di un
_Bunèk_ (capo o sacerdote), usano i _Bàri_ di battere un gran tamburo
che, come la danza, è chiamato _lerì_. Questi Negri hanno pure cornette
e pifferi; ma il principale strumento musicale è il tamburo, che,
secondo la maniera colla quale si batte, manda un suono che esprime il
dolore o la gioia di un paese; anima i danzanti o dispone al pianto
quelli che seguono il funebre convoglio; chiama alla guerra e ne
annunzia poi la vittoria o la sconfitta. Questo tamburone altro non è
che un tronco d'albero vuoto, chiuso alle due estremità da una pelle
tesa.

Io ebbi l'occasione di assistere ad una danza di mille e più persone,
tra uomini e donne. Essa doveva cominciare dopo caduto il sole; ma già
fin dal mattino le grida d'allegria e gli apparecchi, specialmente
della gioventù, annunziavano che la doveva essere una gran festa.
Era l'annuale commemorazione d'una strepitosa vittoria riportata sui
_Liria_, tribù belligera posta a sud-est dei _Bàri_. — Mezz'ora prima
del cader del sole, i danzatori e le danzatrici eran tutti al loro
posto, in un vasto piazzale a cielo scoperto, le donne e le ragazze
dipinte colla massima cura di bianco, di rosso, di giallo sul fondo
della loro pelle lucida e nera come l'ebano; e quelle vestivan pelli
di montone, queste cingevano alle reni una fascia larga un quattro
dita, dalla quale pendevano davanti spessi cordoncini di cotone o
catenelle di ferro, ed alcune avevano a tergo una lunga coda di vacca;
anelli poi d'avorio, di rame o di ferro ne decoravano le gambe e le
braccia, e numerose file di perline di vetro a vari colori adornavano
il collo; gli uomini poi ed i fanciulli, in atteggiamento di guerrieri,
in divisa di gala, formavano una siepe compatta, irta di lance; e gli
uni avevano certi berrettoni delle forme più strane, e gli altri mazzi
di piume ondeggianti sul capo, e pelli e code di bestie feroci che
pendevano da ogni parte del loro corpo. — Mostrarsi nelle danze sotto
un aspetto sempre nuovo e bizzarro è per questi Negri una soddisfazione
incomparabile. — Già si erano requisiti tutti gli strumenti musicali
disponibili, e n'era risultato un miscuglio indescrivibile di tamburi,
di tamburoni, di corni, di pifferi e di cornette, a cui dovevano
aggiungersi i vigorosi battimani delle donne. Ma ecco che incomincia
la festa, vero delirio. — Suonano i tamburi. — Un buffone apre la
danza, lanciando furiosamente le braccia in ogni direzione senza mai
perdere la misura del tempo; ritorconsi le sue gambe come quelle d'un
acrobata, ed or s'allungano parallelamente al suolo, or vi si puntano
verticalmente, ed or sollevansi in aria; e tutti questi movimenti si
seguono con una rapidità, una furia vertiginosa, e fra lo strepito
d'una musica tanto monotona quanto selvaggia. Egli fa scambietti
e capriole con una foga e un eccitamento degni del più infatuato
_dervisc_. — Io mi aspettavo ad ogni tratto di vederlo cadere, colla
schiuma alla bocca, in preda ad un accesso d'epilessia. — In capo a
una mezz'ora, il buffone riposa, e dopo una breve pausa si rimette a
saltare e a contorcersi con più lena che mai, invitando ed animando
i circostanti a dar principio tutt'insieme alla danza. — Al suon
de' tamburi s'unisce allora quello de' tamburoni, de' corni, de'
pifferi, delle cornette e dei battimani, per cui ne risulta una musica
d'inferno. — Uomini e donne quindi, fanciulli e fanciulle si mettono
in orgasmo, e nell'ebbrezza della gioia cominciano una specie di danza
sfrenata, accompagnata da salti, contorcimenti, urli non più uditi e
stringimenti di spalle così nuovi, così bizzarri da non poter farsene
un'idea da chi non ha veduto. Oh! che bocche! che occhi! che sorrisi
satanici! che facce stravolte!... mi par di vederle tuttora; ed or
mi s'eccita il riso come alla vista di una gran mascherata; or mi si
stringe il cuore come all'imagine d'una gran baldoria di pazzi; e se
considero la bellezza selvaggia del quadro, ci provo la voluttà d'un
artista. — Circa alle due dopo la mezza notte, tutti tornarono alle
loro capanne.


Nella tribù dei Bàri son frequenti le scosse di tremuoto. Il
missionario Francesco Morlang, nei quattro anni che dimorò nella
Stazione di _Kondókoro_, attesta d'averle sentite ogni anno, ed in tre
epoche differenti:

1.º Pochi giorni prima del cominciar delle piogge, continuando per
circa un mese, e facendosi sentire specialmente la notte dalle sei alle
otto volte.

2.º Poco prima delle piogge copiose di agosto.

3.º Sul finire della stagione piovosa: ma queste ultime scosse sono
assai leggiere in confronto delle altre, che più d'una volta furono
così veementi da scrostare le pareti della casa della Missione, e da
produrvi considerevoli fenditure.

I tremuoti si fanno più frequenti e terribili verso le montagne del sud.

Quanto alla direzione dei venti: i venti del nord nel paese dei _Bàri_
principiano sul terminare della stagione piovosa e continuano fino al
marzo.

Ai venti del nord succedono quelli dell'est, e durano circa un mese;
ma si rinnovano poco prima dei venti del nord. Questi venti dell'est
cagionano ai Missionari dolori di capo, inappetenze e febbri.

I venti del sud cominciano sul finir di aprile, e continuano fino al
settembre. Nel settembre poi ed ottobre predominano quelli dell'ovest.

Nei primi tre mesi delle piogge i temporali provengono più comunemente
dalla parte sud, sud-est; nei mesi poi di giugno, luglio ed agosto ci
vengono direttamente dal sud; ed in settembre ed ottobre dall'ovest; ma
questi ultimi temporali, come quelli che talora derivano dal nord-est,
non apportano mai piogge copiose.

Quanto alla temperatura: secondo le osservazioni fatte dai Missionari
in _Kondókoro_ nel 1858, il maggior calore era ordinariamente fra le 4
e le 5 pomeridiane, e la temperatura meno calda al levar del sole.

  Nell'ora più calda, in casa,   | Al levar del sole non
  il term. non segnò             | segnò
                                 |
  mai più        nè mai meno     |            mai meno
  di                 di          |               di
                                 |
  nel genn. 30 R.    27          | nel genn.   18 R.
   »  febb. 31 »     26          |  »  febb.   20 »
   »  mar.  31 »     21          |  »  mar.    19 »
   »  apr.  26 »     24          |  »  apr.    18 »
   »  mag.  24 »     19          |  »  mag.    17 »
   »  giug. 26 »     22          |  »  giug.   18 »
   »  lugl. 24 »     20          |  »  lugl.   17 »
   »  agos. 23 »     19          |  »  agos.   16 »
   »  sett. 26 »     18          |  »  sett.   16 »
   »  ott.  27 »     20          |  »  ott.    18 »
   »  nov.  27 »     22          |  »  nov.    20 »
   »  dic.  28 »     24          |  »  dic.    18 »

In quest'ultimo mio viaggio da _Chartùm_ verso _Kondókoro_, che durò
dal 1º dicembre 1859 fino al 29 marzo 1860, il massimo calore nei
primi giorni era intorno alle tre pomeridiane; ma più mi avvicinavo
all'equatore, la temperatura si faceva più calda verso le quattro ore.

Il giorno più caldo l'ebbi il 15 dicembre fra le paludi dei _Nuèr_,
in cui il termometro segnò 28 R. nella camera della _dahabìah_ alle 3½
pomeridiane; e il giorno meno caldo l'ebbi l'8 dicembre sul finir del
paese dei _Scìluk_, in cui il termometro non segnò più di 25 R. verso
le 3 pomeridiane, ed al levar del sole 13½.

I Bàri, benchè sapessero che il Morlang gli avrebbe abbandonati e che
più nessun Missionario sarebbe rimasto fra loro, se ne mostrarono
indifferenti. Non può dispiacere ai _Bàri_, mi diceva il Morlang,
la nostra partenza, mentre tante volte i loro Capi, che pretendono
d'essere mantenuti a spese della Missione colle loro famiglie,
tentarono di scacciarci colla forza. Essi han conosciuto che principale
scopo della Missione è d'istruirli ed educarli a religione e civiltà;
ma non vogliono intenderla; e quando noi parlavam loro di religione,
essi rispondevano francamente e con ischerno: convertite prima i vostri
servi (dongolèsi), e poi penserete a noi; dateci ora da mangiare,
giacchè calcate il nostro terreno, o fate ritorno ai vostri paesi. E
si noti che il terreno della Missione era stato già comperato, ed a
caro prezzo, non una, ma due volte dal Provicario Apostolico Ignazio
Knoblecher, e che i Missionari, ogni anno, han dovuto far regali ai
tre proprietari del medesimo terreno, Lutverì, Leghè, Vanì, ed al loro
Gran-capo (Màtat) chiamato _Medì_. Senza un gran regalo non era dato a
noi neppur di seppellire i nostri morti.

Il 16 gennaio 1860 tutto era pronto per la partenza, ed alle ore
dieci antimeridiane io comandai ai nostri barcaiuoli di discendere il
fiume. Quand'ecco io vedo balzare nella _dahabìah_ tutto furioso il
Gran-capo _Medì_ con altri Negri armati, i quali ci strappano, si può
dir, di mano l'unico fra i 47 battezzati, la maggior parte adulti, che
promettesse qualche speranza di buona riuscita[33], e un altro buon
giovinetto suo compagno, poco più che dodicenne, non però battezzato,
di nome _Ladò_, senza padre e senza madre, che m'avea pregato per
carità di prenderlo meco offerendomisi qual servo fedele[34]; e tutti
e due doveano venire con noi dietro il consenso del Gran-capo e dei
loro parenti. Ma come, da un momento all'altro, questi hanno mutato
consiglio? — io dicevo tra me. — Qual può essere stata la cagione di
tal cambiamento?...

Il 13 gennaio, alcuni mercanti fra i _Bàri_ avevano spedito 150
soldati dongolèsi in un paese posto fra le montagne di _Belegnàn_ e
quelle dei _Liria_, a sud-est di _Kondókoro_, per vendicare, dicevan
essi, il sangue di 5 loro servi, che pochi giorni prima erano stati
colà trucidati senza alcun motivo, mentre si recavano ai _Liria_
per comperare denti di elefante. Or questi soldati avevano costretto
per via alcuni giovani _Bàri_ di _Kondókoro_ a seguirli, fra i quali
un parente del Gran-capo _Medì_, il quale, sapendo un po' di arabo,
avrebbe dovuto servir loro d'interprete. I soldati dongolèsi diedero
alle fiamme quel paese, ne uccisero gli abitanti, ad eccezione delle
donne e dei fanciulli che divennero loro schiavi, portaron via tutto
il bestiame, e festosi per la vittoria riportata e pel grosso bottino,
pensavano di ritornare a _Kondókoro_. Quando tutt'a un tratto i _Liria_
calarono dalle montagne numerosissimi e precipitaronsi loro addosso
uccidendone in pochi istanti 120, e mettendo gli altri in fuga. I
giovani _Bàri_ morirono quasi tutti, anche il parente del Gran-capo.
— L'infausta notizia giunse in _Kondókoro_ poco prima della nostra
partenza. — _Medì_, come l'ebbe intesa, montò sulle furie, imprecò
ogni male a tutti i forestieri che si trovavano in _Kondókoro_, disse
ch'erano stati la rovina del suo paese, voleva ad ogni modo veder morto
un giovine copto, che era stato il promotore della spedizione contro i
_Liria_. — Ecco, senza dubbio, la cagione del subitaneo cambiamento del
Gran-capo e dei parenti dei due giovinetti, che ci furono strappati di
mano, mentre essi piangevano e avrebbero voluto seguirci.


Nell'ora stessa che noi lasciammo _Kondókoro_ vi giugneva una grande
_dahabìah_ da _Chartùm_, e un'altra la seguiva a poca distanza, tutte
e due condotte da soldati del Governo egiziano, capitanati da un
Circasso, il quale per ordine superiore avrebbe dovuto fra due mesi
ricondurre a _Chartùm_ 500 schiavi. — E tanto vitupero pure adesso
continua!

E vi sarà ancora chi osa dire che la schiavitù è tolta?... Legga
costui, se non le ha mai lette, le dolenti pagine, ma vere,
dell'illustre viaggiatore Giorgio Schweinfurth, là dove descrive la
tratta del l'uomo[35], e poi mi dica se la schiavitù è tolta.

In sul finire di quel capitolo: «L'Egitto, egli dice, la più antica,
la più feconda delle terre istoriche, ha qui una grande missione
da adempiere; ma che vuoi sperare dall'islamismo? Con esso non c'è
alleanza possibile.

«Per aprir la via del Signore, dice il Corano, uccidete coloro
che vorrebbero uccidervi, ma non siate voi i primi a cominciare le
ostilità, perchè Dio non ama i peccatori; uccideteli dovunque gli
incontriate; scacciateli da dove vorrebbero scacciar voi; perchè la
tentazione dell'idolatria è peggiore della morte.» Figlio del deserto,
l'islam fa un deserto di tutti i luoghi dove penetra. Supporre che
possa esser capace di progresso, è un sogno, un'illusione attinta nei
libri. I suoi fedeli rassomigliano ai germi di vegetazione, che dormono
nelle sabbie delle valli deserte: una scossa di pioggia, un nulla, può
suscitarli ad una vita effimera; le piante si levano un giorno; poi, al
contatto del soffio fatale, inaridiscono, e tutto ridiventa sterile.

Domandate agli Europei che dimorano in Egitto, se gli abitanti di
quel paese potrebbero seguire le nostre usanze senza rinunziare al
maomettanismo; e vi risponderanno con una negativa, e poi aggiungeranno
non esservi luogo a sperare che quel popolo abbia mai a cambiare
di culto. Dei nostri costumi, gli Egiziani adottarono unicamente il
vestiario; ma vestano all'orientale o all'europea, i sudditi del Kedìve
non mutano le loro idee sulla schiavitù. È moda nel bel mondo egiziano
d'aver la casa piena di schiavi, e la cosa è colà indispensabile.
Entrate nella dimora di un ricco Egiziano; troverete adagiato sopra
un divano un uomo silenzioso e contemplativo, di cui nulla turba
il riposo. Alieno da ogni nobile passatempo, ogni attività gli è
sconosciuta; egli ignora la caccia, la pesca, l'equitazione, il modo di
condur un battello; fino il passeggio è estraneo alle sue abitudini. Se
ha sete, leva una mano, e chiama «_Ja, uàled!_» (Ehi, ragazzo!) e uno
schiavo gli porge da bere. Vuoi fumare o dormire? «_Ja, uàled!_» ed è
servito, senza ch'egli muova un dito.

Se un bel giorno non ci fossera più _aulàd_ (ragazzi), che ne sarebbe
di questi grandi signori sui loro divani? Ora una tale letargica apatia
invade tutti gli Stati Orientali. Perchè la schiavitù si abolisca,
bisogna prima che l'Oriente si trasformi e risorga a nuova vita. Se un
tal cambiamento è impossibile, la schiavitù rimarrà per l'Egitto una
necessità, per quanti impegni il Governo si assuma contro di essa.

Si è spesso parlato de' vantaggi da cui lo schiavo è circondato,
degli agi di cui gode. Certo tra l'_uàled_ degli Orientali e l'antico
servo della gleba degli Europei, il contrasto è grande; tuttavia gli
Europei facevano dello schiavo un membro utile alla società, mentre
gli Orientali ne fanno un ozioso. Caricare delle pipe, porgere un
bicchiere, preparare il caffè, sono occupazioni indegne d'un uomo; e i
vantaggi che l'_uàled_ ne trae furono caramente pagati colle angoscie
della lotta, il viaggio nel deserto, la fame, la fatica, le malattie
contagiose, che uccisero tanti suoi compagni, e si aggravarono anche
sopra di lui.

Ma la conseguenza più dolorosa di questa caccia dell'uomo è lo
spopolamento. Ho veduto distretti interi del _Dàr-Fertìt_ convertiti
in deserti pel rapimento di tutte le ragazze del paese. Gli Arabi e
i Turchi vi diranno che salassano soltanto delle tribù senza valore,
gente che, se avesse modo di moltiplicare, adopererebbe la potenza
del numero ad esterminarsi fra loro. — Io penso tutto il contrario.
— È giunto il tempo in cui l'Africa deve partecipare al commercio
del mondo. Bisogna pertanto che la schiavitù sia abolita. Anzichè
mantenerla, meglio varrebbe che Turchi e Arabi e tutti quanti i popoli
inattivi scomparissero dalla terra: dal momento che lavorano, i Negri
sono loro superiori.»

Giugnemmo il 24 gennaio in Santa Croce, e il 29 marzo in _Chartùm_
lieti d'abbracciare il missionario Alessandro Dal Bosco alquanto
ristabilito in salute.

Dopo due mesi ci recammo tutti in _Assuàn_, ove il Provicario
Apostolico Matteo Kirchner ci attendeva con impazienza. Colà passammo
quasi due anni; e finalmente, essendo stata ceduta la Missione
dell'Africa Centrale ai Padri Francescani, noi tornammo in Europa.
Ma i Francescani non valsero a sostenerla che per circa due anni,
e quindi essa venne affidata a Monsignor Comboni, che coll'ardente
suo zelo e colla sua instancabile attività riuscì a fondare qua e là
diverse Stazioni, ove bravi missionari, assistiti da alcune suore del
Buon-Pastore, ottennero frutti che fino allora non erano stati mai
ottenuti.

Secondo ciò che ne dicono gli annali di questa Missione pare che
l'aurora d'un giorno migliore cominci a sorgere per la disgraziata
razza africana.

Ed ora che da ogni parte la mano della beneficenza si stende a mostrare
gli abusi, a riparare i torti, ad alleviare i patimenti, e a far
conoscere ed amare al mondo gli infimi, gli oppressi e gli obliati; ora
che per l'iniziativa del Re de' Belgi surse il Comitato Internazionale
per l'esplorazione e l'incivilimento dell'Africa Centrale; in questo
generale movimento par sia giunta, io dico, l'ora propizia anche
per l'Africa, che da secoli incatenata e grondante sangue ai piedi
dell'umanità incivilita ne implora gli aiuti.

Ah! sì, Dio faccia spuntare il giorno, in cui la schiavitù distrutta
come tante altre iniquità dalla faccia della terra, non sia altro che
una memoria, in cui i quadri, quali in questo mio libro ho descritti,
non abbiano altro pregio che di ricordare ciò che più non esiste.

  FINE.



INDICE-SOMMARIO


  PREFAZIONE                                            _Pag._   5

  CAPITOLO I.                                             »      9
  Il Provicario Apostolico dell'Africa Centrale
  Ignazio Knoblecher — Ultime sue parole in _Koròsko_
  ai Missionari veronesi — Le rive del fiume
  _Bianco_ da _Chartùm_ ai _Scìluk_ — Le meraviglie
  di una foresta — Gli Arabi d'_Abù-Zèt_ — I
  _Baggàra-Selèm_ — Linguaggio mimico degli Arabi.

  CAPITOLO II.                                            »     29
  Vendette — Guerre — Armi — Coraggio passivo
  e fierezza — Ostinazione degli Arabi — Il
  suicidio — Le montagne dei _Dénka_ — Il _Tarciàm_.

  CAPITOLO III.                                           »     55
  Caratteristiche della razza negra — Il paese dei
  Scìluk — I cani — Odio contro i Turchi — Raffronti
  della lingua dei _Dénka_ con quella dei _Scìluk_.

  CAPITOLO IV.                                            »     73
  Il regno dei _Scìluk_ e il loro Governo — Mezzi
  d'incivilimento — Punizioni — Diritto di elezione
  al trono — Residenza reale — Quanto si possa
  fare assegnamento della parola di un re Negro — Il
  latrocinio — Divisione, carattere e costumi vari
  dei _Scìluk_ — La schiavitù presso i _Scìluk_ e gli
  Arabi in _Hèllat-Kàka_ — I mercanti d'avorio divenuti
  rapitori e mercanti di schiavi.

  CAPITOLO V.                                             »     97
  Una _zerìbah_ di schiavi — L'asta, la vendita,
  la separazione — Le dieci schiave _Abialàñġ_ rapite
  a tradimento — Il loro quartiere in _Hèllat-Kàka_ —
  Scena commoventissima — Brutto rischio — Audaces
  fortuna juvat — Uno de' più bei giorni
  della mia vita — Diffidenza punita — Il tradimento.

  CAPITOLO VI.                                            »    147
  Il fiume _Jâl_ — Il _Sóbat_ e i suoi abitanti —
  Affluenti del _Sóbat_ e i Negri _scìluk_ —
  Dall'imboccatura del _Sóbat_ al lago _No_ — Il
  _Bàhr-el-G¨azàl_ e i suoi affluenti — I _Gnam-Gnàm_;
  etimologia del nome e cannibalismo di questi popoli.

  CAPITOLO VII.                                           »    179
  I _Nuèr_ del fiume _Bianco_ — Fuochi notturni —
  Formiche — Zanzare — Cinocèfali, mostri, cannibali —
  Credenze religiose; indovini (_Kogiùr_); superstizioni,
  strani abbigliamenti e caccia dei _Nuèr_.

  CAPITOLO VIII.                                          »    195
  _Bachìta_ la schiava.

  CAPITOLO IX.                                            »    227
  Le tribù _Dénka_ della vallata superiore del fiume
  _Bianco_ e la loro lingua — Stagioni e loro nomi — Il
  _charìf_ — Una bufera — La stagion delle
  piogge, ed accrescimento e decrescimento del fiume
  sotto latitudini diverse — Morte di Francesco Oliboni —
  Un sogno.

  CAPITOLO X.                                             »    249
  La stazione di Santa-Croce — La caccia — Il
  barone De-Harnier vittima di un bufalo selvatico — Le
  tribù _Dénka_ della vallata superiore del
  Nilo, e i loro costumi.

  CAPITOLO XI.                                            »    271
  Forme di saluto presso i _Dénka_ — Matrimoni —
  Religione — Buffoni — Dialogo sulla schiavitù
  e sul diritto di punizione — Partenza da
  Santa-Croce verso _Chartùm_; stato della Missione;
  morte del missionario Angelo Melotto; ritorno a
  Santa-Croce.

  CAPITOLO XII.                                           »    297
  Da Santa-Croce a _Kondókoro_ — Costumi dei
  _Bàri_ — Tremuoti, venti, temperatura — I _Bàri_
  e la Missione — L'islamismo e la schiavitù — Conclusione.



ALTRE PUBBLICAZIONI DELLA STESSA DITTA EDITRICE


  ALEARDI A. — Epistolario con un'introduzione
    del prof. G. Trezza. 1 vol. in-12, 1879               L.   5 —
  BELTRAME prof. G. — Il Sènnaar e lo Sciangàllah;
    2 vol. con ritratto dell'Autore ed una carta geog.    »    8 —
  BERTINI P. — Tutto pel meglio. Racc. 1 vol. in-12       »    3 —
  CALIARI prof. P. — La donna cristiana. Conferenze.
    1 vol. in-12, 1879                                    »    1 50
  CHAVASSE P. H. — Sull'educazione fisica dei bambini.
    Consigli di un medico alle madri. Trad.
    dalla XII ediz. inglese di C. Ruata-Pronati. 1 vol.   »    4 —
  FRIZZO prof. G. — La Geometria per le Scuole
    Tecniche secondo i nuovi programmi                    »    2 60
  GIULIARI M.r G. C. — Monumenti grafici affidati
    al marmo, al bronzo, al papiro, alla pergamena
    e alla carta, relativi alla storia di Verona, 1 op.   »    2 —
  GUERZONI prof. G. — Il terzo rinascimento. Corso
    di letteratura italiana dato nella Regia Università
    di Palermo, II ediz. 1 vol. in-12 di pag. 560         »    4 50
  — Il primo rinascimento, 1 vol. in-12 di pag. 220       »    3 —
  LEBRECHT dott. G. — Il Risparmio e la educazione
    del popolo. Studio sulle Casse di Risparmio
    italiane ed estere. 1 vol. in-12 di pag. 455          »    5 —
  MANGANOTTI prof. A. — Manuale di storia naturale
    applicata al commercio, 1 vol. in-8                   »    4 —
  MATTEAZZI E. — Doveri morali della giovinetta
    italiana. 1 vol. in-12                                »    1 —
  PATUZZI G. L. — A proposito dei _Pensieri sull'Arte_
    e _Ricordi Autobiografici_ di Giov. Duprè. 1 op.      »    1 —
  PEREZ. — I sette cerchi del Purgatorio di Dante.
    1 vol. in-12                                          »    3 —
  SALA A. — I Musicisti veronesi. Saggio storico critico.
    1 opusc. in-12                                        »    1 —
  SCOPOLI-BIASI I. — La tavola rotonda. Racconti
    educativi, 1 vol. in-12, 1877 di pag. 182             »    2 —


  DI PROSSIMA PUBBLICAZIONE:

  BELVIGLIERI C. — Scritti storici. — 1 volume in-12.

VERONA 1881 — STAB. G. CIVELLI.



NOTE:


[1] Vedi mie memorie: _Il Sènnaar e lo Sciangàllah_, vol. II, pag. 51.

[2] Vedi mie memorie: _Il Sènnaar e lo Sciangàllah_, vol. I, pag. 87, e
vol. II, pag. 251.

[3] Vedi mie memorie: _Il Sènnaar e lo Sciangàllah_, vol. I, pag. 201,
212, 244.

[4] Questo illustre naturalista e ardito viaggiatore italiano fu
spedito nel 1825 nel _Sènnaar_ dal vicerè dell'Egitto Mahàmmed-Aly per
istudiarvi il terreno; ma troppo presto e con grave danno della scienza
cadde vittima dell'insalubrità del clima a _Chartùm_ nel settembre
1826. Venne seppellito nel deserto a mezzodì delle poche capanne,
di cui allora si componeva Chartùm; ed ora quella parte di deserto è
occupata dagli abitati della città ingrandita. Io feci di tutto per
rinvenirne le ossa, assistito dal dottore Peney ispettore sanitario del
_Sudàn_, e da un vecchio greco, per nome Dimitri, che aveva conosciuto
il Brocchi ed era stato presente alla sepoltura; ma indarno. Io
dovetti contentarmi di far porre nel cimitero cristiano una pietra con
iscrizione, la quale almeno indicasse il nome dell'illustre bassanese.

[5] Vedi mie memorie: _Il Sènnaar e lo Sciangàllah_, vol. II, pag. 102.

[6] Pianta, del cui fusto che è leggerissimo si servono le donne per
passare dall'una all'altra riva del fiume.

[7] Vedi mie memorie: _Il Sènnaar e lo Sciangàllah_, vol. I, pag. 19.

[8] _Viaggio sul fiume Bianco_, Verona, Tipografia Vicentini e
Franchini, 1861.

[9] _Expedition zur Entdeckung der Quellen des weissen Nils_. Werne,
Berlin, 1848.

[10] Vedi mie memorie: _Il Sènnaar e lo Sciangàllah_, vol. I, pag.
266-270.

[11] Il paese dei _Scìr_ è posto sulle rive del fiume _Bianco_ tra il
5º e il 6º gr. Lat. N. a settentrione dei _Bàri_, coi quali confina.

[12] Vedi mie memorie: _Il Sènnaar e lo Sciangàllah_, vol. I, pag. 215.

[13] Vedi mie memorie «_Il Sènnaar e lo Sciangallàh_.» Vol. I, pag. 217.

[14] Pochi giorni dopo la stampa di questa pagina, il vescovo Daniele
Comboni mi scriveva da _Chartùm_ in data 12 marzo 1881.

«.... _Cher-Allàh_, il vostro turcimanno _Cher-Allàh_, che tanto vi ha
assistito a trar fuori dalle ombre la lingua dei _Dénka_, è morto poco
tempo fa. Voi, don Giovanni, che avete conosciuta la vita di questo
incomparabile cristiano, sappiate che com'egli visse da santo, da santo
morì.»

[15] Vedi mie memorie: _Il Sènnaar e lo Sciangàllah_, vol. I, pag. 213,
e vol. II, pag. 183.

[16] Vedi mie memorie: _Il Sènnaar e lo Sciangàllah_, vol. I, pag. 211,
e vol. II, pag. 182.

[17] Vedi mia relazione, 13 dicembre 1859, _Viaggio sul fiume Bianco_.
— Verona, Tipografia Vicentini e Franchini, 1861.

[18] Vedi «Le fleuve Blanc, notes géographiques et ethnologiques» —
Paris. Arthus Bertrand, editeur, libraire de la société de géographie,
21, rue Hautefeuille.

[19] Vedi mia relazione, 13 dicembre 1859, _Viaggio sul fiume Bianco_.
— Verona, tipografia Vicentini e Franchini, 1861, con carta lit.
Penuti.

[20] Vedi mia relazione, 13 dicembre 1859, _Viaggio sul fiume Bianco_.
— Verona, tipografia Vicentini e Franchini, 1861, con carta lit.
Penuti.

[21] Il nome di detta tribù tanto dai fratelli Poncet che dal Lejean
venne scritto sempre _Nìam-Niàm_.

[22] E qui si noti che sono i soli _Dénka_ e i _Bàri_ che chiamano
con questo nome quella tribù, e che sì gli uni che gli altri per
esprimere gran quantità di una cosa, ripetono il nome della cosa
stessa due e anche tre volte. Di fatto i _Gnam-Gnàm_ dei _Dénka_ e dei
_Bàri_ dànno a sè stessi il nome di _Zandèh_; «e i _Bòngo_ del nord li
chiamano _Mùndo_ e talvolta _Maniània_ (_Magniàgnia?_); e dai _Mittù_
dell'est sono detti _Makarakkà_; dai _Gòlo_, _Kùnda_; e i _Mumbuttù_
li denominano _Babùnghera_.» (Vedi Giorgio _Schweinfurth_, nel cuore
dell'Africa, vol. II, p. 3, ove dice pure; «il nome sotto il quale
li conosciamo, e che vuol essere pronunziato _Gnam-Gnàm_ (così), è
preso dalla lingua dénka (così), e significa mangiatore, o meglio gran
mangiatore, e allude evidentemente (egli dice) al cannibalismo della
gente cui è imposto;» — significato ed allusione, a cui io non posso
sottoscrivere.)

[23] Vedi mie memorie: _Il Sènnaar e lo Sciangàllah_, vol. II, pag. 164.

[24] Vedi mie memorie: _Il Sènnaar e lo Sciangàllah_, vol. II, pag. 193.

[25] Vedi mie memorie: _Il Sènnaar e lo Sciangàllah_, vol. I, pag. 266,
268.

[26] Isaia, cap. XLII, salmo LXXII.

[27] Il nome di questa tribù, ch'io trovo scritto quasi sempre sulle
carte geografiche a destra del fiume, deve essere posto a sinistra. Le
stabili abitazioni dei _Kìc_, ch'io visitai nel 1858 col missionario
Comboni, ora Vescovo di Claudiopoli e Vicario Apostolico dell'Africa
centrale, sono tutte a sinistra del fiume ad una giornata circa di
cammino, e non è che durante la stagione secca, che per la comodità dei
pascoli i _Kìc_ s'appressano al fiume provvisoriamente lungo la riva
sinistra, passando alcuni anche sulla riva destra.

[28] Vedi mie memorie: _Il Sènnaar e lo Sciangàllah_, vol. I, p. 243.

[29] Vedi mie memorie: _Il Sènnaar e lo Sciangàllah_, vol. I, pag. 35.

[30] Vedi mie memorie: _Il Sènnaar e lo Sciangàllah_, vol. I, pag. 120.

[31] _Le fleuve Blanc_. — Notes géographiques et ethnologiques et les
chasses à l'élephant dans le pays des Dénka et des Djour. — Paris,
Arthus Bertrand éditeur.

[32] Vedi mia _Gram. dénka_, cap. IV, § 37.

[33] In tutto il tempo che la Missione si sostenne con enormi spese e
con grandissime difficoltà, cioè dall'anno 1852 al 1860, i battezzati
furono 47; n. 34 dal Provicario Apostolico Ignazio Knoblecher: n.
12 dal Presidente Antonio Überbacher, dieci dei quali per ordine del
medesimo Provicario; e n. 1 dal missionario Antonio Kaufman.

[34] Quest'ultimo giovinetto dopo due anni mi comparve, quasi per
incanto, nel Cairo mentre tornavo in Europa, essendo stata la Missione
Cattolica dell'Africa Centrale affidata ai Padri Francescani. Egli fece
meco il viaggio a Terra Santa, a Costantinopoli, a Vienna; e giunti a
Verona, egli venne battezzato col nome di Michele nella chiesa di S.
Paolo di Campo Marzo, e gli fu padrino l'illustre comm. conte Antonio
Pompei. Dopo cinque anni, affetto d'infiammazione polmonare, ritornò
in Cairo, a spese dell'amato suo padrino, nella speranza che si potesse
rimettere in salute; qui fu accolto amorosamente nel convento dei Padri
Francescani, ove dopo un anno morì.

Un'indole così dolce, così facile, così semplice, così buona come
nel mio caro Michele, non la riscontrai che nel mio turcimanno
_Cher-Allàh_, tutti e due veri tipi di bontà, profondamente cristiani.
— E quali vissero, così morirono nella pace, tranquilli e contenti.

La morte non è nulla, o cari, per coloro che v'assomigliano! per essi
non vi sono nè tenebre, nè ombre, che si dileguano come la stella del
mattino sotto i raggi dorati dell'aurora....

Voi otteneste la vittoria senza combattimento, e la corona senza
lotta!...

Or pregate in cielo per chi ha fatto qualche cosa per voi!...

[35] Giorgio Schweinfurth. _Nel cuore dell'Africa_, vol. II, cap. XIV,
pag. 179.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.

Nel testo originale sono presenti segni diacritici (accenti, legature,
punti sovrascritti) per rappresentare foneticamente le parole della
lingua dénka. In particolare, la legatura è usata per segnalare il
suono della lettera _n_ unita ad altre lettere: è stata qui resa
tramite la tilde (ñ).





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Il fiume Bianco e i Dénka - Memorie" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home